(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Biodiversity Heritage Library | Children's Library | Advanced Microdevices Manuals | Linear Circuits Manuals | Supertex Manuals | Sundry Manuals | Echelon Manuals | RCA Manuals | National Semiconductor Manuals | Hewlett Packard Manuals | Signetics Manuals | Fluke Manuals | Datel Manuals | Intersil Manuals | Zilog Manuals | Maxim Manuals | Dallas Semiconductor Manuals | Temperature Manuals | SGS Manuals | Quantum Electronics Manuals | STDBus Manuals | Texas Instruments Manuals | IBM Microsoft Manuals | Grammar Analysis | Harris Manuals | Arrow Manuals | Monolithic Memories Manuals | Intel Manuals | Fault Tolerance Manuals | Johns Hopkins University Commencement | PHOIBLE Online | International Rectifier Manuals | Rectifiers scrs Triacs Manuals | Standard Microsystems Manuals | Additional Collections | Control PID Fuzzy Logic Manuals | Densitron Manuals | Philips Manuals | The Andhra Pradesh Legislative Assembly Debates | Linear Technologies Manuals | Cermetek Manuals | Miscellaneous Manuals | Hitachi Manuals | The Video Box | Communication Manuals | Scenix Manuals | Motorola Manuals | Agilent Manuals
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Le diocesi d'Italia dalle origini al principio del secolo VII (an.604) [microform] : studio critico"

MICROFILMED 1997 

JNIVERSITY OF CHICAGO LIBRAR 
1 100 EAST 57TH STREET 
CHICAGO, IL 60637 

RELIGIOUS DENOMINATIONAL 

HISTORY 
SOUTH ASIA COLLECTION 

COMMITTEE ON INSTITUTIONAL 
COOPERATION (CIC) 

Funded in part by the 

NATIONAL ENDOWMENT 
FOR THE HUMANITIES 

Reproductions may not be made without 
permission from University of Chicago Library 



luctions of copyrighted mate 

certain conditions specifi 
3W, libraries and archive 
rized to furnish a photoco 

reproduction. One of 
ied conditions is that 
copy or reproduction is not 

for any purpose other 
B study, scholarship, or rese 
ser mal^es a request for, o 
a plìotocopy or reproducti( 
ses in excess of "fair use, 

may be liable for cop 
lement. 

institution reserves tlie rie 



^ui^^^^^^ 






^^■I^Hl^^^^^^H 















STUDI E, TESTI. 

3S. 



LE DIOCESI D ITALIA 

DALLE ORIGINI 
AL PRINCIPIO DEL SECOLO VII (AN. 604) 



STUBIO CRITICO 



^' 



Mons. FRANCESCO LANZONI 



Volume Peijmo 



FAENZA 

STABILIMENTO GRAFICO K. LE(5A 

1927 



STUDI E TESTI 

PUBBLICATI PER CURA DEGLI SCRITTORI DELLA BIBLIOTECA VATICANA 



1. Vattasso M,, Antonio Flaminio e le principali poesie dèll'autojB^rafo Vaticano 2870. --. 

Tipof^rafia Vaticana. 1900. Pp. 08, in 8o (L. 5). 

2. — Le (lue Bibbie di Bovin^, ora codici Vaticani latini 10510-10511, e le loro note stori- 

che. — 1900. Pp. 48 (L. 4). 

3. Franchi de' Cavalieri P., La Passio' ss. Mariani et lacohi. — 1900. Pp. 76 con 1 

tavola (L. 8) 

4 Vattasso M., Aneddoti in dialetto romanesco del sec. XIV, tratti dal cod. Vatlc. 7654 

- 1901. Pp. 116, con 1 tavola (L. 12). ", 

5. Mercati G., Note di letteratura biblica cristiana .antica. — 1901. Pp. viin-256, con 3 
tavole doppie (L. 30). • ' 

6. Franchi de' Cavalieri P., I Martirii di s. Teodoto e di s. Ariadne con un'appendice 

sultesto originale del Martirio di s. Eleuterio. — 1901. Pp. 188, con 1 tavola (L. 20). 

7. Mercati G., Antiche reliquie liturgiche ambrosiane e roma,ne, con un excursus sui fram- 

menti dogmatici ariani del Mai. — 1902. Pp. iv-h80 (L. 8). 

8. Franchi de' Cavalieri P., Note agiografiche: I. Ancora del Martirio di s. Ariadne. — 

IL Gli Atti di s. Giustino. — 19Ò2. Pp, 40 (L. 4). 

9. — Nuove Note agiografiche: I. Il testo greco originale degli Atti delle sante Agape, 
Irene e Cliione. — II. Osservazioni sopra gli Atti dì. s. Crispina, — III. I martiri della 
Massa candida. — IV. Di una probabile fonte della leggenda dei ss. Giovanni e Paolp, 

— 1902. Pp. IV + 80 (L. 8). 

10. Vattasso M., Per la storia del dramma sacro in Italia. 1 Nuovi aneddoti drammatici 
in antico dialetto romanesco. — 2. Le rappresentazioni sacre al Colosseo nei secoli XV^ 
e XVI secondo nuovi documenti tratti dall'archivio deli' Arciconfraternita di S. Lucia 
del Gonfalone. — 3. Antichi inventari di vesti e di attrezzi usati nelle rappresentazioni 
dalla Compagnia del Gonfalone. — 4. Il dramma della conversione di S. Paolo, rima- 
neggiato da fra' Pietro d'Antonio da Lucignano. — 1903. Pp. 132 (L. 15). 

11. Mercati €r.. Varia sacra, fase. I: 1. Anonymi Chìliastae in Matthaeum fragmenta — 
2. Piccoli' supplementi agli scritti dei Dottori Cappadoci e di S. Cirillo Alessandrino. — 

1903. Pp. 90 in 40 (L. 12). 

12. — 1. Un frammento delle Ipotippsi di Clemente Alessandrino. — il. Paraiipomena Am- 
brosiana con alcuni appunti sulle benedizioni del cereo pasquale. — 1904. Pp. 48 (L. 5). 

13. — Catalogo sommario della Esposizione Gregoriana, aperta nella Biblioteca Apostolica 
Vaticana dal 7 all' Il Aprile 1904, a cura della Direzione della medesima biblioteca. 
Ed. 2a. — 1904. Pp. 76 (L. 6). 

14. Vattasso M., Del Petrarca e di alcuni suoi amici. 1. Due lettere del Petrarca, una del 
Boccai.'cio, quattro di Barbato da Sulmona ed una di Niccolò Acciaiuoli, di Nicola e di 
Napoleone Orsini. — 2. Cenni sulla vita e sulle opere di Gabrio de' Zamorei. — 3. Di 
Moggio de' Mòggi) da Parma e dodici sue poesie ora per la prima volta pubblicate. — 

1904. Pp. 112 (L. 15). 



STUOIE TESTI. 

35. 



LE DIOCESI D'ITALIA 

DALLE ORIGflNI 
AL PRINCIPIO DEL SECOLO VII (AN. 604) 



STUDIO ORITIOO 



DI 



\ 



Mons. FRANCESCO LANZONI 






FAENZA 

STABILIMENTO GRAFICO F. LE(3A 

1927 



V. 



IMPRIMATUR 
t losEPHus Palica, Archiep. Phìlìppen., Vices gerens. 



\ 



\ >- 



PIO XI 



PONTIFICI MAXIMO 



SEPTVAGENAEIO 



AVOTOR GEATVLABVNDVS 



D. D. D. 



SPIEGAZIONE DELLE SIGLE. 



AS = Ada Sanctonim dei Bollaiidisti. Cito la terza edizione. 

BHG — Bibliotheca hagioyrafica graeca. Eclideruid sodi Bollandiani. Editio al- 
tera, Bruxelles, 1909. 

BHL = Biblioth. hag. latina antiquae et mediae aetatis. Edid. soc. Boll., Svoli., 
Bruxelles, 1898-1911. 

BHO — Bib. hag. orientalis. Ed. soc. Boll, Bruxelles, 1910. 

B, E, W, L, R ecc. = Codici bernènse, epternacense, wissenburgense, lauresha- 
mense ecc. del Martyrologium Hierouijmiamim ad fidem codicum adiectis 
prolegoments. Ediderunt loh. Bapt. de Rossi et Ludov. Diicltesne, in Ada 
Sandorum, novembris, II, pp. [I-LXXXII, 1-195]. 

CIL = Corpus inscriptionum latinartim Consilio et. auctoritate acadetniae litte- 
rarum regiae Borussicae editum, voli. XV, Berlino, 1863-99. 

CSEL = Corpus scriptorum ecclesiasticorum latinorum, collezione di Vienna. 

J-L = Jaffé-Loevvenfeld, Regesta Pontificum Romanorum ab condita Ecclesia ad 
annum post Cliristum natum MCXCVIII, 2a ediz., 2 voli., Liiisia, 1888. 

F. G., F. L. = Fatroloyiae cursus completus, accurante J. P. Bligne, serie greca, 
Parigi, 1857-66; serie latina, Parigi, 1844-55. 

RIS = Rerum italicarum scriptores (Milano, 1723-51). Ogniqualvolta si cita la 
nuova edizione (Lapi-Zanichelli) viene notato. 

Dell' Ughelli, Italia Sacra, si cita ordinariamente la seconda edizione, Venezia, 
1717-22. 



INDICE DELL'OPERA 



PAG. 

Dedica v 

Spiegazione delle sigle . . . ; . vii 
Introduzione 1 



La Regione I. 



I. - Latium Vetus 



93 



Roma 93 

Colonia Ostia, Ostia Tiberina (Ostia) 98 
Portus Ostìensis, Poi'tus Urbis Ro- 

mae, Portus Romanus (Porto) . 110 

Albanum (Aibano) .118 

Subaugusta (Centocelle) .... 120 

Labicum (presso Monte Compatri) . 126 

Gabii (Castiglione) 129 

. Praeneste (Palestrina) 132 

Trebiae, Trebia) Treba Augusta (alle 

sorgenti dell'Annio) 134 

Tibur (Tivoli) 134 

Nomentum (Mentana) 139 

Ficulea, Fidenas 144 

li. - Latium adiectum (Ciociaria e 

Campania) 144 

Antium (Porto d'Anzio) ...... 144 

Tres Tabernae > • • 145 

Velitrae (Veli etri) 145 

Privernum, Pipernum (Priverno, Pi- 
perno vecchio)? 147 

Setia (Sezze)? 147 

Tarracina (Terracina) 147 

Fundi (Fondi) 157 

Formiae (Mola di Gaeta) .... 163 
Menturnum, Minturnae (Minturno 

vecchia) 165 



PAG. 

Signia (Segni) 165 

Anagnia (Anagni) 166 

Ferentinum (Ferentino) 167 

Aletrium (Alatri) 169 

Verulae, Verulum (Veroli)? ... 169 

Sora 170 

Aquinum (Aquino) ; • 172 

Casinum (S. Germano) 172 

Frosinone, Atina 173 

III. - Campania 174 

Venafrum (Venafro) 176 

Suessa Aurunca (Sessa) 178 

Forum Popilii (presso Carinola) . 185 

Teanum Sidicinum (Teano) . . . 186 

Cales (Calvi) 186 

Compulteria, Cubulteria (presso Tre- 

glia e Alvignano) 189 

Capua (S. Maria di Capua) . ''. . 189 

Atella (S. Arpino presso Aversa) . 204 

Volturnum (Castel Volturno) . . . 205 

Linternum (Foce o Lago di Patria) ? 206 

Cumae (Cuma) 206 

Misenum (Miseno) 210 

Puteoli (Pozzuoli) 211 

Neapolis (Napoli) 213 

Nola 228 

Abellinum (Atripalda presso A.vel- 

lino) 239 

Nuceria Alfaterna, Constantia (No- 

cera dei Pagani) 242 

Stabiae (Castellamare) 245 

Surrentum (Sorrento) 246 

Amalphia (Amalfi) 248 

Salernum (Salerno) 250 

Acerra, Aequana, Sinuessa, Siies- 

sula, Abélla 252 



INDICE dell'opera 



La Regione II. 

VAO. 

I. - Il paese degli Hiupini . , . . 254 

Caudium (vicino a Montesarcliio 

presso Arpaia) 254 

Beneventum (Benevento) .... 254 
Samnium (Macchia presso Reino) . 263 
Aeclanum (Le Grotte presso Mira- 
bella) ^ . 264 

Corapsa (Gonza) ? . . ' • • • • 266 

II. - Apulia ......... 266 

Aecae, Aeca (Troia) 268» 

Arpi (presso Foggia) 273 

Lucerla (Lucerà) ....... 275 

Larinuin (Larino vecchio) ... . . 277 

Sipontuin (S. Maria dì Siponto presso 

Manfredonia) ........ 277 

Garmeia, Garraeianum (vicino al 

Gargano) 284 

Salapia (Salpi) ........ 284 

Herdonia (Ordona) 284 

Ganusium (Ganosa) ... . . . 288 

Venusium (Venosa) . . . . . . 295 

Acheruntia (Acerenza) . . . . . 299 

Tranum (Trani) . 300 

Barium (Bari) . . 301 

Eugnathia, Egnathia, Gnathia (vi- 
cino a Monopoli) . ... . . 302 

Anclria, Bisceglie, Canne, Conver- 
sano,. Kuvo, Acquauiva, Bovino . 302 

III; - Galabria (Terra di Otranto) . 305 

Brundisium (Brindisi) 305 

Lippia, Lìpia, Lupiae (Lecce) . . . 310 

Tarentum (Taranto) 312 

Gallipolis (Gallipoli) 317 

Ydruntum (Otranto) ...... 317 

Ostuni 318 

La Regione III. 

I. - Lucania . 319 

Paestum (Pesto) ; trasferita in Acro- 
poli (Agropoli)? :^ . 320 

Velia (Gastellaraare della Bruca 

presso Pisciotta ?) . . . . . . 323 



PAG. 

Buxentum (Gapo della Foresta o Pi- 
sciotta in Val di Novi?) ... 323 
Blanda lulia (Porto di Sapri?) . . 323 
Gonsilinum, Marcellianum (Sala Gon- 

silina?) . ; .324 

Grumentura (Sapo.nara) 324 

Potentia (Potenza) 325 

Mdrsicum, Mariana ...... 329 

II. - BnuTTii ......... 329 

Gerillae (Girella vecchia)? . . . 331 

Tempsa, Temesa ....... 331 

Moria, Myria; trasferita a Tropeia 

, (Tropea)? . . . . . . . . .331 

Nicotera , . . . 334 

Tauriana, Taurus (a settentrione di 

Reggio) 334 

Regium lulium (Reggio di Calabria) 337 

Locri (Torre di Gerace ?) . . . . 339 

Scolacium (Squillace) . .... • • 340 

Groton, Gotroha (Crotone) ... . 342 

Thurii, Gopia Thurii (S. Marco?) . 342 

Gonsentia (Gosenza) ...... 343 

Vibo, Valentia (Vibona o Monte- 
leone ?)........... 343 

Martorano, Umbriatico, Bova, Por- 

tus Orestis 343 

La Regione IV. 

I. - Il paese dei Sabini . . ... 245 

Gures Sabinorum (presso Gorese) . 345 
Forum Novum (Vescovio presso 

Torri) 353 

Reate (Rieti) 356 

Nursia (Norcia) , ., 358 

Amiternum (S. Vittorino) ..... 359 

II. - Il paese degli Aequi e dei 
Mausi 363 

III. - Il paese dei Vestini .... 365 

Aveia Vestina (presso Fossa; tra- 
sferita a Forum Gonii (Civita di 

Bagno) .......... 365 

Auflnum (Ofena) 370 

Pinna Vestina (Civita di Penne)? . 370 

Hatria (Atri) ? 371 



INDICE dell'opera 



XI 



PAG. 

III. - Il paese dei I*eligni .... 371 

Corflnium, Valva (S. Pelino - Pén- 

tima) 372 

Sulmo (Sulmona) . 373 

V. - Il paese dei Marrucini . . . 374 

Teate MaiTucinonvni (Chicti)? . . 375 



VI. - Il paese dei Frentani . . 



377 



Ortona, Hortona 377 

Histonium (Vasto) ? . . . . . . 377 



VII. - Il paese dei Sanniti 



377 



Aufidena (Alfìdena o Castel di San- 

gro?) . . . ... ... . . . 378 

Allifae (Alife) . 378 

Bovianum Undecimanorum (Boiano) 378 

Saepiiium (Altilia presso Sepino) . 379 

Telesia (Telese) ........ 379 

Trivento, Isernia, Lanciano . . . 379 



La Regione V. 

PicENUM (il Piceno) ...... 281 

Ancona ........... 381 

Numana (Umana) ....... 386 

.Auximum (Osimo) 387 

Cingulura (Cingoli) 389 

Potentia Picena (S. Maria a Po- 
tenza) 390 

Tolentinum (Tolentino) 390 

Septempeda (S. Severino) , . . . 392 

Cluentum vicus (Civitanova) . . . 393 

Pausulae (Pausala) 395 

Urbs Salvia (Qrbisaglia) .... 395 

Falerio (Falerone) 395 

Pirinum (Fermo) 395 

Asculum Picenum (Ascoli Piceno) . 397 
Truentum, CastrumTruentinum (alla 

foce del Tronto) ....... 399 

Interamnia Praetuttianorum (Te- 
ramo) . 399 

Ofena 399 



La Reg^ione VI. 



PAG. 



Umbria 400 



I. - Umbria propriamente detta 



400 



Ocriculum, Otriculuin (Otricoli) . . 400 

Narnia (Narni) . . . . . . . . 402 

Interamna Nahars (Terni) .... 404 

Amelia (Amelia) 417 

Colonia lulia Fida Tuder (Todi) . 419 

Véttona (Bettona) . 427 

Mevania (Bevagna) 434 

Trebiae (Trevi) . . 435 

Spoletium (Spoleto) ...... 436 

Fulginiae (Foligno) ...... '446 

Forum Flaminii (S. Giovanni Pro- 

flamma) 451 

Plestia (Fistia) 453 

Tadinum (Gualdo Tadino) .... 4.53 

Colonia lulia Hispeliura (Spello) . 456 

Asisium (Assisi) 461 

Arna (Civitella d'Ama) . . . . . 480 
Iguvìum, Egubium, Eugubium (Gub- 

. bio) 480 

Tifernum Tiberinum (Città di Ca- 
stello) ... 482 

Nocera, Mariana 483 

II. - Umbria Transappenninica (Le 

Marche di qua da Ancona) . . . 487 

Camerinum (Camerino) 487 

Mitilica (Matelica) 489 

Aesis (Iesi) ? . . . 490 

Sena Gallica (Sinigaglia) .... 492 

Ostra 493 

Pitinum Mergens (presso Acquala- 

gna) ........... 494 

Tifernum Metaurum (S. Angelo in 

Vado . 495 

Forum Sempronii Fossombrone) . 495 
Fanum Fortunae o Fanestris Colo- 
nia (Fano) 497 

Colonia lulia Felix Pisaurum (Pe- 
saro) 500 

Urbinum Metaurense (Urbino) . . 503 

Sassina (Sarsina) . ... . . . 502 



XII 



INDICE dell'opera 



Iia Regione VII. 

PAG. 

Etruria o. Tuscia 505 

Lorium 506 

Caere (Cerveteri) 510 

Aquaviva (Acquaviva) . . . . . 516 

Centumcellae (Civitavecchia) . . . 519 

Tarquinii (Tarquinia) 521 

Blera (Bieda) 522 

Tuscaiia (Toscanella 527 

Visentium (Bisenzo) 527 

Forum Clodii (S. Liberato); quindi 

Manturia (Monterano) ? .... 528 

Sutriuni (Sutri) 530 

Nepet (Nepi) 531 

Ferentia, Ferentum, Ferentis (Fe- 
rente), quindi Polymartium (Bo- 

marzo) 533 

Volsinii (Bolsena) ....... 536 

Balneum regis (Bagnorea) .... 544 

Urbs vetus (Orvieto) 544 

Falerli, Colonia Faliscorum . . . 545 

Fescennia, Gallesium (Gallese)? . 546 

Horta (Orte)? 546 

Perusium (Perugia) 548 

Clusium (Chiusi) 552 

Rusellae (Roselle) 554 

Populonia 554 

Suana (Soana) ? 558 

Volaterrae (Volterra) 559 

Senae, Saena (Siena) 564 

Aretium (Arezzo) 567 

Florentia (Firenze) 573 

Faesulae (Fiesole) 582 

Pistorium (Pistoia) 584 

Pisae (Pisa) 584 

Lunae (Luni) 586 

Luca (Lucca) . 589 

Granisca, Vetralla, Vulci . . . . 606 

Provincia Sicilia. 

(Sicilia e isole adiacenti) .... 609 

Messana (Messina) 614 

Tauromenium (Taormina) .... 616 

Catina (Catania) 624 

Leontium (Lentinì) 629 

Syracusae (Siracusa) 632 



PAG. 

Agrigentum (Girgenti) . . . ., . 639 

Trecalae, Triocala, Tricola . . . 641 

Lilibaeum (Marsala) 642 

Carinae, Carina 644 

Panhormus (Palermo) 644 

Thermae Himere3,e (Termini) ? . . 650 

Tyndaris (S. Maria di Tindaro) . . 650 

Miiae, Mylae (Milazzo) ? .... 650 

Laurinum, Laurina? 651 

Melita insula (Malta) 651 

Lipara (Lipari) 654 

Provincia Sardinia. 

(Sardegna e isole adiacenti) . . . 656 

Carales (Cagliari) . 658 

Sulci (Isola di S, Antioco) .... 667 

B?orum Traiani (Fordungianus) . . 671 

Turris Libisonis (Porto Torres) . . 673 

Fausiana . 677 

Bosa, Nuoro . 679 

Provincia Corsica. 

(Isola di Corsica) 680 

Mariana 683 

Aleria 702 

Taina 703 

Aiacium (Aiaccio) . 'i03 

Saona (Sagena) 703 

Seuafer (?), Accia 704 

La Regione Vili. 

Flaminia ed Aemilia (Romagna ed 

Emilia) .......... 705 

I. - Flaminia 706 

Ariminum (Rimini) 706 

Fìcuclae (Cervia) 713 

Caesena (Cesena) 714 

Forum Popilii (Forlimpopoli) . . . 721 

Ravenna 723 

II. - Aemilia .767 

Forum Li vii (Forlì) 767 

Faventia (Faenza) 769 

Forum Cornelìi (Imola) ..... 773 



i^blCE OELIi^OPERÀ 



Xlit 



PAG. 

Claternae, Claterna (Quaderna)? . 778 

Bononia (Bologna) 778 

Mutina (Modena) . • j • • • • 790 

Regìura Lepidum (Reggio' d'Emilia) 793 
Colonia Julia Augusta Parmensis 

(Parma) 803 

Brixellum (Brescello) 810 

' Vicohabentia (Voghenza) .... 811 

Placentia (Piacenza) 813 

Montefeltro, Comacchio 819 

La Regione IX. 

Alpes Cotiae (Piemonte e Liguria). 820 

Colonia lulia Dertona (Tortona) . 820 

Aquae Statiellae (Acqui) .... 828 

Alba Pompeia (Alba) 829 

Basta (Asti) 830 

Genua (Genova) 834 

Albingaunum (Albenga) 841 

Albintimilium (Ventimiglia)? . . . 843 

Vado, Savona 844 

La Regione X. 

Venetia et Histria 846 

I. - Histria 846 

Pola 846 

Cissa 850 

Colonia Julia Parentium (I^areuzo) . 850 

Pedena (Padena o l^edena) . . . 854 

Aemona ? 855 

Neapolis (Cittanova)? 868 

Aegida, Justinopolis (Capodistria)? 861 

Tergeste (Trieste) 863 

II. - Venetia ......... 866 

Aquileia 866 

Colonia Julium Carnicum (Zuglio) . 895 
Colonia lulia Concordia Sagittaria 

(Concordia) 896 

Castellum quod Novas dicitur (pres- 
so Càorle)? 901 

Opitergium (Oderzo) 902 



PAQ. 

Tarvisium (Treviso) 902 

Acelum (Asolo) 904 

Peltria (Feltro) .905 

Bellunum (Belluno) 905 

Altinum (Aitino) 907 

Patavium (Padova) 911 

Vicetia (Vicenza) 917 

Verona 919 

Tridentum (Trento) 934 

Sabiona (Soeben) 941 

Atria (Adria) ? 943 

Mantua (Mantova)? , 943 

Colonia Cremona (Cremona) . . . 944 
Colonia Civica Augusta Brixia (Bre- 
scia) 957 

La diocesi caeliniensis, VoUvolensis, 

Ceneda e Marano 969 

La Regione XL 

JjIguria (Lombardia e Piemonte) . 971 

Bergomum (Bergamo) ..... 971 

Comum (Como) 975 

Ticinum (Pavia) 981 

Laus Pompeia (Lodi) 992. 

Mediolanum (Milano) 996 

Novaria (Novara) 1032 

Vercellae (Vercelli) 1036 

Augusta Taurinorum (Torino) . . 1044 

Eporedia (Ivrea) 1051 

Augusta Praetoria (Aosta) . . . 1052 

Pollenso 1056 

Epilogo. 

I. - Le diocesi dell'Alta Italia . 1059 

II. - Le diocesi dell' italia Media e 
Inferiore e delle isole .... 1068 

Excursus sui santi africani vene- 
rati IN Italia 1093 

Sedi vescovili e luoghi d' Italia ri- 
cordati nell'opera 1105 

Martiri e santi italiani o venerati 
IN Italia, ricordati nell'opera . 1113 



LE DIOCESI D'ITALIA 

DALLE ORIGINI 
AL PRINCIPIO DEL SECOLO VII (AN. 604) 



INTRODUZIONE 



SOMMARIO. — 1. Le storie delle diocesi antiche d' Italia nel medioevo; — 2. e 
dopo il Rinascimento. — 5. Difetti ed erróri che queste contengono ; — 
4, cause dei medesimi cioè: uso di documenti e moriumenti falsi e leggen- 
dari ; — 5. mal uso di documenti e monumenti degni di fede ; — 6. falsi, 
falsificazioni e metodi antistorici. — 7. V Italia Sacra dell' Ughelli e i con- 
tinuatori e correttori di essa. — 8. Duplice intendimento di questo studio 
critico. — 9. Sue fonti : gli scrittori ; — 10. i dittici ; — 11. i concili; — 12. le 
epistole dei papi ; — 13. i calendari, i martirologi, il Martyrologium Hiero- 
nymianum; — 14. le Gesta o Passiones martyrum. — 15. Loro fede sto- 
rica; — 16. melodi adoperati dai loro autori; — 17. la fortuna delle Gesta 
nel medioevo; — 18. in particolare le Gesta dei martiri vescovi; — 19. le Vitae 
episcoporuw ; — 20. il materiale archeologico ; — 21. Indole di questo studio. 



1. Nessuno scrittore antico ha narrato le origini delle diocesi 
d'Italia; nessuno continuò e compì le pur scarse notizie fornite da 
s. Luca sui viaggi di Paolo apostolo dalla conversione fino alla 
venuta in Koma. I primi cristiani si adoperarono a diffondere le 
loro dottrine e ad organizzare i gruppi ^ fedeli sorti dalla predi- 
cazione evangelica, ma non sentirono il bisogno di consegnare in 
iscritto il racconto dei viaggi e delle fatiche dei primi missionari ; 
uomini d'azione e non di penna, lavorarono a propagare la Chiesa, 
senza preoccuparsi di ricerche storiche, proprie delle epoche più 
deboli e moderne. Gli scrittori non cristiani poi non poterono in- 
teressarsi dell'introduzione e della propagazione della religione 
cristiana in Eoma e in tutta Italia, come di un fatto che di ne- 
cessità per molto tempo avvenne di nascosto, e quindi rimase se- 
greto e coperto di un velo misterioso. Trattavasi di una religione 
o proibita dalle leggi, o almeno guardata con sospetto dal governo 
e odiata dal popolo, come contraria ai costumi vigenti e ai culti 
aviti, riconosciuti dall'impero. 

Il primo storico della Chiesa, Eusebio vescovo di Cesarea di 
Palestina (265 c.-340 e), mentre tratta assai poco della prima co- 

1 



2 LE DIOCESI d' ITALIA 

stituzione delle chiese d' Oriente, non dice nulla o quasi nulla delle 
chiese occidentali e in particolare di quelle d' Italia, all' infuori di 
alcuni accenni su la chiesa romana. 

L' Occidente non ebbe nei primi secoli cristiani una sua pro- 
pria storia; e i medievali per più di un millennio appresero la storia 
antica della Chiesa leggendo la traduzione della seconda parte della 
Cronaca di Eusebio fatta da s. Girolamo circa nel 380; la libera 
versione della Storia Ecclesiastica dello stesso Eusebio, compiuta da 
Bulino di Aquileia nel 402-403, e V Historia ecclesiastica tripartita 
di Oassiodoro (477 C.-570 e), che conteneva fuse insieme, in un 
tutto solo, le versioni latine di Socrate, di Sozomeno e di Teodo- 
reto. Vale quanto dire che i medievali per un millennio attinsero 
le notizie della storia antica della Chiesa da tre lavori che non 
parlavano né della prima introduzione del cristianesimo in Italia 
né della costituzione delle prime diocesi nelle diverse province della 
penisola. Dicasi lo stesso della Cronaca di Sulpizio Severo, termi- 
nata nel 403; del resto poco letta nel medioevo. 

Durante il medioevo alcuni scrittori tentarono di comporre 
una narrazione dei primordi di alcune chiese particolari. 

Le biografie dei papi dei primi sei secoli contenute nel Liher 
Pontificatisi èdite sotto il mentito nome di papa Damaso (366-84), 
da s. Pietro a Felice IV (526-30), secondo il Duchesne {Le « Liher 
Pontificalis », Parigi, 1886, 1892) e il Grisar {Analecta Romana,,!, 
Eoma, 1899, 1-25; 659-63; Histoire de Rome..., trad. Ledos, II, 
290-5), rimonterebbero al vi secolo; da Felice IV a Gregorio I 
(t 604), al VI e al vii : secondo il Mommsen {Gesta pontificum ro- 
manor., I, pp. XIII-XVII, in Mon. Germ. hist.) risalirebbero tutte 
al VII. Checché sia del tempo in cui queste biografie sono state 
compilate, tutti gli eruditi convengono che da Silvestro (314-35) in 
su contengono pochi elementi attendibili, ossia i nomi e la succes- 
sione dei papi, il tempo approssimativo del loro governo, il giorno 
della depositio, il luogo della sepoltura e poco più. Ciò che gli ano- 
nimi autori narrano delle patrie e delle famiglie dei papi dei primi 
tre secoli, dei decreti da loro emanati, delle ordinazioni di vescovi, 
di preti ec. da loro fatte ec. non ha fondamento. Notizie cervel- 
lotiche vi si avvicendano a svarioni enormi di storia e di crono- 



INTRODUZIONE O 

logia. Le Vite dei papi del iv e del v secolo contengono scarse 
informazioni, per lo più di natura archeologica; le più pregevoli 
sono quelle di alcuni pontefici del vi secolo, composte, più o meno, 
da clierici romani contemporanei. 

Le Gesta episcoporum neapoUtanorum (in Rerum Langob. Scri- 
ptores, pp. 402-14), dalle origini della diocesi partenopea al principio 
del secolo vii, vale a dire del periodo di cui ci occupiamo, furono 
composte da uno scrittore napoletano verso la fine dell' vili o in 
principio del ix secolo. Cominciando dal dodicesimo vescovo, cono- 
scono gli anni, i mesi e i giorni dell'episcopato di ciascuno, ma 
ignorano il tempo preciso del loro governo, anzi lo assegnano er- 
roneamente ; contengono magre notizie su gli edifizi sacri costruiti 
da alcuni vescovi e sui loro sepolcri, e nulla di più. 

Agnello prete ravennate della prima metà del ix secolo scrisse 
un suo Liber pontificalis ecclesiae ravennatis (cf. Testi-Easponi, 
Codex pontificalis ecclesiae ravennatis, in Raccolta degli storici ita- 
liani dal 500 al 1500, t. II, par. Ili, pp. 21-255) cioè le Vite dei 
presuli di Eavenna dai primordi al ix secolo ; conobbe poco o nulla 
della storia dei primi sedici vescovi; possedette notizie più abbon- 
danti e sicure dei vescovi del v e del vi secolo, massime intorno 
alle costruzioni da loro inalzate e alle loro sepolture, con una ricca 
suppellettile d'iscrizioni; ma commise molte confusioni e in ge- 
nerale accolse volentieri leggende e favole. 

La storia dei primi sei vescovi di Milano fu distesa dall'autore 
di un'operetta intitolata dal Muratori {RIS, I, par. II, pp, 203-4) 
De sitii civitatis Mediolani e Vitae pontificum mediolanensium, e da 
mons. Luigi Biraglii (1848), fisso nell' idea che quel lavoretto fosse 
stato dedicato nel 536 all'arcivescovo Dazio, detta Datiana historia: 
ma non appartiene al vi secolo, discende probabilmente all'xi, e, 
secondo l'opinione del p. Savio {Gli antichi vescovi d'Italia... Milano, 
pp. 661-718), proviene da Landolfo il Vecchio intorno al 1088. Del 
resto la Datiana è un lavoro trascurato, inesatto, esagerato, povero 
di notizie sicure e ricco di leggende, « un vero romanzo » (cf. Sa- 
vio, o. e, p. 25 e 745-58). 

Lo stesso Landolfo tra la fine dell' xi e il principio del xii 
secolo narrò nella sua Historia mediolanensis (in Wlon. Gemi, hist., 



4 LE Diocesi d'italia 

Scriptores, IV e Vili) i fatti principali dei vescovi di Milano da 
s. Ambrogio a Tedaldo suo contemporaneo, e, a quanto pare 
(cf. Savio, o. c, pp. 718-28), compose le Vite di s. Eustorgio, 
di s. Dionisio e la leggenda di s. Barnaba; ma questi lavori 
pure, per il tempo che ci riguarda, non sono scevri di grosse 
mende e contengono narrazioni assolutamente leggendarie o inat- 
tendibili. 

Sui vescovi di Aquileia abbiamo parecchi documenti che pas- 
sano sotto il nome di Oronache: il Chronicon Venetum e il Ghroni- 
cum Gradense di Giovanni diacono (sec. x-xi), in Mon. Gemi. Hist., 
Scriptores, VII, pp. 4-47; la Cronica de singulis patriarchis Nove 
Aquileie (sec. xl), in Montioolo, Cronache Veneziane antichissime, 
voi. I, p. 5 {Istituto storico italiano, voi. IX, Fonti per la storia 
d'Italia); la Chronica patriarcharmn gradensium (sec. xr?), in Re- 
rum Longohard. Scriptores, 393 (vedi pure Montioolo, o. e, pp. 19 
e 59); il Chronicon A\ Andrea Dandolo (1310-54), in BIS, Xll, 
14-107 : le Yitae patriarcharum aquileiensium, di un anonimo del 
secolo XIV, in BIS, XVIj 5-25. Il loro merito principale è quello 
di averci conservato l'autentico e intero catalogo dei vescovi di 
Aquileia, i quali dopo l'invasione dei Longobardi ripararono a 
Grado nell?estuario veneto. Oltre a questo prezioso monumento, 
non ci forniscono che scarse e incerte notizie, inquinate dì docu- 
menti leggendari e falsi. 

Il celebre agiografo domenicano fra Giacomo da Varazze, di- 
venuto vescovo di Genova (f 1298), accintosi a scrivere la storia 
civile ed ecclesiastica della sua cittk (Ghronica de civitate lanuensi, 
in BIS, IX, 20), dichiarò candidamente di non aver trovato nulla 
sull'origine della sua chiesa e di essere stato costretto a ricorrere 
a congetture, piìi o meno fantastiche ed arbitrarie. 

La Chronica brevis de sanctis episcopis ticinensihus {BIS, t. XI, 
p. 60 della nuova edizione) di un anonimo del secolo xiii, e il De 
laudihus Papiae (o. e, pp. XXV e segg.) di un pavese del 1330, 
ci danno povere e parche informazioni sul sepolcro e sul culto di 
un certo numero di vescovi pavesi, e ci narrano di loro alcune 
leggende popolari. 

Un elenco e una storia di vescovi di Calvi (Campania), com- 



INTRODUZIONE 



pilata tra il secolo xiii e il xiv (cf. Ughelli, X^, 231 e segg.), 
non merita fiducia, come si vedrà a suo luogo. 

Nel medioevo nulla fii scritto, o non ci fu tramandato, su le 
altre diocesi italiane antiche. 

2. Dopo che la Einascita ebbe spinto gli studiosi italiani alle 
ricerche erudite e acceso in Italia le prime luci della critica, dopo 
che il Platina (1471-84) per il primo ebbe pubblicato una storia 
dei papi, depurandola dalle favolo e leggende onde i medievali 
l'avevano contaminata, in presso che tutte le diocesi italiane al- 
cuni, specialmente ecclesiastici, si diedero a raccogliere memorie 
sui vescovi antichi, a compilarne un catalogo in ordine cronologico 
e a tentare di scriverne una storia o delle biografie. 

La maggior parte di questi lavori sono rimasti manoscritti, e 
in certo numero scomparsi. Una parte vide la luce. Dopo il con- 
cilio di Trento non pochi vescovi, amando di unire ai loro sinodi, 
dati alle stampe, l'elenco dei loro antecessori, ne favorirono la 
pubblicazione. 

Ricorderò del secolo XVI : Valbrius Augustinus, Sanctorum 
episcoporum veronensium antiqua monumenta (Venezia, 1576); SiGO- 
Nius Oarolus, De episcopis bononiensibus (Bologna, 1586); Spelta 
Ant. Maeia, Historia delle vite di tutti i vescovi di Pavia (Pavia, 
1597) ec. ; del secolo xvei : Muzio Mario, Sacra historia di Ber- 
gamo (Bergamo, 1616); Besozzo Giov. Fé., Historia pontificale di 
Milano (Milano, 1623); Vipera Marius, Chronologia episcoporum 
beneventanorum (Napoli, 1636); Ohioooàrellus 0., Antistitum nea- 
politanae eccleslae catalogus (Nslyìoìì, 1643) ec. Tra siffatti scrittori 
sono pure da annoverarsi gli autori di storie locali che dal se- 
colo XV e XVI fiorirono quasi dapertutto, e non trascurarono di 
occuparsi anche dell' introduzione del cristianesimo nel loro paese, 
dell'istituzione delle diocesi, della serie dei vescovi, delle fonda- 
zioni sacre ec; ad esempio: Eubeus Hieronymus, Historiarum 
Ravennae libri X, (Venezia, 1572); Fazellus Thomas, De rebus 
sicìilis (Palermo, 1560); Breventano Stefano, Istoria delle anti- 
chità di Pavia (Pavia, 1570); Vitalis Salvator, Clypeus aureus 
excellentiae calaritanae (Firenze, 1641); Calchi Tristanus, iy/s/or/a 
mediolanensis (Milano, 1627); lovius Benediotus, Historiae patriae 



LE DIOCESI D ITALIA 



[Como] libri duo (Venezia, 1629), e cento altri. Ohi desidera una 
larga cognizione della bibliografìa delle singole diocesi d'Italia può 
consultare con profìtto i volumi deW Italia pontificia del Kehr. 

3. Cotesti pionieri della storia cittadina e diocesana, come tutti 
gl'iniziatori di opere nuove e ardue, lasciano, più o meno, a desi- 
derare. Quando dicono (e lo ripetono spesso) di non avere perdo- 
nato a fatiche e a spese, ordinariamente debbono essere creduti ; 
ma, causa le difficoltà delle comunicazioni e le condizioni generali 
non liete della coltura di quel tempo, ignorano vari documenti e 
monumenti, dei quali sarebbe stato necessario prendere visione; e, 
sprovvisti di manoscritti corretti e di buone edizioni, privi di una 
cognizione suflScente dell'archeologia, della paleografia e delle altre 
discipline ausiliarie della storia, ignari dei metodi di una indagine 
scientifica rigorosa, incapaci di spogliarsi dei pregiudizi di muni- 
cipio, di campanile, di casta e affini, in quell'età dominanti e in- 
gigantiti dopo le lotte e controversie del medioevo e la stasi ge- 
nerale degli studi eruditi, sprovvisti nella maggior parte di senso 
critico, commettono non pochi e non piccoli errori. 

Essi non solo omisero nomi genuini di vescovi e notizie sicure 
della loro diocesi, ma, quel Ghe h peggio, spostarono vescovi auten- 
tici, facendoli retrocedere dal medioevo ai primi sei secoli, più 
raramente relegandoli dai primi tempi nel medioevo; duplicarono 
o triplicarono uno stesso nome, vero o falso; e, più spesso, riem- 
pirono i cataloghi di nomi eterogenei. 
Essi caddero in errore: 

a) per uso di monumenti falsi o falsificati, oppure di docu- 
menti falsi leggendari; 

6) per erronea lettura, decifrazione e spiegazione di docu- 
menti e monumenti veri; 

e) per partito preso o per falsi criteri storici. 

4. Cominciamo dai documenti e monumenti falsi. 

I nostri scrittori troppe volte andarono a pescare i vescovi 
della loro diocesi ove non trovavasi che merce artefatta e avariata. 

Alcuni scrittori greci del vi secolo, e dei seguenti, sotto il 
finto nome di Epifanio, di Ippolito e di un Doroteo, pretesero 
di compilare il catalogo dei nomi di tutti i 70 (o 72) discepoli del 



INTRODUZIONE 



Eedentore, ricordati nell'evangelo di s. Luca (XI, 1) ; nomi che gli 
antichi documenti non ci hanno palesato. Formarono adunque una 
lista dei 70, o 72, racimolando qua e là a casaccio dai libri del 
Nuovo Testamento nomi di primitivi cristiani, e non cristiani, e li 
distribuirono tra le città dell' Oriente e dell' Occidente, creandoli 
per lo più vescovi delle medesime. Dico: e non cristiani; perchè 
il nome di Cesare, tratto fuori dall'Epistola di s. Paolo ai Filip- 
pesi (IV, 22: « tutti i santi vi salutano e principalmente quelli 
della casa di Cesare »), e posto tra i 70 discepoli, non è, secondo 
la maggior parte degli esegeti, se non l' imperatore Nerone ! Quei 
falsari, da buoni orientali, concessero • alle sedi dell' Occidente solo 
16 nomi, 9 dei quali toccarono all'Italia: 

1.» Barnaba, degli Atti (IX, 27 ; XI, 26), vescovo a Milano ; 

2.» Patròba, dell'Epistola ai Eomani (XVI, 14), vescovo a 
Pozzuoli ; 

3.» Epafròdito, dell'Epistola ai Filippesi (II, 25), vescovo ad 
Adria. È incerto se l'anonimo greco avesse in vista ^a/Wa (Adria) 
sul Po, ovvero Hatria (Atri) sul declivio settentrionale degli 
Abruzzi verso la pianura picena; 

4.** Lino, della Seconda a Timoteo (IV, 21), vescovo a Eoma; 

5.° Aristarco, dell'Epistola ai Oolossesi (IV, 9); 

6." Predente, della Seconda a Timoteo (IV, 21); 

7.° Erodione, dell'Epistola ai Romani (XVI, 11); 

8.° Olimpa, o Olimpiodoro, della stessa Epistola (XVI, 15), e 

9.° Tròfimo, della Seconda a Timoteo (IV, 20). Gli ultimi 
cinque furono collocati genericamente in Eoma (cf. Sohermann, 
Prophetaruni vitae fabulosae. Indices apostolormn discipulorumque 
Domini, Borotheo aliisque vindicata, Lipsia, 1907). 

Il catalogo del falso Doroteo fu noto agli occidentali nello 
scorcio del secolo xi, e così circa in quel tempo Barnaba fu rico- 
nosciuto primo vescovo ed evangelizzatore di Milano, quindi Pa- 
tròba di Pozzuoli ed Epafròdito di Adria; quantunque in tempi 
recenti Patròba sia. stato traslocato da Pozzuoli a Penne nell'A- 
bruzzo, e Epafròdito da Adria a Terracina (v. ai propri luoghi). 

Intanto parecchi agiograJB delle varie province d' Occidente 
cominciarono per proprio conto, l'uno indipendentemente dall'altro. 



8 LE. DIOCESI d' ITALIA 

a inserire nel catalogo dei 70 (o dei 72) vari vescovi e personaggi 
dell'antica chiesa occidentale, tra i quali perfino il filosofo Se- 
neca ! (cf. Graf, Roma nella memoria e nelle immaginazioni del 
medioevo^ Torino, 1915, p. 586). Indipendentemente dai greci gli 
orientali posero tra i 70 discepoli il loro Addeo o Taddeo (cf. « Ana- 
lecta Boll. », an. 1885^ pp. 50, 56). Di questi nuovi 70 discepoli ne 
ho trovato uno in Portogallo, sette in Spagna, sedici nelle Gallio, 
uno in Dalmazia e sette in Italia (escluso Seneca) ; e non giurerei 
non ve ne siano altri. I vescovi italiani inalzati a tale onore e a 
così alta antichità furono: 

1." Euprepio di Verona; 

2.° Siro di Pavia; 

3.° Apollinare di Kavenna; 

4.° Paolino di Lucca; 

5.** Marco di Atina (Campania) ; 

6.° Orispolito di Befctona (Umbria), e 

7.° Prisco di óapua (cf, BHL^ 1800 ; Ughelli, Italia Sacra, 
I, 1076; 11/327; III, 248; V, 677; VI, 295 e 677). Ora i nostri 
scrittori adoperarono senza scrupoli queste torbide fonti. 

Essi raccolsero pure nomi spuri dai pseudo-sinodi di Sinuessa 
del 303 (Mansi, I, 1250) e di Eoma, del 324 (iv., II, 622), del 337 
(iv., II, 1271), e del 503 e 504 (iy., Vili, 295-302). Veramente i 
primi du€| sinodi (quelli del 303 e del 324) contengono puri nomi 
di vescovi senza la sede ; ma i nostri ricercatori non si spaventa- 
rono per questo e- ne accaparrarono alcuni per impinguare le loro 
liste o per giustificare nomi di cui non sapevano rendersi conto 
(v. Gubbio, Spoleto, Terni, Foligno, Pozzuoli, Oapua ec). Le sot- 
toscrizioni dei sinodi pseudo-simmachiani del 503 e del 504 fu- 
rono desunte, come si sa, parte dai sinodi romani autentici dei 
499, 501 e 502, parte dal concilio di Calcedonia del 451; tuttavia 
i nostri perlustratori credettero vedere in questi ultimi dei presuli 
della regione calabro-sicula e uno di diocesi toscana forse mai esi- 
stita (v. Gravisca). 

Ne racimolarono da false lettere pontificie (v. Terracina, Fondi, 
Formiae eMinturnum); da false leggende agiografiche, massime da 
quella famosa di s. Orsola (cf. Eoma, Milano, Bavenna, Lucca ec); 



INTRODUZIONE 



9 



e da falsi cataloghi episcopali. Nel secolo vi incirca un falsano 
greco, per giustificare le pretese egemoniche della chiesa di Co- 
stantinopoli, compilò una falsa lista di vescovi dell'antica Bisanzio; 
o, più chiaramente, prepose al catalogo autentico dei vescovi bi- 
zantini, che cominciava nel principio del iv secolo, alcuni nomi 
finti, tanto da arrivare con le origini della chiesa del Bosforo fino 
al secolo I e alla persona stessa di s. Andrea apostolo, fratello 
maggiore di s. Pietro, che fu presentato come ili primo vescovo 
della città. Se Eoma, voleva dire il falsario greco, può gloriarsi di 
s. Pietro come suo fondatore, Costantinopoli si vanta del fratello 
maggiore di Pietro (cf. su questa questione AS, aug., 1, 1-11 ; Pae- 
GOIEE, VÉglise Bizantine de 527 à S47, Parigi, 1905). In Italia 
alcuni scrittori medievali sia per compensare la perdita irreparabile 
dei dittici, ,sia per portare le origini della propria diocesi a più re- 
mota antichità, sia per giustificare situazioni storiche acquisite, 
fabbricarono addirittura interi cataloghi falsi (v. Padova) o li in- 
terpolarono largamente (v. Pavia) ; e i nostri autori ne usufruirono 
come di monunienti ineccepibili. 

5. Usarono non bene di documenti autentici e genuini. 

Le prime edizioni dei concili, delle lettere dei papi e delle 
opere degli scrittori ecclesiastici del primo periodo della storia 
ecclesiastica, fonti precipue per la compilazione dei cataloghi epi- 
scopali italiani dal iv al vii secolo, divulgarono, come è notissimo 
(e il guaio non è cessato, perchè si aspetta ancora, un'edizione 
critica delle epistole pontificie da Gregorio Magno in su, di alcuni 
concili e di altri documenti) un gran numero di false lezioni di 
nomi di persone e di città. I nostri autori (e come potevano fare 
diversamente?) le accettarono, e così autorizzarono innumerevoli 
errori che si propagano ancora e si diffondono sotto i nostri occhi, 
nonostante le nuove edizioni. Ma disgraziatamente, anche nel caso 
in cui i testi erano esatti, commisero un numero incredibile di 
sbagli, causa una più o meno stretta somiglianza dei nomi delle 
diocesi. In tal modo trasferirono i vescovi di Hortona a Horta, di 
Ostra a Aesia (Iesi), di Saena (Siena) a Caesena, di Treba Augusta 
(Lazio) a Trébiae (Umbria), di Forumiulii (Frejus) a Forumlivii 
(Forlì), di Geneva (Ginevra) a Genua (Genova), di Laudunum (Laon) 



10 LE DIOCESI d' ITALIA 

a Laus Pompeia (Lodi) ec. ; portarono tutti i vescovi di Suhaugusta 
(Lazio) nella lista di quelli di Augusta Praetoria (Aosta). 

Scrittori calabro-siculi, avvezzi a leggere i vescovi delle loro 
diocesi nei sinodi orientali dell' viii e ix secolo (perchè, come si 
sa, in questo tempo quella regione fu strappata al patriarcato ro- 
mano e sottoposta a quello di Costantinopoli), credettero di do- 
verne riscontrare anche nei sinodi anteriori, vale a dire in quello 
di Efeso (431), al quale nessun vescovo italiano intervenne, e in 
quello di Oalcedonia (451), in cui di prelati della penisola non se- 
dettero se non i due legati di papa Leone I. Convinti che i vescovi 
del loro paese vi si dovessero riscontrare, riuscirono a trovare negli 
Atti dell'una e dell'altra assemblea vescovi di Palermo, di Messina, 
di Catania, di Malta, di Termini e di Vibona nei Bruzzì, che ap- 
partennero indubitatamente a chiese orientali. 

Dal secolo viii in poi Passiones e Vitae di parecchi santi ve- 
scovi delle Gallio narrarono che essi erano stati spediti nelle loro 
diocesi da s. Pietro apostolo o dal papa s. Clemente, ed erano 
giunti alla loro sede attraversando l' Italia. Alcune affermarono che 
in un luogo della penisola avevano operato un prodigio ; tra queste 
la Passione di s. Frontone di Perigueux (BHL, 3183-5), non deter- 
minando però il sito del miracolo; quella di s. Marziale di Limoges 
{BHL, 5552), localizzandolo in Val d'Elsa. La stessa Passione di 
s. Frontone aggiunse che alla vista del prodigio moltissimi pagani 
si sarebbero convertiti a Gesù Cristo; e quella dei ss. Luciano di 
Beauvais e di s. Dionigi areopagita (BHL, 5009) raccontò che i due 
santi avrebbero predicato l'Evangelo « per omnem Italiam » e in 
particolar modo a Parma e a Pavia. Finalmente vi fu chi asserì 
che s. Cassiano {BHL, 1631) prima di tenere il seggio episcopale di 
Autun avrebbe governato la diocesi di Ostia. 

Lettori italiani, dopo e prima del Einascimento, accettarono 
fidentemente cotali affermazioni e nella più larga e cervellotica 
maniera le interpretarono, dicendo che il luogo consacrato dal 
prodigio di s. Frontone sarebbe stato Bolsena (AS^ oct., XI, 399, 
nn. 25-6); che s. Marziale avrebbe evangelizzato non solo Colle 
Val d'Elsa, ma altre città della Tuscia, tra le quali S. Miniato, 
Chiusi e Fiesole, e avrebbe tenuto il seggio episcopale di Spoleto (?) 



INTRODUZrONE 11 

e di Vercelli; che s. Dionigi areopagita, approdato nella Magna 
Grecia, avrebbe tratto all'Evangelo il popolo di Ootrone, e per 
qualche tempo ne avrebbe amministrato la chiesa, sarebbe passato 
per Modena e avrebbe eletto primo vescovo di questa città un 
Cleto, avrebbe visitato Lucca e dalle Gallio avrebbe mandato un 
suo fratello Demetrio vescovo di Orleans a Monte Cassino; che 
s. Paolo di Narbona avrebbe evangelizzato Luni; s. Pellegrino di 
Auxerre sarebbe stato vescovo di Terni (?) e s. Sabiniano di Sens, 
di Vercelli. Finalmente S. Oassiano di Autun da Ostia fu traslo- 
cato a Orte. Così i semi e i germi gettati qua e là nella penisola 
da quelle leggende agiografiche francesi, si svilupparono rigoglio- 
samente e coprirono il paese di una lussureggiante vegetazione. 

Nel medioevo, come diremo, intorno a un solo e medesimo 
santo furono scritte parecchie Passiones'e Vitae, e queste o con- 

■V. 

trastanti con la cronologia e topografia di documenti e monumenti 
fededegni, o divergenti tra loro, ad esempio facendo venire un santo 
in Italia ora dall'Oriente ora dalla Germania, o facendolo vivere 
ora in un secolo ora in un altro. I nostri scrittori persuasi che 
queste Vitae e Passiones leggendarie avessero valore non meno dei 
documenti e monumenti storici e non credendo poter dare la pre- 
ferenza agli uni sopra gli altri, per metterli d'accordo ricorsero 
agli artifizi più sottili, finalmente nell'impossibilità di conciliarli 
tra loro, ricorsero al disperato effugio di duplicare e triplicare il 
protagonista di quei racconti coutradittori. Per siffatti motivi tro- 
veremo a Perugia oltre il genuino Ercolano un altro spurio, a 
Terni oltre il vero s. Valentino due altri omonimi falsi o dubbi, 
e a Narni, oltre l'omonimo autentico, un falso Giovenale, a Ve- 
rona un falso Zenone, a Modena due falsi Geminiani e due falsi 
Mercuriali a Forlì. 

Più spesso che non si creda, in parecchie diocesi santi vene- 
rati nella città episcopale o in altri luoghi della diocesi furono 
considerati e creduti vescovi locali e aggregati nel novero e nella 
lista dei medesimi, benché non fossero stati tali e talora neppure 
avessero rivestito la dignità vescovile. Nelle diocesi che smarrirono 
per lungo tempo i dittici, cioè le liste intere e genuine dei vescovi 
antichi del luogo, e in tempi posteriori le ritrovarono (ad esempio 



12 LE DIOCESI d' ITALIA 

in Verona), è dato costatare con certezza che cotali confusioni 
sono avvenute in larghe proporzioni e il catalogo vescovile locale 
fu molto inquinato ; ma questo fatto è accaduto un po' dapertutto, 
sebbene nelle diocesi, ove manca il controllo dei dittici, la dimo- 
strazione di questi scambi non possa raggiungere sempre la cer- 
tezza o l'evidenza, ma soltanto la probabilità. Questi equivoci non 
devono fare meraviglia. Quando un santo, massime investito della 
dignità vescovile, da molto tempo veneravasi in una chiesa di una 
città di una diocesi, specie nella chiesa cattedrale, e in essa era 
sepolto o vi si riteneva sepolto ; quando le sue reliquie, vere o 
presunte, si conservavano in essa chiesa con quelle di altri vescovi 
diocesani o creduti tali ; quando questo santo era il titolare della 
cattedrale un contitolare insieme con altri santi vescovi locali; 
dileguatasi da anni e secoli nella memoria degli abitanti la storia 
di quel santo e delle origini del suo culto nel paese, perduto o 
smarrito tra le polveri di un archivio o altrove l'autentico catalogo 
episcopale della diocesi, e però reso impossibile o quasi ogni con- 
trollo, era facile che nel popolo, da una parte ignaro e dall'altra 
desideroso di sapere la storia del santo, s' insinuasse e prendesse 
piede l'opinione (massime se espressa in prima da uomini rispetta- 
bili per autorità, per virtù e per una cotal quale cultura) che quel 
santo fosse stato vescovo del luogo, e questa opinione individuale 
o particolare diventasse convinzione universale, e fosse tramandata 
come cosa certa. A illustrazione di quanto io dico, si pensi pecu- 
liarmente a quella intricatissima e spinosissima matassa che è la 
storia delle reliquie dei santi dell'alto medioevo, e alla, se non 
impossibilità, gravissima difficoltà in cui i medievali si trovavano, 
e noi stessi ci troviamo, di giudicare dell'autenticità di tutte le 
reliquie dei santi antichi. Questa difficoltà, ben nota agli eruditi, è 
derivata da cento cause diverse, cioè da frequentissime confusioni 
avvenute nel medioevo tra reliquie rappresentative (dette sancluaria 
nel secolo vi, consistenti in pannolini (brandea) e altri oggetti che 
avessero toccato o avvicinato il martire o le sue ossa) e reliquie 
reali e corporee; da spezzamenti operati in Occidente dopo il vi 
secolo dello scheletro dei santi in minutissime parti, distribuite tra 
diverse chiese; dall'uso generalmente introdottosi del vocabolo cor- 



INTRODUZIONE 13 

pus per significare anche una piccola parte dello scheletro dei 
santi; da tanti rubamenti aperti o trafugamenti clandestini o na- 
scondimenti di sacre reliquie fatti in quel tempo per autorità pub- 
blica o privata ; da litigi astiosi, violenti, interminabili e perfino da 
lotte armate combattutesi in quella medesima età tra possessori 
di una stessa reliquia o creduta tale; da inventiones e translationes 
assai sospette che in quella stessa epoca si dissero compiute; e 
finalmente dal fatto, verificatosi non poche volte (v. Parenzo ri- 
spetto a s. Mauro e Eavenna su s. Severo) che dopo la certa scom- 
parsa delle reliquie di un santo dalla sua primitiva sepoltura, nel 
luogo rimastone privo gli abitanti continuassero a comportarsi 
come se il trasporto o il rubamento non fosse avvenuto. Ofr. sotto 
i §§ 15, 16 e 20. Tutte queste ed altre ragioni che forse si potreb- 
bero aggiungere, spiegano molto bene come in alcuni luoghi sia 
avvenuto, non tanto per mala fede quanto per ignoranza e cieco 
entusiasmo, che semplici reliquie di santi, vescovi o no, venerati 
in essi luoghi, si credessero salme intere e perfette di quei santi e, 
nelle coudizioni su esposte, reliquie di santi vescovi diocesani. 

Non solo nei tempi medievali, ma nei moderni siffatti abbagli 
si sono verificati nel modo più innocente. Nel 1573 un notaio non 
faentino del visitatore apostolico, pure non faentino, recatosi in 
quell'anno nella mia città natale per adempiere l'incarico ricevuto 
da Eoma, descrivendo la perlustrazione del presule ispettore nella 
nostra cattedrale, scrisse che egli trovò in essa il bellissimo se- 
polcro (è di Benedetto da Maiano) del martire s. Savino vescovo di 
Faenza. Nessun faentino gli potè dire che s. Savino fu vescovo 
di Faenza, perchè a Faenza in quel tempo ritenevasi che le ossa 
di s. Savino custodite nella cattedrale appartenessero a s. Savino 
martire e vescovo di Assisi, e fino al 1568 così si recitò nell'ufficio 
e nella messa. Il buon notaio avrà pensato quel s. Savino vescovo 
e martire, protettore di Faenza, sepolto nella cattedrale, essere 
stato vescovo di Faenza, come la cosa più naturale del mondo. 
L'errore del notaio fece fortuna, e nel secolo xvii fu accolto in 
Faenza e fuori, e propugnato in dotte dissertazioni ! 

A Faenza pure fin dal medioevo è venerato un s. Emiliano 
vescovo scotto. I marmi istoriati del suo sepolcro, per ragioni che 



14 LE DIOCESI d' ITALIA 

qui è inutile esporre, sono stati portati, dopo parecchie vicende, 
a Parigi e deposti nel Museo Jacquemart- André. Ora l'autore del 
Catalogne itineraire del Museo (2.'"° ed., Paris, J.-E. BuUoz édi- 
teur, p. 120-2) ha scritto che questo s. Emiliano fu évéque de Fa- 
enza. Egli se lo è immaginato, ragionando presso a poco così: 
s. Emiliano è vescovo, sepolto a Faenza, protettore di Faenza, 
dunque vescovo di Faenza! 

In una Guida delV Italia mi ricordo d'aver lètto che la catte- 
drale di Faenza è dedicata in onore di Costanzo proto-vescovo 
della città. Non è vero; essa fu sempre dedicata a s. Pietro apo- 
stolo e lo è ancora, e il primo vescovo noto di Faenza, di nome 
Costanzo, non fu mai venerato come santo. L'autore della Guida 
deve aver ragionato in siffatta maniera: Molte cattedrali d'Italia 
sono sacre al primo vescovo della diocesi ; Costanzo fu il primo 
vescovo di Faenza; dunque il duomo di Faenza è sacro a s. Co- 
stanzo ! 

Se ragionamenti di cotal fatta si sono formulati nei tempi 
nostri, che meraviglia si siano fatti nel medioevo ? Gli scrittori di 
cui ci occupiamo accolsero senza esame nei loro lavori conclusioni 
di questo genere, già fatte e dominanti nell'ambiente nel quale 
vivevano; e non poche volte essi stessi si resero responsabili di 
consimili deduzioni avventate, dietro il semplice fatto del culto 
prestato nella loro diocesi a un santo, vescovo o no, nelle condi- 
zioni sopra accennate. 

E pure avvenuto che santi italiani creduti, a ragione o a torto, 
evangelizzatori di intere regioni, ad esempio s. Feliciano, s. Yolu- 
siano, s. Brizio, s. Procolo e s. Crispolito dell'Umbria, s. Eomolo 
di Fiesole, s. Prosdocimo di Padova, s. Barnaba di Milano ec. sen- 
z'altro fondamento che questo siano stati creati vescovi di alcune 
città della regione evangelizzata, e talora di città situate in regioni 
alquanto discoste da quella. 

Cotali pregiudizi sono arrivati fino a noi. Il Tonini, valente 
critico riminese del secolo passato, non credette di perdere il suo 
tempo componendo un opuscolo per dimostrare che non si poteva 
dedurre dalle molte chiese in onore di s. Apollinare diffuse ab an- 
tico nell'Emilia da Piacenza fino a Eimiui, che il primo vescovo 



INTRODUZIONE 



15 



di Eavenna avesse evangelizzato tutti quei luoghi, come certi scrit- 
tori avevano preteso. E il compianto ciottissimo canonico di Fos- 
sombrone, il Vernarecci, così ammoniva {Le prime memorie del 
cristianesimo, Fossombrone, 1905) coloro i quali pensavano che 
s. Apollinare avesse portato la fede in Possombrone per il sem- 
plice titolo che più chiese di quella diocesi sono a lui dedicate : 
« Per la stessa ragione potrebbe farsene merito a s. Pietro, perchè 
più chiese della diocesi sono a lui dedicate ». E continuava: « La- 
sciamo che altri dica e ripeta incosciente : cosi vuole la tradizione... 
La tradizione vuole qualche cosa e ne ha diritto, quando emana 
da fonte pura, non è interrotta, ne stanno contro lei argomenti 
indiscutibili. Altrimenti^ cos'è mai quella, che alcuni chiamano tra- 
dizione, se non un suono che muore sulle loro labbra? » 

Gli scrittori del Einascimento, di cui parliamo, fatte rare ec- 
cezioni, non si preoccuparono di un altro fenomeno impressionante, 
cioè del culto prestato in parecchie diocesi a tutti, o quasi, i ve- 
scovi antichi dal vi o dal vii secolo in su. Essi non notarono, o 
non abbastanza, che nei primi secoli, mentre uno soltanto o pochi 
di loro godettero l'onore degli altari, gli altri vennero canonizzati 
tardi, molto tardi, cioè non pochi secoli dopo la loro morte, e non 
si diedero cura di cercare le cause di questa tardiva e universale 
iscrizione nell'albo dei santi locali. Non si domandarono, se questo 
fatto dovesse ascriversi alla naturale tendenza dei popoli di risguar- 
dare le passate età, le antichissime, come molto migliori delle po- 
steriori, delle recenti, e di considerare i personaggi primitivi, i 
fondatori, i padri, come tutti eccellenti, ottimi, superiori di gran 
lunga ai posteri, o se in siflPatta materia alcuni errori d'interpre- 
tazione di antiche formole e di antichi monumenti avessero con- 
tribuito ad aumentare il numero dei presuli santi. Ad esempio non 
ricercarono se la frase basilica N. episcopi, da principio significante 
puramente hasilica fondata dal vescovo N., con l'andar del tempo, 
cioè dopo che le basiliche comunemente presero il nome da quello 
dei santi in onore dei quali furono costruite o dedicate, si fosse 
intesa nel senso di hasilica sancii N. episcopi; o il titolo sanctus, 
sanctae memoriae, beatae memoriae, solito darsi nel iv, v, vi secolo 
ai vescovi negli atti ufficiali e privati, negli epitafi sepolcrali ec. 



16 LE DIOCESI d' ITALIA 

come seinplicó titolo d'onore (noi diremmo oggi Eccellenza, Monsi- 
gnore), nel medioevo inoltrato fosse stato preso nel senso liturgico 
prevalso in seguito ; oppure la sigla delle iscrizioni sepolcrali B[ea- 
tae] M[emoriae] o S[anGfaé] M[emoriae] si fosse malamente decifrata 
beatns o sanctus mar tyr. Così talora era veramente accaduto; ma 
i nostri scrittori non solo accettarono senza discussione ciò che gli 
ultimi secoli del medioevo avevano prodotto, ma essi stéssi, di loro 
privata autorità, non poche volte aggiunsero altri nomi a quel lungo 
albo discutibile di vescovi santi. 

e. I difetti e gli errori di quei primi scrittori di storie dioce- 
sane non si fermarono qui. Alcuni di loro, come i falsari medie- 
vali di cui si è detto, non dubitarono di compilare essi niedesimi 
liste di nomi assolutamente inventati o di falsificare le liste tradi- 
zionali éon nomi fantastici posti in principio o interpolati nel corpo 
di quelle. Bicordo le liste cervellotiche e romanzesche di Alba e 
d'Ivrea nel Piemonte, di Parma nell'Emilia, di Atina nel Latimn 
adieotum, di Acereriza nell'Apulia, di Gubbio nell'Umbria, dìLentini 
e Siracusa in Sicilia, di Cagliari in Sardegna ec. Essi falsarono o 
falsificarono quelle liste, sia per darsi vanto di completare cata- 
loghi frammentari, sia per conciliare l'affermazione delle leggende 
dej primo t) dei primi vescovi che li attribuiscono a età remotissime 
con Ja scarsità dei nonii del catalogo tradizionale, scarsità inconci- 
liabile con quelle pretese; sia per portare le origini dell'episcopato 
al primo secolo, al tempo di s. Pietro apostolo. Questi falsari o 
falsificatori non ebbero timore di essere sbugiardati, perchè ai loro 
tempi ogni mezzo di controllo mancava, e i lettori contemporanei 
erano dominati dagli stessi pregiudizi degli scrittori. Solo negli 
ultimi secoli alcuni di cotali scrittori furono colti in fallo dalla 
scoperta ò dalla dimostrazione della genuinità e integrità dei dit- 
tici, o da altri documenti ignoti ai medievali, oppure lo furono per 
i progressi dei metodi della critica storica. 

In verità gli scrittori di cui parlo rare volte ricorsero a questo 
estremo, ma più spesso errarono adoperando metodi antistorici; 
quegli stessi metodi che furono usati dagli autori medievali di 
storie diocesane sopra (§ 1) nominati. Infatti mentre essi non co- 
noscevano né la patria né la famiglia dei vescovi italiani dal vi se- 



INTRODUZIONE 



17 



colo in su, salvo di pochi, perchè non ci furono tramandate, molto 
meno i cognomi, in quel tempo non usati; mentre nel maggior 
numero dei casi ignoravano i termini estremi del loro pontificato, 
perchè i dittici contengono d'ordinario i puri nomi dei vescovi, al 
piti i dati cronologici con le formule indeterminate sedit annos... 
menses... dies, e con i documenti storici di cui è dato disporre, 
molto raramente si riesce a stabilire il terminus a quo e quello ad 
quem esatto o approssimativo; e, quel che è piti grave, mentre la 
storia della massima parte dei nostri vescovi dal secolo vii in su, 
massime dei più antichi, è irremissibilmente perduta, i nostri scrit- 
tori di storie diocesane, lavorando di pura fantasia, spesso asse- 
gnarono cervelloticamente la patria e il nome di famiglia, alle 
volte perfino lo stemma gentilizio, di ciascun vescovo; di ciascun 
vescovo fissarono arbitrariamente in cifre arabiche gli anni di go- 
verno secondo il computo dell'era volgare, e di ciascuno composero 
fantasticamente una biografia più o meno estesa. Non dirò che in 
qualche caso essi non abbiano potuto vedere e leggere documenti 
monumenti oggi disgraziatamente perduti ; ma ciò è avvenuto ben 
di rado. Essi diedero per realtà le loro ipotesi, più o meno fondate, 
per non dire più o meno fantastiche e arbitrarie ; diedero per vero 
ciò che a loro sembrò verosimile e probabile ; compilarono le loro 
biografie come si trattasse di fare un panegirico secondo i luoghi 
assegnati dagli antichi retori, e cari agli umanisti, non meno che 
agli scrittori medievali su ricordati (§ 1). 

Essi non furono i primi (cf. Savio, I vescovi antichi d'Italia ec, 
Milano, p. 27), come talora fu detto, ad applicare cognomi di fa- 
miglie medievali ai singoli nostri vescovi dal primo al decimo se- 
colo; vennero preceduti da certi cronologi del secolo xiv, e segui- 
rono largamente questo mal vezzo, assegnando ì presuli antichi a 
famiglie illustri e potenti del loro tempo, che poteva esser utile 
piaggiare e adulare. 

Coinè gli autori del Liber Póntificalis romano non di rado de- 
dussero la patria dei sommi pontefici dei primi tre secoli sempli- 
cemente dalla natura, più o meno, esotica del loro nome; come 
altrettanto fecero gli autori delle Passiones martyrum, così gli 
scrittori di cui ci occupiamo, il più delle volte inferirono la patria 



18 LE DIOCESI d' ITALIA 

dei presuli dall' indole o dall'etimologia, vera o presunta, dei loro 
nomi. Uno scrittore di Como fece nascere il vescovo Probinus o 
Provinus a Provine in Francia, semplicemente in grazia del suo 
nome. 

Ho detto che stabiliscono i termini estremi del pontificato di 
ciascuno con supposizioni affatto cervellotiche. Valga un esempio 
per tutti. 

Agnello ravennate non disse (ne poteva dirlo perchè le sue 
fonti erano mute) in quali anni i primi dodici vescovi ravennati 
avessero seduto. Ma Giovanni Pietro Ferretti scrittore ravennate 
del secolo xvi (1482-1557) pretese di precisarli con la massima esat- 
tezza. Sapendo che il proto-vescovo s. Apollinare, secondo la sua 
Passione, era morto sub Vespasiano (69-79), e, cominciato il suo 
governo sub Claudio (41-54), aveva governato la sua chiesa ven- 
tott'anni e alcuni giorni, con un computo abbastanza spiòcio con- 
chiuse che Apollinare tenesse la sede ravennate dal 46 al 74. 
Conosceva inoltre che s. Severo, 11 dodicesimo del catalogò, era 
intervenuto al concilio di Sardica, dagli antichi istoriógrafi collo- 
cato nel 34v ; degli altri dieci non leggeva se non le frasi altret- 
tanto generiche quanto fantastiche della Passione stessa e del Liber 
Pontif. agnelliano. La Passione racconta che i primi quattro suc- 
cessori di s. Apollinare furono suoi discepoli e da lui ordinati sa- 
cerdoti e diaconi. Il Ferretti adunque conchiuse che con questi 
quattro non si poteva procedere molto innanzi. L'autore del Pontif. 
accortosi appunto che il quarto successore, se ordinato prete da 
s. Apollinare stesso, doveva esser morto molto vecchio, . aveva 
scritto 'che Oalocero (così chiamavasi) era stato vir grandaevus, 
provecta aetate. Quindi il Ferretti credette poterlo far vivere fino 
al 132, concedendogli un'età centenaria. In tal modo riempì coi 
primi cinque vescovi quello che sarebbe stato il primo secolo della 
chiesa ravennate: Apollinare, 46-74; Aderito, 74-100; Eleucadio, 
100-12; Marziano, 112-27; Oalocero, 127-32. Oogii altri cinque riempì 
il secondo secolo: Procolo, 132-42; Probo, 142-75; Dato, 175-85; 
Liberio, 185-206,^, Agapito, 206-32. Per il terzo secolo rimanevano 
solo due vescovi; Marcellino e Severo, che come si è detto, viveva 
al tempo del sinodo sardicense ; ma Agnello, forse presentendo la 



INTRODUZIONE 



19 



difficoltà di riempire con soli dodici vescovi tutto lo spazio com- 
preso tra s. Apollinare e s. Severo, aveva scritto che Marcellino 
avrebbe chiuso i suoi giorni trcmsada plurima annorum curricula, 
e Severo sarebbe stato preceduto nella tomba dalla moglie e dalla 
figlia post plurima tempora. Il Ferretti interpretò nel modo più 
largo possibile le frasi dello storico ravennate, concedendo al primo 
cinquantun anni /di episcopato, (2^2-83) e sessantacinque (283-48) 
al 'secondo (cf.LANZONi, Le fonti della leggenda di s. Apollinare di 
Ravenna, in « Atti e Mem. della r. Dep. di stor. pat. per le prov. 
di Eomagna », an. 1915). Queste capricciose congetture furono ac- 
colte da Girolamo Eossi (Rubens), storico ravennate della seconda 
metà del xvi secolo, tenuto, non immeritamente, in gran conto dal 
Baronio e da cento altri, fino a noi. Altri scrittori di quel tempo 
con analoghi procedimenti sbrigativi fabbricarono una presunta 
precisa cronologia dei vescovi di Napoli, di Benevento, di Aquileia, 
di Milano, di Verona, di Trento, di Gomo, di Brescia, di Cremona, 
di Pavia e via discorrendo. 

Le biografie dei vescovi antichi compilate da costoro somi- 
gliano perfettamente a quelle dei primi papi composte dagli ano- 
nimi autori del Liber Pontificalis, e a quelle dei vescovi antichi di 
Ravenna, di Napoli, di Aquileia ec. scritte da Agnello ravennate, 
dall'anonimo napoletano dell' viii-ix secolo e dagli altri autori me- 
dioevali sopra (§ 1) ricordati. I nostri scrittori, sforniti per lo più 
di senso storico o digiuni di studi critici, racimolarono qua e là e 
amalgamarono elementi storici, leggendari, favolosi e folkloristici ; 
retori piuttosto che storici, svolsero i luoghi comuni della vita pa- 
storale e apostolica; e desunsero la storia o le azioni della vita 
del vescovo, di cui scrivevano, dall'indole del tempo cui egli visse 
credettero avesse vissuto. Quindi attribuirono ai presuli anteriori 
al IV secolo il martirio ; a quelli (lei iv o la fondazione della cat- 
tedrale o di qualche . altra chiesa antica o la distribuzione della 
diocesi in parrocchie, oppure lotte contro gli ariani; misero in re- 
lazione quelli del v e del vi coi re barbari che invasero l' Italia e 
ne fecero o delle vittime della loro ferocia e prepotenza o dei vin- 
dici dei popoli da loro oppressi. Essi estesero ad altri e genera- 
lizzarono ciò che vescovi e papi di quel tempo avevano veramente 



20 LE DIOCESI d' ITALIA 

operato. Ordinariamente misero in campo Attila e Totila e qualche 
volta Odoacre e Teodorico. Totila in verità uccise e maltrattò 
alcuni vescovi italiani (v. Perugia, Populonia ec). Scrittori medie- 
vali e moderni (v. Spoleto, Firenze ec.) avevano allungato il cata- 
logo di queste vittime del re ostrogoto, e nelle leggende medievali 
Totila spesso era stato confuso con Attila, e i misfatti del primo 
affibbiati al Flagellum Bei, I nòstri autori (v. Lodi, Faenza) misero 
a carico del re degli Unni altri episcopicidì da lui non commessi. 
Nel medioevo l'episodio del vescovo cattolico che va incontro ad 
Attila e libera la sua città dal saccheggio, dal fuoco e dalla strage, 
episodio calcato sul famoso abboccamento di Leone I con il re 
barbaro sul Mincio, fu narrato di parecchi vescovi delle Gallio e 
dell' Italia (v. Eavenna e Modena). I nostri scrittori lo allargarono 
ad altri non pochi (v. Trev^iso, Venosa, Lucerà); e per la confu- 
sione di Attila con Totila raccontarono un fatto simile anche del 
secondo (v. Cesena, Todi). 

1 nostri autori, come Agnello ravennate e l'autore delle Gesta 
episcopormn neapoUtanorum, sogliono cavare tratti biografici di 
qualche vescovo dall'etimologia, vera o presunta, del suo nome. 
Leggo (AS, mai. III, 373) che un vescovo di nome Constantius, 
venerato in Italia, fu creato vescovo di ConstantinopoUs puramente 
in grazia del suo nome ! 

Nell'antica chiesa non di rado al vescovo defunto succedeva 
il suo arcidiacono. I nostri autori pare abbiano considerato questa 
consuetudine come una legge costante. Essi si presero libertà molto 
più gravi, perchè, come è stato costatato più volte prima di me, 
citano imperturbabilmente in appoggio delle loro asserzioni ora 
antichi autori che non ne dissero verbo, ora carte d'archivio che 
non esistettero mai, ed ora parlano di sinodi a cui i loro vescovi 
sarebbero intervenuti, sinodi noni mai celebrati (v. Cesena, Ivrea). 

Voglio parlare di un'altra curiosa particolarità di cotesti scrit- 
tori. Espi riempiono di Anonimi, di N. gli spazi vuoti delle loro 
liste frammentarie. Certamente il ricostruttore di un catalogo per- 
duto deve tener cónto degli anonimi, ma solo quando vescovi del 
paese appaiano senza nome in monumenti e documenti fededegni. 
Gli scrittori di cui parliamo ne fanno grande sciupìo come di 



INTRODUZIONE 



21 



merce di poco o nessun costo. Uno di costoro (v. Avellino) giu- 
stifica l'inserzione di un anonimo con questa curiosa ragione: «se 
c'è il primo (vescovo di Avellino), c'è il secondo ». 

In Italia nelle molteplici storie municipali del seicento, scrive 
Benedetto Croce (La Critica, an. 1926, p. 200), predomina di solito 
la vanagloria, l'interesse locale, la cortigianeria, l'adulazione e il 
mercimonio delle falsificazioni. Tutti questi vizi delle storie muni- 
cipali di allora s'incontrano non meno negli scrittori contempo- 
ranei delle storie diocesane. 

Senza tema di essere smentiti si può affermare che non pochi 
errori introdottisi nei cataloghi episcopali delle città d'Italia, e 
parecchie leggende correnti, oggi, non ebbero origine nel medioevo, 
come taluni credono, ma derivarono precisamente da cotesti scrit- 
tori. I loro abbagli, le loro azzardose ipotesi, le loro invenzioni, 
circonfuse di quell'aureola di venerazione, che tra noi godettero i 
pionieri della storia diocesana, furono facilmente accolte come 
storia vera e inconcussa, e tramandate per lungo tempo come cose 
indiscutibili e assolute. E talora chi s'accorse del vero, non ebbe 
il coraggio di contrapporsi alla corrente. 

7. Nel secolo xvii il fiorentino Ferdinando Ughelli (1594-1670), 
abate cistcrciense dei ss. Vincenzo ed Anastasio ad Aquas Salvias 
in Eoma, intraprese l'ardua fatica di scrivere, come egli dice, « De 
episcopis Italiae et insularum adiacentium rebusque ab iis prae- 
clare gestis », dalle origini fino a' suoi tempi, benché poi non trat- 
tasse di tutte le diocesi insulari. L'erudito abate compulsò perso- 
nalmente, come afferma, ogni sorta di documenti e monumenti e, 
dove non potè recarsi in persona, consultò studiosi locali, da alcuni 
ricevendo copiose notizie, da altri, come allora avveniva, e accade 
oggi, neppure un rigo. Asserisce di aver consultato per sé o per 
altri « publicas ecclesiarum tabulas », e spesso nel corpo dell'opera 
cita le « ecclesiae tabulae ». Alcuni hanno creduto che l' Ughelli 
con queste espressioni intendesse i dittici, allora conservati negli 
archivi delle cattedrali; ma questa interpretazione di quelle frasi 
latine è senza alcun dubbio erronea. L'abate fiorentino si riferisce 
a carte conservate allora nei depositi delle cattedrali, le quali 
nell'immensa maggioranza vi si trovano anche oggi, o a memorie 



22 LE DIOCESI D'ITALIA 

pubbliche o di privati che ancora vi si possono leggere, almeno in 
grandissima parte, o a cataloghi episcopali compilati da privati e 
deposti negli archivi della cattedrale ed -ivi del pari conservati 
anche adesso. Non dico che la dispersione degli archivi italiani 
alla fine del xviii e in principio del xix secolo non abbia prodotto 
gravi, deplorevoli iatture; ma non di documenti dei primi sei se- 
coli della nostra era, documenti che nel secolo xvi e xvii erano 
già nella quasi totalità perduti. Alcuni documenti citati dall' Ughelli 
come molto pregevoli sussistono ancora, ma non hanno certamente 
il valore attribuito ad essi dal dotto abate. L' Ughelli lesse pure 
e usufruì delle opere, in piccola parte sopra citate, composte da 
studiosi italiani sopra i vescovi locali e pubblicate prima di lui. 
Diede al suo lavoro il titolo Italia Sacra, dietro l'esempio, come 
è credibile, di alcuni suoi predecessori, cioè di Cesare Caracciolo 
che nel 1623 diede in luce una Napoli sacra, di Giulio Cesare In- 
fantino, autore di una Lecce sacra èdita nel 1634, e di Bernardino 
Manzoni che nel 1643 intitolò la prima parte della sua Caesenae 
Chronologia. Caesena sacra. 

L' Italia Sacra uscita in nove volumi dal 1644 al 1648 (il primo 
fu dedicato a Urbano Vili) fu accolta con grande ammirazione 
in tutta la penisola. Il cardinal Eossetti vescovo di Faenza, fu il 
primo tra i presuli italiani che nella sua cattedrale, alla presenza 
del clero, celebrasse un solenne ufficio funebre per l'anima del be- 
nemerito scrittore quando si sparse la nuova della sua morte. Il suo 
esempio fu seguito da molti. 

L' Ughelli non trattò exprofesso della prima introduzione del 
cristianesimo nelle province e città d'Italia, quantunque in prin- 
cipio dei cataloghi episcopali registrasse alcune notizie sommarie 
di questo genere. 

L'opera dell'erudito abate contiene molti difetti, molte lacune, 
molte inesattezze, disgraziatamente accresciute in modo nauseante 
dalla fenomenale incuria (si disse studiata) dell'editore romano. 
Ma data la grande estensione del lavoro e il tempo e le condizioni 
difficili in cui fu composto, nessuno può meravigliarsene. 

L'abate Lodovico Muratori nel 1703 (Campori, Epistolario, XII, 
p. 5421) parlava del bisogno di « accrescere, correggere e ristam- 



INTRODUZIONE 23 

pare V Italia Sacra ». Giulio Ambrogio Lucenti nel 1704 procurò 
bensì di migliorarla e aumentarla, ma con scarso successo. Nicolò 
Ooléfci, sacerdote veneziano, pubblicò in Venezia dal 1717 al 1733 
per i tipi del fratello Sebastiano in dieci splendidi^ volumi (cito 
sempre questa edizione) una seconda; edizione deW Malia Sacra 
« aucta et emendata » e la condusse fino a' suoi tempi, ma senza 
correggerla come e quanto faceva bisogno. A questo proposito 
nel 1743 lo stesso Muratori _(o. e, X, p. 4384) scriveva: « Tra le 
opere che si possono desiderare in Italia sembra che spezialmente 
sia da contare sopra una nuova Italia Sacra. Abbiamo grande ob- 
bligazione all' Ughelli per la sua fatica... Ma quella è tuttavia in- 
forme e lontana dalla perfezione che si potrebbe e dovrebbe dare, 
poco essendosi fatto nella seconda edizione di Venezia per soddi- 
sfare al bisogno... Una nuova Italia Sacra riuscirebbe di decoro 
alle nostre chiese ». Giacinto Sbaraglia (f 1763) di, Forlì, minore 
conventuale, l'autore del BuUarium Franciscanum^ intraprese un 
lavoro di revisione dell' Ughelli con il titolo Notae et addìtiones ad 
Italiani Sacram; ma non lo condusse a fine. Il manoscritto di lui 
si conserva in quattro volumi nell'archivio dell'ordine in Eoma. 
Anche il p. Stefano Einaldi, vissuto fino al 1822 almeno, lo ret- 
tificò, migliorò ed aumentò (cf. « Archivio per la storia ecclesia-, 
stica dell'Umbria », an. 1915, p. 690 e segg.); ma il manoscritto 
di questo benemerito francescano dorme con il primo nell'archivio 
dei SS. Apostoli. 

In ogni diocesi d'Italia parecchi scrittori, durante il xvii, il 
XVIII e il XIX secolo, s'adoperarono a ricomporre il proprio cata- 
logo, compiendo le parti difettose ed emendando le parti sbagliate 
dell' Ughelli; ma la maggior parte di costoro (dispiace dirlo) si 
diedero a questo lavoro arduo e delicato senza sufiQciente prepa- 
razione {invita Minerva, avrebbe detto il classico antico), e quindi, 
in luogo di emendare, peggiorarono le liste ughelliane; e non riu- 
scirono a dissipare le fitte tenebre che involgono il periodo delle 
origini. Fra tanti scrittori mediocri ricordo a titolo di onore al- 
cune lodevolissime eccezioni: l'ab. Tartarotti, il p. Antonio Zac- 
caria, il conte Scipione Maffei e altri non molti. 

Nel secolo passato il sacerdote veneziano Giuseppe Cappelletti 



24 LE DIOCESI d' ITALIA 

in parecchi volumi {Le Chiese d^Italia) cominciati a pubblicare in 
Venezia nel 1844, e il benedettino tedesco Bonifacio Gams (Series 
episcoporum eccleslae catholicae a s. Petro apostolo^ Eatisbona, 1873) 
ripresero il piano dell' Ughelli ; il primo con largo disegno, il se- 
condo in forma schematica; ma ambedue si contentarono di rac- 
cogliere, più meno, il risultato degli studi dei loro antecessori 
su le liste ughelliane, ne si occuparono di tutte le antiche chiese 
d'Italia scomparse. Il sacerdote veneziano procedette con scarsa 
critica; il monaco tedesco con maggiore cautela. 

Mons. Luigi Duchesne mentre depurava le liste episcopali delle 
antiche Gallie dagli errori incorsivi, si rese benemerito anche di 
quelle del nostro paese, indirizzando su una buona via la correzione 
delle liste ughelliane; in due lavori, piccoli di mole, ma di conte- 
nuto sostanzioso, raccolse sommariamente i primi dati storici si- 
curi di tutte le chiese d' Italia dal principio fino al secolo vii (cf. Les 
évéchés d^ Italie et Vinvasion Lombarde^ in « Mélanges d'archeologie 
et d'histoire », an. 1903, pp. 83-116; an. 1905, pp. 365-399; an. 1906, 
pp. 565-567 ; Le sedi episcopali delVantico Ducato di Roma, in « Ar- 
chivio della Soc. Bom. di Storia Patria », an. 1892, pp. 495 e segg.). 

Circa nello stesso tempo il valoroso amico, il compianto padre 
Fedele Savio gesuita, concepì l'ardito disegno di rifare con i buoni 
metodi moderni V Italia Sacra dell' Ughelli fino all'anno 1300; e, 
quantunque alquanto avanzato in età, si pose con gran fede al 
lavoro, stimolando vari studiosi d' Italia a imitarlo e a coadiuvarlo. 
Ma disgraziatamente egli non riuscì che a pubblicare un volume 
sul Piemonte, e'^il primo di quelli destinati alla Lombardia (cf. Gli 
antichi vescovi d^Italia dalle origini ài 1300. Il Piemonte, Torino, 
1899; La Lotnbardia, par. I, Milano, Firenze, 1913). Il suo, credo, 
pili valido collaboratore, il giovane sacerdote Girolamo Zattoni, 
archivista dell'arcivescovado di Ravenna, cadde a trent'anni mentre 
s'accingeva a illustrare l' Emilia, da Eimini a Piacenza. Forse il di- 
segno era troppo largo ; e sarebbe stato miglior consiglio condurre 
il lavoro soltanto fino all'epoca longobardica. 

Il prof. Adolfo Harnack in Die Mission und Aasbreitung des 
Christentums in den ersten drei Jahrhunderten, in due volumi usciti 
a Lipsia nel 1915, ha compilato (II, p. 90) un catalogo dei luoghi 



INTRODUZIONE 



25 



d'Italia, per i quali, secondo lui, si può dimostrare l'esistenza di 
comunità cristiane o di gruppi di cristiani nel primo secolo, prima 
di Traiano; un secondo catalogo (II, pp. 92-3) prima dell'anno 180 
(morte di Marco Aurelio); e un terzo (II, pp. 247-69) prima del 
concilio di Nicea del 323; ma le prove in appoggio non sono sem- 
pre valide. 

8. Lo scopo di questo studio critico è duplice: 

1.° raccogliere regione per regione, città per città gli avanzi 
scritti e non scritti e i monumenti e documenti rimastici intorno 
alle origini o alla prima introduzione del cristianesimo e dell'epi- 
scopato nella penisola, coordinarli e dare loro il giusto valore; 

2.° ricostruire i cataloghi episcopali di ciascuna diocesi d'I- 
talia (^ai primordi fino al 604 (anno della morte di s. Gregorio 
Magno) con il quale anno suole chiudersi la prima epoca della 
storia ecclesiastica ; in altre parole emendare e rifare la parte più 
antica déìV Italia Sacra. 

Dopo la pubblicazione di tutti i documenti dell'antica storia 
ecclesiastica italiana, di cui i più importanti sono stati erudita- 
mente illustrati e collocati nella loro vera luce ; con il sussidio dei 
Begesta pontificum romanorum ; della Bibliotheca hagiographica la- 
tina ; del Corpus inscriptionum latinarmn e di altri preziosi istru- 
menti di lavoro, oggi è possibile fare ciò che cinquant'anni fa forse 
non si poteva. Tutte le fonti del mio lavoro si riducono a queste 
categorie : 

a) gli scritti degli autori cristiani e pagani; 

6) i dittici ; 

e) gli atti dei concili; 

d) le epistole dei papi ; 

e) le depositiones martyrum e episcopormn, i calendari, i mar- 
tirologi ; 

f) gli Acfa, Gesta o Passiones martyrum; 

g) le Vitae episcoporum ; 

h) il materiale archeologico (cimiteri, chiese, iscrizioni, mo- 
saici, pitture, suppellettili). 

9. Tra i libri del Nuovo Testamento, le Epistole di Pietro e 
Paolo e l'Apocalisse di Giovanni contengono notizie sulla chiesa ro- 



26 LE DIOCESI d' ITALIA 

mana puramente; e gli Atti di s. Luca ricordano, oltre la chiesa di 
Eoma, un gruppo di fedeli a Pozzuoli (e. XXVIII, v. 13-14) nel 
tempo del passaggio dell'apostolo Paolo per quella città, e nul- 
l'altro. La frase deW Epistola agli Ebrei: àavraJ^oviac u|i(^s ol ano xfiq, 
ItaXias {salutant vos de Italia fratres, e. XIII, v. 24) non è chiara. 
Alcuni interpreti, supponendo che l'autore dell'epistola la indirizzi 
dall'Italia a una comunità cristiana fuori della penisola, spiegano: 
« i cristiani esistenti in Italia, ove io mi trovo, vi salutano ». Altri 
al contrario, nell'ipotesi che lo scrittore mandi la sua lettera a 
una comunità cristiana d'Italia, interpretano: « i cristiani d'Italia, 
che sono con me (o miei coadiutori, o che abitano con me), salu- 
tano voi Italiani » (cf. « Eevue Biblique », an. 1919, p. 265). 

Gli Atti degli Apostoli apocrifi e i documenti affini, composti 
fin dal II e dal ili secolo da ignoti cristiani, spesso poco fondati 
in teologia (o forse anche eretici), allo scopo precipuo di sostituire 
alla letteratura romantica, che era stata pascolo gradito dei novelli 
cristiani prinia della conversione, una lettura ricreativa più con- 
forme alla nuova fede, non costituiscono documenti storici pro- 
priamente detti, ma piuttosto romanzi cristiani, che alle antiche 
tradizioni su l'attività e su la morte dei dodici apostoli non aggiun- 
gono che un tessuto di favole. E dunque da fare poco o nessun 
conto di questa, quantunque abbondante, produzione. Si riferiscono 
alla chiesa di Eoma e a quelle d'Italia gli scritti pseudo-clemen- 
tini {BHG, 319-41; BHL, 6644-7) del iii o del ii secolo; gli Adus 
Petri cum Simone {BHG, 1483-5; BHL, 6656) attribuiti al iii se- 
colo, donde dipendono le Passioni di Pietro e di Paolo del falso 
Ambrogio o del falso Bgesippo, forse del secolo iv, , del falso Lino, 
attribuite al secolo v-vi, del falso Marcello e altre {BHL, 6648; 
6655, 6657, 6663; BHG, 342-7; 1451-2; 1490-1, 1493); i pseudo Ca- 
noni Apostolici; la Dottrina Siriaca di Simone Cephas (Mansi, 1, 146; 
BHG, 936); la falsa corrispondenza tra Paolo apostolo e il filosofo 
L. Anneo Seneca (f 65) (Lipsia, 1902) ; e il Breviarimii apostolorum 
ex nomine vel locis ubi (apostoli et evangelistae) praedicaverunt {BHL, 
652). Appartengono a un tempo relati vaniente molto più recente, 
cioè all' XI, al xii, o al xiii secolo, V Iter tarentinum sanctorum Petri 
et Marci, e VAdventus s. Petri Pisas {BHL, 6679 e 6679 b). 



INTRODUZIONE 27 

Fra i Padri Apostolici, Ignazio nella lettera ai Eomani e Ole- 
mente nella epistola ai cristiani di Corinto si riferiscono unicamente 
alla chiesa di Eoma. Il Faslore di Erma, composto probabilmente in 
Epma nel 130-154 e, sappone che intorno alla capitale esistessero 
(V, 3) comunità cristiane, ma non dice quali fossero (v. Ouma). 

Gli scrittori cristiani orientali e occidentali del ii, del ni, del 
IV, del V secolo e del principio del vi alludono molto di rado alle 
origini delle comunità o delle diocesi d'Italia; e gli stessi autori 
italiani, vescovi, in Italia, come Eusebio di Vercelli, Ambrogio di 
Milano, Zenone di Verona, Filastrio e Gaudenzio di Brescia., En- 
fino e óromazio di Aquileia, Massimo di Torino, Pier Orisofogo di 
Eavenna, Ennodio di Pavia ec, ci forniscono poche e digiune no- 
tizie su le rispettive chiese, o, per parlare più esattamente, sep- 
pero assai poco delle origini delle loro diocesi; appunto perchè 
nessun antico ne aveva scritto, e le tradizioni orali, come suol 
avvenire, erano tenui ed incerte. Le opere di questi Padri sono di 
maggiore giovamento, benché non quanto si potrebbe credere, per 
la storia dei presuli italiani dal iv al vii secolo. 

Le poche cose scritte dai pagani sul nascente cristianesimo, 
per esempio da Luciano, da Galeno, da Porfirio e da Celso in 
Oriente, e in Occidente da Svetonio, da Plinio, da Tacito e dagli 
scrittori deWHistoria Augusta, sono di poco uso per le nostre ri- 
cerche; perchè riguardano quasi esclusivamente la chiesa di Eoma 
e le relazioni tra la Corte e i cristiani. 

Gli scrittori profani dal iv al vii secolo poche volte hanno 
occasione di ricordare, oltre i papi, determinati véscovi italiani. 

10. Le tavolette d'avorio o d'altra materia contenenti i nomi 
dei vescovi legittimi di una diocesi, commemorati dal prelato men- 
tre celebrava la messa, si appellarono dittici dai registri dei consoli 
e dei magistrati romani. La lettura loro andò generalmente in di- 
suso durante l'epoca carolingia (secolo ix), e per la cessazione o 
soppressione di quel rito i dittici furono messi da parte, come av- 
viene di arnesi fuori d'uso, e poi dimenticati. Quasi tutti perirono 
senza lasciare di sé quasi alcuna traccia. I cataloghi episcopali 
italiani derivati più o meno dai dittici, scampati al naufragio, si 
possono contare su le dita : nell' Italia Inferiore quello di Napoli ; 



28 LE DIOCESI b' ITALIA 

nella Media quelli di Eoraa, di Arezzo, di Lucca; nell'Italia Su- 
periore, di Ravenna, di Bologna, di Reggio Emilia, di Aquileia, di 
Sabiona, di Trenfco, di Verona, di Brescia, di Milano, di Pavia, di 
Novara e di Vercelli, né questi, come vedremo a suo luogo, sono 
tutti certi o certi in ogni parte. La perdita dei fittici è stata una 
grande iattura per la storia ecclesiastica d'Italia. Infatti se i dit- 
tici o se i cataloghi genuini e integri degli antichi vescovi di cia- 
scuna diocesi d'Italia, cogli anni del governo e col giorno della 
deposizione di ciascheduno fossero pervenuti fino a noi, ci sarebbe 
dato di assegnare con qualche approssimazione il principio di cia- 
scuna diocesi; perchè il primo del catalogo, controllato da docu- 
menti storici, sarebbe un punto di partenza sicuro per fissare con 
serijt probabilità il tempo in cui la relativa diocesi ebbe principio. 
E se anche queste liste, come spesso avviene, constassero di puri 
nomi senza note cronologiche, sarebbe possibile, adoperando lo 
stesso sistema, raggiungere, almeno con qualche verosimiglianza, 
i primordi delle chiese d'Italia; poiché sì computa con ragione 
che in quelle età primitive durante un secolo abbiano episcopato 
in una sede circa sette vescovi in media. 

Alcuni scrittori moderni hanno supposto che nel iv o nel. v se- 
colo gli archivi della chiesa Romana contenessero i cataloghi epi- 
scopali delle chiese d'Italia e d'Occidente, pronti alla mano dei 
pontefici e dei loro ufficiali per fare gli opportuni confronti e le 
necessarie rettifiche; ma essi sono ben lungi dall'avere ciò dimo- 
strato. Il padre Grisar {Hisi. de Rome, II, 278-9) aflferma categori- 
camente (e credo con ragione) che i papi, appunto di quel tempo, 
non avevano a loro disposizione una serìes episcoporum d'Italia e 
d'Occidente, molto meno del mondo intero; e però talora furono 
tratti in errore dalle sfacciate vanterie di qualche vescovo interes- 
sato ad accrescere le prerogative giurisdizionali della sua sede col 
portarne le origini all'età apostolica. Il difetto lamentato dall' illu- 
stre gesuita negli archivi della Santa Sede dei secoli iv e v, do- 
veva verificarsi egualmente nei tabulari delle chiese di Cagliari, 
di Milano, di Aquileia e di Ravenna, cioè delle antiche chiese 
metropolitane d'Italia, rispetto alle loro dipendenti o suftraganee. 

La perdita dei dittici o dei cataloghi episcopali antichi spiega 



INTRODUZIONE 



29 



il fatto che oggi quelli della immensa maggioranza delle diocesi 
italiane siano lacunosi e frammentari e infarciti di errori; e il 
temporaneo smarrimento o la non curanza delle antiche liste ci dà 
ragione del fatto che i catàloghi delle diocesi, che pure hanno con- 
servato, più meno, gli antichi dittici, talora siano stati larga- 
mente inquinati. La perdita o la dimenticanza temporanea dei 
dittici ha reso possibile l'intrusione di nomi eterogenei. 

11. Si celebrarono in Eoma, o in Occidente, almeno sin dalla 
fine del secolo ii, molti sinodi o adunanze di vescovi, a cui nume- 
rosi presuli d'Italia intervennero e sottoscrissero gli atti relativi. 
Ma questi atti nella massima parte sono andati perduti; alcuni 
sono rimasti, ma spésso i nomi dei vescovi, presenti o sottoscritti, 
vi mancano; oppure i nomi dei vescovi vi si leggono senza la 
relativa diocesi; oppure con la cifra dei vescovi intervenuti non 
compare il loro nome proprio e quello della loro sede. Tali docu- 
menti adunque a nulla giovano, o poco, per la nostra questione. 

Del secolo ii e iii non abbiamo alcun concilio col nome dei 
vescovi delle diocesi italiane che vi presero parte, eccetto Eoma. 
Nei secoli seguenti fino al vii ecco i principali documenti, dei 
quali possiamo disporre: 



il sinodo romano del 2 ottobre 313 {CSEL, voi. 
XXVI, pp. 26-7); 

» d'Arles del 1 agosto 314 (cf. Duchesne, 
Le dossier du Donatisme, in « Mélang. 
d'arch. et d' hist. de l' Ecole frangaise de 
Eome », an. 1890); 

» generale di Nicea del 325, al quale fu pre- 
sente, oltre i rappresentanti di papa Sil- 
vestro, un vescovo italiano soltanto, di 
Calabria (Gelzer, Patrum Nicaenorum no- 
mina, Lipsia, 1898); 

» di Sardica del 342-4 {CSEL, voi. LXV, 
p. 126); 



nel secolo iv < 



» 



» 



di Aquileia del 381 (Mansi, III, 599-632); 
di Milano del 390 (Mansi, iv., 664-7); 



30 



LE DIOCESI d' ITALIA 



» 



nel secolo v 






il sinodo di Milano del 451 (iv., VI, 141); 

di Eoma del 465 (iv., VII, 959; 965-6; 
Thiel, Epist. rom. pontif., I, 159); 

di Eoma del 487 (Thiel, o. c, I, 259); 

di Eoma del 495 (Mansi, VIII, 177-8). 
Veramente i prelati intervenuti sono regi- 
strati senza il nome della sede ; ma con- 
frontando i loro nomi con quelli dei sinodi 
dei 465, 487, 499, 501 e 502 e con quelli 
delle epistole pontificie di quel tempo, pa- 
recchi si possono con molta probabilità 
identificare; 

di Eoma del 499 



» 



(Oassiodori Opera, pp. 
393-455 in Mon. Germ. 
hist.) ; 



il sinodo di Eoma del 501 

> ■ . 

di Eoma del 502 

di Eoma del 531 (Mansi, VIII, 739-40); 



» 



nel secolo vi { 



di Grado del 571-7, collocato tradizional- 
meaite nel 579 (Mansi, o. c, IX, 923; Pa- 
SOHINI, Le vicende politiche e religiose del 
territorio friulano da Costantino a Carlo 
Magno, Oividale, 1912, pp. 102-3); 



» 



nel secolo vìi 



di Marano del 589 e. (Mansi, IX, 1019); 

lettera collettiva dei vescovi della Venezia, del 590-1 
(iv., X, 463; Gkegokii Registrum ed. 
Ewald, I, 16^^); 

il sinodo di Eoma del 595 {J-L, 1365); 

>> di Eoma del 600 (J-L, 1798); 

il sinodo di Eoma del 649 (Mansi, X, 687-90; 1007-8; 
1065-8; 1167-8); 

>^ di Eoma del 680 (iv., XI, 155-86; 285-6; 
315-6; 775-6). 



INTRODUZIONE 



31 



Quando avrò occasione, lungo il corso dell'opera, di citare al- 
cuno di questi sinodi, per non riempire le pagine d'ingombranti 
citazioni, riferirò puramente l'anno in cui il sinodo fu tenuto. 

12. Se parecchi incendi non avessero distrutto gli antichi ar- 
chivi pontifici, l'immensa corrispondenza dei papi coi vesòovi d'I- 
talia, in essi certamente custodita, avrebbe costituito un sussidio 
incomparabile per ricostruire la storia delle chiese d'Italia;- ma 
disgraziatamente le epistole degli antichi pontefici romani ai pre- 
suli d' Italia è del mondo, nella quasi totalità, si sono perdute. Oi 
è rimasta una porzioho assai piccola delle epistole indirizzate a 
vescovi d'Italia e relative alle diocesi italiane. Le più importanti 
al caso nostro sono le epistole di Innocenzo I (401-417), di Leone I 
(440-461), di Simplicio (468-483), di Gelasio I (492-496), di Pelagio I 
(556-561) e di Gregorio I (590-604) (cf. Grisak, Analecta Romana, 
I, 27-61 su le edizioni delle lettere pontificie). 

Le citerò secondo il numero d'ordine della seconda ediziope 
dei Regesta Pontificmn del Jaffé-Loewenfeld. Non pochi vescovi 
d'Italia nominati nelle epistole dei pontefici compaiono con il sem- 
plice nome senza quello della sede. Tuttavia in non pochi casi il 
nome vuoi dei destinatari vuoi dei presuli ricordati nel corpo della 
lettera, si può desumere, con maggiore o minore probabilità, o dal 
contesto della lettera stessa, o da altre epistole del medesimo pon- 
tefice, da altri documenti contemporanei (cf. P. Ewald, Die Fa- 
pslhriefe der Bnttischen Sammlung, in « Neues Archiv », an. 1879, 
pp. 503-96; Loewenfeld, Epistolae pontificmn romanorum ineditae, 
Lipsia, 1885; CSEL, yoì. XXV, p. 474). 

13. I calendari delle antiche chiese d'Italia sono tutti scom- 
parsi, meno una Depositio martyrum e una Depositio episcopormn 
della chiesa romana (Chron. min., I, 70-2, in Mon. Germ. hist.; Kir- 
sch,- Der stadtròmische christliche Festkalender im Attertum, Miinster 
i. W., 1924) dell'anno 255 all'anno 353 (aride e brevi compilazioni 
del IV secolo, e tanto magre che a qualche erudito sembrarono 
piuttosto estratti che veri calendari) ; un calendario bolognese del 
IX secolo, pubblicato la prima volta da d. Morin nella « Eevue 
Bénédictine » (ottobre, 1902) ; e il famoso calendario marmoreo di 
Napoli, il quale ultimo accoglie in abbondanza, oltre i martiri, i 



32 LE DIOCESI d' ITALIA 

santi e i vescovi locali, moltissimi santi estranei, senza alcuna nota 
di differenza (cf. Mazochius, In vetus marmoreiim neapolitanae 
ecclesiae kalendarium commentario s, Neapoli, 1744). 

Il più antico catalogo di martiri italiani è il Martirologio co- 
sidetto Gerolimiano, perchè attribuito, quantunque falsamente, a 
s. Girolamo (f 420). Fu compilato, probabilmente in Italia, non 
prima del pontificato di Bonifacio I (418-422), né molto verosimil- 
mente prima del 460; pare sia stato composto nel 425-30 incirca. 
Oassiodoro nel capo XXXII delle sue Institutiones, scritte intorno 
al 544, lo avrebbe conosciuto. Al tempo di Gregorio I (590-604) il 
Martirologio in Eoma era noto e letto (J-L, 1517), e godeva ripu- 
tazione d'opera utile e veridica. Ma (come" suol avvenire di cosifatti 
lavori a cui ognuno si crede autorizzato di fare delle aggiunte) il 
Gerolimiano tra il 530 e il 590 e. ricevette in Italia vari incre- 
menti. Per esempio, il nome di s. Giacomo apostolo congiunto a 
quello di s. Filippo nel 1° maggio pare sia apparso nel Gerolimiano 
dopo la consacrazione di una chiesa romana ai due apostoli per 
opera di papa Giovanni III (561-574). Ma verso la fine del vi o al 
princìpio del vii secolo (intorno al 592 ?) il Martirologio Gerolimiano 
subì nelle Gallio copiose interpolazioni, e l'archetipo gallico del 
nostro documento non è anteriore alla fine del vi o piuttosto al 
principio del vii secolo. 

Fu pubblicato dal Duchesne e dal de Eossi nel tomo II di 
novembre degli Ada Sandorum. Sull'età e sulla natura di questo 
monumento cf., oltre l'erudita prefazione dei due editori, Aohelis, 
Die Martyrologien, Berlino, 1900 ; « Eevue Bénédictine », an. 1903, 
pp. 285-291; Grisar, Analeda Roìuana, I, 230 ss., 667-9; Histoire 
de Rome, II, 287-289; « Eevue d' histor. et de littérat. relig. », an. 
1902, 357; « Eevue d' histor. ecclésiast. », an. 1903, p. 505; Krusoh, 
Zum Martyrologium hieronymianum, in « Neues Archiv », an. 1905, 
pp. 437-40; « Analecta Bollandiana », an. 1898, pp. 421- ;7; an. 1901, 
pp. 241-5; an. 1907, pp. 78-99; Ddfouroq, Elude sur les « Gesta 
martyrum » romains, lY, 372 e segg. ; Qubntin, Per la critica del 
martirologio gerolimiano, in Alti della pont. acc. rom. di archeol., 
an. 1924, pp, 103-8; Les extraits du martyrologe hieronymien du 
manuscrit 15818 de Munich et leur notices historiques, in « Eivista di 



INTRODUZIONE 



33 



archeologia cristiana », an. I, p. 123; Kirsch, Die Berner Hand- 
schrift des Martyrologimn Hieronymianum^ in « Eòmische Quartal- 
schrift », an. 1924, pp. 113-24. 

Il compilatore, o i compilatori, del Gerolimiano si giovarono 
di diverse fonti, e cioè di un martirologio orientale, simile a quello 
che ci è pervenuto in lingua siriaca, e va sotto il nome di Bre- 
viario Siriaco; di un martirologio africano, molto più ricco del 
noto Calendario Cartaginese del Vi secolo ; di un martirologio o ca- 
lendario romano, e di altri italiani e occidentali, che non si possono 
precisare e specificare perchè più non esistono. Queste furono le 
fonti più autorevoli. Ma il compilatore ha pure utilizzato, più spesso 
che non si crederebbe, Ada martyriim, ossia narrazioni scritte da 
contemporanei intorno al supplizio dei martiri, e, molto più. Gesta 
o Passiones martyrum, vale a dire racconti redatti molto più tardi, 
cioè nel v e nel vi secolo; e altri simili documenti agiografici. 

Il Gerolimiano non contiene solo commemorazioni di martiri 
(le depositiones o i natales martyrum, per parlare il linguaggio del 
tempo), ma anche anniversari di vescovi diocesani defunti (le depo- 
sitiones episGopormn). Leggendo il celebre documento, spesso non 
è chiaro se si tratti di una depositio martyris o di una depo- 
sitio episcopi, cioè della conimemorazione di un martire, o dell'an- 
niversario di chi forse non lo fu: perchè talora il Martirologio non 
distingue tra l'una e l'altra. Contiene pure al 14 aprile un Cyriacus 
e al 14 agosto un Eusehius, fondatori di due titoli presbiterali di 
Eoma {conditores tituli), né martiri né vescovi. 

Eicorda sotto il nome di una città o di una provincia, tanto 
i martiri propri di quel luogo, quanto i martiri alieni, in esso ce- 
lebrati e festeggiati ; e li registra ordinariamente con le medesime 
parole. Per esempio, pone sotto Eoma, con la stessa nota : Romae N. 
o Romae natale N., tanto le commemorazioni dei martiri propri 
(Agnese, Cecilia, ec.) quanto quelle dei martiri alieni (Cipriano di 
Cartagine, Antimo di Nicomedia, ec). Quindi varie volte nasce 
dubbio se si tratti di martiri locali o di martiri stranieri. Dal punto 
di vista liturgico è indifterente che il martire sia creduto dai de- 
voti, giustamente o no, nato o morto nel paese; perchè i martiri 
della Chiesa hanno diritto di essere venerati di culto pubblico da- 

3 



34 LE DIOCESI d' ITALIA 

pei'tutto. Ma dal punto di vista storico, come ognuno comprende, 
interessa sommamente lo stabilire se un martire, festeggiato in 
una regione, ivi sia caduto oppure altrove. 

Talora annovera certi giorni in cui alcune chiese furono dedi- 
cate in onore di martiri estranei, o in cui dal di fuori ve ne fu- 
rono portate le reliquie ; ma mentre alle volte parla chiaramente 
ed esplicitamente di dedicazioni di chiese e di ingressus reliquiarum 
(come allora dicevasi, per esempio al 27 aprile, al 9 maggio e al 
27 novembre), altre volte (come al 9 e al 16 luglio, al 7 agosto, 
al 25 dicembre) adopera le stesse forme usate per i martiri locali 
(per esempio: Mediolani o Aquileiae N., mentre intende parlare di 
martiri alieni trasferiti in Milano o in Aquileia). 

I codici principali della redazione gallica sono : Vepternacense, 
che risale agli anni 702-706, il bernense scritto nel 766, il wissem- 
burgense del 772, il laureshaniense del secolo viii-ix, il richenoviense 
del IX. I primi tre furono pubblicati l'uno di fronte all'altro in 
colonne nell'edizione degli Ada Sancforum. 

Tutti gli esemplari conservati derivano da un unico esemplare 
e si dividono in due famiglie ; la prima è rappresentata daìVEpter- 
nacensis e da alcuni Breviaria ed estratti, tra i quali occupa il 
primo posto il Dublinensis pubblicato dal p. Delehaye negli Ana- 
lecta Bollandiana del 1913, il codice latino 15818 della biblioteca 
di Monaco, dato in luce dal p. Quentin ; la seconda abbraccia il 
Bernensis, il Laureshamensis, il Corbeiensis, il Wissembtirgensis e 
tutti gli altri manoscritti. 

Ognuno può constatare coi suoi occhi in quale stato miserando 
il Gerolimiano si trovi. Mi contenterò di alcuni accenni: 

a) Alle volte i nomi di desinenza maschile compaiono nella 
femminile o viceversa ; alle volte i nomi in singolare si leggono in 
plurale o al contrario; e i nomi dì città, di province, diventano 
nomi d'uomini (per esempio Sebaste d'Armenia nel 9 marzo diventa 
Sebastianus), e quelli di consoli romani e d' imperatori,*^ nomi di 
santi (19 giugno). E personaggi polinomi si reduplicano in tanti 
individui quanti sono i loro nomi e i loro titoli ; per esempio al 14 
aprile Marcia Decima Cornelia conditor HtuU si trasforma in cinque 
persone, cioè Marcia, Decima, Cornelia, Conditor e Titulus. 



INTROtoUZIONB 



35 



b) Non di rado lo stesso martire appare due o più volte nello 
stesso giorno (cf. il 14 febbraio e il 14 giugno); oppure in due o 
più giorni, ora contigui (v. 25-26 gennaio), ora lontani (v. al 24-27 
agosto), ora nello stesso giorno di due mesi differenti (per esempio 
19 settembre-19 ottobre e 14 febbraio-14 aprile); e questo martire 
duplicato, alle volte compare accompagnato dalle sue note o ru- 
bricbe topografiche (vale a dire del nome della sua città o pro- 
vincia), alle volte senza di esse, alle volte con un semplice item- o 
alibi, o col puro nome soltanto. 

e) Non raramente il nome della città, della provincia, del 
luogo compare (come al 18 luglio) senza il martire proprio, in un 
giorno o antecedente o susseguente il dies natalis (Ji lui. 

d) La divisione tra giorno e giorno non sempre è osservata. 

e) Il nome di un martire varie volte si tira dietro gli omo- 
nimi, oppure i martiri del medesimo luogo, della stessa provincia o 
regione, quantunque commemorati in giorni differenti. Per esempio, 
quando un martire africano compare in qualche latercolo, altri 
martiri del continente nero irrompono a torme in quello stesso 
giorno, benché fossero celebrati in diversi giorni e luoghi delle pro- 
vince africane. 

f) Finalmente nello stesso latercolo spesso gli elogi sono 
commisti e mescolati insieme, perchè i santi di un luogo s'intro- 
ducono e s' infiltrano sotto indicazioni topografiche non proprie. 
Per esempio nel 29 gennaio un martire di Perugia è passato sotto 
l'Africa, e i martiri africani sono stati attribuiti a Perugia. 

Talora questi errori sono nati da letture false di nomi o di 
cifre ; per esempio Sicilia per Cilicia, Ravennae per Romae, V Kal. 
iunii per V Kal. ianuarii. Talora (29 gennaio) si è letto di seguito 
ciò che era scritto in colonna. Altre volte gli strafalcioni sono nati 
da false decifrazioni : ad esempio mil = milliario, si è spiegato mi- 
lites; Gap. = Cappadocia, si è spiegato Capua; Donai. = Donatns, Do- 
nala, ec. Talora gli amanuensi si credettero lecito d' introdurre nel 
testo notizie trovate qua e là fuori del martirologio, oppure note 
originali, o interlineari, dì diversa natura e di diversa mano. Ma 
spesso riesce diffìcile trovare l'origine dello sbaglio. 

E quindi opera molto ardua il ristabilire l'antica e genuina 



36 Le oiocesi d' italia 

lezione del Gerolimiano. Il Duchesne e il de Eossi hanno ripro- 
dotti i tre codici principali come si trovano, rinunziando al tenta- 
tivo di dare una ricostruzione critica del Gerolimiano. Ne sono 
stati rimproverati dal Krusch, ma forse il censore non si è mai 
provato di sgarbugliare quell'intricatissima matassa. Noi attendiamo 
con fiducia l'edizione critica del Martirologio Gerolimiano che ci 
viene promessa nel volume quinto di novembre degli Ada San- 
dorum. E necessario ricostruire il fondo del martirologio anteriore 
al 592, e stabilire le parti aggiunte dopo. 

I grandi martirologi del secolo vili e ix, detti storici, cioè 
quelli di Beda, di Eabano Mauro, di Floro di Lione, di Adone di 
Vienna, ec, mentre derivano in buona parte dal Gerolimiano, non 
offrono quasi alcun giov.amento per la ricostruzione del testo pri- 
mitivo, perchè dipendono dai codici surricordati o da altri simil- 
mente corrotti e inquinati (cf. Quentin, Les martyrologes Mstori- 
ques, Parigi, 1908, passim). 

E quando pure si riesca a restituire la vera lezione della 
località del santo e della data genuina dell'anniversario, alle volte, 
come sì è già osservato, si rimane perplessi su la natura dell'elogio, 
vale a dire si può dubitare se si tratti di una depositio ìnartyris 
o di una depositio episcopi; oppure del natalis di un martire pro- 
prio, di un estraneo, o di un ingressus reliquiarimi ; ovvero se l'e- 
logio appartenga alla primitiva redazione, o costituisca una giunta 
posteriore; o finalmente se provenga da un calendario locale, op- 
pure da un'opera puramente letteraria. Oonchiudeudo : il Geroli- 
miano è un documento preziosissimo per le nostre ricerche, ma non 
può essere adoperato se non da un operaio della critica storica 
molto abile. 

II Gerolimiano però non registra tutti i martiri italiani. Per 
esempio: non ricorda le vittime della persecuzione neroniana (64- 
QS) in Eoma, eccetto gli apostoli Pietro e Paolo che congiunge 
insieme al 29 giugno, non si conosce bene il perchè ; tace di Flavio 
Clemente, delle due Domitille e di Acilio Glabrione, caduti sotto 
Domiziano (81-96), e dei martiri romani del ii secolo, per esempio, 
di papa Telesforo (f 136?), di Tolomeo e Lucio (19 ottobre), di 
Giustino il filosofo e de' suoi compagni (f 163-7), e di Apollonio 



INTRODUZIONE 37 

senatore sotto Oommodo (f 180-192). Tra i più antichi martiri ro- 
mani annovera papa Callisto (f 222) e papa Ponziano e Ippolito 
(f 235) ; ne tutti quelli del iii e del iv secolo. Manca il prete Mosè 
della persecuzione di Valeriane (253-259), e non vi si legge il giorno 
della morte di papa Cornelio (giugno 253). Né vi si trovano Pro- 
colo di Bologna, accertato da scrittori ecclesiastici del iv e del v 
secolo, ed Eutichio di Ferentum, ricordato da Gregorio Magno. 
Quindi non è lecito escludere dal catalogo dei martiri italiani qual- 
che nome, che risulti da altre fonti, unicamente perchè il Geroli- 
miano non lo nota. Forse la ragione di queste lacune deve riporsi 
nel fatto che non solo il compilatore del Gerolimiano non ebbe a 
sua disposizione tutti i calendari delle chiese d' Italia, ma le stesse 
chiese nei tempi antichissimi non tennero un registro esatto dei 
loro martiri o confessori della fede. Perchè, se è vero che le chiese 
di Oriente e dell'Africa solevano tenere memoria (sebbene non così 
regolarmente come alcuno potrebbe credere) dei fedeli morti per 
la fede, da ciò non è lecito (per quanto possa sembrare a noi ovvio 
e naturale) conchiudere che lo stesso avvenisse e in eguale misura 
si praticasse nella chiesa di Eoma e in quelle d'Italia. 

14. L'Italia possiede in lingua greca pochissime narrazioni con- 
temporanee (sogliono chiamarsi Ada) della cattura e dell'ultimo sup- 
plizio dei propri martiri; gli Atti di s. Giustino e compagni e quelli di 
s. Apollonio {BHG, 973 e 149); in lingua latina nessuno. Il p. Grossi- 
Gondi {Principii e problemi di critica agiografica, Eoma, 1919, p. 86) 
fa eccezione per gli Ada Euplil {BHL, 2728), diacono di Catania 
ucciso il 12 agosto del 303 o del 304; ma se essi esistettero, le re- 
dazioni che noi ne possediamo sono tutte pili o meno rimaneggiate. 

La scarsezza degli Atti suole attribuirsi a varie ragioni (cf. Du- 
FOUROQ, Ades de martyrs grecs et latins, nel « Dictionnaire d' hi- 
stoire et de géographie ecclésiastique », t, I, coli. 404-405; Hae- 
NACK, in « Sitzungsberichte der Kònigl. Preussischen Akademie 
der Wisvsenschaften zu Berlin », an. 1910, pp. 106 segg.). 

Le molte narrazioni sulla cattura, passione e morte dei mar- 
tiri di Eoma e d' Italia, che si leggono le cento volte, e spesso in 
differenti versioni, nei Lezionarì del medioevo, non rimontano al 
tempo delle persecuzioni. Una piccola parte delle Passioni romane 



38 LE DIOCESI d' ITALIA 

e italiane si fanno risalire alla metà incirca del secolo v o alla 
seconda metà di questo ; la maggior parte viene collocata tra il v 
e il VI secolo. Non poche furono scritte di poi ; e un certo numero 
è posteriore allo stesso xi secolo. 

Sull'età delle Passioni romane cf.: Belehaye, V Amphitéàtre 
Flavien et ses environs dans les aources hagiographiques, in « Ana- 
lecta Bollandiana », an. 1897, pp. 209-252; Pio Franchi de' Ca- 
valieri, S. Agnese nella tradizione e nella leggenda, Eoma, 1899; 
Nuove note agiografiche, 1902; HagìograpMca, 1908; Note agiogra- 
fichcy fase. 3, 4 e 5, an. 1909, 1912 e 1915, in Studi e Testi; Du- 
FOURCQ, Elude sur les « Gesta martyrum » romains, I, Parigi, 1900 ; 
Grisar, Histoire de Rome, I, pp. 285-296; Duohesne, Les légendes 
de l'Aita Semita, in « Mélanges d'archeologie et d' histoire », an. 
1916, pp. 27 e segg. ; Morin, Etudes, textes, découvertes, I, Abbaye 
de Maredsous, 1913, pp. 45-46, Arnobe lejeune; Delehaye, Les Pas- 
sions des martyrs et les genres littéraires, Bruxelles, 1921, pp. '311-314. 

Su le Passioni dell'Alta Italia cf. : Savio, Scritti vari per il 15° 
centenario di s. Ambrogio, Milano, 1897; Due lettere falsamente at- 
tribuite a s. Ambrogio, nel « Nuovo Bull, d'arch. crist. », a. 1897, 
pp. 153-177; Il culto di s. Vittore a Ravenna, iv., a. 1901, pp. 185 
e s'eg. ; La legende des ss. Faustin et J ovile, e La legende de ss. Fi- 
dale, Alexandre, Carpophore et autres martyrs, in « Analecta Boi- 
land. », ann. 1896, 1902; I santi martiri di Milano, in « Bivista di 
scienze storiche », an. 1906; Zattoni, La data della « Passio S. Apol- 
linaris » di Ravenna, in « Atti della r. Accademia reale delle scienze 
di Torino », an.- 1904 ; Il valore storico della « Passio » di S. Apolli- 
nare, in « Eivista storico-critica delle scienze teologiche », a. 1905, 
pp. 661-677; a. 1906, pp. 179-200; 677-691. 

Su le Passioni dell'Alta, Media e Bassa Italia cf.: Dufouroq, 
Etude sur les « Gesta martyrum » romains, II e III, Parigi, 1907. 

Appartengono probabilmente al v secolo le Passioni seguenti : 

nell'A.lta Italia: 

Nazario e Celso {BHL, 3039) — Gervasio, Protasio, Vitale, Ursicino 
(iv., 3514) — Canzio, Canziano e Canzianilla (1545-7) — Nabore 
e Felice (6028) — Vittore (8580) — Felice e Fortunato (2860); 



INTRODUZIONE 39 

nell'Italia Media: 

Anastasia (iv. 1795) — Nereo e Achilleo (6058) — Eugenia (2666; 
6975) — Cecilia (1495) — Crisanto e Daria (1787) — Calocero, 
Parlenio, Vittoria e Anatolia (418, 1534, 8591) — Pudenziana 
(6988-91; 6920) — Sebastiano (7543) — Rufina e Seconda 
(7359) — Agnese (156) — Sinforosa (7971) — Felicita (2853) — 
Secondiano (7550); 

e nell'Italia Inferiore: 
Agata (iv., 133). 

Parecchie altre Passioni di Eoma, del Lazio, dell' Etruria, del- 
l' Umbria e della Campania possono collocarsi tra lo scorcio del v 
e il principio del vi secolo: 

di Eoma: 

Lorenzo (iv., 4753, 6884, 7801) — Stefano (7845) — Restituto (7197) 

— Mario (5543) — Eusebio e Ponziano (2742) — Processo e 
Martiniano (6947) — Callisto (1523) — Gordiano ed Epimaco 
(3612) — Primo e Feliciàno (6922) — Sabina e Serapia (7586) 

— Marcello (5234) — Pietro e Marcellino (5230); 

dell' Umbria : 

Concordio (iv., 1906) — Ponziano (6891) — Gregorio (3677) — 
Abondio e Carpoforo (1620; intendo il solo racconto del iijiar- 
tirio dei due, non tutta la leggenda, cosidetta dei XII Siri, 
di cui esso fa parte). 

dell' Etruria: 

Laurentino e Pergentino (iv., 6632) ; 

Discendono al secolo vii: 

Senzia di Blera (iv-, 7581) — Vito di Lucania (8711-2) — Lucia e 
Geminiano di Sicilia (4985-99); 

al secolo viii: 

Fides, Spes, Charifas di Eoma (iv., 2966); 



40 LE DIOCESI d' ITALIA 

air viii-ix : 

Fausfinus e Jovita di Brescia (iv., 2836, 7562-5); 

e anche più giù: 

Archelaa di Salerno (iv., 660) — Crescenfianus di Città di Castello 
(1987-8) ec. ec. 

Quest'immensa produzione è opera d'anonimi. Una sola Pas- 
sione romana del vi secolo, quella di s. Bibiana e soci {BHL, 1322- 
1323), sembra manifestare il nome dell'autore; essa finisce con 
queste parole: « Termina la Passione della santa martire Bibiana 
scritta (e composta?) da Donato suddiacono regionario della Santa 
Sede Apostolica ». Si tratterebbe di un ecclesiastico addetto a una 
delle regioni in cui la Chiesa di Eoma nel secolo vi era divisa. 

Se certi commentari sui Salmi, pubblicati dal Migne (P. L., 
LUI, 327, 570), appartengono veramente ad Arnobio giuniore, come 
il Morin crede, questo autore ecclesiastico della seconda metà del 
V secolo sarebbe, a sua stessa testimonianza, l'autore dì alcune 
Passioni, poiché egli scrive (o. e, 471) di se medesimo: « Scripsi- 
mus Passiones eorum (martyrum) in generationes alteras ». E per- 
chè le opere attribuite e aggiudicate ad Arnobio dallo stesso Morki 
hanno evidenti analogie di lingua e di stile con le Passioni di 
Anastasia, di Sebastiano, di Cecilia, di Agnese e di altre registrate 
di sopra, in primo luogo, potrebbe congetturarsi che Arnobio ne 
fosse l'autore o, almeno, che i loro autori s' ispirassero agli scritti 
di Arnobio (cf. Franchi de Cavalieri, in Studi e Testi^ n. 27, 
pp. 24-6 in nota). 

Il Dufourcq (o. e, II, 72-112), per mezzo di confronti inge- 
gnosi, ha creduto poter conchiudere che le Gesta Sebastiani furono 
composte da Salviano, quelle di Ponzio da Valeriane di Cimiez, e 
finalmente la Passione di Celso e Nazario da Eusebio, vescovo di 
Milano. Ma siftatte conclusioni, dedotte da confronti di lingua, di 
stile e di pensiero tra le Gesta e gli autori ecclesiastici del secolo 
v-vi, forse non sono molto solide ; perchè gli scrittori di un tempo 
determinato e di un genere speciale sogliono presentare tra loro 
molti punti di contatto. È da osservarsi che parecchi autori eccle- 



INTRODUZIONE . 41 

siastici del v e del vi secolo uscirono dalle stesse scuole retoriche 
dei nostri anonimi; e quindi non fa meraviglia che gli uni e gli 
altri abbiano dei lineamenti comuni. E quanto non si assomigliano 
tra loro, per esempio, certi scrittori puristi o classicisti italiani della 
prima metà del secolo xix? Indubbiamente le Gesta di Cecilia, di 
Sebastiano, di Nereo e Achilleo, di Eugenia e di Anastasia per la 
lingua, per lo stile e per i concetti espressi sono somigliantissime 
tra lóro. 

E ovvio pensare che la maggior parte di. queste Passioni siano 
opera di ecclesiastici o di monaci, poiché cotali documenti fanno 
larghissimo uso dei libri della Bibbia e di formole liturgiche, anzi, 
più o meno, si presentano come centoni di vocaboli e di frasi tolte 
dalla Bibbia, vale a dire di libri e di formole che erano special- 
mente alle mani degli ecclesiastici e dei monaci. 

Gli stessi autori di questi scritti diedero ai loro componimenti 
il titolo di Gesta o Passiones. 

15. Meritano esse fede storica? 

Dalla lettura di tali componimenti appare evidentemente che i 
loro autori ignorarono la vera storia politica e civile dei primi se- 
coli dell'Impero e della storia ecclesiastica di quei tempi. Essi 
introdussero nel i, nel ii e nel iii secolo, e nel principio del iv 
della nostra èra, istituti civili, politici e religiosi che vennero in 
uso più tardi; posero in bocca ai martiri formole teologiche, co- 
minciate dopo Nicea e dopo Oalcedonia e anchei nei secoli seguenti ; 
imprestarono ai cristiani dei primissimi tempi idee e sentimenti 
allora ignoti, che prevalsero dopo la caduta dell'idolatria e dopo 
la conversione dell' impero romano al cristianesimo ; confusero tra 
loro personaggi e fatti diversi, e caddero in errori enormi di storia 
e di cronologia. Essi interpretarono falsamente, o molto arbitraria- 
mente, monumenti e iscrizioni antiche pervenute fino a noi. 

I racconti delle Gesta o Passiones presentano in generale la 
massima inverosimiglianza. I persecutori sono tutti sanguinari, fu- 
ribondi e implacabili, veri mostri; e nello stesso tempo uomini di 
una stupidità e dabbenaggine inverosimile, che attribuiscono ad 
arti magiche i miracoli più evidenti compiuti sotto i loro occhi. 
Tra i perseguitati non s'incontrano quasi mai né deboli, né vili, 



42 LE DIOCESI d' ITALIA 

né apostati, ma tutti forti. E ricorrono infinite conversioni di pa- 
gani, tutte repentine, fulminee, senza preparazione, e di gente quasi 
sempre interessata, che s' induce a battezzarsi perchè fu guarita 
dalle sue infermità, o perchè spera di liberarsene col santo lavacro. 
Miracoli strepitosi, di primo ordine, si ripetono ininterrottamente, 
l'uno maggiore e più sorprendente dell'altro. 

Parecchie Passioni romane e italiane contengono un'esalta- 
zione, spesso esagerata, della verginità e una depressione, senza 
dubbio eccessiva, dello stato matrimoniale. Gli autori di queste 
Gesta ordinariamente fanno passare i martiri d'ambo i sessi per 
vergini, per vergini legati da voto; le donne spessissimo per ver- 
gini donzelle che subirono il martirio non solo per non rinunziare 
a Cristo, ma anche per aver rifiutato di sposare nobilissimi giovani; 
traducono i martiri appaiati per giovani sposi che vissero in per- 
fetta verginità ; le martiri per spose che si finsero malate per non 
sottostare agli uffici matrimoniali e i compagni delle martiri per 
eunuchi, o pedagoghi, che insegnarono alle loro custodite, insieme 
con la fede cristiana, l'abborrimento allo stato coniugale. Nelle 
nostre Gesta il turpe tentativo di corrompere le vergini cristiane 
è sempre sventato e frustrato da un intervento straordinario del 
cielo; e gli svergognati che osano avvicinarsi alle spose di Cristo 
sono puniti coi castighi più terribili, o gabbati nella più comica 
maniera. Tipiche a questo riguardo le Passioni di s. Cecilia, dei 
ss. Proto e Giacinto, dei ss. Nereo e Achilleo, di s. Anastasia, delle 
ss. Eufina e Seconda, dei ss. Crisanto e Daria, dei ss. Calocero, 
Partenio, Anatolia e Vittoria ec. 

Tutti sappiamo che l'Evangelo e s. Paolo hanno innalzato lo 
stato verginale sopra la vita coniugale, e i primi cristiani s'at- 
tennero fedelmente a questa dottrina. Anzi alcuni di loro, caduti 
in eresia, osarono di maledire le nozze e di proclamarle come in- 
venzione diabolica. Ma è pure indubitato che nei primi tre secoli 
cristiani la verginità non fu praticata tra i fedeli dei due sessi 
così largamente come le Gesta suppongono, né in quel tempo erano 
comuni e prevalevano tra i cristiani intorno alla verginità le idee 
e i sentimenti espressi dai documenti di cui ci occupiamo. E, in 
particolare, quando le Gesta di Crisanto e di Daria, e simili, ci 



INTRODUZIONE 43 

rappresentano cristiani in massa abbracciare entusiasticamente la 
vita virginea fino ad impensierirsene i pubblici poteri, esse non ci 
riproducono fatti avvenuti nel i, nel ii e nel iii secolo, ma ci de- 
scrivono uno stato di cose assai posteriore, "cioè quando nella se- 
coqda metà del iv, nel v e nel vi secolo le comunità monastiche 
dell'Egitto- e della Siria si moltiplicarono in modo da allarmare le 
autorità dell' impero. 

Un episodio, caro ai nostri autori, rimuginato le cento volte, 
è quello del martire, che guarisce la figlia, o il figlio, o la moglie 
dì un pagano, malati gravemente da molto tempo, e con questo 
prodigio converte, e riesce a battezzare, o a far battezzare, cresi- 
mare e comunicare solennemente i genitori, e tutta la famiglia, e 
quelli di casa, maschi e femmine, liberti e schiavi, in numero con- 
siderevole, alle volte venti, trenta, quaranta e più persone. Questo 
fatto non potè essere molto frequente nel tempo delle persecuzioni, 
ma nel iv e nel v secolo dovette accadere spesso, e ne abbiamo 
esempì nella storia. E forse avvenne dietro qualche inaspettata' e 
improvvisa guarigione ottenuta appunto per l'intercessione dei mar- 
tiri, e consigliata e suggerita ai pagani da qualche pio, o pia cri- 
stiana, che avranno indotto i gentili a sperimentare se i loro martiri 
fossero più potenti medici dei due Dioscuri o di Esculapio. Le. 
Gesta si riportano a questi tempi posteriori alle persecuzioni. 

I nostri anonimi introducono nei loro racconti con la massima 
frequenza narrazioni di templi che rovinano, di statue che preci- 
pitano, a un cenno, a una parola, a un soffio dei martiri; di pre- 
sidi, di prefetti, di giudici, di notai, di carnefici e di spettatori 
pagani, che ai discorsi e ai prodigi dei martiri, inneggianti alla 
fede cristiana e al trionfo del cristianesimo, di colpo si convertono 
a Cristo, e diventano in un attimo e confessori e martiri anch'essi, 
a centinaia, a migliaia, uomini e donne, vecchi e bambini in massa. 
Ora tutti ammetteranno ben volentieri che nei primi tre secoli della 
nostra èra la morte eroica dei martiri facesse un' impressione pro- 
fonda nell'animo dei pagani, e ne inducesse molti ad accostarsi 
alla vera fede; la storia ce ne assicura. Ma il quadro descritto 
dalle nostre Passioni nel suo complesso non è storico; esso rispec- 
chia evidentemente le situazioni storiche non dei primi tre secoli. 



44 LE DIOCESI d' ITALIA 

ma del quarto inoltrato, del quinto e del sesto, quando cioè il po- 
polo di Eoma e d'Italia era già nella grandissima maggioranza 
diventato cristiano, e imperatori e imperatrici, presidi di province, 
prefetti di città e senatori, insomma i persecutori di una volta, 
avevano abbracciato la religione delle loro vittime, e si prostra- 
vano davanti al loro Dio, ed erigevano chiese in onore dei martiri, 
e ai loro altari offrivano doni; quando gli antichi sacrifizi, i de- 
lubri, i simulacri, che i martiri avevano rifiutato e disprezzato, e 
qualche volta sputacchiato e gettato a terra, venivano aboliti e 
rimossi per ordine della stessa autorità imperiale. Solo nei secoli 
IV, V e VI i cristiani compresero che la loro fede aveva riportato 
una grande, dai più inaspettata e insperata, e definitiva vittoria, 
e questa nuova èra di libertà, di pace e di gloria si era conqui- 
stata per mezzo del sacrifizio e del sangue dei martiri. 

Le nostre Passioni adunque non riproducono la storia e l'am- 
biente storico dei primi tre secoli e del tempo delle persecuzioni. 

Ma la questione più importante è questa : e donde i loro autori 
hanno desunto la materia delle loro narrazioni? Si noti bene che 
quei racconti sono minuziosi all'eccesso; nulla vogliono ignorare, 
e pretendono di conoscere tutto, assolutamente tutto, cioè i nomi 
degli imperatori, dei magistrati, i nomi e il numero delle guardie, 
dei carcerieri, dei carnefici, dei compagni, degli spettatori, dei con- 
vertiti, dei seppellitori, e tutti i particolari più piccoli della cat- 
tura, del processo, dei tormenti subiti e del supplizio, e i prolissi 
discorsi e le lunghissime preghiere dei martiri e gl'interminabili 
dialoghi tra i martiri e i giudici ec. Donde hanno desunto cosi 
ricco materiale di nomi, di numeri, di^ episodi, di circostanze di 
fatti e di dati cronologici gli autori delle più che dugencinquanta 
Passioni di martiri italiani? 

Non pochi critici, fino al secolo passato, pensarono che i nostri 
anonimi, specie i più antichi, vale a dire quelli del vi secolo o 
della seconda metà del v, si fossero giovati di Atti antichi genuini 
poi scomparsi : quantunque ammettessero che essi li avessero rima- 
neggiati, interpolati, impinguati o guasti. Con questo preconcetto 
i critici sopra nominati furono soliti stralciare dalle Passioni i passi 
narranti cose impossibili o inverosimili, come passi aggiunti o in- 



INTRODUZIONE 45 

ventati o corrotti dai manipolatori degli antichi Atti supposti, e 
conservare come sinceri e genuini i passi, che, secondo il loro av- 
viso, corrispondevano a situazioni storiche accertate, o non appa- 
rivano inverosimili. 

Ma questa teoria peccava per molti capi. Prima di tutto, se 
fosse lecito togliere a piacimento dalle antiche narrazioni tutto ciò 
che non piace o non sembra corrispondere a verità, forse nessuria 
narrazione, per quanto bugiarda, non potrebbe non aggiustarsi e 
giustificarsi e passare per fede-degna. E se qualunque antico rac- 
conto, in alcuni punti conforme a situazioni storiche e a notizie 
sicure, dovesse riguardarsi come veridico, molte novelle e molti 
romanzi potrebbero annoverarsi tra i documenti storici veri e propri. 
Ma il fondamento di quel sistema era errato, cioè il supposto che 
nel secolo v,' e più oltre, fossero esistiti Atti di martiri, corrispon- 
denti a ciascuna o almeno a molte delle più antiche Gesta o Pas- 
sioni. Non voglio essere frainteso. Esistono senza dubbio Atti di 
martiri composti nel ii, nel iii o nel iv secolo, che in età poste- 
riori, da scrittori ignoranti e retorici, o da falsari, furono parafra- 
sati, amplificati e contraffatti. E oggi, confrontando questi Atti, 
pervenuti fino a noi, coi successivi travestimenti, è lecito costa- 
tare in quale orribile maniera quei venerabili documenti furono 
trattati. Ma da questi casi particolari accertati non era lecito con- 
chìudere che le Gesta o Passioni del v e dei secoli seguenti, per- 
venute in sì gran copia fino a noi, fossero sempre, o quasi sempre, 
manipolazioni e raffazzonamenti di testi antichi e contemporanei 
delle persecuzioni. 

Questa ipotesi dell'esistenza di molti Atti di martiri italiani 
sin dal tempo delle persecuzioni non ha alcun appoggio nei docu- 
menti, anzi da essi viene esclusa. 

Prima di tutto, se questi Atti fossero esistiti, bisognerebbe 
spiegare come sieno tutti o quasi tutti scomparsi. Perchè per quanto 
i medievali, amanti della retorica e dell'artifizio, abbiano preferito 
agli Atti scritti con parsimonia e con semplicità il genere libero 
e fantastico delle Gesta o Passioni, sarebbe abbastanza strano che 
di tanta asserita ricchezza di Atti non ne fossero rimasti che due 
o tre al massimo. 



46 LE DIOCESI d' ITALIA 

In secondo luogo, gli scrittori ecclesiastici del iv e del v se- 
colo non dimostrano di aver avuto cognizione alcuna di questi Atti. 
Essi non dicono mai che in Italia durante le sacre adunanze si 
leggessero, come altrove. Atti di martiri. Ad esempio s. Agostino 
(MiGNE, P. L., XXXVIII, 1297) narra bensì di aver fatto leggere 
nella sua chiesa le narrazioni scritte delle grazie ricevute dai fe- 
dali per intercessione dei nostri martiri Gervasio e Protasio: « de 
libellis rairaculorum martyrum quae in conspectu vestro leguntur »; 
dice (iv., LVII, 701-2) che nel giorno della festa di s. Lorenzo 
martire romano le lediones dell'ufficio ecclesiastico di Ippona, de- 
sunte dalla Sacra Scrittura, si conformavano alla solennità cor- 
rente : ma non parla mai di lettura di Atti, o Gesta, o Passione 
del famoso diacono, o di altri martiri romani e italiani. Due scrit- 
tori soltanto, per quanto io so, accennano a documenti scritti; 
l'uno è s. Massimo, vescovo di Torino, vissuto tra la fine del iv e 
il principio del v secolo, nel sermone ih lode dei tre martiri Oan- 
ziani di Aquileia, se pure il sermone a lui appartiene ; e l'altro è 
Prudenzio, vissuto circa nelle stesso tempo, nel carme elogiastico 
di s. Oassiano di Forumcornelii (Imola). Il primo, raccontando che 
i tre martiri aquileiesi, scoppiata la persecuzione, montarono in 
cocchio per mettersi in salvo, ma, rottasi una ruota, furono rag- 
giunti, presi e condotti al supplizio, riferisce di aver tolto questo 
racconto da un documento scritto « refert autem de beatis historia 
quod » ec. (iv., LX, 432). Il secondo narra di aver visto in Imola 
presso il sepolcro del martire una pittura rappresentante il suo 
crudele supplizio, e di aver udito d?L\VaedUuus : 

Jiistoriam pictuia refert quae tradita lihris 

veram vetusti temporis monstrat fidem (iv., LX, 432). 

Ma se la chiesa d'Imola nel secolo iv-v possedeva gli Atti del 
suo martire illustre, come Vaedituus affermò al poeta spagnolo, bi- 
sogna dire non ne facesse gran conto, perchè durante l'alto me- 
dioevo gli imolesi usarono di leggere una povera riduzione in prosa 
del carme prudenziano {BHL, 1626). 

Se nel iv e nel v secolo le chiese d'Italia avessero posseduto 
nei loro archivi e nelle loro biblioteche gli Atti dei martiri, i ve- 



INTUODOZIONE 47 

scovi e i fedeli certo non avrebbero' condannato quei venerabili 
scritti a dormire sotto la polvere; e ne avrebbero fatto loro delizia; 
e gli scrittori ecclesiastici nei panegirici dei martiri, e in genere 
nei loro scritti ne avrebbero usufruito fornendoci particolari ab- 
bondanti su la cattura, sul processo e su la morte dei santi. Al 
contrario i nostri scrittori dispongono di notizie molto digiune e 
molto vaghe; non dicono mai in quale anno, o sotto quale impe? 
ratore i martiri sieno caduti ; non ricordano mai i magistrati delle 
province e delle città che li condannarono; e su le circostanze 
della cattura, del processo e supplizio rivelano una conoscenza 
estremamente scarsa. S. Massimo di Torino, nel sermone (iv., LVII, 
427) in lode dei ss. Ottavio e compagni, narra che essi morirono 
nella sua città e ivi erano sepolti : « qui in nostris domiciliis pro- 
prium sanguinem profuderunt... quorum reliquias possidemus »; non 
ha alcuna altra nota di fatto. S. Ambrogio di Milano (iv., XV, 
1836) e s. Pier Orisologo di Eavenna (iv., LII, 552) ci dicono po- 
chissime cose e molto indeterminate, l'uno sui ss. Nabore, Felice 
e Vittore e l'altro su s. Apollinare. E vero che nel iv e nel v se- 
colo, gli autori di elogi e di panegirici, seguaci fedelissimi dei me- 
todi retorici allora vigenti, abborrivano dall'accennare alle proprie 
fonti e dal riprodurre note cronologiche esatte, tuttavia l'estrema 
povertà delle loro notizie non cessa di essere molto significativa. 
In quanto ai martiri romani, s. Ambrogio, nel capo 2 del li- 
bro I De virginibus (iv., XVI, 190), manifesta una conoscenza molto 
scarsa e molto dubbia su la celebre s. Agnese; non racconta al- 
cunché di positivo intorno alla famiglia di lei, sull'epoca della sua 
passione e su le circostanze della sua morte, e, quel che è piti, 
sembra in aperta contradizione con quanto narrano papa Damaso 
(Ihm, Damasi epigrammata, n. 40) e Prudenzio (Migne, P. L., LX, 
380) sulla stessa martire. Il Orisologo, facendo l'elogio di s. Feli- 
cita romana (o. c„ LII, 564), conosce semplicemente che fu madre 
di sette figli e morì dopo di loro. E noto come papa Damaso 
(366-84) componesse molti epigrammi in onore dei martiri romani 
e li facesse scolpire sui loro sepolcri. Quest'uomo devotissimo dei 
santi, e véscovo di Eoma, non poteva ignorare, se fossero esistiti, 
gli Atti dei martiri della sua città; ma egli ci sa dire assai poco 



48 LE DIOCESI d' ITALIA 

de' suoi elogiati. Non riferisce mai note cronologiche, mai nomi 
d' imperatori, di giudici ; una volta soltanto (Ihm, o. c, n. 46) ri- 
corda un « fremit Gratianus ut hostis », che pare il Gratianus prae- 
fedus urbi nel 290; ordinariamente è parcissimo di particolari e 
molte volte non ci dà alcuna notizia del santo, eccetto il nome e 
il martirio. Non è da credere che questo contegno del papa poeta 
proceda da un cotal quale disdegno scolastico verso i particolari sto- 
rici, perchè quando Damaso li conosce, li verseggia con compiacenza, 
come può vedersi nelle iscrizioni di Tarsicio, di Eutichio, e di Pietro 
e Marcellino (o. e, n. 14, 27, 29). Alle volte confessa ingenuamente 
d'ignorare il nome stesso dei santi, di cui scrive l'encomio: 

sanctorum... sepulcrum 

nomina nec numerum potuit retinere vetustas (o. e, n. 42 e 43). 

Prudenzio, parlando dei martiri romani, non dice di aver letto 
i loro Atti, ma di aver visto semplicemente i nomi dei santi incisi 
nei sepolcri o qualche epigramma, alludendo probabilmente a quelli 
di papa Damaso : « martyris aut nomen aut epigramma aliquod », 
e a proposito di s. Ippolito ricorda una pittura (Migne, P. L., LX, 
294, 407-13). 

I nostri scrittori del iv e del v secolo non solo non si appel- 
lano ad Atti o ad altri scritti, ma il più delle volte si attengono 
semplicemente alla tradizione orale. 

S. Ambrogio, facendo l'elogio (iv., XVI, 190) di s. Agnese, 
s'appoggia alla tradizione : « Haec (Agnes) duodecim annorum mar- 
tyrium fecisse traditur ». Prudenzio pure, cantando le glorie della 
medesima santa, (iv., LX, 581), non allega altra testimonianza che 
un si dice: « aiunt ». E papa Damaso comincia il suo notissimo 
epigramma su la giovinetta: « fama refert » (Ihm, o. c, n. 40). 
L'epigramma in lode di s. Ippolito (o. e, n. 37) comincia del pari : 
« Hyppolitus fertur », e finisce: « haec audita refert Damasus ». 
Altrove il pontefice dichiara d'aver imparato i particolari del sup- 
plizio dei ss. Pietro e Marcellino dal carnefice stesso dei due santi: 

Percussor retulit Damaso miliì cum puer essem (n. 29). 

Damaso (n. 32), Prudenzio (Migne, P. L., LX, 294), Massimo 
di Torino (iv., LVII, 407-13), Agostino (iv., XXXVIII, 1385-97), 



INTRODUZIONE 



49 



il Orisologo (iv., LII, 565) e papa Leone (iv., XVI, 434) fanno nei 
loro sermoni e nei loro carmi l'elogio di s. Lorenzo : essi conoscono 
la sua qualità di diacono o arcidiacono romano, l'incontro e il dia- 
logo con papa Sisto, martire, l'episodio dei poveri chiamati dal 
santo tesori della Chiesa, il celebre supplizio sulla graticola e il 
rimprovero del martire al tiranno ; ma non dicono mai di aver letto 
questi racconti negli Atti del santo, bensì di averli raccolti dalla 
tradizione. S. Massimo scrive : « ita narratur... non incerta relatione 
didicimus patrum nostrorum »; e s. Agostino: « sicut accepimus; 
sicut traditur; respondisse, fertur. . dicitur tolerasse; sicut soletis 
audire »: cioè come siete soliti di udire nel sermone che si recita 
nel giorno della Sua festa (iv., LXI, 855; XXXVIII, 1388, 1394-5). 

Nonostante il silenzio dei nostri scrittori su fonti scritte d'ogni 
genere, e nonostante, queste frequenti allusioni alla pura tradizione 
orale, il p. Delehaye {Les Passione des marlyrs, 312-13) ritiene che 
l' inno di Prudenzio sopra s. Lorenzo supponga necessariamente un 
documento scritto, e gli stessi epigrammi di papa Damaso, quan- 
tunque tanto oscuri e concisi, manifestino, specialmente quello sopra 
s. Eutichio, qualche indizio di letture. Immagino che il dotto bol- 
landista pensi qualche cosa di analogo su la lunga storia di s. Fe- 
lice di Nola (MiGNE, P. L., LXI, 462-676) messa in versi da Pao- 
lino. Ma il p. Delehaye, ben lungi dall'ammettere che questi scrittori 
si giovassero di Atti contemporanei, crede usassero fin dallo scorcio 
del IV secolo di alcune Passioni, o Gesta, scritte appunto sul tipo 
di quelle arrivate fino a noi. Certo è che in Oriente nell'ultimo 
quarto del iv secolo circolavano già Passioni e Gesta fantastiche 
e romanzesche, per esempio quella famosa di Cipriano e Giustina 
{BHG, 452, 457). 

Si voglia o no accettare l'opinione del dotto bollandista, aves- 
sero pure i suddetti scrittori in alcun caso particolare attinto a 
qualche fonte scritta, certo è ad ogni modo che Prudenzio non ha 
desunto quanto narra su s. Ippolito da documenti contemporanei 
e fededegni, ma da fonti fantastiche, come è stato dimostrato 
molte volte con la massima evidenza, e non tutti gli episodi, rife- 
riti dagli allegati scrittori sopra il martire Lorenzo, resistono alla 
sana critica (cf. Fkanohi, S. Lorenzo e il supplizio della graticola, 

4 



50 LE DIOCESI d' ITALIA 

in « Eom. Quartalsclir. », an. 1900, pp. 163-5, 175). E ciò che narra 
Paolino di s. Felice di Nola somiglia non poco alle nostre Passioni. 

Adunque l'esistenza nel iv e nel v secolo di molti Atti con- 
temporanei di martiri italiani è un supposto gratuito e contradetto 
dai fatti. 

A questo proposito gli antichi eruditi facevano un gran caso 
di una afifermazioue del Liber Pontificalis romano sulla pretesa esi- 
stenza di Atti di martiri in Koma fin dai primissimi tempi. Invero 
il Liber Pontificalis ripete tre volte, quasi con le stesse parole, che 
tre papi, cioè Clemente I (88-97), Antero (235-36) e Fabiano (236-50), 
diedero incarico a notai cristiani di raccogliere diligentemente e 
integralmente per ciascuna delle sette regioni di Eoma, le gesta 
dei martiri ejdi riporle negli scrini o negli archivi: Hic (Olemens) 
fecit VII regiones, dividit notariis fidelibus ecdesiae, qui gestas mar- 
iyrum sollicitae et curiosae, imusquisque per regionem suam, dili- 
genter perqiiireret (ed. Mommsen, p. 7) ; Hic (Anteros) gestas marty- 
rum et legentium diligenter a notariis ex^uisivit et in ecclesia recondit 
(iv., p. 26) ; Hic (Fabianus) regiones dividit diaconibus et fecit VII 
subdiaconos, qui VII notariis inminerent, ut gestas martyrum in 
integro fideliter colligerent (iv., p. 27). Un documento composto in- 
torno al principio del secolo vi, il cosidetto Constifutum Silvestri^ 
conferma del pari che i nofarii dovevano raccogliere le gesta dei 
martiri (cf. Duohesne, Le Liber Pontificalis, I, 123, n. 6). 

Ma oramai tutti i critici e i canonisti riconoscono che le or- 
dinanze e i decreti, che passano sotto il nome di Constitidum Silvestri 
(cioè di san Silvestro I), sono un falso fabbricato in Eoma per 
motivi che qui è inutile dire, ai tempi di papa Simmaco (498-514). 
Si è pure d'accordo nel riconoscere che il Liber Pontificalis riguardo 
alle notizie contenute nelle biografie anteriori a Silvestro I, mas- 
sime intorno alle famiglie e alle patrie di quei papi e ai decreti 
che essi avrebbero emanato, non è degno di fede. Osservasi in par- 
ticolare sui notai delle sette regioni ecclesiastiche di Eoma, che 
questa divisione esisteva senza dubbio nel vi secolo, ma non nel iii, 
molto meno nel primo secolo (cf. Duohesne, o. c, I, pp. O-OI e 
148, 161 ; Grisar, Hist. de Rome, I, pp, 281-5 ; Analecta Romana, I, 
1-25; Mommsen, Gesta pontif. rom., I, nell'Introduzione). Indicherò 



INTRODUZIONE 51 

in appresso forse la vera ragione che indusse gli autori del Con- 
stitutum Silvestri e del Liber Pontificalis a ideare l'esistenza di 
questi notai, raccoglitori uflSciali delle gesta dei martiri e incaricati 
di depositarle negli archivi delle regioni ecclesiastiche di Eoma; 
archivi affidati alla custodia dei chierici regionari. 

Ciò non vuol dire che nessuno degli scrittori anonimi delle 
Passioni dei martiri di Eoma e d' Italia del v e del vi secolo non 
abbia mai potuto in alcun caso giovarsi di documenti scritti auto- 
revoli. A priori nessuno potrebbe negarlo. Ma dopo quello che si 
è dimostrato, chi credesse di poterlo affermare, avrebbe obbligo di 
farne la dimostrazione caso per caso. Molto meno si vuol negare 
che i nostri anonimi si siano giovati di iscrizioni e di pitture esi- 
stenti presso le sepolture dei martiri o nelle chiese loro dedicate, 
oppure di calendari locali o di altri consimili documenti o monu- 
menti. Ciò che non è ammissibile è questo, che gli autori delle 
Gesta o delle Passioni italiane, dal y secolo in poi, o, se si vuole, 
dalla fine del iv, ogni qualvolta si accinsero a scrivere, abbiano 
potuto disporre di Atti scritti da contemporanei sulla incarcera- 
zione e sulle vicende del processo e del supplizio di coloro, intorno 
ai quali composero relazioni così abbondanti. Ootali Atti non fu- 
rono composti, o non esistettero se non in numero assai scarso. 

Donde adunque i nostri autori hanno cavato fuori tanta do- 
vizia d'informazioni? Porse dalla pura tradizione orale? 

Nulla di più ovvio che qualche volta abbiano attinto a tradi- 
zioni orali, e si siano giovati di ricordi locali. Qualche volta, ho 
detto ; perchè non può essere avvenuto che gli autori delle parec- 
chie centinaia di Passioni italiane abbiano raccolto dalla pura tra- 
dizione orale tutto quell'immenso arsenale di notizie minutissime, 
di cui essi dispongono. 

Le ragioni sono evidenti. 

La comune degli uomini non è fornita di memoria molto fe- 
lice. Ad esempio, che cosa rammentiamo noi, in generale, di certi 
processi celebri, di cui trenta, quaranta e cinquarit'anni fa, leg- 
gemmo nei giornali con tanto interesse? 

La cosidetta memoria collettiva, cioè la memoria popolare o 
delle moltitudini, è più infedele ancora; non ritiene che fatti e 



52 LE DIOCESI d' ITALIA 

detti molto semplici; non conserva discorsi lunghi e avvenimenti 
complessi ; non ritiene ne molti nomi ne molti fatti, meno ancora 
molti numeri e dati cronologici ; bensì pochi fatti e pochi nomi. 
E a mano a mano che il tempo trascorre, la memoria popolare, 
come l'esperienza quotidiana dimostra, elimina, riduce, altera, con- 
fonde, travisa o infrangia gli elementi della tradizione. Ciò avviene 
specialmente se fatti esterni concorrano a modificare i ricordi. Nel 
caso nostro le tradizioni trasmesse a bocca furono molto soggette 
a modificarsi, quando le reliquie di un martire si spartirono e si 
trasportarono in diversi luoghi, e i loro santuari si moltiplicarono, 
e nuove feste s' istituirono. ' 

E vero che le tombe dei martiri, le basiliche e le feste anni- 
versarie servivano a tener desti nelle generazioni cristiane l'inte- 
resse e la venerazione per ì martiri. Ma siffatti monumenti, come 
si riscontra presso tutti i popoli, non possono contribuire se non 
a mantenere in vita i nomi degli eroi, la memoria del loro trionfo 
finale, qualche episodio più importante del loro martirio, o qualche 
motto o detto più concettoso e brillante del loro interrogatorio, e 
non più. 

Come dunque gli scrittori delle nostre Passioni avrebbero po- 
tuto raccogliere dalla bocca del popolo cristiano, dopo cinque, 
quattro, tre, due secoli o anche dopo un secolo dal loro martirio, 
così copiose e precise notizie, come essi mostrano di possedere? 
Come mai i nostri anonimi, vissuti nel v, nel vi, o anche nei secoli 
seguenti, avrebbero avuto a loro disposizione un materiale così ab- 
bondante di nomi, di date e di fatti, mentre gli scrittori ecclesia- 
stici più insigni d'Italia, del iv, del v e del vi secolo non conob- 
bero sui martiri locali, come abbiamo veduto, se non scarse e 
incerte tradizioni? 

E quindi necessario conchiudere che gli scrittori delle Gesta 
o Passioni debbono aver lavorato di fantasia. 

Quand'anche altre ragioni mancassero, l' immensa differenza che 
passa tra gli Atti dei martiri raccolti e redatti durante gli avve- 
, nimenti, o scritti poco dopo, e le nostre Passioni, anzi l'abisso che 
divide l'una dall'altra produzione, basterebbe da sé solo a dimo- 
strare che quest'ultime sono lavori assolutamente artificiali. Infatti 



INTRODUZIONE , 53 

gli autori degli Atti hanno descritto con incantevole candore eroi 
autentici, che essi videro e sentirono parlare ; hanno delineato con 
tutta semplicità ritratti vivi e palpitanti. Ma i fabbricatori delle 
Gesta e delle Passioni riprodussero non personaggi, per quanto 
grandi- ed eroici, vissuti nella realtà, ma eroi di razza superiore, 
vissuti fuori del mondo; non personaggi in carne ed ossa, ma in- 
carnazioni di un tipo foggiato dalla fantasia sovraeccitata e dal 
commosso sentimento delle popolazioni cristiane. Il p. Delehaye 
espone magistralmente (o. e, pp. 236-64) la diflferenza che passa 
tra gli Atti e le Passioni, e la vera natura di queste ultime. 

16. Ohi legge le Gesta o Passioni non tarda ad accorgersi che 
esse furono composte, nella massima parte, sopra una orditura o 
trama singolarmente uniforme. Gli elementi fondamentali di questo 
canovaccio consistono in questi quattro principali : cioè nella mol- 
tiplicità dei personaggi introdotti nel racconto; nella prolissità in- 
terminabile dei dialoghi tra il martire e il tiranno, e dei discorsi 
declamatori o delle preci del martii^e a Dio; nella concentrazione 
di tutti i supplizi possibili e immaginabili sulla persona di ciascun 
martire; e nei miracoli innumerabili e strepitosissimi, che scaturi- 
scono a ogni passo e a ogni detto dell'eroe. Le Passioni riprodu- 
cono fino alla sazietà, alla noia, le anedesime situazioni, i medesimi 
espedienti; e nei discorsi ripetono gl'identici concetti e argomenti 
con gli stessi passi scritturali, con gli stessi accenni liturgici e 
quasi con le medesime espressioni. Indubitatamente i processi e i 
martiri dei primi cristiani dovettero rassomigliarsi tra loro; ma 
nelle nostre Gesta l'opprimente uniformità dei procedimenti è fuori 
d'ogni realtà e d'ogni verosimiglianza. Contro la testimonianza 
esplicita della storia, le Passioni ci presentano tutte le persecu- 
zioni, da Nerone a Diocleziano, come svoltesi nello stessissimo 
modo e in circostanze identiche. I motivi delle persecuzioni, i mezzi 
adoperati dai persecutori, le forme processuali e i supplizi sono 
sempre quelli. E i martiri dopo essere stati esposti inutilmente ai 
più barbari e raffinati tormenti, finalmente muoiono di spada. La 
decapitazione è una sentenza a cui il più delle volte non si sfugge: 
e a questo punto la potenza taumaturgica del martiie si arresta. 

Quantunque le Passioni siano scritte secondo un piano e uno 



54 LE DIOCESI D'ITALIA 

schema uniforme, si possono distinguere in esso alcune varietà, ad 
esempio il tema del martire soldato^ dei martiri gemelli, della mar- 
tire vergine, e via discorrendo. 

Parecchi autori delle Passioni romane e italiane sogliono con- 
giungere in un unico ciclo i martiri e i personaggi cristiani "sepolti 
nello stesso cimitero, o lungo la medesima via consolare; oppure 
i martiri commemorati nei calendari nello stesso giorno o in 
giorni attigui o vicini; oppure, in tempo a noi più prossimo, i 
martiri eflBgiati nello stesso quadro o ricordati in una medesima 
iscrizione, senza preoccuparsi se appartenessero o no al medesi- 
mo tempo e al medesimo luogo ; e ne fanno dei contemporanei, dei 
compagni di vita, di prigionia, di martirio e costituiscono tra loro 
vincoli di famiglia, di parentela, o altre relazioni morali e spiri- 
tuali. Li creano ora sposi, ora fratelli, spesso fratelli di latte ec. ; 
l'uno vescovo e l'altro prete o diacono del primo, l'uno servo e 
l'altro padrone, l'uno vittima e l'altro carceriere, o carnefice o giu- 
dice, convertito per opera d^l martire. Io non intendo dire che 
ogni qualvolta le Gesta presentano di siffatti raggruppamenti, sem- 
pre e in ogni caso questi debbano considerarsi come artificiali; 
alle volte possono essere veri : ma certamente quel procedimento è 
molto comune tra gli autori delle Passioni. Cominciando dalle città 
di Porto e di Ostia, incontreremo esempì non pochi di questo ge- 
nere in tutte le regioni d'Italia. E vedremo come le Passioni di 
Susanna di Eoma, di Valentino di Terni, di Firmina di Amelia, di 
Massimo e di Seconda di Pirgi, di Marciano del lago di Bracciano, 
di Cesario di Terracina, di Enfino (Assisi) e altre, abbiano dato 
arbitrariamente per compagni ai loro eroi nomi, che compaiono nel 
Geroliihiano o nello stesso giorno anniversario, o in giorni più o 
meno vicini, quantunque appartenenti ad altri luoghi e ad altri 
tempi (cf. BEL, 3937; 8460; 3001 b; 5857 d; 5265 6; 1511; 7360-4). 

Fu pure costume frequente di cotali scrittori far venire i mar- 
tiri paesani da regioni più o meno lontane. Secondo le Gesta dei 
martiri venerati lungo le vie consolari d'Italia, questi sarebbero 
per lo più romani o venuti dalla capitale ; su la via Flaminia avreb- 
bero origine romana Valentino di Terni, Ooncordio di Spoleto, 
Abondio e Oarpoforo di Foligno; su la via Amerina, Cassiano di 



INTRODUZIONE - 55 

Todi e Firmina di Amelia; suU'Aurelia, Secondiano e compagni 
di Toscanella,- Amsano e Massima di Siena ; su la Cassia, Donato 
di Arezzo, Eomolo di Fiesole; su la Salaria, Eutichio, Antimo, Vit- 
torino, Basso, Fabio, Vittoria e Anatolia di Sabina, Fiorenzo, Dio- 
cleziano e Maroue del Piceno ; su la Ostiense e Portuense, Aurea 
e Asterio ; sull'Appia, Felice di Nola, Cesario e Montano di Ter- 
racina, Marcello di Capua, Eestituta di Sora e Archelaa di Salerno. 
Chi sarà disposto a credere che questi trenta e più martiri italiani 
fossero nati proprio in Eoma, o fossero venuti tutti da Eoma nel 
paese ove soffersero il martirio? Così pure Magno di Fondi si fa 
venire dalla Puglia, Ambrogio di Ferentino dalla Liguria, Illumi- 
nata di Martana (Umbria) e Severo d'Interocrea (Sabina) da Ea- 
venna. Un altro bel gruppo si fa arrivare in Italia d'oltremonte o 
d'oltremare : Erasmo di Formiae, Apollinare di Eavenna, Marziano 
di Siracusa, Pancrazio di Taormina, Berillo di Catania, Ippolito 
e Modestino di Avellino, Serapìa di Eoma, da Antiochia; altri mar- 
tiri umbri, dalla Siria; Giuliano di Sora, dalla Dalmazia; Pamfilo 
di Sulmona, dall'Epiro; Terenzio di Pesaro, dalla Pannonia ; Mer- 
curio di Aeclanum (Apulia), Massimo e Giuliana di Cuma, Stefano 
di Eeggio, dall'Asia Minore ; Paterno di Fondi, Leucio di Brindisi, 
dall'Egitto; Fortunata di Napoli, dalla Palestina; Paride e Amasio 
di Teano, da Atene; Vittorino di Assisi, dall'Assiria; Emiliano di 
Spoleto, dall'Armenia ; un gran numero di martiri della Media e 
della Bassa Italia, della Sardegna e della Corsica, dall'Africa; e, 
in tempi più recenti, Emidio di Ascoli, Settimio di Iesi e Euflllo 
di Forlimpopoli, dalla Germania. E i martiri aventi .nome esotico, 
come riscontrasi spesso nelle Passioni romane, furono considerati 
di preferenza orientali. Tutto ciò è possibile ; ma chi potrebbe cre- 
derlo verosimile? e non piuttosto effetto di artificio letterario ? Per 
questo, naturalmente, non intendo negare che tra i martiri caduti 
in Italia, specie in Eoma, non vi sian stati stranieri. Ignazio, ve- 
scovo d'Antiochia, fu condotto in Eoma per essere divorato dalle 
bestie dell'anfiteatro. 

Alcune Passioni, per esempio quelle di Magno di Fondi, di 
Giusta, di Eusanio e di Valentino negli Abruzzi, di Erasmo di For- 
miae, di Modestino di Avellino, di Teonesto di Altinum (Venezia), 



56 , LE DIOCESI d' ITALIA 

fanno intraprendere ai loro protagonisti, senza alcuna ragione ap- 
parente, lunghissimi viaggi da provincia a provincia, da città a 
città ; e in ciascuna tappa del viaggio questi martiri itineranti pre- 
dicano agli abitanti, li convertono, li battezzano, s' incontrano con 
santi dèi luogo,, vi sono tormentati, perseguitati, e finalmente nel- 
l'ultima stazione del loro viaggio colgono la palma del martirio. 
Parrebbe che i leggendisti, con questi viaggi a diverse tappe, vo- 
lessero spiegare a loro modo come il santo fosse venerato, o avesse 
templi o cappelle, in tanti diversi luoghi. 

Pare certo che gli autori delle Passioni, non di rado, per esem 
pio nelle Gesta di Sinforosa di Tivoli, di Edisto di Laurentum, 
di Alessandro di Baccana (Etruria), deducessero il nome dell'im- 
peratore sotto il quale i martiri sarebbero stati uccisi, dal nome 
del principe che costruì o abitò le ville, i palazzi, o altri edifizi si- 
tuati presso la sepoltura dei santi. Vedremo come certi autori di 
Passioni si dilettino a stabilire costantemente la morte dei martiri 
di una determinata regione sotto un medesimo imperatore ; ad 
esempio i martiri dell'Istria e della Venezia sotto Numeriano, quelli 
della Tuscia Suburbicaria sotto Claudio II ec; oppure sotto uno 
stesso preside, ad esempio quelli dell'Alta Italia sotto Anolino, 
quelli della Sicilia sotto Valeriano, quelli della Sardegna e della 
Corsica, sotto Barbaro. 

I nostri anonimi per svolgere i loro componimenti e per riem- 
pire i loro canovacci, attinsero a varie fonti; usufruirono di pre- 
ferenza della storia della persecuzione maccabaica, specialmente il 
quarto libro, apocrifo, dei Maccabei, degli Atti sinceri dei martiri, 
di quelli della persecuzione di Giuliano e di Sapore, della storia della 
persecuzione vandalica di Vittore Vitense, e delle stesse Gesta, o 
Passioni, più antiche, amplificandole ed esagerandole ; si giovarono 
pure degli Atti di s. Luca e degli Atti apocrifi degli apostoli. Le 
Gesta Nerei et Achillei citano l'apocrifa Passione di s. Pietro apo- 
stolo dello pseudo-Lino {BHL, 6655). Conobbero e fecero loro prò' 
delle opere dei Padri, per esempio di Tertulliano, e di Agostino, 
e dei documenti della storia monastica, composti tra la fine del 
IV e il principio del v secolo (cf. nelle Gesta Caeciliae il dialogo 
tra Almachio e la martire; il discorso della vergine a Tiburzio 



INTRODUZIONE 



57 



sulla SS. Trinità; nelle Gesta Sebastiani un'allusione al De Civitate 
Dei nel dialogo tra il prefetto e Tranquillino; e specialmente 
la Passio Engeniae). Io crederei che le frequentissime guarigio- 
ni di mali fisici ottenute dai personaggi delle nostre Gesta nell'atto 
di ricevere il battesimo, dipendano, almeno in parte, da quelle 
registrate da Agostino nel De Civitate Dei (lib. XXII, e. Vili, 
n. 3-5). Nella Passione di s. Sebastiano il prefetto urlano Oromazio 
riceve il battesimo dopo aver distrutto {confregit, incenditi conflavit) 
i suoi idoli e i segni della macchina astrologica da lui posseduta; 
e questo aneddoto somiglia molto all'episodio di quel prefetto ur- 
bano Gracco, che, secondo il racconto di Girolamo (ep. a Leta), 
« impetravit baptismum Cristi », dopoché « subvertit, fregit, ex- 
cussit » la spelonca e i simulacri di Mitra. Nelle Gesta Anthimi 
(BHL, 561) una matrona Lucina, vivente in solitudine, riceve ogni 
giorno (nei dì feriali all'ora di nona) per suo cibo da una cornac- 
chia una prodigiosa noce, e per i sette mesi che è accompagnata 
nel suo ritiro dalla matrona. Beatrice riceve due noci da due cor- 
nacchie. Ohi non direbbe che l'anonimo avesse sotb'occhio la Vita 
Pauli di Girolamo, ove si legge che il primo eremita per sessanta 
anni sul vespero ebbe da un corvo un mezzo pane per suo sosten- 
tamento, e nel giorno che fu visitato da s, Antonio un pane in- 
tero! E quando i nostri autori introducono così spesso cristiani e 
cristiane costretti contro voglia a sposarsi, o sposi conviventi tra 
loro in continenza come fratelli, non hanno forse copiato il rac- 
conto della Yita Malchi, cioè di quel monaco captivo che dal suo 
padrone fu costretto a sposare una conserva, e visse con lei fino 
alla vecchiaia « conjux pudicitiae et magis animae... quam corpo- 
ris »? Certo le pagine delle Gesta, ove con esagerazione evidente 
si magnifica lo stato verginale e si abbassa lo stato matrimoniale, 
hanno moltissimi punti di contatto coi libri del solitario di Be- 
tlemme Contra lovinianum e con la famosa epistola De virginitate 
servancìa. Nereo comincia il suo discorso panegirico della verginità 
a Domitilla: « Primo... perdito nomine virginis mulier nuncupa- 
beris »; come appunto Girolamo neWAdversus Hélvidiwn (n. 20) il 
suo elogio dello stato verginale: « Virgo jam mulier non vocatur ». 
Lo stesso Girolamo (Migne, P. L., XXIII, 241-42) scrisse; « Non 



58 LE DIOCESI d' ITALIA 

est huius loci nuptiarum arigustias describere et quasi in commu- 
nibus locis rhetorico exsultare sermone » ; e l'autore degli Ada 
Nerei compose appunto in tal modo quell'elogio retorico della ver- 
ginità che Girolamo non volle fare. 

E non solo i nostri autori attinsero a libri del Vecchio e del 
Nuovo Testamento e a scritti cristiani, ma pure alla letteratura 
classica e alla mitologia (cf. Franchi de' Cavalieri, Hagiogra- 
phicay pp. 121-164 ; Dblehaye, Les Passions de marfyrs^ pp. 305-6, 
314-15). 

Finalmente a scanso di fatica, non rade volte composero Pas- 
sioni sulla falsariga di altre più antiche, applicando e adattando 
le Gesta di un martire a un .altro, o senza cambiamenti, o con 
cambiamenti puramente stilistici. Il catalogo di questi doppioni, 
se volesse farsi, sarebbe molto piti lungo che non si creda (cf. De- 
LEHAYE, Le leggende agiografiche, 2°' ed. ital., pp. 148-9; Les Pas- 
sions des Martyrs, p. 310). E poiché parecchi di questi autori fan- 
tastici scrissero l'uno a insaputa dell'altro su lo stesso martire, è 
avvenuto che su lo stesso soggetto si abbiano più leggende diverse 
e contradditorie. Lungo il corso dell'opera ne vedremo non pochi 
esèmpi. 

I nostri autori, imitando i procedimenti dei romanzieri, talora 
scrissero sotto finto nome, per esempio sotto il nome di un perso- 
naggio illustre della Chiesa, specialmente di S. Ambrogio; talora 
falsamente si diedero per confidenti, famigliari, amici, compagni, 
servi, preti, diaconi, ec, dei martiri ; o spettatori del loro supplizio, 
o notai, o giudici, o carnefici del tribunale che li condannò. La 
Passio Eusebii del 14 agosto è attribuita falsamente a un Orosius 
preshyter. Oppure dichiaì'arono mentitamente di aver trovato, a 
caso o per segno celeste, in qualche nascondiglio memorie scritte 
della loro vita, a tutti ignote; o riferirono falsi decreti di autorità 
romane, o false epistole di martiri, o di altri antichi personaggi 
cristiani; o finsero di aver avuto a loro disposizione altri impor- 
tanti documenti, o di aver tradotto da esemplari greci (cf. i Can- 
ziani {BEL, 1547), Agnese {BEL, 156), Gervasio e Protasio {BEL, 
3514), Pietro e Paolo {BHL, 6648), Vitale e Agricola {BHL, 8690), Na- 
zario e Celso {BHL, 6039). 



INTRODUZIONE 



59 



La prefazione delle gesta di s. Anastasia (identica a quella di 
s. Pudenziana, e forse dello stesso autore) vuole far credere che 
la Passione fu composta come trovavasi « in Gestis »: « Scribimus, 
ut in Gestis invenimus, quid egerunt, quid locuti sunt, quid passi 
sunt » ; e il falso-Ambrogio nelle Gesta Agnetis {BHL, 156) : « si- 
cut Gesta eius agnovi conscripsi ». Ma con quelle vaghe parole 
forse l'autore delle Gesta di s. Anastasia non volle significare altro 
se non che tradùceva dal greco (e in qual modo !) gli atti di A- 
gape, Irene e Ohionia di Tessalonica (BUG, 34). 

Le Gesta di Nereo e Achilleo {BEL, 6058) si danno per tra- 
duzione dal greco: « luxta eorum solecitudinem », si legg^ nella 
prefazione, « qui ante nos fuerunt orthodoxorum, provinciae no- 
strae martyria aliquanta colligentes, de graeco transtuUmus in la- 
Unum, dantes exemplum hoc diversarum provinciarum studiosis, ut 
sicut in nostra, ita illi in suis provinciis transferant consummata 
martyria ». Anche la prefazione delle Gesta di s. Antimo {BHL, 
564) pretende di far passare questo documento per traduzione dal 
greco. Veramente, come abbiamo visto, l'autore delle Gesta di 
s. Anastasia {BEL, 1795) tradusse dal greco gli atti di Agape e 
compagne, incorporandoli nel proprio lavoro; ma lo ha fatto con 
tale sconfinata libertà, che si può parlare di rifacimento radicale 
piuttostochè di versione. Forse gli scrittori di Nereo e Achilleo e 
di Antimo traslatarono dal greco in siffatta maniera? Noi posse- 
diamo parecchie redazioni greche delle Passioni romane e italiane, 
ma queste sembrano piuttosto versioni dal latino che originali 
(cf. BHG, 36-38, Agata; 45-46, Agnese; 81-3, Anastasia; 283, Ce- 
cilia; 284-85, Cesario; 313, Crisanto e Daria ; 466, Ciriaco, Ippolito 
e Massimo di Ostia; 608, Eugenia; 629, Euplo; 758, Giacinto; 
744-5, Gennaro ; 976-78, Lorenzo ; 1323-4, Nazario ; 1408-9, Pancrazio ; 
1620, Sebastiano; 1642, Sotere; 1669, Stefano; 1699, Taziana; 1876, 
Vito). 

L'autore della vita di s. Silvestro papa {BHL, 7725 ; BHG, 1628) 
non solo finge di tradurre un testo greco di Eusebio di Cesarea, 
ma attribuisce arbitrariamente a quel famoso storiografo, oltre la 
Storia Ecclesiastica, ben ventidue libri contenenti passioni di mar- 
tiri, di vescovi, di confessori, di sante donne e di vergini di quasi 



60 LE DIOCESI d' ITALIA 

tutte le province dell'Impero; lavoro che Eusebio mai non com- 
pose. L'autore della Passione di s. Sinforosa racconta solennemente 
che, al riferire di Eusebio, un certo africano (Giulio Africano, come 
alcuni hanno interpretato, o semplicemente un africano ?) scrisse 
le Gesta di quasi tutti i martiri di Eoma e dell'Italia: « Sanctus 
Eusebius » (l'autore lo chiama santo ignorando la simpatia del 
vescovo di Cesarea verso gli ariani) « historiographus memorat 
africanum (o Africanum ?) pene omnium de Urbe Regia atqiie de 
tota Italia martyrum gesta conscripsisse »; notizia che Eusebio non 
ha dato in alcuna delle sue opere. Anche la Passio Montani {BHL, 
6011) ; « Post haec sanctus Eusebius pene omnia de urbe Roma atque 
tota Italia marti/ria conscripsit ». Finalmente il prologo delle Gesta 
Anthimij già citato, scrive pure che « sanctus Eusebius » col sus- 
sidio degli archivi imperiali apertigli dall'imperatore Costantino, 
scrisse in dodici libri le « Gesta martyrum non solum totius Orien- 
tis totiusque Meridiani atque Occidentis, sed etiam Britanniarum 
et trans Britannias... insularum » ; notizie insussistenti come le 
altre. Ma i lettori delle Gesta ignoravano il greco e la letteratura 
cristiana greca, e quindi non avrebbero potuto scoprire l'evidente 
falsità di cotali notizie e smentire i bugiardi autori! 

A questo proposito mi piace riferire un mio parere intorno 
all'origine della notizia (su riferita), dataci dal Constitutum Silvestri 
e dal Liber Pontificalis, sui notai ecclesiastici, che sarebbero stati 
incaricati dai papi Clemente, Antere e Fabiano di raccogliere e 
conservare le gesta dei martiri romani. Noto da prima che tanto 
il Liber e il Constitutum Silvestri, quanto le principali Gesta di 
Eoma e dei luoghi vicini a Eoma sono state redatte in Eoma tra la 
fine del V e la metà del vi secolo, probabilmente da ecclesiastici 
regionari e addetti ai titoli urbani. Del resto la lingua e lo stile 
degli uni e degli altri documenti si somigliano come gocce d'acqua, 
e da una parte e dall'altra regna la stessa mentalità e lo stesso 
spirito. Di più il Liber Pontificalis conosce il Constitutum e le Gesta, 
e se ne giova. Ora io credo che gli autori stessi delle Gesta ab- 
biano concepito e introdotto nel Constitutum e nel Liber la falsa 
su riferita notizia sui notai, appunto per giustificare il contenuto 
delle Gesta e per rispondere a una difficoltà facile a sorgere nel- 



INTRODUZIONE 61 

l'animo dei lettori; perchè un lettore, pur dotato di senso critico 
non molto fine, percorrendo quelle composizioni ricche di fatti e 
di dati precisi, non poteva non domandare a se stesso donde mai 
gli autori avessero potuto raccogliere tante e tante notizie parti- 
colareggiate su le catture, sui processi e sui supplizi dei martiri. 
E gli autori anonimi delle Gesta (appartenenti agli stessi circoli 
donde uscirono il Constituium e il Liber) prepararono nel Gonstilu- 
tum e nel Liòer la risposta a quella difficoltà. Essi dissero che 
gli antichi papi diedero incarico ai notai cristiani di redigere presso 
i tribunali' notizie esatte sul martirio dei fedeli, e di riporlo negli 
archivi delle regioni ecclesiastiche della città. La Passione di Su- 
sanna, composta alla fine del v, o in principio del vi secolo; ap- 
punto mette in scena al tempo di Diocleziano (284-305) e di papa 
Gaio (283-96) un Trasone, togato cristianissimo, « qui occulte 
assidebat publico... qui gesta martyrum sanctorum colligens or- 
nabat » ; la quale persona compare di nuovo nella Passione di 
Marcello. Così i lettori delle Gesta sarebbero stati condotti a 
credere che i loro autori avessero attinto a questi misteriosi pro- 
cessi verbali, deposti negli archivi romani, e quindi fossero degni 
di fede. 

Anche il falso-Girolamo nelle epistole prefisse al Martirologio, 
da lui denominato, racconta che Costantino imperatore, a istanza 
di Eusebio, mandò in Cesarea e fece depositare nell'archivio ec- 
clesiastico della città tutti i pubblici monumenti della Eepublica 
Eomana intorno ai martiri : « quis martyrum, a quo indice, in qua 
provincia vel civitate, quo die, quave passione... obtinuerit palmam »; 
afiìnchè egli potesse scrivere le Passioni de' martiri di quasi tutte 
le province dell'impero: « passiones... omnium pene martyrum 
provinciarum omnium romanarum... declararet ». Questa finzione 
intorno a Costantino, raccoglitore di documenti martirologici dai 
tribunali dell'impero, deposti negli archivi di Cesarea, somiglia 
molto all' invenzione degli autori delle Gesta intorno ai papi pre- 
scriventi a notai cristiani di redigere presso i tribunali i processi 
verbali delle Passioni dei martiri romani e di deporli negli archivi 
ecclesiastici della città. Probabilmente l'una e l'altra invenzione 
furono fatte a uno scopo analogo e dalla stessa genìa di scrittori. 



62 LE DIOCESI d' ITALIA 

Forse il prologo delle Gesta Anthimi, già ricordato, ha dopiato 
questa falsa notizia dal Gerolimiano. 

])opo tutto questo, qualcuno potrebbe essere tentato a con- 
chiudere che gli scrittori delle Passioni furono falsari abbietti, e 
i lettori di quei tempi creduloni e gonzi. Ma non sarebbe esatto 
né l'uno né l'altro. 

Certo tra tanti scrittori di Passioni vi furono nel medio- 
evo falsari veri e proprt, che per motivi non belli s'adoperarono 
di far passare per martire e per santo chi mai non lo, fu. Ma la 
maggioranza dì quegli anonimi non merita quel titolo obbrobrioso. 
La maggior parte di essi compose le Gesta, non con intenzione 
di scrivere vera storia, ma con altri intendimenti, cioè per promo- 
vere il culto dei martiri ; per soddisfare la giusta curiosità dei fe- 
deli di leggere notizie particolareggiate degli eroi della fede (dei 
fedeli, cui non poteva bastare il detto famoso di Ambrogio: dixi 
mariyrem^ praedicavi saiis) ; e per sosiituire alla lettura dei poeti 
pagani e dei romanzi erotici, racconti onesti e dilettevoli, presso 
a poco come la Fabiola del famoso cardinale inglese. Essi avevano 
coscienza di scrivere cose, se non vere di verità storica rigorosa 
in tutti i particolari, almeno, secondo il loro giudizio, verosimili, 
e, senza dubbio, moralmente utili, e vere, dirò così, di verità sto- 
rica generale. Scrivendo per le moltitudini, avide di soprannatu- 
rale, essi moltiplicarono i racconti meravigliosi, sicuri a ogni modo 
che i martiri avevano fatto prodigi, e prodigi simili, o anche mag- 
giori di quelli da loro narrati. Eacconta Tertulliano che il presbi- 
tero del II secolo, autore degli apocrifi Atti di s. Paolo apostolo, 
scoperto e poi deposto dal suo grado, rispose per sua discolpa che 
aveva cofnposto quel libro per amore di Paolo : « se Pauli amore 
fecisse ». Gli autori delle Gesta avrebbero potuto scusarsi in ana- 
loga maniera. 

Ecco perchè gli autori dei Prologhi delle Gesta di Anastasia, 
di Pudenziana, di Cecilia, di Nereo, di Nazario, di Protasìo, dei 
Canziani, e di altri che tiialascio, si dilungano a dimostrare i buoni 
effetti della lettura delle Gesta nel popolo cristiano. « Multa bona », 
scrive quello di Cecilia, « talium narrationum scripta coniectant. 
Laus Dei est cum ista leguntur, memoria sanctorum excolitur ; ae- 



INTRODUZIONE 



63 



diflcatio mentibus traditur ; honor inartyribus exhibétur ; bine infi- 
delibus nascitur moeror, incredulis livor, indisciplinatis angustia et 
sanctis omnibus cum Ohristo gaudentibus gloria. Solus diabolus 
ingemiscit » ec. ; e simili concetti si leggono in tutti gli altri. I no- 
stri anonimi, scrivendo sul modello dei romanzi profani, ne imita- 
rono la struttura materiale, gli atteggiamenti e i procedimenti, 
salvo lo spirito cristiano. 

Gli autori delle Gesta o Passioni romane e italiane non furono 
i primi a introdurre siffatto genere di componimenti nella lettera- 
tura cristiana. Gli orientali ne avevano dato l'esempio almeno fino 
dalla seconda metà del secolo iv, e i cristiani dell'Asia Minore e 
dell'Egitto (probabilmente i celebri monaci di questo paese) ave- 
vano già composto un bel numero di Passioni romanzesche, o epi- 
che, comunque si vogliano chiamare. Gli scrittori occidentali, come 
in altri generi letterari così in questo, non sarebbero stati che imi- 
tatori (cf. Grisae, Histoire de Rome, I, pp. 285-7; Delehaye, Les 
Passions des markjrs, pp. 296, 299, 30G, 313-314). 

E nell'Oriente medesimo, prima del secolo iv, a diletto e a 
edificazione dei primitivi cristiani, furono fabbricati quei molti Atti 
apocrifi, o romanzeschi, di apostoli, che presentano tanti tratti di 
somiglianza con le nostre Passioni. 

E questo stesso genere letterario, misto di dati storici e di 
racconti fantastici intorno a un personaggio reale, non nacque tra 
i cristiani, ma fu praticato nel mondo classico pagano. 

Si noti pure che quando le nostre Gesta vennero composte, 
cioè alla fine del v e nella prima metà del vi secolo, l'antica cul- 
tura decadeva rapidamente; e mentre si sentiva il bisogno di rac- 
cogliere e di scrivere la storia dei gloriosi tempi trascorsi, non se 
ne aveva la capacità. In quel tempo appunto furono messe insieme 
le prime, biografie dei papi (il Liber Pontificalts) con quei metodi 
arbitrari che conosciamo; e il compilatore di quell'opera credette 
lecito di coprire la sua persona con un nome celebre, cioè con 
quello di papa Damaso, a cui affibbiò la paternità del suo lavoro. 
In quel medesimo tempo in Italia, e forse in Eoma stessa, si formò 
il primo martirologio generale (il Martirologio Gerolimiano), e il 
redattore del centone si nascose sotto il nome riverito di s. Giro- 



64 LE DIOCESI d' ITALIA 

lamo. Circa in quel tempo pure altri tentò di riabilitare due apo- 
crifi, cioè il De Nativitate Mariae e il Liber de ortu beatae Mariae 
et de infantia Salvatoris {BHL, 5343-5 ; 5334-7), fingendo che Giro- 
lamo stesso, il famoso traduttore della Bibbia, li avesse volti in 
latino da un vetusto testo ebraico. Nel secolo vi era di moda scri- 
vere libri col nome di autori antichi e celebri. Oassiodoro, parlando 
{De Inst. div. litt.., e. Vili) di un'operetta infetta di dottrine pela- 
giane, fintamente attribuita a papa Gelasio, afferma che a suo 
tempo chi desiderava difendere idee eterodosse le metteva sotto la 
protezione di un nome glorioso: « Quod solent facere qui res vi- 
tiosas cupiunt gloriosi nominis auctoritate defendere ». Al tempo 
di papa Simmaco (498-514) alcuni ecclesiastici romani per difendere 
una tesi, d'altronde legittima, non pensarono fare opera disonesta 
fabbricando un bel numero di falsi atti di concili e di falsi decreti 
di papi (cf. Grisar, Hist. de Rome, I, pp. 281-4). Le Gesta dei mar- 
tiri romani e italiani, che dovevano servire da esemplare a tante 
altre, sono nate in questa atmosfera viziata. 

Oonchiudendo, le Gesta, o Passioni, dei martiri italiani, com- 
poste dal quinto secolo in poi, non sono documenti storici, ma 
appartengono a un genere di letteratura misto di storia e di in- 
venzione, dove l'elemento fantastico prevale sopra quello storico. 
Ciò che esse narrano su l'età del martirio, su la famiglia, su la 
condizione dei martiri, su la cattura, sui tormenti da loro sofferti, 
sul genere di morte, sopra i compagni, gì' imperatori, giudici, car- 
nefici, seppellitori ec, non ha valore per lo storico e per il critico, 
se non venga confermato da documenti e monumenti fede-degni ; 
oppure se non si dimostri positivamente volta per volta che quanto 
esse affermano e narrano fu desunto da documenti o monumenti 
tradizioni orali attendibili. Le notizie intorno al sepolcro del mar- 
tire e al giorno anniversario della sua deposizione, o del suo natale, 
meritano, specie le più antiche, maggiore confidenza ; perchè in un 
grandissimo numero di volte documenti e monumenti e scavi con- 
fermarono l'esatta verità dei dati topografici e •cronologici obituari 
di quelle. 

Oiè tuttavia deve intendersi non senza riserve. E per varie 
ragioni. 



INTRODUZIONE 65 

Da prima è noto che l'antica Cliiesa faceva distinzione tra 
martyr e confessor. Martyr dicevasi il cristiano ucciso per la fede 
o morto tra i tormenti; e confessor colui che davanti ai tribunali 
avesse confessato la fede cristiana, o fosse stato incarcerato, o tor- 
mentato, o esigliato, o condannato alle miniere per la fede, poi 
dimesso e morto in pace. Con l'andare del tempo l'antica nomen- 
clatura mutò ; e si diede il nome di martiri promiscuamente tanfco 
agli uni quanto agii altri. Gregorio di Tours (f 594) onora del titolo 
di martire {In gloria niartyrum, 103) Felice di Nola, che dai più 
antichi scrittori è chiamato semplicemente confessore; e Pier Ori- 
sologo (secolo v), facendo il panegirico (serm. 128) di s. Apollinare, 
protovescovo di Eavenna, credette di poterlo lodare come martire, 
quantunque riconoscesse che la tradizione della sua chiesa gli con- 
cedeva soltanto il titolo di confessore. Anzi in processo di tempo 
parecchi vescovi dei primi tre secoli, che in realtà non furono né 
martiri né confessori, e vari vescovi del iv e del v secolo, che 
lottarono semplicemente contro gli eretici, si chiamarono martiri. 
Infatti nei documenti medioevali sono appellati martiri Eusebio di 
Vercelli, Zenone di Verona, Dionigi di Milano, Atanasio di Ales- 
sandria. Martino di Tours e altri vescovi che si distinsero nel com- 
battere l'arianesimo (cf. Grbgorii Dial., Ili, 19). Nel medioevo 
poi confessore divenne il titolo ufficiale dei santi, che non furono 
né confessori in senso stretto ne martiri. 

Ciò posto, è lecito dubitare che gli autori delle nostre Passio- 
nes non abbiano talora chiamati martiri e non abbiano considerati 
come tali semplici confessori, vuoi nel senso antico, vuoi nel senso 
recente. Certo è che Donato di Arezzo nella sua Passione, sopra ci- 
tata, è rappresentato come martire, ucciso sub luliano (360-363), men- 
tre il Gerolimiano lo chiama (7 agosto) semj)licemente confessore ; e 
la Passione di Gallicano {BHL, 3236-7) fa morire come martire vero 
e proprio questo personaggio cristiano, che visse nel secolo iv al 
tempo di Costantino (f 337); e Gregorio I nelle sue opere dà il 
titolo di martire tanto a Leucio di Brindisi quanto a Giovenale di 
Narni, mentre le leggende dell'uno {BHL, 4894) e dell'altro (BRL, 
4614) li danno per confessori nel senso largo e recente. 

In secondo luogo gli autori delle Gesta talvolta hanno presen- 

5 



Q6 LE DIOCESI d' ITALIA 

tato come martiri morti e sepolti in Italia, martiri semplicemente 
venerati nella penisola, o di cui le chiese d'Italia custodivano re^- 
liquie, ordinariamente sanduaria. Nicandro e Marciano, martiri 
orientali, e altri martiri estranei all' Italia, nelle Gesta furono tra- 
sformati in martiri italiani. 

Alle volte ciò può essere avvenuto per errore. Nei calendari 
la formola: « In N. natale Titii », o « In N. Titii », adoperavasi 
indistintamente, come si è visto, tanto nell'anniversario di martiri 
locali, quanto, di estranei e di « ingressus reliquiarum ». Di più, 
nel\ secolo iv e nei seguenti (come sopra (§ 5) si è notato), ba- 
stava che una chiesa possedesse qualche piccola parte del corpo 
di un martire, o anche reliquie rappresentative (i sancfuaria), per- 
chè si dicesse che ivi era il martire N. ; che ivi il martire N. ripo- 
sava : ibi est, o dormii, o quiescit, e corpore quiescit II Liber de locis 
sandis, uno di quegli itinerari dei pellegrini, pubblicato dal de 
Eossi, scrìve che « haud procul a coemeterio Callisti (in Roma) 
Oornelius (papa) et Oyprianus (vescovo di Cartagine) in ecclesia 
dormiunt ». Ora è certo che in quella chiesa cimiteriale non po- 
teva riposare il corpo di Cipriano, morto e sepolto in Cartagine. 
Teodoreto di Ciro (ep. 130-144) scriveva: Noi domandiamo come si 
chiama il martire sepolto nella tomba e ci si risponde, secondo i casi, 
che è Giuliano, Romano, o Timoteo, quantmique sovente non sia punto 
il corpo intero ma qualche reliquia di poca importanza; e altrove 
{Religiosa historia, 21) : Basta che una basilica possieda qualche pic- 
cola parte' del corpo di un santo perchè si creda autorizzata a dire 
che quel santo vi riposa, come vi fosse il corpo intero. Secondo le 
idee correnti in quel tempo, ivi era presente il martire con la sua 
virtù ove erano le sue reliquie. L'efficacia del santo rimaneva at- 
taccata alle sue reliquie, qualunque si fossero. Cosi Teodoreto, Gre- 
gorio Nazianzeno, Vittricio di Eouen, e mille altri pensavano. « Ma- 
gna et in exiguo sanctorum pnlvere cinis », cantava Paolino di 
Nola (carm. XXVII, v. 447). 

Checche debba pensarsi di un tale modo di concepire la virtù 
delle sacre reliquie, questo linguaggio prestavasì a confusioni. Il 
volgo suole interpretare frasi improprie^ o metaforiche, nella ma- 
niera più naturale e più ovvia. Gli scrittori delle Gesta possono 



INTRODUZIONE 67 

essere caduti, anzi sono caduti in siffatti errori. Fin dal suo tempo 
il cardinale Baronie s'avvide che nel medioevo in qualche luogo i 
possessori di semplici reliquie rappresentative di un santo avevano 
creduto di possedere avanzi del corpo, e quelli che non tenevano 
in possesso se non parti del corpo si erano illusi di essere padroni 
del corpo intero; e da queste erronee credenze erano derivati de- 
plorevoli effetti (cf. il § 5). Gli eruditi dopo il Baronio hanno con- 
statato che questi casi furono molto più numerosi di quello che il 
dotto porporato immaginava (cf. Mueatoei, Anecdota, II, 193-203; 
Ada Sanctorum, ini. VI, 593; octobr. Vili, 333; IX, 257; X, 777,819; 
XI, 515, 519; XII, 198, 243, 448; « Analecta Bollandiana », an. 1900, 
440; an. 1904, 46-7; an. 1909, 341). 

Al contrario gli autori delle Gesta hanno trasformato i martiri 
autentici italiani in niartiri estranei, che sarebbero vissuti e morti 
fuori della penisola, dei quali le chiese della penisola non avreb- 
bero ereditato che reliquie pervenute dal di fuori. Questi martiri 
pure, come vedremo, non sono pochi. 

Inoltre è necessario distinguere presso gli antichi i martiri, 
dei quali la comunità fino dai primi tempi celebrava l'anniversario, 
e di cui, ordinariamente, possedeva la tomba; e i martiri cosidetti 
inventi. Martyr inventus dicevasi in due sensi : cioè, dì un martire, 
più o meno noto al popolo fedele, ma di cui la tomba si era per- 
duta, e dal vescovo diocesano, o da altro personaggio, fortunata- 
mente era stata trovata ; oppure di un martire, dimenticato affatto, 
ignorato dal popolo cristiano, le cui reliquie, per un caso qual- 
siasi, o per presentimenti, si erano rinvenute, e, per vari indizi, 
erano state giudicate di un martire ; o più particolarmente si erano 
rintracciate per rivelazione divina, o dietro visione o sogno celeste. 
Dal secolo iv in poi cotesti martyres inventi crebbero in numero 
considerevole, tanto che il concilio africano del 401 fece severe 
prescrizioni contro coloro che si arrogavano di erigere altari da- 
pertutto, come a memorie di martiri, semplicemente per sogni o 
presunte rivelazioni: « per somnia », sono parole conciliari, « et 
per inanes quasi revelatioues ». Il gran monaco Schnudi (secolo v) 
riprovava aspramente la facilità di chi erigeva altari dietro sem- 
plice afifermazione'di chi diceva essergli apparsi dei martiri e avergli 



68 LE DIOCESI d' ITALIA 

palesato le loro ossa essere sepolte nel tale o tale luogo. I padri 
del concilio africano, su ricordato, ordinarono che altari non s'inal- 
zassero se non si era certi del corpo di un martire, o di una reli- 
quia, o se non esisteva seria tradizione della dimora, della morte 
e della sepoltura del martire in quel luogo. Ma queste prescrizioni 
non furono osservate come meritavano, e per tutto il medioevo la 
generale ignoranza e semplicità e il desiderio morboso di possedere 
sacre reliquie furono sfruttati da furbi matricolati e da ingordi 
senza scrupoliVe un po' dapertutto si corse troppo nell'aggiudicare 
a martiri ossa disotterrate, clie non offrivano sufficienti garanzie 
di avere appartenuto a cristiani morti per la fede (cf Franchi, 
Note agiografiche, p. 18, nota 1, fase. 8 di Studi e Testi; « Analecta 
Bollandiana », an. 1922, pp. 38-40). 

Fino dai secolo v, e per tutto il medioevo^ agiografi compia- 
centi interessati o fantastici, non dubitarono di comporre lunghe e 
minuziose Passioni di questi martiri trovati. E facile immaginare 
in qual modo lo potessero fare (v. Milano). 

Si è dato pure il caso di autori che pescarono i nomi di martiri 
in un qualunque monumento o documento, sì e no ben compreso, 
specie in un calendario (ad esempio nel martirologio Gerolimiauo, 
come si è già detto) o in opere di antichi scrittori (v. Ferentino) ec, 
e intorno a questi nomi, in tal modo raccolti, imbastirono una Pas- 
sione; oppure di autori che scrissero la Passione di un martire 
mutandogli arbitrariamente il nome (v. Todi). 

Taccio di quelle Gesta (fortunatamente rare) che sono lavori 
puramente retorici, in cui il protagonista non è una persona sto- 
rica, ma immaginaria, composti a semplice diletto ed edificazione ; 
lavori che dopo qualche tempo, per errore di lettori, si ritennero 
racconti di fatti accaduti a personaggi storici (cf. Delehaye, Les 
Passiona des martyrs, pp. 316-20). 

Lo studio delle Passioni presenta altre non lievi difficoltà; per- 
chè la maggior parte di esse, fino dai primi tempi, e durante tutto 
il medioevo, furono rimaneggiate e rifatte, e non una sola volta, 
ma più e più volte. E queste successive manipolazioni non consi- 
stettero soltanto nell'abbreviare o nel parafrasare il testo, o nel 
modificare la lingua e lo stile, bensì nel mutilare addirittura epi- 



INTRODUZIONE 69 

sodi interi, o nell'aggiungerne nuovi, o nel cambiare dati topografici 
e cronologici, e i nomi vstessi e le qualità dei santi. Ad esempio: 
in una redazione il martire e il santo sarà un ecclesiastico, in altra 
un laico; nell'una verrà ucciso sub Decio o sub luliano, nell'altra 
sub Diocletiano ec. Quindi non rade volte è diflBcile orizzontarsi 
tra le diverse redazioni, e trovare la più antica o la meno favo- 
losa ; e talora si rimane perplessi se si tratti di un martire solo o 
di più martiri, o personaggi dello stesso nome. Scrittori del xvi, 
del XVII e del xviii secolo, davanti a questi fatti, come si è detto, 
persuasi che le Gesta fossero in ogni caso documenti s.torici atten- 
dibili, e non sospettando di avere che fare con diversi raffazzona- 
menti di un uiiico documento, troppo spesso sdoppiarono martiri 
e santi in due, o anche più omonimi ; ma gli eruditi odierni pro- 
cedono ordinariamente molto più cauti (v. il §.5). 

Tutto ciò dimostra con quanta prudenza e con quale cautela 
lo storico delle origini delle diocesi antiche d'Italia debba adope- 
rare la testimonianza delle Gesta o Passioni. 

Adunque, come molti santi, vescovi o no, venerati in una città 
o in una diocesi, furono per opera di volghi cristiani o di scrittori 
male accorti (§ 5) presi per vescovi della diocesi benché non fos- 
sero stati, così martiri venerati in un paese molte volte furono 
per una. o per altra ragione aggiudicati a quel luogo, mentre erano 
estranei. Il catalogo di questi non è meno lungo di quelli. 

Il p. Filippo Ferrari per primo in Italia con il suo Catalogus 
sandortun Italiae, edito nel 1613 a Milano, tentò compilare un ca- 
talogo di martiri italiani. Atteso lo stato degli studi di quel tempo, 
nessuno si meraviglierà che il catalogo ferrariano sia in parte la- 
cunoso, in parte contenga nomi estranei al martirologio italiano. 
Dopo il Ferrari nessuno in Italia osò rifare e correggere quel la- 
voro del 1613. Gli Ada Sandonim, occupandosi dei martiri italiani, 
parecchie volte caddero in errore riferendosi al Catalogus e ripor- 
tandone le conclusioni. 

dell'assegnare i martiri a ciascuna diocesi d'Italia mi attengo, 
come a guida, al capitolo VII {Les principaux cenires du eulte des 
martyrs. Rome e V Italie, pp. 298-1^87) dell'opera del p. Delehaye, 
Les origiìies du culle des martyrs, pubblicata a Bruxelles nel 1912. 



70 LE DIOCESI d' ITALIA 

L'opera dell'esimio bollandista non ha alcuna intenzione di relegare 
tra gli spuri tutti gli altri, molto meno di aflfermare che durante 
i primi tre secoli non vi siano stati in Italia, oltre quelli venerati 
su gli altari, altri cristiani che abbiano patito o siano morti per 
la Fede; ma senza dubbio essa presenta una lista dei martiri ita- 
liani pili sicuri. 

Qualcuno potrebbe credere che questa Introduzione si sia troppo 
dilungata nella discussione delle Gesla o Passiones martyrum ; ma 
se si consideri che le storie diocesane delle città d'Italia dal me- 
dioevo fino a ieri tennero per base i racconti di quei documenti, 
dovrà, credo, ricredersi. Era necessario sgombrare e liberare il ter- 
reno da una foresta di piante parassite che lo aduggiano e impe- 
discono la buona coltivazione. 

17. Quando le Gesta uscirono in luce e cominciarono a dif- 
fondersi tra i fedeli, non furono accettate pacificamente, come si 
potrebbe credere, ma incontrarono opposizione. Ce ne rende testi- 
monianza il cosidetto Decretum Gelasiammi de libris recipiendis et 
non recipiendis. Questo documento, come i critici moderni con- 
vengono, non è un decreto autentico di papa Gelasio (492-496), 
da cui soleva chiamarsi presso gli antichi canonisti ; bensì un la- 
voro privato e anonimo, composto nella prima metà incirca del 
VI secolo, probabilmente in Italia, e, secondo il mal vezzo del 
tempo, pubblicato da un ignoto col nome di papa Damaso, defunto 
da un secolo e mezzo incirca, o, in alcuni codici, con quello di 
papa Gelasio (cf. Dufoukcq, Étude sur les « Gesta martyrum » ro- 
mains, IV, p. 165; Dobsohuetz, Das Decretum Gelasianum de ti- 
hris recipiendis, ec, in « Texte und Untersuchungen », XXXVIII, 
Lipsia, 1912, pp. VIII-XI, 362; Massigli, Le Décret Pseudo-Gélasien 
à propos d'un livre récent, in « Revue d' histoire et de littér. relig. », 
an. 1913, pp. 155-170). Questo documento rispecchia adunque i sen- 
timenti di uno scrittore italiano, probabilmente di un ecclesiastico, 
vissuto nel tempo in cui le Gesta cominciarono ad esser lette. Esso 
le riprova apertamente: 

« Gesta sanctorum martyrum quae multiplicibus torraentorum 
cruciatibus et mirabilibus confessionum triumphis irradiant, quis 
catholicorum dubitet malora eos in agonibus fuisse perpessos, nec 



INTRODUZIONE . 71 

suis viribus sed Dei gratia universa tolerasse? Sed ideo seciindam 
aniiquam consuetudinem, singulari cautela in sanda Eomana eccle- 
sia non leguntur quia eorum qui conscripsere nomina penitus igno- 
rantur et ah infidelibus et idiotis superflua aut minus apta quam rei 
ardo fuerit esse putantur, sicut cuiusdam Cyrici... quae ab haereticis 
perhibentur compositae; propter quod, ne vel levis suhsannandi ori- 
retur occasio, in sancia Romana ecclesia non leguntur ; nos tamen 
(parlano i supposti vescovi congregati) ciim praedicta ecclesia omnes 
marti/res et eorum gloriosos agones, qui Beo magis quam honiinibus 
noti sunt, omni devotione veneramur ». 

Veramente non ricordo avere mai letto dottrine o proposizioni 
ereticali nelle nostre Passioni. Ma l'anonimo autore del falso De- 
creto Gelasiano de libris recipiendis et non recipiendis, in fatto di 
opinioni e di libri, è di un rigore estremo. Egli chiama eretici quelli 
che pensavano Pietro e Paolo non essere stati martirizzati nello 
stesso giorno : « Qui non diverso, sicut haeretici garriunt, sed uno 
tempore, uno eodemque die gloriosa morte... coronati sunt » ; e 
registra tra i libri apocrifi non solo gli opuscoli di Tertulliano, di 
Lattanzio, di Arnobio, ec, ma quelli stessi di s. Cipriano di Car- 
tagine. 

Si notino quelle parole: « qui Deo magis quam hominibus 
noti sunt » ; le quali confermano ciò che di sopra si è detto, che 
le chiese d' Italia non possedettero in antico documenti scritti dei 
loro martiri e non ne fecero pubblica lettura. Venendo all'esem- 
plificazione dtelle Gesta non recipienda il nostro anonimo rigetta e 
ripudia la Pashio Cyrici et lulittae {BHL, 1802-8), la Passio Georgii 
{BEL, 3363-83), il libello deWInventio Crucis {BEL, 4169-74) e gli 
Actus beati Silvestri papae {BHL, 7725-42) : e non ricorda altre Ge- 
sta; ma credo non possa dubitarsi che con le parole su riferite 
non volesse alludere alle nostre Passioni e non intendesse di col- 
pire questi componimenti che appunto allora cominciavano a dif- 
fondersi; e nei quali pure si dà gran risalto ai molteplici tormenti 
sofferti e alle aperte ed eroiche confessioni di fede da essi fatte da- 
vanti ai giudici. 

Gli stessi autori delle Gesta confermano che i loro scritti tro- 
vavano increduli e oppositori. Essi non si sarebbero sbracciati a 



72 LE DIOCESI d' ITALIA 

difendere, come hanno fatto, il lato edificativo dei loro componi- 
menti, se avessero trovato in generale buona accoglienza; essi me- 
desimi confessano che molti non credevano ai loro racconti e li 
rigettavano come scritture apocrife. Ai primi allude velatamente 
il prologo di Orisanto e Daria : « et sanctorum gesta absque incre- 
duUtatis nuhilo mente serenissima recitemus, historiam videlicet Ohry- 
santhi et Dariae »: e le prefazioni di Anastasia, di Pudenziana e 
dei Oanziani polemizzano acremente coi secondi : « Interrogo vos », 
scrivono, « qui isia Inter apocriphas litteras conglobanda (al. abo- 
lenda) censetls » ; e, mentre si difendono, anche con ragioni sofì- 
stiche, mettendo in luce il fine onesto ed educativo dei loro scritti, 
si guardano bene dal rispondere esplicitamente che la loro narra- 
zione si basava sopra documenti storici fede-degni ; e, quando ar- 
discono di allegarne qualcuno, non dubitano di ricorrere a mendaci 
evidenti, come abbiamo dimostrato. 

Ma non tutti i cristiani d'Italia respinsero sdegnosamente le 
nostre gesta, come l'autore del Decrefum Gelasianum. 

Alcuni sermoni, mescolati nei codici a quelli di Massimo e di 
altri padri del iv e del v secolo, alludono evidentemente alle nostre 
Passioni, ma da un pezzo sono considerati come spuri o molto 
dubbi. 

Nel secolo v, se Leone I e gli altri principali scrittori eccle- 
siastici di quel tempo non parlano delle nostre Passioni, l'autore 
del Liber ad Gregoriani in palatio consiitutam, se l'opera appartiene 
alla seconda metà del v secolo, come il Morin sostiene nel lavoro 
sopra citato, conosce e loda le Passioni romane di Sinforosa, di 
Pelicita e di Anastasia e forse di Agnese e di Sebastiano. 

Nel secolo vi Avito di Vienne (f 514) si riferisce ne' suoi 
carmi (in Mon. Gemi, hist., pp. 289-90) alla Passione romana di 
Eugenia; Ennodio di Pavia (f 521) a quella di Nazario e Celso, 
e sembra aver conosciuto pure le Gesta di Vittore di Milano (iv., 
pp. 254, 284, 302-3). Un' iscrizione posta in Eavenna al tempo del 
vescovo Ecclesio (522-532 e.) su la basilica di s. Vitale, conosce la 
Passione milanese-ravennate di Protasio, Gervasio, Vitale e Ursi- 
cino (cf. il Liber. Pontif. di Eavenna sopra citato, p. 172). E il 
poeta Venanzio Fortunato, vissuto nella metà incirca del secolo. 



INTRODUZIONE 73 

oltre le leggende di Eugenia e di Protasio, pare abbia letto Agata, 
Agnese, Cecilia, Lorenzo, e Nazario e Celso (cf. Mon. Gemi. hisL, 
pp. 8, 13, 97, 179, 102, 192, 239). 

Gregorio Magno (590-604), quantunque amantissimo dei rac- 
conti edificanti, come si raccoglie dai suoi Dialoghi, e bencliè ac- 
cenni qualche volta alle nostre Passioni, non mostra di farne gran 
caso; cita Felicita {BHL, 2853). Di più, richiesto dal vescovo di 
Alessandria della collezione delle Gesta di tutti i martiri, compi- 
lata da Eusebio di Cesarea, Gregorio risponde d' ignorare del tutto 
quest'opera ; gli archivi romani non contenere se non alcune poche 
Gesta: « nisi panca quaedam in unius codicis volumine coljecta »; 
con le quali parole Gregorio sembra intendere una raccolta di Ge- 
sta romane (Gregorii Magni, Begistr. Vili, 28, in Mon. Gemi, 
hist.y ed. Ewald). 

Cassiodoro {De institutione, e. XXXII) (a. 544 e.) sembra ri- 
guardare certamente alle nostre Gesta quando esorta i suoi mo- 
naci a leggere « constanter Passiones martyrum, qui per totum 
orbem terrarum floruere ». L'anonimo del Decretum Gelasianum 
ci assicura che a suo tempo (nella prima metà del vi secolo ?) gli 
« Achis Beati Silvestri, licet eius qui conscripserit nomen ignore- 
tur, a multis tamen in Urbe catholicis legi cognovimus, et prò antiquo 
usti miiltae hoc imitantur eccleslae » ; e la scrittura apocrifa « De 
inventione Crucis » e l'altra « De inventione capitis beati lohannis 
Baptistae nonnulli catholici legunt ». E da un contemporaneo di 
papa Gregorio, cioè da Gregorio di Tours (f 594), sappiamo che 
una buona parte delle Passioni italiane avevano già passato le 
Alpi ed erano entrate nelle Gallio, e altre vi erano attese e desi- 
derate. Gregorio conosceva Clemente romano, Orisanto, Gervasio e 
Protasio, Nazario e Celso, Felice di Nola, e forse Pancrazio, Lo- 
renzo e Giovanni e Paolo, romani, e Vittore milanese. 

Fra la fine dal secolo vii e il principio dell' viii Aldhelmo, 
scrittore inglese, usufruisce largamente nel suo De Virginitate delle 
Gesta di Crisanto, Cecilia, Eugenia, Cristina, Agnese, Agata, Lucia, 
Giustina, Eufina e Seconda, Anatolia e Vittoria, Gervasio e Pro- 
tasio ; e aff'erma che venivano lette « in pulpito ecclesiae ». A que- 
sto proposito è da sapersi che un concilio africano del 393 aveva 



74 LE DIOCESI d' ITALIA 

permesso di leggere lo « Passiones Martyrum » durante la cele- 
brazione degli anniversari: « Liceat (Mansi, III, 924) etiam legi 
passiones martyrum cum anniversarii eorum dies celebrentur ». 
I padri d'Africa si riferivano agli Atti del loro paese, scritti ge- 
nuini e antichi; magli ecclesiastici medievali applicarono il canone 
cartaginese pure alle Gesta composte nel v, nel vi e nel vii secolo. 
Già i monasteri ne facevano, come udimmo da Cassiodoro, predi- 
letta lettura, ed essi le introdussero nell' UflBcio Divino ; e i vescovi 
di parecchie diocesi ne imitarono l'esempio. Quest'uso di leggeje 
le Gesta in pubblico e durante la liturgia, nel secolo viii ricevette 
un'autorevole conferma da papa Adriano I, che nel 794 scrisse a 
Carlo Magno, richiamando (Migne, P. L., XOVIII, 924) il canone 
conciliare sopra ricordato : « Passiones martyrum sacri canones 
cénsuerunt ut liceat etiam in ecclesia legi cum anniversarii dies 
eorum celebrantur ». 

Intanto il venerabile Beda (f 735), un altro inglese, compen- 
diava nel suo Martirologio una trentina di Gesta, o Passioni, ita- 
liane (di Eoma Agnese, Alessandro ed Evenzio, Anastasia, Cecilia, 
Callisto, Clemente, Cornelio, Felicita, Gallicano, Lorenzo, Mario, 
INiEarcellino e Pietro, Marcello, Pancrazio, Sebastiano, Silvestro, 
Sinforosa; della Sabina: Vittoria, Anatolia; dell'Umbria: Valen- 
tino; dell'Emilia: Apollinare, Cassiano; della Campania: Cesario, 
Gennaro, Giuliana ; dell'Apulia : Felice ; della Sicilia : Agata, Euplo, 
Lucia) ; nel suo martirologio che fu il prototipo dei molti martiro- 
logi del secolo ix, del x e dell' xi. Nei Martirologi di Eabano Mauro, 
di Floro di Lione e dì Adone di Vienne, tutti e tre del ix secolo, 
e nei Lezionari di quel tempo ne compaiono già cento altre. Av- 
venne insomma delle nostre Gesta qualche cosa di simile a ciò che 
accadde intorno agli Atti apocrifi degli apostoli. Nei secoli iv e v 
vescovi illustri e zelanti d' Occidente combatterono quei componi- 
menti fantastici e romanzeschi e cercarono di togliergli dalle mani 
dei fedeli che li leggevano; ma la loro buona battaglia non riuscì 
all'efietto desiderato, perchè altri presuli lasciarono correre, la let- 
tura di quegli Atti non essendo moralmente nociva. Alla fine del 
VI secolo essi andavano già per le mani di tutti, e nel medioevo 
divennero la delizia dei lettori cristiani. Anche le Gesta marùi/rum 



INTRODUZIONE 



75 



trovarono sul principio qualche opposizione; ma questa cessò col 
tempo. Le Gesta s''imposero, e per molti e molti secoli regnarono, 
indisturbate, non solo nei Passionari ma in tutte le compilazioni 
storiche dell' Occidente. I primi bagliori della critica cominciarono 
soltanto nel secolo xv per opera del camaldolese Ambrogio Tra- 
versare Tuttavia una Passione di s. Fortunata {BHL, 3081), scritta 
da Autperto prete (sec. x), dava questo giudizio delle nostre Pas- 
sioni: « Sanctorum martyrum passiones idcirco minoris habentur 
auctoritatis quia scilicet in quibusdam illarum falsa inveniantur 
mixta cum veris. Et quamquam in aliis parum sit falsitatis, in aliis 
tamen parum est veritatis; paucissimae vero restant quae totum 
quod verum est sonant ». Trattandosi di uno scrittore del secolo x, 
questo giudizio è degno di essere rilevato. 

Se le Gesta, o Passioni, finirono col prevalere, e furono con- 
siderate documenti storici degnissimi di fede, la colpa non fu tanto 
degli autori anonimi quanto dei lettori; quantunque il genere let- 
terario delle Gesta fosse assai pericoloso, perchè gli animi volgari, 
leggendo narrazioni riguardanti personaggi, tempi e luoghi storici, 
sono facilmente portati a scambiare per realtà storiche le finzioni. 
Anche oggi, quanti lettori di romanzi prendono le invenzioni degli 
scrittori per vere storie. Questo fatale errore intorno alla vera in- 
dole delle nostre Passioni acquistò terreno e si generalizzò, perchè 
i nostri scritti uscirono dalle loro ofiQcine e si diffusero in un tempo 
in cui la coltura classica, avendo già cominciato a decadere, di- 
scese presto e rapidamente fino quasi a sparire. I pochi uomini 
colti dell'alto medioevo furono educati presso scuole letterarie af- 
fogate nell'artificio e nella retorica. Per tutta l'età di mezzo le 
migliori intelligenze non si orientarono verso gli studi critici ed 
eruditi; ma si occuparono di speculazioni filosofiche e teologiche; 
e se pure qualcuno intravide o sospettò che le Passioni apparte- 
nessero a un genere fantastico, posto che avesse voluto rendersi 
conto dei propri dubbi, in causa delle condizioni generali della col- 
tura e per ,l' ignoranza della storia antica, profana ed ecclesiastica, 
non avrebbe potuto raggiungere una solida dimostrazione. Anche 
dopo il rinascimento degli studi letterari ed eruditi, la verità su le 
nostre Passioni durò molto tempo e molta fatica a farsi strada. 



76 LE DIOCESI d' ITALIA 

18. Ciò che si è detto in generale (§§ 14, 15 e 16) delle Pas- 
siones marlyrum vale pure delle Passioni dei martiri- vescovi ; ma 
la natura di questo SfMdio esige qualche altra osservazione su que- 
ste ultime in particolare. 

Il volgo, sottostando a una specie d'inganno ottico (a cui gli 
uomini stessi iniziati, alla critica storica talora non sanno sottrarsi), 
ignaro dell'evoluzione a cui gli istituti politici, sociali e religiosi 
vanno soggetti lungo il corso della loro esistenza, si foggia e si 
figura, praticamente, la vita di un' istituzione, sempre uguale e uni- 
forme a se stessa, dai primordi fino al suo tempo. Per citare 
un solo esempio, gli uomini del secolo xiii (e non essi soltanto, ma 
scrittori non spregevoli dei tempi moderni) pensarono, almeno in 
pratica, che il Sacro Komano Impero fosse stato sempre della me- 
desima natura e perfino della stessa forma esteriore, dall' 800 fin 
ai tempi di Federico Barbarossa e di Federico II; e"i contempo- 
ranei di Carlo Magno e di Leone III avessero avuto il medesimo, 
identico concetto su l'indole e sui limiti dell'autorità imperiale e 
su le relazioni della medesima col sommo Pontefice e con l'Italia, 
che essi al loro tempo ne avevano. Gli autori delle Gesta o Pas- 
siones ììiartyrum furono vittima di un'analoga illusione ; immagina- 
rono come cosa più naturale deb mondo, che il cristianesimo in 
Italia nei primi secoli fosse sparso e diffuso da per tutto come era 
nella loro età; e ai tempi di s. Pietro e di Nerone i cristiani fos- 
sero in numero considerevolissimo, presso a i}OCO come nell'età dei 
Teodosi, o ancora più giù. Essi che avevano letto le storie gene- 
rali della chiesa, cioè Eusebio, la traduzione latina di Enfino ec. 
(§ 1) erano condotti istintivamente a formarsi la persuasione che 
il cristianesimo si fosse propagato in Occidente ne più nò meno 
che in Oriente, cioè con la stessa rapidità, e con lo stesso suc- 
cesso; le chiese occidentali si fossero organizzate nel medesimo 
tempo e nel medesimo modo delle chiese orientali; e i martiri 
d'Occidente, nei primi tre secoli, fossero stati, in Italia, nelle Gallie, 
nella Spagna e nelle altre province d'Occidente, numerosi non meno 
che nelle regioni orientali. Infatti i lavori sopra citati rappresenta- 
vano in tale guisa le chiese orientali; e tacendo affatto, o quasi, 
delle chiese occidentali, lasciavano credere a lettori inesperti e non 



INTRODUZIONE 



77 



scevri di pregiudizi, che le cose fossero passate in Occidente né 
più né meno come in Oriente. Questo falso modo di concepire la 
storia della Chiesa primitiva veniva alimentato e favorito dalla let- 
tura, diffusissima nel secolo v e vi, degli Atti apocrifi degli apo- 
stoli; componimenti che prospettavano gli avvenimenti a quella 
maniera. Gli autori adunque delle Passioni dei secoli v e vi asse- 
rirono che il cristianesimo fino dai tempi di Nerone e in generale 
nel primo secolo (50-150 e.) contasse turme di fedeli innumerevoli 
nell'Italia Settentrionale e Meridionale, e numerosissimi propaga- 
tori della Buona Novella, e martiri dapertutto. Così per la Sabina 
e il Piceno, la Passione di Nereo e Achilleo {BHL, 6058-67); per 
il Lazio, le Passioni di Giacinto {BHL, 4053), di Sinforosa {BHL, 
7971), di Getulio {ÉHL, 3524), di Edesto {BHL, 3765) ; per l'Etruria 
di Torpete {BHL, 8307) ; per la Campania, la Passione di Cesario 
{BHL, 1511), di Montano {BHL, 6011) e quella perduta di Felice 
e Costanza di Nocera, ricordata dal Gerolimiano; per l'Alta Italia, 
quelle di Gervasio e Protasio {BHL, 3514) e di Celso e Nazario 
{BHL, 6039). Tuttavia, mentre gli autori delle Passioni italiane non 
dubitarono di ammettere numerosissimi cristiani in tutte le parti 
d'Italia, mai collocarono, per quanto mi consta, alcuna chiesa d'I- 
talia (eccetto Eoma) nel secolo i, né parlarono mai (Eoma eccet- 
tuata) di vescovi italiani in quel tempo. Le Passioni composte tra 
il V e VI secolo collocaiono Valentino di Terni {BHL, 8460) e Ales- 
sandro di Etruria {BHL, 273) nel iii secolo ; Sabino dell' Umbria 
{BHL, 7451) tra il ni e il iv secolo; Donato di Arezzo {BHL, 2289) 
alla metà del iv secolo. Ma le Passioni scritte nel vi secolo, mas- 
sime nel VI secolo inoltrato, fecero un passo più avanti, ponendo 
Erasmo di Formia {BHL, 2578), Gennaro di Benevento (4115-33), 
Canione di Atella {BHL, 1541), Lorenzo di Spoleto {BHL, 4748 6) 
tra la fine del iii e il principio del iv secolo, e Magno di Trani 
{BHL, 5167) intorno alla metà del iii secolo, e inoltrando Feliciano 
di Forum Flaminii {BHL, 2846) e Costanzo di Perugia {BHL, 1937) 
alia seconda metà del ii secolo, e alla prima metà Terenziano di 
Todi {BHL, 8000), Eleuterio di Acca e di Eieti {BHL, 2450-1) e 
gl'inizi della diocesi di Mentana {BHL, 266). Veramente chi rite- 
neva che il cristianesimo fosse largamente diffuso in tutto 1' Occi- 



78 LE DIOCESI d' ITALIA 

dente fino dai tempi di Nerone, doveva per ovvia conseguenza am- 
mettere che da quel tempo anche i dirigenti (vescovi, preti, diaconi) 
fossero numerosissimi ; e i papi avessero avuto a propria disposi- 
zione un immenso stuolo di missionari e di vescovi da mandare 
dapertutto ; tuttavia i nostri anonimi non varcarono il secondo se- 
colo. Anche gli autori degli Atti, delle Apocalissi e delle Passioni 
apocrife dei ss. Pietro e Paolo non fecero mai menzione di vesco- 
vadi in Italia contemporanei dei santi apostoli, quantunque ai nar- 
ratori si presentasse propizia l'occasione. Diocesi italiane fondate 
dai due apostoli, esistenti ai loro tempi, si affacciano nei rimaneg- 
giamenti degli Atti posteriori al vii secolo (cf. Flamion, Les Ades 
apocryphes de Pierre, in « Eevue d'histoire ecclésiast. », Lovanio, 
an. 1910, pp. 469-70). Questo contegno in scrittori facili a pren- 
dersi tante libertà è strano, comunque si voglia spiegare. 

Solo verso la metà del secolo v nelle Gallie si comincia a 
dire che un vescovo di quel paese, il proto-vescovo di Arles, fu 
spedito colà da s. Pietro. In Italia per trovare qualche cosa di si- 
mile bisogna discendere intorno alla metà del vii. Il primo esempio 
viene da Eavenna, cioè dalla città degli Esarchi, i cui arcivescovi 
desideravano i privilegi propri di una chiesa apostolica o quasi- 
apostolica. La Passione di s. Apollinare {BHL, 623) scritta in quel 
tempo, arretra il primo vescovo di quella città al secolo i, all'età 
di s. Pietro. E tra l' vili e il ix secolo anche le Passioni di Taor- 
mina, di Catania, di Siracusa, di Girgenti, di Eeggio di Calabria, 
di Pavia e di Aquileia attribuiscono la fondazione di queste chiese 
a un discepolo del principe degli apostoli. 

Ciò nonostante gli scrittori di Passioni vissuti tra il vii e il x 
secolo furono persuasi, come Paolo Diacono (v. Brindisi), che que- 
sto privilegio dell'origine apostolica o petrina appartenesse esclusi- 
vamente a poche città principali d'Italia; e s. Pietro mandasse i 
primi vescovi solo nelle città italiane più importanti. Ma la leggenda 
preso l'aire, s'allarga, si estende e getta le sue propaggini in ogni 
parte. E così dal x secolo in giù si cominciò a dire che s. Pietro, e 
poi s. Paolo, apostoli, avevano creato un numero intìnito di chiese, 
non solo nelle grandi, ma nelle più umili città italiane; in quelle 
stesse che solo dopo il mille diventarono grandi e potenti e centro 



INTRODUZIONE 



79 



di opulenti Comuni e di Principati; in quelle stesse che furono, 
costituite (v. Apulia) dopo il secolo vi. Gli scrittori poi dei se- 
coli XVI e XVII giunsero a tal punto che non saprei a quali chiese 
d' Italia non estendessero le origini apostoliche e petrine. Una oc- 
chiata alle produzioni agiografiche latine registrate nella BHL ci 
permette di constatare che le leggende apostoliche di Eomolo 
di Fiesole {BHL, 7330-4), di Anatolone di Milano {BHL, 416), di 
Aspren di Napoli {BHL, 724) discendono al secolo xi; quelle di 
Cataldo di Taranto {BHL, 1652), di Marco di Atina {BHL, 3298), 
di Prosdocimo di Padova (JSITL, 6960), al secolo xii; di Paolino di 
Lucca {BHL, 6555), al xiii; di Oronzo di Lecce, ancora più giù! 
E utile conoscere come nel secolo xiii ragionasse a questo pro- 
posito il famoso fra Giacomo da Voragine, che accintosi a scri- 
vere le origini cristiane di Genova {BIS, IX, 6, 9, 20-1), sua città 
episcopale, portò il principio della sua diocesi fino a s. Pietro. Egli 
da prima si meraviglia che su questo argomento « ab initiis quasi 
nihil inveniatur », quantunque Genova fosse « tam inclyta, tam 
nobilissima et potens »; e cerca spiegare questo fatto con l'ossef- 
vare che Genova anticamente era « satis parva et modica ». Dice 
inoltre che egli non riuscì a trovare quando da prima la sua città 
avesse avuto il vescovo, e il primo vescovo genovese appariva nel 
VI secolo (veramente nel iv, ma fra Giacomo ciò non sapeva). Egli 
non seppe rassegnarsi a questa ignoranza, e ricorse a congetture. 
Ed ecco che cosa egli trasse fuori: « credimus tamen », egli scrisse, 
« quod quando principes apostolorum Eomae praesidebant, tunc 
episcopali dignitate (Genua) meruit decorari ». Per giungere a 
questa conclusione fra Giacomo ricorse al teorema generale am- 
messo al suo tempo, cioè che Pietro e Paolo, trovandosi in Eoma, 
spedissero vescovi a tutte le città; inoltre egli dedusse che Genova 
avesse ricevuto la fede tra le prime d'Italia (circa 25 anni dopo 
la passione di Gesù Cristo) perchè constava dalla Passione dei 
ss. Nazario e Celso, che il primo di questi due martiri aveva pre- 
dicato in Genova circa in quel tempo. Cosi nacque la fragilissima 
ipotesi, che dopo fra Giacomo, attesa l'autorità dell'uomo, fu ac- 
cettata come oro di coppella, e ritenuta tradizione antica e in- 
concussa. 



80 LE DIOCESI d' ITALIA 

Ma prima e dopo fra Giacomo quanti altri in cento altre città 
d' Italia ragionarono in maniera analoga ! 

Del resto in questo argomento, come in altri consimili, gli 
scrittori latini e occidentali, furono preceduti dai falsari d'Oriente. 
L'autore anonimo dei fsdsì Canoni Apostolici, composti in Oriente 
nella fine del iv, o in principio del v secolo, aflfermò pel primo che 
Roma con tutta l'Italia, la Spagna, la Brettagna, la Gallia e le fini- 
time regioni ricevettero la mano sacerdotale degli apostoli (cioè la 
predicazione apostolica) da Simon 'Pietro, che fu maestro e rettore 
delle Chiese di Roma e delle finitime; e l'autore, del pari anonimo, 
della siriaca apocrifa Dottrina di Simone Kephas nella città di 
Roma, scritta pure tra il iv e il v secolo, asserì che nel terzo anno 
di Claudio (43-44) san Pietro venne in Roma da Antiochia accompa- 
gnato da fedeli... predicò e fabbricò (forse: instituì, eresse) chiese in 
Roma e in tutte le grandi città d'Italia. Finalmente lo pseudo-Do- 
roteo, come ho detto di sopra, nel vi secolo, diede primo vescovo 
a Milano l'apostolo Barnaba, e gli uomini apostolici Patróbas e 
Epafródito, rispettivamente a Pozzuoli e ad Hatria (cf. BHO, 936; 
Mansi, Sacrorum Condì, coll.,1, li:!', Mai, Scriptor. vett. nova col- 
lectio, X, 3; Patrum nova bibliotheca, IV, 120, nota 4; Oeriani, No- 
titia liturgie, ambros.j \t. 79). 

Evidentemente, questi anonimi non s' ingannavano attribuendo 
a Pietro la fondazione della chiesa di Eoma e a lui (più o meno 
direttamente e immediatamente) l'evangelizzazione dell'Italia e del- 
l' Occidente e la fondazione delle chiese italiane. e occidentali. Ma 
donde essi appresero che Pietro istituì personalmente le chiese fini- 
time (secondo i Canoni) è tutte le grandi diocesi d'Italia (secondo 
la Dottrina) ì 

Gli autori dei Canoni e della Dottrina, se non m'inganno, in- 
terpretarono, ciascuno a proprio raodo, due passi d'Eusebio di Ce- 
sarea, l'uno contenuto nella Cronaca e l'altro nel De Teophania, 
libro, se non del famoso storico, a lui attribuito. Nel primo passo 
Eusebio, come tutti sanno, colloca sotto Claudio I il primo avvento 
del principe degli apostoli in Eoma; e nel secondo racconta che 
Pietro fondò la chiesa di Roma con le circostanti. La Dottrina spiegò 
quest'ultima frase : con le circostanti, nel senso che Pietro istituisse 



INTRODUZIONE 



81 



chiese in Roma e in tutte le grandi città d^ Italia, allargando le cir- 
costanze di Roma a tutta la penisola. E i Canoni intesero che Pietro 
evangelizzasse non solo Eoma e i luoghi vicini, ma tutta Vltalia e 
tutto V Occidente. 

Ora le finzioni del falso Doroteo non furono note agli Occi- 
dentali se non molto tardi ; e quindi esse non dovrebbero aver in- 
fluito nella formazione delle Passioni di cui ci stiamo occupando. 
Ma gli pseudo-OaJtoji* Apostolici furono conosciuti dagli Occidentali 
del V e del vi secolo, e quindi probabilmente esercitarono azione 
funesta nella mente di quegli scrittori, del resto dispostissimi a 
riceverla. Se poi i medioevali conoscessero la Dottrina di Simone 
non saprei dire; ma forse ne ebbero indiretta notizia per mezzo di 
altri documenti apocrifi consimili. 

Forse gli autori delle Passioni, di cui discorriamo, si avvan- 
taggiarono pure, non bene interpretandola, della famosa lettera 
(J-L, 311) di Innocenzo I (anno 416) a Decenzio, vescovo di Gub- 
bio ; lettera diventata famosa in Occidente perchè inclusa da Dio- 
nigi il Piccolo, nel principio del vi secolo, nella sua Collezione di 
decretali pontificie. Il papa adunque insegna in quella epistola che 
tutti i vescovi d' Occidente debbono osservare « id quod a principe 
apostolorum Petro Eomanae Ecclesiae traditum est ac nunc usque 
custoditur »; e adduce la seguente ragione : « ... praesertim cum sit 
manifestmn in omnem Italiam, Gallias, Hispanias, Africam, atque 
Siciliam insulasque interiacentes nullum instituisse ecclesias nisi eos 
quos venerahilis apostolus Petrus aut eius successores constituerint 
sacerdotes, aut legant si bis provinciis alius apostolorum invenitur 
aut legitur docuisse. Quod si non legant, oportet eos hoc sequi 
quod Ecclesia Eomana custodit, a qua eos principium accepisse 
non dubium est ». 

Questo passo di papa Innocenzo non ha impedito al p. Savio 
di ammettere che la chiesa spagnola sìa stata instituita da Paolo 
apostolo {La realtà del viaggio di san Paolo nella Spagna, Eoma, 
1915) ; perchè, egli scrive. Paolo e Pietro nelle tradizioni cristiane 
spesso furono considerati come un'autorità e persona morale unica 
e sola. Ma non ha fatto male il p. Savio a sollevare gravi dubbi 
sulla leggenda dei 7 vescovi missionari mandati in Spagna da 

6 



LE DIOCESI D* ITALIA 



s. Pietro {BHL, 8308-11). In leggende consimili il numero 7 gioca 
ima parte considerevole: infatti 7 sarebbero stati pure i vescovi, 
secondo Gregorio di Tours {liistor. Francor., I, 28), spediti nelle 
Gallie da Roma sotto Decio, e 7 i vescovi mandati nella Scizia e 
nei Obersoneso a evangelizzare quel paese {BUG, 266). 

Non saprei però, attesa l'esplicita affermazione d'Innocenzo I 
in contrario, come possano sostenersi certi racconti, che attribui- 
scono l'evangelizzazione di alcune province d'Occidente, e in esse 
la fondazione di alcune diocesi, ad apostoli diversi dai ss. Pietro 
e Paolo. 

Il papa conchiude che le chiese d'Occidente « oportet hoc se- 
qui quod Ecclesia Romana custodit » perchè tutte hanno avuto 
principio dalla chiesa apostolica di Roma, non da altra chiesa apo- 
stolica. Per il pontefice Innocenzo adunque è cosa notissima che 
nessun apostolo ha propagato il cristianesimo in Occidente fuori 
di Pietro (e di Paolo, se si vuole, suo indivisibile compagno e con- 
fondatore della chiesa romana) ; sicché provoca gli oppositori a 
mettere innanzi un solo documento in contrario. Il pontefice sa, 
come tutti a suo tempo sapevano e ammettevano, che Pietro evan- 
gelizzò l'Occidente, fondò la chiesa romana e vi morì «, sub Ne- 
rone »; e da questi due fatti indubbi Innocenzo arguisce e deduce, 
come fatto indubbio del pari e manifesto, che l' istituzione delle 
chiese d'Occidente (e annovera le principali province) doveva es- 
sere avvenuta o per opera di s. Pietro in persona, o di altro papa. 
Ma Innocenzo I non afferma, come fatto a lui noto o in qualche 
modo costatato dalla Cancelleria romana, che Pietro avesse creato 
personalmente questa o quella chiesa particolare in Italia o altrove ; 
asserisce soltanto come fatto generale, dedotto da fatti certi, che 
tutte le chiese d'Occidente derivavano da quella di Roma, e quindi 
erano state istituite, o per opera di Pietro, o di altro papa. Inno- 
cenzo probabilmente non sapeva nulla in particolare su questo 
punto, né dagli archivi della sua chiesa, né da altre fonti scritte 
e orali, come il padre Grisar giustamente osservava, né forse sa- 
rebbe stato in grado, vuoi con gli archivi ecclesiastici della sua 
città, vuoi in altro modo, di controllare l'affermazione di chi avesse 
vantato per la sua propria chiesa un'origine petrina. Egli adunque 



INTRODUZIONE 



83 



non volle fare se non un'affermazione generale^ impossibile a essere 
contestata, senza preoccuparsi, o portar giudizio su casi xmrticolari. 

Questo è il senso genuino della lettera di Innocenzo I. Magli 
scrittori medievali e moderni hanno abusato di questo solenne do- 
cumento per appoggiare le piti strane e arbitrarie pretensioni. E se 
Patroclo, l'ambizioso vescovo di Arles, si diede a credere fin d'al- 
lora che la sua chiesa avesse avuto per fondatore uno diretto da 
s. Pietro, e di questo riuscì a persuadere papa Zosimo (417-418), 
forse l'epistola dell'antecessore al vescovo di ^Gubbio c'entrò per 
qualche cosa. Certo gli scrittori moderni moltissime volte appella- 
rono al passo innocenziano per sostenere, quasi sopra base incrol- 
labile, pretese locali destituite di ogni serio fondamento. 

Questi furono, a mio parere, i generali procedimenti che per- 
suasero gli autori delle Passioni, di cui ci occupiamo, a riportare 
le origini di parecchie chiese d'Italia all'età apostolica. Senza esclu- 
dere, ben inteso, che talvolta la penna di cotesti scrittori non si 
sia lasciata condurre da mire ambiziose e interessate, e da altri 
somiglianti motivi. 

Concludendo, nessuno a priori potrebbe negare che Pietro e 
Paolo, abbiano fondato personalmente, oltre la chiesa romana, altre 
chiese d' Italia o, in genere, d' Occidente ; anzi ciò è possibile, pos- 
sibilissimo. Ma un critico serio non può accettare su questo punto 
la testimonianza delle nostre Passioni, quando si pensi, che le piìi 
antiche (quelle del vii secolo) sono testimoni di almeno sette se- 
coli dopo gli avvenimenti. Il critico deve ricercare in ogni singolo 
caso se queste Passioni abbiano raccolto ciò che narrano da do- 
cumenti e da tradizioni antiche e rispettabili, oppure l'abbiano sem- 
plicemente affermato per induzione; e per quali ragioni e motivi 
ciò abbiano fatto. Queste indagini saranno da me fatte lungo il 
corso dell'opera. 

19. Se le Passioni dei vescovi martiri non meritano la nostra 
fiducia sopra il tempo del loro governo, che cosa dovrà dirsi del 
valore storico delle Vitae di quelli vissuti dopo le persecuzioni, 
nel IV, V, e vi secolo? 

Purtroppo nessuna storia o vita fu scritta o ci fu tramandata 
della immensa maggioranza dei vescovi di quel tempo. Le Vite 



64 LE DIOCESI D* ITALIA 

scritte da contemporanei si riducono alla Vita Ambrosii {BHL, 377) 
composta da Paolino, alla Vita Epiphanii, dn Ennodio {BHL, 2570), 
e alle biografìe di alcuni papi del yi secolo contenute nel Lib. 
Pont. Tutte le altre Vitae furono scritte qualche tempo dopo la 
morte dei presuli, non di rado più secoli appresso. Basti dire che 
di alcuni vescovi che vissero o sarebbero vissuti nel iv o nel v se- 
colo non possediamo se non documenti di cinque o più secoli dopo : 
ad esempio di Prospero di Eeggio {BHL, 6962) che sarebbe vissuto 
nel secolo v, una Vita del x-xi secolo; di Mercuriale di Forlì {BHL, 
5932), Euflllo di Forlimpopoli {BHL, 7283), Vicinio di Sarsina 
{BHL, 8557) che sogliono attribuirsi al iv secolo, del secolo xi; 
di Emidio di Ascoli {BHL, 2535) e di Petronio di Bologna, che 
avrebbero governato la loro chiesa, il primo nel iv, il secondo nel 
V secolo. Vite composte nel secolo xii ec. 

Non dico che queste Vite tardive debbono mettersi tutte da 
parte, anzi alcune contengono buoni elementi; ma ognuna è da 
esaminarsi seriamente per sceverare il loglio dal grano. 

20. Il materiale archeologico ha una grande importanza nei 
nostri studi, e maggiore ne avrà se potranno intraprendersi scavi 
fruttuosi. 

I cimiteri di Eoma, di Chiusi, di Napoli e di Siracusa, detti 
comunemente catacombe, sono i più noti ; ma ne esistono anche in 
altri luoghi, sopra o sotto il suolo, con o senza iscrizioni e altre 
suppellettili. Alle volte l'età di un cimitero si può stabilire con 
certezza o con approssimazione, per mezzo delle epigrafi mortuarie, 
dei graflSti, delle pitture e dei musaici delle pareti dei loculi, delle 
celle e degli ambulacri; ma disgraziatamente gli epitaffi più an- 
tichi non sono datati. Nel secolo passato e nel nostro eruditi di 
ogni nazione (piace ricordare tra tutti il comm. G. B. de Eossi) 
hanno fatto oggetto dei loro studi pazienti i cimiteri romani e 
quelli di Chiusi, di Napoli e di Siracusa, per parlare dei più famosi. 
Le opere loro sono di grandissimo giovamento a chi si occupa 
delle origini delle chiese di Italia. I due volumi delle Inscriptiones 
christianae urbis Romae pubblicati dallo stesso de Eossi (il primo 
dal 1857 al 1861 ; il secondo nel 1888 ; il supplemento del voi. I, 
sempre in Eoma, nel 1915), quello del prof. A. Silvagni {Inscriptiones 



INTRODUZIONE 



85 



christianae urbis Romae septimo saectilo antiquiores... pars prior, 
Eoma 1922) e i parecchi tomi del Corpus inscriptionmn latinarum, 
edito in Berlino per opera di alcuni eruditi, contengono le epigrafi 
che più interessano le nostre investigazioni. Il materiale scoperto 
dopo quelle pubblicazioni venne raccolto dal Nuovo Bullettino d- ar- 
cheologia cristiana, e ora dalla Rivista di archeologia cristiana, editi 
in Eoma per opera di scolari e continuatori del de Eossi, e in ri- 
viste affini d'archeologia, di storia o di arte, specialmente nelle 
Notizie degli scavi. 

Mons. Wilpert ha pubblicato un'opera di capitale interesse su 
Le pitture delle catacombe romane. 

I cimiteri attestano l'esistenza di una chiesa o di una comu- 
nità cristiana nel luogo ove si trovano. 

La storia dei primi secoli della Chiesa c'insegna che durante 
una stessa persecuzione, mentre in alcune province dell'impero si 
fecero massacri in massa, in altre invece, e non meno popolate di 
cristiani, si uccisero poche vittime, e in alcune città, pur abitate 
da cristiani, nessuno di loro venne messo a morte. Quindi dal sem- 
plice fatto di un martirio avvenuto in un dato paese, o di un se- 
polcro in esso esistente di un martire, non è dato arguire con 
certezza quale e quanta fosse l' importanza dei cristiani in quel 
luogo ; come al contrario dalla mancanza di martiri cristiani in una 
determinata regione non si potrebbe conchiudere l'assenza di cri- 
stiani durante il periodo delle persecuzioni. Ma quando in un me- 
desimo luogo i martiri siano avvenuti di tempo in tempo, e spe- 
cialmente quando tra i martiri ne appaiono alcuni rivestiti della 
dignità vescovile o dell'ufficio di preti o di diaconi, allora può ar- 
guirsi, senza tema di errare, che in quella località esistette una 
comunità numerosa e saldamente organizzata. Ad esempio, se della 
Eoma dei primi tre secoli non ci fossero pervenute altre memorie 
che quelle de suoi martiri, certo da queste soltanto si avrebbe il 
diritto d' inferire che nella capitale dell' impero esistette fino dai 
primordi del cristianesimo una comunità o una chiesa numerosa e 
fortemente costituita. 

A proposito dei sepolcri dei martiri, nei secoli primitivi, spe- 
cialmente in Occidente, fu uso costante, come si è detto di sopra 



86 LE DIOCESI d' ITALIA 

(§ 5), di rispettare le tombe dei martiri, intorno alle quali tene- 
vansi le sacre adunanze e su le quali celebravansi i divini misteri. 
Traslazioni di resti mortali dei martiri da un luogo all'altro non 
avvenivano se non per evidente necessità {per forza- maggiore, noi 
diremmo), ad esempio in occasione d'invasioni barbariche, che co- 
stringessero gli abitanti ad emigrare in massa e a rifugiarsi altrove 
con le famiglie e con le robe; sicché quando nel iv secolo comin- 
ciarono a fabbricarsi oratori e chiese sopra le tombe dei martiri, 
queste non venivano menomamente spostate, neppurer dove i se- 
polcri rimanevano sotterra. Né in quei primi tempi le reliquie cor- 
poree dei martiri si spezzavano in alcun modo e si distribuivano 
alle chiese e ai fedeli. L'integrità del cadavere era inviolabile. 
Molte reliquie dei primi tempi consistevano ordinariamente in pez- 
zetti di stofl'a tagliati dai veli che coprivano le tombe e gli altari, 
o in un poco di polvere del sepolcro, o, più spesso, in pannolini, 
fiori altri oggetti (detti brandea, palliola^ sanctuaria) santificati 
dal contatto delle sacre ossa (presso le quali si arrivava per mezzo 
di ima cateratta) o in gocciole dell'olio che ardeva nelle lampade 
davanti e d'attorno al sepolcro e, più raramente, in pezzetti d'istru- 
menti del martirio o del sangue raccolto da lini o spugne durante 
il supplizio, anche in pezzetti d'ossa, forse di analoga provenienza. 
E gli antichi avevano per queste reliquie lo stesso rispetto che per 
il corpo stesso o per le parti del corpo del martire, come quelle 
che erano state in contatto, piti o meno immediato, con il corpo e 
da cui avevano attinto e preso efiScacia. 

Ma nel secolo vii cominciarono in Occidente (in Oriente un 
po' prima) le traslazioni e le divisioni delle reliquie dei martiri e 
dei santi. Papa Teodoro (642-48) fu il primo, per quanto si sappia, 
che fece trasferire dall'agro nomentano entro le mura di Eoma le 
reliquie dei martiri Primo e Feliciano; e da quel giorno i succes- 
sori di lui, massime i papi del secolo ix, spogliarono i cimiteri su- 
burbani dei loro sacri deposj^ti, trasportandoli dentro le chiese ur- 
bane. .Quei venerabili sepolcri furono abbandonati, dimenticati, 
profanati. Fu dunque per un vero caso che nel 1815 il p. Marchi 
gesuita scoperse nel cimitero di Bassilla, nella Via Salaria vecchia, 
la sepoltura del martire Giacinto intatta con le ossa carbonizzate 



INTRODUZrONE 



87 



depostevi il giorno del suo supplizio e l'iscrizione: d(e)p(osilus) 
III Idus septebr. Yacinthus martyr. Le stesse traslazioni e divisioni 
avvennero nel resto d'Italia. I re longobardi di Pavia e i principi 
di Benevento (sec. vili) rapirono molte reliquie di santi e le tra- 
slocarono nelle rispettive capitali; e sotto gì' imperatori della Casa 
Carolingia e Sassone furti e rapine di reliquie si commisero in tutta 
Italia, trafugate al di là delle Alpi; mentre i marinai di Pisa, di 
Amalfi, di Genova e di Venezia alla loro volta imitarono la mor- 
bosa rapacità dei principi longobardi e tedeschi. S'aggiungano le 
devastazioni dei Saracini nell'Italia inferiore e insulare. La penisola 
perdette quindi una gran parte delle reliquie dei suoi martiri. E le 
chiese fortunate, che furono esenti da questo brigantaggio, per evi- 
tare il trafugamento e la iattura delle sacre reliquie, le tolsero dai 
cimiteri e dalle basiliche suburbane, le trasportarono dentro luoghi 
chiusi da mura, e le nascosero sotterra, sotto gli altari o altrove. 
Così nessun sepolcro di martire italiano rimase intatto nel suo 
luogo. 

Fu questa per lo storico una perdita irreparabile. La distru- 
zione delle tombe primitive viene compensata in ben piccola parte, 
per quanto spetta ai martiri romani, dagli Itinerari dei pellegrini 
ultramontani del secolo vi e del vii, che prima dell'abbandono 
delle catacombe visitarono i sepolcreti dei martiri e ne diedero una 
molto magra descrizione (de Eossi, Roma sotterranea, I, 176-83), 
e dai rimasugli delle iscrizioni apposte da papa Damaso e da altri 
ai loro loculi. I ruderi di quei venerandi sepolcreti, distrutti e pro- 
fanati, furono amorosamente raccolti e illustrati dal de Eossi nella 
Roma sotterranea e nel Bidlettino d'archeologia cristiana. Le me- 
morie monumentali sui tumuli primitivi dei martiri fuori di Eoma 
non abbondano. Le iscrizioni poste sui sarcofaghi, nelle basiliche ec, 
sono state raccolte nel Corpus Inscrlptionum laMnariim. Gli altri 
avanzi archeologici sono studiati nel Bidlettino d'archeologia cri- 
stiana^ nel Nuovo Bulletlino su ricordato e in altre riviste e lavori 
affini. Pregevoli notizie su le tombe stesse trovansi qua e là nelle 
cronache dell'Alto medioevo, nelle Gesta o Passiones e nelle Tran- 
slationes, catalogate con diligenza dai Bollandisti nella Bibliotheca 
hagiographica latina. 



88 LE DIOCESI d' ITALIA 

Altri monumenti, per loro natura mobili e facilmente traspor- 
tabili da luogo a luogo, ad esempio sarcofaghi, lucerne, vasi, anelli, 
hullae e simili, alle volte le' stesse iscrizioni o frammenti d' iscri- 
zioni, non costituiscono argomento sicuro della presenza di cristiani, 
molto meno di comunità cristiane nel luogo ove furono trovati, se 
non nel caso che non siano stati rimossi dalla sede primitiva, o 
siano riscontrati in buon numero, o in altre particolari circostanze. 
Mons. Wilpert prepara un Corpus sarcophagorum christianorum, che 
sarà prezioso. 

I ruderi di oratori, di chiese e di basiliche, avanzi preziosi per 
le nostre ricerche, non travalicano il secolo iv. Of. Giovannoni, 
Nuovi contributi allo studio della genesi della basilica cristiana, in 
« Dissertazioni della pont. Ac. Eom. di archeologia », an. 1921, 
pp. 111-34; Geossi-Gondi, / monumenti cristiani iconografici ed 
architettonici dei sei primi secoli, Eoma, 1923. 

Per la storia delle nostre diocesi importa rintracciare il luogo 
ove sorse la cattedrale primitiva. 

Durante il iv e il v secolo nelle città imperiali (Roma, Mi- 
lano, Eavenna) e in pochissime altre (ad esempio Aquileia, Napoli) 
la cattedrale e sede dell'amministrazione diocesana venne costruita 
entro le mura; nelle rimanenti fu edificata nel suburbano presso 
l'area di un cimitero cristiano, ordinariamente del cimitero cristiano 
primitivo, e sopra i sepolcri dei martiri locali; e la cattedrale, suc- 
cessivamente restaurata o rifatta, rimase nel suburbano per pa 
recchi secoli. Solo nell' vili e, più, nel ix secolo, al tempo dei Ca- 
rolingi, le cattedrali furono traslocate dentro la cinta urbana, e in 
qualche luogo (ad esempio Imola, Foligno) circondato di mura a 
modo di castrum. Alle volte le ossa dei martiri e dei primi vescovi 
esistenti nelle antiche cattedrali furono portate nei nuovi ediflzì; 
alle volte non furono rimosse. Trasferite le cattedrali entro la cinta, 
i vecchi edifizi ordinariamente furono ceduti a monaci benedettini, 
camaldolesi, vallombrosani, avellaniti o ad altre congregazioni mo- 
nastiche, finché in causa del deperimento e poi della soppressione 
dei monasteri non tornarono al clero diocesano, oppure scompar- 
vero del tutto. 

Se le nostre cognizioni su le origini delle chiese d'Italia pò- 



INTRODUZIONE 



89 



tranno un giorno per buona ventura allargarsi, ciò non avverrà se 
non per mezzo di fortunate scoperte archeologiche ; purtroppo però 
in parecchie regioni d'Italia alcuni cimiteri cristiani, venuti alla 
luce, non furono ancora esplorati; e in altre il piccone dell'archeo- 
logo riposa... per mancanza di mezzi pecuniari. 

21. Queste sono le fonti del nostro studio e di qualunque al- 
tro lavoro vorrà farsi su la storia delle diocesi italiane. 

In quest'opera saranno catalogate tutte le diocesi antiche d' I- 
talia, certe, probàbili, dubbie e quelle indebitamente elencate prima 
del 604, mentre sono posteriori o non esistettero mai; verranno 
catalogate secondo la divisione della penisola in regiones, cóme ha 
fatto mons. Duchesne nei lavori sopra citati (§7). E vero che la 
massima diffusione del cristianesimo avvenne in Italia al tempo 
delle provinciae, non delle regiones, quindi sembrerebbe più oppor- 
tuno adottare la divisione dell'Italia in province; ma i confini delle 
province non sono ben noti e determinati come quelli delle regioni. 
I vescovadi probabili o dubbi saranno registrati insieme coi certi, 
ma con un punto interrogativo; gli altri alla fine di ciascuna re- 
gione in carattere più piccolo. 

Ciascuna diocesi sarà annunciata con l'antico nome latino e 
con il corrispondente italiano tra parentesi. Sotto ciascuna diocesi 
saranno raccolte e al lume dei principi esposti nell' Introduzione 
discusse le notizie riferentisi in generale alle origini in essa del 
cristianesimo e dell'episcopato (martiri, iscrizioni e altri monu- 
menti) ; quindi saranno catalogati tutti i nomi dei vescovi diocesani 
pervenuti sino a noi. Questo elenco sarà d'indole puramente sto- 
rica, quindi si registreranno non solo i vescovi legittimi e ricojno- 
sciuti dalla chiesa (come si faceva nei dittici e in altri documenti 
uflBciali), ma tutti quelli che a ragione o a torto portarono il titolo 
di vescovi di quella diocesi. Quindi, ad esempio, a Milano compa- 
riranno i due vescovi ariani di nome Aussenzio; a Eavenna il ve- 
scovo goto Uvimondo; a Eoma gli antipapi, che nei cataloghi 
ufficiali naturalmente non ebbero luogo ne possono averlo. 

Sotto ciascun vescovo riporterò i dati cronologico-storici che 
gli si riferiscono con i rispettivi documenti e monumenti in ap- 
poggio; e ciò per stabilire, per quanto sarà possibile, i dati estremi, 



90 LE DIOCESI d' ITALIA 

certi o approssimativi, del pontificato di ciascuno, o almeno i pochi 
dati sicuri. Non discuterò i dati proposti dagli scrittori del xvi e 
XVII Secolo, e dietro loro dall' Ughelli, perchè, come si è detto (§ 6), 
furono fissati da loro arbitrariamente. Anche gli storici locali non 
se ne occupano più. Neppure terrò conto delle opinioni di quegli 
stessi scrittori su le famiglie e le patrie degli antichi vescovi, 
perchè ol'amai siamo tutti d'accordo nel riconoscere che nel maggior 
numero dei casi essi procedettero molto cervelloticamente. Attesa 
l' indole prevalentemente cronologica del mio lavoro, non sunteg- 
gerò ne commenterò largamente i singoli monumenti e documenti, 
ma mi contenterò di citarli, specialmente quelli di minore impor- 
tanza. Non dovrà cercarsi nel mio lavoro la bibliografia su la vita e 
su le opere dei vescovi più famosi (Massimo di Torino, Eusebio di 
Vercelli, Ambrogio di Milano, Filastrio di Brescia, Oromazio di 
Aquileia, Pier Orisologo di Eavenna ec.) ma nei manuali di Patri- 
stica. Né mi dilungherò a confutare i dati delle biografie degli an- 
tichissimi vescovi composte dai medesimi scrittori del secolo xvi 
e XVII, perchè, come ho dimostrato (§ 6), compilate con metodi 
arbitrari. 

Stamperò i vescovi autentici in carattere tondo con un numero 
progressivo; i nomi dubbi e spuri fuori dell'enìimerazione, i primi 
con un punto interrogativo, i secondi in carattere corsivo. In tale 
affare molte volte sono rimasto perplesso, e avrei voluto sostituire 
al punto d'interrogazione il carattere corsivo, ma non l'ho fatto 
per procedere con il tradizionale pie di piombo. Ciò non ostante i 
nomi spuri saliranno in tutta l'opera a varie centinaia. 

Ho diviso il lavoro in due parti. Nella prima tratterò delle 
diocesi delle prime sette regioni d'Italia e delle isole (l'Italia me- 
dia, meridionale e insulare); e nella seconda di quelle delle ultime 
quattro regioni (l'Italia alta o settentrionale). In fine esporrò le 
conclusioni generali, che scaturiscono dalle particolari discussioni; 
prima intorno all'Alta, quindi alla Media e Bassa Italia e alle isole; 
e chiuderò il lavoro con un excursus sui santi africani in Italia ; 
utile per l' illustrazione dell'agiografia della penisola. 

Questo studio non interessa soltanto i critici di professione, 
ma tutti i cristiani colti d'Italia. Questi, pur deplorando che il 



INTRODUZIONE 



91 



tempo abbia distrutto quasi tutti i documenti e i monumenti della 
storia primitiva del cristianesimo nel nostro paese, e l'errore, la 
fantasia, o la malizia degli uomini abbiano largamente inquinato 
una storia così utile e così attraente, accoglieranno con piacere 
quanto di certo o di probabile ci è rimasto sii le origini delle 
chiese della penisola. Se questa storia critica non potrà narrare 
con molti particolari, come sarebbe desiderabile, la vita, le fatiche 
e l'illustre martirio dei primi evangelizzatori, dei primi vescovi, dei 
primitivi cristiani, essa almeno darà per ciascuna provincia come 
un album d'onore, in cui saranno registrati i loro nomi. E come gli 
amatori della patria si commovono e si esaltano davanti ai monu- 
menti, in cui si leggono i nomi dei fondatori dell'indipendenza e 
della grandezza del paese, e dei caduti per la sua gloria, con la 
data del loro eroico sacrificio, così i cristiani si sentiranno infiam- 
mati di ammirazione e di entusiasmo leggendo i fasti dei nostri 
apostoli e dei nostri antichi martiri. 

Dei nostri apostoli e dei nostri martiri; che non sono morti, 
ma vivono ancora in mezzo a noi, perchè il popolo d' Italia ha di- 
menticato bensì il nome dei loro persecutori (che un giorno furono 
i padroni delle ricchezze e d^lle vite di tutto il mondo) e dei numi 
che essi riflutaronsi di adorare ; ma non ha dimenticato i suoi primi 
apostoli e i suoi martiri; in loro onore ha dedicato e consacrato 
i templi più vasti e maestosi, e un numero infinito di cappelle dif- 
fuse dapertutto, dalle vette alpine fino alle rive, dei tre mari, e 
invoca il loro nome in tutti i suoi bisogni, e ne celebra con pompa 
le feste; li ha dati per protettori a tutte le classi sociali, a tutte 
le età della vita; e impone il loro nome a suoi figlioli e alle 
opere del suo pensiero e della sua mano. Nessuna creatura umana 
è più amata e venerata in Italia dei nostri martiri e dei nostri 
apostoli. 



LA REGIONE I. 

Comprendeva: I. Latium vetus. — IL Latium adiectum. — 
III. Campania. 

I. — LATIUM VETUS. 

Roma. 

Ometto qualunque trattazione e discussione sui primordi della 
chiesa di Eoma, perchè molti studiosi ne hanno scritto egregia- 
mente ; e suppongo (cosa del resto ammessa da tutti i critici) che 
la comunità cristiana di Eoma abbia avuto principio intorno alla 
metà del secolo primo, e sia stata consacrata dal sangue dei 
due apostoli Pietro e Paolo, che devono considerarsi i fondatori 
di essa. 

Gli autori dai quali si raccoglie l'esistenza e l' importanza della 
chiesa romana in quel tempo sono i seguenti : V Epistola di s. Paolo 
ai Bomani, I, 1-8; XV, 24; XVI, 3-16; ai Filippensi, IV, 22; ai 
Colossensi, IV, 7-12; a Filemone, 9, 23-4; la seconda a Timoteo, I, 
17; IV, 11, 19, 21; V Epistola prima di s. Pietro, V, 13; gli Atti 
degli apostoli di s. Luca, II, 10; XVIII, 2; XXVIII, 14-15, 30-1; 
V Apocalisse di s. Giovanni, XVII, 6; XVIII, 4-6; V Epistola di s. Cle- 
mente ai Corintii, I, VI; di s. Ignazio ai Romani, I; Svetonius, 
Ctaudius, 25; Taoitus, Annales, XV, 44; nell'ultimo dei quali 
autori si parla di una « multitudo ingens » di cristiani massacrata 
in Eoma per ordine di Nerone (a. 64). 

Su l'evangelizzazione di Eoma per opera dei ss. Pietro e Paolo 
apostoli cf., oltre i passi sopra citati, VEpistola prima di s, Pietro, 
V, 13; V Evangelo di s. Giovanni, XXI, 18-19; VEpistola di s. Cle- 
mente a quelli di Corinto, 5-6; di s. Ignazio ai Romani, IV, 3; 
Irenaeus, Adversus haereses. III, 1-3: « Maxima et antiquissima 
et omnibus cognita a gloriosissimis duóbus apostolis (Pietro e Paolo) 
Romae fnndata et constituta ecclesia ». 



94 LK DIOCESI d' ITALIA 

Intorno ai cimiteri e ai martiri romani, oltre gli autori citati 
nei §§ 13, 14, 15 e 20 deW Introduzione, cf. Delehaye, Les origines 
du eulte des martyrs, pp. 298 341; liiRSOiiy Die rómischen TitelMr- 
chen im Altertmn, Paderbona, 1918, pp. X-224; Lanzoni, / titoli 
presbiterali di Roma antica^ in « Eivista di archeologia cristiana », 
an. 1925, p. 195 e seg. ; Kirsch, I santuari domestici dei martiri 
nei Titoli romani ec, in « Pont. Accad. di archeologia. Rendiconti », 
a. 1924, pp. 27-43. 

Il catalogo episcopale romano, noto a scrittori greci e latini 
fino dal II secolo, ci è giunto in tre recensioni diverse: L, cioè 
quella del catalogo liberiano, che sembra il più antico; J, del co- 
sidetto Indice ; LP, cioè del catalogo del Liber Pontificalis (cf. V In- 
troduzione, § 1). Su l'età e il valore di queste recensioni cf. Du- 
OHESNE, Le « Liber Pontificalis » e Mommsen, Gesta pontificum 
romanorum, 1 {Mon. Gemi, hist.) nell'introduzione alle due rispet- 
tive edizioni, e la profonda opera, uscita or ora, di E. Oaspàe, 
Die àlteste rómische Bischof sliste. Kritische Studien zum Formpro- 
blem des Eusebianischen Kanons sowie zur Geschichte der dltesten 
Bischofslisten und ihrer Entstehung aus apostolischen Suhzessionen- 
reihen (= Schriften der Kónigsberger Gelehrten Gesellschaft. 2 lahr. 
Geisteswiss. Klasse. Heft 4). 

Questo Studio su le diocesi antiche d'Italia fino al vii secolo 
non può omettere il catalogo episcopale della Prima Sedes, molto 
più che i dittici romani illustrano spesso quelli delle altre diocesi 
italiane, frammentari o interi che siano. Tuttavia non raccoglierò 
sotto il nome di ciascun papa tutti i documenti e monumenti re- 
lativi, per non accrescere di troppo la mole di questo lavoro (si 
possono consultare in proposito le note di mons. Duchesne al suo 
Liber Pontificalis; Grisab, Analecta Romana e Histoire de Rome 
(ed. Desclée, 1906) ; Il pontificato di s. Gregorio Magno {a. 590-604), 
trad. dal p. Angelo de Santi (Eoma, Desclée, 1899); Duchesne, 
Histoire ancienne de VÉglise, tomi III; U Église au VP siede, Pa- 
rigi, de Boccard, 1925); e mi limiterò a riprodurre il catalogo 
liberiano con le varianti degli altri due, secondo i Prelegomeni del 
Mommsen (o. e., pp. XLIII-LI). 



LA HEtìlONÈ 1 - LATlUM VETUS - ROMA 95 

1. Petrus sed. an. XXV, mens. I, dies YIIII {IqLP: men. II, 
d. ili). — Secondo la testimonianza di Eusebio {Hisf. Eccl, II, 14-15), 
il pontificato del principe degli apostoli, terminato certamente sub 
Nerone (54-68), si sarebbe iniziato sub Claudio (41-54). Ma gli eru- 
diti non convengono nell'anno preciso del terminus a quo e del 
terminus ad quem del pontificato romano di s. Pietro. 

2. Linus: a. XII, m. IIII, d. XII {I e LP: a. XI, m. Ili, 
d. XII). 

3. Oletus: a. VI, m. II, d. X {le LP: a. XII, m. I; I d. II; 
LP, d. XI). 

4. Olemens: a. Villi, m. XI, d. XII (J e LP: m. II, d. X). — 
LP contro L premette Oletus a Olemens e sembra in questo più 
attendibile dell'altro. 

5. Anaclitus o Anacletus: a. XII, m. X, d. Ili (LP; a. Villi, 
m. II, d. X). — / omette questo pontefice ; e vari eruditi lo seguono. 

6. Evaristus o Aristus : a. XIII, m. VII, d. II {I e LP: IX, 
X e II). ' 

7. Alexander: a. VII, m. II, d. I (/ e LP: X, VII, II). 

8. Xystus Sixtus: a. X, m. Ili, d. XXI (7 e LP: m. II, d. I). 

9. Telesphor o Telesforus: a. XI, m. Ili, d. Ili (I e LP: 
d. XXI). 

10. Hyginus o Higiuus: a. XII, m. Ili, d. VI (J e LP: IIII, 
III, IIII). 

11. Plus : a. XX, m. IIII, d. XXI {I e LP: a. XVIII, d. IIII). — 

I e LP premettono Pio ad Aniceto, e questo ordine viene general- 
mente seguito. Pio avrebbe regnato intorno al 140 ; Aniceto al 154. 

12. Anicetus {I e LP: a. XI, m. IIII, d. Ili; L manca). 

13. Soter: a. Villi (i e LP: a. VI, d. XXI). 

14. Eleuther o Eleutherius : ... m. Ili, d.II (leLP; a. XV). — 

II Duchesne (Hist. anc. de l'Eglise, I, 236-7) stabilisce l'età ap- 
prossimativa dei successori di s. Pietro in tal modo: Lino, 65-76; 
Anacleto, 77-88; Olemente, 89-97; Evaristo, 98-105; Alessandro, 
106-15; Sisto, 116-25; Telesforo, 126-36; Igino, 137-40; Pio, 141-55; 
Aniceto, 156-66; Sotero, 167-74; Eleuterio, 175-89. Si tratta, ripeto, 
di calcoli approssimativi. 

15. Victor: a. Villi, m. II, d. X. — Forse dal 189 al 199. 



96 LE DIOCESI d' ITALIA 

16. Zephyrinus: a. Vili, m. VII, d. X (J e LP; L manca). — 
Avrebbe regnato dal 199 al 217. 

li Oallistus Oalixtus: a. V {LP, VI), m. II, d. X. — Dal 217 
al 222 ? 

18. Urbanus: a. Vili, m. XI (J e LP: a. IIII, d. X), d. XII. — 
Dal 222 al 230 incirca. 

19. Pontianus: 21 liigl. 230-28 setfc. 235. — Da Ponziano in poi 
le date estreme del pontificato di ciascuno si possono precisare con 
suflBcente sicurezza. 

20. Hippolytus : dal 217 e. al 235. — Fu capo di una chiesa ro- 
mana dissidente dai legittimi pontefici (v. Porto). Viene quindi 
registrato qui per ragioni storiche {^.Introduzione, § 21). 

21. Antheros o Anteros: 21 nov. 235 - 3 gen. 236. 

22. Fabianus o Fabius: 10 gen. 236 - 20 gen. 250. 

23. Oornelius: mar. 251 - giug. 253. 

24. Novatianus (da alcuni detto Novatus): antipapa dal 251 
al 268 (?). 

26. Lucius: 25 giug. 253 - 5 mar. 254. 

26. Stephanus I: 12 mag. 254 - 3 ag. 257. 

27. Xystus II: 30 ag. 257 - 6 ag. 258. 

28. Dionysius o Dionisius: 22 lugl. 259 - 26 dee. 268. 

29. Felix I: 5 gen. 269 - 30 dee. 274. 

30. Eutychianus o Eutycianus: 4 gen. 275 - 7 dee. 283. 

31. Gaius: 17 dee. - 22 apr. 296. 

32. Marcellinus: 30 giug. 296 r 25 ot. 304. 

33. Marcellus: 27 mag. (26 giug.?) 308 - 16 gen. 309.— Omesso da I. 

34. Eusebius: 18 apr. 309, o 310 - 17 ag.^309 o 310. 

35. Miltiades: 2 lugl. 311 - 11 gen. 314. 

36. Silvester: 31 gen. 314 - 31 dee. 335. 

37. Marcus: 18 gen. - 7 ot. 336. 

38. lulius: 6 feb. 337 - 12 apr. 352. 

39. Liberius: 17 mag. 352 - 24 sett. 366. 

40. Felix (detto Felix II) usurpatore del seggio dal 355 per 
qualche tempo. 

41. Damasus: 1 ot. 366 - 11 dee. 384. 

42. Ursinus o Ursicinus: dal sett. 366 antipapa per qualche anno. 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - ROMA 97 

43. Siricius: dee. 384 - 26 nov. 399. 

44. Auastasius I: 27 nov. 399 - 19 dee. 401, 

45. Innoeentius I: 22 dee. 401 - 12 mar. 417. 

46. Zosimus: 18 mar. 417 - 26 dee. 418. 

47. Bonifatius I: 29 dee. 418 - 4 sett. 422. 

48. Eulalius, antipapa: 27 dee. 418 - 419. 

49. Oaelestinus: 10 sett. 422 - 27 lugl. 432. 

50. Xyxtus HI: 31 lugl. 432 - 19 ag. 440. 

51. Leo I: 29 sett. 440 - 10 nov. 461. 

52. Hilarus: 19 nov. 461 - 29 feb. 468. 

53. Simplieius: 3 mar. 468 - 10 mar. 483. 

54. Felix III: 13 mar. 483 - 1 mar. 492. 

55. Gelasius: 1 mar. 492 - 21 nov. 496. 

56. Anastasius II: 24 nov. 496 - 19 nov. 498. 

57. Symmachus: 22 nov. 498-19 lugl. 514. 

58. Laurentius, antipapa: nov. 498 per vari anni. 

59. Hormisda: 20 lugl. 514 - 6 ag. 523. 

60. lohannes I: 13 ag. 523 - 18 mag. 526. 

61. Felix IV: 12 lugl. 526 - 22 sett. 530. 

62. Bonifatius II : 22 sett. 530 - 17 ott. 532. 

63. Dioscorus, antipapa: sett.-ott. 530. 

64. lohannes II: 2 gen. 533 - 8 mag. 535. 

65. Agapitus: 13 mag. 535 - 22 apr. 536. 

66. Silverius: giug. 536 - 11 mar. 537. 

67. Vigilius: 29 mar. 537 - 7 giug. 555. 

68. Pelagius I: 16 apr. 556 - 4 mar. 561. 

69. lohannes III: 17 lugl. 561 - 13 lugl. 574. 

70. Benedictus I: 2 giug. 575 - 30 lugl. 579. 

71. Pelagius II: 26 nov. 579 - 7 febr. 590. 

72. Gregorius I: 3 sett. 590 - 12 mar. 604. 

Le leggende agiografiehe hanno eontaminato di nomi spuri 
il catalogo romano : 

Cyriacus, nella leggenda di s. Orsola {AS, oct., IX, 165, 202, 
261). 



ÒS Lte DIOCESI d' ITALIA 

Rhetorius, Ritorius, Retoricus, nella Passione di s. Taziana 
{BHG, 1699) e di s. Martina {BHL, 5587-80). 

Marcianus, Marianns, nella leggenda di s. Alessio {BHG, 51-5). 

Paschasi'us, nella Vita di s. Esuperanzio di Cingoli {BHL, 2808). 

Chromatius. — Ororaazio vescovo di Aquileia fu detto per errore 
« Oromatius... sanctae romanae antistes ecclesiae » (cf. Pasohini, 
JLe vicende politiche e religiose del territorio friulano ec. Oividale, 
1912, pp. 64-5). 

Colonia Ostia, Ostia Tiberina (Ostia non lungi dall'antica). 

Fu la prima colonia romana. Posta presso la foce del Tevere, 
comunicava con Eoma per la Via Ostiense, che correva su la si- 
nistra del jftume. 

Un martire di nome Asterius appartiene senza dubbio a Ostia. 
Il 19 ottobre il Gerolimiano riporta: 

B, W In Hostia Asteri, 

E In Ostea Natale Asteri, 

D In Hostia nat. Asperi (cf. « Anal. Boll. », an. 1913, 369-407). 

Un'iscrizione del cimitero di Oommodilla in Eoma, situato su 
la Via Ostiense, fa menzione di questo martire Asterie della città 
non lontana; ricorda che un Paschasius fu depositus IV id. octohris 
in pace Vili ante natale domni Asterii, cioè nel 12 ottobre, otto 
giorni prima del dies natalis di Asterio, che, secondo il Geroli- 
miano, celebravasi il giorno 19. Nella seconda metà del iv secolo 
Ostia possedeva una basilica a lui sacra: « basilica martyris Asterii » 
(cf. Delehaye, Les origines du eulte des martyrs, p. 335). 

Le Passioni romane conoscono il martire ostiense, quantunque 
narrino di lui cose contradittorie. Le Gesta Callisti (BEL, 1523), 
Passione ciclica romana, lo presenta come un prete di questo pon- 
tefice, che di notte leva il corpo del papa dal pozzo ove questi 
sarebbe stato precipitato, e lo seppellisce nel cimitero di Oalepodio 
sulla Via Aurelia il 14 ottobre (an. 222). Ma dopo sei giorni (20 
ottobre) Asterio è gettato da un ponte nel Tevere, e il suo corpo 
viene trovato in Ostia e sepolto in questa città il 21 ottobre (se 



LA UEGIONE 1 - LATIUM VETUS - OSTIA 



99 



non vi ha errore di numero nei codici). Al contrario l'autore delle 
Gesta Maris {BHL, 5543), un'altra Passione ciclica romana, benché 
conoscesse, a quanto mi sembra, le Gesta Callisti, lo pose sub 
Gkmdio (II, 208-70) e ne fece un prìnceps di Oalpurnio prefetto, 
convertito e battezzato da un presbyter Valentintts, e cresimato da 
Gallisttis episcopus; quindi dall'imperatore mandato a Ostia per 
esservì tormentato e ucciso, non si dice quando. 

Le sante Buflna e Seconda della Via Cornelia, gettate nel 
Tevere, come il presbyter Asterius delle Gesta Callisti, nella loro 
Passione sono figlie di un Asterius e di un'Aurelia. Potrebb'essere 
un'allusione al nostro martire e alla Via Aurelia. 

Un'altra martire illustre di Ostia è commemorata nel Geroli- 
miano il 20 maggio: 

B, E In Ostea Aureae, 
W Aurei Nustuae (sic) ; 

che ricompare in Porto il 21 agosto: 
B Et in Porto Romano... Aurae... 

e il 22 : 

E Et in Porta Romana... Aureli... 
W Et in Porto Romano... Aurae. 

Papa Sergio I (687-701), secondo il Liber Poìitificalis (Duche- 
SNE, Le « Liber Pontificalis », I, 376, 380; II, 118), « basilicam 
S. Aureae in Hostis cooperuit ». Esisteva dunque in Ostia prima 
del secolo viii una basilica eretta in suo onore. 

Aurea è la eroina di due leggende sorelle, alquanto divergenti 
tra loro. La prima di queste, cioè la Passione di Oensorino {BIIL, 
1722-3), ci dice che questo « vir praepositus magisteriae potestatis » 
era un cristiano occulto, da Eoma esiliato in Ostia sub Claudio 
(II, 268-70). Vi avrebbe trovato un Ciriaco, vescovo, un Massimo, 
prete, e un Archelao, diacono, con Aurea, « virgo ex genere re- 
giae potestatis ». Questi tre ecclesiastici sarebbero stati martiriz- 
zati con 17' tribuni, da loro convertiti, « ad arcum ante theatrum »^ 
e sepolti da un Eusebio prete « in crypta iuxta Ostiensem urbem ». 



lOÒ Lb blOCESI D* ITALIA 

Dei 17 tribuni (che hanno nomi in parte molto strani) Theodorus 
è sepolto « in mausoleo suo », Taurinus e Herculanus in Porto, e 
gli altri presso il sepolcro di Ciriaco, di Massimo e di Archelao. 
Aurea è gettata in mare e sepolta da un Nonnus « foras muros 
portae Hostiae » il 23 agosto ; e un « Hippolitus senex » alla sua 
volta viene immerso in un pozzo « ante muros Portus Eomani »; 
finalmente il corpo di un contadino Sabinianus viene gettato « in 
puteum », quindi estratto, e sepolto da un Concordius presbyter con 
s. Aurea, sua padrona, il 28 decembre. 

La seconda, cioè la Passione di Aurea {BHL, 803-16), narra che 
questa vergine romana, figlia d' imperatori, sarebbe stata esiliata a 
Ostia sub Claudio, ove trovò un Ciriaco vescovo, un Massimo, un 
Eusebio e un Concordie, preti, e un Archelao, diacono, con Censo- 
rino. Ciriaco, Massimo e Archelao con 13 custodi (i nomi stessi della 
prima Passione) e un Theodorus tribunus sono martirizzati; gli 
ecclesiastici « ad arcum ante theatrum », e gli altri vengono get- 
tati in mare. Eusebio, prete, raccoglie i cadaveri, e dà sepoltura 
agli ecclesiastici l'8 agosto «in campo Ostiae iuxta urbem in cry- 
pta »; Taurinus e Herculanus sono seppelliti in Porto, Theodorus 
« in mausoleo suo », e gli filtri presso i tre ecclesiastici il 23 ago- 
sto. Aurea è gettata in mare, e quindi sepolta da Nonnus « in 
praedio suo » il 29 agosto. Sabiniano viene tumulato il 28 agosto 
dal prete Concordio. Nonnus è gettato in una fossa « ante muros 
urbis iuxta alvum Tyberis », e sepolto « non longe a puteo quasi 
pedes plus minus sexaginta », il 23 agosto. L'imperatore Claudio II 
è passato nelle Passioni di Censorino e di Aurea dalle Gesta Maris 
{BHL, 5543) (cf. Dufoukoq, Étude sur les « Gesta martyrum » ro- 
mains, I, 246-9; II, 113-20; Quentin, Les martyrologes historiques, 
p. 339). L'imperatore Claudio II non perseguitò i cristiani. Il suo 
nome (cf. V Introduzione, § 16) fu scelto forse ad arbitrio dai leg- 
gendisti di un gruppo cospicuo di Passioni tosco-romane. Un'esecu- 
zione capitale in Ostia « ad arcum ante theatrum » nel ni secolo 
non è attendibile. 

Esiste del pari una Passione, più recente, di un s. Ciriaco, 
vescovo d'Ostia (BHL, 2055 b) che sarebbe stato ucciso il 9 di ago- 
sto. Finalmente alcuni raffazzonamenti della Passione di s. Aurea 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - OSTIA 101 

{AS, aug., IV, 757, n. 10) hanno collocato il martirio di lei e dei 
compagni sub Alexandro Severo. 

Non è facile spiegare le divergenze tra la prima e la seconda 
Passione, né stabilire con certezza quale delle due sia la più an- 
tica. Forse risalgono ambedue al vi secolo. Ma gli autori delle due 
prime Passioni hanno, secondo il costume, unito insieme arbitra- 
riamente parecchi martiri venerati in Ostia e in Porto, cioè: Tau- 
rino ed Ercolano e Nonno o Ippolito, tutti e tre .di Porto, dei quali 
si dirà ; e Aurea d' Ostia, commemorata, come si è visto, nel Ge- 
rolimiano, quantunque non alla stessa data. Ciriaco e Archelao 
sono pure uniti insieme nel Gerolimiano sotto Ostia il 22 agosto : 

B In Hostia natale sanctorum Quiriaci et Archilai, 

e il 23 : 

E Et in Ostia Arcei... Itera in Ostea Cyriaci, Archelai, 
W In Hostia natale sanctorum Quiriaci et Archilai; 

I 

e non v'è ragione di dubitare che gli autori delle Gesta non allu- 
dano a essi, benché attribuiscano al Ciriaco d'Ostia non il dies 
natalis del Gerolimiano (22-3 ag.) ma quello assegnato dal marti- 
rologio al Ciriaco della Via Ostiense (8 ag.) (cf. Feriale ecclesiae 
romanae, all' 8 agosto in Chronica minora, I, 71-2 in Mon. Germ. 
hist.). 

Gli altri personaggi delle due Passioni sono ignoti a Ostia e 
a Porto ; e forse i nomi dei tribuni, o custodi, e dei seppellitori fu- 
rono inventati, o racimolati dai nomi di martiri che si trovano nel 
Gerolimiano nel mese d'agosto. Ivi nel 27 si legge appunto un tri- 
bunus. Del resto Massimo è il nome del vescovo d'Ostia del 314; 
sarebbe quindi un successore del presunto Ciriaco. Un prete Con- 
cordio ricorre spesso, come vedremo, nelle Gesta romane e umbre. 

Oensorino, secondo le Passioni, sarebbe stato un cristiano oc- 
culto, alto locato, che, come Trasone nelle Gesta Marcelli, e Ana- 
stasia nella sua Passione, spende le sue ricchezze per sollevare 
cristiani poveri, carcerati e per seppellire i morti. Le Passioni, di 
cui ci occupiamo, non dicono né quando, né come, né dove esso su- 
bisse il martirio; e forse martire non fu, se si tratta di un perso- 



102 LE DIOCESI d' ITALIA 

naggio storico. La storia (cf. Borghesi, Oeuvres, t. IX, 380 ; t. X, 
133) conosce un Gensorinus, che sarebbe stato prefetto del pretorio, 
prefetto della città, proconsole, console, legato ec. e finalmente 
sarebbe stato eletto imperatore col nome di Glcmdms Gothiciis 
(268-270)! 

L'antica città di Laurento appartiene oggi, e probabilmente 
apparteneva in antico, alla diocesi di Ostia. 

Nel Gerolimiapo all' 11 ottobre si legge: 

B, W In Ravenna Via Laurentina sancii Edisti, 
E Romae natale Hedisti. 

La lezione : In Ravenna è falsa, sia perchè nella città adriatica 
non fu mai venerato un sant' Edisto, sia perchè in essa non esi- 
stette mai una Via Laurentina. Notissima invece è la via omonima 
romana tra l' Ostiense e l'Ardeatina; che staccandosi dall'Ostiense 
giungeva all'antica Laurentum (tra Castel Fusano e Torre di Pa- 
terno) sul mare. 

Nella Via Ardeatina al tempo di papa Adriano (772-795) sor- 
geva una « domusculta S. Edisti » a 16 m. da Eoma (cf. Du- 
OHESNE, o. e, I, 505, 519). Questo santo titolare della Domusculta 
corrisponde molto probabilmente al martire Edisto di Laurentum; 
anzi il p. Savio {S. Edisto od Oreste e compagni martiri di Laurento, 
in « Eòmische Quartalschrift », a. 1915, pp. 29-53, 121-40, 250-9). 
ha pensato che ivi da prima fosse la sepoltura di lui. Secondo l'o- 
pinione del compianto amico, il martire Edisto con due compagne, 
Cristina (Ghriste) e Vittoria {Victuria), sarebbe stato trasferito, nel 
V o VI secolo, vicino alla basilica di S. Paolo presso Eoma, ove 
sarebbe sorta una chiesa in onore dei tre santi, detta nel secolo vii 
vili (cf. DE Eossi, Roma sotterr., I, 182) « ecclesia sancti Aristi 
(= Edisti) et sanctae Christinae et sanctae Victoriae ubi ipsi pau- 
sant ». Nel principio pure del vii secolo (a. 604) vicino alla basi- 
lica di S. Paolo appare un « monasterium sancti Aristi » in una 
donazione di papa Gregorio L Aristi legge la lapide in S. Paolo e 
l'edizione ultima del Reffistrum (XIV, 14) ; ma alcuni codd. del me- 
desimo hanno Edisti, Hedisti, Hedesti, Eudisti, Eudistii (cf. Gkisar, 
Analecta Romana, 1, 158). Questo s. Aristus sarebbe il s. Edisto, 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - OSTIA 103 

martire di Laiirentum. Una Passione {BHL, 3765), composta nel vi 
o nella seconda metà del v secolo, colloca il Laurento nel 12 ot- 
tobre il martirio di un s. Edisto ; racconta che costui era romano, 
un « armiger Neronis », e sarebbe stato battezzato da s. Pietro. 
Vivendo in Laureato, Edisto, viene proposto dall'imperatore alla 
fabbrica di certe terme che egli costruiva colà, ma tradito e sco- 
perto dal servo Floro come frequentatore segreto dei convegni dei 
cristiani, è fatto seppellir vivo nell'arenaria stessa, ove assisteva 
ai divini misteri, il 12 ottobre dell'anno 60 della nostra èra. Con 
lui sarebbero stati uccisi Thermantia, sua sposa, Ohriste, sua figlia, 
Victuria, sua ancella, e il prete Prisco. Il p. Savio non accetta 
una data così remota per il martirio di Edisto, e lo fa discendere 
al 303-305; ma ammette il martirio di Edisto in Laurentum, e os- 
serva finalmente che Edisto, Ohreste, o Ohriste, o Cristina, e Prisco 
erano nomi adoperati a Ostia nei primi secoli del cristianesimo. 

Questa la tesi del p. Savio; che non sembra improbabile al 
bollandista p. Lechat (« An^l. Boll. », an. 1920, pp. 198-9) e al 
p. Delehaye (iv., an. 1924, pp. 315-9). Il martire laurentiuo sarebbe 
stato trasferito presso la basilica Ostiense per ragioni a noi rimaste 
ignote. Probabilmente fu eretta una chiesa in onore di questo 
s. Edisto anche presso il monte Soratte. 

A prima vista sembrerebbero appartenere a Ostia i tre martiri 
che si leggono nel Gerolimiano il 22 dicembre: 

E Et in Ostea Diraetri et Honori et Pelicis, 

W Et Hostia natale sanctorum Demetri et Honorati Felicis. 

Essi ritornano, come accade spesso, il 22 del mese antecedente in 
questo modo: 

E Et in Alexandria Pelicis, Zeti, et in Ostea Demetri et Honorati. Item 
Demetri. Item Zeti, 

W Alexandria Felicis Demetri Zeti. Item Demetri. Item Zeti. 

A Ostia dunque, o ad Alessandria? Il 21 novembre li rivediamo 
così : 

E In civitate Astis (IF AusUs), Dimetri {W Dimitri), Honori. 

Astis Austis è veramente corruzione di Ostia? 



104 LE DIOCESI d' ITALIA 

Gli stessi nomi appaiono il 14 settembre, o accodati al celebre 
martire cartaginese Cipriano, o sotto la Tuscia: 

B Et in Africa natale s. Cipriani episcopi, Felicis, Honorati, Demetri, Zete, 

E Et in Cartagine Cipriani et in Tuscia Felicis Demetri et Zettae... Felicis, 
Honori, Dimetri, 

B Et in Tuscia Felicis, 

W In Affrica civit. Cartagine nat. sci Cipriani episcopi, Felicis, Honori, 
Dimitri, Zetae. 

Adunque i cod. B e W attribuiscono i santi all'Africa: ed E 
e R che dipende da E", alla Tuscia. Ma nel 14 agosto Demetrio 
solo è preceduto dalla n^ota topografica : in Africa, che l'8 ottobre 
diventa: in Alexandria cum aliis. Da ciò si rileva che la pertinenza 
a Ostia di quei tre o qujittro santi è molto dubbia ; molto più che 
questi santi non hanno con Ostia nessuna relazione tradizionale. 
Lo stesso si dica della Tuscia. Come dunque appaiono sotto Ostia 
e sotto la Tuscia ? Siamo costretti ricorrere a ipotesi. Io credo che 
i santi, e per la natura dei nomi e per trovarsi accompagnati al 
cartaginese Cipriano, siano africani. Il nome della città (Tuniza) 
sarebbe stato male decifrato dai copisti del Gerolimiano. In quanto 
a Tuscia, trovo tra i martiri venerati a Tuniza e a Cartagine in 
Africa (il 1° e il 2 settembre e il 17 novembre) un Tuscius, o 
TusGus, o Tascia. Forse nel 14 settembre la commemorazione di 
Cipriano, attrasse, come, suol accadere, non solo i quattro martiri 
africani su nominati, ma anche quella oscura Tascia, o Tuscius, o 
Tuscus ; o il copista del Gerolimiano, per uno svarione tutt'altro 
che raro, avrebbe capito : in Tuscia invece di in Tuniza ? 

Uno sconosciuto compare in Ostia il 16 luglio: 

B, W In civitate Ostea Hilarini, 
E In Ostea natale Hilari. 

La Passio Gallicani (BHL, 3236-7), forse del v o vi secolo, dice 
che Ilarino fu un sanctus vir, socio di un Gallicano, che avrebbe 
fatto ampliare la casa di costui per ricevervi i pellegrini, e sarebbe 
vissuto sub luliano e sepolto « in Hostia ». Adone nel suo Marti- 
rologio (sec. ix) lo ha confuso (cf. Quentin, o. c, pp. 514-5) con 
Hilarianus monachus della Passione di s. Donato di Arezzo {BHL, 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - OSTIA 



105 



2289). Ma se questa identificazione è arbitraria, non sono meno 
incerte le notizie della Passione di Gallicano. Certo il suo sepolcro 
nel secolo v o vi doveva essere venerato in Ostia. 

La Passione romana di s. Susanna ci fa sapere che i soldati 
di Diocleziano avrebbero incarcerato in Eoma un prete Gavinio 
con la figlia Susanna, e Claudio con la moglie Praepedigna e coi 
figli Alexander e Cutia, « quos jussit deportar! in civitatem Chomos, 
ibique incendio concremari : Claudium et Praepedignam et Alexan- 
drum et Màximum (fratello di Claudio) in Hostia in rheuma (cioè 
nel fiume) jactari ». Questi nomi sono ignoti alle antiche tradizioni 
ostiensi. L'autore anonimo della Passione di Susanna li ha pescati 
nel Gerolimiano al 1° ottobre. Questa constatazione, mentre illustra 
i metodi degli autori della Gesta, esposti neìV Introduzione, ci dà la 
prova che i guasti riscontrati nel celebre martirologio risalgono a 
età abbastanza remota. Ecco il testo odierno del Gerolimiano: 

B In Thomis ci vitate... Denegotie... Alexandri. Eoprepi. Digne. Gottiae... 
Item Digne. Cotie. Passi. Coprepì. Thomis, 

E Civitate Thomis... Denegotiae... Alexandri. Eutropi. Pigrae. Cotiae... Item 
Dignae Thomis, 

W In civitate Tumìs... I)enegothiae... Alexandri. Eoprobi. Dignae. Gottiiiae... 
Item Dignae... Pa.ssi. Copraepi. Thomis. 

La vera lezione sarebbe: Dinogetiae (nome della città) Ale- 
xandria Euprepi. L'anonimo adunque ha tolto dal Gerolimiano la 
città di Thomis (che è divenuta Chomos), Alexander, Praepidigna 
(nome eteroclito, formato della seconda parte di Euprepius, e della 
prima di Dinogetia) e Cidia o Colia (che è la seconda parte di Di- 
nogelia). Alexandri, Digni, e Colthiae si leggono nel Gerolimiano 
pure nel 15 maggio (cf. Duohesnb, Les légendes de l'Alta Semita 
et le tombeau de s. Gyriaque sur la vote d'Ostie, in « Mélanges d'ar- 
cheologie et d'histoire », an. 1916, pp. 33-42). Adunque la Pas- 
sione di s. Susanna non ha alcun valore per la storia cristiana 
primitiva di Ostia. 

Giovanni, vescovo d'Arezzo, nella seconda metà del ix secolo, 
avrebbe trasferito dal sobborgo d'Ostia nel castello che fu detto 
di Santa Fiora, le reliquie delle ss. Flora e Lucilla (cf. Dufoukoq, 
0. e, I, 250). Furono esse due martiri ostiensi? È assai dubbio. 



106 LE DIOCESI d' ITALIA 

Una Passione {BHL, 5017-21; cf. AS, iul., VII, 34), non più an- 
tica del IX secolo, vuole che Flora fosse una « virgo sanctimo- 
nialis » romana, condotta in servitù da un re barbaro di nome 
Eugegius, con una Lucilla. Tentate ambedue dal lussurioso prin- 
cipe, resistono e sono rispettate; e il re per le loro preci ottiene 
una vittoria strepitosa sopra i suoi nemici, e più altre volte. Ee- 
miniscenza della vittoria del re dei Franchi Olodoveo sopra gli 
Alemanni per le preghiere di Clotilde sua consorte? Dopo ven- 
t'anni tornano in Eoma per essere martirizzate, e Eugegio stesso 
le accompagna. Il prefetto Aelius le prende e le fa decollare. An- 
che Eugegius è condannato al taglio della testa per ordine del pre- 
fetto con altri 21, e poi con 9 compagni. Il martirio avviene il 29 
luglio; secondo altre versioni, sub Antonino et Marco Aur. Gommodo 
(138-61). Ohi erano queste ss. Flora e Lucilla, che nel secolo ix si 
dicevano sepolte nel suburbano di Ostia ? Esiste una Passio s. Lu- 
ceiae virginis et Aceiae regis de barbar is {BHL, 4980-2) somiglian- 
tissima, i3er non dire identica, a quella delle ss. Flora e Lucilla ; 
composta probabilmente nel vi secolo e nota al Gerolimiano al 24, 
25 e 26 giugno. L'anonimo autore della Passione delle ss. Flora e 
Lucilla r ha tenuta sottocchi, ' e trascritta quasi alla lettera. In- 
fatti, secondo la sua Passione, Luceia è una « virgo Lei sancti- 
monialis civis urbica, de territorio urbicario capta ab Auceia rege 
barbarorum ». Tentata a peccare, resiste al re lascivo. Questi non 
la tocca, la rispetta; e per le preci di lei riporta una grande vit- 
toria sopra i suoi nemici e in séguito parecchie altre. Dopo ven- 
t'anni Luceia torna in patria per essere uccisa per la fede, e il re 
l'accompagria. Essa, il re, e altri 29, offertisi spontaneamente, sono 
decollati. L'anonimo autore della Passione delle ss. Flora e Lucilla 
non ha fatto altro che cambiare il nome del re in Eugegius, di 
Luceia in Lucilla, dare a questa una compagna (Flora), e mutare 
(in parte) il nome dei martiri compagni e la data del martirio. Il 
Gerolimiano collocava Luceia al 25 giugno. Esso ha trasportato 
il martirio al 29 del mese seguente. Il numero dei presunti com- 
pagni, sebbene presenti qualche diff'erenza, è tolto pure dal Gero- 
limiano; ove al 25 giugno si legge ora: « Oum aliis sexaginta duo », 
ora « cum aliis XXII ». Ohi era questa s. Luceia o Lucilla, virgo 



liA REGIONE I - LATIUM VETUS - OSTIA 



107 



sancHmonialis romana ? In Eoma era venerata nel titolo diaconale 
e monastero femminile di S. Lucia in Silice al 16 settembre una 
s. Lucia, che poi non era altro che s. Lucia, vergine e martire, di 
Siracusa. Gli agiografi romani si compiacquero di prendere come 
soggetto delle loro fantastiche composizioni questa s. Lucia; e 
quindi nacquero la Passio s. Luciae et Geminiani, di cui si dirà 
sotto Pesto (Lucania), la Passio s. Luceiae et Auceiae regis harha- 
roruni e la Passio ss. Florae et Lucillae et Eugegii regis harbarormn. 
Si sa quindi che cosa pensare delle sante Luceia e Lucilla. 

Oonchiudendo, i martiri certi di Ostia sono: Asterius, Arche- 
laus, Edistus, Oyriacus e Aurea; quindi è da inferirne che ih questa 
città prima della Pace esistesse una forte comunità di cristiani. 

Molte iscrizioni sono venute in luce negli scavi di Ostia, al- 
cune del IV secolo. Quella iscrizione di Ostia, dalla quale, secondo 
il de Eossi, apparisce che erano cristiani alcuni membri della gens 
Annaea, forse appartiene a epoca non di molto posteriore a Oom- 
modo (180-192). Si rinvennero in Ostia lampade cristiane del v, iv 
e III secolo (cf. CIL, XIV, 1875-1975, e 4154-4166 ; Roma sotterr., II, 
tav. 49, 50, u. 22, 27 e tav. 41, n. 48; « Bull, d'arch. crist. », an. 
1864, ''p. 39, e « Nuovo Bull, d'arch. crist. », an. 1910, p. 57; an. 
1895, p. 165). 

Marco Minucio Felice, scrittore cristiano (della seconda metà 
del III secolo?) colloca in Ostia « amoenissima civitas »,, il suo 
Octavius, che è un dialogo tra un cristiano e un pagano, il quale 
alla fine si converte. L'interlocutore cristiano ricorda: « pueri et 
mulierculae nostrae », che « cruces et tormenta, feras et omnes 
suppliciorum terriculas, inspirata (superata?) patientia doloris illu- 
dunt »; ma egli parla dei cristiani in generale, non di quelli di 
Ostia ; ne in tutto il dialogo riporta parola che supponga la pre- 
senza di cristiani in quella città marittima. L'autore stesso scrive 
di essersi recato da Eoma a Ostia per fare i bagni di mare. 

Anche Erma, l'autore del Pastore, secondo l'antica versione 
latina ricorderebbe {Vis. I, 1, 1) la città di Ostia come luogo di 
sua dimora; ma il testo greco legge Ouma, e il contesto {Vis. I, 
1, 3; Vis. II, 1, 1; Vis. IV, 1, 2) persuade doversi preferire alla 
lezione del traduttore quella dell'originale. 



108 LE DIOCESI d' ITALIA 

Il Liber Ponlificalis narra che Costantino imperatore « ex su- 
gestione Silvestri episcopi », cioè di papa Silvestro (314-335), « fecit 
basilicam in civitate Hostia iuxta Portum urbis Eomae beatorum 
apostulorum Petri et Pauli et lohannis Baptiste, ubi et dona ob- 
tulit » ; e alla sudetta basilica avrebbe fatto donativi pure un certo 
Gallicano : « item obtulit Gallicanus basilicae supra scriptae ». La 
Passione romana dei ss. Giovanni e Paolo {BHL, 323 b-42), famosa 
ma assai poco attendibile, pretende che questo Gallicanus sia stato 
un generale romano e console, amico dell'imperatore Costantino, 
sposo promesso di Costantina, figlia di Costantino, fondatore della 
prima chiesa d'Ostia, costruttore di un ospizio pure in Ostia e di 
una chiesa dedicata a s. Lorenzo. Sarebbe stato pregato di accet- 
tare il vescovado (d'Ostia?), ma non avrebbe consentito d'essere 
ordinato vescovo. Sarebbe morto martire sub luliano in Alessan- 
dria. Questa Passione ha confuso uomini e cose ; ma la fondazione 
di una basilica in Ostia per opera di Costantino dimostra l' impor- 
tanza di questa diocesi nella prima metà del iv secolo (cf. Fean- 
OHi, Note agiografiche, pp. 60-61, fase. 5 di Studi e testi. Su la ba- 
silica d'Ostia cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1864, p. 60, e an. 
1866, p. 44). 

I dittici dell'importantissima chiesa di Ostia mancano; e il 
catalogo che oggi si può compilare è molto lacunoso e incerto. 

Maximusl — Una Passio s. Hippolyti martyris {BHL, 3961), 
che fa parte di una Passione ciclica composta probabilmente du- 
rante l'epoca ostrogotica, narra che dopo il martirio di papa Sisto II 
(6 agosto 258) il j)rete romano « lustinus collegit omnem clerum, 
exquisivitque quem in locum beati martyris Sisti papae episcopum 
consecraret. Et exinde ordinaverunt venerabilem virum nomine Dio- 
nysium (22 luglio 259), quem consecravit Maximus ostiensis epi- 
scopus ». Il Liber Pontificalis nella Vita di Marco (336-7) e s. Ago- 
stino (Brevic. colt. emù Donatistis, III, 29, in Migne, P. L., XLIII, 
613) attestano che fino ab antico i vescovi di Ostia solevano con- 
sacrare il papa. Il secondo nel 411 scriveva: « cum aliud habeat 
ecclesiae catholicae consuetudo ut... propinquiores episcopi episco- 
pum ecclesiae Carthaginis ordinent, sicut nec romanae ecclesiae 



LA ftKGlONE t - LATllfM VETUS - OSTIA 



109 



ordinat aliquis episcopiis metropolitanus sed de proximo ostienSis 
episcopus ». Indizio è questo tutt'altro che trascurabile dell'alta 
antichità della diocesi ostiense. Ma che questo privilegio, nel 259, 
fosse esercitato da un vescovo di nome Massimo, non potrebbe 
affermarsi sicuramente su la fede della Passione di s. Ippolito, do- 
cumento romanzesco e pieno di errori. 

Oyriacus o Quiriacus? — Su questo personaggio esistono pa- 
recchie Passioni, in parte convergenti, in parte discordanti, come 
si è visto. Un Quiriacus o Oyriacus si legge sotto Ostia il 22 e il 
23 agosto. Ma questo Oyriacus o Quiriacus fu veramente un ve- 
scovo d'Ostia? Come sarebbe imprudente affermarlo su la sola 
testimonianza delle sudette Passioni, così sarebbe pericoloso il ne- 
garlo. Mi contento di osservare che lungo la Via Ostiense erano 
commemorati l'8 agosto i celebri martiri Oyriacus e compagni, e 
le Passioni su ricordjite pongono la morte e la sepoltura del pre- 
teso omonimo vescovo ostiense x^recisamente l'8 agosto, e alle 
volte il 9 dello stesso mese. Il Oyriacus venerato ad Ostia è dunque 
il martire omonimo della Via Ostiense, o una persona diversa che 
gli autori delle Passioni avrebbero confuso col martire della Via 
Ostiense ? 

1. Maximus: 313. — Ohe questo vescovo storico sia adombrato 
nel Maximus presbyter o nel Maximns episcopus delle Passioni su 
riferite non può dirsi con certezza. Al sinodo d'Arles del 314 
(cf. Mansi, II, 477) intervennero due preti di Ostia, di nome Leonzio 
e Mercurio. 

2. Anonimo. — Il Libar PontificaUs nella Vita di Marco (336-7) 
riporta: «^Hic constituit ut episcopus Hostiae, qui consacrat epi- 
scopum [romanum], palleum uteretur et ab eodem episcopo urbis 
Eomae consacraretur ». 

3. Florentius: 360 e segg. — Avrebbe sepolto nella basilica 
di s. Asterio in Ostia un prete Macario, maltrattato dai chierici 
di papa Damaso, e defunto nella sua città episcopale. Così narrano 
i partigiani dell'antipapa Ursicino (cf. CoUecfio Avellanensis, I, 29, 
nel voi. XXXV del GSEL). Lo stesso Fiorenzo avrebbe consacrato 
papa Damaso il 1" ottobre 366 (cf. Duohesne, Hist. anc. de VÉglise 
II, pp. 457, 462). 



110 LE DIOCESI d' ITALIA 

4. Bonus: 487. 

5. Bellator: 494-5 {J-L, 662); 499. 

6. Arjstus o Areston : 501 ; 502. 

Anonimo. — Nella Vita di Pelagio I del Lih. Pont, si racconta 
che « dum non esset episcopus qui eum ordinaret, inventi sunt duo 
episcopi, lohannis de PerUsia et Bonus de Ferentino et Andreas 
presbiter de Hostis et ordinaverunt (16 apr. 556) eum pontificem ». 
Il Baronio e l' Ughelli (I, 49) non vogliono credere che la sede del 
consacratore consueto del papa fosse vacante, o il prelato fosse 
impedito, ma ritengono che non volesse prestarsi per avversione 
al consacraturo. Ma allora perchè intervenne alla funzione un 
prete d'Ostia? In quel tempo molte diocesi in Italia erano prive 
del loro titolari; poteva essere vacante anche Ostia. 

7. Gloriosus: 594 (J-L, 1569). — Gloriosus (o Glorianus) si 
legge pure nel falso diploma di s. Gregorio I in favore di S. Me- 
dardo, 27 maggio 593 (J-L, f 1239). 



Portus Qstiensis, Portus Urbis Romae, Portus Romanus (Porto). 

Situata alla foce del Tevere su la riva destra, la città di Porto 
anticamente fu il porto di Ostia e formò con essa una città sola ; 
poi divenne il porto di Eoma e città a sé. Oongiungevasi a Eoma 
per mezzo della Via Portuense. 

Nel Gerolimiano il nome di Porto s'incontra parecchie volte; 
al 24 febbraio si ha: 

B Rome in Porto natale saiicte Primitivae, 
E Romae in Portu natale Pauli et Primitivi, 
W Rome Pauli et Primitivi; 

e il 2 marzo: 

B Primitivi in Porto Romano in cimiterìo. Item Primitivi Pali, 
E, W Primitivi, 

Questo doppio elogio deriva verosimilmente da uno scambio 
tra VI hai. mart. [= 24 feb.] e VI non. mart. [= 2 marzo]. 

Questo compagno di Primitivo, Paolo, dev'essere lo stesso apo- 



LA REGIONE I - LATIUM VEfUS - PORTO 



111 



stolo s. Paolo, a cui era dedicata la basilica costantiniana di Ostia. 
Le memorie portuensi non conoscono un s. Paolo proprio. Spesso 
nel Gerolimiano i santi venerati in Porto sono commemorati in- 
sieme con quelli di Ostia. 

In quanto al martire Primitivo, le antiche memorie laziali, 
come vedremo, conoscono un martire omonimo a Tivoli, e un altro 
a Gabii; ma quelle di Porto ignorano un martire di quel nome; 
sicché possiamo credere che il nostro Primitivo sia quello o della 
Via Tiburtina, o della Prenestina {Gliron. min., I, pp. 71-2). 

Nel Feriale Romano, del iv secolo, al 5 settembre si legge: 
« Aconti, in Porto, et Nonni et Herculani et Taurini ». E questi 
nomi si hanno pure nel Gerolimiano allo stesso giorno, quantunque 
con errori, e frammisti ad altri nomi : 

B In Porto Romano Taurini Herculiaui Aristusi (che potrebb'essere VAri- 
ston del 13 dicembre di cui si dirà)... Arconti... Taurini, 

E In Porto Romano Taurini et Herculani... Arconti... Taurini, 

W In Porto Romano natale sanctorum Taurini Herculiani Aristosi... Arconti 

Acontus torna con Nonnus il 25 luglio: 

B In Porto Urbis Roniae Aconti Nonni, 
E Romae Portu natale Canti et Nonni, 
W In Porto urbis Romae natale sancti Aconti, Nonni. 

Questo Nonnus è il martire Ippolito, che nel Gerolimiano ap- 
pare il 20 agosto: 

B In Porto Romano sancti Ippoliti; 

il 21 dello stesso mese: 

E In Portu Romae Ippoliti, 

W In Porto Romano natale sancti Oppolitì ; 

e il 22 è chiaramente identificato con Nonnus; 

B Et in Portu urbis Romae Ippoliti qui dicitur Nonnus, 
E Et in Porto Romano Nunni, 

W Et *in Porto urbis Romae natale sancti Ippoliti qui dicitur Nonnus cum 
sociis eorum. 

Una chiesa in onore di s. Ippolito, eretta nell'isola tra Ostia 
e Porto, fu distrutta dai Vandali, a quanto sembra, nel 455, e poco 



112 LE DIOCESI d' ITALIA 

dopo ricostruita. Nel 1018 (Ughblli, I, 116) una chiesa suburbana 
di Porto, chiamata episcopium, era pure dedicata a s. Ippolito. 

Il martire Acontius aveva una chiesa in Porto, ricordata in un 
documento del secolo x; e Taurinus e Herculanus appaiono in- 
sieme con il titolo di martiri in un' iscrizione incisa in un antico 
sarcofago di Porto: « Sanctis martyribus Taurino et Herculano » 
(cf. Delehaye, o. c, p. 336; CIL, XIV, 1942). 

Il Gerolimiano registra pure sotto Porto un Vincenzo e un'A- 
gnese; una volta nel 24 maggio: 

B In Porto Romano natale sancti Venanti (sic), 

E In Porto Romano Vincenti, 

W In Porto Romano natale sancti Vincenti; 

e un'altra nel 18 ottobre: 

JB Et iuxta Porto Romano sanctae Agnetis virginis, 

E Agnae in Ostea civìtate, 

W Et iuxta Porto Romano passio sanctae Agnitis virginis. 

Si conosce un vetro dorato antico con le immagini dei santi 
Vincentius, Agnes e PoUus, forse fabbricato nelle officine di Porto. 
Ma il p. Delehaye, tino a prova contraria, crede (1. e. ; v. pure 
QuENTiN, o. e, 338) che i tre martiri non siano propri di Porto, 
bensì i celebri martiri Vincenzo di Spagna e Agnese e Ippolito di 
Eoma, a cui la città marittima avrebbe eretto chiese. Si aggiunga 
che il ritratto di s. Vincenzo di Saragozza in abito ecclesiastico era 
dipinto nel cimitero di Ponziano su la Via Portuense (Delehaye, 
o. e, p. 331), e nel Gerolimiano al 21 agosto, insieme con s. Ippo- 
lito, venerato a Porto, compare il medesimo s. Vincenzo. Come 
vedremo più e più volte lungo il corso di quest'opera, Eoma, vero 
centro della cristianità, eresse templi e altari dentro le sue mura, 
nel suburbano e nelle città vicine, non solo ai propri martiri, ma 
a quelli di tutte le province dell'Italia e dell'impero. 

Il 15 luglio Porto ritorna nel Gerolimiano: 

B In Porto Romano, hoc est in biscia (probabilmente insula, formata dal 
Tevere tra Ostia e Porto), natale sanctorum Eotropi, Zosemae et Bonosae (W ag- 
giunge sororum), 

E Romae in Porto Eutropi, Zosimae et Honorosae sororum. 



LA REGIONE 1 - LATIUM VETUS - PORTO ll3 

Questi tre martiri vendono confermati da un' iscrizione del iv 
o V secolo, posta in loro onore da un Donato vescovo (probàbil- 
mente di Porto): « Sanctis martyribus Eutropio, Bonosae et Zosi- 
mae Donatus episcopus tumulum adornavit et... sed et basilicam... 
construxit » {GlLy XIV, 1937). Un'altra iscrizione metrica trovata 
a Porto, anteriore all'antecedente, celebra la martire Zosima: « Zo- 
sime sancta soror » {GIL, XIV, 1938). Una Passio Bonosae {BHLy 
1425-6; cf. Dupouroq, o. c, I, 243-4), romana, decapitata sub Se- 
vero (a. 207) il 15 luglio, non aggiunge nulla al valore dei citati 
documenti. Il « monasterium beati Laurentii posito in insula Por- 
tus Romani », ove erano venerati i corpi dei ss. Eutropio, Zosima 
e Bonosa, viene ricordato nella Vita di Adriano (772-795) del Liber 
Pontificalis; e da questo luogo i tre santi sarebbero stati trasferiti 
in Ohiaravalle (cf. Duohesne, Le «Liber » ec, I, 502, 518, n. 57; 
« Bull, d'arch. crist. », an. 1866, p. 45). 

Il Feriale Romano del iv secolo registra nel 13 decembre : 
« Ariston in Pontum »; ma la vera lezione sembra essere m Portu, 
perchè al 22 dello stesso mese il Gerolimiano assegna a Porto un 
martire omonimo: 

E, W Et in Portu Romano natale sancti Aristomi (sic). 

Di questo Ariston non si hanno nell'antica storia di Porto altre 
prove. Ma le Gesla Sebastiani {BHL, 7543), un componimento agio- 
grafico romano che raccoglie in un solo ciclo di fatti sub Diocle- 
tiano più di due decine di martiri sepolti nei cimiteri intorno alla 
capitale, ne mettono in scena pure uno di nome Ariston, amico 
dei ss. Marco e Marcelliano, martiri romani, il quale probabilmente 
è l'omonimo di Porto. Un indizio della venerazione di un s. Aristo 
in Porto e in Ostia si ha forse anche nel fatto che il vescovo 
d'Ostia del 501-502, come si è visto, si chiamava Aristo {Aristus 
e Ariston). 

Nel Gerolimiano si legge in Portu Romano anche al 15 maggio; 
e il de Rossi (1. e, p. 37) pensò che i nomi collocati dopo questa 
nota topografica si dovessero tutti attribuire a Porto, quantunque 
ignoti alle fonti portuensi. Ma siccome si tratta di nomi milanesi : 
« Mediolano Felicis Victoris » (quest'ultimo ripetuto due volte), il 

8 



114 Lfe DIOÒESl d' ITALIA 

p. Delehaye (o. e, p. 337, n. 1) non ingiustamente suppone che il 
Gerolimiano originariamente leggesse: « Mediolani in Porta Eo- 
mana Felicis Victoris », non in Poriu Romano. Felix e Victor sono 
due notissimi martiri di Milano. 

Sopra un s. Giacinto attribuito erroneamente a Porto da 
Adone e da lui collocato nel 26 luglio, cf. Quentin, o. c, pp. 337, 
434, 544-7. 

Adunque l'antico calendario di Porto conteneva parecchi an- 
niversari; ma i martiri più sicuri sarebbero sette, cioè Eutropio, 
Zosima, Bonosa, Aconzio, Ercolano, Taurino e Aristo. E Porto e 
Ostia insieme ne contavano almeno dodici. Il che dimostra che la 
comunità di Porto risale certamente al di là del iv secolo. Le 
iscrizioni e le altre antichità di Porto finora non ci hanno dato 
gran luce per i tre primi secoli. Il de Eossi pensò che la diocesi 
portuense fosse anteriore a quella di Ostia. Certo è probabile che 
una comunità cristiana, prima che in Ostia città, si formasse presso 
il porto (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1866, 37-51, 63; an. 1868, 
33, 76; an. 1869, 1, 16; an. 1871, 33-43 e 84 e segg.; an. 1872, 1, 48). 

Nel 398 Pammachio, nobile romano, fondò in Porto un ospe- 
dale per gli stranieri arrivati per mare, e pei poveri e malati. E il 
più antico ospedale trovato dagli archeologi (cf. « Bull, d'arch. 
crist. », an. 1866, pp. 99-103,; Geisae, Hist. de Rome, I, 42-4). Que- 
sto ospedale, se non erro, viene ricordato nel Gerolimiano al 22 
agosto : 

E Et in Porta Romana Peregrini... 

W Et in Porto Romano percgrinorum... 

Scomparsi i dittici, ci rimane un catalogo portuense incom- 
pleto e dubbio. 

Hippolytus? — Il celebre scrittore ecclesiastico s. Ippolito 
visse e svolse la sua attività letteraria in Eoma al tempo di Cal- 
listo (217-22), di Urbano (222-30) e di Ponziano (230-5); combattè 
aspramente i papi suoi contemporanei e tenne atteggiamenti sci- 
smatici. Sotto Massimino Trace (235-8) fu condannato alle miniere 
nel!' isola di Sardegna con lo stesso papa Ponziano e ivi morì con 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - PORTO ll5 

questo pontefice, martiri ambedue della fede. Ponziano fu sepolto 
nel cimitero di Callisto, Ippolito in Campo Verano il 13 agosto. 
Intorno al tumulo di questo scrittore martire la leggenda nacque 
e si sviluppò largamente, trasformandone completamente la figura 
(cf. Ihm, Damasi epigr animata, n. 37 ; BHL, 3960-2). Il Cronografo 
del 354 {Chron min. I, 74-5) e papa Damaso (1. e.) lo chiamano 
presbyter; e al tempo di quest'ultimo dicevasi in Eoma (fertur) che 
avesse seguito lo « scisma Novati » fino al martirio. Ma lo storico 
Eusebio {Hist. Eccl, v, 20) e s. Girolamo {De vir ili., e. LXI) lo 
dicono vescovo; ed egli stesso nelle sue opere pare si attribuisca 
questa dignità {CJiron. min., I, 85, in nota). Eusebio però e s. Gi- 
solamo dichiarano ignorare di quale chiesa s. Ippolito fosse stato 
vescovo. Degli storici posteriori, greci e latini (cf. Chron. min., 1, 
85, in nota; AS, aug., TV, 504 e segg.), alcuni lo collocarono in 
Eoma, i più in Porto Eomano. Veramente, poiché egli visse abi- 
tualmente e fu sepolto in Eoma, non potrebbe aver esercitato la 
sua carica se non in Eoma o in una diocesi vicinissima a Eoma. 
Il Mommsen {Chron. min., 1. e.) si è dichiarato per Porto. L'eru- 
dito tedesco osservò che s. Ippolito ebbe culto in Porto; il che è 
verissimo, come si è visto. Infatti il nome di s. Ippolito compare 
nel Gerolimiano sotto Porto il 20, 21 e 22 agosto e il 25 luglio. 
Questa venerazione di s. Ippolito in quella città sarebbe una con- 
ferma, secondo il Mommsen, che egli ne fu vescovo. Mons. Du- 
chesne invece {Hist. ano. de VÉglise, I, 321-2) fu di parere che il 
s. Ippolito martire venerato in Porto sia un personaggio diverso 
dal s. Ippolito martire deposto nell'agro Verano. L'identificazione 
dei due, secondo il celebre erudito, sarebbe una confusione del 
poeta Prudenzio. Io non credo che quest'oi3Ìnione di mons. Du- 
chesne sia ben fondata. E notevole il fatto che le Passioni di Porto 
e di Ostia {BHL, 1722-3; 808-13), mentre ricordano spesso il mar- 
tire Ippolito, non lo appellino mai vescovo di Porto, e non dicano 
mai di conoscere la sepoltura di lui in Porto. Anzi parlano in 
questo punto nella più vaga maniera, e con gli efifugi familiari agli 
scrittori delle Passioni, quando ignorano il luogo ove i martiri, di 
cui parlano, fossero tumulati. E se il martire romano s. Ippolito 
fosse stato vescovo di Porto, come mai il suo cadavere, riportato 



Il6 Lfe DIOCESI d' ITAUA 

dalla Sardegna nel continente, sarebbe stato sepolto, non presso la 
sua pretesa città, bensì nell'agro Verano, a Eoma? Io quindi in- 
chino a credere che il s. Ippolito, venerato a Porto, non sia da 
distinguersi dal celebre scrittore e vescovo deposto nell'agro Ve- 
rano, e questi alla sua volta non abbia mai tenuto la sede di Porto. 
Con altri eruditi che mi hanno preceduto, con lo stesso mons. Du- 
chesne (1. e, p. 312), io sono d'avviso che s. Ippolito sia stato capo 
di una chiesa dissidente in Eoma. E ciò spiegherebbe perchè le 
due più antiche testimonianze romane Io abbiano considerato un 
prete romano scismatico. Ippolito, come il santo vescovo di Carta- 
gine Cipriano, avrebbe scontato i suoi traviamenti sopportando la 
relegazione e la morte per Gesù Cristo. 

1. Gregorius: 314. 

Eomanus? 370? — Il Oristofori {Gronotassi dei cardinali, I, 9), 
rUghelli (I, 110), il Cappelletti (I, 495) e il Gams (p. XI) .collo- 
cano questo Eomanus nel 370, senza appoggio di alcuna prova, ma 
il Piazza {La Gerarchia cardinalizia, p. 110, Eoma, 1703) non ne fa 
menzione. Nel 465 si legge un Eomanus sotto Albano. 

Urbanus : è posto circa nello stesso tempo; — Ne parlo sotto 
Parma. 

2. Donatus: sec. iv-y. — Ornò il sepolcro e costruì (?) in Porto 
la basilica dei martiri Eutropio, Bonosa e Zosima {CIL, XIV, 1937). 

3. Anonimo : sec. iv-v. — Da alcuni frammenti marmorei tro- 
vati a Porto {CIL, XIV, 1939, 1941) sembra doversi raccogliere 
che un vescovo di Porto (Donatus stesso o il seguente Petrus?) 
avrebbe fatto costruire, forse in mezzo al paradiso di una basilica, 
un puteale con attorno la seguente iscrizione: « [Qujisq[uel sitit 
veniat cupiens (h)aurire fluenta (cf. Ihm, Damasi epigrammata, 
p. XVII). Atrium cum quadriporticum sed et columnas cum... [...]us 
episcop... opit... ». 

Daniasus, 420, proviene dalla falsa lettera di Eusebio a Damaso, 
vescovo di Porto, intorno alla morte di s. Girolamo {BHL, 3866; cf. 
Lanzoni, La leggenda di s. Girolamo, in Miscellanea Geronimiana, 
pp. 37-40). 

4. Petrus: 465. — Un frammento d'iscrizione, trovato nella 
chiesa di s. Giovanni Calibita (Eoma), si riferirebbe alla basilica 



LA REGIONE 1 - LATIUM VETUS - PORTO 117 

di s. Ippolito di Porto, dis^trutta. dai Vandali nel 455, e ricostruita 
dal nostro Petrus; [f Vandalica rabjies hanc iussit martyris au- 
lam — [quam Petrus a]ntistes cultu meliore novatam... (cf. Ma- 
Euooiii, Guide des catacombes romaines (Roma, 1900), p. 426; che 
cita.: Cantarelli, Di un frammento epigrafico cristiano delV isola 
Portuense, Boma, 1896). 

5. Glycerius. — « Glycerius apud Eavennam plus praesum- 
ptione quam electione Caesar effectus (an. 473), quem anno vix 
expleto (474) Nepos Marcellini quondam patricii sororis filio a re- 
gno deiciens in Portu Eoraano episcopum ordinavit » (Iordanes, 
Gaelica, G. XLV). Il Chronicon Marcellini (Ghron. min., 11,91) ag- 
giunge : « et obiit »; il che parrebbe voler significare che il vescovo 
Glicerio morì nella sua sede; ma Iordanes (nel cit. 1.) soggiunge 
che « Nepus imperator » detronizzato (a. 475) da Oreste, « fugit 
Dalmatias ibique defecit (a. 480), privatus a regno, ubi iam Gly- 
cerius diidum imperator episcopatum Salonilanum habebat ». Come 
Glicerio fosse trasferito da Porto in Dalmazia è narrato dallo stesso 
Iordanes {Romana, e. 339) : « Nepus regno potitus legitimo » (a. 474), 
Glycerium qui sibi tyrannico more regnum imposuisset, ab imperio 
expellens in Salona Dalmatiae episcopum fecit », e da altre fonti 
{Ghron. min.j 1,306-8): « Metuens Nepos adventum Orestis, ascen- 
dens navem (in Porto) fugam petit ad Salonam et ibi mansit per 
annos quinque, postea vero a suis occiditur ». Pare dunque, se 
non vogliamo ammettere contradizioni nei racconti dello stesso 
Iordanes, che Glicerio prima fosse costretto da Nepote in Porto 
ad accettare il vescovado di questa città, e lo tenesse per pochis- 
simo tempo; quindi caricato in nave fosse condotto da Nepote 
stesso in Salona, ove fu intronizzato. — Un altro di questi effimeri 
imperatori fatto vescovo in quel tempo vedremo in Piacenza. 

6. Herennius: 487. 

7. Oastus: 501. 

8. Felix: 590 (Gregge. Dìal., IV, 26); 593 (iv., 51, 55); 595; 
598 {J-L. 1173); 599 {J-L, 1480). 

Gregorius : 593. — Dal falso diploma di s. Gregorio I in favore 
di S. Medardo {J-L, f 1239). 



118 LE DIOCESI d' ITALIA 

Aibanum (Albano). 

La diocesi era attraversata dalle Vie Latina e Appia, che di 
là entravano nel Latium adiectnm, e quindi in Campania. Com- 
prendeva Lanuvium (Civita Lavinia) a 20 m. da Eoma, Aricia (La 
Eiccia), a 16 m., ove le antiche leggende localizzarono la morte 
di Simon -Mago, Bovillae (presso le Fratocchie), Castrimoenium 
(Marino), e Ardea. 

Ad Albano fa scoperto un cimitero sotteiraueo fuori delle 
mura presso il ponte dell'Aricela al di là della città detto di <S. Se- 
natore (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1869, p. 76; an. 1873, p. 103; 
DuOHESNE, o. e, I, 197, n. 103; « Nuovo Bull. », an. 1913, p. 337, 
e an. 1914, p. 29). I pellegrini del vii secolo che rimontarono la 
Via Appia fino ad Albano scrissero che « pervenitur ad Albanam 
civitatem et per eandem civitatem ad ecclesiam sancti Senatoris, 
ubi et Perpetua jacet corpore et innumeri sancti » (cf. de Bossi, 
Roma soUerr„ I, 141). 

Senator compare nel Gerolimiano al 25 settembre: 

E Et in Caballono (sic) Senatoris; 

e al 26: 

B Et in Albano {W natale sancti) Senatoris ; 

ma di questo martire non si trova alcuna Passione, per quanto io 
sappia. 

La Depositio martyrmn romana del secolo iv, o il Feriale Ec- 
clesiae Ronianae registra nell'8 agosto: « Secundi, Carpofori, Vic- 
torini et Severiani Albano »: e questi quattro sono riferiti nello 
stesso giorno dal Gerolimiano, benché con qualche errore e con- 
fusione : 

B Rome via Appia miliario ab Urbe XV sancti Secundini Severiani Carpo- 
\fori Victurine... Secundi Albini (per Albano) Victoriani... 

E Romae Secundi Severiani Carpofori et in Albano Victorìni... Secundi Al- 
bani Victuriani... 

W Romae natale sanctorura Secundini Severiani Carpori Victurini Albani.., 
Secundi... 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - ALBANO 



119 



Pare riposassero nel cimitero di S. Senatore, e siano effigiati 
in una cripta catacombale del v secolo (cf. AS^ nov., Ili, p. 753). 
Nel secolo ix furono arbitrariamente identificati coi cosidetti Quat- 
tro Coronati della chiesa titolare romana sul monte Celio. 

Ma di santa Perpetua e degli innumeri altri del pellegrino del 
secolo VII non si hanno tracce; a meno che il devoto romeo non 
abbia preso per martiri locali santi alieni venerati in quel luogo, 
ad esempio s. Perpetua di Cartagine, che aveva culto pure in 
Eoma. Certo è che nella stessa cripta, ove sembrano dipinti 1 quat- 
tro santi albani dell' 8 agosto, trovasi del pari l'effigie di un s. Sma- 
ragdo, martire romano, il cui natale cadeva nel medesimo giorno 
dei santi albani. E in un'altra cappella del cimitero di S. Senatore 
intorno a un Cristo, non posteriore al vi secolo, si veggono quattro 
figure di santi, con le scritte: 

...onis 

Paul US 

Petrus 

Laurentius {CIL, XIV, 2386 ; Maeuoohi, Guide des catacombes, 
legge (p. 416) : Petrus, Paulus, Laurentius e Dignissimus). Checché 
sia del primo, gli ultimi tre sono senza dubbio martiri romani. 

Le iscrizioni trovate in Albano e nel suo agro, e le catacombe, 
devastate, dell'antico territorio diocesano, lo stesso cimitero di 
S. Senatore, non ci hanno dato memorie sicure anteriori al iv se- 
colo; ma la comunità cristiana e la diocesi di Albano devono es- 
sere più antiche (cf. CIL, XIV, 2210-11; 2452-3; Supplementum al 
CIL, voi. Villi [1913], 643% 668-73; « Bullet. d'arch. crist. » an. 
1869, 79-80; an. 1873, 101-4: Maruoohi, o. c, pp. 415-6). 

Il Liber Pontificalis nella Vita di Silvestro racconta che Co- 
stantino Magno « fecit basilicam in civitate Albanensi sancti lo- 
hannis Baptistae ». Il Liber non attribuisce l'onore di basiliche 
cristiane costantiniane se non a Eoma, a Ostia, ad Albano, a 
Capua e a Napoli; quindi si comprende l'importanza di questa 
diocesi; ma la basilica albanese non esiste più e l'odierna catte- 
drale è sacra a s. Pancrazio, martire romano, almeno fin dal se- 
colo viiT. Se ne sarebbero però trovati gli avanzi (cf. « Bull, d'arch. 
crist. », an. 1869, 76; an. 1873, 103; Duohesnb, Le « Liber Pont. », 



120 LE DIOCESI d' ITALIA 

I. 199, nota 103; II, 32; « Nuovo Bull. », an. 1913, p. 237; e ari. 
1914, p. 29). 

In quel luogo (Simil. IX, 1, 4) ove il testo di Erma, autore 
del Pastore, legge 'Apxa5fav, Teodoro Zahn (cf. Harnaok, Patrum 
apostoUconini opera, fase. Ili, pp. 197-9) ha voluto leggere 'Apaxtav 
(Ariccia), luogo della diocesi di Albano ; ma senza sufficenti ragioni. 

Dionyshis. — Gli storici greci Socrate e Sozomeno (Migne, 
P. G., LXVII, 301, 1129) per errore chiamarono vescovo di Alba 
Dionigi vescovo di Milano (355 e). Quindi erroneamente il Cristo- 
fori {Gronotassi dei cardinali, I, 40), l'Ughelli (I, 250) e il Gams 
(p. XXII) collocarono nella sede di Albano al 355 un Dionisio. 

1. Eomanus: 465. 

2. Athanasius: 487. 

3. Ohrysogonus: 495 (?); 501; 502. 

4. Homobonus: 592 {J-L, 1215); 595. 

Andreas: 593. — Dal falso diploma di Gregorio I in favore 
di S. Medardo {J-L, f 1239). 

Ioannes: 596. — Dal falso diploma di Gregorio I in favore di 
Subiaco {J-L, f 1421). 



Subaugusta (Centocelle). 

Nel IV secolo un immenso latifondo imperiale si stendeva lungo 
la Via Labicana, dalla chiesa di S. Croce in Gerusalemme (Sesso- 
rianum) fino a Centocelle, comprendendo tutte le ville e gli orti 
Epafrodiziani, Torquaziani, Epagaziani e Deduchani. Questo lati- 
fondo fu donato da Costantino imperatore a papa Silvestro (314-35) : 
« omnem agrum », si legge nel Liber Pontificalis, « a porta Sesso- 
riana usque ad via Praenestina a via itineris Latinae usque ad 
montem Gabum, possessio Augustae Helenae »; e in mezzo a questo 
possedimento, a circa tre miglia da Eoma, Elena stessa fu sepolta 
in uno splendido monumento (oggi Tor Pignattara) : « et mysileum 
ubi mater ipsius (Constantini) sepulta est Helena Augusta, via La- 
vicana, miliario III ». 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - SUBAUGUSTA (cENTOCELLe) 121 

Presso il mausoleo di Elena sorse, almeno fino dai tempi di 
Settimio Severo, una villa, o residenza imperiale, detta Ad dttas 
lauros, abitata fin dopo la metà del v secolo. Valentiniano III vi 
fu ucciso nel 455. 

Un miglio oltre Tor Pignattara, a destra della Via Labicana, 
nel luogo denominato Oentocelle, si veggono oggi grandi e simme- 
triche mine di numerose stanze ; avanzi di una città che non ebbe 
organizzazione municipale, ma fu piuttosto città imperiale e mili- 
tare, ed ebbe nome Subaugusta. Fu luogo destina-to '■ a esercizi mi- 
litari, detto Campus marlius ad dtias lauros, e quasi campo trince- 
rato a protezione della capitale. Presso Primaporta, su la Flaminia, 
una simile località fu detta del pari Oentocelle (cf. Tomassbtti, La 
campagna romana, I, 233. Sopra la città e la diocesi di Subaugusta 
cf. inoltre : Nibby, I dintorni di Roma, III. 119 ; Tomassetti, o. c, 
III, 388-95; Duohesne, Le « Lib. Pont. », I, 198 ; Le sedi episco- 
pali nelVantico ducato di Roma, in « Arch. della E. Società Eomana 
di Storia Patria », an. 1892, p 497). 

In questo luogo troviamo dal 465 al 502 un vescovo titolare: 

1. Orespianus: 465. 

2. Petrus: 487; 495 (?). 

3. Maxjmianus: 495 (?); 499. 

4. locundus o lucundus: 501; 502. — L'Ewald (in « Neues 
Archiv », an. 1879, p. 519) vorrebbe vedere il nostro in un vescovo 
omonimo a cui nel 496 Gelasio I indirizza un'epistola {J-L, 714) 
ove si parla di un vescovo Pietro (che sarebbe quello di Eavenna) ; 
ma egli non ha posto mente che nel 499 il seggio di Subaugusta 
era ancora occupato da un Maximianus. 

Il Duchesne (1. e), considerando che il vescovo confinante di 
Labicum non è mai ricordato nei documenti dall'anno 313 al 649, 
come si può vedere appresso, opinò che il vescovo di Subaugusta 
del 465-502 fosse lo stesso vescovo di Labicum, che in questo tempo 
avrebbe risieduto in Subaugusta. Ma se ciò fosse vero, parrebbe 
che oggi l'antica Subaugusta dovesse trovarsi nel territorio della 
diocesi di Labicum; al contrario oggi Subaugusta, o Oentocelle, 



122 LE DIOCESI d' ITALIA 

appartiene a quella di Eoma, e, per quanto si può risalire indietro, 
fin dal medioevo. Quindi non mi sembra doversi confondere la dio- 
cesi di Subaugusta con quella di Labicum. Io crederei piuttosto 
che la diocesi di Subaugusta sia sorta nel territorio stesso della 
diocesi romana (forse per opera di Silvestro e Costantino) dopo la 
splendida donazione della « possessio Augustae Helenae » fatta 
dall' imperatore al pontefice. In quel luogo esistevano non solo il 
mausoleo di Elena e il palazzo imperiale Ad duas lauros, ma al- 
cuni cimiteri cristiani di grande importanza, come vedremo. Gl'im- 
peratori, fatti cristiani, avranno desiderato di avere in quel luogo 
abitualmente un vescovo a maggior pompa delle funzioni celebrate 
nelle chiese, nei cimiteri e, nelle cappelle imperiali di quella re- 
gione, e i papi avranno appagato il loro desiderio. Nella prima 
metà del 'VI secolo Subaugusta e i luoghi intorno devono essere 
stati devastati e saccheggiati dai Goti, e se ne hanno indizi in una 
iscrizione, di cui dovrò parlare; gl'imperatori romani non dimorarono 
più in Occidente fin dal 474, e Subaugusta non fu mai municipio. 
Quindi i papi avranno pensato, probabilmente nello stesso secolo vi, 
di far cessare, come perfettamente inutile, quella piccola diocesi ; e 
il suo territorio sarà ritornato all'antica madre, cioè a Eoma. 

Se la diocesi di Subaugusta comprendeva, come è probabile, 
tutta la possessio Augustae Helenae, essa ebbe nel suo territorio i 
cimiteri di S. Castolo e dei SS. Pietro e Marcellino e forse altri. 
Quantunque questi cimiteri suburbani, nella mia ipotesi, facessero 
in origine parte della chiesa romana, tuttavia non sarà inopportuno 
accennarvi brevemente. 

Il cimitero di S. Castolo era situato a circa un miglio dalla 
porta, vicino all'acquedotto dell'acqua Claudia nella vigna dei frati 
dei SS. Cosma e Damiano (cf. Tomassbtti, o. c. III, 388). Il nome 
del martire e il ricordo del suo cimitero sulla Labicana si leggono 
nel Gerolimiano al 26 marzo, al 30 novembre e forse al 2 giugno; 
e un' iscrizione funebre di un cristiano, sepolto « catabatico in se- 
cundo... [ad] dominum Oastulum in scala, », ci insegna che il mar- 
tire riposava nel secondo piano del cimitero (cf. Delehaye, o. c, 
pp. 321-2). Un certo personaggio, Venerius, del iv secolo, per aver 
potuto, a intercessione del santo, superare l'ira di un nemico, offrì 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - SUBAUGUSTA (cENTOCELLe) 123 

doni al sepolcro di lui, e vi collocò un'iscrizione metrica comme- 
morativa, pervenuta fino a noi (cf. Ihm, Damasi epigrani., n. 81). 
L'autore delle Gesta Sebastiani ne ha fatto un zetarius palata (ca- 
meriere palatino) martirizzato sm6 Diocletiano et Maximiano. I passi 
delle Gesta furono poi stralciati e formarono una Passio Castuli 
{BHL, 1647-8). I pellegrini del secolo vii videro, soprastante al 
cimitero di S. Castolo, una chiesa di S. Stratonico, vescovo e mar- 
tire, il cui corpo pensarono, forse non a ragione, tumulato nel 
medesimo luogo (cf. de Bossi, Roma sotterr., 142-78). 

Più famoso era il cimitero Ad duas lauros. I pellegrini del 
VII secolo vi trovarono sepolti molti martiri, tra i quali Pietro e 
Marcellino, Tiburzio, Gorgonio, i Quattro Coronati, due gruppi, 
l'uno di quaranta e l'altro di trenta martiri, Genuino e Massimo. 

Pietro e Marcellino furono martirizzati in Eoma nel 303 {Chron. 
min., I, 378, 290); e deposti, secondo il Gerolimiano, « in cimiterio 
Inter duos lauros via Lavicana miliario quarto » il 2 giugno; il 
secondo era prete e il primo esorcista. Costantino imperatore diede 
sepoltura a sua madre presso questa catacomba, e su la tomba dei 
due martiri edificò una basilica (cf. Duohesne, Le « Lib. Pont. », 
I, 182) e « prò amorem matris suae et veneratione sanctorum » vi 
costruì un altare in argento, e fece al santuario molti doni in sup- 
pellettili sacre d'oro e di argento, e di olio, balsamo e aromi « in 
incensum sanctis martyribus ». E papa Damaso ornò la sepoltura 
dei due santi di un'iscrizione metrica, che è forse una delle più 
importanti del papa poeta, e però da riprodursi: 

Marcelline, tuos pariter, Petre, nosse triumphos 

percussor retulit Damaso mihi cum puer essem: 

haec sibi carniflcem rabidum mandata dedìsse, 

sentibus in mediìs vestra ut tunc colla secaret 

ne tumulum vestrum quisquam cognoscere posset: 

vos alacres vestris manibus mundasse sepulcra 

candidale, occulto postquara jacuisse sub antro 

postea commonitam vestra pietate Lucillam 

hic placuisse magis sanctissima coiidere membra (Ihm, o. c, n. 29). 

Questa iscrizione, incisa su marmo, pare fosse spezzata dai 
Goti nel secolo vi durante l'assedio di Eoma, perchè nel cimitero 



124 LE DIOCESI d' ITALIA 

fu 'trovato un frammento di un'iscrizione di papa Vigilio, ricor- 
dante le devastazioni dei barbari e il « titulus confracto marmore 
sanctus » postovi da papa Damaso (cf. Ihm, o. c, n. 79). L'autore 
di una Passione dei ss. Marcellino e Pietro (BHL, 5230-1,- che dà 
per compagne ai due santi una Candida e una Paolina) composta 
tra la seconda metà del v e il principio del vi secolo, ce la con- 
servò nel suo lavoro ; lavoro che non è se non una liberissima pa- 
rafrasi del testo damasiano. Secondo questo scrittore, i due santi 
sarebbero stati uccisi in una selva detta Nigra, quindi Candida per 
rispetto ai martiri, e quivi sepolti; di poi dalle matrone Lucilla e 
Firmi na, parenti di s. Tiburzio martire, sarebbero stati trasferiti 
presso di lui « in inferiori parte in crypta » del cimitero della Via 
Labicana al terzo miglio Ad duas lauros. Quel candidule dell' iscri- 
zione damasiana non dovrebb'essere estraneo alla scelta del nome 
Candida data dalla Passione a una compagna dei due santi, e alla 
selva ove furono uccisi. Papa Damaso mori vecchio nel 383, quindi 
egli doveva aver conosciuto da fanciullo l'esecutore della sentenza 
capitale dei due martiri, e aver udito da lui il racconto che ci ri- 
ferisce, in quei suoi esametri in verità non molto chiari. Pare che 
il pontefice voglia dire che l'esecutore materiale della decollazione 
(il percussor) ebbe comando dal direttore di siffatte esecuzioni (il 
carnifex) di decollare i due martiri in mezzo a un bosco, perchè 
nessuno potesse conoscere il loro sepolcro. I due santi con le loro 
stesse mani rassettarono e col massimo candore pulirono il luogo, 
ove le loro salme dovevano riposare. Ma Lucilla, avvertita in so- 
gno, a quanto pare, dagli stessi santi del luogo occulto ove giace- 
vano, ne trasportò i resti nel cimitero Ad duas lauros. L'anonimo 
autore della Passione le dà per compagna una Firmina; e pretende 
di conoscere il nome del decollatore, Doroteo, che poi si sarebbe 
fatto cristiano, e avrebbe ricevuto il battesimo da Giulio papa, 
successore di Silvestro nel 336. 

Il martire Tiburzio, ricordato dall'anonimo, trovasi nel Geroli- 
miano 1' 11 agosto « via Lavicana inter duos lauros », e fu da papa 
Damaso (Ihm, o. c, n. 30) onorato di un elogio metrico, che però 
non ci dà nessuna notizia storica intorno a lui. Le Gesta Sebastiani 
ne hanno fatto un figlio di un problematico prefetto della città, 



LA llEGtONE 1 - LATltlM VETUS - SUBAUGOSTA (cENTOCELLE) 125 

di nome Oromazio, e ucciso « via Labicana III iiiil. ab urbe », 
cioè laddove fu seppellito; « pulcherrimus juvenis sed et mente 
pulclirior ». Non è da confondersi, a quanto pare, col Tiburzio 
posto dal medesimo martirologio al 22 novembre con Valeriano e 
Cecilia (cf. BHL, 1495; Mommsen, Gesta Boni. Pont., pp. 22-3, e 
157; Delehaye, Les orig. du eulte ec, pp. 323-4). 

Gorgonio è commemorato nel Feriale e nel Gerolimiano il 9 
settembre « via Lavicana inter duos laux'os in cimiterio »; e il suo 
sepolcro fu decorato del pari con un epigramma damasiano, privo 
di note storiche come quello di Tiburzio (cf. Ihm, o. c, n.. 31). Il 
martire romano fu poi confuso con un omonimo di Nicomedia 
(cf. BHL, 3614-7) 

I due gruppi di martiri anonimi sopra indicati s'incontrano 
nel Gerolimiano al 13 gennaio : 

B Romae... via Lavigana corone et militum quadraginta, 
E Romae... via Laviana coronae militum XV, 
W Via Lavicana coronae militum XL; 

e al 22 dicembre: 

W Et Romae via Lavicana inter duos lauros natale sanctorum XXX mar. 
qui omnes una die coronati sunt (cf. Delehaye, o. c, pp. 319-20). 

Intorno ai Quattro Coronati è grossa questione tra gli agio- 
grafi; e io non ho alcuna intenzione di affrontarla non che di di- 
rimerla (cf. AS, nov. Ili, 748). 

Sugli altri martiri che i pellegrini del vii secolo venerarono 
nel cimitero Ad duas lauros, non abbiamo notizie sicure. Un Gè- 
nuinus compare 1' 8 e il 9 ottobre e il 13 maggio in alcuni codd. 
del Gerolimiano (cf. Kiesoh, Die Mdrtyrer der Katacomhe « ad duas 
lauros » in Boni, Friburgo in Brisgovia, Herder, 1920). 

La diocesi di Subaugusta ebbe dunque una grande importanza 
non solo dal punto di vista politico, ma pure religioso. Infatti nel 
suo territorio erano sepolti circa 80 martiri. Se l'età del cimitero 
di Castolo non è nota, certo è che quello Ad duas lauros è ante- 
riore al IV secolo. Il Wilpert (Le pitture delle catacombe romane, 
Eoma, 1903, p. 522) attribuisce alcune pitture del cimitero dei 



126 LE DIOCESI d' ITALIA 

SS. Marcellino e Pietro alla prima metà del secolo in (cubicolo 
doppio, cripta della Madonna, cubicoli vi e vn), alla metà dello 
stesso secolo parecchie altre (cubicoli I, II, III, galleria fra i cu- 
bicoli I-III). 

Labicum (presso Monte Compatri). 

Labicum trovavasi su la Via Labicana circa al XV miglio ; dice- 
vasi pure Labicum Quintanense (e gli abitanti Labicani Quinta- 
nenses) dalla Statio ad Quintanas, o Quintana, e Quintiana, al di 
sotto della collina di Montecompatri. La diocesi stendevasi su la 
Via Latina, comprendeva Tusculum e l'ager tusculanus. Nel secolo 
VII i vescovi cominciarono a prendere il nome da Tusculum; e, 
distrutta questa città nel 1191, si trasferirono a Frascati (cf. Du- 
chesse, Le « Lib. Pont. », II, 299; Kehr, I^aZ. poai^., II, 37-8 ; To- 
MASSETTi, 0. e, I, 127 ; III, 413 ; Duohesne, Le sedi episcopali^ ec, 
p. 497; ToMASSETTi, o. e, III, 414). 

Nel luògo dell'antica Labicum esiste una chiesa dei SS. Zotico 
e Amanzio, del xii secolo (cf. Tomassetti, o. c, III, 414). A questo 
proposito nel 10 febbraio il Gerolimiano riporta : 

B Romae... Zotici via Lavicana miliario X Hierene, 

E Romae... et via Lavicana Zotici et Amanti Hirenae, 

W Romae... Zotitfi, Herene, 

R Romae Zoici et Amanti, 

G 915 Romae... Herenei lacincti et Amantiì, 

E 3 Romae... Zotici Iacinti. 

Non è improbabile che i martiri della Labicana si riscontrino 
pure nel 9 e 12 febbraio e nel 30 giugno. In quest'ultimo giorno 
si ha: 

B Romae natale sanctorum... Zotici; 

nel 6 luglio: « Zotici Amandi », 
e nel 13 gennaio: 

B, E Zotici... Crisi {E Herisi; corruzione di Hiren.P). 

Dall'elogio del 10 febbraio il p. Delehaye {Les origines, p. 320-1) 
estrae: Romae via Labicana jniliario X Zotici, Hirenei, Amanti; 
aggiungendo che i codici minori del Gerolimiano, sopra citati, e i 



LA REtìlONE I - LATlUM VETUS - LABICUM 127 

martirologi storici, che dipendono dal Gerolimiano, più le reliquie 
conservate in S. Prassede (Roma), permetterebbero aggiungere un 
lacinctus. Invero il Gerolimiano stesso al 3 agosto riferisce : 

B Et in via Lavicana miliario ab urbe XIII natale sancti Sachinti, 
W Et natale sancti Sachinti. 

Il pontefice Leone III (795-816) fece restauri in un cimitero 
della Via Labicana denominato da S. Zotico : « renovavit... cimi- 
terium sancti lutici (Zotici) via Lavicana ». E vi era apppunto al 
X miglio, ove fu trovato, purtroppo in ruina ma con ingressi an- 
cora intatti e con qualche pittura nelle gallerie, quell'antico cimi- 
tero denominato di S. Zotico (cf. Stevenson, Cimitero di S. Zotico, 
Modena e Eoma, 1876; Tomassetti, o. c. III, 399; de Bossi, 
« Bull, d'arch. crist », an. 1873, 112). 

Gli autori delle Passioni non pare si siano occupati molto dei 
martiri di questo cimitero labicano : se pure non mirava al nostro 
Amanzio l'anonimo scrittore di una Passione di s. Getulio {BHL, 
3524), a cui lo dà per compagno insieme con un s. Cereale; quan- 
tunque ne ponga il martirio e la sepoltura in Gabii di Sabina su la 
Salaria, non su la Via Labicana. 

Ma in tempi relativamente recenti 1 santi Zotico e Amanzio 
della Via Labicana ebbero la loro Passione {BHL, 9028). Un ano- 
nimo, secondo quei sistemi che abbiamo studiato nell' Introduzione, 
adattò e acconciò ai ss. Zotico e Amanzio della Labicana la stessa 
Passione dei ss. Getulio e Amanzio della Salaria, cambiando il 
nome di Getulius in Zoticus, e mutando qua e là le circostanze 
del racconto, secondo le nuove esigenze, e giusta il suo arbitrio. 
Non saprei per quale ragione gli sia saltato in testa di far decol- 
lare s. Cereale, uno dei compagni di Amanzio nella Passio s. Ge- 
tuliiy piuttosto che a Gabii di Sabina, a Gerusalemme, il 22 no- 
vembre, e di farlo seppellire presso le mura della santa città dai 
celebri santi Andronico e Probo di Anazarbo {BHL, 7981-88) sub 
Diocletiano l'il ottobre. Ma bisogna sapere che nel Gerolimiano al 
13 maggio i martiri di Anazarbo sono registrati sotto la Palestina! 
In quanto ai ss. Zotico e Amanzio, l'anonimo li ha fatti uccidere 
dai soldati di Adriano (l'imperatore della Passio Getulii e della 



128 Lte DIOCESI d' ITALIA 

Passio Sinphorosae) non il 10 giugno, ma il 12 gennaio. E in vero 
nel 12 e nel 13 gennaio il Gerolimiano riporta un Zoticus, che ho 
congetturato poco fa possa essere il nostro. 

Nell'ager tusculanus trovaronsi iscrizioni d'età incerta, ma 
qualcuna del iv secolo; un cippo sepolcrale, dal de Eossi attri- 
buito al III secolo, e un'arca in Grottaferrata dèi secolo v-vi, ove 
si legge il nome di un vescovo Fortunatus, probabilmente della 
diocesi labicana (cf. GIL, XIV, 2765-6; Supplementum, voi. Villi 
(1913), p. 411, n. 691; « Bull, d'arch. crist. », an. 1872, pp. 85-121; 
an. 1873, 83-5 ; « Nuovo Bull. », an. 1913, pp. 230-1). 

Nel secondo decennio del xx secolo, al X miglio della Via 
Latina nel vicus Angusculanus del territorio tuscolano, è stato 
scoperto un cimitero, che si fa pure risalire al secolo iii, con iscri- 
zioni e pitture. Le iscrizioni ricordano lettori, esorcisti, diaconi e 
preti, certo della chiesa labica,na. Al di sopra di questo cimitero, 
nel secolo vii, a quanto sembra, sarebbe esistito un oratorio dedi- 
cato a una santa Faustina, che viene reputata dal de Eossi e dal 
Grossi Gondi una martire locale^ appartenente alla piccola comu- 
nità del vicus sopranominato (cf. « Bull, d'arch.. crist. », an. 1870, 
pp. 93-4 ; an. 1872, p. 105 ; Gkossi Gondi, Una martire della chiesa 
tusculana, Eoma, 1916) ; ma se il culto di questa s. Faustina risale 
in quel luogo ai tempi di papa Sergio (687-701), non è stato dimo- 
strato che esso non sia stato importato dal di fuori (cf. « Analecta 
Bollandiana » an. 1926, p. 257-8). 

Martius o Mars, presso l'Ughelli (I, 230) e il Gaims (p. XIX) 
nel 269, senza alcuna prova. Generalmente questo Mars è ritenuto 
un vescovo spurio. 

1. Zoticus: 313. 

Maurisus, episcopus Lavicanus, proviene dalla celebre leggenda 
di s. Orsola e delle sue compagne (cf. AS, oct, IX, 167, 205, 268). 

2. Fortunatus. — Nell'arca, attribuita al vi o al v secolo, tro- 
vata in Grottaferrata, di cui si è detto, si legge : « Salbo Fortu- 
nato episcopo semper crescente in via divina f ipsius temporibus 
adhuc meliora videbis... Hic prò voto Saràboiius presb. fecit ». 
Questo Fortunatus probabilmente resse la chiesa labicana. 



LA tlEGlIONK 1 - LATIUM VÈTllS - GABII (cASI'IGLIONe) 129 



Gabii (Castiglione). 

La città di Gabii sorgeva su la Via Prenestina. 

Vi si trovarono iscrizioni cristiane del 511 e del 428 (CIL, XIV, 
2824). 

L'antica diocesi venerava un s. Primitivo martire, a cui sono 
dedicate una chiesa in Castiglione, costruita in un'abside del tempo 
imperiale, con una nave medievale dell'xi-xiii secolo, e un'altra 
dell'xi secolo presso il lago Burrano (cf. Tomassetti, o. c, III, 
496-504). 

Il nome di Primitivus compare nel Gerolimiano in tre luoghi : 
in Porto, come si è visto; su la Via Tiburtina al 27 giugno, e im- 
plicitamente al 18 luglio, come figlio della celebre Sinforosa ; e in 
altri giorni su la Prenestina e su la Oollatina, che si staccava 
dalla prima e correva tra la Tiburtina e la Prenestina. Al 23 luglio 
su la Via Oollatina : 

B Via Collatina natale Primitivae (invece di Primitivi), 

E Natale Primitivae (come sopra), 

W Via Accula (sic) natale sancti Primitivae (per Primitivi). 

Al 12 sulla Prenestina : 

B Via Praenestina... Primitivi, 
• E Romae Primitivi, 
W Et Primitivi. 

Nel 26 aprile si legge sotto Eoma, come nel codice E del 
12 luglio : 

E Et Romae Primitivi. 

Eitorna nel 10 luglio molto scorrettamente, ma con maggiore 
precisione topografica : 

B Et in primigano granivi via Praenestina miliario XII, 

E Et primitigani via Penistri milia XII, 

W Et alibi milia XII... (il nome Primitivi è caduto). 

Donde potrebbe raccogliersi: Et in cimiterio via Praenestina 
miliario XII Primitivi. Il 12 e il 23 luglio e il 26 aprile sarebbero 

9 



13Ò LE ÙIOÓESI D* ITALIA 

consuete reduplicazioni, spiegabili o per errori di decifrazione o di 
trascrizione, o per diverse commemorazioni o per altre ragioni. Il 
cimitero di s. Primitivo su la Prenestina pare risalga al secolo iv 
almeno (cf. Tomassetti, o. c, III, pp. 497-9 ; Kaufmann, Mtwwa?e 
di archeologia cristiana, Eoma, 1908, p. 871 ; « Bull, d'arch. crist. », 
an. 1873, p. 115). 

La Passione di s. Stefano papa ricorda tra dodici chierici del 
pontefice deposti con lui il 1° agosto un Primitivus; ma sarebbe 
ben difìQcile dire se l'anonimo scrittore intendesse di glorificare il 
nostro martire, molto più che nella Passione si parla della Via 
Latina, non della Prenestina. 

Pare che un interpolatore {BHL, 3524-5) della Passione dei 
santi Getulio, Cereale e Amanzio pensasse veramente al nostro 
martire. Questo documento, su ricordato, pone in Gabii, città della 
Sabina, un Getulius : « in territorio Savinensium in Gabiis civitate 
non longe ab urbe Eoma », dottissimo nella divina legge, che ha 
scolari greci e latini e ha lasciato in Tivoli la moglie e i figli. 
Infatti nella Passione di s. Sinforosa di questa città leggiamo che 
suo marito, padre dei sette tigli martiri, ha il nome di Getulio, e 
questi un fratello denominato Amanzio, e sono ambedue tribuni 
di Adriano imperatore. Questo Getulio converte Cereale, vicario 
del principe, e Amantius, suo fratello, e li fa battezzare e comu- 
nicare da papa Sisto (116-25) « in Gabios civitatem terri torli Savi- 
nensium in crypta quadam ». Cereale viene denunciato da un 
Vincentius « numerorum arcarius », e carcerato da un consolare 
Licinio con Getulio e con Amanzio, e condotto in Tivoli per es- 
servi tormentato. Finalmente tutti e tre son decollati nel fondo 
« Oapreolis in Salaria ab urbe Eoma plus minus milliario tricesimo 
supra fluvium Tyberim ad partem Savinensium ». Sinforosa, la mo- 
glie di Getulio, li seppellisce « in praetorio suo (praedio ?) Savinen- 
sium in loco nuncupato Oapris in oppido supradicto trans fluvium 
superiorem in arenario praedii sui ». Nella Passione il giorno della 
decollazione non è espresso. I martiri sarebbero stati interrogati 
il 10 marzo e tenuti in prigione per 27 giorni; ma la loro festa è 
al 10 giugno. 

Nella Passione di papa Cornelio, questo pontefice, dopo aver 



LA REGIONE f - LaTiOM VETOS - GABU (CASTIGLIONE) l3l 

guarito la moglie di un Cereale, soldato, di nome Sallustia, para- 
litica da cinque anni, battezza il marito che viene decollato e 
sepolto nella Via Appia (cf. Delehaye, Les origines du culle des 
marlyrs, p. 326). 

Un interpolatore della Passione dei ss. Getulio, Cereale e 
Amanzio là dove si narra che Licinio, venuto in Gabii, a nome di 
Adriano s' impossessò di Cereale, di Getulio e di Amanzio : « tenuit 
Cerealem simul cum b. Getulio et Amantio », aggiunse: « seu et 
Primitivum ». Con queste tre paroline egli deve aver creduto di 
provvedere abbastanza alla memoria del martire di Gabii prene- 
stino; e deve aver scelto come campo del suo misfatto letterario 
la Passio s. Getulii, attratto dal nome di Gabii (senza pensare che 
vi era una Gabii nella Sabina e una nel Lazio, da non confondersi 
con la prima) e dal nome di Amanzio, venerato pure nella Via 
Labicana. 

Un altro raffazzonatore di Passioni fu più preciso. Quegli che 
manipolò a favore di s. Zotico la Passio Getulii, dopo aver raccon- 
tato che i soldati uccisero Zotico e Amanzio, aggiunse che questi 
condussero pure Primitivo « in via Prenestina juxta civitatem Ga- 
vis », lo decollarono e ne gettarono il corpo « in lacum Gavis ». 
Il suo cadavere sarebbe stato raccolto dal beato Esuperanzio prete, 
e sepolto in un arenario il 26 aprile. Questa è appunto una delle 
date assegnate dal Gerolimiano a Primitivo. Ma che il martirio di 
Primitivo avvenisse come l'anonimo racconta, non potrebbe affer- 
marsi sopra una testimonianza tanto tardiva. 

A ogni modo queste Passioni, quantunque di tanto scarsa fede, 
dimostrano la venerazione di un martire Primitivus nell'antica dio- 
cesi di Gabii. 

1. Asterius: 465. — E questo il vescovo della regione romana 
che fu mandato a Costantinopoli insieme con s. Abondio di Como? 
oppure l'inviato da papa Leone è il vescovo Asterius di Forum- 
clodii? Impossibile pronunziarsi. 

2. Andreas: 487. 

3. Mercurius: 495 (?); 501. 



132 Lte blOCESI d' ITALIA 

Praeneste (Palestrina). 

La città era unita a Eoma per la Via Prenestina. 
Sotto Palestrina si legge il 18 agosto nel Gerolimiano un 
Agapito: 

B In cìvitate Pinistrina miliario XXXIII Agapiti... Agapiti, 

E In Penestre natale Agapiti... Agapiti, 

W Prìstina civitate mil. ab Urbe XXXIII natale sancti Agapiti... Agapiti; 

ripetuto nel 1° maggio con molti errori: 

B, W Pelesti Agapiti et militum triginta trium, 
E Pelisti Agapiti et militum XXXIIII; 

e forse nel 2 e nel 12 aprile. 

A un miglio dell'antica Praeneste inalzavasi una basilica in 
onore di s. Agapito, ove si trovò un' iscrizione metrica del iv-v se- 
colo, posta da un vescovo lucundus in onore del santo. Insieme 
con essa furono scoperte parecchie altre iscrizioni, alcune del iv 
secolo (cf. Maruoohi, DelV antichissimo edificio prenestino trasfor- 
mato in cattedrale ec. in « Dissertazioni della pontificia accademia 
romana di archeologia », an. 1918, pp. 227-46 ; « Bull, d'arch. 
crist. », an. 1867, p. 14; « Nuovo Bull. », an. 1899, pp. 225-44; 
DE Eossi, Roma sotterr., I, 178-179; CIL, XIY, 3415-3431). L'iscri- 
zione (3422) di un Aur.[elius] Sabbatius fu considerata di un mar- 
tire (cf. Maruoohi. <S. Agapito Prenestino, Eoma, 1898; « Anal. 
Boll. », an. 1899, p. 281 ; altre iscrizioni prenestine non molto an- 
tiche in GIL, Supplementutìiy v, Vili, n. 879-87 di Ephemeris 
epigraphica). S. Agapito fu venerato anche in Eoma; e Felice III 
(483-492), come si legge nel Liber Pontificalis, « fecit basilicam 
sancti Agapiti juxta basilicam s. Laurentii m. ». 

Una Passione di s. Agapito (BHL, 125), anteriore al ix secolo, 
e pervenuta fino a noi in differenti redazioni, afferma che il mar- 
tire sarebbe stato un giovinetto di quindici anni, nato a Eoma (!), 
che venne decollato fuori di Praeneste « inter duas columnas », e 
sepolto in un sarcofago nuovo a un miglio dalla città il 18 agosto 
sotto Aureliano (270-5) per ordine di un re Antioco ! Il martire è 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - PALESTRINA 133 

dunque autenticissimo, ma la sua Passione di assai cattiva lega. 
Secondo il Marucchi (Guide des catacombes, p. 410), Antiochus rex 
dovrebb'essere quel Flavius Antiochianiis che fu console nel 270. 
Il corpo del martire nel secolo ix fu trasportato entro la città. 
Il 1" agosto Palestrina ricompare nel Gerolimiano: 

B, W Romae via Penestrina miliario XXX ab Urbe natale sanctoruni Se- 
cundini, 

E Et Romae Secundi. 

Neil' Vili secolo era in Palestrina una basilica di S. Secondino, 
« ubi », scrive il Liber Pontificalis, « ejus corpus quiescit » ; fatta 
restaurare da papa Adriano I. E la diocesi di Palestrita fu detta 
talora la diocesi di S. Secondino. Nel territorio prenestino presso 
Genazzano sono menzionate una basilica e una valle omonima in 
atti antichi (cf. Tomassetti, o. c, I, 124). 

Pel centone Gerolimiano pure si legge al 25 agosto: 

B Et via Penestrina miliario XXII Quintini martyris; 

e nel 26: 

W Romae in cimiterio natale sanctorum... Quintini Martyris, 
S Romae .. Quintini martyris et via prenestina miliario XXII. 

Sul colle S. Quirico di Palestrina esiste una chiesa sacra a 
s. Quintino con cripta ; ma di questo niartire non si ha, per quanto 
io sappia, alcuna Passione, o altra antica memoria. 

E stato scoperto circa al mìglio 36 della Via Prenestina presso 
Paliano un cimitero con iscrizioni del v e della seconda metà del 
IV secolo. Forse il cimitero appartenne alla diocesi di Palestrina, 
e fu usato da un piccolo centro abitato (cf. « Nuovo Bull. », an. 
1914, p. 131). 

1. Secundus: 314. — È detto, non saprei con quale fonda- 
mento, s. Secondino dal Oristofori {Cronotassi dei cardinali, I, 18) 
e dal Gams (p. XVI). 

2. lucundus. — Nel secolo iv o v, come si è detto, un vescovo 
di nome lucundus, certo di Palestrina, pose nella basilica di s. Aga- 
pito un' iscrizione metrica {CIL, XIV, 3415) in onore di quel martire. 



134 LE DIOCESI U' ITALIA 

3. lanuarius: 465. 

4. Eomulus: 487, 502. 

5. Maurus: 558 {J-L, 951). 

Sergius : 593. — Dal falso diploma di Gregorio I {J-L^ f 1239) 
in favore di S. Medardo. 

6. Proculus: 595. 

Trebiae, Trebia, Treba Augusta (alle sorgenti dell'Annio). 

1. Oonstantinus : 487. 

2. Laurentius : 495 (?) ; 499. 

3. Propinquus: 501, 502. 

Questa successione non è sicura. Il Mommsen (in Oassiodoei 
Variae, p. 500) attribuisce questi tre vescovi alla Trebia del Lazio; 
r Ughelli li assegna a quella dell' Umbria (X, 175-6) ; e il Duchesne 
{Les évéchés d'Italie et V invasion Lombarde in « Mélanges d'archeo- 
logie et d'histoire », an. 1903, pp. 93-5; an. 1905, pp. 392-3) alla 
diocesi umbra il secondo e il terzo soltanto. 

Tibur (Tivoli). 

Questa città, abitata da molti greci, era collegata con Eoma 
per mezzo della Via Tiburtina. 

Le iscrizioni cristiane trovate in Tivoli appartengono al v se- 
colo (CIL, XIV. 38-97-99 ; Supplementum, in v. Villi di Ephemeris 
epigraphica, p. 484, n. 945). 

Il Gerolimiano tre volte si riferisce al medesimo gruppo di 
martiri tiburtini: 
al 29 maggio 

B, E, W Roraae via Tiburtina septem germanorum ; 

al 18 luglio : 

B, W Romae via Tiburtina miliario nono Semplierosae raatris septem ger- 
manorum, quae cura ipsis est posita. Nomina vero germanorum haec sunt... (e se- 
guono otto nomi, diversi da quelli che si leggono nella Passione di s. Sinforosa), 
quorum gesta habentur, 

E Rome Senforensae matris VII germanorum (e otto nomi come sopra). 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - TIVOLI 135 

Nel 27 giugno l'elogio si ripete con altri nomi (frammisti a 
notizie estranee a Tivoli che qui si omettono) : 

B Via Tiburtina miliario Vlill... et septem germanorum... Criscentis lu- 
liani Nemesi Primitivi lusteni Stactliei Eugeni, 

E Romae natale VII germanorum Criscentis luliani Remisi Prutiviae lustì- 
nae Stattei (manca il settimo), 

W Romae mil. Villi septem germanoruin Criscentis luliani Nemesi Primi- 
tivi lustini Stacthei Eugeni; 

nomi riferiti dalla Passione dì s. Sinforosa. 

Questa Passione (BHL, 7971) racconta che Sinforosa moglie 
di un Getulio, fratello di un Amanzio martire sub Hadriano (117- 
138), sarebbe stata martirizzata « ad fanum Herculis », quindi get- 
tata nel fiume Aniene, e sepolta da un suo fratello Eugenio presso 
la città. I suoi sette figli. Crescente, Giuliano, Nemesio, Primitivo, 
Giustino, Stacteo ed Eugenio, dopo orrendi strazi, sarebbero stati 
gettati in una profonda fossa detta dai greci « ad septem biotha- 
natos ». Dopo la persecuzione le loro tombe si elevarono all'ottavo 
miglio. La loro festa cade il 18 luglio. La Passione e 11 Geroli- 
miano adunque si completano a vicenda. Gli scavi archeologici 
hanno trovato al nono miglio della Tiburtina la basilica di Sinfo- 
rosa e dei sette. Sorgevano veramente nell'antica Tivoli il tempio 
d'Ercole e la splendida villa dell'imperatore Adriano; ma sui 
particolari della Passione s'impongono giuste riserve. 

Forse la « Symphorosa uxor Olaudii commentariensis », tenuta 
a battesimo dal martire s. Sebastiano nelle cicliche Gesta di questo 
santo, adombrano la celebre martire tiburtina (cf. « Bull, d'arch. 
crist. », an. 1878, 75-81; Stevenson, Scoperta della hasilica di 
S. Sinforosa e da' suoi sette figli al nono miglio della via Tiburtina, 
Eoma, 1878, volgarmente « Le sette fratte »; Dufoueoq, o. c, 
I, 197; Delehaye, Les origlnes du mite des martyrs, 318). 

Una Passio Getulii et Amantii, come abbiamo visto parlando 
di Labicum e di Gabii, si occupa pure di s. Sinforosa di T*ivoli, 
e dei due personaggi ricordati nella sua Passione, cioè di GetUlio 
e di Amanzio. E verosimile che la Passione di s. Sinforosa sia 
anteriore a quella di Getulio e Amanzio, e il suo autore, con 
un sistema caro a siffatti scrittori, abbia imparentato con la Sin- 



136 ' LE DIOCESI d' ITALIA 

forosa di Tivoli un Getulio della Via Sabina e un Amanzio della 
Labicana. 

Un'iscrizione del 613, trovata a Tivoli, ricorda un « oratorium 
sancti Alexandri » ; ma non è necessario intendere di un martire 
locale. Potrebb'essere uno degli Alessandri della Nomentanà {GIL^ 
XIV, 3898; « Bull, d'arch. crist. », an. 1881, p. 102; Delehaye, 
o. e, p. 315 a 319). 

In Tivoli sono venerati il 17 luglio una s. Generosa, il 24 
dello stesso mese un s. Vincenzo, e un s. Quirino, il 1" giugno. Ma 
forse la s. Generosa di Tivoli è la stessa omonima del gruppo 
scillitano, che compare in Africa nel Gerolimiano appunto il 18 
luglio, sacro a s. Sinforosa. Un Vincenzo si legge nel Gerolimiano 
al 23 agosto : 

B, E, W Romae via Tiburtina miliario XVIII Vincenti; 

ma opinerei sia il celebre di Saragozza, che ebbe culto, come si è 
visto, pure in Porto Eomano. E il s. Quirino probabilmente non 
deve cercarsi lontano dall'omonimo, celebratissimo su la Via Appia. 
Adunque se la città di Tivoli venerava i suoi, non dimenticava i 
martiri alieni. La cattedrale fin dal secolo vili era dedicata in 
onore del s. Lorenzo romano (cf. AS^ iun., I, 371 ; iul., IV, 220 ; 
iul., V, 536; QuENTiN, o. e, 337; Delehaye, o. c, 323-5; ])uohe- 
SNE, Le « Libar Pont. », II, 13). 

Vittore nella sua Historia persecuHonis africanae (ed. Halm, 
pp. 45-6, in Mon. Germ. hist.) scrive che sotto Unnerico fu tormen- 
tato per la fede cattolica un certo Servus, nobil uomo di una città 
della Numidia, chiamata Tuburbo maior : « Servi quoque Tuburbi- 
tanae civitatis maioris, generosi et nobilis viri, prò Ohristo quas 
pertulit quis explicet poenas ? ». E l'agiografo Natali nel suo Ca- 
talogus (IX, 104), composto nel 1369, tirò fuori da questo testo un 
santo italiano, che sarebbe morto in Italia durante la persecuzione 
vandalica. Ignorando che vi fosse stata in Numidia una « Tuburbo 
maior » e una « Tuburbo minor », prendendo il nome proprio Ser- 
vus per servus nome comune, e leggendo in Vittore un po' innanzi, 
che certo Maloricus sotto Unnerico riportò la palma del martirio, 
credette che questo Maior iciis fosse il maioris del passo susse- 



LA REGIONE I - LATIUM VETUS - TIVOLI 137 

guente, e cavò fuori dal testo vittoriano un Maioricus, o Maior, 
servus generosi et nohilis viri T. civitatis. Di più, digiuno affatto 
della toponomastica dell'Africa romana, invece di Tuhurbitanae ci- 
vitatis lesse Tibtirtinae civitatis^ e così potè narrare che sotto Un- 
nerico era stato ucciso per la fede in Tivoli, città del Lazio, un 
Maioricus o Maior, servo di un nobile di questa città ! Il Natali 
aggiunse di suo che questo preteso martirio avvenne il 24 ottobre 
(cf. AS, oct., X, 532-3). 

Anonimo. — II Gams (p. 733) pone il primo vescovo di Tivoli 
ai tempi di papa Igino o Iginio (136-40 ?), ma senza addurre alcun 
documento. Ciò non toglie, come vedremo, che la diocesi tiburtina 
non sia antica. 

Quirinus. — In Tivoli, come si è detto, è venerato un s. Qui- 
rino {AS^ mai, iuu., I, 371). Mons. Oascioli {Nuova serie dei vescovi 
di Tivoli^ in « Atti e memorie della società tiburtina di storia e 
d'arte », an. 1921, p. 32), riferita un'iscrizione tivolese, non certo 
antica, ove quel santo vien detto: « beatus Quirinus sacerdos Deo 
dilectus », pensa che questo Quirinus fosse un vescovo {sacerdos 
equivarrebbe a episcopiis di Tivoli). Quest'opinione è nuova e con- 
traria a quella degli stessi scrittori tivolesi del xvi e xvii secolo 
{AS, loc. cit., 372). Io pure penso che il Quirinus venerato a Tivoli 
fosse vescovo, non di Tivoli però, sì bene di Siscia nella Pannonia, 
e venerato a Eoma nella catacomba di s. Sebastiano {AS, loc. cit., 
372-6) ai)punto nel 1° giugno, come a Tivoli. 

1. Paulus: 366. — « Benedicit Ursinum » {Coli. AvelL, p. 2, 
nel voi. XXV del GSEL) cioè consacrò Ursino o Ursicino antipapa. 
Bufino {Hist. Eccl., II, 10) chiama il nostro Paolo « satis imperito 
et agresti episcopo ». Il Oascioli (o. e, 38) tenta risuscitare un'antica 
opinione, secondo la quale il vescovo Paolo del 366 sarebbe quel 
Paolino Tptpépwv "eTCcaxoTCoe, di cui narra s. Atanasio neW Apologia contro 
gli Ariani (P. G., XXI, 354) avergli trasmesso, (349 e.) le lettere di 
ritrattazione dei vescovi Ursacio e Valente indirizzate a papa 
Giulio e al vescovo d'Alessandria; ma non aggiunge alcuna prova 
ai vecchi argomenti già sfatati. Il vescovo Paolino di s. Atanasio 
non fu il nostro Paolo di Tivoli, ma Paolino vescovo di Treveri, 



138 LE DIOCESI d' ITALIA 

ricordato altre volte dal vescovo di Alessandria (iv., 599, 614, 723, 
786) e da lui detto (iv., 731) Paolino vescovo di Treven metropoli 
delle Gallie: Tptpépwv x-^; ixrjipoTCÓXso); xm TaXXim. Lo stesso mons. 
Oascioli (o. e, 39) vorrebbe identificare, ma senza alcuna prova, 
il Paulus del 366 con il vescovo italiano Paulianus, che, per testi- 
monianza dello stesso s. Atanasio, visse nel tempo del sinodo di 
Sardica (a. 342-4). Eiparlerò di questo Paulianus sotto Treviso e 
Tadinum (Umbria). 

2. Florentinus o Florentius: 401-17 (J-L, 317). — V. Mentana.^ 

3. Oandidus: 465; 485 (Mansi, VII, 1142); 487; 495 (Mansi, 
Vili, 177); 499; 501; 502. 

Calelus. — Il Gams (733) dopo Candido pone questo Catelus 
con un punto interrogativo. Infatti manca di qualunque appoggio. 
Ohe sia una erronea lettura di Oandidus? 

4. Anonimo : 445 e. — Narra Procopio {De bello Gothico, X, 3) 
che i Goti, al tempo di Totila, introdotti in Tivoli, massacrarono 
con il vescovo tutti i cittadini. Mons. Oascioli (o. e, an, 1922, p. 24) 
vorrebbe identificare questa vittima dei Goti con un martire Ge- 
neroso, come egli scrive, venerato a Tivoli il 17 luglio. Ma presso 
di me trovasi Generosa, non Generoso; e in questo stesso giorno, 
17 luglio, nel gruppo dei martiri scillitani (Africa) compare una 
s. Generosa. 

Floridus : 593. — Nei Dialoghi di Gregorio Magno (III, 35) 
talora fu letto (Migne, P. L., LXXVII, 301): « Floridus tiburti- 
nae ecclesiae episcopus », invece di: « Floridus tiberinae » ec, cioè 
di Tiferniim Tiberinmn (Oittà di Castello). 

5. Anastasius: 595. — Questo vescovo di Tivoli, intervenuto 
al sinodo romano sotto Gregorio Magno, s' incontra del pari nei 
due falsi diplomi di quel papa: 27 maggio 593 {J-L, t 1239) e 5 
luglio 595 {J-L, f 1366). Evidentemente il falsario o ì falsari conob- 
bero le sottoscrizioni del concilio genuino del 595. 

Severus? epoca incerta (cf. CIL Supplementum, nel voi. Villi 
deWEphemeris epigraphica, p. 484, n. 945, e « Bull, d'arch. crist. », 
an. 1881, p. 108). 



LA LEGIONE I - LATIUM VETUS - NOMENTUM (mENTANA) 139 

Nomentum (Mentana). 

Questa piccola diocesi comprendeva oltre Ficulea (la Cesarina), 
a nove miglia da Boma su la Via Nomentana, ove si sono trovati 
sarcofagi cristiani con epitafì del iii secolo {CIL, XIV, 4054-5), 
Fidenae (La Serpentara, o Castel Giubileo) su la Via Salaria, a 
cinque o sei miglia da Eoma, ove sorgeva un santuario sacro a 
s. Michele, il piti antico che si conosca dedicato all'Arcangelo, e 
Crustumerium ed Eretum nel confine del Lazio. La città di No- 
mentum era congiunta con Eoma per mezzo della Nomentana, ma 
il suo territorio era pure attraversato dalla Salaria.- 

Lungo la Via Nomentana erano sepolti parecchi martiri. Pare 
appartenessero alla diocesi di Nomentum i seguenti. All' 11 giugno 
si legge nel Gerolimiano: 

JB Romae via Nomentana miliario VII ab Urbe natale sancti Restituti; 

e nel 27 maggio Restituti riappare dopo Romae nel cod. B ; conver- 
tito in Restittttcìe in alcuni codici posteriori. Il duplice elogio forse 
risulta dall'avere scambiato 111 id. jun. con YI kat. jim. ; e sembra 
doversi preferire la data seconda. Invero una Passione (BNL, 7197) 
narra che Eestituto fu martirizzato in Eoma, e portato da certa 
Giusta nella sua terra situata in Via Nomentana. Giusta giunge 
all'alba nel suo ipogeo situato al XVI miglio {VII nel Gerolimiano 
dev'essere errore), e quivi seppellisce il martire nella cripta il 27 
maggio. Ogni giorno, narra la Passione, scritta probabilmente nel v 
o VI secolo, i malati di Nomentum si recano a quella per chiedere 
la guarigione al santo martire. Il Bosio, primo esploratore delle 
catacombe romane, trovò al XVI miglio la chiesa e l'ipogeo di- 
strutti (cf. « Bull, d'ardi, crist. », an. 1881, 106-7 ; « Nuovo Bull. », 
an. 1910, 253; Dufourcq, o. c„ I, 212). 

Nel 9 giugno e nel 28 maggio il Gerolimiano registra pure 
su la Via Nomentana la coppia Primo e Feliciano; al 9 giugno: 

B Romae via Nomentana ad arcas miliario XV ab Urbe Primi etFeliciani; 

e al 28 maggio: 

B Felici Priami Liciani (= Primi et Feliciani) Romae Via Nomentana mi- 
liario XIII, 



140 LE DIOCESI d' ITALIA 

E Felicis Priami Peliciani Eomae, 

W Felicis Priani Luciani Romae via Nomeiitana miliario XIII. 

La duplice commemorazione anche qui scaturisce da uno scam- 
bio tra V id. jun. e V kal. jun. Deve preferirsi il 9 giugno. La 
Passione di questi due santi {BHL, 6922; cf. Dufouroq, o. c, I, 
213 ; « Bull, d'arch. crist. », an. 1880, p. 106 ; Duohesnb, o. c, I, 
334) scritta nel v o vi secolo, ne fa pure due romani, consegnati 
a Promotus praeses Nomenti, e quivi uccisi al XIII miglio sub 
Diocletiano e sepolti ad Arcus (non Arcas) Nomentanos juxia (o intra) 
arenarium. Alla loro chiesa, scrive la Passione, i malati guariscono, 
e la loro festa cade il 9 giugno. Il Bosio avrebbe trovato al XV 
miglio la loro basilica e la loro catacomba distrutte. Primo e Pe- 
liciano furono poi trasferiti in Eoma nella chiesa di S. Stefano 
Eotondo da papa Teodoro I (642-649) ; e fu il primo esempio di 
traslazioni di martiri dal suburbano in città. In un'abside di questa 
chiesa i due martiri si vedono figurati in un musaico del tempo con 
le scritte: ^ Scs. Primus e Scs. Felicianus. 

Tre altri martiri avevano la loro tomba presso Ficulea su la 
Salaria, al settimo miglio. La catacomba, anteriore al in secolo, 
e gli avanzi della basilica furono scoperti nel 1855 dal de Eossi 
con questo frammento d'iscrizione: «...et Alexandre Delicatus 
voto posuit dedicante aepiscopo Urso ». I compagni di questo 
Alexander si trovano nel Gerolimiano : 

B Rome via Nomentana miliario VII natale sanctorum... Heventi (E Eventi; 
W Ebenti), Alexandri, Theodoli (E Theduli), 

Presso le mine della basilica di S. Alessandro fu ritrovata un' i- 

scrizione, dell'anno 276, che alluderebbe al nat[aUs] martor[ormìi], 

secondo le congetture del de Eossi (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 

1875, 146; an. 1884-85, 24; an. 1892, 43-53; Dufouroq, o. c, I, 

210-1 ; ToMASSETTi, o. e, I, 102, scrive che la catacomba è a 10 

eh. da Eoma nella tenuta Ooazzo; Makucohi, Il cimitero e la ba- 
silica di Sant^ Alessandro al settimo miglio della via Nomentana, 

Eoma, 1922; Inscript. christ. tirbis Romae, Supplementum, p. 7). 

Una Passio Alexandri, Eventii et. Theodidi {BHL, 266) ha con- 
fuso l'Alessandro della- Via Nomentana con papa Alessandro (106- 



La regione 1 - LATIUM VÈTOS - NOMÈNTUM (mENTANa) 141 

15 e), creando preti i due compagni. Il Liher Pontificalis, del vi 
secolo (la Passione risale a quel tempo circa e pare conosca la Passio 
Agaikae e la Passio Luciae), ammette la stessa identità, eccettochè 
rappresenta il solo Evenzio prete e Teodolo diacono ; precisamente 
come il Gerolìmiano al 27 marzo: 

B W Romae Alexandri episcopi, Theodoli diaconi. 

Ma il sesto successore di ,s. Pietro fu sepolto presso la tomba 
del principe degli apostoli in Vaticano, ed è una persona ben di- 
stinta dal martire omonimo della Nomentana (cf. Duohesne, o. c, 
I, pp. XOI, 127, 180, 106, 207, 209). I martiri sepolti presso No- 
mentum erano dunque sei. 

Anonimo ? — La Passio Alexandri, Eventii et TìieoduU su ri- 
cordata, pretende che il primo di questi tre fosse il sesto succes- 
sore di s. Pietro; opinione rigettata unanimemente dagli eruditi. 
Ma la storia dell'Alessandro e degli altri due, sepolti presso Fi- 
culea su la Salaria al settimo miglio da Eoma, ci è ignota, come 
di altri confessori della fede. Secondo l'autore della Passione, Ales- 
sandro I (106-15, o 108-16?) sarebbe caduto sub Traiano (98-117), 
e tumulato con i compagni da certa Severina « in praedio suo Via 
Numentana ». Costei sarebbe rimasta presso la sepoltura dei mar- 
tiri « donec veniret ab Oriente sanctus Sixtus episcopus, a quo 
impetravit Severina ut in eodem loco praedii ipsius ordinaretur 
episcopus, qui omni die quae sunt sancta martyribus celebraret; 
ideoque locus ipse habet proprium sacerdotem (= episcopum) usque 
in hodiernum diem ». L'anonimo autore con questo suo « sanctus 
Sixtus episcopus ab Oriente veniens », pensava certo a Sisto I 
(116-25?), successore di Alessandro I; e, secondo i procedimenti 
familiari agli autori delle Passiones, lo avrà detto venuto dall' O- 
riente perchè fornito di nome esotico. Ma il fondatore della dio- 
cesi nomentana non potrebbe essere stato Sisto I, perchè in quel 
tempo i tre su detti martiri della Nomentana verosimilmente non 
erano ancora stati uccisi. Infatti essi compaiono nel Gerolìmiano 
(al 17 marzo e al 3 maggio) ; e i martiri registrati nel celebre mar- 
tirologio, secondo la comune sentenza, risalgono ai primi anni del 
IV o al III secolo. Tuttavia non è improbabile che il racconto del- 



142 LE DIOCESI d' ITALIA 

l'aiiouimo leggendista echeggi un fatto storico, vale a dire che la 
diocesi di Nomentum debba la sua origine al bisogno di provvedere 
al servizio quotidiano su le tombe dei martiri sepolti lungo la Via 
(Alessandro, Evenzio, Teodulo, Eestituto, Primo e Feliciano). Na- 
turalmente il fondatore della diocesi nomentana non sarebbe stato 
Sisto I, ma uno de' suoi successori. Ma l'anonimo leggendista avrà 
attribuito al successore immediato di Alessandro I l'erezione della 
diocesi di Nomentum, nella falsa persuasione che il martire se- 
polto presso Ficulea fosse il papa omonimo, e il suo successore 
immediato dovesse subito provvedere affinchè su la tomba del suo 
jintecessore martire non mancasse un vescovo residente, che « omni 
die quae sunt sancta celebraret ». Altre diocesi suburbicarie forse 
ebbero origine per cause analoghe. 

Stephanus? — La Passio s. Restifuti {BHL, 7197) composta 
probabilmente durante l'epoca ostrogotica, ci fa sapere che questo 
martire fu ucciso in Eoma il 27 maggio sub Diocletiano et Maxi- 
miano (286-305). Una matrona di nome Giusta ne avrebbe portato 
il cadavere « in praedio suo Via Numentana ». « Et dum perge- 
ret », scrive l'anonimo, « misit ad episcopum in eadem via consti- 
tutum nomine Stephanum »; e questi con i suoi chierici avrebbe 
accompagnato quel « sanctum corpus in milliario decimo sexto in 
praedium praefata^L matronae lustae... in crypta in inferioribus ». 
Neil' intenzione del leggendista questo Stephamts non poteva essere 
che un vescovo di Nomentum, vale a dire della diocesi estenden- 
tesi fuori di Eoma lungo la Via Nomentana. Data l'indole della 
Passione di s. Eestituto, non si può affermare con sicurezza che il 
nome di Stefano appartenga alla storia; ma neppure si può negare 
perchè l'anonimo potrebbe avere raccolto il nome del vescovo da 
qualche antico monumento situato presso il sepolcro del martire. 

1. Ursus. — Nel 401-17 {J-L, 317) Innocenzo I, scrivendo a 
Fiorentino, vescovo di Tivoli, espone che « frater et coepiscopus 
noster Ursus » lamentavasi con il papa che il vescovo tiburtino 
avesse attentato « transferri terminos a patribus constitutos », con 
il celebrare la messa, a insaputa di Orso, in una parrocchia della 
sua diocesi: « nam Nomentanam sive Feliciensem {ai. Faciliensem ; 
si tratta di Ficulea?) paroeciam ad suam dioecesim a maioribus 



LA tlEGlONÈ I - LATIOM VETOS - NOMENTUM (meNTANa) 143 

pei'tinentem invasisse te atque illic divina celebrasse mysteria, in- 
consulto eodem ac nesciente ». Il .papa avverte Fiorentino di de- 
sistere, fintantoché egli vegga « quid antiquitas aut veritas habeat ». 
Il vescovo Ursus della lettera pontificia non può essere che il ve- 
scovo della diocesi, a cui Nomentum o Ficulea (?) appartenevano. 
Nel 1855 il de Eossi scoperse tra gli avanzi della catacomba e della 
basilica di S. Alessandro presso Ficulea questo frammento d' iscri- 
zione:... « et Alexandro Delicatus voto posuit dedicante aepiscopo 
Urso » (« Bull, d'arch. crist. », an. 1875, 146 ; an. 1884-5, 24 ; an. 
1892, 43-53; Inscr. christ, I, p. VII). Questo « aepiscopus Ursus » 
pare debba identificarsi con l'omonimo della epistola innocenziana. — 
Dalla lettera pontificia su citata si rileva che tanto la diocesi di 
Nomentum quanto quella di Tibur erano state costituite e delimi- 
tate molto prima del 401-17, altrimenti il papa non avrebbe scritto : 
« terminos a patribus constitutos » e « quid antiquitas habeat ». 

2. Servusdei: 465. 

3. Oiprianus o Oyprianus: 487. 

4. Serenus: 495 (?); 499. 

5. Eomanus: 501; 502. 

6. Felix: 531 (Mansi, Vili, 739-72). 

7. Eomulus: [551 (J-L, 930). — Il Mansi (IX, 58-61) legge: 
Numanatensis. Hefele {Hist. des Condì., Ili, 1, p. 57) interpreta: 
di Numento o di Numana (Piceno). Parrebbe doversi preferire Nu- 
mentum. 

8. Eedemptus: 553 (J-L, 935). — Redemptus Nomentanae, leg- 
gono Mansi, IX, 106; Golledio Avellanensis, p. 318, nel voi. XXV 
del CSEL; e Hefele, o. c. 

9. Gratiosus: 593 {J-L, 1224; papa Gregorio gli commette la 
cura della diocesi di Cures Sabinorum. E la prima unione delle due 
diocesi dì cui si abbia memoria); 595. 

Generosus : 595. — Da un falso diploma di s. Gregorio Magno 
{J-L, t 1366). 

10. Oonstantius: 600. 



144 LE DIOCESI d' ITALIA 



Ficulea, Fidenas. 

Nel concilio romano del 501 intervenne un « Gerontius ecclesiae flcuclensis » 
(al. codd. ficulnensis e fìcohiensis), collocato dal Gams (XVI) in Ficulea. L' U- 
glielli (X, 97) lo pose in Fidenas, e gli diede per successore un lustinus fidenti- 
nensis che sarebbe intervenuto al sinodo romano del 680 (Mansi, XI, 314-315). 
Ma quel Gerontius appartenne a Ficoclae (oggi Cervia, presso Ravenna); e quel 
lustinus {Vicohabentinus, come si ha chiaramente dal testo greco) a Vicohabentia 
oggi Voghenza presso Ferrara. Il Lazio non c'entra. 



II. - LATiUM ADIECTUM (Ciociaria e Campania). 

Questa regione era percorsa da due grandi vie ; dalla Via Appia 
che passava nella parte inferiore del paese, lungo il mare; e dalla 
Via Latina che attraversava la parte superiore. La regione della 
Via Appia corrisponde all'antico paese dei Volsci, e quella della 
Via Latina, degli Hernici. 

Nei documenti dei secoli iv e v alcune città del Latium adie- 
ctum, come Formia, Pondi, Terracina ec. sono collocate nella 
Campania. 

Antiurti (Porto d'Anzio). 

Un'iscrizione cristiana d'Anzio senza data sembra abbastanza 
antica {CIL, X, 1, 6762; « Bull, d'arch. crist. », an. 1869, p. 81). 

L' Harnack {Die Missìon ec, II, p. 261) annovera la chiesa di 
Anzio tra le comunità cristiane d' Italia anteriori al secolo iv, perchè, 
com'egli scrive, citando i Filosofumeni d'Ippolito (IX, 12), « il 
cemeterio d'Anzio, al quale Callisto (il futuro papa) fu preposto 
da Zefirlno (199-217) doveva avere anch'esso una chiesa ». Ma lo 
scrittore tedesco ha frainteso il passo dei Filosofumeni. Ippolito 
non dice che papa Zefirino preponesse Callisto a un cimitero cri- 
stiano di Anzio, ma che fece tornare Callisto da Anzio dove tro- 
vavasi, e lo prepose al cimitero romano; cioè al celebre cimitero 



LA REGIONE 1 - LATIÙM ADIÉCTDM - ANTlUM (pORTO d'aNZIO), EC. 145 

che appunto da Callisto prese il nome e ancora si chiama cimitero 
di Callisto. Callisto, reduce dalla relegazione in Sardegna, andò ad 
Anzio per ordine di papa Vittore (189-199), non per reggere un 
cimitero, ma quasi a luogo di confino o di punizione. Non si può 
quindi dal citato passo dei Filosofumeni conchiudere con certezza 
che tra la fine del ir e il principio del iii secolo esistesse una co- 
munità cristiana in Anzio. 

1. Gaudentius: 465. 

2. Felix: 487. 

3. Vindemius: 495 (?); 499; 501; 502. 



Tres Tabernae. 

Era una stazione della Via Appia, ove i cristiani di Eoma, 
avendo saputo che Paolo apostolo era sbarcato a Pozzuoli, gli 
vennero incontro. Paolo, quando li ebbe veduti, rendè grazie a Dio 
e prese animo {Atti degli Apostoli, XXVIII, 15). 

1. Felix: 313. 

Lucifer: 465. — Nelle antiche edizioni (Mansi, VII, 956) questo 
prelato è attribuito a Tres Tabernae; ma nelle recenti e più auto- 
revoli (Mansi, Supplenientum, II, 339; Thibl, Epistolae rom. ponti- 
ficum, I, 159) a Tifernum (Città di Castello). 

2. Decius: 487; 495 (?); 499. 

Sede vacante: 592 {J-L, 1202; Gregorio I unì Tres Tabernae 
temporaneamente a Velletri; in via definitiva la piccola diocesi fu 
incorporata con Velletri dopo la metà del IX secolo). 

Velitrae (Velletri). 

Possiede alcune iscrizioni provenienti da un cimitero suburbano 
scoperto nel 1750, forse del iv secolo. Un' iscrizione, essa pure forse 
del IV secolo, recentemente trovata, parla di una Faltonia Hilariias 
che coemeterium a solo sua pecunia fecit et huic religioni donavit; 

10 



146 Le Diocesi d'italIA 

alla religione cristiana, a quanto pare (cf. O/L, X, 1, 6633-6 ; X, 2, 
8418; « Bull, d'ardi, crist. », an. 1873, pp. 107, 115; « Nuovo Bull. », 
au. 1901, p. 269; an. 1907, p. 241; Notìzie degli scavi, an. 1922, 
pp. 250-2). G. Mancini {NoHsie degli scavi, an. 1924, pp. 341-52) 
crede che il cimitero servisse ai cristiani della Mansio ad sponsas, 
ma non dipendesse dalla chiesa velletrina. 

Clemens. — S. Clemente papa, da molti secoli titolare della cat- 
tedrale di Yelletri, arbitrariamente fu considerato il primo evangeliz- 
zatore (Ughelli, I, 43), quindi il primo vescovo della diocesi; feno- 
meno che si è verificato in molti altri luoghi (v. Introduzione, p. 11). 

1. Adeodatus: 465. 

2. Oaelius Bonifatius : 487 ; 496 {J-L, 711 ; cf. Kehr, Italia pon- 
tificia, I, 102) ; 499. — Nei secoli v e vi molti ecclesiastici portano 
il prenome di Oaelius (cf. Testi Easponi, Codex pontificalis eccle- 
siae ravennatis, p. 155, in Raccolta degli storici italiani, Bologna, 
Zanichelli, 1924) : i papi Felice III, Simmaco, Ormisda e Silverio, 
i vescovi Aureliano ed Ecclesio di Eavenna, Lorenzo di Milano, 
Miseno di Ouma, Lorenzo di Nocera, Eustico di Minturnae e alcuni 
dignitari della chiesa romana. A Aeclanum {GII, IX, 1377) s' in- 
contra un Gaelius Laurentius lector nel 494, e (iv., 1381) un Gaelius 
luhannis exhorcista nel 511. Il significato di questo prenome non 
ci è noto. 

3. Silvinus: 501; 502. — Si è voluto, non so perchè, identifi- 
care questo Silvinus con il s. Silvanus di Terracina (Ughelli, I, 
43; Gams, p. V; v. Terracina). 

Potentius: 592 (Oristofori, o. e, I, 3. Appartenne al secolo vii, 
non al vi. La data del Oristofori è errata). 

4. lohannes, 592 {J-L, 1169 e 1202; cf. Kehr, o. c, I, 149); 
5 luglio 595. — Oompare anche nel falso diploma di Gregorio I, 
27 maggio 593 {J-L, f 1239). 

Humilis: 5 luglio 595. — Proviene da uno spurio diploma di 
Gregorio I {J-L, f 1366). La presenza di Giovanni nello stesso 
giorno, 5 luglio 595, al sinodo romano mostra la falsità del diploma 
su riferito. Naturalmente nello stesso giorno Velletri non poteva 
avere simultaneamente due vescovi. 



LA RfttìlONÈ 1 - I.ATIOM AbìÈCrVM - VELlTllAE (vELLETRl), EC. 14? 

Gerardus (o Geraldus e Ghirardus). — E venerato a Velletri 
come santo (7 dicembre). Monaco di s. Gregorio Magno, da questo 
pontefice sarebbe stato inalzato alla cattedra di Velletri nel 596. 
Ma il nome teutonico lo esclude (Gams, p. V). Ohe sia un vescovo 
spostato come Potentius? 

Privernum, Pipernum? (Prìverno, Piperno vecchio). 

Setia (Sezze). 

Quantunque le diocesi di Privernum o Pipernum (Piperno 
vecchio) e di Setia (Sezze) compaiano per la prima volta in docu- 
menti tardivi, la prima nel 769 e la seconda nel 1036, tuttavia il 
Duchesne {Le sedi episcopali nelVantico ducato di Roma, p. 499 in 
« Arch. della Soc. Kom. di St. Patria », a. 1892) crede queste due 
diocesi anteriori al vii secolo (cf. Kehr, o. e, I, 123 e 127). Mons. 
Duchesne crede pure che la diocesi di Privernum fosse traslocata 
a Setia nel 1039. Al contrario il Kehr ammette che fossero due 
distinte. 

In una iscrizione molto danneggiata, proveniente da Privernum, 
il de Eossi credette riconoscere i nomi di tre martiri : 

[...]rius 

lulius 

Montanianus. 

Ma il p. Delehaye esita ad accogliere la congettura dell'illustre 
archeologo, e, credo, con ragione (cf. « Bull, d'arch. crist. », 
an. 1878, pp. 85-99; CIL, X, 1, 6460; Delehaye o. c, p. 352). 

Tarracina (Terracina). 

Appartenevano alla diocesi di Terracina Girceli (Paola, sotto 
il monte Oircello) e le isole Pontine. 

Vi si trovarono alcune iscrizioni cristiane, tra le quali una 
dell'anno 345 (C/L, X, 1, 6419-21 ; X, 2, 8412 (?)-13). 

Al tempo dell' imperatore Domiziano (81-96) la nobile Flavia 
Domitilla, cristiana, moglie del console Clemente, ucciso per la 



l4é Le blOCESI D* ITALIA 

fede in Eoma nel 95, fu esiliata nell'isola Pandataria (Ventotene) ; 
e un'altra Flavia Domitilla, loro nipote, cristiana del pari, sarebbe 
stata relegata nell' isola Pontia (Ponza). S. Girolamo racconta che la 
matrona romana Paola (sec. iv-v), partita da Eoma per recarsi in 
Palestina, sbarcò nell'isola Ponza, nobilitata dall'esiglio di Flavia 
Domitilla, e vide le cellule, in cui essa aveva sofferto un lungo 
martirio (cf. Duohbsne, Hist. anc. de V Église, I, 217). 

Gli Ada Nerei et Achillei {BHL, 6058-67), della seconda metà 
del V secolo incirca, pretendono che la seconda Flavia Domitilla 
morisse e fosse sepolta in Terracina ; e due vergini romane, sue 
compagne, di nome Eufrosina e Teodora, ivi pure sotto Traiano 
(98-117) fossero martirizzate, e sepolte da un santo diacono di nome 
Cesareo. Certamente l'autore degli Ada Nerei con questo Cesareo, 
preteso seppellitore di Eufrosina e di Teodora, ha inteso di onorare 
un martire omonimo terracinese che compare nel Gerolimiano il 
1° novembre: 

E, W, B In Terracina... natale sanctorum... Cesari, 

e viene ripetuto nei giorni 3, 4 e 5 seguenti, come suole spesso 
avvenire nel centone, che passa sotto il nome di s. Girolamo. 
S. Cesario appare nel Gerolimiano anche il 21 aprile : 

B, £ Et in Terracina Campanie sanati Cesarli {W Caesarii); 

ma questa seconda commemorazione di Cesario si riferisce a una 
festa celebrata in Eoma in suo onore il 21 aprile; perchè fin dal 
secolo IV, secondo il sentimento di alcuni eruditi, fu edificata in 
Eoma sul Palatino entro il Palazzo imperiale una cappella a lui 
sacra, chiamata nel vii secolo « oraculum beati Caesarii intro 
sacrum palatium ». Si credette bello dedicare l'oratorio del palazzo 
dei Cesari a s. Cesario^ e se ne portò la festa al 21 aprile facen- 
dola coincidere col dies natalis Romae (cf. « Nuovo Bull, d'arch. 
crist. », an. 1907, pp. 190-204; Delehayb, Les orig. du eulte, 
pp. 351-352). 

Una Passione di s. Cesario {BHL, 1511-16), scritta tra il v e 
il VI secolo, riferisce che il diacono Cesario, dopo il martirio delle 
due vergini Teodora ed Eufrosina, fu ucciso sub Nerone (54-68) in 



LA REGIONE I - LATIUM ADIEOTUM - TARRACINA (tERRACINA) 149 

Terracina stessa il 1" novembre, insieme con un prete denominato 
Giuliano. Nel 1887 il bollandista Guglielmo Van Hoff {AS, nov., I, 
84) diede un giudizio molto favorevole di questa Passione; ma 
oggi le posizioni sono cambiate. La Passione di s. Cesario e gli Ada 
Nerei, rispetto al tempo del martire terracinese, non hanno valore 
probativo; quindi non è necessario credere che il martire risalga 
a tanto remota antichità (cf. Dufouroq, o. c, I, 25, 139, 251-57 ; 
QuBNTiN, o. e, pp. 64, 365, 544, 696 ; AS, nov.. Ili, 32 ; Delehaye, 
Les Passiona des martyrs, p. 324). Il martire Cesario è stato at- 
tribuito al primo secolo, perchè l'autore degli Ada Nerei, seguendo 
i metodi di composizione di siffatti scrittori, illustrati nell' Intro- 
duzione, identificò arbitrariamente Domitilla, la fondatrice dell'omo- 
nimo cimitero romano (del primo secolo?), con la Flavia Domitilla 
del I secolo, e dopo avere senza alcun fondamento messo in relazione 
con Flavia Domitilla i martiri Nereo ed Achilleo tumulati nel cimi- 
tero che ella avrebbe fondato, diede per seppellitore delle compagne 
di Flavia Domitilla Cesario, martire del luogo (Terracina) ov'esse 
avrebbero sofferto il martirio. Con tali procedimenti Domitilla, la 
fondatrice del cimitero, Nereo e Achilleo, e Cesario furono retro- 
cessi al I secolo. La stessa Passione riferisce che il diacono Cesario 
venne in Terracina dall'Africa ; ma l'africanità del martire, taciuta 
dagli Ada Nerei, può essere un' invenzione, o una pura ipotesi del- 
l'autore, una tradizione volg^^re da lui raccolta e consacrata nel 
suo lavoro. Forse ciò si spiega, scrive il Dufourcq (1. e, p. 257), 
perchè « entre la còte d'Afrique et celle de Campanie, qui se 
creusent comme par des hautes promontoires faciles à reconnaìtre, 
les relations de tout genre se multiplient chaque jour, mille liens 
s'entrecroisent, et la croyance naìt que le diacre Césaire n'a pas 
suivi d'autre route pour arriver à Terracine que celle que suivent 
à ce moment, soldats, marchandises et vovageurs ». Oppure po- 
trebbe congetturarsi che la Passione di s. Cesario sia caduta dalla 
penna di uno scrittore africano, profugo in Italia dalla persecu- 
zione Vandalica. 

Tutti i personaggi ricordati dalla detta Passione {BHL, ISll-ie) 
sono stati raccolti dall'anonimo dagli elogi del Gerolimiano nei 
primi giorni dì novembre, e collegati cervelloticamente con s. Ce- 



160 LE DIOCESI d' ITALIA 

sario. Questo procedimento di mettere in relazione con il protago- 
nista del racconto i nomi che compaiono nel Gerolimiano insieme 
con lui nello stesso giorno o in giorni vicini, fu caro a parecchi 
autori di Passioni. Con siffatti metodi fu composta, come vedemmo, 
la Passione di s. Susanna, e le Passioni, come vedremo, di s. Va- 
lentino di Terni, di s. Massimo di Pyrgi, di s. Firmina di Amelia, 
di s. Dalmazio di Pedona, una Passione di s. Basilide su la Via 
Aurelia {BHL, 1019), di s. Enfino di Assisi, e di un s. Felice {AS, 
aug. V, 167-8; v. Venosa nell'Apulia). Infatti Qiiarhis, il presunto 
seppellitore di un preteso compagno di s. Cesario, si incontra il 4 e 5 
novembre, ed è il Quarto martire, celebrato a Oapua, che, per arbi- 
trio del leggendista, funge da fossore. luUanus, Felix e Eusebìus, dati 
per compagni a s. Cesario, si riscontrano il primo e il secondo al 
1° novembre, e il terzo il 6, 7 e 8 dello stesso mese. Ma essi non 
furono compagni di s. Cesario nel martirio in Terracina. Nessun 
documento antico attribuisce a Terracina tre martiri di nome Giu- 
liano, Felice e Eusebio (cf. AS, nov.. Ili, 32-3). Il Felix del 1° no- 
vembre con ogni verosimiglianza è lo stesso Felix martire africano 
(di Tuniza o d'altro luogo) che compare nel Gerolimiano al 6 (cf. 
^*S, 1. e, 131). Il nostro autore ne ha fatto un presbyier, forse per 
reminiscenza dell'omonimo presbyter nolano. Il nome di Felix sarebbe 
penetrato per errore sotto Terracina al 1° novembre da una nota 
marginale di un codice antico, come in molti casi è avvenuto. Lo 
stesso dovrebbe dirsi di lulianus. Questi, notato in margine e sci- 
volato dentro gli elogi del 1° novembre, sarebbe il martire Giuliano 
di Anazarbo venerato il 21 di giugno, e in altri giorni, tanto in 
Oriente quanto in Occidente. Il nostro anonimo, leggendo il suo 
nome con quello di Felix, commisti il 1'' novembre con s. Cesario, 
lì ha considerati come soci di Cesario nel martirio in Terracina. 

S. Giovanni Crisostomo {BHG, 967) racconta che il martire di 
Anazarbo fu gettato in mare dentro un sacco pieno di arena con 
scorpioni, vipere e draghi. Il nostro anonimo forse avea letto 
questo o simile {BHG, 965-6) racconto o almeno conosciuto"questa 
tradizione, quindi ideò che il suo preteso compagno di Cesario 
fosse chiuso entro un sacco insieme con lui {inissi in saccum), e 
con esso gettato iu mare [praecipitati siint in mare) e dall'onda 



LA UEGIONK I - LATIUM ADIECTUM - TARRACINA (tERRACINA) 151 

respinto {eos unda eiecit); e il presunto persecutore di Cesario e 
di Giuliano, da lui chiamato Luxorius, fosse stato trafitto da un 
serpente {a serpente percussus) ? 

Finalmente l'anonimo prese il nome di Eusebio del 6, 7 e 8, 
ove si legge sotto Nicomedia ; ma un Eusebio martire è ignoto alle 
antiche fonti terracinesi. E se fosse stato compagno di Cesario, 
perchè il suo nome non dovrebbe trovarsi con Cesario al 1" novem- 
bre? L'anonimo fece di quell'Eusebio un monaco, senza pensare che 
a quel tempo i monaci erano in mente Dei. Ma quell'Eusebio era 
mal scelto. Egli sarebbe {AS^ nov., Ili, 128, 321-2, 745) nientemeno 
che il famoso vescovo di Nicomedia Eusebio, del iv secolo, grande 
patrono di Ario; il cui nome sarebbe passato nel Gerolimiano da 
un calendario orientale appartenuto a chiese ariane (cf. « Eiv. di 
arch. crist. », an. 1924, p. 146 e segg.). 

Secondo la sua Passione, s. Cesario fu sepolto su la Via Appia, 
venendo da Eoma, poco prima d'arrivare a Terracina; e in questo 
luogo venne eretta una basilica in suo onore, che fu la primitiva 
cattedrale di Terracina. Leone IV (847-55) « obtulit in ecclesia 
beati Ohristi martyris Oaesarii, que ponitur infra civitatem, que 
vocatur Terracina » (cf. Duohesne, Le « Liber Pontificalis », II, 
122, 137). 

Gli Atti apocrifi greci (cf. LiPSius, Acta ap. apocrypha, 1, 184) 
di s. Pietro e di s. Paolo, composti circa nel ix secolo, hanno cono- 
sciuto la nostra Passione e gli Acta Nerel, e ne hanno profittato 
per narrare che i due apostoli venuti da Baia a Gaeta, e da Gaeta 
in Terracina, mentre recavansi a Eoma, furono albergati per alcuni 
giorni in questa città nella casa di un Cesario diacono. Eorse da 
questo racconto fantastico il primo moderno storico di Terracina, 
o altri prima di lui, dedussero che s. Paolo predicasse in Terracina 
e s. Pietro erigesse la diocesi. La prima storia di Terracina fu 
scritta nel xvii-xviii secolo (cf. De la Blanohèrb, Inscriptions de 
la « Valle di Terracina », in « Mélang. d'archéol. et d'histoire », 
an. 1881, p. 49; Terracme, 1884, Parigi (t. XXXIV della « Bibl. 
des Écoles fran^aises d'Athènes et de Eome »), pp. 145-146). È pro- 
babile però che s. Paolo pernottasse in Terracina durante il suo 
primo viaggio in Eoma. 



152 LE DIOCESI d' ITALIA 

Un'altra Passione, che usufruisce di quella di s. Cesario, allaccia 
Terracina col tempo degli apostoli. Essa riferisce che sub Hadriano 
un soldato o cittadino romano, vissuto al tempo degli apostoli, di 
nome Montanus, fu mandato in esigilo nell' isola Pontia, gettato 
in mare e sepolto in una cripta presso il lido nel 17 giugno {BHL, 
6011). Dopo molto tempo la sacra spoglia sarebbe stata trasferita 
in Gaeta nella chiesa dei SS. Quirico e Giulitta [ci. AS, iuu., IV, 
223; mai, IV, 2; DuFOUROQ, o. e, I, 258-61; 301). Nessun altro 
monumento martirologico antico ci parla di questo martire di Ter- 
racina. Eicorderò che un omonimo africano fu ucciso il 24 febbraio 
del 259; e un Montanus compare nel Gerolimiauo sotto Sirmio 
nell'll maggio. 

Una Passione celebre {BHL, 401), quella di s. Anastasia (25 
decembre), scritta, probabilmente, in Eoma nel v secolo, colloca 
sotto Diocleziano nell' isola Palmaria (Palmarola), insieme con 
duecento uomini e settanta donne, il supplizio di questa martire, 
che sarebbe stata una matrona romana. L'autore ha fatto pere- 
grinare la nostra Anastasia da Eoma ad Aquileia, e quindi l'ha 
fatta approdare miracolosamente nell'isola Palmaria con cento- 
venti compagni, che sarebbero stati gettati tutti con lei in una 
nave forata, perchè affogassero in mare. L'autore ha fatto morire 
Anastasia, come parecchie altre patrizie cadute in disgrazia degli 
imperatori, ad esempio la Flavia Domitilla di cui si è detto, 
nelle isole Pontine. L'approdo miracoloso di Anastasia e de' suoi 
neir isola di Campania, in una nave fessa, ricorda molto dappresso 
l'arrivo di Quodvultdeus, vescovo di Cartagine, e de' suoi chierici 
al lido di Campania, gettati da Genserico in una nave rotta circa 
nella metà del v secolo, perchè si perdessero nel mare. Il rac- 
conto del nostro anonimo, è assolutamente fantastico. Egli intese 
di esaltare la titolare di un'antica chiesa di Eoma detta tUulus 
Anastasìae. Ma è più che dubbio, o meglio, insussistente, che la 
matrona romana, donde prese il nome l'anzidetta chiesa, morisse 
martire nelle isole Pontine, come egli ha narrato. Pare che l'autore 
abbia arbitrariamente identificato l'Anastasia del iitulus romano 
con la martire omonima di Sirmio, quindi l'abbia fatta viaggiare 
nell'Oriente, in Sirmio. Ma la s. Anastasia di Sirmio morì colà, non 



LA REGIONE I - LATIUM ADIECTUM - TARRACINA (teRRACINa) 153 

nell'isola Palmaria. Il cod. L del Gerolimiano (al 25 dicembre) 
conobbe la nostra Passione, che confonde la martire di Sirmio con 
la titolare della chiesa romana. 

Un altro documento agiografico terracinese ci conduce in 
Africa. Una Vita di s. Innocenzo (BEL, 4279) vuole che questo 
santo nascesse nella città Galilea (?) e di cinque anni fosse por- 
tato via da un angelo e condotto a Santi Quaranta. I genitori 
addolorati mutano abitazione e passano a Giustiniana in Africa per 
trovare il figliolo perduto, e ne mandano in cerca il beato Me- 
moraziano. Innocenzo giunto all'età di ventisette anni, torna per 
mare in Galilea a trovare i suoi parenti ; ma, confessatosi cristiano, 
è condotto innanzi al proconsole Anullino, che in quei giorni afflig- 
geva la martire s. Orispina (sec. in-iv) ; atterrito riprende il mare, 
giunge in Giustiniana, trova i suoi genitori, è creato diacono e 
dopo sette anni vescovo ; dopo altri sette anni (non si sa perchè) 
viene in Italia, nell'isola d'Ischia, in un monastero di donne; 
quindi passa in Speluuca, ove trova il beato Memoraziano suo 
diacono; imbarcatosi per raggiungere Terracina, da un vento im- 
petuoso è gettato in Capratia (?). Severiano, che teneva il primo 
luogo in Terracina, cerca inutilmente di trarlo a sé: e il sauto 
prega Dio che i terracinesi siano impotenti (qui in ea natus fuerit 
homo ille non ibi valeat), perchè non gli avevano permesso di 
entrare nella loro città. Muore in Capratia il 7 maggio : e le reli- 
quie sono portate in Gaeta. r 

Giustiniana è l'antica Adrumetum ; e Spelunca, ove Tiberio impe- 
ratore dimorò, corrisx)onderebbe a Sperlonga situata sul mare tra 
Gaeta e Terracina: ma la città di Galilea (?) è introvabile; e Ca- 
pratia sembrerebbe Capri (o Faro delle Capre presso il Circeo ?). 

Non perdo il mio tempo a notare i molti errori di questa infe- 
lice narrazione. L'autore sembra essersi giovato delle Passioni di 
s. Eestituta, di s. Canione di Atella e di s. Cesario di Terracina. Da 
un tale documento non è possibile apprender nulla di sicuro su le 
reliquie dei santi Innocenzo e Memoraziano di Gaeta. Che si tratti 
di reliquie di santi africani venerati in Terracina quindi in Gaeta? 

Quantunque il cristianesimo penetrasse in Terracina per tempo, 
tuttavia sul tramonto del vi secolo Gregorio I (/-/., 1507) lamen- 



154 LE DIOCESI d' ITALIA 

tavasi col vescovo locale che alcuni vi adorassero gli alberi : « quo- 
sdam illic... arbores colere et multa alia centra christianam fidein 
illicita perpetrare ». A questo proposito sarà opportuno osservare 
che a tre miglia da Terracina sorgeva il famoso Incus o fanum 
Feroìtiae, celebratissimo in tutto il Lazio. Benché ai tempi di Gre- 
gorio il bosco sacro della dea fosse probabilmente scomparso, i 
volghi campagnoli non avranno dismesso del tutto le vetuste su- 
perstizioni. 

EpaphròdUus. — Il greco pseudo-Doroteo (Sohermann, Pro- 
phetarmn vitae fabulosae, Indices apostolorum cUscipulorunique Do- 
inini, Dorotheo aUisque vindicata, Lipsia, 1907) collocò l' Epafròdito 
dell' Epistola ai Filippensi (II, 25) nel suo catalogo dei 72 discepoli 
e gli diede per sede vescovile Adria. Non saprei dire quando e 
perchè questo Epafròdito sia stato trasferito in Terracina. Certo 
è che la nostra diocesi laziale ignorò fino ai tempi moderni che 
quel discepolo di s. Paolo fosse stato il suo primo vescovo. 

Quartus e Quintus, 270 (Gams, p. 731. — La Passione di s. Ce- 
sario dà per seppellitore del preteso martire Eusebio un « Quartus 
presbyter ». Questo Quartus della Passione sembra il martire Quar- 
tus ricordato nel Gerolimiano con Cesario al 4 novembre e ripe- 
tuto il 5 dello stesso mese sotto Capua, ove sono venerati appunto 
un Quartus e un Quintus martiri, come vedremo. Ora, senza una 
ragione al mondo, per il semplice ricordo di Quartus nella Passione 
di s. Cesario, egli e il suo compagno furono introdotti nel catalogo 
vescovile di Terracina. 

1. Sabinus: 313. 

Avitus e Yalentìnus (v. il paese dei Marrucini). 

Felix? — In un documento agiografico favoloso (BRL^ 1517- 
18; 2087) e riboccante di anacronismi {AS, nov., I, 89-94) un 
« nomine et actione Felix » avrebbe tenuto il seggio terraci- 
nese sotto papa Damaso (366-84). Questo Felix non è ricordato in 
altre fonti. 

Ioannes, \ 443. \ Terracina compare nel Gerolimiano 

2. Silvanus. ] il 10 febbraio con un vescovo e confes- 



Eleiitherius, f 4^^- 1 sere: 



LA REGIONE I - LATIUM ADIECTUM - TAURACINA (teRRACINa) 155 

B luxta Terracina [E In Terracina] in Campania natale Silvani episcopi 
et confessoris, 

W In Campania natale Silvani episcopi et confessoris. 

A qualche mìglio da Terracina a piedi di monte Leano a si- 
nistra della Via Appia, venendo da Eoma, esistono i resti di un'an- 
tichissima chiesa, detta oggi S. Silviano, che avrebbe sostituito 
un tempio pagano. Questo s. Silviano sarebbe il s. Sìlvcmus del Ge- 
rolimiano ; del quale in verità nulla si conosce. Il Baronie, e 
dietro lui l'Ughelli, identificarono questo s. Silvauus del 10 feb- 
braio con un Silvinus, vescovo di Velletri, intervenuto ai sinodi 
romani del 501 e del 502. Ma il Ferrari {Cai. sancì. Italiae, 85) 
giustamente notò che Velletri non conosceva questo s. Silvinus, o 
Silvanus. L'antico BoIIandista, nel citato luogo, pensò a quell'ano- 
nimo vescovo di Terracina, che sarebbe stato relegato con papa 
Silverio (536-537) nell'isola Ponza. Ma non si capisce perchè il ve- 
scovo terracinese di quel tempo dovesse portare il nome di Silva- 
nus, simile a quello del papa (Silverius). Il peggio si è che questo 
anonimo terracinese risulta da documenti spuri. Senza dire che 
non riuscirebbe facile spiegare come compaia nel Gerolimiano un 
vescovo italiano del 536-7, od anche del 501-2. Io crederei che il 
s. Silvano del Gerolimiano abbia tenuto il seggio episcopale di 
Terracina nel iv secolo (cf. De la Blanohère, InscripHons, ec, 
pp. 49-50 ; Terracine, pp. 154-59) ; ma sembrami poco probabile l'o- 
pinione del primo storico moderno di Terracina che la chiesa di 
S. Silviano fosse la seconda cattedrale suburbana dopo S. Cesario, 
nel senso di un trasporto della sede vescovile da un luogo vicino 
a Terracina ad altro lontano. 

Il primo storico di Terracina vissuto, come si disse, nel xvii- 
XVIII secolo, affermò (cf. De la Blanohìire, Terracine, p. 159) che 
al tempo della persecuzione vandalica un Eleuterio e un suo figlio 
Silvano, Silviano, fuggirono dall'Africa in una semplice nave. 
I d\ie pervengono in Terracinti e, morto il vescovo Giovanni nel 
443, i terracinesi eleggono per proprio prelato il profugo Silvano, 
che visse solo nove mesi (f 10 febbr. 444), e dopo di lui nominano 
il padre suo Eleuterio che muore il 6 agosto 444. Ma questo rac- 
conto del primo storico di Terracina non ha alcun fondamento. 



156 LE DIOCESI d' ITALIA 

Crederei che il s. Eleuterio, venerato in Terracina il 6 agosto, sia 
il celebre s. Eleuteri9 (o Liberatore, Liberale e Liberato) vescovo 
e martire, a cui moltissimi luoghi della Bassa e Media Italia 
resero pubblico culto in diversi giorni dell'anno, come si dirà 
(v. Aecae), E forse il s. Silvano, attribuito a Terracina dal Geroli- 
miano il 10 febbraio, fu annoverato tra gli esuli della persecuzione 
vandalica perchè identificato con un Silvanus, o Silvianus, ripor- 
tato dal Gerolimiano al 12 marzo : 

B In Albua Silvani, 

E Albuae Silvani, 

W Et in Albua Salviani (o Sllviani); 

e dagli antichi Bollandisti {AS, mart. II, 104) creduto, non saprei 
con quanta ragione, un santo africano, precisamente di Albula, 
città della Mauritania Oesariense. Quindi il Silvano del 10 febbraio 
vescovo di Terracina, fu risguardato come una sola e medesima 
persona come l'africano del 12 marzo; e per conciliare i dati to- 
pografici differenti si conchiuse che il Silvano vescovo di Terracina 
era uno dei soliti esuli della persecuzione vandalica, che, come cento 
altri, approdato nella Campania, sarebbe stato creato vescovo di 
questa città (v. Sessa in Campania). Del resto le memorie eccle- 
siastiche di Terracina, vere o credute tali, richiamavano l'Africa 
a ogni passo. La Passione di s. Cesario diceva questo martire afri- 
cano ; la Vita di s. Innocenzo ne faceva un profugo dall'Africa. 
Era quindi cosa facile accomunare a quei due primi i ss. Eleuterio 
e Silvano, venerati in Terracina, pressoché ignoti, quando (v. VEx- 
cursus in fine) in Italia, specialmente nel Mezzogiorno, i santi sco- 
nosciuti, in essa venerati, venivano considerati tanti profughi del- 
l'Africa durante il regno dei Visigoti. 

3. Martyrius: 492-6 (?) (J-L, 737); 494-5 (?) (J-L, 651); 495 (?); 
499; 501; 502. 

Eucherius : — Una falsa lettera di papa Silverio a Vigilio 
(Mansi, IX, 6-7) ricorda un « episcopus terracinensis ». Non so 
perchè questo pseudo vescovo abbia ricevuto il nome di Eucherius. 

4. Petrus: 591 (J-L, 1104; 1157); f 592 {J-L, 1217). 

5. Agnellus (vescovo pure di Fondi) 592 {J-L, 1217-18); 595; 597 



La hEGiONt; t - LAfiuM adiectum - taRracina (terracina) 157 

(J-L, 1462); 598 {J-L, 1587; 1569). - Compare anche nel falso di- 
ploma gregoriano del 595 (J-L, f 1366). 

Constantws, 598. — Fu vescovo non di Terracina, ma di Narni, 
e visitatore di Terni {J-L, 1585). L' « Ecclesiae teramnanae » del 
testo di Gregorio, si è letto erroneamente terracinensìs. 

Anonimo, vescovo di Terracina? di età incerta {CIL, IX, 1 e 
2, 6419). 

Fundì (Fondi). 

Alcuni codici del Liher Poniificalis nella Vita di Antero (235- 
236) farebbero risalire la diocesi di Fondi al secolo iii. Infatti 
mentre altri riferiscono semplicemente: « Hic (Antheros) fecit or- 
dinationem I episcopum I mense decembri » (a. 235), altri hanno: 
« Hic fecit unum ep. in civitate Fundis Oampaniae per mensem 
decembrem ». Ma tali notizie del Lib. Pontif. non sono molto at- 
tendibili. 

Un'iscrizione {GIL, X, 1, 6299) cristiana di Fondi appartiene 
a tempo incerto. 

Presso Fondi esistette una chiesa dedicata in onore di un 
s. Magno martire. Devastata la città dai Saracini, il martire sa- 
rebbe stato trasferito in Veroli, indi in Anagni, ove sarebbe stato 
trovato e riconosciuto da un vescovo Pietro (f 1105) {BHL, 5172 b, 
5175, 6699). Dalla stessa chiesa di s. Magno nel 1215 sarebbero 
state trasferite dentro la città le ossa di un s. Paterno, compagno 
di Magno {BHL, 3980, 3980.b), con quelle di un Onorato abbate, 
ricordato da Gregorio Magno, e di un Libertino cenobita. 

Il Gerolimiano conferma il culto di un s. Magno il 19 agosto 
nel Latium adiectum : 

B Et sancti Magni, 

E, S In Fabriteria Magni, 

B^ Natale sancti Magni (C aggiunge: martyris). 

Adunque un martire Magno era venerato in particolar modo 
in Fahrateria vetus (Oeccauo : da non confondersi con Fahrateria 
nova sul monte), della diocesi di Veroli. A Oeccano nell'alto me- 



158 LE tJIOCÈSI d' ITALIA 

dicevo trovasi una ecclesia S. Magni iuxta viam SiUcatam (Kehr, 
Italia pontif.., II, 175). 

Una Passio s. Magni episcopi et martyris {BHL, 5167-74 ; 5171 b ; 
5171 d) conferma l'esistenza della sua sepoltura presso Fondi. Quan- 
tunque questo favoloso documento, somigliantissimo ,alla Passione 
di s. Erasmo, di cui si dirà, faccia nascere Magno in Trani di 
Apulia, di cui sarebbe stato vescovo, lo metta in viaggio per Na- 
poli, ove visita s. Gennaro, e per Eoma; quindi lo conduca a Pondi 
in campo Dimitri ano », e presso Terracina « in campo Mitrino (?) », 
ove viene accolto da un s. Paterno, e viene ucciso per la fede sotto 
Decio (249-51) e Valeriano (253-9) il 19 agosto, ed è sepolto da 
s. Paterno stesso. Questo s. Paterno alla sua volta compare in una 
Passione (BEL. C477 b) come alessandrino (Egitto), e viene anche 
egli a Eondi « in campo Dimitriano », e patisce con s. Magno, e 
muore in prigione il 21 agosto. Del secondo personaggio non ab- 
biamo altre notizie che queste. 

Benché il- Gerolimiano assegni il martire Magnus al Latium 
adiectum, un'altra Passione {BHL, 5154-5) lo attribuisce a Cesarea 
di Oappadocia, e ivi lo fa morire nello stesso 19 agosto. Tuttavia 
noi possiamo attenerci ragionevolmente al Gerolimiano. Come ve- 
dremo lungo il corso dell'opera, parecchi martiri italiani, special- 
mente campani, da scrittori anonimi furono rapiti al loro paese 
d'origine, e trabalzati nelle province orientali. 

Un'altra Passione, quella di s. Mauro, ci riconduce a Fondi. 
La storia delle Passioni di s. Mauro è caratteristica per inten- 
dere e, direi quasi, toccare con mano in qual modo lungo il me- 
dioevo gli autori delle Passioni da una ne derivassero e procreas- 
sero altre. 

In una prima e più antica redazione della Passione di s. Mauro 
(BEL, 5786) questi è un monaco africano che viene in pellegri- 
naggio a Eoma al tempo di Numeriano (283-4) (quando di monaci 
in Africa non si trova traccia), e patisce il martirio sotto il pre- 
fetto Celerino. Marinai venuti dall'Africa s'impadroniscono delle 
sue reliquie, e, malgrado le persecuzioni di Celerino, arrivano a 
collocarle in sicuro, in porto di salute ove Cristo volle. Sofferse il 
martirio il 21 di novembre. 



LA Regióne i - làtium adièctum - pundi (fondi) 159 

Una seconda {BHL, 5787-88), somigliantissima alla prima, ag- 
giunge che il porto di salute fu il lido di Parenzo nell' Istria, dove 
il corpo del martire riposa. 

Una terza {BHL, 5791-91 b), dopo aver raccontato l'arrivo del 
monaco africano a Eoma, lo conduce a nascondersi in una spe- 
lonca di monte Arcano presso Fondi, quindi dopo tre mesi lo ri- 
porta a Eoma a cogliervi la palma del martirio. Alcuni nocchieri, 
suoi concittadini, rapito il corpo del martire, lo pongono in un 
sarcofago con un' iscrizione e lo nascondono in una nave. Quan- 
tunque il prefetto di Eoma comandi di riempire la nave di sar- 
menti per abbruciarla, tuttavia essa non soffre nocumento alcuno 
e giunge incolume al lido di Fondi. L'arrivo del naviglio è mani- 
festato da Dio al vescovo Mariano, nascosto in causa della perse- 
cuzione. Questi con i suoi chierici accoglie devotamente il sacro 
deposito. Numeriano e Celerino, venuti a cognizione dell'accaduto, 
mandano gli apparitores con ordini terribili, sicché tutti fuggono, 
ma la nave che era sul lido non può essere raggiunta e s'allontana 
in alto mare. I messi dispersi da una fiera tempesta tornano al- 
l' imperatore con le mani vuote ; e Numeriano spedisce un eser- 
cito (!) per eseguire i suoi comandi, ma l'esercito viene assorbito 
dalle acque come quello di Faraone. Allora il vescovo Mariano 
trasporta il corpo di Mauro nel monte Arcano. La fama del mar- 
tire si sparge dapertutto, specialmente in Eoma; e ciò udendo il 
vescovo Formoso, che allora era in Eoma e aveva ricevuto danari 
in prestito dal beato Mauro e per tre mesi l'aveva ospitato, viene 
ai monte Arcano e con quel danaro costruisce la chiesa'ove il suo 
corpo riposa. Il santo soffre il martirio il 22 novembre del 286. 
Di poi le sue ossa sono trasferite nella cattedrale di Fondi dedi- 
cata a s. Pietro. 

Questo vescovo di Fondi, Formoso, sarebbe una perdona sto- 
rica, ma non avrebbe vissuto al tempo di s. Mauro, bensì molto 
dopo, cioè tra l' vili e il ix secolo ; poiché un' iscrizione fondana 
proveniente da un'antica chiesa di campagna, oggi distrutta o al- 
meno abbandonata (probabilmente la chiesa del monte Arcano, co- 
struita da Formoso), dice così : « In nomine Domini. Amen. Pro 
amore beati Mauri temporibus domini Leoni papa III (795-816) et 



160 LE DIOtìESI d' ITALIA 

Formoso episcopo ego Leo humilis presbite!* hoc labore paravi ». 
L'autore della Passione forse ha letto questa epigrafe ; e quindi il 
suo lavoro dovrebb'essere posteriore al secolo vili. 

Nella quarta Passione {BEL, 5791 f) Mauro è monaco della 
Libia ; venuto a Eoma per visitare le tombe apostoliche sotto Nu- 
merlano è preso da Celerino e decapitato; e alcuni compatriotti 
del martire rapiscono il cadavere per portarlo nella Libia. I navi- 
ganti sono massacrati presso Gallipoli, in un luogo chiamato Lapis 
siccus salebrosus, dai messi mandati da Celerino. Ma questi ri- 
baldi, avendo tentato di abbruciare le reliquie del martire, sono 
sommersi da una tempesta. Trascorso qualche tempo, Giraldo ar- 
cidiacono di Consa, commissario apostolico in Terra d'Otranto, con 
una astuzia porta via le reliquie di s. Mauro per trasportarle a 
Consa. Per via dubita se debba fermarsi con esse a Lavello e 
ricorre a un giudizio di Dio. I buoi indomiti, sul giogo dei quali 
le reliquie furono deposte, si fermarono innanzi alla porta di La- 
vello, ove fu costruita una chiesa. Se ne fa la festa nel mese di 
maggio. Io fra Giacomo da Venosa agostiniano (così conchiude la 
Passione) ho scritto la presente storia. 

Queste quattro Passioni dipendenti l'una dall'altra, come è evi- 
dente, rifriggono i soliti luoghi comuni e copiano, almeno in parte, 
la Passione di s. Eestituta di Sora o la Vita di s. Canione di Atella. 
Ma più importante è il sapere se il s. Mauro delle quattro Pas- 
sioni sia uno solo o più, e, se più, chi essi siano. 

La Passione dei ss. Crisanto e Daria {BHL, 1787) pone in 
Eoma, sotto Numeriano imperatore e Celerino prefetto, il martirio 
dei due nominati, dando loro per compagni Claudio tribuno, Ilaria 
sua moglie e Giasone e Mauro loro figlioli. Questi quattro sareb- 
bero stati uccisi prima dei ss. Crisanto e Daria, e sepolti lungo la 
Via Salaria. Checchesia dei particolari narrati dalla sudetta Pas- 
* sione romana, la sepoltura dei martiri Claudio, Ilaria, Giasone e 
Mauro nella Via Salaria viene accertata da parecchi monumenti ; 
e Damaso papa onorò di un' iscrizione metrica la tomba di Mauro 
chiamandolo insontem puerum (cf. Delehaye, o. c, pp. 312-4). E 
quindi fuori di dubbio l'esistenza di un martire romano di nome 
Mauro sepolto in un cimitero suburbano della Salaria Nuova. 



LA REtìlONli! 1 - LAT.OM ADIECTUM - PUNDl (fONDi) 161 

Adunque l'autore della prima Passione probabilmente ebbe sot- 
t'occhio la Passione romana dei ss. Orisanto e Daria. Infatti i nomi 
del martire, dell' imperatore e del prefetto sono identici nell'uno e 
nell'altro documento. Ma Mauro nella Passione di Orisanto è figlio 
di un tribuno romano ed è sepolto nella Salaria; e nella Pas- 
sione di Mauro è monaco africano e le sue reliquie sono poste in 
salvo da marinai africani, non si dice dove. Nonostante queste 
differenze, non è improbabile che il Mauro della Salaria e quello 
della nostra leggenda siano una sola e medesima persona. Gli- 
autori di siffatti documenti si permisero talora licenze ben più 
gravi di questa. Il Gerolimiano pone i martiri della Passione di 
Orisanto, oltre il 12 agosto, il 29 e il 30 novembre. Quindi potrebbe 
spiegarsi perchè l'autore della Passione di Mauro, ucciso prima di 
Orisanto, l'abbia collocato al 22 novembre. A ogni modo, l' idea di 
fare del martire Mauro un africano probabilmente fu suggerita 
all'autore unicamente dal nome del suo eroe. Infatti gli autori 
delle Passioni sono soliti dedurre la patria dei martiri dall' indole 
e dall'etimologia dei loro nomi. Nelle Passioni romane Basilide 
proviene da una città orientale, Crisanto ed Eugenia da Alessandria 
d'Egitto, Calocero e Partenio dall'Armenia, Serapia da Antiochia; 
Teodulo, compagno di Alessandro, dall' Oriente ; e Sisto I papa in 
una Passione nomentana pure dall' Oriente. Nelle Passioni campane 
Erasmo proviene da Antiochia, e Paride da Atene. Tutti questi 
santi avevano nome greco od orientale, e quindi furono fatti venire 
dalle città della Grecia e dall'Oriente; e per la stessa ragione 
l'autore della Passione di s. Mauro ìo avrebbe fatto nascere nel- 
l'Africa, paese dei Mauri. . 

L'autore della seconda Passione applicò e adattò la Passione 
antecedente a un autentico martire omonimo, vescovo di Parenzo 
nell'Istria, di cui si dirà, che trasformò in monaco africano. 

Le reliquie del martire Mauro, venerate presso Fondi, forse non 
appartenevano ne a un martire locale, né a s. Mauro di Parenzo, 
ma al Mauro romano; e col tempo si credettero, come altrove, il 
corpo intero del martire. L'autore della terza Passione accomodò 
la prima Passione, raffazzonandola nel modo che abbiamo visto. 

Se l'autore della quarta Passione è un frate agostiniano, non 

11 



16S Lfe blOCESI d' ITALIA 

prima dunque del secolo xiii fra Giacomo da Venosa acconciò la 
terza Passione al s. Mauro di Lavello, cambiando l'Africa in Libia 
e altri particolari di scarso interesse, attingendo ai temi triti e 
ritriti delle leggende agiografiche. Probabilmente le reliquie di 
Lavello o di Gallipoli, come quelle di un s. Mauro venerato a Bi- 
sceglie, di cui si dirà, provenivano dal s. Mauro di Parenzo. Del 
resto, qualunque sia il s. Mauro di Pondi, di Gallipoli, di Lavello 
e di Bisceglie, certo è che i documenti non ci autorizzano meno- 
mamente a crederli africani : perchè tutti traggono origine dalla 
prima Passione di s. Mauro, che gli avrebbe dato l'Africa per patria 
unicamente perchè si chiamq,va Maurus. 

Nell'anno 403 incirca, Paolino, vescovo di Nola (f 431), co- 
struì in Fondi e consacrò con reliquie degli apostoli Andrea e 
Luca, e dei martiri NazariO, Protasio e Gervasio, una basilica nel 
luogo di una parva et ruinosa che vi era prima (cf. CSEL, voi. XIX, 
p. 291). Questa basilica piccola e ruinosa poteva essere la prima 
basilica cristiana della città di Fondi, edificata probabilmente nella 
prima metà del secolo iv. 

• 

Anonimo? — Una versione del Liber Pontificalis, come si è detto, 
ci fa sapere che papa Antero (235-6 ?) : « fecit unum episcopum in 
civitate Fundis Oampaniae per mensem decembrem >> (a. 235). E 
probabile che fin da quel tempo Fondi avesse un^^vescovo residente ; 
ma le notizie del Liber di un tal genere non sono attendibili. 

Magnus ? -— E tutt'altro che certo che il martire Magnus, se- 
polto presso Fondi, detto nella sua Passione vescovo di Trani (in 
Ai^ulia) sia stato vescovo di Fondi, come si è preteso da autori 
moderni. 

Marianus. — Avrebbe ricevuto, secondo la su riferita Passione, 
da Eoma a Fondi reliquie di s. Mauro al tempo di Numeriano 
(283-4), cioè subito dopo il martirio del santo. Ma la Passione di 
s. Mauro di Fondi ha anticipato il pontificato di Mariano e il tra- 
sporto delle reliquie del martire ,da Eoma a Fondi, come ha tra- 
sportato al secolo iii la costruzione della chiesa di S. Mauro, 
eretta dal vescovo Formoso, tra l'viii e il ix secolo. II Cappelletti 
(XXI, 346), non so perchè, lo chiama Marinus. 



LA Regione t - latiUm adieCtum - pund,! (fondi), eC, 163 

1. Vitalis: 487; 495 (?); 499; 501; 502. 

Anonimo. — Dalla falsa lettera di Silverio (536-7), citata in 
Terracina. 

2. Andreas, vissuto poco prima del pontificato di Gregorio 
Magno {Dial. Ili, 7). — L'Ughelli (I, 720), credo ingiustamente, 
lo confonde con l' Andreas di Formia, di cui si dirà. Anche gli AS, 
(nov., Ili, 127) rigettano questa identificazione. 

3. Agnellus: 591 {J-L, 1157) ; 592 (J-L, 1217-18) ; 595; 597 (J-L, 
1462) ; 598 {J-L, 1507, 1569). 

Formiae (Mola di Gaeta). 

Gregorio Magno scrive {J-L, 1075, 1091, 1697, 1699) che a suo 
tempo il còrpo di un sanctus Herasmus riposava nella chiesa di 
Formia : « in qua corpus beati Herasmi requiescit », e ricorda due 
monasteri (o cappelle) a lui dedicati, l'uno a Napoli, e l'altro sul 
dorso del monte Eepperi in Ouma. Papa Adeodato (672-676), come 
si legge nel Liber Pontificalis, accrebbe di nuove costruzioni il 
« monasterium S. Herasmi » situato in Eoma sul monte Celio. 

Erasmo si legge pure nel Gerolimiano, quantunque orrenda- 
mente contraffatto, al 2 giugno: 

B Pormini... In Campania Nerasnii, 
E Firminae... In Campania Herasmi, 
W Porminae... In Campania Nerasmi, 
L, M, V In Campania Erasmi martyris, 
(S In Pormies natale Herasrai. 

Forse in origine leggevasi : Formiae in Campania Herasmi. 

Secondo la sua Passione {BHL, 2578) anteriore al ix secolo, 
da Antiochia passò in Singidunum (Semender), e dallo stesso arcan- 
gelo s. Michele fu portato per l'isola Veglia (Istria) a Formiae, 
ove morì il 2 giugno. Molte altre leggende agiografiche della Bassa 
Italia e della Sicilia ricordano questo s. Erasmo. I marinai lo chia- 
mano s. Elmo {et BHG, 57-62; BEL, 6665, 6819). 

Distrutta Formia dai Saracini, per divina rivelazione si sarebbe 
trovato sul mare nel « locus Scauri » il corpo di, una s. Albina,: 



164 LE DIOCESI d' ITALIA 

e portato a Gaeta presso quello di s. Erasmo (cf. Ponoelet, Cat. 
codd. hag. lat. hihliothecarmn rom., pp. 186, 422). Una Passione di 
s. Albina, molto recente e che ha largamente attinto a quella di 
di s. Eeparata di Cesarea di Palestina {BEL, 233), ne ha fatto una 
vergine pure di Cesarea di Palestina, morta sotto Decio il 16 di- 
cembre. Di questa santa non vi è altro monumento. Ma non credo 
che Albina ed Erasmo debbano cercarsi nella Siria. 

1. Erasmus, sec. iii-iv. — Nella Vita di s. Erasmo (BHL, 
2583-4) composta da papa Gelasio II (1118-19) e in documenti tra 
ài XIII e il XIV secolo si dice espressamente che s. Erasmo martire, 
celebrato nel Gerolimiano al 2 giugno, il cui corpo nel secolo vi 
riposava in Formiae (J-L, 1075), fu vescovo di questa città. La sua 
Passione (BHL, 2578-83), composta intorno al vi secolo, certo ante- 
riore al IX, quantunque ne abbia fatto un bel giovine (credo dal 
suo nome Erasmus), solitario in Antiochia (forse in grazia del 
suo nome greco), che da Antiochia prodigiosamente sarebbe stato 
trasportato a Eormiae in Campania, benché non lo dica esplicita- 
mente vescovo di Formiae, tuttavia insinua abbastanza chiaramente 
che s. Erasmo fu vescovo di Formiae. Infatti scrive di lui (§ 5): 
« dimitte hominem iustum (reminiscenza degli Ada Andreae) et 
episcopum civitatis suae » ; (§ 6) : « beatum Erasmum martyrem et 
episcopum » ; « episcopum requirebant » ; e (§ 10) : « gratulatus est 
ut bonus pastor ». Sicché s. Erasmo si può considerare ragione- 
volmente un antico vescovo di Formiae, caduto durante le perse- 
cuzioni, probabilmente nel iii o nel iv secolo, trovandosi registrato 
nel Gerolimiano. 

Probus? — La Vita di s. Erasmo scritta da Gelasio II {AS, 
iun., I, 212, n. 17) narra che il santo vescovo venne sepolto da un 
vescovo Probus, presso Formiae a occidente della città, vicino all'an- 
fiteatro. Forse nel secolo xii il nome di questo vescovo leggevasi 
in qualche monumento erasmiano. Ma fu egli, come si pensò dai 
compilatori della serie dei vescovi formiani, successore immediato 
di s. Erasmo, o visse qualche tempo, magari qualche secolo, dopo ? 

2. Martinianus : 487 ; 495 (?). 

3. Adeodatus: 495 (?); 499; 502 (ottobre). 



LA REGIONE 1 - LATIUM ADIECTUM - POUMIAE (mOLA DI GAETA), EC. 165 

4. Andreas, consacrato il 30 dicembre del 501, f 19 ott. 529. — 
I dati estremi del suo pontificato si raccolgono dall'epigrafe mor- 
tuaria rimastane {CIL, X, 1 e 2, 6218) ; epigrafe che fa grandi elogi 
del defunto. Come si è detto, questo vescovo di Formiae venne 
confuso con l'Andreas di Fondi, vissuto nella seconda metà del vi 
secolo; a torto, come sembra. 

Anonimo. — Dal documento spurio di papa Silverio (536-7), 
già ricordato. Veramente nel Mansi (IX, 6-6) leggesi: « episcopus 
firmanus »; ma dev'essere errore di codici o di stampe. Il falsario 
della epistola mirava evidentemente a vescovi del litorale cam- 
pano, di fronte all' isola Ponza, ove Silverio fu relegato, non a ve- 
scovi piceni. ' 

5. Bacauda: 590 (J-L, 1070, lettera mandata da s. Gregorio a 
Giovanni vescovo di Costantinopoli per mezzo di Bacauda) ; 590 
{J-L, 1075; Gregorio unisce a Formiae la chiesa di Menturnum); 
591 (J-L, 1157) ; 594 {J-L, 1314) ; t apr. 597 {J-L, 1462). 

6. Albinus o Alvinus: 598 {J-L, 1569). 

Menturnum o Minturnae (Miniurno vecchia). 

1. Oaelius Eusticus: 492 (?) {J-L, 729); 499. 

Anonimo. — Dalla falsa epistola di papa Silverio, già ricor- 
data: « episcopus minturnensis ». 

Sede vacante : 590 {J-L, 1075 : Gregorio I unisce Minturnae a 
Formiae. Oggi Formiae e Minturnae costituiscono la diocesi di 
Gaeta). 

Signia (Segni). 

1. Sanctulus : 495 (?) ; 499, sottoscrive per lui il vescovo For- 
tunato d'Anagni. 

2. lustus: 501; 502. 

3. lulianus: 551. — Con papa Vigilio a Costantinopoli sotto- 
scrisse la condanna di Teodoro, vescovo di Cesarea di Cappadocia 
{J-L, 930). Alcuni codd. invece di « lulianus Signinus » leggono 
« Cinglanus » = Cingulanus (Cingoli) ; e veramente un Giuliano di 



166 LE DIOCESI d' ITALIA 

Cingoli fa a Costantinopoli nel 553 con il medesimo papa e sotto- 
scrisse il celebre Constttutum di Vigilio ; ma sembra doversi preferire 
« lulianus Signinus » (cf. PIefble, Hist. des Conciles, III, parte I, 
pp. 57-8, ove però si stampa erroneamente Siani invece di Segni). 



Anagnia (Anagni). 

Nel secolo xi la chiesa di Anagni venerava reliquie di s. Secon- 
dina, vergine e martire, di s. Magno, di s. Sebastiano, di s. Cesareo 
e delle ss. Aurelia e Neomisia (cf. AS, aug., I, 237, n. 17). Credo 
debba identificarsi il secondo col martire di Eondi, il terzo con 
quello di Eoma, e il quarto con il martire di Terracina. Di 
s. Secondina abbiamo una Passione {BEL, 7553), recente, per 
quanto si raccoglie da vari indizi; Passione che pone il suo 
martirio in Anagni il 15 gennaio sotto Decio. Nient'altro sappiamo 
di lei. Una martire africana omonima era celebrata, il 17 luglio. 
L'anonimo fabulatore come l'antico Bollandista lo chiamò {AS, 
sept., VII, 127), che, non prima del xii secolo, ha scritto la Vita 
delle due sante Aurelia e Neomisia {BHL, 817 b), non pretende 
fossero martiri. Esse appartennero, sembra, all' xi secolo. L'au- 
tore di una Vita di s. Pietro (BHL, 6699), vescovo di Anagni 
(f 3 agosto 1105), dice della chiesa anagnina: « fundatam pri- 
mitus apostolicis fundamentis, reparatam subventione dispositionis 
divinae »; ma si tratta di espressioni vaghe, comuni agli scrittori 
del XII e XIII secolo. 

Nel 1904 fu scoperto in Anagni un antico cimitero cristiano, 
di cui l'età precisa non si conosce (cf. « Nuovo Bull. », an. 1905, 
p. 306). Le iscrizioni di Anagni non sono datate, e non sembrano 
molto antiche {CIL, X, 2, 5957 e 8247). 

Magnus. — Il martire omonimo di Eabrateria (Fondi), dalla 
sua Passione detto vescovo di Trani nell'Apulia, talora venne con- 
siderato, senza prove, vescovo di Anagni (cf. AS, aug. Ili, 703-4). 

1. Eelix: 487. 

2. Fortunatus: 499; 501; 502. 



LA REGIONE I - LATIUM ADIECTUM - ANAGNIA (aNAGNi), EC. 167 

3. Pelagius, presente al sinodo romano del 5 luglio 595. 

Petrus, 27 mag. 593 {J-L, f 1239; dal falso diploma in favore 
di S. Medardo). 

Doniinicus, 5 lugl. 595. — Viene dato dall' Ughelli (I, 306) come 
presente al sinodo romano del 5 luglio 595; ma il vescovo Dome- 
nico del 5 luglio appartiene a Civitavecchia. Il vescovo anagnino 
intervenuto al sinodo di quel giorno cliiamavasi Pelagio. 

Ferentinum, Ferentinum Novum (Ferentino). 

Nella cattedrale trov^ansi iscrizioni antiche, ma non datate 
{GIL, X, 2, 5897-5902). 

Una Passione introduce in Ferentino un Ambrosius ligur 
{BEL, 375 ; cf. Dufouroq, o. c, III, 251) reduce dalla Spagna, 
centurione romano, che sarebbe stato tormentato, nell'anfiteatro 
attiguo alla Porta Sanguinaria, e decapitato in un luogo detto Vicus, 
il 16 agosto, per ordine di Daciano, nome famoso di persecutore 
nelle Passioni spagnole. Il corpo di questo s. Ambrogio sarebbe 
stato trovato nel tempio di S. Agata all'epoca dei Saracini. Il suo 
nome non appare ne nel Gerolimiano né in altre antiche fonti. 
S. Paolino di Nola nel carme decimottavo in onore di s. Felice, 
composto nel 411 (!), dopo aver ricordato le reliquie dei santi del- 
l'Asia e dell'Africa, scrive: 

Nec minor occiduis effulsit gratia terris. 
Ambrosius Latio, Vincentius exstat Hiberis, 
Gallia Martinum, Delphinum Aquitanìa suiiisit, 
multaque praeterea per easdem largitor oras 
semina sauctorum positis diffusa sepulcris. 

Qualcheduno potrebbe essere tentato a vedere in questo Am- 
brosius del Lazio il santo celebrato dalla Passione BEL, 375; ma 
in questo carme Paolino non loda un centurione di Ferentino, 
bensì s. Ambrogio, vescovo di Milano. Lathim nel testo paoliniano 
sta per Italia, come Iliberìs per Spagna. Paolino ha scelto per 
l'Italia il sepolcro di s. Ambrogio, vescovo del iv secolo, per le 
Gallie quello del vescovo s. Martino, e per l'Aquitania del vescovo 



168 LE DIOCESI d' ITALIA 

s. Delfino, ambedue del iv secolo, come Ambrogio. Per la Spagna 
il celebre s. Vincenzo di Saragozza. Ohe l'autore dellq. Passione 
{BEL, 375) abbia preso quelVAmbrosìus di s. Paolino per un mar- 
tire del Lazio? Troveremo in Spoleto uiì pons sangtiinarius e un 
rivus sanguinarius. Torrenti di questo nome si incontrano in tutta 
Italia. Questo epiteto sanguinarius ha dato origine un po' daper- 
tutto a tragiche leggende. Crederei che i torrenti fossero così deno- 
minati dal colore rossastro delle acque, massime durante le piene. 
Certo il rivo, che scende dai dintorni di Cere nel mare, a circa 
due miglia da Palo, ha nome Sangiiinara dal colore rossastro che 
prendono le sue acque nelle piogge scorrendo il suolo di tufo rosso, 
base di tutti quei dintorni (cf. Nibby, Analisi... della carta de' 
dintorni di Roma, Eoma, 1837, III, 61). 

I compilatori dei cataloghi episcopali italiani non di rado fe- 
cero confusione tra il Ferentum d'Etruria e il Ferentinum del 
Lazio, perchè in verità non è agevole interpretare i documenti 
relativi alle due sedi. Non mi do vanto di esservi riuscito. 

Anonimo sub Silvestro (314-35)? — Non saprei donde l'Ughelli 
(t, 672) lo abbia desunto. E senza prove. 

Concordius ? — Pure senza prove ; messo in dubbio dal Gams 
(p. 691). 

1. Bassus, Ferentinus, Ferentiniensis, Ferentini Novi : 487, 
493-4 (?) {J-L, 629) ; 495 (?) ; 499. 

2. Innocentius, Ferentinatium : 501. 

3. Bonus, de Ferentino : 16 apr. 556 consacrò Pelagio I, come 
dalla Vita Pelagli del Liber Ponti ficalis. 

Redemptus. — Collocato dall' Ughelli (I, 673) nella lista epi- 
scopale di Ferentinum Novum, deve esserne assolutamente espunto. 
Le notizie che abbiamo di lui, vissuto tra il 561 e il 586, sono 
strettamente collegate con il sepolcro di un s. Eutichio martire, 
riposante in una basilica dell'antica diocesi di Ferentum (Etruria), 
non di Ferentinum (Lazio). 

4. Luminosus, Ferentinae ecclesiae: 595. 

Agnellus, 595. — Da un falso diploma di Gregorio I (J-L, 
t 1366). 



/ 



LA REGIONE I - LATIUM ADIECTUM - ALETRIUM (aLATRi), EC. 169 

Aletrium (Alatri). 

La Vita Deoderici ep. Mettensis {MGH, Scriptores, IV, 473) ci 
fa sapere che nel 970 questo prelato tedesco asportò da Alatri 
reliquie .di uu s. Quinziaiio, prete e martire, venerato il 5 luglio, 
di cui non si ha notizie. 

1. Paschasius aletrinus, sottoscrisse con papa Vigilio a Costan- 
tinopoli (an. 551) la condanna di Teodoro, vescovo di Cesarea 
(Cappadocia) {J-L, 930). 

Verulae, Verulum (Veroli) ? 

La diocesi di Verulum (Veroli) s'incontra solo nel 743, ma il 
Duchesne (I. e.) la giudica anteriore all' invasione dei Longobardi. 
Non mancano indizi. In Fabrateria Nova (La Civita, presso s. Gio- 
vanni in Carico), appartenente alla diocesi di Veroli, si è scoperta 
una epigrafe mortuaria cristiana dell'anno 392 {CIL, X, 2, 5646; 
cf. pure 5643-5). Un' iscrizione trovata nella cattedrale (CIL, X, 2, 
5799), forse anteriore al secolo vi, parla di un « Marturius pre- 
sbyter »; e ultimamente vi si è rinvenuta un'altra iscrizione cristiana 
del 405. Finalmente in un'epistola di Gelasio I (J-Z, 655), scritta 
nel 494-5, i vescovi Enfino e Giusto (non se ne conosce la sede) 
sono delegati a trattare una causa tra gli « honorati et primarii 
Verulanae civitat^is » e Agnello diacono loro ingiuriatore. Quel 
« Martyrius presbyter » e questo « Agnellus diaconus » apparte- 
nevano alla diocesi di Veroli? E probabile, se non certo. — I ve- 
scovi Bufino e Giusto non sono noti. Un lustus era vescovo di 
Segni nel 501 e 502, ma non poteva essere nel 494-5, perchè nel 
499 in Segni sedeva un Sanctulus, probabilmente già vecchio, perchè 
sottoscrisse gli atti sinodali di quell'anno per altra mano. Un En- 
fino non compare nei documenti del Lazio e della Campania ; 
bisogna andare fino all'Apulia, troppo lontana, per trovare un 
omonimo. Verosimilmente lustus e Eufinus furono due vescovi del 
Lazio dei vicini paesi ; l'uno dei due potrebb'essere stato vescovo 
di Veroli stessa. Ma nel silenzio delle fonti è vano fantasticare. — 



170 LE DIOCESI d'iTALIA 

Nel 1196 si rinvennero in Anagni le reliquie dei ss. Biagio e De- 
metrio, e una Passione {BHL, 1380 m, 1380 n) recentissima ne ha 
fatto due martiri verulani caduti il 29 novembre. Di questi mar- 
tiri verulaui però nessuna memoria si ha negli antichi documenti. 
Può sospettarsi con ragione che le reliquie trovate a Veroli negli 
ultimi anni del xii secolo appartenessero ai celebri s. Biagio di 
Sebaste, e s. Demetrio di Tessalonica, non a martiri locali. 

Sora. 

Sono venerati a Sora una s. Bestituta ed un s. Giuliano, martiri. 

La Passione della prima {BEL, 7192), manipolata tra l'xi e il 
XII secolo {BHL, 7193 ; cf. Dufouroq, o. c. Ili, 244), narra che 
essa fu bella, nobile e ricca cristiana di Eoma, da un angelo tra- 
sportata a Sora come il profeta Abacuc; quindi decapitata presso 
il fiume Oarnellus e sepolta presso la chiesa di S. Giovanni Battista ; 
ove più tardi fu edificata una chiesa in suo onore. Sette giorni 
dopo la sua morte. Amasio, vescovo di Sora, avrebbe trovato la 
testa della santa. Ciò sarebbe avvenuto siib Aureliano (270-275) il 
27 maggio. 

Forse alcuno potrebbe sospettare che si tratti di reliquie por- 
tate a Sora da Koma, poiché nello stesso 27 maggio si legge nel 
Gerolimiano : 

B, W Romae Restituii, 
E Roma Restitutae; 

ma la lezione più accettabile del centone non è Restitutae ma Re- 
slituti. Questa Passione di Eestituta, forse del vii secolo, o più tar- 
diva, non merita gran fede e quell'Amasio, vescovo di Sora, dovrebbe 
essere lo stesso Amasio, che, secondo la sua Vita evangelizzò i 
Sorani, ma non fu vescovo di Sora, bensì di Teanum tra il 337 e 
il 352. La Passione quindi dì santa Eestituta contiene un anacro- 
nismo evidente. Lasciando stare certi altri particolari inverosimili 
della Passione, comuni ai componimenti congeneri, la stessa Passione 
riconósce che in Sora si pensò ad elevare una chiesa in onore della 
presunta martire concittadina quando già esistevano nella città 
due basiliche cristiane edificate nei tempi della Pace, cioè quella 



LA REGIONE I - LATIUM ADIECTUM - SORA 



171 



della B. Vergine e di s. Pietro e quella di s. Giovanni Battista. Ma è 
poco credibile che prima di quel tempo non si pensasse ad erigere 
una chiesa, o cappella, su la sepoltura di una martire locale. Non 
è quindi inverosimile che questa s. Eestituta sia estranea a Sora, 
e quivi semplicemente fosse onorata di pubblico culto. Il Dufourcq 
nel citato luogo ha espresso l'opinione, punto improbabile, che la 
s. Eestituta di Sora sia la stessa martire africana omonima, vene- 
rata ad Ischia e a Napoli il 16 e il 17 di maggio, e in altri luoghi 
di Sardegna e di Corsica, come vedremo (cf. pure AS^ mai, I, 4). 
S. Giuliano, secondo la sua Passione {BEL, 4553), sarebbe ve- 
nuto a Sora dalla Dalmazia, e martirizzato in questa città il 27 
di gennaio sub Antonino Pio (138-161). Nello stesso giorno un s. Giu- 
liano è venerato in Atina (piccola città del Lazio sopra Arpino) 
cogli atti identici di Sora (cf. AS^ ian., III, 382). E non è senza 
interesse notare che tanto il s. Giuliano di Sora, quanto quello di 
Atina hanno lo stesso anniversario del celeberrimo Giuliano * di 
Mans {BEL, 4543), sicché può nascere il dubbio non irragionevole 
che tanto il s. Giuliano di Sora quanto quello di Atina non siano 
altro che il s. Giuliano di Mans. A ogni modo le Passioni del 
s. Giuliano di Sora e di quello di Atina sono assai recenti. 

Amasius. — Un vescovo di tal nome, come si è detto, avrebbe 
tenuto la sede soraua quando una s. Eestituta vi sarebbe stata 
martirizzata nel iii secolo. Ma questo documento non può rassi- 
curarci su l'episcopato sorano di s. Amasio, mentre altre fonti più 
autorevoli collocano s. Amasio in Teanum Sidicinum, verso la 
metà del iv secolo. 

1. lohannes: 493-4 (?) {J-L, 629); 496 (J-L, 709). 

Aemilius o Sebastianusf 501; 502. — Nel sinodo romano del 
501 (ed. Mommsen in Cassiodori Variaé) sottoscrissero (p. 433, 
n. 6) : « Aemilius (detto pure nei codd. Ameliiis, Aemilianiis) eccle- 
siae Soranae (al. Suranae, Siiranensis^ Syranus, Suraniis); e (p. 435, 
n. 46): « Sebastianus ecclesiae Snranae » (al. Sitraninsis, Siivanus, 
Siranus, Syranus, Sorauus). In quello del 502 (p. 441, n. 74) inter- 
venne « Sebastiano » e sottoscrisse (p. 454, n. 52) : « Sebastianus 
ecclesiae Surauae » (al. Syranae, Siranae, Siranecae, Suranus, So- 



172 LE DIOCESI d' ITALIA 

ranus). Non può pensarsi che la diocesi di Sora nel Latium adiectum 
avesse allora due vescovi ; ma che l'uno di quei due sedesse a 
Sora non sembra dubbio, perchè sarebbe strano che nei codd. dei 
concili simmachiani ambedue i nomi della diocesi fossero corrotti. 
Ma quale dei due, Aemilius o Sebastianus, dovrà attribuirsi alla 
nostra Sora? È diflBcile dirlo. 

Aquinum (Aquino). 

1. Oonstantinus : 465; 487. 

2. Asterius: 501; 502. 

Johannes. — Posto dall' Ughelli (I, 395) dopo Asterius. Secondo 
lui, papa Giovanni III (561-74) gli avrebbe mandato un'epistola 
(quella del libro III delle Decretali nel titolo XXI De pignoribus). 
Ma l' Ughelli ha i)reso abbaglio. L'epistola è di Innocenzo III 
(1198-1216) a un vescovo d'Aquino non nominato. Del resto la 
cronologia dei vescovi aquinati del vi secolo, tramandataci dallo 
stesso Gregorio nei Dialoghi, esclude affatto questo preteso lo- 
hannes (cf. AS, sept., I, 243). 

3. Oonstantius: 528-9; 544 e. (Gregoeii Dialog. II, 16; III, 8). 
— Visse al tempo di s. Benedetto di Monte Cassino, e morì sotto 
Giovanni III (5f>l-74). 

4. Andreas, succedette a Oonstantius (o. e. III, 8). 

5. lovinus, ad Andreas (o. e. III, 8). 

Dopo la morte di lovinus, nel 593, la sede era vacante (o. e, 
III, 8). 

Casinum (S. Germano). 

Trovansi in Oasinum e nella vicina Atina iscrizioni non molto 
antiche {CIL, X, I, 5141; 5228-30). 

Pietro Diacono, monaco cassinese del xii secolo, uomo indi- 
scutibilmente erudito, ma che ebbe il torto dì riempire di falsi la 
letteratura agiografica della sua regione (cf. Oaspar, Petrus Dìa- 
comis, Berlino, 1909; e « Anal. Boll. », a. 1910, pp. 168-70), ci ha 
raccontato che un s. Demetrio (BHL, 2121 d), fratello del celebre 
s. Dionigi Areopagita, mandato nelle Gallio da papa Clemente I 



LA REGIONE 1 - LaTiUM ADIECTOM - CASltJt/M (s. GERMANo) 173 

(88-97 e.) avrebbe creato vescovo di Orleans s. Evurzio (vissuto nel 
IV secolo!) e, tornato in Italia al tempo di Domiziano (81-96), si sa- 
rebbe nascosto in una cripta di Monte Cassino insieme con due suoi 
compagni, Avito e Daumero, e vi avrebbe sofferto il martirio il 9 
ottobre. Si è già parlato nell' Introduzione (pp. 10-1) della leggenda 
di s. Dionigi Areopagita in Italia. Notisi a questo proposito che 
questo s. Demetrio viene festeggiato appunto un giorno dopo il 
dies natalis del celebre s. Demetrio di Tessalonica (8 ottobre), e 
il 9 ottobre è il giorno natalizio del putativo Areopagita; coinci- 
denze che gli agiografi della scuola di Pietro Diacono nei loro 
componimenti solevano sfruttare. 

Non sarà inutile ricordare che nell'anno 529 su la magnifica 
montagna, che dominava la piccola città di Oastrum Oasinum, 
s. Benedetto trovò il ritiro che desiderava. Il monte, ove edificò 
il suo celebre mona,stero, era ancora profanato dal culto pagano: 
« ubi », scrive Gregorio nei Dialoghi (1. II, e. 8), « vetustissimum 
fanum fuit, in quo ex antiquorum more gentilium a stulto rusti- 
corum populo Apollo colebatur. Circumquaque etiam in cultu dae- 
monum luci succreverant », Benedetto mise in pezzi la statua del 
nume, distrusse il bosco sacro e l'altare, e gli sostituì una cap- 
pella di S. Giovanni Battista. 

Severus? — Il cod. epternacense del Gerolimiano, il cui pro- 
totipo proviene dall' Italia Inferiore, al 20 luglio riporta : « In Ca- 
sino Severi ». L'antico calendario beneventano al 20 luglio rife- 
risce: « In Casino natale s. Severi episcopi ». Pietro Diacono, 
scrittore fantasioso, nella sua Vita di s. Severo {BHL, 7675) ne ha 
fatto un vescovo di Casinum al tempo di Valentiniano III (425-55). 

1. Caprarius: 465. 

2. Severus: 487. — È questi un vescovo distinto dall'antece- 
dente omonimo, o un solo e medesimo personaggio con lui? 

Prosinone, Atina. 

1. Frusino (Fresinone) viene annoverata tra ie antiche sedi laziali dal 
tìams (739) e dall' Ughellì (X, 105). Nel 499, 501 e 502 avrebbe tenuto questa 
sede un Innocenthis; e nel 503 un Papias. Ma l'Innocentius, intervenuto a quei tre 



174 LE DIOCESI d' ITALIA ' ' ^ 

sinodi romani, non appartenne a Frosinone, bensì a Forumsempronii {oggi Pos- 
sombrone). E Papias Frissonensis, come scrive l'Ughellì, Fressonensis, come si 
legge nel Mansi (Vili, 302), salta fuori da un pseudo-sinodo romano, che ha 
amalgamato nomi di prelati italiani presenti al sinodo romano del 502 con pre- 
lati orientali intervenuti a Oalcedonia nel 451. Appunto quel Papias (il nome 
della diocesi è corrotto) fu prelato orientale, e pare appartenesse alla Caria. 

2. Atina, città dei Volsci, fu municipio romano; ma non consta che in ogni 
municipio romano sia stata costituita una diocesi. La prima memoria di quella 
di Atina compare nel secolo xi, e i documenti che hanno tentato di farla risalire 
al primo secolo di nostra èra sono molto sospetti. — Il summentovato Pietro 
Diacono, ben accolto in Atina al tempo del suo esilio, volle, per riconoscenza 
verso gli atinesi, donare a questa città una biografia dei santi patroni del luogo; 
e, senza abbandonare 1 suoi metodi deplorevoli, sotto il falso nome di Atenolfo, 
vescovo di Capua, vissuto nel 1059, compose una Passione di s. Nicandro e com- 
pagni {BHL, 6074), di un Pasicrate, socio di s. Nicandro (BHL, 6470) ec. e spe- 
cialmente una Vita di s. Marco {BHL, 5298) rappresentandolo come un galilèo 
discepolo di s. Pietro e da lui mandato protovescovo a Atina. E probabilmente 
questo s. Marco, venerato in Atina nel xii secolo, non era altro che il celebre 
omonimo celebrato nella Campania, nell'Apulia e altrove, come si dirà (v. Aeca). 
Due secoli dopo Pietro Diacono venne composto un Breve Ghronicon atinensis 
ecclesiae {BIS, VII, 901) che pretese di darci i nomi e di narrare le imprese di 
17 presunti successori di quel s. Marco, dal i fino al secolo xi. Ma questo docu- 
mento tardivo e fantasioso non è tale da poterò assicurare un critico oculato 
su la pretesa antichità della diocesi atinate. Si è voluto vedere un vescovo 
d' Atina nel « Rufentius Egnatinus o Athinensis » che sarebbe intervenuto al 
pseudo-sinodo romano del 506. Si tratta di merce falsa. A ogni modo quel Ru- 
fentius è l'omonimo di Egnathia (Apulia) che sottoscrisse i deliberati dei sinodi 
romani del 501 e 502. Ho quindi ritenuto prudente non annoverare Atina tra le 
diocesi del Latiuni vetus anteriori al vii secolo. 



III. - CAMPANIA. 

La Campania confinava a nord col Lazio, all'est col Sannio, 
al sud con la Lucania, da cui era separata per il fiume Silaro, e 
all'ovest con il Tirreno. Una delle più floride e popolose province 
d' Italia, formava la gradita dimora dei voluttuosi ed opulenti romani 
per il suo clima temperato, per la bellezza del paesaggio e per le 
numerose sorgenti termali. Era attraversata da due vie principali, 
cioè dall'Appia, la regina delle strade romane, che vi entrava a 



LA hègionE I - Campania 175 

Sinuessa, passava per Oasilinnm e Oapua, volgendo a Oaudium e 
a Benevento; e dalla Latina, che entrava in Campania presso 
Teanum, passava per Oales e Oasilinum, dove imboccava nel- 
l'Appia. 

Il martirologio Adoniano (sec. ix) colloca arbitrariamente dieci 
martiri nella Campania il 2 luglio. Li ha tolti dalle Gesta Sebastiani, 
martire romano. Queste narrano che Cromazio, prefetto di Eoma, 
sotto Diocleziano ricoverossi in Campania: « in Campano littore 
persecutiouis rabiem declinandi causa », e non aggiungono altro. 
Adone ha supposto arbitrariamente che essi vi morissero per la 
fede (gL AS, a,ug. II, 613; Quentin, o. c, pp. 569-70). 

Due lettere di papa Leone I, l'una del 443 {J-L, 402), l'altra 
del 459 {J-L, 545), furono indirizzate ai vescovi « per Campaniam »; 
ai medesimi si rivolse Innocenzo I (J-L, 273) nel 399 ; e nel 358 e. 
s. Ilario di Poitiers (Migne, P. L., X, 695) ricorda « épiscopos cunctos 
Campaniae » ed « omnes épiscopos Campaniae », un'epistola di papa 
Liberio {J-L, 209). La lettera sinodica dei vescovi di Sardica (342-4) 
ricorda (Migne, P. (r., XXY, 311) tra i vescovi aderenti quelli del- 
l'Italia (Superiore), della Campania, della Calabria, dell' Apulia e 
della Sardegna; e s. Atanasio (iv., 250) scrive che il sinodo di Sardica 
fu approvato da piìi che trecento vescovi, tra i quali enumera 
quelli dell'Italia (Alta), del Piceno, della Tuscia, della Campania, 
della Calabria, dell' Apulia, dei Bruzi, della Sicilia e della Sardegna. 
Poco dopo, cioè nel 349 e. (iv., 726) lo stesso s. Atanasio afferma 
che più di quattrocento vescovi, di Eoma, dell' Italia, della Calabria, 
dell'Apulia, della Campania, dei Bruzì, della Sicilia, della Sardegna 
e della Corsica erano in comunione con lui. Sicché intorno, alla 
metà del iv secolo le diocesi della Campania erano parecchie. Si 
noti però che al tempo di s. Atanasio la Campania comprendeva 
pure non poche città del Latium adiectum e del paese degli Hir- 
pini, inclusa Benevento. Ed è certo che la Campania conteneva 
un bel numero dì diocesi fin dal tempo delle persecuzioni. Formia, 
come si è visto, e, come si vedrà, Oapua, Atella, Volturno, Napoli, 
Nola, Nocera, e Benevento posseggono prove più o meno forti per 
essere attribuite al secolo III e anche prima (cf. Cuma). 



176 LE DIOCESI d' ITALIA 

Venafrum, Benafrum (Venafro). 

Il Breviarium Syriacum, cioè il martirologio orientale, riporta 
al 5 e al 10 giugno: Nella città di Tomi Marciano e altri martiri; 
e il Gerolimiano, che da esso deriva, registra gli stessi martiri nel 
5 giugno e nel 10 luglio. Nel 10 luglio : « In civitate Tomis Mar- 
ciani... et aliorum » ; e nel 5 giugno : 

B, W In Aegypto Martiani Nigrandi {E Marciani Nicandri). 

Gli « Analecta Bolland. », an. 1912, 268-272; Eeanchi, Note 
agiografiche, fase. 24 di Studi e Testi, pp. 141-57 ; « Analecta Boi- 
land. », an. 1913, p. 298; an. 1922, pp. 54-60; « Mélanges d'ar- 
chéol. et d'histoire », an. 1918-19, pp. 190-193, non dubitano che 
si tratti degli stessi martiri. Forse un copista ignorante avrà letto 
Thmuis (città dell'Egitto) invece di Tomis o Thomis (città della 
Mesia) e quindi ha attribuito i martiri all'Egitto. Lo stesso Gero- 
limiano assegna Meandro e Marciano a Durostorum (città della 
Mesia) il 26 dicembre: 

B Dorostolì Martiani Neandri {W Nicandri), 
E Dorostoli Monandri; 

e nel 17 giugno: 

B Dorostori... 

W, E Nicandri Dorostoli. 

Un'antica Passio Meandri et Martiani {BEL, 6670-72 d) narra 
che questi due soffersero il martirio nel 17 giugno, senza indicare 
il tempo e il luogo del supplizio e della sepoltura. Ma poiché 
questa Passione è strettamente imparentata con quelle della Pan- 
nonia e della Mesia, si può credere con ragione che essa si rife- 
risca appunto ai due martiri assegnati dal Gerolimiano a Duro- 
storum nel 26 dicembre e nel 17 giugno. Anzi si può supporre 
con buon fondamento che questi due martiri appartengano al gruppo 
di Marciano e compagni martiri di Tomi. La loro festa sarebbe 
stata celebrata nella Mesia in due differenti giorni; nel 5 e nel 10 



LA tlKGlONE I - CAMPANIA - VKNAKRUM (vENAI'Ro) 177 

giugno in Tomi, e noi 17 dello stesso mese in Durostorum, capo- 
luogo della Mesia (cf. Dufoukoq, o. c, II, 243-5). 

Ma il cod. E del Gerolimiano, al 21 novembre attribuisce due 
martiri dello stesso nome a Oapua : Et in Capila Meandri Cassiani. 
Dico due martiri dello stesso nome, perchè Cassiani sembra una 
storpiatura di Marciani. Il cod. D (« Anal. Boll. », a. 1913, p. 406), 
che dipende da E, riferisce nello stesso giorno : Et in Cajma M- 
canoris Cassiani. Ed ecco pure una Passio Nicandri et Martiani 
(BHL, 6073), identica a quella sopra nominata, la quale ci racconta 
che Nicandro ebbe sepoltura in Venafrum e Marziano in Atina 
del Lazio. Un'altra identica alla prima e alla seconda {AS, iun., 
IV, 219), narra invece che i due santi furono sepolti ambedue in 
Venafro. E finalmente una terza, composta da Pietro Diacono 
cassinese del xii secolo sotto il nome di Adenolfo vescovo di Oapua 
{BHL, 6074:; cf. « Anal. Boll. », an. 1910, p. 169), pretende che i 
corpi dei due martiri fossero sotterrati tutti e due ad Atina. Queste 
diverse versioni evidentemente sono l'eco di lotte medievali tra 
città vicine per il possesso delle sacre reliquie dei due santi. Ma 
la coppia stessa Nicandro e Marziano posta dal codice E nel 26 
novembre sotto la Campania, probabilmente è la stessa della Mesia, 
che ricevette pubblica venerazione in Oapua, in Venafro e in Atina. 
E noto che i martiri delle regioni danubiane, e precisamente Ni- 
candro e Marciano, furono fin dal secolo iv onorati in Italia, ad 
esempio in Eavenna e in Eoma (cf. Duohesne, Le « Lih. Poni. », 
I, 255-6; ToMASSETTi, La Campagna Romana, III, 399); è quindi 
probabile lo fossero pure in Campania. Veramente nel calendario 
marmoreo napoletano al 17 giugno si legge: Natale s. Nicandri, e 
al 12 gennaio e al 30 ottobre: Natale s. Marciani; ma, come è 
notissimo, quel prezioso documento registra non solo santi locali, 
ma molti estranei alla Campania; non può quindi dedursi da quelle 
due commemorazioni nessun certo argomento per attribuirle i santi 
Marciano e Nicandro. Fino a prova contraria devono lasciarsi 
alla Mesia. 

1. Oonstantius: 492-6 (?) {J-L, 737); 496 (?) {J-L, 742) ; 499. 
Sede vacante: 591 {J-L, 1135); 595 {J-L, 1390). 

12 



178 LI-: blOCESI u' ITALIA 

Suessa Aurunca (Sessa). 

Due Passioni di sostanza e di forma pressoché uguali, composte 
in etri tardiva e di contenuto comune . a siffatti documenti, cioè 
la Passio ss. Cassii et Casti e la Passio ss. Casti et Secundini {BHL, 
1649-50), ci presentano in questi quattro santi due coppie distinte di 
vescovi campani, senza determinarne la sede. I primi due sarebbero 
stati martirizzati sotto un preside innominato e in un luogo impreci- 
sato ; i due secondi, invece, in Sinuessa di Campania (Mondragone, 
situata tra Suessa e Forum Popilii), il 1° luglio, sotto un preside di 
nome Curvus. Questi santi in verità furono venerati, oltre che a Si- 
nuessa, in molti altri luoghi della Campania, cioè in Capua, il 22 
maggio, in Benevento, il G maggio e il 22 ottobre, in Acquaviva, 
in Calvi, in Gaeta, in Sora e in Troia di Aptilia (cf. AS, mai, Y, 130; 
iul., I, 21, nn. 20 e 25 ; Martyrol. benedici, monast. S. Sophiae Bene- 
ventani, cod. Vat. 5949). Gregorio, vescovo di Terracina, fiorito tra 
il 1006 e il 1126 [BIS, VI, 47) avrebbe scritto « Cantus sanctorum 
Casti et Cassii, hymuos eorum », probabilmente sopra la detta 
Passione. 

Gli antichi Bollandisti sospettarono per i primi che queste due 
coppie di martiri non fossero santi paesani, bensì africani. E io 
credo che essi abbiano colto nel segno. Infatti Cassio e Secondino, 
l'uno vescovo di Cedias e l'altro di Macomedes, caddero in Africa 
al tempo di Cipriano ; e nello stesso tempo morirono Casto ed 
Emilio, celebrati da Cipriano e da Agostino, e ricordati nel calen- 
dario cartaginese del secolo vi, e il 22 maggio nel Gerolimiano 
(cf. Delehaye, Les origines, ecc., pp. 431, 434-5, 439 42, 446, 448, 
450, 454). Nel 259 perì in Africa un altro vescovo di nome Secon- 
dino (iv., p. 435). Adunque i ss. Casto, Cassio e Secondino delle 
due Passioni probabilmente non sono che tre martiri africani del 
III secolo, trasformati in martiri italiani. E forse anche il Secon- 
dino di Atina {BHL, 7553 b, 7553 d) 16 maggio, è da identificarsi 
con il martire africano omonimo. Così pure il Secundus, o Secun- 
dinus, che compare nel Gerolimiano sotto l'Apulia ora il 2, ora il 
13 settembre, e i santi Casto, Emilio (e Saturnino) che il 6 ottobre 



LA UtGlONE 1 - CAMi'ANlA - SUESSA (sESSa) 179 

(e il 25 gennaio?) si leggono ora in Capua, ora in Apiilia, proba-, 
bilmente non sono martiri locali, perchè le chiese di Apulia, di 
Oapua e degli altri luoghi su ricordati, nei tempi antichi non lì 
conobbero come propri; ma martiri estranei alla Campania e al- 
l' Apulia. Essi sarebbero stati assegnati a Oapua e all'Apulia invece 
che all'Africa per uno dei soliti errori del Gerolimiano, oppure 
questi martiri africani, ab antico venerati in Oapua e in Apulia 
nei giorni su detti, sarebbero stati trasformati in martiri della pe- 
nisola. II Cappelletti (XX, 218) asserisce che sub Diodetiano Sessa 
fu teatro del martirio di dieci santi di nome Aristone, Crescenzio, 
Eutichiano, Urbano, Vitale, Giusto, Pelicissimo, Felice, Marta e 
Sinforosa; ma non adduce alcuna prova. 

Un s. Saturnino, africano, riscosse molta venerazione in Sessa 
(Stornaiolo C, Sarcofago della hasilichetta dei ss. Casto e Saturnino 
in Sessa Aurunca, in Solemne Praeconimn lanuariq Aspr enati Ga- 
lante tribìdum, Napoli, 1921) e in altri lu(»ghi della Campania e 
dell' Apulia e altrove (cf. Terni). 

Sinisius sub Nerone (presso il Gams, 921). — Uno sbadato, 
leggendo di un « s. Sinicius, episcopus suessionensis » o « in urbe 
Suessìonica » (Soissons), mandato nelle Gallie da s. Pietro apo- 
stolo e defunto sub Nerone {AS, sept., I, 125), ha confuso Suessones 
o Suessiones con Suessa, attribuendo a questa ultima diocesi sub 
Nerone un Sinicius, detto per errore (di stampa?) Sinisitis. 

Cestus. — I ss. Cassio, Casto e Secondino vescovi e martiri 
africani sono, come si e detto, venerati in Sessa e in altri luoghi 
della Campania e dell' Apulia. Erroneamente (presso il Gams. 921) 
Casfus fu accolto col nome di Cestus (errore di stampa?) nel cata- 
logo sessano. Il Cappelletti stesso (XX, 218) s'accorse dell'infon- 
data illazione. 

Castrensis? secolo iv-v? —Il cod. E del Gerolimiano reca agli 
1 1 febbraio ; Et in Vulturno Castrensis, e nello stesso giorno il calen- 
dario marmoreo di Napoli : Natale sancii Castrensis. Circa nel 1881, 
in una grotta presso Calvi, furono trovate due pitture di santi, ag- 
giudicate al secolo vii, con i nomi di & CASTRENSIS e S. PRl- 
SCVS (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1881, p. 147; an. 1883, ,pp. 74-5). 



180 LE DIOCKSI u' ITALIA 

Come il secondo è senza dubbio un celebre martire campano, dì 
Oapua o di Nocera, così il primo deve identificarsi con l'omo- 
nimo dell' 11 febbraio ; e probabilmente fu martire come Prisco. 
Una Yita s. Castrensis {BHL, 1C44-5) pretende clie dodici (o tre- 
dici ?) vescovi africani, durante la- persecuzione vandalica del sec. v, 
fossero cacciati dall'Africa e, felicemente approdati nelle spiagge 
della Campania, si spargessero qua e là per il paese. L'autore 
anonimo, dopo aver enumerato le astuzie che, secondo lui, i Van- 
dali avrebbero adoperato per indurre i cq^ttolici ad apostatare, cioè 
comandando loro di cingere il balteo, adoperando blandizie e 
minacce, colpendo i giovani per guadagnare i vecchi e fingendosi 
amici dei religiosi per accalappiare i semplici, arti riuscite a nulla, 
narra che dopo quattro anni il tiranno avrebbe gettato la maschera 
e infierito apertamente col catturare una gran moltitudine di fedeli 
e con essi quattro vescovi, di nome Eossio o Eosio (o Eoscio?) 
Prisco, Tammaro e Castrense, carezzandoli o tormentandoli inutil- 
mente. I satelliti del re si danno per vinti e pensano al modo di 
ucciderli. Uno di questi chiamato Aristodemo, invaso dal diavolo, 
persuade i compagni a gettare i santi in pasto ai mostri marini, 
caricandoli in ,una vecchissima nave, scompaginata, senza vele, 
senza remi, perchè l' imbarcazione venisse inghiottita dalle onde. Il 
pessimo consiglio è accettato. Si sceglie la più vecchia nave, che 
da molti anni marcisce putrefatta dallo sterco degli uccelli. I ve- 
scovi sono invitati con buffonesca solennità a prender posto nella 
carcassa ; da una parte Eosio, Secondino, Eraclio, Benigno, Prisco 
ed Elpidio; dall'altra Marco, Agostino, Canione e Vindemio; a 
poppa, Castrense quasi vessillifero, e Tammaro a prora. La molti- 
tudine dei cristiani domanda di essere accolta nella stessa nave e 
tra le derisioni dei presenti è accontentata. Un vero esercito di 
santi {exercitus sanctormn) prende posto in quel portentoso naviglio ; 
tutti, si direbbe, i cattolici d'Africa, perchè l'autore attribuisce ai 
persecutori il proposito di sommergerli tutti in mare. Ma le inique 
speranze sono frustrate. La nave non affonda anzi spinta da 
vento favorevole approda al lido di Campania il 10 maggio. Cia- 
scuno dei santi si reca nel luogo a lui da Gesù Cristo destinato, 
ma non si dice dove. Di Castrense si afferma che entrasse in Sessa; 



LA REGIONE I -■ CAMPANIA - SUESSA (seSSA) 181 

conducesse uel suburbano vita eremitica e facesse miracoli ; quindi 
guarisse Aristodemo, diventato per divina punizione sformatamente 
gobbo, e sua moglie Beatrice, presa dal morbo emorroidale; final- 
mente morisse in Sessa (11 febbraio), come se fosse vescovo di 
questa città, in mezzo al suo popolo, dopo aver celebrato i sacri 
misteri ed essere disceso da se stesso nella sepoltura. 

L'anonimo autore di questo documento assicura di avere rice- 
vuto relazione dei fatti da lui narrati da alcuni sacerdoti presenti 
al decesso di Castrense; ma non può essere creduto. Egli ha scritto 
molti secoli dopo la persecuzione vandalica. Infatti i Passionari del 
medioevo appartenenti alla Campania e ai paesi limitrofi, e con- 
tenenti le Passioni e le Vite dei santi locali (quelli della biblioteca 
nazionale di Torino, dell'Ambrosiana di Milano, delle biblioteche 
romane) non contengono la Vita a. Gastrensis. Essa fu pubblicata 
nel XVII secolo da tre manoscritti, l'uno romano, l'altro della 
chiesa di Monreale (Sicilia) e il terzo del monastero di S. Gio- 
vanni di Capua; e i manoscritti romani sono copie dei codici di 
Monreale, redatte nel xvi o nel xvii secolo, e il codice di Monreale 
probabilmente derivava dal Capuano. Infatti è noto che per ordine 
di Guglielmo II (1166-1189) il corpo dì s. Castrense fu trasferito 
da Capua a Monreale (cf. « Anal. Boll. », an. 1909, pp. 417-78; 
an. 1892, pp. 205-368; an. 1911, pp. 137-51; Poncelet, Cat. codd. 
ìiag. lai. hibl. Vaticanae, passim; Gal. codd. hagg. kit. hihl. roman., 
pp. 284, 416 e 417; AS, febr., II, pp. 525-6). La nostra Vita forse ebbe 
origine piuttosto a Capua che a Sessa. Si noti che la città di Capua 
celebrava la ti-aslazione delle ossa di s. Castrense nella seconda dome- 
nica di maggio (cf. AS, 1. e, n, 7), e il leggendista racconta che la 
famosa nave giunse al lido campano il 10 di maggio. Questa coin- 
cidenza di date forse non è fortuita. A ogni modo, provenga la Vita 
da Capua o da Sessa, la sua composizione appartiene egualmente ad 
epoca recente. La chiesa di Monreale, diventata custode delle reliquie 
dì un santo fino a quel tempo ignorato in Sicilia, avrà chiesto e 
ottenuto da Capua la leggenda del nuovo santo. Dico da Capua ; 
perchè prima del secolo xii i resti del santo furono trasferiti da 
Sessa a Capua. La Vita, dunque, composta a Capua o a Sessa, non 
USCI dai confini dell'una o dell'altra città, e rimase ignota nell'alto 



182 LE DIOCESI d' ITALIA 

medioevo anche alle città della Bassa Italia. Ora la spiegazione 
più semplice di questo fatto è questa, che la Vita fu scritta in 
un'epoca assai lontana dalla persecuzione vandalica. Inoltre la Vita 
di s. Castrense non ha esercitato nessuna influenza sopra le leg- 
gende dei presunti compagni di lui. Essi, come vedremo, durante 
il medioevo furono venerati in parecchi luoghi della Campania, 
e le loro leggende compaiono in molti Passionari del secolo xi o 
XII ; ma esse non contengono alcuna allusione alla Vita di s. Ca- 
strense. Se questa appartenesse a epoca antica, avrebbe dovuto 
influire più o meno nella composizione delle leggende dei compagni 
di Castrense; ma ciò non si verifica aff'atto, quindi bisogna dire 
che la Vita è più recente di quelle. Certamente l'autore non può 
essere un contemporaneo della persecuzione vandalica o vissuto poco 
dopo, perchè il suo racconto è in aperta contradizione con quanto 
ci viene riferito da Vittore Vitense e dalle altre fonti coeve e 
suppari. L'indugiarsi a dimostrare questo fatto evidente sarebbe 
tempo e fatica sprecata. Salta agli occhi, anche di chi non ha 
molta pratica di siffatti documenti, che la Vita non è se non una 
trasformazione leggendaria della cacciata di Quodvultdeus, vescovo 
cattolico di Cartagine, e di una turba grandissima di chierici, che 
nudi e privi di ogni cosa, furono espulsi da Genserico, e stipati 
entro alcune navi rotte, e ciò nonostante giunsero con prospera 
navigazione a Napoli nella Campania (an. 439-40). La Vita Castrenda 
mentre riduce le naves fradae di Vittore a una sola, ingrandisce 
immensamente il prodigio, convertendo quei navigli sdrusciti, con- 
dotti nel porto di Napoli dalla bontà di Dio, in una, nave vetustis- 
sima, sconnessa, infracidita, senza vele, senza antenne e senza remi, 
che giunge sana e salva al lido campano per miracolo di primo 
ordine; trasforma un semplice episodio della persecuzione di Gen- 
serico in un fatto colossale e culminante. Infatti la nave gigante 
della Vita trasporta dodici prelati con tutto il loro gregge o con 
tutta la cristianità d'Africa. E nella leggenda l'annegamento è sug- 
gerito al re da un suo satellite, perchè nelle leggende popolari i 
ministri soglion esser più perfidi del principe. Aristodemo diventa 
gobbo e sua moglie è colpita nelle parti deretane, perchè, secondo 
la psiche popolare, i mali consiglieri debbono essere turpemente e 



LA REGIONE 1 - CAMPANIA - SUESSA (seSSa) 183 

ignominiosamente puniti. Infine s. Castrense muore in chiesa dopo 
aver detto messa in mezzo al suo popolo, e si adagia da se mede- 
simo ner sepolcro, come narrano le leggende dì s. Giov. Evange- 
lista, di s. Severo di Eavenna e di altri vescovi. 

Ma la Vita non inventò il nome dei dodici compagni di 
s. Castrense ; li raccolse dai santuari e dalle chiese della regione 
campana e pugliese. Infatti come s. Castrense, che ha dato il suo 
nome al documento, compare nel Gerolimiano (vedi sopra) l'il 
febbraio in Volturno, e forse fu vescovo di Sessa, così s. Prisco 
fu venerato quale vescovo di Nocera il 9 maggio; s. Oanione, 
creduto vescovo di Atella, fu festeggiato il 25 maggio; s. El- 
pidio suo successore, si riscontra nel calendario marmoreo napo- 
letano al 15 gennaio e al 24 maggio ; s. Marco ricevette culto quale 
vescovo di Acca e poi di Lucerà nell'Apulia; s. Agostino portò 
il titolo di vescovo di Capua ; s. Secondino era venerato nella Cam- 
pania 1' 11 luglio e probabilmente fu vescovo africano (vedi il sopra 
detto) ; s. Tammaro veniva commemorato in Benevento il 15 
ottobre come vescovo; s. Eosio (o Eosciof) era considerato ve- 
scovo di Sessa, e Benigno, Eraclio e Vindonio riscotevano pub- 
blico culto in Benevento, in Capua e altrove, e non è improbabile 
fossero stati vescovi locali, al pari dei su ricordati Castrense, Marco, 
Agostino, Canione, Elpidio, Prisco, Tammaro e Eosio. 

Adunque Castrense e i suoi compagni non furono vescovi 
africani espulsi dai Vandali, ma vescovi autentici della Campania 
e dell'Apulia; eccetto s. Secondino, probabilmente vescovo africano 
e martire durante le Persecuzioni. 

In tempi più a noi vicini due santi della comitiva cambiarono 
nome. Vindonio fu appellato Mendonio e Benigno, Adiutore (cf. AS^ 
sept., I, 209). Nel calendario marmoreo napoletano si legge bensì 
al 1" settembre: « Natale s. Prisci et Adiutoris »; ina non si sa 
chi fosse questo secondo. 

Una celebre leggenda provenzale {ÈHL, 5545, donde proviene 
BHL, 4802-3), composta non molto dopo il 1187 (cf. Duchbsne, 
Fastes épisc. de Vane. Gaule, I, 340) e intitolata Vita di s. Marta 
ospite di Cristo^ narra che i giudei, dopo l'ascensione di Gesù, car- 
cerarono Pietro e altri apostoli, ne uccisero alcuni, tra i quali Già- 



184 LE DIOCESI d' ITALIA 

corno, e cacciarono dal loro territorio altri discepoli e credenti, 
caricandoli in alcune navi senza remi, senza vele ne timoni e senza 
cibo (cf. pure la leggenda BHL^ 4802-4803). Questi esuli, condotti 
dalla Divina Bontà, con prospero (jorso arrivarono al porto di Mar- 
siglia, e si sparsero nei singoli pagi del temtorio gallo. Tra 
questi la leggenda enumera, con le due sorelle Marta e Maria e con 
altre, quattordici persone che avrebbero esercitato la missione pa- 
storale in altrettante città delle Gallie. E i nomi ricordati dal 
leggendista si trovano veramente nei fasti delle chiese gallicane 
tra il II e il vii secolo. Questa leggenda provenzale ha dunque 
un'indiscutibile somiglianza con la leggenda campana su ricordata. 
È lecito quindi domandarsi se la leggenda provenzale dipenda dalla 
campana o viceversa. Propendo a credere che lo scrittore cam- 
pano abbia usufruito della leggenda provenzale e questa sia piti 
antica della Vita di s. Castrense. La leggenda provenzale, come 
è noto, acquistò in tutto il mondo cristiano una grande rinomanza. 
La Campania nei secoli xiii e xiv fu in intimi rapporti con la Pro- 
venza. I principi e i funzionari del regno di Sicilia (a cui la Cam- 
pania e Napoli, la nuova capitale del regno angioino, appartene- 
vano) provenivano appunto dalla Provenza. 

Eossius, Eosius Eoscius? epoca incerta. — L'Ughelli nella 
prima edizione pose in Sessa un vescovo Risus « ante annum mil- 
lesimum »; nella seconda lo registrò (VI, 535-7) due volte, l'una 
subito dopo Fortunatus (sec. v-vi), l'altra qualche tempo dopo. 
Questo stranissimo nome (forse errore di stampa?) richiama il 
s. Eosio, venerato nella Campania il 16 maggio (AS,. niai. III, 575) 
e il 1° settembre (iv., sept., I, 209) e nella celebre ricordata leg- 
genda presentato come vescovo africano esule della persecuzione 
vandalica. In una bolla di Atenolfo, vescovo di Capua (an. 1032) 
(Ughblli, vi, 535-6), appare nella diocesi di Sessa una <^ ecclesia 
s. Eosii »; e un documento della chiesa di Calvi (Ughelli, X, 238, 
n. 12), di cui si dirà, ricorda pure in Sessa la « sepultura, in qua 
sepultus erat Eisus... Suessae episcopus » quantunque erroneamente 
lo creda vissuto nel ix secolo. Pare che in séguito le reliquie di 
s. Eosio siano state trasferite a Benevento. E se s. Eosio, secondo 
la tradizione campana, fu vescovo, perchè non della diocesi di Sessa 



LA REGIONE 1 - CAMPANIA - SUESSA (sESSA), EC. 185 

ove si dice avesse sepoltura ? Tuttavia, per procedere con cautela, 
ho posto il punto interrogativo dopo il suo nome. 

lacobus. — Nella seconda edizione dell' tJghelli fu registrato 
due volte; l'una dopo Bisus, l'altra più avanti. Sarebbe stato un 
monaco cassinese elevato al seggio episcopale di Sessa. Ciò do- 
vrebb'essere avvenuto (attese le vicende del naonastero di Monte 
Cassino, disperso nel secolo vi, ripristinato nell'viii) non prima 
dell' vili secolo; lacobus sarebbe quindi, almeno spostato. 

1. Fortunatus: 496 (f) J-Z, 729); 499; 501 e 502. 



Forum Popilii (presso Carinola). 

1. Anonimo (Sabinus?). — Gelasio I in un'epistola dell'anno 
496 incarica i vescovi Eustico (di Menturnum?) e Fortunato (di 
Sessa?) d'investigare se il vescovo di JForumpopilii (loro vicino) 
fosse affetto di mal caduco {J-L^ 729). L' incerta lezione dei codici 
non permette di stabilire se un Sabinus ricordato nella lettera sia 
il nome del vescovo stesso di Porumpopilii o di un laico. Gli an- 
tichi eruditi credettero che il presule malato dell'epistola gelasiana 
appartenesse a Forumpopilii della Flaminia (Forlimpopoli) ; ma dal- 
l' Ewald in poi {Die Papstbriefe der Brittisclien Saininlung, in « Neues 
Archiv », an. 1879, p. 523, n. 52) si attribuisce a Forumpopilii della 
Campania. Anzi io fortemente sospetto che la distruzione di Fo- 
rumpopilii (secolo vii) narrata da Paolo Diacono {HisL Lang., V, 
27) si riferisca non a Forlimpopoli di Eomagna, come gli scrittori 
del basso medioevo pensarono, ma alla Forumpopilii di Campania, 
scomparsa dopo il vii secolo. 

2. Asellus: 501; 502. 

Gaudentius ? — Il Gams (p. 869) registra sotto Carinola, sen- 
z'anno, un presule di quel nome ; presule non confortato da prova 
alcuna. 

Colonius, 499. — Lo stesso autore pone nel 499 un Colonius; 
ma s'inganna. Questo vescovo sottoscrisse al sinodo romano di 
quell'anno non come vescovo foropopiliensis, bensì foìvdocUensis 
dell' Etruria. 



186 LE DIOCESI d' ITALIA 

Teanum Sidicinum (Teano o Tiano). 

Nel CIL (X, 1, 4828) si legge un'unica iscrizione di Teanum 
nel 551. Vi è sfcato scoperto un musaico proveniente da un cimi- 
tero cristiano del iv o v secolo (cf. « Nuovo Bull. », an. 1908» 
p. 263). 

1. Paris, celebrato come santo il 5 agosto, secondo la sua Vita 
{BHL, 6466) sarebbe stato il primo vescovo di Teanum, ordinato 
da papa Silvestro (314-35). 

2. Amasius, celebrato il 23 gennaio, nella sua Vita (BHL, 354-5) 
sarebbe il secondo vescovo di Teanum, ordinato da papa Giulio 
(337-52) al tempo di Costanzo imperatore (337-61). 

3. Urbanus, anch'esso ha culto pubblico in Teanum {AS, ian.. 
Ili, 100-1 ; aug., II, 73 ; cf. Dufourcq, Étude ec. III, 248) e passa 
per il terzo vescovo. Questi tre nomi provengono probabilmente da 
un catalogo teanense autentico. I citati documenti agiografici, che 
ne fanno menzione, possono risalire al vi secolo. 

4. Quintus: 499. 

Nell'epistola pontificia J-L, 1013 si ricorda nel 555-60 un « cle- 
ricus teanensis ». 

Cales (Calvi). 

Nella cattedrale furono trovate antiche iscrizioni cristiane, una 
delle quali risale al 346 {CIL, X, 1, 4712-15). 

L' Dghelli nella prima edizione (X, 34-5) diede a Calvi due soli 
nomi: un « Valerius Calensis » del 499, il quale intervenne al si- 
nodo romano di quell'anno; e un Vaticanus. In verità nel sinodo 
del 501 compare un « Vaticanus Oeneliensis », o « Caeneliensis, 
Celeliensis, Caeleniensis, Celeniensis, Celiniensis, Caeliniensis », ma 
non è certo fosse di Cales. Qualcuno (cf. Cassiodori Variae, 
p. 503), non più felicemente dell' Ughelli, credette ravvisare in 
questa diocesi 1' « oppidum Caelinae » (Maniago presso il torrente 
Collina nell'Udinese). Ma questo oppidum (distrutto già prima del 



LA REGIONE 1 - CAMPANIA - CALBS (CALVi) 187 

tempo di Plinio), posto che nel 501 possedesse un vescovo, non 
poteva averlo mandato al sinodo romano di quell'anno, perchè i 
vescovi della Venezia e dell' Istria, compreso il patriarca d'Aquiieia, 
non intervennero a quell'aduuauza. Adunque ci è ignoto dove fosse 
questa diocesi del 501 di dubbia lettura (v. il paese dei Marsi). 

L'autore della seconda edizione dell' Ughelli (X, 231 e segg.) 
ebbe da Calvi un catalogo episcopale desunto da un « Kalenda- 
rium Oalvense ad instar Martirologii, quod breviario antiquissimo 
longobardis literis exarato praeponitur et in archivio canouicorum 
calvensium servatur », e lo riprodusse a bocconi ueWItalìa Sacra, 
dalla colonna 236 alla 239, n. 26. Questo « Calendario Galeno », 
come gli scrittori locali {Osservasioni del barone A. Ricca sulle ri- 
sposte del signor Zona, parte 2*, Napoli 1835, p. 47) lo chiamano, 
è molto frammentario, perchè dal secolo i al vi contiene soltanto 
8 nomi, e dal 567 passa senz'altro al 761; giunge al 1291, non è 
quindi antico, come del resto si può arguire dalla premura che ha 
di registrare la patria di ciascun vescovo, premura diventata as- 
sillante solo presso gli scrittori del Basso medioevo. Per quanto 
si riferisce ai vescovi del pieriodo di cui ci occupiamo, il « Calen- 
dario Caleno » non ha alcun appoggio nei documenti; omette il 
vescovo autentico Valerhis, se Liberius (il terzo) o, meglio, Aure- 
Uus (il quinto del Calendario) non sono nomi contraffatti del vero 
Valerius. Accetta come primo vescovo un s. Casto sub Nerone, il 
quale, come si è detto, fu veramente vescovo, ma non di Calvi, 
bensì celebrato semplicemente in Calvi, e fu martire africano, non 
sub Nerone, ma in altro tempo. Credo dunque che non sarò tacciato 
di temerità se riguardo il catalogo del Calendario Caìeno come, 
in generale, molto sospetto (cf. V Introduzione, § 1). 

Castus « lapidatus sub Nerone » (22 maggio). — Se pe è già 
parlato in Sessa. 

Calepodius? « circa an. 307 ». — Un'epistola del sinodo di 
Sardica (343 e.) a Giulio II (nel voi. LXV del CSEL, p. 126) ricorda, 
tra altri prelati italiani : « Calepodius a Campania », e il nome 
della città manca. Non certo : de Neapoli, come qualche erudito 
ha creduto supplire. Di quale città dunque ? Che l'anonimo tardivo 



188 LE orOCESI d' ITALIA . 

compilatore del Calenclario Galeno, registrando Oalepodio, dipenda 
da buona fonte o 31 sia abbandonato a congetture ? Non saprei dire. 

Liberius ? « circa an. 405 » (f 30 gennaio). — È lo stesso 
Valerius del 499? 

Euffus? « e. an. 414 (f 4 dee.) sepultus in cornu epistolae 
altaris maioris ». — Sulla morte di lui il Gal. Galeno narra una 
leggenda simile in tutto a quelle di s. Severo vescovo di Eavenna 
e di s. Castrense, di cui sopra si è detto, in Sessa. 

Aurelius ? « anno 504 obiit (15 maggio), cuius corpus requiescit 
prope maiorem aram ecclesiae nostrae post eius translationem a 
suburbano cimiterio ». — E un doppione del Valerius del 499? 

Aucupius? « sinuessanus (t 31 dee. 513), sepultus Gales prope 
suam sedem episcopalem ». — Ignoto alle antiche fonti. 

Glaudius? « qui Eoma huc pervenit et in monte Marsico vitam 
eremeticam duxit, Cales episcopus factus {f luglio 556). — S. Gre- 
gorio Magno nei Dialoghi (III, 16) narra di un Martino vissuto 
in un angustissimo speco del monte Marsico fino a pochi anni 
prima del 593. Non si sa che altri solitari vi abbiano abitato in- 
nanzi a lui. Quindi le notizie biografiche, almeno, del Galendario 
Galeno su questo Glaudio sono sospette, se non il nome. E forse 
non è inutile osservare che un Aucux>ms e un Clcmdiun, a ragione^ 
o a torto, compaiono pure nella lista episcopale di Pozzuoli. Si 
tratta di confusioni ? 

Leo ? « capuanus, templum pontificale repara vit » (f 6 agosto 
567). — Non è improbabile che nel secolo xiii o xiv il nome di 
Leo si leggesse in qualche iscrizione cristiana di Gales oggi scom- 
parsa; ma chi potrebbe affermarlo, e assicurare che il compilatore 
del Galendario Galeno ha letto giusto ? 

Graecianus, a. 359 ? — In tante incertezze mi sia lecito formu- 
lare un' ipotesi che non credo peggiore delle altre. Nel conciliabolo 
di Eimini (a. 359) un « Grecianus » o « Graecianus episcopus a 
Galle », fece una dichiarazione di fede ortodossa (in GSEL, voi. 
LXV, p. 96). Alcuni eruditi sono andati in cerca di questo vesco- 
vado a Gagli (Marche) ; ma Vltinerarmm Burdigalense pone bensì 
lungo la Via Flaminia una Mutatio ad Cale, donde l'odierna Gagli 
avrebbe preso il nome ; ma questa località nel 499 apparteneva 



l\ UlìGlONK I - CAMPANIA - CALES (CAl.Vl), F.C. 189 

alla diocesi di PUinum Mergens, e, secondo tutte le probabilità, 
anche prima. Di più la diocesi di Cagli, succeduta a Pitinum, com- 
pare nel secolo viii. Perchè dunque gli scrittori del iv secolo jpjon 
avrebbero detto Graecianus episcoptìs a Pitino ? Altri sono andati 
a cercare il nostro Graecianus a Porius Gale in Portogallo. "Ma 
perchè non piuttosto &> Gales della Campania, regione che nel 359 
enumerava parecchie diocesi ; a Oales, ove il cristianesimo aveva 
seguaci fin dal 346? In tanta penuria e incertezza di antiche me- 
morie parrebbe giusto assegnare il Graecianus del 359 a Calvi. 



Compulteria, Cubuiterìa (presso Treglia e Alviguano). 

Vi si trovarono iscrizioni cristiane ; l'una del 559 ; e in Trebula 
(Treglia o Tregghia), tra Oapua e Cubuiterìa, nella cattedrale di 
Caiatia, iscrizioni del vi o v secolo {CIL, 4613-4; 4629-30). 

Gregorio I nel 599 {J-L, 1518-19) scriveva che la « ecclesia 
Cubulterna erat prò peccatis clero et pontifice destituta ». Nessun 
altro documento la ricorda. 

Capua (S. Maria di Capua). 

La chiesa di S. Prisco presso Capua conteneva musaici, di- 
strutti nel 1766, con due teorìe di santi, l'una nella cupola, e l'altra 
nell'abside (cf. Michele Monaco, Sanduarium capuanum, Napoli, 
1630, p. 134; Garrucci, Storia dell'arte cristiana, IV, 254; AS, oct., 
VII, part. I, pp. 6-7 ; oct.. Ili, 330; « Bullett. d'arch. crist. », an. 1883, 
pp. 160-1, tav. 2* e 3*; an. 1384, pp. 104-125). Mentre questi pre- 
ziosi monumenti esistevano, scrittori locali del xvii secolo ne die- 
dero cenno, e ne lasciarono schizzi e rozze incisioni, riprodotte dal 
Garrucci, dagli Ada Sandorum e dal Bulletlìno d'archeologia cri- 
stiana. Il de Eossi ha pensato che questi musaici appartenessero 
alla fine del v o al principio del vi secolo; altri li fanno risalire, 
torse più giustamente, al iv. Nel musaico absidale si vedevano 
sedici figure di santi con le corone in mano, come ad esempio 
s. Vitale nel celebre musaico ravennate, e vestite presso a poco 



190 LK IMOCESl d' ITALIA 

alla stessa foggia, sette da una parte e sette dall'altra, dì sta- 
tura presso a poco uguale, eccetto due figure (Quarto e Quinto), 
in mezzo, di statura molto più piccola, ma con la corona anch'esse 
e col vestiario delle altre. Le figure avevano il nome scritto presso 
il Capo ed erano disposte in questo modo: 

Laurentius Lupulus 

Susius Paulus Petrus Priscus Sinotus Marcellus 
Timoteus Ceprianus Btifus Agusfdnus 

Agne Quartus Quintus Felicitas. 

Nella cupola, oltre le immagini e i nomi di otto profeti e di 
otto apostoli ed evangelisti, erano rappresentati sedici santi a due 
a due, coi seguenti nomi : 

Xistus Cyprianus - Hyppolitus Canio - Augustinus Marcellus - Lupulus Rufus 
Priscus Felix - Artimas Aefimus - Eutices Sosius - Festus Desiderius. 

I santi dell'abside, a sinistra, sono certamente estranei a Oa- 
pua; e tra essi si riconoscono facilmente Laurentius, martire ro- 
mano, Paulus, Petrus, i due apostoli, Timoteus e Agne, pure mar- 
tiri romani; Ceprianus, martire di Cartagine, e Susius, forse da 
leggersi Sustus, Sisto, il papa romano commartire di Lorenzo. 
Ma i santi dell'abside a destra, compresi Quartus e Quintus, sono 
tutti registrati nel Gerolimiano sotto Capua. Lupulus compare nel 
14 ottobre : 

B In Cappadocie Campanie Lupi, 
E Et alibi Cappad. Camp. Lupi; 

ove un copista ignorante ha interpretato la sigla Gap. (= Capua), 
per Cappadocia. 

Eicompare esattamente nel giorno seguente: 

JB In Capua Lupilie, 
E In Capua Luplili, 
D Et in Capua Lubuli. 

Priscus si legge nel 1° settembre: 

B In Capua Aquiria {W Aquaria) natale sancti Prisci. 



LA IIKGIONK I - CAMPANIA - OAPUA (s. MARIA DI CAPUa) 191 

Sinotus nel 7 settembre: 

W, B Cappua natale sancii Senotii {E Siuoti), 

D In Campania Capua nat. Innocenti (cf. « Anal. Boll. », an. 1913, pp. 401, 403). 

Marcellus è registrato nel G ottobre: 
W, E, B In Capua natale... Marcelli; 

e nel 7 : 

W, B In Capua Campanie... Marcellini, 
E Et in Capua Marcelli. 

Eufus si incontra quattro volte nel mese di agosto: il 24: 
B In Cappua civitate Campanie... Ruflnae; 

il 25: 

E, W In Capua civitate Campanie natale Rufinae; 

il 26: 

B Et in Capua sancti Rufini; 

e il 27: 

E In Capua natale Rufl {W Rufini). 

Augustinus e Felicitas sono commemorati insieme al 16 no- 
vembre : 

B Pelicitatis et in Capua Augustini {W Agustiani), 
E In Capua Agustini et Felicitatls; 

il ms. 15818 di Monaco, sec. IX, ha : In Capua civitate Campanie na- 
tale sanctorum Augustini episcopi et Felicitatis [et aliorum IIIIJ ; 
e nel 17: 

B In Cappua civitate Campanie sanctorum Augfustini... et Felicitatis, 
W In Cappadociae (= Capua) civitate Campanie natale sanctorum Augu- 
stini... et Pelicitatis. 

Quintus si legge il 5 settembre : 

B Et in Capua Campanie sanctorum Quinti, 

E Et in Capua Quinti, 

W Et in Capua Campanie natale Quinti. 



192 LE DIOCESI d' ITALIA 

Forse il 5 aprile : 
B, E, W Et alibi Quinti. 

Insieme con Quartns il. 12 aprile : 

B Et alibi... Quarti... Quinti... in Capua, 
E Et in Capua Quarti... Quarti... Quinti, 
W Et alibi... Quarti... Itera Quinti, 
D Et in Capua nat. Quarti ; 

e il 18 marzo: 

B, W In Campania Quinti... Quartille {E Quartillae) ; 

e forse il 19 : 

B Quinti Quintili Quartille, 
E Quinti Quintini Quartini, 
IF Quinti Quartillae. 

Quartus appare solo all' 8 luglio : 

B In Cesarea Capadotìae... Quarti, 
E Cessa, Cappod. ... Quarti; 

ove Cesarea di Cappadocia sta per errore di decifrazione invece 
di Capua di Campania. Di nuovo al 7 ottobre: 

B, W In Capua Campaniae Quarti, 
E Et in Capua... Quarti ; 

e al 5 novembre : 

W, B In Campania... Cappua civitate... Quarti, 
E In Capua Quarti... Camp. civ. Capua... Quarti, 
D Et in Capua Quarti confessoris. 

La via presso Capua, appellata Aquiria nel Gerolimiano, meglio 
Aquaria, dagli acquedotti, correva proprio là, come narra il de Eossi 
(o. e, p. 110), ove sorgeva la chiesa di S. Prisco coi descritti mu- 
saici. Ivi pure sono state trovate parecchie epigrafi cristiane con 
le date consolari tra il 3G0 e il 397, e con iscrizioni mortuarie di 
vescovi capuani del vi secolo (C/L, X, 1, 4485-552; X, 2, 8233-4, 
8377 a-8377 b). Aveva quindi ragione il de Eossi di inferirne che 
in quel luogo, lungo la Via Aquaria, dovette trovarsi nei primi 
tempi un'area sepolcrale cristiana. 



tiA nKGIONR I - CAMPANIA - CAIMIA (s. MAUIA DI CAI'Ua) 193 

Sopra quel s. Eufo la leggenda si è molto sbizzarrita. Adone 
nel suo Martirologio al 27 agosto identificò arbitrariamente il mar- 
tire Eufo di Capua con un certo Rufus patrUius, ricordato nella 
leggenda di s. Apollinare di Eavenna, mentre nel medesimo tempo 
incirca Agnello ravennate, che nulla sapeva della cervellotica iden- 
tificazione creata da Adone, parlava del sepolcro del patrizio Eufo 
esistente in Eavenna, non in Oapua. 

Il calendario marmoreo napoletano pone due volte la comme- 
morazione di s. Eufo (il 21 giugno : Passio s. Bufi martyris, e il 
27 agosto: Natale sancii Bufi martyris), e una di s. Eufino (7 aprile: 
Passio s. Bufiìii martyris) ; ma non deve pensarsi a tre santi di- 
versi, perchè altre volte il famoso calendario registra i martiri 
campani in più d'un giorno. Bufus e Bufinvs del resto sono due 
forme latine di uno stesso nome (cf. Quentin, o. c, pp. 329, 339-40, 
5G9, 691, 698). 

La chiesa di Oapua sino alla fine del secolo xv nel 27 agosto 
celebrò la festa di s. Eufo, diacono, e di un Oarpouio, suo com- 
pagno, ascritti da una Passione, del resto molto favolosa, al tempo 
di Diocleziano e Massimiano {BHL, 7378-9). 

Un documento agiografico {BHL, 7371), posteriore al vii se- 
colo, ci fa sapere che il vescovo capuano Decoroso, vissuto alla 
fine del vii secolo, leggendo nel Martirologio al 25 agosto: « na- 
tale s. Eufini confessoris », e al 27 dello stesso mese: « natale 
s. Eufi martyris », e ignorando, come, i suoi diocesani, ove il confes- 
sore fosse stato sepolto, lo avrebbe ricercato e trovato, e gli avrebbe 
dato sepoltura nella basilica dei ss. Stefano e Agata, che corri- 
sponderebbe a una chiesa edificata in Oapua da Oostantino impe- 
ratore. Una donna, che cercava la guarigione per un suo figlioletto 
dal martire s. Eufo, sarebbe stata condotta presso il confessore 
s. Enfino e avrebbe ottenuto la grazia. Non siamo obbligati a cre- 
dere che le due commemorazioni del martirologio di Decoroso ri- 
sguardassero due personaggi distinti. Oome nel martirologio usato 
a Oapua nella fine del vii secolo, così appunto nel Gerolimiano, 
piti antico, al 24, 25 e 26 agosto s' incontra un Bnfìnns e al 27 un 
Bufus, e nel calendario napoletano del ix secolo (v. sopra), un Bufus 
martyr compare tre volte cioè il 7 aprile, il 21 giugno e il 27 ago- 



194 L15 niOCftSI I)' ITALIA 

sto. Etifiis e Biifimis sono (ripetiamo) due forme latine dello stesso 
nome ; e marlyr e confessor nell'antica chiesa non avevano un si- 
gnificato ben distinto come oggi. In verità il Kufus o Euflnus del 
Gerolimiano, del calendario capuano' del secolo vii, del napoletano 
del IX, è un solo e medesimo personaggio, vale a dire il martire 
omonimo del musaico di Oapua Vetere. Quindi l'antica chiesa ca- 
puana lesse una Passione sola {BHL, 7378-9), vale a dire quella 
di un s. Bufo martire, al 27 agosto. E questa, tra le altre sopra 
riferite, è la data più attendibile del natalis del martire capuano. 
Ma il vescovo Decoroso del secolo yii, trovando nel suo martiro- 
logio il martire diocesano commemorato in due giorni distinti, e 
chiamato ora Rufus martyr ora Rufinus confessor, dando soverchio 
peso a questi fatti, s'indusse a credere fossero due santi distinti; 
ne cercò una prova palpabile, e la trovò nelle reliquie credute da 
lui del confessore. Oggi è impossibile controllare un'invenzione di 
reliquie avvenuta più di sette secoli fa ; ma tutto porta a credere 
che il martire Kufus o Euflnus di Oapua sia un solo personaggio, 
come ho detto, e non due, un martire Eufus cioè e un confessore 
Euflnus. 

Oome il martire Eufus o Euflnus nella sua Passione fu con- 
giunto a un ignoto Carponius, così il martire Marcellus del 7 ot- 
tobre, in un calendario del vii secolo (cf. Quentin, o. c, p. 698), 
si legge insieme con un socio di martirio di nome Apuleius. Una 
prima redazione della Passio Marcelli et Apulei {BHL, 5251) pone 
in Oapua il martirio di un Marcello centurione, che sarebbe venuto 
da Eoma sub luliano (360-3) con un servo di nome Apuleius. Il 
p. Delehaye (in « Anal. Boll. », an. 1923, p. 280) opina che il leg- 
gendista, conoscendo gli Acfa Marcelli di Tangeri, abbia confuso 
Marcellus di Eoma, Marcellus di Oapua e Marcellus di Tangeri. 
Una seconda redazione {BHL, 5252), che parimente conosce gli 
Ada Marcelli, pone il martirio di Marcellus e Apuleius non in 
Oapua, ma in Eoma, e fa confusione tra il Marcellus di Oapua, 
quello di Tangeri e il Marcellus di Oascara (Mesopotamia), amico 
del vescovo Archelao. Una terza redazione {BHL, 5252 b), conser- 
vata in un ms. farfense (sec. ix-x) e pubblicata in « Anal. Boll. » 
(an. 1923, pp. 282-7), mette s. Marcello in relazione con il vescovo 



LA nRGIONR r - CAMPANIA - C.APVA (s, MARIA DI CAPltA) 195 

Archelao, lo crea centurione, e lo fa venire in Campania con un 
servo Apuleius, e uccidere il 7 ottobre. Il p. Delehaye (o. e.) crede 
che quest'ultima redazione della Passione sia la più antica, e fonte 
delle precedenti. Il cod. D del Gerolimiano (« Anal. Boll. », an. 
1913, p. 403) ha conosciuto l'unione di Marcello con Apuleio, per- 
chè al 7 ottobre riporta : « Et in Campania Oapua Marcelli et 
Apùlei ». Adone alla sua volta confuse la coppia Marcellus et Apu- 
leius con due personaggi ricordati nelle Gesta Nerei et Achillei, 
sicché al 7 ottobre registrò questa peregrina notizia: « Marcelli 
et Apulei qui primo adhaeserunt Simoni Mago, deinde apostolo 
Petro sub Aureliano, consulari viro, martyrio cronatorum. Sepulti 
non longe ab urbe Eoma » (cf. pure Dufoueoq, o. c, II, 253-7; 
III, 256; QuBNTiN, o. e, pp. 342, 442, 563; BHL, 7599-606; De- 
lehaye, Les Passion des martyrs, p. 378). Adunque del martire 
Marcellus dipinto nel musaico antico di Capua possiamo dire di 
non saper nulla di sicuro. 

Una leggenda molto recente narra che il martire Prisco, vene- 
rato il 1" settembre, fosse uno dei 70 discepoli di Gesù. Ma questa 
notizia non ha fondamento, e deriva probabilmente da Adone, che 
nel suo martirologio, dopo la commemorazione di Prisco al 1" set- 
tembre, aggiunse: « qui unus iaìt de illis antiquis divisti discipulis ». 
Adone era capacissimo di derivare una notizia tanto importante 
dal semplice fatto che il martire chiamavasi Priscus = antiquus 
(cf. QuENTiN, o. e, 329, 340, 438 e 583). In età relativamente 
recente due documenti agiografici hanno fatto del s. Prisco del 
1° settembre un vescovo africano. Il primo di questi due docu- 
menti {BHL, 1644-5) ne ha fatto un compagno di dodici presuli del 
continente nero, che sarebbero stati cacciati dai Vandali (sec. v) 
e avrebbero raggiunto per miracolo (v. Sessa) le spiagge di Cam- 
pania. Il secondo {BHL, 6927-9) del pari lo ha creato uno di quei 
dodici presuli, ma del tempo degli imperatori Valentiniano (I, 364- 
75; II, 375-392) e Valente (364-78); il quale pervenuto in Campania, 
sarebbe stato condotto a Capua, avrebbe abitato presso la Via 
Beneventana, convertito il popolo e, preso dal proconsole, sarebbe 
morto pregando. In seguito una matrona spagnola, affetta di « flu- 
xus ventris », per ispirazione del cielo si sarebbe recata a Capua, 



196 LE DIOCESI n' ITALIA 

avrebbe trovato il corpo di s. Prisco e, sepoltolo nel su detto luogo 
nel l*" settembre, sarebbe guarita. Adunque, mentre il primo do- 
cumento non dice espressamente che il Prisco preteso vescovo 
africano del 1" settembre venisse a Oapua, il secondo lo afferma 
esplicitamente e insinua chiaramente che esercitò in Oapua l'ufficio 
vescovile. Ma fu veramente il Priscus martire del musaico antico 
di Oapua, un vescovo di Oapua ? Dalla lettura del secondo di quei 
documenti appare che i capuani per molto tempo ignorarono (cosa 
strana, se Prisco fosse stato vescovo della città!) ove la salma di 
quel loro preteso pastore fosse sepolta, e l'avrebbero trovata in 
mezzo a circostanze altrettanto misteriose quanto sospette. E dun- 
que legittimo dubitare che il s. Prisco martire venerato a Oapua 
il 1° settembre sia stato vescovo capuano. Forse egli è una stessa 
persona con il s. Prisco, martire e vescovo di Nocera, di cui si 
dirà. Anche il p. Delehaye {Les origines du eulte des martyrs, 
p. 351) lo ha pensato. 

Presso Oapua Vetere, nel tratto della Via Appia, che corre 
verso Oasilino, un cimitero cristiano, del quale non si conosce 
l'età precisa, giace attorno e sotto a una chiesa dedicata a un 
s. Agostino. Dicesi che da questo luogo nel secolo viii i corpi 
di s. Agostino e s. Felicita fossero trasferiti in Benevento. Trat- 
tasi evidentemente dei due martiri dipinti nell'abside capuana. Nel 
Prologus Paschae scritto nell'anno 395 {Ckron. min., I, 73<S, in Mon. 
Gemi, liist.) si legge nell'anno 260 questa notizia: « Seculare et 
Donato consulibus, christiani quJirto persecutionem passi sunt sub 
Decio imperatore, auctore malorum. Hac persecutione Oyprianus 
(s'intende il vescovo di Oartagine) hortatus est per epistola» suas 
Augustìnum et Felicitatem, qui passi sunt apud civitatem Oapuen- 
sem, metropolim Oampaniae ». Secondo il de Eossi (« Bull, d'arch. 
crist. », an. 1884, pp. 113-22), la notizia su riferita risalirebbe 
allo stesso tempo di Oipriano; Ma le date del Prologus sono ma- 
nifestamente errate, perchè Decio imperò nel 249-251, mentre il 
consolato di P. Cornelius Secularis e di lunius Donatus cadde nel 
260, cioè al tempo di Gallieno. Inoltre di un'epistola di Oipriano 
ad Agostino e Felicita non si ha notizia. Esiste bensì una lettera 
del vescovo di Oartagine diretta, secondo la lezione di due codici. 



LA REGIONE I - CAMPANIA - CAPUA (s. MARIA DI CAPUa) 197 

ad clerum Capuae o Aepuae; ma dal contenuto risulta evidente- 
mente che il destinatario fu il clero non di Oapua bensì di Carta- 
gine. Tuttavia la notizia del Prologus potrebbe contenere una parte 
di vero. 

Il de Eossi (1. e, pp. 125-5), dalla statura più piccola di Qiiar- 
his e Quintus ììq\ musaico, arguì che fossero fanciulli o giovinetti. 
Ma è abbastanza noto che gli artisti di quel tempo diedero ad al- 
cune figure una statura più breve delle altre, talora per semplice 
economia di spazio. Oppure i due, come altri ha pensato, furono 
aggiunti al musaico in tempi posteriori. Checchessia di ciò) una 
lapide medioevale in Capua li chiama clerici. Scrittori del xvii se- 
colo li dissero acolythi; altri lectores. La Passione di s. Cesario di 
Terracina, come si è detto, parla di un Quarto prete capuano, sep- 
pellitore di martiri ; e non è improbabile che lo scrittore, secondo 
Fuso degli agiografi suoi pari, abbia avuto in mente il martire 
omonimo del musaico capuano. 

Di Sinotus e di Lupulus non esiste alcuna Passione. 

Adunque non può mettersi in dubbio che i santi Lupulus, 
Priscus, Sinotus, Marcellus, Eufus, Augustinus, Felicitas, Quintus 
e Quartus del musaico absidale capuano, non siano da annoverarsi 
tra i martiri dei primi tempi, quantunque dell'età del loro martirio 
e della loro condizione non sì abbiano notizie sicure. Furono tutti 
e nove martiri capuani o almeno campani ? Può dubitarsi, come 
si è detto, che il Priscus del musaico, commemorato a Capua il 
1" settembre, sia lo stesso Priscus, vescovo di Nocera, di cui si 
dirà. Il p. Delehaye {Les orìgines dii culle des marlyrs, 351) dubita 
del pari che la coppia Quartus et Quintus sia la stessa omonindia 
registrata dal Gerolimiano al 10 maggio : 

B, E W Via Latina ad Centumaulas Quarti et Quinti ; 

al 26 agosto : 

E Roma Quinti, 

VF" Romae... Quintini martyris; 

forse al 10 agosto, e al 2 giugno : 
B, E, W Romae Quinti... Quinti. 



198 LE DIOCESI d' ITALIA 

I pellegrini del vii secolo visitarono il sepolcro della coppia 
romana appunto nella Via Latina, a un miglio dalla porta (cf. Du- 
CHESNE, Le « Liber Pontif. », I, 5,09, 521 ; Dufouroq, o. c, I, 191 ; 
Marucohi, Guide de catacomhes, IS^^). Oggi la critica non possiede 
mezzi sicuri per dissipare i dubbi proposti sulla identità del s. Pri- 
sco di Oapua con quello di Nocera, e su la campanità di Quarto 
e di Quiuto. 

I santi ritratti nella cupola appartengono a tre categorie. Vi 
erano quattro santi capuani, effigiati pure nel musaico absidale, 
cioè le coppie Augustinus e Marcellus, Lupulus e Eufus. Nove, cioè 
le coppie Ippolito e Canio, Felice e Prisco, se quest'ultimo è il 
martire di Nocera, Eutiche e Sosio, Feste e Desiderio e Artema ap- 
partenevano, come vedremo, alla Campania e ai paesi attigui alla 
Campania. Due, vale a dire Sisto e Cipriano, spettavano a Eoma 
e a Cartagine. Aefimus, se i lettori del xvii secolo non presero 
abbaglio nella lettura, il compagno di Artema, è ignoto a tutti gli 
antichi documenti. Insomma può dirsi clie appartennero a Oapua 
almeno i martiri Lupolo, Sinoto, Marcello, Eufo, Agostino e Felicita. 

Intorno ad altri martiri attribuiti a Oapua regna grande oscu- 
rità. Il 14 gennaio alcuni codici del Gerolimiano leggono: « In 
Oapua » o « in Campania Agapiti » ma questi è ignoto (potrebbe 
pensarsi ad Agapito di Palestrina) ; come è ignoto un Ciprianus 
posto in Oapua il 12 aprile, che forse è il celebre vescovo di Car- 
tagine. Nei giorni 24 e 25 agosto, 5 e 7 settembre, 16 e 17 no- 
vembre il Gerolimiano registra sotto Oapua, oltre i nomi su rife- 
riti, altri che non appartengono certo alla città campana. Sono 
nomi di martiri africani, romani, o d'altri luoghi, commisti per 
errore coi campani. Nel 25 gennaio si legge chiaramente : 

W, B Capua Castulae {E Kastulae); 

ma, dopo aver costatato la grande confusione che regna negli 
elogi di quel giorno, la chiarezza diventa apparente e subentrano 
forti dubbi sull'attribuzione di Castula a Oapua. Questa Castuta 
forse è il Gastus, africano, su ricordato. 

Le iscrizioni cristiane trovate a Oapua risalgono solo alla se- 
conda metà del iv secolo (cf. GIL, X, 1 e 2, 8233-34; Supplemen- 



LA. REGIONK -I - CAMPANIA - CAPUA (s. MARIA DI CAPUA) 199 

tum, in Epfiemeris epigraphica, voi. Vili, 514-21, 880). Ma è di 
grande importanza il fatto che Costantino imperatore (f 337) fondò 
entro le mura di Oapua una basilica dedicata agli apostoli, basilica 
che dal nome del principe fu detta Costantiniana, e a cui donò 
molte possessioni nei territori di Gaeta, di Sessa, di Menturnum 
e di Capua stessa: ^ Fecit Augustus », scrive il Liber Pontificalis, 
« basilicam intra urbe Capua apostolorum, que cognominavifc Con- 
stantiniauam, ubi et obtulit dona ». Oapua adunque doveva alber- 
gare fin dal principio del quarto secolo una forte comunità di 
cristiani (cf. Duohesne, Le « Liber Pont. », I, 200, n. 111). Di que- 
sta basilica non è rimasto nessun vestigio certo. 

Capila era la metropoli della Campania, come dice s. Atanasio 
(MiGNE, P. G., XXV, 599, 715) e Ambrogio {MiGìm, P. L., XVI, 
1172) parla di un concilio di vescovi tenuto a Oapua. Quindi è 
lecito credere che il vescovo di Capua pur non portando il titolo 
di metropolitano, fosse considerato il primo vescovo del paese. 

Il vescovado di Capua compare per la prima volta, come ve- 
dremo, nel 313-314; ma fu senza dubbio più antico, e forse uno 
dei più antichi della provincia. 

In Capua esistette pure ab antico una comunità israelitica ; 
ed è ben noto che la propagazione del cristianesimo nel mondo 
greco-latino fu favorita dalla presenza dei figli di Giacobbe. 

I dittici di questa importantissima chiesa si sono perduti. I ca- 
taloghi che si leggono negli scrittori moderni (Ughelli, VI, 295; 
Granata, Storia Sacra di Capua, Napoli, 1766, p. 83 e seg. ; Cap- 
pelletti, XX, 7; Gams, 867) provengono da compilazioni moltp 
recenti e, per giunta, diverse tra loro. 

Gli scrittori capuani, persuasi, giustamente del resto, che la 
loro diocesi risalisse al di là del 313-4, hanno cercato i loro anti- 
chissimi presuli tra i loro martiri, secondo una tendenza comunis- 
sima tra i popoli cristiani d'ogni paese ; annoverarono quindi nei 
loro cataloghi nomi che non hanno alcuna seria base, eccetto il 
martire Augustinus. 

Priscus. — Fu creato vescovo di Capua, dietro la molto discu- 
tibile opinione che il s. Prisco delle Passioni campane {BHL, 1664-5 



200 LE DIOCESI d'iTAIìIA 

e 6927-9) fosse vescovo, e vescovo distinto dal s. Prisco di Nocera. 
In séguito fu detto protovescovo di Oapua in base all' infelicissima 
congettura di Adone che quel s. Prisco fosse uno de illis antiqiiis 
Christi discipulis. 

Slnotus. — Mai negli antichi documenti il martire Sinoto è 
detto vescovo o vescovo di Oapua; per tale fu dato molto recen- 
temente. 

Rufus. — Ancora nel 1489 {AS, aug., VI, 9-11) il calendario 
diocesano di Oapua ignorava l'episcopato del martire Eufus. Ap- 
parve tra i presuli capuani dopo questo tempo. 

Quartus e Quinius. — Dato pure che siano martiri locali, le 
fonti capuane, come si è visto, fino a pochi secoli fa ignorarono 
la loro presunta qualità di vescovi. Vescovi e confessori li annunciò 
per la prima volta al 9 marzo il calendario diocesano pel 1489 
(ASj mai, II, pp. 554-55); documento troppo tardivo per meritare 
alcuna fede. 

Aristaeus. — Adone al 3 settembre registra sotto Oapua un 
Arislaeus episcopus; ma il martirólogo francese è caduto in fallo 
(cf. AS, sept., I, 609). Questo Aristaeus appartiene non a Oapua, 
bensì alla Siria: « in partibus Apamiae » (Siria), come si legge 
nel Gerolimiano al 3 settembre. E « in partibus Oampaniae » del 
2 settembre nel Gerolimiano medesimo è una lezione erronea: 
Oampaniae per Apamiae (cf. Qubntin, o. c, pp. 215, 340). Alcuni 
scrittori capuani, volendo salvare a ogni costo questo Aristaeus, lo 
identificarono con quel Aristonicus o Aristo che s'incontra nel 
pseudo-sinodo di Sinuessa (Mansi, I, 1250). Oongettura arbitraria 
e infelice ! 

Augustinus 'i secolo ili. — Il titolo di vescovo è dato al mar- 
tire capuano Agostino non solo dal ms. 15818 di Monaco (sec. ix), 
sopra citato, ma dal ms. 348 della biblioteca di S. Gallo e dal ras. 
Philips 1667 di Berlino, questi ultimi due sacramentari dell' vili 
secolo incirca. Agostino è pure supposto vescovo dalla tante volte 
ricordata leggenda dei dodici vescovi africani cacciati dai Vandali 
(v. Sessa), approdati in Oampania e sparsi nel paese; vescovi , afri- 
cani che poi non sono altro che antichi vescovi della Oampania, 
venerati nel paese come santi, e fatti passare falsamente per pre- 



LA REGIONE I - CAMPANIA - CAPUA (s. MARIA DI CAPUa) 201 

suli del continente nero. Ora se il martire Agostino fu vescovo, 
perchè non di Oapua, ove era commemorato e dove era sepolto ? 
Nessun'altra chiesa campana, che io sappia, ha vantato come suo 
il vescovo Agostino. Un'altra leggenda, sebbene recente, lo dà 
addirittura per vescovo di Oapua; può essere ascoltata. 

Bernardits, an. 300, 22 marzo. — Si legge solo nel catalogo 
del Granata. Ma chi potrà persuadersi che alla fine del m secolo 
un presule di nome così schiettamente teutonico tenesse il seggio 
vescovile della metropoli della Oampania ? Questo Bernardus, se 
non è spurio, è spostato. 

1. Proterius o Protus : 313 ; 314. — L' Ughelli (VI, 298) senza 
ragione ha fatto di Proterius e di Protus due personaggi. 

2. Vincentius. — Come pinete romano fu legato di papa Silve- 
stro al sinodo di Nicea (a. 325) e nel 340 presente in Eoma in 
un'assemblea sotto papa Giulio (cf. Duohbsne, Hist. ano. de VÉglise, 
II, 203). Da una lettera di s. Atanasio all'imperatore Costanzo 
(MiGNE, P. G. XXV, 595) parrebbe dedursi che nel 341-2 Vincenzo 
fosse già vescovo di Oapua. Nel 343-4 (cf. Hilarii Fragmenta, in 
CSEL, voi. LXV, p. 126) o nel 342-3 (cf. Duohesne, o. c, II, 215) 
fu presente al sinodo di Sardica e ne sottoscrisse i decreti, e nel 
344 (cf. Duohesne, o. c, II, p. 228 ; Migne, P. G., XXI, 715) fu 
legato dell'imperatore Costante ad Antiochia. Nel 345 era in Italia 
(cf. Migne, P. G., XXV, 356) ; e nel 353-4 (cf. Duohesne, o. c, II, 

,254) fu ad Arles con un Marcello vescovo campano d'ignota sede 
legato di papa Liberio, e con il suo collega si lasciò indurre a 
sottoscrivere la condanna di s. Atanasio di Alessandria {J-L, 209- 
12; Hilarii Fragmenta, 1. e, pp. 89, 166-7), S. xltanasio dopo aver 
narrato neW Apologia a Costanzo imperatore, scritta nel 356, l'esiglio 
di Dionisio di Milano, dì Lucifero dì Cagliari e di Eusebio di Ver- 
celli (a. 355), scrive (Migne, P. G., XXV, 630) che Vincenzo di 
Oapua, Fortunaziano di Aquileia e tutti i vescovi d' Occidente sof- 
fersero non poca violenza e gravi ingiurie, finche non ebbero pro- 
messo di non comunicare per l'avvenire con lui. Secondo gli Hi- 
larii Fragmenta (in GSEL, v. LXV, p. 172) papa Liberio dall'esiglio 
(a. 357) gli avrebbe scritto {J-L, f 219) di aver condannato s. Ata- 
nasio; ma non tutti gli eruditi ammettono l'autenticità di questo 



202 LE DIOCESI d' ITALIA 

scritto. PajDa Damaso e i vescovi radunati in Eoma a concilio nel 
372 affermano che il nostro Vincenzo « tot annos sacerdotium illi- 
bate servavit », e non consentì alla formula anti-nicena del conci- 
liabolo di Rimini (Mansi, III, 458). Due epistole di s. Ambrogio 
(ep. 56 e Ep. in causa Bonost) parlano di un sinodo celebrato a 
Oapua nell'anno 389 (Migne, P. L., XVI, 1172). 

Vitalianus? — Il cod. E del Gerolimiano al 3 settembre ri- 
porta: « Et in Oaudis Vitaliani ». Il calendario beneventano del 
XIII secolo al 16 luglio : « Beneventi natalis sancti Vitaliani epi- 
scopi et confessoris ». Una sua Vita {BHL, 8687), a quanto i^are 
dell' XI XII secolo, lo fa vescovo di Oapua (16 settembre). Si suol 
assegnare al secolo vìi. E pure creduto vescovo di Benevento 
(cf. AS, iul., VI, 166; sept., I, 598; « Analecta Bollandiana », 
an. 1911, p. 227). In verità noi siamo all'oscuro su questo santo e 
su la sua età. 

Pamphilus. — Probabilmente è il s. vescovo di Sulmona, ve- 
nerato in Oapua (7 settembre), in Benevento e in altri luoghi, e 
giudicato falsamente vescovo di Oapua. 

Memori tra il iv e il v secolo. — V. più sotto Aeclanum. 

luUamis. — L'eresiarca Giuliano, figlio del ricordato Memore, 
certamente vescovo dì Aeclanum, è stato attribuito per errore a 
Oapua dal Gennadio vulgato, dall' Ughelli e dal Gams. 

Symmachus ? — La epistola di Uranio {BHL, 6658) su la morte 
di s. Paolino di Nola (f 431) narra che al letto del morente accor- 
sero tre vescovi, verosimilmente vicini, di nome Symmachus^ Be- 

4 

nedidus e Acyndinus, l'ultimo, nome orientale. Il primo è creduto 
vescovo di Nola. E nella chiesa di S. Maria Suricorum (Oapua), 
al dire del Rinaldo {Memorie istoriche di Capua, I, 309; cf. AS, 
iun., V, 173), leggevasi (in musaico?) questa iscrizione: « Sancta 
Maria » o « Sanctae Mariae Symmachus episcopus ». Ma ai}par- 
teneva veramente al nostro Simmaco ? 

Riifììius. -- Posto dal Granata e dal Gams prima di Prisco II, 
fu ignoto all' Ughelli. V. il già detto intorno al martire Rufus o 
Rufinus. 

Priscus 11, afer. — V. ciò che si è detto delle Passioni di 
s. Prisco. 



LA REGIONE 1 - CAMPANIA - CAPUA (s. MARIA DI CAPUa) , 203 

3. Tibiirtius: 465. 

4. Oonsfcanfcinus : 487; 496 (?) {J-L, 743); 499. 

Alexander? — Questo Alessandro, presunto antecessore del- 
l'autentico Germanus, risulterebbe dalla Vita s. Germani {BHL, 
3465). Ma il Mombritius e il cod. cassinese del secolo xi (cf. AS, 
oct. XIII, p. 364, n. 3) della Vita s. Germani tacciono questo nome, 
che appare solo in un codice (B) capuano. 

Sabinus? — Presso il Gams dopo il dubbio Alessandro si in- 
contra questo Sabiiius con un punto interrogativo. In verità esso 
non è suffragato da alcuna prova. E il santo vescovo di Canosa? 

5. Germanus : 519-20 {Lib. Pont, in Vita Hormìsdae ; J-L, 804-6, 
808-12, 814-16, 818, 822, 827, 834, 838, 840, 843-5, 847-9), legato del 
pontefice a Costantinopoli ; f 540 o 541 (Gregokii Dial., II, 35 ; 
IV, 7, 40; BHL, 3465, cf. AS, oct., XIII, 663-6), amico di s. Be- 
nedetto di Norcia. I favolosi Acta ss. Placidi et fratrum {BHL, 6859, 
lavoro agiografico del xii secolo, lo ricordano nel 536. 

6. Victor: cons. 23 febbraio 541 f 2 aprile 554 {CIL, X, 1 e 2, 
4503, dal suo epitafio). — Un'altra iscrizione capuana: « Victor 
episcopus obtulit », (iv., 4504, cf. de Eossi, « Bull, d'ardi, crist. », 
an. 1881, pp. 150-1) a lui si riferisce. Nel 550 scrisse un libro De 
Pascila, di cui Beda {De temxìorum ratione, e. 51, in Migne, P. L., 
XO, 502; cf. pure Chron. min., Ili, 307) ci ha conservato il prin- 
cipio; e compose altre operette (in Migne, P. L.. Oli, 1124-32; iv., 
LXVIII, 251-9, 359-60). L'erudito benedettino Morìn gli attribuisce 
la Praefatio ad Constantium, che si trova in testa al cosidetto Le- 
ctionarius o Lìber Comes (cf. « Eevue Bónédictine », an. 1890, 
p. 416). 

7. Priscus : 555-60 {J-L, 970). 

8. Probinus: cons. 17 die. 570, f 20 ag. 672, come dal suo epi- 
tafio in GIL, X, 1 e 2, 4517. 

9. Festus : 593 {J-L, 1328) ; f a Eoma nel nov. del 594 {J-L, 
1328-9). La chiesa capuana era ancora vacante nel marzo del 595 
{J-L, 1344). 

10. Basilius : 598 {J-L, 1597) ; 599 {J-L, 177-) ; 600, presente al 
sinodo romano di quell'anno; 602 {J-L, 1868). 

Ruflnusi — Sarebbe quel s. Rufino supposto vescovo capuano, 



204 LE DIOCESI d' ITALIA 

di cui Decoroso, come si è detto, avrebbe trovato le ossa, collo- 
cato dall' Uglielli (VI, 307-8) nel vi secolo. Il Granata e il Gams, 
arbitrariamente lo duplicarono, collocandone uno dopo Simmaco, 
e l'altro dopo Basilio. Ma quel s. Enfino trovato dal vescovo De- 
coroso non sembra, come sopra si è esposto, se non l'unico Bufo 
o Bufino del musaico di Oapua Vetere, martire autentico bensì, 
ma non insignito della dignità episcopale in Oapua. 

Atei la (S. Arpino presso Aversa). 

1. Canio o Oanius, secolo iii-iv. — Nel breviario del Geroli- 
miano di S. Gallo (sec. vili), in quello di Eiclienau (sec. ix) e in 
quello di Vienna (sec. x) nel 25 maggio si ha : 

Et in Campania Atellae Amonis ; 

e nel ms. del Trinity College di Dublino (il cod. D) si legge nello 
stesso giorno (« Anal. Boll. », a. 1913, p. 393) : 

Et in Campania Catellae (= Atellae) Canionis (invece dell'errato Amonis)-, 

infatti in qu'el giorno Atella venera un santo di nome Oanione. 
Egli era eflBgiato, come si è visto, nel musaico della cupola di 
S. Prisco di Capua Vetere ; e nel 799 il suo corpo, a quanto pare, 
sarebbe stato trasferito in Acerenza (Basilicata) (J^ 6', mai, VI, 34; 
Delehaye, Les origines du culle des marlyrs, p. 358, n. 1). Una 
Passione {BHL, 1541) riferisce che nell'anno secondo di Massimiano 
e Diocleziano un Canione, vescovo di luliana, o Tusciana (?), in 
Africa, sarebbe stato incarcerato, e da un angelo portato a volo 
in Atella, ove sarebbe morto e sepolto (25 maggio) nel cimitero 
dei ss. Felice e Vincenzo. Ma questa Passione, favolosa e di età re- 
lativamente recente, non vale a distruggere le prove dianzi riferite 
della campanità del martire venerato in Atella. Il nome di Canio, 
CanhiSj Kanms, si legge non di rado nelle iscrizioni della Cam- 
pania e della Lucania. E non è punto necessario credere che egli 
venisse dall'Africa, come pretende la Passione, ne può prestarsi 
fede alla leggenda dei dodici vescovi africani (v. 8essa) cacciati 
al tempo dei Vandali e miracolosamente pervenuti nella Campania, 



tiA HEOlONt? I - CAMPANIA - ATHLLA (s. AUJ'INO), RC. 205 

la quale enumera tra essi il nostro vescovo Canione. Egli fu un 
vescovo locale, caduto al tempo delle persecuzioni. 

2. Helpidius, Elpidius; probabilmente tra il iv e il v secolo. — 
La Passione BHL, 1541 ci informa che, terminata la persecuzione, 
che tolse dai vivi il martire Canione, un vescovo di Atella, di nome 
Elpidio, costruì una chiesa sopra il sepolcro del martire, e in fronte 
pose questo distico : 

Elpidius praesul hoc templum condidit almum, 
o Canio martyr, ductus amore tuo. 

La cattedrale di Atella nel secolo ix era appunto dedicata a 
un s. Elpidio (cf. Scriptores rerum langohard., p. 451) ; il quale pro- 
babilmente è il presule dell' iscrizione, e il s. Elpidius episcopus 
registrato nel calendario marmoreo napoletano al 15 gennaio. Una 
Passione {BHL, 2520 b) attribuisce ad Atella nel 24 maggio sotto 
papa Siricio (384-399) e Arcadie imperatore (395-408) un s. Elpidio, 
vescovo, un s. Oyon (sic) suo fratello, e un s. Elpicio, suo nipote. 
Dei due ultimi nulla saprei dire, ma il primo dev'essere l' Elpidius 
dell' iscrizione. E forse i dati cronologici della Passione sono giusti 
(cf. AS, mai, V, 285). Come il martire Canione, così il suo succes- 
sore Elpidio (v. Sessa) venne aggregato alla famosa comitiva dei 
vescovi del continente nero cacciati dai Vandali persecutori, e ar- 
rivati miracolosamente sani e salvi in Campania. 

lulianus. — Erroneamente si è collocato nel catalogo episco- 
pale di Atella l'eresiarca lulianus di Aeclanum. 

3. Primus : 465. 

4. Felix: 501. 

5. Importunus : 592 (?) (J-L, 1168) ; f 599 {J-L, 1667). 
Intorno a un Tchmnarus o Tdmarus, attribuito ad Atella, 

V. Benevento. 

Volturnum (Castel Volturno). 

Oastrensis ? secolo iii-iv. — Pare lecito dubitare che il vescovo 
s. Castrense (v. Sessa) sia stato martire in senso vero e proprio, 
poiché il suo nome mancava nel musaico di Capua Vetere. La sua 



206 LE niooRsi n' itaija 

sede del pari non è sicura, perchè alcuni lo attribuiscono a Sessa, 
altri a' Castel Volturno. 

1. Paschasius: 495 (?) ; 199; 501; 502. 

« Ecclesia vulturniana », 555-560 (J-L, 981). 

Alcuni scrittori parlano di sede vacante nel 599; ma non è 
così, perchè le due lettere di Gregorio I di quel tempo (-/-L, 1618- 
19), che si citano in prova, non si riferiscono alla chiesa vacante 
di Volturnum, bensì a quella di CubuUeria o CohuUeriae. L'«Eccle- 
siae quo vulternae » o « quod vulternae » dei codd. si è letto per 
errore ecclesiae vuUurninae. 



Linternum (Foce (fi Patria o Lago di Patria)? 

Tra le sottoscrizioni del sinodo romano del 501 si incontra un 
« Aprilis episcopus ecclesiae Laterianae » (al. latine, latininsis, la- 
terianensis, literianensis). Qualcuno (presso l'Ughelli, X, 122) fanta- 
sticò che Aprile fosse un prelato addetto al palazzo lateranense ! 
L' Ughelli (1. e.) pensò a un vescovo della colonia campana Lin- 
ternum, Laternum o Liternum (Foce di Patria o Lago di Patria); 
il Orivellucci (« Studi storici », an. 1897, p. 589) a Lettere, nel 
circondario di Oastellamare di Stabia; e non so se avesse miglior 
successo chi cambiasse direzione e si rivolgesse a Latera (a est di 
Pitigliano e a ovest del Lago di Bolsena). Il Mommsen scrisse 
di questa incerta diocesi : « quo pertineat ignoratur »; e il De-Yit 
(Onomasticon): « Laterana ecclesia 501 mihi non liquet, praesertim 
quia lectio admodum variat ». Sottoscrivo il giudizio dei due eruditi. 

) 
Cumae (Cuma). 

Erma, l'autore del Pastore, vissuto intorno alla metà del ii se- 
colo, narra {Visio I, 1, 1) di essere stato venduto in Eoma a certa 
Eode e poscia di aver avuto nel territorio di Ouma nella Campania 
alcune visioni {Vis. I, 1, 3; II, 1, 1,; IV, 1, 2). In fine del racconto 
della seconda visione dice di avere ivi parlato con una vecchia 
profetessa, che credette la Sibilla (Cumana), dalla quale avrebbe 



tiA' nftGIONl? 1 - CAMPANtA - OlfMAR (otTMA) 207 

ricevuto un libro ; ma dichiara avere avuto avviso in sogno quella 
non essere la Sibilla, ma la Chiesa (Vis. II, 4, 1). La vecchia stessa 
in casa gli appare, gli domanda {Vis. IV, 4, 2-3) se ha consegnato 
quel libro ai presbiteri, quindi gli ordina di scrivere due libret- 
tini, l'uno da mandare a certo Clemente e l'altro a certa Grapte: 
Clemente lo spedirebbe alle città di fuori {de, mq e^w TuóXste), Grapte 
ammonirebbe le vedove e gli orfani; ed Erma lo leggerebbe in 
questa città (di Cuma) coi presbiteri e con i capi della chiesa. 

Erma imitando il genere apocalittico caro agli ebrei e ai cri- 
stiani del suo tempo, parla di visioni non reali ma fìnte da lui; e 
non mancano ragioni per credere che, secondo il costume degli 
scrittori apocalittici, le abbia collocate in Cuma per ragioni alle- 
goriche, ossia perchè Cuma era la città della famosa Sibilla, con- 
siderata dagli ebrei e dai cristiani come profetessa e da Erma come 
figura della chiesa cristiana. Ma mi sembrerebbe temerario l'affer- 
mare, come altri ha fatto, che tutti i particolari di quelle visioni 
siano stati immaginati, vale a dire che la dimora di Erma in Roma 
e nei luoghi vicini e le persone di Eode, di Clemente e di Grapte, 
benché a noi sconosciute, e dei presbiteri e dei capi della chiesa 
Cumana, e le altre chiese fuori di Cuma siano da considerarsi pura 
invenzione di quell' antico scrittore e nulla di tutto ciò corri- 
sponda a verità storica. Credo quindi si debba affermare che verso 
la metà del ii secolo Cuma di Campania e altre città del Lazio 
e della Campania possedessero comunità dei nuovi ci'edenti, orga- 
nizzate con capi presidenti, presbiteri o vescovi. 

Lo stesso Erma {Vis. II, 3, 4) ricorda, senza dirci chi fosse, 
un Massimo, a cui per celeste mandato l'autore avrebbe dovuto 
dire: iSoò ^IX'^ii; ep/exai. Anche questa persona dev'essere storica 
come le su nominate, cioè un conoscente dello scrittore, quantun- 
que a noi ignoto come Eode-, Clemente e Grapte. Erma {Vis. Ili, 
2, 1) parla anche di cristiani che avevano patito flagelli, carceri, 
croci e bestie feroci per il nome di Dio, ma iri modo generico. 
Veramente Cuma venera, come vedremo, un martire di nome Mas- 
simo, ma io non crederei che questi dovesse identificarsi con il 
Massimo del Pastore. Il martire Cumano Massimo appare, come 
dirò tra poco, nel Gerolimiano, quindi, secondo la comune opinione. 



208 LE niOPESI !>' ITALIA 

avrebbe sojfterto il martìrio non nel secondo, bensì nel terzo o nei 
primi, anni del quarto secolo. 

Il cod. E del Gerolimiano reca al 16 febbraio : « In Oam[pania] 
Oiimbas (altri : Ciimis) natale lulianae » (al. aggiunge virginis). E 
s. Gregorio Magno (f 604) nel suo Registruni parla di un monastero 
in Napoli e di un oratorio in Sicilia sacri a s. Giuliana; e, scri- 
vendo al vescovo di Napoli, accenna alle reliquie della martire, 
esistenti nella Campania (J-L, 1707-8, 1699). Le ossa di s. Giuliana 
dal suburbano di Oùma, per timore dei Saracini, sarebbero state 
trasferite entro le mura, e nel 1207 da Ouma a Napoli {BHL^ 
4526-7). Una Passio s. lulianae, nota a Beda e quindi anteriore 
all' vili secolo {BHL, 4522; cf. Quentin, o. c, p. 77) narra che 
Giuliana, vergine cristiana di Nicomedia, fu battuta dal padre pa- 
gano Eleusio; quindi dal prefetto, cui era stata promessa sposa, 
variamente tormentata; finalmente decollata il 16 febbraio sub 
Maximiano. Dopo poco tempo una matrona, di nome Sofia (?), pas- 
sando per di là, ne avrebbe preso il corpo per portarlo a Eoma ; 
ma, colta da una tempesta, sarebbe approdata a Pozzuoli, e l'a- 
vrebbe sepolto vicino alla città in un mausoleo a un miglio dal 
mare. Così la Passione. Ma una traslazione di una martire greca 
da Nicomedia in Italia nel iv secolo non è probabile ; è quindi più 
ammissibile che Giuliana sia una martire campana, dall'autore della 
Passione arbitrariamente collocata nell'Asia Minore. Possediamo 
una Passione greca di s. Giuliana {BHG, 963), identica nei parti- 
colari a quella latina, compresi il trasporto e la sepoltura nella 
Campania, eccetto che il martirio è posto il 21 decembre. 

Lo stesso Gregorio Magno nel Registro dice che il su detto 
monastero di Napoli era dedicato, non solo a una s. Giuliana, ma 
a s. Erasmo di Formia, di cui si è detto, e a un s. Massimo. Que-, 
st'ultimo era pure il titolare di un monastero di Palermo. E il 
papa medesimo aveva notizia delle reliquie di questo s. Massimo 
(/-L, 1697, 1699, 1580). Inoltre il cod. E del Gerolimiano conferma 
che un s. Massimo era venerato in Campania il 30 ottobre : « Et in 
Cornea (cioè in Gonza, città degli Hirpini) Maximi ». E il calen- 
dario marmoreo di Napoli riporta nello stesso giorno : « Natale 
s. Maximi ». Il corpo di lui, per timore dei Saracini, sarebbe stato 



LA HEGIONE I - CAMPANIA • C^UMAK (cUMa) 209 

traslocato entro Ouma, e nel 1207 a Napoli {BHL, 4526-7). Il caso 
di s. Massimo è molto simile a quello di s. Giuliana. Infatti di 
lui esistono due Passioni. L'una (BHL, 5846) afferma che, sotto 
Antonino prefetto e Fabiano preside, Massimo fu arrestato in Ouma 
e decapitato a due miglia dalla città, quindi sepolto « in locum qui 
vocatur via Oaballaria », il 30 ottobre. L'altra (BHL, 5845) è 
identica alla prima ; eccetto che Massimo è decollato non in Guma, 
ma in Apamea nell'Asia, e viene sepolto colà « in optimo locò ». 

Un'appendice, evidentemente posteriore, apposta in alcuni co- 
dici alla prima Passione di s. Massimo, contribuisce a imbrogliare 
vie più la questione ; perchè narra che dopo quindici anni dal mar- 
tirio s. Massimo stesso manifestò in sogno a certa Giuliana che 
cercasse le sue reliquie « in agro innocenti ubi videritis crucem ». 
E l'ordine fu eseguito, e il corpo rinvenuto nel luogo indicato, in- 
tatto e bianco come neve. Ma è lecito domandare : che bisogno 
c'era di questo avviso celeste per trovare il corpo di s. Massimo, 
se esso era stato sepolto circa quindici anni prima a due miglia 
dalla città nella Via Oaballaria ? 

Nonostante queste incertezze della tradizione, credo debba ri- 
tenersi, conforme la testimonianza di s. Gregorio Magno e delle 
altre fonti, che s. Massimo fu martire non asiatico ma campano. 
Esso fu venerato non solo a Ouma, ma a Napoli, a Pozzuoli, a 
Oapua, a Gaeta, a Oonza, nell'Abruzzo e a Palermo. Probabilmente 
il trasloco del martirio di Massimo, come di Giuliana, da Ouma a 
Nicomedia e ad Apamea nell'Asia deve ascriversi o a capriccio di 
autori di Passioni, come altrove si è detto, o forse ad errore. Sap- 
piamo che c'era una Cumae, -arum in Oampania (detta anche Cume, 
Cyme, Ctimaeus, Gymaeiis, e raramente Guma), e una Cyme, es (la- 
tinamente Cume Cyme) nell'Eolide nel golfo di Smirne presso 
l'isola di Lesbo, e una Gumcma, -orum nella regione Pontica, 
per non dire di un castello Gumania alle porte caucasiche. La 
somiglianza dei nomi potrebbe aver generato, o favorito, equi- 
voci. Apamea ricordata dalla Passione BHL, 5845 era situata nella 
Frigia con Cumane e Cumenea. 

Un' iscrizione di Ouma è di tempo incerto {CIL, Supplementum, 
in Ephemeris epigraphica, v. Vili, 454). 

14 



210 LE DIOCESI d' ITALIA 

Maxentius ? — La Passione {BEL, 5846) scritta da Pietro sud- 
diacono napoletano del x secolo, probabilmente su altra più antica, 
narra che, mentre il martire Massimo languiva nelle carceri di 
Ouma, « apparuit Dominus ad quemdam episcopum nomine Ma- 
xentium » ordinandogli di visitare il prigioniero. Quindi questo 
Maxentius fu introdotto nel catalogo cumano. I Bollandisti {AS, 
oct. XIII, 325, nota 5) avrebbero voluto espungerlo, forse perchè 
pensarono che Massimo, secondo l'altra Passione BHL, 5845, ap- 
partenesse non a Ouma sì ad Apamea d'Asia. Propendo a credere 
che s. Massimo sia un santo non orientale ma cumano; quindi il 
nome di Maxentius potrebbe dipendere, piuttostochè dal cervello 
dell'anonimo autore della Passione, da una tradizione non priva di 
fondamento, checché sia del tempo in cui Massenzio sarebbe vis- 
suto. Quindi non lo relego tra i vescovi cumani spuri. 

1. Adeodatus : 465. 

2. Oaelius Misenus : 483-4, inviato di papa Felice HI a Co- 
stantinopoli. {J-L, 591-3; 5' 6-7; Liber Pontificalis, ed. Mommsen, 
pp. 114 e 255) ; 484 deposto e 485 scomunicato (J-L, 599, 602, 605, 
610); 485-6 (?) {J-L, 610; Lib. Pont, 116, 255); 495 ristabilito {Lib. 
Pont, 116, 255; Mansi, YIII, 477-86); 499; f H gennaio 511 (C7L, 
X, 1 e 2, 3299). 

3. Liberius: f 591 o 592 {J-L, 1178). — Greg. I affida a Be- 
nenatus, vescovo di Misenum, la cura della chiesa cumana, quindi 
unisce questa diocesi a quella di Misenum {J-L, 1197). 

« Ecclesia cumana »: 509 (J-L, 1667). — Doveva eleggere il 
proprio vescovo. 

Misenum (Miseno). 

Misenum fin dal tempo di Augusto era la stazione della flotta 
romana destinata alla difesa del Mediterraneo e dell'Occidente: 
quindi il cristianésimo dovrebb'esservi penetrato per tempo. 

Dei martiri di Miseno si parlerà con quelli di Napoli. 

Aefimus ? — Il martire Aefimus (?), rappresentato nel musaico 
di S. Maria in Oapua Yetere, da taluno (in « Bull, d'arch. crist. », 



LA REGIONE I - CAMPANIA * MISENUM (miSENo), EC. 211 

an. 1884, p. 125) fu creduto, non saprei per quale regione, vescovo 
di Misenum. 

1. Ooncordius : 501 ; 502. 

2. Peregriuus : 517 {J L, 795-6 ; Mansi, Vili, 413-21; Lib. Pont, 
p. 127), legato di papa Ormisda all'imperatore. 

3. Oonstantius : 558-60 (J-L, 981). 

4. Benenatus: 592 (J-L, 1178) nominato visitatore di Ouma; 
592 (J-L, 1197; la diocesi di Ouma fu unita a Miseno); 595 (J-L, 
1345); 598 (Benenato viene deposto e la cura della chiesa è affi- 
data a Fortunato vescovo di Napoli, J-L, 1605-6) ; 599 («/-L, 1647, 
1689 ; è trattata una causa di Benenato. Egli e i suoi accusatori 
dovevano recarsi a Eoma. Quale fosse la sentenza non si conosce). 



Puteolì (Pozzuoli). 

Era l'approdo ordinario di chi veniva a Eoma dall'Oriente. 
Quindi vi sbarcarono Paolo apostolo, nel suo viaggio a Eoma ; Giu- 
seppe Ebreo, lo storico; Ignazio di Antiochia, condotto a Eoma 
per essere gettato alle fiere, e altri. Forse per questa ragione 
l'autore degli apocrifi Acius Petri cum Simone (BHG, 1483-88; BHL, 
6656), attribuiti al ni secolo, ha immaginato che anche l'apostolo 
s. Pietro, imbarcatosi a Cesarea di Palestina per venire a Eoma, 
sbarcasse a Pozzuoli, e quivi sostasse prima di giungere nella ca- 
pitale. V. su questo argomento dell'approdo di s. Pietro in Italia 
Pisa e Taranto. 

L'apostolo Paolo, quando approdò a Pozzuoli, condotto pri- 
gione a Eoma da Cesarea di Palestina, nel 54-64 incirca, trovò in 
quel luogo, come narrano gli Atti degli Apostoli (XXVIII, 13-14), 
dei fratelli, cioè dei cristiani, coi quali dimorò sette giorni prima 
di continuare il viaggio per la capitale. 

Pozzuoli, come porto di mare, doveva possedere una forte co- 
munità giudaica. A questo riguardo, il Nissen (cf. Harnack, Die 
Mission ec, II, pp. 90 e 261) pone Pozzuoli tra le città italiane di 
prima classe in rapporto alla quantità della popolazione. Quindi si 
spiegherebbe come s. Paolo vi trovasse fino clalla metà del primo 



Sl2 Lb blOCESI d' ITALIA 

secolo un grni)po di cristiani, benché non sappiamo che cosa av- 
venisse di quella comunità fino al secolo iii-iv (v. Oiima). Pozzuoli 
compare varie volte nel Gerolimiano. Nel 25 gennaio si legge: 

B Poteolìs Antymasius. 
E Puteolis Antimasius, 
W Potiolis Antimasius ; 

e nel 2C : 

B In Campania Arthematis et Armate... Arthemi... Autliimasius, 

E Artematis, 

W In Campania Poteolis Arthematis et Armate... Arthemi... Arthemiasius. 

Sotto queste ripetizioni e storpiature è lecito vedere VArtimas 
dipinto nel musaico di S. Prisco di Capua Vetere. Una Passione 
di Artemas {BHL, 717), rifatta nel secolo x da Pietro suddiacono, 
agiografo napoletano, narra che egli era ^«ler, e fu martirizzato a 
Pozzuoli appunto il 25 gennaio, in epoca non nota. 

Appartengono pure a Pozzuoli altri martiri, di cui si dirà sotto 
Napoli. Alcuni altri furono attribuiti a Pozzuoli per errore (cf. AS, 
mai, II, 501-549; iul., VII, 186-187; Synaxarium Constantinopoli- 
tanmn, 671, ed. Delehaye). Le leggende sacre siciliane {BHG, 57, 
67) ricordano spesso Puteoli e Terracina, come luoghi di sbarco 
per recarsi dall'isola in Eoma. 

A Pozzuoli sono venute in luce parecchie iscrizioni cristiane, 
senza data, e forse non anteriori al iv secolo (CIL, X, 1, 3298-3333). 

Patròbas. — Il falso Doroteo (sec. vi), come si è detto nel- 
V Introduzione {^ 4), ha posto nel suo spurio catalogo dei 70 disce- 
poli del Eedentore il Patròbas di s. Paolo {Ep. ai Romani, XVI, 
14), e lo ha assegnato come vescovo a I^ozzuoli. Ma la chiesa pu- 
teolana ignorò {AS, nov., II, par. I. p. 222-4) fino al xvi secolo 
l'esistenza di questo suo preteso proto-vescovo, e lo imparò sol- 
tanto quando in Occidente apparvero le prime stampe dell'operetta 
del falsario greco. Allora soltanto cominciò a celebrarne la festa. 

Oelsus? — Tutto è oscuro intorno a lui. Si hanno notizie an- 
tiche del suo culto in Pozzuoli ; del suo episcopato puteolano nes- 
suna. La sua leggenda è straordinaria : sarebbe stato consacrato 



LA REGIONE I - CAMPANIA - MISENUM (miSENO), EC. 213 

da s. Pietro nella chiesa di S. Petrillo di Quarto (forse nome di 
luogo) e quindi sarebbe stato il quarto vescovo ordinato dal prin- 
cipe degli . apostoli (cf. ^«S, nov., Ili, 30)! 

loliannes? — Senza alcuna prova. Ohe sia stato desunto dai 
due Giovanni che compaiono nel pseudo-sinodo romano del 324? 

1. Florentius: 372-378 (CollecHo Avellanerma, in voi. XXV del 
CSELy pp. 54-6). Condannato in un concilio romano del 372, o per 
eresia o per altra ragione, e cacciato dalla sua sede, nel 378 ten- 
tava rientrarvi, e ne fu impedito. 

2. Theodorus : f 13 maggio 435 {CIL, X, 1 e 2, 3298). 

3. iulius: 448-9, legato di papa Leone I al concilio di EfesOj 
che divenne il conciliabolo efesino (Chron. min., I, 480; J-L, 417, 
424-5, 427-31, 439). 

Stephanus. — E il vescovo di Pozzuoli a cui nel secolo x Pietro, 
suddiacono napoletano, suo contemporaneo, dedicò la Passione di 
s. Artema di Pozzuoli {BHL, 111). L'Ughelli (I, 270) l'ha collo- 
cato qui fuori di posto. 

Glaudius : 465. — Secondo la lezione del Mansi un « Olaudius 
puteolanus » (VII, 959), ma meglio « pausulanus », cioè di Pau- 
sulae nel Piceno, intervenne al sinodo romr.no di quell'anno. 

4. Aucupius: 495?; 499. 

5. Geminus : 558-60 (J-L, 981). 

6. « Puteolanus episcopus » ; 600 (J-L, 1787). 

Zosiimis. — Il codice ottoboniano del Gerolimiano riporta 
un Zosimo, vescovo di Pozzuoli (AS, oct., VIII, 829; nov., II, 
p. XXXIII) ; il quale sembra derivato da una falsa decifrazione 
del celebre martirologio al 18 ottobre. Il martire puteolano Sushis 
o SosiuN fu scritto Siinsiimis o Sosimus; si sarebbe letto per errore 
Zosimua, e il cod. ottobon. arbitrariamente ne avrebbe fatto un 
vescovo di Pozzuoli. 

Neapolis (Napoli). 

Nei musaici dell'antico battistero di Napoli si veggono figure 
giovanili di santi vestiti di tunica e di pallio, portanti corone nelle 
mani, come quelli del perduto dipinto di Oapua Vetere (cf. los. Wil- 



214 LE DIOCESI d' ITALIA 

pei't Die Tom. Mosaìken und Malereien der Kirclilichen Bmden 
voiìi IV-XIII Jahrhundert, Freiburg i. B. 1917, III, tavv. 33-35) ; 
figure di apostoli piuttostochè di martiri appunto perchè senza 
nomi. 

Una Passione celebre, nota a Beda e quindi composta prima 
del secolo vili, probabilmente nel vi, pone sette cristiani uccisi in 
Campania sotto Diocleziano; cioè Sosio, diacono della chiesa di 
Miseno, Gennaro, vescovo di Benevento, Festo, diacono, e Desi- 
derio, lettore, della stessa chiesa, Procolo, diacono, e Eutiche e 
Acuzio, laici, della chiesa di Pozzuoli. Il martirio sarebbe comin- 
ciato a Nola, proseguito a Pozzuoli e consumato con la decolla- 
zione a Sulfurotoria, o Sulfurotaria. Sosio, Procolo, Eutiche, Acuzio, 
Festo e Desiderio sarebbero stati 'sepolti presso le rispettive chiese ; 
Gennaro invece nel suburbano di Napoli. Il giórno natalizio di 
Sosio è assegnato al 23 settembre, e quello di tutti gli altri al 19 
(cf. BHL, 4115-33; Quentin, o. c, pp. 75-7; Feanohi, Note agio- 
grafiche, fase. 4 [24 di Stì^di e Testi], pp. 79-114). 

Questi sette nomi compaiono nel Martirologio Gerolimiano il 
19 ottobre: 

B Neapoli Sussi lanuariì Festi Desiderii in cimìterio Puteolis Proculi... 
Astibusti (=Acutii), 

E Et in Necapoll (sic) Pesti et Puteolis Proculi Eutici... Sussi Pesti Desi- 
deri Astibusti (= Acutii), 

W Neapoli Sussi lanuarii Festi Desiderii in cirait. Potiolis Proculi... Asti- 
busti (= Acutii). 

Gennaro vi appare di nuovo il 7, il 19 e il 29 di settembre, e 
il 18 e il 20 di ottobre, ora sotto Benevento, ora sotto Napoli, ora 
sotto Pozzuoli. Festo e Desiderio il 7 di settembre sotto Bene- 
vento, e il 21 ottobre sotto Napoli. Acuzio sotto Benevento il 7 
settembre. Sosio sotto Miseno il 23 settembre, sotto Baiae il 15 e 
il 16 ottobre, e il 20 sotto Pozzuoli. Eutiche a Pozzuoli il 18 ot- 
tobre. Procolo pure a Pozzuoli il 21 ottobre. E dubbio se nel 13 
gennaio si leggano insieme Felice di Nola e Gennaro di Napoli. 
Forse la coppia Felix et lanuarius di quel giorno è africana. Il 7 
settembre : 

J5 Civitate Benevento lanuarii Fisti Agusti (= Acutii) Desiderii, 



LA HEGIONE I - CAMPANIA. - NEAPOLIS (nAPOLi) 215 

E In Benevento lanuari Fasti Acuti Desideri, 

W Civitate Beneabento lanuarii Fisti Acuti Desiderii; 

nel 19: 

B Et Neapoli... lanuarii... 

E Et in Camp. Neapoli lanuari, 

W In Niapolim natale... lanuarii ; 

nel 23: 

E Et in Miseno Sossi ; 

nel 29 : 

W, B Et alibi Sosi lanuarii, 
E Sesi lanuari ; 

nel 15 ottobre: 

E In Baias Sussi; 

nel 16: 

W, B In Baias sancti Sussi; 

nel, 18: 

E, B In Campania civitate Puteolis lanuarii et Euticis (W Eutecis); 

nel 20: 

B In Puteolis civit... lanuarii... Sussimi lanuariae... Item Sussimi Item la- 
nuarii, 

E Puteolis... lanuariae... Sisinni Item lanuariae, 

W In Potiolis civit.... lanuarii... Sussimi lanuarianae; 

e finalmente nel 21 : 

W, JB Proculi Neapoli Festi... Puteoli Campania Proculi. 

Sì hanno altre conferme dei dati fondamentali della Passione. 

La catacomba di S. Gennaro di Napoli conservò per lungo 
tempo il sepolcro originale di quel martire; e ivi pure in un'iscri- 
zione del V secolo si legge: Sancto marti/ri lanuario {CIL, X, 1, 
1526. L'iscrizione 362* con lanuari martyr è recente). Di più la 
lettera (BlfL, 6558) scritta da Uranio poco dopo la morte di Pao- 
lino, vescovo di Nola (f 431), afferma che Gennaro fu vescovo e 



216 LE DIOCESI d' ITALIA 

con il suo martirio illustrò la chiesa di Napoli : « lanuarius, epi- 
scopus simul et martyi", neapolitapae urbis iilustrat ecclesiam ». 
Una pittura del v secolo (Gaeruoci, Storia dell'arte cristiana^ II, 
tav. 102, 2) rappreseu/ta pure s. Gennaro vestito da vescovo. Il suo 
nome si legge nel calendario cartaginese del vi secolo al 19 set- 
tembre. Il suo martirio avvenne probabilmente il 19 settembre 
dell'anno 304. 

Sosio si trova del pari nel calendario cartaginese del secolo vi, 
al 23 settembre. Il Liber Pontificalis narra che papa Simmaco (498- 
514) « fecit oraturium sancti Sossii apud b. Petrum », cioè presso 
la basilica di S. Pietro in Eoma (cf. de Bossi, InscripHones chri- 
stianae urbis Romae, li, 246). Il corpo di lui sarebbe stato trasfe- 
rito a Napoli in principio del x secolo da una chiesa esistente nel 
« Misenate castrum » distrutto dai Saracini. Il calendario mar- 
moreo napoletano colloca anche esso s. Sosio il 23 settembre, come 
Gennaro al 19 dello stesso mese : e l' immagine di Sosio compariva 
nell'antico musaico' di Oapua Vetere, tante volte ricordato. 

In esso Eutiche era accoppiato a Sosio. Eutiche è registrato 
pure insieme con Acuzio nel calendario marmoreo di Napoli il 18 
ottobre, quantunque il secondo non compaia in questo giorno nel 
Gerolimiano. I santi Eutiche e Acuzio avrebbero avuto sepoltura 
da prima nel territorio puteolano nella villa o pretorio di Falcidio, 
come credesi (« Bull, d'ardi, crist. », an. 1874, p. 131). 

Festo e Desiderio si vedevano parimente nel musaico capuano, 
e leggonsi entrambi nel calendario marmoreo di Napoli il 7 set- 
tembre, come nel Gerolimiano. 

Procolo è omesso nel calendario di Napoli; mancava nel mu- 
saico capuano ; non si conosce il suo sepolcro a Pozzuoli ; e forse 
per queste ragioni il p. Delehaye {Les origlnes du eulte des martyrs, 
p. 343) ha creduto che il s. Procolo associato dalla Passione di 
s. Gennaro agli altri sei, non sia un martire campano, ma lo stesso 
s. Procolo di Bologna, venerato in Campania. Proculus però non 
è ignoto all'onomastica campana {CIL, XI, 1, 1527). 

Su gli altri particolari della Passione bisogna procedere cauta- 
mente, perchè era usanza dei compositori di tali documenti rag- 
gruppare artificialmente in un solo racconto i martiri sepolti e 



LA REGIONE I - CAMPANIA - NEAPOLIS (nAPOLI) 217 

venerati nella stessa regione. Forse l'elogio del Gerolimiano elei 
19 ottobre, ove tutti i sette martiri sono commemorati insieme, 
non è originale, ossia non dipende dai calendari locali, ma piut- 
tosto dalla stessa Passio IcmuarU. La Passione avrebbe unito ar- 
tificialmente i sette nomi in una data unica, cioè nel 19 settembre 
{XIII hai. odobr.); data che per errore di copisti nel Gerolimiano 
sarebbe diventata il 19 ottobre {XIIII kal. novemhr). 

Lo strano groviglio di nomi che si riscontra il 20 e il 21 ot- 
tobre nel Gerolimiano, ha fatto credere all'esistenza di altri mar- 
tiri napoletani, o puteolani, oltre s. Gennaro e gli altri su ricor- 
dati. Ma senza fondamento. Con l'aiuto del martirologio orientale 
si può stabilire che i nomi incastrati dentro quelli di Napoli e di 
Pozzuoli appartengono ad altre regioni. 

Il 13 gennaio si trova pure nel Gerolimiano : 

W, E, B In Africa... Vincenti... In Campania Neapolira... lanuarii; 

ma probabilmente questo Lanuarius è il celebre martire, di cui si 
è parlato, sbalzato al 13 gennaio non si sa perchè. I codici dipen- 
denti da E hanno tolto Vincentius all'Africa e l'hanno dato a 
Napoli : 

B In Neapoli Vincentiae, 

E^ Neapoli Vincenti, 

D In Campania civitate Neapoli nat. Vincentii. 

Tutto ciò sempre più dimostra con quanta cautela debba ado- 
perarsi la testimonianza del Gerolimiano. E forse questo Vincentius 
è il celebre martire spagnolo. 

Una Passione {BHL, 7190-1) napoletana racconta che una 
s. Eestituta visse nella provincia d'Africa in un luogo detto Poni- 
zarius (?) al tempo di Diocleziano (an. 284-305) e di papa Caio 
(an. 283-296). Tradotta dinanzi al tribunale per ordine di Proclinus 
« primarius provinciae », confessa la fede, e quindi viene tormen- 
tata e tradotta in carcere, dove è consolata da un angelo. Proclino 
infierisce maggiormente contro la vergine; ma senza risultato; la 
condanna ad essere abbruciata in una navicella piena dì stoppa, 
pece e resina. Ma mentre i ministri si accingono ad appiccare il 
fuoco, sono tra le onde sommersi ; e la vergine, pregando, confor- 



218 LE DIOCESI d' ITALIA 

tata da un angelo, spira. Intanto la navicella col cadavere della 
santa perviene in Campania nell'isola d'Ischia vicino a Placida (?) 
nel luogo detto Ad ripas, quasi trenta, o venti mfglia da Parte- 
nope. La pia matrona Leta, avvertita in sogno dell'arrivo della 
salma, si reca su la riva, e la seppellisce in un luogo detto Era- 
clnis o Eradhis. Il natale della martire si celebra il 17 maggio. 
Questa Passione è assai recente; i Passionari la ignorano; trovasi 
in un codice dell' xi secolo (cf. « Anal. Boll. », an. 1911, p. 167, 
n. 4). Né è degna di fede, perchè al tempo di papa Caio le ver- 
gini cristiane non furono perseguitate né in Africa, ne altrove. 
L'autore .anonimo gioca di reminiscenze, massime degli Atti di 
s. Salsa, martire africana, e forse della Passione di s. Canione di 
Atella. Il culto di s. Kestituta risale in Campania almeno al ix se- 
colo, perchè nel calendario marmoreo napoletano si legge al 16 
maggio: « Natale sanctae Eestitutae ». Ma questa Eestituta non 
fu martire campana, bensì africana, e compare in Africa il 28 de- 
cembre nel Gerolimiano (cf. Deleha.yb, Les origlnes du culle ec, 
pp. 439-40). Sue reliquie saranno state portate e poste in venera- 
zione nell'isola d'Ischia; e col tempo gl'isolani avranno creduto 
di possedere il corpo intero della santa. E per spiegare come essi 
potessero avere presso di se i sacri avanzi di una martire africana, 
l'anonimo autore della Passione avrà immaginato che questi fos- 
sero pervenuti alle spiagge dell'isola miracolosamente, in una na- 
vicella abbandonata. La nave rotta o abbandonata, che attraversa 
il mare tra l'Africa e la Campania, e giunge incolume in questo 
paese, è tema comune dell'agiografìa della Bassa Italia, come si 
è visto parlando di Sessa e si vedrà in appresso. 

Il 14 ottobre è pure venerata in Napoli una s. Fortunata, che 
in un documento composto nel secolo x dal prete Autperto, sì dice 
martirizzata in Cesarea di Palestina sub Diocleliano. Crederei che 
questa Fortunata sia, come Eestituta, una martire africana di un 
gruppo celebre uccisa sotto Decio {BHL, 3081-2; cf. Delehaye, 
o. e, p. 432). 

Napoli è una delle poche diocesi italiane, ove Costantino fece 
edificare una basilica cristiana. Il Liber Ponllficalis riferisce nella 
Vita Silveslri che l'imperatore « fecit basilicam in urbe Neapolim 



liA REGIONE I - CAMPANIA - NEAPOLIS (nAPOLI) 219 

cui optulit », ec. Erano dunque assui numerosi i cristiani a Napoli 
nella prima metà elei secolo iv. Questa costruzione costantiniana 
nei secoli viii e ix non esisteva più, e si ammetteva che essa cor- 
rispondesse alla cattedrale di S. Kestituta. Il de Rossi accetta 
questa identificazione, e il Sorrentino crede che l'antichissimo edi- 
fizio sorgesse su di un tempio pagano, forse di Apollo. Nell'an- 
nesso battistero (S. Giovanni in Fonte) s'ammirano famosi musaici, 
attribuiti al iv secolo (cf. Gesta episc. neapolUanorum, p. 404, ed. 
Waitz ; « Bull, d'arch. crist. >^, an. 1874, p. 132; an. 1876, p. 51; 
an. 1880, pp. 144 e 161 '; « Boll, d'arte », an. 1909, pp. 217-33; Wil- 
pert, Mosaiken ec, I, pag. 214-246; III, tavv. 29-39). 

Prima di Costantino, il centro della comunità cristiana di 
Napoli esisteva nel suburbano, secondo l' autichissima consue- 
tudine. 

Per il tempo di cui ci occupiamo, sono giunti fino a noi due 
antichi cataloghi episcopali napoletani (cf. V Iniroduzione^ § 1). 
L'uno nella prima parte delle Gesta episcoporum neapolUanorum 
{Rerum Langobard. Scriptores, pp. 403-14) ; l'altro nel Catalogus 
episcopor. neapolUanorum (ìv., pp. 436-7). La prima parte delle 
Gesta fu composta da uno scrittore napoletano sul finire dell' vili 
o in principio del ix secolo, o alquanto più tardi; il Catalogus da 
un anonimo, verosimilmente napoletano, del x secolo. Il catalogo 
usufruito dall'autore delle Gesta conteneva, fino al 604, 27 nomi ; 
da Aspren a Zosimus inclusivamente nomi jDuri e semplici ; da Se- 
verus in giù cogli anni, i mesi e i giorni del governo di ciascuno, 
con la formula consueta: « SedU a... m... d... ». L'autore tentò di 
stabilire approssimativamente, da Zosimus in poi, il tempo di cia- 
scuno; ma con infelici risultati; solo con Victor, il 1.9°, comincia 
ad avvicinarsi al vero. Non seppe nulla della maggior parte dei 
vescovi, eccetto di alcuni il luogo della sepoltura, le costruzioni 
da loro ordinate e pochissime altre notizie. Il Catalogus contiene 
gli stessi nomi e nello stesso ordine delle Gesta^ indizio di dipen- 
denza dalle Gesta, ma, a differenza delle Gesta, registra gli anni, 
senza mesi e giorni, del governo dei primi undici. Tenta pure di 
fissare il tempo in cui questi sarebbero vissuti; ma con calcoli in 
parte sbagliati, in parte non attendibili. Non può affermarsi con 



220 LE DIOCESI d' ITALIA 

sicurezza se l'anonimo abbia desunto gli anni dei primi undici da 
buona fonte o da fantastiche congetture. 

L'autenticità e l' interezza del catalogo napoletano non è posta 
in dubbio da alcuno. I critici riconóscono che deriva da fonti più 
antiche dell' viii o ix secolo, ad esempio dai dittici o da dipinti 
murali del secolo iv o v (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1874, 
p. 132; an. 1876, p. 51; an. 1880, p. 144 e 161). 

Il signor L. Peserico (Ricerche di storia etnisca, Vicenza, 1920, 
pp. 81-2) ha espressò intorno al catalogo episcopale napoletano 
una opinione nuova e singolare, ma inaccettabile. Questo scrittore 
pensa che la « lista ufficiale napoletana » degli otto nomi prima 
di Fortunatus non sia autentica (quantunque lo affermi « con 
grande trepidazione e dubbio » e « con grande riserva ») ma fit- 
tizia, e sia precisameate la lista dei « Dicearchi che regnarono a 
Napoli ». L'antica « lista storica cristiana dei vescovi di Napoli » 

r 

sarebbe, secondo il Peserico: 

Patrobas 
Marcianus 
Cosmas 
Calepodius; 

quindi seguirebbe Fortunatus. Ma, checchessia dei Dicearchi di 
Napoli, la nuova « lista storica cristiana », proposta dal Peserico, 
non ha nessun diritto di chiamarsi storicay ne potrà mai sostituirsi 
alla lista tradizionale. Infatti: 

Patrobas è il falso proto-vescovo di Pozzuoli, traslocato arbi- 
trariamente a Napoli. 

Marcianus è un santo, di questo nome, venerato a Benevento 
il 15 o il 14 giugno, a Frequentum (Frigento) il 14 luglio, a Na- 
poli il 30 ottobre: e in tutti e tre questi luoghi ritenuto erronea- 
mente vescovo locale. Ma già nel secolo xvii il Ohioccarelli (De 
episcopis neapolitanis, p. 24) s'accorse della insostenibilità dell'opi- 
nione de' suoi compatrioti. Questo s. Marciano dev'essere il famoso 
s. Marco di Acca (Apulia), di cui si dirà. Marcus e Marcianus di- 
cevasi promiscuamente presso i latini. Veramente un Marcianus ha 
tenuto la sede di Aspren, ma nel x secolo. 

Cosmas. — Questo Cosmas, collocato dal Papebroch e dal 



LA UErtiONE r - Campania - meapolis (napoli) 221 

Muratori erroneamente nel iv .secolo, tenne il seggio napoletano 
nell'viii secolo (cf. Parascandolo, Memorie storkhe-criUcìie-diplo- 
matiche della chiesa di Napoli, II, 40-5). 

Galepodiiis. — Un « Calepodius a Campania » come si è detto 
in Calvi, intervenne al famoso sinodo di Sardica (342-4); e in al- 
cuni codd. è chiamato « Calepodius neapolitanus » o « neapolitanus 
legfvtus ecclesiae Bomanae » (cf. Hilarii Fragmenta, 1. e, p. 12G) ; 
ma è dubbia lezione^ tanto più se si consideri che papa Giulio 
mandò suoi legati a Sardica due preti romani, e nello stesso tempo 
era vescovo di Napoli Fortunato. Per eludere questa gravissima 
difficoltà il Papebroch {A6, iun.. Ili, 530) credette che Calepodio 
fosse vescovo di Napoli per i greci e Fortunato per i latini. Ma, 
se durante l'epoca bizantina queste furono le condizioni ecclesia- 
stiche di Napoli, non nella metà del iv secolo (cf. Parascandolo, 
0. e, I, 28), in cui il vescovo era uno soltanto. 

Sono pure da espungersi dal catalogo napoletano: 

Ioannes, posto per errore innanzi a Fortunatus I nella seconda 
edizione dell' Ughelli (VI, 30); e: 

Severinus, che è il . s. abate del Norico di questo nome, sepolto 
nelle vicinanze della città partenopea, per questo soltanto fatto 
passare per vescovo napoletano. 

Eliminati adunque i vescovi spuri, riprodurrò i nomi dei pre- 
suli autentici nell'ordine delle Gesta e del Gafalogus, aggiungendo 
a ciascuno gli anni, i mesi e i giorni dell'episcopato di ciascuno ; 
più il giorno della depositio, come si raccoglie dal calendario mar- 
moreo napoletano del IX secolo; finalmente i documenti o monu- 
menti che li riguardano, discutendoli se sarà necessario. 

1. Aspren, sedit ann. 23, depositus 3 agosto. — Se gli anni 
dati dal Catalogus a ciascun vescovo fossero esatti, il che non è 
certo, poiché sappiamo che Fortunatus (il 9°) viene ricordato in 
una lettera dei vescovi del conciliabolo di Filippopoli tra il 342 e 
il 344, ossia visse intorno alla metà del iv secolo, sommando i 
presunti episcopati dei primi nove, e tenuto conto approssimativo 
degli interregni, l'episcopato di Aspren sarebbe incominciato in- 
torno alla metà del secolo ii. Cosa abbastanza straordinaria, per- 



222 LE DIOCESI d' ITALIA 

che avremmo poco più di quattro vescovi per ciascun secolo. Tut- 
tavia l'autore del Gatalogiis non fu pago di questa bella antichità, 
e ideò di collocare Aspren in un'epoca più remota, scrivendo : 
« Fuib temporibus Olementis (89-97 e), ... Alexandri (106-15 e.) pape, 
et Traiani (98-117) et Adriani (117-38) imperatoribus »; e un eccle- 
siastico napoletano del ix o x secolo, l'autore della Vita s. Atha- 
nasii episcopi neapolitani {BHL, 734), defunto nell'anno 872, si spinse 
.ancora più innanzi del Catalogus, e si diede a credere (oramai pa- 
recchie diocesi del continente e della Sicilia si vantavano di origini 
così alte e venerabili) che Aspren fosse stato ordinato vescovo di 
Napoli da s. Pietro apostolo; finalmente un altro ecclesiastico della 
città partenopea, tra il ix e il xii secolo compose una Vita s. Aspren 
{BHL, 724) assegnando l'inizio del pontificato di lui all'anno 42-43. 
Questa Vita è anteriore al xiii secolo, perchè fu nota a certo Al- 
berico, fiorito nel 1200-1250 incirca; ma è posteriore al ix secolo, 
perchè conosce la traslazione delle ossa del protovescovo dal su- 
burbano nella basilica interna detta Stephania; traslazione ,avve- 
nuta, come narrano documenti contemporanei, nel secolo ix. Fu 
quindi composta nel x o nell'xi secolo. 

La Vita di s. Candida {AS, sept. II, 177), presunta contempo- 
ranea di s. Aspren, deriva da quella recentissima del protovescovo, 
è quindi destituita di valore, massime rispetto alla cronologia. Ma 
l'affermazione della Vita s. Athanasii e della Vita s. Aspren non 
può accettarsi. Già il Mazzocchi, il più acuto investigatore delle 
memorie ecclesiastiche napoletane del secolo xviii, non prestò fede 
a quelle testimonianze, e il dotto Parascandolo (o. e, I, p. 28, n. 1) 
ne parlò con assai freddo riserbo. Infatti l'autore della prima pars 
delle Gesta Episcoporum Neapotitanorum (appartenga essa all' vili 
secolo, secondo il parere di alcuni critici, o alla seconda metà 
del IX, come altri pensano) nulla dice né della vita né del tempo 
dell'episcopato di Aspren e de' suoi primi successori. Ora riesce 
diflScile persuadersi che quell'anonimo napoletano dell' vili o del ix 
secolo, senza dubbio un ecclesiastico, ignorasse le tradizioni più 
gloriose della sua chiesa, se queste erano allora ammesse e diffuse; 
oppure, conoscendole, non ne facesse parola, cioè tacesse affatto 
della gloria maggiore della sede napoletana. Dunque nel secolo vili 



LA REGIONE I - CAMPANIA - NEAPOLIS (nAPOLi) 223 

(o anche nel ix, se è necessario far discendere fino a questo temj^o 
la composizione della pars prima delle Gesta) la notizia dell'ordi- 
nazione apostolica di Aspren, tanto magnificata dalla yUa s. Aiìia- 
nasii, era ignota in Napoli. Di più, se l'ordinazione apostolica di 
Aspren fosse stata ammessa da tutti pacificamente in Napoli nel 
secolo X, come mai l'autore del Catalogus non se ne sarebbe pre- 
valso per regolare in conformità la sua cronologia? Invece l'ano- 
nimo, come si è detto, si è contentato di assegnare il principio 
dell'episcopato di Aspren all' 88-97 incirca, non al 42-43, come la 
Vita s. Athanasii e la Vita di Aspren pretesero. Inoltre, Paolo 
diacono (f 799), vissuto nel monastero di Monte Cassino presso la 
Campania, e a cui le tradizioni sacre di Napoli non potevano essere 
ignote, mentre scrive, nel suo De Episcopis Mettensibus (in Mon. 
Gemi. Mst., Scriptores, II, 261) che « Petrus cum Eomam perve- 
nisset (a. 42-43) illieo qui summas quasque urbes in Occiduo po- 
sitas... subiugaret, optimos... viros ex suo consortio direxit », e che 
« tunc denique Apollinarem Eavennam, Leucium Brundusium, Ana- 
tolium Mediolanum misit », tace affatto di Aspren e di Napoli. Ciò 
fa capire abbastanza, se non m'inganno, che la tradizione napole- 
tana dell'origine apostolica non era ancora nata, o si trovava ap- 
pena nel primo periodo d'incubazione. S'aggiunga che la Vita 
s. Athanasii è fonte molto sospetta. Il Prologus della Vita, ove si 
contiene la notizia su l'ordinazione apostolica, mentre esalta l'an- 
tica Neapolis, e i fatti della sua storia civile ed ecclesiastica, ag- 
glomera molte notizie false e fantastiche a poche vere. Anche la 
Vita s. Aspren, secondo il giudizio unanime degli eruditi, è infar- 
cita di molte favole. Da ultimo si consideri che in Eoma, in Ales- 
sandria e in Antiochia, cioè nelle sedi veramente apostoliche, si 
hanno dai primordi fino al 350 e, 35 vescovi nella prima sede, 
20 nella seconda e 27 nella terza. E in Napoli contemporaneamente 
9 vescovi soltanto dovrebbero riempire lo stesso spazio, vale a dire 
dal. 42-43 al 350? Per accettare un fatto così straordinario, biso- 
gnerebbe ammettere che in Napoli nei primi tre secoli i vescovi 
partenopei avessero goduto una longevità fenomenale cioè 33 anni 
di episcopato ciascuno, o in Napoli avessero avuto luogo, a difiFe- 
renza di Koma, di Antiochia e di Alessandria, frequenti e lunghi 



224 LE DIOCESI n' ITALIA 

interregni. Ma l'ima e l'altra ipotesi sono assolutamente arbitrarie; 
quindi le affermazioni del Catalogus, ec. e della Vita di s. Aspren 
non possono accettarsi. 

In mancanza di dati positivi è lecito ricorrere a congetture. 
Il 13rimo nome della lista napoletana, controllato da documenti 
storici è il nono, come si vedrà, cioè Fortunato, che tenne la cat- 
tedra partenopea al tempo del concilio di Sardica (342-44 ?)o in- 
torno alla metà del iv secolo. Ora, supponendo che da quel tempo 
in su, la successione dei vescovi partenopei sia avvenuta senza 
lunghi interstizi o interregni, come accadde ad esempio in Eoma, 
in Antiochia, in Alessandria e in altre antiche sedi, e supponendo 
che la longevità dei presuli napoletani sia stata l'ordinaria, il primo 
vescovo della lista può aver pontificato al principio del secolo iii, 
o anche su la fine del ii. Infatti dall'esame d'innumerevoli cata- 
loghi episcopali antichi, come si è detto neìV Introduzione, la media 
dei vescovi per ciascun secolo risulta di sette incirca. Queste de- 
duzioni, naturalmente approssimative, sono nel caso nostro confer- 
mate da due fatti. Primo: Aspren {Asprenas, secondo il de Eossi 
nel « Bull, d'arch. crist. », an. 1883, pp. 86-7, sarebbe il vero nome 
del protovescovo di Napoli) era cognome della gente Nenia e poi 
della Oalpurnia, adoperato ai tempi della Eepubblica e in principio 
dell'Impero, poi inaudito. Secondo: esistono nei dintorni dell'an- 
tica Neapolis parecchi cimiteri cristiani antichi, detti catacombe 
come quelli di Eoma : di S. Vito, dì S. Generoso, di S. Severo, 
di S. Efebo e di S. Gennaro, le più vaste e importanti catacombe 
d' Italia dopo quelle di Eoma e di Siracusa. In quest'ultima si 
sono trovate molte iscrizioni, quantunque la più antica datata 
risalga solo al 377, e parecchie pitture appartenenti, secondo l'opi- 
nione di archeologi competenti, al iii secolo e forse al ii ; ma non 
ad epoca anteriore (cf. CIL, X, 1, 359*-371* ; 1518-1543 ; X, 2, 
8174-76; « Bullett. d'archeol. crist. », a. 1871, pp. 37-38 e 155-158; 
SoiiULTZE, Die Katak. von S. Gennaro, Iena, 1877; Haenaok, o. c, 
II, p. 261). Nell'isola di Capri si è trovata un'iscrizione anteriore 
al VII secolo {GIL, XI, 1, 6810) soltanto. Sembra pure probabile 
che a Napoli, come a Capua, esistesse una comunità cristiana 
ebraica fino dal primo secolo della nostra èra, quantunque i do- 



LA tiEGioNte 1 - Campania - neapolis (napoli) 225 

cumentì in proposito risalgano soltanto al Basso Impero (cf. Sohu- 
RER, Diaspora, in A Dictionary of the Bible, Extra volume, pp. 98-9; 
Harnaok, 0. e, II, p. 261). Non è quindi improbabile die la comunità 
cristiana di Napoli risalga al iii o al ii secolo. Vedi ciò che si è 
detto .sotto Ouma. 

Mi piace osservare che tra le pochissinie chiese d'Italia che 
hanno un catalogo episcopale intero, Napoli non tiene per anti- 
chità l'ultimo posto. Infatti il vescovo dei cataloghi autentici d' I- 
talia, contemporaneo di Fortunato di Napoli, che è il nono, tiene 
nel catalogo bresciano il quinto, nel veronese il sesto, in quello di 
Aquileia il settimo o l'ottavo, nel milanese l'ottavo, e nel catalogo 
ravennate il dodicesimo posto. Adunque le origini della diocesi di 
Napoli con grande probabilità risalgono prima della metà del ni 
secolo. ì^qW Epilogo, in fine del secondo volume, si tornerà su questo 
argomento. ^ 

2. Epithimitus, sed. an. 17. 

3. Maron, s. an. 28; dep. 15 giug. 

4. Probus, s. an. 24. 

5. Paulus. s. an. 35; dep. 23 ag. 

G. Agrippinus, s. an. 12; dep. 9 nov. — Il Parascandolo (o. e, 
I, 22-4) parla di una iscrizione: Se. Agrippinus, della catacomba 
di S. Gennaro di Napoli. 

7. Eusthasius o Eustathius, s. an. 17; dep. 10 mag. 

8. Ephebus o Ephevus, s. an. 8; dep. 23 mag. 

9. Fortunatus, s. a. 21 ; dep. 21 giug, — Viene ricordato in una 
epistola scritta dagli Ariani del conciliabolo di Filippopoli (tra il 342 
e il 344) ad alcuni vescovi, tra cui: « Fortunato Neapolis Oampa- 
niae episcopo » (cf. Hilarii Fragmenta, in CSEL, voi. LXV, p. 48). 

10. Maximus, an. 22; dep. 11 giug. — Il Libellus Fausiini et 
Marcelliìii (in CSEL, voi. XXV, pp. 13 e 23), cioè di due ecclesia- 
stici luciferiani, avversari di papa Damaso, racconta che dopo il 
conciliabolo di Milano (a. 355) gli Ariani, non solo esiliarono papa 
Liberio, Eusebio di Vercelli, e Dionigi di Milano; ma maltratta- 
rono « Maximus quoque de Neapoli Oampaniae, quod esset inha- 
bili stomacho » quindi lo mandarono in esiglio. Massimo, stando 
agli stessi scrittori, sarebbe morto in esigilo « martyr ». 

15 



226 LE DIOCESI d' ITALIA 

11. Zosimu-s, a. 14. — Secondo lo stesso documento, Cosimo 
sarebbe stato ordinato in luogo dell'esigliato Massimo, e questi dal 
luogo della deportazione lo avrebbe scomunicato. Dopo alquanti 
anni Lucifero, vescovo di Cagliari, tornando dall'esiglio (cioè non 
prima del 362), passato per Napoli avrebbe alla sua volta scomu- 
nicato Zosimo e costrettolo a rinunziare alla sua dignità. Mentre 
i due ecclesiastici luciferiani scrivevano (e. nel 372), Zosimo era 
ancor vivo. 

12. Severus, sed. an. 46 {Catalogus : 47), m. 2, d. 11 ; dep. 29 
apr. — Intorno al 393 s. Ambrogio di Milano gli scrisse una let- 
tera (LIX). Le Gesta gli attribuiscono parecchi importanti ediflzi 
sacri in Napoli. 

13. Ursus, sed. an. 4; dep. 21 febr. 

14. Ioannes, s. an. 27; dep. 3 apr. — Eicordato nell'epi- 
stola di Uranio (BHL, 6558) su la morte di s. Paolino di Nola 
(a. 431). 

15. Nostrianus, s. an. 17. — he Gesta ricordano sue costru- 
zioni. L'autore del De promissionihus et praedictionibus Dei, clie oggi 
si crede il vescovo di Cartagine Quodvultdeus, espulso da re Gen- 
serico dopo il 19 ottobre 439 e approdato a Napoli, afferma di 
aver scritto il suo lavoro in Campania tra il 443 e il 455, o, se si 
vuole, tra il 450 e il 455, mentre Nostrianus teneva la sede na- 
poletana. 

16. Timasius, s. an. 31. 

17. Felix, s. an. 9, m. 3, d. 6. 

18. Soter, s. an. 21. — - Le Gesta ricordano gli edilìzi da lui 
eretti, e la sua sepoltura. Compare nel sinodo romano del 465. Le 
date certe di Giovanni, di Nostriano e di Sotero manifestano chia- 
ramente che gli anni dati dalle Gesta e dal Catalogus ai vescovi 
napoletani della prima metà del secolo v sono errate. Di Nostriano, 
Timasio, Felice e Sotero mancano le depositiones. 

19. Victor, s. an. 11, m. 10; dep. 8 febr. — Le Gesta parlano 
delle basiliche da lui costruite. Il suo nome appare (492-6 e.) nella 
Vita s. Severini del Norico {BHL, 7655-7) scritta da Eugippio. Pro- 
babilmente sono a lui indirizzate alcune lettere di Gelasio I del 
494 {J-L, 646), del 495 (iv., 668) e del 496 (iv., 681, 737). 



La ftÈGioNK I - CAMPALA - nEapolis (napom) 227 

20. Sfcephanus, s. Jin. 15, m. 2; dep. 11 apr. — Presente ai 
sinodi romani del 499 e del 501. Le Gesta parlano di una basilica 
da lui costruita, basilica annessa all'episcopio, detta Slephania. 

21. Pomponius, s. an. 28, d. 10 ; dep. 30 apr. — Edificò in Na- 
poli S. Maria Maggiore. 

22. lohannes Mediocris, s. an. 20, d. 11. Manca la depositio. — 
Fece la basilica di S. Lorenzo e altri lavori nella Stefania. 

23. Yincentius (o Viventius ?), s. an. 33 ; la dep. manca. — 
Costruì la basilica di S. Giovanni Battista, ove gli archeologi veg- 
gono un suo monogramma quadrjito. A lui una lettera di Pelagio I 
del 558-GO {J-L, 981). 

24. Eedux, s. an. 3, d. 24; dep. 29 marzo. — L'Ughelli lo lia 
spostato. Un codice parigino del vi secolo venne emendato, come 
dal medesimo si raccoglie, da un Pietro notaio della cliiesa di 
Napoli, il 13 decembre del 581, per ordine del vescovo Eeduce, 
vescovo ordinato da papa Pelagio IL Quindi si raccoglie cbe il 
nostro prelato fa consacrato il' 5 marzo del 579, die cadde in do- 
menica, e morì il 29 marzo del 582. 

25. Demetrius, sed. an. 3 {Catalogus: 4)- la depositio manca. — 
Vivente nel dee. del 590 (.7-/^,1581) dopo un anno appena (sett. 591) 
per i suoi delitti fu deposto da Gregorio Magno (J-L, 1150). I dati 
cronologici delle Gesta dovrebbero essere errati. Intanto Gregorio 
dopo la deposizione di Demetrio non approvò l'elezione fatta dai 
napoletani di Paolo, vescovo di Nepi (dee. 591), spedito dal papa 
visitatore a Napoli {J-L, 1102-3). Nel febbraio-marzo del 592 Paolo 
era ancora in carica {J-L, 1170, 1179). Gregorio respinse pure nel 
decembre del 592 l'elezione di un Fiorenzo, suddiacono del papa 
{J-L, 1219). 

20. Fortunatus, sed. an. 7, d. 11 ; manca la depositio. — Molte 
lettere di Gregorio ricordano Fortunato dall'agosto 593 all'apr. 000 
{J-L, 1204-5; 1305; 1390; 1447; 1400; 1530; 1509; 1571; 1573; 
1587; 1593-4; 1001; 1005; 1029; 1034; 1039; 1092; 1098; 1708; 
1735; 1774; 1770). Fortunato fu presente al sinodo romano del 595. 
Nel luglio del 000 era passato di questa vita; e Gregorio disap- 
provava la duplice elezione di un Pietro e di un Giovanni, dia- 
coni {J-L, 1788). Dai dati cronologici delle Gesta e dalle lettere di 



228 LE Diocesi d' Italia 

Gregorio si raccoglie che Fortunato fu consacrato intorno al lu- 
glio del 593. 

27. PascLasius, sed. an. 14, d. 6; manca la deposiiio. — Dal 
gennaio COI al marzo G03 compare nelle lettere di papa Gregorio 
{J-L, 1808; 1811; 1845; 1879; 1894); dev'esser morto nel 614 o 615. 



Noia. 



Nola si legge nel Gerolimiano due volte: nel 14 gennaio: 

B, W Nola Campaniae passio sancti Felicis, 
E Nola civitate Campaniae saucti Felicis; 

e nel 27 luglio : 

E In Nola civit. Campaniae natale Felicis, 

B In Nola civit. Campaniae natale Felicis {W sancti Felicis). 

Anche nel calendario napoletano del ix secolo s. Felice di 
Nola appare due volte ; al 14 gennaio e al 20 luglio : « Natale 
s. Felicis Nolani ». Alla fine del iv e in i^rincipio del v secolo, 
come si rileva dai carmi di s. Paolino di Nola, la commemorazione 
di s. Felice cadeva nel 14 gennaio come adesso II perchè della 
seconda festa non ci è noto. II 27 luglio sono onorate con s. Fe- 
lice (cf. Cappelletti, o. c, XIX, 566) le sante Giulia e Gioconda. 
E veramente questi due nomi compaiono con s. Felice nel Gero- 
limiano in quello stesso giorno; ma non appartengono a Nola. 
Nel VI, nel v e nel iv secolo s. Felice di Nola fu assai venerato 
nell'Italia Inferiore, e fuori. Il calendario cartaginese lo ricorda 
una sola volta il 15 gennaio : « S. Felicis Nolensis ». E, probabil- 
mente, il Felix dipinto nell'antico musaico di Oapua, del quale si 
è detto, era il nostro santo. Il p. Deleliaye {Les origines dii cidle ec, 
p. 350) sospetta che la coppia Felix et Consiantius, venerata a Oa- 
sinum e a Nuceria Alfaterna, come si vedrà, sia una coppia non 
storica, ma semplicemente liturgica, e questo Felice sia lo stesso 
Felix confessor di Nola. 



LA REGIONE I - CAMPANIA - NOLA 229 

Ponzio Meropio Aiiicio Paolino, nato nel 353 a Bordeaux di 
famiglia senatoriale, nel 378 console surrogato, consolare di Cam- 
pania nel 380, ricevette il battesimo a Bordeaux nel 389, e nel 
395 e. si ritirò a fare vita spirituale e ascetica presso Nola, non 
lungi dalla tomba di s. Felice. Probabilmente egli divenne divoto 
del santo quando esercitò nella Campania l'ufficio di consolare. 
Dal 394, trovandosi ancora fuori d' Italia, scrisse ogni anno un 
carme in lode di s. Felice. Si trovano nei volumi XXIX e XXX 
del CSEL. In queste poesie egli descrive con magnifici colori l'im- 
mensa affluenza dei pellegrini al sepolcro di s. Felice, situato nel 
suburbano di Nola, specialmente nel giorno del suo natalis, e le 
numerose grazie che i fedeli ricevevano per intercessione del santo. 
Sul tumulo marmoreo di s. Felice sorgevano parecchie basiliche 
intercomunicanti, sicché da lungi presentavano l'aspetto di una 
città. E Paolino stesso ne costruì a sue spese una nuova, ricca 
di reliquie e decorata di pitture, e la fece dedicare dal vescovo 
diocesano, Paolo, nel 403 (iv., voi. XXIX. p. 290): 

Paulus in aeternos antistes dedicat usus... 

Paulus aijostolico quam (plebem Nolae) temperai ore sacerdos. 

Un'iscrizione nolana {CIL, X, 1, 1395) ricorda certe « reliquias 
sanctorum », forse quelle deposte da Paolino nel 403. Nel 366-384 
papa Damaso, in riconoscenza di una grazia ricevuta, fece porre 
presso il sepolcro del santo uno de' suoi epigrammi (Ihm, n. 61). 

Vicino al sepolcro e alla basilica di s. Felice, in un luogo detto 
Glmitile (corruzione di coemeterium), si sono trovate molte iscri- 
zioni cristiane {CIL, X, 1, 1338-1400 d), alcune delle quali risalgono 
al IV secolo. Esse rendono testimonianza della divozione degli an- 
tichi a s. Felice ; alcune lo ricordano, e altre ci informano che non 
pochi cristiani amavano di ornarsi del suo nome. Parecchi vescovi 
di Nola del v e del vi secolo vollero essere sepolti vicino alle ossa 
di s. Felice, come vedremo. 

Gregorio di Tours (f 595), mentre attende dall' Italia 1' « hi- 
storia passionis » (di s. Felice), che « non est in promptu », lo 
chiama {In gloria martyrum, 103) insignis marlyr ; ma s. Agostino 
d'Ippona (t 430) lo dice « beatissimus confessor » (Migne, P. L., 



230 LK DIOCESI d' ITALIA 

XL, 606, e XXXIII, 269), e così Uranio nella lettera (iv., LII, 860) 
intorno alla morte di «. Paolino (f 431), e, quel che più importa, lo 
stesso Paolino nei carmi pnnegirici composti dal 394 in poi, Pao- 
lino, che dal 409 al 431 fu vescovo di Nola. 

Nei carmi composti nel 397 e nel 398 Paolino {CSEL, voi. XXX, 
pp. 51 e 67) racconta che Felice nacque in Nola da un orientale, 
cioè da un Hermias sijrus, ed ebbe un fratello dello stesso» nome. 
Il padre fu soldato, e il fratello si diede alle cose mondane; ma 
Felice si volse a Dio, fu lettore, esorcista e poi sacerdote. Scop- 
piata la persecuzione. Massimo, vescovo di Nola, riparò in luoghi 
deserti e solitari. Felice non si mosse, e fu preso e posto in una 
lirigione oscura e tormentosa, dal pavimento consperso di cocci, 
legato mani, collo e piedi. Intanto Massimo, errante nei boschi, 
per il freddo e per la fame era presso a, morire ; ma di notte un 
angelo sciolse miracolosamente i ceppi di Felice, gli aprì le porte, 
dormienti i custodi, e nella stessa notte lo condusse ove Massimo 
giaceva semivivo. Dio fece nascere repentinamente uva dagli sterpi ; 
e col succo di essa Felice potè confortare il morente presule, ca- 
ricarlo su le sue spalle e condurlo nella casa di una vecchia, sempre 
nella stessa notte. Felice stette pochi giorni nascosto in sua casa ; 
e passati dei giorni, sembrando ritornare la pace, 

interea fluxere dies, pax visa reverti, 

si recò presso i suoi fratelli cristiani in Nola per confortarli. Ma 
gli odi ardevano ancora; Felice fu- cercato in sua casa, invano 
però perchè assente. Trovato in mezzo alla via, e richiesto dove 
fosse il prete Felice, rispose non saperlo. Le guardie gabbate tor- 
narono sui loro passi, ma Felice, sapendo di essere ricercato, si 
nascose tra pareti diroccate. L'Onnipotente coperse il nascondiglio 
con ragnatele cresciute in un attimo. Venuta poi la notte. Felice 
ne uscì, e riparò in una vecchia cisterna, ove ogni giorno una 
donna gli portò il cibo necessario, inconsapevole e come rapita in 
estasi. Felice dimorò in quel luogo per sei mesi, e Cristo stesso Io 
abbeverò prodigiosamente. Ma 

tempus ut hoc abiit, pax reddita coudidit enses, 
Felicemque Deus inonuit prodire latebra. 



LA REGIONE I - CAMPANIA - NOLA 231 

Il santo tornò in città, ove era morto il presule Massimo; e, 
benché i cristiani desiderassero di eleggerlo pastore, li persuase a 
volgere i loro voti sul vecchio prete Quinto ; il che avvenne. Pos- 
sedeva Felice molti predi e case, ma durante la persecuzione gli 
furono confiscati : 

Confessor proscn'ptus erat, sed pace reducta, 

egli non richiese i suoi fondi al fisco; e fu soccorso dalla pia e 
nobile Archelaide, coltivando però, senza servo, come colono un 
suo fondo. Morì pieno di età e di meriti, e fu sepolto in un pic- 
colo e povero tumulo : 

Pauper ubi primum tumulus, quem tempore saevo, 

relliglo quo crimen erat minitante profano, 

struxerat anguste, gladios trepida inter et enses, 

plebs Domini... 

... et tanti tantum sacer angulus olim 

depositus possessor erat. 

L'odierna arca di s. Felice sembra del v secolo piuttostochè 
del IV (O/L, X, 1, 1400). Nei capitelli delle colonnine che la so- 
stengono, sono scolpiti due santi con libro in mano; a sinistra si 
legge: Sanchis Felix e a destra: Sanctus Faustillns, del quale non 
si hanno notizie. 

Paolino non accenna alle fonti del suo lungo racconto; pare 
non riferisca se non tradizioni orali. Infatti, parlando del nascon- 
diglio della cisterna e del miracoloso sostentamento, scrive: 

Sex illum totos perìiibent ex ordine meuses 
... vixisse sub illa (latebra); 

e poco dopo : 

... qui (Christus) tempore fertur in ilio 
saepe illum sermone suo dignatus adisse; 

e narrando della pietà di Archelaide : 

Utque ferunt, iunctum sibiraet prò iure sodali 
usurpans animum, crebris pia corda (Pelicis) querelis 
saepe (Archelais) fatigabat... 



232 LE DIOCESI D' ITALIA 

e della piirna sepoltura dì Felice : 

Struxerat (tumulum) anguste gladios trepida inter et enses 
2)lebs Domìni, ut seris antiqua ininoribus aetas 
tradidit... 

Rispetto ai racconti delle grazie concesse da s. Felice ai fe- 
deli, io penserei a un lihellus miraculorum. Era nell'uso del tempo. 
In quanto alla vita del santo, abbia Paolino usato soltanto di tra- 
dizioni orali, anche di fonti scritte, non può esser dubbio che il 
racconto della vita di s. Felice, passando di bocca in bocca, sul 
finire del iv secolo non si fosse già infrangiato e contornato di 
fronzoli di gala. 

Paolino, lo sapesse o no, non dice quando s. Felice, e quindi 
i vescovi Massimo e Quinto, siano vissuti. Certo vissero al tempo 
delle persecuzioni; e però la diocesi di Nola risalirebbe almeno 
al III secolo; ma il tempo preciso di quei tre personaggi non ci 
fu tramandato. Nel secolo xvii il Ferrari e i Bollandisti {AS, ian., 
I, 222; febr., II, 19) pensarono che la persecuzione, in cui s. Fe- 
lice confessò la fede, fosse quella di Diocleziano; e quindi s. Felice 
e i due su menzionati vescovi sarebbero vissuti nei primi anni del 
IV secolo. Ma nel secolo xviii gli editori delle opere dì s. Paolino 
non si acquetarono all'opinione del Ferrari e dei Bollandisti, e ere- 
dettero doversi collocare l'età di Felice nel ni, o piuttosto nel ii 
secolo (MiGNE, P. L., LXI, 799-802); dicendo che Paolino non 
avrebbe cantato che la salma di s. Felice era stata sepolta da an- 
tichissimo tempo, se la tumulazione fosse avvenuta da circa cento 
anni. Infatti il santo poeta, nel carme composto nell'anno 399, 

scrive : 

... ut seris antiqua minoribus aetas 
tradidit; 

in quello scritto nel 404 : 

Et licet a veteri tumulis absconditus (Felix) aevo; 

e nel 406 : 

... tanto volulsti (o Felix) prodere slgno, 
ut tacitam et fixam per tot retro saecula sedem 
corporis, alme, tu! subito exsistente favilla 
pulveris in nostro servari tempore velles. 



LA REGIONE I - CAMPA^•|A - NOLA 233 

Altri non si contentarono del ri secolo e ne varcarono le so- 
glie. Presso il Cappelletti (o. e, XIX, 507) e presso il Ganis (p. 907) 
troviamo il vescovo Quinto nel 116-150, e Massimo nel 95-116. Io 
crederei che le frasi a veteri aevo e antiqua aelaa, specialmente in 
bocca a un poeta, si potessero spiegare anclie di circa cento anni ; 
ma l'elocuzione tacltam et fixani per tot retro saecula sedcm corporis 
fa invero una certa impressione. Infatti si stenta a capire come lo 
spazio di appena cento anni si possa cliiamare, pure in verso, tot 
fsaecula. Altri potrebbe dire che Paolino, ignorando l'età precisa 
di Felice, abbia usato una frase generale ; ma 'fatto sta che noi 
non sappiamo se Paolino ignorasse, come noi ignoriamo, la cro- 
nologia dèlia vita di Felice. Adunque, senza risalire al i o al ii 
secolo, che sembra eccessivo e ingiustificato, potremmo fermarci 
alla metà del iii; cioè quando scoppiò la persecuzione di Decio, 
e parecchi vescovi dell' Italia Inferiore, come scrivono i preti 
e i diaconi di Eoma a s. Cipriano (ep. XXXI), abbandonarono le 
loro sedi e ripararono altrove. Adunque durante la persecuzione 
di Decio, Felice, come cento altri, sarebbe stato carcerato e con 
le pene della prigionia tentato inutilmente perchè abiurasse la fede. 
Morto Decio (a. 251), e succeduti Gallo e Volusiano, sembrò vera- 
mente che la persecuzione fosse finita; quindi Felice potrebbe essere 
tornato tra i suoi per confortare i fratelli, specialmente i lapsi, che 
non furono pochi. Ma nel 257, sotto Valeriano (253-259), la perse- 
cuzione riprese; e i cimiteri e i beni dei cristiani furono sequestrati. 
Al tempo di Valeriano adunque potrebbe collocarsi il secondo na- 
scondiglio di Felice. Il successore di Valeriano, Gallieno (260-268), 
fece cessare la persecuzione e per mezzo di rescritti provvide alla 
restituzione dei beni sequestrati; ma Felice, come si è detto, non 
volle usufruire del beneficio legale, e non domandò il ricupero de' 
suoi fondi. Non sono io il primo a formulare questa ipotesi sull'età 
di s. Felice (cf. Hergenroether, Histolre de VÉglise [trad. Belet], 
I, p. 266 ; Kraus, Histoir& de VÉglise [trad. Godet e Verschaifel], I, 
p. 133; DucHESNE, Histolre anc. de VÉglise, III, 162; Tillemont, 
Mem. eccl, IV, 227 ; Allard, Hist. dee pers., Ili, 181). Tale ipotesi 
trasporta la diocesi di Nola almeno alla metà del iii secolo ; il che 
non è punto inverosimile. Potrebb'essere più antica. 



234 LE DIOCESI d' ITALIA 

Stante l'immensa celebrità di s. Felice gli autori delle Pas- 
sioni spesso se ne occuparono. Naturalmente coi loro arbitrari 
sistemi. Come si è visto, il Felix preabyter ricordato nella Passione 
di s. Cesario di Terracina, probabilmente è il nostro. Una Pas- 
sione dei ss. Felice e Adautto {BHL, 2878), martiri romani, male 
interpretando certe frasi di una iscrizione damasiana posta nel ci- 
mitero di Oommodilla in onore dei due santi, diede a quel s. Felice 
un fratello omonimo e lo creò prete. Non è improbabile die l'au- 
tore della Passione dei due santi romani pensasse al Felix pres- 
hyter di Nola. A ogni modo un altro scrittore {BHL, 2885) identi- 
ficò il Felix presbyler della Passione dei ss. Felice e Adautto col 
Felix presbyler di Nola, e immaginò che questi, vissuto in Eoma 
« sub Bracco », fosse deportato nel monte Oirceio, presso Terracina, 
a tagliar pietre (reminiscenza probabile della Passione di s. Cesa- 
rio). Ivi avrebbe guarito una figlia di Probo tribuno, e punito chi 
voleva arrestarlo (reminiscenza di s. Paolino ?). Tornato a Nola, col- 
tiva un orto (episodio tolto da s. Paolino) ; orto che di notte viene 
lavorato da ladri (reminiscenza probabile dei Dialoghi di Gregorio 
Magno); e dopo dodici anni, in giorno di domenica, muore in chiesa 
dopo celebrata la messa e data la pace ai fedeli, come nelle ri- 
spettive leggende sì narra di s. Giovanni Evangelista, di s. Severo 
di Eavenna, di s. Castrense di Sessa e di altri non pochi santi. 
Sul colle Pincio in Eoma, almeno fin dall' vili secolo, una chiesa 
era dedicata a s. Felice di Nola, detta S. Felix in Pincis. Quindi 
nacque un curioso equivoco. Si disse che s. Felice di Nola era 
stato sepolto in Pincis. Il Pincio fu così traslocato presso Nola ! 
(cf. AS, ian., Il, 233 ; aug., VI, 546-7 ; « Analecta Bollandiana », 
a. 1897, pp. 19, 23; Dufouroq, o. c, 1, 261; III, 231-9; Quentin, 
0. e, pp. 145, 166, 209, 518-522; Delehaye, Les origines du culle 
ec, p. 348). Questo S. Felix in Pincis diede luogo ad altro curioso 
equivoco. La Legenda Aurea (e. 19, pars prior) e il Natali (I. 2, 
e. 73) al 14 gennaio rammentano un « Felix presb. et mart. Eomae, 
in Pincis dictus », e spiegano che il martire così fu detto « quod 
pincis id est subulis (= succhielli) occisus est a pueris ». A scrittori 
fantasiosi quel in pincis richiamò alla mente gli stili da scrivere 
con i quali s. Cassiano d' Imola sarebbe stato trafìtto da' suoi sco- 



LA REGIONE I - CAMPANIA - NOLA 235 

lari ! Altre Passioni, come vedremo sotto Venos.a, hanno onorato 
il s. confessore di Nola sotto le spoglie di un omonimo s. Felice, 
vescovo africano, ossia hanno immedesimato questo omonimo afri- 
cano col prete nolano. Anche il martirologio lionese dell' 806 e 
Floro e Adone (ix secolo) collocarono un s. Felice martire, vescovo 
di Nola, nei giorni 27 luglio, 27 agosto e 15 novembre (cf. Quen- 
TfN, o. e, pp. 166-7, 218, 221, 217, 283). E di questo s. Felice, pre- 
teso vescovo di Nola., fu scritta una Passione {BEL, 2869), secondo 
la quale egli sarebbe vissuto sotto Domiziano imperatore e sotto 
Marciano prefetto; creato vescovo di ventiti-è attui, avrebbe pon- 
titìcato per dieci, e martirizzato sotto il prefetto Archelao; avrebbe 
ricevuto sepoltura dal prete Elpidio, che ìo avrebbe nascosto in 
un pozzo, sul quale sarebbe stata costruita una chiesa dopo la pace. 
L'anonimo autore avrà parlato di un misterioso pozzo, perchè i 
Nolani non conoscevano, uè potevano conoscere, la sepoltura di 
questo secondo Felice mai esistito. Alcuni scrittori, in appoggio 
di questa favolosa Passione, vollero che Paolino stesso nel carme 
secondo avesse parlato di un s. Felice vescovo e martire, là dove 
scrive (o. e, p. 45): 

Ecce vìas (di Nola) vario plebs discolor agmìne pingit, 
urbes innumeras una miramur in urbe (Nola). 
felix Felice tuo tibi i^raesule Nola 
inclyta cive sacro, caelesti firma patrono, 
postque ipsara titulos Romain sortita secundos ; 

ma il Felix del terzo verso non è il preteso Felix episcoptis, di cui 
il carme secondo e le altre poesie di s. Paolino non fiatano; ma 
è lo stesso Felix presbyter, che attira in Nola i pellegrini di altre 
città innumerevoli, percorrenti in lunghe file le vie della piccola 
città campana; è il cittadino {civis sacer) e il patrono {caelestis 
patroniis) di Nola, non altri. Paolino lo chiama bensì in un'apo- 
strofe poetica pretesili, non in senso proprio, ma improprio, come 
patrono della città. Adunque i citati versi non provano nulla sopra 
l'esistenza di un vescovo Felice a Nola prima del secolo v, molto 
meno nel i. Esiste dunque in Nola un solo s. Felice prete confes- 
sore commemorato oggi, come in antico^ il 14 gennaio. 



236 LE DIOCESI d' ITALIA 

Nella piccohi città di Abella, ricordata nei carmi di s. Paolino 
(o. e, p. 182), furono trovate alcune iscrizioni, forse del vi secolo 
{GIL, X, 1, 1229-30). 

I dittici di Nola, come quelli di Oapua, disgraziatamente sono 
scomparsi. I cataloghi mss. e dati alle stampe sono frammentari, 
divergenti tra loro, lacunosi e inquinati di molti errori, come si 
vedrà. I mss. risalgono al secolo xvi (cf. Iìemondine, Bella nolana 
ecclesiastica storia, I, G37, 6G4). Il più antico èdito è quello del- 
l' Uglielli. 

Felix appare in tutti i cataloghi quasi protovescovo : ma, come 
si è provato, è lo stésso Felice confessore del in secolo. 

Calionus o Galionius? — Compare nei cataloghi nolani ora al 
secondo, ora al quarto, ora al sesto posto. Ohi fu egli ? Nessuno lo 
sa dire. In tanta oscurità sia lecito identificarlo con il vescovo e 
martire di Atella Canio o Canion; forse' venerato anche a Nola, e 
in processo di tempo giudicato un vescovo diocesano, come in cento 
altri casi consimili è avvenuto. La n di Canionus sarebbesi cam- 
biata in l, come avviene tra le labiali. 

Aureliptnus. — Compare nei cataloghi, ora al terzo, ora al 
quinto, ora al settimo posto; ed è un vescovo spostato. Infatti il 
suo epitafio {CIL, X, 1 e 2, 1366), del vi, al più del v secolo, ri- 
porta: « Dps. (depositio) sane, (sanctae) m. (memoriae) domn. (do- 
mini) Aureliani », morto il 25 luglio dopo 38 anni di governo. Si 
lesse erroneamente : depositio sancii martyris domini Aureliani, e 
quindi il suo nome fu collocato nel tempo delle persecuzioni. 

1. jVIaximus, 1 Intorno alla metà del in secolo, ambedue, 

2. Quintus. ) come si è detto, ricordati in quest'ordine nei 
carmi paolìniani. 

Biifiis, 

Laureniiiis, 

Palritiits, 

Felix, 

Paidinus, 

Liiperciis. 



Un'iscrizione nolana del 786 dice: « Hoc 
quod cerni tis discite quod Lupercus (al. Lupe- 
nus) episcopus compsit et ornavit in hac ecclesia 
Lupercus ep. tìeri praecepit amore Dei et san- 
ctorum Felicis et Paulini Eufì et Laurentii et 
Patricii ». Gli scrittori locali hanno ritenuto che 



questi cinque santi siano stati vescovi nolani come Lupercus; 



LÀ UEgiONÈ ) - CAMPANIA - NOLA 23? 

hanno quindi immedesimato il Felix dell'iscrizione con il pseudo 
proto vescovo Felice sopra ricordato, o con il vescovo Felice del 
484, di cui si dirà; hanno distinto Paulinus da Paolino seniore e 
giuniore, dei quali si parlerà tra poco, facendone un Paolino III; 
e hanno distribuiti questi cinque or qua or là, secondo che cia- 
scuno ha creduto meglio, e alle volte hanno fatto risalire lo stesso 
Lupercus al vi secolo. Ma gli scrittori locali troppo leggermente 
hanno creduto che i santi di quella iscrizione siano stati tutti ve- 
scovi nolani, e quel Paulinus sia distinto dai due Paolini autentici. 
Infatti chi non riconoscerà nella prima coppia; Felix et Paulinus^ 
il s. Felice prete, patrono di Nola, e il celebre s. Paolino, suo en- 
comiatore? Nella seconda coppia : Rufiis et Lmtrentiiis, i due mar- 
tiri dipinti nell'antichissimo musaico di Oapua, cioè l'omonimo 
martire capuano e il celebre martire romano ? Patritius è il santo 
vescovo irlandese di questo nome. Infatti un a. Patritius episcopus 
fu venerato a Nola il 17 marzo, vale a dire nel dies natalis del 
s. Patrizio irlandese. Lupercus adunque, avrebbe nominato nella sua 
iscrizione prima i due protettori di Nola, quindi due martiri vene- 
rati nella Campania, in ultimo il vescovo s. Patrizio, forse il suo 
protettore particolare. 

Priscus. — Un epitaflo nolano ((7/L, X, 1 e 2, 1348) dice: 
« Hic requiescit sce (sanctae) mr (memoriae) Pi'iscus episc. » de- 
posto il 25 febbraio 523. Anche qui si è voluto leggere « sanctus 
mart3''r », e il presule Prisco del vi secolo si è trasportato nella 
prima metà del iv. 

QuodvuUdeus. — Un altro epitafio nolano (iv,, 1341) riporta: 
« [Hic rejquiescit Quodvultdeus [de]p. d[ie] pridiae nonas... ias 
con[s.] [d]ivo [ValentiJnian[o] [Villi] ». Il Cappelletti (I. e.) legge: 
Hic requiescit QuodvuUdeus episcopus ... considihus Valentiniano III 
et Eutropio, e colloca questo preteso vescovo nel iv secolo. Il Gams 
(1. e), forse indotto dall'africanità del nome, lo credette un ve- 
scovo profugo dall'Africa. Ma l'editore tedesco del GIL assicura 
di aver riconosciuta l' iscrizione co' suoi stessi occhi. Non è dun- 
que il caso di parlare di un vescovo. Quodvultdeus fu un laico 
nolano, defunto probabilmente nel 455, non un vescovo. 

Goraonius? — Non tutti i cataloghi lo registrano. Il Eemou- 



238 Lfe t)IOCESl d' ITALIA 

clini (o. e, I, 637) ucceiina al suo sepolcro « in S. Giovanni fora 
il cimifcerio ». Nel GIL non appare alcuna iscrizione cristiana di 
un Gorgonius, ma nel 527 di un semplice cristiano defunto di nome 
Gaudiosus (X, 1, 1349). Gorgonio è dunque un vescovo almeno 
incerto. 

3. Paulus: 403-t 409 e. {GSEL, voi. XXX, p. 290). 

4. Pontius Meropius Anicius Paulinus : 409 c.-f 22 giugno 431. 

— Non debbo raccontare la sua vita prima dell'episcopato né par- 
lare delle opere di lui (cf. Gennadius, De vìr. ini, e. 49; Chron. 
min., I, 630, 650 ; Bardenhewer, Patrologia, II, 267-70). Degli anni 
del suo governo poco o nulla ci è rimasto. S. Agostino (Migne, 
P. L. XL, 591-610) verso il 421 gli scrisse il suo De cura prò mor- 
tuis gerenda. La tante volte ricordata epistola del prete Uranio 
{BHL, 6558), pone la sua morte il 22 giugno del 431. 

5. Paulinus iunior: f 10 settembre 442 {CIL, X, 1 e 2, 1340). 

— Un celebre racconto di Gregorio Magno {Dialog. Ili, 1) intorno 
a un Paolino vescovo di Nola si attribuisce generalmente a Pao- 
lino seniore, ma, trattandovisi dei Vandali in Africa, sembra do- 
versi intendere del giuniore, 

6. Deodatus: f 26 giugno 473 {BHL, 2135; ^5-, iun. VII, 232-3). 

7. Felix: f 9 febbraio 484 {CIL, X, 1 e 2, 1344). 

8. Ioannes Talaia: eletto e. 484 (Liberati Breviaritim, e. XVIII, 
in Migne, P. L., LXVIII). — Giovanni Talaia, patriarca di Ales- 
sandria, dalla sua sede, come è noto, si rifugiò presso papa Sim- 
plicio (468-83) ; e sotto Felice HI (483-92) « liabens episcopi di- 
gnitatem, remansit Eomae, cui papa Nolanam dedit ecclesiam, 
quae est in Oampaniae regione, in qua plurimos residens annos, in 
pace defunctus est ». Il termine estremo del pontificato del suc- 
cessore non permette credere che gli anni plurimi dell'episcopato 
del profugo patriarca siano stati moltissimi. 

9. Theodosius : f 7 decembre 490 {GIL, X, 1 e 2, 1345). — Nel- 
1' Uglielli è stato duplicato senza ragione. 

10. Serenus: 494-5 (?) {J-L, 646); 495 (?) ; 496 {J-L, 721, 723, 
737, 743); 499; 501. — Alcuni codd. del sinodo romano del 499 
(cf. MoMiMSEN, Gassiodori Variae, p. 401, n. 51; Mansi, VIII, 283) 
per errore introducono come presenti a quell'adunanza due presuli 



LA UÈGioNÈ 1 - Campania - Nola, ec. 239 

nolani, l'uno dì nome Benignus e l'altro Serenus. Quindi gli scrit- 
tori locali lianuo registrato nel catalogo nolano, oltre il falso Be- 
nigno (499), due Sereni : un Serenus nel 493-6 incirca ; e un altro 
' Serenus nel 502-3, tenendo conto delle sottoscrizioni dei falsi si- 
nodi simmacliiani, ove il medesimo Serenus ricompare nel 503. — 
L'Ewald in « Neues Arcliiv » (an. 1879, p. 524) identifica un Se- 
renus, destinatario di un'epistola di Gelasio I (J-L, 733), col nostro; 
ma questi fu vescovo dei Bruzzì. Y. Squillace. 
Benignus, 499. — V. sopra. 

11. Priscus: f 25 febbraio 523 {GIL, X, 1 e 2, 1348: di questo 
epitafìo si è detto sopra). 

12. Leo,: 536, legato della Sede Apostolica a Costantinopoli 
(Mansi, Vili, 877-1142). — Nel CIL (X, 1 e 2, 3362) si legge 
l'iscrizione sepolcrale della sorella del vescovo morta nel 547. II Ee- 
mondini (v. II) pretende di aver letto l'epitalìo del nostro Leone con 
queste parole: « Leo primus episcopus credo resurgere ». Ma questa 
iscrizione è ignota al CIL. In esso al n. 1380 ne compare un'altra 
simile, ma con diverso nome : « Ego Senatus episcopus credo resur- 
gere ». Il Eemondini dovrebbe aver decifrato male l'antico marmo. 
Intanto 1' Ughelli, probabilmente indotto da quel falso Leo primus, 
dì suo arbitrio ha collocato nel vi secolo anche un Leo secundns. 

Basilius? di cui il Eemondini stesso dichiara conoscere «solo 
il nome». Donde è nato? Forse è l'omonimo di Oapua? 

13. Aurelianus. -- Il suo epitafìo ^enne già riportato. E perchè 
esso risale, probabilmente al vi secolo, e concede ad Aureliano 38 
anni di governo si può pensare che abbia tenuto la sede nolana 
tra Leo (a. 536) e Gaudentius (a. 594). 

14. Senatus. Il suo epitafìo, sopra riferito, verosimilmente ap- 
partiene anch'esso al vi secolo. 

15. Gaudentius: 594 (J-L, 1328); 595 (J-L, 1344). 

Abellinum (Atripalda presso Avellino). 

In Atripalda presso Avellino esistette un cimitero sotterraneo, 
nei dintorni del quale furono trovate alcune iscrizioni antiche, l'una 
{CIL, X, 1, 1191) con le date consolari dell'anno 357. Vi si dice 



240 LK DIOCESI d' ITALIA 

che il defunto fa « cum sanctis sociatus ». Questa frase è molto 
generica, e non proverebbe necessariamente che il cimitero dell'an- 
tica Abeliinum contenesse corpi di martiri. Ma un'altra iscrizione; 
del levita Eomolo, non lascia alcun dubbio (iv., 1195). Essa dice: 
« Eomulus levita amore sancti Sabini episcopi sui puro corde se- 
cutus est... ante specum marlyrum ». Dunque e il vescovo Sabino 
e il suo diacono Komolo erano sepolti nella catacomba di Abel- 
iinum, secondo l'antichissimo costume, innanzi a un sepolcro di 
martiri. Una terza iscrizione (iv., 1194) contiene una lode metrica 
di questo vescovo Sabino: 

Testatur praesul sedis reparata Sabine 
auctoris cleri lucida facta sui; 

che avrà restaurato una chiesa, o altro. 

Ohi erano questi martiri ? Una Passione (BHf^, 4054-5) pone in 
Abeliinum un s. Hyppolistus, prete antiocheno, martirizzato il 1** 
maggio sub Diodetiano con vari compagni ; somiglia molto a quella 
di s. Erasmo. Questo Hyppolistus può bene identificarsi con l'Ip- 
polito, che vedevasi nel musaico di Capua Vetere; oggi sepolto 
sotto l'ipogeo della chiesa principale del paese, riposava nel cimi- 
tero dell'antica Abeliinum (cf. G. A. Galante, Il cemetero di s. Ipo- 
Usto rnart. in Atripalda, Napoli, 1893, estr. dal voi. XVI degli 
« Atti dell'Accademia di Archeologia, Lettere e Belle Arti » di 
Napoli; « Bull, d'arch. crist. », an. 1894, p. 116 sg.). 

I mentovati Sabino e Eomolo sono venerati in Avellino come 
santi, e il loro anniversario cade nel 9 febbraio, cioè nello stesso 
giorno dedicato al celebre s. Sabino, vescovo di Oanosa {AS^ feb., 
II, 332). Non sarà inutile osservare che il titolo sanctus., dato al 
vescovo Sabinus nell' iscrizione, era un semplice titolo d'onore, co- 
mune nello stile di quei tempi. 

Un'altra Passione {BHL, 5980-81) riferisce che un vescovo di 
nome Modestino, un Florenzio prete, e un Flaviano diacono, tutti 
e tre antiocheni, sarebbero stati uccisi in Abeliinum sotto Diocle- 
ziano il 14 febbraio. Ma nulla si conosce di questi santi al di fuori 
della loro Passione, foggiata del resto su quella di s. Erasmo di 
Formia, come quella di s. Ippolisto. Secondo un altro documento 



LA tlÉGIOtJE I - CAMPANIA - ABÈLLINUM (AtftlPALDA) 241 

agiografico, questi tre sarebbero stati traslati, o trovati, in Avel- 
lino nel secolo xii, al tempo dei Normanni {BHL^ 5982). Pare che 
la Passione non sia anteriore all' invenzione o alla traslazione delle 
reliquie, forse non di santi locali. Quel Modestino o Modesto è 
venerato in molti luoghi della Italia Media (v. Benevento). 

1. Sabinus, sec. v-vi. — Gli scrittori locali pretendono (presso 
1' Ughelli, Vili, 190) che il loro vescovo Sabino sia stato battez- 
zato e mandato colà da s. Pietro apostolo ; ma lo stile e il tenore 
delle due citate iscrizioni è la più eloquente confutazione di cotale 
opinione; esse non possono appartenere al i secolo. Può darsi che 
il « Sabinus episcopus campanus » che nel 525 (cf. Testi, Godex 
poni. eccl. raven., pp. 110-12) accompagnò Giovanni I a Costanti- 
nopoli con altri vescovi italiani, sia il nostro. 

Anonimo. — « Ex antiquo chronico », scrive l' Ughelli (VIII, 
191). Il Zigarelli {Storia della cattedra di Avellino, Avellino, 185G, 
I, 1), per giustificare la presenza di questo ignoto anonimo al se- 
condo posto del catalogo, scrive con mirabile semplicità : « Se c'è 
il primo (Sabino), c'è il secondo » ! 

Alexander. — Una Passione di s. Alessandro {BRL, 273) pone 
al ventesimo miglio della Via Clodia il martirio di un vescovo di 
questo nome. Pare che Alessandro abbia tenuto il seggio episco- 
pale di Forum Olodii, come sì dirà nell' Etruria. Anche presso 
Abellinum sorgeva un Forum Clodii; e ciò è bastato perchè il 
s. Alessandro dell' Etruria fosse traslocato ad Avellino. 

Modeslinus. — Il 14 febbraio è venerato in Avellino un s. Mo- 
desto o Modestino. Una Passione molto recente, che riproduce 
quasi alla lettera quella di s. Erasmo di Eormia (BJSZ, 5980-1), Io 
rappresenta come un vescovo d'Antiochia, o vissuto in Antiochia, 
sub Diocletiano (284-305). Presso l' Ughelli (1. e.) questo s. Modesto 
diventa un patriarca antiocheno, trasferito dalla città dell' Oronte 
alla sede di Avellino! Cosa assurda; molto più se si consideri che 
un Modestus o Modestinus non compare nel catalogo vescovile di 
Antiochia né sub Diocletiano né in altro tempo. Forse in Avellino 
si sarà ragionato presso a poco così: se la vicina Nola ebbe per 
vescovo un ex- patriarca di Alessandria, Giovanni Talaia, perchè 

16 



242 LE DIOCESI d' ITALIA 

non anche Avellino un ex-patriarca di Antiochia? Intanto è da 
sapersi che un s. Modesto è venerato in Benevento lo stesso giorno 
2 ottobre, come levita e martire, e in Oapua il 12 e 14 febbraio, 
e forse è lo stesso personaggio. Se in tanta oscurità è lecito ricor- 
rere a congetture, propenderei a credere che questo s. Modesto 
martire sia Io stesso che compare nel Gerolimiano il 12 febbraio 
(cf. AS, febr, II, 580), forse un martire africano. 

2. Timotheus: 495 (?); 496 (?) (J-L, 737); 499. 

Hormisda. — Il Liber Pont, scrive che papa Ormisda (514-23) 
fu « natione campanus de civitate Fresinone ». Gli Avellinati si 
sono persuasi che egli fosse traslocato a Eoma dalla loro sede. 
Cosa straordinaria, che il Lib. Pont, non avrebbe taciuto. 

Syluerius. — Secondo il Lib. Pont., Silverio papa (53C-7) fu 
« natione campanus ex patre Hormisda pont. romano ». Scrittori 
avellinati, forse memori dell'antico adagio qualis pater, talis filius, 
anche al figliolo hanno concesso il seggio della loro città prima 
del pontificato supremo. Sistemi curiosi di comporre le storie! 

loannicius. — Un epitafìo trovato in Avellino {GIL, X, 1 e 2, 
1192) ha: « Hic requiescit in paco Dei servus IOannicius venera- 
bilis presbyter qui vixit ann. LXXX, evocatus a Domino die XIII 
kal. aug. (=20 luglio) Basilio viro clarissimo (= 541) sedit ann. XXI ». 
Questo semplice prete è stato creato vescovo di Avellino e inse- 
rito nel catalogo. 

Nuceria Alfaterna, Constantia (Nocera dei Pagani). 

Nocera appare nel Gerolimiano due volte: il 16 settembre: 
W, B Et in Noceria Prisciani (E Prisizani); 

che dev'essere lo stesso personaggio del 12 ottobre: 
E, W, B In Campanie... Prisciani. 

Essa ritorna il 15 settembre : 

W, B, E Et in Nuceria Campanie Constanti; 

il 17: 

W, B, E Et in Nuceria natale Constantì; 



LA REGIONE I - CAMPANIA - NUCEftlA ALPATERNA (nOCERA DEI PAGANl) 243 

il 18 : 

E In Nucer... Item Pelicis et Constantiae; 

il 19: 

W, B In Nocerie... (o Noceria) Item Felicis et Constantiae qui passi sunt 
sub Nerone; 

e il 20: 

B Constantiae Felicis. Et in Noceria Item B^elicis Item Constantiae, 
E Et in Nuceria Felicis... Constantiae Item Felicis Item Constantiae, 
W Felicis Constantiae Et in Noceria Felicis Constantiae qui passi sunt sub 
Nerone. 

In quanto al primo, Paolino di Nola, nel poema XIX (vv. 515 
e segg.) in lode di s. Felice, racconta che nella basilica del suo 
santo patrono avvenne un prodigio nel giorno che celebravasi 
l'anniversario di un s. Prisco, vescovo di Nocera: 

Forte sacrata dies illuxerat illa beati 
natalem Prisci referens, quem et Nola celebrat, 
quamvis ille alia micerinns episcopus urbe 
sederit... 

Natalis beati Prisci nucer ini episcopi: così nella prima metà 
del secolo v parlavasi dell'anniversario di un confessore o di un 
martire. Priscus e Priscianus possono considerarsi uno stesso nome. 
Sembra adunque che il Priscus vescovo di Nocera di s. Paolino di 
Nola debba considerarsi come un solo e medesimo personaggio col 
Priscianus del Gerolimiano. Il calendario napoletano del ix secolo 
commemora nel 22 settembre la Passio Focae et Prisci. Foca è cer- 
tamente un santo orientale, ma Prisco può essere il vescovo di 
Nocera. Il p. Delehaye {Les origines ec, p. 351 ; cf. Quentin, o. c, 
pp. 340 e 583) inclina a credere che questo Prisco, vescovo nuce- 
rino, sia lo stesso Priscus che si vedeva dipinto nel musaico di 
Oapua Vetere e n 1 Gerolimiano appare il 1° settembre sotto Oapua. 
kSc è così, s. Prisco, vescovo di Nocera, celebrato il 1° settembre 
ili Onpua, come tanti altri vescovi antichi autentici della Campania 
(v. Sessa) sarebbe stato trasfigurato dalla leggenda {BEL, 1644-5) 



S44 LE blOCÈsi d' ITALIA 

in un presule africano cacciato dai Vandali in Campania in odio 
alla fede cattolica. 

Oggi Nocera celebra il suo s. Prisco al 9 maggio, e legge una 
Vita {BHL, G931) mólto recente e piena di errori. Vi si dice che 
il santo sarebbe stato uno dei 72 discepoli e sarebbe morto sub 
Nerone (cf. Gennaro Gelando, Storia di Nocera dei Pagani, I, 205, 
Napoli, 1884). Probabilmente questa leggenda deriva dalla fantasia 
di Adone (cf. . Quentin, Les martyrologes historiques, pp. 329, 340, 
438 e 583), il quale suppose che il nostro Priscus venerato il 1° set- 
tembre, puramente in grazia del suo nome fosse stato « de illis 
antiquis Christi discipulis »: 

In quanto a Oonstantius, o Oonstantia, che si legge solo nel 
15 e 17 settembre, alcuno potrebbe dubitare che questa Constantia 
sia il nome stesso della città di Nocera, detta altrimenti Constantia. 
E vero però che un Oonstantius si incontra nel cod. E del Ge- 
rolimiano al 1" settembre sotto Oassino: « Et in Gasino Oon- 
stanti »; e nello stesso giorno nel cod. richenoviense, breviario del 
cod. E: « In Oassino Oonstantii et Felicissimi ». E una Passione 
nota alla recensione dei codici B e W del Gerolimiano (cf. AS, 
sept., VI, p. 7, num. 8), e quindi anteriore all'viii secolo, oggi per- 
duta, associava Gostanza a Felice nel martirio, e li poneva ambedue 
sotto Nerone. Di questa Passione pare avesse cognizione Adone 
(sec. ix) nel suo Martirologio. Ciò non autorizza certo a credere che 
Felice e Costanza fossero martirizzati nel secolo i, perchè quando 
il Gerolimiano fu compilato, cioè nel v o nel vi secolo, circolavano 
tra i fedeli parecchie Passioni o Gesta, ad esempio quelle di Ger- 
vasio e Protasio, di Nazario e Celso, ec, che arbitrariamente as- 
segnavano questi martiri alla prima persecuzione; ma non è di- 
sprezzabile argomento per l'autenticità del martirio di Costanzo. 
Il p. Delehaye (o. e, p. 350) sospetta, non senza ragionevole 
motivo, che il s. Felice ricordato sotto Nocera (e perchè non 
anche sotto Oassino?) possa essere il celebre omonimo confessore 
di Nola. 

Nocera {CIL, X, 1, 1108-9) possiede alcune iscrizioni cristiane 
non datate. 



DA REGION'E ì - CAMPANIA - NUCRRIA ALFATEIINA (nOCERA DEI PAGANl), EC. 245 

1. Priscus, secolo iii-iv. — Vescovo autentico di Nocera per 
la testimonianza di s, Paolino, non però del secolo i, ove fu posto 
senza ragione, ma piuttosto del in o del iv. 

2. Felix: 401-17 {J-L, 314). 

3. Aprilis: 502. 

4. Laurentius. — Narra la Vita SymmacM del Lib. Poni, che 
nel 498 avvenne in Eoma una duplice elezione. Alcuni si dichia- 
rarono per Simmaco, che fu riconosciuto legittimo papa; altri per 
« Oaelius Laurentius archypresbiter tituli Praxidis ». Ee Teodo- 
rico, richiesto del suo giudizio, si pronunziò per Simmaco. « Eodem 
tempore Symmachus congregavit synodum et constituit Laurentium 
in Nuceritìam civitatem episcopum intuitu misericordiae ». Vittore 
Tonnennense {Chron. min., II, 192) aggiunge: « qui dum Nuce- 
riae civitatis episcopus nollet esse contentus^ synodo Eomae facta 
e coetu est sacerdotali proiectus ». Ignoriamo il tempo preciso 
dell'elezione di Lorenzo a vescovo nucerino e della sua deposi- 
zione. Nel 499 Oaelius Laurelitius sottoscrive ancora come archy- 
presbiter ; ma nel 506 (Mansi, VIII, 177) viene detto « invasor 
Sedis Apostolicae » e scismatico, 

5. Numerius, 593, eletto {J-L, 1244). 

6. Primenius: 598 {J-L, 1569). 

« Nucerinus episcopus », 601 {J-L, 1846). Era ancora Pri- 
menius ? 



Stabiae (Castellamare). 

Nel 1878. furono scoperti alcuni epitafì cristiani nel sito ov'è 
la cattedrale, giudicati dal de Eossi appartenere a un cimitero 
stendentesi in quel luogo nei primi tempi della pace, o anche 
in epoca anteriore a Costantino (cf. « Bull, d'arch, crist. », an. 
1879, pp. 118-127 ; Cosenza, Il cimitero e la cappella stahiana di 
S. Biagio, Napoli, 1898). Una di queste iscrizioni spetta al 401 
{CIL, X, 2, 8139-42). Un'altra {CIL, X, 1, 786) appartiene al vi 
secolo. 

Della presenza di cristiani e d' israeliti in Pompei (Pompeii, 



246 LE DIOCESI d' ITALIA 

situata tra Niiceria e Stabiae), prima della celebre catastrofe del- 
l'anno 79 non si hanno indizi certi.' 

1. Ursus: 499. 

2. Laurentins: consacrato 27 febbraio (domenica) 600-t 27 feb- 
braio 612. — Il suo epitafio è presso l'Ughelli (VI, 636); manca 
nel GIL perchè entra nel secolo vii. 



Surrentum (Sorrento). 

Possediamo un'iscrizione cristiana di Sorrento dell'anno 527 
(cf. « Nuovo Bull, d'arch, crist. », an. 1907, p. 326). 

Il martirologi di Floro e di Adone (ix secolo) hanno posto 
sotto Sorrento nel 19 marzo alcuni martiiU ; ma l'attribuzione è 
assai dubbia, come fin dal xvii secolo sospettava l'antico Bollan- 
dista (cf. QuENTiN, 0. e, pp, 329, 421, 481; AS, mart. Ili, 27-8). 

Anonimo predecessore di Renato^ ) La Vita di s. Antonino, 
1. Eenatus, età incerta. ) abate di Sorrento 5/fL), 582), 

scritta nel ix secolo o poco dopo, ci presenta come protettori 
di Sorrento, oltre il detto Autoninus, un « venerabilis Renahis, 
calvus, barba pi^lixa, canus, maturus »; un Athanasius e un Ba- 
chulus « ambo senes, ambo barbam rasi, sed alter calvus, alter 
caesariae crispus »; « quartus vero iuventutis gratia floridus Va- 
lerius ». Forse l'anonimo autore della Vita raccolse questi dati 
fisionomici da pitture esistenti a suo tempo nella cattedrale di 
Sorrento. Questi quattro santi sono considerati come vescovi della 
città e venerati : s. Atanasio il 26 gennaio {AS, ian.. Ili, 347), 
s. Baculo il 29 {AS, iv., 565), s. Valerio il 16 {AS, ian., II, 393) 
dello stesso mese e s. Kenato il 6 ottobre {AS, oct.. Ili, 380). 
Quest'ultimo nello stesso giorno compare nel calendario napoletano 
del IX secolo: « Natale s. Eenati in Sorrento ». 

La chiesa di Angers di Francia possedette, dal vii secolo, una 
Vita di s. Maurelio, vescovo di questa città dal 423 e. al 453, 
scritta dal suo successore Magnobodus nel 619 o 620. In progresso 



LA REGIONE I - CAMPANIA - SURRENTUM (sORRENTO) 247 

di tempo, per accreditare la meravigliosa leggenda di nn s. Eenato 
fanciullo, che sarebbe morto senza cresima per colpa di s. Maii- 
relio, dopo sette anni sarebbe stato resuscitato dallo stesso pio 
vescovo, e diventato suo successore nel seggio di Angers, nel 905 
un Arcanaldo diacono scrisse sotto il falso nome di Gregorio di 
Tours una nuova Vita di s. Maurelio con l'episodio miracoloso che 
si è narrato. Ma Eenatus è nome ignoto all'antico catalogo ve- 
scovile di Angers (cf. Duohesnb, Fastes éplscopaux de Vancienne 
Gmde, IP, p. 347 e segg.), e l'episodio di Renato doveva circolare 
prima del 905 ; infatti Agnello, storico ravennate del ix secolo, 
attribuisce un fatto somigliantissimo a Damiano, arcivescovo di 
Eavenna (cf. ediz. Holder Egger, pp. 360-1). Intanto questa leg- 
genda di s. Renato, vescovo di Angers, divenne famosa nel me- 
dioevo ; e uno scrittore anonimo sorrentino, forse non prima del 
mille, si persuase che il su detto s. Eenato patrono della città 
campana fosse da identificare con lo stesso miracoloso vescovo di 
Angers, e ne scrisse una Vita {BHL, 7115-18), nella quale il s. Ee- 
nato di Angers, viene a Sorrento, succede a un anonimo, e in Sor- 
rento muore e viene sepolto. Ecco la ragione perchè il catalogo 
di Sorrento prima di s. Eenato registra un anonimo. E tolto da 
questo documento. Inoltre la falsa identificazione del s. Eenato di 
Sorrento con quello di Angers, presunto successore di s. Maurelio, 
costrinse i sorrentini a collocare il loro s. Eenato nel v secolo. Ma 
noi non siamo legati da questa infondatissima ipotesi degli antichi 
sorrentini, e il vero s. Eenato sorrentino può essere vissuto prima 
ed essere stato il protovescovo di Sorrento. Nel secolo vii {BHL, 
7179-81) a Sorrento sarebbero avvenuti dei miracoli per interces- 
sione dei ss. Eenato e Valerio. 

2. Athanasius, età incerta. — Gli scrittori sorrentini lo distin- 
guono, credo giustamente, da quel s. Atanasio, vescovo di Napoli 
che visse nella seconda metà del ix secolo. L' Ughelli (VI, 599, 
605) lo assegnò con Baculus al vii secolo, e il Oapasso {Memorie 
storiche della chiesa sorrentina, Napoli, 1854), conservando Baculus 
nel VII, inalzò Atanasio al vi secolo. Ma nulla vi è di sicuro. Forse 
s. Atanasio è più antico del vi secolo. 

3. Baculus, età incerta. — L' Ughelli (VI, 605) lo pose nel vii 



248 LE DIOCESI d' ITALIA 

secolo. I BoUandisti nel 1898-9 {BHL, p. 138) seguirono l'Ughelli: 
« Baculus ep. Surrentiuus, circa a. 6G0 ». Ma la Ylta s. Baculi 
{BHL, 894), nella parte che tratta dell'episcopato del suo eroe, non 
contiene alcun dato cronologico sul tempo del medesimo. Nulla 
quindi impedisce credere elio egli abbia appartenuto al iv o al v 
seco'lo. 

4. Valerius, età incerta. — Era venerato come santo non solo 
nel IX (BHL, 582), ma nel secolo vii {BHL, 7179-81). Forse questi 
primi quattro vescovi si succedettero l'un dopo l'altro prima di 
Eosarius. 

5. Eosarius : 499. 

6. Ioannes: 591 (J-L, 1110, 1122); 595; 598 (J-L, 1569, 1587); 
t 599-600 (J-L, 1773). Compare nel falso diploma J-L, f 1239. 

Anonimo, eletto ma giudicato « non aptus » da Gregorio Magno 
{J-L, 1774). 

7. Amandus, eletto 600 {J-L, 1773-4); consacrato 22 marzo 600; 
f 13 aprile 617. — L'epitafio è presso l' Ughelli (VI, 599) ; manca 
nel CIL perchè entra nel vii secolo. 

Leontius. — Il Gerolimiano al 19 marzo ha : « Leontii episcopi. 
Surrenti ec. Il cod. ha interpretato erroneamente : « Leontii epi- 
scopi sorrentini ». 

Amalphia (Amalfi). 

E venerata in Minori (presso Amalli e Picenza, l'antica Pi- 
centia) una s. Trofima o Troflmena, il 5 luglio oppure il 5 novembre. 
Ohi essa fosse, male si può raccogliere da un documento recente, 
che parla di un'invenzione e di due traslazioni miracolose, che 
sarebbero avvenute nel secolo ix, l'ultima delle quali il 13 luglio. 
Questo documento non irretendo che s. Trofima fosse una martire 
locale ; racconta che essa, fuggendo dalla Sicilia al tempo dell' ido- 
latria, sarebbe morta in mezzo al mare, e pervenuta al lido di 
Minori, ove avrebbe ricevuto sepoltura. Questa leggenda, come 
il lettore si sarà accorto, è somigliantissima alla leggenda di s. Ee- 
stituta di Napoli, sopra ricordata (cf. BHL, 8316-8; AS, iul., II, 
231 e 238 n. 24). 



LA REGIONE I - CAìMPANIA - AiMM.PHlA (aMALFI) 249 

Veramente il Geroliiniano ricorda una Trotima vergine, tanto 
nel 5 luglio: 

B In Sicilia Ag-athonis. Triiìnae, 
E In Sicilia Agatlionis. Et Triflnae, 
W In Sicilia Agathoni. Trifonis; 

quanto nel 13 luglio : 

B In Alexandria Serapìonis. Trofimì... Item Troflmae virginis, 
E In Alexandria Serapionis. Et Trofimae... Trophimae virgiifis, 
W Tropiraei... Trofemae virginis; 

e credo non possa dubitarsi che la Troiìma di Minori non sia da 
cercarsi in questi due elogi ; perchè essa appunto , è venerata il 5 
luglio, e nel 13 si commemora una sua traslazione. Ma non è il 
caso di pensare a due sante omonime, perchè il doppio elogio del 
Gerolimiano può spiegarsi molto facilmente con uno dei soliti 
scambi: nel caso presente tra III non. ini. (=5 luglio) e 111 id. 
mi. (= 13 luglio). Trofima del 13 luglio è congiunta incidentalmente 
con un Serapione di Alessandria, come nel 5 con un Agatone di 
Sicilia (meglio : con s. Agata dì Sicilia, perchè in Agathonis bisogna 
riconoscere la celebre martire di Catania Agathenis, da Agaihe, 
trasformata in Agathonis da un imperito copista). Trofima tanto 
nel 5 quanto nel 13 luglio, ove il suo nome è ripetuto di nuovo 
con l'appellativo di vergine: « Item Trophimae virginis », fa da 
se, e non ha legami di sorta né con s. Agata di Sicilia né con 
Serapione di Alessandria. Eesta a sapersi chi sia questa s. Trofima 
del 5 e del 13 luglio, che non appartiene ne alla Sicilia né ad 
Alessandria. Il Gerolimiano conosce una sola santa Trofima o Tro- 
fìme, quella del 2 giugno; cioè una del celebre gruppo di martiri 
caduti a Lione nel 177. Il « Trofimi Serapìonis » del 5 decembre 
probabilmente è un'eco dell' « In Alexandria Serapìonis et Trofime » 
del 13 luglio. E forse nell'elogio del 5 e del 13 luglio bisogna rico- 
noscere una reduplicazione della Trofima del 2 giugno. La redu- 
plicazione è tanto più facile a spiegarsi quando si pensi a una 
solita confusione tra IlII non. iun. (= 2 giugno) e III non ini. (= 5 
luglio) e III id. iid. (= 13 luglio). Una s. Trofima v. e m. è scono- 
scinta all'antica agiologia siciliana. E dunque probabile che la mar- 



250 LE DIOCESI d' ITALIA 

tire venerata a Minori sia quella lionese; quantunque le lezioni 
false del Gerolimiano abbiano deviato gli scrittori medievali di 
Amalfi. Lo stesso giorno 5 luglio è venerata, almeno dal xvi se- 
colo, in S. Severino (Marche) una ignota s. Philumena {AS, iul, II, 
229), che potrebb'essere la s. Tropliimena di x\malfl. 

Presso Amalfi fu scoperta una basilica cristiana del iv secolo; 
e un'antica iscrizione cristiana amalfitana viene attribuita pure al 
quarto secolo (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1881, p. 94; OIL, 
X, 1, 672). 

1. Pimenius: 596 (J-L, 1403). 



Salernum (Salerno). 

In Salerno sono venute in luce iscrizioni sepolcrali, se non erro, 
anteriori al v secolo, come l'epigrafe: « Lucilla in pace » {GIL, 
X, 1, 664-74). 

Una Passione che imita quella di s. Cesario di Terracina, narra 
che tre vergini, di nome Archelaa, Tecla e Susanna, venute da 
Eoma a Nola, vi furono martirizzate sotto Diocleziano (altri dice: 
sotto Decio) il 18 gennaio. I loro corpi, scoperti per divina rive- 
lazione (in epoca relativamente assai recente), sarebbero stati tra- 
sportati a Salerno {BHL, 660-1; AS, ian., II, 555-7). Adunque 
queste tre sante vennero da Eoma a Nola. Con le reliquie pura- 
mente, in persona? Non si direbbe che Susanna sia la celebre 
martire romana, e Tecla la famosa vergine d' Iconium degli Acta 
Pauli? E Archelaa? Paolino, nel carme quinto in onore di s. Fe- 
lice di Nola, racconta che, uscito il confessore dal suo ultimo 
nascondiglio dopo la persecuzione, non volle fare richiesta per es- 
sere riammesso in possesso de' suoi beni; e fu vsoccorso da una 
pia e nobil donna nolana, di nome Archelais, 

tam sancta fide quam stemmate clara 
dlves opum vidua et sanctum piotate fideli 
Felicem venerans atque illa cara vicissim. 

La compagna di Susanna e di Tecla è questa pia Archelais? 



LA REGIONE I - CAMPANIA - AMALPHIA (aMALFi) 251 



1. Bonosus, 

2. Gramatius, 

3. Verus, 



In Salerno questi cinque sono conside- 
rati vescovi della città; e riscuotono culto 
come protettori, il primo nel 14 maggio 

4. Eusterius, i {AS, mai, III, 373), il secondo nell'll ot- 

5. Valentinianus.j tobre (iv., oct., V, 671) il terzo nel 23 (iv., 
oct., IX, 47), il quarto nel 19 dello stesso mese (iv., oct.. Vili, 
436) e il quinto nel 3 nov. (ìv., nov., I, 657). Gli scrittori locali 
hanno disputato molto sul tempo del loro governo, ma senza alcun 
risultato, perchè i documenti sono muti affatto. 

Oyrinus? ) Questi due santi sono pure venerati nella 

Quingesius? ) cattedrale con i primi cinque e ritenuti del pari 
vescovi della città (cf. Ughelli, VII, 349). I loro corpi sarebbero 
stati trasferiti in duomo nel x secolo da Paiano, pago dell'agro saler- 
nitano. Del secondo si celebra la festa il 5 decembre. In mancanza 
di documenti su questi due presuli, sia lecito ricorrere a ipotesi. 
Una lettera di Gelasio I {J-L, 743) del 496 ai vescovi Quinigesius 
e Oonstantinus riprende 1 chierici di Nola Felice e Pietro, recatisi 
a Eavenna presso ré Teodorico contro il volere del loro vescovo 
Sereno. Ohi furono i destinatari della lettera? Molto probabilmente 
due vescovi campani. Ora un Oonstantinus tenne il seggio di Oapua 
nel 487 e 499. Verosimilmente la detta epistola gelasiana fu indi- 
rizzata a lui. Un santo di nome Quingeshts, contrazione di Quini- 
gesius, e venerato in Salerno come antico vescovo di questa città. 
Perchè non sarebbe egli il vescovo campano destinatario dell'epi- 
stola gelasiana, collega di Oostantino di Oapua I Due altre epistole 
di Gelasio I {J-L, 654 e 712) l'una del 494-5, l'altra del 496, furono 
spedite a un vescovo Quinigesius. E perchè non al santo vescovo 
Quingesius di Salerno? Indizi non mancano. Infatti nella prima il 
pontefice raccomanda a Quinigesius un Antonio padre di Telesino 
convertito dal giudaismo. La città di Telesia (Telese), fra il secolo y 
e VI, apparteneva alla Campania. Quindi il vescovo Quinigesius non 
doveva risiedere lontano di là. 

6. Gaudenti US : 499. 

7. Asterius: 536 (Mansi, Vili, 877-1141; legato della Sede 
Apostolica a un concilio in Oostantinopoli) ; 555-60 {J-L, 958). Si 
sarebbe tentati d' identificarlo con il precedente Eusterius ; ma la 



252 LE DIOCESI d' ITALIA 

penuriii delle fonti impone di andare guardinghi. Il Paesano {Me- 
morie, Napoli, 1846, p. 12) prepone Bonoso e Gramazio a Gau- 
denzio e Asterio, e a questi due pospone Vero, Eusterio e Valen- 
tiniano; ma senza alcuna ragione. 



Acerra, Aequana, Sinuessa, Suessula, Abella. 

1. Presso il Gams (p. 844) Acerra, tra Napoli e Caserta, nel 499 ha un ve- 
scovo di nome GoncorcUus. Ma nessun prelato omonimo era presente al sinodo 
romano di quell'anno. Nel 501 e 502 vi sedette bensì un GoncorcUus ma di Mi- 
senum. 

2. 11 compilatore del CIL pone in Aequana (Vico Equense tra Stabiae e 
Sorrento) una sede episcopale « satis antiqua » ; ma confonde Aequana con 
Aecana dell'Apulia. 

3. In Sinuessa (tra Suessa Aurunca e Forum Popilii, oggi Mondragone) 
sono venerati (1 luglio) i ss. Casto e Secondino, vescovi e martiri, di cui si è 
detto (v. Sessa); e l'Ughelli (X, 165) li ritiene vescovi di Sinuessa. Nella Cam- 
pania sono del pari venerati (22 maggio e in altri 'giorni) i ss. Cassio e Casto, 
martiri e vescovi, e un documento di Calvi (Ughelli, X, 236) vuole che Cassio 
fosse vescovo di Sinuessa e Casto di Calvi. Ma i ss. Casto e Secondino, Casto 
e Cassio, venerati in molti luoghi della Campania furono vescovi africani, come 
si è detto di sopra, non campani. 

4. L'Ughelli (X, 164) crede che Suessula (Sessolà) anticamente fosse diocesi, 
di cui sarebbesi perduta ogni memoria ; ma egli afferma ciò senza alcuna prova. 
Papa Pelagio (558-560) parla {J-L, 976) di una « i)arochialis ecclesia Sessulana », 
ma come parte della diocesi di Nola. 

5. La diocesi di Abella (Avella) non compare mai nei documenti ; questa 
piccola città è ricordata da s. Paolino di Nola in un carme in lode di s. Felice 
(cf. CSEL, voi. XXX, p. 182, vers. 726). Un'iscrizione trovata presso Abella 
{CIL, X, 1, 1229) è del seguente tenore: « [Hi]c requiescit in pa ie (pace?)... 
Comitiolus arhc. beate Marine mart. temporibus suis omnia confortabit iesia 
anc. beati Petr. ic. post annos C aedifìc (aecclesiam beati Petri hic post an- 
nos C (?) aedificavit ?) et sedit ann. XXX et bixit ann. XXXXXXXXX p. est. 
die. » (depositus est die ... ?). L'originale è perduto, quindi si spiegano le incerte 
lezioni di una copia fatta da poco esperto lettore. Il compilatore del CIL dubitò 
fosse anteriore al secolo vii, ma il Duchesne (Les évéchés d'Italie ec. 1, 102; 
II, 397) la ritenne del vi ; anzi credette che quel Comitiolus (un tal nome, raro, 
s'incontra nel Begistrwn Gregorii [XIII, 47] al 603) fosse un vescovo di Abella. 
Arhc della copia dovrebbe leggersi, non arcliipresbyter, ma aepiscopus, perchè 
sedit, a parere dell'eminente erudito, come egli mi confidò a voce, non si sarebbe 



La rècJio^è! 1 - CAMPANIA - aCerra, ta. 253 

detto di un arciprete, bensì dì un vescovo. Osservo però che l'iscrizione sepolcrale 
di un « Adeodatus arcliypresbyter » di Nola {GIL, X, 1, 1365) del secolo vi ha: 
« Sedet sacerdotali ordine ann. L », e un'altra di un « Ioannicius archypresby- 
ter » di Avellino, pure del vi secolo: « sedit ann. XXI ». Quindi non mi sento 
di annoverare Abella, col Duchesne, tra le diocesi campane anteriori al vii secolo. 
Io crederei che Abella abbia fatto sempre parte della diocesi di Nola. 



LA REGIONE IL 

Comprendeva: I. il paese degli Hirpini, — IL l'Apulia, 
III. e la Calabria. 



I. - IL PAESE DEGLI HIRPINI. 

Nei documenti del iv e del v secolo alcune città degli Hirpini 
(ad esempio Benevento) sono attribuite alla Campania; altre (come 
Aeclanum)"all'Apulia, perchè il paese degli Hirpini fu spartito tra 
le province limitrofe. 

Caudium (vicino a Montesarchio presso Arpaia). 

Vitalianus? Cf. Capua. 

1. Felicissimus : 496 (?) {J-L, 737); 499. 

Beneventum (Benevento) 

A Benevento si sono trovate iscrizioni del vi e del v secolo; 
altre non datate sembrano più antiche. A S. Agata de' Goti (l'an- 
tica Satimla ?) due iscrizioni del vi secolo (CiL, IX, 2073-2087 e ; 
2159-GO). 

Dei martiri beneventani Gennaro, Pesto e Desiderio si è detto 
sotto Napoli. Il calendario di Benevento del xiii secolo, contenuto 
nel cod. Vat. 5949, è utilissimo per lo studio dell'agiografia della 
Bassa Italia, perchè, dopo che i duchi longobardi ebbero abbrac- 
ciato il cattolicismo, Benevento divenne il centro del culto dei 
santi appartenenti all'Italia Meridionale o in essa venerati. Tra 
le reliquie di santi trovate a Benevento 'il 15 maggio del 1119, delle 
quali si dirà in appresso, figurano, a quanto pare, quelle del celebre 



LA UEGIONE lì - IL PAESE DEGLI MIRPIN'I - BENEVENTUM (BENEVENTO) 255 

martire orienfcale s. Potito, dk s. Prospero di Reggio-Emilia e di 
s. Stefano protomartire. Un s. Casto venerarto il 7 novembre fu 
creduto beneventano; ma probabilmente è il martire africano, di 
cui si è parlato di sopra (v. Sessa) ; e un s. Pardo onorato il 5 
novembre, verosimilmente spetta all'Apulia (v. Arpi). Siamo senza 
notizie di un s. Felice conte (cf. AS, mai, VI, 651) che riscuote 
culto nel maggio. Esiste pure una Passione (BHL, 5983 d, 5983 e) 
di un s. Modesto, levita e martire, venerato in Benevento il 2 ot- 
tobre (e il 12 e 24 febbraio in Oapua), scritta da un Alberico mo- 
naco di Monte Cassino del xiii secolo; ma questo martire, di cui 
si pensò così tardi a comporre una Passione, probabilmente è un 
martire africano, registrato nel Gerolimiano appunto il 12 febbraio, 
di cui si è detto (v. Avellino) e di cui si avrà occasione di ripar- 
lare. Nel secolo vii nella diocesi di Tournay furono trovate reli- 
quie di un martire di nome Piatus o Piato, Platon, e Piator {AS, 
oct., I, 7; Poetae latini aevi carolini, I, 31); e uno scrittore, che 
tra il VII e l'viii secolo si prese cura di scrivere le Gesta {BHL, 
6845) di questo martyr inventus, si compiacque di farlo nascere in 
Benevento, di grande prosapia : « finibus Beneventi magna pro- 
sapia »; ma non è il caso di fare gran conto di questa notizia. 
Il catalogo episcopale di Benevento è lacunoso e guasto. 

Photinus (al. Potinus) e undici anonimi. — Sono ignoti agli an- 
tichi documenti storici e liturgici beneventani ; anzi da essi esclusi, 
perchè un codice napoletano (sec. xi) della Vita di s. Barbat^, 
vescovo di Benevento (f 19 febbraio 682), lo chiama: « Sanctus 
Barbatus vicesimus episcopus Beneventi » (cf. Rerum langohard. 
script., p. 563). Quando questa Vita fu composta i dittici beneven- 
tani probabilmente non erano scomparsi; quindi, se Barbato fu il 
vigesimo presule di Benevento, per Fotino e i suoi undici successori 
anonimi non c'è posto. Del resto essi compaiono la prima volta 
senza alcuna prova nella Chronologia episcoporum... ecclesiae Beneven- 
tanae (Napoli, 1636), composta dall'ecclesiastico beneventano Mario 
de Vipera ; e l' Ughelli stesso (Vili, 13) afferma che prima dì questo 
tempo « in tabulis beneventanis b. lanuarius primus recensebatur 
episcopus ».. La ragione di questa illegittima intrusione di Fotino 



S56 LE DIOCESI d' ITALIA 

e de' suoi undici successori anonimi nel catalogo beneventano, Con 
la specifica a Fotino di discepolo di s. Pietro^ spedito a Benevento 
dall'apostolo intorno all'anno 40 (sia l' intrasione opera del de Yi- 
pera o di altri prima di lui) salta agli occhi. A Benevento, nel xvii 
o nel XVI secolo, non si volle essere da meno di Napoli, di Oapua 
e di altre città meno illustri della Campania ; le quali," come si è 
visto, da qualche tempo si gloriavano di protovescovi mandati dal 
principe degli apostoli appunto intorno a quel tempo ; e così tirarono 
fuori quel Fotino e quegli undici anonimi. 

Theodatus. — Fu scartato, e con ragione, dal De Nicastro (^e- 
neventana Pinacotheca, pp. 43^4, Benevento, 1720) come favoloso. 

Mariianus. — Nel xviii secolo l'arcivescovo di Benevento, 
Francesco Pacca, pretese che il suo primo antecessore fosse stato 
un s. Marciano, venerato a Benevento come vescovo e martire 
nel 14 o 15 di giugno (cf. AS, nov., I, 11 e 418). Anch'egli sarebbe 
stato un discepolo del principe degli apostoli. Ma questo s. Mar- 
ciano non è che il celebre vescovo di Acca, s. Marco o Marciano, 
da tempo antico venerato in Benevento il 15 giugno. Infatti in 
quel giorno il Gerolimiano riporta : 

li Et in Beneabento Marcì, 
B\ R^ Et in Benevento Marci. 

Senza alcuna prova si è supposto vescovo di Benevento e si 
è fatto risalire al i secolo. 

Liberalor. — Venerato a Benevento il 15 maggio {AS, ITI, 
4G3), non fu presule di Benevento; è il celebre s. Eleuterio, o Li- 
beratore, vescovo e martire, venerato in Aeca e in cento altri 
luoghi della Bassa Italia. Se ne parlerà in Aeca e in Eieti. 

Castus. — È lo stesso vescovo e martire africano Oastus (v. 
Sessa), venerato (7 nov.) a Benevento, e creduto erroneamente 
vescovo di questa città. 

Lupus? — Gli antichi Bollandisti (cf. AS, aug., VI, C50) non 
ne sapevano nulla. Io mi trovo nella medesima condizione. E spu- 
rio ? spostato ? Forse. / 

1. lanuarius : f 19 settembre, 303 o 304. — Il suo nome com- 
pare nel Gerolimiano ai 7, 19 e 29 settembre, il 18, 19 e 28 ottobre 



LA RKtìlONfi It - tL fAÈSE DEtìLl tìlRPlNt - tìENEVENtU^ (bENÉVÈNTo) 257 

e forse il 13 gennaio, ora sotto Benevento, ora sotto Napoli, ora 
sotto Pozzuoli. Uranio {BHL, 6558) poco dopo la morte di s Pao- 
lino di Nola (t 431) scriveva: « lanuarius, epìscopus simul et martyr, 
neapolitanae urbis illustrat ecclesiam ». La catacomba di S. Gen- 
naro di Napoli per lungo tempo conservò il suo sepolcro. Ivi un' i- 
scrizione del v secolo: « Sancto martyi'i lanuario », lo ricorda. Il 
suo nome si trova nel calendario cartaginese del vi secolo al 19 
settembre; e la sua Passione {BHL, 4115-33) racconta cLe fu ve- 
scovo di Benevento, e martirizzato presso Napoli (19 settembre) 
sotto Diocleziano, e sepolto nel suburbano di questa città. Pro- 
babilmente fu il primo vescovo di Benevento, come in questa città 
si credette fino al xvi secolo, e come insinua il codice (sec. xi) 
della Vita di s. Barbato, sopra ricordato. Donde si raccoglie che 
il cristianesimo, entrato nella Campania fin dal secolo i »(v. Poz- 
zuoli), nel II e nel in si estese nella costa (v. Ouma, Volturno, 
Formia, Fondi, Terraciua, Napoli) e penetrò nell'interno (Atella, 
Oapua, Nola, Nocera, Benevento). 

2. Theopbilus: 313. 

Dorus i, 320. Of. Dorus all'an. 448. 

Apollonius, 8 luglio 3261 — È senza prove. Avverto che il 
vescovo omonimo di Brescia, celebre nella Passione dei ss. Faustino 
e Giovita, è venerato il 7 dello stesso mese. Ohe si tratti del 
personaggio medesimo ? 

Gassianns, 12 agosto 340. — E destituito d'ogni prova come 
l'antecedente; probabilmente è lo stesso s. Oassiano martire di Fo- 
rumcornelii (Imola), di cui si celebra il dies natalis il 13 agosto ; 
il quale, venerato a Benevento nel giorno antecedente e commemo- 
rato nel medesimo giorno nei calendari beneventani come martire, 
fu giudicato erroneamente vescovo diocesano e confessore (cf. AS, 
aug., II, 723 ; Lanzoni, Le leggende di s. Gassiano d'Imola, in « Di- 
daskaleion », an. 1925, II, p. 29. Si consulti pure Todi). 

3. lanuarius: 342-4 (cf. AS, nov., I, 244). 

Linianus lì 379? — Come si ò detto, un s. Modesto è vene- 
rato in vari luoghi della Campaniji, e a Benevento il 2 ottobre. 
Alberico, monaco di Monte Cassino, in una Passione {BHL, 5983 d, 
5983 e) da lui composta nel xiir secolo, ne ha fatto un levita sardo, 

17 



258 LE DIOCESI d' ITALIA 

martire sub Dlocletiano ; e un documento beneventano, inquinato 
(li parecchi anacronismi (presso AS, oct., II, 327, n. 6), ha preteso 
che questo s. Modesto sia stato trasferito a Benevento nel 591, al 
tempo di s. Gregorio Magno (593-604) e di un Liniano II, vescovo 
di B^enevento. Gli scrittori locali, non avendo nessun dubbio su la 
veridicità di questo favoloso documento, hanno inserito quel Li- 
niano II nel 591, e hanno catalogato il presunto Liniano I, non 
saprei perchè, nel 379. Ma ambedue questi presuli, attesa la qua- 
lità del documento donde provengono, sono sospetti. 

4. Aemilius, tra il iv e il v secolo. — Paolino di Nola (in 
GSEL, voi. XXX, p. 238), tra il 394 e il 409, più verso il termine 
a quo che quello ad quem, compose (carme XXI) VEjjUhalamium 
in luUanum (il futuro eresiarca) fìlium episcopi Memoris (di Ae- 
clanum?) et Titiam daram uxorem ; ricorda in esso Aemilius di 
Benevento e lo chiama piìi volte vescovo (vv. 222-C) : « vir su- 
peri luminis ». Nel 405 esso fu capo di una missione composta 
di vescovi italiani e di preti romani, che a nome d'Innocenzo I si 
recò a Costantinopoli a trattare la causa di s. Giovanni Crisostomo; 
ma fu maltrattato dalla corte co' suoi compagni e costretto a 
ritornare in Italia (Palladii Bialogus de vita s. loannis Chryso- 
stomi, e. IV). Il Crisostomo scrisse (ep. 159) una lettera di ringra- 
ziamento a questi prelati italiani (cf. Gaudenzio di Brescia). 

Ioannes, 415. — Nel 15 maggio 1119 Landolfo arcivescovo di 
Benevento, dopo aver trovato « corpora (cioè reliquie) sanctorum 
Martiani (il sopra nominato?), Dori (il vescovo di cui si dirà?), 
Potiti (il celebre martire?) et Prosperi (il vescovo di Eeggio-Emi- 
lia?), Feìicis, Cervoli atque Stephani (il protomartire?)... Inter (eos) 
corpus associavit beati loannis XXI beneventani archiepiscopi qui 
triginta et tres annos, sicut titulus testabatur, in episcopatum ad- 
vixit » {BIS, V, 93-4). Si può ammettere che Landolfo abbia letto 
l'epitaflo di questo Giovanni, quantunque il titolo di archiepiscopus 
a lui dato appartenga certamente, non all'iscrizione sepolcrale, 
bensì al narratore del secolo xn, essendo notissimo che i presuli 
beneventani ottennero il titolo di arcivescovi solo nel x secolo. 
Ora gli scrittori beneventani del secolo xvi-xvii ragionarono in 
tal guisa: da Fotino a Emilio (esclusi Theodatus, Martianus, Li 



LA RÈtìlONÈ 11 - IL PAESE DEGLI HlRPlNI - BENÈVENTUAI (bENEVENTo) 259 

berator, Oastus, Lui^ns e Memor, che essi, giiistamense del resto, 
non ammettevano nel catalogo) sedettero venti vescovi; dunque 
il Giovanni, rinvenuto da Landolfo arcivescovo (Giovanni vigesirao 
primo secondo l'epitaflo), tenne la sede beneventana dopo Emilio, 
circa nel 416. Ma noi, che non possiamo ammettere l'esistenza di 
Fotino, degli undici anonimi suoi successori e di altri pretesi an- 
tecessori di Emilio, non riconosciamo giusto quel modo di argo- 
mentare ; e poiché un documento dell' xi secolo, sopra citato, ci 
assicura con fondamento che s. Barbato (f G82) fu il vìgesimo ve- 
scovo di Benevento, riguardiamo questo Giovanni XXI come il 
successore di s. Barbato, quindi spostato dal vii al v secolo. 

5. Dorus : 44S {J-L, 417). — Landolfo, come credo, avrebbe 
trovato le reliquie di questo vescovo Doro, cui Leone I scrisse la 
citata lettera. Nel catalogo vulgato di Benevento appaiono bensì 
due presuli di questo nome, l'uno nel 420 e il secondo nel 448; 
ma non si hanno prove dell'esistenza di questo omonimo del 420, 
sicché è lecito sospettare che il Dorus del 418 (il vero Dorus) sia 
stato erroneamente duplicato. 

Tamarus (o Tammarus) ? et?i incerta. — Un santo vescovo di 
questo nome è venerato in vari luoghi della Campania ; il 15 ot- 
tobre trovasi nell'antico calendario dì Benevento. Nel 778 s. Ta- 
maro aveva una chiesa nel territorio capuano [RIS, I, 2, 3G3) ; 
e il Oapasso {Memorie slorlche della chiesa sorrentina, a proposito 
di s. Atanasio) ricorda, in Oapua un vicits a s. Tammaro^ e gli AS 
(oct., VII, pars I, p. 37) accennano ad altre chiese in altri luoghi 
della Campania. Che fosse un vescovo venerato nella regione si 
raccoglie abbastanza chiaramente dalle tante volte ricordata leg- 
genda (v. Sessa) dei vescovi africani cacciati da re Genserico, e 
miracolosamente approdati in Campania, tra i quali s. Tamaro o 
Ttimmaro è annoverato. Ma quale fu la diocesi di questo Tjima- 
rus ? Gli Aversani e i Benevantani lo hanno rivendicato gli uni e 
gli altri per se. Ma Aversa non era diocesi, dovrebbe quindi, mi 
pare, parlarsi piuttosto di Atella, che sorgeva appunto presso 
Aversa. Gli Aversani appellano al loro santuario in Vico Pantano 
dedicnto a s. Tamaro, ma Capua pure possedeva chiese in onore 
del santo, quindi per questo soltanto gli aversani non avrebbero di- 



260 LE blOCÈSI D* ITALIA 

ritto di introdurlo nel loro catalogo. Una Vita {BliL, 7978 d) ne 
fa un fanciullo romano, passato da Eoma a Pozzuoli, poi per 
nave « in civitateni Lucrinam » (e forse s' intende parlare non di 
Locri nei Bruzzii, bensì del lacus Lucrinus della Campania), quindi 
dai gentili condotto a Sorrento, fuggito di nuovo « Lucrinam », 
in appresso pervenuto « ad monumentum in villa quae dicitur Ca- 
sacellere », e finalmente « ad terram Nagritanam in loco qui di- 
citur Bicanensis », ove sarebbe morto il 26 gennaio, e dove, co- 
struita una chiesa, sarebbe stato tumulato. Questo documento 
evidentemente mira al s. Tamaro venerato in Vico Pantano di 
Aversa il 26 gennaio ; ma fu compilato in epoca molto tardiva, è 
d'indole evidentemente romanzesca (una specie di Passione detta 
da me altrove, cf. V Introduzione, pp. 56-7, del martire itinerante), 
e non ci assicura se non del culto di un s. Tamarc» in quel luogo, 
delle reliquie di lui ivi venerate, e del giorno in cui la festa del santo 
vi si celebrava. Adunque la Vita BEL, 7,978 d non parla di s. Ta- 
maro vescovo di Aversa o di Atella. Io propenderei a credere che 
il vescovo s. Tamaro tenesse la cattedra di Benevento, senza ac- 
cettare però l'anno 465, messo innanzi dagli scrittori locali, molto 
meno la storiella da essi raccontata, cioè che il loro fiume Tàmarits 
(così chiamato prima dell' èra cristiana) abbia preso il nome da un 
santuario del santo. — Come si è detto (v. 8essa), la leggendaria 
comitiva dei dodici presuli africani espulsi dai Vandali, è composta 
non solo dei ss. Castrense, Prisco, Canione, Elpidio, Eosio, Ago- 
stino e Tamaro, ma dei ss. Marco, Secondino, Eraclio, Benigno 
(o Adiutore), e Vindonio (o Mendonio). Dei ss. Marco e Secondino 
parlerò tra poco sotto Acca. Gli altri furono venerati qua e là 
nella Campania; ma non ho dati sufiìcenti per stabilire a quali 
diocesi abbiano appartenuto Eraclio, Benigno e Vindonio, o se 
questi siano stati vescovi e vescovi campani. 

Cadoc o san Sofia (o So fio) f 24 gennaio 490. — Una Vita 
Cadoci {BEL, 1491), composta da certo Lifris nella seconda metà 
dell' XI secolo, giudicatq, molto favolosa dagli studiosi della lette- 
ratura celtica, narra che un santo di questo Home, vissuto nel 
VI o V secolo, venuto nella Brettagna Armorica, sarebbe stato 
obbligato dall'angelo a lasciare il continente e a ripassare nel paese 



LA REGIONE II - IL PAESE DEGLI HIRPINl - BENEVENTUM (BENEVENTO) 261 



/ 



di Oornovagliji, ove sarebbe stiito consacrato vescovo in una « Be- 
neventana civitas », e trafitto di lancia il 24 gennaio. Una Vita 
s. Gadoci {BHL, 1493), posteriore alla ricordatn, intese che quella 
« Beneventana civitas » del paese di Galles (cf. Mac Olure, British 
Place-Names, Londra, 1910, p. ^4) fosse la nostra, e fantasticò die 
quel sauto brettone per ordine dell'angelo fosse stato trasferito, 
non in Oornovaglia, ma nel paese degli Hirpini, col nome di Sofia 
o Sofìo, consacrato vescovo di Benevento, e in questa città trapas- 
sato da una lancia il 24 gennaio. La basilica beneventana di S. Sofia 
sarebbe stata edificata in suo onore nella seconda metà dell' vili 
secolo; ma essa fu consacrata alla divina Sapienza, non in onore 
di un santo di nome Sofia. 

6. Epiphanius: 494-5 (/-/., 657) ; 495 (?); 496 (J-L, 736-7); 499. 

Felix I? 520? — « Non se ne sa nulla », scrive il Sarnelli 
{Memorie cronologiche de' vescovi, Napoli, 1691). Ohi fu egli? Come 
abbiamo detto, nel 1119 l'arcivescovo Landolfo avrebbe trovato 
reliquie dei ss. Maliziano, Doro e Felice. Quest'ultimo fu creduto 
vescovo locale come Doro, e registrato nel catalogo beneventano; 
e la data 520 fu apposta dal de Vipera ; il quale, come gli scrit- 
tori suoi contemporanei, si compiaceva di cotali cervellotiche de- 
terminazioni. 

Martianus ? 536 ? — Gli Ada ss. Placidi et fratrum del pseudo- 
Gordiano, composti nel secolo xii da Pietro Diacono cassinese 
{BEL, 6859), lavoro agiografico assolutamente favoloso, ci raccon- 
tano che quel celebre discepolo di s. Benedetto di Monte Gassino, 
nell'a. 536, vivente ancora il santo patriarca, avrebbe intrapreso 
con molti compagni un lungo viaggio, e, giunto a Oapua con la 
sua numerosa comitiva, sarebbe stato incontrato dal vescovo lo- 
cale Germano, a Oanosa da Sabino, a Benevento da Marziano e a 
Eeggio-Oalabria da Sisinnio. E vero die in quel tempo s. Germano 
reggeva la diocesi capuana, e s. Sabino la canosina (quantunque 
nel 536, come vedremo, si trovasse in Costantinopoli legato della 
Sede Apostolica); ma la natura di quel fantastico documento non 
ci assicura su gli altri due nomi. Probabilmente essi sono stati 
inventati dal pseudo-Gordiano, come è inventato i anno del non 
mai compiuto viaggio. Pietro Diacono monaco cassinese, non ineru- 



262 LE DIOCESI d' ITALIA 

dito, potè conoscere benissimo i nomi di Germano e di Sabino e 
gli unni del loro pontilìcato, perchè quei due presuli furono, come 
njirra s. Gregorio nei Dialoghi^ in intima relazione con il fondatore 
dì Monte Cassino ; ma come avrebbe potuto avere notizia, egli 
vivente nel xii secolo, cioè quando i dittici delle diocesi della 
Bassa Itjilia erano scomparsi, dei nomi dei vescovi di Benevento 
e di Reggio, e dell'epoca del loro governo ? (cf. iJeggio di Calabria). 

Zenon o Zosimus? 5431? — Non è appoggiato da alcun docu- 
mento o monumento. In Benevento se ne celebra la festa il 17 
ottobre. Nel Gerolimìano il 20 ottobre &' incontrano « in Puteolis » 
un <<. Zosimus » o « 8ussimus » e un « lanuarius ». Ma lanuarius 
è certamente il celebre martire di Napoli, e Zosimus o Sussimtis 
è cori'uzione di Soslus, martire misenate. Infatti nel giorno ante- 
cedente vi si leggono sotto Napoli « Sussius » e « lanuarius »; e 
il 18 ritorna Pozzuoli con « lanuarius ». Il cod. del Gerolimiano 
al 20 ottobre lesse per errore: « Puteolis... Zosimi episcopi ». Ora 
potrebbe darsi clie negli antichi calendari di Benevento sia avve- 
nuto qualche simile incidente di trascrizione, e il preteso « episcopus 
Zosimus » di alcuni codd. del Gerolimiano sia stato preso per un 
presule beneventano. L'anno 543 è, al solito, immaginazione del de 
A^ipera, o delle fonti locali da lui usate. 

Felix II ? 585 ? — Senza alcun appoggio, come gli antecedenti. 
A questo proposito l'Ughelli (Vili, 17) racconta una storia, osto- 
riella, di un viaggio di s. Gregorio I, prima del pontificato, per 
Benevento, e dell'esenzione di un monastero beneventano con- 
cessa da papa Pelagio I (556-61 ; avrà voluto dire : II, 578-90) per 
intercessione del suo apocrisario. Ma un Felice vescovo beneven- 
tano non compare neppure in questa storiella. 

Linianus II ? 591 ? Of. sopra Linianus I. 

David, lo die. 600. — Avrebbe consacrato la metropolitana di 
Benevento nell'anno 600; ma è un vescovo spostato. Un presule 
beneventano, di nome David, come lo stesso Ughelli giustamente 
riconobbe (VIII, 34), visse nella seconda metà del secolo vili e 
consacrò la celebre basilica di S. Sofia, costruita dal duca Arechi II 
(cf. DuEMMLERj^ Poefcie latini aevi carolini, pp. 100, 111-13). Si è 
dunque fatta confusione tra Arechi II, cattolico, duca di Bene- 



LA REGIONE II - IL PAESE DEGLI HIRPINl - BENEVENTUM (BENEVENTO), EC. 263 

vento nelhi seconda metà del 700, e Arechi I, ariano, succeduto 
al primo duca Zottone nel 591 e. (cf. Pauli Illstoria Langob, IV, 
18), e così David è stato sbalzato due secoli prima. 

Barbarus, 602. — Sarebbe stato visitatore apostolico della lon- 
tana Palermo; ma un prelato di questo nome nello stesso anno 
ebbe bensì l'incarico da s. Gregorio Magno dì visitare la diocesi 
panormitana, ma fu vescovo di Oarinae (o Carina), diocesi sici- 
liana situata presso Palermo (cf. J-L, 1881-2) non di Benevento. Non 
saprei dire però come dal testo gregoriano sia uscita fuori Bene- 
vento. — Adunque da Epifanio in giù, cioè dal 500 al 600, non ci 
è i^ervenuto nessun nome di vescovo beneventano autentico. L'oc- 
cupazione longobarda di Benevento (avvenuta, se stiamo a Paolo 
Diacono, nel 570-1 {Hlst, III, 33), o più tardi) introdusse, come in 
Spoleto (v.), un vescovo ariano di fronte al vescovo cattolico ; e 
non è improbabile che, nei primi tempi della conquista la succes- 
sione dei presuli cattolici fosse interrotta. Quindi si spiegherebbe, 
come sì è detto, perchè nel secolo xi i beneventani contassero 
solo venti vescovi legittimi da s. Gennaro a s. Barbato, morto 
nel 682. 

Samnium (Macchia presso Beino). 

1. Marcus, episcopus ecclesiae Samninae: 502. — L'Ughelli 
(X, 163) pensò che quel Samninae fosse detto di regione (il Sam- 
nium), non di città. Ma poiché tutti i vescovi intervenuti ai sinodi 
romani del 499, del 501 e del 502, sottoscrivono, non con il nome 
della provincia, o regione, bensì della propria città, quella ipotesi 
non è accettabile. Secondo il Mommsen (Oassiodoei Varlae^ p. 508), 
Samninae sarebbe un vocabolo corrotto. Il Duchesne {Les évéchés 
d'Italie, I, 104; II, 397) idontiflca la città di Samniimi con Li- 
giires Baebiani. Nel vii o nell'viii secolo forse questa diocesi scom- 
parve, perchè il Catalogus provinciaruni Italiae {Script, rer. km- 
gobar., p. 189), compilato in quel tempo, pone nella duodecima 
provincia d'Italia « antiquitate consumpta Sampnium ». 



264 LE DIOCESI d' ITALIA 

Àeclanum (Le Grotte presso Mirabella). 

AeclaiiuiTì, stazione importante sn la Via Ajjpia, sorgeva nel 
punto quasi mediano tra Eoma e Brindisi ; e contiene molte iscri- 
zioni del V e del vi secolo, una del iv (C/L, IX, 1362-1400). 

Il cimitero antico di Aeclanmn si stendeva intorno alla tomba 
di un martire, denominato Mercurius, che compare nel Gerolimiano 
il 25 agosto in i? e il 20 in E e in W: 

B la Apolia civitate Hecclano Mercurii martyris, 

E Et in Eclano Mercori, 

W Apolia civitate Heclano Mercuri martyris ; 

in Apolia, perchè nel secolo iv Àeclanum apparteneva a quella 
provincia. 

Un documento del secolo viir, cioè la Translatio s. Mercurii 
Beneventum (BEL, 5936-38 b), narra che l' imperatore bizantino 
Costante, nell'anno 663, portò seco in Italia le reliquie di s. Mer- 
curio, martire di Cesarea, venerato dai greci nel 26 novembre 
{BHL, 1274-7); reliquie che sarebbero state sepolte in Quintode- 
cimum. Questa città (a 15 miglia da Benevento) non era altro che 
l'antica Àeclanum, che perdette il suo nome al tempo dei Lon- 
gobardi. Circa un secolo dopo (a. 768) il duca Arechi di Benevento 
avrebbe trasportato le sacre spoglie di s. Mercurio nella sua ca- 
pitale. Questa seconda traslazione non può mettersi in dubbio ; ma 
il racconto della Translatio ha confuso il s. Mercurio di Àeclanum 
(26 agosto) con l'omonimo di Cesarea (26 novembre), attribuendo 
all' imperatore Costante, che veramente venne in Italia e combattè 
col ducato di Benevento, un trasporto di reliquie dalla Oappadocia in 
Àeclanum che non ebbe luogo (cf. Delehaye, La « Translatio s. Mer- 
curii Beneventum », in Mélanges Godefroid Kurth, Liegi, 1908,pi3. 17- 
24; Les légendes grecqiies des sainis milUaires, Parigi, 1909, p. 91). 

Memor ? tra il iv e il v secolo. — E il padre del famoso ere- 
siarca Giuliano, di cui sto per dire. Viene ricordato (v. 201 : « alme 
Memor ») da s. Paolino neW Epithalamium (carme XXV) in lu- 
lianum filiwn episcopi Memoris et Titiam claram uxorem, composto 



LA RAGIONE II - IL PAESK DEGLI HIRPINM - AKCLANUM (lE GROTTe) 265 

dal poeta nolano tra il 304 e il 408, forse più verso il teriniiie 
a quo che quello ad quem. Memor è pure il destinatario della let- 
tera 102 di s. Agostino d'Ippoua, composta nel 408-400 incirca: 
« fratri et coepiscopo Memorio ». Il Baronio e il Bellarmino, senza 
prove, pensarono che il nostro Memore fosse vescovo di Oapua. 
In AS (ian., II, 212) appare un « s. Memorius archiepiscopus 
Beneventì »; ma tra il iv e il v secolo non un Memor sì un Ae- 
milius fu vescovo di Benevento. E perchè il nostro Memor non 
avrebbe tenuto piuttosto il seggio di Aeclanum prima del figlio? 
(cf. DuOHESNE, Histor. ano. de VÉglise, Ut, 260, n. 5). Memor era 
nome usato nel luogo. Tra le iscrizioni cristiane antiche di Aecla- 
num si legge l'epitalio di un Memor che morì « Valente ac Valenti- 
niano consulibus », cioè nel 376 o nel 378 (GIL, IX, 1362). Quando 
s. Agostino, nel 420 o poco dopo, scrisse il suo libro Gonlra Iii- 
lianwm, ricordò con affetto il vescovo Memor già defunto. 

1. lulianus; 408-9; 418. — Quando s. Agostino scrisse la citata 
lettera al padre suo Memore (408-9), Giuliano era entrato nel dia- 
conato. Forse la sua giovine sposa morì presto. Fu consacrato 
vescovo di Aeclanum da Innocenzo I (f 12 marzo 417), e deposto 
da Zosimo, nel 418, come fautore dell'eresia pelagiana (cf. AuGU- 
STiNi Contra luliamtm, I, 13; Maeii Meroatoeis Conimonitorium, 
III, 1; DuoHESNE, 1. e, pp. 258-61). Prospero {Chron. min., I, 467) 
lo ricorda come eretico fin dal 413. Gennadio (De vir. ili, e. 46) lo 
chiama « vir acri ingenio », dotto nelle Scritture, in greco e in 
latino. Intorno a' suoi scritti e a quelli di s. Agostino contro di 
lui cf. DucHESNE, 1. e. 6 Bardenhewer, II, pp. 316-18. Nel 439 
tentò rientrare nella comunione ecclesiastica per essere riammesso 
al vescovado; ma Sisto III si oppose {Chron. min., I, 477). Morì, 
secondo Gennadio, non dopo il 455. 

Marcianus? — Se dessimo retta alla Passione BHL, 5264, 
del resto molto recente, di s. Marciano, questi sarebbe stato un 
greco che avrebbe fatto il viaggio di Eoma con un Lorenzo, ve- 
scovo di Oanosa, e sarebbe stato ordinato vescovo di Frequentum 
(Frigento) da s. Leone I (440-61). Ma Frequentum nel secolo v 
non era sede vescovile; divenne più tardi, cioè nella metà incirca 
dell' xr secolo (cf. Groner, Le diocesi d^ Italia, pp. 55 e 85), suben- 



266 LE DIOCESI d' ITALIA 

trancio a Quintodecimuni, così detta l'antica Aeclanum al tempo dei 
Longobardi. Questo s. Marciano probabilmente non fu un vescovo 
della diocesi di Aeclanum; ma il s. Marco o Marciano, vescovo 
di Aeca, venerato in altre città dell'Italia Inferiore (in Aeclanum il 
14 luglio), e in esse (ad esempio a Napoli, a Benevento) falsamente 
ritenuto vescovo locale. 

2. Epiphanius, 536, legato della S. Sede a Costantinopoli (Mansi, 
Vili, 877-1142). 

Compsa (Gonza) ? 

Questa città compare nel cod. E del Gerolimiano al 30 ottobre 
con un martire di nome Massimo, che probabilmente è l'omonimo 
di Ouma, venerato nel medesimo giorno in parecchi luoghi del- 
l'Italia Meridionale. Narra il Lib. Pont, che sotto papa Deusdedit 
(615-8) il patrizio Eleuterio venne a Eoma, quindi a Napoli, « qui 
tenebatur a Ioanne Oompsino intarta », attaccò l'usurpatore e 
l'uccise. La diocesi di Oompsa però compare per la prima volta 
con un vescovo Pelagius nel sinodo romano del 743. Ciò nono- 
stante il Duchesne {Les évéchés, I, 105-6) non dubita della sua 
esistenza prima dell' invasione longobarda. 



II. - APULIA. 

Questa provincia era attraversata dalla Via Appia che da Ae- 
clanum per Venosa metteva a Brindisi. La Via Traiana, staccan- 
dosi da Benevento, andava a congiungersi con la Via Egnazia a 
Aecae o Aeca, e passando per Erdonia, Oanosa e Bari, raggiun- 
geva Brindisi. 

I vescovi « per Apuliam » sono ricordati in un'epistola {J-L, 
371) di Celestino I del 21 luglio 429 ; e tre vescovi apuli senza il 
nome della sede compaiono in un'epistola {J-L, 316) di Innocenzo I 
(401-417). Uno di questi, Marianus, pare debba identificarsi con un 
vescovo Maurianus, legato del papa a Costantinopoli nel 405 in- 



LA REGIONE U - APULIA 267 

sieme con Emilio vescovo di Benevento (cf. ^16', oct., XI, 592). 
Nella sua »S'ior/a degli ariani ai monaci^ scritta nel 349-350 e, 
s. Atanasio (Mignb, P. G., XXV, 726) scrive che più dì 400 ve- 
scovi erano concordi con Itti, dalla grande Roma, da Itdta V Balia, 
dalla Calabria, dalV Apidia. Quindi nella metà incirca del iv secolo 
i vescovadi di questa regione dovevano essere non pochi (v. Cam- 
pania). 

Nel 6 ottobre il Gerolimiano attribuisce tre martiri all'Apulia: 

B In Apolia Casti, Emìlì, Saturnini, 

E In Apulia natale Casti et Emeli... Saturnini, 

W Et in Apolia Casti, 

B lìi Apolia natale Casti, Emelii (« Anal. Boll. », an. 1913, p. 403) ; 

e nello stesso giorno Casto, Emilio e Saturnino compaiono sotto 
Capua. Saturnino si trova pure nel calendario marmoreo napole- 
tano il 7 febbraio. Ma probabilmente questi tre santi non sono 
martiri locali, bensì spettano all'Africa in cui furono famosi. Il 
gruppo Caslus et AemiUus è ricordato da Cipriano, da Agostino, 
dal calendario cartaginese del vi secolo e dal Gerolimiano, nell'uno 
e nell'altro il 22 maggio. Quindi, o gli amanuensi del Gerolimiano 
hanno scritto : in Apidia invece di : in Africa, oppure, se la lezione 
è esatta, l'Apulia venerava in quel giorno quei martiri africani, 
il che non sarebbe improbabile (v. Sessa). 

Le medesime incertezze si manifestano nel 2 settembre (= 1111 
non. sept.) e nel 13 (= idibus sepL). Nel 2 si ha: 

B, E In Apulia Felicis Secundi, 
W Felicis Secundi; 

e nel 13 : 

B In Apolia Felicissimi et Secundini, 
E In Apulia Felicis Secundi, 
W Felicissi{mi) Secundini. 

Veramente Felice e Secondino furono nomi comuni in Apulia 
durante l'alto medioevo; ma i due santi non sembrano martiri 
locali, sì bene africani come quelli del 6 settembre. Il martire 
africano Secondino fu pure venerato, come si è visto, in molti 
luoghi della Campania (v. Sessa) e del Latium adiectum. In Apulia 



268 LE DIOCESI d' ITALIA 

è altresì venerato un s. Secondino l'il febbraio, ma questi è un 
vescovo di Aecae, la cui sepoltura sarebbe stata scoperta nel 1018 
tra le mine dell'antica città. Ne riparleremo. 

Alcuni hanno attribuito all'Apulia ti celebre martire s. Potito 
(13 gennaio), perchè nella sua Passione (Bi/L, 0908) si legge che 
fu decollato presso il fiume Calahrum nella colonia Apulensis. Ma 
questa colonia si trovava nella Dacia, non nell'Apulia. Un caso 
simile è avvenuto in Sardegna. S. Potito fu assegnato a quest' isola 
perchè nella stessa Passione si legge che il martire era « consti- 
tutus in Sardica », e si è confusa la città di Sard.[ica] con l' isola 
Sard [inia] (cf. AS, ian., II, 39). 

Si è pure creduto martire pugliese un s. Marino, venerato 
nell'Apulia l'8 agosto. Ma questi dev'essere il martire Marino di 
Anazarbo, onorato {AS, aug,. II, 326) nello stesso giorno, forse 
d' importazione bizantina. Infatti, esaminando i documenti agiogra- 
fici dell' Apulia, della Calabria, dei Bruzzì (la nuova Calabria), della 
Sicilia e della Sardegna, varie volte ho costatato che,i santi orien- 
tali, il cui culto venne introdotto nella Bassa Italia e nelle isole 
dai bizantini, finita la dominazione greca, furono creduti martiri o 
santi locali; 

Aecae o Aeca (Troia). 

Djaiamius? — Secondo il Beccia {Tradizioni e favole ecanesi, 
jDp. 22-32, Lucerà, 1908) il vescovo s. Eleuterio di Aeca avrebbe 
avuto per antecessore un Dynamius; ma quell'autore non adduce 
alcuna prova su questo preteso presule, ignoto a tutte le fonti. 

Eleutherius? — Un Mapxuptov xoO àyiou lepoiidpxopoc, 'EXeutì-spcou, 
posteriore al v secolo, narra che un vescovo dell'Illirico, venuto 
in Eoma con Anzia sua madre., sotto Adriano (117-38), in Eoma 
sarebbe stato con essa ucciso ; in Eoma ove era nato da una pa- 
trizia e da un uomo che sowxev xpttov xavStSa ev x^ "P(j)[rQ, cioè di 
stirpe consolare o senatoriale. I concittadini del vescovo avrebbero 
trasportato il suo corpo in patria. Il martirio di lui avveniva il 15 
decembre (cf. BHG, 568-70 ; Fkanohi de' Cavalieri, I martirii di 
s. Teodoto e di s. Ariadne con un^appendice sid testo originale del 



LA Ut5GlONH It - APOLIA - AKCAE (tROIa) 269 

■martirio di s. Elettterio, p. 135, fase. 6 di Sfridi e Testi). Ohi sia 
questo s. Eleuteiio, clie appare nel 8iiiassario Oostautiiiopolifcario 
(ed. Deleliaye, 307, 831, 834; cf. Dblehaye, Les origlnes du eulte ec, 
p. 273), oltre il 15 decembrej nel 20 e nel 21 luglio, non sappiamo. 
Nell'Illirico non ne è rimasta memoria. Arcadio imperatore edificò 
(395-403) in Costantinopoli un tempio in onore di un s. Eleuterio. 
Un s. Eleuterio appare in Nicomedia il 2 ottobre; un altro sotto 
Cesarea di Oappadocia il 27 settembre; di un terzo (4 agosto) in 
Tarsia di Bitinia abbiamo Atti di scarso valore (cf. AS, oct., 1, 
321-3; sept., VI, 451; aug., I, 320; BHG, 572). È uno di questi 
tre il s, Eleuterio del Martirio su riferito? Oppure l'agiografo 
greco, secondo un vezzo di quei tempi, con questa Passione fan- 
tastica intese di celebrare un martire occidentale, e, se si vuole, 
romano? Perchè nella A^ia Salaria Vetere nel cimitero Ad septem 
columhas era sepolto un martire di nome Liberalis, che in greco si 
direbbe Eleuterio, e due iscrizioni situate presso il suo sepolcro, 
posteriori a Damaso, pretendevano appunto che egli fosse stato, 
prima del martirio, « patricio clarus de germino consul », « gratia 
cui trabeas dederat ». Di più al museo di Tebessa (Africa) una 
cassetta di relìquie porta questa iscrizione : « Hic memoria sancti 
Liberalis » ; che potrebb'essere lo stesso martire romano della Via 
Salaria, Presento semplicemente un quesito (cf, de Eossi, Inscri- 
ptlones christ. Urbis Romae, voi. secundi pars prima, pp. 101, 104; 
« Bull, d'arch. crist. », an. 1888-89, p. 54; AS, nov,, III, 755-5G; 
Deleiiaye, Les origlnes du eulte, ec, p. 45'7, not. 3; Sohneider- 
Graziosi, Esame critico dell' iscrizione storica del martire Liberale, 
in « Nuovo Bull, d'arch. crist. », an. 1912, p. 57). 

Una traduzione latina {BHL, 2451; cf. « Anal. Boll. », an, 1911, 
p. 411) del testo greco, anteriore all'viir secolo, ha creato questo 
s. Eleuterio vescovo di Aeca, il quale con sua madre ritorna a 
Boma e viene ucciso il 18 di aprile, I cittadini di Aeca rapiscono 
i due corpi santi e li portano nella loro città. Credo provenga da 
questa traduzione il s.eguente elogio del Gerolimiano al 18 aprile: 

B Rome Eleotlied episcopi et Anthiae matrìs eius, 

E Rome Eleuteri episcopi et Anteae matris eius, 

W Rome natale sanctorum Eleutheri episcopi et Autiae matris eius. 



270 LE oindEsi d'italia 

Come si spiega questo documento? Fu forse adattato il Mar- 
tirio greco a un santo omonimo venerato in Aeca ? Oppure in Aeca 
il s. Eleuterio del Martirio fu onorato con sue reliquie il 18 «aprile, 
e l'autore volle spiegare la presenza di reliquie di lui in Aeca, 
creandolo vescovo di questa città, e facendo in essa trasferire da 
Eoma il suo corpo? L'una e l'altra ipotesi non è improbabile, 
perchè l'uno e l'altro procedimento fu familiare agli autori delle 
Passioni greclie e latine. 

Si noti che nel secolo v questo s. Eleuterio aveva chiese anche 
in Eoma, su la Via Labicana (cf. Duchesne, Le « Liher Pontifi- 
calis », I, 255-6), in Nepi (Tomassetti, Tm Campagna Romana, III, 
154, 399) e in Histonium (Vasto) {J-L, 677). S. Eleuterio fu pure 
venerato a Parenzo d'Istria il 18 aprile, come ad Aeca {BHL, 
2450 ; cf. « Anal Boll. », a. 1898, p. 386) ; forse ad Altinum il 27 
aprile col nome di Liberalis {AS, apr., Ili, 494-6) e altrove (cf. « An. 
Boll. », an. 1910, pp. 411-26) il 19 dello stesso mese. Il codice 
del Gerolimiano, redatto in Acerenza di Puglia nell'827-28, incirca, 
commemora il s. Eleuterio di Aeca il 21 maggio: « Eomae passio 
s. Eleutheri episcopi apuliensis et Antiae matris eius ». Nello stesso 
giorno {AS, mai, V. 43) s. Eleuterio è commemorato a Ohieti negli 
Abruzzi, a Benevento, a Salerno, a Sulmona {AS, mai. III, 463; 
PoNCELET, Cai. codd. liag. lai. bibl. Romanar., p. 100 ; Gat. codd. hag. 
lat. Uh. Vat., pp. 222, 291) e altrove, col nome dì Liberale; il 13 
maggio a Terracina; il 23 (come vescovo inglese o irlandese) in 
Arce, situata tra Arpino e Aquino; e il 31 dicembre a Canne in 
Apulia, come vescovo locale, figlio di una Evanzia (corruzione di 
Anzia?) (cf. AS, apr., II, 326; mai, VII, 64-5; Natali, Gatalogus 
Sanclorum, II, 20). Dal nostro santo hanno preso il nome il castrmn 
s. Liberatoria in diocesi di Ohieti, e S. Eleuterio presso l'antica 
Aequum Tuticum degli Hirpini sulla Via Traiana. Il famoso mo- 
nastero di Maiella è pure dedicato a s. Liberatore (cf. AS, mai, 
III, 463-4; Kehr, Ilalia pontificia, IV, 275). 

Floro di Lione (sec. ix) scrive nel suo martirologio al 18 aprile : 
« Apud Messanam Apuliae civitatem sanctorum martyrum Eleu- 
therii episcopi et Antiae matris eius ». E nei martirologi posteriori 
a Floro ora si legge Misena, ora Mesana e Ora Nesano (cf. Quentin, 



LA REGIONE It - APULlA - AECaE (TROIa) 271 

0. c, pp. 256-7, 398, 424, 454 ; AS, mart., II, p. XVI). Questa Mes- 
sana pugliese di Fioro ha sconcertato gli agiografi; i quali hanno 
tentato di identificare la problematica città dell'Apulia ora con 
Mesagne, ora con altra delle antiche e delle odierne città del- 
l'Apulia. Ma questa Messana di Floro proviene da un errore, perchè 
invece dì Apud Messanam deve leggersi apud Aecanam. Infatti 
Floro ha desunto l'elogio di s. Eleuterio del 18 aprile dalla citata 
Passione del santo, ove non si parla affatto di una città pugliese 
Messana, ma di Aeca: « In Apuliam civitatem Aecanam» [Sum- 
mus Pontifex destinavit Eleutherium]. 

1. Marcus, probabilmente nel iv secolo. — Nel 5 novembre il 
Gerolimiano ci presenta questo groviglio di nomi: 

B In Caflipania civitate Marci episcopi... Cappua civitate Coras Quarti coii- 
fessoris, 

E In Capua Quarti confessoris ; in Ecas Marci episcopi... Campania civitate 
Capua Marci... Quarti, 

D Et in Capua Quarti confessoris. Et in Necas Marci episcoj)i, 

W In Campania civitate natale sanctorum Marciae... Capua civitate natale 
sanctorum Euras et Quarti. 

II cod. E, redatto nella Bassa Italia, e il cod. D che ne di- 
pende, ci danno chiaramente questi due elogi: 

In Capua Quarti confessoris, 
In Ecas Marci episcopi, 

che somministro.no la chiave per districare i due latercoli dei 

codici B e W e dello stesso codice E in fine, latercoli incatenati 

e commisti bizzarramente: 

In Campania civitate Capua Quarti confessoris, 

In civitate Aeca (erroneamente Coras o Euras) Marci episcopi. 

Di questo Quartus, confessor o martyr, abbiamo già detto 
sotto Oapua. 

Marcus adunque è detto « episcopus » ; ma di quale diocesi ? 
Una leggenda, scritta nella seconda metà dell' vili secolo {BHL, 
2297), introduce un « Marcus Ecanae urbis episcopus », che viene 
di notte co' suoi chierici, rapisce i corpi dei ss. martiri Donato e 
Felice, i quali sarebbero stati uccisi in Sentianum il 1" settembre 
sub Maximiano {2S6-30Ò), e li seppellisce << in civitate sua ». Checche 



272 LE DIOCESI d'ii'ama 

sia del martirio dì quella coppia in Sentiauum, di cui si dirà, e 
della loro sepoltura in Acca, l'autore anonimo senza dubbio intro- 
dusse nel suo racconto il nome di un vescovo antico di Acca, 
venerato al suo tempo. Quindi si spiega pure perchè la tante 
volte ricordata leggenda dei dodici vescovi africani espulsi dai 
Vandali, giunti felicemente al lido campano e di là sparsisi uel 
paese {BHL, 1644), abbia incliiuso nella comitiva il nome di Marcus 
(v. Sessa). Una Vita posteriore di parecchi secoli {BHL, 5301) ha 
trasformato il nostro s. Marco in vescovo di Lucerà, lo ha fatto 
morire il 7 ottobre e ne ha collocato la festa il 14 giugno; ma 
non ha potuto dimenticare l'antica autorevole tradizione, perchè 
ha posto la nascita del suo eroe nella città di Aeca. Il culto di 
questo s. Marco (detto anche Marciano) si diffuse nell'Italia In- 
feriore, con la festa ora in un giorno ora in un altro ; e a Pri- 
gento, a Benevento, a Napoli, ad Atina egli fu creduto vescovo 
locale, per quel procedimento studiato neW Introduzione (pp. 11-14). 

2. Secundinus, secolo vi o v. — Un documento degno di fede 
(BHL, 7554-57) riferisce che al tempo dell'imperatore Basilio II, 
nel 1018, mentre su le rovine di Aeca (distratta nel secolo vii?) 
edifìcavasi la moderna città di Troia, nel cimitero e nella chiesa 
del b. Marco fu trovato il mausoleo di un vescovo di nome Se- 
cundinus con la seguente iscrizione: « Hic requiescit sanctus ac 
venerabilis Secundinus episcopus, qui sanctorum (i ss. Donato e 
Felice?) fabricas renovavit, raptus in requiem III id. febr. » Questo 
epitafìo sembra del vi o del v secolo. Gli antichi Bollandisti {AS, 
febr., II, 531) sospettarono che questo Secondino sia quell'omonimo, 
che fa parte della famosa comitiva dei vescovi africani (v. Sessa), 
cacciati dall'Africa, tante volte ricordata ; ma tale ipotesi non mi 
sembra accettabile. Questo Secundinus fu trovato nel 1018, e non 
si sa che abbia goduto un culto esteso nelle province della Bassa 
Itsilia. A mio parere il Secundinus episcopus, scelto dal leggendista 
tra i nomi di vescovi venerati nel paese come santi, non appar- 
tiene a Aeca, ma a Macomedes nell'Africa, vissuto nel in secolo, 
venerato in diversi luoghi della Campania, e in processo di tempo 
creduto vescovo locale. Se ne è parlato di sopra. 

3. Marcianus o Martianus : 501, 502. 



lA hEtìlONÈ II - ÀPULIA - AUPI 273 

Arpi (presso Foggia). 

1. Pardus: 314. — Dopo il 314 la diocesi di Arpi scompare, e 
alcuni eruditi hanno creduto fosse trasferita a Siponto. Nel 1923 mi 
associai a quest'opinione ; ma ora crederei piuttosto che Arpi fosse 
unita a Liicera, o in essa trasferita. Ciò che son per dire getterà 
qualche sprazzo di luce, se non m' inganno, su l'oscurissima storia 
delle diocesi dell'Apulia, paese così tormentato dalle invasioni bar- 
bariche. — Una Vita et trcmslatio s. Pardi episcopi in Peloponeso 
{BEL, G4G4-5), patrono della città di Larino, composta da un Ea- 
doino diacono di questa diocesi tra il x e l'xi secolo, pretende che 
questo s. Pardo fosse « episcopus de civitate Poliponissu », espulso 
da' suoi e ricoverato a Eoma. Eicercato poi dai medesimi, non si 
sarebbe mosso da Eoma, onde avrebbe avuto un successore. Ma 
in seguito di tempo egli sarebbe andato nell'Apulia, avrebbe fab- 
bricato due chiese presso Lucerà e in questa città sarebbe morto. 
Il documento però non dice che Pardo fosse creato vescovo di 
Lucerà. Intanto Costante imperatore (nel secolo Yii) distrugge 
Lucerà; e il vescovo di questa città ne fabbrica un'altra verso il 
mare, Lesina, ove stabilisce la sua dimora. Nel secolo ix i Sara- 
cini devastano Larinum : e gli abitanti di Lesina, per provvedere 
la loro chiesa di sacre reliquie, tolgono da Larinum i corpi dei 
ss. Primiano e Firmiano, e li portano nella loro città; e quelli di 
Larinum, naturalmente per compensarsi della perdita dei loro corpi 
s«anti, si recano armati tra le rovine di Lucerà, ne rapiscono le 
ossa del nostro s. Pardo, le trasportano nella loro città, e le collo- 
cano da prima in una chiesa di S. Maria, poi in una edificata 
a bella posta. E il nuovo protettore avrebbe consacrato con il suo 
potere taumaturgico il fatto compiuto. Infatti, scrive Eadoino, che 
gli Ungheri due volte (nella prima metà del x secolo) saccheggia- 
rono Larinum, ma non offesero ne i cittadini, ^ ne il sepolcro del 
santo. Questo racconto di Eadoino, benché colorito dalla fantasia 
popolare, credo contenga un fondo di vero. Le rapine di corpi 
santi in quei tempi non presentano nulla d'inverosimile e d'anor- 
male. E quindi lecito credere che i larinati abbiano tratto le ossa 

18 



274 LE ÙtOÒESI D'iTAtfA 

del loro patrono dalle rovine di Lucerà. Inoltre essi sapevano, come 
appare dalla narrazione di Eadoino, che s. Pardo fu vescovo, non 
di Lucerà, ma di altra città ; non abbiamo perciò ragione di pensare 
clie s'ingannassero. Credevano peraltro che s. Pardo fosse sepolto 
in Lucerà perchè defunto in questa città, e qui cominciano i dubbi. 
Infatti ielle un vescovo greco, massime nelle circostanze esposte 
da Eadoino, fabbricasse due chiese presso Lucerà, e presso le me- 
desime, quasi solitario, vivesse e morisse, non è molto credibile. 
Inoltre il nome del patrono di Larìno, Pardo, non ci costringe a 
credere che questo presule fosse greco, perchè Pardus era nome 
usato presso i latini. Noi troviamo appunto, nel 314, un vescovo 
di questo nome ad Arpi, non lontano da Lucerà e da Larino. E 
perchè questi non sarebbe il santo vescovo sepolto a Lucerà, e 
nel IX sècolo asportato dai larinati? Ohe nel x o xi secolo gli 
abitanti di Larino fantasticassero che un vescovo straniero, un 
vescov'>, come essi credevano, non lucerino, sepolto presso Lucerà, 
vi fosse venuto da lontano, e precisamente dall'opposta sponda, 
non è forse diffìcile spiegare: nel folklore dei paesi marittimi si 
hanno parecchi altri casi consimili. Del resto le memorie della 
città di Arpi, quantunque da un pezzo scomparsa, memorie natu- 
ralmente incerte e confuse, potevano ancora j&agolare per i cer- 
velli dei pugliesi. Arpi ebbe il nome greco di Argyripa, e le an- 
tiche favole ne facevano risalire la fondazione all'eroe Diomede, 
re dell' Etolia, situata nell'opposta sponda dell'Adriatico. Ohe mera- 
viglia dunque che, nel x o xi secolo, perdutesi le autentiche me- 
morie, nella Puglia si dicesse che Pardo, un antico vescovo di 
Arpi, sepolto a Lucerà, ci fosse venuto dal Peloponneso, come 
generalmente chiamavasi la terra greca situata di fronte? Un 
s. Pardo vescovo fu venerato non solo a Larino e a Lucerà, ma, 
come pare, a Benevento (cf. AS, nov., Ili, 53). Probabilmente è 
una sola persona con il Pnrdus di Arpi. Ora se nel secolo ix il 
corpo di s. Pardo di Arpi era tumulato a Lucerà, come ciò sarà 
avvenuto? Forse quel vescovo d'Arpì era morto in Lucerà, e in 
questa città, non ad Arpi, era stato sepolto? Porse Pardo stesso 
si recò in Lucerà quando la sua città venne a mancare, ed egli 
stesso trasferì la sua diocesi in Lucerà, città molto vicina a 



LA tlÈGlONE 11 - APULIA - AnPl, EC. 275 

quella? Oppure le sue ossa furono traslocate in Lucerà dopo la sua 
morte, in causa dell'abbandono di Arpi e del trasloco della sede 
vescovile in Lucerà? Il documento che stiamo esaminando scrive 
che s. Pardo « aedifìcavit duas ecclesias haerentes muro civitatis » 
(lucei'inae). Ohe nella tradizione delle Puglie le due chiese, erette 
presso Lucerà, fossero le due diocesi di Arpi e di Lucerà unite 
insieme, e Eadoino invece abbia inteso quella espressione non di 
due diocesi, ma di due chiese materiali? Non insisto su questi par- 
ticolari, ma ciò che ho detto parmi sia sufflcente, se non a stabi- 
lire, per lo meno a rendere probabile l'ipotesi-che il vescovo Pardus 
del 314 sia il s. Pardus episcopus venerato in Larino e in altri 
luoghi del paese. Si dirà: perchè il vescovo di Lucerà, recandosi 
a Lesina, non avrebbe recato seco le reliquie di s. Pardo, e i 
larinati avrebbero pensato così tardi a impadronirsene? Si può ri- 
spondere : forse il presule Incerino nel trambusto non ebbe tempo 
di farlo o non perdette la speranza di poter ritornare nell'antica 
sede. E i larinati non avranno pensato allóra, per timore di atti- 
rare seri guai su la loro città, di- rapire le ceneri del santo; ma 
quando i lesinati presero l'offensiva, privandoli delle reliquie dei 
loro patroni, avranno creduto, per diritto di rappresaglia e di com- 
penso, poter asportare impunemente da Lucerà (la matrice di Le- 
sina) le ossa dei santi che dormivano nei templi della città abban- 
donata. Orederei quindi non improbabile che il s. Pardo venerato 
nell'Apulia come cittadino del' Peloponneso, sia il Pardus vescovo 
di Arpi nel 314, e la diocesi di Arpi, scomparsa per tempo, sia 
stata incorporata in quella di Lucerà, o trasferita in Lucerà. 



Lucerla (Lucerà). 

Bassus? — Secondo l'Ughelli (X, 279) sarebbe stato martire 
e primo vescovo di Lucerà. Il Oams (891) giustamente lo pose tra 
I)arentesi con il seguente Pardus Infatti pare si tratti di un mar- 
tire Bassus, onorato in Lucerà, e scambiato per vescovo. 

Pardus ? — I documenti più antichi sul culto di s. Pardo ci 
affermano che le reliquie di questo vescovo furono trasferite a 



à^é Lfe blOCteSI d' ITALIA 

Larino dalle rovine di Lucerà, ma non ci dicono clie egli fosse 
stato vescovo di questa città, anzi lo escludono apertamente. I la- 
rinati, del X XI secolo, pensavano a un vescovo greco. Ho con- 
getturato clie le reliquie da loro rapite tra i ruderi di Lucerà 
appartenessero al vescovo Pardus di Arpi del 314. I competenti 
giudicheranno se la mia ipotesi regga. Ad ogni modo un Pardus 
vescovo di Lucerà non è confortato da alcun argomento. 

Johannes e Marcus — Questi due pretesi vescovi lucerini 
(Ughelli, YIII, 31G) provengono dalla Vita et miracula {BHL, 
5301) di un s. Marco, composta da un anonimo nello scorcio dell' xi 
in principio del.xii secolo, forse in Bovino, che in quel tempo 
era sede vescovile. Quando costui scriveva. Bovino possedeva il 
sepolcro di quel s. Marco, veneratissimo per le grazie ricevute dai 
fedeli. Ohi era egli ? L'anonimo crede di sapere che fosse un cit- 
tadino di Aeca, « quae erat in Apuliae flnibus ». Come si è detto, 
la città di Troia cominciò a edificarsi, su le rovine dell'antica Aeca, 
nel 1018. Questo s. Marco avrebbe ricevuto l'ordinazione sacerdotale 
da un Giovanni, vescovo^ di Lucerà; e, defunto costui, sarebbe 
stato costretto dai lucerini ad accettare la cattedra episcopale della 
loro città, quindi consacrato da papa Marcellino (296-304). Sessa- 
genario avrebbe chiuso la sua vita, feconda di sante opere, il 7 
ottobre, e nel suo testamento avrebbe stabilito di essere sepolto a 
Bovino. La volontà del defunto sarebbe stata eseguita. Io credo 
che l'autore della Vita intendesse di scrivere la storia di quel 
s. Marco, vescovo di Aeca, confessore, che visse appunto nel iv 
secolo. Ma egli seppe poco o nulla del suo eroe ; e per accreditare 
le fantasticherie che avrebbe narrato, ricorse al volgare espediente 
degli autori dei romanzi antichi, cioè tentò far credere a' suoi let- 
tori che, ottantotto anni dopo la distruzione di Lucerà (an. 663 e), 
due cittadini di Bovino avrebbero trovato tra le ruine di quella 
città un libellus della vita di s. Marco. Questo lihellus non è mai 
esistito. Noi sappiamo che il s. Marco dell'anonimo Vii Bovino fu 
vescovo, non di Lucerà bensì di Aeca, e il suo clies naialis era il 
5 novembre, non il 7 ottobre, dies naialis di s. Marco papa. Certo 
non è impossibile che lo stesso s. Marco di Aecae scegliesse la 
sua sepoltura a Bovino (che anticamente doveva appartenere alla 



LA REGIONE 1! - APULIA - LUCERIA (lUCEUA), EC. 277 

diocesi di Aeca), ma non è molto verosimile. Più probabilmente 
le ossa di s. Marco di Aeca furono trasferite a Bovino dopo la 
distruzione di quella città. Il lavoro dell'anonimo adunque non ha 
valore storico ; esso è pregevole solo per la narrazione dei mira- 
coli, avvenuti in Bovino presso la tomba del santo al tempo dell'a- 
nonimo: « in his nostris temporibus ». Adunque i vescovi Marco 
e Giovanni (questo Giovanni, probabilissima invenzione dell'autore 
della Vita), devono cancellarsi dal catalogo di Lucerà. 

1. « Lucerinus episcopus »: 493-5. — Eicordato in due lettere 
di Gelasio papa {J-L, 631; 658). 

2. Anastasius : 558-60. — Ordinato da Pelagio I, venne da que- 
sto pontefice raccomandato a un « Dulcitius defensor » (J-L, 988). 

Larinum (Larino vecchio). 

1. lustus : 493-4 {J-L, 630 ; vi si parla di una basilica costruita 
in Mariana in onore di s. Michele arcangelo). — L'epistola di Ge- 
lasio I (J-L, 631), ove ricordasi un « lucerinus episcopus », è in- 
dirizzata a due vescovi di nome lustus et Prohus. Forse il primo è 
il nostro, e il secondo un vescovo Probus di Carmela, di cui si dirà. 

2. Ioannes: 555-60 (J-L, 955). 

Sipontum (S. Maria di Siponto presso Manfredonia). 

Prima del vescovo Felix, intervenuto al sinodo romano del 465, 
l'Ughelli (VII, 814) pone otto nomi : 1. lustiniis, che sarebbe stato 
creato vescovo di Siponto da s. Pietro nel 44. — 2. JV^ an. 132. — 
3. N. an. 138-94. — 4. N. — 5. Eusanius f 9 luglio 300. — 6. N. 333. 
— 7. JV. 380. — 8. K 385. Il Cappelletti (XX, 578) dà il nome di 
Leo (256 f 293) al terzo JV^ prima di Eusanius; ma il Gams (p. 924) 
si mostra scettico su la storicità di un tale catalogo. In verità la 
lista che abbiamo sott'occhi non merita alcuna fede; essa è re- 
cente, come quella di Benevento, di cui si è detto. Un Leo del ni 
secolo è ignoto a tutte le fonti. Inoltre Iiistinus ed Eusanius sono 
gli eroi di due Passióni del paese dei Vestini, somigliantissime tra 



278 LE DIOCESI d' ITALIA 

loro e recentissime {BHL, 4586; 2733) ; in umbe le quali i due sunti 
figurano, non come vescovi, bensì come preti, defunti in quella 
regione, l'uno il 31 decembre e l'altro il 9 luglio; figurano come 
due cittadini di Siponto, o recatisi da Siponto nel paese dei Ve- 
stini, ma in nessun modo come vescovi né di Siponto né di altro 
paese. Probabilmente i nostri due santi dei Testini furono venerati 
pure in Siponto, e, come in tanti altri casi consimili, ritenuti ve- 
scovi locali. Anche un s. Giustino, preteso vescovo di Siponto, è 
venerato in questa città il 31 decembre, appunto come il santo 
omonimo della Valle dell'Aterno ; e un altro s. Giustino, come 
vedremo, è venerato il 14 gennaio a Ohieti, dove pure fu creduto 
erroneamente vescovo locale ; e probabilmente questi tre santi sono 
un solo e medesimo s. Giustino, quello dei Testini. Da ultimo il 
catalogo su detto è abbastanza strano. Dà il nome di due vescovi 
soltanto ; gli altri son tutti anonimi ; e questi disposti con certa 
simmetria, cioè tre anonimi dopo Itistinus e tre dopo Eusaniiis ; e 
i termini cronologici di ciascuno, perfino degli JV^ N. del ii secolo 
sono fissati con la maggiore precisione, mentre la stessa cronologia 
dei papi di quel tempo è così poco nota ! Insomma il nostro cata- 
logo ha tutta l'aria di quelle infelici compilazioni, redatte in tempi 
recenti, alcune delle quali abbiamo già incontrato, altre incontre- 
remo durante il lungo cammino, fatte con l'intento di mostrare 
che tutte, o quasi tutte, le diocesi della Bassa Italia risalgono a 
s. Pietro e intorno agli anni 40-5, come, tra il ix e l' xi secolo, 
cominciò a dirsi di quella di Napoli. Ne il compilatore sipontino 
fu il solo a giovarsi di quel comodissimo sistema degli N. N. ; ne 
troveremo altri. 

1. Felix: 465. — Una Vita interpolata di s. Lorenzo, suo suc- 
cessore {BHL, 4791) in Siponto, pone la morte di lui nell'anno 490: 
« Gelasio beatissimo papa (492-6) et Zenone (474-91) regnante » ! 
Errore manifesto. La Vita originale {BHL, 4790) del medesimo s. Lo- 
renzo lo pone al tèmpo di Zenone, mentre Odoacre e Teodorico si 
combattevano tra loro (489-93). In causa di questo conflitto la sede 
sipontina avrebbe vacato per qualche tempo. Non si capisce peral- 
tro perchè la lotta tra i due re, svoltasi piuttosto nell'Alta Italia, 
avrebbe impedito ai sipontini di pensare alla scelta del loro prelato. 



LA REGIONE II - APULIA - SIPONTUM (s. MARIA DI SIPONTO) 279 

2. Lanrentins, tra il v e il vi secolo. — Come si è detto, due 
Vite di s. Lorenzo di Siponto sono pervenute fino a noi; l'una delle 
quali manipolata e inquinata di errori. Ma anche la Vita originale 
è un documento composto parecchi secoli dopo la morte del santo 
e non meritevole di fede in ogni sua parte.- Per illustrare la storia 
di questo presule, e un avvenimento che riguarda la regione pu- 
gliese, anzi l'Occidente medievale cristiano, voglio dire il santuario 
del monte Gargano, adduco i principali argomenti di quanto ho 
affermato. Primo. L'anonimo autore della Vita più antica narra di 
un'aggressione che i sipontini avrebbero subito da parte dei na- 
poletani, e della vittoria dei primi sopra i secondi a intercessione 
del s. vescovo ; a cui l'arcangelo stesso s. Michele sarebbe apparso 
in visione. Un fatto di questa natura nel v o vi secolo è sempli- 
cemente assurdo. Per concepirlo possibile, bisogna discendere al 
tempo in cui la Bassa Italia era divisa in vari statarelli, che guer- 
reggiavano accanitamente tra loro, cioè almeno dopo l'invasione 
longobarda. L'autore della YUa, narrando questo episodio, confessa 
chiaramente di averlo scritto molto tempo dopo che era avvenuto, 
perchè invoca, per essere creduto, i libri delle antiche storie: « ve- 
teres revolvamus historias ». Grli eruditi (cf. Rerum Langob. ScH- 
ptores, p. 542), riconoscono con ragione che questo episodio è quello 
stesso (benché con qualche variante e senza il nome di Lorenzo) 
narrato duWApparitio s. Michaelis in monte Gargano (BEL, 5948), 
composizione del ix secolo incirca (cf. Quentin, o. c, pp. 560-1, 
664) ; riconoscono di più che tanto il racconto della Vita quanto 
quello deWApparitio sono l'eco svisata e contraffatta di un episodio 
storico, narrato da Paolo Diacono {Hisf. Langoh., 1. IV, e. 46), 
accaduto nel 647 incirca, durante la guerra tra Grimoaldo, duca 
di Benevento, e i greci sbarcati in Italia sotto la condotta dell' im- 
peratore Costante. I bizantini avrebbero assalito, per depredarlo, 
1' « oraculum s. Archangeli in monte Gargano », e Grimoaldo li 
Jivrebbe pienamente debellati: « ultima eos caede prostravit ». Nella 
tradizione popolare dell' viii o ix secolo ai « graeci » di Paolo fu- 
rono sostituiti i napoletani, perchè in quel tempo il ducato di Na- 
poli, avverso a quello di Benevento, rappresentava l'elemento greco 
contro il longobardo. Ora, sia che il racconto della nostra Vita 



280 LE DIOCESI d' ITALIA 

dipenda, direttamente (il che non sembra) dnW H istoria di Paolo; 
sia che derivi diìWAppariiio (il che non oserei afTermave per le 
sensibili divergenze dell'una dall'altra narrazione) ; sia che la Vita 
e VApparitio siano indipendenti l'una dall'altra e traggano origine o 
da una fonte scritta a noi ignota o dalla voce popolare, certo è che 
quella lotta di napoletani contro sipontini (e sanniti) è un episodio 
assolutamente leggendario, che ha per punto di partenza un fatto 
accaduto, non al tempo del vescovo Lorenzo, ma un secolo e piti 
dopo la sua morte; un fatto raccontato da uno storico dell'viii secolo 
(Paolo Diacono) e pienamente trasfigurato dalla tradizione popolare 
e dall'autore della Vita attribuito al s. presule sipontino. L'au- 
tore della Vita a suo tempo poteva certo affermare di averlo attinto 
dalle « veteres historiae », perchè egli scriveva qualche secolo dopo i 
fatti, cioè qualche tempo dopo Paolo Diacono (f 799). Secondo. L'a- 
nonimo narra che, morto Felice, i sipontini avrebbero chiesto un suc- 
cessore a Costantinopoli, e l' imperatore avrebbe mandato a Siponto 
per nave un suo consanguineo e familiare, cioè s. Lorenzo, che 
avrebbe portato seco preziose reliquie, dono del sovrano. L'autore 
non dice neppure una parola della consacrazione romana. Ora tutti 
sappiamo che nel v secolo i presuli sipontini erano eletti dal clero 
e dal popolo del luogo, e venivano ordinati a Eoma, e questo co- 
stume rimase in vigore nel vi, nel vii, nell' viii e anche nei primi 
decenni, almeno del ix secolo. Alcuni eruditi hanno creduto che 
fin dal secolo vili i presuli dell'Apulia, come quelli dei Bruzzì, 
passassero sotto la giurisdizione del patriarca di Costantinopoli, e 
fin da quel tempo l'imperatore bizantino scegliesse i presuli dell'una 
e dell'altra provincia; ma ciò non è vero. Solo dopo la conquista 
dell'Apulia fatta dagli imperatori Basilio I (867-86) e Leone VI 
(886-911), se non si può' provare che la suprema potestà ecclesia- 
stica di tutte le diocesi dell'Apulia pervenne nelle mani del pa- 
triarca e quindi dell'imperatore bizantino, non si può negare che 
alcune città della costa non subissero un cotale mutamento. E 
certo i funzionari bizantini, che cercavano porre nelle cattedre 
vescovili ecclesiastici devoti al nuovo regime, si saranno dati 
d'attorno per allargare ed estendere il sistema dell'elezione, o del 
beneplacito imperiale a tutte le chiese pugliesi. La narrazione del- 



LA REGIONE il - APULIA - SIPONTUM (S, MARIA DI SIPONTO) 281 

l'anonimo suppone evidentemente clie quest'uso fosse abbiistanza 
comune, nelle chiese pugliesi, quindi egli potò pensare che quelle 
costumanze risalissero al secolo v, e attribuì la scelta di Lorenzo 
all'imperatore bizantino, non parlò di ordinazione romana e suppose 
che il presule sbarcato da Bisanzio a Siponto fosse già consacrjito. 
Adunque la Vita fu scritta durante la dominazione bizantina, cioè 
nella seconda metà del ix secolo, o meglio nel x. Così si spiega 
del pari la grande somiglianza che passa tra la Vita di s. Lorenzo 
di Siponto e quella di s. Sabino di Oanosa, di cui si dirà. Il nostro 
autore avrebbe avuto sott'occhi appunto la Vita del presule cano- 
sino, e ne avrebbe seguito l'ordine e la tessitura e più ancora; 
perchè, come vedremo, la Vita di s. Sabino fu composta intorno 
alla metà del secolo ix. Quindi la composizione della Vita di s. Lo- 
renzo dovrebb'essere posteriore. Però non potrebbe protrarsi oltre 
la metà dell'xi secolo; infatti l'autore dedica la sua opera a un 
« praesul Benedictus », certo di Siponto, che ne lo avrebbe richiesto. 
La sede sipontina sotto Benedetto IX (1032-48 e.) fu elevata alla 
dignità arcivescovile (cf. Ughelli, VII, 821). Ora se il praesul 
Benedidiia avesse governato la chiesa sipontina dopo il 1032-48 e. 
non è verosimile che l'autore, forse un ecclesiastico suddito di 
Benedictus, avesse taciuto il titolo onorifico del suo pastore. Oon- 
chiudendo, la Vita s. LaurentU è un documento tardivo, nò degno 
di fede in ogni sua parte ; tuttavia la sua testimonianza su l'epi- 
scopato di s. Lorenzo, e sull'epoca del governo suo e dell'anteces- 
sore, non potrebbe leggermente rifiutarsi. 

La Vita narra pure che al tempo di s. Lorenzo sarebbe avve- 
nuta la famosa apparizione di s. Michele sul Gargano, e l'arcangelo 
stesso avrebbe manifestato a Lorenzo « quid faciendum esset » ; 
■quantunque l' Apparitio sopra citata nò ricordi Lorenzo nò il 
tempo del miracoloso avvenimento. In un codice del secolo xi 
(« Analecta Bollandiana », an. 1892, p. 260) il celebre racconto 
comincia bensì con le parole: « Anno dominicae incarnationis 
quingentesimo sexto (a. 506), indictione decima quarta, regnante... 
Zenone (aa. 476-91), in sede... urbis Eomae praesidente Gelasio » 
(aa. 492-6) ; ma questo esordio, spropositato e forse proveniente 
dalla Vita dì s. Lorenzo interpolata, di cui si dirà, manca negli 



282 LE DIOCESI D' ITALIA 

altri codici. Pertanto donde l'autore della Vita attinse che il pre- 
sule sipontino, favorito dell'angelica visione, cliiamavasi Lorenzo? 
Da tradizioni orali? Da memorie scritte? Oppure lo ha dedotto da 
notizie, comunque da lui conosciute, sul tempo dell'apparizione? 
Credo lo abbia dedotto dal Liber Pontifìcalis romano. Infatti il 
Libar Poniificalis, composto nel vi o nel vii secolo, attribuisce i 
principi del celebre santuario del Gargano ai tempi di papa Gelasio 
(492-6) : « Huius (Gelasii) temporibus inventa est aecclesia sancti 
Angeli in Monte Gargano ». Questa notizia del L. P. non si può 
rigettare. Non dirò che la citata lettera, spedita nel 493-4 da 
Gelasio I a Giusto, vescovo di Lari no {J-L, 630) intorno a una 
basilica costruita colà in onore di . s. Michele, e un'altra lettera 
di Gelasio a Herculentius, vescovo di Potenza lucana {J-L, 680), in- 
torno a una chiesa dedicata pure a s. Michele e a s. Marco, siano 
prove della fondazione del santuario garganico intorno a quello 
stesso tempo, perchè nella Chiesa cattolica il culto dell'arcangelo 
è anteriore all'età di Gelasio; ma tali indizi non debbono trascu- 
rarsi, come parmi si sia fatto. Accetto quindi, se non per certo, 
per probabile, che il celebre « oraculum s. Angeli » sia cominciato 
sub Gelasio.- Ora intorno a quel tempo Lorenzo reggeva la diocesi 
sipontìna; quindi si spiegherebbero le notizie della Vita su la con- 
temi)oraneità dell'apparizione e dell'episcopato sipontino di Lorenzo. 
Il 29 settembre si legge nel Gerolimiano : 

B, W Romae Via Salarla (W omette la menzione della via) miliario VI 
dedicatlo basilice angeli Michaelis. Vel in monte, qui dicitur Gargauus, ubi multa 
mirabilia Deus ostendit. 

Questo latercolo consta di due parti. Nella* prima viene com- 
memorata la dedicazione della basilica eretta in onore dell'arcan- 
gelo s. Michele al VI miglio della Via Salaria; e nella seconda 
si ricorda la dedicazione del santuario eretto sul monte Gargano 
in onore dello stesso arcangelo, per il quale si accetta la data 
romana del 29 settembre. 

Nel Sacramentarium Leonianum la dedicazione della basilica 
romana è al 30 settembre (cf. Duohesne, Origiìies du cuUe chrétieii, 
p. 138^). Nel ms. 15818 di Monaco (secolo ix) l'apparizione del 



LA REGIONE II - APUhlA - SIPONTUM (s. MARIA DI SIPONTO) 283 

Gargano è all'8 maggio: « Adventio s. vMichaelis ai'chimgeli in 
Monte Gargano ». Pare che sulla vetta del monte Gargano sor- 
gesse un oracolo famoso in tutta la regione e meta di numerosi 
pellegrinaggi. Presso l'antro sacro dei responsi o nel luogo stesso 
del delubro idolatrico sarebbe stato costruito il santuario cristiano 
sacro all'arcangelo per sostituire al culto dell'antica divinità locale 
quello di s. Michele, e perchè nei primi secoli della Ohiesji veni- 
vano consacrati in onore di s. Michele e degli angeli in generale, 
i luoghi alti tanto nelle campagne quanto nelle città. Se ciò è 
vero, quando il vescovo di Siponto, Lorenzo, se si vuole, stabilì 
di consacrare la celebre montagna in onore di s. Michele, il trionfo 
della nuova religione sopra l'antica doveva essere già detinitivo 
nell'Apulia. 

Aggiungo qualche opportuna osservazione su quella Vita di 
s. Lorenzo interpolata, di cui si è detto. Essa fu manipolata, pro- 
babilmente in Siponto, in un tempo in cui l'elezione e la consa- 
crazione di s. Lorenzo a Costantinopoli, come era raccontata nella 
Vita originale, doveva produrre meraviglia, se non scandalo. Quindi 
l'interpolatore si affrettò a narjare che, « diebus i)aucis transactis » 
dallo sbai'co di Lorenzo, « nonnulli proceres et maiores, divino 
instinctu admoniti, post canonicam sancti pontificis electionem, 
ad sanctissimum papam (Gelasiiun) concito gradu pergere sata- 
gunt, quatenus sanctus vir eorum antistiti pontificatus plenitudinem 
per sacri chrismatis unctionem coucederet secundum usum sanctae 
romanae ecclesiae ». E l'interpolatore si dilunga a giustificare il 
costume romano di ordinare i vescovi con l'unzione del sacro 
crisma, ignota ai greci; quindi conchiude: « et ei protinus cuncta 
sipontinae ecclesiae iura canonice confirmavit ». Questo racconto 
rispecchia il mutamento ecclesiastico avvenuto nell'Apulia nell'xi 
secolo, cioè la cacciata dei bizantini, l'abolizione dei costumi e 
dei riti greci e il ripristino degli antichi legami tra le chiese pu- 
gliesi e Eoma e quindi l'accettazione della sacra unzione nelle 
consacrazioni episcopali. Quindi si può dedurre che la Vita fu inter- 
polata intorno al secolo xi. E forse il nome del vescovo Benedi- 
ctus fu espunto, perchè nome ricordante tempi tristi che dovevano 
dimenticarsi ? 



284 LE DIOCESI d' ITALIA 

Il nostro s. Lorenzo si trova mescolato in altre leggende eccle- 
siastiche pugliesi, delle quali dirò in più opportuna sede, sotto 
Oanosa. 

3. Felix: 591 {J-L, 1121); 593 {J-L, 1245; 1247; 1246; 1288). - 
Il Gams (p. 924) corregge l'errore fatto dall' Ughelli (VII, 814) di 
sdoppiare questo Felice. 

4. Vitalianus: 597 (J-Z, 1495-6); 599 (/-L, 1638; 1701). - Un 
Yitalinus (?) di Siponto sottoscrive il falso diploma di Gregorio I 
in favore di S. Medardo {J-L, f 1239). 

Carmela, Carmeianum (vicino al Gargano). 
1. Probus: 495 (?) ; 501; 502. 



Salapia (Salpi). 

Pardus, 314. — Per errore di codici dall' Ughelli (VII, 917) è 
stato attribuito a Salapia mentre appartenne ad Arpi. 

1. Pallddius salpinas: 465. — Le leggende garganiche, di cui 
si dirà sotto Oanosa, lo fanno vivere fino al 493, o fino al tempo 
di Gelasio I in generale (492-6). L' Ughelli (X, 338) erroneamente 
lo chiama Pelagius. 

2. Proficuus, ecclesiae salpinae sacerdos (= episcopus) : 492-6 
(J-L, 689). 

Herdonla (Ordona). 

Il Gerolimiano attribuisce a Herdonia una coppia di martiri 
al 1" settembre (= kal. sept.) : 

B Felicis Donati in villa Herdona in Apolia, 
E In Apulia E'elicis et Donati... Hei-donae, 

D In Appulia natale Felicis et Donati subdiacoui (cf. « Anal. Boll. an. 1913, 
p. 400), 

W Felicis, Donati in Apolia. 



LA kÈGioNÈ ti - AttfLiA - tìEtibot^rA (ordona) 2S5 

L' 11 (= III id. sept.) gli stessi martiri si leggono semplicemente 
in Apulia : 

B, E In Apulia Felicis et Donate {W Donati). 

Ma nel medesimo primo giorno di settembre e altrove i due 
sono registrati sotto l'Africa: 

B In Africa civitate Toniza... Donatae In Cartaginae... Donati Pelicis, 

E In Affrica... Donati, 

W In Afreca civitate Toniza... Donatae. In Cartaginae... Donati Felicis. 

Un gruppo di due martiri Donatus e Felix è certamente afri- 
cano (cf. Delehaye, Les origines du culle ec. pp. 446-7). Parrebbe 
dunque che il binomio Felice e Donato, ascritto dal Gerolimiano 
all'Apulia e precisamente alla città di Herdonia, non sia locale ma 
importato. 

Una leggenda {BEL, 2297-302), composta al tempo di Arechi II 
duca di Benevento (seconda metà del secolo vili), ci vuol far credere 
che dodici fratelli cristiani, nati in Adrumeto da Bonifacio e Tecla, 
sarebbero stati famosi per opere sante sotto Cipriano vescovo di 
Cartagine (f 258) e sotto l' imperatore Massimiano (280-305) ! In- 
carcerati e tormentati da Valeriano, messo dell'imperatore, sareb- 
bero stati gettati in una nave per essere condotti al principe ; e 
sarebbero giunti ih Potenza di Lucania passando per Siracusa, 
Catania, Messina e Eeggio. Valeriano, avendo appreso che l'im- 
peratore era morto, il 27 agosto ne avrebbe fatto in Potenza de- 
capitare quattro, di nome AronHus, Honoralus^ Fortunatianus e 
Sabinianus ; il giorno dopo in Venosa avrebbe fatt<^ tagliare il 
capo ad altri tre, Septiniimis, lanuarius e FeMx ; il 29 avrebbe uc- 
ciso a Velinianum altri tre, Viialis^ Sator e Reposltus; e il V set- 
tembre a Sehtianum nell'Apulia avrebbe martirizzato gli ultimi 
due Donatus e Felix. Marco, vescovo di Acca, avrebbe - sepolto 
questi ultimi due nella sua città. Finalmente dopo molti anni 
Arechi (II) duca di Benevento, avrebbe raccolto i corpi dei dodici 
fratelli dai diversi luoghi dove si trovavano, e li avrebbe traspor- 
tati dentro Benevento collocandoli in una sola urna. 

L'autore di questa Passione, senza dubbio leggendaria e com- 
posta con criteri assolutamente artificiali, compilò il suo lavoro 



2S6 LE DIOCESI D* ITALIA 

sopra un raffazzoniimento degli Atti di uu s. Felice vescovo di 
Tliibiuca in Africa, di cui si dirà tra poco. Infatti l'orditura della 
nostra Passione è identica a quella del rifacimento degli Atti di 
quel s. Felice. Felice vescovo è fatto viaggiare dall'Africa in 
Italia per essere martirizzato; passa per Siracusa, Catania, Mes- 
sina e Eeggio., e giunge a Venosa, ove viene ucciso coi suoi com- 
pagni Icmuarkis prete, Fortunaliamis e Sepiiminiis diaconi, il 30 
agosto. La differenza tra l'uno e l'altro documento consiste sol- 
tanto liei numero, nel nome e nella qualità dei viaggiatori e nel 
punto di partenza e di arrivo del viaggio. Felice vescovo proviene 
da Thibiuca, viaggia con, tre ecclesiastici, e viene ucciso con loro 
a Venosa. I dodici fratelli procedono da Adrumeto e sono marti- 
rizzati lungo il viaggio in quattro luoghi diversi della Lucania e 
dell'Apulia, in quattro gruppi, in quattro differenti giorni. 

Ma i dodici presunti fratelli di Adrumeto non sono altro che 
dodici martiri, reliquie dei quali al tempo di Arechi II erano ve- 
nerate nel paese in alcuni giorni della fine di agosto e del prin- 
cipio di settembre. L'autore della Passione beneventana li unì tra 
loro con vincoli di fratellanza carnale, li fece nascere in Adrumeto 
(per una ragione che apparirà in seguito), e lì fece venire dall'A- 
frica in Italia, come Felice di Thibiuca e i suoi per essere uccisi 
in odio alla fede. Non è difficile trovare nei documenti agiografici 
della Bassa Italia questi dodici nomi, raccolti e congiunti insieme 
dalla Passione beneventana. Infatti Felix e Bonatus sono i due 
martiri mauiitani, venerati in Herdonia appunto il 1° settembre, 
di cui quella villa doveva possedere reliquie vere e proprie o rap- 
presentative. L'autore della Passione li ha fatti morire ^n Sen- 
tianum, narrando che furono trasportati in Acca dal santo vescovo 
Marco. I tre martiri fatti uccidere a Velinianum di Puglia il 29 
agosto, Vitaìis, Sator e Repositus, sono ricordati tutti e tre nello 
stesso giorno nei martirologi africani. A Velinianum dovevano es- 
sere venerate loro reliquie (cf. AS, aug., II, 496; sept., I, 130). 
Una recensione degli Atti dì s. Felice di Thibiuca, come si vedrà, 
colloca in Venosa il 30 agosto il martirio di Felix, SepHmimis, 
lanuarhis e Fortuìuitiamts ; e il Gerolimiano registra in Potenza 
di Lucania il 27 agosto quattro martiri di nome Felix, Atvnfius, 



LA tifidioMÈ it - At>t)uA - hÈhtìoNiA (oudona) 287 

Sahinianus e Ilonorahis. I martiri, posti dal leggendista in Potenza 
il 27 e in Venosa il giorno seguente, debbo)io cercarsi in quei due 
gruppi, quantunque i dati del leggendista non coincidano perfet- 
tamente con la seconda recensione degli Atti di Felice e col la- 
tercolo del Gerolimiano, perchè il gruppo venosino negli Atti viene 
martirizzato il 30 e nella leggenda dei dodici fratelli due giorni 
prima, e nel gruppo venosino della leggenda beneventana For- 
tunatianus manca e va a sostituire Felix nel gruppo di Potenza. 
Ma non è difficile trovare la ragione di questi mutamenti. I luoghi 
dove erano venerati i diversi gruppi della leggenda dei dodici, e 
dove, secondo il piano del leggendista, venendo dall'Africa dove- 
vano morire, si trovavano in quest'ordine : Potenza, Venosa, Veli- 
nianum e Sentiauum. Ma mentre il gruppo di Potenza era venerato 
nel 27 agosto, quello di Velinianum nel 29, e quello di Sentianum 
nel primo settembre, la commemorazione del gruppo di Venosa 
cadeva nel 30 agosto. Fu quindi necessario anticipare il giorno 
della morte e collocarlo tra il 27 e il 29. L'omissione del Felice 
di Lucania potrebbe o spiegarsi per una confusione involontaria 
dei due Felici o essere intenzionale. Il leggendista, sommando in- 
sieme i santi venerati in Potenza, in Venosa, in Velinianum e in 
Sentianum, otteneva il numero tredici, numero poco simpatico per 
un uomo quale si appalesa l'autore. della Passione dei dodici fra- 
telli ; espungendo un Felice otteneva invece il numero dodici^ nu- 
mero sacro nei libri del Vecchio e del Nuovo Testamento e caro 
agli scrittori medioevali di leggende agiografiche. 

Nel seguente specchio si veggono a colpo d'occhio le concor- 
danze e le differenze che passano tra la leggenda dei dodici fra- 
telli e le sue fonti : 

Dal Gerolimiano : Nella leggenda beneventana : 

a Potenza di Lucania a Potenza di Lucania 

il 27 ag-osto il 27 agosto 

natale dei santi sono martirizzati i fratelli africani 
Felix 

Arontius Arontius 

Sahinianus Sabiniantis 

Ilonoratus Honoratus 

Fortunatianus ; 



LK blOtìESl o'iTAIitA 



Dalla recensione degli Atti di s. Felice. 

in Venosa dì Apulia 

il 30 agosto 

sono martirizzati i santi africani 

Felix 

Septiminus 
lanuaritis 
Fortunatiamis. 



in Venosa di ApuHa 
il 28 agosto 
sono martirizzati gli altri fratelli 
Felix 

Septiminus 
laniiarius ; 



Da alcuni martirologi: 

sono commemorati in Africa 

il 29 agosto 

Vitalis 

Sntor 

Repositiis. 



Nella leggenda beneventana : 
sono martirizzati in Velinianilm 
il 29 agosto 
gli altri fratelli 
Vitalis 
Sator 
Repositus ; 



Dal Gerolimiano : 

in Herdonia (Apulia) in Sentianum (presso Aeca di Apulia) 

il lo settembre il lo settembre 

commemorazione dei santi africani sono martirizzati gli altri fratelli africani 

Felix Felix 

Donattis. Donatns. 

Leo? — L'Ughelli (X, 114), mentre lo colloca in Ordona,, gli 
dà il titolo di santo e assegna la sua festa al 12 gennaio. Negli 
indici dei Bollandisti non trovo questo s. Leone. Incontrasi un 
oscuro Leo anche in Siponto; ma non ardisco pronunziarmi su 
questo Leone o s. Leone. 

1. Saturninus: 499. 



Canusium (Canosa). 



Si è trovata in Oanosa un'iscrizione cristiana dell'anno 393, e 
un antico sepolcreto giudaico ricco di epitafì. La presenza di molti 
israeliti a Oanosa fa supporre che per tempo vi si formasse una 
comunità cristiana (cf. CIL, IX, 6192, 6195 e seg. ; Haunack, o. 
e, II, p. 265, not. 4). 



LA tlEGlONE II - APULtA - dAtJUSlUM (cANOSa) 289 

Felix? — Ignoto' all'Ughelli (X, 36), fu registrato, dalla Relatio 
status ecclesiae Genusinae, 13. 10 (Eoma, 1758), al tempo di s. Pietro, 
senza l'appoggio di alcuna prova. 

Liberalis. — È il celebre martire, di cui si è detto sotto Acca, 
preso per vescovo proprio in molte città della Bassa Italia e anche 
in Oanusium (cf. la citata Relatio, p. 15). 

1. Stercorius ; 342-4. 
Laurentius (440-61) ? Of. Aeclanum. 

2. Probus : 465;, 468-74, legato di papa Simplicio a Leone im- 
peratore (Mansi, Vili, 59; J-L, 664). 

Sahinus. — Sdoppiamento del seguente Sabinus, avvenuto in 
causa delle leggende divergenti, di cui si dirà tra poco. 

3. Ruflnus: 494-5 (?) {J-L, 658); 499. 

4. Memor: 501; 502. 

5. Sabinus: 531, presente in un sinodo romano (Mansi, Vili, 
739-72); 536, legato della S. Sede a Costantinopoli (Mansi, Vili, 
877-1141); 541-52 {Dial, II, 15; III, 5), in relazione con s. Bene- 
nedetto di Norcia e con re Totila. E venerato come santo. 

Una Vita et translalio s. Saòini {BHL, 7443) di Oanosa, perve- 
nuta fino a noi, consta di tre parti. Nella prima l'autore anonimo 
raccoglie « quae in libris invenimus exarata »; e nella seconda 
« quae nostris temporibus... possunt cognosci »; cioè quello, come 
egli scrive, che gli fu narrato da un vescovo di Oanosa, di nome 
Pietro, secondo che questo stesso Pietro avrebbe imparato « a se- 
nibus sacerdotum », ed « ex epigrammate », vale a dire da un' i- 
scrizìone metrica, come pare, posta in una chiesa canosinu ; e nella 
terza l'anonimo narra « quae his diebus gesta sunt ». In quest'ul- 
tima parte dice che il vescovo Pietro trasferì il corpo di s. Savino 
da una chiesa canosina nella cattedrale « in camera subtus altare », 
ed « ex argento auroque linitam arcam super eius corpus impo- 
suit et diversa ornamenta superinduxit ». Nella seconda parte ci 
fa sapere (probabilmente ex epigrammate) che Theodorada, figlia 
di Lupo, duca del Friuli, moglie di Eomoaldo, duca di Benevento 
(671-87), reggente dello stato dopo la morte del marito, convertita 
al cattolicismo, come si legge nella Vita di s. Barbato dì Bene- 
vento, eresse in Oanosa la detta chiesa di s. Sabino; nella quale 

19 



290 Lte btOCÈSl d' ITALIA 

« altare super corpus viri Dei pulchro marmore instituit... altaris 
tegmina (il cosidetto fegurium o tàbernacnlum) auro gemmisque 
decoravit ». Ma quando il vescovo Pietro da questa chiesa di Theo- 
dorada (o Theodorata), come si è detto, avrebbe trasferito le ossa 
di s. Sabino nella chiesa maggiore ? L'anonimo scrive di aver com- 
posto il suo lavoro « principante... Emerith prole Grimoald, cuius 
temporibus multa Salentinati populo prospera occurrere ». Egli 
considera adunque Oanosa come facente parte del popolo Salen- 
tino, e dice espressamente che a suo tempo Oanosa obbediva a un 
principe longobardo. Evidentemente il vescovo Pietro dovrebbe 
aver vissuto non molto prima della composizione della Vita. Ma 
noi siamo all'oscuro su quel « Emerith prole Grimoald », che si- 
gnoreggiava i salentini, e non siamo neppur sicuri su questa lezione 
del testo. Ora i duchi di Benevento di nome Grimoaldo furono 
quattro: Grimoaldo I (663-71); Grimoaldo II (687-9); Grimoaldo 
III (dalla fine del secolo viti all'807); Grimoaldo IV (807-17). L'U- 
ghelli (X, 37-8) ha creduto che « Emerith prole Grimoald » sia 
Eomoaldo (706 31 e), duca di Benevento, tìglio di Gisulfo, fratello 
di Grimoaldo II, e ha posto il vescovo Pietro al tempo di Eo- 
moaldo. Ma osservo da prima che Eomoaldo non fu veramente 
« proles Grimoald », ma di Gisulfo. Quindi se V« Emerith » del- 
l'anonimo fu il figlio di un duca di Benevento di nome « Grimoald », 
bisognerà discendere al iv o al iii Grimoaldo. Ma quell'* Emerith » 
fu veramente un « dux Beneventi » o « Samnitum », come dice- 
vasi, o un semplice signore del paese dei salentini, ad esempio un 
figlio di Grimoaldo III o del IV? Secondo tutte le verosimiglianze, 
un vescovo di Oanosa non avrebbe pensato a trasferire le ossa o 
le ceneri di s. Sabino nella cattedrale al tempo di Grimoaldo II, 
perchè in quel tempo la chiesa e il ricco altare, edificati dalla 
principessa longobarda, dovevano trovarsi ancora in buono stato ; 
ma ciò avrà fatto quando l'edifizio di Theodorata cominciò a de- 
perire. Oiò poteva essere avvenuto al tempo del terzo e, più, del 
quarto Grimoaldo. Noi conosciamo un vescovo di Oanosa, di nome 
Pietro, il quale, presa e devastata la sua città dai Saracini intorno 
alla quarta decade del secolo ix, riparò a Salerno {Chron. Scderni- 
tanum, e. 97). Questo è probabilmente il Pietro del nostro anonimo. 



LA ftEtìioNÈ n - APULiA - canusium (canosa) 291 

Quindi la Vita s. Sabini sarebbe stata composta intorno a quel 
terapo. Non dopo ; perchè nell' 840-8 il ducato di Benevento co- 
minciò a decadere, e negli anni seguenti gl'imperatori bizantini 
Basilio I (867-86) e Leone VI (886-911) s'impossessarono delle 
Puglie. 

Ora, dopo tre secoli, die cosa poteva sapere il nostro anonimo 
della vita di s. Sabino? Le notizie « in libris exaratae », consi- 
stettero, come si raccoglie dal suo lavoro (e. I-II), nelle notissime 
narrazioni contenute nei Dialoghi di s. Gregorio Magno, relative a 
s. Sabino. E le altre? La descrizione ^della morte del santo, e il 
suo ultimo discorso (e. IV), appartengono ai soliti luoghi comuni 
dell'agiografia medievale. Certo però non si potrebbe seriamente 
mettere in dubbio che un vescovo zelante, come s. Sabino, abbia 
edificato in Oanosa le chiese, di cui parla l'anonimo (e. II), spe- 
cialmente la basilica dei ss. martiri Cosma e Damiano, il cui culto 
propagavasi appunto al tempo del s. presule. Infatti Felice IV 
papa (526-30) costruì in onore dei due martiri quel celebre musaico 
che ancora si ammira in Eoma. Ma evidentemente, l'anonimo rac- 
colse dalla tradizione orale gli episodi da lui riferiti nei ce. II e III. 
La natura del mio lavoro non mi permette di occuparmene; ma 
uno di quelli non può essere da me trascurato. Nel e. II l'autore 
narra che « Sabinus ab omnibus merito venerabatur in tantum 
etiam ut Eomae urbis Gelasius pontifex prae caeteris episcopis eum 
socium haberet ac familiarem. Nam cum Barolitanam ecclesiam 
(= Barletta) in honore b. Andreae apostoli benedicere voluisset, 
eumdem Gelasium ad se adventare rogavit, quod et fecit ». Segue 
dicendo che s. Sabino invitò alla sagra anche « Laurentius sipon- 
tinae ecclesiae pontifex, Palladius salpitanae, Eytichius tranen^s", 
Ioannes rubisinae (di Euvo), Austerius venusinae ». Ora questo 
racconto non si regge. Al tempo di papa Gelasio, come si è visto, 
non Sabinus, ma Eufinus e Memor governarono la chiesa canosina. 
Lorenzo di Siponto, Palladio di Salapia, Eutichio di Trani potreb- 
bero sì essere vissuti con papa Gelasio; ma Austerius (o Asterius?) 
di Venosa è ignoto alla storia, e il vescovo venosino contempo- 
raneo di Gelasio chiamavasi Stefano. Il Ioannes rubisinus inoltre 
è sconosciuto, e la diocesi di Euvo non compare tra le diocesi 



292 LE hlOÓÈSl u' ITALIA 

pugliesi del y e vi secolo. Infine il fatto di un papa del V secolo 
che si reca in una provincia lontana da JRoma per benedirvi o 
consacrarvi una chiesa è senza esempio. Io crederei però che il 
passo, di cui ci occupiamo, non appartenga alla redazione primi- 
tiva della Vita s. Sabini. Infatti è probabile, come si è detto, che 
l'autore, della Vita di s. Lorenzo di Siponto {BHL, 4790) abbia 
conosciuto il nostro documento. Ora, se ciò corrisponde al vero, 
non saprebbe spiegarsi come quello scrittore avesse taciuto l'inter- 
vento di s. Lorenzo alla consacrazione della chiesa di S. Andrea 
insieme con papa Gelasio ; intervento che sarebbe tornato a onore 
del suo eroe. Sembra dunque che il testo primitivo della Vita 
s. Sabini ignorasse il racconto su detto. Inoltre una Vita metrica 
di s. Sabino {BHL, 7444), scritta da un Giovanni arcidiacono di 
Bari intorno alla fine del secolo xi, segue passo passo la nostra 
Vita s. Sabini, che certamente conosce; ma nulla dice della chiesa 
di S. Andrea e dell'intervento di s. Sabino e degli altri presuli 
insieme con papa Gelasio alla benedizione della medesima. Quindi 
questo episodio dovevu mancare nella redazione primitiva della 
Vita s. Sabini. Dì piìi, se il passo in questione fosse appartenuto 
alla Vita originjile, bisognerebbe dedurre che la diocesi di Kuvo 
appartiene al v secolo; punto tutt'altro che sicuro, come vedremo. 
Non mancano quindi argomenti per ritenere che il passo della Vita 
s. Sabini relativo alla chiesa di S. Andrea sia stato interpolato in, 
epoca posteriore. E in vero l' idea di portare un papa in Apulia a 
fargli consacrare una chiesa del paese, non poteva sorgere nella 
mente dei pugliesi, e in generale degli abitanti della Bassa Italia 
se non nel secolo xr, vale a dire quando, finita la dominazione 
bizantina, i romani pontefici si mescolarono personalmente agli 
avvenimenti politici ed ecclesiastici del paese, e vi tennero con- 
cini e vi consacrarono chiese. Nel 1102 Pasquale II consacrò ap- 
punto la chiesa di S. Sabino in Oanosa con l' intervento di vescovi, 
e una lapide che sta sulla porta della sacrestia della chiesa ma- 
trice 'di Oanosa volle eternare questo avvenimento (cf. Monterisi, 
Leggenda e realtà intorno a s. Ruggero, Trani, 1905, pp. 7-8). Adunque 
il passo in parola dev'essere stato introdotto nella Vita s. Sabini, 
non prima dell' xi secolo. Un'altra leggenda che ci riguarda, e di 



LA REGIONE II - AP.VUA - CANUSIUM (cANOSA) 293 

cui lii presunta cousacrazioue di 8. Andrea potrebbe essere il nu- 
cleo, ha trasportato la dedicazione di una basilica, con l'inter- 
vento di papa Gelasio e dei sei nominati vescovi, da Oanosa sul 
monte Gargano. Questa leggenda si contiene in una A'^ita metrica 
di s. Lorenzo di Siponto, o, meglio, in un nitìcio liturgico in versi 
in onore di quel santo; ufficio pubblicato dagli antichi Bollandisti 
(J^jS, febr., II, 62-3), e mandato ad Anversa ' da Siponto. L'ufficio 
riferisce : 

Caeli aulain cium mandaret pontlfex Gelasius 
consecrari, couveneruiit primitus Laurentius, 
Iiìc Sabìnus canusinus/salpensìs Palladius, 
et loannes rubesanus, tranensis Euticìiis, 
et cum illis veausimis affult Austerius. 
Hoc vetavit Deo missus Michael archangelus, 
dìcens: domuin istam feci et sacravi caelitus, 
qui dum astaret summi Regis uuntius, 
ut cessarent ab iiicepto monuit arcliang'elus. 

Il divieto di consacrare il santuario del Gargano per mano d'uo- 
mini, perchè consacrato ministerlo angelorum, già si contiene nella 
celebre Apparitìo, della quale sopra si è detto. Ma il racconto del- 
l'ordine che Gelasio avrebbe dato di consacrare l'aula, e dell' in- 
tervento dei su detti presuli, non si contiene wqW Apparino e pro- 
babilmente pervenne a Siponto da Oanosa. I sipontini dovettero 
interessarsi della leggenda canosina, perchè essa metteva in scena 
il loro vescovo s. Lorenzo, il famoso vescovo contemporaneo del- 
l'apparizione. Essi l'avranno adattata al loro santuario ; e per con- 
ciliare le loro tradizioni con i nuovi elementi, avranno trasformato 
la consacrazione che Gelasio avrebbe fatto a Oanosa in un sem- 
plice progetto di dedicazione del santuario garganico, progetto però 
sventato dal contrario intervento dell'arcangelo. Forse la Vita in- 
terpolata di s. Lorenzo, di cui si è detto {BEL, 4791), contribuì 
alla formazione della nuova leggenda, poiché essa narra che il 
santo presule « tres basilicas in eodem monte (Gargano), unam ad 
honorem b. Mariae Virginis, aliam ad honorem b. Ioannis Bapti- 
stae, tertiam in principis apostolorum aediflcavit et consecravit ». 
Se dunque, si sarà conchiuso, s. Lorenzo pensò a edificare e a de- 



294 LE DIOCESI d' ITALIA 

dicare tre chiese sul Gargano, in onore della Madonna, di s. Gio- 
vanni e di s. Pietro, , perchè Gelasio non avrebbe potuto pensare 
alla benedizione dello stesso santuario micheliano ? Ma quando 
questa nuova leggenda si formasse in Siponto non è facile dire. 
L'ufficio metrico che tratta della consacrazione di S. Andrea, fatta 
da papa Gelasio e da s. Lorenzo di Siponto, non può essere ante- 
riore al XII o all' XI secolo, perchè dipende da quella Vita di s. Lo- 
renzo che venne manipolata intorno a quel tempo. Ma il passo 
stesso riferentesi alla divisata consacrazione garganica non appar- 
tiene alla redazione primitiva dell'ufficio; è anch'esso interpo- 
lato, come gli antichi Bollandisti conobbero {AS, 1. e, p. 63, 
nota i), e come presto si appalesa a un lettore un po' accorto. 
Infatti quel passo rompe evidentemente l'euritmia conservata in 
tutto l'ufficio. 

Ma nel secolo xv la leggenda garganica introdotta quando 
che sia stato nell'ufficio metrico, prese una nuova forma (BHL, 
7204-6; 7285-7), contraria alle stesse tradizioni sipontine. Secondo 
questa ultima leggenda, la dedicazione per mano d'uomini del san- 
tuario garganico sarebbe avvenuta veramente conti'O ciò che in 
antico affermavasi, e per ordine di Gelasio I, e precisamente nel 
settembre del 493. S. Lorenzo avrebbe invitato alla sagra s. Rug- 
gero, vescovo di Canne, s. Eiccardo d'Andria e s. Sabino di Oanosa. 
L'ultima fase della leggenda non parla degli altri presuli ; e narra 
che il consacratore stesso sarebbe stato s. Euggero. Così un Eug- 
gero, vescovo di Canne, vissuto tra il 1110 e il 1117, quanto un 
Eiccardo d'Andria, che compare mezzo secolo dopo (cf. Monterisi, 
1. e, pp. 5-12 ; 31-89), furono sbalzati al v secolo I 

Questa digressione non è inutile allo scopo di questo Studio. 
Era necessario esaminare, quantunque brevemente, i sopra ricor- 
dati documenti, per giustitìcare ciò che ho affermato, e ciò che s.to 
per dire, intorno ai presuli pugliesi del v secolo, o al v secolo fal- 
samente attribuiti. 

Winandus. — Il Tortora (Helatìo stcUus ec.) avendo trovato, 
come egli scrive, un libello della certosa di Bruxelles con il se- 
guente elogio: «In canusina civ. ss. episcop.. Sabini et A¥inandi » 
ha creduto troppo leggermente che questo santo (vescovo ?) di nome 



LA REGIONE II - APULIA - CANUSIUM (cANOSa), EC. 295 

teutonico, Winaiido (o Winardo ?) tenesse il seggio episcopale ca- 
nosino immediatamente dopo s. Sabino. 

Chiesa vacante: 591 {J-L, 1121). — Gregorio Magno affidò a 
Felice, V. di Siponto, la « Oanosina ecclesia, ita sacerdotii officio 
destituta », che i moribondi morivano senza il sacramento della 
penitenza e i fanciulli non venivano battezzati. 



Venusium (Venosa). 

La diocesi di Venosa è intimamente legata alla memoria di 
un martire africano, di nome Felice, vescovo di Thibiuca (Africa 
Proconsolare), già ricordato (cf. Herdonia). La sede episcopale di 
Thibiuca è scritta nelle diverse redazioni delle Passioni del santo 
in parecchi modi; ma si è propensi a identificarla con la città di 
Thibiuca, situata non lungi dall'antica Cartagine nel luogo detto 
Zustina. 

Una prima redazione (BHL, 2895), che .sembra la più antica, 
riferisce che nel 303 fu affisso in Thibiuca l'ordine degli impera- 
tori e dei cesari di consegnare i libri sacri dei cristiani. Trovan- 
dosi il vescovo della città Felice in Cartagine, il « curator Ma- 
gnilianus » interrogò il prete Apro e i lettori Cirilo e Vitale e li 
pose in prigione. Il giorno appresso, tornato Felice da Cartagine, 
fu richiesto di consegnare i libri sacri, ma rifiutò; fu quindi tra- 
dotto a Cartagine (24 giugno), ove fu interrogato senza frutto prima 
dal legato e poi dal proconsole Anullinus. Questi (15 luglio) lo 
rimise al « praefectus praetorio », e dopo nove giorni gli comandò 
di « n^ivigare post imperatores ». Felice transitò per Agrigento, 
per Catania, per Taormina e per Messina; poi navigò in Nerulum, 
città della Lucania, e finalmente fu condotto in Venosa, città del- 
l'Apulia, ove per ordine del prefetto del pretorio fu decollato il 
30 agosto. 

Un'altra redazione, contenuta in un codice dell'viii-ix secolo 
(« Anal. Boll. », an. 1921, pp. 270-7), non differisce dalla prima nelle 
linee fondamentali, salvo che il santo è fatto morire (per ordine 
dello stesso prefetto e nel medesimo giorno 30 agosto) « in Cutision 



296 LE DIOCESI d' ITALIA 

civifcatem regionis Opolei ». Ma come Opolel sta per Aimlia, così 
GuUslon dev'essere errore per Venushim. 

Una terza redazione, clie si legge in un codice del ix secolo 
(« Anal. Boll., », an. 1921, pp. 24(3, 252-9), ci trasporta a Nola di 
Campania. Nella prima parte la Passione è presso a poco conforme 
alla prima e alla seconda redazione su riferite; ma verso il mezzo, 
Anullinus trasmette il martire a Eoma. Felice in verità giunge 
nella capitale, è presentato al prefetto, ma questi dopo sedici giorni 
gli comanda di « navigare post imperatores ». Il vescovo monta 
in nave, giunge a Nola, e ivi viene decollato dal « cognitor civi- 
tatis » il 29 luglio, quindi il suo corpo viene sepolto « apud Me- 
diolanum » (se pure non deve leggersi apud Nolanam civitatem)^ e 
le sue reliquie sono trasferite a Cartagine e poste « in vico qui 
dicitur Scillitanorum in Fausti », cioè nella basilica di Fausto; 

Una quarta redazione {BHL, 2895 b) ci riconduce a Venosa, 
con questa differenza, che i compagni di Felice non si chiamano 
Apro, Girilo e Vitale, bensì Gennaro prete e Fortunaziano e Set- 
timino lettori, e questi, tre lo accompagnano in Italia fino a Ve- 
nosa. Questa redazione fu nota a Beda; è quindi anteriore all' viii 
secolo (cf. QuENTiN, o. e, 74; « Anal. Boll. » an. 1921, p. 244). 

Una quinta redazione {BHL, 2894) mata del pari i nomi dei 
chierici di Felice in Gennaro, Fortunaziano e Settimino, ma non 
li allontana dall'Africa; bensì fa viaggiare solo il vescovo di nuovo 
fino a Eoma, quindi a Nola, ove il « cognitor civitatis » lo fa de- 
collare il 15 gennaio. Il corpo del martire è sepolto in Nola e le 
reliquie sono trasportate in Africa, come sopra si è detto a pro- 
posito della terza redazione. 

Come si spiega questo pasticcio ? L' ipotesi del Monceaux {Hist. 
littér. de VAfriqiie chrétienne, III, 136), del p. Delehaye (« Anal. Boll. », 
an. 1897, p. 28, e an. 1921, pp. 241 e seg.) e del Quentin (o. e, 
pp. 522-32) mi sembra molto plausibile. S. Felice di Thibiuca, un 
martire africano autentico, non sarebbe morto ne a Venosa ne a 
Nola, ma in Africa presso Cartagine (forse il 15 luglio) per ordine 
del proconsole Anullinus, e sarebbe stato sepolto nel suburbano 
lungo la via che poi fu detta vicus Scillitanorum dove sorse la 
basilica Fausti. 



liA REGIONE II - APULIA - VENUSiUM (vENOSa) 297 

Gli autori della prima e della seconda redazione a\^rebbero ap- 
plicato e adattato gli atti genuini, oggi scomparsi, di s. Felice di 
Thibiuca a un santo omonimo venerato in Venosa il 30 agosto. 
Il cambiamento più importante sarebbe consistito nel far condurre 
Felice di Thibiuca dall'Africa in Italia per la Sicilia e per la Lu- 
cania fino a Venosa di Apulia, e quivi farlo morire (30 agosto). 
Non parrebbe clie il martire Felice venerato in Venosa fosse un 
martire locale, perchè l'autore di questa e delle altre manipola- 
zioni degli Atti Africani non ha parlato mai del sepolcro di questo 
martire s. Felice in Venosa. Quindi il s. Felice di Venosa, che si 
appropriò gli Atti di s. Felice di Thibiuca, probabilmente fu un 
martire venerato in Venosa, ma estraneo a Venosa. Si è pensato 
al martire romano omonimo sepolto nel cimitero di Oommodilla, 
e celebrato appunto il 30 agosto insieme con un suo compagno di 
nome Adauctus. Tuttavia non è impossibile che il s. Felice vene- 
rato dai venosini fosse veramente un s. Felice africano e magari 
lo stesso s. Felice di Thibiuca, di cui alcune reliquie dalla basilica 
Fausti fossero state trasferite in Venosa. 

Questa prima recensione può risalire benissimo al vi secolo 
incirca. Prima dell' vili un leggendista della Bassa Italia credette 
bene di sostituire ad Apro, Girilo e Vitale tre altri nomi, cioè Gen- 
naro, Fortuuaziano e Settimino, le reliquie dei quali, come ve- 
demmo, erano venerate nella regione, e di farli viaggiare insieme 
col vescovo fino a Venosa. E non è improbabile che Gennaro, For- 
tuuaziano e Settimino fossero veramente martiri africani venerati 
nell'Italia Inferiore (v. Herdonia). 

Un chierico campano alla sua volta applicò e adattò gli Atti 
di s. Felice di Thibiuca al nòtissimo omonimo di Nola, il prete 
confessore Felice, e così il vescovo africano fu fatto viaggiare solo 
fino a Eoma, quindi retrocedere a Nola, e quivi uccidere e seppel- 
lire. Questo scrittore conobbe probabilmente la prima recensione 
venosina; ma egli aveva letto (o sapeva) che le spoglie mortali del 
santo vescovo erano venerate presso Cartagine nel vicus Scillita- 
norum entro la basilica dì Fausto, non a Nola, e credette di con- 
ciliare i dati contrastanti scrivendo che il corpo fu deposto in Nola 
e reliquie di lui furono portate in Africa. 



298 • LE DIOCESI d' ITALIA 

In tempi più recenti un altro scrittore campano conobbe la 
seconda recensione venosina, sostituì ai tre nomi dell'originiile 
quelli di Gennaro, Fortunaziano e Settimino, al contrario del re- 
dattore venosino li lasciò in Africa, e fece viaggiare il vescovo 
solo, come aveva fatto l'autore della prima recensione campana. 

S. Felice di Thibiuca entrò pure in un'altra combinazione agio- 
grafica dell'Italia Meridionale relativamente recente. Una Passione 
{AS, aug., V, 167-8) pone in Eoma sotto Diocleziano il martirio di 
un Felice « Buzoceusìs » e di un Adauctus; in Salerno quello di 
un Fortunato, di un Gaio e di un Antlies, e ricorda con essi un 
Donato senza dir nulla del martirio di lui. I corpi dei tre salerni- 
tani sarebbero stati trasportati dai dintorni della città nella cat- 
tedrale al tempo del Guiscardo (1057-85). Evidentemente l'autore 
di questo guazzabuglio lia confuso s. Felice di Thibiuca col s. Fe- 
lice romano, compagno di Adauctus, e lo ha chiamato « Buzocen- 
sis » storpiando orribilmente il nome della città, detta talora Tu- 
bka, Tubzaca e Tubzoca. Il nome di Donato forse fu richiamato 
dal compagno di s. Felice venerato con lui nell'Apulia il 1° set- 
tembre, come si è visto. E probabilmente Fortunato, Gaio e Anthes 
provengono dal Gerolimiano, ove, appunto al 1° settembre, con la 
coppia Felice e Donato e di nuovo al 31 agosto, si trovano un Gaia- 
mis e un Anthimeus o Anthineus, che però non è facile identificare. 

Philippus? — Sarebbe stato consacrato (Ughblli, A'^II, 168) 
da papa Fabiano nel 238 ; ma il suo nome e l'età attribuitagli sono 
destituiti di ogni fondamento. 

Ioannes ? — Sarebbe vissuto, secondo lo stesso autore, nel 443, 
sotto Leone I (440-61); e vestito dei pontificali paludamenti col 
clero e la croce sarebbe andato incontro ad Attila minacciante 
Venosa. Il re barbaro, vista l'immagine della B. V. a lui e al suo 
esercito miracolosamente apparsa, si sarebbe allontanato senza 
nuocere; e in memoria del fatto i venosini fuori della città avreb- 
bero eretta una chiesa, presso la quale fu edificato un cenobio 
di Minori Osservanti. Di tutto questo l' Ughelli non adduce alcuna 
prova. Ora si sa che Attila non pose piede in Apulia, né nel 443, 
ne in altro tempo ; e simile incontro del re degli Unni con un ve- 



LA REGIONI? II - APULIA - VUNUSIUM (vENOSa), EC. 299 

SCOVO cattolico viene narrato (v. Introduzione, § 6), dopo quello 
celebre, di Leone I, di parecchi altri vescovi italiani e galli. Quindi 
quel racconto non ha alcuna base. L'Ughelli, dopo aver detto (1. e.) 
che in memoria del fatto fu edificata una chiesa, e presso di questa 
un cenobio di Minori Osservanti, « ut suo loco dicemus », in se- 
guito non parla mai di questi Osservanti; e a col. 174 riferisce che 
un convento, non di Minori Osservanti, bensì di Cappuccini, fu edi- 
ficato presso una chiesa in onore dei ss. Eocco e Sebastiano (nel 
sec. xv-xvi invocati contro le pestilenze) « quorum virtute et in- 
tercessione civitas (venosina) libera facta est ah iinmaaissima lue »; 
chiesa eretta da un vescovo venosino di nome Berardo Bongio- 
vanni (1501-1510) il quale « ad propellendam (immanem pestem) 
omnibus viribus ursit ». Qui non si parla più di Attila Flagello di 
Dio, allontanato da Venosa per intercessione della B. V. da un 
vescovo Giovanni, ma del flagello di una peste allontanata da Ve- 
nosa da un vescovo Bongiovanni per intercessione dei ss. Eocco e 
Sebastiano. Ora che l' Ughelli sia stato vittima di un grosso equi- 
voco ? Ohe siasi trasformato il vescovo Bongiovanni del secolo xvi 
in un vescovo Giovanni del v ? Nel secolo xvi il cognome Bongio- 
vanni rendevasi volentieri in latino con Bonus lohannes, come in 
altri casi consimili si può riscontrare. E che Bongiovanni e Bonus 
lohannes sia stato preso per un nome proprio? E 1' « immanìssima 
lues », da cui il vescovo Bongiovanni « omnibus viribus ursit » 
-per affrancarne il suo popolo, cioè il flagello divino della pestilenza, 
si sarebbe mai per caso trasformato nel celebre Flagelluni Dei? 

Austerius? Proviene dalle leggende garganiche (v. Oanosa), 
quindi non può accettarsi. Certo è che al tempo di Gelasio I il 
vescovo di Oanosa ebbe nome Stefano. 

1. Stephanus: 492-6 (?) {J-L, 089); 494-5 (?) {J-L, 653; 660); 
495 (?); 501; 502. 

Acheruntia (Acerenza). 

L' Ughelli (VII, 13) registra prima del vescovo lustus, inter- 
venuto al sinodo romano del 499, una lista di quindici nomi di 
presunti vescovi, che avrebbero seduto su la cattedra acerentina 



300 LE DIOCESI d' ITALIA. 

dairaiino 300 incirca alla fine del secolo v. TI Cappelletti (XX, 
419, e il Gams (p. 843) a gran ragione ne dubitarono ; infatti basta 
una semplice lettura a persuaderci che quel catalogo fu conjpilato 
da un falsario, e molto inabile, verosimilmente per colmare una 
larga lacuna del catalogo e per portare le origini del v'escovado 
acerentino al principio del iv secolo. Non saprei se si potesse pen- 
sare a nomi più strani e assurdi; perchè, in buona parte, longo- 
bardi. Eccoli: Romanus (an. 300, sed. an. 29). — MonocoUus (an. 8). 

— Petrus (an. 3). — Sylvkis o Sllvlus (an. 5). — Theoclosius (an. 8). 

— Aloris o Aloriis (an. 32). — Stephamis (an. 2). — Araldiis (an. 4). — 
Bertiis (an. 3). — Leo (an. 23). — Lupus (an. 3). — Eoalan'ms o 
Evaldinus {aiì. 12). — Azo (an. 3). — Asedeo o Asedeus — (an. 8). 

— Joseph o losephus (an. 23), Osservo che in questa lista, come in 
quella spuria di Siponto, il falsario ha assegnato a ciascheduno un 
determinato numero d'anni con certa simmetria. 

1. lustus: 492-6 (?) {J-L, 689); 494-5 (?) {J-L, 653; 661); 499. 



Tranum (Tran!). 

Quadratus, v. Sardegna. 

Eedemptus e Magnus? — Un s. Magno martire è registrato 
in alcuni codd. del Gerolimiano il 19 agosto in Fabrateria vetus; 
aveva una chiesa in suo onore presso Fondi; donde sarebbe stato 
trasferito a Veroli, dopo le devastazioni dei Saracini. Possiede due 
Passioni: l'una {BHL, 5172) lo fa nascere e uccidere in Cesarea di 
Cappadocia sub Aureliano (270-5) nel giorno sopra riferito; l'altra 
{BHL, 5169-71) ne fa un pastorello di Trani nell'Apulia, battezzato 
da un Eedemptus, « sanctus sacerdos » (= vescovo?) e che quindi 
sarebbe stato richiesto dai tranesi per loro vescovo. Magno accon- 
sente, fa miracoli; ma, scoppiata la persecuzione, viene preso. 
Liberato da un angelo, intraprende un viaggio a Napoli presso 
s. Gennaro (f 303 o 304), quindi a Eoma; finalmente si ferma 
presso Fondi, ove trova una moltitudine di cristiani, una chiesa 
aperta « quia dies festus erat », e un « quidam puer nomine Pa- 
ternus » ; fa prodigi, quindi sotto papa Cornelio (251-3) e gì' impe- 



LA REGIONE II - At'ULIÀ - TtlAN'UM (tIIANi), EÓ. 301 

ratori Decio (249-51) e Valeriano (253-9) viene ucciso il 19 agosto 
e sepolto dallo stesso Paterno presso Fondi. Evidentemente il 
s. Magno di Fondi, di Fabrateria vetus, di Trani (e di Cesarea?) 
è un solo e medesimo martire, che nei documenti antichi non 
appare vescovo. E le Passioni, di cui abbiamo parlato, sono assai 
recenti. Probabilmente l'autore della seconda, seguendo una ten- 
denza comunissima nei volghi cristiani, ha fatto del martire, pro- 
tettore di Trani, un vescovo locale. E l'età recente di questo 
documento e la sua indole fantastica (cf. V Introdudone, pp. 55-C), 
non ci permettono di accettare senza beneficiò d'inventario quel 
preteso vescovo Eedemptus, 

1. Eufeychius: 501 ; 502. — Le leggende di Oanosa e di Siponto (v.) 
lo collocano al tempo di Gelasio I (492-G). 

Barium (Bari). 

Maurus? - Ignoto all'Ughelli (VII, 593), al Cappelletti (XXI, 
10) e al Gams (p. 856), è annoverato tra i vescovi baresi dal Gar- 
ruba {Serie critica dei sacri pastori baresi, I, p. 14, Bari, 1844), e 
collocato ai tempi di s. Pietro. L'Hergenroether {Hislorie de VÉ- 
glise, I-, p. 297) ebbe l'infelice idea di seguire questa tanto recente 
quanto cervellotica opinione. Io crederei piuttosto che questo 
Maurus, venerato a Bari, sia da identificarsi col santo omonimo 
onorato in Bi,sceglie, di cui sto per dire. 

Gervasius o Gerontius. — Sarebbe iiitervenuto (Ughelli, VII, 
593 ; Gams, p. 856) al celebre concilio di Sardica (342-4). Ma il pre- 
lato Geronzio, che sedette in quell'adunanza, non fu di Barium, ma 
di Beroea in Macedonia. Lo stesso Garruba (1. e.) riconosce l'errore. 

1. Concordius: 465. 

Petrus. — Nel 530 un prelato barese di questo nome sarebbe 
stato nominato arcivescovo di Bari da Epifanio, patriarca di Co- 
stantinopoli (520-35), con l'approvazione di papa Felice IV (526-30). 
E una favola, riconosciuta dal medesimo Garruba (1. e), dietro la 
scorta dell'Assemani. Infatti i vescovi di Bari ricevettero quel titolo 
quattro secoli dopo, dai patriarchi di Bisanzio bensì, ma senza il 
beneplacito del papa. Caduta la signoiia greca per opera dei Nor- 



302 LE DIOCESI d'ii'aua 

manni e tornata la diocesi di Bari sotto la diretta obbedienza del 
Sommo Pontefice, per benigna concessione dei papi quel titolo fu 
conservato, quantunque ottenuto da patriarchi scismatici e invisi a 
Eoma. E con il tempo le origini dell'arcivescovado barese si vol- 
lero, dirò così, sanare in radice; quindi si portarono al secolo v. 
Ma non si pensò che la concessione di quel privilegio a un vescovo 
di Bari per opera di un patri.arca bizantino, nel secolo vi, con il 
consenso di un papa, era un assurdo storico. Nel secolo vi i vescovi 
dell'Apulia erano sottoposti immediatamente al papa, come a loro 
metropolitano. 

Anonimi. — Il Gams (p. 856), dopo il falso Pietro, registra 
undici anonimi, che possono negarsi con la stessa facilitri con cui 
si affermano, I documenti storici sono assolutamente muti. 

Marcus. — E posto dal Garruba (1. e.) come vescovo di Bari e 
Oanosa su la fede di un'epistola di Gregorio Magno. Ma l'epistola 
5P del 1. I (citata altrove, J-L, 1121) affida bensì a un Felice vesco- 
vo di Siponto la cura della chiesa canosina, priva di vescovo e di 
sacerdoti, non però quella di Bari. Del resto Gregorio I non avrebbe 
commesso la cura di Oanosa al vicino presule, se un Marco o altri 
avesse tenuto il seggio canosino. Porse il Garruba (1. e.) credette 
che nel 591 (data dell'epistola) Bari e Oanosa fossero unite; ma 
l'unione delle due diocesi in una avvenne dopo l'eccidio di Oanosa, 
compiuto dai Saracini intorno alla metà dell'viii secolo (v. sopra). 

Eugnathia, Egnathia, Gnathia (vicino a Monopoli). 
1. Eufentius: 501; 502. 

Andria, Bisceglie, Canne, Conversano, Ruvo, Aciquaviva, Bovino. 

1. Le prove addotte dall' Ughelli e da altri scrittori per mostrare che le 
diocesi di Andria, Bisceglie {VigiUae), Canne, Conversano {Cupersanum) e Ruvo 
(liubum) sono anteriori al 604, non hanno alcun valore. 

Il preteso primo vescovo d'Andrìa (probabilmente un pagus romano) Ric- 
cardus (nome anglo-sassone!) collocato dall' Ughelli (VII, 922) nel 493, proviene 
dalle leggende garganiche, come sopra si è detto. E che l'apostolo s. Pietro vi 
sia passato, come si pretende, è certo possibile, ma senza alcun fondamento ; e 



LA llfttìlONfe It - APOLtA - ANbtllA, EC. 303 

che vi abbia fondato la prima chiesa (che, per alcuni, sarebbe la cripta del 
duomo attuale) è semplicemente un assurdo storico. 

Un vescovo di Bisceglie, Mauriis, supposto martire (27 luglio) sub Traiano 
(98-117) (o. e, VII, 935), non ha alcun serio fondamento. Una leggenda {BHL, 
5792) narra bensì che nel maggio del 1167 a Bisceglie si trovarono reliquie dei 
ss. Mauro, Sergio e Pantaleemone, ma non dice che quel s. Mauro fosse stato 
vescovo locale. Anzi è assai dubbio che quelle reliquie appartenessero a martiri 
locali. Le reliquie di s. Sergio probabilmente appartenevano all'omonimo della 
Siria venerato il 7 ottobre; quelle di s. Pantaleemone o Pantaleone al martire 
omonimo di Nicomedia, venerato il 27 luglio, cioè il giorno stesso della festa 
del s. Mauro di Bisceglie; e quelle di s. Mauro o al martire omonimo di Fondi, 
non vescovo, o all'omonimo s. vescovo di Parenzo. 

Per la diocesi cannese l'Ughelli (VII, 789) presenta quattro vescovi anteriori 
al 604 : 1. N., a. 44. — 2. Liberalis, f 112. — 3. Rogeriiis, a. 493. — 4. N., a. 591. — 
Ma questo catalogo è un vero castello di neve. Nel 591 (v. Canosa) la chiesa di 
Canosa era vacante, non quella di Canne. Rogerius (nome teutonico !) risulta 
dalle tante volte ricordate leggende garganiche. Liheralis è il notissimo vescovo 
s. Eleuterio martire (v. Aecae), che si dice ucciso sub Hadriano (117-38), vene- 
ratlssimo nell'Italia meridionale, e in altri luoghi della medesima, come a Canne, 
erroneamente ritenuto vescovo del luogo. L'anonimo dell'a. 44, secondo il solito, 
non ha alcuna prova. Esso è il prodotto di quella tendenza degli scrittori vissuti 
dopo il mille a collegare il loro noto, o ignoto, protovescovo con l'apostolo 
s. Pietro. 

Vescovo di Conversano sarebbe stato nel 487 (presso l'Ughelli, VII, 700) 
un Simplicius: ma uu vescovo di tal nome nel sinodo romano di quell'anno non 
compare. L' Ughelli (1. e.) reca bensì una narrazione, da lui stesso riguardata con 
sospetto, secondo la quale questo Simplicius sarebbe vissuto nel 491-2; si sarebbe 
recato in Africa al tempo di Enrico (leggi Unnerico) re dei Vandali, e da costui 
sarebbe stato rimandato per nave a Metaponto. Ma questa è una leggenda ap- 
partenente a quel ciclo (v. Terracina, Campania, Sardegna, Corsica ec.) di leg- 
gende di vescovi che diconsi cacciati dai Vandali d'Africa nella penisola. È pure 
annoverato a Conversano un Hilarius nel 501 ; derivante però da una falsa le- 
zione (Mansi, Vili, 252) degli atti del sinodo romano di quell'anno. Quel prelato 
apparteneva a Tempsa, diocesi dei Bruzzt, non a Conversano di Apulia. 

Anche Ruvo ci presenta (Ughelli, VII, 763) un numeroso e strano catalogo, 
in cui compaiono : 1. Cletus, ordinato da s. Pietro nell'a. 44, e succeduto a Lino 
nella cattedra romana. — 2. Anonimo dopo Cleto. — 3. Adrianiis Germandus, 
a. 108. — 4. Ioannes. — 5. Brocardus Piellius, a. 340. — 6. Epigonins, che sa- 
rebbe intervenuto al terzo concilio di Cartagine. — 7. Procopius. — 8. Ioannes, 
493. Ma quest'ultimo viene dalle leggende di Canosa (vedi) e di Siponto. Il set- 
timo è senza prove, e destò i sospetti dello stesso Ughelli. Il sesto, il quinto, 
il quarto e il terzo giustamente furono scartati dal secondo editore deli' Italia 



304 Lt2 DIOCESI D'ifALtA 

Sicra. Un Eplj^jonius prese bensì la parola nel terzo concilio di Cartagine (Mansi, 
HI, 887), ma fu vescovo d'Africa non dì Apulia. Il quarto si direbbe un duplicato 
dell'ottavo ; del resto l'onomastica pugliese del iv e del n secolo rifiuta asso- 
lutamente un Germandus e un Brocardus, nomi teutonici. E oramai il lettore sa 
che cosa pensarsi di questi vescovi anonimi, o no, delle più piccole diocesi della 
Campania e dell'Apulia, che in tempi recenti si dicono mandati colà da s. Pietro 
intorno al 40-45; egli sa che fino a tempi non lontani da noi, per gli scrittori 
locali di storia ecclesiastica l'attribuire la fondazione della propria diocesi al 
primo papa fu una specie di locus communis. Quelli di Ruvo poi, come 1 velletrini 
e i calaritani (vedi), ignorando che il passaggio di una sede all'altra nella chiesa 
primitiva fosse un fatto iiiìi unico clie rapo, andarono a cercai'e il loro proto- 
vescovo tra i successori di s. Pietro ! 

Adunque le diocesi su dette non posseggono alcuna prova di essere ante- 
riori al secolo vii; benché non sia facile, attesa la perdita dei documenti, di 
determinare l'età in cui sorsero. Si può osservare che, di là dall'Ofanto, le piccole 
diocesi di Canne, Andria e Bisceglie, con altre di breve estensione, costituiscono 
quasi una corona intorno alla marittima Trani, e quelle, pure poco estese, di 
Ruvo e Conversano con altre die si trovano in identiche condizioni, circondano 
l'importante città costiera di Bari; e sembra ovvio ammettere che i bizantini, 
divenuti padroni delle rive pugliesi, interessati ad assicurarsi la fedeltà dei vé- 
scovi di Trani e di Bari, abbiano favorito l'erezione di tante piccole diocesi 
intorno a quei due punti strategici, decorando, quandocliesia stato, della dignità 
arcivescovile il vescovo di Trani e di Bari. E se fosse vero, come l'Ughelli af- 
ferma (VII, 584) senza alcun dubbio, che al sinodo niceno del 787 (Mansi, XII, 
134-51 ; XIII, 393-8 ; 727) sedettero con i vescovi di Bari e di Trani quelli di An- 
dria e di Bisceglie, il piano bizantino fin dallo scorciò del secolo viii era in via 
di esecuzione. Ma 1' affermazione delI'Ughelli non è sicura. 

2. La diocesi di Acciuaviva, che compare nei sinodi romani dal 465 al 502, 
fu collocata da alcuni scrittori (cf. « Studi storici », an. 1897, p. 114) nell'Apulia 
{Acquaviva delle fonti); da altri nella Campania, e da altri finalmente iiell'Etruria 
suburbicaria (Ughelli, X, 15). Il Mommsen (in Cassiodori Variae, p. 505) fu in 
dubbio se "attribuirla all'Etruria o alla Puglia. Mons. Duchesne si pronuncia per 
l'Etruria con qualche incertezza (Le sedi episcopali dell'antico ducato di Roma, 
in « Archivio della Soc. Rom. di Storia Patria, an. 1892, pp. 491-2). Il De Vit 
wqW Onomasticon si determina senza ambagi per l'Etruria, e io seguo l'opinione 
dell'erudito glottologo (v. Etruria). 

3. Presso il Gams (p. 860) appare tra le diocesi pugliesi nel 499 quella di 
Bovino con un Ioanues ; ma il presule di questo nome, uno dei sottoscrittori del 
sinodo romano di quell'anno, non fu di Bovino, bensì di Vibona nei Bruzzii: « epi- 
scopus ecclesiae Vibonensis » o « Vibinensis y», non « Blvinensis ». La diocesi 
di Bovino dev'essere sorta più tardi (v. Aeca). 



LA hEtìlONÈ n - CALABRIA - fiRUNDlSlUM (bRINDISi) 305 



MI. - CALABRIA (Terra di Otranto). 

Celestino I (J-Z, 371) indirizzò un'epistola ai vescovi « per 
Apuliam et Oalabriam » il 21 luglio del 429; il che dimostra che 
fin dalla prima metà del secolo v l'antica Calabria era scompartita 
in varie diocesi. Ma già nella inetà del iv secolo, come si è visto 
(v. Campania), s. Atanasio ricorda in generale i vescovi della 
Calabria. 

Coi delegati di papa Silvestro fu presente al concilio di Nicea 
(nel 325) un Marco, vescovo di Calabria, l'unico dei presuli della 
penisola italiana intervenuto a quella famosa adunanza. In alcuni 
codici del concilio Marco di Calabria viene detto « metropolitanus » 
(cf. TuENER, Ecdesiae occidentalis monumenta iuris cintiquissima, 
I, p. 84). 

Brundisium (Brindisi). 

Brindisi era il termine della Via Appia e il porto principale 
delle comunicazioni di Eoma con l' Oriente. In Brindisi e in Otranto, 
luogo d'imbarco per l'Oriente, e in Taranto, stazione navale im- 
portante, cioè in questi luoghi di mare e scali di commercio, non 
potevano mancare comunità israelitiche o colonie di siri, fenici o 
d'orientali in genere ; che furono uno dei veicoli della propagazione 
e diffusione del cristianesimo nel mondo latino occidentale. E quindi 
verosimile che in Calabria, in Brindisi specialmente, «i formasse 
per tempo una comunità cristiana, quantunque l'esistenza della 
diocesi brindisina appaia per la prima volta in un documento del 
V secolo. 

1. Leucius, \ Brindisi si legge nel Gerolimiano, nel cod. E, 
Leo? I redatto nella Bassa Italia, e nel suo derivato 

D, VS gennaio : 



Sabinus? 
Eusebius ? 
Dionysius ? 



E Et in Bruiidi[sio] Leuci, 
D Et in Brandisio Leuci ; 



20 



306 LE blOÓESÌ O' ITALIA 

e il nome dì Leucio ritorna 1' 11 gennaio senza indicazione di 
luogo: 

. E, W, B Sancii Leuci confessoris. 

Gregorio Magno {J-L^ 1849) dà a s. Leucio il titolo di martire, 
non di confessore come il Gerolimiano, e afferma che il suo corpo 
nel principio del vn secolo era venerato nella chiesa di Brindisi: 
« eiusdem [Leucii] beatissimi martyris corpus in Brindisii ecclesia... 
esse dinoscitur ». A cinque miglia da Eoma sulla Via Flaminia 
esisteva un monastero sacro a s. Leucio, restaurato da Adriano I 
(cf. DuOHESNB, Le « Liher Pontificalis », I, 509). 

Il medioevo ha composto varie Vite di questo s. Leucio. La 
più antica {BEL, 4894, 4898 b) ci vuole far credere che Leucio 
nascesse in Alessandria di Egitto da un padre di nome Eudecius 
e da una madre chiamata Euphrodisia, e fosse denomin.ato Eupre- 
scius. Una visione celeste aviebbe fatto mutare i nomi al padre e 
al figlio ; il primo in Eudeclius e il secondo in Leucius. Ordinato 
vescovo, sarebbe venuto a Brindisi da Alessandria co' suoi chierici, 
si sarebbe stabilito « foris civitatem centra portam partis Occi- 
dentis, iuxta amphitheatrum » ; avrebbe ottenuto da Dio una pioggia 
benefica e desiderata per tutta l'Italia (la siccità è una piaga della 
Calabria), avrebbe battezzato- ventisette mila brundisini (forse in 
antico la città contava tante anime), « in media civitate in loco 
ubi baptismum acceperunt >- avrebbe costruito una chiesa in onore 
della B. Vergine e di s. Giovanni Battista, e sarebbe stato sepolto 
« ubi navis descenderat quando de Alexandria advenisset ». Sarebbe 
morto l'il gennaio sotto l'imperatore Teodosio (il I regnò tra il 
379 e il '95 ; il II nel 408-50). Nonostante questa bassa età, l'ano- 
nimo afferma che s. Leucio fu contemporaneo dei ss. Eugenia, 
Proto e Giacinto, attribuiti dalla loro Passione ai tempi di Oom- 
modo (180-92) o di Valeria no (253-59)! 

Probabilmente l'autore della Vita Leucii dedusse che Leucio 
nascesse in Alessandria e dall'Egitto approdasse a Brindisi dal- 
l'elogio del Gerolimiano dell' 11 gennaio, dove per una serie d'in- 
cidenti di trascrizione, si sono aggrovigliati insieme latercoli di 
diversa jn-ovenienza e di valore ineguale, sicché sotto la nota to- 



LA RÈtìlONE U - CALAfiRfA - feRUNDlSItJM (fiRlNDlSt) 307 

pograflca : In Alexandria, si sono schierati parécchi nomi di santi 
di altri luoghi, e tra questi pure il Leucius confessor di Brindisi. 
Lettori inesperti dovevano sbagliare per necessità, e credere che 
tutti i nomi posti sotto Alessandria spettassero a questa città. In- 
fatti così intesero Floro di Lione e Adone (nel ix secolo), e così 
lo stesso padre Bolland [AS, ian., I, 674). Anche il leggeudista di 
Brindisi sarebbe stato tratto in ei'rore; ma siccome egli sapeva che 
il Leucius dell'll gennaio era venerato a Brindisi come vescovo 
di questa città, forse egli congetturò che s. Leucio fosse stato 
alessandrino e venuto a Brindisi da Alessandria. Egli poi avrà 
creduto lecito congiungere Leucio coi martiri Eugenia, Proto e 
Giacinto, semplicemente perchè dalla loro Passione quei tre ven- 
gono attribuiti all' Egitto. Ciò pgsto, appare evidente che quando 
a Brindisi, nella stessa diocesi di s. Leucio, fu scritta la Vita Leuciì, 
nulla sapevasi di preciso sull'età di lui, e si tirava a indovinare. 
Fino al secolo viii almeno, i vescovi di Brindisi vennero or- 
dinati da Eoma, quindi desta meraviglia che l'anonimo non faccia 
alcuna menzione dell'ordinazione romana, e supponga s. Leucio 
approdato a Brindisi già investito della dignità episcopale. Si può 
quindi dedurre con ragione che la nostra Vita sia stata composta 
in quel tempo che Brindisi ricevette i suoi prelati dall' Oriente, da 
Costantinopoli, vale a dire tra l' vili e il x secolo. Anche quei pa- 
recchi nomi greci che s'incontrano nella Vita inducono a sospettarlo. 
Paolo Diacono, nel suo De episcopis meitensibiis, scritto negli ul- 
timi decenni dell' viti secolo {Monmn. Germ. hist, Scriptores, II, 
261), trasportò s. Leucio molto più in alto, e lo fece venire da 
parte opposta. « Cum Eomam (s. Petrus) pervenisset », egli scrive, 
« illieo qui summas quasque urbes in Occiduo positas Christo Do- 
mino per verbum fìdei subiugaret, optimos eruditosque viros ex suo 
consortio direxit. Tunc denique Apollinarem Eavennam, Leucium 
Brundisium, Anatolium Mediolanum misit ». In quanto a Eavenna 
non v'ha dubbio che Paolo dipende dalla Passio s. Apollinaris 
composta nella metà del vii secolo. Ma riguardo a Brindisi? Non 
certo dipende dalla Vita s. Leucii, che dice tutto il contrario. 
Non crederei neppure da una tradizione orale dei brindisini, perchè 
nell'viii secolo le relazioni tra Monte Cassino, dimora di Paolo, 



308 Ite biotìEsi d'i-taLiA 

soggetta ai Longobardi, e Brindisi, suddita dei bizantini, non erano 
molto facili. Penserei quindi che la notizia in questione sia stata 
dedotta dall'autore stesso del De episcopis mettensibus da quella 
specie di lemma o proposizione storica generale, da Paolo Diacono 
e dai suoi contemporanei j'itenuta certissima, ossia che s. Pietro, 
appena {illieo) giunto in Eoma sub Claudio^ mandasse vescovi nelle 
principalissime città d'Occidente {summas iirbes) e quindi a Brindisi; 
lemma storico (mi sia lecito aggiungere per quello che si è detto 
poco fa sotto l'Apulia) dopo il mille, e durante la Einascita, esteso 
e applicato a tutte le più piccole città d'Occidente e d'Italia. Paolo 
Diacono adunque nell'allegato passo avrebbe portato esempì spe- 
cifici di quanto genericamente affermavasi e credevasi, nei paesi d'Ol- 
tralpe e in Italia; e per il nostro paese avrebbe scelto Ravenna, 
come gli constava dalla Passione di questo santo, e Brindisi e Mi • 
lano, cioè due principali città a due opposte estremità della peni- 
sola. Io credo bensì che l'episcopato di Leucio sia molto anteriore 
a Teodosio I o II, al tempo dei quali è stato relegato dalla Vita, 
ma in tanta oscurità non è lecito affermare nulla di sicuro. Certa- 
mente Paolo Diacono, come rilevasi dalle sue parole, doveva sa- 
pere che s. Leucio fu il protovescovo di Brindisi, come Ja Vita 
stessa lascia capire. 

Checchessia di queste ipotesi, certo è che i brundisini non si 
lasciarono commovere dalle affermazioni di Paolo ; o forse non co- 
nobbero questa operetta del monaco cassinese sui vescovi di Metz, 
operetta poco diff'usa in Italia. Infatti un ecclesiastico calabrese, 
rifacendo nell'xi secolo (?) la Vita prima di s. Leucio {BEL, 4897-8), 
le aggiunse bensì alcuni particolari, ma non spostò l'età del proto- 
vescovo dall'impero di Teodosio; e un altro ecclesiastico brindisino 
del XIII secolo {BEL, 4895-0), indottosi ad abbandonare l'età di 
Teodosio, si contentò di risalire fino all'episcopato di papa Pio, 
cioè all'anno 164, forse, sotto l' influenza della su detta Passione di 
Eugenia, e non andò più oltre. In tempi recenti (Cappelletti, o. 
e, XX, 420) si narrò che s. Leucio fu catturato in Acerenza e 
martirizzato a Grumentum, nella Lucania, nel 342 ! Paolo Dia- 
cono è sempre ignorato dagli scrittori brundisini. Ciò che si può 
accettare dalla Vita prima e da Paolo Diacono mi pare sia questo. 



LA REGIONE II - CALABRIA - BRUNDISIUM (bHINDISI) 309 

cioè che Leucio fa il profcoves(50vo di Brindisi, e la primitiva resi- 
denza dei vescovi brindisini sorse fuori della porta occidentale della 
città, e il sepolcro del santo presso il mare. In tempi posteriori la 
cattedrale e il battisterio furono trasportati dentro la città. E dub- 
bio se Leucio fosse martyr, come propende a credere Gregorio 
Magno, piuttosto confessor, come viene chiamato dal Gerolimiano, 
e come è supposto dalle Vite scritte in Brindisi. L'episcopato di 
Leucio dev'essere molto anteriore all'imperatore Teodosio: proba- 
bilmente rimonta ai primi secoli della Chiesa, se non al primo, 
come Paolo Diacono pensava. 

Il rifacimento della prima Vita di s. Leucio {BHL, 4897-8), 
dell' XI secolo (?), afferma che il s. vescovo partì . da Alessandria 
« cum Eusebio et Dionysio, archidiaconibus suis, et cum aliis quin- 
que discipulis » e, lungo il viaggio, ad Adrianopoli, « adhaesit sibi 
duos sacerdotes, Leonem et Sabinum ». Questi quattro nomi, che 
non appaiono nella Vita prima (almeno nella redazione a noi pei-- 
venuta), si leggono oggi nel catalogo brindisino come successori 
di Leucio. Osservo che in antiche leggende di protovescovi, ad 
esempio di s. Apollinare di Eavenna, di s. Siro di Pavia, di s. Vi- 
gilio di Trento, i loro successori autentici sogliono figurare nelle 
rispettive Passioni o Vitae, come loro sacerdoti, diaconi o chierici. 
Sarebbe avvenuto il medesimo in cotesta Vita di s. Leucio? Na- 
turalmente questa costatazione non è un argomento in favore di 
quei quattro nomi; un indizio forse sì. 

Marcus? — Nel 325, come si è detto, fu presente al concilio 
di Nicea un Marcus, vescovo di Calabria, l'unico dei presuli del- 
l' Italia intervenuto a quella famosa adunanza. Si è sospettato che 
fosse vescovo di Brindisi (cf. Gams, p. 862). Può darsi. 

Aproculus? \ Questi tre homi risultano da una Vita s. Pe- 

Pelinus? J lini di Corflnium {BHL, 6620-1), documento fa- 

Cyprius? voloso, composto intorno all' xi secolo da un 

falsario che si spaccia per un cristiano del iv secolo. Forse quei 

tre nomi sono inventati; tuttavia per procedere con ogni cautela, 

conservo il punto interrogativo. 

2. lulianus: 492-6 {J-L, 676). 

3. Anonimo. — La visitatio della chiesa brindisina vacante 



310 LE DIOCESI d' ITALIA 

(an. 595, 601 ; J-L^ 1400 ; 1849), « obeitnle ponlifìce omniiio desbi- 
tukie », fu commess.i du Gregorio I al vescovo di Otranto. 

4. Pretiosus: età incerta, forse del secolo a^i {CIL, IX, 6150). 

5. Theodosius? — Un'iscrizione {CIL, IX, 233) scolpita in un 
puteale, trovata a Uria (Oria), tra Taranto e Briudi.^ji, reca: « Theo- 
dosius epns Aeri ptr en ». Pare appartenga a un vescovo brindisino 
elei VI secolo. Gli scrittori locali narrano che i vescovi brindisini 
ripararono a Uria, causa le incursioni dei Saracini. 



Lippia, Lipia, Lupiae (Lecce). 

Nel 5 maggio è venerata in Lecce una santa Irene martire, 
che ha lo stesso nome, il medesimo giorno natalizio e la mede- 
sima leggenda di una martire di Costantinopoli, figlia di un « Li- 
cinius regulus » {BHG, 953 ; BHL^ 4467) ; salvo che la Passione 
leccese ha cambiato « Licinius regulus » in « Licinius imperator » 
(307-23). Irene sarebbe stata battezzata da Timoteo, discepolo di 
s. Paolo apostolo ! L'antico bollandista {AS, mai, II, l*-7*) giusta- 
mente opinò che la martire venerata a Lecce sia la stessa di Co- 
stantinopoli, il cui culto sarebbe stato portato in Calabria dai 
bizantini, in processo dì tempo creduta leccese. 

Come Brindisi, così Lecce e Taranto si fecero risalire al 
secolo I. ' 

Orontius? — Una leggenda recentissima dei ss. Giusto, Oronzio 
e Fortunato (in AS, aug., V, 764-76) vuole che s. Paolo apostolo 
da Corinto mandasse a Lecce un certo Giusto. Costui, ospitato da 
un Oronzio, avrebbe convertito alla fede il suo albergatore, e un certo 
Fortunato. Tornati tutti e tre in Corinto, s. Paolo avrebbe ordinato 
Oronzio vescovo di Lecce, e questi, raggiunta la sua sede, sarebbe 
stato ucciso il 26 agosto sub Nerone. L'antica storia ecclesiastica 
leccese è muta su questo s. Oronzio. Nel 1114, al tempo del vescovo 
Formoso e del conte Goffredo, « fundari coepit simul et fabricari », 
come da un'iscrizione, la chiesa cattedrale di Lecce, distrutta 
durante le tristissime vicende dell'Italia Meridionale, ma venne de- 



LA REGIONE II - CALABRIA - LIPPIA (lECCe) 311 

dicata, non in onore di questo s. Oronzio, sì bene delLi B. V.: « haec 
in lionore piae qoae visitur aula Mariae ». Anche le carte leccesi, 
riportate dall' righelli (IX, 69-78), dal J 115, al 1182, non ricordano 
mai s. Oronzio. Nel 1230 la cattedrale del 1114 fu rifatta, ma 
nell'iscrizione commemorativa (CJghelli, 1. e, 79-80) e in un'altra 
del 1339 s. Oronzio non compare mai. L'antico Bollandista (1. e.) 
dimostrò che la leggenda su detta ebbe principio nel secolo xvi. 
Nel 1547 trovo un cittadino di Lecce che ha nome Oronzio (cf. 
De Giorgi, La chiesa di s Maria di Gerrate, p. 22, Lecce, 1889). 
Tuttavia il culto di un s. Oronzio in Lecce dev'essere più antico 
della leggenda; la quale, su la falsariga di altre leggende siciliane, 
ne avrebbe fatto un vescovo locale mandato nel paese da s. Paolo 
apostolo (v. Messina, Eeggio-Oalabria). Ma chi fu questo s. Oronzio 
venerato in Lecce? La data della commemorazione del martire 
leccese ci conduce nella vicina Potenza di Lucania, ove nello stesso 
giorno, almeno dal v secolo, fu venerato un martire di nome 
Arontlus. Lo scambio della vocale iniziale si spiegherebbe facil- 
mente. 

Fortunatus? '— Deriva dalla leggenda di s. Oronzio; venne 
posto nel catalogo episcopale all'a. 68 da scrittori recenti, e non 
è confortato da alcuna prova. 

Donatus ? — Detto dall' Ughelli (IX, 70) fratello di s. Cataldo 
vescovo di Taranto, è attribuito da lui al 163. Il continuatore de\- 
V Italia Sacra, da prima (X, 125) lo conservò, spostandolo al 173, 
quindi (I. C, 199) lo espunse, perchè il s. Cataldo vescovo di Ta- 
ranto (vedi) sarebbe vissuto, non nel primo, bensì nel vi secolo. 
Ma le più antiche memorie di s. Cataldo non parlano di questo 
suo preteso fratello di nome Donato. Sappiamo bensì che il ve- 
scovo s. Cataldo, venerato a Taranto, fu irlandese, e irlandese simil- 
mente fu un s. Donato, vescovo di Fiesole nell' 876 incirca; mala 
storia ignora che fossero fratelli carnali. Forse questa fratellanza mo- 
rale e spirituale, come non di rado è avvenuto, fu scambiata dai volghi 
cristiani in fratellanza carnale? Il volgo di Lecce inoltre, secondo 
una tendenza comunissima a tutti i popoli, li ha condotti ambedue 
a far vita solitaria nel suo stesso territorio. 

Leucius. — L' Ughelli (1. e.) a ragione si meravigliava che il 



312 LE DIOCESI d' ITALIA 

s. vescovo di Brindisi si fosse fatto sedere senza alcuna ragione 
anche nella cattedra leccese. 

Dionysius? — Ohe sia il preteso successore omonimo di s. Leu- 
cio, collocato, al pari di lui, nella sede leccese ? Gli autori citati 
dall' Ughelli, lo identificano arbitrariamente con il papa omonimo 
(259-68). Anche gli scrittori di Ruvo (Apulia) cercarono i loro ve- 
scovi tra i successori di s. Pietro. 

Blasius? — Dato per martire e vescovo di Lecce dagli scrit- 
tori locali, ma a ragione riguardato con sospetto dall'autore del- 
V Italia Sacra. Probabilmente egli è il notissimo s. Biagio di Sebaste, 
vescovo e martire, 3 febbraio, venerato a Lecce, e dai leccesi er- 
roneamente creduto loro vescovo. 

Leucius 11. — Le note cronologiche diverse delle Vite del 
s. Leucio di Brindisi hanno indotto gli scrittori leccesi a sdoppiare 
il loro preteso vescovo s. Leucio, collocando un Leucius I nel se- 
colo II e un Leucius II nel secolo iv o v. 

Venantius? 553 [J-L, 935). Da alcuni codd. edotto lìppiensls, 
da altri Uparensls (Lipari, isola presso la Sicilia; cf. Mansi, IX, 
106; CoUectio Avellanensis, p. 318, nel voi. XXV del CSEL). Ve- 
nanzio avrebbe sottoscritto in Costantinopoli il celebre ConstUiitum 
Yigilii de iribus Gapltulls. 

1. Anonimo. — {J-1^-, 1400: « decedente rectore omnino desti- 
tuta », dice Gregorio I nel 595 della chiesa di Lecce (v. Brindisi). 



Tarentum (Taranto). 

Il bollandista padre Henschen {AS, mai, II, 102-3) molto timi- 
damente attribuì a Taranto due martiri Matthaeus e Primus, perchè 
in alcuni codici del Gerolimiano al 6 maggio gli sembrò di leggere 
sotto Taranto i nomi di Matteo e di Primo. Un altro bollandista, 
il padre Papebroch, (o. e, mai, VII, 604) si mostrò molto più 
dubbioso, costatando che il culto dei due non aveva nessun attacco 
tradizionale in Calabria. L'edizione diplomatica dei codici più 
antichi del Gerolimiano, fatta dal de Bossi e dal Duchesne, ha 



LA REGIONE li - CAI.AIJRIA - TAUENTUM (tAUANTO) 313 

dimosfcmfco con la massima evidenza quanto fossero fondati i dubbi 
dei due eruditi. Infatti al 6 maggio si trova: 

B In Persida natale saiictl Mathel apostoli et evangelistae et primi iiiicio- 
rum martyrum, 

E In Persida Mathei apostoli et primi, 
D Et in civitate Tarreiisi Mathei et Primi, 

Adunque si tratta di un errore manifesto. La clvltas Tarrensis 
della Persia fu presa per Tareiiliini della Calabria. Mathei è l'apo- 
stolo ed evangelista. E, checché debba pensarsi di Primi o primis 
esso non ha nulla che faro con Taranto. 



Amasianus, ) Gh Alti degli Apostoli precisano i porti ita- 

CatcUdus. ) liani nei quali l'apostolo s. Paolo sbarcò, venendo 
dalF Oriente a Eoma. S. Dionigi, vescovo di Corinto (sec. ii), narra 
che s. Pietro apostolo, dall' Oriente recandosi a Eoma, passò per 
Corinto, ma non dice in quale porto d'Italia approdasse, e nessun 
altro antico scrittore ce lo ha tramandato. 

Quattro città, per quanto io conosco, si contendono il primo 
sbarco di s. Pietro nella penisola, cioè Pisa, Pozzuoli, Taranto e 
Gallipoli. 

Gli Adus Petri cum Simone (v. Pozzuoli), attribuiti al in se- 
colo, hanno immaginato che l'apostolo s. Pietro, entrato in nave 
in Cesarea (Palestina) per venire a Eoma, sbarcasse, come s. Paolo, 
a Pozzuoli, e in questa città sostasse prima di giungere nella ca- 
pitale. L'anonimo autore degli Actus ha condotto il suo racconto 
su la falsariga degli Atti degli Apostoli (ce. 27-8). 

La romanica chiesa di S. Pietro di Samaria, situata presso 
Gallipoli, sarebbe stata innalzata da Ugo di Lusignano, re di Cipro, 
reduce dalla sesta crociata (1228?), sul posto di un sacello eretto 
a ricordo dello sbarco di s. Pietro in quel luogo la prima volta 
che arrivò in Italia. Questa leggenda somiglia in parte a quella 
di Pisa, in quanto anche l'attuale chiesa pisana di s. Pietro ad 
Gradus sarebbe stata costruita nell' xi o xii secolo sopra un piccolo 
edilìzio più antico. 

Uno' scrittore pisano del 1267 {BHL, 6G79 b) riferisce di aver 
trovato in Eoma in un libro detto Pantheon (31'^ parte, in rubrica 



314 LE DIOCESI d' ITALIA 

De conseci'aUonibiis altariiim) hi seguente narrazione: s. Pietro sa- 
rebbe giunto in Italia, « circa littora pisanorum ubi hodie est ec- 
clesia sancti Peti'i ad Gradiis » ; avrebbe eretto il primo altare 
lapideo, consacrato dal papa s. Clemente, e mentre questi lo un- 
geva del sacro crisma-, dalle narici del pontefice gocce di sangue 
sarebbero distillate sopra la mensa marmorea, visibìli al tempo 
dell'autore del documento. Sappiamo che intorno al 12(37 la chiesa 
di S. Pietro ad Gradiis era meta di numerosi pellegrinaggi. L'ar- 
civescovo di Pisa, Federico Visconti (1254-78), in un discorso reci- 
tato in quella chiesa diceva: « Non solum tota civitas nostra et 
comitatus, sed etiam de lanua, de Parma, de Bononia, de Aritio, 
et de tota Thuscia concurrunt cum devotione maxima ad eccle- 
siam istam b. Petrl apostoli >>. Quella basilica sarebbe stata edifi- 
cata tra 1' XI e il xri secolo presso i gradini di approdo dell'antico 
porto pisano, quindi detta ad Gradus, sopra un sacello più antico 
(cf. una simile espressione ad Gradus in Aquileia ; e su la basilica 
cf. D'AcHiARDi, Gli affreschi di s. Pietro a Grado presso Pisa, in 
Atti del congresso internazionale di scienze storiche, an. 1905, p. 193). 
Non è necessario dimostrare che i particolari del racconto del 
1267, vale a dire la costruzione di una chiesa e la consacrazione 
di un'altare lapideo per m^zzo del sacro crisma nel secolo primo 
della nostra era, sono certamente favolosi. Lo scrittore pisano del 
1267 appella bensì a un sermone di s. Isidoro (di Siviglia) intito- 
lato De s. Petro, nel quale lo scrittore spagnolo avrebbe precisato 
che il principe degli apostoli approdò presso l'Arno venendo da 
Antiochia, vi dimorò sei mesi d' inverno, e, dopo eretta la su detta 
chiesa, con s. Marco (evangelista), s. Apollinare (di Eavenna), 
s. Marziale (di Limoges), s. Dionigi (areopagita) e più altri si recò 
a Eoma; ma un sermone di s. Isidoro su questo argomento non 
esiste e non poteva esistere, perchè le leggende di s. Apollinare, 
di s, Marziale e di s. Dionigi, che in quel sermone sarebbero state 
ricordate, senza dubbio sono posteriori a s. Isidoro, morto nel 636. 
Il Toscanelli {S. Pietro a Pisa e i nuovi scavi di s. Piero a Grado, 
Pisa, 1921) prova che la odierna basilica fu veramente edificata 
(come quella di Gallipoli ?) sopra una piccola chiesa preesistente, 
ricordata in documenti del ix e vili secolo ; e una carta del 1042 



LA REGIONI', II - CALABRIA - TARENTUM (tARANTO) 315 

chiama navicatìo s. Petti un percorso d'acqua presso detta cliiesa. 
Tutto ciò lascierebbe credere che la leggenda del 12tì7 sia ante- 
riore alla costruzione della splendida basilica del secolo xir o xr. 
Infatti non è improbabile che la leggenda stessa dello sbarco di 
s. Pietro a Pisa abbia contribuito all'erezione del nuovo edilicio; 
ma di quanto la leggenda è anteriore al secolo xi o xii? La con- 
sacrazione degli altari lapidei con 1' unzione del sacro crisma non 
risale ai primi secoli della chiesa, ma intorno ai tempi carolingi, 
quindi la leggenda dello sbarco di s. Pietro, almeno nella sua forma 
attuale, non potrebbe essere anteriore al ix o all' vili secolo. L'e- 
sistenza di un sacello sacro a s. Pietro presso i gradini d'approdo 
dell'antico porto pisano, prima dell' xi-xii secolo, si spiega molto 
bene a Pisa, come a Gallipoli, senza ricorrere a un monumento di 
uno sbarco del principe degli apostoli, quando si pensi che l'antico 
pescatore di Galilea divenne nei tempi cristiani il patrono dei pe- 
scatori, dei barcaioli ec. 

Anche la città di Taranto si vanta di aver accolto nel suo 
porto il principe degli apostoli con l'evangelista s. Marco, la prima 
volta che egli si recò in Italia. Un documento {BEL, 1652-3), com- 
posto nel XII o nell'xi secolo, pieno di particolari favolosi come 
quello di Pisa, vuole che s. Pietro, quando giunse da Antiochia 
in Italia, nell'a. 45, sbarcasse a Taranto, vi guarisse un ortolano 
di nome Amasianus, e convertisse alla fede cristiana i tarentini 
per mezzo dell'evangelista s. Marco. Questa leggenda (che potreb- 
b'essere più antica) non dice che Amasianus diventasse vescovo di 
Taranto ; ma con il tempo i tarentini si persuasero che l'Amasianus 
della leggenda fosse stato il loro primo vescovo, benché per bre- 
vissimo tempo. Invece un'altra leggenda tarentina {BHL, 6679), 
probabilmente posteriore alla prima, sostiene che s. Pietro, sbar- 
cando con s. Marco a Taranto, nominasse e consacrasse vescovo 
di Taranto un s» Cataldo. Il Gams (p. 929) comprese che natural- 
mente bisognava pronunziarsi o per Amasiano o per Cataldo proto- 
vescovo; e credette togliersi d'impaccio mettendo tra parentesi il 
primo e in corsivo il secondo. Ma l'antico Bollandista già riconobbe 
{AS, mai, II, 569-73) che questa consacrazione apostolica di s. Ca- 
taldo non poteva sostenersi. Infatti questo s. Cataldo, venerato a 



316 UE DIOCESI d' ITALIA 

Taranto, fu senza alcun dubbio un vescovo irlandese, di Eacliau, 
del VII secolo, morto a Taranto mentre era in procìnto di partire per 
Terra Santa o di poco da essa ritornato. I tarentini lo seppellirono 
piamente nella loro cattedrale; e, distrutta questa per opera dei 
Saracini nell'a. 927, nel 1094 ritrovarono tra le rovine il corpo con 
una crocetta d'oro, nella quale era inciso il nome del vescovo 
irlandese e della sua sede (cf. Blandamura, Un cimelio del secolo 
VII esislente nel duomo di Taranto, Lecce, 1917; « Anal. Boll. », 
an. 1921, p. 368). Di più i tarentini clie nel 1094 trovarono il se- 
polcro di s. Cataldo nell'antica cattedrale, pensarono che egli fosse 
stato un vescovo di Taranto, e non ebbero alcuna difficoltà a col- 
legarlo con Io sbarco di s. Pietro e di s. Marco nel loro porto. 
Con l'andar del tempo, ricouosciutasi le vera età del vescovo di 
Eachau, non sì ebbe il coraggio dì rinunziare alla leggenda, stabi- 
litasi in Taranto, quindi si collocò un Cataldus I nel primo secolo 
e un Cataldus II nel vi (veramente vii o viii). 

Davanti al Mare Grande dì Taranto sorgono due isole, a destra 
la maggiore detta S. Pietro, a sinistra la minore chiamata S. Paolo, 
molto vicina alla prima, isole che ebbero una gran parte nella 
evoluzione della leggenda tarentìna. Ora non è improbabile che 
fino dai tempi antichi l'isola di S. Pietro avesse una chiesuola 
sacra al pescatore dì Genesareth. 

Masona? — Sarebbe un vescovo di nazione goto. Secondo il 
De-Vit Masona era una città della Brettagna, e Masonia, ì\ nome 
di una gens romana. II Gams (p. 929) non ha avuto torto di appiop- 
pargli un punto interrogativo, perchè Masona non è confortato da 
alcuna prova. 

Eenovatus? — Ignoto come il suo preteso antecessore. 

1. Anonimo,) Gelasio I {J-L, 647) scrìvendo al clero e alla 

2. Petrus. ) plehs di Taranto annuncia l'invio di un nuovo 
vescovo, di nome Pietro, dall' Ughelli, dal Cappelletti e dal Gams 
per errore chiamato Innocentins. 

Cataldus IL — Posto dal Cappelletti (XXI, 132) e da altri 
nel secolo vi. Ma, come si è detto, il catalogo autentico tarentìno 
non comporta ne un Cataldo I nel secolo i, né un Cataldo II nel 
secolo VI, perchè s. Cataldo h un vescovo irlandese del vii o 



La iiÈGiONÈ li - (jALAtìliiÀ - TaUentOm (taRanto), Ed. Si? 

clell'viii secolo, sepolto nell'untica cattedrale di Taranto. E non 
si sa che abbia mai tenuto il seggio episcopale tarentino. 

3. Andreas: 593 (J-L, 1249-50). 

Ioannes. — Da un falso diploma di Gregorio I {J-L, f 136G). 

4. Honorius: 603 {JL, 1889). 

Gallipoli (Gallipoli). 

1. Dominicus : 551 (J-L, 930 ; sottoscrive in Costantinopoli con 
papa Vigilio la condanna del vescovo Teodoro di Cesarea). 

2. Ioannes: 593 {J-L, 1250; il papa gii ordina un'inchiesta 
nella diocesi di Taranto); 595 (J-L, 1400; nel nov. di quell'anno 
era già morto). 

3. Savinus o Savinianus: 599 {J-L, 1732-33). 

Ydruntum (Otranto). 

Benedidus, 431. — Nella lettera di Uranio su la morte di 
s. Paolino (v. Nola) si narra che il santo vescovo morente fu visi- 
tato da tre confratelli di nome Symmaclms, Benedidus e Acyndinus 
(nome greco: cf. AS, nov., I, 445). Symmachus, con maggiore o 
minore probabilità, fu attribuito a Capua ; Benedidus a Ydruntum, 
perchè erroneamente si è letto : « Benedictus Hydruntinus » (cf. 
Ughelli, IX, 55; X, 269; AS, iun., V, 173). Del resto Otranto 
era troi^po lontana da Nola perchè un vescovo salentino potesse 
recarsi in Campania al letto del morente. 

1. Petrus: 595 {J-L, 1400; il papa gii affida la cura delle dio- 
cesi vacanti di Brindisi, Lecce e Gallipoli); 599 {J-L, 1696 ; 1727) ; 
6pi {J-L, 1849). 

Savinus o Savinianus. — In un'epistola del 599 {J-L, 1732) 
Gregorio, scrivendo a Occilano, tribuno di Otranto, ricorda: « Sa- 
vinus frater et episcopus noster », vescovo di Gallipoli. L' Ughelli 
(IX, 55) lo ha creduto vescovo di Otranto stessa, quindi si è visto 
nella necessità di sdoppiare il vescovo Petrus, ponendo un Petrus I 
nel Ò96 (veramente 595), e un Petrus II nel 601. 



318 LE DIOCESI D'iTAtlA 



Ostuni. 

Il Gams (p. 910) fa risalire il vescovado di Ostuni (Hostimmn) al 596 con 
un Melatius vescovo; ma nel Registrum Gregorii, a cui pare ci richiami l'an. 596, 
si trova nel 601 {J-L, 1831) un « Melantio Rotumo » o Rotumensi e Rotomagensi, 
evidentemente un vescovo gallo, non di Hostunum. In una lettera di Gelasio I 
(J-L, 677) parlasi pure della « jiarochia » o diocesi « Stoniensium »; ma sembra 
debba leggersi Histoniensmm, cioè di Histonmm (Vasto), non Hostunensitim, vale 
a dire di Hostunum. 



LA REGIONE III. 

• Comprendeva: I. Lucania. — II. Brufctii. 

I. — LUCANIA. 

L'antica Lucania, la più selvatica regione d'Italia, si stendeva 
tra la Campania, l'Apulia, i Bruzzì e il mare, ed era traversata 
dalla Via Popilia, che dalla Campania conduceva ai Bruzzì, e da 
altre vie minori. 

Gelasio I 1' 11 marzo 404 (/-L, 036) dirige una lettera ai vescovi 
« per Lucaniam, Brutios et Siciliam » ; e l'epistola del prete Uranio 
sulla morte di Paolino di Nola (an. 431), tante volte citata, parla 
di un « Exuperantius episcopus de Lucaniae partibus » ; ma non 
dice di quale sede fosse. Costantino Magno in un rescritto (21 
ott. 319) al corrector Lucaniae et Brittiorum comanda: « qui di- 
vino cultui ministeria religionis impendunt, i. e. hi qui clerici ap- 
pellantw\ ab omnibus muneribus excusantur, ne sacrilego livore 
quorundam a divinis obsequiis avoccntur » (cf. Harnaok, o. c, II, 
p. 205, n. 4 che cita il codice Teodosiano, 835). Adunque nei primi 
decenni del secolo iv esistevano nella Eegione III chiese cristiane 
organizzate. 

La Lucania compare nel Gerolimiano il 29 ottobre : 

B In Lucania sancii iacinti, Quinti, Peliciani et Lucii, 

E Lucania natale quinti martyris sacinoti feliciani et Itici, 

W In Lucania sancti sacinoti quinti feliciani et lucini; 

e il 18 decembre: 

E In Affrica victoris, victoriani, adiutoris, quarti, lionorati, 
W Lucaniae lionorati, reductulae, victuriae ; 

ma il padre .Vittore de Buck bollandista ha scritto {AS^ oct., XII, 
795-0) del primo gruppo^ « Dio solo conosce il tempo, il luogo e 
il modo dei martiri di questi sacri atleti e la storia delle loro 



S20 LE DIOCESI d'Italia ^ 

reliquie »; e forse avrebbe scritto le stesse parole del secondo, se 
avesse avuto occasione di occuparsene. Probabilmente il Felìciano, 
con soci, del 29 ottobre non è che il martire africano omonimo, 
che oggi compare nel calendario cartaginese del vi secolo con com- 
pagni espressi nella formola generale: « et Vagensium ». Questo 
Felicianus con compagni è ripetuto il 30 con la nota topografica 
giusta: « Et in Africa ». « In Lucania » quindi è un errore per 
« in Africa », e lo sbaglio potrebb'esser nato dal chiamarsi Lucia, 
o Lucius e Lucianus, uno dei compagni di Feliciano; o questi 
avevano culto anche nella Lucania. Avremo occasione di riparlarne 
(v. Martana nell'Umbria). Anche 1 martiri attribuiti alla Lucania 
dal cod. W il 18 decembre, sono martiri africani come nel cod. E 
è detto espressamente. Infatti gli stessi nomi si trovano sotto 
l'Africa il giorno 17 decembre, tanto nel Gerolimiano quanto nel 
calendario cartaginese; e nel Gerolimiano stesso, mentre il cod. W 
legge nel 18 decembre: Lucaniae Honoratl, nel seguente giorno il 
cod. E ha : Lucanae, Honorati. 

Non m' indugio a parlare di un altro gruppo di otto martiri 
attribuiti alla Lucania nel primo di giugno, già ripudiati con di- 
sprezzo dal Baronie negli Annali, e dai Bollandisti, che qualificano 
il racconto del loro martirio di « absurda rhapsodia » {AS, iun., I, 
4). Il padre Schuster crede che i santi ricordati dai Bollandisti al 
1° giugno sotto la Lucania appartengano a Farfa di Sabina, e 
siano stati uccisi dai Saracini nel x secolo (cf. « Bull, diocesan. 
uff. per le diocesi di Sabina », an. 1918, p. 79). 

Paestum (Pesto) ; trasferita in Acropolis (Agropoli) ? 

Protettore della diocesi di Pesto fu ed è il celebre martire 
s. Vito. Al 15 giugno nel Gerolimiano si legge: 

E, B In Lucania. Viti. In Sicilia. Viti. Modesti et criscentie. 

W In lucana niviti. In Sicilia sanctorum modesti et ricsenti (sic). 

Il culto di un s. Vito era molto diffuso in Italia nei secoli v 
e VI. Al tempo di Gregorio Magno due monasteri, l'uno presso 
V Etna in Sicilia e l'altro in Sardegna, portavano il nome di s. Vito 



Là tlÈÒIONli 111 - LUCAMI A - i^AÉSTUM (ptESTo) 321 

(J-L, 1116, 1993); e Gelasio papa costruì in Eoma un oratorio in 
onore del santo (cf. Dufouroq, o. c, II, 165-77). Il Gerolimiano 
attribuisce s. Vito alla Lucania; e le Passioni di lui al territorio 
della diocesi di Pesto. Una di queste {BHL^ 8714), pubblicata dal 
Mombrizio, narra che Yito nacque in Lucania di nobile famiglia 
e con i suoi istitutori Modesto e Orescenzìa fu sottoposto in Eoma 
ai più duri tormenti, ma trasportato dagli angeli presso il fiume 
Silarus (oggi Sele, che correva tra la Campania e la Lucania), ivi 
presso fu sepolto in un luogo, o fondo, detto Mariano. Un'altra 
recensione {BHL, 8711), edita dai Bollandisti, dice che s. Vito nacque 
in Sicilia, quindi, come la prima, lo fa martoriare in Eoma, poi 
trasportare miracolosamente presso il fiume Silarus nell'Ager Ta- 
nagritanus (il Tanagro correva nella Lucania e metteva nel Sele), 
e riferisce del pari che il santo morì nella Lucania e fu sepolto 
in un luogo, o fondo, detto Mariano. Le ceneri del santo furono 
poi rapite dall'antico sepolcro, o nel tempo dei duchi di Benevento 
o degli imperatori tedeschi della dinastia sassone o in altra epoca. 
Sembra che il culto di s. Vito in Mazzara (Sicilia) rimonti al xvi 
secolo. Le due diverse indicazioni topografiche del Gerolimiano {in 
Lucania e in Sicilia) possono spiegarsi in questa maniera. Il testo 
primitivo del celebre Martirologio avrebbe recato semplicemente: 
In Lucania Viti, elogio desunto dal calendario locale ; e in seguito 
un raffazzonatore del martirologio Gerolimiano, avendo letto la 
Passio sanctorum Viti, Modesti et Crescentiae secondo la recensione 
bollandiana, avrebbe aggiunto: In Sicilia Viti, Modesti et Crescentiae; 
molto più che i due compagni non apparivano nell'elogio primitivo. 

L'autore della Passione dei ss. Vito, Modesto e Orescenzia 
sottopose i suoi eroi ai più fieri tormenti in Roma, perchè in Roma 
compose il suo scritto, precisamente presso il titolo diaconale di 
s. Vito in Macello, e trasferì s. Vito per mezzo di celesti spiriti in 
Lucania, perchè sapeva bene che il titolare di questa chiesa ur- 
bana non era sepolto in Eoma, bensì presso il Tanagro e il Sele 
nella Lucania, ove era morto. 

Somigliantissima alla Passione di s. Vito e compagni è quella 
di s. Lucia e Geminiano {BHL, 4985-99). Questi due personaggi 
pure cominciano il loro martirio in Eoma, ma lo terminano fuori, 

21 



322 LE DIOCESI d' ITALIA 

cioè in Sicilia sub Dìocletiano, il 16 settembre, con altri 'ÌS o 79 
catanesi. L'autore di questo secondo documento fece tormentare 
s. Lucia in Roma, perchè egli visse in Roma presso il titolo dia- 
conale e monastero femminile di S. Lucia in Silice ; e condusse 
s. Lucia a morire in Sicilia, perchè conosceva troppo bene che la 
titolare della propria chiesa non aveva sepoltura in Eoma, bensì 
nella Trinacria, in Siracusa, ove era morta. Ma l'autore non pose 
il martirio della sua eroina nella data tradizionale del 13 decembre, 
sì nel IG settembre, perchè nel titolo s. Lucia veniva festeggiata 
appunto in questo giorno. La chiesa diaconale romana di S. Lucia 
in Silice (Esquilino), costruita da Onorio I (G25-38), non era lon- 
tana da quella di S. Eufemia di Oalcedone, di cui si ha memoria 
molto prima di Sergio I (687-701) ; e nel vii secolo (cf. « Eevue 
Bénédictine », an. 1911, p. 315) le titolari di queste due chiese 
diaconali venivano festeggiate ambedue il 16 settembre; quindi 
l'autore della Passio ss. Luciae et Geminiani coUogò \a morte deììa 
santa il 16 settembre. 

Queste due Passioni sorelle appartengono, se non allo stesso 
autore, certo alla medesima scuola di agiografi, e si debbono 
collocare intorno al vii secolo (cf. Dufouecq, o. c, I, 370). Le 
due Passioni romane di s. Luceia e di s. Lucilla (v. Ostia) sono 
strettamente imparentate con la Passione dei ss. Lucia e Gemi- 
niano, e, al pari di questa, celebrano la santa titolare di S. Lucia 
in Silice, vale a dire la celebre martire omonima siracusana. 

Exuperantius ? — L'epistola di Uranio su la morte di s. Pao- 
lino (t 431) narra che al letto di morte del santo vescovo « ingre- 
ditur quidam presbyter de Lucaniae partibus veniens, missus a 
sancto episcopo Exuperantio, sive a viro clarissimo fratre eius 
Ursatio, qui ei... quinquaginta solidos miserant ». Ma è difficile 
dire se questo Esuperanzio lucano fosse di Pesto, come alcuno 
ha pensato, o d'altra sede. 

Floreniius o Florentinus, 499, 502 (Ughelli, X, 156). — Questo 
vescovo non appartenne a Paestmn ma a Plesiia nell' Umbria. 

1. Felix : 592 (J-L, 1195). — Questa lettera fu scritta « Felici 
episcopo de Acropoli visitatori provinciae Lucaniae », cui il papa 



LA REGIONE Iti - LUftANIÀ - PAfeStUM (pESTo), Èò. SàS 

ingiunse la « visitatio Velinae, Buxentinae et Blandanae eccle- 
siarum », le quali « sacerdotis regimine vacabant ». Il Orivellucci 
(« Studi storici », an. 1897, p. 591) credette che la diocesi di 
Paestum fosse distinta da quella de Acropoli; ma io penso con 
mons. Duchesne {Les évéchés d' Malie ec, II, 367.) che Felix fosse 
il vescovo stesso di Paestum, rifugiatosi, causa l'invasione longo- 
barda, con il presidio greco, nell'AcropoIis. Nel 649 ricomparirà il 
vescov^o di Paestum a un concilio romano. In quel tempo, causa 
l'invasione dei Longobardi, altri vescovi, come vedremo, si traslo- 
carono da uno ad altro luogo della loro diocesi, e da questa se- 
conda residenza presero il nome. 



Velia (Casteliamare della Bruca presso Pisciotta?). 
Chiesa vacante : 592 (J-L, 1195). 



Buxentum (Capo delia Foresta 

vicino a Policastrum o Pisciotta nella Valle di Novi?). 

1. Eusticus : 501 ; 502. 

Chiesa vacante: 592 {J-L, 1195). 



Blanda lulia (Porto di Sapri?). 

1. lulianus, età incerta (secolo v-vi) {GIL, XI, 1 e 3, 458). 
Chiesa vacante: 592 (J-L, 1195). 

2. « Eomanus episcopus civitatis Blentanae » : 595. L'edizione 
maurina del Registrum lesse Bleranae (Blera nell'Etruria) da Ble- 
ritanae, invece di Blentanae. Eomano intervenne al sinodo romano 
del 5 luglio di quell'anno. 

Le diocesi di Paestum, di Velia, di Buxentum e di Blanda 
erano" su la costa mediterranea. 



3S4 LE blOCESl d' ITALIA 

Consilìnum, Marcellianum 
(Sala Consilina in Val di Tamagro 1). 

1. Sabinus: 494-5 (J-L, 653); 495 (?) (J-L, 678); 496 (?) (J-L, 
710; 727). 

2. Latinus, electus: 558-60 {J-L, 1015; 1017). - Nelle Gesta 
s. Laverii di Grumeiitum {BJIL, 4801) vieii detto : « Latinus de 
Tlieodor», custos sacrae aedis sanctissimi martyris Laverii » ; ma 
ignorasi per quale ragione Latino così venga appellato. 

Grumentum (Saponara in Valle di Agri). 

Esiste una Vita di s. Laberio o Laverio (BEL, 4801) martire di 
Grumentum al 27 novembre, che fu scritta nel 1162 da certo Eo- 
berto diEomana, diacono di Saponara. Secondo il Eacioppio {L'a- 
giografia di s. Laverio dal MCLXII, Eoma, 1881), soltanto il primo 
nucleo della leggenda apparterrebbe al 1162; il resto sarebbe stato 
composto nel xv o nel xvi secolo. In questa Vita si dice che il 
martire Laberio fu ucciso « saeculo iv ineunte » sotto l' impera- 
tore Costantino! La traduzione latina {BEL, 4978) della Vita greca 
di un s. Luca abate di Armento (Lucania) narra che questi (f 993) 
avrebbe fabbricato in Grumentum su le rovine di un'antica chiesa 
sacra a s. Laberio,' distrutta dai Saracini (872-82), un'altra chiesa 
di piti modeste proporzioni: « b. Laverii aedem cum iam dirutam 
invenisset, propriis manibus ligna incidit, lapides ad calcem coxit, 
eamque demum refecit ». Di questo s. Laberio martire grumentino 
non si hanno altre notizie. 

Semproniits Ato o Atto. — Questo vescovo di Grumentum de- 
riva dalla parte più recente delle Gesta Laherii. Papa Damaso 
(366-84), secondo questa tarda e favolosa fonte, avrebbe nominato 
primo vescovo di Grumentum un Sempronius Ato o Atto. L'autore 
delle Gesta, come il Eacioppi ha osservato, si compiace di racco- 
gliere i nomi in'opri di persona del suo poco veridico racconto 



LA REGIONE III - LUCANIA - GRUMENTUM (sAPONARA), EC. 325 

dalla epigrafia pagana di Grumentum. Pare dunque che il nostro 
Sempronius Aio o Atto sia stato desunto dal « Stremponio ae. p. », 
e da « Attio » o « Atti », che si trovano nel GIL, X, 1 e 2, 43, 
226, 246; e siasi letto quell' « ae. p. », aepiscopus. 

Chiesa vacante : 495 {J-L, 678 ; papa Gelasio comanda al v. 
Sabìnus (probabilmente di Consilinum) di consacrare diacono della 
città di Grumentum un Quartus, non come « proprius sacerdos » 
cioè come vescovo, ma come visitatore) ; 496 (J-L, 727 ; Gelasio 
commenda a Sabinus, vescovo (forse di Consilinum) e a Crispino 
vescovo (ignoto) due chierici di Grumentum, angariati dall'arci- 
diacono, pure di Grumentum, come si raccoglie da J-L, 728). 

1. Tullianus : 558 60 {J-L, 1015 ; Pelagio I partecipa al nostro 
vescovo che Latino, diacono di Grumentum, è chiesto vescovo di 
Consilinum). — Questo vescovo è detto Iiiliamis Pdtoma nelle Gesta 
s. Laverii. Forse lulianus in cambio di Tullianus ? 

Bodulphus Alanus. — Viene dalla stessa fonte. Nel volume VII 
(487) dell' Italia Sacra fu posto subito dopo il preteso protovescovo 
Sempronius; ma nel volume X (111) fu collocato, più conforme- 
mente alle Gesta, dopo lulianus ; però, o prima o dopo, un vescovo 
di quel nome (prettamente teutonico!) nel secolo vi è fuori posto; 
se pure si tratta di un vescovo autentico. 

« Parrochia ecclesiae Grumentinae » : 599 (J-L, 1737). 

Potentia (Potenza in Val di Basento). 

Potenza di Lucania fa la sua comparsa nel Gerolimiano il 
26 agosto : 

B In Lucania civitate Potentiae Felìcis Aronti Sabiniani Honorati ; 

e il 27: 

E Et in Lucania civitate Potentia Felicis Aronti Saviani Honori. 
W In Lucania Potentia civitate natale sanctoruin Felicis Aronti Sabiniani 
Honorati. 

Una leggenda (v. Ordona) riferisce che nel secolo ym le reli- 
quie di questi martiri, per ordine di Arechi II duca di Benevento, 
sarebbero state da Potenza trasferite nella capitale del ducato ; 



326 LE DIOCESI d' ITALIA 

e pretende appartenessero non a martiri potentini, ma africani. 
Non abbiamo argomenti per darle torto. 

Una leggenda raccolta negli Ada Sandorum (aug., V, 813) 
racconta che un s. Gennaro vescovo di Cartagine, dopo aver patito 
molti tormenti sotto il preside Leonzio, finalmente il 26 agosto 
sarebbe stato decapitato coi diaconi Felice e Onorato presso Po- 
tenza « ad Aireusum (?) nemus ». Dopo molto tempo corta pia 
donna, nominata Susanna, avvertita in sonno, avrebbe indicato a 
Grimaldo, vescovo di Marsico (Lucania), ove le loro reliquie erano 
nascoste. E queste sarebbero state trasferite nella chiesa del mo- 
nastero di S. Stefano, nei poderi del quale furono ritrovate. 

Dalla fine del secolo xii al xvi nessun vescovo di nome Gri- 
maldo tenne il seggio di Milrsico. La diocesi stessa appare la pri- 
ma volta nel 1058, e sembra istituita non molto prima. L'Ughelli 
(VII, 497) pone sì Grimaldo nel catalogo episcopale di Marsico, 
ma unicamente su la fede di questa leggenda (cf. Eubel, Hierarchia 
cathoUca medii aevi, I, 343: II, 205-6; Gkonee, Le diocesi d'Italia 
dalla metà del X fino a tutto il Xll secolo, pp. 52 e 84). Adunque il 
ritrovamento delie reliquie, e quindi la relativa leggenda non sono 
anteriori all'xi o al xii secolo. Ohe poi le reliquie trovate nell'agro 
del monastero di S. Stefano appartenessero a un vescovo di Car- 
tagine e a due suoi diaconi non può ammettersi, perchè nel tempo 
delle persecuzioni nessun prelato di nome Gennaro fiorì nel seggio 
di Cartagine. Le reliquie trovate appartenevano probabilmente a 
due dei martiri ricordati, perchè coincidono i nomi ; e la data dei 
martiri di Morsico precede di un giorno quella del gruppo di Po- 
tenza. Il s. Gennaro di Morsico poi potrebbe identificarsi, o con un 
s. Gennaro africano, oppure con il celebre s. Gennaro vescovo di 
Benevento e protettore di Napoli. L'idea di fare di Felice e Ono- 
rato due diaconi del vescovo Gennaro forse fu suggerita dalla 
Passione stessa del s. Gennaro di Napoli, che dà due diaconi per 
compagni al santo ; e forse la Passione dei dodici fratelli di 
Adrumeto e la tradizione che Quodvuldeus, vescovo di Cartagine, 
morto esule in Campania, come si vedrà nelV Excursus in fine, 
suggerì l' idea di fare di questo s. Gennaro di Marsico un vescovo 
cartaginese. 



LA REGIONE II! - LUCANIA - POTENTIA (pOTENZA) 327 

Dopo la metà d'agosto si legge nel medesimo martirologio 
al 19: 

B Leonti... In Lucania Valentìani. Leonti... (in E e W solo Leonti); 

nel 20: 

B In Lucania provintia. Valentini. Leonti, 

E In Lucania Valeriani. Leonti, 

R Et in Lucania Valentiniani. Leonti, 

W In Lucania natale sanctorum Valentinianiani (sic) Leonti ; 

e nel 21: 

E In Lucania (VF provincia natale sanctorum) Valentin! Leonti; 

(Quantunque i due martiri compaiano sotto tre giorni diife- 
renti e con diversi nomi, chi conosce lo stato odierno del celebre 
monumento non può avere alcun dubbio sull'identità del gruppo. 
Oltre il Gerolimiano, il martirologio beneventano (cod. Vat. 5949) 
legge al 20 agosto: In Lucania sancii Leoncii; e al 21: Natalia 
sanctorum Valeniii et Leoncii in Sancta Sophia (che è il nome 
di una basilica fondata dentro le mura di Benevento). Nello 
stesso giorno 21 agosto alcuni martirologi derivati da CJsuardo 
recano : Beneventi sanctorum Leontii, Valentii (cf. AS, iun., VI, 436, 
438; aug., IV, 396-7); e a Tito, comune in provincia di Basilicata, 
circondario di Potenza, nel giorno 23 agosto si celebra la festa di 
tre martiri di nome Primus, Sontius e Valentinus. La loro leggenda 
{AS, aug., IV, 554; Auctaria seu notae ad Acta Sanctorum, 423) 
narra che sarebbero stati uccisi sotto Diocleziano e Massimiano e 
i loro corpi (non dice quando) scoperti per divina rivelazione. Io 
vedrei volentieri in Sontius una storpiatura di Leontius, e nei due 
martiri Leontius e Valentinus di Tito i due martiri lucani del Ge- 
rolimiano registrati il 19, il 20 e il 21 di agosto. Può quindi rite- 
nersi con serio fondamento che la su ricordata coppia fosse ab 
antico venerata nella Lucania, probabilmente perchè in questa 
provincia sparse il sangue per la fede. Nel tempo dei classici 
trafugamenti delle reliquie dei martiri e dei santi d'Italia, i resti 
mortali dei due martiri lucani pare siano stati rapiti e trasportati 
altrove. Infatti Sigeberto Gemblacense nella Yita Deoderici episcopi 



328 LE DIOCESI d' ITALIA 

Mettensis (in Monumenta Germaniae historica, Scriptores, VI, 351; 
IV, 476), narra che nel 970 questo vescovo tedesco rapì in Italia 
molti corpi santi e, tra gli altri, da Vicenza le reliquie dei ss. Leon- 
zio e Oarpoforo. Narravasi in quel tempo dai Vicentini che i due 
santi avrebbero sofferto il martirio in Eoma e da Eoma sarebbero 
stati trasferiti in un monastero suburbano di Vicenza. Abbruciato 
il monastero dagli Ungheri (899), i due corpi santi si sarebbero 
trasportati entro le mura sotto l'altare della cattedrale, e da questo 
luogo Teodorico avrebbe portato via il corpo di s. Leonzio intero 
e una parte non piccola di quello di s. Oarpoforo. I Vicentini rac- 
contarono al vescovo tedesco che la festa dei due santi cadeva 
il 20 luglio. Ma Vicenza celebra la festa dei due santi non il 
20 luglio, bensì il 20 agosto, e il nostro martire Leonzio è appunto 
registrìato sotto la Lucania nel giorno 20. E questo il martire lu- 
cano venerato in Vicenza, le cui reliquie sarebbero state trasferite 
in Germania? 

Le iscrizioni cristiane di Potenza (C2L, X, 1, 178-9) apparten- 
gono al VI secolo. 

Le diocesi di Potentia, di Grrumentum e di Oonsilinum erano 
situate nell' interno della Lucania. 

Faustinus. — Il voi. VII dell' Italia Sacra (133) lo pone sotto 
Potenza lucana ; il voi. X, 324, corregge l'errore ; perchè Faustinus 
fu certamente vescovo di Potenza picena, non lucana. 

1. Herculentius: 492-6 {J L, 680); 494-5 {J-L, 653; questa let- 
tera che parla di due servi consacrati contra ius da Sabinus, ve- 
scovo di Oonsilinum, è indirizzata ai vescovi Herculentius, Stephanus 
e lustus. Sembrami molto probabile che l' Herculentius di questa 
epistola sia lo stesso della lettera antecedente, indirizzata a « Her- 
culentius potentinus ». Infatti non si può neppur pensare che un 
vescovo piceno fosse incaricato da Gelasio I di trattare affari della 
tanto lontana Oonsilinum. Nella medesima epistola compare un 
« Eeparatus episcopus », verosimilmente lucano; ma ignorasi di 
qual sede). 

Amandus « ecclesiae potentinae », 502, apparteneva al Piceno 
alla Lucania? È difificile dirlo. 



LA REGIONE IH - LUCANIA - POTENTIA (pOTENZa), EC. 329 

2. Petrus: 558-60 (J-L, 1017; papa Pelagio gl'imparbisce ordini 
intorno alla diocesi di Marcellianum. Era dunque lucano, non 
piceno). 

Màrsicum, Mariana. 

1, Il Crivellucci (« Studi Storici », an. 1897, p. 591) erroneamente pose la 
diocesi dei Marsi nella Lucania, confondendo Morsi con Marsicutn, diocesi re- 
cente (v. sopra). 

2. L' Ughelli (X, 131) mise in Lucania una diocesi Maiirensis, il cui vescovo, 
Lucianus, sarebbe intervenuto a Roma nel 342 (voleva dire: 337) sotto papa 
Giulio I. Ma questo Lucianus appare in un sinodo apocrifo (Mansi, II, 1271), e 
il falsario probabilmente mirò alla Corsica, non alla Lucania (v. Mariana nella 
Corsica). 



II. - BRUTI II (Calabria). 

La terra dei Bruzzì occupava l'estremità niieridionale della pe- 
nisola italica dai confini della Lucania, cioè dai fiumi Laos (Lao) 
e Orathis (Orati) fino allo stretto di Eeggio ; ed era percorsa dalla 
Via Popilia, che univa Eeggio alla Lucania e quindi a Eoma. 

Gelasio nell' 11 marzo 494 {J-L, 636) indirizza una lettera enci- 
clica ai vescovi « per Lucaniam, Bruttium et Siciliam » ; Inno- 
cenzo I (401-417) fa menzione {J-L, 315) di due vescovi « per 
Bruttios », di nome Maximus e Severus, dei quali ignoriamo la 
sede; e a metà incirca del iv secolo, come si è visto in Campania, 
s. Atanasio ricorda i vescovi dei Bruzzì. Il rescritto costantiniano 
del 319 (v. Lucania) riguarda pure i Bruzzì. 

Nel Gerolimiano e ne' suoi derivati non compare nessun mar- 
tire nella provincia dei Bruzzì, e anche i martirologi, cosidetti 
storici (sec. viii-ix), sono muti a questo riguardo; e per trovare 
martiri di questa provincia (oggi chiamata Calabria) nei martiro- 
logi occidentali bisogna discendere fino ai secoli xiv-xv. In alcuni 
di essi, appartenenti precisamente al su detto tempo, si legge al 
14 settembre: « Apud Calabriam sanctorum martyrum Senatoris, 
Viatoris, Cassiodori et matris eorum Dominatae » (cf. AS, iun., IV, 
480, p. LIV, n. 233, p. LVI, n. 254). Calabria nell'elogio non è 



330 LE DIOCESI d' ITALIA 

l'antica ma l'odierna Calabria, cioè i Bruzzi. Questo elogiò deriva, 
o dai sinassarì bizantini, o da altri documenti agiografici in lingua 
greca, perchè i sinassarì greci sono i primi ad attribuire martiri 
alla moderna Calabria. In un siuassario del secolo xii, appartenuto 
al monastero Basiliano di Messina, sotto il J5 luglio si legge in 
margine: « Della s, martire Dominata » ; e si tratta senza dubbio 
di una martire venerata in Calabria (cf. Synaxarium Constantinopol., 
821, ed. Deleliaye). Quest'elogio dipende da un documento agiogra- 
fico in lingua greca, che leggesi in due recensioni. La prima è 
contenuta in un codice del 1308, già appartenuto al monastero del 
Ss. Salvatore di Messina, oggi nella biblioteca universitaria, e porta 
questo titolo : « Martirio dei ss. martiri Senatore, Viatore, Oassio- 
doro e della loro madre Dominata », e pone la loro morte appunto 
nel 15 luglio (cf. « Anal. Boll. », an. 1904, p. 36). La seconda 
recensione, contenuta in un codice Vaticano-Ohis., 31, del se- 
colo XI, colloca la morte dei santi nel 14 settembre, e nel resto 
conviene con la prima (cf. o. e, an. 1897, p. 301). Un monaco 
di monte Cassino nella metà dell' xi secolo incirca tradusse gli atti 
greci in latino {BHL, 7575). Questo Martirio fu composto circa 
il X secolo. Quale ne è il valore storico ? Nel 1753 i Bollandisti 
(AS, sept., IV, 349-50) lo giudicarono favoloso, privo di qualunque 
autorità, e scritto da iin falsario che si presenta sotto il mentito 
nome di un Fiorenzo servo dei martiri; e il vivente Bollandista 
p. Delehaye {Saint Cassiodore in « Mélanges Paul Fabro », Parigi, 
1902, p. 40) non solo non ha ritrattato il giudizio de' suoi anteces- 
sori, ma lo ha aggravato. Infatti egli opina che la strana accoz- 
zaglia di nomi presso il pseudo Fiorenzo derivi da una erronea 
interpretazione di una o più epigrafi cristiane trovate in luogo 
sacro e quindi giudicate, per errore, come spesso avveniva in quel 
tempo, epigrafi di martiri o di santi. Ad esempio Senator, Cassio- 
doriis e Yiator sarebbero venuti fuori dall'aver preso per martiri i 
consoli Magnus Aurelìus Cassiodorus Senator, console nel 514 e 
Flavius Viator, console nel 495 (cf. Grumentum in Lucania, e De- 
lehaye, Le leggende agiografiche, Firenze, 1910, p. 119). Lo stesso 
p. Delehaye {Les origines du cidte ec, pp. 353-4) pone questi 
quattro in Venosa di Apulia, ma non saprei per quale ragione. 



LA BEGIONK III - BUUTTIl - CERILLAE (ciRELLa), EC. 331 

Cerillae (Girella vecchia o diruta)? 

Oerella o Cerillae (Oirelhi vecchia) sorgeva sul mare al di là 
del fiume Laos, confine della Lucania, e tra Girella e Diamante 
un isolotto anche oggi chiamasi isola di Girella. Nel sinodo del 
649 compare un vescovo Bonianus Gerellae. Questa Cerella del 649 
dovrebbe essere la Cerillae dei Bruzzi. Ma chi potrebbe dire se la 
Oerella del 649 fosse una diocesi a se, anteriore al secolo vii; 
oppure la sede provvisoria di un vescovo dei Bruzzi, rifugiatosi colà 
per l'invasione longobarda? 

Tempsa, Temesa (presso il litorale lucano). 

1. Hilarus o Hilarius: 501. — Nel sinodo romano del 649 la 
diocesi ha lo stesso nome, ma nel 680 vien detta « Paternensis ». 
Infatti il Liber Potifificalis, nella Vita di Agatone, narra che questo 
pontefice mandò suoi legati al sinodo costantinopolitano del 680 
i vescovi di Porto Eomano, di Eeggio (Bruzzi) e di Paternum: 
« Abundantius Paternensis ». Ma dov'era questa diocesi? L'U- 
ghelli (IX, 126) pensò a Taranto ; quantunque le sottoscrizioni del 
concilio tolgano ogni dubbio, perchè il vescovo Abundantius si 
sottoscrive: « Abundantius Tempsanae ecclesiae » (cf. Ughelli, X, 
3 71). Perchè dunque Paternensis? Probabilmente dal luogo ove il 
vescovo aveva la sua residenza provvisoria. La diocesi di Tempsa 
fu poi trasformata in quella di S. Marco. 

Stephanus, 599 (7-L, 1653); 603 {J-L, 1761) ? — Gregorio nelle 
citate epistole, mentre fa comprendere che Stefano fu vescovo nei 
Bruzzi, non dice a qual sede appartenesse. Il Minasi {Le chiese di 
Calabria dal V al XII secolo, Napoli, 1896, pp. 104-106) è di parere 
fosse vescovo di Tempsa. 

Meria, Myria (luogo incerto) ; trasferita a Tropela (Tropea) ? 

1. Severinus, già morto nell'ottobre del 594. — Gregorio I 
{J -L, 1324) comandò a Pietro, notaio di Eeggio, di ordinare a 
Leone, arcidiacono di Meria e agli altri chierici della diocesi, di 



332 LE DIOCESI d' ITALIA 

tornare alla loro chiesa e di eleggere un vescovo, a cui dopo la 
consacrazione dovessero restituirsi i « ministeria ecclesiae My- 
riensis, quae securn Squillacio quondam episcopus Severinus detu- 
lerat ». Pare dunque che la città di Merla o Myria sorgesse non 
lontano da Eeggio e da Squillace ; e forse il vescovo e gli eccle- 
siastici si erano riparati in Squillace, portando seco le cose pre- 
ziose della chiesa, causa le incursioni dei Longobardi. 

Chiesa vacante: 597 {J-L^ 1481). — Verosimilmente il succes- 
sore di Severino non fu eletto, perchè la chiesa di Merla o Myria 
si trovò in altri guai. Infatti dalla citata lettera di s. Gregorio a 
Dono, vescovo di Messina, si rileva che la chiesa era di nuovo 
« desolata », e i « ministeria » erano passati nella città di là 
dal Faro. Ora Dono è autorizzato dal pontefice a dare a Faustino, 
« miles ecclesiae meriensis », la somma necessaria « de argento 
Meriensis ecclesiae, quod apud vos est », per pagare il debito da 
lui contratto per liberare « filias suas de iugo captivitatis ». Il po- 
vero padre si era venduto egli stesso per riscattare le figlie. Dopo 
questi disastri la diocesi non compare più nella storia, e il Du- 
chesne {Les évéchés d'' Italie ec, p. 83) ha pensato che Merla fosse 
trasferita in Tropea, il cui vescovo per la prima volta si legge tra 
gl'intervenuti ai sinodi romani del 649 e del 680. Mons. Taccone 
Gallucci {S. Doìnenica vergine e martire, Eeggio, 1900, p. 8) collocò 
la diocesi di Tropea più in su; ma il vescovo « Laurentius epi- 
scopus ecclesiae Trebiatis » del 499, non spetta, come egli pretese, 
a Tropea, ma a Tréba del Lazio o dell'Umbria (cf. I. Gay, Les 
diocèses de Calabre à l'epoque hyzantine d'après un livre réceni, in 
« Eev. d'hist. et de littérat. relig. », an. 1900, p. 260). 

Nel territorio di Tropea furono trovate, nel 1857 e nel 1877, 
iscrizioni latine di sepolcri cristiani, attribuite dal de Eossi al iv 
o, al più, al V secolo (CIL, X, 2, 8076-83; cf. « Bull, d'arch. crist. », 
an. 1877, p. 148; Boma sotterr., III, 406: « Nuovo Bull. », an. 1900, 
p. 271). 

Il giorno 7 luglio nei sinassarì si trova un lungo elogio di una 
vergine e martire di nome Oiriace ossia Domenica; e nello stesso 
giorno si legge un Certame della medesima santa in parecchi co- 
dici greci, ad esempio nel sopra ricordato codice messinese del 1308, 



LÀ UfeGtOtJE III - fiRUTTtl - MKftlA (mYRIa) 333 

edito negli Ada Sandorum (iul., lì, 270-1, n. 8 e 17; cf. Synaxa- 
rium Consianfinop., 803-6, 845, ed. citata; « Anal. Boll. », an. 1903, 
p. 339). In altri monumenti greci il giorno della festa di s. Oiriace 
è l'antecedente, vale a dire il 6 luglio. E in questo stesso giorno 
Tropea di Calabria celebra la memoria e venera le reliquie di una 
santa Domenica vergine e martire. In verità il Certame parla di 
una martire vissuta e morta non nei Bruzzi o in Italia, ma nel- 
l'Asia Minore al tempo di Diocleziano e Massimiano ; e soltanto 
nel capitolo II (n. 11) dice che il preside, che condannò a morte 
s. Ciriaco o Domenica, era oriundo della Campania. Due documenti 
latini di Tropea, molto recenti, narrano di questa s. Domenica le 
stesse cose narrate dal Certame greco; quantunque con alcune 
divergenze. Secondo il primo documento latino, pubblicato dai Bol- 
landisti {AS, iul., II, 278-9), la santa nasce in Campania (cioè nel 
paese del suo giudice, secondo il Certame greco) ; subisce il mar- 
tirio, non si dice in quale luogo, però si lascia supporre che fu in 
Campania, e quindi si conchiude che il corpo della martire fu tra- 
sferito miracolosamente in Tropea di Calabria. Nel secondo docu- 
mento, edito parimente dai Bollandisti (1. e, 279), non si dice che 
ella nascesse nella Campania, ma che i suoi genitori vi furono esi- 
liati; uccisa poi la martire (non si accenna dove), si conchiude 
similmente che il corpo dì lei fu dagli angeli trasportato in Tropea 
di Calabria, e quindi si aggiunge timidamente: « In qua civitate 
(Tropea) nata fuisse dicitur ». Adunque nò il documento greco, né 
i documenti latini affermano esplicitamente che il martirio di s. Ci- 
riaco Domenica avvenisse in Tropea; e in questa città si cre- 
dette di venerare semplicemente le reliquie di una santa Ciriace 
Domenica. Quindi io penso che la s. Ciriiice o Domenica vene- 
rata in Tropea nel G luglio, non sia diversa dalla santa greca ri- 
cordata nel 6, nel 7 e nel 26 luglio. Il suo culto e le sue reliquie 
sarebbero state trasportate in Calabria al tempo della dominazione 
bizantina. Il vescovo di Locri nel 787 chiamasi vescovo di S. Ci- 
riace. Le due leggende calabresi latine, raffazzonamenti indubbi del 
Martirio greco, dovrebbero considerarsi come una spiegazione po- 
polare del culto e della presenza di reliquie di s. Domenica in Tro- 
pea. In ogni luogo le plebi cristiane sono inclinate a considerare 



334 LK blOCÈSl d' ITALIA 

nativi del proprio paese e in esso vissuti o morti, i santi ivi venerati. 
E noto che i bizantini cercarono di ellenizzare la Sicilia e la Cala- 
bria anche nella liturgia, e quindi nel culto dei santi. Essi intro- 
dussero nella Sicilia e nel continente il culto delle ss. Irene, Sofìa 
e di altri ancora. E questi santi bizantini dopo la fine del dominio 
greco furono considerati facilmente come santi locali. S. Domenica 
è pure commemorata in altre chiese calabro-sicule. 

Nicotera. 

1. Proculus: 59G, « in poenitentiam deputatus » (J-Z-, 1420); 
599, « satisfactiouis purificatione reversus » {J-L, 1646; 1655-56). 

Tauriana, Taurus (a settentrione di Eeggio, distrutta). 

Nel sito dell'antica Tauriana lungo la Via Popilia Paolo Orsi 
(« Nuovo Bull, d'arch. crist. », an. 1914, pp. 1-15) ha trovato, 
non sono molti anni, alcune iscrizioni sepolcrali cristiane, attri- 
buite da lui alla fine del iv o al v secolo; due delle quali (l'una 
di un diacono lanuarius) sono assegnate al v secolo. Donde si de- 
duce che le origini dell'episcopato di Tauriana sorpassano, com'era 
da prevedersi, il vi secolo. Il eh. Orsi scrive pure (1. e, p. 8) che 
« la comunità cristiana di Tauriana vanta alcuni nomi illustri a 
cominciare da s. Faustino, contemporaneo di s. Lucia di Siracusa. 
Le sue reliquie, dopo la morte avvenuta intorno al 336, furono 
accolte in un tempio con monastero, rimasto per vari secoli ce- 
lebre ». Ma non sono riuscito a trovare nei Bollandisti nulla di 
questo s. Fausti qo. Il lettore ricorderà di aver letto sull'urna di 
s. Felice di Nola un « Sanctus Faustillus », ignoto come questo 
Faustinus. 

Il sinassario di Costantinopoli al 14 novembre (ed. Delehaye, 
p. 224) e i menci al 30 agosto {AS^ aug. VI, 621-3) pongono l'e- 
logio di un s. Fantino. Nel sinassario si legge che questo santo 
nacque e visse iu Calabria al tempo delle invasioni dei Saracini, 
peregrinò nel Peloponneso, quindi ad Atene e a Larissa, e final- 



LA REGIONE 111 - BRUTfll - fAUktANA (taURUs) 33B 

mente a Tessalonica ove morì. Viene chiamato s. Fantino il Giu- 
niore, per distinguerlo da un altro s. Fantino detto il Seniore, com- 
memorato dai documenti liturgici calabro-siculi il 24 luglio (ed. 
Deleliaye, p. 841-2). Di codesto s. Fantino il Seniore esiste una leg- 
genda in lingua greca, leggenda contenuta nel già ricordato codice 
messinese del 1308 (« Anal. Boll. », an. 1904, p. 37), e in un co- 
dice vaticano scritto tra l' xi e il xii secolo, col titolo : « Narra- 
zione della vita e dei miracoli di s. Fantino servo di Gesù Cristo ». 
Essa fu composta, in forma di sermone a' suoi diocesani, da certo 
Pietro vescovo di Tauriana in Calabria (cf. Cai. codd. hag. graeco- 
rum hihliot. Vatic, p. 177). L'autore stesso riferisce di avere scritto 
il suo lavoro nelVanno III di Leone imperatore eretico^ vale a dire, 
come spiega il Minasi {Le Chie.se di Calabria, p. 157), nelVanno III 
di Leone Armeno (815). Il vescovo Pietro conosce ben poco del 
suo elogiato; sa che fu di condizione servile, nacque e abitò in 
Tauriana e fece molti miracoli, ma nulla del tempo in cui visse; 
afferma che alcuni suoi contemporanei, argomentando dagli splen- 
didi miracoli operati, deducevano che fosse stato martire, ma sog- 
giunge giustamente che quella non era prova sufficiente e su questo 
punto la tradizione era muta. Alcuni rifacimenti e raffazzonamenti 
del documento greco per opera di scrittori latini (dopo la conquista 
normanna) collocano addirittura s. Fantino al tempo delle perse- 
cuzioni, ma neppure queste superfetazioni tardive osano inscrivere 
s. Fantino nel novero dei martiri. 

Il Gaetani {Vitae Sanclorum siculorum, Palermo, 1657, 1, 152-61) 
e gli Ada SS. (iul., V, 556-67) hanno pubblicato una traduzione in 
latino del sermone del vescovo Pietro. 

Una leggenda latina, edita dal Gaetani (iv., 1, 149-152) e dagli 
^*S (1. e. 553-556), compendiata nei leggendari di fra Pietro Calo 
(cf. « Analecta Bolland. », an. 1911, p. 83) e di Pietro Natali (VI, 
160), ambedue scrittori del xiv secolo (che pongono la commemo- 
razione di s. Fantino al 31 luglio), leggenda registrata da alcuni 
martirologi del xvi secolo (cf. AS, iun., VI, p. 397 e p. XLIII, 
n. 182 e 185), ci vuol far credere che s. Fantino nacque in Sira- 
cusa da genitori idolatri, e che costoro ebbero nome Fanzio e Deo- 
data. Il giovinetto sarebbe stato battezzato e avrebbe tirato alla 



336 LE blOdÈSl d' ITALIA 

fede i suoi genitori ; tutti e tre sarebbero stati presi, tormentati e 
carcerati, Fanzio e Deodata, di più, decollati. Fantino, evaso dalla 
prigione, si reca in Messina, quindi a Eeggio e finalmente in Tau- 
rianum di Calabria. A questo punto l'anonimo riprende e segue 
(con leggere modificazioni) il racconto del vescovo Pietro. Da tutto 
questo appare evidente nel traduttore e nel manipolatore latino 
l'intenzione di collegare il santo calabrese con Siracusa o con la 
Sicilia. In uno stato ulteriore della leggenda (presso il Natali, 1. e.) 
i genitori di s. Fantino si sono fatti nascere a Lentini dalla nobile 
famiglia de Madica ! Nel medioevo era familiare a certi leggendisti 
incorporare i santi antichissimi del territorio alle famiglie più rag- 
guardevoli del Comune. Forse la supposta madre di Fantino, Deo- 
data, deve idendificarsi con una Deodata, il cui sepolcro ricco e 
decorato fu scoperto dall'illustre P. Orsi {Gli scavi a s. Giovanni 
in Siracusa, in « Eòmisclie Quartalschrift », an. 1896, p. 57) nella 
catacomba di S. Giovanni in Siracusa. Il leggendista ne avrebbe 
fatto arbitrariamente la madre di s. Fantino. Il nome del padre 
forse è stato trovato con un metodo più spicciativo. I leggendisti, 
come il nostro sogliono derivare il nome del genitore da quello del 
figliolo leggermente modificandolo. Da Faniinus sarebbe così uscito 
fuori Fantius. Anche l'autore della leggenda dei ss. Cossiodoro e 
compagni (AS, sept., IV, 350) da Cassiodorus ha derivato il nome 
del padre Cassianus. Così lo scrittore delle Vite dei primi pontefici 
nel Liber Pontificalis, a corto di notizie, assegna a Lucius un padre 
di nome Lucinus, ad Alexander un omonimo, a Fahianus un Fa- 
bius ec. Vi fu chi scrisse di pura fantasia la Passione di Fanzio e 
di Deodata, collocandoli al 31 luglio (AS, iul., VII, 187-188). Fan- 
tinus era nome usato in Sicilia al tempo di Gregorio Magno. 

1. Leucosius: secolo v (Oksi, Iscrizioni cristiane di Tauriana 
nei Bruzi, in « Nuovo Bull, di archeol. crist. », an. 1914, pp. 1-15). 

2. Paulinus: 591 {J-L, 1109). — Trasferito a Lipari nell'anno 
seguente {J-L, 1171-72) rimase la visilatio della chiesa taurianense. 
Nel 599 (J-L, 1655-5G) ricompare nel Registrimi come vescovo di 
Tauriana, e muore tra la fine del 602 e il principio del 603 {J-L, 
1885-86). 



La RfitìlOMÈ Iti - aRltfTII - RÈrtlUM lULlUM (rKggIiO t)f CALABRIA) 337 

Regium lulium (Reggio di Calabria). 

Un' iscrizione cristiana trovata in Eeggio {CIL, X, 15) non è 
molto antica. 

Stephanus ? — Un Certame greco {BHG, 1668) racconta che 
l'apostolo Paolo, quando fu condotto a Boma prigioniero, sarebbe 
stato accompagnato da un niceno, di nome Stefano : pervenuto a 
Eeggio, sarebbe smontato e, nell'unico giorno che rimase in questa 
città, avrebbe avuto tempo di evangelizzare con successo gli abi- 
tanti di Eeggio, ne avrebbe battezzato parecchi, e alla nascente 
comunità avrebbe dato per arcivescovo Stefano. Dopo alcuni anni 
il preside Gerace perseguita i cristiani, prende Stefano, lo tormenta, 
quindi lo mette a morte con un vescovo di nome Suera e con le 
discepole Agnese, Felicita e Perpetua. L'arcivescovo viene sepolto 
a un miglio da Eeggio, ad austro ; gli altri ove morirono (cf. pure 
Synaxarium Constantinop. 800; AS^ ini., II, 220-1; Migne, P. (?., 
OXV, 317). Il nostro Stefano è chiamato « metropolita della città 
di Eeggio di Calabria »; quindi il Certame fu composto dopo che 
la provincia dei Bruzzì ebbe deposto l'antico nome e assunto quello 
di Calabria, che porta anche al presente, cioè non prima del vii 
secolo, e dopo che i vescovi di Eeggio ebbero ricevute dal patriarca 
di Costantinopoli il titolo di arcivescovi, il che avvenne nella prima 
metà del ix secolo (cf. Gay, o. c, pp. 236-51). Appartiene dunque 
al tempo in cui la dominazione bizantina era riuscita a ellenizzare 
l'antica provincia dei Bruzzì nella lingua e nella liturgia. Non errò 
quindi l'antico Bollandista fissandone la composizione intorno al 
secolo X. Lo stesso {AS^ iul., lì) rilevò molto bene l'inverosimi- 
glianza della narrazione del Certame. I nuovi Bollandisti (« Anal. 
Boll. », an. 1896, p. 432) hanno confermato il giudizio del loro 
antecessore, né io trovo ragione alcuna per discostarmi dal loro 
giudizio. Appunto in quel tempo la leggenda compiacevasi di col- 
legare le origini delle chiese di Messina e di Malta con il viaggio 
di s. Paolo da Cesarea a Eoma; e chi ha pratica di siffatti lavori 
agiografici nota subito che l'autore anonimo, nel modo in cui parla 

22 



338 LE DIOCESI d' ITALIA 

del sepolcro dei pretesi compagni di Stefano (Suera, Agnese, ec.) 
mostra di ignorare ove fossero. E infatti la s. Agnese del Certame 
probabilmente è la celebre martire omonima romana, forse vene- 
rata a Keggio, e appunto festeggiata dai greci il 5 luglio, che è 
il giorno assegnato dal Certame al martirio di s. Stefano e com- 
pagni. Felicita e Perpetua poi è un gruppo troppo caratteristico 
per non pensare che la coppia di Eeggio corrisponda a quella ca- 
duta in Cartagine sotto Settimio Severo (193-211), veneratissima 
in tutto l' Occidente. Vi potranno essere critici disposti a credere 
che le reliquie di s. Stefano, venerate a austro dell'antica Eeggio, 
appartenessero a un vescovo di Eeggio, al protovescovo della città 
dello Stretto, ma, per attribuire il vescovo Stefano al i secolo, ri- 
chiederanno argomenti ben più forti del nostro Certame, che senza 
dubbio appartiene" a quel gruppo di lavori agiografici in lingua 
greca, composti nella regione siculo-calabra, tra l' viir e il x secolo, 
i cui autori anonimi si abbandonarono ai voli più audaci della loro 
fantasia, come avremo occasione di riscontrare nella Sicilia. 

Marcus. — Appartiene alla Calabria romana, non ai Bruzzì 
(v. Brindisi). 

Anonimo: 431. — Alcuni vescovi, come si è detto (v. Capua, 
Otranto, Pesto) si recarono personalmente, o per intermedia per- 
sona, presso il letto del morente s. Paolino di Nola. Ma la tante 
volte citata epistola del prete Uranio non nomina a. quale sede 
essi appartenessero. Si è pensato anche a Eeggio, benché questa 
città fosse tanto lontana da Nola. 

Hilarius: 434. — In quell'anno un arcivescovo di Eeggio, di 
quel nome, secondo l' Ughelli (IX, 321), avrebbe tenuto con tredici 
sufifraganei un sinodo, confermato da Sisto III (432-40) ; ma non è 
vero. Nel 439 s. Ilario di Arles tenne a Riez, non a Reggio, un'a- 
dunanza di tredici prelati. Rlez dicevasi Regiensis o Regensis. La 
città delle Gallie si è scambiata con quella dei Bruzzi. I vescovi 
di Eeggio ebbero il titolo arcivescovile quattro secoli dopo! (V. a 
Bari un caso simile al nostro). 

Sisinius : an. 536 ? — Proviene dalla Vita di s. Placido, scritta 
da Pietro Diacono {BHL, 6859), lavoro pienamente favoloso (v. Be- 
nevento). Tutti siamo disposti ad ammettere che nel 536 Eeggio 



LA regione: ih - fiftUTTlI - REGIÙM ItlLlUM (rEGGIO DI CALABRIA), EC. 339 

avesse un vescovo, ma un Sisinius^ semplicemente su la fede di 
Pietro Diacono (sec. xii), chi ardirebbe affermarlo? 

Oyrillus : an. 559-86 ? — L'unica prova dell'esistenza di questo 
Cirillo addotta dall' Ughelli (IX, 321) è il ricordo di una Motta di 
s. Cirillo, situata nel territorio di Eeggio. Ma chi ha mai dimo- 
strato che questa motta abbia preso il nome da un vescovo di 
Eeggio, e per giunta del 559-86? Il Gams (p. 916) prudentemente 
se ne lavò le mani. 

1. Lucius, decessor Bonifatii {J L, 1248). 

2. Bonifatius, 592 {J-L, 1208); 593 (J-L, 1248, 1276) ; 595 (J-Z, 
1389); 597 (J-L, 1465); 598 (J-L, 1586); 599 (J-X, 1655). 

Paulinus, 601. — L' Ughelli (IX, 323-4) vuole che il sopra detto 
Bonifacio, morisse nel 601 e gli succedesse un Paulinus. Parrebbe 
che l'autore deìVItalia Sacra avesse desunto questo nome dal Re- 
gistrum; ma Gregorio Magno ricorda bensì nel 602 {J-L, 1858-59) 
un Paulinus, non però di Eeggio, sì « Tegesis civitatis episcopus », 
ossia un vescovo africano. 

Leo. — Vescovo di Catania tra il 591 e il 604, è stato attri- 
buito qualche volta, per errore, a Eeggio. 

Locri (Torre di Gerace?). 

A Locri è stata rinvenuta un'iscrizione del 391 {GIL, X, 57). 

Nel giorno 26 di luglio è venerata tra i greci una santa Pa- 
rasceve {BHG, 1420) o Parascevia vergine e martire, attribuita al 
tempo di Antonino e di Asclepio prefetto. Il suo culto fu portato 
nella Bassa Italia dai Bizantini, e quivi la santa fu appellata s. Ve- 
nera, e assunta come patrona della città di Acireale in Sicilia (26 
giugno), di Gerace in Calabria (28 luglio) e di Lecce nella Apulia 
(5 maggio). Le plebi cristiane di questi tre luoghi (pur raccontando 
della santa la medesima leggenda, detta dall'antico Bollandista {AS, 
iul., VI, 232) piuttosto che storia pio dramma), attribuirono ciascuna 
alla propria città la nascita della santa e vi localizzarono il mar- 
tirio. Ma si tratta di una sola e medesima santa, cioè della santa 
Parasceve dei greci. Per l' identità della s. Venera di Acireale, di 
Gerace e di Lecce con la s. Parasceve dei greci cf. Ferraei, Ga- 



340 Lfi DlOCiÈSI d' ITALIA 

tàlogus Sandorum Italiae, p. 253, 468; AS, mai, II, 5; iul., VI, 231- 
232, 502-503; ocfc., VI, S99 ; Audarium ad Ada Sandorum, ad diem 
14 odobris, p. 154*, 155*. Lo stesso dovrà dirsi della s. Parasceve 
venerata in Roma il 26 luglio come vergine e martire romana 
(Feréart, 0. e., pp. 462-463), e della s. Veneranda delle Gallio (14 
novembre) (Natali, X, 61) e di altri luoghi {AS, iàn., II, 444; III, 
384; febr.. Ili, 730; iun., I, 280; Eaoiti Eomeo, S. Venera v. em. 
nella storia e nel culto dei popoli, Acireale, 1905), che sono una sola 
e medesima persona con la s. Parasceve dei greci. 

Petrus, 487. — Posto dal Gallucci {Cronotassi dei metropolitani, 
arcivescovi e vescovi di Calabria, Tropea, 1902, p. 31) in quell'anno ; 
ma quel prelato, intervenuto al sinodo romano del 487, fu Petrus 
lorensis, di Lorium in Etruria, non locrensis, di Locri nei Bruzzi. 

Basilius ; 330-451. — L'Ughelli (IX, 394), o i suoi informa- 
tori, concedono a questo Basilio più di centoventi anni di vita o di 
episcopato perchè Basilio avrebbe pontificato nel 330, e si sarebbe 
recato al concilio di Oalcedone (a, 451)! Ma è notissimo che solo 
prelati orientali, eccetto i legati di papa Leone, parteciparono a 
quella famosa adunanza. Tra quei prelati d' Oriente sedettero tre 
Basilii, l'uno di Seleucia, l'altro di Traianopoli, il terzo di Nacolia 
(cf. Mansi, VII, 138) ; ma chi saprebbe dire come mai nei nomi di 
quelle città si riuscisse a leggere Locri? 

Basilius II ; 504. — Nel pseudo-sinodo romano del 503 (cf. 
Mansi, VII, 301) compare un « Basilius Nacoliae » ; nome desunto 
dalle sottoscrizioni del sinodo calcedonense. Anche questo Basilio 
fu attribuito a Locri! 

1. Dulcinus, « decessor Marciani » {J-L, 1600). 

2. Marcianus: 597, eletto {J-L, 1484); 598 {J-L, 1600); 599 
{J-L, 1655, 1656). 

Scolacium (Squillace). 

1. Gaudentius: 465. 

2-3. Due vescovi uccisi l'un dopo l'altro: 496 {J-L, 725). — 
Gelasio I scrive a Maiorico e Giovanni, vescovi (verosimilmente 



LA REGIONE III - BRUTTII - SCOLACIUM (sQUILLACe) 341 

dei Bmzzi), che i sacerdoti di . Squii lace, avendo ucciso due ve- 
scovi (s'intende l'un dopo l'altro), « Scyllacinorum caedes geminata 
pontificum », affida loro la « visitatio » della chiesa vedovata; 
intanto essi sospendano i sacerdoti estranei e rimandino l'elezione 
del nuovo vescovo. In un'altra lettera (J-L, 708) indirizzata (a. 495-6) 
a Filippo e Oassiodoro, vescovi (probabilmente della nostra pro- 
vincia), Gelasio I parla di un Celestino « conscius convictus in 
caede parentis et episcopi », a cui si dovrà restituire la comunione 
dopo un anno. Questo Celestino sembrerebbe un sacerdote uccisore 
dei vescovi di Squillace; esso è ricordato pure in un'altra epistola 
di Gelasio {J-L, 733), del 496, ai vescovi Maioricus, Serenus e loan- 
nes (crederei pure della provincia dei Bruzzi). Il papa ordinò ai 
tre prelati di scomunicare un Dionisio e i suoi complici, rei di 
aver turbato la chiesa di Vibona, e di deporre Celestino, prete del 
vescovo Sereno, per aver osato di ammetterli alla comunione contro 
la sentenza del proprio vescovo e contro il mandato della Sede 
Apostolica. Forse a questa stessa uccisione dei vescovi di Squillace 
si riferisce un'epistola di Gelasio {J-L, 723), del 496, a Giovanni 
vescovo (dei Bruzzi, come è da credere) con l'ordine di rimovere 
dall'ufficio Asello, arcidiacono (di Squillace?), per il suo contegno 
« episcopo 'interfecto ». Non è possibile identilicare la sede di 
questi cinque vescovi dei Bruzzi. Giovanni sembrerebbe vescovo 
di Vibona, a cui Gelasio {J-L, 732), nel 496, spedì una lettera. 
Serenus, nell'opinione del Gams (p. 927), sarebbe un vescovo di 
Squillace ucciso; ma ne dubito. 

4. Zacchaeus: 551 {J-L, 930); 553 {J-L, 935). — Era a Costan- 
tinopoli con papa Vigilio. 

5. loannes : 591, trasferito da Alessio (Dalmazia) a Squillace 
{J-L, 1191) ; 592 {J-L, 1192, 1193) ; 598 {J-L, 1521) ; 603 (?) {J-L, 
1922; Gregorio non dice a quale sede appartenesse il « loannes 
episcopus » di questa lettera; ma, essendovi ricordato il rettore 
del patrimonio della S. Sede nei Bruzzi, penso al vescovo Gio- 
vanni di Squillace). 



342 LE DIOCESI d' ITALIA 

I 

Croton, Cotrona (Crotone). 

Dionyslus. — Gli scrittori crotonesi narrano, presso l'Ughelli 
(IX, 384), che Dionigi, l'areopagita, vescovo di Atene, sbarcato 
nella loro città, prima di recarsi a Parigi, avrebbe convertito molti 
alla fede, e per qualche tempo sarebbe stato loro vescovo. Non 
debbo qui rifare la dimostrazione dell' insussistenza. di queste tra- 
dizioni sul famoso discepolo di s. Paolo. Altri luoghi d'Italia ri- 
vendicano per sé l'apostolato o l'episcopato del celebre personaggio 
(v. V Introduzione, p. 10). 

Flavianus? — L'Ughelli (1. e.) pone nel catalogo crotonense, 
nel 537, un Flavianus, sub Vigilio (537-55) ; il Gams (p. 879) lo 
colloca dal 537 al 550 e. Ma i documenti del pontificato di Vigilio 
conoscono un vescovo crotonense di nome lordanes, non un Fla- 
vianus. 

1. lordanes: 551 {J-L, 930), a Costantinopoli con papa Vigilio. 
— Questo lordanes, secondo il Grisar {Hist. de Rome, II, 110), sa- 
rebbe lo storico omonimo goto. L' Ughelli (1. e), il Cappelletti 
(XXI, 188) e il Gams (1. e.) per errore lo chiamano Ioannes. 

2. Anonimo. — Chiesa vacante per « obitum antistitis » : 592 
(J-L, 1192-93). 

Thurii, Copia Thurii (S. Marco?). 

1. Ioannes « turritanae » : 501. — Non credo che questo Ioannes 
fosse vescovo di Turres in Sardegna, ma di Thurii nei Bruzzì. Un 
altro vescovo del 501, detto « tauritanus », appartiene a Taurinum. 
Si è detto di sopra (v. Squillace) che al tempo di Gelasio I (492-6) 
un Giovanni reggeva la diocesi di Vibona; ma può dubitarsi con 
ragione che tutte le epistole indirizzate da quel pontefice a un 
vescovo Giovanni della nostra regione, spettino a Giovanni di 
Vibona. Il destinatario di qualcuna di queste, ad esempio di J L, 
733, potrebbe ben essere il Giovanni di Thurii del 501. 

2. Anonimo. — Chiesa vacante per « obitum antistitis », 603 
(J-Z, 1885-6). 



LA REGIONE HI - BRUTTIl - CONSENTIA (COSENZA), EC. 343 

Consentia (Cosenza). 

Anonimo. — Sarebbe stato ordiniito da s. Stefano, arcivescovo 
di Eeggio (Ughelli, IX, 190 ; Gams, p. 878) ; ma ciò si afferma 
senza nessunissima prova. Lo stesso favoloso Certame di s. Ste- 
fano, preteso arcivescovo della città di qua dallo Stretto, non dice 
nulla di questa ordinazione. Il Cappelletti (XXI^ 287) credette, 
senza una prova al mondo, identificare questo preteso anonimo di 
Cosenza con quel « Suera (o Suerius?) episcopus » del Certame, 
già sopra ricordato (v. Eeggio). 

Maximus, 401-17? — E ben vero che Innocenzo I {J-L, 315) 
scrive a due vescovi, Massimo e Severo « per Brutios » ; ma dopo 
tanti secoli chi potrebbe indovinare la sede di quel Massimo, quando 
la cancelleria pontificia di allora non ha creduto di manifestar- 
celo? Ciò nonostante il Gams (1. e.) ha registrato Massimo sotto 
Cosenza. 

1. Palumbus: 599 {J-L, 1648; 1655-56). 

Vibo, Valentia (Vibona o Monteieone ?). 

Romanus (al. Somanus) ; 451. — « Epmanus (al. Somanus) 
bubonensis » è un prelato orientale intervenuto al celebre sinodo 
di Calcedonia, nel quale si volle vedere un vescovo di Vibona: 
« Vibonensis ». 

1. Ioannes: 496 (J-L, 732; forse a lui pure si riferiscono 
(v. Squillace) le epistole J-L, 723, 725 e 733); 499. 

2. Eufinus: 590 (J^L, 1420); 598 {J-L, 1600). 

3. Venerius: 599 {J-L, 1653, 1655-56); 603 {J-L, 1885-86). 

Martorano, Umbriatico, Bova, Portus Orestis. 

1. Il vescovado dì Martorano (tra Cosenza e Nicastro), a cui avrebbe ap- 
partenuto UH « Reparatus Manturianensi » del 649, non è mai esistito. Quella 
diocesi non appartenne ai Bruzzì, come in Ughelli (IX, 270) e in Gams (894), ma 
all'Etruria. 



344 LE DIOCESI d' ITALIA 

2. Un vescovo anonimo, ordinato da Ilario, arcivescovo di Reggio, ai tempi 
di Sisto III, assegnato dall' Ughelli (IX, 525) e dal Gams (p. 938) a Umbriatico 
(una volta Brystacia?), è puro prodotto di fantasia, al pari dell'arcivescovado di 
Reggio nel v secolo. 

3. Un Luminosus del sinodo romano del 649 non fu vescovo di Bova nei 
Bruzzì, ma di Bologna nell'Emilia. 

4. Un Longinus del 504, dato a Pvrtus Orestis dei Bruzzì (Porto Ravagoso ?) 
dall' Ughelli (IX, 156), deriva dal pseudo-sinodo romano del 503 (Mansi, Vili, 316), 
Il falsario autore degli atti di quel sinodo mai celebrato, desunse questo « Lon- 
ginus Orestensìs » dalle sottoscrizioni autentiche del sinodo di Calcedonia 
(a. 451), Longino fu dunque un prelato orientale, e il nome della sua diocesi 
non fu Orestensìs (donde Portus Orestis), come erroneamente fu inteso, ma Or- 
chistensis. 



LA REGIONE IV. 

Comprendeva i paesi: I. dei Sabini, — II. degli Aequi, — 
III. dei Marsi, - IV. dei Testini, - V. dei Peligni, — VI. dei 
MaiTucini, — VII. dei Frentani, — Vili, dei Sanniti; era la re- 
gione più montuosa e aspra d'Italia. 



I. - IL PAESE DEI SABINI. 

Era abitato da popoli fieri e selvaggi, dediti agli auguri e alle 
magìe ; e attraversato dalla Via Salaria, che spiccatasi da Eoma e 
ricevuta a Eretum (Grotta Marezza, situata circa 18 miglia da 
Eoma) la Via Nomentana, percorreva il paese toccando Beate 
(Eieti, 48 miglia da Eoma) e Interocrea o Interocrium, oggi An- 
trodoco, situato fra due scoscese montagne tra Eeate e Amiternura, 
e, passato l'Appennino, discendeva per Asculum (Ascoli Piceno) 
all'Adriatico. Un'altra strada, partendo da Interocrea, giungeva 
per Amiternum a Interamnia Praetuttianorum o Praetuttiorum 
(Teramo). 

Cures Sabihorum (presso Oorrese). 

Il vescovo di Oures nel sinodo romano del 501 sottoscrive : 
« Dulcitius episcopus ecclesiae SancH Anthimi » ; e Gregorio Magno 
commette al vescovo di Nomencum « curam gubernationemque 
Smidi Anthimi ecclesiae Ourium Sabinorum territorio constitutae ». 
L'il maggio abbiamo questo s. Antimo nel Gerolimiano: 

B Rome... via Salaria (1/F Salutarla) miliario vigesimo secundo natale sancti 
Antimi, 

E Roma sancti Antimi... Rome Antimi; 

e non può dubitarsi che il martirologio non si riferisca a Cures. 
Una composizione agiografica, forse del vi secolo, che conosce le 



346 LE DIOCESI d' ITALIA 

Gesta Sebastiani, e probabilmente prese per modello gli Ada Nerei 
et Achillei, a cui pienamente somiglia, intitolata ActaAnthimi (BHL, 
361), secondo la consuetudine di sifìatti lavori, raggruppando sotto 
Diocleziano (284-305) vari personaggi dell'antica storia ecclesiastica 
collegati coi ricordi della Via Salaria, e parecchi martiri sepolti 
nei cimiteri romani lungo la medesima via consolare, racconta che 
sette cristiani sarebbero stati relegati da Roma nella Sabina e nel 
Piceno, e massacrati in questi paesi. I loro nomi sono: Antimo 
prete, che sarebbe stato decapitato al XXII m. della Via Salaria e 
sepolto in un luogo ovverà solito pregare (è la frase usata dagli 
Acfa). Non si dice nulla del giorno della morte o della sepoltura. 
Il secondo: Massimo, compagno di Antimo, che sarebbe stato de- 
collato al XXX miglio della stéssa via il giorno 19 o 20 ottobre 
(la lezione dei manoscritti non è costante) e sepoltq nel luogo ove 
egli soleva fare orazione a Dio. Il terzo : Basso, uccìso a furor di 
popolo in Forum Novum ove era il mercato. Non si accenna né 
al giorno natale, né al luogo della sepoltura. Il quarto: Fabio, 
condannato al taglio del capo lungo la stessa via. Non si dice ne 
quando né dove, né si parla della sepoltura di lui. E finalmente: 
Sisinio diacono e Diocleziano e Fiorenzo, lapidati e sepolti in 
Osimo (Piceno), città situata su la vetta di un monte. Il giorno 
del natale o della deposizione manca. 

Eiserbandoci di parlare dei martiri del Piceno a suo luogo, 
in quanto a s. Antimo dirò che un martire di questo nome fu 
veneratissirao in Sabina, a Oures, e nei paesi vicini. Oltre i docu- 
menti su riferiti, lo Stevenson (« Bull, d'arch. crist. », an. 1880, 
p. 107; an. 1896, pp. 160-1; an. 1883, pp. 76-7 e 125) annunciò di 
avere scoperto la catacomba, che dal santo prese il nome, al XXIV 
o al XXIII m. della Salaria fra Passo di Oorrese e Monte .Libretti. 
Le ceneri di s. Antimo sarebbero state dalla Sabina trasportate 
nella Toscana, presso Montalcino. Alcune leggende umbre pure lo 
ricordano. La Passione di s. Ooncordio, prete di Spoleto, ne ha- 
fatto un vescovo, amico di s. Eutichio, martire di Ferentia, di cui 
si dir?i, e consacratore di s. Ooncordio stesso; il quale Ooncordio 
alla sua volta sarebbe stato ucciso sotto Antonino Pio (138-161), 
sotto M. Aurelio (169-180)! Altre leggende (^^S', febr.. Ili, 239; 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI SABINI - CURES SABIXORUM 347 

Cappelletti, o. c, IV, 334, 399, 500) lo hanno creato vescovo 
ora di Terni, ora di Spoleto, e ora di Foligno. Il Dufourcq (o. e, 
III, 46, 314, 316) sembra riconoscere in s. Antimo un martire lo- 
cale, e lo Schiister (in « Boll. dioc. uff. per la diocesi di Sabina », 
an. 1917, p. 76) non ne dubita; ma il p. Delehaye {Les orlglncs dti 
eulte ec, pp. 179, 181, 341) opina che il s. Antimo venerato a Oures 
sia l'omonimo vescovo di Nicomedia ucciso al tempo di Diocleziano, 
commemorato nel Martirologio Gerolimiano e nell' Orientale il 27 
aprile. Certo nessuno potrebbe meravigliarsi che una città della 
Sabina venerasse un martire lontano, o ne avesse chiesto reliquie. 
La stessa Eonaa (fertilis ager martyrum) accolse largamente sotto 
i suoi altari reliquie di santi estranei. Antimo di Nicomedia vene- 
ravasi pure in Eoma. E procedimento molto comune ai popoli di 
tutti i paesi del mondo di attaccare al proprio luogo come vescovi, 
come cittadini, ec, 1 santi martiri in esso venerati (cf. V Introdu- 
zione, pp. li-4). A priori ciò può essere avvenuto anche a Cures 
di Sabina rispetto a s. Antimo ; ma il p. Delehaye non ha esposto 
gli argomenti che lo inducono a identificare il s. Antimo di Cures 
con il vescovo omonimo di Nicomedia. 

Sui tre compagni di s. Antimo, Massimo, Fabio, e Basso, un 
dubbio di tale natura parrà più fondato, perchè sul loro sepolcro 
è regnata e regna fino ad oggi una grande oscurità. E si noti che 
il s. Massimo di Forum Novum fu venerato lo stesso giorno del 
s. Massimo martire famoso in Campania e negli Abruzzi, di cui 
già si è parlato e si dirà tra poco (cf, AS, apr., IH; mai, VII, 15; 
oct.. Vili, 417-9; XII, 190-1; XIII, 316-25; Sohuster, 1. e, p. 225; 
Delehaye, o. c, p. 344). Basso e Fabio sono nomi di martiri afri- 
cani abbastanza celebri. E Mar Bqssiis è pure il nome di un mar- 
tire persiano ucciso nel 362, l'il maggio; cioè, si noti la coincidenza, 
alla stessa data del s. Antimo di Sabina (cf. Delehaye, o. c, 
pp. 432 e 445). 

L'antica diocesi di Cures, secondo il Duchesne (Le sedi epi- 
scopali ec, p. 496) comprendeva il Municipio di Trebula Mutuesca, 
oggi Monteleone. Ora nel Gerolimiano il 10 luglio appaiono due 
martiri sabine, una delle quali era sepolta in Trebula: 

B In Savinis Anatoliae, Victorii (per Vidoriae), 



348 LE DIOCESI d' ITALIA 

E Safini (sic) Anatholiae, Victofìae, 
W In Savìnis Anatholiae, Victuriae. 

Il giorno i3rima Anatolia compare sola sotto Eoma : 
B Romae... natale virginiim.. Anatolìe (E e W" Anatlxoliaej; 

e il 19 dicembre Vittoria ritorna sotto una cittìi della Sabina con- 
traffatta mostruosamente nel codice JS, rimasta intatta nel codice 
dublinense (« Anal. Boll. », an. 1913, p. 407) : 

jS In Suanis civitate Triplana Victoriae, 

D In Siunnis (= Savìnis) t5ivitate Tribulana Victoriae ; 

di nuovo Vittoria riappare il 21: 

JE Et Rome depositio sanctorum Victoriae, 
W Et Rome... passio sanctorum Victuriae ; 

e finalmente il 23, nel cod. di Gorbia del xii secolo: « Depositio 
sanctae Victoriae Eomae sub Decio, quae cum esset desponsata 
viro pagano et » (il resto manca). Il codice di Gorbia ha certamente 
conosciuto una Passione di s. Vittoria. Oggi esistono due Passioni, 
l'una di s. Vittoria, l'altra dei ss. Anatolia e Audace {BHL, 8391, 
417-20), che furono note al venerabile Beda (f 735) e allo scrittore 
Aldhelmo di Sherborne (f 709), quindi anteriori all'viii secolo ; 
risalgono probabilmente al v o vi, e somigliano molto alla Passione 
dei ss. Giovanni e Paolo e agli Ada Nerei et Achillei, di cui si è 
detto, e alla Passione delle ss. Eufina e Seconda. Secondo la sua 
Passione, Vittoria è una vergine romana, vissuta al tempo di DeciOj 
relegata nel territorio Tribulano e ivi uccisa di spada il 23 decembre 
e sepolta in un sarcofago nuovo. Anatolia pure è una vergine ro- 
mana, relegata nello stesso tempo nel territorio Torense ; uccisa 
di spada il 10 luglio e ivi sepolta. La Passione le dà per compagno 
di martirio un certo Audax, marso, che sarebbe stato incaricato di 
ucciderla per mezzo di un serpente (è noto che i Marsi antichi 
passavano per abilissimi incantatori di serpenti). Gostui, avendo il 
serpe rispettato la santa, si sarebbe convertito a Cristo. Forse questo 
personaggio, introdotto nella Passione di Anatolia, fu chiamato 
Audax dal leggendista stesso per alludere alla sua abilità, E forse 
l'autore della Passione ha immaginato quanto egli narra, cioè che 



LA hEtìJoJffe iV - IL PAESE DÈI SAÒINI - CIJRÈS SAÈJNOftUM 349 

le reliquie di Audax fossero trasportate di là dal mare dalla moglie 
e dai figli di lui, perchè i lettori sabini nou gli domandassero dove 
si trovasse il sepolcro di questo presunto compagno di Anatolia. 
E non è improbabile che la Passione abbia dato ad Anatolia un 
padre orientale, atteso il nome greco della santa. Ma checche debba 
dirsi dei particolari della Passione di s. Anatolia, non vi è dubbio 
che le due martiri del Gerolimiano non siano le stesse di cui le 
Passioni narrarono quella storia edificante. I nomi delle sante, i 
dati topografici e i dies' nalales convengono pienamente. La civitas 
Tribulana è Trebula Mutuèsca (Monteleone) che sorgeva su la Via 
Salaria a 32 miglia da Eoma e a 16 da Eieti; e a 30 m. incirca 
da Koma si sarebbe trovato un cimitero denominato di S. Vittoria. 
La civitas Torana o Torà trovavasi a sud-est incirca di Trebula e 
lontana da essa sei miglia; e le reliquie di s. Vittoria furono poi 
trasferite nella Badia Parfeuse il 20 giugno del 931 ; e quelle di 
Anatolia nel monastero di Subiaco durante il secolo x. Anatolia e 
Vittoria erano nomi comuni delle schiave e liberto di quel tempo. 
Agnello, arcivescovo di Eavenna nella metà incirca del vi secolo, 
fece dipingere l'una presso dell'altra, tra le martiri della teoria 
del musaico parietale di S. Martino in ciel d'oro (oggi S. Apolli- 
nare Nuovo), ove ancora si ammirano, le sante Anatolia e Vittoria; 
e Vittricio, vescovo di Eouen, scrittore del iv secolo (f 408 e), 
nel suo De laude sandorum (Migne, P. Z,., XX, 453-4), ricorda una 
martire di nome Anatolia in un santuario ove essa operava molte 
guarigioni. La martire ricordata dal vescovo gallo è identificata 
ragionevolmente con la martire sabina. La Passione dei ss. Oalocero 
e Partenio (BEL, 3534), martiri romani, mette in scena una « Oa- 
lista cui praenomen erat Anatolia », figlia di un Emiliano orientale, 
divenuto console; che viene convertita alla fede da Oalocero e 
Partenio e dopo il loro martirio li seppellisce nella cripta di s. Sisto 
papa, « cuius (Anatoliae) servi sanctorum corpora rapuerunt ». 
L'autore della Passione romana probabilmente in questa supposta 
seppellitrice volle onorare la martire di Torà; e forse la Passione 
dei ss. Oalocero e Partenio costituì un tempo la prima parte, e la 
Passione delle due sante la seconda di un solo ed unico racconto, 
oggi spezzato in tre (cf. Dufourcq, o. e, IH, 261; Quentin, o. e, 



350 LE DIOCESI d' ITALIA 

i 

95-96; Delehaye, Les origines, ec, 357; Sohustér, Le sante Ana- 
tolia e Vittoria, in « Boll. dioc. ufiSciale per le diocesi di Sabina », 
an. 1917, p. 163 ; Paschini, La « Passio » delle martiri sabine Vit- 
toria ed Anatolia, Eoma, 1919, fase. 1 di Lateranum; « Bull, d'areh. 
crist. », a. 1880, p. 108). 

Aìithimus. — Come sopra si è visto, il presbyter Anthimus degli 
Ada nelle leggende umbre è diventato vescovo, ed è stato attri- 
buito ora a Terni, ora a Spoleto e ova a Foligno. Presso il Gams 
(p. VI) anche Oures l'avrebbe avuto per pastore. Ma tutto ciò fu 
asserito senza alcuna base. 

1. Tiberius: 465. 

2. Felicissimus: 487. 

3. Dulcitius: 495 (?); 499; 501. 

4. lulianus: secolo vi (Greg. Dial., 1, 4). — Questo vescovo 
sabinate, ricordato dal pontefice s. Gregorio I, sarebbe vissuto al 
tempo dell'ab. Equizio, cioè nell'età ostrogotica, ed era morto 
quando il papa scriveva (e. nel 593). 

Laurentius ? — È registrato dall' Ughelii (1, 156) su la testimo- 
nianza di s. Pier Damiano (f 1073) ; secondo il quale un vescovo 
di quel nome avrebbe tenuto il seggio sabinate, e poi lo avrebbe 
rinunciato per ritirarsi a vita monastica (cf. Migne, P. L., OXLIV, 
623). Il documento più antico intorno a questo vescovo Lorenzo 
è un privilegio di papa Giovanni VII (an. 705) all'abate Tommaso, 
fondatore o restauratore di S. Maria di Farfa; in cui si afferma 
che questo celebre monastero, ripristinato nell'viii secolo per opera 
di un abate Tommaso, era stato fondato da un Lorenzo vescovo: 
« Laurentius, quondam aepiscopus venerandae memoriae, de pere- 
grinis veniens, in fundo, qui dicitur Acutianus, territorii Sabinensis, 
constituit [monasteri'um] (cf Balzani, Ghronicon Farfense, I, 137; 
Sohustek, V imperiale abbazia di Farfa, Eoma, 1921, p. 21, ss.). 
Giovanni VII non dice ne il tempo in cui questo vescovo Lo- 
renzo sarebbe vissuto né il paese donde egli sarebbe venuto nel 
territorio della Sabina ; e neppure Gregorio di Catino, che compose 
il citato Ghronicon Farfense al tempo dell'abate Beraldo III (1099- 
1119) (o. e, pp. 121-35), quantunque avesse a sua disposizione ve- 



La regione IV - IL PAESE DEI SABINI - CURES SABINORUM 351 

tuste carte del cenobio e ne conoscesse le tradizioni, non sa dirci 
quando Lorenzo sia vissuto e il tempo della fondazione di quel 
monastero in fundo Acutiano. Egli congettura bensì che questo 
edificio di Lorenzo fosse distrutto dai longobardi, e edificato al 
tempo degli ostrogoti (o, e, p. 131); ma per ragioni molto deboli. 
Infatti Gregorio trascrisse bensì nel suo Chronicon (e: e, pp. 103-6) 
da una carta del monastero farfense un anonimo Sermo de sando 
Laiirentio (perchè i monaci di Farfa veneravano il nostro Lorenzo 
come santo, lo appellavano « aedificator primus » e « sanctissimus 
pater noster », e ogni anno ne celebravano solenne memoria): 
« [s. Laurentius] de Syria provincia extitit », e, lasciati colà i suoi, 
« cum sua sanctissima sorore Susanna Eomam venit et inde ad 
liaec loca construenda devotus properavit »; ma non dice di quanto 
il Senno fosse anteriore al Ghronicon. Certo non doveva antecedere 
i tempi dell'abate Tommaso,. cioè il secolo vili, vale a dire quando 
nel monastero farfense dovette introdursi l'annua commemorazione 
del primo fondatore del cenobio. Donde dunque l'autore di quel 
Sermope, citato da Gregorio da Catino, raccolse la notizia che s. Lo 
renzo sarebbe venuto dalla Siria a Roma e dalla Siria in Sabina ? 
Io credo attingesse dalla famosa leggenda umbra, di cui si dirà 
(cf. Bettona), dei XII fratelli {Passio XII fratrum) ; la quale con- 
giunse insieme arbitrariamente con vincoli di consanguineità dodici 
santi venerati a suo tempo nell' Umbria e nei paesi vicini, raccon- 
tando che si sarebbero recati nell'Umbria da Eoma e in Eoma 
dalla Siria, sub luliano (360-3) o sub Instino (I, 518-27; 11,568-78), 
e in questa comitiva enumerò pure un s. Lorenzo. Questa Passio 
fu scritta nell' vili, e forse nel vii secolo, e quindi poteva essere 
nota all'autore anonimo del su detto Senno. L'anonimo, secondo 
me, avrebbe arbitrariamente identificato il s. Lorenzo della Sabina 
con quello dell'Umbria, e avrebbe conchiuso che il primo sarebbe 
venuto nella Sabina dalla Siria. Se ciò è conforme al vero, l'affer- 
mazione del Sermo non è certo molto autorevole. Io penso inoltre 
che Gregorio di Catino abbia desunto l'età in cui, secondo lui, 
s. Lorenzo sarebbe vissuto, dalla medesima Passione dei XII, poi- 
ché essa annovera tra i presunti fratelli di s. Lorenzo un Isacco, 
di cui Gregorio nei Dialoghi (III, 14) scrive che dalla Siria venne 



362 LE Diocesi d' iTalia 

a Spoleto e vi condusse vita eremitica, e un Giovanni, di cui del 
pari una Vita {BHL\ 4420) del vi secolo afiferma che dalla Siria 
si recò a fare vita solitaria in Spoleto. Ora s. Gregorio Magno 
(1. e.) ci fa sapere che Isacco visse dai primi fin quasi agli ultimi 
anni della dominazione ostrogotica, e la Vita del pari ci assicura 
che il detto Giovanni abitò in Spoleto tra la fine del v e il prin- 
cipio del VI secolo. Era quindi facile a Gregorio di Catino dedurre 
che il s. Lorenzo fondatore del monastero di Farfa sarebbe vissuto 
al tempo degli ostrogoti. Ma, siano giuste o no queste congetture 
su la fonte del Sermo e di Gregorio di Catino intorno alla patria 
e al tempo del nostro s. Lorenzo, noi dobbiamo cercare se s. Lo- 
renzo, il primo fondatore di Farfa, sia stato veramente vescovo di 
Sabina, come viene affermato da s. Pier Damiano. Ora tanto il 
citato diploma di Giovanni VII quanto il detto Sermone escludono 
apertamente, se non m'inganno, che quel venerabile pellegrii^o 
tenesse la sede sabinate. Infatti, secondo quel primo documento, 
Lorenzo sarebbe venuto da paese straniero in Sabina dopo aver 
rinunciato colà il governo della sua chiesa. Tale è il senso ovvio 
e naturale delle parole della cancelleria pontificia dell' vili secolo : 
« Laurentius, quondam episcopus venerandae memoriae, de pere- 
.grinis veniens » ec. Ora si sarebbe detto così se Lorenzo fosse ve- 
nuto da paese straniero (dalla Siria, come vuole il Sermone) in 
Sabina non rivestito dell'autorità episcopale, e in Sabina fosse stato 
eletto vescovo, e, dopo la rinuncia, alla sede sabinate, avesse 
fondato un monastero nella diocesi ? Il Sermo conferma quanto io 
dico, perchè scrive: « Eomam vonit (dalla Siria) et inde ad haec 
loca construenda devotus properavit ». L'anonimo autore del Ser- 
mone avrebbe detto: « et inde ad haec loca construenda devotus 
properavit », se Lorenzo si fosse indugiato nel paese ad esercitare 
il governo pastorale, e più tardi, rivolto a pensieri del tutto spi- 
rituali, avesse deposto la sua carica e posto mano alla fabbrica 
del chiostro ? Non mi sentirei quindi di accettare l'interpretazione 
degli antichi documenti farfensi data da Gregorio di Catino (o. e, 
pp. 125-C) ; il quale scrive, conforme all'opinione espressa da s. Pier 
Damiano, che Lorenzo, dopo la visita ad limina, « in (provincia 
sabinensi) aliquantisper commoratus, dum episcopatus honore fun- 



LA hfetìlONfe iV - Il IPAÈSÈ Dfel SAblNl - ÒUtlfeS SAfelMohtJM, ÉC. 3S3 

geretur... seculi sublimia sprevit,... episcopatum deseruit... mona- 
cliicum... indumentum accepit ». Adunque non solo è certo che 
questo s. Lorenzo debba collocarsi, come l'Ughelli (I. e.) ha fatto, 
tra lulimms e il seguente Bonus, ma il suo stesso episcopato sa- 
binese non è punto sicuro. Aggiungerò che le parole di Gregorio 
di Catino non sembrano coincidere perfettamente con l'opinione 
espressa da s. Pier Damiano. Infatti Gregorio non dice chiara- 
mente che s. Lorenzo diventasse vescovo di Sabina, e rinunciasse 
questa sede. L'afférmazione del s. dottore di Eavenna non riposa 
dunque sopra base sicura. 

5. Bonus: 558-60 (J-L, 995). 

6. Gratiosus: 594 {J-L, 1224). — Gregorio I unì la chiesa di 
Oures Sabinorum con quella di Nomentum e ne aflfldò il governo 
a Grazioso, vescovo di quest'ultima. 



Forum Novum (Vescovio, presso Torri). 

Il Gerolimiano contiene al 9 settembre: 

B Et in Sabinis miliario XXX lacenti {E Iacinti). 

IV" Et in Savinis miliario ab Urbe XXX natale... lacenti. 

Questo s. Giacinto sembrerebbe un martire sabino autentico, 
distinto dal martire omonimo romano dell' 11 settembre, perchè il 
Liber Pontificalis scrive che papa Leone III (795-816) fece alcuni 
lavori nella basilica di lui situata in Sabina, ubi et corpus eius re- 
quiescit, cioè « verso il XXV m. della Via Salaria, non molto lon- 
tano dal Gavls e dai cimiteri di S. Getulio e di S. Sabino nell'at- 
tuale territorio di Fara Sabina » (cf. « Bull, d'ardi., crist. », an. 1880, 
p. 107; DuFOURCQ, o. e, I, 222; Schuster, 1. e, p. 120; Delehaye, 
Les origines ec, pp. 310, 358); e re Luitprando fece donazione a 
questo santuario. Ma il corpo del s. Giacinto romano, sepolto nella 
Via Salaria Vecchia, non fu mai rimosso dal suo sepolcro, situato 
nel cimitero di Bassilla, e ivi trovato nel 1845. Quindi il s. Gia- 
cinto del 9 settembre dovrebbe essere distinto dal suo omonimo 
della Via Salaria Vecchia commemorato il giorno 11 dello stesso 

23 



354 LE DIOCESI d' ITALIA 

mese. Ma nel secolo ix, cioè quando la vita di Leone III del Li- 
her Pontificalis fu composta, la parola corpus si usava non solo di 
tutto il corpo di un sauto, ma pure, còme spesso si riscontra, di 
una semplice porzione di esso (leggi il Gerolimiano al 5 luglio). 
Si noti pure che il s. Giacinto della Sabina era molto vicino all'o- 
monimo di Via Salaria Vecchia e la commemorazione dell'uno an- 
tecedeva di due giorni quella dell'altro; e i martiri sepolti nei 
cimiteri romani della Salaria Vecchia e Nuova erano venerati 
lungo tutta la via, e le chiese situate presso la medesima strada 
ne ricercavano reliquie. Ad esempio, lo stesso martire romano Gia- 
cinto celebravasi con altri della Salaria in Eieti, e una chiesa di 
Eieti possedeva sue reliquie (cf. J-L, 1580). Quindi il s. Giacinto 
venerato nella Sabina il 9 settembre potrebbe essere l'omonimo 
martire romano della Via Salaria, commemorato fuori del territorio 
romano 1' 11 dello stesso mese. Esiste una Passione {BEL, 4053) 
di un s. Giacinto diacono, senza tempo e senza luogo, tolta ad 
verììum da una leggenda di s. Cesario, diacono di Terracina. Ora 
questo martire, gettato in mare e tornato miracolosamente alla 
riva, sarebbe stato ucciso, secondo la lezione del Mombritius {San- 
duariimi, II, 29), « non longe a civitate (non si dice quale) iuxta 
viam regalem », e sepolto da una matrona Giulia « veniens ad 
ui'bem Eomam in eodem loco in praedio suo »; e Eabano Mauro, 
nel suo martirologio (sec. ix), identificò (ignoriamo perchè) il san 
Giacinto di questa Passione col Giacinto sabino, ponendolo al 9 
settembre come nel Gerolimiano. La questione si complicherebbe 
se volgessimo l'attenzione a un omonimo, venerato il 3 agosto 
nella Via Labicana. Si tratta di una sola e medesima persona con 
il famoso martire romano, o di persone diverse ? L'omonimìa ha 
creato serie confusioni nella storia dei martiri di tutti i paesi, 
come del resto è avvenuto in altri argomenti consimili delle storie 
profane. Questa questione dei martiri del Lazio, di nome Giacinto, 
nello stato delle nostre cognizioni mi sembra insolubile. 

Non molto lontano da Tribico e dall'attuale Ponte Sfondato 
presso la città di Gabii (oggi Torri, da non confondere con la 
Gabii prenestina) sorgeva prima del ix secolo una basilica sacra 
a un s. Getulio martire, il cui natale cadeva il 10 giugno, e le cui 



LA tlEGI0NJ5 IV - IL TAÈSE DÈI SA)3INt - POMU NOVUM (vESCOVIo) 356 

sacre spoglie furono trasferite a Farfa alla fine del ix o in prin- 
cipio del secolo x. Anzi nel 724 ricordasi (cf. « Eevue Bénédictine », 
an. 1910, p. 80, in nota) una basilica di s. Getulio al XIII miglio 
della Salaria « ubi ipsius corpus quiescit »; e pare che lo Stevenson 
abbia trovato traccia di un cimitero di s. Getulio, però non al 
XIII, ma al XXX miglio della stessa via. Del resto gli errori nelle 
cifre romane sono frequenti e troppo facili a spiegarsi in cotesti 
documenti medievali, che passarono per tante mani. Ora la Pas- 
sione di s. Sinforosa tiburtina, come si è detto, ricorda un Getulio 
sposo di lei, e un Amanzio martire, fratello di Getulio, ambedue 
tribuni di Adriano, perchè il martirio di Sinforosa è posto snb Ha- 
driano. E, conoscendosi i sistemi adoperati dagli anonimi scrittori 
delle Passioni, è tutt'altro che strano il pensare che l'autore della 
Passione di s. Sinforosa di Tivoli abbia imparentato la sua eroina 
coi santi vicini, cioè col Getulio della Via Salaria, che correva 
sopra la Tiburtina, e con l'Amanzio della Prenestina, che passava 
di sotto. Ma un altro scrittore anonimo, cioè l'autore della Passio 
ss. GetuUi, Cerealis et Amantii (v. Gabli nel Lazio), conservando i 
tempi di Adriano e la parentela con s. Sinforosa, ha narrato che 
un Getulio fu martirizzato in Gabii sabina con gli altri due, e tutti 
e tre ricevettero sepoltura nello stesso luogo da una Sinforosa. 
Secondo alcuni eruditi, sarebbe esistita prima del ix secolo una 
Passione di s. Getulio, ove non si parlava né di s. Sinforosa ne 
de' ss. Amanzio e Cereale; e la odierna Passio ss. GehtUi, Cerealis 
et Amantii deriverebbe da un errore commesso da Adone che 
avrebbe confuso il s. Getulio Sabino con lo sposo omonimo di Sin- 
forosa. Ma a me sembra più naturale l'ipotesi che il martirólogo 
francese del ix secolo abbia preso le sue notizie dalla Passio ss. Ge- 
tulii ec, e questa sia anteriore ad Adone (cf. Dufoueoq, o. c, I, 
219, 228 ; « Bull, d'arch. crist. », an. 1880, p. 108 ; Quentin, o. c, 
p. 439; ScHUSTEK, S. Getulio dottore e martire Sabino, 1. e, p. 98). 
Se poi i santi di nome Getulio fossero veramente due, l'uno ve- 
nerato nella Gabii prenestina e l'altra nella Gabii sabina, o uno 
solo avente culto nell'una e nell'altra Gabii, è questione forse in- 
solubile come l'altra dei santi di nome Giacinto. 



356 Le bioCÈsi d' italIA 

MeliuSy 1 Furono ignoti all' Ughelli (X, 103) ed esclusi 

Antius, f dal Gams (p. XII). A proposito della chiesa di Fo- 

Eutimius, l rumnovium lo Stevenson (« Bull, d'arch. crist. », 

Ursacius. ' an. 1880, p. 108) scriveva : « Tradizioni, o meglio 

opinamenti, fanno risalire ad età contemporanea al principe degli 

apostoli, o a s. Pietro medesimo, l'istituzione di una comunità fo- 

ronovana, ma il valore di siffatto pensiero è assai debole ». 

1. Paulus: 465. 

2. Asterius: 487. — Tre presuli di questo nome sedettero, 
quasi contemporaneamente, in Forumnovum, in Gabii e in Forum- 
clodii; e tra loro si troverà quell'Asterius, presule del territorio 
romano, che accompagnò s. Abondio di Como a Costantinopoli 
(450-1), legato di s. Leone Magno {J-L, 452-3). 

3. Proiectus o Proiectitius : 499; 502. 

Wido, ] Si trovano presso il Cristofori (I, 32). Ignoti 

Raynerius. ) all'Ughelli, essi sono spuri o spostati, come i loro 

nomi appalesano chiaramente. 

Laurentius. — Lo stesso del quale si è parlato sotto Oures, 

dall' Ughelli (X, 103) attribuito arbitrariamente a Forumnovum. 
Vigilius, ] Non sorretti da alcuna prova, furono igno- 

Sarilo. ) rati dall' Ughelli e respinti dal Gams (p. XII). 

Reate (Rieti). 

Prosdociììius. — Opinioni molto recenti proclamano primo ve- 
scovo di Eieti il s. Pròsdocimo, protovescovo di Padova, che sarebbe 
vissuto nel secolo i. Ma questa missione di s. Pròsdocimo in Eieti 
non ha alcun serio fondamento; e l'età stessa attribuita al proto- 
vescovo di Padova, cioè il i secolo, poggia sopra documenti di 
assai scarso valore, come vedremo in Padova. 

Eleutherius? — Una seconda traduzione latina {BHL, 2450) del 
Martirio greco di s. Eleuterio (v. Acca) riferisce che egli sarebbe 
giunto in Eoma con Anzia sua madre dall' Oriente (non si dice da 
qual sede episcopale) e in essa sarebbe stato ucciso. I due corpi 
sarebbero stati rapiti e portati a Eieti e sepolti un miglio distante 
dalla città presso la Via Salaria in un piccolo podere del vescovo 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI SABINI - REATE (rIETI) 357 

Primo (parrebbe, di Eieti) ove venne fabbricata una chiesa. II 
natale del santo cade il 24 novembre. Questa seconda traduzione 
si presenta come lavoro originale di due fratelli ordinati preti 
dallo stesso s. Eleuterio! Il suo nome compare spesso nel Gero- 
limiano ; al 24 novembre : 

E Item Romae Eleuteri,,. Authìrotici (?) epìscopi, 
W Eleutheri... Anthìrotici (?) episcopi; 

al 6 settembre : 

B Rome via Salaria Eleutlierii episcopi... civitate teriaten. (Rieti), 

E Rome Eleuteri... civi. teriaten, 

D In Reatae Eleutherii, 

G«'« In Reatino Eleutlierii, 

W Roma via Salutarla (sic) millia ab Urbe... natale sanati Eleotheri epi- 
scopi... civitate reaten., 

ms. 15818 di Monaco (Baviera) Romae via Salaria miliario ab Urbe quin- 
quagesimo natale sancti Eleutherì. 

Non saprei dire perchè il Gerolimiano e i suoi derivati ripor- 
tino il s. Eleuterio di Eieti al 24 novembre e al 6 settembre. 
Forse i copisti confusero Vili id. sept. (= 6 settembre) con Vili 
MI. dee. (= 24novembre)l Certo è che il s. Eleuterio del 6 settembre 
non può essere l'omonimo pontefice romano (f 189) perchè ì\ dies 
deposUionis di lui cade IV non. ian. (= 2 gennaio) (cf. Gesta poni. 
roiJii, ed. Mommsen, p. XLIV). Ora che dovrà dirsi di questo 
s. Eleuterio? Forse il secondo traduttore del testo greco, verosi- 
milmente del VI secolo, ha appropriato il Martirio greco a un santo 
vescovo reatino autentico, omonimo, venerato nel 24 novembre? 
Oppure il s. Eleuterio di Eieti è lo stesso santo del Martirio, com- 
memorato a Eieti il 24 novembre, a cui un falsario avrebbe acco- 
modato il documento greco per spiegare la presenza di sue reliquie 
nella città Sabina? S. Gregorio Magno (Dial, TV, 12) attesta che 
nella metà incirca del vi secolo veneravasi in Eieti un s. Eleuterio. 
Infatti egli narra che al letto di un vescovo reatino di nome Probo, 
morente, sarebbero state vitse da un ragazzo alcune persone in 
candide vesti e con volto luminoso; e ai gridi di lui il vescovo 
Probo si sarebbe svegliato, avrebbe riconosciuto i visitatori e 
avrebbe detto : sono venuti a trovarmi san Giovenale ed Eleuterio 



358 

martiri. Ora questo san Giovenale dovrebb'essere il protovescovo 
di Narni, di cui si dirà, e il cui sepolcro s. Gregorio pure ricorda 
(cf. MiGNE, P. L., LXXVI, 1280). L'altro chi potrebb'essere se non 
il s. Eleuterio martire e vescovo, venerato in Eieti, di cui stiamo 
parlando? Esistette pure in Eieti una basilica antica sacra a 
s. Eleuterio, intorno alla quale si sono rinvenute iscrizioni cristiane 
(cf. Boschi, Un, antico cimitero reatino presso i corpi dei ss. Eleu- 
terio ed Anzia; La basilica reatina di s. Eleuterio ec. in « Miscel- 
lanea di storia ecclesiastica e studi ausiliari », an. 1920-3, pp. 145 
e 806; CIL, IX, 450). Ma disgraziatamente né s. Gregorio ne altri 
dice che questo s. Eleuterio martire e vescovo venerato a Eieti, 
avesse tenuto la sede reatina. 

Primus ? — È il vescovo, di cui sopra si è detto. La Passione 
BHL, 2450 è un documento che in questo particolare non si può met- 
tere da parte, come assolutamente favoloso. Ma sull'età di quel Pri- 
mus siamo al buio. Appartenne egli al yi secolo o ad età anteriore? 

1. Ursus: 499; 501; 502. 

2. Probus: intorno alla metà del vi secolo. — E il vescovo 
omonimo dì cui sopra si è parlato. Per errore l'Ughelli (o. e, I, 
1196) lo ha sdoppiato; ma il Gams (p. 720) ha corretto l'errore. 

3. Albinus: 593 e. (Dial., I, 4). 

Probus o Probinus, 27 maggio 593 {J-L, f 1239, da un falso 
diploma di Gregorio Magno). 

Sede vacante: 598? — In una epistola di s. Gregorio {J-L, 
1580) del 598 « Paulus ecclesiae reatinae diaconus » domanda al 
papa reliquie dei ss. Ermete, Giacinto e Massimo per il fonte 
battesimale della basilica (cattedrale) di S. Maria ; e il Gams (p. 720) 
ne ha dedotto che in quel tempo la chiesa reatina fosse senza ve- 
scovo. L' illazione dell'erudito benedettino non conchiude necessa- 
riamente. 

Nursia (Norcia). 

La Passione di s. Feliciano di Eorumflaminii (Umbria), di cui 
si dirà, scritta verosimilmente nel vi secolo, narra che alcuni abi- 
tanti di Norcia, « in qua iudaismum erat », seguendo gli ammo- 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI SABINI - NURSIA (nOUCIA), EC, 359 

nimenti di quel s. vescovo, avrebbero abbracciato la fede cristiana, 
e s. Peliciano avrebbe ordinato per questo primo nucleo di cristiani 
norcini un prete di nome Pisentius « vir sanctissimus, in basilica 
quae appellatur Argentea ». Ciò sarebbe avvenuto, secondo quel 
documento, nella prima metà del iii secolo. Anche oggi la catte- 
drale di Norcia, edificata, come si dice, sull'area di un edificio 
romano di cui restano alcuni blocchi, ha il nome di S. Maria Ar- 
gentea o della Plebe. Ma non intendo dare alla' Passione di s. Fe- 
liciano un valore storico che non può avere, mq,ssime su l'età del 
primo nucleo di cristiani formatosi a Norcia e su la persona del 
primo evangelizzatore di quella città sabina. 

1. Stephanus: 495 (?); 499. 

Primaevins: 593 {J-L, f 1239). 

Chiesa vacante : 603 ? (J-L, 1903-4 ; da queste due lettere pon- 
tificie pare risulti che in quell'anno la cura della chiesa norcina 
fosse afiìdata a Orisanto, vescovo di Spoleto).- 



Amlternum (S. Vittorino). 

Ai 24 luglio il Gerolimiano riporta: 

B In Amiternina civitate milites (invece di mi7[iario]) octoginta tres ab 
Urbe Romana via Salaria natale Victorini, 

E ... LXXXIII Rom. Victorini militaris (sic), 

W In Amiternina civitate militis (errore e. s.) LXXIII (per LXXXIII) ab 
Urbe Romana via Salutarla (sic) natale sancti Victurini. 

L'autore anonimo degli Ada Nerei et Achillei {BHL, 6058-66), 
componimento agiografico, forse della seconda metà del v secolo 
(v. Terracina), secondo un sistema a noi ben noto, finge tradurre 
dal greco, e congloba al tempo di Nerva (96-98) parecchi martiri 
dei cimiteri del Lazio, della Tuscia, e della Via Salaria, vissuti in 
diversi tempi e commemorati in differenti giorni, mettendoli in 
relazione con una vergine cristiana di nome Flavia Domitilla, nipote 
di Domiziano imperatore (81-96), da lui identificata con la Domi- 
tilla fondatrice del cimitero romano dei ss. Nereo e Achilleo. Sia 



360 LE DIOCESI d' ITALIA 

che gli Ada l^erel appartengano alla stessa mano, come io credo, 
sia che il compilatore, come altri ha pensato, abbia cucito insieine 
vari documenti agiografici i)reesistenti, il loro pregio c'onsiste uni- 
camente nei dati topografici della sepoltura dei martiri e nella data 
del loro natale, non negli altri dati storici. Ora, tralasciando i 
martiri che riguardano Eoma e il Lazio, gli Ada Nerei raccontano 
che certo Aureliano, al tempo di Nerva, avrebbe mandato nei suoi 
possedimenti come suoi schiavi tre preti di nome Vittorino, Eutiche 
e Marone : Eutiche al XVI m. della Nomentana, ove è battuto a 
sangue « in mezzo alla via » finche spira. Il suo corpo è rapito 
dai cristiani e sepolto, non si dice dove; sopra di esso viene fab- 
bricata una basilica. Il secondo, cioè Vittorino, è mandato al 
LX m. della Salaria, ad Aquas Outilias ove viene soffocato con il 
capo in giù nel fumo delle acque solforose emananti in quel luogo, 
e quindi sepolto nel territorio di Amiternum presso la città. Il 
terzo, cioè Marone, va al ÓXXX m. della medesima via, portando 
sulle spalle per due miglia, come leggera paglia, un gran sasso, 
che appena settanta uomini con una macchina avrebbero potuto 
inalzare, « et in eo loco posuit in quo orare consueverat » (la 
frase degli Ada Anthimi). Il popolo, che assiste al prodigio, crede 
ed è battezzato ; ma il Consolare fa uccidere il taumaturgo. Il po- 
polo gli scava la sepoltura nel sasso stesso dal santo portato su 
le spalle e gl'innalza una basilica (cf. AS, mai, III, 11-12 ; Aohelis, 
Ada ss. Nerei et AchUlei, Lipsia, 1893; Dufouroq, o. c, I, 228; 
HI, 46, 268; Delehaye, Les origlnes ec, p. 357; « Nuovo Bull, 
d'arch. crist. », an. 1903, p. 259; an. 1904, pp. 187-93). Del terzo 
martire, cioè di Marone, si parlerà nel Piceno, e del primo in Ee- 
rentum (Tuscia). Qui di Vittorino. 

Il Vittorino degli Ada non può essere che il Vittorino regi- 
strato nel Gerolimiano al 24 luglio. La distanza del luogo del mar- 
tirio e della sepoltura da Eoma, indicata negli Ada, conviene con 
quella del Gerolimiano. Di più sul luogo dell'antica Amiternum 
distrutta esiste un villaggio denominato S. Vittorino, certamente 
dal nome del martire; e in S. Vittorino trovansi pure gli avanzi 
di un vetusto cimitero cristiano, con un sarcofago del iv o del v 
secolo in cui si legge: lubente Beo Christo nostro sando marturi 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI SABINI - AMITERN17M (s. VITTORINO) 361 

Victorino Quodvuldeus episcopus de suo fecit {GIL, IX, 4320). Presso 
Aquae Oatiliae (sorgenti in molta voga fin dal tempo dei Flavi), 
ove Vittorino dicesi fosse martirizzato, sorge del pari un villaggio 
chiamato S. Vittorino. Sull'esistenza dunque di un martire ami- 
ternino, di nome Vittorino, non c'è dubbio. 

Ohe fosse prete può darsi. Gli Ada Nerel su questo punto 
l^otrebbero aver accolto una tradizione locale sincera; ma che 
vivesse nel secolo i non si può affermare sulla fede degli Atti, 
lavoro troppo fantastico (v. Terracina). Secondo tutte le veroso- 
miglianze Vittorino cadde nel secolo iv o iii. 

Nel 970 Deodericus, vescovo di Metz, avrebbe portato via da 
Amiternum le reliquie dei ss. Eutiche, Vittorino e Marone {MGH, 
Scriptores, IV, 473) ; ma i resti mortali di s. Eutiche e di s. Marone 
trovavansi altrove; quindi quel prelato tedesco, vittima o di false 
congetture o della malafede o astuzia dei derubati, avrà portato 
seco al più semplici reliquie rappresentative, o parziali. 

Una Passione di s. Severo (BEL, 7683), anteriore all' xi secolo 
ma posteriore al vi, colloca in Interocrea (Antrodoco) la decapi- 
tazione, sotto Massimiano, di un prete di nome Severo, sepolto 
presso la città di Urbsvetus (Orvieto) il 1° febbraio; ma questo 
documento non può darci afiSdamento, perchè confonde quel pre- 
sunto martire del iic-iv secolo, deposto, come si dice, presso le 
mura di Orvieto, con un « Severus presbyter ecclesiae s. Mariae 
in Valle Interocrina » ricordato da Gregorio Magno nei Dialoghi 
(I, e. 12) che visse nel secolo vi. Il s. Severo della Passione ha lo 
stesso giorno della deposizione (1° febbraio) di s. Severo, vescovo 
di Eavenna del iv secolo ; vien detto « Eavenna ortus et nutritus... 
divinis litteris valde eruditus... apud ecclesiam sancti Vitalis Ea- 
vennatis » ; va in pellegrinaggio a Eoma e da Eoma nella valle di 
Antrodoco, sicché nasce ragionevolmente il dubbio che l'anonimo 
autore della Passione di codesto s. Severo abbia fuso in uno due 
o tre personaggi diversi, cioè il s. Severo di Eavenna, il Severo 
di Gregorio Magno, e il presunto s. Severo sepolto presso Orvieto, 
del quale però non si hanno altre notizie. Porse il s. Severo, del 
quale veneravansi reliquie presso Orvieto il 1° febbraio, fu lo stesso 
s. Severo di Eavenna, creduto martire da quel leggendista. Forse 



362 LK DIOCESI d' ITALIA 

costui iirbitrariamente lo identificò con il prete Severo di s. Gre- 
gorio I in grazia semplicemente del suo nome, e, con quei proce- 
dimenti che abbiamo studiato neìl' Introduzione (pp. 55-6) fece viag- 
giare ii suo s. Severo da Ravenna a Antrodoco e da questo luogo 
a Orvieto. Presso Orvieto esiste ancora un'abbazia romanica sacra 
a S. Severo, ma non sì hanno argomenti che quell'abbazia sorgesse 
su la tomba di un martire del tempo delle Persecuzioni. 

1. Quodvultdeus, secolo iv o v {GIL, IX, 4320). 

2. Valentinus: 495 (I); 405-6 (J-L, 704); 499; 501; 502. 

3. Oastorius: 510-11 e. (Gregorii Dial.^ I, 4. A illustrazione 
del racconto gregoriano intorno al tempo del mago (?) Basilio cf. 
O'ASSioDOEl Variae, IV, 22-3). 

Victor inus, sec. VI, — Una Vita aa. Victor ini et Severini {BHL^ 
7659-60), composta tra il vi e il ix secolo, vuol farci credere che 
il s. Vittorino, martire di Amiternum, fosse vescovo di questa città, 
e fratello carnale di un s. Severino, vescovo di Septempeda nel 
Piceno, città distrutta, come vedremo, o dai Goti o dai Longo- 
bardi. Questo scrittore anonimo, mentre pretende di inalzare al 
seggio vescovile di Amiternum il martire Vittorino, lo identifica 
con un monaco Vittorino del vi secolo, ricordato da Gregorio 
Magno (in Migne, P. L., LXXVI, 257), e fa tutt'uno del s. Seve- 
rino di Septempeda e del s. Severino, monaco del Nerico, defunto 
l'S gennaio del 482 incirca (cf. Quentin, Les martyrotoges histori- 
ques, pp. 330, 337, 362, 366, 383, 572) ! Questo infelice documento ha 
indotto l'Ughelli (X, 12) e il Gams (p. 851) a collocare un Vitto- 
rino nella lista episcopale amiternina, l'Ughelli, sub Nerva, e il 
Gams, nel vi secolo dopo Oastorius; ma quel fantastico lavoro 
agiografico non ci autorizza in alcun modo a ritenere che il mar- 
tire Vittorino abbia tenuto il seggio episcopale della sua città. 
Gli Acta Nerei non ne parlano. Né il s. Vittorino degli ActaNerei 
può considerarsi un personaggio distinto del s. Vittorino della Vita, 
perchè l'anonimo autore della Vita intese celebrare il celebre s. Vit- 
torino martire, non altra persona. Certo, che un vescovo di Ami- 
terno nel secolo vi possa essersi chiamato Vittorino è la cosa più 
facile del mondo, ma non da ammettersi su la fede di un docu- 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI SABINI - AMITERNUM (s. VITTOUINO) 363 

mento di quel genere. Non parlo di altre Vite dei ss. Vittorino e 
Severino {BHL, 7662-4), che hanno creato l'uno e l'altro monaci 
benedettini (cf. Dufouroq, o. c, III, 272-8; Schuster, S. Vittorino, 
vescovo e martire di Amitermim, in « Boll, dioc- uff. per le diocesi 
di Sabina », an. 1918, pp. 36-9) ! 

4. Oeteus, Oetheus o Peregrinus, secolo vi-vii. — Stando agli 
Acta Gelei episcopi amiteniini {BHL, 1730-1), documento non di 
sicura fede, ma neppure da rifiutarsi, al tempo di Gregorio Magno 
(590-604), dell' imperatore Foca (602-10) e di Faroald, duca di Spo- 
leto (cf. Pauli, HisL lang., Ili, 19; IV, 16), due capi longobardi 
Alais e Umbolus, sarebbero entrati in Amiternum. Il vescovo Oeteus 
fugge presso papa Gregorio; ma, pregatone dagli amiterninì e dai 
longobardi stessi, ritorna alla sua sede. Per tradimento di Alais, 
la città, ancora in possesso dell'Esarca nel 591-99 (cf. J-L, 1101, 
1311, 1721), di notte viene assalita da Vitaliano, conte diOrtona; 
e Umbolus accusa di complicità Alais e il vescovo; fa decapitare 
il primo e getta il secondo con un sasso al collo dal ponte mar- 
moreo nel Pescara. Il cadavere, illustrato da superni splendori, 
giunge a Zara (Dalmazia), ove è onorevolmente accolto e seppellito 
con il nome di Peregrinus. Intanto la divina giustizia colpisce 
Umbolus. Probabilmente questi Acta contengono un frammento 
di storia dell'occupazione longobarda delle città della Media Italia, 
tra il VI e il vii secolo, sia pure colorito di tinte leggendarie. 



II. - IL PAESE DEGLI AEQUI E DEI MARSI. 

Stendevasi intorno al Lago Fucino, ed era percorso dalla Via 
Valeria, che da Tivoli raggiungeva Oerfennia (Coli' Armeno) e di 
là discendeva nella valle dell' Aternum (Pescara) e all'Adriatico. 

I Marsi possedevano l'arte d'incantare i rettili velenosi; donde 
il noto episodio della Passione di s. Anatolia (v. Sabina). Questi 
stregoni marsi li vedremo tornare nella Passione di s. Cristina 
(v. Bolsena). 

Una Passione, favolosa e di fresca data {BHL, 7789), pone presso 



364 LK DIOCESI d' ITALIA 

i Marsi, il 26 agosto, sotto Antonino Pio (138-161), il martirio dei 
ss. Simplicius, Oonstantius e Victorianiis, « ad aureum fontem, qui 
ad radices Peticini montis oritur ». Sono tre martiri ignoti agli 
antichi documenti. Forse questo s. Simplicio potrebb'essere il mar- 
tire romano omonimo del 29 luglio; il s. Vittoriano, il s. Vittorino 
di Amiterno del 12 maggio, e il s. Costanzo, quello stesso di Pe- 
rugia del 29 gennaio. La detta Passione avrebbe creato santi mar- 
sici quelli di cui i Marsi veneravano semplicemente delle reliquie. 
Neppure è facile a dire a chi appartenessero le reliquie dei 
ss. Elpidio, confessore, ed Eutichio, che Teodorico vescovo di Metz 
(in Mon. Germ. hisL, Scriptores, IV, 473; cf. AS, ian. III, 203) 
avrebbe portato dalla Marsia oltr'Alpe nel 969-970. Forse ie prime 
ajDpartenevano al santo vescovo di Atella, dì cui si è detto, e le 
seconde al martire di Ferentum, di cui si dirà? I furti e le rapine 
di reliquie hanno portato nel campo agiografico una confusione 
irreparabile. 

Marcus. — S. Marco, vescovo di Acca, fu venerato anche nel 
paese dei Marsi ed erroneamente (Ughelli, I, 884; Gams, 893) 
creduto vescovo di questo paese. 

Eufinus ? — Di questo presunto presule marsicano si tratterrà 
a lungo sotto Assisi. 

Caesidius, Gesldius. — Veramente le Passioni di quel s. En- 
fino vescovo dei Marsi (v. Assisi), parlano di un s. Cesidio prete, 
suo figlio, non di un Cesidio vescovo dei Marsi ; ma con l'andar 
del tempo (Gams, 893) anche questo Cesidio fu elevato al seggio 
episcopale del paese. 

Vaticanus : 501 ? — Nel sinodo romano del 501 sottoscrive un 
Vaticanus episcopiis ecclesiae caeneliensis, ceneliensis, oppure caeli- 
niensis, celiniensis, caelenieHsis, celeniensis, celeliensis e celUiensis. 
Il Mommsen (Cassiodori Variae, p. 503, in Mon. Gemi. Itisi.) dopo 
aver avvertito che questa diocesi suole più comunemente .scriversi 
caelinìensis, e riferirsi a Maniago nell'Udinese di qua dal Taglia- 
mento presso il torrente Cellina sopra Pordenone, a Maniago 
(Ughelli, X, 55), che corrisponderebbe aWoppidum Caelmae di- 
strutto prima di Plinio, giustamente osserva che cotale identifl- 



LA kÉGlONE IV - IL Paese degli AEQOi e t)El MARSl 365 

cazione è altamente improbabile, perchè nessun vescovo della 
Venezia e dell'Istria intervenne a quel sinodo (v. Aquileia). La 
diocesi caeneliensis o caeliniensis deve dunque cercarsi altrove. 
Il terreno d'investigazione è abbastanza vasto. L'Ughelli (II, 810) 
attribuì Vaticano alla diocesi di Cagli {calliensis) o (X, 34-5) a 
quella di Calvi; ma nel secolo v-vi Cagli diocesi non esisteva, al- 
meno con quel nome, e le lezioni calliensis e calvensis sono troppo 
lontane dalle su riferite lezioni dei codici. Io proporrei (ma senza 
alcuna pretesa) dì risguardare quel Vaticanus come vescovo del 
paese dei Marsi, il quale avrebbe preso il nome di caeleniénsis 
diiìV oppidiuU Caelenae (Celano) della Marsia. I competenti , giudi- 
cheranno di questa congettura. E vero che gli Aequi e i Marsi, a 
quanto si dice, non avevano che una città degna di questo nome, 
cioè Marruvium su la riva del lago Fucino, presso S. Benedetto; 
ma non sarebbe fnverosimile che tra la fine del v secolo e il prin- 
cipio del VI il vescovo della regione dei Marsi abitasse in Caelenae 
presso il lago stesso (cf. Haenaok, o. c, II, p. 265). 

1. Ioannes: 551 {J-L, 930); 553 (J-L, 935). - Nei due su detti 
anni trovavasi in Costantinopoli al séguito di papa Vigilio un 
« Ioannes Marsicanus ». 

Gregorio nei Dialoghi (IV, 21 e 23) narra che nella Marsia i 
Longobardi uccisero monaci e diaconi. 

III. - IL PAESE DEI VESTINI. 

Era limitato a nord-ovest dal Matrino, e a sud-est dall' Aterno 
(Pescara); possedeva quindi due regioni distinte, cioè la valle su- 
periore dell'Atomo dietro il monte Corno, e il territorio che giace 
tra la catena di monte Corno e l'Adriatico. 

Aveia Vestina (presso Eossa); trasferita a Forconlum 
Forum Coni! (Civita dì Bagno, non lontano da Aquila). 

La Passione BHL, 4586, 4586 a, 4586 b riferisce che Giustino, 
Fiorenzo e Felice sarebbero stabi tre fratelli di Siponto (Apulia), 
e Fiorenzo avrebbe avuto una figlia, chiamata Giusta, perchè fu 



366 LE DIOCESI d' ITALIA 

batfcezzatti da Giustino. Tutti e quattro avrebbero abbandonato 
Siponto, si sarebbero recati a Teate (Ohieti), e quindi a Forconium 
per convertire, gli abitanti. Per ordine dell' imperatore Massimiano 
Fiorenzo e Felice sarebbero stati uccisi il 25 luglio e sepolti da 
Giustino nel territorio presso il fiume ; e Giusta sarebbe stata mar- 
tirizzata il 1° agosto e sepolta iu una spelonca presso il monte 
Offidio. Giustino sarebbe vissuto fino a 84 anni e sarebbe morto 
in pace il 31 decembre, sotterrato presso la strada in una villa, 
ove dopo la pace fu fabbricata una basilica magnifica. Questo do- 
cumento agiografico è molto recente. Non conosco che copie del 
XYi e XVII secolo (« Anal. Boll. », 1912, p. 192; Ponoelet Cat. 
codd. hag. lat hibliothecarum romanar., pp. 165-6, 402, 409) e un ms. 
del XV secolo proveniente da Benevento (Ponoelet, o. c, p. 220). 
Nella valle dell' Aterno in Paganica (l'antico Pagus fìciculanus) 
esiste una chiesa sacra a s. Giustino, e a Bazzano (non lontano 
da Paganica) una cripta, detta di s. Giusta, ove, secondo i docu- 
menti medievali del luogo, « requiescit corpus beate luste »; e 
questo luogo in verità dev'essere stato abitato da cristiani almeno 
fin dal secolo iv, perchè ivi fu trovata un' iscrizione cristiana se- 
polcrale del 396 {CIL, IX, 3601). Un s. Giustino è pure venerato 
in Siponto, lo stesso giorno 31 decembre, come vescovo locale; e 
celebrato a Ohieti (S^L, 4588-9) il 14 gennaio, del pari come ve- 
scovo di questa diocesi; e forse il s. Giustino di Forconium (o di 
Aveia), di Ohieti e dì Siponto non è che uno solo, non tre diversi. 
Una s. Giusta compare il medesimo giorno 1 agosto nel calendario 
di Benevento e di molti altri luoghi della Bassa Italia ; e forse è 
la stessa martire della cripta di Bazzano (cf. « Nuovo Bull, d'arch. 
crist. », an. 1903, pp. 187-90). Un Fiorenzo fu veneratissimo in 
Osimo nel 16 maggio, e un Felice in Nola non solo il 14 gennaio, 
ma pure il 27 luglio. Ma da un tale documento non si potrebbero 
raccogliere notizie attendibili sul vero essere dei martiri e dei santi, 
a cui furono dedicate e la grotta di s. Giusta e la basilica di 
s. Giustino e la chiesa dei ss. Fiorenzo e Felice. Ad esempio, il 
gruppo Fiorenzo e Giusta richiama l'Africa, i cui santi riscossero 
molta venerazione nell'Italia Meridionale. Infatti nel 15 luglio il 
Geròlimiano riporta : 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI VESTINI - AVEIA VESTINA, EC. 367 

JB, W In Africa civitate Cartaiginae natale sanctorum Catolini diaconi et 
reliquorum martyrum qui requiescunt in basilica sanctae Paustae, Januarii, Fio- 
renti, Pollutanae, Juliae et Justae, 

E In Africa civitate Kartaginae Catholìni diaconi Januari Fiorenti Pollu- 
tanae Juliae et Justae ; 

ili basilica sanctae Faiistae sta per: In basilica Fausti, e il martire 
Oatulinus è noto al calendario cartaginese del secolo vi, pure al 
15 luglio. S. Agostino predicò il giorno della sua festa; e la basi- 
lica Fausti in Cartagine era, secondo antichi documenti, multis mar- 
tyrum corporibus insignita (Delehaye, Les origines ec, pp. 441-2). 
I nomi adunque che compaiono nel Gerolimiano sono probabil- 
mente i compagni del diacono o i martiri sepolti con lui nella 
basilica Fausti. E cosa notissima (quantunque non se ne conosca 
il motivo) che, quando il Gerolimiano registra martiri africani, 
spesse volte accoda loro, o mescola con loro, altri martiri del paese, 
talvolta parecchi, quantunque di diversa data e di diverso luogo. 
Ora i nomi posti nel 15 luglio non compaiono soltanto con Oatu- 
lino, ma in altri giorni con altri martiri certamente africani ; ad 
esempio tutti, o in parte, il 22 febbraio, forse il 2 e il 3 giugno, 
certamente il 30 luglio e il primo agosto con Massima, Seconda e 
Donatili a, martiri di Thuburbo, cadute tra il 303 e il 305 (Dele- 
haye, 0. e, pp. 425 e 441). Giusta ritorna il 17 febbraio con altri 
martiri africani, e finalmente il 31 agosto ricomparisce insieme con 
Fiorenzo e con Giulia. Questo fatto mi sembra un forte indizio che 
i martiri ricordati con Oatulino nel 15 luglio, e quindi il gruppo 
Fiorenzo e Giusta siano africani. Non mi sembrerebbe quindi te- 
merario credere che i due martiri omonimi venerati in Vestinis 
siano due martiri africani. Infatti Giusta africana compare nel Ge- 
rolimiano il primo agosto, che è appunto il giorno natalizio di 
Giusta di Forconium, e la commemorazione del Fiorenzo africano 
(il 15 e il 3L luglio) non dista molto da quelhi di Forconium, che 
trovasi al 25 luglio. Eiconosco però ben volentieri che siamo nel 
campo sdrucciolevole delle ipotesi. 

Un'altra Passione {BEL, 2733-4), somigliantissima a quella dei 
ss. Giustino e Giusta e tributaria di questa, iiarra che un prete 
Eusauio, partito da Siponto con un fratello di nome Teodoro, una 



368 LE DIOCESI d' ITALIA 

sorella, Grazia, e un discepolo, si sarebbe recato in Teate, nel 
luogo ove sorse una chiesa in suo onore, quindi nel territorio di 
Valva, ove pure fu dedicata una chiesa in suo onore, poi nella 
chiesa di S. Giusta, che appunto allora stavasi fabbricando, quindi 
in Amiternum, in Eieti, e finalmente in Eoma. Da Eoma il fratello 
si sarebbe recato in Gaeta, ed Eusanio sarebbe tornato in Aveia, 
Forconium ; ivi sarebbe stato tormentato e incarcerato da Prisco, 
regolo del paese, sotto Massimiano. Liberato poi dalla prigionia, 
avrebbe battezzato il popolo'^ di Aveia ; quindi sarebbe morto in 
pace il 9 luglio, e sepolto nella chiesa di S. Maria delle Monache, 
ove Grazia, sua sorella, si era ricoverata. In quel luogo, secondo 
documenti medievali del paese, « corpus sancti Eusanii requiescit ». 
Questo s. Eusanio è venerato altrove come vescovo sipontino; e 
da lui prendono il nome ^S*. Eusanio Forconese nella valle dell' A- 
terno presso Fossa, S. Eusanio del Sangro e S. Eusanio nella valle 
del Pescara sopra Aquila. E S. Eusanio del Sangro forse è la chiesa 
ricordata dalla Passione, come prima tappa del favoloso o mistico 
viaggio del santo. Il lettore si è accorto che ambedue queste 
Passioni del paese dei Vestini appartengono a quel genere da 
me chiamato di santi itineranti da vivi nei luoghi ove furono ve- 
nerati dopo la loro morte (cf. V Introduzione, pp. 55-6). Ed è dolo- 
roso che su questi ss. Giustino ed Eusanio non si possa racco- 
gliere nulla di sicuro; perchè forse essi furono i primi apostoli di 
quelle regioni. 

Un documento {BHL, 5835-6), forse scritto nel secolo xn, po- 
steriore di non poco al tempo in cui sarebbe avvenuta l'invenzione 
di cui si parla, pretende che nel territorio dell' antica Aveia nel 
secolo X si trovassero le reliquie di un martire di nome Massimo. 
L'anonimo autore di quel documento in conferma del suo dire 
adduce un diploma di Ottone I, che sarebbe intervenuto all' inven- 
zione nel 956 con papa Giovanni (XII) ; e il diploma è datato da 
un « palatium Asie », che dovrebbe essere stato un palazzo impe- 
riale di Aveia. Circa nello stesso tempo, cioè nel secolo xii, fu 
composta una Passione {BEL, 5834) la quale assegna ad Aveia, 
o ad Avia, il martirio di un levita di questa città di nome Mas- 
simo, che sarebbe stato ucciso e sepolto presso la città stessa 



LA ilMGlONÈ iV - IL PAESE DÈI VESTlNI - AVEIA VES*riNA, EC. 360 

(non è detto dove) il 19 ottobre, sotto l'imperatore Decio. Questa 
Passione è scritta su la falsariga di un'altra Passione di un s. Mas- 
simo {BHL, 5829-33), di cui si dice che avrebbe sofferto il martirio 
al tempo dello stesso Decio il 14 maggio (o il 30 aprile) non in 
Avia,' ina, in Asia. Ma che pensare di questo s. Massimo venerato 
in Aveia? Prima di tutto deve osservarsi che il diploma di Ottone 
I, datato dal « palatìum Asie », è certamente spurio {Diplomata 
regum et imperat. Germaniae, I, 623-6); il che se non prova che l'in- 
venzione del 956 è apocrifa, getta sopra di essa una certa ombra, 
essendosi riconosciuta la necessità di appoggiarla a un documento 
falso ; e probabilmente il diploma fu compilato dall'autore stesso 
dell' Inventip. Ma, ammessa pure l'autenticità dell' invenzione, perchè 
nel tempo dei -Normanni molte invenzioni di reliquie avvennero 
nella Bassa Italia, come abbiamo già visto e vedremo tra poco, le 
notizie forniteci dalla Passione BHL, 5834 sul s. Massimo, invenius 
in Aveia, o Avia, ci lasciano assai perplessi, sia perchè molto tarde, 
sia perchè trascritte alla lettera da un documento, ove neppure 
si parla di un s. Massimo ucciso in Avia, ma di un s. Massimo 
martirizzato m Asia. E troppo ragionevole il sospetto che i me- 
dievali siano stati vittima di un errore, cioè abbiano confuso Asia 
(l'Asia) con Avia (la città di Aveia). Quindi, se veramente il s. Mas- 
simo d'Asia e il s. Massimo dAvia sono una sola e medesima 
persona, come in Forconio nel secolo xii o x si pretese, bisogna 
conchiudere, con gli antichi Bollandisti {AS, oct., XIII, 316-8), che 
il s. Massimo di Aveia, o di Forconio, non è se non il s. Massimo, 
martire di Ouma, celebrato appunto il 30 ottobre, e di cui si è 
già detto, perchè il s. Massimo di Ouma, come i lettori ricorde- 
ranno, possiede due Passioni; l'una {BHL, 5846) che lo fa morire 
in Ouma, e l'altra {BHL, 5845) in Apamea d'Asia ; e la Passione 
BHIj, 5829-33, che lo fa morire il 14 maggio o il 30 aprile in Asia, 
non è che un raffazzonamento della Passione che narra marti- 
rizzato s. Massimo di Ouma in Apamea d'Asia. Quindi l'eroe del 
racconto è sempre il medesimo, cioè il s. Massimo di Ouma. E 
quindi il s. Massimo, venerato in Aveia e di cui in Aveia nel 
956 si sarebbero trovate reliquie, non è se non il medesimo mar- 
tire di Ouma. 

2J- 



370 LE DIOCESI d' ITALIA 

1. Gaudentins: 465. — Mons. Duchesne {Les évéchés ec, p. 83) 
suppone, con ragiono, che questo vescovo, detto nei codd. « avi- 
ciensis » o « abiciensis », non appartenga ad Albenga (Liguria), 
come fu creduto dagli editori di quel sinodo, ma ad Aveia dei 
Yestini. Ed è verosimile che la sede di Porconium (detta anche 
Cona e Furconium), che incontrasi per la prima volta con un 
Florus nel sinodo romano del 680, sia succeduta ad Aveia, distrutta 
e abbandonata. Alla sede di Aveia e di Furconium succedette poi 
Aquila. 

Aufìnum (Ofena). 

1. Gaudentius: 475 {J-L, 570-71; papa Simplicio depose Gau- 
denzio e diede a un ignoto vescovo, Severus, certamente vicino ad 
Aufìnum, la cura della diocesi rimasta priva di pastore). 

Pinna Vestina (Civita di Penne)? 

Compare solo nel ix secolo (cf. Kehr, o. c, IV), perchè il 
« Eomanus é|riscopus pitinas » del concilio romano del 499 pon- 
tificò non nei Vestini, come si è preteso, ma abbastanza lontano 
di là, cioè a Pitinum mergens, non lontano da Cagli. Leggende 
recentissime danno per evangelizzatore di Pinna tin Patra (si voleva 
dire Patròbas ?), uno dei 72 discepoli. Veramente il pseudo-Doroteo, 
come si è visto, assegnò Patròbas a Pozzuoli (cf. AS, nov., II, 1, 
p. 222) non a Pinna; in Penne si è quindi fatta confusione. Del 
resto quel catalogo dei 72 non ha alcun valore storico (cf. V In- 
troduzione, pp. 6-7), Tuttavia non è improbabile che la diocesi di 
Pinna Vestina sia anteriore al vii secolo. 

La cattedrale di Penne è dedicata in onore della B. V. Maria 
al pari di quasi tutte le chiese matrici della Media e Bassa Italia, 
e di un s. Massimo, che probabilmente è il martire di Ouma, vene- 
ratissimo in tutta la Italia Meridionale e negli Abruzzi. Il giorno 
27 ottobre dell' 868 un vescovo di Penne, di nome Giraldo, trasferì 
nella sua cattedrale, dall' « insula Piscaria » (alla foce del Pescara) 
reliquie di cinque santi, di nome Massimo, Venanzio, Luciano, 



LA tlEGIONfi IV - IL i^AÉSK DÈI VÈStlNt - PINtJA VESTINA (ciVlTA DI PENNE), EC. 3?1 

Comizio .e Donato. Il documento (BEL, 5828) che c'informa di 
questo avvenimento, ci vuol far evedere che nel 306, imperando 
in Ohieti un « rex Gerso », i primi tre santi si sarebbero nascosti 
nella chiesa di un s. Comizio, eretta nell' isola, da certo prete 
Donato al tempo di Claudio imperatore (I, 41-54; II, 268-70). Tratti 
fuori di là, sarebbero stati gettati nel fiume il 7 maggio, quindi 
sepolti nella chiesa.. Invano domanderemmo a un tale documento, 
tardivo e favoloso, chi fossero quei cinque santi colà venerati. Di 
un s. Comizio martire (1° maggio) si parlerà sotto Catania. Nella 
sua leggenda appunto entra in scena l' imperatore Claudio, che da 
quella leggenda dovrebbe essere passato nella nostra. E probabil- 
mente quel s. Massimo è lo stesso di Cuma (30 ottobre) ; il s. Ve- 
nanzio, quello di Salona (Dalmazia) ; e il s. Luciano, il martire 
d'Antiochia, e il s. Donato, il vescovo omonimo dell'Epiro. Eeli- 
quie di quei santi probabilmente saranno state trasferite nella 
chiesa posta alla foce del Pescara. 

Hatria (Atri) ? 

Non è improbabile che nel versante . adriatico del paese dei 
Testini esistesse una diocesi prima dell' invasione longobarda. Alcuni 
scrittori credettero che si trovasse in Aternum Vicus (Pescara), e 
di là fosse trasferita in Hatria (Atri) ; ma nulla consta di certo 
(cf. Kehr, o. c, IV, 273, 307). Il pseudo-Doroteo ha creato l'Epa- 
fródito biblico, dell'epistola ai Filippesi (II, 25) vescovo di Adria. 
Ma è incerto se il falsario greco avesse in vista Hatria sul Po 
(Adria) ovvero Hatria sul declivio settentrionale degli Abruzzi 
verso la pianura picena. 



IV. - IL PAESE DEI PELIGNI. 

Era un piccolo territorio fra i Marrucini all'est, i Marsi al- 
l'ovest e i Vestiui a nord, consistente nella valle del Gizio, che 
sbocca nell'Aterno, attraversato dalla Via Valeria tra i Marsi e i 



372 LE DIOCESI d' ITALIA 

MaiTucini. La Via Valeria passava per Oorfinium (S. Pelino), e 
mercè una traversa lungo l' Aterno e la valle di Seperaequum (Su- 
beqiio), congiungevasi colla Via Salaria in Amiternum. 



Corfinium, Valva (S. Pelino - Pèntlma). 

Pelinus o Peligrius ? — Una Passio Pelini o Peligni {BHL, 
6620-1), composta nell'xi secolo da un falsario che si dà per con- 
temporaneo del santo, vuole che s. Pelino fosse un epirota, nato in 
Durazzo di Albania (!) sotto Costantino imperatore (307-37). Al 
tempo di Giuliano l'appostata (360-3), sarebbe diventato arcivesco- 
vo (!) di Brindisi, ricevendo l'ordinazione da papa Liberio (358-66), e 
sarebbe stato martirizzato a Oorflnio il 5 decembre. Il suo corpo 
sarebbe stato trovato il 13 maggio. Il santo è noto fin dal ix se- 
colo, e la diocesi di Oorfinium- Valva da lui ha preso il nome ; ma 
la Passione è destituita di ogni storico fondamento ' e zeppa di 
anacronismi. Secondo l' ipotesi non disprezzabile di mons. Oelidonio 
{Le diocesi di Valva e Sulmona, I, pp. 65-74) s. Pelino sarebbe stato 
vescovo di Oorfinium. Non oserei però consentire col compianto 
amico che s. Pelino risalisse ai tempi di s. Pietro. Fu vezzo degli 
scrittori locali dopo il mille assegnare tutte le diocesi dell'Italia 
Inferiore ai tempi di s. Pietro. — Il Saintyves {Le saints siicces- 
seiirs des dieux, pp. 341-2), senza nessuna ragione, per quella manìa 
di certi cultori di mitologia di trovare dapertutto nei santi cristiani 
sopravvivenze del culto dei numi e degli eroi, vorrebbe confondere 
il nostro s. Pelino con la dea Pelina o Peligna. 

Pamphilus ? — Secondo una Vita {BHL, 6418-19) composta nel 
secolo xr, con il noto sistema di saccheggiare episodi e racconti 
da altri documenti consimili (nel -caso nostro dalla leggenda dei XII 
fratelli {BIIL, 6955), dalla Vita di s. Prisco di Nocera {BHL, 6931), 
e di s. Aldhelmo {BILL, 256-9), s. Panfilo, vescovo di Oorfinium, 
sarebbe morto il 13 maggio, non si dice quando; e il suo corpo 
sarebbe stato trasferito i:>ella chiesa di Sulmona. Il Oelidonio (o. e, 
I, 119-24), non senza ragione, sostiene che sia stato piuttosto ve- 
scovo di Sulmona. Questo s. Panfilo è venerato 1' 11 maggio in 



LA UEGIONK IV - II. PAESK DEI PEMCiNI - COUFINIUM (s. PELINO - PÈNTIMA), EC. 373 

Benevento, il 7 settembre in Oapua e in Ohieti come vescovo 
locale ! 

1. Gerontius: 494-5 (J-L, G48; probabilmente egli è il Geron- 
tius, cui fu indirizzata l'epistola J-L, 649). 

Fortunatus ; 502. — Fu registrato dal Oelidonio (o. e, II, p. 28) 
nel catalogo episcopale di Oorfìnium; ma i tre vescovi di nome 
Fortunatus, convenuti a Eoma nel 502, appartennero rispettiva- 
mente a Sessa, a Foligno e ad Anagni, non a Oorfìnium. 

Suimo (Sulmona). 

Esiste in Sulmona un epitafio cristiano forse del iv secolo 
{GIL, IX, 3136). 

Pampliilus? — La diocesi prende il nome da s. Panfilo; e una 
chiesa dedicata in onore di lui presso Sulmona è ricordata firn dal 
1042; e forse fu l'antica cattedrale di Sulmona sacra alla B. V. 
Maria. Secondo la Vita, s. Panfilo sarebbe stato vescovo di Oor- 
fìnium ; ma mons. Oelidonio (o. e, I, pp. 119-24), non senza prove, 
lo crede di Sulmona (cf. AS, apr.. Ili, 589). 

1. Palladius : 495 (I) ; 499. — Tra le lettere di papa Gelasio 
{J-L, 706) una ve ne ha rivolta a un vescovo Palladius; e il Kehr 
(o. e, IV. 253) pensa che questi sia il nostro ; ma col Thiel e con 
l' Ewald, lo credo toscano. Infatti il papa, nel 495-6, ordina a Pal- 
ladio di ritenere il proprio prete Stefano, perchè storpiatosi per 
disavventura mentre si era dato alla fuga in causa del saccheggio 
della Tuscia, devastata più delle altre province d'Italia: « nuper 
propter provinciae vastitatem (= saccheggio), quam Thusciae prae 
omnibus (provinciis) barbarorum feritas diversa sectantium et am- 
biguitas animorum invexit ». Dunque Stefano, prete di Palladio, 
appartenne alla provincia della Tuscia; quindi anche il suo vescovo. 
In verità sarebbe strano che un prete di Sulmona, fuggendo da- 
vanti agli invasori, pensasse di recarsi nella Tuscia. La vasfitas 
di papa Gelasio I allude alle devastazioni durante la guerra tra 
Odoacre e Teodorico e agli avvenimenti successivi. 

Valva e Sulmona furono poi unite in una sede sola. 



374 LE DIOCESI d' ITALIA 



V. - IL PAESE DEI MARRUCINI. 



Constava di una striscia di territorio sulla sponda meridionale 
dell' Aterno, fra l'Adriatico e l'Appennino, confinante coi Peligni 
e coi Frentani, da cui li divideva il fiume Foro. 

Una Passione {BHL, 8467) del vii o del vi secolo secondo il 
Dufourcq (o. e, III, S-t), a mio parere, di data molto piti recente, 
somigliantissima a quella dei ss. Giustino e Giusta, di s. Eusanio 
e specialmente di s. Panfilo, ci fa sapere che un Valentino, nato 
sotto l' imperatore Costantino (307-37), sarebbe stato consacrato 
vescovo di Terracina da papa Silvestro (314-35), e al tempo di 
Giuliano l'Apostata avrebbe sofferto per la fede (360-63). Il vene- 
rando presule viene trasportato da un angelo, come, il martire 
s. Vito lucano, insieme con un suo diacono di nome Damiano « in 
comitatu Valvensi in civitatem Corfiniam »; quindi a tre miglia da 
Corfinio « iuxta fluvium Piscariam (l'antico Aternum) in loco ubi 
dicitur pons marmoreus ». I due misteriosi pellegrini, pregati dagli 
abitanti di Interpromium, città situata presso il Pescara tra il fiume 
Orte e il fiume Lavino, ivi si recano, e presso questa città, in 
una gran selva, sono martirizzati il 14 febbraio. E una di- quelle 
Passioni di cui si è detto di sopra (v. Aveia Vestina). Distrutta 
Interpromium dai longobardi, le reliquie dei due martiri sareb- 
bero state trovate e al tempo dei Normanni (secolo xi-xii) tra- 
sferite nel Oastrum Petrae, oggi S. Valentino, nell'Abruzzo Ci- 
teriore (B^L, 8468). Forse la Passione dei ss. Valentino e Damiano 
appartiene al tempo stesso della traslazione, cioè al secolo xi e xii. 
Io credo che il Dufourcq, nell'opera citata, abbia buone ragioni dì 
credere che il s. Valentino dell'antica Interpromium sia l'omonimo 
vescovo di Terni (Umbria), venerato nello stesso giorno 14 feb- 
braio. Ma forse la trasformazione di quel Valentino in vescovo di 
Terracina è avvenuta per un procedimento molto più semplice che 
il Dufourcq non abbia immaginato. Il s. Valentino di Terni dice- 
cevasi episcopus Inteì'a.\mnensis], o anche Tera.[mnensis]. Era quindi 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI MABRUCINI - TEATE MARRUCINORUM (CHIETi) 375 

troppo facile prendere J«fem. per In Tera[cinà], e Tera. per Tera[ci- 
nensis]. Vedemmo un altro scambio simile sotto Terracina. 

A Interpromium però doveva esistere un gruppo di cristiani 
fin dal secolo iv ; perchè vi fu trovata una iscrizione funebre del 
343 {GIL, IX, 3073). 

I santi Legentianus e Domitianus, venerati a Ohieti come mar- 
tiri (AS, febr., I, 664) il 5 febbraio, senza leggenda, sono molto 
incerti. Un s. Domiziano, duca di Oarinzia del ix (?) secolo, è pure 
venerato il 5 febbraio {BHL, 224:8-9), e un s. Legonzio, vescovo di 
Treviri, il 19 dello stesso mese (JB/7L, 4194). Nella sponda occiden- 
tale dell'Adriatico s'incontrano non raramente i santi della riva 
orientale (ove trovasi la Oarinzia), come abbiamo visto altrove, e 
come vedremo nelle Marche e nella Eomagna. Quei due santi ve- 
nerati in Ohieti forse sono estranei a Ohieti. 

Teate Marrucinorum (Chìeti) ? 

Nel paese dei Marrucìni l'unica città di qualche conto era 
Teate Marrucinorum (Ohieti) ; ma nei documenti il vescovo vi 
compare solo nel ix secolo (cf. Kehr, o. c, IV, 273). Verosimil- 
mente però vi doveva risiedere prima dell' invasione longobarda. Se 
non mancava, come vedemmo, nel piccolo paese degli Aequi e dei 
Marsi, quello dei Marrucini non doveva esserne privo. Né è im- 
probabile che la diocesi di Ohietinmonti almeno al iv secolo, come, 
in generale, le diocesi italiane delle più remote regioni italiane. Ma 
non si pilo prestare alcuna fede a una lista episcopale di undici 
nomi, ignota all' Ughelli (VI, 672) e ripudiata dal Kehr (1. e), dal 
Gams (p. 875) e dal Cappelletti (XXI, 96-7), lavoro certamente di 
un falsario dell'età moderna, che racimolò qua e là undici nomi 
per portare le origini della diocesi teatina al tempo di papa Sil- 
vestro. Ecco quegli undici nomi : 

lustinus sub Silvestro. — Le carte di Ohieti nell' Ughelli (1. e.) 
ricordano una « ecclesia beati lustini » nell' 840, una « ecclesia 
s. lustini confessoris » nel 1065 e nel 1113, e in un calendario del 



Non confortati da una prova. Si riscon- 
trano nomi di santi vescovi celebri, ad esem- 
pio Siro di Pavia, Zenone di Verona, Panfilo 
degli Abruzzi, Severino di Septempeda. 



376 • LK DIOCESI d' ITALIA 

sec. XII la festa .di lui al 1° gennaio. Adunque, fino al secolo xii 
almeno, quel vS. Giustino non fu ritenuto vescovo locale ; e proba- 
bilmente esso è da identificare con un s. Giustino prete venerato 
nei Testini e altrove il 31 decembre. Esso viene considerato ve- 
scovo teatino (14 gennaio) soltanto in documenti del secolo xiii 
{BEL, 4588-9). 

Flamanus. — Il Cappelletti (1. e.) arbitrariamente attribuì a 
un vescovo di Oliieti un santo ricordato in una iscrizione recente: 
« Hic etiam requiescit corpus s. Flaviani episcopi et confessoris », 
d'ignota sede. 

Sirus, 

lanso (o lason?), 

Zeno, 

Pamphilus, 

Leo, } 

Severimts, 

Germamis, 

Vincentius, 

Urbamis. 

Quintus, 499. — Il « Quintus episcopus theanensis » o « tea- 
nensis » del sinodo romano del 499 non compete a Teate, come 
1' Uglielli (1. e.) e il Savini {Septem dioeceses aprutlenses niedii aevi, 
p. 273) hanno opinato, ma a Teanuin (Campania)- 

Barhariis, 594. — Il vescovo a cui Gregorio I commise la 
cura della chiesa di Ortona (J-L, 1311), non si chiamò ne Barbarus, 
come piacque all'Ughelli (1. e), ne Ioannes, come altri volle, di 
Teate o d'altra sede, perchè il testo del Registrum ha una lacuna 
(cf. Kehr, IV, 276). 

Eletitherius. — Le reliquie di un s. Eleuterio vescovo, trovate 
a Chieti nel 1580 {AS, mai, V, 43, al 21 maggio) e credute allora 
di un vescovo locale, secondo ogni verosimiglianza appartennero 
a quel santo veneratissimo nella Bassa Italia, di cui si è già par- 
lato (v. Acca). 

Geteus. — Il Cappelletti (1. e.) enumera tra i vescovi teatini 
un Ceteus, che dovrebb'essere il s. Ceteo di Amiternum, di cui si 
è detto. 



/ hA REGIONE IV - IL PAESE DEI FRENTANI - HORTONA, ORTONA, EC. 377 

VI. - IL PAESE DEI FRENTANI 

Occupava, la regione tra i Marruciiii, il Saiinio e l'Apulia. 

Hortona, Ortona. 

1. BlandiLs: 591 (J-L, 1101); f 594 {J-L, 1311; il nome del 
vescovo, a cui Gregorio affidò la cura della chiesa vacante, è ca- 
duto nei codd.). 

2. Oalumniosus: 599 {J-L, 1721). 

Histonlum (Vasto) ? 

Chiesa vacante: 492-6 (J-L, 677). — - Gelasio ordina a un ve- 
scovo Celestino (ignoto, ma non lontano da Vasto) di collocare, 
non come « cardinalis pontifex » (vescovo proprio) ma come visi- 
tatore, un diacono nella « ecclesia beati Eleutherii, quae in Sto- 
nìensium (al. Sithonienshmt e Stonenshim ; si ritiene doversi leggere 
Histoniensium) civitatis parochia (= dioecesi?) probatur esse con- 
structa... celeberrimus locus processionis » La chiesa di Histonium 
era dunque senza, vescovo. Il s. Eleuterio dell'epistola è il s. Eleu- 
terio vescovo e martire, del quale si è già parlato sotto Acca, 
veneratissimo pure a Histonium fin dal secolo v (cf. Duohesne, 
Les évéchés ec, I, 99; Kehe, o. c, IV, 289). 



VII. — IL PAESE DEI SANNITI. 

Comprendeva un'estesa regione tra i Peligni, i Marsi, il Lazio, 
la Campania, l'Apulia e il paese dei Frentani e dei Marrucini. Gli 
Hirpini, che sono collocati nella Eegione II, erano una tribù di 
Sanniti, e appartenevano al Sannio ; ma in tempi posteriori furono 
inchiusi nella Campania. Quindi nei documenti cristiani, come 



378 • LE DIOCESI d' ITALIA 

abbiamo veduto, le città degli Hirpini, ad esempio Beneventum, 
Oaudium, Abellinum ec, sono attribuite nella Campania e i loro 
martiri registrati sotto la Campania. 

Il Sannio era attraversato da parecchie strade. 

Leone I indirizzò una lettera circolare (6 marzo 459) ai ve- 
scovi « per Samnium » (J-L, 545). Erano dunque parecchi, e pro- 
babilmente fin dal IV secolo. 



Aufìdena (Alfìdena e Alfedena o Castel di Sangro?). 

1. Anonimo: 494-5 {J-L, 649 : papa Gelasio delega i vescovi 
Eespectus e Gerontius (d'ignota sedè; il secondo è di Valva?) in 
una causa tra l'« episcopus civitatis Aufidianae » e la città). 

L'odierna diocesi di Trivento corrisponderebbe all'antica diocesi 
di Aufìdena. 

Allìfae (Alife). 

1. Clarus: 495 (?); 496 (?) (una epistola di papa Gelasio {J-L^ 
719) fu scritta a due presuli di nome « Maximo et Celeri »; l'E- 
wald ( in « Neues Archiv », an. 1879, p. 520) vorrebbe leggere 
Glaro invece di Celeri e vedervi il nostro Clarus) ; 499. 

Allifae possiede un'iscrizione del 553 (CiL, IX, 2437). 

Bovianum Undecimanorum (Boiano). 

1. Laurentius : 495 (?) ; 501 ; 502. — Il vescovo Laurentius vien 
detto nei codd. Bovianensis, Bobianensis, Boensis, Bonensis, Bono- 
niensis, Bonomensis, Vovianensis, Vohianensis, Vivianensis. Non si 
può pensare a Bobbio (Piemonte), diocesi recente ; non a Bologna, 
perchè nei dittici di questa diocesi dell'Emilia un Laurentius non 
appare. 

Bovianum Undecimanorum ha un' iscrizione cristiana di dubbia 
età (OiL, 2584). 



LA REGIONE IV - IL PAESE DEI SANNITI - SÀEPINUM (aLTILIA) 379 

Saepinum (Altilia presso Sepino). 

Palladius ; 465. — Non di Saepinum, ma di Salcipia nell'Apulia. 
1. Proculeianus: 501; 502. 

Telesia (Telese). 

1. Florentius: 465. 

2. Agnellus: 487. 

Memias. — Da un falso diploma di Gregorio Magno {J-L, 
t 1366). 

Trivento, Isernia^ Lanciano. 

1. Una Vita s. Casti Triventini (BHL, 1657 d), documento contenuto in un 
codice beneventano del secolo xiv, favoleggia che quel santo fu romano, disce- 
polo di papa Clemente (88-97) e, spedito vescovo a Trivento sotto Traiano (98-117), 
dopo aver convertito a Cristo tutta la provincia, sarebbe stato colpito a morte 
dai Saracini (sec. ix-x), sbarcati a Penna di Buci sul mare, e in mezzo al suo 
popolo avrebbe reso l'anima ! Le sue ceneri al tempo del duca Arechi (sec. viii) 
sarebbero state trasferite a Benevento. Basta enunciare queste balordaggini per 
capire quanta ignoranza e quale scompigliata fantasia albergassero nel cervello 
dell'anonimo autore della Vita. Giustamente il p. bollandista Delehaye {AS, 
nov., Ili, 341) ritiene che questo Castus triventinus, su cui tutte le antiche fonti 
storiche sono mute, sia il martire omonimo africano venerato in tanti luoghi 
dell'Italia Meridionale, e anche a Trivento, è colà travestito in vescovo locale, 
secondo il solito vezzo e da uno scribacchino qualunque fatto vivere quanto il 
patriarca Matusalam. 

La diocesi di Trivento compare nel x secolo (cf. Groner, Le diocesi d'Italia ec, 
p. 46), e probabilmente succedette all'antica Aufidena, quindi non può aver avuto 
per vescovo né il Castus della su detta Vita, né, circa nel 390 (cf. Cappelletti, 
XXI, 470), un anonimo milanese può avervi portato (trasporto impossibile sotto 
gli occhi di s. Ambrogio !) le teste dei ss. Celso e Nazario. 

2. Tra le antiche diocesi del Samnium in Ughelli (VI, 368) compare anche 
Aesernia (Isernia) ma il vescovo che accorse al letto di s. Paolino di Nola mo- 
rente (v, Nola, Capua, Otranto ec.) fu registrato nel catalogo episcopale di 
Isernia senza alcuna prova. È bensì venerato nella cattedrale d' Isernia al 4 



380 LE DIOCESI d' ITALIA 

maggio un s. Benedetto; ma pienamente sconosciuto (cf. AS, mai, I, 500). Se- 
guono nel catalogo Ughelliano un Laui'entius (401-17), un Eutodius (465), un 
Marias (499), un Innocentius (501-2) e un Sebastianus (595) ; ma tutti fuori di 
luogo. II primo è detto nel documenti {J-L, 318) « episcopus seniensis », proba- 
bilmente dell' Illirico ; il secondo, il terzo e il quarto spettano a Tifernum (Città 
di Castello); e l'ultimo a Resinum nella Dalmazia {J-L, 1096; 1853). 

3. Si pretende che anche Auxanura (Lanciano), nei Prentani, sìa stata dio- 
cesi prima del secolo vii, ma senza alcuna base (cf. Kehr, o. c, IV, 280), 



LA REGIONE V. 



PICENUM (il Piceno). 

Il Piceno era compreso tra l'Appennino e il mare Adriatico 
da ovest a est, e tra il fiume Aesis (Esino), che separavalo dal- 
l' Umbria, e il Matrinus (Vómano), che lo divideva dai Vestini. 

Leone I scrisse due lettere circolari, l'una (10 ottobre 443) ai 
vescovi « per Oampaniam, Picenum et Tusciam »; l'altra (6 marzo 
459) ai vescovi « per Oampaniam, Samnium et Picenum » (J-X, 
402, 545); e ne spedi una ai vescovi « per Picenum » {J-L, 621). 
Nel famoso conciliabolo di Eimini (luglio-dicembre 359), tra i 400 
vescovi d' Occidente, che vi furono presenti (ignoriamo il nome e 
la sede di quasi tutti gl'intervenuti), secondo la testimonianza di 
s. Girolamo (Mansi, III, 209), fece una parte onorevole certo « Olau- 
dius episcopus provinciae Piceni ». Forse negli Atti sinodali visti 
da Girolamo, e ora perduti, Claudio stesso era riferito o sottoscri- 
vevasi semplicemente come « episcopus provinciae Piceni »; a quel 
modo che un vescovo di Calabria, intervenuto al sinodo di Nicea 
del 325, si sottoscrisse : « Marcus episcopus Calabriae »; ma Claudio 
non dovette essere il solo vescovo del Piceno nel 359, perchè 
s. Atanasio, come si è visto, nel 349-50 ricorda i vescovi del Piceno 
(v. Campania). 

Ancona. 

Il Gerolimiano fa menzione della dedicazione della basilica di 
Ancona, o della deposizione in essa di reliquie del protomartire. 
Infatti il 3 agosto si legge; 

E Antioc, Stefani, 

lì In Ancona Stephani. 



382 LE DIOCESI d' ITALIA 

D In Ancona in Italia natale Stephani, 

ms. 15818 .di Monaco (sec IX) In Anchona sancii Stephani protomartyris 
ubi haberi dicitur unus de lapidibus quibus in brachio percussus est, et multas 
ex eo vii'tutes sanitatum operari. 

S. Agostino in un sermone (n. 322), recitato forse nel 425, af- 
ferma che a suo tempo « ad Anconam Italiae civitatem per glorio- 
sissimum martyrem Stephanum (il protomartire) multa mìracula Do- 
mìnus operabatur »; e in altro (n. 323 ; cf. pure il 324) aggiunge clie 
in Ancona « memoria (cioè chiesa, basilica, certamente fuori delle 
mura) eius (Stephani) antiqua ibi erat ». Secondo lo stesso Ago- 
stino, ìera fama che questa memoria antiqua contenesse il braccio 
di s. Stefano, ma non era vero, dice Agostino, perchè la chiesa di 
questa città era anteriore alla rivelazione delle ossa del protomar- 
tire, avvenuta, come è notissimo, in Gerusalemme nel 415. Glie 
reliquie dunque contenevansi nella memoria di Ancona? Agostino 
riferendo « quid fama pertulerit », narra che alla lapidazione di 
s. Stefano avrebbero assistito alcuni innocenti e credènti, e una 
pietra, sbalzata dal gomito del martire, sarebbe caduta innanzi a 
uno di loro, che l'avrebbe conservata, Quell'uomo era un naviga- 
tore, che, approdato al lido d'Ancona, avrebbe ricevuto la rivela- 
zione che ivi doveva riporre quella pietra. « Ille obedivit », scrive 
Agostino, e « ex ilio coepit esse ibi memoria sancti Stephani ». 
In seguito il santo dottore fa la seguente curiosa osservazione: 
« Verum autem intelligitur propterea ibi fuisse revelatum ut ibi 
poneret lapidem qui de cubito martyris excussus est, quia graece 
cubitum ayxwv dicitur »; cioè per questo sarebbe stato rivelato al 
navigatore di deporre la pietra della lapidazione in Ancona (dal 
greco àyxoìv) perchè essa saltò via dal cubito (in greco àyxwv) del 
martire. Agostino conchiude osservando che in Ancona però « non 
coeperunt fieri ista miracula, nisi posteaquam corpus sancti Ste- 
phani apparuit », cioè dopo il 415. Tutti sanno che Ancona così 
fu chiamata da àyxwv, gomito di mare, fino da tempi remobi. — 
Non è dimostrabile che Ancona possedesse una « memoria sancti 
Stephani » fino dalla prima metà del i secolo, come la « fama » 
pretendeva, né è credibile; ma senza dubbio essa aveva, molto 
prima del 415, una basilica sacra al protomartire: « Memoria an- 



LA ftEGIONE V - PlCENUM - ANCONA 383 

tiqua ibi erat », dice s. Agostino, memoria divenuta famosa dopo 
ir 415. Ai tempi di s. Gregorio Magno (Dia?., I, 5) esisteva ancora 
« iuxta eam civitatem (Anconam) ecclesia b. martyris Stephani ». 
E se si pensi che fin dal 333 (cf. Geyer, Itinera Hierosol., 
21-3) in Gerusalemme si mostravano e consegnavano ai pellegrini 
cristiani le più strane e inverosimili reliquie, nessuna meraviglia 
che circa in quel tempo un navigatore cristiano di Ancona cre- 
desse di portare nel suo paese uno dei sassi o delle pietre della 
lapidazione del protomartire. Questa basilica anconitana di S. Ste- 
fano deve considerarsi la primitiva cattedrale di Ancona, dal iv 
secolo fino all'odierna S. Ciriaco. In Ancona fu scoperta (« Bull, 
d'arch. crist., », an. 1884-5) un'iscrizione ^ìristiana di uno « Ste- 
phanus in Ori[sto] », forse del v secolo; e in Ancona pure si sono 
trovati gli avanzi di un . cubiculo cristiano fondato da un veterano 
di nome Flavio Evenzio o Evinzio per sua sepoltura; cubicolo, 
secondo il giudizio del de Rossi, non posteriore al v secolo (« Bull, 
d'arch., crist. », an. 1879, pp. 128-32; cf. « Anal. Boll., an. 1908, 
p. 370). 

Il Piceno co' suoi porti, massime Ancona, città mezzo romana 
e mezzo greca, come riceveva le merci dall'Illirico e dall'Oriente, 
così poteva facilmente assorbirne le nuove idee. È lecito quindi 
congetturare che il primo nucleo di cristiani nel Piceno si sia 
formato in Ancona, o intorno ad Ajicona. Osimo, come si vedrà, 
e Oluentum diedero martiri alla nuova fede. 

Non sappiamo nulla di sicuro sui corpi santi o su le reliquie 
di martiri o di santi, venerate in Ancona. — Un s. Liberio (o 
Lìmberto, Liberto, Liverio e Oliverio) del 27 maggio è fornito di 
una leggenda fantastica (leggenda comune ai paesi marini), che 
non dà nessuna luce sul vero essere del santo {AS, mai, VI, 720). 
— Due sante, di nome Palatia (Palazia) e Laurentia (8 ottobre), 
sua nutrice, si sono appropriate la leggenda di s. Barbara e di 
s. Cristina {AS, oct., lY, 47) ; specialmente di questa seconda, tanto 
che Palatias si dice nata a Tiro presso il lago di Bolsena, come 
si afferma della s. Cristina di Bolsena. E forse il nome Palatias è 
derivato da quella torre ove, secondo la loro leggenda, s. Cristina 
e s. Barbara sarebbero state rinchiuse, come la mitica Danae. Le 



384 LK DIOCESI d' ITALIA 

cine sante venerate in Ancona sarebbero morte a Iterino dopo molti 
tormenti. Credo che non si vada lungi dal vero identificando la 
martire venerata in Ancona con quella di Bolsena. I leggendisti 
medievali solevano alle volte cambiare il nome ai martiri, di cui 
scrivevano una Passione (v. Todi). — Tre santi, di nome Pere- 
grinus, Herculanus e Flavianus, o Fabianus (16 maggio), die sareb- 
bero stati rinvenuti in Ancona nel xiii secolo, non sono meno 
oscuri degli altri. La loro Passione, di data molto recente, forse 
dello stesso XIII secolo {BHL, 6622-26), non sparge alcun lume su 
la questione, e i tre santi sono venerati, non di rado insieme, 
anche in altri luoghi d'Italia, Ed è. notevole che la festa del s. Pel- 
legrino di Ancona e di altri luoghi cada nello stesso giorno del 
s. Pellegrino d'Auxerre {BHL^ 6623). Né è senza importanza il sa- 
pere che pure in Ohieti esiste un s. Flaviano, vescovo e confessore, 
colà creduto vescovo locale, con questa certo non antica iscrizione : 
« Hic etiam requiescit corpus s. Flaviani ep. et conf., » (cf. pure 
Oerveteri). La questione dei santi di nome Pellegrino, venerati in 
tutte le province d'Italia dalle Alpi al Lilibeo, sarebbe degna di 
studio. La prima memoria di un oratprio sacro a un s. Pellegrino 
in un ospizio di pellegrini, la trovo in Eoma nell'ospizio presso 
S. Pietro dell' vili secolo (cf. Duoiiesne, Le « Liber Pontìf. », II, 
25-8; AS, mai, I, 159; Mercati A., S. Pellegrino delle Alpiin Gar- 
fagnana, Eoma, 1926). 

Oyriacus o Oiriacus? — Il duomo d'Ancona oggi ha per tito- 
lare un s. Ciriaco (1 maggio), identificato dalla tradizione anconi- 
tana con l'omonimo protagonista di uno dei racconti sopra l'in- 
venzione della S. Croce {AS, mai, I, 443). Non saprei quindi con 
quanta ragione il p. Savio (La realtà storica delV invenzione della 
S. Croce in « La Scuola Cattolica », an. 1913, II, p. 118 e seg.) 
abbia supposto con 1' Ughelli (I, 327) che quel s. Ciriaco sia stato 
un antico vescovo anconitano, anzi il primo. 

Primianus? — Un martire di questo nome si legge nel Gero- 
limiano al 29 e 31 decembre e al 1" gennaio ; è venerato in Lari- 
num (Apulia), in Spoleto e altrove; e il 23 febbraio in Ancona 
come vescovo greco {AS, febr., Ili, 372; « Anal. Boll. », an. 1885, 



LA tlÈGIONÈ V - t>ICfeNtJM - ANCONA 386 

p. 344) ; ove il suo corpo si sarebbe trovato nel 1368 con l'epigrafe : 
« Hic requiescit corpus beati Primiani episcopi, qui fuit graecus ». 
L'Ughelli (1. e.) e il Gams (p. 664) lo hanno collocato nella lista 
episcopale anconitana, e il Peruzzi {La chiesa anconitana, Ancona, 
1845) lo ha conservato ; ma con quanto diritto non saprei dire. 

Marcus : 465. — Nel sinodo romano di quell'anno non compare, 
quindi la seconda edizione dell' Ughelli (I, 329) lo espunse ; il che 
non ha impedito al Gams e al Peruzzi di registrarlo egualmente 
tra i vescovi anconitani. . 

1. Anonimo: 496 {J-L, 713). — Gelasio I scrisse a Massimo e 
ad Eusebio vescovi (probabilmente del Piceno, o da esso non lontani) 
perchè eseguissero ciò che si era convenuto tra un vescovo Costan- 
zo (di Camerino?) e il « pontifex anconitanus ». 

Traso o Trason. — Consacrato, secondo l' Ughelli (1. e), il 22 
nov. del 498 e morto nel 510, avrebbe trovato il corpo di quel 
s. Liberio, di cui sopra. Il ritrovamento potrebb'esser vero, ma da 
attribuirsi a un vescovo Trason, non del v secolo, bensì del 983. 

2. Marcellinus : vi secolo ? {Dial, ITI, 8). Gregorio Magno dice 
semplicemente « fuit » ; e nei Dialoghi egli parla quasi esclusiva- 
mente, come è noto, di vescovi italiani del vi o del v secolo. Ma 
gli scrittori locali gratuitamente supposero fosse consacrato nel 
539 e morisse nel 555, 

Thomas. — Gli Atti di s. Marcellino di Ancona {BHL, 5224) 
narrano di un cieco guarito in S. Ciriaco al sepolcro di s. Marcel- 
lino di Ancona; della guarigione di un fanciullo nel seguente anno; 
quindi dell' estinzione di un^ incendio per intercessione del santo 
« in Vico Troiano sub Thoma episcopo ». L' Ughelli, il Gams e gli 
scrittori locali non ebbero alcun dubbio che questo vescovo Tom- 
maso non fosse stato il successore immediato di s. Marcellino ; 
ma a torto, perchè gli Atti, scritti parecchio tempo dopo il vi se- 
colo, parlano di miracoli molto posteriori alla morte del santo. 
Tommaso quindi dovrebb'esser vissuto qualche secolo dopo s. Mar- 
cellino. 

3. Serenus: 598 (J-L, 1581) ; 599 (/-/., 1624) ; f 603 {J-L, 1924). 
— Alla morte di Sereno gli anconitani divisero i loro suffragi tra 
un Fiorentino, arcidiacono, un Eustico, diacono di Ancona, e un 

25 



386 LtC DIOCESI d' ITALIA 

Fiorentino, diacono di Eavenna. Ma del consacrato non si ha 
notizia. 

loannes: 603. — Fu ammesso nella prima edizione dell' Ughelli 
per falsa interpretazione dell'epistola gregoriana J-L, 1924, ma 
appartiene a Eimini, non ad Ancona, come appare dal testo stesso. — 
Un vescovo Natalis di Ancona si legge in un'iscrizione posteriore 
al secolo vi (v. Tadinum). 

Numana (Umana). 

1. Philippus: 465; 487; 494-5 (?) {J-L, 063); 495-6 (?) {J-L, 705). 

Oonstantius ? — Gelasio I nel 495-6 scrisse (J-L, 713) ai vescovi 
Massimo ed Eusebio pejchè eseguissero ciò che si era convenuto 
tra un vescovo di Ancona innominato, e un Costanzo « Oamiscanae 
(al. Anuscanae) ecclesiae episcopum ». Questa ecclesia camiscana 
o anuscana è stata tirata in tutti i versi. Il j). Zaccaria {Auximatium 
episcoporum series^ p. 50) ed altri la credettero Umana, mi pare con 
poca ragione. Il Compagnoni {Memorie di Osimo, I, 147) pensò a 
Osimo. Oggi si sta per Camerino. 

Eomulus : 551 {J-L, 930) ? — Causa l' incerta lezione dei codd., 
gli eruditi ondeggiano tra Numana (« Eomùlus numanatensis »?) 
e Mentana (« Eomulus numentanensis »?). 

Quodvuldeus: 553 {J-L, 935)? — I codd. hanno « numanae » 
e « nuceranae ecclesiae ». L'Hefele {HisL des Gonciles, III, 1, p. 91) 
e l'editore della Collectio Avellanensis (voi. XXV del CSEL,]).31S) 
preferiscono Numana a Nocera. 

Gratiosus : 593. — Il destinatario della lettera di Gregorio I 
{J-L, 1224) fu senza dubbio « Gratiosus episcopus nomentanus », 
non « numanus ». 

Armenius? — Un'epistola del Registrum {J-L, 1581) del 598 
commette a Severo, vescovo di Ancona, e a un vescovo Armonio 
una causa relativa alla diocesi di Fermo ; e un'altra {J-L, 1924) 
del 603 ricorda un vescovo Armenie, certo il medesimo di prima, 
visitatore della chiesa stessa di Ancona. Poiché i papi solevano affi- 
dare l'ufficio di visitatore di una diocesi vedovata al vescovo vici- 
niore, è lecito congetturare che Armenie fosse vescovo di Numana. 



La RÈGlONfe V - PIÒEnUm - AUXIMUM (osiMo) 38? 

Auximum (Osimo). 

Nel Gerolimi.ano al IG maggio si ha: 

B In citniter. Piclno Ausimo civitate Fiorenti et Diocliciani, 
E Civitate Piceno Ausimi {W Ausami) Fiorenti et Diocliciani, 
D Pricino in civitate Tausimo n.at. Dioclitiani et Florentii (cf. « Anal. Boll. », 
an. 1913, p. 393). 

Fiorenzo e il suo compagno Diocleziano sono ricordati negli 
Ada Anthimi, di cui si è detto nella Sabina (v. Cures). Ma negli 
Atti i martiri osimani sono tre, cioè Sisinnio diacono, Diocleziano 
e Fiorenzo (annoverati in quest'ordine), mentre nel Gerolimiano 
sono soltanto due (e in quest'ordine registrati) : Fiorenzo e Dio- 
cleziano. Percliè il Gerolimiano omette il primo dei tre? Forse il 
nome di Sisinnio è caduto nei codici del Gerolimiano, oppure l'au- 
tore degli Atti, secondo i procedimenti abbastanza familiari agli 
scrittori delle Passioni del v e del vi secolo, lia aggregato di suo 
arbitrio al gruppo esimano un s. Sisinnio diacono ? Forse quel s. 
Sisinnio stesso che nelle Gesta Marcelli è qualificato diacono del 
papa (307-309), e sarebbe stato sepolto nel cimitero di Trasone 
su la Via Salaria Nuova ? Benché il Gerolimiano abbia subito, come 
è noto, parecchi guasti, tuttavia gli Ada Anthimi sono troppo scre- 
ditati, per autorizzarci ad ammettere la caduta del nome di 
Sisinnio dal latercolo del Gerolimiano del IG maggio. Piuttosto 
l' indole di quegli Atti favolosi ci dà a pensare che il diacono Si- 
sinnio sia stato associato a Floreuzio e a Diocleziano per puro 
arbitrio dell'anonimo autore. E credo plausibile che il compositore 
degli Ada Anthimi, secondo il costume de' suoi pari, abbia attinto 
il suo Sisinnio diacono dalle Gesta romane di s. Ciriaco o di s. Mar- 
cello papa {BHL, 205G, 5234-5), nelle quali appunto entra in scena 
un Sisinnius diaconus nella regione Salario-Nomentana. Quindi si 
capisce perchè il nome di Sisinnio manchi nel latercolo del Gero- 
limiano. Esso non sarebbe stato un compagno dei martiri osimani. 
Ma, poiché un Slslnnitis diaconus è ignoto a tutte le antiche fonti 
martirologiche romane e alla stessa regione Salario-Nomentana, 
sorge la domanda, donde il fantastico compositore della Passione 



388 LE DIOCESI d' ITALIA 

di s. Ciriaco o di s. Marcello papa abbia desunto quel nome, e, 
conoscendosi i curiosi metodi adoperati dagli autori delle Passioni 
del V e del vi secolo, è lecito sospettare (cf. / titoli presbiterali di 
Roma antica nella storia e nella leggenda, in « Eivista di archeo- 
logia cristiana », an. 1925, pp. 227-231) che il Sisinniiis diaconus 
della Passione di s. Ciriaco, e quindi degli Ada Anthimi, sia da 
identificarsi con quel Sisinnius diaconus martirizzato il 29 maggio 
del 397 nel territorio tridentino ; sicché il nostro Sisinnio sarebbe 
sì un martire, ma caduto non con Fiorenzo e Diocleziano a Osimo, 
bensì altrove e in altro tempo. 

Un atto ufiBciale del Comune esimano (in « Studia Picena », 
an. 1925, p. 74) annovera tra i ss. protettori del Comune esimano 
s. Leopardo, il vescovo di cui si dirà, s. Vitaliano, un altro vescovo 
esimano (del secolo viii?), e s. Benvenuto, vescovo d'Osimo dal 
1264 al 1282, e tace dei su detti martiri, certo perchè essi riposavano 
ancora fuori delle mura. L' 11 maggio del 1437 il vescovo d'Osimo 
Andrea (1434-54), trasportando da un antichissimo monastero su- 
burbano, dedicato a s. Fiorenzo (probabilmente la cattedrale osimana 
primitiva), nella cattedrale urbana le reliquie di quei martiri, ri- 
corda non solo Fiorenzo, Diocleziano e Sisinnio, ma un quarto di 
nome Maximus {AS, mai, II, 614),, sconosciuto alle antiche fonti, 
il quale potrebb'essere il s. Massimo di Ouma, veneratissimo, come 
si è detto, in tanti luoghi dell'Italia Media e Inferiore. Di più, 
secondo un documento dei tempi d'Innocenzo VIII, nel 1488(^6', 
mart., Ili, 393) la cattedrale osimana venerava, oltre i quattro sum- 
mentovati e vari vescovi di Osimo (Leopardo, Vitaliano, Benvenuto, 
il b. Giovanni ?), anche i ss. martiri Vittore e Corona, che però 
dovrebbero essere i celebri martiri egiziani venerati in tanti altri 
paesi d'Italia, e un ignoto s. I^ilippo, di cui si dirà sotto Fermo. 

Florentius e Biocletianus. — l!»fel citato documento del 1488 i 
ss. martiri Fiorenzo e Diocleziano sono chiamati pontifices, quan- 
tunque gli Ada Anthimi e tutti gli antichi documenti osimani igno- 
rino questa qualifica. Ciò dimostra ancora una volta con quanta 
facilità le' plebi medievali abbiano trasformato in vescovi locali i 
martiri e i santi venerati nel paese. 



LA REGIONE V - PICENUM - AUXIMUM (OSIMO), EC. 389 

1. Leopardus, età incerta. — Il suo culto risale almeno al 
secolo X, in Osimo {AS, nov., Ili, 364-5) e fuori (1. e, 370-1). La 
cattedrale osimana è a lui dedicata (iv., 366). Non si sa in quale 
età vivesse. La sua Vita {BHL, 4884), forse non piti antica del' 
secolo XV {AS, nov., Ili, 365), lo confonde arbitrariamente con un 
Leopardus, prete romano del tempo d'Innocenzo I (401-17), e quindi 
lo fa morire sotto Valentiniano III (425-55) e Teodosio II (408-50) ; 
ma non merita alcuna fede. S. Leopardo può appartenere ad epoca 
più remota. 

Vitalianus. — Dall' Ughelli (I, 498) ritenuto successore imme- 
diato di s. Leopardo, tenne, il seggio osimano nella metà incirca 
dell'viii seèolo (^S, nov., Ili, 367). Se è vero, come narra la Vita 
s. Leopardi, che Vitaliano « basilicam in nomine et honore sancti 
Leopardi construxit », s. Leopardo risalirebbe almeno al vii secolo. 
Ma, come si è detto. Leopardo probabilmente è più antico. La 
basilica di Vitaliano forse fu una ricostruzione. 

Maximus : 495-6 ? (v. Oonstantius, sotto Numana). 

Chiesa vacante da lungo tempo : 599 {J-L, 1624-5). — Eipresa 
Osimo dai romani ai longobardi, Gregorio I aflSdò la cura di quella 
diocesi « diu pastorali sollecitudine destitutam » a Sereno di Ancona. 



Cingulum (Cingoli). 

1. Theodosius, \ Una Vita s. Exuperaniii {BHL, 

2. Exuperantius, ( 2808) pone questo s. confessore 

3. Formarius, età incerta. ) vescovo in Cingoli al tempo di 
un papa Pascasius, che non è mai esistito. Pasquale I, se si trat- 
tasse di lui (il che non pare), pontificò tra r817 e l'824. In questo 
documento fantastico l'unico dato attendibile mi sembra questo, 
cioè che nel seggio di Cingoli, in epoca non facilmente determi- 
nabile, si succedettero l'Un dopo l'altro tre vescovi, di nome Theo- 
dosius, Exuperantius e Formarius, e furono sepolti fuori delle mui-a, 
lungo la via detta Montanara; il secondo venerato come santo. 
Stando alla medesima Vita, Exuperantius sarebbe stato africano e 
avrebbe avuto 11 fratelli, tra i quali un Fiorenzo, un Severino e 



390 LK DIOCESI d' ITALIA 

un Venanzio; e forse il primo di questi è il martire omonimo cl'O- 
simo, il secondo il vescovo di Septempeda, di cui si dirà, e il terzo 
il vescovo martire dalmata venerato nel Piceno ; tutti e tre creati 
dal nostro leggendista, secondo i sistemi di cosiffatti scrittori, fra- 
telli germani dell'eroe. L'africanità di Exuperantius non si potrebbe 
ne affermare né escludere. L' Uglielli (X, 58), forse dal fatto che 
s. Esuperanzio sarebbe stato africano, congetturò die fosse stato 
un esule della persecuzione vandalica, e lo ascrisse al v secolo; 
il Gams (p. 712) determinò a capriccio l'età di tutti e tre, ponendo 
Teodosio nel 495, Esuperanzio nel 496-7, e Formarlo nella seconda 
metà del vi secolo; ma sono ipotesi campate in aria. 

4. luliauus: 553 {J-L^ 935; a Costantinopoli con papa Vigilio 
(cf. Mansi, IX, 353-9). Secondo alcuni codd. Giuliano di Cingoli si 
sarebbe trovato a Costantinopoli anche nel 551, ma quel Giuliano 
era di Segni; 559 {J-L, 953); 555-60 (J-L, 956). 

Potentia Picena (S. Maria a Potenza). 

1. Faustinus; 418-22, legato della Sede Apostolica in Africa 
(J-L, 347-8). Dagli atti dei sinodi africani (Mansi, III, 699-843 ; IV, 
435-8, 508-15) si rileva chiaramente che Eaustinus appartenne alla 
Potenza Picena, non alla Lucana. 

2. Anonimo, 494-5 {J-L, 648; Papa Gelasio I commise a Ge- 
ronzio, vescovo di Valva, una causa risguardante il « pontifex 
Potentinae urbis ». Crederei fosse un vescovo di Potenza Picena, 
non della Potenza di Lucania, troppo lontana da Valva). 

Amandus « ecclesiae potentinae » 502? Del Piceno o della 
Lucania? Non consta. 

Tolentinum (Tolentino). 

Probianus, secolo iv ? — Esiste in Tolentino, almeno fin dal- 
l'an. 1054 o dal 1042, una ecclesia sancii Calervi, che prima si 
denominava Santa Maria semplicemente (cf. Santini, Saggio di 
memorie della ciltà di Tolentino, Macerata, 1789, pp. 45 e 93). Questo 



LA REGIONE V - PICENUM - TOLENTINUM (TOLENTINO) 391 

santo titolare aggiunto viene detto in una pergamena del 1254 
martir, in un breve di Bonifacio Vili (1299) e in altre due carte 
tolentinati dì quel tempo confessor; e dalla metà del xv secolo 
costantemente martir et protedor, e eques, marlir et protector. Di 
questo s. Caterve trovasi pure una recentissima Vita o Passione 
{BHL, 1656), documento favoloso secondo l'opinione unanime degli 
eruditi, composto sopra l' interpretazione cervellotica di alcune 
iscrizioni latine esistenti nella chiesa di s. Oatervo, delle, quali si 
dirà; documento che pretende di riferire il presunto martire Ca- 
terve al primo secolo di nostra èra. Chi è questo s. Catervus ? Esiste 
nella sua chiesa, e vi si trova (cf. Santini, o. c, p. 49) almeno fin 
dal 1374, un sarcofago marmoreo con bassorilievi cristiani (Gaekucoi, 
Arte cristiana, V, tav. 303) e con la seguente iscrizione : i^;.[aviusj 
Inl.[ias] Catervius v.[ir] c.[larissimus] expraef.leotojpraetorio, qui vixit 
cum Septimia Severina c.[\ù,vìss'iinsi]f.[oeìnìiì?i\dulcissima coniuge an- 
nis XVI plus minus, d.[ìehus] XIII, quievit in pace annorum LVI, 
dierum XVIIII, XII kal.[Qnda,s] nob. [emhi'es] depositus est llll kal. 
[endas] 6?ec.[embres] Septimia Severina c.[larissima] /.[oemina] marito 
didcissimo ac sibi sarcofagum et panteum cum tricoro disposuit etper- 
fecit {GIL, IX, 5566). Nessun dubbio che il s. Catervus dei documenti 
tolentinati non sia un solo e medesimo personaggio col Flavius lulius 
Catervius scolpito nell'arca marmorea situata nella sua chiesa. La 
sua Passione dice espressamente che il martire s. Caterve è lo stesso 
personaggio dell'iscrizione, marito di Severina; e riproducendo (a 
suo modo!) la fraseologia dell'epigrafe, l'applica al suo protago- 
nista. Il card. Baronie (presso Santini, o. c, p. 72) identificò il 
Flavius lulius Catervius dell'iscrizione tolentinate col Catervius 
Comes sacrarum largiiionum, a cui fu diretto un rescritto (nel Codex 
Theodosianus) dagli imperatori Graziano e Valentiniano III nel 19 
agosto 379. Ma, sia o no conforme a verità la supposizione del 
card. Baronie, certo è che l'iscrizione e il sarcofago di Catervius 
risalgono al v o al più alla seconda metà del iv secolo. Quindi 
l'autore della Passione è caduto in errore attribuendo questo Ca- 
tervius al I secolo. Un'altra iscrizione incisa nel sarcofago, forse 
dopo la morte di Settimia Severina, conferma espressamente ciò 
che risulta evidente dalle frasi stesse della prima iscrizione 



392 



LE DIOCESI D ITALIA 



e dalle sculture del sarcofago, ossia che i due coniugi Cater- 
vi.its e Severina furono cristiani. Infatti la seconda iscrizione ci 
fa sapere die i due sposi vennero battezzati da un Prohimius sa- 
cerdos : « quos Dei sacerdos Probianus lavit et unxit ». Ammesso 
che il Probianus sacerdos sia un vescovo di Tolentino {sacerdos nel 
latino ecclesiastico del iv e v secolo aveva spesso questo signi- 
iicato) noi avremmo nella seconda epigrafe una i)rova che la diocesi 
tolentinate esisteva già nel secolo v o alla fine del iv; non nel 
secolo I, come afferma il Gams, (p. 703) su la fede della Vita o 
Passione di s. Caterve. Quando poi, perchè,"" e per autorità di chi 
i tolentinati cominciassero a ritenere per santo (e martire) ìlavius 
luliiis Gaiervius, chiamandolo erroneamente Catervus, la storia non 
dice. 

1. Basilius: 487; 495 (?) ; 499; 502. 



Septempeda (S. Severino). 

1. Severinus, età incerta. — Una diocesi di Septempeda non 
appare mai nei concili, nelle lettere pontificie e in altri documenti 
contemporanei; ma la sua esistenza si deduce da una Vita ss. Se- 
verini et Victorini {BHL, 7.659-60), della quale si è parlato sotto 
Amiternum. Essa è nota al Martirologio di Adone (sec. IX) é co- 
nosce le opere di s. Gregorio Magno (f 604); fu quindi composta 
tra il VII e il ix secolo, forse nell'viii, cioè quando i dittici di 
Septempeda e altre memorie consimili esistevano ancora, e quando 
gli abitanti del Piceno celebravano la depositio del loro s. Severino 
il 15 maggio, e il giorno della sua elevazione al seggio episcopale 
il 1° maggio. L'antica città, distrutta per opera o" dei longobardi 
o dei goti (cf. AS, ian., I, 499, 739 ; Chron. min., II, 107), ha preso 
il nome dallo stesso s. Severino. Non può quindi aversi ragionevole 
dubbio su l'esistenza di questa diocesi, benché non sia dato sapere 
quando s. Severino vivesse. L'Ughelli (II, 767), o i suoi informa- 
tori, vogliono che Septempeda fosse evangelizzata da s. Apollinare 
protovescovo di Eavenna, e s. Severino vivesse nel 540 e. La prima 
asserzione non si appoggia ad alcun serio argomento, e la seconda 



LA REGIONE V - PICENUM - SEPTEMPEDA (s. SEVERINO), EC. 393 

forse mirava a collegare s. Severino con la presunta distruzione di 
Septempeda, quando re Totila (544-5) devastò il Piceno ; ma questa 
unione è affatto arbitraria. Nessun antico documento ci ha tra- 
mandato che il s. vescovo assistesse all'eccidio della sua città. 
S. Severino dev'essere anteriore al vi secolo ; forse del iv. S. Ata- 
nasio di Alessandria (v. Tadinum), dopo aver ricordato i prelati 
italiani presenti al, sinodo di Sardica (342-4), enumera quelli del 
canale d' Italia, come egli scrive, che, quantunque non intervenuti, 
aderirono. Tra questi egli registra un Sevenis, che potrebb'essere 
il nostro s. Severino. Infatti quel Severus occupa nella lista ata- 
nasiana un posto, che, secondo il mio parere (v. 1. e), potrebbe 
convenire con il vescovo di, Septempeda. Presso i latini poi dice- 
vasi promiscuamente Severinus e Severus. 



Cluentum vìGus (Civitanova). 

Il Gerolimiano riferisce al 15 aprile : 

B, W Picino in Aureo Monte Maroiiis. 
E In Cipìno {B Picino) natale Maronis, 

D In Pricino natale Maronis... Et in Aureo Monte... (cf. « Anal. Boll. », 
an. 1913, p. 391); 

e il Marone degli Ada Nerei, ricordati nella Sabina, deve identifi- 
carsi con questo. Sarebbe stato relegato, secondo gli Atti, al OXXX 
miglio della Via Salaria, e in questo luogo sarebbe stato ucciso e 
a due miglia di là sepolto. La distanza del luogo del martirio e 
della sepoltura di s. Marone da Eoma corrisponde a una località 
del Piceno. Il culto di un s. Marone (alle volle scorrettamente 
Maroto) è molto diffuso nel Piceno (Urbisaglia, Tolentino, Monte 
Leone, San Maroto. ec.) e nella Sabina (cf. Sohuster, Ueliqttie 
martirografiche negli antichi documenti farfensi, in « Boll. dioc. uff. 
per le diocesi di Sabina », an. 1918, pp. 57-9). Ma dov'era l'Aureus 
Mons del Gerolimiano? Lungo la Via Salaria, rispondono g\ì Ada 
Nerei. Trovansi nel Piceno un Montoro d'Osimo presso il Musone, 
e un Montorio al Vómano presso Teramo; ma ne l'uno né l'altro 
sorgevano lungo la Via Salaria. Presso Civitanova, anzi presso 



394 LE DIOCESI d'itaua 

Porto Oivitanova, esiste una chiesa di s. Marone, che da tempo si 
vanta di custodirne le reliquie, quantunque non ne celebri la festa 
il 15 aprile, ma il 18 agosto. E vero che questa chiesa non si trova 
su la Via Salaria che metteva capo ad Ascoli e al Oastrum Truen- 
tìnum; ma l'antica Salaria, come altre vie consolari altrove, aveva 
nel Piceno alcune diramazioni. L'una di queste per Pausula faceva 
capo a Potentia e quindi passava per Oluentum vicus. S. Marone 
sarebbe quindi stato ucciso su le montagne alla sinistra del fiume 
Ohienti, e avrebbe ricevuto sepoltura due miglia incirca dalla 
montagna verso il mare. Un antico sepolcreto cristiano fu scoperto 
presso la foce del Ohienti con un'iscrizione dei tempi di Onorio 
(an. 404?) (cf. « Nuovo Bullettino », an. 1910, pp. 219-20; Mas- 
SETANi, San Marone, Oivitanova, Marche, 1898, pp. 26-8, 32-6). Gli 
Ada Nerei, e dietro di loro il Massetaui (Bicerche sull'epoca del marii- 
rio di s. Marone primo apostolo del Piceno, Oivitanova, Marche, 1926), 
assegnano il martirio di s. Marone sub Nerva; ma quegli Atti non 
meritano fede (cf. Dufouroq, o. c, IH, 271 ; Dblehaye, Les origines 
du culle ec, p. 358 ; Terracina e Amiternum). Essi contengono rac- 
conti immaginati, tessuti sopra un fondo artificiale. Infatti l'ano- 
nimo autore raccolse arbitrariamente in un gruppo personaggi cri- 
stiani insigni e martiri celebrati lungo la Via Salaria, ne fece dei 
contemporanei e li pose in relazione tra loro (v. V Introduzione, 
p. 54). Enumerò tra essi i ss. martiri romani Nereo e Achilleo, da 
cui gli Ada prendono il nome, e la Domitilla fondatrice del cimi- 
tero, nel quale essi ebbero sepoltura, e di suo arbitrio identificò 
questa Domitilla con la Flavia Domitilla dei tempi di Domiziano 
(81-96). Per questa cervellotica costruzione e identificazione i mar- 
tiri Nereo e Achilleo e tutti gli altri con loro arbitrariamente 
congiunti, non escluso il nostro Marone, vennero a trovarsi, direi 
quasi automaticamente, nella seconda metà del secolo I, cioè ai 
tempi di Nerone (54-68), Domiziano (81-96) e Nerva (96-8). Non 
mi fermo su la questione sorta nei tempi moderni, se il martire 
Marone sia uno solo o più omonimi; perchè essa è nata, al pari di 
altre consimili, dal desiderio di mettere d'accordo documenti e mo- 
numenti relativi al nostro santo, inconciliabili tra loro o giudi- 
cati tali. 



LA REGIONE V - PICENUM - CLUENTUM VICUS (CIVITAVECCHIA), EC. 395 

Chiesa vacante : 494-5 {J-L, 663 ; Gelasio I comandò ai vescovi 
Filippo (di Numana) e Geronzio (dì Valva, credesi ; ma forse piceno, 
ignoto) di convocare il clero e il popolo per la scelta del nuovo 
vescovo « Olientensis ecclesiae »). 

1. Gaudiosus: 495 6 (e/-L, 705; è ingiunto ai medesimi di or- 
dinare vescovo « Olientensis vici » Gaudioso). 

Pausulae (Pausula). 

1. Olaudius: 465. 

Urbs Salvia (Urbisaglia). 

2. Lampadius: 499. 

V 

Falerio (Falerone). 

1. Anonimo, « decessor » del seguente. 

2. Anonimo, « episcopus falerionensis »: 492-6 {J-L^ 687; Ge- 
lasio I scrisse a Eespectus e Leoninus, vescovi piceni o vicini al 
Piceno, ignoti) di giudicare un accusato vescovo di Falerone ; e in 
un'altra lettera {J-L, 649, nel 494-5) ricorda un vescovo Eespectus 
con un Gerontius (di Valva?). 

Il Gams (p. 694) ha dato per errore a Falerone ì vescovi di 
Faleria (Etruria). 

Firmum (Fermo). 

Leggendo Firmum invece di Sirmium, si è attribuito a Fermo 
{AS, ian., I, 80) un « Sanctus Herissus » (2 gennaio) che non ap- 
partiene al Piceno. È venerata a Fermo il 30 aprile {AS, apr.. Ili, 
741) una s. Sofia, che forse è la prima di un gruppo di sante: 
Sofia, PisHs, Elpis, e Agape (Sapienza, Fede, Speranza e Carità), 
celebre in Occidente e in Oriente. In Amandola (territorio di Fermo) 
è commemorato un s. Bufino (16 agosto) e un s. Vitale, titolari 



396 LE DIOCESI d' ITALIA 

di nn'abadia che apparterrebbe al vi secolo {AS, aug., Ili, 261). 
Probabilmente questi due santi sono da identificarsi con il s. Eufo 
o Enfino di Oapua (v. Assisi) e con il s. Vitale di Eaveuna. Il 
Teodoro martire che riscuote culto in Fermo, il 9 nov. è il celebre 
martire omonimo di Oriente, il cui dies natalis cade appunto nel 
detto giorno (cf. ASy nov., IV, 11). Non si sa nulla di una s. Vissia 
vergine e martire (12 aprile), venerata nel monte Vmano {AS, apr., 
II, 81). Nel 598 s. Gregorio Magno {J-L, 1583) parla di un « fundus 
Visianus » vicino a Fermo. Né si conosce nulla di quei 70 soldati 
che sarebbero stati martirizzati a Fermo sub Decio. 

Nella cripta della cattedrale si conserva un sarcofago attri- 
buito da scrittori locali al iv secolo. 

Hadrianus. — L'Ughelli (II, 682) pone come protovescovo di 
Fermo questo Adriano, qualificandolo per martire, ma erroneamente, 
perchè nel 1589 certo Cesare Ottinelli (cf. Catalani, De ecclesia 
Firmano commenfarms, Fermo, 1783) per un abbaglio scambiò il 
seguente s. Alessandro in un s. Adriano, quindi si credette di dover 
distinguere l'uno dall'altro. 

Alexander? — E venerato in Fermo l' 11 gennaio (-45, ian., I, 
675) un s. Alessandro. Fu creduto vescovo locale vissuto tra il 
246-50 e. (Gams, p. 692); ma senza l'appoggio di alcuna prova. 
Philìppus? — Ha culto in Fermo il 22 ottobre {AS, oct., IX, 
523) un s. Filippo; ed è ritenuto vescovo locale, ma senza prove, 
come l'antecedente. Parecchi santi omonimi sono venerati, dei 
quali nulla si conosce come di quello di Fermo. Nel 1432 fu sco- 
perto in Osimo il « corpus » di un s. Filippo {AS, nov.. Ili, 369). 
Un s. Filippo ha culto in Nocei'a {AS, sept., V, 462) e in Bologna 
{AS, feb.. Ili, 63"). Un Filippo (v. Numana),fu veramente vescovo 
piceno nel v secolo; e sotto Venosa abbiamo incontrato un Filippo, 
presunto vescovo di colà. Potrebb'essere che il numero di questi 
Filippi, come avviene in casi simili, dovesse restringersi ; ma non 
ho tempo e modo di studiare questa non facile questione. 

Ciriacus \ Furono catalogati dall' Ughelli (l. e), ma ri- 
Victorimts \ gettati giustamente dagli scrittori posteriori. Il 
Tendicius ] primo sembra doversi identificare col santo anco- 



' LA tlEGlONE V - PlCENUM - PlRMUM (fERMo), EC. 397 

nitano di cui si è parlato (v. Ancona) ; e i due ultimi vissero dopo 
il VI secolo. 

lustus: 502 (Gams, p. 692). — Nel sinodo romano di quell'anno 
compare un lustus, signinus (Segni) non firmanus. 

Anonimo: 536-7; v. Eormiae nel Latium adiectum. 

1. Fabius, decessor Passivi, 580 {J-L^ 1582 : « ante annos fere 
decem et octo », scrive di lui papa s. Gregorio nel 598). 

2. Passivus; 598 {J-L, 1581, 1582, 1583, 1596); 601 {J-L, 1855); 
602 (J-L, 1882). 

Lo Harnack (o. e, II, p. 265) fa risalire la chiesa di Fermo 
al 325; e non è punto improbabile che rimonti al iv secolo. Ma 
le arbitrarie affermazioni di scrittori recentissimi su l'episcopato e 
sul martirio dei ss. Alessandro e Filippo in Fermo, nel III secolo, 
non hanno alcun peso nella nostra questione. E forse quell'Ales- 
sandro e quel Filippo sono i due famosi martiri romani omonimi, 
sepolti l'uno (3 maggio) nella Via Nomentana e l'altro (30 luglio) 
nella Salaria, venerati altrove lungo la medesima via e forse anche 
a Fermo. 

Asculum Picenum (Ascoli Piceno). 

In Ascoli è venerato come martire un s. Cristanziano, che a 
Lodi (Lombardia) è ritenuto semplice confessore (cf. AS^ mai, 
III, 202). Un s. Crisantianus o Crisentianus si legge pure sotto 
Aquileia il 17 febbraio; ma anche su quest'ultimo siamo molto 
male informati. E lecito quindi dubitare che al 17 febbraio Cri- 
santianus stia per Chrysogonus, santo venerato in quella città 
della Venezia. 

Aemygdius? — In un diploma di Ottone III (cf. Diplomata 
regmn et imperatorum Germaniae, III, n. 214) del 23 giugno 996 
la cattedrale ascolana vien detta semplicemente « canonica sanctae 
Dei genetricis Mariae », né altro contitolare vi è ricordato. Ma in 
un diploma di Enrico III del 27 maggio 1056 (Ughelli, I, 447-9) 
viene appellata « in honorem beatae Dei genitricis Mariae et in 
qua requiescit corpus s. Emigdii », e in un diploma di Leone IX 



398 LE bloCÈSI d' ITALIA 

del 1° luglio 1052 : « sanctae Dei genitricis V. Mariae et beatissimi 
Ohristi raartyris Emigdii » (Ughelli, 1. e, 449-50). Ora perchè 
questo titolare aggiunto nel secolo xi ? Argomentando da casi con- 
simili (v. ad esempio Padova), credo possa affermarsi con fon- 
damento elle ciò avvenisse tra il 996 e il 1052, in occasione del 
ritrovamento delle ossa di un s. Emidio, credute del protovescovo 
della diocesi ; quantunque non sappiamo e, forse, non sapremo mai 
(perchè non ci fu tramandato) in quali circostanze si svolgesse 
quel fatto. Dopo qualche tempo, nell'xi o nel xii secolo, secondo 
un costume allora largamente praticato, ci fu chi pensò a scrivere 
una Passione {BHL, 2535) dr quel sant' Emidio ; e il falsario prese 
il nome di Valentino, si spacciò per discepolo del santo e in cor- 
rispondenza epistolare con papa Milziade (310-4). E noto che i ve- 
scovi di Ascoli dei secoli xi e xii furono molto devoti agli impe- 
ratori tedeschi; quindi probabilmente per far piacere ai padroni, 
il falsario stesso fece nascere Emidio nella provincia di Treveri. 
Il santo sarebbe giunto a Eoma con tre discepoli di nome Euplo, 
Germano e Valentino (il presunto autore della Passione), e sarebbe 
stato ordinato vescovo di Ascoli da papa Marcello (307-9) ! Il con- 
sacrato, recatosi alla sua sede, sarebbe stato martirizzato il 5 agosto 
sub Diocletiano (284-305) ! Lo Harnack (o. e, II, p. 264) fa rimontare 
la chiesa di Ascoli al 325, argomentando dai martiri in essa avvenuti. 
Non crederei però che la recentissima e favolosa Passione di s. Emi- 
dio ce ne desse il diritto. Un tal documento, senza alcun dubbio tar- 
divo e fantastico, non ci può fornire informazioni sicure su la storia 
e su l'età del protovescovo di Ascoli. Un diploma di Carlo Magno, 
5 agosto 800, dato « apud tumbam b. martiris Emidii » ricorda bensì 
una chiesa che i primi imperatori cristiani avrebbero costruito in 
Ascoli « in honorem beatissimi Emidii martiris »; ma quel docu- 
mento è falso (cf. Diplomata KaroUnoritm, n. 260, in Mon. Gemi. 
MsL), e forse deriva da^ lo stesso autore della Passione di s. Emidio, 
o fu composto nello stesso ambiente ascolano e con lo stesso spi- 
rito, cioè per adulare gli imperatori tedeschi. 

Olaudius: 359? — Il vescovo piceno Claudio, di cui sopra, in- 
tervenuto al conciliabolo di Eimini, fu attribuito senza alcun fon- 
damento alla diocesi di Ascoli. 



LA REGIONE V - PICENOM - ASCULUM PICENUM (aSCOLI PICENo), EC. 399 

1^ Lucentius : 451-3, legato di Leone I al sinodo calcedonense 
(J-L, 458, 462-66, 469, 476; Mansi, VI, 565, 939, 975, 1170, 1176, 
1181; VII, 3, 98, 118, 179, 186, 194, 271, 295, 302, 314, 399, 423, 442). 

Quintianus, 483-92 e. — Non fu vescovo di Ascoli, « Ascula- 
norum », come il Baronip suppose, ma « Arculianorum » o « Er- 
culianorum » nella provincia di Antiochia (Siria) (cf. Mansi, VII, 
11^9-70). 

Epiphanius, 535-6 e. — Non di Ascuhim ma di Aeclanum. 

« Ecclesia Asculana »: 602 {J-L, 1882). 

Truentum, Castrum truentinum (alla foce del Tronto). 

1. Vitalis: 483-4, legato di Felice IV a Costantinopoli {J-L, 
591-3, 596-7, 599, 602); 485, deposto dal vescovado (J-L, 605, 610; 
Lib. Pontif., ed. Mommsen, pp. 115, 214, 225, 255); morto prima 
del maggio 495 (Mansi, Vili, 177-86; Grisae, Hist. de Rome, 3, 
338-9; DuoHESNE, Hist. anc. de l'Égl, III, 512-3). 

Constantinus, 487. — Non di Truentum, ma di Treba nel Lazio 
o nell'Umbria. 

interamnia Praetuttianorum e Praetuttiorum (Teramo). 

Chiesa vacante, 598 {J-L, 1596). — Ne era visitatore Passivo, 
vescovo di Fermo. 

1. Opportunus designato vescovo nel 601 (J-L, 1855-6). 



Ofena. 



1. Non so perchè il Foglietti (Le Marche dal 586 al 1230, Macerata, 1907, 
p. 10) annoveri la diocesi di Aufinum (Ofena) dei Vestini tra le picene. 



LA REGIONE VI. 



UMBRIA. 



Può dividersi in due parti : 

I. Umbria Oisappenninica o Umbria propriamente detta: 

IL Umbria Transappenninica (le Marche di qua da Ancona). 



La Via Flaminia, uscendo da Eoma per la porta omonima, 
entrava nell' Umbria a Ocriculum, passava per Narni, e si biforcava 
in due rami, l'uno dei quali per Terni e Spoleto, e l'altro per Oar- 
sulae e Mevania raggiungeva Forum Flaminii; valicato l'Appen- 
nino, per Forum Sempronii a Fanum Fortunae, quindi proseguiva 
per Ariminum nella Gallia Cisalpina. Un'altra strada menava lungo 
il mare da Fano ad Ancona. 

Dopo Augusto l'Umbria propriamente detta e l'Etruriao Tu- 
scia costituirono un'unica provincia detta « provincia Tusciae et 
Umbriae » o anche « provincia Tusciae »; quindi nei documenti 
cristiani non di rado città dell' Umbria sono collocate « in Tuscia ». 



I. - UMBRIA PROPRIAMENTE DETTA. 

Ocriculum, Otriculum (Otricoli). 

Il 14 maggio si celebra in Otricoli la festa di un s. Vittore, 
martyr inventus, come risulta dalla seguente iscrizione: — lubante 
(= iuvante) Deo Fulgentius episcopus invento corpore beati mar- 
tyris Victoris in Ohristi nomine super.^altarem construxit — (« Bull, 
d'arch. crist. », an. 1871, p. 83). Il vescovo inventore pare sia stato 



LÀ llECilONiii VI - UMBRIA - OClUCÙLÙlVl (oTRICiOLl) 401 

il Fulgenzio vescovo di Otricoli ricordato da s. Gregorio Magno 
nei Dialoghi (III, 12) ; e questa tardiva invenzione spiega forse l'as- 
senza di s. Vittore dal Grerolimiano. Egli non ha Passione propria; 
e gli agiografi gli hanno attribuito la leggenda dei santi martiri 
egiziani Vittore e Corona, celebrati nello stesso giorno ; e alle volte 
hanno creato i due egiziani stessi cittadini di Ocriculum {BEL, 
8559, 8583 b ; AS, mai, III, 269). 

Una Passione {BHL, 4888) nota a Usuardo (sec. ix) colloca in 
Eoma un s. Leopardo scolaro di un Valentinus abitante « trans 
Tiberim iuxta.pontem Malium » (=Molvium, ponte Molle); il quale 
sarebbe stato decapitato il 30 settembre e sepolto in Otricoli, quindi 
trasferito in Aquisgrana (Germania). Il de Eossi parla di un mar- 
tire Leopardus su la Via Salaria « ad S. Hermetem », che potrebbe 
essere il nostro martire omonimo venerato in Otricoli (cf. Roma 
sotterr., I, 176). Un'altra Passione di s. Leopardo {BHL, 4888 b), 
contenuta in un cod. del xii o xi secolo, ignora il trasloco in quella 
città renana, e parla della sepoltura in Otricoli « usque hodie » ; 
e questa redazione dovrebb'essere più antica dell'altra. 

Un martire di nome Medicus, assegnato dalla sua Passione 
{BHL, 5877), posteriore al mille (cf. AS, iun., VII, 7-8) a Otricoli 
il 25 giugno sub Antonino, non ha lasdato altri ricordi negli an- 
tichi documenti. In alcuni codd. (cf. Gat. codd. hag. lat. hibl. ro- 
manar., p. 425, n. 8) s. Medico viene chiamato « b. Benedictus 
medicus et martyr » ; e si direbbe che s. Medicò sia lo stesso 
s. Leopardo, chiamato medicus per la guarigione ottenuta dalle 
preghiere dei fedeli di Otricoli. Il caso non sarebbe nuovo nella 
storia medievale del culto dei santi. 

Il 7 novembre sono pure venerati in Otricoli un sant'Eleozi- 
mus (al. Leóntius), che secondo la Passione ora ricordata avrebbe 
seppellito s. Medico, un s. Nectarius (al. Nestarius e Nestorius) e 
un s. Leopardus (al. Leonardus), dei quali nulla si conosce se non 
una traslazione del 1316. E forse l'ultimo dei tre è il s. Leopardo 
su menzionato (cf. AS, nov., Ili, 321-2). 

1. Herculeus : 487. 

2. Oonstantinus : 499. 

20 



40É Lb DIOÒfeSI d' ITALIA 

3. Fiilgeritins: 541-42 e. — V. sopra e AS, mai, V, 167; BtìL, 
3207 d; « Anal. Boll. », an. 1911, p. 22G, n. 20). Visse al tempo del 
re Totila {Dialoghi, III, 12). 

4. Dominicus: 595. 



Narrila (Narnì). 

Narni possiede alcune iscrizioni antiche, fra le quali una del 
IV secolo {CIL, XI, 2, 4160-9). 

1. luvenalis, sec. iv. — S. Gregorio nei Dialoghi (lY, 12) e 
altrove (Migne, P. L., LXXVI, 1280), parla di un vescovo di Narni, 
di nome Giovenale (luvenalis), martire, e del suo sepolcro esistente 
in quella città; e la Vita di papa Vigilio (537-55) nel IJber Pon- 
(ifìcalis narra che il duce Belisario « fecit iuxta civitatem Hortas 
(Tuscia) monasterium sancti luvenalis ». Una Vita di s. Giovenale 
(BHL, 4614) si presenta come lavoro di un vescovo, suo successore, 
di nome Massimo ; conosce non solo la Vita Paulae di s. Girolamo, 
ma le Passioni di s. Valentino di Terni, di s. Feliciano di Forum 
Flaminii, di s. Terenziano di Todi e altri documenti leggendari dei 
secoli VI e vii, quindi non è molto antica; essa dichiara che Gio- 
venale fu africano (più tardi si disse cartaginese) e primo vescovo 
di Narni; dice che fu sepolto alla Porta Superiore di Narni su la 
Flaminia, al 55" miglio da Koma, il 7 agosto, e se ne celebrava 
la festa il 3 maggio. Ma la Vita, a differenza di s. Gregorio, non 
dà a Giovenale il titolo di martire^ bensì di confessore. Nel Gero- 
limiano il nome di luvenalis compare il 3 maggio, solo nel codice B, 
commisto coi tre martiri della Via Nomentana, Evenzio, Alessandro 
e Teodulo, commemorati in quello stesso giorno (cf. Dufourcq, 
0. e. III, 85; QuENTiN, o. e, 331). Ma s. Gregorio, come è noto, 
suole chiamare martiri alcuni vescovi italiani del secolo iv, che 
non furono uccisi per la fede. Narni mostra anche oggi il sepolcro 
del suo s. Giovenale (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1871, p. 83; 
« Archivio per la stor. eccl. dell'Umbria, an. 1913, p. 248); ma 
l'iscrizione sepolcrale Secreti locus intus inest, ove si legge: primus 
episcopus ipse fiiit Narni... Africa qitem genuit... id. aiig. Domino 



LA hfeGtoNÈ vt - Umbria - naunia (narni) 403 

praestante sepuUum, non è antica ; molto meno del iv secolo, come 
si è preteso. Forse è del secolo ix al pari della Vita. 

Maximus? — E il presunto autore della Vita di s. Giovenale 
{AS, mai, I, 390), di cui si è detto. Tuttavia il falsario che si è co- 
perto del nome di Maximus forse non ha assunto un nome inven- 
tato, ma quello di un vescovo di Narni conosciuto. Forse del suc- 
cessore immediato di s. Giovenale, noto dai dittici ancor in uso 
nel IX secolo? 

Pancraiius, \ Un epitafio di Narni (CIL, 41G3) 

Hercules, \ del secolo v parla di un vescovo 

2. Pancratius, f 5 ott. 444. I Pancrazio, defunto il 5 ottobre del 
444-: « Pancratius episcopus, fìl. Pancrati episcopi, frater Herculi 
episcopi ». Gli scrittori di Narni hanno creduto che tanto il ve- 
scovo Pancrazio, quanto il fratello Ercole e il figlio Pancrazio ab- 
biano tenuto successivamente il seggio episcopale di Narni, ma 
questo non è il senso dell' iscrizione. Infatti se l'epigrafista avesse 
inteso parlare di tre vescovi di Narni defunti, non. avrebbe man- 
cato di chiamarli, secondo la consuetudine, bonae o sandae me- 
moriae. L'autore dell'epitafìo volle dunque semplicemente dire che 
il vescovo Pancrazio di Narni, morto nel 444, aveva stretti parenti 
vescovi, il padre e il fratello (una famiglia di vescovi !), vescovi 
naturalmente dj altre sedi distinte da quella di Narni, benché forse 
vicine. Si noti che a Otricoli nel 487 sedeva un Herculetis, che 
potrebb'essere il nostro Hercules. 

Vitalianus: 499. — Dato dall' Ughelli (I, 1007) e dal Gams 
(p. 707) come vescovo di Narni, fu di Arna; non narnienis, ma 
arniensis. 

Syrus, \ Ignoti all' Ughelli, furono collocati dal Gams 

Valeniinus. ) dopo il falso Vitaliano ; trasferiti per errore dal 
catalogo ternano in quello di Narni (v. Terni). 

Proculus. — Il martire Procolo con ragione venne tolto dal 
p. Sbaraglia (« Archivio per la storia eccles. dell' Umbria », I, 579) 
e dal Gams (p. 707) al catalogo di Narni, perchè non fu vescovo. 
Sul martire Procolo v. Napoli, Terni e Bologna. 

3. Cassius, secondo la sua pietra tombale {CIL, X, 2, 41G4), 
consacrato il 19 ottobre 530 f 30 giugno 558; secondo s. Gregorio 



iOi \k btocfesi b'itAUA 

Magno {Dial.\ IV, 6 ; e Homìliae in Evangelia^ II, 37), defunto il 
29 giugno. Lo stesso s. Gregorio (DiaL, III, 6) parla con lode di 
lui e lo dice vissuto al tempo di re Totila (541-42). Sopra il suo 
culto cf. BHL, 1G38-9; AS, iun., VII, 445 ; « Anal. Boll. », an. 1889, 
p. 132; e sul suo sepolcro Geisar, Hist. de Rome, II; 314-6. 

4. Ioannes: 558-60 (J-L, 974-5). 

luvenaUs II, nel VI secolo. — Fu messo in dubbio dal p. Sba,- 
raglia (o. e, I, 579); ma doveva espungersi, perchè questo Giove- 
nale II, che sarebbe il santo apparso al vescovo di Eieti (Gre- 
GORii Dial, IV, 12), non fu un s. Giovenale distinto dal protovescovo 
di cui sopra (v. Eieti). 

5. Praeiecticius : 591 (J-L, 1155). 

6. Oonstantinus ; 595; 598 {J-L, 1585; fu visitatore di Terni). 
Gonstantms : 594. — Da un falso diploma {J-L, f 1239) di 

s. Gregorio Magno. 

Interamna Nahars (Terni). 

Il Gerolimiano al 15 febbraio colloca in Terni una s. Agape: 
W, B Interamnes natale sancte Agape {E Agapis) virginis, 

e al 14 aprile una santa Domnlna: 

B Interamna... Domnhiae {E, W Dominae) virginis curii suis virginibus si- 
mul coronatae ; 

e veramente esiste nel museo del Campo Santo dei tedeschi 
presso S. Pietro in Vaticano un' iscrizione ternana di una fanciulla 
cristiana di nome Oastula; incisa in mezzo a un marmo scolpito, 
ove figurano due oranti, quella a destra col nome a fianco di Do- 
mnina e quella a sinistra di Agai}e, attribuita al iv secolo (cf. GIL, 
XI, 2, 4344 a ; « Bull, d'arch. crist. », an. 1871, p. 80). Il de Eossi 
credette ravvisare nelle due oranti le due martiri poste sotto Terni 
nel 15 febbraio e nel 14 aprile. Ma l'Agape del Gerolimiano (15 
febbraio), come il p. Delehaye ha dimostrato, è una martire di 
Antiochia (10 marzo), raggruppata il 15 febbraio (per uno di quei 
fenomeni altrettanto frequenti per quanto difficili a spiegarsi) con 



LA REGIONE VI - UMBRIA - INTERAMNA NAHARS (tERNi) 405 

altri martiri antiocheni: Giuseppe (20 marzo), Komano è Baralis 
(18 novembre). E l'Interamua del 15 febbraio ò una data topo- 
grafica senza il nome del martire relativo; una semplice ripercus- 
sione, come suol succedere nel GerOlimiano, dell'elogio del giorno 
precedente (14 apiile) del s. Valentino di Terni, ma una ripercus- 
sione non intera, perchè il nome del martire è caduto, e solo quella 
della, città è rimasto. Del pari la Domnina del 14 aprile è una 
notissima martire di Antiochia, facente parte di un gruppo famoso, 
cioè Prosdoce, Bernice e Domnina (cirm siiis virginibiis siimd 
coronataé) ; gruppo che chiaramente viene registrato sotto Antiochia 
di Siria nel Gerolimianò al 15 dello stesso mese, e nel Martirologio 
orientale al 20 successivo. L'Interamua dunque del 14 aprile non 
abbraccia Domnina e le sue compagne, ma soltanto, come vedremo, 
i ss. Procolo e Valentino, i quali seguono immediatamente dopo 
la nota topografica. E quel marmo del secolo iv? La spiegazione 
presentata dal p. Delehaye è questa, cioè che un falsario abbia 
inciso sotto le due oranti, in origine anonime, i nomi delle due 
martiri antiochene, credendole di Terni. E in verità il falso del- 
l'iscrizione ternana di Oastula sarebbe recente (cf. Delehaye, Les 
martyrs d'' Inter amna, in « Bull, d'anc. littér, et d'archèol. chró- 
tiennes », an. 1911, p. 161; « Nuovo Bull. » an. 1894. pp. 35-6). 

Si è creduto che la Passione delle ss. Serapia e Sabina {BEL, 
7407) assegni a Vindena, antica città presso Terni, una vergine 
Serapia e una vedova Sabina (cf. « Bull, d'arch. crist. », an. 1871, 
pp. 90-3 ; DuFOUROQ, o. e, I, 313-18 ; Harnaok, o. c, II, p. 265) ; 
ma le due sante appartengono a Eoma (cf. Lanzoni, 1 titoli pre- 
shiterali di Roma antica nella storia e nella leggenda, in « Eivista 
di arch. crist, », an. 1925, II, p. 195 e segg.). 

Altri martiri, di nome Saturnino, Castolo, Magno e Lucio, si 
dicono sepolti a due miglia da Terni (8 gennaio; cf. ^-6^, ian., I, 471). 
Ma nulla si conosce di sicuro. Sembrano nomi di martiri africani. 

Presso Terni esistette un'antica area sepolcrale cristiana, che 
prese il nome dal martire e vescovo ternano s. Valentino, e dovette 
formarsi intorno al sepolcro di lui. Vi si trovarono parecchie iscri- 
zioni del VI, del v e del iv secolo ; la piti antica del 366 {CIL, XI, 
2, 4328-44 a). 



406 LE DIOCESI d' ITALIA 

Peregrinus. — Il catalogo ternano presso l'Uglielli (I, 748), il 
Gams (p. 730) e il Cappelletti (IV, 509) comincia con un s. Pel- 
legrino che sarebbe vissuto intorno alla metà del il secolo. Ma 
fin dal suo tempo il Ferrari {Gat. SancL Italiae, 286-7) osservava 
che un s. Pellegrino era venerato il 16 maggio, come a Terni, così 
in Ancona (coi ss. Ercolano e Flaviano) ; e nello stesso giorno un 
s. Pellegrino, vescovo a Auxerre (cf. «Eevue Bénédictine », an. 1918, 
p. 112) ; e sospettava che il s. Pellegrino, creduto vescovo di Terni, 
non fosse che lo stesso vescovo di Auxerre, del quale nella leg- 
genda uarravasi che era stato mandato nelle Gallie da Sisto I 
(115-25 e.) e nel viaggio aveva predicato in Terni. E la Passione 
di s. Pellegrino di Auxerre [BEL, 6622) ricorda pure un luogo 
della sua diocesi di nome Interamnus, che potrebbe aver contri- 
buito alla confusione. Questa opinione del Ferrari mi sembra la 
più plausibile per spiegare la presenza di un Pellegrino nel cata- 
logo ternano. Il presunto evangelizzatore di Terni, si sarebbe tra- 
sformato, còme altrove, in vescovo residente di Terni. Del resto 
questo s. Pellegrino ternano è ignoto a tutte le antiche fonti sto- 
riche umbre. — Il p. Sbaraglia (1. e, p. 641), secondo me meno 
felicemente, suppose che l'intrusione di s. Pellegrino nella lista 
di Terni si dovesse a cattiva lettura: Peregrinus (v. Amiternum) 
ep. amitern. si sarebbe interpretato : ep. ternanus. Ma, poiché il 
Peregrinus di Amiternum visse nel vi-vii secolo, perchè il Pere- 
grinus di Terni si sarebbe posto nel secondo? Mi sembra quindi 
più logica la tesi del Ferrari, che io seguo. 

Anthiums, v. Oures Sabinorum. 

1. Valentinus, sec. iii. — Nel Gerolimiano un Yalentinus com- 
pare sotto Terni due volte: al 14 febbraio, data tradizionale (cf. 
QuENTiN, o. e, 331; Dufouecq, o. c, III, 85): 

B Iiiteramnes via Flamminia miliario ab urbe Romae LXIII natale sanct 
...Valentini Inthera milites (per miliariis) quinquaginta quattuor via Flam- 
minia, 

E Interamne in Flamminia natale Valentini... Valentini et mil. XXIIII via 
Flamminia, 

W Interamne via Flaminia ab urbe Rome inilia. LXIII natale sancti... Na- 
tale Valentini Inthera. milites LIIII via Flaminia. 



LA REGIONE VI - UMBRIA - INTER XMNA NAHARS (TERNI) 407 

e al 14 aprile (per lo scambio di XVI Kal mari, in XVIIl Kal. mai?), 

B, W Interamna... Valentini, 
E Et interamne .. Valentini. 

Una Passio s. Valentini {BHL, 8460-1), certo anteriore all'vin 
secolo (cf. QuENTiN, o. e, pp. 94, 579), e forse composta in Koma 
nel secolo vi o v (cf. Dufouroq, o. c, I, 231 ; III, 29), lo chiama 
vescovo e cittadino di Terni: « Interamnensis episcopus », e « civis 
Interamnis urbis ». Sarebbe stato invitato a Eoma da un Oratone, 
oratore grecò e latino, per guarire suo figlio Oheremone, malato 
da tre anni ; ridonata la sanità all' infermo, avrebbe convertito 
alla fede i greci Oratone, Procolo, Efebo e Apollonio, studiosi delle 
lettere latine, e Abondio, figlio del prefetto della città; e cacciato 
in prigione, sarebbe stato decoll.ato in Eoma per ol'dine del prefetto 
Furioso (?) Placido. Procolo, Efebo e Apollonio ne avrebbero por- 
tato il corpo a Terni e l'avrebbero sepolto presso la città nel 
suburbauo; quindi essi stessi sarebbero stati decollati dal conso- 
lare Leonzio e sepolti da s. Abondio non lungi dal corpo di s. Va- 
lentino. Nella Passione il nome dell'imperatore non compare; ne 
si conosce uu Placidus praefeclus urbi del tempo delle persecu- 
zioni, ma solo del 346 e 347; tuttavia alcuni eruditi hanno voluto 
vedere nel « Furiosus Placidus » della Passione un « Furius Pla- 
cidus », che tenne il consolato nel 273 (cf. Chron. min., I, 60, 66, 
68, 515). Secondo la Passione di s. Feliciano, vescovo di Forum 
Flaminii di cui si dirà, s. Valentino sarebbe stato ordinato vescovo 
di Terni da Feliciano col permesso di papa Vittore (189-199) ; e 
secando la Vita di s. Giovenale vescovo di Narni, di cui si è par- 
lato, questi avrebbe eretto un oratorio nella sua città in onore di 
s. Valentino. Non è quindi lecito dubitare che il martire Valentino 
non abbia tenuto la sede di Terni. Ma che cosa dovrà dirsi degli 
altri martiri Procolo, Efebo e Apollonio e del « sanctus Abundius », 
associati a lui dalla Passione? Un « sanctus Abundius », come 
vedremo, era venerato presso Foligno, e non è improbabile che 
l'anonimo autore alluda a lui. In quanto ai primi tre, essi si tro- 
vano nel Gerolimiano ; prima al 14 febbraio, in un codice del secolo 
IX, senza note topografiche: 

B Item Valentini episcopi, Proculi, Eusebii (per Bpìiébi) et ApoUonii; 



408 LE DIOCESI d' ITALIA 

e forse questo elogio proviene dalla stessa Passione. Ma i tre santi 
si leggono pure in codici più antichi, benché con parecchie ano- 
malie. Il 14 aprile, che non è la data tradizionale di Valentino, il 
nome di lui compare con quei tre sotto Interamna: 

JB, W Interamna Proculi, Valeniini, 

E Et Interamne Appolloui, Fevi (per Epliebi)... Proculi, Valentin! ; 

ma nel 1° maggio, mentre Procuhis si legge sotto Interamna, gli 
altri due sono registrati senza nota topografica: 

B, AV Et alibi Apolloni, Eufemi (per Epliébi) Interamne miliario soxagesimo 
mi Proculi, 

J? Et alibi Appolloni, Eufemi. Et interamne milit. XXIII Proculi. 

Apollonius e Ephebus si leggono del pari senza indicazione di luogo 
nel 18 aprile : 

E, B, W Febi, Proculi, Apolloni ; 

ma, quel che è peggio, Apollonius ed Ephebus sono commemorati 
il 15 febbraio sotto Antiochia: 

B, W Antiochia natale sancti losippi diaconi, Zenonis, Apolloni, Poebi 
{E Phoebi); 

e nel 10 aprile Apollonius è attribuito ad Alessandria, come nel 
Martirologio orientale: 

E, B, W Alexandria Appolloni presbiteri, 

sicché pare doversi pensare a due martiri orientigli. Adunque i tre 
compagni dati dalla Passione a s. Valentino, non sarebbero stati 
soci di lui nel martirio a Terni; ma martiri, compagni di lui sem- 
plicemente nei calendari e nei martirologi ecclesiastici, e dall'au- 
tore della Passione, secondo un procedimento omai troppo noto, 
assunti all'uffizio di discepoli e di seppellitori del martire Valentino, 
e poi di martiri caduti nella patria stessa del vescovo, e sepolti 
presso di lui (v. a questo proposito la Passione di s. Cesario di 
Terracina). Alcuni vollero, ma con lievissimo fondamento, imme- 
desimare l'Apollonius del 18 aprile del Gerolimiano col martire 
omonimo di cui parla s. Girolamo nel De viris illustribus (cf. Quen- 
TIN, 0. e, 309). 



LA REGIONE VI - UMBRIA - INTERAMNA NAHARS (tERNI) 409 

Il nostro s. Valentino fu veneratissimo nella Media Italia. Ei- 
corderò una sua chiesa del ix secolo sul lago di Bolsena, una 
cellula s. Valenliìii, pure del ix secolo, in Sabina, una cella s. Va- 
lentini dell'viii secolo nel territorio di Viterbo, e una chiesa nel- 
l'Abruzzo, come abbiamo veduto, anteriore al mille (cf. Kbhr, Bai. 
poni., II, 71, 199; « Eevue Bénédict. », an. 1910, pp. 364-5; To- 
MASSETTi, La campagna ro^mana, III, 108). Il culto di s. Valentino 
di Terni fu importato in Soma per tempo, come quello dei ss. Aga- 
pito di Preneste, Leucio di Brindisi, Agata di Catania, Vito di 
Lucania, Apollinare di Ravenna, Vitale di Bologna, Felice di Nola ec. 
Papa Giulio I (337-52) « fecit basilicam in Via Flaminia mil. II 
(ab Urbe), quae appellatur Valentini », non molto lungi dal Pons 
Molvius. Of. Ghroìi. min., II, 76. Il pontefice forse avrà scelto quella 
località non solo perchè la Via Flaminia conduceva a Terni, al se- 
polcro del martire, ma anche per altre ragioni. Crederei che nel 
luogo prescelto da papa Giulio esistesse un cimitero di cristiani 
forestieri residenti nella xìapitale o presso la capitale. Certo è che 
intorno alla basilica si svolse da quel tempo in poi un vasto cimi- 
tero sub divo, di cui nel 1888 si trovarono molti titoli sepolcrali 
cristiani del iv, del v e del vi secolo. La più antica datata di queste 
epigrafi, poste dal tempo di papa Giulio in poi, appartenne a una 
fanciulla di nome Veneriosa, nata in Terni nel 18 agosto del 355 
(« que nata est in c[ivitate] Interamn[a]tium »), forse da genitori 
ternani, e "morta nel 5 ottobre del 359, probabilmente in Roma ; e 
un'altra ricorda un cristiano ravennate : « [hic] requies[cit civijs 
rav[ennas] ». Papa Giulio, secondo il costume, avrà fatto venire 
da Terni, e collocato^ sotto l'altare della sua basilica, le. sanchtaria 
di s. Valentino. Quindi le espressioni che si leggono in alcuno dei 
sopraddetti titoli : acZ domm{[m] V^alentinum]; [deposi]tus est ad 
d[omnum Valentimiin], addetur et tibl Valentini glodria (sic) s[ancti^ ec. 
non debbono intendersi necessariamente per depositus ad corpus, 
ma ad sancluaria, secondo la fraseologia di quell'epoca, in cui tanto 
spesso e tanto volentieri, come si è esposto largamente nell' In^ro- 
duzione (pp. 66-7), dicevasi sanctus, domnus N. non solo del corpo 
intero del martire, ma delle reliquie, massime se di qualche im- 
portanza. Ma prima ancora che papa Giulio elevasse la basilica di 



410 LE DIOCESI d' ITALIA 

S. Valentino in qnel luogo, vi si dovevano trovare delle sepolture 
cristiane, perchè ve ne fu rinvenuta una mutila, che risalirebbe 
al 318 (cf. « Notizie degli scavi, an. 1888, pp. 448-58, 503, 631, 633, 
635-40, 703-7, 730-2; an. 1889, pp. 106-107; db Eossi, Inscript. 
clirist. urbis Roììiae, I, n. 461 e 506; Siipplementuiìi., pp. 15, 41, 49, 
73-4, 85-6, 88, 90, 95, 101, 104, 112, 114, 117, 123, 130; CIL, VI, 4, 
n. 30, 467-70). Presso la Via d'Acqua Acetosa venne alla luce un 
frammento di architrave marmoreo con un'iscrizione in caratteri 
filocaliani o creduti tali (IiiM, Damasi epigr., pp. 53-1) : 

,BEAT1S ... 
PRESBY... 

e il prof. Marucchi (// cimitero e la basilica di s. Valentino, Eoma, 
1904, p. 121) opinò che questa iscrizione si riferisse al nostro s. 
Valentino, e l' integrò : Beatis[simo martyri Valentino] presbij[tero 
Damasus episcopus fecit] ; ma il prof. Gatti (« Notizie degli scavi », 
an. 1888, p. 458) notò che il monumento fu rinvenuto più presso 
al cimitero ad cUvum cucumeris che non alla basilica di S. Va- 
lentino, e però potrebbe spettare al celebre martire Giovanni prete, 
tumulato in quell'ipogeo, anzi che a s. Valentino. Ne Damaso 
avrebbe chiamato presbyter il vescovo martire di Terni, a cui solo 
più tardi, come vedremo, un anonimo aflibiò il titolo di preshyler. 
Due altri frammenti in caratteri filocaliani (Ihm, 1. e.) furono tro- 
vati fra i ruderi della basilica romana di S. Valentino; e da essi 
il Marucchi credè di raccogliere: [supplex t ibi vota repen]do ; ma, 
se pure è giusta questa integrazione, nulla ci dice di storico, e di 
personale sul martire Valentino venerato presso Eoma. Gli autori 
delle Passioni romane si occuparono di questo santuario di Giulio I. 
Le Gesta Maris (BEL, 5543), probabilmente del secolo vi, si pro- 
posero di glorificare parecchi martiri, venerati o sepolti nella re- 
gione percorsa dalle Vie Ostiense, Portuense, Cornelia, Salaria e 
Flaminia e posero la scena sub Claudio (v. Ostia). Esse supposero 
che l' imperatore arrestasse un certo « Valentinus presbyter », che 
sarebbe stato consegnato ad « Asterius princeps » dal prefetto 
Oalpurnio. Valentino avrebbe restituito la vista alla figlia di Asterie, 
malata da due anni, e avrebbe convertito e battezzato il padre. 



LA UEGIONE VI - UMBRIA - INTEUAMNA NAHAKS (tERNI) 411 

cresimato poi dal vescovo Callisto; dopc^ di che sarebbe stato 
battuto, quindi decollato « via Flaminia sub die kal. martiarum * 
(14 febbraio), e il suo corpo sarebbe stato sepolto nel luogo stesso 
ove fu decollato, da una matrona di nome Savinilla: « ubi multa 
miracula operatur Dominus ». Non è possibile non riconoscere una 
certa somiglianza tra le Gesta Maris e la Passione di s. Valentino 
di Terni, che dovette essere nota all'autore delle Gesta Maris come 
le Gesta Callisti. Ma l'autore delle Gesta Maris tacque che il suo 
« Valentinus presbyter » fosse sepolto a Terni, e affermò che 
venne tumulato ove gli fu reciso il capo e ove Dio faceva molti 
miracoli. La Passione di s. Valeni^ino di Terni diceva bensì che 
questo santo fu decollato in Koma, ma soggiungeva che da Roma 
fu portato a Terni: il nostro anonimo non solo soppresse questo 
particolare importante, ma insinuò che s. Valentino fosse decollato 
a Eoma, precisamente su la Via Flaminia, cioè ove sorgeva la 
basilica di Giulio, e fosse tumulato là dove ricevette il martirio. 
Tuttavia egli aff^ermò esplicitamente che il dies natalis del suo 
s. Valentino della basilica di Giulio I coincideva con quello di 
s. Valentino di Terni, cioè col 14 febbraio, e con questo dovette 
testimoniare suo malgrado che il suo s. Valentino prete era lo stesso 
s. Valentino vescovo di Terni, venerato colà nel medesimo giorno. 
Un altro scrittore romano fece menzione del nostro s. Valentino 
nella Passione di s. Leopardo {BHL, 4888), narrando (v. Otricoli) 
che il martire Leopardo fu ammaestrato nella fede da un dotto 
di nome Valentinus, che, sub luliano (360-363) dimorava « trans 
Tiberim iuxta pontem Molium », ponte che sorgeva appunto 
non lungi dalla basilica di Giulio I. Così il martire Valentinus 
avrebbe vissuto più di un secolo ! Ma, se l'autore delle Gesta Maris 
non disse abbastanza chiaramente che il suo s. Valentino fu se- 
polto nel luogo ove Giulio I fondò la chiesa in onore del s. Va- 
lentino di Terni, altri dopo di lui lo aff'ermò esplicitamente. Infatti 
quel passo in cui si narra la storia di « Valentinus presbyter » fu 
stralciato dalle Gesta Maris, e se ne formò una Passio s. Valentini 
presbyteri et martyris {BHL, 8463). Un amanuense {BHL, 8464) si 
contentò di aggiungervi : « accipiens coronam vitae, quam repro- 
misit Deus diligentibus se » ; ma un altro {BHL, 8465), che volle 



412 ' LE DIOCESI d' ITALIA 

sembrare più erudito, racimolando frasi qua e là dalle Gesta Mar is, 
dette ad altro proposito, vi aggiunse : « Ibi postea a Tulio papa 
fabricata est ecclesia in honorem s. Valentin! presbyteri et mar- 
tyris et mirifice decorata, in qua devote petentibus beneficia Do- 
mini praestantur usque in liodiernum diem ». E così questo autore 
conchiuse dalle Gesta Maris che la basìlica di Giulio I fu edificata 
nel luogo ove s. Valentino fu ucciso e sepolto, e non ebbe nessuna 
difiicoltà a scriverlo apertamente. Così il sepolcro di s. Valentino 
di Terni fu trasportato arbitrariamente a Eoma. Intanto Onorio I 
(625-638), Teodoro (642-649), inalzava sul luogo della basilica di 
Giulio un'altra chiesa più vasta, decorata poi da Benedetto II 
(684-685), i cui ruderi tornarono alla luce nel 1888. E i pellegrini, 
che circa in quel tempo la visitarono, ci raccontano che s. Valen- 
tino « quiescit in basilica magna, quam Honorius reparavit, et alii 
martyres in aquilone plaga sub' terra »; oppure « corpore iacet, 
et multi sancti ibidem sunt sepulti » (cf. de Bossi, Eoma sotter., I, 
171). Essi espressero così una persuasione già formata. Nondimeno 
in quello stesso tempo, come risulta dal Liber pontificai is, la chiesa 
romana seguitava a celebrare la festa del s. Valentino della Fla- 
minia al 14 febbraio, come in antico e come a Terni. E i codici 
del Gerolimiano, compilati nel ix e x secolo, mentre aggiunsero 
all'elogio di Terni la festa di Eoma, non la spostarono dal 14 
febbraio : 

H Romae Valentini, 

E^ Romae Valentini, Zenonis, Feliculae, Martini, 
E^ Romae Valentini ijresbyteri, 

G Romae Valentin!, Zenonis, Vitalis, Feliculae mart., 

G 915 Romae Valentin! episcopi, et in via Ardeatina Feliculae, Vitalis et •^■' 
Zenonis. 

Abbiamo sentito come i pellegrini del vii e dell' viii secolo non 
solo venerassero nella basilica il corpo di s. Valentino, ma « in 
aquilone plaga sub terra» filtri martiri {alii martyres) o santi 
{multi sancti ibidem sunt sepulti). Con queste parole essi si riferi- 
scono certamente all' ipogeo scavato sotto i monti Parioli, ora tor- 
nato alla luce, a nord della basilica di Giulio e di Onorio, e di- 
stante oltre venti metri dai ruderi di quella, con avanzi di un 



La IlEtìlONb vi - tJMÌ3klÀ - l^TEhÀMKÀ NAhAUS (ftìllNl) 4l3 

Cubiculo ornato di pitture del vii secolo; o anche a reliquie di 
altri martiri venerati nella basilica onoriana, ove si trovarono pit- 
ture frammentarie, probabilmente in lode di alcuni martiri, e un'i- 
scrizione in onore di un s. Zenone (cf. Notizie degli scavi, an. 1888, 
pp. 632-633; de Bossi, Inscript. christ. urbis Roma e, II, 448) ; pro- 
babilmente di quel Zenone martire, che compare sotto Boma nel 
Gerolimiano il 14 febbraio insieme con s. Valentino, e quindi fu 
detto in tempi posteriori « frater s. Valentini ». Il Marucchi (o. 
e, pp. 41-3, 70 e 114) supponendo che il s. Valentinus preshyter e 
il s. Valentinus episcopus delle Passioni siano due persone, ha con- 
getturato che il corpo del preteso Valentinus preshyter, fosse se- 
polto da prima nell'ipogeo sotto i colli Parioli, quindi trasferito 
da Onorio I dentro la basilica da lui rifatta. Ma tutti gli antichi 
documenti sono muti su questo martire romano Valentino e sopra 
una pretesa traslazione di lui dall' ipogeo alla basilica. E se l' ipogeo 
dei Parioli avesse contenuto il sepolcro di un martire romano Va- 
lentino, Giulio I non avrebbe costruito una basilica in onore di lui 
lontano dalla sepoltura cimiteriale, ma, secondo la consuetudine, 
l'avrebbe innalzata sopra la tomba o sopra la (jripta. Adunque il 
preteso s. Valentino romano è lo stesso martire ternano, che fu 
venerato in Boma fino dalla metà del iv secolo. 

Procuhis. — Nel secolo vi un martire di questo nome fu ve- 
nerato nella regione del Tevere sopra Boma. Infatti s. Gregorio 
narra nei Dialoghi (I, 9) che un nobile di nome Fortunato, avvi- 
cinandosi il giorno natalizio del b. Procolo {B. Proculi martyris 
natalitius propinquahat dies), invitò Bonifacio vescovo di Ferentum 
(Tuscia), vissuto al tempo degli Ostrogoti, a mangiare in sua casa 
dopo aver celebrato la messa presso il martire {cum apud beatum 
ìiiartyrem missarum solemnia ageret) ; non dice pe;'ò ove si trovasse 
questa chiesa di s. Procolo, se in Ferentum o in altro luogo vi- 
cino. Ab antico un s. Procolo martire fu venerato nell'Umbria; e 
ciò viene confermato dalla commemorazione del Gerolimiano al 
1° maggio, su riferita ; più dalla Leggenda dei XII Siri, che do- 
vremo esaminare (v. Bettona), la quale pone a Oarsulae su la Via 
Flaminia un s. Procolo prete; e da altri documenti agiografici, che 
hanno fatto di questo s. Procolo un vescovo ora di Terni, ora di 



414 LB DIOCESI d' ITALIA 

Narni e ora. d'altri luoghi. Ma trattasi veramente di un martire 
locale, o di un alieno? Il Baronio, presso i Bollandisti {AS, iul., 
I, 51), e ultimamente il p. Deleliaye {Les origlnes de eulte ec., p. 104, 
n. 1), hanno creduto che il s. Procolo (P maggio) di Terni sia lo 
stesso s. Procolo (1° giugno) di Bologna ; ed io mi limito a notare 
che Bologna nell'alto medioevo non ebbe una Passione propria del 
suo s. Procolo, e i lezionari di Bologna e della provincia ecclesia- 
stica di Eavenna, cui Bologna apparteneva, al 1° giugno (giorno 
natalizio del s. Procolo di Bologna) riportavano con il titolo : Passio 
s. ProcuU, appunto la sopra nominata Passione dei Xll Siri, che 
parla di un s. Procolo ma non come martire di Bologna, bensì come 
prete di Oarsulae. E perchè ciò? Forse perchè i bolognesi erano 
persuasi che il loro s. Procolo e quello di Oarsulae fossero tutt'uno? 
Intanto questo martire s. Procolo, venerato nell' Umbria, nei docu- 
menti agiografici della regione, ad esempio nella Passione dei XII 
Siri (v. Bettona), composta nel vii o nell'viii secolo, fu. creduto 
semplice prete, non vescovo, ne di Terni né d'altro luogo. Esso 
compare con la qualifica di vescovo in leggende molto posteriori. 
Infatti la Passio s. Proculi episcopi et mariyris {BHL, GQòQ-l)^ com- 
posta in Bologna nel xiii o xiv secolo, trasforma il preshyter in 
episcopus, narra che fu vescovo di Terni, e ucciso a Bologna il 
1» giugno sub Totila (541-52). Un calendario della Bihliotlieca aedt- 
lium florenlinae ecclesiae (cod. 01), attribuito al xiv o al xv secolo, 
ne fa un vescovo di Bologna : « Kal. (iunii) s. Proculi episcopi 
Bononiae », e altri finalmente, un vescovo di Narni {AS, iul., I, 
45-7). Ma i documenti antichi smentiscono queste cervellotiche 
affermazioni. 

Volusianus. — Volusianus è un personaggio ricordato nella 
anzidetta Passione dei Xll Siri come prete, non vescovo di Terni ; 
ma dall' Ughelli ciò non ostante fu registrato tra i vescovi ternani, 
e posto nell'an. 310. Il p. Sbaraglia (o. e, 041) rimase perplesso 
sull'episcopato ternano di Volusianus ; e, meglio, il Gams (p. 730) 
non tenne conto dell'opinione dell' Ughelli. 

Sirtis. — In un sinodo di papa Silvestro, secondo l' Ughelli, 
sedette un Sirus vescovo di Terni. In verità un Sirus o Si/rus si 
legge (Mansi, III, 022) nel pseudo-sinodo silvestrino del 324; ma 



LA RÉtìlONÈ Vi - OMBRIA - INTÈRAMNA NaHARS (tERNi) 4l5 

Paiitore di questi Atti non lo dice di Terni. Tale lo hanno imma- 
ginato gli scrittori locali. li Gams giustamente lo esclude. 

Aelonius. — Questo vescovo risulterebbe da una iscrizione ter- 
nana, scrive l'Ughelli, dell'an. 436. Nel GIL (XI, 2, 4330) trovasi 
questa epigrafe mutila: « In pace... pos consul. dn. nn. (= dominis 
nostris) Tlieodosi X u et Pkac (?) Valentiniani a,ug. IIII » ; e il 
consolato di Theodosius iunior aug, XIY q di Valentinianus aug. IIII 
cadde nell'anno 435. È questa l' iscrizione donde si sarebbe attinto 
il nome di Aelonius? e si è letta bene? Il Gams ha escluso questo 
presule dal suo catalogo, e mi pare non abbia avuto torto. 

2. Praetextatus : 405. — Vi erano nel v secolo in Italia nn^In- 
teramna nell'Umbria, un' Interamna Lirenas Sucusana in Campania 
(Terame ?) e un'Interamna Praetuttiorum (o Praetuttianorum) nel 
Piceno (Teramo). Secondo il Mommsen (Oassiodori Varieté, p. 505, 
in Mon. Gemi. hisL), il vescovo d'Interamna intervenuto al sinodo 
romano del 4G5 è quello di Terni ; credo con ragione. Così del pari 
intesero gli antichi scrittori. 

Anthemius. — Anche questo Anthemius deriverebbe da un'i- 
scrizione ternana, scrive l'Ughelli. In verità un'epigrafe funeraria 
{CIL, XI, 2, 4332) non integra riporta: « N. depositus in pace dn 
(domino) Anthemio [perpetuo augusto II consule] qui vixit annos... »; 
ma questo Anthemius sarebbe l' imperatore console del 468, non un 
vescovo ternano. 

3. Oonstantinus : 487. 

Petrus. — Fu registrato dall' Ughelli nel 490 in base a un'iscri- 
zione. Infatti tra i titoli ternani (n. 4338) s'incontra: « Hic re- 
quiescit Petrus qui vixit ann. XXX dep. in pace Probo... ». Questo 
Próbus (console) è VAnicius Próbus del 525 ? o del 513 ? o Flavius 
Probus del 502? o Prohinus del 489? A ogni modo il Petrus del- 
l' iscrizione ternana non è detto vescovo, né il lapidicida l'avrebbe 
taciuto se fosse stato. Un'altra epigrafe ternana del 490 (n. 4333) 
non contiene neppure il nome di Petrus. 

4. Felix: 501, 502. 

Yaìentiniis II e 111. — Si devono all' Ughelli o alle sue fonti 
un Valentinus II nel 526 (al. 530), e un Valentinus III nel 558 
(al. 560); ma il Gams saggiamente dubitò di questi due presunti 



4:lé Lk blotìksi u'itALiA 

vescovi ternani. Infatti un s. Valentiiio è venerato in Terni il 7 gen- 
naio (idiS, ian., I, 373), ma non è il s. Valentino già ricordato, né 
un s. Valentino II vescovo di Terni, bensì il s. Valentino vescovo 
di Passau, onorato in quel giorno (1. e, 368). Del pari un raffaz- 
zonamento della leggenda dei XII Siri, già ricordata e di cui si 
riparlerà {AS^ iul., I, 53), ha fatto vivere il s. martire Valentino 
di Terni sub lustino (I, 518-26 ; II, 565-78) ; e quando questo rifa- 
cimento si considerò, non documento fantastico, come era in realtà, 
ma storia vera, si vide la necessità di djaplicare il vero s. Valentino, 
e di collocarne Uno nel secolo vi. 

Proculus IL — Per analoghe ragioni fu sdoppiato il su ricor- 
dato falso vescovo Procolo. Infatti la redazione più antica della 
leggenda dei XII Siri, lo pose sub luliano {S60-3) ; e manipolazioni 
posteriori di quel documento, come si è visto, stib l'olila (541-52) 
sub Iiislinó. Quindi si ammisero due Procoli. Ed è a meravigliare 
che non si pensasse a tre ! 

Sirtis II. — Anche il presule Syrus o SifuSy più che sospetto 
(v. sopr^), presso l' Ughelli trovasi duplicato. 



Cassius, 
luvenalis li, 
loannes, 



Gli scrittori locali si persuasero che nel .558 
Terni fosse distrutta e la diocesi incorporata 
con Narni ; quindi considerarono tutti i presuli 

Praeieclilms, \ di Narni, da Cassio iu poi, ternani. Gonslantius 

Gonsfanliiis. /fu veramente, nel 598 {J-L, 1585), visitatore, 
non vescovo di Terni; e ciò dimostra che la. chiesa ternana in quel- 
l'anno era vacante, non unita a Narni. Papa s. Gregorio (1. e.) non 
parla di unione. 

Anonimo? — Un'iscrizione ternana incomplèta (n. 4339), del 
491 o del 526, parla di una « venerabilis femina episcopaq[ue] ». 
Il de Rossi spiegò questa episcopa = coniux episcopi. Anche l'epi- 
grafe sepolcrale di Cassio di Narni ricorda la moglie di lui, Fausta. 
Ma il Jiome del marito di quella episcopa non si conosce. Potreb- 
b'essei'e uno dei vescovi ternani già nominati, o da nominarsi. 

5. Homobonus, età incerta. — Un epitafio ternano mutilo 
(n. 4340) ricorda un « [vir venerabilis?] Homobonus episc.[opus] 
qui... (vixit. o sedit ?) menses VII dies XXVIII », certamente ve- 
scovo della città ; ma l'età dell' iscrizione non è sicura. 



LA tiKGioNE VI - UMBRIA - intekAxMna nahars (terni), ec. 417 

Tigridms, ) Spuri senza dubbio; furono espunti dallo stesso 

Remedius. ) Uglielli. 

Anastasius? — Le ossa di un s. Anastasio, vescovo di Terni 
{BHL, 407), sarebbero state trovate nell'840; e gli scrittori locali 
lo credono del vi o del vii secolo (cf. AS, aug.. Ili, 458-60; « Anal. 
Boll. », an. 1898, p. 340). Ma prima di queW invenUo nessun docu- 
mento ne parla. 

Ameria (Amelia). 

Possiede un' iscrizione antica {GIL, XI, 2, 45G5) nella chiesa 
di S. Secondo. Un santo di tal nome è venerato il 1° giugno in 
Amelia, in Pergola, in Spoleto, sul lago Trasimeno e in Gubbio 
(v. Gubbio). 

Una Passione di s. Firmina {BEL, 3001 b, 3001 d; Dufouecq, 
o. e, III, 129), che conosce molto bene le Passoni romane e spo- 
letine, quindi non anteriore al vi secolo, vuole che la sua eroina 
fosse una vergine, figlia di un immaginario Oalpurnio, prefetto di 
Eoma. Essa avrebbe convertito il « consularis Olimpiades », che 
tentava sedurla ; lo avrebbe fatto battezzare da un « Felix presby- 
ter » (nome che ricorre in altre Passioni umbre) ; e, ucciso questo 
da un « Megetius augustalis », Io avrebbe sepolto « in praedio suo 
in fundo Aguliano » o « Agoliano » il 1° decembre. Ella stessa 
sarebbe stata martirizzata sub Diocletiano da quel Megetius e se- 
polta da un Houorius nello stesso fondo « non longe miliario octavo 
a civitate... Amerina », il 24 novembre. Dopo venti giorni dalla 
sua morte, il suo carnefice Ursianus avrebbe ricevuto il battesimo 
da un prete di nome Valentinus, quindi il martirio in Eavenna agli 
idi di gennaio. Evidentemente vi è errore neicodd. Si voleva dire: 
di decembre, cioè ai 13 di decembre, ossia venti giorni dopo il 24 
novembre. Attesi i metodi con i quali le Passioni solevano com- 
porsi (v. Terracina), non può dubitarsi che l'autore non abbia 
pescato i nomi di Ursianus e Valentinus nel Gerolimiano ai 13 
decembre, ove (W) ajDpunto si legge: « Eavenna Ursionis... et Va- 
lentini ». Ma questi due nomi non hanno nulla che fare con Amelia 
e con quella s. Firmina. Infatti 1' « Ursionis » o « Ursiani » del 

27 



4lé Lfe foioèési d'italIà 

Gei'olimiaiio è il martire illirico Ursicinus, venerato in Bavenna in 
quel giorno, e il Valenlimis probabilmente è un martire afro, ca- 
duto per errore sotto la nota topografica: Ravenna. Un'altra re- 
dazione {Gai. codd. liag. kit. « Bibl. Vatio. », p. 201), più recente, 
( della Passione di s. Firmina colloca la sepoltura di lei, per mezzo 
;^^ del medesimo Honorius, non in Amelia, ma « in crypta iuxta mare 
in civitate q. v. Oentumcellis sub die XIII kal. ianuariì », cioè il 
20 decembre; e forse queste note cronologiche e topografiche di- 
vergenti sono da spiegarsi, come in simili casi, perchè la santa fu 
venerata pure in Civitavecchia o in questa città conservavansi sue 
reliquie, onorate il 20 decembre. Finalmente, secondo un docu- 
mento intitolato Be inventione corporis {BHL, 3001 f), le reliquie 
di questa santa Firmina, per 500 anni (!) ignorate, al tempo di 
Adriano II (867-72) sarebbero state trovate in Amelia da un ve- 
scovo di nome Pasquale (868-79). S' incontra bensì nel Gerolimiano 
una martire Firmina sotto l'Africa al 9 e al 10 ottobre e una Firma 
all' 11 novembre; e le Gesta romane dei ss. Pietro e Marcellino 
commendano una « Firmina christianissima foemina », consan- 
guinea di s. Tiburzio martire, che « amore parentis » dimora presso 
il suo sepolcro. E le Gesta Abdon et Sennen {BHL, 6) narrano pure 
il martirio di un'Olimpiade sub Decio in Oordula di Persia; ma chi 
potrebbe dire che l'autore della Passio Firminae alluda a quei 
personaggi? Io noto che il dies natalis della nostra s. Firmina è 
quello stesso di una s. Felicissima venerata nella vicina Perugia; 
e questo mi sembra non spregevole indizio che la s. Firmina di 
Amelia sia, mutato nomine, la stessa s. Felicissima di Perugia. Gli 
autori delle Passioni solevano, per ragioni mistiche o d'altra na- 
tura, cambiare non infrequentemente i nomi dei martiri, di cui si 
occupavano (v. Todi). 

Orthodulplius. — Nome inaudito nella storia ecclesiastica um- 
bra tra il primo e il sesto secolo, quindi eliminato dal Gams (p. 661) ; 
e attribuito dal p. Sbaraglia (1. e, p. 533) al x secolo e identificato 
con quel vescovo amerino della seconda metà del secolo x {AS, 
iun., IV, 301-6), che avrebbe trasferito a Cremona il corpo di un 
s. Imerio d'Amelia, di cui sto per dire. Ma Sicardo, vescovo di 



LA RÈtilONÈ Vi - ÙMfeRlA - AMÈRIA (aMELIa), EC. 419 

Cremona tra il xii e il xiii secolo, nella sua Chronica (in Mon. 
Germ. hisL, Scriptores, XXXI), p. 158) narra che il traslatore sa- 
rebbe stato il vescovo cremonese Luizo o Luitprando, che l'a- 
vrebbe portato dall'« opj)idum S. Flaviani in episcopatu Imeliensi » 
(= Ameliensi) nella sua diocesi. Donde dunque vien fuori quel!' Or- 
thodulphus ? 

Stephanus, 420? — Non confortato da prova alcuna. 

1. Hilarius : 465. 

Tiburtinus : 466 ? — Non sorretto da alcun argomento come 
Stephanus. 

2. 'Martinianus : 487. 

3. Sallustius: 499. 

Himerius, nel vi secolo ? — Avrebbe fatto vita anacoretica 
nei Bruzii, quindi sarebbe stato creato vescovo di Amelia (J5//L, 
3957) ; e nel secolo x le sue ossa sarebbero state trasferite in Ore- 
mona. Ma quando sedesse nella cattedra amerina non è noto. Si 
è attribuito, non so perchè, al vi secolo. 



Colònia lulia Fida Tuder (Todi). 

A Todi nel giorno 26 maggio si celebrano i ss. martiri Feli- 
cissimo, Eraclio e Paolino, e credonsi uccisi sotto Diocleziano e 
sepolti nella chiesa suburbana di S. Stefano {AS, mai, VI, 366). 
Questi tre santi provengono (Quentin, o. c, 334 e 482) dai marti- 
rologi di Usuardo, di Adone e di Floro di Lione del secolo ix. 
Dipendono però dal Gerolimiano, che al 26 maggio appunto rife- 
risce: « In Tuder Tusciae Felicissimae, Eracli, Paulini » {E, B). 
Eraclius e Pattlinus però non sembrano spettare alla città umbra, 
perchè nello stesso giorno si leggono ambedue sotto la rubrica « In 
Africa ». Il cod. W credendo che tutti i nomi posti dopo Felicis- 
sima fossero compagni di lei, formulò l'elogio nel modo seguente : 
« In Tuturtina Tusciae natale sanctorum Felicissimae, Eracli, Pan- 
lini » ; e i codd. che dipendono da W, e altri, cambiarono Felicis- 
simae in Felicissimi; quindi si spiega la lezione adottata nei 
martirologi del ix secolo e prevalsa a Todi, Ma la lezione più au- 



420 LE DIOCESI d' ITALIA 

torevole è quella del cod. E. Del resto il culto di una s. Felissima 
s' incontra in tutta la regione circostante alla città di Todi. Una 
s. Felicissima è venerata a Falerii (Civita Castellana) il 19 agosto ; 
e il 2 maggio a Orto e a Viterbo {AS, mai, I, 170) ; e probabil- 
mente essa è la s. Felicissima dei codici più autorevoli del Gero- 
limiano. Di più il 24 novembre Perugia venera un s. Felicissimo, 
di cui si narra colà che sarebbe stato martirizzato al tempo 
degli Ariani ; e un s. Felicissimo pure si celebra in Nocera Umbra 
il 15 luglio {AS, iuL, IV, 90), dì cui una Vita mutila, anteriore 
al XII secolo (« Anal. Boll. », a. 1924, pp. 355, 3G5-G)^ dice che fu 
confessore e ci dà altre poche notizie non molto importanti né 
attendibili. E nello stesso giorno 24 nov. il martirologio usuardino 
parla di un ^. Felicissimo : « Apud Perusium Tusciae civitatem 
sancti Felicissimi »; e questo elogio deriva dai codd. del Geroli- 
miano. Infatti nei codd. W e Rich. si ha: « Et in Perusia (o Pe- 
rosia) Tusciae sancti Felicissimi ». Ma il cod. E, che è il codice 
più autorevole del Martirologio Gerolimiano, non legge Felicissimi, 
sì Felicissimae : « Et in Perusio Tusciae Felicissimae ». Quindi 
Felicissima è da preferirsi a Felicissimus^ e il Delehaye (o. e, 
p. 361) opina che la santa Felicissima celebrata in Perugia sia quella 
stessa registrata sotto Todi, quantunque in altro giorno. Io accetto 
questa ipotesi, molto più che il sepolcro di una s. Felicissima in 
Perugia è ignorato dalle antiche fonti. Veneravasi dunque in antico 
a Todi e a Perugia una s. Felicissima, nella prima città il 26 
maggio, nella seconda il 24 novembre. Io riconoscerei volentieri, come 
ho detto di sopra, la s. Felicissima di Todi e di Perugia nella santa 
omonima di Civita Castellana, di Orte, di Viterbo e di altri luoghi 
della Italia Media. E poiché i documenti antichi sono muti, come 
si è detto, sopra una s. Firmina di Amelia, e questa martire ri- 
scuote pubblica venerazione da vari secoli nel giorno stesso (24 nov.) 
della s. Felicissima di Perugia (che sarebbe poi quella stessa di 
Todi), perchè non è lecito credere che la Passio Firminae abbia 
inteso di celebrare, mutato nomine, la stessa s. Felicissima della 
città vicina? Amelia probabilmente ne avrà posseduto delle re- 
liquie. 

In argomento così scabroso mi sia lecito presentare un'altra 



LA REGIONK VI - UMBRIA - COLONIA lULIA FIDA TUUKR (tODI) 421 

ipotesi, intesa a tentare una soluzione di una questione agiografica 
tudertina, oggetto anche recentemente di erudite ricerche. 

Lungo quel tratto della Via Flaminia che per Oarsulae e Me- 
vania raggiungeva Forum Flaminii, circa sei miglia romane da 
Oarsulae su la costa del poggio Monticastri, che si eleva a eguale 
distanza circa tra il ponte romano della Fondala e il colle sul quale 
sorge S. Faustino, in un punto segnato nelle carte militari col 
nome Le grotti^ è stato trovato un cimitero cristiano sotterraneo 
(il primo cimitero sotterraneo dell'Umbria, perchè gli altri sono 
all'aperto), disgraziatamente impraticabile e interamente spogliato 
(cf. Bordini, Di un cimitero cristiano sotterraneo nelV Umbria^ Spoleto, 
1903). Sopra la Villa S. Faustino e S. Maria in Pentano b* ìncontrfi 
una Massa Mariana, che ha preso il nome da un Vicus Martis 
Ttiderti, ì cui vicani chiamavansi pure sodales martenses {CIL, XI, 
2, 4744-51). Continuando questa via, dopo tre chilometri e, a si- 
nistra, verso Todi, trovasi un'antica chiesa (nel secolo xi detta 
monastero) sacra a una santa, di nome Illuminata. Anche Mon- 
tefalco (Umbria) possiede una chiesa di S. Illuminata, e presso 
Al Viano esiste un Eremo di S. Illuminata. Abbiamo di questa 
s. Illuminata alcuni Atti, ì piti antichi dell'xi o x secolo (cf. Ma- 
turo, Gli « Ada » di s. Illuminata, in « Eoma e l'Oriente », an. 
1914, VII, pp. 101-18, 286-91; VII, 31-9, 86-90, 214-30); giusta 1 
quali la santa tra i pagani si sarebbe chiamata Cesarea, quindi 
sarebbe stata appellata Illuminata: « inter paganos Cesarea dice- 
batur, sed in christianitate Illuminata est vocata » ; avrebbe abitato 
« in Pylatiolum circa mare longe a civitate Eavenna duodecim 
millia »; sarebbe stata tentata invano da un « dux Sebastianus... 
nomine Marmanus ».; e « circa orbem maris per castra » si sarebbe 
recata « in civitate Victonensi » (Bettona), ove, secondo la prero- 
gativa del suo nome, avrebbe guarito trentacinque ciechi. Coi ge- 
nitori convertiti viene poi « in civitatem Martanam », mentre 
Massimiano impera e i suoi ministri circondano la città e fanno 
strage; muore in essa co' suoi genitori e viene sepolta « in loco 
qui norainatur Papinianus », o « Balneum Papinianum prope civi- 
tate Martana duo milliaria », il 29 novembre (III kal. dee). Una 
redazione degli Acta scrive: « Extat ecclesia in territorio castri 



422 LE DIOCESI d' ITALIA 

Mjissae (Mjirtanae) in dioecesi tudertinn, in qua dicihir requiescere 
corpus ». Ora Palazzolo (Pjiatioluin) e Cesarea sono luoghi notissimi 
ai ravennati. Cesarea era un sobborgo tra Eavenna e Classe, e nel- 
l'isola di Palazzolo esistevfi fin dal ix secolo un monastero sacro 
alla B. V. Quella « civitas martana » corrisponde al vicus Martis Tii- 
derti nella « Massa Martana », di cui avrò occasione di riparlare. 
E nel 17 aprile del 1037 {Conradi II diplomata, n. 239) l'imperai- 
tore Corrado II concesse il monastero di s. Illuminata a Lamberto, 
abbate del monastero di S. Apollinare in Classe : « in territorio tuder- 
tino monasterium unum cui vocabulum est Sanda Illuminata» ; e nel 
1138 il celebre cenobio classense lo possedeva ancora (cf. Eubeus, 
Hist. Rav., p. 327). Gli Atti di s. Illuminata su detti sono essi 
anteriori al 1037 ? In altre parole : i ricordi ravennati, die si 
riscontrano negli Atti, sono essi anteriori alla concessione del 1037? 
Parrebbero posteriori e composti da monaci ravennati, desiderosi 
di collegare il loro nuovo possesso con Eavenna. Infatti il codice 
più antico degli Atti, il cassinese, non è sicuramente anteriore al 
1037. Ma, siano o no gli Atti posteriori al 1037, essi costituiscono la 
prima memoria della protagonista e tutte le antiche fonti martirolo- 
giche umbre e ravennati ignorano una s. Illuminata. Il Maturo (1. e), 
avendo costatato che i nostri Atti hanno parecchi punti di somiglian- 
za con quelli della greca s. Fotina (20 marzo), ha pensato che un 
monaco cassinese, venuto a cognizione degli Atti greci, componesse 
nuovi Atti in latino, cambiando semplicemente il nome greco della 
santa (Owtscvi^ da cpwxcJ^o), illumino, riluco) in Illuminata. Ma gli « Anal. 
Boll. » (a 1924, pp. 430-1) non hanno creduto di aderire all'opi- 
nione del eh. Maturo. Invero gli Atti di s. Illuminata hanno pure 
manifesti punti di contatto con altre Passioni e (nel caso nostro 
importante a notarsi) con la Passione di s. Firmina di Amelia. In- 
fatti questa Passione, come si è visto, collega Firmina con Eavenna, 
come i detti Atti uniscono s. Illuminata con la città degli esarchi. 
Si osservi di più che il giorno natalizio di s. Firmiila, 24 novembre, 
è vicino a quello di s. Illuminata, 29 novembre; e che, se questi 
due dati cronologici si esi)rimessero in cifre romane, potrebbero 
confondersi facilmente tra loro, ossia : [V]III kal. nov. (= 24 nov.) 
oon III kal. nov. (= 29 nov). Io quindi propenderei a considerare 



LA REGIONE VI - UMBRIA - COLONIA lULIA PMDA TUDKR (TODl) 423 

la s. Firmina di Amelia e la s. Illuminata di Todi come una per- 
sona sola, e poiché inclino a credere, come ho detto, che la s. Fir- 
mina di Amelia sìa da identitìcarsi con la s. Felicissima di Todi 
e di Perugia, non sarei alieno dall' immedesimare la s. Firmina di 
Amelia e la s. Illuminata di Todi con la s. Felicissima registrata 
nel Gerolimiano sotto Todi il 26 maggio e sotto Perugia il 24 
novembre. Il santuario di s. Illuminata sorgeva nella diocesi di 
Todi. Non lontano da Todi la s. Mustiola di Chiusi fu detta pure 
(a musto) s. Dulcissima {A8, iul., I, 561, n. 3); e vedremo tra poco 
in Todi un altro analogo cambiamento di nomi. S. Lorenzo pure, 
vescovo di Spoleto, ricevette il cognome di llluminator. La mia 
ipotesi non mi sembra disprezzabile. Essa dimostrerebbe che il 
culto della s. Felicissima di Todi e di Pjerugia si propagò molto 
nell'Umbria e nei paesi vicini, e oggi non è spento. Las. Felicis- 
sima di Todi e di Perugia sarebbe ancora venerata sotto i nomi 
simbolici di Firmina e Illuminata (v. pure ciò che si dirà delle 
ss. Cristina di Bolsena e Barbara). Un'altra Passione umbra recen- 
tissima {AS^ ian.. Ili, 562) ha per protagonista un Sanctus Seustius 
con 79 compagni, che sarebbero stati uccisi a Todi sub Diocletiano. 
Seustio sarebbe stato sepolto presso il lago Trasimeno. Ma chi egli 
sia è ben arduo dire. Forse il Sanctus Sentias di Blera (Tuscia), 
con nome corrotto o mutato? Un documento agiografico di scar- 
sissimo valore {BEL, 2062) parla di un Sextus Sestlus nato « in 
provincia Tusciae » da un gentile di nome Quinttis Sestlus (il quale 
in una leggenda posteriore {BEL, 2063) vien detto « in Tuscia 
marchio » (!), e battezzato in Eoma da papa Caio (283-96) col nome 
di Ciriaco, che, secondo l'autore della Passione, vorrebbe dire in 
greca lingua il filosofo. Ora questo Sextus Sestlus o Cyriacus non 
è, secondo la detta Passione, che il s. Ciriaco martire romano, com- 
pagno di Largo e Smaragdo, celebrato l'S agosto. L'autoie adunque 
di questa singolare Passione, manipolando e raffazzonando la Pas- 
sione del s. Ciriaco romano, per dare al suo eroe un'origine illustre, 
l' ha fatto nascere in Tuscia da un Quinto Sesiio « vir genere illu- 
stris, magna vi animi, militia insignis et seciindum voluptatem 
seculi nimium locuples », e gli ha dato il nome di Sextus Sestlus. 
Ohe sia questi l'oscuro Sanctus Seustius, di cui sopra, venerato il 



424 LE DIOCESI d' ITALIA 

29 gennaio? Non saprei rispondere. A ogni modo si noti negli 
agiogi'afl ombri una cotal quale tendenza a mutare il nome dei 
santi, dei quali trattano. 

Parecchi altri martiri o santi sono venerati a Todi, che o non 
appartengono, o non sembrano appartenere a questa città: 

1. Un s. Sebastiano, che è certamente il celebre martire ro- 
mano (cf. Gkegorii Dial., I, 10); 

2. Un s. Venustiano e soci (18 aprile), cioè un magistrato ro- 
mano convertito con i suoi al cristianesimo {AS^ apr., II, 538-9) ; 
che risulta unicamente dalla Passio s. Sabini, di cui si dirà sotto 
Spoleto e Assisi ; 

3. Le ss. Digna e Merita, certo le martiri omonime romane 
(11 agosto) notissime {BHL, 2160) ; 

4. Un s. Benigno (13 febbraio), forse lo stesso santo di Me- 
vania {AS, febr, II, 636), di cui si dirà. 

Si riferisce pure a Todi, o al suo territorio, una Passio ss. Fi- 
denlii et Terentii {BHL, 2927 b, 2927 d). Questi due martiri sarebbero 
venuti da Oappadocia di Siria, e sarebbero stati decapitati il 27 
settembre sub Diocletiano « in civitate Martana, Tuderto proxìma ». 
Forse dovrà leggersi Cesarea di Siria, come in una Passione dei 
ss. Mauro e Felice, di cui si dirà sotto Bettona, Passione somi- 
gliantissima alla leggenda di cui ci occupiamo. Questi due siri 
sarebbero andati a Eoma per brama di martirio; quindi da un 
angelo sarebbero stati portati in una cripta (che potrebb'essere il 
cimitero cristiano sotterraneo scoperto dal Sordini), martirizzati in 
Martana e ivi sepolti. Su la loro sepoltura venne edificata una 
chiesa, (nel medioevo^ monastero) che si vede ancora presso Massa 
Martana. Questa Passione, non è antica; probabilmente dipende 
dalla celebre leggenda dei XII santi, che dalla Siria sarebbero venuti 
nell'Umbria (v. Bettona), leggenda scritta intorno al secolo vili; 
e dipende dalla leggenda dei ss. Mauro e Felice, posteriore alla 
leggenda dei XII Siri. Ma da cotale documento, scritto forse nel- 
l'antico monastero dei ss. Fidenzio e Terenzio, non possono rac- 
cogliersi notizie sicure su quei due santi. Noterò soltanto che il 
s. Terenzio di Todi potrebb'essere il medesimo santo omonimo di 
Luni e di Pesaro (vedi). Il prelato tedesco Deodericus di Metz 



LA REGIONE VI - UMBRIA - COLONIA lULIA FIDA TUDER (tODI) 425 

nel 970 £wrebbe portato via dall' Italia, soggiogata dagli Ottoni, 
corpi santi o reliquie in quantità ; e tra questi i ss. Fidenzio e 
Terenzio (cf. MGH, Scnptores, IV, 476). 

1. Terentianus, forse del iv secolo. — Nel Gerolimiano al 1" set- 
tembre si Ila: 

B Et in Tudertina Tuscia Terentiani episcopi, 

E Terrentiani episcopi, 

W In Tuturtina Tusciae natale sanctorum Terentiani episcopi... 

e una Passione di s. Terenziano {BHL, 8000-4), che attinge volen- 
tieri a quella di s. Valentino, vescovo di Terni, e a quella di s. Sa- 
bino vescovo, di cui si dirà,' lo considera come martire sotto Adriano 
(117-138) ; e narra che fu decapitato presso la città di Todi lungo 
il fiume, il 1° settembre, e sepolto 8 miglia da Todi « in loco Pe- 
troso qui appellatur Colonia ». L' identità del nome e del natale 
ci manifesta che il « Terentianus episcopus » della Passione è lo 
stesso del Gerolimiano. Non si conosce altro di lui. Ohe Terentianus 
risalga al secolo ii è afi'ermato unicamente da questo tardivo leg- 
gendista; tardivo per le fonti e per la fraseologia teologica che 
adopera. Ma il tono dell'elogio del Gerolimiano farebbe credere a 
un vescovo del iv secolo (cf. Dufoukoq, o. c. III, 118; Quentin, 
o. e, 334; « Arch. per la storia eccles. dell'Umbria », an. 1913, 
p. 239). 

Exuperantiiis. — L. Leónij {Cronaca del vescovi di Todi, Todi, 
1889) nota (pp. 10-11) che « nelle antiche (?) cronache » Esupe- 
ranzio è detto « presbyter », tuttavia lo conserva nel catalogo 
episcopale. L'Ughelli lo ignorava. Forse questo Exuperantius de- 
riva, come Venustianus di cui si ò detto, dalla Passio s. Sabini, 
ove compare come diacono. 

Leiicius (o Seiisthis ?) e Sehastlanus. — Kegistratì ambedue dal 
Leónij ; sono due santi venerati in Todi, non di Todi, molto meno 
vescovi di Todi. 

Pontianus, 308 ? — Venerato il 9 giugno, proviene da quello 
screditato racconto che è la Passione di s, Seustio. Probabilmente 
anche questo s. Ponziano, vescovo di Todi, secondo la detta Pas- 
sione, è il s. omonimo di Spoleto, di cui si dirà. 



426 LE DIOCESI d' ITALIA 

G«assianusf — Pensano i Bollandisti {AS, aug., Il, 633; III, 
24, 167; oct., VI, 520-1; febr.. Ili, 581-3) che una chiesa di Todi, 
dedicata da prima in onore di s. Oassiano martire imolese (13 ago- 
sto) e di s. Callisto papa (14 ottobre), con l'andare del tempo fosse 
dedicata in onore del Fortunato, vescovo di Todi, ricordato da 
Gregorio nei Dialoghi (1, 11). Avvenne allora che la festa di questo 
ultimo, ignorandosi il giorno della sua morte, fosse collocata il 14 
ottobre, giorno sacro a s. Callisto papa, e s. Callisto fosse posto 
con s. Cassano nel giorno natalizio del secondo, che è il 13 agosto. 
Il volgo poi, uniti insieme i tre santi, avrebbe esteso il titolo epi- 
scopale di Fortunato ai due contitolari ; e così s. Cassiano e s. Cal- 
listo sarebbero diventati vescovi di Todi come s. Fortunato. Una 
quasi identica confusione e compenetrazione di titoli è avvenuta 
in Benevento e, specialmente, in Sabiona (Alto Adige) (cf. Le leg- 
gende di s. Cassiano d'Imola, in « Didaskaleion », an. 1925, II). In 
tempi recenti i tudertini scrissero una Passione {BHL, 1637) di 
questo s. Cassiano di Todi; Passione creduta dal Dufourcq (o. 
e, III, 125) più antica che non sia. 

Felix^ \ Il primo e il terzo, come vedremo (v. Bet- 

Volusianus, ? tona), sono stati arbitrariamente creati vescovi 
Britius. 1 della civitas Mariana, cioè della Massa Mariana 

o Vicus Marlis, su ricordato. E poiché questo vicus era compreso 
nel territorio della diocesi tudertina, il Leònij si è creduto auto- 
rizzato a introdurli tutti e due nel catalogo episcopale di Todi. 
Nella leggenda dei dodici Siri (v. Bettona) un s. Volusiano è pure 
posto a Carsulae, ove s'incontra con un s. Procolo, che si dice diven- 
tato prete; e Carsulae era nella diocesi di Todi. Quindi il Leònij, 
o altri prima di lui, avrà pensato che s. ProQolo fosse ordinato prete 
dallo stesso s. Volusiano; il quale, abitando in Carsulae, sarà stato 
vescovo diocesano. Ma nessuno dei tre appartiene al catalogo di' 
Todi. L'Ughelli, o i suoi informatori, non sapevano ancor nulla di 
quei tre vescovi del Leònij. 

Agatho, 451 ? — E senza prove. Il Leònij sospetta che inter- 
venisse al sinodo calcedonese. Ma a farlo apposta, nella lista dei 
presuli, naturalmente orientali, presenti a Calcedonia (Mansi, VII, 
401), un vescovo di nome Agatho non compare neppure. 



LA REGIONE VI - UMBUIA - COLONIA lULIA FIDA TUDEU (tODI), EC. 427 

1. Orescouius: 487; 496 {J-L, 717); 496 (J-L, 744), legato di 
papa Anastasio II a Costantinopoli ; 501 ; 502. 

Gandidus. — Esclnso dallo stesso Leònij, perchè tivolese. 

Fortunahis, 515. — Il vescovo Fortunato, legato di papa Or- 
misda a Oostantinoi)oli nel 515 {J-L, 773-7), non fu di Todi, come 
si è preteso, ma di Catania. 

Callìshis; v. quel che si è detto sui ss. Callisto e Cassiano. 

2. Fortunatus, nella metà incirca del secolo vi (Gkbg. Dicd., 
I, 10; BHL, 3088 ;^aS, oct., VI, 520-5). — I tudertini hanno con- 
fuso questo santo prelato, ricordato con lode da s. Gregorio Magno, 
con Honorius Clementianus Fortunatus, vescovo di J?oitiers; e 
hanno supposto che il prelato gallo venisse in Todi, fosse nomi- 
nato coadiutore dal pseudo Callisto, quindi gli succedesse nella 
sede tudertina. Ma essi non pensarono che nel secolo vi un tra- 
sloco di un vescovo delle Gallie in Italia sarebbe stato un caso 
singolarissimo ; e, quel che è piti, il Fortunato di Poitiers non visse 
intorno alla metà del vi secolo, ma dopo il 593 (cf. Duohesne, 
Fastes éplscopaux ec, 11^, 83). 

Floridus. — Vescovo non di Tiiderlum, ma di Tifernwn Tibe- 
rinum. Nei Dìcdoghi di s. Gregorio (III, 35) si è letto erroneamente 
titdertinae per tiberinae. 

Sabinus o Sabinianus, 593. — Da un falso diploma {J-L f 1239) 
di s. Gregorio Magno. 

Dei 17 presuli messi in lista dal Leònij tre soli adunque, Te- 
rentianus, Cresconius e Fortunatus, sono autentici, in compenso 
però, due santi e uno illustre per sostenuta legazione pontificia. 



Vettona (Bettona). 

Crispolitus? 1 Una famosa leggenda, già molte volte ri- 

Britius. ) cordata lungo il corso dell'opera, fu composta 

nel centro dell'Umbria dopo la metà del vii e prima del ix se- 
colo. Infatti questa leggenda è nota ad Adone (Quentin, o. c, 
p. 254) e mette in scena un papa di nome Eugenio (il primo regnò 
dal 654 al 657). Forse è del secolo vili, e probalmente deriva dalla 



428 LE DIOCESI d' ITALIA 

penna dì un monaco del cenobio spoletino di S. Brizio. Monaco 
me lo fa dire la larga conoscenza ch'egli tia dei Dialoghi di Gre- 
gorio Magno, libro letto assiduamente nei monasteri dell'alto me- 
dioevo. L'eroe del racconto è il santo titolare del monastero. Que- 
sta leggenda si chiama nei lezionarì del medioevo Passio s. Proculi 
(BHL^ 6955), quando si trova al 1" giugno; Passio et conversio 
ss. Anastasii et XII fratrum qui cum eo de Syriae partibiis vene- 
runt (BBL, 1620), quando è al 14 o al 26 luglio; e finalmente 
Passio ss. Ahimdii et Carpophori {BHL, 1622), quando si legge al 
10 decembre; ma è sempre la stessa. Narra che sub Iidiano (360- 
36) vennero dalla Siria a Eoma un Anastasio con due figli, Euticio 
e Brizio, e con nove nipoti, Oarpoforo, Abondio, Lorenzo, Giovanni, 
Isacco, Teudila, Procolo, Ercolano e Barectale (o Baractale e Pa- 
rectale). Il vescovo Urbano ordina preti Brizio e Oarpoforo, e dia- 
coni Lorenzo e Abondio. Anastasio è decapitato ; gli altri fuggono 
per la Via Cornelia, abbracciandosi e separandosi nel luogo detto 
Pax Sanctormn. Eutizio si reca in Tuscia e conduce vita eremitica 
presso il lago di Bolsena. Procolo va nella colonia di Narni, nel 
castrum Oarsulanum (Oarsulae, tra Ameria e Tuder), ove trova 
s. Volusiano, e diviene prete; e per ordine di papa Eugenio, non 
si cajjìsce bene per quale colpa, è condotto a Eoma dagli emissari 
del pontefice, ma, dichiarato innocente, viene rimesso con onore 
nel suo grado. Brizio e gli altri si recano in Spoleto, ove battez- 
zano persone e (come s. Benedetto nel Monte Cassino) distruggono 
templi e boschi sacri, ma tutti sono carcerati, meno Brizio. Questi 
va nei sobborghi di Spoleto, in un luogo detto Apianum, quindi, per 
avviso di un angelo, « in superiorem viam in verticem Collis » ; 
predica a' piedi della montagna Martana, amministra a molti il 
battesimo e costruisce un oratorio, da lui appellato Salustianum, 
perchè vi trovò la sua salute: locus sahUis, ubi sahis praestaiiir ; 
questa è l'etimologia dell'anonimo ! Un « campus salutis » s' in- 
contra pure nella Passione di s. Vincenzo della vicina Bevagna. 
Il Vicus Marlis Tudertiuni, secondo il già detto, sorgeva ai 
piedi di una catena di monti detti Martani. Ora una chiesa e un 
castello di S. Brizio sorge appunto a poca distanza dai monti Mar- 
tani nel versante opposto a quello del vicus Martis e della Massa 



LA UEGIoNte VI • OMSIUA - VtTTONA (beTTONa) 429 

Miirtana, sopra un poggetto a 7 eh. da Spoleto. A queste loca- 
lità si riferiscono le frasi del leggendista : « superior via in vertice 
Collis » e « regiones sub montana in Martulana ». La chiesa di 
S. Brizio con un sepolcro del santo esiste ancora. Tornando al rac- 
conto della leggenda, tutti i carcerati, meno Abondio e Oarpoforo, 
per un decreto del 23 luglio di Massimiano e Diocleziano (286-305) 
sono decapitati il 25 luglio e sepolti nel cimitero Ponziano di Spo- 
leto. Abondio e Oarpoforo, al contrario, vengono decollati presso 
Foligno il 10 decembre e seppelliti a un miglio dalla città in un 
luogo detto Thanaritanus, e posti in un sarcofago ai piedi del Monte 
Eotondo, ricordato nella Passio Feliciani, di cui si dirà tra poco. 

Quello che segue nella Passione dei XII sembra un' aggiunta 
posteriore. Brizio è arrestato di nuovo. Un angelo e s. Pietro apostolo 
gli appaiono nella prigione. Brizio è ordinato vescovo dal primo 
papa e viene ricondotto dall'angelo nell'oratorio Salustiano. Edifica 
un oratorio alla Beata Vergine nel luogo detto Mariano, battezza 
e catechizza; ordina Giovanni vescovo di Spoleto, che alla sua volta 
distrugge templi ed eleva una chiesa in onore di s. Pietro, e or- 
dina Vincenzo vescovo di Mevania, Scipiodoto (?) di Bettona, Er- 
colano, suo nipote, di Perugia, ove viene decapitato dal re Totila 
(541-552). Intanto Brizio si scava da se stesso la fossa, e muore 
nel giorno di pasqua (il 9 luglio!) confortato dagli angeli, dagli 
apostoli e da s. Pietro, La sua tomba fiorisce di prodigi. 

Inutile attardarsi a rilevare i mille errori di questa leggenda, 
« più di ogni altra », scriveva il de Eossi, « di supini errori intes- 
suta » (« Bull, d'arch. crist. », a. 1871, p. 89). L'anonimo autore, 
con un procedimento familiare ai leggendisti del suo tempo, com- 
pose questo guazzabuglio raccogliendo da varie parti della regione 
umbra 12 santi (il numero 12 era sacro per cotal gente) e alcuni 
dati storici e favolosi, e li amalgamò insieme senza curarsi delle 
contradizioni cronologiche. L'idea di far venire i XII dalla Siria 
probabilmente fu suggerita all'autore umbro dalla Vita di un s. 
Giovanni monaco del secolo vi in Panaca presso Spoleto, venuto 
nell'Umbria dalla Siria, come nella Vita stessa si legge: « cum 
egrederetur de provincia Syriae » {BHL, 4420) ; e dal racconto di 
s. Gregorio Magno nei Dialoghi (III, 14), di un solitario Isacco 



430 Lt! bloCÈSl t>' ITALIA 

(t 550 e.) venuto dalla Siria in Spoleto. Il medesimo Isacco è uno 
dei XII. Abondio prete e Oarpoforo diacono erano gli eroi di una 
Passione, oggi scomparsa, anteriore al ix secolo (cf. Quentin, o. c, 
p. 254), forse del ti, che fu incorporata nella Leggenda dei XII 
Siri. Quella Passione poneva i due martiri sub Diodetiano, ma l'a- 
nonimo trasferì di peso questo scritto nel suo, senza curarsi di 
conciliarne la cronologia con quella del suo racconto. Procolo è il 
martire ricordato da s. Gregorio, di cui si è detto sotto Terni, al 
quale l'autore applicò e attribuì ciò che Gregorio stesso nei Dialoghi 
(I, 4) narra di un Equizio abate nella provincia Valeria. S. Yolu- 
siano è ignoto. Eecentemente se ne fece un vescovo di Terni e di 
Todi, come si è visto. Ercolano può essere il vescovo di Perugia 
ucciso da Totila, secondo la narrazione di s. Gregorio nei Dialoghi 
(III, 13) ; quantunque l' Ercolano uccìso da Totila torni in scena 
nell'appendice della leggenda. Lorenzo pare sia un vescovo di Spo- 
leto, confuso con il fondatore del monastero di Earfa in Sabina; 
il quale ultimo, secondo il citato privilegio di papa Giovanni VI 
(701-705), venne da paese straniero: « de peregrinis veniens » 
(v. Oures Sabinorum). Il vescovo Urbano in Eoma dovrebb'essere 
una reminiscenza della Passione di s. Cecilia. Eutizio probabilmente 
è il martire di Ferentum (Tuscia), che viene pure ricordato da 
s. Gregorio nei Dialoghi (III, 38), e se ne è parlato sotto Oures. 
Un cieco Pisenzio della leggenda dei XII forse è lo stesso perso- 
naggio di Norcia ricordato nella Passio Feliciani (v. Norcia). Ana- 
stasio, capo della brigata viaggiatrice, forse fu suggerito da un 
Anastasio monaco di Suppetonia presso Nepi (t 570 e), di cui 
narrasi nei Dialoghi di Gregorio (I, 7-8) che ebbe nove fratelli, o 
da s. Anastasio monaco, martire d'Assiria (f 22 gennaio 628) il 
cui capo fu portato solennemente a Roma nel 713 nel monastero 
ad aquas Salvias. Crederei piuttosto dal primo Anastasio. Theudila 
(che si legge pure Teutela, Teutilla, Teudela, Tendila ec.,) è nome 
ostrogoto. Theudila e Paractalis o Baracialis sono diffìcili a identi- 
ficare. E Brizio è il titolare, chiunque egli si fosse, del monastero 
di cui sì è parlato. In quanto al nome, esso non è ignoto all'an- 
tichità cristiana umbra. Tra le iscrizioni di Spoleto trovasi l'epitafio 
di un « Brittius Dalmatius notarius ecclesìae » degli anni 386-422 



LA kÈGlONfe vi - tJMètllA - VÈTtoNA (bE*TONa) 431 

(CtL, XI, 2, 4970). Ma alcuni hanno pensato che il titolare del 
monastero umbro fosse l'omonimo vescovo di Tours, molto venerato 
nei cenobi occidentali con s. Martino, patrono anche di Cali- 
mera in Terra d'Otranto (cf. Gabeielli, San Brizio e san.Niceta, 
Grottaf errata, 1912). Probabilmente l'autore della Passione dei 
XII fu un monaco di quell'antico cenobio spoletino. E forse un 
altro monaco, conoscendo il grado episcopale del fondatore del 
monastero, posto che fosse s. Brizio di Tours, credette rimediare 
alla lacuna della Passione dei XII, aggiungendo il racconto del- 
l'appendice su riferita. 

I personaggi ricordati nell' appendice sono pure notissimi ; 
Giovanni vescovo di Spoleto è quello stesso ricordato nella Yita 
di s. Giovanni di Paniaca, e tenne la cattedra spoletina dal 492 
al 502 incirca. L'autore dell'appendice gli attribuisce erroneamente 
la costruzione della chiesa suburbana spoletina di S. Pietro su la 
Flaminia, eretta prima di Giovanni, dal vescovo Achille nella prima 
metà del v secolo. Vincenzo è il vescovo di Bevagna, di cui si 
parlerà. Scipiodotus (che nei codici si legge pure Sclipiodoctus o 
Glippeoditus) di Bettona si è creduto uno solo col Orispolitus (no- 
me del pari incerto) della stessa Bettona. Il vero nome potrebb'es- 
sere Asclepiodotus. Deoderico vescovo di Metz, nel 970 {AS, nov., 
Ili, 32JL) portò via da Assisi le reliquie di un martire ivi venerato 
(24 ottobre) di nome Asclepiodorus, Asclepiodatus o Asclepioiatus. 
Ohe sia il nostro Scipiodotusì Ercolano finalmente si può credere 
l'omonimo vescovo di Perugia, del quale s. Gregorio tìm Dialoghi 
narra la morte. Lorenzo (di Spoleto), Giovanni e Isacco sono pure 
ricordati in una Yita ss. Mauri Syri, et Felicis eius filii {BHL, 
5791 m) ; la quale narra questi tre essere venuti da Oesarea di 
Siria in Eoma con molti compagni, tra cui Lorenzo, Giovanni e 
Isacco, per brama di martirio: essere stati dispersi in vari paesi; 
Mauro e Felice nella Valle della Nera, ove uccidono un dragone 
lungo 90 piedi. Questo documento non è se non una ripetizione o du- 
plicazione della leggenda dei XII Siri, mutati alcuni nomi (cf. AS, 
iun., IV, 95-96; Dufouecq, o. c, III, 79, in nota). Molte altre 
leggende derivano da quella dei XII Siri: la Passio s. Paradalis 
(BHL, 6457 b) ; la Passio s. Theudilae {AS, iul., I, 62-3) ; la Passio 



432 Lte DIOCESI d' ITALIA 

s. ProciiU, vescovo di Numi, di Terni e di Bologna (BEL, 6016 ; 
AS, ini., I, 53-55); la Passio s. Herculani (^i^L, 5823-5824 ; AS, 
marfc., I, 51-54) ; la Vita s. Anastasii, vescovo di Terni (BEL, 407) ; 
e specialmente la Passio s. Crispoliti {BHL, 1800), che si riferisce 
appunto a Bettona. 

L'autore di questa, a torto o a ragione, identificò Orispolitus 
di Bettona con Scipìodotus, e ne pose l'episcopato al tempo di 
s. Pietro apostolo, cioè nella prima Inetà del i secolo. Questo nome 
di Orispolitus non è né greco né romano. I Bollandisti {BHL, 1800) 
suggeriscono di correggere Cri/sopolitus, mentre il Dufourcq (o. e, 
preferirebbe Crispolns; ma una carta assisinate del 1018 ricorda un 
« monasterium Sancto Orispolito » (cf. Di OosTxVNZO, Disamina 
degli scrittori e dei monumenti risgitardanti s. Bufino di Assisi, 
x\.ssisi, 1797, p. 370). Lo stesso Dufourcq (1. e.) attribuisce la Pas- 
sione di s. Orispolito al secolo vir, ma questa composizione non è 
anteriore al xii secolo o alla fine dell'xi. Infatti l'autore della Pas- 
sione scrive che Orispolito fu della Galilea, e uno dei 72 discepoli di 
Gesù. Ora gli agiografi occidentali cominciarono ad annoverare i 
nostri santi nel numero dei 70 (o 72) solo dopo che pervenne in 
Occidente il catalogo dei 70 del i3seudo-Doroteo ; il che non accadde 
prima della fine dell'xi secolo. Quindi la Passione di s. Orispolito 
non dovrebbe risalire più in alto. Il motivo per cui l'autore della 
Passione riportò Orispolito al tempo di s. Pietro credo sia stato il 
seguente: Quantunque l'ignoranza dell'autore della leggenda dei 
XII Siri fosse immensa, tuttavia stento a credere che egli potesse 
pensare che Pietro apostolo fosse vivo al tempo del suo s. Brizio, 
cioè sub luliano o sui) Biocletiano. Nella intenzione adunque dello 
scrittore le due apparizioni di s. Pietro a Brizio, come quelle degli 
angeli concomitanti, non erano apparizioni di s. Pietro vivente, ma 
di s. Pietro defunto e beato comprensore nel cielo. Uno scrittore 
come quello della leggenda dei XII Siri poteva ignorare benissimo 
che la consacrazione episcopale conferita, secondo luì, in visione 
da s. Pietro a s. Brizio, fosse in quelle circostanze assai irregolare, 
per non dire invalida. Ma l'autore della Passio s. Crispoliti intese 
l'apparizione di s. Pietro, come comparsa di s. Pietro vivo. Anche 
in Sicilia il traduttore latino (BHL, C819) di una Vitji greca 



LA tlÉGilONfc Vi - UMBklA - VÈfTONA (BÈt'i'ONA) 433 

(BUG, 1531) di s. Filippo d'Agirio convertì una apparizione di 
s. Pietro defunto a Filippo, in una apparizione dell'apostolo vivo, 
e così retrocesse s. Filippo dal v al i secolo. Insomma per l'autore 
della Passio s. CHspolUi s. Pietro stesso in carne e ossa, mentre 
era vivo e papa in Eoma, avrebbe conferito l'ordinazione episco- 
pale a Brizio, e Brizio agli altri. Brizio. adunque e gli altri sareb- 
bero stati contemporanei di s. Pietro papa ; quindi anche Ascle- 
piodoto o Scipiodoto o Orispolito ; quindi Orispolito fu fatto galileo 
e uno dei 72 discepoli e inviato da s. Pietro stesso con Brizio, con 
Eraclio (o Ercolano?) e con più altri da Gerusalemme in Italia; 
quindi finalmente Orispolito fu fatto consacrare, non da Giovanni 
di Spoleto, come nella leggenda dei XII, ma da s. Brizio stesso ; 
poi per la fede sarebbe stato ucciso e diviso in due « in castro 
imperiali ». I suoi compagni, cioè un Barontius bifolco « in campo 
Bucaronis », e 12 donne che accompagnavano Teutela o Tlieudila 
(è il Tlieudila della leggenda dei XII convertito in donna?), sorella 
di Orispolito, sarebbero stati pure uccisi e sepolti presso la torre 
tra i fiumi Oleotone (Olitunnol) e Sambro, il 12 maggio. Ivi sa- 
rebbe stata edificata una basilica in onore di s. Orispolito, della 
B. Vergine e di tutti i santi. Ma l'autore della Passio s. GrispoUH 
non volle smentire la sua ignoranza pari a quella dello scrittore 
della leggenda dei XII, perchè dopo aver fatto di Orispolito un 
contemporaneo di s. Pietro e di Gesù, pose il suo martirio snb 
Maximiano; insomma diede al vescovo tre secoli di vita! 

L'Umbria era vicinissima a Eoma, legata con essa con stret- 
tissimi rapporti di commercio; costeggiata dal Tevere, il fiume 
della capitale, e attraversata dalla Via Flaminia, che congiungeva 
il centro dell' impero coll'Adriatico, coll'Alta Italia e con le pro- 
vince illiriche. Quindi si può conchiudere a priori che il cristia- 
nesimo sia penetrato nell' Umbria da Eoma e per tempo ; quan- 
tunque non consti che nei primi secoli dell'impero comunità 
israelitiche esistessero nell' Umbria. Oerto « la sontuosità delle reli- 
quie superstiti degli antichi edifizì del culto cristiano nell'Umbria, 
comprova », scrive il de Eossi, (« Bull, d'arch. crist. », an. 1871, 
pp. 88-9) « che questo né nuovo era quivi né in umile stato quando 
la croce trionfò dell'abbattuta idolatria ». Ma su la semplice affer- 

28 



4S4 Lte btotìÈsi D* ITALIA 

inazione di un documento tanto tardivo e di cosi torbide origini, 
come è la Passio s. CrispolUi, nessun critico vorrà affermare che 
l' Umbria avesse vescovi residenti fino dal i secolo. Ed è cosa no- 
tevole che la Passione di un s. Feliciano di Forumflaminii, di cui 
si dirà tra poco, lo escluda. 

Lo Harnack (o. e , 11,1 p. 264) basandosi sul fatto dei martiri, 
pone la chiesa di Bettona prima del 325 o, meglio, prima del 305. 
Ma non oserei ciò fare su la fede della Passione di s. Orispolito, 
che è delle meno attendibili tra le Passioni umbre. 

BrUius. — Nel campo stesso delle leggende il su ricordato 
s. Brizio non è in alcuna relazione con Bettona; ma ciò non ha 
impedito a scrittori locali di collocarlo arbitrariamente nel catalogo 
episcoj)ale. 

1. Gaudentius: 465. — Nei codd. si legge episcopus vecconensis 
(Thiel, Epistolae R. Pontificum, 1, 159) : da alcuni interpretato : 
vulsiniensis (Bolsena), da altri : veronensis (Verona) ; ma sembra do- 
versi leggere vettonensis. 

Mevania (Bevagna). 

Questa città possiede un'antica iscrizione cristiana d'età in- 
certa {GIL, XI, 2, 5162). 

1. Vincenti US ? epoca incerta. — L'eroe di una Passione (BHL, 
8676) dei ss. Vincenzo e Benigno è un Vincentìus, vescovo di Me- 
vania, che sarebbe vissuto al tempo delle persecuzioni, avrebbe 
chiuso i suoi giorni in pace sotto il consolato di Bufo e Gallo il 
6 giugno, e sarebbe stato sepolto « in campo salutis, in novas 
nundinas augustales Inter Portilionem et Mevaniam », al 94° (?) mi- 
glio da Eoma. Quel » campus salutis » ricorda la leggenda dei 
XII Siri, di cui sopra. Veramente un Virius Gallus fu console nel 
298, ma il suo collega chiamavasi non Eufus, sì Anicius Faustus, 
se pure Eufus non è cattiva lezione per Faustus. Questa Passione 
dà a Vincenzo un fratello diacono, di nome Benignus, morto il 
1** maggio, prima del vescovo. Di questi due santi non si hanno 



LA RÈtìlOJJÉ Vi - OMBRIA - MEVANIA (bEVAGNa), EC. 435 

notizie più antiche dr' questa Passione, che non dovrebb'essere an- 
teriore al VI secolo. I loro corpi sarebbero stati trasferiti a Lucca 
nel 1184 (Baesotti, Lucca sacra., 1923, p. 84). 

lustinus, 315? — L'XJghelli (X, 138) e il Gams (p. 729), senza 
prove, lo dicono vissuto suh Silvestro. 

2. Innocentius: 487; 499; 501. 

Chiesa vacante: 591, s. Gregorio I ne affidò la cura a un prete 
{J-L, 1148) ; 597, ne commise la visUatio a Orisanto, vescovo di 
Spoleto; il quale nel 599 fu incaricato di trovare persona idonea 
al vescovado {J-L, 1693). 

Trebiae, Trebia (Trevi). 

Il Duchesne (Les évéchés ec, I, 93-5; II, 392-3) crede che 
questa piccola diocesi esistesse prima dell'invasione longobarda e 
i vescovi diocesani fossero presenti in Eoma nei sinodi del 487 e 
del 499: ma il Mommsen (Oassiodoei Variae, p. 500) opina che i 
vescovi ricordati nel 487, 499, 501 e 502 appartenessero non a 
Trebiae, ma a Treba del Lazio. Io pure credo che la diocesi di 
Trevi sia anteriore al vi secolo, perchè, la Passio s, Feliciani, da 
studiarsi tra poco, scritta intorno al vi secolo, suppone che Trevi 
in antico avesse un vescovo come Foligno, Spello, Bevagna, As- 
sisi, Perugia, Plestia, Norcia, Terni e Spoleto. E la Passione di 
s. Peliciano in questo particolare non parrebbe indegna di fede. 

Nel 1660, secondo l'Ughelli (X, 175-6), fu trovata una iscri- 
zione in Trevi di questo tenore: Ossa s. Miliani martyris. Si cre- 
dette che questo s. Emiliano (o Momiliano? v. Palermo) fosse stato 
vescovo di Trevi e ordinato da s. Brizio ! (« Arch. per la storia eccles. 
dell'Umbria », an. 1913, 653). Ma la detta iscrizione non parla di 
vescovo, né di vescovo di Trevi. Il p. Sbaraglia (1. e.) a questo 
proposito osservava che Palestrina pure conserva un' iscrizione : 
« s. mart. Miliani » = Aemiliani? (v. Palestrina), e Nepi venera 
un « s. Milionus mart. ». Si aggiunga che a Gubbio esisteva un 
monastero sacro a un s. Emiliano, e non è improbabile che le reliquie 
di Trevi e di Gubbio appartenessero a uno stesso santo. Infatti a 
Gubbio, come vedremo, sarebbero pervenute dall'Africa reliquie di 



43é Lb blOÒtìsi D* ITALIA : 

parecchi martiri .del coDtiiiente nero, comprese quelle di ttn s. Emi- 
liano (I. e, an 1916, p. 382). E perchè le reliquie di Trevi non 
potrebbero essere pervenute in questo luogo da Gubbio? 

Una Passio s. EmiUani (BEL, 107) narra che un Aemilianus 
sarebbe venuto dall'Armenia in Spoleto e, avendo chiesto se alcuna 
città dell'Umbria avesse bisognò di vescovo, avrebbe imparato che 
questa era la « civitas lucana ». Ma mentre i nobili, « de genere 
Anchorum », ne facevano richiesta a Eoma, Emiliano sarebbe stato 
preso da Massimiano » augustalis Tusciaé » (reminiscenza dèlia 
Passione di s. Sabino) ; da prima gettato nel fiume Olitunno, quindi 
esposto alle fiere dell'anfiteatro (di Spello ?) e finalmente decollato 
al terzo miglio dalla « civitas lucana », nel luogo detto Carpì ani a 
un terzo di miglio dal fiume Olitunno, e sepolto il 28 gennaio. 
Il Dufourcq (o. e. III, 114, n. 2, 309-11) ha creduto che questa 
« civitas lucana » sia una « civitas Lucaniae » cioè della Lucania. 
Ma il contesto non permette di identificare questa « civitas lu- 
cana » con una provincia così lontana dal fiume Olitunno. In tempi 
recenti anche questo s. Aemilianus fu stimato vescovo del.la pic- 
cola Trevi; quantunque la sua Passione escluda esplicitamente che 
egli abbia tenuto alcuna sede episcopale umbra. Del resto questa 
Passione non è né antica né degna di fede. L'anonimo autore sa- 
peva che s. Emiliano non era nato nell'Umbria ed era venuto da 
lontano. Ora è lecito domandare: era venuto il santo in persona 
con le'sue reliquie? Spesso i leggendisti hanno affermato che 
un santo, le cui reliquie furono portate in un paese, vi pervenne 
in persona. Non è improbabile che l'autore di questa Passione 
di s. Emiliano abbia inteso di esaltare a suo modo il martire omo- 
nimo venerato a Gubbio, le cui reliquie pervennero colà dall'Africa. 
Avrebbe egli trasformato V Africa in Armenia ? 

Spoletium (Spoleto). 

Spoleto e il suo territorio possiedono parecchie iscrizioni cri- 
stiane antiche, alcune del iv secolo (0//., XI, 2, 49G4-87, 4996 e 
pp. 698-9) ; e un importantissimo frammento marmoreo del sec. iv, 
che rappresenta Gesù in nave (figura della Chiesa cristiana) con 



LA REGIONE VI - UMBRIA - SPOLETIUM (SPOLETO) 437 

quattro remiganti, che hanno nome Giovanni, Luca, Marco. II nome 
del quarto, Matteo, poiché trattasi certamente dei quattro evan- 
geHsti, mistici rematori della Chiesa, è scomparso (cf. « Bull, d'arch. 
crist. », an. 1871, p. 109). 

Nel Gerolimiano s' incontra spesso sotto Spoleto un martire 
Vitale. Prima al 18 gennaio : 

E Spoliti ci vitate Vitalis, 
B Et ili Spoliti Vitalis ; 

al 19 gennaio il nome è caduto : 
B In Spoliti civitate... 

nel 14 febbraio Vitalis si legge due volte: 

jB In Tuscia Spoliti civitate natale sanctorum Vitalis. 

In civitate Spolisio Vitalis et mllitis (= miliario) octoginta quattuor, 
E Et Speliti civitate natale Vitaliani, Vitalis. 

In civitate Spoli. Vitalis et milites XLIII (ma miliario LXXXIV), 
Win Tuscia Spoliti civitate sanctorum Vitalis. 

In civitate Spolisius Vitalis et milites LXXXIIII. 

Questo Vitalis è un « martyr inventus ». Infatti un' iscrizione 
{CIL, XI, 2, 4966; « Bull, d'arch. crist. », an. 1871, p. 95) traspor- 
tata verso la fine del xvi secolo nella cattedrale di Spoleto dalla 
parrocchia del Terzo della Pieve (a circa 8 miglia da Spoleto), e 
oggi smarrita, diceva : 

Spes episcopus Dei servus sancto Vitali maiilri a se primiìm invento alta- 
ris honorem fecit. 

e conchiudeva : 

Sancti Vitalis <6artyris passionis n[altalis die xvi [kal. mart. ?]. 

Il vescovo spoletino Spes sarebbe vissuto nel iv secolo, se- 
condo alcuni scrittori ; ma, considerando che fu sepolto nella chiesa 
suburbana di S. Pietro, ove fu trovata la sua lapide sepolcrale 
{CIL, Xr, 2, 4967; « Bull, d'arch. crist. », an. c.,.p. 113; an. 1878, 
p. 153) e la basilica di S. Pietro fu edificata dal vescovo Achille, 
vivente certamente nel 419, il vescovo Spes dovrebbe discendere 
al V secolo. Ora il vescovo scopritore non seppe nulla della storia 



438 liE DIOCESI d' ITALIA 

del marfciue Vitale, se vogliamo argomentare dall'elogio metrico 
scolpito da lui nel marmo sopra indicato. Tuttavia si trovano in 
esso alcune frasi, che interessano non poco la storia antica della 
chiesa di Spoleto. Infatti l'elogio di Vitale, dopo le parole: Spes 
episcopus... allaris honorem fecit, diceva : 

Martyris hic locus est Vitalis nomine vero, 
quem servata fldes et Christi passio votat. 
Solus hic e nostris vìctricia dona reportans 
aeternam caelo meruit perferre coronaui... 

Fermiamoci qui. Solus hic e nostris ee. è una frase che ri- 
chiama quella analoga di s. Pier Orisologo di Eavenna nel suo 
sermone (128°) intorno a s. Apollinare protovescovo di quella città : 
« Beatus Apollinaris, primus sacerdotio (= primo vescovo di Ea- 
venna) solus hanc ecclesiam ravennatem vernaculo (= domestico) 
atque inclyto martyrii honor'e decoravit ». Se per e nostris nell'e- 
pigrafe spoletina s' intende : e nostris vernaculis, o e nostra spoletina 
ecclesia, come sembrerebbe più naturale in bocca al vescovo dioce- 
sano che parla, Vitale al tempo di Spes era l'unico martire noto della 
chiesa spoletina. Quindi bisognerebbe conchiudere che gli altri 
martiri Sabinus, Gregorius, Ooncordius e Pontianus, dati dalle loro 
Passioni, come martiri di Spoleto, non appartennero a Spoleto, bensì 
ad altri luoghi. Il de Eossi (1. e, p. 90) ha dato un'altra interpre- 
tazione dei primi versi dell'epigrafe; ha creduto che quello e nostris 
non si riferisse ai diocesani di Spoleto ma unicamente agli abitanti 
del vicus romano, ove oggi si trova Terzo della Pieve. Spes mede- 
simo con la sua famiglia, di cui egli ricorda una figliola di nome 
Oalventia, vergine consacrata a Dio, avrebbe appartenuto a quel 
vicus ; quindi la frase e nostris equivarrebbe all'altra : e nohis vi- 
canis. Così il de Eossi ; ma fa d'uopo riconoscere che nell' iscrizione 
metrica di Vitalis non e' è nulla, affatto nulla, donde si possa ai'guire 
che Spes con la sua famiglia e con la figlia Oalventia appartenesse 
a quel vicus. E una pura supposizione del de Eossi. 

Le Passioni dei su detti quattro santi Sabinus, Gregorius, Oon- 
cordius e Pontianus furono composte, a quanto sembra, tra la fine 
del V e il principio del vi secolo ; al quale tempo risalgono parec- 



LA REGIONE VI - UMBRIA - SPOLETIUM (sPOLETO) 439 

chie altre Passioni umbro-toscane (ad esempio quelle di s. Donato 
di Arezzo, di s. Valentino di Terni, dei ss. Secondiano e soci di 
Civitavecchia o Toscanella) e Passioni romane, che hanno tra loro 
e con le Passioni umbre e toscane molteplici somiglianze di lingua, 
di stile, di orditura ec. Probabilmente queste Passioni umbro-tosche 
furono composte, come le romane, in Eoma da scrittori della stessa 
scuola, cioè che seguivano analoghi procedimenti e metodi. Queste 
constatazioni sono della più grande importanza per valutare il va- 
lore storico di queste composizioni. Ora la prima delle su dette 
quattro Passioni di Spoleto celebra un s. Sabino vescovo (non si 
dice di quale città), che sarebbe stato catturato in Assisi e ucciso 
a Spoleto, e a due miglia da questa città sepolto il 7 decembre 
sub Maximiano {BHL, 7451-3). Questo s. Sabino era veneratissimo 
nel VI secolo. La teoria di martiri ritratta per ordine dell'arcive- 
scovo Agnello, poco dopo la metà del vi secolo, nelle pareti della 
basilica di S. Martino di Eavenna, ora S. Apoltinare Nuovo, con- 
tiene, tra gli altri, la figura di un S. Sahinus. E Gregorio Magno 
ci attesta (590-604) che le reliquie del martire s. Sabino (cioè le 
sanduaria) venivano spedite da Spoleto in parecchi luoghi^ ove si 
erigevano oratori in suo onore {J-L, 1583-4; 1882). Finalmente 
Paolo Diacono nella sua Historia Langohardorum (IV, 16 ; VI, 58) 
parla di s. Sabino martire, invocato dagli spoletini del vi secolo con- 
tro la guerra, e della sua basilica presso Spoleto con la immagine di 
lui in essa dipinta. Ma prima del vi secolo nulla ci fu tramandato 
su questo martire umbro (cf. Dufoueoq, o. c. III, 87; Quentin, 
0. e, 567 e 658; « Anal. Bolland. », an. 1904, p. 95-96; « Civiltà 
Cattolica », q. 1283, pp. 573-80; « Eevue d'hist. et de littérat. re- 
lig. », an. 1903, p. 597; « Studi religiosi », an. 1903, pp. 200-201; 
LanzÓni, Le Vile dei quattro santi protettori della città di Faenza, 
in Rerum italicarum scriptores, nuova edizione, t. XXVIII, parte 
terza, pp, 315-21). Il valore storico della Passione è molto proble- 
matico. Il Corssen {Das Martyrium des Bischofs Cyprian, in « Zeit- 
schrift fiir die neutestamentliche Wissenschaft », an. 1916, p. 191- 
192) porta alcune ragioni in favore della storicità della Passio 
s. Sabini, ma molto strane. L'autore vorrebbe trovare in questa 
Passione elementi antichi e pregevoli in alcuni vocaboli latini della 



440 LE DIOCESI d' ITALIA 

medesima, che sono assolutamente insignificanti. Fu dunque il no- 
stro s.. Savino un vescovo umbro? un martire vero e proprio ? Non 
è inopportuno osservare che l'autore della Passione di s. Donato, 
vescovo d'Arezzo, vissuto intorno alla metà del iv secolo (Passione 
del gruppo tosco-romano,, imparentata con quella di s. Savino), lia 
fatto di quel santo presule aretino un martire in senso stretto, 
mentre un martirio di sangue nella metà del iv secolo in Arezzo è 
abbastanza discutibile per non dire improbabile. Ohe l'autore della 
Passione di s. Sabino abbia seguito criteri analogln? (v. Assisi). 

La seconda delle su dette Passioni (BEL, 3677) si aggira intorno 
a un prete spoletino di nome Gregorio, che sarebbe stato ucciso 
in Spoleto sub Diodetiano, e sepolto vicino alle mura della città 
presso un ponte di pietra e presso un rivus, detto Sanguinar iiis, 
il 23 decembre. 1\ Sacramentar imn Leonianum (Feltoe, Sacram. 
Leonian., Cambridge, 1896), cioè quella collezione di frammenti 
liturgici romani del v o del vi secolo, che passa sotto questo nome, 
al 23 aprile e al 24 novembre ricorda un martire venerato in Eoma, 
di nome (^regorius; e alcuni critici pensarono al martire di Spo- 
leto : ma il Gregorius posto dal Leonianum al 23 aprile è il martire 
Georgius, appunto assegnato a Eoma in questo stesso giorno da 
alcuni codici del, Gerolimiano (cf. D uohesne, On(/mes du eulte 
chrétien, i3p. 137-40). Ohi era dunque .questo martire Gregorio ? In 
una Vita di s. Gregorio di Girgenti, di cui si dirà, scritta verso 
la fine del vii secolo, si legge che questo santo fu chiuso in una 
prigione ov'era stato incarcerato un s. Gregorio, vescovo di Lilibeo, 
che aveva sofferto il martirio nel medesimo luogo per ordine di 
un tiranno di nome Tircano. Questo martire Gregorio di Lilibeo 
è conosciuto unicamente per la Vita del suo omonimo di Girgenti. 
Ora il p. Delehaye (« Anal. Boll. », an. 1908, p. 377) pensa che 
l'autore della Passione di s. Gregorio di Spoleto abbia inteso di 
celebrare appunto il s. Gregorio di Lilibeo, trasportandolo a Spoleto, 
secondo i metodi arbitrari dei leggendisti romani. E notevole che 
il martire di Lilibeo e quello presunto di Spoleto vengano uccisi 
ambedue sotto un tiranno Tircano, che non s' incontra se non nella 
Vita siciliana e nella Passio s. Gregorii. 

La terza e la quarta ci trasportano al tempo di Antonino 



LA REGIONE VI - UMBRIA - SPOLETIUM (SPOLETO) 441 

imperatore (138-161). L'una {BHL, 1906) esalta un Ooncordio prete 
romano, figlio di un Gordiano prete, addetto in Eoma, al « Titulus 
Pastoris », ricordato nelle Gesta Pudentianae e nella Passio Donati. 
Questo Ooncordius sarebbe stato sepolto in Spoleto il 1° gennaio 
in un luogo ove scaturiscono abbondanti acque. Un Ooncordio 
l^rete s' incontra del pari in parecchie Passioni romane, imparentate 
evidentemente con quella di Spoleto. Infatti nelle Gesta Bibianae 
(BEL, 1322-3) un Ooncordius dà sepoltura a Giovanni prete della 
Via Salaria, e nelle Gesta Aureae {BEL, 808-13) un Ooncordius 
seppellisce Sabiniano, coltivatore dei predi della santa. Può darsi 
che si sia voluto alludere alla stessa persona (cf. Dufouroq, o. c, 
I, 371; III, 36; Quentin, o. c, p. 503). 

L'ultima delle Passioni spòletine {BHL, 6891) ha per protago- 
nista un laico di nome- Pontianus, che sarebbe stato decapitato in 
Spoleto il 14 gennaio al « pons Sanguinarius », e sepolto il 18 nel 
fondo Luciano presso la città. Si noti che qui abbiamo un 2^ons 
Sanguinarius, come nella Passione di s. Gregorio un rivus San- 
guinarius Il lettore ricorderà un rivus Sanguinarius puj'e in una 
Passione di Ferentino nel Lazio di assai dubbio valore. Ora la no- 
tizia più antica di s. Ponziano è la nostra Passione. Ma la Passione 
romana dei ss. Eusebio, Ponziano e compagni {BHL, 2742-6), ap- 
partenente all'anzidetto gruppo umbro-tosco-romano, ha trasformato 
papa Giulio (337-52) in un senatore ucciso per la fede sub Commodo 
(180-92) e il papa s. Ponziano martire (230-5) in un « vir religiosus, 
servus Dei » che dà sepoltura ai cristiani uccisi per Oristo (cf. 
KiESOH, Le memorie dei martiri sulle vie Aurelia e Cornelia, in « Mi- 
scellanea Fr. Ehrle », 1924, II, 84-99). Ora la nostra Passio s. Pon- 
tiani non avrebbe mica trasferito dalla Sardegna in Spoleto il mar- 
tirio di papa Ponziano? considerato come martire il titolare di un 
cimitero suburbano di Spoleto, detto coemeterium Pontiani ? Gli au- 
tori delle Passioni del gruppo tosco-umbro-romano non avrebbero 
ciò fatto la prima volta (cf. Lanzoni, / titoli presbiterali di Roma 
antica, nella « Eiv. di archeol. crist. », an. 1925, pp. 195-255). 

Queste ipotesi, se non sono lungi dal vero, spiegherebbero 
molto bene perchè il vescovo Spes del v secolo non conoscesse in 
Spoleto se non il martire s. Vitale. 



442 LE DIOCESI d' ITALIA 

E notissimo (cf. l' Introduzione, pp. 53-4) che gli aatori delle 
Passioni del v e del vi secolo ordinariamente riferiscono nomi e 
qualità di seppellitori o di seppellitrici di martiri, per lo più matrone 
vergini o preti o chierici ec. Alle volte essi scelgono a questo 
ufficio nomi storici, quantunque non constasse della loro qualità 
di seppellitori ; alle volte nomi la cui storicità è dubbia. L'autore 
della Passione di s Sabino assegna a questo martire per seppelli- 
trice una matrona dì nome Sereria, d'altronde ignota, alla quale 
con l'andar del tempo furono concessi in Spoleto gli onori del culto 
pubblico. 

La Passione dei ss. Oarpoforo e Abondio (v. Bettona) pone in 
Spoleto, « extra urbem... non longe ab urbe in latore montis », nel 
cimitero di Ponziano, la sepoltura di alcuni martiri compagni di 
quei due; martiri che sarebbero stati decollati sub Maxiniiano 
il 25 luglio. I loro nomi sono ignoti, come non si conosce la loro 
storia. 

Di un s. Primiano venerato a Spoleto come martire il 31 
agosto {AS, aug., YI, 664) v. Larinum e Ancona. 

I dittici di Spoleto si sono perduti. Come in tanti altri luoghi nel 
secolo XVI si tentò di ricostruirli. Li Spoleto da prima ciò fu fatto 
per opera di certo p. G. B. Bracceschi, quindi da un Giacomo Filippo 
Leoncini, e nel secolo xvii-xviii da un S. Serafini (cf. « Archi v. 
per la stor. eccl. dell' Umbria », an. 1914, p. 690 ; an. 1921, p. 1) ; 
ma questi « errarono tutti », scrive la citata Rivista (a. 1914, p. 695). 
Noi cercheremo d' investigare le cause di quegli errori. Ben sette 
N (anonimi) appaiono nel catalogo del Serafini ; ma non vale la 
pena di occuparcene, per le ragioni altra volta esposte (v. V Intro- 
duzione, pp. 20-1, e Siponto). 

Briiius I e Uj Q loannes L — Se il titolare del monastero 
spoletino di S. Brizio è il vescovo di Tours, come si è detto, Bri- 
tius resta automaticamente espunto dai cataloghi episcopali di 
Bettona e di Foligno, e da quello di Spoleto ove venne collocato 
e duplicato. A ogni modo l' intrusione di s. Brizio nella lista dì 
quelle tre sedi umbre è il risultato di cervellotiche argomentazioni 
condotte su la famosa e favolosissima Passione dei XII Siri, con 



LA REGIONE VI - UMBRIA - SPOLETIUM (sPOLETo) 443 

l'andar del tempo modificata e raffazzonata. La prima redazione 
della Passione pone la venuta dei XII Siri in Umbria nel 360-3 ; 
un'altra (v. Terni) sub Instino (secolo vi) ; e la Passione di s. Ori- 
spolito (v. Bettona) fa risalire s. Brizio (e i suoi compagni viag- 
giatori) al I secolo. Quindi la necessità, per chi credeva all'assoluta 
storicità di quelle leggende, di sdoppiare e triplicare quei santi 
personaggi. Gli scrittori spoletini, adunque, ammisero un Brilius I 
e un loannes I nel secolo i, e un Britius III e un Ioannes II nel 
secolo VI. E dire che la Passione dei XII non accennava meno- 
mamente a un episcopato umbro di s. Brizio ! Giovanni si è un 
presule di Spoleto, ma del v-a'I secolo. 

Antliimus e Antimus; v. Oures Sabinorum. 

Felicianus. — Sarebbe il vescovo di Forum Flaminii, di cui 
si dirà, attribuito arbitrariamente alla città di Spoleto. Il Cappel- 
letti (IV, 334) forse pensò non a s. Feliciano di Forum Flaminii, 
ma a un s. Felice (30 ottobre) creduto vescovo di una civitas tnar- 
tana, di cui si dirà tra poco; neppure questo s. Felice potrebbe 
attribuirsi alla sede spoletina, come si vedrà. 

Saturniuus? ~ E senza prove, e pare lo stesso s. Saturnino 
martire venerato a Terni, forse africano. 

Sabinus? — La sua Passione non dice che fosse vescovo di 
Spoleto o di Assisi, ma tanto l'una quanto l'altra città se lo sono 
attribuito (v. Assisi). 

loannes IL — L'Ughelli (I, 1250) pretende che questo Gio- 
vanni li sia intervenuto al sinodo di Sinuessa. Ma quel sinodo è 
falso e i presunti vescovi presenti compaiono negli Atti apocrifi 
senza il nome della sede ! 

Martialis ? — Fu venerato in Spoleto il 30 giugno, giorno na- 
talizio del celebre s. Marziale vescovo di Limoges {AS, iun., I, 
387), e forse è lo stesso personaggio. Il Ferrari {Cai. ss. Italiae, 779) 
credette che s. Marziale avesse tenuto la sede spoletina nel secolo 
VI, e fosse morto il 16 dee. ; ma senza alcuna ragione. Altri lo 
identificarono di pieno arbitrio con quel Martialis che s'incontra 
nel pseudo-sinodo silvestrino del 324 (Mansi, II, 622)! 

1. Laurentius, epoca incerta ma antica. — Una Narrafio, do- 
cumento tardivo e confuso {BHL, 4748 b, 4748 d), secondo i calcoli 



444 LE DIOCESI d' ITALIA 

del Dufourcq (o. e, IH, 62, n. 3) composta nel 529, pone tra i 
vescovi di Spoleto un Laiirentiiis, che avrebbe pontificato al tempo 
di papa Caio (283-96) e sarebbe stato sepolto il 4 febbraio circa 
8 m. da Spoleto « in finibus Geniolati ». La leggenda dei XII 
Siri e la Passione dei ss. Mauro siro e Felice (v. Bettona) ci assi- 
curano che un s. Lorenzo, vescovo di Spoleto, era molto vene- 
rato nell'Umbria. Egli ricevette il cognome di llhiminalor {AS, 
febr., I, 366), e fu poi identificato erroneamente con un s. Lorenzo 
vescovo, fondatore del monastero di Farfa (v. Oures Sabinorum), 
quindi dai manipolatori del catalogo spoletiuo relegato nel vi secolo, 
mentre è più antico. 

2. Oaecilianus: 353-4 {J-L, 3I0; papa Liberio deplora con Oe- 
cilianus il lapsus di Vincenzo di Oapua). 

Liberius? — Un'iscrizione spoletina (C/Z/, XI, 2, 4975) posta 
dal marito Plavius Hospitiamis Plcentiae Legiiimae neophytae... con- 
signata{é) a Liberio p. p. [= papa?], si riferisce veramente al pon- 
tefice Liberio (352-66), come il de Eossi (« Bull, d'ardi, crist. », 
an. 1871, p. 109) pensò, oppure a un vescovo spoletino? Nel iv e 
nel V secolo i vescovi non romani talora venivano detti papa. 

3. Achilles o Achilleus : 419. — Tutti gli archeologi conoscono 
i suoi importantissimi epigrammi posti nella chiesa suburbana di 
S. Pietro {GIL, XI, 2, pp. 698-9) da lui edificata. Fu scelto dalla 
corte di Eavenna a celebrare le funzioni della pasqua in Roma 
nel 419, durante la contesa tra Bonifacio e Eulalio (cf. Coli. Avel- 
lan. nel v. XXV del C8EL, pp. 68-78). 

4. Spes, secolo v. — Se ne è parlato a proposito del martire 
Vitalis. Fu sepolto nella su detta chiesa di S. Pietro, ove fu tro- 
vato il suo epitafio {GIL, XI, 2, 4967; cf. « Bull, d'arch. crist. », 
an. 1871, p. 113; an. 1878, p. 153); morì nel 23 novembre e sedette 
32 anni. 

5. Amasius, cons. 23 maggio 476-t 23 luglio 489 {GIL, XI, 
2, 4972). 

Epìphanius, 487. — Di Spello, non di Spoleto. 
Meletius ? — Venerato a Spoleto il 16 dee, fu registrato tra 
i vescovi della città senza prove. 

6. Ioannes; 492-6 (J-L, 690); 496 (?) {J-L, 717) ; 499 ; 501 ; 502. 



La àKtì'ioNfe Vi - UMbkiA - st'OLfel'iUM (st»oLÈTo) 445 

E ricordato nella Vita s. loannis Petiarienais (BHL, 4420), docu- 
mento del secolo vi. Il Fausti {Del sepolcro di s. Giovanni arci- 
vescovo (?) di Spoleto, martire (?), Oastelplanio, 1911, pp. 0-19) pub- 
blica una Vita o Passio s. loannis martyris, da un cod. spoletino 
dell'anno 1200, in cui si pretende che questo presule sia stato 
ucciso in Spoleto dai Saracinl. Cosa assurda! Il Fausti stesso 
(o. e, p. 20) riferisce opinioni di storici spoletini, secondo i quali 
Giovanni sarebbe stato martirizzato dagli ostrogoti verso il 546, 
ossia per ordine del re Totila ; ma io temo che questi pretesi cor- 
rettori della leggenda del s. Giovanni spoletino riportata dal eli. 
Fausti abbiano corso un po' troppo. Certo il nostro Giovanni ha 
potuto regnare per 50 anni e.; ed è noto che Baduilla trattò male 
i vescovi italiani del suo tempo. Fece uccidere quelli di Perugia e 
di Tivoli ; tentò di far sbranare da un orso quello di Populonia, e 
tagliò le mani a quello di Silva Candida. Ma la leggenda, come 
avviene, si è divertita a moltiplicare i misfatti di quel re. La cru- 
deltà di Totila è diventata una specie di luogo comune per i com- 
pilatori tardivi di Vite di v^escovi italiani del vi o creduti del Yi 
secolo ; e, secondo questi scrittori, Totila avrebbe fatto decapitare 
s. Eegolo, arcivescovo d'Africa, nel litorale di Populonia (v. Po- 
pulonia) ; avrebbe fatto ammazzare a Bologna s. Procolo (v. Terni), 
a Firenze s. Maurizio, a Imola s. Maurelio, a Faenza un anonimo; 
e avrebbe preso a scherno s. Anselmo di Bomarzo {BHL, 542), 
s. Sabino di Canosa {BHL, 7443), s. Lorenzo di Siponto {BHL, 
4790-1) ec. Ora perchè caricare arbitrariamente la coscienza di 
Totila di un altro episcopicidio ? Si tratta, è vero, di un re barbaro, 
e di quel taglio ; ma nessuno si condanni senza prove. Del resto 
non è neppùr necessario di credere alla testimonianza di quella 
tarda Passione, cioè che il vescovo Giovanni morisse con l'aureola 
del martirio. 

Paulinus: 555-CO? — La lettera di papa Pelagio I {J-L, 9G8), 
ove si ricorda un'isola di Eieti, è indirizzata Pa?fZwo solitario, al. 
soletano, al. solatino. Il Loewenfeld ha creduto doversi leggere 
spoletino; ma il Kehr (o. e, IV, 6) conserva solitario. 

7. Vescovo cattolico e vescovo ariano; seconda metà del se- 
colo VI. — Gregorio {Bial., IV, 29) narra che venuto a Spoleto 



446 LE biodEsi d' ITALIA 

im vescovo longobardo ariano, non avendo chiesa propria, ne chiese 
una al vescovo cattolico, che lariliutò; allora pretese impadronirsi 
di quella di S. Paolo con la forza. Ma appena l'ariano si fu ad 
essa avvicinato, le porte del tempio si apersero spontaneamente, 
la chiesa s'illuminò senza mano d'uomo, e il vescovo stesso rimase 
cieco, sicché desistette dall'impresa. 

Petrus? — L'Ughelli (I, 1257) e il Cappelletti (1. e.) vogliono 
che quel vescovo cattolico che rifiutò di concedere una chiesa 
della sua città al vescovo ariano si chiamasse Pietro, e lo identi- 
ficarono con un Petrus posto dagli scrittori locali nel catalogo 
episcopale spoletino tra il 555 e il 590. Il giorno della sua morte 
sarebbe stato il 29 giugno, e avrebbe ricevuto sepoltura nella stessa 
chiesa di S. Pietro. Se ne celebrava la festa il 19 settembre nella 
medesima chiesa, insieme con quella di Giovanni, suo antecessore, 
vissuto tra il v e il vi secolo ; e nel 1500 le sue ossa si sarebbero 
trovate in S. Pietro con quelle di Giovanni. Di lui si farebbe 
menzione nella Vita di Giovanni {AS, sept., VI, 30, , n. 12 ; iun., 
VII, 3C1). Ma non saprei di quale Vita s' intende parlare, perchè 
quella pubblicata dal Fausti non ne fa parola. E mi pare strano 
che questo preteso vescovo Pietro, sepolto in S. Pietro, si dicesse 
morto nel giorno natalizio di s. Pietro apostolo! 

8. Ohrysantus : 597-99, visitatore della chiesa di Bevagna (J-L, 
1693); 598 {J-L, 1580, 1584); 599 (J-L, 1632); 603 {J-L, 1904). 



Fulglniae (Foligno). 

Secondo la Passione di s. Peliciano, il primo vescovo di Forum 
Flaminii, di nome Feliciano, dopo aver patito per la fede cristiana 
sub Deoio (249-251), sarebbe morto « ad Montem Eotundum », a 
tre miglia dalla sua città episcopale, e sarebbe stato sepolto « in 
agello ipsius, ut ipse iusserat, iuxta Fulgineam civitatem super 
pontem Oaesaris », ponte che attraversava il fiume Topino. Oele- 
bravasi la sua dejDositio il 24 gennaio. L'« agellus » della Passione 
corrisponderebbe al luogo, ove ora sorgono la cattedrale di Foligno 
e le fabbriche adiacenti. 



LA RÈGiONb Vi - UMbRlA - fULdmiAÈ (Foligno) 44? 

A un miglio da Foligno, nel luogo detto « Thanaritanum » o 
« Thanaritanus », situato ai piedi del Monte Eotondo, sarebbero 
stati pure seppelliti in un sarcofago nuovo il diacono Oarpoforo e 
il prete Abondio, decapitati sub Maximiano il 10 decembre. Così 
la loro Passione (v. Bettona). Su questi due martiri non si hanno 
altre notizie. Un « Abundius presbyter » è l'eroe di un'altra Pas- 
sione {BHL, 16) che si riferisce alla Via Flaminia. Forse l'autore 
della Passione di s. Valentino di Terni, dando il nome di Abundius 
al seppellitore dei compagni del vescovo ternano, ebbe in mente 
l'Abundius venerato lungo la Via Flaminia? 

La Passio s. Feliciàni ricorda una « Messalina virgo », disce- 
pola del ves,covo, la quale « diebus singulis occulto ad carcerem, 
ubi sanctus Felicianus... in custodia tenebatur, accurrebat »; e « a 
militibus... iniuriata et caesa (fuit) poenaliter atque tractata ». Que- 
sta Messalina nel secolo xvi e nel xvii fu venerata in Foligno 
come martire, quantunque un poeta locale, versificando nel 1420 
la leggenda di s. Feliciano, non considerasse Messalina come mar- 
tire, ma piuttosto come confessore. E in verità le espressioni della 
Passione, cioè del più antico documento intorno a questa Messa- 
lina: « iniuriata et caesa poenaliter », non significano necessaria- 
mente che la vergine discepola di s. Feliciano subisse il martirio, 
ma possono spiegarsi benissimo di un semplice maltrattamento 
soldatesco verso la giovinetta. Noto pure che il versificatore del 
1420 non fa alcun accenno al culto di Messalina nel suo paese ; 
parrebbe dunque che esso avesse cominciato un po' più tardi (cf. 
« Arch. per la storia eccles. dell'Umbria », an. 190, p. 67). 

A tre chilometri da Foligno sorge un castello medievale che 
prende il nome da un s. Eraclio martire. Esso è celebrato dagli 
abitanti, almeno dal x secolo, il 4 di maggio, e creduto, dal xyiii 
secolo, martire locale. Ma i documenti antichi sono muti sul mar- 
tirio e sepolcro di lui nella diocesi fulginate ; quindi penserei piut- 
tosto a un martire alieno. Esso ebbe culto non solo nel su detto 
castello, ma in Foligno (dall' xi secolo almeno), in Assisi (dal xiii) 
il 3 maggio, in Todi il 26 maggio, in Campania, e altrove il 16 
maggio (cf. AS, mai, I, 457; III, 5G9; VI, 366). Nel 1863, poco 
distante dal castello fu trovata in pezzi una statua d'Ercole in 



448 lÈ blOCbsl D* ITALIA 

bronzo, il che diede occasione a un archeologo di pensare che in 
Foligno l'antico culto d' Ercole {Heracles presso i greci) fosse stato 
trasformato in quello di un martire cristiano di nome Eraclio. Se 
questa opinione s' intenda nel senso che un vescovo di Foligno 
presentasse al suo popolo uu martire mai esistito, e da lui sempli- 
cemente immaginato, da venerarsi in luogo del nume pagano, essa 
non è accettabile, perchè senza fondamento e gratuitamente in- 
giuriosa agli antichi presuli fulginati. Ma potrebb'essere che un 
vescovo di Foligno del v secolo, come altri suoi confratelli in Italia 
e fuori (con un metodo che oggi si potrà discutere, ma in quei 
tempi non era rarissimo, quantunque non frequente come certi 
critici hanno supposto), per combattere ed estirpare il culto di Er- 
cole, radicato nel popolo della sua diocesi, credesse opportuno di 
introdurre presso Foligno il culto e le reliquie del martire auten- 
tico di Bitinia di nome Eraclio, commemorato nel martirologio 
orientale. il 18 maggio, e nel Gerolimiano il 15, il 16 e il 17 mag- 
gio, e il 14 agosto. 

In Foligno pure, dal secolo xi, e in Assisi, dal xiii, celebravasi 
ai 3 di maggio, con quella di s. Eraclio, la festa dei ss. Giusto e 
Mauro, a cui nel xv si aggiunse un Vitale. In tempi recentissimi 
i due primi furono creduti soci di s. Eraclio nel martirio. Ma il 
silenzio delle antiche fonti sul martirio e su la sepoltura dei due 
santi in Foligno mi lasciano molto perplesso. Alcuni indizi fareb- 
rebbero credere che Giusto sia un martire alieno, é precisamente 
spagnolo. Un martirologio contenuto nel cod. lat. 236 di Einsiedeln 
(secolo IX o x), riferisce {AS, nov., II, p. prior, p. [54]) al 3 mag- 
gio: « Eomae... Insti Mauri diacon. » [diaconi o diaconorum ?]. E 
il giorno stesso della festa fulginate, e quindi probabilmente si 
tratta della stessa coppia. Essi non sembrano martiri propri di 
Eoma, perchè lustus almeno è ignoto a tutte le memorie romane. 
Sono dunque santi fulginati venerati in Eoma ? Gli antichi Bol- 
landisti {AS, mai, I, 457) riferiscono pure un martirologio stampato 
in Firenze nel 1486, ove il 27 aprile si legge: « Apud civitatem 
Fulginatem sanctorum martyrum Eraclii, lusti. Mauri et Vitalis, 
qui sub Baciano praeside martyrium passi sunt ». Foligno nei 
tempi antichi celebrò la festa dei primi tre soltanto, e non il 27 



LA tlEGtOK'E VI - UMBttlA - fULGlNlAE'(FOLieNo) 44d 

aprile, ma il 3 maggio. Il Vitale del calendario quattrocentesco, 
che forse dipende da ^onti pih antiche, probabilmente è il martire 
venerato in Eavenna e in Eoma appunto il 28 aprile; e l'intro- 
missione del suo nome deve avere spostato la data tradizionale 
del 3 maggio per i primi tre. Ohecchessia'di tale questione secon- 
daria, scrittori del xvii secolo si persuasero che i tre fossero ca- 
duti in Foligno, interpretando l'« apud civitatem Fulginatem » del 
calendario ^fiorentino come luogo del loro martirio. E poiché in 
Foligno nulla sapevasi di quel preside Baciano, e d'altra parte la 
Passione di s. Feliciano narrava che questo presule di Forumfla- 
minii era stato martirizzato dall' imperatore Decio, credettero che 
il martirologio fiorentino fosse in errore, e invece di sub Baciano 
praeside dovesse leggersi sub Decio imperatore. Ma essi non posero 
mente che apud civitatem Fulginatem non significa sicuramente che 
il martirio dei tre avvenne in Foligno; ma può indicare semplice- 
mente che i quattro santi erano venerati in Foligno. E la frase 
sub praeside Baciano non può mutarsi a cuore leggero in sub Becio 
imperatore, qualunque sia il valore del documento fiorentino. Il 
compilatore deve aver letto quella nota cronologica nelle sue fonti. 
Il preside Baciano, come è noto, imperversa nelle Passioni spa- 
gnole, e precisamente in quella di s. Giusto di Oomplutum (Alcalà), 
che si dice ucciso « sub Baciano praeside » {BEL, 4595). Per me 
questo è un indizio che il s. Giusto, venerato apud civitatem Ful- 
ginatem, e altrove, nell'intenzione dei compilatori dei martirologi 
da cui dipende quello del 148G, era il martire omonimo spagnolo 
(cf. «Archivio » già citato, an. 1921, p. 353). 

La lista episcopale di Foligno è largamente inquinata, come 
quelle di Todi, di Terni e di Spoleto. Lo Sbaraglia (« Archivio 
citato », an. 1913, p. 534) e il Cappelletti (IV, 399) dichiararono dubbi 
favolosi i primi nomi fino a Urbano, e il loro giudizio dev'essere 
confermato. 



Grispoliius, 
Britius, 
Anonymus, 
Anthimus. 



V. ciò che si è detto su questi personaggi 
sotto Terni, Bettona e Spoleto. Il terzo, anonimo, 
è senza prove. 

29 



460 Lfe ftlOCfeSl D* ITALIA 

Felicianus 1, \ Il s. vescovo di Foriimflaminii 

Un anonimo suo discepolo, [ è stato attribuito pure a Foligno, 
Felicianus 11. ) forse per la semplice ragione che 

venne sepolto presso l'antica Tulginiae; e per di piìi è stato du- 
plicato. Questo secondo anonimo è nelle stesse condizioni del 
primo. 

Leviamis. — Eegistrato dal Gams (p. 695); ma le Passioni di 
s. Costanzo di Perugia che parlano di un Levianus, dimorante in 
Foligno al tempo del martire; lo chiamano sì « vir venerabilis », 
« vir fidelissimus », « vir magnificus », « sanctus Dei », e gli danno 
altri titoli di lode; ma non lo dicono mai vescovo, anzi sembrano 
escluderlo, perchè narrano che Leviano, dopo aver dato sepoltura 
al martire Costanzo, « usque ad obitum vitam duxit » presso la 
tomba di lui. 

Paulus ? — E attribuito senza alcuna prova al tempo di Giu- 
lio I (337-52). Un Paulus si legge bensì negli Atti del sinodo del 
324 (Mansi, II, 619-20); ma quel sinodo è spurio, come è noto, e 
i nomi dei vescovi appaiono negli Atti senza il nome della sede. 

1. Urbanus: 487; nel 496 era morto {J-L, 717). 

2. Portunatus: 499; 501; 502. 

Vincentius ? — Secondo l' Ughelli (I, 682), che attinse a fonti 
fulginati, costui, sarebbe stato uno di quei 300 siri (a così alta 
cifra lungo il corso dei secoli salirono i XII della Passione tante 
volte ricordata !), che da Laodicea sarebbe pervenuto nell' Umbria, 
avrebbe condotto vita solitaria e tenuto la cattedra fulginate dal 
523 al 24 maggio 553 {AS, mai, V, 252, n. 5 e 299). Ma oggi è 
difficile dire se questo s. Vincenzo sia un vescovo autentico di Fo- 
ligno (qualunque sia stato ir tempo del suo governo), trasformato 
da agiografi umbri in un membro di quel favoloso esercito di pel- 
legrini asiatici, oppure un santo solitario venerato in Foligno (il 24 
maggio ricorre appunto la festa di s. Vincenzo di Lérins), trasfor- 
mato in vescovo diocesano. 

Candidus. — E ricordato nel Regisirum di Gregorio, ma fu 
vescovo di Vidsiniae (Bolsena) non di Fnlginiae. 

Anonimo ? età incerta. — Nel 1918 presso S. Valentino di 
Civitavecchia fu trovato questo frammento d' iscrizione : « sedit 



LA ftÈGlONfe VI - UMBRIA - PULtìlNIAÈ (roLlQNo), EÓ. 451 

a... XVIII kal. iu », di un vescovo (?) o di Foligno o di Forum- 
flaminii. L'« Archìvio per la stor. eccl. dell'Umbria », an. 1919, 
p. 13, lo attribuisce al iv secolo; ma altri studiosi, che hanno 
veduto quel marmo, pensano si debba far discendere al vi secolo 
o più giù. E sul valore di quel sedit v. Abella in Campania. 



Forum Flamini! (S. Giovanni Profiamma). 

1. Felicianus, età incerta. — La ricordata Passio s. Feliciani 
{BHL, 2846; « Archiv. per la storia eccl. dell'Umbria», an. 1917) 
ci fa sapere phe questo personaggio sarebbe nato in Forumflaminiì 
di famiglia cristiana, si sarebbe condotto a Eoma sotto papa Eleu- 
terio (174-189) e sarebbe stato raccolto e istruito dall'arcidiacono. 
Tornato in patria, predica Cristo; e, poiché il paese è ancora tutto 
pagano e il sacerdozio (= l'episcopato) ancora ignoto nella Tuscia 
e nell'uno e nell'altro Piceno, cioè nel Picenum annonarium e nel 
suburbicarium, è eletto vescovo dai suoi concittadini e in Koma 
ordinato da papa Vittore (189-199). Predica da prima in Foligno, 
quindi in Spello e in Bevagna. Assisi e Perugia sono sorde alla 
sua voce. Evangelizza Plestia, Norcia, ove ordina prete Pisenzio 
nella « basilica argentea », Trevi e Spoleto, la quale ultima città 
però non corrisponde. Eiceve da Vittore il privilegio del pallio, e 
col permesso di lui ordina vescovo di Terni il diacono Valentino. 
Egli è nella provincia il primo di tutti i vescovi : « ut ante eum ab 
Urbe Roma ad dexfram et ad sinistram usque ad Alpes episcopatus 
nomen nullus audiret ». Alpe qui, come oggi tra gli abitanti della 
catena appenninica, significa il giogo d'Appennino. Feliciano sa- 
rebbe morto sub Decio (249-51) dopo un pontificato di 56 anni 
nel suo 94^* anno di età. Adunque, secondo la sua Passione, 
s. Feliciano sarebbe stato il primo vescovo di Forumflaminii, 
anzi di tutta l' Umbria e del Piceno, avrebbe evangelizzato Fo- 
ligno, Bevagna, Plestia, Norcia, Trevi con successo, Spoleto, As- 
sisi e Perugia senza frutto e consacrato il primo vescovo di 
Terni e il primo prete di Norcia. Sarebbe vissuto dallo scorcio del 
II secolo alla metà del ni. La Passione appartiene alla seconda 



455 LE DIOCESI d' ITALIA 

metà del Vi o al Vii secolo, perchè utilizza le Gesta di Abdon e 
Sennen {BHL, 6-7), e le Passioni umbre, composte con essa tra la 
fine del v e il principio del vi secolo. Ma un racconto così parti- 
colareggiato di fatti anteriori alla Passione di circa quattro secoli, 
dettato con evidente spirito di campanile, il cui a\itore, per scri- 
vere la storia di Decio imperatore sentì il bisogno di ricorrere a 
una fonte tanto sospetta qual' è la Passione dei ss. Abdon e Sen- 
nen, in verità non può riscuotere la fiducia degli storici. Tuttavia 
la narrazione della Passio s. Feliciani nelle sue linee principali 
potrebbe esser vera. La storia non possiede nulla né per confer- 
mare né per contraddire. A ogni modo è notevole il. fatto che, 
mentre in altri paesi d' Italia, nel vi e vii secolo, gli scrittori, per 
esempio quelli di Eavenna e della Sicilia Orientale, s'industriavano 
di far risalire le rispettive chiese alla più alta antichità possibile, 
vale a dire alla prima metà del primo secolo della nostra èra, uno 
scrittore dell'Umbria avesse delle aspirazioni relativamente molto 
modeste. Altri documenti agiografici medievali dell'Umbria accet- 
tarono le opinioni dell'autore della Passio s. Feliciani. Lo scrittore 
della Vita di s. Giovenale, primo vescovo di Narni, riconosce che 
quando questi entrò in Narni, questa città era ancora pagana, no- 
nostante la predicazione evangelica di Feliciano di Forumflaminii, 
di Terenziano di Todi e di Valentino di Terni. La Vita dei ss. Ea- 
condino vescovo di Tadinum e Gioventino suo arcidiacono am- 
mette senz'altro la tradizione felicianea, soggiungendo che i cit- 
tadini di Tadinum si volsero al cristianesimo dopo Costantino 
imperatore e papa Silvestro. E lo scrittore della Vita di s. Vitto- 
rino di Assisi attribuisce l'evangelizzazione di questa città a un 
nobile assiro, che sarebbe stato consacrato vescovo di Assisi da 
papa Fabiano (236-250), vale a dire molti anni dopo l'episcopato 
di Feliciano. Gli autori della Passione di s. Terenziano (v. Todi), 
e, di s. Orispolito (v. Bettona), credettero di uscire fuori dai ter- 
mini cronologici della Passio s. Feliciani, collocando il vescovo di 
Todi sub Hadriano (117-138) e quello di Bettona nel secolo i, come 
si è visto ; ma le Passioni di s. Terenziano e di s. Orispolito, spe- 
cialmente, sono molto tardive, la seconda del xii secolo. Quando 
la Passione di s. Feliciano fu scritta, cioè nel vii secolo o poco 



LA REGIONE VI - UMBRIA - FORUM FLAMINII (s. GIOVANNI PROFIAMMA), EC. 453 

prima, i dittici di Forum Fiaminii probabilmente esistevano ancora ; 
quindi la prerogativa di protovescovo, data a Feliciano, non in- 
contra serie difficoltà; quantunque sui dati cronologici della Pas- 
sione, attesa l'indole del documento, non si possa avere pieno 
affidamento. 

2. Bonifatius: 502. ' 



Plestia (Fistia). 
1. Florentius : 4i)9 ; 502. 

Tadinum (Gualdo Tadino). 

A pochi chilometri da Tadino, cioè a Fossato di Vico (Hel- 
villum) si è trovato un vaso con la seguente iscrizione,: Gandeniius 
(Gaudentius ?) hivas (vivas) in Deo, che viene attribuita al secolo iv 
al V (cf. « Nuovo Bull, d'arch. crist. », an. 1907, p. 243). 

1. Facundinus (secolo iv?) — Un antico vescovo di Tadinum 
di nome Facundinus è venerato come sauto (28 agosto) insieme 
col suo arcidiacono luventinus; ma dalla sua Vita più antica, 
posteriore però al secolo xi, nulla è dato raccogliere sull'età di lui. 
La Vita, BHL, 2819, è un rifacimento posteriore della BEL, 2819 b 
e 2819 d (cf. Pòncelet, Cai. codd. hagg. lai. Bihl. Vatic, pp. 224-225 
e 290). Fu scritta quando l'antica diocesi di Tadinum era già scom- 
parsa: « Hic sanctus vir [Facundinus] », scrive l'anonimo, « in 
provincia olim dieta Umbria, quae nunc ducatus dicitur Spoletanus, 
in ea civitate quae Tadinatum vocabatur, episcopatum tenuit ». 
La salma del santo trovavasi tra le mine dell'antica cattedrale di 
Tadinum. Ora nella cattedrale di Eimini, nella cappella delle re- 
liquie, esiste un'arca e un'iscrizione fatta per cura di un Natale 
vescovo di Ancona, e l'iscrizione posta nel mezzo, in uno spazio 
che occupa quasi un terzo di tutto il davanti dell'urna, dice: 

HEC SVNT NOMINA S[AN]C[T]ORV[M]: FELICITAS PEREGRINVS 
FACCONDINVS IVVENTINVS ; 



454 LE DIOCESI d' ITALIA 

in una riga in basso lungo tutta la facciata anteriore, si légge: 

HEGO NATALIS PECCATOR EP[ISCOPV]S ANC[ONAE] CORPORA 
S[AN]C[T]ORUM 

e di seguito, girando nel lato destro dell'arca: 
CONDIDIT (sic). 

Il tempo in cui visse questo Natale ci è ignoto ; ma il Tonini, sto- 
rico accurato di Eimiui, dalla grafìa dell' iscrizione la credette an- 
teriore di qualche secolo al x; e il defunto conte Cipolla, valen- 
tissimo paleografo, diceva al compianto p. Savio (« Archiv. stor. 
lomb. », a. 1902, pp. 233-48) che l'esame dell'iscrizione lo faceva 
pensare al vii o all'viii secolo. Ora chi sono i quattro santi del- 
l'iscrizione? Almeno fin dal xvi secolo furono venerati insieme il 
2 settembre e creduti quattro martiri fratelli. Il p. Savio, nel citato 
luogo, dopo avere cercato di dimostrare che quei quattro santi 
probabilmente non furono martiri, ^e forse per diceria popolare 
vennero considerati come fratelli carnali, opinò che gli ultimi tre 
fossero vescovi di Eimini del secolo iv, e il terzo, Faccondinus, fosse 
precisamente il vescovo Facundinus, ricordato da s. Atanasio (Mjgnb, 
P. G., XXV, 340) tra i quindici vescovi italiani del così detto 
« canale d'Italia », che non intervennero al sinodo di Sardica 
(342-4) ma lo approvarono. L'ipotesi del venerato amico non 
mi sembra accettabile. Eitengo che la fratellanza dei quattro santi 
sia una favola, nata da una interpretazione popolare, e non ho 
nessuna difiScoltà ad ammettere che i quattro santi non fossero 
martiri, almeno tutti; ma credo sia troppo arbitrario fare dei tre 
maschi dell'iscrizione tre vescovi riminosi del secolo iv, ignoti a 
tutte le fonti locali, e non capisco perchè l' iscrizione avrebbe pre- 
posto una donna ai tre vescovi, molto più se Felicitas non è una 
martire, come il p. Savio credeva. Per me i due ultimi, cioè Fac- 
condinus e luveniinns sono appunto i due santi su ricordati di 
Tadinum, venerati il 28 agosto. La coppia è troppo caratteristica 
perchè non si corra subito col pensiero all'antico vescovo di Ta- 
dinum e al suo arcidiacono. Peregrinus forse è il santo venerato 
in Ancona il 16 maggio; e questa ipotesi viene suggerita dalla 



LA REGIONE VI - UMBRIA - TADINUM (gUALUO TADINO) 165 

qualità dell'ordinatore del monumento, che fu un vescovo anconi- 
tano. Felicitas potrebb'essere la celebre martire romana (10 luglio 
e 23 novembre) o la cartaginese (5 marzo). Quindi si spiegherebbe 
perchè la donna, martire, tenga il primo posto; Pellegrino, santo 
anconitano, il secondo; e gli altri due santi della non lontana ma 
estranea Tadinum, l'ultimo. Ignoro se il monumento sia stato 
sempre in Eimini o vi sia pervenuto da Ancona. A ógni modo, se 
la mia ipotesi è vera, il culto dei santi Facondino e Gioventino 
sarebbe anteriore all'viii e anche al vii secolo. 

Nel secolo xvi la città di Verona registrava {AS, mai, VII, 
36, al 28 maggio) reliquie « sancti Facundini martyris ». Ed io 
crederei che queste, come quelle di Eimini, appartenessero all'an- 
tico vescovo di Tadinum, onorato del titolo di martire come pa- 
recchi altri vescovi italifini del iv secolo. 

E poiché stiamo facendo delle ipotesi, io penso del pari che 
il Facundinus di s. Atanasio possa non ingiustamente identificarsi 
col s. Facondino di Tadinum, che così salirebbe alla prima metà 
del IV secolo, e forse è il protovescovo. Infatti s. Atanasio, come è 
verosimile, deve aver ricordato in ordine topografico i quindici ve- 
scovi a lui aderenti, vale a dire partendo con l'enumerazione dal 
centro d'Italia e risalendo per le Vie Flaminia ed Emilia (il così 
detto canale d'Italia di s. Atanasio) alla Gallia Cisalpina; e se 
alcune delle identificazioni proposte dal p. Savio corrispondono, 
come sembra, a verità, Facondino di Tadinum starebbe a posto nel 
testo di Atanasio. Ecco i nomi dei vescovi nell'ordine di s. Ata- 
nasio, e di fronte ad essi le sedi proposte dal p. Sa