Skip to main content

Full text of "Albania"

See other formats


This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non- commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at http : //books . google . com/| 



S Cȓc* 




Albania 

Eugenio Barbarich 



•• 4j-r-r:£?5-i 




(Da òzxs'. 



7 



SS 
ER 

CE 



Digitized by VjOOQIC 



J 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 






Digitized by 



Google 



'■*: ■" ' "'^"-i .'^.- ^•:j.f^fir^ 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 




EucEflio BrHQrHioh 



AIiBAflI/ 



((Donografia antpopogeogpafiea) 



CON 10 ILLUSTK AZIONI 
E 13 TAVOLE FUORI TESTO 




ROMA 
Enrico Voghera, Editore 

1906 



Digitized by 



Google 



0t(:3^-2>s-'^ 



• 




''hr^i^i^tcf^^^^^u^ 



JiUervati tutti i diritti di proprietà letteraria ed artistica 



<0r>-4041) Tip. Enrico Voghera. 



Digitized by 



Google 



INDICE 



Dedica Pag. xi 

Premessa » xiii 

Nota bibliografica » xix 

PARTE PRIMA 

Capitolo I 
11 terreno. 

1. Le alte terre di Albania Pag. 3 

A) Limiti — Posizione geografica — Configurazione pla- 
nimetrica » ivi 

B) Cenno sulla genesi dei terreni » G 

C) Le linee direttrici del rilievo » 22 

D) Morfologia generale dei terreni » 84 

2. Le zone di bassopiano > 49 

A) Bacino di Scutari d'Albania » 60 

B) Bacino di Diacova-Prizren » 55 

C) Conca di Elbassan » 58 

D) Zone di bassopiano dei grandi laghi albanesi . . » 59 

E) Conca di Argyrocastron » 62 

F) Conca di Joanina-Lapsista * 62 

Capitolo II 
Le coste. 

A) Premessa Pag. 65 

B) 1« Tratto — Costa piatta albanese, dalle foci della Bo- 

jana al Capo Linguetta » 68 

Zone piatte albanesi dalle foci del Drin a Capo Laghi. » 72 
Zona piatta albanese da Capo Laghi a Capo Tre Porti 

(Lagune di Valona) » 73 

C) 2« Tratto — Costa longitudinale di frattura dal Capo 

Linguetta al promontorio Pantocrator (Prevesa) . . » 76 



Digitized by 



Google 



VI 

Capitolo III 
Le acque. 

A) Generalità Pag. 81 

B) Acque sotterranee » 88 

C) Le acque superficiali » 90 

D) Fiumi dell'Albania settentrionale >» 93 

E) Fiumi dell'Albania centrale y> 97 

F) Fiumi dell'Albania meridionale > 99 

G) I laghi albanesi >^ 102 

Capitolo IV 
Il clima. 

A) Generalità Pag. 109 

B) Temperatura ?* IH 

C) Pressione e venti > 112 

D) Umidità e pioggie » 114 

Capitolo V 
La vegetazione Pag. 117 

PARTE SECONDA 
Oli elenrkerxt:! c]LX:^'t:i?or>os:oos:x*£^^iol* 

Capitolo I v 
La popolazione ed 11 linguaggio. 

A) Le stirpi ed il loro diiferenziamento Pag. 131 

Tribù gheghe cattoliche del Vilayet di Scutari . . . > 141 
Tabella comparativa tra la terminologia antica e la 

moderna nelle regioni dell'Albania meridionale . . > 143 

B) Le religioni » 148 

C) Il linguaggio > 150 

D) Le colonie albanesi in Italia •...>» 153 

Capitolo II 
La storia. 

il) L'epoca illirico- romana Pag. 166 

B) L'epoca bizantina » 169 

C) Giorgio Castriota, lo Scanderbeg > 177 

D) L'Albania sotto il dominio musulmano ed i principati 

indipendanti > 194 

E) La Lega albanese » • 201 



Digitized by 



Google 



VII 

Capitolo III 
I costumi. 

A) Usi e consuetudini delle genti albanesi Pag, 209 

B) La Legge della Montagna albanese » 220 

Capitolo IV 
L'economia e la pubblica amministrazione. 

I. L'economia pubblica Pag. 225 

A) L'economia rurale )» 227 

B) L'economia industriale » 237 

C) 1 commerci > 243 

D) Le linee di traffico » 248 

E) Credito, banche, monete, pesi e misure * 262 

-F) L'edilizia. > 264 

IL L'amministrazione pubblica > ^58 

PARTE TERZA 

Capitolo I 
La viabilità Pag. 269 

Capitolo II 
OH Itinerari stradali Pag. 277 

A) Comunicazioni tra Dulcigno, U foci del Drin 
e la conca di Diacova-Prizren. 

Itinerario I. — Da Bulcigno a Scutari » 278 

» II. — Da Puley a Scutari >^ 279 

> III. — Da Puley, per Busciati a Scutari . . . > 280 

> IV. — Da San Giovanni di Medua, per Alessio, a 

Scutari' » ivi 

» V. — Da Scutari, per la sponda orientale del 
lago e la vallata del Proni-Sat, a Gus-, 
sinjè Piava, Ipek e Pristina » 282 

> VI. — Da Scutari, per Kopliku, Tuzi, Val di Zem, 

hin Tamara, Selcit, a Gussinjé ...» 284 
» VII. — Da Antivari, per Podgoritza a Gussinjé. » 286 

Da Scutari a Prizren^ per la destra del Drin 
Itinerario Vili. — Comunicazioni per i Malcja e Madhe . » ivi 



Digitized by 



Google 



vin 
r . Da Scutari a Prizren, per la sinistra del Drin, 

f Itinerario IX. — Comunicazioni dei Ducagini, per la val- 

lata di Gomsicè e Ciafa Malit . . . Pag. 290 
* X. — Comunicazione dei Mirditi, per Val di 

Giadri, il Fandi-Vogeli e la Ciafa Ku- 

muls . » » 291 

» XI. — Comunicazione di arroccamento, tra le 
mulattiere di riva destra e quelle di 
riva sinistra del Drin. Mulattiera at- 
traverso il massiccio di Monte Monella, 
per Fjerza, a Gionpépaj » 292 

B) Comunicazioni tra le foci del Drin, Durazzo, 

Elbassan, Derida e Monastir, 

Itinerario XII. — Da Alessio (Leshi), per Tirana ad El- 
bassan » 29a 

» Xm. — Da Durazzo, per Tirana ad Elbassan . » 29& 
» XIV. — Da Durazzo, per Cavaja, Pechinj ad El- 
bassan > 297 

» XIVW». — Comunicazione di arroccamento, tra le 
vie del Drin e quelle dello Scombi, 
lungo il Drin Nero » ivi 

C) Comunicazioni tra Valona, Elbassan, Ocrida 

e Monastir. 

Itinerario XV. — Da Valona, per Fjeri e Pechini, ad El- 
bassan » 29& 

» XVI. — Da Valona a Berat e Coriza, per Fjeri 

e Kumani » 806^ 

* XVII. — Da Valona a Berat, per Armeni e Signa 

-^ (Sinja) p 808 

» XVIII. — Da Berat, per la sinistra del De voi, ad 

Elbassan » 30» 

D) Comunicazioni tra Valona, Berat ed il golfo Ambracico. 

Itinerario XIX. — Da Valona, per Tepeleni, Premetì, Her- 

seg, a Goriza . . . , » ivi 

» XX. — Da Prevesa, per Filippiades, Joànina, 

Han-£alivaki, Argyrocastron, Tepe- 
leni ; a Valona e Berat . ^. . . . . » 811 

» XXI. — Da Georgucates, per Delvino, a Santi 

Quaranta * 815 



Digitized by 



Google 



IX 

Itinerario XXII. — Da Santi Quaranta, per Murzi, Sagiada 

e Phìliataes; a Paramithya .... Pag. 316 
» XXIII. — Da Parga^ per Margarìti, Paramithya; 

a Joanina » 317 

» XXIV. — Da Salachora a Filippiades .... » ivi 

> XXV. — Da Salachora, ad Arta e Joanina . . » ivi 

» XXVI. — Da Sagiada a Joanina, per Philiataes » 318 
» XXVII. — Da Santi Quaranta e Delyino, a Va- 

Iona, per i Ducati. > ivi 

» XXVni. — Da Joanina a Metzovo ....... 319 

» XXIX. — Da Joanina a Syraku > ivi 

Annesso alla Parte III - Baccolta di vocaboli geografici . » 321 

ALLEGATI 

Allegato N. 1. — Genealogie dei Principi Albanesi . . . Pag, 325 
» » 2. — Statistica delle Colonie Italo-Albanesi . > 331 

» » 3. — Statistica dei Sangiaccati di Scutarì e 

Durazzo » 334 

» » 4. — Elenco delle monete ottomane e delle prin- 

cipali monete straniere che hanno corso 

a Durazzo » 340 

Movimento della navigazione nel porto 
di Durazzo. dal 13 marzo 1902 al 

13 marzo 1903 . > 343 

> » 5. — Ortografia albanese (alfabeto) e regole di 

lettura . . . > 344 



Digitized by 



Google 



r.'l-; \ . ----- ■:- f 



Digitized by 



Google 



AL 



<30NTE VITTORIO MURARI DALLA CORTE ERA 



TBNBMTB COLOHlfELLO DI ETTATO MAQOIOBB 



CON RICONOSCENTE ANIMO DI DISCEPOLO 



Digitized by 



Google 



Digitized by VjOO^IC 



PREMESSA 



La storia di ogni popolo trae fisionomia dal 
paese che esso abita. Non si può imaginare infatti il 
popolo dell'Eliade, con le sue Cicladi gittate a 
guisa di grande ponte tra rOccidenté e l'Oriente, 
se non come una stirpe meravigliosamente foggiata 
da natura allo scopo di assimilare e di propagare 
i frutti di due grandi civiltà ; non si può ricorrere 
con la mente alla vetusta e gagliarda stirpe alba- 
nese, senza associarla a concetti di segregazione e 
di autonomia cantonale, legati ad essa dal terreno 
e dalla storia. 

Codesti nessi intimi tra gente e paese appar- 
vero immutabili in Albania nel corso di tutti i 
tempi, e tocca alla geografia positiva ed alla storia 
critica di lumeggiarli con chiaro e sicuro gesto. 

Due grandi barriere calcari, a guisa di bastioni 
formidabili, limitano il quadro della vasta provin- 
cia da settentrione e da mezzodì, poco sensibili 
alle benefiche relazioni degli scambi, dei commerci,. 



Digitized by 



Google 



XIV 



alle vicissitudini di civiltà e di imperi differenti: 
uno spalto di rilievi cristallini raccorda i due ba- 
stioni verso oriente: una cortina infine composta 
di terreni piatti si apre alla volta di occidente, 
tende la mano alle vie del mare e traccia, attra- 
verso ai terreni medesimi, una via naturale di 
transito, una grande breccia lungo l'arco dinarico 
inferiore. 

È questa la strada maestra italica che, dal- 
l'arco littoraneo tra Valona e Durazzo, per la val- 
lata dello Scombi, tende a Monastir, a Salonicco 
ed ai mari Levantini. Attorno alla testata di que- 
sta via legionaria che tolse il nome di « Egnatia » , 
oggi ancora nella Musachja — inconsapevolmente, 
quasi ignorati a se medesimi — ventimila Valac- 
chi, discendenti dei soldati di Pompeo, sono pronti 
ad attestare, come mirabile documento vivente, le 
fatali concordanze che intercedono tra uomo, ter- 
reno e storia nell'Albania. 



* 



Tali le linee maestre essenziali del grande qua- 
dro. Ma guardando un poco addentro in esso, le 
facce esteme dei grandi bastioni calcari sopra men- 
zionati, per essere troppo discoste dalle vie del 
mare e dalla strada maestra dello Scombi, appa- 
iono non del tutto insensibili alle influenze di due 
poderose civiltà assimilatrici poste agli estremi del- 
l'Albania. Così è che l'Ellenismo acquistò predo- 
minio sulla costiera del mezzogiorno, o dell'Epiro, 



Digitized by 



Google 



XV 



« gli imperì di Bulgaria e di Serbia lasciarono 
orme profonde del loro passaggio dalle pallide do- 
lomie delle Grandi Alpi Albanesi fino alle azzurre 
acque del lago di Derida. 

La fierezza degli abitanti, la natura dei luoghi 
adatti ad aspra e tenace guerra montana, le strette 
del Drin, da una parte, e quelle di Clissura dal- 
l'altra, opposero un argine ai tentativi di una più 
larga assimilazione di genti e di imperì per opera 
di queste civiltà contermini. Così è che l'interno 
dei bastioni calcari — dalle tribù albanesi delle 
Grandi Alpi, per i Ducagini, i Mirditi, fino alle 
genti di Zagorie e di Suli — mantenne in ogni 
tempo una caratteristica propria di originalità 
schietta e fiera. 

Intanto, senza pregiudizio di codesti spiriti con- 
servatori, mentre serbismo ed ellenismo esercita- 
vano sforzi divergenti agli estremi della vigorosa 
e tenace compagine schipetara, sulla via mediana 
dello Scombi si sovrapponevano i frammenti delle 
civiltà e delle genti che, una dopo l'altra, hanno 
<3alcato la « Via Egnatia > . Ai brandelli superstiti 
-della signoria di Roma, cioè ai Valacchi Farsa- 
glioti, venivano ad affiancarsi gli avanzi degli im- 
peri di Asén e di Dushan, documentati da una 
notevole serie di nomi di città e di contrade sparsi 
per l'Albania di mezzo. Su tutti e tutto stende- 
vasi infine un'ondata di floridi commerci, di ci- 
viltà e di riflessi del veneto dominio, come una 
-spruzzaglia iridescente d'acque marine che s'in- 
frangano sul littorale albanese tra Durazzo e V^a- 
lona. 



Digitized by 



Google 



XVI 



* * 



L'Albania si manifesta adunque come una re- 
lè di transito e di penetrazione bene distinta, 
imente tipica per la fauna, per le condizioni 
ali, storiche e politiche delle sue genti. Essa è, 
jostanza, una vera e propria persona. 
Per secoli, l'Albania alpestre ha vissuto, come 
3, una vita locale che può dirsi impregnata dei 
3hi del suolo. Ad onta di ogni ostacolo, di ogni 
dizione sfavorevole allo svolgersi delle energie 
ali, le tribù albanesi si sono susseguite, da tempi 
lemorabili, nei medesimi luoghi e con le stesse 
ttteristiche. Ciò significa che l'uomo ha quivi 
-^ato l'adattamento al suolo nelle condizioni tal- 
a più difficili di sussistenza, e ne è diventato, 
ngo andare, il fedele, forte ed intelligente inter- 
ne. Ciò dimostra ancora che lo studio positivo di 
3to stesso suolo, nella sua fisionomia attuale^ 
a sua composizione, negli influssi che vi reagi- 
to, nella sua storia passata infine, deve costi- 
e la determinante positiva per ben comprendere 
itoria, il carattere, i costumi e le tendenze at- 
i della gente. 

[n questo ordine sintetico di studi e di rapporti 
redatta la presente monografia. Fondandosi 
3 relazioni della genesi e sulla morfologia dei 
3ni, essa ha inteso di porre in con-elazione im- 
iata i fenomeni che si riferiscono al suolo con 
li che procedono dall'uomo, come in mutua 



Digitized by 



Google 



XVII 



reciprocanza di causa ad efifetto; di ricavare da 
questi nessi un costrutto positivo unitario che serva 
da base sicura all'induzione là dove scarseggiano 
taluni elementi di analisi; di mettere capo in so- 
stanza ad una serie sintetica di giudizi, di con- 
vinzioni e di apprezzamenti^ tutti concorrenti in 
pochi principi essenziali, che traccino nonna e la- 
scino dietro a sé un lièvito non infecondo per la 
meditazione e per l'azione. 






E questi principi concernono la storia, la po- 
litica e l'economia schipetara. Quanto alla storia, 
essa testimonia dell'inestinguibile spirito di fierezza 
e di indipendenza delle genti albanesi; documenta 
l'originalità di esse e le loro vittoriose lotte nelle 
azioni e nelle reazioni di civiltà e di imperi, in 
guisa da escludere ogni concetto di possesso terri- 
toriale, quale impresa troppo ardua e poco rimu- 
nerativa perchè franchi la spesa di tentarla co- 
munque e da chicchessia. 

Quanto alla politica, la storia, le tradizioni ed 
il terreno d'Albania additano a stirpi di tendenza 
varia, di diversa fede e di differente capacità eco- 
nomica e sociale, la possibilità di coesistere sotto 
le forme larghe di una speciale autonomia, la quale 
accolga nel suo seno e tuteli le libertà cantonali, 
le stimoli e le fecondi. A questa autonomia deve 
però fare riscontro, per determinanti geografiche, 
etniche e storiche irrefragabili, un'altra autonomia; 



Digitized by 



Google 



XVIII 

cioè quella delle genti macedoni, su quelle medesime 
strade che, natura e storia, hanno sempre tracciato 
come simmetriche e solidali Tun l'altra in ogni 
tempo, dal grande arco costiero tra Valona e Du- 
razzo, per le vie dello Scombi e Monastir, a Salo- 
nicco ed ai mari Levantini. 

Le illazioni economiche infine risultano dalle 
premesse fatte più sopra. Esse domandano che la 
grande arteria di transito che si apre al centro 
dell'Albania, sulla quale primamente si incontra- 
rono, come in una specie di « Via Sacra » , gli uo- 
mini dell'Oriente con quelli dell'Occidente, e che 
fu poscia traversata dai legionari di Paolo Emilio, 
di Siila, di Pompeo e di Ottaviano, riesca alfine 
a scambiare le sconnesse lastre calcari delle « caU 
dermas » musulmane con le guide della ferrovia, 
per mettere capo, dal bacino inferiore dell'Adriatico, 
all'Egeo. E ciò allo scopo di restituire il prisco 
valore ad una delle vie maestre più antiche del- 
l'umanità, e di estendere da essa i benefici influssi 
dei tempi nuovi tra una delle più vetuste e glo- 
riose stirpi della media Europa. 

Boma, marzo 1905. 

Eugenio Barbarich. 



Digitized by VjOO^IC 



r^OTA. I3II3r^IOQKAJE^IOA. 



Le opere di geografia positiva che trattano deir intera regione con 
criteri sintetici, fondate essenzialmente sulla investigazione scienti- 
fica, fanno piuttosto difetto. Se ne eccettuano gli studi del Philippson, 
circoscritti all'Albania meridionale, cioè all'Epiro propriamente detta 
ed i rilievi dello Zvijc', limitati alla zona marginale macedone ed a 
parte delle Grandi Alpi albanesi, raccolti in un atlante uscito per le 
stampe a cura della Hegia Litografìa di Belgrado. 

Ottime monografie, compilate però con scopi analitici o particolari, 
sono quelle del prof. A. Baldacci, del dott. K. Hassert e del dottore 
C. Patsch ; ristrette o ai rilievi delle Grandi Alpi o alla zona albanese 
mediana. Eppertanto, al confronto, non scade affatto il pregio delle 
opere generali, abbenchè assai antiquate, dell'Ami Bouè e dell'Hahn, 
ad onta del loro mezzo secolo e più di vita. 

Difettano invece in modo notevole le relazioni di carattere storico^ 
positivo ed etnografico. Tra le prime sono da citarsi i libri dell'Hec- 
quard, alcune monografie pubblicate dal dott. Gaspare Jakova; tra le 
seconde tiene un posto d'onore, per l'accuratezza delle indagini com- 
piute sui luoghi, uno studio pubblicato non è molto a Sofia dal dot- 
tore Marenin (pseudonimo) nella Bivista Militare Bulgara, 

Più ricca, al confronto, è relativamente la cartografia albanese. I 
rilievi austriaci alla scala di 1 : 200.000 e di 1 : 300.000, abbenchè difet- 
tosi in molte parti, formano assai spesso l'unico documento per la co- 
noscenza di talune regioni dell'Albania alpestre. 

Le carte idrografiche-marine austriache, a differenti scale, assai più 
particolareggiate ed esatte, adorne di viste panoramiche, completano 
e migliorano la raccolta di cui sopra. 

I rilievi geologici sull'Albania propriamente detta sono di data molto 
antica e risalgono agli studi dell' Ami-Bouò e del Visquenel. Tra i re- 
centi rilievi sono da citarsi quelli del Toula, la carta alla scala di 
1 : 800.000 annessa dal dott. Philippson alla sua opera sull'Albania del 
mezzogiorno, il foglio relativo alla Carte géologique intemationale de 
l'Europe^ abbenchè oggigiorno passibile di molti ritocchi, ed infine 
l'atlante del dott. Zvijc' sopra citato. 

Ciò premesso, e rimandando ai singoli capitoli di trattazione le ci- 
tazioni particolari, si da qui un elenco delle opere più specialmente 
consultate nel corso del presente studio: 



Digitized by 



Google 



XX 

A. Baldacci — Itinerari Albanesi, — Memorie della Società Geo- 
grafica Italiana, 1892-1894-1897. 
Idem. — Nel paese del Cem. — Viaggi di esplorazione nel Montenegro 

Orientale e sulle Alpi Albanesi. — Itinerari del 1900-1901-1902. 

CSocietà Geografica Italiana, 1903). 
Ami Bouè — Turquie d'Europe — Paris, 1847 (4 voi.). 
Beràrd (Victor). — La Turquie et VHellénisme contemporaine. — 

Paris, Felix Alcan, 1893. 
Degrand. — Souvenirs de la Haute Albanie. ^ Paris, 1893. 
Hahn (I.). — Albanesische Studien. — Wien, 1863. 
Hassert (K.). — Streifziige in Ober-Albanien (Sonder-Abdruck aus 

den Verbandl. d. Gesellsch. fùr Erdk.). — Berlin, 1897. 
Idem. — Der Scutarisee (Sep. Abdruck « Globus >, voi. 62, 1892, 

n. 1-6). 
MuLLER (I). — Albanien, Eumelien und die Òsterreichische-Montene- 

grinische Grinze. — Prag, 1844. 
Patsch (C). — Das Sanschak Berat in Albanien. {Schriften der Bal- 

kankommission Antìquariscbe Abteilung. — Wien, A. Hòlder, 1944). 
Philippson (A.). — lieisen und Forsckungen in Nord-GriecTienland, — 

VI. Epirus, pag. 216-399. (Zeitscbriften der Gesellsch. fiir Erd- 

kunde zu Berlin. Band XXXI, 1896). 
TouLA (FX — Geologische Uebersicktskarte der Balkanhalbinsel, (Mit- 

teilungen von Petermann, voi. 26, 1882). 
Idem. — Materialien zur einer Geologie der Balkanhalbinsel. (Jahrb. 

der K. K. Geolg. E. A. 1883, 33 Bd., I. Heft). 
Idem. — Geologische Untersuchungen im dstlichen Balkan und ab- 

scìUiessender Bericht iiber diese geologischen Arbeiten in Balkan. — 

Bd. LXIIl. (Denkschrf. der. Kais. Akad. der Wissensch. Wien, 

1896). 
Oestreich (K.). — Beitrage zur Geomorphologie von Makedonien, 

(Abhandl. der K. K. Geograpb. Gesellsch. Wien, IV. Bd., 1902). 
Visquenel. — Voyage dans la Turquie d'Europe (avec Atlas). — 

Paris, 1868. 
Zvijc' (J.). — Atlante Geologico della Macedonia e della Vecchia Serbia 

(in Serbo). — Belgrado, 1903. 
Idem. — Researches in Macedonia and Southern-Albania. (Geograph. 

Journal, August, 1900). 
Idem. — Die Dinarische-AlbanesicJie Scharung. (Sitzungsberichte — 

K. K. Akademie Wissensch. — Wien, Math. Nat. Kl. Bd. CX., 

1901). 
Idem. — Die Tektonik der Dalkanhalbinselj etc. (Comptes-Rendus — 

IX Congrès Gèo. Internat. de Vienne, 1903). 



Digitized by 



Google 



Parte Prima. 



GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 



1 — Albania. 



Digitized by V jQO^Lg 



Digitiz,^ by VjOOQIC 



CAPITOLO I. 

Il terreno 



1. Le alte terre di Albania. 

A) Lemiti — Posizione geografica — Configurazione 

PLANIMETRICA. 

( Vedasi lo schisso planimetrico). 

I limiti compresi in questo studio sono essenzialmente di na- 
tura geografica, e fanno astrazione da qualunque movente di 
ordine politico e da ogni controversia di ordine etnografico. Sono 
quindi inferiori a quelli che si assegnano, ordinariamente, alla 
così detta Grande Albania che si vuole diffusa — oltre che per i 
quattro vilayet di Còsso vo, di Scutari,di Monastir edi Joanina — 
anche a quello di Salonicco; e ciò perchè si tennero in primo 
luogo presenti i criteri di indole geografica e, secondariamente, 
quelli dell'etnografia pura. Oltre ai confini presi in esame, la 
compagine originale degli Schipetari si è infatti frammista con 
quella dei popoli adiacenti, Bulgari , Serbi ed EUeni, in guisa 
da smarrire le caratteristiche distintive della purezza etnica, 
ma non da illanguidire affatto le relazioni di reciprocanza nei 
rispetti geografici, storici ed economici. 

L'Albania geografica pura, vale a dire considerata come indi- 
vidualità a sé e nei limiti che ci siamo proposti — racchiusa in 
un vasto trapezio di terre i cui vertici toccano il nodo del Mocra- 
Gora, l'insenatura di Carvassaràs, Dulcigno ed il Capo Lin- 
guetta (1), o Glossa — è situata all'incirca tra il 39° ed il 43° di 



(1) Il Capo Liaguetta ^ oonosoiato nel dialetto tosco sotto il nome di Gjoha Dakatit. 



Digitized by 



Google 



GEOGRAFIA GENERALE DELL ALBANIA 

titudine boreale, e tra il 19° e 20* ed il 21° di longitudine 
dentale (Meridiano di Greenwich). Comprende, in sostanza, 
intero vilayet di Scutari, di Joanina, e parte di quelli di Cos- 
avo e di Monastir (1). 

Assegnando a codesta Albania, quale limite nord la linea 
>liqua tracciata all'incirca dal corso della Bojana e dalle cre- 
e delle Alpi settentrionali di Albania {Montagne di Procletiye) 
10 al nodo del Mocra-Gk)ra — quale limite est la zona divisoria 
a le rocce paleozoiche, calcari e le cristalline del margine ma- 
ìdone ; estesa dalle pendici orientali dei Dievic, lungo i monti 
siar, rJama-Bistra, i Cara-Orman, la regione dei grandi laghi, 
rilievi del Grammos, e di qui il corso del Voidomatis-Arctinòs 
ao al golfo di Ambracia — quale limite sud la linea obliqua 
le rasenta i fianchi orientali delle Grandi Alpi dell'Epiro (2) — 
naie limite ovest, infine, una traccia convenzionale tra il Capo 
inguetta e le foci della Bojana, all'incirca; ne risulta che l'in- 
da Albania può raffigurarsi planimetricamente compresa in un 
isto trapezio, tra due barriere calcari, a mezzodì ed a setten- 
ione, e tra due lati paralleli convenzionali, verso est e verso 
7est, disposti nel senso dei meridiani. 

Uno di questi ultimi lati rappresenta — dalla parte di occi- 
Bute — l'estensione massima della base delle influenze marine 
3i rispetti climatologici, economici e poUtici: quello invece di 
lente — lungo la linea singolare di contatto tra i rilievi dina- 
ci ed i rilievi macedoni — segna il limite fino al quale codeste 
fluenze medesime si possono spingere. 
Tutti questi fenomeni, corroborati dalle energie agricole ed 
ìonomiche del centro della provincia, nonché dall'attrazione 
ei grandi laghi, si sono in ogni tempo accentuati presso il li- 
ite orientale; per superare la barriera macedone in direzione 
?1 Vardàr, di Salonicco e dei mari Levantini. 

Così delimitate le dimensioni dell'Albania ed i suoi rapporti 
reciprocanza geografica, etnografica ed economica con l'atti - 



(1) Comprendendo la totalità delle terre albanesi racchiuse nei limiti politici ed am- 
inistrativi dei quattro vilayet anzi nominati, il centro geografico di queste terre ca- 
ebbe indubbiamente a Monastir (Bitoglia). 

(2) Il nome di Epiro deriva dall'albanese = «per = cioè superiore, o alto ; e designa 
terre situate a settentrione della Grecia. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 5 

gua Macedonia, si rileva subito che il centro di figura del vasto 
trapezio anzi nominato cade presso Elbassan (l'antica Scam- 
pate dei Eomani, dall'albanese shTcamb che significa macigno ; 
poscia AlbanopoUs) nodo di affluenza dai porti di Valona e di 
Durazzo all'interno della provincia e verso le costiere laterali, 
per procedere di là, tanto per la regione accidentata dei grandi 
laghi al Vardàr ed al golfo di Salonicco, quanto all'altopiano di 
Còssovo o al bassopiano di Joanina. Si noti, a questo proposito, 
che anche nei rispetti politici ed amministrativi odierni è tanto 
evidente il valore di questi fenomeni, da manifestarsi perfino 
inversamente; cioè nelle relazioni del vilayet di Monastir, il 
quale discende con le sue terre fino ad occidente di Elbassan 
e fino quasi alla costiera dell'Adriatico, a cavaliere dell'antica 
Via Egnatia dei Eomani. 

Il difetto di uniformità di struttura geologica giova alla indi- 
vidualità della zona di Elbassan. Essa trae la sua importanza 
appunto dalla varietà e dai contrasti dei suoi terreni e di quelli 
che le sono attigui. Nelle sue adiacenze i lembi dolomitici del 
mesozoico (secondario) del margine albanese si diversificano 
sostanzialmente dalle terre contermini del flysch cretaceo (1) ; 
le rocce paleozoiche della zona dello Sciar ed i terreni cristallini 
dei monti Neretcka spiccano al confronto delle montagne com- 
patte del cretaceo, dal suolo caldo e secco ; la floridezza infine 
dei bacini quarternari della conca di Elbassan pone in maggiore 
risalto la tipica varietà delle loro forme, la diffusa coltura e la 
copia delle risorse, in confronto del paesaggio piatto e alluvio- 
nale della riviera. 

Di singolare interesse è sopra tutto la condizione planimetrica, 
rispetto alla zona dei terreni presi in esame in questo studio, 
della conca di Elbassan; dalla quale mediante un percorso che 



(1) Il fiytch è terreno geologico composto da de potiti marini di origine aMai spesso mec- 
canica, come si dirà più oltre. Si danno quindi in esso dei conglomerati, costituiti da grandi 
elementi di rocce cristalline, o calcaree o dolomitiche più antiche; delle arenarie an- 
ph*esse ad elementi cristallini e a cemento duro ima(.Ìgno skamb in albanese) o molle 
(melassa/ e sopratutto degli scisti marnosi, scisti argillosi ed argille scagliose. In messo 
a tali depositi sedimentari avviene di trovare, di frequente, delle lenti e dei filoni di 
rocce eruttive verdi di tipo gabbrico. dioritioo, diabasioo e serpentinoso. Codesto feno- 
meno si verifica in ogni regione del flysch d' Albania, specie tra le terre dei Mirditl, 
dei Ducaglni, nella provincia dei laghi e nelle terre di Goritxa e del Grammos. 



Digitized by 



Google 



«5 GiX>GRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

può variare tra le tre e le quattro marce ordinarie, all' incirca, 
') possibile di raggiungere i centri che più interessano le comu- 
dcazioni dello scacchiere albanese. A guisa di raggiera, da El- 
)assan, intercedono infatti chilometri 70 a Durazzo, 86 a Va- 
ona, 38 a Tirana, 56 a Dibra, altrettanti all' incirca ad Ocrida, 
a Goritza e 38 a Berat. 

Egualmente notevoli per ragione planimetrica sono anche 
ialune distanze geometriche comparative. Tra Durazzo ed El- 
)assan si conta, ad esempio, una distanza presso a poco uguale 
ìhe tra Koma e Civitavecchia : tra Valona ed Elbassan è inter- 
}osta una medesima distanza che tra Koma e Monte Circeo : 
ira Valona e Durazzo si conta infine un tratto equivalente a 
quello tra Monte Circeo e Pozzuoli ; o tra Pozzuoli e la Punta 
Iella Licosa nel golfo di Salerno. 

La superfìcie totale dell'Albania, compresa nei hmiti anzi de- 
scritti, si può valutare pari a 58.000 chilometri quadrati ; vale 
i dire presso a poco uguale alle terre della Lombardia, del Pie- 
uonte e della Liguria sommate assieme (1). 



B) Cenno sulla genesi dei terreni (2). 

La storia intima delle origini del terreno è quella che imprime 
ma fisionomia originale alla sua veste esteriore. Questa, a sua 
scolta, reagisce e traccia le linee maestre alla storia degli aggre- 
gati umani (3). 



(1) Le auperfici parziali delle tre regioni italiane sopra nominate tono: Piemonte: 
59.378 Kmq. — Lombardia, 24,317 Kmq. — Liguria, 5278 Kmq. — Totale, 58,973 Kmq. 

(2) Si consultino, in parallelo, gli schizzi orotettonici e geologici della regione alba- 
lese annessi al presente studio. 

(3) I geologi distinguono, come ò noto, alquanti periodi nella storia delle formazioni 
lei suolo; ciascuno dei quali ò caratterizzato da una speciale composizione di rocce, 
li paesaggio, di flore e di faune distinte. La suddivisione è la seguente : 

1. Terreni primitivi o del paleozoico — Gneis, micascisti e terreni del primario 
cambriano, siluriano, devoniano, carbonifero permiano). I graniti ed i porfidi sono rocce 
eruttive emesse alPepoca del primario. 

2. Terreni secondari o del mesozoico (triassico, giurese, cretaceo). 11 giurese ha 
>er principali suddivisioni il lias e Voolìle. Il cretaceo della zona dinarica è con- 
traddistinto da due aspetti tfacies) essenziali cioè quello del gruppo dei fossili delle 
rw<iisl«, o compatto (karst*, e quello del flysch^ di scisti marnosi e di arenarie Intra- 
mezzate talvolta da rocce eruttive (melafiri e serpentini). Il calcare dolomitico 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 7 

Si rammentinole linee direttrici del rilievo dinarico, cioè della 
zona montana che a grandi corrugamenti calcari paralleli si 
svolge, dasud-ovest a nord -est in direzione dell'arco alpino, lungo 
la riva orientale del mare Adriatico. CJodesti corrugamenti se- 
gnano il margine di una grande zona dislocata, prodotta dalla 
scomparsa deWAdriade, terra unita che rinsaldava un tempo la • 
costa appenninica alla dalmatica. Le tracce di codesto grandioso 
fenomeno appaiono evidenti dalla linea delle Giudicarie, dal 
margine meridionale fratturato delle Alpi Venete, giù per l'I- 
stria è la Dalmazia, fino alle coste del Peloponneso (1). Fenomeni 
tellurici rinnovati ed estesi ; bradisimi decrescenti, da Belluno 
a Zengg e di qui a Zara, a Ragusa e ad Antivari ; vestigia di 
rocce eruttive disseminate longitudinalmente tra i rilievi del 
flysch calcare ; infine segni indubbi di dislocazione scolpiti 
lungo l'esterno dell'arco dinarico, a settentrione del golfo di Pa- 
trasso, attestano nel loro complesso codesto grandioso fenomeno 
del crollo dell'* Adriade » accaduto nelle passate ère geologiche. 

Durante i tempi del giurese, del cretaceo e del terziario infe- 
riore, la Dalmazia, l'Istria ed ambo le rive dell'Adriatico for- 
mavano parte di un Mediterraneo largamente aperto, in cui do- 
minava un regime pelagico assai uniforme e del quale fanno 
fede ampi depositi calcarei pressoché uniti e continui. Nel pe- 
riodo di transizione tra miocène e pliocène, codesto regime pela- 



rìguUa dalla mescolanza di carbonato di calcio, con carbonato doppio di magnesio e 
calcio. 

3. Terreni terziari (eocene, oligocene, miocene e pliocene). Il tipo del flysch è 
esteso a tatto il terziario inferiore ed è rappresentato da depositi marini di origine pre- 
valentemente meccanica, cui solo saborcUnatamente si associano delle formazioni di 
origine organica e chimica I due primi periodi delPeocene e dell'oligocene si denomi- 
nano anche, genericamente, deìVfógene ; i due ultimi del neógene, 

4. Terreni quaternari (alluvioni antiche e moderne) Apparizione dell'uomo sulla 
terra. Le rocce eruttive come il basalto, la trachite e lu fonolite, assai affini alle at- 
tuali lave vulcaniche, sono rocce emerse all'epoca del miocene, del pliocene e del qua- 
ternario antico. 

Per il valore della singola terminologia qui riportata, si veda la Raccolta dei vocaboli 
di geografia e di scienze affini, per uso degli st%tdi di geografia generale e militarey del 
Colonnello di stato maggiore. Cablo Porro. — Torijio, Unione tipografica editrice. 
Novembre 1902. 

(1) DiKNBR. Bau und Bild der Ostalpen und des Karsfgebietes, nell'opera Bau 
und Bild Osterreiehs; redatta dal DrsNKR, dall'HoKRNBs, da Edoardo e Francesco 
SuBss e dall'UHLiG; pag. 511 segg. WIen, Verlag von T. Tempsky, 1903. 



Digitized by 



Google 



8 GEOGRAFIA GENERAL? DELL'ALBANIA 

gico cambiò di aspetto : in suo luogo si verificarono dei depositi 
di marne e di nummoliti che verranno a suo tempo corrugati (1). 

Intorno a quest'epoca emerse una soglia di terre sull'area 
occupata dall'attuale Adriatico settentrionale. Il margine infe- 
riore di questa soglia fu individuato dal prof. Stache nei fram- 
menti oggigiorno superstiti della Lagòsta, della Pelagosa, delle 
Trèmiti e del Gargano, disposti appunto lungo la piti breve con- 
giungente tra la costiera appenninica e la costiera dalmata. Co- 
desta soglia si mantenne al di sopra del livello delle acque fino 
a tutto il termine del terziario (2). 

Sulla riviera italiana le zolle del Monte Gargano e del Conerò 
— essenzialmente differenti per struttura dagli Appennini — ri- 
velano i rapi)orti di solidarietà con il terreno deWAdriade, In 
appoggio di questa ipotesi il Neumayr, sulla fede del Kobelt, 
aveva constatato già da tempo che l'attuale fauna dei molluschi 
terrestri del Monte Gargano presenta spiccati caratteri dalmati 
e per nulla italici (3). Più recentemente ancora, lo stesso Neu- 
mayr ed il Woldrich, hanno notato nell'isola di Lésina la pre- 
senza del cavallo, del bisonte, del cervo e del rinoceronte nelle 
passate ère geologiche ; epperciò ne inducevano l'unione dell'i- 
sola con il continente dalmatico. 

Ma dopo il terziario VAdriade crollò; si aprì la profonda 
fossa jonica nel bacino inferiore dell'Adriatico, forse simmetrica 
alla fossa delTEgeide settentrionale nei mari Levantini, attra- 
verso alla traccia del golfo terziario albanese. Nella violenta 



(1) Un^alternADsa molto singolare di tali depotiti si riscontra nella regione Bosno- 
ErsegoTese, specie nella vallata della Bosna, presso Kotorsoo. Intorno al terreno num- 
mo litico, si veda Pirona, Trattalo di geologia oon tpeciale riguardo alia geologia del- 
l'Italia. Milano, F. Vallardi, Editore, 1904, pag 561. 

<2t II limite inferiore della soglia é^WAdriade fa delimitato dapprima dal geologo 
austriaco Stachb iJahrb, der K. K. Oeolog. ReiehtanttaUì e confermato dal Sukss 
nella classica sua opera: Dat Antlitx der Erde. (Vedasi la traduzione francese pubbli- 
cata sotto la direzione del Db Marobrib, tomo I, pag 346). Si consultino inoltre le 
opere del Gatta, L'Italia elaeut f'n-matione^ e del Canbvari, Ostervaxioni intorno 
alla eii$tenxa di una terraferma neWaUuale bacino Adriatico {Proc. Verb. Soc, To$c. 
Scienze Nat. 1885). 

(3; Nbumatr. Uber den Qeologieehen Bau der Intel Koos (Denk. K. K. Akademie, 
Wien XL, 1879, pag. 263). Circa i rapporti di genesi tra il Gargano e le isole dell'A- 
driatico sud-occidentali, si veda Topera del Tbllimi : Ouervazioni geologiche tulle itole 
TrèmUi e tuU*itola di Pianota nell'Adriatico (Bollett. del Comit. Qeolog, /la<., Voi. IV, 
Ser. Ili, pag. 442). Il Tbllimi denomina le isole Tremiti e la I^anosa con Tappellativo 
di isole perigargàniche. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 9 

dislocazione dei terreni che ne successe, vennero a formarsi sulla 
riva dalmata dei corrugamenti, delle estese linee di faglia (1), 
degli accavallamenti montani paralleli rivolti da nord-ovest 
verso sud-est, addossati fin contro alla cresta del Pindo, e tutti 
— si noti bene — inclinati verso sud-ovest ; intrammezzati da 
larghe lame di terreni eruttivi, in massima parte serpentinosi. 
I massicci preesistenti al corrugamento — i quali si esten- 
dono da mezzodì verso settentrione, nel senso dei meridiani o 
pressoché, oltre aUa riva sinistra dell' Arctinòs con i Cara Orman, 
lo Sciar, le zolle triassiche del Com, di Andrjevitza e dei Vas- 
sojevici (2), con le soglie Bosno-Brzegovesi fino ai monti Velebit 
e più oltre ancora — funzionarono da barriere di resistenza, da 
grandi anticlinali nel corrugamento calcareo. Tutti questi mas- 
sicci sono infatti allineati anch'essi, da nord-ovest verso sud-est, 
quasi in opposizione o in antitesi al rilievo calcareo medesimo. 

Tale la genesi dell'arco dinarico', intagliato da frequenti e da 
indubbie fratture in senso normale e da solchi in senso parallelo. 

Nullameno, l' uniformità complessiva di codesto rilievo che 
raccorda in sostanza le terre europee alle asiatiche, appare al- 
terata nel suo tratto inferiore in corrispondenza deUa regione 
albanese. Se così non fosse, le genti Schipetare, come le Serbo - 
Croate, dovrebbero essere tributarie dell'incivilimento e dell'et- 
nografìa verso i bacini della Drava e della Sa va, percorrendo i 
lunghi e continui corridoi dell'arco dinarico. Invece il suolo del- 
l'Albania, formando individualità a sé anche nei rispetti della 
gènesi, determinò la segregazione delle genti che lo abitano 
a cantoni ed a clan; in guisa da formare una specie di citta- 
della originale dell'etnografìa, dei costumi, della storia e della 
politica. Imjwrta perciò mettere in rilievo il valore delle anti- 
clinali e delle zolle di resistenza preesistenti all'accavallamento 
dinarico, aUo scopo di rendersi ragione di codesta specie di 
appartamento antropogeografico delle genti Schipetare. 



(1) Una di oodeste linee siDgoIari di faglia segue la riviera dalmata, da Spaiato fino 
a Ragusa e Cattano. La penisola di Sabbioneello la interrompe soltanto per breve 
tratto, essendo rinsaldata alta costa da un breve istmo composto di terreni nummo- 
litici. Vedasi la monografia del dott. A. Martelli : Uisola di Lajosta {BoUttt. Società 
Qeog, /(jjiona, marzo 1002 >. 

{2} Xatramessato da estese zone di flvsch. 



Digitized by 



Google 



10 GEOGEAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Occorre ora analizzare, nei suoi particolari, la gènesi del rilievo 
albanese verso Testerno dell'arco dinarico, allo scopo di metterla 
a raffronto con la planimetria individuata nell'ampio trapezio 
anzi descritto. 

Per ben comprendere codesto fenomeno, è d'uopo di collegarlo 
ad altri di eguale data e che si riferiscono all'architettura gene- 
rale della penisola balcanica. Gli studi recenti del Philippson (1) 
confortati dai rilievi geologici e dalle indagini dello Zvijc' e dei 
suoi collaboratori, hanno oramai assodato che la Tracia, la Ma- 
cedonia ed il mezzogiorno della Serbia — regioni che si incu- 
neano con i loro terreni cristallini tra l'arco calcare dinarico e 
l'arco calcare balcanico, attraverso alle zolle del massiccio 
rumèlo preesistente — formavano parte, nelle passate ère geo- 
logiche, di un altro continente scomparso; cioè VEgeide, Per 
mezzo di questo le terre della penisola balcanica e l'Occidente 
della Europa si rinsaldavano a quelle dell'Anatolia ed al conti- 
nente Asiatico in genere. Le Cicladi, in continuo e largo fer- 
mento sismico, Candia e le isole che fanno cintura da occidente 
alla costiera dell'Asia Minore, segnano il lembo di questo con- 
tinente scomparso. Eimasero superstiti le isole elleniche a col- 
legare l'Asia all'Europa, l'Oriente all'Occidente; la storia, la 
vita e le tradizioni dei due grandi continenti un temiK) già 
solidarìamente uniti. 

Tale fenomeno, assai più grandioso nei rispetti geografici ed 
antropogeograflci dello sprofondarsi delVAdriade, tra la Dal- 
mazia e la riviera appenninica, influì anzitutto sull'architettura 
esterna dell'arco dinaro -albanese; e vi influì in ispecie nello spo- 
stare decisamente i fasci calcari dell'Albania meridionale o del- 
l'Epiro. L'andamento curvilineo di questi fasci, già notato dal 
Philippson ed accentuato dallo Zvijc' (2), rivela appunto l'azione 



(1) Philippson. Le Tectoniqut* de VEgeidé. — AnncUei de Oeographie^ voi. VII, 
anno 1898, pag. 132. — Idem. — Botphorut urui HeUespont {Oeographische ZeiUchrift 
fùr da$ Jahr. 1898). 

Si coDsultiao anche le opere seguenti del Doti. J. Cvuc. Die Tektonik der Bal- 
kanhoVìinseU ntil beiOtiderer Beriìcksichligung der neueren FortschriUe in der Kenntnis 
der Geologie voti BulgarleUf Serhien und Mahedonien. (Comptes-Rendas IX Congrès 
Géol. Internai, de Vienne 1903. Wien, 1904). — TeìUoniiche Vorgànge in der Rhodo- 
penmn^ie unddie Dinarisch'Albanesisrhe Scharimg. (Sitzung bericb. der K. Akad. Wiss. 
Wien, 1901». 

(2) Philippson. Die Griechischen Inseln der Aegaischen Meeres. ( Verhandl. Oeteìl. 
fur Erdky Berlin, XXIV, 1897, pag. 264-280). — Idem, La Tectonique de VEgeide. Op. cit. 
pag. 112114. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 11 

e la reazione delle forze orogeniche da oriente ad occidente, 
verso le pieghe italiche degli Appennini, verso il Gargano e le 
terre Apule, con le quali ultime i fasci medesimi formavano 
assai probabilmente sistema (1). La larga intrusione di rocce 
eruttive del flysch, allineate lungo i fianchi del rilievo alba- 
nese, possono forse corroborare codesta ipotesi ; non appena le 
rocce stesse, specie nel paese dei Mirditi (Mir editi) e dei Du- 
cagini vengano riconosciute e studiate con intendimenti scien- 
tifici (2). 

L'arco dinaro -albanese, a settentrione del golfo di Patrasso, 
non risentì che poche e dubbie fratture, e tra queste si conside- 
rano le depressioni di Delvino, di Butrinto e di Ambracia — 
parzialmente ricolme da formazioni marine o lacustri del nèo- 
gene — e più probabilmente quella di Philiatàes (Filiata) e del- 
l'alto Calamas. Epperciò l'arco stesso si può ritenere solidale e 
prolungato, quasi ininterrottamente, a pieghe parallele, da 
sud-est a nord-ovest fino a scomparire nell'Adriatico ; forse tra 
Valona (isola di Saseno) e Durazzo. A questo punto più preci- 
samente ha termine il sistema della Grecia Occidentale, il quale 
traccia una delle più importanti direttrici di rilievo dell'arco 
dinarico e del margine meridionale del trapezio albanese, come 
più sopra è detto. 

In dipendenza delle forze endògene provocate dal crollo del- 
l' EgHde, lungo la linea di contatto tra terreni calcari corru- 
gati e terreni paleozoici dell'Albania centrale (i quali ultimi 
funzionarono, come si è accennato, da grandi e poderose anticli- 
nali), vennero a manifestarsi sul limite orientale delle vaste aree 
di sprofondamento. Esse sono occupate dalla regione dei laghi di 
Derìda, di Presba, di Malik e di Ostròvo, connessi per mutuità 
orotettonica con i bacini di Triccala, di Larissa, di Almyros, ed 
in genere con le fosse ègeiche. Queste aree esercitarono, a loro 
volta, delle forti pressioni radiali, si da influenzare in modo ca- 
ratteristico le direttrici di rilievo e del margine albanese-ma- 



(1) Cosmo Db Giorgi. Puglia ed Albania iEatrsiito dalla Rassegna Nazionale^ 1886;. 
Conferenxa tenuta In occasione del. Ili Congresso dell'Associazione Meteorologica 
Italiana. 

(2) SI può dire che dai tempi del Viquesnel e deirAmi Bone, le rocce eruttive del 
settentrione dell'Albania non siano più State illustrate da indagini geografiche positive. 



Digitized by 



Google 



12 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

cedone e del centro della regione; che risultarono pertanto o cur- 
vilinee, o spezzate, o intercise infine da larghe formazioni erut- 
tive recenti. 

Attestano codeste poderose dislocazioni di terreno, le larghe 
linee di frattura nell'interno dell'arco dinarico -albanese (1), le 
faglie aperte nella regione degli stessi laghi, le solfatare e le am- 
pie zolle eruttive che quivi si riscontrano, specie leserpentinose, 
le quali comunemente si assegnano alla fine del terziario (rocce 
eruttive del ftysch). Il rimanente del margine orientale della re- 
gione albanese è occupato da formazioni cristalline recenti, al- 
lineate da settentrione a mezzodì, a ridosso delle barriere 
paleozoiche sopra ricordate. 

Dalla parte di settentrione, il massiccio del monte Com (cal- 
care triassico), la zona degli scisti paleozoici di Andrjevitza (in- 
tramezzata da flysch dell'eocène) unitamente ad altri terreni 
preesistenti di calcare compatto (trias medio ed inferiore), le 
cui testate si spingono dalle Bocche di Cattaro fin'oltre alle foci 
della Bojana (2) e lungo la riva occidentale del lago di Scutari ; 
determinarono l'obliquità, da sud-ovest a nord-est, dei monti 
calcari e dolomitici delle Alpi settentrionali di Albania (BjeshJcet- 
Nemuna). Queste sono attraversate anch'esse, abbenchè in 
minor misura, nel loro interno e nel senso dei meridiani, da 
rocce eruttive, da calcari del flysch ed assai estesamente da 
calcari e da dolomie del periodo mesozoico (3). 

Il fenomeno della resistenza opjwsta dal maasicco montene- 
grino appare evidente dall'andamento delle catene dei Plani- 
nik, del Zijovo-Hum, nonché dall'asse dei monti del Versuta, 
dei Kumja e del Tarabosc. L'inflettersi dei rilievi del Zeletin — 
come in genere tutto il tracciato curvilineo delle montagne del 
Visitor, notato dall'Hassert nel suo schizzo orotettonico del Mon- 



(1) Vedasi V Atlante geologico della Macedonia e della Vecchia^ Albania del dottore 
JovAN ZviJc {Geoloschi Aliai Makedonije i Stare Srbije^ 8 listova — Beograd 1903. 
Litografia Drgchavne Schtamparije). 

i2i Monti di Rumja, di Tarabosc, dorsali dei moDti Rencit e Kakaricit (^falì JRencit 
e Mali Kakaricil), 

(Z) Vedasi, per quanto riflette la sona terminale albanese-montenegrina, Topera del 
dott. KuBT Hassrbf Beitràge zur Physiechen Oeogrophie von Montenegro, etc , 
Ergànzungtheft N. 115. Petermann. MiU 1895, pag. 10-17; nonché lo studio del dottor 
A*. Martelli, H flytch nel Montenegro eie, R. Accademia dei Lincei, 1903. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 13 

tenegro e dallo Zvijc' nell'abbozzo della stessa specie compilato 
per l'Albania del settentrione — possono essere buoni fonda- 
menti per suffragare le induzioni di cui sopra (1). 

Tra gli allineamenti delle Alpi di Procletye-Planina, tra quelli 
dell'Albania meridionale ed il margine macedone, il terreno del 
centro della regione appare solcato da un grandioso intralcio di 
rilievi. Questo terreno può rassomigliarsi ad una specie di trian- 
golo equilatero assai schiacciato, composto di soglie di ftysch 
calcare, del terziario e del quaternario : la sua base si estende 
lungo la riviera, da Dulcigno alla baia di Valona, ed il vertice 
si insinua molto ad oriente di Elbassan. 

Ora i fenomeni orogenici che crearono l'asse degli allinea- 
menti calcarei del settentrione e del mezzogiorno dell'Albania, 
determinarono la struttura di codesta regione di medio rilievo, 
la sua disposizione curvilinea, intralciata e le conferirono inol- 
tre varietà di aspetto a motivo del contrasto tra i vari terreni 
di cui si compone. Infine i depositi alluvionali e marini contri- 
buirono ad accentuare quella varietà tipica caratteristica che 
si riscontra nell'Albania centrale, fino a fare smarrire le tracce 
delle linee maestre del suo rilievo sotto un profondo mantello 
di materiale disgregato e di trasi)orto (2). 

La linea di facilitazione che si apre tra Durazzo e Dulcigno, 
per Croja e Tirana alla volta di Elbassan (3) — disseminata al suo 
margine da sorgenti termah e da emanazioni gazose — si ritiene 
parte di un antico golfo terziario che si insinuava appunto tras- 
versalmente ai rilievi dinarici, per schiudere una comunica- 
zione, non bene accertata, lungo i laghi di Ocrìda, di Presba e di 
Castoria, al bacino di Triccala ed al margine fratturato della 



(1) K. OsTBBicH. R^iseeintdrueke aus dem Vilayet Kossovo {Abhandl. K. K, Geo- 
graph. Oeselly Wien, I. 1899, pag. 331-372}. Si oonsoltino speoialmeoU le carte an- 
nesse a pag. 338 « seguenti. Oli studi' del professor Obstrbich lianno ricevuto con- 
ferma recentissima dalla pubblicazione della Carta geologica della Macedonia e delia 
Vecchia Serbia (in serbo) dello Zvijc, annessa tiWAtlante sopra citato. (Litografia di 
Stato di Belgrado, 1903j. 

{2. Codesta ipotasi induttiva è suffrag;,irta dall'autorevole parere del professore Zvnc\ 
il quale, non è mol^o, mi esprimeva la necessità di addivenire ad uno studio sistema- 
tico del profilo dei rilievi dell'Albania mediana. Il semplice tracciato altimetrico ed 
ipsometrico non è infatti sufficiente a definire, con precisione, il corso e la natura dei 
rilievi, a motivo del vasto e profondo'processo di alluvione e di oolmatagglo. 

(3) BouARD SoBss. Das AntlUs der Et de, Tomo III (traduzione francese di E. De 
Margerie, pag. 431. Paris, Armand Colin edit., 1902;. 



Digitized by 



Google 



14 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

regione Egeica. L'andamento dei corsi d'acqua del bacino del 
Devol e del Ljumi di Beratit, spostati verso la linea di faci- 
litazione tracciata da questo antico golfo, più che dovuto ad un 
processo erosivo affatto insufficiente a giustificare il fenomeno 
(anche ammesso l'intervento glaciale), potrebbe forse interpre- 
tarsi quale riprova dell'esistenza nelle passate ère geologiche 
di una specie di grandioso Bosforo Albanese-Macedone. 

Dopo questo sommario esame intorno alla gènesi della regione 
è possibile di delia.eare — a grandi tratti e sulla base dei pochi do-^ 
cumenti positivi che si posseggono — l'architettura e la natura 
del rilievo albanese, nonché le caratteristiche morfologiche gene- 
rali di ciascuna zona secondo dati sufficientemente approssi- 
mativi. 

Le linee maestre dell'orografia albanese si possono perciò 
raffigurare rappresentate dalla convergenza di due tra le prin- 
cipali direttrici del rilievo dinarico : l'una diretta da sud-est a 
nord-ovest (sistema della Grecia Occidentale, o dell'Epiro), l'al- 
tra da nord-ovest a sud-est (sistema delle Alpi settentrionali 
dell'Albania). La convergenza di queste due direttrici di rilievo 
tende ad effettuarsi in direzione della fossa Jonica. 

L'architettura intralciata e dislocata della zona albanese me- 
diana, compresa nell'interno di questa specie di ampia tanaglia, 
trae origine appunto dai fenomeni di compressione esercitati 
dai due fianchi di rilievo ora detti, da quelli di sprofondamento 
verificatisi presso la zona calcarea, paleozoica e cristallina del 
margine macedone-albanese ed infine dal largo e profondo allu- 
vionamento del sistema idrografico che irriga la regione mede- 
sima. 

Il detto cenno sull'architettura delle linee maestre del rilievo 
albanese, designa inoltre la distribuzione delle principali masse 
rocciose della zona. Queste si possono fino da ora raggruppare 
come segue : 

1. Rilievi marginali macedoni -albanesi, — Sono composti da 
zone di gneis, di scisti cristallini, di rocce granitiche, intramez- 
zate da serpentini e da dioriti. Si appoggiano alle rocce paleo- 
zoiche che funzionarono da anticlinali di resistenza. 



Digitized by 



Google 



IL TEBRENO 15 

2. Rilievi dinarici -albanesi. — Constano di calcari del creta- 
ceo di compattezza varia, di rocce carsiche, di terreni marnosi, 
di arenarie calcari, di argille e di scaglie. Queste ultime, specie 
le rosse, segnano in genere il passaggio dal terreno del cretaceo 
a quello dell'eocene (zone del flyach calcare). 

3. Zone collinose. — Si compongono di terreni del flysch 
dell'eocene, di marne varie, di sabbie argillose, di depositi del 
neògene marino e lacup^re (1). 

4. Zone littoranee. — Constano di terreni alluvionali e di col- 
jiataggio, di sabbie marine, di conglomerati del pliocene, di 
puddinghe, di depositi fluvio -glaciali (basso corso della Sùsiza), 
di brecce e di ghiaie. 

5. Zone di rocce paleozoiche. — Sono rappresentate dalle 
anticlinali di scisti del triassico e da calcari cristalUni. 

Xei rilievi marginali albanesi e macedoni, e lungo la loro linea 
di contatto, si osservano le forme ardite proprie delle rocce cri- 
stalline, tenaci e di difficile escavazione. Epperciò si manife- 
stano rilievi ora compatti, ora frastagliati, versanti ripidissimi, 
valli profondamente incise, acqua abbondante lungo i dossi cri- 
stallini, nei burroni e nelle conche. Questi rilievi segnano l'or-, 
dinario limite di accessibilità della zona, la quale degrada ad o- 
riente della regione dei laghi. Ma l'azione erosiva delle acque 
tra le rocce di diversa compattezza, agevolata singolarmente 
dal fenomeno della dislocazione, riuscì alla fine ad aprirsi un 
varco nei terreni più resistenti ed a porre a contatto l'Albania 
con la Macedonia. Questo fenomeno giustifica i rapporti tra 
le società pastorah delle alte terre di Albania e le agricole delle 
floride conche di Monastir (BitogUa) e della vallata del Vardar. 

Come tutti i fenomeni geografici della specie, i grandi laghi 
albanesi — fatti per attrarre non molto diversamente dei mari 
le genti ed i commerci presso alle proprie rive — hanno mi- 
gUorato ed amphato, nei riguardi storici, pohtici ed economici, 
codesta opera incisiva e benefica della natura (2). 



(1) Vedasi, per analogia: B. Nblli. Il miocene medio di Dulrìgno e Pisettdi nel 
Montenegro. {Società geologica HaliatM. Roma, N. 1, 1904). Sulla terra rossa si veda: 
P. E. V1MA88A DE Rbony. Sull'origine della terra rossa. {Società, geologi ra itaJiana. 
N. 1, 1904). 

{2) Ratzbl. PoliUsehe Osographii. MUncben und Leipzig. Oldenburg edit. pag 635. 



Digitized by 



Google 



16 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Nei rilievi dinarici albanesi (a seconda della maggiore o della 
minore compattezza delle rocce calcari che li coóipongono) si 
avvicendano le forme più svariate e capricciose, proprie del pae- 
saggio carsico, intramezzato dal profilo aghiforme delle dolomie. 
Forti e bruschi rilievi, aspetto aspro, brullo e squallido, ora 
roccioso ed ora a forme tozze, tabulari, a domi compatti, a cu- 
pole, a fianchi ricolmi, ed ora infine a versanti per lunghi tratti 
a picco, difiBcili, inaccessibili (1). 

In virtù dell'azione modellatrice delle acque, il paesaggio 
carsico accentua delle particolarità morfologiche sue proprie. 
Tali sono le valli chitise, le quali terminano bruscamente e 
scompaiono nei sottosuolo in guisa da arrestare all'improvviso 
ogni continuità nei fenomeni antropogeografici essenziali; le 
doline^ o depressioni imbutiformi a contorni arcuati, spesso 
multiple {blatternarbig, o terreno butterato), ricolme di terra 
rossa, vale a dire di prodotti della decalcificazione. Singolar- 
mente notevoli sono le polle, o conche a fondo pianeggiante, 
asciutte o irrigue, nelle quali le acque si aprono un varco per 
via di voragini (ponors). Si rilevano oltre a ciò in questi terreni 
delle striature, più o meno profonde, dei corridoi (karren o kar- 
renfelder) delle scogliere (rideaux del Carso), delle grotte (schlote) 
e delle caverne in grande numero. 

Codesti fenomeni, i quali danno origine ad un particolare si- 
stema di idrografia misteriosa ed occulta, si riscontrano nei cal- 
cari di ogni specie e di ogni epoca, però con intensità diversa. 
La loro frequenza nelle singole regioni dipende dall'aggregato 
chimico di cui consta la roccia, dalla presenza o dalla mancanza 
di materiale disgregato sulla superficie, da fenomeni infine di 
dislocazione ed anche dall'altitudine (2). Grande copia, entità 
e sviluppo di fenomeni carsici offrono, di solito, i rilievi calcarei 



(1) Colonnello Carlo Porro. Raccolta di tocaboli di geografia • di teienze affini. 
Vedi voce calcare, pag. 15. Particolari ragguagli sulla morfologia carsica e sul pae- 
saggio carsico in genere { KanUandichafl) si vedano nelT opera del Doti. J ZviJc\ 
Dos Karttphaènomen. Oeograpkische Abfih, del Penck. Wien, Hòixel edit., 1893 e nel 
riassunto fatto dall' Hassbrt nelle Beitràge sur Phyiischen Qeographie von Monte- 
negrOy op. dt , pag. 79 e segg. 

(2) Ballif. WasMrbauten in Boenien und in der Hereegovinen.l. Abth.Holzhau- 
■en edit , Wien 1896. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 17 

più scoperti e le superfìci di contatto tra strati di compattezza 
diversa e terreni impermeabili. Le regioni dislocate si dimostrano, 
ad esempio, meglio fornite di polie, talune delle quali appaiono 
anzi ricolme di ampie e fertili depositi del nèogene : le zone cal- 
cari invece sono più unite e spesseggiano di doline. 

Xei calcari argillosi e marnosi ricoperti da materiale di sfa- 
celo non si verificano fenomeni carsici spiccati, perchè le cavità 
superficiali sono protette o schermite da un mantello di sabbie 
e di argille, spesso molto profonde. 

In sostanza i rilievi calcari — pur essendo per ragione di alti- 
tudine sovente inferiori ai cristallini del margine macedone- 
albanese — rappresentano nullameno, per complessità, entità 
e natura di fenomeni caratteristici (specialmente di indole bio- 
logica), un tale impedimento da eguagliare quello delle zone 
cristaUine più aspre ed impraticabili. Questi impedimenti si ma- 
nifestano sopratutto nei riguardi militari, rendendo necessaria 
una preparazione ed una condotta particolarmente previdente. 

La migliore zona di accessibilità è quella dei calcari marnosi 
ed argillosi, delle scaglie e delle arenarie (flysch) che si adagiano 
tra le barriere di rilievi calcari più compatti, o vi si addossano. 
Quivi le catene si plasmano secondo linee più flessuose, mo- 
dellate dall'azione delle acque. Si trovano però dei gradini in 
parte rocciosi lungo i versanti delle arenarie. 

Conviene infine tenere presente, in questo cenno sommario 
sul paesaggio carsico, talune particolarità di profilo essenzial- 
mente proprie della maggioranza di codeste valli. 

Laddove nella massima parte dei rilievi, specie nei cristallini, 
le vaUi stanno collegate tra di loro ed isolano i rilievi medesimi; 
nelle regione carsiche, per contro, si notano assai di frequente 
isolate le valli ed indivisibilmente congiunti tra di loro i rilievi : 
e ciò a motivo dei fianchi ripidi, impraticabili, che cadono privi 
di raccordo sulle sottoposte vallate. In virtù di questo fenomeno 
morfologico tipico, si spiega anche l'economia e la vita sociale 
dei cantoni albanesi. 

Nella storia delle valli infatti si compendia, di sohto, la storia 
dell'intera regione montagnosa : quella delle valli trasversali ad 
esempio, la sintetizza e quasi la simboleggia. In esse si sono 

2 — Albania, 



Digitized by 



Google 



18 GEOGRAFIA GENERALE DELL* ALBANIA 

composti, con molta facilità, degli aggregati sociali i quali pur 
conservando una speciale impronta di fierezza e di indipendenza, 
non si sono tuttavia potuti spogliare di talune caratteristiche 
biologiche proprie delle genti di pianura, specialmente evidenti 
nelle relazioni di mutuità economica. Codeste caratteristiche 
si sono anzi accentuate in forza dell'azione e della reazione pro- 
vocata dall'ambiente. 

Tali genti, di buon'ora, hanno ordinariamente fissate le loro 
dimore nelle zone piti sicure dal minaccioso e rapido alterarsi del 
regime delle acque, che hanno disciplinato con la virtù dell'arte. 
Alcune vallate ad esempio, quali la Savoia ed il Delfinato, si 
sono oltre a ciò sovrapposte nel loro dominio e nella loro assi- 
milazione a larghe distese di terreno pianeggiante, fino a com- 
porsene dei veri e propri aggregati politici destinati alla dure- 
vole fortuna dell'imperio. 

Tutto al contrario accade invece nelle regione carsiche. Gli 
altopiani calcari, assai più appiattiti a motivo dell'azione di- 
sgregatrice delle acque che nelle zone cristalline o neUa mag- 
gioranza di esse, favoriscono l'esistenza di aggregati sociali 
dalla spiccata impronta separatista nella storia e protezionista 
nei rispetti economici. La legge deUa Montagna (Canouni 
LeM) vieta ad esempio agli indigeni ed agli stranieri di 
acquistare o di possedere terre all'infuori dei propri paesi, per 
non turbare in veruna guisa quell'equilibrio atavistico man- 
tenuto da gran tempo nei cantoni tra gli uomini ed i mezzi. 

Tali impronte derivate dal terreno e che si riflettono sulle 
attitudini e sulle energie sociali e politiche, sono accentuate 
ancora più dal regime delle acque. La rete idrografica di codesti 
terreni, assai spesso breve di sviluppo, intercisa e monca, limita 
il raggio della possibilità degli scambi, ne ostacola la loro va- 
rietà (fondamento di ogni buona e duratura intesa economica), 
favorisce infine le formazioni cantonali dal tipo delle zadrughe 
serbe e delle fratellanze albanesi del settentrione (1). 



(l) Lft zadruga designa, in serbo, un aggregato sociale di famiglie che si affratel- 
lano, allo scopo di assicurarsi reciprocamente il mutuo appoggio e per rendere i loro 
sforzi economicamente più produttivi. Esse si compongono insieme in una specie di as- 
sociazione socialista nel terreno., negli averi e nei proventi: ne è capo il più anziano 
della tribù, oppure il giovane più valoroso e promettente. 

Circa la fratellanza delle genti albanesi di settentrione, si consulti l'opera dello 
Hecqdard, Histoire *t deseription de la Haute Albanie, Paris, Bertrand, pag 384 e segg. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 19 

Presso talune tribù codeste condizioni di fatto non possono 
a meno di stimolare, necessariamente, delle tendenze ad una 
vita guerriera come fine a sé medesima, a danno delle zone 
vallive sottoposte, o delle conche piti fortunate e ricche per 
varietà di prodotti o di scambi. Tipo dell'aggregato sociale 
della specie — che assai spesso si estrinseca in organamenti 
aristocratici repubblicani — può dirsi la popolazione dei Mirditi 
e dei Ducagini, poste nelle più favorevoli condizioni di fatto per 
padroneggiare le vie del Drin, di Tirana e quelle che adducono 
alla florida conca di Diacova e di Prizren. 

Delle forme proprie dei calcari marnosi ed argillosi parteci- 
pano le terre collinose, ricoperte da vario tipo di argille, da sca- 
glie, da brecce calcari, da depositi del quaternario e da con- 
glomerati. Quivi si riscontrano linee monotone di profilo con- 
vesso, più o meno appiattito, fianchi assai spesso lavinati ed 
incisi da burroni : poco terriccio, melma copiosa d' inverno, 
spaccature e fenditure nel colmo dell'estate, difetto di acqua. 
Sono terreni franosi, ma praticabili quasi dovunque in ogni 
senso in tempi asciutti, dove non rotti dalle frane ; assai disa- 
gevoli non solo per il transito dei carri ma anche per i quadru- 
pedi 'nelle forti siccità, a motivo delle spaccature e fenditure 
del suolo. 

Di questi terreni consta la media Albania collinosa e parte 
delle altre zone inteme di bassopiano (Jòanina e Diacòva-Pri- 
zren); terreni che riassumono in sé molte delle caratteristiche 
necessarie per adattarsi alle esigenze dei centri abitati più po- 
polosi ed economicamente floridi. 

La zona littoranea consta di pianure più o meno estese, di de- 
positi alluvionali malsani, di bacini acquitrinosi salati, di dune 
e di regioni deltaiche. E' terreno di naturale ostacolo per i con- 
tatti, gli scambi e l'abitabilità, il quale pone maggiormente 
in rilievo l'importanza dei porti costieri della regione, il va- 
lore della via di transito mediana dell'Albania e la necessità 
di appoggiarla ad un sufficiente retroterra al di là dei porti 
medesimi. 

Pressoché continua, dalle foci della Bojana a quelle della 
Vbjuza (Vio8a)j il tipo di questa regione piatta dalle prevalenti 



Digitized by 



Google 



20 GEOGRAFIA GENERALE DELL* ALBANIA 

abitudini pastorali e nomadi, si va smarrendo in brevi striscie 
cuneiformi lungo la costa calcarea di mezzodì : tali, i solchi di 
Butrinto, del basso-Calamàs e del Golfo Ambracico. 

Eocce dioritiche, serpentini grigio-verdi, lacerano infine i 
rilievi calcari della sinistra del Drin e li deviano in direzione 
di nord-sud, a fasci serrati, a grandi cupole, a lenti, a vene po- 
derose. Queste rocce si espandono più compatte, a grossi banchi, 
dalle foci del Ljumi di Beratit fino ai laghi di Ocrida e di MaUk (1). 

Caratteristica di questi paesaggi aspri e boscosi sono i mar- 
gini tagUenti, i banchi rocciosi, a salti : forre, sporgenze, rugo- 
sità, accavallamenti, gradinate dagli spigoU vivi. E' terreno 
tenace e resistente all'azione escavatrice delle acque, eccetto 
che nel senso dei piani di scistosità : unica terra da lavoro è data 
dal poco materiale di sfacelo. 

All'influenza generale esercitata dalle forme, altre se ne po- 
trebbero aggiungere inerenti alla natura dei terreni, scendendo 
a trattare dell'ostacolo o del favore che incontrano gli aggre- 
gati sociali, le comunicazioni ed i rapporti biologici in genere, 
in dipendenza del decorso delle acque, dell'aspetto della ve- 
getazione, del grado di praticabiUtà dei rihevi e dello stato 
dell'abitabiUtà. Ma rimandando l'esame di taU argomenti ai 
relativi capitoli di studio, specie a quello delle acque e degli 
elementi antropogeograflci, è necessario di ritornare a questo 
punto sul valore delle manifestazione carsiche essenziali, in 
quanto riflettono strettamente la morfologia dei terreni (2). 

Le doline (in serbo significa bassura o valle) sono di dimen- 
sioni molto varie. Il loro diametro può svilupparsi lungo una 
gamma assai estesa, la quale varia da qualche metro al chilo- 
metro : anche la loro profondità si estende da qualche metro 
ad oltre cento metri. L'incUnazione delle pareti di codeste con- 
che è anche molto diversa, fino a diventare a strapiombo. Lo 



(1) Le poche notizie geologiche che si posseggono sulla difficile zona di riva sini- 
stra del Drin sono dovute alle investigazioni deirHassert, per una escursione da lui 
compiuta nel settentrione dell'Albania, nel 1897. La breve relazione delPHassert fu 
tenuta presente nella compilazione dello Schizzo OroUttonico annesso al presente stu- 
dio. iStreifzxige in Obsr-AlbanUn. Q9$éU. fur Erdn, Berlin. 1897. 

(2; Dott. JovAN Zvjic Dm Kantphatnomen. — Vertuch einer morphologischen Ho- 
nographÌ€. — {Oeograph, Abd. von Penck). Wien, Holzel, 1893, pag 225, e segg. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 21 

Zvijc', in considerazione dell'ampiezza e della profondità, ha 
divise le doline in piatte ed in imbutiformi. Quasi mai il fondo 
di codeste conche scopre la roccia nuda: terra rossa (1), terreno 
di sfacelo e detriti diversi ne compongono il sedimento più 
comune, e sotto questo mantello si occultano gli emissari delle 
acque, quando ne esistono. 

La loro formazione fu oggetto di studi assai diversi. Questi 
si possono raggruppare nelle loro conclusioni attorno a due 
teorie essenziali: crollo cioè degli strati superfìciaU più sottili 
o assottigliati e prodotto dell' azione dissolvente delle acque e 
di fenomeni glaciali primitivi. 

Le polie (in serbo significa campo) sono depressioni spesso 
assai ampie, allungate quasi sempre nel senso degli strati cal- 
cari. Il margine ed i pendii sono sovente assai erti e limitati da 
un bassofondo piatto, in luogo di terminare in imbuti o in 
caverne, come si verifica nelle doline. Codesti fenomeni, come 
è detto più sopra, non si avverano che negli strati dislocati o 
comunque raddrizzati, e fanno invece difetto nelle soglie calcari 
a giacitura orizzontale. 

Le dimensioni e le superfìci delle polie sono anche molto varie 
come nelle doline : esse vanno da qualche chilometro a qualche 
decina di chilometri. Il fondo è ricoperto da argille, da prodotti 
copiosi della decalcificazione, da terreni del neògene che ne atte- 
stano la considerevole età e, talvolta, anche da acquitrini tor- 
bosi (2). Il loro regime acqueo, quando esiste, è dovuto alle 
precipitazioni^ atmosferiche ed alle sorgenti locali : il loro esito 
avviene per via di grotte (ponors), di spiragli disposti sul fondo 
o lungo pareti. 

Si distinguono in polie aperte, o largamente distese ; in sec- 
che, in temporaneamente secche, ed in acquee (Joanina-Lapsista) ; 
a seconda che i loro emissari sono capaci o meno di dare sfogo 
completo al decorso delle acque. 

• Nondimeno, una differenza sostanziale tra doline e polie non 
è possibile di stabilirsi con criterio assoluto, almeno nei rispetti 



^1) Terra rossaj o terreno argilloso proveniente dal processo di decaloifloasione delle 
rocce calcari. 

(2) La torba è assai abbondante anche nei paraggi del lago di Joanina e dlLapsista 



Digitized by 



Google 



22 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

morfologici; specie allorquando l'una e l'altra di codeste acci- 
dentalità carsiche da porsi a raffronto sono di breve estensione. 
Tra le differenze positive sono da annoverarsi quelle dell'al- 
lungamento delle polle nel senso degli strati calcarei e di tutto 
l'allineamento dinarico, cioè da nord -ovest a sud-est; della loro 
entità e del loro numero gradatamente decrescente dalle alte 
terre albanesi verso le basse e verso la costiera ; infine del col- 
mataggio del neògene. Tutti codesti fenomeni concorrono, pro- 
babilmente, nel far assegnare alle polle una origine spiccata- 
mente tettonica, derivata dallo spostamento degli strati nel 
senso dell'asse di una anticlinale, oppure dal contatto tra strati 
di compattezza differente; mentre invece al confronto le do- 
line derivano piti specialmente da fenomeni di escavazione su- 
perficiale (1). 



C) Le linee direttrici del rilievo. 

( Vedansi^ in paraUalo, la carta geologica e la orotettonica). 

Non è possibile di descrivere particolarmente le direttrici 
del rilievo albanese nei limiti proposti — per difetto di dati posi- 
tivi e sintetici che le designino con fondamento scientifico, so- 
pratutto per quanto ha attinenza alle linee di frattura, a quelle 
di dislocazione ed al rilievo dell'Albania mediana, fortemente 
ricoperto da materiali di trasporto — , ma soltanto di raggruppare 
le direttrici medesime in modo complessivo, secondo linee orot- 
tettoniche generali, che traccino una qualche norma per giun- 
gere ad una sommaria comprensione dei terreni nei rispetti 
storici, politici ed economici. 

Per quanto riflette poi più specialmente l'Albania mediana, 
sono per certo necessari degli studi estesi ed accurati che rive- 
lino l'effettiva direzione degli strati ricoperti da un largo costi- 
pamento alluvionale, prima di poter addivenire ad una precisa 
descrizione di essi, della natura e dell'andamento dei rilievi. 

Allo stato attuale delle indagini, non si ritengono gran fatto 
sufficienti le carte ipsometriche seguite in questo studio, per 



(1) Si veda una buona sintesi intorno a codesti fenomeni osrsici essenziali nell'opera del- 
TMassbrt: Beitràge zur Physischen Oeographie von Montenggro^ ecc, pag. 72 e seg. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 23 

quanto concerne il rilievo dell'Albania mediana, in mancanza 
di altri elementi più positivi ; che anzi, nei rispetti orotettonici, 
queste carte si stimano molto spesso manchevoli e fallaci (1). 

La sistemazione che segue non vuol essere quindi che un sem- 
plice abbozzo, fondato in parte su documenti positivi, in parte 
sulle ragioni ipsometriche (là dove difetta ogni altro documento) 
ed in parte infine sulla semplice induzione dei terreni. Essa attende 
perciò di essere completata e riscontrata con una più larga e 
positiva esperienza : ed in questa fiducia la sistemazione che se- 
gue ripone la precipua ragione del proprio essere. Soltanto con 
la scorta di una più larga ed estensiva indagine avvenire, sarà 
infatti possibile di allargare le basi essenziali dello studio, di dare 
più sicuro appoggio all'induzione, di avvantaggiare insomma e 
di stimolare al possibile una più vasta conoscenza scientifica 
delle terre albanesi (2). 

Servirono di scorta in questo lavoro le carte corografiche ed 
idrografiche della regione, in confronto con il fogUo corrispon- 
dente della Carte Oéologique Internationale de VEurope, modi- 
ficato e corretto con la guida agl'Atlante Geologico della Ma- 
cedonia e della Vecchia Serbia, pubblicato recentemente dal 
dott. Jovan Zvjic'; nonché i rilievi geologici del Philippson per 
quanto concerne il fascio dinarico-epirota. A questo proposito 
giova però avvertire che nella redazione dello schizzo oro tetto- 
nico annesso, si preferì di sostituire il tracciato rettiUneo nella 
designazione degli allineamenti di rilievo, al curvilineo, adottato 
negli studi del Phihppson e dello Zvjic'. E ciò perchè lo schizzo 
medesimo, riferendosi ad una più vasta e complessa zona di ter- 
reno, non potevasi utilmente seguire codesta norma che si pro- 
pone di ottenere una sensibihtà orotettonica adatta e necessaria 
soltanto in rilievi di maggiori proporzioni grafiche, o comunque 
compiuti con intendimenti monografici e regionaU (3). 



(1) Lm carta fpsometricm più spesso consultata allo scopo è stata quella deWEuro- 
paiseht Orignt, alla scala di 1 : 1,200 000, pubblicata dairi. R. Istituto Geografico Mi- 
litare di Vienna. 

(2) EaoBNto Barbarich. — Saggio per una sistemazione orofettonica della regione 
albanese (Bollettino della Società Geografica Italiana — Luglio 1904). 

(3) si sono tenuti presenti in questo studio i fogli della carta corografica albanese 
compilata dairi. R. Istituto Geografico Militare di Vienna, alla scala di 1JS00,000: e più 
specialmente : Scutari, 37», 42» ; Priaren, 38", 42« ; Monastlr, 39», 41» ; Duraizo, 37», 41»; 
Eibassan 38«, AV\ e Skoplje, 39«, 42o. Quanto agii studi del Philippson e dello Zvijc', essi 
si riferiscono alle opere più volte citate. 



Digitized by 



Google 



21 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Ciò premesso, le linee direttrici del rilievo albanese si possono 
raggnippare come segue (1) : 

1° In corrispondenza dell'asse di sollevamento delle Alpi set- 
tentrionali dell'Albania si notano due grandi fasci di pieghe di 
montagne calcari di diversa compattezza, intramezzate da lar- 
ghe lame dolomitiche del mesozoico. L'uno (I-I) è individuato 
nei monti di Procletiye, di Coprovnik {Koprivniku) e del Mocra- 
Gora, con le adiacenti dorsali dei Clementi (Kelmendi) e del 
Visitor (alta valle del Lim) a settentrione, e dei monti Post- 
ripa, Maranai e Zucali a mezzodì. L'altro (II-II) è com- 
posto dai rilievi calcari, pure di diversa compattezza, dei 
Eibarsca (Osliak-Planina, sprofondati in parte sotto i de- 
positi eocenici della conca di Prizren), dei Bastrik, dei Codscia- 
Balcan (Sirinic'), dei Coritnik, dei Gialisce (Galitchnik) e dei 
Babaschnica (Babaschniza) (2). Codesto fascio trova il suo 
prolungamento nei monti calcarei dei Ducagini, spezzati e 
sconvolti dalle rocce eruttive del flysch ; nel contiguo acrocoro 
dei Mirditi, nei rilievi dei Malisci e dei Mocri. Tutti questi fasci 
seguono la direzione generale da nord-ovest a sud-est, e sono 
influenzati in questo senso, come è detto sopra, nei riguardi 
orotettonici dalle sogUe in posto del triassico, dagli scisti 
paleozoici di Andrjevitza e della zona del Primorje Montene- 
grino: tutti sono largamente ricoperti da un mantello di flysch 
dell'eocene come dimostrò chiaramente il dott. Alessandro Mar- 
teUi. Questo flysch si collega, a sua volta, con il terreno di 
identica natura che si distende nelle fertiU contrade della 
Vecchia Serbia (3). 



(1) Vedasi: B. Barbarich. Saggio per una titumaxione oroMtonica éUUa regione 
albanese. {Bollettino della Società Geografica Italiana^ luglio 1904). 

(8) La linea dlvisioria tra i calcari del flysch in questa zona e le contigue rocce paleo- 
zoiche delle montagne dello Sciar, è data dall'alto corso del LJuma e del Slja fino alla 
loro convergenza verso il nodo dei Babaschnica (2512 metrii. Si vedano a questo pro- 
posito, in parallelo, il foglio di Prizren della carta corografica austro ungarica alla 
scala di 4.200,000, e la carta geologica della Macedonia e della Vecchia Serbia alla 
scala deiri:500,000 del dott. Jovan Zvjio. (Atlante geologico della Macedonia e della 
Vecchia Serbia. — Belgrado, 1903 — in serbo). 

(3) Dott. ALB88ANDRO MARTELLI. // fijfsch del Montenegro Sud- Orientale. Nota 
presentata dal socio De Stefani (Atti della Reale Accademia dei Lincei, anno CCC, 1903; 
Serie V. Rendiconti^ classe di sciente fisiche, matematiche e naturali ; Voi. 12, II Se- 
mestre 1903, pag 106). Si osservi a questo proposito ohe THassert, nei suoi studi sulla 
regione montuosa del Com, si valse assai largamente dei rilievi del Tì^ìmb {Geologische 
Uebersicht von Montenegro. — Jahrb. der K. K. Qeolog, Reichsanstalt ^ Wien, 1S84) e 
sulla fede di questi egli impostò le Aue conclusioni. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 25 

I rilievi del Eumia e del Tarabosc, pure del triassico, spin- 
gono le loro propaggini estreme fin oltre alla riva sinistra della 
Bojana, negli scogli di Mali-Sutjel, di Eenci, di Mali Rencit e di 
Barbalushit : essi rappresentano le ultime vestigia delle anticli- 
nali di resistenza del Montenegro. 

Ma la regolarità generale nel tracciato delle pieghe calcari 
dell'Albania settentrionale appare però alterata da un grandioso 
fenomeno eruttivo. Esso è rivelato dalla presenza di vaste for- 
mazioni elissoidiche, assai allungate nel senso dei meridiani e di 
rocce serpentinose, le quali si sono aperte un varco attraverso 
il corrugamento calcareo preesistente (1). 

Tali eruzioni, assai larghe e poderose, hanno arrovesciato 
le pieghe, le hanno deviate, intercise e contorte; specie verso 
il lembo interno delle due direttrici di rilievo sopra notate. 

Questo fenomeno di singolare interesse per Torotettonica 
deUa regione settentrionale albanese — rilevato già da tempo 
dall'Ami Bone (2) e confermato, in parte, dai recenti rilievi 
dello Zvjic' (3) — si assegna comunemente ad un periodo 
progredito del terziario. Esso si collega forse aU'architettura 
dell'intricata maglia di rilievi che si estendono tra i fiumi Drin 
e Fandi Vogeli (Piccolo Fandi), i quali limitano e tracciano 
le attuali forme del bacino di Scutari ; alla costituzione della 
valle di chiusa del medio corso del Drin ed, infine, alla strut- 
tura del lembo orientale del golfo terziario di Albania, esteso 
da Valona e da Durazzo, per Elbassan, alla volta del bacino 
tessalico; cioè sulle tracce dell'antico Bosforo per cui l'Adria- 



ci) Lm Carie Oéotogique internationalé de l'Europe (foglio 36) segna le rocce eruttive 
della regione come serpentinoi» e melafiriehe. I melafirì, o porfidi pirossenici, sono com- 
posti dei medesimi elementi del basalto e della dolerite, però con qualche differensa 
negli elementi stessi e nell'aggregato della roccia. Il serpentino è un idrosilicato di 
magnesio, per lo più prodotto dalla trasformazione del peridoto, o olivina, per idrata* 
zione. Varia dal colore verde chiaro airoscuro, al quasi nero ed al chiaro giallognolo: 
è frequentemente screziato e variegato. Codeste rocce eruttive, o intrusive che dir si 
vogliano, le quali si sono aperte la strada attraverso il flìftch cretaceo, gli scisti del 
cretaceo o il mantello delle arenarie in genere, hanno profondamente influenzato anche 
la composizione primitiva delle rocce preesistenti. 

(2) Am) Booé. Op. cit.. Voi. I, pag. 345 e segg. 

(3 Atlante geologico detta Macedonia e della Veeehia Serbia^ op. cit. (in serbo^. SI 
veda specialmente Tintrusione delle rocce serpentinose nella zona adiacente a Prizren. 
È assai desiderabile che questi rilievi vengano estesi metodicamente alla contrada dei 
Ducagini e dei Mirditi, e ohe si delimitano in modo chiaro gli attacchi di questa larga 
zona eruttiva verso settentrione e verso oriente. 



Digitized by 



Google 



26 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

tico comunicava un tempo con i mari Levantini in direzione 
di Salonicco. 

A motivo di questa particolarità di rilievo il paesaggio del- 
l'Albania settentrionale, specie quello dei Ducagini e dei Mir- 
diti, appare selvaggio, interciso a forre, a gole profonde, a 
strette di erosione ed a piccoli acrocori. Quivi le arenarie, surri- 
scaldate, si sono fuse in modo da trasformarsi talvolta in quar- 
ziti di fine tessitura ; i calcari più compatti passarono allo stato 
granulare. Terra codesta da sfacelo, assai adatta alla grande 
vegetazione forestale. 

Sovra tale suolo, ora coinpatto nei serpentini ed ora disgre- 
gato negli interposti calcari, fu possibile la costituzione e la 
vita di speciali aristocrazie guerriere e pastorali, come quella 
dei Ducagini e dei Mirditi ; bene individuate e distinte nel fascio 
complessivo dei monti calcarei dell'Albania di settentrione. 

2° Sul margine orientale della provincia, in direzione comples- 
siva quasi normale all'estremo dell'asse di sollevamento delle 
Grandi Alpi Albanesi, con tracciato però lievemente inclinato 
ed arcuato verso la zona dei laghi, da nord-ovest verso sud- 
est si eleva un altro fascio (III-III) di pieghe di diverse età. 
Esso comincia con le rocce paleozoiche e dolomitiche del me- 
sozoico dello Sciar o Shari (Liubotrn, o Liubeten delle carte au- 
striache — m. 2510.); intercise da domi e da scisti cristallini 
(Veitze), da rocce trachitiche (Strascia) e da lenti di calcare 
cristallino (Slùdze). Il fascio prosegue indi appresso nei monti 
di Jama Bistra (calcari e dolomie mesozoiche), di Cara-Orman 
(formazione paleozoiche), di Desciat e Corab (rocce paleozoiche 
e dolomie mesozoiche). 

I rilievi dei monti Babà (calcari cristallini); i monti del Pe- 
ristèri (m.2535) e del Nerècka (m. 1900), entrambi composti di 
scisti cristallini, prolungano infine codesto allineamento e deter- 
minano una linea divisoria assai spiccata tra i rilievi calcari 
albanesi ed i rilievi cristallini del vilayet di Monastir (1). 



(1) Riguardo airorotettonica di questa zona è vasai notevole la disposizione radiaU 
dei rilievi cristallini di Celovitza, di Hesiak, di Buteva e di Bigia ; unitamente al trac- 
ciato d«*i calcari dei PetHnsca e degli Jlinsca (arenarie rosse, scisti triassici, calcari 
cristallini ecc.) attorno all'area di sprofondamento dei laghi macedoni-albanesi. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 27 

Il terreno in vicinanza dei grandi laghi è frastagliato da un 
vero campionario di rocce sedimentarie ed emersone, alternate 
tra loro (rocce granitiche, serpentini, arenarie rosse, scisti del 
triassico, formazioni paleozoiche, calcari del cretaceo e flysch)^ 
in guisa da imprimere alla regione un carattere veramente 
tipico per contrasto di rilievo e di paesaggio. 

Quivi la dislocazione ha sollevato assai in alto gli strati 
calcari adiacenti. Epperciò, in corrispondenza di essi, coincide 
la suddivisione generale altimetrica assunta per limite in questo 
studio, ed anche una certa suddivisione generale etnografica, 
tra l'Albania propriamente detta, la Macedonia e l'Epiro; 
cioè tra Albanesi, Serbi, Bulgari, Valacchi, Arvanitovlachi e 
Greci (1). 

3° In senso parallelo al fascio di rocce antiche, superiormente, 
e recenti inferiormente all'allineamento sopra descritto, se ne 
estende un altro (IV -IV) però di rocce calcari del cretaceo e del 
flysch cretaceo, il quale costituisce nel suo tratto meridionale 
il lembo ovest della regione dislocata dei laghi di Ocrida e di 
MaUk. 

Questo fascio si rinsalda alla angusta lama dei terreci del 
flysch calcare di Dibra (Dihra-Planina), notevoli per le loro 
sorgenti termali idro -solforose ; terreni che si insinuano per breve 
e sottile striscia di rocce sulla destra del Drin Nero nei contorni 
della città di Dibra (2). 

La dorsale acquista poscia in estensione ed in entità di strati 
nei monti -lablanitza, nei Mocra e negli Odonista (Hodniste) ; 



(1) Ho detto che, in oorrispondensa della ricordata altimetria, fa riscontro anche una 
eerta quale divisione etnografica. Intendo con questo di accennare ad un fatto ettio- 
grafico puro che ò innegabile, e non ad altro. 

Identici limiti etnografici, o pressoché, vennero osservati nella carta della popola» 
ziono che si annette al presente studio, ricavata dalla recente opera del Marenin (Al- 
bania ed Albanesi, pubblicata a Sofia nel 1902). Si osserva qui, soltanto di sfuggita, 
come la varietà dei terreni della regione immediatamente adiacente ai grandi laghi 
corrisponda ad una grande varietà etnografica delle genti ohe la abitano. La zona occi- 
dentale è occupata, per esempio, quasi interamente da Albanesi puri, la orientale in- 
vece da Bulgari, da Cuzovalacchi, da Pomachi (Bulgari-musulmani) e da Turchi. 

(S) Vedasi in parallelo il foglio Prizren (3SM30| alla scala di i.200.000 con la carta 
geologica dello Zvjic ; specialmente per quanto rifl'tttd la zona di contatto tra il flysch 
calcare di Dibra ed il terreno paleozoico attiguo dei. monti Sciar. 



Digitized by 



Google 



*28 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

tutti del flysch cretaceo (1). I rilievi di eguale natura dei Pe- 
trisca e dei Galicica si debbono naturalmente aggregare ai ri- 
lievi di questo quarto fascio, essendo separati dall'allineamento 
sovra descritto dalla linea di faglia Drin Nero — Ocrida — Malik. 

4° Ad occidente del quarto fascio, a tracciato generale con- 
cavo verso la regione dislocata dei laghi, si solleva la quinta (V-V) 
zona corrugata, composta dei monti calcari e di scisti calcarei 
del Velatos Camena, dell'erta muraglia dei Grandi e dei Piccoli 
Tomor, tra Osum (Liumi-Beratit) e Devol. Questi rilievi accen- 
tuano in modo assai spiccato nella idrografia — specie neUa re- 
gione copiosa di acque dei Tomor (2) — • quell'andamento oro- 
tettonico in direzione del golfo terziario albanese di cui piti- 
sopra è cenno. La catena dei Tomor è la più elevata dell'Al- 
bania mediana, nonché buona emula del Pindo e dei più alti 
fasci epiroti. Corrisponde, come si è detto sopra, agh strati più 
sollevati del calcare in prossimità della zona dislocata dei 
laghi (3). 

Il tracciato generale concavo avvertito nel fascio, continua 
nei monti Opara-Mala, nei rilievi di riva destra dell'alto Ljumi 
(serpentini di Morava) ed infine nei tronconi del Suha-Gora, del 
Prevtis e del Corbetz, che si insinuano tra i laghi di Presba e 
di Ventrok (Suharova'Planina). 

La zona calcarea ora descritta, con le sue vette eccelse cosparse 
di nevaj anche nel colmo dell'estate, costituisce adunque una 
rilevante zona di ostacolo tra il sistema dell'Albania del centro 
e queUo dell'Albania meridionale, o dell'Epiro. Tale fenomeno 
spiega naturalmente la maggiore frequenza e la facilità dei con- 
tatti di questa provincia, col discendere lungo i rilievi e lungo 



(1) I rilievi dal Moorae degli OdonisU sono intercisi da rocce serpentioose (ISSO m. 
di altitudine massima) nelle Immediate adiacenze della sponda occidentale del lago di 
Ocrìda, presso a poco tra Lin e Pogradez (Vedansi i particolari del terreno della re- 
gione dei laghi nella Carta Geologica dello Zvjic ed il profilo del terreno adiacente al 
lago di Ocrida, annesso all'Atlante citato). 

\2) Sul rilievo dei monti Tomor, esplorati dal dott. Antonio Baldacci,ti consultino 
gli Itinerari albanesi. (Estratti dalle Memorie della Società geografica italiana. Voi. VI, 
pag 54, 79. 1896, Voi. VI, pag 378, 400; e Voi. VII, pag. 15, 44, 1897;. I monti Tomor 
costituiscono anche zona divisoria tra la flora greca, la dalmato-montenegrina e la 
macedone. 

(3) Tomarus Mons^ centum fontibue circa radices. — Plinii. Hist Nat. — Secondo 
altri autori, la citazione Pliniana dovrebbe riferirti ai monti Olycica. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 29 

la rete idrografica verso rAdriatico e sotto Valona, in con- 
fronto di quelli che si attivano traversalmente ai rilievi mede- 
simi. Tutta questa regione è anch'essa influenzata ed intercisa 
a sua volta dalle estreme propaggini eruttive del Grammos 
e dei Moro va, come si dirà in appresso (1). 

5° Con sviluppo assai analogo al fascio montano ora nomi- 
nato, si solleva il sesto (VI-VI) allineamento. Abbenchè ap- 
partenga per natura orotettonica e per ragione di rilievo al 
sistema dell'Albania del mezzogiorno, esso è stato per certo in- 
fluenzato nel suo corrugamento dal grandioso fenomeno della 
dislocazione dei laghi albanesi-macedoni ; sì che ne porta vive 
e recenti le tracce. 

Codesto fenomeno si manifesta mercè l'intrusione delle rocce 
eruttive (melafiri e serpentini) del rialto dei Morova e del Gram- 
mos; la cui composizione, direzione e sforzo orogenico, trova 
singolare riscontro nei rilievi eruttivi dell'Albania settentrio- 
nale. Le rocce emersone hanno anche qui, non altrimenti che 
tra i due primi allineamenti di rilievo, interciso, deviato e scon- 
volto le dorsali degli attigui fasci calcari, arrovesciandole da 
una parte verso la zona dei laghi e dall'altra verso i fasci epiroti. 

Il sesto fascio — intralciato dalle formazioni eruttive in di- 
scorso, o sprofondato sotto i depositi del quaternario — consta 
pertanto delle catene del flysch calcare dei Topaia -Signa, 
degli Scrapari-Dangli e di una parte dei rilievi degli Orestiàs. Le 
eruzioni del Grammos spezzano l' allineamento in due distinti 
tronconi, alluvionati dall'alto bacino della Vojuza. 

6"^ Tra il corso inferiore del Semeni e quello dello Scombi, 
si allinea un fascio di colline in maggior parte del terziario 
(VII -VII): si compone di terreni del miocene, di formazioni 
alluvionali antiche e recenti, di spessi mantelli di terreno di- 
sgregato prodotto dal largo ed irrequieto alluvionamento della 
rete idrografica. E' rappresentato dalle colline di Dusck (2), di 



(1) Si veda il foglio di Blb&ssan della carta austro-ungarica alla scaladi 1 : 200.000 
F. (33M1*). 11 Tomor Maja, o grande Tomor, subito a settentrione del Tomoritza, rag- 
giunge i 2418 metri; TAbbas Alt, o piccolo Tomor, tocca Taltitudine di 2396 metri. 

(2) Dutckf in albanese significa macchia, dumeto o cespugli, in genere. 



Digitized by 



Google 



30 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Spat e di Brsclida (Breida) : il paesaggio dei Peto va e dei 
Caratopra (Terra nera), piatto come in genere tutto il terreno 
di questa zona di bassopiano o di medio rilievo, è disseminato 
da scogli calcari di varia compattezza, affondati sotto uno strato 
di terreno alluvionale. 

7° Il tracciato a linee scompigliate di rilievo della media 
Albania — dipendente dall' azione orotettonica e dal largo pro- 
dotto del terreno di sfacelo dovuto all'antico alluvionamento — 
si riafferma nell'intricato fascio di pieghe collinose disposte 
a ventaglio, tra Scombi, Ismi e Matj (Vili Vili). Quest4^ sono 
influenzate dallo inflettersi delle testate occidentali del se- 
condo allineamento (II-II), dallo sforzo delle rocce eruttive 
del paese dei Ducagini e dei Mirditi, ed infine dalle vicende 
morfologiche del golfo terziario di Albania (1). 

I rilievi dell'ottavo fascio si possono pertanto raggruppare 
in un unico sistema, il quale comprende la dorsale capric- 
ciosa dei Matj, la catena dei Barrès (Malèt e Barres), dei Daltil 
(o Baltit), dei Bicerid, dei Grabe e dei Colobarda. Il loro 
andamento orotettonico fu desunto, pressoché esclusivamente, 
dalle carte ipsometriche e corografiche; epperciò manca di 
sicuro fondamento sperimentale (2). Le rocce costitutive di 
questi riUevi appartengono ad un vero campionario geologico 
della regione albanese, che varia dagli scogli isolati di calcare 
compatto, ai mantelh di flysch cretaceo, del miocene, ed ai 
conglomerati. Tutte queste soglie sono largamente intramez- 
zate ed intercise da depositi alluvionali e marini delle diverse 
epoche mediterranee, nonché dal colmataggio della rete idro- 
grafica superficiale (3). 



(1) Le vicende e le trMgressioni de! golfo terziario di Albacia, il quale si insinuava 
tra Doloigno e Darazzo — presso a poco sulle tracce di un ramo della Via EQ^natia dei 
Romani alla volta di Blbasian — sono specialmente visibili tra Durazzo e Tirana e presso 
Groja. (E. Sobss, Dos AnU^tx dér Erde, Traduzione francese di B. Db MABOBBiB,Tome IH. 
jcre Partie, pag. 431). — Un cenno sul paese dei Mirditi si veda nelle Le^ons de Gèo- 
graphie Physique di A. Lapparbnt. — Paris, Masson, Ed, 1896, pag. 468. 

(2) Fu perciò rappresentato nello schizzo orotettonìco con delle linee tratteggiate. 

(3) HoBRNBS — Silxungsbtr. K. K. Akad, Wittens. — Wién^ MMhem. Nalurw^ 
CI. XLIX, Ablb. I, 1864, pag. 179-193. Osservazioni compiute specie sui monti Gradez, 
tra Durazzo e Tirana Barrès), e presso Monte Sorel (Zurel; tra Tirana e Matja. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 31 

8° Gli allineamenti fino ad ora enumerati, escluso quello di 
transizione, (VI-VI) appartengono ai rilievi albanesi del cen- 
tro, del settentrione e del margine macedone. I seguenti si 
riconnettono invece, in modo deciso, al sistema della Grecia 
Occidentale o dell'Epiro, e come tali debbono essere classifi- 
cati e descritti. Constano di un sistema di pieghe parallele assai 
allungate, disposte da sud-est verso nord-ovest e composte, 
in massima parte, da calcari del mesozoico e da flysch cal- 
care. Tra le anticlinali si adagiano larghe distese di flysch del- 
l'eocène. 

La prima piega (IX-IX) di codesto sistema dell'Albania 
meridionale si estende dagli Acrocerauni (Monte Scica 2025 m.), 
violentemente decapitati presso alla f agha di Valona, in forza 
del crollo che originò sull'Adriatico inferiore la così detta fossa 
Jonica (1), fino alle foci del Vuvòs (Phanaris -Porto di S. Gio- 
vanni). La medesima catena risulta dei bianchi calcari sacca- 
roidi degli Acrocerauni (Cherania), sprofondati all'estremo nord 
sotto uno spesso strato di marne plioceniche, di argille bluastre, 
di sabbie, di arenarie, di puddinghe e di calcari conchigliferi. 
Terreni tutti assai analoghi alle argille sub-appenniniche del- 
l'Astigiano e della Toscana (le così dette panchine). 

Caratteristico è il paesaggio di questa contrada. I fianchi dei 
conglomerati pliocenici, incisi a pareti verticali o a versanti di 
sfacelo (a motivo della differente disgregazione del materiale) , 
scoprono delle grandi macchie biancastre lungo le pendici mon- 



di Le tracce di codesta dislocazione possono riscontrarsi negli strati petroliferi pro- 
fondi, nelle emissioni gazose, nei geyser e nei piccoli vulcani d'aria, già studiati dal 
Coquand, dal Baldacci e dal Siroonelli, nel<a zona littoranea di Valona; nonché nelle 
formazioni gipso-selenitiche e bituminose osservate dalPAmi Bouè a Selenitza. Quest'ul- 
timo le affermava analoshe a quelle delle isole Jonie <>d a qupsto parere si è associato 
anche il Coqnand. (Coquand. — De$criplion géoloffiqué éUs Qisem^nls bUuminifèréS e'c. 
de Selenitxa. (BulUtin de la Soeiété géologigué de Franee^ Tome, 1867-63). ~ Simonblli. 
— Le sabbie f ostili fere di SeleniUa di Albania. (BoUetlino deUa Società geologica ila- 
/tona, 1803). — Amì Boo^. — La Turquie d*Burope (Voi. I, pag. 279). Lo scoglio di 
Sàseno rappresenta, in ogni modo, il prolungamento naturale degli Acrocerauni. Anche la 
tradizione orale ha conservato traccia di questa grandiosa dislocazione nella mitologia 
greco-romana, la quale assegnava come ò noto una delle principali porte dell'Averno 
sugli Acrocerauni {Infames scopulos Acrocerauni. — Horatii. — OdiS^ Lib. I, Od. III). 

Per chiudere con le induzioni e le citazioni, è necessario ricordare a questo punto che 
il nome di Valona non deriva già da una radice ellenica, sibbene dal vocabolo albanese 
Vtfton, che significa bollire oppure esalare vapori caldi; accennando con ciò alle sorgenti 
gazose del suo suolo ed anche, un poco, alla sua origine dislocata. 



Digitized by 



Google 



32 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

tane, maggiormente evidenti a motivo del verde fitto ed 
intenso della vegetazione, dei dumeti e delle macchie circo- 
stanti. Di tale natura sono i rilievi di Canina e di Crionerò. 

Il sistema prosegue con i monti Lungara e Chimara, e tra le 
braccia delle due anticlinali si apre la depressione di Valona. 
Sugli Acrocerauni non comparisce traccia di banchi argillosi 
né di arenarie. 

La catena, intercisa da due larghe zone di depositi marini del 
neògene — una volta presso la piana di Delvino ed un'altra 
in quella di Paracalàmos, entrambi seni del mare terziario — 
continua nei monti calpari del mesozoico di Philiataes, di Da- 
ga vi e di Paramithya. Il lembo scoglioso settentrionale del- 
l'isola di Corfù appartiene a questo allineamento (1). 

9° Ad oriente del nono fascio ora descritto si aUinea un altro 
fascio di pieghe calcari (X-X) denominato dal PhiUppson della 
Catena Principale Epirota di Occidente (2); il quale si com- 
pone dei rihevi del Grivas, tra Vojuza e Susiza, degli altopiani 
di Argyrocastron, di Base, di Plato vuni, di Stugara, di Zupan 
e di Curila (scisti ed arenarie dell'eocene). Il passo di Gardichi 
(Argyrocastron-Palermo) ed il Calamàs, spezzano codesta ca- 
tena in tre distinti tronconi di rilievo. 

Le basse pendici delle alture sono cosparse da grandi depo- 
siti di puddinghe alluvionali, da frammenti calcari e da are- 
narie quarzose. 

10° Tra Drynos e Zagorie si eleva un corrugamento di 
flysch calcare (XI -XI) il quale estende numerose propaggini 
verso oriente, noto sotto il nome di piega o zona di Zarovina. 
Esso si compone dei monti Pogoni, del rialto di Macrycampos, 
degh Sciutista, del massiccio di ardesie e di arenarie di Olycica 
(Tomaros-metri 1800), del gruppo calcareo mesozoico dei monti 
Lacca e Zavroco. Un ultimo scoglio di questo alUneamento 
di riUevo emerge dal mantello alluvionale del Campos-Potamia^ 



(1) Philippson. R0it$n und Forsehungtn $te. (op. oit.) pag. 284 e 399. 

(2) Di* W«st«fHroti$ehe Hauptkette. Alcune vette di questa catena superano i 2000 
metri. 11 passo di Mucina (000 m.) sbreccia la barriera e pone a contatto la conca Dro- 
poli con quella di Delvino. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 33 

tra Vyròs ed Artinòs, nell'isolotto del calcare mesozoico de- 
nominato di Bachi. 

È questa una regione dislocata ed influenzata da quei solcM 
di frattura che contraddistinguono la costiera della Grecia 
Occidentale, tra il golfo di Patrasso e la baia di Valona. Ha 
molti punti di contatto comuni, nei riguardi orotettonici e 
geologici, specie nel suo limite inferiore in cui le pieghe 
sono accavallate e serrate, con il contiguo fascio di riUevo di 
Jóanina. 

Notevole sopratutto è la depressione di Zarovina (metri 470) 
la quale insinua il conglomerato del pliocene nelle vallicelle 
calcaree dei monti Pogoni, in guisa da facihtare i contatti tra 
la conca di -Tòanina-Lapsista ed il solco di Butrinto (Santi Qua- 
ranta). 

11°) Segue la catena calcarea più continua del sistema della 
Grecia Occidentale (XII -XII), cioè quella dei Malacastra, 
sprofondati verso l'Adriatico sotto uno spesso strato di argille 
bluastre, dei monti mesozoici dei Trebescini, dei Nimersca 
(Monti Aeropos) e dei Micicheli-Curenda. La catena si prolunga 
nella dorsale calcarea dell'eocene degli Xerovuni, dei Sideri e 
dei Chilberim' fino ad Arta, e da questa città alle lagune di 
Menidi ed al golfo Ambracico. Tra Xerovuni e MicicheU, una 
zona assai dislocata agevola le comunicazioni tra il bacino di 
Jóanina-Lapsista ed il bacino di Triccala, per il solco di 
3Ietzovo. 

n corso del Voidomatis-Arctinòs, segna una Unea evidente di 
separazione tra il sistema albanese del mezzodì e quello del 
Pindo (XIII-XIII), nel quale si prolungano, indubbiamente, le 
pieghe dinariche; rivelate dal calcare ben stratificato, forte- 
mente corrugato ed interciso dal flysch calcare. 

Complessivamente adunque il sistema albanese meridionale 
consta delle quattro larghe zone parallele sopra descritte, cui 
sono interposte tre larghe zone di flysch. Queste ultime si 
denominano di Delvino, di Dropoli e del Calamàs superiore. 
Lungo la linea divisoria Voidomatis-Arctinòs, terreni di eguale 
natura (marne ed argille) differenziano il sistema dell'Albania 
meridionale dalla catena calcarea del Pindo. 

3 — Albania. 



Digitized by 



Google 



34 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Riassumendo: le linee orotettoniche del rilievo albanese fitto 
ad ora descritte si possono raggruppare attorno a quattro grandi 
direttrici di sollevamento, bene individuate: 

1°) Barriera trasversale delle Alpi settentrionali di Alba- 
nia (I-II), tra le cui pieghe si apre la vallata inferiore del Drin. 

2°) Fascio di corrugamenti marginali albanesi-max^edoni 
(III), tra le rocce paleozoiche dello Sciar, dei Cara-Orman e le 
catene cristalline contigue. 

3°) Fascio di pieghe delV Albania meridionale o delVEpiro 
(IX -XII), il quale abbraccia la principale linea di displuvio 
del sistema, cioè quella della Vojuza-Drynos e del Longovitza- 
Calamas-Arctinòs. 

4°) Fascio di pieghe della media Albania (IV-VIII), raggrup- 
pato specialmente attorno a due tortuose direttrici di rilievo, 
quella cioè degli Scrapari-Dangli, degh Orestias (VI); e dei monti 
del Matj (Vili). Il corso dello Scombi e l'allineamento dei Pe- 
tova-Spat (VII), serve da linea divisoria tra le due nominate 
direttrici di rilievo. 



G) MORFOLOGLA GENERALE DEI TERRENI. 

Tracciata così a grandi linee l'orografìa della regione, occorre 
ora esaminare in particolare, e i)er quanto è dato daÙe scarse 
notizie che si posseggono, quelle parti dell'orografia stessa che 
maggiormente interessano nei riguardi morfologici complessivi. 

Questi cenni — per maggior chiarezza e comprensione ed a 
complemento di quanto si disse piti sopra — possono raggrup- 
parsi attorno alle quattro grandi direttrici di riUevo dianzi de- 
scritte nel sommario orotettonico. 

In difetto di nozioni fondate sulla geologia stratigrafica al- 
banese, i cenni generaU sulla morfologia dei terreni si do- 
vranno forzatamente riferire alle premèsse sulla genesi; richia- 
mandole perciò assai spesso alla memoria. 

Nondimeno giova qui ricordare soltanto in modo sommario 
che i depositi calcarei albanesi si possono distinguere, com- 
plessivamente ed in ordine alla loro diversa compattezza, in 
.superiori ed in inferiori. La massa calcarea superiore è molto 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 35 

stratificata fino a diventare sbecciata, a scaglie ed a tavo- 
lette: è ricca di fossili di varia specie (gusci di molluschi, cri- 
noidi, foraminifere, radiòliti). In questi strati è notevole la pre- 
senza del cornettone rosso o nero, a filoni ed a protuberanze. 
Codesti calcari così stratificati si compongono in banchi più 
o meno profondi : oltrepassano, ad esempio i 300 metri di 
profondità nelle adiacenze del passo di Muzina, nell'Albania 
del mezzogiorno. 

^ella massa calcarea superiore si osservano numerosi gia- 
cimenti di ijummoliti e di orbitoidi. La trasgressione tra il 
calcare superiore e l'inferiore è segnata talvolta dalla presenza 
del cornettone. 

Nell'Albania settentrionale e centrale — specie sul margine 
macedone — oltre ai calcari dolomitici sono frequenti i cal- 
cari cristallini e sub-cristallini : negli Acrocerauni si trovano 
i calcari saccaroidi, con tinte leggermente tendenti al grigiastro. 
I materiali fossili sono piuttosto rari nella massa calcarea 
inferiore: i calcari a crudiste» furono riscontrati dal Partsch (1) 
nell'isola di Corftì, la quale fa parte del fianco di frattura della 
costiera montana dell'Albania meridionale. 

Le formazioni eoceniche presentano una linea naturale di 
transizione e di contatto con i calcari sbrecciati. Possono sud- 
dividersi anch'esse in una zona inferiore, contraddistinta dai 
citati cacari, ed in una superiore in cui spesseggiano le rocce 
marnose ed arenacee. Tra quest'ultima categoria di terreni è 
copiosamente diffuso nell'Albania meridionale il flysch eocenico. 

La barriera trasversale delle Alpi settentrionali di Albania 
risulta di elevati tronconi paralleli, con direzione generale da 
nord -est a sud-ovest. Il paesaggio complessivo dell'aspra e dif- 
ficile zona, assai poco nota, ricorda quello delle pili tormentate 
dolomie nel Tirolo. I fianchi rivolti a settentrione sono brulli e 
frastagliati : contano numerosi campi di neve ben forniti anche 
a mezzo settembre (2). I fianchi rivolti a mezzogiorno sono in- 



(1) Die Jntel. Korfù. ErgKnz. PeUrmann Miti. 1887 — pag. 11. 

(2) Dr. JovAM Zvjic*. L'époqué glaeiaU dant lapénìnsuUd4S Balkant. (Ànnales de 
Géographie, Tome IX, Anno 1900, pag. 362). 



Digitized by 



Google 



38 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

tagliati da brevi e profondi solchi trasversali, mancano di fé 
nomeni glaciali e rivelano l'azione erosiva dei tributari del Chiri, 
del Sala e del basso corso del Drin. 

La catena delle Alpi settentrionali dell'Albania consta di 
poderosi sollevamenti di calcare compatto del cretaceo, di 
flysch cretaceo — come è detto sopra — ed è intramezzata 
in ogni senso da dolomie del mesozoico. Su questo terreno 
si verificano frequenti, ampi e considerevoli fenomeni carsici. 
La «Testa rocciosa che supera in altitudine ogni limite della 
vegetazione arborea, appare completamente deserta, a rovina. 

H profilo caratteristico della linea di vetta è appariscente a 
grande distanza, a motivo del suo andamento capriccioso e 
delle ampie macchio biancastre, caratteristiche nelle dolomie, 
le quali danno maggiore risalto al bruno intenso dei fianchi piti 
bassi (Regione dei Bergwdlder). 

L'acrocoro montano, quasi inaccessibile, è denominato nel 
suo complesso dagli indigeni con il nome di Malèt-e-Shcypenìes, 
vale a dire Alpi Albanesi, ed è suddiviso in diverse sezioni 
meglio distinte nei rispetti idrografici che negli orotettonici e 
geologici. Si denominano dei Monti Parun, Maja Elbnuit,*Biga 
Ghimait, Maja Peies, Bjeshket-Nemuna, o Procletiye-Planina 
(Monti Maledetti). 

Delle cinquanta e piti alte vette di cui si compone la barriera 
montana, talune oltrepassano i 3000 metri. 

« Improvvisi e frequenti contrasti accadono in questa zona 
« rudemente alpestre — scrive l'Hassert che visitò codesti 
« monti — alti e bassi nel clima, ora rigido ed ora caldo ; terreni 
« scoperti e vegetazione densa al piede dei rilievi ; desolazione 
« sulle vette ; alternanza di piantagioni sempreverdi con arbusti 
« a foglie caduche ; antitesi tra paesaggio meridionale e pae- 
« saggio alpino. Nelle valli profonde attecchiscono i castagni, 
« l'uva, i fichi ed i melograni, nonché tutte le piante che sono 
« caratteristiche della flora mediterranea : lungo le dorsali si 
« elevano i faggi e si nota un brusco arresto del limite arboreo 
« presso alle ampie macchie biancastre delle dolomie. » (1) 



(l) D r Kurt Hassbrt. Slreifzxige in Ober Alhanitn. {Sonder Ahdruck ans dett^ 
Vtrkandl d. Oeseliseh. f. Erdh. zu Berlin^ n. 10, pag. 539). 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 87 

Le fórcole che attraversano la catena superano i mille metri 
e ricordano, per la loro struttura morfologica, le analoghe delle 
Alpi Cadorine (CiafaMenuls, 1062 m. — Ciafa Tanes, 1134 m. — 
Ciafa Mali-Shoshit, 1225 m. — Ciafa-Neder-Majes — forse 
Ciaja Mièderr-Majes, ossia gola dei lamponi — 1107 m.). 
Taluni di questi aspri passaggi attraversano il solco longitu- 
dinale del Ghiri (dominati in parte daUa vecchia cittadella ve- 
neta di Drìva8to),fino alle sue origini al massiccio di Maja Boshit. 
Trovano quivi ostacolo nella prosecuzione, verso settentrione 
e verso oriente, rispettivamente nel gruppo scosceso dei Cle- 
menti ed in quello dei Zucali (Mali Zucalit, 1841 m.). Piil oltre 
le comunicazioni diventano maggiormente aspre e pericolose 
nella zona dei Procletiye-Planina, dei Coprovnik e del Mocra- 
Gora. 

Il secondo rilievo montano (II-II) di sollevamento delle 
Alpi settentrionali albanesi segue generalmente la direzione 
delle Procletiye-Planina. È però influenzato dalle tocce eruttive 
verso il margine ovest, là dove i rilievi ripiegano o si spezzano 
come è detto sopra. Ne consegue che i contatti tra le due zone 
montane dell'Albania settentrionale non sono altrimenti pos- 
sibili che a cavallo della forra del Drin, e risultano spostati nel 
tratto tra le foci del Gomsicè e Spash (Drin) dall' aspro massiccio 
eruttivo del Terbuni, il quale obbliga con le sue pendici set- 
tentrionali la valle del Drin ad aprirsi un varco in una stretta 
assai profonda sul tipo dei canons, (1) Tra Spash e Prizren, le 
comunicazioni seguono invece la riva sinistra del Drin, chiuse 
tra i monti Bastrik ed i Coritnik : sono nondimeno agevolate 
nel loro sviluppo complessivo dai terreni del flysch cretaceo 
€he si adagiano tra queste due ultime direttrici di rilievo, prima 
di sboccare nella conca del neógene di Diacova-Prizren. 

Il fascio dei rilievi di sinistra del Drin risulta essenzialmente 
di due zone, quella dei Ducagini e quella dei Mirditi. Il rilievo 



(1) Mulattiera Soutari — Jaoi — Gomsicè — Dar - Cura — Skalbostres - Ciafa Malit 
Spash; descritta dall* Hassert nelPopera « Streifzug§ in Ober-Albanien » etc. Si ve- 
dano i particolari di questa mulattiera nella « Parte tersa » del presente volume (Iti- 
nerari stradili), e più precisamente all'Itinerario n. IX (si consulti 1* annesso schizzo 
Iti. i erario Stradile deUrt regione aVmnese). 



Digitized by 



Google 



38 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

dei Ducagini, sul quale si elevano cime di oltre 2000 metri, 
è boscoso e ricoperto da alti pascoli i quali esimono quelle 
fiere popolazioni dal ricorrere ai bassopiani per sostentare i 
loro armenti. Attraverso questi monti si svolge la mulattiera 
da Gomsicè a Spash, sussidiata da un'altra non meno aspra e 
difficile che rade i fianchi settentrionali della dorsale montana 
dei IVlirditi, per Oroshi, risalendo il corso del Fandi-Vogheli 
(Fandi piccolo) fino a Ciafa Kumuls (1426 m.); per scendere di 
là al Drin (Han-Brut. 229 m.) (1). 

Da ciò emerge la grande importanza della dorsale dei Mir- 
diti, dalle falde boscose, daUe forme tabulari, a gradinate; dalle 
forre e dalle strette memorabili nella storia militare albanese e 
musulmana (2). Questi monti comandano infatti le vie del Drin 
verso la vecchia Serbia, e quelle che si rivolgono dal littorale 
di Durazzo — lungo il golfo terziario albanese — alla volta di 
Elbassan e dei grandi laghi. 

Il rilievo dei Mirditi — considerato solidale con quello dei 
Ducagini, a motivo della comunanza delle rocce eruttive intra- 
mezzate alle cretacee ed al ftysch — domina quindi tanto le 
comunicazioni di Diacova-Prizren, quanto quelle di Tirana; e 
le obbliga a svilupparsi assai al largo, lungo la zona piatta della 
costiera adriatica, tra San Giovanni di Medua, la Zadrima ed 
Alessio, vale a dire lungo una zona depressa abbastanza fer- 
tile ma infestata dalla malaria. L'antica fortezza veneziana di 
Dagno (Baici) aveva per l'appunto il compito di assicurare ed 
appoggiare i commerci veneziani lungo queste vie obbligate 
di passaggio. 

Eiassumendo : il rilievo delle Alpi settentrionali di Albania 
è costituito da una serie di fasci paralleli verso oriente, e ripie- 
gati o accavallati verso occidente, i quali obbligano le comuni- 
cazioni a svilupparsi in zone, o spiccatamente alpestri ed in di- 
rezione eccentrica dall'interno della regione (Diacova-Prizren), 
o in regioni piatte e malsane. Riescono pertanto assai difficili 



(1) A. Dbqband. Souvenir* d« la HauU Albani: — Paris. Welter Ed., 1901. Gap IX. 
De Soutari à Orosch. Gap. X Orosoh. pag. 118-135. Particolari ragguagli sulla viabi- 
lità delle alte terre delPAlbania settentrionale si vedano nella Parte III ( Viabilità ed 
Itinerari stradali^ e più pfecisamente h\V Itinerario X). 

{2) OoPCBvic*. Etnographisch§n Studien in Ober-AXbanien. {Mitteilungen del Pe^ 
lermann. Voi. 26, 1880). 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 11 

i contatti tra le varie dorsali parallele, o almeno limitati a po- 
che e pericolose mulattiere : il più agevole raccordo è dato dal 
basaopiano della Zadrima-Alessio, serrato lungo il fianco roc- 
cioso elei Mali-Eencit e dei Kakaricit; anteponendolo, per ragioni 
di distiMSiza e di efficacia, all'altro collegamento lungo il solco 
angusto e profondo del Drin Nero. Le condizioni essenziali del 
transito dell'Albania settentrionale non possono adunque che 
ricollegarsi attorno ad un triangolo, i cui lati sono segnati dal 
corso del Drin Nero fino alla sua confluenza con il Drin Bianco; 
dal Grande Drin fino all'Adriatico, e, di qui, dal bassopiano del 
golfo terziario albanese fino alla cx)nca di Elbassan. Tra i lati 
di questo triangolo si eleva maestosa la cittadella dei Mirditi e 
dei Ducagini. 

Le alte terre del margine macedone costituiscono un allinea- 
mento ben distinto, per natura e per entità di rilievi. In con- 
fronto dei fasci di pieghe calcari del settentrione e del centro 
dell'Albania. A fasci di rocce antiche e recenti (scisti paleozoici, 
scisti cristallini, arenarie rosse e scisti del triassico), queste 
pieghe assumono dapprima il nome di monti Sciar, dalla dor- 
sale aspra e tormentata dalle dolomie, spezzata da rocce tra- 
chitiche e contraddistinta, nel suo margine settentrionale, da 
considerevoli fenomeni di azione glaciale (sedimenti fluvio-gla- 
ciali e morene di Gk)tovusch) (1). 

Nelle adiacenze della regione dei laghi, la dorsale si disloca 
fortemente. Talune diramazieni montane si internano tra 
Ocrida e Presba, superando con qualche cima i 2000 metri; 
talune altre, obliquando verso sud-est con il nome di Peristeri 
e di Nerecka, si !«pingono quasi ininterrotte in direzione del 
bacino Tessalico. 

La semplicità del rilievo di queste ultime dorsaU alpine — 
composte di scisti cristallini di diverse serie — contrasta con 
le rocce dolomitiche, triassiche e serpentinose delle alte terre 



(1) I. Zvjic*. Atlante Geologico dfUa Macedonia e della Vecchia Serbia (in serbo). — 
Il collettore di qaesta zona, dalle evidenti tracce glaciali, è rappresentato dall'alto corso 
del Lepenasi {Lepenez), dalle sue origini (Prevaiac. 1610 m.) fino a Cadanik. I rilievi 
dolomitici più interessanti della sona dello Sciar sono quelli del Liubotrn e delle alte 
terre immediatamente a settentrione di Lesciak: queste dolomie appartengono tutte 
al mesosoico. Le rocce trachitiche affiorano, come è noto, a Strascia. 



Digitized by 



Google 



42 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

interposte tra i laghi e con le costiere argillose e marnose 
delle zone limitrofe. Ne consegue che il rilievo montuoso del- 
Testremo margine orientale macedone-albanese, ben può dirsi 
terra dai grandi contrasti per eccellenza. 

In essa si avvicendano infatti le forme proprie dei calcari 
di varia compattezza ed elasticità, con le eccelse del rilievo 
alpino e con quelle dei tavolati cristallini abrasi del paleo- 
zoico ; il ba^opiano acquitrinoso lacustre si alterna con le moUi 
pendici e con i dolci declivi delle marne e delle argille. H clima 
mediterraneo impegna lungo codesta linea di rilievo una specie 
di lotta con il clima continentale macedone. Le rive del lago di 
Ocrida rammentano la vegetazione della Sicilia, mentre, a 
breve distanza dal lago stesso, I fianchi dei Peristeri (2532 m.) 
si distinguono per la flora alpina di alta montagna e per le nevi 
persistenti (1). 

I rilievi macedoni-albanesi costituiscono pertanto una vera 
e propria barriera geografica ed etnografica quasi ininterrotta 
dal margine orientale della conca di Diacova-Prizren alla regione 
dei laghi. Attraverso questa ultima zona, soltanto talune ben de- 
terminate comunicazioni, proprie dei rilievi cristallini, mettono 
capo alla Vecchia Serbia, al bacino di Monastir ed alla Tessaglia. 

In confronto dell'intralcio, della varietà delle pieghe meso- 
zoiche, antiche e recenti della media Albania verso il confine 
macedone, le linee direttrici del rilievo albanese del mezzodì, o 
dell'Epiro, appaiono — come si è detto — assai semplici e conti- 
nue ; orientate secondo la direzione dei rilievi Appenninici dei 
quali ricordano il tipo (2). 

II rilievo consta, come è detto sopra, di quattro fasci paral- 
leU calcarei e di tre zone interposte del flysch (3). I confini 



(1) I. MULI.RR. Albanien, Rumelien und dU Osterreichisch- Moritene ffrinitehé Grànge. 
Prag, Calve Kd., 1S44, pag dS. 

(2) Cosimo Db Giorgi. Puglia ed Albania (Estratto dalla Rassigna Nazionale, 
Anno 1396). ConferenJA tenuta in occasione del Congresso delPAssociazione Metereo- 
loglca Italiana, HI Congresso). 

(3i Le zone del flyech delPAlbanla meridionale constano, più specialmente, di banchi 
protondi di arenarie tipiche grigio verdi, di conglomerati e di marne diverse. Il flysch 
è pertanto il più giovane terreno di questa zona e giace di regola a giacitura concor- 
dante, spesso assai sull'alto dei rilievi calcari. Particolari dettagli sulla composizione del 
flysch epiroto sono contenuti negli studi del Phii.ippson. (Reisen und Forschungen^ etc 
op. cit., pag. 277-999). 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 4o 

della zona verso il Pindo sono delimitati dal solco Voidomatis- 
Arctinòs : i limiti verso la Tessaglia sono anch'essi evidenti a 
motivo dell'interposta zona marnosa ed argillosa del Nomos di 
Arta. Verso settentrione, i fasci calcari declinano al mare tra 
Valona ed il medio corso del Semeni, sprofondandosi sotto lo 
spesso mantello della regione piatta e sabbiosa rivierasca. 

Caratteristica dell'Albania meridionale è adunque il contrasto 
tra le rocce calcari del cretaceo, le argille e le marne, le quali ul- 
time mitigano l'aridità del paesaggio carsico. Epperciò le comu- 
nicazioni, le risorse e l'abitabilità, prendono naturalmente norma 
ed indirizzo dalle zone di marne e di argille interposte tra i 
quattro fasci calcari che compongono il rilievo sopra menzio- 
nato. 

La eosta longitudinale di frattura adriatica è costituita assai 
spesso di* pieghe montane di calcare bianco, considerate nel loro 
prolungamento come linea di spartizione tra il mare Adriatico 
ed il mare Jonio. Presso alle pieghe calcaree della zona orientale 
di Valona, banchi di arenarie e di puddinghe, a strati verticali 
assai disgregati, si elevano sopra al littorale e formano una spe- 
cie di raccordo tra la spiaggia e le catene calcaree dell'interno. 
Tali le alture di Canina sopra ricordate. 

Il corrugamento comprende inoltre le montagne di Chimara, 
dai fenomeni carsici spiccati come le voragini e le caverne (1) ; 
quelle di Philiata«s,in cui i banchi di marne e di argille salgono 
assai in alto sui fianchi calcarei. Questi, a loro volta, sono frat- 
turati in senso normale dai solchi di Butrinto e del basso Ca- 
lamas e cosparsi di terreno del neògene. 

Nel loro aspetto complessivo, la catena Epirota Occidentale, 
quella di Zarovina e di Jòanina, si rassomigliano. Tra i rilievi 
ed anche nelle zone calcari collinose, si manifestano con qualche 
frequenza ed imjwrtanza i fenomeni carsici denominati nella re- 
gione ccUavotren, H bacino di Jòanina comprende due laghi in- 
tercomunicanti; cioè quello di Jòanina propriamente detto ed il 
lago Lax)sista, congiunti tra di loro dal solco della Dioryx (2). 



(1) V Acqua Reale^ celebrata nella Storia Naturale di PUaio si riteneva che sgorgasse 
appunto dai monti Chimara (Pouqubvillb. Viaggi in Mor§a, in Albania, etc — Milano. 
Sonsogno Edit , 1810. Pag. 245). 

^2) Philippsom. Reis^n und Fortehungen in Nord-Griéchenland^ op, cit.^pag. 230 
e seg. 



Digitized by 



Google 



44 GEOGRAFIA GENERALE D£LL*ALBANIA 

Scaglie e terra rossa sono disseminati in queste zone di basso - 
piano con molta profusione. 

A mezzodì del nominato bacino, l'intera zona calcarea di Jòa- 
nina si accavalla in qualche tratto con quella di Zarovina, specie 
nelle adiacenze del massiccio di Olycica, ciò che contribui- 
sce in qualche misura a rendere solidali (abbenchè apparte- 
nenti a due direttrici di rilievo tuttora imprecisate ).i due fasci 
contigui, nonché l'intera zona montuosa che ingombra tutta 
l'Albania del mezzogiorno, tra il massiccio dei Lacca, il Zavroco, 
la piega del Carvassaras e la lama calcarea degli Xerovuni,dei 
Sideri e dei Chilberini. 

Attraverso a questa zona si svolgono delle difficili comu- 
nicazioni tra l'Albania del mezzogiorno e le montagne del 
Pindo. 

Assai pili agevoli sono invece le comunicazioni verso Arta 
(Eadovizi), laddove il calcare diventa meno compatto, in guisa 
da distinguere la muraglia degli Xerovuni dalle pieghe calcari 
dell'Acarnania (passo di Han-Caletin, 470 m. — passo di Cat- 
sada, 634 m.). 

La breve soluzione di continuità tra i monti Xerovuni e quelli 
dell'Acarnania, può forse dar credito alla ipotesi che il golfo 
Ambracico sia stato originato da fenomeni di frattura ; ma non 
l'accerta però in alcun modo (1). Quali fenomeni di frattura 
incontestati rimangono perciò soltanto il bacino di Philiataes 
e quello del basso Calamas ; per cui si manifesta l'accordo e la 
continuità del fascio di pieghe dell'Albania meridionale, dal 
golfo di Patrasso all'Adriatico, tra Valona e Durazzo. 

Eiassumendo adunque, i rilievi dell'Albania meridionale, for- 
mano una serie di pieghe calcaree parallele, con interposte 
regioni di flysch. Queste formano i corridoi, quelle le muraglie 
sbrecciate in pochi punti : alla testata dei corridoi stanno i due 
grandi centri di gravitazione della zona; Jòanina ed Arta a 
sud-est, Valona e Berat a nord-ovest. Tra i corridoi esiste spesso 
segregazione di genti, notevoli difficoltà di scambi, di contatti 



(1) I fautori di questa ipotesi affermano che il golfo di Arta — considerato quale pro- 
dotto di fenomeni di frattura — troverebbe il suo naturale prolungamento nella valle 
dello Sperchio in Tessaglia, e quindi nel golfo di Lamia. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 4^ 

e di comunicazioni, aggravate dalla poca portnosità della co- 
stiera adriatica tra il golfo Ambracico ed il Capo Linguetta 
(Glossa). 

L'Albania Centrale, come è detto sopra, si caratterizza subito 
per la speciale varietà e complessità dei suoi terreni i quali 
contribuiscono a rendere questa regione la più accessibile del- 
l'intera provincia. La zona ricorda, nel suo complesso, i terreni 
ben noti del bacino dell'Arno. 

In forza di codesta varietà e complessità di rilievi, l'Albania 
di mezzo è la sola regione che offra qualche facilità di transito 
nel suo intemo e larga base di contatti verso la zona costiera. 
Quivi il rilievo calcareo, il quale predomina nelle rimanenti 
parti della provincia, cede in entità di forme ed in importanza 
di ostacolo al terreno terziario ed al quaternario, specie al plio- 
cene ed all'alluvione. 

Spiagge arenose, terreni allagati dai bassi corsi d'acqua, 
paludi salate e miste, dune assai elevate, strati di argille 
bluastre più o meno sabbiose, arenarie, puddinghe e calcari 
conchiglifèri, appiattiscono e modellano il paesaggio dell'in- 
tera zona. Lunghi cordoni sabbiosi formati dall'alta marea e 
dalle burrasche — elevati talvolta oltre ai 20 metri — sepa- 
rano nettamente le terre arenose daUe palustri. Le brevi e 
sottili pieghe calcari spesso boscose alla loro base, là dove 
compaiono, sono subito attraver ate o fiancheggiate da ter- 
reni del terziario o del quaternario; epperciò il limite tra le 
diverse specie di suolo è assai difficile a determinarsi con 
qualche approssimazione, specie se si tiene conto del largo 
e poderoso processo di alluvionamento della zona costiera, il 
quale ha cancellato assai spesso qualunque traccia del terreno 
primitivo. 

Però, a mano a mano che dalla zona rivierasca si procede 
verso l'interno, le rocce isolate ed i brevi cordoni spezzati del 
secondario o del terziario si aggregano in dorsali dal tracciato più 
unito, abbenchè tortuoso e curvihneo. Tra i vari tronconi si 
adagiano frequenti zone di marne, di argille e di conglomerati 
compatti, i quaU ultimi forniscono un eccellente materiale da 
lavoro per le abitazioni e per le opere di difesa. Le zone dei con- 



Digitized by 



Google 



46 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

glomerati e delle puddinghe nelle regioni littoranee sono anzi 
quelle più forti per natura, e ne fa fedo tra le altre l' antica 
opera veneziana di Canina costrutta con eccellente materiale 
da lavoro delle puddinghe. Il ciglione di queste alture è poi 
tutto guarnito con solide case che si profilano all'orizzonte 
— quasi merloni di una fortissima opera fortificatoria — sopra 
ai fianchi diruti delle colline attigue a Valona. 

IN^eirinterno della zona triangolare, tra Ismi, Elbassan ed il 
littorale adriatico, i terreni di riva destra dello Scombi si diffe- 
renziano sostanzialmente da quelli di sinistra. SuUa destra, 
tra Scombi ed Ismi, si apre un fascio di pieghe disposte a ven- 
taglio, intramezzate da depositi del quaternario, le quali confe- 
riscono al paesaggio varietà di forme ed alternanza di rilievi : 
sulla sinistra, invece, l'alluvione antica e recente soverchia ogni 
rilievo; sicché la zona piatta, acquitrinosa e dVinosa, conserva 
quasi sempre il sopravvento. 

D'onde l' ipotesi che i fasci di pieghe dei Barrès e dei Bicerid 
non rappresentino che la continuazione del sistema della Grecia 
Occidentale ; vale a dire dei Malacastra, dei Topali e dei Tomori, 
liberati dalla grandiosa sedimentazione che dilaga tra Semeni 
e Scombi (bassopiano della Musachja). Ne consegue che le con- 
dizioni generali geografiche della riva destra dello Scombi facili- 
tano i contatti assai piti che la sinistra dello stesso fiume, specie 
per quanto ha tratto alla viabilità ; e ciò astrazione fatta da 
ogni altra considerazione circa il clima malsano del littorale 
tra Scombi, Ismi e Matj. 

I rimanenti rilievi della zona centrale albanese e di quella di 
transizione verso il fascio epirota, non si differenziano gran 
fatto dalla natura delle regioni carsiche. Le dorsali degli 
Opara e degli Scrapari-Dangli sono attraversate ed incise da 
rocce serpentinose e dioritiche. I rilievi di destra dello Scombi, 
tra i monti Matj e Colobarda, sono intramezzati da larghe 
sinclinali di argille e di marne le quali richiamano alla mente 
le forme già note di rilievo del flysch albanese del mezzo- 
giorno. La città di Elbassan, da questa varietà di forme e 
complessità di paesaggio, trae la sua singolare importanza 
geografica, dappoiché segna il vero e proprio luogo geome- 
trico dell'Albania mediana. 



Digitized by 



Google 



1 



IL TERRENO 49 

Prima di chiudere questi cenni complessivi intorno alla mor- 
fologia della regione albanese, in genere, è necessario di preci- 
sare il valore geografico del vocabolo planina (1). 

Il rilievo caratteristico di queste alture è assai ondulato ed 
accidentato. Considerate in particolare, la loro superficie è ru- 
gosa, fessurata e frastagliata da doline : il profilo complessivo 
accusa una sensibile depressione verso il centro del rilievo, 
contraddistinta quasi sempre da una buona vegetazione arbo- 
rea, da pascoli e da larghi giacimenti dì sterra rossa*. Queste 
zone mediane delle planine sono perfettamente al riparo dal- 
l'azione dei venti, specie della Bora. 

Nelle planine del triassico, le ondulazioni e le depressioni 
sono assai meno accentuate che in quelle del calcare o del 
flysch calcare, a motivo del terreno assai meno fessurabile. 
Il regime idrografico, pochissimo evidente in queste zone, ri- 
prende il sopravvento al piede dei rilievi e verso la vallata 
principale. 



2. Le zone di bassopiano. 

In un paese essenzialmente alpestre come è l'Albania, le zone 
di bassopiano non possono constare che di terreni alluvionali 
di regioni dislocate ricolme di depositi del neògene. Questi 
depositi possono distinguersi in due serie essenziali — delle for- 
mazioni marine e delle acque dolci — cioè dei prodotti del 
mare e dei laghi primitivamente indipendenti j secondo la speci- 
ficazione adottata dai geologi austriaci. La terra vegetale di 
codeste zone di bassopiano, oltre che dei mantelU marnosi e 
nummolitici (specie sul fondo delle polie). è ben fornita di 
terra rossa prodotto della decalcificazione dei terreni e colo- 
rata a questa guisa per la larga intrusione dei sali di ferro. 



(1) Loois Olivier. La Hosnie el VErztigovine. {Revue Oinéralt d§» Seitncea pures 
•I appliquéet Libr»irìe Àrmand Colin Bd., pag 52, 399). La denominaxione flaninn^ 
ben noUt nelle nomeoclatore geografiche serba ed aottiiaca va riferita, per analogi», 
alle accidentalità della specie che si riatracciano nel rilievo calcareo albanese. 



Digitized by 



Google 



60 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Ciò premesso, le regioni interne di bassopiano si limitano al 
bacino di Scutari, aUa conca di Diacova-Prizren, a quella di 
EJbassan (Fusha-Mrei)^ di Goritza-Malik, di Argyrocastron e di 
Jòanina. Si trascurano a questo punto le zone pianeggianti 
minori, interposte tra i fasci dell'Albania meridionale o dell'E- 
piro, perchè hanno caratteri morfologici assai affini alle zone 
pianeggianti principali. 



A) Bacino r>i Scutari d'Albanu. 

Il bacino di Scutari d'Albania (Labeatis Palus) formava un 
tempo un ampio seno di mare : la superficie dell'attuale lago 
supera oggidì di appena 6 metri il livello dell'Adriatico. 

Il bacino, ricoperto da un vasto e fertile alluvionamento dit- 
tico del quaternario tutto circondato da poderosi rilievi, è in- 
ciso dai solchi della Bojana e del Ghiri ed intramezzato da fre- 
quenti scogli calcari (Cittadella di Scutari ed isolotti della foce 
della Moracia). Si può ritenere in sostanza nei riguardi morfo- 
logici una antica polie marittima, estesa un tempo fino a Velje 
Brdo a settentrione di Podgoritza (1). 

La batimetria ed i limiti tra il lago ed il bassopiano non sono 
ancora ben precisati, specie verso il sud-est nelle adiacenze della 
città di Scutari e verso il nord -ovest nei contorni di Rieka nel 
Montenegro. Epperciò il regime delle acque e la natura del 
fondo del lago, specialmente nella sua zona mediana, contri- 
buiscono a rendere lo studio del lago stesso intimamente colle- 
gato a quello del bassopiano che lo comprende, e di cui rappre- 
senta la parte piti depressa dell'antica dislocazione d'onde trasse 
origine (2). 

Lungo la riviera di sud-ovest, che reca piti spiccate le impronte 
della dislocazione stessa, si osservano numerose voragini sub- 



(1) Il Crbonbb qualifica il lago di Scutari tra i relikien ««en, o laghi relieti, derivati 
dalPostruzione prodottasi dairalluvionamento in antichi seni di mare. Si veda il foglio 
relativo al lago di Scutari inserito neWAHanU det laghi della Macedonia e della Vecchia 
Serbia del dott. J. Zvjic*. {Scadanco Blalo), 

(2) Dott. AoHiLLB Porti. Primi appunti per uno studio tul Phytoplancton del lago 
di Seutari di Albania. (Atti d$l Reale Istituto Veneto di Scienze^ di Lettere ed Arti. 
Anno Accademico 1901-1902, Tomo LXI, Parte II). 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 53 

acque, di cui la maggiore supera i 40 metri di profondità. 
Sono denominate sul luogo occhi e sono rappresentate in 
particolare dettaglio nel foglio di Scutari annesso all' a- 
tlante dei laghi balcanici dello Zvjic'. Codesto fenomeno, indi- 
pendentemente da altri della specie, fa ritenere da solo la costa 
8cutarina per una zona sommersa. 

A ciò si aggiunga la presenza dei numerosi isolotti che corrono 
in senso parallelo alla costa stessa, assai simili per la loro 
postura e significato alle isole dell'Arcipelago dalmato rispetto 
alla sponda dell'Adriatico (1). Tali scogli si denominano di 
Mali-Crsc, di Dusciza, di Morabnik, di Veiscia, di Golub, di Gro- 
ritza e di Canriso. Secondo lo Zvjic' adunque, il lago di Scutari 
e l'immediato suo bassopiano non sarebbero quindi altro che 
una specie di polie carsica, preparata da azioni tettoniche e 
sprofondatasi di recente in modo da portare il livello del suo 
fondo al di sotto di quello del mare (2). 

Il lago non è soggetto alle influenze della marea, ma scema 
sensibilmente la profondità delle sue acque con la buona sta- 
gione. D'inverno il pelo d'acqua aumenta di 2 o di 3 metri ed, 
eccezionalmente, anche di 6 o 7, a motivo della grande copia 
di acque che gli è arrecata dal regime torrentizio dei suoi tri- 
butari. 

La carta del lago, alla scala di 1 : 75,000 rilevata dallo Stato 
Maggiore Austro-Ungarico, accusa circa 100 scandagli. La mag- 
giore quota indicata è quella di 7 metri, ma la soglia centrale 
non tocca che i 6: tale fenomeno si vuole dovuto allo spic- 
cato carattere stagnale del lago e dall'abbondanza del planc- 
ton vegetale ed animale, tenuto anche presente la sua esigua 
profondità rispetto alla vasta area delle acque assai vicina 



<1) La limnologia balcanica ha compiuto recentemente notevoli progressi grazie alle 
ricerche del dott. Zvjic ed alla puliblioaxione da lui fatta dell'Aftonl^ dei laghi della 
penisola balcanica (Edis. deirAccademia Reale delle Scienze di Belgrado, 1903, in serbo) 
Vedasi anche lo studio del prof. Olinto Marinelli Trecenti studi sui laghi della penisola 
haleanica. (Rivista Geografica Italiana e BoUeUino, Annata XI, Fase. Ili, marzo 1904, 
,pag. SQ e seg.). — AmI Bovi. La Turquie d'Europe^ Voi. I, pag. 82. 

(2) Tenuta presente la massima profondità degli occhi del lago di Scutari, cioè metri 44 
sul margine nord-ovest dei lago stesso e raltezia dello specchio d*aoqua di 6 metri sulla 
superficie del mare Adriatico, ne risulta che il fondo dei lago medesimo, nella sua sona 
dislocata di nord-ovest, scenderebbe a 3S metri sotto il livello del mare. 



Digitized by 



Google 



51 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

estensione alla superfìcie del lago di Garda (1). Per queste 
asibili varianti di regime, Talluvionamento delle rive del bas- 
piano è assai sensibile. 
Verso Buchera a mezzodì di Scutari, a sud-est di questa 

ai piedi della «Scala», le basse pendici degli scogli calcarei 
ricoprono di arenarie, di detriti quarzosi, scistosi e serpenti- 
>si. Grandi masse di conglomerati si compongono in monti- 
Ili a iiord-ovest di Gradisca e lambiscono il piede dei rilievi 
i oriente del lago, presso le terre di Vraca; s'insinuano infine 
ntro alle vaUate della Moracia fin oltre Podgoritza e Spusc (2). 
^gregati della medesima specie si rilevano tra Scutari ed 
itivari ed, in genere, lungo le probabili linee di frattura del 
go stesso (Zermnitza). 

Tali depositi si assegnano assai piil probabilmente al qua- 
rnario superiore che al pliocene. Dinotano in ogni modo ed in 
siniera evidente l'altezza delle acque che possedeva un tempo 
dierno bacino di Scutari, prima di essere compreso nei limiti 
pografìci attuali. 

Il rimanente della pianura scutarina è alluvionale, acquitri- 
•so, soggetta alle varianti di regime del Drin e della Drinassa 

infestato dalla malaria. Notevoli sono le zone paludose a 
>rd-est e ad ovest di Scutari: quivi si notano anche dei ter- 
zzamenti alluvionali antichi causati da varianti nel livello 
Ile acque del lago (regioni di Posripa o Postripa, e di Stoj 
Fusha e Shtoit). 

Brevi sono gli spazi che non sono usufruiti dall'agricoltura, 
iluni di essi sono anzi intensamente coltivati e sfruttati : la 
mifìca potrebbe però conseguir*» in queste terre dei risultati 
icora migliori sistemando l'alveo della Drinassa (3). 
Tra la Bojana ed il Drin si stende un doppio allineamento 

colline di calcare compatto del triassico, ombreggiate da 
imeti e da boscaglie (Mali Barbalushit — metri 377 — Mali 



(1) (1 lago di Scutari d'Albania è esteso per 362 chilometri quadrati secondo i rilievi 
ilo Zvjic. Le misuraaioni del dott. Stegagno, riportate dal Forti nell'opera sopracitaia, 
auserebbero però qualche differenza. La superficie del lago di Scutari è valutata da 
98k*ultinio pari ai tre quarti della superficie complessiva del lago di Garda. 
{2) Ami Boué La Turqui» d'Europe, voi. 1, pag. 274 e 297. 
(3) Ami Boué. Turquie d'Europe, voi. 1, pag 82. 



Digitized by 



Google 



'^Pf^ 



IL TERRENO 55 

Kakaricit (1) — metri 366 — Mali Rencit — metri 530), le quali 
hanno i fianchi profondamente erosi dal fiume Drin e dalla 
riviera di Cneta Baldrin. A ridosso delle pendici orientaU di 
codesti riUevi deUa piana scutarina, tagliati a picco, si svilup- 
pano delle mediocri comunicazioni, a salma; rinserrate dap- 
prima alle ripide falde della dorsale, circondate di poi tutto 
attorno dal bassopiano della Zadrima, terra codesta assai fertile 
ma infestata dalle fabbri nel colmo dell'estate e nell'autunno. 



B) Bacino di Diacova-Prizren. 

Questo bassopiano, forse antico bacino lacustre, si estende 
da nord-ovest a sud-est per circa 70 chilometri di lunghezza, 
tra Ipek (Peja) e Prizren {Prixerendi), e per circa 30 chilo- 
metri di larghezza massima. È circondato da alture che oscil- 
lano tra i 1000 ed i 2000 metri di altitudine. 

A settentrione le montagne calcari e di dolomie triassiche del 
Coprovnik e del Mocra-Gora, ad occidente le pareti calcari dei 
Bitushi e gli allineamenti dei Bastrik, intercisi da larghi domi 
di serpentini, a mezzodì i rilievi dolomitici del Coritnik, la te- 
stata settentrionale dei monti Sciar degradanti nel flysch cre- 
taceo del Ribarsca; ad oriente, infine, l'allineamento del flysch 
dei Die vie', appoggiato a sua volta alle soglie di scisti cristal- 
lini dei monti Scicavica e Zernolieva (origini della Sitnitza). 

È zona questa che reca nel^uo interno e sui margini delle visi- 
bili tracce di dislocazione. UnafagUa longitudinale assai notevole 
corre infatti a settentrione di Ipek, tra il rilievo del Mocra-Gora 
(dolomie triassiche) e le coUine del nèogene di Zercoles : altre 
fagUe furono segnalate dallo Zvjic' lungo il margine del terreno 
cristallino orientale, tra i monti Bastrik, Ribarsca e le testate 
settentrionali di riUevo dello Sciar (Shari) ; come pure verso 
le montagne di occidente (2). 



(1) Le oolllne dì Kakaricit traggono origine da un vocabolo greco che, letteral- 
mente tradotto, aignifica cattiva montagna. Tale denominaxione ricorre assai spesso in 
altri rilievi della regione, specie nel paese del Zem in Montenegro. 

(S) Vedasi lo Schizzo Orotettonico annesso al presente studio. 

4 _ Albania. 



Digitized by 



Google 



56 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Il bassopiano è costituito da fertili alluvionamenti del qua- 
ternario superiore e contornato da un'aureola di terreno del 
neògene. TI bacino di Diacova e quello di Prizren si trovano piìi 
precisamenti contornati da rilievi di questa natura; laddove 
il bacino di ricevimento del Drin Bianco è largamente alluvio- 
nato dagli affluenti di destra di questo fiume (Drsnìk). 



Schizzo geologico della conéa di Diacova Prizren 
(Per i segni convenzionali dei terreni si veda la figura a pag 60). 

A Diacova (lakova-Giacovitza) e verso sud-ovest, le colline 
del neògene appaiono commiste con argille marnose grigio- 
bluastre, ricoperte da detriti di rocce quarzose e serpentinose. 
Presso Drsnik (origini della Glina, affluente di sinistra del Drin 
Bianco) gli stessi detriti riappaiono, però a ridosso delle falde 
di calcare cretaceo. Al piede dei rilievi cretacei, a nord di Zer- 
coles, si notano infine dei banchi di argille marnose-grige, al- 
ternati con soglie di calcare del fiysch : ciò giustifica la estesa 
ramificazione idrografica del bacino di ricevimento dell'alto 
Drin Bianco. 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 57 

Ad occidente di Prizren,il Drin corre in stretta assai prof onda 
tra i rilievi triassici dei Bastrik e dei Coritnik. Egualmente del 
secondario è la chiusa che si apre il Drin, subito a sud-est di 
Diacova e nei contorni di Bela-Cervka (calcari del cretaceo). 

Fortunata nella conca è la posizione di Prizren, recinta da 
rilievi disposti ad anfiteatro. E' città singolarmente industriosa 
e commerciante, dai facili e rimunerativi contatti, più con la 
vallata del Vardar e con la conca di Uscub (Scopia), che con 
l'alta Albania in genere; a causa delle strette e difficili gole 
del Drin e dei passaggi alpestri comandati dai Ducagini e dai 
Mirditi (1). 

Diffusa ed assai accurata è la coltivazione del suolo : in cor- 
rispondenza dei terreni ^alluvionali si trovano pingui prate- 
rie, folti boschi di querce sulle colline e sui bassi versanti 
montagnosi. Largamente esercitata è la pastorizia : grano, mais, 
ed avena sono ivi sovrabbondanti ai bisogni della fitta popola- 
zione; epperciò si esportano in Macedonia lungo la buona strada 
che si apre tra i rilievi cristallini dei Cernolieva, le morene ed 
i sedimenti fluvio -glaciali della testata dei monti Sciar e presso 
le origini del fiume Lepenaz. 

Il terreno marnoso di questa conca di origine lacustre con- 
serva lungamente le acque del soprasuolo, mantiene un'umi- 
dità utile all'agricoltura e moltiplica le derivazioni irrigue. Gli 
alti rilievi moderano le variazioni climatiche ; epperciò codesta 
zona fortunata della conca di Diacova e di Prizren nutrì sem- 
pre le popolazioni più ricche della provincia. Esse funzionarono 
da buon anello di collegamento tra la costiera adriatica e le 
stirpi albanesi che soggiornano nella Vecchia Serbia, e con i 
Serbi della Morava: servirono, in sostanza, da serbatoio eco- 
nomico della resistenza, delle energie e dello spirito nazionale 
albanese in epoche veramente memorande per la storia schi- 
petara (2). 



(l) KoRT Hassbrt. Slréifxiigé in Ober-AtbanUn^ op. cit., pag. 536 e 537. 

(S) Le popolaztoni dei bacini di Diacova e di Prizren sono le più pure ed originali nei 
rispetti dell'etnografta albanese. I Kazà di Diacova e di Prizren portano sovratuttouna 
spiccata impronta di purezza della specie Su più di 150 villaggi che entrano a far parte 
della conca, una ventina appena offrono delle commistioni con elementi serbi. La na- 
zionalità bulgara, chiamata in queste parti a prestare la sua proficua mano d'opera, 
comincia ad affermarsi nel Kazà di Tetovo di per sé ed in composizione con genti pomache 
(Bulgari musulmani). 



Digitized by 



Google 



58 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 



C) Conca di Elbassàn 

Questa conca è attorniata da rilievi di flysch calcare i quali 
accompagnano l'alta valle trasversale dello Scombi fino alla sua 
testata (Jablanica-Planina). Si limita propriamente alla conca 
detta Fusha-MrcUj o pianura di Mret: però si deve conside- 
rare nei rispetti morfologici ed idrografici collegata con la re- 
gione del Devol, dalle basse colline di marne variegate ; non 
essendo in realtà divisa da questa che da rilievi insignificanti, 
di 200 metri appena di altitudine. 

Parzialmente esaminata, la conca di Elbassàn appare come 
il vertice di irradiamento dei vari settori in cui può suddividersi 
il vasto triangolo appiattito dei terreni del terziario e del qua- 
ternario che — dalla costiera adriatica tra Durazzo e Valona — 
mettono capo a codesto luogo geometrico dell'Albania centrale. 
Tale struttura spiega altresì l'andamento delle comunicazioni 
radiali della media Albania ed il loro innesto verso il margine 
cristallino dei rilievi macedoni -albanesi, per guadagnare di là 
la vallata del Vardàr e lo sbocco di Salonicco. 

Una striscia sottile di terreni del quaternario superiore risale 
parallelamente ambo le rive dello Scombi fino ad oriente di 
Elbassàn (Librast). Da questo punto, o pressoché, si aprono 
due solchi : l'uno si rivolge in direzione di nord -ovest, verso 
Tirana e l'Ismi, l'altro piega verso la media vallata del Semeni, 
Berat, la Vojuza e Valona. La zona di coincidenza di questi due 
solchi verso Elbassàn è contraddistinta da rilievi del flysch, 
da marne e da argille del quaternario ; la qual cosa giustifica 
la felice disposizione dei terreni del paesaggio della conca e 
la facilità dei suoi rapporti con le zone laterali. 

Ad occidente della città di Elbassàn, a circa due ore di strada 
da essa, la vallata dello Scombi si rinserra tra Brosca e Lolaj. 
Negligenze ed abbandono nella viabilità da parte delle auto- 
rità locali, rendono difficile questa stretta i cui fianchi lavi- 
nati cadono a strapiombo sulla strada da Elbassàn a Pechini ; 
cioè sull'antica Via Egnatia. La praticabilità del terreno adia- 
cente, specie lungo le dorsali collinose dei Dusck, attenua al- 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 59 

cuu poco codesto ostacolo, meno che al tempo del regime tor- 
renziale del corso d'acqua. 

Lungo le basse pendici della vallata dello Scombi si notano 
folte boscaglie di platani e gruppi di ulivi. Non molto estesi 
sono gli appezzamenti coltivati a mais ed a grano perchè l'opera 
dell'uomo vi è scarsa e piuttosto incostante. Nondimeno la fer- 
tilità di questa regione e la sua salubrità offrono un evidente 
contrasto con le terre contigue della Musachja e dei Taulanti. 

Codesti pregi naturaU del terreno — unitamente al fatto 
che Elbassan domina le comunicazioni tra i vilayet di Scutari, 
di Jòanina e di Monastir — valgono adunque a far designare la 
conca omonima come una zona di interesse veramente singo- 
lare, tanto per i commerci e per i traffici avvenire, quanto per 
assicurare ai medesimi quella giusta porzione di retroterra che 
è indispensabile acciocché questi traffici, dalla riviera adria- 
tica tra Valona e Durazzo, possono liberamente e sicuramente 
indirizzarsi in Macedonia, a Monastir ed a Salonicco. 



D) Zone di bassopiano dei grandi laghi albanesi. 

Comprendono le brevi zone di colmataggio di Struga e di 
Ocrida, presso al lago di questo ultimo nome ; il bassopiano di 
Resen, a settentrione del lago di Presba, ed infine le contrade 
acquitrinose del lago di Mahk, divise trasversalmente in due 
zone ben distinte: la superiore dell'alluviale, l'inferiore del 
diluviale. Quest'ultima è incorniciata a sua volta dai serpentini 
di Goritza e dal, rialto dei monti Moro va. 

Discrete comunicazioni mulattiere mettono capo dal bacino 
di Malik alla larga e fertile zona del neògene lacustre dell'alto 
Devol (BiUsta); alla vallata della Bistritza (Vistritza) ed al 
bacino tessalico. E' questa una regione fortemente dislocata, 
specie nelle vicinanze del margine cristalhno macedone, come 
appare dall'unito profilo della conca dell'Ocrida. 

AU'infuori delle zone piatte ed alluvionali di cui sopra, le 
rìve del lago di Ocrida sono fiancheggiate da larghi terrazza- 
menti calcari : più frequenti ed incisivi ad oriente che ad occi- 
dente, a motivo della vicinanza del lembo dislocato macedone. 



Digitized by 



Google 



60 



GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 



Entrambe le rive del lago di Ocrida sono boscose. Le abita- 
zioni dimostrano una tendenza assai spiccata nello scegliere per 



(hm>jf»<J t^ ) 



0. 




Profilo della conca di Ocrida, tra i monti Mocranska e Galioica 
(DairAtlante geologico della Macedonia e della Vecchia Serbia del Dott. J. Zvjic") 



erùfklltnt 
wrìe rm^s* § sctsh h'i»sster 



ri dà/ rre/9ce& 



'VÌ9Ì9 



Scbixzo geologico della regione dei grandi laghi albanesi 
(DairAtlante geologico della Macedonia e della Vecchia Serbia del Dott J. Zvjic*) 

sedi le anfrattuosita del suolo, le linee di faglia ed i profondi 
avvallamenti, allo scopo di meglio ripararsi dal violento imperver- 



Digitized by 



Google 



IL TERRENO 61 

sare dei venti di nord-est. Il lago di Ocrida, in forza dei fenomeni 
di dislocazione da cui esso trae origine, è il più profondo della 
Macedonia e dell'intera penisola balcanica (1). 

L*area di sprofondamento del lago di Ócrida-Malik è separata 
da quella del lago di Presba dalla catena calcarea, ristretta 
ma elevata, dei monti Petrinsca, dei monti GaUcica e del 
Suha-Gora (2040 metri). Quest'ultimo bacino è piti propriamente 
occupato da due laghi, il maggiore denominato di Presba ed il 
minore di Ventrok. Dalla sezione settentrionale del lago di Presba 
(Golema-Presba, o Grande-Presba) dipende 0;ppunto la soglia al- 
luvionale di Eesen, con l'annessa angusta cimosa di terreni di 
eguale natura che radono il piede occidentale della barriera cri- 
stallina del Perestèri e del Nerecka, originata da forti dislivelli 
delle acque del lago stesso. La sezione meridionale, chiamata di 
Ventrok (o Piccolo Presba) è interamente insinuata nel rilievo 
calcareo tra i monti Corbetz e Prevtis iPletvar). 

Questa sezione lacustre minore formava assai probabilmente 
parte, nell'epoca diluviale, di una profonda insenatura del 
grande lago di Presba : l' istmo che separa oggidì le due se- 
zioni consta infatti di sabbie e di fanghiglie recenti. I forti 
dislivelli d'acqua che diedero origine ai terrazzamenti delle 
rive del Presba sono dovuti a fenomeni carsici essenziali, e di 
essi si accennerà trattando nello speciale capitolo delle 
acque (2). 

La zona diluviale ed alluviale del Malik o di Goritza è molto 
fertile. Ha forma planimetrica quasi triangolare, di circa 20 
chilometri di base per 17 di altezza. Formava assai probabil- 
mente parte di una profonda insenatura del lago di Ocrida, al- 
lorquando le acque di quest'ultimo non erano molto piti elevate 
delle odierne. D solco occupato dal vallone di Svieti-Naum 



(1) Il lago di Ocrida raggiange 2S5 metri di profondità massima. L'angolo medio di 
inclioaxione del suo fondo, secondo il Peucker, è di 3^ ; laddove per tutti gli altri laghi 
del Tilayet di Monastir (ali* infuori dell'Ostrovo ohe superai®) è inferiore di un terzo 
di tale valore. Nel lago di Scutari, ad esempio, si riscontra appena 8* di pendenza media. 
(Pbuckbb. TheLalteoflhe Balkan-PsnimuU»,— The Geographical Journal, May ItìOS. 
pag. 530-533). 

(2) Am) Booé. La Turquie d'Europe, voi. I. pag, 1%. — Dott. Olinto Marinelli. 
Ir9C9nti itudi sui laghi della penisola Balciniea {Rivista Geografica Italiana, annata 11 
fase, ni, marzo 1904, pag. 82). 



Digitized by 



Google 



62 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

(figura a pag. 60) ricolmo dall'alluviale, può forse rappresen- 
tare la traccia di questo antico collegamento (1). 

Il bacino di Malik nella sua sezione alluviale è difficilmente 
transitabile, specie nell'inverno : la soglia del diluviale è più 
agévole, folta di coltivazioni e di abitati. 



E) Conca di Argyrocastron. 

Si stende nella parte piti bassa della ubertosa vallata del 
Drynos ai piedi dei monti Sopot. La conca si compone di due 
distinte fasce di terreni : marne, argille dell' eocene e flysch 
sulla sponda destra del Drynos, o a breve intervallo da essa : 
conglomerati, puddinghe e depositi del quaternario sulla si- 
nistra. 

Fitti e popolosi si riscontrano in questa contrada i villaggi, 
suddivisi a gruppi di case scaglionati lungo il fiume per ragioni 
di fertilità dei terreni e di sicurezza. Frequenti sono i campi di 
cereali, gli orti cintati al costume musulmano, le coltivazioni di 
cotone, di tabacco, di lino e le frutta di ogni specie. I rilievi cal- 
cari di oriente e di occidente non separono, a tutto rigore, la 
conca dalle regioni contigue. Depressioni ed interruzioni nella 
catena pongono infatti a contatto il mercato di Argyrocastron 
con la costiera adriatica, con i porti di Palermo e di Santi - 
Quaranta, per via della depressione di Gardichi e della strada di 
Delvinon (2). 



F. Conca di Joanina-Lapsista (3). 

La conca di Joanina comprende 1' antico bacino lacustre di 
Joanina (l'antico Acherusio) e quello di Lapsista. Entrambi 



(1) AMt BouÉ. La TurquU d* Europe, voi. I, pag 75. — Vedasi, per quanto ha tratto 
più specialmeikte il regime delle acque, il capitolo III della Parte prima del presente 
studio. 

(8) Si veda la Fig. N. 10: Profilo tra Santi Quaranta, la pianura di Del vino e Krapsi 
nella tavola inserita contro pagina 43. 

(8) Philippson. Reiten i*nd Fortchung^n in ^Yord Griéchéfiland (op. oit., pag. 282). 
— Dott. Zvjic". Dot Karttphàenom^n (op. oit., pag. 303). 



Digitized by 



Google 



ILTERRENO 63 

sono forse aperti nel calcare e collegati tra di loro dal solco pa- 
lustre della Dioryx (l'antico Cooytus). 

Costituiscono insieme una zona depressa colmata dal pliocene 
e dal quaternario superiore, assai allungata da nord-ovest verso 
sud-est (30 chilometri di lunghezza per circa 3 di larghezza). La 
zona è attraversata longitudinalmente da una lama sottile di 
calcare dell'eocène, prolungata a sua volta da conglomerati piti 
o meno compatti del pliocene, specie a mezzogiorno della città 
di Joanina. Fanno cintura alla conca gli alti e desolati monti 
della dorsale dei Micicheli (1776 m. di altitudine massima) ad 
oriente, e dei Curenda ad occidente; non però così aspri da osta- 
colare i contatti della pingue conca tanto per Zarcovitza (l'an- 
tica Dodòna dei Pelasgi) verso il Vuvòs ed il Calamàs, quanto 
in direzione di Metzovo, del Drynos e delle zone del flysch de- 
gli allineamenti dell'Albania meridionale. Ciò accade grazie 
alle floride vallette di terreno recente, le quali si insinuano 
lungo le falde delle barriere calcari della conca. 

La città di Joanina giace quindi nel mezzo di una terra ben 
disposta nei rispetti topografici. Questa terra è la più fitta di 
popolazione nel sud-ovest dei Balcani e nella migliore postura 
dell'Albania meridionale, presso alla grande vallata di Argyro- 
castron ed all'estesa pianura Ambracica — con la quale comu- 
nica mediante una rete idrografica superficiale e sotterranea 
insieme — e presso ai porti di Salachora e di Prevesa. Per- 
fino lungo le basse dorsali dei Micicheli e più oltre si appoggia 
talvolta una zona fertile di terre al piede delle risorgive, den- 
samente popolata, specie nel distretto di Zagorie che è una 
delle cittadelle più pure della originalità etnografica albanese. 

Il mite clima invernale agevola la diffusione della fiora me- 
diterranea anche nelle alte valli della conca : frumento, campi 
di mais e vigneti ricoprono le zone vallive non altrimenti che 
nelle più ubertose regioni della Grecia. Le alture sono special- 
mente ombreggiate da boscaglie: sugh altopiani si estendono 
ricche praterie di erbe e di pascoli. Delle torbiere {sharia) si 
rintracciano ai margini dei due laghi e producono un ottimo 
materiale da combustibile (1). 



(1) Ami Boué. La TurquU d*Europ9^ voi. I, pag. 53. 



Digitized by 



Google 



61 • GEOGRAFIA GENERALE DELL ALBANIA 

Notevoli sono in questa zona i fenomeni di idrografia carsica 
(denominati sul luogo catavotren e voinicova), specialmente appa- 
liscenti lungo la regione dei laghi di Joanina e di Lapsista ed al 
piede dei rilievi calcari. Codeste fonti sotterranee alimentano il 
bacino lacustre e producono delle inattese piene. 

La spiaggia a nord-est è dirupata per i bassi fianchi dei 
Micicheli, da ogni altra parte il lago ha sponde piatte e palustri. 

Una breve penisola di rocce calcari biancastre avanza isolata 
sul margine orientale del lago e sopra di essa si innalza la citta- 
della di Joanina, congiunta alla riva da un breve istmo di terreno 
alluvionale recente. Lungo questo terreno è praticato un largo 
fosso che divide la fortezza della città. La profondità massima 
del lago è di 11 metri lungo la costa di nord-est: le profondità, 
nelle adiacenze della sponda meridionale oscillano tra i 5 ed i 
7 metri : in ogni altra parte non esistono profondità superiori 
ai 4 od ai 5 metri (1). La lunghezza del lago è di circa 7 chilo- 
metri ; la larghezza massima di chilometri 2,250. 



(1) PfULipPBON. Réiaen #ec. (Op. cit). — Gli scandagli riportati sono dovuti ai rilievi 
deiroberhummer, citato dal Philippson. — Zvjic\ Da4 Karstphàenomen.^ op. cit., 
pag. 303. 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO II. 

Le coste 



A) Premessa. 

Per completare i cenni intorno alla morfologia generale del 
terreno dell'Albania occorre ancora esaminare la zona costiera, 
ciò che forma argomento di grande interesse per Taccessi- 
biUtà da mare. 

Nei riguardi morfologici la costa albanese risente spiccata- 
mente della sua genesi. Nel periodo miocenico, le terre di Dal- 
mazia si approssimavano infatti, come è detto più sopra, al Gar- 
gano ed alle Puglie. Il mare, mediante un breve braccio, da 
Vasto, comunicava con l'odierno golfo di Taranto (1). L'Adriade 
— della quale a quest'epoca non facevano ancora parte le 
ìsole Trèmiti — ripiegava verso sud-est raggiungendo forse la 
riva adriatica tra Dulcigno e Durazzo. 

Nel periodo di transizione tra miocene e pliocene, emersero 
delle anapie terre asciutte con ricca formazione di maremme e 
di paludi, estese a tutto il littorale adriatico ; specie all'estremo 
di nord-ovest sotto Venezia e di sud-est nell'Albania mediana. 
Dislocazioni accadute sulla fine del terziario ed al principio del 
quaternario — all'epoca del fratturamento della catena dinarica 
— aprirono in seguito una profonda fossa nell'Adriatico inferiore, 
talché ne derivarono delle coste longitudinali di frattura, delle 
alluvionate e di colmataggio, là dove l' azione costruttrice dei 



(1) Vadasi la cartina dell'Italia verso la fine del pliocene, annessa dal prof. T. Fischer 
alla saa Corografia della penisola Italiana. — Torino, Unione Tip. Ed., pag. 29. 



Digitized by 



Google 



66 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

fiumi soverchiò quella del mare : le cui correnti furono deviate 
dalla muraglia calcarea dei fasci epiroti. La dislocazione infine 
scolpì delle faglie e delle profonde incisioni lungo il margine co- 
stiero della muraglia medesima. (1). 

Stabile assetto sembra non abbiano ancora queste coste, per 
quanto si rileva dai frequenti commovimenti sismici chela con- 
traddistinguono (bradisismi decrescenti), dovuti a veri e propri 
postumi delle grandi dislocazioni ed all'abbassamento progres- 
sivo di scaglioni di terre fino al fondo del mare (2). 

L'esame delle curve batimetriche dell'Adriatico, che per lavo- 
rìo di trasgressione si annovera tra i mari più bassi dell'Europa, 
conferma il fenomeno orotettonico. Da queste curve si rileva in- 
fatti che il mare è poco profondo in tutta la distesa delle acque, 
e che soltanto può considerarsi profondo tra Viesti e Ragusa Cs 
tra Brindisi ed Alessio ; cioè verso il margine settentrionale 
e meridionale della nominata fossa Jonica. 

Singolarmente analizzate le curve batimetriche riguardo al- 
l'accessibilità da mare, merita menzione il fatto che la curva 
di 10 meW, a mezzodì di Dulcigno, si mantiene ad un intervallo 
che di poco si scosta dai 10 chilometri dalla spiaggia piatta alba- 
nese. Detta curva descrive attorno alla spiaggia un grande arco, 
i cui estremi si appoggiano ad Antivari ed al Capo Linguetta : 
il golfo del Drin corrisponde al massimo allontanamento della 
isobata di 10 metri. 

Le altre curve, pressoché concentriche a questa e progressi- 
vamente decrescenti in profondità verso il centro dell'Adriatico 
inferiore, descrivono una vasta area circolare che — lungo il 
diametro Elbassan-Palo di Bari — raggiunge la profondità mas- 
sima di 1645 metri. 

Notisi a questo proposito una coincidenza morfologica assai 
singolare. La Unea di maggior accessibilità naturale da mare, 
rappresentata da uno dei diametri della predetta fossa Jonica, 



(1) ViézzoLi. L'Adriatico. ~ Parma, Tip. Battei, 1901, pag. 15. — Cosimo Db Giorgi. 
Puglie ed Albania, op. cit. 

{2i Sui fnoyimenti di bradisismo della costa orientale adriatica e di quella Klbanese 
in ispecie, si veda: Aul Boué — La Turquie d'Europe^ voi. I, pag. 405-406. Si consultino 
infine, a proposito delle correlazioni tra il bacino settentrionale ed il bacino meridionale 
dell'Adriatico, le Ouervasioni geografiche fìsiche « geologiche tuW itola dÀ Litsa, del 
prof. A. Martelli. {BoUeUino Soc, Gcog. Italiana^ maggio 1904). 



Digitized by 



Google 



LE COSTE 67 

trova il suo prolungamento lungo la direttrice di Pechini -El- 
bassan-Monastir ; la quale corrisponde effettivamente alla Unea 
di penetrazione naturale per terra attraverso alla regione alba- 
nese e macedone. 

Dai predetti cenni sulla gènesi costiera emerge adunque 
che il littorale albanese è rappresentato morfologicamente 
ora da una successione di spiagge piatte, potamògene, falcate 
divise da promontori rocciosi ; ed ora da tratti di costa ripidi 
longitudinali e di frattura. Le spiagge piatte sono dovute al 
Talluvionamento e dal colmataggio che potè effettuarsi su am 
pie distese di terreni determinando dei dolci declivi, sviluppati 
corsi d'acqua e zone deltaiche; dappoiché i venti di occidente 
che soffiano con qualche frequenza sul Mediterraneo sono ap- 
portatori di umidità. 

La distinzione morfologicamente tipica tra le due specie di 
costa albanese piatta o rupestre, è data dal Capo Linguetta ; 
(Glossa) estremo settentrionale del fascio di frattura delle ca- 
tene della Grecia Occidentale. Ne deriva quindi una prima distin- 
zione in due tratti di costa caratteristici, posti a settentrione 
l'uno ed a mezzodì l'altro del nominato promontorio. 

La corrente littoranea adriatica che rade i rilievi di frattura 
deUa Grecia Occidentale contribuisce ad appiattire le insena- 
ture, regola l'uniforme distribuzione dei prodotti fluviali ed 
impedisce la costruzione dei delta lungo la costiera albanese di 
mezzogiorno. Anche i venti concorrono in quest'opera di eguale 
distribuzione del lavoro costruttore delle acque. 

La stessa corrente radente adriatica — deviata dal Capo Lin- 
guetta alla volta delle maggiori profondità della fossa Jonica — 
ha invece un'azione priva assolutamente di ogni efficacia tra la 
baia di Valona e le foci della Bojana. Epperciò lungo tale tratto 
sono numerose e frequenti le insenature, assai spiccate le costru- 
zioni deltaiche, le formazioni sabhne, i lidi, i banchi, i cordoni 
littoranei e le paludi ; a motivo dei molti corsi d'acqua dal pre- 
valente regime torrenziale che vi sfociano e del difetto di ogu' 
azione distributiva del lavoro delle forti correnti marine. 

Tali spiagge rendono di conseguenza la costa albanese, a set- 
tentrione del Capo Linguetta, poco favorevole alla navigazione 



Digitized by 



Google 



i8 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

ì poco accessibile. Accostare queste spiagge non è sempre facile 
i» motivo dei bassifondi, dei banchi di sabbia, delle barre di 
oce e degli incostanti fondali. Quivi terra e mare trapassano 
[uasi insensibilmente Tuna nell'altra, ed il navigante che non 
mò sempre avvistare la costa per difetto di rilievi littoranei bene 
Listinti deve riconere continuamente all'ausilio dello scan- 
Laglio. 

Le coste ripide longitudinali dell'Albania meridionale che 
prospettano l'Jonio, hanno invece per caratteristica generale 
Li separare l'interno della regione dal mare : epperciò esse non 
rovano sbocchi che verso nord-ovest a Valona ed a Durazzo ; 
ippure verso sud-est, nel golfo Ambracico, ad Arta e Salachora. 

Storicamente l'inospitalità di codesta sezione littoranea fu 
empre tale che la Veneta Kepubblica, nel preciso intento di 
Qantenersi aperte le vie dal bacino inferiore dell'Adriatico verso 

mari Levantini dovette procurarsi — per dominare l'opposta 
ponda — dei solidi punti d'appoggio miUtari e commerciali nelle 
sole dell'arcipelago Jonio, specie a Corfù, a Zante ed a S. Maura. 

Concludendo adunque l'accessibilità delle coste albanesi è 
àuttosto scarsa, la navigabilità laboriosa e difficile; l'una e 
altra impongono un diligente apparecchio navale, una cono- 
cenza esatta e particolare delle coste di approdo ed infine 
obbligo imprescindibile di assicurarsi, al più presto, una pro- 
Dnda zona di terre retrostanti alle coste medesime. 



B) 1° Tratto — Costa piatta Albanese, dalle foci 

DELLA BOJANA AL CAPO LINGUETTA. 

( Vedasi 1% carta annessa delle Coste — I Tratto). 

La costa piatta albanese si ricollega al littorale fratturato 
montenegrino presso Dulcigno. Questo littorale ricorda l' ana- 
>ga conformazione di quello dell'Albania meridionale, poiché 
ntrarabi sono chiusi e privi di fiumi che sfocino in mare (1). 



(1) Maggiori particolari suiraccessibilità delle coste albanesi si possono trovare nel* 
opera: The Mediterranen PUot, voi. Ili, pag. 243 e seg., London, 1880. — Per le coste 
ontenegrinesi veda:HA,ssBRT. Beitràgs zur Physischen Geogrophie von Montenegro 
•p. cit., pag. 49 e seg,). Per i fenomeni carsici della sponda marina albanese si veda 
vjic. Dos Karstphàenomen (op. cit., pag. 317 e teg.). — Vedasi inoltre: Adriatisehes 



Digitized by 



Google 



LE e O S T E 69 

Tra le particolarità morfologiche della costa di attacco monte - 
negrina, sono da notarsi le caverne e le copiose sorgenti d'acqua 
che scaturiscono a breve distanza dal lido e lungo la costa me- 
desima, anche sotto il livello delle acque (littorale di Dulcigno). 

La costiera piatta albanese si apre propriamente a mezzodì 
delle foci della Bojana ed è contraddistinta in singole sezioni 
dal lavoro costruttore dei torrenti che vi sfociano e dal moto 
ondoso del mare. Tra i corsi d'acqua sono da notarsi la Bojana, 
il Drin, il Matj, Tlsmi, l'Arzen, lo Scombi, il Semeni la Vojuza 
ed altri minori. H paesaggio complessivo ricorda le paludi e gli 
stagni rivieraschi dell'estuario veneziano, pur che si tenga pre- 
sente la latitudine assai più bassa. 

I nominati corsi d'acqua, protendendosi con le loro bocche 
in mare, rendono falcate le spiagge lungo le quali si elevano degli 
aggetti rocciosi rappresentati da antichi isolotti di natura ana- 
loga agli scogli della riviera dalmata. Di tali aggetti, oltre che 
le foci dei corsi d'acqua, sono piuttosto ricchi anche i margini 
del littorale albanese con le estreme propaggini delle coste di 
frattura della Grecia Occidentale. Rinsaldati oramai alla terra- 
ferma più o meno completamente mediante uno o più cor- 
doni littoranei o larghe soglie alluvionale, questi aggetti si sono 
oggidì trasformati in scoscesi promontori, affondati nelle ghiaie 
e nelle sabbie. 

In corrispondenza di questi scogli l'azione alluvionale dei corsi 
d'acqua ordinariamente si smista ed il moto ondoso del mare 
riacquista il sopravvento. Ivi si aprono di preferenza i pochi 
porti della zona ed i lidi più favoriti per l'atterraggio. Tali li 
scogli triassici di Mali-Sutjel, di Puley, di Mali-Rese, di Pala, di 
Mali-Durs e molti altri ancora; che emergono dalle zone palu- 
stri o fiancheggiano le foci dei maggiori corsi d'acqua. 

Le peschiere, le lagune e gli stagni danno un concetto della 
scarsa accessibilità della zona. Le dune elevate — particolar- 
mente nelle adiacenze della costiera del golfo di Drin e di Va- 



Méw - Kii$tenkaH9 Blatt VI - Von Spilse d'Ostro bis Capo Laghi. Scala di l : 100,000 
Revisione del 1901. 

Per quanto concerne infine i particolari topografici della costa albanese del I Tratto, 
si consulti il foglio delle coste, alla scala di 1:300,000, allegato al presente volume. 



Digitized by 



Google 



70 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Iona — separano le paludi salate dalle miste verso l'immediato 
retroterra. 

Le sabbie imbibite d'acqua e ricoperte da uno strato di fango 
occupano estesi spazi ed aumentano la difficoltà delle comuni- 
cazioni lungo la costa, specie durante l'inverno. Epperciò si 
hanno assai sovente due reti ben distinte di viabilità riviera- 
sca, estiva l'una, invernale l'altra (1). 

I movimenti di marea quasi insensibili nel mare Adriatico, 
acquistano invece una grande importanza lungo codeste spiagge 
alluvionate e nei contorni delle lagune albanesi. Essi servono 
a mantenerle attive, epperciò hanno influenza decisiva nei rap- 
porti climatici e nell'accessibilità verso l'interno. 

Le correnti marine dell'Adriatico sono senza dubbio legate a 
quelle del Mar Egeo e del Mar Jonio. Da quest'ultimo bacino si 
diparte anzi una corrente che — procedendo da scirocco a mae- 
stro, anche per effetto della rotazione terrestre — rade le spiagge 
dinaro-albanesi per discendere lungo le coste itaUche in guisa 
da avviluppare in un unico circuito l'intera zona rivierasca 
adriatica. Un ramo di questa corrente si distacca dalle coste 
meridionali albanesi e si avvia verso S. Maria di Leuca, lungo 
il rialto sottomarino che separa l'Adriatico dall'Jonio. Le cor- 
renti superficiali variabiU, flutto, corrente, drift, seguono invece 
l'impulso dei venti e dipendono essenzialmente dal regime 
di essi. 

Emerge adunque, da tutti questi fenomeni, che la viabihtà 
e l'abitabilità lungo le coste prendono norma dal grandioso la- 
voro costruttore delle acque terrestri e marine. Centri abi- 
tati già un tempo floridi scomparvero presto o tardi in forza 
dell'assalto continuo degli agenti naturali collegati : di fronte 
ad essi tutta l'energia dell'uomo non potè a meno che rimanere 
vinta. 

I flumi con le loro alluvioni, il vento, il moto ondoso del mare, 
le correnti marine, consociatesi, spingono avanti il prodotto 
del loro lavoro nel mare Adriatico e promuovono l'imperver- 



(1) Vedansi alenili tipi caratteristici della specie — In particolar modo nel contado 
di Valona — negli Itinerari Stradali (Parte III). 



Digitized by 



Google 



LE COSTE 71 

sare delle febbri nelle bassure acquitrinose che sempre più si 
allontanano dal benefico contatto quotidiano della marea. Cosi 
ampi interrimenti vennero a frammettersi tra gli antichi porti 
romani ed il mare ; al quale proposito giova ricordare che Va- 
lona dista oggigiorno piti di tre chilometri dalla spiaggia. 

Le vecchie città marinare dell'Albania centrale evoluzionarono 
in modo non diverso. li'sLnticB» Apollonia romana (Pòjani) presso 
alle foci del Semeni, ritraeva grande parte della sua floridezza 
da una maggiore vicinanza al mare cui era congiunta mediante 
un canale navigabile sull'Aoo (Vojuza). Nell'Albania del mezzo- 
giorno infine VOnchesmos romano è oggidì ritratto assai dentro 
terra, a settentrione dell'odierno porto di Santi-Quaranta (1). 

Golfo del Drin, — Questo golfo costituirebbe una ben disposta 
via di accesso tanto all'Albania settentrionale (bacino di Scu- 
tari e valle del Drin), quanto per la zona ricca ed irrigua della 
Zadrima ed il limite orientale della pianura dello Sperdet al- 
l'Albania centrale ; ove però le alluvioni della Bojana, del Drin 
e del Matj non concorressero continuamente a trasformare questa 
via nei rapporti morfologici e ad ostacolarla nei rispetti della 
salubrità dell'ambiente. 

Essa corrisponde nella sua gènesi all'antica zona di depres- 
sione per la quale il lago di Scutari, un tempo vasto seno di 
mare, comunicava con l'Adriatico. Fenomeni di bradisismo nelle 
immediate vicinanze del golfo del Drin sono tuttora avvertiti 
Jungo il littorale di Dulcigno ; mosso è di frequente il mare presso 
alle foci della Bojana per cui si manifesta talvolta malagevole 
l'imbocco della barra di foce ; scarsa è la protezione dai venti; 
diffusa ed ostinata la malaria, specie nei mesi di Agosto e di 
Settembre. 



(1) Philippson. Réisen und Forsehungfn in Nordr-Gri«ehénland{o^.ùi.^&g.'ì40 241). 
Particolari notizie sai porti costieri sono contenute nel The Mediterranen Pilot, voi. Ili, 
pag. 245 e seg. — Vedasi inoltre : Adriatiseh$8 Metr — Kiistén Blatt VII — Gap Laghi 
bi9 Nord Corfù: Scala di 1: 180,000. — Circa la topografia di Apollonia, Tantica metro- 
poli romana, essa, secondo il Psendo Skylax (cap 26) doveva distare 50 stadi dal mare; 
secondo Strabene (VII, 5, 8) circa 60. Oggigiorno il monastero di Pojani — che se^a 
Testremo delle rovine della città più vicino al mare, sparse lungo le pendici occidentali 
dei colli di PeshUne, del detto monastero, per StUla {Shtylla) e StUlassi {Sktyllasi) fino 
a Samnr — dista nove chilometri dal mare stesso. Giova qui ricordare che lo stadio 
romano di 6ZS pedes, corrisponde a m. 184. 

6 — Albania. 



Digitized by 



Google 



72 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Il porto di S. Giovanni di Medua, ricavato nelle estremi pro- 
paggini della dorsale dei Mali-Eencit, offre le migliori condizioni 
di ancoraggio di tutto il golfo del Drin. Esso è importante per 
le comunicazioni sia verso il bacino di Scutari come verso 
AleSvSio e Tirana con l'Albania del centro, sulle tracce dell'antico 
golfo terziario. Sotto quest'ultimo riguardo il porto di 8. Gio- 
vanni di Medua può considerarsi sussidiario di quello di Durazzo, 
abbenchè angusto e ristretto nella zona littoranea utile agli ap- 
prodi e sprovvisto di acqua potabile. La regione è inoltre infe- 
stata dalla malaria, che cessa però quasi completamente sul 
finire di Ottobre. 



Zone piatte albanesi dalle foci del Drin a Capo Laghi, 

Tra le foci del Drin e quelle dell'Ismi si estende la spiaggia 
alluvionale di Sperdet (o di Sperzet), acquitrinosa, malsana, bat- 
tuta dai venti di sud-ovest e di nord-ovest, spopolata meno 
che a brevi intervalli di tempo durante l'inverno in cui stazio- 
nano in questa contrada dei pastori nomadi appartenenti alle 
tribù montanare dei Clementi {Kélmendi) e dei Kastrati. 

Tali caratteri di inospitalità si accentuano ancora più tra 
le foci del Drin e quelle dell' Arzen. Quivi elevate dune impedi- 
scono il naturale deflusso delle acque, arrestano le correnti di 
marèa ed alimentano i pantani di Pula-Barzolois, di Pula-Gursi 
e delle adiacenze. 

Le condizioni della spiaggia si vanno generalmente miglio- 
rando e bonificando verso l'arco di Capo Rodoni ^Muscheli 
Scanderbeg), all'estremo dei rilievi che si attestano in mare 
tra il detto capo ed il promontorio Laghi (dorsali di Mali-Muzlit, 
di Mali-Durs e di Codra Math). 

Tra queste anticlinali — forse le estreme del fratturamento 
delle catene della Grecia Occidentale — si apre la baia di Du- 
razzo. n porto omonimo è formato da due aggetti rocciosi, 
quello cioè di Mali-Durs (184 metri) e di Pala (38 metri), rin- 
saldati tra di loro ed alla terra ferma per via di cordoni li ttoranei. 
Questi aggetti determinarono a loro volta la formazione di un 
pelaghetto costiero, la Cneta Durs e di una zona palustre, la 



Digitized by 



Google 



LEC08TE 73 

Pula Valnina, Lo scoglio di Piombino ed i rilievi di Monte Ar- 
gentario hanno molta analogia, nei riguardi morfologici e 
attacchi con la terra ferma, con questa zona rivierasca pros 
a Durazzo. 

L'isobata di 5 metri serpeggia lungo la costa a meno e 
miglio da essa, con spiccata tendenza ad avvicinarsi verso 
presso ai du^ estremi della baia. L'ancoraggio è sicuro dai y 
ma breve ed angusta è la zona littoranea verso l'immei 
retroterra (costiera del Sasso Bianco). Buone comunica 
mulattiere e carrarecce conducono a Tirana e verso la va 
dello Scombi, specie verso quest'ultima regione, seguiti 
t^mpo da un ramo dalla Via Egnatìa, Per questa via ] 
vansi a contatto lungo la strada più breve, per Elbassan, 
nastir e Salonicco, le popolazioni italiote con le greco-oriei 

L' importanza della baia di Durazzo emerge chiare 
medesimo carattere delle coste dinaro-albanesi, delle 
codesto scalo occupa una posizione centrale, abbenchè i 
favorito da natura del porto di Valona. Epperciò Durazzo 
siede l'incontestabile vantaggio su Valona di segnare la \h 
breve e più facile per raggiungere lo sbocco di Salonicco 
mari Levantini, attraverso alla penisola Balcanica. 



Zona piatta albanese 
da Capo Laghi a Capo Tre Porti, (Lagune di Valon 

Questa sezione di costa abbraccia un esteso littorale sai 
acquitrinoso, costeggiato da dune spesso di considerevo 
lievo, elevate tra 15 e 20 metri. Verso l'interno si apre la 
remma della Musachja (Mzxéceja), tra Scombi e Vojuza. 
gione di colmataggio, deserta nell'estate, attraversat 
gruppi nomadi di pastori (1) soltanto nell'autunno ava 



(1) Vedansi più precisamente i lìmiti della zona nel foglio Durazzo i37*-41^) del 
Austro-Ungarica alla scala di 1 : 200,000, e nella KuiténKarte^ BUtt VII - Ca 
bit Nord-Cor fu, alla scala di 1: ldO,000. Circa le tribù pastorali valacche {Ciobi 
smigrate nella sona in discorso e discendenti in parte dal soldati di Pompeo 
nella penisola balcanica dopo la battaglia di Farsaglia (1 cosidetti Fartaglìol 
passano periodicamente in Musachla per ragioni di transumanzia si consulti: ( 
TINO BuBiLiAMo: I Jiomeni dì Turchia. UltaVa Cvloniale, fascicolo n. 6, 
luglio 1904. 



Digitized by 



Google 



74 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

o nell'inverno (tribù pastorali valacche preferibilmente della 
stirpe dei Far.saglioti). 

Lungo il littorale è impossibile l'ancoraggio a motivo dei 
banchi di sabbia, dei bassifondi e dell'insufficiente protezione 
dai venti, particolarmente da quelli di scirocco e di bora. L'iso- 
bata di 10 metri serpeggia in modo assai irregolare a circa 
5 chilometri dal lido della maremma. 

Gli acquitrini più notevoli in questo tratto di costa si deno- 
minano di Diviaca-Pula, di Cravasta (Kravashta) e di Soli. 

Golfo di Valona (Avlona). — Questo golfo si apre imme- 
diatamente alla testata dei rilievi di frattura della Grecia Occi- 
dentale, lungo una notevole sinclinale del fascio (Lungara- 
Caraburun). È protetto verso il mare dalla arida e frastagliata 
penisola dei monti Caraburun e dall'isolotto di Saseno (331 m.), 
estrema propaggine del fratturamento delle montagne Acroce- 
raunie (1). 

Da capo Tre Porti, a nord -ovest dello scalo di Valona {Scala), 
il golfo si estende lungo una spiaggia arenosa, a giuncheti, a 
peschiere ed a saline. Esso si allontana dal tipo piatto soltanto 
tra le alture dei conglomerati di Crionero, di Sasiza e di Eadima, 
per ritornare dopo breve intervallo sabbioso oltre Nizvoro 
(Selve di Valona) asse della sinclinale del golfo, fino al piede 
delle alture di San Giorgio nella baia di Pasaliman e nel basso 
territorio dei Ducati. 

Da questo punto, secondo l'allineamento segnato dall'isolotto 
di Sàseno, la costa si mantiene longitudinale, di frattura, anche 
nell'interno della baia medesima. L'isobata di 40 metri lungo 
il margine di frattura, tra la baja di Pasaliman e Sàseno, si man- 
tiene a meno di un miglio dalla costa (2). L'interno del goKo è 
protetto da tutti i venti, tranne che da maestro il più frequente 
in queste contrade e solito a spirare dall'equinozio di primavera 
a quello di autunno. 



(1) Suir isolotto dì Sàseno vedasi : A. Baldacci. Un'escursione allo scoglio di Sàseno 
Boll, della Soe. Botanica Hai., Firenze 1902. — Vedasi inoltre la carta idrografica di 
Valona dell'I R. Marina AustrO'Uogarica, alla scala di 1: 80,000. Revisione del 1901. 

(2) Vedasi la carta marina Austro-Ungarica sopra citata, alla scala di 1 : 180 000. 
(Kiisten-Karte. Blatt VII). 



Digitized by 



Google 



LECOSTE 75 

Le migliori condizioni naturali di approdo del golfo si trovano 
lungo la baia di Valona, dal castello veneto di Punta della 
teria {Kalja) alle foci del lSmYOTO(Izvor)e nelle adiacenze 
costiera di Pasaliman nella baja di Ducati. 

Ben coltivato è il retroterra, specialmente verso la vg 
e le convalli della Susiza ricche di granaglie e di ulivi. Co 
sono le sorgenti al piede delle colline di Crionero, di Canini 
Eadima ; ma esiste difetto assoluto di acqua lungo la costa p 
e sabbiosa di Valona. Attorno a Crionero (Maje Sturos) 
Canina, ad oriente della baja, e sulle alture di Pasaliman 
vena) corrispondono i migliori appoggi difensivi del gol 
Valona, come è detto più sopra. 

Le numerose scaglie silicee che si trovano in quei par 
hanno rifornito in ogni tempo di pietre focaie la moschet 
degli Albanesi del centro (contado di Dracovitza) ed ali 
tato il loro spirito guerresco. 

Buone comunicazioni si aprono verso l'interno, in dire; 
dell'Albania centrale e meridionale : sono però disadatte in 
parte del loro percorso al transito dei carri ; specie nelle zo 
marne e di argille bluastre. Le comunicazioni sono invece 
più utili, per fondo e per tracciato, al movimento delle saln 

In sostanza, le caratteristiche essenziali del tratto di ( 
piatta tra le foci della Bojana ed il Capo Linguetta pos 
così riassumersi : difficoltà di navigazione, esigua profoi 
di terreno efficace per la protezione degli approdi, limitata 
bilità ordinaria verso l'interno. La viabilità in genere è 
suscettibile di considerevoli migliorìe. 

Xe conseguono quindi due illazioni immediate dipen( 
dalla natura morfologica delle coste piatte albanesi: e cioè, 
dizione assoluta di vincolare gh approdi ed i traffici marii 
ai due porti di Valona e di Durazzo (sussidiato quest'ul 
possibilmente dallo scalo di S.Giovanni di Medua); nece 
imprescindibile di allargare subito nel retroterra l'angusta 
di approdo littoraneo verso la regione dell'Albania del cei 
rimontando la valle dello Scombi opportunamente tra^fori 
nelle moderne esigenze della viabilità. 



Digitized by 



Google 



76 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 



C) Secondo tratto — Costa longitudinale di frattura 
DAL Capo Linguetta al promontorio pantocrator (Prevesa), 

( Vedasi la carta annessa deUe Cotte — II Tratto). 

Le coste dell'Albania meridionale corrispondono direttamente 
al fianco di frattura della fossa Jonica. Prospetta infatti su 
quel mare una falda rocciosa, inospitale, quasi continua e contro 
di essa preme la corrente adriatica e flagella la violenza dei 
venti di Maestro. Epperciò questa costa non presenta grande 
interesse nei rapporti nautici, per difficoltà di navigazione, per 
scarsezza di rapporti economici e per il lungo sviluppo delle 
comunicazioni verso i più notevoli centri territoriali interni. 

A tutto rigore non può dirsi che questa costa manchi effetti- 
vamente di porti, che sono rappresentati dalle brevi sbreccia- 
ture nella catena calcara corrispondenti alle fratture aperte 
nell'arco dinaro -albanese; ma dietro ad esse sorgono altri rilievi 
più elevati, talvolta più massicci e più chiusi che isolano quasi 
completamente queUe sbrecciature o le mascherano. L'accessi- 
bilità dalla costa verso l'interno si arresta pertanto non molto al 
di là delle linee di frattura, oppure è costretta a ripiegare in giri 
tortuosi e capricciosi lungo le sinclinali del fiygch interposte 
tra i vari rilievi calcari. Tale fenomeno morfologico, allungando 
forzatamente il percorso delle comunicazioni, nuoce alla loro 
rapidità e. conseguentemente, anche alla loro economia. 

Molto spesso l'accessibilità verso l'interno non è segnata 
che da una continua ed erta successione di faticosi sali- 
scendi. Le comunicazioni più spacciate si sviluppano soltanto 
lungo le valli longitudinali del sistema della Grecia Occidentale, 
circostanza codesta che dà rilievo agli sbocchi di Valona e del 
medio Semeni, da una parte; di Jòanina, di Arta e di Salachora 
dall'altra, come fu detto più sopra. 

Tra le particolarità morfologiche dell'erta costa longitudinale 
povera di corsi d'acqua sono da annoverarsi : i cosi detti karren 
— o solchi più o meno profondi scavati nella roccia calcarea — 
alcune cave dovute all'erosione : le sorgenti costiere — spesso 
di notevoli dimensioni — e, da ultimo, le sorgenti sottomarine. 



Digitized by 



Google 



LE COSTE 77 

Lungo questo tratto di costa, dal Capo Linguetta alla punta 
di Pantocrator, Tisobata di 40 metri si mantiene sempre in 
grande vicinanza della costa medesima. 

Il porto di Palermo (Panormo) è un breve seno aperto in una 
sbrecciatura della dorsale dei Chimara, le cui pareti ripide ca- 
dono quasi ovunque sull'Adriatico (alture di 8. Demetrio). H 
porto è circondato da rilievi ancora piti alti (monti Borsi e So- 
PQt) ed è perciò riparato da tutti i venti all'infuori che da quelli 
di sud-ovest. 

Il porto di Palermo possiede due ancoraggi, interno l'uno, 
esterno l'altro al i>romontorio omonimo (1), capaci anche di 
grosse imbarcazioni. Però, in causa delle elevate dorsali che at- 
torniano lo scalo, esso rimane quasi completamente isolato dalla 
florida piana di Argyrocastron, dalla conca di Tepeleni e dal- 
l' alta vallata della Susiza. 

II traffico relativo si svolge quasi esclusivamente a salma, 
per i monti Calarat, Borsi e Sopot. 

La baia di Santi-Quaranta corrisponde ad un'altra insenatura 
ricavata lungo la linea di contatto tra calcari di differente com- 
pattezza ; vale a dire tra calcari del mesozoico e quelli dell'eo- 
cène (monti Spilla, di Capo Kephali e di Tsasta). 

Fu sempre il porto maggiormente preferito a mezzodì degli 
Acrocerauni (l' antico Onchesmos) per le comunicazioni con 
l'Italia, l'Albania inferiore e la costiera dalmata (1). La grande 
vicinanza dell'isola di Corfù a meno di 30 chilometri — zona 
ospitale e di approccio in prospetto della costa scogliosa dell'Al- 
bania meridionale — accresce valore al porto di Santi Quaranta. 
Quivi affluiscono di preferenza i traffici della vallata del Drynos, 
essendo attratti quelli della conca di Jòanina (per ragione di 
facilità e di brevità di percorso) a Salachora e ad Arta. 

La baia di Butrinto si apre lungo un'altra linea di frattura 
occupata dal nèogene, tra i rilievi calcarei compatti di Capo 
Scala (Almura) e di Capo Stylos (depressione di Vrana-Murzi). 
E sa trae grande sicurezza e protezione da ogni vento grazie 
all'opposta isola di Corfù ed agli alti rilievi del Pantocrator 



(1) CiCBRONS. Ad Attie. I. 7. Ep. II. 



Digitized by 



Google 



78 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

(S. Salvatore — metri 910) sull'estremo settentrionale dell'isola 
medesima. 

]VIinore valore hanno i porti di Sagiada, lungo la costa allu- 
vionale di Paracalamos e presso allo sbocco del ramo settentrio- 
nale del fiume Calamas. E' porto di traffico del così detto legno 
giallo (rhus cotinus). 

Non maggior valore hanno gli scali di Livitazza e di Gome- 
niza, tutti prospicienti sulla linea longitudinale di frattura tra 
la costiera epirota, Corf ù e Paxos ; costituiti da aggetti rocciosi 
di calcare del mesozoico e rinsaldati alla terra ferma da soglie 
di terreno alluvionale. 

Tale è la funzione del massiccio di Mavronoros rispetto alle 
baie di Sagiada. di Gomeniza e di Livitazza. Infine all'ampia 
zona di erosione piuttosto che di frattura del golfo Ambracico 
(Arta), corrisponde un grande seno interno largamente alluvio- 
nato e che può dare ricetto soltanto a navi di pescagione infe- 
riore ai tre metri. 

Il golfo Ambracico è sbarrato al suo imbocco (presso alla 
punta di Pantocrator) da vecchie fortificazioni, ma meglio e più 
efficacemente di ogni altro impedimento esso è protetto da una 
larga barra alluvionale. Nell'interno del golfo si aprono numerose 
baie : più notevoli tra esse sono quelle di ZucaUà, con il porto di 
Salachora ; quella di Logarù, di Carvassaras, di Lutrachi e di 
Vonitza. Le prime due traggono la loro importanza dai buoni 
rapporti con il bacino di Joànina ; le rimanenti dai contatti 
con il distretto di Acarnania {Nomos Akarnania). 

In complesso, la costa longitudinale di frattura dell'Albania 
del mezzogiorno picesenta difficoltà considerevoli di accesso 
verso r interno. Divide anzitutto il mare dall' immediato 
retroterra, epperciò si spiegano tanto le antiche signorie 
locali dell' Epiro — chiuse, limitate di esistenza e di at- 
tività economica e poHtica, perchè astratte dal contatto 
estensivo, benefico e fecondo del mare (1) — quanto i re- 
ri) Di questa natura furono le signorie aristocratiche della Chaonia^ con Onchesmos 
e Butrinto; la Tesprosiae la Molonia, con capoluogo Arta (Vedasi H. Kiepi£Bt, Léhrhueh 
dtr AUen Q«ographie, pag. 300, Berlin 1878, Reimer Edit.). Di uguale natura fu anche 
la breve floridezza politica ed economica del regno di Pirro ed il governo di Ali Pascià 
di Joanina. 



Digitized by 



Google 



LE COSTE 79 

centi tentativi dei Suliotti e dei pascià e bey nazionali indi- 
pendenti. 

Questo fenomeno è d'altronde diviso da tutta la costiera 
dalmata, la quale ha per caratteristica essenziale la costituzione 
di speciali centri politici ed economici autonomi, le cui sorti 
sono collegate all'immediato retroterra da singole vie di pene- 
trazione dal mare. Tutte queste vie oltrepassano faticosamente 
i rilievi corrugati dinarici ed attraversano la regione, non tanto 
a benefìcio dell'immediato retroterra, quanto nel proposito di 
raggiungere un altro mare, oppure le vie del grande traffico 
balcanico (1). Epperciò esse non hanno tanto una vita ed una 
esistenza a sé — proveniente dalle terre in cui si svolgono — 
quanto dipendente dalla continuità e dall'importanza dell' im- 
pulso economico o politico esteriore. 



(1) Cbnturio (pseudonimo) P§r Vallra riva dell* Adriatico. — Roma. E. Voghera 
Edit., 190». Questo libro pone in speciale rilievo rautonomia politica ed economica degli 
sbocchi marittimi che prospettano sul bacino delPAdriatico e le vie di penetraiione, da 
esso, attraverso la penisola Balcanica, alla volta del Danubio e delPEgeo. 



Digitized by VjOO^IC 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO III. 

Le acque 



A) Generalità. 

È il corso ed il regime delle acque che in qualunque terreno 
vivificano le attitudini e le energie naturali del suolo, che 
stimolano la raccolta degli aggregati sociali e li sospingono 
alle relazioni, agli scambi, ai commerci ed ai benefici contatti 
della civiltà. I fiumi collegano le zone montane alla pianura ed 
al mare ; essi costituiscono le prime vie solcate dai commerci 
e dai prodotti di provenienza diversa; per loro mezzo i dif- 
ferenti aggregati sociali cessano dall'isolamento è dalla segre- 
gazione primitiva per abbracciare risolutamente una feconda 
vita di relazione e di mutuità. 

In ordine a questi fenomeni i corsi d'acqua geologicamente 
e biologicamente più importanti sono quelli che si schiudono 
il varco tra terreni di formazione diversa. A lungo andare essi 
ne vincono le resistenze più tenaci, le attenuano e le modellano. 

Uniformandosi essi alle pendenze geologiche ed osservando 
nel loro corso la legge generale della conseguenza in rapporto 
alla direzione complessiva degli strati, ne deriva che tali corsi 
d'acqua tracciano altresì la più breve e la più economica strada 
tra il monte, il piano ed il mare; cioè tra le zone di diverso ri- 
lievo e quindi tra terreni di differente produttività. Questi fiumi 
riflettono le caratteristiche distintive dei terreni che attraver- 
sano persino sullo specchio medesimo delle loro acque: queste 
sono ora limpide, profonde e solenni alla base dei terreni per- 



Digitized by 



Google 



GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Icare; ed ora torbide, irrequiete e ramificate al- 
leili argillosi e marnosi. 

versali sono poi quelle che maggiormente fanno 
itteri morfologici ed antropogeografìci distintivi, 
pò a laghi nella regione interna esse trasportano 
B quasi un lembo di mare, e con questo lembo 
i e tutte le caratteristiche inerenti alla faeihtà 
dei contatti tra società e prodotti diversi. 

essere trasversali i corsi d'acqua seguono uno 
budinale rispetto ai rilievi, la regione conserva 
niformità di aspetto e maggiore facilità di tran- 
aò avvantaggiarsi in verun modo della varietà 
i delle risorse naturali che ne raddoppiano indub- 
ore morfologico, antropogeografico ed economico. 

albanese, come la carsica in genere, accentua 
spiccato l'influenza del regime delle acque sulla 
terreno. Anzitutto, per la naturale prevalenza 
^ri e per la brulla uniformità delle regioni del cre- 
nettamente individuati nei rispetti dell'uomo, 
le abitazioni, non sono frequenti, 
ografico afferma il suo valore di mutuità e di re- 
;o lungo le zone del fysch, o dove il mantello 
5 rilievi di più antica o di più recente data. Così 
ella regione dei laghi nell'Albania centrale ; alle 
ol, tra i serpentini di Goritza, il neògene di Bilista 
dei Suha-Gora ; alle sorgenti dello Scombi e del 
i le rocce paleozoiche dei Cara-Orman, i calcari 
) di Mokrasca. Perfino nelle zone di colmataggio 
si d'acqua errano a loro grado in ramificazioni 
lari — si notano con qualche frequenza sorgenti 
gli calcari aflBorano al di sopra del livello del 
ato. 

ite dei terreni i fenomeni idrografici di natura 
il sopravvento. Epperciò si spiega come siffatta 
geografica positiva abbia accentuato in ogni 
iale carattere di segregazione e di isolamento 
braddistinte le società albanesi, e dato impulso 



Digitized by 



Google 



LEACQUE 83 

alla loro vita cantonale — singolarmente raccolta intorno alle 
zone più favorite dalle acque — ma divisa l'un l'altra dalle 
aride barriere carsiche. 

Negli altopiani fessurati del calcare le acque si smarriscono : 
i tendini ed i muscoli di questa vita motrice naturale del terreno 
e delle società, o si indeboliscono e si perdono misteriosamente 
nelle viscere del suolo, oppure si smarriscono in modo inatteso 
e repentino. I corsi d'acqua, fatti impotenti a proseguire nella 
loro corsa lungo gli antichi meandri, soccombono in certa qual 
guisa al di sotto, nelle profondità deUa propria valle, che diventa 
loro tomba. Le acque piovane, abbenchè abbondanti per gli 
acquazzoni autunnali, scompaiono subito attraverso alle nume- 
rose diaclasi che solcano in ogni seijso gli strati calcarei. Così 
perfino le precipitazioni atmosferiche copiose, le quali d'ordi- 
nario provocano le più spiccate varianti plastiche esteriori, ri- 
mangono spesso infruttuose nelle relazioni della coltura, della 
abitabilità e della facilità dei contatti reciproci. 

Il regime idrografico sotterraneo è perciò prevalente nelle 
zone carsiche, con tutte le particolarità fisiche ed antropogeo- 
grafiche che vi sono connesse. Mancanza cioè di continuità nelle 
vie acquee — le vere vie maestre deU'economia e deU'incivili- 
mento umano, — varianti improvvise di regime nelle diverse 
stagioni; abitabilità irregolarmente disposta; aridità grande 
nei terreni adiacenti ; isolamento di questi dalle valli a motivo 
della profonda azione erosiva delle acque e delle larghe e fre- 
quenti alluvioni (1). 

Quanto alle valli, le trasversali dello Scombi e del Devol sono 
le sole che nella regione albanese cumulino in sé (abbenchè in 
proporzioni ridotte) i pregi distintivi di tali vallate caratteri- 
stiche nei rispetti morfologici e biologici. Questi pregi sono 
accresciuti dal benefizio naturale di cui dispongono, di mettere 
cioè capo alla regione dei laghi la quale funziona come da mo- 
deratrice del grande bacino idrografico. La frequenza delle 
città illirico-romane in rapporti geografici con le valU tra- 
sversali dello Scombi e del Devol, quah Lissus (l'odierna 

(1) J. Zvjio*. Da$ Kanfphànomen^ op. cit:, pag. 278. 



Digitized by 



Google 



1 



30GRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 



10, ApoUoniai FoRsa-Clodiana, Byllis, Amantia 
ragano ampiamente questo fenomeno antro- 
acquitrinosa e malsana che si estende tra Va- 
tacola l'accessibilità da mare e limita i contatti 
vallata del Drin Nero, del Drin Bianco e del 
ssono annoverarsi in qualche sezione del loro 
le trasversali ; ma sono profondamente rin- 
a gole profonde, dalle masse calcaree ed erut- 
settentrionale. Quali tratti di valle trasver- 
a si manifestano, nell'Albania Meridionale o 
j quelle sezioni fluviali che intercidono le bar- 
sorie. 

tudinali sono sovratutto degne di rilievo per 
rfologica che offrono lungo le zone del flysch, 
dare in rapido contrasto le valli di chiusa con 
lei punti di passaggio dalle soglie calcaree eom- 
i malleabili delle marne e delle argille, 
iolarità proprie delle zone del flysch si riflet- 
ite. Le immediate adiacenze dei fiumi in queste 
itto a sé le società umane, che quivi si sono con- 
iute ed accalcate come dentro ad una specie di 
òanina, a Lapsista, nella zona di Delvino e di 
centri abitati si succedono in fila ininterrotta 
ica che aderisce in senso longitudinale ad en- 
ei corsi d'acqua. 

trasversali tra valle e valle sono limitati, inco- 
rtuosi. Epperciò nell'Epiro ha maggiore risalto 
la, di quello che non abbiano i molti sbocchi 
^adagnano faticosamente le barriere calcaree 
[nettere capo alla riviera adriatica tra il pro- 
Btta ed il golfo Ambracico. 
acquitrinose di bassopiano — soggett'C all'al- 
ei bassi corsi d'acqua, alle divagazioni, agh 
'influenza dell'alta e della bassa marea ed ai 
li mòdulo — completano ed aumentano l'azione 
vi e della idrografia carsica albanese. In queste 
IO che tribù pastorali, più presto dèdite al go- 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUE 85 

verno delle greggi che alla vita marinara. Ciò deriva dal fatto che 
gli scarsi prodotti delle energie naturali del suolo, per l'ab- 
bandono, non sono sufficienti a determinare una spinta a que- 
st'ultimo genere di vita, la quale ripete invece la sua origine 
piuttostf» dal commercio esteriore. Tutti questi fenomeni con- 
sociatisi, hanno trasformato più o meno intensamente in ogni 
tempo l'Albania mediana in una grande strada di penetra- 
zione e di transito attraverso alla penisola Balcanica, dalla co- 
stiera adriatica al Mare Egeo. 

In nessun altro tipo di terreno adunque il regime delle acque 
superficiali e sotterranee ha influenza così determinante, rispetto 
alle forme di esso, come nelle zone carsiche. Acque superficiali e 
subaeree moltiplicano le accidentalità naturali del suolo; cagio- 
nano frane, asperità, fratture; arrestano e deviano le comuni- 
cazioni ; ostacolano infine la vegetazione ed il consolidarsi dei 
maggiori centri abitati. 

Le acque correnti si smarriscono per il facile dissolvimento 
chimico del calcare, di guisa che siccità superficiale e ricchezza 
di acque nel sottosuolo sono le caratteristiche essenziali deUe 
regioni carsiche. Soltanto i corsi d'acqua di maggiore portata 
seguono uno sviluppo superficiale, in virtti di un vasto e pro- 
fondo processo di erosione praticato attraverso ai rihevi. Forti 
varianti di regime torrentizio li contraddistinguono : nell'interno 
deJJe zone calcari essi formano spesso bracci profondi e solenni 
che scolpiscono il terreno in oasi allietate da copiosa vegeta- 
zione. D'inverno e d'autunno, violenti cambi di regime nelle 
acque allagano i contorni, invadono ampie zone costiere con 
acquitrini e con larghe alluvioni, che ostacolano per lungo tempo 
la viabilità ed inquinano il clima. 

All'azione glaciale spetta forse in grande parte la prima ori- 
gine di codesto grandioso lavoro esteriore delle acque carsiche, 
specie nelle vaUi di erosione del tipo canons e nel modello 
delle doline semplici (1). L'azione chimica diuturna delle acque 
sulle rocce calcari deve avere continuato, esteso ed approfon- 



(1) J. Zvjic'. L*époque glaeiaire dans li penimulé des Balhins {Annales de Géogr 
phie, tome IX, 1900;. 



Digitized by 



Google 



86 GEOGRAFIA GENERALE DELL*ALBANIA 

dito nelle sue orme primordiali l'antica azione incisiva e scul- 
toria dei ghiacci. I cahons tipici che si rintracciano anche nelle 
zonedinariche di alta montagna si attribuiscono ad un primo la- 
voro glaciale, secondariamente al fatto del trapasso dei maggiori 
corsi d'acqua danna zona di alta montagna molto ricca di piogge 
ad una meno ricca ; alle varianti di compattezza nei terreni ed 
infine ai fenomeni tettonici cui fu ampiamente soggetto il suolo 
dell'Albania. I maggiori corsi d'acqua della regione sono influen- 
zati da codeste accidentalità di chiusa : esse corrispondono alle 
gole ed alle forre del Drin Bianco, del Drin Nero, dell'alto 
Scombi, del Devol e della Vojuza. 

I canons della Susiza non fanno eccezione. L'odierna portata 
d'acqua della corrente sarebbe difatti incapace di un lavoro di 
erosione così grandioso, che si deve attribuire assai probabil- 
mente all'azione glaciale delle passate epoche. I rilievi di Canina 
e deUe adiacenze sotto Valona composti di conglomerati vari 
si ritengono in buona parte prodotto dell'era alluvionale (1). 

Al contatto tra calcari e terreni impermeabili l'idrografia 
naturalmente si ramifica, si diffonde ed infine ristagna. Corri- 
sponde a tale condizione morfologica il regime acqueo dell'Al- 
bania centrale ad occidente della zona dei grandi laghi, e queUo 
dei bassopiani dell'Albania meridionale. Lungo questa zona di 
contatto — segnata a grandi linee nell'Albania mediana dal sa- 
liente di Croja (krue, in albanese significa sorgente) verso El- 
bassan e da questa località verso Berat — corrisponde una no- 
tevole linea di risorgive. E' questo il tracciato dell'antico golfo 
terziario dell'Albania più volte ricordato (2). 

Ciò premesso, le correnti superficiali della regione si possono 
distinguere : 

a) In piccoli fiumi e ruscelli che scorrono per breve tratto 
aUa superficie del suolo e smarriscono in seguito le loro acque 
attraverso voragini e fessure (ponors). 

(1) Il fenomeno cui qui si accenna può avere qualche analogia con la formazione delle 
colline del Montello, presso airattuale sbocco del Piave nella pianura Trevigiana. 

(2; Codesta linea corrisponde più esattamente al tracciato « Alessio, Uroja. Tirana, 
Elbas*an, Berat, Cudesi. Lepeniia (Susiza) » (Vedasi lo Schizzo geologico annesso al 
presente studio, ed il foglio n 39 D. VI. della Cart« Oéologique Internationale de 
V Europe). 



Digitized by 



Google 



I^JW^ 



iif^'.ur'ii *' ■ 



LE ACQUE 87. 

h) In fiumi superficiali — fenomeno codesto che può dirsi 
eccezionale nella idrografìa carsica — scorrenti in valli che 
possono considerarsi tali soltanto nel loro complesso. Kappresen- 
tano essi un seguito di successive sezioni di lavoro praticate at- 
traverso all'intera zona calcarea fino al livello delle acque del 
sottosuolo, oppure fino all'incontro di uno strato di terreno im- 
permeabile. Sono alimentati, piuttosto che da affluenti super- 
ficiali, da numerose sorgenti naturali. Altra caratteristica di 
questi corsi d'acqua è pure quella di essere ben di sovente sprov- 
visti di bacino di ricevimento, o di nascere da una o più sor- 
genti, all'improvviso (1). 

Di conseguenza — a motivo del lungo e misterioso cammino 
che le acque debbono percorrere prima di arrivare alle sorgenti 
— le piene nell'interno delle regioni calcari compatte e continue 
avvengono di rado, oppure in ritardo. Si manifestano invece 
in modo rapido e violento lungo la linea divisoria tra terreni di 
diversa natura. 

Molti fiumi superficiali sono indeboliti ed interrotti da ca- 
scate o da salti, i quali corrispondono alla natura ed alla con- 
formazione dei rilievi tra rocce calcaree più compatte e rocce 
calcaree meno compatte. 

Oltre al fatto della povertà delle acque superficiali, le valli 
della regione si differenziano dalle ordinarie per talune speciali 
caratteristiche, cioè pareti ripide, a piombo, di difficile raccordo 
con i fianchi dei rilievi contigui. Rispetto al regime idrogra- 
fico, le valli della regione si suddividono poi più specialmente 
nei seguenti tipi essenziali : 

a) Valli a sacco. Cominciano superiormente a foggia di circo 
con un salto sotto al quale si apre la sorgente. Si trovano con 
qualche frequenza ai lati degli altopiani. 

b) Valli cieche. Sono molto numerose. In esse lo sbarra- 
mento inferiore è assai basso e la valle prosegue oltre in modo 
che le acque si smarriscono in fenditure — nei tempi di magra 



(1) Tali gorgenti sono denominate in Grecia Kephalari ed in Francia soureea vau- 
elutienne$. Si noti a questo panto che circa la terminologia idrografica carsica si sono 
usati i termini adottati per il rilievo dinarico dai geologi serbi ed austriaci che pre- 
sontano perfetta analogia con i fenomeni della specie nel rilievo albanese. 

6 — Albania. 



Digitized by 



Google 



88 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

— e proseguono ininterrotte sopra alle fenditure medesime, 
già ricolme di acqua, nei tempi di piena. 

e) Valli secche. In queste valli l'acqua non scorre che tempo- 
raneamente. Possono ritenersi prosecuzione naturale di valli se- 
micieche o di tratti di valle abbandonati (valli morte) per cambi 
di corso o peJ* fessuramenti improvvisi nel tavolato calcareo. 

Per quanto riguarda la formazione, le valli normali e le valli 
cieche possono essere primarie oppure secondarie. Quando un 
fiume passa da un terreno impermeabile in un calcare poroso 
l'acqua si sprofonda e l'erosione apre ivi un ponor ; oppure 
una valle cieca può formarsi per il crollo della volta di una 
grotta nella quale scorreva un fiume. 

Queste possono considerarsi formazioni primarie, perchè rap- 
presentano una certa quale continuità nell'idrografia carsica. 
Sono invece da ritenersi per secondarie quelle valli cieche che 
hanno origini da valli normali. Ciò può accadere, o perchè i 
ponor si aprono trasversalmente al letto di una valle normale, 
o in virttidi movimenti di dislocazione assai frequenti nella zona 
albanese. 



B) Acque sotterranee. 

Presentano delle particolarità morfologiche degne di rilievo. 
Anzitutto è da considerarsi il tipo delle grotte nelle doline im- 
butiformi e puteiformi (propriamente dette schloie), di due 
aspetti essenziali: quello cioè degli avens di Francia, che ter- 
minano con una cavità per lo più breve ed a fondo cieco e 
quello delle grotte che mettono capo a corsi d'acqua sotter- 
ranei (1). 

Nel suolo argilloso che speaso forma il substrato dei maggiori 
bacini, delle valU cieche e delle polje, si notano ancora delle 
depressioni imbutiformi e delle cavernosità di modello analogo 
a quello del fondo delle doline ; e si denominano doline alluvio- 
nali. Sono di piccole dimensioni, presentano notevoli cambia- 



ci) Sulla particolare nomonclatura della idrografia carsica si consulti l'opera del 
Dott. Zvjic\ Dcu Karttphànomen etc , op. cit., pag. 284 e seg. 



Digitized by 



Google 



LEACQUE 89 

meati di forma e possono trasformarsi, temporaneamente op- 
pure permanentemente, in serbatoj d'acqua tanto superficiali 
che sotterranei. 

All'infuori delle doline — il cui tipo idrografico interessa in 
special modo il terreno carsico poiché rappresentano le zone piti 
adatte allo sviluppo della vegetazione e dell'abitabilità — gli 
altri tipi di emissari o di grotte tipiche possono classificarsi come 
segue : 

a) Grotte grandi e lunghe. Sono costituite da canali che 
tengono luogo di letti di fiumi sotterranei, attuali, oppure ab- 
bandonati. Formano dei veri e propri sistemi spesso coordinati : 
di regola comunicano con la superficie per via di due sbocchi ; 
superiore l'uno, che segna l'entrata del fiume, inferiore l'altro 
sul margine della zona calcarea o lungo la linea di contatto con 
terreni impermeabili. 

b) OfoUe brevi ed asciutte. Terminano a fondo cieco e per lo 
più superficiale e sono prodotte quasi sempre dall'azione disgre- 
gatrice delle acque filtranti. 

e) Grotte delle acque del sottosuolo. Generalmente sono le 
più profonde e si ritrovano sulla linea di contatto tra rocce cal- 
cari e terreni impermeabili. 

A motivo di questa fitta e svariata ramificazione di acque 
sotterranee, le risorgive serpeggiano assai spesso incerte e ca- 
pricciose al piede delle zone calcari. Collegate tra di loro code- 
ste acque sotterranee danno origine a delle vere e proprie di- 
spluviali del sottosuolo, non dissimili in entità ed in portata 
alle displuviali del soprasuolo. Così avviene nel bacino di Joa- 
nina che è suddiviso in due di codesti versanti subaerei ; quello 
cioè del Vyròs da una parte e dell' Arctinòs dall'altra. I laghi 
intercomunicanti di Joanina e di Lapsista servono da modera- 
tori della intera rete idrografica occulta del bassopiano di Joànina. 

Le acque sotterranee sono adunque le più copiose della re- 
gione, ma sono accessibili soltanto per brevi e rade aperture. 
La presa delle acque riesce quindi lunga e poco produttiva, 
tanto più a motivo del difetto dei recipienti che si verifica nelle 
regioni deserte come in quelle degli altopiani calcari albanesi. 

I detti fenomeni di idrografia sotterranea non si avverano con 
tanta frequenza nella regione dei grandi laghi come nell'Ai - 



Digitized by 



Google 



90 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

bania settentrionale e meridionale, e ciò in causa della origine 
orotettonica di quella contrada dalle dislocazioni assai profonde 
ed incisive. 

La regione piatta, impermeabile, ha un velo acquifero sub- 
aereo ma non molto profondo. Non vi si riscontrano fenomeni 
di idrografìa sotterranea, eccetto che nelle poche doline allu- 
vionali. 

Al margine tra terreno permeabile ed impermeabile si arre- 
sta adunque si può dire il fenomeno carsico ed il regime idro- 
grafìco superficiale prende quindi innanzi prevalenza continua 
e decisa. 



C) Le acque superficiali. 

Mancano dati positivi per conoscere particolarmente le acque 
superficiali albanesi, vale a dire scarseggia ogni nozione esatta 
sul regime delle piogge e sulle loro medie annuali, sulla natura 
dei terreni permeabili o impermeabili, sui rapporti che interce- 
dono tra questi terreni ed il regime dei tributari, sulla portata 
dei corsi d'acqua, sulle inondazioni e sulle sorgenti. Uno studio 
così interessante — specie per le viabilità e per le operazioni 
militari — si deve limitare pertanto ad un esame sommario 
delle maggiori correnti albanesi, dei laghi, delle zone idrogra- 
fiche, delle polie e delle estese zone pantanose littoranee. 

La rete idrografica superficiale è determinata genericamente 
dalla stessa architettura del terreno, la quale rivela linee sin- 
golari ed incisive tra le varie direttrici di rilievo. Perciò i 
grandi fiumi seguono corsi spesso simmetrici e si aprono valli 
di erosione nel senso delle sinclinali, da nord-est a sud-ovest 
nell'Albania settentrionale e verso sud-est oppure verso nord- 
ovest nell'Albania Meridionale; a seconda che le correnti di 
quest'ultima contrada mettono capo all'Adriatico oppure al 
golfo Ambracico. 

L'orografia confusa dell'Albania del centro genera da sua 
parte varietà di corsi d'acqua superficiali: essi, all'uscita sui 
terreni impermeabili, alluvionali, si ramificano ed impaludano 
lungo il littorale tra il Capo Rodoni ed il Capo Linguetta. 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE 91 

Frequenti e grandiosi nelle alte valli sono gli esempi di ero- 
sione, i salti e le cateratte. Nelle valli inferiori sono numerosi 
i fenomeni di cambi di corso, gl'interrimenti, le diramazioni ed 
i terrazzamenti ; assai importanti per quanto interessa la prati- 
cabilità e le comunicazioni dalla zona littoranea verso l'interno 
dell'Albania (1). 

Avanzando in direzione della zona calcarea, i cambi di regime 
assai notevoli ed improvvisi tra mòdulo di piena e mòdulo di 
magra nelle regioni impermeabili, si moderano e si attenuano 
fino a diventare insignificanti negli effetti esteriori in forza del 
fessuramento delle zone calcari medesime. 

Nelle zone alluvionali invece la spiccata variante di mòdulo 
non ha regolarità di sorta. Questa è anzi aggravata dall'umidità 
deUa zona costiera adriatica e dalla mancanza di lavori idraulici. 
Epperciò si hanno allagamenti di vaste regioni che assottigliano 
le già troppo brevi zone littoranee accessibili da mare. 

In estate molti fiumi sono assai poveri d'acque, oppure com- 
pletamente asciutti e scoprono estesi greti; ma si gonfiano in 
seguito ai temporali. D'inverno, di autunno e di primavera, 
cioè nella stagione piovosa, i fiumi nel loro corso inferiore 
straripano e rendono impraticabili o malsane le zone adiacenti. 

In causa delle particolarità morfologiche delle valli carsiche 
e del difficile raccordo al fianco dei rilievi contigui, come è detto 
sopra, i fiumi Devol ed Osum che confluiscono a nord -est di 
Berat, dividono prima della loro riunione in un unico corso 
— il Semeni — i monti di Elbassan dai Tomor. 

La Vojuza separa a sua volta i monti Malacastra dai Grivas, 
e gli Scrapari-Dangli dalla dorsale dei Nimersca. Tuttavia il 
rilievo orotettonico, come è detto altrove, tende a sospingere 
la rete idrografica verso una specie di adattamento o di raccordo 
tra il golfo terziario albanese, il bacino della Vistritza e la conca 
tessalica. 



(1) Un esempio tipico ttoricamente aocerUto di cambi nel corso inferiore dei fiumi 
•dalPAlbania centralo si riscontra nelPantico Aoò, Todierna Vojusa. Risalta infatti sulla 
testimonianza di Strabene, (X. O.), ohe Apollonia era collegata al mare mediante un 
ramo navigabile deirAoò, e che questo ramo distava dalla città meno di 10 stadi 
11840 metri). Oggigiorno il punto delle rovine delPantica metropoli più daccosto alla 
VoJuza misura 7 chilometri. 



Digitized by 



Google 



92 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Si danno ancora casi di erosione così profonda da separare in 
tronconi le stesse direttrici di rilievo. Tali la Vojuza al solco di 
Clissura, la Desnica che separa i monti Trebescini dai Dangli. 
la Susiza che divide i Lungara dai Grivas, il Drynos che distin- 
gue i Nimersca e l'acrocoro di Macricampos dall'altopiano di 
Argyrocastron (1). Il corso del Ducati corrisponde infine con il 
suo bacino alla sinclinale tra Carabuxun, Lungara e Chimara. 

Tali fenomeni sono altrettanto evidenti nell'Albania centrale, 
accresciuti inoltre dalle condizioni oro tettoniche di quel suolo, dal 
largo alluvionamento e dalla frequente alternanza tra strati di 
ordine diverso. 

Un'altra particolarità morfologica delle correnti superficiali 
albanesi, specie di quelle dell'Epiro, riflette il rapido e frequente 
trapasso daUe zone più o meno impermeabili del flysch ad 
altre di erosione molto piti attiva. Data la notevole ricchezza 
di acqua dei fiumi della nominata regione — dovuta a pode- 
rose sorgenti ai piedi delle zone calcaree — ne consegue che si 
presentano, alternatamente, ora delle gole incisive e profonde 
ed ora delle zone vallive. Codeste accidentahtà ostacolano l'or- 
dinario sviluppo delle comunicazioni longitudinaU ed impon- 
gono ad esse dei percorsi tortuosi, come è detto più sopra. 

All'uscita dalle strette, la corrente continua il lavoro di erosione 
e danneggia le coltivazioni nelle immediate adiacenze ; costruisce 
più oltre ed alluviona o muta infine di corso rettificando vecchie 
anse, costituendo bracci morti, secche e larghe regioni palustri. 

Scarsi sono i ponti ed i passaggi permanenti sui corsi d'acqua 
albanesi. Quelli dei maggiori fiumi sono in massima parte in 
pietra, dovuti ad antiche costruzioni della Veneta Repubblica, 
oppure su palafitte. Molte correnti sono guadabiU, specie nel 
basso corso e durante l'estate. Immediatamente dopo le piene 
sono necessarie molte precauzioni per riconoscere i nuovi punti 
di passaggio a guado, che mutano di frequente al mutare dei 
letti dei fiumi ad ogni piena (2). 



(1) Vedasi lo Schizzo Oroletlonieo «nnesso allo studio presente e'A. Baldacci, Die 
Pfianz0ngeographiseh« Karten von MiUel'Albanien und Epirus^ MilteilungeD del Pe- 
termann, Voi. 43, anno 1897, pag. 163 e seg. 

(2) A. Balda COI. Itinerari Albanesi {BoUetlino deUa Società Geografici Ralianay 
Anno 1892-1000). 



Digitized by 



Google 



^F'wr^ 



LE ACQUE 93 

Per quanto riflette infine i fenomeni glaciali messi in rilievo 
in questa zona dell'arco dinario dagli studi del dott. Zvjic', è 
notevole il terreno di prodotto fluvio-glaciale e morenico del- 
l'alto corso del Lepenaz, il quale facilita le comunicazioni tra 
la conca di Diacova-Prizren e quella di Uscub. 



D) Fiumi dell'Albania settentrionale. 

Bojana (Barbiana-Livianus). — H corso di questo fiume è queUo 
che risenti in maggior grado delle dislocazioni del bassopiano 
Scutarino. La Bojana (Buna, in albanese) è infatti il naturale 
emissario del lago di Scutari, tanto è vero che la tradizione 
orale lo considera come un prolungamento della Zeta Montene- 
grina, la quale sbocca nel lago a mezzodì di Podgoritza (l'an- 
tica Dioclea). 

Ma le condizioni instabili della sogha alluvionale del basso- 
piano e le vicissitudini idrografiche di esso, contribuirono in 
un'epoca recentissima a turbare lo sviluppo naturale di questo 
corso d'acqua. Nell'inverno del 1859, una forte e poderosa al- 
luvione manifestatasi nel basso corso del Drin — piti per effetto 
di naturale consequenza del terreno di colmataggio che di un 
vero e proprio fenomeno di cattura, come piti precisamente si 
intende — rovesciò la sovrabbondanza delle acque del Drin 
per via di un nuovo braccio nella Bojana. Così ebbe origine 
il ramo di raccordo denominato della Drinassa che si conserva 
tuttora. 

Se ne risenti dannosamente il regime della Bojana, la quale 

— fortemente alterata nel mòdulo ordinario dal copioso ma- 
teriale di trasporto convogliato nel suo letto dalla Drinassa 

— smarrì, con gli interrimenti ed il colmataggio, quella rego- 
larità di deflusso per cui si erano avvantaggiati in ogni tempo 
nella navigazione i traffici ed i commerci dei Veneziani, rimon- 
tando la Bojana tra le sue foci ed il lago di Scutari con navi di 
media i)ortata (1). 



(I) La Bojana all'epoca della Veneta Repubblica era navigabile con marcigliane^ cioè 
bastimenti quadri, quarlie rati da prua e dello stazzamento medio di 200 tonnellate, lino 
a San Sergio e nelP inverno anche fino a Scutari. Le mardifliane erano navi onerarie 



Digitized by 



Google 



GRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

rina perdette a cagione di questo fenomeno 
di regime idrografico. Le oscillazioni di li- 
ne vennero così a ripercuotersi da settentrione 
arsamente, in luogo di trovare libero sfogo nel 
gione della Zadrima — forse per naturale con- 
^rreni verso l'imbocco dell'antico golfo terzia- 
rasse a sé la sopra elevazione delle acque della 
ndo con ciò all'incostanza singolare di tutto il 
si bassopiano, alle divagazioni, alle incisioni 
e zolle superstiti dell'antico imbrigliamento 
marino le quali emergono tuttora dal pro- 
iuvionale. Queste zolle sono i Mali Eencit, i 
li scogli di Eesc e di Puley. 
in corso di 30 chilometri circa, dal ponte di 
s) fino al suo sbocco in mare al livello della 
5 la divide in due rami: il Montenegrino a 
) a sinistra. Quivi la corrente ha larghezza va- 
ed i 180 metri, profondità che oscillano tra 
rmalmente la velocità delle sue acque — dopo 
, Drinassa ed in tempi ordinari — è di circa 80 
luto secondo : la sua portata media , prima 
mza ed in tempo di magra, è di circa 75 metri 
t oltrepassa i 200 metri cubi, 
ti di regime dipendono dalle piogge copiose 
igli altopiani delle Alpi Albanesi, dalla natu- 
ille coste umide dell'Adriatico ed anche dal- 
le risorgive tra i rilievi calcari e la piana 
nima portata delle acque della Bojana corri- 
i agosto e di settembre ; mesi codesti i più 
igazione lungo il fiume, 
dì è navigabile con speciali precauzioni (1) : 
e fino ad Obotti con navi di 2 metri di pesca- 



lente vioi, olt e materiali da cottruxione. Qaanto alla naviga- 
30ca veneta si consulti la carta del Monien«gro neir Isolarlo 
blicata nel 1696 ed annessa al presente volume. (Vedasi anche 
i Sloria Militare Veneto- Montenegrino^ pag. 117, E. Voghera, 

) nei momenti più difficili di navigazione sulla Bojana sono se- 
Einamante. 






Digitized by 



Google 



LE ACQUE 95 

gione, indi appresso con barchepiatte(2ttn(Zer). Ambo le rive sono 
fiancheggiate da strade soggette a tutte le varianti del letto, al 
taglio delle lunate ed alla frequente costituzione di bracci 
morti. Particolarità morfologiche del percorso fluviale sono: 
le strette di Puley-Eesc, la sponda piatta uniforme, i greti, le 
zone talvolta acquitrinose e talvolta fittamente coperte da ve- 
getazione arborea. 

Ne emerge adunque la necessità di rettificare il corso del Drin 
con opportuni lavori idraulici e di inalveare in due distinti 
letti il corso della Bojana e quello del detto fiume, acciocché 
questa buona linea di navigazione possa riacquistare quell'an- 
tico valore commerciale che fu largamente sfruttato dai Vene- 
ziani nei loro commerci con l'Albania di settentrione. 

Drin — Il Drin (Drilo degli Albanesi) ha, più di tutti i corsi 
d'acqua della regione, uno spiccato carattere fluviale dipendente 
dai terreni che attraversa nell'alta valle in cui rocce di diversa 
origine stanno a stretto contatto tra loro, e cioè le paleozoiche 
dei Cara-Orman e dello Sciar ad oriente con le attigue del flysch 
calcare ad occidente. 

Il suo bacino di ricevimento è costituito dal Drin Nero (Drin 
e Zeze)j emissario del lago di Ocrida lungo la conca alluvionale 
di Struga dove sono tuttora visibili le tracce di lavori idraulici 
— che taluni affermano di origine romana, tal'altri invece intra- 
presi dai re Bulgari all'epoca della loro residenza in Ocrida 
stessa — e dal Drin Bianco (Drin e Bard) collettore delle acque 
della florida conca di Diacova-Prizren (1). 

Serrata e profonda è la sua alta vallata, airinfuori che in 
brevi tratti presso Dibra, fino alla confluenza con il Drin Bianco 
presso Kiikìis (Kukush). A questo punto, la vallata breve- 
mente e momentaneamente si allarga, per passare subito alle 
chiuse ed alle strette del margine settentrionale del paese dei 
Ducagini e dei Mirditi. Questo corso d'acqua abbraccia oltre 100 
chilometri ed è contraddistinto da forti velocità della corrente, da 
fianchi erti, inaccessibili, solcati da brevi torrentelU, a cascate. 



{!) Ami Boué. La Turquie d'Europt, Voi. I, pag. 24 (op. cit.). 



Digitized by 



Google 



96 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

che scendono dall'altopiano dei Mirditi e dei Ducagini a mezzodì, 
e da quello dei Grasnici a settentrione. 

A Vaudenjs il Drin sbocca in piano e subito si ramifica. Con 
un braccio tende a Scutari per via di un ampio greto (Drinassa), 
con l'altro piega a mezzodì in direzione della Zadrima, di Ales- 
sio e della costiera, là dove sfocia per piti bocche in una zona 
palustre e deltaica (Kneta Trenshit). 

Kiassumendo e confrontando tra di loro le caratteristiche 
essenziali dei tre maggiori corsi d'acqua dell'Albania setten- 
trionale — Bojana, Drinassa e Drin — si può affermare che il 
regime torrentizio prevale nella Bojana, con le varianti di mò- 
dulo e di letto che vi sono connessi ; che il tipo alluvionale è il 
distintivo della Drinassa, dal vasto letto ghiaioso, guadabile 
ovunque e simile sotto molti riguardi allo sbocco del nostro 
Piave nel piano; che infine il tipo fiu viale delle regioni cal- 
cari si accentua nel Drin, con le sue varianti di portata e con 
il profondo ed incisivo lavoro di erosione della sua alta valle. 

La quantità di alluvione strappata cumulativamente da 
queste tre correnti alla regione montagnosa dell'Albania setten- 
trionale è enorme. L'uomo arrischia perciò assai timidamente 
l'opera sua lungo le sponde di questi fiumi : preferisce piuttosto 
di consolidarsi a qualche distanza da essi, oppure di affermarsi 
sull'alto delli scogli calcari, onde averne sicurezza nel lavoro 
delle terri forti e fertili di origine lacustre o fluviale che fanno 
florida tutta la zona e piti specialmente la piana della Zadrima. 

Così lo sparpagliamento della vita rurale, accresciuto dalle 
difficoltà delle comunicazioni per strade e per sentieri fangosi 
o palustri, ostacola in modo sensibile l'agricoltura. Soltanto 
una vasta e sohda sistemazione idraulica può mettere in valore 
codesto suolo fertile, su basi tanto remunerative quanto esten- 
sive (1). 



(1) Circa il progetto di inalveazione compilato dairingegnere Letargo, al veda ì*Has- 
8BRT Beifràge xiir Phy»i»chen Oeographié^ étc, pag. 127. 



Digitized by 



Google 



F^fT^ 



LEACQUE 97 



E) Fiumi dell'Albania centrale. 

Matj (Malia). — Il bacino di ricevimento di questo fiume ^ 
composto dalle correnti che scendono dagli altopiani dei Due 
gini, dei Mirditi, dei Deise e dei Colobarda. Le diverse correi 
si riuniscono presso Kasc ad una ventina di chilometri soltan 
dallo sbocco in mare. 

All'uscita della zona calcarea, il Matj acquista uno spicca 
carattere torrentizio ed alluviona le pianure di Barzolois (Breg 
Matit) e di Pula-Gursi, entrambe acquitrinose e malsane. 

Le correnti dell'ampio anfiteatro di ricevimento del Mj 
costituiscono le uniche vie di accesso all'acrocoro dei IVIird 
e dei Ducagini (1). 

IsMi (Ishmi) — Procede da tre correnti principali, la Zeza, 
Tergiusa ed il Ljum-Bislata. Questi corsi d'acqua confluisco 
ad occidente di Iljùmi, ad una quindicina di chilometri da 
foci. È corso d'acqua dal regime torrentizio, dalle forti veloci 
della corrente e dalla media profondità delle acque tra me 
1,50 ed 1,80. L'Ismi traccia l'imbocco della via occupata di 
l'antico golfo terziario albanese, i cui fenomeni di trasgressio 
marina sono evidenti in molti tratti della sua valle (2). 

Arzen (Erzen) — Ha caratteri perfettamente analoghi 
quelli dell'Ismi: impaluda con le sue foci tra Capo Rodo 
e Capo Pali (Pilla Valnina) 

ScoMBi (8enìi88ii8 degli antichi, dal vocabolo shkamh che 
albanese significa macigno). — Trae origine, con il nome 
Khiucs, dal grande bacino di ricevimento che formano le ( 
verse correnti provenienti dal semicerchio montuoso tra Oc 



(1) Non si possiede sul corso del Matj, come su molti dei fiumi che seguono, d 
particolari notisie statistiche attendibili; epperciò si stima più conveniente di limit 
alla esposizione di quei pochi dati ohe si ritengono più sicuri. 

(2t HoBRNBS. Verxeiehnit I^ord- Alban esitcher Tertiàr Petrefacten {Sittungs 
Akad. Wi$$. Wien, 1864, pag. 179.193>. 



Digitized by 



Google 



98 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

nista, Velatos e Jablanitza. Nelle adiacenze di Librashte la fiu- 
mana si raccoglie in una e si denomina dello Scombi (Shlcumhi), 

Presso Elbassan si apre una valletta alluvionale denominata 
di Fiisha-Mret (o piana di Mret) assai fertile, che rivela nel 
suo tratto occidentale una spiccata corrispondenza idrografica 
con il gomito che fa il Devol (Kadì -Pascià) all'estremo setten- 
trionale dei Mali Tomor (Gostima e Sercan). Tale corrispon- 
denza tende a facilitare le comunicazioni verso Berat, il Semeni 
e la conca di Goritza. Il fiume sfocia in mare per un' ampia 
zona deitaica, non appena la corrente riesce a sbrigliarsi dalla 
stretta che formano i rilievi dei Mali Bicerid e degli Sciacut, non 
lungi dalla costiera. 

Lo Scombi è ricco di acque ed ha notevole carattere torren- 
tizio specie in autunno ed in inverno, carattere che si rivela 
nelle conche alluvionali, nella zona deitaica e nel profondo la- 
voro di erosione che si manifesta tra i rilievi attigui (Brosca- 
Moriehjni). Ha letto esteso e guadabile con molte previdenze, 
basso corso incerto e variabile. 

La valle dello Scombi è nondimeno una buona via di comuni- 
cazione trasversale tra la costiera adriatica e la regione dei la- 
ghi, che può migliorarsi e sistemarsi con qualche facilità. Il 
tracciato di questa valle fu infatti seguito dalla Via Egnaiia. 

Semeni (Sèmanù l'antico Apsus) . — È formato dalla confluenza 
a nord-ovest di Berat, presso Poska, dell'Osum (Ljumi-Beratit) 
con il Devol : il primo percorre una vallata longitudinale, il se- 
condo una vallata trasversale. La combinazione delle due cor- 
renti e delle loro distintive idrografiche ed antropogeografiche 
cresce valore all'unico corso d'acqua, il quale può costituire, 
nel suo complesso, una discreta via di penetrazione sussi- 
diaria, dal medio corso dello Scombi, per la depressione di 
Kadi -Pascià, verso la zona dei laghi. 

La vallata del Semeni è fertile, ben coltivata e ricca di genti, 
specie nei due suoi centri principali di Berat e di Goritza. Conta 
molti guadi, ma non sempre praticabili (1). 



(1) Sui corsi d'acqua dfelPAlbania si veda qualche dato nelPopera del maggiore au- 
striaco TuMA, Oriechenland, Makedonien und Stui-Albanien ; oder die Sudiche Balkan- 
ìialbinscl. — Hannover 183S, pag. 90 e seg. A. Baldacci, Itinerari Alban§ti (1892), 
op. cit., pag. 9. 



Digitized by 



Google 



LEACQUE 99 

Nel SUO corso inferiore il Semeni dilaga nella maremma di 
Musachja dove si costruisce un vasto delta. I cambi di letto 
sono visibili a mezzogiorno del licenj-Kravashta, tra Gruka, 
{joce) Topoja e Kavaklj. Presso alle foci — al piede delle alture 
di Pesthan (160 metri) non lungi dall'attuale monastero di Pòjani 
— sorgeva l'antica Apollonia romana (Pollina) le cui rovine 
sono separate dal mare per effetto di quelle lagune tra cui il 
fiume medesimo si costruisce un vasto delta. 

Le terre forti di questa zona forniscono un ottimo materiale 
da lavoro, agevolano i floridi pascoli ed una larga e svariata 
coltura rimuneratrice (tenute di Fr acuta), Eiassumendo, il ca- 
rattere stagnale è distintivo proprio dell' idrografia del eentro 
della provincia verso la zona costiera. Esso spiega la localiz- 
zazione dei centri abitati nella zona, la costituzione degli ag- 
gregati sociali trasmigranti che vi soggiornano volta a volta, 
ed infine il carattere speciale della grande via di penetrazione 
che attraversa là zona medesima. 



F) Fiumi dell'Albania Meridionale. 

VoJTJZA (Vojusha^ l'antico J.oo«). — Trae origine da una serie 
di correnti che scendono dal nodo montano di Metzovo, tra scisti 
ed arenarie dell'eocene di Zagorie, serpentini e gabbri di Zygos 
e di Malacasi. Scorre subito per una stretta valle longitudinale 
estesa circa 190 chilometri, cioè quanti ne misurano assieme 
i corsi del Devol e del Semeni. Nell'attraversare i rihevi, il 
fiume si apre la strada in profonde gole di erosione : così avviene 
presso Clissura (l'antica Fauces Antigoniae) dove la Vojuza 
taglia la catena di Joànina, tra i fianchi diruti dei Trebescini 
e gli scogU di Zagorie, per passare nella sincUnale del flysch 
che è interposta tra questa catena e quella dell'Epiro Occiden- 
tale. Quivi riceve il Drynos. All'uscita dalle strette, il fiume 
alluviona larghe distese di terreno, come a Cudesi ed a Tepeleni 
(Tepedelen, in turco). 

La Vojuza sfocia per due bracci a settentrione di Yalona 
presso alle lagune di Grùka (a settentrione di un letto attual- 
mente abbandonato), dopo di avere ricevuto la Susiza tra le al- 



Digitized by 



Google 



100 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

ture di Mali Treblova e di Geristi. Quest'ultimo corso d'acqua 
ha profonde gole modellate dall'azione glaciale nell'alta valle, 
forte regime torrentizio e considerevoli prodotti dell'epoca al- 
luviale nella sua vallata inferiore. La Susiza raccoglie le ac- 
que del versante orientale della catena dei Lungara e dei Chi- 
mara (1). 

Come il Semeni, anche la Vojuza è soggetta a frequenti cambi 
di corso nella vallata inferiore. Molti piccoli vulcani di fango 
e taluni geyser osservati dal Coquand, furono, dopo non molto 
tempo, trovati dal medesimo autore coperti dal colmataggio 
in guisa da perderne le tracce (2). Il fiume è guadibile a monte 
di Tepeleni, a valle soltanto in luoghi ben cogniti e determinati 
volta a volta ad ogni cambio di regime della corrente (3). 

La navigabilità suU'Aoò all'epoca romana era data da la- 
vori idraulici nelle adiacenze di Apollonia, di cui oggidì si sono 
smarrite le tracce (4). 

Drynos (Dropolis). — Trae origine da piti sorgenti che af- 
fiorano lungo la linea di contatto tra i rilievi calcari di Macri- 
campos, di Lacca Muctar ed il bacino alluvionale della conca 
di Dropoli. Il fiume percorre una florida vallata longitudinale 
del flyschj copiosa di acque, abbenchè travagliata da qualche 
fenomeno carsico. E assai popolosa, fornita di buone linee di 
comunicazione e di stabili passaggi sul fiume. 

Singolarmente notevole è la conca di Argyrocastron {Città 
d'argento) per l'ubertosa sua vallata, per le relazioni con la 
Vojuza in cui confluisce presso Tepeleni e per la relativa fa- 
cilità dei contatti con la rada di Valona. Il bacino di rice- 



(1) Nel basso corso la Susiza allaga per ampio tratto i terreni adiacenti, specie in in* 
verno, si da permettere a primavera una larga coltivazione del riso. Le acque del fiume, 
deviate da canali abbastanza profondi, vengono utilizzate dal proprietari del luogo per 
mettere in moto dei molini, cui accorrono specie d'estate le genti della vallata. 
(A. Baldacci, Itinerari AU>ane8i^ op. cit.. pag. 64). 

i2j Coquand. Deicriftion géologique dea gisements bituminifères ete. (op cit.). — 
BuUetin de la Soeiété Oéologique de France^ 1867 68. 

(3i A. Baldacci. Itinerari Albanesi |op. cit., pag. 39-199),. 

Dei cambi dì corso della Vojuza, documentati storicamente, è cenno in altro luogo. 
Le tracce di un letto abbandonato di recente sono visibili oggigiorno a mezzodì delle 
attuali foci, tra Poro, Frakso, Suka e Gruka (foce)^ come è detto più sopra. 

(4) Heuzbt et Daumbt: Mitsion archéologiqtie de Macédoine. 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE 101 

vimento del Drynos è oltre a ciò in stretto rapporto idro- 
grafico da una parte con i fiumi Pavia e Calamài — epperciò 
con i porti costieri adriatici che prospettano sul canale di Corfù 
— e dall'altra con il bacino di Joànina ed il golfo Ambracico. 
Anticamente, prima della confluenza del Drynos nella Vojuza 
a mezzodì di Tepeleni, erano assai sfruttate alquante miniere 
di piombo argentifero di cui oggigiorno più non si possiede 
sicura notizia. 

Le origini del Drynos per la felice loro postura topografica, 
per i favorevoli rapporti di terreno e di clima, per le relazioni 
infine con la zona di Zagorie — un'antica cittadella della purezza 
e della originalità etnografica schipetara — si possono dire adun- 
que il luogo geometrico dell'Albania meridionale. In quelle 
adiacenze appunto sorgeva l'antica città di Passaron^ la reggia 
di Pirro, nella vallata di Zarovina (1). 

Calamàs {Thyamis degli antichi). — Questo fiume emana 
da una grande polla carsica (chefalovrisis) al piede dei monti 
Pogoni, in una conca ricolma di conglomerati del pliocene 
(Jacovon). Ha carattere di corso d'acqua spiccatamente calcare, 
dalla corrente rapida e profonda e dal letto molto incassato. 
Alluviona le zone del ftysch che attraversa ed erode quelle 
del calcare. Tra i fenomeni della prima specie sono notevoli la 
conca di Jacovon, di Suli e la regione di Philiataes ; tra i secondi 
le zone di Vlachori e le cascate di Gliziani. 

H Vyròs, il Vuvòs e l'Arctinòs, partecipano in molta parte dei 
caratteri carsici del Calamàs, abbenchè mitigati in qualche mi- 
sura dalla varietà dei terreni che attraversano. Essi costituiscono 
delle buone linee di comunicazione verso la costiera adriatica 
ed il golfo Ambracico. Tra Vyròs ed Arctinòs si stende la ampia 
zona di colmataggio di Campos Potamìa, in cui si sprofonda lo 
scoglio di Eàchi, estrema propaggine del rilievo mesozoico dei 
monti Lacca. Riassumendo, l' idrografia dell'Albania del mezzo- 
giorno accentua caratteri spiccatamente carsici : le regioni del 
ftysch si sforzano di mitigarli al possibile e vi riescono nelle 
sinclinali del sistema montagnoso della Grecia Occidentale. 



(1) Vedasi la carta corografica alla scaia di 1 : 300,000 annessa allo studio del 
PHiupp80N^i2«t«cn und Forschungen in Nord-Gri«ch«nland (op. cit.\ 



Digitized by 



Google 



102 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 



G) I LAGHI ALBANESI. 

Di essi con speciale riguardo ai rapporti della genesi fu 
trattato nel capitolo del Terreno. Occorre qui soltanto con- 
siderarli nelle relazioni strettamente limnologiche, cioè nelle 
varianti di mòdulo, nelle alluvioni e nei fenomeni carsici com- 
plessivi (1). • 

Ma, allo stato attuale delle indagini, non è ancora possibile di 
procedere ad una classificazione dei laghi albanesi in ordine 
alle loro caratteristiche limnologiche positive. L'origine tetto- 
nica della maggior parte di essi consente soltanto di metterne 
in rilievo taluni tratti essenziali seguendo il criterio della loro 
età sia assoluta che relativa, perchè diversa fu l'epoca della 
loro formazione che si può considerare estesa da tutto il neò- 
gene fino al quaternario. 

Epperciò una prima distinzione dei laghi albanesi (come nei 
balcanici in genere) è data appunto dall'età. Così si hanno tipi 
di sviluppo lacustre dalle forme incisive e recenti nei quali si 
scorgono tuttora le tracce esterne dei profondi commovimenti 
che U originarono : tali quelli di Ocrida e di Presba. A fianco 
di essi sono notevoli altri tipi di sviluppo lacuale oramai 
lógori e ridotti allo stato di suolo pantanoso, vale a dire all'ul- 
timo stadio del loro ciclo vitale : tali i laghi di Scutari e di 
Malik. 

Nel mezzodì dell'Albania prevalgono invece i laghi di origine 
schiettamente carsica, cioè a catavotre. Questa caratteristica, 
che è la piti saliente della specie, si riscontra in misura al- 
quanto minore negli altri laghi di origine tettonica disponendo 
soltanto i laghi a catavotre di speciali organi destinati al- 
l'alimentazione ed alla emissione delle acque per via sotterra- 
nea. Sono laghi a variazioni eccessive e talvolta inondati 
periodicamente, i quali entrano in modo più generico a far parte 



(1) J. Zvjic\ Jesera Machedonjet Star» Srbia i Epira. Belgrado 1902. (Atlante). 
Vedati anche O. Marinelli, / recenti studi sui laghi della penisola Balcanica {Rivista 
Geografica Italiana^ marao 1904;. 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE 103 

della categoria delle polie inondate. Tali i laghi di Joànina 
e di Lapsista. 

Una derivazione schiettamente potamògena, o dovuta al 
moto ondoso del mare, hanno infine i laghi costieri e le lagune 
dell'Albania. 

Lago di Sctcttari (Labeatis-Palns). — La tradizione orale 
ha conservato traccia dell'origine tettonica di esso. Il lago di 
Scutari — afferma questa tradizione — è traboccato dalle riviere 
del margine montuoso d'oriente, cioè dalla regione localmente 
nota sotto il nome di Fusìia e proneve o pianura dei torrenti. 
Un forte terremoto avrebbe rovesciate le acque nei basso- 
fondi del lago, le quali rigurgitarono fino sopra ai monti della 
Zeta(l). 

Il regime preciso delle acque del lago non è ancora sufficien- 
temente cognito, ad onta dei rilievi compiuti su larga base dallo 
Zvjic' e dal Forti. Appare nondimeno indubbio che gli occhi, 
o voragini, hanno una ragione moderatrice assai efficace nella 
regolarità del mòdulo delle acque del lago. Per le voragini 
escono infatti le acque nel sottosuolo mediante cavità ana- 
loghe riscontrate tanto nel lago di Ocrida, come ih quello di 
Annecy. Unitamente all'emissario della Bojana, le acque del 
lago trovano in questi organi uno sfogo ed un equilibrio. 

Lo specchio d'acqua del lago è perciò in generale assai tran- 
quillo. E' conturbato solamente dallo imperversare dei venti : 
è ricco di pesci, specie di sardine (scoranze) che si affumicano 
e si conservano. 

Lago di Ocrida. — E' il più profondo della penisola balca- 
nica (287 metri) ed è anche uno dei più vasti estendendosi per 
270 chilometri quadrati, cioè molto più del nostro Verbano. 
Salvo alcune irregolarità delle sponde e della piattaforma 
centrale (sotto l'isobata di 250 metri), il lago accentua la figura 
di un'elissoide cavo, a ripide fiancate. La superficie delle acque 
trovasi a 690 metri sul livello del mare. 



(1) Hbcquàbd. Hittoire et detcription de la Haute Albanie. — Paris, Bertrand, 
pag. 6-7. 

7 — Albania. 



Digitized by 



Google 



lA GENERALE DELL'ALBANIA 

jorsi d'acqua superficiali, mentre ne esce 
grande importanza come collettore delle 
ò manifesta adunque che il lago è necea- 
da sorgenti, alcune delle quali sono super- 
be. Singolarmente interessante è quella 
)dì del lago ed è considerata come una 
del Drin. 

'e e trasparenti (limite di visibilità metri 

l'antico appellativo di Lychnis dato al 

translucido. Accusa forti differenze di 

rimavera e nell'estate, derivate da feno- 

ricco di pesci, ma essendo soggetto alle 

sollevano ondate di qualche rilievo, la 

evole, ed in ogni modo assai spesso li- 

que di Ocrida. 

lento termico in rapporto profondità 
meno spiccato di quello dei laghi alpini, 
agosto 1899, la temperatura superficiale 
fondo di 5°, 5. 

■ Le condizioni batimetriche di questo 
ngolari. Si scorgono in esso due canali 
dente, con la profondità massima di 
oriente, con quella di metri 54,2. En- 
L incurvano intorno alla soglia centrale 
quale non scende mai al di sotto di 
•nsidera questi canali sublacuali come 
ja delle fratture che limiterebbero ad 
la conca di Presba. 

pete, più in piccolo, la forma superfi- 
a da cui dipende e del quale formava 
profonda insenatura. La lingua di terra 
laghi consta infatti di materiale di de- 
ladno Fole). La profondità del lago di 

fiche del doppio bacino di Presba sono 

mancano attualmente degli emissari 

?resba per mezzo di cavità assorbenti 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE 105 

e di grotte sotterranee alimenta con le sue acque il lago di 
Ocrida. D lago di Ventrok, in stato normale, ha scolo in quello 
di Presba, ma ad acque alte trova sfogo i)er via sotterranea, 
secondo lo Zvjic' e superficiale secondo rOestreich, nel fiume 
Devol verso il quale doveva esistere in altri tempi un emissario 
esterno permanente. Codeste deduzioni aggiungono da loro 
parte valore alla consequenza generale idrografica e tettonica 
già notata in altri luoghi, tra il golfo terziario di Albania ed il 
bacino tessalico. 

Il lago di Presba non sarebbe quindi altro che un bacino di 
biforcazione, mandando esso le acque sue tanto al Drin-Nero, 
I)erennemente e per vie sotterranee, quanto al Devol, tempo- 
raneamente, per vie sotterranee e superficiali insieme. 

Sembra pertanto che quivi si sia verificato uno di quei fre- 
quenti casi di cattura per opera di un corso sotterraneo (verso 
il. Drin), e che questa cattura non sia del tutto completa, 
perchè ancora non è stata abbandonata la naturale via di 
emissione superficiale (verso il Devol). 

Date le condizioni idrografiche ora descritte, il lago subisce 
nelle sue acque forti dislivelli, e di essi attestano i terrazzi ben 
scolpiti specialmente sulla sponda orientale. La trasparenza 
delle acque del lago di Presba è di soli 7 metri. Le curve di 
temperatura, rilevate il 3 settembre 1899, sono assai poco sen- 
sibili (1). 

Lago di Malik. — Le caratteristiche del lago di Malik sono 
assai affini a quelle esposte in precedenza per il lago di Ven- 
trok ed anche per quello di Presba. Il Malik accentua anche 
esso il carattere di bacino di biforcazione, tra Devol e Bilista, 
per la mancanza di una linea ben visibile di spartiacque. Essa 
appare soltanto in virtù dell'incontro di due piani insensibil- 
mente inclinati tra di loro, ciof=* l'alluviale del Devol ed il neò- 
gene-marino di Bilista. Codesta curiosità idrografica naturale 
è assai sensibile a mezzodì di Bilista e conferma in ogni modo 



(1) O. Marinelli, / recenti ttudi tui laghi della penisola Balcanica, (op. cit.), 
{RivUta Geografica Italiana, anno XI, fascioolo UT, marzo 1904). — A. Boué, Turqvie 
d'Europe, tome I, pag. 74, (op. cit.). 



Digitized by 



Google 



106 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

le presunzioni circa la consequenza idrografica e la mutuità 
tettonica tra l'antico golfo terziario albanese ed il bacino tes- 
salico, di cui sopra è fatto cenno. 

Le relazioni tra il bacino di Malik e quello di Presba sono 
sensibili lungo il solco così detto di Cerava (Cernova) tra 
S. Naum e Veliterna, nel pelaghetto di Izvori Drima e nella re- 
gione palustre adiacente (1). 

Lago di Joànina. — E' esteso per 18,8 chilometri quadrati e 
trovasi a 500 metri circa di altezza sul livello del mare. È pro- 
fondo metri 10,6 e presenta forma alquanto irregolare. I contorni 
del lago — nella carta relativa redatta dallo Zvjic' — non sono 
segnati con le curve di livello come negli altri laghi, ma sempli- 
cemente con ombreggio orografico. Ciò dipende dalle arretrate 
condizioni in cui si trova fino ad oggi la cartografia albanese. 

Il lago di Joànina è ahmentato specialmente da sorgenti acquee 
che derivano dal piede dei rilievi che lo recingono. E' molto 
variabile di livello (2) : ha un emissario (Dioryx) che sbocca nel 
lago di Lapsista il quale è posto a qualche chilometro a nord- 
ovest di quello di Joànina ed a pochi metri più in basso. In 
certi casi sembra che i due laghi ne formino uno solo, lungo 
più di 20 chilometri (3). 

Dal lago di Lapsista — che si ha ragione di ritenere assai 
poco profondo — ha origine un breve corso d'acqua che termina 
in una pozza assorbente (catavotra). 

LaghiCostieri (4). — Di singolare importanza per l'accessibi- 
lità da mare e per le relazioni climatiche sono le numerose rac- 
colte di acqua costiere, piuttosto lagune e paludi che veri 
laghi. La sovrabbondanza di queste acque — dovute alle cor- 
renti littoranee ed al moto ondoso del mare, rincalzato dai forti 



(1) AtlanU dei laghi déUa Macedonia e della Vecchia Serbia del doli. Zvjio*. Foglio 
del lago Presba {Prespansko i Malo Jezero). 

(t) PaiLiPPSON. Reiien und Fonr.hungen in Nord- Oriechenland {q^. cìt.),p9ig. 233 
— Olinto Marinelli, (op cit.). 

(3| Questa regione palustre è attraversata da uà grande ponte alPaltezza del Chan 
di Lykostomi. (Vedansi gli Itinerari relativi nella Parte III dello studio presente). 

(4) Si vedano le carte idrografiche e marine austro-ungariche dal titolo Valona e 
Durazzo. {Special Karte^ Blatl. n. 29 e n. 27. Bdixione maggio 1893). 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE .• 107 

venti di scirocco con scarsa pressione barometrica - inonda 
il terreno adiacente, limita Tordinaria viabilità o praticabilità, 
specialmente in autunno ed in inverno. Così accade nei terreni 
immediatamente adiacenti alle lagune di Valona e di Durazzo. 

La laguna di Yalona si apre sul piano alluvionale largamente 
eroso a nord-ovest della città (Arta o Narta, la cosìdetta Ve- 
nezia dell'Albania), al margine delle colline argillose e di con- 
glomerati che prolungano la catena dei monti Lungara fin contro 
alle foci della Vojuza. 

La massima profondità della laguna corrisponde al canale di 
Porto Novo (Ciflik Potamia) trasversalmente alla laguna stessa ; 
ed è di 1 metro. 

La laguna di Valona, in autunno ed in inverno, allaga per 
ampio tratto la sua riva orientale e settentrionale. Intercetta 
allora le comunicazioni con Fieri, con Berat ed alla volta di El- 
bassan e le obbliga a rinserrarsi contro le pareti erte delle 
estreme propaggini dei Lungara seguendo il così detto cam- 
mino dHnverno. 

La laguna di Durazzo (Kneta Duretsi) si apre al di là deUa 
costiera collinosa tra il Capo Pali e Capo Durazzo e forma una 
palude salata ed una mista. La palude salata è più specialmente a 
contatto con il mare per via di un canale che si apre a breve 
intervallo ad oriente di Durazzo, lungo la strada di Tirana. 

Eguali caratteri, o pressoché, hanno le paludi di Sperdet 
(Sperzet), tra le foci del Mati e quelle dell' Ismi; la regione 
littoranea dell' Arzen; la maremma di Musachja ricca di terre 
fertili al suo margine orientale e di numerosi armenti. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO IV. 

Il clima 



A) Generalità. 

Il clima ha una ragione determinante nello sviluppo della ve- 
getazione e nella vita degli aggregati sociali. Le distintive di esso 
per l'Albania sono essenzialmente la varietà ed il contrasto, che 
dipendono da cause complesse motivate anzitutto dalla po- 
stura e dalla condizione propria dei terreni (1). 

n clima marittimo (o di transizione) assai adatto ad attu- 
tire gli estremi della temperatura prevale infatti lungo la co- 
stiera, con spiccata tendenza mediterranea nelle sue molteplici 
manifestazioni : il clima continentale (o eccessivo) pronto ad 
acuire gli estremi della temperatura stessa domina invece nel- 
Tinterno del corrugamento albanese. 

Quivi l'umidità si rifugia nel sottosuolo : le correnti aeree si 
trovano in contrasto fra di loro, gli squilibri tra le temperature 
diurna e notturna sono assai forti, l'irradiazione solare si accu- 
mula e si riverbera in modo da accentuare il disagio del clima 
torrido. 

Le piogge autunnali ed invernali pongono tregua a queste 
crisi climatiche soltanto per breve t.empo. Ma, al sopraggiun- 
gere della primavera e dell'estate, i bruschi contrasti del clima 



(1) Tbbobald Fischer. Studien ìiher dai Kllma der MiUelmeerlànder. (Petermanns 
MìtteUwtg^n-Erganz.j N. 58» Anno 1879). 



Digitized by 



Google 



1 



GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

verchianza sull'alto mentre il bassopiano è ìnfe- 
ilaria. 

7ati dall'entità e dalle oscillazioni barometriche 
iatico — le quali ultime attirano nel suo seno 
3 di diversa temperatura raccolte nella regione 
jpecie la fredda Bora ed il caldo Scirocco — au- 
ro parte le crisi climatiche cui è soggetto natu- 
lolo dell'Albania. Questi venti, unitamente al 
acque, contrastano specie lungo le zone co- 
anate lo sviluppo della coltura e della vegeta- 

rigore del freddo, le straordinarie varianti di 
a violenza dei venti, l'intensità e la diffusione 
eco, sono le distintive caratteristiche del clima 

del carsico in genere. 

no in qualche misura a questa norma assoluta 
li littorale allo schermo dei cordoni rivieraschi, 
ìlli del rilievo dinaro -albanese fratturato e spro- 
le alluvioni ed anche i terreni immediatamente 
I alte dune, le cui sabbie buone conduttrici di 
nel sottoposto serbatoio di strati impermeabih 
vegetazione un prezioso e fecondo ausilio, 
dei rilievi invece, le asperità del suolo e del clima 
iccatamente lungo i corridoi delle terre argillose 
;erposte tra le barriere calcari. Quivi l'acqua, 
liede dalle barriere medesime ed i venti cedendo 
ntro di esse, danno modo alla vegetazione, alla 
i abitabilità, di coesistere in un ambiente assai 

per le condizioni essenziali di sussistenza e di 

prendere le varianti del clima albanese mancano 
L fatto : tali, la latitudine, l'altitudine, l'influenza 
le montagne, il regime preciso delle acque super- 
ottosuolo, l'abbondanza delle piogge, il valore 
, della temperatura e la direzione abituale dei 
uesti elementi difettano per l'Albania di quella 
btezza ed attendibilità di investigazioni scienti - 
necessarie. Gli scarsi dati che si posseggono si 



Digitized by 



Google 



IL CLIMA 111 

riferiscono di preferenza alla zona Uttoranea ed a poche conche 
interne : sulla scorta di essi è quindi possibile soltanto una 
larga induzione piuttosto che una esposizione scientifica (1). 



B) Temperatura. 

( Vedasi ta tavola annessa deUe temperature). 

Le isoterme annuali dell'Albania accentuano un clima ma- 
rino lungo il littorale ed un clima che a grado a grado si af- 
ferma per continentale procedendo verso l'interno. Ne deriva 
che la costiera albanese ha un clima piti costante, e che la re- 
gione calcarea interna è soggetta ad estremi di temperatura. 

L'intera regione è disposta quasi completamente a mezzodì 
dell'isoterma annuale di 16 cent, e dell'isoterma di gennaio di 6. 
Essa è compresa, tra Scutari ed il Capo Linguetta ed a sud dì 
questo promontorio, tra due fasce di isoterme di luglio le quali 
oscillano rispettivamente tra i 24 ed i 26 cent., e tra i 26 ed i 
28 cent. 

Le temperature medie dell'anno accusano forti diversità: 
la differenza tra la massima e la minima raggiunge in talune 
regioni dell'interno i 50 cent. Le estreme temperature osservate 
in estate sono di circa -f- 34 cent. (2) ed in inverno di — 18° (3). 

Le temperature medie dell'anno sono comprese tra i 16 ed 
i 18 cent, nella zona mediana albanese, dentro alla quale però 
descrivono uno spiccato saUente verso il mare discendendo lungo 
la vallata dello Scombi: oscillano tra i 16 ed i 14 cent, nell'in- 
terno della zona calcarea albanese centrale e meridionale ed 
oltrepassano i 14 cent, nella regione montana di settentrione. 

Le temperature medie giornaliere del periodo freddo (gen- 
naio) oscillano tra i 10 e gli 8 cent, lungo la costa e si manten- 



(1) T. FiscBBB. Studien iibsr das Kllma d«r MUtelmeerldnder {Petstmanns Mit- 
teilBDgen, pag. 5i. 

{Hi Temperatura rilevata alle sorgenti del valloue di Cutscia. Ani Boué, op. cit., 1, 
pag. 520. 

(3i Le temperature ordinarie sono mantenute in limiti più modesti, ma si riferiscono 
però a xone costiere. Cosi Valona ha un'amplitudine tra il massimo ed il minimo, di 
36% 7) cioè tra 35, 3 e— 1% 4. Durazzo ha temperature annue medie di 15% 7 e 19*, 9 ed 
un'amplitudine annua media di 16', 9, tra 7", 8 (gennaio) e 24% 7 (luglio). A Durazzo 
ed a Valona Taprile è più freddo che il settembre, perchè il mare possiede l'etfetto 
termico di prolungare quasi T inverno e di avanzarlo nella primavera. 



Digitized by 



Google 



112 OBOOKAFIA 0£NERÀL£ DEI^L'AIAANIA 

gono tra i 6 e gli 8 fino ad una linea limite che congiunge o 
quasi la regione dei grandi laghi con il bacino di Joànina. Scen- 
dono invece da zero a — 2 ed inferiormente, lungo una striscia 
di terreno attigua all'estremo margine della regione geografica 
albanese orientale. 

La durata del periodo caldo (superiormente ai 10 cent.) 
varia tra i 9 ed i 10 mesi lungo la costa e le regioni adiacenti 
ad essa, mitigato però in qualche misura dalle brezze marine; 
decresce tra i 9 e gli 8 mesi subito oltre alla zona costiera e si 
riduce infine a circa 7 mesi sugli altopiani calcari. 

Il periodo torrido (sopra i 20 cent.) si prolunga per 4 o 5 mesi 
lungo la intera zona costiera albanese, accentuandosi in inten- 
sità ed in durata presso alle spiagge alluvionali del centro. 

Neirinterno le regioni vallive che sono comprese tra le diret- 
trici di rilievo, le pianure e le zone dei grandi laghi, corrispondono 
a fasce climatiche singolari, influenzate dall'azione moderatrice 
delle acque e dominate da speciale regime di brezze di monte e 
di valle. Il mite clima invernale favorisce in codeste terre l'avan- 
zarsi della vegetazione mediterranea, talché appaiono quali oasi 
sulla distesa carsica : tali la conca di Joànina, la regione di 
Ocrida e di Presba, il bassopiano di Diacova e di Prizren (1). 



C) Pressione e venti. 

{Vedasi la tavola annessa delle isobare della media Europa). 

L'Adriatico per la postura del suo bacino rispetto ai rilievi 
adiacenti ed alle larghe zone continentali, in determinate sta- 
gioni dell'anno attira a sé in special modo le masse d'aria di di- 
versa temperatura che si agitano nel bassopiano magiaro, da 
una parte, e nella penisola balcanica dall'altra. 

Lungo il detto mare e per buona parte dell'anno si disegna 
adunque un'area di bassa pressione a figura di sacco, le cui 



(1) Joànina (lat. 39* 47 = long. E. O. 20<* 55) ha una temperatura annua media di 
14% 5; tra 4*, 1 dei gennaio e 24% dell'agosto: amplitudine tra massimi e minimi 
(35*, 9 e — 8', 0) di 43% 9. Il mese di aprile è quivi più fresco del settembre, non però 
maggio di ottobre. Anche sulle montagne adiacenti alla conca di Joànina si estende il 
benefico influsso del clima: a 410 metri fu quivi trovata dal Prof. Antonio Baldacciuna 
temperatura tra — 3 e + 5 neiP inverno del 1893. 



Digitized by 



Google 



ILCLIMA 113 

isobare ne radono le spiagge specie nella stagione fredda. 
Codesto fenomeno di pressione ha influenza sul regime dei 
venti, che è un fattore climatologico di grande rilievo, abben- 
chè inferiore in entità a quello delle piogge. Così predominano 
sulla costiera orientale dell'Adriatico, in autunno, in inverno 
ed anche ben di sovente in primavera, la Bora ed il Scirocco, 
venti del primo e del secondo quadrante. 

La Bora (Borea) vento secco, freddo ed impetuoso, spira tra 
N-N.E e E-N.E., lungo le coste dalmate ed albanesi. Esercita 
una grande influenza climatica, inaridisce i terreni essendo vento 
asciutto e secco : soffia ogni qualvolta avvengono spostamenti 
d'aria, specie al di là dei rilievi delle Alpi Giulie. Per la eleva- 
zione di queste e per la diversità di temperatura tra il luogo di 
partenza ed il luogo di arrivo, la corrente raddoppia di vee- 
menza e muta di valore termico. 

La Bora accresce le difficoltà della navigazione presso le coste 
dalmate ed albanesi, rende spesso impossibile l'accostata e 
le operazioni da sbarco. Essa dura da qualche ora a qualche 
giorno. 

La Bora è fredda come il Maestrale {mistral delle coste pro- 
venzali) ma è asciutta, perchè attraversa ampie zone conti- 
nentali ed urta contro il Carso dove, ritardata dai rilievi calcari, 
acquista violenza straordinaria. Produce, come è detto, inste- 
nlimento, ostacola la vegetazione arborea ed, incanalatasi, viene 
a battere di pieno contro le coste dalmate ed albanesi. 

Non è vento continuo ma spira bensì a raffiche, a riprese e 
ad intermittenze più o meno prolungate (rèfoli), sempre più 
veementi allorquando la bora succede ai venti di sud-est che 
sono i più ostinati lungo le coste albanesi. 

I i)eriodi più pericolosi per la bora sono i mesi tra ottobre e 
dicembre, e ben sovente anche febbraio e marzo (1). 

Lo Scirocco, vento del secondo e del terzo quadrante, umido, 
afoso, apportatore di piogge è il contrapposto della bora. In- 
fatti, se questa sposta tutto il bacino settentrionale dell'Adria- 
tico almeno di un paio di gradi verso settentrione, lo scirocco 



(1) T. Fischer op. cit , pag. 35.— Lorrnz und Rothb Lehrbueh der KUmaiologi«y 
pag. 413. — ViàzzoLi. L'Adriatico, op. cit. 



Digitized by 



Google 



114 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

ristabilisce in effetto l'equilibrio ed avanza di un paio di gradi 
verso mezzodì tutto il bacino di questo mare. Predomina in 
novembre, in dicembre e tra febbraio e marzo. 

Il Libeccio (garhin), vento del terzo quadrante, soffia meno 
frequente e di solito in primavera ed in autunno : non ha grande 
importanza nelle relazioni climatiche (1). Più notevole è invece 
il Maestro che sulla coste albanesi e della media Dalmazia tiene 
il luogo delle brezze marine. Di questa natura sono gli imbatto 
delle coste dell'Albania Meridionale, vale a dire venti uniti di 
nord -ovest. 

D) Umiditì e piogge. 

( Vedasi la tavola annessa delle precipitazioni). 

Per intendere il regime pluviometrico dell'Albania ed in spe- 
cial modo la sua siccità tipica, occorre ricordare la distribu- 
zione delle pressioni atmosferiche. Nell'autunno, l'elevata tem- 
peratura che emana dalla grande massa di acque del Medi- 
terraneo genera delle aree di bassa pressione (ciclonali), le 
quaU avanzano verso i mari interni. Così un'area di bassa 
pressione rade la costiera albanese superiormente a Cattaro 
(isobare di ottobre -novembre — min. 762). A questo punto co- 
minciano le piogge equinoziali che procedono con il soffiare 
dei Venti predominanti, abbenchè variabili, di ponente e di 
libeccio. 

Verso marzo la depressione aumenta e si riporta in direzione 
di tramontana. Ne consegue che le precipitazioni atmosferiche, 
mentre scemano sul mezzogiorno della costiera adriatica, au- 
mentano spiccatamente nel settentrione di essa. La tramontana 
ed il greco^ venti asciutti, diventano a grado a grado predomi- 
nanti da marzo a settembre ; cosicché l'intera Albania riesce 
compresa nella zona così detta delle piogge equinoziali, per- 
chè riceve un massimo di precipitazioni tra l'autunno e la pri- 
mavera. 

Il periodo durante il quale si può contare sulle piogge scema 
a mano a mano a cominciare da marzo, progressivamente, in 



(1) Un proverbio veneto dice: Bl garbin el lassa quel che el trova. 



Digitized by 



Google 



IL CLIMA 



115 



copia d'acque ed in numero di giorni piovosi lungo la zona co- 
stiera albanese a partire dalle Bocche di Cattaro e procedendo 
verso il golfo di Ambracia. 

Il regime pluviometrico della zona tra Durazzo, Valona e 
Joànina, emerge dal seguente specchio in cui le precipitazioni 
sono espresse in millimetri (1) : 





Q 


o 
•5 

a 
a 
« 


.2 

V 


1 


cu 

< 


o 


o 
s 

5 


li) 

9 


Agosto 
Settembre 


o 

e 


£ 

E 

> 

1 


Darazzo 


145 


102 


90 


108 


42 


28 


56 


13 


58 


45 203 21J 


Valona 


146 


108 


87 


113 


56 


86 43 


14 


48 


102.130 


131 


Joanina 


210 


145 


100 


149 


75 


48 


74 


38 


52 


40181 

1 


181 



Xel periodo di tempo povero di precipitazioni atmosferiche 
non si manifestano che degli acquazzoni, limitati nello spazic 
ma violenti e repentini. I corsi d'acqua di minore portata al 
lora inaridiscono oppure si seccano, i maggiori impoveriscono 
sensibilmente. 

Procedendo dalla costiera verso l'interno della regione, i 
rilievi calcari modificano questo ritmo della piovosità annuale. 
Questi rilievi provocano infatti solo qualche condensazione di va- 
pore acqueo o nebulosità, che attenua di alcun poco anche il 
rigore del periodo secco. Nelle regioni interne di bassopiano le 
precipitazioni sono più notevoli : nella conca di Joànina-Lapsi- 
sta la media della piovosità annua sale infatti a 1299 millimetri, 
vale a dire eguaglia quella di Genova e di Pisa, o pressoché. 

Abbenchè la stagione calda, secca, sia assai prolungata anche 
nelle conche inteme (giugno-settembre), nullameno cadono in 
questo periodo delle brevi piogge, o si danno delle giornate neb 
biose, come è detto più sopra. 

Contribuiscono in qualche misura nelle differenze del regime 
pluviometrico sopra descritto anche le correnti costiere ed il 
disboscamento. La neve persiste spesso in estate al fondo delle 



(1; Tabelle annesse allo studio citato dal dott. T. Fischer. 



Digitized by 



Google 



'}, --'^S/^ì^'^^Tf^^'T^' ST»'^'T-,;-r>3.'7il:V^ 



GEOGRAFIA GENERALE DELI 

regioni calcaree più eleva 
iche interne, specie in que 
*sa di frequente la tormei 
! con il regime delle precij 
juale attenua la sua vinile 
j delle piogge equinoziali. 1 
nel periodo dell'estate se< 
boranee : nel primo period 
3ondo invece le quartane. S 
all'impaludamento persi 
uè correnti, alla mancan 
l all'aria inquinata che eno 
iposizione sottoposte, in se 
ntinuata del clima torrido 
^to di Durazzo, sul littora 
?sta perniciosa umidità m 
re all'influenza di essa du 
inno. Altrettanto devesi e 



;. Viaggio in Morta^ a Coitaniino 
?. 212. 

1 Ministero degli Affari Esteri, ot 
I del c&y. Gino Macchioro,R. Vic«-< 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO V. 

La vegetazione 

( Vedasi la carta annessa della vegetazione delV Albania) 



Tra la geografìa pura e Tantropogeografia, un anello stretto 
di raccordo è dato dalla vegetazione. Sono infatti le piante che 
ricavano dal mondo inorganico gli elementi necessari al proprio 
sostentamento e che li elaborano a loro volta allo scopo di ap- 
prestarli al mondo animato. Epperciò le piante i)ossono dirsi le 
vere e proprie intermediarie tra i due principali ordini di feno- 
meni ; quelli cioè che procedono dal mondo inorganico e quelli 
che si fissano nel mondo organico. 

La connessione intima fra i due fenomeni, la necessità di 
prestarsi l'un l'altro reciproco appoggio in questa specie di mu- 
tua solidarietà tra enti sostanzialmente collegati, giustifica i 
singolari adattamenti all'ambiente e le differenze caratteristi- 
che della flora. 

Secondo che il suolo è calcare o argilloso, povero o ricco di 
sostanze fertilizzanti, secondo che l'acqua difetta, spesseggia, 
scompare in voragini o riappare improvvisamente tra le fendi- 
ture dei dirupi calcari, stagna oppure impaluda o si ramifica 
in numerosi meandri, la vegetazione risente spiccatamente del 
clima, del calore, dell'umidità: si adatta alla contrada, evolu- 
ziona, si trasforma e si modifica. 

La flora mediterranea diffusa lungo la costiera dinarica e con- 
traddistinta dalle piante sempreverdi — quali l'ulivo, la qtiercus 
coccifera, il mirto, l'oleandro, l'alloro, la ginestra, il pistacchio, 
il melograno ed il mandorlo — serpeggia come un'irrequieta 
corona fiorita lungo il piede delle falde montagnose e vi si insi- 



Digitized by 



Google 



118 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

nua per le brecce aperte nelle vallate assai sensibili al ritmo del 
clima marino. 

Dentro alle vallate poi, l'uniformità del paesaggio mediter- 
raneo si smarrisce a grado a grado, in modo lento e progres- 
sivo, come un'aureola iridescente. Codesto fenomeno è di 
singolare interesse nell'Albania di mezzo, in cui, tra Mati e 
Drynos, appare evidente il trapasso tra due distinte regioni 
botaniche: la dalmata-montenegrina o illirica a settentrione, 
l'ellenica a mezzodì. 

Procedendo dalla marina nell'interno delle terre, succassiva- 
mente, le specie vegetali mediterranee prendono l'una dopo 
l'altra congedo. Anzitutto l'ulivo — diffuso e moltiplicato perla 
costiera albanese per decreto del Veneto Governo — si arresta 
sulla soglia orientale della piana di Fusha Mret, presso El- 
bafisan ; cede terreno a mezzogiorno della vallata dell'Ismi, a 
monte di Tirana ; si sofferma sulle balze di Cula-Han, assai a 
mezzodì di Alessio ; si profila sulle colline dei Cudesi ; suUe 
falde dei monti Lungara, dei Trebescini, presso Kalenca ed 
Agnanta; serpeggia infine sopra Muzina e Muscititza nell'Al- 
bania meridionale. 

Viene quindi la volta delle altre piante sempreverdi, al cui 
retroguardo marcia la quercìis coccifera, avida di terreni aridi 
e secchi (1). Essa è l'unica delle piante della specie che si inerpica 
nell'Albania meridionale fino ad altitudini ignote alle altre sem- 
preverdi mediterranee, cioè fino ai 1200 metri (Syraku). Con 
la quercvrS coccifera si accompagnano talvolta U carpimi^ dui- 
nensis la qtcercus Griesebachii,ilpiru8 amygdaliformis ed i rhamni, 
particolarmente su per le falde dei monti Tomor e Trebescini. 

La vigna, coltivata libera e senza appoggio alla costumanza 
albanese, rimonta la vallata dello Scombi fino ad Elbassan, 
rallegra il paesaggio di Tirana, di Alessio ed entrambe le basse 
pendici del bacino di Scutari. E' assai curata nei contorni di 
Valona, e di Prevesa ; si intreccia con le boscaglie dei Tomor 
lungo i versanti irrigui di questi monti ; sale infine su per le 
pendici degli Acrocerauni e dei Nimersca, sulle tracce della 



(1) La qutreus coccifera manca nei terreni tra le foci dellArzen, la Bojana ed il mare 
Adriatico; foxse a motivo delle zone umide e palustri assai frequenti in quelle con* 
trade 



Digitized by 



Google 



*. ^ 



LA VEGETAZIONE 119 

l 

quercMs coccifera. La vigna selvatica fiorisce lungo i rilievi 
calcari dell'Albania settentrionale molto al di sopra di Screli 
{Proni-Sat) e a nord-est della città di Scutari ; sulle montagne 
di Zagoiié, sulle falde tra Premeti ed .Argyrocastron ed in ge- 
nere per tutti i medi rilievi dell'Albania meridionale. 

Con la yite debbonsi menzionare gli alberi fnittiferi. I basso- 
piani e le regioni di conca sono assai ricche di frutta d'ogni spe- 
cie. H melogi^no, il melo rosso e variegato ed il fico sono diffusi 
per tutta l'Albania meridionale ; il carrubbo discende l'Epiro 
e si afferma al centro della provincia; gli agrumi, i mandorli 
ed i nocciuoli avanzano fino nelle zone più interne di conca. 
Il mais, che è il nutrimento più preferito e diffuso tra le genti 
albanesi, spesseggia dovunque nelle zone littoranee, nei basso- 
piani e lungo i medi versanti. Questa pianta ha però d'uopo 
d'acqua, epperciò attecchisce più rigogliosa che mai nelle con- 
che e nelle doline umide. 

Alla flora mediterranea appartengono i dumeti, o macchie, 
specie di vegetazione dendroide, cespugliacea, la quale forse 
rappresenta l'avanzo di zone forestali assai ampie e folte che 
ombreggiavano un tempo le sponde del Mediterraneo e le sue 
dipendenze; o, più verosimilmente, può ritenersi il prodotto 
naturale del clima e del terreno carsico. Questi dumeti sono 
fatti di arbusti più o meno folti ed assortiti, di qttercus cocci- 
fera, di mirto, di alloro, di oleastro, di pistacchio, di pero selva- 
tico, di èrica, di ginepro, di ligustri e di corbezzoli. 

La flora mediterranea incontra ostacoli procedendo verso 
l'interno nel cUma continentale e nelle nevi invernali. Quivi 
l'estate è inoltre sensibilmente più breve. 

Ne deriva che il ciclo botanico — con il crescere dell'altitu- 
dine — evoluziona progressivamente, passando dal tipo sem- 
preverde a quello dei boschi montuosi (Bergwàlder), La tran- 
sizione tra l'ifna e l'altra specie di piante è data assai spesso 
dalla quercus Griesehachii (1) e àsLÌTacertataricum. 

(-1) Cosi chiamata in onore del botanico tedesco Qriesebach che esplorò con intendi- 
menti fltogeograflcl la regione albanese sulla metà del secolo scorso. All' opera del 
Qriesebach devesi associare anche quella del botanico Dòrfler - Vedansi ì Hisultati 
botanici e /ìtogeografici delle Tiue missioni rcientì fiche italiane del Ì90S-Ì903 nel Mon- 
tenegro — Nota preliminare, letta nella Regia Accademia delle Scienxe deiristituto di 
Bologna, nella sessione del 2S Febbrajo 1904 dal prof. dott. Antonio Baldacci. 

8 — Albania 



Digitized by 



Google 



120 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

Sull'alto dei rilievi II tipo forestale acquista il sopravvento, 
passando a grado a grado dalle zone inferiori alle zone superiori : 
la popolazione della contrada si dedica alla pastorizia, alla col- 
tivazione delle poche doline umide e, come complemento del- 
l'esigua capacità economica del suolo, all'arte della guerra come 
fine a sé medesima. 

Lungo i medi versanti, la foresta occupa l'immaginazione e 
la vista. Essa costituisce il naturale rivestimento della contrada, 
e, sotto l'oscuro suo mantello, perfino le asperità del monti sem- 
brano attenuarsi e dissimularsi. La medesima impressione delle 
altezze scabre, desolate, sprovviste di ogni traccia di vegeta- 
zione è subordinata — quasi per virtù di un gesto artistico in- 
conscio — ad un preciso senso di relatività comandato appunto 
dall'appariscenza delle foreste e dei boschi montuosi. Sotto 
questo ammanto si incrociano infine e si sovrappongono le piante 
della flora illirica con quella della flora ellenica: nell'ombra 
profonda e silenziosa delle selve esse sembrano quasi pronte 
a combattersi Tun l'altra (1). 

Là dove il calcare primeggia, come sulle Alpi settentrionali 
di Albania, si sviluppano le selve carsiche, con pini, abeti e 
faggi, come nel vicino Montenegro : ad essi fanno corona una 
falange di arbusti e di suffrutici di singolare rilievo botanico. 
Dove invece gli scisti ed i serpentini affermano una spiccata 
prevalenza, attecchiscono In special modo nelle foreste il 
faggio e l'abete. La Mirdizia è così un paese degno della mag- 
giore importanza per le aghiformi (2). Il castagno {castanea 
vesca) prodotto dei terreni scistosi, non entra jche per pura 
eccezione a far parte dei boschi di montagna : esso appartiene 



{{) Sulla parta botanica che interessa le foreste di Albania si consulti la nota pub- 
blicata dal Dott. A. Baldacci nel BoUitUno ufficiale del Minislero di agricoltura^ in- 
duslria e commercio. Anno III, voi. V, fascicoli 3 e 4 (15 e 22 settembre 1904). 

()) L'abete copre quasi da solo immense superficie tra il Pandi e Madhe ed il Drin 
NerOf dalla quale regione passa poi con il faggio e con il pino/ verso oriente, nella 
montagne che si innestano con il gruppo dei monti Sciar. Tra le foreste mirdite sono 
principalmente da ricordarsi quelle di Mali Sejnt, di Monte Mnela {MoneUa)^ dei due 
Pandi (Pandi e Madho e Far^di e Vogheli) nonché le selve di Lurja e Solita nel pros- 
simo san giacca to di Dibra. 

Oltre a queste foreste meritano speciale ricordo le altre situate tra Croja ed Alessio, 
quali quelle di Busuesì, di Thomana, di CroJa, di Sepredheti, di Qurxi e dì Maljbars; 
la cui lunghexza è di 12 ore di cavallo tra Croja ed Alessio e la larghessa, dal mare 
airinterno, di 6 ore di cavallo. 



Digitized by 



Google 



LA VEGETAZIONE 121 

di fatto nell'Albania settentrionale al dominio botanico infe- 
riore, ossia a quello del Mediterraneo. 

La regione dei boschi montuosi è composta adunque, essen- 
zialmente, di conifere, di copulifere e di copulifere miste con 
altre specie di alberi. Tra le conifere spesseggiano il pinvs mu- 
ghu^, Vabies excelsa, Vaòies Apollinis, la juniperus foetidissima ; 
tra le altre piante, il corylus Avellana^ la quercus ilex, la fagus 
selvatica, il huxus sempervirens, V Aescultts hippocastanum, 
Vacer pseudoplaianus e Vilex aquifolium. 

Le selve del Tomor constano, essenzialmente, di conifere con 
pinus mughiis e juniperus foetidissima, con qualche specie di 
faggio, di Tubus Idaeus e di rliamnus alpina : le selve degli Acro- 
cerauni non si differenziano gran fatto da quelle dei monti 
Tomor. Nell'Albania del mezzodì manca o è poco rappresentata 
tra i boschi montuosi la zona del faggio : sono piti diffuse le 
querce e le aghiformi. 

Fino ai 1600 metri regna la quercus ilex : oltre a questa alti^ 
tudine soltanto le conifere, frammiste ad alcunespecie di ginepri, 
di ossicedri e di aceri (1). Sulle tracce dei boschi montuosi, 
la coltivazione talvolta avanza o si appoggia ad essi : così ri- 
sale fin presso Agnanta a 1200 metri sul livello del mare, con 
campi di biada e di mais. 

La flora delle doline appartiene a questo ciclo di vegetazione 
dei boschi montuosi. Le doline, ricavate nel cretaceo o nel cal- 
care terziario, mancano infatti ad altitudini inferiori ai 1000 
metri sul livello del mare. Sono frequenti sugli Acrocerauni, 
nella media Albania, tra il fiume Semeni, il territorio di Te- 
peleni ed Argyrocastron, là dove sono conosciute con il nome 
ellenico di catavotren. Le doline avanzano talvolta come un 
lembo della vegetazione mediterranea, allo schermo dei venti 
e delle siccità, dentro ai calcari notevolmente elevati. La loro 
terra rossa, prodotto naturale della decalcificazione, è ricca 
di sostanze fertilizzanti complete. 

Le doline sono coltivate a cereali, a mais, a legumi, a segala, 
a biada, e talvolta anche a riso. Ne sono tributarie di prefe- 

(1) I monti Zuccali e Maranai (Scutari) sono specialmente abbondanti di querce da 
lavoro. (Bollettino ufficiale del Ministero di agricoltura^ induttria e commercio. Nota 
del prof. A. Baldacci; op. cit., pag. 7). 



Digitized by 



Google 



^n 



122 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

renza le genti che si assidono sull'alto dei rilievi, piuttosto 
che quelle che abitano lungo i medi versanti, a motivo della 
facilità che hanno talvolta queste ultime e del maggiore com- 
penso economico, di ricorrere alle risorse del bassopiano. 

Sopra il limite dei boschi montuosi si eleva la speciale regione 
botanica della flora artico-alpina, suddivisa a sua volta in su- 
balpina, in alpina propriamente detta ed in nivale (1). 

Codesta flora scende piuttosto al basso nell'Albania settentrio- 
nale: attorno alle montagne dei Zucali (1050 m.) essa è rappre- 
sehtata da praterie di sassifraghe, di genziane e di liliacee (2). 
Ciò è dovuto in genere, al terreno calcareo caldo, all'isolamento 
di talune vette ed alla convergenza sovra di esse — per naturale 
fenomeno di irradiazione — del calorico assorbito dalle rocce 
calcari circostanti. 

Tale fenomeno influisce singolarmente nei rispetti antro- 
pogeografìci per la pastorizia e per gli effetti della transu- 
manzia, ossia nelle relazioni che corrono da parte delle popo- 
lazioni pastorali tra l'alta montagna e le zone del bassopiano 
adiacente. 

La flora alpina è regione botanica di vasta transizione, per- 
chè si appoggia alle selve e ritrae da esse aiuto e protezione. 
Si divide in flora delle rupi, delle prerupi (o delle pareti rocciose), 
delle fenditure rupestri, del materiale detritico e del terreno 
ghiaioso degli alti bacini di ricevimento dei principali corsi 
d'acqua. 

I monti Prokletje, i Tomor, i Trebescini, i Lungara e gli 
Acrocerauni, sono assai interessanti per la vegetazione del li- 
mite superiore delle terre albanesi (3). 

A motivo della siccità estiva prolungata il periodo delle 
piogge equinoziali segna, in Albania, la ripresa annuale della 



(1) Antonio Baldacci. Die P/lanx«ng«ographisch« Karte von Mittel-AlbanUn und 
EpiruM (Petermanns MUWdung^n, voi. 43, 1897). 

(2) A. Baldacoi. Con»id9r azioni preliminari svila fitogeografia dfW Albania tett^n- 
trionale. (BoU. Società Geografica Italiana^ 189S). — Idem. JiisvUati botanici e filo- 
geografici delle due nìiisiotU scienlifiche italiane del i90ì e 1903 nel Montenegro. 
Nota preliminare (Op oit ). 

(3) Si veda lo Schizzo fitogeografico del Montenegì-o e deWXlbania sette ntrionale^ re- 
datto dal dott. A. Baldaocì ed annesso alla Xola p^eVmiiuive citata. 



Digitized by 



Google 



P""*- 



LA VEGETAZIONE 123 

vegetazione ordinaria. Kel tempo freddo ed umido, la flora al- 
banese ha buon sviluppo nella zona littoranea specie inferior- 
mente al 40° parallelo, vale a dire dalle adiacenze di Argyro- 
eastron in poi, o nelle zone di conca o del flysch più special- 
mente favorite dalla natura. In novembre fioriscono gli agrumi, 
i carrubbi, i nespoli del Giappone e talune leguminose : nel di- 
cembre il mandorlo ; il rosmarino e l'oleandro in gennaio e 
febbraio. 

Le specie e gli individui oscillano attorno a questo limite di 
tempo, a maggiore o minore intervallo, secondo la latitudine. 
Il periodo del loro fiore è più o meno esteso in forza delle dette 
circostanze. Le foglie della vegetazione mediterranea princi- 
piano a spuntare in marzo: in questo mese ed in aprile la vege- 
tazione albanese tocca il massimo suo rigoglio primaveiUe. 
ma declina subito dopo o inaridisce allo appressarsi della sta- 
gione estiva. Si verificano così due distinti periodi di riposo nella 
vegetazione locale; uno che abbraccia il ciclo estivo, secco; 
l'altro il ciclo invernale, umido. 

Nelle zone littoranee è notevole il ritardo oppure l'anticipo 
della vegetazione primaverile o invernale rispetto agli analo- 
ghi fenomeni che si avverano nelle zone interne di bassopiano. 
Ciò è specialmente manifesto per i cereali, la segala e l'orzo, 
la cui coltura dipende, in genere, assai più dal calore che dall'u- 
midità. Tale fenomeni dipendono anche dall'azione modera- 
trice termica del mare, come è detto sopra. 

Considerata con speciale riguardo aUa distribuzione dei ter- 
reni, la flora albanese può adunque suddividersi nei seguenti 
tipi essenziali : 

a) Vegetazione delle zone calcaree. Sull'alto dei rilievi, rocce 
affatto scoperte e nude di ogni vegetazione. Kadi cespugli, sterpaj 
e pascoli segnano la linea di transizione verso i medi versanti 
provvisti della florida vegetazione delle conifere dei boschi 
montuosi. 

b) Vegetaaione del flysch e dei terreni collinosi del terziario. 
Sulle basse pendici si trovano colture a cereali, a mais, a gelsi 
bianchi e neri e ad alberi fruttiferi. Larghe coltivazioni di ulivi 
ombreggiano i contorni di Valona, si distendono verso Croja, 
Scutari, Elbassan e nel mezzogiorno dell'Albania: macchie e 



Digitized by VjOOQIC 



124 GEOGRAFIA GENERALE DELL'ALBANIA 

dumeti sull'alto delle dorsali. In questi terreni il mais è assai 
diffuso per tutta l'Albania e si eleva oltre ai 1000 metri 
nelle valli ben riparate del centro e del mezzogiorno della pro- 
vincia : il grano non attecchisce che ad altitudini alquanto in- 
feriori. 

In generale, la vegetazione del flysch potrebbe essere molto 
più rigogUosa e rimunerativa, specie lungo le valli longitudi- 
nali del mezzodì dell'Albania, se non fosse contrastata, secondo 
taluni, dal soffiare del maestrale che vi predomina per 6 o per 8 
mesi dell'anno. Le zone del flysch sono ricche di pascoli e nutrono 
numeroso bestiame. Singolarmente importanti sotto questo ri- 
guardo sono le conche di Delvino, di Dropoli e del basso Ca- 
lamàs. 

e) Vegetazione dei terreni alluvionali. Abbraccia le zone di 
bacino, le pianure interne e le zone di delta fluviale, le quali 
sono contraddistinte dalla presenza di terre forti, da lavoro, 
come nella Zadrima e nella Musachja. Codeste regioni, di re- 
gola, appaiono anche le più fittamente popolate dell'intera pro- 
vincia. 

E suolo sfruttato dall' agricoltura con alternanza : ora a 
prati e campi irrigui, ed ora a terreno arato, a seconda della 
entità e della periodicità delle inondazioni (1). Eegioni tipiche 
di questa ultima specie sono la Zadrima, la Musachja, le conche 
di Joànina, di Lapsista, di Zarovina, e, subordinatamente, 
i bassopiani presso ai grandi laghi e tutta la conca di Dia- 
cova e di Prizren. Il mite clima invernale agevola in queste 
pianure interne il diffondersi della vegetazione mediterranea 
la quale si insinua nelle alte valli : frumento, campi floridi di 
mais, vigneti e gelséti abbelliscono il bacino di ricevimento del 
Drin Bianco come nelle più fortunate province dell'Eliade. 
Le alture sono ombreggiate da boscaglie : prati ricchi di erbe 
aromatiche e di pascoli grassi nutriscono un pingue gregge. 

In talune regioni interne di bassopiano, come a Joànina ed a 
Lapsista, mantenendosi anche durante la stagione estiva secca 
un soddisfacente grado di umidità relativa, non è molto prati- 
cato l'alpeggio del bestiame. Epperciò non si danno quivi 



(1) Molli campi di mais nella Zadrima tono irrigati. 



Digitized by 



Google 



LA VEGETAZIONE 125 

esempi di società pastorali trasmigranti, costituite sull'esempio 
di quanto accade nell'Albania settentrionale e centrale. Quivi, 
rispetto all'emigrazione temporanea, si distinguono le tribù dei 
Clementi e dei Kastrati nella Zadrima e le genti Valacche 
Farsagliote nella Musachja. Tale fenomeno si verifica anche 
nelle altre zone calcaree del flysch dell'Albania del mezzodì, ri- 
spetto alle genti dei monti del Pindo, dei Tomor e dei Tsumerca. 

Nella zona littoranea alluvionale, la coltura a motivo del 
terreno pantanoso e della malaria, è limitata alle soglie di ter- 
reno forte ed asciutto : vi si coltivano il grano, l'avena, il fieno, 
il mais ed anche qualche poco il riso. La scarsa abitabilità 
ristretta necessariamente e bene spesso, a causa della malaria 
alle regioni piti alte della zona, assottiglia di alquanto la pos- 
sibilità di un esteso, completo ed intenso sfruttamento di queste 
terre di loro natura fertili. 

Tra le piante industriali sono da citarsi: il sommacco, diffuso 
nel bacino di Scutari, attorno Alessio e Durazzo e perfino nel 
paese dei Mirditi ; il tabacco ed il lino, pure coltivati nel bacino 
di Scutari; lo scodano pianta da tintoria coltivata nella Zadrima; 
la quercia valonea, che produce ghiande impiegate nel tannaggio 
dei pellami; l'acero, il bosso, ed il rkus cotinus (legno giallo) 
specialmente diffusi nell'Albania meridionale. 

Gli abeti e la quercia ròvere forniscono degli eccellenti ma- 
teriali da costruzione navale, largamente adoperati dalle armate 
della Veneta Eepubblica : i dumeti apprestano buona legna da 
ardere ed ottima da carbonizzare ; i margini dei laghi di Joànina 
e di Lapsista forniscono eccellente torba. La mancanza asso- 
luta di legna da ardere è la caratteristica infine degli alti rilievi 
calcari : ciò obbliga o a ricorrere per essa alle regioni sottopo- 
ste dei boschi montuosi, oppure a trasportarne a soma (1). 



(1) Queste difficoltà, comuni d'altronde ai terreni carsici in genere, hanno grande in- 
fluenza nelle operaxioni militari nel senso di appesantire il sèguito delle salmerie. 
Gli Austriaci, nelle guerre di Bosnia ed Erzegovina, ebbero campo di appressare il 
valore dì codeste difficoltà naturali. 



Digitized by VjOO^IC 



n 



Digitized by ^OOQlC ^ 



Paete Seconda. 
OLI ELEMENTI ANTB0P0OE06BAFICI 



Digitized by 



Google 



Digitized by VjOO^IC 



CAPITOLO I. 

La popolazione ed il linguaggio. 

( Vedasi la carta etnoffrnfica annessa deir Albanift) 



A) Le stirpi ed il loro differenziamento. 

L' etnografìa positiva ha oramai assodato il post< 
compete alle popolazioni neo -liguri ed illiriche dal 
quali è rampollata l'albanese — nello sviluppo etno^ 
delle genti dello Occidente europeo. Anzitutto si è chia 
concetto che i Liguri (estesi per tutte le terre di Eni 
pressocchè ed originariamente dolicocefali) a grado a { 
in forza di incursioni di genti eurasiatiche e di loti 
vennero in prevalenza brachicefali, sino a costituire il 
nocciolo delle genti arie consolidateci nell' Europa e 
mediterranea, molto tempo prima della espansione e d( 
ferenziamento degli Umbro-Latini, degli Elleni e dei 
Emerse inoltre chiaro che i !N^eo-Liguri e gli Illiri sono ( 
denti da un medesimo ceppo con spiccati nessi di etnogr 
di civiltà. 

La caccia, la pesca, la pastorizia, T agricoltura, Tari 
tessere e quella del conciare le pelli, (il nome di Liguri si 
derivato appunto da likure, o vestiti di pelli) erano le oc 
zioni ordinarie di queste genti che condussero libera vit 
all'epoca della dominazione Etnisca e della Gallica. L' 
marsi di queste egemonie obbligò i Neo-Liguri e gli Illir 
cui nome si vuole derivato da Ilo o Hylo che in albanese 
fica stella ; epperciò Hylliri vorrebbe dire stellati — ad 



Digitized by 



Google 



132 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

treggiare e ad accalcarsi sulle pendici degli Appennini ad 
occidente e lungo i rilievi dinarici ad oriente del bacino del- 
l'Adriatico. 

La toponomastica delle due rive di questo mare (salvo una 
soluzione di continuità di cui si farà cenno piìi avanti) è ricca 
di documenti che attestano l'unità genealogica delle stirpi neo- 
liguri ed illiriche del centro del Mediterraneo. La radicale alb è 
assai diffusa nei paesi dell'Adriatico e del Tirreno: i nessi glot- 
tologici delle iscrizioni sepolcrali e votive dell'antico ceppo 
ilhrico, come quelli dell'antico liburnico, del veneto, dell' japigico 
e del messapico, sono stati oramai assodati su basi positive 
grazie agli studi paralleli del Mommsen, del Pauli e dello 
Schraidt (1). n nome messapico di Brindisi ad esempio (in greco 
fip£VT£stov) significa corno di cervo, ed esso trova la sua omo- 
nimìa nel monte Brendasche dei Bieshket e Nembuna nelle 
Grandi Alpi Albanesi (2). L'antico nome di Corfù era Drepan 
(da drapen che significa falcetto in albanese) ed esso pure trova 
la sua corrispondenza nel Drepano siculo, cioè Trapani. Come 
stirpi cronologicamente ed antropologicamente affini ai Neo- 
Liguri ed agli Uliri. si debbono ritenere nella loro primitiva 
estensione anche i Traci, gli abitanti della Macedonia, della 
moderna Serbia, della Bosnia, dell'Erzegovina e del territorio 
di riva destra del Danubio, e forse anche i Siculi. Questi ul- 
timi, come pare verosimile, avrebbero fatto parte di un gruppo 
etnico neo-ligure dimostratosi piti sensibile alle influenze doli- 
cocefali predominanti nella regione ed alla prisoa civiltà medi- 
terranea; e, come i Siculi, debbono forse ritenersi anche i 
Toschi dell'Albania meridionale, piìi differenziati etnografica- 
mente per condizioni intrinsiche ed estrinsiche dei Gheghi, 
in modo spiccato brachicefali ed abitanti nell'Albania del set- 
tentrione. 



(1) T. MoMMBBN Iscrizioni dei Meisapi e degli Japigi. — Pauli. DieVeneter und 
ihre SchrifldenkmlUer. — Leipzig, 189L — M. Schmidt Mestapitches nelle ZeUschrifte 
del Kuhn per lo ttudio comparativo del linguaggio, toI. XX. Vedasi anche per la io- 
ponomattica delle antiche genti liguri: ScHRADia. Sprachvergleichung und Urge- 
achichle. Ed. 1890, pag. 512 e segg. 

(2) L'analogia fu trovata, come è noto, da Strabene. Si noti che brendfiashi in al- 
banese significa corno di montone. 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 133 

Le stesse tradizioni tramandateci dall'antichità suffragano 
ampiamente questo asserto per quanto concerne i Siculi e danno 
valore alle correlazioni ed alle anologie con le antiche popola- 
zioni illiriche dell'Albania. Infatti, mentre Filisto di Siracusa e 
qualche altro storico affenna che i Liguri furono sospinti dal set- 
tentrione dell'Italia verso il mezzogiorno per opera degli Umbro- 
Latini e degli Ausoni, si trovano altrove rammentati i Siculi 
medesimi a fianco dei Libumi nell'Italia continentale, e, più spe- 
cialmente, nell' ampio seno marino occupato dall'odierno golfo 
di Venezia. Infine i Siculi ed.i Liburni (sui quali ultimi non 
v'ha più alcun dubbio intorno alla loro origine illirica), sono de- 
scritti da Plinio come abitanti della Dalmazia attuale (1) ; tanto 
è vero che all'epoca imperiale la Bosnia, la Serbia, la Dal- 
mazia e l'Albania furono sinteticamente comprese sotto la 
denominazione di provincia dell'Illirio. 

Ciò premesso, erano certamente illiriche le antiche genti 
disseminate lungo le due rive dell'Adriatico, dal golfo Ambra- 
cico alla penisola Salentina ed alla Calabra, salvo una soluzione 
di continuità da Adria (2) al Gargano o presso a poco. Questa 
circostanza depone a favore dell'ipotesi di trasmigrazioni di 
genti illiriche, per via di terra dal littorale dalmata ad Adria, 
e, per via di mare, lungo il littorale, a mezzodì del Gargano. 

A queste genti appartennero gli Illiri-Albanesi da una parte, 
gli Japigi ed i Messapi dall'altra, quasi ad attestare la mirabile 
corrispondenza tra i rapporti etnografici ed i -geografici più 
sopra studiati, al tempo cioè in cui il Gargano, le Trèmiti, 
la Pelagòsa e la Lagòsta componevano un'unica soglia di terre 
continue distese tra la sponda Dalmata, la Picena, la Apula 
e la Calabrese. I Siculi in questo senso debbono ritenersi 
forse il tratto di unione nella catena delle genti liguri perla • 
driatiche, tra le stirpi brachicefali più pure e le più differenziate 
o soggette ad infiltrazioni locali. 



(1) Db MicBBLis. Vorigine degli Indo- Europei, — Torino, Bocca Ed., 1903, pag. 536 
e seg. 

(2) Non è improbabile che il nome di Adria derivi da Ale, che significA padre, o da 
Ateria {Atria) che vaol dire patria; cioè una delle originarie residenze degli lUiri. Anche 
il primitivo nome dei Veneti si vuole ripeta un'analoga origine, cioè dal neo-illirico 
Veìui ohe equivale a luogo, territorio, o patria. 



Digitized by 



Google 



1 



GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

apigi, confusi erroneamente con i Lapi o Liapi (1) del- 
ia meridionale, i Messapi, i Liburni ed i Veneti (parte 
li genti sembra si siano stanziate sulla riva italica assai 
ielle immigrazioni degli Umbro-Latini), non rappresen- 
dunque, in sostanza, che una grande e poderosa tras- 
ione di genti illiriche penetrate e diffuse nella penisola; 
)er via di mare, come è detto sopra, quanto per via di 
percorrendo i corridoi dinarici, verso la Carniola e TI- 
'utti codesti gruppi illirici furono soverchiati a loro volta 
tnilati dagli invasori Ario-Italici e Celti. 
Ita infatti che i Danni ed i Messapi erano assai diffe- 
i nei rapporti etnografici all'epoca della conquista aria, 
furono assai più dopo di essa (2) Si denominavano 
Danni, M^sapi puri, Messapi misti, Pediculi e Peucezi : 
►storo, sulla fede di Strabone, parlavano un identico lin- 

le THelbig ha qualificato gli Japigi ed i Messapi della 
pula per lUiri, ed ha oramai assodato su basi inoppugna- 
esti singolari nessi tra l'etnografia e la geografia positiva 
ino dell'Adriatico. Questi nessi sono tanto più evidenti, 
ito la coltura dei Neo -Liguri e degli Illirì del periodo più 
appare perfettamente identica, tanto nella sostanza 
le forme. 

3tta etnografica con gli elementi dohcocefali predomi- 
ille terre nuove occupate deve essere stata senza dubbio 
iteristica delle genti neo-liguri ed illiriche. Questo fatto 
logo ad una serie di varianti antropologiche più o meno 
B o più o meno avvisate tra le genti conquistatrici e le 
in dipendenza dell'entità e dell'estensione degli avvenuti 

I Siculi, da una parte, ed i Taschi dall'altra possono 
la misura delle azioni e delle reazioni antropologiche 
statesi in diverso ambiente presso le genti neo -illiriche 
jania. 
io fede di tale processo di assimilazione, lenta ma 

le differenze antropologiche e linguistiche soprawis- 



PBRT. Lehrbuch der AUen Qeographie. Berlio, 1878, pag. 298 e 449. 
PBBT. Op. cit., pag. 450. 



Digitized by 



Google 



:«PtA"-;"*^ "^'T'v-r 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 136 

sute alla lotta, documento eloquente della vitalità, della vigorìa 
e della pertinacia della resistenza opposta dalle primitive 
genti soggiogate. Epperciò. come si giustifica oggigiorno la fre- 
quenza in Liguria del tipo dolicocefalo tra i brachicefali Neo- 
Liguri diventati predominanti : così si spiega la commistione 
dei due tipi antropologicamente prevalenti nell'Albania, cioè 
i Gheghi, decisamente brachicefali a settentrione,, ed i Toschi 
in maggioranza dolicocefali e mesocefali a mezzodì della pro- 
vincia ; e ciò per essersi dimostrati questi ultimi più sensibili 
alle influenze locali od esteriori che non gli abitanti del set- 
tentrione. 

Tra i due tipi si nota una vera e propria gamma di soggetti 
antropologici di transizione, dal ligure primitivo dolicocefalo 
della Toscheria — più arretrato nella evoluzione antropologica ' 
tra tutti i membri della famiglia albanese — al neo-ligure ed al 
neo-illirico, dalle prevalenti caratteristiche eurasiatiche. I crani 
provenienti dalle tombe di Schlaku-Komani (Drin) studiati dal 
Dott. Hamy del Museo di Saint Germain di Parigi e dal dot- 
tore Traeger, rivelano un indice cefalico che oscilla tra il 79,9 e 
r82. Ciò attesta la presenza nelle Alpi settentrionali di Albania 
di una stirpe di transizione, anche tra i brachicefali Gheghi 
— disposti sulla strada delle invasioni etnografiche verso la 
Brava e la Sava e più facili quindi all'assimilazione progres- 
siva — , mentre questo processo si è reso meno evidente tra i 
Toschi più sensibili rispetto ad una civiltà preesistente e più 
distanziati dalle grandi vie percorse dalle incursioni illiriche 
e neo- liguri. Tali fenomeni di evoluzione antropologica per 
l'Albania settentrionale sono ancora più precisamente e diffu- 
samente confermati dalle indagini compiute nella regione alba- 
nese montenegrina dal Dott. Vram, del R. Istituto Antropolo- 
gico di Roma. La presenza sulle alte terre albanesi della Ghe- 
garia delle specie antropologiche più differenziate dipende 
adunque dal fatto che le montagne furono, in ogni tempo, 
l'asilo ed il rifugio sicuro dei vinti della piana nella lotta 
aspra e tenace delle genti. 

Il corso dello Scombi e la traccia della futura Via Egnatia 
avranno assai probabilmente segnata la strada alle immigra - 



Digitized by 



Google 



136 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

zioni delle genti brachicefale (1) neo -liguri ed illiriche, dalla 
Balcania e dalle terre che prospettano sul Mar Nero all'o- 
dierna Albania. Bpperciò lungo questa traccia si può ritenere 
limitata la sfera di reciproca influenza sufficiei^tejnente netta 
— a prescindere daUe inevitabili interferenze etnografiche a set- 
tentrione ed a mezzodì del menzionato fiume — , tra i brachi- 
cefali piti specialmente Gheghi, ed i mesocefali e dolicocefali 
piil particolarmente Toschi. 

Questi ultimi, in sostanza, non apparirebbero che come un 
frammento antropologicamente meno evoluto, dapprima, e piti 
soggetto alle influenze esteriori, di poi, per condizioni geogra- 
fiche e locali tra le primitive stirpi-dolicocefale liguri ; come 
potrebbero ritenersi i Siculi in Italia. E ciò a cagione dei minori 
contatti con le nuove genti brachicefale in confronto del setten- 
trione dell'Albania ed anche per il fatto della presenza di una 
civiltà più progredita e diffusa in Toscheria, cioè la civiltà me- 
diterranea, la quale ha resistito piti tenacemente e vittoriosa- 
mente all'assimilazione ed alla evoluzione. 

Le medesime tradizioni antichissime di credenze religiose 
priscamente professate dagli Albanesi del mezzogiorno; il culto 
dell'oracolo di Dodona ed i suoi rapporti con l'Egitto e con 
la Fenicia; molte pratiche e costumi di vetustà indubbia 



(1) A. Baldacoi. Una «coperta archeologica del con$ol^ francete A. Degrand nel- 
VAÌbani% teUentrionale (BoUeUino della Società Geografica ItalianOy serie III, voi. XII, 
1899, pag. 261). — Dborand. Souvenir* de H Haute Albanie. - Paris, Welter, Ed., 1901, 
pag. 288, 399. Si veda infine anche P. Tbabobr: MìtteUunqen und Funde aus Alba- 
nien. (Zeitschrift filr Ethnologie). — Berlin, 1900 Hefl. II e III. 

Debbo infine alla gentilezza del prof. Sergi e del dott. Vram i seguenti particolari 
inediti relativi ai crani esaminati presso il H Istituto Antropologico di Roma e portati 
dai dott. U. Vram ed A. Baldacoi dalla regione albano-montenegrina di'Jatriebaz. I crani 
esaminati sono in numero di 23. Di essi, rispetto alP indice cefalico, 21 sono di brachice- 
fali e 2 di mesocefali; rispetto alle forme, 15 sono di sCenoidi, 2 di ouboidi, 3 di sfenoidi, 
2 di elissoidi ed 1 di ovoidi. Quest'ultima distinzione assai variata conferma il differen- 
ziamento tipico di cui più sopra è cenno tra le genti albanesi montanare del setten- 
trione. 

Dei 23 crani esaminati^ 21 cumulano adunque le caratteristiche delle stirpi eurasiatiche, 
due soltanto quelli delle stirpi eurafricane e mediterranee. Quanto alle osservazioni 
compiute dal dott Vram su persone viventi nella regione sopra descritta, risultano i 
seguenti indici cefalici desunti dalTesame di 35 individui: 

indici massimi — maschi 92, 1 — femmine 92,0 
» minimi — » 75,10 — » 81,6 
» medi — » 85, 8 — » 87,7 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 137 

rispetto alle genti neo-liguri, potrebbero suffragare codesta 
ipotesi (1). 

Mentre adunque i Toschi si conservavano così meno pro- 
grediti nell'evoluzione etnografica, delle ondate successive di 
lUiri e di Slavi, deviate lungo i corrugamenti dinarici in dire- 
zione di settentrione, rafforzavano l'elemento brachicefalo 
ghego. 

Per tal modo, mentre quest'ultimo riusciva ad ottenere una 
completa assimilazione etnica o quasi e, conseguentemente, 
un'unità e purezza nel proprio ceppo ; il gruppo Tosco restava 
o stazionario o, comparativamente, assai meno evoluzionato 
nel senso brachicefalo. 

Un fenomeno analogo di lotta assimilatrice accadeva presso 
a poco nel medesimo tempo e si decideva, pure a vantaggio dei 
brachicefali, a settentrione dell'Albania ; sempre per l'incalzare 
di nuovi fiotti di gente balcanica che si rivolgevano al setten- 
trione. Risulta infatti che l'intera regione illirica era largamente 
occupata, specie all'epoca neolitica, da stirpi dolicocefale le 
quali risalivano tutta la cimosa dalmata fino alle Alpi. A queste 
genti sono da attribuirsi, in massima parte, non soltanto gli 
strati più bassi delle palafitte austriache, ma eziandio i copiosi 



(1) L'oracolo di Dodoote, 8«condo Erodoto, sassisie va prima del dilovio di Deucalione 
(Lib. II § 54). Aotiobi templi della specie del Dodonéo erano ditseminati, secondo taluni 
aotori. sqì monti Tomor (Stbabonb, Lib. VII, pag. 328). Delle vestigia di mura ciclopiche 
esistono nella Zagorie (Dorrà) tra i laglii di Ioanina e di Lapsista ed in molte altre parti 
della provincia. (Pou^uevillb. Voyage de la Orèce, voi. I, pag. 202-130. — Paris, 
Firmin Didot Ed , 1826). È fama che la prima divinità indigena introdotta nella regione 
Dodonea fosse Temi, figlia della Terra (Lucano. De Themidcy Lib. V, voi. 81, 399) 
e che fino allora gli abitanti deirAlbania meridionale non avessero adorato che delle 
divinità senza nome. Si sa ancora (ciò che depone a suffragio della tesi delle influenze 
eurafricane o mediterranee presso i Toschi) che del le due Pelejadi, o divinità etiopiche pro- 
venienti dal tempio di Osiride in Egitto, una fondò il tempio alle Oasi di Ammone, Paltra 
il grande culto Dodoneo nell'Epiro; i cui responsi erano emessi a voci inarticolate e, 
probabilmente, in caratteri geroglifici; e che culti e costumanze fenicie ed egizie erano in- 
fine assai diffuse neirEpiro, quali le credenze in Dsom (Ercole), Serapide, Arpocrate, 
Osiride ed Oro (Erodoto. Lib. II, 58 — Asistofanb. — Gli uccelli. III, 27. — Ombro. — 
Ili^d, Lib. XVI, voi. 253, 399. 

Risulta da ultimo da testimonianze di Didimo commentatore di Ombro (Iliad. II) che 
gli antichi abitatori dell'Epiro, cioè i Pelasgi, erano Unto avanzati nella civiltà da far 
uso di strumenti di bronzo e che usavano circoncidersi secondo il costume egizio. Una 
scure della specie ritrovata infatti a Pandosia, fu illustrata dal Pouqubvili b ( Voyage 
de la Grece, 8, pag. 180) ; molti oggetti di bronzo furono infine rintracciati dal Degrand 
nelle tombe di Schlaku-Komani. Vedasi anche P. Traeger (op. cit. Gràherfeld de»- Kalaja 
Dalmaties). 

9 — Albania. 



Digitized by 



Google 



138 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

materiali preistorici del Carso, della Bosnia e delle contrade di 
Sarajevo (1). 

Tutte queste condizioni etnografiche generali hanno natural- 
mente influenzato la grande suddivisione delle genti albanesi 
nelle due stirpi ricordate : i Gheghi, prevalentemente brachice- 
fali a settentrione della provincia, nei vilayet, di Scutari e di 
Còssovo ; ed i Toschi mesocefali o* dolicocefali, in maggioranza, 
nei vilayet di Joanina, di Monastiredi Salonicco, a mezzodì. 
La natura del suolo, l'evoluzione etnografica interiore ed este- 
riore, l'originalità degli aggregati sociali, hanno impresso a loro 
volta una fisionomia tutta propria ai Gheghi ed ai Toschi : più 
guerrieri questi ultimi, pastori ed agricoltori, che inclini allo spi- 
rito della vita cittadina nel senso ellenico e romano, e facilitato 
il loro differenziamento successivo in sottodivisioni, in cantoni 
ed in tribù. Un maggiore sviluppo politico non ebbero infatti i 
Toschi; laddove i Gheghi assursero, all'epoca illirico-romana e 
medievale, ad una maggiore consistenza statale. 

Tale frazionamento politico appare inoltre più esteso e sentito 
presso i Toschi che presso i Gheghi — oltre che a motivo della 
configurazione delle loro terre — anche perla scarsezza dei con- 
tatti e per la mancanza di leggi tutrici della purezza della stirpe. 
Una severa ed antica osservanza di leggi e di consuetudini, atte 
a salvaguardare l'omogeneità della stirpe, giovò infatti ai Gheghi 
nel conservare l'originalità del proprio ceppo. 

« Nessun straniero (prescrive la legge delle Grandi Montagne 
Albanesi) che sia estraneo alla tribù — anche se sia Albanese o di 
stirpe contermine — può giammai entrare a far parte di questa 
tribù. Dovendosi vendere i beni di taluno delle tribù, i parenti 
ne sono i compratori privilegiati : in difetto della loro concor- 
renza possono accedere gli altri della medesima tribù. Trattan- 
dosi poi di terre fuori della sfera del villaggio di una tribù, in 
mancanza dei predetti concorrenti soltanto, possono accedere 
anche quelli delle altre tribù. » 



(1) A qaesto punto — a nostro avviso e più precisamente — si deve riferire la va- 
rietà etnografica osservata da Leopoldo GlUck nella regione di Serajevo. Codeste os- 
servazioni ed i grandi divari etnografici rilevati avevano indotto il GlUck ad affermare 
gli albanesi tutti per genti miste di dolicocefali, mesocefali e brachicefali {Zur Phy' 
siiche il Antropologie der Albanesen. Wiss. Milth. aus Boinien-Htrcegovina^ V Bd.). 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 139 

L'osservanza costante di queste antiche leggi e consuetudini 
ha assicurato adunque la buona unità etnografica e linguistica 
al ceppo ghego, ad onta del suo scheggiarsi in terreni aspri e 
montuosi. Per contro, la trascuranza di queste leggi medesime ha 
provocato il frazionamento etnografico e linguistico fra le stirpi 
albanesi del mezzodì; meno evolute e conseguentemente meno 
compatte o apparecchiate a res'stere alle azioni ed alle rea- 
zioni esteriori. 

La varietà delle genti tosche apparve infatti notevole fino 
dai primi tempi storici: vi si contavano infatti i Caoni, i Mo- 
lossi, i Tesprozi, i Driopi, gli Anfilochi, i Cassopei, gli EUopi e 
molte altre genti ancora. 

In confronto i Gheghi rappresentano adunque una stirpe 
spiccatamente unitaria, fenomeno codesto di singolare inte- 
resse nelle relazioni poUtiche e sociali. La distinzione in essi di 
tribù Malissore ed Amaute è del tutto erronea. L'appellativo 
di Malissori — vale a dire montanari — è generico t*anto per 
gli abitanti delle alte terre del settentrione, quanto per quelli 
del mezzogiorno dell'Albania. Medesimamente il nome di Ar- 
nauti, derivato da una corruzione del vocabolo ellenico Arna- 
vites (Arvanites-Arnaùtes), serve a designare comunemente 
tanto gli Albanesi Gheghi quanto gli Albanesi Toschi che hanno 
abbracciato la fede musulmana: questo nome, di provenienza 
straniera, è anzi sdegnosamente respinto dagh stessi Arnauti 
cui si rivolge. 

Ciò premessoci tipo unitario dei Gheghi ad onta del suofrat- 
turamento in una quarantina di tribù, non ammette oggigiorno 
che due distinzioni del tutto formali. Quella dei Mirditi, dovuta 
alle tradizioni guerriere ed autonomistiche di queste genti del 
settentrione dell' Albania nonché alla compattezza^ della loro 
fede cattolica, e quella dei 3falzìa-e-Madhe, o Malit ori, dipen- 
dente dal fatto di abitare le alte terre della mede? na provin- 
cia, all' infuori della Mirdizia. 

Tutte queste genti si frantumano, come si è detto, in tribù 
(Phis) contraddistinte da uno spiccato carattere cantonale. 
Ciascuna tribù ha tradizioni, autonomie eleggi consuetudinarie 
assai analoghe. 



Digitized by 



Google 



140 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

I IVIirditi, suddivisi in alcuni circondari o hairaJc, popolano 
le alte terre tra la riva sinistra del Drin, Scutari, Alessio e Ti- 
rana (1). Etnograficamente — ciò che suffraga l'unità primitiva 
del ceppo ghego — l'appellativo di Mirditi (Mirediti) è di data 
assai recenti». Esso era limitato ai tempi di Giorgio Scanderbeg 
soltanto alle contrade di Gruka {gruke in albanese significa 
gola di monte o, più generalmente, coUe) e di Oroshi. Dopo la 
morte dello Scanderbeg, la famiglia dei Markai di Oroshi, esten- 
dendo il proprio dominio su tutte le alte terre oggigiorno desi- 
gnate con il nome di Mirdizia, non fece altro che imporre per 
diritto di conquista il nome del cantone dominante alle genti 
assoggettate (2). 

Le tribù gheghe cattoliche delle alte e delle base terre della 
Albania settentrionale risultano dall'annesso specchio (3) : 



(1) Hecquard. HUtoire et description de la Haute AU>anie (op cit., pag. 219). 

^2) Dolt. Gaspare Jakova Mertory. Il V Centenario della nascila di Giorgio 
Cattriota^ Scanderbeg. — Roma, Tip. Sallustiana, 1904, pag. 23 (Note). 

(3) Lo specchio annesso è riportato in parte dall'opera del Bianconi: Cortes Commer- 
cialeSf etc. Provinres d* Albanie et d* Epire. ~ Paris, 1885, pag. 16. 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 



141 






»OC^CqiH«rHC<l»H C<1C« Ni-- rHi-irHrH CCC^liHCON 



oooocooo 
oooooooo 
o^ o o^ o o_ o^ o^ o^ 



o o 


o o 


^ ^ f^^ 


O O O O O 


o o 






o o o o o 

OOO O IO 


IO o 














^co 


•^ 11 


« rH Ci Cq 


la "it (M co t- 



o 
o 

Od 



& 



S O 






te 

«0 









o 

O 

< 



OQ 

O 




^ 
^ 



.13 « 



I J 
> 
I 



.- g .12 .- 

o.'S g 5 

M^ O S 08 C8 



« V5 

il 

I 00 t *1 

"S * 3.12 
- X -S 'd cu 



^ d 



1 • • ' • 
;^ppS:^rs£ egee 



.2 -C § .13 



à 



3 
o , 

• a 




Digitized by 



Google 



142 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Gli Albanesi Toschi (i Toxidi di Strabone) appaiono come 
si è detto maggiormente differenziati dei Gheghi, tanto nelle 
distinzioni etnografiche, quanto nelle suddivisioni cantonali 
(fare). Primeggiano sovratutte la stirpe dei Lapi (forse gli an- 
tichi Caoni) e quella dei Chiami. Anticamente, la suddivisione 
etnografica tosca comprendeva 14 nazionalità classiche : i Caoni 
(dal vocabolo Albanese Kau bue, ossia popolazione di bovari) 
i Tesprozì (da thes sacco e prue portare, ossia genti vestiti di 
sacco o di lana, in opposto forse ai Liguri il cui nome si vuol 
derivato da lihure, ossia vestiti di pelli^, gli Abanti, i Perrebi, 
i Molossi o Molotti (da mal albanese, che significa monte) gli 
Atamanti, gli Ellopi, i Cassopei, gli Antintani, gli Elimi, gli 
Oresti, i Lincesti e molte altre tribù minori (1). 

I Lapi — corruzione di Liaberi o Arberi (2) dovuta alle in- 
cursioni slave — sono diffusi nelle contrade degli Acrocerauni : 
i Chiami popolano di preferenza le terre tra Joànina ed il mare. 
Altre varietà di stirpi tosche comprendono gh Abanti della Su- 
siza, le tribù dei DangH, di Premeti, di Chssura, di Tepeleni, di 
Delvino, quelle dei Suliotti, dei Parganioti e dei Zagoriani. 

Le spiccate differenze di fede accentuarono le differente etno- 
grafiche primitive. I Musulmani (tutti Suniti , da Sunna o com- 
mentari del Corano) spesseggiano attorno a PhiUatà^, a Berat, 
a Tepeleni (Tepedelen, in turco), ad Argyrocastron, a Premeti 
ed a Delvino: gli ortodossi, o pravoslavi, si affermano nelle 
contrade di Joanina e dei Pogoniani (cioè barbuti), di Para- 
calamos, di Panari e di Chimara (3). Infine numerose colonie 
elleniche sparse attorno a Jòanina, a Dropoli, a Margarita a* 
Delvino e presso il golfo Ambracico, accrebbero ancora di più 
il differenziamento tipico delle stirpi dell'Albania meridionale. 

In queste ultime contrade, l'ellenico è generalmente com- 
preso ed adoperato quale lingua franca propria dei traffici 
e dei commerci. Il sopravvento* di esso si manifesta a grado a 
grado, in intensità ed in estensione, procedendo dal medio corso 
del fiume Arctinòs a Prevesa, a Salachora e ad Arta stessa. 



(1) KiBPBRT. Lehrbuch der Alien Qeographie, pag. 302. — Laìmtari i Shcypenies. 
(L'Araldo d*Albanìa) 1 Novembre 1904, n. 4, pag. 19. 

{%) Può ritenersi in genere una corrazione slava dell'antico nome di Albania, che 
era Arberia o Arboria. 

(3) Forse da ktpioeppoc, ossia paese dei torrenti. 



Digitized by 



Google 



LÀ POPOLAZIONE ED IL LINGUÀGGIO 



U3 



Tabella comparatira tra la termlBelogia antica e la moderna 
nelle regioni dell'Albania meridionale i^) 



Suddivisione 

ammiDÌ8tratÌTa 

odierna 



I Distretti e suddivisioni 
greco-romane 



CANTONI ODIERNI 



SaDgiaccato 

di 

Del vino 



Sangiacoato 

di 

Chamuri 



EUopia . 
Molosside 
Tiofeide. 



:( 



Sangiacoato ) Perrebi 
di 
Joanina » ^ntintani 



Dolopi (M. Tsumafca) 
Atamani (Aoheloo) . 
Paravi o Parori . . 



Dryopia . 



Chaonia . 



Tesprozia 
( Cestrina 

Aidonìa . 



:i 



Selleide 

Sangi^cato \ J^S ! ! l 1 
».(.. J Amfllochia (Golfo di 



Joanina. 

Pogoniani (dipendenti da Berat). 

SATaoovitza. 

Ctirenda. 

Zagorìe. 

Conitsa. 
Sesarati. 

Anovlaohie ^regione di Arta). 

Tsnmerca. 

Temetz. 

DryDopolis (dipendenti da Berat). 

Cbinieri. 
Liapnri. 
Arbori (Gardiki, forse l'antica 

Abantia). 
Paracaiamos. 
Philiatàes. 



Paraniytia e Paleo-Kistès. 

Aidoni, 
Margarita 

finii. 

Spianfza e Laniari. 
Kogous. 

Kazà d'Arta. 



Analogamente, le autonomie cantonali dell'Albania del mez- 
zodì appaiono meno tenaci e meno gelose delle rispettive tradi- 
zioni, a motivo del loro minuto frazionamento e del difetto di 



(1) Compresa la regione del Pindo, a motivo delle reiasioni reciproche nell'etno- 
grafia antica. 



Digitized by 



Google 



144 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

vincoli unitari. Fanno eccezione talune fare dei Lapi delle 
montagne Acroceraunie e talune tribù di Suli, o Subotti. Que- 
flte ultime banno scritto pagine stupende di eroismo al tempo 
delle lotte contro Ali Pascià di Jòanina e delle guerre per l'indi- 
pendenza ellenica, agli ordini di Marco Botzaris : ma i Suliotti 
sono oggidì talmente assottigUati, da non sopravvivere più che 
come reliquia storica e patriottica nella mente e nel cuore delle 
popolazioni dell'odierno Epiro. 

AUa grande suddivisione etnica delle genti albanesi in gbe- 
gbe ed in toscbe, si deve aggiungere il differenziamento delle 
popolazioni albanesi miste, connesso al dominio esercitato 
dai Serbi, dai Bulgari e dagb EUeni. Tale fenomeno ha avuto 
per campo preferito il mezzodì ed il centro della provincia, il 
margine orientale e settentrionale della medesima. 

I Greco -Albanesi propriamente detti sono diffusi nel mez- 
zogiorno dell'Albania; i Serbo -Albanesi attorno a Acòva, Be- 
rana, Tergovitza, Mitrovitza, Vùcitren, Uscub, Diacova, Priz- 
ren, Ghilian e Caschanik. I Bulgari -Albanesi si incontrano nel 
circondario di Dibra, su entrambe le sponde del lago di Derida 
e nelle contrade di Ricevo. I Greco -Albanesi spesseggiano nei 
contorni di Argyrocastron, di Jòanina, di Margariti, di Arta e 
di Prèvesa. Il solco Voidomatis-Arctinòs — prescelto come linea 
divisoria tra il sistema albanese del mezzogiorno ed il contiguo 
del Pindo, — corrisponde eziandio in tesi generale anche alla 
distinzione etnografica e linguistica tra il ceppo greco -albanese 
e l'ellenico propriamente detto. 

I Valacchi (detti Zinzar dagli Slavi) (1) sono im'altra stirpe 
locale di grande rilievo. Di origine romena, i Valacchi si sono 
un poco mescolati agli Albanesi nelle contrade tra Prècovo e 
Cumanòvo, a settentrione; spesseggiano intorno a Criiscevo, 



(1) Questo vocabolo è derivato da una parola di origine slava che significa: figlio 
di Imperatore (Costantino Bdriliano: / Homeni di Turchia — Italia coloniale — 
Anno V. Voi. II, luglio 1904). Sui Valacchi in genere, si veda l'opera magistrale del 
Wbigamd : Die Aromunen, Voi. [, pag. 83, 399. Sul Valacchi della Musaohja in ispeoie 
si veda Carl Patsch: Dat Sandichah Berat in Albanien^ Wien. A. Hòlder Ed. 1904, 
pag. 136-399. (Nella oolletione della KaiteHiche Akademie der Wissentchaflen. Schrlften 
der Ballcankommission. Antiquarische Abteilung). 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 145 

ad occidente di Monastir e nella Musachja (1). I Valacchi sono 
numerosi infine sui monti del Grammos, del Pindo, nella re- 
gione di Metzovo e nelle adiacenze di Valona. I Valacchi del 
Pindo e di Monastir sono genericamente denominati Cutzo- 
Valacchi (falsi valacchi o, letteralmente, Valacchi zoppi). Gli 
Albano-Valacchi o Arvanito-Valacchi dei Micicheli e della re- 
gione di Zagorie, parlano di preferenza l'idioma albanese in 
luogo del valacco comunemente adoperato da queste genti. 

In genere i Valacchi d'Albania sono agricoltori ed alleva- 
tori di bestiame nelle pianure, esercitano la pastorizia nelle 
montagne, si dedicano ai commerci ed alle industrie nelle 
città. I centri più notevoli dei Valacchi albanesi sono Scutari. 
Prizren, Alessio, Durazzo, Tirana, Cavaja, Pechinj, Elbassan. 
Valona e Berat. Nella Musachja e nei Malacastra si trovano 
Valacchi in grande numero. Di questi, la popolazione fissa 
appartiene al ceppo Voscopoleno; la nomade alla stirpe dei 
FarsagUoti. I Turchi-Albanesi sono numerosi attorno a 
Dibra (2), a Prizren, ad Uscub ed a Scutari. Elementi italiani 
(o di origine italiana), in numero assai esiguo sono sparsi lungo 
la costiera di Valona e di Durazzo e rappresentano il ceto 
commerciale fluttuante (3). 

All'inizio di questo studio non abbiamo mancato di osser- 
vare come i limiti geografici seguiti in esso dovessero quali- 
ficarsi per ristretti o per convenzionali. 

Nondimeno si ritenne conveniente, per unità di origini e di 
studio, di conservare questi medesimi limiti o pressoché anche 



(1) S«inpre secondo calcoli del dott. C. Buriliano, nel triangolo Valona-Ardeniza- 
Berak, Telemento valacoo (i cosi detti Ciobariy o pastori) può valutarsi pari a 20,000 
abitanti tra città e campagne. I Valacchi di questa regione conducono — in genere — 
vita indipendente e distinta nei rispetti famigliari e sociali dalla popolasione albanese. 
(Vedasi C. Bubiuaico: Un Viaggio in Albania — Italia Moderna — 1905). 

(2) La zona dì Dibra, teatro delle guerre del Castriota, fu particolarmente a quel 
tempo Invasa dai Musulmani che si affermarono da ultimo nella cittadells di Sve- 
tigradOf Todierna Codfciasik. 

(3) Hanno servito di base alla sovra accennata esposisione sommari* delle popolazioni 
miste dell'Albania, le carte etnografiche della Macedonia, delPAlbania e della Vecchia 
Serbia compilate dall'Istituto Geografico Militare Bulgaro di Sofia, nonché la carta 
annessa alPopera più volte citata dal dott. Mabbnin, Albania ed Albanesi (in bulgaro)^ 
— Gli elementi italiani riprodotti in queste carte sono riportati sulla fede di statisti- 
che musulmane. 



Digitized by 



Google 



146 GLI ELEMENTI UiTBOPOGEOGRAFICI 

nei riapettì «toografici — all'infuori di qualche eccezione per 
il vilayet di Cossovo e per il sangiaccato di Monastir, — e ciò 
anche tenuto conto delle difficoltà di estenderli all'esame della 
grande famiglia albanese, per ragioni intrinsiche positive e 
per considerazioni di ordine politico. 

Anche dentro tali limiti, vario e discordante è nondimeno 
il calcolo della popolazione dell'Albania. Essa tocca un mas- 
simo di circa 2,500,000 abitanti, senza fondarsi per questa 
asserzione su verun documento di fatto veramente positivo. 
Questa incertezza dipende dalla mancanza di dati statistici 
attendibili, dal difetto di scuole nazionali, dalle difficoltà che 
sono connesse alla hngua scritta albanese ed, infine, dalle diffe- 
renze religiose. 

Ciò premesso e sulla base dei più recenti studi, sembra con- 
forme a criteri di spirito obiettivo ed a buon appoggio di inda- 
gini compiute sui luoghi, il seguente computo della popolazione 
albanese, che qui si cita soltanto come termine approssimativo, 
in mancanza di altri elementi demografici positivi: 

a) Vilayet di Scutari 400,000 abitanti ; 

b) Sangiaccati di Elhasaan^ di Dibra, di Monastir (Vilayet 
di Monastir), 160.000 abitanti ; 

e) Vilayet di Cossovo (Eparchie di Metochia, di Cossovopòlje 
e di Uscub) 385,000 abitanti. 

Totale, per l'Albania settentrionale: 945,000 abitanti. 

d) Vilayet di Jòanina 700,000 abitanti. 

e) Sangiaccati di Goritza e di Monastir (Vilayet di Monastir) 
114,000 abitanti. 

Totale, per l'Albania meridionale : 814,000 abitanti. 

Totale complessivo della popolazione dell'Albania: 1,760,000 
abitanti (1). 

Ammessa la base di 58.000 chilometri quadrati di superficie 
per la intera Albania — nei limiti geografici presi in esame — 



(1) Servirono di massima alla redasione del presente specchio le indagini compiate 
sul luogo dal Marbmin e riportate nel Popera citata: L'Albania egli ii26af»<r«t, pubblicata 
in Sofia nel 1902 (in bulgaro). Furono consultate oltre a ciò l'opera delBiAMOONi, Carte» 
commerciale» etc, Prùtince» d* Albanie et i^ Epire. Parigi, 1385; la Geografia militare 
del Bbnobrbw (in bulgaro), VAnnuaire d*0rientf il Salnamè ttirco, le Carle etnogra- 
fiche pubblicate dall'Istituto Geografico Militare Bulgaro di Sofia e le note statistiche 
sul Vileyet di Scutari del Dott. A. Baldacoi. 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LIN(IC*0«0 147 

ne deriva che la densità media della provincia è di circa ^ 
abitanti per chilometro quadrato (1). 

Un tipo fisico spiccato non si può dire che esista ;iell' Al- 
bania dal punto di vista antropologico. Lo Schipetaro divide 
in sostanza le caratteristiche essenziali della sua stirpe con le 
genti illiriche, con le quali ha comunanza di origini e di contatti. 
Quanto alle distinzioni positive tra le genti gheghe e tosche, sotto 
i riguardi dell'antropologia è assai desiderabile che queste ven- 
gano stabilite con criteri scientifici e positivi ; poiché è soggetto 
che può interessare un periodo assai antico della storia e della 
etnografia delle genti mediterranee. 

Il tipo fisico più frequente è di statura piuttosto elevata : le 
spalle larghe, il corpo ossuto, il viso ovale con lunghi mustacchi 
e folte Sopraccigha, i capelH neri, gli occhi in buona misura az- 
zurri o castani. Il tipo ghego si raccosta più sensibilmente 
allo slavo confinario ; il tosco invece all'ellenico. 

« Gli Albanesi — scrive lord Broughton — (2) sono general- 
« mente di statura media, alti circa cinque piedi e sei pollici. Essi 
« sono muscolosi, di forma eretti e non corpulenti : sono spe- 
« cialmente sottili nella regione dei lombi, ciò che può dipen- 
di dere o dalle loro abitudini attive oppure dalla costumanza 
« di portare una cintura stretta in vita. Hanno petto ampio 
« ed aperto, collo lungo. Il loro volto è di forma ovale, al- 
* lungata, con zigomi sporgenti, fronte piatta ed alta. L'espres- 
« sione dei loro occhi, che sono azzurri o castani e raramente 
« neri, è vivace ». 

Quanto al colore dei capelli e degli occhi, il console austriaco 
Pisko, su 586 fanciulli delle scuole Francescane e Stimmatine 
di Scutari, ne osservò 275 con i capelli neri, 172 con i capelli 
bruni e 125 con i capelli biondi. Nelle medesime scuole, 283 
avevano gli occhi neri, 184 bruni, 65 azzurri e 47 grigi (3). 



(1) Le cifre riportate più sopra intorno alla popolasione albanese e ritenute per mas- 
sime si scomporrebbero come segue : Vilayet di Scutari 550,000 abitanti; vilsyet di Cos- 
soTo (eparchie citate) 800,000 abitanti; yilayet di Joanlna 050,000 abitanti; saoglaocati 
dipendenti dal vilajet di Monattir e compresi nei limiti geografici osservati in questo 
studio, 400,000 abiUnU. 

(2) Travelt in Albania — London, 1858, I voi., pag. 123. 

(3) Zeitichirft fir Etimologie, 1904, pag. 562. 



Digitized by 



Google 



148 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

L'abitudine di vivere all'aperto, la mancanza di nutrimento 
abbondante e sostanziale, conferiscono talvolta ai giovani un 
aspetto di precoce vecchiaia. Delle rughe solcano spesso la 
fronte dell' uomo tra i venticinque ed i trent'anni ; le barbe 
(lasciate crescere dagli Albanesi musulmani, laddove i cattolici 
le radono), biancheggiano a trentacinque; mentre ancora il ciuffo 
di capelli lasciato crescere verso l'occipite conserva talvolta 
la propria tinta corvina. 

La vecchiaia si annunzia in genere intorno ai quaranta- 
cinque anni. I limiti di decadenza fisica delle donne anticipano 
sensibilmente su quelli degli uomini, per le fatiche cui sono 
soggette nelle classi inferiori e per il largo uso di tinture e di 
profumi nocivi nelle classi abbienti. 



B) Le religioni. 

Per quanto si riferisce aUa religione — contrariamente 
alle altre popolazioni del rilievo dinarico, le quali accen- 
tuano la confessione cattolica ad occidente e la ortodossa 
ad oriente di e.sso, — gli Albanesi si distinguono nelle differenze 
di fede quasi esclusivamente in senso trasversale al rilievo 
medesimo. I Gheghi sono infatti in grande maggioranza cat- 
tolici a settentrione deUo Scombi ; i Musulmani e gli Ortodossi 
spesseggiano invece tra le genti tosche a mezzodì di questo 
fiume. 

Gli ortodossi si distinguono a loro volta in Serbi ed in Bul- 
gari: essi dipendono in parte dall'Esarcato Bulgaro, che ha 
giurisdizione sui territori di Uscub, di Ocrida (l'antica sede deUa 
Chiesa Bulgara e capitale degli Zar della Bulgaria occidentale) 
nonché di Véles (Keupreuli); ed in parte dal Patriarcato di 
Costantinopoli. I partiti politici traggono appiglio da queste 
differenze di giurisdizione confessionale per avvantaggiarsene 
singolarmente. 

I Musulmani sono in maggioranza Sunniti, specialmente tra 
i Gheghi. Tra i Toschi del mezzodì e del settentrione — ma in 
special modo nelle terre di Croja — è diffusa una setta nomi- 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 149 

nata dei Bekhta^hi, panteisti (1), che ammettono Tedonetelia e 
la metempsicosi. I centri musulmani di maggiore rilievo sono 
le città di Argiyrocastron, di Tepeleni, di Valona, di Berat, di 
Tirana, di Elbassan, di Diacova, di Scutari, di Prizren, di Pri- 
stina, (Circassi), di Dibra, di Uscub e la contrada di Codsciasik. 

I cattolici sono numerosi a Scutari, nelle Alpi settentrionali 
di Albania, nelle contrade tra il Drin ed il Matj. Hanno per 
limiti a settentrione le alte terre montenegrine, ad oriente il 
corso del Drin-Bianco e Nero; a mezzodì quello dell' Arzen; ad 
occidente una lunga costiera convenzionale che si parte dalle 
foci del Drin e, per Alessio e Croja, scende a Tirana. I cattolici 
dell'Albania settentrionale sono suddivisi tra gli arcivescovadi 
di Scutari (Scutari, Zadrima e Grandi Alpi), di Durazzo (Du- 
razzo ed Alessio) e di Uscub. Il paese dei Mirditi è soggetto ad 
un'abbazia autonoma {Abbds Nullius) e dipende direttamente 
da Eoma. 

Le sedi arcivescovili ortodosse hanno stanza in Ocrida, Du- 
razzo, Argyrocastron, Berat, Joanina, Paramithya, Conitza e 
Prevesa. 

I seguaci delle discipline cattoliche ed ortodosse, non confes- 
sate palesemente, si classificano sotto la denominazione di 
Cripto-cattolici e di Cnpto-ortodo^^t. I cripto-cattolici sono nume- 
rosi attorno a Prizren ; i cripto -ortodossi ad oriente di Elbassan. 

Oltre al clero regolare cattolico ed ortodosso esiste, specie 
nell'Albania meridionale, il clero assai numeroso dei monasteri. 

Si posseggono alcuni dati parziali di sufficiente attendibilità 
circa le popolazioni albanesi suddivise per fede. Nel vilayet 
di Scutari, i sangiaccati di Scutari e di Durazzo avrebbero 
oltre 200,000 musulmani, 162,000 cattolici e circa 7000 ortodossi: 
il vilayet di Cossovo conterebbe 40,000 cattolici e 345.000 
musulmani ; quello di Monastir (nei termini compresi in questo 
studio) 66,000 cattolici, 56,000 ortodossi e 154,000 musulmani ; 
nel vilayet di Joanina, infine, il sangiaccato omonimo e le sue 
vicinanze immediate avrebbero 25,000 cattolici, 156,000 orto- 
dossi e 175,000 musulmani. 



(1) Questa setta riconosce per fondatore il Califa Ali (656-690) coetaneo di Maometto 
ed il Sultano Hadjl-Veli-Begtasch. (Deoramd. Souvenir* de la Haute Albanie. Op. dt. 
Paris, 1901, pag 228 e segg.). 



Digitized by 



Google 



150 GLI ELEMENTI ANTR0P06£0GRAFICI 



C) Il linguaggio. 

L'odierno linguaggio albanese rappresenta l'evoluzione del- 
l'antico illirico, sicché può qualificarsi a buon diritto come lin- 
guaggio neo 'illirico; non altrimenti che si denomina neo -greco lo 
ellenico moderno (1). Analizzando in particolare* il linguaggio 
albanese, si trova infatti in esso — a fianco di un grande e sva- 
riato numero di vocaboli i quali attestano l'afiBnità glottologica 
assai spiccata con i corrispondenti delle favelle indo-germa- 
niche, — anche un certo numero di vocaboli che si differenziano 
dall'unità linguistica del primitivo ceppo. 

Ciò deriva dal fatto che gli Illiri hanno dovuto assimilarsi, 
come è detto più sopra, le popolazioni preesistenti nelle terre 
occupate ed accogliere di conseguenza nella propria favella 
l'intrusione di vocaboli stranieri. 

Questo fenomeno di grande rilievo concorre adunque a far 
ritenere il neo -illirico come una sottodivisione a sé del grande 
ceppo indo-geimanico, o come un' evoluzione più complessa 
del medesimo. 

Così un certo numero di vocaboli che riflettono la coltura sono 
comuni tanto agli Albanesi che alle altre stirpi indo -germa- 
niche dell' Urheimat. Tali, per citare alcuni esempi, i nomi anno, 
mese inverno, giorno, notte, luna, terra ed acqua. Degli animali, 
hanno nome indo-germanico Torso, il lupo, la mosca, il topo, 
la pecora, la capra. I nomi di parti del corpo, come spalla^ petto, 
dito, mano, ginocchio, orecchio, dente, sangue ed ossa, trovano 
espressioni affini nella madre lingua (2). 

I nomi che ricorrono nella cerchia della vita domestica alba- 
nese non sono però sempre quelli usati dalla maggioranza dei 
popoli indo -germanici. Ciò può forse dinotare un certo qual 
progresso o prevalenza dell'elemento indigeno nelle primitive 



(1) G. Mbtbr. Della lingua e della leUeratura atbanete. — (Nuova Antologia. 
15 aprile 18S5). — Dblogbb Études tur la geographie historique de Ixt Gaule. — 
Parisi 1861. 

(2j Anno := vidte; mese = mitei; inverno = dtmen; giorno = dite; notte = rmte; 
luna = hnne; terra — tolte oppure dhee; acqua = uje] orso = karushe; lupo « uik (ulk); 
mosca = mixe ; topo ^ mini ; pecora = dètè ; capra = dhie. 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUACJGIO 151 

relazioni sociali e, più specialmente, nelle famigliari rispetto 
all'elemento illirico conquistatore. Nondimeno, per i vocaboli 
padre e madre (ate e marne :zz nane) si danno nomi perfettamente 
identici al ceppo indo -germanico ; quelli per figlio e figlia (hire 
e Me) concordano con il latino ed il vocabolo sorella {m^ter) è 
affine all'indo-germanico muter, che nel Lituano ha significato 
generico di donna. 

Quanto al nome Albania, esso fu proprio dapprima di un 
cantone della gente dei Lapi denominato Arberia o Arbonia, 
posto a mezzodì di Tirana e presso alFArzen nella contrada dei 
Baki (1). Il nome si estese successivamente al contado di 
Berat, di Valona e di Canina. 

Questo vocabolo di Arbonia rammenta infatti una radicale 
comune nei nomi delle antiche popolazioni liguri: tsdi Albium, 
Album ed Alba, che hanno analogia con molti nomi di città ita- 
liche fondate dai Liguri (Album Ingaunum; Album Intemelium^ 
Alba Docilia, Alba Longa etc). Ciò è inoltre suffragato dalla 
facilità e dalla frequenza di scambio tra la lettera l ed r, tanto 
nelle forme grecizzate e slavizzate, quanto nei passaggi comuni 
ira il dialetto tosco ed il ghego (2). 

Le prime genti albanesi si denominarono dunque Arbènore 
o Arbereshi : tale vocabolo ricorre infatti nel geografo Tolomeo 
ossia intorno alla metà del II secolo di Cristo. Il nome di Shcj 
petarij o Schipetari, risale secondo la tradizione all'epoca di 
Pirro e si vuole derivato — come afferma la leggenda traman 
dataci da Plutarco (3) — dal vocabolo aquila o rupe ; o più 
verosimilmente dal verbo schkjpoig che significa comprendere. 
Con ciò si vorrebbe forse accennare alla perfetta intelligenza, da 
parte delle genti albanesi del settentrione e del mezzodì, di un 
unico idioma comune. 



(1) Vedasi la carta orografica albanese alla scala dì 1 : 200,000 — Foglio Durazzo — 
(37*-ll). Sul primitÌTO nome dell'Albania si veda: H. Ruvabac, Archiv fur SUiviiché 
Philologìej XVll, p. 567. — Jirbcbk, Gesehichte der Bulgaren^ pag. 300. 

{%) Dott. Oasparb Jakova Mbrtury — Grammatica della lingua albanese. Frascati, 
Stab. tip. Tascolano, 1904. Con il passaggio assai frequente nel dialetto tosco della 
lettera n in r, si vuole da taluno ritenere il nome di EUiri o lUiri, quale corruzione 
del nome di Blleni. In questo caso, si riterrebbe il nome di Epiro proveniente dall'ai* 
banese eper doè regione posta « superiormente » ossia a settentrione della Grecia. 

(3) I soldati di Pirro afferma Plutarco, entusiasmati dal grande valore dell'eroe 
albanese, lo chiamarono aquila. Il medesimo autore aggiunge che Pirro fu chiamato 
altrimenti dai suoi a$petos; forse dalPalbanese 1-shpete che significa veloce. 



Digitized by 



Google 



152 GLI ELEMENTI ANTEOPOGEOGRAFICI 

L'Albania è suddivisa linguisticamente in due grandi dia- 
letti, cioè il ghego ed il tosco. Entrambi a loro volta si distin- 
guono in altre varietà vernacole minori, connesse però sempre 
al primitivo ceppo linguistico con differenze assolutamente 
proprie di forma piuttosto che di sostanza. 

Il ghego dimostra, all'analisi etimologica comparata, una 
maggiore purezza la quale documenta da sua parte l'origina- 
lità etnografica delle genti albanesi del settentrione, più sopra 
ricordata. Il vernacolo scutarino, ad esempio, accentua in seno 
al dialetto ghego medesimo delle speciali caratteristiche : queste 
concorrono a designarlo morfologicamente per il migliore tra 
le altre forme dialettali albanesi (1). Ciò è derivato dal fatto 
che le contrade del bassopiano di Scutari constano in mag- 
gioranza di famiglie gheghe discese dalle alte montagne : queste 
ultime, come si sa* furono in ogni tempo cittadella e presidio 
dell'etnografìa albanese. 

Il tosco accusa alquante varianti filologiche derivate dalla 
comunanza di sedi con l'elemento ellenico, dal frazionamento 
cantonale piti diffuso, dalle relazioni piti frequenti con l'attigua 
Grecia ed, infine, dal maggiore differenziamento delle confes- 
sioni religiose. 

Gli Albanesi mancano di un alfabeto universalmente ricono- 
sciuto: il difetto di documenti scritti ha frustrato finora ogni 
sforzo inteso ad unificarlo. L'Albania settentrionale, a cagione 
dell'influenza cattolica, usa caratteri latini ; il dialetto tosco, a 
motivo deUa propaganda greca, preferisce di esprimersi me- 
diante lettere elleniche. Il Kristoforidis tentò invano di ridurre 
il linguaggio albanese a scrittura unitaria usando lettere latine 
con la aggiunta di taluni segni diacritici; come si usano nel- 
l'austriaco moderno, nel croato e nel boemo (2). 

Nel 1879, come per troncare la contesa, fu creato a Costan- 
tinopoli per iniziativa del Sultano un nuovo alfabeto (e Olù- 
hex Slcip Alfahetare), il quale adottò un sistema ortografico 



(1) Dott. Oaspabb Jarova-Mebtuby. Grammatica della lingua albanese. Op. cit., 
pag. 11, 399. 

(2) X pi(JT090pi5yi?, K. — rpauLfJL^Tixy) ty)? òtXpavixr,^ yXwGoyj? xaT» tt,v 
Toax'xr.v CtaXsxTov. 'Ev Kwvcravr. 1882, 4% 165 pag. 



Digitized by 



Google 



LA POPOLAZIONE ED IL LINGUAGGIO 153 

misto di lettere elleniche, latine, bulgare, serbe e di nuovi tipi 
appositamente fusi. Questo campionario di grafìa esotica fu ben 
presto abbandonato e si fece ritorno alla scrittura ghega con 
segiii latini, le cui tradizioni risalgono all'anno 1600 (1). 

A raggiungere codesta uniformità desiderata — su basi scien- 
tifiche ed estensive — mirano oggigiorno gli sforzi del nucleo let- 
terario ghego il quale mette capo alla Società Bashimi di Scu- 
tari (2); perfezionando e completando il proprio dialetto con 
l'aggiunta di poche lettere di provenienza straniera. Il risorgi- 
mento intellettuale della nuova Albania è connesso in buona 
parte a codesta unità ortografica latina. 

Frattano, per la completa mancanza di scuole nazionali 
schipetare, i Musulmani -Albanesi adoperano i caratteri arabi; 
gli Albanesi -Ortodossi si servono di caratteri greci, serbi, op- 
pure bulgari (Comitato di Sofia) conforme alla confessione cui 
appartengono (3). 



D) Le Colonie albanesi in Italia. 

Le prime colonie italo -albanesi risalgono al tempo di Alfonso V 
d'Aragona, quando ingaggiò soldati in Albania per domare le 
Calabrie. Si composero allora le prime colonie italo -albanesi 
in Calabria ed in Sicilia, e cioè Amato, Andali, Arietta, Casal- 
novo, Caraffa, Vena, Zangarone, PaUagoria, S, Nicolò dell'Alto, 
Carfizzi, Gizzerie, Marcedusa e Zagaria nella provincia di 
Catanzaro ; e quelle di Contessa nella provincia di Pa- 
lermo (1450). 



(1) Feoero parte di questa commlssioDe imperiale, auspice S. M. il Sultano, Atanasio 
Vrètose, Sami Frasheri, Pashko Vassa, Kot-Ataoasio Hodxhi e Giovanni Vrètua 

(2) La Società Baskimi fondatasi a Scutari, auspice monsignor Primo Dochi abate 
dei Mirditi, ha promosso studi notevoli intorno al nuovo sistema di graffa unitaria la- 
tina, senza distruggere la tradizione ortografica del Bianchi, del Bogdan e del Budi. 

Si veda, a proposito delTortografla albanese, lo studio inserito nella Nazione Alba- 
nese iN. 8. 30 aprile 1004) dal dott. Jakova-Mbrtury, dal titolo : Quettioni ortogra- 
fiche. Si consultino anche gli Allegati posti in fine al presente volume. 

(3) In questo studio si è seguita di massima la grafia albanese e le regole per la 
lettura contenute nella Grammatica della lingua Albanese del dott. lakova-Mertury, 
più sopra citata. Un buon vocabolario Italo Albanese è quello di Rossi di Montalto 

Vocabolario Italiano- Ep irati co ed EpirolicoHaliano 2 volumi — Roma 1866- 1875 con 
tavola sinottica. 

10 — Albania. 



Digitized by 



Google 



154 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Quando lo Scanderbeg passò in Pugb'a in soccorso di Fer- 
dinando I di !N^apoli assalito da Giovanni d' Angiò, con i soldati 
albanesi che rimasero in Italia si composero delle nuove colonie 
in Terra d'Otranto, in provincia di Lecce ed in Capitanatìt (1). 

Caduta l'Albania settentrionale sotto il dominio musulmano, 
tra il 1481 ed il 1492 altri Mbanesi emigrarono in Sicilia dove 
trovarono ospitale accoglienza e godimento di vantaggiosi pri- 
vilegi. Ivi sorsero le colonie di Palazzo Adriano (1481), di Piana 
dei Greci, (1488), di Santa Cristina, di Gela, di Mezzojuso (1490) 
di S. Angelo di Girgenti, di S. Michele di Bagoaria e probabil- 
mente di Bronte; in provincia di Catania, di Palermo e Girgenti. 

Nel 1536, con nuove emigrazioni dall'Albania si costituirono 
le colonie di Barile, di Maschite, di S. Costantino Albanese, di 
S. Paolo Albanese e di Brindisi della Montagna nell'alta valle 
del Sinni in Basilicata, e di Farneta nella provincia di Cosenza. 
Nel 1680, nuovi emigrati albanesi fondarono Ururi, Portocan- 
none, Campomarino e Montecilfone in provincia di Campobasso. 

Nuovi coloni passarono infine in Italia sotto Carlo III di 
Borbone (1744) e sotto Ferdinando IV: gli ultimi Albanesi si sta- 
bilirono a Brindisi ed a Napoli (Reggimento Real- Macedone), 

Oggidì si contano in Italia oltre una settantina di villaggi di 
origine albanese: ventisette sono di rito greco, i rimanenti di 
rito cattolico, con circa 300,000 abitanti. 

I vernacoli degli Albanesi d'Italia portano i caratteri princi- 
pali dell'albanese meridionale, ma mostrano un' impronta molto 
più antica del tosco moderno (2). 



(1) A. Galanti. - V Albania. Società Editrice Dante Alighieri, 1901, pag 173 e segg. 
— Gustavo Mbybk. — Della lingua e della letteratura albanege. (Nuova Antologia, 
1885, pag. 594 e segg.). L*elenoo completo dei villaggi italo-albanesi si trova nel Bio»- 
DBLLi: Colonie straniere d'Italia. Milano, 1841. Oli Italo-Albanesi nella loro massa pro- 
vengono più propriamente dal Peloponneso che, a quei tempi, era abitato in maggio- 
ranza da Albanesi. Ciò è dimostrato dai loro canti nazionali, specie da quello che co- 
mincia: O Moreey o e bukura Maree ! eto. Oh la bella Morea etc. 

(2) Vedasi lo specchio della popolazione Italo-Albanese secondo Tultimo censimento 
negli Allegati al presente volume. 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO II. 
La storia 



A) L'epoca illirico -romana. 

I primi documenti storici attestano l'importanza della regione 
albanese quale via di transito tra la Balcania e le coste del ba- 
cino Adriatico e le rudi lotte sostenute dalle stirpi illiriche, 
prima per consolidarsi nelle proprie terre, poscia per opporsi 
contro le successive incursioni di genti affini che, per le strade 
dell'Illirio e della regione albanese del centro, tendevano ad 
aprirsi una facile via tra l'Oriente e l'Occidente. 

Intorno al 604 a. C. i Galli condotti da Belloveso e da Sigo- 
veso invasero l'Illirio. mentre altre genti della schiatta medesima 
scendevano giti per il Danubio, in Pannonia, in Serbia e nel set- 
tentrione della Macedonia. I Veneti — all'avanguardia delle 
genti illiriche — trovarono appoggio nelle armi di Eoma: i 
Liburni invece, pressati da ogni parte, si rifugiarono nelle isole 
del littorale dalmata e di là, vincitori e vinti, rifluirono com- 
patti nella regione albanese e si composero un impero che 
ebbe Scutari (Scodra) per capitale e Lii^us, la moderna Alessio, 
per base marittima. Quest'ultima città era fòmite di continue 
molestie per la navigazione, lo colonie ed i commerci ellenici. 

II massimo fiore del regno illirico fu raggiunto al principio del 
rv secolo a. C. Esso si estendeva allora per l'intera lunghezza 
del mare Adriatico, da Durazzo a Trieste (Tergeste forse de- 
riva dal. neo -illirico tregh o tregu, che vuol dire mercato) : gli 
abitanti di questo regno si distinguevano oramai in tre grandi 



Digitized by 



Google 



156 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

tribù di Stirpe illirica, cioè gli Japydes della regione interna 
di settentrione, i Libumi sulla costa ed i Dalmati nella parte 
meridionale sino al fiume Drin (1). 

Lotte aspre e fiere avevano posto capo a tanta floridezza 
del regno illirico, specie contro le colonie elleniche della costa: 
tra esse sono da ricordarsi le guerre dei Taulanti contro Du- 
razzo, classicamente descritte da Tucidide. 

Filippo, padre di Alessandro Magno, vinti che ebbe gli Ate- 
niesi (359 a. C.)» dichiarò guerra agli lUiri che sbarravano con 
grandi forze la strada dei laghi di Derida e di Presba, e Parme- 
nione obbligò uno dei loro capi, Bardyles, la Bianca Stella (2), 
ad abbandonare la Macedonia ed a ritirarsi su per le montagne 
dell' Acroceraunia. Ma, alla morte di Alessandro Magno, gli 
miri rivendicarono le sconfitte patite sulle rive dei grandi laghi 
e mentre i Galli, dopo circa tre secoli di arresto sul Danubio si 
avanzavano devastando sulle vie della Macedonia e delle Ter- 
mopili, gli miri conquistavano l'Albania meridionale condotti 
dal re Glauco figlio di Bardyles, ed affermavano il loro dominio 
sulle genti contermini di origine illirica, specie tra gli Etoli (3). 

Venuta al trono la vedova di Agrone, Tenta (232 a. C.) la 
Caterina degli Illiri (4), le minacce sul mare da parte dei cor- 
sari — montati sulle veloci navi liburne — in danno dei traffici 
e dei commerci adriatici crebbero a tal segno, specie da Du- 
razzo, da Alessio e da Corftì, che un ambasciatore romano, 
Lucio Coruncanio, fu messo a morte. A questa offesa e dietro 
invito degli Epiroti, Koma si decise allora ad intervenire con le 
armi per ristabilire la libertà della navigazione italiana tra 
Brindisi e l'Albania. Il Senato Eomano commise al console 
Cajo Fulvio Santumàlo il compito di bloccare per mare l' isola 
di Corfù, con duecento navi, ed al collega Lucio Postumio Al 



(1) Le città più importanti del grande regno illirico erano Metullum (S. Giovanni di 
Medua) all'ingresso del golfo tersiario albanese), lader, Salona, Soodra ed Alessio. 
Colonie elleniche erano Corfù, Pandosia, Ambracia, Durano, Elatria ed Apollonia. 

(2) Da Baì'dh che significa bianco, ed ilo o hyllo che significa stella. Più esatta- 
mente, il nome di Bardyles si deve trascrivere per Bardhehyili. Questo sovrano aveva 
la sua sede a Scutari. 

(3) KiKPBRT, Lehrbuch der AUen Geographie, pag. 293. — Marqoardt e Mommsbn, 
Handbuch.der Rómischen AUerthumerj IV Band, pag. 141 e segg. 

(4) La successione dei principi illirici derivati da Bardyles è la seguente: Bardyles, 
Glauco, Pleurato 1, Agrone. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 157 

bino Tordine di impadronirsi dell'isola alla testa di ventimila 
fanti e di due migliaia di cavalieri. Compiuta con fortuna co- 
desta impresa, i due consoli operarono riuniti nell'Albania cen - 
trale ed occuparono Apollonia (Pojani) e Durazzo, le due teste 
di tappa del transito militare e commerciale illirico-romano. 

Quivi i due consoli si composero una solida e sicura base per 
purgare il mare dai pirati e la estesero da Corfù ad Issa (Lissa). 
Da questa base riuscì facile ai Romani di mantenere in sog- 
gezione il retroterra albanese e di assicurarsi infine la strada dei 
grandi laghi e di Tessalonica. La regina Tenta, sconfitta, invocò 
ed ebbe pace da Roma. La guerra illirica era durata più di due 
anni (229-228 a. C). 

Venuta a morte Tenta, il suo favorito Demetrio di Faro pro- 
vocò nuovamente l' intervento italico sulle coste d'Albania, a 
motivo delle continue molestie recate dagli Illiri a coloro tra 
essi che avevano riconosciuto il dominio di Roma e per il mi- 
naccioso contegno dei Macedoni. Ma il console Emilio sventò le 
trame e le resistenze dei principotti schipetari più irrequieti, 
mantenne in soggezione i Taulanti (1), fiere popolazioni della 
zona littoranea ed i Dassareti abitatori delle vie dei laghi: 
consolidò da ultimo la base marittima romana e la diede a 
governare al principe Pinna, figlio di Tenta e di Agrone. De- 
metrio di Faro, abbandonato dai suoi, si rifugiò allora alla corte 
di Filippo III di Macedonia (2). 

L'importanza di codesta base marittima tra Alessio, Durazzo, 
Apollonia ed Orico e la sua efficacia rispetto allo sviluppo delle 
operazioni militari nello interno della provincia, tanto verso la 
via dei laghi, le alte vallate del Genuso, dell' Apso e dell' Aoò; 
quanto verso la Dalmazia e l'Epiro, apparve evidente fino dai 
primi tempi delle guerre macedoni. 



(1) I Taulanti (Taidinsi) tono collocati da Strabone, da Tolomeo e da Plinio, nello 
Illirico-Macedone in riva al mare Adriatico (Strab.. Lib. VII, pag 316. — Tolom. 
Lib. Ili, cap. 13. — PLimOt Nat. Hi»t , Lib Iir, cap. 22). I Taulanti corrispondono, presso 
a poco, alle odierne popolasioni della Musachja e del territorio di Durazzo. (Vedasi 
anclie Tuoc. I, 24, Arr. I, 5, 1, 10 e Livio, 26-45). I Dassareti (dairalbanese dasAche 
sii^niflca montone) abitavano la regione denominata oggigiorno delle due Dibre e sul 
lago di Ocrlda {Lycnido), 

(2i Vedasi in genere per questo periodo storico l'opera dello Zippel: Die R'òmitche 
Hemchafl in JUyrien bis auf Angustus. 



Digitized by 



Google 



158 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFI CI 

Quando Annibale combatteva in Italia, Filippo III di Macedo- 
nia istigato da Demetrio di Faro pensò di trarre partito dai 
rovesci di Roma per distendere il suo dominio nell'Epiro. D'ac- 
cordo col Cartaginese, (215 a. C.) Filippo spinse un forte eser- 
cito fin sotto Apollonia, occupò Alessio e si apparecchiò a salpare 
da queste rive contro le opposte del littorale Apulo. 

Ma il pretore Marco Valerio Levino, con una piccola squadra 
di navigli leggeri sorprese e disperse le navi del re Filippo alle 
foci dell' Aoò (Vojuza), sistemate in ramo navigabile alla volta 
di Apollonia (1). I Macedoni, minacciati appunto in quel tempo 
dalle milizie della Lega Etola e da Attalo re di Pergamo (2), si 
affrettarono a fare ritorno in patria: regnando anzitutto con i 
Romani e per opera del console Publio Sempronio Tuditano, 
la così detta pace di Durazzo (205 a. C). 

Scoppiata la seconda guerra macedone (200 a. C.) il console 
Publio Sulpizio Galba prese terra davanti Apollonia, con due 
forti legioni, con mille cavalieri numidi e con gli elefanti tolti ai 
Cartaginesi. Di fronte a tale straordinaria mostra di armati, 
Filippo rinunziò a scendere per quell'anno in Albania e si ri- 
trasse a guardia dei colli che scendono in Macedonia, con il 
proposito di logorar i Romani intenti a sistemare le retrovie 
prima di avventurarsi più oltre, nei monti, alla ricerca del ne- 
mico. Per quell'anno la guerra languì: il console Galba però 
attese ad adattarsi le strade tra i fiumi Scombi e Semeni (Apso), 
ad assicurarsi gli accessi della futura Via Egnatia, le strade del 
Devol e le comunicazioni verso i grandi laghi (territorio dei 
Dassereti) e verso l'alta Macedonia. 

L'anno seguente (199 a. C.) gli Illiri si allearono ai Romani 
e fu combinata una campagna simultanea contro i Macedoni. 
Dal settentrione mosse Pleurato. signore di Scutari e della Zeta 
Inferiore (l'attuale circondario di Podgoritza), d'accordo con 
Batone principe dei Dardani della Vecchia Serbia: dal centro 
della provincia, sulle vie dello Scombi e del Devol, si avanzarono 
i Romani, verso la strada dei laghi e l' alta vallata del Vardar. 



(1) G. HiRscBFBLD, Pauly-Wtssowa, etc.: Handbt4ch dn- Alten Oeogmphie.'Vol. I, 
pag. 37, N. 132. — C. Patsch : Das Sandscìuik Berat in Albanien. Wien, HSlder Edit., 
1904, p«g. 150. 

(2) Livio, 26-24 segg. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 159 

Serrato così a tanaglia, da fronte e sui fianchi, Filippo III evitò 
in tempo l'avviluppamento, e Sulpizio Galba, lanciati alle cal- 
cagna dell'avversario i suoi alleati Dardani ed Miri, fece nuova- 
mente ritorno ad Apollonia dopo aver lasciati forti presidi sulle 
strade dei laghi e della Macedonia. 

La cauta campagna di Galba — di questo vero e proprio 
Fabio delle guerre romano-albanesi — parve segno manifesto 
di debolezza agh occhi di Filippo; talché, nel 198 a. C. egli 
riprese 1' offensiva discendendo la valle dell' Aoò e costruendosi 
un formidabile campo trincerato, con muragUe continue e con 
torrioni, sotto Eròpo (presso alle Fauces-Antigoniae) (1). 

H successore di Galba, Tito Anicio Flaminio, tenne testa per 
alquanto tempo ai nemici cos^ rafforzati, piti con le arti della 
politica che con le armi, davanti al campo di questi sotto 
Tepeleni, Alla fine i Romani — guidati da un pastore esperto 
dei luoghi appositamente inviato al campo consolare da un tal 
Caropo principe epirota — dopo tre giorni di marcia, per cam- 
mini alpestri, lungo le estreme propaggini dei Trebescini (sen- 
tieri di Maile Dam, di Damesi o Damzi della carta corografica 
alla scala di 1: 300.000), riuscirono a cadere sul fianco e sul tergo 
del formidabile campo dei Macedoni e lo posero a sbaraglio (2). 
n console Flaminio, assicuratosi degli Epiroti, inseguì i vinti e la 
guerra passò allora dalle brune forre dell' Àoò, in Tessaglia. La 
giornata di Cinocefale pose termine a questa campagna (197 a. C.) . 

All'inizio della terza guerra macedone, Genzio, il più forte di 
tutti i feudatari illirici, figho ed erede di Pleurato II, ritenevasi 
buon alleato di Roma. Ma Perseo di Macedonia, successo a Fi- 
lippo III, si studiò di attrarre a sé Genzio; ne eccitò le indefinite 
e mal celate ambizioni con la promessa di soccorsi e di ingran- 
dimenti territoriali. L'Adriatico si popolò daccapo di audaci 
corsari liburni, i quali insidiarono il commercio greco-romano 
ed ostacolarono il transito tra l'Italia e l'Oriente. I cittadini di 



(1) Tito Livio. Lib. XXXII, cap 6. Forse vicino all'odierno villaggio di DracoU. — 
(POUQUBVILLB, Voyage de la Grece. Op. cit.. I, pag. 297-298}. 

(2) I particolari deiraggiramento delle strette di Dracoti operato dai Romani del 
console Flaminio, sono contenuti in Livio (Lib. XXXII, cap 11, n. 1) ed in Plutarco 
(ViUi di T, Q. Fl^tminio, g VI). Anche una tradisione orale, tuttora viva tra gli abi» 
tanti di Tepeleni, ricorda la bella manovra aggirante dei legionari di Flaminio. (Vedi 
PouQUiviLLB, Voyage de Ut Grece, voi. I, pig. 304 nota). 



Digitized by 



Google 



160 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Boma furono perseguitati; infine fu stretta tra Genzio e Perseo 
un'alleanza offensiva e difensiva (168 a. C). 

Gli Illiri si raccolsero in armi a Lissus (Alessio) e di qui mar- 
ciarono contro Bassania (ad oriente dell'odierna Elbassan), città 
tenuta dai Bomani che credevano di conquistare in breve (1). 
Ma Bassania resistette fieramente e diede tempo ai legionari 
del pretore Lucio Anicio di marciare in soccorso. Sul mare la 
flotta corsara illirica fu distrutta e Genzio, rifugiatosi a Scu- 
tari, fu fatto prigioniero e tratto a Boma per fare piti bello il 
trionfo del pretore Anicio (2). 

L'Illirio diventò allora provincia romana e fu suddiviso, 
quanto all'Albania compresa nei confini di esso (3), in tre 
piccole repubbliche : la prima con Alessio, Durazzo e la sinistra 
del Drin ; la seconda con le tribti dei Labeati delle alte mon- 
tagne albanesi (i Malissori), con Scutari per capoluogo; la terza 
infine con gli Olcinati (Dulcigno) e le popolazioni finitime. 

In contrapposto al senso generale della storia albanese del 
centro e del settentrione — là dove si accentuano in singoiar 
guisa i rapporti tra queste contrade e le vie di transito che le 
attraversano, dal bacino inferiore dell'Adriatico alla Macedonia, 
— appare evidente lo spirito separatista della storia albanese 
del mezzogiorno. Da questa parte, le terre frazionate a can- 
toni ed a repubbliche aristocratiche, non si riannodano che 
per spinta di ambizioni personali, o per momentanea colleganza 
di interessi (4). Un re orgoglioso ed avventuriero riesce nondi- 
meno ad avvincere alla sua potenza la massima parte di co- 
desti cantoni, ma con vincoli talmente precari che si infran- 
gono all' indomani della sua scomparsa : né questi vincoli rie- 
scono a ricomporsi più neppure all'avvento del Castriota. 



(1) Tito Livio. Lib. XLIV, 30. 

(2) Geniio vean» affidato alla custodia degli Inguvini, avendone gli Spoletlni rifia- 
tato rincarico. — (Livio, 45, 26-43. Plutarco, Aem. Paul. 29). 

(3l II oorto inferiore del Drin (Drilon) rimase quindi innanzi il confine immutato tra 
rilUrio e la Macedonia e di questa faceva parte sostanzialmente l'Albania. — (Ap- 
piano, B. C, 5-65. — Plinio, St. iVa<., 3-145). Vedasi anclie, a questo proposito, Mar- 
QUARDT e MOMBisBN, Hondbuch der Rómitchen AUerlhumer^ V voi, pag. 143). — Quanto 
ai danni della pirateria in genere si veda: Mommsbn, Storia Romana, voi. HI, pag 41 
(traduzione italiana di Q. Sandrini). 

(4) Il periodo storico degli antichi re deirBpiro, di Alessandro I, degli Eaoidi, dei 
Molossi e dei predecessori di Pirro in genere, conferma questa caratteristica. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 161 

Il Ee Pirro (originariamente Burrus^ dall'albanese hurri 
ossia valoroso) era figliuolo di Eacide signore dei Molossi (Mo- 
lotti, o Malissori). Travolto nella tempesta delle guerre dei Dia- 
dòchi, combattè negli eserciti di Antigono d' onde passò '-^ 
Egitto al servizio di Tolomeo Sotere che l'ebbe caro per 
fluenze muliebri e lo reintegrò nell'avita signoria dell' Ep 
(296 a. C), cioè nel dominio della Tesprozia e del distretto 
Ambracia. 

All'epoca dei moti e delle guerre accadute in Macedonia a 
mort« di Cassandre, l'irrequieto Pirro V Aquilotto — come ( 
denominato tra i suoi conterranei — arrotondò il suo domin 
dapprima intorno alla capitale di Passaron, discese di poi 
poco a poco giù per le vallate della Vojuza e del Ljumi Bera 
fino ad Apollonia ed a Durazzo. Pirro spedì di qui gente al 
sola di Lissa ed a Corfù, occupò i passi più importanti su 
strada dei grandi laghi, guerreggiando con fortuna contro I 
metrio Poliorcete diventato re di Macedonia. E quando I 
metrio, per il cumulo dei suoi errori precipitò dal trono, la ( 
gnità reale fu spontaneamente offerta all'audace e fortuna 
avventuriero rivale e congiunto del Poliorcete. 

In quel tempo di depravazione assai profonda, in cui il titc 
del principato cominciava a sembrare sinonimo di vitupei 
il carattere cavalleresco del re Pirro, senza macchia, si levò i 
pidamente in fama ed in onore. Ma per breve tempo, che 1'^ 
goglio nazionale macedone mal sofferendo un principe stranici 
obbligò Pirro a rinunziare ai nuovi domini ed a ricalcare le i 
dell'Albania. (287 a. C.) (1). 

Lo spirito avventuriero dell' Aquilotto non poteva però 
manersi pago di stare chiuso tra i monti della sua patria: l'Ital 
Eoma e l'Occidente si aprivano allora ai suoi sguardi, terre e 
sembravano ai suoi occhi destinate alla fortuna delle propi 
armi ; sì come l'Oriente lo era stato a quelli di Alessandro 
Macedone. 

Era il tempo in cui i Sénoni sgombravano dalle rive adr: 
tiche e cedevano il passo al dominio romano. Alla medesii 
epoca esso si affermava lungo il margine orientale degli A 



(1) Plutabco: Pyrrh — Juat. 16, 2. 



Digitizedby Google 




162 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

pennini, dilagava giù per Venusio e Turio verso l'estremità 
della penisola salentina: era il tempo infine in cui l'Adriatico, 
stato fino allora un Lago Illirico^ si preparava a diventare 
quello che oggigiorno si direbbe un Lago Romano. 

Taranto, gU Albanesi-Epiroti, i Lucani ed i Sanniti, si atteggia- 
rono allora a vindici del turbato equilibrio politico e marinaro 
delle rive dell'Adriatico, al cui presidio Roma aveva destinato 
una flotta. Di guisa che, quando le navi romane si rivolsero da 
Tirreno a quella volta e diedero fondo nel golfo di Taranto, 
demagoghi eccitarono la folla furibonda contro la squadra stra 
niera e la dispersero. Il momento di chiamare Pirro in Italia e di 
far appello al sovrano illirico era oramai maturo (281 a. C.) (1) 

Dopo circa sei anni di guerre in Italia (280-274 a. C.) VAqui 
lotto ^ lasciato un presidio albanese a Taranto, fece ritorno 
nell'Epiro. Delle sue vittorie rimase ben poco frutto, perchè 
mancavano di fondamento saldo ed esteso nel popolo dell'Al- 
bania del mezzogiorno. Pirro, irrequieto, disingannato nei suoi 
smisurati disegni di conquista finì con perdere il regno e la 
vita; non sul campo di battaglia, sibbene in una zuffa, per 
opera di un'ignobile tegola lanciatagli sul capo per le vie di 
Argo. (272 a. C.) (2). 

Rotta la potenza unitaria epirota con la scomparsa del suo 
eroe, le tribù e le città di Albania del mezzogiorno ritornarono 
alle antiche autonomie cantonali, le sole che presentassero 
qualche garanzia di continuità nella vita politica e sociale 
delle contrade. All'epoca delle guerre macedoni, gli Epiroti 
accettarono la protezione dei Romani, e questi li aiutarono 
assai spesso nelle loro guerre aspre al di là dei monti del Pindo. 

Ma anche in questo periodo si riaffermò lo spirito separatista 
e si impersonò nelle ambizioni di un tal Cefalo, principe epirota 
desideroso di rinnovare le gesta di Pirro ; talché, sconfìtto Perseo 
alla battaglia di Pidna (168 a. C), il console Paolo Emilio ebbe 
l'ordine di rovesciare le mura di tutte le città fortificate del- 
l'Epiro e di sottomettere completamente questa terra. 



(1) Plutarco: Pyrrh, 13 — Giustino: 18, 1 — Pausania : 18, 1. 
(2/ Pirro muoveva su Argo capitanaDdo uà esercito contro Antigono figlio di Do- 
metrio. 



Digitized by 



Google 



1 



LA STORIA 163 

L'Albania diventata romana accentuò il suo carattere di via 
di transito tra il bacino inferiore dell'Adriatico e le province 
dell'Oriente. Cosicché, mentre le contrade dell'interno discoste 
dalla via dello Scombi e dei grandi laghi (cioè le alte terre dei 
Malissorì e delle genti confinarie con esse), più agevolmente 
potevano reintegrarsi, a grado a grado, nelle vecchie autonomie 
cantonali e conservare intatta tra i monti la propria origina- 
lità etnografica — come i Baschi nei Pirenei — , la regione lit- 
toranea e le adiacenze della Via Egnatia andavano romaniz- 
zandosi con progresso lento ma costante. 

Crebbero allora in importanza le città illiriche di Scutari 
(Skodèra, o città posta sui colli) e di Alessio (Lissus), gli empori 
ellenico-romani di Durazzo (Dyrrahchion) e di Apollonia (1) 
(Pollina, o Pojani), le città Caoniche di Oricon o Oricum (Pa- 
leocastro e Kisha Marmiroit nella baja di Valona), di Byllis 
sul basso corso dell' Aoò presso alle rovine di Gradista (2), e 
di Amantia nel contado di Pljosha territorio dei Cudesi (3). I 
porti di Apollonia e di Durazzo diventarono le ordinarie sta- 
zioni navali dei Romani. 



(1) Ad Apollonia ricevette la soa prima educazione Ottaviano Augusto. (Vrllbjo 
PATBRCOLOf Lib. I(, capo 59). Apollonia é chiamata da Cicerone, magnam urbem et 
gratem. Agli avanzi dì questa antica e gloriosa metropoli si accede da Valona per 
la via di Mifoli (Vojuza) : essi si protendono lungo le propaggini estreme dei monti Ma- 
lacastra e, più precisamente, al piede delle colline di Peshtan; colline che degradano 
in molli pendici tra il basso corso del Semeni {Ap90) ed il basso corso della Vojuza (Aoo). 
L* attuale monastero di Pojani, le località di Shtylla e di Shtylassi, segnano le tracce 
viventi dell'antica città greco-romana — Sulla postura di Apollonia si consultino tra gli 
antichi, Dionb Cassio, XLI, 45. — PstUDO-SKTLAX, cap 26. — Stbabonb. VII, 5, 8. — 
Plinio, N, H, III. — Fra i moderni è notevole l'opera del prof. Cablo Patsch, Dts 
Smdachak Berat ti» Albnuiea nella raccolta della Kaiserliche Akademie der Witsett^ 
sehaften^ Wien, 1904; specie il capo VII, Die Muznkja. Vedasi anche LWlbftnia Ar- 
fheologica^ l). Apollonia mc Laimtari i Shcypenies », n 7, 15, Dhètuer, 1904 L'Araldo 
di Al'yania 

(2) La posizione di Byllis, presso il moderno villaggio di Oradista, fu esattamente 
indicata dapprima dal Pouqubvillb {Vo)f<tge de la Orèce^ voi. I, pag 340 e segg). Essa 
traeva la sua importanza dalle copiose sorgenti bituminifere dei ooniorni (specie da 
Selenitza) assai adatte per spalmare le navi» dalla facilità che queste avevano, in 
tempo di piena, di raggiungere Byllis posta a solo venti chilometri da Apollonia ; ed 
infine dalla posizione strategica dì Byllis medesima, da cui potevasi egualmente e con 
le truppe e con flottiglie leggere coprire Apollonia ed Oricon. Sugli avanzi di Byllis 
e suirodierna Gradista, sì veda: C. Patsch (op. cit. cap. VI, yialakattra-B^^'at, pag. 9S. 
L'iscrizione dì Byllis è riportata a pag. 106). 

(3) Il posto delPantica Amantia, citata da Plinio da Cicerone e da Cesare quale 
piazza forte importantissima (Plikii, Lib. IV, capo 15. — Cicero, Philipp, XI. — 
Cassar, De Bello Civili, Lib. III, capo 12)» si identifica con quello delTodierno villaggio 
di Pljosha, sui monti Orlvas, nel territorio dei Cudesi. 



Digitized by 



Google 



164 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFI CI 

Il 5 gennaio dell'anno 48 a. C. Giulio Cesare approdò sotto 
gli Acrocerauni sulla riva deserta di Paleassa (Palaeste o Maj- 
lika), presso alle cosidette Strade Bianche {Aspri Ruga), alla 
testa dell' esercito destinato a combattere Pompeo a Farsaglia 
(20,000 combattenti). Le città di Byllis, di Oricum e di Apol- 
lonia furono occupate in breve tempo, ma difettò questa volta 
a Cesare la previdenza già addimostrata nelle spedizioni di 
Bretagna, per quanto concerne la sicurezza degli apparecchi 
marittimi ed il dominio del mare. 

La flotta pompeiana incendiò la nemica, bloccò le coste alba- 
nesi ed epirote ed il porto di Brindisi, corseggiò per l'Adriatico; 
talché mentre i Pompejani raccolti attorno a Durazzo si ri- 
fornivano liberamente per via del mare, l'esercito di Cesare 
versava in strettezze logistiche quasi irreparabili attorno ad 
Apollonia. Pompeo non accennava ad azioni risolutive, giusto 
appunto nell'intento di logorare le forze nemiche con la man- 
canza delle vettovaglie: afforzava Durazzo, vi attirava i Cesa- 
riani e presidiava le vie dello Scombi (1). 

Molti mesi trascorsero in queste angustie. Alla fine riuscì a 
Marco Antonio, fido luogotenente di Cesare, dopo molte tra- 
versie marittime di far prendere terra a quattro nuove legioni 
sul lido di Alessio. Pompeo, alla novella minaccia, pur lasciando 
fortemente presidiato Durazzo si ritrasse con molte forze presso 
Asparagion (2), sul basso Scombi, nell'intento di manovrare 
tra le frazioni separate dell'avversario. Ma Marco Antonio, 
girando audacemente a settentrione di Durazzo su per i monti 
Grabe, si unì alla fine a Cesare che a tale effetto si era mosso 
incontro al suo luogotenente a partire dal basso Apso. 

Kiunito alfine il suo esercito. Cesare si stimò in forze tali da 
marciare su Durazzo per cingerlo d'assedio. Pompeo risolvette 
allora di abbandonare il suo contegno temporeggiante e scese 
giù dai monti Grabe, verso la catena dei Barrès e sulla riviera 
di Durazzo. 



(1) Heuzb'v-Daumbt: Mission Archéoìogiqne de Macèdoine. Lea opérationt miliUires 
de Jules Cesar étudtèes sur le terrain par la Mission de MacédoÌD«. pag. 13 segg. Sul 
porto di Paleassa si veda anche C. Patsch (op. oit. pag. 95 segg.). 

(2) Probabilmente nelle strette tra Dusck e Grabe, ad oriente della contrada di Pe- 
chinj. Quivi sorgeva forse anche Tantica cittadella di Dimallum. 



Digitized by 



Google 



t 



LA STORIA 165 

I Cesariani stretti così come in una morsa, tra le truppe Pom- 
peiane assediate e l'esercito di soccorso, travagliati dal clima 
pernicioso, dal difetto di acqua potabile e di vettovaglie, fu- 
rono alla fine sbaragliati dal groaso dell'esercito di Pompeo nelle 
loro stesse linee d'investimento. 

I Cesariani sperimentarono allora — e nuovamente ai propri 
danni — le conseguenze dell'errore compiuto; cioè di procedere 
offensivamente dall'Albania di mezzo verso l'interno senza asvsi- 
curarsi in precedenza una solida ed estesa base marittima, 
unitamente al dominio del mare. Soltanto la grande energia 
soldatesca dei veterani di Cesare e l'intoppo incontrato dalla 
cavalleria pompeiana nell'inseguire i nemici, a motivo del dila- 
gare delle correnti costiere e delle difficoltà dei passaggi, sal- 
varono l'esercito sconfitto. 

Dopo la sfortunata battaglia di Durazzo, Cesare raccolse i 
suoi in una buona posizione strategica sulla sinistra dell'Apso 
(Semeni) sotto Apollonia. Da questa città egli poteva coprire 
Oricum e Byllis : il contegno dei Cesariani e la stanchezza dei 
Pompejani limitarono l'inseguimento a questo punto (1). 

Non molto dopo, ricevuti nuovi rinforzi da Oricum, Cesare 
disegnò di portare la guerra nell'interno dell'Albania allo scopo 
di porre fuori causa l'esercito nemico che si accresceva ognora 
di nuovi alleati tra le genti macedoni e tessaliche. Lasciati 
forti presidi in Apollonia, a custodia dei fepti e dei malati: ad 
Oricum e in Alessio a guardia delle teste di tappa sul mare, 
Cesare intraprese subito una rapida marcia per la Via Egnatia 
alla volta della Tessaglia ; là dove Pompeo lo aveva di già 
prevenuto con i suoi. 

Nel medesimo tempo convergevano verso il centro dell'Al- 
bania nuovi soccorsi capitanati da Calvino e provenienti dal- 
l'Italia per la via dell'Illirio. Questi consistevano in due grosse 
legioni di soldati provetti, con buon nerbo di cavalleria. 

Cesare che si era avanzato nel frattempo assai oltre per la 
Via Egnaiia, si allontanò all'improvviso da essa e per sentieri 



(1) Per questa campagna di Albania si vedano ì Commentari di Giulio Cbsarb, De 
Bello CivUij Liber III, e l'opera più sopra citata: Hensey-Danmet, Le$ opéralioosmi- 
lUaires de Jttlet Cesar, étudiées sur le terrain par la J/itston de M^cédoine. 



Digitized by 



Google 



166 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

montani passò dalla vallata dello Scombi in quella del Devol 
e della Vojuza. Kisali poscia quest'ultimo corso d'acqua, varcò 
la dorsale montana tra l'Albania e la Tessaglia — for^e ai passi 
di Zygos e di Metzovo — e discese da questi valichi nell' alta val- 
lata del Penco. 

Quivi Cesare attese i rinforzi di Calvino che seguivano e po- 
scia che furono giunti sotto Eginone — non lungi dalle origini 
del Penco — Cesare attaccò subito i Pompejani e li sconfìsse 
completamente sui campi di Parsaglia (48 a. C). 

Mentre Cesare seguiva le orme del suo avversario in Egitto, 
i luogotenenti di lui, specie Publio Vatinio. con le fazioni di Lé- 
sina e di Torcolo sottomettevano alle armi romane la regione 
littoranea illirica e buona parte del retrot^erra. 

Diciassette anni dopo (31 a. C.) il golfo Ambracico si trasfor- 
mava in arena delle supreme contese tra Antonio ed Ottaviano, 
con la battaglia navale presso al promontorio di Azio (Prevesa). 
Quivi sorse la nuova città greca di Nicopolis, sul luogo medesimo 
dove fu posto il quartiere generale di Augusto ed adornata 
con un grande tempio ad Apollo. La nuova metropoli doveva 
diventare il centro di una vigorosa e più florida civiltà greco- 
latina (1). 

Sistemato alla fine l' imperio di Augusto e fiaccata la resi- 
stenza degli lUiri, un'era novella incominciò per 1<^ province della 
cimosa dalmata e ^er l' Albania. Questa èra si riconnette a ra- 
gioni economiche di grande rilievo ed a tradizioni della civiltà 
ellenica, le quali saranno a suo tempo fondamento delle auto- 
nomie marinaresche e commerciali dell terre dalmate e schi- 
petare. I mercatanti greci si consolidarono allora sempre piti 
sulle coste a loro prossime, cioè nei due grandi empori commer- 
ciali di Apollonia e di Durazzo . piti oltre si accrebbero di ric- 
chezze i porti di Epitaurum (Ragusa Vecchia), di Narona, di 
Salona e di Jader (Zara), e ad essi affluirono nuove colonie di 
veterani e di italici, ordinate in seguito a municipi. 

Accanto alla lingua ufficiale greca e latina — a differenza del 
littorale dalmato dove si diffuse la seconda di queste favelle a 



(1) Nioopolit fa anche denominata Actia Nicopolis. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 167 

guisa di lingua franca come fu a suo tempo il veneto — in Albania 
sopravvisse e fu tollerata la lingua illirica negli ordinari traffici, 
nei contatti marinareschi e perfino nelle relazioni ufficiali. L'in- 
civilimento e la romanizzazione della Dalmazia — caratteristiche 
piti salienti del tempo dell'Impero — vennero, anche per questo 
fatto, ad affievolirsi in intensità ed in estensione presso Scutari e 
l'Albania settentrionale ; cioè lungo il corso del Drin, confine pre- 
fìsso tra la Dalmazia e la Macedonia. Presso a questo fiume le 
province latine confinavano con le elleniche e le neo-illiriche, 
i limiti politici e linguistici dell'Occidente si differenziavano 
da quelli dell' Oriente. Le terre dell'Albania servivano a questa 
guisa da grande ponte, da trapasso insensibile tra l'una e l'altra 
civiltà, per via delle radicate tradizioni illiriche che ebbero 
sempre uno spiccato carattere di originalità etnografica non 
disgiunto da. una specie di neutralità politica. 

La piccola provincia dell'Epiro — vissuta come astratta da 
questi contatti fecondi alle dipendenze di un governatore im- 
periale — mai si rifece dalle devastazioni sofferte all'epoca della 
terza guerra macedone (1). Il montuoso paese dell'interno non 
poteva sentire stimoli verso le vie del mare e verso la costa, disa- 
datta d'altronde, per naturale configurazione geografica, alla 
costituzione di grossi centri commerciali e marinareschi. Invano 
Augusto si sforzò di ravvivare il littorale epirota traendo coloni 
daButrintó, giammai ritornata fiorente e fondando Nicopolis (2) . 
Le speranze angustie furono in breve deluse e l'Imperatore 
stesso se ne persuase quando, negli ultimi tempi del suo impero, 
diede alla città di Patrae la forma di colonia romana. 

La via di grande transito albanese era VEgnatia(S), Tracciata 
esclusivamente eon intenti militari, allo scopo di rendere più 
facili e rapidi i movimenti delle legioni di Eoma — da Brindisi 



(1) T. MoMMSBN. Le province Romane^ da Cesare a DiocleMìano. Tradusìone dal tede- 
sco di E. De Ruggero. — Roma, Pasqualucci Ed., 1387, voi. I, 271. 

(2) Gli antichi porti dei Caoni, di Fenice {Vendici)^ di PanormOf di Onchesmos e di 
Botroto [Butrinto) ebbero tradisioni cospicue di floridessa all'epoca illirica degli Ea- 
oidi e dei Molossi. Sul porto deirantioa Fenice, si veda Pouquevillb : Voyag^ de la 
Grece. Tom. II, pag. 32. Paris, Firmin, Didot. 

(3) Circa la Via Egnalia, interessante sopratutto per le comunicazioni ferroviarie che 
si vorrebbero attivare oggigiorno attraverso all'Albania sulle tracce deirantica strada 
romana, si veda : T. F. Tafbl, Via Militaris Romanorum Egnaiia^ qua lUiricum^ 3fi* 
C0donia et Thracii jungebantur pars occidentalis. Tublngen, 1841. 



Digitized by 



Google 



168 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

verso la Macedonia, la Tracia, il Danubio, la Grecia, i Mari Le- 
vantini e l'Asia Minore — questa strada si distingue da tutte 
le altre di penetrazione balcanica x)er aver rappresentato, in ogni 
t^mpo, il vincolo più rapido ed efficace tra la civiltà orientale e la 
occidentale. Simile carattere non ebbero per certo le vie che 
irradiavano dal littorale dalmata, da Burnum, da Salona e da 
Narona, poiché — tendendo unicamente ad obiettivi militari 
posti nella regione della Sava e del Danubio — erano natural- 
mente astratte, a differenza di questa albanese, dalla feconda 
corrente di contatti tra le due più grandi civiltà antiche. 

A Brindisi {Brundtcsium, dall'illirico hren-dashi cioè corno di 
montone), sulla costa italica, faceva capo la Via Appia: di 
qui i trasporti romani per via di mare si rivolgevano a Du- 
razzo o ad Apollonia. Da queste città muovevano due rami 
della Via Egnaiia per congiungersi a Ciadiana, a circa 43 miglia 
da Durazzo ed a 49 da Apollonia, secondo le indicazioni del- 
l' Itinerario di Antonino. Ora, sulla base di queste misure che 
determinano du^ raggi di convergenza al Genuso, ossia allo 
Scombi, a partire dalle due città costiere anzidette, rispettiva- 
mente della lunghezza di 60 e di 68 chilometri all' incirca, è 
possibile forse di identificare questa stazione romana (mansio) 
di raccordo nell'odierno villaggio di Pechinj, presso alle estreme 
propaggini delle colline dei Dusck. Il ramo di Apollonia racco- 
glieva in sé il fascio delle comunicazioni che procedevano da 
Byllis, da Amantia, di Butrinto e quelle che scendevano l'Apso. 

Da Clodiana la Via Egnaiia si dirigeva a Scampis (dal- 
l'albanese shicamb ossia roccia), vale a dire ad Elbassan. Da 
questo punto il computo delle tappe é discordante nell' Itine- 
rario Antonino e nella Tavola Peutingeriana. La prima fonte 
cita soltanto la località di Tres Tahernas, prima di giungere 
alla stazione comune di Lignidus o Lychnidus (Ocrida): lad- 
dove la Tavola Peutingeriana enumera ben quattro stazioni in- 
termedie, cioè Genusus, ad Dianam, Candavia e Pons Ser\ilii. 
Le Tres Tdbernas possono forse identificarsi in un punto pros- 
simo a Struga, là dove esistono tuttora degli avanzi di una via 
lastricata romana e vestigia di ponti dell'epoca. 

Da Ocrida, la strada si dirigeva a Eesna descrivendo un 
grande arco al piede dei monti Galiciza : di qui proseguiva per 



Digitized by 



Google ) 



r 



LA STORIA 169 

Pelagonia (Monastir),Florma, Castranitza, Vodena (Edessa), le- 
nidsce-Vardar e Fella fino a Tessalonica. Il tracciato della mo- 
derna ferrovia da Monastir a Tessalonica si sviluppa, per qual - 
che tratto, sulle orme dell'antica Via Egnaiia (1). 



B, — L'Epoca bizantina. 

Alla divisione dell'Impero Romano (395) l'Albania pf 
alle dipendenze di Bisanzio. Non poteva infatti altrimenti e 
fermarsi la reciprocanza degli interessi tra l' Occidente romai 
l'Oriente ellenico, meglio e più efficacemente che con questo 
vello ordinamento politico ed amministrativo della provin 
il quale tendeva a trasformarla in vero e proprio anello di i 
cordo tra il bacino inferiore dell'Adriatico e l'Egeo. Epperci 
senso della storia albanese medioevale e bizantina si comper 
nelle vicende delle sue città marinare, e nelle lotte conti 
sostenute per conservarne l'egemonia. Tale è il carattere 
principati autonomi e delle libere repubbliche commerciali 
in corrispondenza con gli scali di Levante, come Scutari, " 
razzo, Corfù ed Arta. 

All'epoca di cui sopra (2ì, l'Albania faceva parte adun 
della Prefettura deìVIllirio Orientale: questa comprendeva 1 
lirio classico o l'Albania settentrionale, denominata anche P 
valis o Praevalitana, tra le Bocche di Cattaro ed il Gcd 
con Scutari per capitale ; il Nuovo Epiro, tra Genuso ed Aòo 
capoluogo Durazzo ; il Vecchio Epiro, dall' Aòo ad Arta con 
pitale Nicopolis, la città di Ottaviano Augusto. Il margine n 
tuoso macedone cioè il distretto di Pelagonia (Monastir), 
aggregato per il governo alla Macedonia Orientale. 

In questo assetto politico ed amministrativo, l'Albania 
corsa e ricorsa dalle invasioni dei barbari. Nel V secolo i Go 



(1) Le stalloni della Via Egnatia neW llinerario Antonino sono le seguenti: Dm 
Clodiana, Scampis, Tres Tabernas, Lignido, Nicéa, Eraclea, Cellis, Edessa, Fella 
salonica. 

Le stazioni della Tavola Peulingcriana sono invece le seguenti : Durazso, Cloe 
Scampis, Genusns fi., Ad Dianam, Candavia, Pons Servilii, Lignldo, Nlcea, Ers 
Cellis, Edessa, Polla, Tessalonica. 

(2) Rurus. Brev. 8 — NolUiu Dign. Orient, pag. 17-14. 

11 — Albania. 



Digitized by 



Google 



170 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

impadronirono dei due Epiri ed Ostryllo loro re assunse nel 
493 il titolo di signore della Praevalitana. L'imperatore Giusti- 
niano si sforzò di allontanare tanta jattura dalle sue province 
adriatiche, ma soltanto nel 535 egli pervenne a restituire Tlllirio 
all'Im])ero ed a crescere lustro ed estensione alla città di Ocrida, 
sulla via dei laghi, in memoria della riportata vittoria sui bar- 
bari che depredavano da gran tempo la provincia. 

Sulla metà del VII secolo gli Avari posero a sacco Scutari, 
Alessio e Durazzo. Intorno alla medesima epoca i Serbi ed i 
Croati rinnovavano le temute incursioni ed un nuovo fiotto di 
genti slave venne ad affermarsi nelle regioni albanesi del bas- 
sopiano, ricacciando gli Schipetari su per le alte terre delle 
Grandi Alpi. 

Sulla fine del VIII secolo le armi bulgare (Zar Kardam) si 
affacciavano ai passi dei Balcani. Codesta signorìa si consolidava 
indi appresso sotto gli Zar Boris (852-880) e Simeone (892-927). 
Quest'ultimo occupò i due Epiri, Butrinto e Valona ed assunse 
il titolo di imperatore e di autocrate di tutti i Bulgari ed Elleni 
(Zar i samodryets vaem Blgarom i Orkom) (1); appellativo che 
fu conservato dalla corona bulgara fino al 1393. 

Assai probabilmente a questo periodo di tempo, oppure al- 
l' immediatamente successivo, devesi ascrivere 1' origine slata 
di una quantità di denominazioni locali del centro dell' Alba- 
nia: tali il fiume Susiza da (auk-secco), la riviera di I^vor 
presso Pasaliman, i nomi di Babiza, Berat (Belgrado), Biitro- 
vitza, Drenovitza, Glava, Grashani, Gradista, Jagodina, Le- 
peniza, Lubanja, Novoselo, Selenitza, Visoka, Vodiza, Punta 
di Zùpa; tutti disposti nella regione mediana dell'Albania. 

Al tempo dello Zar Pietro di Bulgaria (963) un boyaf di Tir- 
novo, di nome Chichman Moker, riuscì a formarsi — in virtù 
del suo prestigio — un dominio separato dal rimanente della Bul- 
garia, con la Macedonia e l'Albania, e che denominò Impero della 
Bulgaria Occidentale, con Ocrida a capoluogo politico e reli- 
gioso. Lo Zar Samuele, figlio del fortunato boyar di Tirnovo, con- 
solidò la conquista paterna in contrapposto al regno separato 



(1) JiBBOBK. Geschichte der Bulgaren, pag. 127. — Vedasi anche Ruvarao. Archiv 
fur Slavische Philologie — XXI. pag. 84 tegg. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 171 

dei Bulgari d' Oriente ; scese in seguito alla costiera albanese, 
si affacciò ad Alessio, a Scutari ed occupò solidamente Du- 
razzo (1). Ma la partizione dei due regni nocque alla compagine 
delle forze bulgare, che si affievolirono nelle lunghe lotte contro 
l'imperatore bizantino Basilio II, a tal segno da soggiacere pro- 
strate nella battaglia di Belasi tsa (1014). 

Dopo questa giornata la capitale dell'impero bulgaro d'O- 
riente da Preslav passò ad Ocrida, con il suo Patriarcato, il 
quale sopravvisse indipendente in tutte le vicende dei popoli 
soggetti fino al XVIII secolo. 

Nell'intermezzo — tra questo primo impero bulgaro ed il suc- 
cessivo — si maturava la potenza delle genti serbe. Già fino 
dal 640 l'imperatore Eraclio I le aveva impiegate per far argine 
alle incursioni degli Avari : per compenso egli aveva accordato 
ai Serbi di scendere dagli altopiani della Mesia per trasferirsi 
nelle odierne Serbia e Bosnia. Di quii Serbi si affacciarono al lit- 
torale adriatico, discesero la Narenta, occuparono le balze mon- 
tenegrine e spostarono il centro di attrazione della Praevalitana 
romana ed albanese, da Scutari a Dioclea (Podgoritza). 

Nel Ilio, Bodin re Serbo restituì daccapo alla Praevalitana 
la sua antica metropoli, per influenze di Bulgari e di Greci. Non 
molto appresso anche Scutari era restituita da questo mede- 
simo re all'impero di Bisanzio. 

Nel 1189, il regno di Kascia (ossia la Praevalitana serbizzata, 
dall'albanese rasha, o rafsha, che significa pianura), compone- 
vasi di una signorìa compatta di genti serbe sotto il dominio 
di N^eman. Il nipote di questi, Stefano, ebbe titolo di Zupano 
di Serbia, mentre il fratello Vulcan (Vlkan) assumeva quello 
di re di Dalmazia e di Dioclea. 

Alla morte di Vulcan, Stefano riunì in uno i due regni e la 
monarchia serba si estese allora, da Pristina e da Uscub, fino a 
Durazzo (2). 

Nelle alterne vicende della potenza bulgara e serba si vennero 
a grado a grado consolidando taluni principati autonomi di 



(l) Salla conquista bulgara del Thema biiantiao di Dyrrbaohion, ti vadano le opere 

deirJiKBCBK: Qeschiehte der Bul^aren^ i^Ag. 167-191 e Die HandeUsb-ass^n^ pag. 15-18. 

ìt) Novibaxar und Kossovo (Dans Alte Haacien) — Wien 1891S, Alfred Holder, Edit. 



Digitized by 



Google 



172 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

venturieri o di libere repubbliche commercianti, quasi come 
schegge sfuggite al grande cozzo di quelle maggiori signorie, e 
germoglio di nuove relazioni e di nuovi interessi tra l'Occidente 
e rOriente. Tra questi principati debbono notarsi la piccola oli- 
garchia degli Amalfitani a Durazzo e le municipalità dei Ve- 
neziani a Scutari e ad Alessio. 

Sulla fine dell'XI secolo i Normanni si affacciarono alla co- 
stiera di Albania. Era il tempo in cui Eoberto Guiscardo aveva 
dato la sua figliuola Elena in isposa a Costantino, figlio dell'im- 
peratore di Bisanzio Michele Duca (1), il quale fu poi rove- 
sciato dal trono da Michele Botoniate. Alessio Comneno, suc- 
cessore di Michele Duca, s'impadronì dell'impero ma s'ebbe 
subito guerra dal Guiscardo, quale usurpatore dei legittimi di- 
ritti di Costantino. I Normanni assediarono allora Corfù e 
Durazzo : i Veneziani, con il doge Domenico Selvo, accorsero 
indarno a fare testa all'invasione a rincalzo delle milizie di Bi- 
sanzio. La città di Durazzo ritornò allora ai tristi giorni dell'as- 
sedio di Cesare, al tempo della guerra civile. Un nuovo esercito 
bizantino di soccorso fu sconfitto tra i monti, prima di sboccare 
nella pianura (1081): i Veneziani non seppero equilibrare con 
nuovi rinforzi la sconfitta degli alleati e Durazzo cadde alla 
fine (1082) in mano dei Normanni. Questi estesero subito il loro 
dominio ad Derida, Uscub, Joanina, Butrinto, Castoria e Tric- 
cala: Boemondo, figlio del Guiscardo, s'impossessò di Arta (2). 

Ma fu breve conquista, dappoiché Boemondo, stretto da forze 
soverchianti dei Bizantini, dovette ritirarsi alla costa a guardia 
delle proprie navi. In questi frangenti, Alessio Comneno rivolse 
nuove domande di soccorso ai Veneziani ed il loro doge Vitale 
Falier, più avventurato del predecessore Domenico Selvo, ebbe 
alfine la sorte di sconfiggere per Ifen due volte i Normanni; 
runa nelle acque di Cassope (1084), l'altra in quelle di Bu- 
trinto (3). In compenso di questi aiuti i Veneziani s'ebbero 
quartieri distinti a Costantinopoli, libero approdo e privilegi 



(1) È fama che Michele Duca, per fronteggiare con successo le incursioni dei Nor 
manni sulle deserte coste delPAcroceraunia, abbia fondato su quei monti le colonie 
dei Ducati. 

(2i Da un'opera in corso di pubblicazione nel Laimlari i Shcypenies (L'Araldo di Al- 
bania) del Dott. Gaspare Jakova. 

(3) ÀNNAB CoMNBNUtf Albxiab. Bysan. Hisl. Script» — A. Sagrbdo, L<t Repubblica 
di Venezia. DrUcker e Tedeschi Ed. — Padova e Verona, 1875, pag. 59 e segg. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 173 

nei porti dell'impero bizantino; franchigie tutte che suscita- 
rono le gelosie delle repubbliche di Genova e di Pisa. 

Salito al trono d'Oriente Emanuele Comneno e Ruggero II 
a quello delle Due Sicilie, i Normanni ritentarono le audaci im- 
prese contro l'Albania e la Grecia : essi occuparono Corfù, uni- 
tamente all'opposto littorale, invasero l'Eliade e le isole dell'ar- 
cipelago Egeo. I Veneziani, sbarcati a Corfìl, ne cacciarono i 
Normanni nel 1148, essendo doge Domenico Morosini. 

Le spedizioni marittime dei Normanni contro le coste alba- 
nesi si rinnovarono ancora sotto Gulglielmo I, sotto il suo suc- 
cessore Guglielmo II, il quale occupò Durazzo (1185) e la mise 
a sacco. Infine Isacco Angeli Comneno restituì per breve tempo 
la quiete alle travagliate province illiriche. 

Questo agitato periodo storico, caratterizzato dalle lotte per 
il possesso degli sbocchi marittimi d'Albania e per la conserva- 
zione delle loro autonomie commerciali — da cui traevano van- 
taggio inestimabile le principali repubbliche marinare del 
tempo — , cessò al rifiorire del secondo impero bulgaro e di fronte 
alla egemonia serba, a motivo dell'importanza delle contese e 
delle guerre suscitate dall'affermarsi di queste supremazie. 

Ma prima di addivenire a queste lotte decisive per i Balcani 
e per l'impero di Bisanzio, un'ondata di tradizioni cavalleresche, 
di storie di principati feudali, di Crociati di Francia e d'Italia, 
passò attraverso all'Albania. Isacco Angeli Comneno. imperatore 
di Bisanzio, fu accecato dal fratello Alessio Andronico. Un figlio 
di Isacco, anche egli di nome Alessio, venne a Zara, — che era 
assediata dai Crociati prima di passare in Terrasanta — e li 
invitò a rimettere sul trono il vecchio e cieco genitore. 

I Veneziani secondarono l'impresa ed in compenso, insieme 
ad altre terre e privilegi sugli scali d'Oriente, ottennero il do- 
minio di Durazzo, dell'Epiro e di Corfù. Il Thema di Durazzo 
fu anzi assunto a quest'epoca alla dignità di ducato : l' ebbe 
dapprima in governo Marino Vallaresso, che trasformò la città 
e le coste attigue sulla base di una larga autonomia, sotto la 
sovranità veneta. Di fatto, i maggiori interessi marittimi della 
signorìa di Venezia si concentravano da questa parte e negli 
scaU di Scutari e di Alessio; talché la Repubblica, paga di queste 



Digitized by 



Google 



174 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

conquiste, non insistette oltre sulla sovranità territoriale della 
Albania del mezzogiorno. Questa regione, staccatasi poscia a 
grado a grado dall'orbita dell'influenze venete sotto Michele 
Angeli Comneno, accettò alla fine di corrispondere ai Dogi un 
semplice tributo annuo. 

Il regime feudale crociato era allora nel massimo fiore a 
Bisanzio e le costumanze politiche si adattavano ad esso per 
quasi tutti i Balcani. Il marchese di Monferrato era creato 
signore di Salonicco e delle terre macedoni (1) ; la nobiltà alba- 
nese-epirota (memore degli antichi spiriti di ventura non mai 
illanguiditi dopo la scomparsa di Pirro) sopiva per un momento 
le contese cantonali per stringersi attorno Michele Angeli 
Comneno, cugino di Alessio e di Isacco e caro al marchese di 
Monferrato. Questo nuovo principe greco-epirota si proclamò 
alla fine signore dell'Epiro e dell'Etolia, cercò aiuti ai feudatari 
latini dell'Impero d'Oriente, presidiò Lepanto e protestò i suoi 
sentimenti di devozione alla Signorìa di Venezia. Questa, arbitra 
di tutti i commerci delle terre infeudate, guardava i porti del- 
rillirio e del Levante, esercitando una suprema giurisdizione 
politica, finanziaria e marittima sul transito dall'Occidente 
all'Oriente, attraverso l'Albania. 

Durante questo feudalismo della politica balcanica e questo 
imperialismo dei commerci veneziani nella penisola, sorse il 
secondo impero dei Bulgari. Il loro Zar Kalojan, alleatosi ai 
Cumani, sconfisse l'esercito di Baldovino di Fiandra, impri- 
gionò quest'ultimo e lo uccise. Nel 1207 Kalojan assediò Salo- 
nicco : il successore di lui, Giovanni Asdn II, guidò una spe- 
dizione contro Teodoro Angeli Comneno, fratello del Michele 
sopra ricordato, il quale in questi frangenti pericolosi per l'im- 
pero latino d'Oriente e per le sue signorìe feudali aveva di- 
chiarato guerra a Bisanzio ed a Venezia, togliendo loro Durazzo 
ed il littorale del golfo del Drin. Teodoro Angeli, combattendo 
i Bulgari, aveva nel frattempo conquistato sopra di essi Ocrida 
e Prilep. 



(1) Eletto imperatore di Costantinopoli Baldovino di Francia, Tiinpero fu diviso tra 
i baroni: il marchese di Monferrato, che aveva sposato la vedova di Isacco, fìi creato 
re di Tessalonica con le terre di Macedonia. Questo principe ebbe subito grande sè- 
guito tra 1 feudatari greci od albanesi, e tra questi è da notarsi appunto Idiebele An- 
geli Comneno che defeslonò da ultimo dalla clientela del Marchese di Monferrato. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 175 

Lo Zar Giovanni Asén II, alleatosi ai Francesi di Costanti- 
nopoli, sconfìsse gli Albanesi-Epiroti di Teodoro Angeli a Klo- 
kotnitsa, sulle rive della Maritza, fece prigioniero l'ambizioso 
« despota » dell'Epiro e lo acciecò (1230). I Bulgari estesero 
allora il loro dominio fino al mare Adriatico. Ma questa non fu 
signoria duratura : Emanuele Angeli Comneno, fratello minore 
di Teodoro, rivendicò a poco a poco alla propria famiglia il 
governo dell'Albania del mezzogiorno: Michele Angeli Comneno, 
suo successore, sostenne a questo scopo delle guerre contro Bi- 
sanzio e riuscì nel suo intento, favorito dal declinare della po- 
tenza del secondo impero dei Bulgari e dallo spegnersi della dina- 
stia degli Arsenl (Asénovtsi). L'Albania fu allora suddivisa fra gli 
eredi di Michele, cioè tra Demetrio, o Nicefero, e Giovanni. Così 
sorse la prima signoria schipetara svincolata da Bisanzio. 

Sulle rovine del secondo impero bulgaro si elevò la signoria 
serba. I successori di Neeman — di cui piti sopra è cenno — 
furono proclamati re (kral) di Rascia e di Serbia fino a Stefano, 
soprannominato Dushan, l'eroe eponimo delle genti serbe (1). 
Questi guerreggiò con i Bizantini, con i Magiari, con i Bulgari 
e con i Musulmani: s'impadronì della Caramania, della Mace- 
donia e della Tessaglia : le città di Arta e di Joanina riconob- 
bero la sovranità dei Serbi, e Dushan assunse il titolo di Zar di 
Rumelia, di Slavonia e d'Albania, Per propiziare alle sue no- 
velle vittorie Venezia, Dushan le cedette le città di Scutari e 
di Clissa. Nel 1355 1' eroe serbo colto da febbre moriva : prima 
di spirare, dice la leggenda, egli ordinò ai suoi di trasportarlo 
sulla più alta vetta dei monti, perchè potesse morire in vista 
dei due mari tanto desiderati, l'Adriatico da una parte e l'Egeo 
dall'altra. 

La successione di Dushan fu sfortunata : il figlio Urosh regnò 
per dodici anni e con lui la dinastia dei Nemania violentemente 
si spense (1368). IS^el 1389 i Serbi furono sconfitti dai Turchi di 
Murad II alla fatale giornata di Cossovo-Polie. 

Principiò allora la lotta dei diadochi in Serbia ed in Al- 
bania. 



(1) Regnò tra il 1331 ed il 1355. 



Digitized by 



Google 



176 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Ma prima è necessario di premettere alcuni cenni intorno alle 
relazioni italo -albanesi di questo periodo- Nel 1259, Michele II 
Angeli Comneno diede la figliuola Elena in isposa a Manfredi e 
le assegnò in dote Valona, Canina, Berat, Durazzo e Corfù. Le 
antiche relazioni tra le terre albanesi e le àpule parvero così 
rinverdire e rinnovellarsi agU auspici di questo maritaggio. 
Carlo d'Anjou, vinto Manfredi (1266), volle rivendicare a sé i di- 
ritti del re Svevo morto a Benevento sulla corona di Albania, 
ed occupò Durazzo nel 1272 e Berat nel 1273. L'Epiro riconobbe 
allora piena e completa la sovranità dei re delle Due Sicilie e, 
su questa base, l'Angioino fondò smisurati disegni d'ambizione 
sull'impero d'Oriente (1). Ma, nel 1292, di fronte alle continue 
incursioni dei Serbi, il dominio degli Angioini in Albania decli- 
nava e scompariva. Nel 1304, un Filippo, principe di Taranto 
occupò Durazzo, la cui sovranità fu trasmessa quindi innanzi 
nominalmente in retaggio alla corona di Napoli (2). 

In questo fluttuare di ambizioni e di interessi, l'eredità di 
Stefano Dushan fu raccolta dalla famiglia dei Baisela (3), ri- 
tenuti discendenti dei Baux di Provenza; ma, piti verosimil- 
mente, eredi della signoria di Ballesium romano nelle terre dei 
Kioli (Barlese). Di questi. Baisela I — con i suoi tre figli, 
Strascemiro, Giorgio e Baisela II — , estese il suo impero dal- 
l'avito dominio della Zeta a tutta l'Albania settentrionale e 
sconfisse i principi dei Ducagini. Successo Baisela II, nel 1384 
occupò Durazzo e Valona, ma cadde sotto i colpi dei Turchi (4) : 
Strascemiro continuò la guerra contro questi ultimi e perdette 



(l) F. Lanzani. Storia dei Comuni Italiani, — Milano, Vallardi Bd., capo IH, pa- 
gina 572 e segg. 

(2( Filippo di Taranto, secondogenito di Carlo II, a* intitolava Prineeps Tarantij 
Homaniae^ despota ne dominui Dh^achii et Regni Albaniae. Più tardi, Oiovanni di Si- 
cilia diventò dnca di Dnrasio e trasmise questo titolo a Ladislao re di Napoli. 

(3) I Baisela erano infondati air impero serbo epperciò ritenuti slavi da taluno e da 
tal altro albanesi. Oggi ancora, secondo questi ultimi, ne è superstite la famiglia Barda 
italo-albanese di Sicilia. I Baisela della Zeta, allargati i loro dominii, investirono 
della signoria delle loro terre avite i Maramonti, originari d* Albania, che furono i 
fondatori nel Montenegro della dinastia degli Zernovich. — Vedati dott. Gaspabb 
Jakova Mbktubt, /{ quinto centenario d$Ua nascita di Giorgio Caitriota^Scanderbeg 
(1404-1904). Estratto dal Giornale Arcadico^ febbraio 1404. Note, pag. 23 e segg. Circa 
la località di Ballesium si veda Plinio, {Nat. Hitt.f Lib. Ili, oap. 2). 

(4) Sconfitto dal viiir Hirouse nella piana di Saara, Balscia II donò Valona alla Ve- 
neta Repubblica. — (Mabini Bablbtii, Soodr. Sac. De Obsidione Scodrae^ Lib. I, 
fogUo 1, 19, Venesia, 1504). 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 177 

Croja, Berat e Durazzo. Questa ultima città fu indi appresso 
riscattata con danaro e rivenduta a Venezia (1). 

Parallelamente si consolidavano altre forti aristocrazie feu- 
dali nell'Albania del settentrione. Stefano, della famiglia monte- 
negrina degli Zernovich, alla morte di Baisela III ne raccoglieva 
l'eredità che trasmetteva in seguito al nipote Giorgio. I Tobia, 
o Topia, gli Arianiti-Comneno ed i Castrioti (2), si arricchivano 
delle reliquie della signoria dei Baisela e si dividevano le terre 
tra il Drin e la Vojuza, all'infuori delle città e dei porti soggetti 
a Venezia. I principi Ducagini possedevano le alte terre che 
ora sono conosciute sotto questo nome; gli Spani dominavano 
tra i Shala ed i Shoshi; i Dushmani tra i Pulati; i Zaccaria 
nella Zadrima; i Gropa nella Dibra, con Ocrida per capoluogo; 
i Musaci nella Musachja; i Bua-Spata in Argyrocastron ; i 
Loshia-Mesereki ad Arta. 

In questo scheggiarsi di ordinamenti feudali, nel 1432 Mu- 
rad II già padrone della Tracia si avanzò nell'Albania. I prin- 
cipotti indipendenti si restrinsero su i monti e Giovanni Ca- 
striota ne riconobbe l'imperio, offrendo in ostaggio al Sultano 
i suoi quattro figliuQli. Tra essi era Giorgio, lo Scanderbeg (3). 



0). Giorgio Castriota, lo Scanderbeo. 

Spogliata dalla leggenda, sfrondata da ogni esagerazione, la 
storia di Giorgio Castriota ed il senso delle imprese di lui rive- 
lano un ammaestramento profondo intorno ai pregi ed ai difetti 



(1) Sulla genealogia dei Baisela si veda: Sp. Gopcevic, Ober-Albanien und seine 
Uffa. Leipzig, 1881, Specchio I. Su quella dei Topia si veda op. cit. specchio II. Sulla 
discendenaa delle famiglie dei Castriota, dei Vrana e dei Busciatll, si veggano gli 
specchi III e IV. Taluni specchi genealogici interessanti questo periodo storico alba- 
nese sono stati inseriti negli Allegati al presente volume. 

(2) I Castrioti sembrano originari di Maserek, villaggio posto sul colli alle falde dei 
monti Zuccali. Sembra infatti ohe Maserek sia stato il nome più antico di questa nobilis- 
sima famiglia albanese, come attestano Ducange e Flavio Comneno. È anche probabile che 
essa sia originaria dalle attigue t«rre del Kastrati, tra le cui genti si trova anche oggi- 
giorno una piccola tribù (presso Shtiefani), denominata dei Castrioti appunto. Questa 
famiglia, per non interrotta tradizione, ò reputata della stirpe di Giorgio lo Scanderbeg. 
Vedasi anche dott. Gaspare lakova Mertury. « Il quinto centenario della nascita di 
Giorgio Castriota, Scanderbeg » (Op. cit.). 

(3) Reposio, Stanislao e Costantino. 



Digitized by 



Google 



r^^^- 



178 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

delle genti e del terreno dell'Albania. Le sue imprese militari 
offrono una nozione pratica meravigliosa della tenacia di resi- 
stenza che questo suolo presenta nella guerra difensiva, di per 
sé stesso, o migliorato con l'ausilio dell' arte, o reso malfido ed 
insidioso per le imboscate, gli agguati e gli stratagemmi d'ogni 
fatta, caratteristiche dell'arte militare del Castriota. 

Se questi non seppe o non volle trarre partito di questo ter- 
reno montano per l'offensiva, lungo linee direttrici fatalmente 
determinate dalla geografia e dalla storia, ciò devesi ascrivere 
a ragioni di indole politica e militare: le une e le altre, in- 
sieme, formano la forza e la debolezza della regione albanese e 
della sua gente. 

Sotto questo rispetto, le imprese di Giorgio Castriota e le vi- 
cende del suo impero militare, indebolito dalle gelosie feudali e 
manchevole di una salda ed estesa base politica unitaria, sono 
come la pietra di paragone di ogni manifestazione della vita in- 
teriore ed esteriore del x)opolo albanese ; una riprova degli studi 
teorici, una norma insomma efficacissima per gli studi applicativi. 

La storia dello Scanderbeg si riconnette adunque, in modo in- 
dubbio, allo studio positivo delle terre albanesi, perchè esplica, 
ravviva e dà anima alle linee maestre del suolo della regione ed 
alle loro relazioni reciproche; perchè estende il contenuto dei 
fatti a rapporti assai suggestivi nell'ordine della politica diret- 
tiva, della vita morale, della fisionomia spirituale delle genti 
schipetare. Pregi e difetti hanno trovato in sostanza nel Ca- 
striota la loro più alta ed imperitura espressione, come in un 
monumento delle aspirazioni nazionali. 

Dei quattro figli ceduti in ostaggio da Giovanni Castriota a 
Murat II, tre furono uccisi di veleno (1). Rimase superstite Gior- 
gio — il più giovane tra tutti — , forse in grazia della naturale 
avvenenza e vigorìa della persona e forse in vista della sua gio- 
vane età. Egli contava allora appena nove anni, essendo nato a 
Gursi (PetreUa), nel 1404. 



(l) Giammaria. Bibmmi. ~ Inoriadi Giorgio CaMrioto^ detto ^mnd&rb^y. Brescia, 1742, 
Bossino Ed., pag. 13. Il contenuto di quest'opera — redatta sul manoscritto dell* An- 
tivarino^ cioè di un ufficiale albanese dipendente dal Castriota — per la ricchezza e la 
diflfusione dei particolari da essa raccolti fu tenuto presente, di preferenza, nello 
studio di queste guerre. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 179 

Sotto le bandiere turehesche,- Giorgio fece le prime sue armi 
in Anatolia, in Macedonia, in Grecia, in Ungheria e nella Vec- 
chia Serbia. Si guadagnò il grado di sangiacco ed il soprannome 
onorifico di Iskender-her/j cioè a dire Alessandro Magno, corrotto 
di poi in quello di Scanderbeg. 

Nel 1432, il padre di Giorgio venne a morte e la signoria di 
Croja, in luogo di essere assegnata al figliuolo superstite, passò 
a Sabel-Pascià, un favorito del Sultano. Gli Albanesi se ne ri- 
sentirono perciò acerbamente ed inviarono segreti messaggi 
allo Scanderbeg, salito ormai in grande fama, affine di indurlo 
a liberare la patria dal giogo musulmano. Soltanto undici 
anni dopo (1443), il condottiero albanese si decideva ad acco- 
gliere i voti dei suoi conterranei, riserbandosi di agire all'oc- 
casione pia propizia. 

Era il tempo in cui Murat, ingolfato nelle guerre contro Mattia 
Corvino, VUnniade, campeggiava in Serbia contro una vera 
e propria crociata cristiana. Sconfitti i Turchi a Nisch,lo Scan- 
derbeg abbandonò il campo nella confusione di questa disfatta, 
recando seco un firmano estorto con la violenza al segretario 
del Sultano (che ebbe mozzo il capo dopo di averlo vergato): 
con esso si ingiungeva al governatore di Croja di cedere il 
governo allo stesso Scanderbeg latore dello scritto. Con rapi- 
dissima marcia, circondato da una scelta guardia albanese, in 
sette giorni il Castriota giunse a Dibra e di qui a Croja. Sabel- 
Pascia, ignaro di tutto, gli rimetteva la cittadella ; ma, notte- 
temxK), la guarnigione musulmana era trucidata e l'Albania 
proclamata libera. Era il novembre dell'anno 1443. 

Occorreva ordinare subito la difesa della provincia, chiamare 
a raccolta i principali feudatari, levare gente da opporre ai 
Turchi che non avrebbero indugiato ad attaccare dall'esterno, 
strappare infine ai Musulmani le cittadelle che ancora posse- 
devano a guardia dei migliori passaggi tra la Macedonia e 
l'Albania. Tra queste cittadelle si contavano il castello di Pe- 
trella (Petrejla, o Gurzi, suU'Arzen) a sud-est di Tirana; la 
fortezza di Pietrabianca (Guri-bard) tra i monti domani del- 
l'alto Matj ; la rocca di Svetigrado (Città Santa), a mezzodì di 
Dibra sulla destra del Drin Nero, presso all'odierna Codsciasik, 
ed infine la cittadella di Stelusio o Stehishi (forse Seliste, tra le 



Digitized by 



Google 



180 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

alture di Mali-Brat), a guardia degli accessi tra la Zeta (Drin 
Nero) e l'alto bacino del Matj (correnti di Zogoli) (1). 

Radunati dodicimila uomini, lo Scanderbeg assaltò, l'una 
dopo l'altra, queste cittadelle e le ebbe tutte dopo non lunga 
lotta, airinfuori di Svetigrado ; al cui assedio lasciò Moisè Go- 
lemi Comneno, il cosidetto Moisè da Dibra. Ma dentro l'anno 
1443, anche questa piazza si arrendeva agli Albanesi. 

Le rapide e fortunate imprese dello Scanderbeg sorpresero i 
Musulmani che — sconfitti di bel nuovo appunto in quei giorni 
dall' Unniade sulle rive della Morava — non avevano forze di- 
sponibili per tentar l'impresa di riconquistare l'Albania. 

In questo frattempo, il dominio del Castriota si consolidava 
sempre più. Con frequenti giri per le terre più minacciate, egli 
cresceva a sé fama presso i maggiorenti dei luoghi e cono- 
scenza sicura e precisa dei pregi difensivi dei luoghi stessi, in 
caso di attacco dei Turchi. In questo tempo si venne adunque 
formando nel Castriota quel giusto e chiaro apprezzamento 
dei vantaggi militari del terreno della sua patria, della resi- 
stenza delle sue porte al margine macedone e della capacità 
dei corridoj tra Scombi, Drin -Nero, Matj ed Ismi rispetto alle 
operazioni da guerriglia, agli agguati, alle mosse segrete e re- 
pentine sul fianco e sul tergo dell'avversario, che saranno in 
sèguito norma costante nelle imprese di lui contro i Turchi. 

Questa fama e queste pratiche fruttarono il solenne concilio 
dei principi albanesi nella chiesa di S. Niccolò di Alessio. Vi 
convennero, sui primi di marzo del 1444, Arianite Comneno 
signore di Canina; Teodoro Corona (Krana) principe di Belgrado 
o di Berat ; Paolo e Niccolò Ducagini feudatari di Còsso vo, di 
Diacova e delle terre odierne dei Mirditi (Gruka ed Oroshi); 
Pietro Spani principe dei Pulati, Shala e Shoshi; Andrea To- 
pia : Zaccaria Altisvero signore di Bagno ; Stefano Zernovich 
principe del Montenegro. Giorgio Dushmanie molti altri ancora. 
La Veneta Repubblica — che aveva giurisdizione sul terri- 



(1) La corritpondensa di qaesti luoghi fortificati con gli odierni è piuttosto diffi- 
cile a stabilire. Sì è seguita a quest'uopo Tiaduzione più verosimile. Si confrontino a 
questo proposito i fogli di Prizren ed Elbassan, della carta austriaca alla scala di 
1 : 200.000, più volte citati. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 181 

torio di Alessio — inviò anche essa i suoi rappresentanti, ac- 
ciocché vegliassero sopra codesta inattesa mostra delle forze 
albanesi confederate (1). 

Giorgio Castriota al termine del concilio fu proclamato in 
fatti capo della Lega delle genti d'Albania, 

In questo mentre Murat, disimpegnatosi dalle guerre contro 
rUnniade, aveva ordinato un piccolo ma scelto esercito (25.000 
uomini) con il compito di sottomettere l'Albania. Lo Scan- 
derbeg, raccolti i suoi nella conca di Cassar (Kasara) presso 
Tirana, li condusse nella regione di Dibra, sotto ai monti dei 
Mocri e dei Malisci, a guardia dei passi che dal Drin Nero ten- 
dono al Matj ed a Croja. L'Albanese aveva seco 15.000 combat- 
tenti di truppe quasi tutte novizie. 

Egli pensò pertanto di appoggiarle ai luoghi naturalmente 
forti, di sottrarle in questa guisa al cimento di una battaglia 
ordinata contro un nemico provetto come il Turco, e di cre- 
scere infine fiducia alle truppe medesime per via di strata- 
gemmi e di agguati. Scelse all'uopo una sicura posizione nella 
Dibra, al piede dei monti Mocri (Mohri) e Corab, protetta da 
fronte dalla confluenza del torrente Zeta nel Drin, non lungi da 
Vajmezi. L' odierno villaggio di Troviok può'forse identificarsi 
con il Torviolo degli storici del Castriota, designato come il 
centro della posizione e noto per aver dato il nome alla prima 
vittoria ivi ottenuta dagli Albanesi. L' induzione è tanto più 
verosimile, in quanto il Biemmi aggiunge che presso alla po- 
sizione scelta dal Castriota stende vansi i confini tra la Mace- 
donia e l'Albania, i cui termini comprendono appunto il vil- 
laggio di Troviok e coincidono con le frontiere segnate fino 
dall'epoca imperiale tra la Macedonia e la Dalmazia (2). 

Apparecchiato appena il campo di battaglia e rafforzatolo, 
giunse la novella che l'esercito turco condotto da Ali Pascià 



(1) BiBMMi. Op. cit , pag. 29-30. 

(2) Si vada a questo proposito la Tavola VI annessa al 2^ volume delle Province 
Romane del Mommsbn, dal titolo: Danubio e province Pontich§. Circa la località di 
Torvìòlo, cioè a dire circa il campo di battaglia apparecchiato dal Castriota, esiste tra 
gli storici delPeroe albanese una grande disparità di vedute. 

h^Antivarino, il cui manoscritto Ai seguito dal Biemmi, dice in altri luoghi che il 
monte Mocri era in suolo serbo (op. cIt., pag. 43, nota). II fiume che rafforzava la pò- 
sisione è denominato Scombino: però questo deve ritenersi assai probabilmente il tor- 
rente Zeta, come è detto più sopra. (Vedasi il foglio di Prizren, della carta corogra> 
fica austriaca alla scala di 1 : 200,000). 



Digitized by 



Google 



182 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

scendeva il Drin Nero. Lo Scanderbeg gli mandò incontro Moisè 
Golemi. Questi doveva con arte attirare i nemici sotto i monti 
Mocri fìngendo di ritrarsi a precipizio al loro cospetto: il conte 
di Vrana (1) e lo stesso Giorgio Castriota si aggiunsero al Go- 
lemi. per meglio colorire lo stratagemma. 

Il 29 giugno 1444, Albanesi e Turchi vennero alle mani. Sulla 
fronte il Castriota aveva disposto tutta la sua cavalleria in or- 
dinanza manipolare — assai adatta in quel terreno scuro e diflS- 
cile — e negli intervalli aveva schierato gruppi di fanti; in guisa 
« che la milizia pedestre potesse, senza essere impedita dalla 
equestre, inoltrarsi alla zuffa » (2). L'ala sinistra componevasi 
di 1500 fanti e di UGO cavalli (Moisè Golemi), la destra di 900 
cavalli e di 1800 fanti (Tanush Topia) in massima parte di au- 
siliari di Arianite Comneno e dei Ducagini, il centro era coman- 
dato dallo Scanderbeg in persona e da Aldino e constava di 
1700 cavalli, di 2000 fanti e di uno scelto squadrone di cavalieri 
di Croja, quale guardia del corpo dello Scanderbeg medesimo. 
La riserva era agli ordini del conte di Vrana e di Marino Spani. 

Oltre a questi il Castriota aveva disposti, ben celati dietro al 
monte Mocri, 3000 cavalli agli ordini del nipote Amesa, perchè 
attaccassero all' improvviso da fianco e da tergo i nemici non 
appena questi si fossero ingolfati nella mischia da fronte. 

I Turchi, scorgendo la pochezza della cavalleria albanese, si 
slanciarono subito all'assalto. Avevano più di 25.000 uomini 
quasi tutti di cavalleria, equipaggiati alla leggera, con espe- 
dienti che diventarono in seguito assai famigliari agli Albanesi: 
formarono non molto dopo, e per opera degli Albanesi mede- 
simi, la riputazione della cosi detta arte stradiotta tra le ca- 
vallerie leggere italiane e venete in particolare. 

Soverchiati dall'urto di tanti cavalli, la destra albanese va- 
cillò : i clamori altissimi dei Musulmani, ripercossi dalle con- 
valli, crescevano lo spavento dei giovani soldati del Castriota che, 
nuovi a quelle zuffe, minacciavano di rompere le ordinanze. Ma 
vennero a buon punto in aiuto i tremila cavalli di Amèsa e la 



(1) Discendente da Teodoro Vranji, o Brana, feudatario di Adrì^nopoli al tempo di 
Isacco Angeli Comneno. Bgli aveva combattuto <Mn molto onore negli eserciti di Alfonso 
Be di Napoli (Vedasi Saobbdo, I/i Repubblica di V^nezia^ pag. 93). 

(2; BiBMMi. Istoria di Giorgio Cattrioto, ecc , pag. 45. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 183 

riserva del conte di Yraua. I Turchi, sorpresi, ripiegarono allora 
in disordine a mezzodì di Torviolo, inseguiti dallo Scanderbeg e 
da Moisè Golemi. 

La prima battaglia per l'indipendenza albanese era vinta. 
Aveva costato ai soldati del Castriota 1680 morti e 2000 feriti»; 
a quelli di Alì-Pascia, 7000 morti e 600 prigionieri. 

La fama della vittoria di Torviolo scosse l'Europa, trepidante 
per le sorti delle armi cristiane impegnate in una tremenda lotta sul 
Danubio, sulla Moravia e sui confini della Bulgaria, e si accomunò 
alla fama della vittoria di Sofia pur allora riportata sui Musul- 
mani (3 novembre 1443). Il pontefice Eugenio IV sperò per un 
momento di far rinverdire gli entusiasmi degli antichi crociati, 
con l'aiuto delle armi albanesi: Ladislao re di Ungheria e di 
Polonia inviò messaggi al Castriota, con la proposta di unire in 
un solo fascio le armi magiare con le schipetare, per la difesa 
della Cristianità (1). 

E lo Scanderbeg si accingeva a passare in Bulgaria quando 
Giorgio Vukotich, voivoda di Serbia, impedì la marcia agli Al- 
banesi attraverso ai propri domini. Ma mentre si patteggiava 
o si apparecchiavano le armi, Ladislao era sconfitto ed ucciso 
sotto le mura di Varna (10 novembre 1444). 

Vinto Ladislao, Murat II divenne libero di rivolgersi contro gli 
Albanesi. Un corpo musulmano condotto da Feris-Bey scese per 
la strada di Ocrida alla volta della Dibra, ma fu sconfìtto sotto ai 
monti Mocri, il 10 ottobre 1445, in condizioni presso a poco 
eguali a quelle della giornata di Torviolo. L'anno appresso un 
terzo esercito musulmano, guidato da Mustafà Pascià, era pure 
sconfitto nella Dibra presso alla conca diOttonetta (Tumini!), 
il 27 settembre 1446. 

Una triste contesa sorta per la successione della signoria di 
Dagno (Dajci, nella Zadrima), intorbidò però la serenità di queste 
vittorie cristiane e minacciò di corrompere, con il tarlo della 
discordia, la fresca compagine delle forze schipetare. Zaccaria 
Altisvero, principe di Dagno, fu assassinato da Alessio Duca- 



ci) BiBMMi. Op. cit., pag. 60. Si yada tu questo periodo Topera del Goolislmotti, 
Storia d§Ua marina pontificia nel Medio-Evo^ specie pag. 162 e segg. Firenze, 1871. 



Digitized by 



Google 



184 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

gini. Essendo Zaccaria privo di eredi, la vecchia madre Bosa di- 
ventò presto strumento delle ambizioni degli Scutarini, fautori 
di un ingrandimento della Veneta Signoria verso i monti della 
Zadrima, a presidio dei commerci di Scutari e di Alessio. E la 
vecchia Bosa, alla fine, fece dono delle sue terre agli Scutarini 
che se ne impadronirono in nome della Signoria. 

Il Castriota a questa notizia marciò subito dalla Dibra verso 
Dagno e l'assediò per vendicare l'usurpazione del principato: 
Venezia si affrettò a spedire soccorsi alla cittadella minacciata, 
ma le forze veneto-scutarine, condotte dal governatore Giurich, 
furono sbaragliate dagli Albanesi mentre si accingevano ap- 
punto a sbloccare la cittadella tanto contrastata della Zadrima 
(23 lugUo 1448). 

Questa tuttavia, con il suo presidio, resisteva ai fieri assalti 
degli Albanesi (1) ed il Castriota — , tanto per cercare diver- 
sioni o procurarsi un pegno in caso di trattative con la Veneta 
Signoria — spiccò il nipote Amésa ad assediare Drivasto, 
un'altra cittadella dei Veneziani posta in vai di Ghiri (Clau- 
sulum) ed a riedificare l'antico castello romano di Ballesio 
(Barlése, nelle terre degli Scréli). Ma Andrea Angeli governa- 
tore di Drivasto condusse un'audace sortita contro gli Alba- 
nesi, i quali levarono l'assedio dopo avere messo a ferro ed a 
fuoco la contrada. Poco dopo gli Scutarini radevano al suolo 
la riedificata fortezza di Ballesio. 

In questi frangenti si sparse la novella della marcia di un 
nuovo esercito turco verso l'Albania. Lo Scanderberg si portò 
subito nella Dibra — diventata oramai la sua classica piazza 
di armi — e, dopo una serie di abili fazioni da retroguardia 
condotte dal conte di Vrana, i Turchi furono sconfitti per la 
quarta volta sotto Oronichi. 

Dalla Dibra il Castriota fece ritorno a Dagno, dove gli 
giunsero ambasciatori da Venezia con proposte di pace. Essi 
offrivano in cambio di Dagno un territorio rivierasco presso il 
Drin, ma il Castriota ricusò le terre offerte e fece dono del 
castello di Dagno alla Signoria che, riconoscente, lo ascrisse al 
patriziato veneto. 



(1) La cittadella di Dagno era difesa da Antonio Moneta. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 185 

Occorreva infatti al Castriota di stringere patti con il nemico 
vicino allo scopo di fronteggiare più facilmente il lontano. 

Era il principio dell'anno 1449. Murat II aveva deciso di 
condurre, di persona, un grosso esercito contro lo Scanderbeg; 
epperciò questi invocò l'aiuto di tutti i sovrani della Cristia- 
nità, specie di Alfonso Ee di Napoli al quale l'Albanese era 
legato da vincoli di verace amicizia. 

Le fortezze d'Albania furono approvvigionate largamente dai 
Veneti, le nuove cerne avviate alla Dibra, là dove Moisè Go- 
lemi aveva ordine di campeggiare al possibile tra quel terreno 
insidioso e scuro, e di rinchiudersi all'estremo nella cittadella 
di Svetigrado (Codsciasik): Amèsa presidiò Stelusio; Tanush 
Topia la fortezza di Pietrabianca : tutti i passaggi dal Drin al 
Matj furono osservati ed afforzati. Lo Scanderbeg, con 12,000 
combattenti, dopo avere provvisto a tutto si portò anch'esso 
nella Dibra, ma nel frattempo i soldati di Moìsè Golemi, pre- 
venuti dai Musulmani, si erano ritratti sotto Svetigrado. Xè 
valse a migliorare le loro sorti un'imboscata felicemente tesa 
dal Castriota alle truppe più avanzate dell'esercito del Sultano. 

Alla fine, 80,000 Turchi, con grande seguito di artiglierie 
leggere e due grossi cannoni da muro, posero l'assedio a Sve- 
tigrado e lo Scanderbeg si ritrasse dapprima dalla Dibra per 
meglio minacciare le retrovie del nemico e per serrarsi più 
d'accosto alle terre del contado di Croja. Poiché ebbe sventato 
un tentativo di tradimento a Stelusio e rotto un distaccamento 
musulmano sotto le mura di questa cittadella, lo Scanderbeg 
fece daccapo ritorno a Svetigrado. 

Ma era tardi. Dopo una serie di assalti, vittoriosamente re- 
spinti, gli Albanesi avevano ceduto la fortezza e Murat, pago 
di questo successo, fece ritorno ad Adrianopoli. Il Castriota 
volle riprendere la piazza con 20,000 dei suoi e con 1200 sol- 
dati del Ee di Napoli, ma ogni tentativo gli riuscì vano. 

Teodoro Corona feudatario di Berat (Belgrado) aveva giusto 
in quel tempo nominato suo erede il Castriota. Questi aveva 
tolto l'assedio a Svetigrado per prendere possesso di Berat 
— città di grande rilievo strategico tanto verso il centro della 
Albania, quanto verso il mezzogiorno di essa, — ma i Musulmani 
ne lo prevennero. 

\2 — Albania, 



Digitized by VjOO^IC 



186 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Due brecce rimanevano così aperte nel suolo Schipetaro: 
quella dei confini macedoni e quella dei confini epiroti. Ed 
in questi frangenti sfortunati per il Castriota, lo spirito feudale 
dei principi albanesi mostrava di risollevare fieramente il capo : 
Ariante Comneno ricusava gli aiuti; i Veneziani si schermi- 
vano dall'impegno assunto di fornire vettovaglie agli Albanesi 
ed Alfonso re di IN^apoli significava di non avere più gente da 
mandare a rincalzo di quelle che già avevano combattuto a 
Svetigrado. 

I Turchi marciavano intanto direttamente su Croja, condotti 
da Murat e dal giovane ed ardente figliuolo Maometto: avevano 
seco tante artiglierie « quante non se ne avevano mai avute per 
l'addietro in alcuna piazza, e di tale grossezza che al loro tiro 
fremeva sempre la terra molte miglia all'intorno » (1). Il conte 
di Vrana, comandante della cittadella, respinse vittoriosamente 
gli assalti, mentre il Castriota accampato presso alle foci del- 
rismi tendeva di continuo agguati ed imboscate sulle retrovie 
dei Musulmani. Dopo cinque mesi — travagliati dal clima, a corto 
di vettovaglie, decimati dalle frequenti sortite degli Albanesi, 
assottigliati dalla rude e continua guerriglia sulle comunicazioni, 
— i Turchi di Murat e Maometto tolsero alla fine l'assedio da 
Oroja. Nel febbraio del 1451 il Sultano Murat moriva e gli 
succedeva Maometto II. 

Questa campagna fu feconda di ammaestramenti per il Ca- 
striota. Anzitutto l'indusse a meglio guernire Croja, ed a proteg- 
gerla sull'alto delle colline mediante una nuova cittadella levata 
da quelle parti e che chiamò Modrissa {Ishim)-, in secondo 
luogo per aver sicurezza di rifornimenti da mare e disimpe- 
gnarsi dai porti veneti di Durazzo e di Alessio, il Castriota si 
costruì una cittadella al Capo Rodoni (Muskeli Scanderbeg), 
con il cui appoggio egli si riprometteva di far capo in modo 
sicuro ai porti della Puglia ed al littorale italico. 

SaUto al trono Maometto, le spedizioni contro l'Albania si 
rinnovarono senza tregua. Vi furono subito avviati due eserciti 



(1) BiBMHi. Op. cit., pag. 239. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 187 

distinti, l'uno con il compito di ingannare gli Albanesi da 
fronte, l'altro di sorprenderli e di avvilupparli da tergo. 

Ma questi due corpi, operando divisi in terreni di montagna 
malagevoli e sconosciuti, furono sconfitti separatamente dal 
Castriota che — campeggiando tra di loro in posizione centrale 
assai adatta nella Dibra e sui monti sopra Modrissa, — ne scon- 
fìsse prima uno sotto questa cittadella e l'altro giù per la val- 
lata del Matj. IN^el 1453 un nuovo esercito musulmano, ingol- 
fato nella valle del Drin Nero, era posto ancora una volta a 
sbaraglio alle solite posizioni dei monti Mocri. 

Dopo un breve intervallo, occupato invano dallo Scanderbeg 
nell'assedio di Berat (Belgrado) (1) che resisteva sempre ed 
ostinatamente (2), nel 1456 un nuovo esercito turco calò in Al- 
bania condotto da Moisè Golemi, il prode generale del Ca- 
striota che era passato in questo tempo al camjK) nemico. Ed 
anche questo fu sconfitto : Moisè Golemi, fatto prigioniero, fu 
perdonato dallo Scanderbeg. Due anni appresso, anche il ni- 
pote Amèsa defezionava. Alla testa di 60,000 uomini egli era 
disceso lungo il Matj (Bregu Matit) fino alle sue foci ed aveva 
posto campo sotto alle colline di Delbinisti (Tumenstiolo), per 
marciare di là contro Croja. Quivi (2 settembre 1457) i Turchi 
furono sorpresi dal Castriota e dispersi: lo stesso Amèsa fu 
fatto prigioniero e mandato al Re Alfonso di Napoli perchè lo 
custodisse nelle sue carceri (3). 

L'anno successivo — poiché il Castriota rifiutò la pace of- 
fertagli da Maometto, che gli aveva imposto di sgombrare 
dalle cittadelle di Svetigrado e di Belgrado, — la guerra fu ri- 
presa. Un esercito marciò contro l'alta Dibra ed un altro nella 
bassa, ma poco dopo si separarono mettendo campo l'uno 



<1) Belgrado o Barat, è Tantica Pulcheriopolis fondata, come si crede, in omaggio a 
Pnloheria sorella di Teodosio. I Bulgari che l' occuparono corruppero il nome origi- 
nario in quello di Belgrad, vale a dire Città Bianca. 

Dopo le imprese dello Scanderbeg. rimase a Berat il sopraanome di Amaut Beligrad^ 
cioè Belgrado degli Albanesi. 

{%) Neirassedio di Belgrado, il Castriota disponeva di un corpo di mille soldati napo- 
litani, inviatigli da Alfonso Re di Napoli. Tutto questo corpo fu distrutto in un' im- 
provvisa sortita dei Turchi. 

(3) Alla morte di Alfonso (27 luglio 1453) Amósa ritornò in Albania e trovò modo di 
rifugiarsi di bel nuovo a Costantinopoli. 



Digitized by 



Google 



188 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

sotto ai monti Mocri e l'altro verso Ocrida. Il Castriota cercò 
invano di ingaggiarli a battaglia, separatamente: alla fine egli 
concluse una tregua con i Turchi per passare in Italia. 

Ferdinando di Napoli, successo allora al re Alfonso, solleci- 
tava l'aiuto del Castriota nelle sue guerre contro Giovanni duca 
di Angiò, in compenso dei soccorsi fornitigli dal padre e della 
sincera amicizia che questi gli aveva portato sempre. Ed 
il Castriota, con circa un mighaio (1) dei suoi veterani delle 
guerre musulmane, salpò da Durazzo alla volta della Puglia. Era 
il lugho dell'anno 1461. Ferdinando, stretto d'assedio dal Pic- 
cinino in Barletta, fu allora liberato ed ebbe modo di marciare 
nell'Abruzzo contro gli Sforzeschi, mentre il Castriota rimaneva 
nelle Puglie a far testa al Piccinino medesimo. 

Gli Albanesi, montati su velocissimi cavalli, usi ai combat- 
timenti di montagna, alle rapide incursioni, alla guerrigUa per- 
tinace e sanguinosa, incalzarono i nemici asserragliati a Trani, 
ad Andria e sotto Taranto. La cavalleria itahana del tempo, 
impacciata dalle pesanti armature, non poteva schermirsi da 
questi audacissimi scorridori schipetari, che seminavano ovun- 
que la strage e lo spavento (2). 

f Alla fine, alla novella di nuove minacce dei Turchi in Alba- 
nia, lo Scanderbeg fece ritorno in patria (maggio 1461). Ferdi- 
nando, riconoscente per gli avuti soccorsi, nominò il Castriota 
feudatario di Trani, di S. Giovanni Eotondo e del Gargano. 



(1) Secondo il Fontano, ! soldati condotti dal Castriota nelle Puglie sarebbero stati 
soltanto 700. (I, 42). Vedasi anche il Bikmmi, op. cit., pag. 397. 

(2) Nel bel mezzo del secolo XV, la comparsa in Italia degli Albanesi avvezzi a guerre 
rudi, a guerriglie feroci, deve avere sconcertato Tarte militare compassata del tempo. 

L'eco di questi avvenimenti è riportata dal Biemmi. « lì Piccinino, egli scrive, fece 
molte soaramuccie ed alcuni leggeri attacchi contro gli Albanesi, senza che mai potessero 
gli eserciti ridursi ad una azione decisiva, a motivo della differente forma che una parte 
e Valtra usava nel combattere. Perché gli Italiani, montati sopra grossi cavalli tutti 
carichi e coverti di ferro e di rame, erano dal peso e dall'uso obbligati ad una ferma 
e consistente battaglia; all' incontro gli Albanesi, Ze^^ert e spediti d*armi e di cavalli, e 
secondo la disciplina dei Turchi veloci e presti, tanto a correre sul nemico quanto a 
fuggirlo neLpunto che avanzavano per caricarlo, avevano più della vagabonda che della 
stabile pugna. In questa massima, lo Scanderbeg deluse tutti gli sforzi che fece il 
Piccinino per venire seco alle prese ; ove non v'ha dubbio che sarebbero stati vinti gli 
Albanesi, per essere ignudi d ogni sorta d'armature ed esposti in tutto ai colpi. Quinci 
il Oobelino (a) pronunzioUi milizia attissima ai furti, alle rapine; ma inutile poi alle 
battaglie che si fanno secondo l'usanza italiana ». 

(a) Pii II. Pontif. Comm9nt. a R. D. Joanne Gobelino^ Roma$ i584. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 189 

Nell'estate del 1462 i soliti due eserciti musulmani riappar- 
vero nella Dibra: l'uno con Sinam, l'altro con Assem Pascià, 
allo scopo di dividere le forze del Castriota. Ma il primo fu sor- 
preso da Moisè Golemi sotto ai monti Mocri, l'altro disfatto dallo 
Scanderbeg nella Dibra alta. 

Maometto offrì allora la pace al Castriota, in cambio del ri- 
conoscimento della sovranità di questi sull'Albania : i feudatari, 
stanchi di venti anni di guerre continue, facevano istanze al 
Castriota acciocché ne accettasse i patti. Ma fu breve ed inu- 
tile negoziato, perchè i sovrani della Cristianità spinsero lo 
Scanderbeg a rompere le trattative ed a seguitare la lotta al 
loro fianco contro gli infedeli. Lo stesso Pontefice Pio II si ac- 
cingeva a passare in Albania, alla testa di un grosso esercito, 
quando l'incolse di repente la morte (14 agosto 1464). 

Alle prime novelle di questa coalizione. Maometto spinse 
un grosso esercito sulla via di Ocrida, sotto il Bellabano, un 
albanese rinnegato : il Castriota ne attrasse l'avanguardia in 
una imboscata e la fece a pezzi. Il Bellabano, per vendicarsi, 
catturò otto dei migliori ufficiali albanesi e tra essi Moisè da 
Dibra, e li mandò a Costantinopoli a tremendo supplizio. Poscia 
continuò il Bellabano la sua marcia verso Oroshi (Mirdizia), per 
scendere di là al Mat j ed a Croja ; ma fu sconfitto e tre quarti 
del suo esercito disperso o passato a fìl di spada (1). 

Ad onta di questa sfortuna d'armi il Bellabano fu rinviato 
in Albania aUa testa di un nuovo esercito : lo stesso Maometto 
gli tenne dietro nel luglio del 1465. I Turchi posero allora 
invano l'assedio a Croja, devastarono il Uttorale albanese ed i 
domini veneti: alla fine Maometto si ritrasse dall'assedio e 
lasciò il Bellabano a continuare la guerra nella provincia. Nel 
ritirarsi, 30,000 Albanesi furono messi a morte (2) 

Il Castriota, mantenendosi sempre sull'alto dei monti, non 
poteva soccorrere i suoi conterranei né venire a capo di un nu- 
mero così grande di nemici (forse centomila uomini). Sicché, 
disperando di salvare Croja con i suoi soldati soltanto, partì in 
segreto alla volta di Eoma, in abito di sempUce cavaUere e 
con poco seguito, per invocare l'aiuto del pontefice Paolo II. 



(1) BiBMMi. Op. cit., pag. 441. 

(2) Op cit., pag. 454. 



Digitized by 



Google 



190 ' GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Ebbe da questi buone parole e forse danaro, piuttosto che 
ausilio (1) d' uomini; ma al ritorno in patria trovò soccorsi 
veneti raccolti dalle guarnigioni littoranee, a cura di Giosafatte 
Barbaro provveditore della Signoria. I Ducagini si dimostra- 
vano inoltre bene disposti alle armi ed accresciuti di numero. Con 
questi soccorsi lo Scanderbeg marciò su Croja, liberò la citta- 
della e sconfisse l'esercito turchesco di Bellàbano (1466). 

Nel 1467 il Castriota, con instancabile ardore, provvedeva a 
riordinare l'Albania oramai libera dallo straniero, quando, colto 
da febbre, morì in Alessio dove aveva convocato un]assemblea 
generale dei principi albanesi. 

Lo Scanderberg aveva 64 anni, tra cui 24 di guerre e di vit- 
torie. Fu sepolto nella chiesa di S. Nicolò, ma nel 1478 quando 
Turchi occuparono Alessio, la salma dell'eroe tratta dal sepolcro 
fu fatta in minute particelle, che furono divise come amuleti 
tra le schiere musulmane. La mogUe del Castriota, Marina, 
figliuola di Arianite Comneno ed il figlio suo passarono alla Corte 
di Napoli. 
H 

Le guerre del Castriota sono essenzialmente di carattere 
difensivo. Egli attendeva i nemici ai confini tra la Macedonia e 
l'Albania, alle classiche strette della Dibra, sotto i monti Mocri- 
Poche volte lo Scanderbeg si indusse ad abbandonate questa 
attitudine difensiva per scendere sulle vie di Derida : ma erano 
tentativi timidi, quasi diffidenti e nelle proprie genti e verso 
quelle tra cui discendeva il Castriota. Questo contegno si rese 
manifesto nella campagna del 1453, in quella del 1461 ed in 
molte altre ancora. 

Fu detto che egli non volle avventurarsi in mezzo a popola- 
zioni malfide, temendo — come scrive il Biemmi, — che i pae- 
sani si gittassero sopra ai suoi soldati, quando fossero colti fra- 
zionati o dispersi (2). Ma questo non è motivo sufficiente a 
spiegare il contegno del Castriota, contegno che si riconnette 
piuttosto alla natura stessa dell'arte della guerra da lui condotta 



(1) Lo Scanderbeg, a Roma prese dimora in quella casa che oggi, adorna del suo 
ritratto, trovasi a mezzo del vicolo che porta il nome deireroe albanese nelle adiacenze 
del Palazzo del Quirinale. 

(2) Biemmi. Op. cit., 306. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 191 

di campeggiare cioè sui monti, in luoghi sicuri, per piombare di 
là sul tergo e sul fianco dei nemici, onde trarli in agguati. Ora 
la conoscenza perfetta delle zone montane fu sempre un grande 
fattore delle vittorie del Castriota, ed a questa conoscenza per- 
fetta egli non volle mai rinunziare per avventurarsi oltre con- 
fine in paesi sconosciuti. 

Egli desiderava inoltre di non scostarsi mai da questa linea di 
condotta per avere le truppe piti raccolte, i comandanti più vi- 
gilati, per reprimere insomma al suo primo apparire ogni dissol- 
vente conato di ambizioni cantonali. Si rammenti infatti che, 
quando il Castriota distaccò dei corpi di truppe troppo lon- 
tani da sé — come accadde con MoTsè di Dibra e con Amèsa — 
questi disertarono la sua causa e passarono al campo musulmano. 

Guerra difensiva e truppe raccolte furono adunque le norme 
costanti dell'arte militare del Castriota, derivate dall'insuffi- 
ciente apparecchio guerresco albanese a consolidare più vasti 
ordini politici e dal carattere schipetaro, più sollecito nel difen- 
dere la indipendenza del suolo della patria che ad estenderne 
i confini, o ad assimilarne le genti. 

In ciò gli Albanesi si differenziano da quelle altre stirpi dei 
Balcani che, in guerre di conquista, scolpirono in terre diverse dalle 
proprie e sotto eroi leggendari, quali Dushan e Giovanni Asèn, 
orme incancellabili della loro egemonia. Nessuna assimilazione 
di questa fatta riuscì a compiere invece il Castriota, neppure 
sulle vicine terre alle origini del Vardar ; su quella via medesima 
cioè che fu calcata in ogni tempo attraverso l'Albania, dai com- 
merci e dai traffici tra l'Occidente e l'Oriente. La stessa dif- 
fidenza delle genti contermini, rivelata dal Biemmi, conferma 
questa assenza di spirito assimilatore da parte degU Albanesi 
in guerre di conquista; e ciò ad onta del prestigio e della for- 
tuna del loro maggiore eroe. 

Questi, in sostanza, appare piuttosto il capo di una federa- 
zione di feudatari che sovrano con attributi politici nel più 
largo senso della parola. Il suo regno non superò infatti i con- 
fini aviti del cantone di Croja. 

Lo Scanderbeg fu maestro di guerriglie, di stratagemmi e di 
astuzie guerresche. In quest'opera fu secondato dal carattere 



Digitized by 



Google 



192 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGR APICI 

delle sue genti, tenaci nelle difese; pratiche dei luoghi, mobi- 
lissime, libere da ogni impaccio d' impedimenta, come usavasi 
allora tra le milizie regolari turchesche. 

Per tradizione non mai smentita, il soldato albanese sa trarre 
infatti partito da qualsivoglia ostacolo del terreno, conosce i)er 
istinto tutti gli artifizi della guerra da partigiani, i)ossiede una 
arte meravigliosamente adatta a trarre in inganno il nemico 
con fìnte marce, ad assaltarlo alla sprovvista con repentine 
mosse, a coprire ed osservare con poca gente una grande distesa 
di terreno, avvalendosi di una rete di segnalatori dall' occhio 
d'aquila e dal garretto d'acciajo. 

Il difetto di una larga educazione militare offensiva npcque 
però agli Albanesi nei loro attacchi contro le piazze forti di 
Svetigrado e di Belgrado, nelle operazioni contro gli eserciti 
nemici di soccorso, e mise in pericolo tutta l'opera del Castriota 
dedicata alla difesa del suolo della patria. 

Il Castriota fu talvolta troppo fiero nelle manifestazioni del 
suo spirito guerresco, ma conviene fargli giustizia riferendo la 
figura di lui all'ambient^e ed ai tempi in cui visse. Quando egli 
venne in Italia, il Piccinino gli scrisse, ad esempio, che era uso 
a « cimentarsi con degli uomini, non con delle bestie contro cui 
non adoperansi che dei lacci per fermarle » (1). Ma questo è 
rimprovero troppo soggettivo ed, in ogni modo, da riferirsi ad 
un ambiente troppo diverso da quello del Castriota, uso a com- 
battere contro un nemico che non concedeva quartiere. 

In contrapposto è però doveroso ricordare le manifestazioni 
cavalleresche del suo spirito nelle relazioni con Venezia, al- 
l'epoca della contesa di Dagno, nelle leali amicizie con i prin- 
cipi della Cristianità, specie con Ladislao di Polonia e d'Un- 
gheria, con Alfonso e con Ferdinando di Napoh, e la generosità 
da lui addimostrata nel perdonare ai traditori Moisè Golemi 
Comneno ed Amèsa. 

Il Castriota — come è detto più sopra — fu maestro insu- 
perabile nello avvantaggiarsi delle qualità difensive del terreno 
della patria. Fissato in Croja il caposaldo della sua resistenza, 
egli trasse partito della zona montuosa di Oroshi, delle alte terre 



(1) BiBMMi. — Op. cit., pag. 404. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 193 

tra i due Fandi e di tutta la Mirdizia, in genere, onde opporsi alle 
invasioni nemiche dalla Dibra verso il littorale ; e nella Dibra 
appunto il Castriota ai compose quelle Termopoli d' Albania, 
tanto note nella storia militare musulmana. 

La via di Elbassan perdette perciò importanza ai tempi del 
Castriota, a motivo della minaccia continuamente esercitata 
sul fianco della medesima dalle posizioni strategiche prescelte 
dal Castriota. E questo si spiega inoltre con il carattere es- 
senzialmente difensivo e territoriale delle guerre condotte dallo 
Scanderbeg, e con il valore degli appoggi che egU aveva sul lit- 
torale del golfo del Drin. tra Alessio e Durazzo. Le cittadelle 
scaglionate dal Castriota, dalla Dibra alla costiera, da Sveti- 
grado, a Pietrabianca; a Petrella, a Modrissa ed infine all'ul- 
tima costrutta sul promontorio Eodoni, chiariscono il concetto 
della sistemazione difensiva da fianco data dal Castriota al ter- 
reno della sua patria, tra i monti e le vie del mare. 

Il suo principato, ad onta che si intitolasse dell'Epiro e della 
Macedonia (1), non ebbe consistenza politica duratura e trasse 
vita e prestigio soltanto dalla vita e dal prestigio dello Scan- 
derbeg : non si estese molto al di là dei confini del distretto di 
Croja, dappoiché l'episodio di Berat non rappresenta che come 
una parentesi nella storia poUtica e militare del tempo. La 
città di Berat, metropoli dei Toschi e chiave dell'Albania del 
mezzogiorno, venne infatti per semplice donativo del Corona 
al Castriota; né l'Albania meridionale si trasse per questo 
dal suo immutabile spirito cantonale separatista, conservatosi 
fino alla vigilia dell' impero di Pirro e ripreso subito dopo la 
scomparsa di lui. Bimane adunque singolarmente notevole il 
fatto, che l' unica signoria che sia pervenuta a consolidarsi 
per alcun tempo nell'Albania, sorse appunto nella sua regione 
mediana. 

Per concludere, Giorgio Scanderberg rappresenta adunque 
la personificazione del valore militare albanese quale fine a 
sé medesimo, non come mezzo per la creazione ed il consoli- 
damento di un principato che lasci traccia dopo di sé. Al- 
l' indomane della sua morte, la Lega Albanese si sciolse. 



(1) Oiorgio Castriota ebbe il titolo di Hex Epiri et Macedoniae, 



Digitized by 



Google 



194 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 



D) L'Albanu sotto il dominio musulmano 

ED I PRINCIPATI INDIPENDENTI. 

Morto lo Scandeberg V Albania settentrionale fu occupata dai 
Veneziani, ai quali corse fama che egli avesse donato questi ter- 
ritori in virtil di segreti accordi. Ma, nel 1474, Scutari venne as- 
sediata dai Turchi di Suleiman Pascià. I Veneziani, gli Albanesi 
ed i Montenegrini, collegati, riuscirono a respingere gli assalti; 
e la squadra di Triadano Gritti a disperdere i vascelli turcheschi 
presso alle foci della Bojana (1). 

Quattro anni dopo Scutari era nuovamente cinta d-assedio 
da Ali-Bey e da Gaiolla-Pascià; doppoichè Croja ed Alessio 
caddero nelle mani dei Musulmani. Questi avevano posto il loro 
campo attorno ai colli che circondano la città da settentrione 
{Kodéra e Pashes. cioè colle del Pascià), gittato un gran ponte 
presso alle foci del Chiri ; devastato i terreni all'intorno e stabi - 
Uto una specie di arsenale dentro alla valle del nominato 
fiume. Ivi i Turchi fusero le grosse artiglierie con il bronzo 
trasportato a basto di camelU dalla madrepatria. Sui primi di 
luglio anche Maometto comparve avanti a Scutari: forse due- 
cento mila uomini erano con lui, contro poche migUaia di Ve- 
neti e di Albanesi. 

Tra il 5 ed il 19 luglio, i Turchi lanciarono contro alla città 
2539 colpi di bombarda, 109 di mortaio, 10 palle a fuoco : essi 
usavano bombarde del peso di 600 Ubbre e talune del peso 
persino di 1200 Ubbre (2). Nell'eroica resistenza caddero uccisi 
Alessio e Nicolò Begani, Nicolò Gradislavo e Ck)ja Humri, 
condottieri albanesi; Antonio da Ck)rtona; Antonio Bovino, 
Francesco Padovano e Francesco di San Scorbaro, condottieri 
itahci. 

I Turchi rinnovarono invano i loro assalti, il 22 il 27 ed 
il 28 luglio. Alla fine Maometto abbandonò Scutari e lasciò il 



(1) E, Babbarich Pagine di Storia Militare Veneto-Montenegrina^ pag. 84, Mgg. 
Roma, E. Voghera Editord, 1S96. (Opera pubblicata per le Auguste Nozsa di S. A. R. 
il Principe Vittorio Emanuele di Savoia, con S. A. R. Elena Petrovicb NJegosb). 

(2) Marimus Bablbtios. De eoepugnatione Scodrenti, 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 195 

compito di affamarla ad Ahmed-Pascià, mandò Mustafà Pascià 
all'assedio di Drivasto e SoUman Pascià a quello di Zabliak, la 
cittadella montenegrina alle foci della Moracia. Tutte queste 
fortezze caddero, l'una dopo l'altra, in mano dei Musulmani che 
rioccuparono anche Alessio. 

Eimase Scutari a resistere con tenacia meravigliosa fino al 
25 gennaio 1479, alla qual'epoca Antonio da Lezze, provvedi- 
tore veneziano, la consegnò ad Ahmed-Pascià, con l'obbligo di 
lasciare salva la vita ai suoi eroici commilitoni. Gli Albanesi 
che vennero a Venezia in seguito alla resa della piazza, si eb- 
bero dalla Signoria pensioni e terre da coltivare nel Friuli (1), 
posti distinti nelle confraternite cittadine, nei commerci e nei 
traffici (2). 

L' intera Albania cadde a questo punto sotto il giogo mu- 
sulmano. I Montenegrini, dopo strenue lotte alle foci della Mo- 
racia, ritraevansi a Zetigne — la cittadella intemerata della 
loro indipendenza nazionale ; — i Mirditi, sotto la famiglia dei 
Gio-Markai da Orosh, dopo di avere combattuto ad oltranza, 
venivano a patti con i Turchi che s' impegnavano a rispettarne 
l'autonomia cantonale serbata intatta fino oggigiorno. Molte 
tribti di Albanesi del mezzodì, specie i Chimarioti, ottenevano 
eguali libertà; altre invece soggiacevano al dominio musulmano 
senza accordi o guarentigie di sorta. 

Perdute le città marinare albanesi, comprese Durazzo (1499) 
Antìvari e Dulcigno (1571), alla Veneta Signoria più non ri- 
masero che l'isola di Corfù, gli scali di Prevesa, Parga e Bu- 
trinto. Dall'isola e dai porti della costiera albanese del mez- 
zogiorno, la Kepubblica traeva nondimeno appoggio per man- 
tenere tenacemente i suoi commerci nella prossima Eliade e 



(1) Reg. Sen. Mar., XI. 3, 22 t. 37, t. 43. (R Archivio di Staio di Venezia). 

(2) P. MoLMBNTi e O. Ludwig. Lei Albanais à Venite, (Revue d'Italie^ 1 Année, 
Juillet 1904, 5ne Livraison). GII Albanesi facevano parte a Venezia della confraternita 
di S. MaurÌ2Ìo e di S Gallo, protettore degli Epiro ti. Esercitavano in città, al tempo 
della Repubblica, tre mestieri caratteristici; e dok quello degli zimadori (cimatori) o 
tosatori di stoffe di lana ; di baretteri, o fabbricanti di berretti e di cofaneri o costrut- 
tori di cofani. Come zimadori erano soggetti alla giurisdixione di uno speciale magi- 
strato ed il loro centro trovavasi presso il Rio Maria. I bareUeri erano assai numerosi 
presso al ponte di S. Salvador, che prese poscia nome dagli artisti albanesi stabiliti 
appunto in quelle adiacenze. Molti esercitarono anche la professione di depentori. 



Digitized by 



Google 



196 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

per avviarli verso i mari Levantini. Nel 1571, dopo la battaglia 
di Lepanto, i Veneziani occuparono anche il contado di Mar- 
gariti, con poche terre confinarie dell'antico distretto della Te- 
sprozia. 

Ad onta di tutto ciò, il ricordo della Veneta Signoria non 
illanguidì sì tosto nella memoria delle genti albanesi, ed il suo 
nome va congiunto ad ogni risollevarsi della fede e delle spe- 
ranze delle genti medesime nella libertà e nell'indipendenza 
della patria. Così nel 1570, nel 1571, nel 1580, nel 1596, nel 1601 
e nel 1616, si rinnovarono le domande di soccorsi a Venezia da 
parte dei Ducagini e dei Mirditi. 

Ma la Repubblica, ingolfata allora nelle guerre contro gli 
Uscoechi, impegnata nella ^difesa del Friuli contro gli Impe- 
riali, sospettosa per rattitudìne della Spagna, non poteva dare 
ascolto al disperato appello degli Schipetari. Anche Carlo Ema- 
nuele I — fino dal 1592, — Rodolfo II d'Asburgo e Ranuccio I 
Farnese duca di Parma, avevano ricusato in questo medesimo 
tempo alla corona d'Albania. E gli Albanesi, abbandonati a 
sé medesimi, si rassegnarono al dominio musulmano. Questo 
aveva nullameno assicurato loro molte libertà autonomisti- 
che, delle quali trassero profìtto in special modo i Mirditi ed 
i Ducagini, per consoUdare i rispettivi principati. 

In questo mezzo anche l'Islamismo compieva progressi stra- 
ordinari in Albania. Sorgeva Tirana, costrutta dal Bey Sulei- 
man : gli Albanesi passavano a schiere a combattere sotto le 
bandiere musulmane come truppe ausiliarie e si procacciavano 
bella fama di guerrieri tenaci ed audacissimi. Gli Albanesi pre- 
sero così parte alle guerre contro l'Impero, tra la seconda metà 
del secolo xvn e la prima del successivo, fuori e dentro ai con- 
fini della loro patria. 

Anche le differenze religiose vennero adunque ad aggiungere 
un nuovo e profondo elemento di scissura alle altre differenze 
di cui è cenno più sopra; e che vanno connesse all'indole, alle 
tendenze ed allo spirito particolarista degli aggregati sociali 
albanesi. Il partito maomettano — diventato predominante, e 
per i favori della Porta e per le manifestazioni di fanatismo 
che sono naturalmente* congiunte al consoUdarsi delle nuove 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 197 

fedi, — proruppe ad ogni sorta di violenze e di eccessi contro 
gli Albanesi cattolici, o rajà (vale a dire dominati). 

Le città e le tribù composte in altrettante repubbliche, in 
piccoli principati militari vassalli della Porta, governati da bey 
guerrieri e prepotenti, si dilaniarono a vicenda fino a cadere 
nelle mani del più audace, del più ambizioso o fortunato tra essi. 

Questo periodo storico è caratterizzato adunque da una vera 
e propria egemonia dello spirito politico particolarista delle 
genti albanesi, ed in questo senso appunto debbonsi interpre- 
tare e studiare le principali manifestazioni storiche dell'epoca, 
nel settentrione e nel mezzodì dell' Albania, da parte dei bey 
di Scutari e di quello di Joanina, cioè Ali, conosciuto per tale 
in virtù di un'antonomasia. 

Un bey di Bushatlje (1), di nome Mehemet, discendente se- 
condo alcuni da una nobile famiglia montenegrina (2), acquistò 
sulla metà del xvin secolo tanta fama e prestigio nelle lotte 
cittadine di Scutari, — e più precisamente tra il così detto 
quartiere di Terzi e quello di Tabaki, — da diventare in breve 
tempo l'arbitro dei destini del proprio paese. 

Il pascià Mehemet inviato da Costantinopoli alla testa di un 
esercito per comporre la contesa, diventò subito lo strumento 
incosciente delle ambizioni del bey, che ebbe dalla Porta il ti- 
tolo ereditario di pascià di Scutari e del territorio del vilayet 
che ne dipende. 

Aiutato dai suoi quattro figUuoU, favorito dalla violenza e 
dall'astuzia, il pascià di Bushatlje riuscì a sbarazzarsi di quanti 
potevano contrastarlo nell'impero, con procedimenti assai si- 
mili a quelli usati dal primo dei Merovingi. Egli distrusse la 
famigUa degU Shoshi, quella dei Madjare e dei Scelepi, sotto- 
mise le tribù Malissore, le città di Dulcigno, di Alessio, di El- 
bassan, di Tirana e di Ocrida (3). 

Morto il bey (ucciso, come è fama, per ordine della Porta a 
Inotivo del rifiuto opposto di marciare contro i Eussi), il figho 
Mahmoud {Kara Mahmoud) gli successe nel principato. Gheghi 



(1) Villaggio di Bregti Bunes, o riviera della BojAnaf nel contado di Scutari. 

(2) Cioè da Ivanbegovich del Montenegro. 

(3) Hbcqoard. Hiitoire et descriplion de la Haute-Albanie ou Quegnrie, pag. 437. — 
Paris, Bertrand, Ed. 



Digitized by 



Google 



198 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

e Toschi si dilaniavano allora in lotte fratricide, e Mahmoud le 
inacerbì attraversando la Toscheria, nel 1770, alla testa di 20,000 
Gheghi, affine di domare i primi moti per l'indipendenza elle- 
nica. Di ritorno, Mahmoud combatte contro il pascià d'Ipek: 
nel 1775 invase il Montenegro mentre i Musulmani lo assaU- 
vano dalla Bosnia e dalla Serbia. Nel 1785 egli rinnovò le spe- 
dizioni contro l'anzidetto Principato, difeso dal suo glorioso 
Vladica Pietro I ; occupò Zetigne e ne devastò il monastero. 
Nel condurre queste scorrerie, Mahmoud recò danni alle terre 
sottomesse alla Veneta Eepubblica, talché questa reclamò l'in 
tervento della Porta per infrenare l'audace pascià. 

La Turchia mandò infatti un esercito contro Mahmoud, ma 
questi, ratto, lo sconfìsse nella piana di Còssovo. Al colmo della 
sua potenza, il pascià di Scutari intavolò negoziati con Giu- 
seppe II d'Austria, da cui ebbe donativi e promesse d'appoggio 
nella nuova campagna che si apparecchiava a muovergU contro 
la Porta. 

Venne infatti un secondo esercito musulmano in Albania 
e pose campo sotto Scutari : era con esso Ali Pascià di Joanina. 
Mahmoud si ritrasse allora dentro la vecchia cittadella di Rosafà 
e di qui. con segreti maneggi, riuscì a seminare la zizzania nel 
campo nemico. I soldati disertarono in massa e le artiglierie 
musulmane divennero facile preda del ribelle. Un terzo esercito 
turco fu sbaragUato indi appresso dai Mirditi. 

Giuseppe II mandò nuovi ambasciatori a Mahmoud, ma 
essi furono trucidati (giugno 1789). Fu questo il principio della 
fine. Nell'ottobre del 1789, il fratello Ibrahim fu sconfìtto dai 
Montenegrini e Mahmoud stesso sopraffatto da un altro corpo 
condotto dal Vladica Pietro I. Mahmoud volle ritentare ancora 
la sorte delle armi contro i Montenegrini, ma presso Orhia 
Luka fu fatto prigioniero e decapitato. 

Il pascialicato di Scutari passò allora nelle mani del fratello 
Ibrahim che rimase fedele alla Porta, quindi in quelle del ni- 
pote Mustafà che combattè contro i Greci nella loro grande 
guerra di liberazione, contro Ali pascià di Joanina e da ultimo 
contro i Turchi medesimi, proprio al tempo in cui Diebitch 
marciava con un esercito russo sulle vie di Costantino- 
poU (1829). 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 199 

Non molto appresso, Mustafà stretto sotto Seutari da un 
esercito musulmano condotto da Rechid -Pascià, capitolava. Con 
lui terminò la dinastia dei principi indigeni di Seutari, i quali 
passarono alla storia senza lasciare dietro a sé che tracce di ra- 
pine, di violenze e di stragi. 

Con il tramonto delle autonomie di Seutari, vennero ad au- 
mentarsi il prestigio e la forza della repubblica aristocratica 
militare dei Mirditi. 

Ali pascià da Tepeleni nacque nel 1740. Si procacciò di buon 
ora l'alleanza delle fiere tribti degli Armatoli o Clefti dell'Epiro 
e con essi, — traendo partito dallo stato di anarchia in cui ver- 
savano le diverse fare, o principati autonomi epiroti sotto 
la supremazia della Porta (1), — si impadronì di Tepeleni, di 
Del vino, di Argyrocastron e divise tra i suoi seguaci le ric- 
chezze ed i terreni tolti ai nemici uccisi. Nel 1789, Ali ottenne 
il sangiaccato di Tessaglia, occupò Joanina e trasformò la sua 
rocca in una fortezza formidabile. Quivi, in riva al lago, a metà 
della sua riva occidentale, si protende in mezzo alle acque un 
aggetto roccioso (Paktoros), congiunto alla sponda da una soglia 
alluvionale : sovra questo scoglio Ali costrusse una grande for- 
tezza dominata, a guisa di ridotto, da un alto castello a più 
ordini di fuochi, denominato di Litaritza. AH aprì un largo 
fossato nella sogHa alluvionale, armò la fortezza con 250 can- 
noni e sguinzagUò per le acque del lago una poderosa flottiglia 
di scialuppe cannoniere, montate da avventurieri greci di Corfti. 

Appoggiato a questo fortissimo arnese di guerra e di tirannia. 
Ali occupò Ocrida, assoggettò i Chimarioti, assaltò i Suliotti; 
che però respinsero vittoriosamente le truppe del Pascià. Questi, 
essendo impegnato nelle guerre contro i Francesi nell' Epiro, 
sotto Nicopolis e Prevesa, dovette procastinare le vendette 
contro i Suliotti. Ma, nel 1803, il Pascià riprese le armi contro 
l'eroica tribù che aveva rigettate valorosamente le sue truppe, 
e trionfò di essa con la più barbara e truce delle vendette. 
Dei Suliotti, non rimase che la traccia sanguinosa sul suolo 



(1) PouQUBviLLB. Storia del ritorgimento della Orecia, rht rontient la narrasione 
degli avvéniménti dal 1740 fino al i824 Torino, Ghiringhello, Ed , Voi. I, pag. 15. 



Digitized by 



Google 



200 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

incendiato della loro patria e nelle tradizioni letterarie del 
tempo. 

Al colmo della potenza sua. Ali pascià occupò Berat e Gar- 
diki, I pascià di Elbassan, di Croja e molti altri feudatari della 
Albania settentrionale, riconobbero la sovranità del potente si- 
gnore di Joanina. La potenza oramai assodata di Mustafà Bu- 
shatlje e la riputazione guerriera dei Mirditi, dei Ducagini e 
delle tribù malissore in genere, dissuasero il Pascià dal tentare 
ulteriori Imprese nell'Albania settentrionale. 

Terminate le guerre della Kivoluzione e dell'Impero, chetati 
alcun poco i moti delle genti serbe, la Turchia era alfine Ubera 
di rivolgersi contro l'indomito signore di Joanina. Era il 1820. 

Ali pascià, al proclamarsi della guerra contro di lui, spiegò 
risolutamente la bandiera della rivolta nazionale. Davanti a 
questo vessillo lusinghiero e patriottico, gli Albanesi cattolici, 
musulmani, ortodossi e persino i SuUotti, parvero dimenticare 
ad un tratto le antiche animosità e l'inestinguibile odio contro 
Ali, e tutti si unirono a fascio nel nome dell' indipendenza della 
patria. Ma i tempi dello Scanderbeg erano passati, né Ali pascià 
poteva reggere il confronto con esso. 

Due eserciti turchi invasero l' Albania del mezzogiorno, 
mentre un corpo di Suliotti scendeva rapidamente in Morea 
per creare diversione ai nemici da quella parte, appoggiandosi 
agU Elleni. Ma dopo due anni di lotte, abbandonato dai suoi, Al^ 
pascià fu costretto alla fine a ritirarsi nella sua formidabile citta- 
della di Joóinina. Da questa egli tenne ancora in iscacco le forze 
musulmane, finché ridotto a poche decine di fidi fu fatto pri- 
gioniero e decapitato (febbraio 1822). Aveva allora 82 anni (1). 

Con Ali pascià fu distrutto il suo parentado, e di tutti non ri- 
mase che la fosca memoria nelle tradizioni e nelle leggende delle 
genti epirote. 



(1) Sulla morte di Ali Pascià, si consulti Pouqubvillb, op. cit., voi. XI, Capo III, 
pag. 98 e s«gg. Si veda anche Framcbsco Guicciardini. Impressioni d'Albania «Nuova 
Antologia », voi. 93, 190J, pag. 600 e segg. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 201 



E) La Lega Albanese. 

Annientate le signorie indigene, la Porta procTirò di cancel- 
larne persino le orme sul suolo dell'Albania e nella memoria 
degli abitanti suoi. Rechid -Pascià attese a quest'opera : rovesciò 
le ultime vestigia della potenza dei principi feudali, ridusse le 
libertà dei signori di Diacova, di Ipek, di Pristina e di molte 
altre terre autonome. •- 

Ma, alla stanchezza invalsa tra le genti al termine di un pe- 
riodo di lotte così travagliato e fosco come fu quello dei pascià 
di Bushatlje e di Joànina, successe ben presto la naturale rea- 
zione. Tra il 1835 ed il 1854, dei moti assai fieri ed estesi commos- 
sero la Ghegaria: nel 1847 si sollevarono i Chiami dell'Albania 
del mezzogiorno, e per parecchi mesi una lotta aspra e senza 
quartiere divampò contro i Musulmani tra le terre del Calamas 
e del Màvros. Codesti sforzi, scollegati nell'ordine dello spazio e 
del tempo, non ebbero però risultati pari e alle concepite spe- 
ranze ed ai durati sacrifizi. 

Talune tribù maHssore, specie dei Mirditi, si esaurivano a 
questo punto in sterili lotte contro il Principe Danilo I, della 
Casa Petrovich-Niegosch ; talune altre dei Chiami e dei Lapi si 
alienavano definitivamente le simpatie degli EUeni, sì da far 
svanire ogni speranza in una probabile intesa elleno-schi- 
petara. 

La Porta trasse abilmente partito da queste scissure, consoli- 
dando il nuovo ordinamento politico ed amministrativo che 
aveva dato all'Albania. La regione, nel 1865 fu spartita infatti 
tra i vilayet di Monastir, di Joanina e di Scutari : la parte set- 
tentrionale della provincia fu smembrata tra i vilayet di Cos- 
sovo, di Monastir e di Nisch. 

Soltanto le tribù malissore conservarono per il momento le 
antiche autonomie feudali ed al loro capo (Kapidan) fu confer- 
mata la dignità di vassallo della Porta; previo controllo del 
governatore di Scutari. Ma, nel 1868, il capitano Bib-Doda dei 
Mirditi venne a morte lasciando un figliuolo di otto anni ap- 
pena. I Turchi ne approfittarono subito per proclamare deca- 

13 - Albania. 



Digitized by 



Google 



202 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

dute le libertà dì quelle genti e per trarre in ostaggio il giova- 
netto Prenk Bib-Doda a Costantinopoli. La Mirdizia fu allora 
assimilata alla legge comune e le idtime vestigia delle antiche 
autonomie aristocratiche scomparvero nominalmente per le 
terre albanesi. 

All'epoca della grande guerra d'Oriente, mentre rifiorivano 
le speranze delle genti balcaniche dal Danubio alla Morea, dal 
Mar Nero alle balze Acroceraunie ; ed i popoli serbi, bulgari e 
romeni combattevajio valorosamente contro la signoria musul- 
mana un fremito di riscossa, una tenace intesa d'animi e di armi 
parve invadere le tribù albanesi. 

Il Principe Nicola I del Montenegro fece allora appello ai 
Mirditi nelle strenue lotte che egli sosteneva contro i Musul- 
mani, ma i Mirditi non vollero disertare le bandiere turchesche 
e furono travolti nella sconfìtta. Proff ersero subito dopo l'al- 
leanza ai Montenegrini, ma era troppo tardi: sorpresi dai Tur- 
chi nel cuore del loro montagne, Orosh fu saccheggiata ed il 
principe Prenk Bib-Doda con la madre inviati in esilio. I Mor- 
diti fecero allora definitivamente ritorno alla causa musulmana, 
e non mancarono all'appello nelle sanguinose e gloriose giornate 
di Plewna e di Scipca. 

Al termine della grande guerra di liberazione, la Serbia ed il 
Montenegro ottennero il riconoscimento della propria indipen- 
denza. Entrambi questi Stati, oltre alla Grecia, dovevano ac- 
crescersi di nuove terre, da prelevarsi sull'integrità del suolo e 
della nazionalità albanese. La Serbia doveva infatti occupare 
i territori di Kursciumlje e Vranja ; il Montenegro il littorale 
di Antivari, le alte terre di Gussinje, di Piava e Triepshi : la 
Grecia doveva infine estendersi nei circondari di Joanina, di 
Prevesa e di Arta. 

Nel 1878 — in segno di protesta contro siffatte spogliazioni 
che si dovevano compiere a danno della nazione albanese — 
si costituì una Lega Centrale per la difesa dei diritti della 
nazionalità schipetara. Questa Lega ebbe a suo centro Prizren 
per l'Albania settentrionale ed Argyrocastron per la meridio- 
nale : punto comune di contatto tra i due focolari della pro- 
paganda nazionale schipetara era Elbassan. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 203 

La Lega proclamò subito la necessità di addivenire alla co- 
stituzione di un'autonomia albanese, con capoluogo Ocrida. 
Kel 1879 la Lega medesima presentava al Comitato interna- 
zionale — occupato nella delimitazione delle frontiere del Mon- 
tenegro, — una protesta contro l'annessione di territori alba- 
nesi aquel Principato (1 ). Le contrade di Gussinje e di Piava, rette 
da Ali-bey, il quale si era accaparrato nel frattempo il soccorso 
degli Albanesi di Ipek, di Diacova, di Prizren e di Dibra; fu- 
rono accanitamente contrastate ai Montenegrini che ne recla- 
mavano il possesso. Boscio Petrovich, raccolte truppe mon- 
tenegrine sotto Gussinje, marciò con esse su Velica e Pepitch. 

Il 6 dicembre 1879, quattro battaglioni Montenegrini e sei mi- 
gliaia di Albanesi vennero alle mani a Novschik Velica, ma con 
esito incerto. La Porta (atteso lo stato di anarchia in cui versa- 
vano i distretti tanto contesi sotto il governo di Ali-bey), com- 
mise allora a Muktar Pascià il compito di marciare a quella 
volta, da Monastir, in aiuto dei Montenegrini. L' 8 gennaio 
1880 accadeva un nuovo scontro, indeciso come il primo, tra 
Albanesi e Montenegrini, a Metei, presso Piava. 

In questi frangenti il governo italiano prendeva l' iniziativa 
di una mediazione. Il Montenegro, in cambio di Gussinje, do- 
veva annettersi l'alta valle della Vermosa, la destradi vai Zem, 
fino allo sbocco di questo fiume in piano (Dinosch-Planinik), 
la radura di Tushi fino al golfo detto dei Kastrati e degli Hoti, 
nel golfo di Scutari. Questa proposta fu accettata dal Monte- 
negro e dalla Turchia, mei maggio del 1880. 

Si trattava adunque di renderla esecutiva, ma anche questa 
volta gli Albanesi si opposero alla testa di un corpo di 8000 
Malissori, agli ordini di Hodo-Bey di Scutari e del Prenk 
Bib-Doda della Mirdizia. Quest'ultimo, eludendo la vigilanza 
musulmana, era ritornato in questo tempo in patria aUa novella 
dei primi rivolgimenti nazionali. 

Ed i negoziati continuarono. L'Inghilterra propose allora il 
cambio della vallata del Zem e della radura di Tushi, con Dul- 
•igno: ma pure a questa proposta si ribellarono gli Albanesi. 



(1) n R. Delegato italiano presso la Commissione per la delimitasione del Montenegre 
era il tenente colonnello di stato maggiore Giuseppe Ottolengbi. 



Digitized by 



Google 



204 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Alla fine, la dimostrazioiie navale detta di Dulcigno, vinse le 
ultime riluttanze della nazionalità schipetara. 

Nel luglio 1881 la Grecia occupava il contado di Arta, tra il 
fiume omonimo ed il rilievo del Pindo ; Joanina, Paramy thia 
{Aidonat)j Margariti, Luros e Prevesa, furono però conservati al 
dominio musulmano, e la Grecia s'ebbe in cambio dei compensi 
territoriali in Tessaglia. 

Dopo uno strascico sanguinoso di rivolte e di reazioni, la 
Albania settentrionale fu pacificata da Dervisch pascià, che 
vinse le forze della Lega sotto Slivovo, ed occupò alla fine 
Prizren e Diacova. 

Il Prenk Bib-Doda fu relegato a Castamuni nell'Anatolia (1) 
e posto a capo della gendarmeria mirdita : i maggiorenti della 
Lega Nazionale furono esiliati o uccisi. 

I conati della Lega Nazionale Albanese si rinnovarono 
nel 1897, all'epoca della guerra Greco-Turca e, più recente- 
mente ancora, nel 1903 nei circondari di Diacova, di Prizren e 
sui confini della Vecchia Serbia. Questi tentativi rivelano un fé 
nomeno veramente de^o di nota nel corso della storia con- 
temporanea d'Albania, e nelle manifestazioni esteriori del ca- 
rattere e dello spirito delle genti schipetare, ben augurante per 
l'avvenire politico ed economico di esse. 

La Lega Nazionale Albanese con i suoi procedimenti, con 
la sua diffusione, compie infatti un opera di vera propaganda 
del sentimento patriottico unitario schipetaro. Essa tende ad 
affratellare saldamente i diversi gruppi etnici e religiosi, ad 
attenuare nelle forme le manifestaziooi particolariste tradizio- 
nali, sotto la larga egida di statuti autonomistici ; a comporre 
insomma, lentamente ma sicuramente, con l'istruzione e con 
la conoscenza reciproca tutte le genti albanesi in un solo fascio 
di energie, compatto, conscio degli interessi e dei voleri collet- 
tivi, nonché dei propri diritti ad una coscienza nazionale 

Scopo della Lega Nazionale — afferma uno degU articoli del 
suo statuto, — è quello di provvedere alla difesa ed alla rivendica- 
zione del territorio della patria. Ogni albanese può parteciparvi, 



(1) Il Principe d«i Mirditi, Pranlc Bib-Doda trovati tuttora in eiìlio aCastamani. 



Digitized by 



Google 



LA STORIA 205 

giurando al momento dell' ammissione, di propugnare con tutti 
i mezzi la completa autonomia nazionale. Qualunque membro 
della Lega che. disconoscendo i propn doveri si rendesse reo di 
tradimento, sarà inesorabilmente trucidato. 

Il concetto dell'autonomia — quale forma politica più adatta 
alle necessità storiche ed economiche delle genti schipetare — 
si disegna adunque anche negli statuti della Lega. Tale con- 
cetto si riconnette, nell'ordine geografico ed economico, al com- 
pito di via di transito disimpegnato nei tempi piti floridi dal- 
l'Albania, tra il mare Adriatico e l'Egeo ; nell'ordine storico alla 
possibilità di coesistere, sotto le medesime forme liberali di 
repubbliche aristocratiche militari, da parte di genti guerriere, 
marinare, pastorali ed agricole. Nell'ordine morale, infine, l'au- 
tonomia medesima può permettere la riunione in un unico 
fascio di popolazioni, di sette e di diverse favelle. 

Le forme vagheggiate dalla Lega Nazionale Albanese si 
riconnettono, in sostanza, alla necessità di risolvere, in un senso 
non diverso, l'assetto poUtico ed amministrativo di una regione 
che — per riguardi economici, geografici ed etnografici, ha 
perfetta corrispondenza con l'albanese, — cioè la Macedonia; 
la quale rappresenta il termine della Via Egnatia del passato, 
e la mèta dei traffici e dei commerci avvenire tra il bacino infe- 
riore dell'Adriatico e l'Egeo. 



Di gitized by VjQ QQlg 



^ 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO III. 
I costumi 



A) Usi e consuetudini delle genti albanesi. 

Le costumanze dei popoli sono inseparabili dalle contrade 
che essi abitano e dalle forme sociali che si sono imposte. Le re- 
lazioni tra uomo e terreno, in quanto concernono l'adattamento 
necessario all'ambiente, creano adunque i costumi; sicché la 
vita locale — progressivamente ed inconsciamente, — perviene 
come ad impregnarsi dai succhi della terra da cui trae ahmento 
e ad adattarsi alle sue esigenze. Tutto ciò avviene in forza delle 
ereditate abitudini, ravvivate di continuo dal contatto dei luo- 
ghi e disciphnate dall'uniformità di ordini politici conformi. 

n livello delle sorgenti, il margine delle terre palustri mala- 
riche, le rocce calcari piil erte e dominanti, ricche di materiali 
da costruzioni difensive, le zone irrigue di conca, hanno attratto 
a sé, in ogni tempo, le genti albanesi con uniformità di scopi e 
di intenti, e con rassomiglianza perfetta di fisionomia etica e so- 
ciale. 

Sul posto dell'antico Ballesio romano, sopra ai monti dei Rioli, 
sorse una fortezza serba e poscia una schipetara, per ordine del 
Castriota: la cittadella di Canina scopre le fondamenta di an- 
tiche rovine bizantine e veneziane (1) : non lungi dalla antica 
Dodona, al piede delle risorgive dei Micicheli, si levò Passaron 



(1) SolU dttadell» di Canina si Teda Habn: Albanesìsche Sludi^n^ pag. 72 e C. Pat- 
8CH: I)a$ Sandschak Beral in Albanien^ pag. 19 e segg. Si vuole anche ohe T odierna 
Canina sorga salle rovine del castello romano di Oeneus. 



Digitized by 



Google 



210 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

la capitale del regno di Pirro, convegno di fedi religiose e di 
sovranità politiche nella conca di Joanina: i Taulanzi furono 
dapprima popolazioni pastorali che corsari, ed oggi ancora sono 
ridiventati custodi di gregge: le tribti malissore dell'Albania 
settentrionale non hanno mai smentito infine le loro tradizioni 
di genti bellicose, originali ed indipendenti. 

L'uomo e le società, quanto ai costumi, divennero adunque 
gli interpreti naturali delle caratteristiche del suolo. La segre- 
gazione della maggioranza delle genti albanesi dalle vie di gran 
traffico ; la scarsezza di centri urbani ; il frantumamento degli 
aggregati sociali e cantonali; il disinteresse infine da parte delle 
potestà governative (che pur debbono essere per eccellenza 
unificatrici ed assimilatrici), hanno accentuato l'opera tradi- 
zionale dei tempi e degli uomini, nel senso di rendere le società 
albanesi — quanto ai costumi, — indissolubilmente legate al 
terreno come a principale determinante dei costumi medesimi. 

Tenacia di vincoli particolaristi, omogeneità ed analogie di 
forme, ambienti affini, volontà decisa di uniformarsi a queste 
forme medesime, a qualunque costo (come ad una divisa co- 
stantemente professata nella vita e nelle opere di ognuno) for- 
mano adunque le caratteristiche essenziali della vita albanese. 
E' questo il senso del così detto ddet, o costume, delle genti 
schipetare; che devesi seguire e che mutare equivarrebbe ad un 
onta (1). Vadet risponde al senso intimo del mos latino e del- 
Vethos ellenico, con la differenza che il vocabolo latino esprime 
la legge della maggioranza, l'ellenico quella della convenienza 
estetica e morale; laddove Vadet schipetaro è la manifestazione 
di una legge uniforme, comandata dai tempi, dal terreno e 
dagli uomini. 

Le diversità dell'aggregato sociale imposte dalle varianti 
del terreno, hanno adunque dettato norma di costumi: cia- 
scuno di essi ha come una legge tradizionale propria. 

Le tribù pastorali dei Clementi, dalle montagne del Zem 
scendono ogni anno, a settembre, con il gregge alle pianure di 



(1) Hbcquard. Histoiie et description de la Haute Albahi». Op. cit., pa'g. W8. Il 
vocabolo adet è di origine masulmana. 



Digitized by 



Google 



I COSTUMI ^ 211 

Talia {Tale) presso alle foci del Matj, e ne ripartono verso San 
Giorgio: quelle degli Screli si trasferisjjirfno alla Bojana, da 
Keci a S. Nicolò: quelle dei Kastrati Zilla costiera di Eajza, 
sul lago di Scutari. I pastori Vaiacela (Arvanito-Vlachi) del 
Pindo, di Zagorie e della regione mo|[tana di Arta, scendono In 
parte alla vallata del Calamàs. Essi levano in ottobre le loro 
tende presso alle foci di questo fìun}£ e lungo la costiera fino a 
Butrinto, nonché nella piana di JJelvino, ed affluiscono alla 
zona piatta del golfo Ambracico, nella penisola di Prevesa e 
sotto le rovine di Nicopolis augustea. 

In forza di questo fenomeno di transumanzia, uno tra i più 
caratteristici delle regioni mediterranee, per cui le genti pasto- 
rali che abitano le alte montagne disposte presso a regioni 
pianeggianti o costiere e sottoposte a forti periodi di siccità, 
migrano periodicamente — dalle montagne alle pianure e vi- 
ceversa — , le tribti malissore provvedono alla stabilità ed al- 
l'equilibrio del proprio assetto economico e sociale, comple- 
tando con le risorse del piano la scarsezza della produzione 
alpestre. 

I Mirditi, annidati sopra ai monti per difendere la loro auto- 
nomia e la loro fede cattolica, si raccolsero in repubblica aristo - 
cratica-militare, anche per meglio provvedere alle proprie neces- 
sità economiche. Essi si imposero dei capi guerrieri, temperati 
però nell'esercizio dell' impero da un sinedrio di anziani; delle leggi 
immutabili, consuetudinarie o scritte ; delle abitudini bellicose 
ed un esercizio continuo nella professione delle armi, quale pro- 
dotto della iMJvertà della terra e della fierezza degU animi. Co- 
desti statuti e codeste pratiche, estese alle tribù malissore in 
genere, stimolarono l'individualismo degli spiriti, la tenacia 
degli odi e delle vendette, sia nelle persone che nella colletti- 
vità; eccitarono infine l'ordinamento dei Malissori in tribù ar- 
mate, come tipo di società guerriere per eccellenza. lia legge 
Ducagina (dal Duca Oiovanni), o legge della Montagna, con- 
suetudinaria tra le genti malissore, rappresenta la norma dei 
costumi di questa specie, di società guerriere. 

La vallata dello Scombi — la grande vallata traversale alba- 
nese di transito — è fiancheggiata anche oggigiorno, sull'alto, 
da rovine di torrioni e da spècole, per garantire le carovane 



Digitized by 



Google 



V 



212 '^y ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

che passano dall'Adriatico all'Egeo, come all'epoca romana e 
bizantina. La stessa^allata difetta oggigiorno di braccia da 
lavoro, come ai temp; di Pompeo, il quale soffrì penuria grave 
di vettovaglie campeg^ndo sulle vie dello Scombi, presso 
Asparagion. Osservanza ^rtinace di costumi, immutabilità di 
ordini politici nella loro essenza, hanno così impedito l'evolu- 
zione di questa grande arteria, la quale attende per rinno- 
varsi le guide della ferrovi^. 

Tra le genti dell' Albania meridionale, le società agricole 
hanno decisamente la prevalenza. La condizione nomade e 
precaria delle primitive tribii, la necessità di provvedere in 
modo sicuro e continuo alla loro sussistenza, debbono avere 
indotto, a grado a grado, i cantoni a riunirsi lungo le vallate 
piti copiose d'acqua o nelle conche piti fertili, ed a padroneg- 
giare gli sbocchi di queste verso il mare. Cosi le jare delle 
antiche tradizioni tosche — più restrittive e compatte delle 
more spartane, — si trasformarono in società agricole allo scopo 
di tutelare anzitutto i comuni beni. I più potenti ed audaci 
tra le jare divennero i feudatari, e la più aggressiva tra le 
^art la tribù predominante nella vallata o nella conca. 

Tale carattere di società agricole, patriarcali, e guerriere, non 
fu smentito in sostanza presso le genti albanesi del mezzodì. Ai 
tempi del Pascià di Joanina, bene spesso le truci guerre ebbero 
tregua, per dare tempo di cogliere le messi. Il PouqueviUe 
cita a questo proposito un aneddoto, di due tribù che si com- 
battevano tra di loro le quali sospesero la zuffa per accu- 
dire al lavoro dei campi, e la ripresero subito ad opera com- 
piuta (1). 

I costumi famigliari meritano uno speciale cenno. Essi rive- 
lano, meglio di ogni altra manifestazione etica, il vigore e l'o- 
riginalità delle abitudini schipetare. Fieri e gentili nelle rela- 
zioni domestiche, i costumi famigliari intendono a formare il 
carattere ed a fissare la continuità delle tradizioni, mediante 
la prima educazione impartita, in genere, fino ai nove anni 
nell'intimo della famiglia dalle donne, le quali hanno rappre- 



(1) PouQUBViLLB. Voyage de Qrèce. Op. cit., rol. Ili, pag. 847. 



Digitized by 



Google 



I COSTUMI 213 

sentato, in ogni tempo, l'elemento educativo conservatore per 
eccellenza presso qualunque società. 

Particolari cerimonie regolano i maritaggi, che recano le ve- 
stigia di prische costumanze arie, sopravvissute ai tempi ed agli 
uomini, specie per quanto riflette il simulato ratto della sposa. 
Anche nei funerali le costumanze in uso rivelano delle tradi- 
zioni vetuste : le prèfiche assai spesso piangono il defunto ; canti 
laudativi appositi (vaitim) ne magnificano le gesta; conviti fu- 
nebri raccolgono infine, sotto il tetto visitato dalla morte, pa- 
renti conoscenti in una comune mostra di dolore e di parteci- 
pazione di lutto (1). 

La donna ha nella famiglia e nella società largo e spontaneo 
tributo di onoranze e di affetti. Tra le tribti malissore, le 
donne possono avventurarsi nei viaggi piti lunghi e pericolosi 
senza timore di oltraggi. I ferimenti e le percosse inferte ad 
esse sono puniti dalla Legge della Montagna alla stregua 
degli stessi assassini. Titolo di maggiore orgoglio per le donne 
malissore e di rispetto tra i conterranei, è il numero dei proprii 
figliuoli, la loro riuscita ed il loro valore. 

Molte donne albanesi ebbero cospicua parte nelle guerre 
contro i Musulmani e nella pacificazione di intestine discordie. 
Il nome di taluna di esse è anzi legato a care e pietose tradizioni 
della terra, — come quello di Pha, V Ifigenia albanese della rocca' 
scutarina di Eosapha (2) — ; oppure connesso ad eroici ardi- 
menti, come quello delle duecento madri suliotte che, con i 
figli al seno e le fanciulle a mano, si precipitarono e scompar- 
vero tra i vortici dell' Acheloo, anziché arrendersi nelle mani 
dei nemici (3). 

Le tradizioni letterarie lumeggiano questa gentilezza e 
questa fierezza dei costumi famigliari albanesi (4). L'uomo è 
paragonato assai spesso al cipresso, come nei poeti dell'antica 



(Ij Hbcquàbd. Histoire et descriptian de la Haute Albanie ^ pag. 267, 399. — 
POUQDBVILLE. Op. cit., vol. Ili, pag. 222,399. — Vedasi anche: Letteratura Albanese^ 
di A. Stbaticò, (Manuale Hoepli, Serie scientifloa, voi 212, 213 - Milano 1896;. Capo V 
Canti funebri, pag. 119 segg. 

(2; Hbcqoabd. Histoire et description de la Haute Albanie. Op. cit., pag. 17, 399. — 
J. G. V Hahn. Albanesitche Sludien. — Wien, 1853 Jena, 18&4. 

(3) PooQUBviLLB. Storia del risorgimento della Grecia^ I 101. 

(4) Vedasi Stbaticò: Letteratura albanese (op. cit.) Capo IV, Canti relativi agli af- 
fetti domestici (pag. 100) e Capo VI, Canti eroici (pag. 124). 



Digitized by 



Google 



214 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

letteratura persiana: la donna amata alla vite bianca che si 
appoggia al cipresso per l'intera esistenza sua. Cori epitalamici 
di donne, all'usanza ellenica, allietano le feste nuziali e la sposa 
vi è rassomigliata alla pernice colta dall'aquila, dall'ali brune 
e robuste, mentre pascolava nella piana soleggiata e tranquilla. 
TI diritto ed il dovere di ospitalità costituisce la manifestazione 
piti alta, fiera e gentile delle domestiche costumanze. Lo stra- 
niero che si aggira tra i monti albanesi allo schermo della 
bessa — cioè della protezione o dell'assistenza giuratagli anche 
dal più umile dei conterranei, — non può essere impunemente 
toccato da chicchessia, senza incorrere nell'odio implacabile 
delle vendette famigliari o collettive. Sotto il tetto domestico 
l'ospite è sacro ed inviolabile, con quella medesima fede, con la 
stessa tenacia usata dalle genti dei tempi di Omero e dell'an- 
tica Eliade. All'ospite è assegnato il posto d'onore, presso al 
focolare domestico, e se un nemico lo accompagna, anch' esso, 
durante la permanenza nell'asilo ospitale, è sicuro ed inviolabile 
al pari dell'ospite (1). 

Indomabile è la legge della vendetta, specie tra le tribti ma 
lissore. Essa il è prodotto degli spiriti individualisti assai fieri 
tra le genti albanesi, del sistema di giustizia primitiva perso- 
nale in uso da gran tempo, e dell'orgoglio famigliare di trarre 
vendetta di propria mano delle patite offese; anche a rischio 
della persona, della famiglia, della discendenza e degli averi. 
Così è che la legge del sangue è tanto compenetrata nelle tra- 
dizioni e nelle costumanze schipetare, da diventare una seconda 
natura, e da far elevare il numero degli assassini per vendetta, 
da un minimo di 25 % tra le Grandi Alpi Albanesi, ad un 
massimo di 70 % nel paese dei Mirditi. 

Prima di piangere una vittima, la famiglia pensa a vendi- 
carla : quest'obbligo si tramanda ereditariamente, epperciò si 
danno casi di vendette giurate da secoli, rimaste tuttora ine- 
saudite. 

Talvolta le vendette riescono a comporsi mediante danaro, 
con pratiche assai simili a quelle dell' antico guidrigildo delle 



(1) Dbobano. Souvenin de la Haute Albanie (op. cit.), pag. 155, 399. 



Digitized by 



Google 



" . PJ" ^' 



I COSTUMI 215 

genti longobarde e più primitive ancora (1). Ma sono casi del 
tutto eccezionali ed, in ogni modo, assolutamente sconosciuti 
tra le tribii dei Pulati e dei Mirditi. Contro tali transazioni rea- 
giscono, e la fierezza delle popolazioni e l'immutabilità delle leggi 
consuetudinarie che esse osservano. 

Taluni tentativi di tregua^ ad ogni ricorrenza di sette anni, 
si propongono talvolta di comporre gU odi o di mitigare l'acer- 
bità delle vendette, ed in quest'opera si afferma spesso 1' au- 
torità di uno speciale tribunale musulmano chiamato a deci- 
dere in merito {Djubal), residente a Scutari. La giurisdizione 
di questo tribunale si intende estesa a quasi tutta la provincia 
a settentrione dello Scombi. Ma sono pratiche fallaci, che con- 
fermano sempre piti nella tenacia degli odi, nella bramosia 
delle vendette personali, nell'indomabile volontà di conservare 
intatto l'esercizio di questo diritto privato sanguinario di am- 
ministrare la giustizia schipetara. 

Codesti spiriti particolaristi si riaffermano nella vigoria delle 
leggi e delle consuetudini atte a tutelare l'originalità delle stirpi 
malissore. 

Parentele e beni, come fu detto piti sopra, sono minuziosa- 
mente sottoposti a questo controllo in forza di norme assai 
restrittive ed applicabili caso per caso. Dei consigli di famiglia 
sono chiamati a decidere in merito, acciocché né un lembo delle 
forze oppure un brano dei beni della tribtl si disperdano all' in- 
fuori di essa; né elementi stranieri si infiltrino nella medesima 
tribtl a turbare quella compattezza delle tradizioni legatele dal 
tempo e conservate come un culto d'onore, d'integrità e di forza 
domestica. 

I maritaggi tra tribti che hanno motivo di qualche offesa 
reciproca tuttora inulta, sono vietati. Né leggende d'amore, né 
casi d'infrazione a codesta legge mai si ricordano a memoria di 
uomo, che possano avere infirmata la regola. 

Chiunque deve alienare una parte delle proprie terre deve 
appellarsi al parentado, ed i piti abbienti di esso hanno obbligo 
e precedenza di acquisto. Soltanto in via del tutto eccezionale 



(1) Dott. A. Baldacci. Ifote tMittiehe sul VOayet di Scutari e la legge della Mon- 
tagna Albtment. (Rivista della Società Geografica Italiana, Anno Vili, taso. 7, 1901). 



Digitized by 



Google 



216 GLI ELEMENTI AXTROPOGEOGRAFICI 

possono ereditare, o comprare terre, persone di tribù eonter 
mini o di fratellanza ben provata (1). 

Le superstizioni costituiscono un altro aspetto della tenacia 
e della originalità dei costumi schipetari. GU Albanesi credono 
all'influsso degli spiriti, ai geni maligni ed all'opera delle fate 
malefiche. La religione musulmana ha cresciute, da sua parte, 
codeste leggende e credenze ; di guisa che cattolici e maomet- 
tani prestano egualmente fede al genio del male, che quelli de- 
nominano dreh e quasti cheitan (2). 

Pochi Albanesi sono così invasi da questi errori dello spirito 
più dei pescatori del lago di Scutari e della Bojana, obbli- 
gati come sono ad esercitare il loro mestiere nelle ore notturne; 
poiché, secondo la leggenda, è sopratutto in [questo tempo che 
i geni del male esercitano il loro influsso. Anche le maliarde 
(appartenenti in massima parte alle tribù Zingare) ed i sorti- 
legi, hanno molto credito nei villaggi e nelle alte montagne dei 
Malissori. Ad ogni uccisione di capo di bestiame, destinato a 
conviti nuziali oppure a mense funebri, si sogliono trarre gU 
auspici — all'usanza ellenica o latina, — o dall'omoplata dei 
montoni, o dalla teasiura delle fibre delle carni, o infine dalla 
copia maggiore o minore del sangue che sgorga dalla vittima 
sgozzata. 

Le superstizioni più comuni fanno credere ad una specie di 
trasmigrazione delle anime. Queste, secondo una fede assai dif- 
fusa, per rivelarsi ai viventi prenderebbero la veste di qualche 
animale; assai spesso di un corvo oppure di un uccello di malo 
augurio. Tale metamorfosi delle anime dei trapassati è volgar- 
mente denominata Lugat. 

Un armamentario di oggetti, destinato a combattere gli in- 
flussi dei geni maligni, circonda sovente la casa albanese, le adia- 
cenze e trova posto indosso agli abitanti. Sugli alberi più ro- 
busti ed alti si appendono dei brandelli di stoffa scarlatta, i 
fanciulli recano in coUo degU amuleti, gli adulti portano infine 



(1) L* Hecquard attribuisoe il titolo di fratellanze a tribù legata iasieme da comuni 
vincoli di origini e di fntaressi. (Op. oit. pag. 384). 

{%) LtiBBCK. Die Kranhheit$dàmonei% der BalkantUlker. {ZeUschrifl d. Ver. f- 
VWierkunde, 189S-1899). 



Digitized by 



Google 



^yyfjr^iwri 



I COSTUMI 217 

sulla persona dei piccoli corni di animali, noti per il loro buon 
genio. Anche gli animali domestici, i cavalli ed i buoi da lavoro, 
portano oggetti benauguranti. Spesso, nelle strade più remote 
del settentrione della provincia, si rinvengono delle pietre 
isolate alla diramazione di altre vie, e rappresentano, agli occhi 
superstiziosi della gente del luogo, il riposo preferito e ricercato 
delle anime vagabonde. 

Nell'Albania del mezzogiorno, sono piuttosto le fontane og- 
getto di culto e di credenze soprannaturali. Sopra di esse si 
aprono talvolta delle nicchie, destinate a ricevere le offerte dei 
devoti al genio buono delle Anaraidi — cioè le divinità delle 
acque — , acciocché queste stornino il malocchio che può arre- 
care le febbri ed inaridire le fonti. 

Nel diritto pubblico consuetudinario, le fontane godono di 
speciali considerazioni ed, in tempo di guerra, i belligeranti 
debbono astenersi dal corromperle, oppure dal deviarne il corso. 
Queste pratiche e costumanze (le quali ricordano gli statuti 
delle assemblee Anflzioniache) si attenuano e scompaiono nel- 
l'Albania di settentrione. A tale proposito, devesi ricordare che 
la fortezza di Svetigrado cadde nel 1449 in mano dei Musul- 
mani, perchè questi avevano manomesso le fontane della piazza 
forte ed avevano recato offesa alla purezza del loro culto (1). 

La maggior parte delle descritte consuetudini si riferisce 
all'Albania di settentrione — cioè alle società guerriere e pa- 
storali — , e presentano qualche affinità con i costumi delle 
stirpi slave finitime. Le società agricole — prevalenti nell'Al- 
bania del mezzogiorno, — accentuano invece talune altre ca- 
ratteristiche singolari, derivate dalla natura del terreno, dal- 
l'indole piti sociabile di quelle popolazioni, dalle loro origini e 
tradizioni più o meno particolariste. Codeste varianti, mentre 
crescono pregio ed originalità ai costumi schipetari in genere, 
offrono argomento di conferma e di suffragio alle ipotesi ed 
alle presunzioni più sopra espresse, a proposito dell'etnografia 
e delle distintive caratteristiche delle genti albanesi del set- 
tentrione e del mezzodì. 



(1) BiBiiMi. Istoria di Giorgio Coiirioio, dello Scnnderbeg (op. cit.) pag. 193. 



Digitized by 



Google 



218 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

H governo patriarcale democratico, tanto adatto alle società 
pastorali quanto alle agricole, ha accusato sempre tra i Lapi 
o Liaberi, e nei cantoni autonomi deU'Acroceraunia, una sog- 
gezione comune e diffusa verso gli anziani della tribù {gè- 
ronfi), secondo le più pure costumanze eUeniche e più antiche 
ancora (1). 

Ai geronti è deferito spesso il giudizio in questioni di ven- 
dette, e non mancano caai di coercezione, da parte di famigUe 
e di tribù, per obbligare al rispetto ed all'esecuzione del giu- 
dizio medesimo, genti o persone mal disposte ad accettare co- 
desto arbitrato dei più vecchi. 

Un profumo di culto estetico, rifluito dalla vicina Grecia o 
prodotto di costumi patriarcali assai più remoti, ingentilisce 
talvolta e mitiga, tra gli Albanesi del mezzogiorno, l'asprezza 
degli odi e la tenacia delle lotte. Si citano, al tempo delle guerre 
del Pascià di Joanina, delle frequenti tregue d'armi concluse 
tra i Toschi per dare sepoltura ai caduti, o per levare alla loro 
memoria dei trofei e dei cippi funebri, con epitaffi. Quando la 
penuria dei viveri e l'abbandono completo del lavoro nelle 
campagne obbligavano forzatamente le tribù agricole alla 
pace, i Toschi — troppo fieri per umiliarsi a chiederla, — affi- 
davano talvolta questo delicato uffizio all'onore ed alle cure 
delle loro donne. 

Le feste in uso presso talune tribù dell'Albania meridionale 
si riconnettono ancora oggi a culti esteriori ed a tradizioni 
molto antiche. La solennità delle Erosantia devesi annoverare 
tra quelle venute dalla Grecia: le feste all'aprirsi di ogni sta- 
gione, le cerimonie alla tostura della gregge e le danze pirriche, 
si riferiscono piuttosto ad usi e consuetudini per certo forse più 
remote delle elleniche. 

Quanto alle costumanze famigliari, nelle pratiche nuziali in 
luogo di accentuare la simulazione del ratto della sposa — proprio 
delle società guerriere e pastorali gheghe, — le genti tosche 
usano uniformarsi in questo a tradizioni patriarcali ed agricole 
assai più miti. Il valore delle doti è tradotto molte volte in 
derrate, in terreni arabili oppure in gregge. 

(1) e. Patsch: Dos Sandscìiak Berat in Alhanien (Op. cU.), pag. 84. ZHe Honotv- 
tìoren von Dultati. 



Digitized by 



Google 



I COSTUMI 219 

Di solito, le costumanze funebri non presentano grande di- 
vario. Ck)me i Fenici e gli Ebrei, talune tribti dell'Albania me- 
ridionale indossano, in segno di lutto o di infortunio, delle ampie 
vesti di pelo di capra. 

Il brigantaggio è sconosciuto o pressoché nell'Albania set- 
tentrionale : in quella del centro e del mezzogiorno, il lungo do- 
minio dei bey e dei pascià nazionali, le tradizioni dei Clefti e 
degli Armatoli, hanno lasciato qualche traccia della specie, in 
particolar modo nei distretti rurali piti floridi Queste tracce 
però accennano risolutamente a scomparire, grazie all'abitabi- 
lità piti sicura e concentrata, ed all' agiatezza piti diffusa delle 
società agricole. Il furto — ad esempio, — è punito nelle leggi 
della Montagna con l'obbligo di restituire al derubato il valore 
doppio della refurtiva, oltre una multa che varia dalle 500 alle 
3000 piastre. 

Negli indumenti, le popolazioni schipetare riproducono in 
modo sensibile la varietà degli aggregati sociali onde sono 
contraddistinte. Il gusto dei colori vistosi è assai comune, specie 
per il rosso e per il bianco. Le differenze si possono nondimeno 
raggruppare attorno a quattro tipi essenziali di vestiario. 

La fustanella ellenica {pistàn), i calzoni bianchi {Uree) delle 
genti malissore, la toga o zimarra bianca {dallame) dei Mir- 
diti (1) ed i rossi calzoni larghi {sharvalle), delle regioni di Dia- 
cova e di Prizren. Copertura di capo preferita tra i Gheghi è un 
berretto, o calotta di stoffa bianca o rossa: tra i Toschi è usato 
il fez a punta, di taglio talvolta molto simile a quello degli 
antichi guerrieri del tempo dello Scanderberg. Calzature più 
comuni sono le {opanlce) degli Slavi balcanici, con alte uose di 
panno tra gli Albanesi del settentrione e gli zoccoU di legno, 
all'usanza dei Palicari, tra gli Albanesi del mezzodì. 

Nelle montagne della Toscheria è usato un largo mantello 
o clamide di lana nera, assai analogo per taglia a quello delle 
genti di Diacova e di Prizren ; astrazione fatta dal colore della 



(1) Si vuole che il nome di Dalmati derivi dalPaver avuto queste genti per loro sede 
primitiva una piccola città sul Drin vidno a Komani {ScMaku Komani). Il loro nome sa- 
rebbe però originato dal portare che facevano i Dalmati la toga albanese, o daUùm» 
(la Dalmatica), Laimtari i Shcypeniet [L* Araldo éC Albania) N. 6, 1004, pag. 35, nota. 

14 — Albania, 



Digitized by 



Google 



220 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

stoffa che, da queste ultime parti, è di rosso. Il eorsetto (cai- 
damati) è pure in rosso, con ricami di seta nera. Le donne por- 
tano dei larghi calzoni coperti spesso da una sottana (xoga), 
I colori preferiti — a differenza degli abiti maschili, — sono 
il verde, il violetto ed il nero nell'età avanzata oppure in lutto. 



B) La legge della Montagna Albanese. 

E' difficile raccogliere il codice consuetudinario della Mon- 
tagna albanese nella sua originalità, quale almeno venne pro- 
mulgato dal Ducagin, o duca Giovanni che, sulla fine del Medio 
Evo, governò quei monti e dalla cui famiglia tolse nome la 
tribù dei Ducagini, la quale abita in massima parte il territorio 
di Puka. Quale è riconosciuto dal governo musulmano, cioè dal 
Djuhal, o Commissione residente a Scutari e competente in 
materie di vendette, il codice si compone dei 21 articoli se- 
guenti (1): 

1° Venendo offeso o assassinato un montanaro che si trovi 
sotto la hessa (protezione o parola d'onore) di un altro, o mentre 
è da questi accompagnato, il protettore si obbliga di prendere 
egli la vendetta e nel caso che egli venisse a morire la sua fa- 
miglia e la sua tribti assumono l'obbligo di vendicarsi. 

2° Le questioni di sangue non possono mai essere confuse 
con quelle previste e giudicate dalle leggi in vigore, ed è vietato 
che se ne ingeriscano altre tribti. 

3° Un individuo, il quale nell'intraprendere un viaggio spara 
lungo la strada un colpo per aria e nomina ad alta voce colui che 
lo protegge, è considerato nel prosieguo del viaggio come se fosse 
personalmente protetto ed accompagnato dalla persona invo- 
cata. Anche questo protettore contrae gli obblighi di cui è c^nno 
più sopra. 

4° Se involontariamente un montanaro uccide un altro mon- 
tanaro, i capi ed i giubari (guardiani della tribù) si obbligano 
ad arrestare l'omicida ed a consegnarlo alle autorità. Nel caso 



(1) A. Bàloàcoi. Ifole StalUUche ttd VUayel di Scutari e sulla legge della Montagna 
Albanese. (Rivista Geografica Iialictna, fase. VII, 1901). 



Digitized by 



Google 



I COSTUMI 221 

che questi fugga, la sua casa verrà distrutta e, per le spese, dai 
capi e giubari si preleverà sui beni del fuggiasco una multa di 
3000 piastre. 

5° Chi nasconde un assassino, qualora ciò si venga a provare, 
I)agherà 3000 piastre di multa. 

6° Se, dopo avvenuta una riconciUazione, uno dei due rinco- 
ciliati uccide il suo nemico di prima, i capi si obbligano ad arre- 
stare l'assassino e consegnarlo all'autorità. Se questi fa fuoco 
sopra di loro, dovrà essere ucciso e tutta la sua famiglia verrà 
tosto espulsa dalla montagna e pagherà una multa di 6000 
piastre. 

7° Colui che nasconde o protegge assassini o fuggiaschi 
contemplati nel paragrafo precedente, è considerato come l'as- 
sa^ino stesso. 

8° La difesa della tribù e della patria è obbligatoria per tutti. 
In caso di guerra, e conforme agli ordini del Governo, i capi 
maggiori con i capi secondari, senza distinzione, armeranno tribù 
per tribti e l'esercito marcerà sul campo di battaglia. Nessuno 
può esimersi, senza motivo, da questo dovere ; e se qualcuno 
sfugge non solo pagherà 3000 piastre di multa, ma tutta la sua 
famiglia ed indistintamente tutti i suoi parenti saranno obbli- 
gati a prestare servizio fino al termine della guerra. Chi si op- 
pone a quest'ordine verrà subito espulso dalla Montagna. 

9° Chiunque desidera esporre lagnanze per percosse, feri- 
menti, assassinii, latrocinii ed altri simili reati, dovrà rivolgersi 
alla Commissione dei capi della Montagna, 

10° Chi protegge colui che si rifiuta agli ordini della Com- 
missione, sarà arrestato fino alla consegna dell'individuo che 
si sottrae alle ricerche. f 

11° Per qualsiasi ordine del Governo riguardante gli abitanti 
della Montagna, i capi che rappresentano la tribti nella Commis- 
sione (1) si recheranno in seno della tribù stessa, per conferire 
coi barjalctari (portabandiera, o capi di tribù) e con i giubari, 
che si raduneranno perciò in consiglio. Chi, dovendo far parte di 
questo consiglio, si assenta senza ragione o pone ostacoli per 
impedire l'adunanza, dovrà pagare secondo l'importanza del- 



(1) Cioè nella Commissione del Djubal di ScutarL 



Digitized by 



Google 



222 GLI ELEMENTI ANTBOPOGEOGRAFICI 

l'affare da trattarsi da 500 a 2000 piastre di multa. Se si op- 
pone all'ordine ricevuto, o viene a vie di fatto a mano armata, 
sarà punito a termine del paragrafo sesto. 

12° A quel montanaro che volendo attentare la vita di un 
suo compagno gli sia fallato il colpo, verrà inflitta una multa di 
1500 piastre. 

13° I rapitori di vergini ed i corruttori di donne già passate 
in matrimonio pagheranno una multa di 3000 piastre. 

14° Colui che bastona oppure ferisce una donna la quale ne 
rimane lesa, subirà la stessa sorte di un assassino. 

15° Quando uno entra col suo bestiame nei campi o nelle 
vigne di un altro, i capi stimano i danni e ne fanno immediata- 
mente pagare l'ammontare. 

16° Se un montanaro pretende una somma da un compagno, 
i capi obbligano immediatamente il debitore a pagare, qualora 
però questi riconosca il suo debito. Nel caso che il debito venga 
negato, i capi, secondo l'importanza della ^omma, invitano da 
uno a ventiquattro anziani della tribti del creditore a giurare 
in merito al fatto contestato. Se essi giurano contro il debi- 
tore, questi viene obbligato al pagamento, se essi invece si rifiu- 
tano di giurare non si procede piti. Il giuramento viene prestato 
in chiesa od in moschea (a seconda della religione di colui che 
giura), e durante il giuramento dev'essere presente anche il cre- 
ditore. I deUtti non provati o negati dall'accusato vengono decisi 
nella stessa maniera. 

17° Tanto in questioni civili che penali, le sentenze della 
Commissione sono inappellabili. Nessuna questione viene più 
presa in esame dopo emanata la sentenza, e giammai la stessa 
causa potrà venire trattata nuovamente, per qualsiasi motivo. 
Prima di comunicare la sentenza, le due parti debbono presentare 
un pegno come garanzia al presidente della Commissione. Se 
però, nel momento in cui si notifica il verdetto l'accusato invoca 
la testimonianza di una persona di fiducia, degna di fede e che 
gode la stima dell'intera Commissione, allora il nome del teste 
viene subito riferito al Presidente e si procede, in quel momento 
stesso ad una nuova trattazione della causa. 

18° Se il garante per debito si oppone al pagamento viene 
tosto arrestato. Se questi è uno dei capi, gli si corrispondono dieci 



Digitized by 



Google 



I COSTUMI 223 

piastre al giorno, per il mantenimento. Qualsiasi altro riceve 
cinque piastre che poi vengono risarcite dal debitore. 

19° Colui che sulla via pubblica rapisce un oggetto di qual- 
siasi valore ad un altro, oltre alla restituzione dell'oggetto rapito, 
pagherà una multa di 3000 piastre. Se però il furt^ ^^^^ °*"'*^ 
avvenuto sulla via pubblicaci ladro dovrà soltanto 
l'oggetto rapito e dare il doppio in natura od in vale 

20° Colui che distrugge o ruba in case, bottegh 
dovrà restituire il doppio della cosa rubata e di piti 
gare una multa di 500 piastre. 

21° I capi ed i giuhari che non applicheranno le 
giustizia verranno giudicati e puniti dalla Commissi< 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO IV. 

Xj*econoinia e la pubblica amministrazione 



I. 

L'Economia pubblica. 

Sono passati i tempi in cui lo scambio dei prodotti era l'unico 
fondamento delle relazioni commerciali albanesi, e che Durazzo 
e Valona rappresentavano gli empori stabili di codesto sistema 
primitivo di traffici tra la Veneta Repubblica e l'Albania ai cui 
porti affluivano gli Schipetari per barattare sul posto le loro 
merci in cambio dei prodotti forastieri. 

Sulla fine del decimosettimo secolo, Venezia smaltiva infatti 
sui mercati di Valona e Durazzo oltre duemila pezze di stoffa 
di colore — appositamente fabbricate per la esportazione lo- 
cale — , al prezzo corrente di un quintale di lana fina per ogni 
tre braccia di stoffa. Il valore complessivo di questi scambi 
ascendeva nel 1705 a quindicimila scudi, o pressoché (1). 

Da quel tempo, l'economia pubblica albanese ha progredito 
sensibilmente, non però a tal segno da smarrire le sue caratte- 
ristiche essenziali. E queste caratteristiche attestano la base 
agricola dell'economia schipetara e l'impulso esclusivo dato alle 



(1) PooQOBviLLB. Voyage de la Grèce^ Voi. II, pag. 399, 413. 



Digitized by 



Google 



226 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

industrie spontanee familiari, allo scopo di soddisfare anzitutto 
ai bisogni dell'esistenza della nazione. 

La struttura delle terre della madrepatria ha favorito code- 
ste tendenze. Appoggiate come sono ai due grandi rilievi mon- 
tani di settentrione e di mezzodì, irrigate da fiumi malagevoli 
al transito, percorse da vallate anguste ed in maggior parte tra- 
sversali, codeste terre — contornate al margine costiero da 
una cimosa alluvionale assai fertile — , possono soltanto da 
questa ultima parte attivare, con qualche continuità e profitto, 
traffici e scambi rispetto alle vie del mare. 

Epperciò, da settentrione e da mezzogiorno, verso Durazzo e 
verso Valona, oggi come un tempo, affluiscono dall'interno al 
littorale Adriatico i prodotti terrieri dell'Albania. Mèta degli 
odierni traffici deve essere adunque quella di agevolarli su que- 
ste vie tradizionali, con adatti mezzi di penetrazione, in guisa 
da mettere capo al piti presto all'esercizio della grande via me- 
diana di transito schipetara, da Valona e da Durazzo appunto, 
verso Monastir e gli sbocchi sull'Egeo; e ciò allo scopo di com- 
piere una evoluzione veramente fruttuosa nella pubblica eco- 
nomia albanese. 

In questi intenti e nel frattempo, i commerci del presente 
debbono trarre profitto dagli ammaestramenti del passato, in 
quanto accennano all'importanza degli scambi locali. Con questi 
mezzi la Veneta Eepubblica pervenne ad accaparrarsi i traffici 
schipetari. Il mercato di Trieste ha ricalcate oggigiorno le orme 
di Venezia, con adatti sistemi di conti correnti, a base di per- 
muta semplice, di scambi di coloniali, di manifatture e di filati; 
contro pelli, lane e querce vallonee. I traffici italiani — ripi- 
gliando con lealtà e fiducia codesti sistemi ed attivando a Du- 
razzo ed a Valona due distinti mercati di scambio — , potranno 
riacquistare forse una parte di quella egemonia economica sulle 
terre albanesi che hanno smarrita da gran tempo. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 227 



A) L'economia rurale. 

1). L'agricoltura (1). Abbenchè i terreni coltivabili d'Alba- 
nia siano assai fertili, l'opera dell'uomo non li sfrutta in modo 
adeguato, per difetto di mezzi, di braccia da lavoro e di sicu- 
rezza, oltre che per la credenza assai diffusa che l'eccesso del 
consumo locale non possa profittevolmente smaltirsi all'infuori 
della ristretta cerchia delle proprie terre (2). 

Abbondano pertanto in Albania i campi incolti ed i terreni 
infruttiferi, lasciati deliberatamente in prolungato riposo. Gli 
altri terreni si lavorano appena a fior di terra, a grano oppure 
a mais, con utensili primitivi. 

Queste due piantagioni, che formano la base della economia 
rurale schipetara, sono inegualmente ripartite nella provincia, 
a seconda dei caratteri fisici del suolo, del clima e delle condi- 
zioni della proprietà. (3) Il mais, che esige forti calori, piogge 
estive abbondanti e freschi autunni, richiede poco lavoro : esso è 
di rendimento costante o pressoché, e si addice meglio alle pro- 
prietà frazionate ed ai villaggi liberi II mais costituisce oltre a 
ciò il nutrimento esclusivo dei quadrupedi da soma e da tiro 
nelle campagne. 

Il grano esige al contrario cure assai maggiori, terre secche, 
calde, e piogge intermittenti. Esso è piti rimunerativo del mais, 
ma è più aleatorio nei suoi prodotti: epperciò si conviene me- 
glio alle proprietà piti estese {ciflilc), appannaggio ordinario dei 
bey, oppure alle zone rurali più favorite dal credito. 



(1) In considerazione del carattere prevalentemente rurale deireconomia albanese 
odierna, si sono raggruppati sotto questa rubrica anche talune industrie estrattive: 
tali la caccia, la pesca, la silvicoltura e le piccole industrie manifatturiere di origine 
familiare. 

(2) A queste circostanae di fatto devesi aggiungere la naturale ritrosia — insita nello 
spirito belligpero delle genti albanesi — ad occaparsi particolarmente delle cose agri- 
cole; ritrosia che si sintetissa nel noto proverbio: L'Albanese è nato per pugnare, 
non per collivare la lerrn; al quale fa riscontro Taltro motto, ma di origine turca : 
All'Armeno la penna, aW Albanese la spada, 

(3) In Albania esistono due qualità diverse di mais, cioè Vasprok ed il kokkinoH. Il 
mais è macinato con mole a braccia oppure mosse da quadrupedi, nell* interno delle 
fanÙL'lie albanesi. 



Digitized by 



Google 



■iic-^ 



228 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Il mezzogiorno della provincia, dai terreni piti pingui, dalla 
sicurezza più diffusa, meglio provvisto di risparmi e piti copioso 
di centri urbani è più specialmente buon produttore di fru- 
mento. Così nel territorio di Joanina, 20,000 ettari sono colti- 
vati a frumento, altrettanti a mais ; oltre a 7,000 a segala, a 
6,000 ad orzo (1) ed a 7,000 ad avena. 

Il rendimento medio di questi cereali, nel vilayet di Joanina, 
varia a seconda delle annate da 9 a 35 ettolitri per ettaro: 
questa produzione, anche per difficoltà inerenti ai trasporti, 
serve però anzitutto al consumo locale (2). 

Del territorio di Valona, due buoni terzi sono coltivabili a 
granaglie, ma un terzo appena è posto a frutto in piccole pro- 
prietà. Siffattamente, a Valona si importa spesso grano dal- 
l' estero nelle annate magre, anziché esportarne come si do- 
vrebbe. 

Le considerazioni d'ordine economico e sociale fatte dianzi, 
valgono anche per il sangiaccato di Durazzo, il cui principale 
prodotto agricolo è il mais che si coltiva in tre distinti periodi, 
e cioè nei mesi di maggio, di giugno e di lugHo. Nei passati 
anni la produzione locale della specie toccò i 400,000 quintali, 
due terzi dei quali servirono all'esportazione (3). In confronto, 
la produzione del grano è scarsissima e non supera i 6,000 
quintali. 

Nel territorio di Scutari e nella fertilissima Zadrima riprende 
infine il predominio la produzione del frumento, dell'orzo, della 
segala e dell'avena. Codeste granaglie annualmente si esportano 
nella misura varia da 5 a 10 mila quintali. 

Il prodotto agricolo più interessante subito dopo le granaglie 
è l'olio, anche dal punto di vista dell'esportazione. Esso sa- 
rebbe in maggior fiore e più pregiato, se i coltivatori dispones- 
sero di un macchinario agricolo più adatto per la lavorazione 



(1) L*orzo costituisce il nutrimento esclusivo dei cavalli deU'eserdtp, unitamente 
alla paglia trita ed alia crusca. 

(2) Camera di Commercio di Vicenza. — Notizie sulle condizioni economiche e sul 
movimento commerciale dei Vilayet di Scutari e di Gianina. Relazione del prof. V. Mb- 
MEOHELLi. Vicenza, 190S. 

(3) Macchioeo. Il Sangiaccato di Durasse. {BoUettino del Mini*t«ro deyli Affari 
Etterif ottobre 1903j. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 229 

delle ulive, in luogo degli antiquati e scarsi frantoj, «pecie nel 
settentrione della provincia. 

I circondari meglio forniti di ulivi (piantati assai di rado a 
filari, ma più generalmente a macchie), sono quelli di Valona (1), 
di Durazzo e di.Scutari. Si calcola infatti che negli anni di buona 
raccolta si producano, nel primo di codesti contadi, intomo a 
30,000 quintali di olio ; cinque sesti dei quali sono completa- 
mente disponibili per Tesportazione. Il circondario di Durazzo 
produce anche 30,000 quintali di olio all'anno, due terzi dei quali 
si esx)ortano — esclusivamente per uso industriale — , lungo 
la direttrice di grande traffico mediana albanese alla volta di 
Monastir; oppure per le vie di mare alla volta di Trieste (2). 
Infine nel territorio di Scutari devesi notare che il solo kazà di 
Croja possiede 70,000 piante di ulivo (3). 

Anche i territori di Prevesa, di Arta, di Parga, di Philiatàes 
e di Delvino producono grande quantità di olio. 

La raccolta del vino è insufficiente ai bisogni locali. Ne limi- 
tano la produzione ordinaria il fisco — il quale vieta Timpor- 
tazione dei buoni innesti e commisura le decime al numero delle 
piantagioni, anziché al prodotto reale dei vigneti — , le inon- 
dazioni nei bassopiani, le crittogame e le malattie in genere 
della vite ; a combattere le quali i coltivatori schipetari non pos- 
seggono né mezzi né attitudini. 

Da Joanina si esportano a Trieste intorno alle 200,000 lire 
in valore, di cedri all'anno. La canapa ed il fieno si producono in 
quantità non considerevoli, abbenché superiori ai bisogni locali: 
la paglia rimane inutilizzata in massima parte, a motivo del 
costume di tagliare la spica assai in alto; oppure si trita assieme 
alla crusca per il foraggio dei cavalli di truppa. La produzione 
delle leguminacee nel sangiaccatò di Durazzo varia da 1500 a 
3000 quintali all'anno, e sono destinate in gran parte all'espor- 
tazione. I territori di Parga e di Valona producono qualche poco 
di riso : il giunco si esporta da Valona, da Durazzo ed, in genere. 



(1) Nel territorio di Valona la oolUvazione degli alivi è limitata a Crlonerò a mezzodì 
e ad Arta verso aettentrloDe ; vale a dire nei terreni sui quali la Veneta Repubblica, 
in virtù della saa giurisdizione di Hinterlatid, poteva imporla. 

(2) Macchioro. Op. cit., pag 45. 

(3) A. Baloacci. Note tuainirhe sul Vilayet di Scutari e la legge detti Montagna 
Albanese {Rivista Geografica Italiana, Anno Vili, fase. Vili, 1901). 



Digitized by 



Google 



230 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

dalle zone alluvionali dei fiumi dell'Albania del mezzogiorno. 
Le noci e le mandorle provengono da Butrinto, da Parga e da 
Santi Quaranta. Le montagne dei Tomor sono particolarmente 
ben fornite di noci di ottima qualità. 

Le energie agricole albanesi sono impedite nel loro sviluppo 
dall'assoluta mancanza di canali irrigui — eccetto che in qual- 
che breve zona littoranea dell'Albania del centro — , dalla sco- 
noscenza dei metodi artificiali di fertilizzazione, dalla scarsità 
dei mezzi di trasporto, nonché dal difetto di denaro corrente 
e di credito. 

I carri locali per le necessità agricole sono in maggioranza 
lunghi e stretti, del tipo delle aràbas, assai adatti per i sentieri 
montagnosi. Hanno ruote piene, a preferenza nell'interno dei 
monti e provviste di razzi verso la costiera: sono trainati esclu- 
sivamente da buoi oppure da bufali — specie nella Musachia — 
e portano in media intorno ai cinque quintali. Il someggio, pra- 
ticato nelle alte terre, è insufl&ciente per i trasporti agricoli; 
specie per l' olio che si carica in otri di pelle di capra i quah 
comunicano uno sgradevole odore al liquido interno. 

Le linee fluviali non scemano il disagio delle comunicazioni 
ordinarie, scarse e malagevoli. Il trasporto dall'una all'altra 



La barke albanesi, o lundar. 

riva del Drin è praticato, ad eaempio, pure con otri di pelle di 
capra ricoperte con speciali graticci. Nell'Albania di setten- 
trione si usano — lungo il basso corso del Drin e sugU altri 
fiumi costieri — , delle rozze piroghe (barke o lunder) di insuffi- 
ciente portata, scavate in tronchi di alberi oppure accoppiate in 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 231 

modo caratteristico. Soltanto sui fiumi deir Albania mediana e 
del mezzodì si presentano, con qualche frequenza, delle imbar- 
cazioni di maggiore capacità e composte di tavole (1). 

Gli aratri di ferro sono sconosciuti dalla maggioranza della 
popolazione, e constano di uno spartiterra di legno assai simile 
alla koletschica dei Serbi ; oppure di una specie di erpice inca- 
valcato sopra ruote. Gli aratri sono trainati da buoi oppure da 
bufali (2). 




SB^ 



Un tipo di aratro albanese. 

Anche il sistema di locazione delle terre contribuisce da sua 
parte ad inceppare i progressi dell'agricoltura albanese. In 
genere, il proprietario cede le sue terre in affitto ai coloni, a 
patto di percepire i due terzi del raccolto; epperciò ne derivano 
inevitabili dissesti economici da parte dei lavoratori, delle fre- 
quenti intermittenze nella prestazione della mano d'opera e dei 
conseguenti abbandoni di terre coltivate. La fiscalità dei mag- 
giori proprietari (bey) rispetto ai latifondi sottoposti (ciiliìc) 
acuiscono codeste crisi agricole. 

Anche il sistema di esazione delle imposte aggrava infine la 
situazione, specie per quanto riflette le decime {onde-hir) le quali 



(1) Tbabobb. Zur Fortchung iiber alte Schifitypen, Schiffifahrxeuge in Albanien 
und Macedonien. {Corri*pondenibl. der Pentsch. AntropoL Oeteìlsch^ n. 4-5, 1904 j. — 
Vedasi anche Rivitta Geografica Italian^y fascicolo VII, luglio 1904, pag. 360-361. 

(2) Cabl Patsch : Dot Sandtcfialt Berat in Albanien (Schriften del Balkankommis- 
tinn-Antiqaarische Abteilang, IIF, pag. 30). 



Digitized by 



Google 



232 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

non sono riscosse direttamente dal governo, sibbene a mezzo 
degli appaltatori. Del difettoso credito locale sarà cenno a suo 
tempo, parlando della circolazione della moneta. 

Le colture industriali non rappresentano che un valore assai 
scarso nell'economia pubblica albanese. Il tabacco si coltiva 
liberamente a Scutari e di contrabbando qua e là. Però, tranne 
che a Durazzo (d'onde si esporta in piccole quantità) il prodotto 
si consuma esclusivamente sul posto. Nel « Kazà * di Durazzo 
si raccolgono annualmente intorno alle 8,000 oke (di 1442 
grammi ognuna) di tabacco, in quello di Cavaja circa 130,000 
oke: in complesso, 2,000 quintali all' incirca. Le località di 
maggiore produzione del tabacco sono Lusie-Madhe, Lusie- 
Vogeli, Varoshen, Sunci, Goza, Lekai ed Harikei, nel distretto 
di Cavaja (1). 

Il primo taglio del tabacco si effettua generalmente in prin- 
cipio di settembre, il secondo pochi giorni appresso, il terzo 
(Vieshtuk, o autunnale), tra la fine di ottobre ed il principio di 
novembre. 

Altri centri assai notevoli per la produzione di tabacco sono 
Ipek, Diacova, Berat e Tepeleni. 

Il lino ed il cotone sono coltivati appena nella misura neces- 
saria al consumo locale. Il gelso per la bachicoltura alligna nel 
contado di Delvino, nelle floride vallate del Calamàs, della 
Vojuza e nel territorio di Arta. Il sommacco prodotto dal vi- 
layet di Scutari, si esporta ordinariamente a Trieste ed a Fiume. 

2. L'allevamento DEL bestiame. — Questo ramo della vita 
rurale meglio si addice alle condizioni economiche e sociali di 
alcune genti albanesi. Tale occupazione consente infatti di 
sfruttare nel più largo senso le vaste aree lasciate incolte dalla 
agricoltura, ne pone in valore delle altre del tutto refrattarie 
a qualsivoglia specie di coltivazione, lusinga infine le libere 
tendenze ed il genio delle tribti schipetare, orgogliose di bastare 
a sé medesime, tanto nei rispetti economici quanto in quelli 
politici e sociali. La transumanzia assai diffusa, completa code- 



(1) Maochiobo. Op. cit., pag. 45. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 233 

ste inclinazioni dello spirito avventuriero schipetaro, e le sti- 
mola con la rappresentazione di una patria tutta aperta e 
libera al pascolo della propria gregge. 

La mitezza della temperatura costiera, adatta alla trasmi- 
grazione del bestiame e l'umidità di essa ; le terre alluvionali 
pingui ed estese, dal suolo argilloso e ben fornito delle neces- 
sarie dosi di calcare, facilitano d'ordinario l'allevamento. 

Sull' alto, la densità della popolazione che è molto scarsa, 
I>ermette di spaziare con il gregge per larghi tratti di terreno : 
le valli longitudinali, prevalenti nell'Albania del settentrione e 
del mezzodì, indicano infine la pastorizia come provvida e re- 
munerativa. 

Le tribù pastorali abitano sui monti gli stani (tehani), ossia 
capanne della specie dei Icatuni del Montenegro, costrutte 
in gran parte con legname. Questi stani sono generalmente 
piti puliti dei congeneri montenegrini e degli stini romeni, 
per il fatto che il gregge albanese non staziona nelle adiacenze 
del ricovero, o dentro ad esso, ma pascola libero e di continuo 
all'aperto. 

Questa abitudine è però dannosa all'allevamento: unita a 
quella assai diffusa di non provvedete riserve di foraggio per 
r inverno, fa sì che il bestiame albanese riesca di qualità 
scadente e soggetto molto spesso a forti epizoozie (1). Tali epi- 
demie sono inoltre aggravate dai lunghi cammini di transu- 
manzia e dagli squilibri di temperatura tra gli altopiani ed i 
bassopiani malarici rivieraschi. 

II vilayet di Joanina — le cui miti condizioni climatiche non 
rendono necessario l'alpeggio — , è particolarmente ricco di be- 
stiame. Vi abbondano sopratutto le greggi di capre e di pecore. 
I floridi pascoli di Zagorie, di Conitza e dei Pogoniani, primeg- 
giano per qualità e per quantità di "montoni e di capretti. 

Più di un milione di pelli di questi animali si esportano an- 
nualmente soltanto dai porti dell'Albania del mezzogiorno. 
I Valacchi — la cui vita pastorale sembra essere stata in ogni 
tempo una delle caratteristiche essenziali della stirpe ro- 



ti) Nel 1991, ad esempio, nel lolo sangiacoato di Durazzo andò perdala* in causa della 
cattiva stagione e della carestia dei foraggi, oltre una metà degli agnelli. 



Digitized by 



Google 



234 GLI ELEMENTI ÀNTROPOGEOGRAFICI 

mena (1) — e gli Arvanitovlachi, sì distinguono sopra tutto 
per le occupazioni pastorali, in particolar modo sul centro e 
nel mezzogiorno dell'Albania. Buoi, bufali e montoni si espor- 
tano da queste contrade in misura molto considerevole. 

I cavalli del vilayet di Joanina sono piuttosto piccoli, leggeri 
e meglio resistenti al trotto che al traino: buona tempra di 
quadrupedi da guerra nelle tradizioni dell'arte dei cavalleggeri 
stradiotti, fino dai tempi della Repubblica Veneta. 

Grosso bestiame e minuto, in abbondanza, nutrisce pure il 
vilayet di Scutari. I cavalli della Zadrima, del circondario di 
Cavaja, di Tirana, di Elbassan e di Durazzo, pur dividendo in 
genere le caratteristiche dei cavalli del contado di Joanina e 
delle terre epLrote, superano alcun poco questi ultimi di sta- 
tura, sono meno veloci e si adattano meglio al traino piuttosto 
che alla corsa. Oggigiorno — aboliti da qualche tempo i dazi 
proibitivi (settembre del 1902) — , si esportano cavalli alba- 
nesi daU 'Albania settentrionale e centrale nelle Puglie, dove 
sono assai ricercati per i lavori campestri (2). 

In Albania — specie nella Musachja e nella Zadrima — si 
allevano anche bufali, muli ed asini per il traino, per il someggio 
e per la coltivazione dei campi. I suini, che avrebbero facile ali- 
mentazione ovunque a prezzo molto basso, sono esclusi dal- 
l'allevamento là dove predomina la popolazione di fede mu- 
sulmana. 

La pollicoltura è assai diffusa nell'Albania settentrionale in 
genere, nel contado di Scutari, nei contorni del lago omonimo, 
nella Musachja, a Durazzo, nel circondario di Joanina, di Ar- 
gyrocastron e di Valona. L'allevamento delle oche forma una 
delle speciali cure delle genti musulmane agricole, le quali si de- 
dicano ad esso con speciali provvedimenti, allo scopo di otte- 
nere il rapido ingrasso dei predetti animali. 

3. Pesca. — E' molto in fiore nel circondario di Scutari e nella 
attigua regione di bassopiano. Sul lago, capanne di pescatori in- 



(1) Anche oggigiorno, ira le montagne del Pindo e nelle adiacenze, il nome di Valaceo 
è ■Inonimo di pastore. 

(2) Maccbiobo. n Sangiaecato di Duraxso. {BoOeUino del Ministero degli Affari 
Esteri, pag. 50). 



Digitized by 



Google 



l'economia £ LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 235 

tessute di giunchi, ricoperte di paglia e levate sopra esili pala- 
fìtte, formavano per l'addietro delle vere e proprie barriere di 
viQaggi allo sbocco della Boiana, diradate oggigiorno a richie- 
sta del Montenegro perchè ostruivano il naturale deflusso delle 
acque dal lago in direzione del proprio emissario. 

In virtù di queste misure (1), se il provento della pesca è sce- 
mato considerevolmente in quanto concerne il pesce fino, 
(trote, carpi, anguille rosse, storioni e lavareti),si accrebbe in 
contrapposto il mercato delle scoranze (2), molto simili alle 
sardine ed alle acciughe. Le scoranze si pescano lungo le rive del 
lago di Scutari, specie presso alle cavità carsiche rivierasche 
denominate occhi (oka). La frequenza di codeste sardine presso 
tali cavità, dipende dal fatto che l'acqua degli occhi — comu- 
nicando per via sotterranea con il mare — , possiede una tempe- 
ratura generale più elevata che non le acque del lago ; epperciò 
le scoranze affluiscono in grande quantità nei contorni delle 
cavità carsiche, particolarmente durante la stagione invernale. 

Le scoranze affumicate si esportano nel mezzogiorno dell'Ita- 
lia, sul mercato di Marsiglia, in Provenza in genere, ed a Fiume. 
L'attuale esportazione delle acciughe scutarine — la quale 
oscilla tra le 15 e le 18 mila lire all'anno — potrebbe agevol- 
mente salire a cifre molto più alte, qualora la pesca fosse pra- 
ticata con metodi più razionali, il prodotto fosse apparecchiato 
con maggior cura e sott'olio, sull'esempio delle sardine di Nan- 
tes, e la pesca fosse infine più largamente sovvenuta e meno 
gravata da balzelli (3). 

Abbastanza fruttuosa è altresì la pesca nel golfo di Valona 
e nelle prossime lagune rivierasche. I fiumi Zeta e Moracia, tri- 
butari del lago di Scutari, sono anch'essi molto ricchi di pesce 
fino, specie di trote e di storioni. Dallo storione, nei mesi di 



(1) Tali provvedimenti risalgono all'anno 1900. 

(2) In serbo sono denominate ouklieva ed in Albanese ghiuhUa^ ossia linguette. 

(8) A. BALDA.CCI. L* Italia ed il notiro commercio col Montenegro e l'Albania set- 
tentrionale. - W imposta sulla pesca (saidiè i bahriè) nelle sene marine costiere equivale 
al 20 Vo <^«I pesce preso. La pesca sui laghi e sul fiumi è permessa per due mesi sol- 
tanto airanno, contro 11 pagamento di una tassa equivalente al 10 Vo ^^^ pesce preso. 
Negli altri dieci mesi deiranno, il diritto di pesca spetta al Kamministr azione del debito 
pubblico ottomano, che lo può cedere in appalto ai privati, a prezzi da convenirsi. 
(Vedasi anche: Macchiobo II Sangiaccato di Durnzxo. BoUcltino del Ministero degli 
A fari Ester iy 1908). 

15 — Albania. 



Digitized by 



Google 



236 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

giugno e di luglio, si ricava una notevole quantità di caviale ; 
dal cefalo si estraggono le note bottarghe. 

4. La caccia. — E' gravata, anch'essa da alcuni diritti go- 
vernativi (sendiè i berriè), che sono riscossi dall'amministra- 
zione del debito pubblico ottomano. Epperciò la caccia non dà 
redditi apprezzabili, abbenchè l'Albania sia una provincia ricca 
di molta e pregiata selvaggina; come i camosci, i cinghiali, i 
caprioli, le lepri, gli uccelli palustri e di montagna. 

Sarebbero necessari migliori e più copiosi mezzi di comuni- 
cazione per mettere in valore codesti prodotti, i quali, allo stato 
attuale, rimangono infruttiferi o, quanto meno^ riservati al di- 
lettantismo dei cacciatori stranieri più facoltosi. 

Presso gli Albanesi è tuttora in uso la caccia con il falcone e 
lo sparviero, secondo le classiche costumanze medioevali. Bec- 
cacce, beccaccini, pivieri ed anitre selvatiche si cacciano in 
grande copia sulle rive del lago di Scutari e nel contado della 
Zadrima, di preferenza adoperando il laccio piuttosto che il fu- 
cile. 

5. Prodotti forestali. — Il quadro dell'attività rurale al- 
banese non sarebbe completo, se si trascurassero i prodotti 
forestali, destinati forse ad un grande avvenire nell'economia 
pubblica della contrada. 

Ad onta delle sue distese palustri e delle zone carsiche di alta 
montagna, l'Albania conta infatti più di un quarto delle sue 
terre ombreggiate da boscaglie. Talune di esse — specie tra i 
Mirditi, i Ducagini, presso le tribù di Puka e di Halia — non 
hanno mai tocca scure per scopi industriali : né questi tesori 
della silvicoltura albanese potranno mai porsi in valore, senza 
l'apertura di adatte vie di transito o, quanto meno, senza una 
buona e sicura rete di fluitazione. 

Presentemente, il libero svolgersi delle energie forestali è an- 
che impedito dai metodi primitivi di lavorazione del legname e 
dal regime imperfetto delle proprietà boschive. Le boscaglie 
albanesi sono infatti di pertinenza demaniale, ma il loro usu- 
frutto spetta d'ordinario alle comunità locali, che non possono 
permetterne il taglio se non a persone del paese. Di conseguenza, 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 237 

il taglio delle piante si pratica irrazionalmente e senza misura : 
colpisce quasi sempre il legname più rimunerativo come gli 
abeti ed i faggi, senza curarsi di rinnovarlo, e trascura d'altra 
parte il legname meno commerciabile con grave danno dell'eco- 
nomia forestale complessiva. 

L'esportazione della quercia vallonea (1) si pratica dai boschi 
montuosi dei Chimara, dal contado di Berat e di Parga. Il rhus 
cotinus, ossia legno d'oro (2), per lavori da intarsio e per mo- 
bili di lusso, affluisce alla costiera albanese verso Panormo, 
Santi Quaranta e Sagiada. 

L' esportazione del legname in genere è abbastanza attiva 
nel sangiaccato di Durazzo : la vallonea non tocca però in que- 
sto territorio una produzione così ragguardevole come nei cir- 
condari sovramenzionati (3). 



B) L'economia industriale. 

Le grandi industrie sono in genere la caratteristica delle so- 
cietà piti progredite e della demografia in continuo aumento; 
ma queste condizioni di fatto non hanno che un valore assai 
relativo rispetto all'economia industriale albanese. 

Nondimeno, poiché non v'ha società agricola in cui le indu- 
strie non si esplichino limitatamente alle professioni manuali, 
alle necessità domestiche e locali (sotto le cui forme esse pro- 
grediscono a grado a grado fino a raggiungere condizioni piti 
evolute e perfette) ; così l'economia industriale schipetara deve 
considerarsi ed apprezzarsi appunto sotto codesto aspetto, 
come tutta assorbita in uno stadio di transizione meritevole 
di stimolo e di incoraggiamento. 

Il genio degli abitanti, la loro segregazione dalle vie di grande 
incivilimento e di grande traffico, la mancanza di mezzi adatti 



(1) La quercia vallonea tragge il nome dal greco vaiano»^ ohe significa ghianda. Il le- 
gname 8i impiega nel tannaggio ^er la preparazione del cuoio. 

<2) llcosidetto Xpuffó^uXov aegliEUeni.— Vedasi Puilit^boh; Rsissn und Forschungen 
in Nord-Oriechenland (Zeit, der Osseli, f Erd, x. Berlin ^ 1896). 

(3) Neiranno 190S sono stati esportati da Durazzo 379 quintali di querce vallonee, con 
destinazione a Trieste. Sul mercato locale, il prezzo medio di questo legname è di lire 12 
al quintale. — (Magcbioro, Il Sangiaccato di Durazzo, BoUeitino del Ministero degli 
Affari Esteri, 1903, pag. 43). 



Digitized by 



Google 



238 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

per lo scambio dei prodotti, lo scarso risparmio ed il difettoso 
credito pubblico, hanno mantenute intatte o quasi fino ad oggi 
e caratteristiche delle industrie domestiche spontanee nella pro- 
luzione manifatturiera albanese. Così questa appare tuttora 
egata alle acque correnti, ai molini ed ai centri pastorali, con 
irti esercitate assai spesso, o per tradizione famigliare, o per 
^asta, o per determinate regioni. Di questa specie sono le piccole 
ndustrie minerarie ed architettoniche, le arti idrauliche eserci- 
ate da particolari maestranze {souteratzi) nel contado di Dry- 
lopoli, le incisorie, le pittoriche e molte altre ancora. 

Ma. sovratutte le industrie, primeggiano le pastorali, quelle 
Lei filati e del caseificio. Le altre industrie spontanee sono osta- 
olate dai distretti malarici, al loro sbocco sull'Adriatico, per le 
ebbri che svigoriscono le energie piil tenaci, per le angustie in 
ui versano la pubblica circolazione della ricchezza e le arti 
aeccaniche, e per la mancanza infine della mano d'opera e di 
Qiziative industriali veramente conscie dei mezzi e del fine. 

1. Industrie estrattive. — Tra le industrie estrattive al- 
>anesi primeggiano, quelle dell'asfalto, del bitume e del sale. 

L'asfalto ed il bitume provengono dalle miniere di Selenitza — 
illaggio posto a quasi tre ore di cammino da Valona — , abitato 
a operai Valacchi e Greci addetti ai lavori delle miniere, eser- 
itate da una società di capitalisti francese. Il prodotto annuo 
ell'asfalto (ben noto alla piti remota civiltà illirica e ro- 
lana) (1) ascende, oggigiorno, all' incirca a 35,000 quintali di 
ttimo bitume; allo stato scistoso in massima parte, puro, 
wero purifìcabile con poco lavoro. L'estrazione del minerale 
[pratica con utensili a mano, oppure con mine; specie lungo 
5 pendici dei Mali Treblova, monti che degradano a spai- 
iacque tra la Vojuza e la Susiza (2). 

Talune sorgenti di bitume allo stato liquido si rintracciano 
on lungi da Valona, presso alle rive della Vojuza. Tale pro- 



(1) Cfr. Plini, yat, Hi»l. 73. 

(2) A. Baldacci. Itinerari Albaneti (1802). Roma. Società X^eografica Italiana^ pag. 26. 
Vedasi anche Coquand (op cit.). Ami Boué (op. cit , voi I, pag. 279/ e Simonélli, 

r tabbie fossilifere di Selenilxa di Albania. (BoUettino della Società Geografica Italiana, 
)1. 12, 1893). 



Digitized by 



Google 



L'ECONOMIA E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 239 

dotto, ricavato con mezzi adatti e con qualche continuità, può 
ascendere a più di 300 chilogrammi al giorno. 

Il sale si ottiene evaporando l'acqua marina nelle saline di 
Durazzo, di Cavaja e sotto alle foci del fiume Semeni (Mari- 
nas-Seki). Altro sale si ricava da talune sorgenti di acqua salsa 
poste nelle contrade di Joanina, in quelle di Paramithya e di 
PhDiataes. 

Il prodotto di questa industria estrattiva è suf&ciente al con- 
sumo della provincia. Il sale minerale, assai diffuso nelle rima- 
nenti parti dell'Impero Ottomano (proveniente in buona misura 
dai rilievi del Pindo), è pressoché sconosciuto in Albania. 

All'amministrazione del debito pubblico ottomano spetta la 
privativa dell'industria del sale marino, che però si cede in 
esercizio o per appalto ad imprese private. 

La produzione massima di sale, nelle saline di Durazzo è di 
due milioni e mezzo di chilogrammi all'anno; in quelle di Ca- 
vaja di oltre quattro milioni di chilogrammi : ma codeste cifre 
non sono raggiunte che assai di rado. 

Nelle montagne dello Sciar e presso Kalcandele, si rintrac- 
ciano miniere di galena argentifera, del tutto abbandonate. Sul 
monte Ergenik, a mezzodì di Tepeleni, è fama che la civiltà 
greco-romana abbia sfruttato, in altri tempi, dei considerevoli 
prodotti di piombo argentifero. 

Le tradizioni tramandate dall'antichità, intorno a materiale 
argentifero ed a sabbie aurifere convogUate dai fiumi dell'Al- 
bania del mezzogiorno, non hanno quindi più trovato conferma 
ai tempi nostri. Epperciò sembra probabile che queste tra- 
dizioni — più che all'effettiva presenza di minerale prezioso, 
specie di argento — , si riferiscano ad una nomenclatura poe- 
tica locale, assai diffusa e giustificata per la copiosità e per 
la limpidità delle acque che irrigano il mezzogiorno dell'Al- 
bania. 

2. Industrie manifatturiere. — Conservano tutte i carat- 
teri delle domestiche industrie e delle attività economiche fami- 
gliari spontanee, a base ristretta, per le considerazioni esposte 
più sopra; e sono in massima parte di fattura donnesca. Primeg- 
giano i prodotti tessili (opera essenzialmente delle tribù valac- 



Digitized by 



Google 



240 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

che) (1), i ricami in cotone, in seta ed in filato d'oro e d'ar- 
gento; lavori assai pregiati delle donne albanesi di fede musul- 
mana e largamente remunerativi, specie nel contado di Scutari. 

Quanto ai tessuti di cotone o di lana (suhno), il circondario di 
Tirana fornisce annualmente circa 100.000 metri di stoffa; 
quello di Croja circa 70.000; quello di Cavaja produce in misura 
varia dai 30 ai 50 mila metri. Il kazà di Tirana produce inoltre 
stoffe di seta in piccole partite (da 8 a 16 mila metri all'anno) : 
unitamente a quelli di Cavaja e di Durazzo. esporta articoli di 
vestiario (2). 

Le industrie tessili sono assai diffuse nei contorni di Scutari, 
di Elbassan e di Berat. I relativi prodotti sono particolar- 
mente apprezzati nello interno dell'Impero, specie a Costanti- 
nopoli. L' arte tintoria è praticata con buon successo nei con- 
tórni di Joanina, ed ha buone tradizioni fino dai tempi antichi 
e dell'evo di mezzo. 

Tra le industrie manifatturiere (per quanto ha tratto alla 
loro produzione domestica spontanea), si debbono annoverare 
a questo punto anche le industrie alimentari; specie quelle dei 
latticini, della preparazione delle carni conservate e della ma- 
cinazione dei cereali. 

Quanto ai latticini, la fabbricazione casalinga del burro salato 
e del formaggio (manur), sono assai estese nell'Albania del mez- 
zogiorno. I prodotti della specie, abbenchè molto copiosi (circa 
un milione di lire in valore di esportazione all'anno), sono però 
di qualità scadente. 

Un tipo di ricotta molto diffuso nell'Albania Ellenica è la co- 
sidetta mgiihra: anche il siero di latte {dale) costituisce un 
articolo da piccola industria domestica. 

Quanto alla macinazione dei cereali, le mole ad acqua cor- 
rente {mouli) e quelle a trazione animale, con cavalli, buoi ed 
asini (moulini i vogali), sono appena sufficienti ai bisogni locali. 



(1) La macchina da tessere caratteristica delle genti valacche sì denomina rnàboi. 
Lo speciale prodotto tessile è noto sotto il nome di sciaiac ; stoffa di lana greve che 
presenta molte analogie con Vorbaccio dì Sardegna. 

(2) Si debbono comprendere sotto questi capi di vestiario i cinturoni di lana, i caUari 
bianchì, pure di lana, i pantaloni larghi {scialvar)^ le coperte da letto e le calzature, 
(scarpe ordinarie ed opanXe). 



Digitized by 



Google 



l'economia £ LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 



241 



Bene spesso e più che altro nel centro dell'Albania e nella re- 
gione calcarea di settentrione, questi molini scarseggiano in 
modo spiccato. Le mole a mano {mokra) hanno da queste parti 
l'assoluto predominio (1). 




«-^o 

Mola a mano albanese {moìn-a) 

Molini a vapore non si rintracciano che nel contado di Scu- 
tari, di Valona, di Luros e di Prevesa. 

Le mole da molino piti pregiate provengono da talune cave 
di arenaria compatta dei dintorni di Cavaja. 

L'industria delle carni conservate è attualmente limitata alla 
preparazione delle scoranze. Questa industria potrebbe però 
utilmente applicarsi — su vasta scala e con mezzi adatti — in- 
torno alle rive del lago di Scutari, oltre che per i prodotti della 
I>esca, anche per quelli della cacciagione. 

3. Industrie diverse. — La concia dei pellami — praticata 
con mezzi assai sommari sopra pelli di montone e di capra, ver- 
niciate in rosso oppure in giallo — , per la fabbricazione delle cal- 
zature dei Musulmani, per le custodie di armi o per la selleria di 
lusso, si fa oggigiorno in modeste proporzioni a Scutari, Ales- 
sio, Durazzo, Valona, Berat e Joanina. 

I pellami non preparati servono anzitutto per la fabbricazione 
delle isarìice e delle opanJce — o calzature caratteristiche dei 
popoli Jugo-Slavi — limitata essa pure, si può dire, alla piccola 
industria casareccia. 

Pellami per la confezione di stivaletti, destinati ad una espor- 
tazione limitata nel centro dell'Albania, verso Elbassan e verso 
la regione dei laghi, si apparecchiano, oltre che a Tirana, anche 
a Croja ed a Cavaja. 



(1) Carl Patsch: Dos Sandscìiak Berat in Aìbanien (Op. cit. pag. 53-54). 



Digitized by 



Google 



242 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Nell'Albania del mezzogiorno è assai diffusa l'industria delle 
concerie, per la lavorazione dei marrocchini rossi e gialli, per fini- 
menti e per guernizioni varie. 

L'industria delle armi bianche e da fuoco è principalmente 
in fiore a Prizren, ad Elbassan ed a Joanina. Queste due ultime 
città sono state un tempo assai note per le fabbriche di ottime 
bacinelle da armi a pietra focaja, cui il contado di Canina for- 
niva di preferenza selci assai pregiate. Armi di lusso cesellate ; 
pistole, fucili ed hangiar — o coltelli da guerra del tipo serbo — 
si fabbricano in buon numero nel vilayet di Scutari. Quivi è an- 
che discretamente accreditata l'industria della vendita delle 
armi antiche e di lusso. 

Piccole fabbriche di polveri da guerra (sempre in frode all'e- 
rario), esistono qua e là in tutta la provincia, apparecchiate con 
le caratteristiche mole (barotithane). Tali fabbriche sono piut- 
tosto numerose nell'alta vallata del Matj e provvedono di mu- 
nizioni le bellicose genti delle tribti malissore dei Mirditi e dei 
Ducagini. Anche Joanina conta qualche piccola fabbrica di 
polvere da guerra, avanzo ancora superstite, a quanto si dice, 
dei grandi stabilimenti fondati da Ali Pascià. Il salAitro occor- 
rente a queste fabbriche clandestine è fornito in genere nel 
mezzodì della provincia, daiValacchi e dagli Zingari delle alte 
montagne. 

A Joanina esiste anche da poco tempo una piccola fabbrica 
di sapone da bucato (sapoun), cosi pure a Scutari: la produ- 
zione annua media di questa ultima fabbrica oscilla intorno 
ai 1800 quintali ; prodotto ben modesto in confronto alla larga 
importazione del genere che si pratica in Ghegaria dall'Au- 
stria, per la via di S. Giovanni di Medua. 

Una piccola industria — abbastanza florida nel sangiaccato 
di Durazzo — è quella della lavorazione dei mattoni, delle 
tegole (keramide) e dei vasi di terra cotta. Cinque fornaci della 
specie esistono nel kazà di Durazzo, altrettante in quello di 
Cavaja, una a Sjak, una a Croja ed una a Tirana. La produ- 
zione complessiva di queste fornaci (quasi sempre in pieno 
esercizio), si può valutare a circa 300,000 mattoni all'anno e 
ad altrettante tegole, che si esportano nella massima parte (1). 



(1) Macchiobo. n Sangiaccato di Durazzo. (Op. cit., ptg. 56). 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 243 

stuoie di giunco (vourla) e di vimini si fabbricano nell'Al- 
bania del mezzogiorno, più che altro nelle contrade di Joanina 
e lungo le zone rivierasche che più copiosamente producono 
la materia prima necessaria per codesta industria: le la- 
gune di Butrinto e di Valona si distinguono per la qualità e 
per la quantità dei giunchi Le stuoie si adoperano nella pa- 
vimentazione casalinga, per assidersi alla maniera turchesca. 

^ei contorni di Joanina, l' industria dei vimini fornisce pure 
dei cappelli grezzi, a punta, usati dai pescatori del lago e dif- 
fusi un poco anche tra i contadini del littorale immediata- 
mente contiguo. 

Le passamanterie si fabbricano a Scutari ed a Joanina. I prò 
dotti dell'oreficeria dei Valacchi e degli Zingari sono special- 
mente in grande pregio, come pure i loro lavori in filigrana di 
argento. 



C) I COMMERCI. 

Il carattere agricolo prevalente nella produzione albanese e 
le deficienze sopra notate nell'attività industriale, tenderebbero 
a suscitare dal di fuori delle feconde correnti di libero scambio 
verso la provincia, e ciò allo scopo di ottenere l' equilibrio nelle 
manifestazioni economiche complessive. 

Ma conviene subito notare, che i commerci trasformano i beni 
economici nello spazio e nel tempo, e che queste condizioni sono 
ostacolate in Albania dalle difficoltà delle comunicazioni, dal 
disagio del credito e del pubblico risparmio, nonché dalla pa- 
lese diffidenza degli abitanti verso i commerci esercitati su 
vasta scala. 

Si aggiungano a queste sfavorevoli condizioni di fatto, la 
semplicità dei gusti delle genti schipetare e la immutabilità di 
essi rispetto ai principali articoli di consumo; le costumanze 
patriarcali degli abitanti delle città e delle campagne; l'ecce- 
denza dei prodotti agricoU da dedicarsi all'esportazione non 
mai sicuri in quaUtà ed in quantità, per difetto di ordinamento 
nell'economia rurale; la scarsa sicurezza; infine l'esiguità de- 
mografica degli aggregati urbani e campestri. Tutte queste 



Digitized by 



Google 



244 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI ' 

circostanze concorrono, nel loro complesso, a rendere più mala- 
gevole ogni buona iniziativa commerciale, da intraprendersi con 
garanzie di continuità e con sicurezza di compensi. 

Così la piccola indUvStria locale — dalle caratteristiche dome- 
stiche o corporative notate più sopra — è ancora, allo stato 
attuale della pubblica economia albanese, incapace di evo- 
luzionare verso il tipo delle grande industrie moderne, senza 
il sussidio dei capitali forestieri. Questi potrebbero utilmente 
dedicarsi dapprima ai grandi aggregati urbani costieri, costi- 
tuendosi dei veri e propri centri di libero scambio, allo scopo 
di influenzare a grado a grado, a partire da essi, V economia 
rurale interna e trasformarla mercè la erezione di mercati in- 
termedi. 

La scarsezza e la poca consistenza appunto di questi mer- 
cati intermedi, è quella che ora ostacola i primi passi dei com- 
merci schipetari. Oggigiorno funzionano a quest'uopo soltanto 
dei piccoli centri di mercatanti indigeni, all'uscita delle zone 
montane ed allo sbocco delle maggiori vallate. Così accade al 
piede dei monti della Mirdizia — là dove affluiscono a mezza 
strada da Scutari e da Durazzo i prodotti dalla costa verso l' in- 
terno — , e dall'interno verso la costa si avvia l'eccedenza delle 
risorse economiche malissore, per risparmiarsi reciprocamente 
trasporti e noli costosi i quali aumenterebbero oltre misura i 
prezzi degli articoli di scambio. 

Riassumendo : l'esatta conoscenza dei centri di produzione al- 
banesi, la loro ubicazione rispetto alle grandi vie naturaU di 
transito, lo studio coscienzioso e perfetto dei mezzi e del fine, 
debbono adunque costituire argomento di capitale interesse per 
i commerci avvenire e per l'esercizio delle future vie di grande 
traffico schipetare, dal bacino inferiore dell'Adriatico, lungo le 
vie macedoni, al mare Egeo. 

Talune cifre generali possono servire di lieto augurio per co- 
deste speranze. E' bensì vero che, sopra un movimento comples- 
sivo dei commerci albanesi eguale, in valore, a 20 milioni di lire 
circa all'anno — equamente ripartite tra i vilayet di Scutari e 
di Joanina — , i due terzi per lo meno appartengono all'importa- 
zione e un terzo appena all'esportazione ; ma codesta differenza 
non è tutta effettiva, e devesi attribuire in parte ai difetti di re- 



Digitized by 



Google / 



l'economia e la pubblica amministrazione 245 

gistrazione delle dogane turche, ai divari di computo nel valu- 
tare le merci in uscita, ed infine alle forniture militari dei note- 
voli contingenti dell'esercito musulmano che stanziano nella 
provincia, specie nella Ghegaria (1). 

Un maggiore stimolo nella produzione locale agricola, troppo 
abbondonataa sé medesima ed un adeguato sussidio da parte dei 
capitali stranieri, potrebbero facilmente stabilire una specie di 
equilibrio tra Timportazione e l'esportazione albanese. Un buon 
sìntomo della specie è dato dal movimento commerciale di Du- 
razzo che, nel 1902, contò 1,433,408 franchi di merci esportate, 
contro 2,529,425 di merci importate. 

1. Commercio di esportazione. — Nelle consuetudini dei com- 
merci dell'Albania non si sono smarrite, fino ad oggi, le tradizioni 
della Veneta Kepubblica — fondate sui sistemi di conto corrente 
a base di scambio, di baratto e di permuta, da effettuarsi sui 
mercati locali — , moltiplicati questi ultimi a seconda dei rami 
del traffico con adatti intermediari spinti addentro nello interno 
delle terre. I commerci austro-ungarici,^ specie il mercato di 
Trieste (con i suoi intermediari di origine greca o albanese ivi 
residenti), molto si fondano su queste tradizioni e costumanze 
commerciali e si adattano ad esse con fiducia, mantenendo a 
questa guisa il primo posto sui mercati schipetari. Figura in se- 
condo luogo l'Italia, con il 25 % delle esportazioni dal vilayet 
di Scutari e con il 30 % dall'Albania del mezzogiorno. Appare 
adunque evidente che — con sforzi non grandi ed adattandosi 
alle esigenze del credito locale — , i commerci italiani potrebbero 
accaparrarsi nel mezzodì della provincia la metà dei traffici, e 
superare il terzo nell'Albania del settentrione. 

L'esportazione del vilayet di Scutari tocca, in valore, la cifra 
media di due milioni e mezzo di lire all'anno. Gli articoli che se 



(1) Secondo ì più recenti rapporti consolari, il movimento annuo commerciale complessivo 
dell'Albania tocca i venti milioni di lire. Di questi, dieci o undici milioni spettano al vilayet 
di Joanina (compresi due milioni di scambi che si riferiscono allo sbocco di Valona);otto 
o nove appartengono al vilayet di Scutari (inclusi i quattro milioni dello sbocco di 
Durazso). La città di Joanina, con le piazze del suo territorio, importa dall'estero da 
sei ai sette milioni di lire, contro una esportazione quasi costante di tre o quattro mi- 
lioni: Scutari raggiunge una importazione di tre a quattro milioni di lire, contro una 
esportazione di meno di un milione; ciò che si giustifica per il fatto che Scutari ed il 
contado posseggono una guarnigione di una dozzina di migliaia di uomini air incirca. 



Digitized by 



Google 



246 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

ne ricavano sono anzitutto, lane e pelli; in secondo luogo le- 
gnami, carbone, cereali, olio, fnitta, sommacco, pollame, selvag- 
gina, giunchi e tabacco (1). Della somma sopradetta, più di due 
terzi spettano all'esportazione dal sangiaccato di Durazzo. (2) 

L'Albania del mezzogiorno esporta, in complesso, per una me- 
dia di tre milioni e mezzo di lire all'anno: primeggiano anzitutto 
i formaggi, i pellami, l'olio, il bitume, le sanse, le olive, il legname, 
le lane, gli agrumi, le querce vallonee, il burro, il pesce fresco e 
salato, il bestiame, le frutta fresche e secche. 

Il commercio di esportazione — tanto per l'Albania setten- 
trionale che per la meridionale — , si ripartisce nel seguente 
ordine d'importanza : Austria-Ungheria, Italia, Turchia, Egitto, 
Malta, Tunisia e Montenegro. 

2. Commercio di importazione. — L'Albania ritrae in media 
dall'estero i)er circa 12,000,000 di lire di merci in valore all'anno. 
Di questa somma, meno di un milione e mezzo spettano all'Ita- 
lia: e cioè 200,000 lire a Scutari, 900,000 a Joanina, 100,000 a 
Valona, 200,000 a Durazzo. 

Le migliorate condizioni marittime tra la costa àpula e l'alba- 
nese tendono a crescere le esigue cifre di cui sopra; ma lenta- 
mente e metodicamente. Occorre perciò proseguire senza in- 
dugio in questa via, allo scopo di rendere piti rapide, dirette ed 
estensive le attuali comunicazioni marittime verso il setten- 
trione del bacino Adriatico ; cioè verso gli sbocchi delle migliori 
regioni esportatrici d'Italia, quali il Veneto e la Lombardia (3) ; 
e tutto ciò allo scopo di ottenere un più spiccato e proficuo diffe- 
renziamento di scambi, tra i prodotti agricoli albanesi e gli in- 
dustriali del bacino settentrionale dell'Adriatico; scambi che 
oggigiorno si limitano di preferenza soltanto ai prodotti affini 
forniti dall'attività economica àpula. 

La massima parte degli affari nella provincia non si conclude 
a pronta cassa, sibbene a scadenza varia tra i sei e gli otto mesi. 



(1) Macchiobo. (Op. cit.. pag. 57). ~ Mbnbobblli. Relazione aUa Camera di Com- 
mèrcio di Vicenza. Op. dt., paaf. 19, 

(2) Nel 1902 TesporUzione dal saDgiaocato di Darazzo toccò la somma di lire 1,433,408. 
(3; Il problema della navigazione fluviale interna italiana è intimamente connesso al- 

r importanza ed alla urgenza della questione di ohe si tratta. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 247 

Conviene adunque che le iniziative ed i traffici nostrani vSi per- 
suadano, che nessun pericolo è insito in codesta natura di com- 
merci — tradizionali per schiettezza e per semplicità di tratta- 
tive — , e che questo pericolo non supera d' altronde quello di 
tutti gli altri mercati in cui si fa largo assegnamento sul credito. 
Ottenuti codesti intenti, è lecito attendersi che la scarsissima 
importazione italiana d'oggigiorno si accresca, a grado a grado — 
specie nei filati e nei tessuti di cotone, in quelli di lana e di seta, 
come in tutti i prodotti dell'arte manifatturiera in genere mono- 
polio esclusivo fino ad ora dei commerci austriaci ed inglesi —, 
non appena Venezia ed i mercati lombardi si risolvano decisa- 
mente ad entrare in lizza con gli stessi commerci stranieri 
della specie, con mezzi adeguati ed usufruendo di comunica- 
zioni marittime più celeri, dirette ed estensive. 

L'Albania riceve per 700,000 lire gli' anno di caffè, che pro- 
viene in massima parte da Trieste ed in minima da Genova ; 
per 1,500,000 lire di zucchero, importato in maggioranza dalla 
Germania e per circa un milione di lire di petrolio, fornito da 
Batum oppure dai mercati austriaci. Con questo ultimo pro- 
dotto potrebbe entrare in utile concorrenza anche il commer- 
cio veneziano, che è depositario di buona parte di esso nel- 
l'Adriatico. 

A seconda delle annate, l'Albania importa farina di frumento 
per un massimo di 10,000 quintali nel vilayet di Scutari e per 
un massimo di 6,000 quintali in quello di Joanina. La farina 
proviene dall'Ungheria, da MarsigUa, da Samsun, da Salonicco 
(forniture militari) e da Venezia : il riso, specie indiano e cinese, 
arriva in Albania con l'intermediario degli scali di Alessandria 
d'Egitto e per mezzo di noU ottomani o montenegrini ed, in 
scarsa misura, anche dall'ItaUa: paste alimentari ed agrumi pro- 
vengono in qualche partita dall'Italia; il vino dalle Puglie; i 
liquori dalla Francia, dall'InghiHerra, dalla Grecia, dalla Ger- 
mania e dall'Italia (vermhout e màstica, specie di anice prove- 
niente in buona parte da Brindisi). 

Gli spiriti e la birra costituiscono monopolio esclusivo dei 
traffici austro -tedeschi; i filati di cotone, bianchi e di colore — 
molto richiesti nell'interno della provincia, specie a Tirana, El- 



Digitized by 



Google 



248 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

bassan, Berat e Cavaja — , provengono da Trieste ed, in limitata 
misura, anche da fabbriche italiane ma sotto marche straniere. 
I tessuti di cotone arrivano dall'Inghilterra, dalla Svizzera, 
dair Austria-Ungheria e dall'Italia : le seterie ed i velluti dalla 
Italia in primo luogo e, subordinatamente, dalla Francia, dalla 
Svizzera e dal Belgio. 

Candele e saponi si importano da Marsiglia, dall'Austria e 
dall'Italia. La carta da impacchi proviene dall'Italia, quella 
fina e da scrivere dall'Austria e dall'Italia : i cordami e le pelli 
conciate, per buona metà sono fornite dall'industria nostrana. 
I medicinali ed i prodotti chimici si importano dall'Austria, 
dalla Germania e dalla Francia ; il materiale da costruzione 
dall'Austria-Ungheria; il ferro e gli articoU di ferro e di 
acciaio dall'Austria, dalla Francia, dall'Italia, dal Belgio e dalla 
Grecia. 



B) Le linee di traffico. 

1. Le linee terrestri. — Occorre ricordare le premesse 
geografiche generali e la natura del suolo d'Albania, per ren- 
dersi conto della scarsezza e delle difficoltà che presentano le 
grandi linee di transito schipetare. 

Il vilayet di Scutari comunica con l'interno per mezzo di tre 
fasci principali di comunicazioni. Il primo — tra la carreggiabile 
che rasenta la riva orientale del lago e la mulattiera di Gussinjè — 
pone a contatto le tribti pastorali dei Clementi, degli Screli, degli 
Hoti, dei Kastrati, dei PosriU e dei Pulati, con il contiguo terri- 
torio del Principato del Montenegro. E' un fascio assai scarso di 
produttività, a motivo dell'aspra zona montana che attraversa: 
piti che per scambi commerciaU profìcui, esso traccia la via alle 
linee della transumanzia albanese, tra l'alto dei monti e la co- 
stiera alluvionale del golfo del Drin. 

Il secondo fascio, da Scutari, per i rihevi attigui al Drin, mette 
capo alla conca di Diacova, alla Podrima, ad Ipek, a Pristina e 
ad Uscub. Consta, ad oriente del ponte di Vezirik {Ura Vezirik, 
oppure Vesireki Han, sul Drin) di buone carreggiabili; e su di 
esse possono fare assegnamento i trasporti locali. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 249 

Infine Tultimo fascio — sulle tracce della grande linea di fa- 
cilitazione albanese -macedone — , per Croja, Tirana ed Elbas- 
san, mette capo a Monastir, percorrendo la regione dei grandi 
laghi macedoni. 

I primi due fasci di comunicazioni sono destinati a collegare 
l'Albania con il Montenegro e con la Vecchia Serbia; il terzo a 
riannodarla con la Macedonia, con la Bulgaria e con le vie di 
Salonicco. La trascuranza delle strade dei primi due fasci e 
Tincremento dei commerci rivieraschi sotto Durazzo alla volta 
dell'Albania mediana, ha scemato da qualche tempo l'impor- 
tanza di Scutari come centro di attrazione per i mercati alba- 
nesi di settentrione. 

Durazzo è l'emporio di rifornimento e di transito per i mercati 
di Tirana, di Cavaja, di Fieri e di Berat. I prodotti destinati a 
Scutari, al margine dell'acrocoro montano dei Mirditi e dei Du- 
cagini. fanno massimamente capo a Durazzo. Questo porto è 
inoltre preferito dai grossi veUeri turchi o montenegrini, che l'ac- 
costano con maggiore facilità in confronto dell'ancoraggio S. 
Giovanni di Medua. 

Dalla fronte Durazzo -Tirana (collegata di recente da una 
buona carreggiabile di circa 40 chilometri di sviluppo), si dipar- 
tono mediocri comunicazioni, agevoli al transito delle arahas ; 
e delle mulattiere alla volta di Alessio e Scutari, da una parte, 
e di Pechinj-Elbassan, dall'altra. Questa fascio rappresenta 
una delle linee di maggiore facilitazione della provincia. 

Valona difetta di buone comunicazioni verso l'interno, dalla 
parte di Argyrocastron, di Delvino e di Joanina; d'onde soltanto 
talune mulattiere tendono alla costiera adriatica, scendendo la 
Vojuza ed ilLjumi di Beratit. Codeste sfavorevoli condizioni ac- 
cennano a migliorarsi dalla parte di Fieri, di Berat e della vallata 
dello Scombi ; vale a dire sulle tracce di un ramo della antica 
Via Egnatia dei Romani, e sulle orme di un'altra grande linea 
di facilitazione della provincia, la quale fa riscontro alla men- 
zionata più sopra. 

A Valona fanno capo le merci destinate al sangiaccato di 
Berat ed, in massima parte, quelle che si rivolgono al circonda 
rio di Argyrocastron. Quattro sono le comunicazioni che si dipar- 
tono dal centro di Valona : la prima segue la linea Fieri -Berat ; 



Digitized by 



Google 



250 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

la seconda si sviluppa per Signa, pure verso Berat; la terza sale 
a Tepeleni per Cudesi ; l'ultima, infine, più malagevole di tutte, 
da Valona, si rivolge a Delvino per il distretto montuoso dei 
Chimara. 

Da queste premesse emerge adunque la necessità di ricalcare, 
a vantaggio dei futuri traffici albanesi, le linee maestre delle 
comunicazioni romane, da Durazzo e da Valona, risalendo lo 
Scombi, alla volta di Elbassan, di Monastir, della Macedonia e 
dei mari Levantini ; e di adattare codeste linee alle necessità 
dei tempi nostri, in guisa da facilitare alle popolazioni dell'in- 
terno tanto l'affluenza dei loro prodotti verso i due migliori 
sbocchi della costa schipetara, quanto l'importazione dei pro- 
dotti forestieri nella provincia, e piti oltre ancora, mediante 
linee di penetrazione rapide e continue. Occorre, in sostanza, 
collegare con una linea ferroviaria Monastir — per la regione 
dei grandi laghi e la vallata dello Scombi — , con Durazzo, da 
una parte e con Valona dall'altra; in modo da porre a stretto 
contatto non soltanto l'interno delle province albanesi e mace- 
doni, ma eziandio la Bulgaria, la Eomania e la Serbia con i 
porti costieri che prospettano le terre della Puglia (1). 

Fino dal 1890, il Governo Ottomano aveva a questo scopo 
incaricato dei relativi studi la Deutsche Bank che però non 
li condusse a termine. Codesti studi furono proseguiti, nel 1893, 
dalla Società Generale di Credito Mobiliare Italiano, Tale so- 
cietà si dichiarò favorevole al tracciato Durazzo -Cavaja-Pechinj- 
Elbassan e studiò in appresso, a differenza della Deutsche 
Banky un tracciato assai piti conveniente attraverso la regione 
dei grandi laghi; da Elbassan, per Struga, Ocrida, Claveniza e 
Monastir. 

Per questa linea, lunga 265 chilometri all'incirca, occorrereb- 
bero 85 milioni di lire : il prezzo medio di ogni chilometro di 
linea ferrata, lungo l'intiera tratta, sarebbe adunque di 320,000 
lire. Il tracciato di raccordo tra Valona e Pechinj non presentò 
difficoltà di sorta nel raggiungere la vallata dello Scombi, at- 
traverso quelle della Vojuza, del Semeni e dei loro tributari. 



(1) Cbmtubio. Per Valtra riva dell* Adriatico Roma, Enrico Voghera Bdit., 1904. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 261 

L'Albania del mezzogiorno infine ha suddivisi i suoi traffici, 
verso l'Eliade, in direzione della conca di Joanina, di Dodona, 
dei passi del Pindo e della Tessaglia; verso la Macedonia, per 
Sfcudena e Liascovik ; oppure, lungo la Vojuza ed il Drynos, 
V3rso Valona e la costiera adriatica. 

Joanina dista dal mare più di cento chilometri, e riceve merci 
da esso per strade malagevoli di montagna che si dipartono 
dai quattro principali scali della costa: quello di Santi Qua- 
ranta, di Sagiada, di Prevesa e di Salachora. La strada di 
Santi Quaranta segue la depressione di Muzina (Han-Muzina) 
e la piana di Delvino ; quella di Sagiada si sviluppa lungo il 
Calamàs, per Philiatàes; le strade di Prevesa e di Salachora 
discendono la vallata del Vyros, d'onde si distacca una dira- 
mazione (rasente alle falde occidentali dei monti Xerovuni),in 
direzione di Arta. 

Il fascio di strade del Vyros è il piti frequentato dai traffici del 
mezzogiorno dell'Albania, ad onta del giro più lungo che deb- 
bono compiere le merci provenienti dalla costiera per mettere 
capo al golfo Ambracico. Unitamente ai fasci stradali che di- 
scendono la Vojuza ed il Drynos e pressoché simmetrici ad essi, 
questi fasci disegnano una specie di spartiacque dei commerci 
dell'Albania del mezzogiorno : da Joanina alla volta di Valona, da 
una parte e, dalla stessa città, verso il golfo Ambracico dall'altra, 
nonché in direzione della Tessaglia attraverso ai rilievi del Pindo. 

2. Le linee marittime. — Le vie commerciali marittime 
dell'Albania sono intimamente connesse a quelle terrestri. Si 
collegano infatti al fascio stradale che segue le orme del ramo 
settentrionale dell'antica ViaEgnatia, le linee marittime che 
mettono capo ai porti di Durazzo e di S. Giovanni di Medua. 
Ne dii)ende il transito delle imbarcazioni lungo la Bojana, eser- 
citato con speciali barche (lunder)^ da velieri e da battelli a 
vapore, sotto bandiera turca o montenegrina. L'avvenire di co- 
deste linee marittime e fluviali é collegato alla sistemazione del 
corso della Bojana, a monte del villaggio di Oboti, ai lavori idrau- 
lici lungo la Drinassa ed, infine, al miglioramento del porto di 
S. Giovanni di Medua, come pure al futuro assetto della viabi- 
lità verso l'interno. 

10 ~ Albania. 



Digitized by 



y Google 



252 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Si riconnettono alle comunicazioni che seguono le orme del 
ramo meridionale dell'antica « Via Egnatia », le linee marittime 
che fanno capo al porto di Valona ed, indirettamente, anche 
quelle che tendono ai porti costieri del mezzogiorno dell'Al- 
bania. 

Il Lloyd Austro -Ungarico esercita due distinte linee che toc- 
cano regolarmente il porto di Durazzo (la DalmatarAlbanese e 
la Tessaglia A e B) : altrettante ne disimpegna la Società di 
Navigazione « Puglia ». La « Ragusea », la « Puglia » e la « Com- 
pagnia di Navigazione Anglo-Montenegrina sul lago di Seutari » 
esercitano il traffico tra le foci della Bojana ed il villaggio di 
Oboti. 

Lo scalo di Valona ed i porti costieri dell'Albania del mezzo- 
giorno sono pure visitati, periodicamente, dai piroscafi del 
« Lloyd », della « Puglia » e di talune società elleniche e turche 
(specie la Mac-Dowell). 

Quanto all'avvenire dei traffici marittimi italiani con l'Alba- 
nia, è da notarsi la necessità rilevata piti sopra, di porre cioè in 
contatto più rapido e diretto che ora non siano i porti di Durazzo 
e di Valona con Venezia, da una parte, e con gli scah dell'Oriente 
dall'altra. 



C) Credito, Banche, Monete, Pesi e Misure. 

L'economia del credito è affatto rudimentale in Albania. Non 
sussistono infatti istituti del genere per il commercio locale, ne 
a Seutari né a Joanina; là dove sarebbero invece urgentemente 
necessari per agevolare le condizioni del mercato ed il movi- 
mento commerciale con l'estero. 

Le condizioni del credito agricolo, concentrate nelle mani della 
Banca Ottomana (Ziraat Bancasi), non sono così floride da sop- 
perire alle richieste delle imprese rurali più meritevoli di aiuto 
e di impulso. 

I pagamenti a scadenze più ex)muni — specie nell'Albania me- 
ridionale — , si compiono secondo la costumanza ellenica di pre- 
ferenza nel giorno di S. Giorgio (5 maggio), oppure in quello 
di S. Demetrio (23 ottobre). 



Digitized by 



Google I 



l'economia e la pubblica amministrazione 263 

L'unità monetaria albanese è la piastra d'argento che, ai corsi 
correnti, corrisponde a circa 21 centesimi. Ma il congegno mone- 
tario è imperfetto e complesso e non offre (come nelle rimanenti 
parti dell'Impero), la desiderata facilità di ragguaglio con il si- 
stema vigente all'estero e la necessaria stabilità ed uniformità 
di apprezzamento. Occorrono in genere 94 piastre d'argento per 
un pezzo da venti lire in oro : la lira turca è valutata pari a 107 
piastre d'argento ; la sterlina a 117,50. Correntemente, nei con- 
tratti si preferisce riferirsi alla moneta da venti lire d'oro (1). 

Abbenchè il sistema di pesi e di misure ufficialmente adottato 
nell'Impero Ottomano sia il decimale, nuUadimeno la popola- 
zione continua a valersi delle unità in corso ancora prima della 
introduzione del sistema metrico. L'unita di peso è la dramma 
{dirhmen) : 312 dramme formano un chilogramma. talché la 
dramma viene a corrispondere a 3 grammi e 205 millesimi di 
grammo : 400 dramme formano un oha, eguale ad im chilo- 
gramma e 282 grammi : 44 oke formano un kantar, ossia 56 chi- 
logrammi e 408 grammi. 

Queste sono le unità usate per le merci provenienti dall'e- 
stero. Nei traffici usuali della regione è invece più generalmente 
adoperato il venedik kantar (kantar veneziano). In essola dramma 
è di tre grammi e 605 millesimi di grammo ; talché Voka ri- 
sulta allora di un chilogramma e 422 grammi, ed il kantar di 
63 chilogrammi e 448 grammi. 

Per il commercio del grano, a Cavaja, a Tirana e verso Elbae- 
san, é in uso il kiassiè che corrisponde a 27 oke. 

L'unità di misura corrente è il picco (cut in albanese e endazè 
in turco), il quale corrisponde a 65 centimetri. Per le stoffe di 
provenienza straniera si adopera il braccio, che corrisponde a 
67 centimetri Per l'agrimensura é usato il pose, valutato eguale 
ad 1,65 metri quadrati : il dunum pari a 16,66 yasc, corrisponde 
a 27,489 metri quadrati : la penda, che é di 25 pasc, si valuta 
infine pari a 41,25 metri quadrati. 



<1) Si vedano, per quanto riflette il ragguaglio delle monete in corso nell* Albania, gU 
specchi riprodotti negli allegati al presente volume. 



Digitized by 



Google 



254 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 



D) L'Edilizia. 

L'abbondanza della pietra da taglio del suolo dell'Albania ha 
contribuito, in ogni tempo, a dare la preferenza a codesto mate- 
riale nella costruzione degli abitati. Le tendenze del popolo, il 
suo isolamento, le tradizioni bellicose ed autonomistiche degh 
Schipetari, oltre alla materia prima hanno conferito all'arte 
edilizia uno spiccato carattere d'architettura militare. 

La differenza dei culti e la diversità delle condizioni nell'aggre- 
gato sociale hanno impresso oltre a ciò alla edilizia albanese — 
rurale ed urbana, — una gradevole varietà di soggetti, i quali con- 
feriscono al paesaggio novità e vivacità di forme caratteristiche. 

Nelle regioni montuose predomina l'abitazione dal tipo mili- 
tare : nelle boscose ed alle sorgenti dei maggiori corsi d'acqua 
spesseggia invece il tipo di capanna in legname : nelle basse 
zone alluvionali, nei contorni delle lagune e presso alle foci dei 
fiumi più considerevoli, è assai diffuso infine il tipo di capanna 
di graticcio, intonacata di loto e ricoperta di paglia; assai affine 
nell'apparenza ai così detti casoni della bassa pianura friulana. 
Soltanto nelle zone più sicure e floride del bassopiano, specie 
nell'Albania del mezzogiorno, si rintraccia il tipo della casa ru- 
rale capace di bastare a sé medesima ed alla piccola industria 
domestica spontanea. 
• Abitazioni dalle spiccate caratteristiche difensive si rintrac- 
ciano nella vallata della Susiza, nella regione dei Cudesi e nelle 
adiacenze dell'antica Amantia (PUosha), presso Stevaster : sono 
grossi fabbricati in pietra da taglio, dalle parvenze e dalle attitu- 
dini di piccole fortezze; circondate tutto attorno da un muro 
tanto alto da impedire la scalata, composto anch'esso di pietre 
da taglio, adagiate e tenute in sesto da dormienti di legno e da 
un impasto di loto. Si accede a queste piccole fortezze per via 
di una porta ad arco, guarnita di tettoia con lastre calcaree (1). 

La koula è l'abitazione militare per eccellenza. E' disposta 
in genere sovra alture di grande comando sul terreno attiguo 



(I) Schriften der Balkanhommission^Anttquansché Abteìlung. III. Dos San$chak B$rai 
in Albanien von Cabl Patsch. Col. ^. Wien, Alfred H5lder, Bdit , 1904. 



Digitized by 



Google 



•"«P.TVTT*. *. 



l'economia e la pubblica amministrazione 255 

e vanta spesso tradizioni storiche. Le Icoule si compongono di 
massicce torri quadrate, talvolta a due oppure a tre piani, ri- 
coperte di tegole, di lastre odi scaglie calcari. Al pianterreno sono 
disposte in genere le scuderie, le cucine ed il molino casalingo, 
che ricevono luce da poche feritoie disposte all'ingiro delle 
muraglie : ai piani superióri sono collocate le abitazioni, che 
ricevono pure luce da aperture esterne, non molto più ampie delle 
feritoie notate al pianterreno. Talvolta il primo piano delle Icoule 



è assai elevato da terra, e vi si accede per erte scale di accesso. 
La scuderia è disposta allora in fabbricati annessi al torrione. 

Singolare è l'aggregato di codesti edifizi posti talvolta a di- 
stanza l'uno dall'altro, sovra linee di poggi a similitudine dei 
torrioni degli antichi valli, come nei contorni di Clissura, nel 
contado di Berat e sotto Premeti ; tal'altra serrati a groppo 
di contro a località difensive di grande rilievo e coordinati l'un 
l'altro nel fiancheggiamento, come sugli accessi della conca di 
Diacova, sotto Babai-Boks (tribù di Beriscia e Reka) ed al- 
trove tra le montagne delle Grandi Alpi d'Albania. 

Le karaule sono fabbricati assai affini alle Icoule, però assai 
spesso ad un piano, usate per corpi di guardia ; oppure vecchie 
koule trasformate a questo scopo per il servizio della gen- 
darmeria. 



Digitized by 



Google 



256 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 

Le abitazioni dei bassopiani e dei centri popolosi piti ragguar- 
devoli sono assai simili Tun l'altra. Consistono in bassi e mas- 
sicci edifìzì di pietra, coperti da tegole concave oppure da lastre 
di calcare, circondati tutto intorno — alla costumanza musul- 
mana — , da un muro che comprende un cortile interno, spesso 
ombreggiato da numerosi alberi da frutto. Al pianterreno della 
casa sono allogate le dispense, la legnaia e le scuderie; ai 
piani superiori gli appartamenti che ricevono luce da finestre 
anguste. I forni mancano d'ordinario nelle case albanesi, all'in- 
fuori che nella regione dei monti del Pindo : dei grandi bracieri 
(kdkie) servono per la cottura del pane. 

L'agglomeramento delle persone nell'interno degli abitati, la 
costumanza di assegnare nei centri urbani determinate dimore 
alle donne ed ai fanciulli (haremUk),\2b scarsa aereazione dovuta 
alle brevi aperture dal tipo delle feritoie, la frequente coabita- 
zione infine con gli animali domestici, rendono malsane in 
genere codeste case; infestate assai spesso da morbi e da in- 
fezioni contagiose. 

Le costruzioni in legname più usitate sono gli stani — di cui 
più sopra è cenno — , sparsi tra i monti presso le popolazioni 
pastorali, specie al centro e nel mezzogiorno della provincia. Le 
costruzioni in graticcio ed in intonaco servono alle popolazioni 
rivierasche, alle famiglie di pescatori, e, per ricovero, alle tribù 
pastorali che esercitano la transumanzia. Le più caratteristiche 
della specie si rintracciano nella regione piatta della Musachia,. 
tra le genti valacche (1). 

L'aggregato edilizio urbano ripete le sue origini piuttosto 
da motivi di difesa e di sicurezza, che da ragioni di ordine econo- 
mico. I centri commerciali sono contraddistinti dai caratteri- 
stici mercati, o bazar. 

Gli aggregati urbani di tipo militare che spesseggiano nella 
Albania montagnosa di settentrione si raggruppano attorno ai 
principali caposaldi topografici più noti nella storia militare 
veneta o schipetara, dai tempi di Gorgio Castriota fino a quelli 
di Ali pascià di Joanina. Tali: Drisi, l'antico Drivasto, sulle 
vie del Ghiri, (il Clausulum dei Romani); Dagno, sugli sbocchi 



(1) Patsch. Op cit., col. 134. — Alla figura 105 della citata opera è riprodotta una 
bella fotografia di capanna da contadini di Musachja. 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 267 

del Drin (Mali Markut)-^ Sarda, la vecchia cittadella greco- 
romana che sta ancora con le sue rovine a guardia della fertile 
Zadrima; Croja, sentinella vigile sulla traccia delle strade che, da 
Diirazzo, mettono capo alla vallata dello Scombi ed all'Albania 
centrale ; Canina, infine, la spècola del porto di Valona. 

Nel mezzogiorno della provincia, anche le città di Clissura, di 
Berat (l'antica Belgrado dello Scanderbeg), di Argyrocastron e 
di Joanina, corrispondono a località topograficamente ben in- 
dividuate nella storia militare albanese. 

.La distintiva delle città commerciaU, costiere o vallive. sono 
i bazar^ disposti di regola nella zona centrale dell'abitato. Con- 
stano di un'accolta di botteghe coperte da tegole e da scaglie 
calcari o scoperte, accalcate lungo strade pavimentate anguste 
e tortuose, in mézzo alle quali corre un piccolo rivo per il de- 
flusso deUe acque. Gli edifizi dei bazar non hanno architettura 
propria : constano aasai spesso di una loggia quadrata con pavi- 
mento di legno, leggermente in rialzo e ricoperto da stuoie. Nei 
grandi bazar le botteghe sono talvolta suddivise — in ordine 
agli articoli di cui si occupano — , per sezioni di strada, oppure 
per strade distinte (1). 

L'ediUzia albanese (come la orientale in genere), non osserva 
alcun ordine nella città e nei villaggi in quanto concerne la 
disposizione degli edifizi, i quali sono disseminati in disordine 
per grandi spazi di terreno. Le città sono contraddistinte da 
minareti, da moschee numerose, da orti cintati e da giardini 
posti attorno alle case più cospicue. 

Molto frequenti ed ampie sono le moschee e le dirama, ossia 
cappelle musulmane. Esse hanno di solito degli spaziosi locali 
e sono poste, d'ordinario, in prossimità di sorgenti d'acqua e 
di pozzi per usufruirne nelle abluzioni di rito. 

Lungo le principali vie di comunicazione sono caratteristici 
gli han (khan) (2), o posti di ricambio delle corriere: osterie o 
alberghi cui conviene necessariamente mettere capo nei viaggi 
attraverso all'Albania, come nel resto della penisola balcanica 
del mezzogiorno. 

(1) Questa costumania è particolarmente notevole nel basar di Soutari, dove ogni 
commercio o negozio, come nelle città del Medio-Evo, ha il proprio posto assegnato. 

(2) Il Han o khan ripete forse la sua origine dal caupo, o oste, il quale vendeva il 
vino in appositi locali disposti lungo le vie legionarie dei Romani. 



Digitized by 



Google 



258 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOGRAFICI 



II. 

L'amministrazione pubblica. 

1. L'ordinamento amministrativo centrale e munici- 
pale. — L'Albania — nei termini geografici presi in esame — 
ha territort che dipendono, in linea convenzionale, dai vilayet 
di Cossovo, di Sentali, di Monastir e di Joanina. 

Il confine tra il vilayet di Cossovo ed il contiguo di Scutari si 
distacca dal Monte Vila, nel Montenegro, attraversa le mon- 
tagne dei Clementi ad occidente di Gussinjè, percorre più oltre 
una linea capricciosa che, traversalmente alle Grandi Alpi di 
Albania, mette infine capo al Drin Bianco, a monte del ponte 
di Vezirik; punto di convegno comune dei confini dei vilayet 
di Scutari, di Cossovo e di Monastir. Dal ponte di Vezirik il 
confine del vilayet di Scutari si rivolge in direzione di mezzogiorno 
e si differenzia dal contiguo di Cossovo inerpicandosi sui monti 
di Mali Dzudzes, di Mali Seint, tagliando l'alta vallata del Matj 
e spingendosi, infine, sotto Fseher. Di qui, per i rilievi di Mali 
Pskasit (dominando da occidente l'alto bacino di ricevimento 
dell'Ismi), il confine del vilayet di Scutari scende al fiume Arzen. 
Piega in seguito verso lo Scombi,che oltrepassa a Cermabicakai, 
taglia il lago di Terbuf e tocca da ultimo l'Adriatico presso il 
villaggio di Daljan, o Taljan. 

Il vilayet di Monastir si incunea nel centro dell'Albania con un 
saliente caratteristico, che scende a cavaliere del basso Scombi 
e lo accompagna in direzione delle sue foci. Dagli altopiani sopra 
Prilep e Ricevo, questo saliente avanza tra i monti dello Sciar 
per discendere al Drin, al ponte di Vezirik: scende quindi innanzi, 
in opposto al confine del vilayet di Scutari, fino presso alle la- 
gune Terbuf; d'onde, per Segàs, Gramosc ed il medio Devol, 
taglia rOsum a valle di Radobiska. Di qui, per Radez e Star, il 
confine si inerpica sui rilievi del Pindo e raggiunge da ultimo 
l'abitato di Metzovo. 



Digitized by 



Google J 



l'economia e la pubblica amministrazione 259 

Il vilayet di Joanina appare ben limitato ad occidente 
della linea anzidescritta, prolungata dal corso del fiume Arctinos, 
dalla costiera Adriatica e dal breve tratto palustre che si 
estende tra le lagune di Terbuf e TAdriatico (1). 

Ciascuna provincia o vilayet albanese (come le rimanenti parti 
dell'Impero) è retta da un governatore (vali) nominato dal 
Sultano. Ogni vilayet si suddivide in prefetture o circoli maggiori, 
(sangiaccaii-mutessariflilc) alla cui testa è posto un mutessarif, 
e da cui dipendono a loro volta le sottoprefetture o circoli 
minori (kazà-kaimacamlilc). Infine, a capo di ogni villaggio è 
preposto un mudir^ o sindaco. 

Il vali è coadiuvato, nell'esercizio del suo governo, da un 
medjlis o consiglio composto del ricevitore delle finanze, del 
cadì o giudice religioso, del mufti, o interprete delle leggi sacre, 
e di dieci membri. 

Le attribuzioni di codesto consiglio regionale sono assai ri- 
strette, poiché esso è chiamato a pronunziarsi solo quale organo 
consulente, in merito a provvedimenti d'ordine amministrativo, 
giudiziario e di polizia che riguardano il vilayet. 

Analogamente, nelle prefetture o sangiaccati, il mwtesaarij 
è assistito da un consiglio ridotto, cui partecipano il capo della 
amministrazione finanziaria del circondario (moassehegi), il 
segretario generale, il provveditore agli studi, il direttore del 
catasto, il ricevitore delle imposte, il direttore dello stato civile 
ed il notaio governativo. Oltre a questo consiglio, che è di prima 
istanza, ne esiste uno superiore di seconda (idarè medjlis), cui 
partecipano ancora il capo dell'amministrazione della finanza, 
il segretario generale, quattro mrembri spirituaU (il cadì, il muftì, 
l'arcivescovo cattolico ed il metropolita di rito ortodosso), oltre 
a quattro membri civili eletti a suffragio ristretto. 

Anche i membri delle municipalità albanesi sono eletti a 
suffragio ristretto dalla i)opolazione. 



(1) Per la delimitazioDo dei vilayet albanesi si sono tenuto presenti le carte della 
Macedonia e delPAlbania, pubblicate dairistituto Geografico Militare di Sofia. Si veda 
anche lo Schizzo Itinerario stradale della regione Al*>anese^ annesso al presente studio. 
(Scala 1:750,000) 



Digitized by 



Google 



260 GLI ELEMENTI ANTKOPOGEOGRAFICI 

2. Le libertà >lllissore. — Codesto ordinamento ammini- 
strativo, centrale e municipale? ha pieno vigore nelle città e npUe 
tribù gheghe del bassopiano e nelle città e nelle tribù toscbe, 
senza eccezione, coni cantoni ed i distretti che ne dipendono. 

Si discostano però da questa regola le tribù malissore dei Ghe- 
ghi, le quali si governano ed amministrano in piena indipendenza, 
secondo leggi e costumanze tradizionali (adet), costituenti un 
corpo di leggi consuetudinarie (Canouni Lekes), detto della 
Montagna ed attribuito al Duca Giovanni (Lek Duhagin). 

Ogni regione della montagna albanese ha un bulticbasci^ de- 
stinato a rappresentare il circondario nelle relazioni esteriori. 
Il capo effettivo della contrada è il sèrgèrdè; quello della tribù il 
flamurar^ o bairaktar, cioè banderaio, e da questo dipendono 
le forze armate in guerra. Il bairahtar è assistito, nelle attri- 
buzioni del suo governo, da un sinedrio di anziani più o meno 
numeroso, con mandato consultivo a seconda delle famiglie 
del contado montano. A questo sinedrio è aggiunto una specie 
di mallevadore pubblico (dorezan), destinato a patrocinare gh 
interessi individuali e collettivi del distretto presso il governo 
centrale del vilayet, a Scutari. Lo jobars, o giiibaro^ è infine 
l'organo esecutivo del governo autonomo deUa tribù e ad esso 
è deferito il compito di applicare le sentenze emanate, tanto 
dal sinedrio degU anziani, quanto dal bulucbasci. 

Le tribù montanare si radunano in assemblee pubbliche. 
Queste sono solite a convocarsi, in genere, nella primavera ed in 
autunno, allo scopo di stabilire le modalità intorno al riparto 
dei pascoli, per definire le linee della transumanzia o per accor- 
darsi, infine, quando occorra resistere alle imposizioni esteriori. 
A questo uopo, ogni famiglia della montagna deve fornire un 
soldato al corpo di truppe autonomo della tribù. Questi soldati 
sono mantenuti alle armi per sei mesi all' anno, e per altret- 
tanti sono inviati in congedo. 

Nelle assemblee generali, il flamurar degli Hoti ha diritto di 
presidenza e di precedenza sugli altri capi delle tribù montanare. 
Alla bandiera degli Hoti spetta, per antico diritto, l'onore di 
aprire la marcia in guerra. 

Anche le questioni che riflettono le leggi del sangue, le ven- 
dette individuali e collettive, formano talvolta argomento di 



Digitized by 



Google 



l'economia e la pubblica amministrazione 261 

discussione nell'assemblea delle tribù. Quando le rappresaglie 
tra le popolazioni montanare si prolungano oltre l'usato, le as- 
semblee stesse sono chiamate a decidere, se convenga o meno di 
ricorrere, per una tregua, alle autorità di Scutari. 

In linea di diritto e di fatto, i Canouni hanno adunque forza 
di legge tra le tribti malissore. Epperciò queste tnhh godono, 
rispetto alle altre genti schipetare, di un'autonomia propria 
e di un governo assai simile ad una repubblica aristocratica : il 
capo della tribù non può però prendere decisioni di sorta senza 
il consenso del sinedrio degli anziani e, talvolta, anche senza 
l'avviso espresso delle assemblee popolari. 

3. Ordinamento giudiziario e finanziario. — Nel vilayet, 
al capoluogo* di esso e neUe prefetture dipendenti, esistono il 
giudice religioso, o cadi, competente in materia civile e per limi- 
tate somme (fino al lire 18,50) : il tribunale civile composto del 
cadì e di due giudici per pronunciarsi su questioni che hanno 
tratto a somme più vistose ; il tribunale penale ; il tribunale re- 
ligioso chiamato ad applicare la legge sacra («ceri), estesa anche 
a molteplici rami del diritto privato musulmano, come nelle 
successioni e nei maritaggi ; il tribunale commerciale (tjudiaret) 
competente negU affari di commercio; il tribunale politico-am- 
ministrativo per giudicare gli impiegati dello Stato ed infine 
la Corte di Appello. 

Circa l'ordinamento finanziario, le imposte e le tasse sono 
distinte in governative e municipali. Appartengono alla prima 
specie le imposte e le tasse doganali, le fondiarie, quelle sui fab- 
bricati, le decime sui prodotti terrieri, le professionali, quelle 
suUe vendite dei terreni, dei fabbricati, del bestiame, dei pascoli, 
le imposte sui proventi forestah, le giudiziarie e la tassa mili- 
tare per r esenzione dal servizio, da corrispondersi dai sudditi 
non musulmani che, come è noto, sono affrancati da que- 
st'obbligo. 

Seguono, in ordine d'importanza, altre tasse ed altre 
imposte governative; come quelle sul bollo, sugli spiriti, sulla 
pesca, sulla caccia e sulla coltivazione dei ba#hi. Il monopoho 
del sale e del tabacco fanno anche parte delle imposte gover- 
native. 



Digitized by 



Google 



262 GLI ELEMENTI ANTROPOGEOORAFICI 

Alle imposte ed alle tasse municipali appartengono quelle 
sulle rivendite, sull'importazione, sulla macellazione, sul ma- 
gazzinaggio, sulle pese pubbliche e sul passaggio con le barche 
lungo i principali corsi d'acqua. 

4. ORDmAMENTO MiLiTAEE. — Gli Albanesi sono soltanto di 
nome soggetti alla legge militare comune vigente nell'Impero 
Ottomano. Di fatto, essi godono di molteplici privilegi, i quali 
contribuiscono a creare loro una situazione affatto speciale. 

Le popolazioni musulmane (le quali soltanto hanno l'obbligo 
di prestare servizio militare nell'Impero), del bassopiano ghego, 
delle città e presso le tribù tosche, senza eccezione, prestano ser- 
vizio militare nell'esercito Turco. Le popolazioni cristiane ed 
ortodosse pagano invece la tassa di cui sopra è cenno, per esen- 
tarsene. 

Nel sangiaccato di Scutari i)oi, anche gli Albanesi musulmani 
sono dispensati dal servizio regolare, e sono obbligati soltanto a 
prendere le armi in caso di difesa del territorio della provincia. 
Fra i Toschi di fede musulmana sono in massima parte recluta- 
te le truppe che compongono la Guardia di Palazzo del Sultano 
(Askier), Infine, le tribù malissore sono esenti da qualunque 
servizio militare regolare, e provvedono, con mezzi propri, alla 
sicurezza ed alla integrità del territorio delle tribù delle alte 
montagne. 

Anche i Musulmani albanesi all'infuori del sangiaccato di 
Scutari, come gli altri dell'Impero, possono venire dispensati 
dall'obbligo del servizio militare contro il pagamento di una 
tassa, da rinnovarsi al passaggio in ciascuna delle quattro cate- 
gorie in cui si suddivide il servizio stesso; e cioè nizam, redif, 
ilavè e musiafezà. 

In fatto di circoscrizione territoriale militare, l'intera Albania 
fa parte dell'Ordw di Salonicco (III Corpo d'Armata). 

5. Istruzione pubblica. — L'istruzione pubblica albanese 
è assai primitiva e patriarcale, specie sull'alto dei monti della 
Ghegaria, là dove neppure le leggi sono scritte ma tramandate 
solamente per virtù di consuetudine. Le scuole nazionali man- 
cano assolutamente. In questo difetto, l'unico insegnamento 



Digitized by 



Google i 



l'economia e la pubblica amministrazione 263 

diffuso è quello impartito dai ministri dei culti, ma esso è assai 
spesso indirizzato a scopi di propaganda. 

Così a Scutari, all'influenza goduta da gran tempo dai france- 
scani si è surrogata oggidì l'egemonia dei gesuiti e delle mona- 
che stimmatine, sovvenzionate dall'Austria. Questa potenza 
sussidia inoltre sei scuole, nella città di Scutari e nel contado : 
due a Durazzo, una a Tirana, una ad Ipek, una nella Zadrima, 
una tra le tribù degli Hoti ed una nel territorio di Alessio. 

I Greci hanno cosparso di scuole la zona tra Elbassan ed 
Arta, ma più specialmente l'Albania del mezzogiorno. Queste 
scuole sono alle dipendenze del clero e dei vescovi ortodossi, e 
sono largamente sussidiate dalla Associazione Nazionale per 
l'incremento della lingua ellenica. 

Scuole proprie hanno iValacchi,ad Ocrida, a Joanina, a Berat 
ed in molti villaggi delle montagne del Pindo. 

L'Italia mantiene soltanto una scuola tecnico-commerciale, 
due elementari ed un giardino d'infanzia, a Scutari. 

6. Poste e telegrafi. — Il Governo Ottomano ha stabilito 
uffici di posta nelle principali località dell'interno dell'Albania, 
oltre che nelle zone costiere. Un servizio di corrieri è stabilito 
in modo assai regolare sulle vie carreggiabili, mediante talikas, 
o vetture leggere a cavalli. Dove non esistono strade carreggia- 
bili il servizio postale è disimpegnato da appositi corrieri a ca- 
vallo (tatarS'postadjis), 

L'Austria mantiene uffici postali propri a Scutari, a S. Giovanni 
di Medua, a Durazzo, a Prevesa ed a Valona. L'Italia, oltre a 
quello di Joanina, ne possiede uno a Scutari ed uno a Durazzo (1). 

Dalla costiera e dagli uffici postali internazionali, gli uffici 
turchi provvedono a far inoltrare la corrispondenza nell'interno, 
con le vetture leggere o con i corrieri di cui sopra è cenno. 

Infine, degli uffici telegrafici sono istituiti in quasi tutti gli 
uffici postali internazionali e turchi. • 



(1) Oli offici postali italiani di Scutari e Durazzo usano franonbolli con la sovrastampa 
Albania; quello di Joanina con la semplice sovrastampa indicante l'importo in moneta 
turca. Questa distinzione fu argomento di controversie da parte dtfi giornali albanesi. 
{Araldo d'Albania e Driia (Luce) di Sofia, 1904.1905;. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 






Parte Terza. 
YIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



CAPITOLO I. 

La viabilitèi 



1 Classificazione delle strade. — Le vie albanesi (come 
quelle di grande parte deU'Impero Ottomano), si dividono in ro- 
tabili per le comunicazioni di gran traffico e per la rete strategica 
militare, in strade carrarecce per i carri locali (arabàs), ed in 
sentieri percorribili, .a tratti, dai carri locali stessi e dai quadru- 
pedi da soma, tanto in terreno pianeggiante quanto in terreno 
collinoso. 

Le vie, a qualunque categoria esse appartengano, si distin- 
guono inoltre in pavimentate (caldermas) ed in sterrate. Le pavi- 
mentate — le quali ricalcano assai spesso le orme di antiche 
strade romane e bizantine — , non sono rare in Albania : presen- 
tano quasi sempre dei tratti difficili al transito, a motivo del 
pavimento sconnesso e disuguale, scartamento ristretto e pro- 
fili talvolta caratteristici nello affrontare i rilievi secondo la linea 
di massima pendenza. Molto spesso queste vie sono fiancheg- 
giate da boscaghe, le quali non concorrono, con la loro umidità 
caratteristica, al buon mantenimento della strada. 

Tra le principali vie pavimentate sono da notarsi in Albania 
talune della rete di Monastir, non poche strade del contado di 
CUssura, della regione tra Tirana, Elbassan ed Ocrida, alquanti 
tratti fra Prizren ed il ponte di Vezirik sul Drin (VezirUci-Han^), 
ed infine una parte dell'antica rete stradale del distretto di 
Joanina e delle adiacenze. 

17 — Albania. 



Digitized by 



Google 



270 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Per comodità delle vie carovaniere — specie lungo le comu- 
nicazioni pavimentate piti importanti — , sono tracciate delle 
cunette, laterali, disposte in senso parallelo alla strada stessa 
allo scopo di facilitare il transito degli animali da soma (1). 

Le strade rotabili più notevoli dell'Albania sono quelle del 
margine macedone, del vilayet di Joanina, della regione litto- 
ranea tra Scutari, Tirana, Durazzo e Valona. Queste strade non 
debbono però ritenersi rotabili per l'intera tratta con veicoli 
d'ogni specie, all'infuori delie arabàs; sibbene piuttosto delle 
carrarecce, piti o meno agevoli al transito, a seconda delle star 
gioni. 

Le strade carrarecce propriamente dette, suscettibili in modo 
esclusivo al transito delle arahàs, non sono molte, essendo ab- 
bandonate alla cura delle autorità locali. Queste strade difet 
tano assai spesso di ogni garanzia sulla solidità o sulla esistenza 
delle opere d'arte. Predomina invece, per l'intero territorio 
dell'Albania, il tipo delle comunicazioni a sentieri, percorribili 
saltuariamente dalle arabàs, dai cavalli e dai quadrupedi da 
soma, le quali superano i corsi d'acqua a guado oppure me- 
diante traghetti. 

I sentieri percorribili dai quadrupedi da soma presentano lar- 
ghe tracce di transito (monopatè), suUa specie delle trazzere di 
Sicilia, segnate sul terreno secondo orme assai capricciose; per- 
corse talvolta dai corrieri di posta, tal altra dalle greggi nei 
cammini di transumanzia. Codesti larghi sentieri diventano in 
montagna piti ristretti, ardui e difBcili (skela), specie sulle Alpi 
di settentrione dell'Albania. 

Le strade, in genere, seguono un tracciato assai tortuoso, 
hanno fondo disuguale e curve assai spiccate. Sono soggette a 
lavinamenti ed a frane nei terreni argillosi e marnosi, ad allu- 
vioni ed a bruschi cambi di corso, per evitare le alluvioni stesse, 
nei bassopiani palustri. Quivi assai spesso esistono due ben di- 



(l) Un buon cavallo trasporta, d'ordinario, da SO a 120 chilogrammi ; an mulo da 80 a 100; 
un asino da 50 a 75 chilogrammi. Buoi e bufali, aggiogati, per brevi percorsi ed in 
pianura trasportano con i carri locali da 4 a 5 quintali. Le arabàs del droondario di 
Scutari, più specialmente usate per il trasporto delle derrate agricole, superano alcun 
poco codesta misura; specie quelle del llttorale del lago impiegate neirestate e nel- 
(^autunno per il trasporto dei cocòmeri e dei popóni. 



Digitized by 



Google 



VIABILITÀ 271 

stinte reti stradali, l'una da percorrersi nel periodo secco, l'altra 
durante il periodo piovoso. Il medesimo fenomeno tipico si ve- 
rifica in special modo nella regione littoranea del sangiaccato 
di Berat, specie nel contado di Valona. 

Le accidentalità topografiche, i bruschi cambi delle comuni- 
cazioni per le alluvioni e la nessuna garanzia che presentano le 
opere d'arte, rendono adunque necessarie le guide. L'istituto 
del suvari, o guida ufficiale, assai diffuso nel mezzogiorno e nel 
centro dell'Albania, corrisponde appunto a questo scopo (1). 

I ponti scarseggiano. Quelli di legno (che sono i piti frequenti) 
non danno veruna garanzia di solidità; quelli di pietra od in 
muratura, assai spesso ad un'arcata, riproducono il tipo carat- 
teristico dei passaggi stabili costrutti dai Komani. I ponti di- 
fettano di rampe di accesso e di spallette: assai sovente, sui 
ponti di pietra o in muratura, si praticano delle riparazioni 
sommarie con legname. 

I ponti in muratura o in pietra, a più arcate, riproducono il 
tipo dei viadotti. Tali, quello sullo Scombi presso Elbassan 
(Courd-Pascià) e quello sull'Osum sotto Berat. La facilità che 
presentano i fiumi albanesi al guado — all' infuori che nella 
stagione piovosa dell'equinozio — , attenua però la scarsità e là 
poca resistenza dei passaggi permanenti (2). 

In difetto di ponti esistono delle barche per il passaggio, assai 
rozze, mal sicure e di limitata portata. Constano talvolta di 
piroghe, di alberi scavati ed accoppiati da fianco mediante tra- 
verse. I quadrupedi sono obbligati a saltare in queste imbar- 
cazioni e si dispongono trasversalmente ad esse, con il treno 



(1) « Il Suvari è una specie di edgenia delle autorità locali. Essa non si riiiene 

« responsabile di quanto può ac^dere per strada senxa uno o due suvari, ossia 

« guardie di polisia a cavallo. Il suvari è del resto di una utilità Incontestabile. Esso 
« conosce la strada anzitutto e serve quindi da guida; esso è tenuto come rappresen- 
« tante legittimo delPautorità e spande i vantaggi di questo salutare timore sulle per* 
« sono che accompagna ». (Bnbico Dboubbrnatis. UBpiro. Relazions di un viaggio 
da Joanina a Valona. — BoUettino dell2 Società Geografica italiana, volume Vili, ottobre 
1872. pag 3). 

(2) Airepoca delle piogge equinoziali si lamentano, specie nella regione mediana 
albanese, molte disgrazie sui passaj^gi a guado dei corsi d'acqua. 11 caratteristico 
passaggio delle greggi in questo periodo di tempo, compiuto a suon di campana da un 
pastore che apre la via alle pecore attraverso la corrente e le induce cosi a seguirlo 
(usanza più specialmente propria dei Valaccbi), impone specialissime cautele e riguardi. 



Digitized by 



Google 



272 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

anteriore in una e con il posteriore nell'altra imbarcazione. In 
taluni traghetti sul Drin si adoperano, per il passaggio dei pe- 
doni, degli otri di pelle di capra, che sostengono degli speciali 
graticci incatramati, a guisa di zattere. 

I passaggi con le barche ed i guadi mutano assai di frequente 
di ubicazione dopo la stagione piovosa dell'equinozio. Quelli che 
offrono maggiori garanzie di continuità sono contraddistinti da 
talune rampe di accesso, poste in corrispondenza sull'una e 
sull'altra sponda del corso d'acqua. Lungo i bassi corsi del Se- 
meni e della Vojuza, ad esempio, e sulle alte ripe di questi corsi 
d'acqua si riscontrano, ad intervalli, praticate delle trincee di 
accesso ai guadi, larghe non piti di mezzo metro, capaci appena 
di dare passaggio ad un solo quadrupede. 

2. La rete stradale. — Eicordando le caratteristiche gene- 
rali del terreno dell'Albania, gli ostacoli montani che esso pre- 
senta ed il corso delle principali linee di facilitazione, ne consegue 
che la rete stradale, adattandosi al suolo medesimo, assume una 
direzione del tutto caratteristica. Essa riproduce infatti, pla- 
nimetricamente, le linee di un grande W coricato, con le braccia 
rivolte in direzione del margine macedone e delle strade che, da 
Durazzo e Valona, per Monastir, tendono a Solonicco ed agli 
sbocchi del mare Egeo. 

L'asse delle comunicazioni del ramo settentrionale del fascio 
— composto di brevi tratti rotabili, di carrarecce e di sentieri mon- 
tani aspri e pericolosi — , dall'arco littoraneo che si estende tra 
Dulcigno e le foci del Drin, per gole e per forre, tende alla conca 
di Diacova-Prizren (solco della Vistritza-Drin Bianox)), all'al- 
topiano di Cossovo ed alla Vecchia Serbia (solco Sitnitza-Le- 
penaz). Quest'asse è decisamente spostato, da sud-ovest in di- 
rezione di nord-est, dalle barriere di ostacolo dell'acrocoro dei 
Ducagini e dei Mirditi, dai monti dello Sciar e del margine 
cristallino macedone. Epperciò questo fascio è eccentrico nel 
suo asse rispetto alle principali vie di facilitazione del territo- 
rio albanese, tende alla divergenza delle sue energie piuttosto 
che al loro concentramento. Storicamente, questo fascio si adatta 
al tracciato della grande cortina distesa dal Be Duscian tra 
i Serbi del Danubio e quelli dell'Adriatico; epperciò ha tratto 



Digitized by 



Google I 



VIABILITÀ 273 

all'orbita degli interessi di questi popoli, oltre che a quelli delle 
genti albanesi (1). 

All'estremità ovest dell'asse delle comunicazioni del ramo 
settentrionale del fascio, tra le foci del Drin, il Capo Rodoni e 
Durazzo, si distacca un allineamento di strade che, risalendo 
i bacini di ricevimento dell'Ismi e dell'Arzen, volge in direzione 
di Tirana e di Elbassan, sulle tracce del grande Bosforo Alba- 
nese-Macedone, per proseguire oltre, per la regione dei grandi 
laghi, verso Monastir, la Macedonia ed i mari Levantini. 

Sotto Elbassan, questa medesima rete che proviene dall'I- 
smi e dall' Arzen si raccorda ad un'altra, che si stacca dal- 
l'estremo ovest del ramo meridionale del fascio, cioè dal grande 
arco littoraneo tra le foci della Vojuza ed il Capo Linguetta. Que- 
sta rete influenza ed attira a sé il transito che, dal golfo di Va- 
lona, tende all'Albania mediana. 

Epperciò questi due fasci convergenti — composti oggigiorno 
di carrarecce, di brevi tratti rotabili, di mulattiere e di sentieri, 
destinati per certo a migliore avvenire — collegati l'un l'altro, 
rappresentano veramente un'efl&cace concentramento delle ener- 
gie albanesi ed una somma dei loro sforzi. Questi rami con- 
vergenti si dipartono infatti dai maggiori sbocchi sull'Adriatico, 
tra Capo Rodoni e Capo Linguetta, si svolgono nel cuore della 
provincia lungo le linee di facilitazioni più cospicue e tendono 
ai grandi laghi, a Monastir ed agli sbocchi dell'Egeo alla volta 
di Salonicco. 

Storicamente, gli assi di questi fasci, coordinati l'un l'altro, 
tra Capo Rodoni (Muscheli-Scanderbeg), Croja, le origini dello 
Scombi, del Drin e Berat (Belgrado), tracciano la fronte delle 
operazioni militari condotte da Giorgio Castriota, allo scopo di 
far testa alle minacce provenienti dalla Ghegaria; dalla vallata 
dello Scombi e dall'Albania del mezzogiorno. 

Infine, lungo i corridoi calcari del rilievo dell'Albania me- 
ridionale, si disegna un ultimo grande fascio di comunicazioni 



(1) Il progetto della strada ferrata da Scutari, per le dae riye del lago, Podgorltia, 
Andrjevitsa, Ipek, Pristina, Nisch e Kladovo, tende a riprodurre appunto queste linee 
storiche ed etnografiche nei rapporti tra i Serbi del Danubio ed i Serbi dell'Adriatico. 
(Vedasi Cbntubio, Pwr Vallra riva dtlV Adriatico. Roma, Voghera edit., 1904). 



Digitized by 



Google 



274 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

che, dal golfo di Valona, mette capo al golfo Ambracico, distac- 
cando rami minori verso il margine macedone e verso la Tes- 
saglia. E' fascio divergente, non meno che quello del setten- 
trione della provincia, e tende alla conca di Argyrocastron, di 
Joanina, al golfo Ambracico ed alla Grecia. Esso consta di 
rotabili, di carrarecce, di mulattiere e di sentieri che seguono 
le conche interposte tra le soglie calcari! E' contraddistinto da 
frequenti e da bruschi cambi di profilo — specie nei raccordi 
laterali e nei collegamenti tra le varie direttrici dei fasci — , in 
forza della necessità di superare trasversalmente le barriere 
calcari. 

Per questa circostanza, e per la poca accessibilità del retro- 
terra, i porti costieri dell'Albania del mezzogiorno presentano 
delle condizioni geografiche generali assai meno fortunate della 
regione littoraneadel centro, tra Capo Eodoni ed il promontorio 
Linguetta. 

Storicamente, l'andamento del fascio meridionale delle co- 
municazioni schipetare spiega la costituzione di signorie isolate, 
ed astratte talvolta dagli interessi e dalla poUtica delle rima- 
nenti parti della provincia, dalla signoria di Pirro a quella di 
Ali Pascià di Joanina. 

Sulla base di codeste premesse — ed a prescindere dai rac- 
cordi trasversali — , l'intera rete stradale albanese può suddi 
vidersi nei seguenti grandi fasci di penetrazione, dalla costa 
verso l'interno: 

A) Comunicazioni tra Dulcigno, le foci delDrin e la conca 
di Diacova-Prizren. 

B) Comunicazioni tra le foci del Drin, Durazzo,Elbassan, 
Ocrida e Monastir. 

C) Comunicazioni tra Valona, Elbassan, Ocrida e Monastir. 

D) Comunicazioni tra Valona, Berat ed il Golfo Ambracico. 



Digitized by 



Google 



1 



CAPITOLO II. 

Gli itinerari stradali. 

( Vedati lo schizzo ìlineratHo stradale) 



La conoscenza degli itinerari albanesi non può essere com- 
pleta ed esatta, sibbene sommaria, date le difficoltà del tran- 
sito e la scarsezza delle notizie che riguardano talune vie mon- 
tagnose o difficili. 

La presente raccolta non rappresenta adunque che una siste- 
mazione di dati, sulla scorta delle più accreditate ricognizioni, 
con il sussidio delle carte corografiche ed anche, un poco, sulla 
base dell'esperienza e dell'indagine personale. Essa mira a for- 
nire in sostanza un orientamento generico intorno alla viabi- 
lità albanese, piuttosto che una guida analitica redatta con 
elementi sicuri e. posti a certo raffronto. 

Nella toponomastica fu seguita, in massima, la carta austriaca 
alla scala di 1:200.000, per la parte compresa nei fogli esistenti 
della provincia; e cioè Scutari, Plevlje, Novibazar, Pristina, 
Prizren, Skoplje, Elbassan, Monastir, Durazzo e Valona. Per il 
territorio non ancora rilevato alla scala anzidetta, si sono tenuti 
presenti i fogli della carta austriaca alla scala di 1 : 300,000 e 
la carta dell'Epiro e della Tessaglia Occidentale del Philippson, 
pure redatta quest'ultima a scala (1). 



(1) Oeologieehe Karte von Epìrus und West- Thessalien^ nach eigenen Aufhahmen von 
Dr. Alfred Philippson — Mass. 1 : 300,000. Questa carta è annessa airopera : Reiten und 
Forschungen in Nord Orechenland. (Zeitschrift der Gesellscbaft fUr Erdkunde su Ber- 
lin, 1896). 



Digitized by 



Google 



278 VIABILITÀ ED ITINERAKI STRADALI 

Per quanto fu possibile, si è procurato di riprodurre nella 
> oponomastica la lettera ed il senso delle denominazioni locali. 
A schiarimento di alcune di queste denominazioni, si è allegato 
agli itinerari stradali una raccolta di vocaboli geografici. 



A) Comunicazioni tra Dulcigno, le foci del Drin 

E LA CONCA DI DIACOVA-PRIZREN. 

Itinerario I — Da Dulcigno a Scutari. 

Dulcigno (alb. Ukun, serb. Ulcin, turco Olgun). E' città 
posta in posizione amena e di buon dominio sovra la costa di 
frattura che, da Antivari, per Dulcigno, le foci della Bojana ed 
il versante occidentale dei Mali Eencit, si dirige ad Alessio. 
L'abitato di Dulcigno è suddiviso tra il mare, presso il quale 
sorge l'antica cittadella veneziana, la « Città Nuova » e la re- 
gione collinosa, dove si notano case eleganti e villini nascosti 
tra orti e boschetti. La città nuova consta, da sola, di circa 420 
case : 1' intero abitato annovera più di 3000 abitanti. 

Dulcigno possiede due scali: uno immediatamente sotto alla 
città, incomodo e mal riparato dai venti; l'altro assai più sicuro 
e spazioso, a settentrione di essa, denominato Val di Noce. Co- 
piose sorgenti d'acqua si riscontrano al piede dei rilievi di frat- 
tura e presso al mare (1). 

Da Dulcigno a Scutari, la comunicazione consta di una 
buona mulattiera, la quale rade le pendici meridionali dei Mali- 
Menders e dei Mosciura, fino a Zogai. Da questo punto, la mu- 
lattiera scende al piano alluvionale di Curkai e raggiunge 
Snjerè, dove passa dal territorio montenegrino al musulmano. 
Prosegue indi appresso lungo la riva destra della Bojana, per 



(1) Per Dulcigno si consultino: Hbcquabd, op. oit., pag. 41 e segg. ~ S. Oopcivig', 
Obtralbanìen und seine Liga^ pag. 8 e segg. — A. Baldacci, Nel Montenegro stid- 
orientale. ~ Bollettino della SoHetà Geografica italiana, 1002, pag. 15. — Dbobaiio, 
Souvenir t de li Haute Albanie, pag. 7 e segg. (op. cit.) — Jibkcbk, Die HandelMraseen 
une Bergwerke von Serbien und Boenien, etc , pag. 17 e segg. Per la cartografia, 
si consulti il foglio Scutari (37».42») alla scala di 1:200.000 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 279 

terre malsane e soggette a larghe alluvioni : tocca Goriza, dove 
si raccorda alla mulattiera che proviene da Antivari (Bar) e 
Katrkol,ed — alternatamente mighorandosi nel tracciato e nella 
manutenzione fino a diventare carrareccia — raggiunge infine la 
città di Scutari, nelle adiacenze del Bazar, oltrepassando il 
ponte sulla Bojana (Ura Bwn6i). Sviluppo totale della comu- 
nicazione tra Dulcigno e Scutari, km. 36. Tempo necessario a 
percorrerla, ore 9.30'. 

Scutari (alb. Slcodra, serb. Shadar, turco Iskenderije). Capo- 
luogo della Ghegaria albanese e del vilayet omonimo (1). E' città 
vasta, popolosa, fornita di sobborghi, tra i quali primeggiano 
quello di Bakshelik, di Tabaki e la regione del Bazar. E' domi- 
nata dalla vecchia cittadella veneziana, la quale si erge in for- 
tissima posizione sull'aggetto scoglioso di Rosaf à (denominato per 
antonomasia Tepè dai Turchi, ossia altura), estrema propaggine 
del rilievo dei monti Tarabosc sprofondata tra le alluvioni della 
depressione scutarina. 

La città abbraccia, in complesso, 12 mahalé (rioni) musul- 
mani e 2 cattolici: conta circa 4700 case, 40 moschee, 12 chiese, 
1500 botteghe e circa 45,000 abitanti ; e cioè 25,800 musulmani, 
14,000 cattolici e 4,000 ortodossi (2). 

I comuni dipendenti dalla Bojana, denominati di Dagke- 
narit, di Drinkenarit e della Kraina contano, in totale, 67 vil- 
laggi e 2250 case, con 17,500 abitanti. 



Itinerario II. — Da Puley a Scutari, 

Una buona mulattiera, percorribile però con qualche diffi- 
coltà nella stagione invernale, all'epoca delle grandi alluvioni, 
si distacca presso alle foci della Bojana dall'ufficio doganale 
di Puley; segue subito dopo la sinistra del fiume fino all'ampia 



(1) Hbcquard. — Op. cit , pag. ISesegg. — S. Gopckvic', op. di., pag. 85 e segg. 
— Dboband, op. cit., pag. 15 e sagg 

(2) Secondo altri calcoli» la città di Scatari conterebbe nna popolazione di 80,000 
abitanti; dei quali 62,000 albanesi-musulmani, 16,000 cattolici-albanesi e 2000 di diverse 
nazionalità. (Vedasi Laimtari e Shcypenies, 1 marzo 1905, n. 12, pag. 85;. 



Digitized by 



Google 



Tf 



280 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

lunata di Gramsi-Oboti, presentando volta a volta delle tratte 
agevoli al transito delle arabàs. La mulattiera tocca il villaggio 
di Derigiat e, per il sobborgo di Bakshelik, raggiunge Scutari 
nelle adiacenze del Bazar. 

Lo sviluppo totale della comunicazione, tra Puley e Scutari^ 
è di circa km. 30. Tempo necessario a percorrerla, ore 7.30'. 



Itinerario III. — Da Puley, per Busciati a Scutari. 

Una mulattiera — soggetta come le precedenti alle alluvioni 
— si distacca da Puley ed, insinuandosi lungo le secche tra la 
maremma di Mortebs e la ripida testata dei monti Eencit e Ka- 
karicit {Mali-Rencit e Mali-Kalcaricit), tocca il sobborgo di 
Busciati, località assai nota nelle vicende storiche della Ghe- 
garia. Quivi nacquero Achmed-Pascià, Kara Mahmoud Pascià 
e trasse origine la dinastia dei pascià indigeni di Scutari, av- 
vicendatisi nel governo della terra fino al 1831. 

Il sobborgo conta oggigiorno circa duecento case e più di 
3000 abitanti, dediti alla coltivazione della fertile piana di 
Bregu-i-Bunes (riviera della Bojana) ed all'allevamento del be- 
stiame. 

Da Busciati, la mulattiera si dirige a Bakshelik ed a Scutari, 
oltrepassando il ponte sul Drin. 

Sviluppo totale della comunicazione, da Puley, per Busciati 
a Scutari, km. 38. Tempo necessario a percorrerla, ore 9. 



Itinerario IV. — Da San Giovanni di Medua, 
per Alessio, a Scutari. 

S. Giovanni di Meduu (alb. Sen Gjin). E' un piccolo porto 
di lifugio sicuro dai venti, ma infestato dalla malaria ed affatto 
privo di ogni risorsa. L'abitato consta di poche baracche e di 
una piccola caserma turca. Questo porto è toccato, periodica- 
mente, da quattro compagnie di navigazione, e cioè Lloyd 
Austriaco, la Puglia di Bari, la Ragusea e la Ungaro-Croata. 

Dallo scalo di S. Giovanni di Medua si distacca un breve 



Digitized by 



Google 



J 



^Tk 



ITINERARI STRADALI 281 

tratto di strada rotabile, lunga 7 chilometri; la quale rasen- 
tando le ripide pendici dei monti Rencit m^tte capo ad Alessio. 

Alessio (alb. Leshi — l'antico Lissus degli Illiri). La città è 
scalata tra la rìva del Drin ed i colli attigui, immuni dalla ma- 
laria che infesta nel bassopiano. E' dominata da una vecchia 
cittadella (Acrolissus) di origine veneziana, le cui tradizioni si 
riconnettono alla storia militare dello Scanderbeg (1). 

Alessio, con il fertile distretto immediatamente attiguo, conta 
33 villaggi, 1200 case, 8 moschee, 20 chiese (tra cui una fondata 
secondo la leggenda da S. Francesco d'Assisi), 20 botteghe e 
6500 abitanti ; di cui 4000 cattolici e 1500 musulmani. La sola 
città conta 3500 abitanti (2). Si annoverano in questo florido 
contado 1500 vigneti, 500 e più. giardini ed oltre 1000 prati 
irrigui. Il territorio limitrofo di Krue e zeze (Testa Nera) conta, 
da sua parte, altri 1200 abitanti (3). 

Oltre Alessio la comunicazione, da rotabile, diventa a tratti 
carrareccia ed a tratti mulattiera: si rivolge a settentrione, 
mantenendosi serrata nel suo sviluppo alle pendici orientali dei 
monti Kakaricit ed alla destra riva del Drin: tocca i villaggi 
di Baldrin, di Kakaric', di Kukli e di Busciati, e, per il mar- 
gine superiore della ferace pianura di Zadrima, si innesta infine 
alla mulattiera che proviene da Puley. 

Tra Kukli e Kakaric', la comunicazione presenta dei tratti 
difficili al transito, specie dopo le piogge dell'equinozio, a mo- 
tivo delle alluvioni e della ripidezza delle pendici dei monti Ka- 
karicit (calcare del triassico). 

Sviluppo totale della comunicazione, da S. Giovanni di Me- 
dua, per Alessio, a Scutari, km. 48. Tempo necessario a percor- 
rerla, ore 15 circa. 



(1) Alessio era la testa di tappa di una via legionaria che concorreva nella Egnalia. 
Nel Medio Evo si distaccava da Alessio la coti detta Via Zenta. Vedasi anche il foglio 
n. V della Tavola Peutingeriana^ nonché Topera deirJiBBCBK, più volte citata, pag. 66. 

(2) Haasbrt. MlUeilungen der Geograph, G9seU. Wien, 180S, pag. 353. 

(3) Dai Kazà di Alessio dipendono i comuni della Zadrima, le bandiere di Lèshi, 
Kethella, Sèllto, Lureja, Bulgri, Krue-e-seze e Velia Dallo stesso KazA di Alessio fanno 
parte, amministrativamente, la Mirdizia, il territorio di Puka e di Croja (dominio avito 
dei Castriota) ed il Kazà di Tuzi. 



Digitized by 



Google 



282 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 



1 



Itinerario V. — Da Scutari, per la sponda orientale del lago 
e la vallata del Proni- Sol, a Oussinjè, Piava, Ipek e Pristina, 

Dalla piana alluvionale di Stoj,a settentrione della città di 
Scutari, si distacca una carrareccia — piti o meno buona a se- 
seconda delle stagioni — , la quale, costeggiando la riva orientale 
del lago e superando le diverse correnti che vi immettono dai 
distretti di Stoj, di Vraka e di Buza-Ujit, per Kopliku giunge 
nel contado di Irani Pietroshan. Oltre a questi passaggi la co- 
municazione si tramuta in sentiero, malagevole e difficile per 
i rilievi delle Grandi Alpi Albanesi, ed è impraticabile per 4 o 5 
mesi all'anno, durante la stagione invernale. Il sentiero si raggira 
nella stretta vallata del Proni Sat (torrente secco), supera for- 
cole (ciafe) e passaggi dolomitici caratteristici (Gruka e Lughes, 
ossia valle di forra). A settentrione del villaggio di Boga, il 
sentiero presenta tratti pericolosi al transito dei pedoni e delle 
bestie da soma ; piega più oltre a S. E. su per i monti di Bor- 
ghes {Maja e Borghes), scende alla testata di vai di Sala, presso 
Ghimai, e, per Okoli ed il laghetto di escavazione glaciale di 
Gstars, passa in vai di Vruja. Ivi diventa a tratti carrareccia 
e mette infine capo alle conche di Gussinjè e di Piava (1). 

La località di Boga e la sua vallata di circo, strozzata presso 
Skreli, è specialmente notevole in questo itinerario, per la sua 
posizione centrale rispetto alle comunicazioni mulattiere che si 
svolgono, da una parte, in vai di Zem VukUt (Zem Selcit) e dal- 
l'altra in vai di Saia, e che tendono alle conche di Gussinjè e di 
Piava. Molte di queste mulattiere, sono piti specialmente seguite 
nei cammini di transumanzia dalle popolazioni dei Clementi, 
le quali scendono Dell'inverno alla Bojana ed alla Zadrima; 
specie quella della forcola di Stegut-Dhenve (passaggio degli 
animali) e la Ciafa Pejs. 



(1) Per taluni tratti di questo itinerario, si oonsalti la carta redatta dal dott. Antonio 
Baldaoci ed annessa al fascicolo di novembre 1904 del BodeUino della Società geoffra» 
fica ilaliarui, dal titolo II paese del Cem (1 : 150,000); specie il profilo schematico delle 
Alpi Albanesi preso dal M. Hnm Orahovski. Si vedano inoltre i fogli di Scutari^ (37*- 
42 j, di Plevlje (37»-43«), di PHiren (33«»-42») e di Novi-Bazar (38«-43») alla scala 
di 1 : 200,000. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 283 

Oussinjè (alb. Ousinja), E uno dei distretti più floridi della 
Ghegaria, ricco di acque superficiali e sotterranee* i suoi abi- 
tanti si dedicano con molto profitto all'agricoltura, all'alleva- 
mento del bestiame ed anche all'esercizio di qualche industria. 
Il circondario di Gussinjè, unitamente all'attiguo territorio di 
Piava, conta circa 15,000 abitanti. 

Piava. — E' città posta ad una dozzina di chilometri da Gus- 
sinjè, presso alle rive del lago omonimo, in territorio assai ricco 
e ben provvisto di acque. Oltre Piava, la comunicazione si tra- 
sforma in mulattiera aspra e difficile: si raggira nel vallone 
della Vistritza-Pejs, si addentra nel solco tra i monti Koprivnik 
ed i monti di Zlieb, scende infine nella conca di Ipek o di Peja, 
ritornando, nelle adiacenze di questa città, dapprima carra- 
reccia e poscia rotabile. 

Ipek (alb. Pèja) Posta in posizione vantaggiosissima, alla 
testata del bacino di ricevimento del Drin Bianco, Ipek è città 
manifatturiera ed agricola molto riguardevole e conta, unita- 
mente al circondario che ne dipende, circa 16,000 abitanti. La 
sola città di Ipek annovera 5 moschee, oltre 2000 case e circa 
8,000 abitanti (1). 

Da Ipek, una discreta carrareccia, per vai di Peska-Vistritza 
scende al Drin Bianco presso Novo Selò, oltrepassa questo corso 
d'acqua al ponte di Dresnik e, per Kijevo — trasformandosi 
a tratti in mulattiera ed a tratti in carrareccia — , la comuni- 
cazione continua attraverso i rilievi dei Djevic' e degli Scica vica. 
Oltrepassa il ponte di legno sulla Dreniza (Dernitza) presso il 
Kan di Komoran, tocca Korotince, Kale, Hamidje, supera il 
ponte sulla Sitnitza a Dobrava e, per la valletta della Pristevka, 
la comunicazione mette infine capo a Pristina. 

Pristina (alb. Prishtina) La città sorge in una convalle della 
Sitnitza, a circa dieci chilometri dalla ferrovia che, da Mitro- 
vitza, per Uscub e Kòprùlu (Velezé) si dirige a Salonicco. 



(1) L'Intoro tangiacoato di Ipek può contare circa 100,000 abitanti. Annovera in 
complesso 434 Tillaggi ed è suddiviso nei seguenti Kaxà: Diacova, Berana, Gussinje, 
Tergovitsa, Djevic'. 



Digitized by 



Google 



284 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Questo centro abitato raccoglie in sé tutte le risorse agricole 
e manifatturiere del florido distretto di Còsso vo (Cossovo-Polje) : 
conta circa 2500 case, una ventina di moschee con minareti, 
ed oltre 12,000 abitanti. 

Lo sviluppo complessivo della comunicazione, da Scutari, 
per Gussinjè ed Ipek, a Pristina, è di circa km. 220 : per per- 
correrla occorrono circa sette giornate di marcia. 



Itinerario VI. — Da Scutari, per Kopliku, Tuzi, Val di Zem, 
han Tamara, Selcit, a Gussinjè. 

Questa comunicazione sussidiaria della precedente, e come 
essa chiusa al transito per 4 o 5 mesi durante la stagione inver- 
nale, segue il tracciato esposto più sopra ; da Scutari, lungo le 
sponde del lago, fino a Rzanicki-most (Tu>zi) presso al confine 
turco-montenegrino. Da questo punto la mulattiera diventa 
malagevole, imbocca la vallata del Zem (Cijevna), guadagna la 
Skala Smedec e, per le balze di Broja, scende al Zem Vuklit 
che supera al ponte di han Tamara. Quindi innanzi la mulat- 
tiera rimonta il Zem Selcit, attraverso la regione montuosa dei 
Seleani, tocca Dobrina, Selce, avanza tra Maja Plutnerit e Go- 
lish, guadagna il colle di Predelesh (1350 metri), scende infine 
in vai di Vermosa e, per il laghetto di Grnzar, raggiunge 
Gussinjè. 

Questa mulattiera è sussidiata, per lungo tratto, da un'altra 
che da Lopara, per Maja Pepis, attraverso la regione dei 
Triepshi, tocca Benkaj, Maja Popratit, e, per Soko, s'innesta 
nella precedente sotto Selce, o Sèltsè (1). 

Percorso totale della comunicazione, tra Scutari e Gussinjè, 
per vai di Zeni ed il colle di Predelesh, km. 68. Tempo neces- 
sario a percorrerla, ore 26. 



(1) Doti. Antonio Baldacci. Nel piese del Cem (Bollettino della Società geografi oa 
italiana, n. 3, marxo 1904, pag. 250 e segg.). Vedasi anche la carta annessa al detto 
studio, alla scala di l : 150,000, allegata al fascicolo di novembre 1904 dello stesso 
DoUeuino. 



n 



Digitized by 



Google 



^¥^ 



ITINERARI STRADALI 285 

Itinerario VII. — Da Antivari, per Podgoritza a Oussinjè, 

Da Antivari a Virpazar (Vir) la comunicazione è costituita 
da un'ottima rotabile, di oltre 40 chilometri di sviluppo. Vir, o 
Virpazar, capoluogo della Zermnitza — riallacciata di recente 
mediante una rotabile con Eieka e con Zetigne — , è una pic- 
cola città agricola ed industriale, disposta in una insenatura del 
lago di Scutari. Questa insenatura — assai probabilmente origi- 
nata da una antica linea di frattura del lago — fu ricoperta in 
seguito dalle alluvioni dei fiumi Zermnitza ed Orahostitza. 

Da Vir, per Rieka, una buona rotabile mette capo a Podgo- 
ritza : oppure, per via acquea attraverso il lago, delle facili e 
quotidiane comunicazioni si raccordano a Plàvniza, rimpetto a 
Vir, d'onde, per via ordinaria, raggiungono del pari Podgoritza. 

Da questa città — centro commerciale ed agricolo della re- 
gione montenegrina della Moracia — , si distacca una mulattiera 
xhe, per la valletta di Vrbiza (o dei sàlici), i villaggi di Do- 
Ijana, Medun, Orahovo, la regione di Siroka-Korita e la Kucka 
Krajna, raggiunge il laghetto di escavazione glaciale di Rikavaz, 
d'onde scende in vai di Vermosa a Gussinjè e Piava. 

Lo sviluppo complessivo della comunicazione, da Antivari, 
per Vir, Rieka e Podgoritza, a Gussinjè è di km. 135. Tempo 
necessario a percorrerla, cinque giornate di marcia all'incirca. 



Da Scutari a Prizren, per la destra del Drin (1). 
Itinerario Vili, — Comunicazioni per i Malcja ^ Madhe, 

La mulattiera che si distacca a settentrione di Scutari, passa 
il torrente Chiri a valle di Muselim (Musselimi), d'onde gua- 
dagna il vallone della Nerfusha (2). Da questo punto essa si 



(1) K. Hassert e A. Baloacci. Streifziige in Ober-Albanien (Sooder Abdruck aos 
dem Verhandl. der Gesellsch. f. Erdk., s. Berlin, 1S97, n. 10). — Q. Straksky. Beiae 
diirchdai Oettliche Albanien undeinen Teil von Mahedonien (Mitteilungen derOeogra» 
phlschen Oesellschaft in Wien, 1903). — K. Stbinmbtz. Etne Rette durch die Hoch- 
landergau* Oberalbanitm. (Zar Kunda der BalkanbalbinseUReUen and Beobachtongen, 
herausgegeben yon Dr. Karl Patsoh, Heft. I, Wien und Leipsig, A. Hartleben, ed., 1604). 

(2) K. Hassbrt. VerhandXungen der lieseUichafl fur Erdk, 3, Berlin, 1897. pag. 533. 
— Idsm. Mitteilungen dtr Geographiichen Oes( llscha/ì. Wien, 1896, pag. 357 e segg. 



Digitized by 



Google 



286 VIABILITÀ ED ITINERARI 8TRADAU 

inerpica sulle pendici occidentali del rilievo dei Zucali (regione 
di Slaku) e raggiunge il villaggio di Vukjakaj. Indi appresso la 
mulattiera diventa difficile per i rilievi dolomitici della con- 
trada dei Dushmani, tocca Brusha e scende al Drin presso alla 
chiesa dei missionari austriaci di Dushmani (1). 

La mulattiera prosegue rasentando, per qualche tratto, il ci- 
glione dei canohs del Drin, subito a monte della chiesa di Du- 
shmani, e, per il distretto dei Shalabaches (Shala)^ toccando To- 
plana (chiesa di missionari austriaci) e Briza, essa si rivolge al 
villaggio di Gionpèpaj. Questo villaggio dipende dal circondario 
pastorale ed agricolo di Nikaj (Malcja-Djahovs). il quale conta 
2500 abitanti all'incirca e 24 villaggi. 

La mulattiera di Vukjakaj -Toplana alla volta di Gionpépai 
è sussidiata da un'altra (Ylll-his) che, da Gionpépai stesso, 
per la contrada alpestre dei Nikaj e dei Shala, supera il valico di 
Nermanjs (Ciafa Kermanjs — 1707 metri) per addentrarsi nel 
territorio dei Shala, occupato da popolazioni agricole e pastorali 
le quali vi annoverano 500 case e piti di 4500 abitanti (2). 

Proseguendo in direzione delle alte vallate dei torrenti 
Shala e Chiri, la mulattiera altrepassa la chiesuola di Abàta, 
scende nel vallone del Shala per via di terrazzi rocciosi, 
a gradinate, guadagna lo spartiacque tra Shala stesso e Chiri al 
valico di Bogscit (Ciafa Bogscit — 1750 metri), d'onde la vista 
spazia per ampio tratto sui monti selvaggi delle Grandi Alpi 
Albanesi (3). La mulattiera prosegue subito dopo alla volta del 
vallone del Chiri e lo raggiunge rimpetto alla Chiesa di Pianti: 
indi continua lungo i monti Maranaj, per Suma, il colle di 



(1) N. Stiinmbtz. Etne Reite durch die Hochlàndergaue Ob§ralbanient, pag. 10. 
— I. G. V. Hahn. Reìse durch die Oebiete dee Drin und Wardar (Denkschrlften dei 
Kais. Akademie dea Wistenschaftan, XV). 

(2) A. Baloagci. — BolleUino della Società geografica italiana, 1900, paf^. 9. 

(3) La qualifica di Mnlcija e Madhe, ossia di Grandi Alpi Aibaneti, è usata local- 
mente più per designasione etnografica ctie per denoroioasione geografica. Alle genti 
di McUeija e Madhe appartengono infatti le tribù dei Clementi, Grnda, Hoti, Kastrati, 
Screli, Pùlati, Sbaia, Sciosl, Dushmani, Slaku, Postripa, Ranka, ecc.; in totale 28 tribù, 
o frasioni di tribù autonome. La desìgnasione geografica di Grandi Alpi AJJboineti non 
corrisponde poi localmente ad una serie ininterrotta di rilievi complessivi, slbbene si 
frantuma in sesioni di rilievo, quali i Malcija Diahova i Biesket e A>mt«mi, ossia Monti 
Maledetti, ecc. 



1 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 287 

Scians, (Shans) e, per la piana alluvionale di Vraka e di Stoj, 
raggiunge infine la città di Scutari. 

Sviluppo della mulattiera di Nerfusha, per Brusha, Toplana 
i' Gionpépaj, km. 60 : tempo necessario a percorrerla, ore 22. 
Sviluppo della mulattiera sussidiaria (Itinerario YlIL-his) per 
i valichi di Nermanjs, di Bogscit e di Scians, km. 65. Tempo 
necessario a percorrerla, ore 26. 

Le percorrenze parziali dell'itinerariodi Ciaf aBogscit (Vili -bis) 
sono le seguenti: 

Da Gionpépaj al valico di Nermanjs, ore 3.45'. 

Dal valico di Nermanjs ad Abàta (chiesa) ore 1.30'. 

Da Abàta (chiesa) al fondo valle del torrente Shala, 
ore 0.45'. 

Da Shala alla Ciafa Bogscit, ore 2.30'. 

Dalla Ciafa Bogscit a Pianti (chiesa), ore 2. 

Da Pianti (chiesa) al valico di Mguls, ore 2.30'. 

Dal valico di Mgùls a Suma (chiesa), ore 2.45'. 

Da Srana (chiesa) al valico di Scians, ore 2 (1). 

Dal quadrivio di Gionpépaj (Curaj-Abàta-Briza-Tetaj), che 
raccoglie in sé le due mulattiere anzi descritte e quella che 
proviene da Oroshi, si distacca la comunicazione che — per 
le contrade dei Krasnici, dei Gashi e dei Keka — , tende a Dia- 
cova (Malcja Diàkovs). Questa mulattiera supera, subito dopo 
il quadrivio, dei ponti di legno gittati sopra ambo le cor- 
renti dei Merturit (che confluiscono poco a valle di Gionpépaj), 
raggiunge il villaggio di Sgier<j' (S. Giorgio), d'onde sale al 
valico di Kolshit: tocca i villaggi di Geguseni (alle pendici dei 
monti Korja e Bunjai}. attraversa la Valbona e, per Luz, le Ciaf e 
di Luz e di Skols, mette capo alla città di Diacova. 

Lo sviluppo complessivo della mulattiera, a partire dal qua- 
drivio di G onpépaj fino a Diacova, è di circa 50 chilometri. 
Le percorrenze parziali di questo itinerario sono le seguenti: 

Dal quadrivio di Gionpépaj ai ponti sulle due correnti dei 
Merturit {Ljumi Merturit) ^ ore 0.45. 



(1) K. Stbimmbtz. Op. cit., pag. 67. 
18 — Albania. 



Digitized by VjOO^IC 



288 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Dai detti ponti a Ciafa Kolshit, ore 2.15'. 

Da Ciafa Kolshit a Gregusenj, ore 0.30\ 

Da Gegusenj a Bunjaj, ore 1.15'. 

Da Bunjai al guado di Valbona, ore 0.30'. 

Dal guado di Valbona al villaggio di Luz, ore 1. 

Dal villaggio di Luz al colle di Luz (Ciafa Luz), ore 1. 

Dal eolle di Luz a Bitushi, ore 1. 

Da Bitushi a valico di Skols, ore 1.30'. 

Dal vaUco di Skols a Babaj Boks, ore 2. 

Da Babaj Boks a Diacova, ore 2 (1). 

Diacova, — La conca di Diacova dispone di risorse agricole 
e manifatturiere assai considerevoli. Essa è una specie di centro 
del patriottismo schiptaro e, come tale, disimpegna un com- 
pito di grande rilievo rispetto alla politica interiore ed esteriore 
dell'Albania di settentrione. Con i circondari dipendenti dei 
Krasnici, dei Bitushi, dei Gashi. e degli Hassi (2), la regione di 
Diacova conta, in complesso, piti di 150 villaggi e di 20,000 
abitanti. La città possiede un bazar assai florido ed un castello; 
cioè la Kula Rizaheg, costrutta da un potente bey di DiacoFa 
sortito dalla trìbìi dei Bitushi. 

Da Diacova si distacca una buona carrareccia la quale varca 
dapprima l'Erenike al ponte di Terzia ( lira Terzia) e poscia il 
Drin Bianco al ponte di FBSLÌt (Ura Fsajt). La comunicazione 
prosegue, per Krushe e Tupez, alla volta di Prizren 

Tra Diacova e Prizren intercedono circa 32 chilometri. I 
tempi necessari a percorrere le diverse tratte dell'itinerario sopw 
descritto sono i seguenti : 

Da Diacova ad Ura-re, ore 1.30'. 
Da Ura-re a Rogova, ore 1.30'. 
Da Rogova a Krushe, ore 0.45'. 
Da Krushe a Prizren, ore 3. 



(1) Stbinmbtz. Op. dt., pag. 66. 

(2) Tatte queste tribù sono erroneamente comprese tra le genti della MoUcija $ àfadhe^ 
ma dipendono in effetto dalla Mnlcij'i Diakovs. 



1 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 289 

Prizren (alb. Prixerèndi) (1). — E' città posta in un mera- 
viglioso anfiteatro dei monti Sciar, i quali la recingono tutto 
intorno con le loro vett« eccelse e biancheggianti di neve. Essa 
vanta belle tradizioni storiche per la dimora ivi stabilita dai 
vecchi re della Serbia. Conta, con il distretto che ne dipende, 
circa 30,000 abitanti. Prizren, non meno che Diacova, rappre- 
senta una cittadella cospicua del patriottismo schipetaro {Lega 
di Prizren), 

Da Prizren, una buona carrareccia, per Cernolieva, porta a 
Ferizovic', e di qui, lungo la regione di Cossovo-polje, a Pristina : 
essa è sussidiata per buon tratto dalla linea ferroviaria di 
Uscub a Mitrovitza. Pure da Prizren, una buona mulattiera si 
rivolge alle montagne dello Sciar: per il vallone della Prizrenska- 
Vistritza e le rovine celebrate del castello di Duscian-Grad {Kyz- 
Kalessi), questa mulattiera adduce dapprima al villaggio di 
Jablanitza. Proseguendo oltre, verso i monti, la mulattiera 
stessa presenta delle vestigia di via lastricata (caldermas) ed, 
in alquante tratte, può adattarsi al traino delle arabàs (2). 
Successivamente — per il valico dello Skardos, le case di Vesal, 
il vallone della Sarska-Ejeka (ponte di legno), e Brodez — , la 
comunicazione mette capo a Kalkandele (Tétovo). 

Kalkandele è disposta in utia conca di terreni scistosi paleo- 
zoici ed è dominata da una cittadella. Essa è molto florida per 
l'agricoltura e per talune arti manifatturiere: conta circa 25,000 
abitanti, nella massima parte di stirpe bulgara (3). 

Tra Prizren a Kalkandele intercedono 38 chilometri. Tempo 
necessario a percorrere questa comunicazione, ore 10. 



(1) Vedati il foglio di Prizrbn (38*-42«) alla scala di 1.200,000. Secondo calcoli, che si 
ritengono però per molto larghi, T intero sangiaccato di Prizren conterebbe circa 
200,000 abitanti ; di cai 30,000 ortodossi e 170,000 musulmani. Dal sangiaccato dipendono 
circa 400 t^illaggi, con i haxà di Luma (50 villaggi) di Kalkandele (101 villaggi) e di 
Oostlvar. 

(2) Stbinmbtz. Op. cit., pag. 34. 

(3) Obstbeich. Verhandl. d. Oes. f. Erik, zu Berlin, 1899, pag. 313 e segg. — 
Ahhandl, d. Qeogr. Oesell. in Wien, 1899, pag. 342 e segg. 



Digitized by 



Google 



290 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 



Da Scutari a Prizeen, per la sinistra del Drin. 

Itinerario ZX. — Comunicazioni dei Dticagini, per la vallata 
di Oomsicè e Giafa Malit. 

Questa comunicazione consta nel suo primo tratto di due 
mulattiere, le quali costeggiano entrambe le rive della Drinassa 
e si raccordano a Laci. Quindi innanzi una mulattiera unica, 
superando alcuni terrazzi rocciosi, scende nel vallone di Gomsicè, 
all'abitato omonimo: tocca in seguito Kcira e Puka, d'onde si 
inerpica sulla Skela di Bvstres (Skalhostres). 

Fuka, — E' capoluogo di un Kazà di 3» classe. Ne dipendono 
le tribù dei Kabashi, Domgioni, Cerreti, Iballeja, Berisha e 
Malishi ; con 1570 case, 9 moschee, altrettante chiese e 10,500 
abitanti, in complesso. 

Dalla Slcela di Bìistres la mulattiera, fiancheggiata da forre 
e da precipizi, prosegue attraverso il rilievo dei Ducagini, tocca 
Vhan di Eapsi, si spiana nella conca di Arsit (^w«^aAr«t<), gua- 
dagna indi appresso il valico di Malit {Ciaf a MalU — 954 metri) 
e divallai: oltre ad esso, nella regione pittoresca di Fleti. Proce- 
dendo lungo di quest'ultima, la mulattiera raggiunge il vil- 
laggio di Spash sul Drin ; villaggio serrato tra i monti dei Soshi 
e degli Hassi. 

Da Spash, traghettando il fiume su barche — oppure a guado 
in tempi eccezionali di magra — , la mulattiera continua, per 
Ciafa-Prushit, alla volta di Diacova. La mulattiera medesima 
può rimontare inoltre la sinistra del Drin, fino al ponte di Ve- 
zerit ( Ura Vezerit) d'onde, per han Lashit e Prizren, mette capo 
con largo giro pure a Diacova (Itinerario Vili. Tratto fra 
Prizren, Krushe, Eugovo e Diacova). 

Sviluppo della mulattiera di Gomsicè, per Spash e Ciafa 
Prushit, 130 chilometri: si richiedono per percorrerla circa 35 
ore di marcia effettiva. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 291 



Itinerario X. — Comunicazione dei Mirditi, per Val di Ghiadri, 
il Fandi-Vogeli e la Ciaf a Kumuls. 

La mulattiera dei Mirditi si distacca da Vaudenjs {Vada ad 
Dagnum), Per il villaggio di Vigu, risalendo il bacino di ricevi- 
mento del Gjadri fino a Kalivashi, essa arriva subito dopo alla 
chiesa di Kashinjeti (488 metri), sulla displuviale dei monti 
Dibri. Da questo punto la mulattiera scende nel vallone di 
Calori, guada il grande Fandi (Fandi e madhe) poco a monte 
di Ceka ed arriva al monastero di Nerfana, sulla displuviale 
tra il piccolo Fandi (Fandi e vogeli) ed il grande Fandi sopra 
menzionato. 

Da Nerfana (monastero), la mulattiera prosegue lungo il 
versante boscoso di rocce dioritiche e melafìriche — estreme 
propaggini del Monte Monella {Mnela) — , in vista della destra 
riva del piccolo Fandi ; tocca il villaggio di Pscesh, l'oratorio 
di Spai (San Paolo) ed arriva infine ad Oroshi, residenza del- 
l'abbazia dei Mirditi e capoluogo di un Kazà di 3» classe (Kazà 
di Miredita), H quale conta 1700 case, 26 chiese e circa 8500 abi- 
tanti, in complesso (1). 

Da Oroshi, una mulattiera prosegue, per Bisak e Mzani, verso 

il valico di Kumuls {Ciafa Kumuls, metri 923): scende appresso 

nel vallone di Kumuls (Proni Kumuls) ed arriva al ponte di 

Vezerit (Ura Vezerit), là dove si innesta alla mulattiera che 

proviene da Spash e si rivolge a Prizren. 

Da. Scutari al ponte di Vezerit, passando per Oroshi, inter- 
cedono circa 110 chilometri: per percorrere questa mulattiera 
occorrono circa cinque giornate di marcia. I tempi necessari a 
percorrere le diverse tratte dell'itinerario sono i seguenti: 

Da Scutari alla chiesa di Kashinjeti — una giornata di 
marcia. 

Dalla chiesa di Kashinjeti a Nerfana — una giornata di 
marcia. 

Da Nerfana ad Oroshi — una giornata di marcia. 



(1) Tribù di Oroshi, Dibri, Fandi, Kusneui e Spaghi. S«oondo altri dati, il Kasà di 
Miredita conterebbe 25,000 abitanti, pressoché tutti cattolici. 



Digitized by 



Google 



292 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Da Oroshi a Ciafa Kumulus — 30 chilometri — una gior- 
nata di marcia. 

Da Ciafa Kumuls al ponte di Vezerit — 32 chilometri — 
una giornata di marcia. 

Le percorrenze parziali di alcune tratte dell'itinerario risul- 
tano suddivise come appresso (1): 

Da Nerfana alla Skala e madhe, ore 2.15'. 

Dalla Skala e madhe a Spai (Sepal), ore 0.30'. 

Da Spai al guado del Fandi piccolo, ore 1. 

Dal guado del Fandi piccolo a Mastrokol, ore 1,30\ 

Da Mastrokol, alla chiesa di Oroshi, ore 1. 



Itinerario XI. — Comunicazione di arroccamento^ tra le mulattiere 
di riva destra e quelle di riva sinistra del Brin, Mulattiera 
attraverso il massiccio di Monte Monella, per Fjerza, a Oion- 
pépaj. 

Da Oroshi, la mulattiera arriva al villaggio di Spashi (non 
lungi dal Fandi piccolo), d'onde affronta le pendici aspre e roc- 
ciose del Monte Monella {Mnela — altitudine 2100 metri secondo 
le osservazioni dell'Ing. Steinmetz), le quali dominano le vie 
mulattiere dei Ducagini, da una parte e dei Mirditi dall'altra (2). 
Qltre Domni, la mulattiera scende nel vallone del grande Fandi 
al monastero di Kalivari: indi appresso, per terrazzi rocciosi 
e gradinate, la mulattiera prosegue verso Smija; si addentra 
nella conca di Arsit fino a Brdeti, là dove incontra la mulat- 
tiera che porta al Drin (Spash); raggiunge Kruezi nel territorio 
dei Ducagini, attraversa il distretto boscoso di Ibalja e scende 
infine al Drin medesimo, a valle di Fjerza. 

Oltrepassata la corrente a guado, per Eaja (presso alla con- 
fluenza di Valbona), la Kalaia Lek-Dukagjinii (considerato il 
paese natale di Lek Ducagin) e Tetaj, la mulattiera arriva a 
Gjonpépaj, presso al quadrivio citato piti sopra. 



(I) Stbinmbtz. Op. cit., pag. 67 [Anhang). — Dborand, Souvénin d§ la Haute- 
AlbanUy op. cit., pag. lU. 

{2} Vedasi anche A. BALDAcci,nel BolléUino déUa Soeietó geografica it .liana. Anno 1897 
(pag. 3 deirestratio). 



Digitized by 



Google I 



ITINERARI STRADALI 293 

Lo sviluppo della mulattiera di arroccamento — da Oroshi, 
attraverso il massiccio di Monte Monella, a Gionpépai — si cal- 
cola di circa 70 chilometri. Le percorrenze parziali dell'itinera- 
rio sono le seguenti: 

Dalla chiesa di Oroshi al guado del Fandi piccolo, ore 0.30'. 

Dal detto guado a Spashi, ore 1. 

Da Spashi a Pljaks, ore 1.15'. 

Da Pljaks al valico di Shenjtit (Ciafa Shenjtit)^ ore 0.45'. 

Dal valico di Shenjtit alla vetta di Monte Monella,ore 2.15*. 

Dalla vetta di Monte Monella a Mesuli; ore 2.15'. 

Da Mesuli a Kalivari, ore 1. 

Da Kalivari al guado del grande Fandi, ore 0.30'. 

Dal detto guado a Gojani, ore 0.30'. 

Da Gojani a Skoza, ore 0.30'. 

Da Skoza a Smija, ore 1.30'. 

Da Smija a Brdeti ore 1.30'. 

Da Brdeti a Kruezi, ore 0.30'. 

Da Kruezi a Sattel, ore 1 30'. 

Da Sattel a Ibalja, ore 2. 

Da Ibalja a Bugjoni, ore 1.45'. 

Da Bugjoni a Gralishte, ore 0.45'. 

Da Gralishte a Fjerza, ore 1. 

Da Fjerza a Eaja, ore 0,45'. 

Da Raja a Kalaja Lek-Dukagjinit, ore 1.45'. 

Da Kalaja Lek-Dukagjinit a Tetaj, ore 1. 30'. 

Da Tetaj al Liumi Merturit, ore 1.15'. 

Dal Ljum' Merturit a Gjonpèpaj, ore 0.30' (1). 



B) Comunicazioni tra le foci del Drin, Durazzo, 
Elbassan, Ocrtda e Monastir. 

Itinerario XII, — Da Alessio (Leski), per Tirana ad Elbassan. 

Dal lembo estremo della plana fertile della Zadrima sotto 
Alessio (Leski), si distacca una buona mulattiera la quale, ra- 
sentando le paludi di Barzolois, guada il Matj nelle adiacenze 



(1) Stbihmbtz. Op. cit., pag. 67 (Anhang), 



Digitized by 



Google 



294 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

di Tale, piana dalle belle tradizioni etnografiche e storiche al- 
banesi. Da qui — per i terreni coltivati di Solas, di Laci, di Zeja 
e di Derveni, costeggiando le pendici occidentali delle coUine 
sulle quali si leva la cittadella e parte dell'abitato di Croja — 
la mulattiera arriva a Luzia. 

Da Luzia. una mulattiera per Preza (Brescia) , Markenit, ed 
il Bazar di Sjak, o Sh' laJcu (Bazar di San Giacomo) j scende a 
Durazzo : essa è carreggiabile nell'ultimo suo tratto nelle vici- 
nanze della città. 

Proseguendo oltre Luzia in direzione di mezzogiorno, la mu- 
lattiera attraversa invece il torrente Zeza, sotto Larusku: si tra- 
muta subito dopo per brevi tratti in carrareccia e, per Valias- 
Inferiore, arriva alla città di Tirana. 

Tirana, — E' città agricola e manifatturiera con circa 17,000 
abitanti. Essa è abbellita da moschee e da edifizi ben costrutti, 
circondati da orti alberati e da giardini. La città possiede un 
bazar molto ricco e ben provvisto di prodott agricoli e ma- 
nifatturieri. La popolazione — all'infuori di 2000 greci-orto- 
dossi — , appartiene alla ben nota setta musulmana dei Begtasch. 
Anche a Croja e nel contado, la maggioranza della gente ap- 
partiene a questa fede (1). 

Oltre Tirana, la comunicazione è costituita da una buona 
mulattiera che, per il Tekè (monastero musulmano) di Der- 
vishit e Bui (confluenza del torrente Murdar nell'Arzen), attra- 
versando versanti boscosi, mette capo alla Ciafa Krabe (640 
metri). 

Da questo valico, per Stimani e Balce, scendendo per qual- 
che tratto il torrente Kusha, la mulattiera arriva alfine alla pia- 
nura di Mret (Fusha Mret), sotto la città di Elbassan. 

Lo sviluppo complessivo della mulattiera, da Alessio, per Ti- 
rana, ad Elbassan, è di oltre chilometri 90. Tempo necessario a 
percorrerla, circa 24 ore. 



(1) DionAHD. Souvenirt de la Haute- Alcionie, pag. 247 e segg. Ved&nti anohe i 
fogli della carta corografica alla scala di 1 : l^fOOO, dal titolo : Durazxo {37*-41*), £1- 
bassan {88«-41«) e Mona$Hr ySO^-ÀÌ*). 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 295 

Da Tirana, un'altra mulattiera (però assai più malagevole) 
per Skala-Selites, Maja-Briskes (1250 metri) e Selita — var- 
cando passi aspri e pericolosi — , mette capo a Singjerc' {San 
Giorgio) e di qui a Semeri, al fiume Scombi ed alla città di 
Elbassan. 

Elbassan, — Questa città rappresenta (come si è detto 
più volte), il luogo geometrico dell'intera Albania e segna il 
nodo delle comunicazioni che vi fanno capo dagli scali di Du- 
razzo e di Valona, per procedere oltre verso la regione dei grandi 
laghi, Monastir, la Macedonia ed i mari di Levante. 

Elbassan è disposta in una florida conca a luvionale (Fu- 
sha-Mret) e conta una popolazione di circa 25.000 abitanti, in 
massima parte musulmani (1). L'abitato conserva ancora, tutto 
intorno,degli avanzi di una vasta muraglia attribuita all'impe- 
ratore Costantino. Possiede un bazar assai frequentato per il 
commercio delle lane e dei pellami ed anche — un tempo — as- 
sai rinomato nell'intera Albania e nella Macedonia, per la 
vendita delle bacinelle dei fucili a pietra focaja. 

Proveniendo da Berat, per accedere alla città si oltrepassa 
un grande ponte ad arcate sul fiume Scombi. 

Oltre Elbassan, sulle orme dell'antica Via Egnatia, la comu- 
nicazione è costituita da una mulattiera, la quale rimonta la 
destra dello Scombi fino al ponte di Kamara : passa indi appresso 
sulla sinistra del fiume e, per Dshiura, il ponte di pietra di 
KjiLks ed il valico di Sape {Ciafa Sape — 1096 metri), scende 
infine a Struga. 

In questo ultimo tratto la mulattiera porta tracce di via la- 
stricata ed è carreggiabile, per brevi percorsi, a seconda delle 
stagioni. 

A Struga la mulattiera diventa rotabile e, per Ocrida, Bu- 
kovo, Eesna, Kazani e Brantidol, raggiunge Monastir; capo- 
luogo del vilayet omonimo e centro dei commerci e dei traffici 



(1) Secondo altri dati, la conca di Elbassan annovererebbe 30,000 abitanti. Dal san- 
giacoato di Elbassan dipenderebbero 15& villaggi nei due Kasd di Graniesb e di Po- 
lèna, Tantica Apollonia. 



Digitized by 



Google 



296 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

tra l'Albania e la Macedonia. La città di Monasfr conta circa 
70,000 abitanti ed è posta nel piano alluvionale del Karasu, 
affluente del Vardar. Annovera 9 moschee, 1 chiesa greca. 
1 bulgara, 6 sinagoghe e tre ospedali. 

Da Elbassan a Monastir intercedono circa 160 chilometri. Per 
percorrere questa comunicazione occorrono almeno quattro gior- 
nate di marcia. 



Itinerario XIII, — Da Burazzo, per Tirana, ad Elhassan. 

Durazzo (in alb. Duretsi). — E città capoluogo del sangiaccato 
omonimo e da essa dipendono i Kazà di Durazzo, di Tirana, di 
Sjak (/S. Giacomo), di Cavaja e di Croja. L'intero territorio 
conta 281 villaggi e circa 91.000 abitanti, nella massima parte 
musulmani. 

La città di Durazzo, principale scalo marittimo dell'Albania 
di settentrione, reca anche oggigiorno delle vestigia della gran- 
dezza romana. L'aggregato urbano conta oltre 5,000 abitanti ; 
di cui una metà musulmani ed i rimanenti cattolici. 

In città esiste una piccola colonia italiana e la lingua no- 
stra vi è comunemente conosciuta ed anche parlata. Non vi 
manca la presenza di genti di origine valacca (1). 

Da Durazzo si distacca l'unica strada carrareccia del sangiac- 
cato, la quale conduce a Tirana, rimontando la vallata dell' Ar- 
zen in vista della molle piana di Arbona, che si vuole abbia dato 
il proprio nome all'intera Albania (Arberia o Arbonia). (2) Que- 
sta comunicazione è dello sviluppo di circa 38 chilometri. Oltre 
Tirana, la carrareccia si innesta alle descritte più sopra, alla 
volta di Elbassan, di Monastir, della Macedonia e dei mari Le- 
vantini. 



1 



(1) Albanovlacobi. Se ne trovano anche ad Alessio, Tirana, Cavaja e Pechini, ed ap- 
partengono, in massima parte, alla stirpe dei Voscopoleni. 

(2) Nel secolo \iv erano infatti più precisamente denominati Albanesi (Arbani) gli 
abitanti dei circondari di Berat, di Valona e dì Canina (Vedasi Iikbcik, Oeiehichle 
der Bulgarén, pag. 300). 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 297 



Itinerario XIV, — Da Durazzo,per Gavaja, Pechinjy ad Elhassan, 

Da Durazzo si distacca, in direzione di mezzodì, una mulat- 
tiera che, per il littorale del Sasso Bianco {Shkamh)Q\% saline di 
Rakol, mette capo a Cavaja, città di 8000 abitanti in massima 
parte musulmani. Procedendo oltre, tra le pendici dei monti 
Calliumani e la piana alluvionale dello Scombi, la mulattiera 
giunge a Pechinj, l'antica Clodiana. Quivi raccordavansi i due 
rami della Via Egnatia, che procedevano rispettivamente da 
Durazzo e da Apollonia (Pojani)^ per addentrarsi in valle di 
Scombi alla volta di Elbassan (Scampae) e di Monastir (Pe- 
lagonia), 

Pechinj conta circa un centinaio di case, sparse tra le colline 
a macchie ed a boscaglie cedue della riva destra dello Scombi. 
È distretto malarico, specie all' epoca sulla fioritura del riso ed 
in genere, dopo le piogge dell'equinozio autunnale. 

Oltre Pechinj la mulattiera si avanza lungo la riva destra 
dello Scombi, per strette e per terrazzi soggetti a frequenti frane, 
specie nelle adiacenze di Lolaj, sotto Paper e Vida Malkas: si 
biforca in seguito lungo la pianura di IVIret, oltrepassa il torrente 
Zaranika e raggiunge infine Elbassan. 



Itinerario XIV -bis. — Comunicazione di arroccamento j 
tra le t?i<? del Drin e qttelle dello Scombi, lungo il Drin Nero. 

Trascurando la mulattiera che da Croja, per Maja Scander 
begut e Citet Scanderbesnit conduce ad Oroshi, e di qui al vil- 
laggio di Fjerza, tra i Ducagini — , mulattiera seguita nel suo 
primo tratto nelle guerre all'epoca del Castriota e nelh? rela- 
zioni militari tra Croja, Dibra e Kodsciasik — , nonchèla comu- 
nicazione che si stacca da Tirana e, per Skala-Selites e Singjerc, 
mette capo a Dibra; l'unica via che presenti qualche continuità 
nell'interno della zona montana albanese, tra le vie del Drin e 
quelle dello Scombi, è quella di Kiikii^ — Radonir - Dibra 
— Struga, per la vallata del Drin KolL 



Digitized by 



Google 



n 



298 VIABILITÀ £D ITINERARI STRADALI 

Questa mulattiera si diparte dal Drin, presso il ponte e 
Vhan di Kula Ljums e, per terrazzi boscosi, specie verso il punto 
di confluenza del Drin Bianco con il Nero, tocca i villaggi di 
Biscian e di Lusna. Dopo avere attraversato parecchie correnti a 
guado essa mette capo alla piccola città di Eadomir. Da questa 
località in avanti la comunicazione, per gradinate rocciose, tocca 
Suhodol (Valle secca), passa per Borovian, Tumini, Debrova, 
Melan, Dovoljan e giunge infine a Dibra (Dibri), città indu- 
striale ed agricola di oltre 12,000 abitanti (1). 

Da Dibra, la mulattiera attraversa il basso corso del fiume 
Eadica, passa alternatamente dalla destra alla sinistra del Drin 
sopra ponti di legno o di pietra: si addentra in seguito nelle 
strette rocciose del Drin Koli e, per Vhan di Mersinbej e Dobo- 
vjani, arriva alla città di Struga. 

Lo sviluppo totale della comunicazione, tra Ktikiis e Dibra, 
è di circa 90 chilometri: il tempo necessario a percorrerla è di 
oltre 25 ore. 

Da Dibra a Struga intercedono 50 chilometri, per cui sono 
necessarie altre 15 ore di marcia all'incirca. 



O) Comunicazioni tra Valona, Elbassan, Ocrida e Monastir 
Itinerario XV, — Da Valona, per Fjeri e Pechinj, ad Elbassan 

Valona (tosco Vljora, ghego Vljona, turco Avlonia, greco 
Avlon), — Valona è città di oltre 8000 abitanti, tra Toschi, Ghe- 
ghi,Yalacchi e Greci, oltre ad un centinaio di Italiani. Dai primi 
di ottobre alla metà di marzo, questa popolazione stabile si ac- 
cresce di circa un migliaio di lavoratori, i quali affluiscono dal 
contado in città per la raccolta e per la lavorazione delle olive. 
L'abitato urbano annovera più di 800 case, e tra esse parecchi 
edifizi cospicui. 

Valona dista più di una mezz'ora di cammino (tre chilo- 
metri) dalla spiaggia di approdo (Skala). Si eleva in mezzo a ri- 



Ci) La città di Dibra è capolaogo dì saogiaooato: ne dipendono tre villaggi ed 
^Kazà di MatJ, Rakalari e Radomir. 



Digitized by 



Google 






ITINERARI STRADALI 301 

gogliose macchie di olivi, tra giardini ed orti cintati, in un ter- 
reno alluvionale assai fertile, suddiviso a latifondi (ciflik). È ab- 
bellita da un Corso (via principale del Bazar), da un piccolo 
museo che conserva alcuni ricordi dell'arte ellenica e romana 
scoperti a Pojani, a Gradista ed a Malkeki, ed è residenza 
preferita dall'aristocrazia schipetara (1). 

La città rappresenta un centro di notevole importanza agri- 
cola e manifatturiera, poiché fanno capo al suo bazar i valligiani 
della Vojuza, di Tepeleni e di Argyrocastron, nonché quelli del 
Semeni. Grandi e frequenti rapporti intercedono tra Valona e 
la città di Berat, capoluogo del sangiaccato da cui dipende Va- 
lona stessa. La vicinanza delle miniere bituminose di Selenitza, 
di Eomzi e di Picar, conferisce infine alla città anche qualche 
pregio di risorse industriali (2). L'industria della pesca, assai 
profìcua per l'abbondanza delle prossime peschiere, ha tradi- 
zioni molto antiche (3). 

La città di Valona scarseggia di acqua potabile: ad un'ora 
circa di distanza da essa, le risorgive di Canina e di Crionero (4) 
non ne difettano però in nessun tempo. Converrebbe perciò in- 
canalare in modo permanente queste acque verso la città. 

Singolarmente pittoriche sono le adiacenze di Valona. Il sob- 
borgo di Canina, colonia di Chimarioti cui si accede per il valico 
di Kisbardes (Ciaf a Kishardes), domina il golfo. Questo sobborgo 
vanta un passato assai cospicuo nelle tradizioni bizantine (5) 
dei secoli XFV e XV ed all'epoca delle guerre tra la Veneta 
Kepubblica e l'Impero degli Osmanli (1690): annovera oggi- 
giorno oltre 400 tra case e casolari. Una fortezza veneta — oggi- 
giorno in rovina — difendeva gli accessi alla costa contigua 
{Punta della Batteria — Kalia). 



(1) Tra le famiglie dei bey ed agà più oospicoi di Valona si debbono notare quelle 
di Velora e di Vrioni (Virjon). Il museo archeologico ò quello denominato di Velerà. 

(2) La Sodili Anonime des Mine» de SeUnilza, impiega di preferenza nei lavori operai 
Valacchi e Greci. La mano d'opera dei Valaochi della Mutacbja é la più bassa di prezzo, 
a motivo deirindigenza in cui vivono questi ultimi. 

(3) Per rindustrla della pesca nelle lagune di Valona e di Arta e per le loro tradi- 
zioni, si consultino : Zippbl, Die R'ómitche Herr$chafl in lUyrien bis auf Augustus. 
pag. 12 e segg. e Kibpbrt, Lehrbuch der Alien Geographie^ pag. 353. 

(4) In greco Crionero significa « fontana fresca »: in albanese la località è cono- 
sciuta sotto il nome di Uj-i-ftot. 

(5) Hahn. Aìbanesische Sludien^ I, pag. 72. — Lb.vkb, Travels in Northern Greece, 
I, pag. 2 e segg. 



Digitized by 



Google 



n 



302 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Da Valona, per le pendici argillose di Topana, alla volta di 
Arta — la Venezia di Albania — , si distacca una carrareccia, la- 
stricata a tratti che, per Goriza, mette capo alla Vojuza presso il 
guado di Féras. Secondo un progetto del Vali Ejub-Pascià, la 
città di Valona doveva essere collegata mediante vie rotabili 
con la Musachja (dove si trovano i latifondi delle primarie fami- 
glie aristocratiche del luogo e le grandi tenute demaniali dette 
di Sultana Validea); con Berat, capoluogo amministrativo re- 
gionale, e con Joanina capitale della Toscheria. La via di 
Arta doveva iniziare la serie, ma il bel progetto rimase inesau- 
dito: la rotabile verso la Musachja e verso Berat attende ancora 
di procedere oltre alla Venezia albanese ; quella verso Joanina 
si è arrestata al largo risvolto del ponte di Hamidje (Susiza), 
e non accenna a procedere oltre ai passi sul rio di Vlahina. 

Di questa guisa, l'antica comunicazipne mulattiera denomi- 
nata di estate, perchè percorribile soltanto durante la stagione 
asciutta e prima delle piogge equinoziali, si svolge sempre se- 
condo l'antico tracciato veneto, serrata tra le lagune e le colline 
attigue. E ostacolata dai fossi e dagli allagamenti salini del 
margine delle paludi. Questa comunicazione è sussidiata dal- 
l'altra mulattiera che, oltre il colle di Topana, si svolge a mezza 
costa lungo le pendici occidentali delle colline di Kasna (241 metri 
di altitudine massima) e, per Skrapari (231 metri), Trevlazeri e 
gli estesi coltivi di mais di Mifoli, mette capo alla Vojuza. 
Questa comunicazione è la cosidetta via di inverno. 

Lungo la bassa Vojuza i passaggi sono piuttosto difficili: a 
Mifoli non si rintraccia d'ordinario nessuna imbarcazione per 
transitare in Musachja: d'estate esiste colà un discreto guado. 
Di solito, esistono passaggi con barche — sempre durante la 
stagione asciutta — , lungo il corso inferiore della Vojuza a 
Gemja Skembit, presso Beshist; a Gemja Pashait presso Dukan; 
a Sdiste presso Eomzi ; a Gemja Kutesh presso Kut ; a Gemja 
Corushit presso Corush ed, infine, presso Doreza e Memalja (1). 



(1) La denominazione generica di gemja, significa in turco moschea. 

Si consulti per questi passaggi ed in genere per quanto lia tratto alla viabilità del 
sangiaccato di Berat, la carta redatta dal dott. Carlo Patsch ed annessa alPopera più 
volte citata: Das Sandskak Beral in Albauien. Detta carta, alla scala di 1:200,000, reca 
importanti migliorie e modificaxioni sulla carta dell'I. R. Istituto Geografico militare 
di Vienna. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 305 

Codesti passaci sono quasi sempre riconoscibili a motivo degli 
intagli praticati nelle sponde del corso d'acqua, non più larghi 
di mezzo metro, destinati a dare accesso ai passaggi medesimi 
ed appena sufficienti al transito degli animali da soma e dei 
cavalli. 

Da Féras, sulla sinistra della Vojuza, attraversando la fer- 
tile piana di Frakuts (Fusha Frakuts) (1) la comunicazione di- 
venta mulattiera e, per le estreme propajjgini dei monti Mala- 
castra (colline di Peshtan), la depressione di Saban e Zupan, 
si dirige a Fjeri (Firi) nella florida Musachia (tosco Muzeke), 
suddivisa in due sezioni: una denominata piccola (Muzalcja- 
Minar) sulla sinistra del Semeni e nei contorni di Fjeri appunto ; 
l'altra grande {Muzalcja e Madhe), sulla riva opposta del detto 
fiume. 

Fjeri {Firi e Fereca dei Valacchi). — E' una piccola città 
tosca di circa 400 case con 300 abitanti, agricola e commer- 
ciale. Il traffico vi è specialmente esercitato dai Valacchi (Vo- 
scopoleni), assai numerosi nella Masachja. Questi Valacchi 
provengono o da popolazioni pastorali dell'interno, per transu- 
manzia (in genere Farsagliotì) ; o stabilitesi in modo perma- 
nente nella fertile regione {Voscopoleni), per esercitarvi il com- 
mercio molto rimunerativo degli animali da lavoro (buoi, bufali 
e cavalli) (2). 

I passaggi con barche sul basso Semeni non sono più nume- 
rosi che quelli 'lungo il corso inferiore della Vojuza. Tra i più 

sicuri debbono annoverarsi quelli di Libovsha (Petoshanj), di 
Petova (Mujali), di Brostar, di Jagodina, di Zelizani e di Sana 

{subito a monte del ponte di Behar) (3). 

La mulattiera di Féras e Fjeri oltrepassa il Semeni al pas - 

saggio di Libovsha (Petoshanj). Tocca più oltre Gogolani, Gra- 

dista, Sen-Premte, la riva occidentale del lago di Terbuf {Li- 



(1) In questa plana, e più precisamente nelle adiacenze di Frakula, un ricco possi- 
dente magiaro, li Keglevlcb, tentò di stabilire delle tenute modello: ma dopo due 
■anni di prova, l'impresa fu abbandonata perchè in verun modo rimunerativa. (V^edi 
A. Baldacci, Itinerari Albanesi, 1292. Socìetì geografica Hnliant^ 1897, pag. 392. 

(8) Wbioamd. Die Aromunen (I Rom^ni)^ voi. I, pag. 82 e segg. Come è dello 
altrove, i Valacchi di questa regione mediana dell'Albania possono ascendere a 20,000 

(3) Vedasi la caria sopra dtata del dott. Cablo Patsch. 



Digitized by 



Google 



306 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

cenj'Terbuf), Serma-Bisak e, per la sinistra dello Scombi, rag- 
giunge a Pechinj la strada di Elbassan e dei grandi laghi. 

Da Fjeri, nella stagione asciutta, un tratto di carrareccia ri- 
monta la sinistra del Semeni fino al ponte di Behar: oltre a 
questo ponte la carrareccia diventa mulattiera e, per Cerkaj 
e Desiraj, mette capo ad Elbassan. Pure da Fjeri, dei tratti di 
carrareccia, praticabili a seconda delle stagioni, per Ver j e Gurza, 
mettono capo a Karbunara ed a Lushnia; e di qui a Serma 
Bisak, là dove si innestano alla mulattiera descritta più sopra. 

Lo sviluppo complessivo della comunicazione ora detta, tra 
Valona e Pechinj — per Féras, Fjeri, Gradista e Serma Bisak — 
è di circa 75 chilometri. Per percorrerla occorrono circa 20 ore. 



Itinerario XVI. — Da Valona a Berat e Ooriza, 
per Fjeri e Kumani. 

Da A^'alona a Fjeri, la strada segue il percorso precedente- 
mente esposto (km. 35 — ore 9). Oltre Fjeri (Firi) una buona 
carrareccia conduce a Kumani {Muzakia- Minar), dove si tra- 
muta in mulattiera nel tratto compreso tra quest'ultimo vii- 
aggio, Kalfani e Pobrat (colline di Tobalti). Ad oriente di Po- 
brat la comunicazione ritorna ad essere carrareccia, supera la 
sella di Poljozani e, poco oltre al villaggio omonimo, diventa 
rotabile (larghezza metri 9). 

La strada costeggia subito dopo, e per breve tratto, la riva si 
nistra del Semeni; lo oltrepassa il ponte di Hasan-beut (Ura 
Hasanbeut) (1) e, per Morava, Orjana ed il sobborgo di Dushnik, 
raggiunge la città di Berat, o Beligrad, la Città Bianca, 

Berai {Velardè), — E' uno dei più ragguardevoli centri del- 
l'Albania Tosca. Il suo abitato si estende lungo le molli pendici 
delle colline che scendono a bagnarsi sulla destra del Semeni, 
insinuandosi e nascondendosi qua e là tra amene vallicelle. La 
città conta palazzi di stile moresco ornati di minareti, case 



(1) La costraziooe di questo ponte è dovuta ad Hasan Bey Vrjoni, di Valona. 



1 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 307 

adorne di giardini, che spiccano in mezzo al vivo colore glauco 
degli olivi (1). 

La città di Berat è anche guardata da una fortezza, che vanta 
belle pagine di valore fino dai tempi dello Scanderbeg. Essa si 
eleva sopra una eminenza rupestre di meraviglioso dominio sulla 
valle del Semeni e sulle colline dei Tobalti. Berat conta circa 
10,000 abitanti (più esattamente 9832; dei quali 4873 cristiani 
e 4969 tra Musulmani, Valacchi e Zingari) : è fornita di floridi 
sobborghi operaj ed industriali (Ooriza e Dushnik), abitati in 
maggioranza dai Valacchi. A questi sobborghi mettono capo i 
convogli carovanieri. 

Quasi tutta la popolazione beratina tosca si considera emi- 
grata dalla regione di Arbona o Arberia, e dal kaza di Kur- 
velesh, sotto Valona. Ciò giustifica le presunzioni di cui so- 
pra è cenno circa l'estensione primitiva del nome di Albania, 
quale regione etnografica ben distinta. 

Da Berat a Goriza {Korchia), la comunicazione consta di una 
serie di mulattiere malagevoli, seguite assai spesso nei cam- 
mini di transumanzia dai Valacchi di Goriza che scendono 
nell'inverno, con i loro greggi, alle pianure della Musachja. 
Queste mulattiere attraversano in più punti i rilievi dei^Tomor, 
si raccordano in vai di Tomoriza fino a Muskopolje, là dove si 
innestano alla carrareccia che, per Gonomas, mette capo a 
Goriza. 

Da Goriza si irradia un fascio di comunicazioni mulat- 
tiere e carrareccie: per vai di Kjuks allo Scombi; per Po- 
gradez a Struga; per Galoberda a Kesna ed a Monastir ed, infine, 
per Capizniza a Castoria ed al bacino di ricevimento della 
Vistritza. 

Lo sviluppo complessivo della comunicazione tra Valona e 
Berat — per Fjeri e Kumani — , è di circa 90 chilometri. 
Tempo necessario a percorrerla, ore 25 circa. 



(1) Dott. A. Baldacci. Itinerari Albanesi^ 1892, pag. 84. 
19 — Albania. 



Digitized by 



Google 



1 



308 VI ABILITI ED ITINERARI STRADALI 



Itinerario XVII. — Da V olona a Berat^ 
per Armeni e Signa (8inja), 

La comunicazione tra Valona e Berat, per Armeni (1) e Signa 
(Sinja), seguita di preferenza dalle carovane nella stagione inver- 
nale (quando cioè la strada da Valona a Berat, per Fjeri e Ku- 
mani, è completamente allagata), segue nel suo primo tratto 
due distinte tracce. L'una usufruisce per breve percorso della 
rotabile di Sari-Tepé, diventa più oltre mediocre mulattiera e, 
per il villaggio di Babiza, i molini della Susiza sotto Risili (mo- 
lini di Caritos e di Sehut), ombreggiati da gruppi di pioppi e di 
querce, e le cave di bitume di Picar, mette capo ad Armeni: 
l'altra mulattiera si mantiene sull'alto delle colline di riva 
sinistra della Susiza e, per Bunavia, mette egualmente capo ad 
Armeni. 

Armeni, — Questo villaggio rappresenta il centro dell'indu- 
stria mineraria di Picar, di Selenitza e di Romzi. Alle sue cave 
sono addetti Greci e Valacchi, Il villaggio possiede una moschea 
ed una chiesa dedicata a S. Nicolò (Senkol). 

Oltre Armeni, la mulattiera s'inerpica sulle basse pendici, a 
macchie, dei monti Treblova (Mali Treblova): tocca Selenitza, 
traghetta su barche la Vojuza, presso Seliste (2) o presso Dukan, 
e supera la diramazione collinosa tra Vojuza e Janiza (l'antica 
Argyas). In questo tratto la mulattiera, per Giemzova e Romsi, 
supera dei grandi risvolti ricavati nel calcare bianco, ricoperti 
da grande vegetazione arborea (rhus cotinusy ulivi etc); oltre- 
passa la sella di Visit (Giafa Viris, 576 metri) e scende in 
seguito nella florida valle di Janiza, presso Baleri, serpeggiando 
tra terreni argillosi e coltivi. 

Oltre Vhan di Arositani, la mulattiera guadagna la skala di 
Signa, oltrepassa il ponte di Thel (Ure e Thel), raggiunge il vil- 



li) Armeni è una oorruiione del vocabolo Aromuni, cioè Romeni (Valaochi). 
(2) Da Seliste, una mulattiera per la destra delia Vojuza ed HekalJ mette capo a 
Oradista, Pantica Byllis ed alle rovine di Kijot. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 309 

laggio di Signa (Sinja) (1), disposto sovra poggi di grande do- 
minio (720 metri) tanto in vai di Semeni, quanto sui monti 
nevosi dei Tomor e sulla conca di Elbassan, e, per Malikashin. 
raggiunge Berat, dopo aver superato due ponti contigui; l'uno 
presso Velebist (T/^wiiit Velebist affluente di sinistra del Semeni), 
rateo sul Semeni presso il sobborgo di Goriza (ponte di pietra 
a sette arcate). 

Lo sviluppo Complessivo della comunicazione sopra descritta 
è di circa 60 chilometri. Per percorrerla sono necessarie due gior- 
nate di marcia. 



Itinerario XV III, — Da Berat, per la sinistra del Devol, 
ad Elbassan, 

lia comunicazione è costituita da una buona mulattiera la 
quale, da Berat, raggiunge la vallata del Devol. Ne segue quindi 
a mezza costa la riva sinistra assai di frequente alluvionata e, 
per Sciita e Slovjen, raggiunge la pianura di Elbassan, metten- 
dovi capo per il ponte in pietra di dodici arcate gittato sul 
fiume Scombi. 

Lo sviluppo della mulattiera è di chilometri 55: tempo ne- 
cessario a percorrerla, 15 ore circa. 



D) Comunicazioni tra Valona, Berat 

ED IL GOLFO AMBBACICO. 

Itinerario XIX, - Da Valona, per Tepelevi, Premeti, 
Hersefj, a Goriza, 

Questa comunicazione rappresenta la congiungente delle te- 
state delle diverse strade che, dall'Albania meridionale, ten- 
dono agli sbocchi sull'Adriatico, alle vie dello Scombi, alla 
regione dei grandi laghi ed a Monastir. 



(1) Con cinquanta case, al massimo. 



Digitized by 



Google 



310 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Da Valona, una buona mulattiera, per il valico di Kisbarda 
{Ciafa Kisbarda), mette capo al passaggio sulla Susizarim petto 
al ponte di Piskupi (Vlabina) ; oppure, per Sari-Tepè, risale la 
sinistra della Susiza fino al ponte di Hamidjè, di contro alle ro- 
vine del castello di Lutro. La mulattiera, diventata unica, 
segue procedendo verso oriente la destra della Susiza e, per le 
colline di Kalja Treblova, scende a Pi«ikupi ed alla Vlabina, 
come è detto piti sopra. 

Oltre Piskupi, la comunicazione rimonta il torrente Vlabina 
fino agli altopiani dei Coristi e dei Cudesi, sui quali elevavasi 
un tempo Tantica Amantia (Pliosha) : scende di qui sul piano 
alluvionale della Vojuza, sotto Skoza (1). 

Ad oriente di questo villaggio, guadato il fiume, la mulat- 
tiera tocca Kalivazi; s'aggira per risvolti ricavati nel calcare 
bianco nelle regioni dei Tozi e dei Damesi (Damzi) e ridiscende 
daccapo in vai di Vojuza, sotto Tepeleni, oltrepassando un ar- 
dito ponte sulla Bencia (Voiuza). Questa mulattiera di riva 
destra Vojuza è sussidiata da un'altra, per la riva sinistra dello 
stesso corso d'acqua, passando tra i Cudesi e nel territorio di 
Jlinez e Griba (Dukaj), 

Tepeleni (in turco Tepedelen). — E' un sobborgo di circa un 
centinaio di case e rafforzato da una cittadella; assai noto per 
avere dato i natali ad Ali Pascià di Joanina. Il nucleo piti com- 
patto dell'abitato sorge in posizione naturalmente forte, per do- 
minare gli accessi da Premeti, da Clissura e da Argyrocastron. 

Da Tepeleni, in direzione di oriente, si distacca una me- 
diocre carrareccia cbe, per la riva destra della Vojuza, in circa 
tre ore di marcia, oltrepassando Dragoti e le storicbe strette di 
Antigonia, mette capo a Clissura. Questa carrareccia è serrata 
nell'ultimo suo tratto, tra i fianchi rupestri dei Trebescini ed 
i monti di Zagorie. Attiguo all'abitato di Clissura, verso la con- 
fluenza del rio di Desniza nella Vojuza, si eleva il castello di 
Djelak-Bey, un tempo cittadella assai celebrata dell' indipen- 
denza Clefta. 



(1) Cabl Patsch Srhriftendér UalkankommisgionAntiquarUché Abtéilung. Ili Dii 
Satidschak Deral in Albanien. <- Wien, A. Holder, Edit., 1904, pag. 23 e segg. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 311 

Da Clissura a Premeti la comunicazione si mantiene carra- 
reccia. Essa risale la destra deUa Vojuza, tra terreni coltivati a 
grano ed a mais, attraversa alquante correnti sopra ponti mal- 
sicuri e, dopo quattro ore di marcia all'incirca, arriva a Premeti. 

Premeti (1). — La città annovera più di 3000 abitanti, in 
porte albanesi musulmani ed in parte albanesi ellenizzati. 
Essa si eleva sulla sinistra riva della Vojuza e vi si accede per 
via di un solido ed antico ponte di pietra. 

Ad oriente di Premeti la comunicazione si mantiene sempre 
buona carrareccia, risale la vallata della Vojuza fino nei con- 
tomi di Glina (confluenza del Sarantoporos), d'onde piega a set- 
tentrione e, yer Lescovetz (Lescoviku), raggiunge Goriza (Korcha). 
Questa carrareccia è sussidiata da una mulattiera malagevole — 
specie durante il periodo invernale — che, da Premeti, risa- 
lendo la valle di Lengarica, per il passo di Dzarkant (Ciaf a 
Dzarkant, 1456 metri) mette capo ad Herseg e, piti oltre, a Goriza. 

Lo sviluppo complessivo della comunicazione da Valona — 
per Tepeleni, Premeti ed Herseg — , a Goriza, è di circa 215 chi- 
lometri. Per percorrerla occorrono circa 60 ore. 



Itineràrio XX. — Da Prevesa^ per Filippiadea, Joànina, 
Han-Kalivaki, Argyrocastron, Tepeleni; a Valona e Berat, 

Questa comunicazione rappresenta Tasse della viabilità del- 
l'Albania del mezzogiorno, ossia dell'Epiro. È infatti guidata nel 
suo sviluppo complessivo dai fasci paralleli di cui consta il cor- 
rugamento del sistema della Grecia Occidentale. Dalla Grecia 
stessa, la viabilità ritrae influsso di relazioni commerciali e di 
incivilimento e lo estende, giù per i corridoj dinarici. Ano alla 
fronte tra Clissura, Tepeleni e Valona. 

Dall' estremo della penisoletta di Nicopolis, presso Prevesa, 
si distacca la rotabile, per Eilippiadas, alla volta di Joanina. 

Prevesa è città veneta di origine, rimpetto al promontorio 
d'Azio: essa annovera oltre 9,000 abitanti, di lingua e di reli- 



(1) A. Baldacoi. Itinerari Albanesi, 1900, p&g. 25 e segg. 



Digitized by VjOOQIC 



312 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

gione ellenici. Un fosso assai profondo gira tutto intorno alla 
città ; la quale ha mura, porte guarnite di torrioni ed una cit- 
tadella costrutta dai Veneziani. Le campagne adiacenti a Pre- 
vesa sono molto floride ed ombreggiate da folte macchie di olivi. 

Lasciata Prevesa, la rotabile attraversa il piano alluvionale, 
in vista degli avanzi della Nicopolis augustea. Prosegue ora per 
leggeri clivi ed ora pianeggiante, lungo una campagna brulla che 
accenna a migliorarsi soltanto nelle vicinanze di Luros, terra ir- 
rigua per fossi e fontanili (1). 

Da Luros — centro agricolo di qualche rilievo nella piatta 
• campagna di Campos Potamia, e luogo di tappa delle carovane 
che viaggiano tra Prevesa e Joanina — , la rotabile continua per 
la pianura alluvionale del Vyros fino al monastero di Metochi. 
Di qui si diparte la rotabile che, da Joanina, scende a Vigla, a 
Salachora ed al golfo Ambracico. 

Procedendo a settentrione del monastero di Metochi la vallata 
del Vyros si restringe e trascorre, chiusa tra i monti Carvassa- 
ras, alla volta di Filippiades: la rotabile costeggia in questo tratto 
la riva destra del Vyros fino a valle di Mushinitza. Oltre a questo 
villaggio la rotabile passa sulla, sinistra del fiume, si addentra 
tra le estreme pendici dei monti Olycica e, per r«han» di Kolo- 
niati, scende alla conca di Joanina. 

Tra Prevesa e Joanina intercedono 101 chilometri circa. Per 
percorrere la rotabile sono necessarie 28 ore. 

Joanina (Ta ItDawtva). — E' città di lingua e di costumi 
ellenici, con circa 20,000 abitanti ; dei quali una metà Greci, un 
quarto Musulmani ed un quarto israeliti. Essa è posta in parte 
sulle pendici di una collina (calcare dell' eocene), che si spiana 
verso il lago, ed in parte lungo una zona piatta, alluvionale, che 
si stende tra il piede della collina ora detta ed il margine della 
zona lacustre. 

Joanina rappresenta il centro del commercio di imjwrta- 
zione dell'Albania del mezzogiorno : possiede un ricco e vasto 
ba^ar, composto di tre vie ombreggiate da platani annosi. È 

(1) F. GuicciABDiM. /iiii»r««oni d'Albania (Auova A»Hoto^'a, 16 giugno ItìOl) pag. 586. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 313 

custodita da una cittadella che sovrasta al bazar, dalla parte del 
lago, eretta sopra un aggetto roccioso di bianco calcare e sepa- 
rata dalla città da un largo fosso. La cittadella è famosa per i 
fasti di Ali Pascià di Joanina, che fini i suoi giorni nel!' in- 
terno di quest'opera ampia e poderosa (1). 

La pianura attigua alla città — contraddistinta dalla sin- 
golarità e dalla copia dei fenomeni di idrografia sotterranea — , 
neir estate è asciutta e coltivata a mais, nell' inverno assai 
spesso è ricoperta dalle acque, a guisa di grande depressione 
lacustre (2). 

Da Joanina si distacca una buona rotabile alla volta di Santi 
Quaranta (Hagii Saranta), da una parte, e di Argyrocastron 
dall'altra. Essa costeggia dapprima la sponda occidentale del 
lago, piti oltre si mantiene sull'alta soglia di terre (conglome- 
rati del pliocene e calcare dell'eocene), che limitano da ponente 
la palude della Dioryx, fino all'altezza déiVhan di Lykostomi 
(Chan Lykostomi, ossia bocca di lupo). A questo punto la rota- 
bile oltrepassa un viadotto attraverso la depressione lacustre, 
lungo circa un chilometro (3). 

Procedendo oltre lungo le basse pendici dei Micicheli, la ro- 
tabile tocca gli han di Dovrà e di Nerades (640 metri), d'onde 
le acque superficiali discendono al Calamàs: lascia discosto 
sul fianco sinistro i radi avanzi di Passaron, l'antica reggia di 
Pirro, arriva al han di Kalyvàki, dal quale si distacca la strada 
verso Lescovetz, Gonza e Monastir. (Itinerario XIX). La rota- 
bile oltrepassa in seguito il Calamàs (l'antico Thyamis), sovra 
un ponte subito a valle delle sorgenti carsiche del detto fiume 
(Kephalòvrysis), al piede delle alture di Dolianà; si inoltra 
infine in una piana ricoperta da uno spesso detrito calcareo 
(occupata un tempo da una depressione lacustre oggigiorno 
prosciugata) ed arriva al han denominato di Zarovina (470 metri). 



(1) PouQOEviLLE. Histoire de la régénération de la Grece, — Paris, 1824, voi. III. 
pag. 373. 

(2) Il territorio di Joanina e ricco di insigni avanti dell'antichità clastica Sulle falde 
orientali dei monti Olycica, presso Tsarakovitia^ si veggono le rovine dell' antica Do- 
dona pelasgioa: verso Besdani esistono forse i ruderi dell'antica Eurvea. 

(3) E. Dboubskmatis. U Epiro. Relazione di un viagoloda Joanina a Valona. titUet- 
Uno della Società Geojrafiea Italiana^ 1878 



Digitized by 



Google 



314 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Subito dopo Vhan di Zarovina, costeggiando le rive del la- 
ghetto carsico omonimo, la rotabile tocca Vhan di Delvinaki 
(560 metri); scende nell'alta vallata del Drynos (Ouvéris); 
tocca Kolode, Kakkavia ed arriva a Greorgucates, nella florida 
conca di Lakka-Muktar. 

Tra Vhan di Zarovina e Georgucates, si distaccano verso set- 
tentrione due comunicazioni alla volta di Argyrocastron : l'una 
mulattiera, lungo la destra del Drynos — assai frequentemente 
ostacolata d'inverno dalle alluvioni — , la quale partendosi poco 
ad ovest di Zarovina, per Episcopi e Libochovon, raggiunge 
Argyrocastron ; l'altra, carrareccia, piti breve e più sicura in ogni 
stagione, da Georgucates, radendo le- pendici dei monti Base, 
per Goritza e Goranzi, arriva medesimamente ad Argyro- 
castron. 

Argyrocastron {Ergeri, dei Turchi). — È città scalata sovra 
terrazzi aridi e petrosi e dominata da una fortezza. Conta piti 
di 1500 famiglie, nella massima parte musulmane, poche ohieee, 
molte moschee ed edifizi di qualche rilievo, costrutti per lo più 
in pietra da taglio. 

Da Argyrocastron si dirama una buona mulattiera che 
scende al Drynos e lo oltrepassa su di un ponte di pietra: rasenta 
pili avanti le pendici dei monti Lincuria, in vista di un vecchio 
castello di Ali Pascià di Joanina (1) ; tocca Tribuki, Subasi, 
presso al cui ponte la mulattiera passa sulla riva sinistra del 
Drynos e, tra pendici boscose e rupestri, la mulattiera mette 
infine capo alla città di Tepeleni. 

Da Tepeleni, come è detto più sopra, delle comunicazioni mu- 
lattiere e carrarecce adducono a Yalona, da una parte, oppure 
a Berat dall'altra. 

Lo sviluppo della comunicazione, da Joanina, per Tepeleni, 
Georgucates ad Argyrocastron, è di circa chilometri 110. Oc- 
corrono, per percorrerla, almeno 35 ore. 



(1) Questo castello è ora conosclato sotto il nome di forte di Santa Trinità. 



^ 



Digitized by 



Google 






ITINERARI STRADALI 315 



Itinerario XXI. — Da Oeorgucatea, per Delvino, 
a Sarhti Quaranta, 

Non molto ad occidente di Georgucates, la rotabile prove- 
niente da Joanina oltrepassa la sella tra i monti Base' e Plato- 
vuni e, per Vhan di Muzina (600 metri), scende nel bacino di ri- 
cevimento della Vistritza (Kalesiotikos), costeggiando pendici 
ricoperte di detrito calcare ed ombreggiate da querce, noci, 
castagni ed ulivi. 

La rotabile supera in seguito alcune convalli del detto ba- 
cino di ricevimento della Vistritza e tra praterie verdi, macchie, 
dumeti e campi di mais, scende infine a Delvino (1). 

Delvino {Delvinon). — E' una piccola città di lingua mista, 
ellenica ed albanese. Dei suoi abitanti, un terzo è di religione mu- 
sulmana e due terzi greci-ortodossi. Possiede una bella piazza 
rettangolare, con costruzioni ad uso di bazar e di caffè. L'abi- 
tato, urbano annovera oltre 3000 abitanti. 

Uscendo dalla conca di Delvino, per la depressione denomi- 
nata della Vecchia Fortezza, la rotabile prosegue il suo cam- 
mino attraverso campi di mais e di riso, verso Sigani e Metochi ; 
d'onde mette capo a Santi Quaranta. 

Santi QuararUa (in tosco Sarandos). — Il b«rgo si compone 
di una ventina di case ed è circondato da un muro. Si eleva a 
ridosso di colline di calcare eocenico, al riparo dai venti più pe- 
ricolosi. L'intera borgata è dominata da una vecchio castello, 
opera di Ali Pascià di Joanina. 

Non lungi dallo scalo di Santi Quaranta si stendono le rovine 
dell'antico Onchesmos illirico e romano (2). 



(1) Vedasi la carta di ArgyroKastron-Berat (L, 14) alla scala dì 1:300/)00 dell* I. R. 
Istituto Militare di Vienna (Ed 1897); nonché la carta ali* identica scala redatta dal 
Pbilippson ed annessa alPopera più volte citata. 

(2) CicBBO. Ad AtttV, I, 7, Ep. 2. — Philippsok, Reiten und Fortehung§n in Aord- 
Qriech^nland, op. dt., pag. 241. 



Digitized by 



Google 



1 



316 VI ABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 

Lo sviluppo della rotabile, da Georgucates al porto di Santi 
Quaranta, è di chilometri 45. Per percorrerla sono necessarie 
10 ore. almeno. 



Itinerario XXII, — Da Santi Quaranta, per Murzi, Sagiada 
e Philiataes; a Paramithya. 

Questa comunicazione, rappresenta la congiungente dei piccoli 
sbocchi costieri del mezzogiorno dell'Albania che prospettano 
all'isola di Corfti. Essa si compone di una buona mulattiera che 
si svolge rasente alla piana alluvionale del Kalesiotikos, tocca 
Tsuka, oltrepassa le diverse correnti costiere che impaludano 
nelle lagune di Butrinto e, per Karalibei, tra macchie folte di 
asfodilli, arriva a Murzi. 

Da Murzi, per Tsifliki, lasciando' ad oriente la piana di Ko- 
nispoli, lungo dossi e per pendici collinose ricoperte di mirti, la 
mulattiera tocca Sagiada. Prosegue oltre per Skepharl alla 
volta di Philiataes, capoluogo del distretto di Parakalàmos, 
centro agricolo e commerciale molto considerevole. La popo- 
lazione della contrada è composta infatti, in maggioranza, di 
commercianti e di artigiani . e tra questi idtimi prevalgono i 
Valacchi (oltre 300 famiglie). 

Da Philiataes, la mulattiera continua alla volta di Parami- 
thya, carreggiabile a tratti. Rasenta un'ansa dèi Kalamas sotto 
Kalvaki, ne oltrepassa un'altra più vasta verso Minina, e scende 
infine nell'alto bacino di ricevimento del Vuvòs, a Paramithya; 
in una insenatura alluvionale serrata tra i monti calcari del 
mesozoico di Tchupan e di Kurila. 

Paramithya {Aidonat), — E' città posta in pittoresca posi- 
zione : ha strade assai bene disposte, considerevoli edifizi ed un 
bazar molto frequentato. Annovera circa 550 case e piti di 3.000 
abitanti. 

Lo sviluppo della comunicazione fino ad ora esaminata è 
di 60 chilometri. Occorrono, per percorrerla, 15 ore. 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 317 



Itinerario XXIII. — Da Parga, per Margariti, 
Paramithya] a Joanina, 

Parga è una piccola città di più che 2.000 abitanti, assai 
famosa nelle tradizioni nazionali elleno-schipetare. 

Da Parga, lungo il piano alluvionale di Muri (Margaritinos), 
si distacca una mulattiera che adduce a Margariti (2.500 abi- 
tanti) ed a Paramithya; d'onde, per Levtherocori (Chionistra) 
e per la Kaki-Skala si addentra tra i rilievi di Doscaria e, per 
Vhan di Dzamaliga e Cosmara, raggiunge la conca di Joanina. 

Lo sviluppo di questa comunicazione è di 90 chilometri. Per 
percorrerla sono necessarie 24 ore. 



Itinerario XXIV, — Da Salachora a Filippiades. 

Da Salachora, nel golfo Ambracico — che è il vero e proprio 
emporio marittimo di Joanina. — , si diparte un'ottima rotabile 
che, per Vigla, attraverso la pianura alluvionale di Kampos-Po- 
tamia ed i casolari di Imamtschaus, raggiunge la rotabile di 
Prevesa a Joanina nelle adiacenze del monastero di Metochi. 
Questa rotabile misura 20 chilometri di sviluppo e per percor- 
rerla occorrono 4 ore. 



Itinerario XXV, — Da Salachora, ad Aria e Joanina. 

Dalla rotabile tra Salachora e Vigla si stacca quella per Arta, 
toccando Pljska e Kostakius. 

Oltre Arta la rotabile si trasforma in carrareccia. Essa avanza 

lungo il piede sassoso dei monti Karvassaras, passa in vista del 

forte di Pentepigadia {Cinque pozzi), si addentra tra i rilievi degli 

Xerovuni e dei Karvassaras, tocca Buratza e Pestìa ed immette 

infine nella rotabile da Prevesa a Vaio na, alleai tezza di Koviliasto. 

Lo sviluppo dell'intera comunicazione è di 65 chilometri: 
il tempo necessario a percorrerla è di circa 16 ore. 



Digitized by 



Google 



318 VIABILITÀ ED ITINERARI STRADALI 



Itinerario XXVI. — Da Sagiada a Joanina, per Philiataes, 

Da Sagiada a Philiataes, la comunicazione si svolge secondo 
quanto fu esposto nell'Itinerario XXII. Oltre Philiataes si 
stacca una buona mulattiera che, per Keramnitza, scende in 
vai di Longovitza (Calamas) presso Levtokarya. 

Procedendo innanzi, la mulattiera oltrepassa parecchie con- 
valli di arenarie, appartenenti al rilievo dei monti Doskeria: 
tocca poscia il breve bacino alluvionale di Suli, alla confluenza 
della Molitza nel Calamas, d'onde affronta le alture dei Curenda. 

A valle di Eaiku, per un ponte su questo ultimo flume, la 
mulattiera prosegue alla volta di Veltsista e, per Radotovi, 
Besduni e Besdunopulon, mette capo a Joanina. 

Lo sviluppo di questa comunicazione è di 75 chilometri. 
Sono necessarie 20 ore per percorrerla. 



Itinerario XXVII, — Da Santi Quaranta e DelvinOj a Valona, 

per i Ducati. 

Dalla fronte Delvino-Santi Quaranta si diramano, in dire- 
zione di settentrione, due mulattiere le quali, per il bacino allu- 
vionale del Kalesiotikos l'una; per la regione calcarea eocenica 
superiormente agli avanzi di Onchesmos romano, l'altra, si 
riuniscono a S. Vasilios (8en Vasil). 

Di qui un'unica mulattiera prosegue alla volta di Pikerni, 
costeggiando i rilievi di Monte Levani e, per Borsi e Ftera 
— dove s'incontra con una mediocre mulattiera che tende a 
Tepeleni — , scende in vai di Susiza presso Vranista. A questo 
punto la mulattiera si sdoppia di bel nuovo: per un ramo di- 
scende la Susiza fino al ponte di Hamidjè, d'onde raggiunge Va- 
lona; con un altro s'inerpica al valico di San Giorgio (Ciafa Sen 
Gergit - monti Lungara), scende in vai di Ducati (Perroj Duca- 
tit) e, per Ducati, giunge alla piana sabbiosa di Pasaliman. La 
mulattiera oltrepassa subito dopo il torrente Izvor (il Kelidnos 
di Tolomeo) e per S. Onufrio, il piede dei rilievi di Crionero 



Digitized by 



Google 



ITINERARI STRADALI 319 

(Kàlja) e di Canina, mette infine caxM) a Valona (Skala). Tra 
Crionero e lo scalo di Valona la comunicazione è carrareccia. 
La media dello sviluppo di queste comunicazioni — tra Santi 
Quaranta, Delvino e Valona — è di circa 110 chilometri. 



Itinerario XXVIII. — Da Joanina a Metzavo, 

Da Joanina, una rotabile costeggia il margine meridionale del 
lago: per Vhan di Lefka essa giunge a Kyra, dove diventa 
mulattiera. Scende quindi in vai di Arctinos, rimonta la riva 
destra del Metzovitikos e, per Vhan di Tria-Chania, arriva a 
Metzovo. 

Da questa città, per il passo di Zygos (1650 metri) e Mala- 
kasi, una buona midattiera scende alla vallata della Salamvria, 
a Kalabaka ed a Triccala. 

Lo sviluppo di questa comunicazione è di 38 chilometri. Oc- 
corrono 8 ore per percorrerla. 



Itinerario XXIX, — Da Joanina a Syrdku, 

lidi, mulattiera da Joanina al distretto di Syraku si distacca 
dalla rotabile che lambe la sponda meridionale del lago, presso 
Vhan di Katsikà. Oltre ad esso, per Gulas, la mulattiera arriva 
a Kontovrachi ed al ponte di Jerakavi sull' Arctinos. Dopo di 
esso la mulattiera. avanza in strette e forre, dal caratteristico 
profilo dei canons. 

Lasciato il fiume, la mulattiera si inerpica faticosamente 
lungo le arenarie di Paleochori e scende nella florida conca di 
Syraku; d'onde, per Kalarrhytae, il corso dell' Aspros ed il 
passo di Mandra, mette capo a Metzovo. 

Lo sviluppo di questa mulattiera è di 30 chilometri circa, 
e per percorrerla occorrono 8 ore. 



Digitized by 



GoQgle 



Digitized by 



Google 



r. • 



321 



Annesso alla Parte III. 



RACCOLTA DI VOCABOLI GEOGRAFICI 



Are e Idvruemè — campo colti- 
vato. 
Akulli — Ghiacciaio. 
Ade — isola (etimol. turca). 

Balte — fango, terreno fangoso. 
Bardhe — bianco. 
BatiUe — marea. 

Bieske — pascolo di montagna. 
Boke — collina. 
Bregu (pi. brige) - costa. 
Brinja — falda, pendice montana. 
Berrake — laguna. 
Bore e Ngrime — nevajo. 
Burimè — catavótra (fenomeni 
idrografici di natura carsica). 

€iafa — gola di monte e valico. 

Drapen — promontorio falcato. 
Drèdhie — ansa di fiume — lu- 
nata. 
Dedi — mare. 
Dhee — terreno. 
Dushk — macchia. 

Era — vento. 



Oryke — baja, foce. 

Orèmise — dirupo, parete roc- 
ciosa. 

Qropim (gropa) — escavazione, 
cavità carsica. 

Qure — pietra, macigno. 

Ourzi — pietra frantumata, brec- 
cia. 

Oume — rapida di fiume, cascata. 

Heixa — cresta montana, linea 
di spartiacque. 

Ishull — isola. 

Krye — capo (testa). 

Kape — versante. 

Ktéci — rosso. 

Kulle — castello, fortezza, torre, 

opera fortificata in genere. 
Koder — collina, rilievo proprio 

dei terreni argillosi e marnosi. 
Krue — fontana, fontanile. 
Keneta (Kneta) — palude, ma- ' 

rem ma. 
Kesolle — capanna di giunchi 

e paglia. 



Fushe — vallata aperta di natura Lemashke — prodotto alluvio- 
alluvionalo. naie, melma. 



Digitized by 



Google 



1 



322 

Livadhi — prato, praterìa di 

alta ' mojitagna. 
Léce — sabbia, littorale sablino. 
Luge — bassopiano, depressione. 
Lumj — fiume. 
Liceni — lago. 
Lugh — valle chiusa, abbevera - 

tojo. 
Limani — porto. 

Maja -«— cima, vetta. 
Mal — montagna. 
Madhe — grande. 

Ograja — prateria di pianura. 

Perulunit — depressione. 
Post — sotto, a valle. 
Pul — bosco. 

Bhiighiste — sentiero montano. 
Rhughe — strada in genere. 

Shtègu — forcella. 
Sheu — torrente, fiumana. 
Shkamhi — macigno, roccia. 
Shtrati i lumit — filone di un 

corso d* acqua. 
Shtepie — casa in pietra da taglio. 



8uke — collina isolata — rilievo 
in terreno alluvionale. 

Syperi — sopra, a monte. 

Shpella — caverna carsica. 

Shkalla — sentiero in terreno 
roccioso e difficile. 

Tebane — casa di legno. 
Thermimè — detrito calcare. 
Trap — pianca, pedana. 
Toke — terreno. 
Termék — terreno, commozione 

tellurica. 
Terih — terreno secco, asciutto. 

^ lira — ponte. 
Uje — acqua. 

Varget e Mdleve — catena di 

monti. 
Vade — guado. 
Vogeli — piccolo. 
Voeae — rugiada. 

Xalli — secca di un fiume. 

Xalle — greto. 

Xhuri — ghiaja, breccia. 

Zeze — nero. 



Digitized by 



Google 



ALLEGA 



20 — Albania. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Alleoato N. 1. 



325 



GENEALOGIE DEI PRINCIPI ALBANESI 



COSTANTINO KASTRIOTA 

Cognora. Mesereku (i) 

Prìncipe dell'Emathia (Macedonia) e di Kastorìa 

(cfr. Flav. Comneno) 

m. 1390 

I 

Giorgio Kastriota 

Prìncipe dell'Emathia, Umenestrìa e Kastorìa 

I 

Giovanni Kastriota 

Prìncipe dell'Emathia, Umenestrìa e Kastorìa con Kroja capitale 

(cfr. P. Luccarìs, 1. 3, p. 86) 

spos. Voisava figlia ai N. N. 

Signore di Pologu regione della Macedonia 

confinante con la Bulgarìa 

e non già figlia del Re di Bulgarìa, come altrì scrìsse 

1^ 



Reposhi 

(morto di veleno) 

I 

Amesa 



I 
Stanitsa 



Costantino 



NB. Un nipote di Skanderbegh da parte di 
sorella si fece turco ed ereditò gran parte dei suoi 
stati dopo la caduta di Kroja. 



I (*) 

Giorgio 

detto Skanderbegh 

spos. Donica (al. Marina) 

figlia di Arìanite Comneno 

Prìncip di Budareshi 

e Terranova in Albania! 

Sualche autore scrisse che ebbe 
tra moglie, ciò non consta. 
\ 



Giovanni Kastriota 

Duca di S. Pietro 

in Galatina 

sp. Irene figlia 

del Despota di Serbia 

Lazzaro Brankovich 

e di Elena Paleologa 



Voisava 

che sposò 
Stefano Maramonte 
Duca del Montenegro 



Maria 
m, 1560 



Ferdinando 
Duca di S, Pietro 



. I 
Giorgio 
Kastriota-Skanderbegh 
m. 1540 



CostantinoKastriota 
Vescovo d'Iscmia 



Ferdinando Kastriota 

Duca di S. Pietro in Galatina 

spos. N. N. figlia del Duca d'Acquaviva 

^ I 



I 



I 



I 



I 



I 



I 



Achille Frederico. Alfonso Paolo Giovanni Ferdinando Irene 



(♦) I 

Angela 
(— Jalla«Ejella) 

madre di Goiko 
e Giorgio Shtrcxi 



I 

Angelina 

sposa 

a Vladani-Golemi 

fratello 

di Arìanite Comneno 



Vlaika 

sposa 

a Giovanni Musachia 



Maria 

sposa 

1 Cost. Zemovich 

figlio di Stefano 



Mamiza 

sposa 

a Musacia-Topia 

che mori in guerra 



(*) Le presenti genealogie sono state riprodotte da uno studio del Dott. G. Jakova-Merturi. - Roma, 
Tip. Manuzio. 

(i) Sembra dal cognome Meserek che la famiglia di Skanderbegh sia orìginaria di Maserèku, paese 
sotto Shellaku e che più tardi passata a Kastrati abbia preso il cognome di Kastriota. Come poi da 
Maserèku sieno passati a più alta fortuna, la storia tace, né vi ha documento alcuno. 



Digitized by 



Google 



326 

Essendo morti senza figli tutti i maschi, la figlia Irene portò in dote il Ducato dì 
San Pietro in Gralatina alla famiglia Sanseverìna, avendo sposato Pietro Antonio Principe 
di Bisignano. Ebbero un figlio, Bernardino, che morì senza prole ed una figlia. Vittoria, 
che passò sposa a Ferdinando di Capua, Duca di Termoli (cfr. CampanìU, pag. 98). 

Altri Kastrìota, duchi di Ferrandina soi^o ricordati dalla storia, ma è impossibile ricon- 
giungerli al ramo diretto di Skanderbegh che si estinse. 



II. 
SPANI aw. SBANI. 



Andrea Spani 
Duca di Drìvasto («Drìshti) 

I 
Pietro (al. Michele) Spani 

m. die. 1454 

spos. Agnese sorella di Voisava 

madre di Skanderbegh 

I 



1 

Andrea Spani 

Duca di Drìvasto 

sposò Agnese 

sorella dì Donica (?) 

moglie di Skanderbergh. 

Successe nel Ducato 

la famiglia ^if^^/t 


Alessio 
sposò 
figlia di Giorg 
despota 


Spani 
Miliza 

io Brankovich 
li Serbia 


1 / 
2 Pietro Marco 
2 Paolo 
2 Michele 
2 Giovanni 
2 Emone 
2 Martino 
2 Agnese 



I I I 

Alessandro Spani Marco Spani Biasio Spani 
sposò sposò sposò 

Elisab. Molorìa Nicolina Brìana Catter. Contarìni 
nobile padovana nob. veneta figlia 

dì Sigismondo 
nob. veneto 



I I 

Adriano Lucia 

sposò sposò 

Giovanni Micheli Pietro Angeli 

Duca di Pologu nobile veneto Duca di Drìvasto 



Angelina 
sposò 
Stefano 



Marco Spani 
spos. Catterìna 

de Ferrari 
nob. padovana 



Cornelia 

sposò 

Giovanni Paolo 

dall'Orologio 



Pare che Alessandro Spani per ignote ragioni essendosi portato a Padova rìnunziasse 
a sua sorella Lucia i dirìtti del ducato di Drìvasto, che essa portò in dote a Pietro Angeli. 



Digitized by 



Google 



327 



III. 
DUKAGINi 

Giovanni 

ossìa 

Gini ossia Duka-Gini 

(Cfr. Flav. Comn.). 



Giorgio Diikagìni 
nat. 1349, spos. N. N. figlia di Giov. Musacia 



Atanasio Diikagìni 



I 



Biero 
n. 1392 



Andreolo Progono Paolo Dukaginì 
n. 1395 n. 1397 n. 1399 



I 
Basilio 



Lek Dukagìni 

n. 1410 

I 

Nicolò Dukagini 

1 

Aras-Pasdà 

(turco) 

I 

Progono 

Amsa-Pasdi 

(turco) 



Progono 
n, X411 

I 
Progono 



Luka 
n. 1417 



Giorgio 
n. 1418 

I 
Progono 



Demetrio 

I 



I 
Giovanni 



I 



I 
Nicolò 

I 



Stefano 



Leka 



I I I 

Nicolò Paolo Giorgio 



Vezza 

sposa di 

Giorgio Kuka 



Demetrio 

I 

Giovanni . 

I 

Bartolomeo 

I 

Paolo 



I 



1 



I 



I 



I 



I 

Paolo 

n. 1390 

I 

Atanasio 

n. 1412 



Nicolò Francesca Maria 



I 
Ader 

(turco) 



I 
Mehmet-Pascià 

(turco) 



Nicolò Giovanni 



IV. 
I COMNENO DUCHI DI DURAZZO. 

Isacco Comneno 

fratello di Alessio Imperatore 

sposa Irene Alana 

I 

Giovanni Comneno 

creato Duca di Durazzo dallo zio Imperatore Alessio Com. 

poi prefetto Sacri Cubiculi, quindi deposto. 



Alessio Comneno 

Duca di Durazzo 

1106 



Costantino Comneno 
Sebaste e Duca di Bcrrea 



Adriano Comneno 
si fc' monaco col nome di Giovanni e fu creato 
Are. di Ocrìda dopo la morto di Michele. (Cod, 
Ms. Bibl. Reg. sign. 2.123, riportato dal Ducangc, 
Fam. Byzantinof, p. 174-175). 



Digitized by 



Google 



■rJ& 



328 



V. 
COMNENO. "> 

N. Comneno 
vi$sc circa il 1300 (Barlet., I. 7, p. 2n). 



I 

Arìanite Topia Golemi 

detto anche Arianite Comne- 
no ^i), spos. N. N. della no- 
bile famiglia Musachia ; ed 
ebbe una figlia detta Irene 
sposa di Steiano Brankovich 
— Morta la prima sposò N. N. 
figlia di Olivano Francone di 
Sessa già vedova di Harmaza 
nob. Corcirese. 

Morto 1469. 



Musachio 

spos. Voisava 

I 

Moisè Golemi Arianite 

detto anche 

Moisè di Dibra 

Generale di Skandcrbegh 



Vladani 



(*) 



I 
Costantino Comneno 

nato 1457 
morto il padre, essendo 
di 12 anni, cacciato dal 
Turco dai suoi stati, andA 
a Roma e poi in Francia. 
Morì a Rr»ma dove è se- 
polto nclli\ chiesa dei Santi 
Apostoli, l'a. 1581 essendo 
d'anni 77, come lo dice lo 
stesso epitaffio (*) 

I 



I I I I I I I I I 

Pazi N.N. Comneno Donica Maria Catterina Teodora Voisava Agnese Comiione 
protonotario (turco) 

(*) Epitaffio che si legge nella chiesa dei Santi Apostoli in Roma: 

« Costantino Comneno Macedoniae principi, Achaiae Duci, qui cum patrc amisso XII an- 
nos natus, avitis regnis a Turcis pulsus esset, animi magnitudine fortunac injuriam confutavit. 
bellicisque studiis majorum suorum amplitudinem adaequavit, primum a Pontifice Max. at^sr 
Aloysio Gallorum Rege amplissimis exercitibus prcpositus, omnibus impeiatorìts virtutilnis 
summam gloriam adeptus est. Arianites filius patri opt. morìt. pos. Vix. ann. I^XXVll. 
Decessit kal. Maii An. Dom. MDXXXI h. 



Arianite Comneno 
morì a Roma il 16 nov. 
1551 combattendo per il 
Papa a Torchiara contro 
Orazio Farnese. Lo stesso 
Farnese ammirato del suo 
valore lo fé' trasportare a 
Parma dove lo fé' seppel- 
lire con ogni onore. (Cfr. 
Thuanum, 1. 8). 



Donica 

sposa di 

Carlo Despota 



1 

Pentesilea 

sposa di 

Lek Dukagini 

figlio di Nicolò 



Ippolita 

sposa 

Leonello Pio 



I I 1 

Polissena Dianira Elena 

sposa Ranuntio sposa sposa 

di Matelico Giorgio Trìvubio Giov. de Luna 

di Cario V Castellano 

prefetto di Milano 
in Ungheria 



(*) 



I 



I 



Donica 


Maria 


Catterina 


Voisava ? 


Teodora 


ow. Andronica 


sposa 


sposji 


secondo 


sposa 


sposa 


Bartolom. Guispo 


N. N. Spani 


Flavio Comneno 


a N. N. 


di Skandcrbegh 


di Savona 

1 


1 

N.N. 


sarebbe 
la 2» moglie 


nobile d'Alba 




Francesco 


sposata 
a N. N. 


del padre 






Della Rovere 


di Skandcrbegh 






Arcivescovo 


nobile ungherese 


Maria 






di Benevento 


poi a 






(Cfr. Sch rader, 


Nicolò Boccali 


sposa 






MoHuni. Italie, 




a Giacomo 






1. I, P. 25). 




de Pagani 








nob. bresciano 





Agnese 



I 
Comitone 



sposa sposa 

a Pietro Spani a Gaitan-Shtrest 
ovv. a suo figlio 
Andrea Spani 



Catterina si sposò di nuovo nel 1519 
a Mercurio, Prefetto d'Alb.i, 
(Cfr. Sangiorgium). 



(1) Poiché la parola Golemi significa capelluto ^ come scrive Barletio, 1. 7, p. 37, fu da molti tradotto in latino ComincUus. 
e questo ctjgnome ptirtarono spesso in vece di Comneno. Onde sembra non dubbio che dai Comneno Arìanite discenda anche 
la famiglia COminati o Kominatsi di Scutari. 



Digitized by 



Google 



329 



VI. 



ANGELI 

(della famiglia imperiale di Costantinopoli). 

Michele Angeli 

nobile di Drivasto 

m. 1465 

I 

Andrea Angeli 

Voivoda e capitano di Drivasto 

da lui ceduta ai Veneziani 

sposò N. N. 

figlia di Matteo 

Cantacuzeno 

! 

I I 

Paolo Angeli 

Arcivescovti di Durazzo 

e 

Cardinale S. R. E. 



Pietro Angeli 

Generale di Skanderbegh 

preposto 

ad un distaccamento 

di cavalleria 

ebbe per sposa 

Lucia 

figlia di Alessio Spani 



I 

Demetrio Angeli 

Rettore 

della chiesa di S. Giov. Batt. 

in Branensi oppido 

in (Agro Novalensi) 



Alessio Angeli 
morto in guerra 



I 
Paolo Angeli 
Principe di Caonia 
Arcidiacono e Cano- 
nico di Drivasto e 
Protonotario Aposto- 
lico; successe allo zio 
Demetrio nel Retto- 
rato. 



I 

Andrea Angeli 
Canonico di Drivasto 
poi Rettore della chie- 
sa di S. Angelo de 
Sala in Agro Pata- 
vino Conte e Duca di 

Drivasto, 
fé' testament<»(i4 set- 
tembre 1579) a Roma 
istituendo erede Pie- 
tro Angeli figlio del 

fratello Demetrio 
Principe d'Acaja fu 
sepolto nella chiesa di 
Ara-Coeli nella tomba 
di Catterina di Bosnia 
che egli chiama pa- 
rente. 



I 

Girolamo Angeli 
Principe di Tessaglia 
Conte di Drivasto e 
Capitano S. Sedis Ap. 
m. 1591 in Lombardia 
fu « magister Militiae 

Militum Auratorum 
Angelicorum S. Geor- 
gii ». Sposò Orsola. 
(Cfr. Bernard Scar- 
deon. C. 3, p. 353. 
Aug. Portenar. C. 5, 
e. 8). 



Giovanni Demetrio 

Aug. 

Conte di Drivasto 

e Principe d'Achaia 

spos. Francesca 

figlia di Bartolomeo 

Magna 

nobile veneto 

1 



Michele Angeli 

(Flavio) 

anno 1590 

sposò N. N. 

della 

famiglia veneta 

Micheli 

I 



Leone Angeli Andrea Angeli Altadonna 
m. 1591" Conte di Drivasto Angeli 



Giovanni 



Pietro 



1 I 

Angelo Santa Maria 



Orsola 



Pietro Flavio 
Angeli 
Principe di Macedo- 
nia e Duca di Driva- 
sto, sepolto nella tom- 
ba di Catterina Regina 
di Bosnia in Ara- 
Cooli, sposò Lucrezia 
Bcvulla nobile mila- 
nese. 



I 



Gian Andrea Flavio Angcli-Comneno 
Duca dì Drivasto e di Durazzo, maestro del Supremo Ordine di S. Giorgio, morì 
a Milano e fu sepolto nella Chiesa di S. Bartolomeo (cfr. Placid. Puccinelli). 
Si chiamò ai 
Venezia, idi 



Digitized by 



Google 






330 



Duchi di Durazzo. 



CARLO n RE DI SICILIA 



Filippo 
Principe di Taranto 
Signore di Duraxzo 



I 

Giovanni di Sicilia 

Duca di Dnratzo 

e Prìncipe d'Acaia 



Carlo 

Duca di Durazzo 

ni. 1347 



I 

Roberto 

Prìncipe della Morea 

ucciso alla battaglia 

di Poitiers 

an. 1356. 



sp. 



I 
Stefania 
in Portogallo 



Luigi 

Conte di Gravina 

m. 1362 

Carlo 
Re di Napoli 

Ladislao 

Re di Napoli 

Giovanna 

Regina di Napoli 



Luigi Giovanna Agnese 

Contessa di Durazzo sposa 

sposata a) a Can de la Scala, 

a) a Luigi di Navarra; Prìncipe di Verona; 
/^) a Roberto d'Artois. ò) a Ciac, de Baux, 
imper. di CP. 



Clementina 



Margherita 
sposa a Carlo 
Re di Napoli 



Autori da cui sono tratte queste memorie genealogiche : Costant. PorjJiyrog. de Adm. 
Imp. — Scylitzes — Orbinus — Lucius (Jlt'st, Dalm,) — Tyrius — Marcus Marculus. 
(Htst. Dalm,) — Luccari — Zonara — Amna Comnena. 



Digitized by 



Google 



331 



Allboato N. 2. 



Statistica delle Collide Italo-Albanesi. 



PROVINCIA 



LOCALITÀ 



RITO 



greco latino 



CENSIMENTO 



1901 



ISSS 



C0SE17ZA 



Aoqnafonnosa . . . 

Aldibona 

Castroreggio. . . . 

CavallerisEo. . . . 

Cervioati 

CeTMto 

Civita. 

Falconara .... 

Farneta . , . . . 

Firmo 

Frasoineto .... 

Lungro 

Macchia 

Marri 

I Mongrassano . . . 

/ Piatici 

\ Peroìle 

Rota 

8. Basilio .... 

8. Benedetto . . . 

8. Caterina Albanese. 

8. Cosma 

8. Demetrio Corone . 

8. Giacomo Albanese. 

8. Giorgio .... 

8. Lorenzo .... 

8. Lorenzo Bellizsi . 

8. Martino Albanese. 

8 8ofia di Epiro . . 

8erra di 8. Leo . . 

8pezzano Albanese . 

Yacc arizzo .... 



Totale prov. di Cosenza 



1 
19 



1 
1 

1 

1 

1 

13 



1,562 
1,715 
1,478 
1,020 
1,549 
2,613 
2,849 
2,323 

910 
1,071 
2,526 
4,000 

503 

676 
2,107 
2,022 
1,202 
2,065 
1,869 
2,637 
1,726 

823 
5,125 
1,150 
1,311 
1,304 
2,544 
2,072 
2,040 

595 
3,572 
1,505 



1,762 

1,643 

1,608 
2,737 
2,425 
2,031 

2,064 
2,845 
5,569 



210 
1,898 
1,007 
1,689 
1,136 
2,367 
1,611 

797 
3,952 

1,278 
1,222 



1,609 

3,853 
1,651 



60,364 46,959 



21 — Albania. 



Digitized by 



Google 



332 



PROVINCIA 



LOCALITÀ 



RITO 



greco latino: 



CENSIMENTO 



1901 ISSS 



Catanzaro . 



Amato. . 
Andali . < 
Arietta . 
Casalnnovo 
Carfizzi . 
Pallagorio 
S. Nicola 
Vena . . 
Zingarone 
Caraffa . 
Marcedasa 
Gizzerie . 



Zagarie (Zagarise). 



Totale prov. di Catanzaro 



Potenza . 



Basile 

Brindisi della Montagna 

CastelnnoYo (detto anohe 
S Paolo Albanese). 

Masohite 

S. Costantino Albanese . 



Totale prov. di Potenza 



Foggia . 



Chieutì 

Casalnovo 

Casalyecchio 

Panni 

Greoi di Paglia . . . 

S. Paolo 

Faeta 

Castellnochio dei Sauri , 



Totale prov. di Foggia 



13 



1,768 
1,717 

945 
1,351 

260 
1,412 
3,622 
1,001 
1,658 
1,478 

886 
2,921 
1,784 



20,803 

4,107 

1,154 

836 

3,771 
1,446 



11,314 

1,693 
4,610 
2,410 
4,461 
3,572 
3 932 
3,654 
2 202 



1303 
1,621 



1133 
2,359 



1,363 

885 

2,641 

1,448 



12,753 

4,142 
2,197 
1,103 

1,953 



9,395 

1,739 
4,123 
2,513 
4,705 
3,156 
2,804 
3,899 
1209 



26,534 



24.148 



Digitized by 



Google 



PROVINCIA 



LOCALITÀ 



Teramo . 



Campobasso 



Yillabadessa. . . 

Campomarino . . 
Porto Cannone. . 

Umri 

S. Croce di Magliano 
Monteoilfone . . 



Lecce' 



Totale proy. di Campobasso 
/ Galantina. . 
raggiano . . 
Marti gnano . . 
Monteparano 
Rocca Forzata 
S. Giorgio . 
S. Martino . 
S. Marzano . 
Sternatia. . 
Lollino . . 



\ 



Palermo. 



Totale prov. di Lecce . 
Contessa finteli ina 
Mezzojoso . . 
Piana dei Greci 
Palazzo Adriano . 



Totale prov. di Palermo . 

Catakia. . . i ®- ^^^^^^^ ^' ^*«*"* 
i Brente (i; . . . 

Totale prov. di Catania . 

GiRGENTi . . j 8. Angelo . . . 

Totale generale. 

(1) TaluDi sostoDgoDO ohe Bronte noa abbia 



Digitized by 



Google 



334 
Allegato N. 3. 



Statistica dei Saigitceati 




Sangiaccato di Scntari. 
Scatari di prima classo . . 



Città (1) . . . . 

Comune Bojana . . 

» Dagkenarit 

» Drinkenarit 

» Krajna (2) . 

/ Tribù Elementi (3) . 

» Grada . . . 

» Hoti (4) . . 

» Kastrati (5) . 

» Skreli (6) . . 

» Palati (7) . . 

» Sala e Sosi . 

» Dnsmani . . 

» Slaka . . . 

» Posripa . . 

» Ranka . . . 



Tnzi di seconda classe. . . 



Alessio (8) di terza classe 



Totale Scatari 
Città e distretto . 

Città e distretto 

Tribù KrUezese (lialoija Lesit) 

Totale Alessio. . . 



28 \ 




39 



(*) I dati relativi sono stati riprodotti dalle Aote itatUtiche tul Vìlayet di Srutari « InLt^gii^ ' 
è stato tenuto conto nella Parte III del presente volarne, trattando degli Itinerari ^ 

(1) Scntari città comprende 12 mahalè musnlmani e 2 cattolici. — (2) Le più note guardi* d«l ^ 
adriatiche per ragioni di pascolo. — (8) Si calcolano in questo distretto 1500 vigneti, 500 gi»rdiai«!^ f 



Digitized by 



Go ogle. 



À 



li Scntari e Dnrazzo. (*) 













Botteghe 


ABITANTI 


Cam 


Moschee 


Chiese 


Musulmani 


Cattolici 


4,500 


40 


10 


1500 


25,600 


14,000 


425 








.. 


644 


2,331 


705 












4,474 


476 


735 












2.800 


3,465 


367 












2,579 


400 


740 








. * 


2 


175 


5,850 


400 












1,800 


1,600 


500 










1 


50 


4,450 


450 










1 


570 


2,130 


550 










.. 


750 


4,500 


310 












720 


2,130 


1,020 












.. 


6,000 


200 












.. 


1,500 


440 












.. 


3,680 


400 












2,580 


450 


470 










•• 


2,782 


680 


12 212 


40 


10 


1,507 


45,525 


53,642 


1,210 


2 


4 


40 


2,750 


4,455 


1,100 


8 


20 


20 


1,500 


4,000 


280 


•• 


1 


» * * 


•• 


1,120 


1,380 




8 


1 


31 


20 


1,500 


5,120 . 



Montagna Alban9te del dott. A. Baldacci {Rivitta geografica italiana, 1901 

ano sono di questo comune. — (3; (4) (5) (6) (7) Popolasioni che nell* inveri 
prati. 



Digitized by 



Google 



336 



KAZÀ 


COMUNI TRIBÙ 


Villaggi 


TrììA 


isegve Sangiaccato di Scutari. 








Mirdita (1) di terza classe . . 


Tribù Orosh 

» Dibri 




" 




» Fandi 








» Ensneni 


• • 






» Spaoi 

Totale Mirdita . . . 




1 
1 






1 


Paka di terza classe .... 


Tribù Kabasi 


1 






» Kebala 




.. 




» Krtlezi 


1 


.. i* 




» Paka 


■■ / 


• • 




» Berisa 


i 

1 


.. 




» Karadjadag .... 
Totale Pnka . . 


1 
1 


•• 




1 


.. 


Kroja (2) (Akce issar) di terza 
classe 


Citta e distretto .... 


" 1 






Tribù Selita 




1 




)> Urzen 


" 1 


1 




^ Bazzia e Pikasi . . 
Totale Kruja . . 


1 
1 

49 


•• , 




•• 



! 4 



Totale Sangiaccato di Scatari . 



(1) I Mirditi secoodo naove lavesiigazioni (ofr. anche Dboband: Souvenirt de la Maute-Mbanit ^t 
fino al principio dal 1600, nell'attuale loro distretto : essi sembrano essere venuti dalla contrada bob ^ 
parenti con famiglie della Mirdlzia. Il paese prima di loro si chiamava Nerfand, che ai ooUega al boo« 
piante d'alivo. 



Digitized by 



Google 



337 



Ca«e 


Moschee 


Chiese 


Botteghe 




A BITANTI 










Totale 










Musulmani 


Cattolici 


Ortodossi 




150 




4 




• 


750 




750 


500 




7 






2,250 




2,500 


250 




4 






1.250 




1,250 


250 




4 






1250 




1,250 


550 




7 






2,750 




2.750 

• 


1,700 




26 






8,500 




8,500 


240 


3 


1 




940 


940 




1,880 


200 


1 


2 




210 


1,190 




1,400 


200 


1 


3 




280 


1,120 




1,400 


230 


1 


1 


2 


700 


910 




1,610 


200 


.. 


2 






140 




140 


500 


3 


9 




4,000 


•• 




4,000 


1,570 


9 


2 


6,130 


4,300 




10,430 


2,614 


16 


17 


80 


12,094 


1,740 




13,834 


150 


1 


l 


.. 


210 


540 




750 


300 


.. 


2 


•• 




1,500 




1,500 


300 


•• 


1 


•• 


250 


1250 




1,500 


3^364 


17 


21 


80 


12,554 


5,030 




17,584 


21,436 




•• 


1,649 


68,458 


81,042 


660 


150,160 



gine 147 e segg.) non erano probabilmente accantonati, né al tempo della battaglia di Kosovo, né dopo, 
lagnosa di Marena presso Djakova, dove taluni abitanti di questa regione dicono ancora oggi di essere 
del maggior fiume della regione « {2) Oltre le moschee si conUno 26 teké (monasteri turchi) e 70000 



Digitized by 



Google 



338 



KAZÀ 


COMUNI TRIBÙ 


ViRaggi 


Tribù 


Sangiaccato di Dorazzo. 
Dnrazzo di seconda olasM . . 


Città e distretto .... 
Città e distretto .... 
Città e distretto .... 

Totale Siak . . . 

Totale Sangiaccato di 
Dorazzo 

Totale del Vilaybt. . . 


5 




Tirana dì seconda classe (1) . 


101 


•• 


Karaja (2) di seconda classe . 


57 




SJak (3) di terza classe . . . 


44 / 






207 


.. 1 




•• 


'• 



(1) Sono contate ancora per queito Itaià 285 capanne, 140000 piante d'olivo a 47 tekè. — (2) 48 ifke. 



Digitized by 



Google. 



- la 



339 




Moschee Chiese 



552 



Botteghe 



ABI TANTI 



Musulmani 



Cattolici Ortodossi 



TOTALE 





6,598 




3,245 


f 






2,747 




13,142 




34,578 



— v3) 7 tekè. 



Digitized by 



Google 



340 



s I 

i I 



I 

a 



9 



U 
4> 



c8 



c8 

•s 

"3 



« 
s 






9 
S 

o 



s 

Si 



«Se 
fc « o 

Ǥ55 

§!•:£§ 

« 2 V o 
«©•-•» 

• *. 2 a 
soSp 

o 



2 * 
6.5 = 

4 A ** 



S'5 

II 



T5$ 






B " b 

•e. «5 » 













u 



! i 



lisi 



I £"5^ = 






sia 

00.1. 



ss a 

Ì8> 



£.§S| 



o 

CI 



liti 



-^ 



I I i 



o 



I I I I 



< 
z 

O 



I I I 



s 

i 

O 



Ci 



ì 

.2 

I 






01 



1 I 



9 

I 



I 



Digitized by 



Google 



341 



a ^:3 9* -il» 

« 2** «13 

rt "S. « "S "* •- 

^:-iì "Ili 



II 


g 


1 


1^ 


II 

o 

IO 


o 



II? 






Digitized by 



Google 



J : '. VV. 



342 



■»» 






















s 






















o 






















••• 






















»< 












































1 












































•» 






















o 


















- 


























lore presso 
uttici postai 
italiano 
austriaco 






OC 


) IO 


o 


o 


1 


1 


o 


o 


£ 




cs 


1 04 


fH 


« 


1 


1 


co 


cq 






















£ 

** 




'^ 


• iO 


^ 


co 


t* 


"^ 


00 


t» 


«.- « 


3 








ri 


« 


^ 


Od 


IO 


r^i 


>Tc 


cu 


















r^ 


\" 


^ 




















\Aì 


X 




ce 


> iti 


O 


1 


1 


1 


o 


1 


£ 






(N 


iH 


1 


1 


1 


CI 


1 


Vaio 
lUap 
i Dur 






















. £ 




ÌC 


la 


1-4 


t- 


-* 


00 


t- 


Md 


s -^ 


1 








*H 


cq 


IO 


o 

ri 


co 


CO 


• 






















S 9 

9 > 






1 


1 


1 


o 


o 


1 


IO 


o 


fi 




1 


1 


I 


co 


CI 


1 


ri 


eo 


Valor 
ISO le 
iverna 






















£ 




1 


1 


1 


1-t 


co 


t* 


-^ 


00 


. s & 


.s 




1 


1 


1 


Cd 


•^ 


00 


IO 


o 


o. 


Q* 




















*? 


•g 




















525S 


*• 




I 


^ 


95 


1 


1 


1 


o 


1 


- s -1 


e 




1 


o 


o 


1 


1 


1 


IO 


1 


Valore in 

italiane 

(ragguagl 

corso della 






















£ 




»H 


11 


eq 


ìa 


o 


o 


Cd 


lA 


2 












ri 


Cd 


ri 


eq 






« 








• 






• 








« 








. 






• 








Q. 


















< 




p 








, 






, 




H 




^ 


















H 




B 








p 










i 




1 


1 

e 
2 


e 


i 
ì 


S 




1 


t 


1 
2 


i 

1 








pt 


1 O 


Ph 


^ 




fH 


«~- 


»-• 



-^ 



Digitized by 



Google 



; 



343 



MoTlmenio della narigazione nel porto di Dnrazzo 

dal 18 marzo 1902 al 13 mavBO 1908. 



BANDIERA 


NUMEBO 

delle navi entrate 
nel porto 


TONNBLLAOaiO 




Vapori 


Velieri 


ToUle 


Vapori 


Velieri 


Totale 


Austro-Ungarica . . . 


187 


3 


190 


173,377 


214 


173,591 


Italiana 


104 


34 


128 


67,759 


800 


88,559 


Ottomana ..... 


2 


218 


220 


2.549 


17,414 


19,693 


Ellenica 


17 


40 


. 57 


8,296 


1,039 


9,335 


MontenegrÌDa .... 


1 


95 


96 


102 


4,914 


5,016 




3 


•• 


3 


744 


•• 


744 


Totale. . . 


314 


380 


694 


252,827 


24,881 


277,208 



Digitized by 



Google 



GATO N. 5. 



Ortogrrafla Albanese {alfabeto). 



PRON. a 

>* be 

>» 06 

>» che 

» de 

H dhe 

» e 

>* e 

H èffe 

H gè 

» ghe 

» be 

)• i 

»» je 

» ke 

n èie 

H èlle 

n èmè 

»» èmbè 

» ènè 

>» èndè 

» o 

» p 

H ere 

>♦ èrre 

>» èsè 

>» èsbè 

)• èxè 

H èxhè 

» te 

>» the 

>» u 

» y 

» ve 

>» tsita 

• » Bèta 

» dxde 



a 

b 
' (palatale I • 
■■ {— tsh « dentale) 

: d 

: iart. ingl. the) 

- e (fissa) 

: e (muta) 

= f 

r g (palatale davanti i, f , y, dura davanti a, o, n) 

: g (gutturale davanti i, e, y) 

. h (aspirata tenue; 

= j Cconsonaute) 

: k (gutturale) 

: 1 (palatale) 

3 1 (dentale) 

z m 

= m (forte) 

: n (palatale) 

: n (dentale) 

: o 

-■ P 

'. r (tenue) 

: rr (rh - in princ. di parola) 

: s (= ital. sopra) 

: se (s ital. scegliere) 

: s (= ital. rosa; 

: j franoene^ 

: t 

: th (ingl. in tink) 

: U 
: U 

: V 

: z (= ital. in prezzo) 
: z (= ital. in rosso) 
: dgin (= turco) 



Regole di lettura. 

ì generale ogni e senza aocento è muta ; es : pule, bie, pronunzia phlf 
accettuano: a) 1 monosillabi terminanti in consonante ; es.* ees, eet, etc.: 
[sillabi dei quali la finale è muta, e la penultima è un e fissa; es: cheU, 

in vece di scrìvere cAète, vhu. 
gni e fissa si segna coir aocento grave ; es : tulh, hèkur. Questo accento 
oa nessuna appoggiatura di voce sulla e, ma solo quando è posto sulle 
)ali nei monosillabi come pà, mbì, etc. 

'accento acuto si segna sull'ultima o terzultima sillaba (ossi toni e pro- 
ni) quando la parola lo richiede ; es: bié, perkét, padè, cerrete, pttlete, eto. 
ùtoni la cui prima sillaba è un e fissa quét^ non si segna coli' accento 
s : ìnendim e non méndim. Che se la prìma sillaba è muta allora non 
l'acuto sull'ultima; es: Keta, Kendon, e non Ketdf Kendón, eto. 
a e muta non conta per sillaba: ma quando in poesia la si volesse 
[>er tale, si segna coi due puntiui e ; es : Ketidue, K'éndue. 



Araldo di Albania - Copertina del periodico). 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digiti^ed by 



Google 



This , book should be returned to 
the Library on or before the last date 
stamped below. 

A fine of Ave cents a day is ineurred 
by retaimng it beyond the apeoified 
time. ' 

Please retiim promptly. 




Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google