(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Archivio per lo studio delle tradizioni popolari;"

This is a digital copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legal copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the original volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the files We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



^v^; 



:^x^ I 







^^' 



t: 



fr^ 



> > 



^>v ..■'*. 



.?I5 



IfV 



% -7 



?f> 




XSX^I >C^ !feci,^,i&7y. 




I^arbarli College ILibrarg 

FROM THB BECyjBST OF 

JOHN AMORY LOWELL, 

(OlASS Of 191&). 

This fund is $ao,ooo, and of its income three quarters 

shall be spent for books and one quarter 

be added to the principal. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 

I 



I 



Digitized by 



Google 



Digitized by VjOOQIC 

I 



« I' 



Digitized by 



Google 



Vol. xnr. 



Gennaio-Marzo 1894. 



/ 



/^ 



Fasc. I. 



^ 



ARCHIVIO 



PER LO STUDIO 



DELLE 



TRADIZIONI POPOLARl 



4v 



RIVISTA TRIMESTRALE 



DtRETTA DA 



G. PITKI" n s. SALOMONE- MARINO 




^- PALERMO -TORINO 

CARLO CLAUSEN 

1894, 



I 



Ptibblicato il 31 Blarzo 1894. 



Digitized by VjOOQ IC 



SUMMARIU DEL PRESENTE FASCICOLO. 



Capodaneo nel Monferrato, neirErnilia e in Sardegna (Giuseppe Fer- 

RARO) ..>......,.. Pag. 5 

II Natale a Cetraro in Calabria (G. De Giagomo) . . » ii 

II Natale in Sardegna (G. Calvia) . , , , . » 1 7 
La ^( Vecchia *r dell' Epifania ed i pronostict d' am ore di S* Gio' 

vamii nel Piceno ed altrove (Michel^ A^GEI.lT^Jl) » 20 
A Noite de Natal^ o Anno bom e os Santos Reis na cidade de 

Elvas, em Portugal (A. Th. Fires). . . . . . i> 25 

Usanze marinaresche in NapoU (Eduardo Migliaccio) . . » 3S 

Mutos In dialetto campidauese. logndorese e galltirese {A. Mocci) w 43 
Calendario dt Giuocht fanciulleschi roniagnoli ( Igsazio e Giro Mas- 

SAROLl) . . , "47 

Ubi e Costurai della Basilicata (Fr- Put ci) . . . '» 60 
Sacra Rappresentazione della Passione di Gesii Cristo in Boe- 

mia (C. ScHMOLLis) .,.,.....»> 62 

Impronte maravigliose in Italia (G. PiTRt) . ji 65 

Formole dl Imprecazioni in Calabria (G. De Giagomo) . , » 81 
Formole di Imprecazioni , Giuramenti e Saluti in Napoli (G, A- 

MALFI). . . ...» 83 

Formole di Imprecazioni, Giuramenti e Saluti in Plemonte (F. 

Seves) . , . >' 87 

Formole dl Imprecazioni in Mes&ina (Fr. A. Cannuzaro) . » 96 
Melodie popolari abruzzesi. I canti della raietitura. Con tavoU mu- 

sjcali (G. Finamore) ........,» 99 

Appunti di Letteratura popolare da antiche opere letterarie (Be- 

NEDETIO CroGE) . . - - . . / . . . )> IO3 

In quantl modi si domanda la elemoBina in Venezia (Cesare Mu- 

SATTI) » 108 

Leggende plutoniche In Sicilia (La TruvaUira) (Fr. Pulci) . » na 

Miscellanea: MirahiU jai:DUa di gmirire k malattie (S, SALOUonE-MAm^Oj no. 
— Ddiri popolari tforimk e d'ocdJmk (Giacomo Lumbroso) , ni. — La 
cariia, costume del Canavese (FiL. V^alla), r22. — La focaccia di G. Cristo, 
kggmda pop. piemontese di Paesana , 123. — Usi mitaHii nel FriuU (V. O- 
STERMANs), 1 2 J. — Jm fcsta delk tipolh in Bernu, t2|. — U aheille, k fourmi 
d Varaigna, fable du Foitou (LfeoN Pineau), 1 24, — Popular estinmU (Al- 
berto LUMBROSO), 125* 

Ri vista Bibliografica : GKAF, Mtti^ Leggmde e Supersti^ioni del Medio Evo (G 
PlTKi^), 126. — IM^LF], Xr/ conti in diahtto di Avdliito (G. Pitr£), 128.— 
GIVCHI y Un viaggio immaginaric in Roma antica al tempo di Augusta (G. 
PiTRE), 129. — DE WATrcVlME, itude sur Us devisee person n elks d les dictons 
populaircs, — Le Cri dt gtterre che^ ks differenis Peupks (Alb. Lumbroso), l}0. 
KK\DSS, Bohmische KoraUen aus tier Gottirwelt. Folkhristische Borseherichtt ecc. 
(G, PiTRt), 132. — L^GUS, Nylartd Samlingar ntgifna af Nyldmlshi ajdtlnin^ 
gen (M. Dl MartinoK ijj* 

Bollettino bibliografico. iW si parU di reccnti pubblicazioni di Em. Spa- 
daro, P, Nurr.i, A. S.ilani, P. Bacci, G. Parodi c C. GigUotti , A. Lozio e 
R. Renier, G. Ferruro, F. P. Frontini, U. Cosmo, C^ Miisatti, Angela Nardo- 
Cibele, Ch. Leland, A. Hara»i, Hvclyn MartintngO'Cesaresco, Fmil Erbrich, 
Elisabeth Cavazza). 

Recent! pubblicazioni . . '^ ^39 

Sommario dei Giomali (G. Pitr£) , » 141 

Notizie varie , . , . ♦ jj 148 



Digitized by 



Google 



^^ 



ARCHIVIO 



PER LO bTUDlO 



DELLE 



TRADIZIONI POPOLARl 

RIVISTA TRIMESTRALE 



DfRETTA DA 



G. PITRfi E S. SALOMONE-MARINO 



Volume Tredicesimo 



TORINO- PALERMO 
CARLO CLAUSEN 

1894. 



Digitized by VjOOQIC 



j^ 'IS 'i-*^! ' r 






Proprieti iMeraria, 



Tip«fEr<-ifi« del Giornalb di Sicitu 



Digitized by 



Google 



CAPODANNO 
NEL MONFERRATO, NELL^EMILIA, E IN SARDHGNA, 




Lr lisi, cKe a proposito del Oipodnnno, corrono in Mon- 
ferrato, sono poco diversi da quelli di tuna Tltalia StH 
periore, Nei paesi che hanno la Bnnda Musicale, questa 
o in C^rpo od in parte, alia mczzanotte, suonando , va ad augu- 
rare il buon Capodanno ai Maggiorenti del Comune. A Carpeneio 
d'Acqui, mia patria, ai tempi della mia fanciullezza , usava andare 
il Mcsso del Comune, a dar I'auguriu del buon anno con una ru- 
morosa sonata di tamburOj l*istrumento della sua carica; ora non 
piu. Nelle campagne intorno a Reggio Emilia i conudini usano 
mangiare a! tortell ^ c\oh una torta die viene dtvisa fra i mernbri 
della famiglia, dal padre, o da clii lo rappresenta, e niangiata verso 
la mc;a5anotte. Alle 12 precise il Capoccia^ va a sotterrare Panno 
vecchio, cioi pianta un paloj al cavicc^ nei cortiie della casa. Qnt- 
st'uso ricorda il clavm anmilh^ chiodo che uno dei Consoli di Rolna 
conficcava ogni anno nei lato destro dell'altare del tempio di Giove, 
e sft brocctff il palo, die nei prinio giomo di Quaresima, i giovani 
di Siniscola, in Sardegna, usano piantare presso le porte delle belle 
ragazze. 

A Carpeneto d'Acqui il Capodanno e il giomo della Strerma, 



Digitized by 



Google 



4 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

data dai padrini e dalle madrine ai figliocci, e dai com^ari alle 
comari. Le quali nel giorao deirEpifania hanno TobbUgo di rega- 
lare il compare: uso al quale allude il detto : 
■A ra Pifania — Ir done i ra dan via. ' 

Pei ragazzi la Strerina consiste in frutta secche, dolciumi, nin- 
noU: per gli adulti, in fazzoletti, camicie, cravatte ecc. 

Cibi che siano veramente di rito per questo giomo non ne 
abbiamo. I contadini usano fare ra crumba=h. colomba o piccola 
focaccia in forma di puppatola, pei loro bambini, e mangiare i ra- 
viggiuoli: ir ravidre (fem.) come nel giorno di Natale *. Nessuno 
di essi impresta denaro o fuoco in tal giorno, perch^ dicono che 
chi ne impresta, sari povero per tutto I'anno od avri disgrazie '. 
E circa al denaro, per buon augurio di averne per tutto Tanno, si 
studiano di tenerne in tasca molto nel primo giorno. 

Di proverbi e canti pel Capodanno, che io sappia , nell' Alto 
Monferrato non se ne sente, ma vi sono comuni le credenze e su- 
perstizioni intorno alia prima persona che , aprendo la finestra, si 
scorge in istrada. Se h un prete , sari anno di mortaliti o di di" 
sgrazie in famiglia: se un soldato, significheri guerre al di fuori e 
quistioni in casa: se una donna, pettegolezzi. Ci6 che succede nel 
primo giomo dell'anno sari, credono, norma o saggio di ci6 che 
avverri nei 12 mesi successivi; quindi si studiano di non fare per 
tutto il di azione riprovevole. E di bevitore o giocatore ostinato, 
dicono, non smetterebbe neanche il primo giorno dell'anno ^. 



" AirEpifania, le donne la dan via, la strenna. 

* Nell'India usano far bollire riso nel latte. Non appena si manifestano nel 
latte le prime bollidne dell*ebollizione, i ragazzi escono di casa dicendo: Pongol ! 
pongoJ! egli bolle! egli bolle! perch^ dai modo di bollire si trae Taugurio del- 
Tanno. Quindi il Capodanno, celebrato nel primo giomo del decimo mese (chia- 
mato Tai -= gennaio) si chiama altresi Pongol 

3 L' uso di imprestare un carbone acceso per accendere il fuoco ^ oramai 
perduto, perch^ i fiammiferi costano pochissimo, ma tempi addietro era comune. 
Negli Statuti di Gupeneto del 1458 6 detto : De non ferendo ignem , nisi bene 
cooperto cum bardside aut clapa, cio^ se non sia ben coperto con un imbarazzo, 
od oggetto, ossia con un cocdo (ciapp) di t^ola o di piatto, ad evitare gli in- 
cendiL •' 

4 Nel Talmud sta scritto che nel Capodanno, Dio decreta tutto ci6 che di 
bene di male deve accadere nell*intera annata. 



Digitized by 



Google 



wm 



CAPODANHO 5 

Presso Ferrara, nelle ville suburbane di essa^ i poveri usano 
cantare auguri di Capodanno ai ricchi , ricevendo in dono cibi o 
denaro: ma se non ricevooo nulla, mutano la lode in biasinio (v. 
Archivio , voL V), II che awiene anciie a Pontelagoscuro , porto 
fluviatile di essa Citti sul fiume Po, e grosso Comune sul confine 
delk Provincia, verso Rovigo, 

Riporto qui il canto pro ed il Gontro, traendoli dalla Raccolta 
dei Canti popolari fcrrnresi da mc edita, coi tipi di Dnmcnico Taddei 
e figli, nel 1877. 

Canto di buon augurio: 

Son gnO d^ z\ bon anix — E al bon cap d'ann, 
Lc bont fcsto — Che Dio e Maria, 
Si ve Ic conieda — ^'Sempar e cosi sia. 

Agh' iera, Eccellen^a — Dii bellisim* xttil, 
Una par Tinvil^ran — E cV altra per Tisti^, 

Agh* iera, Eccellenza — Du belUsim' mulin, 
Un al raasnavi Toro^E VkUar Ix-i j^eccbin. 
E dop la Kena — Una rusctta di niarziipan, 
E dmatina in cortosia — Am arcmand U bona man. ^ 

Apri il borsetlino ttio iToro c d'argento, 
E tendi la tua ma no dolce adorant*i, 
E s'trgU t argiinto, gettalo, che il vediamo. 
Canto di malaugurio: 

Son gnii dar bon ann — Sc s[ beech Vit voscar dann. 
Con quant cioldi — Gh* k tacdi la porta, 
Se vu a si bticch — Al si pin d'un:i porCLi, 

Gnird con Via cariob — M' dari la vostra fiola, 
Gnird con 'n cariulon — M' dari vostar fiuloa* 

Bonasira, Kn:c:miort — St^ ben, I10I d*un porch, 
E si^nipar a rivedersi — A I novo dl. - 

' Traduiione: Son venuto a dare il buon anno, — il buon capod-tnno, — b 
buone festc, — che Dio e Maria — Cos^ ve Ic concedano. E cosl sia. C* erano, 
Eccellen^a — due K'llissime citta — Una per T invcrno — V altra per la state. 
C'erano, Eccellenza, — due bellissimi niulini — uno macinava oro — V altro byi 
zecchini. Dopo cena (vorrci) — una rosetta di niar^apane — Domattjna in cor- 
tesia — mi raccomando per h buona mano. 11 ToMM.\siio, a pag. 276 dei Catili 
popalari gred, riporta uno di questi Canti d*augurio o di questua. 

* Son venuto a dare il buon anno — se siete bccco, b vostro danno (tantc 
volte) quanti chiodi c"b dentro la portn — se lo siete lo sietc piCi d'una porca — 



Digitized by 



Google 



6 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Nei paesi di favella portoghese queste canzoni dalla parola 
laniiro (Gennajo) son dette laniiras. Nella citti di Sassari, in Sar- 
degna si chiamano di li ire Re * , perch^ i fanciulli , agitando so- 
nagiiere di cavalli, e battendo tamburelii, sogliono cantarle , tanto 
a Natale, quanto a Capodanno ed alia Epifania. 

Kfella Raccolta dei Canti Sardi in dialetto togudorese ^ da me 
pubblicata nel 1891 (TorinoFirenze-Roma, E. Loescher) apag. 73 
e 74 abbiamo una canzone di biasimo ed una di lode, cantate se- 
condo che i padroni danno ai cantori: cdrigga e no;ji=fichi secchi 
e noci, oppure chiudono la porta senza dar nulla. Nel Logudoro, 
forse esisteranno anche canti di biasimo, ma io non ne ho potuto 
raccogliere altri che di buon angurio. Sono chiamati canthones de 
ssti candelariu, canzoni del dono delle calende di Gennajo*— tfowwrn 
calendarium dei Latini — consistente in dolciumi, frutta secche ecc. 
la Sirenna insomma, che i padrini dell'Alto Monferrato, danno ai 
loro figliocci. Ecco una canthone de ssu candelariuy raccolta a Nuoro: 
Dildemi su candelariu — Chi sia bonu e mannu, 
Chi mi duret'un'annu — Un annu e una chida; 
Chi apposta so' 'ennida — Po bo' lu cherre' cantare, 
Gid isco chi lu ten^des, — Si mi nde cherides dare, 
De-ssu ch' dzis in domo. — Otto dies este a como 
Chi su-Ssegnore e' naschidu — A cantare 'e bessidu 
Minoreddu, e tantu abbistu — I-nn6men de Gesu Cristu 
E de-ssa mama Maria. — Ite 6 notte de alligria, 
Cando su-Ssegnore k nasch\du — Cando V an' imbisitadu, 
Sor trer-Res de Oriente — Cando su-ssole luchente, 
Nasch^sit' in nd' una istalla — Isse miittit' e si caglia, 
E non ftche' parzialitades — Tottu nos dt' agualadu 
Sor riccos c sor pov^ros — Cando su Segnore 'e sor chelo[s] 
Si d chiirfidu agualare * 
Dddemi su candeldriu — Si mi lu cherides dare. 



Verrb con una cariola, mi darete la vostra figliuola (come si fa coi maiali che 
si trasportano, a causa della loro grossezza , in carro) ; verr6 con un cariolonc, 
mi darete la vostra zitellona. — Buona sera, Jbeccamorto, State bene, figlio di un 
porco. — ^*_Io son sempre pronto a rivedervi (quasi a sfida) al nuovo dl, a domani. 

' Dentro le mura di Sassari si parla il dialetto gallurese. 

* Datemi il candelariu — che sia buono e grande — che mi duri un anno— 
un anno ed una settimana — perchfe apposta son venuta — per volervelo chiederc 



Digitized by 



Google 



CAPODANNO 7 

I Canti del Capodanno non si scompagnano dal ricordo dcUa 
nascita di Gesi Cristo, anche per il fatto che per parecchi secoli, 
pei popoli Cristiani, il giomo di Natale era anche il Capodanno. 
Nell'Italia Superiore moke ninne-nanne ricordano la nascita di G, 
Cristo ed anche la Passione: la Musa popolare, come la dotta^ im- 
prende a cantare cominciando dalla Religione, fatta umana come 
il suo Capo. Vedasi per es. il seguente canto sardo , raccolto a 
Nule : 

A Gesus[u] in alligria ! — Tottu su mundu i salvadu 
Cristu s' este ingeneradu — I-ssas intragnas de Maria, 
O Maria mama gloriosa — Bachiana addainnantis su partu. 
E pustis de-ssu partu — Restesi* Virgine pura 
Cussa divina anghelura ^- A nos-siat-iccumpania 
Bona notte, bon'annu — Bonas pascas compridas[s] 
Deus bos dia' bona vida — E mezus a un item annu, 
E chent' annos a sos padrones — Dade sa cdriga a sos cantador^ ^ 

II sig. Giovanni Maria Flores, Istitutore nel Convitto Nazio- 
nale di Cagliari, benemerito degli studi demopsicologici della sua 
isola, per i canti infantili di Tiesi (ninnios), mandatimi per la Rac- 
colta dei Canti Sardi del 1 891, a proposito degli usi del Capodanno 
nel suo paese, scrive: a A Siligo, paese della Provincia di Sassari, 
come Tiesi, le ragazze oltre sol piumbos, interrogano il flituro colli 
superstizione de sos drdios, degli orzi. Empiono d'acqua un piatto. 



cantando. — GiA so che 1q avete (pronto) , se me ne volete dare — di ci6 cliti 
avete in casa. — Otto giomi 6 c^gi — che il Signore 6 nato — A cantare cgli 
k usdto — piccolino e gii tanto vispo — (Datemi il dono delle calende) in notnc 
di Gesd Cristo — e di sua Mamma Maria — Che k notte di allegria — quando il 
Signore t nato — quando Thanno visitato — i tre Re d'Oriente — quando il Solo 
lucente — nacque in una stalla— egli fa motto e poi tace-r^ non £4 parzialita.^ 
Q ha fatti tutti eguali — ricchi e poveri — quando il Signore dei cieli — d ha 
voluto eguagliare — datemi il candelariu — se me lo volete dare. 

» Gesii allegria I — tutto il mondo ha salvato — Cristo s*6 incamato — nuLle 
viscere di Maria. — O Maria mamma gloriosa, — Zitella prima del parto— ^ dopo 
il parto — restb Vergine pura — Questa divina angdicita — A noi sia in com- 
pagnia — Buona notte, buoiji anno — Buone feste complete, intere, felici — Dio 
vi dia buona vita in questo— E migliore Tanno che viene.— E cent*anni campmo 
i padroni di questa casa — Date i fichi secchi ai cantori. 



Digitized by 



Google 



8 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

pigliano una spica d'orzo colle reste, e dandole il nome dello sposo 
che desiderano , la mettono nell' acqua : poi vi mettono un' altra 
spica, sena sa coa, senza la coda, senza le reste , alia quale danno 
il nome proprio e la mettono pure nell'acqua. Se le due spiche si 
incontrano e si avviticchiano , le ragazze credono che sposeranno 
quel tale che desiderano; se no, no. 

Tengonsi ivi come indicatori del tempo che fari per tutto 
r anno, i primi dodici giomi di Gennajo, e dicono che questo k 
calcolo di Re Salomone \ 

A Carpeneto d'Acqui le vecchie comari interrogano il futuro 
per le ragazze che ad qssq ricorrono, gettando i grani di una spica 
d'orzo in un piatto pieno d' acqua. Quanti grani stanno a galla, 
tanti staraflno a prender marito. Questa h forse superstizione ro- 
mana. Petronio Arbitro dice : la vecchia buttd ml vino alcune noci 
avellanCy t secondo che stavano a galla o discendevano, ella Iraeva sue 
conghktture. Aggiunge il sig. Flores: 

Le zitelle indovinano (o ccrcano d' indovinare) colle figure dei 
piombi, (o dei pezzi di piombo). Liquefatti, sciolti, e gettati nel- 
l'acqua se (i pezzi) manifestano Taspetto di una nave, allora vuol 
dire che lo sposo sari marinajo; se una zappa, o canestri, un con- 
tadino; se una scure o trucioli, falegname, e cosi per altre figure. 
Questo giuoco lo fanno pure nella festa di S. Pietro, di S. Gio- 
vanni, di S. Andrea. 

A Tiesi le zitelle ascoltano alle porte (delle case) dove sono 
tre donne di nome Maria , e dai discorsi (che sentono) credono 
di dedurre le sorti loro. Al mattino, il primo o la prima che ve- 
dono (uscire) di quella casa , gli o le domandano il nome , e di- 
cono che sara il nome di colui o colei che sposeranno *. II che 

» Da una lettera del sig. Cocco Carlo, maestro eleraentare a Siligo. 

2 Sal bajanas ichultana (iscultana) i-ssal giannas, inue h* a tres Marias, e doe 
sas arrejones, crhu deduire sal sortes issoro. A-ssu manxfinu ssu pritnu o ssa prima 
ch'idene lis pregiintana a-ssu liimene, e narana ch* ad* essere su lii-mene de su o de 
sa chi ant* a hare, — I Greci chiamavano questo modo d'indovinare onomanxia. 
Ad essa allude Dante nei vers! : 

O PaJre suo veramenic Felice! 
O Madre su« veramente GioYaniu 



Digitized by 



Google 



CAPODANNO || 

iisava pur farsi tlii Greci: anche il Dt; Aniicis, in uno dci suoi 
lihri accL^nriii a quest' uso, messo in pratica ne! giunco dcllc Do- 
fmrniCj ^iuoCQ di socict;\, biasimato dalla Marches;i Coloinbi, nel- 
Tytilc suo Hbro; La genft per bent. 

La cucina e il Sancta Sanctorum per tuttc Ic feste; pcrchi se 
il .sangue non affluLsct? abbondantc al cuurL' , ancbe il cervello h 
inerte. Pero nell'Italia Superiort.^ il paneikme; in Toscana il panfork 
di Siena; a Bolo*^nii il pan-papnto (e non pepato, perchi io lo de- 
riverei da Papa , come ht, pasta Realc deriva dal Re) altrove altri 
dokiumij come il pane a-^imo degli Ebrei nel Settenibre, che e il 
primo mese del loro anno sacro^ iiiostrano essere il pane simbolo 
delb riunione degli uoniini m societa, e cibo ibiidainentak di tutti 
i coiiviti di Capodanno. II che si scorge dairuso generale, di far 
dividere questo pane dt rito^ dal Capo della casa o da chi lo rap* 
presenta ai menibri della famiglia ed ai dipendenti In Sardegna 
usa distribuire ai poveri nel i^iorno di Capodanno pane in forma 
di bastoncini (bacchiddos). A Ghilarza (prow di Cagliari) ule pane 
si dice baadu de Santu Macariu. I poveri chiedcndolo dicono: "DA- 
demiht sh bacchiddu — Chi bos campef a su pobiddu—Cbi bos campei 
a su padronu — Ditdemiln mannu e bonn i:cc. Datemelo il bastoncino 
— Che vi campi il Oipoccia ^ — Che vi campi il padrone — Date- 
melo grande e buono, 

E come nei dintonii di Rcggio la padronn di casa fa una 
stiacciata o torca, al forlcJl^fcr i servi, cosi in Sardegnai sa pobidda 
p0 sol massiijos fai^het a-ssa peUbmithu amienU namm mm, ' d/eUhe 
una mtta mm figttras de rodas de iheghes, de hes. In O?*ilo la mi* 
rana luadn % la padrona di casa , pel contadini fa la tniforatn, 
come diciamo noi, cbc e una ft>caccia con figure di ruote, di pe- 
core, di buoi> Aggiunge il sig. Flores che una voka, le niadri chi** 



* A Tiesi qucsta focaccia si chiania pfrhtsUta^ traforataj piTchc' a ghiri^ori 
cd a trafori, 

3 In Osilo la chiamano IiuiJij duUu pamla ItMt gio^o, ju^ftnt^ pcrc:h6 sits /sfJ* 
biddas vi incidono, quantio c ancora cruda ^ V aratroj i buoi cql carroj il vagHo 
(stt chiliTU de fadk). 

Arthkm per k traJriwm pop^kn — ^'ol XI H. ,2 



Digitized by LriOOQlC 

4 



10 ARCHrVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

avevano figli student! a Sassari facevano sas affettas, cioh panes tundos 
con figure di libri, penne, calamai (tintiris)^ messali. 

I bacchiddos * a Tiesi sono in forma di uccelli (pu:(^ones che 
ricordano la crumba, la colomba, di Carpeneto d'Acqui), de an:(ones 
(agnellini), caddos (cavallucci), piprioleddos (flautini). Pel capo della 
famiglia v' h un pane speciale detto sa cdhuk , il pane del Capo- 
danno, chiaraato a Bitti: *arina Cabudi, farina, o meglio pane del 
Capo (farina capitis in lat.). 

II pane di Capodanno a Tiesi h un pane grosso di fior di fa- 
rina con una specie di capo. Per cuocerlo bisogna metterlo nel 
forno col capo in fuori. Se si trova ben cotto, vuol dire (signifi- 
care) che il Capoccia ha vita lunga; se h cedereccio, viscido, deve 
morire presto. Questo pane lo fanno le donne che hanno il ma- 
rito in casa, il quale nel giorno della Epifania lo rompe suUa testa 
di un bambino (in modo che il capo del pane si stacchi dal resto). 
II Cibude^ lo ungono in cima, e questa sola deve prendere il Ca- 
poccia, che nc mangia un pezzo, ed il resto lo serba, perch6 serve 
(il pane) come rimedio per molte cose. A quelli che cantano su 
candelariu danno : uva passa, fichi, noci, salsiccia , carne , sccondo 
la ricchezza dei padroni di casa, che ricevono gli augurii di: Cen- 
t'anni possiate campare ! Augurii che sono sempre stati e saranno 
di parole che , suonando bene , piacciono a chi le ascolta , e son 
credute apportatrici di bene. Cosi V uomo illude scientemcnte se 
stesso, ma nella letizia e nella speranza dell' anno che incomincia, 
non sa schermirsi dalla dolcezza delle parole, e bench^ sappia che 
saluto di bocca, poco vale e poco costa, lo accetta e lo restituisce 
volentieri. Epperci6 anch'io finir6 questo scritto dicendo, coi can- 
tori di Siligo, ai miei lettori : 

Deu nos gi6mpet* a ssateni annu, 

E a gosare su chelu a bezzos mannos *. 

G. Ferraro. 



» Durante la mietitura i contadini di Ghilarza per darsi vigoria, mangiano 
insieme coll'altro pane, pezzi di bacchiddos del Capodanno. 

* Dio ci faccia giungere air altro anno (nuovo) , e ci accolga a godere nel 
dele con lui, quando sarerao vecchi decrepiti ! 



Digitized by 



Google 



■IP ■> 




IL NATALE A CETRARO IN CALABRIA 




lAMO di Natale. £ questn per U popolo cetrar^e, come 
per gli altri di Calabrin , un mese ricolmo di alle- 
^1 grezza c di gioia. II Natale viene annunziato dalla 
cliiesa con ia novena deU' Immacolata , c dai monclli col fischktto 
di rito. Infatti , appcna viene quesio iiiese e s' avvicina il Santo 
Ndtaky i monelli si fanno sentlxe , modulando ^ con un pezzo di 
canna bucherellata, un suono tutto proprio, che, invece delKangelo 
leggendario, predice Tavvicinarsi delle feste natali^ie, die son piene 
di mistica, magnifica poesia> E con die ansia , con die premura, 
corrono in chicsa, udendo la campaiia, die invita alia nctvena, per 
rienipirla di sonori j arp[enuni fischi, E quante moine , quci mo- 
tielli, QOn fanno ai loro padri , cui cldedono 'u friscfnettu, qoando 
rincasanD tuui stanchi alia sera, e die dopo una giornaU di freddo, 
di sudori, di sospirij dopo tanta facica cercano di risoUevare i ncm 
dairatonia, in cui li lia ievolti la rigida^ tcmperatura dcU'aria aperta. 

'V frischiettn dunque ha annunmta rallegre^za ed il giubilo 
alle anime devote dci villani cetraresi, ed ai possidenti, die il vino 
nuovo comincia ad esscr chiaro. 

La vigilia di Natale intanto si a\^%ina, e come quesia corre 
vicino a noi, cosi i villani ccrcano di preparare alia meglio un vc- 
stito nuovo ed uii pajo di scarpe ai figli , alle mogU , a s6 stessi. 



Digitized by 



Google 



12 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

ppe mmparl* \ntra It cumpagni alia missa di tnen^annotti. Ecco perch^ 
il detto: Alii festi di Natali — Tuifi ricchi li scarpara (calzolaj). 

Oltre alle vesti ed alle scarpe, preparano, e con maggior cura, 
un po' di olio buono d'ulive e la farina di grano ppe fa' li crispelli 
(frittelle di pasta fermentata) che non devono mancare a quella 
casa che e allegra, cio^ che durante Tanno non ha sofFerto nes- 
suna disgrazia, per augurio e per complimentare a' parenti di lutto. 
Gid tutte le sere , mentre le famigUuole sono raccolte al te- 
pente focolare, non si park che della notte — e, dicendo notte, s'in- 
tende nel linguaggio popolare , la notte di Natale. — La fiamma 
s'inalza svelta dai tizzi crepitanti, ed attorno ad essa si raccontano 
le fiabe pill liete e spensierate ; e le contadinelle, dopo il rosario, 
che tutte le sere recitano a coro unitamente alia loro famigliuola, 
cantano , come per ricordare a sfe stesse il grande avvenimento, 
'a canzonetta di In ^amminu : 
La notti di Natali 
£ festa principali, 
Nasci nostru Signuri 
*Ntra *na povera mangiatura, 
Cu lu voi c I'asiniellu, 
San Giuseppi lu vccchiariellu. 
Non c' e contadino , non donnetta del popolo cetrarcse e di 
tutti i paesi di Calabria, che non senta , come il freddo delle pid 
rigide notti, la contentezza nell'anima per V avvicinarsi del venti- 
cinque Dicembre, In questi giorni il popolo di Calabria esulta di 
gioia insolita; i pensieri della dura miseria e delFastinenza forzata> 
dei magri compensi, che di questo ferace e mal coltivato suolo> 
fuggono dalla mente: non si pensa che alia festa, non si parla che 
di essa, e per essa si vive. I Saturnali si son confusi, lo si vede, 
con tutta la loro espression^ , con tutta la loro intensiti colle feste 
natiilizie, come avea predetto il divino Virgilio, per i quali cantava: 
Ultima Cumaei venit jam carminis aetas : 
Magnus ab iniegro saeclorum nasciiur ordo. 
Jam redit et Virgo, redeunt Satnrnia regna; 
Jam nova progenies coelo deniittitnr alto, * 

' \'iRGiLio, Kgloga IV. Tali parole dcU'Epico Latino vcnnoro tradottc dallo 
Alighicri, che Ic intcrprctd come presagio del Salvatore, quando dicea: 



Digitized by 



Google 



. "P lu^'il ■ . ■ '^ — ^^ 



IL NATALt A CETRARO IK CALABRIA t| 

Ed Orazio : 

Jam Fides, el Pax, et Hon us, Pmhrqm 
Priscus, el neglecta redire Virttis 
Aiidet, aipardque kata pkno 
Copia cornun 

Vero h aiicomj die \c leggende Jei cristiajiesimo, come lanto 
si e discussOj si sono andntc man mano irasformaiido, ed a poco 
a poco si sono anchc nusdficatc col vertiginoso awicciidarsi dt^i 
sccoli e degli eyenti politici, e col turioso iniperversarc delle onde 
dei popoli terrestri ; e per6 , se la seinpliciti della Sacra Scrittura 
Hon pit!i si adattava al gusto dcllc popola^ioni rigcnerate e , forse 
anche corrotte, il fondo l* semprtr intattOj ed i fatti principali delle 
vita di Cristo, e cio die ha actincnza con essi, c rimasto iiidele- 
bilnieace scolpito nelPaniina deiruoniOj uscito dai feroci subbuglij 
chc s'agitavano nclk cupc notti dei primi secoli dclP &ra volgare, 
Troppi Icmbi del cuore erano stati consacrati ad un ideale sublime, 
iniinko; e sc si trastbrniava il prcscpe, il draniiua UturgicOj la j^acra 
rappresentaxione, dal cuore degli uomini non si cancellavano k mc- 
morie duUe festt, chu il paganesimo, i! popolo di Roma, il colosso 
dell'aiKicluti celcbra\*a sotto altro nonic. 



M ,..,.*, . Sccol si sinnovii, 
Tomn ^iistimit, n *l primo tempo umano^ 
A progcniL* disccade dal ciel nova, 

(Dante, Pnr^^,, XXU, v. 70-72), 

E siibbcnt; t3t:l vaticimo dclla n;Lscit^ di qUL4 fanciullo, a cui aQude Virgilb, si 
si.i pcnsato di Lmti niodi, comincLando da Stirvio, clic vcde tal pargolo in Sa- 
kmino, figlio di Pollioiii;, Ami c proprio queito che ne pcnsano inolti autori an* 
tichi c modemi 5 ad Ennio Quirino Visconti ^ chc pcnsii si aliiida al parto di 
LIvia ntiidrc di Tibcrio u Druso, sposata, come t noto, ^a (gravida ad Ottaviano; 
pure, pLT ci5 chc rie dicorio moki altri scrittorl c fra tanfi S. Agostino c Cesare 
Cantii nclla sua Storiit Vnivermle (Documcnti alia Scoria Roniana), non c diffi- 
cile chQ U vaticinio sia stato fatto per II Mejssia, Dante pol innnagina chc Sta^lo, 
pur invocando in principio del suo poenia « La Tebaidc n la Musa Clio, (qitsm 
pfjtis heromn Clio ikhhl C l^ \% 4O, e bcnch^ risenta delle creden^ic pac^ani;, 
la intcndusse in questo semo — c 7 primo ti'mpo nmmh\ I' ifia ileli' oro. Svctonio 
porla ancora della nascita di im tror* , c cio patua esser bene una rcniiniscenza. 
od Tin'cco Jci Poeti Aki»samkiiii, come ne pL-nsiino TATcin^eli ed ii Rigutini, 



Digitized by 



Google 



14 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPqlARI 

E queste feste sono incarnate, con tutta la loro semplicitil, con 
tutta la loro ideale e magnifica poesia neH'animo. dei villani di Ca- 
labria e di Cetraro. I quali, benche inariditi dalla furia forsennata 
degli dementi, benchfe vivano in campagna tra il vitale effluvio 
degli alberi, che essi stessi hanno allevati sotto la durissima sferza 
del sole, o coverti dairimperversare della bufera, e che hanno visto 
germogliare e crescere al mite tepore della primavera, benchi av- 
vezzi a starsene lontano dagli uomini, tra cielo ed alberi, pure la 
notte di Natale si mettono nella vita, scuotono il giogo delle oc- 
cupazioni campagnuole , si divertono , fanno baccano e si dicono 
fortunati se il tempo permette loro di recarsi in paese nel cuore 
della notte, sfidando i sibili del ven^o gelato del mare per assistere 
alia tradizionale messa. 

E quando, come sperano,. avviene che in quella notte si pu6 sbu- 
care dalle case, per le tortuose viuzze di campagna, non si vede 
che un serpeggiare di lumi, prodotto dalle lanterne dei villani, che 
a gruppi, a frotte , a schiere si recano In paese. Essi si parton di 
casa accompagnati da un suonatore di campagna, il cui suono 
rompe la consueta quiete della notte. Ed adesso che la fiaccola 
della civilti penetra pure nel cuore dei piii tetragon! , che s' im- 
merge anche nella mente degli zotici , riformando , rivolgendo , 
ampiificando, abbattendo , scuotendo, anche i contadini di Cetraro 
s'ingegnano a suonare Torganetto , accompagnato dalle nacchere e 
dalle allegre canzoni delle graziose vUlanelle. Le quali mandan per 
la buia aria note d'amor giuUvo, che vanno a confondersi col ro- 
sario cantato da quelle donne, dal cui cuore sono sfumati i palpiti 
della balda ed impromettente giovinezza. 

Quella notte h un rincorrere, un gridare, uno schiamazzare di 
donne , vecchi e fanciuUi; e quando giungono in paese — sempre 
prima di mezzanotte — il gridio , il frastuono cresce a disniisura, 
perchi ai contadini s'uniscono i marinari, gli artigiani ed i monelli 
del paese. I caift — ed ogni bettola i un cafft quella notte — son 
prcsi'd'assalto, son zeppi: I'acquavite ed il rhtim si consumano, sic- 
come Tacqua nei mesi di canicola. In quella folia di cappelli a cono 
tutti infettucciati di vqlluto, tra Ic bianchc pezzuolc pendenti dalla 



Digitized by 



Google 



IL NAT ALE A CETRARO IN CALABRIA I) 

testa delle donne , vi i un cappello a larghe falde in sulle sedici 
ore, che a voce alta e sonora di ordini che piii crede opportuni, 
^a il maestro di ballo, e ad un suo cenno, la piccola turba si muove. 
GiA tutta quella gente ha preparato per quelle ore solenni un di- 
zionariettfi di celie, di motti arguti, di scherni. Spesso tra il fiimo 
dell^alcool c'i chi si bisticcia, ed in quelle scaramucce i villani son 
capaci di dirsene scambievolmente quanto ne disse Cicerone contro 
Antonio e Demostene contro Filippo. — AH' ora della messa quasi 
tutti sono briachi; i vicoli , le case poco parlatneniari risuonano di 
gridi, di fischi, di suoni interrotti e confusi; la tarantella \ il ballo 
predUetto dei Calabresi, h una ridda sfrenata e vorticosa, e non si 
capisce ci6 che si fa. Le donne ballano con vecchi, che lianno git- 
tato per quella notte il fedele bastoncello, con giovanetti , con ra- 
gazzi, con donne istesse; i giovani saltano, come lepri, per le stanze 
delle case, ove c'fe festinOy ed una sedia, un armadio, Tombra loro 
istessa i la loro dama. Non c'^ piu ordine; sono scomparsi i maestri 
di ballo dal cappello a larghe falde, non c'h nessuno che comandi> 
nt chi sappia ascoltare, nh chi possa eseguire. Le chitarre sono 
mezze scassate, le nacchere sono sfondate , le zampogne sono bu- 
cate, gli organetti malconci. C'6 chi dorme su d'una sedia, trovata 
a caso, o rincantucciato in un angolo di focolare, chi e lacero fino 
alle carni , chi indossa vesti strane , e chi ^ coverto di fango.... 



* Sebbene alcuni vogliano che il nome tarantella, il caratteristico ballo delle 
provincie meridionali italiane, derivi da Taranto, non sarebbe fuori luogo metter 
Tipotesi di derivare tale nome dal tarantolismo , morso , cio^ , di una tarantola 
(lycosa tarantula)^ che guarisce solamente con il ballo, come dicono i villani. In- 
fatti, come osserva il D.r Carrieri, una delle danze che vogliono eseguire le tar an- 
tolatc k proprio la tarantella. Strabone, Plinio e molti altri parlano di tali arac- 
nidi, i morsi dei quali non guariscono che col ballo. Ed aggiunge il D.r Car- 
rieri, che il tarantolismo nei secoli XV e XVI assunse forma epidemica. Certo 
6 che Torigine di tale malattia si perde nell' oscurita dei secoli , e non 6 fuor 
di luc^o far osservare che i Marsi ed i Psilli abbiano potuto trasportarla in Italia 
e massime nella bassa, ed a Taranto piii altrove, perch^ quivi il clima-era fa- 
vorevole alio sviluppo. Ed il Baglivi dice : « Quia Graecorum et Romanorum 
temporibus civitas ilia caeteris erat aui jrequentior aut nobilior et idea existentibus 
ibidem majori nunuro aegrotis hoc veneno laborantibus. Da qui dunque, in breve, 
il nome tarantola, da tarantola alia famosa tarantella. 



r Digitized by 



Google 



1 6 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Dinnanzi la chiesa, sulle scalinate s'intrecciano danze dai meno sfre- 
nati , e si fischia e grida al canto del rosario delle beghine del 
paese, die hanno la costanza di passare tutta la notte, sedute in 
giro per terra, dinnanzi la porta, di dove entrano le donne istesse. 

Son quattro ore di mattino intanto. I sacri bronzi ^hiamano 
i fedeli alia cerimonia religiosa con i loro allegri rintocchi. Tiitti 
li sentono, anche i piu briachi ed i piu dormiglioni. Quelli die si 
sono, per poco, adagiati sul letto saltano in piedi; le bettole-caffe si 
spopolan come-d'incanto, la gazarra infinita delle strade si trasmuta 
in quiete , e tutti , tutti si riversan nelle tre ampie navate della 
chiesa, la quale pu6 contenere cinquemila persone comodamente, 
ed i galantuomini, che preferiscono il calduccio sereno e snervante 
delle coltri edei soffici materassi alia messa di rito, non isdegnano 
di svegliare i ragazzi per mettere Gesu Bambino fasciato d'oro, nel 
presepe, che quasi tutti fanno in casa, con grande cura. 

Ed un' onda fremente di popolo si riversa nclla casa di Dio. 
I piggia-piggia, gli urtoni, i piedi calpestati, le gomitate, gli spin- 
toni producono un' oscillazione continua , siccome un fitto bosco, 
sbattuto furiosamente dal vento. I fischi dei monelli sono assor- 
danti, il suono delle zampogne e delle nacchere, che i pastori man- 
dano dinnanzi la grotta, ove sono San Giuseppe e Maria, si sperde 
tra quel mare di gentc convulsa. La messa intanto, tra la confu- 
sione, si celebrp.; il bambino Gesu, come Dio vuole, vien niesso nella 
grotta, che viene illuminata , ed il picvano sale sul pcrgamo , ma 
non arriva a far sentire una sillaba di ci6 che dice , perchc le o- 
recchie zufolano, come dopo una forte dose di chinino, e tra tanta 
gente e un predicare al deserto. 

Ma la scialba luce dell'alba invernale , inghirlandata di brina, 
batte ai finestroni della chiesa; ddlla bocca del sacro oratore final- 
mente si ode V hodie natus est Chrisfus, ed in ultimo le felicitazioni 
e gli auguri che si scambiano V un coll' altro , dinno termine alia 
sacra allegrissima festa, apportatrice di pace, di gaudio, d'allcgrezza, 
la festa che congiunge Tuomo, la fragilitc\ della creta all'idea sublime, 
incarnata neirUmaniti, che poi, col sangue di un martire, purificato 
dai tremendi subbugli del secolo , dovea risorgere a vita nuova. 
San Sosti i6 — JX — 95. 

G. De Giacomo. 



Digitized by 



Google 




IL NATALE IN. SARDEGNA. 




L Natale, come non ignorasi, e festeggiatci con molta 
solenniti in Scandinavia ed in tutti i paesi del setten- 
trione, h consacrato alle intimiti delia famiglia, ed e es- 
senzialmente una festa nordica. Non e quindi da recar mara\nglia 
se i Sardi, come tutti i mcridionaii usi alia pompa delle sagre pri- 
maverili, sui monti e nelle plane fiorite, tra lo scintillio del sole, 
non celebrino con grandi cure il Natale. Pur tuttavia anche in 
tale festa presenta la Sardegna la sua spiccata original Iti. 

In Sassari i ragazzi preparano nelle case i lor piccoli presepi, 
e li adornano di foglie di alloro e di spine di asparagi* 

In Logudoro, alia vigilia si fa il digiuno di prescri^ione e poi 
si veglia attorno al focolare fino all'ora della messa notturna. Indi 
le comitive , accesi di gran tizzoni che fanno ufEcio di lanterne, 
muovono alia chiesa per udirvi sa missa de puddu (messa del gallo). 
Gli innamorati vi conducono le loro belle; e'questo i di per s4 
stesso come un fidanzarsi regolarmente, e guai a chi osasse venir 
meno alle promesse date. • 

In ci6 sta appunto la ragione delle moke terribili vcndette che 
in altri tempi si consumavano nella notte di Natale. 

Sul finir della messa si canta in coro la ninna-nanna della 
Vergine (ninnidu)y che qui riporto in tutta la sua intcgritd : 

A ninnia a pupu oro 
Naschidu in mesu sa rena, 

Archivio per U tradi:^ioni popolari> — Vol. XIII. | 



Digitized by 



Google 



1 8 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Sa cobertcdda est dc seda 
Su manteddu est de broccadu, 
Su velu t* hapo ettadu 
Pro I'asta de su manteddu. 
Ninna ninna pupigheddu. ' 

In Tregenda, durante le funzioni religiose, le compagnie bar- 
racellari, schierate avanti alia chiesa, sparano a salve. 

In Ogliastra, durante la messa, i giovinotti cenano in chiesa, 
e poi si divertqno a cucir tra loro le gonne delle piu belle fan- 
ciulle del paese. Immaginatevi le scene buffe che succedono al ter- 
minar della messa !... 

Fatto ritorno alle case , le allegre brigate siedono per terra 
colle gambe incrociate alia turca, attorno al gran ceppo di querela 
detto truncheddu de noite chena (tronco di notte cena), e si novella 
della virtu degli avi, e dei pericoli superati nelle caccie al cignale 
ed al muflone, e si raccontan fiabe (paristorias) , o si contrasta in 
versi sulla nascita del Messia. 

I tenores alia lor volta accompagnano il poeta con un ritmo 
lungo e flebile di canto gregoriano. 

Ma altri intanto pensa a preparar la suchena (sovracena), com- 
posta in genere di salsicce fresche arrostite, di porcellini di latte, 
che per detta occasione, in Ogliastra, vengono cotti con legna o- 
dorose, c piii specialmente con ginepro. 

Le donne poi arrostiscono grani di maiz (prtiddas), posti entro 
a grandi crivelli di ferro , che agitano sopra le grandi fiammate. 
Quando tutto fe pronto, si siede alia mensa, e non vi si fa man- 
care la ombrata vernaccia ed il tradizionale torronc di Pattada. 

Finito il pasto, cominciano di nuovo i canti ed i giuochi. A 
Lanusei si giuoca col barraliccu , specie di dado di legno con un 
perno infisso nel ^iczzo. II dado conticne in ciascuna dclle sue 
faccie una delle seguenti lettere: un T, che significa Tottus (tutti), 
un P pone (metti), un M mesu (la meti) , un N nttdda (niente). 

Per eseguire il gioco si dispongon per terra parecchi muc-. 



» Ninna nanna bimbo d' oro — Nato in mezzo alia sabbia — La copertina 
k di seta — II mantello 6 di broccato, — Ti ho faschito col mio velo — Per man- 
canza di mantello — Ninna nanna, bimbo bello. 



Digitized by 



Google 



IL NATALE IN SARDEGNA t9 

cliietti di nocciuole o di mandorle od anche di monete. II giuo- 
catore fa ballare il dado, txa i mucchi, a mo' di trottola, girandolo 
colle mani. Qnando cessa di muoversi, se presentasi la faccia del 
T il giuocatore vince tutte le poste , se quella . della M la meti, 
se il P deve aggiungerne, se V % non prende alcuna cosa. Negli 
ultimi due casi si cede la mano ad un altro. E cosi di seguito. 

In Logudoro le nubili interrogano la lor fortuna matrimoniale 
nella seguente maniera. 

Collocano per terra quattro o cinque scodelle: una piena d'ac- 
qua, una di cenere, una di chiavi, una di trucioli di legno, un'ul- 
tima inline vuota. Qiiindi si bendano una alia volta le ragazze e 
vanno alia ricerai. Chi trova Tacqua sposeri un agricoltore, chi la 
cenere un mugnaio, chi i trucioli un falegname, chi le chiavi un 
ricco, chi la scodella vuota un poveretto. 

Rimane ora a dir qualche parola intorno alle superstizioni, che 
hanno attinenza col Natale. 
^ Eccone alcune : 

Chi la notte di Natale dornic col capo appoggiato al ceppo y 
vedri diventare realti i sogni fatti. 

La donna incinta deve recarsi la notte di Natale ad udir la 
messa , perch6 se il feto 6 mostro si tramuteri subito in un bel 
bambino. 

Chi nasce la notte di Natale preserva dalle disgrazie sette case 
del vicinato. Ci6 ricorda appunto un proverbio: Chie naschet sa notte 
de Nadale hardiat sette domes de su ighinadu. 

II Natale in fine e ricordato in molti canti popolari, che tra- 
lascio per breviti, ed in parecchi proverbi, di cui riporto i seguenti: 

Dae Nadale * in cudda ia frittii famine, e Inddia. 

Dae Nadale in susu fritfu e famine piusu. 

Lughta netta Pasca * brutta, Lughia brutta Pasca netta, 

Dae Santa Lughia mm passu e pia, Dae pasca 'e Nadale unn passu 
't mannale. Giuseppe Calvia. 



* Nadale t chiamato in Sardo il niese di Diccmbrc. 

2 La festa del Natale appellasi in sardo: Pasca de Nadale. Si hanno poi le 
altre pasque: Pasca inunii (Epifania), Pasca Ahrik (pasqua di Rcsurrezione), Pasca 
de Fiores (Ascensione). 



Digitized by 



Google 




LA it VECCHIA )) DELL'EPIFANIA 

ED I PRONOSTICI D'AMORE DI S. GIOVANNI 

NEL PICENO ED ALTROVE. 




A sera dcir Epifania o Pasqmtta frotte di donne vanno 
k:aina!Hio per le vie di Offida , salutando di casa in 
casa con versi di circostanza che finiscono sempre col 



ritomello : 



E la Pasquclla cvvive ! evvive ! 
\1ve Pasquc e Bufanic ! 

Quella sera a noi bambini vcniva la « Vecchia » o « Be- 
fana j>, alia quale fin da Natale avevamo gi;\ scritta la nostra brava 
letterina di risjicttosc richicstc ; c, o ci lasciava i desiderati regali 
in un cestcllo appeso alia catena del focolare, o giungcva in per- 
sona^ tutta vestita di nero, con una grossa gobba, con un vocione 
da far pnura, nia carica d' ogni' ben di Dio. Era generahnente il 
sen^o di ciisa camutfato in tal guisa; ma chi lo riconosceva ? 

Pel nostro popolo, la Befana arriva da Corfu; essa per6 si li- 
mita ad aniiunziarsi soltanto col dire : 

So' venuta da 1' Orientc, 
Pdrto roba a tutta gente. 

Ma non h vero clie a tutti porti roba. 



Digitized by 



Google 



T.A w VECCHEA » DELL EPIFANIA If 

Gli adulti ed i bimbi grandiceUi che inno gii cnpito clu: chi 
corapera i regali sono k mamma ed 11 papi ^ non avranno mai 
doni dalla Vecchin, Per essi la Befana si ^ affogaLi nel veaire per 
mare da Corfii. 

I raga^czi cattivi poi, invece di dolcij vesti, fnitta e giocattolij 
ricevono una corda ed un nerbo di bue per essere bastonati. 

Ma non in questo solo giornoj la Befana ^ oggetto di timore 
o di spcranza pel bambino, 

Sc cgli piange , la mamma va sotto la cappa del camino a 
chiamare la Vcccliia percht scenda a prenderlo e portarlo via. 

Se cambia i denti, il fanciullo va a nascondere quello caduto 
in una fessura del Ibcolare, Domattina ci trovera un dono. 

Se tiene in mano qualche oggetto che possa fargli del maks 
i parend destramente glielo tolgono ed ^ la Befana che lo i por- 
taio via. 

Insoiiima h essa la temuta giudicatrice dei bimbi, la loro se- 
vera e vigilante arnica, la sola autoritfl iudiscudbile per essi ^ 

Ad imitazione della Vecchia , c' i per gli adulti il Vecchione^ 
ricorrenxa che cade nel di di S. Antonio (17 Gennaio) e che ser^^e 
a quello scambio di strenne, che altrove si fa a Natale od a Capo 
d'Anno. 

Per TEpifania inoltre abbiamo un'altra costuman5ja, comunis- 
sima del resto in tutta Italia. 

Nella giornata un bambino nudo ^ andato — con tjuel freddo^ 
a cogliere ramoscelli di olivOj e b sera, al saltare o no di quelle 
fog lio line messe suir aiuola calda del fuoco , la giovinetta chicdc 
respoiisi di a more* Non ultrimend le tanciulle valacche gettano sul 
fuoco i propri capelli e se crepitano nc traggono auspicio che a- 
vranno un buon marito. Oppure nascondono sotto il gixanciale un 
ramo di basilico e se nella notte esse vedranno in sogno Timma- 
gine deiramato, k segno che cntro Tanno andranno spose< Vanno 



* L*uso c b crtidcii^a nella Befana fu argomcnto della curiosa disscrtajrionc 
del Mannij ripubblicata non b guari da G. Pitit con I'agginiita di notuiic n^ito- 
logtchc sul medesimo entc in Italia e fuori. V, Jstorim notf^m dell* ori give e if J 
significatQ MU Btfane, Palermo, Tip. del « Giomale Ji Sicilia 4>^ 1S93, 



Digitized by 



Google 



22 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOlARI 

pure in giardino con gli occhi bendati a legare due rami d'albero 
e se i due rami sono d' arbusto differente , si mariteranno nel- 
r anno '. 

In Russia , V ultima notte dell' anno , la fanciulla coUoca due 
specchi Tuno rimpetto all'altro, disponendo due cand^le innanzi ad 
ogni specchio. Seduta in mezzo e guardando in uno degli specchi 
essa vede un'infinita fuga di stanze illuminate: — in fondo in fondo, 
a mezzanotte, le appariri il predestinato. * 

In certe localiti francesi sonovi le PAqtm fieuries. A Natale, 
tornando dalla messa di mezzanotte le giovinette colgono un ramo- 
scello di melo e lo pongono in una bottiglia piena d' acqua: se a 
Pasqua qualcuna delle gemme sari sbocciata, la ragazza neU'annata 
andri a marito. 

A Brindisi, pel S. Giovanni colgono dei fiori gialli, comunis- 
simi in campagna, die anno la forma di piccoli cardi; ne bruciano 
i petali e poi lo lasciano all' aperto , durante la notte , col gambo 
immerso in un bicchier d'acqua. Se al mattino si trova la corolla 
rifiorita, la persona a cui Tauspicio h votato, sari fortunata. 

A Pesaro, le fanciulle traggono oroscopi d'amore facendo ca- 
dere, la sera di S. Giovanni , una chiara d' uovo in una bottiglia 
d'acqua che poi lasciano fuori nella notte. Al mattino, dalla forma 
presa dalla chiara sospesa nel liquido, deducono I'arte o professione 
del futuro marito. Lo stesso avviene in Ancona, ma, come in To- 
scana, sostituiscono alia chiara d' uovo il piombo Uquefatto. 

Pure a Pesaro nella notte di San Giovanni, i giovanotti vanno 
rubando fiori dai balconi delle ragazze e le contadine delle prossime 
colline scendono a mare a bagnarsi. 

II mattino poi c'6 gran mercato di fiori e di agli. 

I primi sono scambiati fra le persone che vogliono dimostrarsi 
reciproca afFezione; I'aglio invece h simbolo di dispetto. 

Far mangiare V aglio alV amante significa in tutte le Marche 



* G. Brun, Le none valacche. 

* NouveUe Reznie, An. I. Paris, 1893. 



Digitized by 



Google 



LA « VECCHIA » DELl'hPIFANU ijl 

come in Toscana ed a Roma \ lasciarlo per sceglierne un dtro: 
perci6 donare Taglio in quel giorno e ofFesa o sclitrzo. 

S. Giovanni e Taglio vanno ancora insieme in Valtellina, ma 
ben diversaraente e ben piii praticamente. Lassu in quel giorno 
l^ano le foglic della pianta per fame venire piii grosso ii bulbo. 

S. Giovanni a ovunque costumanze speciali. A raccogiierle 
tutte, ci si farebbero, anzi, ci si sono fatti del libri ^; nia per tor- 
nare al Piceno aggiunger6 che altro prognostico d*amorc le nostre 
contadine traggono in quel giorno da un'erba chc cIiiam:mo Verba 
delVamore e che assomiglia molto al basilico. Mettono alcune foglk 
di queir erba su un braccio e attendono se ci fa piaga o no di- 
c'endo : 

Se me v6 W, (Vtnnamorato) famme 'na rose, 
Se no, famme 'na piaghe vermenose. 

Nella notte di San Giovanni le mamme in Ancona fanno at- 
tingere un secchio d'acqua di mare che al mattino mettono a bol- 
lire con fiori di campo e garofani e con uno spiccliio d* agLio, 
Serve a far la lavanda ai figliuoli per preser\^arli dagli cffetti del- 
r itwidia. 

Anche nella notte di San Giovanni, in Offida, espongono al- 
Taperto, alia serena come dicono loro , un vaso d* acqua rienipito 
di petali di rose. II lavarsi con quell' acqua profumata il mattino 
successivo preserva pure AtaWUnvidia, 

Come a Pesaro, qui, a S. Giovanni c'6 scam bio di fiori; ma 



» Cantano nel contado toscano ed a Roma (V. CdrajszikIj Letter . P^poL^ 
pag. 166 e 271) : 

E lo mio amore m' i mandato un fogUo, 
E sigillato co' no stuccio d'aglio 
E dentro mi ci i messo « non ti voglio n. 
* Chi volesse far raffronti, vegga il Pitr^ , SpeltacoU e Fcste (S. Gi&vttnui 
Battrsta), Palermo 1881. — Usi e Costunti, Credenxe e Pregiudiii^ vol. H (II Conu 
paratico); Pal. 1889, e la nota di pp. 282-83. Cfr. pure tuttc Ic 12 imn;itc dL4- 
VArch, delle tradixiohi popolaru 

Qui reputo opportune avvertire per una volta tan to il Icttore chc tuttc Ic 
costumanze riportate in questi appunti, c delle quali non 31 i: indicata la fontc, 
sono state vedute o sentite da me. 



Digitized by 



Google 



34 ARCHXVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

con piu solenniti i mazzi sono inviati nelle case insieme a chicche 
ed oggettini gi-aziosi. Ciii li riceve, rift il dono il di di S. Pietro 
e simile scambio di fiori in detta circostanza, rinnovato fra due 
persone per uii triennio , crea il legame di comparato , legame ri- 
spettato quanto quello che nasce al fonte battesimale e die i i suoi 
obbEghi cd i suoi diritti \ 

Befana, S. Antonioj S. Giovanni: feste di gioie famigliari, gen- 
tili tradizioni perpetuate dalle madri e dagli amanti ; sono giorni 
che sempre ed ovunque c\ legano ai nostri cari e che ci fanno 
sentire piu aniara la nostalgia delia casa. Per essi si vorrebbe re- 
stare senipre giovani, sempre amati ! 

MiCHELE AnGELINI. 



» In Sardogna pul S. Giovanni esiste o esistcva pure il comparato , ma con 
differentc e piu soknnc ct*rimoniale. V. Lamarmora, Voyage en Sardaigne, 



Digitized by 



Google 




A NOITE DE NATAL, O ANNO BOM 
E OS SANTOS REIS 

NA CIDADE DE ELVAS, EM PORTUGAL. 




I. 



PESAR das novas formas que os antigos padres da Ggreja 
deram a festa pagan do solsticio do Inverno, a pesar de 
haverem substituido o objectivo d*ella — o renasclinento 
ou despertar do Sol — pelo nascimento do Christo , ainda cxisteni 
vestigios dessa antiquissinia festa nos usos e costumes do povo 
ponuguez, como vamos provar, dando, a traces largos, nodcia de 
quanto se passa na cidade de Elvas em a noite de Natal. 

A vigilia principia pela consoada as 8 horas da noite , collai^ao 
que se compoe de peixe, pao, e esparregado, ou salada dc alface, 
Na chamine (hir) come(;a a essa hora a arder o cepo do Natal, o 
grande madeiro de azinho, escolhido entre os maiores na aiui da 
lenhay e que somente e apagado quando todas as pessoas da faniilia 
recolhem a suas alc6vas. 

N' algumas casas de habitacao armam grandes presepios, escm- 
pulosamente decorados conforme a lenda christan. Figuram alij em 
toscas figuras de barro e a liiz de pequenas velas, o Menino Dcus, 
Archivio per k tradition i popohiri — \''ol. XI II. 4 



Digitized by 



Google 



26 ARCHIVIO PER LE TRADIZIOMI POPOLARl 

no estabulo, deitado nusinho sobre palhinhas; S. Jose e a Virgem 
M^e contemplando-o amorosamente , e atraz d* elles o boisinho e 
a mulinha. Das montanhas descem os pastores precedidos pelos 
anjos, e a distancia destacam-se os tres reis magos caminhando a 
cavallo e guiados pela estrella. Musgo , buxo, cizirao e trigo gre- 
lado sao as plantas de ornamenta(;ao dos presepios, que prendem a 
atten^ao dos visitantes especialmente pelos accessorios, alguns d'elles 
muito engenhosos e outros extremamente grotescos. 

Ali se v6 o moinho de vento, a nora, a ponte, o rio , o ar- 
roio precipitando-se da montanha, os assudes , os rebanhos de o- 
velhas e cordeirinhos, as piaras de porcos, as manadas de cavallos; 
aqui um ganhao a lavrar ; alem o semeador no cxercicio da sua 
profissao ; a caminho da cidade o moleiro , fustigando o jumento 
carregado de saccos com farinha; caminhando sobre a ponte , no 
macho ricamente ajaezado, o lavrador; nas margens do rio as la- 
vandeiras a bater roupa; e tudo em lida, tudo em labor, e Id ao 
long^, ao fundo, Jerusalem ! a cidade deicida, a maldita dos pro- 
phetas. 

Sao muito visitados os presepios, nao s6 em a noite de Natal 
como nas seguintes, ate a noite do dia de Reis; e e accessivel a 
entrada a te a pessoas estrajihas d familia, sendo sempre amavel- 
mente recebidas. 

Das dez horas at6 d meia noite de Natal percorrem as ruas 
da cidade differentes grupos de homens do povo , canumdo em 
altas vozes, em coro, e n' um rhythmo e entoa^ao especial, trovas 
ao Menino Jesus, acompanhadas pelo som aspero da ronca: alcatruz 
de nora, ou panella de barro, a cujo boccal se adapta uma mem- 
brana, ou pelle de bexiga , atravessada por um pedago de pau en- 
cerado, pelo qual se corre a mao com for^a para produzir um som 
rouco. S6mente pelo Natal 6 este instrumcnto ouvido. 

As torres da extincta cathedral elvense desde as 9 horas que 
estao annunciando as matinas do Natal , ali cantadas , e que ter- 
minam pela missa da meia noite, a missa do gaUo, A vasta egreja, 
vestida de galas, e esplendidamente illuminada, enche-se de pess6as 
de todas as classes sociaes. Terrninada, n* essa e n* outras egrejas 



Digitized by 



Google 



A NOITE DH NATAL, O ANNO BOM 27 

da cidade, a missa da hora a que o gallo canta , e dada a bcijar 
aos fieis, pelo parocho , uma pequena imagem do Menino Jesus , 
recolhem todos apressados a suas casas, e tern entao logar o hm- 
quete nocturno, a que chamam fa:(er a meia noite, — banquetc cm 
que o cora^ao e o estomago por egual se dilatam. 

Em quasi todas as casas esse banquete se realisa na cosiiihaj 
em trente da chamine, fortemente illuminada pelo madeiro cm 
chammas. O banquete , que e abundante , comp6e-se usualmcnic 
de carne de porco assadn ou frita, vinho, fructas, broas de milhu, 
biscokos, fritos, predominando entre estes as filhozes e as azw'uxs, 
e cafe. 

Findo o banquete, e arredada a mesa, tomam assento ukUs 
as pessoas da familia junto da chamine, vendo arder e crepitar o 
madeiro — como que velando-o ; — e em algumas casas cantam^ 
ahi, ao reflexo phantastico das labaredas, trovas ao Menino Deus, 
acompanhadas pela ronca, e no rliytlimo e entoagao ]i ouvidos du- 
rante a noite, e que sao peculiares da festa de Natal. As trovas sao 
numerosissimas; passam de 350 as que tenho recolhido. Por muito 
tempo se conser\'am n* essa como que venera^ao pelo fogo, nVs.s;i 
homenagem inconsciente ao principio gerador dos corpos celestes 
at^ que os bocejos vao lembrando a uns e outros que h cKegada 
a hora de recolherem a seus quartos. 

Em quasi todas as casas de habita^ao, n'essa noite, as velas 
do oratorio sao accesas, depois de n' elle se haver collocado , no 
logar de honra, a imagem do Menino Deus, e em frente do ora- 
torio, sobre a mesa, sao dispostas as searinhas do Menino J&st4s. 

Um mez antes-do-dia de Natal langam em pratos , ou pi res, 
pequenas por^oes de trigo humedecido , para germinar. Todoj^ us 
dias sao borrifadas com agua essas searinhas , que depois figuram 
nos presepios e nos oratorios, — searinhas que recordam as senitiitcs 
semeadas nos testos pelas mulheres phrygias , e que levavani an 
terrado para germinarem aos raios do Sol \ 

Para aquelles que se entregam de alma e cora^ao ao estutio 



Cfr. D. Jost CoROLEU, Las super sticiones de la humanidad, T. I, pag, \j\.\. 



Digitized by LriOOQlC 

1 



28 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

das tradi(;oes populares, notaveis vestigios de antiquissimas cren^as, 
e alguns ritos dos primitivos cultos da humanidade se destacam 
do'entre os usos e costumes acima descriptos, — ritos, hoje, incon- 
scientemente postos em practica. 

Os coros e folgares nocturnos pelas ruas, as searinlias, o ban- 
quete em frente do lar, o presepio, e o ct^po do Natal — provam 
d sacie Jade o grande principio de Fustel de Coulanges : — « Fe- 
lizmente o passadb nunca morre completamcnte para o homem. 
O homem pode esquecer-se d'elle, mas guardal-o-ha semprc em si ». 

11. 

CreiK^s populares portuguezas, relativas A nolte de Mfat^l. 

1. Na noite de Natal, em Barcellos , os rapazes costumam 
assar muitas pinhas , e c costume guardar os cascos das piilhas 
mansas , que ficam dessa noite , para se queimarem por occasi^o . 
das trovoadas. (Silva Vieira, Revista do Minho), As pinhas , meio 
queimadas na noite de Natal , deitam-se no lume quando trov6a 
para passar a trovoada. (Consiglieri Pedroso, Superstifdes populares. 
P'aria). 

2. Na noite de Natal e muito bom deixar a mesa posta no 
fim da ceia para os apostolos virem comer. (Barcellos. C. A. Lan- 
doll, Revista do Minho), 

3. Uvas comidas depois da meia noite de Natal livram de 
sezoes. (Evora. Ign. Ferreira, Revista do Minho). 

4. Se na iloite de Natal houvcr luar, 6 signal de no anno pro- 
ximo haver muito leite. (Elvas). 

5. A mula no presepio espalhava o feno e a vaquinha ajun- 
tava-o. — D^aqui a maldigao de N.* S.* d mula : — Nao pariras !— • 
promettendo a vaccjl que seria a carne que sustentasse mais. (Elvas). 

6. O gallo quando canta na noite de Natal diz: Jesus i C^risto. 
(Elvas). 

7. A' rosa de Jericd (planta hygroscopica da familia das cru- 
ciferas) attribuem a virtude de facilitar o nascimentp das crean^as. 



Digitized by 



Google 



A NOITE DH NATAL, O AKKO BOM $$ 

Lan^m a rosa n' uma tigek com agua , e , i medida que vae a- 
brindo , facilita-se o parte. A rosa c vcndida pclos judeiis ambu- 
lantes , e 6 boa para a enxaqucca aspirando-se o aroma (sic) quu* 
ella exhala ao abrir-se, — c c crcnija quc^ coUocaiido-se a Rem de 
Jericd em um oratorio na noitc dc Natalj pela manhi se encontra 
aberta. (Elvas). 

IIL 

Dictados do NataJ. 



1. Do Natal a Santa Lozia 
Crcsce um palmo o Ji^, 

2. Entre o Menino e o TIiom6 (it de de^ntbroj 
Tres dias e \ 

3. Se queres a dt;stfrai;a de Portugal 
Da-lhe tres cheias antes do Natal ^, 

4. A fcsta do Nam! 
Atraz do lar, 

A da Paschoa 
Na pra^, 

A do Espirito Santo 
No campo. 

5. Por Natal sol, 

E pe la Paschoa carvao, 

6. Pelo Natal 
Bico de pardal. 

7. Quem quizer bom athal 
Semei-o pelo N^ital ', 



» Variante: 



* Variante: 



3 Variante: 



Entre mini c ti, Thom^, 
Tres dias ^. 

Mai vae a Portugal 
Se nao tern tres cheias 
Antes do Natal 

Quem <\uhct bom iinilkir 
Semei-o pelo Natai, 



Digitized by 



Google 



V 



|6 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

8. Natal na pra^a, 
E Paschoa em casa. 

9. O Natal ao soalhar, 
E a Paschoa ao lar \ 

10. Pelo Natal ao jogo, 
E pela Paschoa ao fogo. 

11. Ande o frio por onde andar 
Hade vir pelo Natal. 

12. Niital em sexta-feira 
Por onde puderes semfia; 
Em domingo 

Vende os bois e compra trigo. 

15. Pelo Natal 
Se houver luar 
Senta-te ao lar, 
Se houver escuro 
Sem&a outeiros e tudo. 

14. No fim do Natal 
Crescem os dias 
Urn passinho de pardal. 

I J, Depois que o Menino nasceu 
Tudo cresceu. 

16. De Todos os Santos ao Natal 
£ Inverno natural. 

17. De Todos os Santos ao Natal 
Bom 6 chover, mellior h nevar. 

18. De Todos os Santos ao Natal 
Ou bem chover, ou bem nevar. 

19. De Todos os Santos ao Natal 
Perde a padeira o cabedal. 



« Varknte: O Natal ao soalhar, 
E a Paschoa ao luar. 



Digitized by 



Google 



A NOITH DE NATAL, O ANKO BOM jl 

20. Diziam os nossos av6s 
Que dos Santos ao Natal, 

Se OS tempos nao mudassem. 
Era Invemo natural. 

21. De Santa Catharina (2j d. Nov.) ao Natal 
Mez egual. 

22. Dos Santos ao Santo Andri 
Um m^s e, 

Do Santo Andr6 ao Natal 
Tres semanas. 

23. De Todos os Santos ao Natal 
Cada dia mais mal. 

Do Natal ao Entrudo 
Come-se capital e tudo. * 

24. Se a Paschoa 6 a assoalhar 
E o Natal atras do lar; 

Se a Paschoa t atrds do lar 
fi o Natal a assoalhar. 

25. Par a que o anno nao va mal, 
Hao de os rios tres meses encher 
Entre S. Matheus e o Natal. 

26. Santa Luzia, 

Antes do Natal cinco dias. 

IV. 

O Fim do anno. 

Nao ^ festejado em Elvas (nem me consta que seja festejado 
na provincia do Alemtcjo) o dia de S. Silvestre, nem a noite; — 
e o proprio dia de Anno ^om , que c de solemnidade nacionai, 
apenas h celebrado pelos povos alemtejanos com abundantes jantarcs 



' Dictado dos boticarios. 



Digitized by 



Google 



32 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

e com as visitas de felicita(;oes pelo anno novo. Este mesmo co- 
stume vae acabando, trocando-se os cumprinxentos de boas festas 
por meio de cartoes de visita. Encontro, porem , em o n. 1 1 do 
vol. rV da Reuista do Minho uma noticia folklorica devi'da ao sr. 
• Silva Vieira, e referente A consoada do Anno Novo em a provincia 
do Minho. Informa aquelle meu amigo: que em Espozende k co- 
stume repetir-se na vespera do anno novo a consoada do Natal, 
composta de rabanadas , bacaUiau cosido com batatas , olhos de 
couves, figos e outras iguarias, e que, com a mesma influencia da 
noite de Natal, se jogam os pinhdes, seguindo-se depois, e nas ruas, 
alegres folgares de dan^as e cantos ao som de instrumentos. 

Nota dos presentes que no concelho d'Elvas i de uso- offerecer as 
pessdas de amisade nas ante-vesperas e nois dias de Natal e Anno 
Bom : 

Pelo Natal: Azevias, filhozes, broas de milho, biscoitos, lombos 
de porco, peixe, e carradas de lenha com grandes madeiros. 

Pelo Anno ^om: azevias, broas de miUio e biscoitos. 



V. 



As Janeirasy ou os Santos Reis. 

(Estrias = Strenim), 

Nas freguezias ruraes do concelho d'Elvas, durante tres noites 
antes do dia de Reis, andam seis homens (quasi sempre ganhdes) 
de monte en monte, de casal em casal, batendo as portas e pedindo 
esmolas para as almas bemditas. O primeiro d'elles, o falsdo, toca 
guitarra ou viola e ent6a, em solo, os Re:(es, de dois em dois versos, 
OS quaes repete o cdro (composto de quatro homens formando cir- 
culo, com OS bra^os lan^dos uns sobre os hombros dos outros 
e as cabe^as pendentes e unidas) , e que tambem repete o sexto 
homem , o falsete, com voz muito esgani^ada, S«io acompanhados 
n*esta peregrina^do , por muito povoleu. As esmolas que recoUiem 
(de ordinario — paes, carne ensacada, fructos , etc.) sao entugues, 
ao parocho da respectiva freguezia, no dia de Reis, e n'esse mesmo 



Digitized by 



Google 



^^i^rm 



A NOITE DE NATAL, O ANNO BOM 33 

dia sac postas em leil^o i hora da missa. O producto do leillo h 
applicado a missas por alma dos defunctos. Os seis ganhaes so- 
mente devem tirar das esmolas o almofo do dia de Reis* 

VL 

Eis OS versos dos Santos Reis. 

I. Quaes foram os tres cavalheiros 
Que fizeram sombra no mar? 
Foram os tres do lorienUy 
Que a Jesus foram buscar; 
Foram-n' o achar em Belem 
Revestido no altar; 
Estava dizendo missa nova 
Missa nova quer cantar; 
S. Joao ajuda i missa, 
S. Pedro muda o tnissar; 
Com trinta mil almas i roda 
Todas 'stao por commungar; 
' Depois que a communhSo deu, 

P'r*6 ceo as foi a luvar; 
Dando gramas e louvores, 
Dando gragas infinitas, 
A esmola nao e p' ra n6s 
E para as almas bemditas. 
Levanta-te, pomba branca, 
Do logar d* onde estejas, 
E vem dar a esmolinha 
Em louvor dos Santos Re:(es. 

2. Quaes foram os tres reis magos 
Que fizeram sombra no mar ? 
Sao OS tres do Oriente 
Que a Jesus vem adorar; 
Nao procuram por pousada, 
Arcbiuio par k tradi^iord popolari — VoL XIIL | 



Digitized by 



Google 



Netn adortde Mo de ir pou'iar, 
Procuram por Jesus-Chri^o 
Otidc o ha6 de ir achaf ? 
Foram-n'o achar em Roma 
Revestido no altar, 
S. Pedro ajuda i missa, 
S, }o2a itifuda rftissal; 
Missa nova quer dizer, 
Missa nova quef c^tar. 

j. A qui vos verrho 1 cintit 
A vinda dos Santos Reis, 
E podeis ir preparancto 
Qualquer coisa que riX^ deis. 
Ji OS reis magos chegaram 
A' porta do Oriente, 
Oh meu Deus omnipot^fife, 
Vae por uma cstreUa gufewfe; 
A Belem foram pousar, 
Onde S, Jos^ estavaf, 
S- josh quando viu 
Tres reis em sua pouMda, 
Su alma ficou trtwadu. 
— Esse Meninoquem k ? 
E* o fiiho de Mariaj 
Que ella nossa mae 4, 
Acceitae-nos como ri^^f 
EUes estrangeiros saot 
Di*liie myrrha e incen^,- 
Tira-lh' o do cora^o. 

Segundo informa^ao do sr, Silva Vieifa, ia Noite de Reis, em 
Espozende, 6 festejada com uma: ^bufidilite cel'ii, etft que o pri- 
meiro prato h composto de bacalh'aii cdtti batatas, c6bdias e olhos 
de couves, seguindo-se depois as fiibaiiiadaS, 6v6)s ttlexidos e arroz 
doce* 

(Ehas) A. ThoUaz Pires. 



Digitized by 



Google 



I|B«P 




USANZE MARINARESCHE IN NAPOLI. 




luciani di Napoli furono divisi in tante classi, distinte fra 
loro dalla oatora deU'arte, del mestiere, del commercio, 
direi cost indigeno, come queUo delle acque solfurea 
e ferrata, Questa distinzionc miscma dietro sh costumij abitodini 
cosi caratteristiche , da stabilire differenze afFatto notevoH. Vi ^ 
nella vita di questa famigtia mimerosissima, note paiticolari, fonte 
ancora di gare sfrenate , di bizze , di supcrstizioni , di I'ivaleggia- 
mentij che or la rabboniscono e or I'accendono d'ira o la gettano 
nelle guerricciuole, che sovente tirano dietro conseguenze funeste, 
Ogni cksse ha un capo che la guida c consiglia , cui si 
rimette il giudizio per le contese sorte tra loro, come La risolu- 
zione delle controversie e il togiier la ruggine dei pii gravi dissa-- 
pori. Questo capo poi non viene al potere con modemo sistema 
eiettorale; cssi rifuggono da questo metodo e, per giungerc atralto 
onore, bisogna compiere un atto eroico, non itnporta di che genere 
e per quale ragione, Scnno e probiti\j vita lunga^ austera, patriar- 
caie, danno la preferenza, e piu la lunga prole; scanati scmpre gli 
scapoli, con quanti sieno i lore meriti, i loro pregi, quante le loro 
ricchezze. Per altro quella carica h per lo piii ereditaria, ed 6 sempre 
il padre che la trasmette al primogenitOj oppure a chi dei figliuoli 
pii mefitevoli, e sopratutto animogliato^ o sar^bbe inutile sperarlo. 



Digitized by 



Google 



36 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

giacch&y non si scherza, il compito del capi h difficile: radunarsi 
in consesso nei momenti piu gravi, metter fiiori il verdetto inap- 
pellabile, sul putiferio vivo per una cerimonia, per interessi privati, 
come la scelta d' un compare, la festa d' un neonato, le onoranze 
fimebri, i patti d'un matrimonio, i cui contraenti i necessario siano 
della medesima classe. Perci6 h raro Tincrociamento di classi diflFe- 
renti, e awiene proprio quando gli sposi promettono di lasciare 
per sempre il loro quartiere e di vivere altrove. 

II vecchio capo, adunque, che si ritira da quella specie di vita 
pubblica , o per riposarsi dalle fatiche o per gli acciacchi dell' eti, 
indica egli stesso su cui deve cader la scelta del successore. E questa 
specie di abdicazione, e Tassunzione al potere dell'altro, i sancita 
da una festa solenne , che varia di riti , e per T importanza delle 
classi, e anche per I'eti e i pregi di colui che subentra nella carica. 

Ho detto che nei matrimoni non si ammettono incrociamenti 
di classi, e oggi si contano suUe dita quelli contratti fra venditori 
d'acqua solfurea e pescatori, per esempio; tra questi e i lan:(atu^ 
rari, e i cotHatori e i sonnotatori e gli ostricari. 

Ora il decano di tutti i capi, cui spetta pure la presidenza nelle 
loro riunioni generali, appartiene alia classe dei sonnotatori e conta 
ottantotto anni di vita. II solo tormento della vecchiezza , i poco 
tempo, gU ha fatto cedere il posto al suo ultimo figlio, ritenuto dal 
vecchio il pii robusto, il pii valoroso del suo mestiere. II padre gli 
ha fatto dono di tutti i suoi attrezzi per la pesca , e di due gozzi 
nuovi, perchi la prima distinzione di chi concorre al posto di capo, 
sta appunto nei possedere non meno di due barche. E poi tutto il 
quartiere dice che il giovane h la bonti fatta person^, la vera copia 
del padre. 

Dunque la scelta h caduta appuntino e il vecchio ci guada- 
gneri, perchi anche nei riposo saranno sempre autorevoli i suoi 
consigli e i suoi apprezzamenti su ogni vicenda. Egli ha il sopran- 
nome di Zi''Cuo:(^o e la sua vita merita un cenno. 

Suo padre mori, dissero, di brutta malattia contagiosa, sopita 
fin'allora, destatasi violenta alquanti mesi innanzi la nascita di questo 
suo unico figliuolo; sua madre martirizzata dai ferri del chirurgo. 



Digitized by 



Google 



USANZE MARINARESCHE IN NAPOLI 37 

mettendolo al mondo, spir6 pochi giorni dopo ch'egli era veauto 
alia luce. Solo, il bambino fu raccolto da una zLi, unica parente, 
sorella di sua madre. II ragazzo cresceva macilento, sparuto, mentre 
abbondavano le cure affettuose della zia, e mentre i medici giura- 
vano che non era nato per la vita; gli sipotevano contare i giorni 
pel rachitismo che faceva capolino, pel veleno paterao serpeggiante 
nelle vene. E un giorno la zia, stanca di battagliare fra i dispareri 
dei seguaci di Galeno e le fiale d'una intera farmacia , abbandoni 
il ragazzo alia natura e alia riva del mare, il quale tra i profunii 
salini dell'acqua, I'arena calda e i bagni di sole, pass6 la fanciullezza 
gaia e rigogliosa. Ai quindici anni giunse robusto e tarchiato; a- 
veva occhioni neri , sguardo vivace , collo taurino e ne mostrava 
una ventina. Fin dall'ora fece parlare di sfe nella catastrofe del ri- 
nomato stabilimento balneare // Vesuvio, awenuta sulla rada Santa 
Lucia. Quel giorno la gente ammucchiata suUo stabilimento em 
strabocchevole , tra bagnanti , nuovi awentori e spettatori curiosi 
d'una delle spettacolose feste tr^izionali del rione « La ^N^egna » ^ 
data nel piccolo porto di S. Lucia. Occorre aggiungere che per 
quanto rinomato lo stabilimento ai suoi tempi , il pii sicuro e tran* 
quillo, pure cominciava a soffrire i malanni della longevity. Lc 
gambe nell'acqua per lunghi anni, avevano sostenuta grande fatica c 
tendevano a venir meno ; ma il proprietario spilorcio , non se la 
dava neppure per intesa. Piuttosto avrebbe dato un occhio, magari 
si sarebbe fatto cavar due d-^nti, per non rinnovare gli assi prin- 
cipali della palizzata, ossia le fondazioni dello stabilimento. II peso 
ineguale dei curiosi spezz6, quindi , T assito e rovesci6 nell* acqua 
stabilimento e spettatori, in im mucchio informe di donne, di ra- 
gazze, di uomini, di tavole, di pali, di assicelle. Spettacolo orrendo 
in un gridio assordante, nel gorgogliare dell' acqua , come in un:i 
pentola gigantesca che bolla a ricorsoio; mosse strane, atteggiamenti 
ridicoli su pel tavolato galleggiante , lotta titanica fra quelli attnt:- 
cati alle sbarre, ai pali , che piii affondavano , quanto pii pers one 
si abbrancavano a persone. 



' Per questa festa vedi il mio libro Nel Paese dei luciani. 



Digitized by 



Google 



38 ARCHIVIO I^R tE TRADIZIONI POiK^ARI 

Scena inverosimile di sonno angoscioso e patologico di per- 
sona malata. 

Fra gli attori della festa si trovava il nostro giovane, die a- 
veva visto come in barlume un camerino di donne stranamente 
traballare, squarciarsi e cadere informe nei mare, seppellendo due 
giovanette, che passarono innanzi ai suoi occhi come un lampo e 
sparirono appena viste. Non esit6 un istante; scese sott* acqua e si 
diede a salvarle, rhentre i luciani soccorrevano gli aitri malcapitati. 
Afferr6 una delle giovani che si teneva stretta intomo a un piuolo 
del camerino rovesciato , agguant6 T altra pei capelli scinti e flut- 
tuanti , con uno sforzo si cacci6 fuori il mucchio delle tayole e 
venne a galla. Ma le difficolti erano insormontabili , il peso era 
sproporzionato , e stava per cedere tutto alia morte , se non gli 
fosse riuscito di guadagnare la scogliera, donde, una per volta tra- 
sport6 le giovani suUa banchina , restituendole ai genitori ebetiti. 

Da quel giorno il giovane fu tenuto nella pii grande impor- 
tanza fra i sonnotatori; e i piu vf cchi profetizzarono pure che egli 
sarebbe stato fra i piii valorosi del loro mestiere. Quel primo e- 
roismo gli frutt6 la bella somma di cento ducati, coi quali compr6 
un gozzo, gli attrezzi della pesca e cominci6 alacre la sua carriera, 
seguita sempre dal guadagno di molti quattrini. Su i vend anni 
non ebbe luogo impresa di sonnotatori, cui non pigliasse parte: nel 
fondo del mare quel giovane faceva protiigi da sbalordire. Vi re- 
sisteva lungo tempo, e vi manovrava con ujia sveltezza da prefe- 
rirlo ai palombari , troppo impastoiati e non atti a introdursi nei 
mcandri piii riposti delle navi affondate. Poi la fortuna piii gli ar- 
rise nd 1825, quando si rovesci6 suU' occidente del Tirreno, ter- 
ribile uragano; il golfo di Napoli fri il piii flagellato, e sul litorale, 
dove cadevano Ic navi squassate, correva per lo stesso destino, ca- 
rico di grano, un brigantiuo di Castellammare. Correva senza go- 
verno tra i marosi giganteschi e rabbiosamente spumanti, coperto 
dallo spesseggiare delle folgori e il raddoppiar dei venti in con- 
trato. Sbattuto sulla scogliera di S. Lucia, T equipaggio and6 di- 
sperso; fu salvo per fortunata congiuntura il capitano solo, dispe- 
rato per la figlia, che viaggiava con lui e die era rimasta nd fondo 



Digitized by 



Google 



^PWiP^P^If- 



USANZE ^tARINAJ^ESCHE m NAPOLI jj 

della nave'. Fra i sonnotatori corsi al salvataggio era il nastro gio- 
vane , che Jopo pochi istanti ritom6 a galla con la giovane sve- 
nata fra le braccia. La quale diventi poi sua moglie e questa volta 
i luciani non si opposero, perch^ la madre della sposa era nata a 
S. Lucfa, altrimenti ci sarebbe stata rincompatibiliti. E la moglie 
nei primi sette anni di matfimonio gli regal6 sette figli, e chi sa 
quanti ancoYa ne avrebbe aggiunti se la morte non avesse recisa 
quella giovane esistenza. II marito pilnse per un bel pezzo; ma la 
famiglia, la cura dei tigli, lo trascinarono al secondo matrimonio, 
questa volta con la piili bella luciana di nascita, che gli dette dieci 
figli tra maschi e femmiite. Nessuno piii prolifico di lui, tanta da 
passare in proverbio e si disse e si dice tuttora metaforicamente: 
fertile come la terra di Zi'Cuo:(:(0. 

Mentre h famiglia cresceva prosperosa, nuovo lutto venne a 
rattristsfrla: la moglie di Zt'Ctio:(;(0 soccombette alia febbre puerpe-* 
fale dell'ultimo' figliuolo. Intanto una donna era indispensabile in casa 
pef qiJella nidiata di figli, o la famiglia sarebbe andata dissipata e 
lui perdnto. Moke giovani gareggiavano, perci6, a chi meglio facesse 
rocchio languido da innamorar Zi-Cuo:(p^Oy gii uomo attempato si 
ma fresco e gagliafdo ancora da disgradarne i giovani. Poi le co- 
mari gli s'altaccarono ai fianchi, e Zi'Ctw:(xo celebr6 il terzo ma- 
trintonio con gran pompa , da cui gli vennero altri sei figli , che 
irisieme agli altri vissero fiorenti, ed egli divent6 come il capo di 
una tfibfi numefosissima, se si aggiunge la prole dei figli, che fu- 
f Otto anche fecondissimi. Ma il destino, diceva la gente, a forza voleva 
vedovo Zi^Ctio^:(0, ch^ anche la terza moglie mori, dopo non molti 
anni di vita coniugale. Ora conta ottantotto anni ed ^ vegeto, ru- 
bizza e sano di mente. Ha lascmto il suo mestiere e V ufiicio di 
capo delk sua casa con molto dolore; ma i figli non volevano che 
kvorasse piii, questo vecchietto dalla barba ispida e Candida, dagli 
occhi vivaci e irrequieti , dal cranio liscio come la palma della 
mano; vogliono che goda gli oltimi anni della vita nel riposo; egli 
pud vfver bene con Tassegno che d'amore c d'accordo tutti i iigli 
gli haniio stabilito. 

fur tuttavia il vecchio si ^ ritirato a malincaore e sovente 



Digitized by 



Google 



ijO ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

si mette a contemplar dalla banchina le onde, e le lacrime gli cor- 
rono ncgli ocelli , e pensa che la vista indebolita non lo farebbe 
piu scendere nel fondo del mare a squarciare il seno dell' arena. 
Per tanto rifugge dall'ozio e trascorre i suoi giorni ad accudire e 
diriggere le famiglie della sua lunga stirpe. Quando comparisce in 
mezzo ai suoi 6 una benedizione di Dio, una festa, mentr'egli or- 
dinaj guida , consiglia con amorevolezza mirabile e non ammette 
transazioni. Zi'Cuo:(^o h ancora manesco; per una disobbedienza, 
senza por tempo in mezzo, saprebbe destramente far giocare il suo 
pugno iiocclnuto e calloso. Celebr6 solennemente il giorno in cui, 
come dice luij si ritir6 dal mondo, col matrimonio dell' ultimo suo 
figlio , il beniamino della casa , e con la festa del suo successore 
che voUe fosse quest'ultimo figliuolo. Per tal fatto il primogenito, 
sul quale sarebbe dovuto cader la scelta per tradizione, se ne ri- 
sent^ ma Zi-Cr(o:(^o preg6 che gli lasciassero quell' eccezione , se 
volevano vederlo morir contento, e tutti obbedirono. N^ dopo 
questo fu flicile superare gli altri ostacoli, specialmente quello della 
dote^ percht chi vuol salire in quella carica deve, prima di tutto, 
presentarla abbondante; e I'ultimo figlio di Zi'Cuo:(^Oy giovane molto 
novizio nel suo mestiere, non poteva possederla ancora ; il padre 
dai suoi risparmii gli compr6 due gozzi, per legge uno pii grande 
dell'altro, dieci ceste con i sugheri ai quattro angoli da mantenerli 
a galla nella pesca; tutti i ferri per scrostare dagli scogli spondili, 
speve, ricci, ostriche, due lance tridentate per assalire le aguglie, le 
raje, le cerniole; e i pungoli, e i filacciuoli , e i rastrelli per cor- 
redare riccamente un gozzo, come si conviene ad un capo. Marit6 
questo giovane con Tunica figlia d' un suo compare , orfana , che 
lui stesso cduco e nel matrimonio funzion6 da compare dell'anello; 
e dopo orjino le prove per la funzione del novello capo, lequali 
devono csscr date quando il mare h stracco e biancastro, come 
dopo una bonaccia o una sciroccata. 

AJlora le onde morte lasciano 1' acqua torbida , nella quale 
vanno nuotando le erbe, i detriti, le. sostanze organiche, che sono 
su! fondo in tempo di calma, affinchi torni maggiore la difEcoM 
della manovra sott'acqua. L'ora prescelta h quasi sempre quella del 



Digitized by 



Google 



USANZE MARINARESCHE IN NAPOLI 4 1 

tramonto. V'intervengono i gozzi di ogni classe di pescatori, invi- 
tati dal vecchio capo con rito speciale. II padrone d' ogni gozzo 
non deve mancare con tutta la famiglia, o sarebbe prova di nimi- 
cizia, e con i'abito piu iindo e pulito, con ie scarpe lucide come uno 
specchio, la cintola rossa con ciarpami d'ottone e gingilli per or- 
nato; camicia Candida che non ha bisogno di fiutarsi da vicino per 
accertarsi ch' h nuova venuta dal bucato, Le mamme , come nelle 
grandi occasion!, nel costume alia luciana: gonna celeste, corpetto 
rosso, camicia ricamata, e agli orecchi le fatnose rosette^ grossi o- 
recchini di perle. Abito che passeri alle figlie quando prenderanno 
marito e sari il principale e il piu pregiato del corredo. Le quaii 
figlie in questa occasione si dinno a sfarzo smodato , tutte iniio- 
rate, rinfronzolite, ingioiellate, con monili d'oro non sempre vero. 
Ogni gozzo fari mostra di tutto I'arredo che possiede, distri- 
buito con simmetria fuori la- murata , lungo le paratie della navi- 
cella. A prua e a poppa due aste sono congiunte da una cordicin:i, 
dalla quale pendono banderuole e gagliardetti. I gozzi esconc in 
fila e divisi per classi, due dietro due, preceduti dal capo, distinto 
dagli altri da una viva fascia scarlatta che gira intoruo al bordo ; 
e nel punto del mare indicate dal capo si dispongono in circolo, chiu- 
dendo il suo gozzo nel centro, che ha dentro anche il nuovo candi- 
dato. Sorridendo e con un fare cerimonioso il vecchio leva in alto 
con due dita una moneta d'argento e poi la lascia cadere nel m^rre. 
Quando gli pare che la moneta ha raggiunta la meti dell'altezza 
dal fondo, ch'e sempre di trc o quattro uomini d'acqua, fa seguire 
un cenno con la mano e il giovane candidate spicca un salto ea 
testa avanti va a raggiungere il pezzo d' argento. Comparendo a 
fior d' acqua con quella moneta in bocca , e coverto da una tern- 
pesta d'applausi e di grida di gioia ; se no , segue un uragano di 

fischi e il giovane e perduto 

II posto deU'esperimento 6 sempre quello fuori la rada di S. 
Lucia, piii ricco di frutti marini; perci6 il giovane, dopo la moneta 
i obbligato a trarre dal fondo tra non piu di cinque tuffate , una 
venere rigonfia (taratufolo), una unione (fasulara) e un turbine (scon- 
ciglio). Riuscito vittorioso, tutti i compagni del mestiere, si gittano 
Archivio per le traJiiioni popolari — Vol. XJII. 9 



Digitized by 



Google 



4^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

a capotitto neH\icqua e gli fanno allegramente corona. Le giovani 
con sacchetti picni di grossi confetti, duri conic ciottoli, specialiti 
dello spemle del rione, dalle navicelle li gittano a gara sui giovani 
nuotantij drbz.iiidnli a preferenza a quello per cui hanno simpatia, o 
a colui che hanno in animo di sposare. Chi ha visto mai quando a 
fior d'acqua d*un lago tranquillo, sale una larga. frotta di pesciolini, 
con ie boccucce aperte nell' aria , e subito uno sciame d' anitre a 
precipitarsi su, a beccare, tuffandosi, immergendosi, sonnotando, e 
I'acqua s'increspa, rigurgita, spumeggia, cosi deve immaginare quel 
tappeto di teste in lotta fra loro , a rincorrersi , ad agguantare , a 
precipitarsi sui confetti. £ piu bravo chi pii ne raccoglie, e il pre- 
mie I'ha dalla giovane , cui va a genio, la quale gU prodiga sor- 
risi e pronicsse, 

Cosi Zi-Cuoir^o, ^ poco tempo, ha ceduto la carica, nella gran 
pompa, all ultimo dei suoi figliuoli, il quale proclamato vittorioso 
in quello stusso giorno, in pubblico ascoko un predicozzo del padre 
che la prctcndeva anche a oratore. 

Una mangiataccia solcnne conclude la festa, con pietanze d'un 
rituale tutto proprio , meritevole di particolari ricordi. II pasticcio 
liiciano ^ il piatto dell'occasione. Una pignatta contiene un primo 
strato di pescc spinato; poi uno di mitili , uno di ostriche e uno 
di patcUc reali; un altro strato di spinolotti, un altroancora di patelle 
reali, un akro di Jatteri e cosi via via lino a sfiorare la bocca del 
recipiente. II condimento, le sostanze aroma tiche, I'origono, il prez- 
zemolo , il pepe , le olive , le alici salate , formano nel forno una 
crnsta superioni variopinta, tendcnte al biondo, che manda per Taria 
un profunio , da strappar sospironi *ai migliori buon gustai. Ogni 
goz^o porta con se questa pietanza c ciascurio assaggia quella del- 
i' akro p^^r dame giudizio. II vino razzente s' ingoUa a non finire, 
le canzoni chiudono la festa, e il ritornello di quella opportuna de! 
case finisce semprc cosi : 

Vevimmo ca V ammore e Tallegrie 
Stanno c\x nuje pe nee conzuld; 
Vevimmo, ca fatture e malatie 
Lutitatie sempe da nuje hann' a sta ! 

Nu^u Eduardo MiGUAcao. 

Digitized by LrtOOQlC 



MLTOS 

IX DIALF/nXl CAMPIDANHSK, LOGUDORESB 
E GALLURKSK. 



I. Sa bennida de su Rei 
Causada allegria 
Pro chini ndu scidi penzai 
Pro d^amai dc pmsu, 
Sa bennida dc su Rci, 
Parturiu lia Maria 
In sa iiotti de Natali 
In sa grutm de Bctlemc 
Su bam bin 11 Gesusu, 

n. Sa fcsta dc Gesusu 
Nda faidi in levanti 
Unu barbam nioro. 
Sa festa de Gestisu, 
Gravellu penetranti, 
Ca ti dongu su core 
Ita boUis de prusu ? 

in. Imparami canzonis, 
Ca deu no nd* isciu. 
Imparami camonis, 



hV anti mortu e Rniu 
Is tuas passionis. 
Iniparamindi diias, 
M' anti mortu e liniu 
Is passionis uias. 

rV, Arrosas porto in si mi, 
A su fragu m' ispassiada, 
Arrosas pcirto in sinu. 
No c' est e lion d passada 
Coro in custu caminu. 

V. Picciocclicddu artuianu, 
Dfinanii una ligu. 
PicLioccheddu ortulanu, 
A maraoUa sa manu 
Non crctas chi ti pigu. 
Dona niidda cun foliar 
Non creias chi ti pigu 
Sa manu a inaraolla, 

VL Sa i^hitarni de su moro 



Digitized by 



Google 



44 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



Faidi sunu furisteri. 

Sa ghitarra de so moro, 

Gioia mia, beni, 

Ca t'abbrazzo cum su coro. 

Gioia mia, beni, beni, 

Ca t' abbrazzo cun su coro. 

VII. Is paras de guventu 
Faint missa bassa. 
Is paras de guventu, 
Che rosa in sa tassa 
Mamma tua t' ha tentu. 

Vni. Sogra mia, no boUidi 
Chi su fillu mi miridi. 
Sogra mia, no bollidi, 
Su pilu s' indi tiridi, 
Sa cara s' iscrosci611idi. 

IX. Su prinzipe de Guspinu 
Falada a Orivello 

Cun unu battaglione. 
Su prinzipe de Guspinu 
A litteras t' appello. 
Si mi negas s' amore 
A su portu de Torinu. 

X. Colcoriga ispagnola 
Mi la pistino in s' ortu, 
La tengo pro grandesa. 
Colcoriga ispagnola, 

Gii t' hana bider mortu, 
E cumpostu in sa mesa 
Innantis de cust' ora. 

XI. Mastros de* Ortigale 
Sun fattende una tumba, 
Totu a pedra piccada. 
Pintados bi ha tres res. 
Mastros de' Ortigale 



Che i custa columba 
Sabia educada, 
Bellas sunu totas tres, 
No ch' est sa 'guaLe. 

XII. A mi fatto unu ponte 
Dae Tattari a Tiesi, 
Mi lu fabbrico a nie 
A mi fatto unu ponte. 
Mi dio accunnortare, 
Chentu ostas giuresi, 
De vivere in su monte 
Pro no leare a tie. 

Xin. Ite bella frigata 
Ch'ant battidu a Sardigna 
Cun 'unu santu in prua. 
Ite bella frigau 
De sa persone tua 
Chi non s' inde indignat, 
Giovane de oro fatta. 

XIV. Una mastra mi sestat 
Bestires addovere. 

Cheret a la pagare, 
Chi mi coglione creo. 
Una mastra mi sestat 
A nos bider cun pare 
A Santu Pantaleo 
Da c' ando a Macumere, 
Coro meu, a sa festa. 

XV. In mare de s' istagnu 
Vive Mussiu Missere, 
Portat pinna e tinteri 

Pro leggere e iscriere. 
In mare de s' istagnu, 
S* es chi leas a mie, 
Bessis primu gherreri. 



Digitized by 



Google 



-A'A -1 



MUTOS IN DIALETTO CAMPIDANESE, ECC. 



4S 



Si custu ti resessede, 
Bogas fama in s' Ispagna. 
(Contro un prete) 

XVI. Si morzo in custu trattu 
M' appo a fagher sa tumba 
In pes de Santa Melia. 
Si morzo in custu trattu, 
Lassala sa columba, 
Como, colbu, t' asselia : 
Bastante su chi has fattu, 

XVn. Ite beilu fiore, 
Deris SOS Lussurz^sos 
M' hant dadu a fiagare. 
Costantes in s' amore 
Ambos semus intesos 
Cant' amos a durare. 
Deris sos Lussurzesos 
Costantes in s' amore 
Cant* amos a durare 
Ambos semus intesos. 

XVni. Dominiga m' imbarco, 
C alleviada sia, 
Faghe a manera, coro, 
Chi penas assaipato. 
E lunis in Sindia, 
Faghe a manera, coro, 
Chi penas assai pato, 
C aUeviada sia. 
E martis in Nuoro, 
Chi sia alleviada, 
Ca pato penas assai, 
Faghe a manera, coro. 
Mercuris a Pattada 
Faghe a manera,. coro, 
Chi penas assai pato, 



Chi sia alleviada. 
E gioggia in Isparlato, 
Faghe a manera, coro, 
Chi sia alleviada, 
Ca penas assai pato. 
Chenabura in Lolai, 
Faghe a manera, coro, 
Chi sia alleviada, 
Ca pato penas assai. 
Sapadu rlposdda, 
Faghe a manera, coro, 
Ca penas assai pato, 
Chi sia alleviada. 

XIX. S'abba de sa Pampinella 
Nachi es bona pro porros, 

A decottos cun saba 
Intro 'e unu piattu. 
Gii dias esser bella 
Si giughias sos corros 
Comente i sa craba 
E mustazzuda che battu. 

XX. Dominiga manzanu 
Mi abbos sos fiores, 
Appenas fattu lughe 

Los abbo da unu poggiu. 
Dominiga manzanu 
Maria de sos dolores, 
Pianghinde su fizu. 
In su pi de sa rughe 
Cun sa lagrima in s' oggiu 
A muccaloru In manu. 
Mi abbo sos fiores, 
Cum sa lagrima in s' oggiu 
A muccaloru in manu 
In su pfe de sa rughe, 



Digitized by 



Google 



4« 



ARCHlVfO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



Pianghinde sii fizu, 
Maria de sos dolores, 
Appenos fattu lughe, 
Maria de sos doiores, 
Pianghinde su fizu 
Gun sa lagrima in s' oggiu 
A muccaloru in manu 
In su p^ de sa rughe, 
Los abbo da unu poggiu, 
Pianghinde su fizu 
Maria de sos dolores 
In su p^ de sa rughe 



A muccaloru in manu 
Cun sa lagrima in s* oggiu. 

XXI. Dittu m'ani e dittu Taggiu 
Di lassalli li capricci 
In Roma s6 li licci, 
In Ispagna i lu telaggiu. 
Dittu m' ani e dittu V aggiu. 
Chi ni fai di lu linu 
Torracillu a li padroni. 
La roca ^ in Lungoni \ 
Lu fusu b in Turinu. 




Lungoni t Santa Ter^a dl Gallura. 



Antonio Mocci 

raccoke. 



T-^M ^--*=^ 4^ 



Digitized by 



Google 



^srrm 



mj^MV 




CALENDARIO 

DI 

GIUOCHI FANCIULLESCHI ROMAGNOU 



Ch, Signor Gaspare UngarellK 



Pianoro, 2r Nn\% 93. 




ERCANDO tutt* altro , mi sono venun in mano alcuni 
foglietti, che facevano parte di una pubblicazione di mio 
fratello Giro. Nel 1872 e 1873 si pubbiico dal mede- 
simo a spese dello stampatore bagnacavallese Serantoni una specie 
di Lunario popolare con articoli innanzi ai mesi, ed estratti di no- 
tizie di storia bagnacavallese fra i giorni, Avcva preparato U luna- 
rio anche pel 1874, ma lo stampatore credette di nun pubblicarb, 
perch^ era come in obbligo di regalarne delle copie agli ax'^^entori, 
e non ci trovava il suo tornaconto. In questi foglietti si di la de- 
scrizione di giuochi fanciulleschi roniagnoli, o piuttosto di Bagna* 
cavallo e Faenza, e sono i giuoclii clu; fecevanio noi stessi da fan- 



» Questi giuochi ci vengono dalla gentilciza deirUng^welli, al quak furano 
mandati dal ch. Ignazio Massaroli, fratello dalfAulore, Oro MassaroU. 

(I DlRETTORl). 



Digitized by 



Google 



48 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

cialli in Bagnacavallo nostra patria (ove stetti fino agli anni 8), e 
in Faenza (ove Jimorai dagli anni 8 ai 18). lo li ho copiati come 
souo , nn ogni Unto troveri de' puntini , perch^ i foglietti es- 
sendo strncciati, ne mancavano de' pezzetti. 

Facilniente non vi sari nulla, die le possa giovare, ma io 
Le mando anche queste cosucce, solo per farle vedere die mi ri- 
cordo dc' suoi lavori. 

Mi creda 

• Suo servo 

Ignazio Massaroli. 

Gennaio. 

Gennaio fa i! ponte. Si veramente ; e da die il freddo stride, 
e diaccia ogni intorno, verr6 qui discorrendo questo mese diacciato 

c questo sanno per infino a' ragazzi die tutto Gennaio 

dinno a sdriicciolar sul ghiaccio, senza badare un punto se il mese 
sia orridoj frigido, assiderante, o sia poco, lieve, fragile il ghiaccio. 
E un ragazzo pone il pie' destro sul ghiaccio e di forza e lanciasi, 
e I'un piede tira Taltro, e il ragazzo scivola, e scorre senza ritegno 
sul gliiaccio; e 1' altro ragazzo va e sdrucciola , e segue il primo, 
scorrendo il nicdesimo tratto, e viene il terzo, e s*intruppa il quarto, 
e il quinto s'accoda, e si Tun dopo V altro sdrucciolan schiamaz- 
zando ch* egli h un baccano , un frastuono , un finimondo. E al- 
cun- ora* il ghiaccio rompe, e fa cricche all'orlo, o al mezzo, o li 
ove si sdrucciola o scivola, e ratti si come baleno fuggono i ra- 
gazzi e volano , ch^ chi corre corre , ma chi fugge vola. E cosi 
correndo airimpazzata, Tuno fa inciampo all'altro, e chi di un ur- 
tone, sdrucciola, e chi un tracollo e cade, e quale si torce un piede, 
e quale una ganiba. Di questa guisa e' sanno a spese loro che 
errando s'impara, e il maestro si paga. Scivolare che vale? £ dal- 
Tebraico, e suona calare rapido, scendere ruinoso, e come i fanciulli 
faentini fanno a sdrucciolare , e' dicono che ddtino alia china , a 
guisa che dare alh gambe appo i toscani h fiiggire. E sdrmciolare 
h delLi lingua olandese e dice scorrere su lubrica via sen^^a freno , 




Digitized by 



Google 



HPUfWf^i^pw.' ' I ■ i'^^" 



CALENDARIO BI GIUOCUl FA!flClULLESCHI ROMAGHOLl 49 

ritegno e difesa, ch^ mercanti per naturn e per ekzione, ne poru- 
vano gii tempo gli olandesi , una colle merci , usanza e voci. E 
perchfe appunto da' popoli de! scttentrione appresero i popoli nostri 
il trastuUo su raccontato, deggio veraiiiente dire die /' nna gtnU 
gicrua I'altra, e le naiioni imparano Tuna JaWahnr, cosi avverando 
Tadagio: Una mano lava I'alira^ e amhdm hvatm il visa, 

Febbraio. , 

Siarao alia Candelora. E alkingano i giorni, c la neve h \\\ via 
e, ftbraio risorto, chi non rinvkne i morhK 11 poco sole, cominciando 
vibrare i suoi raggi, dimoia il ghiaccio, e la mora viene e TumiJo 
e la nebbia , per6 che si trova; Genaio fa il ponte ^ e Febraio lo 
rompe. E venuto la sera, convengono i fanciulli in casa gli amici, 
e fanno a guancial d'oro, al mazzolino, ;igli spropositi, e via via, 
ch^ v'6 taglio per tutti di stare lieti. E usatissima tra gU aitri i la 
Mosca cieca, la quale h gioco tanciullesco , e si dice in Romagna 
Mascheron ban bau, ed fe passatempo da nigazzi burloni^ e specie 
di pena e tormento a colui chc sta soito, Tirano le sorti a pari 
e caffo a chi debba di loro bendarsi gli occhi, che in questo gioco 
dicono star sotto, e a quegli cui tocca sono bendati si ch* q non 
possa vedere. E Tun ragazzo \ a, e il condtice in mezzo , c si gli 
di coUa mano una volta, c sbietta; e il bendato s'atfanna pigiiare 
chi gli da, e colui chc resta preso h bendato, e condotto in mezzo 
la stanza. E come quegli dalla benda levata T ha condotto , si gli 
di colle mani una volta, e svigna; e Tahro Liffiitica pigiiare chi il 
picchia, e s'ei Tacciuffa, si il niette in kio^Jo suo, E si leva la benda , 
e intruppa cogU altri che lianno a essere presi , e cosi seguita il 
gioco. Nel quale perch^ chi su sotta gini c vagelk alia babbali, 
cercando chi pighare , i fanciulli di Roma dissero il gioco Mosca 
hron:(inay a indicar il color deUa mosca che trae e si getta a* car- 
naggi: e Mosca cieca i toscani, che, scemc degli occhi, s'aggirano 
e volan le mosche , senza saper dove, E gli scolari uccellano a 
mosche , e si le accecano o sceman del capo , molto trastuUando 
vedere com' elle vagabondano, o, trascinando il restante del corpo, 

Arcbnrio per U trad^umi popohri — Vol. XIU. '^ 



Digitized by 



Google 



JO ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

vanno a babboccio. La qiial cosa ch' elk sia turpe non sanno , e 
male conoscono tutta via l*ora perduta e il giorno gittato. 

Marzo. 

Mar:(0 ventoso bisbigliano i francesi, Mar:(0 amoroso gorgheg- 
giano i toscani , e questi , e quegli hanno la ragion dalla loro. E 
movono da ponente i zefirij e soavi aleggiano intorno V erbe e i 
fiori; e sciugano i campi, c avvivano i prati, e gli orti rinnovano 
di vigore , e ritornano i giardini a bellezza. Veri apportatori di 
vita, cominciano rivestir la natura, che semimorta parca, di ogni 
gaiezza; e si rattempra il freddo, e la primavera si mostra; e scalzo 
il villano vi.sita zufolando il canipo , e la rapida liicerta esce , al 
primo tLiono, dal covo. YL dalT occaso move il favonio, venticello 
aniniatorej alito generativo sulla terra; e, favorendo ad ogni cosa 
aniinataj il bel tempo rimena. Si veramente amoroso e questo 
mese che Taria^ I'acqua e la terra, e piena d'amore: e qualunque i 
animale create si riconsiglia d'amore. Ed escono i fanciulli a frotte, 
e dan V andare air aquiJonc , che k quel balocco di carta stesa su 
cannucce o stecche , il quale soUeva in aria per amor del vento 
che spira^ e i ragazzi allentano il lilo al quale e raccomandato, e 
it balocco va c innali^a tanto ^ ch' cssi urlano per gioia e fanno 
galloria a bracciu quadre. Aquibne che vale? Aquila giganie; e pero 
che ii balocco su raccontato tiene di uccellaccio tragrande , pu- 
ranco si dice Dmgo o Qwo volante. E da' nostri Cometa, chfe, per 
cagionc deila coda ch' ei v' appiccano lunga, rende imagine vera 
delle comete celesti. Ma perch<^ di spesso trae vento gagliardo, e 
tuno il mese e domiiiatissimo dal vento , i primassi della repub- 
blica francese il dissero vmtoso , e questo fu appresso loro il 
nome del mese, Cosi Francesi c Toscani dicono vero; e gli uni 
hanno ragione a sacca, e gli altri a vendere ; chfe T esperienza 6 
maestra ii scienza, c la pratica val piu che la grammatica, e chi 
locca con mano va sano , , . 



Digitized by 



Google 



CALENDARIO DI GIUOCHI FANCIULLESCHI ROMAGNOLI J I 

Aprile. 

Siamo di Pasqua. E il sole illuniina piu splendente , e dolce 
move ed aleggia ogni vento awivatore, e si rinnova la natura e 
ammanta di ogni bellezza. La massaia ripulisce la casa, chi il sa- 
cerdote venendo a spargere le sue benedizioni per ogni stanza, ogni 
camera, ogni ripostiglio, vegga ogni cosa in bello assetto, e strofina 
i mobili, e spolvera i tapeti, e ricopre i letti e i lettucci delle mi- 
gliori coperte. Dispone in bel cestello o in piatto candidissimo le 
ova, che saranno asperse dell'acqua santa, e una ne darimangiare 
alia fimigliola la mattina di Risurrezione, altre serberi a comporre 
la ghiotta minestra del pan grattato, usatissimo il di di Pasqua in 
Romagna.,.. Dell' ova mi ricordo ora, dacchi a questo mese si gioca 
da fanciulli i stiacciarle. Ed uno tiene un ovo in mano, e Taltro 
piglia un ovo, e ne v^e la punta a quella dell'altr*ovb, e batte; 
e chi rompe, vince. rWui che ha vinto tenta la ventura daccapo, 
e batte un'altr'ovo, e s'egli rompe cosi vince; c seguita il gioco, 
infine a che un terzo, un quarto o \m quinto che voi vogliate, 
abbia vinto lui, e rottogli Tovo. E Tova son sode e , il pii , co- 
lorate a rosso , ma havvene di verdi , e giallognole , e dipinte 
a vari colori; che i ragazzi pigliano un ovo, e Tawolgono in un 
brandel di vestito a rabeschi, e si lo tufeno nell'acqua bollente; 
e come i colori noh son fissi, e gli arabeschi si fissano sull*ovo, 
e' danno tal quale leggiadria. Questo dell'ova rosse, viene di Roma, 
che i romani tenevano Tovo imagine del mondo, e cominciavano 
il desinare dall*ova, e le cibavano nei conviti su' sepolcri de' trapas- 
sati. E dall'ova di gallina e di Colombo traevano gli auguri pei 
parti, e Tova usavano nelle espiazioni, e portavano prima nel giro 
solenne del Simulacro di Cerere, e ponevano sulle mete nel circo 
a memoria di' Castore e Polluce. Le feste dei quali costumavano i 
giovani romani tingere le ova in rosso , e giocare con esse a^ 
onore degli Dei gemelli , che i sacerdoti bugiardi finsero nati di 
un ovo. E Tusanza venne a' cristiani, e discese a* di nostri, e perchi 
Tova dinno buon here, sorse Tadagio : Bevi sopra all'ovo quanto 



Digitized by 



Googk 



^i ARCrtlVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

sopra un bue; e per cagione che pure le voglion sapide, e' fii il 
proverbio : Uovo sen:^a sale non fa ni hen ni viale. 

Maggio. 

Mar^o tinge, April dipinge, Maggio fa le belle donne. E il sole 
di Marzo imbruna, e TAprile son rossi e freschissimi i visi, e apre 
di Maggio in sul mattino il giglio, e verdeggia il prato, e olezza 
il giardino, e latte e rosa rassembra ogni volto. N^ solo in donna 
risplende Maggio, che pure i fanciuUi son vispi , lieti , rubicondi, 
pienotti; e giocano alle huche^ e trastuUano a vienga o vengay e sal- 
tellano come caprioli. Fanno tre buche in terra, in fila, una vicina 
deU*altra, e in quella di mezzo pongono bottoni o denari, e giocano. 
E r uno piglia una palla di legno , e mandala inver^o la buca, e 
s'ella entra vince, se no, Taltro va, e le di col piede una volta, e 
spingela di dov'^ alia buca, e s'ella pure n^ entra e' torna il primo 
e continua il gioco , infin che Tuno abbia condotto la palla nella 
buca, e vinto. E a volte la palla va, ed entra nella buca allato, e 
il tiro ^ vano , e Taltro ragazzo viene e leva la palla e gioca, e 
segue la regola sopra contata. — Molto mi piace vedere di questo 
mese i marmocchi venir dalla scuola , che se ne tornano lassi e 
svogjiati, e schiamazzando a piu potere, dinnosi ditilato al giuoco 
e fajjjio a venga (o vienga, come essi dicono). Fanno due buche 
in terra, Tuna lontana dall'altra, e cominciano il gioco con palline 
di marmo o coccole di querela. E Tun ragazzo tira la pallina, coUe 
dita, da una all'altra buca , e s'ella v*entra e' chiama la palla del 
^ompagno e dice venga (vienga). E Taltro va alia buca opposta e 
tira, e s*egli entra la buca vince due punti, se no, chi tir6 il primo 
ripiglia la sua palla, e la tira a quella deH'awersario, e se coglie 
vince quattro punti. Cosi seguita il gioco, e chi CQglie ed entra 
^e buche, quegli fa i punti e vince. Ma vincitore e vinto perdono 
iora dello studio; e di perduto mai non raggiorna, e indarno piagne 
chi piagne il morto. Dice il proverbio : Tempo perduto , ridotto a 
menwria, dA piii noia che gloria. 



Digitized by 



Google 



CALENDARIO DI GIUOCHI FANCIULLESCHI ROMAGNOLI Jj 

Giugno. 

L*alba di Giugno 6 soru: e, raggiante di vivida luce, alto il 
sole riscalda e allieta la natura. Di qui a poco non i molto; e 
TAve Maria del mezzodi chiameri noi povera gente al poco desi- 
nare che la massaia n' ha preparato. In veriti alcuno ciba pane e 

ciliege , e disseta , cosi V asino , alia secchia Delle ciliege 

non dico, perch' egli ^ frutto del mese, e mi va e mi entra, ch'elle 
son fresche, sane, gustose, e degnissime da signori, e, tutta succo 

la polpa, tolgono Tarsura delle fauci lo veggio ora che pure 

la ciliegia h buona a qualcosa, da che, ingoiate le ciliege, e' restano 
i noccioli. E di noccioli fanno gioco i ragazzi ; e V uno occulta 
entro il pugno un numero di noccioli, e va c dimanda all'altro il 
numero de' noccioli occultati; e Taltro indovinando vince, se no, dA 
il numero de' noccioli, ch' e' disse di piu o di meno. E questo si 
dice Sbricchi quatjti, e si fa una volta per uno. E alcun'ora Tuno 
va e dimanda se il numero h pari o caffo, e se 1' altro s' appone 
vince, se no, perde attrettanta somma quanti sono i noccioli oc- 
cultati. E questo si dice Pari e Caffo, e si fa una volta per uno. . . . 

Luglio. 

Chi vince non dileggi, ' chi perde non adiri, Sia, ma vedete come 
attendano a si fatto consiglio i ragazzi i quali , per pure un noc- 
ciolo di pesca o di albicocca, e' si dinno 1* un 1' altro , e a volte 
ne seguita male. Egli sta scritto che il gioco 6 guerra; e giocare 
e perdere tutti sanno, vincere non ogni uomo sa, e questo e noia. 
Chi di sjfcsso il vincitore si vanta, e dell' avversario si ride e fa 
beffe , e si lo move ad ira e furor grande. Di qui h minchioney 
uomo semplice, tondo, corrivo; che le minchiate son gioco di data, 
si come i dadi similmente; e minchiata c dall'ebraico, e vale dare, 
presentare, porgere. E perchi chi vince burla sovente il compagno, 

e' si disse minchione ogni uomo degno da burla E il piii 

de' fanciulli ponete in mazzo, che a questo mese e' fanno a noc- 



Digitized by 



Google 



54 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

cioli, e, vincendo, credono aver fatto piii die Carlo in Francia, c 
raotteggiano e proverbian chi perde. E molti i giochi dei ragazzi 
a' noccioli, e tra i primi: a cavare, a ripiglino, al castello. Infila Tun 
ragazzo un nocciolo con uno spago, e Taltro va e segna un cer- 
chio in terra, e mettevi i noccioli. E il primo viene e, girando il 
nocciolo a ruou , dee buttar fuori del cerchio i noccioli dell' av- 
versario, e quelli che cava vince, ma s'egli tocca col suo nocciolo 
terra, e' perde la gita, una col nocciolo infilato e tutto. E questo 
h Cavare, chi si cavano i noccioli dal cerchio. E pigliano i ragazzi 
un numero di noccioli, e tirandoli in aria colla palma della mano, 
li ripiglian col dosso, e se sul dosso della mano non resta noc- 
ciolo , chi tiro perde la gita , e gioca colui che segue. E quanti 
noccioli restan sul dosso, tanti tira all'aria e ripiglia colla palma; e 
tira daccapo i noccioli per aria, e piglia in quel mentre uno o pii 
de' noccioli prima caduti, e con essi in mano ripiglia per aria quelli 
che tir6; e questo h ripiglino. E sovra un piano dispongon tre noccioli 
in triangolo, e su di essi un quarto, e questi si dice castello^ e al- 
lontanatisi nella distanza concordata, tirano i noccioli ad uno ad 
uno al castello, e chi coglie vince; se no, chi Tira perde il primo, 
Taltro, il terzo, e cosi i noccioli tutti, e s'egli coglie vince il ca- 
stello. E chi vince fa il chiasso , e chi perde ha il male e il malanno, 
il danno e le hefcy sotto al peso degli scherni schiacciato come pan a- 
T^imo . . . Ma chi Tarte non sa serri la bottega. Egli sta scritto: Ogni 
pa:(^o i tenuto savio quando tace, 

Agosto. 

Delle regole varie , per la condotta pratica della vita , una h 
pigliare la palla al bal:(o , chtj chi non sollecita perde l' accasione ; e 
hassi a macinar quando piove, e baitere il ferro quando i caldo, e si 
navigare come il vento h in poppa , chi il tempo buono viene una 
volta tanto. La qual cosa mi e sovvenuta, per6 che di questi di gio- 
cano i ragazzi alia palla o al palloncello , nh lasciano prima fug- 
gire il mese , chi la festa si fa il di che corre , e chi non fa la 
festa quando viene, non la fa poi bene. E palla h dal greco, e vale 



Digitized by 



Google 



CALENDARIO Dl GIUOCHI FANCIULLESCHI ROMAGNOLI 5 J 

cosa la quale si getti o hal:(i, e si fa di cenci, ed ^ impuntita e soda 
che spingendola con forza a terra , per elasticiti rimbalza. E alia 
palla si dk in tre modi : colla tnano , colla tnestola , col tamburello ; 
e al palloncello col pugno ; e il palloncello h piccolo pallone, e si 
fa di vescica d' animale, e si gonfia di vento. II gioco della palla 
fu gratissimo a' Greci e Romani, e gli Spartani n'erano pazzi; e si 
cava da Omero che uomini e donne facevano in Grecia alia palla. 
E Plinio e Propefzio parlano della palla, e Ovidio e Marziale de- 
scrivono le fatta di essa, e i vari giochi. E pallerino h chi gioca, 
e palkggiare h dare alia palla o al palloncello , mandandolo e ri- 
mandandolo per trastullo, o per avviare il giuoco. Onde, quando 
uno tira la cosa in lungo, avvbndo chi gliela raccomanda a un 
altro , e questi il rimanda al prinio , e' si dice palleggiare , ci6 h 

mandare da Erode a Pilato II CarafuUa buflfone disse e 

parvegli sputare un raorselletto dorato : Mai per Firen:(e qtmndo i 
raga:(^ non faranno a' sassi. 

Settembre. 

Chi non vide mai uscir di ginnasio i fanciulli il di che si 
chiudon le scuole, pu6 irsi a riporre. Che le stanze e i corridoi sono 
spazzati in un attimo, e giii correndo i ragazzi all'lmpazzata, fanno 
ressa alia porta, e pigiano, e urtano con tale un chiasso , un fra- 
casso, un frastuono, un bordello, che pare il finimondo. Agli anni 
passati usava chiudere le scuole il di innanzi la festa della Madonna, 
la quale cade agli otto del niese, ma si dinno ora le vacanze da 
due settimane prima; ed entrano i fanciulli il Settembre giocanJo 
alle piastrelk, al siissi, alia campana, a lettera t leone, e via dicendo, 
che il maestro ha detto loro : L'ozio 6 la sepoltura dell'uomo, ni 
fe lega colla virtii, e gli 6 padre de' vizi, e si la fatica genera la 
scienza come Tozio la pazzia. E le piastrelle sono lastrucce di pietra 
o sasso, colle ouali si gioca siccome alle palle, e grillo e* il picciol 
sasso o pietra che si tira per segno. E dicesi grillo, che tirandosi 
qua e \k alia ventura, o alia volonti di chi tira, va saltellando e 
contraffl il fatto del grillo ; e ancora si chiama lecco , la quale h 



Digitized by 



Google 



>6 ARCHtVIO PER LE TRADrzIONI POPOLARI 

voce latina e vale alkiidtore, che, secondo un modo, alletta le pia- 
strelle a seguirlo. Del sussi (j(accagn) non dico, che bene sapete 
essere pietra ritta sulk quale metton denari, e con altra cercano far 
cadere; e gioco t usntissimo da' ragazzi, e fu trastullo de' greci, 
tra* quail chi f^rettava a terra il sussi era portato a cavalluccio dal 
compagno, al quale turava colle mani gli occhi fin che non Tavesse 
dalla distanza concordata portato al luogo del sussi. E designano in 
terra una campanaccia , c il capo dividono in dieci parti eguali e 
le trecce o grappe in due t: qoosta i la campana. E Tun ragazzo 
tira una nioneta, e s' egli entra rukimo segno delle trecce e' vince, 
se nel primo conta ducento, sc in quelle della campana, e' conta 
dieci per ogni segno inferiore a quello ov*^ la m'oneta. E questo 
gioco usavano i grecij ma lo facevano di soli otto segni, e Tottavo 
segnava la vincita, E facevano i romani a lettera e leone, gittando 
gli uni alcune monete in ako, e gli altri congetturando per indo- 
vinativo s'eLle mostravano il dricto o il rovescio ; solo e' dicevan 
iesia e navi\ clic non anco la Serenissiraa di Venezia aveva coniato 
le gazzette e i hem. . , 

Ottobre. 

A Benevento tr una vastissima noce. . . . Ma vedete di grazia 
come il divonirc che e* faono di questo mese i ragazzi alle noci, 
abbia noi tratti del seminato , e fatto risovvenire la Noce e le 
Streghe. Ovvia , ditemi se questo fare colle noci a iruccino o a 
coglkre nd demio fosse pur gioco noto a' Greci e Romani." Bene 
assai volte m'e piaciuto vedere cotesti marmocchi trastullare a 
truccino, ed uno tira una noce in terra, e Taltro tira una noce a 
quella che in terra ^, e cogliendola vince : se no, quegli che tir6 
in terra primo raccoghc la sua noce, e si la tira a quella che tir6 
I'awersario, e cosi continua il gioco, e chi coglie vince. II quale 
gioco si fa pure lasciando sulla noce in terra cadere a piombo 
Tahra noce, e sc quesui coglie e trucca via la prima, vince: se no, 
Taltro fanciuUo raccoglie la sua noce , e lasciala cadere a filo su 
quclla deiravversario, .e cosj seguitano, e chi coglie e trucca via la 



Digitized by 



Google 



CALENDARIO DI GIUOCHI FANCIULLESCHI ROMAGNOLl 57 

noce vince il gioco. Greci e romani godeano fare alle noci. SaK^o 
che de' romani a' tempi di Romolo e Numa non so, che molto 
sono in forse non fosse il noce a' que' mesi ancora trasportato in 
Italia. Ma il piu a godere, h il gioco del tirare le noci a coglierc 
nel denaio. E un fanciuUo pone un soldo o altra piccola moneta, 
e chi coglie vince, se no, perde la noce , e cosi continuano infin 
che Tuno o Taltro di quelli che tirano coglie, e cosi vince la mo- 
neta. II quale non so io fosse gioco de' greci o romani, salvo non 
avesser trastuUo ad imagine di cotesto . . . 

Novembre. 

Dice un testo : Chi bene incotnincia i a me:^ deW opra ; ma 
un altro dice , e di pii nel segno : Non lodare il di finchi non i 
sera. E caldo comincia Novembre, e termina freddo; e s' ode per tutta 
Toscana: II mese di bruma dianzi mi scalda e dietro mi consuma, 
Vedete ora come i ragazzi si dinno al gioco della trottola , chi si 
trastullando tutto il di, non sentono punto n6 mica lo stridore del 
freddo. E trottola 6 voce de' latini, e questi 1' ebbero da' greci, e 
vale rotelhy o percht avesse a que' tempi la trottola sembianza di. 
rotellina, o perchi ruota si veramente attorno a sfe stessa. Avvolta 
in una cordicella, e scagliata in terra tirando a s6 con velociti la 
mano, alia quale I'un capo della cordicella i fermo, fanno i ragazzi 
girare buona pezza la trottoletta di bosso, che di albero cotale son 
fatte, e come velocissima aggira intomo intorno s6 stessa, e' gridan 
che dorme (^iacchi dalla gran velocith del giro, pare quasi stia fertnajt 
e quando a quella vece saltella e non va'unita unita, e' dicon che 
harbera (dai cavalli barberi). E vario i il gioco: chi alle volte pi- 
gliano i ragazzi la sferza, e percotendo la trottola si le continuano 
tant'oltre il girare, che male stanno le braccia. E v'ha una trottola 
che nella testata ha un manichetto che s' avvoltola con un cordi- 
cino, e posta in un assicello bucato il cordicino si tira, e la trot- 
tola sbuca e va per terra girando e ronzando, portata dall'impeto 
del cordicino. E dal giro intorno a se come dal rombo ch' ella 
mette, fu questa trottola da' latini detta turbine, e da' toscani palea^ 

Q 

Archivio per U tradiiioni popolari — * Vol. XIII. 



Digitized by 



Google 



j8 ARCHlViO PER LE TRADIZIOMI POPOLARI 

che appresso a' Tomani valea err ante , vagabondo, girotago. lo mi 
sento paesano, e per6 m'appiglio al vocabolo di Romagna, e dico 
SI fatta trottola frullom, E tengo non dire errorone massiccio, 
jiominando alia romagnola la trottola su raccontata ; c\\h frullino 
appresso a' toscani k trottola piccolissima, la quale, fruUata a mano, 
serve a balocco e trastullo de' bimbi. E il bambolo vispo e svelto 
si dice trottolino , e frullino il fanciuUo si vivo ch' egli non abbia 
membro che stia fermo. 

Dicembre. 

Osservano i cacciatori dell'Alpi che le piante piu nutrite e ri- 
gogliose crescono al piede o in sul pendio degli altissimi monti, 
ogni sempre coperti di. neve, e ne' proverbi si trova: Anno nevoso, 
anno fruttuoso, chfe sotto e sopraterra assiderando o via rimovendo 
gli insetti nocivi , la neve conserva , alinienta e rinvigorisce le 
piante. E appresso a' montagnuoli dell'Apennino h I'adagio: Sotto 
acqua fame, e sotto neve pane; ed e proverbio in Valdarno: Se la 
neve inverna in piano, e' val piih il sacco che il grano; e va per 
k bocche de' bcceri di Camaldoli: Neve alta un mattone, il grano 
a un testone. E' nevica, figlioli, e trae un tramontanino che diaccia 
il viso. Oh ! vedete come la viene a dirotto, in larghe falde, qu asi 
Candida lana o piuma gentilissima di cigno. Cessato il nevare, e- 
scono i ragazzi a torme, e fan della neve monticelU e fantocci; e 
questi prcndono di mira giocando al bersagUo , e quelli saltano a 
rompicollo o a pie' pari ; e schiamazzano forte , e ridono scarru- 
colatamente, se Tuno o Taltro di loro scivolando batte le natiche, 
o, non pigliando la corsa giusta , profonda ncl mezzo del monti- 
cello. Ma graziosissimo di tutti i il gioco delle pallate. Disposti 
in truppette di amici c nemici, o, com'egli dicono, di ladroni e gen- 
darmi, attaccano vivamente la lotta con palle della neve che hanno 
alta a piede , e in quell' ire e venire de' colpi , quando la pugna 
ferve e i fanciulli, tirando senza piii badare, s' aggirano, s' avvol- 
gono, s'arrabattono che e' pare il vespaio, toccano alcuni di cosi 
fatte pallate, che daddovero n'liiui di buono qualche ora a guarire. 



Digitized by 



Google 



CALENDAR 10 DI GIUOCHI FANCfULLESCHi ROMACNOLI 59 

E questo si dice fart alia neve, ed h gtoco vecchio; die i fanciuUi 
toscnni usavano pur del quattrocento si fatto trastullo, e ftno alle 
rag:izze diletticchiavano tare alia neve, E si trova cli€ giovincelli 
e fanciullette costuniaron di spcssOj quand'egli fa neve, sudare una 
camiciuola alle pallate; e Tuso venne di lloma che, dediti alia lotta 
e al gioco del la palJa , doveano si ccrtaniente i fancioUi romani 
giocare alia neve . . , E' mi ricorda aver letto che quando ne- 
vica lieve e poco, e la neve disfi man mano ch'ella cade, si dice 
nmschio , e come vien giii fitta e a brandelli , si dice che fiocoL 
Cosi in traslato fioccano ^li spropositi, le calamiia, le croci da ca- 
valiere, e via dlcendo. A meraviglia ! Oggimai s'eavverato Tadagio 
Ognuno ha la sua crace, 

CiRO Massaroix 



Digitized by 



Google 



^^W^WIH 




USl E COSTUMI DELLA BASILICATA. 




Costume delle donne potentine. 

f trovavo a Potenza il di deirAssunta 1889 ed osservai 
con non poco nno gusto il vestire delle popolane in 
quel giorno festivo, Gerieralmente mettono una gonna 
corta di un cilestre scuro (per mostrare il piede piili o meno ric- 
camente calzato) su di una sottoveste e di una camicia bene ina- 
midata e ricamata agli scoUi ed ai polsi delle maniche. Stringono 
alia vita un bustino color rosso ricamato ed omato a trine , ii 
quale per due nastri scendentt air avambraccio reggono due mezze 
maniche e fan riakare gli sbuffi della candidissima camicia al brac- 
cio, Colle migliori collane che da loro si possiedono e con granJi 
pendagli di oro adornano il collo e le orecchie, e un fazzoletto di 
seta a smaglianti colort o una tovaglia ripiegata a cufEa copre la 
folta chioma graziosamente intrecciata. Ritraggono molto dalle pac- 
chiane di quel di Catanzaro e di Gagliano, in ispecie, e mettono 
ogni ciira nel sollevare ed ingrossare i fianchi, con un gusto che non 
ha niente di estetico- 

La festa di S. Rocco. 

I Potentini hanno raoka divozione per questo santo , il cui 



Digitized by 



Google 



USI E COSTUMJ DKLLA DASILICATA 4l 

santunrio i ad un miglio circa dalk citti in una vaUaca a Nord-Est 
di Potenza. Nelle ore pomeridiane, uscita la processione del santo 
simulacro fra uno straordihario concorso di popolo, preccduta dal 
Capitolo Cattedrale e da quakhe Con fra tern ita sale alia ciui per 
girarne le vie. Non t in quella da cercare ordine c dccoroso in- 
cesso, perchi gli interminabili spari di fuochi artificiali obbligano 
i portatori della bara a fermarsi in questo punto c in quello e 
volgere la statua dalla parte dondc vengono accesi i fuocKi, quasi 
a mostrare che il santo li gradisce. Indi tra i suoni della banda 
cittadina (senza una cittadina uniforme), la statua incede nella sua 
marcia trionfale ed h seguita da un numeroso styolo di popolane 
vestite a festa, portanti ognuna il suo ex voto^ clie consistc in ceri 
piu o meno grossi e ben alti, colorati e ornati a liori. Vi h gara 
tra Qsse di portare i ceri migliori; end* h che ne vidi alquante a 
sostenerne di alti due metri e con diametro di ion la centimciri. 
Questi ceri sono custoditi in lungo entro una mczza cassa di legno 
ben lavorata e sostenuta dalle popobne entro certi afFusti , racco- 
mandati a torde che loro pendono a tracoUa* £ un canipo semo- 
vente a multiformi colori. 

Un accompagnamento funebre in Agosto. 

Ho assistito ad un funebre accompagnamento. Precedevano 
alcuni confrati col sacco bianco^ c.ippj rosse e buffe gettata dictro 
le spalle. Immediatamente dopo il Capitolo, veniva I'urna riccaniente 
dorata, posta su di una bara copcrta di ricca coltre di vclluto nero, 
e dietro alia bara gli amici ed i parenti del defunto. Gli uomini 
seguivano il feretro imbacuccati in pesanti mantelli invernalij non 
ostante che dardeggiasse il sole di agosto, e le donne rivoltavano 
in capo la sopravveste color caffi o viola chiudendosi in questa, 
mostrando nella parte posteriore la veste nera di lutto a pieghe di 
sparato di camicia. £ un mode di onorare il defunto. Ogni re- 
gione ha i suoi gusti. 

F, PULCI, 



Digitized by 



Google 



SACRA mPPRESENTAZIONE 
DELLA PASSIONE DI GESO CRISTO IN BOEMIA, 




E foresee boeme non sono piu, come una volta, teatro 
di gesta narrate da strane leggende ; ormai esse sono 
divenute il luogo di ritrovo di mold turisti, i quali vi 
accorrono per ammirare la severa belle^za del paesaggio. Questa 
regione, tuttavia, ha conservato un carattere primitivo spiccato, il 
quale si manifesta perfino nei divertimenti. Ed e appunto di questi 
che voglio intrattenere il lettore. 

In questa interessantissima regione si danno rappresentazioni 
che a noi sembrano strane, ma che al contrario sono perfettamente 
consone alle abitudini ed al grado di coltura del paese ; intendo 
parlare della « Passione di Gesu Cristo », dramma che si rappre- 
senta qui con grandissimo successo. II vero autore di questo 
dramma fu un abile tessitore per nome Paolo GroUhessl, che nel- 
Tanno 1816 intraprese Tardua opera di adattare al palcoscenico il 
conosciutissimo libro di Kochem: La Passione di Cristo. 

Dal 18 1 6 al 1840 il dramma fu rappresentato dagli abitanti 
della Marca^ senza vestire costumi speciali e solo nei giomi fe- 
stivi; piu tardi le rappresentazioni si perfezionarono sotto tutti i 
rapporti; specialmente grazie alia costituzione di una societi di di- 
lettanti; furono poi sospese e non si ripresero che quest 'anno dopo 



Digitized by 



Google 



SACRA RAPPRESENTAZIONH 63 

un riposo di quasi mezzo secolo, per opera del professore Amaniij 
die euro la revisione del testo, del maestro Jungmann, die diede 
una particolare intonazione alle canzoni ed all' accompagnnmento 
musicale, e del sig. Deutsch, direttore del teatro, al quale tocco il 
difficile incarico di conferire una forma artistica a tutti gli og^etti 
da adoperarsi nel dramma, che fin qui non erano die il parto dcUa 
fantasia dei contadini. Sopra una specie di coUina situata dietro a 
Horitz si eresse, con niolta fatica, un grande teatro capace di due* 
mila persone; lo si costrui attenendosi strettamente a tutte le re- 
gole secondo le quali vennero fabbricati i piii moderni edifici adi- 
biti a uso teatrale, lo si provvede cioe di luce elettrica, ventilatori, 
apparecchi di sicurezza contro gli incendi ecc. 

Si stabili die i proventi derivanti dalle rappresentazioiu voiiis- 
sero divisi in tre parti: la prima destinata ad ammortizzarc il ca- 
pitale impiegato nella costruzione del teatro, la seconda a formare 
un fondo di riserva c la terza parte fosse distribuita a tutd quel 
terrazzani die prestarono V opeca loro , fin adesso senipre gratui- 
tamentc, per la buona riuscita deU'impresa. Per dare una pro va del 
buon volere di questa gente basta accennare al fatto che* Ic prove 
cbbero luogo scnipre di notte , giacclie di giorno gli attori (con- 
tadini) dovevano e devono pensare a guadagnarsi il loro .'^osten- 
tameiito. 

Per mezzo di treni non troppo celcri Ja Budweiss si puo rag- 
giungere Koritz in non mcno di tre ore. La ferrovia attraversi un 
paese gaio , montuoso , seminato di castcUi e di conventi. Huritz 
giace su im'altura ai piedi della forcsta ed il teatro stesso, sul quale 
s\entola la bandiera gialla e ncra , fu costruito a poclii passi dal 
limitare della foresta. 

Dalla stazione si giunge in venti niinuti al teatro niediante 
una bellissima strada, che rultinia donienica parecchie centiniiU di 
persone dovettero percorrere inutilnientc, giacchi tutti i posti erano 
gii stati venduti. 

Forestieri di vicine e lontane provincie si erano dati qui con- 
vegno, oltre a numerosi pellegrini bavaresi ed austriaci. 

La rapprescntazione duro dalle ore lo del niattino fino alle 6 



/Google 



Digitized by ^ 



^4 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

di sera, interrotta da una sola pausa di due ore. Malgrado il caldo 
sofFocante, I'attenzione e Tinteresse non vennero mai meno, e seb- 
bene per rispetto al carattere serio dello spettacolo non si inter- 
rompesse mai lo svolgersi dell'azione con inopportuni applausi, le 
approvazioni non scoppiarono, perci6, meno entusiastiche alia fine 
della rappresentazione , provando cosi die lo spettacolo ben lungi 
dallo stancare gli spettatori li aveva immensamente divertiti. L'esito 
splendido della rappresentazione t; specialmente dovuto al buon vo- 
lere dei contadini, i quali si assimilarono cosi bene le loro parti 
da far credere alio spettatore d' aver avanti di s^ veri artisti. La 
scena dei figli di Giacobbe vendenti il loro fratello fu recitata am- 
mirabilmente, come pure quella intitolata: La manna nel deserto. La 
naturalezza degli atti, delle mosse fu veramente encomiabile. Gli 
scenari ed i costumi non farebbero disonore neppure ad un teatro 
di capitale ed otterrebbero Tapprovazione dei piii severi giudici di 
cose d*arte. Tutti quelli die assistettero alia rappresentazione erano 
unanimi nel lodare gli attori, specialmente poi il maestro Giovanni 
Barti, interprete della parte di Cristo. La interprete del personaggio 
di Maria fu una bella operaia, Maria Pervotlinger, che disimpegn6 
assai bene la sua parte. 

Tutti gli altri attori fccero del loro meglio e cooperarono al 
buon successo del dramma. 

I pellegrini ed i viaggiatori trovarono poi di che rifocillarsi 
abbondantemente nei restaurants costruiti nelle vicinanze del teatro, 
e tutti ritornarono alle loro dimore riportando una lieta im- 
prcssione della bella giornata passata. 

C. SCHMOLLIS. 






Digitized by 



Google 



IMPRONTE MARAVIGLIOSE 
IN ITALIA. 




N ogni paese corrono tradizioni e si additano impronte 
visibili di piedi, di mani, di dita o d'altre parti del corpo; 
impronte lasciate ad arte o a caso da animali, da uo- 
mini, da santi, da demoni, da eroi e da esseri soprannaturaii d^ogni 
genere. Ragione di venerazione o di sgomento, quei segni stanno 
a diraostrare che nel tal sito appunto ffl questo o quei personaggio 
cui una pietosa credenza o una paurosa superstizione fa andare, o 
fermare, o cadere, sia a edificazione sia a correzione de' posted. N4 
ci6 h tutto: si additano grandi fori, grotte, caverne, opera inge- 
gnosa, gigantesca, sorprendente sempre, di fate, di spiriti, di demoni 
o di uomini superiori all'umana natura. 

La ricerca e la descrizione di questi siti interessa al Folklore, 
e qui vuolsi passare a rassegna qualcuno dei molti , dei moltis- 
simi che si additano, e che possono conoscersi solo da coloro che 
pill vi stanno da presso. 

I. — Sanf Agata la Pidata (Palermo). 

Nella chiesa, detta di Sant' Agata la Pidata^ in Palermo, fuori 
porta Sant'Agata, suUa via che conduce alia Chiesa di S. Spirito, 
fe la impronta di un piede. « Si vuole che abbia dato motivo alia 
Arcbivio per U trad^Um popcHari — Vol XIII. 9 



Digitized by 



Google 



66 ARCHiyiO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

erezione (di essa chiesa) Timpressione miracolosa, che dicono, del 
piede di detta Santa in un sasso, perchi nell'anno 253 della per- 
secuzione di Decio Imperatore, essendo Prefettp della Sicilia Quin- 
ziano, che facea la sua dimora in Catania, ed avendo, come scri- 
vesi, a si chiamata la Vergine S. Agata, usciu questa dalla citti, 
e giunta al luogo ove h ora la chiesa, le si sciolse il laccio di una 
Scarpa, onde pos6 il piede su di un sasso, per legarselo, e di un 
subito rest6 impresso il vestigio sulla pietra. Fanno menzione di 
questo leggendario pfodigio il Codice Vaticano riferito 4al P. Ot- 
tavio Gaetani, il Pirri, il Baronio, il Forte, il Faso, il Cascini ed 
altri. Anticamente si chiamava esso hiogo: S. Agata la pietra; cosi 
nel 1324 in un testamento di Riccardo Filangeri. » * 

II. — La Pietra del Giocatore (Palermo). 

La Petra di h jucaturi i un cantoncino di pietra sporgente 
all'angolo della via, oggi detta dei CoUegi , alia Guilla ; nel quale 
sarchbc stato appiccato un giocatore, che, dopo di aver perduto il 
&uo al giuoco, come forsemiato sarebbe corso nella vicina chiesa di 
Sant' Agata ed avrebbe pre*) a cokellate una immagine di Maria 
quivi qsisteute; donde sarebbe sgargato del sangue vivo. 

Dopo la impiccagione, U pietra sarebbe suta tagli^ta e, perche 
ricompars*, ritagUata pi^ volte fino ad csser la$ciata quale co-a b *. 

Qui le reliquie soQ*due ad up tempo: la ftgura insanguinata e 
la pietra sporgente dal muro. 

III. — La miuio deUa PrijDcipe«sa di Cariiu (Carmi), 

In Carini, dentro il Castello de* principi di quel Comune, k 
una stanza, nella quale h la impressione di una mano insanguinata. 
Nessuno igncdra la Icggenda di quella Principessa di Carini, la quale, 

« G. Paltomo, Guida istruttha per Palermo t suoi dhttorniy pjx 69^7. Pa- 
lenaob Pensantc, 1859. 

» Per questa leggenda vedi le mie Fiabe, Novelle t Racconti pop, sicil, v. IV, 
u. CCXVin, ove sono notati riscontri d'ltalia e di fuori. 



Digitized by 



Google 



tXfPRONTE MARAVIGLIOSE #7 

ferita a mortc ed inscguita dal padre (secondo me, ora, da! marito) 
perchi sorpresa in illecita tresca con Tamante, D. Vintehzo Ver- 
nagallq Barone di Don Asturi, si diede a fuggire* e venendo meno, 
poggi6 la mano alio stipite della porta e vi lasci6 indelebib segno 
di essa, come pure confermano i versi: 

Ma c*^ lu sangu chi grida vinnitta 

Rus^u a hi mtlru, c viimitta nn* aspetta K 

IV. — La statua di S. Giuseppe nella chi^sa dellltria 

(Trc^ani). 

Del venerabile frate Santo da S. Domenico, agostiniano scalsso, 
nato in Trapani il 5 agosto del 1655 , e battezzato col nome di 
Vito Santo, si raccontano non pochi prodigi , die qui non fa bi- 
sogno di mettere in mostra. Egli vestiva V abito monastico il 2 1 
maggio del 1684, e fu addetto dal priore a questuare per h citti. 
Si accinse non guari, per la copia deU'elemosina, a ricostruire dalle 
fondamenta il convento e la chiesa , la quale riusci dssai ricca di 
marmi e artisticamente decorata , nel breve giro di cinque anni 
come risulta da una iscrizione lapidaria , murata al lato sinistra, 
neU'entrare in chiesa. 

Ora avvenne che terminata la fabbrica, il servo di Die se ne 
stava pensieroso nel chiostro non sapendo qual nome imporre alia 
nuova chiesa ed a chi dedicarla; giacch^ la primitiva era intitolata alk 
Madonna d' Odigitra , che finora conserva corrottamente il titolo 
deiritria. Quando, nel lato opposto al muro del chiostro, vide egli 
in alto, e proprio in mezzo alle finestre del noviziato, le imagini 
di Gesii, Maria e Giuseppe, e voile a loro consacrare la cliiesa, 

Posto in opera tutto il suo zelo, diede a scolpire tre statue, 
rappresentanti i personaggi della visione , al valente artistii trapa- 
nese Pietro Orlando. Ma siccome il legno , finite k due statue , 
cioe di Gesii e Maria , non era bastevole per la terza di S. Giu- 

* PiTR^, La Baronessa di Carini, Palermo, Tipografia del Giornak di SiclUa, 
1870. — Salomone-Marino , La Baronessa di Carini , Leg genda Star tea pap. 
del sec. XVI in poesia siciliana, Seconda edtzioAe. Palermo, 1875. 



Digitized by 



Google 



^Wl^ 



^8 ARCHIVIO 1>ER LE TRADlZIONl POPOLARl 

seppe, perchi assai corto il pezzo di cipresso rimasto, il buon fra- 
ticello affid6 una estremlti del legno a Vito Calba, e Taltra to 
gliendo fra le sue mani , stir6 tanto sino che fosse proporzionato 
al bisogno '. II segno al quale giungeva il legno h anche oggi vi- 
sibile *. 

V. — La vera misura del piede della Madonna (Trapani). 

Nel lato sinistro alia porta d'ingresso della chiesa dell'Addo- 
lorata , lungo la strada , detta da' vecchi Trapanesi la Loggia , ed 
ora Corso.Vittorio Emanuele, veniva esposto alia venerazione dei 
passanti un quadro in pittura, rappresentante la Vergine Addolorata. 
Sino al 1864, la gente divota si fermava a salutarla colla recita 
deir Ave. Ma dopo quel tempo fu trasportata entro la chiesa , e 
coUocata del pari al lato sinistro della porta d'ingresso. 

Ma ci6 chc meglio attirava la divozione dei credenti, era ap- 
punto un piede, in marmo, sottoposto all'imagine della Madonna, 
e incastonato nel muro, come tuttora si osserva in chiesa. 

Dicesi che nel tempo delle missioni , predicata in Trapani, 
forse da' padri Cappuccini, s'introdusse la divozione al sacro piede, 
e per esso si letr6 la cappelletta alia cennata Imagine. 

Una pia tradizione orale ci narra la storiella di quel piede in 
questo modo: Fuvvi gii tempo che uno di quei padri missionari, 
essendo stato nella Palestina , ebbe la sorte di vedere co' propri 
occhi I'orma del piede della Vergine, ne tolse la misura precisa e 
voile, per la prima volta, esporlo in Trapani al culto. II piede mi- 
sura in lunghezza cent. 16 em. 2, e in larghezza cent. 5 e m. 6. ^ 

VI. — La Scarpa di S. Vito (fKai^iara). 

La chiesa di Santa Teresa credesi che sia stata fabbricata sulla 



« Cosl nel processo per la sua beatificazione. Vedi p. Benigno, Trapani 
sacro, S I4-I5> pagg- 264-65. 

» Comunicazione del Gm. Fortunate Mondello. 
} Comunicazione del Can. Fortunato Mopdello. 



Digitized by 



Google 



• ■» ijH 



IMPRONTE MARAVIGLIOSH 6^ 

casa di S. Vito, di cui Mazzara si attribuisce I'onore della nascita. 
In un pozzo, cavato nella sacrestia della chiesuj e chcj com^t* na- 
turale, credesi che sia lo stesso pozzo della casa dl S. Vito^ dicesi 
die si veda comparire una scarpa, che si attribuisce al santo. - 

VII. — La croce della Madonna dell' Alto (Maiiara), 

Sopra una piccola altura, alia distanza d'un pajo di chilonietri 
da Mazzara, a nordest, sorge una chiesetta dedicata alPAssunzione; 
la quale, dal luogo dove la chiesa h fabbricataj chianiasi Madonna 
dell' Alto. Quivi trovasi la statua della Madonna, operaj se ben io 
so, del Castagnola. Dicesi che i buoi, che portavano il monuinentOj 
arrivati ad un masso vivo, che rimane ancora , n pit? dcU* altura, 
si fossero inginocchiati , e non avessero voluto andar oltre. Nel 
masso vedevasi segnata una croce e leggevasi una dat:i, che il tempo 
ha gii cancellata. * 

Vin. — H pugno nel refettorio del convento di S, Anna 

(Sciacca). 

A Sciacca, come si dice, in una tavola da pranzo del convento 
del terzo ordine di Sant'Anna, vedesi impresso un segno che pare 
un colpo di mano. 

Dicesi che un fratello del convento abbia una i.cra veduto il 
refettorio illuminato, tutti i posti occupati da nionaci, che stavano 
a cenare, mentre uno leggeva, com' era costume do* frati, Rifcrita 
la cosa al Guardiano, dopo d'essersi costyi accertato, dagli spiragli 
della porta, che il suo fratello avesse il cervello a segno, corse tutto 
spaventato a convocare il capitolo e chieder consigli e parcri. a An- 
date con la croce », gli dissero in capitolo. Ma il Guardiano, die a- 
veva la tremarella, non voile sentirne d'andar solo, non ostante la 
buona compagnia della croce, e voile piuttosto la conipagnia degli 
altri. Andati adunque in processione con la croce innanti , con la 

* G>municazione del prof. Raffaele Castelli. 

* Gjmunicazione del prof. R. Castelli. 



Digitized by VriOOQlC 



70 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

stola e Tacqua benedetta, entrati nel refettorio, trovarono esser tutta 
\ cro. II Guardiano, fattosi il segno della croce , e sparsa V acqwa 
benedetta, scongiur6 i f enanti in nome di Dio a dire che cosa fos- 
Sifo, a Ubi nullus ordo, rispose uno di loro, sempiternus horror inha- 
hitat, Noi siamo anime di frati morti : crapula, superbia ei luxuria 
dtixerunt nos ad aterna torhira (sic). » Cosi dicendo, chi parlava batti 
con la mano aperta sulla tavola, iasciandovi il segno del colpo, che 
si conserva ancora, o che si conservava almeno prima deiraboiizione 
degli ordini religiosi. Indi la visione sparve come fumo. ' 

IX. — II Crocifisso di Caltanissetta. 

£ in Caltanissetta la figura di un Crocifisso mirabilmente de- 
lineata in un sasso trovato casualmente da un certo Giacomo Mar- 
chese in un giardino presso la chiesa di S. Spirito, nel 1660. Un 
sacerdote, che ne scrisse dopo la invenzione, dice: « Si presume che 
questa imagine sij stata formata nel tempo del Diluvio, che fu mi- 
gliaia d'anni prima che Cristo Nostro Redentore fih Crocifisso; per 
lo che si vede , che anco le pietre profetizarono la morte e pas- 
sione del Nostro Redentore » . 

A proposito di questa imagine fu osservato giustamente 
come la natura, sempre maravigliosa, ci presenti « non di rado ef- 
fi^aate nelle pietre alcune immagini o aspetti di uomini , animali, 
pLiesaggi etc., e si al vivo, che si direbbero opera d* arte , mentre 
non sono che combinazioni accidentali di colori e di linee o ve- 
nature delle pietre stesse » *. 

X. — Fenditura nel Castello di Pietrarossa (Caltanissetta) . 

II castello di Pietrarossa, del quale eSistono pochissimi avanzi 
di fabbriche (che Auristuto giudica di struttura saracinesca ed akri 
greco-romana), come terrapieni, torrioni mezzo rovinati, un pome 

» Comunicazionc del prof. Raffaele Castelli. 

* Salomone-Marino, Spigolature stonche siciliane dal sec, XIV al sec, XIX, 
n. XXIX. In Palermo, 1887. 



Digitized by 



Google 



IMPRONTE MARAVIGLIOSE Jt 

di comunicazione, una torre con corona merlata, una cisterna, un 
baluardo e alcune stanze a volta e dove erano stati sepolti Adelasia 
figlia di Rainulfo conte di Avellino e di Matilde Normanna, sorella 
del re Ruggiero, e Peralta; fu edificato su di un' erta roccia. a Questo 
castello, dice una Breve Storia di Caltanissetta ms., nel tempo della 
morte di G. Cristo, quando petra scissa sunt dal sommo all* imo, 
si spacc6; si che la grande scissura da Mezzogiorno .a Traniontana 
i d'altczza palmi duecento undici, di lunghezza palmi cinquecetifo 
cinquantanove e di larghezza palmi cinque in circa. » ' 
Questa fenditura h molto visibilc anche oggi. * 

XI. — La trave della Chiesa di S. Francesco di Paola 

(Mila:(:(o). 

L^ Chiesa di S. Francesco di Paola in Milazzo e opera delk 
cariti del fondatore di queU'ordine. Or si racconta che lavorandosi 
nella fabbrica della volta di quello che poi dovea diventare un san- 
tuario, una trave fosse troppo corta perchi giungesse al panto di * 
appoggio. S. Francesco, senza scomporsi, avrebbe stirata c slungata 
con le mani quella trave ; la quale nel punto preciso in cui fi- 
niva presenta ora una linea , rimasta come segno dell* opera pro- 
digiosa. 

Xn. — Lo sputo di S. Antonio da Padova (Messina). 

Vuolsi che S. Antonio da Padova fosse stato nel convento di 
S. Francesco d'Assisi in Messina. 

Ora una pia tradizione riferisce che un giorno , essendo egli 
con gli altri frati a refettorio, venisse fortemente rimproverato dal 
P. Guardiano per una mancanza che egli non aveva commessa, 
Iracondo di sua natura, egli fu li li per rispondere all'immeriuto rini- 



* AuRiSTUTO E Barresi, Le Mtraviglie nella nutamorfosi della primav^a in 
verno accaduta nel Sagro Giorno della morte di Gesii Cristo. Palermo, per Fcliceila 
e Gratnignani MDCCXXVIII. 

* Comunicazione del prof. can. Francesco Pulci, 



Digitized by VriOOQlC 
i 



•rwr^ii™! 



72 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



brotto; ma cbbe la viniLi di reprimere il giusto risentimento , e si 
mors€ le labbra cosi forteniente che ne venne fuori del sangue. 
Allora egU sput6 per terra, c quelle sputo fece infossare il terreno 
nella fornia die ora si vede in quel refettorio. 

Sulla larga infossatura , divenuta reliquia del Santo , fu inca- 
stonato un crist;iUo c questo custodito con una lastra di ferro ^ 

Xin* — Sant' Elena a Capo Santa Croce (Augusta). 

Neila provincia di Stracusa «6 tradizione popolare che Tim- 
peratrice S. Elena , ritornando dal sepolcro di Gerusalemme , con 
una reliquia della Croce di Cristo , naufrag6 alia spiaggia di Au- 
gusta, c uscita illesaj voile chiamare quel luogo Capo Santa CrocCy 
e 10 rcndimento di grazia fece edificare una chiesetta , ove lasci6 
impresse le sue^orme. Quelk chiesa, fe oggi dedicata a S. Elena, 
e vi si solennizza ogiii anno una festa campestre ai 18 d'Agosto » *. 

XIV. — La chiesuola del Ritiro (Noto). 

Una tradizione pietosa ricorda che S. Corrado, orando in una 
grotta J vi lasciasse le impronte dei suoi ginocchi. Quella grotta 
fu chiusa ndV andito d' una chiesa, e i Fedeli, visitandola, ripor- 
tano come reliquia un tmtino di terra suUa quale si ha fede 
poggiassero Ic ginocchia del santo. ^ 

XV- — La grotta di S. Corrado (Noto). 

Si racconta che S. Corrado avesse una volta allargata con le 
spalle una grotta antichissima, che ancora siaddita e dove si mostra 
I'impronta dei suoi gomiti. £ rimasto vivo, sul proposito, il motto: 
Chi sugnu S. CurraUj df aUarkau la 'rutta cu li spaddi?.. solito dirsi 
quando si trovano molte pcrsone in un luogo angusto. ♦ 



^ Tradizione oralmente coraunicatami dal sac. Domenico Sindone. 
* See. Salamoke. Augusta illustrata, owero Storia di Augustay p. 1 30. Ca- 
tania^ Glannotta^ 1B76, 

I Comunicazionc del prof. Mattia Di Martino. 
4 Comumca^ione del prof. Matda Di Martino. 



Digitized by 



Google 



■^T?" 



XVL — H piede del cavallo della Madonna delle Milicie 

(ScicH). 

Da ScicU, prov, di Siracusa, h poco disttnte U sanmario della 
Madonna delle Milicie. Nel pavimemo di questo santuario k una 
lastra con T orma d' un ferro di cavallo, che dicesi impressavi da 
•qucUo cavalcato dalla Madonna medesima nell* apparire che essa 
feet; nelle canipagne di Donnalucata in favore delle schi*;re cristiane 
che combattevano contro i Musulmani sotto Ruggiero it Nornianno \ 

Non si pu6 lasciar la Sicilia senza ricordare alcuni luoghi e 
fiitti, i quail se non rientrano dei tutto nel gc^nere delle impronte 
meravigliose, vi si accostano tanto da costituire un gruppo perfet- 
lamentc analogo a qiicHo di cui ci occupiamn. 

In Palermo, p. e,, si addita suUa porta del Palazzo arcivesco- 
vile un' elsa con un mozzicone di spada , che vuolsi quella onde 
Matteo Bonello feri a iiiorte Maione , minisiro di GugUelmo I i! 
Normanno: tradi^Lone vivissima anche oggidi. 

In Girgenti la larga breccia aperta nella catena di scogli che 
circonda la citti dalla pane di settentrione e opera di Empedocle 
agrigentino, che da medico e naturalisca insigne intese per essa 
breccia col vento fresco del nord spingere verso il mare i vapori 
miasiiiatici esalanti dai luoghi paludosi. 

La iscrizione: Ego Rosalia Sinihaldi Qiiisqttine ei Rosantm e Do- 
mini Film aimr Domini nie jesn CrisH Jni (sic) hoc antrohabitari 
(sic) ikcreviy che fu trovata in una grotta della Quisquina o Monte 
delle Rose nel territorio di Girgenti, sarebbe stata, sebbene ruzza^ 
mente, scolpita da Rosalia vergine palermitana, figlia di Sinibaldo 
e, secondo dicono, congiunta di Guglietmo I e discendentej nien- 
teraeno, da Carlo Magno. Rosalia passo poi a Palermo, sul Monte 
PellegrinOj ove mori Tanno ri6o, cntro una grotta, ove m indica 
una ristretta apertura irregolare, finestruoLi per lei negli ultimi anni 
della sua vita. 

Altra citazione, il preteso Orecchio di Dionisio in Siracusa- 

' PiTRl, SpHtac&li e FtsU pop. sicUianc^ p. 62. Palermo, 1881. 
Arch me per U iradiitoni pepQhn — Vol, XIU. tO' 



Digitized by 



Google 



74 AltCHmo PER LE tRADIZIONl WPOLARI 

XVn. — Pedata di S. Francesco di Paola (Calabria). 

Non so se in CastroviUari o in altra citti della Calabria i 
un'impronu del piede di S. Francesco di Paola, lasciatavi dal ve- 
nerando fraticello nel partire per recarsi in Francia. 

XVm. — n Sasso del Diavolo (Alagna-Valsesia). 

Intomo a questo sasso corre nella colonia tedesca di Alagna- 
Valsesia una leggenda molto curiosa , secondo la quale il diavolo 
avrebbe lasciata una impronta in un sasso '. 

XIX. — La Stazzona del Diavolo (Corsica). 

In Corsica molti monumenti megalitici portano il nome di 
Sta:(^ona (fucina) del Diavolo. Una di queste stazzone servi d* in- 
cudine al diavolo. Questo una volta , arrabbiato, gett6 via il suo 
martello , che and6 a cadere un chilometro lontano formando un 
piccolo stagno, il quale, per quel che si d;ce, si allarga sempre. A' 
tempi passati nessuno osava accostarsi a questo luogo, dove i vil- 
lani sentivano rumori terribili imitanti quelli de' martelli che bat- 
tano sulla incudine. 

XX.— L'apertura del Monte Tafonato (Corsica). 

« Ad una di cbdeste fucine del diavolo si lega una scommessa 
tra S. Martino ed il suo nemico. Si trattava di tracciare un solco 
diritto. L'aratro urt6 in una rocca, che ruppe il vomero. II diavolo 
infiiriato lo lanci6 via, ed il vomero and6 a rompere Monte Ta- 
fonato (forato), e vi fece I'apertura che vi si vede. I buoi furono 
convertiti in pietre ». 



' G. GiORDANi, La Colonia di Alagna-Vahesia e il suo diaktto, pp. 106-107. 
Torino, Candeletti 1891. 



Digitized by 



Google 



IMPRONTE MARAVIGLIOSE || 

5CXL — I^ Ca^a deU' Qrco (Corsica^, 

Altro nionumento 6 h Casa deirOrco. L'orco, gigantQ che de- 
solava il paese, fli preso per astuzia, perchfe essendo stata collocata 
presso la sua abitazione una grande stivala spalmata di catrame^ 11 
gigante vi ficc6 il piede, che non poti pii ritirare ; per isfuggire 
alia morte, egli promise ai pastori che avrebbe loro insegnato la 
roaniera di servirsi del latte deUe loro capre: ed ecco rorigine del 
brocchio, cacio pregevolissimo de' Corsi. ' 

XXII. — La pietra di Santa Cristina (presso Bolsena). 

Presso il lago di Bolsena, nella provincia di Roma, h una 
pietra con la immagine di Santa Cristina. Quella pietra, secondo 
i Bollandisti, che citano la tradizione *, k la medesima che venne 
legata al coUo della Santa quando essa fu martirizzata* 

XXni. — Lo stretto di Fara S. Martino {Abruni). 

« A Fara S. Martino (negli Abruzzi) , tra i monti dai quail 
ha origine il Verde, 6 una gola , coli chiamata « lo stretto o, al- 
largata, a via di gomitate — come si vede — dal santo; il quale aveva 
colii la sua grotta». ^ 

XXIV. — n colpo d'Orlando {Val Pi^, in Liguria). 

Notabili sono in varie citti d'ltalia le tradizioni carolingie^ che 
possono classificarsi tra quelle di stampi maravigliosi. In Val Pia, 



I A. De Mortillet, Rapport sur Us mattummts nUgaVthiques de la Cone, 
Paris, E. Leixxix 1&93. — Rwue des tradit, pop,, jm. 8, ,n. 7, p. 3^95. Paris, Juil- 
let, 1893. 

' Acta SanctorutHy Luglio V. • 

5 G. FiNAMORE, Credmixt , Usi e Costumi abrunw , pu i36, § j, .Pal^mp, 
Chosen, MDCCCXC 



Digitized by 



Google 



7^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

nel Genovesato , si indica un luogo dove avrebbe dato un colpo 
Orlando, luogo die si chiama tuttavia // corpo (colpo) cf Orlando. ' 

XXV. — n Ferro del cavallo d* Orlando (Firen:(e). 

A Firenze, suUa facciata della chiesa di S. Stefano, i la im- 
pronta del ferro del cavallo d'Orlando. * 

XXVL — I colpi della spada d'Orlando (Costacciaro, Umbria). 

II colle d' Orlando presso Costacciaro in Umbria, «^ dato ad 
una specie di sperone del Monte Cuccio, che richiama I'attenzione 
di chi passi per la via di Costacciaro alia Scheggia , per cinque 
fenditure profonde quasi vcrticali , che si trovano sulla cima. Si 
racconta dal volgo che Orlando ne fosse autore, per cinque colpi 
di fendenti della sua spada ». ' 

XXVn. — La misura del corpo d'Orlando (Umbria). 

Sulla via nazionale, che muove da Spello alia volta di Assisi, 
a pochissima distanza dal borgo della citti... dal lato destro di 
un'antica porta urbana, ora chiusa, esiste all'altezza di circa 3 metri 
dal suolo, una sporgenza; piii sotto due incavazioni ovoidali all'al- 
tezza di m. 1.63; ed ancora piu in basso, all'altezza di metri 0.91, 
ii una incavazione molto piu profonda delle altre, e di forma al- 
lungata. In questo luogo, come attesta il distico postovi nel 1635, 
Orlando avrebbe lasciato la misura del corpo suo gigantesco. Cosi 
la sporgenza sopra menzionata misurerebbe 1* altezza del coUo , le 



» Celesta, Del Final Ligustico, p. 12. 

* D'Ancona e MoNACi, Una leggenda araldica e V Epopea Carolingia ml- 
I'Umhrk, Imola, Galati, 1880. 

1^ G, BELLifcci, // Colk di Orlando presso Costacciaro, ^eWAfinuario del Club 
Alpifio Italiano, sezionc Perugia, disp. I, p. 7, 1884 e A. D'Ancona, Tradi^ioni 
Citr&litt^if in Italia, Roma, 1889. 



Digitized by 



Google 



mm 



IMHRONTE KL\RAVICLIOSE ^ 

due fossette ovoidati quella del goniico, t' ultima quella del ginoc- 
chio 1). ' 

n distico c di Taddeo Donnola , U qunle lo fece apporre in 
faccia lUa chicsa di S. Ventura : 

Orlandi hie Coroli M^pii metirc nepotb 

Ingentes artus cetera facta docent- ' 

XX VIII, — ^I macigni del diavolo nella Montagna della Rossa 

(Umbria). 

Sccondo una icggenda universiilmcnte ripetuta in tuttt la valle 
delFEsino nelle Marche , S. Flomno martire e protettore di Jesi* 
sarebbc autore dclla strnda aperta c cavata sul vivo sasso per entro 
1'aspra inonmgna dctta dclla Ros^saj in yn'angusta gola lunga circa 
tre niiglia , in fondo alia quale corre spumeggiante il fiume sud- 
detto... a Lungo le costc ^ Ic frane si veggono sparsi qua e Vx cnorm^ 
macigni; altri senibrano incastrati negli angoli die Li montagna fa 
ne* suoi rapidi svolti. Quei macigni sono gli ostacoli, che all'opra 
del campione di Crista oppose il diavolo , dispettoso ch* egU vin. 
cesse la nature- E ccrtc striscic o corrosioni , che si vedono in 
qualche punto lungo Ic roccic in basso ^ sono gli stropicciamenti 
del carro, che Flomno guidava nell'aprirsi deirarduo sentierow,^ 

La leggenda cominua con una prova simile a quella del Friuli *^ 
ma non importa piu al fatto nostro. 

XXIX. — La Balma di Vonzo nel Chialamberto (Lanio). 

In vari posti del Canavesc molti conoscono la '^ahna di Von^o 
nel Chialamberto, rupe alia quale si lega la seguente leggenda po- 
stcriore al 1378 : 



' Anmutrio dt, disp. 2. , 

* D'Akcoka, Tradi:;pm cardingk cit> 

5 GiAKAKDREA^ Fcsta dt 5. Floriano mar fire in Jest t tiro a sepw coth ha- 
Jtslra istituiio in occtJsi(fm della mtdtsitm fanwy ifjj, pp. 4-5. Ancona, Aurelj iS^^i 
4 Cfr. il n. XXX. 



Digitized by Google* 



-jrS Archivio per le tradizioni popolari 

Un giorno le fate vollero portare lontano da Vonzo la balza 
ivi esistente , e le piii forti di esse vi riuscirono poggiandovi la 
testa sotto, dalla parte che sporge verso il piano. Volando volando, 
si ridussero presso la terra di Lanzo, in un sito dov'era il Ponk 
del Rocc, opera del diavolo. Questo, indispettito che le capricciose 
donne osassero guastare V opera •sua, sorto a meti deU'arco, sfol- 
gorante tra le fiamme , lanci6 una imprecazione infemale e batti 
col piede sopra una pietra lasciando incancellabile impronta. La 
balma non pot& passare tra le pareti delle 'due rupi sulle quail 
poggia il ponte, e le fate, cariche dell'immane peso, scomate e dis- 
fatte, ripresero il volo per i pascoli di Vonzo. Le loro teste frat- 
tanto andarono afFondando nella pietra, iinch^ restituita la balma al 
posto di prima disparvero. II di appresso i pastori videro le im- 
pronte di moke teste, ma non se ne seppero dare ragione, e forse 
non ne avrebbero mai saputo nulla se una vecchia strega non avesse 
rivelato e raccontato il doloroso viaggio delle fate. * 

XXX. — n piede deUe vacche in un colle di Feltre. 

Nella leggenda di S. Vittore, il cui corpo si venera a Feltre 
in un santuario posto sopra un colle, si racconta che una vecchia- 
rella di Anz6, per ispirazione del santo, fece attaccare al carro che 
dovea trasportare il corpo di esso santo le sue due magre vacche. 
II carro era pesantissimo, e forti cavalli non vi erano riusciti; eppure 
le veccliie ed inabili vacche si mossero con molta faciliti. « Oggi 
in uno dei capitelli lungo la strada pedinale che conduce al sommo 
del colle, s'indica ancora una roccia che tiene TimpronU del piede 
d'una delle vacche ». ^ 



" M. Savi-Lopez, Le Valli di Lanip, pp. 309-314. Torino, Brera, 1886. — 
G. Di Giovanni, Usi, Creden:^e e Pregiudixi del Canavese, pp. 103-105. Palermo, 
Clausen 1889. 

* G. B. Bastanzi, Le $ufer$ti:;iQm delle Alpi VeneU , pp. 102-113. Treviso, 
Zoppelli^ 1888, 



Digitized by 



Google 



IMI^RONUE MARAVIGL16SE 7^ 

XXXI. — n P^rtugio di Prestr^tenic (Friulil 

Una leggenda raccolta ndla valle del Natisone Darra che k 
Madonna fece scommessa col diavolo di andare da Luschariberg 
(Monte Sank in Friuli) a Castel del Monte (Madone di Monte) 
sopra Cividale in un tempo piii breve, lasciando il vantaggio al 
diavolo di oltrepassare il Prestrdehic prima che Lei si movesse. II 
diavolo sperando vincere la posta, si slanci6 come una freccia contro 
il monte e lo perfor6. Questa sarebbe Torigine del foro , la quale 
venne iUustrata con una pubblicazionc speciale dal prof G, Mari- 
nelli. Egli osserva che un altro foro simile si vedc dai prati di Se^ 
gate nelle giogaje del Montasio. * 

In altra leggenda, raccolta dall' Ostermann, a il foro de! Pre- 
strilenic sarebbe il finestrone a cui si af&ccia il Demonio per os- 
servare il lavoro dei dannati suU'imponente e desolate akipiano de. 
Canino, sia sul versante del Roccakna come su quello deirisonzo », * 

XXXIL — I piedi di S. Antonio e il didietro del diavolo 
nel monte Bfigee (Friuli). 

Secondo una leggenda friulana sul Monte Migee esistono due 
impressioni abbastanza diverse Tuna dall' altra. L' una sarebbe dei 
piedi di S. Antonio di Padova, Taltra del didietro del diavolo, 

Un buon vecchietto , sacerdote di vita specchLita , fabbricava 
una chiesa in onore del Santo. II diavolo ne era disperatOj e di 
notte disfaceva ci6 che i muratori tabbricavano di giorno; e spinse 
tanto la sua audacia da andare in faccia alio stesso Santo preten- 
dendo per conto suo il possesso del monte e proponendo una 
scommessa: si farebbe un sako: e chi lo farebbe piQ lontano re- 



» Il pertugio del PrestrHenic. Leggenda slovena raccolta cd illustrMi dsil 
prof. Giovanni Marinelli per nozze Tellini-Canciani , dai coUcghl ddla Society 
Alpina Friulana. 

* Pagitu Friulane, an. V, n. i, copertina, p. i. Udine, 7 Aprite 1S93. 



Digitized by VjOOQIC 

I 



8o ARCHlVlO PER LE TRAmzlONI P^POl^ARl 

sterebbe padrone del monte. La proposta fu accettata. Salto prima 
S. Antonio e iasci6 la impronta dei suoi piedi; salt6 dopoil dia- 
volo e stramazzando diede una forte sculacciata sulle pietre lasciando 
lo stampo del suo fetente piano posteriore. * 

(Continm) G. Pitr^. 



* La bust lu stamp del cdl del didul e ju stamps dei pis di Sanf Antony 
sulk Mont di Migte. Nelle Pagim Friulane, an. VI, n. 8, p. 129. Udine, 21 Set- 
tembre 1893. 

I L^ttori che vorranno raccogliere e mandare notizie ed appunti locali sul- 
rargomento delle impression! meravigliose o sopra ^qualunque fatto che riguardi 
il Folklore sanno che VArchivio delle tradi:^ioni popolari k aperto a tutti. 



^-M 



:e\fi^ 



Digitized by 



Google 



fm 




FORMOLE D[ IMPRECAZIONI IN CALABRIA. 




L popolo di Calabria, qu'indo nun pu6 sfogarc la stiz^a 
contro colui die roflende, divenm furibondo e bestem- 
mLi ed iniprcca. Le domic del popolo poij cosi buone, 
alfetttiose ed espansive j quiindo vengono offese , si riuniscono a 
gruppi suU* nscio dellc loro case e maniano bestemmie atroci. E 
quii^tc sono originali, e rivelano la fcra^e fiintiisia del popolo ca- 
hbrese. Ne :;crivo qualcuna, che ho raccoka per lo piQ dalle don- 
nette di CetrarOj di MalvitOj di Fuscaldoj di S. Sosti e di Morano. 

Quando Tanimo di un villnno e contristato, perch6 la gran- 
dine Q la piogi^ia ha prodotto male nl podcrettOj egli esce in questa 
imprccazione : 

Fo7Jsanu chiovc petri di niulino senza grupura ! (Possano pio- 
vere pietre di mulino senza buchi). 

Quando cade nioka neve, c porta male allc campagnc, il \nl* 
lano esce in questa bestemmia : 

Ni poxj^e cadi tanta nivi chi li gallini pozzanu pizzuli li stilli ! 
(I contadini credono che le ste!le siano quante si vedono, e perci6 
credono chc una gallina possa beccarle (pizzLiL\) come im chicco 
di granone). * 

Se qualcuno fa del male ad un villano, questi esce in queste 
imprecazioni ; 

Anhmo per h trndiiimii p(ilH>kri — Vol Xltl. tt 



Digitized by 



Google 



82 ARCHrVlO PER LE TRAOrZIONt POPOLARl 

Ti pozz^ ta li ragni In fornu ! (Se fa ragnatela il forno, non 
si deve far rani pane I) 

Ti pozza rauri dl friddu lu tribitu [ (Terribile bestemmia di 
Fuscaldo [ Se lu trihittt (chiara dcrivazione del latino triptis odis) 
tripoih, muore dal freddoj non si deve accender fuoco. 

Puozzi ji nipilu sospiru ! (Anclie questa i una terribile impre- 
cazionej e vuol dire • possa andare, cioc, tirare la vita con un fil 
di respiro!) 

Puozzi ji cumi U turnisi ! (Come il danaro !) 

Pnoz7A ji vulannu cumi frunna di fagu ! (Volando come fronda 
di faggio, perch*^ !a credono la pi 6 sbattuia, essendo sulle montagne, 
ove predominano i vcnti). 

Ti pozza fa li ragni la sacchctta ! (Anche in Catullo nel Carme 
VII con cui invita FabuUo piacevolmente a cena, vi h una simile 
esprcssionc). 

Nu ti pozze abitd terra sutte li piedi ! (Non possa reggerie la 
*Wra sotto i piedi; cioe, non possa stare mai fermo). 

Ti pozze roc€ li cavuzletti alii gammi ! (Possa essere tan to 
secco chc i calzetti possano ^iriire :ille gambe ischeletrite. Male piu 
terribile della morte !) 

Ti pozzanu niannA da 'Rodi a Pilato ! (Possano mandarti da 
Erode a Pilato: ti possano fare, come fecero a Cristo !) 

Puozzi pierdi lu ceriviellu ! (Possa perderc la testa !) 

Puozzi cadi 'nta 'na vigna 'mpalata ! (Possa cadere in un vigneto 
impalato, cioi ove ogni vite t sostenuta da un palo). 

Ti pozza esci la carni dinta li niagli di li cazietti ! (Possa u- 
scirti ia carne dalle mag lie dei calzetti ; cioe possa essere fatto in 
tantj minuti pezzi, che la carne possa uscire dalle maglie dei cal- 
zetti) ^ 

G. De Giacomo. 



* Vedi La Ctikhrm^ an, VI, n, 2. Montelcone, 15 ottobre 1893. 






Digitized by 



Google 




FORMOLE 

DI IMPRECAZIONI, GIURAMENTI E SALUTI 

IN N A P O L I. 




Imprecazioni. 

ANGU r' 'a ronna ! 

Mannaggii^ chi t' e muorte e chi t' ^ stramuorte ! (Be- 

stemmiare i morti, si ritiene la maggior delle ofFese)* 

Te pozzane purta' 'ncoppa 'd scala ! (Come si costuma con 
quelli di morte sventurata). 

Puozze muri' 'mpiso ! (appiccato). 

Puozze muri' 'e male morte!, 

Puozze essere acciso ! * 

Mamiaggia 'a Vicaria vecchia ! (Imprecazione comunissima nel 
popolo , quando per forza maggiore , o propria impotenza , i co- 
stretta a rinunziare a qualche atto di violenza o di vendetta; e suol 
ripeterla tra la rabbia e '1 dispetto, croUando il capo e mordendosl 
il dito. Forse si allude agli ultimi fatti ivi avvenuti. V. Capasso 
nello Arch. stor. nap., An. XV, fs. Ill, p. 635). 

Puozze avi' 'nu strangoglione ! (malattia equina , tonsilliic , v. 
Rocco, in Vasile, an. VII, p. 48). 

Pozza aflferra' 'na voccia ! (apoplessia). 



Digitized by 



Google 



S4 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Puozze i' strerenne ! (stridendo). 

Se ne pozza scennere comme 'e sciore 'e cucozza! (la lingua)^ 

Te pozza scennere 'nganno ! (la lingua). 

Puozze av6' 'na simpoche ! (sincope). 

Ne puozze fi' 'nu trepete! (Ai cacciatori il doppietto od il fucile). 

Puozze avh' 'na fiina 'nganno ! (Un cappio al collo). 

Mannat^^gia 'o sangue sperzo 'e <;hi t' e muorto ! 

Maiinnggia V ancma 'e mammeta e pitete ! — Mannaggia chi 
te sona a muorto ! 

Air ancma 'e chi t' ha creato ! — Airanema 'e chi te cunfessa- 

Puozze sculi' ! (morir tisico). 

Tc puozze strujere, comme 'a cannela afficio ! (UfHcio di set- 
timana santa). 

PuozEC av^' 'na petreata int' a 'nu vico astritto ! 

Giuramenti. 

r nee vaso e nee juro ! (Mettendo gl'indici di ambo le man i 
in croce e baciandovi sopra). 

*0 giuTO, comme ^ certo Dio ! 

Pozzo av^' 'nu tocco ! (Che io possa morire apoplettico ! E si 
dice mettendo le dita in croce). 

Pc' cjuanto i- certa V esistenza ! 

Pe* la Vergine Santissima ! 

Pe' 'stu pane, che i grazie 'e Dio! 

Pe' 'st'anema 'e Dio! 

Quanto ^'vero 'stu stato che mo' stongo! (Giuramento delle 
gravida ). 

Giuro pe' quanto e vero Dio ! (Incrociando le braccia sul petto). 

Pe* chisto pane e vino, che pure so' grazie 'e Dio ! 

Quantii i certa 'sti jurnata che ^ ogge ! 

Pe' 'st' anema 'nnocente, ch' i senza peccato ! (Le madri che 
giurano pe' loro bambini). 

Pc' quante voglio bene 'd famiglia mia ! 

Pe* quanto voglio bene a 'ste criature ! 

Pe' Faneme d' 'e muorte miei ! 



Digitized by 



Google 



wmmfi^m^^^ 



FORMOLE DI IMPRLCUlOMj ECC, IM KAPOLI S5 

Pe' I'anema, o la niemorli 'e matrcinej c patromc, 'e figlie- 
mo, etc. 

Pe' chella bella mamma Maria! 

Pe' quanto vuo' bene 'e figli tujc [ 

Pe' 'stu santu nomme clic t^ ogge ! 

Pe' chi tenite 'mparaviso ! 

Pe 'stu Uatte die dongo a st' anema 'e Dio ! 

Pe' quanto 6 vero ch' avimmo ^a muri' ! 

Pozza essere privo d' 'a i^razia 'c Dio ! 

Nu' nee pozza vere' stascra ! 

Pozza muri' 'e subeto, si iiuu c bcro ! ' 

Pozza perdere 'a vista 'e V uocchie ! — Pozza and*^' pezzenno! 

Me puzzate ft' 'a cariti, comme 'e rurtemo straccione ! 

Me puzzate verij' muorte ck 'nnan^e ! 

SaluU. 

Sereve ussignuri ! 

Buono juorao, bona sera, bona notte, buon prospero ! 
Buonni e buono capuranno [ (Incoiurandosi in qualcuno nel 
primo giorno dell'anno nuovo). 

Salute e figlie miscule ! — Salute e prosperiti ! 

Buon principio d'anno a buie e a tutta 'a cummertazione ! 

S^revo Scellenza! (Sogliono usarlo sipecialmente i coccbieri). 

'O puzzammo vert;' vescuve ! (parbndo di qualche ragazzo)- 

Pe' cientemilia anne ! 

Buono Natale ! Bona Pasca I Buon Camevale I 

Chisto e ciente ate! 

Ve puzzammo ver^' janco e cuntento ! 

Salute a Vostra Eccellenza ! 

Ve vasammo 'e mano ! — Ve vusanmio Ic chianielli ! 

Salute e pruverenzia ! 

Puzzate campa' quanto 'o pane e 'o vino ! 

Puzzate av^' sempe fiirtuna ! 

Felice e cuntento ! 

GaETANO AAiALFl, 

9 



Digitized by VriOOQlC 



FORMJLE 

DI IMPRECAZIONI, GIURAMENTI E SALUTI 

IN PIE MONTE. 




Imprecazioni. 

H Diu bun ! 
Ah 'n 'assident ! 
Aiiima da furca ! 

Anima del cuntagg ! 

Anima sach<^tta ! 

A t' ainncissa set frungi (foruncoli) per sentiment ! 

At secheissa la lenga ! 

At tacheissa 'n assident fait a parapiova ! 

Boja da furca ! 

Boja dla ca dar diau ! 

Burich da furca, o del Cristu, o del diau, o del giss ! 

Caranta mila cumbi de diau ! (Quaranta* mila avvallanienti 
del diavolo. Cosi dicesi nella valle d'Angrogna per augurare il nial 
viaggio ad uno). 

Carogna dla ca del diau (o da furca) ! 

Ch' a t' avneissa la pepia ! * 

' Ossia : Che ti venissc la pipita come ai polli! £ detto a quelle personc 
^he hannd^la lingua lunga. 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI IMPRECAZlO!4l, ECC. IK PIEMONTE 87 

Ch' at vena tanti assidcnt cuma tanli bot ai va a runijii na 
cioca ! 

Ch' at geleissa la Icnga ! 

Ch' at tachcissa na caghettaj o 'n assident ! 

Che '1 diavul at piipa, va al diavul ch' at pupa ! 

Che '1 diavul 't porta via ! (A cui si risponde : El din\'ul (a 
pa '1 fachin). 

Chi te staghi si' agunia cum tantu temp ai buta (in pui (pi- 
docchio) a ft '1 gir del mund ! 

Crepa, o cherpa, o masste ! 

Pica '1 nas ant tla m...! 

Garravaissa dar diau ! * 

Giuramentu failss ! 

Impicte e p6i piura ! 

It cherpeisse na buna volta ! 

It T aveisse na merda an buca ! 

Lu tron te cure ! (D tuono ti tolga le intcriora). 

Macacu (o malavi) da furca ! 

Moir tisich, o del carbun, o dla tuss ! 

Pia 'n cichet d' arssenich ! 

Piciu d' nata, (o d' m....) ' 

Pien d' supa ! (o d' pulenta). 

Pudrie ben andete perdi ! 

Rola ch' a r ^ ura, (o aussa '1 frach, o pia la bela), * 

Salop da furca, (o del boja). 

Sciopa, sciopa na volta ! 

Sciopa ant la goba ! . 

Se la mort Taveissa fam, I'avria fait un bel bucun ^V ti ! 

T' avneissa na goba dnanss e dar^, o set gobe ! 

Tu sie propi na garravaissa ! 



« Dicesi a Bobbio Pellice. Garravaissa k detto un animale raorto e quiadi 
una cosa inutile. 

* La nata 6 il sughero. 

3 Propriamente sono minaccc. RoU vuol dire volgersi sopra se stesso e 
quindi andare. Auss^ 'I frach corrisponde ad alzare i tacchi. Pi^ la hehi, and^irscnc. 



Digitized by VriOOQlC 



Jj8 AKCHIVIO PER LE TRaDIZIOKI POPOL/VRl 

Va a ca del diau caussi e vesti I 
Va an galera ! (o an persun). 
Va a Castellamunt a fe d' pignate ! 
Va a San Secund a fe d' tupin ! 
Va a r Abadia a fe d' mute ! ' 
Va a Giuanin ch' at piipa ! 
Va 'n Bertula ! ' 
Va 'n Siberia ! 

Va al diau ch' at brusa, o ch' a t' impica, o cW at pia, o ch' at 
porta via ! 

Va al diau ! 

Va a spani d' melia ! ^ 

Va a gambe Iva ! 

Va a fe d' cup o d' mun ! " . 

Va a fund ! 

Va a munte la guardia ai Talucliin. ^ 

Va a munsi (mungere) '1 luv ! 

Va a pupc d' cio (chiodi)! 

Va a bambiagn a fe V ostu ! 

Va 'n Parpaja ! 5 

Va giughi j' oss ! 

Va 'n tla m... fina al col ! 

Va a la malura ! (o an burdel, o an pcrdissiun). 

Va al comud ! (o al cumiin). 

Va gill 'n tera ! ^ 



^ Abbadia k un paesc presso Pinerolo, dove si fabbricano in quantiti le fo- 
melle di concia. Come Castellamontc in quel d'lvrea , ^ rinomato per V indu- 
stria delie pignatte e San Secondo nel territorio di Pinerolo, per i vasi di terra 
cotta. 

* Bertula 6 un borgo di Torino dove abitano in preponderanza le lavandaje. 

3 Va a spannocchiare il grano turco. 

4 II Camposanto di Pinerolo 6 posto lungo la strada che conduce a Talucco; 
onde : fare la guardia al camposanto. 

5 Cambrano, piccolo comune presso Trofarello. Parpaglia, 6 un borgo fra 
Orbassano e Stupinigi. 

^ Va in rovina. 



Digitized by 



Google 



FORMOLE Dl IMPRKCAZIONI, ECC. FN PIEMONTE 89 

Va al sul ch'it sess bagni ! 

Va a la cob a fete fundi ! ' 

Va sla beata! 

Va sla furca ! 

Va per m... an Vanchija ! 

Va 'n tla ni... ! 

Va pie 'n bagn 'n t' V acit fenich ! 

Va pi^ . 'n bagn an Po al mes d' Geni ! 

Va ch' it sess On ula scriissia ! * 

Va che Nossgnur a t' abia an gloria ! 

Va cW it vale pa 'n butun, o n' a sciup an aria, o na cica ! 

Va cW it vale d' m... tant cum it peise ! 

Vate a perdi ! 

Vate ampichi (o mass^) ! 

Vate campe anii ^ 'n t' iin bagn d' papi ch* ai sia pa nen 
d* cva ! 

Vate empi d' pulenta ! 

Vate cuge ch' it tacuna ! ^ 

Vate fe ampichi da 'n autr ! 

* Vate fe benedi ! 

Vate rumpi '1 col 'n t' iin let ch* ai sia (in bun matarass d' 
piume ! 

Va sle giaire d' Chisun ! ^ 

Vatlu a pie 'n t' V ob... o 'n t' T or ! 

Giuramenti. 

A la ft chi giiir ! 

An cussienssa d' anima mia ! 



* Dicesi a colore che sono magri. 
2 Cio^ : pentola crepata. 
^ Va ad annegarti. 

4 Si invita a coricarsi chi indossa la vestimenta stracciata, per essere ram- 
mendata. 

s Va a passeggiare sulla ghiaja del fiume Chisone. 

Archtvio per U tradi^iom popolari — Vol. XIU. ^^ 



Digitized by 



Google 



90 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POP OLARI 

A se zourou ! (Lo giuro !) * 

A volou proufonsaa se V ^e pas v6e ! (Voglio sprofondarc sc 
non e vero), 

A vouriouk pas bouzaa da poste se T ^e pas v^e ! (Non vorrei 
muovcrmi dal posto se non h vero). 

Che Nossgnur am fassa ste sop ! 

Che Nossgnur am fassa moiri a custa mira ! 

Che Nossgnur am fassa vni na goba! 

Cruss crusii, si diu la busia, i restu strupii, o fass sent e mila 
pecacass. n : 

Cruss crusii, ch' am sciopu j' lijet ! ^ 

Diu an manda niila assident ! 

Diou vnc principe se V ee pas rce ! (Dio mi castighi sc non 
h vero [) 

Dventu iin leun ch' an mangia bele viv ! ' 

GiCirlu sii cust strunss e poi mangia '1 giurament ! 

GiLiru s' i puff ^ d' me pare ! 

Giiiru sr anima di me butun ! 

I giuntria V oss , del col ! 

I butria la man, o la testa sul fo ! 

I giogh un biet da sent cuntra iin d' vint sold ! 

L' ee vee couma V ^e vee que la glia un bon Diou ! (£ vero 
come t vero die c'e un Dio !) 

Lu glQru sV anima di me mort ! 

Lu giiiru sla tomba, o sV anima, d' me pare e d' mia mare ! 

Lu giiiru sla fede di Barbet ! ^ 

Lu giuru sla mia testa ! 

Lu giiiru si' anima del butun chi 1' ai ataci al curpet ! 



' QuesLi cd altre formole di giuramento raccolte nella valle di Pragelato 
sono trascritte nel dialetto che coU si parla, ciod nel patois. 

^ Gil occhi. Questo c il precedente giuramento sono proprio dci fanciulli, 
che proniin^^iando la formula baciano gPindici delle mani, disposti in croce. 

3 L' ho udito da un negoziante di bestic. 

4 1 debit!. 

5 Cosi chJamansi i Valdesi ! 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI IMPRECAZIONI, HCC. IN FIHMONTE 9! 

Lu giiiru: s' a T e pa vera voi mai pi vendi ! ' 
Lu giiiru sul me unur ! 
Lu giiiru vera cum i sun si ! 
Lu giuru vera cuma ch' a V e chi sun cristian ! 
'N veriti ! 

Nossgnur ch' am fiilmina ! 
Parola da galantom ! 
Poss giiirelu ! 
Poss lasseme taj^ j'uric ! 
Poss moiri bele si, o a custa mira ! 
Poss piene mila giurament! 

S' a r i pa vera ch' am cassca la volta sla cussa ! 
S' a r ^ pa vera chi moira help si, o ch' am casscu j' uric ! 
S' a V h pa vera Ion voi pa pi esse mi ! 
S' a r ^ pa vera i mangiu iin bo ! 
S' a r fe pa vera son, voi vende 'n asu ! 
S' a r e pa vera, sun pa pi 6m ! 

S' a 1' ^ pa vera Nossgnur ch' am fassa secchfe man , pe e 
lenga ! 

Tlu giiiru, o tlu giiiru sla mia parola, o sla mia vita ! 

Vera cuma ch' a j' ^ '1 sul ! 

Vera cum a j' ^ Paciot a la Fudrera ! 

Vera cum a j' e Paciot al Mund gross ! * 

Vera cum a i' fe.iin Dio ! 

Vera cuma chi 1' ai el batesim an testa ! 

Vera cuma ch' it V ass ii cavei an testa ! 

Vera cum i sun si ! 

Voi ch' am seccu le man ! 

Voi ch' amtaca iin mal d' panssa s' a T i pa vera ! • • 

Voi che Nossgnur am gava la vista ! 



» Lo dicono i negozianti. 
' La Fudrera t una casein 
;o dd comunc di Cumiana. 
bene conosciuta per invocarne il nome a titolo di giuramento. 



* La Fudrera ^ una cascina presso la frazione di Riva, e Mund gross h iin, 
borgo del comune di Cumiana. Questo Paciot doveva esscre una figura ossa 



Digitized by 



Google 



$2 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Saluti. 

— Adiu, bela fia. 

— Adii, bela fia, 
Steve si o andcve via ? 

— Adii, bela fia, 

Leve pi car marideve o ste paria ? 

— I sayeissa d' mal ancapite, 
Staria da maridi. * 

— O bela o briita, 
Sun si tiita. 

— Sun pa si per devne d' intendi. 

— E gnanca vui leve neq blesse da vendi. 

— Per bin chi siu pa tant bela , sun lavame stamatin d' eva 
fresca *. 

— Tama val mia grassia cun la vostra blessa. 

— S' i i stagh si iv fass piasi, 
S* i vad via ancura d' pi. 

Alegher, bela fia, se i me spuse mi , le soche i porte pa pi, 
ma andf mach pi descaussa. 

— Alegher, bela fia. 

— Fia si, ma bela no. 
Arrivedersi a la stagiun di persi. 

Arvetze da rair. ♦ 

Arveisse fin ch' a turnuma a veisse. 

Arouar. 

Bun di , Buna seira, Buna noit , Buna giurni , Fe bun viagi, 

Steme alegher; Steme bin; Fevla buna; Cunserveve an salute, o an 

» saussa; Ricurdeve d' mi; Buna spassgiada; Buni aft; Fevc curagi; Steme 

alegher; Sii, ardi; Fate brav; ecc, ed altri simili saluti di uso quo 

tidiano. 



' Quest! ed altri saluti a domanda e risposta sono in uso presso i contadini. 
* La ragazza che intravede nel saluto un po' d'ironia rispondc alquanto 
stizzosamente. 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI IMPRECAZIONI, tCC. IN PIEMONTE 93 

— Bun (Ji, bela Ha, mi i sun V Angel Gabriel ; 
Se i nie spuse nen mi, 

D' paradis per vui ai n' e pa pi. 

— Bundi, bela fia. 

Vostr' amur sariilu cum la mia ? 

— Se la mia feissa cum la vostra, 
Savria deve risposta; — oppure : • 

Me cor a penssa pa ni 'n sa ni 'n 1;\ 
Pi che a j' afe d' mia ca. 

— Bundi, bele fie, feve cunssei 

Se i r eve da marideve o ste parei ? 

Cerea. 

Cerea : 

Ch' a fassa lu viagi ch' a V a fait me bun, o Lirun : * 

L' e andait an la gal, le vnu 'n sa capun. 

Ciau, bel pumin d' amur, o bel ratujin. 

Ciau, bel toch d' grassia di Dio. 

Ciau, bela fia, cugii 'n diirmia, tuci desvii ^ 

Ciau, cunservte die camule. 

Ciau, drom cun j' 6] sari. 

Ciau, drom bin, desviite pa pi fin a duman matin. 

Ciau, cunservte : 

S' it tumbe levte ; ' 

S* it trove dui parti, 

Mandamne iin a mi. 

Ciau, drom bin, lungh e disteiss cun ii p^ an man o an buca. 

Ciau, drom bin, quand it dorme sognme mi. 

Ciau, fa buna mort. 

Ciau, purtie, duman tramudu. 

Ciau, pieve na cadrega e steve an tera. 

Ciau, s' it vedde i toi, saluda i mei. 



' Me Imn, il mio amico. Lirun 6 un nome qualsiasi usato per la rima. 
' Che appena toccata si svcglia. 
3 Sc caschi al/.ati. 



Digitized by LriOOQlC 



94 ARCHIVIO PER LH TRADIZIONI POPOLARl 

Ciau, stame alegher: oppurc: J' bun iiniur, o giujuss. 
Ciau, tente pulit. 
Ciau, turna a ca s' it pole. 
Ch' a stena da ciint. 

Che Nossgnur a lu acumpagiia , cum a T i fait el luv a mia 
cagna: a T i acumpagni fin ch' a T i maja. * 

Che Nossgnur ai daga del bin, o salute, o lu benedissa. 

— Cun permess, bela fia, 

Im setu davsin a oust faudal, 
I sai pa si fass bin o mal. 

— Si savi d' mal fe, 
Guardelu bin e turneve alve. 

— S' im cherpeissu d' mal fe, 
Lu tucriu nen tant vuluntfe. 

Cun permess, la meti V ^ sempre an mess : ^ 

Fa la stra cha V i faje fe '1 can a mia micca. 

Fa la stra ch' a T a fait mia nona, 

L' e andaita vaca, V e turni soma. 

Li, ardi. 

Li fe '1 viagi ch' a T i fait mia noiia. (Quindi sottovoce in 
maniera che la persona salutata non vi senta: V c andaita e a T fe 
mai pi turni). 

Mantente giujuss fin ch' it sess spuss. 

Na, ch' a fassa '1 viagi ch' a T i fait mia marina, 

L' i andaita li pula, V k vnu 'n sa galina. ^ 

Stame ardi, o stame ciau. 

Bevendo : 

A la vostra salute. 

A la saliit d' nostre blesse: oppure: a nostre blesse; le mie raire 
e le vostre spesse. 
A tua salute. 



* L* h. accompagnato tin che c'cra da mangiare. 

2 £ detto da chi dcvc passarc in mezzo a due pcrsonc. 

3 Pula ^ la gallina giovane. 11 saluto ^ di cliiaro significato. 



Digitized by 



Google 



t 

1-ORMOLE Dl IMFRKCAZIONI, ECC. IN PIEMONTt 95 ^^ 

i 

— S' it lu beiee ti an h pa bin a mi. I 

— A tiia salute. i 

— Bun pro t' fassa, piite varda che '1 bicer a passa. * j 
Eviva niet, e nostra mare cW a na fet. ^ | 

Quando si stamuta : I 

Ave gioja, cherpa boja. 

— Ave. I r aveisse 'n te cul 16n che 'n testa a V an le crave. 

— E vui r aveisse 'n t' joi ^ 
Lon ch' a V an an, testa i boi. (Cio^ le corna) 

— I boi a n' an dui, 
Un per mi e Taut per vui. 

Ave, che Nossgnur t' agiiita. Casca an tera e s' romp la succa 
Diu s* assisstii, 
T' as lunga '1 nas cum t V ass la vista. 

— Prusperita cul bel nasin ch' a V h stranui. 

— Grassie tant cul bel buchin ch' a T i parli. 
Prusperiti cul bel cul ch' a T a peti. 
Prusperiti, denari an quantiti, testa ruta, brass al cpl. ' 
Prusperiti, sent mila lire a I'ura. 
Giu la testa, sii la vesta. ^ 
Diu t' assista, giu la snistra, giu la drita. 
Sent mila lire al lot. 
Saliit, gambe e tiit. 
Salute, die galine ciite. 

Finer oh, novemhre '9;. 

FiLiPPO Seves. 



> Fa attenzione che il biccUierc non sia bucato. 
* Ewiva noi e nostra rnadre che ci ha fatto. 

3 Testa ruta, cio6 la testa d'un cappone e le braccia al coUo d' una bella 
ragozza. 

4 £ diretto alle donne. 



Digitized by 



Google 




FORMOLE Dl IMPRECAZIONI IN MESSINA. 



4 



HI mi t' abbissi. De' 'oli e Maria ! (Inabissati [nell* In- 
ferno] : lo voglia Dio e Maria !)i 

O chi no mm' ha' sorta mi scinni a scala ! (Non 
abbi fortuna di scender le scale !) 

Frevi maligna ; oppnre : O chi m' ha' frcvi maligna ! (Febbre 
maligna !) 

O chi mi t' accappa 'a 'utta ! Chi mi ti javta 'a 'iitta ! (Che 
ti colga la gotta !) 

Zitti ! o chi m' ha' pipita De' 'oli e Maria ! (Taci ! vogliamo 
Dio e Maria !) 

No mm' havi sorta mi viti e so' figghi ! (Non abbia la for- 
tuna di vedere i suoi figli !) 

Mali 'ntr' c cianchi mi hai ! (Abbi male nei fianchi !) 

O chi m' ha mala chiamata ! (Che ahbia una cattiva chiamata! 
[la morte]). 

Botta di lignu ! (Bastonatura !) 

Chi mi ti spezzi 'a nuci 'u coddhu ! ouvero i catinazzi 'u cod- 
dhu ! (Ti si spezzi la noce del coUo !) 

Chi mi ti spezzi 'i jammi, o 'i jammi si fannu 'i lignu (in senso 
derisorio). 

Chi m' aviti risia di munnu ! (Abbiatevi un miracolo !) 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI IMPRKCA2IONI IN MESSINA 97 

Chi mi havi triulu ! (Triulu = ululato del cane. Abbiti V u- 

lulato !) 

Mala pintina mi jai ! (Abbiti un cattivo diavolo !) 

O chi m' aviti fracellu ! (Che siate flagellato !) 

Morbu bruttu m* haj ! (Abbiti un brutto male !) 

O chi mi ti spunnanu ! (Che ti sfondino !) 

Spiramu a Diu mi muriti tutti *nta 'na. matinata ! (Speriamo 

che Iddio vi faccia morire tutti in un giorno !) 

De' 'oli e Maria mi si sdirrupunu 'i 'na timpa ! (Vogliano 

Dio e Maria che dirupino da un ciglione di montagna!) 

O chi mm' aviti un tirrimotu. (Abbiatevi un terremoto). 
Chi mi jannu focu 'i Sant' Antoni ! (Si abbiano fuoco di S. 

Antonio !) 

O chi m' aviti mala ghiaria ! (Che abbiate cattiva vista ! che 

accechiate !) 

Com6ra t' abbissiria jestimannu ! (Ti inabisserei besteme 

miando !) 

Ti faria quarti quarti ! (Ti farei a pezzi !) 

Ti manciria 'u cori, ti manciria ! (Ti mangerei il cuore !) 

O chi m' aviti scuncassu aternu, chi m' aviti ! (Abbiatevi una 

rivoluzione eterna !) 

Tirribbiliu mi jai ; chi mi stocchi ! (Che abbi terribili cose; 

crepa !) 

Chi mi stocchi , comu stuccau 'u nonmi ! (Crepa come ha 

crepato il nonno !) 

Chi m' aviti cosa brutta ! (Che vi capiti un accidente !) 
Chi mi ha' Idu di sangu ! (Che abbi un lago di sangue !) 
Supra i vosthri carni mi s' assiccunu *i pila ! (Sulle vostre 

membra si essicchino i peli!) 
Scatta ddhocu ! (Crepa !) 
Mannaja V arma ! (Mannaggia 1' anima !) 
Chi mmi 'ntossica ! (Sii avvelenato !) 
Cacareddha chi mi hai ! (Abbi la diarrea !) 
Chi m' aviti bampi di focu ! (Abbiatevi fiamme !) 
Chi mi ti jardi k lingua ! (Che ti si abbnici la lingua !) 
Arcbivw per U iradiiioni popelari — Vol. XIII. 15 



Digit-Aed by 



Google 



$8 AkCHlVIO PER LE TRAt)IZl6NI POMtAltl 

Brucidtu mi si' ! (Sii bniciato !) 

Chi mi ti jirdunu 'ntra 'na carcira 'nfiicata ! (Che sii arso in 
una foraace .*^) 

Chi m' arrifriddi ! (Che geli !) 

Corpa e cuteddhu a ddu' tagghi ! (Abbiti colpi di coltello a 
doppio taglio !) 

Cutiddati nt' 6 cori ! (Colrellate nel cuore !) 

Mi ti fannu mmorsa mmorsa ! (Ti facciano a pezzi !) 

Chi mi ti spirunu ! (Che ti fucilino !) 

Chi mi ti minciunu 'i cani ! (Che ti mangino i cani !) 

Morbu *nt' 6 cori mi haj ! (Abbiti un male al cuore !) 

Nniricatu! (in segno di dispre:(p^: uomo da lutto). 

Eufemismo : 

Jetta pici, per jetta sangu ! (Che butti pece !) 

Imprecazioni 
prese dal linguaggio demoniaco e stregonico. 

Chi m' havi sali ! 

Chi m' havi cciappareddha ! 

Cciappa di sali e petra di mulinu ! 

Mpiddhi, mpiddi, p' 'i so' capiddhi ! . . 

F. A. Cannizzaro 

raccolse. 



Digitized by 



Google 




Alle^Tetio 



I CAT^TI AMOBOSI ABRUZZESI 

, LAKCIANO 




SnoMfi 




GUARDIAGRELE 
Laig:o Bs»M (MM. J = 58) 






Digitized by 



Google 



VASTO 



Mo] to larg'o 





GESSOPALENA. 




Digitized by 



Google 




ORTOKA 




P«r voftr'a. mo . . 

MEL0D1A DEI CATNTl DELLA MIETITURA 



VASTO 



L»rro 




inei.te c» h pa^troiin himiacU f\V 1h fij.je Mi Vu pnu. 



rSN 



.ni^^fsd ei«il*tnnit llv«M>aje Tiitto ki grmieji viijje «o«p|wje 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 




MELODIE POPOLARI ABRUZZESI. 

I CANTI DELLA MIETITURA, 

(Con tavole). 




RA le nostre piii antiche melodic popolari — Ic quali, 
al pari dei canti, man mano van cedendo il campo alle 
nuove , che ora piu facilmente viaggiano con T uomo 
da un capo all' altro del Paese — sono quelle che, nelle serenate, 
accompagnano i canti d' araore, e quelle che si odono durante la 
mietitura. 

Le prime erano, forse , accompagnate sempre dal si^onp della 
cornamusa, come ora nel Vastese \ Presentemente , sono cantate 
da voci sole o unite al suono della chitarra battente: specie di co- 
kscione. 

La melodia dei canti della mietitura b notevole per solenniti 
religiosa, e per essere uniforme, che io sappia, in tutto V Abruzzo; 
inoltre , pel contrasto del tono religioso col contenuto del canto, 
ora amoroso, ora scherzoso, sempre gaio, come i sentimenti che 



' In Gessopalena, sebbene non piii con raccompagnamento della coraamusa, 
una dellc melodic delle serenate — spesso ripetuta durante i lavori campestri d^ 
cori di contadinc — continuano a chianiarla T arte dc la scufine. 



Digitized by 



Google 



100 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

• 

suscita nell'animo deiragricoltore Topera che coglie il frutto dellc 
fatiche di un anno. 

Sif&tto contrasto appunto pare che sia titolo della sua remota 
antichiti ; non altrimenti che di alcune parole , il cui significato, 
per lente modificazioni, nel corso del tempo , muta a segno che, 
sotto la stessa forma, il contenuto ideale moderno vivamente con- 
trasta con Tantico '. 

Non mette conto riferire cami delle prime melodie. Come ho 
detto, sono per lo pii di genere amoroso. 

Ecco un saggio dei secondi; avvertendo che, alcontrario dei 
canti amorosi, quelli della mietitura sogliono essere cantati a vi- 
cenda da una voce alia volta. 

Gennaro Finamore. 

CANTI DELLA MIETITURA K 

Lc ggi6rnc Jc lujetrc h U stesse come Ic ggiomc dc carne- 
Dcndr' a la raetcturc zc ^mbuzziscc 1 1 gginJc {^Montentrodomo) . 

1. Oggi t vvinuta V ora de llo m^e' ; 

Carofatuhto mio, chi te zze c6te (^ode) ? — Aq, 

2. 'Ste quattre ggiorae de la raeteturc 

Te du6nghe lebberti pparlarc *n (cofi) ghi vuojc. 

Quand' aretome dc la meteture, 

AUore te mandarr6 lu *mmasciatore. — R. T, 
J. fecche ca 6 mennute san Giuudnne; 

F6rte, granu mije, ca mo' te tajje. — M. 
4. fecche ca ^ mmenute sande P^tre ; 

Forte, grane mije, ca mo' te m6te. — lb, 

fecche sam Bjetr' ammonde pe' le prane, 

Nghe 'na falgia 'ngolle, met^nne lu grane. — M. 



' . . . chaque acte de la vie de V agricultcur ^tait accompagn^ de sacrifices 
ct on ex6cutait les travaux en recitant des hymnes sacr^s. De Coulanges, La 
Citi antique, pag. 184. 

* Abbrev. dei nomi di comuni : Aq, Aquila — A, Ari — C. Casoli — G. 
Gessopalena — L. Lanciano — M, Mozzagrogna — O. Ortona a mare — P, Pa- 
lena — R, T, Ripa Teatina — S, £. S, Eusanio del Sangro — V. Vasto. 



Digitized by 



Google 



MELODIE POPOLARl ABRUZZESI lOI 

5. 6 mm61de ggi6rne che sso' calat' a mm^te' ; 

Chi sa r araore mi' quanda se p^ne ! 

fisse me disse : Lassele jl' lu m^' : 

O cche le m^e chi V k sumendate (sott. « il grano »). — L. 

6. Che scii 'ccise la Pujj* e cchi V avande ! 

La Pujj* 6 r arruvina de la ggfende. 

C -i- djje calate come 'nu ggiahande, 

E ce -i- 6 resalde come *mf pezzfende. — lb. 

7. Ji* so' venuto pe' mm^te' lo rane, 

Non zo' venuto pe' ppiandA' car6te. 
Quando vorrija m^t' e mmcterrija, 
Fusse lo rane de la bb^lla mije f — Aq. 

8. .A mmet' a mm^te nghe la t'aucijje, 

Ca lu patr6ne ne' mm' 6 (vuole) dd' la fijje. — C 
8'. A mm^t' a mm^e nghe la faucijjc, 

O lu bbar6ne (nel gergo, « la fame ») nen ze nc vo' jijc. — A, 
8". All^' all^gre, la falgijja mije, 

Ca ju patr6ne mc vo' dd' la fijje. — P. 
8"'. Ji' m^ta m^t', e la faggijja m6te, 

Ca la patrbna m' i da d4' la fijje. 

Mi r d prum6ss' e nni' mmi li vo' ddje; 

Tutta lu grane ji vujje scippaje. — V, 

9. E la faucijja mij' 6 dde Rij^te; 

Apprime Ic cumb6ss' e ppo' le mete. — L. 
9'. E la falgijja mij' ^ dde metallc; 

Apprime le cumb^' e ppo' le tajje. — G. 

10. Scappe, scappe, grane, ca ji' mo' te tajje, 

E 'm mjes' (in me^jp) a le mia mane t' arravbjjc. — P. 

1 1 . Quest' t lu 'rane de la prima sum^nde ; 

De la maj6sa fatt' a la staggione (estate). — C. 

12. Fi6re de lem6n' e ffi6re de lem6ne, 

Lu pan' d cummattutc ghe (combattuto con) la fame, 
E le ved^lle me va 'm brccissi6ne (in processione), 
'Nu ggi6me le magneve (mangiavo) V 6rba crude, 
Acque de fuoss' e ppisce de pandane. — O. 
I }. E ttutta huanne : l' ac6ta l' acetc ; 

Nem b6zz' avii' 'na fr6nna dc 'nzalate. — M. 

14. Sanda 'Mbrijana mi', sanda 'Mbrijane, 

Si fatte lu fr^jche pe' le peletrune (poltroni). — S.E, 

15. O v6nde, ch' arcfreschiste la 'nzalate, 

Arefiische l' A more mi', ca s' c" 'ngallatc. — G, 



Digitized by 



Google 



102 AHCHrVIO PER L£ TRADIZIONI POPOLARI 

t6. O v^nde, ch' arefreschiste la scar61e, . 

Arefrische V Amore mi*, ca mo' se m6rc. — lb, 
17. O san Giuudnne, che stjc 'n gim' a 'ssu c6lle, 

Vuttc 'nu p6che d' arij' a ccapabballe. — Af. 
iS. O bb^lla, b^Ua de la dcia cuotte, 

Pilortcm' a bb^ve', ca me s' 6 rembbste ; 

E tiddmme 1' acque, ne* mme di' lu vine : 

Damme *na rama de truzzemarioe. 

Tnizzemarine, vatten* a la R6cche; 

Va wide* la bb^Ua mi* s* € vviv* o m6rtc. 

Se i vvive, fac^ttel* aremeni*; 

Se k mmorte, fac^tel* ^sseppelU'. 

La coda de la h61pe t^* p6che p^le : 

Gurrc, 'gn6ra patr6ne, puortem* a bb^ve* 

'GTT6ra patr6na m6', p6rtem* a bb^e* ; 

Fbftem* a bb^e*, ne* mme fa* muri'. — O. 

19. AU^', all^e, bbjelle meteture, 

Ca U patr6ne mo* porte le cumburziune. — lb. 

20. Cara patr6n*, accunge la *nzal6te, 

Ca ^ rruv^te 1* dre de la remb^me. — lb, 

21. Ji* cdndr* a 11* andenjete » me lam^nde : 

Nen fa ggerd* lu frasche (fiasco) pe* la tajje. — C 
12, E mmo* che so* mangiat* e sso* bbevute, 

Fac6ne lu duv^r* (== ringra\iafnmto) a lu patrdne. — Ih. 

a) Ld melpdiii dei canti amorosi di Lanciano (: accompagnata dal suono di 
violiuo e chitarra. Mi fu trascritta dal povero Andrea Ricci uti. 

b) Quulk di Guardiagrele, cantata da piii voci, fu t rascritta per me dal po- 
vero M. Bruni di Francavilla al mare. Va sotto il nome di « aria della notte ». 

c) Quella di V^asto, trascritta dal sig. L. Anelli , suol* essere accompagnata 
dal suono delta cc^mamusa. 

d) (f [/aria del la notte » , di Gessopalena t stata trascritta dal mio amico 
maestro Francesco Bellini. 



Andenjete. Capo dci mietitorL 






Digitized by 



Google 



APPUNTI Dl LETTERATURA POPOLARE 
DA ANTICHE OPERE LETTERARIE. 




NA diligente esplorazione nelle opere letterarie alio scopo 
di ricercarvi accenni e notizie relative alia vita del po- 
polo che vi siano sparse per incidente, non i stata 
forse ancora fatta. Eppure riuscirebbe lavoro utilissimo, non solo 
perchi, a questo modo, si costringerebbero i nostri antichi a con- 
tribuire a quella illustrazione della vita popolare alia quale essi non 
si rivolsero di proposito, "ma anche perchfe porgerebbe materia di 
buoni confronti tra i costumi d' un tempo e quelli ancora vigenti 
tra il popolo. 

A questo io pensavo nel leggere un recente opuscolo dell'a- 
mico Gaetano Amalfi nel quale egli, da una commedia di Jacopo 
Cicognini (1625), riporta una formula contro la rabbia, e parecchie 
altrc per dcstare il riso, per istagnare il sangue del naso, per aver 
H scienza che noh si ha, per iscongiurare gli spiriti infemali '. 

E mi son ricordato che ndVt^ntonius, dialogo bellissimo del 
Pontano, stampato la prima volta nel 149 1, si trova un'altra for. 
mola popolare contro la rabbia, che, benchfe tradotta in latino 
pur lascia scorgere I'ingenua (isonomia originale. 



' G. Amalfi, Scangmri. Trani, Vccchi, 1893. 



Digitized by 



Google 



■hll 



r04 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

In quel dialogo si ricorda die Antonio Beccadelli detto il Pa- 
normita, pochi giorni prima della sua morte, seduto a chiaccliie- 
rare sotto il famoso portico, ridiceva agli amici una filastrocca po- 
polare , che usavano in Puglia , per ottenere V efletto dianzi ac- 
cennato. 

La gente di Puglia soleva percorrere la citti di notte per tre 
sabati consecutivi fecendo orazione a San Vito (Vithum nescio quern 
e^ivorum numero implorantes — dice con un risolino V unianista li- 
bero pensatore !), nel seguente modo : 

Alme Vite pellicane, 

Oram qui tenes Apulam, 

litusque Polignanicum, '' 

qui morsus rabidos levas, 

irasque canum mitigas, 

tu, sancte, rabiem asperam, 

rictusque canis luridos, 

tu saevam prohibe luem ! 
I procul hinc, rabies, procul hinc, 
furor omnis, abesto. 

E alia meraviglia dell' interlocutore sulla sapienza della gente 
di Puglia, il Compatre — che ha qui la parola — soggiungeva che 
il Panormita soleva riputare i Pugliesi gente felicissima. — O perchi ? 
— Perchi, dove gli altri uomini non ha nno scuse per le loro pazzie, 
essi ne hanno una , prontissima ; e questa scusa i un animaletto 
detto la tarantola. Qualunque cosa desiderino, per averla con onesto 
pretesto, dicono il loro desiderio essere efFetto del morso della ta- 
rantola. 

E — seguitando a citare in latino — « tsso autem multipUcis 
K veneni araneos atque in iis etiam qui ad libidinem commoverent, 
« eosque concubitarios vocari : ab hoc araneo ammorderi quam 
« soepissime solere mulieres, licereque turn illas^ fasque qssc libere 
« atque impune viros peter e, quod id venenum alia extingui ratione 
« nequeat. Ut quod aliis flagitium, mulieribus id appulis remedium 
« esset » '. 

Nello stesso dialogo , in una tirata contro i grammatici , s^ 



' J. J. PoNTANO, Opera soJuta oratione. Firenze. Giunti, 1520^ p. Ill, ff. 32I3. 



Digitized by 



Google 



APPUNTI DI LETTER ATURA POPOLARE IO5 

riferisce chc il Panormita raccontava che la sua nutrice Sibilla, 
sempre che incontrava per le vie di Palermo un grammatico in- 
segnante in quella citti, recitava un carmen « quo Siculi adversum 
canes rabidas uterentur » \ 

E, finalmente , .anche nello stesso dialogo-, son da leggere le 
pratichc di una.stregona di Gaeta. Mentre questa mulkrcula parlava 
col Suppazio — relatore del fatto — ecco « puella non inhonesta 
facie, nigricantem gallinam ac novem simul ova detulit, quae' die 
veneris nata tssQ diceret. Nee multo post venit ancillula cum ana- 
ticula et albo filo. Abire ambas iussit redituras accensis facibus, 

tertium eum lunae diem tsst admonens » Essa , dopo essersi 

lamentata della concorrenza che le facevano i frati, gli spieg6: «quam 
vidisti ancillulam , ea, herae jussu , quae gravida e fraterculo est, 
ad me consulendum venit ; quae prior venerat puella , sponsum 
habebat , cuius forma captus bonus nescio quis Deoque percacus 
fraterculus , suis artibus seductum , induere cucuUum suasit , ac 
nunc secum habet inf cellula » *. 

Queste ed altre notizie, interessanti per la conoscenza dei co- 
stumi popolari, si possono ricavare da un sol dialogo del Pontano. 

n. 

Per gli antichi canti popolari ognuno conosce gli studii ec- 
cellenti del D'Ancona, le raccolte preziose di Severino Ferrari. E, 
restringendori\i ai canti napolitahi , il Capasso raccolse quasi tutti 
i frammenti citati dai nostri vecchi scrittori in una sua bella dis- 
sertazione ^; lo Scherillo trasse dai libretti d'opera buffa un bel gruz- 
zolo di canti popolari ^. Altri canti, d' indole politica, sono stati 
pubblicati e illustrati da me in una raccoltina speciale ^ 

» Opera, I. c, f. 41. 

2 Opera, I. c, ff. 62-3. 

3 Sulh poesia popolare napoleiana, note storiche, in Arch, stor, Napol, VIII 
(1883), pp. 316-31. 

4 Nel Giambattista Basile, anno I, ed anche in append, alia Storia ktteraria 
deWopera buffa, Napoli, 1883. 

s Canti politici del popolo napoletano. Napoli, 1892. 

Archivio per U tr^i:^ioni popolari — Vol. XIII. 14 



Digitized by 



Google 



■^ 



I06 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Pure, ci sarebbe da spigolare ancora, specialmente nelle operc 
teatrali. Da una inedita farsa cavaiola del secolo XVI io gik pubblicai 
alcuni canti \ Eccone un altro, che ho trovato ne UAltilia^ comedia 
di M. Anton Francesco Raineri, nuovaraente stampata et posta in 
luce r anno MDL [in Mantova]. 

II paggio Cardillo (Atto IV, scena VII) esce cantando : 

Jate a la forca, viecchie garzellute *, 
Qa. non siete autro ca cocozze fute 3 
Viecchie garzellute tec. ecc. cocozze fute ! 

Altri due se ne trovano nel Moro , comedia di Giambattista 
della Porta (i. edizione, 1607). L'uno t una filastrocca, che ancora 
si ripete. Dice il napoletano Pannuorfo (Atto III, scena V) : 

E voglio fare: 

Seca moUeca 
jammo a Gaeta, 
a chelle belle donne 
che filano la seta, 
la seta e la vammace, 
Madonna che te piace, 
piacemc de tene, 
e base nmocca a mene ! 

Nell'atto seguente (scena VIII) Pannuorfo si trasforma in un 
gran pappagallo, e a chi gli dice: Canta un poco di gra:(ia I, rispondc 
con questo canto pappagallesco :. 

O bella bella, che pentata staie * 

Dinto a sto core co lettere d*oro, 
Ojemmfe ca raoro! 
Accossi tengo scritto 
Ntuomo ntuomo a lo mio core affritto ! 

E a proposito di canti popolari , non ricordo che sieno stati 
rilevati questi due, che si leggono nella commedia GV Ingannati, 
rappresentata a Siena nel 1531. 



' / Teatri di Napoli, Napoli, 1891, p. 31 cfr. 770. 

* Innamorati. 

5 Profonde, e qui vuote. 



Digitized by 



Google 



^-■^^g^fn 



APPUNTI DI LETTER ATURA POPOLARE IO7 

Li dice la fame Pasquella alio spagnuolo Giglio, ch'i da lc;i 
messo in derisione (Atto IV, Scena VI). 

Che oratione ? vuoi ch'io te la insegni? Sai, 6 buona a dire: 
Fantasima, fantasiina, 
che dl e notte vai, 
sc a coda ritta ci venisti, 
a coda ritta te n' andarai. 
Tristi con tristi 
in mar ora ci venisti 
e me coglier ci credesti 
e *ngannato ci remanesti. 
Amen. 

La stessa Pasquella : 

Che fa lo mio an>or ch* egli non vienc ? 
L' amor d' un* altra donna me lo tiene. 
Meschina me ! 



III. 



Voglio infine accennare che un materiale da non disprezzarsi 
circa gli usi e costumi napoletani si trova raccolto in un libro tedesco, 
presso di noi poco noto, intitolato : Gemdhlde von Neapel und seinen 
Umgebungen di P. J. Rehfues (Zurich, 1808, tre volumetti). Solo 
per alcune parti Tautore s'i servito di opere napoletane e specie 
del Vocabolario napoletano degli Accademici filopatridi. 

Nel primo volume si leggono notizie intorno a varie super- 
stizioni, la noce di Benevento, la crocetta e lo sbadiglio, lo scaj^" 
:(amauriello e il monaciello (foUetti), il susurrio all'orecchio destro, 
Vagliarulo e la donna gravida, e suUe varie maniere del canto napo- 
letano. Nel secondo volume, usanze nuziali e natalizie, i comi, una 
fiaba napoletana intitolata h forbid, cerimonie funebri, i diavoletti, 
i giuochi di societi, la tarantella, i presepi, ecc. Nel terzo, Mastro 
Giorgio, il signor Sposeto , il signor Lello, parecchi tipi della corn- 
media popolare, le leggende sul palazzo della Regina Giovanna, ecc, 

Trascrivo questi appunti del mio taccuino, sperando che rie- 
scano utili a qualche studioso. 

B. Croce. 



Digitized by 



Google 




IN QUANTI MODI 

SI DOMANDA LA CARITA A YENEZIA. 

APPUNTI. 




NCHE questo forma un capitolo di letteratura stradale, 
che non va trascurato; anche da esso rilevi V efficacia 
del vernacolo veneziano, notiziole sui nostri costumi e 
credenze, e potrebbero dedurne per proprio conto alcunchir d'im- 
portante persino il filosofo e reconomista. 

L'accattonaggio ^ da noi piaga vecchia ed estesa che V ozio- 
siti e il dissipamento del popolino dispiegano in gran parte ; ma 
aggiungi pure che del mendicare fanno poi taluni un vero me- 
stiere , e quindi anche per ci6 di non poco s' accresce il numero 
degli accattoni. Noi peraltro non vogliamo indagarvi piu dentro; 
il nostro compito si limita a mettere in luce le varie invocazioni 
delle quali essi si servono per indurre nel passeggiero la convin- 
zione della loro poverti. 

I pill intanto cercano impictosirvi col dipingervi la miseria 
del loro stato civile ; onde nello scendere qualche ponte o attra- 
versando qualche calletta vi feriranno Y orecchio queste supplica- 
zioni : « El me dona do gentesimi, signor ! So 'na pdifera vedova. » 

O rincarando : « El me fd^^d la caritd signor.... So *na povera 
vedova co finque orjani I ». 



Digitized by 



Google 



m QUANTf MODI SI DOMANDA LA CARITA A VENEZIA f 09 

E da una terza femmina col relativo bambinello in braccio 
(magari preso a nolo, ch^ ce n'ha anche di queste) : 

« Paron, el ghe dona un soldo a sto pdvaro inocente ! » 

E chi ci resisterebbe ? 

Altri poveri prendono a intermedi^^ri i vostri cari defunt i; e 
lascia poi far a loro V appigliarvisi ai 2 di novembre , quando ci 
sanno inteneriti da tante intime e sante niemorie , e per conse- 
guenza pid buoni e soccorrevoli che in qualunque altro giorno 
dell' anno : « Ter f anetna dei so rdvari tnorti , el me agiufa d' un 
fentesitno I » 

Ci ha inoltre di quelli che niente niente abbiano annusato in 
chi passa il cristiano devoto, faranno intervxnire la Madonna, tanto 
venerata in queste nostre lagune, e lo benediranno in no.ne di Lei: 

« ^enedeto da Maria Vergine, el me dona un lombardo ! » 

So anzi d'un'accattona che avendo in giorno di sabato chiesta 
Telemosina ad un credente, che usciva allora allora di chies^ con 
dirgli: « Un toco de pan , paron henedeto , che xe 7 sabo de la Ma- 
dona » ; quegli , porgendogli il quattrinello , ebbe a risponderle : 
a Qua^ vecia; ma per vostra regola Mi i sahi xe de la Madorta » . 

Ma la fede chi V lia e chi non V lia; ci6 che non tutti posse- 
dono e tutti vorrebbero avcre , i; indubitatamentc la salute. Figu- 
riamoci dunque, se i mendicanti non ne tragganno partito : « Pa- 
ron , el nie dona un gentesinto che la D^adona ghe dara la salute I » 

Oppure : « El me fa::^:^a la caritd, signor , che pregafd Dio che 
ghe daga la salute a elo e a le so crature I » 

Dopo averci implorata la salute, eccoli a lusingarci la vaniti. 
Sentitela quest' accattona verso la bella ed elegante signora die ha 
sfiorato col pdmposo vestito i suoi cenci : 

cc La mia bela signora, la me dona un centesimo I » 

E le stuzzicheri il caro orgoglio di madre , scorgendola per 
awentura in compagnia Je' suoi bambini : « Serva sua , signora,.. 
Cari qiiei bei bambini /... Me ddnela un lombardo ? » 

C't d'altra parte il lacero ma severo omaccione cui bastano tre 
sole parole, gravemente pronunciate, per pennellarvi il quadro com- 
pleto della sua profonda miser ia: « Signor, go fame I » 



Digitized by 



Google 



no ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Avrebbe potuto Tacito esprimcrsi piu breve men te e fortemente 
di cosi ? 

N^ riterri degno di lui muovere lagno, caso mai gli rifiutaste 
Trfbolo vostro; aH'opposto di qualche altro suo collega, che aven- 
dovi indarno domandato un soldo da torse un paneto vi susurreri 
dietro : « Varda quel stranato d* un can , gnanca el se degna de ri- 
sponder ! Pan domando ! » 

Ora poi sareste ben bravi davvero a non darvene per intesi 
colla famelica turba che ha piantato suo domicilio in questo sot9 
toportico che state per transitare. 

Gii un bambino v'i venuto, piagnucolando, tra i piedi al vostro 
primo apparire; iiberatevi da lui; eccovi la sorell ina che ne prende 
il posto; e pochi passi piu in li il resto della famiglia colla solita 
musica: « Uagiuta sti poveri fantolini. Setno s' un ponte, signor I » 

Nota, lettore, quest' ultime parole pronunciate tanto spesso 
dalla poveraglia anche se non si trova , quando le dice , material- 
mente sopra d' un ponte , perch^ h frase esclusivamente propria 
de' mendichi veneziani e di nessun altro paese. Esser s' un ponte 
vale trovarsi in squallida miscria; poich^ devi sape re essere a Ve- 
nezia antica costumanza de' questuanti coUocarsi appunto sui ponti 
(dove chi passa s'indugia di piu) a cercar Telemosina, tanto allorch^ 
I ponti stessi erano di legno e poco arcuati onde i cavalli potes- 
sero trascorrerli liberamente, come allorquando si cominci6, e fu 
nel secolo XJV , a costruirne di pietra. II seguente fattarello di 
cronaca cittadina, poco fresca a dir vero, perch^ risale al I29i,nc 
viene a conferma: Un tal Bernardo della Giudecca stava seduto su 
un ponte di quell' isola per domandar cariti a' viandanti , quando 
un suo compagno, con cui poco prima avea liti gato giocando agli 
scacchi, fcce per assestargli una bastonata. Delia gente s'intromise, 
ma non pot^ impedire che Bernardo n' andasse colla testa rotta. 
« La moglie di lui depose in giudizio che sedendo dinanzi alia 
porta della sua abitazione vide il marito in pericolo, e che arma- 
tasi d'un randello corse per aiutarlo, ma venne anch'essa ferita ad 
un dito * ». Come vedi quindi, da oltre sei secoli usano qui i mendi- 



» Signori di NoUe. Reg. n. 5 nell^Archivio di Stato in \^enczia. 



Digitized by 



Google 



IN QUANTl MODI SI DOMANDA LA CARITA A VENEZIA 1 1 1 

canti plantar bott^a sui nostri ponti..., e le nostre donnette a fare, 
sulla porta di casa, delJa pubblica via il proprio privato tinello. 

E inutile da ultimo aggiungere come V indigente approtitti 
d'ogni avvenimento, ordinario o straordinario che sia, per indurvi 
coUe sue querimonie a pieti ; anzi nelia ricorrenza di feste sosti- 
tuiri a quelle addirittura un augurio tanto gentile quanto opportuno. 
Cosi a Natale ed a Pasqua ti porgeri il suo piattino , dicendoti 
semplicemente : « Le bone feste, signor ! », ovvero : « Bone feste in 
salute, el mio paron ! » che il resto viene da s^. E a capodanno : 
« Paron benedeto, bon capo d* ana; moiti ani in salute, paron ! » od 
anche: « El bon prem(^ipio, signor / »; o finalmente : « TanH ani in 
salute a lu e a lo so famegia »; come auguro per davvero, lettore 
a te senza aver in mente di spillarti neanche un centesimo. 

Ora s' aspetteri forse taluno di vedere accennati i vari artifici 
oltre a quelli della parola, cui ricorrono i pitocchi pe' loro scopi ; 
ma ci6 sconfirierebbe dal proposito nostro , come sconfinerebbero 
le contrattazioni che procedono tra loro per la cessione di questo 
o di quel posto , i convegni che si danno in questa bettola o da 
quel liquorista al termine della piii o meno grassa giornata (gii, 
magra mai) , le loro rivaliti. Ma basti , soltanto a proposito di 
quest'ultime, ch' io riferisca la sfuriata udita un giorno coUe mie 
orecchie da una mendicante all'indirizzo d'altra compagna, che avea 
richiesta d' elemosina una signora usa , e' sembra, a beneficare la 
prima solamente : « Varda sta nuikdeta che la m a portd via la mia 
signora /... Ma ti la sconti, sa.... co quel cussin su lapan:^aper farte 
creder inginta I 

Concludiamo. Filantropi, che si commuovono di leggieri al- 
Teloquenti parole degli accattoni , conti in gran copia ; filantropi 
illuminati, che non fomentino con facili soccorsi individui viziosi 
ma non bisognosi, trovi invece rarissimi. E it is the qmstion ! di- 
rebbe Amleto. 

Feite^^ia, Dicemhre i8^^. 

D.R Cesare Musatti. 



Digitized by 



Google 



LliGGHNDH PLUrONICHE IN SICILIA. 
(LA TRUVATURA).* 



I. — Pizzu Russidu (Caltanissetta) 




^L versante occidentale del monte Sabucina che guarda 
Caltanissetta, sopra un rialzo di massi imniani ed in- 
% formi, che da secoli si sono staccati dalla cresta ro- 
tolando in fondo alia valle, sta piantata una Croce a ricordo della 
Missione che ebbe luogo, molti anni fa, in Caltanissetta. Una 1am- 
pada vi ardc innanzi tutte le sere per divozione de' coloni di 
quelle vicinanzc. 

Sulla Croce e sul sottoposto antro a Sud-Ovest di questa lo- 
cality ecco quanto si racconta dal popolino. 

Fu una volta (e si sa chi lit cuntti nun porta tempu), un tal 
Cavaliere o Barone della famiglia Calafato (appunto, e si fa anche 
il nome della famiglia) amante di tesori la sua parte, che, trovan- 
dovsi in questa coiurada di Sabucina per accudire ad affari colonici 
riguardanti le sue possessioni, s' imbatt^ in un eremlta di vene- 
rando aspetto , con lunga e argentea barba che gli scendeva sul 
petto, il quale, tenendo nella destra mano una verga e nella sinistra 
un libro aperto, leggeva e leggeva. II cavaliere, fatti i convenevoli 
e, dopo alcuni discorsi del piu e del nieno , spinto da curiositi 



Digitized by 



Google 



LEGGENDE PLUTONICHE IN SICILIA II3 

gli chiese che razza di libro si fosse quello che e' leggeva. E Te- 
reraita, che non isperava di meglio di tal domanda, gli confid6 che 
appunto in quel libro si diceva che nelle viscere del raonte Sabu- 
cina era nascosto un gran tesoro, ma che per pigliarlo bisognava 
fomirsi di una candela fatta di grasso di mulo ed entrarvi. II ca- 
valiere, a cui Teremita mise neH'animo la matta voglia del danaro, 
si accord6 con lui, stabili la notte in cui doveano compiere Tope- 
razione, e, fatto scannare un mulo, raccolse quanto grasso pid poteva 
e prepar6 la candela. La notte dell' appuntamento entrarono nella 
grotta. II romito precedeva con la candela accesa. Percorso buon 
tratto si trovarono in un'ampia cavema, nella quale videro molti bauli. 
L'eremita, fissato ad un punto il lume, aperse il libro del cinque- 
cento (!), lesse, facendo colla verga de' segni, che non isfuggivano 
air attenzione del cavaliere : ad un ultimo segno i grandi bauli si 
scoperchiarono, mostrando alia vista del cavaliere i dubloni \ ruspi 
e fiammanti di oro di che rigurgitavano. L'eremita invit6 il com- 
pagno a riempirne le bisacce per caricarne i muli. Ma... (disgrazia!) 
mentre il cavaliere era intento a quell' opera, non bad6 alia can- 
dela che si andava consumando, sicchi ad un tratto si spense ed 
egli rest6 di mezzo a quella oscuriti senza poterne piu uscire. 

E la fiaba continua e dice che i parenti di lui, addolorati della 
perdita, fan celebrare da tempo messe per la sua liberazione. Si 
h saputo inoltre, che, per liberare il detto cavaliere da quel punto, 
fa di bisogno che una picciuttedda schetia (una vergine) faccia il 
digiuno a pane ed acqua per un anno, un mese ed un giomo, e 
negli ultimi tre giorni faccia il trapasso *. Ma questa giovinetta 
che si soggetti a tale eroica penitenza non si h trovata ancora ed 
il pbvero cavaliere resta in «queiraer senza stelle)). 

Un' altra versione della leggenda dice che la candela fu por- 
tata dall'eremita, il quale per allora fece riempire di tesori le sole 



» Moneta antica di oro con V effigie dei sovrani di Spagna , che fra noi fe 
calcolata L. 25,50 o, come si diceva, onze due. 

* Trapasso, .ciod deve restare afFatto digiuna senza gustar cibo o bevanda. 
Sarebbe \ixCedi:^ione economica del digiuno di Succi. 

Ar chime per le tradi^ioni popolari — Vol. XIII. 1$ 



Digitized by 



Google 



114 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

tasche del cavaliere, e questi, a cui il tesoro veduto avea messo 
neiranimo gran voglia di venirne in totalc possesso, trov6 il destro 
di strappare al libro dell' eremita la pagina maravigliosa , in cui 
esso avea letto, e un mozzicone della fatale candela, per tornar\a da 
solo, in momento piu opportuno e con mezzi pii adatti a traSpor- 
tar via tanta ricchezza. Difatti un'altra none vi and6 con una lunga 
fita di muli, sopra i quali pos6 molte bisacce. Mentre era per riempire 
I'ultima, la candela si spense. I muli che stavano al di fuori, non 
vedendo uscire il padrone, tornarono soli a casa , portando tutto 
quel ben di Dio ai parent! del Calafato. Da ci6 Torigine della ric- 
chezza di questa famiglia. La Croce posta in quella localiti, second© 
questa leggenda, avrebbe lo scopo di propiziare il cielo in favore 
dell^anima del cavaliere. 

In una grotta, detta di lu cavaddu^ di questo stesso monte Sa- 
bucina h ttnuta ogni sette anni la fiera incantau. 

II. — La grotta di Realmesi {Calascibettdy 

Nel territorio di Calascibetta e precisamente nella locality detta 
Realmesi, si ha un punto che si addita come sito d'incanti. 

Accanto a giardini ubertosi s' el^va una rupe , che , guardata 
trasversalmente, sembra prossima a cadere: ad est di questa rupe 
v'fe praticata una larga fessura, che procede per un buon tratto, fi- 
nisce in ultimo in un buco stretto e tale da non potervi passare 
una persona. II volgo pone che deritro alia rupe sianvi varie caveme, 
alcune piene di denaro, altre di farina e pane: sa pure che, a guardia 
di queste caveme, h, uno smisurato gigante con in mano una nmzz3i 
ferrata. Se accada, dice il popolino, che la rupe, spezzandosi, faccia 
capitomboio, e nel capitombolo appariri il denaro nascosto , arric- 
chiranno di questo sette paesi attomo Calascibetta; se verrA fiiori 
la farina o il pane, questi stessi paesi morranno. 

Quasi lo stesso si racconta in Sutera di ' una localiti detta S. 
Marco, con la differenza che ivi si ha solo denaro , e che al ca- 
dere de' massi che formano la rupe anzidetta arricchiri Sutera so- 
lamente. 



Digitized by 



Google 



^"X ' 



LEGGENDE PLUTONICHE IN SICILIA II J 

in*— La Grutta di lu Russu (Serradifalco). 

Sotto la collina detta di S. Giuseppe , che sta ad oriente di 
Serradifalco, i una grotta detta di lu RiissUy spaziosa in certi punti^ 
e lunga cosi che traversa tutta la collina e si ha un* apertura di 
comunicazione dalla papte oppos^. £ anche questa una grotta d'in- 
canti nella fantasia del popolo e se ne dicono da fare strabiliare. 
Fra le altre corre questa leggenda. 

Anni addietro un calzolaio di Serradifalco, e s' indica tuttora 
la famiglia a cui il messere apparteneva, ebbe una visione. In questa 
visione gli si addit6 una localita della grotta, ove insieme ad altro 
suo compagno, col quale dovea dividerlo, era nascosto lu minimentu 
o il tesoro; lo si animava ad andarvi per fame Y acquisto. II cal- 
zoLiio non si acconcio di leggieri a credervi; ma rinnovatasi nella 
seconda e terza notte la visione, e, saputo che la stessa si avea 
avuto il compagno , si risolvette di andare ad investigare quella 
grotta. Per6, furbo com'era, e, vinto da sentimento egoistico, chfe vo- 
leva esser solo nel palazzo di tanta ricchezza, penso di andarvi senza 
compagnia di sorta nella notte successiva del terzo sogno. Entr6 
infatti e s'intern6 nella grotta, trovo i mirabili tesori e voile riem- 
pirsene le t^sch^ non meno che una buona bisaccia. Pero volendo 
muoversi per uscire gli torno impossibile. Capi allora che egli era 
punito, perch^ aveva voluto da solo appropriarsi quel tesoro e si 
vide costretto a lasciarlo. Si aggiunge la circostanza che , non o- 
stante avesse lasciato il tesoro, pure muovendosi verso Tuscita in- 
cespicava sempre, quantunque la via si presentasse non certo dif- 
ficile, ond'i che guardandosi ancor meglio per conoscere il motivo 
di tale penoso ritorno, scopri che ancora unannoneta d'oro gli si 
era messa entra una Scarpa, senza che egli se ne avvedesse. Gli fu 
mestieri lasciare anche questa per guadagnar V uscita. Intanto fu 
tale lo spavento riportato da farlo ammalare gravemente e ridurlo 
a morte. 



Digitized by 



\ 

Google I 



tl6 * ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

rV. — ^La Muntagna di la Guardia di 'mezzu {Monttdord). 

Qualche cosa di simile si racconta di questa montagna che 
trovasi a stid-ovest di Moiitedoro. Giuseppe Galla , Girolamo Ma- 
tranga, Antonina Mantione (qualcuno dei quali ancor vivente) ebbero 
per tre aotti consecutive la stess% rivelazione di un tesoro nascosto 
nella detta montagnaj e se ne precisava la localiti * colla circostanza 
che doveano sollevare una grande lapide, sotto la quale era un largo 
pamio iiero^ toko questo, si sarebbe scatenato un forte vento pro- 
vemente dal vuoto lasciaib aperto dalla lapide smossa. Essi avrebbero 
dovuto resistere fincht^ fos.se cessato, e poi , entrando , avrebbero 
trovato la loro fortuna. I due compagni e la donna, non ostante 
Topposizionc del niarito, uudarono di notte, trovarono la locajiti 
ed eseguirono alia lottera quanto loro si era manifestato, ma, alio 
scatenarsi del vento, non potendo sostenerne la furia, furono sbalzati 
a grandc distanza pieni di spavcnto , non ostante che al sollevar 
della halaca avessero, inteso il precipitarsi nel vuoto di moke mo- 
nete. 

Non tralascerd di aggiungere riguardo a Montedoro, che nella 
vallata ad esf dello stesso Comune un certo Giuseppe Nigrelli, an- 
dando di notte ad abbeverare il suo raulo neirabbeverajoio che ^ in 
detta vallata, intese chiamarsi a nome e guardando verso una grotta, 
che t in quella, vide due personaggi bianco-vestiti e con berrettino 
rosso in capo che Tinvitavano ad entrare. Preso- da grande terrore, 
dit una spinta al mulo e corse in paese a narrare I'accaduto. E qui 
la gente a befiirlo, ch^ si era fatto scappare la fortuna. 



* La stessa fiaba corre pCT la montagna del Cane tra la Milicia e Corleone 
colla viriante che ivi la rivt^lazione se Thanno avuta altramente circostanziata i 
due proraessi sposi: ^U ^h Vtcienj^u Guaianisi cu la fi^ghia di 'm :(« Peppi Scalia, 
— A mez^anotte vanno, vedono da lungi la montagna illuminata, come fosse 
giorao , ma sono In contra ti per via da persone che li dissuadono , ed essi, per 
dare loro ascolto, perdono la fortuna. 



Digitized by 



Google 



LEGGENDE PLUTONICHE IN SICILIA II7 

V. — La serra di Fruri (Naro). 

£ un alto monte ad occidente di questa citti e ne dista circa 
6 chilometri. La parte orientale del monte k tagliata a picco e 
presenta un altissimo precipizio. La sua cima si ripar^e in tre rialti 
molto acuminati. 

Le meraviglie di questo monte si fanno manifeste la notte 
della nascita di S. Giovanni Battista. In sulla mezzanotte infatti , 
dicoito, si sente lo squillo di una campana, che, sebbene invisibile 
ai Naresi, si sa che sta coUocata nel vuoto di questi tre rialti. 
Alio squillo di quella campana ecco affacciarsi dal rialto centrale 
la testa di S. Giovanni disposto a concedere le migliori grazie a 
tutte k persone divote, che arrivano a salirc quel monte sino alia 
cima. Esse devono studiarsi di raggiungerla presto, perch^ non ap- 
pena spunta I'alba la testa del Santo sparisce \ 

Questa fortunata montagna chiude poi entro le sue viscere 
un tesoro non mai visto, e si degneri consegnarlo quando una 
persona, dalla cima di essa e dalla parte che e tagliata a picco , 
lanceri nella valle sottostante un neonato non ancor battezzato. 
Awenuto questo fatto, la montagna si apriri in due parti e re- 
galeri a tutti quel fortunati che saranno i primi ad accorrervi 
le sue ricchezze *. 



» In Caltanissetta, e forse altrove, vi k Tuso, nella notte di S. Giovanni, di 
matter fuori una moneta, per lo piii di argento al tocco della mezzanotte , per 
aver grazie dal santo. Si ha poi cura di ritirarla, prima di far giorno, avvolgerla 
bene in qualche pannolino e custodirla gelosamente,colla fiducia che quella moneta, 
quando che sia, recher^ fortuna. Di questa e di altre superstizioni che si praticano 
per la festa di S. Giovanni, spero poter dire in modo specialc. 

2 Analoga a questa 6 la leggcnda di Castrogiovanni. Riguarda la Serra o 
rupe, che scende pure a pizzo nella sottostante valle, colla variante,che non un 
bambino deve essere slanciato dalla sua cima, si bene un pomo. Nello slancio 
ei deve afferrare un anello di ferro , che sporge alia metA dell' altura , e tan- 
tosto la rupe aprendosi verscri gl'immensi suoi tesori. 



Digitized by 



Google 



fl8 ARCHfVIO PER L£ TRADIZ^IONI POPOLARI 

VI. — La grutta di SuUanu (Canicattl). 

Viiu SuUanu ^ il nonie di una grotta che trovasi a sud-ovest 
di Canicattl sotto il inonte dello stesso nome. SuUanu poi ^ un 
corrotto dclla voce Suhanu e accenna ad un Sultano di nome Vito 
(chc potrcbbe essere aiiche il nome corrotto di qualche comandante 
del tempo della domimizione araba in Sicilia), il quale fu sepolto in 
questa grotta con tutti i suoi tesori. La leggenia infatti dice, che 
quest! tesori sono chiusi in sette camere sotterranee, e, quandd essi 
saranno trovati, la Sicilia si libereri dal fardello'delle sue miserie. 
II Gran Turco, che sa di questo tesoro e s'interessa delle condizioni 
delk SiciUaj fa cliiedere notizie di quando in quando se mai si 
fosse trovato il tesoro di Vito Sullano, e, ricevendone una riposta 
neganva, ^ costretto a piangere la condizione delTisola esclamando: 
Povera SiciJid ! 

Questo punto ^ indicato come locality della fiera notturna e 
la leggcnda trova it suo riscontro in quelle di Calascibetta e di 
Sutera da mc raccolte \ 

VII. — Lu Pizzu di TAgnt (Villalba). 

A circa due chilometri e a mezzogiorno di Villalba h una 
roccia, il cui nome e certamente un corrotto di AurUy Oro, Se la 
guard! da lungi essa ti appare la figura di un mostruoso gigante. 
Man mano che ad essa ti avvicini, la roccia si manifesta in tutta 
la sua maestosa elevatezza, coronata di merh , stando a cavaliere 
della sottopostu vallata. Pel popolino Villalbese 6 indubitato che 
questa roccia custodisca un grandioso tesoro. Felice chi potri guada- 
gnarne la cima ! Sd ne arricchiri di certo. Pero nessuno si attent6 
di larlo, chi% comunque la roccia, pel suo dolce declivio dalla parte 
posteriorc, pare inviti alia salita, pure a meti della sua altezza, la 
SiUiia diventa ripida e scoscesa. 



I La Icggenda di Vitn SuUanu fu raccolta in Canicattl e pubblicata nelPi^r- 
chiviOf, V, X, pp, af)^2io dal pro£ Mattia Di Martino. 



Digitized by 



Google 



LEGGENDE PLUTONICHE IN SICILIA II9 

Ci6 non pertanto va in voce di tutti che alcuni anni fa un 
giovane contadino..,. trovatosi a qucsto punto della salita vide 
quasi belli e fatti i gradini per inoltrarsi sino alia cima. Guada- 
gnatala, trov6 una bottiglia piena di pietruzze di varie forme e co- 
lori. Imposessatosene, i giardini man mano sparirono. Incaminatosi 
verso casa, dopo aver vagheggiato e guardato per tutti i versi la 
bottiglia, credendola un inutile gingillo, voile liberarsene lanci^dola 
su di un mucchio di sassi. La bottiglia ne ando in pezzi e le pie- 
truzze, dato un mirabile luccichio, mostrarono ognuna aversl scritta 
o incisa una parola, che egli, perchi analfabeta, non pot^ leggere 
e decifrare. Dopo essersi alquanto allontanato, pentito di non aveme 
raccolto alcune , ritorn6 al punto, ma le pietruzze erano sparite. 

La notte seguente , mentre ei dormiva , si senti tirar forte i 
piedi. Svegliatosi di soprassalto si ebbe solenni batoste da esseri 
invisibili, mentre una voce gli diceva a piii riprese : Restituisci la 
bottiglia al Imgo ove Vhai presa. La famiglia di lui, che dormiva 
nella stessa stanza, svegliatasi alle grida del giovine che chiedeva 
aiuto, intese i colpi, ma fu impossibilitata a venirgli in soccorso, 
perchfe quasi inchiodata a lotto. Questo fatto si ripet^ varie notti 
di seguito , non ostante che il contadino posto a dormire nello 
stesso letto dei suoi genitori. 

Egli cadde ammalato, e diccsi, che per lo spavcnto poi ne mo- 
risse. 

Presso al Pizzo dell'Agro h 1 : grotta de' Panni, luogo della 
fiera notturna incantata. 

F. PULCI. 



■^^ ^TT^^ •^E 



Digitized by 



Google 




MISCELLANEA. 



Mirabili facolt^ di guarire le malattie. 



Pjlcrmo li 19 fcbbr^jo 1 891. 



Caro Pilre, 




LLE curiose ed importanti testimonianze die tu citasti neiropusco- 
letto, dato fuori in occasionc delle mie nozze: Mirabili facolta di 
alcune fami^Ue di guar ire arte malattie (Palermo, 1889^, aggiungi 
quest' altra, die a te non fu conosciuta, e che io tolgo alia nota (i) 
del Capriccio VII, pag. 96, del volumetto: Capricci \ sulla \ 'Jettatura | di \ Gian- 
LifONARDO Marugj | Pastore Arcade di Numero. | Napoli | Dalla Tipografia di 
Luigi Nobile | vico Concezione di Toledo n. 21 | MDCCCXV. (In 16). Ivi leggo: 
« Chi potcva credere, che col solo (lato di una persona si guarissero i mali 
degli occhi ? E [)ui e ci6 si dice costantemente del fiato di un tal Govematore 
Baronale, che si trova qui in una Locanda: viene, a tal fine, chiamato da diversi 
Signori, e Signore, e la locanda, ove soggioma, 6 piena sempre di tali ammalati. 
Una Signora che io conosco, e con cui 6 non ii guari parlato, si fa fiatare nel- 
Tocchio destro, in cui vi b un'amaurosi. Mi dice, che, dopo quella semplicissima 
operazione, sente neli'occhio tanti pungoli. Jeri sera principi6, questa niattina vi 
(sic) 6 parlato. Vedr6 in appresso come sari per riuscire "sifFatta cura. Or posto 
vero, come asseverantemente si vuole, stimate voi tanto fadle il comprendeme 
la ragione ? O dovremo negare affatto ci6 che succede ? Io per me crederei es- 
sere temeritd senza pari il volere costituire limiti alia natura ». 

Avverti, che questa che io cito e una seconda edizione deU'operetta del Ma- 
rugj. La prima venne fuori ventisette anni prima, col nome arcadico delFautore, 



Digitized by 



Google 



MISCELLANEA tat 

e cio^: Caphicci sulla jettatura di Florenio Salaminio. Si fa vtdere la medssifna 
essere una cosa reale, se tie individuano gli effetti, i principj\ si rapportiina i stgtd 
da conoscere i Jettatori ed i w^^i da preservarsenc. Napoli , lySS (colic stampe 
di Filippo Raimondi). La qual prima edizione io non ho vista; del la seconda^ che 
posseggo, ricavasi che il Marugj fu native di Manduria in Provincb d'Otranto, e 
Professore di Matematica, Logica, Metafisica e Morale nelia Real Accadt:mia Mi- 
litare di Napoli. Ai 1815 viveva ancora, ritirato nella sua terra natia* 
Abbimi sempre invariatamente 

tuo aff.mo 
S. Salomoxe^Majoko* 



Deliii popolari d' oriente e d' occidente. 

Caro amico DoHor Pitrky 

' Leggendo e annotando ho messo insieme per Lei quest'aitro piccolo gruppo 
folklorico. i) Charles Blount, Commentaires a la Vie d'Apollonitis d£ Tyam^ Am- 
sterdam 1779, I, p. 90: « Les Indiens du Bengale se jettent sous ics roues du 
char qui porte leur idole pour se faire ^eraser ». 2) Emidio Rena/zi, Sei mesi in 
Oriente, Assisi 1868, II, p. 75 : « I piii divoti (al Cairo) stendotisi bocconi a 
traverso la via, per essere calpestati dal cavallo che porta lo Sceicco col tappeto 
vecchio » (riportato dalla Mecca). 3) Gellion-Danglar, Lettres sur VEgypU cmtmnr 
poraine, Paris 1876, p. 52: « L'anniversaire de la naissance du Prophfete donne 
lieu ^ une c^r^moine... C est le pi^tinement du cheval mont6 par le Cheikb-al- 
bakry sur le dos des imbeciles qui s' ^tendent comme un tapis vivant sous ses 
pas». 4) G6n&-al Bigarri*, Mhnoires, Paris 1893, p. i$$: « II y eut des Italiens 
du peuple qui se mirent k plat ventre dans une des rues oil passa Li voiturc (de 
Napolton,'^ Milan, 1804), briguant T honneur d* 6tre dcras^s par ellep. 5) O 
ra^ione ne* funerali di Pio VI recitata da monsignor Brancadoro f^c. , Rimimi 
1800, p. 88 : (cMentre entrava in Siena il Papa, un Artista pieno di fcde seguiva 
si davvicino la sua carrozza, che Monsignor Maestro di Camera, temcndo che 
non restasse offeso dalle rote, o dai cavalli, Tawerti piii d'una volta del pericolo 
che correva. Non sarei io ben fortunato, rispose , se morissi pel Vkario di Gesu- 
cristo ? 6) Fanfulla di ieri sera, Bismarck a Berltno: « £ stato arrestato uno stur 
dente per gli insulti a un agente di polizia che aveva voluto imptidirgli d^ingi- 
nocchiarsi davanti alia carrozza, su cui siedevano Bismarck e il prindpe Baricon. 
Voglia sempre bene al suo affezionato 

GlACOMO LUMBROSD. 

Roma aS, /, 94, 



Archivio par le iradi^um popolari — VoL XIH i6 



Digitized by 



Google 



122 ARCHIVIO PER LE TRAD IZIONI POPOLARI 

La Carit^. 

Costume del Canavese. 

La Carild nella festa di S. Bernardo a Vauda di Font cade nella penultima 
domenica di agosto ed 6 un vero avvenimento per quella popolazione : bande 
musicali, ballo pubblico, giostra meccanica, sperpero di vino e di cibi: ecco i ca- 
ratteri che contrassegnano questa, come, in genere, tutte Ic altre feste. Vi 6 pcr6 
un' usanza spcciale, che merita di essere conosciuta. 

« Le priore sono un' altra particoiare attrattiva della festa. Esse sono due 
ragazze del popolo che portano la Cariti. Consistc questa in due pani tondi e 
grandi sui quali sono piantati parecchi ramicelli di bosso legati in cinia a mo' 
di cono . e somiontati da un pennacchio rosso : dalla Icgatura cadono molte fet- 
tuccie bianche, rosee, azzurre, violacec e d' altri colori, che cuoprono le foglie 
dei rami e accrescono la grazia della Carit^. II numero e la bellezza di tali fet- 
tuccie, il valore e la quality dell'abbigliamento, I'et^ ed il nome sono altrettanti 
titoli di considerazione per le portatrici, le quali annualmente vengono trascelte 
fra le piii belle e le piii agiate fanciulle del luogo. 

« Aver portato la Carita quassii, per le ragazze, significa essere nel numero 
delle elette e predestinate ad un matrimonio conveniente e pronto. Priora a S. 
Bernardo, sposa a Carnevale. 

« Le priore si mettono la Carita sul capo e la recano -in chiesa, scortate dal 
priore, che porta il grande Vessillo del Santo , e da un gruppo di contadini in 
gala, giovani piii, portanti ciascuno una grpssa alabarda, cosparsa di borchie di 
ottone e colla punta sorgente da un fascio di nastri multicolori, cadenti a pen- 
nacchio. Sulla punta dell'alabarda ^ infisso un pane a foggia di gallo e ciascun 
alabardiere ha un mazzo di fiori nella tasca della giubba, sul petto. II corteo 6 
seguitb dalla banda dei suonatori che procedono schierati a passo cadenzato, alte 
le teste, i libretti inforcati sugli strumcnti, le gote enfiate e palpitanti. E dietro 
ad essi un codazzo di Iblla che ingrossa a mano a mano che si avvicina alia 
chiesa parrocchiale. Frattanto risuona per lo spazio in un colla musica , uno 
scampanio festoso. La Carita, solennemente benedetta dal sacerdote, viene tagliata 
a pezzetti e distribuita ai fedeli durante la grande messa, celebrata a suono di 
musica. Ognuno ne prende un pezzo, che conserverd come reliquia o consumer^ 
come cosa benedetta o dara a mangiare alle bestie sue, affine di preservarle da 
infermitd o da disgrazie » '. 

F. Valla. 



* Questa notizin vicnc data d:' Gicr'-ic Pairicio ntlU Ga^^efta Pievwnlese, n. 265, 2^-24 Settem- 
bre 1 89 J, 



Digitized by 



Google 



MISCELLANEA 1 23 

La focaccia di G. Cristo. 

Leggenda popolare piemontese di Paesana, 

Quando Gesii Cristo andava in giro cogli Apostoli per il mondo, un giomo 
incontrb un mendico, che gli chicse Telemosina, c il Rcdentorc ordin6 a Pietro 
di dargli un pezzo di focaccia. Appena il povcro ebbe fatti alcuni passi, il Signore 
lo richiam6 e gli dissc : — Dimmi un po\ che cosa ne fai di cotesta focaccia ? 
— Maestro, rispose il povero, ne mangio mezza oggi e mczza domani. — Gesii 
Cristo ordinb a Pietro di riprendere la focaccia da quel povero , il quale se ne 
and6 tutto sorpreso e scontento di quel procedere. Di l\ a poco incontrarono un 
altro mendico, che chiese egualmente I'elemosina , ed ottenne la focaccia, ed a- 
vendo il Redentore anche a lui domandato che cosa ne facesse di quella grazia 
di Dio, il povero gli rispose : — Maestro, me la mangio subito. — E per domani 
come farai ? — Per domani Iddio prowederd, rispose il povero. Gesii Cristo, be- 
nedicendolo , gli aggiunse : — E Iddio provvederii sempre a te e a tutti quelli 
che hanno confidenza in Lui *. 



Usi natalizi nel Friuli. 

// :^oco (da noi il Nadalin) 6 pure usatissimo nel Friuli; credo per6 che non 
commemori il fuoco fatto da Maria per asciugare i pannilini di Gesii Cristo, ma 
sia ricordo piuttosto di vctustissime ccrimonie, e dei sacrifici che s'usavano fare 
dalle gcnti Arie , tre giorni dopo i solstizi , (Xatale e San Giovanni). Difatti 6 
frequente in Friuli V uso di vcrsare sul Nadalin un po* del primo vino che si 
bcve a cena , e mettcrvi a bruciare qualche pezzetto del miglior cibo che si 
mangia. 

Anche i fuochi deir Epifania si usano in Friuli ed il canto varia di poco. 
Da noi principia : 

Pan c vin ! Pan o vin ! 

La grazie ili Dio ! gioldariii ; 

c questo pure dev*essere ricordo degli antichi canti Fescennini con cui si cercava 
propiziarsi le divinitd campestri , e come narra Diomede : significava anche un 
piatto che si riempiva di molte e varie primizie offcrte a Cerere (variis multisque 
primitiis sacris Cereris inferebatur); ed infatti nel canto dei nostri fanciulli si ri- 
corda il pane, il vino, la lucanica ed altri cibi. 



» F. FlGURFLl.l, J.'Eroe cav. ChinffrrJo Hrro/a, C,tpilan<^ dei RR. (^raln'mWi di^truj^^liort del bri- 
gantaggio negli Abru^^i, p. 82. Pisa, Tip. Galilciaua 18^3. 



Digitized by 



Google 



1^4 ARCHlVfO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Gli auguri del Capo d'anno in Camia poco differenziano da queUi riportati 
dalla Ninni: 

Siobs, Siobs, 
Coculis e lops, 
Oiit e no diit. 
In paradis liit. 

Non c'^ fra noi, ch*io mi sappia, Tusanza trevisana deiruomo che va a gri- 
dare rultima notte di Camovale la buona ventura per le chioccie: 

Pirc, pire coche 

Ste galine le xe tute cioche, ecc. 

ma nel Friuli pianigiano verso Latisana s' incontra V usanza dei fanciuUi che 
vanno a domandare i lardarelli) t:^otxpU. 

V. OSTERMANN. 



La festa delle cipolle in Bema. 

In questi giomi a Bema b incominciata la festa delle cipolle e legumi con- 
generi. E siccome 6 pure tradizionale che durante i giomi della festa debba pio- 
vere, cosi anche quest' anno il tempo cortesemente si 6 messo al brutto. £ una 
festa curiosa c caratteristica e che viene rispettata nella sua vecchia tradizione 
da tutti; cosi tanto i funzionari federali quanto quelli cantonali e comunali fanno 
vacanza nel dopopranzo del giomo inaugurate e vanno a fare la provvista per 
la famiglia se T hanno; qnelli che non V hanno, prendono la rivincita nella se- 
conda settimana di liera. AUora 6 la Kachlimoerit , ciok la fiera delle stoviglie, 
perch^, oltre al gran raercato dei legumi, c'6 anche una grande vendita di va- 
sellame e porcellana. £ la moda, raeglio la tradizione, di rinnovare in quel giomo 
tutti i piatti rotti durante Tanno, i catini, le scodelle, i vasi d'ogni genere, com- 
presi i lacrimatoi. 

Per questa giomata, che si pu6 chiamare sacrata ai cocci, la gente accorre 
a Berna da 30 a 40 chilometri; k un pellegrinaggio. Vi k poi un*usanza gentile; 
i giovanotti in quel giomo otfrono alia bella una tazza graziosamente dipinta a 
fiori ^ myosotiSy il « non ti scordar di me », che per6 nel suo linguaggio bota- 
nico si traduce in a orecchie di sorcio » , o di bottoni di rosa con su scritto 
souvenir >. 



L' abeille, le fourmi et 1' araign^e. 

FabU du Poitotu 

L* abeille, le fourmi et T araign^e sont soeurs. Leur m^e ^tait malade. lis 
ont 6t6 chercher la foumii pour soigner sa m^re. La fourmi a dit qu*elle n' a- 



> Dalk G*^:^ttU FkmoniM, 4-5 Die, 1893, 



Digitized by 



Google 



MISCELLANEA IJtJ 

vait pas le temps , qu' elle ^tait en train de ramasser de quoi pour l* hiver. El * | 

puis, i\s ont ^t^ chercher V araign^e; et puis, elle a dit qu* elle avait unc char- 
pente de commenc^e , qu' elle voulait la finir avant Alors ils ont 4t£ chercher 
Tabeille; et puis, elle a dit qu' elle avait bien de Touvrage; niais, ouvrage qu* 

ouvrage, qu' elle voulait ailair soigner sa m^e. • • 

Et puis aprte , le bon Dieu lui a dit qu' il la r^ompensLTiit : qu* elle eou- ^ 

chendt dans une maison. Elle a dem^d^ d coucher dans uae nrnison d* or; et 
puis, que tout le monde qu' ella piquerait, qu' ils en mourr^li^nt. 

Et puis, ie bon Dieu a dit: " 

« Non ! Tu coucheras dans une maison de bois graiss^e dc bouse de bocuf h 
Et puis, au lieu que tout le monde meure, c' est, au contraire les abeUles: 
quand elles piquent, elles en meurent. (RecutUlie a Lussac-Jes-Chdk^ux. Ftennt)> 

LgQK PlKEAtl. 



* Popular estimate. 

Americans are Vulgar 
French are Immoral, 
Russians are Barbarians, 
Italians are Beggars, 
Spaniards are Cut-throats, 
Germans are Boors, 
Greeks are Sharpes, 
Australians are Convicts, 
Swiss are Harpiers, 
Turks are Unspeakable 

And every other people: — below contempt Foreigners are, in fact> deceitful, 
effeminate, irreligious, immoral , unclean, and unwholesome. And one Engli- 
shman is a match for any seven of them ». 

Alberto Lumbroso. 



» Dal Truth di Londra, 2 nov. 189}, p. 9^8. 



-J^^' 



Digitized by 



Google 




RIVISTA BIBLIOGRAFICA. 



Arturo Graf. Miti, Leggeade e Superstizioni del Medio Evo. Vol. II. 
Torino, Ermanno Loescher 1893. In-8°; pp. IV-398. L. 5. 




I quest' opera insigne annunziammo gii il primo volume neir ^r- 
chivio del 1892; ora diciamo brevemente del secondo, che, attraente 
quanto il primo, 6 per6 piu di quello variato. 

Sono riunite in esso nove monografie di argomenti che parte- 
cipano della letteratnra , del Folklore e , nel piii largo significato della parola, 
della storia. Riuscendo difficile il discorrerne complessivamente, lo verrcmo con 
la maggior brevity passando a rassegna. 

La leggenda di tin pontefice parla di quel Gerberto che fu papa Silvestro II , 
e la cui vita, certamente straordinaria, non ebbe nulla del portentoso e dell'arcano 
che possa dare ragione della magia e delle arti soprannaturali che il racconto 
leggendario gli attribuisce. Questo racconto ha il primo e debole gerraoglio nei 
primordi del 1000 e fu difiiisissima nei tre secoli che seguirono TXI. II Graf in- 
daga i vari periodi della leggenda e le condizioni in mezzo alle quali essa for- 
mavasi, progrediva e andava svigorendo. £ curioso il vedere con lui il nascere del 
piccolo rivo leggendario e V ingrossare di esso in gran fiume per nuove acque 
che il rivo medesimo via facendo incontra. 

Un' appendice con alcuni testi della leggenda di Silvestro documenta dairXI 
al XIV secolo i fatti che costituiscono la parte precipua della leggenda silvestrina. 

Quali siano state le credenze dell* Alighieri intomo agli spiriti infemali, il 
Graf ricerca nella Demonologia di Dante, e lo fa seguendo passo a passo il loro 
apparire ed il loro affermarsi nella Divina Commedia , e mettendole in rela- 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 12^ 

zione con le crcdcnze e le opinioni del Medio Evo. Pel Graf 6 evident^ che la 
deraonoiogia del Poeta, in parte ^ dottrinale e drammatica, si rannoda dot; alia 
speculazione e alia disquisizione teologica, in parte 6 popolare, conforme dot a 
certe immaginazioni comuni ai credenti del tempo. 

Fra le devote leggende piii diffuse e piu celebri nel Medio Evo, diJTusis- 
sima e celeberrima fu quella di Pilato. Le origin! e le vicende di essa il C. ri- 
corda brevemcntc nella terza monografia: Un Monte di Pilato in Itaha, mti^so a 
far parola « di alcune immaginazioni che si riferiscono alia presenza di Hlato in 
Italia, c che propriamente appartengono a quella parte della leggendi ovc si 
narra della sorte toccata al corpo di lui. » In quest' argomento nota non poche 
tradizioni che non furono notate fin qui da nessuno. 

Fu superstixioso il Boccaccio ? fe questa la domanda che T A. si fa a f ropo. 
sito del not© libro di G. Korting sulhi vita c sullc opere del Boccaccio; u la ri- 
sposta h tutta una monografia, la quale mira a diniostrare, e dimostra, in modo 
assai chiaro, che il Boccaccio « quanto a supcrstizione, non solo non s'alk-nta dietro 
al Medio Evo, ma anzi se nc trae fuori tan to quanto 6 possibile ad un uomo di 
quel tempo ». 

Al grande Certaldese ed alPopera sua principalc 6 da riferire 1' altro scritto 
intomo San Gtuliano nel « Decamerone » ed altrove. 

n rifiiUo di Celesiino F c un breve studietto sopra la leggenda chf corrc 
intomo al semplice uomo che Dante non ebbe ritegno di collocare ncl suo In- 
ferno. 

La leggenda di un filosofo c il titolo di altra monogrofia sopra Michck 
Scotto, nome attomo al quale si iiggnippano prcdigi che si narrano di altri ma^bi; 
di che il G. d4 le ragioni storiche e demopsicologiche. Degna di considL-raKione 
fe la osservazione scguente: che mentre in Italia le leggende di Pietro Barliario 
e di Cecco D* Ascoli maghi, sono vive tuttora ed ofTrono tuttora akun pasco|o 
alia curiosita popolare; quelle di Michde Scotto sono gii spente da ^an tempo 
ed invano si cercano nei libretti popolari che corrono per le mani di tutti. Anche 
questa monografia, come le due seguenti, e seguita da alcuni tcsti anticlii. 

Le notizie piu curiose intorno ad Artti nelTEtna sono dallo A. prtjsentattr i 
sostcgno della popolariti dellc leggende brettoni in Sicilia al tempo dci Nor^ 
matmi. Pei Sicilian! ci piace di far sapere che queste pagine del G. offrono par- 
ticolare interesse pel Folklore dell'isola. 

Un mito geografico chiude il volume illustrando la immaginazione d€4 Monte 
della Calamita, immaginazione « che si appalesa in una doppia tradizione, geo- 
grafica e romanzesca, orientale per Tuna parte, occidentale per Taltra. L'originc 
6 per6 orientale, ma come e quando la crecJenza passata la prima volta in Oc- 
cidente, non si pu6 dire ». 

Usi ad ammirare nel Graf la piii larga erudizione contemperata alk piu 
sagace critica e solida dottrina, noi non ci fermeremo a rilevare quesd P^egi 



Digitized by V:iOOQIC 

M 



128 ARtHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

nelFopera presente. Ci parrebbe di ricorrere a luoghi comuni lodando qualiti, 
the nel dotto mitologo ateniese — onore della Universiti di Torino — sono ec- 
celknti* 

.\i cultori dei nostri studt geniali diciamo che i due volumi di Mitt, Leg- 
gmde e Super sti:^ioni del Medio Evo del Graf non dovrebbero mancare nella piu 
modesU biblioteca d'un Folklorista. 

G. PiTRE. 



(Gaetano Amalfi). XVI conti in dialetto di Avellino. Napoli, Tipografia 
di Gennaro M. Priore 1893. In-4; pp. X-117. (Edizione di 100 esemplari 
firori commercio). 

V Amalfi ha giusta ragione di affermare che « mentre in differenti regioni 
di^l bel Paese si sono poste insieme delle pregevoli raccolte, il tesoro novellistico 
del Napoletano 6 tuttavia negletto ; » ond' egli , avendo trovate tra Ic carte del 
compLinto Imbriani queste novelle in dialetto avellinese , ha voluto fame dono 
agli studiosi. 

La raccolta fu fatta dal pittore Michele Lenzi, ma T Amalfi ha dovuto du- 
rarvj sopra molta fatica riducendo V incerta grafia , migliorando V interpunzione 
ed aggiLingendo 4>ostille e riscontri. Questi sono per lo piii presi da raccolte ita- 
liant.^ o Ji popoli di razza latina e « giovano a mostrar con salde prove, in qual 
guisa un istesso racconto si sia modificato dalla fantasia dei diversi popoli ; a 
raggruppare questa produzione e spiegarcene Torigine; a ridurla ai tipi primitivi, 
da cui, ricamando e rilavorando, son rampoUate le differenti versioni e varianti, 
dando CDs) luogo ad una varietii di fenomeni degni di tutta la nostra diligenza, 
S€ non altro per istralciare fatti intralciatissimi e risolvere infiniti problemi. Le 
variant! Ji un istesso racconto nei differenti paesi son tutt' altro che capricciose 
ed immotivate ; rappresentano il continuo lavorio e lo svolgimento storico del 
pen si era c* delPideale etico nelle diverse condizioni ». 

CJ^on queste idee, che crediamo del tutto esatte, la novellistica non pub non 
assur^erc a documento di una certa importanza; e le sedici fiabe che I'A. ci ha 
regaEiUe* estrattc per nove soltanto dal Giambattista Basile, costitUiscono un bel 
fondo per la materia awenire della mitologia popolare dell'Italia meridionale. 

Teste e note sono condotti con parsimonia, perizia ed accorgimento. 

Ecco frattanto i titoli delle novelle, che, suppergi6, appartengono ad altret- 
tanti tipi ; 

L FasuWlo. — II. Vuncolillo. — III. Uuorco e Vuorca, — IV. M Rana. —V 
Cimuramlla. — VI. Tirisella, — VII. Fioravante. — VIII. Fiore *e Primmavera, — 
IX, 'A Schiava Sarracina. — X. '0 Cudvero. — XI. VAucellone.. — XII. Tavema 
*e Nisciune, — XIII. Cricche , Crocche e Manecancine. — XIV. Franceschidlo. — 
— XV. Vaffatata. — XVI. *A femmma ca buUva fa* *nu juorno 'a signora, 

G. Pitr£. 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 1 29 

Valentino Giachi. Un viaggio immaginario in Roma antica al tempo 
d'Augusto. Libro di Icttura per le coltc signorinc dellc scuolc superiori 
e per uso dellc famiglie. Citta di Castello. S. Lapi tipografo-cditore, 1893. 
In-i6-, pp. VII-560. L. 2. 

Che po^hi periodici si siano occupati di questo libro con Tinteresse che esso 
dovrcbbe destare in Italia, non ci fa meraviglia , perch^ pochi sono i periodici 
italiani che s* accorgano o fingano di accorgersi delle opere serie , preoccupati 
di cose sociali , dove il meno che essi vedono c cercano t il bene delle classi 
che adulano. 

L' opera del Giachi 6 una delle poche , delle pochissime veramente buone 
che abbia date la scienza e la letteratura in quest*ultimo ventennio, e tratta da 
costumi degli antichi romani con la plena conoscenza deir ambiente, nel quale 
cssa ci trasporta. In Un viaggio immaginario in Roma antica, Minucia e Perpetua, 
La fidanxata del Centurione, Arsinoe, ServiJia, che formano la parte prima del vo- 
lume, TAutore conduce una ragazza dei nostri tempi nella Roma dei tempi di 
Augusto, e la istruisce intomo ai preparativi del viaggio, alia ospitaliti ronjana, 
airintemo della casa di Roma, al bagno privato, al triclinio, ai libri ed alle bi- 
blioteche, al pomerio, ai giuochi, al campo di Marte , ai triumviri capitali e al 
mercato degli schiavi, alfe nozze, alle palilie in citti e in campagna e ad una 
serie molteplice di fatti che il Giachi ingegnosamente aggruppa a racconti semplici 
ed attraenti. 

Nella parte seconda illustra il CanapOy le cene degli antichi Romani, la toe- 
lette delle matrone, le arti e le pratiche dei maghi e • degl' indovini, i poeti e i 
conferenzieri al tempo di Domiziano. 

Scritti di vario' soggetto nella parte terza sono una curiosa storia dei buf- 
foni nelle corti straniere e nelle corti d' Italia. 

Noi facciamo presto a dare questo rapidissimo cenno ; ma i lettori intelli- 
gent! comprenderanno che nella nuova pubblicazione del dotto e geniale scrit- 
tore toscano 6 tanta materia , cosi diversa , cos\ svariata e curiosa che male si 
potrebbe fame una recensione senza guastarla o ridume le proporzioni. Noi non 
cercheremo all* A. perch^ non abbia voluto dare di citazioni quanto fosse ba- 
stevole. Egli, che si 6 limitato a sole poche, a quelle, cio6, che gli parvero in- 
dispensabili in ccrte usanze particolari , potrebbe osservarci che non voile fare 
un*opera di erudizione, ma un libro di amena ed utile lettura. 

Se cos) ^, com*^ di fatto , ci pij||e dichiarare che poche volte da un certo 
tempo in qua ci k parso di respirare le aure di Roma antica e di vivere in mezzo 
ai privati usi, ai riti, alle cerimonie del popolo antico di Roma, meglio di quello 
che ci abbia fatto respirare e vivere il professor Giachi. 

E questo e per noi merito non comunc. G. PiTRfi. v 

Archivio per le tradixioni popolari — Vol. XIII. 17 



Digitized by 



Google 



1 30 ARCHIVIO PER LE TRADIZiONl POPOLARI 

£tude sur les devises persoanelles et les dictons populaires par le 
Baron Oscar de Watteville, Directeur honoraire des sciences et lettres 
au Ministfere de Tlnstruction pub lique. Paris, Charles Schlaeber, 257 , Rue 
Saint-Honord. In-8, pp. 40. 

— Le Cri de guerre chez les diff(6rents Peuples. Paris , E. Lechevalier, 
39, Quai des Grands- Augustins. In-8, pp. 30. • 

Considereremo, nel render conto di queste due importanti pubblicazioni del 
Barone di Watteville, la parte che piii strettamente si riferisce al Folk-lore. E 
senza intrattenere il lettore su di una parte della prima di queste monografie, 
che riguarda gli uomini celebri giudicati dalle loro « devises personnelles », ve- 
niamo a quella intitolata : Dictons populaires; Les families nobles jugies par h peuple. 
I proverb! e detti popolari, a volte in prosa , a volte in versi — anzi , in brutti 
versi — rimanti piuttosto per assonanze che per rime regolari , talora suonano 
elogio, ma spesso sono ironici, od anche ingiuriosi : e quali sono riescono inte- 
r«ssanti ppr lo studio del Medio Evo. 

•Peccato , perb, che pochi, fra i tanti , siano quelli che ci furono conservati 
dai croriisti, per qualche fortuita occasione. 

Uautore ha raccolto, nel suo studio, qualche centinajo di proverbi o motti 
su persone, su citti, su borgate, su pro vincie, su localitA e sugli abitanti di qssq- 
c, tutti riguardano la Francia: i due ter zi poi, una regione sola di essa: la Bor- 
gogna propriamente detta, la Franca Contea. Fra i soprannomi, di cm v'ha larga 
messe nello scritto, se ne trovano raolti che non son punto adulatori: il Grosso, 
ii Calvo, il Breve, sono soprannomi di Re. E fra i signorotti se ne trovano altri 
curiosissimi: Thibault le Tricheur, Guillaume T^te d'Etoupes, etc. E, come dice 
il Barone di Watteville, questi soprannomi hann o un' origine evidente nei detti 
popolari (La Tricherie des Br mil; La Simple sse de Sabran, La ConvoUise de Chaur* 
virey etc.). Altri motti sono, al contrario, un elogio, come quello 

Qu.tnd un Davout sort dii berceau 
Unc epcc sorr Jti fourreau ! 

• 

che appartiene alia famiglia , che diede alia Francia un illustre maresciallo na- 
poleonico : il Duca d' Auerstaedt. L* origine di alcuni dei motti 6 un giuoco di 
parole: cosl la famiglia di Vaudrey, padrona dei feudi di Valut, Vaux e Vaudrey, 
diceva: « J* ai valu, vaux et vaudrai ». Scherzi analoghi si leggono nei volumi 
di un eruditissimo francese: Lor^dan Laj^ey (U Esprit de tout le Monde, Berger- 
Levrault editore, Parigi, 1892, t. I, p. r^, loueurs de mots: Hhaldistes et cber- 
cheurs de devises). 

In un* Appendice di « Adages, Dictons et Prove rbes » , T autore ha riunito 
dei proverbi popolari sulle famiglie nobili francesi, raccolti da lui o tratti dalle 
opere sulla Nobilti e sull'Araldica di Chassant e Tausin, Chorier, Lower, Me- 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGBAHCA IJI 

nestrier, Rietstap, Ssdnt-Mauris, e dalle opere di Cesare de Nostradamus, Le Roux 
de Lincy, Du Bouvot, Dielitz, Corblet, etc. 

A proposito di Ada^e e Dicton, V A. rammenta che differiscono T uno dal - 
Taltro, inquantoch^ Adage k sentenza, detto popolare; Dicton 6 motto passato in 
proverbio, frizzo contro alcuno (cfr. Littr^). 

E questa 6 la parte, certo, che cost6 piti lavoro aH'autore. In essa trovansi 
spiegate le origini di mold detti, rimasti poi popolarissimi. Cosl il notissimo « Qu^- 
relle d'allemand)) non 6 altro so non « Querelle d' Allemami, (Delfmato) sulla 
quale famiglia, venuta probabilmente dalla Germania in epoche remote, V autorc 
dk notizie important a pag. 17. A proposito di motti popolari, parmi curioso 
quello, che il Barone di Watteville mi segnala in una sua lettera, e ch'egli Ka 
rinvenuto in un'opera polacca. £ un detto latino (c il latino era lingua usata In 
Polonia) su di un ramo dei Malaspini fissato in quel paese : 

Nunquam erii bona spinas 
IJcet mittaiur de Roma 

{Pr{ysiou'iii PbUka\, 

II secondo degli scritti accennati contiene uno studio sul grido di guerra 
presso i differenti popoli: grido essenzialmente popolare, chcdal popolo si com- 
prende e pel quale questo si entusiasma. 

In un primo capitolo si studia il grido di guerra presso i popoli primltivij 
dal a Whoop Hoo » degli Indiani dell' America del Nord al « Tchalpigan » dulk' 
orde di Tamerlano (i 380-1405). 

11 secondo capitolo 6 sul grido monarchico o nazionalc francesc, che viene 
fino al « Vive TEmpcreur » dei Napoleonidi. II cap.- Ill 6 intitolato Le cri cbe- 
vaUresqtie ou fiodal , ed h il piii ricco di notizie difficili a trovare riunite. Oel 
modo di usare il grido di guerra si parla nel capitolo IV : e da esso si rivcb 
che , in omaggio alia regola Le cry suit la banniere , « les chevaliers bannerets 
avaient seuh, k Tarm^e, le droit de pousser leur cris », e quando erano pari^ccbi 
insieme, adottavano il grido di guerra del capo: se poi questo capo era il Re, il 
grido deU'esercito intero era quello del Monarca. 

L'argomento, trattato con tanta erudizione dal Watteville , ha dato luogo 
di recente, ad un'altra pubblicazione importante del Tenente-Colonnello Rochas 
d'Aiglun: Cris de guerre. Devises, Chants nationaux, Chants des soldats et mmiqtm 
militaires (Paris, Libraire militaire E. Dubois), dove si tratta soprattutto dclLi 
' Francia, ma si dd brevemente conto di iaboriose ricerche su altri popoli antichi 
e modemi. 

Merita di essere segnalata la parte contenente i canti popolari neiresercito, 
come quello 

Voil6 Ic f urri.r 
Qui va m: noyer 
n.ins son eiK'ricr. 



.' om. , iS<)4. 



Alberto Lumbroso* 



Digitized by VriOOQlC 

i 



132 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Bahmische Korallen aus der Gdtterwelt. Folkloristische Bfirseberichte vom 
Gotter-und Mythenmarkte. Von Friedrich S. KrausS. Wien 1893. Verlag 
der Gebruder Rubistein. In gr. 8% pp. 147. 

La composizione tipogr^fica del libro h un cotal poco bizzarra: e la dedica 
ancora plCi, se si guardi ai caratteri diversi ed ai corpi different! di un niedesimo 
tipo. Ma la bizzarria ha la sua ragione nella natura del libro, il quale porta 
questo motto: His temporibiis satiram scrihere non difficile. 

Siamo dunque di fronte ad un libro di sitira, una satira tutta pepe e sale, 
che non lascerA certamente il tempo che trova. 

Ne sono oggetto certi nostri compagni di studio, troppo, ma troppo zelanti 
per la mitologia e facili creatori essi stessi di miti e di divinitd mitiche. C6m- 
pito ardito e malagevole questo dell' amico Dott. Krauss , ma certamente non 
audace n^ pericoloso come quello sconsigliatamente assuntosi da codesti fabbri- 
canti di « false perle », che per un quarto d'ora han potuto darle a credere vere 
perle e pietre preziose. 

II Dott. Krauss , che del poter • giudicare ha tutta V autoriti ; e di probitii 
scientifica pu6 venderne , prcnde di fronte tutti i guastamestieri della mitologia 
e del Folklore; strappa loro la maschera e li addita ai suoi lettori. Poveri di 
spirito che scambiano per oro di coppella Torpello, e per document! tradizionali, 
semplici osservazioni individual! ; modesti dil'ettant! che fanno della erudizione 
di quarta e quinta mano , eche vanno in visibilio per un riscontro, che rivela 
la loro limitatissima conoscenza dell' argomento, basterebbero alia diatriba d' un 
critico; ma de minimis non curat praetor, ed il Dott. Krauss si limita ai grandi 
maestri di ciurmeria, ne rivela le crei^zioni fantastiche e le illusion! spiritistiche 
e sbugiarda le divinitA da essi innalzate a Lipsia, a Parigi, a Budapest. 

GiA una voce autorevole, quella del Prof. J. Karlowitz, due anni fa si era 
fatta sentire contro le male arti di questi spacciatori di diviniti e di tradizioni 
a buon mercato; c la sua fu critica seria, stringente; ma i grandi peccatori non 
se ne diedero per intesi e proseguirono deL'altro ancora , finch^ , colma la mi- 
sura, la coscienza degli onesti si 6 ribellata ed ha esploso in una maniera che 
potrii riuscire ostica, ma non dovrA dirsi ingiusta. Essi I'hanno voluto, e tal sia 
di loro! 

Dei benefici effetti dei Bobmische Korallen qualche indizio ci par di indovi- 
nare dal silenzio al quale si sono ridotti i guastamestieri del Folklore dal dl che 
i Korallen stessi apparvero. I Veckenstedt di due anni fa, chiamati al tribunale 
della pubblica opinione, non si presentano, e tacciono; anzi si sono resi addirit- 
tura irreperibili. 

6 resipiscenza codesta ? 

Noi crediamo di si, e se questo 6, I'opera del Dott. Krauss non poteva, cre- 
diamo, aspirare a miglior success©. G. Pito£. 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 1 33 

NylandSamlingar utgifna af nylftadska afdelningen. Femte hiiftet. A. 
Nylandska folkvisor ordnadc och utgifna af Ernst Lagus. 2. Hclsingfors, 

. 1893. 

II Lagus arricchisce questa preziosa raccolta, della quale informammo i nostri 
lettori, (v. Archivio an. IX, pag. 1 30) con un secondo volume di canti popolari. 
Dicemmo allora abbastanza del 1. volume e del carattere della poesia popolare 
nylandese; ora ci limitiamo ad esporre i vari gcneri di canti in esso raccolti, i 
quali non sono che tre: soldatvisor (canti del soldato), sanghkar (canti dei giuochi) 
nyare reJigiosa och berattande visor (canti religiosi e narrativi). II primo ed i^ 
terzo genere sono scarsissimi, il secondo abbondante, da occupare quasi tutto il 
volume e molto importante pei raffronti che si posson fare, 

Queste canzoni si dicono mentre si giuoca e variano non solo nel ritmo 
ma anche nella melodia , che per ciascuna di esse ^ riprodotta nel volume, 
adatta a ciascun dato giuoco. Ogni giuoco si fa nel seguente modo: fanciulli di 
ambo i sessi fan cerchio e si muovono da una parte o da uh'altra in modo lento 
o rapido, secondo la natura del giuoco, mentre i conoscitori del canto con voce 
sonora e unisona cantano i versi confornie alia melodia. Intanto un ragazzo o 
una ragazza entra nel cerchio o al cominciarc del giuoco o piu in \k e invita 
un ragazzo delFaltro sesso e balla sino alia fine del giuoco. L'invitato resta nel 
cerchio e invita un altro e balla fino a che qualcuno non intuoni un'altra can- 
zone. Cosi i giuochi si vanno succedcndo , e quando il cerchio 6 vasto , molte 
coppie vi ballan dentro e il divertimento riesce animato e pieno di brio.' 

Codesto modo di giocare, accompagnato dal canto, 6 d'uso comune nei nostri 
fanciulli siciliani, i quali lo conservano, come in Finlandia, lino a tarda etd, seb- 
bene la natura dei giochi varii col variar degli anni. 

Andremmo per le lunf^^he se volessimo riportare le varie spec e di giuochi 
in uso in Filandia e che il Lagus ha, pensatamente, descritte in testa delle can- 
zoni; diciamo solo che su per giii non s*allontanano poi tanto dai nostri, e por- 
tano un contributo importante al folklore bambinesco. 

Ma la raccolta del Lagus non t; finita; egli ci promette , per questa prima- 
vera, un altro volume , che conterra Barnvisor och Barnvim (canti e rime fan- 
ciullesche) , dansmelodier (arie con ballo) e un tilldgg (supplemento) e tutta la 
raccolta, che, grazie alle sue cure ed ai mezzi apprestati dalla Society nylandese 
c dalla letteraria svedese, c il piu bel monumento ch'egli abbia innalzato al suo 
paese, ove una Societ*^ di studiosi ha rivolto tutte le sue cure a raccogliere il 
folklore natio e a pubblicarlo con fondi propri ! 

M. Di Martino. 



Digitized by 



Google 




BULLETTINO BIBLIOGRAFICO. 



Spadaro Emajjuelh, Lu i^i Ciccu. Usi 
e C0stttmi del contadwo modicano. (E- 
stratto dal giomitlu La Cicala). Ra- 
e^usa. Tip. F.lli De Stefano 1893. 
In-24". 

Lo 1:1 Ciccu t un contadino modi- 
cano puro sangue , marito dclla gna 
Concettaj la quale h tipo della donna 
casaiin^a dcirkintica Contea. Attorno a 
quest! due person apgi il prof. Emanuele 
Spadafo svolge la vita contadinesca di 
queUa contrudu^ che noi abbiam sempre 
qualificata come una specie di terra 
promessa delk tradixioni e degli usi 
siciUani. Vesti , casa , masserizie , cibi 
sono cicati e descritti perch^ ne risalti 
Tambicnte \^ero in mezzo al quale 
quella povera ^ente vivc e si muove. 
La ledelta di descri/ione sccnde fino 
alio scrupolo* Viene dopo attuata la 
seric degli usi principali che accompa- 
gnano quale he lesta delF anno , e le 
no/^e, e la mofte- e FA* sa opportuna- 
niente trovar niodo di tar conoscere le 
prime pratiche per un matrimonio , la 
partenza del contadini per la messe, la 
messe medtrsima, il Corpus Domini in 
Ragusa, le vane viccnde del fidanza- 
mento e dell' amore , h celebrazione 
delle no^ze, la fcsta di San Pietro in 
Modica, la malattfa dello zl Ciccu, i ri- 
med li popolari e via disccjrrendo. Tutto 
questo, s'mtende^ brevisiiuiamente. 



A I quadro concorre per alcune belle 
pagine, che lo Spadaro riporta, il Gua- 
stella, e del quadro stesso noi ci ralle- 
griamo con TAutore. 



Pietro Nurra. La Poesia popolare in 
Sardegna. Note ed appunti. Sassari. 
Tipografia e Librena G. GalUzzi. 
1893. In-8^ 

Ai nostri lettori non riusciri nuovo 
il contenuto di una parte di questo vo- 
lumetto, perch6 no^V Archivio piu volte 
fu fatto cenno di un lungo studio cri- 
tico del Nurra sopra il volume di Canli 
popolari logudoresi del Ferraro. Quello 
studio, difatti, ricomparisce qui a com- 
plemento della Raccolta del Ferraro e 
a documento della perspicacia ed atti- 
tudine particolare del Nurra agli studi 
di poesia popolare. 

Altro studio t» quello dei Canti po- 
polari nuoresi J a proppsito delle pub- 
olicazioni del Bellorini e del Valla. 

Nuovo del tutto ed utile alia lette- 
ratura non solo popolare ma anche 
letteraria , 6 La poesia estemporanta in 
Sardegna , che di conto dei poeti im- 
provvisatori di quell' isola, tanto meno 
conosciuti quanto piii creduti noti a 
Sardi e a non Sardi. 

Forse qualche affermazione delFAu- 
tore 6 troppo arrischiata; ch^ alia fogt 



Digitized by 



Google 



BULLETTINO BIBLIOGRAFICO 



135 



giovanile non sempre sa mettere argine 
ringegno eletto. 

Tant*^, dopo il volume di Canti po- 
pohri sardi che il Nurra ha pCibblicato 
insieme col Cian gU suo maestro, nelle 
Curiositd popolari di Palermo, questo 
sopra la poesia popolare in Sardegna k 
un saggio del quale bisogna tener conto. 

Raccolta di StornelH e Rispetii amorosi 
cantati dal popolo italiano. Firenzc, 
Salani, 1893. In- 16° pice. 

Gli slornelli sono 500; i rispetti, 204, 
oltrie 16 altri, che vanno sotto il titolo 
speciale' di Adiramenti e gelosie senza 
numerazione. Tutti provengono dalla 
nota Raccolta del Tigri , e sono una 
delle tante ristampe d' una medesima 
scelta fatta per uso e consumo del po- 
polo. 

Usance nu:(iali del contado dslia Valdelsa, 
Raccolte da Orazio Bacci. Castelfio- 
rentino. Tipografia Giovannelli e Car- 
pitelli. 1893. In-4°. 

Edizione di soli 93 esemplari nume- 
rati , questo libretto festeggia nozze il- 
lustri descrivendo gli usi nuziali scnesi 
del contado della Valdelsa. Come si 
faccia all'amore, come la chiesta della 
sposa, quale la condizionc dei fidanzati, 
Taccordo, i regali, il corredo, i prepa- 
rativi per le nozze, il matrimonio civile 
e religioso, il gran desinare che ne 
segue , i regali alia sposa ed altre co- 
stumanze il Bacci nota ed illustra dili- 
gentemente con fare veramente ge- 
niale. 

Queste notizie accrescono la materia 
6n qui conosciuta della storia degli usi 
matrimoniali in Italia. 

Noi:^e Monnier-Micheli. XXVIII Stt- 
tembre MDCCCXCIII. Genova , ti- 
pografia Sordo-muti. In-8". 

Lo sposo, al quale ^ dedicato Topu- 
scolo, k il figlio di quel Marco Monnier 
che am6 tanto operosaraente T Italia; 
la sposa,la signorina Margherita Micheli, 
discendente da una antica famiglia luc- 
chese, esulata a Ginevra nel sec. XVI. 
Gli autori dell* opuscolo, i professori E. 
G. Parodi, e Carlo GigUotti. Quest'ul- 
timo offre la descrizione di un matri- 



monio a Pistoia nel 1400, ed una no- 
vellina toscana della Versilia , che fa 
parte del tipo della fiaba del Merlo 
bianco. 

Fu raccontata al Gigliotti da una 
giovinctta a quindici anni, che voglia- 
mo supporre priva di lettere, ed 6 pri- 
mizia di una raccolta di « Canti popo- 
lari, novelle , usi e costumi della Ver- 
silia », che il G. ci annunzia di pros- 
sima pubblicazione. 

A. Luzio e R. Renier. Mantova e Ur- 
bino, Isabella d' Este ed Elisabetta 
Goniaga nelle rela^ioni famigliari e 
nelle vicende politiche, Editori L. Roux 
e C. Torino-Roma. In-8". 

Parecchie migliaia di documenti rac- 
colti nell'Archivio Gonzaga di Mantova 
mettono i professori Luzio e Renier in 
grado d'illustrare la vita pubblica e pri- 
vata di una bella parte dell' Italia set- 
tentrionale. E poich^ V esemplare piii 
pcrfetto di donna in auel tempo fu I- 
sabella Gonzaga , nella vita di essa 
hanno gli Sutori accentrato la vita cu- 
riosa, multiforme ed attraentissima del 
secolo.Non pochi saranno i volumi voluti 
dall'opera nuova, che ricostruisce questa 
e le piu importanti figure che V attor- 
niano, ed eccone gii uno, il primo, che 
discorre di xMantova e di Urbino, di Isa- 
bella d' Este e di Elisabetta Gonzaga. 

II Folklore ha molto da trarre da 
questo libro , come non poco ne ebbe 
dalle pubblicazioni che lo precessero ; 
ed interessano specialmente al costume, 
i giudizii astrologici, le feste, che ren- 
do:io buono anche pei folkloristi un 
libro nato con indirizzo puramente 
storico. 

^ciVAppendice vuolsi jparticolarmente 
guardare al corredo di Elisabetta Gon- 
zaga Montefeltro , illustrato dal conte 
Gandini, e alia descrizione del Carne- 
vale di Roma nel 1521. 

G. Ferraro. La ragaxxa astuta. Aspa- 
lide. Canti e novelline popoktri. To- 
rino. Direzione del giornale V Unione 
dei Maestri e G. B. Paravia. In-8° 
piccolo. 

L'autore vuol dimostrare che ale an e 
novelline popolari ricevono quasi il loro 
commento dai canti, c viceversa; sicch^ 



Digitized by 



Google 



i^'p^nw^ 



136 



ARCHIVIO PER LE TRADIZ lONI POPOLARl 



dovrebbe crcdersi che sicno variant! di 
uno stesso tema originario. Prova, una 
novella slava raccolta dal Mamiier che 
contiene le solite incombeiftc impossi- 
bili, che pure si ritrovano nei canti 
serbi, e in un canto monferrino. 

Qualcosa di simile c il racconto di 
Aspalide, al quale non parrebbe estra- 
nea V attuale tradizione rilevata dal 
Nigra. 

// Natale Siciliano (Schi\\i dal vero). 
Raccolti e trascritti per Pianoforte e 
per Canto da F. Paolo Frontini. 
Milano, 1893. In-4". 

Ai cultori delle melodic popolari 
giungera gradita questa pubbhcazione 
nella quale il bravo Maestro Frontini 
ha raccolto 6 componimenti popolari : 
I . Litania e Pastorale della cornamusa, 
pianoforte; 2. Canzone di Natale, canto 
c pianoforte; 3. Zampognata, pianoforte; 
4. Pastorale , canto e pianoforte; 5. II 
Natale cantato dagli orbi; 6. Canzonette 
per la novena, pianoforte. 

La trascrizione 6 fatta 'con fedeltii 
scrupolosa, e nei componimenti cantati 
seguono le parole, cio6 i canti popolari 
con una specie di interpretazione ita- 
liana. 

La grazia di queste amabili melodie 
va meglio sentita che descritta; e primo 
a sentirla 6 stato il Frontini medesimo, 
che comprcnde c sente queste vergini 
produzioni delFarte popolare. N6 poteva 
essere diversamente di chi seppe rega- 
larci la piu bella raccolta di melodie 
siciliane. 

Una elegante copertina rappresenta 
un suonatore di cornamusa che parte 
da un villaggio coperto di neve, e vari 
suonatori di violino innanzi ad una im- 
magine dei SS. Cosmo e Damiano. 

Confessiamo che i personaggi di 
questi schizzi non rappresentano dei 
veri tipi di costumi siciliani; vi manca 
lo spirito, che 6 tutto dire. 

U. Cosmo. La Siccitd a Scincca. Miser ie 
e Super sUiioni. Padova , 1893. Tip. 
Frat. Gallina. In-S''. Nozze Belloni- 
Salce. 

Con iscrupolosita di scrittore provetto 
il prof. Cosmo ci dipinge la miseria della 
siccitd nella campagna di Sciacca e le 



pratiche pietose, le preghiere, gli scon 
giuri che cold — e possiamo dire anche 
altrove, in Sicilia — si fanno per otte- 
nere la ^ospirata pioggia dal Cielo. Dio 
^ sdegnato della bestemmia degli uo- 
mini, e manda il flagello; Maria 6 messa 
di mezzo come intercessora. Non basta. 
Si mettono fuori i sant i perche coo- 
perino alia intercessione. Il cielo ^ di 
bronzo : e n^ suppliche, n6 proccssioni, 
n6 penitenze lo muovono, ed il povero 
contadino piange , ulula, si dispera e 
muore di fame.. 

Son poche pagine, queste del gio- 
vane professore, ma cosi belle che un 
bravo bozzettista d' Italia non rifiute- 
rebbe per sue. In esse sono delle no- 
tizie da aggiungere a quelle da noi rac- 
colte intomo alia sicctid nei nostri Usi 
e Costumt (v. IV, p. 141). 

Proverhi Venexiani raccolti dal Dottor 
Cesare Musatti. Seconda Edi:^ion€, 
Venezia, Fontana 1893. In-S". 

Un annunzio di questa nuova Rac- 
colta deir ottimo Musatti demmo gid 
ntWArchivio delFanno scorso (p. 451) 
spogliando V Ateneo Veneto , dove essa 
fu primamente pubblicata. Ci t grate 
ora fame un cenno particolare affinch6 
si sappia che la nuova Raccolta k tutta 
formata di proverbi veneziani inediti o 
di varianti ben diverse dai testi finora 
editi. 

I proverbi sommano a quasi mezzo 
migliaio, convenientemente annotati ed 
illustrati, e tutti distribuiti sotto le ru- 
briche che portano Tautoritd del Giusti 
e che il Pasqualigo modific6 secondo 
le esigcnze del materiale da lui rac- 
colto. 

Diciamo che i proverbi sono vene- 
ziani : e tanto basta per giustificare il 
disegno del Musatti e per dare ad esso 
il merito della novita. Infatti la bella 
e copiosa opera del Pasqualigo ^ ve- 
neta. 

Un riscontro. 

Sotto il titolo di Vene:^ia si legge 
questo motto : La Riva xe la vignbla 
dei medifi , relativo alia Riva degli 
Schiavoni; e « da dove soltanto per Tuna 
e I'altra delle calli che la fiancheggiano, 
s' incontra una temperatura piii bassa, 
onde la facilita di reumi e dfUnfredda- 
ture ». 



Digitized by 



Google 



BULLETTINO BIBLIOGRAFICO 



137 



In Palermo usa dire che in estate 
La Maritia i lu fiu di Ji Medici ; e 
si dice delle affezioni catarrali degli 
organi del respiro, alle quali vanno in- 
contro coloro che di estate vanno a se- 
dcrsi alia passeggiata del Foro Italico, 
vulgo Marina, I proverbi sono inediti 
entrambi, e non t inutile che vengano 
ricordati da un medico vcneziano e da 
uno palermitano, che non vogliono ar- 
ricchirsi con i mali del prossimo incauto. 

Famine Familiari per no\ie Pi^atti-Ci- 
bele, Venezia, Visentini 1894. In-8". 

Tra' vari scritti d\ auesto serto nu- 
ziale sono da ricordare le No^x^ a Burd, 
accenni ed usi matrimoniali in Burano, 
presi da Gli Spkndori della pot'era gente 
della Q)demo; la Fiaha de lo hara Piero 
e la Fiaba de Dona Maravegia , en- 
trambc inedite e raccolte, or son ven- 
t*anni, dalla Nardo-Cibele e dal com- 
pianto suo genitore, Tillustre D.r G. D. 
Nardo. La Nardo^bele, che ora le di 
ftiori per la prima volta , dice che 
tt Dona Maravegia k una minuscola 
farsa, plena di brio e di movimenti, 
ricca di color locale e persino di qual- 
che storico ricordo. lo — aggiunge — la 
potrei dire antica per talune voci che 
vi si trovano e per alcune frasi rimate 
ricorrcnti , le quali lascerebbero sup- 
porre che la sua prima forma fosse m 
verso. » 

Osservazione fine, codesta, che con- 
dividiamo, pur desiderando con la e- 
gregia donna « che qualche erudito 
cultore di studi popolari potesse asso- 
dame la provenienza »'. 

Ch. Llland. Due ! eggeitde. Roma, 
1893. In-8«. 

L'illustre Ch. Leland, al quale i no- 
stri studiosi devono tanto per le ricer- 
che amorosissime da lui fatte nel campo 
del Folklore classico, ha pubblicato in 
Roma Due lefgende etrusche. La prima 
si riferisce acl Orfeo e ad Euridice, che 
sarebbe diventata Aura-dice; la seconda 
potrebbe intitolarsi Intialo , « uno spi- 
rito che freauenta i maghi e cerca di 
trascinarli alia disperazione ». Non vo- 
gliamo per ora occuparci della prima, 
sulla quale avremmo pure aualche cosa 
da osservare; ma la seconcla ci sembra 

Arcbivio per le tradiiioni popolart — 



addirittura una mistificazione, anzi un 
brutto tiro giocato alb specchiata o- 
nesti ed alia buona fede del beneme- 
rito folklorista inglese. Noi- crediamo 
che quella, cos^ detta leggenda, sia una 
creazione recentissima di qualche in- 
telligente capo ameno , il quale T ab- 
bia fatta giungere per vie, apparen- 
temente ncn sospette, al dotto ricerca- 
tore dandola a vedere come unoscon- 
giuro antichissimo , e quindi come un 
documento d'importanza eccezionale. 

Non k questo luogo e moment© ac- 
concio alia dimostrazione del nostro 
sospetto; ma le ragioni che ce lo fanno 
nascere sono forti. 

Melanges de Traditionnisme de la Bel- 
gique par Alfred Harou. Paris, aux 
Bureaux de la Tradition M. D. CCC. 
XC. IIL In-i8o, pp. VIII-isi, ? fr. 
SO. (Collection Internationale de la 
Tradition, Directeurs M. E. Bltaont 
et H. Camoy, vol. X). 

£ il secondo deiVolumetti del signor 
Harou nella Collection Internationale, , 
ed aggiunge nuovi documenti a quelli 
gii dall*A. pubblicati nel primo libriccino 
e nelle Riviste demologiche alle quali 
collabora. 

Ecco le 16 rubriche nelle quali egli 
comparti la materia di questi MHanges: 
L L'Astronomie et la M^ttorologie; IL 
Corps humain; III. RemMes populaires; 
IV. Les Oiseaux; V. Animaux divers; 
VI. Plantes; VII. Kermesses, F^tes pop., 
Cabarets; VIII. La Mort, les Cimeti^es 
et les Epid^mies; IX. Les Saints popu- 
laires; X. La Table et les Aliments; 
XI. Ruisseaux, Fontaines, Sources; XII. 
Formulettes; XIII. Q^tumes diverses; 
XIV. Saga, Fabriaux, Ldgendes, R^cits 
pop.; XV. De Torigine de auelques ex- 
pressions usuelles; XVI. Blason popu- 
laire. 

Se lo spazio il consentisse, questi ti- 
toli si presterebbero veramente bene ad 
una raccolta proficua agli studi. Se non 
che, il sig. Harou, per le esigenzc dello 
spazio consentito ai singoli volumetti 
della Collczione , si ^ dovuto limitare 
a semplici accenni anche U dove a- 
vrebbe avuto occasione di larga mate- 
ria. Vorremmo quasi dire che egli sia 
stato costretto a spigolare invece di 
mietere; ma le sue spigolature sono di 

VoL xni. 18 



Digitized by 



Google 



138 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



buona lega, e non saranno infruttuosa- 
mente consultate da chi ccrca fatti o 
documenti etnografici genuini. 

La Poisiepopulaire par M.me la Com- 
tesse E. Martinekgo-Cesaresco. 
Paris , £mile Lechevalicr , Librairc. 
M. D. CCC. XC. III. In-i8% pp. \1II- 
83. {Coll Internat., vol. XI). 

Bene ha fatto il prof. Caraoy ad ac- 
cogliere nella sua elegante Collezione 
qualche scrittura della folklorista in- 
glese, nostra egregia collaboratrice , la 
contessa Evelyn MartinengoCesaresco. 

Qui le scritture son due : Etude hi- 
storique sur la poisiepopulaire e L'idee 
du Uestin dans les Traditions mcridio- 
nales: brevi monografie, non nuove per 
noi, ma a quanti stimano la nobildonna 
serapre graditi, ed ai cultori delle tra- 
dizioni in Italia praticamente utili. Di 
fatti ridea del Destino presso i popoli 
italiani del mezzogiorno vi b studiata 
con credenze e leggende inedite e con 
intuizione non comune di critica. Certe 
storielle ed ubbie che passerebbcro in- 
osservate per certuni , agli occhi della 
Contessa Martmengo-Cesaresco acqui- 
stano valore scientifico e son prese ad 
illustrare V argomento, apparentemente 
sterile , del Fato. L' Italia meridionale 
poi appresta canti, proverbi, pregiudizi 
d' ogni sorta, che provano indiscutibil- 
mente quanto sia radicato negli abi- 
tanti di essa la credenza nelPirelutta- 
bile Ibrza soprannaturale che si chiama 
Destino. 

Lieder aus dem Met:^fr Latide. Fran:(o- 
sische Folks lieder verdeuischt durch 
Emil ERBRftH. Metz, Varlag von 
Paul Even. 1893. In-i6'\ pp. VII-93. 

Questo elegante voluniettino rac- 
chiude sessanta canti popolari del di- 

{)artimento di Metz , presi dalla nota e 
odata opera : « Chants populaires re- 
cueillis dans le Pays Messin , mis en 
ordre et annotes par le Comte de Puy- 
mai^re, (Metz et Paris, 1865). 

La versione tedesca del signor Er- 
brich, per quanto ci sia stato consentito 
di vedere, 6 condotta sul testo francese 
con una certa cura, e Toriginale e reso 
se non fedelmente , convenientemente, 
Certo le difficoltA a superarsi tradu- 



cendo dal francese in una lingua conie 
la tedesca canti del popolo, son molte; 
ma il traduttore tedesco 6 riuscito a 
vinceme parecchie. Noi non diremo che 
leggendo, per esempio, Im Mondscbeim, 
Drei Schdlchen , Die kluge Schdferin , 
ecc, abbiam creduto di leggere Le Clair 
de la lune, La Chanson des aveifies. La 
sage Berber e et V Eremite del De Puy- 
maigre ; ma abbiamo sentito molto sa- 
pore popolare dovuto alia semplicit4 
ed alia facility che spirano i versi del 
sig. Erbrich. 

I canti popolari non dovrebbero, sc- 
condo noi, tradursi in versi. 

Questo letto di Procuste non 6 per 
la libera poesia tradizionale, dove ogni 
parola vuol essc^e consacrata e della 
quale molte gra2ie si perdono sotto la 
penna del traduttore. Tuttavia, date le 
diversity di lingua e la quasi invinci- 
bility della forma rustica de' canti , la 
presente versione pu6 dirsi riuscita. 

Don Finimondone: Calabrian Sketches by 
Elisabeth Cavazza. New-York, Char- 
les L. Webster .e C. In- 16°. 

II titolo non dice tutto il contenuto, 
il quale risulta non solo del Don Fini- 
mondoue , che 6 il primo racconto del 
Hbro, ma anche dell'W Calabrian Petie- 
lope, The Story of Cirillo, The Tree of 
the Bride , A Trumpett Call , Princess 
Huniviing-Bird. Se ne togli quest* ulti- 
mo, i cinque racconti citati sono schizzi 
calabresi, d'una forza ed efficacia vera- 
mente singolare. 

La Cavazza , scrittrice americana di 
alto merito, non di dei veri racconti 
popolari, ma si serve dei raccSDnti o dei 
particolari da lei o inventati o cono- 
sciuti, per ritrarre colla massima deUca- 
tezza i costumi ed il sentire dei Calabresi. 
Essa dipinge con molta arte e vivezza 
la vita domestica del popolino di Ca- 
labria , popolino a lei sempre e tutto 
caro nonostante i di^etti meridional! 
che esso divide col popolo della Sicilia, 
Le sue scene sono vere e realiste, ma 
di un realismo garbato, di quel realismo 
che non ha nulla da vedere con la quasi 
licenza di certi scrittori modemi da 
spedale, da tavema e da bagno penale. 
II cosiddetto documento umano che 
ella da ha qualche cosa di attraente e 
di geniale come I'ingegno dell'Autrice. 



Digitized by 



Google 



BULLliTTlNO BIBLIOGRAFICO 



139 



Xoi non sappiamo sc essa sia mai 
stata c sc abbia a lungo diniorato in 
(Calabria; vcdiamo per6 die la signora 
(^avazza conoscc mirabilmcnte i co- 
stumi, lo spirito, le ubbic, Ic credcnze 



dci nativi di quelle contrade : ragione 
questa per la quale abbiamo stimato di 
annunziare il suo libro in mezzo a 
quelli di tradizioni popolari. 

G. P. 



ReCENTI PUBBLICAZIONI. 



Agrippa (Comelio). II libro del co- 
mando, ovvero Tarte di evocare gli spi- 
riti. Firenze, Salani 1893, In- 16". 

Bexussi (B.). La Liturgia slava nel- 
ristria. Parenzo , Coana 1895. In-8'^, 
pp. 139. 

Bernoni (D. G.). Fiabe popolari ve- 
neziane. Venezia, Longhi 1893. In- 16*^, 
pp. 87. L. I. 

BiADENE (L.). Un miracolo della 
Madonna ; La Leggenda dello Schiavo 
Ualmasina. Bologna, 1894. In-8'\ ppo6. 

BoLLA (B.). Thesaurus Proverbiorum 
italic(vbergamascorum rarissiniorum et 
garbatissiniorum ecc. editore Bert. Bol- 
LA. Francolbrti 1605. Milano , Hoepli 
1893, pp. 70. 

Basiri-\ ici (A.), \ozze d' oro nel 
MDCCCXVII. Ricordi storici sull' oro, 
sulle antiche cerimonie nuziali dei Gre- 
ci, dei Romani ed Egizi moderni; loro 
conviti e mense. Roma, Givelli 1893. 
In-80, pp. 77. 

Busu (L.). In Sardegna. Roma, Vo- 
ghera 1893. 

Castellaki (G.). Del mito di Medea 
nella tragedia greca: ricerche. Venezia, 
1893. In-80, pp. 51. 

[Coraulo G.J. El Fil6. Belluno , 
1893. Premiata Tip. Cavess^go. In-8^, 
pp. 16. 

De Gubernatis (Aless.). Le Tradi- 
zioni popolari di S. Sfetano di Calci- 
naia. Roma, Forzani 1894. In-S'^, pp. 
200. L. 4. 

Ferrario (Giulio). Costume antico 
e moderno di tutti i popoli del mondo. 
Milano, Mariani 1893. 

Finaviore (Gennaro), Tradizioni po- 
polari abruzzesi, TorinoPalermo, Carlo 
Clausen NDCCCXCIV. In-8« pice, pp. 
I V-24 1 . L. 5 . (Curiosita popolari tnidi- 
riotmli pubblicate per cura di G. Pitre. 
Vol. XIII). 

Gentili (Ettore). Le fate del bene. 
Nuovi racconti delle fate. Milano, Paolo 
Carrara edit. 1893. ln-80 fig. ; pp. 90 
con 8 tav. 



PfiRCOPO (E.). Barzellette napoletane 
del quattrocento. Napoli, 1893. Per 
nozze St)gliano-Mari. 

Spellanzon (Carlotta). Della Leg- 
genda carolingia nella poesia medievale 
e in alcuni poeti moderni. Venezia. 
Stab. tip. lit. Succ. M. Fontana 1893. 
In-80, pp. 7). 

Tamassia (N.). La Contessa di Mag- 
gio. Revere 1895. (Nozze Marcello- 
Salvadori). 

Uxgarelli (G.) e Giorgi (Fr.). Do- 
cumenti risguardanti il giuoco in Bo- 
logna nei secoli XIII e XIV. Bologna, 
Fava e Garagnani 1894. In-80, pp. 54. 

CoNTAMiNE De Latour (E.). La li- 
teratura sici liana (Eusavo sobre el Folk- 
Lore). Paris, 1894. In-80. 

Dardy (L.). Anthologie populaire 
de TAlbret (Sud Guest de I'Agenais ou 
Gascogne Landaise). Paris, Bouillon. 2 
voll. in-8^. Fr. 14. 

Meige (D.r IL). Le Juif-Errant i le 
Salpetricre. l{tude sur certains nd'vro- 
pathes voyageurs. Paris, L. Bataille 1893. 
In-8", pp. 62. Con disegni. 

Passy (P.). Vingt-cinq cantiques po- 
pulaires (tires du recueil Mac-All) tran- 
scrits phonetiquement pour les « ille - 
tres ». Paris, Firmin-Didot. In- 18°, pp. 
24. Cent. 25. 

Dejardin (J.). Dictionnaire des Spots 
ou Proverbes wallons. 2. Edition coor- 
donn^e et considerablemcnt augmentc^e 
par J. Defrecheux, t. II. Li6ge, H. Vail- 
lant-Carmanne 1893. In-S^, p. $32. 

Simon (H.). Li neure poille, essai de 
folklore en deux actes. Liige , B6nard 
1893. In-8», pp. 58. 

Westphal (L.) et Bartholomez 
(Ch.). Li succes de V sc^ne, recueil de 
chansons wallones. Li6ge 1893. Impr. 
de « la Meuse ». 

Grober (G.). Zur Volkskunde aus 
Concilbeschliissen und Capitularien. In- 



Digitized by 



Google 



140 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIOMI POPOLARI 



8°, pp. 26. (Hcrrn Geh. Rath. Prof. D.r 
K. Weinhold zum 26 Oct. 189J dar- 
gebracht). 

Hertz (W.). Die Sage vom Giftmad- 
chen. Munchen, Franz 1893. In-40 pp. 
78. M. 2,40. 

KiESEWETTER (C.). Faust in der Ge- 
schichte und Tradition. Mit besond. 
Berucksicht. des occulten Phanomena- 
lismus und des mittclaitcri. Zauberwe- 
sens. Leipzig, 1893. In-80, pp. XXIII- 
567. M. 10. 

Krumbacher (K.). Mittclgriechische 
Sprichworter. Munchen , J. G. Franz 
1803. In-80, p. 272. 

KuHN (E.). Barlaam und Josaphat. 
Fine bibliographisch-literaturgesch. Stu- 
dio. Munchen, Franz 1893, M. 2,60. 

Lewalter (J.). Deutsche VolksHeder 
ecc. 4. Heft. Hamburg, Fritzsche 1893. 
In-8" pice, pp. \7II-72. 

LuK.\s (Fr.). Die Grundbegriffe in der 
Kosmogonie der alten V6lker. Leipzig, 
Friedrich 1895. In-8«, pp. VlII-277. 

MussAFiA (A.). Zur Chistophiegende 
(A. Altfr. Prosaversion. B. Lat. Prosa- 
fassung). Wien, Tempsky 1895. In-80, 
pp. 78. (Sitzungsber. der Wiener .^ka- 
demie, phil. histor. Classe , B.CXXIX. 

OsBORK (Max). Die Teufellitteratur 
des XVI Jahrhunderts. Acta Germa- 
nica. Ill, 3. Berlin, Maver u. - Miiller 
1893. In-80, pp. 236. 

Percy's. Reliques of ancient English 
poetry. Nach der ersten Ausgabe von 
1765 mit den Varianten der spateren 
Original aus gaben herausgeg. und mit 
Einleitung und Register versehen von 
A. Schroer. Berlin, 1893. In-8" pice, 
pp. XXVIII-527-1136. 

Reichel (G.). Studien zu der schot- 
tischen Romanze ; The History of Sir 
Eger, Sir Grime a. Sir Grav-Heel. Bres- 
lauer Dissertation. Leipzig, Fock 1893. 
In-80, pp. 30. 

RoHDE (E.). Psyche. Seelencult und 
Unterblichkeitsglaube der Griechen. 
Freiburg, 1893. In-80. 

ScHURTZ (H.). Katechismus der Vdlker- 
kunde. Leipz.,Web. In-120, pp. XII-370. 

Stern (L. W.). Die Analogie im 
volksthumlichen Denken. Fine psycho- 
logische Untersuchung. Berlin, Salinger 
1803. In-80, pp. IV-162. 

Wlislocki (H. von). Volksglauben 
u. Volksbrauch der Siebenburger Sach- 
5en. Berlin, Ferber 1893. 



Zelicizon (L.). Aus der Wallonie. 
Metz, 1893. ln-80, pp. 28. 

Eisen (M.-J.). Rahbwa raamat Uus 
kogu wanu jutte. (II Libro del popolo. 
Nuova raccolta di racconti). Dorpaty 
Schmakenburg 1893. In-240 T. I, pp. 
112; II, 144. 

— Wanapagana jutud. (Racconti sul 
diavolo). I. Reval, K. Busch, 1893. In- 
80, pp. 95. 

Cerny (A.). Mythiske bitosce luzi- 
skish. Serbow. Bautzen 1893. ln-8", 
pp. 239- 

Sander (F.). Rigveda und Edda. Eine 
vergleichende Untersuchung der alten 
arischen u. der germanischen oder nor- 
dischen M\then. Stockholm, Nosted. u. 
Souer 1893. In-80, pp. 72. 

Storm (G.). Eiriks Saga rauda eg 
Flatobogens Groenbendingabittr samt 
uddrag fra Olafssaga 1 ryggvasonar. 
Udgivne ved G. Storm. Kopenhagen, 
Gyldendal 1893. In-80, 2 Kr. 50 6. 

Broadwood (Lucy) a. Fuller Mait- 
LAND (J. A.). English Country Songs. 
London, Leadenhall Press 1893. 

Earle (A. M.). Customs and Fa- 
shions in Old New England. London, 
Nutt 1894. In-80, pp. 387. 

FisoN (L. A.). Uncle Mike : an old 
Suffolk Fairy 1 ale. London , Jarrold 
1893. In-40, pp. 34. 

Gordon (Eveline C). County Folk- 
Lore. Printed Extraits, Suffolk. With 
introduction by Edw. Clodd. London, 
D. Nutt 1893. In-80, pp. XIV-202. 

Hope (R. C). The Legendary-Lore 
of the Holy Wells of England , inclu- 
ding rivers, lakes, fountains, and springs. 
London, E. Stock 1893. In-S^. 

Lang (A.). Custom and Myth; Stu- 
dies of Early usage and Belie£ With 
35. Illustrations. New Edit London, 
Longmans 1893. ln-80, pp. 322. 

O'DoNOGHNE (D.). Brendaniana: St. 
Brendan the Voyageur in Story and Le- 
gend. Dublin, Browne and Nolan 1803. 
In.80. 

Salisbury (W. A.) Portugal and its 
people. London, Nelson a. Sons 1893. 
In-80. 



Digitized by 



Google 



RECENTI PUBBLICAZIONl 



141 



Stanley (H. M.). My Dark Compa- 
nions and their Strange Stories. Lon- 
don, S. Low a. Co. In-8*^. 

Hitchcock (R.). Shinto, or the My- 
thology of the Japanese. Washington. 



Goveraement Printing Office 1893. 
In-40. 

— Some Ancient Relics in Japan. 
M, 1803. 

— Tne Ancient Mounds of Japan. 
Ivi, 1893. 



SOMMARIO DEI GfORNALL 



CORRIERE DELLA SeRA. AlL XVIII, 

N. 353. Milano, 24-25 Dicembre 1893. 
Usi e piatti di Naiale, 

CORRIERE DELL* IsOLA. An. I , n. 8. 

PaieiTOO, II Novembre 1893. Lo Spi- 
golatore [Luigi Natoli]: Curiositd popo- 
Jari: 5. Martino. Descrizione degli usi 
relativi alia festa in Siciiia. 

N. 63. 7-8 Die. C. Simiani: Pregiu- 
di\i della gente di mare. Siregonerie. 
Breve articolo su cose sicilianc. 

N. 80. 24-25 Die. La festa del Na- 
tale. 

CoRRiERE DI Napoll An. XXII, n. 
357. 26-27 Die. 1893. F.MuTTo: Ifan- 
tasmi del NataU. 

Fanfulla della Domenica. An. XV, 
n. 52. Roma, 24 Dicembre 1893. R. 
Stiavelli: La storia del Natale. Notizie 
eon note. 

An. XVI , n. i. Roma , 7 Gennaio 
1894. Caterina Pigorini-Beri: / Costumi 
e k Tradi\ioni della Siciiia. Si rileva la 
copia di document! umani, demo-etno- 
grafici e psicologici raceolti in quattro 
volumi di Vsi e Costumi pop. sicil. del 
Pitr6 come punto di partenza per istu- 
diare i recenti luttuosi fatti deirisola. 

(Per conto nostro noi non abbiamo 
parole per ringraziare la illustre scrit- 
trice marchigiana delle benevoli parole 
che ha per ropera nostra). 

Folchetto. An. Ill, n. 299. Roma, 
29 Ott, 1803. A. Lupi : V Ottobrata, 
Bozzetto sulle scampagnate che sogliono 
farsi nelle vicinanze di Roma nel mese 
di Ottobre. 

FoRUMjULii. Numero straordinario 
per le Feste Zoruttiane. Cividale , 24 
Sett 1893. G. Zand : Pietro Belardo 
neila Leggenda trentina. 



Gazzetta del Popolo della Do- 
menica. An. XI, n. 41. Torino, 8 Ot- 
tobre 1893. G. B. Cena: Note Canave- 
sane: Le Feste. 

Gazzetta di Palermo. An. XIX, 
1893. II Signor Palo: Di palo in frasca. 
(Notiamo due cose: che il pseudonirao 
corrisponde al vero nome del prof. Giro- 
lamo Ragusa-Moleti, e che nella rubrica 
Di palo ecc. egli tratta molto spesso 
argomenti di Folk-lore. Ecco, di fatti, 
(juello che egli ha scritto in queste ul- 
time settimane). 

N. 27. Ottobre, 3. L^gende di San 
Francesco d*Assisi. 

N. 40. 16. Del Vascello fantasma. 

N. 41. 17. Le bajadere e i loro canti. 

N. 54. 30. La festa dei morti in Pa- 
lermo e le credenze dei fanciulli. 

N. 55. 31. Canti abissini. 

"N. 56-57. Novembre 1-2. Usi fimebri 
in Sic^a. 

N. ^. 3. Leggende estere. 

Nn. 25, 32, 39, 46, 5j, 67; 1,8, 15, 
22, 29 Ott.; 12 Nov. G. B[eccaria] : 
Le fiere in Siciiia. V A. illustra con 
documenti nuovi, attinti agli archivi 
palermitani , il maestro della fiera ; la 
festa di Santa Cristina; la Beneiiciata 
della festa di Santa Cristina; le Bene- 
ficiate e le Beneficiatelle ; i Giuochi 
nella festa di Santa Cristina. 

N. 80. 25-26 Nov. Di palo in frasca. 
II prof. Ragusa-Moleti parla del Capo 
d*anno. 

81. 26-27. Camevale. 

82. 27-28. Settimana Santa. 

83. 28-29. 1° Maggio , Ascensione, 
Pentecoste, festa di S. Vito. 

84. 29-30. S. Onofrio, S. Giovanni. 

87. 2-3. Die. S. Pietro, S. Paolo. 

88. 3-4. Sant* Anna, la Madonna di 
Mezz'Agosto. 

89. 4-5. S. Michele Areangelo. 

90. 5-6. Santa Rosalia. 



Digitized by 



Google 



l^l 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLakI 



91. 6-7. Id. 

92. 7-8. SS. Cosmo e Damiano. — Ful- 
vio [G. Pipitone-Fcderico]: V Immaco- 
lata, Festicciuola campestre a Sferraca- 
vallo (Palermo). 

100. 15-16. Fulvio: BriccioJe, Parla 
della festa di Santa Lucia in Palermo. 

Gazzetta Letteraria. An. XVII, 
n. 49. Torino, 6 Dicembre 1893. M. 
Angelini: // monte delVAscensione. 

Gior'nale di Sicilia. Ann. XXXIII, 
n. 318. Palermo, 13 Nov. 1893. lobi 
fl. Bencivenni]: La jettntura. 

N. 356. 24-25 Die. F. Pollaci Nuc- 
cio: Le feste delV Immacolnta e del Na- 
iale e il Senato di Palermo , art com- 
posto su document! originali dcU' Ar- 
chivio Comunale di Palermo, ma orri- 
bilmente deturpato da errori tipocrratici. 

357. 25-26 Die. Natale , numcro u- 
nico. H. de Moreno: La festa di Natak. 
— Un Calendarista : Origine della festa 
di Natak, — Un Siciliano: Come nacque 
il Presfpe, — S. Salomone-Marino : II 
mio Presepe. Reminisccnze. — L. Natoli: 
11 hue e r asino ml presehe. — G. Pipi- 
tone-Federico: Natak. — G. Ragusa-Mo- 
leti: 11 Natak in Sicilia. — Lo Spigola- 
tore: // Natak in Calabria. — R. Bar- 
biera: // Natak a Venecia. — Appelius: 
11 Natak in Inghilterra. — La paglia di 
Natak nella Scandinavia. — Valhero di 
Natak. — H. de Moreno: Costini^ paler- 
mitani. — Maria : Le can^oni di Natak, 
— P. S. Credence e super sli^ioni sulla 
notte di Natak, — Un Folklorista: Cihi 
natalixi* 

GlORNALE StORICO DELLA LeTTERA- 

TURA Italiana. Vol. XXII , fasc. 66. 
An. XI, fasc. 3. V. R[ossi]. Rua, An- 
tiche noz'elk in versi di tradi^ione popo- 
tare. Recensione favorevolc , con lievi 
osservazioni. 

Il Corriere. Numero straordinario 
pubblicato a benelicio del Comitato per 
la Canzonetta popolare siciliana. Pa- 
lermo, 20 Agosto 1893. La Canxpnelta. 
Gesta^ione c nascita. — C. Mencacci: Mon- 
te Pelkgrino, — Simone de la Roche : 
Mario Fulvio e la canzonetta siciliwm. 
— E. Miserendino Morelli: La leggenda 
soave, quella di Santa Rosalia , protet- 
trice di Palermo. 



Il Secolo Illusirato. Milano. An. 
V, n. 209. 24 Sett. 1893. A. De Nino: 
L* origine di Francavilla a mure. 

Il Siciliano. An. I, n. i. Palermo, 
I (jennaro 2894. S. Salomone-Marino: 
// Capo d'anno presso i contadini di Si- 
cilia, Ripubblicazione di parte dell' art. 
deir A. inserito neir Archivio, v. X, 
p. 3. 

La Boheme. An. I , n. 12. Firenze, 
3 Dicembre 1893. P. Lioy: Gl'interca- 
lari. Sono i motti di esclama/ione, di 
imprecazione, d'ingiurie, di beiTe. 

La Calabria. An. VI, n. 2. Monte- 
leone, 15 Ott. 1893. G. Brinati: Pre- 
ghiere alia Madonna del Rosario , rac- 
colte in Brognaturo in Calabria. — E. 
Capialbi e L. Bruzzano: NovelUna greca 
di Roccaforte testo e riduzione in ca- 
ratteri greci , vers, italiana. — R. De 
Leonardis: Canti di Rossano. — C. Tac- 
cone : La chic :cia ed i pulcini d' oro, 
leggenda ionadese. — G. De Giacomo: 
Imprecaiioni calahresi. — A. Renda: Leg- 
genda marinaresca, 

N. 4. Dicembre. G. Brinati: Cantt di 
Natak, in n. di 1 1 , raccolti in Cala- 
bria. — F. Riggio e L. Bruzzano: Canto 
albane^ di Falconara , testo , riduz. in 
caratteri greci, vers. ital. — F. I. Pigna- 
tari: Meilicina pop, — E. Capialbi: Nenie 
di Pii^o. Riproduzione dalle Epi stole 
{^cc, del Capialbi , la quale per6 era 
stata t'atta anche dall'Imbriani nei Canti 
pop. delle prov^ meridionali. — C. Tac- 
cone: Canto sacro diNao, 

N. 5. 15 Genn. 1894. G. Brinati: 
Leggenda di S. l^tto protettore del paese 
omonimo della provincia di Catanzaro. 
— V. Laureani: Pregiudiij religiosi di 
Nicotera. — G. B. Marzano : Farsetta pop. 
di Laureana di Borrello. — C. Taccone: 
La fiaccola miracolosa^ leggenda di Nao. 

LWmico del Popolo. Palermo, an. 
XXXIV. N. 299. 2 Novembre 1893. 
Usi e Costumi: I morti. Descrizione 
della nota festa dei fanciulli in Pa- 
lermo. 

N. 351. 25 Dicembre. Natak. — Na- 
tak: La Ninna del S. Natale (S. Salo- 
mone-Marino); II Natale in Sicilia (G. 
Pipltone-Federico). L' evoluzione nel 
Natale (F. Filipponi). 



Digitized by 



Google 



SOMMARIO DEI GIORNALI 



H3 



L*AMO. Numcro piii unico che raro. 
Costabissara, 6 Novembrc 1893. RispeUi 
viaremnuini. Son quattro, pubblicati per 
le nozze del prof. Luigi Mescliinelli con 
la signorina Doni, per le tjuali Vatiio 
fu dato fuori. 

Le Cento CirrA d' Italia. Anno 
XXVIII. Suppl. al n. 9930. Milano, 25 
Nov. 1893. M. Macarelli : .11 pescalore 
di Gada. 

L'Eco DELLA MoDA. MiLino, an. VII, 
n. I. Gennaio 1894. Befane storiche. 

L'Illustrazionepopolare.VoI.XXX, 
n. 52. Milano, 24 Uicembre 1893. Usi 
del Natale in Xapoli, Firenze, Provenza, 
nel Belgio. Disegni del Natale. 

La Tavola Kotokda. Anno III. 
N. 49. Napoli , 3 Dicembre 1893. G. 
B. Corsi: StornelU pobolari senesi. Ne 
illustra otto. 

Napoli nobilissima. Vol. II, lasc. 10. 
Ott. 1893. 13. Groce: Napoli, Roma e 
Veneiia, para^oni di citta ituliane. « S'in- 
contrano frequenti negli scrittori e nella 
tradizione il paragoni fra le principal! 
citta italiane, ed 6 curioso raccogUerli 
insieme e passarli a rassegna ». (iuelli 
che qui presenta il C. sono niolto biz- 
zarri. 

Natura fd Arte. An. 11, n. 21. Ro- 
ma, 1° Ottobre 1893. P. Tedeschi: Le 
saline. Descrizione della maniera come 
si lavora il sale marino nelPAdriatico. 

An. Ill, n. 2. 15 Die. R. Barbiera 
Natale. — L. Chirtani: La Nalivita di B. 
Pinturicchio. — A. De Gubernatis : // 
Folk-Lore iialiano. — G. B. Rossi: Notti 
del Cairo. — A. Neri: // Natale a Ge- 
nova. 

N. 4 I $ Gennaio 1 894. P. Beltrame: 
La Befatui , con due disegni. — Maria 
Savi-Lopez. Mitt e Leggende degli indi- 
gent Americani, 

Neptunia. An. VIII. 30 Aprile e 30 
Giugno 1893. D. Razza : 1 pescatori 
chioggiotti e le loro Industrie, Nella se- 
conda parte delFarticolo I'A. parla della 
propriet;\ ed allestimento delle barche; 
delle mercedi e degli usi, dei natanti, 
dei pescatoii e del prodotto annuo. 



NuovA Rivista Misena. An. VI, n, 
12. Arcevia, Dicembre 1893. G. Allevi: 
Costumi popolari marchigiani. La festa 
e Tannata di S. Croce in Offida, 

Pagine Friulane. An. VI , n, 9, 
Udine, 19 Ottobre 1893. G. GortanL 
Lis istoriis di Palladio, continuano an^ 
che nel fasc. II le storielle tradizionali 
sulla vita di Palladio degli Olivi , e 
sono in n. 16. 

N. 10. 12 Nov. L. Gortani: A I Mar- 
fhdd di File. 

Pro relictis. Numero unico a be- 
neficio delle orfane dei colerosi pub- 
blicato a cura del C>lub Alpino Sicilia- 
no. Palermo 26 Novembre 1893. 

G. Pipitone Federico: II Popolino. — 
G. Filipponi: II pregiudi-:;jo. 

Rassegna bibliografica della Let- 
tlratura ri'ALiANA. An. I^ n. 1 2. Pisa , 
31 Die. 1893. P. G. Guamerio: Bello- 
rini, Canti pop. amorosi di Nuoro. Re- 
censione favorevole con lievi osscrva- 



Rassegna Siciliana di Storia, Let- 
ti-ratura e Scienze sociali. An. I , 
lasc. III-IV Ag.-Sett. 1893. S. Salomo- 
ne-Marino: Di mui singolare costumania 
nel sec. XVI in Sicilia ecc. Nell'occa- 
sione di feste ufficiaU e di pubbliche 
letizie per vittorie, paci, n;iscite di so- 
vrani usava regalare un vestito nuovo 
ai pubblici ufliciali. — P. Lan^ii di Scalea, 
Donne e gioielli; Ragusa-Moleti, I pro- 
vcrbi dei popoli barhart , recension! fa- 
vorevoli. 

Studi Storici. I , L. Pisa. E. Pais: 
La Leggenda di Oruiio Coclile e il Dio 
Vulcano. La leggenda vuolsi cercare 
nel culto di Vulcano, e quella di Mu- 
zio Scevola in una statua di uomo 
monco. 

Vita Sarda. An. Ill, n. 19. CagUa- 
ri, 15 Ottobre 1893. F. Canepa: Muiet- 
tus popiilaris raccolti la piu parte a Ga- 
gUari. Sono in n. di 42, ed alcuni ine- 
diti, altri varianti di mutos editi. 

N. 20. I" Nov. V[allja: Per il Folk- 
Lore in Sardegna. A proposito del re- 
cente volume del Bellorini {Canti pop. 
amor.) comincia alcuni art., il prinio 



Digitized by 



Google 



1 



144 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



de' quali ^ questo intomo la Poesia 
popolareggiante e la poesia popolare. 

Echo dr la CoRRtzE. Nov. 1893, J. 
Roux: La Veilh et k jour de la Saint- 
Jean, — La Richa arma. 

La Tradition, nn. 7 , n. VI- VIII. 
Paris, Giugno-Agosto 1893. H. Carnoy: 
Folklore des Arahes de P Algerie, II. I 
Santi de 1* Islam. — J. Nicolaides : Le 
Folklore de Constantinople, II. Canti e 
Leggende. Continua al fasc. IX. — C 
de W[arloyJ (H. Carnoy): Les Eddas et 
Us Sagas scandinaveSy sopra uno studio 
di Martin d' Hembitz. — E. Maison: Le 
. trihut des cinq Maravides d'or, cronaca 
ca^tigUana. — U. Thomson: Chants pop. 
serbes, — E. Ozenfant: Les Proverhes de 
Jacob Cats, VI. Precetti d'Igiene. —H. 
Menu: Les Dictonsde Vannee. Ill, Marzo. 

— B. F(^raud ; S.t Martin et les mar-' 
chands de vin, leggenda provenzale. — 
Le pore gras de la garde, leggenda. — 
Fr. OrtoB: Sacrifices humains. Si tratta 
di invalidi e di infermi della Siberia, i 
quali si fanno o decapitarc o strango- 
lare da amici e da parenti* — A. Harou: 
Marie , V Enfant et la Fee , leggenda 
fiamminga. — M. T. Croyances des 
Muongs. — J. Brunet : V dne dans les 
proverbes proven^aux: V asino del mu- 
gnaio. — H. Carnoy: Les FHes de Pdques, 
I. Fissazionc della Pasqua; II. La Pe- 
lote, di Auxerre ; III. Mcsse multiple 
fino al XV secolo in Francia; IV. Rap- 
presentazione popolare del S. Sepolcro; 
V. Mistero della processione al Sepol- 
cro; VI. Procession! ai battisteri ; VIII 
(sic). Proverbi ; IX. Antichi usi in In- 
ghilterra; X. Credenza popolare. — Fr. 
dc Beaurepaire: Chansons dti Qtiercy, 

N. IX-XI. Sctt.-Nov. St. Tsapellas : 
Litter ature pop. de Chios. — Th. David- 
son: Elements de Jraditionnisme. IX. La 
Magia. — St. Prato: le Folklore Officiel 
en Italie. — H. Carnoy : Folklore des 
Arabes de V Algerie. II. I santi dell' Is- 
lam. Continua. — St. Prato: A propos 
du Petit Chaperon rouge. — E. Ozenfant: 
Les Proverbes de Jacob Cats. — H. Car- 
noy: Les fetes de Pdques, dal n. XI al 
XIV. — A. Harou: Les dictons de Vannee. 

— St. Prato : L* homme change en dne. 
XI-XV. Vi 6 una versione di questa 
novella raccolta in Sessa-Aurunca. — 
J. Brunet: Udne dans les proverbus pro- 



venfaux , continuazionc e fine. — M. 
Thi^ry: Religion et croyances des Abys- 
sins,— A. Harou: Les tresors. I-V. — C. 
dc Warly : Un droit feodal. — Biblio- 
grabhie. • 

N. XI. Die. B^ranger-F^raud : U er- 
reur de Saint Arnoux. — G. Gigli: Folk- 
lore de la Grande Grke, brano tradotto 
dal vol. deir Autore. — J. Nicolaides : 
Folk-Lore de Constantinople. II. Canti 
e Leggende, dal n. XVII al XX.— H. 
Carnoy : Folklore des Arabes de V Al- 
gerie, III. — J. Genoud: Paracelse, tra- 
dizione popolare intomo al grande na- 
turalista. — tr. de Beaurepaire: Chansons 
du Quercy. XXXV-XXXIX. — BiMo- 
graphie. 

Le Figaro. Supplement litthaire. An. 
19, n. 50. Paris, 16 Die. 1893. G. Vuil- 
licr : En Sicile : Un village albanaise. 
Questo villaggio k Piana dei Greci, 
dove r A. si rec6 osservindo costumi 
e credenze, che tgli intreccia nella sua 
descrizione. 

La Science catholique. Paris 15 
Otti. 1803. De Harlez : La religion du 
peuple chinois, son origine et sa nature. 

Revue arch£ologiq.ue. Paris,Marzo- 
Aprile i8q>« E. Male: La legende de la 
mort de Cain. 

Rkvue de l'Histoire des Religions. 
XXVIII. I. L. Knappert: De V itat ac- 
tuel des etudes sur le Mythologie germa- 
nique. 

Revue des 6tudfs Juives. Luglio- 
Agosto 1892. J: Levi: Le repos sabba- 
tique des dmes damnees, Illustra una cu- 
riosa credenza. 

Revue des Traditions poi'UIaires. 
Tome VIII, 8 Ann., n. 10, Paris, Ot- 
tobre 1893. J. de Laporterie et Fr. 
Fertiault: Jeux et Fetes pop. en rapport 
avec les saisons. — J. T. : Le portrait de 
la maitresse, VI. Versione della Gua- 
scogna. — R. Basset: Les ville^ englouties, 
CXIII-CXXVI. — Mad. H. G. M. Mur- 
ray- Aynsley: Le feu, II. II simbolismo 
del sole e del fuoco.— A. Dido: Litt^ 
rature orale des Estoniens. II. Analisi 
dei « (Pontes estoniens »; III. Novelline 
estone. n. 3. -P. S[^billot] : Les pasti- 



Digitized by 



Google 



r 



SOMMARIO DEI GIORNALl 



145 



ches des chansons pop,, IV. — R. Basset: 
Les empremUs merveilleuses, XXIV- 
XXXIX. — Lo stesso : Ch, Joret , La 
Rose dans I'antiquiU ecc. Lunga recen- 
sione: — K. Wdnhold, Ueber das Mar- 
chm vom Esclmmschen. — Piriodiques et 
Journaux, — Notes et Enquites, 

N. II. Nov. G. Doncieux: La Mai- 
tresse volage et h cirim fiddle, romanza 
e novellina. — P. S^billot e J. Tiersot: 
Le jolt bois, vers, dell' Alta Brettagna 
e deila Bresse, ed antica. — F. M. Luzel: 
La Ugende de la Mort en Basse-Bretagm, 

— R. Basset : La fraternisation par le 
sang. — E. A. de Lazarque: Jeux et FS- 
tes pop. en rapport avec les saisons et le 
Calendrier. — A. Certeux : Traditions et 
Superst, de la Loire-lnf. — Vari : Le 
taoac. — M. S^r^: Contes arUgeois. — H. 
Heinecke: Rites et Usages funiraires, — 
R. Basset: Les Ordalies. — Bibliographie. 

— Periodiques et Journaux, — Notes et 
Enquites, 

N*. 12. Dicembre 1893. P. S^bii- 
lot: Sur I'etait present de V exploration 
traditionniste en France. Comunicazione 
fatta nelia seduta del 31 Ottobre 1804 
seguita da una tavola topografica nella 
quale sono rilevati i luoghi e gli autori 
delle raccolte di tradizioni. — j? Tiersot: 
/ at plume le vec de mon alouetU, can- 
zone. — Fr. Duynes: Traditions, Ligendes 
ecc du Pays de DoL Superstizioni, usi 
antichi. — A Gorovei: Ligendes des oi- 
seaux in Rumania. — H. G. M. Murray- 
Aynsley : Jeux^ Superstitions ecc. de la 
Nouvelie-Zilande. — P. S^billot: La mort 
du mari. — H. Heinecke: CoutumeSy CrO' 
yances ei trad, de Noel, XI. In Germa- 
nia. — Bibliographie. Vi si parla di re- 
cent! pubblicazioni di H. Meigs, J. De- 
jardin, G. Amalfi ecc. 

Revue Internationale de Socio- 
LOGIE. Paris ,1893. M. Kowelewsky : 
La famille patriarcale au Caucase. L'A. 
. studia la relazione tra V organamento 
familiare de' montanari del Caucaso ed 
il culto degli antenati e del focolare 
domestico. 

Bulletin de Folklore. I, 1892. II' 
semestre. C. Boilijiville: Beotiana. L Hp- 
stoires de Cophres. — J. Feller : Flore 
pop. wallonne. IX. Malvacee ; X. Ti- 
gliacee; XL Poligalee ; XII. Acerinee ; 
XIII. Ippocastanee; XI. (sic) Ampelidee; 

Archivio per le tradizioni popolari- 



XVI. Celastrinee ; XVIII. Ipericinee ' 
XXI. (sic) Resedacee; XXII. Ninfacee^ 
XXIII. Papaveracee; XXIV. Fumariacee' 
— E. Monseur: Notes aryennes. I. li dio 
del cielo e l' oca: i. Tiwz; 2. Tiws- 
Thlngs; 3. II martedi, giorno d'assem- 
blea; 4. II martedi sostituito da un altro 
giorao della settimana ; S- L' oca di 
Marzo Tbingsus ; 6. L* oca della festa 
di S. Martino; 7. L'oca di S. Martino. 
Continua, — St. Prato: Psychi: Rifirences. 
Riscontro delle versioni delle varie na- 
zioni del tema Psiche. — E. M[onseur] 
e Doutrepont : Revues des livres. Vi si 
parla di recenti pubblicazioni di Jacobs ^ 
A. P. Ninni, Leeb. 

Ill Ann. Apr.-Giugno 1893. T. II, 
fasc. II. A. Harou: Etres merveilkus: I. 
I tesori della capra d' oro. — E. Mon- 
seur: Saints maltraitis. — Contes. VI. Les 
ichanges, nuova variante. — E. Polain: 
V. Les mustciens de Br erne. Variant! e- 
dite; note. Riscontri fatti dal D.r St. 
Prato. — Vari: Les deus bossus et les nainSy 
nuove variant!. — E. Monseur: Le riche 
et le pauvre, nuova variante. — E. Po- 
lain: Croyances et Usages, II. L'infanzia. 
— Doutrepont e Monseur: Revue des li- 
vres. Vi si parla di recenti pubblicazioni 
di Benedetto Croce, de Mensignac, 
Henry, M. R. Cox, Krauss, Wodon, R. 
Basset. — Cbronique. 

Wallonia. An. I, n. 8. F. Reukin: 
Un livre de Magie, L' Enchiridion Leo- 
nis Papae. — Ch. Bartholomez : Contes 
facitieux, II. — H. Simon: Le Jour des 
rois, IV. Canzoni di questua in Esneux, 
con melodia popolare. — L. Loiseau : 
Contes merveitleux. III. 

N. 9. O. Colson: Astronomie popu- 
laire: 1. Quel che si vede nella Luna. 
— L. Loiseau e O. Colson : Chansons 
plaisantes, con note musicali. — E. De- 
spret: Les Pourquoiy IV. La donna e il 
diavolo, — O, C. Notes et Enquites. II 
Folklore e la letteratura vallonica. — 
Bibliographie. 

N. 12. J. Lens: Contes merveilleux. 
V. — O C[olson]: Notes et EnquStes. 

Anglla. XVI. I. Neubauer: Die Sage 
vom ewigen Juden. 

Beilage zur Allgemeinen Zeitung. 
22Q. W. Kawerau : Das Mdrchen vom 
Scnlaraffenland. 

-voLxin. 19 



Digitized by 



Google 



146 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



Internationales Archiv fOr Eth- 
>;oGRAPHiE , VI, 4, 5. A. C. Haddon: 
The Secular and Ceremonial Dances of 
Torres Straits, — W. Joest: Allerlei Spiel- 

Jahrbuch fur Geschichte, Sprache 
USD Litteratur Elsass. Lothringens. 
IX. K. W. Faber : Sagen und Volksge- 
hrauche aus dem Sund-Gau, — Spieser: 
MUnster thaler, Proverbi nel dialetto di 
Waldhambacher , fedelmente trascritti. 

— J. Rathgeber: Els. Spriclrworter und 
sprichwort. Redensarten. 

Mansfelder Blaetter.VII. H. Grdss- 
ler : Nachlese von Sas^en und Gebrdu- 
chen der Grafschaft-Atansfeld und deren 
ndchster Umgebung, 

Niederlausitzer Mittheilungen.III, 
1-2. Schwartz: Sagen und Brduche. 

Vierteljahrsschrift ' fur Litera- 
turgeschichte. VI. 3. R. M. Werner: 
Zur Volksliteratur, 

4. R. Schl6sser: Schroder und Cotter, 

Zeitschrift fOr den deutschen Un- 
terricht. VII, 9. Koch: Volhstimmliche 
AusdrOcke. 

Zeitschrift fOr vergleich. Lite- 
raturgeschichte. N. F. VI. 4. 5. H. 
von Wlislocki : Tiermdrchen der Wot- 
jaken, 

Zeitschrift des Vereins fur Volks- 
KUNDE, An. Ill , fasc. 3. Berlin , Th. 
Siebs: Das Saterland. Contribuzione al 
Folklore tedesco : Usi, credenze , vita, 
lingua, poesia. Continua al n. 4. — Fr. 
II wolf: Allerlei Inscljriften aus den Al- 
penldndern, — V. U. Kammershaim : 
Bilder aus faeroischen Volkslehen, — O. 
Swhell: Vofksrdtsel aus dem Bergischen, 

— J. J. Ammann: Das Lehen Jesu von 
P, Marlinus von Cochem als Quelle 
geistlicher Volhsschauspiele, — E. Schatz- 
mayr : Villotte friulane, Continuano al 
fascicolo 4. Sono n. 62, testo e ver- 
sione tedesca, raccolte nel Triestino. — 
R. Lange: Bitten urn Regen in Japan, 
— K. Dirksen: Asar und Cemir, novel- 
Una. — K. W[einhold]: Bdcljeranxeigen, 
Vi si parla di recenti pubblicazioni di 
J. Jacobs e D. Nutt , d. Bugge , von 



Maurers, J. Macdonald , R. Heim , D. 
Macritchie, O. Brenner, W. MQller, H. 
Merkens , L. Neubaur , A. Cemy , A. 
Herrmann , H. von Wlislocki , F. S . 
Krauss. 

Fasc. 4. Fr. Vogt: Beitrdge lur deut- 
schen Vdhshunde aus dltern Quellen. — 
A. Gitt^: Scherj^haft gebildete u. ange- 
wendete Eigennamen im Niederldndischen, 
— M. H5ner : Der Geruch vom Stand- 
punkte der Folkskunde, — W. Schwartz: 
Noch einmal die gefesselten Cotter hei 
dAi Indogermanen. — E. Frischauf: viDie 
falsche Braut » in Niederosterreich, — 
H. Ullrich: Des Schneiderleins ClOck. — 
K. W.: Das Mdrchen von der Konigstoclh- 
ter, die nicht lachen konnte, — A. Herr- 
mann : Zu Cldckshafen w. fVettlauf. — 
Muller: Ueber das Wendische Sfrachge- 
hiet, — Bdcheranieigen, Vi si parla di re- 
centi pubblicazioni di L. W. Stern, Fr. 
Lukas, Chr. Schneller, von Wlisloki, 

Jacobs , Harou , Martinengo-Cesaresco, 
,awalter, Zibrt. 

Mittheilungen der anthropolo- 

GISCHEN GeSELLSCHAFT IN WiEN. XXIII, 

4-5. R. Meringer : Studien :^ur germa- 
nischen Folkskunde. II. 

Wiener Zeitschrift fur die Kunde 
DES Morgenlandes. VII. 5. G. van 
Vloten: Demonen^ Ceister, und Zauber- 
sprOche hei dm alten Ardbern, 

Classical Review. VII. 9. E. S. Si- 
kes: Folk-lore in the fVords und Days 
of Hesiod, 

Folk-Lore. Vol. VI, n. 4. London, 
Dicembre 1893. A. Lang: Cinderella, 
and the Diffusion of Tales, — A. Nutt: 
Some Recent Utterances of M,r Newell 
a, Af. Jacobs, — E. S. Hartland : Pin 
^JVells and Rag-Rushes.-— V^\ Stokes: 
The Edinburgh Dinnshenchas , tradotti 
ed annotati. — Miss. G. M. Godden: The 
Sanctuary of Mourie^ con due illustra- 
zioni. — R. H. Codrington: Melanesian 
Folk-Tales, — L. L. Duncan: Folk- Lore 
in Wills. — M. Longwort Dames: Ba- 
lochi Tales , IV. — Notes and News, — 
Folk-Lore Society, Verbali delle adu- 
nanze. — Folk-Lore Miscellanea, — Folk- 
Lore Bibliography, 

Fortnightly Review. London. A- 



Digitized by 



Google 



SOMMARIO DEI GIORNALI 



147 



gosto 1803. S. A. Barnett: The poor of 
the world, L'A. presenta notizie ed os- 
servazioni interessanti sopra le condi- 
zioni diverse della classe povera in A- 
merica , in India , in Cina , nel Giap- 
pone. Oltre tutto (juesto importano al 
Folklore le carattenstiche offerte dal G. 
de* veri popoli diseredati dalla fortuna. 

Journal of the Antropological 
Institute. XXIII. i. N. G. Politis: On 
the Breaking of Vessels as a Funeral 
Rite in Modern Greece, — G. F. Scott: 
Notes on Native West African customs, 
— L. Decle: Ou some Metabele Customs. 

Newbery House Magazine. London, 
Agosto 1895. S. S, Pugh : Buddha a, 
his Gospel. 

Proceedings of the Society of 
ANTiau ARIES. XIV. 3. E. Peacock: Cu- 
stoms for Tithing in Lincolnshire, 

i^HE Atenaeum. 3436. Scottish Bal- 
lads poetry ed. Todd, 

The Westminster Review. Vol.CXL. 
N. 2. London, Agosto 1893. E. How- 
lett: Burial Customs, 

Ons Volksleven. V. 5. C. E. M.Verb- 
ruggen: Fan Kludde, Klodde of Klodde. 
Continua al n. 7* — J. Cornelissen: 
lets over Tooverboeken. — J. B. Vervliet 
Volhspelen: Sprietloopen. — Straffen, Gee- 
selen en Kielhalen, — L. Leherabre: Raad- 
sels. — A. Harou : De vogelen in het 
Volhsgeloof: VII. De Ooievaar. — K. v. 
S. Volksliederen. — Wasche Sagen. Kem- 
pische Sagen. 

N. 6. Fr. Zand: De Mechelhaan, leg- 
genda popolare storica. 

OVERSIGT OVER DET KONGEL DANSKE 
ViDENSKABS SeLSKABS FoUHANDLINGER. 

V. J. Steenstrup: Etudes sur les chansons 
pop, danoises au moyen-dge. 

Dania. II. 3. F. Feilberg: Tallene i 
folkets brug og tro. Articolo molto in- 
tercssante relativo al ciclo delle Dodici 
parole della veritd; nel quale si tiene 
largo conto delle pubblicazioni uscite 
nell' Archivio. — Th. A. MuUer : En 
Folkloristisk Methode og Theori. Esame 
e critica delle scuole e dei metodi pas- 



sati e present! in ordine al Folklore. — 
J. M. Jensen: Sprogprove fra Vendsys- 
sel , testo e versJone danese. — Blan- 
dinger: H. K. Soltoft-Jensen: XVII. At 
lade Sold og Saks gaa. — XVIII. De di- 
sputerende J>rofessorer. Prendono parte 
a queste disquisizioni anche i sigg. E. 
Gigas, A. Hailing, Kr. Nyrop, D. Si- 
monsen. — XIX. Julie Schjott : Vise 
om Caroline Mathtlde con varie ver- 
sioni di questa ballata. — Th. A. Mul- 
ler : Anmelder. Si occupa con una 
certa estensione della 2* edizione della 
Deutsche Mythologie del D.r F. Kauff- 
mann. 

KiEVSKAiA STARiNA (I vecchi tempi 
di Kiew). nn. 9-1 1. N. Soumtzov : 
Can^oni popolari sulV awelenamento in 
aiuto del i;eleno de* serpenti. — T. Kou- 
drinsky : : Stabat Mater nella poesia 
pop, di Volinia. — Lo stesso: Le corru- 
lioni nelle can^pni ukranie, (In russo). 

Sbornik za oumotvorenia naouka 
I KNijNiNA (Raccolta folklorica, scien- 
tifica e letteraria (pubblicata dal Mini- 
stero della P. Istruzione di Bulgaria). 
T, IX, 1893. A. T. Iliev: 11 regno ve- 
getale nella poesia, nelle credence e nelle 
tradi^. popot, dei Bulgari, — Iv. Schich- 
manov: $ulla etimologia pop, bulgara. — 
Can^pni, Proverbi, Novetline, Leggende, 
Usi, Giuochi. 

The A.MERICAN Anthropologist. Vol. 
VI, n. 3. Washington, Luglio 1893. A. 
S. Gatschet: Some Mythtc Stories — 
Folk- Lore Publication. — Folk- Lore Con- 
gress. — Bloodlement used by the Ancient 
Hurons. — Liber ian Customs, 

The American Antiquarian a. O- 
RiETAL Journal. Vol. XV, n. 3. Good 
Hopa, lU ; maggio 1893. M. N. Wil- 
son: Blackfoot Star Myths: I. The Pleia- 
des, Continua al n. 4, Luglio, dove 6 
pur pubblicato il II* art. sopra The S&- 
ven Stars, — J. A. Watkins: Legend 
of Cumberland Mountain, — S. D. Peeti 
Ethnographic Religions a, Ancester IV or- 
ship, 

(Per difetto di spazio siamo costretti 
a rimandare al prossimo fascicolo lo 
spoglio di altri giomali americani). 

G. PlTR^ 



Digitized by 



Google 



148 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 



XOTIZIE VaRIE. 



In un opuscolo or ora pubblicato dal 
prof. Mango: Una miscellanea sconosciuta 
del sec. XVI (Palermo, Giannitrapani , 
1894) si dh conto di una raccolta di 
stampe di Poesie diverse esi^tenti nella 
Biblioteca del Seminario di Monreale. 
Alcune di quelle stampe hanno un in- 
teresse particolare per la storia della 
poesia popolareggiante in Italia, e me- 
riterebbero di esser conosciute dagli stu- 
diosi. 

— La sig.ra Savi-Lopez, che ha pub- 
blicato or ora il vol. Le^^ende del mor 
re (v. prossimo fasc. dcWArchivio), pre- 
para un libro sulle Leg^ende degli in- 
digeni d^ America, del quale ha gid dato 
un saggio nella Natura ed Arte. 

Sappiamo che un altro argomento al 
quale cssa attende k quello dei Folletti, 

— Per nozze Miari-Migliorini venne 
ripubblicato in Udinc (Tip. Cavessago) 
il noto componimento di G. Coraulo 
inteso Barba Sep dal Piai: El fil6. 

Sono 32 ottave in dialetto friulano, 
le quali descrivono le veglie contadi- 
nesche del Friuli nel secolo passato, e 
una serie di costumi, che si vanno un 
po* per volta perdendo. 

— £ sotto i torchi del Giorn, di Si- 
cilia in Palermo un nuovo volume 
delle Curiositd popolari tradiiionali , 
contenente Teatro popolare lucchese del 
prof. Giovanni Giannini. 

— Altra pubblicazione della Folk- 
Lore Society di Londra , dopo quella 
della Cox (Cinderella) , sono i primi 
nove libri della storia danese di Saxo 
Grammaticus (The firsinine Books of 
the Danish History of Saxo Grammati- 
cus)f traduzione di C5liv. Elton con al- 
cune considerazioni sulle fonti dell'A. 
con raetodi storici e Folk-Lore , di F. 
York Powell (London: David Nutt, 1 894). 

— II sig. G. Laurence Gomme, rre- 



sidente della Folk-Lore Society' met- 
teri mano ad un Dizionario del Folk- 
lore britannico e vi dar4 principio con 
un volume di sua moglie, la sig.ra Alice 
Bertha Gomme, sopra The Traditional 
Games of Ingland, Scotland a. Ireland'. 
editore David Nutt. 

L'opera promette di riuscire curio- 
sissima e molto attraente; e noi la rac- 
comandiamo fin da ora ai nostri lettori. 

— £ morto a Chio, neir Arcipelago 
ottomano, il prof Giovanni Nicolaides 
folklorista ben noto per le sue pubbli- 
cazioni intomo alle tradizioni popolari 
turche e per la sua collaborazione alia 
« Collection Internationale de la Tra- 
dition » ed alia « Tradition » mcdesi- 
ma del prof Carnoy. 

Pill di una volta T Archivio si ebbe 
ad occupare favorevolmente di lui. 

— II fournal of American Folk-Lore 
Ott.-Dic. 1893 ci reca la dolorosa no- 
tizia della morte del Luogotenente di 
marina sig.. Fletcher S. Bassett, av\'e- 
nuta improvvisamente il 19 ottobre u.s. 
Uomo d'una ener^a e d'una attiviti 
non ordinaria, egh era riuscito ad or- 
dinare e dirigere il Congresso intema- 
zionale di Folklore in Chicago du- 
rante la Esposizione mondiale Colum- 
biana. I lettori doiV Archivio se ne ri- 
corderanno. 

Al forte ed eletto ingegno del Bas- 
sett si deve il jbro di Legends and Su- 
perstitions of the sea and of sailors (Chi- 
cago, 1885) , del quale questo nostro 
periodico si occup6 con ammirazione , 
e che venne ripubblicato col titolo: Sea 
Phantoms (1892). Gli si deve anche un 
The Folk-Lore Manual e due fascicoU 
di una rivista folklorica intitolata: The 
Folk-lonst. 

Alia inconsolabile vedova mandiamo 
sentite condoglianze. 



/ Direttori: 

Giuseppe Pitrj^. 

Salvatore Salomon e-Marino. 



Digitized by 



Google 



TORDiO - CARLO CLAUSEN - PALERMO 



Tre iiidici copiosissimi chiudono I'opera, a sono i sejuenli: 1*^ del rioini 

degli aulori, dei pseudoulrai e del lUoli dniVi an-juimi j '2,° del luoghi iiei 

quali sono stale raccolte le tradizioni orali c gli usi; 3" delle inaLerie. 

A dar la misura di quesli icdici b^sla avverlire che solo iiel terzo d( 

essi soQO regislrale per ordioe alfabeLico rnigiiaia di arijomeiiti che o n- 

sullaoo dai liloli delle pulibiicazioui o che PA. Iia sviscerati iiei sommari 

e negli iiidici delle pubblicazioni: miitiera iiella quale bisoguera solo mel- 

lere gli acctii pec nportarne seiua t'alica up' iQliiiila di risjcoulri. 

Goiidolta ill qiieslu iiiodo e coa crileri laulo pratici la preseute Bfbllo- 

grafla, nati e da uiaiavigliarsi iie nel cercare in e^sa di wi Lenaa slato fral* 

tato, si U'uvino, p. e., 60 piibblirazioni di nielodie popolari d'ogni parte di 

iLiJia, lit sill Natale, 115 di usi ualalizi, 135 di usi nuziali e via di queslo 

passo^ 

Ogoi sUidioso ilaliano e slratiiero iu es^w avra da risconlrare uu uu- 

mero coosiderevole di pubbticaziuni t* di edizioni proprie, iult'aRro che fa- 

cili ad aversi a raano, sopra le usance, i coslumi, )e cerimonie, i riti, |*Ii 

spcUacoIi, la poesia, la noveUislicat la paremiografia, la uiilologia, la enig- 

nialica, la lingua populare dHalia. 

lo oso chianiare TaUenzione dei folklorisli, dei letterati, degli erudili, 

dei sociologi , degli sludiosi d' ogiii dis^eipiina su quesla nuova pubbliea- 

zione, die e il primu e piu intiiulo invenlario delbj ricchezze tradizionali 

ed elnogrufiche de! popolo ilaliano. 

Raecomandando hi BrbHografia delle tradiziont popolari d'it&lla, io credo 

di Tare opera degna noii =iob» di edilore ono-^to ma ani'li"<li hurju pulnota- 

La Bibliografia <• slata tirabi a soil 5^)0 e!>!emplari tulli \mv uribne mi- 

me rati. 

CARLO CLAUSEN, Eiiiiore. 



CUNDIZIONl DELL'ASSOCIAZIUNE. 



L' ARCHIVIO esce a fascicoli IrJraestrali in-S* di pagine 160 circa. 
Quattro fascicoli lormano un bel volinne di circa 640 pa«rine, 

L*abbouanie!ilu i* obbligatoriu per un annu al prezzo ili L. 15 i>er tutia 
llalia, Fraiicbi 18 per rUuiorie posbile; pagamento anticipatOi Finila Taji- 
nala, il volume co la L. ao. 

Per lutto ciij che rignardii rAmmioialraziunti. rivuh^t-rsi alia Libreria 
del soUoscritlo Editors in Torino, e alb Ubrerla Carlo Clauaen di Alberlo 
Reber in Palermo, Corso Vitloi'io Emaniielf, N. 356-3!i<i 

Lellere , maooscntli , lihri , tiioruali . nolizie ed allro die si riferisca 
alia Direzione , rivulgersi a* Din:4tui i m Palermo , Pbzzd S.' Oliva , Vie 
Abela. n. 28, I eollaboratori polrannu :srrivfre i loro articoli iti ilaliano. o 
hi francese. o in tspagnutilo, tj iij porlughese. Sara dato ragguaglio delle 
opere di tradizioni popolari che giuagerannu itj doppto estmpiar^ alia D:- 
reziooe, 

1 volunii primo e secondo, anno 1882-1883, sono esauriii* 

1 volunii III-XJI sono sempre in vendila al prezzo di L. ao ciascuno. 

Carlo Clausen, Edit ore. Torino. 
_ . — ^ . ^ — — ^-^ 



Paiermo — TtP. del Giomale di SldUm 



Digitized by 



Google 



TORINO - CARLO CLAUSEN - PALERMO 



%cc€ntissima pnhhlka:{ione : 

BIBLIOGRAFIA 



DELLE 



TRADIZIONI POPOLARI D'lTALIA 



COMPILATA 

DA 

GIUSEPPE PITRfe. 



Un vol* in-4° di pp^ XX603 a a colonne 



Quest^opera, che k i1 frutlo di 13 aom di iavoro as^iduo ed amoroso , 
reca un contnbuto largo, vanalo. cunosisslmo di iiotizie a quanli si occu- 
pano della vila flsica e raorale, maloriale e psichica, piibblica e privala del 
popolo italiauo* 

Cid che si e pubblicato in argomento dl Iradizioni oralt e di m\ di 
queslo popolo in Malia ed all^Bslero vi e regislralo miiiutameiite. Libri , 
opuscoli, articoli sopra qualunqm? soggetlo di Folklore e di Letteratura 
popolare Irovano nella B^bllografia un poslo piii metio notevole cod in- 
dicazioni, analisi e deltagli atTaLlo uuovi. 

La ricercii di lante piibblicazioni inuHirnnni e svariatissime iia dale 
una specie di Dixioiiado bibliograllco in un grosso volume \n-i^ di 603 
pagine, a due colonne, di couiposizione fitla e niinuta; un volume elegan- 
tisfiimo, nel tjuale sonu appreslali 6680 numeri, rispondenti ad altreUaiile 
opere ed opusculi in qualunijue lingua dialelLo falte in un migliaio di 
ciltk dllalia, e in parecchie cenllnaia dr cilt^ di Francia, Spagiia, loghil* 
erra, GcTinania, A'lslria. Olanda, Belgio, Russia e di Africa ed America. 

La Btbllo|}rafia ^ divisa in 6 parti, e registra : 
L Novelliue, Haccoiiti, Leggende, Facezie; 
II Ganti e Melodie; 

III, Giuocbi e GanzoneUe infantili; 

IV, IndoviDelli, Formole^ Voci» Gerghi; 

V, Proverbi e modi proverbiali: 

VL Usi, Gostumi, Gredenze, Pregiudiai. 



Digitized by 



Google 



Vol. xni. 



Apnte-Giugno 1894. 



Fasc. U. 



/ 






A- 



t 




PER LO STUDIO 



DELLE 



TRADIZIONI POPOLARI 



RIVISTA TRIMESTRALIi 



lilRr.rTA DA 



G. PirKll li S. SALOMONE-MARINM.) 




-> 



^ PAIF.RMn- TORINO 
CARLO CLAUSEN 

1894. 



^ 



Pubblicato il 31 Maggio 1894. 



Digitized by 



Goi^le 



/ 



SOMMARIO DEL PRESENTE FASCICULO. 



Alterazione di alcuni proverbi in Sicilia (d, i^iTRt ) . . Pag. 141)' 
Formole di Imprecazioni , Giuramenti e Saluti della Sardegna 

(GlUSEPFE Calvu), - , 

Delia poesia popolare sarda, Jppuftti iFiLirro V vi la) , . n 167 
Lu cuntu di li tri arrigordi lassati pri tistaQientu. NotwUina [>0p0i. 

sfciliiitfa (Fr. M. MiUAUtLLA, G. Prnit) . . , . . >» 1H8 
II Diavolo ed 11 Vento L-'uri'iida />.>/»t)/arti (G. VuRt) . . . )o 196 
IndovinelU iiiediti raccolti in Noto (M. D\ Martino) . . » ig^ 
Donienico Beccafymi detto Mecherino nella tradizione popolare 

senese (C B, Cojtsi), , » 205 

Le due leggende di S. Leo e di S. Secondo (Cesahe Cimegotto) "215 
Pregiudizii calabresir U cnccn (G. De Giacomo) ... 220 

La vita del contadiai siciiiani del tempo andato descritta da 

eSSi (S. SAt-i>MOXi:-MAKISU) .,.,...*> t2> 

La festa dei Quattro Altari in Torre del Greco e Torre Annun* 



- 2\\ 

» 26% 

J> 272 



liata KivLiANO Amalfi) 

Feste sarde sacre e profane (G. FtRUARCJ) 

Appunti di Folk-Lore (Akhkrto Lumbroso). 

El Fulesta. Sni^^t^^o di wf.t nnov.7 raccoHn iH Favok hi tUakth k'n><^u 
G. Sarti) 

loggeli. RiKLimto-ftlaslfWYit p0[>ohir di Binui (Fr. A. Caknizzaro) . 

Contes de prfetres et de moines nmaUts en Hank Bretupte (Paul 
!^^"HiJ-OT) » , . » 274 

La trebbiatura nella Turchia Europea nel sec. XVIIL . *> 286 

Miscellanea: Coutrc il mono dilla TmaiiUdit (G. NeruccDi 289. — La Cnucca 
€ U Md^niisa in Jsmlh (G. Grisakti), 290. — Crtdenia siii eidoni in Tra- 
pjiti (\'alextiko SiMiASi), 290. — La t^g^e:tdu delta Ri\una Ptiil(*C4 in P;V- 
montt (Alberto Lumbroso), 29 r. — Ori^bu dd dtUo lorinesr : « Amii 
trnttd/" a Suisse ^ And.irc o mAniiarc a Sciolec (Finrro Valla), 292. — 
0*) degli ilHKKt in Pttesvm (F. FiciURELij), ^92,— // is Contmtino dtltithi *>, 
hitUo dt'U*rjuiiiii {¥, \'alla), 292. 

Rivista BibliograHca : SAVl LOPZZ, Le^gmdt: dd nnm (G. S.)» 294,-^10*, 
Kupks coutmpontin^ {G, Amalfi), 295. — raso. U^'mds of lh€ Mirnmcr 
(G, PiTRi), 29H. 

Bullettino bibliografico. (M si pjrUi di rccvntt pubblica/ioai di C. Finainnrc, 
M. l\iglbi-J*k(>, L, Dc Pasqiiak\ R. Piitci , G. Giannini, A. De GuIh:^ 
natis, G. Ungarclli e F. Giorgi. L. Biadcnc. D. t;. Bemryni, V.. Gamaminc 
dc Latour) . ^ -» 5CX1 

Recent! pubblicazioni « JOJ 

Somtuario dei Giornali tG. Piiri ) ,....» J04 



Notizie varie 



$11 



Digitized by 



Google 



r i»r»w73p^v s/ 




ALTERAZIOXE DI ALCUNI PROVHRBI 
IN SI CI LI A. 




ON e raro il caso, tanto ncUe linguc qiuinto nci dialctti, 
di motti popolari, i quali o nati dopo .un fiUto rcalmcntc 
accaduto, o formati per lungo uso d' un oggetto , per 
ragione d'una istituzionc o d'una costumanza, dimcnticato il fatto 
pel quale nacquero, andato in disuso I'oggctto, cessata la istituzionc 
(> la costumanza , vengano fraintesi, e per anologia di suoni, ritbr- 
niati con parole che rendono d' una maniera tutta particolare la 
idea. II nome proprio diventa nome comune, ed un soggetto, che 
per comprendersi esigerebbe una vera illustrazione , diventa la 
piu cosa ovvia di questo mondo. 

Avendo sott' occhio qualche esempio siciliano, me ne valgo 
per chiarire Tassunto. 

I. Predichi e lattuchi ^ 

Ddoppu Pasqua su' finuti, 

(Prediche e lattughe dopo Pasqua son finite). Ora com' e che le 
lattughe son finite dopo la Pasqua , se esse prospcrano appunta 
dopo Pasqua ? 

I^bbene: la voce lattuchi, al nascere del proverbio, fu halfuti i 
Archivio per Ic tradi;^ioni popolari — Vol. XIII. lo* 



Digitized by 



Google 



150 ARCHn^IO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

ed io scntii qualchc volta dire a .vecchic donnc dclla provincia di 
Palermo : 

Predichi c battuti 
Ddoppu Pasqua su finiiti. 

Ed e giusto : perche le prediche , le discipline e i disciplinanti, 
finita la Settimana santa, erano e son gii finiti. La parola battuti 
non si comprendc piii. 

2. Quantu va V acqua di Marzu c d' Aprili 
Nun va hi carru cu tutti li vili. 

(Quanto vale V acqua di Marzo e d' Aprile , non va il carro con 
tutte le [sue] vele). 

— Oh die vuol egli dire: un carro con le sue vele ? E quando 
niai i carri hanno avuto delle vele ? 

h questa la donianda die tutti ordinarianiente ci facciamo al 
ripetere o al sentir ripetere il proverhio ; e la risposta e senipre 
questa: — £ vero; ma pure si dice cosi. 

Si dice cosi adesso ; ma non si diceva cosi una volta. Una 
donnetta di Menfi (prov. di Girgenti), una di quelle donnette die 
sono documento vivo e parlante di un passato andie renioto, mi 
fece osservare, son gia una vcntina d'anni, die il motto e sbagliato, 
perche questa fliccenda delle vele non discorre. Bisogna dire, come 
diceviUio gli antichi : 

Quantu va I'acqua di Marzu c d* Aprili 
Nun va Re Carru cu tuttu Taviri K 

Ed a ragione: una buona pioggia di quei niesi vale quanto di meglio 
6i possa immaginare; vale piu di Re Carlo c del suo avere, delle 
5ue ricchezze. II quale Carlo non puo essere se non quel Carlo V 
imperatore, die nella tradizione siciliana e il piu popolare ed il piu 
celebre tra tutti i re della Sicilia , come risulta dalle leggende H- 
nora raccolte e pubblicate. 

3. Cu* havi li filippi 'ntra li manu 

Fa la Pasqua, Natali e Samniartinu. 

^ Prov. sic.y v. Ill, p. 6061. 

Digitized by VriOOQlC 



ALTERAZIONH DI ALCUNI FROVERBI IN SICILIA 151 

(Chi ha i liHppi ncUc mani, fa [allcgramcntc] la Pasqua, II Xatalc 
ed il S. Martino). 

Qui il nomc proprio di 7^(' Filippo del'c nioncte d'oro c d'ar- 
gento dclla domhiazione spagnuola passa ncl nonic conuinc Jilippo 
per significar danaro, c danaro di un ccrto valorc. Un filipi)o, due 
iilippi signilicavano : uno , due scudi; ma scomparsa da un pezxo 
quclla iiioneta, il nomc Jilippo non si comprcndc piu c si ripete 
inconscientcmcntc o si sostiiuiscc con la voce dijiariy come doveva 
osserc prima della coniazione c dell'uso corrcnte di quella; e peru 
la nu;na i^enerazione dice : 

Cif havi li dinari 'ntra li manu 

Fa la Pasqua, Natali c Sammartimi '. 

4. La Bubbua d' '11 culu 'u gaddu. 

Si qualiiica cosi una piccolissima ferita, piaga, o scaltittura, !a quaL- 
si voolia mettere in canzonaturd per la sua nullita. Chiamasi anctic 
cosi una malattia iinta chc si vuol dare a credere. Si tratterebbc 
d'una bua nel didietro: ecco il gran male ! 

— Ma come c'entra il gallo in questo moJo proverbiale ? — 
Jomnnda anche qui alcuno che non sa darsi una spiegazione del 
tatto. 

Centra come Ic vele stranissime nel carro del provcrbio citatOi. 

Pure la origine del prcsente modo di dire sarebbc storica, cd 
ccco come : 

Neir anarchia feudale che tanto contristo il regno di Fcde- 
rico III il Semplice un certo Matteo Rustico mise a rumore la Term 
di Caltagirone. Fedcrico gli mando incontro soldati capitanati dnl 
suo lido campione Xicolo Gallo, real Tesoriere; al quale riusci di 
sedare il trambusto, di vincere i ribclli e di trucidare il loro capo* 
Nella mischia il Gallo riporto una lieve ferita all'occhio sinistro. II 
re n'ebbe vivo rincrcscimento c chiamo i migliori chirurgi del 
tempo per la pronta guarigione di lui, c spinsc le sue premurc fina 



» Pro:: sii., v. Ill, pp. 2]y^6. 



Digitized by 



Google 



y ^■ 



152 ARCHlVrO PKR LK TRADIZIONI POPOl.ARl 

ad ordinar digiuni, voti c prcf^liicrc per esso '. II GalK) in pochi 
i*iorni guiiri, e !a miki iciit.i, chc in fin dji conti aliro non era sc 
mm una !'mi -, \\\ niottcggiau c riniasc in provcrbio : 

(Aila, Xiculi, p.ihMj in r.,,.j c GWt/// cognonic in g.ulJii, i^Mo. 

Altri L'scnipi nun m.incano 1 prova dclla niia osscrva>^ionc; 
niii'i poclii rifcnti bastcntnno a mcttcrc in cvidjnza uno dci molti, 
del mokisshni f.iui di parcmiologin. 

G. PiTRl'-. 

' Wvij L' JfuwftitWiC tti Sfi'fsjttii t ;in. I, col. 5. I1S57. Slriima pel (^tJpo 

* />*/^7^ hithhiiih ViKc bLimbinLiL:,!^ chc signiika m:\\c, dolorc. Ojtta a persona 
Ailulta, iiiL'Ue m nJicolo 11 m^lc chf t:vi;a lar.icnta. 



^|W,-r^^,-,( 4> ^rv-r ^<». 



Digitized by 



Google 




FORMOLE 
DI IMPRECAZIONI, GIURAMENTI E SALUTI 

DELLA SARDEGNA. 



dfri^^^^K 



HE io mi sappia, nessuno, per quanto riguarda la Sar- 
degna, ha mai parlato dell' argomento che andiamo a 
trattare. Solo il Bresciani nella sua opera sui Costumi 
di Sardegna riporta per incidenza qualche imprccazione dei Sardi^ e 
qualche espressione si rinviene pure nei volumi di qualche bozzettista, 
o frammista ai Proverbi pubblicali dal benemerito Giovanni Spano. 
Crediamo adnnque di far cosa grata ai cultori del folk-lore, 
presentando loro qualcosa di nuovo , che riguarda questa semprc 
originale terra d'Innusa. 

La Raccolta avrebbe potuto essere pii vasta e piii lunga, ma 
ho temuto di riuscir prolisso, e mi sono percio limitato alle cose 
piu comuni. 

Noto intanto che popolo che imprechi con tanta violenza di 
frase come il Sardo non v'ha ch'io conosca, in Italia, neppure in 
Europa. 

Alita dentro alia imprecazione sarda lo spirito della maledi- 
zione biblica e della invettiva oriebtale. Non per nulla ci scorre 
nelle vene il fenicio sangue ed il saraceno!... 

Archivio per U tradixioni popolari — Vol XIIL m 



Digitized by 



Google 



ie: 



154 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

Quanto ai giuramenti, osservo come caratteristiche le formule 
di qualche paesc della spiaggia orientale, tra la Gallura e TOliastra, 
ove si giura sulla vita della persona piu cara. Nfe mancano in Sar- 
degna le formule di giuramento sul nome di Dio e della Vergine, 
che vi ricordano il Per supremum Regis regnum jurOy ed il Per ma- 
hem familias Junonem delle commedie Plautine. 

Curioso h pure il modo di salutar dei Sardi per interrogazioni 
e risposte, chiedendosi dove si vada^ donde si venga, che si faccia etc. 

Ma la originaliti della Sardegna si prcsenta nelFimprecazione 
pii comune, piii generale, piu usata dell'lsola: ti occant a balla. 

II romano, vi ricorda il coltello che adopera, il Sardo la sua 
arma terribile: la palla del fucile. 

Quante vendette atroci ricorda quella parola !.. 

Vengono in seconda linea li accenni ai diavolo, ai santi, al 
fulmine, alia giustizia, al re... E di ci6 mi par che basti. 

Rimarrebbe ancora a dire una parola intorno ai gesti,^ ma vi 
i tale e tanta varieti, che preferisco passar oltre, accennando solo 
ai pill comuni. E questi sono: sovrapporre le palme della mano in 
croce, incrociar le braccia e le gambe, formare una croce col pol- 
lice destro sull'lndice quando si giura, e far le fiche con ambo le 
mani quando si impreca. 

Termino col dire una parola intorno alia versione letteraie 
italiana. Difficolti somme si incontrano nel ridurre i dialetti sardi 
nella madre lingua, ed ho perci6 cercato una via di mezzo , ren- 
dere, cio^, il testo sardo in parole corrispondenti italiand senza al- 
terare la costruzione e lo spirito deU'originale, cosa del resto che 
fece anche il chiarissimo Francesco Mango nella sua traduzione 
delle Novelle Campidanesi. 
Mores, 7 Nov. 1893. 

Giuseppe Calvia. 



Digitized by 



Google 



I^ORMOLE DI IMPRECA210MI, HCC. IN SARDEGNA 1 J J 



Imprecazioni. 

Diaulu do lu megliu santu chi t' a fasciaddu ! (Diavolu, ihni- 
glior santo che ti ha fasciato). (Sassari). 

Diaulu di lu megliu santu chi esisti in zelu ! (Diavolo il mi- 
glior santo che esiste in cielo). 

Va in sant' e in ora mala ! (Va in santa e in ora cattiva [fii- 
nesta] ). f 

Ancu ti begghia cinu ! (Che ti vegga misero). • 

Lu re ti munduliggia ! (II re ti spazzi). (Tempio). 

Lu re t' ilpiani ! (II re ti spiani). 

La giustizia ti bruscia ! (La giustizia [tribunali] ti bruci). 

Mali chi ti tribuliggia! (Male che ti triboli). 

Ira di Deu ! (Ira di Dio [fulmine] ). 

Pilotta! ' (Palla!) 

AJchibussata che ti fiacchia lu coddu ! (Archibugiiita che ti 
rompa il coUo). '• I 

Chi t' i criat ! ([Maledetto] chi ti ha creatp). (Algbero). 

Ves an ora mara! (V.i in ora cattiva [funesta]). 

Ancu t' adabasci un raju ! (Che ti abbatta un fulmine), 

Ti occana a balla ! (Ti uccidano a palla). (^Ploaghc). 

No b' i che Paulu Balija. * (Non vi ha [che star .male] come 
Paolo Baligia). 

Raju chi t' ilpianet chei sa ! (Fulmine ti spiani come la roccia). 
(Thiesi) 

codina de Foddoghine ^ (di Foddoghine)! (Thiesi), Bain clu 
t' ilpLmet chel sa codina de Foddoghine (Fulmine ti spiani come 
la roccia di Foddoghine). (Thiesi), 

Ilcaranadu chi t* idana ! (Disossato che ti veggano). 

Ancu t' idana malcadu ! (Che ti veggano marcato [col marchioj). 

* 1 Galluresi sono eccellenti tiratori. Son celebri Ic veiidette dcUu Gallyra 
nel sec. XVI. Essi risentono deU'indole dei Corsi, alia cui razza appartcngono, 

* Nome di un assassinato. 
5 Nome di re^ione. 



\ 



I 



Digitized by 



Google 



Ij6 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Cotnpar' Anghelu Pudazzu, sal pulpas chei s* istrazzu ! (Compar 
Angelo Pudazzu, la polpa come lo straccio [abbiate]). 

Bae m chentu diaulos ! (Va in cento diavoli). 

Diaulu chi t' i fattu ! (Diavolo chi ti ha fatto [creato]). 

Ancu nde fales a ilcbtrinadura dae sa este ! (Che ne scenda 
a sbattimento dalla veste). 

Pessigiiidu dae soldaria in pala ratta ! (Perseguitato dai soldati 
in salita rapida). 

T' accioppen intro de una monzetta ! (Ti trovino entro di una 
lumachetta). (Bonannaro). 

Male dae s' isperajolu ! * (Male dello spiraglio [ti venga] ). 

Sas manos chei su milesu chi contaiat s' aranzu cun su p^ \ 
(Le mani come il Milese che contava Y arancio [le arancia] col 
piede). 

Si nde messas, no nd' incunzes ! (Se ne mieti, non ne raccolga 
[del grano]) (Oschiri). 

T' idana si mai nd' in bidu ! (Ti veggano come ne hanno 
visto) (Pattada). ^ 

Malairtu chei s' obera de sa Dominiga ! (Maledetto come I'o- 
pera [lavoro] della Domenica). 

Ti che occana in sa lacana ! (Ti uccidano nel confine del 
villaggio). (Oiieri), 

Diaulu so purhones chi ses foladu ! (Diavolo, i polmoni donde 
sei disceso). 

Per Deu de Sas Aeras! (Per Dio delle Arie [celo]). 

Ancu t' ida moltu male ! (Che ti vegga mono male [mala- 
meme] ), 

Males cantas unzas pesat su terrinu ! (Mali quante once pesa 
il terreno [la Terra]. (Mores), 



1 A Chiaramonti un individuo fu ucciso entro casa sua da una fucilata pe 
netrata nelio spiraglio del tetto. Questa imprecazione spiega la posizione del 
paese arrampicato ad una collina. 

^ 1 MUesi sono i venditori d* arancia e di vemaccia della Sardegna. L' im- 
pfecazione untichissima e generale in Logudoro acc^na ad uno del villaggio di 
Milis, pfivo delle mani. *• 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI IMPRECAZIONI, ECC. IN SARDEGNA I 57 

Imbestidu che Saboja ' ! (Investito [calpestato] come Savoia), 

Su Re chi t' incantet ! (II Re ti incanti [venda air incanto]). 

Malos annos de gloria ! (Cattivi anni di gloria). 

Males cantas fozas ballat bentu ! (Mali quante foglie [fa] balkre 
[il] vento). 

Ancu t' idan che Fiorensa * ! (Che ti veggano come Fiorenza). 

Malas dies e annos chi passes ! (Cattivi giorni ed anni che 
passi). 

Su sale de Troja chi ti ettene ' ! (II sale di Troja che li 
gettino). 

Male cantu Deus i criadu ! (Male quanto Dio ha create), 

Diaulu ch' in terra t' i postu ! (Diavolo che in Terra t' ha 
messo). 

Malcadu in sa barra ^! (Marcato nclla [suUa] mascella). 

Mala sorte niedda chi t' accudat ! (Cattiva sortc nera che ti 
arrivi). 

Ancu t' ippana incherinadu ! (Che ti abbiano [rinvengano] in 
una spelonca. 

Sos cascos de ziu Andriolu ^ ! (I sospiri di zio AnJriolu). 

Su sidis de Tula ^ ! (La sete di Tula). 

Su famine de Zaccabballas clii si nianigheit una runda de 
chercos " ! (La fame di Schiacciapalle che si mangi6 una grunda 
[di monte piena] di quercie). 

Lampu nieddu ! (Lampo [fulmine] nerp). 

Lampu biaittu ! (Lampo azzurro). 

Lampu chi t* istruat ! (Lampo che ti distrugga). 

Sas aeras chi t' istruana ! (Lc arie [il celo] che ti distruggano). 
(Monti), 



» Ricordasi qui la fuga in Sardegna dci Rcali di Savoia , cacci.vti dal Pic- 
monte dairuragano rivoluzionario di Francia, nel 1793. 
^ Donna, che mori dal ridcre. 
5 Proverbio molto antico. 

4 Ricorda il marchio d'infaraia, con cui si boUavano in viso i ladrt, 

5 Costui per fame mangiossi una macina. 

' Tula t villaggio presso C>zieri, che difetta di acqua. 
7 Antica imprecazione. 



Digitized by 



Google 



158 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

S' ira de Deu chi t' innettet ! (L' ira di Dio [fulmine] che ti 
pulisca). {Luras). 

Archibussada ! (Archibugiata). (JDtialchi), 

Mala pasca ti colet ! (Cattiva pasqua ti passi [innanzi]). (OU 
Mai), 

Malas pascas ! (Cattive pasque). 

Corpu dq balla ! (Colpo di palla [d* arma da fuoco]). 

Diaulu e chi os i penados ! (Diavolo chi [ha avuto per voi] 
le doglie del parto). (S. LussurgiuJ. 

Giustizia os curzat ! (Giustizia vi [faccia] correre). 

Giustizia os let ! (Giustizia vi pigli). 

Su Diaulu e chi t' A prantadu ! (II Diavolo e chi ti ha pian- 
tato [creato] ). 

Ancu tinde attana in fascinas ' ! (Che te ne portino [dalla 
^ampagna] in fascine). (Po:(j(pfnaggiore). 

Ancu tind' attana a su rughe fissu ^ ! (Che te ne portino al 
Crocifisso). 

Add6 tempos chi t' i fattu ! ([Accidenti] al tempo che ti ha 
fatto. CBosa). 

Apat chi t' aiat ! ([Male] abbia chi t' avcva). 

Apat chi t' i penadu ! ([Male] abbia chi ha avuto per te le 
doglie). 

Bae, sa zuccada ha fattu mannoi ! (Va, la partenza che ha fatto 
[mio] avolo. (Orgosolo). 
, T* ohidana a balla ! (Ti uccidano a palla). 

Lampu de focu chi t' acchirriet ! (Lampo di fuoco che ti 
scenda. (^uoro). 

Malaittu sias ! (Maledetto sia). (fiavoi), 

Diaulu sor piumones chi ti mantenene ! (Diavolo, i polmoni 
che ti sostengono). 

Isparau t' idana ! (Sparato [fucilato] ti veggano). (Tonara). 



1 Li uccLsi nclla campagna si trasportavano in paesc tra fascine caricate su 
di un cavallo. 

' A Pozzomaggiore i cadaveri degli assassinati si deponevano innanzi al 
Crodfisso 9ito airingresso del paese. 



Digitized by 



Google 



rORMOLE DI IMPRECAZIONI, ECC. IN SARDECKA I59 

Apas in s* ocru ! ([Male] abbia nell'occhio). 

Su dimmoniu chi t' h nasciu ! (II demonio che ti [ha fatto] 
nascere). (^ilis), 

Ancu ti bia mortu a balla ! (Che ti vegga morto [ucciso] a 
palla. (Lanusei). ^ 

Sa matta in su caminu lessis ! (La pancia nelia strada [possa 
tu] lasciare). 

Toccau de tinu ! (Girato di scatola !) 

Sa giustizia ti currinft ! (La giustizia ti [faccia] correre. 

Ancu ti curgiat cummessariu ' ! (Che ti perseguiti Commis- 
sario). 

Ancu ti bia mortu in piscina niedda cun d* una perda in cu- 
curu ' ! (Che ti vegga morto in Piscina Niedda con una pietra in 
[sul] capo). 

Anchi ti occiant' a marra ! (Che ti uccidano a [colla] marra. 
(Arbus). 

Ancu ti calit unu lampu chi ti fazzat a cinisu ! (Che ti scenda 
un lampo [fulmine) che ti faccia [riduca] in cenere). 

Anchi tengas arrori ! (Che tenga [abbia] errore [disgrazia]. 
(Cagliari). 

Arrori tengas! (Errore tenga [abbia tu disgrazia]). 

Sa giustizia chi t' incantidi ! (La giustizia che t'incanti [ti metta 
all'incanto] ). 

Su santu chi t' i nasciu! (II santo che ti i generato [fatto 
nascere] ). 

Su corpus da undi ses bessiu ! (II corpo donde sei uscito). 

Giuramenti. 

Veru pa Taria santa ! (Vero per I'aria santa). (Sassari), 
Veru pa Santu Preddu ! (Vero per San Pietro). 

> Commissarii si chiamavano le spie degli antichi dragoni di Sardegna. Po 
tcvano arrcstare i banditi. 

2 PiM:ina presso Ic sorgcnti dal Miiniendoia, pericolosa pci vortici. 



Digitized by 



Google 



l6o • ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Veru pa Sant'Antoni ! (Vero per Sant' Antonio). 

Veru pa Maria Santissima ! (Vero per Maria Santissima). 

Chi m' ammazziani ! (Che mi ammazzino). 

Chi m' impicchiani ! (Che mi appicchino). 

Chi mi falia un raju! (Che mi sccnda un fulmine). 

M' aggiani ilpianatu ! (M' abbiano spianato. (Tempio). 

Cant' ^gia mali ! (Quanto abbia male). 

Ver com es ver la molt ! (Vero come ^ vera la morte). (Al- 
ghero). 

T' assagur com es ver la molt ! (T' assicuro come e vera la 
morte). 

Gai cheria su chelu ! (Cosi vorrei il celo). (Ploaghe). 

A fide de Deu ! (Atfi di Dio). 

De fide de s' anima ! (Di fede dell'anima). (ThiesiJ. 

Ancu m' idas moltu male ! (Che mi veda morto malamente). 

M' ipene ischintozzada ! (Mi abbiano scinto) [senza il busto]. 
(Bonannaro). 

A fide mia! (AfK mia). 

M' iat s' ae in cucuru ! (Mi beva Tuccello in capo. (Ittireddu). 
• A buccones m' apene ! (A bocconi m' abbiano). 

M* accioppene a cantigu de ae ! (Mi rivcngano al canto degli 
uccelli). 

M' idana a corveddos fora ! (Mi veggano coUe cervella di fuori). 
(Nughedu), 

M' apana asi [gesto] ! (Mi abbiano cosi). (Oschiri). 

Pro custa rughe santa [gesto] ! (Per questa croce santa). 

Mi occana a balla ! (Mi uccidano a palla). (Pattada). 

In sa fide chi imus chin Deu ! (Nella fede • che abbkmo in 
Dio). 

Beru pro custu sole ! (Vero per questo sole). 

Chin sa fide de Santa Sabina ! (Colla fede di Santa Sabina). 

Mi r ofFelzana a su pabilotto nieddu ' ! (Che me Toffi-ano al 
cartoccio nero). 



' A Sassari quando un condannato veniva condotto al patibolo , i NoHli 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI IMPRECAZIONI, ECC. IN SARDEGNA I^I 

M' ipat Deu ! (Mi abbia Iddio). 
De veras ! (Di vere [cose]). (0:(ieri). 
M' apan canes ! (Mi abbiano cani). 
• Malas dies e pagas ! (Cattivi giorni e pochi). 

M' idan zegu si no e beru ! (Mi veggan ceco se non h vero). 
De bona veridade ! (Di buona veriti). (Mores). 
Gai giustu ispirc ! (Cosi giusto spiri). 
Cantu no s' ipat male ! (Quanto non s' abbia male). 
M' idan chena sa vista ! (Mi veggan senza la vista). 
Giuro in logu chi mi nde saltien sos ojos ! (Giuro in luogo 
ove mi cadan gli occhi). 

Ancu no bida attera die ! (Che non vegga altro giorno). 
Mi cheria in grascia de Deu ! (Mi vorrei in grazia di Dio). 
Mi occanD a balla * ! (Mi uccidano a palla). 
Ancu no m' iscurighet! (Che non mi annotti). 
Coment* est beru chi devinus morrere.! (Come i vero che 
dobbiam morire). 

Gai giustu parta dai custa vida ! (Cosi giusto parta da questa 
vita). (Oschiri), 

Mi enzat su battimu ! (Mi venga il palpito [mortale]). (Monti). 
Cant' iste in punta de una tinnia ! (Quanto stia in punta di 
un giunco). 

M' accioppene in sa nassa ! (Mi trovino . nella nassa). 
Ancu mi occana a babbu meu ! (Che mi uccidano [il] padre 
mio). (Luras). 

Cantu morzat mama ! (Quanto muoia [mia] madre). 
De fide de Cristianu ! (Di fdie da Cristiano). (Dualchi). 
In cussenzia de s' anima mia ! (In coscienza dell'anima mia). 
(S, Lussurgiu), 

della Compagnia della misericordia andavano in giro per la citt4 incappucciati 
a chieder 1' elemosina per Tanima di In pobaru passienti, e ricevevan le monete 
in un cartoccio nero. 

* Questa ^ rimprecaziorie piu usata ed e la piu comune in Sardegna. Ri- 
corda le atroci vendette di altri tempi , e gli hinimigos de satnbene (nemici di 
sangue). 

Archivio per le tradixioni popolari — Vol. XIII. 21 



Digitized by 



Google 



1 62 ARCHmO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

De fide de mortak ! (Di fede di mortale). 

Dc fide de Deu ! (Di fede di Dio). 

Mi occaim a balla ! (Mi uccidano a palb). 

Comente el herti Deu ! (Come k vero Dio). (Poi{OfnaggioreJ, 

Ancu mind' attnna in piattu ! (Che me ne portmo in piatto). 
(BosaJ. 

Ancu m* idas a un' ogiu ! (Che mi vegga a un occhio). 

Su core a esca ! , (I! core ad esca). 

In s* anima mea ! (Neiranima mia). (Orgosolo). 

M* ohidana a balla ! (Mi uccidano a palla). 

A beru ! (Al vero). 

Zuro de no t* acre offesu nh in operas n^ in paraulas, n^ in 
pensamcntos, n^ isco in su mancamentu chi tenes de aere leadu 
parte nen deo n^ persona de connoschenzia mea * ! (Giuro di non 
avert! oflFeso n^ in opere, n^ in parole, nh in pensieri, nfe so n^ la 
mancanza che tieni fhai] di aver preso parte nh io n^ persona di 
mia conoscenza). 

Ca De' m' assestat ! (Che Dio mi assista). (Ntioro). 

Mi occhidana ! (Mi uccidano). (Bitti). 

Mi hazana a cantos ! (Mi facciano a pezzi). (Oliend), 

M' isparent' a balla cantu no ! (Mi sparino a palla quanto no). 
(Orani). 

Mi' sa rughe, accobbi [gesto] ! ( Mira la croce: ecco qua). 
(Gavoi). 

Chi mi bianta ze^u ! (Che mi veggano cieco). (Villanova 
Franm). 

Atichi no torri a biri sa faniilia mia! (Che non ritorni a ve- 
dere la famiglia mia). 



' Formola di giuramcato dellc montagne di Nuoro. £ in uso specialmentc 
presso i pastori. Quando ad uno di essi venga involato del bestiame , recasi ii 
dembato in giro per tauj Ii oviU della contrada, e presenta \c pun gas {spccim]^ 
amuleto) e propone il giuramento. Chi giura il falso, in virtii deiramuleto, deve 
esser colpito da. morte o Ja diiigrazic. I pastori non rivelano mai nulla alia giu- 
sdm, ma a^pettana il dcstro per vendicarsi. 



Digitized by 



Google 



r-.^iji^i^ 



w^ 



FORMOLE DI IMPRECAZIOMI, ECC. IN SARDEGNA l6j 

Anchi mi curgiat sa giustizia * ! (Che mi [faccia] correrc k 
giustizia). 

Mi' sa rusgi, [jgesto] ! (Mira la croce). (Lanusei). 

Mi pighit centu malis ! (Mi prendano cento mali). 

Mi calit unu tronu ! (Mi scenda un tuono [fulminejj. 

Mi occiant a unu corpu de balla ! (Mi uccidano a un colpo di 
palia). (ArbusJ. 

Sa fidi chi tengiu cun Deus ! (La fede che tengo [ho] con Dio). 

A m' istrunchint su zugu a goteddu * ! (Mi tronchlno U coUo 
col coltello). 

Chi tenga dannu! (Che tenga danno. (Cagliari). 

Mi occiant' a balla ! (Mi uccidano a palla). 

Chi m' impicchinti! (Che mi appicchino). 

Su boia m' isquartit ! (II boia mi squarti). 

Saluti. 

Ciau ! (Ciao). (Sassari). 
A vidczzi sani \separandosi\\ (A vederci sani). 
A zent' anni ! (A cento anni). 
Ben vinuddu ! (Ben venuto). 
Ben incuntraddu ! (Ben trovato). • 

Bon viaggiu ! (Buon viaggio). 

Lu chi zi bulemmu zi benghia ! (Quel che ci voglianio ci 
venga). 

Bona notti ! (Buona notte). 

Bona sera ! (Buona sera). 

Bona sera! (Buona sera). (Logudoro). 

Bonas dies ! (Buoni giorni, [buon giorno]). 

Saludu ! (Salute), 



* Accennasi airantico uso di far Icgare i condahnati su di un cavallOj e pot 
tarli in giro per il paese tra le beflfe e la irrisione e i suoni de sai corrtddas 
(cornete) della ragazzaglia. 

* II coltello non 6 arraa del sardo, e troviamo percib piii che unica Strana 
questa formula. 



Digitized by 



Google 



164 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Saludu meda ! (Salute molta). 

Tantos saludos ! (Tanti saluti). 

A medas annos ! (A molti anni). 

Deus ti lompat a sos intentos chi cheres ! (Dio ti [faccia] 
giungere airintento che vuoi). 

A nde faghere a largos annos ! (A fame a larghi [molti] anni). 

Saludu e fattu erettu ! (Salute e fatto dritto [buoni affari]). 

A bezzos mannos a sa gloria! (A vecchi grandi [decrepiti] 
alia gloria). 

A su cumplimentu [a tin fidan:(ato] ! (Al compimento). 

Isposa, cund' una bona cumpagnia ! (Sposa , con una buona 
compagnia). 

A su bonu saludu [bevendo con altri] ! (Alia buona salute). 

Bonn proe e saludu [bevendo] ! (Buon pro' e salute). 

Vida tua ! (Vita tua). 

Medas incumandas ! (Molte raccomandazioni). 

Comente V azis bidu naschere, lu idedas bogadu a lughe [di 
genitori d'lin neonato] ! (Come I'avete visto nascere, lo vediate tratto 
alia luce [illustre] ). 

Alvure bene nada (cun fruttures e cun fozas) crescat su chi 
ch' est nadu saludu a sa partorza ! (Albero ben nato con frutta e 
foglie cresca quello che qui e nato, salute alia puerpera). 

Deus nos lompat a un' atter'annu ! (Dio ci faccia arrivare ad 
un altro anno. 

Babbu diciosu [at genitori d'un neonato] ! (Padre fortunato). 

Mama diciosa ! (Madre fortunata). 

Giughidebos sa paghe [agli sposi] ! (Portatevi la pace). 

Bonos prinzipios e mezus fines de s' annu nou [il primo del- 
I'anno]! (Buoni principi e migliori fini dell'anno nuovo). 

I ont ses anant ? (E dove vai ?) (Alghero). 

Bonas dias ! (Buon giorno). 

Bonas taldas * ! (Buona sera). 

Adios! (Addio). 



» Saluto spagnuolo. Alghero 6 colonia catalana. 



Digitized by 



Google 



FORMOLE DI LMPRECAZIONI, ECC. IN SARDEGNA 165 

A la sarut [bevendo]. (A la salute). 

A zent' ans a na gusi de chescius dias! (A cento anni a [per] 
godeme di questi giorni). 

Ben vangut ! (Ben vcnuto). 

Bonas tardas ! (Buona sera). (Cagliari). 

Salluri, goppai ! (Salute, compare). 

A si biri a custu meri [prima di pran:(o] ! (A vederci a questo 
meriggio). 

In s' oghianu sezis ? [scaldandost al sole] ! (Neirocchio del sole 
siete ?) 

Friscurande sezis ? (Rinfrescandovi siete ?) [pigliate il fresco], 

A ue tuccas ? A igue ! (Ove vai ? Ivi). (Mores), 

A u andas ? A inncdda ! (Ove vai ? Di li). (Oschiri), 

E ite faghes ? Emmo e ite ? (E che fai ? Si e che ?) (S. Lus- 
surgiu). 

A nos bider sanos e liberados de male ! (A rivederci sani e 
liberi da male). 

A nde fagher atteros annos mezus ! ( A fame ;iltri anni 
meglio). 

Ghirende s^s ? A un' impergiu ! (Girando sei ? Ad una fac- 
cenda). (Mamoiada), 

Accobbos ! (Eccovi). (Pattada). 

Regaladeb6so ! (Rigalatevi). (Dtialchi). 

Tro ? Ei ? Gai ! (Tro ? Che ? Cosi). (Posada). 

Gai ? Ello, chistioninde ! (Cosi? Si, parlando). CBonorva). 

Pigand' dghera ? (Pigliando aria). (Gaioi), 

In foras ? (Fuori ?). 

Da ube gliiras ? (Dondc vicni ?) 

Restade cun Deu! (Rimanete con Dio). 

Tenidebos contu ! (Tenetevi [in] serbo). 

Bivat. (Viva)! (Lanusei), 

Siat cun saludi [bevendo'] ! (Sia con salute). 

Deus boUat a tottus [bevendo] ! (Dio voglia a tutti). 

Bonus principius e melius accabbus ! (Buoni principi e miglior 
fine). 



Digitized by 



Google 



1 66 ARCHIVIO PER LK TRADIZIONI POPOLARl 

D. Ave Maria [maitino] ^ ! (Ave Maria). (Marghim ed 0- 
gliastra). 

R. Grassia prena [mattina} ! (Gratia plena). 

2>- Laudadu siat Gcsu Cristu [sera] ! (Sia lodato Gesu Cristo). 

7^. Sempre siat iaudadu Isera] ! (Sempre sia lodato). 

D, Ave Maria — R, Grassia prena [tnattind] ! (Ave Maria — 
Gratia plena), (Campidano). 

D, Siei Laudau Gesu Cristu — 7^. Po sempri [sera] ! (Sia lo- 
dato Ges£i Cristo — Per sempre). 



" £ curioso wht i compari di battesimo salutino cosi rispettivamente le loro 
porte, jmche iappiano che entro casa non vi sia alcuno. La mattina rispondc 
loro la Vergine, la sera Cristo. Cosi almeno credono i Marghinesi. 



*•>» ^ "■*' h5~^"^'«^^ 



' Digitized by 



Google 




DELLA POESIA POPOLARE SARDA. 
APPUNTI. 



Poesia popolare«sarda - II « muttu » e il canto amebeo 

— Relazionetra i ((muttos», i «ciuri» e gl storaelli 

— Battorina. sua relsizione col (cmuttu» e col rispetto 

— « Attitu ». Sue forme. 




ON h mio intendimento diffondermi a parkre minuta* 
mente del contenuto delle battorinas, degli atftkn e del 
mtittos ect., che vengono pubblicati nella presentc rac- 
coltina ', come pure non mi trattengo a fare question! siille bro 
antichiti, sul luogo d'origine, suH'epoca, in cui fecero k loro com- 
parsa in Sardegna ^; scopo di queste poche linee 6 raccogliere al- 
cuni appunti , che forse non saranno affatto inutili per lo studio 



' Bscir^ in uno dei prossimi fascicoli ^^\V Archivio. 

* Chi desiderasse queste nozioni , per quanto potcrono essere fissatc colic 
raccolte di canti sardi, che finora sono a stampa, consulti la prcfaxionc ,ii Qmti 
popohiri amorosi raccolti a Nuoro da E. Bellorini; Bergamo, tip. Cactanco 1^95, 
Quanto alia struttura mctrica dci mnttos vcdi anche la prcfazionc ad Almni canti 
popolari nuoresi raccolti ed illustrati da Filippo Valla; Bergamo, Cattkineo [892 
ed il Sag^io di canti popoluri nuoresi del Bkllorixi: Bergamo , Cattiineo 1892' 
nella prefazionc. 






^^^^■Al^^ 



Digitized by 



Google 



1 68 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

della struttura metrica e per la illustrazione di alcuni dei detti com- 
ponimenti popolari. 

Anzitutto mi place notare il fatto strano , che mcntre fino a 
pochi anni fa eravi alcuno, che osava asserire, come in Sardegna 
non esistesse poesia verameute popolare, le recenti ricerche hanno 
provato ad esuberanza, come non solo si ha una poesia popolare, 
ma si ha abbondante, varia e gentile. A mantenere vivo e a dif- 
fondere lo strano errore hanno cooperate specialmente i Sardi stessi, 
pei quali i mtittos , le hattorinas e gli altri componimenti schietta- 
mente popolari non hanno valore di sorta; laonde quando venivano 
interrogati, se le loro ragazze, le loro donne cantassero poesie d'a- 
more, rispondevano, che queste cantavano sciocchezze, ma non vera 
poesia: giacch6 il sardo con quest' ultimo nome onora solamente 
le poesie popolareggianti ^ Ingannato da questa risposta ritomava 
nella sua Germania dopo una lunga peregrinazjpne nell' isola T il- 
lustre prof. W. Foerster coUa sconfortante persuasione che la Sarde- 
gna, (sola fra tutte le regioni) mancasse del fiore gentile del canto 
popolare *. • 

Ora invece, la Dio merc^, abbiamo piu liete e sicure notizie; 
grandissimo numero di muttos e hattorinas sono a stampe ed altri 
ancora se ne annunziano. 

II componimento piu divulgate, per quanto si pu6 sapere fi- 
nora, k certamente il muttu '. Questa parola etimologicamente non 



» Vedi a questo proposito un mio articolo Pel Foli-Jore sardo, in Vita Sarda, 
periodico letterario di Cagliari. Anno terzo, N. 2021, pag. 6 c segg. 

* Vedi ViTTORio Cian, in Fita Niiova, giornale letterario di Firenze, a. I, 
n. 26. Perb bisogna notare , come non fii mai di questa opinione il Pitr^ , il 
quale colla sua consumata pratica di cose popolari fin da 23 anni fa asseriva 
nelle Nuove Effemeridi siciliane, a. II, disp. VI- VII, pag. 315, anno 1870, e nel 
TO fasc. dclla Rhn'sta /rJolof^ica di Verona, a. I, che in Sardegna non poteva man- 
care il canto del popolo. E che egli non s'ingannasse lo provano chiaramente 
le recenti raccolte , che si sono fatte in un campo non ancora completamente 
esplorato. 

5 Scelgo la presente forma ortograiica , perche piu spesso corrisponde alia 
pronunzia in uso a Nuoro, perche s' acco-.la ineglio alia fomia.italiana di motto, 
che ne ^ la versione letterale, ed anche perche in forme non rizotoniche si hanno 
sempre i due // anche a Nuoro: es. muttadore. 



Digitized by 



Google 



DELLA POESIA POPOLARE SARDA 1 69 

fe altro che il corrispondente sardo della voce italiana motto e vale 
componimentino, ove si contiene: un solo piccolo pensiero, per lo 
pii amoroso , e che pu6 considerarsi come un breve saluto , un 
rimprovero ecc. che un amante rivolge aUHnnamorata o viceversa. 
Quando il muttu non ^ amoroso, per lo piu h di indole satirica, 
mordace: qualche volta h anche religioso. 

Se non m'inganno, il muttu originariamentc doveva collegarsi 
coi contrasti poetici, od almeno colla poesia amebea; e lo prova il 
fatto, che spesso si sente dire ancora adesso dalle persone che re- 
citano dei muttos: adesso dir6 la risposta al muttu, che or ora ho 
recitato. Eccone alcuni esempi : 

Muttu. Risposta, 

I. Torrende da* iscola II. Da* intro de Turinu 

Kim pak' e allegria Passi:(:(ad' unu moro 

M* incontro distrubbau. K* es kin d'una segnora. ^ 

Torrende da* iscola. Da* intro dc Turinu. 

Sa cara, bida mia, Sa bida tua cara 

Dego ti 1* appo nau, La suzzell* i ssu sinu ». 

K* er dad' a ti^i sola. 
• Lasciando da parte V isterria, che in tutti e due i muttos non 
ha che fare col resto, h evidente, che nelle due torradas vi ha una 
rispondenza di sentimento: mentre Tamante incontrando Tinnamo- 
rata per via o in casa, le dice, che le ha dato la sua vita, questa 
risponde, che ha intenzione di unire (presto) la vita dell*innamo- 
rato colla sua. 

Ma ecco un altro eSempio: 

Muttu, Risposta, 

I. Ite bellu sordau f II. I-ssupra sa ^entaha 

Ki ^enit a Ssardinna Poni^o sa cariasa 

A piccare s' armada Ki la do a-rregalu. 
Ca e-ssuperiore. I-ssupra sa 2>entana. 



> Recitatimi con mohi altri dalla signorina Maria Zave. Grandissima parte 
delle battorine nuoresi, che seguono, mi vennero dette dalla signorina Ignazia 
DessannaL Siccome essa ha grande facility a comporre muttos e battorinaSy cosl 
ho voluto controllare la popolaritd dei singoli componimenti man mano, che m 
venivano recitati ; di modo che la massima parte di quanto ora pubblico fu da 
me udita almeno da due bocche diverse. 

Archivio per Is tradi^ioni popolari — Vol. XJII. 22 



Digitized by 



Google 



1 70 ARCniVlO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

Ite bellu sordaii ! Ki nom posses im malu, 

Ki nom pata dolorc Si nom bi ghiro crasa, 

A Franziskinu Pinna Ki ja so forte e-ssanu. 

Nde mando s' imbassada 
De comente appo nau. 

L'innamorata col primo mnttii manda a pigliare notizie della 
salute deiramante, forsc perchi da qualche giorno non ne riceveva 
la visita: col secondo si tranquillizza V innamorata annunziandole, 
che r amante 6 sano , e clie essa non deve stare sopra pensiero, 
qualora il giorno scguente non venisse a farle la solita visita. 

Ecco un terzo esempio : 

Multu. Risposta. 

I. In s' oru de-ssu mare II. In s' oru de-ssu mare 

B' at unii rcttundu B' appo Hd' unu mortu 

In intro d' una cortc K' c biancu ke nnic 

Bi cantan su Tcdcu. Lu poncn' in gappclla 

In s' oru de-ssu marc. Li faken sor recreos. 
Ja li u preco a-Ddeu In s' oru de-ssu mare. 

Ca so de mala sorte Deo ja so resorta 

Culumbu de m' amare. D' aniare a ti^i bella, 

Kenza li u precare. * 

t tanta la dipendenza di questo muttti dall'antecedente, che non 
potrebbe esserne staccato , senza csso che diventi oscuro special- 
mente nelFultimo verso. 

Tra i tanti altri esenipi, che potrei trovare nel ricco materiale 
di canti da me raccolto, mi piace scegliere ancora quest' ultimo : 

Muttu. Risposta, 

I. Su Mussegnorc e Bosa II. Dae domo e Buttero 

Na-ssa missa cantada M' app' intesu sa missa 

In Nugoro in cresia. Cantu V an assistia. 

Su Mussegnore c Bosa. Dae domo e Buttero, 

Thuccau ja mi dia Kene Mder a issa 

No isc* a u/>' er dada ^ Sola mi disispero. 
A kircare a di'osa. 



* Rispetto alia torrada si noti, che deve cambiarsi il verso: D'amare a ti^^ 
bella, in: D' amare bella a-ttie ; per aver la rima con nnie, — Non sari inutile 
avvertire che con un simile cambiamento recreos rima con deo del verso : Deo 
ja so resorta. 

2 Mi venne detto che 6 voce di ugual signiftcato che di andaduy andata. 



Digitized by 



Google 



DKLLA POESIA POPOLARE SARDA 1 7! 

In quest'ultima coppia di fnnttos abbiamo rispondcnza non sola 
nelle due torradas, ove i due amanti manifestano Tardente loro dc- 
siderio di rivedersi, ma anche nell' isterria, che si svolge sopra il 
tema di una messa, detta (nel prinio) dal Vescovo di Bosa nclhi 
dttedrale di Nuoro, e udita (nel secondo) dalla casa di Boitero 
(un piemontese, che affitta vetture e cavalli nella citti di Nuuro), 

Temendo di provare piu che non occorra, tralascio di rit'crire 
altre coppie di muttos\ non posso per6 fare a meno di riportare la 
serie seguente , la quale rappresenta un dialogo avvenuto fni due 
amanti \ {¥, = Fimina (Donna). O, ^ Omine (Uomo)). 

I. F. Da' intr' e ssa ferrada D. Attraverso airinferriat.i 
Mi godd' unu cravellu ^ Mi colgo un garofano 

Lu do a ssa sirena 3. Lo d6 alia sircna. 

Da' intr' e ssa ferrada. Attraverso all'inferriat;!. 

Ke anim' in cadena (",om c anima in catena 

Im pagura so, bellu Temo; o bello mio, 

Ki non ti den' intrada. Che non ti ricevano (in ca&i). 

II. O, Colend' i-ssa posada •» U. Passando per la postuhi 
Mi sed' i-ssa cadrea s Mi scggo siilla sedia 

Paris kin d'unii moro Insieme con un moro 

E in i/'e mi frimmo. E quivi mi fermo. 

(Colend' i-ssa posada. Passando per la posudti. 

(r attera non d'istimo PerchC; altra non amo 

C attcra non d' adoro Perche altra non adoro 

M' ukkidu a nianu mea Mi uccido colla mano mia 

Si no mi dan intrada. Se non mi ricevono. 

III. F. Da' intro de ssa corte D. Dal cortile 
Ki ndc miro s' ebreu \'edo V ebreo 



* Un componimento simile ho gii\ pubblicato in Akuni canti popolari tiuo- 
rest, pag. 7. Prima ancora avevane pubblicato un altro, composto di sei m tithes, 
il sig. \'ittorio Cian nel suo Snsfc^io di canti popolari lo^ndorcsi. Palermo, coi tipi 
del Giornale di Sicilia, pag. 7-9. Ctr. pure ^^ Cian, Mar^^elto di niune-naune h- 
^udoresiy per nozze Solerti-Saggini. Torino, Bocca 1883, pag. 32-34. 

* Spagnolo clavel, 

3 L'amante, che attrae colla sua bellezza. 

4 AJheri^o, altra reliquia della doininazione spagnuola in Sardegna. 

s Ctr. piem. cadre^a (sedia) clie in alcuni luoghi dell'alto Piemonte dlventa 
cadrea^ come in sardo. 



Digitized by 



Google 



172 



archivio per le tradizioni popolari 



K' est in intr' e ss' istanzia, 
Ki causat ispantu, 
Ca er bene mudadu 
Su lu mirare bene. 

Da* intro de ssa corte. 
Ki deo so pro tene, 
Si non ti dan intrada, 
Celalu ' su piantu * 
Nom perda s' isperanzia, 
Nen lu prumitta Ddeus 
De ti dare sa morte. 

IV. 0. Sos amicor de Bono 
FalaA a Onidi 
In kerta de ssa sortc 3. 

Sos amicos de Bono. 
La suspendo sa morte, 
Si mi prumittir gai, 
Maccari nen ki nono. 

V. F. Sos prader de cumbentu 
Nan c' andan a rasare 

A ub* er Santa Rosa, 
Ca la sunu festende. 

Sos prader de cumbentu. 
Pro iskir' una cosa 
Nom b' a prur d' imbiare 
Tott' est a pessamentu. 

VI. O. Jant* eris una nue 
B' a-ffalad' i-ssu niare 

Ki sa barca s* annegata 
Ca b* a cuffus'ione 
C* ana mortu sor meres. 
Jant* eris una nue. 
Naraml a kie keres 



Che k nella (sua) stanza, 
Che fa meraviglia, 
Perch^ 6 ben vestito, 
II guardarlo bene. 

Dal cortile. 
(Ti dico) ch*io son per te (amo te), 
Se non ti ricevono, 
Nascondi il pianto 
Non perder .a speranza, 
N^ permetta Iddio 
Che tu ti uccida. 

U. Gli amici di Bono 
Scendono a Onifdi 
In cerca della sorte. 

Gli amici di Bono. 

Mctto da parte Tidea del suicidio, 

Se mi prometti cosi (se parli cosi) 

Scbbene (i tuoi parenti) dicano 

[di no. 

D, I padri del convento 
Dicono [dicesi) che vanno a pregare 
Dov' ^ Santa Rosa, 
Perch6 ne fan la festa. 

I padri del convento. 
Per sapere alcunch6 
Non occorre piii terze persone 
Tutto 6 col pensiero (bistail no- 
[stro pensiero). 

U. Icri I'altro una nube 
Scesc nel mare 
Ch(; la barca affonda 
Ch6 v' i confusione 
Ch6 inno ucciso i padroni. 

leri Taltro una nube 
Dimmi chi (tu) vuoi 



» CelaJuy forma poetica. 

* Piantu. Nota come i dittonghi tonici, e talora anche non tonici, nel nuo- 
rese si scindono su due sillabe. Quindi il nuorese dird piantu, grassiosu, hiancu 
ecc. Q6 succede non solo nella poesia ma anche nel linguaggio comune. 

3 Non so se sia casuale o studiata la ripetizionc: sorte e morte nel n. Ill e 
IV, e ferrada, posada, intrada in I e II. 



Digitized by 



Google 



DELLA POESIA POPOLARE SARDA 1 73 

Girch* altera pessone, Qualche altra persona, 

A babb' o mama mea Babbo o mamma mia 

Tr' app' a imbiare Ti mander6 

A kie keres tue. Chi vuoi tu. 

VII. F. Sar damar de Valenzia » D. Le dame di Valenza 

Arzian a ssa trona Salgono sul pulpito 

E preican d'improwisu. E predicano airimprowiso. 

Sar damar de Valenzia. Le dame di Valenza, 

Non ti picken pro risu Affinch^non si creda ad uno scherzo 

> Valencia ricorda evidentemente la dominazione spagnuola nelFisola: questo 
verso del resto ^ uno dei tanti stereodpati , che nella successiva formazione dei 
muttos ricorrono come materiale gid elaborate e pronto ad essere collocato a 
posto. Tal sorta di versi trovasi specialmente nella isUrria , dove possono stare 
le cose piu strane e disparate, purch^ servano alia torrada. Con ci6 non si creda» 
che la serie di muttos qui sopra trascritta sia molta antica, ch^ anzi h recentis- 
sima e non aflfatto popolare. La compose uno dei piii riputati poeti di Nuoro, 
Guiso-Moro Francesco soprannominato Pedassu , che me la dett6 insieme con 
moltissimi altri componimenti semi-popolari, frutto della sua musa. 

II Bellorini nella sua maggiore raccolta (pag, 194-195) riferisce per intiero 
quella serie di muttos, che egli qualifica col nome di contrasto. Forse il nome 
non ^ affatto proprio, non essendovi propriamente contrasto fra i due interlocu- 
tori n^ in principio n^ in fine per divergenza di idee (ch^ si amano entramb* 
di sviscerato amore) se si vuole avere idea di contrasto, bisogna ricorrere alPop- 
posizione,*che fanno i genitori della sposa. Altrettanto si dovrebbe dire degli 
altri muttos in copic, che comprendono le pagine 189^191; un contrasto vero e 
proprio si ha solamente in quella riportata al numero III, che incomincia cos\ : 
Petha V puddichinu. Ma lasciando queste piccolezze , dir6 come ho voluto ripro- 
durre per intiero questo canto amebeo per alcune leggiere varianti ed anche per 
far notare come in poco tempo questa poesia liberandosi del nome dell* autore 
ancora vivente, 6 entrata nel dominio della vera lettcratura popolare, giacch^ la 
persona, che la recit6 al Bellorini non ricord6 aflfatto il nome deir autore. Ci6 
vale a confermare sempre piii che la materia dei muttos, come scrive egregia- 
mente il Cian {Giornale storico della letter atura italiana, a. XI, fasc, 64-65, 1893, 
pag. 259-260) « t una materia duttile, pieghevole, nella quale ogni generazione 
lascib la propria impronta che , per quanto simigliante alle precedenti , non k 
identica con esse, e ad esse si sostituisce, e cosi via via e con un lavorio inces- 
sante di logoramento, di modificazioni, di allargamenti, di eliminazione e di at- 
trazione — eliminazione sovratutto degli elementi piu antichi degli ultimi venuti 
— p^rdono il loro valore, attrazione di elementi nuovi sovratutto della poesia se- 
midotta e importata, per ragioni storiche, incostanti e variabili, da altri paesi » . 



Digitized by 



Google 



174 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Manda pcssone bona Manda una buona persona 

Pro ti dare credenzia. Perch^ ti si presti fede. 

VIII. O. Jant' eris unu pride C7. leri Taltro un prete 

Fit adorande a Ddeu Pregava Iddio 

I-ss' artare mezore. AlFaltare maggiore. 

Jant' eris unu pride. leri V altro un prete. 

Ca er gai s* onore Perch^ cosi b onore 

Ti mando babbu meu Ti mando babbo mio 

Pro ti dare prur fide. Perch^ ti si dia maggior fede. 

Come provano gli esempi addotti, ancora oggi il muftu alcune 
volte h appajato o legato in un certo numero di paja , in cui si 
suppone un dialogo fra due persone, che ordinarianiente sono due 
amanti contrariati nei loro amori dai parenti o da altri ^ Con tutta 
sicurezza si puo afferniare, che la medesima cosa dovesse accadere 
anche nei tempi andati, anzi forse non andrebbe lontano dal vero 
chi dicesse, che nei primi tempi, in cui dal volgo si fece uso del 
muttu per esprimere gentilmente i propri sentimenti, questo non si 
presentasse mai, od almeno ben raramente, isolato. A questa con- 
clusione puo condurre la considerazione della persistcnza dci muttos 
in coppie o piii serie di coppie ed anche il nomc stesso, giacchi, 
una domanda, una interrogazione, una parola, un saluto rivolto ad 
una persona conoscente suppone quasi scmpre una risposta adeguata: 
ossia ad un muftu 6 logico che corrisponda un altro niutfu. 

Come poi sia invalso V uso dei muttos isolati , che ora (non 
v'ha dubhio) sono la massima parte, non 6 difficile spiegare : per 
mille circostanze diverse dipendenti dai luoghi , dai tempi , dalle 
persone incomincio ben presto qualche mnttu a perdere di vista il 
suo compagno , ed a girare per le bocche degli innamorati tutto 
solo soletto e pur sempre gradito, mentre Talato suo fratello ger- 
mano, anzi gemello, per altra strada corrcva al suo destino. II loro 
esempio dovettc ben presto esser imitnto ed ecco sorgere i nuovi 
muttos dispajati , solitari, quali ordhiariamente si odono ora sulle 
bocche del popolo. S' aggiunga , che a flivorire la formazione dei 



* Anche nei canto aniebeo i\\d citato (Valla, Alciini canti pop. ccc.) si tratta 
di un amore contrastato. 



Digitized by 



Google 



^'"«l«p>' 



DKLLA POESIA POPOLARE SARDA 1 75 

muttos spajati concorsc anclie la niaggior faciliti sia nella compo- 
sizione sia nel ritenerli a memoria, e si sari spiegato questo na- 
turale passaggio da una forma complessa ad una piu semplice. 

Veniamo ora a considerare questo componimento un po' piu 
da vicino. 

11 muitu fu giustamente accostato alio stornello toscano ed al 
ciuri siciliano. Ha pero in s^ qualche cosa di piu implicato e, direi 
quasi, di piu artificioso, che non s'incontra nei componimentini to- 
scano e siciliano; anzi si dircbbc quasi , che ciascun mnttii possa 
considerarsi come una serie di tre o quattro o piu stornelli secondo, 
che tre o quattro o piu sono i versi dQlVisterria, £ bensi vero, che 
il senso sostanzialmente non muta, quando si fanno le varie cambas 
le une appresso alle altre ; ma non si puo dire, che spesso dalla 
diversa giacitura del picdi di una lunga torrada , non risultino al- 
trettante sfumature di senso, che si potrebbero percio considerare 
come altrettante varianti, se non vogliono aversi in conto di com- 
ponimenti diversi, il che non sarebbe esatto. 

Un esempio schiarira meglio questo concetto. 

Isterria. Torrada, 

In su sogno m' iskido In su sogno m' iskido. 

Intro su bastimentu Andan in aumentu 

Ki ssas cadenar d'oro Sas penar dc ssu coro 

Sal loricar de nie. Cand* a ttie nom bido. 

In questa forma si suole trascrivere, ma a volerlo cantare e 
scrivere per disteso si dovrebbe riprodurre in quest'altro modo: 

Isurrui, 

lu su sogno m' iskido 
Intro su bastimentu 
Ki sass cadenar d' oro 
Sal loricar de nie. 

Torrada. 

I lu su sogno m'iskido (r verso deU'w/errw) 

r piede 1*^ s^^^^^ '^^ aumentu 

camha della tor- < ^, 

rjijji / Sas penar de ssu coro 

^ Cand' a ttie noni bido. 



Digitized by 



Google 



176 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

/ Intro su bastimentu. (2** verso dcWisterria) 

2" piede o 2- I c^^Q ^ ^^^ ^^^ bido 
camba della tor- { 

i-a^ja / Sas penar de ssu coro 

Andan in aumentu. 

^ Ki sass cadcnar d*oro. (3" verso dcU* isterria) 

K P'^'^n ^ 5' ^ Cand' a ttic noni bido 
camba della tor- 
rada / Andan in aumentu 

Sas penar de ssu coro. 

Sal-loricar de nie. (4" verso dell' isterria) 

r piede o 4* \ Andan in aumentu 
camba della tor- 
rada. j ^^ penar de ssu coro 

Cando non bid* a ttie ^ 

Considerando questo muttu, scritto nella sua forma coniplcta, 
facilmente si ravvisa la grande analogia, che ciascuna camba ha con 
uno stornello. II primo verso non ha, come anche nello stomello, 
nessuna analogia o relazione col pensiero seguente. Basterebbe ri- 
durre i tre versi seguenti ad endecasillabi e il primo ad un quinario, 
e si avrebbe una simiglianza perfetta. Del resto anche in Toscana 
si odono degli stornelli a versi tutti del medesimo numcro di sil- 
labe \ 



' Come si vedc , nelle diverse cambas della torrada si ha per primo verso 
uno deU'isterria, gli altri sono sempre gli stessi, sebbene disposti con diverso or- 
dine in modo, che I'ultimo rimi col primo. Nella quarta camba si ^ dovuto mu- 
tare leggermente il verso cando a ttie nom bido in cando nom bid' a His per aver 
la rima col primo della camba stessa Sul loricar de nie. Due simili cambiamenti 
fu notato, che debbonsi fare nel muttu riportato piii sopra, e che inconiincia a>i 
versi : 

In s* oru de ssu mare 
B* appo hid' unU mortu. 

* Eccone un esempio : ^ 

Quando passi di qui, passi cantando 
Ed io se sono a letto ti rispondo, 
Volto le spalle a mamma e sempre piango. 

£ da notare, che in questo stomello \i k relazione di senso tra il primo 
verso ed i seguenti. Piacemi aggiungere qui alcuni proverbi e alcunc iVasi, che 
si odono a Trapani e sono riportati dal Salomonc-Marino {Arch,, II, pag. irSj 
per qualche analogia, che possono avere con muttos satirici imperfetti : 



Digitized by VriOOQlC 

I 



1.^^- 



DELLA POESIA POPOLARE SARDA 1 77 

Considerando ancora le diverse cambe rispetto al senso, 6 fa- 
cile rawisarvi le sfumature, a cui accennavasi poco fa , e che ci 
autorizzano a considerare le tre ultime cambe come altrettante va- 
rianti della prima, da cui per6 non si scompagnano mai. 

Pertanto stringendo quanto si t detto della relazione del mfdtu 
collo stornello e col ciiiri^ pare, che il muttu possa essere conside- 
rato come uno stornello od un ciuri, che per6 pu6 essere presen- 
tato sotto divetse forme in grazia deH'artificiosa isterria, senza die 
perci6 muti sostanzialmente rispetto al senso. 

Qui sarebbe opportuno e facilissimo recare alcuni esempi di 
stornello o di ciuri, per far' risaltare meglio la loro grande analogia 
colle singole carnbas dei muttos : basterebbe aprire le raccolte del 
Tigri e del Pitrfe e si troverebbe un numero grandissimo di con- 
fronti. 

A noi basteri riportare il seguente stornello : 

Nel mezzo al mar, c'^ una barca di Turchi, 
Abbiate compassione giovinotti 
Ch^ lo mio amor k piu bello di tutti. * 

Si confronti colla prima camba del seguente muttu: 
Sar barcar de ssu mare 
Caminan de continu 
i\ contrariu ventu 
Cando no an paura. 



I. Tintazioni di fra Binidittu 
Quannu si vitti lu sceccu nna lu lettu. 

II. Sciatara e biddicu di jur^u 
Li beddi coma di Nicul^u. 

III. Nun 6 sempri chi la furtuna ajuta 
Vcni lu terapu chi v6ta la rota. 

IV. Da lu curtigghiu di Manfr^ 
Viditi quantu curtigghiari cc' k, 

V. Ficatu frifau, zinenu nettu 
Facci di trippa nun h difettu. 

* Anche in questo stornello (Tigri, Canti pop. toscani ecc, II, 274) il primo 
vers 3 ha un numero di sillabe uguale agli altri due versi che seguono; esse (con- 
sider! id 3 le singole cambe di un muttu come variant! di uno stornello) corri- 
sponderebbe al verso AdVisterria, ^ altri due ai versi della torrada. 

Archtvio per le tradixumi pepelari — VoL XIIL 3j 



Digitized by 



Google 



178 ARCHIVIO PER LE TRADEIONI POPOLARl 

Sar barcar de ssu marc. 
No sias coridura 
Attende a ssu lamentu 
De custu pelegrinu 
Chi morit pro t* amare ». 

Piuttosto fermeremo la nostra attenzione sopra quattro mottetli 
napoletani (ecco, stavolta, insieme coUa sostanza e forma poco dis- 
siniigliante, troviaino anche idcntiti di nonie). « 

Sono nella grande raccolta di Canti nieridionali ^ell' Imbriani, 
a pag, 254-255. Eccoli : 

E r annisL 
Si figliata mme dai, mama te chiammo. 

E via ! 
Cumare senza geniu 6 'ila pazzia. 

E core, 
Sciorillo de cetrangolo, allegro core. 

Fior di mortella, 
Mme parete 'na luna *mmezzo a 'istelle. 

Questi sono veri cinri cantati a Napoli e fatti in dialetto na- 
poletano, sebbene per i\ loro nomc ricordino piii da vicino i muttos 
sardi *. 

Ora veniamo a parlare delle battorinas. Gii il Bellorini ^ ha 
osservato come la hattorine in alcuni paesi del circondario di Nuoro 
i diffusissimo, mentre a Nuoro 6 in poco favore. 

lo voUi procurarmi un buon numero di battorinas^ che si can- 
tano in Mamojada (ove il mtittu t affatto sconosciuto) ed ho tro- 



» Raccolto a Bitti dal sig. C. Offeddu e pubblicato dal Bellorini {Canti 
pop. amorosiy pag. loi, N. 245). 

* Mi viene il sospetto, che qiiesto nome sia stato dato arbitrariamente, per 
quanto acconciamente, dalF egregio raccoglitore, e che , essendo poesiette molto 
rare, non portino in Napoli alcun nome specifico. Ad ogni modo anche ammesso 
questo, dalla denominazione dell' Imbriani si ha una prova indiretta della stretta 
relazione, di sopra notata, fra ciuri, stornelH e muttos; di piii si allarga il campo» 
nel quale crebbe e cresce questa gentil manifestazione della musa popolare, com" 
prendendovi anche il Napoletano. 

3 Canti popolari amcrosi, pag. 32. 



Digitized by 



Google 



DELLA POESIA POPOLARE SARDA 1 79 

vato ta^jti esempi di hattorinas corrispondcnti a nmUos nuoresi o di 
altri paesi, che ebbi a sospettare, come tra le due forme metriche 
popolari non vi sia sostanzialmentc quella grande differenza , la 
quale potrebbe credersi a prima giunta , il che 'trovcrebbe un cu- 
rioso riscontro in quanto avviene nella fiorcnte Toscana. Lo Schu- 
chardt nel suo bel libro , ovc studia gii. stornelli e le terzine to- 
scane \ parlando della relazione fra lo stornello ed il rispetto, pro- 
pende a credere che tra i due non vi sia differenza essenziale (pa- 
gina 6) e soggiunge: tanto k vero questo, che alcune volte un me- 
desimo nome serve in qualche luogo a designarli tutti e due. Non 
accade mai in Sardegna, per quanto si sappia , che si design! per 
tnuttu ci6 che i hattorina o viceversa, succede per6 bene spesso di 
trovare un muttu ridotto a battorina o questa a quella. 

Gli esempi, che si troveranno citati man mano in questa pic- 
cola raccolta, sono tali da togliere ogni dubbio a questo proposito. 
Ora siccome la battorina si pu6 facilmente avvicinare pel conte- 
nuto e per la forma al rispetto toscano, cosi si avrebbe una nuova 
conferma indiretta della teoria soprariferita dello Schuchardt : in 
altre parole, come tra battorina e muttu non vi 6 differenza sostan- 
ziale, cosi tra rispetto e stornello non passa un essenziale divario. 

N6 solamente la battorina si puo collegare ai rispetti toscani, 
ma le stesse kimbinas, le sestinaSy i rari componimenti di sette versi, 
c le ottadas, quando sono isolate e non fanno parte di una lunga 
canzone sono per lo piu veri rispetti. 

La forma piu frequente i certamente la battorina come quella 
che presenta maggior faciliti nella formazione e nell'essere tenuta 
a memoria. La battorina nuorese si distingue dalle altre in ci6, che 
ripete dopo il quarto verso il primo a guisa di ritornello mutando 
apparentemente la battorina in kimbina: questa particolariti della ri- 
petizione del primo verso di una strofa od anche di due versi (^n- 
secutivi, che hanno maggior attinenza col tema di una canzone i 



» Schuchardt (D.r Hugo), Ritonielle und Terzine, De^russungschrift der U- 
nivcrsitdt Halle- WiUenberg \um sech-^igjahrigen Doclorjubiluuvi des Hernn Prof. 
Dr. Karl Witte. Halle 1874, Nicmcycr, in 4". 



Digitized by 



Google 



^^^ 



1 80 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

cosa comimissima in Nuoro. La battorina di Orani, di Mtmojada 
e del .Campidano non ammette questa sorta di coda a guisa di ri- 
tornello, e, perch^ viene cantata a preferenza dalle donne, di rado 
riveste quel carattere di osceniti, che si nota nelle nuoresi, cantata 
per lo pill dagli uomini. Ci6 pero non toglie che possano trovarsi 
anche a Mamojada , Oraiti e hel Campidano battorine licenziose 
nello stesso modo che altrove si incontrano muttos di carattere tut- 
t'altro che onesto \ 

La battorina di Mancojada, come quella di Nuoro , ordinaria- 
mente si vale degli ottonari, talora, ma raramente, di endecasillabi; 
ci6 per6 non toglie, che con qualche frequenza si possa valere del 
facile settenario , il che avviene pure nel Campidano *. Inoltre 



» Alraeno cosl ^ Iccito giudicare dalle battorine mandatemi dal signor A. 
Paddeu da Mamojada, e contenute in questa raccolta, dalla oranese pubblicata 
dal Bellorini {Canti pop. atnorosi in nota pag. 67), che k una variante del muttu 
pubblicato da me (Alcuni canti pop. ecc. , pag, 10 , N. XVIII) e riprodotto con 
poche varianti dal Bellorini stesso (op. cit. , pag. 67, N. 103). Lo stesso fanno 
supporre le battorine campidanesi contenute in Arch, per le tradi^, pop, (v. pa- 
gine 241-244) e pubblicate dal prof. Randacio. 

* £ curiosa la battorina oranese mandata al Bellorini {Canti pop, atnorosi ecc. 
pag. 67 in nota), la quale ha il primo verso ottonario e gli altri settenari. Forse 
poteva essere accomodata in «questo modo : 

lu d' un' amada funtana 
B* atfl un' ambidda sola. 
Su faeddu sou mi sana 
E su risu mi cossola, 

cfir. le battorine pubblicate dal Randacio {Arch, p, le tr, pop, , V, pag. 241-244) 
che incominciano rispettivamente con « Warami no *dda his, Sa genti est impe- 
gnada, Is boixeddus fnius, Tres gravellus tres tr uncus, 'Un a «« m ww i. Bat, s'o- 
lis andai, Peppi e Giordi Frau, Pipius e pipius ». 

•Rispetto poi al componimento segnato col n. 2', dir6 che vi abbiamo una 
lampante conferma del passaggio tra muttu e battorina. Al raccoglitore infatd 
venne recitato il detto componimento nella seguente forma di sette vera: 

In sa mata e su spicu 
Canta su ressignolu 
Su com meu ^ piticu 
Nd capis tue solu. 



Digitized by 



Google 



DELL A POESIA POPOLARE SARDA l8l 

differisce da quella di Nuoro anche perchi piu spesso non presenta 
alcun legame tra i due primi versi e gli ultimi due, come deve sue- 
cedere naturalmente, se la hattorina di regola non e chc la forma 
parallela del muttu, Pertanto i due primi versi farebbero la fun- 
zion« deir isterria , gli ultimi due rappresenterebbero la torrada. 
Quando poi la forma parallela del muttii h la sestina, jillora i chiaro 
che la isterria e rappresentata per lo piii dai tre primi versi (di 
rado dai soli due primi) il resto sarebbe le funzioni della torrada. 
Mi sarebbe facile portare qui numerosi esempi a conferma di 
quanto ho detto finora; ma preferisco lasciare, che il lettore li ritragga 
da sfe nella raccolta , che segue per non rendere troppo lunghe 
queste tediose e minute osservazioni. 



Cantat su pappagallu 
Su coru miu ^ piticu 
*Nci capis a traballu. 

Qui trattasi evidcntcmentc o di due battorine, che tendono a diventare un 
muttu (muttettu come dicono in Campidano) o di un muttu , che tende a scin- 
dersi in due battorine. Per fare questo secondo passaggio, basta staccare i primi 
quattro versi, che sono una vera hattoriiia, ed aggiungere prima del verso « canta 
ssu pappagallu » la ripetizione del primo In sa mala e su spicu. Per avere il 
primo passaggio basta spostare il verso « canta ssu pappagallu » sopprimere la 
ripetizione del verso « su coru meu ^ piticu » ed il muttu 6 bell'e fatto. Eccolo: 

In sa mata c su spicu 
Canta su rusignolu 
Canta su pappagallu. 

In sa mata e su spicu 
Nee capis a traballu 
Su coru meu ^ piticu. 

Lo stcsso ragionamento- vale anche per i numeri I3.e 14, i quali o sono 
una coppia di battorine^ di cui una imperfetta, ovvero sono un muttu imperfetto. 
Riducendoli a muttu, avremmo 

Ostia e calixi santu 
E caraneglia e oru 
E sagrestanu e prumu. 

Ostia e calixi santu. 
Mi consumu su coru 
Bella, pro tui in plantu. 



Digitized by 



Google 



I §2 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Non voglio per6 tralasciare di acccnnare il modo, con cui un 
muttii trova la sua forma corrispondente nella battorina , nella se- 
stina e raramente ndVottada. Per lo piu basta togliere la ripetizione 
del primo verso delVisterria nella prima camba della torrada; cosi, 
se il muttu aveva una isterria di due versi, si otterri una batto%ina; 
qualora poi ne avesse tre, si otterri una sestina. 

Pertanto al seguente mnttu raccolto da me a Nuoro e pub- 
blicato con un verso di piii anche dal Bellorini (jCanti pop. amo- 
rosL n. 278, pag. 108) : 

Nostra Sennora bclla 
Cantu li deke ssu mantu ! 

Nostra Sennora bclla. 
Cando nom b' k ssu santu 
M* adoro sa gappella; 

corrisponderi la seguente battorina , mandatami da Mamojada dal 
sig. Paddeu con una leggiera variante : 

Nostra Segnora bclla 
Chi li dcghet su mantu, 
Cantu nom b* est su santu 
M' adoro* sa gappella. 

Al muttu seguente pubblicato dal Bellorini (ik, pag. 123, n. 345): 

Dami su muccarolu 
Pro ti lu sapunare 
lu ss' abba *e ssu nie. 
Dami su muccarolu. 
Comente des istare 
Senza bider a mmie 
I ssa campagna solu; 

corrisponderi la seguente sestina di Mamojada ': 

Dam mi su muccarolu 
Pro ti lu sapunare 
In s* abba de su nie, 
Comente appo a campare 
In sa campagna solu 
Senza bidere a tie ? 

* I componimenti, che non ho raccolti io stesso, ma mi vcnnero comuni- 
cati dalla gentilezza di altre persone li trascrivo quali mi vennero consegnati, 



Digitized by 



Google 



DEL A POESIA POPOLARE SARDA 1% 

Alcune altre volte, ma meno frcquentemente , si trnva un 
muttu, con un isterria di tre versi , in modo da formarc nnn ^iA 
ima sestina^ ma due battorine, die perci6 divariano poco fra Ji loro, 
avendo per necessiti due versi identici. Eccone un esempin, 

Al muttu seguentc : 

Fattu in' app* un aneddu 
Totu a preda biaitta 
E s' arra i\ ssa mama. 

Fattu mi app' un aneddu. 
Sos I'erros dc campanna 
Ei sa manu fritta 
A pizzinnu toccareddu; 

corrispondono le due seguenti battorine anch'esse di Mamo)ad;i: 

I. Fattu m* apo un* aneddu 
E s* arra fit sa mama, 

A pizzinnu tocarcddu 
Sos ferros dc campanna. 

II. Fattu m' apo un'aneddu 
Tottu a pcrda biaitta, 

Su pizzinnu tocareddu 
Jucat sa manu fritta ', 



sebbene sia chiaro che la' scrittura da loro addottata sia la tradiziofialc JcUo 
Spano. I nuoresi vennero invece trascritti secondo la vera pronunzi;^ xn/u ba- 
dare a riguardi etiraologici. Questa avvertenza serva per tutti i comfitmiinLnii 
contenuti in qO€sta raccolta. 

* Simili riduzioni in senso inverse si sono gia fatte in una delk in He .in- 
tedenti parlando delle battorine pubblicate dal Randacio (in Arch., \\ p.i«^ * 1 1 - 
244). A proposito di queste riduzione, ne fa gia un accenno il Bellfinni iCntfii 
pop. amorosi f pag. 33), il quale cos\ si esprime : « Anzi in questi due silLvg^i 
{Mamojada ed Or ant) k. affatto sconosciuto il mutu , e la baUoruia nt U coni- 
pletamente le veci , tanto che vi si trovano persino dci mutos evidentcinLn^c 
storpiati per ridurli alia forma di battorma. » Resta per6 a vedere sc mm ^ono 
piuttosto le battorine, che vennero storpiate per essere ridotte a mli/^^^, |{ t]t.ti- 
stionc che difficilmente potri per ora essere risolta con sicurezza di rt.uh;ui. 
Lo Schuchardt nel libro citato propende a credere alia derivazione del la tcr^^ina 
della quartina che presso tutti i popoli neolatini fu una delle forme pin intichc 
ed amate: perci6 nel caso nostro il muttu deriverebbe dalla battorim \d \ni\n 
modo adhuc sub iudice Us est. 



Digitized by VriOOQlC 

i 



184 • ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Aggiimger6 in fine come a MamojaJa si incontrano strofette 
di cmque ed anche di sei versi. Non t difficile , nella maggior 
parte dei casi con la ripetizione di un verso ritoccato o rovesciato, 
ridurre le prime a sestine e le seconde ad ottave : in questo modo 
ricadono nella serie ordinarie delle forme parallele di muttos, 

in. Attitos. Se vi e una regione italiana, che abbia piu tenace- 
mente conservato ed in parte conservi ancora, Tusanza delle pre- 
fiche, questa 6 certamente la Sardegna. Questo rito funebre indo-. 
europeo, che visse . fra tutti i popoli ariani, che si distendono dal- 
r India infino alia lontana Irlanda * , ha trovato in Sardegna un 
terreno molto propizio alia sua conserviizione nel carattere dell'i- 
solano. II Sardo in generale e amante e custode gelosissimo del- 
Tonore della propria famiglia ; una palla in fronte tocca a chi in 
qualche modo viene a turbare la tranquilliti delle pareti domestiche 
col togHere V onore o col fare altro sfregio a qualche membro 
della famiglia stessa. E se la palla non puo colpire V audace, che 
ha commesso la mancanza, dovri colpirne i figli giu giu fino alia 
settima generazione, se non fe possibile nella seconda o terza. Ora 
quest'odio e saputo alimentare in mille modi: uno di questi h Vuso 
delle prefiche *. I non rari omicidi, che avvengono anche presente- 
mente, ma piu spesso si commettevano nel passato, davano occasione 
alle prefiche e dir mille ingiurie ad attizzar Todio contro il vero o 
presunto ferltore con mille insinuazioni e con mille calunnie. Da ci6 
ne veniva, che i malaugurati odii di famiglia divampavano piii ardenti 
ed i delitti si moltiplicavano. L' autoriti ecclesiastica a reprimere 
sifatti inconvenienti commino pene severissime contro le prefiche 
smorzandone ma non distruggendone affiitto V uso. Sembra , che 
specialmente nella circostanza di morti violenti improvvise, il 
Sardo ami di sentire qualche voce femminile , che ricordi il pas- 
sato del defunto , ravvivi la memoria delle vessazioni patite per 



* Cfr. De Gubernatis Storia comparata degli usi funebri in Italia, Seconda 
edizione. Milano, Fratelli Treves, 1878, pag. 57. 

* Per le prefiche cfr. S. SALOMONt-MARiNO in Nuove Effevteridi Siciliane, I, 
pag. 20 e segg. Cfr. pure il Mango {Arch, vol. VII, fasc, III-IV, pag. 425-426): 
ivi si park pure dei mutetusy goccius ecc. ecc. 



Digitized by 



Google 



DELLA POESIA POPOLARE SARDA 185 

opera di suoi nemici , e mantenga inalterato quell' odio contro di 
loro che spingera piu tardi a qualche altro terribile delitto di rt- 
vanche: perci6 si aprono le porte alle strida , agli urli , agli omei, 
ai canti disperati delle prefiche, che si sqtiarciana co' denti le bianche 
pe:(^^uoley ch' ha ciascnna, si graffiano e sterminano le guancie... si dis- 
sipano in larghissimo pianto. Altre si ahhandonano sulla bara , altre 
si gitiatjo ginocchioni , altre si tramanano per terra , si rotolano sul 
pavimento, si spargon di polvere; altre , quasi per somnw dolor dispe- 
rate, serran le pugna, strabu:^:^an gli occhi, stridono i denti e con faccia 
oltracotata sembran minacciare il cielo stesso. 

Cosi il Bresciani nei suoi Usi e costumi della Sardegna descrive 
gli atti delle prefiche in sul primo entrare nella stanza ove giace 
il cadavere. La descrizione 6 cosi bella e viva , sebbene forse un 
po' troppo colorita e caricata, che non voglio defraudare il lettore 
del rimanente. Dopo d*aver detto che, premessi questi atti, le prefiche 
si ritirano tacitume lungo le pareti della stanza continua al morto 
« .... mettono il viso in seno e contemplano cogli occhi fissi nel cataletto. 
In quello stante una in fra loro, quasi tocca e accesa da un improwiso 
spirito prepotente, bal:(a in pii, si riscuote iutta nella persona, s'anima, 
si ravuvua , le si imporpora il viso , le scintilla lo sguardo , e voltasi 
ratta al defunto, un presentaneo cantico intnona..., Questi canti June- 
rali sono dalla prefica declamati quasi a guisa di canto con appoggia- 
ture di ritmo e intrecci di rima e calore di affetti t robuste:^a d'im- 
magini, scelu^a di frasi ecc. 

Le prefiche \ parte per le severe pene ecclesiastiche che le 
colpiscono, parte perchi gii incomincia ad essere meno apprezzato il 
loro mestiere scemano lentamente, e a poco a poco scompariranno 



' Ad attizzare antichi odii non scrvono solamcnte le prefiche: vi sono come 
dissi sopra , mille altri modi. Non voglio per6 omettere di accennare il se- 
guente, che mi pare caratteristico. Ad una poyera donna avevano ammazzato con 
un colpo di fucile il marito: essa ne conservava la camicia trapassata dalla palla, 
^d ogni giorao la distendcva davanti agli occhi d' un suo figliolino , che aveva 
avuto dairucciso stesso, e diceva: ricordati che tuo padre fu ucciso dal tale del 
tali: ecconc la camicia, ecco i fori fatti dalla palla, ricordati che quand" V et^ 
te lo permetterii dovrai vcndicarlo. 

Archwio ptr U tradizioni popolari ^ Vol Xlll. 24 



Digitized by 



Google 



■ 



1 86 ARCHIVIO PER t.E TRADIZIONI POPOLARI 

afFatto. Restringendomi a parlare della Barbagia, la regione ove meglio 
se ne conserva Tuso ed ove si potrebbe fare la piu ampia raccoka 
dei canti delle prefiche b certamente il territorio ove sorgono iso- 
lati ma pittoreschi i paest di Bitti e Orune. I loro abitanti hanno 
conservato alcun che di altero, di fi ero nel portamento stesso : e 
siccome solo da poco t empo contano ampie e comode vie di co- 
municazione con Nuoro , cosi conservarono piu che altri isolani, 
una tinta di selvatico, di fiero, di m*Yziale sotto ogni rispetto. Non 
^ pertanto da far le meraviglie se li piii difficilmente si riusci a 
strappare il canto funebre , r infocolatore di odi antichi e recenti. 
Vattitu ordinariamente toglie ad imprestito dal miitiu la strut- 
tura metrica. Piu spesso per6 anche quando si presenta sotto I'ap- 
parenza di tnuttii ha una torrada di un sol verso preceduta da una 
isterria ordinaria. L'unico verso della torrada b siffattamcnte com- 
posto, che, sconvolgendone V ordine, deve bastare per rimare con 
ciaiscuno dei versi dell' isterria. Di tal forma singolare ve ne sono 
alcuni che non sono attitos ma veri inuttos, Eccone una di carat- 
tef e sacro : 

Tricu zizilianu 
Basolu e Ssindia 
Costanz' orostanesa. 
Tricu zizilianu. 
Ostia pesa mmanu '. 

II poeta, gii sopra ricordato, Francesco Guiso-Moro detto Pe- 
dassu, mi assicur6 che quando i tnuttos hanno questa forma e non 
hanno carattere funebre, sono detti tnuttos de triulare (=muttos usati 
neWaja quando si trebbia il grano) *. 



* Favoritomi dal sig. Fr. Pirari di Nuoro con variante gii pubblicata da 
me (Alcuni canti ecc, pag. 14, n. LII). Un'altra variante k Tricu e Campidanu: 
per aver la riraa con « Sindia » si fa: Ostia pesa mmanu mia. 

* I muttos sono cantati q^uasi sempre dalle donne: per6 vi sono circostanze, 
in cui a loro si uniscono anche gli uomini. Durante la mietitura le giovani 
nuoresi vanno coUa loro fake a mietere insieme coi maschi, ed allora si fanno 
nuovi muttos o si recitano quelli che gid si sanno: spesso accade che una fem- 
mina ne canta uno a cui risponde un uomo con un altro. Lo stesso avviene in 
altre circostanze. D' altronde p^ima delle trebbiatrici a vapore o della grossa 



Digitized by 



Google 



-qpr.. 



DELLA POESIA POPOLARE SARDA 1 87 

Uattitu, quando non si vestc della forma metrica del muttu, si 
presenta sotto la forma di una serie piu o meiio lunga di distici 
settenari od anche, ma forse piu di rado, ottonarii chc rimano tra 
di loro, o fanno solo assonanza o consonanza. 

Un bel attifu in quest'ultima forma i riportato dal Pitr^ nei 

suoi « Studi di poesia popolarc » , nel vol. Ill della 'Biblioteca delle 

tradi:;;^. pop. sic, pag. 397. Ciascun distico ^ come uno sfogo del 

dolore, ed un ricordo dei pregi delle virtu dell* estinto. Non sari 

inutile notare a questo proposito come, in genere, nella poesia po- 

polare sarda quando si tratta di lodare una persona, si eleva a di- 

rittura alle stelle attribuendole qualita e doti soprannaturali: il ro- 

vescio invece accade quando si vuole biasimare. Queste iperboli 

strampalate, queste frasi le quali, perche dicon troppo, non dicono 

niente, forse sono un etfetto della lunga dominazione spagnuola nel- 

Tisola \ 

FiLippo Valla. 



pictra, che, tirata dai buoi, fa Tufficio dei rulli di legno del contincnte, usavano 
i Nuoresi conliccarc nel bel mezzo delPaja un grosso palo di legno , a cui rac- 
coniandavano una corda , che era lunga quanto il semidiametro dell' aia stessa. 
Alia corda erano legati cavalli che, caminando in tondo pcstavapo colle zampe 
ferrate le spighe arse dal solleone. Vicino al palo stava un contadino , che col 
cadenzato canto dei inuftos esortava i cavalli a fare il giro in fretta: questa cir- 
costanza dava occasione alia composizione di nuovi canti , i quali, ripetuti dagli 
altri, che attendevano ai rimanenti lavori della trebbiatura, entravano a far parte 
del patriinonio poetico . popolare. (F. Valla, Alaini canti ecc. , pag. 6 in nota). 
* Avvcxto che quanto ho detto degli attitos vale solo per la Barbagia, non 
conosccndo io attitos di altre regioni. Lo stesso dicesi di altre particolarit*^ in- 
tomo ai muttos ed alle baltorine, eccetto il caso in cui io stesso accenni csplicita- 
mente ad altre regioni. 



■'>' K^. .*:— ^4^ 



Digitized by 



Google 




LU CUNTU 
DI LI TRI ARRIGORDI LASSATl PRI TISTAMENTU. 

NOVELLINA POPOLARE SICILIANA 
RACCOLTA IN ALCAMO. 



fg^ 


M 


fc^'l 



A vota c'era un patri c un (igghiu: la matri avia mu- 
rutu. Un jornu lu patri cadiu malatu; e ci dissi a s6 
figghiu: — « Peppi, sa' chi haju pinsatu ? Jeu sugnu vic- 

chiareddu. Pri lu cusa, va chiamami a lu nutaru; annentin6 , pri- 

mu di dari rarma a Diu, fazzu tistamentu ». 

— « Chi jiti diccnnu, patri ? » arrispunniu lu figghiu. « Spi- 
ramu a lu Signuri chi stassivu bonu ammanammanu ! Ma poi , 
forti chi jeu sugnu un figghiu sulu ed autri parenti *ntrisichi 'un 
ci n'i, chi tistamentu aviti a fari ? » 

— « No, figghiu: » ripricau lu patri, « vogghiu lu nutaru. » 
Peppi, pri cuntintari a s6 patri, ci lu chiamau. 

— « Sintemu, chi haju a scriviri ? » dissi lu nutaru assittinnusi 
a lu capizzu di lu malatu. 

— a Vossa scrivi : Lassu lu luchiceddu, chi haju a lu voscu 
d'Arcamu, a m^ figghiu Peppi. » 

— « Appressu. » 

— « Ci lassu puru un sacchiteddu di dinari, chi su' ammuc" 



Digitized by 



Google 



LU CUNTU DI LI TRI ARRIGORDI ECC. 1 89 

ciati 'ntra lu luchiceddu , sutta lu primu peri di aliva , allatu lu 
pagghiaru. » 

— « Appressu. » 

— « Ci lassu finalmenti tri arrigordi... » 

— « Tri arrigordi ? » dissi lu nutaru rirennu. 

— « Sissignuri. E su' chisti: primu, nun cunfidari cost a mug- 
ghieri; secunnu, 'un fari beni a viddani ; terzu , nun jiri a start *n 
terra appatrunata. n 

— « C'i iutru ? » 

— (( Nonsignuri. Chistu h lu nieu tistamentu; ed ora, chi Thaju 
fattu, si moru, moru cujetu. » 

Passati pocu jorna, lu vicchiareddu niuriu. Lu tigghiu (maiicu 
a dillu !), la prima primura chi appi, fu chidda di jiri a circarl li 
grana. 

E li truvau. Ma, com'cra ancora senza spiricnza, *ntra quatiru 
botti si li squagghiau. 

Arridduttu senza un tirdinari, pinsau di ghiustu di vinnisi iu 
luchiceddu. A travagghiari 'un c'era 'nsignatu tant'assai !... 'Ntempu 
di nenti, li dinari di lu locu si li quarquariau miremma; e si tru- 
vau arreddinovu a vintitri uri e tri quarti. 

AUura, chi fici ?, pinsau di jirisi a 'mpiari a Casteddammari 
'nni lu Principi, chi a dd'epica era lu patruni di lu paisi. E lu iiii- 
siru a suprastanti. 

A tcmpu di la ricota, cumu Tannati eranu tinti, c a li puvu- 
reddi, chi avianu avutu la terra a burgisi, pagannu lu patruni , si 
tratta chi *un ci arristava nenti ; lu Peppi, ch' era bon cori , a \:\ 
*mmucciuni , a cu' ci arrigalava 'na sarma , a cu' dui , a cui tri 
sarmi di furmcntu: e nun c'era viddanu chi di ddu suprastanti ni 
putia diri mali. 

Cu lu Principi lu Peppi era rispittusu c sirvili, e pri diftnnilu 
s'avirria fattu scippari la testa. Lu patruni, pri affiziunarisillu met;- 
ghiu, pinsau di maritallu cu 'na figghia di 'n :\utru 'mpiatu di hi 
s6 casa: 'na bedda picciotta, chi si chiamava Catarina. 

Lu Principi avia un pappagaddu, e lu vulia estremu beni. Stu 
pappagaddu era lu s6 spassu, lu s6 diliziu. Canuscia la vuci di lu 



Digitized by 



Google 



190 ARCHIVIO PER LE TRADIZlONI POPOLARl 

patruni macari di luntanu; ed era 'nsignatu di 'na ' manera , chi 
quannu lu Principi ci jittava un friscu particular! , iddu vulava e 
ci jia a pusari supra 'na spadda. 

Comu vinni la primavera, lu Principi, 'dd'annata, si ni jiu a 
villiggiatura 'ncampagna cu tutta la s6 fiimigghia c cu la sirvitu : 
'ntra lu palazzu ci lassau a Peppi e a Catarina, c ci raccumannau 
'n particular! lu pappagaddu, 

Un jornu Peppi dissi 'ntra d'iddu: — Ma sa pirchi la hpn'ar- 
muzza di me' gnuri patri mi lassau 'ddi tri rigordi ?... Lu fattu sti 
chi jeu havi quasi un annu chi sugnu cu me' mugghieri, e 'nsina 
a la prisenti jurnata 'un n'haju avutu chi diri; haju fattu beni a vid- 
dani , chi ci haju arrigalatu tantu furmentu, e 'un n' haju avutu 
mancu chi diri; sugnu 'n terra appatrunata, c 'un mi ni pozzu la- 
mintari ne picca n6 assai. E clii sacciu ? Pensu chi me' patri, re- 
quiamaterna a I'armuzza sua ! quannu addittau 'ssi arrigordi sdilli- 
niava... Ma, cu tutti sti cosi, vogghiu pruvari ! 

E chi cumminau ? Si ni jiu 'nni un s6 cumpari Sanciuanni , 
mastru varveri, chi avia un pappagaddu cunsimili a chiddu di lu Prin- 
cipi , e ci dissi : — « Cumpari , m' aviti a fari un piaciri singa- 
liatu. » 

— « Chi vuliti, lu cumpari ? parrati ! 

— « M'aviti a vinniri lu pappagaddu ! » 

— « Lu pappagaddu ?.. 'Ntra nuatri chi c'e bisognu di parrari 
di vinniri ? Cumpari Peppi meu, lu pappagaddu vuliti ? lu pappa- 
gaddu 6 vostru !... Ma, s'6 licitu, pirchi vi servi ? » 

— « Appressu vi lu dicu. Pcro m'aviti a fori 'n autru pinciri T » 

— « E quali ? » 

— « Jeu portu lu paggagaddu di lu Principi ca 'nni vui, e vui 
I'aviti a guardari e iiiantiniri megghiu di lu vostru 'nsina a quannu 
havi a viniri lu tempu di dariccillu. » 

— « Chissu e nenti ! » arrispunnlu lu cumpari. 

Comu turnau a lu palazzu , Peppi canciau 'ntra la gargia lu 
pappagaddu di lu Principi cu chiddu di lu varveri, e poi a lu var- 
veri ci jiu a purtari chiddu di lu Principi. 

La sira ci dissi a so mugghieri: — cc Catari', sa' ch'liaju pin- 



Digitized by 



Google 



LU CUNTU DI LI TRI ARRIGORDI ECC. I9I 

satu ? Ora ammazzu lu pappagaddu e lu fai a stufatu, pirchi dici 
chi la carni di li pappagaddi a stufatu veni duci comu lu meli ». 

— « Chi diciti ? » arrispunniu la mugghieri. « E a lu Principi 
cu' ravirria a s^ntiri ? » 

— «A lu Principi ci diceniu chi muriu d'iddu e d'iddu)). 

— « Nenti, maritu nicu ! Nenti ! Nun v'arrisicati ! » 'ncumin- 
ciau a fari la povira mugghieri. 

Ma Peppi attistau. Si jctta pri la gargia, afferra Ju pappagaddu 
e ci stira lu coddu... 

Lu 'nnumani la Catarina custritta fu ad apparicchiariccillu, c 
a lu menzujomu Peppi si liccau Tugna. 

Jemu a lu patruni, chi, quannu turnau di la villiggiatura , lu 
primu pinseri chi appi, fu cliiddu di lu pappagaddu. 

— « Peppi, lu pappagaddu 'unn' e ? » 

— <( 'Ccillenza, lu pappagaddu... muriu ! » 

— « Comu ? muriu ! ? » 

— « 'Ccillenza, si ! Quinnici jorna 'nnarre, 'na sira era tuttu 
accufurunatu; 'un vosi manciari chiu ; lu po' 'nnumani accuminciau 
a sbattiri li peri, e 'ntra un viriri e sbiriri inunu. Si sapissi chi col- 
lura chi m' haju pigghiatu !... » 

Lu Principi si ni jiu *ntra 'n' dutra stanza *nguttumatu di mala 
manera. 

Ma Peppi vulia pruvari puru a s6 mugghieri. E la sira attaccau 
Uti apposta. 

— « Oh, ch' e affumata sta minestra ! » 

— « Com'fe, affumata ? » 

— « 'Unca 'un lu senti chi lu fetu di lu fumu si 'mpesta , 
'nciunnatazza ? » 

— « Vu' faciti fetu, pensu !... » 

Bam!... — « TeM 'nsignatiUu a parrari », dissi Peppi cafud- 
dannu 'na miebbostra a la rivirsina. 

Com' appi la boffa, la mugghieri 'un ci vitti chiu di I'occhi. 

— « A mia timpulati ?... E si, chi v' haju a fari pigghiari un 
rizzu comu 'na cofta ! Ora ci 1' he jiri a diri a lu Principi chi fu- 
stivu vui chi rammazzastivu apposta, pri manciuniarivillu, lu pap- 
pagaddu ! Ora ora, v' haju a fari a vidiri !... » 



Digitized by 



Google 




192 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

E, dittu fattu, addrizza pri la scala di lu Principi, trasi, e ci 
va a cunta pani pani vinu vinu. 

Vulistivu vidiri ? Lu Principi addivintau 'na furia 'nfirnali. 

— Comu ! St' ardiri appi, di ammazzarimi lu pappagaddu pri 
manciarisillu ? Chista i la ricanuscenza chi m* havi , doppu untu 
rispettu chi jeu ci haju purtatu ?... Ma ora ni vogghiu sudisfa- 
zioni ». 

Subitu dji' sbirri jeru a 'ttaccari a lu poviru Peppi, e lu pur- 
taru a la prisenza di lu patruni. 

— « Birbanti ! » ci dissi lu Principi. «Annunca tu avisti Tar- 
diri di ammazzari lu mcu pappagaddu e manciaritillu ? » 

— « No, 'Ccillenza, 'un 6 veru ! » 

— « Comu 'un h veru, si mi V ha dichiaratu to mugghieri ? » 

— « Nun h veruj 'Ccillenza ! Me' mugghieri nun sapi la vi- 
riti ». 

— « Ah, birbanti, birbantuni ! 'Ncinciu di cunfissari e duman- 
narinii pirdunu , tu neghi cu tanta facci tosta ?... Beni , si facissi 
giustizia ! A morti ! a morti 'ntempu vintiquattr' uri !... » 

A la sintenza di lu Principi nun c* era appellu. Lu 'nnumani 
matinu fu cunzata la furca davanti lu sb palazzu. Peppi si cunfis- 
sau e cumunicau dintra lu casteddu. Lu doppu manciari a vintu- 
n'ura, mischinu!, s'avia a fari la s6 festa. 

.A I'ura distinata, 'ntra lu chianiuleddu di lu palazzu c'era 'na 
pupulazioni strasordinaria. Peppi, attaccatu comu Gesu Cristu, era 
'ncapu lu tavulazzu di la furca... Lu Principi, affacciatu a un fini- 
struni, si gudia la vista. 

Ma avia sunatu vintun' ura e un quartu, e di eseguiri la sin- 
tenza ancora 'un si ni parrava. 

— « Pirchi stu ritardu ? Pri chi ammanca ? Chi s' aspetta ? » 
dicianu la genti. 

Ammancava pri lu boja; chi ci avia pigghiatu 'na frevi di ca- 
vaddu e 'un avia pututu susirisi di lu lettu. 

Lu Capitaniu allura si vutau cu lu populu e dumannau si c'era 
quarcunu chi vulia fari di boja. 

— « Jeu ! jeu ! » gridau botta 'ntra botta un viddanu ddi pri- 



Digitized by 



Google 



/^3 

LU CUNTU DI LI TRl ARRIGORDI ECC. ^:^ 

senti. E acchianau 'ncapu lu tavulazzu e pigghiau la corda pri 'n- 
cuddurialla a lu coddu di lu disgraziatu suprastanti. 

— « Un mumentu ! » dissi Peppi. E, vutinnusi cu V occhi a 
lu Principi, sicutau : — « 'Ccillenza, 'mpirmetti chi primu di m6riri 
dicissi dui palori ? » 

— « Parra ! » arrispunniu lu Principi. 

— « Annunca jeu ci fazzu accanusciri chi vaju a la morti 
'nnuccenti; e ci ni dugnu li provi. Lu pappagaddu di S6 'Ccillenza 
nun Tammazzau ni jeu ni iutru, e mancu i mortu. Lu pappagaddu 
di S6 'Ccillenza i sanu e chinu di vita , e si trova 'mmenzu sta 
pupulazioni. Lu chiamassi, 'Ccillenza, lu chiamassi cu lu sb solitu 
friscu, e videmu si dicu la viriti ! 

Lu Principi , a stu discursu , 'ncuminciau a ciusciari pri la 
rabbia; ma poi riflittiu e rispusi : 

— a Videmu ! » 

E fici lu friscu chi sulia fari a lu pappagaddu. 

A ddu friscu, chi vidistivu ? Un pappagaddu vola, vola, vola 
e va a posa supra la spadda dritta di lu Principi. 

Ed era veramenti lu sb pappagaddu. Pirchi lu Peppi avia man- 
natu ad avvirtiri cu lu cunfissuri a so cumpari lu varveri, di pur- 
tari lu pappagaddu ddi 'ntra lu chianiulcddu e lassallu jiri quannu 
lu Principi jittava lu friscu. 

— « Grazia ! grazia ! » gridau allura la pupulazioni. 

E lu Principi , chi canuscia lu sb pappagaddu a pilu di cu- 
nigghiu, avennu vistu chi lu suprastanti avia dittu la viriti, cu la 
vucca risulenti arrispunniu : 

— « La grazia i fatta !... Ma tu pirchi vulisti dimustrari U 
to 'nnuccenza all'ultimu mumentu ? » 

— « 'Ccillenza, ora vegnu e mi 'spreu; e chiddu chi dicu sir- 
vissi pri regula a tuttu lu populu... Signuri mei, aviti a sapiri chi 
la bon' arma di mi patri mi lassau pri tistamentu tri arrigordi : 
<r Nun, cunfidari cost a mugghieri; nun fari beni a viddani; nun jiri 
a stari 'n terra appatrunata », Jeu vosi pruvari si I'arrigordi di mi 
patri eranu giusti. E li provi clii n' haju avutu su' chisti : primu, 
cunfidavi 'na finta mancanza a mi mugghieri, e dda bedda gioja, 

Archivio per U iradiiioni popolari — Vol. XIII. 25 



Digitized by 



Google 



194 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

pri avirici datu 'na timpulata, fu pronta a manciarisi la meccia e 
mi stava facennu appizzari la pcddi; secunnu, stu viddanu, a cui jeu 
oggi airannu a la ricota ci avia arrigalatu 'ncapu du' sarmi di tur- 
mentu, ora vulunteri e cu tantu piaciri mi stava facennu di boja; 
terzu, truvdnnumi 'ntra sta terra appatrunata, So 'Ccillenza, clii haju 
sirv'^utu cu tantu amuri e cu tanta fidilti, pri un pappagaddu, senza 
s6ntiri n^ ragiuni nh piatd, gii m' avia cunnannatu a la morti !... 
Signuri mei, aviti 'ntisu ? Vi sirvissi pri 'nsignamentu ! » 

(Alcamo, 8 genmiio 18(^4). 

Francesco M. Mirabella 

r.jccolsc. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Questa novella vuolsi ravvicinare a quella di Salardo nelle Tredici piacevoH 
Notti dello Straparola, notte I, fav. J": « Salardo, figliuolo di Rainaldo Scaglia, 
si parte da Genoa e ya a Monfcrrato, dove fa contra tre comandamenti del pa- 
dre, lasciatigli per testament© c, condannato a morte, vien liberato, e alia sua 
patria ritoma. » 

I consigli sono : 

I.* Non confidar segreto alia moglie ; 

2.® Non allevar figli altrui; 

3.0 Non ti sottoporre a Signore, 

Al medesimo tipo appartiene il n. LXXIII dei Cento Racconti di Michele 
Somma : Non disprenare h massitne fondate sulle speran^e (= esperienza). Le 
massime lasciate da un padre al proprio figliuolo, sono queste: 

i.° Non allevar e figli altrui; 
2P Non farsi compare qualche hirro ; 

3.0 Non confidar e i suoi occuUi segreti alia moglie, 

Un riscontro siciliano di Palermo leggesi nelle mie Fiabe , Novelle e Rac- 
conti pop. siciL, n. CCLII ; e le massime sono rappresentate dal titolo della no- 
vella: 

Sigretu a fimmini 'un cunfidari; 

Cumpari sbirri *un pigghiari; 

Casa cu prhila *un adduari, 
Questa medesima novella leggesi in italiano nei miei Proverbi sidliani, vol. IV, 
p. 124. 

Questi i paralleli popolari, se pure quello dello Straparola non viene diret- 
tamcnte da fonte letteraria. Pure bisogna tener conto dei seguenti altri riscontri: 



Digitized by 



Google 



• • 



LU CUNTU DI LI TRI ARRIGORDI ECC. 19 J 

t° Sacchetti, Novelky n. 15: « Un giovane sancsc ha tre coixjandiiniL^Dti alb 
morte del padre; in pocoteinpo disubbidisce; e quelle che ne seguita.n—i.^ Ceni 
Noiwelles , n. LII : Les trois monuments. Questa novella fu presa da quel la del 
Sacchetti, ed imitata in italiano da: — 3° Celio Malespini, n. XIV. ^- Jnolcre 
si ha: 4.° Fr. Del Tuppo , Esopo, fav. VIII. — 5.0 Ceriani, ncl PropHgiuJiore 
di Bologna, II, 401, novelle del sec. XV. 

Siffatte novelle sono state studiate dal Mussafia nei Sitiunf^shfkhU d. phi- 
losof.-hist. CJasse, d. k. A had. d, H issenschaften, pp. 612-616; Wien, rKjo; dal 
KoHLER in Gdttingische gelehrte Anieigen, pp. 1 21-128, 187 1. Qualchc cenno ne 
diede pure il Rua, Di alcune novelle inserite nelV « Esopo » di Fr. Dul Tuppo^ 
p. 10; Torino, 1889. 

Un parallelo lorenese pub vedcrsi in C0SQ.UIN , Contes pop. de Lorraine, 
n. 77 e alcuni accenni in fine di esso. E non sard inutile leggere Tanicolo del 
LiEBRECHT in The Academy di Londra, IV, 421. (G. ]*rrKH). 



^.v-:^^- 



Digitized by 



Google 



IL DIAVOLO ED IL VENTO. 
LEGGENDA POPOLARE. 

I. — Versione romana '. 



L Diavolo, annoiandosi neirinfemo, corse da Satana e 

gli disse: Padre mio, io mi annoio a morte. Datemi il 

permesso di andare in terra, cosi potr6 esservi utile. 

— Ed a che cosa potrai essermi utile, disgraziato ? Penseresti 

tu di prendere il posto dei miei buoni amid Gesuiti ? Essi fanno 

abbastanza bene i miei interessi, percht io pensi a dar loro un 

aiuto; sta dunque tranquillo ! 




terra. 



— Padre mio , mi annoio ; datemi il permesso di andare in 
I. 

— Ebbene : va pure ! disse Satana. 

E il diavolo parti. Cammin facendo incontr6 il Vento. 

— Eh ! Vento, dove vai tu con tanta fretta ? 

— Vado a Roma, dove avr6 da fare. 

— Io pure: vado da certi padri^ non perchfe essi abbiano bi- 



» II CoUegio dei Gesuiti in Roma b fabbricato in una piazzetta dove soffia 
sempre vento. Ecco nella presente novella la ragione datane dal popolo. 



Digitized by 



Google 



IL DIAVOLO ED IL VENTO I97 

sogno dei miei consigli , ma solo per avere il piacere di parlare 
un momento con loro. 

— Andiamo, allora ! 

In breve tempo il Diavolo e il Vento traversarano pianure 
e montagne, e giunsero in Roma. 

Innanzi la casa dei Gesuiti, il Diavolo disse al Vento: 

— Aspettami qua , tanto che io vada a stringere Li mano al 
superiore ! 

Ma conviene credere che il Diavolo sia sempre dai Gesuiti e 
che si ci trovi bene, pcrchi il Vento non i^ ancora partite e 1* a- 
spetta sempre alia porta del CoUegio ^ 

II. — Versione toscana. 

Sapete voi la leggenda ? 

Chi si trov6 a Firenze e si pose a contemplare il campanile 
di Giotto, e il Duomo, sa per esperienze come poco o inolto il 
vento ci tiri sempre. La ragione t codesta: che il Diavolo j venuto 
a cavallo del Vento a conferir co' Canonici, disse alia sua caval- 
catura che dovesse aspettarlo finch^ tornasse. II Ventu obbedi e lo 
aspetta tuttora senza profitto *. 

in. — Versione comasca. 

Due viandanti giunti alio svolto di un sentiero che dalla 
strada del Sempipne conduce al paesello di Vovogna, furono sor- 
presi da uno sbuftb di vento. 

— Curioso ! disse uno, i gi;\ la terza volta che passo di qui 
e sempre vi trovo questo noioso vento che mi porta via il cap- 
pello ! 

» Fr. Ortoli, in Tradition^ t. II, p. 365. Paris, 1888. 

* Dall*Ongaro, Istoria del diavolo raccontata alia Societa delU Letiure scifji- 
tifiche e letter arU in Milano^ p. 64. Milano, C. Corradctti M, DCCC, LXV. 

Questa breve leggenda fii poetizzata dallo stesso DaU'Ongaro in una lunga 
ballata che segue al volumetto. 



Digitized by VriOOQlC 



t98 ARCHtVIO PER L\i tkADIZIONf POPOLARI 

— Si vede che sei forestiero, rispose Taltro. Devi sapere che 
da questa strada, prima ancora che passasse Napoleone, Belloveso 
e tanti altri , era gia disceso , nel tempi antichi , un gran perso- 
naggio, il Diavolo. Cammino facendo, s' incontr6 col Vento, col 
quale prosegui la via. Giunti a questo passo, il Diavolo, picchian- 
dosi la fronte (il Diavolo e mancino, e percio molti ai nostri giorni 
pure le sono) : — To', disse , dimenticavo quella piccola faccenda 
che debbo sbrigare a Vovogna: i un affare molto delicato , e bi- 
sogna che vi vada io stesso; aspettami un momento che son subito 
di ritomo. 

Ma, dopo quella piccola faccenda, il Diavolo ne trov6 delle 
altre ben piu importanti, poi altre e altre ancora in gran numero; 
'trov6 insomma cosi buon terreno pe' suoi affari che non s' h piu 
potuto disbrigare di la , mentre il Vento, fedele alia consegna , e 
ancor qui ad aspettarlo da secoli '. 

G. Pitr6. 



» Lef^^ende comasche, n. III. In Riv. delle trad, pop. ital, an. I, fasc. I, pp. 43-44. 



->>fr— H • 



Digitized by 



Google 




INDO VINELLI INEDITI 
RACCOLTI IN NOTO. 



Tiegnu lii visu finii, 
La facci ciu dilicata di la carta. 
La fazzu 'n chiesa, 'n casa e anchi ni li boschi 

('A filinia — La ragnatcla), 

Haju lu fustu biancu e la testa russa, 
Si sputu spissu, nuddu schilizza fazzu. 
Ciii 'nta lu suli staju, ciii bianca mi fazzu. 

(^A cannila 'i cira — La candela di cera), 

Haju lu z^ Calogiru malatu, 
C ha fattu 'n votu di 'n viviri vinu. 
Nun mancia n6 .cutugna, n^ 'ranata, 
Ca mancia cosi aruci ri cuntinu. 

(^A cannamedda — II cannameic). 

Piccula sugnu iu 
E di 'ntrtpida natura. 
Puortu capiddi di fierru, 
Caminu di notti, senza paura. 

(;U fanali—W fanalo). 

Haju 'n lignu ben cunsatu, 
Intra c'^ la gilusia, 



Digitized by 



Google 



^""'iP'^BWIWIII 



200 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Setti monachi affacciati 
E una sula cummattia *. 

(\i citarra — La chitarra), 
a) A mamma bianca e a figghia niura. 
h) 'N' ^ papa e vo' 'siri ciamatu papa *. 

(^A papa:(iana — II tonchio). 
lu su' figghiu di cui nu' m' i patri, 
E su' ligatu strittu cu iddu; 
Se mori 'u patri, mori 'u figghiu, 
E sc mori 'u figghiu nun mori 'u patri. 

(' U 'nsitti — L'innesto). 
Haju 'na cosa^ ca bianca 'parisci 
Di lu primu principiu ca nasci. 
Vui ca siti 'nnimminu di li pisci ! 
Quali cosa k ca du' voti nasci ? 

(Uturuu — L'uovo). 
Vitti 'n muortu di 'na fossa arzari 
E puoi s' arza cu 'na tacca (tnacchia) scura; 
Si minti a cavaddu a murmuriari 
Fina ch' arriva a V iutra sipurtura. 

('U cravuni — II carbone). 
Cc' ^runu ru' picciuttieddi, 
Ma tutti rui 'n pinsieri. 
A mienzu 'a spaccazzedda, 
Faciivunu 'u magistieri '. 
{^kA tabacchiera c' 'u tabaccu — La tabacchiera col tabacco). 
Agghiu reva, uovu tunnu, 
Nun lu mangiu se 'un lu munnu. 
E stu fi'uttu 6 bellu assai, 
Ti lu ricu e nun lu sai. 

(Uagghia — L'aglio). 



» S'afFaccendava. 

* Non 6 papa, e vuol esser chiamato papa (papa-nana). 

3 La facccnda. 



Digitized by 



Google 



INDOVrNELLI INEDITI . 201 

Haju 'n fruttu ben fruttibili, 
Quannu vo', si fa arucibili. 
Ciu assai mangiaja, 
Ciu assai arruttaja, 
Chi sapia bellu, quannu s'austaja! ' 

CV cieusu niuru — II gelso moro), 

£ lieu e nun t ficu. 
Ed a mia ficu mi pari. tf 

Sta miccia tanta piccula I 

Sti belli ficu fari. 

('A milinciana — II petronciano). 

Bellu viriri ; ^ 

Cam cumprari. 
Cinu di carni 
E lassulu stari. 

(Uanteddu — L'anello), 

Quannu era schittulidda 
Era russulidda. 
Ora mi marital, 
Niura addivintai. 

(^A pignata — La pentok). 



Cappi supra cappi 
E cavalli crisintini 
Accumpagnunu a donna Sara, 
Quannu va pi li camini. 



(Uacqm), 



Haju rii' palummi : 
Una janca e una niura. 
Cu 'a bianca ci spassiu, 
Cu 'a niura m'arricriu. 

(^U juornu e 'a notti — II giorno e la none). 
^ Camina, arnica mia, ca si' ciamata, 
Ci li to' amici t' aspittunu fora. 

' Ho un fnitto ben fruttifero. — Quando vuole, si fa dolce— R^ mangiava 
e pill eruttava — Come sapea dolce quando si gustava ! 

Archivio per U tradixioni popolari — Vol. XIII. ^ 



. 



Digitized by 



Google 



202 ARCHrViO PEH LB TRADIZIONI POPOLARl 

E quannu sugnu a lu locu arrivatu 
Tli tnisi dimra ed in oiesciu di fora. 

('[/ catakiiu c 'u muorfu. — II cataletto ecc). 
A menzannotti canta lu liop6 
Tutty barbutu senza filufi! 
Havi 'i spiruna c cavalieri 'un' e 
Chi fa iu cantu di lu campu so. 

(;U jaddu — ll gaUo). 

— Vi salutu, ronni tutti, 
Ma ri tutti 'n sacciu quali. 
E di essiri e di essin 

E quannu p61i essiri ? 

— E quannu I'ariu i tintu, 
Quannu soninu tri campani. 
E di essiri e di essiri 

E tannu poli essiri, * 

Mattia Di Martino 

ruccols*!. 



' Una volta, un tale faceva air am ore con una ragazza che somigliava all^ 
altre due sorelle in modo cK egli nou sapeva quale delle tre fosse la sua mo- 
rosa, Uo bt;l giomo ^i prc&enti a loro, e domanda quale di esse sia quella che, 
gE vBol bene, e se sia pronta e i:|uaiido ad andare con lui. Essa si fa conosccre 
e dk la lisposta. 



- ^I=t " ""^ »- 



Digitized by 



Google 




DOMENICO BECCAFUMI DETTO MECHERINO 
NELLA TRADIZIONE POPOLARE SENESE. 



<( Q.uiiiui a lui sono .utribtiite , poich^ la sua memori.i noa 
spcuta , tatte Ic ph\ o meno vecchic c trite storielle dclh vit i it- 
nedotiica artistica d'ogai p.icsc. e m.»esiro Mecarino , per ftnia 4I- 
meno, lo conoscoiio, come se f >ssc morto da anni c noa la so^nlti 
anche le donnc di FontcbranJ.i, di Salicotto c del pian d*Ovile ddl 
1882 ». V. Palmif.ri-Nutj Giuskppe , Discorso sulla vita e U opirt 
di Domenic^ Btccafutni. Si>n.», tip. sordo-niuti, i88i, p-ig» 30 *■ 



D h vivissima sempre la memoria sua , soggiungo io, 
anche nella Contrada della Tartuca, dove abiti: e per 
la maggior parte questo mio scritto lo devo ai racconti, 
che, a me bambino, faceva la mia buona mamma, die per me 
• sari morta soltanto quando moriri io, e che nacque e crebbe, come 




me, in quella contrada 



* Per la vita e le opera di Domenico Beccafumi pub consultarsi, oltre questo 
discorso, il Vasari, Le Vite con nuove annota:(ioni e commenti di Gaetano Mila- 
NESi, Firenze, G. C. Sansoni edit., 1880, vol. V. e: — Guaita L., La scienia dei 
colori e la pittura. Discorso inaugurale per la riapertura degli stiidi nella R, Vni- 
versitd di Siena, Annuario Accademico 18^2-^), Siena, tip. e lit. sordo-muti 1893. 
Questo discorsQ fu anche pubblicato, in uno dei soliti manualetti, da U. HoepU* 
Milano, 1893. 

* Ho pure da ringraziare 1' amico e coUega carissimo Torquato Ricci , che 
mi narr6 la storiella dei pesci dipinti. 



Digitized by 



Google 



..I 



fn 



^ 



204 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

E curioso per6 che di tutti i bravissimi artisti, che ebbero i 
natali e lavorarono fra noi, non si ricordi che questo Beccafumi 
detto Mecarino , e piix comunemente Mecherino. A questa bassa 
gente h ignoto il nome di Gicfvanni Antonio Bazzi , detto il So- 
doma, uomo bizzarrissimo se altri fu mai, il quale, benchi nato a 
Vercelli, visse poi sempre in Siena e quivi e nelle vicinanze (come 
nel celebre cenobio di Monte Oliveto maggiore presso Asciano) 
lasci6 lavori stupendi, che formano Tammirazione dei profani, come 
dei piu intelligenti nelFarte \ Non si ricorda per niente il solen- 
nissimo trasporto della gran tavola di Duccio della Boninsegna, 
dalla casa di questo alia Cattedrale, nel 13 11. 

Siena non ricorda che il suo Mecherino ; perch^ questi i il 
suo artista prediletto. Chi sa ! Anche il soprannome, suppongo, lo 
ha reso popolare. 

^ Ed anche, per me, due sono le ragioni per le quali il Becca- 

&■ fumi, a preferenza di tutti gli altri artisti, i vivo tuttora fra noL 

^^f- ^ Prima h da annoverarsi la sua nascita contadinesca, per la quale pu6 

chiamarsi il nostro Giotto. Infatti egli fu figlio di un tal Giacomo 
di Pace lavorante ad un podere delle Cortine , presso il famoso 
Montaperti, il qual podere era propriety del patrizio senese Dome- 
nico Beccafumi. Questo signore, sebbene non fosse un Cimabue, 
vide i lavori che eseguiva il contadinello, ne rimase meravigliato, 
presagi bene di lui, se lo condusse seco in citti , e forse non se 
lo adotti come figlio ed erede ; ma lo aggreg6 di certo, secondo 
la costumanza d'allora, al proprio cognome. L*altra ragione per cui 
h sempre mentovato, h certamente quella di aver egli, qui lasciato, 
pii forse d'ogni altro artista, opere stupende in chiese moltissime 
e nel palazzo municipale, e di avere eseguiti i cartoni e inventato 
una nuova maniera di ritrarre quadri stupendi nel pavimento del 
nostro Duomo. U iUustre Cicognara cosi ne scrisse : « Le opere 
vermicolate e tassellate, che i greci fac^vano mirabilmente nei bassi 
tempi, non sono comparabili a questo genere di artificio , poicHi 
in quelle il solo merito i della materia e della meccanica diligente 



' Per questo artista vedi pure Vasari, ediz. citata, vol. VI. 



Digitized by 



Google 



• DOMENICO BECCAFUMl DETTO MECHERINO 20$ 

ma in questo, veramente pavimento italiano meritevole d'illustra- 
zione quanto i piii preziosi mosaici delFantica Grecia e di Koma, 
brilla tutto il fuoco delFarte, tutta la maestria del disegno, tutta la 
ppofonda intelligenza degli artisti migliori '. 

E sotto questo pavimento, e non importa se non si sa pre- 
cisamente dove (sublime mausoleo !), dorme il sonno eterno Tar- 
tefice sommo. 

Poverty di Mecherino. 

La poverti di questo artista h di certo esagerata dalla leggenda; 
ch^ non sari mai stato al punto di non avere tanti soldi da com- 
prare una brocca di terra cotta, per andare per acqua; ma in auge 
pero non deve essere stato mai. Quando giunse a comprare quilche 
immobile, non acquisti mica un bel palazzo, o una villa come pub 
fare a' di nostri qualunque artista che abbia niente niente un po' 
di nome ! 

Or in un documento del 9 febbraio 15 15-16 si apprende che 
il nostro Mecherino compr6 in via de' Maestri una casa, tutta di 
mattoni, a due piani, assai modesta ^ 

Quando gik vecchio di sessanta anni, nel 1546, fa la denunzia 
dei propri beni. ecco le ricchezze, che aveva accumulato (trascrivo, 
lasciando quel che non occorre) : 



» Vedi CicoGNARA, Sioria della ScuUura. Venezia, Picotti, 181 3, T.I, p. 198. 
* La casa di Mecherino k in questa strada al N. 17. Vi si legge quesU 
iscrizione : 

S. P. Q. S. 

Casa 

di Domenico Beccaflimi 

detto Mecherino 

n. nel MCDLXXXVI m. nel MDLI 

pittor senese e maestro di getti 

di bellissima rinomanza 

nelle opere di commesso in marmo 

arte (ice meraviglioso insuperabile 

MDCCCLXXXII. 



Digitized by VriOOQlC 

J 



20^ AUCMIYIO PER LE TRADIZIOKI POPOLAR) 

« Una chasa per mio abitare. 

« 2 chasette.... per apigionare, di pocho valore; una posision- 
cella nel chomune di Sa' Polinare.... in ch^po a i'ano stamo giu 
e su: chosa magra. 

« Da pii persone mi trovo debitto scudi 25 d'oro.... Trovomi 
vechio cho' la dona e 3 figlie fen>ine di 1 1 e 1 3 anni e uno figlio 
mastio. A vostre signorie mi raccgmando ' ». 

E speriamo che loro signorie non saranno state inesorabili, 
come certi moderni agenti delle tasse. 

£ da notarsi che i primi ricordi dei lavori di Mecherino nel 
pavimento del nostro Duomo rimontano al 15 17: se questi gli ban 
portato tanta gloria, convien dire , per6 , che non gli fecero gua- 
dagnare molti quattrini. 

Mecherino birbo e scapato. 

In quei beati tempi, nei quali non si sognavano neppure le attuali 
Accademie, chi voleva apprendere un'arte, si metteva sotto un mae- 
stro di bella foma, e , mentre che imparava , faceva da fattorino, 
macinando i colori, risciacquando i penncUi, spazzando la bottega 
e andando pe' posti. Cosi anche il nostro Mecuccio torno a im- 
parare i principii deU'arte da un pittore d'insegne, che era chiamato, 
dice, Mecherino, soprannome, clie poi, rimasto alio scolaro, fu co- 
tanto illustrato e rcso immortale. II maestro mandava Mecuccio a 
far la spesa giornaliera, e ques.ti, ragazzo e artista nato, e da ima- 
ginarsi quant'era fuleno, strambo e screanzato. Gia quando andava 
pe' posti, beati quegli occhi che lo vedevano tornare! e poi sempre 
si scordava di qualche commissionc , o nc eseguiva un' altra alia 
rovescia. Le vigilie poi quando il maestro lo mandava pel pesce 
era proprio una dannazione, perchi si narra che, mezzo, lo seminava 
per istrada e Taltra meti per il ridotto e per le scale. Gli schiaffi, 
gli scappellotti, i calci un po' sotto il fil delle reni, gli orecchia- 



» V. Documenti per la storia senese raccolti ed illustrati dal Dorr. Gaetano 
MiLANESi. Siena, Onorato Porri, 1856, t. Ill, pag. 164-165. 



Digitized by 



Google 



DOMENICO BEOCAFUMI DETTO MECHERINO 207 

gnoli ben tirati , e , poi intemerate die non finivano piu , erano , 
come oggi si direbbe, all*ordine del giorno; ma Mecuccio era sem- 
pre al sicut erat. Solo una volta voile far vedere, che sc ci si met- 
teva , aveva il capo a partito. Di fatto ando a comprare il pesce, 
e lo port6 su in casa, che non ne mancava neppure una lisca. Ma 
il birichino, per dar la baia al maestro, quando fosse tomato (chi: 
in queirora era fuori per le sue fciccende), che tifa? Piglia colori 
e pennelli e si mette a dipingere, nei mattoni del ridorto e deile 
scale, triglie, naselli, sogiiole... che so io... code di haccaii, Appena 
il maestro torn6, apriti cielo c spalancati terra ! vi lascio figurare 
se gli caddero le braccia e se gli sali il sangue al capo , nel ve- 
dere, secondo il solito, quella sementa di pesci. Comincio a bor- 
bottare: « Benedetto Erode ! Questi ragazzacci una ne fan no e una 
ne pcnsano; c dire a loro, e come dire al muro. E si che non glielc 
risparmio: gliene do quasi quantc a un ciuco.... ma non la vuol 
capire: 6 un pestar Tacqua ncl mortaio. Ora !... Ora !.» » E si chin6 
per raccattare quei povcri pesci, pesci vivi , che parevano fossero 
allora allora guizzati dalla rcte del pescatore. Ma rimase un piznico, 
quando vide ch' e' non erano pesci veri, ma dipinti. E ifllora pare 
che abbia pensato frn se : sara quel che sari questo ragazzo , ma 
mi pare, che, come pittore, abbia jdi givi bnperato il inacstro. 

La mosca di Mecherino. 

Nella chiesa di S. Agostino , una delle piu belle fra le tante 
onde Siena si vanta, e ricchissima di stupendi quadri, se nc ara- 
mira uno, che rappresenta Gesu che sale sul Calvario. 

Questo dipinto, cominciato da Alessandro Casolanl, fii tcrnoi- 
nato da Ventura Salimbeni, ed ha la data del 1612. 

In una tibia nuda di una figura di questo quadro si vede una 
mosca. II Salimbeni nacque sei anni dopo la morte di Mecherino; 
ma per la nostra tradizione popolare la mosca I'ha dipinto lui. 

E la leggenda dice cosi : 

n maestro di Mecherino avendo terminato di dipingere un 
quadro, chiam6 il ragazzo; e gli disse: « Io esco: occhio alia penna! 



Digitized by 



Google 



' '1 



2o8 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Sta attento a questo quadro, che ^ ancor fresco. Guarda quante 
mosche ronzano in questa stanza colV afaccia che fa. Guai a te, se 
ne va una in questo mio lavoro!)) — «Non dubitate, » fece il ra- 
gazzo. Ma appena che il maestro fu uscito, il ragazzo dette in uno 
scroscio di risa. Gli era venuta un'altra beiridea. 

Piglia al solito, la tavolozza e i pennelli e sulla gamba di un 
magnifico giudeo, il piii in vista di tutti, si mette a dipingere una 
mosca: una mosca da parer tanto vera che ad appressarle una mano, 
par che debba volare. Ritoma il maestro e va difilato davanti al 
quadro, ad osservare , se ^ a caso , dovesse dargli ancora qualche 
altro tocco per meglio rifinirlo. Appena vi pone gli occhi, rimane 
di stucco ; ch^ vede la mosca. « Mecherino ! Mecherino ! » chiama, 
uriando con quanta ne aveva in gola ; chi egli s' era ritirato in 
un'altra stanza per sent ire quel che sarebbe successo, e ora faceva 
orecchi di mercante. « Mecherino ! Mecherino! » E questi, entrando, 
con un'aria tanto da ingenuo, che pareva un babbeo, chiese: « Che 
volete ? » — E il maestro: « Che voglio ? Pezzo d'asino e di bir- 
bante, che voglio , eh , mi domandi ? Voglio dirti come se' stato 
attento 3\ mi* quadro. Ti avevo scongiurato , come un disperato, 
di cacciare le mosche, e, mira, che bella mosca , qui, in questa 
gamba ». E lui: « Una mosca ?... Dov' ^ ?... » E intanto Mecherino 
di una sbirciata al maestro... ma s'avvede che gli era cresciuto un 
palmo di naso. Aveva cercato di cacciare con una mano la mosca; 
ma quella era stata duxa : sfido ! Vi aveva poi messo gli occhi 
sopra , e aveva visto che la mosca era dipinta. Alle furie , che 
sarebbero state peggiori di quelle d' Oreste , successero allora lo 
stupore e Tammirazione , e , abbracciando Mecherino, disse: « La 
mosca c' i, e ci stari. Bravo '1 mi' ragazzo ! » 

La Madonna del Corvo. 

Nella facciata della casa, che h in Castel Vecchio al num. 2, 
Giovanni Antonio Bazzi, detto il Sodoma, condusse a fresco una 
Madonna col Cristo morto sulle ginocchia: opera di cui la grazia 
e la digniti sono meravigliose. II sublime, ma stranissimo artista, 



Digitized by 



Google 



DOMENICO BECCAFUMI DETTO MECHERINO 2O9 

vi dipinse un corvo: ch^, al dir del Vasari, questo gran pittore a- 
veva care queste ed altre simili bestiacce. 

Ma il popolino il' corvo non Tha visto, e assicura, per t^radi- 
zione chi sa quanta antica, che una volta giunse in Siena uno di 
questi uccellacci dal cattivo augurio, venendo da un posto dove in- 
fieriva la peste. Ma non per niente la Madonna ha in custodia la 
sua prediletta citti. Infatti il corvaccio , pregno di quel malanno , 
.appena che fu arrivato davanti a quest'imagine, casc6 crepato morto; 
e la nostra citta fu salva, cosi , Dio sa da quale tremenda e spa- 
ventevole moria. 

Ma tomiamo a Mecherino. 

Narrasi, dunque, che il padrone dclla casa (secondo la pia co- 
costumanza di quei tempi, cui dobbiamo se molte case delle no- 
stre vie sono adornate di pregevoli dipinti, sia a fresco sia ad olio) 
voleva adornare la propria facciata di qualche sacra figura. E si 
rivolse percii a Mecherino. Ma egli la mandava sempre d'oggi in 
domani, o perch^, svogliato, non si decidesse mai a mettervi mano, 
o perch^ non avesse ancora dinanzi agli occhi della mente I'opera 
tal quale voleva eseguirla. Per il ritardo, dicesi pure che ci fossero 
dei litigi fra il committente e V artista; tanto piii che questi aveva 
gii intascato qualche acconto. Sia quel che si vuole, finalmente, o 
a Mecherino premesse di riscuotere il resto della pattuita mercede, 
o sia che da un momento all'altro gli fosse balenato alia mente 
quel pensiero, che era fin allora andato invano ricercando, gli venne 
la voglia di porsi aU'opera. Ma era notte... meglio ! Gli alfreschi si 
fanno col lume. Ed egli comprato un candelo di sego , in quattro 
e quattr'otto, ebbe condotto a fine quelle due meravigliose figure. 

Gli angiolini del coro. 

Pare che circa il 1 544 Mecherino abbia dipinto I'affresco che 
h in mezzo al coro della nostra Cattedrale, che, danneggiato dal terre- 
moto del 1789, fu restaurato nel 18 13 da Francesco Mazzuoli, il 
quale, a detta degli intelligenti, lo sciup6 a fatto. 

In questa pittura v'^ una gloria d'angeli, i quali han dato ori- 
Archivio per le tradiiioni popolari — Vol. XIII. 27 



Digitized by 



Google 



210 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

gine a due modi proverbiali: chfe a dire a uno: tu sei un angio- 
in del coro, o di Mecherino , o anche del ^ Balestri , equivale a 
dargli del ladro. 

Perch^ si racconta che quando Mecherino ebbe terminate 
quest'affresco, ando a riscuotere il prezzo stabilito, ma i reverendis- 
simi canonici , non volendo piu stare a' patti, gli dettero molto, 
ma molto di meno. Fu vana ogni insistenza; e Mecherino, a cui 
era salita la mosca al naso, voile vendicarsi di questo brutto tiro. 
Con la scusa di avere a fare alcuni ritocchi, risali sui ponti e torse 
i diti agli angiolini nel modo preciso, per rappunto,. in cui altri 
indica un Gasperino Raspanti di Levane. '^ # 

Altri dicono che Mecherino non abbia fatto ci6 per lo scemo 
della pattuita mercede; ma per dar de' ladri a' chierici di Duomo, 
i quali, non contenti di sgocciolare le ampolle e di rubare pifi cera 
che potevano, finchi egli attese a quel lavoro, gli rubavano a man 
salva ogni giorno i colori. 

E allora si pu6 supporre che il Balestri, mentovato dal modo 
proverbiale, sia stato il piu ladro fra i ladri chierichetti di Duomo. 
Perchi per quanto domande io abbia fatto a chi il modo prover- 
biale conosce, nessuno mi ha saputo mai dir niente di questo Ba- 
lestri. 

VO. 

Ho udito pur raccontare, che, una volta, un alto personaggio 
mandato in giro per V Italia , non so se dal papa o da qualche 
principe, a ricercare artisti di gran vaglia, giunse a Siena e and6 
alia casa di Mecherino in via de' Maestri. II pittore non c'era. Al 
forestiero per6 fu detto da qualcuno che se avesse aspettato un po*, 
Mecherino sarebbe giunto. Infatti di \i a pochi minuti egli apparve 
venendo da Fontanella, ptortante in braccio una brocca di coccio, 
senza manico, plena d'acqua. 

II messo (o di principi o di papi importa poco) casc6 dalle 
nuvole a vedere in quel poveretto il grand'uomo ch'ei ricercava; 
pure dissegli la cagione della sua venuta, e Mecherino lo fece su- 
bito salire in casa. E dopo aver frugato in qualche cassa e rifru- 



Digitized by 



Google 



DOMENICO BECCAFUMI DETTO MECHERINO 211 

stato per ogni angolo in terra (nella cosi detta cassa di Nanni) 
gli sciorin6 su un tavolo che stava male in gambe, un'infiniti di 
disegni e di abbozzi, che era una meraviglia a vederli. II forestiero, 
che gia presso altri artisti aveva veduto bellezzc da incantare, ri- 
mase a bocca aperta a veder que' miracoli d'arte; e non riliniva 
di dimostrare la propria ammirazione e il proprio giubilo nello scor- 
gere d'aver tinalmente sotto gli occhi ruomo che faceva al caso suo. 
E intanto aveva messo da parte i disegni che piii gli erano pia- 
ciuti, per recarseli seco e farli ammirare a chi Taveva spedito in 
cerca di valentissimo pittore. 

Ma eccoti che Mecherino, scusandosi di non fare complimenti, 
dice all'ospite suo d'aver fame, e, che, essendo quella per lui I'ora 
della cena, voleva prepararsela e mangiare. II forestiero garbata- 
mente gli disse che facesse pure il suo comodo, e Mecherino, sbat- 
tuta una coppia d' ova, e apprestata la padella , prese disegni che 
I'ospite aveva messi da parte, li fece accendere al lume del candclo 
di sego, che rischiarava la stanza e si mise a cuocere la sua frittata. 

Come rimanesse quel pover uomo del forestiero, non lo sa- 
prei descrivere a parole. Voleva dire niille cose: ma non pot^ ar- 
ticolare che due sole parole: « E ora ? » 

E Mecherino: « Lasciatemi mangiare, e dopo vi far6 un di- 
segno, che sari mille volte piii bello di questi che ho brdciato 
per cuocere la mia cena. » 

Mangiato che ebbe, prese un cartone e un pennello che in- 
tinse in un colore, e descrisse, senza compasso, una circonferenza. 
E dette il cartone al su'uomo. Questi, non molto appagato, fece: 
(( Ho da mostrare questo coso ? » E Mecherino: <( Sicurp, e ve- 
drete che basteri. » 

E, infatti, quell'O sorprese tanto, che, fra tutti gli artisti che 
avevano mandato tutti fior disegni, fu preferito il nostro Mecherino. 

Mecherino architetto. 

Egli non fu, come i nostri Peruzzi e Francesco di Giorgio 
Martini, pittore e arcliitetto; ma per la tradizione doveva essere 



Digitized by 



Google 



212 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POBOLARl 

anche architetto. E, al sencire, avrcbbe avuto anche un bel modo 
e spicciativo per dare i disegni. H' non adoprava 116 matite , ne 
compassi, n^ archipenzoli o squadre; se la cavava sempre ricor- 
rendo al proprio ferraiuolo. Infatti vien detto che dovendo dare 
il disegno della nostra piazza maggiore (che nientemeno fu co- 
nosciuta e immortalata da Dante col nome di Campo , e che a' 
di nostri fu dai non curanti le nostre piu gloriose tradizioni in- 
consultamente ribattezzata), egli pose in terra il ferraiuolo dicendo: 
ecco il disegno per la piazza. E prima che il nostro illustre Sar- 
rocchi ritornasse nuova nel 1869 la Fonte Gaia di Giacomo della 
Quercia, e fossero eseguiti i nuovi cohnnini che sono intorno 
alia piazza, la gavina che i nel mezzo, in fondo al gran ferraiuolo, 
avendo la forma di conchiglia, dava alia gente Tidea di un bavero, 
per quanto sproporzionatamente piccolo. 

Cosi anche, narrano che, essendo gii fatto e messo a posto 
in Duomo il magnifico pulpito in marmo di Nicola Pisano , non 
fu possibile per molto tempo trovarc un architetto, clie sapesse 
disegnare una scala per salirvi, la quale non facesse bruttura. Fu 
inteso iinalmente anche il parcre di Mecherino ,• ed egli and6 in 
Duomo, si mise alia colonna che 6 piu presso a questo pulpito, e, 
presp un lato del solito famoso ferraiuolo, se lo butt6 su una 
spalla dicendo: « Ecco il disegno della scala. » E infatti la scala 
che mette su questo stupendo pulpito, gira intorno su nna colonna. 

G. B. CoRSi. 



-^ ^ .. ' . C ««'4 



Digitized by 



Google 



LE DUE LEGGENDE 
DI S. LEO « E DI S. SECONDO. 




JENA d'interesse c di brio ^ la gara dei carri, che si fa 
ogni anno in S. Martino in Pensilis, il 30 Aprils, an- 
tivigilia della festa di S. Leone , il patrono di questa 
borgata molisana. Ma Leone non fu sempre il suo protettore. Egli 
tolse il seggio a Martino, il celebre vescovo di Tours, che di an- 
cora il nome al paese e che 6 pur sempre in molta venerazione. 
Certamente devono essere stati grandi i benefici , i miracoli 
di questo Santo per nuritarsi in tal modo la simpatia di quel bravi 
borghigiani ! 

Egli, non sempre vescovo e confessore, dicesi che dapprima 
fosse un sarto : tanto i vero che , nella cattedrale di S. Martino , 
accanto aH'imagine del Taumaturgo, ammirasi una cesta di filo ed 
aghi, che sembrano uno scherzo e fanno un curioso contrasto col 
camice e colla pianeta. Tra le molte grazie che Egli concesse agli 
abitanti, i fama che abbia fatto quella pure di salvarli miracolosa- 
mente (nell'Agosto 1566) dal saccheggio e dalle violenze d' ogni 



* Cfr. r opuscolo del Dott. Serafino Rocco , La hggenda di S. Leo. Citti 
di Castello, 1892. 



Digitized by 



Google 



214 AtCHfVrO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

generc dci Turchi , mcDtrc il territorio di Termoli e Larino fu 
viuima innocente di quel hi iiirba feroce. 

Ma veniamo alia gara dei carri, che, come s'^ detto, ha luogo 
il 30 Aprile, « Ogni anno (dice il Rocco a pag. 30) , in questo 
giorno j dalla Grotfa di San Leo nel bosco Ramitello , presso la 
spiaggla deirAdriaticOj sogliono partire di gran corsa tre o quattro 
leggieri e snelli carri, ognuno dei quali i quattro bovi , aggiogati 
a due a due, e intorno una cinquantina di cavalijri, tutti con lun- 
ghe mazze di olmo scortecciate e fornite in cima d*una punta bene 
aguzza di ferro, Neirora che precede V arrivo dei carri, nel paese 
non si troverebbe un solo cavallo^ bene in gambe, neppure a pa- 
garlo mille scudi. Nel bosco ^ dopo essersi messi tutti in ordine 
pronti, si dice ad aita voce il pater noster: ^ una scena commoven- 
tissima e che fa scorrere dei brividi freddi per la persona e fa 
quasi rizzare i capelli a chi per la prima volta ci si trova presente. 
Detto ameth via», Che spettacolo grandioso e terribile! Guai a chi 
non sappja reggersi bene sulle staffe ! I cavalli non sentorio piu, 
o poco i freni... e se si cade in mezzo alia via, centinaia di zampe 
passano sopra il disgra^iato cavaliere; non c'^ Cristi che tenga » \ 



^ Mi piace qui rifcrirc dalla monografia del Dottor Rocco la caratteristica 
canzoni: pojx^lare , che , dopo la corsa , si intona da scelti cantori innanzi alia 
porta del tetnpio, e chL% coring avvtrte il Rocco medesimo , 6 abbastanza scon 
nessa : 

'A CARRESE. 

Mi voglio (y 'na croce: Patr' e Figlio.... 
Perci6 che la tmia mente no* mm' asbaglia. 
A primavLTa si rinnov' u* monnc, 
Di sciuri si rivebte !a campagna; 
'5 V arbre si ricoprt; d' a stessa fronna 

E t*aucii;lU *n dra lor gran festa fanno ». 
Chiiaa dorai' u scala triompante 



' I vtrti |-(S, ifKcsflJo t|L*utiT ctmtdidrni, e costoro sono forse i pii^, n 'TI fanno parte JelU Carrtse, 
ni4 tli iltro cjiniij cbt: Jicana Jicira U purt.i >iella chicsa i' sabnto s-ukto. E in vero la concezione Jel 
pctiMero « retprcs^ae non ^ano ulTAiie papiiliri (A', del Rj, 



Digitized by 



Google 



:^iL 



LE DUE LEGGENDE DI S. LEO E DI S. SECONDO 21 5 

« Ed h immenso ramore della popolazione a questa corsa ca- 
ratteristica. Guai a vietarla ! £ immancabile una sommossa nel 
paese , come avvenne alcuni anni fa : dovettero da Foggia venire 
qualche centinaio di soldati. 

« S. Martino, fin da qualche mese prima, assume Taspetto come 
d'una citti, ove s'agiti una grande lotta politica. Chi parteggia per 
un carro e chi per un altro... e che chiacchierare animato sempre 
sino' a tarda notte ! II '48 fu memorando in S. Martino ; ci fu 



Di Volio sono fatti li tu muri. 

In questa chiesa ci ^ 'nu corpo santo, 

10 Pe' nnome ci chiamava Santo Lione. 

Anne, Madonna mia di lu Saccione *, 
E Santo Leio di Santo Martino, 
E Sanf Adamo 2, ch' ^ llu compagnone, 
E Sanf V^sele 5, ch* ^ cant' a lla marina. 

15 Mi vc^lio fi' *na veste pillegrina, 

E voglio i' a 'nd6 spunta llu sole. 
A 11^ ci stava *na conca marina, 
A 'nd6 ci battizzaje nostro Signore: 
E la Madonna lo tiniva 'n zino 

20 E S. Giovanni che lu battizzava. 

E nui' laudam' a tte, Matra Maria : 

Tu soP *a pu' purta' *a palm* a mmano. 

E nuj' a lu 4 prigamo tutti quanti: 

Dio ci ni scampi di tenjpeste tuon' e lampi; 

25 E nuj' a lu prigamo, dnucchie nudi; 

Dio ci ni scampi di tempest' e terramuti; 
E nuj' a lu prigamo, e n' n zime degni, 
Porto la palma, la dorat' indegna. 
Nu' vulime laud^* 'cquistu gran santo, 

30 Pe' flfarci ven'i* *n zalvament* a ttutti quanti. 

Tocca, carriere, e tocc* a ssu tiraone: 
Tocc' a llu carr" di Santo Lione s. 



.' Torreate che mette nell'Adriatico prcsso Terinoli. 

* t i\ patrono di Guglionesi (AT. del R.). 

* S. Passo di TermoU (N. del /?.). S. Pass) o S. Paolo ? 

* Cio* San Leone, 

' Sconnessa fia che si vuolc questa canzone, ma plena di spontaneiti, di aflietto e di quel fervor* 
religioso, che tanto contraddistinguc i canti e le nenie del Mezzogiomo d'ltalia e della Sardef^na. 



Digitized by 



Google 



2l6 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

quasi una guerra civile, essendo i cittadini gii divisi in due partiti. 
La festa di San Leo per6 ne fu Toccasione soltanto. Ci fu allora 
una vera archibuseria. I sacerdoti ancor con piviali o camici ad- 
dosso, furono visti pallidi come tovagliuoli tomarsene carponi alle 
proprie case: tanto fu la paura e la confusione ». 

Come si vede dalla vivace descrizione del Rocco , t questo 
uno spettacolo pieno d' attraenza e d' un caratterc tutto speciale. 
Mutatis mutandis e fatte le debite proporzioni , csso ci fa peasare 
alle corse gloriose di Olimpia ed alle lampadodromie del Ceramico. 

Ma passiamo alia leggenda, di cui k simbolo la festa. 

Narrasi dunque che il normanno Roberto , conte di Rotello 
— amena borgata del circondario di Larino — , scomunicato gii 
con Roberto Guiscardo da Gregorio VII e rientrato poi nella grazia 
del pontefice per via di donazioni ' , uscisse un giorno al bosco 
Ramitello per una partita di caccia. Dopo una splendida e fortu- 
nosa giornata, ritorna il Conte, circondato dai brillanti cavalieri e 
da uno stuolo di paggi, a' suoi palafreni : ma, con grande mara- 
viglia di tutti , trova un cavallo in ginocchio su un tratto di ter- 
reno raspato per bene. II caso dav\Tro era nuovo e sorprendente! 
Percosso e preso a frustate , il palafreno (mirahiU dicta , farebbe 
Vergilio) non si muove , ma sta miracolosamente in quell' atteg- 
giamento di preghiera. Che fare? 

Per ordine del Conte si scava allora e dopo non poca fatica 
appare il marmo effigiato di una tomba. Scopertala, il nuovo Ba- 
iardo si alza e fa posto, acciocch^ si scopra la sepoltura. Era ormai 
quasi notte ! Ma il sole risorge ad illuminare quella scena di stu- 
pore e il bosco per incanto risplende dei fk)ri piii belli : un vero 
paradiso terrestre. 

Si toglie, nell'ansieti comune, il marmo della tomba e... mi- 
racolo nuovo ! ammirano intatto il c orpo di Santo Leone, circon- 
dato da quattro ceri accesi. A quella vista il normanno Roberto, i 
suoi cavalieri ed i paggi 'cadono in ginocchio e innalzano al tau- 
maturgo inni di gloria. Dopo lunga preghiera, si adagia alia fine 

* Tria, Vit^ S, Leonis Confessoris Monachi, et Sacerdotis, cit. dal D.r Rocco. 



Digitized by 



Google 



LE DUE LEGGENDE DI S. LEO E DI S. SECONDO 21'J 

il corpo venerate su un carro, a cui sono attaccati quattro grandi 
tori, ed a questi ordina il Conte di scegliere la via cara a Leone ; essi 
allora prendono la corsa verso S. Martino c s' arrestano innanzi 
alia chiesa di Maria. Ma qui nuovo portento : il Santo scompare 
e le quattro bestie crepano di botto. 

Grande per tutto cio fu lo sgomento dei borghigiani, che non 
sapevano darsi pace di quella fatale scomparsa, e non rifinivano 
d'invocare il Santo prediletto. Finalmente, dopo dm e piA Sicoli, il 
vescovo di Larino ha un buon sogno : gli si presenta in visione 
il taumaturgo , il quale , dettogli che il suo corpo giace sotto un 
altare della chiesa di Maria, tosto si dilcgua. 

Ritrovato in tal modo , S. Leone si ha onori e doni votivi 
d'ogni specie ; ma Egli , non pago del tempio angusto di Maria, 
prende un'ultima volta il volo e sceglie come suo luogo di riposo la 
Cattedrale, donde ricompcnsa con mille benefici i devoti borghigiani. 

Tale la leggenda di santo Leone. 

Ma quale ne h la genesi ? II Rocco stesso ci ammonisce che, 
scoperto il cadavere del Santo nel tempio di Maria, fu fatto, con 
gran pompa e col fasto magglore, il trasporto delle spoglie vene- 
rate nel duomo di Larino per opera e cura di S. E. Giovanni 
Andrea Tria, creato vescovo di Larino nel 1726 ; ed, a conforto 
di cio, ci trascrive 1' epigrafe che conservasi tuttora nella Chiesa 
madre di S. Martino : 

D. O. M. 

Aram hang 

apostolorum principi lamdiu dicatam 

JoH. And. Trla. episc. larinen. 

SANCTIORE RITU MAIORIBUSQ.. CAEREMONYS 

CONSECRAVIT VU. KAL. MAI M.DCC.XXVm 

NEC QUro VERO AD SUMMAM RELIGIONEM DEESSET 

TRANSLATIS AD VI. NON. EIUSDEM SOLEMNI POMPA 

EX VETUSTA S. MaRIAE IN PeNSULIS AEDE 

SACRIS LIPSANIS D. LeONIS CONFESSORIS 

PRAECIPUI HUIUS OPPIDI PATRONI 

HEIC QUOQ.. CONDENDA ATQ. COLENDA CURAVfr. 

Archivio per U tradixioni popoJari — Vol. XIII. ^ 



Digitized by 



Google 



21 8 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Come adunque si vede e come del resto quasi sempre si con- 
stata, anche qui la leggenda ha il suo tondamento nella veriti sto- 
rica: solo che il popolo, sempre artista e vago d'illusioni, quanto 
desideroso di accrescere le proprie glorie, non s* ^ accontentato di 
conservar viva la memoria di quel giorno solenne; ma, attingendo 
alia sua fonte inesauribile di fantasie, ha voluto circondare quella 
festa d'un'aureola mistica e poctica. 

Siccome poi la leggenda nasce, muore, risorge a somiglianza 
dell'araba fenice; e cessa e pare si nasconda, ma per mostrarsi al- 
trove piu tardi, proprio come la talpa; cosi noi troviamo una tra- 
dizione simile in parte a quella narrata di S. Leone anche nelle 
Marche e precisamente a Pergola. 

Quivi infatti si narra che S. Secondo perisse violentemente 
affogato presso Gubbio e che il possesso delle sue spoglie disse 
luogo ad una fiera rivaliti fra i Gubbiesi e gli abitanti di Cagli. 

A togliere Todio ed ogni gelosia, si deliberi di porre il san- 
tissimo corpo su un carro a mezzo della strada che congiunge le 
due cittadelle, per modo che ai due tori aggiogati fosse libera la 
scelta della via. Cosi si fece, ma il giudiiio di Dio, contro la co- 
mune aspettazione , non sorti il suo effetto. Ed in vero le due 
bestie avevano gii presa la via di Cagli destando negli uni il piu 
grande sconforto, negU altri il piu vivo entusiasmo , quando vol- 
tarono di fiar-o ed a tutta carriera giunsero a Pergola, cadendo 
d'improvvisov i ginocchio innanzi alia chiesa di S. Domenico. Na- 
turalmente i Pergolesi gridarono al miracolo del santo, e con grande 
religione il suo corpo fu tolto dal carro e portato in quel tempio^ 
solo allora i due tori sorsero in piedi ! La chiesa fu in seguito 
ristaurata ed abbellita ; e S. Secondo detronizz6 in tal modo non 
solo r autorita di S. Domenico , ma quella ancora di S. Andrea, 
Tantico patrono di Pergola \ 

E la morale della favola ? Naturalissima: la rivaliti che da se- 
coli ferve tra Pergola e Cagli. 



' Ne ho avuta gentile comunicazione dal prof. JLuigi Nicoletti. 



Digitized by LrtOOQlC 



LE DUE LEGGENDE DI S. LEO E DI S. SECONDO 2I9 

Queste le due leggende che male ho saputo rabberciarc. Come 
si vedtf, essQ , se non simili in tutto , sono fra loro legate da un 
vincolo fraterno. Ma altre ancora, senza dubbio, se ne devono ri- 
petere ad esse congiunte ; raccogliamole dunque , cerchiamone la 
genesi e i punti di contatto; indaghiamonc specialmcnte le difte- 
renze e vediamo di quali fregi fantastici sono adome , giaccht 6 
appunto in questi che si riflettono le tendenze , V ingegno vivace, 
il morale del popolo, il quale pare voglia sempre dimenticarsi del- 
Tora presente per sbizzarrirsi nell' indefinito, nel miracoloso, nella 
vita che non h di^questo mondo. 

Cesare Cimegotto. 



-^j^ -^f^ •i>5i?^4«' 



Digitized by 



Google 




PREGIUDIZII CALABRESI 
IL CUCULO: 'U CUCCU. 




i scioglie Vacre verno. Cosi cantava il Poeta satirico la- 
tino, Orazio, all'appressarsi della primavera , quando i 
pastori erano immersi nelle feste in onore di Pale. Ed 
ora, il cuculo ciicci-cucnlus dei latini , vloy.%oI dei greci) in man- 
canza di un Poeta , die infonda coraggio nell' animo dei con- 
tadini, immancabile al suo dovere di uccello di st)irito profetico do- 
tatOy come lo credono i villani di Calabria, invece di un carme o 
di un inno, apre la bocca al suo monotono cu cu; ed annunzia la 
redenzione della natura, le brillanti e roride albe di Maggie, ed il 
festevol ritorno dei lavori sui campi arati, sotto il blando sole di 
primavera, donde parte la bellissima canzone delle belle montanare, 
che vispe ed allegre , s'insegq||no pei monti e sui prati, scaglian- 
dosi con ingenua grazia mille facezie, e ricambiandosi squisiti motti 
ricolmi di arguzia e di spirito. II cuculo dunque ^ un uccello di- 
vinatore, il piu dotto di tutt*. gli animali ; Tuccello predestinate , 
poich^ nasce sapiente, e lo cibano i dolci zefferi, che carezzano 
lievemente le verdi foglie degli alberi; e, come Tindovino piii si- 
curo, come colui che conosce a fondo le cose deH'Umaniti, come 
colui che sa scrutare i profondi misteri della Natura nei suoi piu 



Digitized by 



Google 



PREGIUDIZI CALABRESI 221 

reconditi nascondigli, quel povcro cilcuIus canorus sempr-e che m- 
contra per le campagne un villano e massime qualche villanella, 
perch^ pii Candida di coscienza e perci6 pifi degna di parlar izol 
divino uccello, lo si domanda di tante cose; e lui, nascosto dietro 
un verde ramo di albero, o tra cespugli fioriti ed olezzantij men^ 
tre respira a pieni polmoni e sorbisce Tacre profumo ioebriante 
della flora meridionale, fedele al suo inandato nobile e sovrunianD^ 
risponde infailibilmente col solito arcano, mistico linguaggio. Cosi 
quel piccolissimo uccello, che non ha nessuna attrattiva di colori, 
nessun particolare vezzo, che, per contra rio, pare il piii vagubondo 
ed inutile uccellucolo fra Tampio regno dei volatili, ^ invece il piu 
buono ed il pii utile aniinaletto del mondo perocch^ t in diretta 
corrispondenza con gli esseri ideali ed invisibili, che governano il 
creato. 

Ma, ascoltate la leggendii : sono i villani che parkno, 
II cuculo nacque dalle rive incantate di lontani mari, 
Fu partorito, senza dolori da una donna, discesa dal cielo , 
quando le fate, obbedendo alia irrevocabile legge della Natura, erano 
condannate a sconiparire dalla faccia della terra. Gli uoinmi non 
potean vivere; da vorticosa scena della vita, che mette sulh florida 
via dell'avvenire, era inceppata, senza che un'orabra, uno spirito , 
una sirena, un mago, un angelo, un diavolo, un uccellino niagari 
avesse infqso la speranza, ulfima Dea neiraffranto cuore umano, 
che ad ogni pie sospint ) nel campo deU'esistenza, trova uno scon- 
forto ed una nuova barriera. Si and6 per tal ragione, in cQrc:i di 
qualche persona, od anche di qualche aniniale, che potesse supplire 
alia mancanza di quelle creature, che lasciavano si lunga traccia 
del loro nome per la benefica opera, prestata agli uomini per una 
infinita, serie di anni. Ma poichi nel mondo nCn c' era nessuno 
cui aflidare il nobile mandato, perocht la malizia era eiitrata an- 
che nel cuore dei piu duri sassi, ed a supplire le Fate ci voleva 
un cuore ingenuo ed una mente elevata e sdpia (savia), si cre6 un 
miracolo particolare, il cucolo. 

Esso quindi, a ti^ ragione, divenuto Tanimale preferito tra 
tutti gli, altri, il piu nobile del mondo, in mezzo alia farragine de- 



Digitized by 



Google 



222 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

gli affari, in cui si trova inviluppato, non avrebbe tempo a covare 
le proprie uova, e le depone nei nidi delle capinere (cuoni nivuri) 
perchi queste avessero cura di covarle. Scevri dunque di cure do- 
mestiche, hanno tutto il tempo di girare da un capo a Taltro il 
mondo, per dare le buone e le cattive nuove. 

L'uccello divinatore porta una secchietta in mezzo alle gambe 
e quella h una secchia, die neg6 a Cristo, poich6 questi, quando 
era al mondo, si raccomand6 al cuculo che aveva preso a guidare 
pecore per avere del latte, ed esso bench^ ne avesse, si mise sotto 
le gambe la secchia e la neg6. Per punizione gli i rimasta ap- 
pesa in mezzo alle gambe. 

Prima cosa , di cui viene interrogato I'uccello divino, ^ di 
quante tomola di bozzoli produce la ricolta serica del padrone del 
villano o della villanella richiedente. 

— CuccUy cuccu di la Qiccuria — quanti tummina di cuculli fa 
hi patruni miu ? 

— Cu, cu, cu, cu, cu, cu...; e quante volte esso manda quel 
monotono canto, tanti tomola di bozzoli dinno i bachi da seta , 
che allevano. 

E come ci si crede alia risposta deH'uccellino ! Come dice il 
vero, e quante speranze mette nel cuore dei villani, quando si di- 
cono tra loro che il cuculo, domandato, ha risposto benignamente ! 

Dopo che il cuculo ^ stato piii volte interrogato suUa sorte 
dei bruchi, lo si domanda quant'anni ci vorranno per maritarsi, se 
h giovinetta quella, che fa la domanda, oppure quant'anni debbono 
vivere. Oh ! quante lacrime mandano le giovinette, che per av- 
ventura (dicocosi perchfe il cuculo non stancatanto facilmente di 
ripetere il suo canto) sentono che devono raorire presto, oppure 
che debbono passar^ molti anni per maritarsi ! 

Essa non mangia, sta in coUera, il viso Ic si scolora fino a 
che non trova il riparo. Ed ecco la panacea miracolosa. 

Le vecchie contadinc, che lianno perduto la forza di lavorare, 
e che per lunga pratica della vita hanno imparato ad esser ciniche 
e sprezzatrici delle fole, che popolan la mente degli ingenui monta- 
nari, passano il tempo, raccontando vecchie storie ai giovani ed 



Digitized by 



Google 



PREGIUDIZI CALABRESI 223 

alle giovani, cacciando di dosso la jattura, scongiurando lu discien:(Uy 
hi malt niuru di li criattiri (certi convulsion i dei bambini), dando 
buone speranze alle zitelle, che sospirano un marito, o che sono 
innamorate , e che pagano bene, sconfortando chi non sa disob- 
bligarsi. Gii non c'6 nessuno avaro con la vecchia, massime le 
giovinette: tutti le voglion bene, tutti le fanno regali, tutti le fan 
festa, quando la incontrano, ed ella h con tutti buona per tutti ha 
parole di conforto e benedizioni. La contadina dunque, che ha a- 
vuto il cattivo annunzio dal cuculo, sta inquicta , si dispera , ri- 
mane pensosa fino a che non incontra un altro cuculo, o, giacchi 
non c'e nessun segnalc, sia anchc lo stesso che mentisce il primo 
vaticinio; e, se non le h dato di trovare V uccello , si "decide di 
andare dalla vecchia comare per essere scongiurata. Ecco il ri- 
niedio : rimed io potente, perocche viene sfatato il cattivo destino 
con le magiche parole, biasciate dalla vecchia; la quale, a suo dire, 
mette cielo e terra ed inferno in rivoluzione, perch^ fosse annuUato 
il detto dell' uccello. 

A me fu dato essere spettatore, per combinazione, di un me- 
sto idilio campagnuolo , pieno di fiera senipliciti e ricolmo di 
poesia. 

Era un vespro coccnte. II sole sferzava, senza pieti, la terra: 
le rose di alcune ajuqle, ove io mi trovavo , inaridite dal fiero 
astro di fuoco, posavano mcllemente sulle sbiadite foglie; I'erbette, 
nutrite dal tie pido Aprile, come vecchie stecchite, che :si abbando- 
dano nelle viscide braccia della morte , avevano chinato lo stelo 
sulle arse zoUe della terra e, a lenire quella canicola, cercai ripo- 
sare le membra rattrappite sotto il coperchio di ampie querce. Gli 
ombrosi rami di quegli immmi alberi si piegavano fino a baciare 
la terra, mi avvolgeano di fresco e di ombra, come in un vegetale 
padiglione , tenendomi poco discosto e non veduto da una con- 
tadina , che era seduta accanto al giovane suo marito , il quale 
fumava ad una annerita pipa di legno , e rimaneva pensoso alle 
parole della sua compagna : 

— Oh ! cumi fciTiin , cumi fci:(^u ? ! Nun aju durmutu e nti 

puo:(^u durml da qtuinnu u nnerimatn di lu cuccu tn ha dittu, ca 

Ah ! cumi fa:(^u, cumi fai:(u ? ! 



Digitized by LriOOQlC 



V' 



R- 



\ ^24 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

|> — Fa trova si :(id Finu:(^^a ti sa scongiurd.... 

I" Se io non avessi fatto un po' di rumore col piede in quel 

^J:\ momento chissi in quanti sillogismi acri si sarebbero spersi quei 

|{ iigli dei monti. Ma, avvedutisi della mia presenza in quel luogo, 

mentre si credevano soli ed inosservati, cercarono nascondersi per 
non farsi vederc; ma io, vinto dalla curiositi di sapere cio che li 
p: tenea afflitti, li'chiamai per discorrere assieme. 

^ Un rifiuto ad un galantuomo, com'essi dicono, non si poteva 

f, fare, e vennero. La donna, guardandomi con gli occhi sconvolti, 

*," arrugando la fronte, in poche parole mi racconto il doloroso av- 

p . venimento capitatole; mi disse cio6 che, avendo domandato il cu- 

h culo quanto doveva vivere, e le avea detto che doveva vivere un 

^ anno. Io cercai, con Vautoritd di chi ha camminato ed ha letto, di 

f farle capire che il cuculo spesse volte ^ bugiardo, perche, dissi, 

avendolo io domandato, mi rispose che dovea vivere un solo anno, 
eppure fino a quell'ora n' eran passati parecchi, ed ancora vivevo, 
se non ero in isbaglio. A questo mio veritiero racconto , il volto 
della contadina , che era stata ad ascoltarmi religiosamente, si ri- 
chiar6, e chissi quante volte mi benedisse in cuor suo. II giovane 
montanaro , ingenuo anche lui, spinto dalle mie parole, sciolse Io 
scilinguagnolo , e comincio a raccontarc altre siraili avventure , 
capitate a certi suoi compagni, che prima ^veva dimenticato e che 
ora dicea, salvo la verifd. In fine si decret6, a coro, che il cuculo 
non ^ da credere, perchi bugiardo e corbellatore del monda La 
giovinetta si rasseren6 : ma son convinto , che alia prima occa- 
sione avrebbe domandato, ancora una volta, piena di fiducia, della 
sua fortuna alFuccello divinatore *. 



Cosmxa, J- 1 1-^4. 

Giovanni De Giacomo. 



' Nel momento di licenziare per le starape questo foglietto ci accorgiamo 
con dispiacere che il presente articolo, mandatoci dall'A. per VArchiinOy era stato 
giA pubblicato nella Calabria del Bruzzano, an. IV, n. 5 (1892) sotto il titolo ge- 
nerak di Gredenxe, Usi e Costumi Jet villani di Cetraro. (I Direttorj). 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADINI SICILIAN! 

DEL TEMPO ANDATO 

DESCRITTA DA ESS I. 




e' deplorevoli e inattesi eventi che ultimamente hanno 
funestato questa cara e disgraziata Isola , la questione 
de' Contadini siciliani ^ rivenuta a galla, calorosamente 
agitata in vario senso; ed ormai, in Italia e fuori, ne' libri e nelle 
gazzette, da uomini serj e da guastamestieri, si park, si sparla, si 
fantastica, si delira a perdita di fiato su le condizioni, su la vita, 
su le idee, su le aspirazioni, su Tavvenire di questi nostri lavora- 
tori. Ma poco si conch iude, a nulla si approda; che le incertezze, 
i dubbj, gli errori si accumulano in maggior grado , in grazia delle 
passioni e degli intenti politici clie si son voluti portare sopra un 
campo, che dovrebbe solo essere esplorato e coltivato con la se- 
reniti di mente e di cuore che si conviene alia scienza indagatrice 
del vero e del giusto. 

Ma io non intendo entrar qui anch'io nella questione. Come 
quel pio Vescovo inglese , che tra' dotti ed etemi disputatori di 
Oxford che tenzonavano e spropositavano in teologia senza accor- 
darsi, invitato ad approvare, rispondeva , baciando affettuosamente 
h Bibbia : « Ecco qui il vero!)), io intendo presentare de' docu- 
Arcbivio per U tradh(iom popolari — Vol. XIll. 29 



Digitized by 



Google 



226 ARdHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

menti genuini, original!, che pii e meglio di qualunque scritto o 
parola di polemizzatore politico rivelino la vita del Contadino sici- 
liano, esteriore ed interiore, e le idee sue e le sue aspirazioni vere. 

Gii di tali documenti molti sono a stampa da un pezzo , e 
illustrati largamente da molti valentuomini *; ma i politicanti, o li 
han disprezzati o li ignorano ; ed anche uomini saputi non cono- 
scono che di nome appena gli studj del folk-lore, di demopsicologia, 
che pure dovrebber formare la base delle indagini sul Popolo, su 
le classi de' Lavoratori rurali e cittadini, che ei dicopo voler innal- 
zare e redimere ! 

Al Contadino di Sicilia ho pur io da non pochi anni dedicate 
con afFetto alcuni modesti miei st,u4j cou lo scopo di farlo cono- 
scere intimamente ed apprezzare secondo veriti ! Ma intanto che 
quel mio lavoro aspetta di venir intero alia luce, non ispiaceri ch'io 
mandi fuori questi altri documenti che di sopra accennava, inediti 
ancora, e degni che si conoscano. Sono opera di contadini e rispec- 
chiano completa Tanima e la mente di essi, came la fatjposa lor 
giornata dei campi e la quieta vita domestica e le passioni che 
sentono. 

Non debbo qui ripetere quanto altrove da altri e da me stesso 
si h scritto intorno a questi Contadini-Poeti, analfabeti affatto, ma 
piu ispirati, pii caldi, piu veri de' Poeti dotti, poich^ cantano per 
impulso spontaneo di riatura, per bisogno dell' animo. Dico solo, 
che questi componimenti poetici che ora d6 riguardano appunto 
il vivere loro piii che altro, e son per6 pii preziosi nel caso no- 
stro; e non occorre aggiungere che vanno per le bocche di tutti, 
al pari d'ogni altra poesia popolare, abbench^ se ne conoscano gli 
autori, o per tradiz;one, o perch^ il nome loro , h registrato sta- 
bilmente ne' versi stessi. 

Mi resta di giustific^re le parole: « del tempo andato», che 
ho messe nel titolo di questa pubblicazione. Io d6 documenti di 



' Riraando alia Bibliografia delle tradi'^iont popolari in Italia di G. Pitr^ 
venuta ora in luce (Palermo, Clausen edit, 1894), ove la Sicilia tiene uno dei 
pid splendidi postL 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADINI SICELIANI 22? 

ieri, se si vuole, ma sempre di ieri, cioi di un tempo che fu, e che 
pur troppo non risponde a quelle di oggi. Da qualche anno, (ed 
io gii lo notavo nel 1879) ', il Contadino nostro, insieme al suo 
tradizionale pittorico costume, veniva insensibilmente mutando le 
abitudini della vita e i costumi e V indole. Oggi, e per la continua 
graduak trasformazione e piu per Topera demolitrice e livellatrice 
di nuove idee e di nuovi elementi che vengon di fuori , e che 
sono spesso imposti piii che cercati e voluti, il Contadino nostro 
ha in gran parte perduta la fisonomia propria e le abitudini e le 
costumanze e le idee de' suoi padri , che fino a ieri conservava 
geloso e seguiva riverente. In fondo, sari sempre il buon Conta- 
dino, r infaticato ed onesto lavoratore di prima : ma bisogna di 
buona guida, bisogna di una man© che sappia pigUarlo pel verso 
suo e lo sorregga con amore e intento di bene. I popoli , come 
gPindividui, incorrono nelle alterazioni nervose, patiscono di esal- 
tazioni mentali, delirj, aberrazioni, pervertimenti de' sensi; ma poi 
la calma riviene, il risanamento segue alia cura ben diretta e con 
paziente costanza praticata. Auguriamoci che ci6 awenga presto ! 

I. 

D6 il primo posto a La vita di lu Pueta, principiannu di prima 
di nasciri sinu a lu puntu di la sd morti. £ una terzarima di Anto- 
NiNO Oliveri, soprannominato GiuraneddUy contadino di Partinico 
che mori di 73 anni a' 15 gennajo 1863. Fu uno de' pifi vaknti 
e fecondi poeti del popolo, e le sue composizioni, varie e nume- 
rose e non mai scritte, si trovano tuttavia molto difiuse presso i 
popolani della provincia di Palermo non solo, ma di altre ancora. 
Di esse h a stampa soltanto La *^vulu:(ioni di lu i860 , che io 
diedi nel mio volume di Leggende popolari siciUane in poesia (Pa- 
lermo, 1880, n. L, p. 543 e segg.); altre pajrecchie sono inedite 
presso di me e spero di metterle fuori quando che sia. Ma sen- 
tiamo per ora La vita^ ch'fe tra le piii interessanti e che insieme 



« Vedi: Giornale di SicHia^ a. XVIII, n. 189, 12 luglio 1879. 



Digitized by 



Google 



228 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

a preziosi ricordi di costumanze contadinesche ci fa conoscere, pii 
che la propria del Poeta, la vita ordinaria dei contadini della prima 
meti del secolo presente. 

La vita di lu Pueta 

principiannu di prima di nasciri sinu a lu puntu di la sd morli. 

Ohim^, comu farroggiu amaru mia ! 
sii quasi juntu nni Testremiti, 
nun mi sentu cchiu spiritu e valia ! 

Mi putia stari unn'era, in viriti; 
ma Diu vosi accussi e accussi fici, 
sia fatta la s6 santa vftlunti. 

Nasciu I'amicu di tutti I'amici, 
lu quali ca nessunu lu sapia; 
h ca lu munnu mi teni infelici. 

Me' matri essennu grivita di mia, 
me' patri addisiava un masculiddu 
pirchi avla tutti fimmini, e patia. 

Sintennu ca nasciu stu picciriddu, 
si mustrau tuttu pr6spiru e cuntenti; 
vinennu, mi faceva lu cuntiddu. 

Eu, sennu natu di pocu mumenti, 
m' hippiru a pricurari lu parrinu, 
c si nni cunsularu li parenti, 

dicennu: — Zu' 'Nniria *, vi nasciu Ninu, 
e chissu ha statu figgliiu addisiatu ! 
li vostri genti hannu fattu fistinu ! — 

Me' patri si finceva 'ntabbaccatu *, 
pirchi ca un omu 'un mustra tantu briu, 
ma no pir chissu nun era prigatu, 

dicennu: — Figghiu misculu nasciu ! 



* Zu* 'Nniria: Zi* Andrea: nome del padre del Poeta. 
' 'Ntabbaccatu, serio, contegnoso. 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADINI SICILIANI 229 

chist'fe bastuni di la me' vicchiaja; 
aviri tutti finimini 6 castju. — 

Avia la matri, la nutrici e I'aja; 
cunsidirati quantu fpmprimenti ! 
crisceva com' un spiraciu di gaja '. 

Me' patri e matri im' ^ranu cuntenti 
ca sempri si prigavanu di mia: 

— Tali * ca ridi ! Capaci ca senti ! — 
Avia 'na soru chiamata Maria, 

idda lu jornu mi jia straviannu 
e tutti li CLisuzzi si vidia. 

Me' matri sempri a stu figghiu pinsannu: 

— Nun fazzi chi ti chianci ! Dun'accura, 
vasimi6 lu lattuzzu cci fa daimu ! — 

Idda, comu 'na fimmina matura, 
mi 'nfasciava e sfasciava e mi pascia; 
cc'era la nica 5, ma era testa dura. 

Cumenza lu me' tempu a fari via; 
nni lu prim' annu bamminu 'nfasciatu; 
ma la niscita h sorti, 'un fe mastria. 

Crisceva un figghiu tantu 'mminzigghiatu * 
ca masculotti nufl nn' avfevanu dtri 5, 
ed eu, lu sapi Diu ch' haju passatu ! | 

Dipoi la gran primura di me' patri, 
chi nun cci paria 1' ura chi criscia ; 
vinia la sira e spiava a me' matri, 

dicia: — Dumani mi lu purtiria, 
macari mi lu mettu 'nta un zimmili ^, \ 

mi fa li sirvizzedda, m'arricria. — 



' Come asparago di siepe, cio6, vegeto e sano. 
» Guardal 

3 La nica, la sorella minore. 

4 *Mmii:(igghiatu, carezzato. 
s Atri, altri. 

' Zimmili, special! bargelle che si caricano su gli asini o i muli. 



Digitized by 



Google 



230 ARCBIVK) PER LE TRADIZIOHI POPOLARI 

E poi: — Chi crisci mai, stu corpu vUi ! 
Havi se' misi chi lu nutric^m*ii 
ed ancora* si scura 'at* on fedili ' I ^- 

Ora sta conseguema h fkamu: 
di lu me' statu 4i la tm^^imizsoL 
nudda bona aitfim truvaoiu^ 

Sempri tirava av^njU la l;>a^i;^^ 
sempri chi staya e^ostu a la £aj^ja, 
'nfasciatu sulu truv^vi cujyuz^a '. 

Poi jia crisceonu e caminanw jji4> 
me' matri mi purtava pri k mmiu* 
— Figghiu, stimiardu di la casa mia ! 

Ed a Natali t' h6 -dari lu grauu % 
almenu joca me' figgbiu Nmuz:^; 
havi lu pepi ^ novu, lu baggianu ! 

E nun si I'ha purtatu s6 patruzzu 
pirchi lu picckiddu i amfriddatu, 
ta', ca stranuta me' figghiu: Gesu:(;(u 5 ! — 

E quaonu, noi la 'nfanzia entratu, 
pareva ca cuiscia di jornu in jotmx, 
me' patri k s6 cuntu avia tii:atu. 

Gran pregu mi facevanu ctti 'ntorixu 
\utti li vicineddi di la strata, 
era di pannu e di villutu adornu. 

Sempri cuirannu ^ la lo/e' m^tri amata, 
me' patri, li i»e' soru e li parentis 
criscia comu la fogghia ? abbivirata. 



' Dorme in un pannicello. 
* Trovai quiete solo in fasce. 

3 Granu, rooneta dal valore di 2 centesimi di lira. 

4 Pepi, scarpina; voce fanciuUesca. 

5 Ai bambini che stemutano si dice appunto: Gesu! come aitguidp. 

6 Nel senso di averci cura, buona volontd ecc. 

7 Fdg^hia, ortaggi^ verdura. 



Digitized by 



Google 



LA VTTA DEI COKTAWNf SttCILIANI 

Accuminzannu ad essiri studenti ', 
me' patri a la campagna mi purtau; 
pascia lu mulu e lu rinnia cuntenti. 

' Po' *ii' itra cosa cchiu megghiu pinzau, 
vidennu ca facia li sirvizzedda: 
a scarricari ligna mi maxinau. 

Parrau a lu mastru pri la zaf^itedda ; 
quannu po' vitti ca nn' era anziaiMi *, 
tiflSti ! e m' ha purtatu a timpunedda ^ 

'Na vota cci diccva un cristiami : 

— E chi ghiti purtamiu a ia campagna ! 
Cu lu firiddu vi mori 'ntra li manu! 

— Iddu ch' fe quarchi pirsuna di magna ? 
Quamiu fa friddu, cci addumu lu focu ; 

si s' appurmuna \ ki tiustru lu sagna. 

S' havi a ghiri 'raparannu a pocu a pocu, 
ci cu lu stari dintra s' abbizzia, 
ci sempri ^ cu lu giuntiu e lu jocu. 

— Ma i troppu nicareddu, zu' 'Nniria ! 

— Ora bonu bon'i chiddu chi fa; 
vaja pri quannu eu sulu jia e binia. — 

Eu, vosi aviri prudenza e bunti : 
comu finiu pri mia 1' arripusari ! 
c cci 'ngagghiai nni la tinnira eti ! 

Certu, 'un si campa senza travagghiari ; 
ma no ca m' happi a rumpiri li spaddi, 
e mancu picciriddu happi a 'bbintari ^ ! 

Unni chi divu jucari a li baddi, 
jucava cu la zappa e lu zappuni; 
di sett' annuzzi mi fici li caddi ! 



2$X 



■ Studtntiy qui, capace di imparare. 

* An^ianu, perito, abile. 

3 A timpunedda^ a volger zoUe, a zappare. 

■♦ S* appurmuna, piglia una polmonite. 

5 A 'bbintari — a aviri abbentu, a riposare un po\ 



Digitized by 



Google 



232 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Appena chi niscii di lu fasciuni, 
me' pa' li firramenti apparicchiau 
dicennu: — Chistu si forma umacciuni ! — 

E giusta la tariffa la jittau, 
pirchi me' patri 'un dissi 'na minzogna, 
di vintiquattru migghia la sgarrau: 

ed eu criscemiu comu 'na rizzogna *, 
ca fu lu tantu travagghiu chi fici, 
macari mi livau la criscimogna *. 

Statimi tutti attend, boni amici : 
di quannu s' afFacciau la giuvintu 
ora' vi cuntu la vita chi fici. 

Me' patri nun dicia : — 'Un travagghiu cchiu; — 
ma dicia cu manera e cu prudenza : 
— Chiddu ch' 'un pozzu eu, 1' ha' fori tu. — 

Eu, comu figghiu di 1' obbidienza, 
stava subburdinatu a lu cumannu 
e travagghiannu cci aveva pacema. 

Essennu nni V eti di vintun' annu, 
la ganga di lu sennu mi nasciu 
e cchiii la me' fatja si jia avanzannu. 

Tannu la varva 'n facci cumpariu, 
dipo' mi jia facennu giuvinazzu 
e me' patri lu beni m' awirtiu; 

mi dissi : — Figghiu, 'un fari lu sbravazzu, 
sempri ha' trattari cu li genti onesti 
ci un giuvini bizzarru h menzu pazzu. * 

Di la matina quannu tu ti vesti 
pensa ca ti nn' ha' ghiri a travagghiari 
facennu sempri prighieri e prutesti ^; 



* Comu 'na ri^ogna^ comu pianta imbozzacchita. 
' Non crebbi, restai di bassa statura. 

3 Preghiere a Dio per non peccare e protcste o proponimcnti di evitar il 
peccato. 



Digitized by 



Google 



. LA VITA DEI CONTADINI SICILIANI 233 

e a du' cosi lu jornu ha' di pinzari : 
ringraziari a Diu ca ti criau, 
e di chiddu travigghiu ch* ha' di fari. 

Travigghia, figghiu meu, nun fari sfrau, 
vasinn6 lu travigghiu sen^i a nenti, 
ca un jornu ssu travigghiu ti lu pau : 

sii, figghiu, massaru e ubbidienti, 
• ha' stari sempri fermu a la fatja 

ca lu patruzzu t6 *un si scorda ncnti. — 

E me' patri lu beni m' awirtia, 
pirchi ca nn' era gilusu e zilanti 
e sempri 1' occhi soi supra di mia. 

Cc' era me' matri, dda ciamma d' amanti, 
ch' a stu figghiu davanti cci squagghiava, 
sempri pinzava a li cosi 'mpurtanti : 

ogni ghiomu la chiesa friquintava 
e nun lassava mai la santa missa, 
a mia la stissa cosa mi 'nsignava. 

No, nun cci nn'era matri comu chissa ; 
si parru di me' matri, chi farria ! 
Chiincinu st' occhi e la menti si fissa. 

Quannu penzu a me' majtri chianciria, 
pirchi canisciu ca nn' haju ragiuni 
ci notti e ghiornu pinzava pri mia. 

Un ghiornu cci parravi a 1' ammucciuni, 
cci dissi : — Ora mi vogghiu maritari. — 
Rispusi: — Figghiu, t6 patri h patruni. 

Ma non pir chissu nun ti dubbitari, 
la fazzu, ca mi spetta di duviri, 
pirchi h furzata ca avemu di fari. — 
I Dipo' a me' patri cci fici sintiri: 

I — Si voli maritari stu picciottu, 

J nui cci avemu ad aviri lu piaciri; 

fe quasi circa di 1' anni vint' ottu, 

I nun nni cunveni cchii di farlu stari ; 

i 

I Archivio per U tradi\ioni popolari — VoL XJII. 30 



Digitized by 



Google 



l^ ARCBIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLAW 

chi cci himu a fari poi lu panicottu ? 

Addisignati a cui cci aviti a dari; 
pricurimucci genci assist! niati 
di dda manera chi ponnii aggualari. — 

Accuminzaru a fan li parrati, 
mi purtaru a Li casa sta nutizia : 
— Cu lu discursu arristamu assudati. 

Sti^ genti chi cci aviamu amicizia, 
ora s* havi a acquistari parintera, 
nun cc' 6 bisognu di terzu e pirizia: 

si a Diu cci piaci e sta cosa s' avvera, 
cci hamu a purtari lu summu rispettu 
pirchi su' genti ca nni fennu cera! — 

L'amuri di oie* patri era pirfettu 
e chiddu di me' matii granni assai, 
ed eu cci lu purtava lu rispettu ; 

un dissapuri nun V hippimu mai, 
campavamu cu paci e santamenti, 
cu lu piaciri s6 mi maritai. 

Me' patri dissi: — T* ha* stari cuntenti 
ora ca ti mii vai pri casa tua, 
com' ora, ca si* sulu, 'un ti la senti ; 

ma nondimancu travigghia di'fua *, 
cu' sa* si la fiitnigghia va avanzannu, 
ck poi li picciriddi vomiu 'raprua * ! — 

Happi lu primu figghiu giustu all'annu, 
e nui cu tantu preu e pri duviri 
cci misimu lu nnomu di lu nannu. 

Quannu me' patri lu vinni a sapiri: 
*— G^su, figghioli ! mi nasciu un niputi, 
cu mia, quant' h chi crisci, havi a viniri. 

Ognunu mi facia lu cti^saluH '; 



» Di fuUs con gran lena, 

■ 'Mprua, voce fanciullesca, acqua; ma qui s* intende del vittO in genere. 

f Lu cu-sabUi^ le ft^HcitazLouL 



Digitized by 



Google 



■^^»T^^ 



LA VITA DEI CONTADINI SICILIANI 235 

e chi vulia sapiri ca a poc'anni 
^uvau lu nidu di li cucucciuti ' ? 

Dipo' mi jia facennu patri granni 
pirchi mi avia avanzatu la famigghia, 
unu mi mii spuntava ogni du' anni; 

m' addivintau la testa 'na fitigghia ' 
pri sulamenti diricci lu pani, 
ed ogni tantu squatrava du' migghia ^ 

Nun ci pinzava mai pri lu 'ndumani 
pirchi ogni sira mi finia la spisa, 
ch* eranu troppu assa* li cristiani. 

O cari amici, vi dugnu pri 'ntisa, 
lassamulu lu ridiri di banna, 
videmu ora lu munnu chi nn' avvisa : 

nni pari ca prumetti, ma nni 'nganna, 
pirchi la cuntintizza di stu munnu 
dura quantu lu focu di la canna. 

A lu stissu pinsari mi cunfunnu 
ca sunnu tutti cosi passaggeri, 
si cci sugn' oggi, dumani 'un cci sugnu : 

nui semu tanti cavalli curseri 
e si sbiamu mcHtri semu in cursu, 
sarannu inutilissimi carreri. 

Lu termini scusati a lu discursu ; 
si diciti ca sugnu 'mpertinenti, 
cu nun mi fazzu ni biancu n^ russu. 

Stu munnu assai prumetti e 'un duna nenti, 
ca sunnu tutti cosi *na vania, 
cci su' guaj, travagghi e patimenti. 

Quannu nent' atru, la pigghiu di mia, 
nun haju mortu; a lu cuntu chi fazzu 



■ Cucucciuta, allodola cappelluta, che gode fama di molto prolifica. 
* 'Na fitigghia, un vero scorabussolamento, per la preoccupazione. 
5 Cio^, si venia focendo calva. 



Digitized by 



Google 



256 ARCHmO PER LE TRAD1210NI POPOLARI 

pensu ca siaju pri la Pulizia ' : 

scimiennu lu vigghicttu Ji Palazzu, 
sihbitu currispunnu a la cliiamata; 
'nu chistu munnu cq* t cuoteQti fe pazzu. 

L* aviti *ntisu la vita passata : 
sintiti lu prisenti ^ lu luturu, 
ca 'nta stu munnu i: *na guerra 'ntimata. 

L'omu 'un si fida di stari sicuru, 
a lu pinzari cW h munnu di guai 
si imi rattrista lu cori cchii duru. 

Omu, chi penzi ? chi did ? chi fai ? 
Si veranicnti nun pcnzi a la morti, 
cainpi *n piccatu e poi ti dannirai. 

Hu lu cridu di ftdi, e nun *^ forti : 
ch' a via lu patri e la matri, e muriu, 
anchi la spusa pri cchiu mala sorti.* 

Comu la sccna di chiddi iiniu, 
quannu veni pri mia nni speru sprdnza, 
ca tazzu chiddu ca cumanna Diu ; 

eu fazzu 'na prighera di 'inpurtanza : 
o Diu J 'nta chistu tenipu chi mi dati, 
vi raccumannu la mia vidiivanza ; 

datimi lumi, fidi e caritati, 
sempri dicennu : Prima di muriri 
vurria lassari li rtggbi educati ! 

Vi pregUj ca mi spetta di duviri, 
di dari a li me' figghi 'nsignamenti: 
ca poi cu lu Campari 'un cc' c sapiri. 

S' accustirannu dd' ultiini mumenti 
e chidd' aspra e murtali malatia 
e lassird li figghi e li parenti ; 

e li me' figglli atturniati a mia; 
euj cu lu visu p;\ilitu arriduttu, 
'stinuatu di forzi e di valia* 



■ Oo^, SOD quasi conie uno tcuuta d^ cchio dalla Polizia, che da un mo- 
vaenio all' tltro viene arrestato. 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADiNI SICILIANI - 237 

Lu Medicu pinzannu supra tuttu 
di dirimi li santi Sagramenti, 
e li me' figghi penzanu a lu luttu. 

Eu dicu a 11 cchiu 'ntrinsichi parent!, 
ca sunnu li me' figghi e li me' soru : 
— Vannu svanennu li me' sintimenti : 

vi lassu dittu, avanti ch' eu nni moru, 
s' iddu amati la pact e lu rispettu 
siti air occhiu di Diu lu gran tisoru. — 

Essennu muribunnu 'nta ddu lettu, 
chi suguu misu quasi in agunia, 
a brevi finiri lu me' suggettu. 

— Ancili e Santi, tutti *n cumpagnia, 
Ancilu me' custodi, m' assistiti! 
Vui chiamu G6su, Giuseppi e Maria! 

O cari figghi mei, tutti viniti, 
quantu vi dicu st' ultimi palori : 
sempri la mala prittica fujti ; 

amati sempri I'amici di cori, 
trattati cu pirsuni di giudiziu, 
pinzati di cuntinu ca si mori. 

S' aviti quarchi amicu di deliziu, 
nun tanta cunfidenza cci faciti 
pirchi vi purtiri lu pricipiziu. 

Faciti cariti, s' iddu putiti; 
pinzati sempri a li vostri difunti, 
ca un ghiornu la cumpensa nn' aviriti. 

Viditi r uri mei ca sunnu junti ; 
lu Sacerdoti mentri assisti a mia, 
stentu e travigghiu 'nta ddi 'stremi punti. 

Quannu cuminziri la litania 
e: Requia maternal ognunu dici, 
Requiescat I e sona 1' agunia, 

chianciti, figghi scuntenti e 'nfilici, 
nun vi scurdati I'avvirtenzi boni, 
vi lassu in paci, e Diu vi benidici ! — 



/Google 



Digitized by ^ 



238 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Figghioli, j§i cc' ^ f;?j:si opinioni, 
scusati lu principiu e lu fini 
di k mia viventi orazioni; 

termiria tuttu e chiudi li curtiui. 

n. 

L' Oliveri , per6 , appartiene a quella categoria di Contadini 
che posseggono in proprio un brandello di terra (sia pur micro- 
scopico) e che quindi non vivono esclusivamente del lavoro cpti- 
diano delle proprie braccia. Bisogna che conosciamo e sentiamo 
quindi qualcuno anche di questa seconda categoria de' braccianti, 
che diconsi comunemente jurnateri. Ed eccoci innanzi Andrea Al- 
BANO da Borgetto , un jurnateri appunto. Andrea Albano fu un 
povero e dabben uomo, analfabeta affatto, ma d'ingegno vivo, pie- 
ghevoie, argutissifno. Improvvisava con faciliti maravigliosa; e la 
sua canzona satirica, sempre pronta e inesorabile per tutti, spesso 
archilochea , gli procacciava un rispetto insolito fra' suoi compa- 
gni di lavoro, che non amavano di rimaner da lui proverbiati in 
versi, che ottenevan sempre un succcsso popolare incredibile. Men6 
vita di lavoro e di stenti non mai interrotti, che si compi intorno 
al 1858. Era nato ai 5 febbrajo 18 16. De' suoi canti , non mai 
scritti , diedi al 1867 alcuni nella Raccolta mia (nn. 657, 650, 
660, 690); poi, al 1880, nelle Leggende citate, (n. XLVI, pp. 303- 
314): Lu Culera di lu 18 jy; ora do qui Lu lamentu di lu Jurna- 
teriy poesia nella quale e' dcscrive gli stenti proprj, che in so^tanza 
sono gli stenti comuni della travagliata csistenza de' Contadini pari 
suoi. Messa da banda la consueta festiviti caustica, V Albano scio- 
glie in questa poesia una nota mesta e straziante che tocca I'anima. 

Lu lamentu di lu Jurnateri '. 

Lu gaddu 'ntona lii risbigghiarinu : 
vaja, 'Nniria, 6 ura nni livamu ! 



. ' Per rillustrazione degli usi dell* « antu », cennati in questa poesia, rimando 
al cap. Ill de' miei Schist di costumi contadineschi siciliani , in « Archivio per 
jO studio delle tradizioni popolari », vol. I, (1882), pp. 23-28. 



Google 



Digitized by 



LA VITA DEI CONTADINl SICILIANI Z}f 

e mentri chi ringraziu a t)iu divinu, 
mi vestu e pigghiu la zappa a li manu, 
lu saccuneddu cu lu pani e vinu : 

— Bisogna, Catari' ', chi caminamu. — 
E cu primura mi mettu 'n caminu; 

a ghiornu a puntu a V antu rtn' aggiuntamu *. ' 

Diu sia lodatu ! Li zappi minamu, ^ 

ognunu air antu V 6bbrigu lu ft ; 

lu Capurali dici : — Jisa ! Damu f 

Risula spissu \ cchiii liggiu si vi. ^ 

E jisa, e damu! ogni corpu chi damu, 

a cannulicchiu la sudura vi; 

la Ittigua asciuca, ma nuddu parramu, 

primu lu Capurali biviri. 

'Ssittati ddi a lu postu, tutti a tornu, 

poi si fa culazioni e s'arriventa; 

ma subitu a la fila h lu ritornu : 

— Viva Maria ! — e la zappa 'un abbenta. 
La sudura mi cula tutt' attornu, 

supra li carni la cammisa assenta ; 
doppu pocu rispiru a menzu jornu, 
r ura di la livata oh comu stenta ! 

Oh comu stenta V i ra di livata ! 
sempri pari luntana la finuta! 
Quannu lu suli pigghia la calata, 
tannu lu jumateri lu saluta ; 
ch' ivi li gammi 'na' canna ciaccata, 
e la schina ridutta jimmuruta, 
ci comu veni 1' ura di staggliiata 
cci voli Diu putenti chi Tajuta. 

Si nun m' ajuta Diu, cu m' ha' ajutari ? 
ci Diu 'ntra chistu statu mi cci misi. 



' Cateriha Candela, die I'Albano avea sposata fl 27 settenibre 1855, 
* Nn* aggiuntamUy ci riunltmo co' compagni di lavoro. 
3 Rdstda spissu, pulisci spesso la zappa com la paletta. 



Digitized by 



Google 



240 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Tanti e tanti anni chi campi a zappari, 

cu acqua e suli, di tutti li misi, 

e agghiorna e scura, po' torna a 'gghiumari, 

sempri a 'na vita di stenti e di 'mprisi, 

'Nniria Albanu, chi spicu v6i fari, 

ca mai 'na vota la sorti ti 'ntisi ? 

Li spisi appizzi si la sorti tenti ; 
lu jurnateri h sempri ranti ranti '; 
cu tri tari * lu jornu chi tu stenti, 
splnciri v6i palazzi marmuranti ? 
Metti pani, e famigghia, e vistimenti, 
metti li joma ca sunnu vacanti % 
chi ti resta ? Ca i spicu veramenti 
si sarvu un tariolu di cuntanti. 

Ma nn' iju tanti di nicissitati ! 
Com' attuppu un pirtusu a li prantali, 
li ciusi mi trovu sfunnurati 
e la cammisa linziata aguali. 
E nun li cunti tu li 'nfirmitati, 
miusa sfatta e puntura murtali ? 
La calumia * di tanti simanati 
si la mincia lu Medicu e lu Spiziali. 

Lu mali di vicchiaja po' cumparisci, 
lu vrazzu *un dici cchii, la gamma appunta; 
a pinsarci, lu cori s'awilisci; 
ohim^ ! la fini amara eccu ca spunta ! 
All' occhi la scuria, o Diif, mi crisci, 
dutimi grazia e paci all' arma junta : 
Ge.u! Maria! la 'me' vita finisci, 
succcjrritila Vui, ci 'un cci la spunta! 

(continua) S. Salomone-Marino. 



' RanH ranti, rsisente rasente la terra, in basso stato. 
* Tari o tariolu, moneta abolita del valore di centesimi 42 di lira. 
3 I ^omi in cui non si lavfk-a. 
*4 Calumia^ economia, risparmio. 



Digitized by 



Google 




LA FESTA DEI QUATTRO ALTARI 
IN TORRE DEL GRECO E TORRE ANNUNZIATA. 




ON h di data recente. E quantunque ora smessa in Na- 
poli, pure vi si costumava fino a pochi anni fa; n^* va 
confusa con quella del Corpus Domini propriamente 
detta. 

A proposito di quest'ultima, nel 1507, per la prima volta, k 
Piazza del Popolo fece innalzare un catafalco nella strada dclla Sel- 
laria , in memoria del Seggio popolare li esistente *. Cio , con 
qualche interruzione, si pratic6 anche dipoi. E per economb, e per 
evitare un possibile incendio, si smise, serbandosi solo rlcordo, che 
detta Piazza aveva il suo Seggio in Sant'Agostino alia Zecca. 

II catafalco consisteva in una vasta chiesa , tutta di legnami. 
Vi si eseguiva una Cantata, d'argomento biblico, con musica adatta. 
AU'uopo il Municipio stipendiava un maestro di cappella; c ric6rdo, 
a titolo d'onore, i nomi del Piccinni e del Paisiello. A questa pro- 
cessione prendevano parte gli Eletti, la nobilti, il Sindaco, e fino 



» GuiscAftDi , Saggio di Stor. civ. del Mutt, nap. etc. Napoli, \1tale, t^iSi^ 
p. 176, e scg. dove se ne parla particolareggiatamente. Debbo alia cortesia dello 
A. anche qualche altra notizia. 

Archivio per U tradixioni popolari — Vol. XIII. |I 



Digitized by 



Google 



242 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

il Re in persona. II quale , negli ultimi tempi , portava la torcia 
accesa, ed era fiancheggiato dalle guardie del Corpo. 

Invece la nostra festa si costiimava nell'ottava del CorpuSy di 
giovedi. 

II Santissiino usciva processionalmente dalla Congregazione 
di San Giacomo degli Spagnuoli; e si esponeva su quattro altari^ 
eretti a bclla posta. L'uno rimpetto la detta chiesa, Taltro a To- 
ledo di contro la via San Giacomo, il terzo di fronte a quella di 
Santa Brigida ed il quarto di faccia a San Carlo. 

II Re non v'interveniva, come ncR'altra processione. Un gen- 
tiluomo di camera portava la torcia per lui, rappresentandolo, men- 
tre egli andava a prendere la benedizione dall'Accademia de' Ca- 
valieri, oggi Casino della Unione, o meglio dalle logge sopra San 
Carlo. 

La processione procedeva con gran pompa; torce accese, una 
rappresentanza militare, e che so io ! Si fermava ad ogni altare, 
vagamente adorno di fiori variopinti, eccetera. S'impartiva la be- 
nedizione al popolo ginocchioni, mentre si elevavano al cielo nembi 
d'incenso, i maschi sparavano e la banda sonava \ Procedendo 
quindi con ordine, Tultima benedizione si dava dall'altare rimpetto 
San Carlo. Oltre i confratelli in sacco (assaccatt), v'intervenivano 
de' gentiluomini, in abito civile di Spada, detto hahilU. 

La festa del Corpus si pretende istituita nel secolo undecimo. 

Un prete celebrava la messa nella chiesa di Santa Cristina in 
Bolzena. Consacrando, dubito della transustanzione del pane e del 
vino. L'ostia, che aveva nelle mani, immediatamcnte cominci6 a 
grondar vivo sangue, e il corporale ne fu intriso. Urbano IV , 
atterrito dallo a\^enimento, ordino, che, nella quinta feria dopo 
I'ottava di Pentecoste, si celebrasse, per tutto Torbe cattolico, la fe- 
stivity del Corpo del Signore. 

Tale ordine fu confermato da Giovanni XXII, iiel.1315. 

Prima TEucaristia in alcuni luoghi si recava chiusa in una 
uma, sugli omeri, da alcuni sacerdoti. In altri si portava velata da 



» Zampiki-Salazaro, nelle Mem, di Nap. ivi, 1882, p. 91. 



Digitized by 



Google 



r^ 



LA FESTA DEI QUATTRO ALTARI 243 

vescovi vestiti pontificalmente, assisi su di un cavallo bianco, tutto 
adomo e sotto rombrella, come si costuma tuttavia in Brindisi* 
Pol si cominci6 a portare svelata, da un sol sacerdote ed in pro 
cessione solenne. 

I Turchi la chiamano « la festa dei fiori » a causa delle fo- 
glie di rose, de' fiori di ginestra, e simili, che si spargono suite 
strade per dove passa. Tale costume si serba ancora nelle chiese 
orientali. 

Come si vede, questa festa h generalraente diffusa; e cod pifi 
o meno varianti. Ma io mi restringo a descriverla nelle due Torn, 
del Greco e dell'Annunziata. 

In quest'ultima, il parroco delUa chiesa oraonima reca in pro- 
cessione il Sacramento nella casa de' Molini \ dove, a bclla post;i, 
h eretto un altare. Impartisce la benedizione , e riceve un'olferta 
per antica consuetudine. Esscndo lontana la parrocchia di Trccase 
il parroco di questa chiesa incarico i P. P. Cclestini di ainniini- 
strare i Sacramenti a' figliani di Terra Vecchia, e di recarc il Sa- 
cramento ne' Molini, in detto giorno. Di qui fu stabilita Toffuna 
fra il parroco di Bosco e di Torre. 

Attualmente la casa de' Molini * e nella parrocchia dcirAn- 
nunziata che ha piu ampi confini. 

Ad essere esatto, qui di processioni se ne fanno due. L'una 
nella giurisdizione di Napoli, che giunge fino airOncino; t'altni in 
quella di Nola, cio^ nella parte di Torre Vecchia. 

Per lo piu si costumano di sera. E la processione rii!sco pit) 
solenne con le torce accese, cui fimno riscontro i lampioncini posti 
in istrada, e i lumi di cui ogni fedele orna la finestra o il balconc. 

In diversi punti del pacse vi sono de' leggiadri altariiii , bon 
parati. Vi si nota anche una guantiera, in cui si pongono dellc of- 
ferte, e talvolta di qualche rilievo. Mentre il prete benedice^ spari, 
suono di campane, squilU di campanelli, fuochi artificiali, c siinili. 
Ed una folia proprio da soflbgare ! 



* Ilardi, Istoriografia etc. di Torre Annunziata. Castellammare di Slabia* DI 
Marco, 1874, pp. 190-91. 

2 Ilardi, Op, cit,, pp. 7$, 84. 



Digitized by 



Google 



244 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

In qualche parte usano a^che dei tappetiy ad imitazione di quelli 
di Torre del Greco. Ma di essi parleremo piii gii. 

In questa Torre la festa ricorre neU'ottava del Corpus Domini. 
Assume grandi proporzioni, anzi h la principale del paese. La va- 
ghezza vi conduce molta gente da Napoli, e dai luoghi circonvicini. 
Nfe dura meno di un pajo di giomi. 

Essa rappresenta pei Torres! un glorioso anniversario, quelle . 
dell'affrancamento della citti dalla servitii feudale. Fu conccsso dal 
Tribunale della R. Camera, presieduta da Don Michele Vargas,' 
merci decreto del i8 maggio 1699 , confermato a .29 detto *.-Si 
assevera, die fu una delle prime terre a scuotere le catene del serr. 
vaggio. 

Contrasse un debito, pag6 il barone che la possedeva; e cosi 
divenne libera. Fino a poco fa, corrispondeva ancora. alcuni tenui 
interessl, un piccolo strascico del debito antico. Nel 20. VIIL 93, i 
basita una tale Langella, maritata Panariello, ultima discendente dei 
Langella, che i Torrcsi, riscattati dai feudatari, du' secoli fa, eles- 
sero a loro... baroni, o meglio a president! con diritto ereditario. . 
II municipio le pagava tuttavia la pensioncina d'un carlino al.giorno,. 
per la sua discendenza da quel tali. Possiamo .dire che. formasse 
Tultimo avanzo, che si collegava alio storico avvenimento. 

Ma non vi manca chi nega a questa festa ogni carattere com- 
memorativo ^. Comunque il popolo vi partecipa sempre con vivo 
entusiasmo; e, di anno in anno, s' ingegna di renderla piu allegra 
e pill sontuosa, col frutto del suo sudore. Ed i bello e commovente, 
quando i marinai Torresi, nel marzo, muovono alia pesca del.co- 
rallo. I legni imbandierati sono benedetti dal parroco, fra lo sparo 
de' mortaletti e il suono di bande festanti. Con che gioja si ap- 
parecchiano alia partenza ! E quando la raccolta ^ colma , rimpa- 
triano. Salpano dalla Barberia, dalla Corsica e dalla Sardegna, nejla 
prima domenica di ottobre , giomo della Madonna del Rosario , e . 
rivedono nel novembre il patrio lido e le care famigliuole! 



* Castaldi (Gius. e Franc). Storia di Torre del Greco, ivi, 1890, pp. 70-1. 
^ Id. Op. e luogo cit. 



Digitized by 



Google 



LA FESTA DBI QUATTil© ALTARI • 245 • 

Ma tomiamo a' tappeti. Per apparecchiarli; prima si fa in terra 
il disegno col gesso > e poi si coloriscono , o meglio si esegue 
quanto s'h disegnato. Consistono in disegni meravigliosi , eseguiti 
con fiori a vari colori , con morteile tagliuzzate, che formano il 
verde, e simili. E come i fiori spesso non bastano , o non giun- 
gono ;a fomire quella tinta vivace, smagliante, che- abbisogna, si h 
ricorso ad altro espediente. Si prende della segatura , si tinge in 
rosso, verde o altro colore, e si dispone in modo da parere proprio 
un ricamo. 

Sono fregi , figure col loro chiaroscuro , eseguite a regola 
d'arte, contomi di tappeti, che non si potrebbero con miglior pre- 
cisione. E talvolta si riesce cosi perfetto, da creare, specie a certa 
distanza e di sera, al lume -de' torchietti, una illusione completa. 
Pii di una volta mi h capitato di vedere qualcuno, che si chinavar 
per verificare se si trattasse di tappeto reale od artefatto. Chi hoi 
sa, quasi non vi presta fede. Imitano de' disegni tanto graziosi, e 
alcuni anche simbolici. Rappresen tano forse .la cosa pii bella e 
piu artistica di tutta la festa. 

Se. non che bisogna ricordare anche de' magnifici altar i, co- - 
struiti, per la circostanza, nelle principali strade della citti, con va- 
ghissime prospettive ed affireschi , rappresentanti diversi fatti biblici. 
Innanzi alia maggior parte di essi , grandiosi giardini , adorni di 
statue, laghetti , fontane , zampllli , nicchi di mare veri o dipinti, 
che mandano un acre oJore di alga marina; uccellirii che saltellano 
sui regoletti e gretole delle loro gabbiole, e zirlano e pispigliano. 
E vi ha un recinto chiuso, perch^ nessuno possa penetrarvi e gua- 
stare. Tutto h cosi naturale , come se quelle belle cose fossero 
state sempre a quel posto. Chi nol sa, non indovina che tutto si 
i improvvisato per la circostanza, e che ha la breve vita;... di un 
momento ! 

Tantb per completare le idee del lettore , specifico i misteri 
di alcuni tappeti, e poi gli altari coi relativi disegni, esposti nella 
sera del 7 giugno 1893, cenquattordicfesimo anniversario, solendosi 
variare ogni anno. I tTj^^eti sono nelle chiese, di cui reputo inutile 
specificare i nomi, come pure degli esecutori. Ecco : 

Crisio al Tribunak di PilatOy con venticinque personaggi. 



Digitized by 



Google 



246 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

// Pietoso Samaritano. 

Gesti in me:(^^o ai dotiori, con quindici personaggi. 

Mosi che abbatte il Vitello d'oro. 

Giosui alia divisione delle terre. 
Passiamo poi agli altari. 

Altare di legno e fiori, con la statua di GesA Pescatort^ e qua- 
dro: La donna adultera, 

Altare in parati , stile gotico , con prospettiva in musaico , e 
quadro rappresentante: // Gigante Golia. 

Altare stile rinascimento. 

Altare in fabbrica , stile bizantino , con parte omamentale e 
pittorica, e con la statua della Religione. 

Altare con giardino ; ed altro simigliante con giardino e pro- 
spettiva. 

Altare in fabbrica , in riva al mare , stile rinascimento , con 
prospettiva dipinta , un gruppo-quadro : La donna adultera , e con 
giardino. 

Altare, con mistero rappresentante il Passaggio del Mar ^sso. 
Quando h in moto, sembra proprio vedere le onde del mare, che 
ora s' innalzano, e ora si abbassano. 

Tradizionale altare di fabbrica, comunemente detto di corallo, 
stile rinascimento, fatto a mosaico con parte ornamentale e pitto- 
rica. Vi sono evidenti allusioni locali, e il color rosso rappresenta 
il corallo. Mistero in alto dell'altare: Ribellione degli AngiolL Statua: 
Gtsi traditOy e giardino. 

Altare , stile romano ; mistero : Grsti che scaccia i profanatori 
dal tempio. Le figure sono proprio al naturale , specie quelle dei 
mercanti, tutti abbigliati. 

Altare, prospettiva in mosaico con fontane, e mistero: La pesca 
miracolosa. 

Altare con prospettiva in fabhi'ica ; e quadro : La risurre:(ione 
della figlia di Giairo. 

Mistero con giardino: // paralitico risanato. 

Prospettiva in mosaico con quadro : Gesi benedice i fanciulli. 

Altare in fabbrica con mistero : Gesti che consegna le chiavi a 
Tietro. 



Digitized by 



,y Google 



I 



LA FESTA DEI QUATTRO ALTAR! %^J 

Grandiose altare, stile rinascimento, alto m. 40, coo fnntastico 
giardino. 

Altare stile barocco. 

Come ho gii accennato, la festa non dura mcno di un biduo. 

Nel pomeriggio del 7, scoprimento degli altarij apertura deUe 
chiese, che contengono i tappeti. Alia sera, splcndida illuminazione 
a gas e a luce elettrica ; lampioncini per tutte Ic strade , secondo 
appositi disegni. Le finestre, i balconi adorni di covertej di vaghis- 
simi tappeti e di arazzi istoriati, con lumi alia vencziana anche assai 
leggiadri e variopinti, da formare, spe cie di sera, proprio nn incanto. 

Cosi tutto il paese sembra una festa ^ rcsa piCi atinienic da 
concorso di gente anche di al tri paesi, dal sesso gentile che splende 
in tutto il suo fulgore, in una mite notte estiva, sotto il pallido e 
mesto raggio della luna. 

Durante gran parte della sera e della ootte , scelti pezzi di 
musica nelle piazze principal!, eseguiti da bande musicali e civiche. 
II- concorso della folia h immenso.... N^ niancano pianini, che suo- 
nano per le vie, cafR splendidi, barracconi, venditori ambulami, e 
quant'altro si costuma in simili circostanze. Vi sono treni straor- 
dinari e altri mezzi di trasporto. La festa si prohmga durante la 
notte: e per lo piu si finisce a cena, o in altri geniali trattenimenti, 

Nel mattino 8, messa solenne nella Parrocchia di Santa Croce. 
Sul pomeriggio, poco dopo le tre , processionc del Santissimo coo 
isplendido accompagnamento della CoUegiaia , del Ckro ^ di tutte 
le Congreghe di Spirito , delle Confraternitc e di diversi concert! 
musicali. Come annotta, illuminazione ndle strade priiicipali , al 
par della sera precedente. II Sacramento, uscito con gran pompa 
della chiesa principale , visita le altre , dove inipnrtisce la benedi- 
zione ; e di qui si dice de' quattro altari. Le cappclle ed i tappeti 
durano fino al pomeriggio di questo giorno, quaiido sono disfatti; 
n^ piu avanza traccia di tanta pompa ! 

Ritirata la processione, fuochi artificiali con conceno mtisicale 
al Largo Santa Croce. E sembra un addio allc gioie di quei due 
giomi, e poi si prova la solita malinconia della sera dopo il di di 
festa I 

Gaetano Ahalfi, 



Digitized by VriOOQlC 

J 




FESTE SARDE SAGRE E PROFANE. 



AL DOTT. G. Pitltt. 




Carissimo Piirl, 

CCETTO di gran cuore, V offerta che mi fai di pubbli- 
care nell' Archivio, tutto ci6 che si riferisce aile feste, 
agli usi, ai costumi, delie popolazioni sarde parlanti il 
dialetto logudorese-, incoraggiandomi a non lasciar solo il libro, 
scritto suUo stesso argomento , dal Padre Bresciani ; e ti ihvio 
il Folk-lore eortdtico (eorta^^o , io xekbro una festa , in greco) di 
Tiesi. Ben h. vero che per NuorO, Siniscoh, ed altre localiti, corii- 
parve gii pubblicata una prima parte (e presto sar^ pure la se- 
conda) di un lavoro consimile. Ma in Sardegna, dove i dfbi, i ve- 
stiti ^ le occupazioni, variano di paese in paese , pu6 una sola ed 
identica festa religiosa o civile dare, e di, 'origine ad usi diversi 
c importanti. 

Rendo pubbliche e sehtite grazie al sig. Giovanni Maria Flores 
di Tiesi, Istitutore del Convitto Nazkmale •di Cagliari, che in- 
viommi nel 1890 canti , ed ora manda queste indicazioni folk4o- 
riche delk sua patria. Le sue avvertenze circa la pronuncia del 
dialetto, s'accordano interamente con quelle pubblicate (a pagiui X) 



Digitized by 



Google 



FESTE SARDE SACRE E PROFANE 249 

nella Prefezione dci Canti popolari in diaktto logtidoresc ; Torino, 
Loescher 1891. 

II dialetto di Tiesi appartiene alia i'' Sezione della Carta glos- 
sografica del benemerito Spano. Seguendo i suggerimeiui del pro- 
fessore Pier Enea Guarnerio, assai competente in questi studi, io 
scriveva : 

« Della I* Sezione sono caratteristiche le alterazioni cui danno 
origine le consonant! /, r, s nel nesso colle guttural! , dentali^ la- 
biali, che richiedono segni speciali. 

Infatti con ch indico il suono aspirato, cui di orif^^inc / od r 
od s f € gutturale: per es. hacha per barca; pocheddos per porcheddos 
poreellini, e con gh quello che risulta da / od r -f- ^ gutturale: per 
es. agha per alga. 

Con lib il suono prodotto da / od r od 5 + t; per es. molfhi^ 
felthUy culthUj ' per morte, festa, aistu (questo) — e con Idh quello 
di /, od f -|- d; per es. suldhu sordo, huldhu per biirdn , bastardo* 

Con iipy tit, ib, if, im il suono che deriva dairincontro di /^ 
f , s, con labiale e semilabiale, p, b, f, v, m, per es. iiposa, aibtin^ 
Hbay oifanu, ainuiy iiklla, per isposa, arbure , erba , orfanu, arma, 
iscella. 

A Tiesi, oltre le ricordate alterazioni, si sente come un sibilo 
davanti ai nessi r -|- gutturale ed r -f dentale , come se questa 
fosse eangiata in s, per es. chiscare, poscu, moste, per chircare, porcu, 
morto). 

Devesi anche notare che s precedente parola che termina pure 
in s, muitasi nella pronuncia, in 1 a Tiesi come a Siniscola (a Nuoro 
ed a Bitti in r) per es. sol meses per sos meses , i mesi ; diel mir- 
nores per dies minoreSy giorni piccoli, corti. 

NeUa pa*onunzia i + i^j i + rnj scompare raflPorzando k con* 
socame susseguente. Per es. i-hhiesini, i-bbisittay i-ggumpania , per 



' II popo]p di Pisa, speci^lmente nel borgo di Porta a mare^ e quel di Li- 
vomo nel quartiere della Venezia, dicono: folno, folte, qiuJtho , per fomo, forte, 
questo. Tale pronunzia sentesi in Sassari citti, in Sorso, ed anche in Gallura* 
In questa prima sezione dialettale si avrebbe quindi pronuncia gallurcsf e dia- 
letto hgudorese, 

Ard/Me per h tradnioni pop0lari^VoL XIII. IS 



Digitized by 



Google 



250 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

imhiesini inviarono j imhisiita visita , in gumpania in compagnia. 
Cosi dicasi di n + s, n 4- f , per es. pessamentu per pensamentu, 
pensiero, aiffesswne per cunfessione. 

B ed / e /> si scambiano a vicenda , al pari di c con f e di 
b con I?, la qual cosa di una specie di bksitd alia pronuncia. 

Nell'iUustrare Ic feste sacre della Sardegna, come si vedri nel 
lavoro, tratter6 pure delie profane che colle prime hanno relazione. 
Anzi si pu6 dire che tutte ve V abbiano, perch^ come osserva il 
Matizoni , a proposito di Renzo che prega nella capanna lungo 
TAdda, siamo composti di anima e di corpo. 

Neir ordine seguir6 quelio del tempo , dal primo all' ultimo 
giomo dell'anno. Siccome mi avverri di citare anche qualche no- 
tizia da me gii raccolta e mandata all' Archivio , riia noh ancora 
pubbiicataj cosi bisogneri che i lettori abbiano la bonti di credere 
alia mia asserzione, senza che io possa citare la pagina. 

Anche in questa Raccolta di Feste sarde ho stabilito di dare 
il testo c k traduzione letterale, e possibilmeute, la pronuncia piu 
giusta dci vocaboli, radunando cosi un materiale che potri servire 
al dialettologo ed al glossologo. Le opere dello Spano (Vocabolario, 
Ofto^rafa , ecc.) commendevolissime per il tempo in cui furono 
scrittCj son diventate , come succede di tutte le cose del mondo, 
anch'cssc vecchie. Mi h avvenuto, (e sari avvenuto anche ad altri) 
di cercare iuvano nel Vocabolario una {)arola , un modo di dire, 
che non avrebbe dovuto mancarvi. Con ci6 non intendo di biasi- 
niare Topera dc! buon Ploaghese. Anzi io venero ed ammiro quel 
venerando Sacerdott, che nel 1840, mentre tanti poetastri laici ed 
ecclesiastic! annoiavano il prossimo coi loro versi nati-morti, ele- • 
vava un monLimento cure perennius a se stesso ed alia patria, stu- 
diandone il dialetto. Qui , son costretto a parlare di me. Mentre 
nel 1888 il Consiglio Provinciale Scolastico di Sassari pensava di 
dare il nome di un guerriero sardo, o di uno scienziato, alia Scuola 
Normale di Nuoro , io proposi e feci adottare il partito di chia- 
maria : cc Scuola — G. Spano. » E con quel nome benauguroso 
alia scuola ed alia Sardegna, incominciai i miei studi sul dialetto 
logudorese, 

G. Ferraro. 



Digitized by 



Google 



FESTE SARDE SACRE E PROFANE 25 1 

I. Canthone de sol meses. (Canzone del mesij, 

^ Malthu e Abrile s' impompana, 
2 A bettare sol Ientore[s]. 

De Maju sun' sol tiore[sJ, 
4 E ancu lol 1^ 'riale [s]. 

De Limpadas mal ane[s] \ 
6 Cum Triulas ^ e Aiiltliu. 

De Cabidanni ' su gulthu, 
8 Po chie non e' maguladu ! 

Saiitu Aini * elthe torradu, 
10 A pioere a SS'-Attunzu. 

Sant' Andria ^ elth' a murrunzu, 
12 E briga' cum Nadale ^; 

* Lampadas, Giugno, cosi chiamato dai molti fuochi di strame e di paglia 
battuta che sogliono accendersi specialmente nclla notte di'S. Giovanni. Pa- 
recchie notizie sul Comparatico di S. Giovanni furono pubblicate da me c dal 
sig. Prof. Egidio Bellorini, dotto ed accurato illustrators di Canti popolari e di 
costumi sardi. — Maniales , malmnes y manovali, sarebbc la traduzione lettcrale. 
ma significa pure, lavoratori , opere in dial, toscano. A Cagliari manorba signi- 
fica proprio manovah. Vedi in proposito: Giornah Ligustico^ fasc. I , anno XX, 

pag. 31- 

* Triulas dal trebbiare (triulare) il grano. 

3 Come gli Ateniesi, gli Ebrei ed altri popoli, i Sardi chiamano il Settembre 
Capo d'annOy o meglio il primo mesc dell' anno per Tabbondanza dei frutti: ca- 
bidannitiUy cio^ settembrino, dicesi di parecchie frutta. 

4 San Gavino, uno dei protettori della Provincia di Sassari. Anchc i Gallu- 
resi dicono I'Ottobre Sanfigaini; i Campidanesi, dal Ictame sparso pei futuri sc- 
minati^ lo chiamano invece mesi de leddmhiis, o Ledumines, Vodi il Folk-lore a- 
gricolo sardo-monferrino. 

5 Anche in Monferrato chiamano talora il Novembre: mese di S. Andrea 
E aggiungono: Sanf Andreja — Uinvern u munta an careja — sale in cattcdra. 
I giovanotti scelgono il giorno di S. Andrea per far le loro dichiarazioni amo- 
rose. (Vedi Canti pop, sardi, 1891, pag. 53). Le ragazze polacche seminando il 
lino invocano S. Andrea affinch6 lo possano raccogliere coir uomo che esse a- 
mano. Vedi Folck-lore agricolo sardo-monferrino, pag. 42-43. 

^ Dicembre , del natalizio di Dio. A Carpeneto la festa di Ceppo la chia- 
mano: ra festa D-Dma — la festa del Dio nato. 



Digitized by VriOOQlC 



2jZ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

E non bi gh^ret' andare, 
14 Ca fighe' diel minore[s]. 

Bennilzu cu-ssol palthore[s], 
16 Brigat' ogni temporada, 

Freilzu giugh^d' i<cara, 
18 Unu cavanile n6u 

E po chiscare su s6u, 
20 L' kn fattu a un oju zegu/ 

L' mt6ppad' unu gregu, 
22 Revedende malcanzia. 

Preguntidu ite giu^hia[da] : 
24 Ganzos e amus de fusu ' 

Bi nche li b^tta susu, 
26 Tottu s' imp6ddinadura ; 

Ei sa mala ventura, 
28 Si la l^a' chie I'ada. 



Traduiione. — Marzo e Aprile si fan belli — Nel produrre le rugiade— EH 
Maggio sono i fiori — Ed ei li porta davvero, reali. Di Giugno manovali, lavo- 
ratori — E pure di Luglio e Agosto. Di Settembre che gusto ! Per chi non 6 
amraalazzato ! Ottobre b ritornato — A piovere in Autunno — Noverabre 6 in 
brontolio — E quistiona con Dicembre — E con lui non vuol andare — Che fja 
i giorni corti. Gennajo coi pastori — Briga ad ogni temporale. Febbrajo porta 
sul viso — Una maschera nuova. E poich^ cerca il suo — Lo fecer privo di un 
occhio. L'incontra un greco — rivenditore di mercanzia. Doraandato che cosa por- 
tava — Ganci ed uncini di fusi — egli dice. E gli getta suUa testa — tutta la 
forfora e la crusca. E la mala ventura — Se la prende chi Tha. 

I due poeti del secolo XIII cio^ Folgore da S, Gemignano e Cene da la 
Chitarra hanno una Corona di sonetti sui mesi deiranno. 

Ho posto per il primo questo canto comunissimo in Sardegna. 

Una lezione fu pubblicata dallo Spano (Cagliari, Timon 1872), ma io non 
rho potuta vedere n6 in Sardegna, n^ sul Continente. Un' altra fii da me pub- 
blicata nel 1891, meno completa della presente. Vedi pure Giannini, Ca«/i <^/iIa 
Montagna lucchese, pag. 232. Ive, Canti Istriani , pag. 379, e V importantissimD 
studio del D'Ancona {Archivio II, 240). 



1 Uncini da fuso, e fusi, che servono a filare. 



Digitized by 



Google 



FESTE SARDE 8ACRE E PROFANE 2J3 

ProQosticos e provMbios po sol meies. 

A ssa die 'e Santu Paulu , si elthe 'ona , s' annada it essere 
ona; si mala i-ssu tottu, mala; si elthe annuada e non pibeunnada 
mesu-mesu. Santu Paulu, Sant'Antoni, Santu Sebulthianu; 11 nirana 
Samol fritturosos: bdttini fiocca, 'entu e temporadas; sol palthores 
loa timene '. 

Unu annu unu palthore da ghi fia bessidu Bennaku ' glii non 
d' aia molthu manch' una 61veghe, s' elthe polthu a n^rrer : 

Ea' Bennibm! 
Nen anzone n^ baizu, 
Nfe balzu nen anzone, 
Mancu unu saccaju, 
M' as p6tidu 'occhire. 

Tando Bennilzu k nadu a Freilzu: Imprelthami dual dies — 
Chi t* appo a fighe'-rier. E issu bi las imprelthfesit; ma i-cculthas 
dual-dies elthe iittadu sfempre fiocchende e a-ssu elvegillzu una ^1- 
veghe ebbia b' i relthadu, e la salvisit asutta a-ssu labiolu K 

Cando fighe' tempus 'onu, nirana ghi Freilzu elthe brinchende 
cu-ss' amiga; cando ftghe' malu briga' cu-ssa muzzere e la ichiidet 
a palas. Lu nirana zegu ca' non agattfesit a sal duas dies peididas, 
Malthu 'entosu e abbosu; massaju piogosu: malthu siccu, massaju 
riccu. 



* S. Paolo, S. Antonio, S. Sebastiano, cio^ i giomi 17-20-25 dl Genoajo, 
cotne dicono nel Veneto, sono mdegari, indicatori, dell'annata che krL A Siligo, 
in Sardcgna, si litengono come indicatori del tempo che faru nei 12 mesi, i 
primi 12 giomi del Gennajo, e questo dicono 6 il calcolo di Re Saiomoae, (Vedi 
Canti pop. logudoTBsif pag. 1 3). 

* Vedi Spang, Vocdbolario italiano logadorese, pag. 9. Provcrbi. 

3 Un prOverblo sardo di Nule dice : Frehrxu duas car as — Una bona unu 
mah, Febbrajo due faccie, una buona una cattiva. Neir Alta Italb \ due giomi 
safebbCro stati Imprcstatl dal Febbrajo al Marzo, non al Gennaio, Lo Spano che 
nd Proverbi sardi ricorda anche Timprestito di Gennajo a Febbraju , interpreta 
arxu ghiaccio, mentre qui proprio si riferisce ad agnello variegato. 



Digitized by 



Google 



254 ARCIilVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Malthu ichoa' poscu ' e ichoat a tottu sol animales. A-ssu 
primu tronu de Malthu s'elthe a palthe 'e manzanu, gh^re' nirrer 
annada mala e robba lanza; s' elthe a palthe *e sero, annada ona e 
robba rassa. 

Abrile dogni die pioire ^. Sa fte elthe i-ffiores — abba a can- 
nones. 

Si pi^ijet a sol tres de Abrile, pi6e' tre-mmeses. Si pi6et i-ssa 
die 'e Santu Callilthu (i6 Aprile) annada 'ona a terras asciuttas, 
e mala a terras 'e abba, ppithe elthe annada eivosa ^ 

Nirana puru: Annada de icheriu, annada 'e p6ddine intriu: an- 
nada 'e prunichedda, annada 'e cattighedda *. 

Maju un' abba ad' abbaju — Abba 'a tri gos; riccu massaju. 

A s' essida 'e sa pruzessione e Corpus e Crilthos abbiidana 
a cale 'entu indat', e si elthe soloccu, elthe annada h fadigu, s' elthe 
'osanu annada 'ona. Abbiidana puru si tronat' o pagu o meda a 
palthe a mare, ch' elthe bonu signale 5. 

Sa notte 'd su pfeiperu (pfesperu) e mes^ Aulthu non selvit' a 
si coscare in camminu 'e rughes ^ , poite b^ssini cosas malas , ei 
sa pessone la colpana. Su matfessi elthe s' ulthima notte 'e Triulas, 
mancu a bi passare ! 

Sa die 'e Sant' A'lvera 7 'e-ssu c ampu liberidenos de tronos e 

» Iscoare vale ancHe scovare, fare uscire dal covo, infatti a Marzo esce il 
bestiame alia pastura. 

* Pioire per la rima invece di pider. 

3 II proverbio ^ citato dallo Spano : Cando est infusta e serena — Annada 
bona e piena , doh quando 6 bagnato e quietamente bagnato questo giomo , la 
raccolta h buona e piena. 

4 L*asfodillo 6 pianta comunissima in Sardegna (ischerhi, chereu — haculu de 
Santu Zoseppe). — Prunischedda ^ il prunus sihestris; a Carpeneto d* Acqui bar- 
gndra, 

5 II Cherubini fra le Superstizioni dell' Alto Contado Milanese registra 
questa: Ai primi tuoni di primavera che senti va in un prato e fa un bel pajo 
di capitomboli, dice il volgo. Un'ora dopo nasceranno in quel tratto belle spu- 
gnole. Plinio scrive che ai suoi tempi credevasi il tuono produttore di tartufi. 

^ L'antica superstizione indo-ariana dei trivii e dei bivii, ricordata da Ecate 
trivia, dea dei morti, e da Mercuric che li conduceva airinfemo. 

7 In Monferrato dicono: Santa Barbra e San Smun — Dlibarhi ddu lamp e 
ddu trun. 



Digitized by 



Google 



FESTE SARDE SACRE E PROFANE 255 

lampu, sol massajos fighene una padedda de trigu cottu cum latte 
e casu, po no si anneulare su trigu. 

Non si p6det iiposare ne' cambiare domo in Triulas, ca elthe 
cosa triulada * e s' a' mala solthe; narana chi bessit' a su sulvile * 
e non lassii pasare. 

Tradu:(tone. — Nel giomo di S. Paolo, se ^ buon tempo, Tannata sarA buona; 
se cattivo affatto, cattiva; se ^ giorno annuvolato e non piove, b annata mezzo 
mezzo. 

San Paolo, Sant' Antonio, S. SebastLano, li dicono santi freddolosi; portano 
neve, vento, temporal!; i pastori li temono. 

Un anno un pastore, poich^ era uscito Gennajo (finito) e non gli aveva 
fatto morire neanco una pecora, s'6 messo a dire: Eccoti Gennajo, ossia mi in- 
fischio di te Gennajo, n6 agnello bianco.^ n^ agnello pezzato (yarius lat) nt 
candido n^ vario, neppure un agnello di un anno mi hai potuto uccidere. Allora 
Gennajo disse a Febbrajo: Imprestami due giorni, che ti far6 ridere, ed egli glieli 
imprestb. Ma in questi due giorni stette sempre nevicando (nevic6 sempre) ed al 
pastore una pecora sola ^ rimasta, e la salv6 tenendola sotto la caldaja. Quando 
fa tempo buono dicono che Febbrajo sta scambiettando coU'amica: quando in- 
vece fe tempo cattivo^ quistiona colla moglie e le batte le spalle. Lo dicono cieco, 
perchfe non trov6 piii i due giorni perduti. 

Marzo ventoso e piovoso , contadino pidocchioso : Marzo secco , contadino 
ricco. Marzo leva la. coda (iscda) al porco, (metaf. la superbia) ed a tutti gli a- 
nimali. II primo tuono di Marzo s'^ dalla parte del mattino (levante), vuol dire 
annata cattiva e bestiame magro; s' h dalla parte di sera (ponente) annata buona 
e bestiame grasso.' 

Aprile ogni giomo fe a piovere. Quando la fava 6 in fiore, acqua a secchL 

Se piove il tre di aprile, piove per tre mesi. Se piove nel giomo di San 
Callisto , 6 annata buona per le terre as ciutte , e cattiva per le terre d* acqua, 
cio^ umide di molto, perch^ ^ annata erbosa. 

Dicono pure: Annata di asfodillo, annata di ben fatto, intero , polline di fa- 
rina; annata di prugnoli fioriti, annata di strettezze. 



» Triulare, trebbiare, e figurat. maltrattare. 

» SurviUy maga, Strega, incubo, detto in dial. log. anche ammuntadore (vedi 
Canti popolari sardi. Torino, Loescher , 1891, pag. 290). Se V addormentato ha 
la torza di rubare alFincubo una delle 7 berrette che egli ha , e di porla sotto 
la pentola, lo spirito ^ obbligato ad indicargli dove sono i tesori nascosti. II 
volgo di Roma, come nota Festo, aveva la medesima superstizione, e chiamava 
tali spiriti incubones. 



Digitized by 



Google 



35 6 ARCHIVIO PER LB TRADIZIONI POPOLARI 

Maggio un'acqua (pioggia) ne ho abbastanza e se viene 1' acqua qi;ando le 
biade sono ingranite, (son fatte a grani, trigos) il contadino ^ ricco. 

Air uscita della processione del Corpus Domini guardano quale vento tira : 
se h scirocco, k. annata di mortaliti; se h Bosano (di pouente), I'annata fe buona. 
Badano pure se taona poco o molto dalla parte del mare, il che k buon segnale. 

La notte che tien dietro al vespero , alia sera dei 1 5 Agosto , guai a cori- 
carsi (o dormire) sui crocicchi delle strade, perch^ escono cose male (fantasime) 
e la persona cjie c'^ la percuotono. II raedesimo awiene V ultima notte di Lu" 
glio, anzi non si potrebbe neanco passare in tali luoghi (Dio ne guardi a vi p;^s- 
sare 1) 

II giomo di S. Barl^ra del Campo — liberated dal tuono e 44 lampo , i 
contadini fanno una pentolata di grano cotto con latte e formaggio, affincjie il 
grano non sia attaccato dalla ruggine. 

Non si pub sposare nh cambiare di casa in Luglio, perch^ 6 tutta cosa tri- 
bolata e si ha mala sorte; dicono che esce I'incubo e non lascia quietare. 

(Continna), 



Digitized by 



Google 




APPUNTI Dl FOLK-LORE. 



AL DOTT, GIUSEPPE PITRfe. 



Carissimo Signor Dottore, 




ON tutti sanno che , leggendo il loro giornale quoti- 
diano, hanno occasione, ogni giomo, di andare aumen- 
tando, senza alcuna fatica, il patrimonio degli studi folk- 
lorici. Senz'altro aiuto che le forbici, si possono riunire notizie, le 
quali, appunto perchfe stampate ne* giornali quotidiani, non vengono 
raccolte in tempo opportuno dagli studiosi. Le invio oggi, appunto, 
qualche brano di giornale , che puo interessare i lettori dell' ^Ar- 
chivio. 

^ II brano che segue fu estratto dal Capitan FracassUy di Roma: 

Leggende romanesche. « Trastevere , come la parte piu . ro- 
fnana de "^jrnia , serba meglio d' ogni altra le tradizioni e i canti 
popolari , i proverbi , tutto quanto v' ha di piu schiettamente in- 
digeno. 

« Farsi raccontare qualche leggenda da una di quelle buone 
vecchie o sentire urr canto o un proverbio in bocca di una lavan- 
daia i un piacere. C i tanta poesia in quella ingenuita popolare, 
Ar chivio per le iradi'^ioni popolari. — Vol. XIII. 33 



Digitized by 



Google 



258 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

ricca di una maravigliosa freschezza fantastica, di una limpida vena 
di caldo afFetto, che se ne potrebbero trarre pagine maravigliose. 

« Bisogna sentirle quando narrano della bella Froda , di cui 
hanno trovato ora sotto terra i cavalli e troveranno presto la bica^ 
Parlano sempre di Olimpia Panphiiy che s'ariteneva dono t presente, 
perchi, quando ie mandavano qualche dono con un bei paggetto, 
ella non rimandava ni Tuno ni i'altro; il paggetto, dopo aver co- 
nosciuto a fondo Donna Olimpia , andava a conoscere a fondo i 
suoi trabocchetti. Ed anche ora donna Olimpia (riferisco sempre 
le tradizioni del popolo) ogni notte se ne va in carrozza per Rorna, 
e per la Lungara si sente il rumore delle ruote e lo scalpitare dei 
cavalli. 

« £ celebre la Madonna di S. Crisogono. Quando vennero i 
Francesi se la volevano portar via, perchfe era ricca di doni votivi. 
Ma quando entrarono nella chiesa , la trovarono tutta lucente di 
oro e lampeggiante di gemme, e furono compresi di tanta vene- 
razione che non osarono toccarla. 

« Sarebbe interessante il raffronto di questa tradizione coUa 
leggenda dei Galli che non osarono toccare i senatori romani , 
quando entrarono trionfatori nella citti.w 

Versione ronuna del canto delle sette bellezze. « Tra- 
stevere di anche le piu belle popolane di Roma : snellette, moret- 
HfUy alte, coi grandi occhi neri arrubbacori. 

« Chi di festa, dopo mezzogiornt) , va a S. Maria in Traste- 
ve^e, dove convengono le pii paine, o a S. Crisogono,, dove vanno 
le piii povere , le vede uscire dalla messa , tutte felici delle loro 
s^ttc bellezze; perch^ sette debbono essere le bellezze, secondo un 
canto popolare : 

Sette bbellezze cdi d'ave' 'na donna 

Prima che bbella se possi chiamd, 

Artt dev*esse' senza la pianella, 

E bbianca e rossa senza ralUsci4; 

La bocca piccolina e Tocchio belLo:- 

Graziosetta dev*esse* in ner parli : 

Larga de spalle e stretta in centurclla, 

Quella se pd chiamii, *na donna bella : 



Digitized by 



Google 



i» 



APPUNTI DI FOLK-LORE 3J9 

Larga de spalle e stretta de cintura, 
Quella h la donna bbella pe' natura ». 

Un brioso aTticolo, firmato Ciac-hum ^ apparso nel Don Chi^ 
sciotte del 26 Agosto 1891 , di notizie curiose di tradiziom ed u- 
sanze. £ una lettera scritta da Radicena (Gilabria) il 21 Agosto '91: 

Pellegrinaggio al Santuario di Polsl « Qui, per esempio, 
siarao con le carovane al santilario di Polsi. Esse partono per ogni 
settimana , in una notte fissata , con un fracasso di schioppettate 
che spezzcrebbe anche il sonno deU'orco della favola. Sono dei pe- 
tardi, che talvolta scuotorto le case. E a formarsi un' idea pallidis- 
sima delle botte bisogna figurarsi la sera della vigilia di Natalc a 
Napoli; dove si giunge a sparare di un colpo, un' intera pentola di 
polvere, chiusa a guisa di bomba. 

« Ogni carovana che parte ha la sua fanfaretta. Per giungere 
al santuario ci s'impiegano diciotto ore circa. Figurarsi sotto il sole 
d'agosto ! Ma le noie del viaggio non si awertono mica, in mezzo 
ad una gita di tripudio, dove i sessi e le classi si aggruppano per 
I'idea. Ne poi la strada i monotona. Tutt'altro. Valli, colline, mon- 
tagne, boschi, pianure, si succedono con una varieti ed liit prodigio 
di ottica. Al panorama magnifico, al quadro bizzarro e sconfinato, 
succede assai spesso Tabetaja, in mezzo a cui la carovana si caccia 
come in un buco profondissimo d'ombra. Abeti secolari, che mug- 
ghiano come il mare al piu lieve soffio di vento: faggi sterminati 
e decrepit!, dalla scorza velluta e macchiata largamente, come la 
pelle dei conigli, in mezzo a cui sovente osservansi tracce di nomi 
incisi, di antiche lettere : vecchie cicatrici , formate da una specie 
di connettivo di nuovo genere. 

(( AlVt^cqua del faggio k il primo alto della carovana, dove si 
fa colezionc sotto un'ombra fitta. Coli quante risate, quante gaiezze, 
quanti pensieri birichini, quante esclamazioni, quanti ricordi, fra un 
boccone ed un gotto di vino ! Quante occhiate buttate qua c li, in 
mezzo ad una folia seduta a mucchi, e nella quale sfolgorano vi- 
sini rossi, luccicano chiome nere e fitte, lampeggiano pcchieiti di 
fuoco ! Che note acute, che sorxisi, che scoppi tracotanti, che suoni 
metallici ! 



Digitized by 



Google 



26o ARCHTV'IO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

« Poi di li succede la fermata di riposo presso il prete, sopra 
una cresta d' Aspromonte nuda , ove par di sentire il rovaio, che 
nell*inverao ora fiscliia si'iistramente, ora mugola come una lupa 
affainata che sale su dalle scoscese. Si chiama appunto U prete 
perchi giusto li un povero prete viaggiando moriva di freddo. Le 
carovane che ci passano gridano : diamo fiwco al prete. E ognuno 
butta suUa terra ov' egli mori , un pezzo di ramo secco , portato 
dai boschi vicini. £ la catasta, presso cui lo spirito del prete do- 
vrebbe scaldarsi ogni notte. 

« Poi si passa dalV acqtia delta pregna , che la leggenda dice 
scaturita dalla rupe, dietro le preghiere di una donna incinta, che 
si moriva di sete. £ una copiosa sorgente, che sguscia in mezzo a 
un burrone di macigni, titanico, dove il sole non tocca il fondo. 
L'acqua i un vero ghiaccio. 

« E poi di li a Polsi , al santuario che sta in mezzo a una 
valle, chiuso da montagne boscose. Montague , scmpre montagne 
coperte di scornabecchi, di abeti, di pini^ di zappini e di faggi. 

« II santuario per si stesso non 6 nulla di grand ioso. Un rozzo 
conventaccio, una chiesa, una madonna vcstita , che somiglia una 
grande puppattola incoronata. 

« Ma il bello sta nell'arrivo dei pellegrini. 

« L'organo del convento e i cori d*uomini e di donne cantano 
VAve Maria Stella. Sono note che spingono agU occhi le lacrime 
di una ignota tenerezza. 

« Poscia si va al riposo, fra la frescura, lo stormire, degli al- 
beri, il romoreggiarc delle cascate e il belare delle mandrie, sparse 
per quei macchioni a pendio, 

« La fermata al Santuario h di tre giomi. L'alloggio i orri- 
bile. Una cameraccia e della paglia per terra. Questo h tutto; mentre 
il Santuario non i mica povero. II tesoro della Vergine h gran- 
dioso. L' abate, o meglio il priore, h una specie di feudatario ri- 
formato, che porta la calotta come porta la cacciatora. Seguito dai 
suoi cani; armato di schioppo e di pistole va a caccia di martore, 
di caprioli e di tassi, di cui abbonda il luogo. Egli mi fece vedere 
il tesoro, fra cui la grandiosa pianeta di casa Pignatelli. Stoffa su- 



Digitized by 



Google 



APPUNTI DI FOLK-LORE 26 1 

perba ed oro con tre pentolini ricamati a rilievo, ad un angolo del 
sacro paludamento. 

« Fu il dono di un Carafa Pignatelli , che per ordine di Re 
Ferdinando I si era recato a spogliare quel Santuario. Se n'era gii 
partito con le sacre spoglie, quando presso un ponte, che sta sopra 
un fiume, il cavallo gli s'impehn6 sotto, mentre un terremoto scuo- 
teva le montagne. II Caraffa, caduto da cavallo , si rompe una 
gamba, perocchi viene ospitato al convento e curato. Poco dopo 
la guarigione, compie finalmente un voto, c dona alia Vergine una 
ricca pianeta con gli stemmi della sua casa. Si racconta cosi ». 

Dalla Gai:(etta pietnontese tolgo poi questa notiziola sopra 

La invenzione del ventaglio. « L' Ostasiatische Lloyd riferisce 
che la figlia d' un gran mandarino, assistendo a Pechino alia festa 
nazionale detta delle lanterne, si tolse, in causa del gran caldo, la 
maschera dal viso , obbligatoria allora per le fanciulle dell' aristo- 
crazia Chinese. 

« Ma per non esporsi agli sguardi profani della moltitudine 
la i'anciulla si tenne la masch^a avanti al viso agitandola per farsi 
vento. 

a Appena videro ci6 le altre signore e signorine ne imitarono 
r esempio , e ben presto dieciniila mani agitavano dieciinila ma- 
schere. 

« Alia prossima fe^ta pubblica invece della maschera le belle 
aristocratiche agitavano dei pezzetti di seta distesi su bastoncini, e 
cosi era inventato il ventaglio , che sostitui in China per sempre 
la noiosa maschera » *. 



* Ecco la stessa leggent'a narrata dalla penna vivace della Contessa Lara 
(Jllusirajjone italiana) : 

« L* origine de* ventagU 6 dichiarata anche in questa graziosa leggenda 
cinese. 

« Una sera che la bella Kan-di, figlia di un mandarino, assisteva alia festa 
delle lanteme, e il palazzo illuminato pareva Tincendio d*una foresu di fiori, e 
un niivolo di danzatrici piegava in giro le membra sui tappeti di riso; come il 



Digitized by 



Google 



262 ARCHIVIO PER LK TRADI/JONI POFOLARI 

Sotto la rubrica Novitd , varietd , aneddoti , il Popolo "'B^mano 
pubblica spesso tradizioni e favole curiose, 

Ne trascrivo due, che mi paiono abbastanza interessanti. 

La prima fu pubblicata col titolo: // Cholera e la paura; h una 
leggenda araba, tradotta dal Popolo Romano di su la Pall Mall Ga- 
:iette : 

Il fant^ma del cholera. « Un giorno, un pio MoUah si re- 
cava a Smirne a cavallo di un somaro , quando questo fu preso 
alia cavezza da una tigura di aspetto spaventoso. Era lo spettro del 
cholera. 

— lo ti conosco disse il sant' uomo. Quali misfatti stai pro- 
gettando ? 

— Yado a Smirne, rispose lo spettro, con ordine di Allah di 
uccidere 700 fedeli. 

— Sali in groppa, soggiunse il Mollah, entreremo in citti in- 
sieme. 

« Quando furono giunti vicino alle porte della citti, il santo 
uomo disse : Ti scongiuro , in nome di Allah e per la pura fede 
di un maomettano , di non uccidere una sola persona di piu del 
numero assegnato dal Signore. 

c( II suo strano compagno giuro e si accinse quindi all' opera 
distruttrice. 

a Tuttavia, durante il periodo del cholera, morirono 7000 per- 
sone invece di 700. 

« Quando il Cholera stava per partire da Smirne, il sant'uomo 



caldo era grande , si vide obbligata a dcporre la mascherina ch' ella aveva sul 
volto. 

« Ma poi che il pudore la ritene\a dal mostrare il bel viso dove gli occhi 
obliqui s'aprivan come viole, ella cominci6 ad agitare la maschera cosi presso al 
viso, che per la rapiditi de' movimenti parve che un velo ancor lo nascondessc 
agli occhi curiosi. Tutte le donne che assistevano a tale ardita e capricciosa in- 
novazione , vollero iniitarla : c tosto mille iiiascherine svolazzarono , bianche e 
nere farfalle, intorno a mille leggiadri volti femminili; e la scoperta del ventaglio 
fu fatta ». 



Digitized by 



Google 



APPUNTI Dl FOLK-LORE 263 

o incontro di nuovo e gli rimprovcro di non aver mantenuto it 
giuramento. 

« Ma raltro soggiunse: lo nc ho uccisi 700, n^ uno di piu n^ 
uno di meno; tutti gli altri sono suti uccisi dalla Paura. Sta be* 
nedetto Allah ! » 

Ecco poi una profezia monteiiegrina, sopra 

La BELLA Regina Darinka. « La hella Retina Darinka era il 
nome con cui la principcssa tesic detunta era conosciuta fra i Mon- 
tenegrini, quantunque avesse cinquantaquattro anni quaiido c niorta* 

<c Da trentadue anni la hella Regina Darinka porta%^a il lutio 
per il suo consorffe, principc Danilo , chc le fu assassinate fra le 
braccia, a Cattaro ncl r86o, da uno dci suoi sudditi^ il cui fra- 
tello era stato alcuni anni prima da lui condannaio a monc, 

« A questo proposito, la Pall Mall Ga:(ette ricorda k seirucnte 
storia, corrente fra i Montenegrini all'epoca della iiiortc del prin* 
cipe Danilo : 

a Poco dopo il costui matrimonio , quando i Montenegrini 
combattevano contro i Turchi, Ic donne della Monta;^iia Nera rica- 
mavano una ricca bandiera, da offrire ai loro guerrieri. 

« II volto della hella Darinka fu riprodotto suila handtera , c 
i rozzi guerrieri montenegrini vi si in^^iiocchiarono dasrami , gri- 
dando : — Sii tu la nostra santa patrona in questa guerra santa. 

« Durante la battaglia di Grabova tre palle foraronu la ban- 
diera; una colpi la fronte della figura, una il cuorc ed una il ditu, 
su cui portava Tanello nuziale. 

« I preti e le vecchie del Montenegro dissero che quelle era 
un segno di cattivo augurio c significava che il Veliki Kimas (il 
gian principe Danilo) sarebbe morto giovane. 

« Alcuni anni piu tardi la triste profezia si awerava ». 

II signor Carlo Joliet pubblico nelle Appendici del Jattrnat de 
la Jeunesse queste due notizic , la prima sull' oca tiel ^iorno di San 
MichcUy la seconda su « le m;^ de cocagne ». 

L*oiE DE la Saint-Michel. « La coutume de manger des oies 



/Google 



Digitized by ^ 

\ 



2^4 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

le jour de la Saint-Michel remonte au r6gne d'filisabeth. Cette prin- 
cessc 6tait i table lorsqu'on vint lui annoncer la difaite de V Ar- 
mada, et comme on pla^ait i ce moment une oie devant elle, elle 
ordonna que, tous les ans, i pareil jour, on en servit une en com- 
memoration de cet ev^nement ». 

Le mat de cocagne. « Ce divertissement populaire fut intro- 
duit pour la premiere fois a Paris en 1425 , vsous la domination 
anglaise. Voici ce que raconte le Journal d*tm 'Bourgeois de Paris, 
sous Charles VII : 

« Le jour saint Leu et saint Gilles , qui fut au samedy, pre- 
mier jour de septembre, propos^rent aucuns de h paroisse faire un 
esbattement nouvel , et le firent, et fut tel ledit esbattement. lis 
prindrent une pcrche bien longue de six toises ou pres, et la fi- 
ch6rent en terre, et au droit bout dc hault, mirent un pannier, et 
dedans une grasse oie et six blancs, et oignirent trfes bien la perche, 
et puis fut crie que qui pourroit aller qu^rir la dite oie en rampant 
contre mont sans aide, la perche et pannier il auroit , et V oie et 
les six blancs; mais oncques nul, tant sceult-il bien gripper, n'y pot 
avenir. Mais au soir, un jeune varlet, qui a\ ait grippe le plus hault 
ot Toie, non pas le pannier, ne les six blancs, no la perche, ct fut 
fait ce droit devant Quinquempoit, en la rue aux Oies ». 

Perdoni, egregio signor Dottore, la pochezza di queste « for- 
biciate » e creda airinalterabile e rispettoso affetto del suo 

Alberto Lumbroso. 



-^J*_3I^-^f*i_^±£^<«^ 



Digitized by 



Google 



fiL FULESTA. 

SAGGIO DI UNA NUOVA RACCOLTA DI FAVOLE 

IN DIALETTO BOLOGNESE. 




ELLA campagna bolognese esistono ancora raolte belle 
usanze che conservano il sapore della tradizione. Mentre 
la civilti urbana si sforza di corrompere la sempliciti 
degli antichi costumi introducendovi con una grigia e banale uni- 
formiti di tinte le sue economiche innovazioni , il contadino — - 
rozzo, bonario, lavoratore — rimane qual'era una volta, e si com- 
piace delle sue patriarcali abitudini, e mantiene nella sua famiglia 
il vecchio regime. La casa del nostro campagnuolo si h, purtroppo, 
rapidamente modificata: non piu suppellettili e mobilie pesanti, mo- 
numentali, massiccie; non piu vestimenti pittoreschi e caratteristici; 
non piu esterioriti archeologiche: Tindustria cittadina ha fatto so- 
stituire airampio letto di noce quello di ferro battuto, al cassoae 
per la farina artisticamente intagliato la nudia meno costosa^ alia 
lucema di bronzo il lume a petrolio, air abito pastorale il vesdto 
piu comune. Grindividui, invece, rimangono sempre gli stessi: le 
feste piii curiose che acconipagnano le cerimonie solenni, i pregiu- 
dizi piu osservati in certi momenti della vita , il rispetto alia ge- 
rarchia doniestica, gli usi nuziali e natalizi, le danze, i giupchi re- 
Archivio per 1$ tradixioni popolari — VoL XIII. }4 



Digitized by 



Google 



266 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

centemente studiati e descritti ' danno un'idea di ci6 chc sia ancora 
il contadino bolognese nei suoi intimi rapporti soeiali. 

Ma per conoscerlo meglio, per scoprire in lui gli ultimi avanzi 
delle costumanze ataviche bisogna sorprenderlo nei momenti di ri- 
poso e di ricreazione, li in qiiei ridotti serali dove esso di sfogo 
a tutta la sua arguzia , a tutta la sua eloquenza , a tutta la sua 
potenzialiti inventiva. Nessuno ha mai pensato di ritrarre dal vero 
quei quadri interessantissimi che ci offrono gli abitanti dei nostri 
villaggi, ed h un male: per quanto Tartista potesse trovarvi poche 
sfumature per rendere una tela ricca di colori smaglianti , la sua 
pittura non mancherebbe tuttavia di vivaciti e d'intercsse locale..* 
La penna, del resto , pu6 a male pena rappresentare la giusta si- 
gnificazione di una vija in tutta la sua integrity. Ma che cosa 6 
la veja? 

Cosi chiamano i contadini del territorio bolognese le loro nu- 
merose riunioni organizzate di comune accordo presso or Tuna or 
Taltra famiglia dopo la prima ora di notte. Quando i lavori della 
giornata sono terminati e la parca cena ^ gia stata digerita inco- 
mincia il pellegrinaggio alia casa del vicino. E questi accoglie tutti, 
senza distinzione: V ospitaliti non si nega !... Nelle lunghe sere di 
inverno la veglia si protrae certe volte fino oltre la mezzanotte. 
Nei tepore della stalla poveramente rischiarata da un lumicino che 
va a tingere i travi del sofEtto col suo fumo denso e perenne, tra 
il lieve fruscio del bestiame bovino che giace ruminando tranquil- 
lamente , in mezzo a un fitto crocchio di donne d' ogni eti che 
pizzicano il filo dalla rocca con un movimento ritmico e affrettato, 



» La prima a tenerne parola fii la signora Carolina Coronedi-Berti, 
che scrisse intomo agli Usi nuxiali del contadino bolognese (vedi la Rivista Eu- 
ropea, anno V^ vol. Ill, fasc. I del 1874). Vennero in seguito gli studi piii com- 
plessi di Gaspare Ungarelli che concemono principalmente i Giuochi popolari 
e fandulleschi in Bologna (vedi 1' Archivio per lo studio delle tradiiioni popolari, 
voL IX e XII degli anni 1892 e' 1893) e le Vecchie dan:^e popolari Ualiane an- 
cora in uso nei Bolognese (Roma, tip. Forzani e C, 1894). L' Ungarelli ha pure 
in corso di stampa i Costumi nu^iali nei Bolognese, ampliando le osservazioni gia 
fatte dalla Coronedi-Berti qualche anno prima. 



Digitized by 



Google 



KL FULESTA 267 

davanti a una schiera di giovanotti accosciati suUe grcppi, un nar- 
ratore fecondo e fantastico — chiamato nel nostro dialetto villico 
il fulesta ' — racconta con grande maestria una di quelle lunghe 
favole che costituiscono Tunico ma piu variato repertorio della no- 
vellistica rusticale. Terminata la narrazione succede un niomenco 
di pausa e di animatissima conversazione, indi un altro fulesta entra 
nell'arringo e incomincia: A-j-era una volta.,.. 

Assistendo a questi simpatici e carattcristici ritrovi vien fattd 
di pensarc seriamente che possa esistere una certa rekmooe fra essi 
e gli antichi decameroni che dettero tanto sviluppo alia novella ita- 
liana : si tratta infatti di una casta avente delle attitudini ancora 
niolto primitive, che, allorquando si raccoglie in conciliabuli, im- 
provvisa una specie di palestra letteraria addestrando ki ineiiie in 
fantastiche creazioni che rattengono in s^ qualche fondo di verita, 
qualche lontano ricordo di vicende cavalleresche o qualche rima- 
cuglio di tradizioni paesane, di superstizioni o di miti gia del tutto 
dimenticati dalle promiscue popolazioni delle citta civilizzate. Ma 
non gii i casi d'amore e le av venture galanti che allettarono i cor- 
tigiani del XIV e XV secolo sono quelle che occupano rattenzione 
dei verecondi viilani : assai di rado essi inventano novclk leziose 
o sensuaU, mentre accade spessissimo di vederli inteneriti e com- 
mossi per la triste odissea di un fanciuUo che va in giro pel mondo 
in cerca di una sorella smarrita, o di una giovinetta che atfronLi 
i piu gravi pericoli in causa di un nano maligno che I'ha accusata 
di spavalderia, come pure accade di scorgere in loru la piu siiicera 
soddisfazione dopo che essi hanno udito che il protagonista delk 
strana istoria vien soccorso da una potenza sovrumana o da un 
individuo fatato *. Per quelle vergini fantasie la volonta di un inago 
o di una Strega spiega tutte le inverosimiglianze del niccoiitOj baaita 



» II nome di fuJesta equivale a quelle di favoleggiatore c deriva da jok ; 
favola. I fulesta s* incontrano in ogni villaggio bolognese e sono assai di rado 
mestieranti. 

* Nelle favole che seguono questi quattro diversi casi ricorrono successiva- 
me.'kte e, sto per dire, spontaneamente. 



Digitized by 



Google 



268 ARCHIVIO PER L£ TRADIZIONI POPOLARI 

che il narratore la rammenti pcrch^ ruditorio rimanga soddisfatto 
ed entri d'un subito nel campo delle emozioni. 

Un silenzio solenne e un interessamento sempre crescente ac- 
compagnano queste narrazioni incredibili, facendo ritornare molto 
spesso nella memoria il verso virgiliano : 

Conticuere omnes, intentique ora tenebant. 

E il fulesta sa colorire i suoi racconti con parole oltremodo 
vibrate, allorch^ vuole far accettare ad ogni costo una situazione 
difficile; o con dolci espressioni, se parla di fanciulli e d'amanti; 
o con ruggiti e urlacci, se introduce nella sua tinzione I'inevitabile 
mostro che prende il nonie d'uomo selvatico, d'uomo del bosco o di 
lupOy a seconda dei casi. I contadini non fanno osservazioni: si la- 
sciano condurre in paesi immaginari, seguono ansiosamente i loro 
fortunati eroi, non dimenticano nessuno di quel particolari che, ac- 
cennati di volo, vengono di nuovo rammentati sul linir della fa- 
vola con sorprendente precisione, ed accettano con vivo piacere le 
convenzionali conclusioni che decidono un matrimonio fra sovrani 
e poveri. 

Un filo di logica lega i fatti anche piu inverosimili: Tintreccio 
vi si incontra assai raramente. E il linguaggio adoperato da questi 
rozzi parlatori e cosi semplice, cosi piano, cosi efficace da rendere 
una ben povera cosa qualunque trascrizione che si voglia fare per 
uno scopo letterario. 

Le veglie con intervento dei fulesta si fanno costantemente 
nei mesi di dicembre e di gennaio tanto in inontagna quanto nella 
pianura: da Ca' dei Fabbri a Pianoro, da Castenaso a Castel de' 
Britti, da Vergato a Scaricalasino; tali ritrovi sono comunissimi, e 
non av vengono altrimenti che nelle stalle, e formano T unico di- 
vertimento di quella gente ignorante che sente tuttavia il desiderio 
di esercitarsi intellettualmente dopo essersi affaticata nel lavorare 
la terra durante la stagione estiva e autunnale. 

Raccogliendo un buon numero di quelle st-orielle immaginose 
ancora inedite e sconosciute della gente di citti ' ho procurato di 

' Esistono giA due raccolte di favole in dialetto bolognese. Senza tener conto 
di quella conosciutissima intitolata La chiaqlira dla Ban^ola che non ^ che la 



Digitized by 



Google 



EL FULESTA 269 

attenermi fedelmente alle versioni orali che udii recitare in quei 
rustic! ambienti, i quali mantengono da secoli il loro aspetto tra- 
dizionale e sono come le accademie degli analfabeti in cui non pu6 
mai giungere il rumore delle nostre discussioni letterarie , ma a 
cui, io credo, stiano strettaniente Jegate le origini della nostra no- 
vella che coll'andar del tempo degenero in romanzo d'azione. Ma 
pur conoscendo la prosa, il lettore non potri mai raffigurarsi con 
precisione n^ il fulestay nk la vija, nfe Tentusiasmo che destano le 
favole, n6 le gare che nascono tra narratore e narratore per supe- 
rarsi Tun Taltro in eloquenza e in abilita. II piu delle volte costoro 
terminano con una filastrocca, la quale non ha altro scopo che 
quello di suscitare I'ilariti in chi li ascolta: giunti alia fine del rac- 
conto essi si rivolgono ad uno della compagnia che ha tania di 
essere un gran mangiatore e, sempre riferendosi agli eroi della 
favola che si sono sposati o che hanno raggiunto un lieto fine, gli 
gridano in faccia con ferma intenzione di colpirlo nel vivo : 

. . . . e loiir i fen un nozz e strangoss, 
mo a-n-j avanzd gnanch un oss I 

oppure, con niaggior franchezza, e additando Tingordo : 

.... e i fen un nozz, strangoss e persut, 
mo vo al magnassi tiitt! ' 



traduzione del Cunto de It Cunti di Gtambattista BAsaE napoletano , fatu da 
Teresa e Maddalena Manfrc.ii nel 1742, (vedi La chiaqlira dla Ban^oJa, Bologna 
1742 per Lelio dalla Volpe; edizione rArissiraa. La chiaqlira dla Banioia ; Bo- 
logna 1777 per Lelio dalla Volpe, di cui si trovano tuttora parecchi esemplan. 
— La chiaqlira dla Baniola, per dir mii, Fol divers, tradutt dal parJar Napu- 
litan in lengtia Bulgiusa per rimcdi dla sonn-e dla malincuni; Bologna I1H13 per 
Gaspero de* Franceschi. — Infine: Ar Pentameron d' Zvan AUssi Basih sia Zin- 
quanta fol detti da dis donn in Zeinqu giornal; Bologna, 1839, presso Antonio 
Chierici; traduzione alterata ma piu completa), si hanno le Novelle popolari bo- 
lognesi raccolte da Carolina Coronedi-Berti; Bologna, tipi Fava e Garagnam 
1874; e la raccolta di Favole popolari bolognesi; Bologna, Tipografia Monti 188^. 
» Questo modo di terminare le favole e comune a tutti i fulesta Ui cam- 
pagna e di citt^ : in villa per6 tale maliziosa chiusa acquista maggior ctlicacia 
per le numerose varianti che le vengono • date dai fulesta, i quali hanno una 
straordinaria facility per accoppiar rime dialettali. , 



Digitized by VriOOQlC 

I 



270 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

Nel pubblicare un saggio della mia raccolta io ho omesso di 
ripetcre alia fine dl ogni fiaba tale convenzionalissima conclusione 
parendomi essa del tutto fuori di proposito. Ma a me basta, — e 
suppongo che possa bastare anche al lettore — che nel dare questo 
esempio di novellistica dialettale restino in evidenza i pregi mag- 
giori deirinvenzione e le ruvide espressioni deiridioma campagnolo 
che h pur tanto ricco di parole colorite, di frasi efRcaci e di lie- 
vissime sfumature che equivalgono ad altrettante pennellate gettate 
con mano .maestra suUa tela fantasiata di queste ingenue concezioni 
che ormai i nostri bimbi , viziati dalla falsa educazione che rice- 
vono nei salotti , non hanno piii a caro , mentre i lavoratori dei 
campi ascoltano sempre con infinita compiacenza. 

Usando un'ortografia che rende il piu che ^ possibile i suon; 
del dialetto bolognese mediante la collocazione degli accenti sulle 
vocaU di incerta pronuncia * , ho ferma speranza che le seguenti 



' Non vorrei risoUevare una delle tante quistioni sorte a proposito del modo 
di scrivere il bolognese e rimaste tutt' ora irrisolte. Fino dal secolo scorso il 
Dott. Annibale Bartoluzzi , autore del poemetto L' Asnada (Bologna , San To- 
maso d'nquino 1779) ebbe a dire con molta ragione che: 
Ogn* Bulgneis fd a* s6 mod Turtugrafi 
N' avend ensuna lezz da tgnirl drj, 
e fu soltanto sul principio di questo secolo che incominciarono le controversie 
dappoich^ gli scrittori di cose dialettali compresero che era finalmente giunta 
Tora di mettersi d'accordo nel seguire un' unica ortografia. In quel tempo fu 
pubblicata la proposta di un anonimo intitolata : Progetto di ortografia bolognese 
di un Accademico del Tritello (Bologna, Tipi del Nobili, 1828) in cui venivano 
fissate certe regole che nessuno pens6 di seguire. Fu soltanto dopo che TAscoli 
pubblicb i suoi studi diattologici (vedi Archivio gJotloJogico italiano ; Roma, Er- 
manno Loescher, 1873, vol. I e II) che alcuni pensarono di trattare il veraacolo 
bolognese scientificamente ; Augusto Gaudenzi scrisse un trattato sui Sitonij le 
forme e le parole delVodierno dialetto della citta di Bologna (Torino , Ermanno 
Loescher 1889), il quale, se fu bene accolto dagli eruditi, lascib per6 fra il nu- 
mero degli scrittori dialettali la medesima confusione di prima. II solo Gaspare 
Ungarelli applied quelle nuove teorie nel dare alle stampe il Saggio di utia 
nuova^ raccolta di proverbi in dialetto bolognese (vedi Atti e Mem orie della R. De- 
putaxione di Storia Patria per le proimuie di Romagna ; serie III , vol. X , anno 
1891-1892) non riuscendo peraltro a persuadere il pubblico della comoditA di tale 
compliQitissimo sistema. 

Anche la Coronedi-Berti voile tentare qualche innovazionc allontanandosi 



Digitized by 



Google 



EL FULESTA IJl 

novelline saranno lette con non grande difficolta, e che verri loro 
fatta una discreta accoglienza, la quale m'incoraggeri a proseguire 
nella pubblicazione. 

Bologna, Genmiio iS^4, 

C. G. Sarti. 

tuttavia dal metodo scientifict) ma approssiniandosi ai suoni del linguaggio par- 
lato (vedi Vocabolario hoJogtiese-italiano, Bologna, Monti 1869 al 1872) 1880. 

Ma chi segul le sue norme ?... Pochissimi, per non dir nessuno. I poeti, gli 
autori drammatici, i giornalisti seguitarpno a scrivere il bolognese nel modo piii 
semplice e piii spontaneo, so non nel piii corretto, e non vi fu che il Prof. E- 
milio Roncaglia che in questi ultimi tempi proponesse una nuova modificazione, 
sostenendo che il dialetto bisogna scriverlo come si pronuncia, non gi^ con con- 
venzioni ortografiche che tendano ad appianare le difficolti fonetiche (vedi Pre- 
fazione alia commedia Un bus int I'aqua; Bologna, G. Brugnoli e Figli, 1892). 
Ma quantunque ci6 sia comodo per chi ^ gii pratico dei suoni, genera tuttavia 
dei grandi inconvenienti e d^ luogo a moltissimi equivoci. Basti rammentare che 
I'articolo determinativo raasch. sing, scritto scmplicemente: al, come usa il Ron^ 
caglia, oltre che non rende esattamente il suono dialettale, si confonde sempre 
col prefisso del dativo che bisogna scrivere: al. E ■ i difetti di tal genere si mol_ 
tiplicano nel corpo delle parole allorquando, per risparmiare gli accenti su vocali 
incerte, si adoperano altre vocali che prcdominano nella pronuncia bolognese. 
lo quindi, senza fare gran chb di nuovo, ho scguito rigorosamente la conven- 
zione piu in uso, la quale h anche la piii pratica , non essendovi bisogno di 
creare appositamente nuovi caratteri che minacciano di rendere il dialetto bolo- 
gnese pi£i difficile di una lingua straniera, e che ^ quella che si renderA piii in- 
telligibile dopo che il lettorc avri fatto attenzione alle poche regole che la go- 
vemano. Ecco pertanto la spiega/.ione dell'uso degli accenti e il modo di pronun- 
ciare le vocali che ne sono gravate, salvo per6 poche eccezioni che soltanto la 
pratica pub insegnare : 

a) accento acuto, su tutte le vocali che vanno pronunciate strette e che 
rimangono inalterate s'l in bolognese che in italiano; 

^) accento grave, per ottenere un suono nasale e simile a quelle che dd 
la flisione delle vocali ao, uo, ae; esso si pone sulle vocaU 0, U, e nel corpo delle 
parole. Es: Bastbn (pron. bastan , ma col secondo a molto simile all'o). Fiiss 
(pron: foss con T chiusissimo). kl tus^tt (pron. al tusatt, ma che entrambi gU 
a sieno identici all* a inglese deU'aggcttivo: glade). 

Y) accento circonflesso, su tutte le vocali finali accentate che hanno suono 
quasi italiano, ma lungo c strisciato, • Ja non poterlo apprendere che dalla viva 
voce. Es.: Magnd (il secondo // ^ una Fusione dell' a ed 'e) Mi (pron. mii). 
Con tale convenzione credo di non essere in lotta con la maggioranza. 



Digitized by 



Google 







lOCGHLI 
RACCONTO-FILASTROCCA POPOLARE DI BERNA. 



Es schickt e Herr der loggeli use 
er soil ga d* Birli schuttle : 
loggeli wot nit Birli schuttle, 
d' Birli wei nit falle. 

Da schickt der Herr es Hiindeli use, 
soil der loggeli bisse : 
Hundeli wot nit loggeli bisse, 
loggeli etc. 

Da schickt der Herr es Stackli use, 
soil ga s' Hundeli haue : 
Stackli wot nit Hundeli haue, 
Hiindli wot nit loggeli bisse, 
loggeli etc^ 

Da schickt der Herr es Fiiurli use. 
Soil ga s' Stackli bronne : 
Fiiurli wot nit Stackli bronne, 
Stackli wot nit etc. 

Da schickt der Herr es Wasserli use. 
Soil ga s' Fiiurli losche : 
Wasserli wot nit Fiiiirli losche, 
Fiiiirli wot nit etc. 



Digitized by 



Google 



lOGGELl 273 

Da schickt dcr Herr es Chalbli use, 
Soil ga s' Wasserii lappc ; 
Chalbli wot nit Wasserii lappc, 
Wasserii wot nit etc. 

Da schickt der Herr der Mctzger use, 
Soil ga s' Chalbli metzge : 
Metzger wot nit Chalbli metzge, 
Chalbli wot nit etc. 

Da schickt dcr Herr den Henker use. 
Soil ga d'r Metzger henke :, 
Henker wot jetz Metzger henke, 
Metzger w^ot jetz Chalbli metzge, 
Chalbli wot jetz Wasserii lappe, 
Wasserii wot jetz Fuurli losche, 
Fiiiirli wot jetz Stiickli bronne, 
Stackli wot jetz Hiindeli haue, 
Hiindeli wot jetz d' Birli schiittle, 
d' Birli wei jetz falle. 

Tradaiione, — Un signore manda fuori Giacomino, perchC; vada a scuotcre 
il pcro, Giacomino non vuolc scuotcre il pcro, le pere non vogliono cadere. — 
Allora il signore manda fuori il cagnolino, perchfe morda Giacomino, il cagno- 
lino ncn vuol morderlo ecc. — Allora il signore manda il bastoncino, pcrch^ per- 
cuota il cagnolino ecc. ecc. e poi , il fuoco per bruciare il bastone ; c T acqua 
perchd spenga il fuoco; la vitella perch^ beva Tacqua; il macellajo perch^ macelli 
la vitella; e il boja perch^ giustizi il macellajo. 

(A questo punto, un dopo Taltro, cscguiscono tutti il comando del padrone). 

F. A. Cannizzaro 

riccohe. 






Archh'io per le iradi^ioni popolaru — Vol. XIIL 35 

/Google 



Digitized by ^ 



CONTES DE PRfeTRES ET DE MOINES 
RECUEILLIS EN HAUTE BRETAGNE, 



I. — Les moines et le bonhomme. 




L y avait unc fois — car il n' y a pas de foie sans 
couree, ni de quartier de mouton sans rognons, — un 
pauvre laboureur qui avait bien de la peine a manger 
dii pain. 

Un jour sa bonne fcmmc lui donna deux cent cinquante francs, 
et lui dit d'allcr lui chcrcher un cochon, en lui rccommandant de 
Ic bien choisir. 

II partit pour la foire — marche aujourd'hui, marche demain, 
a force de marcher on fait beaucoup de chemin , surtout quand 
on ne tombe pas, et que Ton n' a pas la peine de se relever — et il 
arriva sur le champ de foire. 11 se mit i marchander les cochons, 
mais ils etaicnt de deux cents ou de trois cents francs, et le bon- 
homme qui croyait que sa menagere en voulait un de deux cent 
cinquante francs tout juste, etait bien embarrasse. II finit par s'a- 
dresscr a une bonne femme et lui dit : 

— Combicn le cochon ? 

— Deux cents francs. 



Digitized by 



Google 



COXTHS DE PRl-TRr.S HT DK MOINT.S 2; J 

— Vous n'ctcs pas rnisonnablc, la petite mere; Jonncz moi Ic 
plutot pour deux cent cinquante franc". 

— March6 conclii ! dit k bonne femme. 

II etait deja tard quand le bonhommc quitta le champ de foirc 
avec son cochon, et la nuit le surprit pres d'un convent oli il y 
avait une vingtaine de moines. II frappa a la porte et demand;i un 
gite. Le p6re capucin le rejut, Tin vita ;\ souper et fit mcme meitre 
le cochon i Tetable. Apres avoir bien mange*, le bonhomme se con- 
cha, et ronfla bientot sur les deux oreillcs. 

Quand il fut bien endormi, le pcrre capucin reunit ses nioiiies 
et leur dit : 

— Le bonhomme que nous avons loge a un beau cochon , 
bien gras, qui ferait bonne figure dans notre cliarnier; nou^ avons 
:\ I'ecurie un vieil ane qui ne nous sert i rien; si on le niettait h 
la place du pore, le bonhomm:^ qui n' est pas trop fin, ne s'en a- 
percevrait pas, et il emmenerait notre ane. 

Ce qui fut dit fut fait; au matin le bonhomme apres avoir biLni 
dejeiine, prit Tane et Temmena, en benissant les personnel dun-- 
tables qui Tavaient si bien heberge. Tout en marchant, il se disaic, 
« Ma bonne femme sera bien contente de mon marche: commc mon 
cochon a de grands poils ! comme il a les oreilles longuesi il est 
magnifique, et pas cher». 

Mais quand il arriva chez lui, sa temme Tappela vieux so:, et 
lui dit qu'au lieu d' un cochoii , c' etait un viell ane qu' il avait 
amene. 

Le bonhomme pensa bien qu' on lui avait joue un tour au 
convent, et il se mit i songer comment il pourrait rendre auK 
moines la monnaie de leur piece. En attendant , il fit unc petite 
charrette pour son dne, et il gagna quelque argent. 

Quelque temps apres, il alia chez le maire de sa commune, et 
le pria de lui preter les vretements de Tunc de ses filles. Le maire 
y consentit, et quand le bonhomme fut chez lui, il se rasa, s'ha- 
billa et se transforma en une i'legante demoiselle, puis il alli tout 
pris du couvent, oii il se mit ;\ cueillir des fleurs. Les petits moines 
qui n'avaient jamais vu de jeunes filles si pris du couveat^ pri- 



Digitized by VriOOQlC 

i 



276 AtlCillVIO PER LE tRAT)i:^IOMl POt>hLARl 

viarcnt Ic pcrc capucin, qui leiirdit d' invitcr la demoiselle i cn- 
trer. U alia mfime au-devant d' elle ct Tin vita i souper avcc lui; 
«prt!3 le repas, il lui dit qu'il sc faisAit tar J, et qu'cUe devait re- 
ster i passer la nuit au convent. Elle r efusa d' abord, disant que 
ses parents seraient inquiets; miis elle finit pour consentir i rester. 
Lc pire capucin V emniena dans sa chambre , ec dit aux petits 
moines : « Quoique vous entendiez cette nuit, je vous defends de 
venir chez moi. » 

II se d^shabilla , se mit au lit , et pressa la jcune fiUe d' en 
faire autant; mais celle-ci, qui n'^tait autre que le bonhomme vole, 
sprtit de dessous scs robes un gros baton et se mit i frapper sur 
le pire capucin comme un batteur en grange. C?lui-ci reconnut le 
bonhomme, et lui cria : « PrenJs quatre cents francs dans mon 
armoire, et laisse-moi; dans trois jours, j'irai te ramener ton co- 
chon. » 

Le bonhomme prit Targent et se sauva par la fenctre. 

Le lendemain, les moines trouvi^rent le pire capucin, pale, 
ct i moitii niort des coups qu' il avait recus , et il leur dit que 
la demoiselle etnit le laboureur auquel on avait pris le cochon. 

Huit jours se pass6rent, et, comme le bonhomme ne voyait 
pas venir son cochon, il prit ses habits du dimanche , et alia du 
ciJt6 du convent, ou il se mit a cueillir des fleurs. Les petits moi- 
nes qui Taper^urent vinrent lui demander ce qu'il faisait. « Je suis, 
dit-il, m6decin de mon 6tat, et je cueille des plantes pour en faire 
de la tisane. » Les petits moines le priircnt de venir voir leur 
p^re capucin qui 6tait malade. II entra dans la chambre, et, apres 
r avoir examini , il epedia dans les villes voisines tous les petits 
iDoincs, pour chercher des remedes chez les pharmaciens. Quand 
il fut seul, il sortit encore son biton pour donner une correction 
au pere capucin; mais des que celui-ci V eut reconnu, il lui pro- 
posa quatre cents francs pour ne pas ctre battu. Le bonhomme 
les prit, et en s'en allant, il lui jura que s'il ^tait encore forc6 de 
revenir une autre fois lui rappeler sa promesse, il le tuerait sans 
remission. 

A leur retour les petits moines trouv^rent leur pirc bien ma- 



Digitized by 



Google 



C6\TVS DE PRHTRF.S ET t>E MOtNTS ^77 

lade, et il leur dit qu'il fallait ramener le cochon chez Ic bonhommc. 
lis tirircnt au sort, qui designa un grand moinc et un petit. Le 
lendemain matin, ils partirent i cheval tons les deux, pou.sant de- 
vant eux le cochon. Quand ils arriverent prC^s de la maison 
du bonhomme, ils lui criirent de venir prendre son cochon, et ils 
se disposaient i s'en aller, quand il arriva, et, de son air le plus 
gracieux, les invita i soupcr et i coucher chez lui. 

lis accepterent, et le bonhomme les traita de son mieux; apris 
souper, ils se mirent dans la cheminec pour se chauffer; Tun des 
moines regardant en haut vit plusieurs andouilles et quartiers de 
viandes qui scchaient. lis demanderent ce que c' etait, et le -bo- 
nhomme leur dit: « Ce sont des quartiers de moines qui ont cou- 
ch6 ici, et qui, la nuit, ont sali leur lit». 

Les moines allirent se coucher, tremblant d'avoir un accident 
parcil i cclui de leurs frercs. 

lis s'endormirent pourtant ; quand le ionhomme les entendit 
roufler, il delaya de la farine, avec de Teau et s'en fut la mettre 
entre eux deux, puis il se cacha dans Tescalier. Le plus grand des 
moines, sentant la fraichcjr de la farine mouillcc, crut i un acci- 
dent, et rcveilla le petit fr6rc. Juste i ce moment , le laboureur 
arrivait dans la chambre avec une grossc trique; il rcleva les cou- 
vcrtures, et, ayant vu I'accident, il se mit i jurcr apres les moines 
et i les poursuivre. lis trouverent une fenctre ouverte , par la- 
quelle ils sautirrent; ils tomb^rent sur une ctable couverte en 
chaumc dont le toit s' 6ffondra sous eux ; et ils y trouverent le 
cochon cu'ils avaient ramen6 et un cochon plus petit que le bo- 
nhomme avait acheti. 

Le lendemain le bonhommc alia chercher le boucher de co- 
chon, croyant les moines bien loin; mais il fut tres surpris en ou- 
vrant la porte de V ctable , de voir , au lieu de cochons , deux 
horame. Tun petit, I'autre grand, qui s'enfuyaient en chemise. 
Cout^ en iSjS par Elie Menard, de Plevenon. (C6tes-du-Xord). 



Digitized by 



Google 



278 ARCHIVIO PER LK TRADIZIO\'I POPOLARI 

II. — Les Moines. 

II y avait une fdis trois moines dans un couvcnt, deux jeunes 
et un vicux, et tout auprcs dcmeurait un bonhommc qui avait une 
jolie femme. 

Les deux jeunes moines lui firent la cour chacun de son cote, 
et lui proposirent une somme d' argent , si elle voulait leur per- 
mettre de passer la soiree avec elle, un jour que son mari ne se- 
rait pas li. Elle fit mine d'v consentir, et leur donna i tous deux 
rendez-vous pour une heure diff6rente. 

Elle avait privenu son mari, qui s'abscnta du logis. 

Le premier moine arriva, et lui donna une somme d'argcnt; 
puis ils se mirent i table. Au moment ou ils ctaient en train de 
faire bonne chire, on entendit frapper i la porte de la maison. 

— C'est mon mari, s'ecria la fpmme, toute troubl^e: ou vous 
cacher ? II y a dans la pi^ce auprcs un four, cachez-vous dedans, 
il n'ira pas vous y chercher. 

Le moine s'empressa de se blottir dans le four, et la femme 
alia ouvrir au second moine qui, apres avoir i son tour compte 
la somme promise, se mit aussi i table. Mais voici qu'on entend 
encore frapper i la porte. 

— C est mon mari, s'ecrie la femme; que dira-t-il s'il vous 
trouve ici ? ; vite , venez avec moi , je vais vous cacher dans le 
four. 

Quand le mari fut entre, il dit tout haut qu'il allait mettre Ic 
pain * i cuire , et en entendant cela, les deux pauvres moines eu- 
rent peur. Celui qui etait entre le second se rapprocha et le heurta. 

— Qui est li ? demanda le premier i voix basse. 

— C est moi, un pauvre moine. 

— Ah ! dit Tautre, nous sommes perdus, il va nous cuire. 
Le mari mit en effet le feu dans le four , et voili les deux 

moines rotis. 

Le lendemain il les ota tous deux du four, puis il en mit un 
i c6t6 de la porte, et alia chercher un soldat qui ne craignait ni 



Digitized by 



Google 



CONTtS DE PRKTRHS ET DE MOINES 3^5 

Dicu ni diable, et lui proposa une somme d'argcnt pour aller jetcr, 
Ic soir, fe moine i la riviere. 

Le soldat prit le moine sur son dos , et se mit en mirchc \ 
dans sa route, il rencontra le plus vieux des moines, qui lui cria; 

— Qui vive ? 

— Le diable, repondit le soldat. 

— Que portes-tu la ? ah ! c'cst un moine. En em]K>rtcras-tu 
encore d' autres ? 

— Oui , repondit le soldat , unt qu' il y en aur^ dans Ic 
couvent. 

Quand il eut jetc le moine a la riviere, il revint pour chcr- 
cher sa recompense; mais Thomme lui dit en lui montrant I'autre 
moine : 

— Tu ne Tas pas jete, le voili ici. 

Le soldat mit le second moine sur son dos, et reprit le chc- 
niin de la riviere; il rencontra encore le vieux pere, qui lui cria: 

— Qui vive ? 

— Le Diable ! 

— Que portes-tu la! ah! c'est un moine: en emporceras^tu 
d' autres ? 

— Tant qu' il y en aura dans le couvent. 

Et il alia jeter le second moine i la riviire, et nc sV4oigiu 
que quand il Teut vu desparaitre sous Teau. 

En s'en revenant, il rencontra le vieux moine qui etait i ctic- 
val sur un dne. 

— Ah ! vieux coquin, s' 6cria-t-il, je ne m' ^tonne plus si tu 
es plus vite que moi retourne a la mr^ison, tu as quatre pattcs, et 
nioi je n'en ai que deux ! 

II prit le moine et Tane, et alia les jeter tons les deux i la 
riviere. 

ConU a S,t Cast en en iS8o par M.me V, Blaniin, qui le tienl df svft nmri^ 
capitaine-marin. 

Dans unc variantc recucillic dans le mcme pays, il s'agit dc la iLmmc d* an 
boulanger qui donne rendcz-vous A trois moines, i des heures difftrontcs; ct les 
fait aussi se cachcr dans le four, ou ils sont cuits; c'est aussi un soUat qui L-s 
jctic succcssivcnient a la riviere, et qui y jettc aussi le supericur du vQUveut, 



Digitized by 



Google 



28o ARClin'IO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

III. — Le Pretre et la Meuni^re. 

II y avait une fois un soldat qui s'en retournait au pays aprcs 
avoir re^u son conge. II arriva pr^s d' un nioulin , et demanda k 
la meuni^re si on pouvait lui donncr de Touvrage, lui disant qu' 
avant d'etre soldat, il avait ct^ gar^on meunicr. Alors la femme lui 
dit qu'elle le louait pour .deux mois , en attendant le retour dc 
son niari, qui ctait en voyage. 

Toute la journte , il alia porter des pochees , et en rentrant 
vers le soir, il vit monsieur le cure qui entrait i la maison. II 
alia demander i la servante si c' ctait la mode du pays que Ics 
pretres viennent voir les femmes en Tabsence de leurs maris. 

— Oh ! non , r6pondit-elle , il vient seulement lui faire une 
petite visitc. 

Vers la nuit, la pluie se mit i tomber i torrents, comme si 
on la donnait pour rien. 

— Ah ! monsieur le cur^, dit la mcuniire , vous ne vous en 
retournerez pas ce soir, vous fondriez en route. 

— Si, si, dit le cur6, cela va cesser. 

Mais comme la meuniire lui plaisait, il cessa bientot de sc 
faire prier, et s'en alia coucher avec elle. 

Le domestique qui avait son lit dans le moulin fit mine^ d*y 
aller; mais pendant la nuit , il mit du plomb i fondre dans une 
cuiller , puis il alia dans la chambre oil la meuniere et le cure 
dormaient. Celui-ci avait la bouche grande Quverte, et le dome- 
stique y versa son plomb, qui brula si fort le pauvre pretre qu'il 
mourut sans souffler mot. 

Le domestique retourna sans bruit coucher dans son moulin. 
Le lendemain , la meuniere fut bien effrayie en se reveillant , de 
voir le cur6 mort et d6ji froid. Elle appela sa servante, et toutes 
deux se mirent i se lamenter. 

— Comment faire ? disait la meuniere, si on trouve ce mort 
chez nous, on va nous mettre en prison. 

— Ah ! r^pondit la ser\'ante , le domestique que vous avez 
gage hier vous en dcbarrasserait peut-ctre. 



Digitized by 



Google 



CONTES DE PRETRHS ET DE .M01NEi» iHl 

— Va bien vice kii denianJer s'il p:rut nous rcnJre ce s^mca 
La servante alia an lit du domestique et lui dit : 

— Ah ! mon EMcu, maJamj a cu uii grand malhcur cettc nuit; 
monsieur le cure qui ctait rcstc a couchor a etc tfouvc mort ce 
matin. Madame a bcsoin de vous parler, venez vite. 

Quand la meuniere lui cut denian Je, s'il pouvait la tirer d'af- 
faire, il repondit qu'il voulait bien essayer , mais qu' il Fallot lui 
donner deux mille francs. 

La meuniere los lui promit: alors le domestique cacha le ca- 
davre dans le moulin, puis, la nuit venue, il le fourra dans uri sac 
et le mit sur son dos. 

II y avait dans Ics environs une belle maison habitee par des 
bourgeois. II alia frapper a la porte*ct se mit a crier: e 

— Pourricz-vous me loger pour cettc nuit: je suis egare ^ ct 
jc suis si fatigue que je nc puis mettre un pied I'un dcvant 1 aulre. 

II repeta cela pendant longtemps, mais comme on ne lui ou- 
vrait pas, il ota le cure du sac, et Tappuya sur la porte. 

Le lendemain , quand la servante V ouvrit , le cure tpmba 
raide mort. EUe alia prevenir le maitre dc la maison , et lui dit 
qu' on avait trouve le cure mort a la porte, et que c'etait iui qui 
etait venu la nuit deniander T hospiulite. Le monsieur fut bien 
fache de la lui avoir refusee, et je ne sais comment il se tira dc ce 
mauvais pas. 

(Contc en 1SS4 par J. M. ComauJt, du Gouray), 

IV. — La Baguette du soldat 

II etait une fois un soldat qui revenait du ser\'ice; if s'cgara 
dans la foret, et upres avoir plusieurs fois essaye de retrouver son 
chemin, il allait se coucher au pied d'un arbre, tant il etait lasse, 
quand il aper^ut une petite lumiere a travers le branches. II sc di- 
rigea de ce cote et avant d'arriver a la maison, il coupa dans une 
touffe de coudriers une petite baguette qu'il prit a la main poor se 
donner une contenancc. II frappa a la porte, et on demanda qui 
etait 14. 

AfQhiviQ per h tradi\ioni popokri — Vol. XIH. j6 

Digitized by VriOOQlC 



282 RCIIIVIO PER ALE TRADIZIONI POPOLARI 

— C est, rcpondit-il, un pauvrc soldat qui s'est cgarc dans la 
forct; il est bicn fatigue et voudrait bien un gitc pour ia nuit. 

— Ah! mon pauvre soldat, nous ne pdhvons vous couchcr, 
car n'avons pa^ dc lit. 

— Je n'ai pas bcsoin de grand' place^ ct jc dorniirai bien sur 
une botte dc paillc. 

La fcmmc finit par lui dire de monter au grenier et de s* y 
arranger pour dorniir.- II y avait un trou dans le plancher d' ou 
Ton pouvait voir tout ce qui sc passait dans la cabanc. Le soldat 
s'ctait couchc pour dormir, quand il entendit frapper i la porte; il 
regarda par le trou, et vit le cure qui entrait, portant une provi- 
sion de pain, de viandc et de vin; il deposa tout cela sur la table, 
et sc niit a manger avec la flmme. 

Pendant qu'ils etaient ainsi occupcs, on entendit encore cogner 
i la porte: c' etait Ic mari qui revcnait; la femme se hata de ra- 
niasser le pain dans le tiroir dc la table, la viande dans le buffet 
et le vin dans Tarmoire, et le cuie se cacha dans la boite d'hor- 
loge. .Quand le mari fut entre , il demanda qui parlait avec elle , 
elle lui repondit que c'etait un pauvre soldat qui etait couche dans 
le grenier; il lui dit qu'il fldlait le faire descendre; mais la femme 
pretendait que le soldat etait trop flitigue, et qu'il fallait le laisser 
reposer. 

— Non, non, dit le mari; fais-lc descendre; j'aime i entendre 
parler des affiiires d'ltalie. 

Le soldat ne se fit pas finir pour venir: on alluma un bon feu, 
et le soldat qui avait du tabac de cantine en offrit i son bote, 
Celui-ci se mit a dire que s'il avait du pain , il en aurait bien 
mange, et qu' il aurait volontiers bu un coup de vin. 

— J'ai, dit le soldat, une petite baguette; par sa vertu, je vais 
vous foire venir du pain, de la viande, du vin. 

II va a la table, frappe trois petits coups et dit : « Cherchez 
la, il y a du pain, » il va a Tarmoire, frappe aussi trois petits coups: 
(( Cherchez Ih, il y a du vin, » fait la mCme chose au buffet, de sorte 
qu'en peu de temps on eut du pain , du vin , de la viandc , tout 
cc qu'il falhit pour sc "regaler, 



Digitized by 



Google 



Le niari dit i sa fcmme: — Voili une l\yu,»tte qui iiDUJi st- 
rait bien commode , ct il dcmanda au soldat conihit:n il vnnlait 
la vcndre. 

— Trois cents francs, lui rcpondit-iL 

— Ah ! nous avons justement trois cents francs Jans notrc nr- 
moire; il faut les donner an soldat. 

Mais la femme qui savait i quoi s'cn tenir sur la puissance de 
la baguette, ne voulait pas. Le soldat dit alors: 

— Ma baguette est bien plus puissante encore que vous ne 
croyez; je vais vous faire voir le diable. 

II leur dit de sorcir un moment, .ilia droit a Li bnite dHior- 
loge et r ouvrit. Le cure s' cmprcssa dVni sortir et de fuir a toutes 
jambes. 

L' homme qui etait a la porte s'ecria: « 

— C* est bien le diable ! il est tout noin 

II acheta la baguette trois cents franjs, ei Ic soidat cut avec 
quoi se refraichir le long de la route. 

(Contc en iS()2 par Aii^c Rault, de Sainl-GUu}, 

V. — Le pr^tre dans le grenier. 

Je vais vous conter Thistoire d'un qui croyait attrapcr lei au- 
tres et qui fut lui mime attrapc tout le premier. 

II etait une fois une femme qui alb i canTesse et raconu au 
recteur les piches de soa miri; le prctrc lui dit qiie pour punir 
son mari de ses peches, il fallait reiitenncr pjiidanlWak jours dins 
le grenier a foin et ne lui laisser a manger que la noarriture des 
betes. 

Au bout des huit jours, la femme atla trouver le recteur qui 
lui dit : 

— C'est votre tour de fiire p«?nitence et de denieurer dan? la 
grenier a foin autant de jours que votre iiomuie y est resie. 

— Je veux bien, mais venez me cenir compagnie. 

— J'y consens, dit le recteur, j'irai passer Ici nuks avec vous, 
II fut convenu qu' il vjendrait Ic soir meme. 



Digitized by 



Google 



t^ 



all ARCTinMO Vm LK TRADISIIOKJ l*OPOLAtiI 

Pendant k jour, la fciiitiu tit un trou dnns k pLinchcr jus:c 
au dcssus d'unc dc se.^ vaclics qui ctait la plus mauvaise de toutcs 
et av;ut les corncs longii^s ct pointucs , ct flic le recouvrit soi- 
gneusement avcc du foin. 

A la nuit tombantej Ic rccteur arriva: ellc lui dit de nionter 
Ic premier^ ct qu'cilc ne tardcrait pas a le rcjoindrc. 

— Mais, ii]outLi-t-elle, ciiiportez votrc hrcviaire avcc vou.^, 

— II n'cn est p:is besoin, dit-ih 

— Sij monsieur, prcucz-!e, croyez-moi, 

Le rccteur i^ rim pa au grcoier, ct quatid il fut parvenu au haut, 
k femmc fenna eu dehors h ^erbiere avec line forte corde , ci 
retlra rechetle, laLs^ant le pretre tout scul au milieu du foin. 

II n'osalt crier J mais quand il entendait la fciiime vcnir sai- 
gnQT scs viichcs ou les tniirc, il lui disait : 

— JeannCj donne-moi de quol manger* 

— MangcH du foin, monsieur lo rccteur, cc nVst encore que 
lo troisiemc jour, cc mon marl en a mantle pendant linit jours. 

— Jeanne, tu rcpondras de moi, 

— Peut-ctre bien^ monsieur le recteur. 

Le Icndemaiuj le pretrc lui demand:i encore un pcu de nour- 
riaux% mais cllc lui rcpondit dc fairc commc son niari, de man- 
ner du foin. 

Quand .irriva Ic sixieme jour^ ellc eut peur que le recteur ne 
mourut dc faiui ; car, disait-ellc, que ferai-jc dc cc gros paquei-l,\ 
sll vient k mourir cbez moi ? 

Elle retouilfca a Tetablc et dit an pretrc : 

— Jc ne peux vous donner reclielk-j mon homme Ta cmpor- 
tec ; mais je vais foirc uu trou dans le planclicr par lequel vous 
vous laisscrex uevaler ct vous vous sauvcrez, 

Ellc 6ra Ic foin qui bouchait T ouverturc qu'elle avait ndte^ 
et qui se trouvait juste au dessus de k vaclie noire dont elle avail 
convert le dos d'unc housse, 

Le recteur se laissa glisser sans defiance , et toniba les deux 
fcsscs sur les cornes de k vaclic qui s'empetrcrcnt dans sa soutane^ 

Quand k bi^tc scntit ce poids sur sa tcte, elle bondit hors de 



1 



Digitized by 



Google 



coxtj:s de i^ri:tki-s kt dk moikes 28f 

Tetable dont la fenime avait eu soin d'ouvrir b portCj ct die pnt 
sa course a travers le village, suivie dc la fermtLTc et dc son mari, 
et en peu de temps, il s'assembla plus de quatre cents pcrsonncs 
pour voir ce spectacle. 

Le recteur bien mal a son aise, crkiit i ses paroissiens: 

— Mes amisj delivrez moi ! 

Mais ceux-ci, que la disparition du pretrc pendant six jours, 
conimen(;ait i 6tonner, disaient : 

— Voili le diable qui emporte notre recteur ! * 
Devinez s'il fut bien attrape ! 

(ConU par Rose Ren.iud, de SJ Cast. iSy^). 

(A snivre) Paul Soillot, 






Digitized by 



Google 



\ 




LA TREBBIATURA NELLA TURCHIA EUROPEA 
NEL SECOLO XVIII. 




lA era principiata la battitura del j^rano, c ]a maniera 
di praticarla 6 ancora nella sua primaria invcnzione. 
Vi diro adunqiic di passaggio qualche cosa. Tur- 
chi grcci, e Schiavoni sono tutti insicnie a travagliarc in tali fun- 
zioni rusticali. Mietuto clic sia il grano , V abbicano ncl campo 
istesso, faccndo cio come nellc nostre parti. Stagionato chc sia al- 
lora, trasportano i covoni in un'aja, die resta vicino al villaggio; 
si ritorna ad abbicarli, c portato che ha ciascun particolarc la sua 
massa, allora si cingono alia battitura scguitando uno dopo Taltro. 
Si suole fare da alcuni intorno all'aja uno steccato ; altri la- 
sciano T aja libera mettendo i covoni distesi per batterli, la di cui 
maniera consiste di far girare dei bovi o dei cavalli sul principio; 
dopo hanno un istrumento che chiamano Dichitn , che signilica 
Spina, il quale e come una treggia nuda formata di due grosse ta- 
vole, e lunghe, sollevata alquanto dalla terra dalla parte che si at- 
taccano i bovi; sotto questi assi o tavole restano incastrate nel 
legno istesse delle pietre focajc, che sono poste in llnee trasversali; 
sopra poi vi h una specie di sedile per il bifolco, che deve guidare 
i bovi, cssendovi poi delle grosse pietre per contrappeso , con il 



Digitized by 



Google 



i 



LA TREBBIATURA NHLLA TURCHIA EUROPEA 287 

quale istrumcnto girano intorno, intorno, affinc di levare il grano 
dalle sue caselle, clic vien praticato da quelle pietre taglienti, il die 
si seguita per 6, in 8 ore continue. 

Per veriti vedendo una tal maniera, die h niolto penosa e non 
troppo economica, sembra die uno sia ancora al tempo della col- 
tura e agricoltura degli antichi, e pare die Tinvenzionc deiristru- 
mento sia nella sua primiera originc, ed e ancora Tistesso istru- 
mento, di cui parla Virgilio nel libro primo delle Giorgiche, chia- 
mandolo Tribnltmi, clic corrisponde al nonie turco Dichien , clic 
signitica Spina o Tribolo; ecco il suo verso 164 : 

Tribnlaque, Trahcacqne ct iniquo pondcre raslri. 

Pure Varrone non tralascio di dare una descrizione, die cor- 
risponde alia maniera attuale di battere il grano, lungo le coste del 
Canale, dicendo: . 

Fit i tabula lapibns ant fcrro asperata (coij il ferro si usa in 
Scio) quo imposito Auriga, ant pondere grandi, trahitnr iumentis inn- 
ctiSy ut discutiat i Spica grana, 

Plinio pure ne parla, e dice die gli antichi avevano, per bat- 
tere il loro grano, tre maniere, cioe, [\Cessis alibi tribulis in area 
(ecco la maniera suddetta), alibi eqnarnm gressibus exteritur (ecco la 
maniera siciliana), alibi perticis jtagellatnr (ecco la maniera nostra, 
c la piu comune.) 

Finita questa prima operazione passano alia seconda, ed e die 
con un forchetto di legno sollevano tutta la paglia, accio il grano 
vada a basso; in tale soUevazione molta paglia, cioi la piii trita, 
vicne portata via dal vento. 

Cio fatto allora attaccano due bovi con tre corde ad una ta- 
vola niolto larga (ecco la Trakeae di Virgilio) allorche questa ta- 
vola dopo essere stata per qualclie tempo tirata nel mezzo della 
paglia o dell'aja, e grano gia battuto, si ritrova plena di paglia, la 
tirano fuori, ritornando a fare Tistessa operazione fino a tanto die 
non rimanga la piu stritolata. 

In seguito passano a spulare la paglia gettandola contro vcnto, 
c alia fine vagliano il grano suiraja per ripurirlo megUo. 

Ecco la maniera antica, ma penosa, e non punto economical, 



Digitized by 



GooQie ^ 



iw 



28S ARCHIVIQ PER LE TI?AD17JOXI POrOLARl 

di batterc il graiio di questi popoli c ^biutori lungo le coste del 
Cimlc di Costantinopoli, Dico pcnosa, e non economics, per piu 
mgioni : priniaj per dovere trasportare da qualche distanm tutti 1 
covoni, o fasci delle spiglie di grano, per fare vicino di loro re- 
spettivi villaggt o abitazioni k battkura, il che di 111 oka spcsa per 
il sok") trasporto, che alcuni lo f:mno a forza di cavalli , ej nkri 
con hmghi carri, bende. 

In sccondo luogo,sono neccssari quattro bovi, c diiu cavalli, 
e sctte, od otto uomini per la battitura* 

Un' ajata non si (iniscc , sccondo la loro maniera, se non in 
due giorni, la quale dan\ trcnta Kihi di graiio nctto* \ 



' Ab. UoM. Sestiki, Letlere j t VII ^ kit IX, op, S^-SS, In Livomo, 
M.DCCLXXX1V, 



f-t^SZT^"?^*^ 



Digitized by 



Google 




r 




MISCELLANEA. 



Contro il morso della Tarantola. 




EL fasc. lo, vol. XIII deir Archivio , testd pubblicato, B. Croce ri- 
d 1^ )S P^^^ ^ P^Pf- ^^4 ^^^ latino di I. I. Pontano la pratica venerea a 
'3 I^^M ^"^ ^^ ricorreva in que' tempi per guarire del inorso della taran- 
tola: questa pratica per6 e molto piii antica e probabilmente di o- 
rigine orientale. Nella k crociata (1095-99), dopoch^ i Cristiani ebbero ibcc^ la 
pianura di Berito e valicato i territori di Saida (St'done) e di Sur (Tfro\ si fer- 
marono per tre giomi a riposarsi presso il fiume Nahr-el-Kebir (VElenthcrus dei 
Greci) e vi furono* assaliti da serpentelli , comunemente detti tarenta , de' qaali 
il morso riusciva, tra lieri dolori e sote insaziabile, mortale. Pare fosse il gtcka 
ordinario di E^Uto questo UrenU\ ossia, la lacerta gecko di Linneo, specie vele* 
nosa del genere slelUon. I Cristiani allibiti si stadiavano cacciar via il pericoloso 
rettile col fracasso prodotto battendp de' ciottoli o gli scudi fra loro: ma un ri- 
medio efficace a completo risanamento dal morso si pretese fosse quelio inse- 
gnato* dagl'indigeni siriani e che Alberto D'Aix narra per entro la sua cronaca 
(V. cap. 40) cosi : SimiUUr et aliam cJocti sunt tncdicinaniy ut vir percussus sim 
mora coiret cum muliere, cum viro mulier, et sic ab omni tumore veneni Uherardttr 
uterque. 

j<) 'i'ri/e /.Vy^. 

G. Nerucci, 



Archivio per U tradiiioni popolari. — Vol. XIII. 



37 



Digitized by VriOOQlC 

i 



290 AKtlllVIU I'BR LE TRADIZIONI POPOLARI 

La Cducca e la Magnusa in Isnello. 

Cht nomj f, cppiiri: ricliiJiujino ancora la nienioria di due oggetti d'liso, di 
cm nei tempi antichl scrvlronsi ^li abitanti d'Isnello. 

La Ccitifca era un cappQtto di albagio nero , ivi lavorato, die d* invcrno e 
nelle grandi occasionv sokvono portare in pacse i ricchi proprietari. 

Soniigliava essa j dul piii al mcno , alia tonaca , ma senza maniche , d* un 
fratt! cappuccino ; sLnonch^ questa 6 un tutto insiemc cucito ; quella invece ri- 
suitava di quattrci bciide uguali , che cucitc c assettate con bel garbo, presso il 
collo, alia base del iungo e agu7:!0 cappuccio , scendevano pel giii libere a co- 
prire fino ^i piede im^i l;"i parte anteriore del corpo, V altra la sinistra , le altrc 
due i bti destTO e siritstro. 

Per indossarla, bastava cacciar la testa da sotto in su per il collo di essa 
nel cappuccio, ed agire in senso inverse per ismetterla. 

Ancorcht a bende ^iolte, ^.irantiva bene tutta la persona, e quando il vento 
taceva, chi I' indossava^ sembrava da lungi , e piii di sera, una triste figura col 
capo agujEzo agttziso* 

L* ultima Cchtccttf che io vidi giovanetto in tempo di carnevale, e che,ari- 
cordo di tempi antichissimi, avean gelosamente serbato i signori Fiorino, and6 per- 
duta, come so, in una di tali sert^, pochi anni or sono. 

La Magnusa era una specie di fazzoletto di tela ^ande e quadrato , che, 
dentro e fuori casa, usavaao solamente le buone nonne e le vecchiette limorate 
di Dio- 

Con ca;sa si coprivano in luni^o e in largo le spallc, e perch^ stesse ferma, 
ne annodavana Ic puntc superion alia parte innanzi del collo; le altre lasciavan 
giti caderc libere e sciolte. 

• Fino al 1850 ricordo aver veduto tre di queste donne, che ancora Tusavano; 
em no ottantenni ; indi non piui l certamente , come le suore, usavanle piu per 
segno di ritiratczza e modc^tia, che per comodo o v'anita. 

Pro?. C. Grisanti. 



Credenza sui cicloni in Trapani. * 

It giorao lO aprite rHQ4 un ciclone rec6 gravi danni alio square Garibaldi, 
sradkandn albcri, spu?./ando candt labri, rompendo •fanali e vctrate, c sollevando 
in ariLi, con tuttj la giiritta, una povera guardia daziaria, che vi si era riparata. 

li popolino di Trapani pcrfi non credc che questo sia stato un Catto natu- 
rale* Esso sa che si tracta d'una cnttiva Animulara, (draunara) la quale pel solo ca- 
prJccio di vcdere quelb ^compiglio, e percht la gente non godesse secura della 



Digitized by 



Google 



^ 



Miscellanea 29 1 

musica e delle passeggiate, che rondono, specie di questi tempi, quel luogo in- 
cantevole, parti da capo Spartivento, e venne a piombare impetuosamente a Tra- 
pani , ove avrebbe recato danni maggiori se non si fosse impigliata pd capelli 
in un albero. Parecchie persone videro poi una donna nuda, coi capeOi scarnii- 
gliati, aggirarsi per quello Square, e riprendere le ciocche dei capdll ciie da. un 
ramo $volazzavano. Era la 'Nimulara, che avea recato quei danm, la quale spari 
appena fu scoperta. 

Ma questa oramai ^ cosa passata. Ben altra preoccupazione tornienta attual- 
mente il buon popolino trapanese, e in ispecie le buone madri di faiiilgUa. Nien- 
temeno si aggirano per la cittii alcune persone estranee , le quali hanni sapuio 
che presso le baracche di Torre di Liquae vi 6 un tesoro , e che :>itri scoperto 
da coloro i quali, proprio sul posto, mangeranno i cuori di venticinque pkdriddi. 
Questa voce t cosi sparsa in tutta la citta, che nessuna donna del volgo e spe- 
cialmente della classe dei marinai, la ignora. lo stcsso , ieri sera , passcggiando 
ho sentito un ragazzetto di circa dieci anni, il quale, caniminando^ diceva perch^ 
lo sentissero, e anche per darsi coraggio : 

— Non credo che piglieranno proprio me. 

Non si vede piii per le piazze e per le vie quella ressa di bambini Tolleg- 
gianti. Le madri non vogliono che i loro figliuoli si allontanino di casa^ o va- 
dano in posto dove non vi sia gente. 

Valentino Simiakl 



La Leggenda della Regina Pedoca in Pieinonte, 

Quanto alia Icggende della Regina Pedoca e delle vigne state piantiite da 
lei nei dintorni di Alessandria , raccolta ed illustrata di recente dal si^or Gio- 
vanni Jachino *, e quanto al picde d'oca di certi esseri soprannaturaEj il slg^nor 
Barella * cit6 d% recente un riscontro : 

« Nel Piemonte esiste ancora una leggenda della regina delle late che por- 
tava vesti lunghissime per nascondere i piedi d'oca visti da certI giovanotti che 
per riuscirvi versarono acqua dove essa passava ». 

La quale leggenda verr.^ pubblicata con altri racconti tradizion.ili del noscro 
popolo. 

« A. LUMflKOSO. 



* In Varietd traJi\ion(ili e dialeltali Aleaandrinr. AlcisanJria. Iacquem<int, iSc^o^ 

• 'frjJt\iotti e dia/elti, in f^fterntura, an. V, i^. Torino 15 aaosto iS^jo, p, r, 



Digitized by VriOOQlC 

I 



29^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Origine del detto torinese : 
« Andd o rJande a Siusse » (An Jure o Mandare a ScioJie), 

A Torino e nelle vicinanze quando una persona si rende molto seccante ed 
importuna con una dqmanda insistente, con una pretesa piii volte manifestata, 
quando in generate una persona qualunque stanca la pazienza di un'altra, questa 
suole dire a quella: Ma va un po a Siusse, vattene a Sciolze, come in altri luoghi 
del Piemonte (e crede anche di altre regioni) dicesi: VaU un po a fe scrivi: va 
un po' a fete henedi (va a (arti scrivere, va a farti benedire). Alcuni spiegano il 
motto torinese con dire che , quando viaggiavasi ancora nclla incommoda dili- 
genza, un signore di Torino dovette per certe sue lacccnde recarsi a Sciolze, ma 
incontr6 per via tanti disagi, che dopo, al solo ricordare il nome di quel paese, 
rabbrividiva. Anzi quando doveva augurare alcun che di male a qualcuno , au- 
guravagli un viaggio a Sciol/e. Voile fortuna , che la sua singolare espressione 
incontrasse il favore degli amici, che la adottarono a tempo opportune da questi 
con facilita ad altri amici, diventando in breve tempo di uso generale. 

Questa spiegazione, che taluno suol dare, puo sembrare I'ondata, ed ha un 
riscontro in Toscana , oye dicesi in simili circostanze : P^a un po' a quel paese; 
r ho mandalo a quel paese; e cost seccunte che si farebhe mandare ogni me^^ora a 
quel paese ecc. 

In alcuni paesi del Piemonte oltre le espressioni sopra ricordate di and^ a 
Jesse henedi, ande a fessc scrivi, che sono proprie specialmente di persone educate, 
si trovano pure queste altre, schiettamente popolari : Va 'n Calabria, va in Si- 
beria (va in Calabria , va in Siberia). La C'alabria per i popolani del Piemonte 
t una regione plena di guai e di pericoli per parte dei briganti ; quanto alia 
Siberia il buon popolo piemontese non la un giudizio errato consir'erandola una 
regione di punizione e patimenti. 

Espressioni popolari piii forti ed imprecative sono le seguenti: Fa *n sla furca, 
va 'n galera, ch' el diau at porta; /' vnclssa un assident a sech: t* resteisse sech (va 
suUa forca , va in galera ; il diavolo ti porti [seco] ; ti venisse un accidente a 
secco; potessi tu cadere morto steccliito ! ). 

Queste ultime espressioni valgono quando non bastano piii n^ Sciolze, n^ 
la benedi^ione, n^ la scrittura, nb la Calabria, ne la Siberia. 

FiLiPPO Valla. 



£t^ degli sposi in Paesana (Piemonte), 

£ costume in alcuni luoghi del. Piemonte che le fanciulle si maritino dai 
quindici anni di etA Iq su, come gli uomini dair eta di diciotto anni : e questo 



Digitized by 



Google 



MISCELLANEA 293 

costume -e tanto piii invalso in Paesana, sia perche la maggior parte dei giovani 
emigrano temporaneamente per la vicina Francia e ritornano poi a frotte coi 
loro risparnii e con rintenzione di ammogliarsi, sia perche fiorendo in Pjcs^na 
I'agricoltura e Tindustria di bestiame bovino e suino , vi e neces6ita indLspensa 
bile nella famiglia dell'opera delle donne K 



II « Contentino dell' ahi », ballo dell' Emilia. 

« Dura ancora in alcune contrade d'ltalia I'uso di un ballo popoLire intra- 
mezzato a brevi intervalli da rime , con cui i danzatori de' due sessi si faiino 
invito a ballare. NeirEmilia si chiama* il Contentino deW ahi, perche di solito si 
fa quando, terminata la festa, si vogliono contentare con un ultimo ballo i dan- 
zatori; delVahi perche la coppia a cui tocca ballare, com'ha fatto un par di giri 
si ferma e I'uomo o la donna dice: ahi ? E I'altro chiede: Che hat ? E il primo 
risponde , con una rima improvvisata , che h ferito , per aver occ;istone , come 
porta la rcgola del ballo, di ballare un'altra volta con un danzatorc di sua sceka, 
Dira, per esempio : • 

Son ferito ncHa testa 

Per ballire cn.i tn <lnre dclLi test). • 

Non occorre dire, che i piedi dei ballerini vanno sempre infmitamente meglio 
che quelli dei versi ». 

Cosi scrive Oreste Boni in commento alia seconda strofa deU' Ode cardiic- 
ciana alia Rima ^. 

F. Valla. 

* Figi;kell!, Op. cit., pp. 29-30. 

• Lii liugut vivit, Antohy^i.i per le c. m •/<• teuuhe, finuaiU/i t norm.ili, Pjirnia , Cisj liiiitrite Luigl 
Battel 1894, pii,'. 665. 



Digitized by 



4 

i 
Google 




RIVISTA BIBLIOGRAFICA. 




Maria Savi-I.opi-z. Leggende del mare co.i 60 illustrazioni Ji Carlo Ciihssa. 
Torino, lirmanno Loeschcr 1894. In- 16^ gr. pp. VIII 36a L. 5. 

' ospiTALiTA concessami dalla onorevole direzione deirArchivio mi 
permette di render conto di questa opera, ch'^ un acquisto per il 
Folk-lore marinaresco italiano. 

L'opera 6 cosi divisa: Introdiizione — II mare. — Gli eroi del 
mare. — Fantasmi. — La fosforescenza del mare. — Gli spiriti del mare. — La 
nebbia , le conchiglie e 1' arco baleno. — II re del mare e le donne cigni. — I 
vascelli fantasniL — Le figlie della terra. — Scogli e campane. — Isole e cittd mi- 
steriose. — I mostri del mare. I venti e le streghc. — Le sirene. — II nuotatore. 
Dico che Topera ^ un acquisto pel Folk-lore italiano, e forse non sono e- 
satto. L'opera della sig." Savi-Lopez riguarda, 6 vero, le tradizioni marinaresche, 
ma le tradizioni italiane sono cosi scarse che parrebbe incredibile se la cosa non 
fosse vera e palpabile. Dopo di avere atTermato che il Folk-lore C: esteso come 
il mare, I'Autrice osserva: « Non troviamo in Italia un luhgo studio su questo 
argomento , in cui abbiano anche larga parte le nostre leggende del mare ; ed 
io le ho cercate con infinito ajnore verso la patria mia , senza che mi ibsse 
possibile di raccoglierne un gran numero. II risultato e lungo studio mi ha in- 
dotto a credere che le leggende marinaresche italiane di fomiazione medioevale 
siano state in piccolo numero , e che fra gli abitanti delle nostre spiaggc non 
siano rimaste molte reminiscenze delle leggende che allettarono i nostri ante- 
nati». 

Nei paesi nordici invecc le leggende marinaresche sono piii comuni e di 
carattere piu spiccato che, in Italia, e per questo esse ligurano nel libro della 



Digitized by 



Google 



■^J 



• RIVISTA BIBLIOGRAFICA 295 

egrtigia Savi-Lopez assai piii che Ic nostrc. Forsc non sarebbc cosi se i miti c 
le Icggende latino e greche fosscro cntrate nel program ma del libro; ma, perch6 
troppo note, I'Autricc ha creduto opportunamente di metterlc da parte. 

Qucsta scarsezza di materiale italiano per un paese eminentemcnte marine 
mi fa ricordare di un bei saggio di Folk-lore marinaresco pubblicato neWAreJji- 
vio dal prof. Carlo Simiani e ripubblicato ruAY Italia marinara di Napoli. 

Non ^ agevole riassumere le l.eg^ende del mare. Gli argomenti diversi 
e disparati dei capitoli, i punti diversi di ciasc un capitolo, la varietd e molte- 
pliciti di fatti quivi raccolti, classificati e descritti, sono delle ragioni che non 
aiutano la formazione di un concetto complessivo nel lettore. Chi conosce , del 
.resto, la Savi-Lopez, puo senz'altro indovinare come la sua maniera di narrare 
e di descrivere , col suo tare immaginoso , colla sua arte che amm;iga, non 
favorisca chi presume sintetizzare i tanti fatti maravigliosi, stupendi, spesso pau- 
rosissimi, i quali, complcssivamente presi, si sottraggono a qualunque sintesi che 
non sia quella di ciascun capitolo. 

Basta leggere la seguente pagina per comprendere gl'intendimenti delTAu- 
trice, i quali piu che tali si presentano come mani festazioni dello spirito lina- 
mcnte poetico e squisitamentc artistico di lei: 

« Sia che la leggenda marinaresca dica di eroi e di pirati, di fantasmi abi- 
tanti del mare o di fenomeni naturah, di Oii i marinai non intendono le vere 
cause, ha con molta frequenza un'epica gi andezza, che non pu6 essere da altre 
leggende superato; ma non ritrovasi con gli stessi caratteri in ogni regione ; anzi 
par che si adatti in qualche modo al cielo sotto il quale k nata, o viene con 
maggior frequenza raccontata; e se kinumerevoli sono le sirene nelle acque che 
baciano la Grecia , I'ltalia ed anche parte della Francia , non sono in minor 
quantita i trolli giganteschi di feroce aspetto, i nani mostruosi sulle gelide coste 
della Groenlandia, della Islanda e della ^Svezia. » 

Le Leggende del mare sono un nuovo e bel contributo alio studio della mi- 
tologia oceanica e nettunica , e riusciranno anche piii gradite per le bellissimc 
illustrazioni artistiche del Chessa, ricche di fantasia e di immaginazione. 

_ G. S. 

Naples contemporaine par Marcellin Pellet , aucien depute. Paris , Bibl. 
Charpentier, 1894. In-80, di pp. 324. 

Sono alcuni frammenti staccati da uno studio, ancora incompiuto, sulla no- 
stra Xapoli; e rappresentano parecchi anni di osservazioni e di ricerche. 

L*argomento, per s6 stcsso attraentissimo, e trattato con plena conoscenza, 
c con quel garbo invidiabile de' libri fnncesi. Xon vi si parla di proposito di 
demopsicologia: pure, incidentalmente, vi 6* tanto da spigolarc, che io mi sono 
invogliato di darne un saggio a' lettori (XkAV Archivio, 



Digitized by 



Google 



296 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Vi si discorre degli usi funcbri , del prioco del 'ctto, della camorra , delle 
costumanzc de' Luciani , della festa de' quattro altari in Torre del Greco e si- 
mili. Ma io mi restringo a quclla parte che riguarda alcune feste principali, ta- 
cendo qualche piccola giunta. 

In ogni paese del Napoletano , quando ricorre la festa del Santo patronO, 
si para, si costumano luminarie, si sparano ruoclii d'artifizio , e si fanno delle 
pappatoric. Quasi ogni chiesa o parrocchia ha la sua I'esta speciale. Mergellina, 
per es., ha S. Antonio, e lo festeggia a mezzo giugno. II Santo t popolarissimo 
in Napoli, di cui, per un mofiiento, fu anche il protettore (1799), avendo S. Gen- 
naro partcggiato pei Francesi. E fu nel 13 giugno, che la citta fu ripresa dai 
Sanfedisti, guidati dal Cardinale Ruflb. Mergellina, benche abitata da poveri pe- 
scatori, non vuole essere da meno delle altre parti, nel celebrare sontuosamentc 
la sua festa. Parati , lampioncini , una banda che rintrona le orecchie da 
mane a sera, e succulenti desinari, offerti ai preti forastieri, convitati per la pro- 
cessione. Alio scopo di fomire i fondi nccessari, i giovanotti portano ne' di- 
versi doniicili la statua del Santo. Nessuno nega un'offerta proporzionata alia 
condizione sociale, o alia sua fortuna. S. Antonio « patrono del fuoco, garentisce 
dair incendio, ed anche da semplici scottature tutti quelli che si mostrano ge- 
nerosi verso di lui. » Ma qui il Pellet cade in errore, confondendo S. Antonio 
di Padova con S. Antonio abate , protettore del fuoco. I ricchi contribuiscono 
in denaro , i poveri otTrono de' doni in natura. I ragazzi recano processional- 
niente una piramide di fogliame, alia quale si appendono tutti gli oggetti cosi 
raccolti: polli, agnelli vivi, stoffe, fazzoletti di seta, formaggio, pesci, pane, tia- 
schi di vino, matasse di refe etc. I marinal dipingono x nuovo una grande 
scialuppa, a due alberi, e la parano. Una frotta di musicanti vi prende posto, e 
una ventina di giovani pescatori, in costume di festa, in abito rigato azzurro e 
bianco, prendono la barca sulle loro spalle, e la portano di casa in casa. La mu- 
sica suona, e le ofTerte affluiscono. Per convertirle poi in denaro, ciascuna sera 
si ordina una vendita all' incanto. Gli oggetti , benedetti dal curato , si acqui- 
stano sempre ad un prezzo superiore al feale, perch^ certa brava gente mctte 
dell'amor proprio nel pagare cinque franchi un fazzoletto di trenta soldi, o a far 
saltellare nella pentola un polio un po* caretto; ma consacrato al gran Santo. 
E i preti della chiesa prclevano la loro porzioncina tanto sui commestibili, che 
sul danaro. Questo ingegnoso sistema di contribuzione in natura, si costuma in 
molti villaggi della Campania. 

Durante i mesi estivi, la maggior parte delle parrocchie dispongonb delle 
feste che durano vari giomi, e di cui il programma si pu6 riassumere in tre 
parole: illuminazioni, colpi di coltello, indigestione. A mcta luglio, nel quartiere 
Mercato , al Carmine propriamente detto, si celebra con pompa la festa della 
Madonna del Carmine '. Nulla di eccezionale la distingue da cerimonie analo- 



Digitized by 



Google 



RI VISTA BIBLIOGRAFICA 297 

ghe, meno la grande illuminazione, che arriva fmo al ciclo, a causa dcUo svelto 
campanile dcUa chic sa omonima, c salvo, forsc, il consurao straordinario di co- 
comcri, di cui la vendita privilcgiata su quella piazza, in questa occasione , si 
fitta per qiiattro o cinqucmila tranchi, donde pii6 argomcntarsi il grande smcrcio. 

Qualche giomo innanzi, S. Maria dclla Sanit;\, la chiesa niadre dei Domeni- 
cani, commemora il beato iL Vinccnzo Ferreri, '0 moitacouc, il gran taumaturgo 
Spagnuolo (i 357-1419). Una volta, prcdicando in Tolosa, volendo provare la 
onnipotenza di Dio, fc' morire il suo uditorio, per risuscitarlo un quarto d'ora 
dopo. L'escmpio e state scguito da numcrosi oratori; ma essi non si contentano 
d'addormentare momentaneamcnte il loro pubblico. L'effetto e idcntico. 11 priorc 
infastidito d' udir picchiarc , tutta notte, alia porta del convcnto, dai fedcli che 
venivano a chicdere un miracolo, proibi a Vincenzo di piii contcntarli. Un giorno 
un muratore , precipitando da un tetto , invoc6 il Santo , che passava a caso ; 
ma cgli voile andare a chicdere, al superiore, il pcmiesso di salvare queirinfe- 
lice. Durante questo tempo, lasci6 il muratore sospeso in aria. 

Le popolane della Saniti raccontano mirabilia di S. Vincenzo; anzi gli dinno 
la preferenza su S. Gcnnaro. II Ferrero , quantunque abbia passata la sua vita 
viaggiando, non e mai venuto in Napoli; il suo culto, importato dagli Spagnuoli, 
b. un ricordo della loro dominazione. 

Le illuminazioni sono singolarmente belle; e si ammira il panorama dall'alto 
del Ponte della SanitA. Si provvede alle spese della festa con delle collette , 
specie con una imposta volontaria assai bizzarra. Ogni carrettiere, che passa. 
sotto il cavalcavia, venendo dalle cave di pictre di Capodimonte, vicino le ca- 
tacombe di S. Gcnnaro de' Poveri, lascia, durante tutto V anno, una pietra in 
ciascun viaggio, le quali rappresentano, annualmente, centinaia di metri cubi. Si 
vendono^dall'associazione di beneficenza sotto il patronato di S. Vincenzo, che, 
cosi, incassa una bella sommetta. 

Gli abitanti del quartiere passano tre notti in piedi, a fare dei pasti panta- 
gruellisti, in onore del Monacone. Le botteghe dei pizzicagnoli, splendidamentc 
illuminate, in questa ricorrenza hanno un grande smcrcio. Tutti comprano, ed 
i piu poveri pegnorano fmo i materassi pur d'imbandire una discreta mensa. E 
che piramidi di prosciutti , che archi trionfali di salsicce , che statue tutte di 
sugna ! Marmitte fumanti bollono sui marciapiedi. II vino bianco d' Asprinio 
scorre a rivi. Frequent! le rissc, specie fra giovani, che passeggiano , amoreg- 
giando con le loro fidanzate. Per un nonnuUa, si veggono tirare le « spade He di 
Gcnova », piccoli coltelli da tasca, a lama stretta ed acuminata. Furtunatamentc 
in vicinanza vi sono tre grandi ospedali ! 

II Pellet parla della festa di Montevergine e della Madonna delPArco. Non 
descrive la festa della liqueflizione del sangue di S. Gennaro, per evitare inutili 

Archivio per le Iradixioni popolari — VoL XIII. 38 



Digitized by 



Google 



298 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

ripctizioni K Pcrcio anclic poco accenna dclla fcsta di Picdic;rotta 2, riman- 
dando pel resto al libro di Carlo del Balzo : Xcipoli ed i Kapclelaiit (Milano, 
1885). Fa motto brevcmente del « voio degli angcli » in Giugliano. Un filo di 
ferro b. disteso fra il campanile della chiesa , e un alto pala /^zo. Fanciulli nudi 
o in maglie, con le ali, sono attaccati a quel filo per una carrucola, e travcr- 
sano la piazza , penzolando , ad una trentina di iiiltri di altczza. Ricorda « i 
gigli di Nola » 3, la festa di Natale 4 e di Pasqua s ccc. II nostro autore non 
ha avuto in mente di darci un capitolo completo delle principali Teste in Xa- 
poli; ma anche cosi poco vi resta da aggiungere; e, forse, un giorno, mi pro- 
Ycr6 a farlo, sc non avr6 altri rompicapi! 

Gaetano Amalfi. 



Legends of the Micmacs. By the Rev. Silas Tertius Rand, D. D., D. C. 
L., L. L. D. Wellesley Philological Publications. New- York and London 
Longmans, Green, a. Co. 1894. In-S^, pp. XLVI-.J52. 

I Micmacs sono popoli algoncliini della Nuova Scozia nell' America setten- 
trionale ed offrirebbero non ispregevoli caratteri etnografici se come la lingua 
conservassero ancora le proprie tradizioni orali. Un poco pe' cacciatori iVancesi, 
un poco pe' missionari , un poco , anzl molto, per la colonizzazione inglese • 
i racconti loro han subito la influenza dei racconti europci; anzi pare siano stati 
da questi soppiantati. 

II reverendo Silas Rand, che visse quarant'anni nel paese di questi Micmais, 
vi raccolse tradizioni d' ogni genere, e rivclo agli studiosi la vita psichica c la 
vita domestica di essi. 

Nel Novembre del 1849 pubblic6 due letture sopra la storia, le ccstumanze, 
il linguaggio e la letteratura loro; letture alle qaali seguirono studi diversi tanto 
per uso dei Micmacs, quanto sui Micmacs mcdcsimi. Morendo, or non e guari, 
il benemerito.uomo lasciava una grande raccolta manoscritta di novelle e leg- 
gende; dalla quale appunto I'u scelta questa, che ora viene in luce. Preceduta da 
una breve avvertenza e da una lunga intcoduzione della signora Helen Webster, 
codesta Raccolta contiene 87 storie, raccontate al Rand in Micmac dai nativi In- 
dian! c dal Rand tradotti e scritti in inglese. II testo manca afiatto , benclie il 



* PozzoLiNi SiciUANM, WipoJi c diiilcnii, N.ip >li, V. M ir IK), iScio, p. Si c sc:j^. 

* Amami nel B.isilf. 1886, pp. 89-91. Bioeki, P.isu-^. etc. N'p. 185S, pp. 15J-J64, De I3:^lpca«d, 
Op. cil. I, pp. 267-71. 

■ De IJourcaro, Op. cil. II, lO-ir, questo Archi:i^, III, 2 Sc-J. 

* Dli BOUKCVKD, Id. I, 241-8. BlUERl, Op. -it, 2]!-;. 

» Ut BolHtAKU, Id. II, 271-5, BlbcM, Op. (il. j\-ji. A>:\IM, T,..!. d at .v. I^^Lr Tirl, C"..u., 

sen ii>.;o, pp. 29-33. 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 2^^ 

Rand dichlari di non aver mai udito a raccontame una in mglu^^e. Sob qualclnj 
titolo ricorda rorioinalc. 

Xcn c^id alcunc, coir.c b \W dice, ma moltc di qiieste storie ricbirjiiano allc 
storie eiiropee. I/eleniento indigene e stato soprafTatto d^W csotico, e T csotico 
siam noi, popoli curopei, die abbiani dovuto colic nostre Aovcllc col nostri rac- 
conti prendere il poito, die prima era tutto dei raccontl dci Micmacs. fi qnesto 
un daimo p.r le trau:;:ioni indo-americanc dclla Xuova Sco;:i.i ; dove invario si 
cerdiercMv una r.ovellibtica a base di tem'i e di motin die si prestlna a studi 
ed a parallel!. Solo qualclie lef^genda ci pare si sottragga 3. questa f.italc con- 
dizione di cose, e ad essa rimandiamo il lettore che corca dellc novitJi. 

II libro pertanto del D.r Rand prcsenta una matcriii ibrida: racconti per lo 
piu importati dagii Huropei presso gl'Indiani Micmacs, narrati In Mlciiuic ;\d un 
Iiuropeo e trascritti in in^le^e, come nrobabilmente furono raccoptati a qualcuco 
di quelle tribu, dove molti parlano, non pochi leggono , e qualcuno scrive riit- 
glese. Come materia di adattamento pero tutte le storie hanno un certo int(> 
resse, e non si potrebbe per c'lb non raccomandarlc: il die noL lacciaiiio qui vo- 
lentieri. 

LVpcra si iipre con un bcllissimo ritratto del buono e dotto Rand. La intro- 
duzione della \\'ebster e condotta con copia di nodzic nuove c con appunti bi- 
blio^Talki buoni a conosCLrsi per la storia dei Micnucs. 

La edizione e stata esciTuita a cura del CoUegio delb MIologiu Comparata 
di W'illesljy nel Massachusset; c dell'opera sua intellif^ente rin^^raziamo nUustrc 
sodalizio. 



■♦*j4£EHII«f'Mi_;^-^<*- 



Digitized by 



Google 



BULLETTINO BIBLIOGRAFICO. 



Tradi^ioni popoJari abniin'si raccoUe iJa 
Gennaro hiNAMORE. Palermo, Carlo 
Clausen. MDCCCXCIV. In-i6*\ (Vol. 
XIII dcllc Curio sit a popohiri tradi- 
:;JonaH). 

A titolo di cronaca riferiamo Tindice 
di qucsta nuova pubblicazicnc del no- 
stro Finamore, la quale fa seguito al- 
I'altra preccdente di lui: Credence, Usi 
e Costumi ahruix^csi (Palermo, 1890): 
La Casa. — Usi nuziali. — Usi natalizi. 

— Mortc. Usi funebri. — Oltrc tomba. 

— Monde fantastico. — Igiene , niedi- 
cina, terapia. — Appendicc.— Pregiudizi 
diversi. 

Due terzi del libro sono occupali 
dalla medicina popolare; cdt; veramente 
notevole il numero dci fatti chc I'Au- 
tore vi riferisce, c saranno, sen/.a dub- 
bio , documenti di molto valore ai^li 
studiosi non solo del Folklore mn an- 
che della storia dellc scienze mediche. 

Altro non ci permettiamo dire di 
una pubblicazione che fa parte delle 
nostre Cnriosita e che noi teniamo ad 
onorc di aver compresa nella nostra 
collezione. Vorrenimo sojtanto rilevare, 
anche a riscbio di apparire indiscreti, 
il nietodo strettamente scvero del dotto 
folklorista abruzzese (ci perdoni Tamico 
Finamore se proseguiamo a dargli que- 
sto titolo ora sciupacchiato), il quale 
non si lascia mai prendcr la mano ni 
dalPuomo di lettere n6 dal medico, ma 



va dlritto al suo scopo stringendosi al- 
Pargomento di cui si occiipa, alia ma- 
teria chc vuole esporre ed agli studiosi 
ai quali si rivolge. 



Le origini di una Jcffffenda (noas'.^dtou 
I'nr.Lo;). Nota preliminare di M. Pu- 
GLisi Pico. Acireale. Micale , 1895. 
In-S'^, pp. 16. 

« La leggcnda .greca dice che vcnne 
in mente agli Dei , mentre regnavano 
i Ciclopi, d'impadronirsi di alcune citta 
deir Attica," onde Posidone e Atena se 
ne disputarono il possesso. Rimessisi 
entrambi all' autoritA di Zeus , questi 
rispose loro clie I'Attica sarcbbe appar- 
tenuta a colui chc avesse fatto agli uo 
mini un miglior regalo. Posidone squar- 
ci6 allora la terra con un colpo del 
suo tridcnte , e crc6 il cavallo , o, se- 
condo altre tradizioni, I'acqua ; mentre 
Atcna la vinceva su di lui donando 
agli Atcniesi Polivo ». 

Intorno a qucsta leggenda il profes- 
sorc P. P. ha scritto una nota prelimi- 
nare , le cui conclusioni sono : I. Che 
la leggenda di Posidone ippio 6 di o- 
rigine iranica. II. Che in origine, ippio 
significb regolatore di acque, anzicht; di 
cavalH. III. Che ippio allude origina- 
riamente all' acqua dei torrenti e dei 
liumi anzichi a quella del mare. 



Digitized by 



Google 



'J^RiH^-'VU 



BULLETTINO BIBLIOGRAFICO 



301 



Raccolla di favole calahresi, novelle, su- 
ptrstixjonieproverbi per De Pasq.uale 
LuiGi. Monteleonc. Tipo9;rafia Fran- 
cesco Raho. 1^93. In-8% pp. 29. 

Questa nuova pubblLanione si leva 
molto al di sopra delle precedcnti del 
medesimo autore: il che siamo lieti di 
rilevare dopo i giudizi da noi prece- 
dcntemente dati r.cWArchivio. Qui sono 
tredici favole, quattro novelle, venti su- 
perstizioni e settantanove proverbi e 
modi di dire , tutti , meno le supersti- 
zioni, in dialetto calabrese. 

Non insistiamo sulla grafia: notiamo 
bensi i punti di riscontro che la niag- 
gior parte di queste tradizioni hanno 
in altre raccolte italiane a stampa, spe- 
cialmente di Sicilia. Le Hivole ci richia- 
mano qualche volta a quelle esopiane. 
Certo qualcuna di esse devc avere pro- 
venienza letteraria. Qualche abile scrit- 
tore calabrese pu6 aver poetizzato piii 
d'uno dei tcmi di Esopo: e non e ini- 
probabilc che i suoi coniponimenti siano 
passati nel dominio, anche limitato, del 
popolo. 

Sul proposito non ci pare fortuita la 
fcrma metrica con la quale si chiudono 
le favole XII, XIII. 

Tra le superstizioni ve n'e pei canc- 
nici, Del dragone, per la streglieria, pel 
San (jiovanni , e non vi manca una 
stcriella sopra la scioccheria dei nativi 
di Vazzano. 

La materia della presente raccoltina 
6 nuova per il Folk-lore calabrese e 
buona ad aversi ed a consultarsi dagli 
studiosi. 

— • 
Prof. Rodolfo Pccci. Poesic dialeliaU 
del Cotrouese ecc. con note JJloIoi^iche 
ed esegetiche. Cotrone , uS9^. In-t;^ 
pp. roi. L, 2. 

Sono 103 canti popolari, quasi tutti, 
meno 1 3 di Mesuraca, raccolti nel ter- 
ritorio di Cotrone nella prov. di Ca- 
tanzaro, e rappresentano in buona parte 
i tipi piCi comuni della caniuna del 
mczzogiorno d'ltalia. Ve n' e 5 2 di a- 
more, 18 di lamento , 18 di sdcgno; 
segue la Ze:^a, rappresentazinne came- 
valesca solita farsi anche in Cotrone, 
della quale si hanno versioni a stampa 
in varie citt.^ meridionali. 

Le gesta di Pietro Bianco sono un 



poemetto in cinquanta ottavc in dia- 
letto cosentino, di un Michele Rizzuti 
(1810-1889), pocta illettcrato di Colo- 
sinio (Cosenza), che celebra le imprese 
di quel Pietro Bianco bandito del Sila, 
che fu il terrore dclh Calabria dopo il 
i860. 

Le note sono molte e larghe, quan- 
tunque troppo grecizzanti. 

Lilanie volgari del sccolo XIV puhhlicatc 
per ciira di Giovanni Giannini. Luc- 
ca, Giusti 1893. In-8^. 

Pernozze BcUoni-Salce queste schiette 
litanie volgari estrasse il G. dall* Ora- 
tionarium della Metropolitana di Vol- 
terra, e « non furono scritte per uso par- 
ticolare delle persone devote , ma si 
cantavano , senza dubbio , nelle chiese 
dal sacerdote e dal popolo... Modesto 
saggio delle parole e dei modi che quei 
nostri padri adoperavano, allorche, in- 
terrotti gU atVari della vita quotidiana 
e dimenticate per un momento le ire 
di parte, s'inginocchiavano nelle chiese 
davanti alfimmagine della Madonna e, 
sollevando lo spirito alia contempla- 
zionc delle co-ie celesti , sfogavano i 
proprj affetti alia Madre di Misericordia 
che invocavano cogU epiteti piii gentili, 
nel piirissimo eloqiiio d'allora ». 

De Gubernatis Alessandro. Lc tra- 
diiioni popolari di S. Stefano di Cal- 
ciunia. Roma, Forzani e C. tipografi 
del Senato , 1894. In-8', pp. 200. 
L. 4. 

Accogliamo con piacere questo primo 
lavoro di un giovanc che porta un bel 
nome e che promette di serbarne la 
tradizione illustre. 

II lavoro abbraccia quanto di piii cu- 
rioso offre S. Stefano di Calcinaia, co- 
munello a sette miglia da Firenze: usi, 
medicina popolare, proverbi , canti, in- 
dovinelli , ninne-nanne , filastrocche , 
giuochi, novelle. 

Gli usi si riferiscono alia nascita, alle 
nozze, alia morte, e son seguiti da su- 
perstizioni fupebri , erotiche , agricole, 
stregatorie. Le preghiere sono a San- 
t'Anaa, al Crociiisso, alia Madonna, a 
S. Antonio da Padova. 26 sono i pro- 
verbi, 319 gli stornelli, alcuni dei quali 
storici; 22 grindovinelli e 25 le ninne- 



Digitized by 



Google 



301 



ARCHIVIO PER LE TKADIZIONI POPOLARI 



nanne. Giova notarc die wajl biion.i 
parte di qiicsta materia era r;ia stata 
raccolta cJ edita in 'IV.sc ana e, conic in 
Toscana, anclie tuori, sicconiu potra vc- 
licrsi svolf^endo VArcoii'io. 

Lo novcUine sono quarantaduc, dclle 
quali solo le ultimo otto vcngono ora 
per la prima volta in luce: e questo fa 
ancbc rilevare la prcfazione e I'indice. 

Xeir insiemc una biiona raccokina, 
condotta con £;iuui/.io e ccn co cicnza 
dcUo scopo per cui e stata fatta. 

Gaspare Ukgarhlli e Francesco Gior- 
Gi. Documcnii risjj^inrJ ititi U ^^iu^.co 
in Bolc'Vt.j net s.r.^Ii XJII e XI F. 
liologna , Tinoizraria Fava e Gara- 
gnani, 1894. In-S", pp. 54. 

Dopo il dotto studio dello Zdeka^er 
sopra il giuoco in Italia n.i secoli XI 11 
e XIV, questa raccolM' di doci^nie-ili 
dcir Ungarelli e del Ciior^i e nn prc- 
zioso conlributo a^\i bwu.fv buii' ariu- 
mento. 

Tuttc le disposlzioni statutarje del 
due e del trecento relative al £!;luoco 
sono dirette, piu che a nroibirlo, a re- 
golarlo per fame una ionte di specula- 
zione a pro dei g.^verni. 

iu Bologna si pn'.eva bisja^'^arc nelle 
baratterie p;igando lo scotto , e le ba- 
raUerie si concedevano ai privati per 
conto e vantair'MO d;l coni'ane, il quale 
ne arrivo a con:edvTe lino a due per 
ogni rionc. 

I conduttori di esse avevano granJi 
privilcgi , ed e probabile die in siillo 
scorcio del sec. XIII l^rmassero \mA 
corporazione. (^ostoro esercltavano e>si 
stessi la pulizia del giuoco nelle diverse 
parti della citta. II giuoco era d' a/.- 
zardo, e comunissimo e tipico era quello 
dei dadi. Tra i giuochi a carte e ri- 
cordato quello della bassett.L La pas- 
sione furibonda pel giuoco apparisce 
pid volte c molto evidente, c ci richiama 
ai Montecarlo dei giorni nostri. 

I document! sono diciotto: il primo 
C: del 2 Ottobre 1271, Tultimo del 28 
Marzo i'^y\: tutti veramente prezio.si c 
preparati da una Ivlla introJu -ione 
(pp. ^-17) sul giuoco in Bolo rna in 
quel due secoli. 

Leaxdro Hiadene. Un Miracolo dcUa 
MiuJo:ina: La Lci^genda dcJIo Schiavo 



D ihihis:'::\ Bologna , Fava e Gara- 
gnani 1894. In-S\ pp. 56. 

La leggenda che forma argomcnto 
della pubblica/.ione del Biadene t quc- 
sta: 

Un cavaliere cade di ricchezza in 
poverta ed accetta la oflferta del dia- 
volo, che vuole riarricchirlo, c gli pro- 
meitc la propria moglie. Giunto il mo 
niento o-y^crlv.no p-rte con la mcg'.ie 
isedesi;r.a, la oualc, perche devota della 
\ ergine, entra camniin facendo in una 
chiesa , ed e s'^stituita dalla Madonna, 
che il caltivo uotiiq, credendola sempre 
la propria donna, conduce dal diavo".o. 
C^ostui scoperto V inoanno rimprovera 
il cavaliere de'.la numcata (cd<: ; ma e 
alia volta sja rim-iroverato dalla Vcr- 
gine, per la cai gra/.ia la innocente 
nuvrlie deiranijo del diavolo vien l:- 
b.r.ti. 

Clues to racconto apparisce nella Lc^- 
i,v/;./7 aii>-cd di jacopo da Voragine, 
noiia Aniuiuciaiii'ue del Liber Marine 
di (jjl de Zamora nel sjc. XlII, nella 
S::.A coeli di (jiovanni Ciobio nel X\\ 
nel nis. 10770 della Na/ionale di i\i- 
ri}:i e nei niis. di Londra Arundel e 
Ilarleiano, di sai quali ("a pubMicato da 
Th. Wright. , 

Q.i.\nte vjrsio!ii e rita:inienti il B. 
esamina ed anali/za, lerniandosi anche 
WW ;\K0 sopra i riiacimcnti italiani e- 
thti e su'ciabiien'e sopra la li^'^aidA 
dciln S. •) • : : '0 l)j' '11 . 'isiiui , altro r i I aci- 
mento italimo in.^Jito lificra. 

■ DjIIo Sc':ia'-o i>al;nasina egU stuJia 
il niJtro e la riina, non sjnza guardare 
alia lingua , ch^ a lui pare lombarda 
italianeggiata. in ouesto poemetto in 
122 versi chiude la succosa monogralia 
TAutore , die vi ha speso molta cura 
ed tj venuto a conclusione quasi tuttc 
accettabili perche quasi tuttc giudiziosc. 

Fiahc popolivi icmiianc niccolte da 
DoM. (iiusLPPK Bia^voNi. Venezia, 
Longlii c M(mtanari 1895. In-i6'», 
pp. 87. L. r. 

Salutlamo la rcsjrrezionc (ch6 tale 
possianio dirla !) del Bernoni , e man- 
diamo alTantico compagno di ricerchc 
i mi'^liori aaguri. 

Qaesta sua nuova Raccolta di Fitibe 
fa seguito alia prima, pubblicata nel 



k 



Digitized by 



Google 



RI-CliNTI PUBBLICAZIOXI 



303 



1873; ^ ricordiamo con sottifjliczza da 
biblio^rafi e da coUczioni-.ti clic Ic pr'wr.c 
due liabc del voliimctto sV-rano <;ia co 
minciate a stamparc ar.ni fa co\ niinK'- 
ra/ione di pagina unica crii la prima. 

Non siamo noi clie dobi iair.o iodarc 
la schictla semplicitii di c:c.slc liOvel- 
iinc. \'enti e piu anni p.issali dacclic 
le ceniuitc nd'w venncro in bice, non 
ban dato fin qui nulla di irc^'iio ncl 
Wneto sotto V aspclto sia riViiv/i'v-;Tico, 
sia dialcttalc se nc tOL.li !c novclline 
della Nardo-Cihele. Lc narratrici del 
Bernoni sono valcnti: ccco tv.tto. 

Lc present! fiabc scminano a 16, di 
qualcuna dclle quali puo indovinarsi il 
tipo del titolo. 

Eccone Tindice: i. I- 1 (es.'t'lo Je Jhvi. 
— 2. Pcino e Scorii\ — 3. '\\i niui^icr 
che no maj^na. — 4. Fj powo cf oro. — 5. 
Bela Id mart!, ma piu hchi hi Ji.:. — 6. 
/:/ Venh, — 7. IJaucIo j'aJa, — 8. Casa 
cucu^na. — 9. El Me^oi — 10. El Gran- 



:^io. — II. L'amor de le tn' mi'>}iti>r. ^— 
12. La sorela inula pjr ^H' tiftL — 1 '. 
L'onio inorlc. — i [. icsla tU bcco€rtne 
di! lit'i'ro. — 15. Re Ccrvo.— ifK Uti v€- 
ri:to b:r'o. 

L:: liicnilurj sisUlina (Ensinv schre d 
Fc'l'-lorc') pes E. CoxTAMENF. i>r: La- 
TO'jR. Paris, Impreso en l;i Cx^-X dc 
Fr.Micis Lccbenct, 1 80. j. Tn-i^\ pp,i J. 

In t'.i'.ehta elci^ante edi/iiine il stj^nor 
(>}!-it.uninc , prolcssore d\:s,ll ^( I (antes 
l-tiui.s Commerciales » di Panf:i , tI- 
pubblica dalla Rivista Pro Palfui dl 
Barcellona una vcrsione 5pa;;iuiola del 
Frufiinicati di caiili popofari poHlici chc 
il nostro Tomniaso Canni^^aro inseri 
priniamente v]c[VJrrhii'ii\ Vcr^innc fe* 
delmente condotta, che il traduttorc \a 
seguire immediatamentc dopo a cia^cun 
canto. 



RiiCLXTl PUBBLIC.\ZI0XI. 



Di Gangi (\\). Lu contrustu di la 
so;zj;ira cu la nora, stcria nova e ridi- 
culusa bella d'inteiuiiri conM\)s*.a in ot- 
tava rima per Vincenzo di (jar.jTi di 
Capaci. Palermo, Giliberti 189 I . In-iC'^ 
pice. Cent. 25. 

M/'Rio (J. W). Lc niinierc di zoifo 
in Sicilia. Roma, iS.;^. In-c>"' , pp. 75. 

Marz.\ko (G. D.). Canti porolari di 
Laureana di ]^orreilo , di Caiida e di 
Serrata raccolti cd annctati. M'^ntelc.^i^.e, 
1893. In-8'\ pp. 53. 

Mhdin (A.). La risposta alia uX'itto- 
riosa Gatta di Padova )^ con una liOii- 
zia'di altre poesie relative alia Lr.crra 
dei Veneziani contro i Ferrarc^i nSi 
primi anni del secolo XA'L Padova , 
Tip. Randi 1893. 

NuRRA (P.). Lo Studio delle tradi- 
zioni popolari. Conterenza. Sassaj-i,i8o4. 
In- 1 6'^, pp. 15. 

OsTHRMANN (V.). La Vita in Friuli. 
Usi, Costumi , Credenze , Pregiudizi e 
Superstizioni popolari. Udine, 189.}. Ti- 
pografiaDel Bianco edit. In-8'^', pp. X\'- 
718. L. 5. 

RoTTA (P.)- Raccoita di h\ui , prn- 
verbi e traslati in dialetto niilance es- 
primenti uonii, verita c concetti di re- 



ligione e morale cristiana. Milano^ 1H93, 
In-8\ pp. 165 L. 2. 

Salcwionl Mai ino (Sj 11 mio prc- 
sjpe. l\eminiscenze. la Palemvcj , coi 
tipi del Giornale di Sicilia* iStj.^, [iitS*>^ 

IT- I'v 

ToNKTTi (F.). Dizionario del dialetto 
val.^ebiano, preceduto tla un Siir^cjio di 
rrammatica e contenente oUre scimib 
vocaIx:)ii, frasi, motti, sentence e 
verbi. ¥^^c. L ^'arallo, 1894. In- 






CociiLRis. (Mad. P.). Le^ pamres 
priniitiv'cs. I'aris, Jouvet 189.]. ln-?f\ 
Yp. 2b(-) avec 209 gravuie.s. 

;).•: Jvi.:?i".i.u/iiC (IL). Locutions po- 
piilaires du pays de Dol en Bretagne. 
Rennes, Cailiiere 1891. In-i2<'j FP- 5*- 
("Fire a 100 exemplaires). 

— La Legende de S. Rou. Rennes. 
Simon, 1894 In-8^'. 

DoiTiN (G;). Contes iriandais. Ren- 
nes, Oberthcur 1893. In-J^'^, pp. 67^ 

Mar LOT (11.). Le >!ervt:illcux dans 
I'Auxsois. Niemur, Millon 1894 In-^^^ 
pp. 55. Fr. I, so. 

Renard (I'r.). Superstitions kes- 
bants. Bourg 1893. in-8'', pp. 2^. 

Slbillot (P.). Annuairc ile^ Tra- 



Digitized by 



Google 



304 



ARCIUVIO PER LE TRADIZIOM POPOLARI 



' 



didons popuLiirtJs. Paris, iS^|, In-^'^ , 

— Le5 TrnvauK pubises et Ics mines 
dans ks Traditions tjt ]^ S'jperiititions 
de tous les pays, Paris, Rothschild 6dit. 
1894. ln-^'\ pp. XX-620, 

TiERSOT (J J. Lcs lypcs mil'lodiq jcs 
dans la chanson populaiie (ran.: use. 
Lechcvalicr 18^4. In-H'\ pp. 3a 

ToM'TiT. Pour aniusi^ir les pL^tits, oil 
ks joujoux qUL' Ton pt^iit lairc soi-incmc. 
Paris, H. Plon, No irrit ct 0\ Album. 
ln-4°. pp. 50. Fr. 3^50. 

Dlsqeh (H). KindcrllL'tliT unJ ]vin- 
dcrspielc aus dcm \*ogtbnd. MiL ciiicn 
cink'jt. \ ortrage Qber das Wesen der 
volksthumlichen KinderUedur. lllauen, 
Xcupcrt iHt)|. 2 Aufl, pp, Xll-r94. 

EcKAirr (R.). Nd. Spriclivvortcr und 
volksiunilichc RL-dcnsartcn. Gcs. und 
herimsgugcben- Hriiuscliwcig, Appellians 
!Ytnmng*storrt 1891. In-S'^ pp. IX- 3 86 
M. 8, 

RiCHT^B (Alb.) Deutsche Redcnsar- 
ten sprachlich und kultiir^reicliiclulich 
criautcrt. Leip^ig, Ilichtcr i^Si,}.] . 2 Aufl. 



ScuRAMMEN (J.). Die dcutsche Got- 
ter-und Heldensage und Dicnste der Ju- 
gendbildung. Pi-Qgr.dcs Kaiser Wilhclm- 
Gymn. zu Koln. In-.}"^, pp. 44. 

TiLLi: (Al.) Die Geschichte der deut- 
schen Weihnacht. Leipzig, Keil 1894. 
In-So, pp. XI-555, 

\\ OLi-sKEHL (K.). Germanischc Wer- 
bungssasjen. I. I Iiigdietrich Jarl Apollo- 
nius. Giess. Darmstadt , Bergstraesscr. 
ln-8^, gr. pp. V-33. M. i. 

Hartlaxd (E. S.). Welsh Folklore: 
its Collection and Study. Liverpool. In- 
8^ pp. 27. 

luwARDS (R.) Weather-Lore: a (-0I- 
. lection of Proverbs, Sayings and Rules 
concerning the Weather. London , 
Stock 1893. In-S", pp. XI I- 1 90. 

Mackinlay (J. M.). Folklore of Scot- 
tish Lochs a. Springs. London , 1894. 
•In-S^'. 

Salisbury (J.). A Glossary of the 
Words and Phrases used in S. E. \\'or- 
cestershirc, together, with some of the 
sayings, customs, superstitions, charms, 
etc. common in that district. London, 
J. Salisbury In-S*', pp. VIII-92. 



SOMMARIO DEI GlORNALI. 



Attciiiyio STORtca LoMBARDO. Mi- 
lan o. XX, 4. P. GhiuKoni: Ainmt rab- 
praftfiiJlioui in Italia nt^I sec. .VF, m 
Milano nel 144^, in Wnc/ia rx\ 1159, 
in Roma nd 1473, in Genova ncl 1490; 
documi^nti chc potrcbbero far parte 
dellc notizie date dal D* AncDna nelle 
sue Orj-jini dd Teairo italiauo (Torino, 
1891). '^ 

Crokaga Nova, N\ ro. Caltai^ironc. 
L. IX G. Per i^li stinfii sulk tfiiJiiioni 
p0polan\ L* A. difende V opera nostra 
(Arfhh-io, Biblwhri , Curimt^i) contro 
b CraJtaot novti {fwva e noti nnova)^ 
la quale per loJarc una recenic Ri vista 
Iblk-lorica itiiliana avca crcduto di scri- 
verc queste parole:, « ll Piirt avea tcn- 
tato quakhe cosa Jl simile (alia nuova 
Rivista); ma ri^tretti nella breve cerchia 
dell'iAola nostra f^li studi intraprcsi con 
grattJe calort.* e con sincern entiisiasmo 
non ehbero quel successo licto die si 
aspeltava nc attinsero qucirideale che 
era neccssario rcaliiss^arc per potere 



rendere servizi utili alia letteratura po- 
polare nostra.... (a par di potcre asse- 
rire, senza tcma di esagerare , che in 
questo caso «, il fondatore della nuova 
Rivista « manterra le molteplici pro- 
messe dell'esimio PitrC; ». 

E chi scrive cosi 6 proprio uno di 
Sicilia, dove VArchivio , le Curiosita e 
la Bihliotcca vedono la luce ! Che razza 
d'idcali deve avere questo Carneade da 
Cronaca nova I 

Gaz/.etta del Popolo. An. XII. N. 
12. Torino, 2^ Marzo 1894. L. Garello: 
La Leg^cnda deW Olivo. — A. C. Baldi: 
Pasqiie passate. — G. Todesco: La Do- 
inenica dclk Palme. 

GlORNALE DI SiCILLA. AunO XXXIV, 

1894. N. 76, 17-18 Marzo. G. Ragusa- 
Moleti: Un nuovo Jihro di G. Pitn^. Re- 
censione molto benevola della Bihlio- 
crnijia (della quale rec. rendiamo cor- 
diaii grazie alTA.). 

N. 85, 26-27 Marzo . La Pasqua m 



Digitized by 



Google 



ff. 



SOMiVLVRIO D1£I GIORNALI 



305 



Sicilia e negli ^rui;i, notizie riportate 
dalle raccolte di G. Pitr^ e di Ant. De 
Nino. 

X. 88, 29-30 Marzo. Feste diPasqna. 
Storia. 

GlORNALIi LiGUSTICO. XX, II-I2. P. 

Nurra : Una fola in diahllo sassarese. 
Appartiene al tipo ben noto dellc « tre 
mclarance ». 

GlORNALE StORICO DELIA LlTTERA- 

TURA Italiaxa. Vol. XXIII, (Ilisc. 1-2) 
an. XII, fasc. 67-68. G. Rua: A. Graf, 
Mill, Leggeudc e Supersti:^ioni del Me- 
diO'Evo , rccensionc espositiva , molto 
tavorevole. 

La Calabria. An. VI, n. 6. Montc- 
Icone, I) Febbraro 1894. G. Brinati : 
S. Caterina , Icggcnda in poesia cala- 
brcse ,' studiata sopra le varie vcrsioni 
raccolte dal B. Continua al n. 7. 

A proposito di cssa e delle saggc 
osservazioni dell' A. dovremmo richia- 
marc le due versioni sicilianc da noi 
raccolte c pubblicate (Canli pop. siciL, 
vol. II. Palermo, 1891). — V. Laurcani: 
Pre^^iudiiii rch'giosi di Nicotera. — R. 
De Leonardis : Cauti di Rossano. Con- 
tin ua/.ione. — C. Tacconc : // Folletlo, 
fiaba ionadese. 

N. 7. 15 Marzo. G. Pignatari : Me- 
dicina popolare. — G. De Giacomo: Canti 
di Paterno e di Apriirliano. — F. Riggio 
e L. Bruzzano: I-iaha albanesc di Fal- 
conara. — G. F. Canti di Cessaniti. 

N. 8. 1 5 Aprile. G. Brinati: S. Agajio, 
protettore di Squillace e di Guardavalle. 
— R. De Leonard!: Canti pop. rossanesi. 
— G. De Giacomo: Leonella, fiaba co- 
se ntina. 

La Lantern a. An. I, n. 3. Pinerolo, 
51 Marzo 1894: F. Seves: 11 salto delta 
BelV A Ida. Due versioni di una mede- 
sima Icggcnda piemontese di Avigliana 
Crissolo. 

La Lega del Bene. An. IX, n. 14. 
Xapoli 1894. G. Buonocore : Marine e 
paesi: La setlimana « in A Ibis » in Ca-. 
scrta. Usi e costumi. 

L'Arte (Parma Giovine). An. VI, 
X. 7. Parma , i > Marzo 1 894. FellaJj, 
I'enditrice di arauci, in Egitto. — A. Re- 
stori: Pitre, Bildiografia. Recensione. 
Archivio per Ic tradi^ioni popolari. - 



La Tavola Rotonda. An. IV, n. 8. 
18 Febbr. 1894. G. B. Corsi : Stornelli 
popolari sen c si. 

N. 12. 18 Marzo e N. 14, 1° Aprile. 
Lo stesso: Stornelli senesi. lUustra in 
tutto 1 1 stornelli intercalandoli nel te- 
sto, die 6 la descrizione degli usi nu- 
ziali. 

L\\vanguardl\. An. XIX , n. 16. 
Coi>enza, 9 Marzo 1894. X. Misasi : 
Persia delta Montagna. Tre canti pop. 
calabrcsi. — I. C. Falbo : Follelti cala- 
hresi. Notizie fomite alia signora M.' 
Savi-Lopcz. • 

L'Oriente. An. I, n. i. i" Gennaio 
1894. C. Tagliabue: // matrimonio delle 
fanciulle impuberi nelVIndia. — F. Gal- 
lina: Indavinelti tigray. — C. Trianta- 
fillis: La torre di Petr'a, leggenda greca. 

Natura ed Arte. An. IIL N. 8. 15 
Marzo 1894. P. Battaini : Vsi pasquali 
in Spagna, 

N. 10. 1 5 Aprile. Grazia Delcdda : 
Leg gen de sarde. 

N. II. I Maggio. V. Giachi: Curio- 
situ delta vita romana sotto I* Impero. 
Le botteghe dei barbieri. — G. Forti : 
La Cavolaia di Firenr^e, Icsggenda illu- 
strata. 

Neptunia. An. IX, isFebbraio 1894. 
La Xota Folklorica. Definizione del 
Folk-lore ; formole e villote pesche- 
recce. 

28 Febbr. V. Capotti: La paginafa- 
viiliare. Contiene proverbi veneziani 
sui pesci e la preghiera del pescatore, 
ed 6 diretta al D.' C. Musatti. 

Pagine Friulane. 'An. VI, n. 12. 
Udine , 11 Febbr. 1894. G. Gortani : 
Lis istoriis di Palladia, nn. 19-20. — II 
Natale a Lucinico. Tre poesie popolari, 
tratte da antichi mss. e tuttora vive 
nella tradizione di quel comune. — • P. 
V. Baldissere : SlorieUa snlla maniera 
con la quale un frinlano insegnb ai 
Camei a conoscere ognuna le proprie 
gambe. In dialetto di Gemona. 

An. VII, n. I, 25 Marzo. C. Percoto: 
Contens e mat contens , leggenda friu- 
lana. — L. I'eteani : Kaffronti folh-lori- 
stici. Appunti di credenze e supersti- 
zioni friulane. — L. Gortani : // mestri 

• Vol. XIIL , 39 



Digitized by 



Google 



3o6 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



sore duel) i mestris , le^genda friulana 
del ciclo dei viaggi di G. Cristo con 
gli apostoli. 

N. 2. 99 Aprilc. G. Ztuin sen-^e paurCy 
fiaba friulana raccolta in Farra sull' I- 
sonzo. — La kggemla di Folcbiar (nella 
copertina). 

RaSSEGNA BlBLIOGRAFICA DHLLA LeT- 

TERATURA Italiana. An. II, n. I. Pisa 
Gennaro 1894. A. D'A[ncona]: Savi-Lo- 
pel, Leggende del mare. Acccnna ad al- 
cune omissioni. Favorcvolc. 

N. 2. A. D. A. G. Paris, La Lci^ende 
de Saladin. — G. Finamare, Tradiiio:ii 
pop, abntiiesi. Reccnsioni fiivorcvoli. 

N. V Miir/.o 189 J. F. Torraca: y. Bi- 
dicr, Les fabliaux. Kccensionc, con forti 
osservazioni critiche sopra gli studi di 
Ictteratura popolare c di htoria letteraria 
del Medio hvo. — Fl. Pellegrini : L. 
Biadene, Un viiracolo ddla Madonna. 
Recensione suUa ieggenda dello Sclavo 
Dalmasina. 

EspAnA Ilustrada. II cpoca , n. 5. 
Zaragoza 1895. Gasc6n de G6tor : El 
Pilar V Zaragoza. A proposito della 
fcsta della Vergine del Pilar , FA. ri- 
corda le canzoni chc celebrano ed il 
tempio lambso a lei dcdicato e la Ver- 
gine slessa. Uno dei canlarcs dice: 

Sii la Vis:rj;cn del IM'.ir t 

Nclle tradizioni e nei costumi dei po- 
poli fatti e costumi si associano al san- 
tuario. 

L'AVENC LlTERARl, ARTISTIC, SQEKTl- 

Fic. 31 Ottobre, i) Nov. 1895. Barce- 
lona. I. Brunei y Bellet: Una Irinitat be^ 
stial menjada r'edada de menjar, « Qiie- 
sta triade di animali che era e non 
era permesso di niangiarc, sono il porco, 
Tasino e il cane, e grande era la stima 
che se nc faceva nelF antichita presso 
i vari popoli d'Oricntc e d'Europa. La 
proibizione di mangiarc certi anirnali k 
molto antica, e in uno stato semi sel- 
vaggio Tuomo ritiene numc c genera- 
tore della tribu I'animale. Ma il ren- 
derlo sacro da alcuni popoli 6 tcnulo 
come ragione per cibarsi delle sue carni 
da altri come ragione d'astenersene.?) 

O Elvhnse. An. XIV, nn. 1 3 52, 1 3 ^ 5 , 
I536;nn. 1561, 1362, 1363, 1365, 1366, 



i37i» 1375 > I574- Elvas, 9, 19, 23 
Novembre 1893 ; 18, 22, 25 Febbraio; 
4,8, 1 5-, 18, 22, 23 Marzo; i, 5 Aprile 
1894. A. 'Fhomaz Pires: ParemioJogia. 
Dal n. 155 al 273 proverbio. I provcrbi 
sono portoghesi, con riscontri francesi 
spagnuoli, italiani. 

BULLETTIN DE LA SoCIETt ArCHcO- 
LOGIQUE DU FiNlSTliRE. XX, II. F. M. 

Luzel: Histoire de rtvenanl. 

La Rkvue des Revues. VIII, 2. A. 
Lang: La stiperslition et les fails. — A. C. 
Fletcher: Chansons indicnncs. Recen- 



La Tradition. An. 8", nn. I-Il. Pa- 
ris, Gcnn.-febb. 1894. IL Sincere: La 
FiHc des Rois en Kormandie. — G. Merle 
L'ori^ine de la familk, a proposito della 
pubblicazionc col medesimo titolo, di F. 
Engels, recentcnicnte tradotta da Rave 
in Parigi.— F. Ortoli: Comment se for- 
wcut les Li'gendes. L La Legende du 
plre-Lachaise, — H. Cfarno}]: Enterre- 
went des vivants. — F. B. ' Moenrs et 
Cout limes anna mites. — H. O. Role des 
Etoiles dans V Architecture i^ptienne. — 
M. Thi^^ry: Le Congrh des 'Religions a 
Chicago. — H. C. Superstitions anglaists. 
Les vampires. — Hyani-Selo: iJ Album 
des Li^gcndes. — B^renger-Feraud: Con- 
tes proven faux. — Les proverbcs de J. 
Cats. VUL I es Amis. — A, Harou: Les 
Epidemics. — H. C^iU-noy: La Pentecote. 
La Pentecostc degli Ebrei, dei cristiani, 
\cpapoires d' Amiens. — J. Brunet: Vune 
dans les proverbes proven(aux. Continua- 
zione. — F. B. (^.a et la, Le Carnaval 
en Belgiquc. — H. Breton : La chanson 
slave. 

Col nuovo anno, I.a Tradition e pas- 
sata sotto la direzionc solo del Prof. 
Carnoy. 

Revue dk Philologie. VII. 3-4. P. 
Regnaud: L'origine des contes de fees. 

Revue des Traditions populaires. 
T. IX. 9" Annee. 1894. N. i Gennaio. 
J. Tiersot: Les types melodiques dans la 
chanson pop. franc. Contin.nei nn. 2 e 3 — 
A. Harou, Olga de Bassilan: Les epin- 
gles. — R. Basset: Le pret mir^cu lease- 
ment remhoursL — A. Dido: Devinettes 
:siomcnncs. — P. Sdbillot: Conks de la 



Digitized by 



Google 



SOMMARIO DEI GIOltMAU 



ioj 



tlaiite - Brcta^nc. Continua. Sono VII 
varianti di nltri gid pubblicati. Proscguc 
nl 11. 2. — Superstitious et croyances du 
Cap Siitin. — Bihiiographie. Vi si paria 
di recenti pubblicazioni ital'.ano c Iraii- 
cesi. 

N. 2. Fcbbraio. R. Basset: Contes de 
VRxlrvme Orient. Lo stesso: Les Orda- 
hes. — J. B. Andrews: TraditioiiSy Super- 
stitions et Coutumes duMenionnaisA.on' 
tinua al n. 3. \'i sono raccoUi e niime- 
rati appunti sopra la nascita e la in- 
lanzia, il niatrimonio, la mortc, Ic Te- 
ste , professioni e meslieri. — A. Cer- 
teux: Les pendus. — P. Aubay: MeMcine 
supcrstiticiise. — L. Bonnemere: U^^en- 
des et Superslitions pri^bistoriqucs, — As- 
semhlec ginCrah. 

N. 5. Marzo. A. Dido: Kahivipoeg, E- 
popie nitionale estonienne. — H. Ileinecke: 
Its (gateaux et les bonbons traditionnels. — 
r. S6billot: Contes resumes de la Haute- 
Bretac^nc, Da I a XXI. — P. Ristelhu- 
bcr: Usages de Carnaval, — A. Certoax: 
La manicre de choisir nne femvte. — G. 
Damoulier : Coulumes et usaf^es de la 
Se:naine Sainte. — R. Basset: Solaiman 
Salomon dans les Legend es miisulwanes. — 
A Ler«!:vre: Le cuUe des marts che^ les 
Latins: Funerali, inferno, larve, mani, 
lari, penati, geni. II Ibcolaio doinestico 
e T^.azionale. — P. Sebillot: Les almanacs 
pop. — R. Basset: Les em prelates merx'eJl- 
lenses. — G. Le Calve: / e lion, le loup 
et le renard, liaba di Treguier. — Bi- 
hliographic. 

Romania. Paris, n. 89. Gennaio 1894. 
G. Paris: Le conle de la Rose en verse 
et en prose duns le ronian de Percejo- 
resl. — P. Merer : Role de chansjns a 
danser dn XF'P sikle. 

Wallonia. An. 2. N. i 13 Genn. 1894. 
' A. Gittee, O. Colson : Le Baptenie. I 
« censes » di battesimo; tradizione lie- 
gina; innanzi il battesimo; i padrini; i 
prenonii; durante la cerimonia; dopo il 
battesimo. — J. Lesuissc: Couji-ronfon , 
tiaba liegiaa. — L. Loiscau: L^ Inhe. — 
G. Willame, J. Tronmie: Thedtre des 
doigts. — Bihliographie. Parla del Diilion- 
uairc des spots icallons di Dejardin e 
i\i\VAus der IVallonie di L. ZeVuizon. 

N. 2. 13 Febbr. F. Jacquemotte: Le 
tirage an sort. — F. Monseur: Chanson 
de conscrits. — A, Gittt^e: Le merle blanc. 



flaba di Namur. — - J. Hens: Djihan-Close 
altra fiaba. — J. Defrecheux: Cihinson 
uo'tvelle, 

N. 3. 15 marzo. L. Loiseau: LaS, Gre- 
goire, in Namur, c altrove. — F. Ren- 
kin: Lt'gendes du Bas-Condro^. Conti- 
nua.— A Gittee: Histoires dn hon vienx 
temps. 

X. 4. 1 3 aprile. F. Brixhc : La pie 
des pel cr ins. - O. C^olson: La dijficile , 
canzone liegina. — L. Westphal, A. lla- 
rou : Les os de grenouille. A che ccsa 
servono.— J.Degueldre: Fataipatinaiy fia- 
ba di Ilerve. 

Am UR-QuELL.IV.1893. VIII.L. Mandl: 
LXt fliegende Apis.^L. Frankel: Neula- 
teinische Abderiienschiuunke. — R. Spren- 
ger: VolktUmliches aus ScbiUer iindGce- 
t.'je , I. Rauber di Schiller. — H. Men- 
kens: Das IVetler im Sprirbwort, — B. 
Saubert: To;// deutscben Micbel — B. \V. 
S:hirtcr : Alltaglanben u. volHumliche 
Heilknnde gah\ischer Juden. Continua 
al n. seguente.— .\. Treichel: Vier pol- 
nisihe Lieder. — K. Knauthe : Kopfiose 
Spn{^geister. — J. A, Charap : Sprich- 
vjorler g^hXisclur Juden. Continua al n. 
seguente. — Ed. Haase: Sagen ansder 
Grafschaft Ruppin, 

IX-X. A. Ilaas: Sagen vomUrsprnn^ 
der Fliegen.—\. Treichel : Furs Pferd 
u.beiui RuJpsen. — F. Haase: Sagen aus 
dem Kreise Templin. — R. Snrenger: Ein 
vohtiimlicher Scbwan't in Schiller s IVal- 
lenst.'in. — A. Groning: Das Tr in {-horn 
d:r Graf en von Oldenbur\^. — A. Nao:el- 
berg: Spif;^-und Sc'jimpjnmun bei gali'J- 
schcn Ju'lc't. — H. \'olksniann: Der Minn 
im Monde. — \'ari : Si'idslavische Vol'c- 
me.liiin, — H. Volksniann: Folhvit^ in 
Rdtseln. — O. Schell : Jf^ober komme-i 
die Kinder? — R. Andree : Die Zwerge 
am IVohlenberge. — C. Radeniacher: Mai- 
sin en am Rhein. Continua ai nn, I e II 
del vol. V. — L. Scheniian: Ein « Re- 
J. 'rat » iiber Fol',s\unde. 

XI. C. Rademacher : Maisitten am 
Rhein. — A. Schroot : Die Symbol ik im 
Vol'.glauben. — F. S. Krauss: Tom Grus- 
sen im ifilden Kirsl, canzone popolare 
musulmana di guzla, testo bosniaco e 
versione tcdesca. — O. Gl5de : Xieder- 
deutscbe Rdtsel aus MeKlenburg. — \'ari : 
Spukgeister, — N. Stacker: Spricbicorter 
iicc. aus Drage in Sta pel holm, 

XII. Krauss: Die Mutter der Jugovic^ 



Digitized by 



Google 



3o8 



AUCmVIO PKR LE tRAdlZlON^I PCPOLARI 



canzone musulmana bosniaca di guzla. 
— B. Saubert: Dcr Freita^;. — I. Kunos: 
Geduhistein, Geduldmesser , fiaba turoa 
deU'Anatalia. — H. Volksmann: Schles- 
tvig-hohteinische Haus-und Zaiihennil- 
teh — Vom Bucherlische. Si occupa lun- 
gamentc dell' opera Die Medi:^in der 
Naturvolher di Max Bartcls. 

V. 1894. I. K. Weinhold: Zur Bedeu- 
tung der Zahl Neuu. — A. Wiedemann: 
Aegyptische Totenopfer n, ihr Zivech — 
Continua al n. 11. — A. F. Chamberlain: 
Vder die Benenung dcs Pferdes in den 
Sprachen amcrikanischer Ind inner. — M. 
de Zilva : VoIkgJanben in Ceylon : Die 
Furcht hoser Geister vor Eisen. — 0. 
Knoop: Die neu e'-tderhten deuischen Gdl- 
tergeslalten u. GOrwrnamcn. Continua ai 
nn. II c III.- Krauss: Ileripg Mirceta, 
canto di guzla dci Musulmani di Bosnia, 
te.sto e versione tedcsca. — II. Thcen : 
Bieneniauber u, Bienen:^ucht. — P. Sartori: 
Sender sprachen. Continua al n. III. — 
H. Merkens: Beie.ichnnngen der Trun- 
'kenheil in der Spracbe des Volkes, — A. 
Brunk: Tierstimmen im Vol{munde. Con- 
tinua al n. II. — A. y{.Vos\\Miltetlungcn 
aus dem Bremischen Volklcben. Continua 
al n. II. — A. Herrmann: Magyariscbe 
Hoc'.j'^eithrdnche in SiebenbHrgen, I. — A. 
Treichel: Polnische Lieder. Von der IVa- 
chieL — H. Merkens: Beieicbnnngen der 
Trnnkrnheit in der Sprache des FoJkes. 

III. Th. Achelis : Ueber das wisssn- 
schafiliche Studinm der Naturiolker. — 
Krauss: Geheime Spracbiveisen. 

Giova notarc die noi abbiam riferJto 
i titoli degli articoli quali si leggono 
nel pcriodico. 

HtHKOLOGISCHC MiTTElLUNGHN AUS 

Ungark. III. Band. 5-6 Heft. B. Mun- 
kdcsi: Ueber die heidnische Religion der 
IVognlen II. Continua al n. IV.. — F. S. 
Krauss : Konig Mathias u. Peter Geri'b, 
canzone di guzla dei Musulmani della 
Bosnia, testo e versione tedesca. Conti- 
nua al n. IV. — K. Pdpai : Dcr Ilol^bau 
der Palovxen, Continua. — F. S. Krauss : 
Das grosse Savwiekverk Jilr buJgarischen 
Folklore. Continua al n.'lV. — A. Herr- 
mann: KarUnspielerglauben aus Ungarn. 
— Lo stesso: Kerbhol^er dcr Wander^i- 
geuner. Con vari curiosi disegni. — L. 
Mdthyds : Aus dem Volksglauben der 
Sclrwaben von SoJymdr u, Sient-Ivdu. — 
A. Herrmann: Volkslieder bosnisch-turhi- 



schcr lVander:^igeu;ier. — Dokumenle :^ur 
Geschichte der Aigenner. In latino. Con- 
tinua nel fasc. iV. — L. Kdlmdny: A'm- 
derscbrecker u. Kinder rduber im magyari- 
scben Volksglauben, Continua nel fasc. 
IV. — H. von Wlislocki: Velmtgericbt bei 
den bosnischen u. bulgarischen IVander- 
-{igeunern. 

'N. 7-8. Oltre gli articoii incominciati 
nel fasc. Ill, si leggono i seguenti: H. von 
Wlislocki: Seeknloskauf bei den mobam- 
medaniscben ,Zigeunern des Balkanldnder. 
— H. Jannsen: Esthniscbe Volksmarchen. 

Ceskv Lid. Ill: i. Z. Winter: Ahito 
di Intto prcsso gli anticbi Cicchi. —J. Hru- 
ska: La casa conMdinesca dei Khodi m 
Boemiii. Con 5 figure. — L. Bokesova: 
'Eserci^i ginnastici dci giovani pastor i 
in Moravia. — A. Solta: TraiH;Jone pop. 
sulk cupiile dci nuiri deile chies:. Con 
una figura. — J. Ciz.mar: Perchc ? tra- 
dizioni slovacche. — .A. Hrddek: Tra- 
dixjoni del distretto di ZeJexjiy Brod: — 
C. Zibrt: Gi' indovinelii degli antichi 
Zechi. — V. Novaeck: La rosa nAnasta- 
sia bierochunlica » nei costumi di Kata- 
Ic. — M. Koryak: \ole sal costume na- 
^ionale nei dintorni di Pl^en. — V. Va- 
nck: Pregbierc popolari. — J. V. Zelizko: 
II costume di fare il fuoco in Sumara, 
nella Boemia. —V. Stein-Taborsky: Ko- 
nopicka : festa na.^ionale della raccolta. 
2. Fr. Lego: Drappi nwjali nei din 
tornidiPocat\y, con 5 disegni. — Kl. Cer- 
mak: Lettera di un contadino del 1620, — 
K.Chvtil: Gli antichi novii ^erhi dei ca valU 
nel sec. XVI. — V. Paulus: Noi:^e nei din- 
torni di Chrast, distretto di Chrudim. — 
J. Koula: C.isc slovacche dipinie, in A/o- 
ravia^ con 9 disegni. — O. Hortinsky: 
La nostra ca)i:^one nuiionak^ nuovc cow- 
tribuzioni con molte melodie. — O. G. 
Paraubek : Sullo stato del popolo soilo- 
mcssj al domiuio di PodebraJy durante 
il sec. XVJII. — A. Solta: Tradi:^ioni 
anticbe suW oro cbe si trova nclle mon- 
tagne di Kr.ionose. — Notiiie c corri- 
spondenie. — Societd , giornali , variela. 
Anche queste ultime notizie sono ac- 
compagnate da disegni in fototipia , i 
quali rendono il periodico ricco ed 
uno dei piu pregcvoli nel genere demo- 
etnografico. 

Cesky Lid e scritto in lingua ci(ic<x. 

BlZANTlNlSCHE ZEITSCHRlFf. III. 2. 



Digitized by 



Google 



SOMMARIO DKl GlOKN'ALl 



jo^; 



Leipzig 1894. G. Meyer : 7ai. din mil- 
Ulgriechischm Spriclm'drU'rn. Studio mi- 
nuto c diligcntissimo. 

Die Zukunft. X. 73. Berlin, 17 
Febbraio 1894. A Tille: Dcr :^v:etU In- 
ternationale Folklore Concrress, A pro- 
posito del volume, daWArchivio annuii- 
ziato, V. XII, p. 142. 

Zeitschrift des Vereins fCr Volks- 
KUNDE. 1894. IV, I. A. Hautlen: Das 
deutscht Volkslied in Oeslerreiclj-Ungarn, 

— J. Bolte: Das Marchen vom Gevat- 
ter Tod. —^ P. Sartori: Der Schuh im 
Volksglaubcn. — A. Englert: H^ief^enlieder 
aus dem Spessirt. — J. G. Christallcr: 
Kegermiirchcn von der GoUkfiste. — S. 
Singer: Buddhistischc ivcihliche Heili^e. 

— K. Ed. Haase: Bastlosreime. — Th. 
Hell: Aiif einem Banernhojc im Gries- 
stbalin Tirol. — A. Baum^art: Vcrschie- 
denes vom Ahert^laubcn , von bitten u. 
Gebrdnchci in Miltehchlesien. — Kkine 
Mitteilungm. — Biicheran:^'i^en. W si 

• parla di reccnti pubblicazioni di R. 
Schmidt, C. G. Buttner, A. Schroer, L. 
rriinkel, J. Bolte, A. Tille , M. Bartels, 
E. Grosse, K. von den Steinen. 

Internationales Archiv fur Et- 
NOGRAPHiE. Leyden, vol. VI. N. 3. S. 
H. Kusnekow: Ucher den Glanhen vom 
Jenseits u. den Todtcncullus der Tschc- 
rem is sen. 

N. 4 e 5. A. C. Haddcn: The Secu- 
lar a. Ceremonial dances of Torres 
Straits. 

Folk-Lore. Vol. V. N. I, Marzo 1894. 
W. B. Gerish: .S". Valentine's Day Cn- 
stom at S or th repps. — G. H. Kinahan: 
Cursin^-^.tones in Counties Fermana^b, 
Cavan eic. — W. H. D. Rouse: Rcli- 
c^ioiis Tublctux in Jt.ilian Churches: — 
Italian votive Offer in i^s. — E. Scwell: 
South Indian Murder trials. — F. Faw- 
cc:t : On some of the Burliest existiii^^ 
Rices of the plains of South India. — 
G. L. Gomnie: Presidential Address. 
Discorso del G. quale Prcsidente della 
Folk-Lorc Society, letto nell'adunanza 
annuale del 17 Gcnnaio 1894.-— /?t'i';Vzw. 
Vi si parla di recent! pubblicazioni di 
Rand, Owen, Jacobs, Douglas. -— Cor- 
respondance. — Misccllane.i. 



Journal of the Royal Society of 
ANTiauARiEs oi- Ireland. Die. 1893. 
D. Mac Ritchie: Notes on the word 
« Sidh ». 

Southern Workman a. Hampton 
School Record. Hampton. Va. Vol. 
XXII. N. 12. Die. 1893. Miss A. M. 
Bacon: Folk-Lore a. Ethnology. 

Temple Bar. London, Ott. 1893. Fr. 
Whishaw: Villages a. villagers in Rus- 
sia. « II contadino russo o moujik facil- 
mente contento di poco, indolcnte, non 
si cura di migliorare la sua posizionc 
o di fiirsi strada nel niondo. Fino a 
tanto che vive e pu6 provvederc aU'c- 
sistenza della moglie e dei iigli, egli 6 
soddisfatto. Non ha idea d'una piii alta 
civilti, ne dcsidera procurare od accre- 
scerc i comodi della sua casa. Del resto, 
egli ama il suo piccolo Padre, lo Czar, 
teme Dio, gli spiriti dei boschi, Lieshuiy 
ed altri agcnti soprannaturali , oggctto 
di paure superstiziose di cui parlano le 
Icggendc locali. Osscrva le teste reli- 
giose, frcquenta la Chiesa, specialmcnte 
nel tempo pasquale , e ignora tutte le 
altre cose del mondo. L' ubbriachezza 
i la gran piaga del contado russo. » 

WisLA. Warszawa (Varsavia), t. VII, 
fasc. I-IV. 1893. (Riferiamo dell'indice 
deir annata, tradotti in francese, i ti- 
toli degli articoli originali polacchi). H. 
Biegeleisen: Etudes sur les chants et les 
rites des noces. — Janina Bogdanowic- 
zona: Noces de village (district de Che- 
hn). — \V. Bugiel: Le fond populaire du 
drame « Balladyna », etude traUitionniste. 
— B. D.derzawski: Legende populaire des 
environs de h'alisi touchant les debris des 
urnes et les oulils de pier re. — L. Hem- 
pel : Jcux et amusements des e.ifan'.s a 
^horc;Yce. — S. Jastrzebowski: Exposition 
ethnographique. — Invitation a la noce. — 
A. Juszkiewicz: Noces lithuaniennes aux 
environs de ll'ielona. — J. Zibort: Legen- 
des samogitiennes sur les fleurs.—Drcits 
coutumiers des coltivateurs d' abeilles en 
Samogitic.—Le humeur des Samogitiens. 
— K. Z. A. Conte du fils de roi change 
en crapaud. — Conte de la fille , sauve par 
les betes. — K. Krol : Un echantillon de 
phantasie pop. — L. Krzywicki: Le role 
des betes dans les idees primitives. — R. 
Lubicz: Les fees « Mamuny.n — Sacrifices 



Digitized by 



Google 



jio 



ARCHlVid Vm Ln TRAD1ZK)>?I POPOLAlit 



humciins. — Gelce tie viciile fennnc. — IiU' 
core a propos dti proverhc « Lc scTriirier 
coupablc, mais on pcnd lo forgcron. » 
— W.Marrcnc: Exposilion ethnoi^raphitjiie 
de Sicile (riassunio il CatnJo^^o pubbli- 
catonc da G. Pitrd?.).— K. Matyas: .Yo- 
tre villa i^e : UluJe cthno^rapbique. — Un 
episode des noces dans le district de yaci^ 
— R. Oczykowski: Le tht'dtre pop. ii Lo- 
ivic^. — A. Plcszczynski: Les « Wochs » 
et les « Koziars. — K. Rayski : UsiJiies 
de noce a Biala Blotna. — J. Sembr/.ychi: 
Les noccs chei ks Ma:;^urs.—\\'. Siarko- 
wski : Mets patisseries et pains che:^ le 
peiiple dans les environs de Kieke <:cc. 
— Contributions a la connaissance des 
velements des paysans du viUa<j^e de h'r- 
lyianoii'ice, dn XV 111 siec}e,-^\\'. Ta- 
tar: Une noce a Bier, [on; — Croyances des 
Ma:^nrs prnssiens. — M. Witancwski : 
Notices de foVJore. — Le paysan coin me 
satirio.iie. — J. Wilort: Present le Jende- 
inain de la noce. — Z.Wolski: Contribu- 
tions a la li'crenJe de la « veritc d'Osiek «. 

Recherches et enqnJtes. Vari: Midcane 
pop. — Le baton comme circa laire. — Les 
proverbes. — Usages jnridiques. — LWcri- 
ture fi^uree. — Lives du /.\7//)/i' sur la na- 
ture. — Noms topof^raphiqaes. — Les ta- 
in ill i. — l-en par friction. — Le jour des 
marts. — Les oeufs peintes. — Le pavot. - 
Que lit le peuplc? — !m veille de la Saint 
jean. — Comment notre peuple se fv^ure- 
t-il les tires surnatnreJs? — Les \u\lois, 
les Tar tares et les Tares dans la tradi- 
tion pop. Bibliocrrapbie. Vi si fV.nno rc- 
ccnsioni dei Cries di A. Cor ten. \, dci 
Fclhreime d\ Frischbicr ccc. 

A ciascLin fascicolo vanno iiniti dji 
discgni ilkistrativi del tcsto. 

Trattandosi di una lingua nientc i'ji- 
iTiiliarc ai popoli di ra::za latina , sa- 
rcbbc cj^li un dcsidcrarc troppn clic di 
ciascun articolo di cjuosto vcraniciite 
importantc pcricdico lossc dato un brcvc 
riassunto in iVanccsc ? H doloroso ch'st 
matcriali preziosi come questi della 
JVisla debbano r-estare pressoche ignoti 
agli studiosi del centro c del niezzo- 
giorno d'Europa ! Piii doloroso ancora 
che pochi o nissuno di es ji poisa me:- 
terli a profitto. 

Ri:vut Hgyptiennf.. Rivista Kgi- 
ziANA. Anno V, n. u). lo Ott. iS.);. 
M. Lessona: Perche le rondini hann:-> la 
coda forcuta, leggenda. 



An. Vf, hn. 5 e 6. Alessandria d*E- 
gitto 10 c 25 Marzo 1894. G. Pitre : 
Costumi di venditori ambuhnti di Paler- 
mo. Ristampa deH'opuscolo delPA. senza 
i dise,:^ni. 

Boston Daily Traveller. Anno 
LXXI. 24 Marzo 1894. Easter in Sicily. 
Articolo suila l^uqua, tcsto di G. Pitre, 
versione inglese per il Travader^ di A. 
Meli. 

1)l\lect Notes. Boston. Part VI 1893 
W. II. C^arrath: The Language us:i to 
Domestic A n ini als. 

Music. Chicago, vol. V. N. i. Nov. 
1893. J. C. Fillamore: The Zufi' Music 
a. its Proper Representation. 

PoPL'LAR Science Monthly. Vol. 
XLIH. n. 5 Xevv-York, LugUo 1893. \V. 
D. Fastlake: Moral Life of the fapauc- 
se. — H. H. Long: Evil Spirits. 

N. 4 Agosto. E. Hart: 'The Revival of 
Litbcraft. 
• N. 5. L. J. Vance: Folk-lore Study 
in. America. — A. L. Alg^ir: Grandfather 
Thunder. 

The AMERICAN ANTHROrOLOdlST.VVa- 

shington. Vol VI. N. 4 Ott. 1893. J. 
\V. Fewkes: A-wa-to-biy veritica archeo- 
loglca di una leggenda Tusayana. 

VI 1. I. 1894 Gennaio. A.' S. Gat- 
schct: 5on;^s of the .Modoc Indians.— J. 
W. Fewkes: Oti certain personages vjho 
appear in a. Tusawin Ceremony. — A. 
F. Clnniberlain : IVords expressive of 
Cries and Xoises in the Koetenay Lan- 
guage. 

The American ANTiauARiAN a. O- 

RIENFAL JOURNAL. Good HopC III. vol. 

XV. N. 6. Nov. 1893. S. D. Peet: Per- 
son il DiviaHies a. C iltar: Heroes of 
the uncivili{ed ll:i::s. 

The Century Magazine. New-York 
Cienn. 1S9;. A. C. Fletcher: Indian 
Son ITS. Per son I studie: of Indian Life. 

The Foi.k-Lorist. ChiCvigo. Vol. I. 
N. 4. Ott. 1894. W. Malone: Tne Red 
Bird.—]. Deans: Totem-Post Stories.— 
Williamson : Malagasy FoJk-Lore. — 
Dahomey Superstitions. — H. W. Clements 
Japanese Folk-Lore at the World's Co- 



Digitized by 



Google 



J 



N0TJ2IE VARIE 



III 



lumhiain Exposition. — Ch:7rnts, Amulets, 
ant Fetiches ill the ll'crliVs Fair. — 
Tijird International Folk-Lore Coni^ress, 

The Journal of AvHncAN Foik- 
LoRH. Vol. VI, n. XXII. Brsion, Lu- 
f^lio-Sctt. 1893. J. M.iclcin : niaclfcut 
^Mytholoi^y. — W. M. Bcnuchnmp :' O- 
uondocra Tales, — Lo stcsso: \otcs en 
Onondac^a Dances. — C. A. Frascr: Scot- 
tish myths from Ontario, —G. Truman 
Kcrcheval: An Otoe a. an Omoha Talc. 
— St. Culin: Exhibit of Games in the 
Columbian Exposition. In qik'sta sczionc 
dci giuochi popolari, prcparatacon tanto 
aniorc dal sig. Culin per THsprsi/Jonc 
monclialc di Chicago , .snno moltc cu- 
riosita italianc. Qui il C. lo cnumcra 
cd illustra sotto la rubrica IX : « Ta- 
rots, Tarocchino c Minchiatc. Types of 
Italian cards. Manulacturc oi' Plaving 
Cardb.)) — Xotes a. Queries. Vi si parla 
del Folk-Lorc nclla Hsposizicne ('o- 
lumbiana, del Congresso Antropologico, 
di moderne aggiuntc ai miti Indiani. 
Discutibile pel Folk-Lore Italianc una 
leggcnda raccolta col litolo di Ahlc- 
gonda in Fircnze dal sig. Cb. G. Lc- 
land. — Bibliographical Notes sopra le 
ultime pubblicazioni giunte alia Societn. 

N. XXIII. OttDic. A. (Berber: Uncle 

Remus traced to the Old /ro/7./.— Hllen 

Powell Thompson: Folk-Lore from Ic- 

, land, Feste , leggende , miracoli , lata- 

gione. — \V. Fewkes e A. M. Stephen: 



T'V Rt'-iu-lii-',on-ti , cerimonia del po- 
polo Tusayano. Con due tivolc illu- 
strative. — j. C. Fillemorc: A Womati's 
Song of the Kivahiutl Indiana, con note 
musicali. — Fifth Annual Sfedini^ f/ ''''* 
Atr.er, Foil;- Lore Society. — WUts and 
Queries. — Record of Amr, Fojk-Lort, 
— Local Meetings a, other (wtiies,-- Bi- 
bliographical Xotes. Vi sL parLi di pub- 
blicazioni di Powell , Miria Alida tJ- 
wen, Adele M. Ficlde, Elizabeth 11 ydc 
Hotume, Alice Ntorsc Harle> 

Xcl VII. N. XXn\ Cienn.-Maf^o 
i8c).!. II. Male: 77;/ Fall of HocMiga, 
studio tradi/.ionalc. — J. Batchdor : /- 
terns cf Ainu Folk- Lore. Si rifcrisce 
srecialmente ad argomenti mitt^logid e 
p'icolc.'ici.— F. Hoas: Fslimo Tales a. 
Songs. — St. (Ailin: Rcirospert of the 
Fclh-Lorc of the Columhivin Fxposifiott, 
—W. W. Newell: A remarftibk Oath. 

— Lo stesso: Folk-Tales of An^itk. ^-- 
FolL-Lore Scrap-Bo.\L — Xotes a. Que- 
ries. — Local Meetings a, tythef HotuYs, 

— Journals. 

Tiii£ Atlantic Monthly. Sitt. iH^^, 
Fanny D. Bergen : Xibbiin^s tt. Broti'* 

sin^s. 



Tnr. Music Ki.vilw. Chi^ago» Aizo- 
sto iSg^. J. C. Fillamore: J^ra/^ a. Yj- 
tural Harwcnics of Indian Songs. 

Sett. H. H. Krehbieh Folk-Slnsic in 
Ameruj. 

G. PiTKL. 



NoTiziE Varif. 



Leggiamo nel Progrcsso di Lucca 
an. XIX n. 8, 24 febbr. 1894 che hi 
sera del 16 in quell' Accademia di Scicn- 
zc, Lettere cd Arti il socio oti. proi. 
Idelfonso Nieri lesse un discor.io intor- 
no ai Provcrbi toscani e spcciahnjatc 
Jucchesi, mentre presentava all'Accade- 
mia una sua raccolta di oltrc 2(X)o j^ro- 
verbi inediti , frutto di lunghi e dili- 
gent! studi intorno al vivo e pittoresco 
linguaggio del popolo. 

— « In questi gi')rni chiama nmlto I'at- 
tcnzione dei folkloristi il Bclgio. A 
Liegi — ci scrive il benemerito A. flock, 
venerando maestro in Follilore — il \\\o- 
vimento vallone 6 cosi considorovolc. 



che un gran nunicro d'artisti, di com- 
mercianti e d'operai non <\ occupano 
d'altro. Si annunzia gia mi qujrto pior- 
n lie in vallone. Le confereiize v^.mo o- 
gni Domenica. (^gni nuova seitimana 
ci porta una nuova comniediu. Lc ope- 
rette valloni sono mescolate di Folk- 
lore, e prosperano i due p^jricKlici: Un!- 
Ictin de Folk-lore e IValkmhi.^^ 

— Xclla V' ndunanza ^'.enenle an- 
nua deir.-////f; :can Folk-lore Socitiy, te- 
nuta nji giorni 13 e 14 settembr^; liigj 
in Montreal, neirAmerica, furono eletti 
membri onorari di essa Spi^iijU i ^k- 
riienti: 



Digitized by 



Google 



312 



ARCmVIO VER LE TRADIZIONI POPOLARI 



I. Batchelor, in Hakodate, nel Giap- 
pone; 

Prof. D. G. Brinton, in FiladcKia; 

Prof. J. C. (?) Coelho, Lisboiia; 

G. L. Gomme, Londra. 

H. Hale, Clinton (Ontario); 

D.r J. Karlowicz, Varsavia; 

D.r P. S. Krauss, Vienna; 

D.r Kaarlc Krohu, Helsin^^tbrs; 

D.r G. Pitr6, Palermo; 

Maj. J. W. Powell, Washington; 

P. ,Sebillot, Paricri; 

Prof. Ed. B. Tvlor, Oxford. 

(Journal of Am eric. Folk-lore, Ottobre- 
Dic. 1895). 

— 11 valoroso e genialc artista, sig. 
G. Vuilller , che nella prima vera del 
1893 viaggio in Sicilia visitando e sta- 
diando accuratamente la vita cd i mo- 
nument! di essa, ha cominciato a pub- 
blicare nel Tour du inonde un Voyo^e en 
Sidle. Sono usciti 4 dei 18 fascicoli dei 
quali r opera si comporra , e sono un 
vero gioiello di disegni, incisioni e ta- 
vole sui costumi , gli usi ed i monu- 
menti siciliani. 

Chi conosce con quanto cntusiasmo 
ed intelligenza visitasse le cose nostre 
il sig. Vuillier, non potra non impro- 



mettersi da lui un' opera bella ed c- 
grepjia. 

— The source ani history of the seventh 
novel of the sevent Day in the Decameron 
e uno studio di W. H. Schofield, inse- 
rito nel vol. 11 (1893) che la sezionc 
di lingue modcrne delta Univcrsita di 
Harward in Cambridge (Mass.) ha pub- 
blicato test6. 

— L'liGennaio 1S94 moriva ottan- 
tonne in Bogliasco Giulio Rczasco, au- 
tore del pre-^ioso Di:;JonLirio dellin^^ua^- 
i^'io italia-io storico e.l amministrativo c 
di una serie di scritti che riguardano, 
come quel Dizionario, del quale erano 
aggiunte, il costume, gli usi e Ic istitu- 
zioni italiane. 

— In Venezia e morto il folklorista i- 
strianoTomasoLuciani,natoin Albona il 
7 Marzo 1818, autore del libro: Tradi- 
lioni popolari alhonesiy del quale una rc- 
censione demmo ncWArchiviOyXl, 560. 

— G. Ferd. Del Torre di Romans sullo 
Isonzo 6 anche morto neU'Aprile 1 894, 
dopo di aver compilato per quasi 40 
anni il Contadinello, almanacco di fa- 
miglia, ricco di tradizioni popolari. 

1 Direttori: 
GiUStPPK PiTRE. 

Salvatore Salomone-Mariko. 



Digitized by 



Google 



TORINO - OARLO CLAUSEN - PALERMO 



€ii€^Et^M^£ FMTHi^ 



Bfblioteca delta tradfz, popol sici liana : 

\\A. ML Ointi liQiiQlari ^v*tti<.tni t 2* 

eai/-. \ml , . . . L. 10 

VoL \\\. stttdi di poaia popolnre, W2 

Vol lV-V-\l-Vn. Fiabe, Somlie e Roc- 
conti popolari siciliam, 1875 I„ 20 

Vol. VIlUlX-X-XL Prot?crU SiciHanL 

U 20 

Vol, XII. SiieUaooli e fesie popotari st^ 
ciliane, . . , , L. 5 

\'\A. Xlll. Giiiot^hl ffiiiciutie^rhi siei- 

it'iniy con H) tuv, tu iVitoiipiM, 4 n li- 

togralla cil unn a Mlainita . L^ 7 

IMto, sen/n Uvole . . L. 5 

Vol XIV-XV-XVUXVII. FMffroslti/Tii. 
i,'*'cr/<7^ii^ *• pf*i*ffiHdt:i <l4i pf^itolo St- 
cUiano . . . , , 1., 2U 

Vul. XV in. i^/'ii!^ e l*i4ffien*l^ popoMf^i 
Sicilians, , , . . L, 5 

Curiosita popolari trattizionali : 

Vol. L rsi e pre /null zi iiei rontattini 
deflt' Rfiniagm di MICMELt; PLA- 
riTCCl da Fori! . . . L. h 

VoL IL A^nt^nuftenti f'tceii fitceolrl da 
itn anoiiitno stcifittno t)?lfa itii^t*t del 
secolo XVI U m\M. ^a G. [MTRE* 

L. :i 

VoL IIL Sup^rsfisioni^ usi e pt*omrbi 



Monf>rnni raccolli od illustf&ii da 

GIluSfc-PrE KKKRARO. L. 3 

VoL IV*. Zoohi r r >'p<f- 

ciaittit\it»} a 1 ii- 

lustmliiiLi A:\ j^.. . :,A.*.;j .iiSLK 

L. \ 

VoL V. €(i*Ui popohtn del Basso Mon- 
fiftrato r;i'X^oUi (*<1 aniiotati Ua OIU- 
SKPPE FEUU ARO. . . L 3 

Vol. VL ^>l^ r?*rf^fLV»5tf e pt'iS/jitidisi d^f 
Caimi^e^e^ spiijolati el arditmti cIa 
OAEfAXO Dl tJlOVANNl . L. 5 

VoL VI L Ct*ertf'n*4f , usi <t costuttn A- 
brusiesi raccoUi *Ih OENNAHO FI- 
NAMORK UT> 

V<iL VI 11. Trndiiioni e usi nettn Pr- 
nhMa Sorrentina UoscHtti da GAfcJ- 
TANO A^IALb'l , . , L, 4 

Vol IX. NotwUifie iiOit^HaH sat*de rac- 
o.jIU^ dri FRANC. MANGO . L. 5 

XpL X. S'trffjio di No&eUine^Crtnti ed U" 
aani'* p }ptjL fid la Cioci'irhi per c urn 
del D.r G. TAUGIONI'TOZZKTTI L. 5 

VnL XI, C'lnti pipotari Sardi iMcc<^lt» 
da V. CI AN P. NURRA. VoL I. L. ti 

VoL XI L Antieh& SooelM in versi dt 
trait* sioni |>ojia/. Hprod. snlle stampe 
migliari,ci>u infi'oJ,di 0. RUA L. 3 

VoL XJIL Tradiziofu popoiari abt*ni' 
zesi, raooolte da QE.NNARO FliXA- 
MUH1£ L. 5 



CONDIZIOXI DELL'ASSOCIAZIUXE. 



L' ARCHIVIO osce a fasciculi tiimeslrali in-S* di pagiiie 160 circa* 
Qiiallio faseicoli furmano iiii bel voliiime di circa f>iO pagine. 

L^abluinamenlo e ohhligiUorio per uii anno al prezzo di L. 15 per lulla 
llfilia. Fianchi 18 per rUntonc p(J5tale: pagamento antictpato. Fiiitta Tan- 
iiala, il volunj<* co-la L, ao* 

Per lutlo cii» die rigiiurda I'Aruininjslrazinno, rivolgersi ;dla Librer*;* 
did sultoscritlo Editor^' in Torino, e alia librerU Carlo Claysan di Alliprlo 
lirhcr in Palurnn, Corsu Villtjrii; Emaiiuoir', N. ir><>:] iO. 

LiMicrc , maaoscritii , lil»n , ginniali, imli/Je ed allm che si riferisca 
alia Dii'exiono » nvolgf*rsi a' Diretlori in F^alernio , Piazza S.* Oliva , Via 
A Ma, n* iit^. I collaboratDri pDlrainio serivere I loro arlicoli in ilalianu. 
in francese, in ispagnuolo, o in porloghcse. Sarfi dalu ragguagliu dcll^ 
opeiH? di Iradizioni populari die glimgeranno in doppio e.iemphtre alia Di- 
ruziuno. 

I vol mil i pr in lo e secontjo, anno 188^-1883, sono esanriti. 

I voltnni Ill-Xll 9<irin sempre in vendita al prezxo di L. ao ciascuno. 

Cahlo tlLAtrsKN* Edifofe* Torino. 



Digitized by LjOOQ IC 



TORINO - CARLO CLAUSEN -PALERMO 



BIBLIOGRAFIA 

DELLE 

TRADIZIONI POPOLARI D'lTALIA 

GOMPILATA 



DA 



GIUSEPPE PITRfe. 



In*S^ grande a due colonne di 6n8 pagine — Prezso L< S;^* 

F^h^iottf (fi soli y;*^ eittui'hwi htttt j\r onfiitt' tiumtniiL 



Lc tradi'/iotji o gli itsi popolari d'ltatia (cauli, novelUno^ raccor«ti| Icg^ 
g<-nfl»», fuU\ proverlti. indavinelli. tonnole, giuoclii iiifimlili, cosluniij pralidiP, 
orcilcrixe, supcrimtzioni) , diwnuli matei'ia <ii sUifli, gravi c geuiali aJ uii 
lempo, lianiio oramai una ljibli*>gralia. Pochc na/luni pos^auo vanlarlu piu 
cuntjsa, pill islruUiva: aossiiiia piu riccu e piu variala* Notj \'v argomehlo 
v\\ti jiuii sia slalo Uattato in tjue^to uainpo va:5lisstJTiri; iic sLitJiosu , ipia- 
Icjiiijim sia la liisciplina alia ipiaie cgli rntcndci che nou' avra da avvantag* 
j;iiir:*i (k*l[a jiovarie svXnwm del Fuik-fore (^sapere del popolo), vennla a 
pieiidfr postfi, accanlo alia ctuogndiu, airaritropologia, alia soeiu]r»^Iii, al- 
iVlica, alia kllcralma nd piu largo ^igiiiricaio clella parola. 

(jiufel^i Miiporta»iie opoia» chc pu6 eonsidcrarsl come x\n largo iiivculario 
tle!lc lr:idi/,ioui c degli u^i popolari, v divi:?;i nrll'j - 'iiM'.nli \m\\i 

I. Novolli»f». Racconli, Leggeadc; 

It Canli c Melodie popoLiri; 
ill. Giuucbi e nun7.cHtol(e infanttli; 
IV. Indavinclli? FoniioK'. V(>n, Oerghi; 

V. Pruvoibl; 
VI. Usi^ Coslumi, Credtuze^ J'rt'fe^iiidi*/.i. 

Ajipvtitfici' coidrneiitr k jnthhltamotif ffdh- tlamttfr fa ittnmin( thltniH^m* 

iRdice deoll autor). — Indica del luoghi. - tndioe delle matene. 

11 mulmale comprcfio in lulla I* opera aWiracuia r>ij,^0 puhMicazroitj 
(ru iiliri, opU&culi ed i^rliculi pubtiUcali in llalia ud airEslero. 

CABLO CLAUSEN, Editvrr. 



Palermo— Tip, del Qlomale tli Skilia 



Digitized by VjOOQIC 



Vol. XIIL 



\y 



LugiiprSettemt>r« 1894, 



4^ ^ 



"5^; 



Fasc. in. 



OGT- HV t894 



\ 



ARCHIVIO 



WAX LO STUDIO 



D£LL£ 



TRADIZIONI POPOLARI 



I 
I 



V 



K 



RIVISTA TRIMESTRALE 



DtRKlT.i UA 



G. PirKli K S. SALOMONli-MARlNU 




PALERMO -TORINO 
CARLO CLAUSEN 

1894. 



Pubblicato il 30 Agosto 1894. 



Digitized by 



Google 



/ 



S(K\IM\l<IO DKL PRIiSl-NTI-: FASCICOI.O. 



ii9 
J34 

>57 
j6. 

594 

435 

4J9 



6 Novelle soprannumerarie alia VetAlapancavi^ati (0/ \'nTORio 

PiiTTii). , . Pn^. 315 

Necessity che si stitdii la vita del popolo roma°:nolo (( Uulo Lo7/,I), » 326 
Saggio di una Nuova Raccolta di favole in dialctto bolognese : 

J. Li folii iV But (Hi in (C. (1, Sarti) » 

Una tradiziotie popolare in Isn^llo (Pfof. Cristoforo Gri&anti). 
La vita del contadini Sicilian! del tempo andato descritta da essi 
Civithniaihuv e Ji>it' (S. Sal oMoM- -Marino). ...,»» 
Usi venatorii in Sicilta (Gaetako Di Gjovanm) ...» 
La festa di S. Cono in Naso (G. Crtmi-Lo GiLnici). . , « 
La festa della Madonna delta Neve in Torre dell* Annunziata 

(G. AmALFI) J9 

Feste sarde sacre e profane (G. Ilrraro). » 

Usi nuziali senesi (f^ B. ('orsi) , , . 1. 

Usi nuziali di Caltanissetta (F. I'llcij >> 

La Jettatura (oiru nuiht) in Sardegna (Hjrb.ii^uO (I iiirro X'alla), n 

Indovinelli molisani ((^ ('iMEcono) i> 

IndovioelU sardi logtidoresi (Antonio Mocci) . . » 

Latida sardo-catalana di Al^hero (F. Dt Simokf Bkduwijr) , » 

Miscellanea; Ik! ptek^v u |u^ priniac noctib » //; SidUt {G. Prritf-), 449. — 

Pfr il Folk'-Jon militare tV llalia^ 450. — L cremo di S. Ma no m Umhria 

(I. Bencivenki), 4)1- — « l-i Pung;i>», asUt il taJismauo thl ctkhnhnmiih 

sanio Francesco Dfrc^as (P. Valla), 452, — J ncomti vtstiti ^ cre(ftn\a pU- 

monttst ili Pmsam, 4^2, --li mn^tn ttti gmstiihtt in fsptt^tut^ 455, — La 

stiidw iid Foli'hrc ht America, 45^ fP.), 

Rivista Bibliograiica : OSPEKMaN^, La vih in FrtuH: Usi, Casiumi, CrA/^ri^/, 

Pr^^imiiii e Supersiiiioni popohri (G. PiTRt), 4H' — ^'ECC^RH. S/^igvhinre 

' sttik vitaprivaUi di Re A/^rr//W irt SicHin {G, Pithe), .^^y. — WMiPrevfrln 

hsauti spfiiithfiente hcclmi (G. Pitre), 45H. — 'St^ne Cian-Sappa Fktuiinrf 

{G. PiTFi^), 460. — SEBlLLOTr Les Travaux publics H la Mines dans hs Tra- 

XU1UX et ks Snpersiitious de tons Us penpks (G, Pitrf.), 461. — Br^rhcrstfijo; 

laowm S^LVATOft, ccc. Spanien in IVort nnd Bild (G. PrrRF.). 463* 

BuUettlno bibliografico. (Vi si p;irla di rccenii piibblicnxiom di P. A» CinoiJ?- 

z.ifo, G, B. M.ir?ano, G. Amalfi, M:itik!c DdTOro HtrmiK l\ Liny, P. S^ 

billot, J. Ticrsat) (P.) i* 46^ 

Recent! pubblicazioni . t6H 

Sommario dei Giornali (<•, PITR^) > 4^*) 

Notizie varie . ♦ , n 47:* 



Digitized by 



Google 



f^x; 



T^mM. 







6 NOVELLE SOPRAKNUMERAKIE 
ALLA VETALAPANCAVigATI *. 




DEMFiO la promessa fatta a p. ii6 nota i* tic! mio Studio 
proemiale alia versione deirintera Vetala — ^ pubblicato, 
nel Giornale della Societd tAsiatica Italiana^ Vol. "VTI, 
Fireiizc, anno 1893. ^ 

A prescindere dalla Novella-cornice , coUa quale si apre c si 
chiude la Raccolta , ed in cui si na^ra come il Re Vikr^tiiasyna 
deluse le insidic d' un pcnitentc , che lo misc a cinicnto d' cssere 
morto, Ic novclle narrate dal vctdla [Icrimre], dondc prcndc il suo 
nome la Raccolta, sono le 25 seguenti * : 

1. Una sciarada in azione. 6. Le teste scambiate. 

2. La spiosa risuscitata. 7. La scelta dello sposo. 

3. 11 pappagallo e la gazza. — 8. La ninfa deiralbero d'oro. 



j) La moglie nel pozzo. — 
b) II naso mozzato. 

4. La fedelta del rajaputra. 

5. La sposa rapita. 



9. II ladro galantuomo. 

10. Le tre regine delicate. 

11. La ddhna ingolata, 

12. L'elemosina awclcnata. 



* Aw. Nci nomi indiani, Icggi c == ci, j = gi, (paJataJi), Perdona lu tr.iSiTri- 
zionc -spesso inesatta per mancanza di carattcrl tipografici. 

» Ragionevolnientc si deve contare come due, la III st. ikl pdppa^itlh t h 
^aiia, chc in una cornice, due appunto ne racchiudc. 

Archix^io per k tradiiicni popolari — Vol. XIU, ^^ 



Digitized by 



Google 



314 ARCHIVIO PER LE TKADIZIONl POPOLARl 

13. L'amante deirimpalato. 19. II fantoccio d'oro. 

14. La pallottola fatata. 20. II marito innamorato. 

15. Tra cielo e terra. 21. II leone risuscitato. 

16. II re scrupoloso. 22. II vecchio ringiovanito. 

17. L'incantesimo sbagliato. 23. 1 tre fratelli peritissiaii. 

18. II figlio di tre padri. 24. Una parentela imbrogliata. 
Delle quattro recen5ioni sanscritiche di quest' opera, presenta 

siffatto schema quella di QvaMsay die e la piii diffusa e tipica. 

Con lei si accordano in massima parte — tranne nell' ordine 
e nei noini di luogo e di persona — la recensione prosastica Ano- 
nima del tns. f, di Fitzedward Hall , e quella poetica di Soviadeva^ 
nel 1. XII del Kathd'Sarit-Sdgara (t, 75-79). Al contrario la 4* re- 
censione, attribuita a Jamhhdladatta^ manca delle storielle 9.11.13," 
presenta per6 in compenso 3 istorie del tutto nuove, che non com- 
paiono in ncssun' altra redaziono^ nemmeno dialcttale, c che mo- 
strano nell' intreccio una certa larghezza ed arte ivi non consueta. 
Neircdizione di Calcutta, curata dal pandita Jibananda Vidyasdgara, 
portano rispettivamente i numeri 20.21.22. 

Un- ms. della rec. ^ivadasica (ms. c di F. E. Hall) ci offre, oltre 
le solite, una nuova istoria al N. 25, ma cosi informe e frammen- 
taria, che giustamente il suo editore [H. Uhle, nell' VIII Bd. delle 
Ahhandl. della Z. D. M. G. p. 63-64] dovi collocarla separata ed 
ex-ordine. 

Colle varianti adunque offerte dai mss. sanscritici finora noti, 
Ic novelle sarebbero 29 e non piu 25, quantc il titolo [pancaxn^at] 
lascia supporre. Diro anzi che diverrebbero 30 , contando quella 
che alcuni mss. [B. c] d'accordo coUa versione hindica [cfr. Oe- 
sterley : Baitdl Pdchlsi. Wien 1873 st. XX], con Somadeva [1. c. 
St. XX] e coirAnonimo [1. c. st. XX] offrono sul tenia del Vuchio 
ringiovanito. Ma essa non e una semplice variante della novella 
XXII della rec. volgare di ^ivaddsa, ed appunto per questo , che 
non i nuova, il suo posto non b qui, bensi nei T(iscontri all'lntera 
versione -della Vetdla-, che tra breve usciri per mia cura. 

Alle suddette sanscritiche si devono aggiungere altre novelle 
penetrate d'altronde. 



Digitized by ' 



^. 



6 NOVtLLE SOPRANNUMERARIE JIJ 

Tra Je redazioni clic la raccolta ebbc in vari dialctti dcirindia, 
trovo nclla Vedala Cadai tamulica [Babington: Misc, IramL from 
the Or, Lang. P London 1831] due nuove istorie, chc in nessun 
ms. sanscrito, per quanto io so, ancora appaiono. 

Sono le novelle 9 [// montone di buon senso] e 25 [La ruffimm 
di scrupolo], 

Nel Siddhi-kur [Jiilg, Die Mdrchen d, Siddi-hur. Leipzig 1866], 
che e una redazione niorfgoiica e piii precisamente kalmuka della 
stessa nostra raccolta, si mostrano parecchie altre istorie; ma cs- 
sendo Tintero gruppo molto alterato ed in generalc con difference 
sostanziali cosi profonde , che solo talune (oltre la Not. — Corn-) 
hanno certe somiglianze colla Vetala -, non cale ch' io me n'ahbia 
qui ad occupare di proposito. D' altra parte ve n' e un cccelleme 
versione tedesca del Jiilg. Quelle che piu strettamente hanno atti- 
nenza con alcune della nostra raccolta, saranno es:iminate ncl la- 
voro, che poco sopra ho promesso. 

Concludendo — se togli quelle tanto diverse della red. kalmuka— 
le novelle, che in un modo o nell'altro entrarono nel la coUcKione 
della Vetala -, sommano in complesso a 31 [29 sscr.H-^ t^iinil] ^iii" 
ziche a 2j. 

Sono appunto le 6 soprannumero che 4o presento: k 4 prime 
compaiono per la prima volta tradotte dal sanscrito in una lingua 
europea, le altre 2 ritraduco dalla versione inglese del tcsto tamih 

Colla loro pubblicazionc intendo di completare^ quasi con una 
appendice, il^mio lavoro sulFintera Vetala-, e di offrire anche un 
sussidio di riscontri indiani ai moderni studi del folk-lore in Italia. 
AvellinOy mar:{0 i8(^j. 

D/ BiTTEI VfTTOaiO. 



Dai quattro niss. [Beng. Bodlei. Nepal ^ Nepal] della Ve- 
tala -, rec. di Jambhaladatta. 

* Edizione di Jibananda Vidyasagara. Calcutta 1873, st. 10^ pag. 60-70, 



Digitized by 



Google 



3l6 ARCHIVIO PER LE TRADIZIOMI POPOLARI 

II segreto della cortigiana. 

St. XX (ms. Beng. 21). 

Mcntre il vetiila era di nuovo trasportato dal re \ comincio 
a narrare la seguente istoria : 

« O divo ! Nelle terre del mezzodi fuvvi un re di nome Vi- 
kramabAhur [Fortehraccio], e ncl suo regno eravi una citti chiamata 
Pushpavati [Fioretiia], Vivcvacoli un mercante ricco quanto Ku- 
vcra [// n;«j'jio; incliano] c molto attivo negli affari, il quale aveva 
nome NlJhipatir [Re dci tesori],'\L^yXi aveva quattro niogli: Kama- 
scn.i [Esercito d'amore] , \'asavadattA [Dala da Fam] , KsaniAvati 
[7^/rcrt di pa:(icu:^a] e CanipAvati \\RJcca di fiori di ciampa]. Da 
essa aveva aviito quattro figliuoli: Ratnadatta [Dato dalh geinme]^ 
Manidatta [Dalo dalle perk], Kumaradatta [Dalo da Kumdra] c Ka- 
nakadatta [^Dalo dall'oro], 

Ratnadatta era molto esperto neirarte della musica, ne eravi 
un altro in tutto Tamplo regno abile al pari di lui ncUa dana e 
nel canto: Manidatta conosc^va la pratica deU'arco; arciere simile 
a lui per largo raggio^di territorio no:i se ne trovava un altro : 
Kumaradatta sapjva a m^Miioria il contenuto di un gran numoro di 
libri e neU'eruJizione non aveva competitori in tutto il r^gno: Ki- 
nakadatta infine era molto saggio in ogni disciplina politica e ne3- 
suno valeva quanto lui nella scienza di governare uno^ stato. 

Questi quattro fratcUi, forniti.d' ogni virtu, cui non vinceva 
in bellezza lo stesso Manmatha [QipidOy dio a' amore], e facevano 
girare la testa a tut;^ le donne, questi discendenti di illustre pro- 
sapia, vivevano lieti godendo intero Tamore delle loro consorti. 

Ma di li a breve tempo il padre loro ando all* altro mondo 
ed essi per mala sorte, tutti quattro, per contesa delle rispettive 



* II re Vikramasetia dovcva portare siiUe spallc un cadavere, animato da 
uno splrilo folhtto (vctdla), die gli sfuggiva ogni qualvolta il re apriva bocca e 
si riappendeva ad un albcro. Appunto 24 volte cosi gU successe ; alia venticin- 
quesima gli riusc'i di portare il morto, dove desiderava. Di qui il titolo della 
Raccolta. Cfr. F. G. Fumi, Vol. XI, di questo stesso Archivio. 



Digitized by 



Google 



6 novkLle sopkannumerarie 317 

mogli, vollero vivcre separati e sciuparono intcramento in spassi e 
gioie un patrinionio di 10 milioni. 

Tuttavia resto aiicora in coniune una splendida triadc di gemmc 
{i'ainatrayaiii). Gia prcccdentcmcnte Nidhipatir avcva stabilito, chc 
sc mai dovesse succedere la separazione dei quattro fratelli, avrebbe 
avuta la triplicc gemma colui, al quale Tavesse attribuita V amico 
suo Vilcramabahur. Ricordatisi di questa disposizione del padre, si 
presentarono tutti insieme al re. Qucsti come vide i quattro fra- 
telli, cosi li richiese: O giovinotci, a clic scopo siete voi venuti da 
me ? — Gli interrogati esposero al re il paterno volere ed il re quan- 
d'ebbe visto le trc gemme, nc resto stupefatto e si pose a med>- 
tare: Ccrto questo mcraviglioso gioiello dovro darlo a quello dei 
quattro germani, che si mostreri piu assennaiO. — O giovinotti, disse, 
10 non posso qui su due piedi fare tra voi V asscgnazlone della 
gemma. Bisogncra chj attendiate. — Airudir questo essi proposero : 
O divo ! noi staremo in attesa fino a tanto che ce lo fara sapere 
V. M. Chi mai avni tanto ardire, che si faccia trasgressore della 
parola di V. M ? — •Sta bene , rispose il re , non sieno per ora 
queste gemme n6 di questo ne di quello. 

Nella citta di Kusumapura \cifla dei Jiori] vive una cortigiana 
di nome Rupavati [Picna di /'^//rjf-^^], bella da far impazzire Tuni- 
verso. Essa per un iaksha d'oro (^looooo pe:(;^i^ oHre il suo amore 
per una notte a chicches.iia, ma non act^onsentircbbe al diletto una 
seconda notte, nemmeno sc Ic si offrisscro mille lakshi. Quello 
di voi che riusciri a goderne una seconda notte Tarn ore, avri da 
m: le tre gemme. — Udito il patto, i fratelli domandarono: — O divo! 
c chi di noi dovra tentare per primo ? Faccelo sapere tu. — Rispose 
il Re: Vada primo di tutti il primogenito. 

Allora Ratnadatta, fornitosi di una grande e svariata quantiti 
di elefanti , di cavalli , di perle , di rubini etc. nonchi di gemme 
e d'oro, somigliante in tutto al dio Purddara [Indra , distruttor di 
citta] s' avvi6 a Kusumapura , facendovi solenne ingresso con 
danze e canti e suoni e simili cose. Fatto che ebbe un bel muc- 
chio di numerosi doni, mand6 innaiizi da Rupavati un molto pru- 
dente uomo per combinare Tappuntamento. La cortigiana quando 



Digitized by 



Google 



3l8 ARCHIVIO PKR Lfe TRADmONI POPOLARl 

vide cestui col suo farJello di rcgali, sorridcndo, tru se cosi disse : 
Oh! io non ho mal. veduto di russim altro piii spIenJidi dia- 
demi ! Dopoch6 gli ebbc accettati , secondo V uso , fece dare al 
messo 1' ordine di entrare. Ottenuta udicnza , il saggio messo 
cosi le parlo: O Rupavati, un giovine signore, bello al pari di Ka- 
madeva [Cnpido]^ Ratnadatta inline, desidera il tuo amore. — Rispose 
Ripavati: Io son felice, che egli divenga il mio amante, percio va 
tosto a prenderlo e ritorna con lui. Pero se io debbo congiun- 
germi iu amore con cotesto signore , sappia che prenderi diletto 
di me, solo quando mi avri dato un laksha d' oro. — Cosi avendo 
detto, licenzio il mezzano, il' quale riporto a Ratnadatta le parole 
di Rilpavati. 

Ne fu molto lieto Ratnadatta e nella notte ando a trovare 
Rupavati. Gust6 con essa i piaceri del senso e torno quindi a ri- 
trovarla il giorno seguente coUa speranza di rigodersene Tamorc. 
Dopo che Rupavati ebbe ascoltato da Ratnadatta, quel che e^li le 
fece udire e vedere di canti, di danze, di celesti musiche grate agli 
dei, ai gandharvi . [esseri miiici^ ^enii musicaU djIT aria] e J ai kim- 
nari [altri genii eel], nonchi di musiche torrcn? etc., essa si mise a 
piangere. — Perche piangi, o mia diletta ? Ic disse allora Ratnadatta. — 
L'interrogata rispose: Cuor mio, io piango perche con voi, che siete 
un tanto distinto giovine, non posso goJere una seconda notte d*a- 
more. — E perche? domando il giovinotto. — La cortigiana cosi rispose: 
Io posso concedere i miei favori soltanto per una notte, accettando 
in compenso un laksha d'oro. — Disse allora il giovine: Per una se- 
conda notte io ti dar6 in compenso non uno ma tre lakshi di gemme. 
— No , rispose la cortigiana , neanche se per una seconda notte 
voi mi deste looo lakshi, io non potrei offrirvi diletto: e questo 
un voto mio irremovibile. Dopo molti inutili tentativi, Ratnadatta 
fu da lei messo alia porta ed egli ne resto molto afflitto e contra- 
riato. Ritorno quindi da re Virabahur [Braccio d'eroc. Qui il nome i 
kggermente mtitato] e gli raccont6 tutto quanto, dicendogli : Sire ! 
Nessuno mai riusciri a godere con quella donna una seconda notte 
di gioia. 

Dopo di lui s'avvio a Kusumapura Manidatta, ben provvisto 



Digitized by 



Google 



6 NDVLLLli SOI^RANNUMKRAKIK 3I9 

di moltc genime e perle. Aiido subito a fare una visita a! principc 
di quella citti e dopo ottenuta udienza da quel re, si trattcnnc con 
lui a sontuoso banchetto. Intanto era venuto un principotto ncniico 
a portar guCrra al principe di Kusumapura. Avea quell' invasore 
ormai vinto in campo la cavalleria e gli eletanti e stava gia per 
vincere lo stesso re, quando Manidatta cosi gli propose- Sire! vado 
io a combattere contro quel principe invasore e lo vinccro. Cosi 
detto senza indugio parti, vinse e torno glorioso in presenza del re- 
Dopo una siffatta impresa, senza dubbio non v'era in Kusuniapyra 
alcun altro guerriero da paragonare a costui. Diniostrato cosi il suo 
eroismo, ottenne da quella tal cortigiana un prinio aniplesso d'a- 
more , ma nemnieno ad un cotale eroe si mosse ad accondisceji- 
dere una seconda notte di volutta. Manidatta allora, molto rattri- 
stato, se ne torn6 a raccontare I'accaduto a Virabahur, 

Fu terzo Kumaradatta, die ando in quella citta c godtr colli 
donna il sensuale piacere ; ma bench6 per godcrne una seconda 
notte , abbia pure narrata V istoria della contesa per le tre splen- 
dide gemme, pure anch' egli fu da lei rifiutato e, ritornato al smf 
pacse, racconto tutto al re; 

Ultimo fu Kanakadatta, il quale in mente sua cosi pcnso: lo 
sono fornito d'una piu grande astuzia e d*una bellezz^i piu gninde 
dei miei fratelli, ed anche senza regali, ella si innamoTeri dime. 
Ma dopo ch'io saro andato da lei, come mi converra di compor- 
tarmi ? Ecco: anzitutto mi occorre di conoscere il perche del suo 
voto. Mi provvedero quindi d'un po* di oro e m*impcgner6 a stu- 
diare le sue abitudini. 

Appunto in quell* istante Rupavati , circondata da mille altre 
cortigiane , s' avanzava per la via maestra. Vedcndoli bclla come 
una vidyadhari [silfide , gcnio ddV aria], Kanakadatta si accosto ad 
interrogare una delle cinque ancellc della cortigiana: Dimmi, chi t 
costei che si avanza ? — Rispose la donna: O giovinotto, essa e una 
cortigiana di nome Rupavati. Di nuovo Kanakadatta la interrogo: 
E dove h essa diretta ? — Rispose Tancella: Nei prossi della cLtca, in 
un tempio consacrato a ^iva, vive una eremita penitente di nome 
Punvacarira \Snfifa persona]. La cortigiana va appunto spcsso da 



Digitized by LriOOQlC 
I 



320 ARCIIIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

quelLi penitentc a prestarle servigio c vencrazionc. Allora Kana- 
kadatta pens6: Convien dunquc cW io imniagini uno stratagemma 
c con esso riuscir6 ccitamcntc a godcre di lei. 

DopochP lliipavati si reco dalla penitentc e se nc ritorno a 
casa, Kanakadatta ando lui pure a trovare Punya(;ariri. Costei su- 
bito lo interrogo : Voi, chi siete ? — Io soiio, rispose, un rajaputra 
[guerrkro di profess ione] di straniero paese. — E perche , o giovl- 
notto, sietc voi venuto qui ? chiesc ancora i'eremita. Kanakadatta 
rispose : Madre ! io sono venuto appositamente per tributar vene- 
razione a te. Essa allora: lo accommiato dopo averlo consolato col 
permesso di servirla. Pero fintantochi c'era dalla penitente Riipa- 
vati, egli se ne andava altrove e stava nascosto e cosi trascorscro 
sei mesi di venerazions, dopo i quali la penitente, soddisfatta di lui, 
cosi gli disse: O giovinotto, perche mai voleste venire a far ser- 
vigio a me ? Di voi sono veram;inte contenta. Dite dunque quello 
che desiderate ed io lo far6. Allora il giovine cosi disse: O madre, 
io te lo dir6, ma in segreto. Quindi essa fece allontanare tutLi la 
gente del corteggio e di nuovo gli disse : Dite dunque , o giovi- 
notto, il vostro desiderio ! Allora Kanakadatta cosi disse: O madre, 
quella Riipavati, che viene qui a flirti servizio, cede il suo amore 
per un laksha d'oro ad un qualunque uomo, ma per una notte sol- 
umto: nemmeno per mille lakshi accetta di concedere i suoi favori 
a chicchessia per una seconda notte. Io desidero sapere il perche 
di questo procedere, ed i appunto per questo che io venni a farti 
servizio. — Disse la penitente: Perchi si comporta ella cosi ? Quando 
se ne • sara venuta , tu vattene laggiu , in quel tempio solitario e 
stattenc zitto in disparte; conoscerai il tutto dalla bocca stessa di 
Rupavati. Egli fu allora molto lieto di tutto cio. 

Nel giorno appresso adunque Rupavati venne aU'ercmitaggio 
della penitente c quando Kanakadatta la vide, si ando di nascosto 
ad appiattare in una parte solitaria della casa. Rupavati fece dap- 
prinia i dovuti onori a Punya^arira, poi comincio a tencre con lei 
una viva conversazione. Int:mto avendo colta Topportuniti di in- 
trodurre il discorso, la penitente disse a Rupavati: O figlia, io ho 
scntito dire, che tu per un laksha cunccdi il tuo corpo a qualche 



Digitized by 



Google 



6 NOVLLLl- SDPKANNUMLKAKIL J21 

bciruomo per una nottc, ma chc non passi una scconda nottc collo 
stesso uomo ncmmcno per mille lakshi. lo dcsidero di sentire da 
te il pcrche di qucsto flitto. Dovrcsti dunque narrarmcnc qui in 
breve la causa ed allora io saro veramcnte contcnta di te. Riipa- 
vati rispose: O diva, questo pcrche, io non te lo posso raccortuc. — 
O figlia, ribatte la pcnitente, se tu non me lo racconti, io non 
saro affiitto contenta di tc. — Disse Rupavati: Hbbene, ascoltami, o 
madre ! — Sto tutta orecchi, disse Feremita; suvvia, narra. Rupavati 
allora comincio a dire : Madre, giacch6 io dcbbo necessarianiente 
narrarti questa istoria, fammi tu prima giuramento, che in nessun 
luogo mai, la riferirai ad altri. Rispose la penitente: O figli.i, che 
io possa esser detta spergiura, se narreri mai ad altri questa tua 
storia ! — Ascoltami dunque, o madre, disse Riipavati; e Taltra: Son 
qua che ascolto; comincia pure. Rupavati allora cosi incominciu a 
raccontare : 

« Nella citti di Padmapura [citta del fior di loto] in un re di 
nomc Pracandasena \chc ha un ga^Uardo esercito]. Nel suo regno 
era ministro di pace e di guerra un tal Vicitradatta [dafo da 11- 
cilra, il Molteplice ] ; io sono appunto sua figlia. Io viveva unica- 
mente dedicata al ciilto della divina Gauri [la Bionda , tnoglic di 
Qiva ] e percio la benevola dea, molto a me propizia, un giorno 
cosi mi disse': « Figlia, tu sarai per mia grazla plena di ogni fe- 
liciti ed otterrai senza dubbio lo sposo che meriti. Inoltre in ogni 
tua nuova rinascenza, tu sarai semprc memore delle precedenti j*. 
Dopo qualchc tempo mio padre mi diede in matrimonio alio stesso 
figlio del re, al principe Pratapasena [che ha un esercito 5trapotenk\ ' 
Per grazia della nobilissima dea, io gli divenni piii cara della sua 
vita istessa. Intanto per respingere un principotto nemico , mio 
marito venne dal re mandatp alia guerra; ma egli non poteva vi- 
vera un minuto lontano da me. Voile percio che io partissi in- 
sieme con lui; ma inumto, quando si fu scontrato col potente prin- 
cipe nemico, il mio sposo fu preso da gran paura e d'un subito, 
benche tanto gli fossi cara, per lo spavento, mi abbandono c se nc 
fuggi in altro paese. Nel contempo io veniva fatta prigioniera a 
forza dal principe nemico, che s'era avanzato seduto sul Jorso di 
Archivio per h tradiiioni popolari — Vol. Xlll. 41 



Digitized by 



Google 



522 ARCHIViO PER LE TRADlZlONl POPOLARI 

un ekfiinte, a Puah! che uonio 6 duiique cotesto, — pensai,— che ha 
abbanJonato una tal moglie forniu di tutti i rcqiiisiti della beUe^zii 
ed c partlto ! Se io son cost bclla da far impiimvc V universo, il 
principe straniero, or chc oi'ha preso^ come mai mi lasciera libera ? 
Qucsto succederi nppunto di me, ed insiemc la pcrdita dell' onor 
mio>K Mentre cosi dunqiic pensa^^a, avendo scmprc fisso il pensiero 
al mio Pratapasena, abbandonai gli spirtti vitalh 

Ma in sul puuto di morirc, vidi il corpo di una elctantessiu 
A qucUa vista io divenni suiristnntc un clcflmtessa; ma anchc cosi 
trasformata, ricordava somprc la iiiia prima esisten^a e passava la 
viLi pcnsando a Pratapascna, 

Intanto emno a me venuti per desiderLo di a more, mo!ti ele- 
fanti in ardenza; ma io non voleva con loro godere dei sensi cd una 
volta me nc andava fuggendo di la , quando venne cogli altri Io 
stesso Pratiipasena , anch' cgli in aspctto d* im clcfanrc in calore. 
Ailora io, che T ebbi riconosciuto per la mia focolta di ricordare 
11- prcccdenti csistenze, gli cedetti e condnuai con lui io scguito a 
prendcr diletto di niolte e spesse monte- Ma ecco un giorno veairc 
cola un cleiante di battaglia e Pradpasena, che era sempre in sem- 
bianza di elefantej suhito se ne scappo in iin'altra tbrcsta^ lascian- 
dnnii LUi'akra volta li sola, abbandonata, 

Poco dopo io venni prcsa alia caccia da noii so chi, il quale 
mi rogalo al re. Qucsti mi scclse come sua cavalcatura preferita; 
ma un giorno chc il re era seduto sulle mie spalle e se n' era nn- 
dato a divertir*.! alia caccia^ pensando io nssiduamcnte a mio ma- 
ritOj che viveva in forma di giovine e focoso elefante^ abbandonai 
la viia, 

Sul punto di morirc mi accadde di scorgere una gazzella ed 
io divenni d* un subito gazzella ; ma in quella mia rinnovata esi- 
steiiza non volli godere peru mai dell'amore del maschiOj anzi io 
stava sempre pensando al mio dilecto sposo, 

Una volta , mentre io andava qua c L\ saltellando ^ vidi in 
quella nicdesima selva un antilope, Subito io Io riconobbi, chiogli 
era certo Pratapasena , il quale abbandonata la forma di elefante, 
aveva invecc as*iunta quella di anlilope. 



Digitized by 



Google 



6 NOVKLU-: sopuANxuMimAum 5^5 

lo lo in.scguii c quando lo raggiunsi, godetti scco moltc volte 
Tamore. Ma ccco un inccndio abbruciare il bosco intero ; egli, ii 
mio sposo, mi lascio di frctta c sc nc fuggi in un altro bosco- lo 
rimasi impcdita di andarmenc con lui in quciraltra selva e, pur a 
lui sempre pensando, pcrdetti un*altra volta la vita. 

Sul plinto di morire vidi li prcsso, suUe rive d'un lago, un'a- 
natra rossa. Anch'io divcnni allora un'anatra e cosi rinau non go- 
dcva di nessnn maschio, ma fissa col pcnsiero al n io spuso, iristc 
passava i miei di. Intanto per volcr del destine, anche Prr.tapascna, 
abbandonato I'aspctto di antilope, aveva preso in suo luogo qu<:\lo di 
anatrotto, e cosi mutato capito in mia presenza. Dopochc riyninvnio 
molto dilctto io andava con lui godcndomi, quando, arrivau nelle 
vicinanze di Kusumapura , pervenimmo ad un bel lago c fummo 
adocchiati da una turba di cacciatori. Mio marito subito se nc volu 
via abbandonandomi sul posto; io invece, mentre a lui suiva pen- 
sando, venni accostata da un cacciatore ed uccisa. 

Sul punto di morire scorsi alcune donne di Kusiiinapura, clie 
erano la convenute per sollazzarsi nelle aequo del lago. \lli>r,t ri- 
nacqui nel ventre di una meretrice ed avendo linalnKirLC ripresali 
mia giovinczza umana, cosi tra me pensai: Come : on crLjcli gli 
uomini, die non amano! Gia in quattro rinascenze Praiipa wKa mi 
ha abbandonata, — io che tanto Tamava ! — e se n c fugrjui \h, 
Allora ho giurato, nello sdegno, questo irremovibile voto : Mi fiiru 
godere una sol volta da uno stesso uomo; non mi lasccro godcrc 
giammai una seconda notte. 

Madre ! questa 6 la mia istoria » . 

Dopo che ebbe venerato la penitente, la quale aveva udito il 
suo segrdto, la cortigiana, accompagnata dallo stuolo dellc sue com- 
pagne, se ne torno a casa. 

Di li a breve tempo Kanakadatta, onorata la penitentCj s'avvi6 
alia casa della meretrice a cercarvi Rupavati. Ivi non pmse dilctto 
con alcuna delle cortigiane, ma cosi narro loro ogni cosa: Io soiio 
Pratapasena, figlio di Pracandasena, re di Padmapura, o mia mo 
glie e la figlia di Vicitradatta \ Avendola io abbandonata per paura 

» Xcl testo crroncamcnte Vikramadatta. 



Digitized by 



Google 



del ncnilci, hcnchc tanto ramassi, e csscnJoiriCnc fuggito lonun(3, 
clla niori c divcnne clefontessa. lo pure allora morii; ma avcndo 
preso Taspctto d*un elefante, ottcnni da lei molto dilctto d'amore, 
lintantochc in una torma di elcfanti , per timore appunto di uno 
di essi , T abbandonai di nuovo e scappai via in un' altra selva. 
Essa sempre . a me pensando , giovanc com' era ., perdette la vita 
c divenne gazzclla. Per amore di lei anch' io assunsi natura di 
gazzella e presi con essa piii volte dilctto; ma per lo spavento di 
un incendio nel bosco, me nc andai altrove. Essa, sempre Ji me 
pensosa, si fccc anatra ed io presi subito sembianza di anatrotto e 
di nuovo con lei molto mi dilcttai. Ma un di che, seguendola, an- 
dammo al lago di Kusumapura, sorprcsi dai cacciatori, io riasci, 
a fuggirc ed essa fu presa da un cacciatorc e mori a me pensando. 
Riprese quindi nascimento in una niatrice umana ed io pure allora 
abbandonato il corpo di anatra, ritornai uomo ed ora vivo sempre 
col pcnsiero a lei iisso. 

Scritto tutto cio in una tavoletta e conscgnato il tutto in mano 
dcUe cortigiane , prcse intamo domicilio in quella citta. Quando 
anche Rupavati ebbe a sua volta udita quella narrazione, ccndussc 
Kanakadatta nella sua stanza, riconobbc tutto come assolutamente 
vero ed attaccatasi al collo di Kanakadatta si pose a strillare ad altc 
grida di gioia. 

Tutte le compagne restarono molto stupefatte del caso, ed 
intanto grande scambievole amore divampava tra Rupavati c Kana- 
kadatta. In questo modo adunque comincio Kanakadatta e seguito 
poi piu volte a godere molti diletti con Rupavati, che innamorata 
del finto Pratapasena, avcva cosi rotto il suo voto. 

Dopo essersi trattenuto cola alquanti giorni, Kanakadatta disse 
a Rupavati : O mia carissima, andiamo in Pushpavati, che e la mia 
citta ed e splendida come 1' Amaravati di Indra [Capitale del cielo 
di Ittdra]. Ivi con te che mi sei cara come la vita , passeremo i 
giorni in amore. Rupavati rispose : O signore della mia vita , io 
far6 sempre intera la tua volonti. Allora presa Rupavati con tutto 
il suo corredo, Kanakadatta ritorno al suo paese ed in segreto 
andc) a narrare tutto quello che era successo a Virabahur. 



Digitized by 



Google 



6 NOVKLLl- SUPKANXUMLUARlli jaj 

Quando 11 re efcbe cio udlto, in mcntc sua cosi pcnsi: Qtial 
miracolo c questo ! Dopo tanti e tanti che fcccro la prova senza 
riuscirc a far per due notti con essa il loro piacerc, qiscsti se ne 
vienc pure conduccndola scco! Ma io lo faccio mio primo mmi- 
stro , questo Kanakadatta ! » Quindi il re diede a Kanakadaua Ic 
trc iamose gemme; poi gli diede ancora piu numerosi segni di tV 
vore e lo fece anche suo primo miiiistro ». 

Disse il vetala : « Dimmi , o re ! Nelle precedenti rinascenzc 
Rupavati aveva riconosciuto suo marito: ma se era mcmore delle 
esistenze precedenti, come non riconobbe poi Kanakadiitta, che 
anzi a costui riusci perfettamente di fingersi un altro? Rispose il 
re: « Ascolta dunque, o vetala. In ciascuna rinaficenza ella fece coii- 
. nubio d'amore solo con suo marito. Finche fu onesta donna, essa 
scmprc lo riconobbe; ma quando rinacque in una casa di incrcirici, 
divenne coli pcccatricc e percio nelF ultima rinascenza in forma 
umana, bench6 meinore dellc nascite anteriori, dimentico aSfauo 11 
suo vero marito ». 

II lemurc avendo udito che il principe cosi aveva rotto il si- 
Icnzio , scappo ad appendcrsi al suo ramo di ^incipd [ Dalhergia 
Sisti], 

Cosi c compiuta la 20^ Storia della Vetalap -. '. 

(Coiiimua) 

* II motiv3 dcllc trc gomme lasciatc in crcdita ai figli, ricorJa la Novdhi 
del Boccaccio (Decameron, Giorn. I, nov. 3), ristrctta pure ncl Ni^veUmo e nci- 
VAvventtiroso Ciciliano. La tola pcr6 6 del tutto di versa. 



-tJ'?€E^3*h4»xE^:**J<- 



Digitized by VriOOQlC 

A 




NECESSITA CHE SI STUDII 
LA VITA DEL POPOLO ROMAGNUOLO. 




' ORAMAi da tutti ammesso chc per iscorgerc V indole 
morale di un popolo, ben contornata nelle sue fattezze 
proprie e native, occorre innanzi tutto ragguagliare in- 
sieme tutte le sue comparse nella lunghezza di tutti i tempi e rtelia 
varieti innumerevole dcgli avvenimenti, e seguire col piu diligentc 
esame le orme e gl' indizi che lascia di se nella vita pubblica e 
privata, nei portati della mente e dell' arte, nella religione , nella 
politica , nelle guerre , nei costumi , nelle creanze. Conviene poi 
raffrontare tutto cio si con la' storia civile degli altri popoli e si 
con quella universale dello spirito umano, riscontrando ogni cosa 
con la notizia profonda di nostra natura comune. Perocche solo 
da questo complesso bene ordinato di cognizioni , sorge speranza 
legittima di assegnare le cagioni prime, originali e* perenni ad una 
congeric sterminata di fatti , spesso contrari, non che diversi. La 
quale opera, sebbene torni malagcvole sopra modo per qualunque 
fiuta di popolo, cresce immensamente le difficolti sue rispetto al- 
ritalia, e massimamente alle Romagne, paesc forse il piu vario e 
pill trasmutabile che si conosca. 

Quindi la necessiti di vivere a lungo in mezzo a questa po- 
polazione , per coglierne lo spirito dalle varie sue manifestazioni, 



Digitized by 



Google 



NECESSITA CHE SI STUDII LA VITA ECC. 327 

e dal confronto con le osservazioni che altri prima nc fccc e col 
giudizio che nc diede. 

Ond'6 che inoltre si dovrebbe studiare od almeno consuitare 
non pochi libri c niemorie prima d'impancarsi a dare giudizii suUe 
Romagnc. Essi vanno riccrcati e confrontati con le tradizioni per 
conoscere se e in qual modo e misura idee, sentimcnti, passioni, 
usanze e costumi perdurino o si siano mutati o si vengano tra- 
sformando. Quanti sono, p. cs., che conoscono un libro del rimi- 
nese Giovanni Battarra, pubblicato in Roma nel 1778, il quale si 
chiude con un dialogo delle costufnan:(e, vane osservan:(e t suptrsti^toni 
dei Contadini 1{pmagnoH ? Quanti Toperetta di Michele Placucci, che 
a questa fonte attinse , sugU usi e pregiudiii dei contadini della Ro- 
magna ? (Forh 1818). 

L'egregio E. Lombroso * , notato che il Battarra al pari del 
Placucci fu im vero precursore degli studi cosi detti demo-psico- 
logici, oggi tanto in voga, va indagando quali differenze si ponno 
rilevare tra qucsti due scrittori e gli studiosi moderni; ed osserva 
giustamente : « Mentre i Folkloristi odierni appartengono ad una 
nuova scuola che va ccrcando e studiando nel contadino V uomo 
in genere, antico, antichissimo, preistorico; il Battarra e il Placucci 
appartengono alia vecchia scuola e letteratura , che cerca e studia 
nel contadino il contadino in si: e in quanto 6 Tantitesi del citta- 
dino: letteratura antica ed universale, quanto e antico e universale 
il contrasto tra Tuomo rustico e Tuomo urbano » . 

II Pitrt inaugurando con la ristampa del Ubrctto del Placucci,. 
divenuto rarissimo , la serie delle Curiositd popolari tradi:(ionaliy no- 
tava, e parmi a ragione , die dopo sessantasctte anni di vita \ ha 
tutta Li fresche^za ed opportunity d'un libro nato jeri, tutta Tim- 
portanza d'una raccolta di documenti, i quali, con larga accezione 
di vocabolo, possono dirsi storici. 

Ccrto, Tuno e Taltro libro porge materia di confronti tra a- 
naloghc costumanze , specialmentc delle regioni coiitermini , e di 
riscontri utili alio studio delle tradizioni popolari, tanto piu essendo 



» Di un aUro libro poco nolo su i coslumi di Roma'^mu — Bologna 1886. 



• 



Digitized by 



Google 



320 ARCIIIVIO I'tR LE TRADlZlOXi POPOLARl 

facile di questi raccoglier oggi messe piu copiosa. Ma piu ncces- 
saria ricerca, secondo il Zenatti, sarebbc di vedere sc e quali dellc 
SLiperstizioni ricordate dal Placucci soprawiv^ino tiittora in Ro- 
magna, e se cgli sia stato scmprc vcritiero, di controllare insomnia 
Ic asserzioni di lui: c a cio ha in parte supplito Tcgregio G. Bagli, 
trattando deiramore e del matrimonio dei contadini romagnoH '. 

Oltre e piu dei libri e dei polverosi docunienti dcgli Archivi 
vogliono essere studiati quelli chc modernamente si chiamano 
documenti umani , tra i quali il processo penale occupa il primo 
posto. 

II Foro civile e piu ancora il penale, comprendendo ne' suoi 
risultanienti e dati statistici quasi tutte le condizioni della Societa, 
^ un grande osservatorio sociale per chi voglia farlo oggetto di uno 
studio largo, spassionato, assiduo e sinceramente indirizzato a ben 
conoscere il popolo per viemeglio procurarne il bene. 

Ma rammaestramento sperimentale sorge solo dai fatti studiati 
con perseverante e amorosa cura a mano a niano die si vengono 
genuinamente manifestando e svolgcndo ^. 



» FanfuIIa della Domenica, Anno VI, n. 46. 

* Dalla Rda:^ione slatistica dei lavori compiuli ncl Dislretto della Cork d'Ap- 
pello di Bologna nelVanno iS^j, esposta alVassemhlea gcnerah della CorU il 4 gen- 
naio iS^4 dal comtn. Carlo Lozzi Procuratore Generale del Re (Bolo;7:na , Tip. 
Militare, 1894) riproduciamo queste pagine, che confermano come gli studi di 
tradizioni c di usanzc popolari si riconoscano utili , anzi necessari anchc dagli 
Amministratori della Giustizia. Ed il Lozzi 6 magistrato dotto cd autore\-ole ! 

(I DlRETTORI^. 



->??H^:5<« kiE^r^^- 



Digitized by 



Google 



SAGGIO DI UMA NUOVA RACCOLTA DI FA VOLE 
IN DIALETTO BOLOGNESE. 




I. — La fola d' Bindlein, 

-j-ERA una volta un omen vice v^ccchTaveva iiiujor 
e un fiol: lo s'ciamava Bind^U, li Bindfella e el mgruz 
Taveva nom Bindlein. La Bindella la n'era brisa una 
cattiva donna mo Tera avara e curiousa purassi e brutta cm'e la 
fam. Bindlein invezi al pareva un fiour: I'aveva di cavi cliVren 
piu biond dfel furmeint, del caren ch'el sc sren magna, di uccion 
ch' luseven cm'^ d6u stroll: I'era ins6mma Tarvers ed s6 mader e 
a se srev propri ps6 dir che da un britt zocch a-j era sti cava 
una b^lla brig la. Quand Bind^ll fu avsein a murir al ciania CjI 
fiol int la so stanzia e po al dess: « Assara b^in I'uss pulid cli'an 
voi che indsun seinta qu611 ch'a t'ho da dir... T' ha d6nca da sa* 
v^ir, el mi Bindlein, che me a son fiol d'un r^ e ch'a son Tultum 
dla famija; mo siccom me a-n voi brisa che la mi razza la finessa,^ 
acs6 te t'turd mujer e t'spusara ilinna d^l noster sangv. Savet ch'a-i 
ho seimper tgn6 in ca un sacchitt d' maranghein d'or che-m duno 
una vceina afFadd; apenna ch'a sro mort te t' Tha da zercar c t' 
ha d'andar a girar el mond per pseir truvar una donna d^gna iV 
te... Va pur li e n'aveir pora, che cl Soul t'ajutara... » La Bindclb 
in st^meinter Tera anda pian pian a mettres in ascoult dap a I'liss 
Archivio per k tradixioni popolari — VoL XIII. 42 



Digitized by 



Google 



350 ARCHIVIO PKK LE TRADIZIONI POPOLARI 

e a n-j era scappd gnanc una parola. Quand quell puvrett d' Bin- 
dill ,s^ n^mdo a far la terra da pgnatt, li e so fiol i mittenn sod- 
souvra tutta la cX per pseir dscruver el tesor: zeirca te ch'a ze- 
irch anca me, finalm^int Bindlein al-le truvo sotta una calastra d' 
cantcina. Alloura lo al s' cargo in spalla el so sacchett, al tols el 
scarp, el cappell e el burd6n e al s' n'ando vi pr' i mont. Una 
nott truvands in mezz a un bosch con una fam ch^ Tarev magna 
un bo a-i veins in meint d'avrir el sacchett, mo Tera liga tant 
strecch cli'a-n pseva dsfar i grupp: dal gran tirar a-i fe un bus 
mo al truvo che el sacch era pein d' sass viv. £l pover Bindlein 
s' mitte a zigar cm' e un anma adanni e al cape che ql' avarazza 
d' so mader i Taveva fatta. « Ah, puvrett me, puvret me » al dess 
lo « chi m' amava m' ha trade ! » e al s' ficco a zazer s6tta un 
alber asptand ch' vgncss la lus del de per tirar dlung int el so 
viazz. Mo Tera un bur ch' al se srev taja e lo al prinzipi6 a ter- 
mar cm'<i una foja e a ciamar ajut. Tiitt int una volta cum- 
pars un gran splendour, e dri al splend6ur un umarein ch' aveva 
una fazza acse luseinta ch' a-n s' i pseva tgnir i ucc' adoss. « Cossa 
aviv quell zouven da zigar ? » dess st'omen « V siv pers ? Vliv 
vgnir cun me ch' a-v fazz lum ? » — « Mo bein vluntira » dess 
Bindlein tutt cunteint. » E int Tandar in li lo a-i cunt6 da r«i a 
r6n tutti el sou dsgrazi. « Fav pur curagg » dess 61 so cumpagn 
« adess a-v cundus fora da st'bosch; vo a truvari una stra longa longa, 
dretta dretta: andd seimper innanz e arrivari int un paeis ch' fari la 
vostra furt6una ; mo bada bein d* tgniruv a meint tott^ quell ch' 
a vdi se no a-n pri far niente d' bon ». Bindlein I'arsuscito da 
mort a vetta a seintres dir acse, e quand al fo vers de al dman- 
do a St' umarein cum Taveva noni, e quest i dess « Me a s6n 61 
Soul)). Bindlein rarst6 d' stucc, mo po' a-i fe rivereinza e al tiro 
innanz pr' i fatt su. 

Cammeina, cammeina^ I'arrivo avsein a un fium dov a-j era 
tant acqua ch' al pareva ch' fuss vgno la peina: I'acqua la cascava 
in fond a un sfundarion fazend un gran armour e I'aveva fatt un 
bus int una masegna ch' a-i srev std d6inter una ca « Mo gua » 
dess Bindlein arstand le incanta « el dur s' lassa furar dal tender ! » 



Digitized by 



Google 



SAGGIO DI UKA NUOVA KACCOLTA DI FAVOLE Jjl 

Da le a poch al vdc un qual ch*amvava in 26 pr' cl liiim 
cW al n' era ne una rama n6 una radis e a-n pareva gnanc un pcss 
perche al stava tropp feirum e s' al n' era brisa un toch mareln 
perche Taveva sin to dir die quell scappa vi appenna a guardari, 
Quand a-i fu att^is al vest ch' Tera un andga ch' purtava un ushzz 
invetta a la scheina e che st' uslazz al saltav^a in za e in la cjn'c 
s' al fuss int la terra plana « Eh, puvrett me » dess alluura Bin- 
dlein « cossa am tocca d' vedder ! un viv che s' fii purtar da un 
mort ». Cammeina, cammeina, I'arrivo fmalmcint int una ntta duv 
a-j era un gran sgumbei perche la fiola dd rb Ta-n pseva truvar 
un mare ch'andass bein per li in causa del sou gran prcteis, Tutt 
qui dla court s'eren fatt innanz per vedder d' pseir avcir Li bclla 
donna cun la meta del so r6gn, mo indsiin era mai stA bon d' 
cuntintarla e acse la zeint prinzipiava a dir che quell ch',srcv dvinti 
so mare Taveva anch da nascer. Mo el re, per la sniania d' ma- 
ridarla, Taveva mess fora un band ch' al dscva che clii avess av6 
un indvinell che la rigeina a-n foss sta bona d' splegar, al pscva 
esser sicur d' utgnir la so man. Bindlein ch' n' aveva mcut da per- 
der al pinso d' mettrcs anca lo tra i pretcndent, mo Tcra dvinti 
tant brutt, 1' era acse' strazza e al s' era tant scantalulB a corrcr 
in SLi e in z6 pr' i mont che quand al s' prcscnto alia court di 
suvran, i servitur i dmandon s' Tcra vgno per tor la limosna. 

Lo fe cont d'en capir e I'ando d' patt fatt dinanz al re, Ap- 
penna ch' I'ave fine d' far riverenza al prinzipio a dir « Sacra ci:* 
r6una, me a son vgno da lo per dmandari la grazia d' lassarum 
dir un indvinell pr' utgnir so fiola in spousa; a son puvrett, mo 
a sper che la rigeina la sia degna d' me, cm'e me a son dcgo d' 
li...)) — « Vo a si matt, quell zouven )) dess el re mittands a red- 
der « vo av cherdi che la rigeina la s' voja lassar tirar su, mo al 
n'e megga acse flizil, vdiv, d' imbrujarla » — « Tant e , sacra cu- 
rouna, me a voi tintar la furtouna )). Alloiira el re al mandu a 
ciamar tutta la court, e po veins la rigeina cun tant splendour 
d'or e d' brillant che el pover Bindlein arsto a bocca a vena per 
la maraveja. Quand al fu un poc arvgno al s' fe curagg c al dess 
sti quatter prupusizion: « Chi mamava m ha tradf^ a via^^o if nott^ 



Digitized by 



Google 



532 ARCHIVIO PER LE TRADIZIOKt t>Ot>OLARl 

insimm al diy a vest il tinder il dur furary e II mort il viv purtar ». 
La rigeina ch'aveva aguzza tutt el so inzign per psiir 'spiegar st* 
misteri la fe c6nt d' n' aveir brisa cap6 pulid e la s^al ft rip^ter 
dou o triji volt, e po la dmand6 tri de d' temp per dar I'arsposta. 
Mo p^insa e p6insa, i tri d6 i passonn s^inza che li avess pso tru- 
var una spiegazi6n. Bindlein c\\ s'era bHle mess in sverzura al 
turn6 alia coiirt per dmandar la ragazza in spousa, mo h\ xb ch' 
a-n saveva com s' far per dscavars d'attoiiren quill strazz6n siinza 
mancar a la parola ch' Taveva da, al dess d' regalari la metd dd 
so rign e a-n vols piii senter dsc6rrer d' matrimoni. Pass6 dil 
ttimp. Bindlein era dvinta piu bill d' premma e Taveva fatt una 
barba ch' la pareva una gavitta d' seida, mo cun tutta la so blizza 
c el soil ricchezz I'aveva siimper una doja da la banda d61 cor 
pr' k\ dsgust d' n'aviir pso tor per mujer qla superbiazza d' la 
rigeina. Un de ch' I'aveva I'edia piu del solit al se vsti da priin- 
zip, al s' fe dar 61 piu bill cavall ch'era int la stalla e s' turn6 
alia c6urt a spr6n battii. £l ri, ch' alfuss mo perchi a-n Tacgnu- 
sess o ch' al fuss perchi al vest un bill zuvnott, al invid6 a dsnar 
•e a-i fi una massa d* cumplimeint per vidder pur se s6 fiola T al 
truvava d' so gust. Mo in quill miinter ch' i magnaven Bindlein 
a s' lass6 cascar una brisk d' pan tra i pil dla barba, e la rigeina, 
ch'era seimper tant snecca ch' a-i puzzava incossa s6tta al nas, la 
dess subit che quill era un omen ch* n' i piaseva. Bindlein s' n' 
and6 VI cun la c6 tra '1 gamb, pinsand d' umiliar qla donna acs6 
superba ch' al le fava dstruzzer cm' e una candeila pr' i su bi ucc' 
e pr' i caprezzi ch' I'aveva. Dop un poc ed tiimp al turn6 in 
qul'istiSsa zitti cun un gran bastimiint ch'era pein d' tutti el piii 
billi coss ch'esisteven s6uvra la tirra: vstiari d' bruccd cun di ar- 
cam d'or ch' luseven cm'i il fugh, zoj ch' pareven strill e ch'eren 
pill grossi d'una nus, coll d' ingranat, ani d' brillant, pred prezioisi 
e po' di alber d' curaj, del bisti salvadghi, di dragh, di gatt mai- 
mon; tutt quill ins6mma ch' a-n se srev truvd gnanc a pagarel un 
occ' dla tista. Quand la rigeina la save ch'era arrivd ste furastir la 
vols siibit andarl a vidder, e una matteina la s' fi cunduser int il 
bastimint e la sti Li tutt il di a guardar a quell raritd a-n sa- 



Digitized by 



Google 



1\GGI0 Dl t'NJA KUOVA RACCOLTA 131 FAVOLK jjj 

viiiJes diir pas ch* a-i fuss un ch'avcss tanti ricchezz piii d* li. 
Alloira Bindlein al la tens in ciacchera e al dc ourden ai marinar 
ch' i dessen la m611a a la nav, e po' quand fii vgno bur c che la 
rigeina dess d' vliir turnar a c6urt lo i fe capir ch' I'era inutil ch* 
la se dsprass perch6 i eren bille luntaxi z^int meja da " la zittd, 
a Ah, brutt birb6n ! ah, brutt assassein ! lassam andar a cd che 
qutst e un tradim^nt ! » dess la rigeina mezza inspirtd. Mo al- 
16ura Bindlein a s' ft accgnosser per qu^U ch' I'era e al dess : 
« Sinti, sacra cur6una, me a-n voi brisa faruv d^l mal, mo siccom 
vo avevi da dvintar mi mujer, acse me a-v condus int id mi pa^is 
per faruv v^dder a la mi mama e po' a-v accumpagn im akni 

volta al voster palazz e a-n se vdrin mai piu » 

E vi , e vi% i arrivonn finalm^int a ca da la BinJt'lla. A la 
rigeina a-i tucco d' far da dsnar, d' metter su cl parol, d' spazzar 
la fuga e d' armesdar la pulcint , perchc qla viccia buzzorouna la 
cherdeva d' aviir a ch' far cun una para s6 ; mo in st' mcinter 
Bindlein V era dvintd acs6 bell , acse bell che quand al dess alia 
liola d^l re che s' la vleva turnar alia so c6urt I'era padrouaa d' 
far quell ch' la vleva, li I'a-n dess ne se ne n6 e la tiro inanz a 
far i sii zattein. Da 16 a poc mors la Bindilla , e loiir i se spu- 
sonn. E i funn feliz e cumeint; e i truvonn anch il sacchctt d' i 
maranghein che la v^ccia n'era mai std bona ed dsgruppar, c in 
cavonn fora tant e po tant ch' i dvintonn i piii sgn6uri dtl paiis, 
E i psenn cumprar un regn, e acse lo dvinto ri e li turno a cs- 
ser rigeina 

(Continua) C. G. Sartl 



-»>J^^3«l •hll^^i^ 



Digitized by LjOOQIC 

I 










UNA TKADIZIONE POPOLARE DI ISNELLO 




Cu' fa, fa pr' iddu! 

N Isnello (il Menzil Al-Hnniir dcgli Arabi) sulla parte 
piu alta dclla coUina, ove sorge un terzo del paese, 
lunga un chilometro circa da est ad ovest, staccatasi 
(cbi sa quando ?), come a occhio nudo si vede, dalla montagna 
calcarea, che , rivestita per lo piu di saracchio {ampehdesnios) si 
eleva all'altezza di quasi m. 1200 e alia distanza media di m. 100 
da pssa verso nord, sorgono ancora gli avanzi delFantico castello 
che, fondato, come vuolsi, dai Saraceni su quello d^i Sicani o dei 
^Bizantini , fu poscia abitato dai Principi, i quali, per gli ordina- 
menti deU'Evo di mezzo, divennero gli assoluti padroni di quel 
luogo e del suo territorio. 

Abbandonato che ebbero quei Principi Tantico loro castello 
posto sulla collina, perche solitario, come io penso, e di non comodo 
accesso e perche venuti tempi migliori, dopo una breve loro fer- 
mata liel centro del paese, d'onde ancora il nome di Piano della 
Sala alia piazza, in cui rispondeva la loro sala d'udienza^ fabbrica- 
ronsi un palazzo (ancora in picdi) qual si conveniva al loro grado 
e potenza aU'estrema parte dell'abitato verso occidente ; e perchi 
divenuti piii umani, permisero ai poveri di presentarsi in una data 
ora del giorno alia loro f)orta per averne rdemosina. 



Digitized by 



Google 



UNA TRADIZIONE POPOLARK Dl ISXJBLLO 335 

\'iveva a quci tempi ncl convento di S. Leonardo, di cui avan- 
zano pochi rudcri e la chiesetta, a circa K. 3 da Isnello verso 
ovest, un solitario a nome Fr. Pictro, il quale aviea cura di quel 
luogo, clic prima o dopo fu.abitato dai Frati Domenicani. 

Non avendo costui di che vivere, si recava ogni giorno in 
Isnello; girava con Taspetto penitente c le bisaccie sulle spalleper 
le vie del paesc; picchiava pure alia porta della vedova Principessa 
di quei tempi, c a chi gli dava Telcmosina, come in rendimento 
di grazie, diccva: Cn fa, fci pr' iddn!, quasi dir volesse: Chi fa 
bene o male il fli per s6. 

Queste parole continue , monotone, asciutte, sebb ene accette 
alia buona gente, infastidirono poco a poco i servi del palazzo e 
piu la nobile Principessa, la qu^e, volendo liberarsi di quel frate, 
gli diede un giorno, di sua mano, un bel pane intiero, fresco, ma 
avvelenato. 

Fr.' Pietro, ignaro di cio, anzi lieto, il ripose nclle bisaccie , 
e, ringraziatala con le solite parole: Cu fa^ fa p/ iddu /, la osse- 
quio con profondo inchino, e appoggiandosi al bastone ritorn6 al 
convento. 

Quel giorno medesimo Tunico liglio della Principessa voile 
con sua gente ed amici uscire a caccia delle capre selvatiche (ora 
scomparse) nelle terre del suo vasto dominio, e gii era il vespro 
e correvano ancora qua e li stanchi e sudati senza colpo ferire , 
quando furono sopraffatti da un temporale inaspettato e terribile. 
Tosto si misero al ritorno, e, perduta la speranza di pervenire a 
casa, drizzarono, per salvarsi , al convento di S. Leonardo , dove 
giunti, Dio sa come e che era gii sera, chiesero a Fr. Pietro al- 
loggio e vitto, avendo consumato il giorno le loro provviste. 

II povero eremita, tra lieto e confuso , offerse loro tutto il 
luogo, I'elemosina che aveva raccolta la mattina, e con un senso 
di gioia presento al Principe il pane, ancora intatto, che avea ri- 
cevuto quel di dalla madre di lui. 

<c Opportune )), gli disse il nobile signore, e, divoratolo avida- 
mente, mentre gli altri le altre cose mangiavano, voile tosto alia 
nieglio riposarc c dormire. Ma che ? pochi momenti dopo fu assa- 



Digitized by 



Google 



3j6 ARcnmo per le tradizioni popglari 

lito da fieri dolori di ventre^ c ancorchi affettuosamente confortato 
c assistitOj mori subito. 

Che spavento ! tutti dieJero in lagrime, e parte di loro, vo- 
Lui a IsacUo, aniiun:^iarono alia Principessa, che smaniava di aver 
nuov^ del figlio, quel che era avvenuto. 

La infcUce resto come colta da un fulmine; pure dii ordine 
che la salma del Principe le fosse tosto portataal palazzo, equando 
I'ehbe presente c i medicl tutti costatarono qssq r morto di veleno, 
Torrore e le proteste degli astanti furono grandi. 

La principessa si ricord6 allora...; e non avendo avutoil co- 
raggio d'iiicolpare alcuiio ne di accusare se stessa, rivolta a Fr. 
Pietro, che era 11 presente e le giurava di non avere offerto al 
morto Principe che il pane ricevuto da lei la mattina: « £ vero, gli 
disse, cti fa^ fa pr' iddu \\ e chiuse, finch^ visse, le porte del pa- 
hiZQt lascid che il popolo tramandasse ai posteri la notizia di 
tanto delitto. 

Quando ci6 aweniie? La tradizione nol dice, nt k possibile 
saperlo* 

Prof. Cristoforo Grisanti. 



^*- 



Digitized by 



Google 




LA VITA DEI CONTADINI SICILIAN! 

DEL TEMPO ANDATO 

DESCRITTA DA ESS I. 



m. 




E speranze e i dismganni del 'Burgisiy ossia del Conta- 
dino che piglia dal Massariotu una tenuta e vi semina 
i cereali (co' noti patti agricoli, che qui noii h il caso 
di richiamare) ci vengono efficacemente descritti ne La ricdta di 
hi Burgisi doppu urC annata di fatja di Giovanni Troja, un villico 
da Montelepre, che per Ingenita virtu (privo com' 6 d' ogni istru- 
zione) poeteggia con non minore spontaneity ed abiliti degli altri 
poeti del popolo. Posseggo di lui , oltre ad alcune canzone , una 
lunga Storia di lu figghiu prddicu in ottava rima ed un %icordu aU 
Vanima nel metro istesso, poesie riboccanti di fede e di belle imma- 
gini poetiche. II Troja mori di 87 anni a 28 luglio 1888. lo Tho 
conosciuto al 1871: un uomo alto, asciutto, con due occhi acutis- 
simi in fondo ad un'orbita che appariva piu profohda per I'accen- 
tuata prominenza degli zigomi. Di modi un po' rude, nia franco, 
caldo, e' sientiva non poco di si : e lagnavasi amaramente che la 
Archnrio per U tradtzumi popolari — Vol. XIII, 43 



Digitized by 



Google 



338 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

fortuna non gli die' mai modo di imparare per lo meno a leggere, 
avendolo fatto nascere e vivere sempre in miseria, Poetava com- 
ponendo lentamente, durante il lavoro manuale, ma non improv- 
visava; ed i suoi versi recitava poi agli altri compagni di lavoro, 
che ii imparavano e diffondcvano. 

La ric6ta ' di lu Bui^si 

doppu unannata di fatja. 

Eu, quannu sta tinuta mi pigghiai, 
fici lu cuntu billissimamenti, 
mi fici li cumpagni e m' accurdai, 
lu patruni mi detti li simenti ; 
po' siminavi, po' zappuliai *, 
lu lavuri ' annittai veru 'ccillenti ;. 
cc' era un lavuri ! 'na spera di raj ! 
la maravigghia di tutti V aggenti ! 

Lu me' cori cuntenti mi dicia : 

— St' annu, la casa ti voli abbunnari ! — 
Ogni amicu e parent! mi vinia : 

— Cumpari Vanni, 'un m' aviti a scurdari. — 
Ed eu, ca 'nta li robbi 'un cci capia, 

dicia : — Mi tocca riposu e scialari ! — 
Ca si di celu 'un Ancilu scinnia 
a diri no, lu manna va a.... car^fari. 

Ma a lu tirari poi di li cunti, 
guarda, la sorti chi 1' happi fallanti ! 
gregni 'na chidda, la timogna un munti ^, 
ed ogni spica era grossa du' tanti. 



> Ricdtay il ricolto de' cereali. 

2 Zappuliai, sarchiai. 

3 Lavuri, grano in erba, seminato. 

4 Covoni (gregni) una iininensita , la bica (timogna) alta come una mon- 
tagna. 



Digitized by 



Google , 



LA VITA DEI CONTADINI SICILIANI J 39 

E pisa, e spigghia, c cerni, c metti a munti ', 
ma ch' era opra di li leramanti * ? 
ci di frummentu 'un nni vitti du' junti ^: 
li occhi chini e li manu vacanti. 

Vacanti m' arristaru a mia li manu, 
no, nun vi 'ngannu, vi dicu lu veru : 
la marvunata iuta, 'un nni parramu ^; 
e la bastarda 'na picca di menu 5; 
gi6gghiu, 'na massa; c6cula, un Carvanu ^; 
mascaredda ^ cci nn' era un macasenu; 
tuttu lu zifareddu ^ di ddu chianu 
nasciu pri mia, pri dirimi vilcnu, 

Vilenu a mia, vilcnu a lu frummentu ; 
la gr^ia di Diu 9, comu squagghiau ! 
ddu pocu nettu, ch' arricosi a stentu, 
ca lu sa' Diu di quantu mi custau, 
mi vinni lu Patruni e com' un ventu, 
zeru e va zeru, si I'arritirau *°; 
e doppu tanti di travagghi e stentu 
pri 'mbraculu la tradenta m' arristau ". 

'Na 'mpastata di pani mi tuccau, 
tastai lu pani novu e ncnti ccliiui ; 
lu Patruni, lu s6 si lu tirau, 



* E trebbia, e spaglia, c vagliu, ed amnionticchia (il grano). 

* Leramanti, negromanti. 

3 Due mandate. 

4 II pagliuolo alto si, che non ^ a parlarae. 

s La pula, anch'essa appena poco meno del pagliolo. 

^ Gioglio, una massa; coccola di varie crbe, un Calvario (monte). 

7 Mascaredda, carbone, volpe. 

8 Zifareddu, cercope (cicada sanguinolenta L.). 

9 Gratia di Diu k per antonomasia il frumento e il pane che se nc fa, 

*o Un proverbio, riferentesi appunto a' conti che si fanno all'aja tra p,idrone 
e borgese, dice: Zeru e va ^eru, tutli cosi a magasenu. 

" Di un borgese, che fa cattivo ricolto de' cereali, dicesi che toma a casa 
col solo forcone (tradenta). 



Digitized by 



Google 



) 



^40 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

simenza cu succursu e supracchiui ^ 
Certu, lu Cifaru ^ si cci 'nfilau, 
sempri mi va a la peddi a nun p6 cchiui; 
quannu piggliiai sti terri m' annurvau, 
boni mi pirsiru e 'ngannatu nni fui. 

'Nganntitu fui e mi cliiinciu lu 'ngannu ; 
'ccussi cumanna chiddu Diu supernu; 
e 'ccussi sia, ad ogni ura ed annu, 
a dispettu d' 'u Cifaru e d' 'u 'nfernu ! 
Poviru sugnu e di poviru spannu, 
poviru Diu mi voli a :tu cuvernu '; 
unni speru, la sorti mi fa dannu, 
cercu la stati e mi duna lu 'nvernu. 

Ohim^ lu 'nvernu comu veni scuru 
quannu chi la ricota nun si fici ! 
a li succursi lu patruni i duru, 
lu cori mi diventa comu pici. 
Sugnu arrivatu li spaddi a lu muru, 
ma no pri chissu la sorti mi sfici : 
fidi cci tegnu a Diu, nnomu sicuru, 
cui teni fidi sti forti e filici. 

Filici, no di cori ma di menti, 
la menti spera, lu cori suffrisci ; 
si voli Diu, lu vrazzu e putenti, 
travagghia sempri e la sditta ^ finisci. 
Giuvanni Troja com' ora h scuntenti, 
spera ca lu s6 jornu Qci scarisci ; 
chiamannu a Gesu Cristu onniputenti, 
cu la s6 grazia sta rima 5 finisci. 

' Ne' conti deU'aja, il Massariotu, com' 6 naturale, piglia dal Burgisi in fru- 
mento quanto gli ha fornito per seraenti, soccorso in denaro o in gcneri, e il 
di pill (supracchiui) di fruttificazione, 

* Lu Cifaru, Lucifero, qui il Diavolo in genere. 

3 A sin cuvernuy in questa vita. 

4 Sditta, disdetta, sventura. 

i Rima, qui poesia, composizione poctica. 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADINI SICILUNI J4I 

IV. 

L' amore immenso per la famiglia , il rispetto pe' gcnitori e 
pe' superior!, V assiduiti nel kvoro, la rassegnazione a* niali e la 
pazienza nelle avversiti , ma sopratutto poi la fiducia in Dio cd 
una religiosity primitiva, sincera, immensa, spiccano nel Gnntadino 
siciliano del vecchio stampo. Guidato dalla esperienza nella vitaj 
esso piglia a norma per questa i proverb] , che rappresentano la 
sapienza dei padri, il verbo sul quale egli giura ed al quale si ri- 
ferisce e si appoggia sempre. Abbiam gii sentito V Olh^eri , ne 
La Vita, parlar in proverbj a' figli, la ove vuole imprimer meglio 
nella loro memoria i paterni ricordi; ora sentiamolo di nuovo ne 
Lu TistamentUy ove di proposito si giova de' proverbj per segnare 
agli stessi figli la via per la quale intende che si avviino , giusta 
le tradizionali abitudini della classe de' Contadini e gli esempj do- 
mestici. 

Lu Tistamentu 

e li boni 'stru:(ioni a It figghu 

Quantu tegnu un cunciliu in me stessu 
cu lu cunsigghiu di la testa mia; 
riguardu di la morti lu riflessu, 
pi lu futuru pinzari vurria : 
si m' avanza lu tempu, 'un su' lu stessu; 
nemmancu, nicu \ fari lu putia ; 
ora, cu giusta eti e lu bonu versu, 
cunchiudiri stu fattu lu vurria. 

Si lu sapissi quantu campiria 
mi staju 'n sonnu 'n paci e m' addurmentu; 
ma morti e vita 'un sta 'n putiri a mia, 
pir chissu staju in guardia ed attentu. 

* Nicu, piccolo, giovane. 



Digitized by VrtOOQlC 

i 



1 



34^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Chiamavi a li me' figghi e cci dicia: 
— Viditi c' haju a fari tistamentu, 
mentri la Morti usa pulizia *; 
cu' sa' si quannu vcni 'un nni la sentu ! 

Eu, cari figghi, a tutti vi cuntentu; 
ora sintiti la mia 'pinioni: 
lu mobili, li casi, lu furnientu 
tutti li lassu aguali porzioni ; 
la campagna, a lu granni cW 6 cchiu attentu, 
resta tuturi e pi T atri disponi; 
e s' idd' eu campu ed ancora agumentu, 
la spartu, e tutti sei cci jiti boni. 

Cc' b lu Nutaru chi scrivi e cumponi 
tuttu chiddu chi eu haju pinzatu; 
quannu faciti sta divisioni 
ognunu s' aduttassi unn' t; assignatu ; 
siati di 'na bona iinioni, 
cu paci, comu Diu nni V ha 'mparatu, 
cUi tira avanti li boni azioni 
i certu ca di tutti e rispittatu. — 

Prima chi V attu fussi riggistratu 
cci spju : — Figghi mei, siti cuntenti ? 
La robba a tutti aguali haju lassatu, 
'un haju fattu pi nuddu diffirenti ; 
^ veru ca lu granni ha travagghiatu 
e cc' ^ lu nicu ca 'un ha fattu nenti, 
ma no pir chissu m' haju cunsigghiatu 
di lassarivi a tutti aggualimenti. 

Ora cci su' li cosi cchiu scadenti, 
(v' haju divisu casi c capitali), 
pi la jurnata sti cosi currenti, 
chissi vi li spartiti tutti aguali; 



» Pulizia, qui, cortesia, riguardo. 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADINI SICILIANI j.jj 

una picciula parti sulamenti 
mi la lassu pri pompa funerali, 
pinzamu a lu futuru e a lu prisenti 
pirchi r omu a lu muimu 'uii i 'inmurtali. 

Di fari ditferenti 'un sugnu tali, 
c' haju se' figghi e cci portu rispettu, 
pari chi sia 'na cosa naturali 
aviri a tutti sei di bon cuncettu; 
si nun lassu la roba a tutti aguali 
staju sicuru ca fazzu difettu, 
lu munnu parra ed eu mi fazzu un mali^ 
nemmenu pi cuscenza lu pirmettu. — 

Chiamu lu granni cu tantu rispettu, 
cci dissi: — Figghiu, lu fattu i: cunchiusu; 
comu ccliiu granni, ti lassu suggettu * 
essiri cu li niclii ginirusu; 
r ami cu amuri, cu paci e cu affettu; 
lu nicu di li nichi ^ piatusu, 
ed eu pi chissu nicu mi prumcttu, 
guidalu, ca to patri 'un c scurdusu \ 

O cari figghi, cori meu amurusu, 
nui faccmu un cungressu tutti quanti, 
vi lassu un arricordu rispittusu 
di 'nta lu munnu 'un trattari cu tanti; 
pirchi lu munnu e mari timpistusu, 
e chinu d' armi e spati guirriggianti, 
Cu' e ch' abbatti stu pczzu > gravusu 
campanu 'n paci e morinu di Santi. 

O cari figghi mei, di cci in avanti 
'n' atru arrigordu vi vogghiu lassari : 
nun praticati cu genti farfonti, 
su' chiddi ca vi fannu ruvinari: 

* SuggettUy obbligo. 

* 'Un e scurdusu, non sara dimentico, tc ne terra conto* 
5 Pq[^u, .pietra da raulino, micina. 



Digitized by 



Google 
i 



344 ARCHTVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

ma di k chiesa siati zilanti, 

vi jiti ogn* ottii joma a cunfissari; 

c chistu c !u nigoziu "mpurtanti, 

cu' h chi ama a Dili 'un p6 dubitari. 

Si cu K genti aviti a praticari, 
siaticci pmdenti e accrianzati; 
di notti nun aviti a caminari 
cA siti di li cani muzzicati. 
Si su' li fimmincddi, s' hannu a stari 
'nta *n' agnuni di casa arritirati. 
Nun ati a fari cuntu d'avanzari, 
ca quannu aviti pani, accumudati. 

O cari tigghi mei, 'un vi lusingati 
chi 'nta stu munnu avissivu a 'rricchiri: 
cu lu prossiiiiu aviti caritatij 
chi sia la vucca di lu bonu diri; 
e nellu casu chi beni avanzati, 
sempri vistuti onesti aviti a ghiri; 
chistu e lu specchiu di T eternitati, 
pinzari sempri ca s' havi a muriri. 

Ancora, figghi mci, v' haju chi diri: 
v' aviti a stari 'n paci e di fratia; 
pinzaticci lu jornu unn' ati a ghiri 
ca, si pirnotta, arristati pi via. 
Lu Campari a stu munnu 'un cc' e sapiri; 
la 'spirienza la piggiiiu di mia, 
lu mc travagghiu 'un potti cumpariri 
pirchi la me' furaiiia 'un mi dicia. 

Scanzati di la mala cumpagnia, 
ci giustu lu pruverbiu la 'ntisi: 
« Ha' practicari cu mcgghiu di tia 
a costu chi cci ha* p6rdiri li spisi ». 
A lu munnu 'un aviti gilusia, 
siati grati, prudcnti c curtisi, 
'n paci cu tutti c di bon' armunia 
quantu li vosiri prossimi 'un su' offisi. 



Digitized by 



Google 



, .PJPJjIiv J 



LA VlTADhl CONTABlNI SICILIANI 34) 

Nun tiniti valanzi c niali pisi, 
nun tiniti misuri diffircnti '; 
nu' 'mpiegati dinari mali spisi 
ci di ssi cosi 'un nn' arrestanu nenti. 
Scanzati jocu, balli, sciali e risi; 
daticci locu a pirsuni putenti; 
ad acqua e focu \m cci pigghiati 'mprisi, 
pinzati, o figglii, a li nie' avvinimenti. 

Si aviti a praticari cii li gend, 
trattati tuttu cctu di pirsuni, 
nia 'un aviti a trattari agualimcnti 
comu lu scrvu quantii lu patruni; 
quannu sunnu pcrsuni cchiu cmincnti 
si rispettanu cchiu, c\\ c di ragiuni: 
tigghi educati, 'un vi scurdati ncnti 
di Tarrigordi me' ca su' opportuni. 

Nun caniinati la notti a tantuni, 
ca la runna - vi va pirsicutannu; 
la notti c di lu lupu, cli' c rapuni, 
la cuntu di la notti a fliri dannu: 
Tomu, a lu speccliiu di tanti pirsuni, 
chinu d' onuri vi va caminannu. 
Figghi, pinzati a tutti sti ragiuni 
pirchi lu tempu meu si va accustannu. 

Aviti a aniari a Diu c \m diciti quannu, 
ati a stari cu V annu priparatu; 
'nta lu paisi si jittassi un bannu 
di omu onestu, prudcnti c garbatu; 
r omu chi boni cscmpii va dannu, 
di tutti di bon occhiu c taliatu; 
cu' c chi metti lu s6 pcdi smannu 
s' arricogghi a la casa struppiatu.* 



* I bottegai, col tencr bilancic c pcsi c niisurc non giustc, son tutti ladri; 
voi, pcrtanto, o figli, non pcnsntc di farvi botter;ai. 
2 Ruiui.i, ronda. 

Archivio per k iradi^ioni popokri — Vol. XIII. 44 



Digitized by 



Google 



34^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Sintiti, figghi mei, cW liaju pinzntii, 
vi vog^hiu d:iri V ultima avvirtcnza: 
scanzatilii c fujti lu piccatu; 
cu li gcnti 'un nuistrati priputcnza; 
laudati scnipri lu prisjnti statu; 
a lu munnu faciti risistcnza; 
c si vi 'ntoppa qunrcunu sgarbatu, 
livati scmprila cunvinicnza. 

Mittitivi pi spccchiu la cuscunza, 
vi rigulati la vostra natura, 
vi raccuinannu assai V uhbidicnza, 
cu' vi canusci, figghi mci, v' onura; 
cu r imprudcnti cci usati prudenza; 
mittiti paci c 'un aviti paura; 
c, ncllu casu, quarchi dillircnza 
li gcnti saggi la spartinu allura. 

Cara famiggliia mia, 'ccillcnti c pura, 
siti tiitti 'nnucccnti conui dicu, 
vi binidicu V annu d' ura in ura 
a li mizzani, a lu granni, a lu nicu; 
cu moru, c mi pirditi di tigura, 
ma lassu stu rigordu a Partinicu; 
prigati a Diu pir mia cu gran primura 
cd cu a nomu di Diu vi binidicu, 

Vi binidicu, figghi ubbidicnti, 
m' aviti a fari 'na vita di Santi, 
campati comu tanti pcnitcnti 
e lu piccatu nun tirassi avanti. 
Chistu munnu prumctti c 'un duna ncnti, 
cii* c 'na lusinga clii lusinga a tanti, 
e r omu po' nn' arrcsta sulamcnti 
cu r occhi chini c li manu vacanti. 

Ninu Olivcri, viddanu 'gnuranti, 
cci lia studiatu cu so vascia mcnti 
pri fari chisti rinii cunsunanti, 
dari a li iiuL;hi chisti awirtimcnti. 



Digitized by 



Google 



LA VITA ni-I COX^TADIKI SICILIAXI 347 

O cari tigglii, tidili e custanti 
li me' palori hrmatili a mcnti, 
ca la me' spiricnzia e bastanti 
doppu 'na vita Ji pcni e di stenti. 

V. 

Al pari dell' Olivkrt, ben avea diritto a dirsi ricco di espe- 
rienza, dopo lunga vita di pene c di stenti, Taltro Contadino-Poeta 
Giuseppe Giammona, che anch'egli lascio iin Tislamcnin pri lifigghi, 
intessuto anche questo di proverbj, anzi con piu aSbondnnza c con 
piu arte adoprati che non in quello dell' Olivi-ki. 

Giuseppe Giammona fu di Capaci, ove chiuse vecchio i suoi 
gioini una cinquantina d' anni la. Vissc sempre d^l lavoro delle 
propric braccia, ma giunse a possedere iin campicello , oltre alia 
casetta, della quale ncssun Contadino e privo, sia pure un jiirna- 
feri. Si narra che il suo iiglio Paolo insistessc presso di lui per- 
ch6 , cssendo in avanzata eta , testasse in favor suo e del fratello 
iMichcle; e ch' egli, dopo averci pensato su qualche tempo, lo cliia- 
masse diccndo: — « Son promo a conced:rci il desiderato testa- 
mento ; se col fratel tuo lo seguirete appuntino , godrete felici la 
vita; sta ad udirlow; — e gU recito le sedici ottave del Tistamenfu, 
con Ic quali traccio a lui cd al fratello la via da seguire , indi- 
rettamentc ammonendoli che la ereJita, alia quale dovevano aspi- 
rarc, esser dovca, piu che altra, quella che negli avvertimenti mdrali 
in poesia lasciava loro innanzi di morire. 

Tistamentu pri li figghi. 

Figghiu, principia lu me' tistamentu, 
r ultima Musa a lu me' rozzu cantu : 
a pcdi di Gesu mi doggiiiu e pentu, 
su' piccaturi c 1' aju oftisu tantu; 
Maria, datimi vui riparamentu 
sutta lu vostru priziusu mantu. 



Digitized by 



Google 



54^ ARCHIVIO l^F.R in TRAhlZlOKi POK)I.ARi 

Til, Ancilu Custoddiu, :ta attcntu 
si 111 'nnimicu fussi a lu so cantu '. 

L' ultimu cantu lu patri cummita % 
veni cca, figghiu granni % scrivi e nota : 
Nun amari lu munnu c la munita, 
lu munnu k badda chi giria e vota; 
fatti boni azioni ogni partita 
si tu, a la morti, voi bona ricota ; 
ti pregu, figghiu, fai 'na bona vita, 
campa fidili e cu arma divota. 

Lu nota, figghiu, lu sonnu di Giona 
chi 'ntra un mumentu junci a la marina : 
nun ti fidari ca sta vita c bona, 
la Morti e 'na balena chi camina; 
e la me* vuci a la to aricchia 'ntona, 
scanigghia e ccrni beni sta farina, 
grapcmu V occhi, Paulu Giammona, 
la Morti i mola chi scmpri macina. 

A sta duttrina 'nsigna ^ quantu poi, 
contra li tri 'nnimici ^ 'mpctta ^ assai; 
figghiu, cui nun si fii V affari soi 
cu la lanterna va circannu guaj; 
mcgghiu diri: « cui sa' ! » ca: (.<\in sapia)), poi; 
canusci cu cui abiti e cu cui vai; 
nun disiari cosi chi 'un su' toi ; 
pensa la cosa avanti che la fiii. 

Avanti chi la fai stacci avirtenti; 
'un cunsigghiarti cu genti 'gnuranti; 
nun liticari mai cu li pizzcnti, 



» Se il Diavolo (lu 'nnimicn) vcnisse a canto di liii (del fjglio). 
* In vita i figU all' ultimo canto. 

3 II liglio maggiore era Paolo, quogli appanto che gli richiese il testa:nentJ. 

4 'Nsigna, apprendi. 

s II mondo, la came e il Dcinonio. 

^ 'Mpella, opponi il petto, combatti con tutto il potere. 



Digitized by 



Google 



M. 



L\ VITA Dltl COXTADiXt SICILIaXI 5(6 

facci lu locu so c canilna avantl; 
\m ti sciarriari cu cliiddi piitcnti, 
nni arresti offisii e nni veni mancanti; 
cuiisigghiati cu 1' omini prudciiti 
cd a scigghilli pensacci davanti. 

Pcnsacci avanti, c fuj V omu spanu \ 
e fujla la fimmina varvuta, 
e fujlu lu xoppu Catalanu % • 

c fujlu lu surdu chi 'un saluta; 
nun lu stari a prjari a lu viddanu, 
prcja lu galantomu di nasciuta >; 
prudent! comu lu Ottavianu, 
dunni chi trasi, pensa a Li nisciuta. 

A la nisciuta pcnsa d* 'a ciumara; 
iigghiu, quannu nun poi, 'un dari palora, 
masinno ti fiirai la vucca amara; 
s' iddu t' ha' a maritari, pensa ancora, 
cd a la mogghi tua tenila cara, 
li sparten/a sarra quannu si movi; 
avvcrti, ca la strania ■* c tunnara, 
li 'ngagghia, ti firis:i c poi va fora. 

Fora idda va, c vui dintra la riti ; 
'nca lu megghiu chi 6, vi niaritatl, 
pigghiati a genti massari c puliti, 
basta chi sianu fnnmini onurati; 
fjciti spisa di quantu putiti, 
di chidda senna ^ chi vui vuscati; 



» Spanu, sbarbato. 

* Intorno airodio contro i Catalani in Italia vcdi rimportante mcmorii dl Bi> 
NEDE'iTO Croce: /'/'///// conlnlti fra Spai^na e JuVia (\apoli, Tip. dclb W. Unt- 
versita, 1893), 5 IV, p. 24 c segg. 

3 Chi k gcnliluomo per nascita. 

4 La strdttia, la donna che non 6 lecjata da nodo matrimoniale. 

5 Senna, entrata, guaJagno. 



Digitized by 



Google 



350 ARCHIVIO PKR IV. TRAni;?lOKl POPOLARI 

patrmia 'a niogglii, c ciintu \m cci lacitl, 
masinno sempri in dcbitu ristati. 

HJ arristati c 'nsirtati la basa; 
nun 'nsignati la mogghi tantu tisa ' ; 
vistuta oncsta, no robbi di rasa, 
nun cci faciti scarpi a la francisa; 
fora briccuna 'ntra la vostra casa 
• c Ji la sulita 'nscrti la 'mprisa; 
fora niisuri, mcnza-canna, rasa, 
valanzi cu statia, tummina c pisa \ 

Ed a sta 'niprisa % iigghiu, nun pirgiari ^; 
nun pratticari cu li 'mbriacuna, 
ca lu vinu spropositi ta fari; 
unni 'nvimtu si', statti a I'agnuni '>; 
cu li mcgghiu di tla lia' pratticari, 
anchi cu 'ntressu di lu to vurzuni; 
pri li cani 'un putirti inuzzicari, 
quannu ncsci di sira, lu vastuni ^. 

A sta ragiuni sparma li to' vcli: 
'vcrti ", si un jornu hai tigghi a maritari, 
vidi ca prima ti annnustranu nicli ^; 
pnUticali, e cu tutti t' ha' a 'nfurmari. 
Prinui t'alTiiccia Pcppi, e po' Michcii **; 
quannu la pczza 'un si. p6 spiccicari, 
t' accumpari un scursuni cu lu fcli ! 
Eu ti lu dicu, nun ti lu scurdari. 

». Tisay syclta, civettuola. 

* Vcdi nota i, qui innanzi, a pag. 513. Qui si cnumerano Ic varic niisure 
e i pcsi adoperati dal bottcgajo. 
5 'Mprisa, qui, stregua. 
-♦ Pirfrwn\ far mallcvaria per altri. 

s Agnuui, angolo. Cao'c, ticnti seniprc nd posto piii moticsto. 
^ Porta con te il hasten c. 
7 'Verti\ avvcrti, bada. 
^ Sottintendi: i coigiunti dclla fatura nuora. 
9 Cioc, millc ambasciatori venrjono a proporti il partitg. 



Digitized by 



Google 



LA VJTA DEI CONTADINI SICILIANI 35 1 

Nun ti scurdari a fujri lu jocu; 
ama ki sunimu Diu cu cori puru; 
airacqua eJ a lu focu dacci locu; 
caniina cu lu lustru, e no a lu scuru. 
Canza cu' guarda vasciu e parra pocu; 
lu giarnarusu * ivi lu cori duru; 
cani chi ahbaja ass\ii muzzica pocu, 
ciumi chi grida passacci sicuru. 

•Pri lu sicuru, scnti lu passatu % 
c scnti di Tantichi li so' provi: 
di stu fattu, ciii Davidi ha passatu 
quannu Saulli a chiamari si smovi, 
Davidi cu Saulli 'un cci ha turnatu "»! 
Arriparati, figghiu, quannu chiovi; 
si soli diri: « A* 'n' amicu pruvatu, 
cchiu chi lu provi, cchiu tintu lu trovi », 

Ed a sti provi, figghiu, t'arriduci, 
di sta ragiuni si' fattu capaci: 
s'arderu cincu cita tra focu c luci, 
chi tutti avianu lu cori 'stinaci -*. 
Scnti di Salamuni la s6 vuci: 
« Vanita ! Vanita ! Munnu tallaci ! » 
Figghiu, a stu munnu ha' 'bbrazzari la cruci 
si voi muriri 'mmenzu di la paci. 

'Mmcnzu la paci nun stari a ripctri ^\ 
adiirati li Santi 'ntra li quatri*, 
li santi Inimigini lauda cu li cetri; 
niisurati cu livcddi e boni squatri ; 
figghiu, voi siminari, si voi nictri ^; 
scansali e fujli li 'nnimici latri; 



* Giarnarusu, giallo in viso. 

2 Cvok: per andar sicuro, ascolta la voce della espcricnza (del |>iissato). 

3 La conosccnza di cose bibliche vicnc ai Contadini dalle prcdiclic religiose^ 
» 'Stfnad, ostinato, diiro. 

s Ripi^tri (ripetiri, ripitari), pinngcrc, fiir la nCnia (rcpilu). 
^ Metri, (viliiri) mictcrc. 



Digitized by 



Google 



352 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

si voi amuri di li stissi pctri, 
primu adurari a Diu, poi patri e hiatri. 
Di patri c niatri senti lu cunsigghiu : 
la santa Cliiesa e riparu e cummogghiu; 
Maria unica rosa, unicii gigghiu, 
matri di sagramcnti e Sagru scogghiu, 
lu suli cu la luna cci assimigghiu, 
la santa Trinita ch* c misa in sogghiu. 
Pcppi Gianimona cci dici a so tigghiu : 
— S;\rvati V anna tua, ca accussi vogghiu. 



VI. 



Questa, chc segue, c poe^sia die non rcca nomc d'autore. La 
tradizione, varia ne' varj Coniuni della Provincia di Palermo, Tas- 
segna qui a Giuseppe Panzavecchia da Partinico (+ 1851), li a Giu- 
seppe GiAMMONA, altrove a Giacomo Randazzo da Carini (h circa 
1859), o ad altri piu o meno noti tra' poeti del popolo. Ma, sia di chi 
si voglia, e certo fra i piu notevoli documcnti popolari in riguardo 
alia vita ed alle usanze de' Contadini siciliani. A meglio intenderla 
e illustrarla, io mi richiamo anche qui ai prccitati miei Schi:(:ii di 
costnmi contadimschi (capp. Ill elV), e chieggo scusa sc necessiti mi 
astringe sovente a citare me stcsso. La poesia-, nclP insieme, si pu6 
considerare come un comento al noto proverbio siciliano : « Ln 
viddanu, hi jornti fa lu porcu, la sira hi sceccn e la notti lu verm ». 

La vita di lu Viddanu. 

Chista t la vita chi la lu Viddanu. 
Si susi cu du' uri di matinu, 
e prima lauda a Diu autu e suvranuj 
dipo' Tiigghia si cala a matutinu \ 



* I Contadini, innnnzi giorno sogliono far un primo pasto, o bcruzzo, chc 
diccsi /' (i^i^hia , appunto pcrchc consistc in un po' di pane con aglio. 



Digitized by 



Google 






LA VITA DEI CONTADINI SICILIANI Jjj 

Pigghia li firramcnti c lu so pani 
c allura alF antii fa lu so caminu; 
juncennu, a fatjari metti manu, 
ca chissu happi di Diu pri so distiniu 

E^ fatjari happi lu so distinu 
di primu jornu :r cuddata di suli: 
fa sulchi, squasa \ stimpunia % simina, 
zappa la vigna e scurri lu lavuri >; 
prima la fava, poi scippa lu linu, 
po* meti e pisa cu li gran quaduri, 
dipo' h la vinnigna e 'mbutta vinu, ^ 

scmpri chinu di ;:c\ccani ^ e suduri. 

Sempri suduri e zaccani cci trovi, 
c;\ sempri un toccu fa la s6 campana : 
mina lu ventu, fa furtura ^ e chiovi, 
lu suli abbriicia cu la so quadana ^, 
agghiorna e scura, a la terra lu trovi, 
la terra lu sustenta a la carvana ''; 
si di la terra lu Icvi e lu movi 
casca comu lu ciuri di la rama. 

La terra lu chiama di V ura chi nasci, 
'n terra si curca, 'n terra s' addurmisci ; 
a mala pena chi lassa li fasci 
va pri li timpi ^ e 'ntra li timpi crisci; 
c dda di longu a la fatija Y asci ^ 
e appressu di so pa' si 'mpratichisci, 

* Squasa, scalza la vigna. 

* Stimpuuia, ronipc Ic zoUe, andaudo dietro all'aratro, quando si iicnuna it 
grano. 

3 Scurri lu lavuri, netta il seminato dalle crbe inutili c dannosc. 

4 Zaccani, zacchere, fanghiglia. 

5 Furlura, intense freddo accompagnato da vcnto. 
^ Quadana, caldura. 

' A la carvana, nclla impresa, nel camniino (nclla carovana) dclfii vita. 

^ Timpi, zolle. 

'» Dt loii'^n, di continuo. L\isci, il trovi. 

Archivio per U Iradiiioni popolari-^\o\, XI 1 1, 45 



Digitized by 



Google 



J54 AKCUIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

c pri SO pa' fatja, ca lu pasci, 
ajuu a la famigghia ed assupplisci. 

Comu la varva cci crisci e cci spunta, 
si scnti omu e d' omu voli fari; 
va iini so matri e 'mparissi s' affrunta *: • 

— O ma', vi dicu, m' dti a maritari. 

— Sit tij^Ljhiu miu, ca e giusta la cunta % 
bonu partitu ti vogghiu truvari \ 

d* accordiu cu to pa', la cosa spunta, 

si voli Diu, 'ntra un nenti T dmu a fari. — 

Lu *nguiggiu 5 fa a la festa principali, 
cu gran cummitu, cu scializzi e sbju ^. 
Lu luni, po', si quasa li prantali ^ 
pigghia la zappa: — Mu^hiruzza, addiu. — 
Bisogna ca zappa, si voli campari, 
ch ora lu pinzeri cci crisciu, 
ci puru a T abbiniri ;\vi a pinzari 
pri chiddi figghi chi cci manna Diu. 

Finiu lu tempu ca a livata-nianu 
lassiiva 1* autu senza firnicia ^; 
ora, cogghi li robbi animanu amnianu, 
la testa 'n terra e si metti a la via. 
Li sgroppi c li ruvctti " di ddu chianu 
supra li spaddi un fasciu nni carria, 
sinno 'un s' adduma lu so cufularu ^ 
la mincstra arresta pri la via. 

Idda ^ r aspetta cu V occhi a la via 
c a lu scrupillu si cci allegra V anna • 

^ 'Mpanssi / itffrmiQy fintamentc si vergogna. 

' k ^insia la aatia^ il conto dc' tuoi anni tc ne di diritto. 

i ^Xgudg^iti^ sponsalizio. 

4 Scialiix} e sbju, sciali c spassi. 

5 Lufti, luneJV. FrnniaJiy specie di ghette usate dai villici. 
* Firtticia, soUecitudine, affanno. 

7 Sgroppi e ruvetlit fuscelli e rovi. 

^ Cufiihruj rntitatcsi di Fucuhrn, focolare. 

J Idda, C5S.I, per antonomasia, la nioglie. Cos'i iddii, cgli, e il marito. 



Digitized by 



Google 



LA VITA Dtl CONTADINI SICILIAMI 

ca iddu porta, e 'ntra mentri talia 
e la stanchizza di bottu cci carma. 
Lu viddanu chi 'un porta, 'un ha valia, 
veru pinesi \ ne cunta ne sparma; 
cci nn' c lu muttu : « Cu' va a la campia, 
porta, massaru, e ti dugnu la parma ! » 
E sempri parma lu viddanu spinci ! 
Di minestra 'na tifara ^ si mancia; 
e comu mancia, lu sonnu V abbinci 
ca ognedunu pri mortu vi lu scancia. 



3)) 



Assummanu li figgin di cuntinu 
comu la lapa quannu Hi V aparu ^;. 
cci voli pruvidenzia ^ di cuntinu, 
fari sempri lu sccccu di jissaru ^. 

Addunca, si battcnnu stu Carvanu 
nui sempri avemu st' amaru distinu, 
a Diu ed a Maria ringraziamu 
chi a nui nni reggi cu ajutu divinu; 
nni duna la saluti e travagghiamu 
e nn' accanzamu " lu pani e lu vinu; 
chiddu chi voli Diu ! cci curpa Adamu, 
di poviri nni tocca lu distinu ! 



» Pinest, dappoco, disutilaccio. 

* Tafura, piatto di grandi dimcnsioni. 

3 Sopprimo otto versi, per ragioni lacili a intcndere. 

4 Aparu, apiario. ^ 

s Pruvidenzia, qui, k nel tempo stesso Talimento e la provvidcnza divina. 
^ Lavorar sempre c pesantemcnte come 1' asino che trasporta il gesso. 
7 Accan:(amu^ guadagniamo, conseguiamo. 



Digitized by 



Google 



3)6 ARClIVfO PER LE TRADIZIONI PO?OLARI 



VII. 



Per r intcrpretazionc di questi due ultimi versi , bisogna ri- 
chiamarsi ad una novelletta tradizionale, con la quale il popolo di 
spiegazione e ragione della dispariti socialc die dapertutto ' esiste 
fatalmente. Riproduco questa novelletta, che fa molto al caso, da 
un mio libretto del 1884, esaurito ^ Eccola integralmente : 

Li Ricchi e li Poviri. 

A tempi di lu patri Adamu, lu Signuri jia firriannu hi niunnu. 
'Xa mntina , passa c passa di la casu di Adaniu. Adamu e Deva 
avianu fattu vintiquattru figghi : e parcnnucci niali , davanti a lu 
Signuri , ca 'nta pocu tcmpu nn' avianu fattu tanti, chi fannu ? a 
dudici di sti figghi li fannu ammucciari sutta un tincddu, c a T iutri 
dudici si li tinniru a latu. Arriva lu Signuri : — Adamu , (dici), 
quantu figghi hai ? — Signuri , dudici. — Dudici suli ? — Dudici. 
— 'Nca, (dici lu Signuri), ti li binidicu a tutti dudici, c chi sianu 
sempri ricchi e filici. — * 

I: comu dici accussi, si nni va pri so via. 

Ddocu si vota Deva c cci dici, ad Adamu: — Ah, ch' hamu 
fattu ! ? 'Kca ora sti dudici ammucciati arristaru senza biniditti, 
e pcrci6 poviri c mischini. — Ragiuni hai, (dici Adamu); ora lu 
chiamu arre'. — E si nictti a gridari: — Maistru ! Maistru ! — 

Lu Signuri torna : — Chi voi ? 

— Maistru, binidicitimi puru a. chisti dudici , ch' eranu sutta 
lu tineddu, c;\ eu vintiquattru figghi haju. 

— Ih ! (dici lu Signuri), tardu cci pinsasti ! Ora la binidizioni 
fu fatta: pirchi nun mi lu dicisti antura, quannu ti dumannai eu ? 
Ora nun cc' e rimiddiu. 

— Uh ! (dici Adamu tuttu angustiatu), c addunca comu liannu 

a fari? 

^ 

* Salomone-Marino : Atieddoti^ Proverhj e Motteggi illustrati da KovtUetlt 
popoJari siciliane, al n. IX (Palermo, Tip. del « Giornale di Sicilia, » 1884). 



Digitized by 



Google 



LA VITA DF.I CONTADIKI SICILIAXI 3)7 

— Nenti ! (rispunni lii Signuri); chisti servinu a chiJdi, e chiMi 
fannu campari a chisti. — E si nni jiu. ^ 

E accussi fu ca 'ntra lu munnu la niiti sunnu ricchx c h mid 
poviri, e chisti servinu a chiddi, e chiddi fannu cnnipari a chisti, 

VIII. 

Una variante notevole della precedente novellina rcca , che 
Domineddio diccsse ad Adamo le ultimc sue parole cost: t< Chisti 
(i poveri) servinu a chiddi (i ricchi) travagghiannUy e chiddi fannu 
campari a chisti pagannu; ca cu travagghia catfipa, e lu fravagghiu 
tu In binidicu ». II lavoro, dunque, i beneJetto da Dio, 6 santo; 
ed anche gli uomini di cuorc c di fino discernimento lo hencJicono 
e lo premiano. Qiicsto ci affcrma un' altra novelliiu popolare, 
ch' c la se2:uente ': 



^o" 



Lu Re e lu Viddanu. 



Cc* era e cc'era 'na vota un Re, ma bonu, bonu asiai, e facb 
sempri di lu beni, e spinnia tanta lim6sina a li bisuL^nusi. Ma lu 
nasu r avia finu e nuddu cci la putia fari, quannu chi lu vulianu 
'ngannari. Tanti marpiuna - si fincianu poviri, ca vulianu fari Farti 
di Michilassu '^ e cci jianu pri limosina. Lu Re , chi ficia ? At- 
tintava , attintava li storii e li guaj chi cci cuntavanu, c 'ntra 
nientri, cci taliava a chiddi li manu. Si avianu li ni:inu fini e li- 
sci, cci dicia: — Va beni, va beni; vajtivinni ca pruvvidiro ! — e 
'n cinciu di dinari, cci mannava li muntcri % ca ranamuffulax'anu * 
e si li purtavanu 'n galera. Ma si cci vidia li manu ruviii e c;id- 



» £ inedita c V ho raccolta dalla bocca di Giuseppe Emma da Borgetto. 
Una lezione alquanto diversa vedila in Pitr^: FiahCy Novelte e RaccmilifVoh IV, 
n. CCC, p. 278 (Palermo, L. Pedone Lauriel, editcre, 1875). 

* Marpiuna, truflfatori. 

3 II proverbio dice: L'arti di Michilassu, Mancia^ vivi e si sin a slmsstt. 

4 Munteriy birri. 

5 Ammuffulavanu, ammanettavano con miifole^ speciali manette di cordicclia. 



Digitized by 



Google 



3>8 ARCHIVIO PER LB TRADIZIOMI POPOLARl 

dusi, allura cci facia milli accugghienzi, cci dicia tanti cunorti * , 
e cd dava, beni c megghiu, di nari abbastanti quantu cci livavanu 
tutti li guaj* 

Lu Ministru nun nni capia nenti; e mancu si prrsuadia com* c 
ca tiittu lu populu lu binidicianu, a lu Re, quannu chi a tanti li 
inannava a la gnlera. Un jornu, 'nfini, cci vosi dumannari: — Mai- 
sta, com' c ca tutti vi binidicinu, quannu chi a tanti li mannati 'n 
galcra sciua fari nudda mancanza? Com'e ca la limosina la faciti 
a tanti autri, senza mancu 'nfurniarivi di nuddu ? A mia, mancu 
mi pari giostu chistu ! — 

Lu Re lu cumpatiu. Poi cci dici: — Eu nun m' informu : eu 
cci laliu li mann, a li bisugnusi chi vennu nni mia. Cu' fa la 
vita di travL^g^hiii, cci havi li caddi ; cui nun vo!i travagghiari , 
1' havi fini. Ora, a cu' e chi travagghia cci tocca Tajutu, pirchi cu* 
travigghia e oncsti], c quannu havi la sfurtuna, Tajutu si lu mcrita e 
cci 111 dugtui cu tuttu lu cori. Lu travagghiu Diu lu binidissi; ed 
cu puru li binidicu chiddi manu chi travagghianu ! A cui voli 
Campari senza travagghiu, 'n galera! — 

Lu Ministru cagghiau ^; c po' si nni jiu cotu cotu '>, diccnnu 
*ntra d' iddu; — Ragiuni havi ! cu nun cci arrivava ! — 

E chistu e lu cuntu di lu Re c lu Viddanu. 

IX. 

Riporto in fine alcunc canzone popolari incdite, che si riferi- 
scono ad iisi ed a lavori contadincschi. Parecchie altre del genere 
li puo nscontrare, chi ne ha voglia, nellc varic collezioni a stampa 
di canti popolari siciliani. 

Lu viddaneddu turnannu a la sira, 
• torna a la casa ch' c stancu ed amaru; 
posa la zappa e li prantali stira, 
e r occhi r ivi sempri a lu quadaru... 

(Borgefio), 



' Cufwrh, coiiforti, parole con forte voli. 

= Cagghiau t Ciiglio, allib'i. 

1 CMu codt, raccolto, raggomitolato. 



Digitized by 



Google 



LA VITA DEI CONTADINI SICiLIANl 359 

Arsira me* maritu, puvureddu ! 
mi vinni cnrricatu com' un sceccu *: 
'nta lu saccuni cci avia un 'ntuppatcddu *, 
vinni sudatu 'nfin' a lu cileccu ! 
Ne si scurdau, no, lu cufuncddu : 
supra li spaddi ha purtatu un ruvettu ! 
Quannu torna di 1' antu, oh massareddu ! 
la casa abbunna, 'un cci mittiti pcccu ! 

(Borgetlo). 



Arsira mc' maritu notti vinni 
cu li vertuli 'n coddu com' un janni ', 
si sucau du' lasagni linni linni ^. 
e s'agghiazzau ^^ch'avia sonnu granni.,- 

{Borgettd), 

Lu me' amanti cu Topira ^ partiu, 
mi dissi: — Vaju a metiri luntanu; 
si lu vuschitu ' c bonu, sper' a Diu, 
a la turnata poi nni maritamu. — 
A li du' uri passa, e dici: — Addiu ! — 
avia r ancinu e la furcina 'n manu. 
Beddu stinnardu ch' c I'amanti miu, 
di r opira paria lu capitanu ! 

{Bor^ettd). 



* Sceccu, asino. Questa canzona c una satira a' Contaditii d^ppoco che ri- 
tornano dalla campagna senza portar nulla a casa. 

* 'Ntuppateddn, lumaca. 

5 Janni, baggeo. 

4 Linni linni, svdtamente, alia lesta. 

$ S'agghiaixfit'^i si coric6, ando nel giaciglio (janu). 

6 dpira od opra d'omini, e una squadra di otto contadinl clie iusicnic ii re- 
cano air « antu », o al campo per la mictitura, 

7 Fiiscbitu, guadagno. 



Digitized by VriOOQlC 

i 



360 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Addiu, curuzzu, mi nni vajii a m^tri, 
mi vaju a afFannu tanticchia di pani, 
si no, nni damu la frunti a li petri 
e nun cc' c chi manciari a lu 'ndumani. 

(Partinico), 

Ed ora conchiiido, diccndomi pago di aver fornito un gruz- 
zolo di documenti , che non possono nc debbono esser trascurati 
da chi seriamente studia la questione de' Contadini siciliani, e Tin- 
dole, e 11 sentire, e la vita vera di cssi. 

S. Salomone-Marino. 






Digitized by 



Google 




USl VENATORII IN SICILIA. 
(SPIGOLATURE) 

I. — Antichi usi venatori in Sicilia (1550 a 1568), 

UESTi usi si rlcavano dalle seguenti prammaticlie proi- 

bitive. 

La prammatica data a Palermo a 19 Aprile 1550 
comandava « che non sia persona alcuna , di qualsivoglia grade, 
stato e conditione si sia, che debia, ne presuma, ne habia audacia 
d'entrar in qualsivoglia luogo, o vigna, seminati ed arbitrii tU questa 
felice Citta... ne per cacciare con li sprivieri a quaglie et aicri iic- 
celli etc. » *. 

La prammatica da Palermo 10 Maggio 1550 disponeva « die 
da qui innanti nessuna persona di qualsivoglia grado, e condition 
sia , debia ne presuma cacciare , ne pigliar francoline con Iai!zoli> 
reti, e balestre, ne altre sorti , e modi, ne con cani , eccctto con 
uccelli di rapina » *. 

» Pragmaticae regni Siciliae cum priviJegio. Alia line : Finis primi tomi. Pjl- 
normi, Apud Decimum Cvrillum, MDCXXXV ; in 4. pp, 48 n. n. — 444-10 n. n. 
Vedi a pp. 355-356: Titidus LVIL De poena venatorum , et aliorum ingretUm- 
Hum agros aJienos. Pragmaiica unica. 

* Pragmaticae etc. vol. cit., pag. 356-357. TituJus LVIII: De prohihita vma- 
tione Uporum, attacenarnm, sive francolinarum, et perdicnm. Prag. Prima. 

Arcbivio per Je tradi^ioni popoJari — Vol. XIII. 46 



Digitized by 



Google 



362 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARl 

Un' altra, emcssa a Palermo a 20 aprilc 1553, sancisce « che 
da qui innanti nessuna persona Ji qualsivoglia dignita, stato, grado 
e conditione si sia ardisca, ne presuma cacciare, ne prenderc lepri 
con lacci, rioli, reti, ne ammazzarli con bastoni o balestre, e pi- 
gliarii a laccio in tempo di neve, ne in luogo, dove ci t neve an- 
dare a caccia de lepri, tanto con cani, come senza, e cosi ancora 
non si possi andar a caccia con cernechi per cssg molto dannosi 
alia detta caccia de lepri, ina solamente sia lecito ad ogn'uno cac- 
ciare, e prender lepri con cani e no in altro modo, ne altrimente ». 

Questa prammatica iu rinnovata con data di Messina 30 No- 
vembre 1565; e poi a Palermo a 4 Novembre 1568 ' ed in que- 
st'ultima concbiudeva cosi : « Aggiungendo e comandando in vim 
praesentis pragmaticae perpetuo valiturae, che nel tempo della caccia 
incominciando dal primo del mese di Marzo per tutto Luglio d'ogni 
anno non si possa andare a caccia di francoline, ne pernici a modo 
alcuno, ne meno con uccelli di rapina, in nessuna parte, ne luogo 
del Regno. E di piu aggiungcmo , et ordiniamo , che trovandosi 
alcuna persona con francolini, essendo quella vile (intend! del po- 
polo), che non si possa verisimiliter giudicare, che I'habbia preso 
con uccelli di rapina , sia tcnuta et obligata dare conto d' onde 
r hebbe, poiche non vi ponno pigliare, se non li sopradetti uccelli 
di rapina etc. » 

Finalmente la prammatica da Palermo 8 marzo 1553 provve- 
de\ia « che ncssuno cacciatori di detti falconi , di qua innanzi ar- 
disca di prendere, ne far prendere folconi nidaci innanzi dclli vinti 
del mese d' Aprile d'ogni anno, ma di detto tempo innanzi li sia 
lecito fare la presa di detti falconi » ^ 

E da notare pei francolini, che « perseguitati ovunque, atteso 
Teccellenza delle loro carni, la focilita di predarli, e V ingente abuse 
di caccia che ebbe luogo in questi ultimi anni, per cui non erano 



> Pragmaticae etc., vol. I cit. , pp. 357-359. Titulus LVIIl cit. Pragtnatica 
sccunda, 

2 Pragmaticae etc., vol. 1 cit., pp. 360. Titulus L IX: Dc prohibiiione capiendi 
Falcones. 



Digitized by 



Google 



• USI VKNATORIl IN SICILIA 5^3 

rispettate le feminine , neanco quando erano sulle uova , linirono 
coiressere pressoche interamcnte distrutti » ^ 

II. — La caccia delle quaglie in Palermo (1742 e i86g). 

II Mongitore, a meta dello scorso sccolo, cosi scriveva: a Oltre 
gli uccelli proprj della Sicilia , che in tutto V anno si vcdono in 
ogni parte , vi sono in Sicilia alcuni Uccelli , che chi;nnianio di 
passaggio, che vengono in tempi determinati, e stando per qualche 
tempo, se nc partono. Tali sono le Coturnici, che chiamaiio Qua- 
glie, nome lor dato forse dal canto. 

Vengono in foltc schiere dall'Africa nei tempi d'Aprile c Maj^igio: 
e allora si pongono in soUecitudine i Cacciatori; poiche corteggiati 
dai cani, si portano a fame preda. In Palermo nelle contrade delh 
Bagaria e Colli e in tutta la pianura , che stendesi intonio alia 
Citti, si gode nell' accennato tempo questo dilettevole e5erci;^io. 
Quelle Quaglie poi , che scampano i colpi delli schioppi, e V in- 
sidie delle reti, se ne ritornano ncirAutunno, nei mesi di Agosto 
e Settembre » ^ 

Un moderno scrittore del vicino continente, professorc nclla 
nostra University di Palermo, nota invcce su la dilettevole caccia- 
gione, queste altre specialiti: « II nottolone 5 c il foriero in Sicilia 
di un pill o meno copioso arrivo di quaglie "^^ lalch^ la sua veniita 
schiude a Ictizia il cuore ai cacciatori di Palermo, che nella genc- 



^ Ax^fauna del Modencse e iklla Sicilia per Pif.tro Doderlf.in. Pakmio, L,io, 
1869. Vedi a pag. 159. 

2 Delia Sicilia ricercata nelle cose piii memorahili, Tomo Primo, the rofitieue 
quanlo si ? osservato di raro nei Vivenii Raxionali, negli Animali e nd Ckh Si- 
ciliano. Opera di D. Antonixo M(iN'Grj"ORi; can. etc. In Palermo MDCCXLtl 
nella stamperia di Francesco Valenza Impressore della Santissima Crodata ; in 
4 pice, pp. XVI-424. Vedi a pag. 236-238. 

3 Capriwul^us europens , Lin. — 'Ni^anna foddi (Sic.) , Gaddu foJdf (Cit.'l, 
Curdaru (Cat., Mess.). Tiirdu (Polizzi). Dodi-rlfin. 

4 Cotiirnis communis, Bokat. — Qua^ijhia (Sic.). Doderlf.in. — OuagHn (Ca_ 
steltemiini). 



Digitized by LrtOOQlC 



3^4 ARCHIVIO PER LH TRADIZfONI POPOLARl 

rale penuria di uccelli stizionari, attenJono quei preziosi giorni di 
passaggio per darsi a codesto piacevole esercizio. 

Le quaglie in Sicilia sono in parte uccelli di varco , ed in 
parte semistazionarie. II primo e piu importante loro passaggio ha 
iuogo dai primi di aprile a tutto maggio , e si protrae alle volte 
perfino ai lo, I2 di giugno; mentre il ripasso, assai piCi scarso ed 
incerto, si eflPettua dai primi di settembre sino ai 15 di ottobre in- 
clusivamente. 

E d'uopo confessare che il .transit© primaverile di questi uc- 
celli gode realniente in Sicilia una meritata rinomanza, poichi tanta 
copia se ne raccoglie in certi luoghi, che gli esperti cacciatori 
giungono sovente a prendere col fucile un centinaio e piu d'indi- 
vidui al giorno. OnJ'e che tutti i votl di questi eletti settatori di 
Diana , tutte le speranzc ed i dispendiosi preparativi fatti entro 
Tanno, sono unicamente volti a questo desiato periodo di tempo. 
Sventuratamente pero codeste preziose giornate sogliono essere al- 
quanto rare; innumerevoli circostanzc di tempo, di Iuogo, di vento, 
concorrono sovente a mutarle ed a sfruttare i preparativi e le spe- 
ranze meglio concepite del giorno precedente. 

A Monte Pellegrino in particolare presso Palermo, dai 20 a- 
prile a tutto maggio, epoca in cui si effettua il maggior passaggio 
delle quaglie, ha giornalmente Iuogo uno spettacolo altrettanto di- 
iettevole quanto singolare. Quivi sul vasto altipiano che si stende 
a fianco dell'eremo di Santa Rosaha, si raccolgono sul primo al- 
bore del di da 2 a 300 cacciatori, convenuti durante la notte dalla 
citta e dai paesi circonvicini sopra innumerevoli carretti, somarelli, 
giumente ccc, coll'inseparabile comitiva di cani e di garzoni pa- 
raquaglie. 

Un incessante vociare dei padroni che fra loro si richiamano . 
e si salutano, che ordinano , apprestano le armi , e con piccoli e 
reiterati spari le sturano , e le asciugano dalla penetrante umiditi 
del mattino; un guaire, un querelarsi dei cani, che impazienti ane- 
lano d'essere sciolti dai loro quinzagli; un alternante e sonoro rag- 
ghiare delle indomite cavalcature, stipate a forza in un angusto ri- 
cinto sottostante alia chiesa, formano nell'ora che precede V aper- 



Digitized by 



Google 



USl VHNATOKII IN SICILIA 5^5 

turn della caccia, tale un frastuono nella ancor buja atmosfera, da 
disgradare quello di un villaggio in fiera. 

Apprestate le armi i cacciatori s' avviano mano mano verso 
il centre della prima spianata , e vi si dispongono in gruppi sva- 
riati entro un dato limite cui non h dato ad alcuno di varcare. 
Quivi ognuno s'apposta, traccia fra se la via che ha da percorrere, 
e tranquillamente attende il segnale della partenza. Un inomentaneo 
silenzio sottentra su tutta la linea. Al vibrare del primo raggio di 
sole die maestoso s' affaccia sul lontano orizzonte , il capo-caccia 
col battere delle mani annunzia V apertura della caccia. Ed allora 
chi pu6 mai descrivere lo spetticolo, il movimento die s'ingenera 
su tutta linea ? £ un esercito che muove all'assalto ! 

L'irrompere dei cani nella landa, la gara dei padroni che ten- 
tano sorvanzarsi a vicenda per raggiungere i posti migliori, il tuo- 
nare delb fucilate, I'accorrere dei garzoni alia raccolta delle vittinie, 
annunziando con alta e stridente cantilena il, nome del cane che 
punto la quaglia uccisa, e per di piu le incessant! grida di all'eria 
oh I ripetuto indistintamente da pressoch^ tutti i cacciatori e gar- 
zoni, per avvertirsi scambicvolmente della loro presenza, e scansare 
possibilmente qualche malaugurato colpo di fuoco , tali sono gli 
elementi di cui si compone questo bizzarre quadro, degno in vero 
del pennello di cletto pittore. 

In brevi istanti la prima spianata e gii\ percorsa e frugata in 
tutti i sensi, e le quaglle parte uccise, parte sbandate verso la ma- 
rina, vi richianiano il nerbo dei cacciatori, che cedono ai piu pro- 
vetti e modesti loro compagni il devastato canipo, ove cogliere piu 
parcaniente, ma piu sicuramente i superstiti avanzi della primiera 
carnificina. 

I Palermitani, non contcnti delle loro grasse cacciaggioni di* 
quaglia nell'agro della loro citti, vanno anche a cacceggiarle nel- 
risola di Ustica, approfittando del battello a vapore, che per poche 
ore vi approda due volte al mcse. 

Unitamente alle quaglie si fa la caccia del re di quaglie * sul- 

* Ortygometra crex, Li.ach. — Re di qitagghi (Sic.) , Reggina di U quagghi 
(Pal.), Re di quagghi veru (Mess.). Doderlhin. 



/Google 



Digitized by ^ 

A 



366 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI t>OPOLARl 

r Altipiano di Monte Pellegrino , ed anche presso Altavilla e Ca- 
steldaccia ^ 

III. — La caccia delle allodole in Palermo (1742 e 1869). 

a Non h men dilettevole , scrive il Mongitore , la venuta in 
Sicilia delle Lodole * , chiamate corrottamente Lodane , nel mese 
d'Ottobre. Vengono anch'elle a schiere, e i Cacciatori sopra bar- 
chette poco distant! dal lido Taspettano, e con gli schioppi dan loro 
il buon arrivo, per essi (^sic) infausto: e nelle reti in terra trovano 
la prigione » '. 

Ed il Doderlein alia sua volta scrive che « le lodole sono in 
massima parte uccelli di piissaggio ed ibernanti in Sicilia. II lore 
transito piu copioso s*effettua in autunno, e per i cacciatori di Pa- 
lermo questo avvenimento e una vera festa popolare. Come del 
nottolone per le quaglie cosi dalla piu o meno abbondante com- 
parsa delle Codette bianche "^ in sul mattino delle belle giornate di 
ottobre, i cacciatori di Palermo traggono pronostico ad un corri- 
spondente copioso passaggio di allodole nel pomeriggio della stessa 
giornata. 

Di fxuti in tale pomeriggio, anche delle altre belle giornate di 
ottobre una numerosa schiera di giovanottl, armati di fucili, con- 
viene ad appostarsi lungo le spiaggc di quel vago seno di mare 
che si schiude fra il porto ed i monti di Mare-Dolce, ed in parte 
s'aggira in leggiere barchette per la magnifica rada di questa citti, 
onde attendere al varco questi uccelletti. 

Un fitto tirare di fucilate che dal largo si protrae alia spiaggia, 

« Avifauna del Modeuese e della Sicilia per PirTRO Doderleik cit. Vedi alle 
pp. 150, 165, 166, 200 e 348. 

2 Alaiida arvensis, Lin. — Lonaim (Sic), Lodona (Castrog.); Lodona (Girg.), 
Addulidda, Lodola Cicirnni (Cat.), Calandruni (Mess.), Calaunaruni (Caltag.). Do- 
derlein. 

3 Delia Sicilia ricercata cit., torn. I, p. 238. 

4 MotaciUa alba, Lin. — Pispisa janca o vranca (Pal> , Sic.) , Pispisa hianca 
(Girg.), PisM'sa nivalora (Castelb.), Vispisa (Sirac.). Doderlein. 



Digitized by 



Google 



USl VENATORll IN SICILIA 367 

annunzia l^arrivo dci numcrosi branclii Ji lodolc, che manu inano 
arrivano dal coiitineiite; parte delle quali cadono in mare c rc'itan 
preda dei cacciatori, parte atterrite, scomposte, decimate, si ritiii;- 
giano nelle vicine campagiie. 

Si calcola che circa 300 cacciatori in tal occasione stieno 
schierati lungo la spiaggia , ed altrettanti appostati in barclictie a 
prender parte a questa singolare tenzone; talche per il moviniento 
che s' ingenera in tutta la linea , per Tincessante tuonare e riper- 
cuotersi delle fucilate, per i globi di tumo che biancheggiano e si 
innalzano da tutti i lati, le adiacenze di Palermo, in tale incuntro, 
offrono Timm gine di un vero campo di battaglia '. 

IV. — Le quaglie in Messina (sec. XVII). 

« In Messina le quaglie si vedono in grande copia ; poic he 
non solo ingombrano le campagnc Peloritane, ma anche si vi^dono 
battere nelle mura della Citta, ed entrar nelle case, onde e dai fan- 
ciuUi e dalle donne agevolniente si pigliano colle mani. G. B. Cor- 
tese cosi ne scrive; « In Sicilian! tempore Martii, et Aprilis (prae- 
sertim Messanae) adeo frequentes sunt, ut acervatim copiantur; et 
nonnullae in domus refugientes etiam a raulieribus manibus acci- 
piuntur » *. 

Placido Reina ndVIntrodu:(ione alle noti:(ie istoriche di Mesuna 
par la del costume messinese di far tra loro azzuffare le quaglie. 
« Oggidi, (1658) egli scrive, i fanciuUi e gi ovinetti Messiiiesi per 
antica usanza tramandata dai maggiori, si dilettano di far combat- 
tere da solo a solo le quaglie. Impercioch^ parlando dei maschi, che 
facilmente si discernono dalle femine , sono eglino a mcravigtia 

' Avifauna del Modetiese e delta Sicilia per Pihtro Doderlein, cit. Vcdi iiUc 
pagine 92 e 10 1. 

Vedi pure: Lo specchio delle science, giomale del sig. Rafinesque; Palermo, 
18 1 4, torn. II, p. II; e Nuova Guida per il siciliano e lo straniero ec. di Salv. 
Abbate e MiGLioRE ccc. Palermo, tip. Clamis e Roberti, 1844, p. 156. 

« G. B. CoRTESE. Miscell. Medic, dec. $, cap. 2, f: 176, ai, dal MoNniTOBt 
loc. cit. Qucst'opera del Cortese t'u ignota al Miraed al Narbone. 



Digitized by VriOOQlC 

i 




X 



^68 ARCHIVIO PER LH TRADIZIONI POPOLARI 

feritori: si che alle volte si 6 vcduto, che spennacchiandosi T'un 
Taltro, e iacerandosi con efFusione di sangue, prima vogliono ab- 
bandonar la vita , che ritirarsi dall' incominciata batLiglia ^ E a 
questa usanza accennano, prima del Reina, monsignor Otuvio Bran- 
ciforti — 1642—% e dopo, il dottor Girolamo Basilico— 1661 — % 
e il can. Ant. Mongitore — 1742 — ^. 

V. — La cacciagione degli uccelli acquatici 
in Sicilia (1869). 

« L' anitra reale ^ fa parte di quelle meravigliose congreghe 
invernali di uccelli acquatici che popolano i maggiori laghi e stagni 
di Sicilia , e vi dan luogo ad una delle piu caratteristiche e sin- 
golari scene ornitologiche dei paesi meridionali di Europa. La 
vita di queH'immenso formicolio di uccelli di tutte le dimensioni 
e di tutti i colori, il frastuono ch'emana dalP incessante lore agi- 
tarsi, e gracchiare, quelle turbe oscillanti or disposte in lunghe file, 
ora concentrate in irregolari masse che nuotano , s* inseguono, si 
tuf&no, si querelano, si trastullano, e di tratto in tratto insorgono 
a volo, per ricadere a brevi distanze, e ricomporsi in nuovi e piu 
mobili gruppi , t tale spettacolo da sorprendere e da affascinare 
chiunque per la prima volta si avventuri in quei siti. 

E questo fascino si accresce ancor maggiormente qualora, a- 
daggiati in leggiere barchette , si osa penetrare negli inestricabili 
laberinti, onde sono modellati quei pantani, ed ove ogni colpo di 

' Placido Reina. Notiiie istoriche della cilia di Messina. Vol. I. Messina, 
presso Pietro Br6a, 1658. 

* OrrAVio Branciforti. De aniwortim perturbationibus suhcessivarum cogi- 
tationumy par. 2. Catania, presso Gius. Bisagni, 1642, in f. 

3 Girolamo Basilic6. Le Dame guerriere discorso accademico sopra la 
caccia delle quaglie ch* ogn^ anno si gode in Messina. Palermo , presso Domc- 
nico Anselmo, 1662, in 4. 

4 Ant. Mongitore. Delia Sicilia ricenata cit. Tom. I, p. 236-238. 

5 Anas boschas, Lin. — Coddu virdi (Sic). Coddu virdi 'mpiriali (il maschio 
adulto, (Girg.). Anitra regulari (Pal.), Xfeddarda, Maddarda , Melarda (la fern.. 
Pal., Mess., Cat. e Girg.). Doderlein. 



Digitized by 



Google 



J 



USI VENATORll IN SICILIA 369 

reiiio, ogni svolta di battello , fa sbucare fuori dai folii canneti 
circostanti, e sorgere dalla super fie ie delle acque, serie senipre no- 
velle di uccelli diversi. 

II caccktore, che inaspettatamente si vede circondato da Unm 
copia di uccelli, vieppiii divagato dalla sopravvcnienza di altre pii 
belle schiere, non sa difendersi da uii'ansia naturale, da un fa^mito 
interno , che non gli permette sovente di scegliere a tempo la 
propria vittima, e dirigerle opportunamente il colpo. Ma guai se 
egli si lascia doniinare da siffatte emozioni , se per soverchio ar* 
dore di attendere a tutto, non sa padroneggiare la fretta c I'istiii- 
tivo suo turbamento ! ; il risultato della sua caccia sarebbt assai 
meschino, quand'anche egli vi consacrasse Tintiera giornati. Ed e 
solo col sangue freddo , con la tranquillita dell' animo, colU fer- 
mezza della posa e del polso , col saper scegliere e pronUmente 
visare la fuggevole vittima, ch'egli puo sperare d'ottenere un va- 
lido compenso alle fatiche di questa genialc sua campagna. 

La caccia invernale negli estuari della Sicilia arreca un co- 
spicuo reddito ai proprietari dei fondi. Le valli sono in genere af- 
fittate ad anno a speculatori del paese, che le soprafBttano a lor 
volta, ed accordano giornalieri permessi di caccia ai singoli dilet- 
tanti, che ne fanno domanda. 1 permessi unicamente si danno dai 
primi di dicembre, e dalle feste di Natale sino ai 19 di marzo; In 
ogni altro tempo la caccia ne e severamente proibita , onde non 
isturbare le cove e scemare quindi il futuro reddito deirafHttuarto, 
La quota giornaliera che si paga da ogni cacciatore h di due scudi^ 
oltre la colazione ed una lauta mangia ai barcajoli. 

Ottenuto il permesso , il cacciatore s' accoscia il meglio che 
puo a prora di un leggiero schifo , guidato da un solo rematore 
(specie di Caronte nero vestito, con in capo un candidissimo ber- 
retto di cotone), che lo traduce per gl'infiniti viottoli e canali Ji 
quella parte dello stagno che gli venne assegnata a caccia. Codesta 
gente nata sul luogo, indurata alle fntighe, insensibile alle mefitiche 
csalazioni che ne emanano in tempo d'estate, conosce minutamentc 
i piu appartati recinti , ove poter cogliere non solo un maggiorc 
o minor numero di uccelli , ma proprio tal volta tale o ixV altra 
Archivio per le tradi^ioni popolari — Vol. XIII. 47 



Digitized by 



Google 



^'JO AkCHlVIO Ftk Lt IkADlZlUM POFOL.VR] 

specie di cui vorrcbbesi tar prcda. Hppcro e necessariissimo che 
il cacciatore sappia ingraziarsi il proprio nocchiere con mance e 
copiosc libazioni, e ne tenga dcsu la simpatia e il buon umore ; 
poiche sc disgraziaiamcnte qucsti , per qualche inopportune tratto 
o per altro, si credc mal soddisfatto od offeso, oppure se a\-\'erte 
poca abiliti ncl tiratore , pur scnipre sogghignando ed altemando 
spiritosi motteggi e provcrbi, sarcbhc capacc di tradurre per tutta 
la giornata il povcro cacciatore , in localita ove questi trovercbbe 
appcna con che soddisiare la propria passione con qualche raro e 
non invidiabile tiro. 

Evvi pure un'altra circostau/a che Tinesperto cacciatore deve 
tcner da canto in alcuni di codesti estuari e laghi. Avviene difatti 
sovente che di inez/o alle molteplici vittimc, che si colgono du- 
rante la caccia, taluna resti ferita e natante sull' acqua. In tal caso 
alcuni di questi abili Caronti , anzichc raccoglierle prontamente, 
tentano sovente di sviare Tattenzione del tiratore, sia allettandolo 
colla speranza di piu ambita preda, o lusingandone Tamor proprio 
con esempi e racconti; affinche diinenticandosene questi , possano 
poi ritornare sul luogo a tempo bpportuno, e fame loro pro. Ep 
pero ad onta di simili incidenti , la caccia in quei siti 6 quanto 
niai amena ed interessante. 

All'infuori pero della caccia col barchino, niolti uccclli acquatici 
si prcndono pure colle nasse e colle reti sott'acqua, tendendole nei 
crocicchi dei canali , ed inescandole con grano turco ed altri ce- 
reali. 

L'anatra reale non soggiorna soltanto negli' stagni e nei laghi 
maggiori della Sicilia; essa si affaccia sovente, or sola, or appajata 
qua c la nelle campagne siciliane, specie nelle giornate burrascosc 
d'inverno. Sonvi parecchi appassionati cacciatori di Palermo , che 
non temono di restare appostati le lunghe ore alle spiagge, od al- 
rimboccatura dei vicini canali, intirizziti dalla pioggia e dal freddo, 
solo per avere il contento di predare qualcuno dei magnifici coUi- 
verdi che vengono a ricoverarvisi. 

Questi uccelli si colgono pure , nelle notti burrascosc d' au- 
tunno, nei fari del littorale , ove concorrono spontaneamcnte ad 



Digitized by 



Google 



USI VENATORIl IK SICILIA J7I 

inipegnarsi attratti Jal chiarore Jclle interne faci. Cio ha partico- 
larmente luogo nei faci di S. \'ito e Ji Capo Gallo, i di cui cu- 
stodi hanno sovente la precauzionc di lasciar dischiuso qualche 
adito neH'annessa torricella, per prendere viventi le anitre ehe ven- 
gono ad incapparvi. 

Comunissima e la folica ' durante rinverno nei laghi e pantani 
della Sicilia. Siccome i branchi di questi uccelli si accumulano in 
grandissimo numero, tenendosi per lo piu stretti nelle acque cen- 
trali e chiare, cosi i cacciatori locali ne soi^liono prendere in co- 
mune la caccia, che uniianiente a qiiella deile anitre, denoniinano 
ccucia reale. I migliori tiratori della vicina borgata in date giornate 
(che d' ordinario sono quelle che precedono le niaggiori teste in- 
vemali) convengono presso i sudetti laghi; ivi, pagando una lieve 
indennita ai proprietan del fonJo, si adagiano in leggiere barcliette, 
guidate da un solo rematore, le quali disponenJosi in tila sul centro 
del lago, vi iniziano in comune la cacciagione. Dopo avere accer- 
chiato piu volte i branchi di questi uccelli, ed averli ricacciati entro 
i seni e le ansc laterali del lago, onde indurli a prendere il volo 
ed attraversare il cerchio fatale dei cacciatori che ne fanno strage, 
sopraggiungono sul luogo altre barchc, dette ./r//^/ fnortCy che si af- 
frettano a raccogliere le galljggi.mti vittinie , per ispartirle poi e- 
quibilmente fra i cacciatori astanti, onde toglier fra loro ogni sog- 
getto di contestazione e di rivalita. 

Molto frequente e pure nei laghi il meriglione ^; ed i caccia- 
tori ne fanno prede considerevoli, tanto inseguendolo in barchette 
suUe acque , quanto attendendolo al varco nei doppio passaggio 
giornaliero dal lago al mare, e da questo al lago. 

E cosi pure il suazzo piccolo ^ , il quale suole sottrarsi alle 

« FuUca atra (Liss.). — Fi\^i:ia, For^ia (PaI). JuJJhm, JaJJiiu-ilthi, GiiMiina, 
GiuUiiuiiia o AilJhut uiura (Cat., Sirac. , Calt.). Fhwiuhi , FusnoJd (G'xTij^cnii). 

DODERLF.IN. 

2 Fulnyula fnbia. Stkph. ex Lws.—MiJJu (Cat., Lent.), Zm^^arotUj f^ilimj 
(Pal.). Saivuui, Auitra scavuui, Sc.tvHncddu (Sirac). Anitrj coJdii russti o t^st t 
russa (Girg.). Anilra jrauciscnn iwhi ^UlU (il niaschio, Girg.). Doderlein. 

5 Podiceps thii-iiitiUs, Garbl ex Bbi^. — Tu ffirn.it fddu , Tinntnaridduiin , A- 
ceddu fiann (Pal.). Accddii imrrinu nicti (Cit.). Pitiffu (Sic, Cat., Lent.). .-I^^ii- 
iatu di sciumi o tiicu ((iirsr.). DoDi rlfin. 



Digitized by 



Google 



372 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

insidie dei cacciatori; perchi fattolo avvicinare quasi a portata di 
tiro, esso instantaneamente si dilegua sott'acqua nel momento che 
questi lo prendono di mira, per ricomparire a distanze piu o meno 
notevoli. 

Al contrario la gallinella \ allorch^ si vede inseguita od in 
pericolo, suole tuflFare la testa sotto I'acqua o sotto le piante acqua- 
tiche che galleggiano nei pantani, lasciando alio scoperto il rima- 
nente del corpo, onde il cacciatore iion ha altra briga che d'acco- 
starlesi lentamente in barchetta, e afferrarla viva colle mani. 

L'airone cinerino ^ e di passaggio in Sicilia nelle due epoche 
annuali. 

Non e rare, cacciando in tempo d'inverno, di veder sorgere 
dai folti canneti e macchioni che ricingono gli stagni e le magr 
giori fiumare, qualche airone cinerino isolato, il quale dopo avere 
aleggiato alquanto per Taria ad altezze per lo piu notevoli, cala e 
si rintana nella palude, a breve distanza dal sito d'onde si diparti. 
Del resto questi ucccUi vivono per lo piu a soli, od a coppie, e 
tutt' al piu in piccoli branchi , e passano giornate intere in riva 
alle acque in una completa immobilita. 

In molte case di cacciatori palcnnitani avviene sovente di tro- 
vare uno o due di questi uccellacci malaniente iiiipagliati , e col 
coUo oltremodo teso ed allungato, che ricordano al yalente setta- 
tore di Diana il fortunato tiro con cui ei giunse ad iinpossessar- 
sene. 

La Nitticora > passa in Sicilia costantenicnte in aprile c maggio 
e si soffernia a prelerenza sul margine dei Huini, degli stagni, dei 



» Porphyrio caesius , Barrere. — Jaddineilda o GaJdinedda imperiali (Pal., 
Girg.). Gaddinedda pedi virdi (Sir.). GiuJdinedda pt\iu giaJlu , Forgiaredda , Jad- 
dttiiu imperiali, Gaddinedda d'acqiui (Mess., Cat.). GaUucciu (Sir.). Doderlein. 

* Ardea cinerea, Lin. — Airntti^ Aroi, Grassotta imperiali (Pal. Sic). Airuni 
ciuirusHy cinirinu o Tiinisinu (sec. Cupani). Janni, Jannanit, Ganacciu (Cat., Sir.). 
Airuni o Russiddiini cinirusu o imperiali (Girg.). Doderlein. 

3 Nycticorax griseus, Strickl ex Lin. — Grassotta (Sic. Pal.). Grassotta impe- 
riali {V adulto , Pal.). Ingalart o 'Ngalari (Cat., Sir.). Pirucchiera , Cuorvu di 
notti (Cat.). Doderlein. 



Digitized by 



Google 



USI VENATORH I\ SICILIA 373 

boschetti prossimi al mare, non meno che sugli.alberi piu bassi 
del litorale; e ripassa in maggior numero in agosto e settembre. 

£ singolare Taffezione che questi uccelli si portano fra loro; 
ed i cacciatori sanno bene che per predare un buon numero di 
cotali uccelli, allorche si presentano in branco, fa d'uopo al primo 
tiro colpirne bene uno , chfe si lascia giacente sul terreno , od a 
galla dell'acqua ove i caduto, poichfe v* fe somma probabiliti che 
i suoi compagni, dopo avere vagato alquanto per Taria, torneranno 
ad aleggiare intorno ad esso, e ricadranno sino all' ultimo sotto i 
colpi del cacciatore debitamente appostato » . 

La Berta maggiore ' non h rara lungo le coste dcUa Sicilia, 
particolarmente nelle giornate burrascose d'inverno. Nel 1839 ne 
comparve un branco numerosissimo nel porto di Messina , che 
venne in parte predato dai pescatori con ami inescati di piccoli 
pesci (Benoit). Lo stesso avvenne fuori lo stretto nel maggio 1857. 
Anche nel porto di Palermo negli inverni 1866 e 1867 ^^ "^ P^^" 
sero in tal modo molti individui di varia eti. 

La Marzaiola ' i stazionaria ed ovvia nei pantani di Catania, 
nel biviere di Lentini ecc. , di passaggio a Girgenti , a Sciacca, a 
Menii , a Mazzara , ove se ne imprende una regolare caccia d' a- 
spetto, attendendone cioc i branchi al varco, tanto all'alba, allorchi 
trapassano dalla terra al mare, quanto airimbrunire del di, allorchi 
ripassano dal mare alia terra. 

I cacciatori di quelle contrade che si compiacciono di questa 
sorta di caccia , si appostano nei varchi delle colline litorali , od 
alio sbocco delle attigue vallate, valcndosi dei cespugli, delle ma- 
cerie , e di tutto ci6 in fine che di loro modo di ascondersi alia 
vista delle Ridenne , e di colpire piu giustamente quelle che tra- 
passano sul luogo. 

" Puffinus cinereus, Eyton ex Kuhl. — Aipa heccu tortu (Sic). Qnaetrn (Pal. 
sec. CuPAKi). Torriagri (Sic). Qimjetra, Cojetra (Girg.). Doderlein. 

2 Quarquedula circia^ Steph. ex Lin. — Tri^ipla (Pal. , Sic). Tn'nola mar- 
:(udda (il maschio in abito di nozze). Tri'iioJa agostina (in abito invemale). 
Trii^ola poUna (la fcni.). Triiiotta (Cat., Sir.). Mascaruneddu (Mess. , Lentini). 
Lucertimi (ibid, il maschio). Favajana ? (ibid, la fern.). Ridenna (Girg., Sciacca, 
Menfi, Terranova). Me^^ialina, Marxolina (Trap., Marsala). Doderlein. 



Digitized by 



Google 



374 AkCHIViO PER LE TRADlZIONf POPOLARI 

Questa caccia si fa in particolare nelle giornate placide c se- 
rene durante 1 mesi Ji febbraro, di niarzo e di aprile, poichi nelle 
burrascose, le anitre non si peritano di sortire dai laghi. 

Nel ripasso serale Tappostamento dei cacciatori si protrae so- 
vcnte fin verso Tora di notte, e raolte volte si ode ancora il fruscio 
dei branchi delle anitre che fendono V aria, senza poterle vedere. 
Tuttavia , siccome i cacciatori tirano in comune , ed a breve di- 
stanza V un dall' altro , avviene sovente che qnalche momentanea 
querela insorge fra essi, per il possesso delle Ridenne uccise. 

II Voltapietre \ uccello cosniopolita, 6 di regolarc passaggio 
in Sicilia. £ notoria V abbondante caccia che talvolta se ne fa in 
maggio lungo le spiagge del mare di Girgenti, abbench^ in alcuni 
anni come nel 1871 e nel 1872 il loro passaggio sia stato scar- 
sissimo. 

II Piovanello * t stazionario in Sicilia. Presso Palermo se ne 
fa una caccia attiva, rasentando al primo albore del di, in leggiere 
barchette, i seni e gli scogli del littorale. Ad ogni sparo che si fa, 
i Piovanelli partono simultaneamente con volo basso ed uniforme, 
emettendo il loro grido, e tentano di prendere il largo, ma oppor- 
tunamente richiamati con adatti fischietti, ritornano in breve al lido 
e si posano poco lungi dal luogo d'ondc si dipartirono. 

£ questa una delle graziose e predilette cacce dei Palermitani 
detta dei Gaddui:(iy che alle volte irutta al cacciatore vistosissima 
prcda. 

I marinai di Mondello , presso Palermo , usano prendere le 
Procellarie ' coll'amo nelle giornaliere loro pesche; durante le quali 
prendono pure dei Gabbiani ^. 

» Strepsilas interpres, Illig. ex Lin. — Papuncedda (Sic). Gaddu^^u donuni- 
canu (Girg.). Doderlein. 

* Actilis hypokucus, Boie ex Lin. — Gaddunu di li pkciuli (Pal.). Quagghia 
di mari (Mess.). Gaddunu d*acqiia (Girg.). Doderlein. 

3 Thalassidronia pelagica, Vigors. — Rinninuni di mart, Aceddti di timpesta^ 
Aceddu di malu tentpu, Cangnla. Doderlein. 

4 Rissa tridactyla, Macgill. ex Lin. — Aipa iriugni (Sic). Gatpuni triugni 
(Girg.). Doderlein. 

Per tutte queste cacciagioni vedi la citata Ainfauna del Doderlein, pp. 179, 
187, 20s, 210, 217, 228, 240, 259, 260, 263, 267, 273, 352, 354, 555. 



Digitized by 



Google 



USI VENATORIl IN SICILIA 57 J 

E qui pongo tine, lasciando tutt' altre cacce di uccelli acqua- 
tici , che del resto non si fanno che ad un di presso cogli stesst 
metodi anzi cennati. 

VI. —La caccia con la Civetta in Sicilia (1844). 

II caccia tore sccglie un aprico giardino dove in mezzo ai tiori 
scorre un ruscelletto, e qui para Ic verghe impaniaie, Accanto a 
queste pone la giocolante niagica civetta , vago sp^^ttacolo all' i- 
gnara turba degli incanti augelletti , i quali accorrono a stiiolo a 
stuolo ad ammirarla. Posano suUa siepe, altri su ca rdi , stecchi o 
rami, e muti, alio spettacolo die li allieta, stanno a tnirar la per- 
fida civetta. La quale intanto or stride, ed or tace, or giu disccndc 
dalla gruccia, ed ora su saltella, allunga e accorcia il collo, e non 
ha pace, e a se invita gli augelli ; finche molti di loro , vanno a 
por piede sulle verghe hnpaniate. Come gl'incauti ucccllini pusany 
sulle verghe , restano invischiati nei piedi , e tentando di volare, 
anche nelle ali; e allora il cacciatore , che si era tenuto occulto 
nei folti cespugli, accorre, e preda i cardellini , i pinguelli, i pet- 
tirossi, e gli altri augelletti; che ripone, lieto, in una larga gabWa ^ 

Questa cacciagione e propria dei giovanetti. 

VII. — Altre cacciagioni di volatili in Sicilia (rSfi^). 

II prof. Doderlein nota quest'altra caccia in Sicilia. 

« Le bubbole ^ sogliono arrivare in Sicilia sia isolatamente 
od in piccoli drappelli agli ultimi di marzo o ai primi di aprile; 
e tosto si danno a scorrere ed a diffondersi per i boschetti, per Ic 

' Pocste e prose di Vingenzo Navarro. Palermo, tipogral'u Mm, 1844. 1:4 
ivi la poesia: La caccia della civetta, 

* Upupa epops , Lin. Pipituni (Sic ). Saluia Pipituni (Poli?,?:i) , Tilihissu 
(Mazzara). Doderlein. 

In Castcltermini: Pipituni; e allrchc il grazioso ucccllctto muovc la tesU, 
sccondo suo costume, come a segno di saluto, i ragazzi lo apustrofano a repli- 
cate volte: Pipiluuiedilu, salnla a In rrc ! 



Digitized by VriOOQlC 

I 



37^ ARCHIVIO PER LH TRADIZIONI POPOLARl 

campagne arborate, e per i monti piu prossimi al mare ; ulch^ 
molti individui di passaggio si ucciJono in tal'epoca suU'alpestre 
altipiano di Monte Pellegrino. 

In maggio aicune coppie si internano neirisola per nidificare 
nei boschetti montani. 

II Tordo bottaccio * e comunissimo durante Tinverno in 
Sicilia. I cacciatori di Palermo denominano Turdi locati quelli che 
svernano stabilmente in una data localita ; Turdi di passu quelli 
che transitano semplicemente pel paese; Turdi mar:^uddi gli indi- 
vidui in abito d'amore che s'incontrano per le campagne nel mese 
di marzo, e che piu infingardi del primi, si lasciano agevolmente 
accostare e cogliere col fucile. 

Anni addietro i cacciatori di Palermo solevano appostarsi in 
gran numero, verso sera, in certe iocaliti del distretto dei Colli, 
per attendere al varco i Tordi che andavano ad appollaiarsi nei 
boschetti della Villa Favorita. Ma oggidi che gli alberi di quel 
magnifici viali si trovano oltremodo diradati, anche cotal sorta di 
caccia h del pari cessata. 

In Sicilia le Maciole ^ passano in gran copia nei mesi di 
marzo e d'aprile e ripassano in settembre. Durante il transito pri- 
ma verile centinaia d'individui si uccidono al giornopresso Palermo 
tanto suU'altipiano dei monti circonvicini, quanto per le campagne 
del littorale. In autunno essi s'incontrano a preferenza lungo le 
spiagge settentrionali. 

Anche verso Messina il cul-bianco k comunissimo in ambo i 
passaggi, ed i ragazzi ne fanno abbondanti prede con trappole tese 
in suU'arena. 

II Pettirosso ' e semistazionario, e piucchfe mai abbondante in 



» Turdus musicus , Lin. — Turdti vera, Marvinu, o Malviixf* (Sic.) Doder- 

LtlN. 

2 Saxicota oetuinthe, Beghst ex Lin. — Cuda janca o vranca (Sic). Cudi 
hianchi (Castelb.). Matacinu culu jaticu (Mess.). CuJhianc o Caccasciarra (Catan.). 

DODERLEIN. 

3 Erythacus rubecula, Cuv. ex Briss. — Petturtissu (Sic). Pitirru (Cefalii). 
Pitiddu (Castelb.) Pitirri (Mess.). Dodkrlein. 



Digitized by 



Google 



USI VbNATORlI IN SICILIA 377 

tempo d'inverno. La caccia del Pettirosso colla panic e colla civetta 
c Lino del pill gradici divercimenti di molti cittadini di Palermo; ne 
gia a torto; poiche nelle ville suluirbane e specialmente nella Favo- 
rita se ne possono prendere talvolte da 40 a 50 individui per matti- 
nata, senza che percio il loro numero scmbri diradato. 

La Capinera ^ e comunissima d'inverno in Sicilia ; vi ar- 
riva in ottobre insiemc coi tordi; si diffonde per le campagne ar- 
borate, in ispccie ove sonvi arbusti di caccamo, di mirto o festoni 
di edera, del cui frutto e ghiottissima e riparte pel settcntrione in 
aprile. 

Nei contorni di Palermo basta appostarsi presso una di co- 
tali piante nelle placide giornate invernali, per uccciderv'i, in meno 
di un'ora, una dozzina e piu di individui. 

La Boccalepre ^ giunge in Sicilia in aprile e maggio , ed 
anche prima se e precoce la primavera; si trattiene alquanti giorni; 
indi procede al continente per riedere in agosto e settembre , e 
quasi tosto ripartire per TAfrica. 

L'arrivo di questi uccelletti, che ritornano precisamente in au- 
tunno dalla loro emigrazione estiva, riesce oltremodo gra,dita ai 
cacciatori siciliani , poiche annunzia loro I'imminenza della caccia 
novella. 

I Colombi torraioli ' in Sicilia danno luogo ad attivissime cacce 
che si fanno anche in estate appostandosi presso i fiunu, ove per 
solito vanno a dissetarsi , od in mare all' imboccatura delle natie 
grottc. 

Le Fagianellc » vivono a preferenza negli incolti e nei tcr- 

* Sylvia alricapilla Scopoli ex Lix. — Cipufuscu (Sic). Bofuscu (Cat.). Capu 
fuscu granni (Girg.). Testa niura (il maschio. Mess.). Testa russa (la femiua 

Mess.). DODERLEIK. 

* ButaUs grisola Boie ex Lin. — Appappa mtischi (Sic). Ammucca muschi 
(Catan.). Pappaditscu, Pappaciuscuni (Girg.). Pi:^iu lougu (Palermo, sec ale cac- 
ciatori). DODERLEIK. 

5 Columba Livia, Bris. — Pahimma Marviedda (Pal., Sic). Marinella (Mess.). 
Pahinnua sarvaggia (Cat., Girg.). Rucca:{^ola (Castelb., sec Mina). Doderleik. 

4 Otis tetrax, Lin. — Pitarra (Sic). Pitarra Fasanella (Girg.). Gaddina di 
Massaria (sec Palazzotto). Gaddina Petrajoh (Pal.). Doderlein. 

Arcbivio per 1c iradi:^ioni popohri — Vol. XIIL 4ii 



Digitized by 



Google 



^78 ARCHIVIO Pl-R LE TRADIZIOXl POPOLAIU 

reni sterili c sabbiosi dclla Sicilia. Tuttavia non ischivano le pra- 
terie, ed anzi vi nidificano; ma astuti qual sono deludono gli in- 
ganni e correndo rapldissiniamcnte ben di rado si lasciano cogliere 
dai cacciatori. Ond*6 die per lo piu siiolsi dar loro la caccia nei 
mesi della estate e nelle ore piu calde del giorno, sia per sorprcn- 
derle accovacciate nei nidi, sia per inseguirle e stancarle con cani 
da corsa onde costringcrle a prender il volo, e a cadere sotto i 
colpi dei cacciatori debitamente appostati. 

La Coturnice ' c comunissima in tutta la Sicilia. 

Ad onta deirimmenso consumo, die se ne fo in ogni tempo 
ed in ogni stagionc ad uso di commestibile, essa vi si nioltiplica 
e propaga alacremente, ed in certe localita e talmcnte comunc da 
essere venduta a vilissimo prezzo (Benoit). 

Narrasi persino die i villici di alcuni distretti montanari si 
valgano ad usi domestici delle sue uova, traendole dal nido, cosa 
die sebbene non veduta da me, ritengo per vera, attesi i costunii 
banali di certi pastori di montagna. 

In Sicilia se ne fa la caccia col fucile, coi lacci, ed anche in 
tempo cli primavera, valendosi delle fcmmine onde richiamare e 
predare i niaschi ^ 

E qui pongo fine, altrimenti dovrei ricordare tutti gli uccelli 
terrestri die vivono stazionari o di passaggio in Sicilia, e pei quali, 
specie nelle campagne delle grandi citt;\, si la una estesa caccia- 
gione. Nei pacsi deirinterno la caccia degli uccelli h limitata a 
quelli di un certa grossezza, poco curando i minori; pei quali in- 
vece agiscono i ragazzi colic loro panie e lacciuoli e con preve- 
derne le nidiate. Del resto i metodi del cacceggiare gli uccelli 
sono uguali per tutti, cio6 tanto per gli uccelli sopra nominati 
die per gli altri, e consistono , oltre dei lacciuoli e delle panie , 
nei colpirli col fucile o prcnderli con le reti. 

Gaetano Di Giovanni. 

» Perdix graeca, Bri?. — Pirnici (Sic). Pirniciaru , Pcrniciottu (il giovine), 
Pernici hrancay Pernici hianca lorda (Girg. Talbina). Doderlein. 

2 P. DoDhRLEiN, Avifauna cit., pag. 6i, loS, iii. ii8, 119, 141, c 171. 



Digitized by 



Google 



f 




LA FESTA DI S. CONO IN NASO 

(Trov, (It Messina) 



^^ (^^\{\ ^^^^' ^^ ^ J^tto ill un articolo prcced:iue, il ProtcUore 
'^3v^^^l^' ^^ Nnso c S. Cono, splenJida figura di patriota e di 
Kf^^S-"J martirc. — Nato a Xaso verso il 1139, non ostante fosse 
I'unico rampollo d' una (iimiglia nobilc, ricca e poteini.% %*oilc vc- 
stirc Tabito di S. Basilic c, giovane ancora , fu electo nkite. Ma 
egli, curandosi poco di quclla carica, abbandono il monastcru , e 
sc ne ando a santificare in una grotta vicina, sea vat 1 sottti una 
pictra, in luogo solitario e scosceso. 

La pictra esistc tuttora c, forse in mcmo'ia di lui, si chiaiiia 
Rocca (rAlmo. 

Dopo parecchi anni di santificazione, passo nclle Calabric e 
da li nclla Palcstina, lasciando dovunque tracce luminosc dclla su;t 
bencficenza. Tomato poi a Naso c trovati morti i genitori, divise 
ai poveri il suo ragguardcvolc patrimonio e nudo, come lo avea 
fatto natura, si seppelli vivo in un'altra grotta nclla cliicsa di S. 
Michcle, dove niori il 28 Marzo del 1236. L tradizione che quel 
giomo , verso le tre dclla sera , le campane di >yso sonassero 
senz'essere toccate da alcuno; c i Nasitani, accorsl alia grotta del 
Santo, per avcre da lui la spicgazione di quel prodigio, trovarono 



Digitized by 



Google 



380 ARCHIVIO PER LK TRADIZl6\I POPOLARl 

che egli era morto e, raggiante di luce, stava sospeso in aria te- 
nendo nelle mani una striscia di carta in cui c'era scritto: Libera 
devotos et patriam a pesie fame et b:l!o et a tirannica dom inatione. 

Con siffatti preccdenti e con una promessa cosi completa, S. 
Cono non poteva non essere la gloria e Tadorazione di tutti i Na- 
sitani presenti c futuri; eppero 6 facile immaginare con quanto ar- 
dore e con quanta fiducia essi ricorrano a lui in tutti i loro bisogni, 
e specialmente quando sono minacciati da qualche pericolo. O si 
avvicini il cholera, o si facciano sentire i tremuoti , o la sicciti 
danneggi le campagnc, dal vasto territorio, i contadini accorrono a 
Naso e, conscnzienti o no le autorita ecclesiastiche, si mettono il 
Santo sullc spallc; e gridando: Vrt^/7 5. Coniil lo portano in pro- 
ccssione per tutto il paese c pel borgo Bazia — una camminau 
di circa due ore. — E bisogna vedere come si bisticciano tra di loro 
per avere un posto sotto la bara (^a vara\ che e abbastanza pe- 
sante. Molti credono di averne il dritto , perche i loro antenati 
furono senipre h e, pur di non cedere si farcbb ero scan nare; altri 
lo pretendono, perclii?, riconoscenti verso il Protettore di qualche 
beneficio ricevuto, han fatto voto di portarlo addosso in tutte Ic 
processioni; altri perche la mattina, ben presto, sono andati a Ic- 
gare il loro fnzzoletto ai bracciuoli della bara — e in mezzo a 
tante pretese e rnro che non linisca a commedia o, come dicono 
essi, a jpp um 7 nwrtu. Lo steyso battibecco succede anchc tra' 
maestri per afferrare gli anelli di rame, attaccati alle estremiti dei 
bracciuoli, che servono a guidare la bara; ma ordinariamente la 
vincono coloro che possono dimostrare maggiore 'anzianiti in 
quelPufficio. 

In onore di S. Cono, oltre la commemorazione della morte, 
che consiste nel far suonare una data campana per piu di mezz'ora 
e nel recitare in chiesa alcune preghiere speciali , si celebrano a 
Naso tre feste aU'anno: la prima il 5 Marzo, la seconda il 3 Giu- 
gno e la terza il primo Settembre. La piu sontuosa i Tultima-, 
che si apre il 27 Agosto col grandioso mercato di buoi ('a fera 
d' 'u pilu russii) di cui parlammo altra volta, e si chiude 1*8 Set- 
tembre col ritorno del Santo alia sua chiesa. A maggior chiarezza 



Digitized by 



Google 



LA 1-KSTA 1)1 S. CONO IK NASO jSl 

di ci6, diremo che S. Cono ha una chiesa proprin, fabbricata sulk 
rovine di quclla di S. Michelc, dove, a quanto assicura il popolino, 
esiste ancora la grotta nella quale mori; e molti ci van no a pigliare 
un po' di rena che portano addosso per preservarsi dalle malattie. 
Dalla sua chiesa, Tultimo giorno di Luglio, il Santo viene traspor- 
tato alia Matrice, c li per 30 giorni consecutivi (*/« misi 'iS Conn) 
ogni niattina si canta la mcssa cd ogni sera il Capitolo, Negli 
ultimi giorni d'Agosto, un apparatore addobba la chiesa di Jrappi 
vistosi e di moltissima cera, e contemporaneamente sul piano c 
su tutte le vie circonvicine si van situando delle piramidi c degli 
archi rivestiti d'edera, ai quali si appendono un'infiniti di lampion- 
cini di carta e di vetro. 

La niattina del 3 1 (Jn vigilia) nel borgo Bazia, e prccisanicnic 
nella pianura dietro la chiesa di Maria SS. della CateiUj dcve una 
volta in occasione della festa si correvano i palii, si fa il mercato 
degli asini ('a fera d* 'u pilu nitiru)^ che dura sino ;i la sera del 
giorno appresso, e riesce senipre animatissimo. 

Le musiche intanto, da due giorni, van suonando per Ic vie 
del paese e del Borgo, e dappertutto si veggono merciajoli, do!- 
cieri c caliara \ che con la loro niercanzia sciorinata per terra 
o esposta sui banconi , o nelle madie , chianiano gli avvcn- 
tori, promettendo loro roba perfetta e massimo buon mercato. — 
Verso le otto della sera, il piano del Duonio etittelc strade che 
sboccano in esso sono gii illuniinati e rigurgitano di popolo die 
urtandosi e pigiandosi, si affolla verso la chiesa. — H Tora del ve- 
spro solenne. II tenipio, pieno zeppo di gcnte, nel lusso dci suoi 
drappi dorati e scintillanti in un mare di luce, presenta uno stu- 
pendo spettacolo, che le note dell'organo e i profumi delFincenso 
rendono piu maestoso. Si canta il vespro e, a benedizione fatta , 
quando lo scaccino comincia a spegnere i lumi, succcdc una con- 
fusione indescrivibile, perche ognuno vorrebbe guadagnarc la porta 
prima degli altri. — Dopo il vespro, la popolazione, accompagnata 
dalle musiche, si reca nel piano del Castello, per godersi lo sparo 



» Veuditori di cvci ahhrustoliti. 



Digitized by 



Google 



382 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

dci fuochi d'artifizio ('// jocu 'ifocu) c, iiniti qucsti, ritorna nel piano 
del Duomo, dove sii due palchi costruiti appositamente, anch'cssi 
ricopcrti di drappi da parato e pieni di lumi, piglian postolemi:- 
siche, che suonano, alternandosi, sino a che la popolazione non 
n decida di rincasare. 

Arriva il giorno della testa. £ I'alba, e da tuttc le vie che 
conducono al paese, posto sul cocuzzolo d'un monte isolato, si veg- 
gono sfilare allegre brigate di contadini, in mezzo alie quali spic- 
cano, pel voluminoso carico che portano suUa testa, coloro che 
vengono a vendere canestri, sedie, cestelle, trabiccoli. In iin paio 
d'ore il paese si popola come nel la sera precedente, e c'e dovun- 
que un andirivieni di persone , nn mormorio, iin cicaleccio , un 
frastuono , che confuso alle grida dei venditori ambulanti e dei 
caliara sopratutto, introna maledettamcnte gli orecchi. — Quando 
sono le 12, ncUa Matrice si cclehra la mcssa solenne, fmita la quale 
vien fuori il Santo tra le ncclamazioni festose di tutto il popolo. — 
Alle colonne della hara si veggono legati ramoscelli d'ulivo , i'l- 
scinette di bozzoli e mazzi di spighe, che i contadini poi si divi- 
dono, per mescolarne il grano alle sementi della prossima semi- 
nag ione. 

Xeirinterno della bara non e raro ci siano degli ammalati di 
orecchi e di naso, giacche S. Cono, tra le tante prerogative, ha 
anche quella di guarire questi organi delicatissimi, causa per cui 
alio stemma del paese, che in principio era un leone in campo 
azzurro, vi si aggiunse un naso in mezzo a due orecchi *. 

Appena il Santo arriva innanzi la porta della Chiesa, i caliara^ 
gridando : Viva S. Conit!^ gli gettano addosso manatc di ceci , c 
poi comincia a sfilare la processione , che gira tutto il paese da 
destra a sinistra , fermandosi per dieci minuti alia parrocchia di 
S. Pietro e per altri dieci a quella del SS. Salvatore. La proces- 
sione 6 disposta nel seguente modo : le confraternite , le quattro 
croci delle parrocchie , il clero, il Santo, le bande musicali, e da 

* Taluni crcdono che S. Cono voile quel segnnle iicllo stemma jTerchc 
suoi concittadini e i suoi devoti avcssero sempre prcsente che nclln vita bisogna 
avcre buon naso, ascoltarc assai e parlar poco. 



Digitized by 



Google 



L.\ IhSTA DI S. COXO IN XASO 383 

ultimo il popolo, chc va dietro scrrato serrato c ce n'i per circa 
un chilometro. Dal pacse, per una strada tortuosa e piuttosto infe- 
lice, scende al borgo Bazia , le cui case circondano un pin no va- 
stissimo. Su quel piano vi sono le cosidette logge , specie di bot- 
tegucce improvvisate con legname, graticci e tcgoli, chc si fittano 
ai negozianti al prezzo di tari quindici (L. 6,37) T una, per tutto 
il tempo del mercato. Sono costruite in due linee; in una pigliano 
posto i calzolai e i venditori di strisce di cuojo (stigghi) di cui si 
fanno i calzari (scarpi 'i pihi) ; e ncU' altra i gioiellieri c i nego- 
zianti di tessuti e di merccric. La processione gira tuttn il piano, 
ed anche qui il Santo ricevc dngl' infaticabili caliara le solitc ma- 
nate di ceci; quindi si dirige alia chiesa di Maria SS. delli Catena • 
chc e Tultimo tabbricato del borgo, e si ferma innanzi alia porta , 
per assistere alio sparo dei raortaretti. 

Per chi nol sapessc, i mortaletti si sparano a cuesto modo : 
'U mascularu (mortarettaio ?) dopo che gli ha belli e preparati 11 
niette in riga, situandovi in ultimo tanti masculuna (mortaretti gra- 
datamente piu grossi) quante sono le cinquantine che ne sparera, 
e chiude la riga col cosi dctto mascuhini *i S. Conn, che c il piii 
grosso di tutti ed e di proprieti della chiesa. Messa ogni cosa a 
posto, ritorna al punto donde si mossc , e colla miccia in ordine 
s'impala li ad aspettare che la processione si fermi. Appcna fcr- 
mata, ei di principio alio sparo che dura una mezza orotta e^ sue- 
cesso Tultimo scoppio, al grido di Viva S. Cono ! il Saiuo entra 
nella chiesa, dove rimane per gli otto giorni della festa^ c dove il 
clero va tutte le sere a cantare il Capitolo. 

II giorno 7 si ripetc nel borgo Bazia tutto quello chc si era 
flitto a Naso il 31 Agosto, e Tindomani a mezzogiorno il SantOj 
colla solita processione, ritorna alia propria chiesa^ Cosi si chiude 
la festa, e con essa il mercato che, nei tempi feudali, dovettc es- 
sere pei Nasitani una vera cuccagna, giacche godevano cinque giorni 
di franchigia *, che poi aumentarono a sette * e da ultimo furono 

* Privilcgio concesso da Artale d'Alagona il 10 Febbraio 1347. 
2 Privilegio concesso dalla contcssa D." Antonia Cadorna (volH^rtno il 26 
Agosto 1537. 



Digitized by 



Google 



384 ARCHIVIO PliK LE TKADIZIONI^POPO LARI 

portati a novo '. Sino n pochi aiini addietro era ancora un nier- 
cato importantissimo e vi accorrevano ncgozianti dalle principali 
citti deirisola, perche i Nasitani (allora senza mezzi di comunica- 
zione) si solcano fore le provviste per tutto Tanno; ora d'impor- 
tante non rimane clic il mercato dei buoi. 

Lc spese della festa, siccome la chiesa ha pochissime renditc, 
si raggruzzolano focendo appello alia generosita del fcdcli, ed ccco 
in die nianiera. Una commisjione apposita consegna ad ogni bot- 
tegaio del paese e dei villaggi il cosi detto coppn , una specie di 
caffettiera di latta, in cui ognuno che vada a spicciolarc un biglietto 
da cinque depone un soldo. Addippiu quella Commissione ha una 
persona per ogni contrada che s' incarica di for la questua di tutti 
i prodotti della terra, e negli ultimi giorni d'Agosto, in compagnia 
della musica, fo il giro di tutte le fomiglie del paese e qualche volu 
anche di quelle dei villaggi e delle campagne. A questo bisogna 
aggiungere ci6 che nei giorni della festa raccogUe in chiesa, dove i 
contadini vanno a gettare, in un piatto d'argento, tutto quello che 
possono, c riccvono iti cambio la figura del Protettore, un po' di 
incenso e un pezzettino di candela. 

Arrivati a questo punto ci si pcrmetta di dir qualche cosa 
delFimmagine del Santo. £ un mezzo busto scolpito in legno, ha 
la frontc regolare, gli occhi grandi e spaccati, il naso aquilino, le 
labbra grosse, la foccia sbarb.ua, rotonda, perfettamente bronzina, 
larghissima: nella mano destra porta la croce, nella sinistra un libro 
aperto : in complesso e un tipo piuttosto brutto , ma singolare e 
imponente. 

II cuko che hanno i contadini per quest'immagine c addirit- 
tura un fonatismo: la contemplano estatici come se volessero man- 
giarla cogli occhi, e ch-^ razza d'inipressione debbano risentirne lo 
prova il fotto che in mezzo ad essi, di tanto in tanto, se ne in- 
contra qualcuno che le somigUa perfettamente. Giungono perfino 
a credere, e di buona fede, che il Santo a volte si mostri turbato, 
a volte serenissimo; nel primo caso, secondo loro , non ha potuto 



Privilege conccsso da D. Carlo Vcntimiglia nciranno 1571. 



Digitized by 



Google 



b.. 



LA TESTA DI S. CONO IN NASO 38) 

smuovere in nessun niodo il Padreterno; nel sccondo, ha ottcnuto 
Ic grazic che desidcrava. La vera stranezza poi sta in cio : chc la 
ma,ij[gior parte dei contadini , nel tempo istesso che sono cosi fa- 
natici di quest*immagine, credono, seiiz'alcun fondamento, che in 
origine rappresentasse S. Diego , c riconoscono che non 6 hclla» 
tanto vero che, volendo accennare alia bruttczza di qualcuno, di- 
cono senz' altro : Avi \i facci 'i S, Conn, Ma siamo semprc li... 
Q.uest'immagine libera gli ossessi, guarisce grinfermi, bcnedicc gli 
animali , le campagne , le industrie ; 6 lei che in tutti i tempi ha 
scacciato la peste dal territorio nasitano , i lei che, quando Naso 
pativa la fame, fece approdare una nave carica di grano alb ma- 
rina di Capo d'Orlando; 6 lei che circond6 le mura del paese di 
grate di ferro infuocate, quando i saraceni lo volevan distruggere, 
Ci resta a parlare delle altre due feste. Quella del 5 Marno, 
che riesce popolatissima quanto quella del 1° Settembre, consiste 
in una processione per tutto il paese e pel borgo, col solito scam- 
panio , con la solita musica e coi soliti mortaletti. Si fa per rin- 
graziare il Santo, che nel terremoto del 5 Marzo 1823 (il quale 
distrusse la parte migliore del paese) salvo miracolosamente la vita 
di tutti i Nasitani. Quella del 3 Giugno consiste anch'essa in una 
processione, nella quale pero si porta in giro un altro mezzo busto 
del Santo, che e di argento e si chiama: 5. Conti 'u CalabrisL A 
sentire il popolino, la festa trae origine da cio. Quando S. Cono 
passo nelle Calabrie , ando in casa del Governatore «della citt.\ di 
Tiano (?) per fargli una visita. II Governatore e la moglie crano 
andati ad ascoltar la messa c aveano lasciato in casa un figlio — 
il solo che avessero — che stava gettato nel letto , perchi parulitico 
sin da la nascita. Appena lo vide S. Cono gli disse di alzarsi ; c 
quegli, riacquistata come per incanto la saniti, scappo per la chiesa, 
con quanta gioia dei genitori non fa mestieri si dica. II Governa- 
tore, saputa la cosa, cerco del raonaco che gli aveva fatto il niira- 
colo, ma non fu possibilc di trovarlo. Solo dopo molto. tempo 
seppe che era stato Cono da Naso, gi;\ morto, e sped! un uomo 
di sua fiducia , perche facesse in modo di portargli il cadaverc, 
QueU'uomo si finse cremita , vi riusci , e per molti anni nessuno 
Archivio per h tradiiioni popolari — VoL XJII. 4^ 



Digitized by LriOOQlC 

i 



386 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

ne seppe. Ma poi, venuti a conoscenza di ci6 i Nasitani, fecero il 
diavolo a quattro e inselvaggirono cosi , che i signori di Tiano 
dovettero restituire il corpo del Santo; ma, per benevola conces- 
sione , si trattennero gli arti interiori e mandarono in compenso 
il mezzo busto di argento. La restituzione , a quanto si dice, av- 
venne il 3 Giugno del 1406, per opera del contfe di Golisano, il 
quale, in premio deU'ottenuta vittoria, voile un braccio del Santo 
e lo dono alia Matrice di Palermo. 

G. Crimi-Lo Giudice. 



Digitized by 



Google 




LA FESTA DELLA MADONNA DELL A NEVE 

IN TORRE DELL'ANNUNZIATA. 




VEVo udito tanto magnificar questa festa , e volli re- 
carmi a curiosarla. 

Che folia! Che concorso di popolo! Li strada 
omonima e principale — opera di Re Gioacchino, chc battezzo 
Torre : Gioacchinopoli. — con una fila di carrozze accanto a cia- 
scuno dei marciapiedi. E ve ne erano delle splendide^ vcnutc da 
Napoli, da Portici e dagli altri paesi circonvicini. 

Pigiato e focendo a gomitate, giungo nella chiesa dclTAnnun* 
ziata. 

Vi c un mezzo busto, in terra cotta, della Madonna col bam- 
binello in braccio, tipo greco-bizantino. 

Al solito, non manca un po' di leggenda. Ed io ne chiesi ad 
un « farinaro » che mi stava vicino, il quale, smozzicando e sgrani- 
maticandq, mi disse su per gii cosi: 

— Nel sec. XIV alcuni pescatori torresi, navigando fra Torre 
e Castellammare (Stabia) videro galleggiante una cassa ben chiusa 
in prossimiti dello scoglio di Rovigliano, o Pietra di Ercole ^ o 
scoglio di Plinio \ Sembrava approssimarsi alia nostra spiaggia- 

» Detto da Plinio Petra Her cults, pel tempio che vi era di Ercoic, quantun- 
que altri pretenda trattarsi, invccc, dello scoglio Orlando, sotto il monte ddlo 



Digitized by 



Google 



388 ARCHIVIO P£R LE tRADI210Kl POPOLAltl 

Tentano pescarla^ e Li iMgglungono Jove le acque del Sarnb si 
perdono in quelle del mare. 

Chi sa die si aspcttavano ! La tirano sulla barca, Taprono e 
vi rinvengono Tattuale simulacro. Se ne accorgono alcuni navicel- 
lai stabiani, che per caso si trovano li vicino. Lo pretendono per 
sb, sostenendo: mentre pescavano, avere anche essi scorta la cassa 
c A'olerlo trasportarc nella loro patria. 

Ne nasce una contesa , c si ricorre al « perito » magistrato 
del tempo, per farla decidere. La ragione tocco a' nostri antcnati. 
Ed allora sorsc qui qucsta chiesa. 

L'imagine non aveva alcuna scritta, o segno di provenienza. 
Percio'si disse « Santa Maria ad ^ives », in mcmoria deiresscrsi 
rinvenuta nel 5 agosto ^ giorno deJicato alia Vergine per solen- 
nizzare la caduta dclla neve in Roma, sullo Esquilino, proprio in 
quel di, Tanno 352, papa Liberio. Conferma questa tradizione un 
ms. membranaceo, gii posscduto dai P.P. Celestini , c dispcrso 
nella loro soppressionc, al principio di questo sccolo. 

Prima I'effigie si tennc lungamente nascosta, senza divulgarnc 
il culto, per tenia de' barbari, che predavnno spesso le nostre coste. 
Ma nel 1872, procedendosi ad un rescauro, si scovri , cssere so- 
vrapposta alFimaginc che ora vencriamo, un'altra di tela, forse per 
custodire la vera e prcgiata. Alcuni sostengono , che lo fccero 
neU'altro restauro del 1743; ma dev'cssre di data piu antica. 



Scraio. Ma cgli lo pone in quel di Stabia: In Siahiano ad Herculis Pelram, etc. 
XXXII, 2 {Via^. da Nap. a CastcJl. Nap. 1845. p. 72). Ad Ercole era dcdicata 
pure quasi tutta la spiaggia rimpctto, ora di Torre, I'attuale Sakra, o saline Er- 
culee (CoRCiA, Slor. d. due Sic. ^wp. Virgilio, 1845,11, 289-90). Scavando sullo 
scoglio le fondamcnta d'una torrc, che avanza tuttavia, alio scorcio del sec. XVI, 
vi si scovri una statua di Ercole in bronzo. (Capagcio, Hist Ncaji. p. 474. cfr. 
Desert:^, ms. di Castelh supposta di G. B. Rosania, serbata nella Bibl. Brancacciana). 
L'ab. Gioacchino, nel sec. XII, vi fondb una badia. Plinio (XXXII, 8, i) ricorda 
di qui la singolarita de' mehmuri^ ora occhtatf, i quali, correndo al pane gittato 
neiracqua, a nessun cibo si accostano. 

' L. CuccuRULLO assegna il ritrovamento a « qualche anno prima, dopo del 
1453 » i^^l Mow, Aitiiale, I, 6. Peltitolo « della Neve» cfr. Pitr6, Fiahe e'Lv^- 
gende,ctc. vol. unico, p. 263, etc. Per le origini meravigliose n el mio vol. Tra- 
di\ioni ed usi ttella Pep. Sorr. Cap. 8. « Leggcndc mariane ». 



Digitized by 



Google 



LA ruSTA DELLA MADOX'N'A DLLLA MHV£ 389 

Non vi dico poi nulla dc' continui niiracoli della nostra imaginif . 

Nel 1534, i Turchi, depredando le coste del nostro golfoj si 
accostarono a Torre. Gli abitanti ricorsero alia Madonna; e si sii- 
scito una ficra tempesta, che sommerse e sbaraglio quelForda di 
prcdatori. 

Un quissimilc accadde nelle incursion! posteriori. 

Ncl 16 novembre 1631,11 Vesuvio * si scossc dalla sua quietc 
e vomito per tre mesi acqua bollente , cenere, lapilli c hive bitu- 
minose , distruggendo ed incencrendo le vicine campagne j case , 
villaggi. Ma nojaltri fummo liberi merce la preghiera. Le fiammc 
che firio allora non avevano trovato il minimo ostacolo, giontc al 
confine di Bosco e Torre, si arrestarono, come per incanto. E cosi 
nella eruzione del 6 giugno 1794. 

Nella carostia del 1764 , fece improyvisamente approdare a 
questo lido un bastimento di grano, di cui non si seppe il padrone 
e la provenienza. 

Kel 1777 le campagne erano arse e polverose, per una sic- 
cita di cinque mesi. Fu portata processionalmeate rimagiiic, mcn- 
tre, in mezzo al paese il sac. Mattia La Rocca predicava al popolo 
piangente. Comparve immediatamente in cielo una nuvolctta, che 
presto si sciolse in una pioggia dirotta. 

Nel 18 17 Torre fu liberata da una fiera petecchiani. 

Nel 1825 cadde un fulmine nel polverificio, e si scongiuru lo 
scoppio. 

Nel 22 ottobre 1865 le autorita politiche vietarono la pro* 
cessione; e con sorpresa di tutti, per un biduo, un dcu%o ncmbo 
di fumo velava il simulacro. 

Spesso i marinai, specie quelli che vanno alia pcsca del co- 
rallo anche di Torre del Greco, sono liberati dal naufragio,c ven- 
gono a far dei ringraziamenti votivi. 

Fin la ricorrenza d°\ 22 ottobre della festa , si riferisce alLi 
liberazione della citta nel 20 detto mese, 1822. II Vesuvio vomito 



» Delia tradizionc vcsuviana mi sono occupato di proposito in nno scritto 
cbc vedr;\ fra breve la luce. 



Digitized by 



Google 






390 AUCHIVIO PER LE TRADIZlON'l POPOLARI 



una pioggia di lapilli; e nel pomerlggio del 21, si elev6 dal vul- 
cano un nenibo di fuoco, saette c cenere, rovesciandosi suUa citti 
' durante la notte, e sepcllendola, quasi per intera, nel 22, con si 

Iintensa oscurita, da sembrarc una notte tenebrosa. II popolo pian- 
gendo, con uno slancio di fede, ricorre alia sua protettrice. II corteo 
I si ferma al largo S. Teresa, mentre predica il sac. Rocco Bali; dal 

I cielo, oscurato di sabbia e di cenere , si vede guizzare un raggio 

I di sole, che rifulge sul volto della Madonna. Subito le tenebre si 

' diradano; e cessa Teruzione. Narra la tradizione , che la lava era 

arrivata fino al detto largo (dove non giunse mail), avanzandosi 
minacciosa. Vi e recata Tlmagine processionalmente, e la Madonna 
(che i mezzo husto !) al cospetto della lava si trae dal piedc una 
pantofola e la scaglia. Allora subito il fuoco si ferma, e cessa la 
eruzione. 

Non si mcravigli il Icttore della eriidizione del mio interlo- 
cutore. Non ha visto i ciceroni, , che ripetono cosi bene ? La mag- 
gior parte di queste notizic, con piu o mcno varianti , sono nel- 
rilardi *. Simili fatti, specie del ritrovamento, si riferiscono anchc 
altrove. Nel 1453 , prcsa Costantinopoli da Maometto II , i Cri- 
stiani ebbero tormcnti c persccuzioni ; cd espatriando , recarono 
seco delle statue chiuse nelle cassc. Ma sorpresi da una liera teni- 
pesta lungo il tragitto, e naufragate moke galec, le casse in balia 
delle onde furono gittate sui lidi , dove sorsero delle chiese. Lc 
preghiere per invocare la pioggia sono assai piu antiche; e Tarre- 
stare la lava si attribuisce anche ad altre statue, come a quella di 
S. Gennaro , sul Ponte della Maddalena. Anzi il tremuoto del 1 5 
giugno 1794, domenica sera, ha dato argomento ad una di quelle 
storielline % ad un soldo, che si vendono dai muricciolai. 

Ma torniamo alia nostra festa. Nella sera della vigilia vi e 
gara di bande al largo dell' Annunzi*ata: non meno di tre; per es. 

* Islon'ografia poliL civ. chiesas. di T. A. etc. Castcllammare. Tip. Di Mar- 
tino, 1874, pp. 154-8; e Narra^. sloriografica della proJigiosa immag, dellu Ma- 
donna della Ke-i'Cf 1883, etc. 

^ Prodigioso miracolo del nostra gran sanlone S. Gennaro d' averci liherato 
. dalVInceudio del Vcsuvio e dalli Terremoli nell'an, ij(}./. Nap., Russo, s. a. 



Digitized by 



Google 



LA FESTA DELLA MADONNA DELLA NEVE 39 1 

quclla paesnna, la inilitarc, e Taltra di Napoli, detta del Caeca vajoj 
o la « banda rossa » . 

Si eseguono una ventina di pezzi, V un dopo 1' ahro » c non 
mancano i battimani, o i fischi del pubblico che accorrc in gran 
folia; e spesso mostra le sue simpatic od antipatie. 

Gran luminaria fin lungo la via del Popolo. II colore dc' iam- 
pioncini si contemperato da fare una bella vista coo. leggiadri di- 
segni. Si ripete pure nella sera della festa, in cui \'i sono magni- 
fici giuoclii pirotecnici al largo S. Teresa, o modernamcnte de' Co- 
mizi. 

Ma la processione , che qscc dalla chiesa nelle ore antenieri- 
diane , e gira tutto il paese , nella sua sempliciti forse e la cosa 
migliore. Vi e la statua della Madonna, le confraternitc, € parecchL 
ragazzi vestiti da abatini con fibbie di argent o alle scarpe* Seguono 
i parroci, non meno di cinque vescovi, le rappresentanze munici- 
pali, i preti, quattro o cinque bande, e folia magna. Non nimica un 
sermoncino, da recitorsi da un pulpito iniprovvisato per la circa- 
stanza, in mezzo al paese. Ogni famiglia esponc alle iiiiestre cd ai 
balconi le coverte di colori piu sfirzosi. 

Oh ! come sono affoUati i treni. Sulla stazionc vi c pericolo 
di restare schiacciato. Gran tiera, operette, giochi di destrczza , c 
vendita specialmente di melagrane semiaperte, con i loro aciiii rossi 
vome il fuoco. 

Nt? vi manca una buona pappatora. In questi giorni, quasi ogni 
famiglia ha i suoi ospiti. Le cantine, le taverne sono affoilate, ri- 
gurgitano di gente. Gli altri concorrono dal tradizionale Andrea 
Setaro; o se ne vaimo addirittura a Pompei. II Setaro 6 riiiomato 
specialmente per la caccia e la pesca piu eletta , e pei magnifici 
frutti di mare. La citta sembra trasformata in una piccob N.ipoH, 
c ben le si potrebbe attagliare quanto Abbuzio Arzura, alias Kun- 
ziante Pagano, ha detto deH'altra {Bbintt Rot. I, 4-7): 

Vide acklov' ess;i stii, n' ario- jrcntilc, 
Scnipe n' Ottobbrc, c dint' Ottobrc "Abbrilc. 
— Da dcrcto a Ic spallc 'ntuorno 'ntuornu, 
Ha dc villc, c collinc 'na catena.... 



Digitized by LrtOOQlC 



39^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

Faccefrontc Ic d;\ pane nfi a ghiuorno 
'Sta Cratcra de piscc chicna chiena.... 

Cca, bene mio, che belle processottc 
Aje lo Xoviembrc dinto San Martino ! 
Ognc percuoco e cca quant' a 'na vottc; 
Che moscarello nc' e ! Che bello vino ! 
Cerasa, pruna, pera, bonanotte ! 
MegUo tu no' le truove a Pratolino. 
La vottatella mmeno fa la gumma; 
Che cetrangola doce, e limmc, e agriimma ! 

.... \'etelle de Sorriento, e maccarune; 
Spuonnele, e cannoliccliie Mergoglino; 
Bella anguilla la Preta, c capttune; 
L' Amiierc, e la Lanziere panno fino, 
E drappe de 'mbroccato, e spomegliune; 
Varche lo Muolo, carrozze Toleto, 
Folleche Agnano e ranocchie Sebeto. 

E malgrado Torrorc che mostrava il nostro, i piu costumano, 
anzi badano unicamentc (I, ii): 

A anchire a buonnecchiu lo vcntrccone 
De maecarune, arruste, e de migUacce. 
Co' 'na mano 'ntromma' lo carratbnc, 
Co' n' autra sfelleja' li sanguinacce; 
E pasticce, e sausicce, e capezzale; 
E Paraviso fa' 'no carnevale. 

E Torre e davvero amcnissima, e talvolta ha solleticata anche 
la fantasia de' poeti , come nella Claudia Vendicata di Francesco 
Cerlone, farsetta giocosa, che serve di terz'atto all' Osteria di Ma- 
rechiaro. « La scena si finge nella Torre deirAnnunziata, e sue vi- 
cinanze ». La prima scena e fuori la campagija della Torre con 
case balconate, ed osteria. In prospetto, veduta di Castellammare, e 
sue colline. 

Si ricorda : 

Chesta c la Torre; cca nc' t la Cartera, 

Nee sta la Ferraria 

.... cca se sciala; maccarune 

A cinco rana e miezo, e so' libaste, 

Paste janchc nee so' de tutte soiorte, 

Pisc^ vi^c f^mui>e ^ buun aierwato. 



Digitized by 



Google 



LA FESTA DHLLA MADONNA DELLA NEVE 395 

Un Don Camillo, ricco giovanc, si detcrmina di pranzarc in 
Torre ; c volcndo acquistar del pesce fresco , ode il pcscivcndolo 
chc annunzia : 

Tcngo trcglic rossolcllc, 
Tcngo cicfarc, e palajc, 
Tcngo dicntccc, c menncllc, 
Che te fai\no addccria' ; 
E po' tcngo pc' li 'ncappaticllc 
Purpetielle.... CalamaricUe 
Chc I'addorc... E lo colore 
Ah ! te fanno sorzeta'. 

Si continua : 

questa e la Torre, 

Vedete che bel loco, 

E qucllo 6 il gran Vesuvio, c butta foco ! 

Pulcineila accenna anche a' donativi, che ha recato alia sposa: 

'na zeppolella 
« Co* la vestc de camniera; cca dinto 

Nee sta 'no grano de porve de ciprio, 
Mantechiglia, e cerotto: doje cepollc, 
'No mazzo d'aglie, ogne cosa addorosa, 
Che 'mpietto se po' mettere la sposa. 

La scena decima e siiUa marina solitaria, e reniota, con larga 
spiaggia di mare. Rete nel mare, il cui capo e legato sul lido. Foi 
« comparisce il monte Vesuvio ch' crutta vive fiammc da due or- 
rende bocche ; e molte lave di foco si vedono scendere a basso, 
da per tutto intorno monti di bitume, tratto tratto funio c foco». 

Questi brevi accenni ci dinno una idea della citt;\ , dove si 
svolgc la festa, che ho descritta. E tutto passa ; e il giorno dope 
si vedono solo gli avanzi della festa trascorsa. Gli animi piili gcntili 
sono assaliti da un senso di malinconia.... che, spesso, cercano affo- 
gare in nuove crapulc ed in nuovi sollazzi! 

GaETANO a MALI I. 
Archivio per k tradiiioni popolari — VoL XIII. fO 



Digitized by LriOOQlC 

4 







fmmmm 



l^r^^^ll&t 



FESTE SARDE SACRE E PROFANE \ 



De sa prima die 'e s-annu — Sal bajanas, 




AL Bajanas accher^ndesi a-ssa fentana bcttant'inuc non 
passa' zente s'abba ghi si suiA samunadas. Sol poveros 
cantant'i-ssal giannas : n^ Gesusn in alligria ec. e sa 
Canthone 't sol Tre-RRes. Bi-dndana finza-ssol segnorcs cu-ssa bd- 
thula , ca elthe di velthimentu mannu. Briffana : cariga , nughes^ 
m^ndulas , saltliizza , pettha in furru. Sol chi cintana su cossonu 
sunu: boghe, mczaoghe o tipiri, basciu, e contra.' 



Traduiione. — Le zitelle affacciandosi (cd aprendo) allajfinestra, gcttano dove 
non passa gente I'acqua * colla quale si sono lavate. I poveri cantano davanti alle 
portc (dei benestanti): Gcsu, Gesii, allegria 3 e la Canzone del Tre Re +. Ci vanno 



» Continuazione. Vcdi a p. 248. 

* Quest* acqua che contiene, secondo Ic donnicciuole, tutte le malie, porta 
con st ogni danno; quindi, come 1' antico capro espiatorio degli Ebrei, bisogna 
che vada a finire senza offender altrui, nella terra. 

3 Vedasi piii avanti questo canto sacro, gia pubblicato fra i Canti hgudoresi 
a pag. 12 in lezione piu breve raccolta a Nule. Si canta anche a Ghilarza in 
provincia di Cagliari. 

4 Cosi dicasi anche del Canto dei tre Re Magi, noto in Gallura ed a Sas- 
sari. {Canti lo^udoresi, pa:;. 75). 



Digitized by 



Google 



FESTE SARDE SACRE E PROFAKE 595 

a cantare perfino i signori colla bisaccia, perch^ b divertimento graode, PAppano 
fichi sccchi, noci, mandoric, salbiccia , cam: al ibrno. Q;jelli chc camnno V ac- 
cordo * sono: voce, tnczzavoce o tipiri, basso e contrabbasso. 

A Gesusii in alligria — Tottu su mundu i salvadu 

— I. Crilthos s'elthc ingenerLidii — I-ss'intragnas de Marlij 
O Maria, mama gloriosa ! Virgine 'nnantil ssu palthu, 

— 2. Ca sel bilthada dicciosa — SSa ghi chclu e aerra il 

[fattu !] 
Dae pulthil 'e ssu palthu — Relthesi 'Virgine pura; 

— 3. Cultha divina Agghelura — Nol siad i-ggumpagiiia ! 
Bona notte, bon'annu — Bonal pachas cumprida[s] 

— 4. Deus bol dia' vida — Mczus un attcr'annu ! 
Amiunziamul sos annos — A sol padronos 'c domo, 

— 5. Bi lis namul dae su goro — Clri hi van' a largh aiino[s]. 
Cultha elthe s'ustima iiquadretta — Sa ghilthanotte cantamu[sj 

— 6. Su ghi nol dado leamus — Laldliu, salthizza o peltha, 

Traduiione. — i. Gesu , Gesu allegria! — Tutto il mohdo ha salvato. — 
Cristo s'6 ingenerato nelle visccre di Maria. 

2. Maria, madre gloriosa. Verginc innanzi il parto, — Sei suta ben fortu, 
nata — tu che hai fatto il ciclo e la terra. 

3. E dappoi del parto (pustis) restb vergine pura— questa divina iingelicitd 
(attghflura) — Ci sia in compagnia. 

4. Buona notte buon anno — Buonc fcste compiute — Dio vi dia vka e 
meglio anche un altro anno. 



^ II Prof. Egidio Bellorini, valcntissimo cultore degli studi di lotteratura po- 
polare, nei Canii popoJari amorosi raccoUi a Nuoro (Bergamo, FratcUi Cattaneo^ 
1893) a pag. 32 cosi defmisce il consonu o canto corale: « Su cantare a Uettar^s 
si fa con 4 voci. Uno canta a voce ordinaria le parole della canzone: fichi-ssa 
boche, gli altri fanno I'accompagnamento. Primo viene su cronla (il contrabbasso) 
che fa Taccompagnaniento con voce da tenore; poi su bassu che io fa con voce 
di basso stranamcnte gutturale e caratteristica ; infine su mesuhocht (o come si 
dice anche (su lippiri) che lo fa in falsetto. Naturalmente io parlo semprt; dl 
quanto avviene a Nuoro, ma anche fuori di Nuoro le cose non vanno dlversa- 
mcnte». Infatti cos\ avviene anche a Ticsi. Un accordo consimik odusi anche 
a Pisa ed a Livorno, bench^ rarraonia sia diversa. 



Digitized by 



Google 



}9^ AUCHIVIO PER LE tfeADlXlOMl I>or'OLAkl 

$. Auguriamo buoni gli anni— ai padroni della casa— Lor diciamo di cuott 
— Vivano molti anni ! 

6. Qacsta c V ultima quartina — Che qucsta nottc c.inlianio — Cio cbe ci 
date prendiamo, sia lardo, salsiccia o came. 



Canthone de sol tre-Rres {Can:^^m lUi ire Rf). 

S' avvian sol tre-Rres cu-ggiultlia gliia, 
Cu-ssol bolantcs suos assilthente[s], 
Cu-mmutivii gh' e nadu ssu Messia, 
Un' iitclla e bessida i-ss' Oriente. 

I-ppavorc a Zuseppe ei a Maria, 
E a-ssLi Fizu sou onnipotcntc, 
Contincnte si tuccan sol tre-Rrc[s], 
Ca GesusLi el nachidu imm-Bclle. 

T6ccan* a-ssu polthale dc Belle 
Incontrana a-ssa poltha beneitta, 
Si falana dae caddu 'tottu-ttrc[s], 
Pedendeli sal grascias i-ffinittas. 

Nende: nol semus sol tre-Rre[s], 
Bennidol po bi fiighe s' i-bbisitta, 
I-ppavore a Zuzeppe e a Maria, 
Po reconnochere a-ssu veru Messia. . 

Po bider a Maria tantu eimosa 

» 

Su Ghelu si multhresi in alligria 
S' Agghelu Grabiele aunende rosa[s], 
Po goronarc a-ssu veru Messia. 

Santu Zuscppc cu-ssa sua iiposa, 
E cu-dduol palthor[es] i-ggumpagnia, 
Cantende meludial bravamente 
Intoppc^sini a sol tre Rres dc Oriente. 

T6ccan' a su polthale e tando intresi[ni], 
Si-ppare' Deus cu-ssu niundu i-mmanu, 
Santu Zuseppe transidu relthesi', 
Ca ssu piseddu li paresi canu. 



Digitized by 



Google 



IKSTl- SARDE SACrL £ PROl-ASh l$f 

8 Pachas cumpridas potcdas gosarc, 
Annunziadas cu-dd' pgni aumentu, 

Ci:-ss' abbiindanzia cantu ;\d' abba i-nimarc. 
Bivan' i-cculthu mundu dc annos chcntu. 

9 Culth' anima potcnuil gusscrvare, 
Orascionc dognora ogni momentu, 
Vora dc possaincntu c sstMia geki, 

H bczzol niannos a ggosare su chelu. 

Tradu:iione. — i. Arriviino i trc Re con giusta j^uida — Coi loro volant i 
assistenti (angcli), pel motivo chc c nato il Mcssia — una Stella c uscit;i, ^ scrLi 
in Orientc. 

2. Per rispetto (in favore) a Giuseppe e a Maria — ed al liglio di kl onni- 
potente — incontanente si incamminano i tre^Re — che Gesu Oisto c nato in 
BeLlemme. 

3. Arrivuno alia porta delh citta di Betlemme — trovan la benedctca portii 
(del presepio), scendono dal cavallo tutli e tre — doniandandogli grazic infmitc. 

4. Dicendo: Noi siamo i tre Re — Venuti per far visita per rispetto a C'm- 
seppe ed a Maria, per riconoscere il vero Mess! a. 

$. Nel vederc Maria tanto bella (ermcsa , Jonucsa ht. ^ frunioasa in lin^vLi 
runiena) il cielo mostrossi in alloj^ria, I'angelo Gabriele, scegliendo rose, per Cf> 
ronare il vcro Messia. 

6. San Giuseppe colla sua sposa: e con due pastori in compagnia — cant:mdo 
nielodie bravamente — s'imbattcrono, ricevettero i tre Re d'Oriente. 

7. Giungono alia porta e vi cntrano — si vedc Dio col mondo in mano. -^ 
San Giuseppe resto meravigliato — che il pid giovane gli parve bianco (cdnns) 
di capelli, canuto '. 

8. Pasque intere possiate (o padroni di casa) godere, — annunziate ad ognl 
anno nuovo con aumento di prosperity — e questa sia abbondante qiinnui i 
Tacqua in marc — \'ivano quei di questa casa cento anni. 

9. Q.uest'anima possiamo noi salvare e conservare — orazionc faccian^o cgni 
era c ogni momcnto — quelli che sono in questa casa, fuori di ogni rio pensiero 
e ogni odio — arrivino vecclii decrepiti a godere il cielo -. 



' San Giuseppe rest6 irausiduy cioe maravigliato, perche il piii giovane dci 
tre Re, badando solo alia sua baldanza giovanile, con mancanza evidente di ri* 
spctto era andato avanti ai due compagni piu vecchi di lui. Ma Gesu Crisio 
improvvisamente lo fcce incanutire , e cosi la creanza ed il cerimoninle fiirono 
salvi. 

2 II canto, come si scorge, e semi-popolarc cd appartiene a quei cantos snrros 



Digitized by 



Google 



r 



I 



398 ARCHIVIO PHR LH TRADIZIOXI POl^OLARI 

Sa Pacha de Pachinunti citho pngu minoredda de-ssa 'e Na- 
dale ; a-ssu scro s* ibcrit' a-ssii carrcsjgarc , ci su tcnipu dc-ssos 
c6iuos. Non s' iiposa' ne in Liinis ncn i-Malthis n^n in Chena- 
bura ^ : non t' accascs , non t' appalthes, na ssu proverbiu, ni in 
Lunis n6n in Malthis ^ 

Sos selvidorcs puru ei sal sclvidoras non intraua a selvire si 
non clthe in Mesciiris , in Chcnabura , in Duniiniga , po b' iitare 
meda. Sal sclvidoras a s' intrada Icana una pcdrighitta ^ e-ssa domo 
e la cuana; poite si sol meres fi'undini sa pcdra nde b^ssint' issas. 
Nisciunu p6net a-ssu luttu i-mMescuris ma si lu ogana. Ca si lu 
devenc p6nncr a ojos a carrela, po nche lu 'essire lucgo. 

Tradu:;Joue. — La fcsta dcll'lipifania ^ un poco piu piccohi di quella lii Xa- 
talc; alia sera di quel giorno s'aprc, coniincia il Carncvale cd il tempo dei ma- 
trimonii. Non si sposa n^ in Liinedi, n6 in Martedi^ ne in Venerdi: non ti sp©- 
sarc, non partire, dice il proverbio, ne in Luncdi, ne in Martcdi. 

I.servitori c le serve altresi non cntrano a servire se non e in Mercoledi, 
Venerdi, o Domenica, coll'intenzione di starvi di molto. Lc serve al primo en- 
trare prendono un sassolino della casa e lo nascondono , perch6 se i padroni 
gettano via la pietruzza (credono) ne esoono esse. Nessuno mctte il lutto in 
Mercoledi , ma lo levano per6 : perch^ lo devono metterc in vista ad ocelli di 
tutti, o della strada, pel buon augurio di levarselo, di uscirne presto. 

A s' ulthima notte 'e Carrasegare pianghenc a Giolzi. Ponene 
muttos i-ssal giannas e sal bajanas, comente csseret a culthu: 



che di poco dift'criscono dai gosos i quali si cantano in chiesa. In Terrafemia il 
popolo , ad eccezione di pochc occasioni , non canta inni sacri in dialetto , nia 
ripete, senza intcnderli, quelli che i preti cantano in latino. Invece in Sardegna 
dal pulpito i preti predicano in volgare ; il popolo canta i suoi cantos sacros in 
volgare, risponde coi suoi gosos alle armonie dell' organo, c ci6 mantienc forte- 
mcnte sulle sue basi il dialetto. 

» A Nule, il Venerdi e di buon augurio, come in Ispagna. • 

2 II Martedi era infausto anche presso gli Egiziani; in tale giorno era nato 
Tifone. 

3 Presso i Greci chiamavasi psefomani^ia , una specie di divinazione nella 
quale si fliceva uso di piccole pietre : queste {lapiJli dei Lat.) servivano anche a 
▼otare, secondo il loro diverso colore. Nel vendere un campo i Latini usavano 
dare al compratorc una zolla di quello, quasi assicurazione di dominio. 



Digitized by 



Google 



;le I 



l-I£STh SAKDH SACRE h PROl-ANt 399 

E ite bella linna ! 

Mi la chelzo abbaidare ; 

E tuc, Juanna Pinna, 

Su Giolsi a chie V asa a dare ? 

Si faghcne ballos a soziu, ballos in carrela; si niandigana ca- 
sciolas , cattas a bentu ; scgana sa padedda a ssu Mescuris 'e sfts 
chijnas. Sal padeddas chena trattadas sunt trcs; una piena de abba, 
una de iuscerc, una de cufBtturas. Las iscudet' unu bajanu, c bu- 
gliende mindigana, e riene. 

Tradui^ionf. — Nell' ultima notte di Carnevalc piangono Giorgio '. Si im- 
provvisano mutlos , motti , complimcnti ^ allc porte delle ragazzc come sarcbbc 
questo : 

Che bella legna — Mc la voglio guardare — 

H til Giovanna Penna — La tua letizia a chi la vuoi dare ? (la darai?) 

Si fanno balU a pagamento 3 (in casa) e nella strada (piazza); si mangiano 
caci marzolini, focaccie spugnose o sfogliate; si rompe la pignatta al Mercoledi 
cV'lle ceneri. Le pignattc devono csscre nuove e sono tre : una piena d* acqij^i , 
una di crusca, una di confetture. Le rompe un celibe -f, e schcrzando, mangiano 
c ridono. 

Su Barantinu {La quarantina^ la Qiiaresima). 

Culthu elthc tempu de penitenzia ei sol massajos iitana triba- 
gliende. Abbiidana in culthu tempu a sal pittigadas de-ssa luna, 



' Giorgio c qui un nome dato per ischerzo al Carnovale. In altri luoghi 
di Sardegna, per es. a Torralba, piangono e poi bruciano un batufFolo di paglia 
detto anche la Giorgi. In Sicilia piangono: Lu tiannu chi mori ; a Carpeneto 
dWcqui dicono: ir veg^ u moir^ il vecchio muore. 

* Tali canti sono spesso scherzevoli , e secondo i casi , satirici. Secondo i 
casi dico, perch6 chi fa il canto (ponel a su mnllii) bisogna che pensi se non c'e 
damo o fratello, o cognato dclla ragazza chc possa riscntirsene, caso mai fosse 
troppo ardito. L' uso e anche a Carpeneto d' Acqui , ed in Sicilia (vedi Pitrl, 
Carnevah) e nel Trentino. 

3 Balli fatti pagandn un tanto a testa, oppurc balli in piazza; ai primi pos- 
sono accorrere solo gli invitali; ai secondi, chi vuolo. 

4 £ uso di moltc altre rc:;u ni d'ltjlij; in Toscano lo chiamano : la penio- 
laccia. 



Digitized by 



Google 



I 



400 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

chi sunt battoro: dae su 7 a-ss' 8; dae su 14 a-ssu 15; dac-su 21 
a-ssLi 22, e dae su 29 a-ssu 30. E tando non si podet iifundere, 
robba noa, ne tunderc, ne sci^iirc linna. Si p6det iifundere a luna 
fora, si no sa robba intra' meda a dogni infultha. Si ted tundcre 
a luna bezza e scgare sa chi iifozat', e a luna noa sa chi non iifoza', 
si no fraziga. A ssu settc de-ssa luna sol palthorcs narana chi elthe 
luna bezza. Dae-su 7 a-ssu 1 3 elthe pizzinna, e tando non podene 
tundere elveghes n^ cralthare p oscos. A-ssu pienu 'e-ssa luna non 
si pode samunare pannol' russos. A lun' intro non si pode salire 
pettha o laldhu. Prima de-ssu sette intaccana ssu masone, elthe a 
narre tundent a una ilveghe, e tand9 podene tundere cando ghc- 
rene. Sal mancias 'e-ssa luna narana ch'elthe sinnu 'e temporadas 
e s' ultheddu b' elthe affacca, ghi b' a' dilgrascia. 

Traduiione. — Questo c tempo di penitcnza cd i contadini stanno lavorando. 
Osservano molto in questo tempo i morsi della luna (ossia i giorni dannosij che 
sono 4: Dal 6 airS; dal 14 al 15; dal 21 al 22; dal 29 al 30. In questi tempi 
non si pu6 tingere {isf under e) panno nuovo, ne tondere pecore, nk tagliare legna. 
% pu6 tingere a luna in luori, calante sc, no il panno (ri)entra molto c ad ogni 
btgnatura od injmersione. Si deve tosarc a luna vecchia, tagliare legna (aCar- 
peneto d' Acqui dicono fare la Icgna^ e fare la testa, decapitare) a luna vecchia 
di quella che sfoglia , ossia degli alberi che perdono le foglie air autunno , e a 
luna nuova quella che non sfoglia , (cio^ olivo , clce i^cc) se no si infracida. 
Quando la luna 6 nei 7 giorni i pastori dicono che e vecchia. Dal j ai 130 
novella, e allora non possono tosare pecore ne castrare porci. A luna plena non 
si pu6 lavar panni grossi. A luna calante (luna in dentro) non puossi salare lardo 
o carne. Prima del 7° giorno incignano, cominciano il gregge, k a dire tosano 
una pecora e allora possono tosare quando vogliono. Le macchie o Talone della 
luna dicono che e (sono) segno di temporali, e se una stella c*6 vicino, che v't 
disgrazia, che 6 stato commesso un dclitto, 

Sa feltha 'e Pacha mazore (La festa di Pasqua). 

I-SS4 Chida santa iisana niandigare s'iligu ', sal terricias % su 
'asolu torradu, su pan-e-saba. Faghent a sal cozzulas , canilthros, 

* Alighe, aligu, forse dal latino alica, farina di spelta. 

2 Ziriccas le cliiamano a Ghilarza (\"edi Cauti logudoresi, pag. 24). 



Digitized by 



Google 



^:j 



FKSTli SARDE SACRE E PROFANE 4OI 

pippios 'e poddine , casndinas , pettha cotta i-ffurru. Antigamente 
andaiana a cuvventu ' o a domo 'c pr^ideros , cu-ssal c6rvulas 
picnadas 'e pane, pettha, aranzos, po la bencighere; como, no. 

Sol palthores cumonalzos regalant *a sa chedda * elthe a narrer 
una masonedda 'e anzones-a-ssal dependenzias. Sol regalados relthi- 
tuini aranzos, lattucas, mittulos 'e azos e chibuddas, e sal iitrinas 
a-ssa teracca ch' i giuttu su regain. Pulthis Pacha mazore t6rrana 
a cominzarc sol ballos ei sal serenadas. Sal bajanas regoglient'a-ssa 
prima abba-chi pi6e pulthis pacha o a-ssa prima die 'e Maju ' , e 
crene chi samun^ndesi sa cara si fettan' bellas. 

Pacha 'e fiores, la nirana gai poite a-ssa missa cantada si'ettat 
in cheja una saflEita 'e fiores 'c proninga. Antigamente sa Parrocchia 
imbiaiat' a sol romagliettes a-ssal pessonas dilthintas; como nudda. 
Sa proinca la bittana po sal carrelas puru i-ssa felta e Coipu 'e 
Crilthos. Sal pobiddas faghene sa juada cu-ssal rosas. 

Tradu^tone. — Nella Settimana Santa usano mangiare il pan giallo (farina 
di gran tiirco sapa c vino cotto c miclc) Ic toricche, o Zcricche (lunghc e strettc 
fbcaccic picne di sapa) cccc tostato (fagiuolo tondo) e pane di mostarda. Fanno 
pure pani cotti sotto la ccncrc, cancstrini , uccellini di fior di farina, formaggelle, 
came cotta al forno. Anticamente andavano al Convento od a casa dei prcti 
colle corbe piene di pane, came, aranci, per far bcncdire il tutto; ora no. 

I pastori capi-socida regalano la chedda^ cioe un greggino di agnelli ai lore 
dipendenti. I regalati restituiscono aranci, lattughe, mazzi di agli e cipoUe e le 
strenne (mancie) istrinas alia serva che portb il regalo. Dopo Pasqua toraano 
a cominciare i balli e le serenate. Le zitelle raccolgono la prima acqua che 
piove dopo Pasqua o nel primo giomo di Maggio e credono che lavandosene 
la faccia si facciano (diventino) belle. 

Pentecoste, o Pasqua fiorita, la chiamano cosl perchi alia messa cantata si 



» -Convento dei Cappuccini presso Tiesi. 

2 Chedda quantitii, numero. Lo Spano deriva il vocabolo da Ghady cumolo, 
in lingua fenicia : A cheddas vale a mUcchi , cheddittos = gemelli. Un proverbio 
di Nulc dice: Pasca est au:^onina, la Pasqua t sempre degli agnelli, da imbandirsi 
arrosto, secondo il pranzo di rito. 

5 5' abba dc Abrile — FitgheV hnbianchire, dice un proverbio pure di Nule; 
quindi tantq piii qucUa di Maggio. Un proverbio fcrrarese dice : Mars al ietii ; 
Abril al speni; Chi e d* bona forma — D'Mai al torna, cio6 Marzo tinge, Aprile 
cancella (lavando) — Chi t di buona forma — Di Maggio ritori^i. 

Archwio per It tradi^^ioni popolari — VoL XIll. $1 



Digitized by 



Google 



'.^.iill^il- 



402 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



sparge in chiesa un vassojo pieno di fioii di pervinca ». Anticamente la Par- 
rocchia mandava mazzolini di fiori alle persone distinte (distintas); ora niente. 
La pervinca la spargono pure per le strade nella festa del Corpus Domini. Le 
padrone di casa fanno la giogada * colle rose , ossia una focaccia con entrovi 
qualche foglio di rosa. 

(Continua) G. Ferraro. 



» Questo bel fiore azzurro, comunissimo in Sardcgna {prbificay proninca) ed 
in tutte le stagioni, si sparge anche nelle nozze e lo chiamano perci6 su frorc 
*e SOS cdiuos, il fiore delle nozze. 

3 luada o giogada ^ una focaccia sulla quale, quando ^ ancora cruda, dise- 
gnano il giogo dc* buoi, Taratro, il carro, o le mote. 

In Sardegna nelle grandi festa dei villaggi aprono la processione molte paja 
(Jugos) di buoi , quindi i villici che vestiti a festa guidano coi fioriti pungoli 
(puntonalxps) i loro compagni di lavoro, vengono per ricompensa regalati de-ssa 
juada, chiamata pei trafori anche pertusitia. I Romani avevano le resales escae, 
focacce nelle quali erano impastati petali di rosa ; essi le mangiavano durante 
le festc dei morti che si celebravano nel mese di Maggio. Erano queste ultime 
dctte rosalia e consistevano nello spargere rose sulle tonjbe e mangiare le fo- 
caccie rosales. Nella festa del Corpus Domini in molte regioni d'ltalia si fa Tin- 
fiorata, o lo spargimcnto di fiori, sulla strada che deve percorrere la processione, 
seguendo nell* csteriorita del culto cristiano , un uso pagano , inveterato. (Vedi 
Giornale Liguslico, anno XX, fasc. i, pag, 29. Feste sardc ecc). 



Digitized by 



Google 



f 




USI NUZIALI SENESI. 




A qitando le Nozzt 7 

A donna, molto pii deiruomo, fino dai piu teneri anni 
ama il lusso ed ha piacere ad essere riguardata e a parer 
Bella. I cittini faran festa, si, quando rmnovano un ve- 
stitino; ma le cittine se ne tengono molto di piii: ne parbno a 
scuola e a casa coUe piccole amiche, fin da quando la mamma lo 
ha comprato; ne dicono mirabilia appena che ii stato loro provato 
dalla sarta; e, indossato che Thanno, pare che dicano a tutti: guar- 
date quanto sto bene, quanto son bella ! E se ne vanno, per istrada 
(c'fe a posta un vocabolo senese) da spepe. 

In casa , a scuola nel tempo della ricrea^ione e a' passeggi , 
alia Lizza, in Fortezza e nelle piazze, dove son condotte dalle serve 
o dalle mamme , le cittine fan sempre alk sipwre e allc tnamme. 
Le pope o le cittine piii piccole sono, s'intcndcj la loro prok% che 
i sempre o malata o cattiva , in modo che le povere mammine 
son sempre tribolate da mille afflizioni. O ci han da chiamare il 
medico, od hanno da pensare in qual conservatorio potraniio rin- 
chiudere quelle loro cittacce svogliate e cactive. 

E fra i moltissimi giuochi che fanno^ ci hanno anche quello 
della sposa. Due cittine, coUe mani, formano un seggiolino, su cui 



Digitized by 



Google 



^j^f^^^mw^ 



1 



404 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



si mette a sedere la sposa, che c portata, cosi , in giro , mentrc 
altre bambine van dietro contando: 

Ecco la sposa che va a marito 
G)n trecento anelli in dito * 

Appena che la cittina si e fatta ragazzina, comincia subito a 
sognare d'amore. Maestre in cio le sono le amiche piu grandi 
prima e poi le letture e lo star con tanto d'orecchi aperti a' di- 
scorsi delle spose, amiche della mamma. 

E mentre si potri trovarc un ragazzetto di quella stessa cti 

che ancora potra dire di volersi far prcte , la ragazzina , invece , 

escluderi qualunque idea di cntrare in un convcnto per farsi mo- 

\ naca: e, stuzzicata in proposito, potra dire: Si mi faro monaca di 

certo, ma di 5. Benedetto.,, una cuffia e un berretto. 

Cosi quando qualcuno passa davanti a una ragazza, suol dire: 
Oh, scusi, sa, se le passo davanti. E quella risponde subito: Faccia, 
faccia, tanto, non mi fo mica monaca ! 

Chi spazza, deve guardare di non passarc la granata sui pieJi 
delle ragazze o dei giovinotti, perch6 altrimenti quelle non trove- 
rebbero un cencio di marito, nc questi un po' di moglie. 

Tutte le ragazze, anche quelle piu brutte, sperano di trbvarc 
un marito: e si accomodano c cercano di flirsi belle e di occhieg- 
giate e di non mancare a' passcggi, alle feste da ballo, a' tcatri. E 
ci ii chi in casa sta senipre alia finestra, in paletto, come una ci- 
vetta, a far la bella con quelli che passano, o, se ce ne sono, co* 
giovinotti, che abitano di Hiccia. 

E questa sari civetteria ; ma avrebbe torto chi si scagliasse 

contro a questi costumi, che non son poi generali e lamentasse la 

disonesti de' tempi moderni. II mondo e stato sempre lo stesso ; 

anzi, voltati indietro c'b peggio. Per esempio, nel cinquecento, una 

mamma, una tal Lucrezia (vergogna !) * oltre a dire alia figlia: 
* 

IDistcndendo or Tuna or I'altra mano 
Mostra de' diti tuoi le ricche gioglie, 

I le suggerisce anche, che e peggio: 

> V. Giuochi fanciuUeschi in Siena, nolV A rchivio per k tradiiioni popoJariy v. X. 
* Mariano Manescalco, Vitio mulifhre, Siena 1547. 



Digitized by 



Google 



LSI NUZIALI SENESI 4O5 

.... i vaghi pomi rilucenti c belli 
Fingendo rassettar ne le lor vcste 
Con destrezza tal or lassa vcJelli. 

Anche prima di aver trovato il damo (come chbmano in 
campagna il fidanzato), le ragazze cominciano a interrogare il de- 
stine, per sapere quando saranno sposc, se quest' anno , sc un al- 
tr'anno, se mai. E quest'oroscopo lo traggono sfogliando fieri, fo- 
glie. In campagna si servono a prcferenza del gio|:^lio, die cresce 
fra il grano. 

In campagna le ragazze fra loro, o altri alle ragazze, buttano 
addosso il forasacco (Jjordeum murinum) stritolato, e tanti steli ri- 
mangono attaccati alle vesti, altrettanti mariti pigliera ! 

Sc, a caso, fuor di porta, s'attacca un rovo al vestito d'una 
ragazzina, vien derisa, perchc e segno clic dovra aver per marito 
un vedovo. 

I giovinotti, oltre che alia bellezza dellc fanciulle , guardano 
anche al suo conteguo; c cio per tenia di dover poi far pane 
della compagnia di S. Cornelio. 

Giudicano male d'una die si stiri, perche il provcrbio dice: 

Quando la donna si stira e si stcnde, 
Chi e quel co...rbello chc non la 'ntendc ? 

Sc vedono che una sculetta, ricordano queirada^io chccanta 

chiaro; 

Quando la donna riraena I'anca, 
Se 'un 6 p..., poco ci manca. 

Anticamente, a quel che si legge nel Diario del Gigli * le 
giovinette senesi si raccomandavano caldamente al nostro B, Am- 
brogio Sansedoni, ritenuto protettore de' maritaggi. E le nobilij la 
vigilia della festa, per propiziarsela, portavano cera al suo altare in 
Campo Regio. 

Ora, le ragazze de' giorni nbstri, supplicano* Sant' Antonio da 
Padova, il quale fa a' suoi devoti fino a tredici grazie il giorno. 



* V. Diario sanese di Girolamo Gigli. Lucca, Leonardo Vcnturinl, 172^, 
vol. I, pag. 91. * 



Digitized by LrtOOQlC 

% 



\ 



406 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

Co da scommettere che esse glicne chiedono una soli, quella di 
trovar presto uno sposo. E lo pregano cosi: 

Sant*Ant6nio mio benigno, 
Di pregarvi non son degno 
Per amor del rcsponsorio 
Fatcmi la grazia, Sant' Antonio. 

E dicono trcdici paler, ave c gloria. 

II santo poi che ora gode la venerazione delle ragazzine, chc 
si consumano ncl desidcrio di trovare un marito, h S. Francesco 
di Paola: un altro tauniaturgo. Nessuna giovinetta si assicura che 
a lui ricorra invano. A mc, in qucsta materia molto incredulo, fu 
narrato un ancddoto, con tanto di nome e cognome dei due pro- 
tagonisti; ed e questo. Non sono molti anni, che una ragazzanon 
si stancava mai di pregare S. Francesco di Paola , perche ie la- 
ccsse trovare, e al piii presto possibile , una huona occasione per 
nccasarsi. Mcsse, benedizioni, confessioni, comunioni, tutto era in- 
vano. In casa tencva un'elligie di questo suo patrono, c vi pregava 
dinanzi mattina c sera fervorosaniente, e niente ! II lume perpetuo 
e i pill bci iiori delle varie stagioni non giovavano a niente. Non 
le si fcce dinanzi, non dico a chiederla, ma neppure a farle Toc- 
chio di triglia, nemmeno un cane. Ando a linire che la poveretta 
prese i cocci, si arrabbio col santo , e un giorno ne prese Tima- 
gine e la scaravento fuori di finestra. Voile il caso che il santo, 
neppure a farlo a posta, andasse a cascare in capo a un bel gio- 
vinotto, che giusto allora allora passava. II colpito vide la finestra 
da cui I'imagine gli era piovnta addosso, sbaluggin6 la ragazza che 
Taveva buttata, e non essendogli garbata quella percossa, per quanto 
santa , ne sporse querela alia pretura. Ma all'udienza , tosto che 
scorse da vicino , per bene quella ragazza, appena intravista alia 
finestra , e non mai osservata attentamente in istrada , anche piu 
bella per la conlmozione di trovarsi in quel logaccio e per la paura 
di una condanna, fece subito quetanza. Voile inoltre pagare le spcse 
richieste dalla pretura, e tanto ne fii in un batti baleno innamo- 
rato, che in quattro e quattr'otto furono marito e moglie. 

Ma alia fine, in un modo o in un altro, ogni ragazza vedc sor- 



Digitized by 



Goo 




f^^ 



USI NUZULI SEKKSI 407 

gere il bel giorno , in cui le vien chiesto il cuore , die da tanto 
tempo non palpitava chc per... darsi al primo capitate. Se h un 
partito- fatto, sari storui la bocca un poco; ma poi^ accettato. Gi;\ 
i partiti %tti sono* soltanto per le signorine, allc quali 6 proibito 
anche di mettere il viso fuori della finestra. Le ragazze dci bor- 
ghesi s'intendono co' giovinotti che frequentano in casa , o chc 
trovano nelle famiglie aniiche c ne' festevoli ritrovi delle innumeri 
societi. Le popolane, poi, che stanno scmprc per la strada, quando 
tornano, se. operaie, dal lavoro, si mettono a fare airamore o co' 
vicini, o con chi le ha per la via seguitatc. 

In campagna o accadono le nozze , anche I'l, per partiti fatti, 
oppure, ed 6 il piu delle volte , i giovani s'innamorano o per la 
vicinanza, o per simpatia nelle vcglie deirinverno, o nei lavori in 
cui han parte uomini c donne, come alia scerbatura c alia sega- 
tura del grano , alia vcndemmia , alia zappatura delle viti, o alia 
vcndemmia. E fra' contadini non si sente dire che il tale fa all'a- 
more coUa tale; ma che Bistarino parla con Carola. 

Chi 6 stato mezzano in uno sposalizio , merita una camicia. 
Ma si dice per ischerzo. 

Fatto il paiaracchio, ossia dctto il si dalla ragnzza, cominciano 
i colloqui, o, in mancanza di qucsti, Ic Ictterine, niagari fiorcttate, 
rigurate e specialmente con due cuori trapassnti da un dardo. I 
bigliettini e le lettcrc o si danno, a spasso, furtivanicntc in niano 
alia bella, o le si mandano per qualchc arnica compiacente , o le 
s'inviano per posta. E se la ragazza vuol fare all'ainore di nasco- 
sto, le lettere sono indirizzate fcrme in posta, anche con un pseu- 
donimo, e lei, o qualchc arnica pensa a ritirarle. 

Se una ragazza s'avvede d'averc un buco in una calza, c tutta 
lieta, perche vuol dire che ha una lettera del citto alia .posta. 

Chi va con un innamorato, o con una che abbia il hello si 
raccomanda di non fargli tcnere il lumc. Dice; Fa '1 piacere, non 
mi far fare da tre via tredici. E qucsti due modi indicano di fare 
il mezzano. 

Se il bello puo andarc in casa, si sa ciic e al settimo cielo, 
ma i genitori della ragazza prcdichcranno scmprc al giovinotto: Badi 



Digitized by 



Google 



408 ARCHIVIO PER LH TRADIZIOKI POPOLARl 

bene, che salendo queste scale , le dovri scendere per portare al 
Comune la nostra figlia. E la mamma specialmente non si stan- 
chera mai di dire all'innamorato: Facciamo presto, pcrche non vo' 
star tanto a guardare i morti; oppure: Vediamo di no* stancar 
tanto queste seggiole. 

Trovato che e, tutto sta a vedere sc il fidanzato sari buono 
e fedele. Ma ci sono dei mezzi per verificarlo. Se per esempio, la 
mattina , appcna alzata, la ragazza si affaccia alia fine stra e vede 
passare un cane, pu6 esser sicura sulla fedelti delFamante ; se poi 
vede un carabiniere o una guardia di pubblica sicurezza, pu6 dor- 
mire fra due guanci ali: non ha nientc a temere. 

L'affetto viene riscontrato anche da qualche altra cosa. 

Se per esempio uno dei fidanzati ha la mano calda, vuol dire 
che ha il cuore diaccio, o vicevrsa. Come se Tamore av esse Li sua 
sede nelle mani ! 

Si fanno dei doni, il piu che possono; ma son proib iti gli og- 
getti che possono bucare. Porta gran disgrazia, poi, reg alare un li- 
bro da messa. II regalo piu grato 6 un anellino. 

II marito 6 tutto per una giovinetta. Omnia vicit amor , e 
coll'amore vengan pure miseria e dolori quanti si vogliono. Ni toppe 
c strappi nelle vesti, n6 grinze nel corpo vorranno dir nulla, se io 
potro sposare chi amo, cosi dice questo stornello: 

Voglio piglia* marito a Pasqua Rosa. 
*Un me n'importa d'ave* robba *n casa 
E quando ci ho lo sposo, ci ho ogni cosa. 

E se dovessi spigolare nella raccolta che io ho di stornelli, 
non la finirei tanto per fretta , ma vo' riferir questo, che mi fu 
dettato, tutto d'un fiato per tutti e tre i versi; ma che per gustarlo, 
birichino com'c, va messo a dialogo fra due testine armoniche, co- 
me non mancano. Eccolo. La ragazza con ironia canta: 

Voglio piglia' marito, c voglio voi: 
*Un me n'importa di stcntarc assai... 

E il giovinetto, di ripicco, termina: 

Stcnter6 io, e gonficrete voi. 

E la ragazza dev'esscr rimasta, allora a' tanti del mese. 



Digitized by 



Google , 



UM NUZIALI SENKSI 4O9 

Prima di trovarc il fidarrzato , per Ic povere giovincttu c un 
rodio da non dirsi; trovato chc Thanno, comincia rassillo della pauni 
di perderlo. E ricorrono alle donnc die hnno le malie , o le carte , 
almciio per sapere se sono aniate, se hanno rivali, se hau da temcrc 
di avere il sacco. 

Ho riferito gia alcune superstizioni modernc '; ora mi piacc di 
far osservare, die se alk malie per tar iiinamorare la persona dilet- 
ta, ci si erode ora, i vecclii nostri ci credevano aiiclie di piu. Nd dn* 
queccnto un certo Beccafonghi, villano , cosi consigliava Mamilin , 
Ninfii, la quale era afflitta perclie Lucio, il pastorc di cui elLi era m- 
iiamorata, non la voleva: 

Ya trova qucstc donnc, clic san larc 
Le malie, con le puntc dclle spilli. 

O se tu potessi farli manicarc 
In qualche modo un po' di Marcorclla, 
Tel menaresti rieto a du ti pare -. 

Ma dopo tanto desiderio, dopo tanti angosciosi timori, ccco ar- 
riva il bel giorno. 

Le Nozze! ^ 

. Di preferenza, i matrimoni succcdono nel canievalcj o dopo 
Pasqua d*ovo, o nel scttcmbre. 

Parrebhe die il mese di maggio fosse indicato per la celebra- 
zione degli sponsali: ma, a quanto pare, non starebbe bene lo spo- 



» V. Sena Fetus, In qucsto Archivio^ IX, p. 521; X, 28. 

2 PtLAGRiLLi, Cowmedia di M. Ascanio Cacciaconti. Siena, 1605, atto V. 

5 Per le nozze senesi vedi Le autiche rw:^ie scuesi. Capitoli estratti dallo sta- 
tute volgare di Siena del 13 10 (pubblicati da Luciano Banchi per le nozze D*An- 
cona-Nissim). Siena, 1871; Luigi Fumi, Bando di prender mogliein Sfena. Lettera 
al conte Cozza (per nozze). Siena, 1878; Mario Giuliani, La prmnmatim senti^. 
per k none, deU'anno 141 2 fehhraio 24 pubblicata nel suo testo originale. Siena, 
1879; Mazzi Curzio, Alcune leg^i sontuarie senesi. (NelP a Archivio storico ita- 
liano)), Serie IV, T. V, pag. i^viH) I'irenze, 1880; Fortunato Doxati, Prov- 
V!sioni della RepnhMica sopra i junlrinioni (per renderli piu iVequenti) nel secolo XV. 
(Nella Miscellanea slorica senese). Siena, 1895, a pag. 167. 

Archivio per Ic Iraii^ioni popolari — Vol. XIII. f% 



Digitized by 



Google 



410 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

sarsi , perchc si dice comunemente che di maggio si sposano gli 
asini. Fatte le proclame, o detti i fidanzati, alia messa parrocchiale, 
per tre volte, si possono sposare. Qualche curato, quando i fidan- 
zati vanno da lui per le proclame, ne unisce le mani nelle sue, e 
dice: ora sono proprio promessi. 

Ora il matrimonio si celebra di giorno o di sera , a piaci- 
mento di chi lo contrae; ma nel seicento, e*anche prima, non po- 
teva celebrarsi che la mattina, secondo il volere delle costituzioni 
diocesane: « Matutinis, ut decretum est, non pomeridianis, aut noc- 
turnis horis matrimonium fiat» *. 

Se ora si sciala e si fa galloria , quando avvcngono matri- 
monii, a quanto pare, prima pure non si canzonava. 

Ecco come San Bernardino descrive la novella sposa - : 
« Quando (la donna) va a marito, ella ne va a cavallo tutta ornata 
con tanti suoni, con tanto triunfo : ella fa del grosso, quando ella 
va per la via, e la strada e tutta plena di fiori. Ella c vcstita tanto 
ornatamente; co le listre deU'ariento, co' dindoli % piene le dita di 
anella: ella k lisciata: ella ha i capelli raconci, pettinati: ella ha le 
ghiandarelle ^ in capo : ella ha la fietta 5, e ui ogni lato alluccica 
d'oro. Ella c a cavallo in tanto triunfo, che mai non fu simile... 
Poi ella giognc a la casa del marito, con grande festa c ricevuta. 
Egli Vh gettato talvolta la spelda in, capo, e dimostranti che tu (o 
sposa) sei una bestia » ^. 

Le mode sono state sempre buffe e esageratc ; percht trovo 



* V. ConstihUimes et decreta condita in provinciaJi sytiodo senensi. Romae, 
1 60 1, cap, X. 

* S. Bernardino da Siena, Le Predicbe volgari edite da Luciano Banchi. 
Siena, 1888, vol. 3°, pag. 359. Cfr. pure la stcss*opera, 1880, vol. !<>, pag. 199. 

3 Dindoli o dondoU, erano piccoli oggetti d' oro o d' argento o d'altro me- 
tallo, onde solevano le donne adornarsi il collo o le braccia , quasi com' oggi 
usan gli uomini alia catena delPorologio. (Nota deiredit,). 

4 Le Ghiandarelle erano ghirlande, generalmentc di perle, fatte a ghiande. 
II Santo ne cita altre che avevan la forma di more o di chiocciole. (Nota dclFediL). 

s Pannolino col quale costumavano ornarsi il capo le donne. (Nota dell'cdit). 
6 Ambrogio Lorenzetti frescb a mezzo il secolo XIV un simil corteo du- 
ziale nella sala della Pace del nostro Palazzo pubblico. (Da nota dcU'edit.). 



Digitized by 



Google 



Usi kUziali senem 4tl 

die nel cinqueccnto le spose si mettevano certc scarpe , die non 
vi potevano camminare. Un tal Cavicchio, parlando di gente che 
per averne buscate, proprio di quelle belle e sodc, non poteva cam- 
minare, dice : 

gli andavan piano * 

Hii d'una sposa, quando ha gran pianelle * 

E chc s'appoggia addosso a un con mano '. 

La sposa dovcva presentarsi con tanto di velo; le costitimoni 
provinciali parlavano cliiaro : « Sponsa non nisi velato capttc ac- 
cedat; neque eius matrinionium celebret Parochus, quae %t1o tecta 
ad Hcclesiam non adierit ; ita enim et Apostolus praecepit, et Re- 
becca docuit , quae simul ac sponsum aspexit , pallio caput ob- 
nupsit » ^ 

Come se, avendo fatto la scmgida Rebecca , tutte le altre spose 
pure dovessero vergognarsi di mostrare il loro volto alio sposo c 
a' testimoni. 

A' tempi di S. Bernardino tutte le donne dovevanu iinJare 
in chiesa col velo o col capo coperto, ed egli v' insisteva predicando 
« per levar via di non far cascare persona in pecato » ^ 

Ed ora ecco qualdic costunianza e superstizione sut nintri- 
monio e sugli sposi. 

Tanto le nozze son credutc sacre, die sulKAmiata, il giorno 
delle nozze, il sacerdote benedice il letto matrimoniale; forse pcrchi 
(come se con quella gcnte ce ne fosse di bisogno) il creseife H 
muUiplicaunni augurato, avvenga per davvero. 

Se piove il giorno delle nozze, si suol dire die lii sposa era 
solita mangiar nel pignatto. 

Non e di buon augurio , se la sposa in quel giorno solenne 
vede risplender la sua luna. Alio sposo, capisco, non potni anJar 
tanto a fagiolo ! 

In questo bel giorno h bene die lo sposo porti indosso pii 
denari die potri: la nioglie, pero, guardi di non avere in tasca che 

* Ecloga rusticak chiamata Trahocco del sacco^ a pag. 56. Siena, s. a* 

2 Constitutiones et deer eta condita in provinciali synodo seneu^i. Cap. X, 

3 S. Bernardino, Prediche, T. II, pag. 411. 



Digitized by 



Google 



bronzo. Non so se la superstizione ammc:t;i chc lei possa tenere 
dci fogli di banca ; quel c!ic non dovri averc c inoneu d' ore c 
d'argento. 

Non parlando delle signore , chc' han fior d' aranci in testa , 
veli e vcsti biandic , le sposc nostre, cittadinc e del contado , si 
contentano di una veste nera di seta, o di tibet. Le contadine, se 
ne hanno, si niettono addosso tante gioic da cmpirne una bacheca 
di orefice c sfoggiano immensi cappellini di paglia con lunghissimi 
c larghissimi nastri di seta, per lo piii, bianchi. 

Quando gli sposi sono neiringinocchiato io, i testimoni e gli 
spettatori osscrvano i ceri che sono a' lati , per guardare qual e 
qucUo che fa piu lume. II cero che fa meno lunie annunzia che 
morira prima chi e inginocchiato da quella parte. 

Le spose devono badar henj che lo sposo non spinga Tanello 
piu giu della prima falange del dito: in caso contrario saranno b.i- 
stonate^ dal marito. 

Indica male perdere V anello benedetto dc!lo sposalizio. Pero 
c'e pure chi a questo scrupolo rispowde con questi due versi : 

Lo puoi perderc, lo puoi impcgnare, 
Basta non vcndcrlo, non avrai mai male. 

Tutti c due gli sposi bacino per benino la pace, quando sara 
loro prcsentata dal prete, se no, non staranno mai d'accordo. 

Uscendo di chiesa, se non vogliono che loro avvenga male, 
devono, per ritornare a casa, hre una strada differcjite da quella 
seguita da prima. 

Pagata la messa al curato e data la mancia al bidello e alia 
guardiana , a volte da qualche parente vengono anche date delle 
elemosine a' poveri, che possono essere andati alia funzione, a posta 
per vedere di chiappar qualche soldo. In campagna, usciti di chiesa, 
oltre che soldi, vengono buttati in terra anche dei confetti. 

Anticamente, in segno d'allegria, anche in citt.i, in occasione 
di nozzc, si focevano spari di mortaletti, masti, armi da fuoco; e 
Tauditor fiscale (proprio si vede che bando senese , non dura un 
mese, come dice un proverbio) il 15 gennaio 1734, 1' 8 maggio 



Digitized by 



Google 



USI KUZIALI SKKKSI 41^ 

1764 e 11 24 aprilc 1768 li proiblva (torse soniprc invano) per 
evitarc, diceva, gli sconcerti che non di rado no seguivaiio '. 

Ma suirAmiata si fanno scmpre, specialmente quando urf gio- 
vinc del paese sposa una di fuorivia. Allora, quando la sposa mette 
piede nel paese del marito , i tonfi non mancano. Le buttano ad- 
dosso delle manciate di grano e le fanno la parata con dci bei 
nastri, appesc a' quali mettono delle medaglie d'argento. E queste 
parate con nastri possono esserc anche piu di una. I nastri son tc- 
nuti, a' due capi, da due giovinette, di iamiglie non tanto in auge, 
e che poi, colle mancc degli sposi , potranno tarsi qualche cosina 
per mettersi addosso. Le medaglie son rese a' parenti che le hanno 
favorite, e i nastri restano in proprieta della sposa. 

Dopo la cerimonia religiosa, in casa della sposa vengono ser- 
viti rinfreschi, calio, latte, cioccolate, paste. Sono invitati i parenti, 
gli amici c i conoscenti. F/si danno confetti. I confetti poi sono 
stati mandati , fin dalla vigilia del niatrinionio e anche prima , ai 
parenti e conoscenti, i quali contraccambiano la sposa con dci re- 
g.ili. In campagna le sposc offrono i ciambellini, certe paste insi- 
pidette composte di farina , ova e anaci , che sogliono portare in 
un piatto messo dentro a un gran fazzoletto bianco tutto ricamato. 
E con qucsto ciambellino e con tre fiive cottc e un topo arrostito 
che finiscono tutte le nostre novelline, popolari. 

I confetti degli sposi vanno mangiati e volentieri, perche chi 
ne mangia campa dieci anni di piu. Hh, se fosse vero! 

Ora gli sposi, quasi tutti, come cassieri ladri, pigliano il treno 
c se ne vanno , contcntandosi anche di non oltrcpassare Fircn/e , 
quando non si fermano a Poggibonsi. 

Solo i popolani fanno il pranzo, cui invitano parenti e amici; 
e solo in campagna, oltre il pranzo, c'e la veglia col ballo. 

Quando gli sposi, che sono a letto, vogHono spengere il lu- 
me, attenti ! Muore prima , chi lo spenge. II meglio dunque che 
possono fare e di pigliare il lume e di soffiarvi sopra tutte e due 
insieme. 



» V, Codice della Toscana Legislaiione, T. XIX, pag. 2. Siena, Rossi, 1785. 



Digitized by 



Google 



'■1^ 



4f4 ARCHIVIO P1:R LE TRADIZIONI POPOLARl 

H.... buona notte, e la mattina, per solito, gli sposi si vedono 
portare a letto il cafft c latte con torli d'ovo sbattuti.... cura rico- 
stituente. 

Per quanto io non abbia sentito parlare di questa tradizione, 
la quale, del resto, anche il nostro caro e bizzarro Gigli dice gia 
antica a' suoi tempi, credo che scrivendo di nozze, sari bene che 
ci riporti questo sonetto del nostro piu geniale e caratteristico 
poeta ^ 

Con occasione di nozzc si rispondc ad un qucsito : 

perchd gii antichi ponessero un Crivcllo ncl Lctto dcgli Sposi. 

Se il libro di Bertoldo, il ver narro, 
Cosi disse a Bertoldo un giorno il Re : 
Fa, che dcman ritorni avanti a me, 
E che insieme io ti veda, e insicmc no. 

Bertoldo il d\ d' appresso al Re torn6, 
Portando un gran Crivello avanti a se; 
Cos\ vedere, e non veder si le, 
H con la pelle altrui la sua salv6. 

Or la risposta mia cavo di qui, 
Pel crivel die la saggia AntichitA 
Nel letto Marital poneva un di : 

Con bella Moglie alcun pace non ha, 
Se davanti un crivel non tien cosi, 
Onde vedj, e non veda quel che fa. 

Povero Gigli ! Non so se la moglie sua fo5:se bella ; ma so 
che per lui fu un rottorio, un catrame, un cerotto, tamo era spi- 
lorcia e brontolona, mentre il brav' uomo era splendido, c anche 
trappo, e allegro. 

Mi resta a parlare delle nozze.de' vecchi e de' vedovi. 

Per questi prima si fliceva la scampanata : ma ora si e flitto 
anche di peggio. Mi ricordo di due vecchietti che prima di potere 
entrare in casa loro , non so in quanti ridotti furono costretti a 
fcrniarsi, per sfuggire a' ragazzacci che, a ii.chi e... peggio, H inse- 
i^uivano dall'uscita del Palazzo Comunale. 



* Lciioni di lingua toscana dettate dal signor Girolamo Gigli. In Venetia, 
presso Giovambattista Pasquali, 1736, pag. 294. 



Digitized by 



Google 



USI NUZIALI SENESI 4! J 

I vecchi poi die piglian moglie si sa chc haiino offcrto ma* 
tcria di riso in mille commedie e farse; come sono tutt'ora messi 
in ridicolo ne' bruscclli e ne' niaggi dellc nostre campagnc. 

II provcrbio poi dice : 

Quando '1 vecchio piglia donna, 
O suona a morto, o suona a corna. 

E quel che e piu curioso, c che i vecchi tirano alle giovani. H un 
altro proverbio : 

Chi vuol fare il branco presto 
Metta la giovinc accanto al vecchio. 

Se e un uomo , che invccchia senza aver preso moglie, nia 
che avri lusingate, tenure a bada e tradite, anche , chi sa quantc 
ragazze, non ha nessuno scorno, ne nessuno gli rinfaccia il voluto 
celibato. Invece se una povera ragazza giunge a un'eti inoltrata^ c 
muore nubile , finche vive le tocca scmpre d' inghiottire qualchc 
boccone amaro pel suo stato , il quale chi sa quanti dolori Ic ha 
arrecato. Queste sfortunate son chiamate quadrettini da casa , o cor^ 
nici da salotto ; e se sono brontolone , e vogliono dire la lorOj si 
scntono sempre rispondere: « Che vuoi capire? Sta' zitta! Sei una 
ragazza invecchiata ! » E se danno del buoni consigli a qualche gio- 
vinetta, questa risponde: « E tu che avrai fatto ?... Vorresti che fa- 
cessi come te ? Ma vedi ? Sei rimasta, cosi, come sei rimasta.» >^ 
NeirAmiata, poi, queste abbandonate, diciamo cosi, son chiamate 
sagrestane *; forse perch6 non avendo trovato su chi versare il loro 
afFetto, si contentano di darlo tutto (a chi non lo disdegneri) alia 
Madonna e al dolce loro Gesu. 

Prima che la moda li concedesse a tutti, qua, solo i celibi c 
le nubili avevano ghirlande di fiori sopra la bara. 

G. B. CoRsi. 



» V. GiACOMO Bauzki.lotti , David Lanariili dt Arcidosso delta il S^ntiK 
Bologna, Zanichelli, 1885, a p. 67. 



-»> J {» - A_-. H r :r_ V- «^^ 



Digitized by 



Google 




USI NUZIALI DI CALTAXISSETTA. 




m^ 



ON gii 35 anni, c, una donicnica di aprile, vcdevo tornare 
dalla parrocchia un cortco di nozze. I congiunti e gli 
aniici rispcttivi dcgli sposi lo forniavano. In questo 
prime crano Ic donnc (c intcndo quelle gia passate a marito, che 
non e mai uso fra noi condurre le zitelle), che si tcncano in mezzo 
la sposa, vestita de' piu appariscenti abiti c adorna di ori, sulla 
cui modesta fronte leggevasi la letizia di die la bencdizionc del Si- 
gnore Ic avea riempito il cuore. Xe eran meno di lei le commari 
che forniavano il corceo. Chiuse nella tradizionale mantellina di 
panno nero iinissimo , facean gala con vest! a colori sgargianti , 
che dal violetto al pcrla, dal ranciato al rosco, dal verde all'indaco 
ritracvano Ic tinte e le sfumaturc delTiride e si aveano giunta di 
ciocche c mazzi di iiori in seta , o fantasiosi disegni policromi, 
che attiravano gli sguardi dc' passanti, i quali avrebbcro desiato tut- 
tavia di osservare i ccrchioni d'oro, le grandi spillc, le ricche col- 
lane (// gukri) c le molte ancUa {cinttiriiUma) di che erano adorne la 
sposa e Ic commari. Solo doveano andar contcnti di avcre spinto lo 
sguardo alia scarpetta di pellc lucida, coUa nocca di seta nera c alia 
bianchissima calza a punto a giorno di che vcstivano il piede. Gli 
uomini poi, che si tene.mo in mezzo lo sposo (un tocco di giovane 
dalle braccia erculee, che ben rispondeano alia slanciata persona) tutto 



Digitized by 



Google 



USI ANUZILI DI CALTANISSETTA 417 

vestito a riuovo, se, per quella circostanza solcnnc, non aveano pa- 
tuto incignarsi un abito , aveano avuto cura di mettcrsi gli abiti 
dl la duminica t festiy di biirdiggbitini (panno Men grossolano) o di 
panno ncro, chiddti di qiiattr' nn:^i (L. 51) la canna, la quale stofFa 
era ccrvita pel taglio di lu gilicami (giubba corta), di In gilcccn (p:m- 
ciotto) c di li causi cu la nappa, Aveano indossato una buona ci- 
micia di tiln di casa, sostituita a la birritta di cnttuni biancu^ la hir- 
ritfa di Patna , o chidda di sifa cii lu giummn , c a li qjiasari li 
scarpi di vacchiitina bianca con doppia fila di bullettc. 

Ed io li scguii, li seguii fino a die non li vidi arrivarc alia . 
loro abitazione. 

Ma quivi una sorpresa mi aspcttava. Giunto il corteo alia so- 
glia della casa nuziale, manate d^ orzo in copia si lanciarono agli 
sposi, col quale rito, seppi poi, si augurava ad cssi la prosperiti e 
I'abbondanza. Hd entrati, lo sposo ando a sedersi accanto alia sua 
meta. Un'orchestra di violini, violonccUi, fischietti festeggio i nuovi 
arrivati. 

Tutti avean preso posto, mentrc la turba de' monelli che, sc- 
gucndo il corteo, si era man mano ingrossata, cominci6 in quella 
strada a rincorrersi , a gridare , a fare un patassio indiavolato in 
attesa di // no:^:(t dt lu spurisaliiiu. 

Quand'ccco collocarsi fuori Tabitazione un tavolo coperto di 
mediocre tappeto c portarsi un nuovo c bianco bacile di terraglia 
con entro mandorle e mielc. Indi un bambino di circa otto anni/ 
che si ha adattata al collo e gli pende davanti una bianchissinu 
tovaglia a guisa di stola sacerdotale, sale sul tavolo, piglia il cuc- 
chiaio di argento che gli si porge, trincia una benedizione in ari;i, 
un'altra su! recipiente di mandorle e mieie e gusta primo il nct- 
tarco liquore che deve passarsi agl'invitati. 

Terminata questa funzione , e ritirato il tavolo , cumincia h 
firriatu, s'intende prima dagli sposi ca suunu li re di la festa. Mae 
il bambino ora che sostiene il recipiente dcUe mandorle abbrusto- 
lite c del miele, mentre la madre della giovine sposa o altra pros- 
sinia pa/'ente va mettendo in bocca agl' invitati, collo stesso cuc- 
chiaio, il preparato dolcissimo boccone e ne rasciutta coll'anzidctta 
Archivio per U tradiiioni popolari — Vol. XIII. 5 3 

Digitized by LriOOQlC 



> 



i 



418 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

tovaglLi Ic hibbra, quando noii son presti a risparmiarle la fcitica. 

SegLic a questo hi firriatn di li musta:(^^oIay di li nuci e ciciri ca- 
liaii c del vino qui latificat cor hominis. 

Tanto al tempo de' tempi, cio^ fino a trcataquattro anni fa. 
Ma 0£rgi ir altro il costume. La zitella, sia figlia di contadino, mis- 
saro od operaio, non va in chicsa per giurare fedelta alio sposo 
se da questo non si ha avuto portato lo scialle a vece della man- 
tellinaj i giumti, i pendagli, i braccialetti e che so io ; cose tutte 
die si pomivano prima a la figlia di hi galanlomu (civile). Ci sa- 
rebbc il timorc chc la futura sposa il promcsso: E chi havi chin di mia 
la figlia di hi galantomu 1 Al miele, alle mandorle , ai mustacciiioli, 
ai ceci , cose tutte preistoriche , si sostituiscono i dolci di niiglior 
cDsto c i bicchieri di gustosissimi liquori, che solleticano meglio 
Tugola ed il palato. II promesso poi non si presenta piu in chiesa 
colle bniche, la giubba corta , la berretta di seta a maglia sibene 
vestitQ sccondo il taglio del figurino, col cappello duro o morbido, 
la camicia di lino bene inamidata e cravatta di seta chc mettera 
iiitte Ic donieniche e feste in cui si condurri a passeggio per Ic 
vie la car:! nieta. Insomnia altri tempi ed altri costumi, altri gusti 
cd altre csigcnze, altro lusso ed ahra.... poverta. 

F. PULCI. 



.>»^ --;,-7-^ 4.4, -V— — - ;i »4^ 



Digitized by 



Google 




LA JETTATURA (Omi waJii) IN SARDEGNA. 
(BARBAGIA). 



^" ^^??i| ^' crcdcnzc siiUe strcgonerie , sullc fattucchierie sono 






\r^€2^ 



!^^ 1 1 ^^^ lontane dal mancarc ncUa Barbagia; anzi vi si crcde 
o'c^ll fcrmamentc. Lo provano i coccos, che i lattanti portmo 



al petto. Sono certi anellini di una sDstanza nera , di varia gran- 
dezza , che infilati a guisa di paternostri della corona del rosario, 
pendono da un lato o dal bel mezzo del petto dei bambini lattanti. Lo 
provano anche le manine di corallo, che fanno le tic he e sono serrate 
in un cerchio d'argento o d'altro mctallo, e raccomandate ad una 
cattnclla, che avvolge il collo degli stcssi lattanti, che qujste tengono 
il posto dei coccos ovvero ballonzolano accanto a loro. Non suc- 
cedera mai, che una madre vesta il proprio bambino dei suoi mi- 
ghori abiti in un giorno di festa e lo porti in giro senza uno di 
questi preservativi: potrebbc trovarsi un jettatore, il quale con una 
occhiata streghi il bambino e gli apporti una grave malattia od 
anche la morte. Una prova dclFesi^tcnza dcWocrn main, dicono, si 
ha chiara e lampante : non vedete Voi, che alcune volte i coccos si 
rompono, le manine, che fonno le fiche, si frantumano ? Ebbcnc 
e hi virtu che partiva dall' ocru main, c che invece di sfogarsi sul 
corpo del povero bimbo ando a finire nel coccn o nell'altro amu- 
Icto. E se voi aggiungete : « Non e vero quanto voi ditc; quei due 



Digitized by 



Google 



420 AUCIIIVIO I^ER LI- TRAblZIONI t'OPOLAR! 

oggetti sono so;;gctti a rotture come qualsivoglia altra cosa » ; vi si 
rispondcra: No, c il nialocchio, c il malocchio, creda a me, creda 
a me. Si pou'anno trovarc anchc alcune madri, le quali asseriscono 
che faniio portarc ai loro bimbi quegli oggetti non gii perche, 
credono a ss' ocru main, ma perche e un ornamento. Qui e ancora 
il caso di non prestar fedc alle loro parole: internamentc credono 
alia jettatura , scbbene abbiano timore di palesare la loro debo- 
Iczza \ 

Ma quello che h piu strano ancora, si e che credono, come 
il jettatore non abbia alcuna intenzione di far del danno colic sue 
parole; anzi la sua intenzione e benevola; sc produce danno, gli c 
per troppo afletto ; e percio possibile trovare un jettatore in un 
parente prossimo, in un amico di casa, in un ospite che da gran 
tempo manca dalla citta, c viene a rivcdere gU amici con cresciuto 
a.'Tetto. 

Ora ccco come avvlene la jettatura. 

Spesso succede che una persona, la quale ha la tristc proro- 
gativa de ssocru maln^ passi accanto ad un oggetto, ad un animale 
di straordinaria bellezza : cssa si ferma ad ammirare e forse pro- 
nunziera queste parole od anche consimili: Che beiranimale ! che 
bell'oggetto ! Senza alcun dubbio, quell' oggetto, quell' animale, sj 
non vengono in soccorso gli scongiuri , andra a male o morira. 
Se pcro qucUa medcsima persona , mentre pronunziava le parole 
su riferitc, avesse avuto la degnazione di toccare cow la mano Ta- 
nimale c I'oggetto, la virtu maligna, che si sprigionava, senza che 
cgli lo sapesse, dai suoi occhi, si sarebbc;, dispersa ne avrebbe recato 

» Lc maninc di corallo che faiino il noto scongiuro vengono portatc a Naoro 
specialmente da Orc^6solo (pacsc del circondario di Nuoro), ove mi si dice che, 
come ad Orune, sono in niolto onorc le praticfie supcrstiziose. Anchc a Nuoro, 
come in altre regioni di Italia , per indicare un rifmto a cosa men che onesta , 
od anche per indicare un diniego in qualche fliccenda, che stia molto a cuorc, 
il popolo suole Hire le fiche con una sola mano o con tutte due accompagnando 
Tatto con un suono speciale della bocca , che si potrebbc rassomigliare ad un 
leggiero sibilo di vento, che entri a forza in luogo stretto ed angusto. Lc parole 
che accompagnano T atto sono: Gat appaso in s' ocru : cosi abbia tu ncirocchio 
Questa frasc elittica csprime un concetto basso e trivialc. 



Digitized by 



Google 



La jkttatura in sardegna 421 

alcun danno. Ugualmcnte innocua saroobe stata la sua prcf.enza, sc, 
dopo d'aver pronunziate quelle parole, avesse ancora soggiunto una 
fonnola sacramcntalc di scongiuro: Dcur hor vanlefe (Dio vi guardi 
= Dio vi custodisca e mantenga quest'oggctto, quest'aniinalc cosi 
bello) ^ . 

In grazia di qucsta crcdenza quando una donna od un uonio 
va in una casa e trova la padrona , che attende a fare il pane, e 
obbligato moralmente a pronunziarc qucste parob: Deiir hor vdrdete; 
altrimenti potrebbe succcdcrc , che il pane, in luogo di uscirc dal 
forao ben cotto, si guastl. £ spcsso accaduto, vi dicono, che fino 
ad un certo punto il pane vcniva cstratto cosi ben cotto, che in- 
vitava a mangiarne anche chi fosse gia sazio; ma dopo la venuta 
di quaiche persona comincio a venir luori cosi misero c nial cotto, 
che taceva dispetto al veJerlo. Erane causa Timprudenza di quella 
persona entrata senza pronunziare \: solite parole. Quando questo 
caso si verificasse sogliono ricorrere ad uno scongiuro: per distrug- 
gere la virtu maligna, lasciata da quella persona quando qucsta sc 
m parte, ed ha rivolte le spallc, sogliono buttarle contro una ma- 



' La crcJenza sulla jcttatura si niinircita qui nolle stcsse forme con cui si 
prcscnta ncUe provinclc moridionali della nostra penisola. M' occorsc di scntir 
parlare nella provincia di Sabrno, e piii proiriamcntc nA\.\ pcnibola sorrentina, 
del fatto di un talc, che prcscntatosi ad una fcsta da hallo, avcndo visto appeso 
ncl bd niez.'!0 dclla saU un mignirico candelierc, avvicinatosi disse ai prcsenti: 
Che bel candelierc ! In queli'istante nicdcbimo questo cadcva cd andava in tani^ 
frantumi. £ facile immaginarsi , che per quella sera la fcsta da ballo ando a 
montc, giacchc le dame c cavalieri sc la svignarono per la via piii breve. 

Mi si racccnt6 pure il fatto di un mcrciaiuolo ambiilantc, detto Giuseppe, 
ancora vivente, il quale avcndo aperto la sua minuscola bottcga sotto un pontc, 
sul quale stavano alcuni muratori attcndendo ai loro lavori, uno di qucsti si pi- 
glia il gusto di spruzzarc con una pennellata d' acqua mista a calce la bottcga 
del merciaiuolo. II poveretto naturalmentc fcce le sue rimostranze diccndo, che 
non erano sc'.icrzi da fare; quegli invece, che parcva pigliassc gran dilctto a quel 
gioco, continu6 per altre due volte cojtringendo il povero Giuseppe a trasportar 
baracca e burattini altrove. Fu allora che il tcrribilc Giuseppe pronunzi6 qucste 
parole : S, Vinceiixo Ferreri (il protettore dei muratori) // potrchbe hen punire I 
Non Tavesse mai detto ! in queU'istante si rompc Tasse, su cui si trovava il di- 
sgraziato muratore, c questi cade non so sc dal terzo o quarto piano rimanendo 



Digitized by 



Google 



.[12 ARCrtlVrO PKR LE tRADl7.rO:4l POPOLARt 

nata di farina o di grano, n scconJa del punto, in cui si trovmo, 
nclla lunga operazionc della cottura del pane '. E poichc parliaino 
del pane, non sari inutile notare qui, come quando si ^ fatta la 
pasta, c la si ripone entro un recipiente di sughero, per che il fer- 
nicnto faccia il suo cffetto , si suole scmpre tracciare una croce 
nella pasta stessa prima di ricoprirla con un panno, afRnch6 non 
vada a male: prima poi di incominciare ad impastarc sogliono farsi 
il segno della croce, intingendo il dito nell'ac qua, versata nel lactic 
recipiente che serve per impastarvi la farina. 

Ma passiamo a parlare dcU' ultimo amulcto , usato contro la 

sfracelhito al suolo. II nicrciaiuolo fu pin che Icsto a niccoglicrc i suoi oggetti e 
cercarc piii sptrahil aert% giacchc rimancndo sarcbbc stato vittima ucl furore po- 
polare. Questo 6 fatto storico; avvcnne a P'ictri sitJ Marc (Salerno). II Giuseppe 
e vivente, come sono ancora vivcnti alcune rispettabili persone , che furon pre- 
sent! a quella dolorosa scena , e dissero al nierciaiuclo, che partiva : Sai , Bcp- 
pino, noi non t'abbiamo fatto nulla ! volcndo con cI6 premunirsi contro qualche 
danno futuro. 

Nella penisola sorrentina, c credo anche in tutto il niLv.^odi d'ltalia, quando 
s'incontra uno che ha fania di jettatorc sogliono gli uoniini (perche non dirlo ?) 
toccarsi i testicoli; quando poi si trattasse di un jettatorc in formiSy allora occorre 
toccarli al nudo. \"e chi fa differcnza fra destra o sinistra rispetto alia maggior 
o minor etTicacia. L' uso del corno di corallo , del ferro di cavallo ccc. 6 cosa 
notissima e non occorre parlarne. Non voglio per6 tralaiiciare, come segno ini- 
portante , il fatto di un ecclesiastico , rivcstito di una dolle piii grandi digniti 
della Chiesa, il quale non voleva, ricevcre un jettatore famoso ; costrctto alnne 
Tammlsc alia sua presenza; prima per6 , sebbene ardesse il sole di luglio , voile 
essere vestito di un'ampia zimarra, sotto la quale, mentre il jettatore s'avanzava, 
egli facL-va le corna colla mano ! 

* Occorre sapere come Tuso d lla macchina a vaporg per macinare il grano 
e Torzo si 6 introdotto solo da qualche anno: la maggior parte del'e famiglie si 
servono ancora di mulini, che non difleriscono gran che da quelli degli antichi 
Romani. Due pietre soprapposte, e collocate in una specie di cassa di legno sco- 
pcrchiata, entro cui cade la farina , un asinello mascherato affmche non veda, 
ecco il mulino piu comunc. II mulino ad acqua non e possibile per la lontananza 
di un corso d'acqua. A Nuoro si coltiva anche V or«o; ora^ se il grano richiede 
tanta fatica di ripulimento, di lavatura ccz. molto piu ne richiede la macinatiira 
delForzo : lo si deve pestare coi piedi o con oggetti diversi, crivellare, purgare, 
privare delle lunghe reste, lavare, porre al sole perche asciughi iicc. ncn miner 
fatiche richiede la farina, ma di questo si parlerA altrove. 



Digitized by 



Google 



LA JETTATURA IN SARDEGNA 423 

jcttatura. Dcsso e s'ari^hintii bibn, che preparano le donne orunesi 
(Orunc c: un comunc del circondario di Nuoro): consistc in qualche 
goccia di mercurio (ar^henlu biht^J, che insieme qon un po' di fior 
di farina vicnc rinchkiso entro il guscio di una mandorla, di cui 
sostituiscc il seme. Questo vicnc estratto per mezzo di un forel- 
lino, che a sua volta viene poi riturato con ccra , pecc , gomma 
e simili '. Avvolgono infine il guscio con un cordoncino , e- lo 
portano a vendere nei paesi vicini. Ho detto a vendere: ma se voi 
domandate allc donne orunesi : Quanto costa questo amuleto? vi 
rispondono: Non 0: cosa che si vcndc; si dona, pcrchc, se si ven- 
desse perdercbbe ogni efficacia. 

Con tutto cio posso assicurare, che non rifiutano i regali per 
compenso (diremo cosi) del prczioso preservativo; anzi aggiungero 
senza timore di errare che quanto piii sono costosi e di valore 
tanto maggiormente sono graditi. Le Orunesi sanno il conto loro: 
riiiutano il meno per avcre il piu: come si vede, ci hanno il loro 
tornaconto in questo abborrimento di un contralto simoniaco: ma 
chi puo sapere, se realmente nelP atto in cui versano il mercurio 
nel guscio svuotato od anche prima di introdurlo, facciano certc 
pratiche , pronunzino certc formole o alcuni scongiuri , che non 
vogliono o non possono , secondo la loro credenza, manifestare ? 
Posto questo fatto, non deve far moraviglia , se si infiltri fra di 
loro questo singolare concetto e timore di simonia. 

Succede alcun che di simile a Nuoro. Ivi ed in altri paesi 
vivono persone, che hanno la potenza (cosi dicono) di hberare le 
vacche, i bovi, da certi vermi, che s* ingenerano nelle loro carni: 



* H curioso il modo, con cui lanno il rorellino: siVcgano il guscio per molto 
tempo sopra una pictra, finche non vedono spuntare al di sotto il ponticino bian- 
castro, che annunzia la prcsenza del seme. Ho voluto notarc questa particolarita 
perche di questo stesso me/zo si servono i ragazzi nuoresi per fare zufolctti con 
ossi di albicocco. Fanno due fori delle due parti piii larghe, a frotte, ne estrag- 
gono il seme, ed il zufoletto e bell'e fatto. Occorre per6 notare, che sifliitto di- 
vertimento non pare che sia in gran voga, giacche nei due anni della mia di- 
mora in Nuoro non mi accadde di vedcrne , che hew pochc volte. Ben piii fre- 
quentemente occorre di vcdere ed udirc simih zuf.^lctti nei paesetti delle Langhe, 
la dove il Piemonte confma colla Liguria. 



Digitized by 



Google 



424 ARCHIVIO PER LE TRADIZIOXI POPOLARI 

c ciu fanno con sole parole, che si tramandano dairuno airaltro 
per tradizionc. Ora se pregate una di qucstc pcrsone, e se le fate 
nnche una discrota ollerta di deiviro , perche vi comunichi le fli- 
inose parole, sarete sicuro di avere per risposta un bel no coUa 
scusa, per attenuarc la forza del rcciso riiiuto, che, so h manifc- 
htano 5 pcrdono essi stessi il prezioso potere. Ma , checche sia di 
cio, si veda o non si vcJa un tiniore di simonia nol rifiuto dellc 
Oruncsi che distrihuiscono s'ar^hcntn hibuy e in quello delle altre 
pcrsone che hanno T ambito potere di iskudere i vermi , e cer;:o 
che lie a me ne ad altre persone, le quali per mio incarico s' a- 
doperarono alio stesso scopo , venne fatto di poter sapere c tra- 
scrivere le terribili parole, per quanto si sia ricorso ad ogni mezzo 
possibile. 

Veniamo finalmcnte a parlarc del metodo di cura che si deve 
tencre per allontanare i malelici elTetti dcWocni fnalu, che ha colpito 
qu;ilche persona. Questi disgraziati debbono presentarsi a certc 
persone, conosciutissime in cittA, le quali investigano dapprima se 
tranasi veramente di jettatura. Una di queste ha ima medaglia di 
metallo con V immagine di Santa Teresa ; premesse nlcunc huffe 
smorfie si finlsce col lasciar calare entro un bicchierc d' acqua la 
dctta medaglia : se in quell' istante sollevera alcune boUicine , se 
gorgogliera in un dato modo , insomnia da certi indizi speciali 
Taugnrc trarra le sue indiscutibili conclusioni , e fara inghiottire 
airanimalato una parte di quell' acqua, e gli augurera una pronta 
guarigione. 

Simile procedimento usano pure per impedire gli eftetti di un 
grniide spavento. 

Per r un caso o per V altro poi usano anche far ricorso al 
prete, il quale recitera vestito di stola e cotta gU evangel j , come 
dice il popolo. 

A Mamojada per scongiurare la jettatura usano pronunziarc le 
parole: Gai aphas in y'orr//,accompagnandole con un poderoso sputo ' 

* £ strano I' uso di qucsto scp;no di disprczzo per scongiurare la jettatura, 
nv sara inutile awertire, che (come sara piu ampiameiite spicgato in seguito) a 
Kuoro usano lo sputo per scongiurare i cattivi effctti di uno spavento , avuto 
ini|wo vvisa nicnte. 



Digitized by 



Google 



LA JETTATURA IN SARDEGXA 4^5 

e col fiir le fichc colla mano. Questii opcrazione si deve ripe.ere 
per ben trc volte, ed allora si potra essere tranquilli. Oni siCbome 
piio accadere, die uno abbia qiicsta tristc prerogativa delbiettatura, 
e non lo sappia ncppure egli stesso , cosi h invalsa T usanzii, chc 
qiiando si vede alcuna cosa degna di ammirazione alh csprcssione 
della mcraviglia si devono aggiungere queste altre parole: Dens !a 
hf^neicada (Dio la bcnedica) \ In tal modo s' allontana qualunqut: 
sinistra virtu \ Usano pure toccar leggennentc colla mano cosa 
bella o animalc prospero perche non li colpisca il malocchio. 

Ad Oliena , la credenza sulla jettatura si prescnta conic a 
Nuoro con questa sola differenza, che ad Oliena 5' ocru main non 
di\ in alcun caso la'morte quasi fulminantc , ma solo la amma- 
Lire quelli, che ne sono le vittime, fii disseccare gradatamcntc Ic 
piante, che ne sono colpite : anche ad Oliena , come a Nuoroj il 
jettatore ha la facolti di impedire la buona cottura del pane: in- 
line il toccare la cosa veduta ed ammirata frastorna ogni virtii 
maligna. 

Ora ecco il rimedio olianese per curare quella disgrmata per- 
sona che fosse stata colpita dall'occhio di un jettatore ; si mettono 
tre grani di sale entro un bicchiere pieno d'acqua di fonte, awer- 
tcndo pero di introdurli ad uno ad uno, e di fare prima con cia- 
scuno la croce a fior d'acqua (quasi come il prete nel sabato sanco, 
quando fli Tacqua battesimale). Poscia si versa nel medesimo bic- 
chiere per tre volte un po' d' olio , procurando di fare trc croc^ 
ben distinte. A questo punto la persona , che fa la medicina, os- 
serva minutamente cio, che h avvenuto delPolio neU'espandersi alk 
superficie , osserva la grandezza e la qualiti degli occlii che suol 



* Questa espressione od altra consimile si ^ ancora conserv^ta in region i 
ovc non si crcdc piu alia jettatura. Ad esempio, in alcuni luoghi del Piemonte 
nci quali non si ha piu idea di jettatura, non t raro udire persone, clic accarez- 
zando un bimbo e un ragazzo soggiungono rivolti alia madre o al padre o a 
colui, a cui sono affidati: Dio lo conservi ! Dio Jo benedical Dio if It Uuga la sua 
sanla mano sopni! Queste cspressioni sono forsc gli ultimi avanzi dellc passatc 
credenze sulle fattucchieric, sugli affascinamcnti. 

2 La frasc ferrer a ocro main significa invidiarc, desidcrare il male allriit* 

Archivio per le iradixioni popolari — Vol. %\M. 54 



Digitized by 



Google 



426 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

fare ecc. qcc. ed allora viene a stabilirc se I'ammalato fu veramente 
vittima della jettatura, anzi spesso riesce a indovinare chi fu il 
jettatore '. 

A quest' ultimo risultato naturalmcnte non puo arrivare se 
non per via di una serie di domande suggestive sulle persone, 
con cui 1' ammalato ha trattato. negli ultimi giorni, ecc. ecc. del 
resto i facile avvertire, che non vi e chi possa controllare Tesat- 
tezza o meno di quella ricerca. 

Ma se il misero infermo vuole guarire, dopo che c stato sta- 
biliti la causa della malattia, bisogneri, che beva una certa quantiti 
di quella stessa acqua condiui coll' olio e sale : il rimancntc sara 
adoperato dalla persona curante per fare unzioni a forma di croce 
nelle articolazioni di gran parte del corpo. 

Questa curiosa mcdicina si deve anche adoperare per quegli 
animali che fossero caduti malati per forza di jettatura. Occorre 
per6 avvertire che, se tanto per Tuomo quanto per gli animali, la 
malattia fosse gii stita trascurata per un pcriodo di tempo supc- 
riore ai nove mesi, non vale alcun rimedio; giacchc' la virtu del- 
Vocru tnalu si sari gii tanto addentrata nelle congiunture e nelle 
ossa, che non potranno piu essere scacciate dalla unzionc, di cui 
si parla sopra. Bisogneri pertanto, che quella persona o quell'ani- 
male continuino a vivere una vita malaticcia per alcun tempo, 
finche non venga la fine dalle loro pene. A me pare , che qui 
noi ci troviamo di fronte ad una delle solite scappatojc, a cui ri- 
corrono simili imbroglioni : guarisce il malato ? Benissimo , ecco 
Teffetto della nostra cura miracolosa; il misero se ne va airaltro 
mondo, o continua a vivacchiare infermiccio ? Eh ! caro mio, son 
gii passati pifi di nove mesi da che voi siete stato colpito dal- 
r ocru malu\ bisogna rassegnarsi \ 

Per prevenire s' ocru main il miglior mezzo e di far lefiche: 



» Una simile pratica k in uso presso le donnicciuole di Ozicri (Sassari). 

* Non sarebbe bene che intervenissero anche le autoriti a far cessare queste 
cure, fondate sulla superstizione ? Forse pub succedcre che vi sieno alcuni , \ 
quali guarircbbero, sc ricorresscro ai mcdici; cssi invece fanno capo ai dctti dar- 
latani, c vanno incontro alia morte. 



Digitized by 



Google 



U JETTATUkA IK SARbEGN'A 4^7 

sia palesamentc sia di nascosto: i bimbi pero, che non sono cnpaci 
di fade, portano Ic manine di corallo, che fanno le fiche, appese 
al coUo c al petto : si avverta infine che non tutti i bimbi sono 
forniti di tale amulcto. 

A Bolotana la credenza sulV ocrn mdu si presenta colle forme 
con cui la troviamo a Nuoro. Merita solo speciale menzione la cura, 
sebbene questa abbia anologia grande con la cura oHancse. Sonvi 
persone ad hoc, le quali invitate a fore la cura si presentano con 
una certa aria di importanza e di rcligiosa compunzione, tutte pe- 
netrate dell' alta missione che loro incombe. Dopo varie oziose 
interrogazioni e dopo d'avcr espressa la loro condoglianza per la 
disgrazia accaduta airinfelice infermo s'accingono al fine alia pro- 
digiosa cura. 

Riempiono tre bicchieri d'acqua, quindi dopo mille scongiuri 
e mille segni di croci in tutti i scnsi e in tutte le direzioni but- 
tano tre grani di sale (il trj e num^ro mistico) in ciascunbicchiere. 

Poscia coiracqua salata e tante volte benedetta fanno delle 
unzioni ai piedi alle mani , alia frontc dell' infermo ; I'acqua dfi 
bicchieri, che non verra usata per quest'ultima operazione , non 
deve csserc buttata, ma bensi bcvuta. 

f^4 TSotfida, Tralasciando di parlare de sm preda de ss'ocru di 
color ncro ' portata \lai otmbi e ragaz^i contro il malocchio , e 
dell'usanza dell'augurio: Deiir hor gnardede, oppure di toccare la 
cosa ammirata, giacche non presentano nulla di diverso da quanto 
gia sappiamo, mi fermero invece a raccontare due fatti meravi- 
gliosi di jcttatura, che mi si riferi essere avvenuti a Bottida \ 

Narrasi adunque come un pastore per nome Giuseppe Nieddu 



* Mi pare piuttosto degna di ccnsidcrazione la particolarita che sa preda de 
ss*ocru c di color nero , come gia il coccu di Kuoro , e il pinnadeJJu. Si sa 
che neU'antichiti il colore, che meglio scongiurasse il malocchio, era il rosso, il 
qual colore d*altronde conservasi ancora nelle manine e nei corni di corallo ecc. 

» Tutte le notizic che riguardano Bottida, le ebbi dalla cortesia dei signori 
Ruju Giovanni e Secchi-Casa f rancesco, ai quali mi e grato dichiarare qui la 
mia riconoscenza. 



Digitized by 



Google 



42? ARCHIVIO PER LE TRADIZION'I POPOLARl 

paiscolnva tin bel di cU prlmavciM il numeroso suo grcgge *. Lc 
pccurCj g\i agnellini picne di salute c vigoria, invitati diUa bella 
gjornata lacevano pel dolce declivio, ove si trovavano, mille feste e 
capriole, quando passa per quclla localita uii tal Lisai Francesco 
GiovMimi, che ammira il gregge, nc osserva la grossezza e pro- 
speritilj poi soggiunge: Ite bella rohal {che hel gregge) e contiima il 
SLio canHiiino tranquillamente rivolgendoun saluto airamico pastorc. 
Ma lion aveva ancora fatto dieci passi, che improvvisamcnte si vc- 
dono strair.azzare a terra come fulminati Tun dopo Taltro agnelli, 
pecore, agnellini, agnelline di modo che in breve tempo morirono 
pia Jt dieci capi di bestiamc. II misero Nieddu, che subito s'ac- 
corge di che si trattava, ricordando le parole pronunziate dal viaii- 
dante, cone suUe di lui tracce, lo raggiunge, gU racconta il fatto 
c nc lia 11 n fazzolotto. 

Ritorna il pastore di corsa al misero suo gregge: distends per 
terra il fai^zoletto ed obbliga gran parte dei suoi capi di bestiame 
a passarvi ^opra; solamente in questo strano modo riusci a salvarli 
Ja quasi ccrta morte. 

Narrasi ancora di un altro Lisai Francesco (cugino del Lisai 
di cut si parlo qui sopra) chj ritornava una sera dalla campagna 
insieme con alcuni periti , coi quali aveva fatto una divisione di 
terrcni. Orbene, dopo aver fatto un buon tratto di strada al corso 
(eran tutti a cavallo, come in generale sogliono viaggiarc i sardi), 
dis.sc: Son conienfo della mia cavalla^ porta benissimo, se mi crescera 
sana^ varrd diventare una bellissima bcsiia, 

ATivaco a casa, smonta , e la consegaa al servo , perche la 
canduca al pascolo ^ II mattino seguente la povera bestia giaceva 
distcsa al .suolo: aveva il cuore spaccato in due dalle stesse parole 
pronunmte la sera avanti dal suo padrone. 



^ II cognoDie Kicddu, (Nero) c niolto esteso in Sardcgna: altrcttanto dicasi 
di Riiju {Rosso) c del nome di altri colcri. 

^ Sok^'liono la nottc condurre i bovi , i cavalli in una tonca alPaperta cam- 
pagn.T (il die si dice iscappare sor hoes , sos cahaddos), Non ^ da temersi , che 
vjng^iio rubati, giacch6 sono tutti registrati al h'arra-^eJJu, specie di associazionc 
che Im per jscopo speciale la custodia dei bcstiami. 



Digitized by 



Google 



La JHTTATCRA IS' SARDHGN^V 4i9 

Come si veJe da qucsti due f;itti anchc a B6:tid:i si credc chc 
la jcttatura sia un eJctto deirafftvione; mi qucUo c'lc piu fa mc- 
raviglia, e la credenza chc sia ereditaria , e si trasmetta di padre 
in liglio. Qual tristc prcrogativa ! 

Oh dove si va mai a cacciar questa benedetta ereditaricta ! 

Anchc a Gavoi credono die quando una persona od una be- 
stia muorc improvvisanientc, cio non avvenga mai per causa di ma- 
lattia ordinaria , ma sia invece effetto di un colpo di ocru main. 
Come talismano (noter6 solo quello che puo differire o in tutto o 
in parte dagli usi che conosciamo gia) i bimbi sogliono portare su 
sehl:^:ie, pezzo di sostanza nera incartonata in un cerchio d'argento 
o d'altro metallo meno prczioso; h molto simile al pinnadeUn e al 
coccn nuoresc. 

Quando si e colpiti dal malocchio bisogna andare dal rettorc 
della parrocchia e prcgarlo di voler reciUre gli evatigeli per scon, 
giurarc ogni virtii ncmica. 

Si fanno pure recitare gli tvangeli quando un bimbo od un ra- 
gazzo ha avuto qualche grande spavento. 

Credo, che questo sia il posto per fare accenno ad una usanza 
singolare dei Govoesi. II sabato santo e il sabato che precede il 
giorno di Pentecostc, fonno benedire in chiesa una certa quantita di 
safe, chc dovra servlre nel far il pane. Dopo che il frumento e stato 
lavato ben bene per purgarlo dai semi di pianticine che sogUono 
trovarsi nei campi di grano, prima di portarlo al mulino *, usano 
mescolarvi in mezzo tre grani di quel sale benedetto, di cui sopra 
si ii parlato. Questo sale macinato insicme col grano fiivoriri la 
buona riuscita di qucUa cottura. Come ognun vede, questo 6 un 
preventlvo contro la jcttaiura. 

» A Gavoi per la comodita dell' acqua fu quasi intcramente abbandonato 
Tuso dci mulitii, girati da asinelli. Anche a Gavoi la forma di pane piu comune 
c quella che i continentali argutamente haiino battezzata col nome di carta di 
r.uisica. £ un foglio ordinariamente rotondo con un diametro di tre o quattro 
dccimetri dcll'.> spessore di pochi millimetri; si ii cuocere due volte e per que- 
sto vien detto, pane carasau. 

A Gavoi invece di avere la forma circolare, Tha rettangolare. 



DigitizQd by 



Google 



430 ARCrtlViO PER LE TRAOiaiOMI POPOLARl 

Un'usanza non molto dissiniile trovasi a Fonni; prima che h 
pasta venga introdotta nel foriio si ha cura di farvi sopra una croce 
e di mettervi dentro un grano di sale. Con questa precauzione la 
cottura riusciri egregiamente ed il pane non usciri dal forno ni 
troppo bruciato ne acre \ 

Riassumendo quanto venne fin qui detto suUa jettatura po- 
trenio stahilire per ora i segucnti punti piu importanti. 

I.** La credenza suUa jettatura ^ divulgatissima in tutta la*Bar- 
bagia, sebbcne in alcuni paesi abbia maggiori seguaci e meno in 
altri. 

i."" In molti paesi si credc, che il danno apportatodal nialoc- 
chio sia cagionato dalla troppa affezione, dal soverchio affetto di 
una persona per un' altra o per qualche animale od oggctto di 
singolare bellezza ; in altri (come a Mamojada) si crede , che il 
danno prodotto dalla jettatura sia un effctto di invidia e di mala- 
nimo. Nci primi la jettatura e inconscia, nei second! i volonurb 
e conscia. 

3.° A Bottida credesi, che la jettatura sia un tristc privilegio 
crcditario, diffuso specialmcnte in ccrtc parentclc. 

4.*' Credesi generalmcnte che la virtu della jettatura sia come 
prodotta da un colpo invisibile , il quale parte dall'occhio e va a 



» L'uso dclla crocc non 6 ristretta a qucsti soli casi, ma, oltrc che negli or- 
dinari, in cui c anche adoperato da tutti i cattolici, i Sardi lo adoperano in con- 
tingcnzc disparatissime e frequentissime. 

A Fonni, a cagion d'esempio, quando ncU'annD si mangia per la prima volta 
una primizia, (un fico, una cilicgia ecc.) usano premettere il segno della croce 
come per scongiurare qualsiasi danno potrcbbe loro incorrere mangiando di quei 
frutti. A Mamojada quando il contadino ha aggiogato i bovi (e, cosa strana, le- 
gano il giogo alle coma e non al collo degli animali , ed ^ uso generale di 
Sardegna) e dopo d'aver attaccato i bovi al carro prima di pigliare in mano il 
pungolo e avviarsi fanno sulla loro persona il segno della croce quasi per pro- 
curarsi il buon viaggio. Fu giil detto, che a Nuoro, prima di incominciare a fare 
il pane, si fiinno il segno della croce, intingendo il dito nell'acqua, che servird 
ad impastare. Prima di fare il bag^o in mare o in acqua di fiume parecchi, co- 
me vidi coi miei propri occhi, fanno il detto segno di difesa contro ogni ma- 
lanno, ecc. ccc. 



Digitized by 



Google 



LA JETTATURA IX SARDEGNA 43 1 

fcrire la persona o la cosa , 4 ranimale, die ne sara la vittima: 
questa specie di colpo e rinforzato da alcunc parole di ammirazionc 
che sogliono accompi-gnarlo. Sembra quasi, che credano alia cor- 
rente di un fluido niicidiale , che parte da una persona c va ad 
un'altra. 

5.'' Per smorzare ed annichilirc la tcrribile forza del maloc- 
chio si usano le fiche, flme o palesamente o nascostameiitc; per i 
bimbi poi, che non spno capaci di fare quelio scongiuro , scv- 
vono anche le fiche di corallo, i coccos^ i pinnadeblos, Varghenftt hthu. 

6.° Perchi daU'occhio non porta la virtu malefica , o pcrchg 
sia, per cosi dire, neuiralizzata, s-.^rvono le parole: 

Deus bor vdrdeie, Dens In (o la secondo i casi) Icmicada cd 
espressioni simili. Altro mezzo e quella di toccare la cosa ammi- 
rata: si direbbe qu^si, che il fluido, supposto di sopra, abbisogni, 
per far danno, di trovare un intervallo tra il corpo da cui partCj 
e quelio a cui arriva. Un pugno di polvere di strada , o di irrano 
o d'altro gettito contro una persona, che si suppone dotata di ma- 
locchio, ha virtu di scongiurare possibili danni. 

A Mamojada usano anche il segno del massimo disprc^zo, 
lo sputo. 

7.** La cura per chi fu.colpito si riduce: ad indovinarc con uno 
o due bicchieri d'acqua con sale ed olivo se una persona u vera- 
mente malata, perche fu colpita da jettatura o per altra causa. Sta- 
bilito questo, si fanno unzioni specialmentc alle giunture dclte 
braccie e delle ganibe: il resto dell*acqua deve essere bcvuta dallo 
infermo: per guarire bisogna che Tatto della jettatura non risalga 
ad un tempo anteriore a nove mesi. 

Lo strappare un oggetto qualsiasi portato dalla persona clie 
ha fatto la jettatura, e -flirlo toccare da colui che ne fu vittiniaj c 
un antidoto sicurissimo , come lo prova il fatto del gregge del 
Nieddu, di sopr^ raccontato. 

8.° In.alcuni paesi per allontanare la maligna virtii della jetta- 
tura od almeno per neutralizzarne Tefictto si fanno recitarc cctiq 
orazioni dai sacerdoti, orazioni, che il popolo chiama tvanj^cIL 

In gcnerale crcdtsi che quando una persona ua auimaic 



Digitized by VriOOQlC 

I 



r 



f 



452 • AKCHIVIO PER LH TRADIZIONI POPOLARI 

muore improvvisamentc per un colpl^ apoplettico per caduta ccc. 
sill cffetto di ocru mahi c non di cause natural!. 

1 6.° Sembra chc si possa stabilire, chc il segno della croce 
in certe circostanze sia considerate come un preventivo controla 
jettatura. Ammesso questo, ne verrebbe la conseguenza, ch^ mini- 
stro, per dir cosi, della jettatura sarebbe il demonio in persona, 
giacclie e cosa notoria, die il segno della croce incute tanto ter- 
rore al demonio, che ne h nato il detto: scappare come il diavolo 
ilaUa croce. Alia stessa conclusione porterebbe I'uso dell'acqua bc- 
ncdetta, proprio di alcuni paesi in date circostanze. D'altronde an- 
clie senza questi indizi si po:rebbe con sicurozza afFermare che alia 
credenza popolare de ss'ocru maJu non sia estraneo // nem ico {s^inl- 
mien), come antonomasticamente il sardo vuole chiamarc il demo- 
nio: non e forse vero, che il popolo attrituisce tutto il male a 
Satana ? * 

FiLiPPO Valla. 



* Per la jettatura in Sicilia cfr. Pitrk : Usf, credence e pregmiii:{j del popolo 
Siiilfano, Palermo. Pcdone-Lauriel, vol. II, pag. 1 56 : a scongiurarc la jettatura 
nci parti « si capovolgono le scarpc, le pianclle, che cadono sotto gU occhi per 
1:1 casa, o si sputa afTacciandosi da una finestra , o si liccan le forbici in mezzo 
Ic matcrasse della sofferente. » 

— A scongiurarc il malaiigurio dell'incontro di un ferctro mettono (a Maz- 
rara) una granata davanti I'uscio o la fmcstra e la mortc s'allontana, (ib. vol. 2°, 
p.ig. 225). 

— I Siciliani hanno molta paura del nialocchio quando lanno l' olio, (\b, 
vol. 5", pag. 216). 

— In Sicilia la foglia di agave 6 contro la jettatura, (ib. vol. 3^ pag. 235). 
Confronta pure il vol. IV, pag. 239-241, ove dicesi, che il toccarc i testicoli, il 
portare corni, falli, ferri di cavallo , pezzolini e cordelle di lana rossa, crocette 
msse, pcperoni rossi, grani di sale, un fuso, polvcre di sale diffusa tra i capclli, 
sono altrcttanti antidoti e preventivi della jettatura. 

— Quanto alio sputo come antidoto della jettatura cfr. ib., pag. 243-245. 



^>^r--Tr^^ M'Z1IH^<^ 



Digitized by 



Google 



J 




INDOVIKELLI MOLISANI. 




NCHE qucsta, conic gi:i da altri fu detto e dimostrato, t: una 
parte assai importantc del Folk-Lore, perchi rispccchia 
'if^xt^r^r^i^..^ I^* tendcnze, Ic consuctudini , il gusto di un popolo e 
nc rivclii la sagacita e la prontezza. Noa c dunque flitic i inft-'ConJa 
il farnj una ricorca assidu.i ei accurata. lo qui , dolentc di no'i 
poter oftVirne una ccrta copia, mi accontcnto di presentare un saggio 
minuscolo, troppo miscrj an^i, di in JjvinjUi m jlisani, Qut'sti certu 
hanno in gran parte riscontro in indovinelli c m^rti enigniuici di 
altrc rcgioni d'ltalia; ma an:hj qucsti pojhi, quali essi sieno^ var- 
ranno, se non altro, a qualilicare il niodo sp^ciale di esprinursl di 
quelle popolazioni e oftriranno quilche form.i viva del loro dialettJ, 

1. Cicnt cinquanta ncoppa na banc^, 

La coda c verde, la capa c ianca. (La treccia di cipolk) 

2. Ncoppa nu monuj ci sta don Filip lu contf 

CO la cossa pe' Taria c lu cappicllo in fronts. (II ftingo) 

3. Ncoppa nu monticielb ci sta nu vicchiarielb; 

si caccia lu cauzuncielb e iesc lu taccarielb. (II i^rtifUnrco) 

4. Tcngo n'arbre 'n pcnsieri cu trcmila cavalier/, 

cu trcmila cappuccini: liglio di re chi Tundovin/. (II mclagrano) 
Archivio per le tradiijoni popolari — Vol. Xlll. f| 



Digitized by 



Google 



434 ARCHIVIO FliR LE TKADIZIONI POPOLARI 

5. £ tunntJ e nun c lu munnf; 
6 verde e nun e icrv^; 

e acqi:a c nun si bev^; 

6 ruse c nun c fuoco. (II jnellonc) 

6. So bianca, e nera mc faccit); 
cado in terra c nun me sfaccio; 
so' amara quanto '1 ficle, 

me fo dolce piu de '1 mielc. (L'oliva) 

7. La mamma k cossa storta, 
lu padre e guardabosc, 

la figlia e tonna tonna: 

bene mio ci avesse Vogna. (II tralcioy Volmo e racino) 

8. Teng 'na vott^* dc vino 
mezzo bianco c mezzo ruse, 
ma nun se mischia. (JJuovo) 

9. Lu mine tis{! c lo caccio muollo. (// maccbcronc) 

10. La figlia de pili pilossrz 
nun te carni pili e ossa\ 

la mamma de pili pilossrt 

xh. came pili e ossa. (La pecora e la ricotta) 

11. Broccule broccule va in campagnrr, 
briccole briccole Taccumpagn^; 
broccule broccule dette 'na vore', 

briccole briccole Tarrespo^e. (Lm gaUina e il pukino) 

12. Misericordia ! 1;\ 'mpacc (la in faccia) die ii ? 
Pitta lu mxxvo e pittore nun c; 

ten' le corna e vove nun e; 

ten' la sarma c ciuccio nun c; 

misericordia ! la 'mpacc die e ? (La chiocciola) 

13. A mezzanotte si sente munzCi, 
tutto varvuso la varva se ia: 

figlio de re clii I'undovina. (II pappagallo) 



Digitized by 



Google 



INDOVlNHLLt MOLISANI 4J5 

14. Sott^ lu ponti 'n:i znmpa verdnlin/i 
fine dc qua fuic de la: 

nun si fa ma' 'cchiappi. (7^ hicertola) 

15. Ve nu monadic da Melanc 
cu nu turciture 'mmane: 

va da la spos^ e ce lu iicchia 

cnt a la pelosa. (La spilla da tesla) 

16. Gira giranno, vota votanno: 

fa chilla cosa e po' z'arreposj. (La chiave) 

17. Tcngo 'na cosa chc quan cala va ridcnno 
e quan saglie saglic chiagnenno. (II secchio) 

18. Tengo 'na cosa: nun t6 lenga e parla, 
nun li piedi e camming: 

figlio de re chi Tundovina. (La ktiera) 

19. Tengo 'na lenza — c'arrivrt a Celenza * : 
Icnza nun c: undovinj die e. (La via) 

20. Qual e chilla cosa die te I'anima 

de cenciuni c lo cuorpo de fierro ? (II Itinie) 

21. Ve lo dico e ve lo torno a repete; 
se vu jnun ni'entcndete 

nu ciucciariell sarrete. (I! velo) 

22. Luce luceva, 'na cani^Ta stcva, 
nun magnava, nun beveva 

e de cuorio se vesteva. (La sciahola) 

23. Dui^ lucenti, dui^ pungcnti, 

po' quattro niazz^ e nu scupazz^. (II Ime) 

24. Jamo a lietto bella cocclii^ (coppia), 
Jamo a fii quel die ce locca: 

pili cu pili noi unimo 

e quel ch' 6 fora dentr lo ficcliiamo. (Gli occhi) 



» Borgata in prov. di Chicti. 



Digitized by 



Google 



436 ARCHIVIO t»£R LE tRA612tO>}i t»OP<)LAUl 

25. Ncoppi nil fcnestrone cc 5ta nu vccchiaronc, 
c!ic forte CO nu dentc cliuima tuttn la gcatc. (La campana) 

25. Tata Tuncricca e mamma rammoscia. (7/ sacco di farina) 

27. Veng da Piedigrottrt, 

te cerco chilla che ti h sotta: 

sc nun me la vo' di, 

me metto a 'astcmmi (bestemmiare). (La sedia) 

28. Ent- na camera tutta addubbata de ruse 
ci stanne trentaru pultruncine ianc 

e na ballerina cuverta dc ruse. (La bocca) 

29. Sott^J lu lietto teng na monica 
X'estita de ianc culla mano in fianc (U vaso) 

30. Mamma neira e tata ruse: 

quistu *n culo la vatteva. (La caldaia e il fnoco) 

31. Teng na cuverta tutta rappezza/rt 
senza mette punti cu Tago. (II. ciclo nuvoloso) 

' 32. Tengo na cosa c'addura de rosa: 
rosa nun 6, — unduvina che e. (IJ^cqun di rosa) 

Questi i pochi indovinelli molisani, che ho potuto raccogliere. 
Come gii ho detto essi non sono del tutto nuovi; ch6 anzi, tolta 
la forma dialettale, son simili a molti loro fratelli, che girano per 
ritalia, specialmente nel mezzogiorno. 

Non so poi, bench6 abbia fatto del mio meglio, se nel ripro- 
durli sia riuscito scrupolosamente fedele; non lo credo nemmeno 
io, in ispecie per quanto riguarda la lingua; ma Ic difficolti non 
sono poche, c\\h i Molisani stessi, come avviene in altre regioni, 
non sanno riprodurre il vocabolo pronunciato e te lo scrivono in 
maniere diverse. Ad pgni modo io mi sono adoperato per riuscire 
sincero al possibile ; e nelle desinenze sdrucciole e plane, special- 
mente in caso di rima o di assonanza, ho creduto bene di sotto- 
lincare le vocali, giacch6 queste non si pronunciano intere, ma 
scivolano e si fanno appena sentire, per cui il loro suono^ troppo 
indeterminato e di luogo facilmente alio scambio. 

CeSAKE ClMEGOTTO. 



Digitized by 



Google 




INDOVINELLl SARDl LOGUDORESL 



I. 



Giantcris in mnrc Pontc so passadu, 
Bid' appo un animale in sa pischina. 
Sos fizos los allattada in su frontc 
E sa ucca la giughede in s' ischina. 
In mare Ponte so passadu deo, 
Chi rindovines tue no lu crco (Botte). 



II. 



Sola in sa campagna dcsolada 
Senza connoschcr una die do festa. 
Sos fizos naschenc cun sa testa 
E sa mama restada istestada. 
Sola in sa campagna desolada (Gimico). 



III. 
Dialogo fra nn compare e una comare. 

Compare: Bonas dies, comare, 

Cun su ostru missu missale \ 



* Missu missale, pane. 



Digitized by 



Google 



4)8 ARCHiVIO PER LE tRADlZION! p6pOLAR1 

Coinare: Benennidu, compare, 

Cun su chi bos pendedc. 

Compare: Su chi a niie p^ndcde 
Su corpus mi difcndcde. 
Si ois mi dades de su ostru missn missale, 
Deo bos dao de su mQupilu pilosti * 
Chi porto in mesu ancas amorosu. 

Evidentemente, questo dialogo va legato ad una storiella, che 
peri non mi e riuscito di raccogliere. 
I versi : 

Su chi a niie pendedc 
Su corpus mi difendede 

sembrano un proverbio ; ahiieno sono tali nella raccolta di Tro- 
vnhi siciliatfi del Pitre: 

Zoccu mi penni 
M' addifenni. 

Antonio Mocci 

r.ivcolse. 

* PiJu pilosu, agnello. 



-►>h*3==^Tt:^ 4»rr»z*;<«- 



Digitized by 



Google 



LAUDA SARDO-CATALANA DI ALGHERO, 



^ JP?:! \A kll' angolo nord-ovcst della Sardcgna , di sottn alio 
^'% ^V^-^'' i^^ontagnc dclla Nurra c sino a quelle di Viilanova 
\:^^^^^j Monteleone, si estende il verde prato di Alglicro, cittl 
di commercio notcvole nei secoli passati, con un porto bcUissini-j 
ed un golfo vasto e traaquillo rincliiuso tra il capo della Ciccia 
e quello della PoUina, il cui panoranii, col vicino Porto ContCj si 
osserva assai bene dairalto djlle muraglic die restanD degli andclii 
bastioni. A poca distanza della citta, circa a duj ore di cuii iiiiuv 
uscendo da Porta Terra, in m^zzo ad uni d^liziosa e larga valbu 
detui Valverde, v' e uni romica chiesctta d.^Jicata alia Vcrgine 
Maria. Ivi accorron tuttora i devoti ad implorar le lor grar-ile , c 
sulle pareti interne del pio luogo veggonsi rozzi quadri rapprcscn- 
tanti i miracoli di « Nostra Sjnyora de Valvert ». Ed ivi ancora 
solea cantarsi, finita la messa, dopo le litanie e nelle novenCj I'inno 
sacro che vien pubblicato qui sotto : il motivo, che lo accompa- 
gnava, era una monotona cantilena. 

Goigs que tots los disaptes se cantan en lo santuiri de la Ferine de Fallvt'ri^ tet me 
del Algiier, al nort de la Isla de Sardenya. 



Com la nostra Protcctora 
En cada tcnips sen cstada 



Com scmprc nos havcu tiai 
Prova ccrta y valcdora. Sim etc. 



Digitized by 



Google 



\40 



AKCrilVIQ riilt LE TRADIZIONI POPOLARI 



Siiiii it'mpre n.utni jitlv^uht 
De Vitlvert Nostra S.'^ypr.t. 

V dc aqtiellLis i\ llinrarnos 
Kn totas !as ocnsioaSj 

Y hs nostras or.icions 

Vo.s fassin intiTJc^sora. Sinn etc. 

En tot peril 1 y dcsgracia 
I II 1 petraiiin s T jssi stc n d a 
Uc la Divina CleMicTKi.i 
Ab l.i majof eficacia. 
De tan necessarla gracia 
Sen Vos sol mcreixed or a. 5mw etc. 

De tota culpa 6 pcem, 
Deslliururnos procurau 
Pui.'s que tan Wis Jesitjau 
Lo nostre fclis estate 



I Si vos no 1103 dcfendcj 
Q.ii altre nos defjndra ? 
^ qui till giacia nos Fara 
Si no Vos, Mare de Diiu ? 
Que ab lill Vos tan sola scu 
La potenta nicdiadora. Stan etc. 

Per tant, segurs implorem 
De vostra niisericordia, 
La salut, pau y concordia, 
Qiial de cor la desitjem. 
V en gran menester ne sem 
Per la vida venidora. Siati etc. 

Al bon Rcy que nos gobema 
Salut y prosperitat 
Inipetrau, y tot bon lat 
Ma molt mes la vida eterna 
Per tan be que nos esterna 
Per quant nos ama y honora. 



[Siau etc, 
Ora pro mbh Safida Dei Genitrix. Ut digni efficiamur promissionibus Christu 
Orcmus : Cm^eds nos Jamuhs tnos , qnaesumtiSy Domine Deus , perpetiia rmniis ft 
corporis jariiiak gaudcn' d ^'/f r^jit' Bcnlae Mariac semper Virginis inUrcessione a 
priifscnti Ifhi'rari iristiiut ei ad^^nifj ptrjnii laelitia. Per Christum Dominum A'c- 
slnWL Amen. 

Nai rabbiiim %nsto stain pato su un foglictto vohintc c difficile 
a ritrovarsi, esistciite nella Biblioteca Comunalc di Alghero; c non 
c\ ii pnrsii opcni v.ina il ripubblioarlo, e per renderlo piu noto ed 
anc]ic per un sentimeiito di gratitudine verso i buoni c gentili 
Alghcrcsi, dei quali funnno, tempo la, ospiti per un anno. 

F. DE Slmone Brouwer. 






Digitized by 



Google 




LA NOVELLA DELLA CENERENTOLA, 




L 



ELLA serieti d'intenti con la quale proccJe la u Folk- 
Lore Society » di Londra e documento iiuovo e kimi- 
noso il recente libro della signorina Cox sopra la novella 
di Cenerentola o Cinderella ^, libro superiore per mole a quanti ne 
sono usciti finora per cura di essa Societi. 

II nome dell'Autricc, il sodalizio che mette fuori a sue spese 
e sotto i suoi auspici Topera, devono for domandare a piu d'uno stu- 
dioso: Oh com'e che s'impiegano oltre a 600 pagine in-ottavo, solo 
per una novella pcpolare ? Ma la risposta non puo dar^i, ne^ data, 
comprendersi, se non si ha diffusa notizia e del contenuto del libro 
e delle gravi discussioni alle quali puo esso prestansi. 
Dico dunque partitamcnte del Ubro. 

Tenia comunissimo delle novelllne popolari e quello Ji un 
giovane o di una giovane, che, dopo una serie di contrarieu\, di 
maltrattanienti , di ostacoli e di sofferenze cagionatc dal padre, o 

» Cinderella, Three Hundred and forty-five Variants of Cindtrina , Catslinf 
and Cap 0' Rushes, abstracted and tabulated, with a Discussion of Mejiaeml Am- 
h^ues, and Notes, by Mariax Roalfe Cox. IFith an Introduclimi by Akdrevv 
Lang, M. A. — London: published for the Folk-Lore Society by David NuU, iS^j, 
In-8o, pp. CXXX-535. 155. 

Archivio per U iradixioni popolari — Vol. XIII. |# 



Digitized by 



Google 

4 



44^ ARCHIVIO PKR LK TRADlZIONn POPOLARl 

dalle sorelle, o dalla raadrigna, ricsce, per opera soprannaturale e 
misteriosa, ad avere il premio della sua virtu, della sua perseve- 
ranza, della sua rassegnazione. 

Questo tenia, clie fu forsc il primo a ricreare la fantasia dei 
fanciuUi di diverse razze e di vari popoli, e che sarebbe superfluo 
Tesporre ora in uno scritto indirizzato ai cultori della novellistica 
popolare , ha fornito alia Cox argomento di lunghe e pazienti ri- 
cerche, per le quali essa c riuscita a mettere insieme 345 versioni 
del tema medesimo. 

II titolo generale h Cinderella (Cenerentola , Ccndrillon) ; nia 
sotto di esso vanno altri sotto-temi, che dal tipo generico si disco- 
stano solo per qualche circostanza. Cosi la Cox ha creduto di sta- 
bilire cinque grappi , in ciascuno dei quali ha classificato : ^ , le 
versioni del tema propriamente detto Cinderella, dove la ragazza, 
gia nialmenata, in buon punto h riconosciuta per mezzo della sua pia- 
nella; B, quelle del tema di PeJle ^d'asino, Peau d'ane dei Francesi, 
Catskin degli Inglesi, dove la ragazza fugge un padre snaturato; C, 
Ccp 0' rushes, che forse sarebbe meglio, per il suo cominciamento, 
chiamare « del re Lear » o come altri vorrebbe « Cordelia », * dal 
dramma di Sliakespeare, in cui una ragazza e mandata via dal pa- 
dre, solo perche egli si crede amato da essa quanto il sale o altro 
oggetto di poco conto; mentre le sorelle maggiori mostrano di a- 
marlo di piu; Z), temi indeterminati, che son da ravvicinare spe- 
clalmente al tipo di Cinderella; £, Hero Tales, gruppo di versioni 
il cui protagonista ^, non gii una donna, ma un uomo. 

Ho detto che la Cox presenta in 345 versioni la Cinderella^ 
ma devo fare una distinzione molto notevole. 

Prima dclle versioni, si hanno de' sommari (abstracts) di cia- 
scuna versione, nei quali sono notati i motivi principali del racconto. 
Lo studioso riconosce subito alle prime linee i racconti e non tarda 
a stabilire le circostanze che i racconti medesimi hanno in comune 
tra loro. 

Le versioni poi , o varianti che vogliamo chiamarle , occu- 
pano due terzi del volume, e sono presentate in larghi riassunti, 

' Bulletin de Folklore, 3/ ann^c, tit. II, fasc. II, p. 92. Avril-Juin 1893. 



Digitized by 



Google 



LA NOVELLA DELLA CENERENTOLA 443 

(tabulations) y analisi particolareggiate delle novelline g'ia cennate nei 
sommari. La sintesi di questi ha il suo compenso nell* analisi di 
quelli, dove, per ordine alfabetico dei raccoglitori , degli editori e 
delle riviste, ogni studioso potri leggere tutto quanto 6 stato con- 
sentito airautrice di vedere in ordine al suo prediletto tenia. Mi- 
rabile la lucidezza onde procedono questi compendi , e la elimi- 
nazione die la Cox e riuscita a fare di certe intrusioni die pur- 
troppo sogliono cssere il condimento non scmprc gradito dei rac- 
conti popolari ! 

Si tratta, infatti , di un' opera scientifica ; c , scicntificamenife 
parlando, non si potrebbe , scnza dar luogo a mistificazioni , pre- 
sentare la tessitura di un racconto e le circostanzc principali di 
esso con tutti i fronzoli, le diversion! e gli imprestiti die i novel- 
latori sogliono fare al racconto tipico, sia die li abbiano appresi 
a quel modo , sia die per oblitcrazione di circostanze le aggiun- 
gano inconsciamente essi stessi togliendoli da altre novelle. La 
integriti della tela della narrazione apparisce soprattutto dai versi 
die sogliono esservi intercalati e die la Cox ha conscrvati scrupo- 
losamente in mezzo alia numerazione die essa non ha tralasciato 
mai di fare degli incident! tipici di ciascuna variante. 

E le version! — accadc qui doniandare — donde provengono ? 
La risposta 6 facile : Dalle varie parti del mondo in generale; 
dall'Europa in particolare. 

Di Asia ve ne sono annamite, armene, indiane, giapponesi, si 
riaclie; di Africa, arabe, cabile, cafre, mauriziane; di America, bra- 
siliane, chilene , indo-occidentali (nessuna versione se ne conosce 
deir America del nord); d'Europa poi, austro-ungheresi, balcaniche, 
belghe, brittanniche, irlandesi, danesi, francesi, greche, portoghesi, 
russe, scandinave, svizzere, ecc. 

L'ltalia vi 6 rappresentata nella piu bella maniera con version! 
abruzzesi, calabresi, campane, emiliane, liguri, lombarde , marchi- 
giane, piemontesi, sarde, siciliane , toscane, venete , senza contare 
quelle della Corsica , della Istrla e del Tirolo italiano : una vera 
fioritura di novelline, che possono tener fronte alle niolte altre 
contribuitc dalle nazioni straniere. L'amor proprio dc! nostri con- 



Digitized by 



Google 



444 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

nazionali non mcno die dci gcntili stranicri che si sono occupati 
della novellistica dell' Italia, dcve essere largamente soddisfatta di 
veder mcsse a profitto con diligenza pari alia abilita le proprie 
raccoltc; le quali, e bene qui rilevarlo , principiando dallo Strapa- 
mla (i5io), che alia distanza di 6 anni vien dietro al Des Pa- 
riers (1544), e finendo all' Andrews (Contes lignres. Paris, 1892), 
non son poche, ni per la loro bellezza ed importanza hanno nulla 
da invidiare a quelle di oltremare e d'oltremonte. 

Parrebbe a questo punto finito il lavoro della Cox: ma essa ha 
voluto coronarlo con una sessantina di. paginc di fitte note, dove 
ha potuto raccogliere un numero prcssoche infinito di riscontri 
sugli incidenti secondari del racconto principale : note irtc di ci- 
lazioni c di cifre , bastevoli per se a dar foma di erudita alia si- 
gnorina Cox. 

11. 

EJ ora occorre rifarsi dal principio del libro per qualchc breve 
considerazione. 

II Sig. Lang, Vice-Presidcnte della Societa inglese del Folk-Lore, 
vi ha premesso una introduzione, nella quale, cogliendo Topportunita 
deila novella di Cencrentola, rimette in campo le sue tcorie circa 
le rdazioni di parentela dci racconti. Sostenitore cnergico del prin- 
cipio che molti punti delle fiabe che oggi si raccontano, ritraggano 
da conccxioni e da costumi primitivi, egli, il Lang, ritiene essere 
la fiaha una storicUa selvaggia anonima creata sotto il dominio di 
amiche credenze e di vecchi usi, e che, preservata e conservata dal 
popolOj abbia dato origine al canto epico da un lato e al racconto 
lettcrario dalFaltro. In altri termini, le fiabe sarebbero da riportare 
ad un' cpoca nella quale gli uomini crano suppergiu nelle mede- 
sime condizioni intellcttive e social! dei selvaggi dei di nostri. 

La teoria, come si vede, c molto sommaria, e mentre si di- 
scosta affatto dalla solare di Max Mullcr , ricade in quella specie 
di esclusivismo che rose agli occhi del Lang c della maggior parte 
dei mitologi viventi csagerata e, per lo mcno, discutibilc la dottrina 
della insigne oricntalista di Oxford. 



Digitized by 



Google 



LA NOVELLA DELLA CENERENTOLA 445 

U signor Lang, die con vigore d' ingegno ha combattuta la 
teoria dei fcnomeni celesti sintctizzandola nella nomenclatura bii5- 
zarra di bacillus inetapboricns anroralis ariacus Max Millkri ^ com- 
batte ora quella della scuola che fa provenire molte novelle dalla 
India e della quale teoria fu campione gagliardo Th. Benfey, dinio- 
stratorc incessante in un centinaio di articoli di varianti, riscontri e 
paralleli, il compianto R. Kohler, e sono sostenitori apcrti J. Ja- 
cobs in Inghilterra, E. Cosquin in Francia, T. Fr. Crane in Ame- 
rica, A. D'Ancona, D. Comparetti ed altri molti in Italb. 

Cory:ro il Jacobs ed il Cosquin, o meglio, contro Ic csagcni- 
zioni che a lui sono state attribuite da quest'ultimo , il signor 
Lang difende le sue tcorie respingendo quelle indiane del Cosquin, 
Senza negare che gl'Indiani possano, piu che altri papoli antic his- 
simi, avere creati o fatti entrare nella tradizione dei racconti, egli 
rifiuta la ipotesi dei due dotti mitologi e di qualche ahro che fa 
tutto provenire dalle rive del Gange. La trasmissione* non sarebbe 
per lui da ammettere se non per una. sequence of plat, cioe per una 
serie d'incidenti che formano un vero e determinato intreccio, Al- 
lora il raccontOj giunto in un dato posto, a un certo grado di per- 
fczione di forma , grazie alle comunicazioni ed al comniercio , si 
sparse, si diffuse, assorbendo i racconti analoghi scontrati per via. 

Quando si tratta per 6 di racconti provenienti da tempi pre- 
storici e selvaggi, la cosa e ben diversa; e per quello della Cenc- 
rcntola egli crede di poter conchiudere che questa novella appar- 
tenga ad un'epoca e ad un popolo che porta va calzari e non dcbba 
essere stato inventato da un popolo a piedi nudi. E qui il Lang 
annunzia un*altra idea, ed e: che in date condizioni d'immaghiazionc 
di credenze e di pratiche, possano nascere racconti analoghi. 

Per quanta riluttanza abbia io sempre avuta di mettermi in- 
nanzi in argomenti di grave importanza e con uomini di coiiipctenza 
speciale in certi studi , mi permetto di richiamare una mia mo- 
desta osservazione in proposito. 

Discorrendo della storia delle novelle popolari, son gii alcuni 
anni, io scrivevo cosi : 

« £ vero che Tuomo in certe date condizioni pensa, si muovc 



Digitized by LrtOOQlC 

4 



44^ ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

cd opera in una maniera e non in un'altra; 6 vero die una specie 
di uniti* estetica rudimentale, embrionale per cosi dire , esiste nc» 
popoli, e che un certo grado elementare di produttiviti intellettiva 
si riscontra, piu o meno, in essi ; h vero altresi che certe conce- 
zioni possono sorgere , come sorgon difatti, spoatanee, da se, tanto 
etnograficamente quanto cronologicamente , ma non e men vero 
che quando la concezione ^ cosi caratteristica come sono alcuni 
motivi di fiabc , la creazione molteplice e inJipenJente di esse i 
molto contrastabile. Ni con ci6 vuolsi negare, anzi Tammettcrlo c 
della piu sana critica, che un gran numero di novelle, di ^racconti 
di leggende oltre quelle* che son di patrimonio universale, nasca in 
un posto, e si conservi li stesso e passi anche fuori. E in questo, 
appunto, potri spiegare la sua attivitila demopsicologia comparata 
e la mitologia etnica: indagando , cio^, determinando alia meglio, 
dove possa giungere un popolo e dove un altro, quale sia il pro- 
dotto tradizionale comune, e quale il prodotto speciale proprio; quali 
le tradizioni identiche e quali le diverse; donde, in origine, presero 
le mosse, che vie tennero, come si modificarono o trasformarono 
quelle; quali condizioni morali e fisiche concorsero alia formazione 
di queste \ 

Quali conseguenze sari dunque da trarre dalla nuova carica 
a fondo del signor Lang ? 

lo non oso dirlo. Questo solo debbo constatare, che la teo- 
ria di lui, forse perch^ molto giovane ancora, non ha ancora fatti 
i proseliti che fecero quelle del Miiller e del Benfey. La teoria del 
Miiller trov6 eco specialmente in Inghilterra, sopratutto per opera 
di G. W. Cox, ed 6 carezzata da un uomo di eletto ingegno, M. 
Ploix ; ma le csagerazioni dei seguaci di essa la compromisero 
tanto che una reazione e avvenuta un po' dappertutto e in mode 
particolare in Inghilterra e in Francia. Molti ricorderanno la pub- 
blicazione degli studenti della Universiti del « Trinity College » 
di Dublino contro «II mito solare di Oxford)), e la campagna, 
non sempre cavalleresca, contro Tillustre uomo aperta e sostenuta 



» Xovelk popolari toscantf pp. XXIV-XXV. Fircnze, Barbara, 1885. 



Digitized by 



Google 



La novella DELLA CP.\*ERr.NTOLA /|47 

dalla Mclusine di Parigi \ Lo stesso Lang I'ha assalita a viso aperto 
in persona di un campione di essa , il sig. Ploix innanzi ricor* 
dato *. 

La teoria del Bsnfey , non ostante il miraggio di quella del 
Miiller, non ostante gli attacchi ripctuti di quella antropoiogka del 
Lang, regge sempre e non potri facilmente mandarsi a male finch^ 
non si distruggano certi fatti che sono storia; finche, diciamo, non si 
dimostri che il TantschatantrUy la Qika^aptatiy VHitopadesa non siano 
indiani e non contengano dei racconti popolari. Ecco perclit que- 
sta teoria ha una scuola anche in Italia e vanta studiosi di molta 
autoriti. 

E qui apro una parentesi per rilevare una osservazionc di ca- 
pitale importanza per T argomento del la provenienza dei racconti 
tradizionali. Parlandosi della scuola storica non vuolsi fare una pre- 
cisione di tutti i racconti, altrimenti s'incorre nel piu grave errore, 
V'^ differenza tra novelle e novelle, o mcglio tra racconti e fiiihe, 
Racconti e novelle si trovano nelle antiche raccolte indiane citace, 
il passaggio dei quali racconti in Europa t* una storia qui inop- 
portuna; ma fiabe propriamente dette, si poche, che una sentenza 
recisa in proposito potrebbe incontrare forti opposizioni ^ E chiudo 
la parentesi. 

Ni vale prender le mosse contro la scuola storica dalle ver- 
sioni indiane della Cenerentola finora raccolte e presentatc dalla va- 
lorosa autrice del nuovo libro; perch^ la mancanza di certe donnies 
(uso la parola del Lang) nelle versioni medesime finora conosciute 
non i ragione sufEciente per dimostrare la provenienza o non pro- 
venienza del racconto dall' India. Bisognerebbe provare che le re- 
dazioni pubblicate siano le sole esistenti in quelle comrade e che 
nessun'altra diversa, o variata ne corra: il che, come si comprendc, 
i tanto difficile a dimostrarsi quanto a conoscersi il tesoro tradizio- 



' Vedi t. II, coL 73 e seg.; t. IV, c 145; t. V, c. 115. 

a Vedi Saturday Review del 1° Sett 1880 e Melusine, t. IV, n. 18. 

5 NotCN'ole quanto scrive F. Torraca nella Rassegna Bihliografica della Let- 
teratura Hal del D'Ancona, an. II, n. 3, a proposito dei Fabliuux di J* Bedii^r 
(Paris, Bouillon 1893). 



Digitized by VriOOQlC 

i 



I 



44& ARClllViO PKR LF, TRADrZIOXI POPOLARI 

nale chc cinscuna persona del popolo possicJc. E dato pure chc centd, 
milk vcnsioni indiane del medesimo tcma dimostrassero la non 
csistenza del tipo sulle rive del Gange, si sarebbe ancora ben lon- 
tani dal poter ritenere passata in giudicato la insostenibilita, per 
mancanza di solide basi, del principio propugnato dai chiari uomini 
sopra ricordati. 

La teoria del Lang ha qualche per alcuni cosa che persuade; 
ma la sua csclusivita rende guardir.ghi quanti sono aitratti alia appa- 
rentc sempliciti di essa ed all' autorita, certamente incontestabile, 
dell'autorc. Forsc quella teoria fan\ scuola: ed io sarei lieto che per 
cssa venissc se non a sciogliersi, alnieno a cliiarirsi uno dei tanti 
prohlcmi della etnografia e della antropologia ; ina v' e a tenierc 
die ci6 non avvenga cosi prontamente come altri potrebbe credere. 

Inunto chiudo queste brevi notizie richiamando una altra volta 
r.ittenziono degli studiosi sul pregevole libro della Cox, e da ultimo 
sopra la prcfazione, la quale da plena e larga ragione degl'intendi- 
menti di lei ncl compilarlo, del mctodo da lei scguito c dalle fo- 
tiche veramente improbc onde cssa pote compierlo. Le parole di 
lode che consacra ad esso il Lang, mi place di farle mie e di ri- 
pcterle testualmente : « I \vandared in Miss Cox's collection widi 
admiration of her industry and method , with some despair, too, 
us ID the possibility of ever tracing the Cinderella type to its ori- 
gin and home. » 

Sc qualche omissione di varianti vi sari, chi avra il coraggio 
di fame Ic meraviglie ? E sarebbe da persona poco pratica di ri- 
cerche bibliografiche ncl campo del Folkore il notarle; senza dire 
che, quando fosscro notate , ncn moditicherebbero di una linea i 
risultati deiropera. 

G. PiTRi. 



-^h» zrC3*f '*• IZZIT*^^*" 



Digitized by 



Google 




MISCELLANEA. 



Del pretcso « Jtts primae noctis» in Sicilia ^ 




On. Dirczionc del Giomale di Sicilia, 

m 

EL n. d*oggi, 15 Gennaio, del Giomale di Sicilia trovo riportata 
una intervista di un Redattore del Don Chisciotte di Roma con un 
prelato siciliano della \'aticana, il quale, come si fa supporrc, pu6 
essere Monsignor Isidore Carini, nostro concittadino. 
Come siciliano mi pcrmetto di^ manifestare il mio vivo rincrescinicnto ncl 
vcderc riportata quella intervista senza una parola di protesta della Reda^ion^, 
11 can. Carini — se tant'e die Vintervistaio sia lui — e, non pure il nntc c sitii^ 
patico ecclesiastico chc tutti sappiamo, ma anche uno dei piu Jotti e sapiL-nti 
conoscitori della Storia e del Diritto Siculo; ed cgli non pu6 aver sognato mai 
cio che non e mai esistito in Sicilia il jus primae noclis die il Redattore dd Don 
Ch'sciolte gli mette in bocca e gli fa allegramente regalare alia nostra sventu- 
rata isola. 

Bisogna ignorare aflfatto la nostra storia c quella* della nostra feudallta; W- 
sogna misconoscere Tindole del nostro popolo c la fierezza di esso per iscriverc 
di cosiffatte sciocchezze; le quali sarebbero dellc vere amenita se in qutzsti giorni 
dolorosi tion fossero ragione di nuova tristezza per ogni onesto patriota sicilLuio, 



' Rip'.rtwmo dal Gt^rui/e lii Si Hit (in, XXXIV, n, 17, Palermo, 16-17 Gcnn;io lii-^]), ^iK|:i I's 
venue inJirizzit.i, i]'icsta Ici'.era, (\\-i acccnna «J iiivi •'/avr.^im.i onia all.i Sicili.i, c mirj A (d^Hfrc Mil 
errorc itorico dei pivi maJornali sul c n!o di cis*. 

\.x unaniir.c siwpatii on J,* siiT.uu Icitcra vennc acculta dalla stanipa pcrioJica J* luli.t ci dX fA- 
nionc a credere che i dilettanti di storia volgano la loro attcnzionc ad argomenti mcno iiiTcSiki Si k^iielldi 
oramai sfatato dcirinimcralissimo Jus primae noclis, (I Direttori). 



Archivio per 1$ tradixioni popolari — VoL XIII. 



57 



Digitized by VriOOQlC 



450 ARCmVlO PER LE TRADIZIONl POPOLARI 

Chi riferi quella intervista, e fa dire al Prelate siciliano che « in Sicilia, in 
certi punti selvaggi, esiste ancora Vjiis primae noctis^ e le donne e i contadini 
passapo di diritto ai signori sulla tarifFa invariabile di cinque lire (^/r.) », ignora 
una cosa capitale pel nostro costume, che io gli voglio dire airorecchio. 

Nella tradizione siciliana il movcnte principalc dcgli eccidi del 31 Marzo 
1 282, i quail rimasero poi raemorabili sotto il nonie di Vcspro, sarebbe stata la 
voce corsa in tutta la Sicilia die i soldati di Carlo d*Angi6 volcsscro per conto 
lore esercitare questo jus sullc giovani sposc. 

La tradizione k costante ed unanime, e non \t popolano che la ignori, c 
che riferendola non s'accenda di sdegno c non frema. 

Ma giii la critica raodema ha liquidate tuttc le affermazioni relative al pre- 
teso diritto in fame in Italia; cd io sfido il Redattore del Don Chisciotte a pro- 
durre un documcnto attendibile della esistenza passata c presente dello scelle- 
rato costume tra noi. 

Povcra Sicilia ! ti mancava solo questo: di vedere i tuoi signori (chiaraati 
ora con voce di odio borghest) convertiti in tanti Don Rodrighi, e ciascunDon 
Rodrigo avcre un harem in ogni ca§a di sposini; c di vedere i tuoi contadini 
tramutati in volontari Menelai, che si prendono come zuccherini le fusa torte 
fatte loro regaUre dalla stampa d'ltalia. 

£ poi ci doliamo della stampa franccse ! » 

Palermo, 1/ Gcnnaio 18^4, 

G. PlTRE. 



Per il Folk-Lore militare d'ltalia. 

La vita militare t stata abbastanza studiata, in Italia , nelle sue manifesta- 
zioni patologiche. Meriterebbe di esserlo nelle fisiologichc. 

Per esempio, c*6 un vastissimo campo apcrto alle investigazioni sociologichc 
nei suoi rapporti morali ed intellettuali. 

Chi si 6 occupato finora deU'escrcito dal punto di vista linguistico ? In un 
paese come il nostro, ric'co di cosl varie e diverse forme dialettali, uno studio 
simile sarebbe, o io m*inganno, utilissimo. 

Investigare come nel contatto di disparati elemcnti etnici reagiscano Tuna 
suU'altra le singole correnti di linguaggio ; e in qual maniera e perche qucste 
cedano a quelle, o si sovrappongano, o si fondano con quelle; quali ragioni sto- 
riche e di adattamento determinino una fenomenologia talvolta strana; come, in 
una parola, nasca e si sviluppi e si trasformi quel gergo soldatesco, al quale ogni 
regione della patria di giomo per giomo nuovo alimento, e che s'innesta poi 
per mille vie sul tronco ramificato della lingua che il popolo parla. 

E gli usi, e le costnmanzc, e i canti e le tradizioni ? Tutto un tcsoro di 



Digitized'by 



Google 



•TJ' • 



MISCELLANEA 4jt 

Folk-lore che non dovrebbc andar perduto, il giorno in ctii it dlsarmo divenissv 
realti, c Tesercito un nome. 

Le caserme serbano gelosamcnte una quantitil di leggende, di proverbi , di 
superstizioni, di pregiudizii, di ritoraelli, di giuochi, di motti, di riti, erediurie 
raccolti in cento modL II soldato 6 conservatore per eccellenza. 

Chi frugasse entro quel cumulo, ritroverebbe le trace e caratieristiche di tutti 
i popoli e di tuttc Ic rnzze, onde la patria nuova fe fomiata, dalle arabc di Si- 
cilia alle alemanne deirestrcmo nord-est, dalle schiettaniente Italiche del c entro 
alle normanne del mezzogiomo, dalle scmi-barbariclie alle piti raffinate, dalle in- 
certe alle piii nitide. 

Anche in questo, come nel gergo, le une ban reagito suUe altrc: e h ml- 
sura delle singole forze 6 data appunto dalla maggiore o minore preponderanza 
di ciascuna nel patrimonio comune. 

Simili ricerche son fatte, a parer mio, per intercssarc, iid un ttnnpo, scicn- 
ziato ed artista. 

E chi vi si dedicasse, dovrebbe senza dubbio esser guidati dalla scienza e 
daU'arte: due vampe che raramente rischiarano il medesimo iiitdleUo c riscaldano 
il medesimo cuore *. 



L'Eremo di S. Marco in Umbria. 

Che impressione profonda, in quella solitudine, in quella pcnombra solennc, 
mentre gli stillicidii insistenti, dai crepacci, rompono il sUen/io coi loro mof- 
morii indistinti. Chi pu6 immiginare le estasi, le visioni, le allucina.^ioni degli 
asceti che scavarono nel vivo masso quel santuario ? Da Ascoli , salgono an- 
cor a i giovinotti e le fanciuUe in pellegrinaggio al vecchio ereiiio. Sotto la mens* 
delFaltare, nella parte posteriore di esso, v'fe una buca quad rata, in ctii essi, po- 
stisi ginocchioni, introducono il capo. Le ragazze dicono: 

Sanimarche mie, 'i te lu duhe, 

Ne 'n ct revenghe piii senza maritc. 

E i giovinotti: 

Sjmmjrche rule, 'i te Tacconte. 

Ne 'ii ci reviighe piii senzi I.j mogghic ! 

E se San Marco vuole la loro visita, bisogna che li accontcntu 

I, Bl.KClVEKSL 



' La Riprmaf an. XXVllI, n. i}2 bis. Roitia, 15-14 Mj'^.^jo 1894, 



Digitized by 



Google 



1 



452 ARCHIVIO PER LE TRADI^IONI POPOLARl 

1^ «La punga», ossia il talismano del celebre bandito sardo 

"^ Francesco Derosas. 

Da alcuni anni la provincia di Sassari e fiinestata dai dclitti chc commctte 
di quando in qiiando il terribile bandito Derosas. Cossoinc, Mores, Ploauhe eJ 
altri paesi vicini vivono fra continue ansic e timori: dopo ravcmaria non si vcde 
piu anima vivente passare per le vie e tanto meno allontanarsi dairabiiato: ncp- 
purc dl giorno e dato vcdere in campagna una persona non armala del fucilc. 
Ora si vuolc, che quest'uonio, il- quale fu capace di coniniettere a sangue fredJo 
parecchi omicidi, sia suocrstizioso; conic si deduce da umi puiiga o talijmano , 
trovato in una dcllc bisacce, chc cgii dovcttc abbandonarc ncUc mani dei o 
rabinicri, dopcche ebbe, il giorno 15 maggio 1894, uno scontro con loro. 

I Ecco la descrizione che ne fa il giornale quotidiano La Kuova Sanlci^iu 

(Sassari. Anno IV, n. 132 facciata 2% colonna 4'.) 

« ii lunga (la punga) da sci a sctlc ceijtiir.etri, in tela bianca, e ccnticne 
un pezzo di cuoio, un pczzetto di pelle linta di saiigne^ e due frammcnti di ossa 

I forse umanc. II volgo crede, che appunto in virtii di simile talismano i dueb- 

titanti, il Derosas c il suo degno coninagno Angius, si siano salvati ncllo f.con- 
tro » *. 

II popolino credo ancora, che la punga rcnda quest' altro servizio : sc chi 
la porta ricevcsse per caso qualche ferita, questa non sarcbbe mai tanto grave da 
produrrc la morte suU' istante, ma lascerebbe sempre il tempo a fiir venire un 
pretc, per i conforti religiosi. 

(Juando una dcnna sta per sgravarsi, sc una di queste pungas posta agnl- 
leggiarc cntro un bicchiere d'acqua, dopo qualche ora a pre Toriiicio, indiclier.t, 
chc la partcriente si sgravcrA senza pcricolo di sorta; quando invcce s'ostina a 

I rimanere chiusa, annunziera, che il paito sara molto diillcile. 

FiLiPPO Valla. 



I neonati vestiti. 

(Ctrdmia piemoutese di PacSiiihi) 

I fanciulli che nascono copcrti deiramnios (sacco di tcssuto conncttivo rc- 
ticolare, senza nervi c senza vasi, tappezzato internamente da epitelio pavinien- 
toso) sono ritcnuti piu fortunati degli altri, c, fosse il caso, fosse che, fra i tmti 
che fanno in tal modo Tapparizionc nel mondo, molti sanno condursi bene c 
crearsi una posizione per la loro perscvcranza e forza d'animo, si suole a cio at- 
tribuire una grande importanza e si fanno dei buoni auspici per quclli che n.i- 
scono col sacco; perci6 sentiarao spesse volte dire: 



' Ora fioalmente nno dei due pericolosi banditi, il Derosas, e caduto In mano della Giaitlzia (I D««.). 



Digitized by 



Google 



MtSCELLANIlA 453 

c< 6 fortunate, pcrchd c nato colla camicia », come gli Inj^lesi dicono: He 
is born with a silver spoon in his mouth » (egli 6 nato con un cucchiaio di 
argento in bocca ^ 



II sangue dei giustizlati in Ispagna^ 

Nella recente csccuzionc -di 6 anarchici spagnuoU in Barcclloru(maggio 1S94) 
una vecchia tuffb ncl sangue colato dalle casse dei cadaverl il suo faK^oletto c 
lo avvolsc religiosamcnte in un giomale ; indi se io riposc in seno con tanta 
cura come se fosse un talismano. Essa invito un giornalista f^rcscnte ad inritarla, 
trattandosi di cosa preziosa. 

Questo raccogliamo dai giomali politici di cjuesti giorni. 



Lo studio del Folklore in America. 

La «Folk-lore Societyw nacquc airUniversitd di Harvard ncl Gen. iiSSS e ne 
fa il primo prcsidcnte il Prof. P. Child. Suo principale obbiettivo era la pubblica- 
zione di un giornale di carattere scicntifico, il quale dovcva raccoglicrc le tradv- 
zioni, le superstizioni, le credenze, le cognizioni popolari di .Vuierica , e pt.TCi6 
tutto quelle che in questo genere offrivano di notevole le antiche popolascloni 
inglesi, i negri degli Stati del sud e le tribu indiane deirAniL^rlca del nord, non 
che il CanadA francese, il Messico e via dicendo. Nel detto ginrnale dov*;v.ico an- 
che pubblicarsi gli studi d'indole generale sul medesimo so^gcrto e i risulttitr 
dellc osservazioni special! degU studiosi. • 

II primo numero usc\ nell'Aprile successive , e i cinque voluuii gia venuti 
alia. luce offrono un'ampia prova della ricchezza delle tradisiit^ni popolari ame- 
ricane, mcntre costituiscono una vasta ed interessante raccolt:i di informaxioni 
per chi si dedica a simili studi. Ivi possono trovarsi miti e Icggeadc dcgli in- 
diani, dei negri e dei crcoli, costiiminze curiosc e strane, e s^tpcfidKiom di o^ni 
genere, insieme alle credenze nelle streghc e negli spiriti, alle pratichc pj6 bist- 
zarre, a tutto cio che riguarda la magia e le divinazioni , e al L-anti, alle iiunze, 
ai giuochi, alle canzoni fanciuUesche, agli indovinelli , ai provkTbi, ccj. Le os- 
servazioni concernenti le tribu indiane superano tutte le altre canto in qiiaiitit;^ 
quanto in quality, ma non sono meno interessanti le scoperte latte fra le poptiLi- 
zioni immigrate e stabilite si in distretti affollati e si in locaHta fuori di niano. 

La nuova Societa ha dovuto naturalmente sobbarcarsi ad un'opera da mis- 
sionari, perch6 non 6 facile che in breve tempo il pubblico possa in tend ere ed 



* FiCLRELLi L'Eriie en; Ch'uijred.i Borgu, p. 59. 



Digitized by VriOOQlC 

i 



f 



k 



454 ARCHIVIO PKR LE TRADIZIONI POPOLARf 

apprez^art lt> scopo e riniporUnEa Ji qucsti sWi, lu^^iitrc d'altra parEc ogni in* 
dividuo pu6 portiire a:1 cssi il suo contributo, dairagrkoltore al banchiere^ dskWi 
domestic,! aUn slgnorn. Si devo peraltrD riconoscere chc Pistitu/iono si ^ fortenientc 
c rapidamente sviluppata coatLindo essa gii cinqueccnto mcmbri c scl distink 
se^ionl, quelle cio6 di Boiton, Filadelliii , New Orleans . Montreal » Cbicago t 
New-York. La Sociuti di Chicago forma uu sodaliiio indipendentei k altre scnw 
affiliate alia Societa na?Aoniile. 

Fin qui gll studiosi americani si so no limitati a raccogliere i diversi mate- 
ria li e ad esaminarli con metodo scicntifico , nia non h mno credato che sla 
giunto il tempo di abbandonarsi a discus^sioni tcoriclic come hauno llttto i loro 
confratelli d^Inghiltcrra e del conrincnte. Cosi essi non sono favorcvoli i fire 
del « Folklore >* una scicnea separata- Nel Manuale pnbblicato dalla Sjcicti liv 
glese si dice chc la dc(mi;tione di questn scieu^^a dovra in futuro e^-ser h s*;- 
guertte: « La comparaKiotie e la idcntificajtioiie di ci6 cbc soprai'vive nelle eti mo- 
derne delle credence, delle costumanze e dello traiil^ioni del tempi rcmoii. n E 
Jin qui nulla abbiamo da oppurre; nu il vero si t- che Pc&atta detiiii/iune della 
parola « Folklojtj o no.i t ancora usciL; dai confini dcUa discus^sione. 11 vera 
posto di quesui ranio di scien;!a non e stuto Cm qui trovato, e infitti alPEsposi- 
zione Colombiana furono teiiuti due conorcsii snllo stes*io o^^ctto: uno nelk 
sezione letteraria, Paltro nella se^ionc antropobgica. 

Com tin que sja , il h Folklore n lia fatto rapldi progreisi ed ha acquisUia 
grande popolariti sla in Huropa, sia in Anierica, e ci6 si devc principalmenlc 
a queste tre cause: i. Quasi tutti pCissono csaerc al caso di contribuifc in qtwl- 
che modo. 2. Qiiesto studio irradia di cliiarissima luce Pevokuione psicbica 
delPuomo e la storia del I a civ ilea, 3. In simili ricerche sono altamentc inteici- 
sati, ciascuno dal proprio punto di >ysla, tanto coloro che si occupjtno di stu^Ji 
religiosi od etici, t|uanto gli etnobgl , gh archeologl , i psicologi, gli storici ^ i 
poeti e i letteratj. 

Qucsio, in breve, il contcnuto d'uno scritto del sig* Lee j. \'ance, iTiserira 
nella Popttkr Sdt'nce Mosilbh del Settenibrc 1895 e riassunto nella Miufrz'a di 
Roma, Nov. 1895, Agginn^iamo die h Societa del CoUegio di Harvard ha giii 
inconiinciato le sue pubblica?aoni a voliTiiii con un' opera di moUo intcresstf: 
foih'Taks of Angola^ c die la scKione di Chicago, ^ia istituita dal LuotcoteneaEe 
a. Bassctt, ha un organo molto inter iiaittente nel FoJkLorist, che escc a langhi 
intCTvalli. Oia e per venir l\i«ri in FilaJdru una nuova rivi^ta per opera del 
Viol Starr. ^ , R 



-MJ^SE-* ^'TI^^^* 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA. 



Prof. V. CVrERMANN. La Vita in Friuli. Usi, CosUmii, Crciit^me, Prcgiudi^i t; 
Superstizioni popolari. Udinc, 1894. Tipografia Domemco Del Bianco, Editore, 
In 8«, pp. XV-yrS. L. 5. 




UESTO grosso volume 6 un ricco tcsoro di nodzie suUa vk;i fis»ki 
c morale del popolo friiilano c ne cotiticne tante qunntc pf?che nic- 
colte italianc ne hanno date finora. Si dircbbt: un vlto tri^tuto di 
usi e costumi, di pratiche ed ubbie del FriulL 
Compartita in dodici lunghi capitoli, La Vita in Fnttli abbraccia la cosino- 
grafia, la mcteorologia c la gcografia fisica, la terra, le actjue, i minerali, i metallic 
i tesori nascosti; I'agricoltura, gli animali, la pastorixia, la caccia; I'uomo nella stta 
giovQntu e nel suo amore, lieto c tristc; il matrimonio, la gravidan:iar il partOj 
il battesimo, I'allattamento, rallevamcnto della prole; Ic malattie cd i loro rU 
me<Ii; la morte e le cerimonic funebriiii malefici c: k strcghtTic, con tutti i per- 
sonaggi soprannaturali buoni c cattivi; la vita socialc; la \ ita individuale. 

Chi potessc per poco scorerre I'opera tutta vciircbbc chc qiifsti titoli non 
fanno ncppur sospettare le tante e tante cose che sotlo di csjii vanno inclusc, t: 
potrebbe giudicare de visa con quanta copia di notii^ic il prol' Ostemiann tratti 
questi temi, *ciascuno dei quali 6 lumeggiato colic multllbrnii manifestazioni del 
pensiero e dell'opera del popolo. Raramente TA. pretidc in mano un argomento 
senza svolgerlo col sussidio di costumanze, di pre^iudiKl, di canzoncttc , di f ro- 
verbi, di formolc raccolte dalla viva voce di quegli alpiglani che id Itaiia hanno 
costunu in biiona parte italiani, ma che hanno pure leggcnde non del tutto 
prive dcirelemento leggcndario onde sono informati ccrti raccpnti germanici e 
bloveni. 



Digitized by 



Google 

4 



r 



4jS ARCinVIO PER LE TRADIZIONI POPGLARl 

la dcmopsiculogia tutto fa per lo studioso; non v' c pratica per quanto ri- 
dicolai non motto per quanto ingenue , non frase per quanto insignificantc, che 
non concorra alia cotio&cenza del scntirc, del pensare c del vivcre dcUa gcntc 
priva aflatto dv cultura. 

n prof. Ostcrmami, che gia ncl 1876 die fuori i provcrbi e nel 1892 le 
^illotc friulane, e che a riprese ha fornito bei saggi di superstizioni c credcnze 
del suo Friulij sa btnc quel che fa^ ed ha il vero senso pratico delle tradizioni 
L della Icttcratura popolare. E siccome le une c Taltra non rappresentano se non 
W tin aviin^o dc! piiiisuio, cosi egli ha avuto la lodevolc ispirazione di riccrcare anchc 

ntl passato qucste tradi/Joni c questa letteratura negli archivi piibblici e privati 
e soprattutto nelb Civjca Biblioteca di Udine, ove un Regesto di icxx) processi 
inquisitoriaU dal n^i al 1647 gli ha fopiito appunti non pochi e di non lieve 
iniportanza. 

CAidesti processi k:oncorrono specialmente alia costruzione delfa storia delU 
stregoncria; cd ii Icttorc che sia vago di conoscere la aberrazioni dello spirito 
umanoj vi trovcri moUo da sbizzarrirsi quando da non compiangere la igno- 
ranza ancht di coloro che contavano per persone dotte. 

« 11 mio studio^ — conchiudc TA. nella sua prefaxione — sara ritenuto forsc da 
taluno di secondaria importanza; nonpertanto confido gioveranno a rcnderlo ben 
accetto I'originalita sua» U moltiplicitd delle note storiche inedite, c Tamore in- 
tenso che gU consacrai nel compilarlo, lusingandomi che possa giovare come- 
chest,! a fur iicmpre nieglio conoscere questo nostro Friuli. Portando poi a co- 
gni;aonc del pubblico tante ridicole credenze e superstizioni c facendo questa 
raccolta paleontologica di fossiU del pensicro^ come feliccmente li chiam6 Tillu- 
stre profcssorc I'ito Vignoli, si potri cziandio convincere il popolo della loro 
assurdita, c contribuire ^.t ahsurdo alia sua educazione morale.» 

Ora, poiche t;li .studi del Folklore non sono un passatempo da cziosi , ne 
un v.mo trastullo da Carneadi, i quali con una piccola tradizione da loro imbcl- 
lett^ta possono fare amniirare il loro ignoto nome; il Ubro del prof. Ostemiann 
o per noi un progcvoUssiino prontuario||pii usi cd ubbic popolari; un libro dove 
non pure i folkloristi ver^imente degni di questo nome; non pure gli etnografi, 
ma anche i sociologi c gli storici avranno da raccogliere a larghe raani materia 
di anamn si del passato, di diagnosi delle present! condizioni psico-patologicbc, 
di rimcdi per Taw en ire. 

Una paroU di sincere plauso ci si consenta airindirizzo dell'Mitore signer 
Domcoico Del Blanco. tgU con vero sentimento patrio si c accinto alia pub- 
blicazione di questa Raccolta, fiducioso nella importanza di cssa c nella intelli- 
gcuza dd suoi btnevoli Friulani, i quali, a che tacerlo ? tra gritaliani tutti leg- 
gono buoni libri cd amano la loro letteratura dialettalc, la studiano c la inco- 
raggiang, 

G. Pitr£. 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 457 

Giuseppe Beccaria. Spigolature suUa vita privata di Re Martino in Sl- 
cilia. Palermo, Librerii. Carlo Clausen di Alberto Reber iSt)!i. In-4", di 
pp. 20s. L. 5. 

Se il nostro fosse un Archivio storico, noi avremmo da lodare neLle present! 
Spigolature le ricerche di prima mano, la copia scelta dei documcnti, la nar- 
razione, anzi la* vivace pittura dei fatti relativi alia vita privata dl Re Mar- 
tino II in Sicilia , la critica spigliata onde quel fatti sono studiati , giuJicati ed 
esposti. 

Ma il nostro periodico non pub guardare, senza uscire dal siio cfampito, a 
questa ragione di studi, e si deve restringere soltanto a far conoscere ai Jettori 
la parte di costumanze che nel nuovo libro del valoroso Beccaria potrebbc con 
profitto rilevarsi. 

Questa parte si riferisce agli anni di pace che seguirono a Ik turbo ien^.c 
anterior! al 1396, e TAutore la fonda tutta sopra ottanta documenii inediti dd 
lui trovati in due registri dei secoli XIV e XV, comprendcnti i conti origins li 
del Tesoriere del Regno di Sicilia, Nicol6 Castagna, che si conservano neir Ar- 
chivio di Statd di Palermo, fra le scritture della Regia Cancellcria. « 1 coma, dice 
il Beccaria, riguardano in massima parte gli introiti e gli esiti della Rcgia Cortc, 
e specialmente del Re Martino e della sua famigUa. E la varietii delle cose a 
cui le spese o i proventi si riferiscono di un contrasto tale ai registri da 
renderne la lettura graditissiraa, come se si trattassc, non' di docunienti ufficialij 
ma di libri di curiosity e di amena letteratura ». 

Tra i giuochi esistenti a quel tempo in Sicilia vanno notati « quulli ddla 
^^arCy d^l terciu oy di la gallecta, il giuoco delle carte, quello dei biriJIit del pia- 
ster iiy dei ballottolini , dei libri,' q dei tornidiy e quello cos! vario e coniplesso 
cum taxilliSy ossia del tavoliere »; ed il B. richiama in proposito carte c registri 
non solo del XIV secolo, ma anche di secoli posteriori. 

Le largizioni di Re Martino rappresentano un pun to notevole nel la stnria 
del costume. I giuochi per la festa di Natale, il battesimo del figliuolo di Gia- 
como Prades ed i regali alia levatricc, gli exenia in occasione di fiozj^e, di bat- 
tesimi, di ospitalitd data o ricevuta, di abiti da farsi a cortigiani; le vesti: gip- 
poniy iupparelliy cappucci, choppe^ choppecie, targhe^ cappellecto , :^one ; le Teste a 
chiesa ed a Corte, con sonatori di pifferi, confetti; le medicine per mal attic; le 
funzioni della Settimana Santa e certi riti e cerimonie non intieramentc sconi parse 
ai dl nostri: tutto il B. ci fa passare sott'occhio, con parche ed acconce dcscri- 
zioni e con notizie o del tutto nuove per la storia siciliana o^resetitatc con c:i- 
ratteri tili che sembrano nuove. Singolare quel che scrive del Venerdi Santo, del- 
roflferta che Martino faceva dei 30 gigliati in memoria dei 30 danari di Giuda, e 
la lavanda dei piedi, che il Re 'stesso personalmente eseguiva il Giovcdl Santo. 

I documenti occupano la meti del libro e sono trascritti con quelb esat- 

Archivio per U traHiiom popolari ---Yol XIU. ^B 



Digitized by VriOOQlC 



k 



458 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

tezza scientificaj dell:i qtuile il B., paleografo espcrtissimo , diede un bel saggio 
ndla sua Regina Bianca in Sicilia (Palermo 1887^ e nei Consolati ariigiani in 
Sicilk net sec. XV, lavoro non estraneo ai nostri studi, da lui testfe comunicato 
alia Society d\ Storh patria in Palermo. Segue c chiude il voL un copioso o In- 
die e alfabetico dei nomi delle persone e del luoghi, e delle cose notevoli conte- 
nute ncl teste e nei documenti. » 

G. PitrL 



Prove rbl toscani special mente lucchesi raccolti dal prof. Idelfon'so NrERi 
col Discorso Ictto uclla R. Accademia Lucchese il 16 Febbraro 1894. In 
Lucca, Tip. Giustij 1S94. In-S", pp. 177. 

Qiiesta nuova raccoUa dl proverbi toscani, fatta specialmcntc nel Lucchese, 
t un^ampia agglunta a quclh che preparb il Giusti, diede in luce il Capponi 
ed arrkclii poi il Gotti. Un' aggiunta cosl schiettamente popolare che pcco di 
meglio, ami forse nulla di cguale, pub contrapporvisi nei libri congener! pub- 
blicati in Toscana. Ni paia troppo arrischiata questa affermazione, perch^ se da 
un lato le idee sulla parcniiologia non possono acconciarsi con quelle di chi e- 
segul il disegno del Capponi, disegno che nella seconda edizione della Raccolta 
Giustiana ^ addirittura tradito, daR'altro non possono tenersi in conto di con- 
tributi di vera importanza generale pubblicazioni parziali di questi uldmi tempi 
m Firenze, Siena ecc, ♦ 

t Ordinati in due modi: per raaterie, e in un indice alfabetico generale, questi 
proverbi, non tutti certaniente inediti, superano la cifra di 2300; e V Autore li 
da come documtnto della sapienza antica, formulata in massime, dettati ed apot- 
temnii, i quali ruramentc fallano. Le rubriche provengono in parte da quelle 
del Capponi, Ic qualij come altrove diceramo, al Capponi medesirao sono ante- 
Hori di oltre due secoli. Se non che, il Nieri le ha modificatc molto liberamente 
cd opportunamcnte escludendone alcune che non facevano per lui, ed altre ag- 
giungendone acconce alia materia da lui messa insieme. Percorrendosi tutte, 
sembrano meritevoli di particolare riguardo quelle dell' Agricoltura^ abbastanza 
ricca; di Dmina, Matrimcmo; di Feste^ Ricorrejt:^ey Diver timenti; Mutieri, Profes- 
sioni; Mikorohgia; Paesi^ bel gruzzoletto di motteggi relativi al Blasone popolare; 
Pregiiidiii; Sent^j:{c scheriose; Tavola, Cucina, 

Una lunga app^idicc di oltre 700 nuovi proverbi, fatta sopra lavoro, s^e 
Hon classilkata, raa. con ordine alfabetico; ed anche questa b nuova riccherra 
da agglungerc alia precedente. 

Dando ragione delU opera sua alia benemerita Accademia Lucchese , alia 
quale egli, W Nieri, la presentb, e nei cui Atti venne essa inserita, cosl scrive: 



' Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 459 

« Quest! prbvcrbi che presento, li do senza spiegazione, salvo proprio il caso che 
siano tali da non si potere intendere da chi non li conosca per use; e allora 
lo laccio, sc posso, colle stesse parole con cui la spiegazione fu datii a nic, 
quando mi fu necessario dimandarla.... li do anche senza citazioni di Itioghi e 
sentenze uguali di scrittori n^ sacri, nC; profani; ne metto a confronto itilu pro* 
verbi uguali o siraili d' altra gente, perch6 V opera sarebbe senza fin€, t^iacchc^ 
quando si comincia colle comparazioni, non v'6 piii alcun termine. InLitti sc lo 
confronto il detto lucchese col bolognese o col Ipmbardo, perch^ non dcbbo an- 
cora paragonarlo col siciliano, col veneto e coir umbro ? E se lo confronto col 
francesc, perch6 non pure con lo spagnuolo? anzi cdU' inglese, col tedesco, col 
turco, coirottentotto, col boscimanno ? Dio buono ! ma allora ci vuol la vita di 
cento Mezzofanti e si fa opera che non la portano cinquanta muli. A me come 
a me poi questo travasare da libro a libro , mi pare cosa propria Immhm oiw 
et Uteris iniemperanter dbuUnlis e un volere ingrossare con poco utile il slio vo- 
lume. D' altro lato clii legge pu6 vedere da s6 se anch*egli ci ha nel suo dia- 
letto o vemacolo il tale detto, oppure differente; e se gli quadra il nostro c lo 
crede buono, pub usarne; se non lo crede opportuno, lasciarlo stare c attencrsi 
a qualcbe altro. » 

Questa parsimonia vuolsi accogliere di buon grado , non perch^i sia vera- 
raente necessaria la vita di cento Mezzofanti (giacch^ lavori di siffatta naturit 
se ne fecero prima del Mezzofanti ed anche dopo); ma perch^ la parsimonia in 
ordine a riscontri k cosa lodevole per se stessa. Infatti non si sa coniprendere 
come, per vaghezza di comparire eruditi, si debbano istituire certi confroati, i 
quali lungi dal rivelare la ricchezza scoprono la poverty di conoscenj^e del- 
r editore. Quando sotto un proverbio o un uso , mettiamo toscaoo, sc nc nota 
un altro, mettiamo, vencziano o piemontese, che cosa si fa? si mostra di non 
conoscere altro che quello, e di ignorare che il medesimo proverbio ed il me- 
desimo uso fu gii pubblicato in altre region! d'ltalia da altri died, quindici rac- 
coglitori. Peggio ancora quando quel riscontro si vada a cercare e si trovi presso 
uno od altro popolo di fuori ! Allora la citazione t lacrimevole agli occJii del 
vero erudito. 

Ma lodandosi la parsimonia del Nieri non pub non sentirsi qua e 1^ il bi^ 
sogno di qualche parola che chiarisca non tanto i proverbi quanto certi motti, 
che pei non Toscani presentano qualche dubbio d'interpretazione. Potrcnimo spc- 
ciabnente citame alcuni di quclli compresi appunto sotto le rubriche innanzi cU 
tate. 

II Discorso d' introduzione compendia alcune osservazioni pratiche deir A, 
intomo ai proverbi in genere ed ai toscani di questa . raccolta in ispecie: osser- 
vazioni sagge e piene di giudizio, presentate con quella modestia che ricl Nieri 
^ naturale. 

Un indicc sarebbe stato utile, anche per aver sott' occhio la distrlbuzione 



Digitized by 



Google 



I 



460 AKCHrVIO PER tH TRADlZIONl POPOLARI 

delhi matcriji,' ma, forsu pec una diitraiiiorit;, iiianca) nicntL% del rcsto, togUtnitio 
al prcgio indiscutibllc Jull^opcra. 

G, FiTRL. 



Hozze Cian-Sappa Flandinet, 33 Ottobrc 1895. Bergamo, hthuto llAlimo 
d'Arti Gratkhe 1894. hi-S^ gr., pp* 454. 

Coa lusso, vcramente sigiiorile, di tipi e di carta, questo volume giunge 
tardi SI ma gradito a festeggiare k no/j.ii d' un letterato c criuco egrcgia , il 
prof. Vittorio Ciaiij clie i cultori delle tradi?ioni popolari Imn ragionc di van- 
tare tra' pib abili loro compi^gnii noi^e Ik'tanfientc auspicate , che presto saranno 
s^^ryite da I primo licto as'venimento delta miova famigUa. 

Gli scritti chc lo compongono portano i no mi di F. Novati , l\ E. Gii*r- 
nerlo, E. Gorra, G. Maz;:oni, C. CipoUa, E. G, Parodi ^ P. Papa » I. Carbi, V. 
Rossi, chc con pazienza cd affetto singolare si sobbarc6 alia latica dj raccogliere^ 
ordinarc, corrcggere gli scntli tutti, A. Medin, C. Salviom, R, Rcnier, G, PratOi 
F. Flamini, A. Solerti, G. Rua, Y. Rugarli, P. dc Nolhac e L, G, P^Jlissicr. 

SpigolaniJo per entro a tante curiositil storiche e letterarie forse ni; trovc- 
rcmmo quakuna anchc tradmonak e non ispregevole ; ma il volume ^ e p€r 
questo ne facciamo argomunto del prcsente atinunEio— contienc anche degli arti- 
coXi L' delle raccoltc speciali nel getiere, che conviene riles^are. IL che Linto piu 
vuol farsi In quauto il volume e suto tirato a soli 36a esemplari tutti ouraerati. 

Un primo articolo illustra Cosiuman-e e pomps nuimJi bolognesi nel M&ik 
Ev^i di Ludovko Frati , notizie di iJn Uvoro sulla vita privata di Bologna oel 
medio evo, di prossima pubblicazionc* \'i sono mcssi 21 contributo i bandi ^ ^ 
leggi sontuaric dal XHI al XV secolo: bandi die minvano ad infrenarc if lusso 
e ad impedire la dispersioite dci patrimoni » ma che rimanevano quasi semprc 
kttcra mortaj ondc un motto coniunissirao in tutti i dialetti d'ltalia: «Legge.« 
d*ira una scttimana », o « dura da sera a mattjiia n. 

A. Med in pubblica Due bar^elktU rdaiive alia haitagUa ddla Pokselk, n 
Dkctithre i$Q^ , ristanipatc da un fogUetto di due carte a due colonnc , die si 
trova nel vol X delle Miscellanee trivubiane. 

NoEa il M. che le riprese sono una imitazione delle altre due barzcllctte 
compostc per Tasscdio di Padova; e che a dopo ciascuna strofe si ripetono sob 
i due uJtirai vers! ddle riprese, cib che doveva essere frcquentissimo nella pocsia 
popolare «, 

Seguono otto Ninn^-^mine sicilmne inediie di Alcamo^ Termini, Girgeflti, 
Castroreale, Vittoria, ofFerte da un sicilianOj e cinquaniadue Ninne-ttanrte i. canii- 
huf infaniili raccoUc a Kuoro in Sardcgna, Qiicsta raccoltina, dovnta al prof. E. 
Ikllorim, ha un pregio specialc sia pel gcnere jil quak app^rtcngono c sia pa il 



Digitized by 



Google 



RIVISTA BIBLIOGBAFICA 46 1 

numcro dci canti chc vi sono classificati. Sotto il titolo di ninnc-nanne il B. com- 
prcndc non solo Ic cantilenc chc le mamtnc impiegano per addorriLTitjre i b^im- 
bini , ma anchc quelle con Ic quali li fanno ballare sullc ginocchia , e che nel 
Sassarese vengono appellate Dnnt durUy come il saggio datone dnWAicbivio (cfr. 
V. XII, 369). Altre cantilcne sono recitate dai bimbi stessi o per loro spasso o 
per accompagnamento dci loro giuochi. Qui se nc leggono di scher^i di nomi, di 
invocazipni specialmente alia luna, e di formolette varie; dove non senza difB- 
colti potrebbe ricercarsi qualche avanzo di antichc costuraanze c creden/c ora 
del tutto obliterate ed irriconoscibili. I testis secondo il metodo fin qui scguito 
dal B., harino allato la versione letterale italiana. 

Pietro Nurra, chc col Cian attcnde al complemento d'una *raccolta di Canii 
pop. sardiy di per conto proprio una descrizionc affatto nuova di Usi e cosiumi 
nu:^iali di Sardegna, ed il prof. Orazio Bacci un manipoletto di gcntili Preghkre 
e giaculatori t di bambini cht si dicono in VaJdeUa^ nuove aggiunte alio precedend 
raccolte dal medesimo Autore, chc i nostri lettori conoscono bene. La Valdeba 
e una delle regioni meno esplorate di tutta la Toscana, e le sue tradi^ioni, quail 
le viene mettendo insieme il B., in una raccolta generale come k sua, non 
mancheranno di avere il loro interdSse peculiarc. . 

Ed ecco, grazie al pensiero gentile del prof. Vittorio Rossi, prcsentati in un 
volume molto bello parecchie cose che non sarcbbe agcvole trovarc in singoic 
pubblicazioni spicciolate, e, trovatele, conservarle. 

G. PlTRE. 



Paul Si-billot. Les Travaux Publics et les Mines dans les Traditions 
et les Superstitions de tous les Pays. Les Routes — Les Ponts ^^ Les 
Chemins de fer — Les Digues — Les Canaux — L'Hydraulique — Les Ports — 
Les Phares — Les Mines et les Mineurs. Ouvrage om6 de 8 planches et d^ 
428 illustrations, dont trois en couleurs. Paris, J Rothschild, Editeur 1^94. 
In-80, pp. XVI-623, Fr. 30. 

Rare volte un uomo preposto alia direzione di un personalc tecnico fu in r;rado 
di trarne tanto profitto per lo studio delle tradizioni popolari quanto pot^ c 
seppe dal 1889 al 1892 il Sig. S^billot quale Capo del personalc dipendente dal 
Ministero dci Lavori Pubblici in Francia. Egli, con quelPardore che mettc semprc 
in tutto ci6 che si chiami Folklore, non trascur6 mezzo chc gli parcssc acconcio 
alia preparazione d'una raccolta universale di tradizioni , pratiche c prcgiudizi 
relativa alle strade, ai ponti, alle ferroxne, ai porti , alle miniere ed a tutto cio 
che si attiene alia edificazione, generalmentc parlando. 

Le sue ricerchc sono state coronate dal piii bcl siiccesso: un vokiine , cht; 



Digitized by VriOOQlC 



4^2 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

per b mole c pel contenuto, e come testo e come illustrazione del testo, pare 
design ato a dcstarc molta curiositd nei lettori. E poich6 siffatto volume esce 
d^Lla Casa editrice del sig. J. Rothscliild, rinomata per pubblicazioni d'ingcgncria, 
non v'6 dubbio che anchc i cultori di questa disciplina vi troveranno argomeoto 
di stiidi tecnici nua\'i per loro. 

Qii3nti, ditattj, tra gli ingegneri, gli architetti, i costruttori hanno pensato 
chc d6 appunto die occupa il loro ing^no in opere sopra o sotto terra, sui 
iiumi o sul mare, costituisca il punto di partenza per un numero considerc\'ole 
dl praticht:, di ubbiu, di costumanze, di leggende, di proverbi e di canti popolari ? 

Gli operai stessi che vivono in mezzo a codeste tradizioni non ne hanno 
coscienza, e, pure avendone, si guardano dal fame tema di racconti a curiosi, 
spccialmcnte sc k tradizioni, si riferiscano al soprannaturale del mondo sotter- 
ranco* 

Nol non sappiamo qui fomire un quadro del libro del Sig. S6bilIot senza 
restringeme I concetti o limitarne le vedute. La seconda meti del frontespizio 
accenna a cjuakhe cosa di esso; ma non basta. 

L'opera comprende due grandi monografie: la 1% sopra / Lavori publkiy in 
6 capitoli: Le Strade, i Ponti, le Ferrovie, •gli Argini e le Dighe, i Canali e gli 
Stagni, \ Porti ed i Pari; la W Le Mint ed i Minatori, in altrettanti capitoli 
sopra r origine, h scoperta ed i Geni delle Mine, laSorte, gli accidend delle 
Mine, i costumi c le tradizioni dci Minatori. 

Questc monografie sono trattate col metodo oggettivo del quale il S. e 
stato sempre sostenitore intelligente e fortunato. Qualunque rito, cerimonia, co- 
stumanza, pratica, razionale o superstiziosa, qualunque racconto o leggenda, qua- 
lunque crt'denza o pregiudizio, proverbio o fomiola, indovinello o canto, ^ per 
lui documento di studio, e serve per illustrarc il soggetto in csame. Come 
ti ogni prun fa siepe ed ogni strame fa pagliaio», secondo dice il proverbio, cosi 
ogni tradizione orale ed ogni usanza appresta materia acconcia all'edifizio che 
rAutore vuol costruire. 

L'antJchita piu remota, il medio evo, il presente; I'Europa, TAsia, T Africa, 
TAmerici^j contribuiscono quale pid quale meno a siffatto cdificio: ma il presente 
sup era il passato, U viva voce prevale su quella degli scrittori, TEuropa sulle altrc 
parti del mondo ^ e delFEuropa la Francia, e dell' Asia il Giappone, con leggende 
c supcrstizionj svnriate e diverse. 

Le cure dcirA. nella ricerca di tanta materia si indovinano dalle Sources^ 
che egll nota alia line di ciascun capitolo, e che tutte mettono capo in una Bir 
bliographk finale, ncUa quale si registrano le principali opere citate : dodici pa- 
gine di Ubri, opuscoli e giomali, parte noti, parte poco o mal noti, alcuni rarl 

E ^ui dobbianio far punto, per non darci Taria di dir quanto basta a dare 
unldea del libro. Noi intendiamo soltanto chiamare Tattenzione degli studiosi 
su di csso; i quail ieggendolo avranno occasionc di ricerche e di raffronti utili 



Digitized by 



Google 



.^s^iiiili 



RIVISTA BIBLIOGRAFICA 463 

a tuttL Forse di frequente s' imbalteranno in analogic die sarebbero state pre- 
ziose all'A., forse lamenteranno omissioni molte e capitali; ma in opere di questo 
genere le omissioni sono quasi indispensabili , e causa ne siamo nol stessi , i 
quali, pregati da un raccoglitore di merito, facciamo orecchie da mercante e ri- 
spondiamo con supina noncuranza alle fervide ed entusiastiche circobri di lui. 
Le circolari del S. a parte e nella Revue des traditions populaires Ic ricordiamo 
anche noi^ e ci guarderemo bene dal far cariuo a lui della * scarsez^^ di fatti^ 
p. e., d*Italia che potremo scoprire in mezzo alia ricchezza d'oltralpe. Se questi 
fatti non si hanno, non si poss©no inventare, come la storia non si improwisa 
senza i documenti. 

Ma intanto il presente volume appresta materia sufficiente a studi e ccvnsi- 
derazioni, ed e guida sicura a chi vorri quind'innanzi mettersi a ricerche con^ 
generi in una data regione o in un duto paese. II S. apre un largo campo di 
indagini a chi vorri profittarne: e Topera sua e da reputare pregevole e i^cond^ 
di risultati. 

Altro lato nuovo de' Travaux Publics k quella delle 428 illustraKioni, oltrt 
8 tavole incise e colorate ; tutte rappresentanti non solo pratiche , costumi , c 
leggende del testo , ma anche opere monumentali , commemorazioni , ecc. \^ 
ne sono molte che la scienza architcttonica e la ingegneria non isdegncri 
di osservare con singolare attenzione; e ve ne sono altre che il Folklore scor* 
rerd con vero interesse anche per la antichit^ e curiosity di non poche di esse, 
che il S. deve aver cercato chi sa in quante e quali vecchie stampe o con 
quanta difficoltA e fatica ! Questo aspetto del libro h uno dei pregi migliori di esso. 



Spanien in Wort tiiid Bild. Herausgegeben unter Mitwirkung Sr. Kaiserl. 
un Kgl. Hoheit Erzherzog Ludwig Salvator, Mons. Prof. L Graus etc. 
Mit 157 lUustrationen und i Karte von Spanien. Wurzburg, 1894. Verlag 
von Leo Woerl. In-4*>, pp. 606. 

Cinque dotti personaggi hanno coUaborato a questa graziosa quanto utile 
pubblicazione : S. A. TArciduca Luigi Salvatore d* Austria, Monsignor Graus di 
Graz, Don Kirchberger, il .Baronc di Bibra e W. Threlfall : e la laro pubblica- 
zione k riuscita un quadro geniale ed attraente di quel paese incantcvole , che 
I'editore sig. Leo Woerl nella breve introduzione chiama « La Fata Morgana >>. 

Noi non diremo della parte fisica, manifatturiera, industrial dell 'opera; non 
della scientifica, dell'artistica e della storica. Non diremo neppure della parte mc- 
nuraentale , che costituisce uno dei precipui argomenti del libro : tutto questo 



Digitized by 



Google 

A 



4^4 AKCHIVIO PER LK TRADIZIOSJ POPOLAR! 

rientra in un c^mpo di studi che non t il nostrc, Noi rileviamo solianto qiidb 
che at lettori deir.-lrf/jit'fb interessa 5pecialmeiite. 

E principiajido daila lun^a introduxione (Binktimj;), notianio la processume 
del Cristo nclh Settiniana Sanu, Ic danj^atrici sivigliane comum e ztngarcsd»e. 
Nel cap* Caitiglia il Maragafo, ossia il carrcttiere, i toreros, i loro costumi ei3 i 
loro terribili assalti ci attirano. Xotcvole in questi la oro/ionc che essi vanno 
a fare in una cappella , prima di passarc alia sanguinosa lotta, NelF Andalusia 
gU Zingari prevajgono piu che in altrc province dclla Spagna : c li la loro %iti 
e le loro costuman^e danno una fisonomia speciak al Sacro nionte e ad altri 
post! dov'cssi abitano, poveri scmprc, uconomicamtntc parkndo, ma ricchi di 
tradi7ioni^ che sono un tcsoro di ctnogralia. 

L* ultimo capitolo^ Die Bakaren, t riassunto dalFopcra con qucsto titolo^ di 
S, A. L'Arciduca Luigi SaKatore, gi^ annuniiata. neir.^ rr^nw (XI, 289-92) per 
la parte solo di Minorca. £ un lavorttto di una trentinn di pagine^ qucsto cap., 
nel quale t rapprcscniato il nieglio di quell' opera in sign e* vero monumento Ji 
storiai di ctno^afia c di arte. Contadioi e popobnc, donne clie viaggiano sopr^ 
pa^ienti asinelli c stovigUc grazioslssime, tutto £ raffigurato nei disj^i enUnente- 
metite artistici di {^ueLf opera, die oflTrono nuovi quadri alFocchio dello studicso, 
c dinno al libro una curiositi non solo geogralica ma anche foiklorica. 

G. PlTR^ 



Digitized by 



Google 




BULLETTINO BIBLIOGRAFICO. 



F. A. Cannizzaro. Genesi ed evoluiione 
del Mito. Nota. Messina. Tipi Extra- 
moenia. 1893. In-S®. pp. 44. 

Questa monografia mitologioa k. la 
rivelazione di un ingegno eletto, e noi 
raccogliamo col piaccre col quale vo- 
gliono accogliersi le opere ben pro- 
mettenti. 

U giovanc Signor Francesco Adolfo 
Cannizzaro, figlio del valoroso c forte 
poeta e poliglotto Tonimaso, di Mes- 
sina , studia il mito , i mitografi e le 
loro scuole; esamina il mito in tutti 
gli elementi che .lo compongono ; in- 
daga come nascano e si svolgano i miti, 
Tanimismo per analogia e sdoppia- 
mento di coscienza, e con questo anche 
il feticismo. Stabilito il metodo nella 
investigazione del fatto mitico, egli si 
sprofonda nella investigazione del con- 
cetto rudimentale mitico e nel suo pro- 
gressivo svolgimento. La parola k ele- 
ment© mitologico, e su di essa TA. si 
ferma con considerazioni gravi bench^ 
astruse. 

La natura del lavoro non ci consente 
un riassunto quale vorremmo. Scritturc 
come questa vanno piuttosto lette che 
riassunte. A noi basta il potere addi- 
tarc la nuova pubblicazione del signor 
Cannizz^o ai lettori che si pia^ciono 
di studi ben pensati c ben condotti. 



Canti popolari di Laureaiia di Borrelh^ 
di daridd e di SerraUiy raccclii cd an- 
notati da Giambattista Mar?,ano. 
Monteleone. Tipografia Francesco Ra- 
ho 1893. ln-80. pp. VIII-55. 

«Le Canzoni che qui si riportano, 
veggono per la prima volta la luce , 
cd io le pubblico tali quali Tho raccolto 
dalla bocca del popolo, nulla metten- 
dovi di mio, se ne togli Taver raddrix- 
zato qualche verso contorto o claudi- 
cante: ad ogni strofii far6 sej^uire una 
traduzione letterale in prosa, per qucUi 
che non hanno dimestichezza coti il rto- 
stro dialetto, ed in fine, in pi4 dl pa- 
gina, illustrer6 le voci dialcttali piu no- 
tevoli, nelle quali ci saremo inibattuti.n 

Cos! scrive TA. in una breve intrch 
duzione al volumetto; e, bench^ non 
tutti siamo disposti a menar buono il 
« raddrizzamento di qualche verso con- 
torto o claudicante », essendoche i versi 
del popolo vanno presi come sono ; 
pure accogliamo la nuova pubblicazion- 
cella del Marzano. 

La quale 6 composta di 27 canti di 
Laureana di Borrello, 12 di Carida c 1 1 
di Serrata in Calabria. 

Sono quasi tutti, canxuni, con MtCaria^ 
come i componimenti simili di Sicilia. 

E come in Sicilia vi sono pure i ti- 
pici due versi che sogliono metterst in 



Archivio per Je tradv{ioni popolari — VoL XIII. 



59 



Digitized by LrtOOQlC 



r 



466 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 



coda a ciascunn canzone, specie di 
conimiaio o raccomandazione o dedica. 



G A ETAK o A M A I ti. ScoHPJuru Trani V. 

Vccchi , Tipcgrafo-Editore. 1893. 

Jn-fl^, pp* 14* LII escmplari, non 

veniili, 
Galtano Amai-HI. Di aJcuni versi po- 

polari ikorddh da Sveionio, Trani. V. 

VcceliJ, Tipografo-Editore. 1893. In- 

8"3 pp. 61, 100 esemplari. 

11 prinio di questi due opuscoli h 
stato fLitto per celebrare le nozze dclla 
scirdlii deirA* col Signor Enrico De 
Anpclis* Gii scongiuri furono tratti dalla 
commcdla di Jucopo Cicognini: 11 mar- 
tirio di 5. Cakn'na (1625) , c bench^ 
forse rafla^zonau dall'autor della com- 
nicdia , pure sono verissirai e vivono 
nella tradi/ionc orale. 

Questi scongUiri sono pel raorso dei 
cani arrabbhti, per ogni male, per la 
epistassi, per vincere in ogni disputa, 
per liberar la ci^a dagli spiriti infernali, 
per gii umori nialinconici, per la paura. 
K^iccomandi*[mo al dotto conte Abcr- 
cronibvi che si occupa di formule ma- 
gi che 'da melti/rc a riscontro ccn quelle 
tlei popoli finnici, questo pregevolc spo- 
gUo deirAmalfi. 

II secqndo opuscolo e per rargomento 
e per h mole c superiore di molto al 
primo, come quelk) che tende a rico- 
struire un capitolo di storia letteraria: 
le rcliquie che possono scoprirsi negli 
sc rittari latini. 

Nelle Vik dei dodici Ctsari di Sve- 
totiio sono ^'a^i frammenti di canti in 
buona parte popolari, che fanno al giso 
dt'irautore; 11 quale con sottile ingegno 
li vienc staccando dair opera latina e 
nieitcndo in evidenza con la storia alia 
mano*. Le citation i non son poche e 
potrebbercj esserc anche di pid se V A- 
malli avcs&e voluto entrare nel Ciimpo 
dcgLi usi. Quest.i illustrazionc non k di 
poCii import-an^ii e giova a mostrare che 
ricca vena, in buona parte ancora ine- 
splorata, si trovi negli scrittori latini e 
come quesU non indegnassero attingere 
ad essa ed a teuer conto del patrimo- 
nio deirumile volgo. 

Matilde DtLi.'ORo Hermil. RocMaoU 
€ Mompmitfro (sue Uggendc e siioi 



aHtanti). Susa. Tipografia Subalpina 
1893. In-S", pp. 56. 

Rocciamelone eMompantcro sonola 
sfinge della val di Susa. Tutta la mon- 
tagna b fatata, la sua gente misteriosa. 

Chi erano i Pateri e donde ci sono 
cssi venuti ? 

Ecco la domanda che si fa la egre- 
gia signora DeirOro-Hermil ; la quale 
nella oscurita dei secoli remoti ne va 
cercando le origini, chiamandoli suU'au- 
toriti della tradizione locale Patiteri 
Panlerins. Usi, cerimonie nuziali, nenie 
bambinesche, leggende, tutto ^ curioso 
in quel popolo. «Mompantero k TAfrica 
segosina per la vastitA varia delle sue 
falde, le sue incognite, ossia per un 
certo qual senso di arcana c inmvesti- 
gata differenziale essenza di vita c di 
cose dal quale si sente un' antichita c 
solennitd di riti sepolti c una latentc 
forza di prossimi germi nuovi.» Le pa- 
gine 26, 35 sono quelle che. spccial- 
mente in form an o delle leggende degli 
abitanti di quella contrada. 

La Signora Matilde DcirOro-Herrail 
ha rivelato in quest'opuscolo una forza 
d'ingegno veramentc virile. 

Paolo Lioy. Enimmi rustici del Vicen- 
tino. Venezia, Tip. Ferrari 1894. In- 
80, pp. 23. 

Dopo una rapida corsa pel campo 
storico della enimmatica letteraria , il 
Lioy pubblica con illustrazioni e ri- 
scontri quarantuno indovinelli, raccolti 
per lui nelle campagne di Thiene nd 
Vicentino da un intelligcnte suo amico. 

In questi indovinelli k facile vedere 
i tipi pill comuni raccolti fin qui in 
Italia dal Bemoni , dal Bruzzano , dal 
Casetti, dal Chiurazzi , dal Corazzini , 
dalla Coronedi-Berti, dal Corsi, dal Di 
Martino, dal Gianandrea, dalP Ive (ci- 
tati entrambi dal L.), dal Guastella, dal 
Molinaro, dal Ninni, dairOstermann, dal 
Salvioni, dal Seves, dal Somma, per non 
dire di altri. Solo parecchi di cssi hanno 

f>ochi paralleli editi. Ci6 confcrmerebbc 
a italianit4 loro, opportiinamentc ril^ 
vata dal L. (p. 22) sc, in ordine a Ict- 
teratura orale non fosse anche utile in- 
terrogare la tradizione dei popoli di 
razza latina ed anche un po' di altre 
razze. 



» 



Digitized by 



Google 



BULLETTINO bibliografico 



4^7 



La partecipazione diretta cd eapUcita 
di un uomo come il Lioy agU studi del 
Folklore, non nuova per chi abbia letta. 
r In Alio e Alpinismo (Milano, 1888- 
1889 e 1890) , non pu5 non far pia- 
• cere ai nostri compagni di studio: e 
noi ce ne felicitiamo col docto natura- 
lista e geniale romanziere vicentino. 

Annuaire des traditions popuhires. Paris 
Ernest Leroux, 28, rue Bonaparte. 
1894. In-S"^ pp. VIII-16 $. ■ 

Questo nuovo almanacco dclLi So- 
ciety dcUe Tradizioni popolari di Pa- 
rigi, dovuto alle zelanti prcmure del 
Signor Paul S^billot, k. piii praticamen- 
te utile dei precedenti. Li era un elen- 
co di folkloristi, una serie di articoli 
curiosi, melodic e calendario popolare; 
qui invcce un notamento ragionato 
delle Society folkloriche ed etnografiche 
di Francia, Belgio, Spagna, Italia, Gre- 
cia, Inghilterra, Germania, Austria-Un- 
gheria, Russia, America, Segue un elen- 
co dei giornali e delle riviste di folk- 
lore e di Etnografia tradizionale , una 
descrizione dei musei aventi materia 
tradizionale, un larghissirao catalogo 
di nomi, indirizzi e specialiti di Folk- 
loristi; al quale ne segue un altro, do- 
loroso, di decessi. Chiude una curiosis- 
sima nota di disegni medievali c mo- 
derni relativi a incidenti di fiabe, a festc, 
ad esseri soprannaturali ecc. Ve ne sono 
di artisti illustri e di artisti afliitto vol- 
gari, e rappresentano pani, amuleti, uova 
pasquali ed immagini antiche. Un sag- 
gio di arte in carta e in legno corona 
m libro, il quale anche sotto T aspetto 
della imagerie populaire si presenta pie- 
no di attrattive.' 

I ritratti dei piii insigni folkloristi 
d'Europa sono un pcnsiero gentile del 
compilatore, col quale sinceramente ci 
rallegriamo. 

Contts de la Haute-Bretagne par Paul 
S^iLLOT. Extrait de la Revue dc 
Bretagne, de Vendue et d' Anjou. 
Paris. Lechevalier editeur, 1894. In-80 

PP- 53- 

Due sono i gruppi sotto i quali si 
raccolgono i racconti del Signor Sebil- 
lot : U i^ t intitolato : Les Cbercheurs 
d'aventuresj che comprcnde dodici no- 



vclle; il II, Le diabk et ses UUs e ne 
comprcnde sette. 

Qicste novelle sono scritte con la 
sempliciti voluta in cosiffatto gcnerc: di 
tradizioni, ed offrono leggenJe strans e 
bizzarre, il tipo di alcunj Jcllo quali si 
riconoscc facilmente in versioni ktte- 
rarie raolto antiche, che lianno tutta- 
via delle varianti nella traJi;;ione, 
Ecco intanto i 19 racconti* 
I. Poutte-Poutte le Bos^u, — IL Jean 
sans Peur. — III. La rechcrcht! lic la 
Peur.— IV. Les gar(;ons forts— V. Qua- 
rante ans. — VI. Le pressoir ct la bi^- 
te. — VIL Le petit forgeron.— VIIL La 
fa icille, le chat et le co.]. — IX. Bdle 
Etoilc.— X. Les deux frirci.— XL Pe- 
tit Pierre. — XII. Lc chcval bl;inc, — 
XIIL Mademoiselle la Noire .^X IV. La 
fille du diable. — XV. La jumcoE: blan- 
che. — XVI. Le petit giri;on qui se 
vendit au diable. — XVil. Le taUleur 
et le diable. — XVI 1 1. L<^ couturier ani 
alia coudre chcz le diable, — XiX, La 
domestique du diable. 



Les types mehdiquts dans la ckvison po- 
pulaire franfaise par Julien Tiersot, 
Emile Lechevalier. i894Jn-8<^, pp, 30. 

Mentre ferve in Europa il iavoro di 
raccogliere canti popolari c di metterli 
a confronto I'uno con Taltro per ista- 
bilire i tipi principaU di essi ; ccco il 
Signor Tiersot provarsi a fare lu sies- 
so per le melodic. Egli affronta la dif- 
ficile impresa di riccrcare i tcsti mu- 
sicali e riesce a constatart^ che dlfatti 
esistono dei veri tcmi dl melodic con 
un numero considerevole di variazioni 
di accento e di colore tra lc can:^om 
brettoni, fiamminghc ecc. 

Da critico accorto egli si guarda 
dallo stabilire regole assoUitc e princi- 
pi mutabili; percn^ quando si studtano 
produzioni popolari non si pu6 mai es- 
ser sicuri delle diverse e sptisso onpo- 
ste direzioni che segue il genio del po- 
polo. Tutto e possibile per questo; ma 
nel caso in fonte I'Autore ^ indotto a 
concludere che la « mclodia popolare 6 
cosa essenzialmente fluida, malleabile, 
infinitaraente delicata e sascettibile di 
trasformarsi sotto gl'influjisi piu diversi, 
che tuttavia nella sua apparente forzia 
crcatrice il popolo adatta^ accoacia m^^ 



Digitized by VriOOQlC 

i 



4.^8 



ARCHlVtO PfeR Lfe TRAbtXlOMl t>Ot»OLARt 



terie giA eslstenti, c che in certi casi 
prende ad imprestito a se stesso de- 
menti tradizionaii a lui da lunghc ge- 
nerazioni appartenuti. » 

Circa ai libri nei quali sono o pos- 
sano trovarsi notate delle melodic, egU 
pensa chc anche qui bisogna andar 



guardinghi intomo alle paternlti; e poi 
queste note non rappresenterebbero s« 
non la minima parte delle melodic csi 
stenti nella tradizione popolare. 

II tentative del sig. Tiersos ci par§ 
felice ed informato a sani principi. 

P. 



Recenti Pubblicazioni. 



Baccini (Ida). Feste azzurre. Mila- 
no, 1893. In-i6o, pp. 151. L. 1,7$. 

Bellucci (G). Le stelle cadenti c le 
loro leggende. Perugia 189J. 

Caetani Lovatelli (Ersilia). Nuova 
Miscellanea Archeologica. Roma, Lincci 
1894. In- 1 60 pp. 134. 

Calvi (Felice). II Castello Visconteo- 
Sforzesco nella storia di Milano dalla 
sua fondazione al d\ 22 marzo 1848. 
Govcrni , Sollevazioni , Feste , Costu- 
manze, Aneddoti. 2' edizione. Milano, 
1894. In-80, pp. XXXVII.549. L. 5. 

Coronedi-Berti (C). Usi e credcnze 
funebri nel Bolognese. Roma, 1894. In- 
8°, pp. 18. 

Fiori selvatici. XXIX Giugno, 
MDCCCXCIV. Siena, 1894. In-80, pp. 
156. 

Floridia (P.). Maruzza, Scene Liri- 
che Popolari in tre atti, parole c mu- 
sica di P. F. Milano, G. Ricordi e C.i 
editori 1884. In 8°, pp. 43. 

Gallina. Indovinelli tigrai. Napoli 
C18Q4). In-80, pp. 6. 

Nesti (G.). I Fasci siciliani. Roma, 
1804. In-4<>. pp. IV-88. cent. 70. 

Pannella (G.). Usi nuziali dclPA- 
bruzzo Teramano e Pasquino di Tcra- 
mo. Teramo 1894. 

P1TR6 (G.) Due novelline popolari 
toscane in parlata contadinesca di Ru- 
fina. Palermo Tip. del Giomale di Si- 
cilia 1894. In-80, pp. 14. Edizione di 
soli 2$ csemplari. 

Riviello (R.). Ricordi e note su co- 
stumanze, vita e pregiudizi del popolo 
potentino. Potenza, 1893. In-8«>, pp. 229. 

Salomone-Marino (S.). La tradizio- 
ne degli Aleramici presso il popolo di 
Sicilia. Secondi Edizione ampliata. In 
Palermo, Vena 1894. In-8<>, pp. 20. 

Bartels (Max). Die Medicin der Na- 
turvdlker. Ethnologische Beitrage zur 



Urgeschichte der Medicin. Mit 175 O- 
rigmal-Holzschnittcn im Text. Leipzig 
Th. Gricbens Verlag 1893. In-8« pp. 
XII-361. 

BuTTUER (C. G.). Lieder und Geschi- 
chtcn der Suaheli. Uebcrsctzt und einge- 
leitet von C. G. B. Berlin , E. Felbcr 
1894. Iu-80, pp. XVI-302. 

Gr6ber (u.). Zur Volkskunde aus 
Concilbeschlussen und Capitularien. 
Strassburg, Trubner 1894. In-8<». pp. 26 
M. I. 

Hartmann von AuE.Der arme Hdn- 
rich , herausg. von H. Paul. Zwcile 
Aufl. Halle. Niemeyer 1894. In-80, pp. 
VIII-40. M. o, 40. ' 

Hertz (M.). Die Sage vom Giftmad- 
chen. Munchen 1893. In-4% pp. 78. 

Huser (B.). Beitrage zur Volkskunde. 
Progr. des Gymnasium Petrinum zu 
Brilon. In-80, 'pp. 28. 

KoHLER (R.). Aufsatze uber Marchen 
und Volkslicdcr von R. Kdhler Aus 
seincm handschriftlichen Nachlass hc- 
rausgegeben von J. Bolte und Erich 
Schmidt Berlin, 1894. In-80, pp. 152. 

Schmidt (R.). Die ^ukasaptati. Tex- 
tus simplicior. Hcrausgegeben von R. S. 
Leipzig 1893. 

— Die Cu^^asaptati. (Textus simpli- 
cior). Aus dem Sanskrit ubersetzt von 
R. S. Kiel, C. F. Haeseler 1894. 

Trede (W.). Capri. Die Perle dcs 
Mittelmeeres. Bilder aus Natur-und Men- 
schenleban. Mit 50 Lichtdnickbildem. 
Druck u. Verlag Carl Griese, Hamburg 
1803. In-40, pp. 02. 

Wolfram (E. H.). Nassauische Volks- 
licdcr. Nach Wort u. Weise aus dem 
Munde des Volks gesammelt, mit litte- 
rarisch-hist Anmerkungen Versehen u. 
auf Veranlassung dos Bezirksverbandes 
dcs Wiesbaden herausg. Berlin, Si^s- 
mund 1894. In-80, pp. 4^2. M. 4. 



Digitized by 



Google 



•kfcCEMTl PUBBLtCAZlON'l 



469 



MussAFiA (A.).Zur Christoph-Legende. 
I. Wien, Tempsky 1893. In-S®, pp. 78. 

ScHREiBER. Manual de la langue tig- 
rai. II partic. Vienne 1893. In-^o, pp. 
IV-98-227. 

ScHWARZFELD (M.). Basmul en pan- 
toful la Evrei, la Rom^ni e la alte po- 
poare. Studir folkloristic. Bucarest, 1893. 
In-8% pp. 28. 

« — 

Cappell (W.). Old English Popu- 
lar Music. New edition, with preface a. 
notes, and the Earlier Exemples Enti- 
rely. Revised by H. E. Woolridge. 2 
voll. London' 1804. In-80. 

GoMME (Alice B.). Children*s Singing* 
Games. With the tunes to which' they 
are sung. Collected a. Edited by A. B. 
Pictured in black a. white by W. Smith. 
David Nutt in the Strand. London. 
In-40, obi. 

— The Traditional Games of England, 



Scotland, and Ireland, with Tunes, Sin- 
ging Rhymes, and Methods of Playing, 
according to the variants extant' and 
recorded in different parts of te King- 
dom. Vol. L London, Nutt, 1894. In-80, 
pp. XX-433. 

Klee (G.). Die deutschen Heldensa- 
gen (Hagen u. Hilde, Gudrun) , with 
introduction, notes a. complete vocabu- 
lary, by H. J. Wolstenholme. Cambridge 
Press 1894. In-8°, pp. VII-171. 

Saxo Grammaticus. The First Nine 
Books of the Danish History of S. G. 
translated by'[0. Elton. With Lowe, 
Considerations of Saxo's Sources , Hi- 
storical Metliods and Folk-lore by Fr. 
Yok Powell. London, Nutt 1894. In-80 
PP- 573- 

ScHOFiELD (W. H.). The Source, and 
History of the Seventh Day of Deca- 
meron. Boston, Ginn a. C.^ 1893. pp. 
da 186 a 212. 



SOMMARIO DEI GlORNALI. 



.\rchivio Storico dell*Arte. XII, 
I. I. B. Supino: 11 trionfo della Morte 
e il Giudiiio universale nel camposanto 
di Pisa. 

Am DELLA R. Accademia delle 
SciENZE DI Torino. XXIJL, 2. C. Ci- 
polla: Per la storia della fonnola « Sa- 
tor Arepo» di valore magico. 

CoRTE d'Amore. Palermo, an. I, n. 
4-5. G. Guameri N[apoletani]: .Vm Car- 
mine Papa, Appunti sul noto poeta il- 
letterato di Celalii in Sicilia. 

GlORNALE DEGLI ECONOMISTI. Roma , 

Marzo 1894. La Loggia: / moti in Sicilia. 
Tra le altre cose TA. descrive le con- 
dizioni delle plebi agricole in Sicilia , 
le loro abitazioni, i cibi ecc. 

GlORNALE STORICO DELLA LeTTERA- 
TURA ITALIANA. Vol. XXIII, faSC. 69. 

Rlenier]: PUri, Bihliografia ec. Lunga 
e benevola recensione con aggiunte e 
qualche rettificazione. 

Il Muratorl Roma, II, 7-10. 1893. 
I. Carini : Cronichetta inedila del mona- 
ster di S. Andrea « ad Clivum Scauriyy. 



Dal Cod. Vat. Lat. 600. 6 un composto 
di vari brani narrativi, contenenti tra- 
dizioni e leggende del Monastero^ sui 
primi del sec. XIV. 

La Calabria. An. VII, n. 9. Mon- 
teleone, 15 Maggio 1894. G. Brinati: 
S. Marina , patrona di Filandari ; leg- 
genda in poesia pop. calabrese. — F. Rig- 
gio e L. Bruzzano: Canto albanese di 
Falconara^ testo, riduzione in caratteri 
greci, vers, italiana. — A. Julia : Rime 
Janciullesche calahresi. — II Falegname: 
Canti di Cessaniti. 

N. 10. 15 Giugno. G. Brinati: La 
Madonna del Carmine, leggenda popo- 
lare in poesia calabrese , pubblicata in 
cinque version! diverse di Monteleone e 
Guardavalle. — F. Pignatari: Medicina 
popolare, osser\'azioni sopra la cefalal- 
gia ed il coma. — R. De Leonardis : 
Canti di Rossano. Una satira sulla mo- 
glie. — G. De Giacomo : Canti di A- 
pigliano. — Canti popol. di Paterno. — 
F. Riggio c L, Bruzzano: Canto albanese 
di Faiconara. — II Falegname : Canti 
di Cessaniti, ' , 

La Voce dei Giovanl An. I. n. 17. 
Verona, 29 Aprile 1894. C. Cimegotto: 



Digitized by 



Google 



470 



ARCHIVIO' PER LE TRADIZIONI POPOLXrI 



Per il ftostro Folk- Lore, Recensione be- 
nevolissima della Bibliografia di G, Pi- 
trd. 

L'UoMO DI PiETRA. An. XXV. Milano 
31 Marzo 1894. Sapieuia dci poboli. 
Sono 42 proverbi e modi proverDiali 
milanesi ed italiani. 

Napoli nobiussima. II, n. 12. Die. 

1893. G. Amalfi : MarechLiro y cenni 
storici e folklorici. 

^ Neptu>jl\. Vol. IX; Venezla, 1 5 Mag- 
gie 1894. G. Pitr6: Lw Sferracauaddotu, 
cost'jmi dei pescatori di Palermo, con 
disegno. — Angela Nardo-Cibele: Fiaba 
de lo Barba Piero, raccolta in Barano. 

Pagine Friulane. An. VII, n. 3. 27 
Maggio. 94. F. D. S. La pestdal Mil- 
trasimta t corantacedt, Contiene due 
canzoni devote di Forni di Sopra nel 
Friuli. 

N. 4. 12 Giugno V. Ostermann: La 
vita in Friuli, cap. II. dell' opera col 
titolo pubblicata dall' A. in Udinc. (V. 
in questo fascicolo, p. 455).--L. Gor- 
tani: La boJp e il lov , favola friulana. 
— V. Tavani: L'impegno, contributo alia 
storia delle costumanze friulane. 

Rassegna Bibliografica della Let- 
ter atur a Itallwa. Pisa an. II, n. 3. 
Marzo 1894. F. Torrac^i: BMier , Les 
Fabliaux, Recensione con gravi appun- 
ti. — F. Pellegrini: Biadene, Un mira- 
colo della Madonna. Recensione favore- 
vole. 

RivisTA Abruzzese di Scienze^ Let- 
ters ED Arti. Teramo, an. IX, n. 3-4. 
Marzo- Aprile 1894. G. P: Usi nu\iali 
deirAbruiio Teramano. Secoli XVI e 
XVIII. 

RiviSTA Internazionale. Roma, an. 
II, vol. IV, fasc. XV. Marzo 1894. I. 
Carini: La quistione sociaU in Sicilia 
In questo primo art. TA. si occupa . 
largamente delle usanze agricole dei 
contadini nelle relaziom tra loro, e ga- 
bellotti ecc. 

La Ciudad de Dios. Madrid, Marzo 

1894. I. Lazcano: Las tradicionts reli- 
giosas en Oriente, « Reca meraviglia 



Tosservare come la notizia dei grandi 
fatti avvenuti in Oriente, si trasmetta 
ivi di generazione in generazione; e 
mentre i Giudei sanno indicare luoghi 
e ricordare aneddoti che si riferiscono 
al viaggio d*Abramo, i Turchi ripetono 
le leggende di Maometto, e i Cristiani 
tutta la storia della Redenzione, Questo 
si spie^a con 1' essersi fin da principio 
le tradizioni riferite ai luoghi; e perci5 
esse son divenute quasi un aliraento in- 
tellettuale del popolo *che abita i pic- 
coli villaggi , e il quale noa conoscc 
altro ». 

Bulletin de la Soci^fi D'A>nrRO- 
• POLOGIE. V. 3. P. Denjay : Une cire- 
monie rsligieuse en Ann am; le Tet. 

MfeMoiREs D2 l'Acad£mie desSqek- 
CEs, Inscriptions e'f Belles Lettres 
DE Toulouse. T. V. Brbsaud: La Li- 
gende de Thannauser. 

Revue de Philologie. VII. 5-4. P. 
Regnaud: L'origine des conies de fies. 

Revue des Traditions Populaires. 
T. IX, 9.' An. , n. 5. Maggio 1804. 
Auricoste de Lazarque: Moeurs ipum- 
res, I. La cucina d/i fanciulli nelle cam- 
pagne del paese di Metz . — Vari: Chan- 
sons pour endormir les enfant s, di Mans, 
di Bresse. — Paul-Yves S6 billot: Thea- 
tre pjpalairi. III. — R. Basset: Navires 
el M.irinSy XI. II battesimo della linea 
equatoriale. — Usages et superstitions de 
Mtt. V. Vino di miggio, in Germioia. 
. Maggio nel Belgio. —P. Sf^billot]: U 
bonbouime Mishe dans V fconogrtpbiey 
con due tavole.— A. Certc xx: Lis villes 
engloutiesy CK-CXL— J. B. Andrews: 
TraditionSy Supirst. ecc. du MentonniiSy 
e finisce nel n. 6; IX. Diversi. Le su- 
perstizioni sommano 351 ; VI. Esscri 
soprannaturali; VII. Magia e Divinazio- 
ne; VIII. Medicin.i popolare. Continua. 

— A. T. R., P. Gauthiez: Girgintuiy 
VI. Rabelais c la leggenda di G. — P. 
S^billot: Contes risumis de la Haute- 
Bretagne. XXII-XH . Continua e finisce 
nel n. seg.: da XLII a LXX.— R. Basset: 
Les MeteoreSy V. II fuoco di S. Elmo. 

— R. Basset , A. Certeux : Les Em- 
preints tnerveilleuseSy LI-LV. — P. S. Bi- 
bliograpfjie. Vi si parla della Bibliografia 
di G. Pitr^ e di due pubWicazioni di 



Digitized by 



Google 



SOMMARIO DEI GIORNALl 



47 i 



Gallina e di Schrciber. Delia Bibltop-a- 
fiUy dopo una bcnevole rccensione, il S. 
osserva : a Jc ai ^prouv6 quelque sor- 
prise , en fcuilletant ce livrc si docu- 
ment^, si utile, de rien trouver sur I'i- 
magerie populaire, et pr^sque rien sur 
les livres de colportage ». [Ma nella 
Prcfazione alia medesima Bihliografia 
t appunto detto che di questo (che i 
Francesi chiamano « colportage ») To- 
pcra non si occupava, potendo ci6 co- 
stituire argomento di altro lavoro che 
usciva dal programma dclla Bihliogra- 
fia. Quanto ad un elenco dellc inima- 
gini popolari d' Italia , k facile il sup- 
porre se esso si a possibile in Italia spc- 
cialmente per le immagini antiche]. 

N. 6. Giugno. L. Pineau: jy sur V 
pont du Nord: saggio di letteratura po- 
polare comparata. — J. T[iersot]: Oest 
une fille de qtiin:^ ans, canzone di Poi- 
tou. — R. Basset: Le tabac dans les ira- 
diiions et les coutumes. VIII. II tabacco 
in America. — P. S[^billot]: Le didble et 
Vinfer dans V iconographie, V. con due 
tavole. — Les ^pmgles. IL . 

iN. 7. Luglio. P. St^billot : La LiiU- 
ralnre orale^ les livres de colportage et 
Vimagerie, Con lO disegni antichi ri- 
prodotti. — L. Morin : La BibliotUque 
bleue et les couies pop. — P. Ristelhuber: 
Vimagerie de Wissembourg. — R. Basset: 
Notes sur les mille et une nuits. I. — 
Navires et Marins. XII-XV.— E. Bou- 
chet: Les proverbes dans V epopee fran- 
(aise. — Les Legendes et Superstitions 
prdhistoriques. XXII-XXX. — R. Rosife- 
res: Talleniant des Riaux folkloriste. — 
F. M. Luzel: Chansons pop. franc., ^^~ 
cutill. en Biisse-Bretagne. —, Les chasses 
fantastiques. IV- VI. — Bihliographie. Vi 
si parla di recenti pubblicazioni di Be- 
herens, Hardy, Rand. 

Romania. T. XXIII. N. 89. Paris, 
Genn. 1894. G. Paris: Le conte de la 
Rose en vers et en prose dans le roman 
de Perceforest. 

N. 90. Aprile-Giugno 1894. A. Jean- 
roy : Locutions poputaires on proverbia- 
les : I. « Croquer le marmot. » — II. 
« Prendre la mouche ». — III. « Se bros- 
ser le ventre ». Continua. — P. M[eyer]: 
Carraroli, La leggenda di A. Magno. 
« Get ouvrage , quoique non exempt 
d'imperfections, donne une idee asscz 
juste de I'origine et de la propagation 



de rhistoire fabuleuse d'Alexandre. » — 
Rtia^ Antiche novelle in versi ecc. Rc- 
censione favorevole. 

Am Ur-Quell. V. N. IV. A. Wie- 
demann : Zur Polyphem-Sage. — H. F. 
Feilbcrg : Die Baumseele bet den Nord- 
germanen. Continua al n. V. — A. F. 
Chamberlain: Ueber den Zauber ecc. IV. 

— A. Englert: Zu den Liedern a In des 
Gartens » ecc. Continua al n. V. — Th. 
Achelis: Ueber das wissenschaftl. Stu- 
dium der Naturvolker. II. — P. Sartori: 
Sondersprachetij 9. — O. Knoop: Dit neu 
entd. deutschen Gottergestalten ecc. Con- 
tinua al n. v.— A. H. Post: Mitteilun- 
^en aus dent Bremischen Volkleben, III. 
Continua al n. V.— A. Hermann: Ma- 
gyarischen Hcchieitbrduche in Sieben- 
btirgen, II. — C. Rademacher: Maisitten 
am Rhein. 

N. V. Sam. Krauss: Theraphim. — A. 
Treichel: ZungenHbungen aus Preussen. 

— H. Merkens : Das Hochieit-Heulbier 
im Brohlthal. — S. Spitzer : Blut und 
Eisen. 

Cesky Lid. An. Ill, n, III. V. Hauer: 
Maison paysanne en Silcsie. — V. Tille: 
Le peuple et ses contes. Continua. — F. 
Pastrnek: Noms du costume national des 
Slovaques. — O. G. Paraubek : itat du 
peuple soumis au domaine de Podebray 
en XV HI sikle. — C. Zibrit: Lm d ni- 
neties anciens Tchtques. Continuazione 
e fine. — J. Koula : Peintures des mai- 
son s. slovaques en Moravie. Continua- 
zione e fine. 

Cesky Lid t scritto in czeco, e con- 
tiene graziose foto-incisioni. 



Archiv fur lat. Lexikograpie und 
Gkammatik. VIII. L. A. Sonny: Neue 
Sprichworter und sprichwortl. Redensar- 
ien der Romer. 

Deutsche Zeitschrift fur Geschi- 
CHTSWisSENSCHAFT. Freiburg i. Br. IX. 
I. 1893. E. Heydenreich : Constantin 
der Or esse in denSagen des Mittelalters. 

Die Gegenwart. 1893. N. 51. E. M. 
Steininger: Das Wiener Volkslied. 

Gallia. XXI. 5. Andrae: Sprichwortl. 
bei Chaucer. 



Digitized by 



Google 



472 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONl POPOLARl 



Hessenland. 1894. N. I. A. Roeschcn: 
Zur Erkldrung dcs Volksliedes: Drei Li- 
lien, drei Lilien, 

Indogermanische Forschungen. IIL 
3-4, O. Bremer: Der germanische Him- 
melsgott. 

LriTERARISCHES CeNTRALBLATT. 1894. 

N. I. Al. T. Graf, Miti ecc. , rccen- 
sione. 

N. 10. Herti, Die Sage vom Gift- 
mddchen . 

NoRD UND SCd. 1894. Genn. A. E. 
Bcrgcr: VoJksdkhtung und Kunstdichlung. 

SUDDEUTSCHE BlATTER F. HOHERE 
UnTERRICHTSANSTALTEN. I. II. C. J. 

Krumbach: Grimms Marchen in unseren 
LesebUchern mil den Quellen vergUchen. 



WiSSENSCHAFTLICHE BeILAGE ZUR 

Leipziger Zeitung. 149. A. N. Harzcn- 
MuUer: Die Sage vom Apfelscbuss. 

FoLK-LoRE. London , vol. V. K. 2. 
Giugno 1894. — F. Y. Powell: Saga- 
Growth. — E. Anichkof: S.t Nicolas and 
Artemis.— W. P. Ker: The Roman van 
IVahwein (Gawain). — J. Jacobs : The 
problem of diffusion: Rejoinders. — J. Ja- 
cobs: G. Pitre, Bibliografia delle tradi- 
lioni pop. Recensione. — L. fVakeman, A 
Survey of the Antiq. Remains. Altra re- 
censione. — W. R. Paton: Sacrifices to 
the Dead. — Miscellanea. — Folk-Lore Bi^ 
hliography. — fournals, 

FORTNIGTHLY REVIEW. Ma^io 189J. 

Grant Allen: The Origin cj Cultiva- 
tion. 

G. PrtRt. 



NoTiziE Varie. 



II « Club Alpino Siciliano » ^ una 
recente istituzione palermitana, che pro- 
mette di acquistare largo e proficuo 
incrcmento. Giovani egregi, con a capo 
il bravo sig. Fr. Orestano , nc fanno 
parte e vi lavorano con islancio ed in- 
telligenza. 

Abbiamo sott*occhio lo Slatuto e Re- 
golamenio Generale di esso Club (Pa- 
lermo, Priulla, 1894) e vi notiamo con 
piacere Tart, i, § d): « £ costituito il 
CI. a. sic. con i seguenti scopi:... Pro- 
muovere gli studi etnograficiintornoalle 
tradizioni, agli usi, ai costumi siciliani, 
con vedute storiche, letterarie, artisti- 
che e sociali. » 

■— Negli Atti e Rendiconti dell' Ac- 
cademia Dafnica di Acireale , vol. !«, 
an. 1892-93 (Acireale, Micale 1894), 6 
un rendiconto d'una raemoria del prof. 
Tommaso Papandrea sopra Le repnta- 
trici prefiche in Calabria e in Sicilia. 
Saremmo curiosi di leggere il lavoro 
originate che toma a trattare un argo- 
mento ^ii\ svolto con copia di fatti dal 
nostro Salomone-iMarino. 



— La Romagna e il titolo di un 
grosso vol. di Geografia e Storia dtl- 
F ing. Emilio Rosetti (Milano, Hoepli 
1894. In-40, pp. 811). Sotto il titolo: 
Dialetto, Indole e Costumiy VA. riporta 
vari canti romagnoli; e illustra con pa- 
role di Guglielmo Ferrero, (a cui at- 
tribuisce una raccolta di canti della 
Bassa Romagna di Giuseppe Ferraro) 
il carattere del popolo romagnolo. E- 
gli, che poteva apprestare un bel qua- 
dro della vita di Romagna, non ne fece 
nulla, ignorando la maggior parte degli 
scritti suir argomento , dalla ristampa 
del Placucci, agli scritti della contessa 
Maria Pasolini sui contadini ed i brac- 
cianti romagnoli. 

— II sig. E. Rolland ha sottb i torclii 
il 1^ vol. della Flore populaire , alia 
qaale attende da vari anni. 

— Zur Gtschichte des Mdrchens vom 
Dornroschen dal Dott. Spiller (Fraucn- 
fcld, 1803) k una monografia che di- 
mostra rorigine, con moTta probabilita 
Indiana, della novellina: La Bella dor- 
miente nel bosco. 



J Direttori: 

Giuseppe Pitre. 

Salvatore Salomone-Marino. 



Digitized by 



Google 



TORINO - CA RLO CLAUSEN - PALERMO 



foci del ^silaro. IX- Trczeiic colonia di Marsi^H,i in llali.i, ovvero Posiduriiu 
c lo sue rc'adooi eon Sibari. X. Tliobac Liicaniie, ossra MHaponto. Xi. L aii- 
iicliissirna I ria, c la Sibari m»?ssapica. XIL Etina ^ Casmenae. XUI. La co- 
lonix3U:£*one gii^ca sullf cosle deirAilrialico, parltcolarmeiile dell' Apulloia 
e della Sallenlina XIV, Tauromenio colonia <J*-*iZ.inrlei <1j Ibl.i. XV. I pro- 
test f^leme^li stemilici della Sjcilia. XVI. A proposilo dellu A'ifiWv Ji Tar<iriti» 

B;i5ler<'bh»-* qiicsto elenco per «limo5lrar«> (' imporl.inm IVMvdami i i 
del Itbro prt cliMJiuftte si nouipt o ^t rtileres^i tlnlla sluria primiUva d'h < i 
Till la Tupeia poi i* piena d*intluzioni cd inlcgiaziaui mtule e orJginaif. spes*o 
conviuconti a ptifiii vhUi . s^'inpre islruUiv*?. 1/ A. luuUiv apporia molti 
maleri:^ti iniovi, loglieniioli da aulori cUo per lo piii si sigliono tra-sciirarp 

Coa f rillf.v s.ina e vigoro>;t ' Blimtnata luUa la parte- (e^^oti fana deila 
Iradizioric a noi pervciiula* Cosi la sturia aulicUt^^^ima <i**l iue7,Jt<j;;iorrio 
d' Italia acquislai, in gran parte, uii a^spelto div^rin da quello. al quale It- 
UOi*a <*ravamo aUituatL Se Vi fos^o da faio uii appijiil<> alPA.* sarcbl*'^ cUp 
egli dii Inippa iniportariTa alia toponoma^tica pi*r j^tjihitire le rela/a<*ni etna- 
graliefie fra le varie slirpe defl'anlica Italic M ♦• un opinione per* 

pontile del solioscritto; aliri» ^tmm dubbio gki t diivrs^imenle. Ad 

ogni modo T opera del pro!. [*nis ciccupd uuo u^m nrimi potsii fra qutfllc, 
che si sieiio m ii pnbiilicale in lUli i» iid c;\mpo dt*l,a "Scienz/i d'?!!'anlicbitii 
cla«sica. 

{CulfHta, 1893, N. 41>:j0. G. BelochK 



€igi/s^'M^i»g*M-: mruE 



Bibtioteca deUe tradiz. popol. siclltana: 

Vnl. I'll. Cnnti no^jolaiu sn'Ti/mni ^ 2* 

e«ii/., IHUI , . , . L* 10 

Voi. lU. Shtdi di poesia pOitoiarc, 1872 

\^ol. lV-V*VI-Vn, Fiah^, Soi^elle e Uac- 

conti no polar t siciiiani^ iH'ut J. ^ii 

Vt>b VIII-JX-X-XL ProrerfH SicilianL 

Vol. XIL Si^iaeoli e feste popoUui st- 

cuiatte 15 

Vol. XUK Giftochi fanciuUfisrhi aici- 

tinni, mi m iMv. ill (oloiium. I a li, 

lografla <xl una a stainpa . L 7 

Delk\ seiiwi tavolo . i *; 

Vol, xtv-xv-xv(,xvn. rvi ^ < 0,^/.;.;. 

creden:^* l* prrtjimiiu iiei noiHilo si- 

vihano . . . . . L ^U 

V*"l. XVIIL Finftf- e tr^f/gende poiio'fnri 

CuriositB popokri tradijlonall : 

Vol. L r*t e pre^fiudiu Uei contrtdini 
ilfiUe Hiuna/ne di MICHEIJC PLV- 
CIJC€I da Furll . . , ^ V 

Vol. 11. Aof>enimcfUi faccti rnccoiUcia 
UH finoftimo HCiliano u^tfa *t\flit 4el 
sccolo XViJI piibbl, du G. pniUS' 

Vol, III, Su[^rsUsiQni, uH e prooerin 



^onft^ri'tnt rn^mii'i e^i iUu>=tniti da 

GILTSKITK FKltltAllO. I., i 

Vol, IV. Zot:>{o:ft'i popoffU'e F^'a^^i .</!*•* 

lUstraU a.* ANGtlLA XAllDO CIBBLK 

L. 4 

X'Ul, V. Canti pniynltH tlfl limm Xfnn- 
p^rk'ato ra^N.vjU» «id niiuoUU da 01 IT' 
SEPPli: KKRIUUO. . . L 3 

Vi il . V t . r^ / , r red ui je e p rej i mU j i dai 
r/ina'*»»j<*T, siiiLrohiti et aidtnati da 
GAltTPANU Di GIOVANNI , L, 5 

Vol, VII. Crctien:^ , nsi e c(>$lU/*u A- 
hr*(t:csi r;iCC0lt» da GEXNAltU Fi^ 
N4\I0RK. . . , . L, :» 

Vol, \*ni, TrndiUcni e usi neltn Ptf- 
nisctlft Sor renting Je^critli d» OAK- 
TANO AMVLR . . . LM 

Vol. I\. yfHj>rlHjirf fytimfari ittirde rac* 
coital da FRANC. MAXCtO . L. 5 

Vi>L X. ?v<<77iu c/t Noe^ttin^^Ca/iti ed f** 
same priioL d*^tfa Claris trla jx»roiir<a 

ddD.ra/r\ftiiuxf-rozzETn l, 5 

ViiL XI. C<tnti ijtivdfifi Stu*di Mixjolti 
<Ia V. CIAN e P. NUliRA. Vol. I. I*- *> 

Vol. XI L Aniicht* SoopfJe in m*/*^* dt 
tradtsioni |iO/i:»/. ripfod. ^ulW sttiVip*? 
iiii^Uoii^coti introd«ili G. liUA L 3 

Vol. XllL Trudii oni iiopot'tri abnii' 
i<'5i, raccolte du OICNN.^RO FINA- 
MUHK L. 5 



Digitized by VjOOQIC 



TORINO - CARLO CLAUSEN - PALERMO 



lieccntksima puhhlicaiiouc : 

STORIA D'lTALIA 

DAI TEMPI Pir ANTICHI SING ALLE (U'ERKE PUNIOJIE 
I' A K TK 1. 

STORIA BELLA SICILIA 

E BELLA MAGNA GRECIA 

di ETTORE PAIS 

Prof. OrdfnarJo neirUitlversit^ dl Pisa 

VLLUME r,- 
]• 11 K Z Z €» I., i 4i. 

L* A. concopi il disegiio di f[u»?slu JIbi o. nienlre negli anni li<S7-li^S?i 
inspgnava storm antlcft nell 'rnivei\siU <ii Halermo. Allora Ja sua intenxi^ne 
era di f^cj'ivRc una sloria delli Siriliii e delUi Migna ttrnciVi; rn.i <pKslo 
proposilu man viiano si and" Ira.sformando in (luollo di narrare una sloria 
ifi tiiUa quanta I' An Ilea Italia dai lompi piu antic hi finn alle |;uerre putnrlji^* 
Impeiucclic, come I'A. osscrva benissimo, lloina per molti ris^elU non i> 
idie I'erede di SlracLisa; Scipione, alleiraiido la puletiza cartagmese , non 
fece altro cho t'Oinpierc cio t;l»e prima di Inl avevano tfidato Uionisio e 
Agalocle Inottre i Greci della Sicilia o dt'IlUalia inr-ridionale eserciUroiio 
una Jiolevolc efHeacia sulla lingtia, suj cosUun'r, t^nlla hHti-ra'aira, o porsiiio 
sulla Gloria e siilla cosUlnxionG polilica del liuinani. Oa slorici slracu&an^ 
per la prima vulta, venne faUa ntondone della citlii eleriia : da e3L$i ven- 
nero principjdrnente iiarrale le gesla clei Lalini, Percin una parto della 
pscnuio-isloria rnniana polilica e eoslitu/Zionale fii concepila e narrala come 
alcnii clie di parallelo a qnarito era avveuulo in Sicilia c ncJIa Magna (Trecia. 

II primo volume, teste piil»l)lic.du, ri^rnia. per cfi.s'i diro, rinlrodnxione 
ail'intera opera 1/ A. vi dii m'anatisi rridca di tu'ta la Iratli/inne lette* 
rana idie al>bian^> iiilorna alia tirigini del pupali ildiani r dello colonie 
^reche fandcde in Sicilia o nel niezzoginrno d'ltidia, 1 due nrimi «tapi IrAt- 
iano del pii^i aiUlchi aUitatori df»ir llalia meridionale c della Sioih* '* "'^' 
rarrivo dei caloni greei. fl III tralla ddia rondazione delle colon 
in llaliu e \\% Sicilia; il IV di^llo svolgimenlo d^lla i:(dc»ni//.azionf 
dalla fine deir VIII sino al ijrincipiu del \^ secala SffjuinO !•> a. 
eiie oecupano poc!** meno didia nieta tlel volume: L I Messapi o :^ , ^ 
II. So il nome e il regno d ilalia siano sarti, la prima volta ♦ nel Brnz/u>» 
meridionale. III. lidorno ade \\\h anliclie relaziuni tra la Urecia c I* Ilalia- 
IV* l/origine d«'gli Etrufchi e dei Pelusgi in Italia secondo Mrodoto e Kl- 
Iniiico V. (ili AtKMigini ed i Siculi VI. I Libui-Ltguri-Umbri VlK L* ore 
gine dell'espressioriG della Magna Grecia. Vlll. La colonia del Sibarili alle 



Palermo — Tn\ ntt Giornale dl Sicilia 



Digitized by 



Google 



Vol. XIIL 
/ 



Ottobre-Dicembre 1894. 



7 



Fasc. IV 



/ 



\ 



\ 



ARCHIVIO 



pr-u f.o sTrnrn 



mxA\. 



i TRADIZIONI POPOLARI 



RIVISTA TRIMESTRALE 



l)l«F.rT.1 D.I 



(1. niRll K S. SALUVKJNIt-MAKINd 




PALERMO- TORINO 
CARLO CLAUSEN 

1894. 



\ 



■i-^CFT 




' fesc. del nuovo anno verra fuori il is^lS^i^. 4S95C 



SOMMARIO DEL PRESEN TE FASCICULO. 



49^ 

519 

S>5 



Usi natalizi senesi: Ihpo k none. — H nasiOtio i cittini. — Batttsimo. — 
Kinne-nannc c liugmi infantik. — Fria irtfatiHk, — Scht^rii e Imrle. — 
Morit (G, B, (!oRsi) , , . Pag, 475 

DivinazioTii e sortileg^i delle tribu di Nyassa nell' Africa Orien- 

tale (K, Regalia) , ♦ . . » 48S 

Antiche Leg^ende devote di Sicilia: i. La ^rotta dti handiti, — 2. La 
grotta di S. Gugliihtw, — ?. La fontiVut deUa Madonna del ponte. ^- 
4, AppiirxTJonc dtlh Hella nelhi Jantnna. — ">. // po^^o di S. Angeh*^ 
6. La pielra deUa Afado^iftd di mitaicdi. — 7, Effetti della scomuniai sn 
di un fico, — 8. L'acqua di S. Nicold Po/y/r. — 9. La ktnpada dflh cavn 
deir At merino, — 10. La JonUtna deihi Madonna dd Bosco. — li- La mon- 
titgna n Scinccd n. — 12. i/ CroajhsL^ di Bi/^a. — i^. La festa del simtt- 
hicro di S, Mlchek (F. Pl lci). . . . . , * , » 

Proverbi piemontesi: Ntiiitmi, Cilta, Faesi (Fitipro Seves) » . » 

II giuoca turco deUa Girida a Smirne nel secolo XVm " 

Feste safde sacre e profane: Fi'.'iht di S. Giovanni. —S. Pidro di Sor* 
rvs,^-Sitnt'Anttij.^Sttnt'EUttissii,^-S, Costaiitino, —L' AssunUt, — 5.' Fit- 
toria.— i morti. — SauV Andrea di Cheremuk. — 5/ Lucia, — > Lu meisa 
di Xatak (G. Fi^RRARo) , » 

Formulae portu^uezas de juramentos^ pragas e impreca^oes na 
proi'incia do Akmiejo (A. Hi, PiRt5) ...... 

6 Novelle soprannumerarie alia Vetftlapancavi^ati (D.' Vittorio 
Beithii. , n 

Sagglo di una Noova Raccolta di favole in dialetto bologneae : 
II. LiJ fola di tri can (C. G. Sarti) ...... t> 

Contes de pretres et de moines recueillis en Haute Bretagne : 
\L Lc prHrc pen chauceux. — VJI. Le Coq volL—Wil. Le rertrur ioIc\ 

— IX, La chhre ^c.^-\. Lc hontpeur irovtpi\**\L Le peirt ^ar^on 
de ia viiJe Grew,— XIL Lc bonne fait me qui plcure an sermoth — XII L Le 
vieux saint. — XIV, L^extrcmc-onction. ^^\\ , Les phtitences, — WL Les 
prix des sacremtiiis* — XVII, Les bonnes femmes et V eveque. — X\'Ill, Le 
vioint d It' noble. — XIX. La servanie havarde (P. Sebtllot) , » 01 

San Marino e S. Leone. Lcggende del MonleJeUro (C. Cimlgotto) i» J75 
Le dodici parole della VeritA. NoveUina-cantiten-j pop, ccc, (Continua- 

xione) (St. Pkato) ,....,,.. j* ^82 
La leggenda del cieco iogaonato (G. Prrafi) ,...»> 602 
Le pitture popolari nei carretti dt Trapani. Lettera al DaiL G. Pi- 

trt- (C^AN, F, P. MOKDHLLO) n 576 

Miscellanea : Adanto ed Eva (Giacomo Lombroso), 6o6,-^lmpronU ma- 
ravigliose e tesori inrantaii in Sicilia (G. Frosina-Cas'NELLa) , 607. — 
La Jesia delk qnarantore al Monii^ptUeirrino in Palermo (I. Sanfilippo), 
609 > — Languilla nelk iradi:^ioni popwiari vcneiiane (C. Musatti), 610. 

— Poiwiar estiniah' (Alh, Lumbroso), 61 k^ Le anime dei giustiiiaii 
ml JonUno^ 61 u 

Hi vista Bibliografica. — PBRGOLl, Saggio di Canli popoJari ronmgnoU (G» 

Pn Ri ), 6n.— K'JHirR. Anfiulic iihir Mdrchen nnJ rdksheder (0, Xmal- 

Ti\ 615,— ijKijKGEVKis ct mmK L' Folk' Lore t/f L/^/w (Lo stesso), 614. 

BuUettino bibliografico* (\'i si parla di recenti pubblica/ioni di L. Ca- 

pu.ma. Vjri, h. Musoni; it. Paris, L. Pin can. 

Recenti pubblicazioni it 

Somraario dei Qiornali (G. Pirur) t 5K 

Notizie varie (G. \\) ' ' : •, 

Indice del volume f », 

Collaboratori deU'Archivio (1^82-1894) r.:- 



Digitized by 




USl NATALIZI SENESL 




Dopo le Nozze. 

' uoMO (e s' intende anche la donna) non h mai con- 
tcnto. Dopo tanti sospiri, tanti desideri, tante afFannose 
cure, si trova unito finalmente alia persona tanto cara- 
nicntc diletta, e, quasi sempre (ma ci sono eccezioni: oh, se ci sono!) 
quasi subito dopo, se ne rammarica, o almeno.... avrebbe ancora 
aspettato a far quel che gli parve miile anni che fosse fatto. 

E comunementc dai coniugati si sente dire: «I1 primo giorno 
(dellc nozze) stetti male; ma poi... sono stato sempre peggio)). E 
qucsto ripetono spccialmente a chi presto dovri coniugarsi. 
E uno stornellaccio dice: 

Fiorin, fiorello! 
Finch6 faccvo alFamorc era tranquillo. 
La noia cominci6 doppo Tanello. 

E un altro: 

Amorc amaro! 
La liberta deU'uom costa un tcsoro 
E quclla dclla femmina un danaro. 

Perch6 la maggior parte dei coniugi si addolora nel vedersi 
in breve tempo per casa una nidiata di figlioli. Si sa : chi ha troppo 
Archivio per le tradiiioni popojaru — Vol. XUL 60 



Digitized by 



Google 



474 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 

e chi niente, che forse i troppo poco. Pero se il marito pensa che 
per un figlio pu6 perder la moglie , se riflette a qiiantc cure c a 
quante tremende apprensioni pu6 andar soggetto chi ha avuto in 
sorte una creaturina, deve fare come me: benedire la provvidenza, 
che gli ha negate di baciare 1' ossa delle ossa sue, la carne della 
sua carne. 

La moglie rimane incinta: tanto lei che il marito pensano che 
per Tappunto quell' anno bisesta: sono stregonerie , sono supersti- 
zioni, essi sono superiori, non ci pensano, non ci vogliono pensarc 
a quel che dicono le donnicciuole. Ma han sempre in mente che 
le donnicciuole dicono che neU'anno bisestile i parti sono difficol- 
tosi, takhi le puerpere per solito ne soccombono. 

E giacchi siamo colle donnicciuole restiamoci, e sentiamo quel 
che^ credono. , 

Bisogna soddisfare le voglie della donna gravida, se non vo- 
gKamo vederle disgraziatamente suUa creaturina che nasccra! 

La donna incinta poi non si tocchi in nessuna parte del corpo, 
quando ha una voglia, pcrchfe il nascituro ne riporta eternamente 
la impronta. Perci6 v* t chi si tocca il sedere ; cosi se il segno 
viene, resta in un posto invisibile agli sguardi dei piu oculati. 

Mangiando un polio , si prende in due la forcella e ognuno 
tira, dicendo per qual donna incinta vuol far Taugurio. A chi resta 
in mano la parte minore , indica che la donna da lui designata 
fari un maschio; e fari una femmina la donna designata da colui 
cui sari rimasto in mano il pezzetto piii grosso , che puo somi- 
gliare a una conocchia. Chi fa questo giochetto , se vuole , puo 
sempre aver la designazione d'un maschio per la donna, che dice, 
basta che prema il pollice in alto, verso la fine della forcella. 

Se la donna gravida casca fari una femmina. 

Se la donna incinta diventa piu bellina , partorira una fem- 
mina; se si fa piii brutti, un maschio. 

Si dice che la donna, sgravandosi di una femmina, perda tutto 
il cattivo, com' essere: pu6 guarire anche da qualche male di cui 
soffrisse. II maschio si crede invece che porti via alia mamma il 
buono. 



Digitized by 



Google 



USI NATALI2I SENESI 475 

Quando la creaturina, die i nata, ha dietro la testa ua ciuf- 
fettino, chi nasceri dopo di lei sari ua maschio; se ha invece una 
zazzerina, verri una femmina. 

Se il primo nato chiameri prima il babbo delb manuna j H 
secondo figlio sari un mascliio, e viceversa. 

Si credc che se la donna partorisce un maschio, sia piu a- 
mante il marito della moglie, e viceversa, se partorisce una feofc- 
niina. 

Se la seconda, dopo il par to, non presenta nodi, la donna noit 
fari piu figli. 

Se le spose vogliono essere idolatrate dai mariti , Jevono, 
quando sono per partorire, tener sotto una camicia gii usata dal 
loro sposo. Al momento del parto questa si concia come... si pu6 
imaginare; ma si di in bucato e poi si ridi al marito, e questi, 
allora con quella camicia addosso che non sari di Nesso, ma sari 
tuttavia portentosa , non vedri piu per altri occhi che per quelli 
dclla moglie. 

E nascono i cittini. Battesimo. 

Quando nella casa , dove una donna partorisce , ci sono dei 
bambini, i quali, si sa, sono tanto curiosi e domandano anche il 
perchi del perchi; se chiedono come ha fatto a venire quella crea- 
turina, vien loro risposto che Tha portata la levatrice, dopo avcrla 
trovata in campagna, sotto un albero o sotto un cavolo. O se no 
vicne anche detto loro che Taveva in corpo h mamma, e che la 
levatrice le V ha levata da un ginocchio, avendovi fatto un taglio 
con un bel coltello d'argcnto. 

Fin da quando uno nascc, Li gente vuol indovinare se sari, o 
no, infelice. 

Sari felice quegli che nasce pel culo. Povera mamma! £ uno 
dei parti piu dolorosi, e non ne avvcngono neppure di rado. Quel 
che i certo, h che la mamma sari stata in pericolo, e il figlid, sc 
sari fortunato, lo sari per caso. £ fortunato anche chi nasce vc- 
stito, cioh con un che , che sembra un velo , il quale avvolge il 



Digitized by 



Google 



( 



i 



47^ ARCHIVIO PER LE rRADiZfO>:i POpOLARI 

neonate da capo a* piedi. Alle persone cuiva tutto, nclla vita, a 
vele gonfie, si suol dire che son natc pel culo, o son natc vestite. 

Se il neonato muore quasi subito, si dice che Li mamma ha 
fatto anima e croce. Questi morticini sc li porta il bidello della 
cura, sotto il braccio, chiusi in una cassetta di faggio; mentre dal- 
Taltra mano porta una croce : se sono scnza cassina , li mcttono 
fra le braccia di qualche donna morta e con questa li sotterrano. 

Quando i cittini fanno in bocca il fioricino (una certa bavina 
che piglia forma di fiore), i segno che muoiono. Non camperanno 
lungamente neppure, sz si mostrano molto intclligenti. 

Per liberare da ogni pericolo di fuoco, pcrfin che viveranno, 
i figliuoli, occorre legar loro il bellico con rcfe incenuo col Ittnicn 
chrisiL 

Le levatrici ora non tagliano piu il lilcllo (frcnulo) altro che 
quando vi trovano quakhe impcrfczione ; pure se nlcuno , da 
grande, parla troglioy gli dicono : si sentc proprio che la Icvatrice 
non ti ha tagliato il lilcllo. 

La comare, la levatrice e qualche altro parente conducono il 
neonato al battesimo. Da noi , in citti , non si battezza altro che 
nel nostro bel S. Giovanni, la nostra Pieve, sotto il Duonio. 

Ora credo che sia smessa questa superstizlone; ma poco tempo 
fa, per render sicure le creaturine dalle malie dcllc streghc, niet- 
tevano per primo, secondo o terzo nome a' maschi quello di Ga- 
spare, o Melchiorre , o Baldassarc ; e allc femminc quello di Ga- 
spera. 

Uscendo dalla Pieve, dopo aver dato (chi puo, s' intendo) la 
candela, piu grossa che sia possibile , al Pievano , e la mancia nl 
bidello e alia guardiana, il compare fa anchc delle clemosine a' po- 
veri , che fuori si raccomandano alia carita di coloro che hanno 
dato alia Chiesa un altro cristiano. 

E dopo il battesimo, e dopo cssere stato alio stato civile, il 
neonato, per antica consuctudine , 6 recato alia chiesa dci Servi, 
per farlo benedire alFaltare del nostro beato Giovacchino Piccolo- 
mini. Questo beato libera dalle convulsioni, e specialmente dal nial 
caduco, e c'^ la tradizione che ne guarisse il papa Pio IX, il quale, 
dicesi, ne era devotissimo. 



Digitized by 



Google 



usi xaTalizi senesi 477 

Tornata a casa la creaturina battczzata, chi pu6 e chi vuole, 
fa un rinfrcsco, cui sono invitati i parenti, gli amici e i vicini. II 
compare o la comarc fanno (sc lo fanno !) un regalo alia puerpera; 
e poi si ricorderanno semprc (se ci penscranno !) di esscre com- 
pare o comare di quella creaturina. 

Spesso suole accadere die i figlioUni si coprono di lattime, di 
bolle, o di chiazze. Si dice allora chc la loro generazione avvenne 
o quando la mamma aveva le sue lune o... peggio... Dio ci liberi! 
Anche S. Bernardino nostro, in una sua predica, disse: « Se si ge- 
nerasse (al tempo della luna) nascono poi figliuoli mostruosi o le- 
brosi, e mai la creatura die nascc generata in tal tempo, non e 
scnza grandc e notabilc difetto » \ 

Ma il piu delle volte i genitori, se nasce una creaturina con 
qualclie macchia suUa persona, non vogliono ricordarsi sc la mamma 
aveva le lune, o se il babbo era stato da giovinotto a fore un viag- 
getto nclle Gallic. S'intendc die non si ridiiede mai il parere d'un 
medico; ma se ne parla coUe donnicciuole , alle quali si cliiede la 
causa e il modo per ottenerne la guarigione. E le donnicciuole 
dinno la colpa delle macchie alle streghe. 

E a questo proposito narrero il seguente fottarello : 

Nacque una bambina con chiazze rosse sul viso. Le vicine, 
supcrstiziose, disscro subito alia mamma, die quella era una nialia 
di streghe, e che, per fornela guarire, occorreva che lei portasse via, 
dal petto di un giovine, ma senza dirgli nulla , una rosa. Questa 
rosa, poi, doveva essere strofinata sullc macchie , die la bambina 
aveva, e queste sarebbero scoiiiparse. La mamma, una buonissima 
donna, pur di non vedere quelle brutte chiazze, che sciupavano il 
bel visino del suo adorato tesoro, non intese a sordo, e un giorno 
usci di casa col fcrnio proponimento di eseguire quanto le era 
stato suggerito; e, sbalugginato che ebbe un giovinotto, che por- 
tava, aH'occhiello della giacca, una bella rosa, senza dire n^ ii, n6 
bai, gliela porto via , scappando poi come una gatta frustata : e 



» S. Bernardino da Siona , Le prediche volgari cdite da Luciano Biakchi. 
Siena, vol. 2° p. 141. 



Digitized by 



Google 



478 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



^ 



sciiza rispondere e senza neppur voltarsi alle parole che le furono 
indirizzate... tutt'altro che gentili. La povera mamma, narrando il 
fnttOj dice: Fu tanta la paura che ebbi insieme con la vergogna per 
]' atto commesso ; ma fu maggiore la consolazione che provai, 
qua lido J di li a poco , vidl sparire quelle macchiacce dal bel visino 
della mia crcatura. 

Le mamminc, lavando i figliolini , tanto h la gioia che pro- 
vano ncl vedere quella cara came della loro came , che per isfo- 
garc la loro passione amorosa, sogliono spesso (e molto volentieri!) 
baciar loro le rosee meline. Non dovrebbero forlo , perche altri- 
mcjiti i cittini vengono su dispettosi. 

Quel che devono fare le mammine, che allattano da si i loro 
piccini, t di lavar loro (che fa tan to bene) col proprio latte il vi- 
sino e gli occhini. 

I neonati, poi , non si pesino, altrimenti non cresceranno piu. 
Ora invece son pesati, e crescono ! 

A far guardare i cittini nello specchio, h male; perche si muove 
lorOj nel corpicino, la massa de' bachi. 

Tciicndo in coUo una creaturina, se qualche vccchia, veden- 
dola carina e marchiana, s'avvicina e domanda quanto tempo ha, 
perch t non le faccia fattuccherie, bisogna dirle che ha un mese di 
piij o lii meno del vero. 

Chi nasce di sette mesi , non i tanto facile che campi ; ma 
se vive, sari buono a togliere le malie , che fanno a' bambini le 
strcghe. 

Quando i cittini non vanno di corpo, se non giova il giu- 
kbbc, Ic mamme o le balie caccian loro per di dietro un mocco- 
lino. Aldobrandino da Siena voleva invece che fosse adoprato per 
qucsta faccenda il dito mignolo ^ 

Si ritiene per cattivo augurio la dentizione piecoce. II pro- 
vcrbio dice: chi presto indenta, spesso sparenta. 

Quando h stato inoculato il vaiolo a' cittini, fino a 9 giorni 
dopOj si lasciano stare coUa medesima biancheria. 

* Per le puerpcre e per i cittini t curiosissimo quanto scrisse quest* Aldo- 
brandino, Vedi TrattateUo (come si dee guardare il fanciullo nato) colvolgarii- 
:;pmeHh di Zucchero Bekcivenni. Livorno, Vigo, 1872. Per nozze Tur-Monicanti. 



Digitized by 



Google 



USI NATALIZI SEKESI 479 

Ninne-nanne e lingua infantile. 

II nostro maestro Aldobrandino ' scrissc anche chc airaddor- 
mcntare del fanciullo dee « la nodricc belle parole dire e dilettevoli 
canzone cantare ». 

E se le mamrae e le nutrici cantano , bisogna domandarlo a 
chi ne ha vicine, che risponderanno: anche troppo. 

AUe gii pubblicate, aggiunger6 ora queste altre poche ninne- 
nanne : 

I. Ninna I Nanna I Ninna, amore ! 
'L mi' cittino dal sonno muore. 

n. Diriodino ! Dirindino ! 
'L babbo di stoppa e la mamnia di lino. 

Dirindino ! Dirindello ! 
T mi' cittino ^ tanto bello ! 

III. Ninna ! Nanna ! 
Questo cittino ^ della mamma : 

Delia mamma c della nonna... 
Questo cittino fate che dorma. 

Fate che dorma e s' addormenti, 
Questo cittino mette e' denti. 

Vuol mette' e' denti e vuol fa' la ninna, 
Questo cittino ^ della mamma. 

Della mamma e di Gcsii, 
Questo cittino 'un ne pu6 piii. 

E le nmne-nanne si seguono, Tuna all' altra; e terminata una, 
quasi per ritomello, si ode cantare : 

E te, Viola, 
Piglia il panierino e va' a scuola. 
Oppure : 

E te, Caterina, 
Piglia la rocca e '1 fuso e va a fila'. 

Si sa che i cittini, quando cominciano a parlare , hanno vo- 
caboli proprii; ecco la lista che ne ho messa insieme : 



« V. Opera citata. 



Digitized by 



Google 



48o 



ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARI 



r 



I 

P 

f 



f 



bibi per uccelli 
bJmbo per here 
bun per male 
caeca per stereo 



mao per gatto 

naiifia per letto: andare a nanna 
fiiinie per il latte , il seno delle 
donne 



cicce (andare a o mcttersi a) per pappa per qualunque minestra 



pappo * per pane 
pipi per pidocchi 
pisani (arrivano'i) , eh ? Si dice 

a' citti, quando cominciano 

a aver sonno 
into per ogni persona 
title per cane 
totto per cane 
tiitto per non si tocca; e per non 

far frucare i citti, si dice 

loro: totto e caeca. 



sedere 
chicco per dolce 
cicci per carne 
cidcci per mammeiie, seno 
cidccio per latte 
cdcca per gallina 
cucco per novo 
dindo ^ per denaro 
don-don per campana 
giagia per saragia, ciliegia. 
gidgi per fagioli, 
gnagne per castagne 
lallo per cavallo 

Appena che i cittini balbettano e la dicono, le mamme si af- 
frettano a mandarli a sciiola. Se non li mandano agli asili infan- 
tili, cercano una maestrina privata, e per piii ore che possono, li 
regalano a lei. La poyera maestra li fa stare piu buoni che ^ pos- 
sibile; e incomincia a insegnar loro a leggere. Col inetodo veccj;iio 
le maestre insegnavano, prin:a di tutto, ogni lettera dell' alfabeto. 
E per far ritenere a quelle menti piccine il nome di queste let- 
tere, le maestre avevano trovato un nome , quasi di figura , per 
farle meglio e piu presto imparare. La A, era la cittina; la B, la 
pancina; la C, la mezza luna; la D, la pancina voltata di li; la E, 
I'occhino; fiocchino la F; il G, gli occhiali; la sedina, TH ; il ca- 
pino la I; V L il bastone; tre gambe la M; V N, due gambe; tondo 
r O; la zappina il P: la codina il Q; il martellino la R; serpicino 
la S; tagliata la T; la U gambe per Tinsu; bicchierino (mi pare) 
la V: le tanaglie X; e la Z... chi se ne ricorda !... Ho fatto anchc 
un bel fare a ricordarmi, quasi di tutte. 

* Voce viva ancora da* tempi di Dante. V. Purgalorio, canto VI, v. 10$. 

* V. Dante, ivi. 



Digitized by 



Google 



a-}- 



t'Sl KATALIZI SENESI 48 1 

Vita infantile. Scherzi e burle. 

I cittini non solo cascano, quando fanno i prirai passi; ma ci 
son di quelli (com* era io !) che cascano da sedere ancora. Perchi 
non vadano sempre per le terre, vien loro tenuta addosso una me- 
daglietta di S. Venanzio, il quale libera dalle cascate. 

A' cittini che piangono, si dice, che se non smettono li sentiri 
il lupo, e li verri a mangiare. Spauracchio antichissimo '. 

II bau e il ban sette pure it un essere misterioso, che fa star 
buoni i piccini. II baii^ bau settty si fa quando ci si copre il viso 
con le mani, o con altro; e poi, ci scopriamo, quando si vede che 
il cittino ha paura. E quando ci si copre, si dice bau bau 5ctU\ c 
si fa allora la vergognosa dello stupendo camposanto pisano. 

Se le mamme ai parenti, o ai pigionali lasciano pier poco in 
c ustodia i figliuoli; quando vanno a riprenderli (si sa che i cittini 
sono bizzosi, a volte, o diavolini), si sentono dire: pigliateveli, pi- 

gliateveli : 

Trulli, trulli: 
Chi li ha fatti, sc li trastulli. 

I cittini (e s' intende anche le cittine) sono piccosi. Quando 
cominciano a dir di no, dicon di no, anche se si dicesse loro, se 
vogliono dei dolci. Chi li ascolta dice allora: Ora dici no: vedremo 
se dirai sempre, cosi, di no. E si allude al famoso si del matrimonio. 

E se le cittine sono frignone^ dicono le genti: Piangi, piangi; 
riderai, quando sarai sposa. 

Nel mondo piccino facilmente ci sono i daddoli, i dodi, che 
di tutto si lamentano, e frignano anche al piu innocente e innocuo 
scherzo d'un piccolo compagno. Questi giuccarelli sono corbellati 
con queste parole dai piii furbi: « Matnrna^ la mosca mi mira, e la 
Jatiuga mi punge ». 

Se questi dodi mettono il bruno, per qualunque maluccio che 
abbiano, vien detto loro, canzonandoli : « St se rC awedono le bit- 
delta I » 



' AviAKO, favola I. 
Archivio per h tradi\ioni popolari — Vol. XIII. 6i 



Digitized by 



Google 



r 






4H2 AKCHIVIO PEK LJ: TKADIZIOSI rorOLAIil 

A' ciuiiii 5 i c]Uiili , si sa , sono in*i[orJi del conipanatico , e 
fanno tanto, nnclie troppo a miccino del pane, si dice : (r Tti u^ 
Nkcold: nuiJi^i i! ciccio e il pane no «. 

}i da veri ghiottoni, prima di niangian; nil boccont% clie c k 
luro dcliziaj soglioiio dire : 

Boccon santo dcllc *:liitivi. 
Ikrbarossa, Ixirba turcliina 
Questo baccone vad.i 'n cuciriii: 
ill iTucina e 'n salotto, 
Questo boctone vada 'ti corpu. 

E lo buttano giu. 

Per ridcrc, i grandi dicono a' picciiii: Scommetto che indovino 
que! die hai mangiato. Di\nnt> loro le nocche delle mani sul capo 
u fan viste di annasarle poi , e dicono: Hai mangiato cjuesto, c 
qucst'aUro. I birichint, comprendono la bur la, e si niettono a ridere* 

I cittinl rintronano scmpre lo orcccliic alia macstra u a I mae- 
Sim cul lanicntarsi chc il m!c fa loro le bowcacce. Ma ci lianno 
un gusto matto a fark e a vederle tare. So di una cara cittina, b 
quale fliceva Ic viste d'aver paura; e poi, diceva , a chi le faccva: 
Rifamineie. Peru nessono ba piacere che quelle care creaturine si 
trasfigurino cosi malamentc ; e volendole anche assestatine e gar-, 
batinc, a Icvar loro quella voglia, si dice die le boccacce nun si 
dcvono ftre, percbt, faccndokj si fa ri;cHare la Madonna da sederc, 

Quando nelk unghie vengono dclle cliiazzette bianche , i di- 
tini le fanno vcdert% domandando clie soiiOj e vicn loro risposto 
chc son le bugie, che hanno detto \ 



» Mentrii: riguardavo quests staropnj fcccv quel chc ho trovato- « Les dimes 
rom^dncs ne ^^ piquaicnt pas d'tiae fiddHtd^ s^vtrc; cUcs avaieat ccpeniiam dis 
prCmigC's qui avaicnt dd mcttre un frcin A leur inconstance, Elles croyaicnt que 
lor^qu' tiles mnnquaient a kurs sefinents, ks dieux, pour punir cc parjurc, lotr 
faisaitrnt vcinr ausaitot ime marqm sur t'ougk , un bouton t.ur la bnguc tm >jjr 
Ic nm, V. Almanach prophetiqtie , pittoresifui et jiHk pubUi par un ntruiu de Si*- 
stnidannts. V^m, chcz Pagnerre, £ TAlmanacco per il 18^5. Oltre il cap. sulk 
credence c praticht' relative airamorc da cui son tolti qucsti versj, contiene anch^ 
a pa^f. 94 una raa;nlt4 di pronnstki std giomi di tutd c dodici i mesi. 



Digitized by 



Google 



b'SI XATALIZI SF,NESI 4HJ 

Cosi, pure, quando uno capiscc chc I-um detto una hih4ioKij 
si da loro ad intendere di vedergliela salire su pel naso. 

A' cittini i capelli bisogna farii tagliare a luna crescentc, se 
no non allungano. 

A' cittini che hanno i capelli rapati, si dice : Tosin, fasdn^ cbi 
f ha tosato ? E se il barbierc non li ha tagliati per bene : ultw, 
si fa, sei stafo a S. Piefro alle Scale, eh } E fra di loro cittl si cm- 
tarellano : 

Zucca peliita, 
Gira per casa. 
Rompe bicchieri, 
Zappa panieri (?). 

Quando si son tolti un dcnte, i cittini , lo niettono , pcrclic 
cosi dice che ne rispunta un altro piii presto, in un buchino d'un 
muro, e dicono : 

Muro, muro nuovo, 
Ti do un dcnte vecchio 4 

H te rendimelo nuovo. 

Accade che, sempre i piccini, regalano a' loro amici qualche 
oggetto; ma subito dopo se.nc pentono e rivogliono i doni. Per 
vedere di fion dover rendere, quel che fe stato regalato, hanno inia- 
ginato quasi una forma di donazione sacra. E appena uno fa qiuilche 
dono, gli fanno pronunziare queste parole, toccando un ferro qiui- 
lunque; Ferro, ferro, chi da la rohha e poi la rileva, va aW inferno, 

I cittini si divertono a far dclle burle. Hanno piacerc di mo- 
st rarsi piu furbi dei loro compagni, e quando ne trovano uno mcwo 
intelligente di loro, gU diranno per esempio che nevica , csscndo 
d 'estate. Quegli ci guarda, e allora il biricchino lo canzona cqjii ; 

Ci hai guardato, ci hai mirato, 
Ci hai lasciato la bocca e '1 naso: 
(^1 era un topo a sedere, 
Ti ci ho ditto rimanere. 

Se un citto fa fa spia alia maestra o a' genitori di quel che 
ha commesso un altro, i piccini gli cantano, a sua vergogna: 



Digitized by VriOOQlC 



4 §4 ARCHIVIO PER LE TRADIZIOKI POPOLARI 

Spia, spia del palazzo, 
Porta il libro sotto braccio, 
K lo porta in Caniullia; 
Eccolo \\ che fa la spia. 

^ A uno che urli e strida, gli vien detto : berciUy BerciUy figlitwl 

I ' d'una guercia ! 

1 cittini divengono piu grandicelli, e si faiino un po' piii birbi. 
E se possono canzonare, se ne ingegnano: gii , diversi darebbero 
noia al fumo delle stiacciate. Se trovano uno colla bazza, gli di- 
cono: Scticchia melonnCy sculaccia h donne, E se vedono un gobbo, 
gli cantarellano : 

i Gobbo rotondo, 

Che fai in questo mondo? 
Fo quel che posso 
(!olla mi' gobba addosso. 
J Quando *un nc posso piu, 

' Piglio la gobba e la butto giu. 

Lli tifcnera eta non puo vedere tanto di buon occhio la vecchia. 
E siccome i cittini V han piu da fare colle vecchie che coi vecchi, 
cosl t' per esse che c'e una canzoncina impertinente : 

La vecchiaccia di Pantaneto » 
Va in chiesa e non si segna, 
Ecnedice la corona 
La vecchiaccia brontolona. 

Questa vecchia di Pantaneto Tho trovati indicata come sorella 
del riostro famoso Mangia. Sotto il nostro forte di S. Barbara c*i 
un locale che si chiama volgarmente la Vecchia. Forse vi stette la 
statua^ che ha dato origine a questa vecchia di Pantaneto; la quale, 
forse in principle poti esser posta ad adornare la fonte che e in 
Pantaneto, ora via Ricasoli. 

I birichini incontrando una persona sciancata, le vanno accanto^ 
e le chiedono: Mi direste dove si troverebbe un vino propria biiono ? 
Voi che andate sempre in qua e in la'y lo davreste sapere, Oppure di- 



* Via di Pantaneto 6 chiamata tuttora, quella che ha il nome di Via Hi- 
cnsolL 



Digitized by 



Google J 



USI JlATALlZI SEN ESI 48) 

cono: Che sfidata ! Perchi non le rnhino in casa^ si porta sempre dietro 
il saUscendi. 

Una mania dei nostri ragazzi di stradii 6 quella di montar sui 
carri dei contadini, sui ciuclii e dietro Ic carrozze. Se vi possono, 
in queste, salire tutti quanti sono, bene; tutto va a vele gonfie; ma 
se ad altri tocca a rimanere a piedi, allora questi cominciano a ur- 
lare: T>ietro I dietro ! II cocchiere sferza la frusta allora indietro, e i 
birichini per non averla addosso, se la dinno a gambe. Cosi pure, 
se dietro una carrozza v'e un solo monello, se altri, che non puo 
arrivarc a montarvi , n' ha astio , grida il solo « dietro ! » perchi; 
quegli sia costretto a scendcre. 

Morte. 

S3 dei ragazzi suonano le campane di una chiesa, quando non 
dcvono essere suonate, qualcuno di quel vicinato muore. 

Quando accendono una carta e la buttano per aria, ci 6 la su- 
perstizione di credere che in quella casa c'e qualcuno di piu, che 
dovri morire. 

Indica pure che qualcuno vi moriri presto, se de' citti girano 
per una casa col moccolino acccso. 

Qualchc povera sposa che ha parecchi figliuoli, se altri si me- 
raviglia" che abbia prole si numerosa, i capace di rispondcre : Ne 
avrei avuti anche il doppio, disgraziata me ! se santa croce non mi 
avcsse aiutata. Cio^ se non le fossero morti. E numerosa figliolanza 
si vede piu nella gente povera in canna, che nell'aristocrazia e nel 
ceto. Certa gente non conosce le teorie di Malthus, e costretta com'e 
medio a far a miccino di tutto, sotto le lenzuola non vuol carestia. 

Ma se certi genitori poveri quasi si feUcitano , che la croce 
sia andata a casa loro a prendere dei loro angioletti , nel giorno 
della morte e un po* anche dopo e uno schianto per quel cuori 
afFettuosi. Fanno qualunque sacrifizio, per vestir bene il loro angio- 
letto. Del resto in cio sono aiutati, se non dai parenti, dai vicini. 
Vestono il morticino da angelo, coUa corona di fiori in testa, con 
un fiorellino in bocca, c con tanti cordoncini, legati alia vita che 



Digitized by 



Google 



4^^ ARCHIVK^ PKR LK TRADIZIONI POPOLARl 

scendono lungo il bianco vcstito: chi lo visita, gU dice un gloria patr 
e fa un nodo ad uno di quei cordoncini, perche rangiolino, in cielo* 
lo raccomandi a Dio \ 

Quando si da la disgrazia die un figliolino muoia, i genitori 
non lo devono . piangere troppo, se no funesteranno le di lui gioie 
angeliche. A questo proposito mi fu raccontato il fattarello , chc 
qui ripeto piu testualmentc clie posso. 

Due sposi avevano un figliolino, clie era un amore tanto era 
leggiadro, buono e intelligente. Non occorre dire che gli volevano 
un ben deiranima, che gli avevano ogni riguardo possibile, che se 
ne tenevano. Quando, dal vedere al non vedere , quel cittino co- 
niincio a dar giu, dovento che piu non si poteva quasi riconoscere, 
e di li a poco, poverino, fu anima e croce. Se il babbo pianse e 
si sarebhe dato il capo ncl muro, se bestcmmio, an che, e se poj 
rimase semprc con un forte assillo neir anima; non potrei dire a 
parole come rimanessc quclla povera mamma. Non ebbe piu bene 
e il suo fu un pianto c un martirio, che pareva non dovesse mai 
aver fine. Come I'avcva ncl cuorc addolorato, cosi aveva semprc 
il suo figliolino sulle labhra. Lc vicine badavano a dirle chc faceva 
male a tapinarsi a quel modo , e che la sua dispcrazione sarebbe 
vista dal suo bambino c lo avrcbbe afllitto. Quand'ecco che una 
notte fece un sogno. Sogno , non avrebbe saputo dire in qual posto 
bello e luminoso, di veder passarc una processionc lunga, lunga, 
che non finiva mai, di cari cittini, uno piu bello e piu giulivo del- 
Taltro. Rimase incantata a veder tutte quelle foccine bianche e ru- 
biconde, che parevano festoni di rose e gigli. Ma quella plena di 
inefiiibile gioia si cambio presto in angoscia : che dietro a' pro- 
cessionanti, a un po' di distanza, vide un cittino, che pareva non 
potesse muovere i piedini, tanto il suo andare era stanco, e che 
piangeva, singhiozzando, che era una piet:\ il vederlo e T udirlo. Alia 



* Vedi Racconti di Temistocle Gradi. Siena, 1886, pag. 141. Chi non ha 
quest'ultima edizione , legga il commovente racconto « Picti di mamma » e vi 
trovera quel che usa, per la morte di un bambino^ nel contado senese; uso che 
anche ^ nella citt.^. 



Digitized by 



Google 



UM NATALIZI SKNtSI 487 

dormente parve d*averlo fcrmato per un braccino e di avcrgli chie- 
sto: « O perche piangi cosi, carino mio ? » E la mesta creaturina, 
senza neppure alzare il visino tristamentc lacriraoso , Ic aveva ri- 
sposto : ((Piango per non poter camminare spedito come 11 altri» 
avendo tutto il vcstitino fradicio zuppo dcllc lacrimc chc versa h 
mamma mia per me ». Sbigotti, ncl sonno, la povera donna c uiiu 
fu Pambascia e cosi vivo il dolorc, che si desto con un urlo^ c sin- 
ghiozzante. Racconto il sogno al marito , allc vicinc c anclic a!k 
Madri Cappuccine, chc andavan da lei per elemosina; e aachc qucstc 
le dissero che doveva cessar dal piangerc. Ma non ci era piu bi- 
sogno di consigli ; fu cosi forte la dolorosa impressioiic di quel 
sogno, che d'allora in poi non verso piu una lacrima, sebbene il 
desiderio di tanto caro angiolino, anchc ora , dopo mnti anni , Ic 
stia nel cuorc scniprc vivo c grande. 

G. B, CORSL 



■^^^^-^.^ t.->-"r<4^ 



Digitized by VriOOQlC 

4 






m 



DIVINAZIONl E SORTJLEGI 
DELLE TRIBtJ DI NYASSA NELL'AFRICA ORIENTALE 




N Africano puo viaggiare per proprio conto o peror- 
dine del capo, e in ambi i casi deve premunirsi per 
assicurare il buon esito. Ci sono paesi in Africa nei quali 
non si possono far viaggiare tre uomini insieme nella tema che 
due s'intendano per vendere il terzo: cio sia detto di volo. Quando 
Lui Liomo ha deciso un viaggio deve consultare roracolo: le ma- 
nic re di divinazione piii comuni sono le seguenti, che riassumiamo 
in hreve, II mago fa cadere della farina su d'una pietra posta ac- 
canto al letto del viaggiatore: la risposta e favorevole, o no, se- 
condo che la farina forma o non forma un cono perfetto , e nel 
secondo caso ci vuole un sacrifizio per propiziare gli spirit! offesi. 
II cono di farina deve conservarsi intatto, sotto un vaso rovesciato 
fine al giorno dopo: se si guasta menomamente, oltre fare un sa- 
crifizio propiziatorio, bisogna consultar di nuovo Toracolo. Per far 
cio il mago usa un altro mezzo, ed e di versare sul suolo un vaso 
di birra: se il liquido fa pozza, gli d6i sono favorevoli; se scorre, 
le facce degli d^i son rivolte altrove per coUera o dolore. 

Altro modo comune di divinazione e questo: il mago porta 
entro una zucca molte pietruzze, denti, unghie, pezzetti di pelle di 



Digitized by 



Google 



DIVINAZIONI E SOKTILEGI 489 

serpente cd altrc cosuccc , che, dopo agitata la zucca, getta fuori. 
AUora esamina le relative posizioni dei pezzi e di dei responsi di 
un'anibigiiiti dellica. La presenza di un mago, per consultare Tora- 
colo, non c del tutto necessaria. Grindovini riconosciuti vendono 
dei pezzetti di radici, chc il viaggiatorc porta scco c consulta in 
caso di bisogno , mcttendone in terra due paralleli e il terzo per 
traverso su quelli. Alcune ore dopo toma ad csaminarli; se sono 
sempre nelPidentica posizione, la risposta e favorevole, e se no, no. 

Ma quando pure le risposte siano state favorevoli e fotti i sa- 
crifizii e le offerte, la partenza puo venir difFerita. Se il capo , o 
conduttorc, nella prima giornata del viaggio urta col piede in una 
radice o in un tronco, bisogna tornare addietro e ricominciare la 
divinazione de novo. Un coniglio che attraversi la strada, vuol dire 
la morte del conduttore, se il viaggio continuasse. Una data specie 
di serpente incontrata sul sentiero h presagio di disgrazia a tutta 
la comitiva. 

Durante il viaggio poi si debbono osservare alcune usanze 
di vcnerati antichiti: non si deve far uso di sale, o facendolo, se 
le mogli in quel tempo non si conducessero bene, il sale agirebbe 
come un potentissimo veleno. Po(jhi Africani si esporrebbero ad 
un tal riscliio ! 

Al capezzale di un malato si fe un'ofFerta di farina agli ante- 
nati, che vengono a gustarne il profumo. Se non viha migliora- 
mento, si cliiama il mago. Le cure principali sono V « estrarre » 
la malattia, usando come coppetta un corno, e le incisioni, chc si 
stropicciano con ceneri e radici peste, e si chiamano « uccidere » 
la malattia. 

Sono pure usati gli amuleti. 

II metodo di cura di gran lunga piii comune consiste nello 
« scoprire col fiuto » la persona che ha stregato il paziente, il che 
si fa e in caso di lunga malattia e in caso di morte improvvisa. 
II mago « segna » la persona, la quale va subito con un dono dal 
malato e con una mancia dal mago. Molto piu spesso pero lo stre- 
gono vien messo a morte come sacrifi:^io (regione del Nyassa) , 
nel che il costume differisce da quello del sud africano. Coli il 
Archivio per U tradiiioni popolari — VoL Xill. 62 



Digitized by 



Google 



490 ARCHIVIO PER LE TRADIZIONI POPOLARl 

colpcvolc e sempre messo a morte quale delinqtic.nte e dopo con- 
daiinii di un coasiglio della tribu. Nell'Africa centrale il mago ha 
k fiicoM delln condanna sommaria; alia quale pu6 seguire imnie- 
diatamente resecuzione. La differenza dipende daH'uso dei sacrifi- 
zii uiiiani, mcntre sono eguali nel resto le usanze. Chiunque puo 
\^enire accusato di sortilegio, e in caso di una morte improvvisa 
tnnto uii viaggiatore quanto uno del luogo. II dott. Elmslie , chc 
viaggiava dcI paese degli Angoni, non riusciva a for partire da un 
villaggio i suoi uumini, quando, alzatesi Ic grida di tutti gli abi- 
tAwtx per essere jiiorto uno di loro, quelli corsero a precipizio a 
prcuderc L carichi, ^congiurandolo a fuggire sul moniento, pcrche 
potcvano csscrc accusati di sortilegio. 

II niago, allorchi h consultato, esamina la posizione dei dot- 
tali , dcUc ungliie e dei denti contenuti nella sua zucca , chc va 
scuotendo (Ans'asa Yao , Mauganga, Wanasomba, ccc.) , e dik ri- 
poste astute, piu o meno ambigue. Sono i maghi che preparano 
k medicine da campo e i soldati medici per la guerra; che prepa- 
rano la lazza del veleno e lo somministrano a quelli che in un 
giudizio si sottopongono a questa prova. Vengono chiamati a tutte 
le nascitCj le iiiorti, le nozze; e mentre la rendita di un capo di- 
pende per gran parte dalle offerte volontarie, ai niaghi spettano 
iimncCj chc