(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Arkiv za povjestnicu jugoslavensku"

This is a digital copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legal copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the original volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrainfrom automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



Slav %\o \ ' "-f 



THE SLAVIC COLLECTION 





v/- 



l^arbarli College litirarg 

GIFT OF 

Archibald Cary Coolidge, Ph.D. 

(Class of 1887.) 



Received i July, 1895. 



v\^ 



\f 



1 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by VjOOQI€ 



•x: 



Digitized by VjOOQIC 



IRKH 



ZA 



>, POTJESTIVICU JIieOSIiATElVSRlJ. 



KNJIGA VL 



UREDIO 

wwAm KUHiriiJEinić HAKCuriiKi. 



(Izdan troskom dnižtva sa jugoslavensku povjestnicu i starine.) 



-^®®@®^- 



U MLETCIH. 

u PEČATNJI DEL COMERCIO. 
1 » 6 S« 



Digitized by VjOOQI€ 






A: 1 :.: .y . , l^ii. P# 



Digitized by VjOOQI€ 



MARIMA SAMlJDit 



ODNOSAJI SKDPNOVLADE MLETAČKE 

PRAMA JUŽNIM SLAVENOM. 



MPPORTI 
DELLA REPUBLICA VENETA 

coi 

SLAVI MEKDIOMLL 

BRANI TRATTI DEI DIARJ MANOSCRITTI 

Dl 
mARIMO SAMUDO. 

(CONTINUAZIONE.) 
1501—1517. 

(Produženje djela priobćenoga u Arkivu V. str. 1 — 160.) 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by VjOOQI€ 



161 
ANNO IftOl. 

Genni^o* -^ Da Gataro di S. Zuam Paulo Gradenigo Provedi- 
tor di 2 dezembrio scrive molte particularita di nove di Ferisbei e dile 
zanze si diče del Re di IIongaria» e manda una letera scrive Ferisbei 
a uno fo dil Conte Zorzi Zernovich pregando li avisi di successi et dita 
letera fo lecta in Pregadi poi li Cai di x la tolseno. (III, 897). 

— Da Spalato di S. Pietro Trivisam G)nle e Capitano di 15 eoine 
e zonto de li el Contestabele... Coppo per Narenta la mandato li e fa- 
toli coDsignar el bastiom ec. li manco tre compagni et cl ditto Conte- 
stabele scrisse una letera di la conditioni dil ditto bastiom e come li e 
niolti boschi si traria assa legnami per far galie. (III^ 900). 

— Da Žara di S. Piero Sagredo Conte et S. Franc.° Conlarini Capi- 
tano di 29 come quelli soldati non pono piu star li hanno protestato 
partirsi per non haver da viver et maxime quelli di Lauraaa voleno 
abandonar la forteza et cussi farano quelli dl Nona da novo si diče es- 
ser adunati Turchi 4000 in Verbosana per vemr a invader quel conta- 
do siche si provedi ec. 

— Da Curzola di S. Alvixe Balbi Conte di . . . <;ome havendo rece- 
vuto certo aviso da Ragusi di S. Hironimo Zorzi dil ussir di fuste e ga- 
lie dila Valana a scrito ale galie di viazi vadino artentc. 

— Da Ragusi di S. Hironimo Zorzi fo di S. Andrea di 24 come 
erano ussite dila Vaiussa . . . fuste et una galia et tre ne erano prepa- 
rate per ussir et potrano ussir per non haver conlrasto et par 5000 
Asapi erano montađi over preparati per montar su ditta armada item 
per uno venuto da Andernopoli qual nomina ut in literis diče di veduta 
el Sig. adi 22 di novembrio parti de li per Andernopoli et a scontrato 
molti Olachi andavano alla corte et per il paese se diceva dil Re di Hon- 
garia qual temeno assai. (III, 911). , 

— Da Durazo di S. Vido Diedo Baylo e Capit.<» di 9 decembrio di 
una incursiom de Turchi seguita de li et ussiteno fuori i 00 di nostri 
fono alle man fono morti 7 et ebeno una testa e fo morti 3 cavali e. 
freza di assa Turchi da freze atosegade e recuperalo il butim come sa 
S. Alvixe Taiapiera si ritrovava li qual veniva Consier di Retimo, et il 
Capit.^' dil golfo erra li con la galia Soracomito S. Zorzi Trivixam item 
el Sig. Turcho con la so corte e in Andernopoli e a mandato in qnelle 
parte do Cadi et uno schiavo per aquietar quel paexe e meterlo soto el 
zovo. 

U 



1601. 



)igitized by VjOOQI€ 



162. - 
J50i. — Et sono lete alcune leiere da Spalato drizale alli Capi di x di 

no vita de li e alcuDi borgesani lalo eapi dt pa rte qualli hanno gram se« 
guito: item da Corfu di S. Marco Ant. Contarini Castellan di 21 diče S. 
Alvixe Veaier Proveditor pol e veauto li non soUcHa cnssi »Wtf fabriche 
ec: item adi xv dala Zefalonia esser ussiti ^Icimi dil Castello e đfto ala 
prima bataglia Turchi si darano et non dicendo il vero volleno esser 
impalali ch'^ bona nova. (III, 913). 

— Da Žara đi S. Piero Sagredo Conle e S. Jacomo da Molin dotor 
Capitano di 12 dil passado come 3 Contesfabeli novi Bontlrello da Bas- 
san B^nardin da Lignago e Thoma Schiavo per darli danari tolseno ad 
imprestedo su la soa feđe e deteli dueafi uoo per provisionate pam e 
vin d»bltai]o fugerano se li danari non vien ft tempo e in teftipo di 
novit^ in Laurana andava houieni 700 al presenie eon didcnlla vi potra 
andar 200 et đila caraera non hanno danari li zentilomeni eastellani e 
5»oldati ordiharj dila čita e forteze sonno credifori grossamente ergo se^ 
li provedi : item mandono nieser Zuam Tetricho zenthilomo de li con 
neve e giaze di sopra quello riporfo manda in scriptis et in conservar 
quel conlado non e altro remedio se non far le vardie per via dil Vice- 
bam di Coxule e di Madona Dorathea e la spexa sara da ducati 350 al 
anno eh' e assa manclio di qiiello si soleva spender et con Coxwle con- 
cluseno per uno mexe darli ducati 20 et ozi li dete ducati 12 a uno suo 
messo e si obUga in'7 lochi vardar e dar aviso item el Vicebam a 
nele forze uno frale dil hordine di San Franceseo veniva per spiom ver- 
so Žara e Laurana mandato da Schender Bassa qual a molto V ochio a 
Laurana e Notia. 

— Sumario dila relatioin di don Zuam Tetricho Cavalier qual an- 
do Anbasador con xi cavali per nome di Reetori di Žara a Martincho 
Banovaz Madona Dorathea e suo fiol Conte Znanne de Corbavia e al 
Vayvoda Coxule, zercha a provedcr ale vardie qual adi 24 novembrio 
parti di Žara erra con lui pre Piero Sordanich per far il desegno di 
contadi superiori dove a vegnir Turchi et adi 29 zonse a Ostroviza da 
Coxu]e fe 1 imbasala qual erra sdegnato per mm haver abuto un soldo 
si dolse di quel ribaldo di Polo Calieh e za tanli mexi a tenuto vardie 
el la Signoria nulla H a dato e sta delizado e non vol piii et tandem 
esso messer Zuanne pario col flol el fe eontentar esse Coxule far le 
vardie per uno mexe per ducati 20 in 7 loehi e mandar^uno messo 
a Žara diai Reetori a concluder: item adi primo deeembrio ando a Tent- 
na dal Banovaz dove alias za un an»o vi fu qual disse non voler far 
conlra il voler dil suo Ducha Zuam Corviiio e conlento si mandi dal 



Digitized by VjQOQI€ 



163 

suo Sig.* e si dolse di quel predito Polo Catich li proniesse CG»se assai 1501. 
per le vardie fece e mai e sta pagato imo e &ta sojado et dara aviso al 
Sig/ suo e spera dara aviso quanto el vora e forsi sara di brieve con 
la Signorla soa et etiam si dolse di Nicolo Paleologo capo di Stratioti. 
da N'ovegradi per certo cavalo tolto a Nadin ec. et promesse mandar a 
Žara il castelan di Tanina per dito cavalo: iteni a di 5 fo da Madona Do- 
rathea et il Ool erra in ver Corbavia quella vol esser bona Gola dila 
Signoria e servitrice e vicinar ben e tenir le vardie et niandera suo 
messo a Žara : item come havia inteso esser sta preso uno frate di S. 
Fran.^' dila provintia di Bossina con do presoni cristiani fati per Scheu- 
der ano al borgo di Žara l'altro dil Ongaro: quali portavana paramen- 
ti et altre cosse ecclesiastiche monstrando voler vender dite robe e con 
tal mezo andar a Laurana e Žara per intender come i ditti lochi stano 
et questi erano in le man dil Vicebam. 

— Deli ditti Rectori di Žara di 17 come essendo vose Turchi in 
Bossina adunarsi come hanno etiam dal Conte di Trau de xi ihandatoli 
per il Conte di Sibinlco e la forteza di Laurana mal condizionata e rui- 
nato za piu anni una bona parte dil muro dil caslello qual score peri- 
colo e la spexa e ducati 1000 e Schender a lochio li e Nona: ozi hano 
impegnato i Ihoro argenti per proveder dimanda danari c presto per li 
soldati quali pochi resterano e deli homeni dil conta non e da spcrar : 
item e stato li il nontio dil Vicebam e uno di Madona Doratliea per 
saper le vardie si ha a far con quel dil Vicebam nulla hanno concluso 
perche diče non haver abuto la diliberatiom dil Sig/ suo: ma spera fara 
di quel di Madona Dorathea et suo fiol e conlenli si mele le vardie nel 
suo dominio con gran amor et con quella di Coxule ia spexa sara duca- 
ti 350 aspeta risposta per concluder et cl dito quesli do anni abuto 
gram promesse e poche atese. 

— Da Trau di S. Polo Malipiero Conte di xi al Conte di Sibinicho 
come Scender Bassa fa exercito manaza venir a danni di Trau Spalato e 
Sibinico e brusar ec. e andar ala via di Santa Maria di Monte verso 
Bosegna c dia esser questo avanti Nadal siche provedi et tengi secreto 
et avisi di questo li Rectori di Žara e cussi fece. 

— Da Žara dil Conte et S. Franc.^' Contarini Capit.** di 27 come ozi 
per letere di Coxule qual e pagato per far guardie in 7 luoghi sonuo 
avisati Schender in Bossina adunar zente 4000 tra a cavalo et a 
piedi per venir in quel conlado e di queslo hanno confirmation di pre- 
soni fugiti da Turchi unde hanno provistb e maridalo a Laurana S. 
Jac.« Manolesso Provedite di Stcatioli dove piu si dubita ne si manchc- 



Digitized'by VjOOQI€ 



161 
4501. ra di proveder : iteni li provisionati e a Laurana el Noaa sono stati da 
llioro vol parlirsi hanno trovato danari sopra la fede Ihoro e li hanno 
remandaii ale vardie con dificult^ perho si provedi presto dila Came- 
jra non si pol trar liulla e sta intachata e reduta a miseria li Conte- 
stabeli e soldati dila terra patiseno e il Lazareto et li danari se le man- 
dera šarano ban spexi. 

— £t tantp cridai che li fo niandato ducati 400 quali partino 
chi li porto adi 16 di questo e non senza di&culta et parte lecta. 

— Dil Capit.^ dil colfo da Durazo di 2 decenibrio vecha solicita 
la partita di Schandarbecho et eussi sono trovati li danari. 

— Adi 14 zener in Coiegio vene dal Principe et Consieri che de- 
le audientia lo Episcopo di Cataro per nome dil Cardinal Zen et pre- 
sento ducati 1200 per le decime di questo anno fo ringraciato ec..(III^ 
928-930). 

— Da Nona di S. Domenego da Mosto Conte di 26 avisa de 5 
de li Ira li qual il Vicario dil Vescovo qualli venuti Turchi si volsero 
render et voleva U altri facesse questo come pur per il processo et 
perho dubila questi non fazi ec. la qual lelera fo lećta in Pregadi et 
per la Signoria dl mio aricordo fo scrito una letera ali Bectori di Žara 
debino mandar li dilli 5 in feri subito in quosta terra. (III, 930). 

— Di Sibinico di S.*" Vetor Bragadin Conte di 20 decembrio co- 
me le galie di viazi arivono im porto apresso Sciarin insula mia 5 de 
li per tempi contrarj demum partite ec. item Turchi manaza a ricorda 
si expedi$sa il Conte Xarco e 1' Orator di quel]a comunita. (III, 936- 
937). 

Pa Ragusi alcuni avissi di 4 et 7 di S. Hironinio Zorzi q.«" S. An- 
drea quali il Principe volze lezerli con li Cai di x et tamem poi si 
sape il tutto ed e di prcparamenti fa il Turcho qual ia mar mazor fa 
far 100 galie item le galie e fuste ussile dila Vaiussa a voia prender 
ii Capit.** nostro dil colfo. 

— Da Cataro di S. Zuam Paulo Gradenigo di 30 decembrio come 
adi 14 ricevete do leltere di 17 et 19 novembrio la prima di Zorzi 
Bochali non si parli lo persuadi ec. adeo era renilonte pur contento et 
si oferse poner la vita come ha fato li soi antecessori: item ringratia esser 
sta scrito al Capit.^ dii colpho li mandi qualche galia 11: soium e la fu- 
sta armata e ogni zorno la scaramuza con inimici: item scrito a Roma 
per il jubileo et le parole a qucli subdiii ha dito referiscono gratie as- 
sai e luti si hano alegrato di formenli de li per le provlsiom fate hano 

^ abondantia e adopera il pfiexe come fusse pače pur hanno necessita di 



Digitized by VjOOQI€ 



165 

orzl per H Siralioli non li hauU per caxom dil GovernaUor di Trani 4501. 
qual disse non haver co^iissiom lassar Irar orzi : item deli 70 cavali di 
Slratioli dia venir li li aspela con desiderio eliam si mandi qualche ga- 
lia e dili ducali 400 non li abuli item quani de Oracovazo eh' e una 
contrala nela qual brusono molte case siluate in uno passo fortissiiuo 
era da fogi 250, or sonno venuti con el lazo ala gola a diiuanđar mise- 
ricordia non li 3 voluti aceptar se prima non li ha condanati a pagar 
tutti li danni hanno fato a quel leritorio in tempo di pase e di guera e 
sonno stati conteiiti e hano zurato star fedeli e mantenir que1 passo cbe 
nium vengi a far danno e qae1Io intendera verano a dir e deli e il pas- 
so dove vien le pegole el da 4 di in qua e fato lo acordo e venuti da 
Adri 200 e alla zornata vien che molto a preposilo item la fusta speso 
scaramuza con alcuni bregantini quali hanno bone arliliarie abute da 
Ragusei prima archibusi 40 ebeno hora e cerli&chato a dato do spingar- 
dele de bronzo molto gaiarde condute per via di Ragusi vechio e per 
uno passo teniva dove li Martalossi fono ale man con una caravana di 
Turchi preseno certe zudee ec. unđe fo restituito per hordine dila Si- 
gaoria nostra a compiacentia di Ragusei: item havendo una altra fusta 
di i 2 banchi faria ec. assa bcn dlla Vaiussa lassa il cargo al Capitano 
dil colfo item Ferisbei e a Scutari non tropo^ ben in ordine di Hongaria 
si ha il Re e per far la mostra di le zente in campagna e dato certe 
strete a Turchi: item venuto li uno Anlivarano con letere di credenza dil 
Rector e dila comunita sonno in gran poverta volendo qualche ajuto e 
a tolto a conto di trate stera 100 di meio e ge la mandale con innani- 
marli ec. item le bombardele de li di ferro e vecchie le mandera a in- 
cambiar item si mandi meio e biscoto item ricomanda quelli fanti et 
Martinel da Lucha Governador qualH non ha un soldo. 

— Et la Comunita di Gataro di 29 scrive questo medemo in lauđe 
dil sno Provedit/ e dila villa venuta ala devuliom videlicet judiees mi- 
nores et secretum consilium Gatari. (III, 937-938). 

— Da Žara di S. Frane.^ Gontarini Gapit.** di 26 dezembrio come 
adi 20 zoiise li et il precessor erra amalato il Gonte li consogno il Ga- 
pitanato e il zorno seguente tutti li provisionati de li novi e vecchi li 
sono ale spale dimandando danari e volevano partirsi: li đetebone pa- 
role e impegno la fede sua e trovo ducati 60 quali deslribui tra li novi 
provisionati e a Nona e Laurana item per le spie ha Turchi adunar- 
si in Verbosange per venir a danni di quel teritorio hanno fato le 
debile provisione spera farano pocho danno licet nel ultima coraria fo 
mena dil conta anime 3000 via e animali piu di 25 milia e fo per mi- 



Digitizedby VjOOQI€ 



466 

4504. seria che ducali x non fo dati alle spie e guardie depatadi licet per li 
conli si trova in mancho di iino mexe e inezo /sser sta 6pexo ducati 
200: itein qiiela Camera e al fonđo per el mal governo de dii T adi- 
ministrada per la malatia dil Capitano, et 11 Camerlengo e inexi 6 non 
a scrito in 2ornal e chl fu deputa a fato a suo modo le Intrade o dacj 
sonao sta intachadi fino a tuto mazo: perho si provedi ali soldati et a 
quelli di Laurataa Nadin Novegradi e Nona : item la terra ad hora sta 
benissimo di morbo e mexi do in la terra nulla e stato e quasi tuli i 
zenlilhomeni e citadini sonno ritornati pur ancora nel borgo e suspeto 
c r altro zorno inlraveae in do caxa qual subito fo chiavade e hanno 
bandito tuli queli dil borgo queli di Lazareto slano malisimo per non 
poter esser subvenuti voria se li mandasse qualche ditcato per proveden 
etlam: danari per le spie dile farine stera 250 mandade de 11 a trovato 
esser sta dispensade item vien qui do Oratori creadi avanti il zonzer 
suo item li danari mandadi in iino gropo ducati 361 grossi 48 piccoli 
2 per pagar queli dil Castelo granđe tuti e sta dispensadi et e ben ser- 
vida: item a ricevuto li danari di Đomenego Malaeasa Stratioto e afato la 
mostra e dispensadi i danari e tutti servono bene e ben a cavalo e 
quel medemo fara ala compagnia de camera. (III, 930). 

— Da Žara dl Rectori- di 8 seriveno la miseria di quelle compa- 
gnie e si provedi et Schander Bassa propara a vegnir et essi Rectori 
sempre e su le strađe e molestadi da essi fanti quali non hano da vl- 
ver mandano una letera li scrive Slmon da Melđola Gontestabele ia Na- 
dino di 7 come li Stratioti sono li ala guardia non hanno da viver, et 
tutli si parteno perho si provedi a Ihoro viver item una letera li scrive 
Stefano Martunus e Conte di Ctissa li avisa che Turchi fanno aduna- 
tiom in Bossina e vol far coraria in Licha over Bichach et tamem e de 
li aque grande a questi tempi. (III, 944)» 

— Da Vegia di S. Piero Malipiero Conte come manda le ditte 
lelcre ne altro da novo scrive e đice nulla de 11 se intende. (III, 945). 

— Da Pago di S. Jac.° d' Avanzago Conte manda la nome di mor- 
ti et sonno captivi di quelli di la galla di Pago acio se vedi il falto. 
(III, 947). 

— Da Sibinicho di S. Vector Bragadim Conte di ultimo come adi 
29 Turchi cavali 150 venero a corer su quel contado preseno 5 ani- 
me et solum 8 animali et ve resto 20 cavali ia arguaito quali menono 
via altre 3 anime siche si el Conte XarGo fusse li non saria seguito 
questo. (III, 952). 

— Da Vegia di S. Piero Malipiero Proved.*^ di 12 zener come ve- 



Digitized by VjOOQI€ 



167 
nivA de qui Marco Ziuialarcha patron di una fusla armaU de li sla(a J50l« 
in colpho et Ucentlata per il Capit.^' dil colpho dila qual a tollo certi 
homeni et per e$ser la fusta marža pr^ga sia incaiBbiala la qual sara 
molto utile tenirla per ]i contrabaadi si fa a Segna e Fiume ec. : item 
el dito patroni porto ietere dil Provedlt/ dl Cataro in sua laude ^t fo 
fato venir dilo patroui in Colegio e terminato darne una altra fusta e 
incambiar la sua aeclo possi operar al bisogno. (III, 955). 

— Fu posto per tulti la comraissioni di S. Antonio Bon va Prove-^ 
ditor in Albania con Schandarbecho videlicet dismonti dove it par vedi 
di far couforti li populi non slano danizati : vedi le forteze si porti ben 
e unito can li Rectori nostri : item zonto in terra Uceotij li do arsilij 
vadi al suo viazo: item habi ducali 50 per spexe al mese meni il Canze^ 
lier et 4 fameglj avisi dil tutto et zoato el sia S. Andrea Michiel ven«* 
gi via: item eome e sta laia lo provisiom date per esso S. Andrea perho 
non le fazi observar ma si niuna fosse ec. dagi aviso dil (uto et alia et 
dita parte bave 5 di no el resto di si et fo presa. (III, 959). 

— Da Sibinichodi S. Velor Bragadin Conte et Capit.<» di 9 come per 
molte vie š avisato Schander Bassa in Verbosagna liaver asiinato gram 
lioste da persone cercfaa 9000 a pie et a cavaio et alcuni diče dia ve- 
gnir a Laurana altri a Nona a tutti a serito stiano con bona custodia 
et forsi potria venir im quel contado stara atento ec. ma la čita e dil 
tuto mai in horđine di stipendiati munitiom artilarie et polvere e la ^ 
Camera poverissima di dacij venuti a miancho e dil &al non si traže 
BuUa si cbe si provedi di danari per queiU stipendiati et la eompagnia 
di Polo da Gandin e 9 mexi non hauto danari eri ricevete un gropo 
non satesfa a pagar la mita di Iboro debili il cređito e perso non he 
du li daga in credenza perho si proveda et si espedissa 1 orator di 
quella comunita e conciederli la trata dil sal per la marcba e sotto la 
n^ontagna accio si possi trar qualche danaro: item vol 50 gradize: item 
a per uno nobel di Corvatia a parlato con uno Castelam di uno ca* 
stelo dil Turcho qual U disse il Sig. Turcho si mette in hordine e fa 
grandissimi preparamenti centra la Signoria e li fO ditto che poralo 
far la Signoriai ha il Papa il Re di Franza di Spagna 1' Imperador e 
r Ongaro e lui rispose V Ongaro non haverano mai perdi^ per un du- 
<;ato li promete la Signoria el mio Sig. li dara 4* 

-— Da Trau di S. Polo Malipiero Conte di 17 come scrisse havia 
e^f to Turchi erra per v^gnir a danni di quelli Contadi unde fe saper 
n tati el fe far le vardie su i monti e trar scbiopeti vedendo e cossi dal 
Castelo di Monte Zoilo posto sopra uno monte altissimo fe nota fin a 



Digitized by VjOOQI€ 



168 

4501. Trau et mando a dinotar a luli li vitlani la venuta di ditta hoste e 
dovesseno redur robe fameglie e animali al6 forleze et insule et.adi 
i 6 have dal Viceconte di Clissa solto il Re di Ongaria ditla hosle do- 
ver vegnir a danni ec. e tandem adi 46 a meza terza veneno insa- 
lutato su quel Contado da cavali zercha 4400 benissimo in hordine, e 
si non erra le vardie su li raonli qual die noctuque stano che treleno 
schiopeti e il caporal con alguni homeni posto in castello Zoelo predito 
qual trete bombarde et li viilani restati in le ville ebeno tempo di ase- 
curarsi e dicti cavali 1400 passono a lai del monte prefato dil Castel- 
lo Zoelo e andono a brusar certe ville dil Episcopato Tragupino e li 
vilani per il trar dil Gaslello za si haveano reduti a uno principio de 
castello fato alla marina per el r ™® D. Franc.® Marzello Bpiscopo Tra- 
gurino con tate le Ihor fameglie e bona parte di animali et ivi ozi dicti 
Turchi a Nona sono per darli bataia el lui Conte subito ge mando 
con barcbe homeni e artilarie et lo Episcopo ando im persona adeo 
essi Turchi nulla non sete a ditto Castello per tanto voria schiopeti et 
polvere accio possi dar ajuto a quelle fortezze* 

— Dil ditto di 48 come da poi che eri dicti Turchi poi nona 
parlino dal Castelo del Episcopo da zercha cavali 300 si meseno in ar- 
guaito e lasso animali in abandon e alguni viilani temerarj andorono 
per tuor essi animali et quelli Turchi posti in arguaito li messe di 
mezo e li preseno e fono da zercha 30 e in la note supravenente dicti 
Turchi dormiseno soto il Castel di Zoel mia uno lontan dil castelo et 
ozi da matina dicti Turchi se levorno e se redusseno oltra dil Castel 
Zoelo mia zercha 4 con demostration de volerse in tuto partir e alguni 
Murlachi zoveni erano fra li monti ascosi subditi dila Signoria nostra 
per voler recuperar animali creteno li Turchi fusseno absentadi e an- 
dati essi Turchi messeno di mezo essi meschini et li preseno che son 
sta da zercha 24 viilani e interum Turchi tornono ad alozar oltra it 
Castello mia 4 et ivi dormiteno questa note passata et la precedente 
esso Conte mando socorso de homeni et artilarie al dicto Castelo Zoe- 
lo di qual nulla dubilo et dil successo di dicti Turchi per altre dara 
aviso ec. 

-— Da Žara di 44 dil adunatiom fa Schander Bassa in Bossina pe- 
rho aricorda mandi danari per li fanti ec: item manda una letera li 
scrive il Conte di Sibinico di 13 che Scander Bassa con exercito gros- 
sissimo inlende passar per la via di sopra non se intende dove sia per 
andar et prima per letere di 7 avisa di andar a Laurana e da Ragu- 
si ha dia venir a Nona :• item mandano una letera abuta di Novegra- 



Digitized by VjOOQI€' 



469 
di (lila consorte de S. Polo Catichio avisa di tal adunation di Schander: 1501. 
ilem una letera di S. Alvise Sagredo Castelam a Laurana par el Vayvo- 
da Coxule li habi đito che si vien Turchi alozera col campo in quel 
teritorio di Laurana : item li provisionati sonno de li non si vol mover 
e piu tosto voleno esser taiati a pezi ma ben voleno danari da poter 
\iver : ifem don Zuam Tetricho Cavalicr come abuto da Coxule che il 
Conte Piero de M arigna qual si a scosso per ducati 4 200 di man di 
Turchi 11 scrive da Ragusi di 8 come sopra Bosagna si fa gran adnna- 
liom di Turchi per vegnir nel Conta di Žara e Sibinico e ala tornata vo- 
leno dar bataia a Sinu et a Cucivo ]ochi dila Maesta dil Re di Hongaria. 

— Dili ditti Rectori di 19 avisano dila coraria fata per Turchi 
nel Conta di Trau e Scander si prepara venir molio potente mandano 
una letera abuta dil Castelan di Laurana: item aspetano soi esploratori 
aricorda se li provedi di danari : item la letera del dicto Castelam S. . 
A Ivise Sagredo e una li scrive Coxule come li Turchi robano el Conta 
di Trau e sonno tornati su qHel di Sibinico e hanno corsso domene- 
ga e luni et la hošte di Bossina e aparechiata e per questo fazi li hoem- 
ni se guardano et e sotoscrita Paulo Sterbaz Coxole ec. 

— Veneno dentro in Colegio do Oratori dila Comunita di Žara 
nominati S. Crezole de Zeđolini et Franc.<^ de Galesis quali exposeno ie 
calamita di quel1a povera terra patido 4 incurssiom peste et carestia e 
non hanno piu di viver perho voleno morir soto k)mbi*a dila Signoria 
nostra: e voleno in ogni caso far come Modom e.non chomo Ćorom 
et Scander Bassa vol venir a tuor forsi altro eha scorsizar per tanto si 
provedi ale fabriche dila čita compir il barbacham a Nadino: item a 
Laurana dove nel borgo e pericolo per non haver di viver et Nona et 
Novegradi et primo voleno trata di formenti di Puia: item si lievi il 
Soldo per staro dil formento intra ec: item vini non possi vegnir li 
accio possino vender 11 Ihoro vini disse el beneficio si havia di Žara di 
3 galie ordinarie et alias di quel Contado messer Vetor Soranzo e mes- 
ser Jacomo Marzello Zenerali interzono V armada hora e đisfato tutto: 
item presentono li conti et si provedi ec' con molte parole dicendo ha- 
vemo un libro vobiscum vivendum et vobiscum moriendum et per il 
Principe li fo risposto non dubitaseno di alcuna cossa perche Žara e 
il cuor nostro et al bisogno non solum se li manderia zente armata ec. 
ma anderia in persona si che per niente temano di far queIlo feuo 
Modom et cussi li comesse ali Savij ai ordeni cometendoli presto expe- 
dirli et in questo zorno instesso li aldissemo et spazassemo. (UI, 970- 
972). 



Digitized by VjOOQI€ 



170 

1504. ^ Da Segna di S. Zorad PUani Dotor et Cavalier Orator di 20 

cooie eri zonse li non a ^oiuto zonzer avanti e sla tre di in uno por^ 
to per fortuna : item el capltano non erra li ma mia 4 5 lontam a uoo 
Casielo chiamato Đrobovaz et cbe de U iniorno e il morbo inaxime a 
Brigna e Xagabria et dal suo Lodioteneote fo ben ricevuto et fin 3 zor^ 
ni si partira convien eomprar per lui do cavali et stara zorni 43 a po- 
ter zonzer a Buda convien slongar do zornate per non andar per lochi 
infetati et pasera per il Gastelo dove e esso Capitaao di Segna : e da sa- 
per dito Orator e 8ta assa zorni ec. 

— Da Liesna di S. Franc.^ da MoUn Coate di 42 conie mandoe 
un navilio con alcuni legnami a Gataro e dil nollo e sta pagato x)uella 
Camera e povera apena si pol trar da pagar lui Retor il Castelan e le 
guardie dil Castelo per tanto la Signoria vol satisfar. 

— Da Spalato di S. Hironimo BaOb Conte di 3 fin 7 et 45 il 
sumario dile qual letere sara notade qui soto per essor assa cosse. 

— Da poi disnar licet fusse el di de san Marcho fu gran Con- 
seio e lb fato Retor e Provodit/ a Gataro S. Sabastiam Contarini fo so- 
pra le camere q,^ S. Alvixe in luogo di S. Zuam Paulo Gradenigo refu- 
do hessendo in rezimento. (III) 975-976). 

•— Et GoLegio non si ređuse: et fo OKpedito di pagar il tuto 
per la andata del Sign/ Schandarbecho in Alhania e dato le page ali 
fanti videlicet Marco da Novara et ali 50 Stratioti sonno sopra lio qualli 
volseoo un altra paga a levarsi e sopra lio banno fato assaissimi dan ni 
vanno con do arsilij fino a Guvrili poi queU arsilij va a Gorfu item la 
galia Soraooniito S. Marco Aat.<^ da Ganal e in borđine pocbi homeni* 
perbo et terminaU) mandarla in Dsdmatia ec* 

--- Da Spalato chooie ho scripto di S. Hironimo Bafib Provod/ 
di 3 fin 7 come gionto de li li vene a trovar alcuni zentbilomeni de 
li per nome dila Universita dila terra con gran mesticia dicendo esser 
partlti 5 di Poliza di primi di quela vale đi auctorita et aodati a far 
reverentia al Sanzacho parente Iboro e dubitano non slano andati a 
capitular e Poliza si reduchi soto il Turcbo et per tanto quela terra 
saria totalmente ruinata per esser Poliza propugnaculo e difesa đi Spa* 
lato e di bona parte di Dalmatia et avanti lui azonzese per il suo pre- 
cessor fu mandate im Poliza S« Domenego di Papali per intenđer la 
volunta Iboro e far venir alcuni a parlar con esso Gonte e tornoe et 
bebe promessa veriano tamem non veneno e venendo U fara aoogliea^ 
tie e coii sali o đanari percbe a il modo di baverli impresteđo li fara 
bona man a conto di suo crediti e si ha inzegnato elezino uno suo 



Digitized by VjOOQI€ 



47i 
e mandi ala Signoria nosira accio si provedi: item e Teniito da lul alcum 1501. 
primi đil paese di Craina subditi dil Turco c volentiera sariano soto la 
Signoria hessenđo securi da Turohi dile sue persone e stado che seria 
per el bastiom ec. li ha fato salvo conduto e aspeta di cio hordine no« 
stro uno di qual messi di Craina parti nllimamente dila Porta dil Turco 
el qual erra stato ambasador dila Universita di Craina diee dispositiom 
esser dil Sig. e tiita la Porta voler riposar per questo anno per haver 
abuto fatiche assai per V imprese tolte ma babiando inteso la uniom di 
Crisliani cruciate inđulgentie e pur in qualcfao suspeto dile cosse dil 
Slio stado e dubita esser oSeso per la parte di Hongaria e diti di Crayna 
ala sua vennta scontrono \icino a queste parte messi mandati per Si- 
gnori di Italia^al Turco i quani non erra lassati passar per il San- 
zacho e intese ala Porta di ditto Sanzacho dir qu3sti tristi Franchi - 
vol andar ala Porta persuader il sig/ fazi corarie in Friul e tamem 
son tuti uniti insieme : item dil bastion di Narenta per inondatiom di 
aqne e quasi ruinato, e li fanti ogni di dimandano danari voria bischoti 
chiodi polvere e danari per ditti fanti che uno anno nuUa hanno auto 
e melo tenir 50 soli soldati beu pagati eha 150 tal qual j he com- 
pagnie vechie di anni x tuti paesani : item poi scrita e vennto da lui 
molti zentilomenl Polizani con letere di credenza dila Universita di- 
cendo si ben alcuni e andati a trovar il Sanzacho non e di Ihoro vo- 
lunta e voleno esser boni servitori di' la Signoria nostra donmodo 
non manchi per quella overo per la impotentia non potesseno perseve- 
rar et per questo et per deliberar di mandar sol messi ala Signoria 
nostra ad aricordar j suo bisogni eliam e venuto alcune done con que- 
sta forma di parole le qual etiam mande rano soi Noniij et a tutti lui 11 
a fato gran acoglientie et acarezate molto excusando la Signoria si Iho- 
ro non hano auto li stipcndij e provisione e stato difeto di ministri 
et e intentiom slano satisfati e li promesse satisfar dil suo credito e 
cussi fara et par la Camei^ di Trau per tal conto e ubliga di cabli 1000 
al anno di sal tamen non e corsi come dicono quelli Poliza ni e bon la 
Signoria scrivi a ditto Retor satisfazi il tutto e si scrivi al 6aylo di Corfu 
mandi per qualche navilio vien di Levante sali de li per saldar quelli di 
Poliza e per li bisogni: item li suase a star di bon animo disse le gram 
preparatiom si facea et erra gran forzo di oro numerosa armada e aver 
unito quasi tuti i potentati Cristianicontra la Signoria nostra et diti 
Polizani zurono sopra la feđe sua di. voler perseverar in la fede e li 
ha promesso li partiti volendo tornar che possino. 

j^ Dil dito di 15 como un servitor dila Signoria dil paese di Ka* 



Digitized by VjOOQI€ 



172 
4501. dobilia Cont« subđito đll Turco li a mandata a dir per suo messohabta 
bona custodia al bastiom di Narenta per esser molto a cuor dil Sanza- 
eho per esserli nele vlscere dei stato sno e dito Sanzacho fa taiar legna- 
mi e vol redur alcune barche a foza de barbote e altre maehine navale 
e haver modo de redur un ponte da gitar sopra el lago di qaesta bastia 
ec. e za e principiato a taiar legnami et esser hordine di vegnir bar- 
che grosse armate o fuste di Boiana e altri lochi a questo locho unde 
siibito dcte aviso a Marco Coppo Contestabele a Narenta e dila compa- 
gnia meno eon lui e fuziti e in loco di fuziti volea rimetesse alcuni dil 
paese e li daria d. 10 ec: item dila camera fin an anno.non pol haver 
marcheto per esser obligato ogni cossa e non pol trovar x ducati : item 
la terra e povera e le letere non le pol mandar ma asp6ta pasažo e diče 
non sempre si mantien i Stadi con parole sarla bon la Signorla repi i- 
chasse letere con li Cai di x ai lochi deputadi mandasseno homeni a la- 
vorar ditto bastion di Narenta : item da Corfu se li mandi sal e con 
aqua azelađa si potra satisfar ai bisogni non a visto le mostre ancora 
li Stratioti credc non siano al n.^ e dile page deputade 200 non e 20 e 
un anno quelli non hanto danari e diče non e danno considerar el bi- 
sogno ec: item el Capit.^ de CHssa li mando do Nontij a dirli li bisogni 
di so luogi e che dile cossc che li so Principi non li poteva proveder 
lui li provedesse et per il loco di Clissa li a dato do barili di polvere 
alcune taole e alcune travi e voriano poter condur dal loco di Scardo- 
na a un so locho nominato Calfigna cabli 300 di tali con il qual vol in- 
staurar quel locho e altri e vol il transito per mar per non poterli 
portar per terra : li a recusato con excusatiom conveniente pur esso 
Capit.** poi vene im persona un pocho alterado e diloli j respeti e datoli 
bona speranza adeo di ditti sali li convegniva compiacer si la Signoria 
nostra non li comanda al contrario : item bauto di sopra farsi qualche 
aparechio per ini miči per dito bastiom di Narenta perho si pol coman- 
dar al Relor di Liesna mandi 2 over 3 barchfe armade a custodia di 
quel locho e si qualche galia fusse in colfo non saria mal et tal aviso * 
ultimo hauto per via dil Conte Zuam di Poliza Cavalier bon servitor dila 
Signoria nostra qual si sforza tenir a devutiom nostra la vale di Poliza 
scrivendoli e bon dir una parola di ditto Conte ec.) item vorla qual- 
che biscoto perch^ quelli erano fonno dispensali per li precessori soi. 
(ili, 976-978). 

Febbr^|o« — Venne u no Nontio dil Conte Anzolo di Frangi- 
pani interpetre dno Zuam d Arbe Doctor Avochato nominato don Mar- 
tim Ludovich Visconte di esso Conte: et prcsento la letera di credenza 



Digitized by VjOOQI€ 



173 

đata a Bravaz adi 48 noveinbrio et expose il Sig/ se ricomanđa vol aja- i 504. 
to di monitiom fornienli ec. si oferisse in dar homeoi per Tarmar ga- 
lie ec. et dito Nontio vien da Roma et vol in soa spezilita alcune cosso 
e il Principe li fe bona ciera: et fo messo al Golegio ad expedirlo. 

— Da Žara di Reclori di 22 come quel zorno ricevete nostre zer- 
cha la retention dil Vicario dil Vescovo di Nona e altri ut patet et par 
lili Conte sia sta 11 et di tal cossa nulla a saputo siche U manđerano : 
item avisa si le heve non fasscno state Turchi sariano za stati de li et 
hanno tolto ad imprestedo ducati 400 per subvenir li provisionati novi 
e soldati vecchi e boiiibardieri accio non abandonasseno le forteze e 
Turchi corseno nel Conta di Trau e Sibinicho: item de li non pono tro- 
var danari la Camera e intachata item si provedi di uno Castelam a 
Laurana la terra sta benissiino di morbo suplicha si traži di devedo: 
item mandbno una letera abuta dal Gopte di Sibinicho come etiam scri- 
ve ala Signoria. 

— Dilli ditli di 24 come mandono a Nona li Cancelieri e Cavalie- 
ri Ihoro e con destro modo feno retegnir li cinque e conduti de li li 
hanno fato meter in ferri e li mandano per la barcha di Zuam Sarcina 
e Malio dil Armiraio e dato ali patroni ducati 4 per barcha ec. prega 
subito siano expediti li oGciaii accio ritornano ec. 

— Dilli ditti di 24 dil recever di ducati 400 per dar ali provi- 
sionati di Nona et Laurana cussi faranno a chi serve et mandera il Con- 
ta et atendeno a ben convicinar con Madona Dorathea e li altri tamem 
el Bauovaz e moUo mole^lo e speso lievano qualche vania la qual so- 
porteno e con dolce parole scoreno e aspeta risposta dile vardie dila 
spexa di ducati 350 come per altre Ihoro hano scripto ec. 

— Da Sibinicho di S. Vetor Bragadim Conte e Capit.<* di 20 come 
sabado Turchi corseno nel Conta di Trau cavali 1000 preseno alcune 
anime e animali et eri malina dita hoste vene soto Gastel san Marco in 
quel contado e dimandorno di posse comprar e vender securamen- 
le per haver vituarie el Caslelam li fece risponder sapeva quello cerca- 
vano e che audasero con Dio se messeno a combater quel loco e voter 
laiar e ruinar li repari fali sotto dilto Castello nostri si difeseno viril- 
mente e 11 Castelau ben si portoe siche nium mal feno e molti Turchi 
sono feriti solum preso 5 horaeni che rilrovorono in quel hora ala caza: 
item per contadini de Cruseno villa di quel contado e sta preso uno di 
ditti Turchi con suo cavalo e fo examinato per lui diče che il capo e 
Vayvoda di dita hoste a oome Soliman qual e schiavo di Schander Bas- 
sa nalo del Conta di Žara e t erra per andar con Ihosle in Conta di 



Digitized by VjOOQ16 



174. 
1501. Žara e non poteno passar per le gram neve e per tanto sonno rlvolti e 
venuti in que]li conladi e ritrovarsi a Conslanlinopoli e non sintende il 
Tarcho fazi aparato alcuno: itein e zonto de li Andrea Bagnich de loco 
Dobrochienich lerra đil Ongaro alias fo preso e fatd schiavo za anni 8 
al tempo fa roto el Viceban ^olto Corbavia scampato sponte da dicta 
hoste si ando solto dicto castelo a conduto 4 boni cavali et da esso Con- 
te dimandato referisse sono zercha i 4 mexi si parti di Andernopoli e 
zercha 22 zorni si parli da Eiisćopia con dicta lioste la qual etra per 
andar in Conta di Žara solo Lattrana per tnor cerle ville a man zancha 
Lanrana qual non fo dipredate per non haver possuto passar per le gram 
neve erra venuti de U e subito sara disfate le neve sonno per ritornar e 
andar in đillo Conta di Žara unde esso Conte a da to aviso a Žara e Lau- 
rana di questo e diče Schander Bassa e in Verbosagna e pol far in tu to 
5 in 6 milia cavali e non saper nulta dil Sig. Turcho che faza altro pre- 
paramento di armata in excrcito salvo a fato comandamento a 70 milia 
pedoni stiano in hordine videlicet 30 milia di Andernopoli et 40 milia 
su la Romania e non sa dir a qual eifecto ec. (III, 979-980). 

— Da Sibinicho de li servidori e soldati dile forteze non diče 11 
zorno ma scriveno ala Signoria nostra dila soa miseria stano pezo eha 
in galie Cathelane la Camera e consumada in manđar Ambasadori con 
salario đucati 45 al mexe el primo mexe pol ducati x đice mal di S. 
Lorenzo e qui Orator qual avadagna piu di ducati 300 e disse molte 
cosse zercha il dazio di molini ec. e non se li dia dar restauro e di una 
termenation fala per quel Conte li daciari non siano astreti fino non si 
habi ordine de qui perho suplicano si provedi e li danari da la Signoria 
per la fabricha vien manzati dali Oratori vieneno de qui. 

— Et per Colegio fo terminato mandar fino li a veder quelli conti 
dila Camera ec. Piero di Organi Nodaro di Avogadori ec. 

— Da Spalalo di S. Hironimo Bafib Conte di 21 come nol pol pro- 
veder per non haver danari: et per la venula di Turchi ordino a don 
Nicolao Buchali cavalchasse fuori al qual li fe la moslra senza colaterat 
e cavalcha solum cavali 30 assa boni et resto fino a 50 ragazl ala Italia- 
na etiam fe la mostra ali soldati et e stato ogni zorno ai logi e passi 
per poter proveder al bisogno e si lianno risolto redur le anime in al- 
cuni scoglij et ixole proxime ai villazi et e alcuni lochi di Arzivescovo 
qual ha piu di 600 anime e non cura proveder a deliberalo trovando di 
soi beni per ducati zercha 15 far fortifichai- un suo locho si dimanda 
Oeladi e fara il suo poter fortifichar cer li altri reduti per salvatiom di 
quel t^ritorio e ipera non passera do meti con la guardia e bona inteU 



Digiti!Eed by VjOOQI€ 



475 
Hgentia ba eon que1Fi di 5(>()ra de Clissa sera aseguraio ec* usra voria 1 504 . 
il modo da poter provederli voria btseoii e polvere e barilii di cfaiodi e 
ala forteza di Glista convien esser provista per la Signoria aostra e non 
per Ihoro signori e li a dato polvere e iaole item voria gualdie marano 
di sal da Corfo per saldar il debito con PoHzani : item si covoandi ala 
prima galia sotii vengi stagi 8 di li: item a Nona cavali-2000 Governa- 
đor il fiol di Scbander Bassa venuti di Bossina e corsi sa quel di Trau 
fato pređa di animali e homeni e nUimamente preseno zercha 60 j piu 
(ioriti zoveni di Trau j qualli a piedi volevaao prender cavali 2000 »ela 
campagna e vien dito in dita coraria publiee cbe Rali capo di Siratioti 
si potto vilmente et sempre e imbriago item cbe oltra questt 2000 ca- 
vali di Tarcbi e un altra cavalchata di dito Sanzacbo sta nel paexe di 
Charzego con cavali 500 pedoni 1000 e tuti do Sanzachi e per unirse 
insieme ala via chavalcano o tora impresa di Poliza over di questo bor- 
go ec a fato ogni debita provrsiom mairda una letera di Marco Copo 
Contcstabele a! bastiom dl Narenta e una đilo Arziepiscopo di Clis- 
sa ec. 

— Dal bastiom di Narenta di Marco Capo Contestabele di 4 9 al 
Conte di Spalata come qDel loogo e pericoloso e dimportantia diee li 
Insogni di quel tuago e non hano danari item e caziiti K repari atorno 
e il (imne a man^a atorno el terem pbrmođo si »on si provede la primu 
voUa singrossa el fiume sara gran perico^lo el vadi in ruina qiiel baslbni 
a scrito al Conte di Liesna e al Conte ifi Curzola li maadi bomeni c le- 
gnami li rispondeno farana volentieri et nulla fanno sicbe prega li pro- 
vedi e li mandi travi e lavole ec. 

— Da Clissa dil Arziepiscopo ehiamato Ntcolao al Conte di Spula- 
to di 19 in risposta di sne diče come e desiđerošo insieme vardar queU 
Ifi lochi dali periidi Turchi et vol far boni provedlmenti et avisa eri 
a raczo zorno li soi homeni a cavalo et pedoni andono a veder se la ho- 
ste e passada in versa la durnara di Citina et vegnanđo apressd de 
Smino sno teritorio so inbateno con Tarchi li qualt menava 6 persone 
cristiane via 4 di Cetina et do di soi Clissant li quall erano andati a ve- 
der dovc passava la hosle e per Turchi fonno piali et fanno ale maii 
essi Turchi con li soi et li soi per gralia di Dio tuli scapolo et le 6 per- 
sone fo liberale e presi do Turchi e roenati li a Clissa quella note quaH 
disseno la dita hoste erra doa milia oia non hanii6 possut& passar la 
montagna per ainor delo grande neve c eho la vivleva andar In qiiel di 
Žara a combater un Ciistello ma per fortuna e mal tempo clic in monte 
hano aulo per qncUa via non hano possato vegnir e la niazor parte di 



Digitized by VjOOQI€ 



476 
1501. Ihoro sonoo t6rnati in drieto per caso sonno venuti li a robar e che 
ditta hoste e di Verbosagna li capi sonno Murach Celebia el qual fu a 
tempo passato sao prexoDi e suo cooipagno Carinas Mageva et la hoste 
ancora non erra partida ma im pocho si tiro verso Sitlniza nel Conta 
di Sibinicho siche e da far bona guardia e diti Turchi disseno credeva 
trovar quella hoste delponte conciude si fazi bone provisione che anche 
lui fara et che si comanda ali Puiizani siano assunadi perche li fara se- 
rar li passi et non li lassar senza bataia se li pareva esser conveniente. 
(III, 980-982). 

— Vene el Sig.' Schanderbecho a tuor licentia con S. Ant.® Bon 
Provedit."^ et cussi montono poi sopra li arsilij vano a Corfu con li 50 
Stratioti et i 00 fantl con Marco da Navara : et adi do di note partino 
de qui. (III, 983). 

— Da Žara di Reclori di 28 dil recever dil gropo di ducali 500 
per li stipendiati ec. e cussi farano e darano aviso dila dispensatione : 
item per letere di S. Jac.® Manoiesso. Proved.^ ala guardia di Laurana 
hano haver inteso da Coxule come Schander Bassa con suo exercito 
pretende andar ala volta di Sibinicho per otegnir le torre dil porto e 
cussi hanno avisato el Conte di Sibinicho ofierendosi ec socorso auxi- 
lio item eri in li casteli e lochi di sopra sono trato molti colpi di bom- 
barde per modo tuli sonno stati in fuga la caxon e stata perche eri ca* 
vali 600 dil campo di Turchi corseno su quel di Trau e Sibinico hora 
corsene nel dominio dil Đucha Zuanne e bruso el borgo di uno Castela 
chiamato Chiusevaz lontan do zornate de li e prese anime e animali as- 
sai con li quali si partino e il camin hanno fato non lo intendino. 

— Dilli ditti di 29 ditto come per conformita dile preparatiom fa 
Schander Bassa ozi hanno inteso per via da Ragusi da uno Zuambapta 
da Trevixo el qual diče meser Zorzi Hironimo habita a Ragusi ge ha 
ditto come hanno per certo el dito Schander esser disposto con grande 
hoste venir a Nona con fermo presuposito expugnar quella et Ihoro Rec- 
tori hanno fato ogni provisiom posibile di reparar le mure bombardiere 
ec. tamem zudegano tutto esser niente si la Signoria non ge provede 
de persone la defenda per esser gram guarda e pochi quelli la difenda 
voriano schiopetieri 200 di Lombardia aliter la scorre gram pericolo e 
se li mandi Zuccharin o altri a proveder al chavar le seche e passando 
de li le galie armate e altri fusti restino e si presenti li a Žara: item la 
čita di morbo sta benissimo lauđano la diliberatiom fata di mandar deli 
Stratioti per el bisogno dil paese: item aricorda si dagi qualche premio 
e reputatiom a S. Jac.<* Manoiesso sopra j Stratioti per esser da bene e 
molto desideralo da essi Stratioti c paesani. 



Digitized by VjOOQI€ 



177 

— Da Spalato di 24 đil Conte come Turchi e stati x zorni in Dal< 1501. 
matia e sonno tornali ia đriedo ma non perho sono tornati ia loeho se- 
curo ec. e đesideravano corer quel Gontado e brusar il borgo per guel- 
lo hauto per via certa tamem per le provisiom fatte non si ha presenta- 
do ma ben ali tsonfini e inteso per spie nulla potevaao far non soaiio 
venuti e con difficulta si provede alli vilani quall sonno piu contenti 
esser in pericolo di esser capUvi di Turchi che fuzer per Ia incomoditii 
ha uno dille possessiom e dali pascoli per li animali ec. et per esser 
strachi dil fuzer: perho bisogna el provedi ai lochi dove i se reducano 
fugendo e de li non e alcun soldate salvo paexani si lauda di Nansiben 
da Ravena Contestabele ma el non pol tenir altra compagnia per non 
corer el dinaro e li zenthilomeni de li non vol molto cargo lauda Đome- 
nego di Papali zenthilomo de li e si pol dir solo citadini etiam pocho 
curano e alcune note štete im piedi per dubito ijon venisseno asaltar il 
borgo e se i veniva hariano hauto vergogna e Stratioti sonno in certa 
ellatione grecha non vol faticha ec. e fanno tanto quanto li par e a gran 
favor a Venecia tamen li ha tenuto Ia brena in mano e a dimostra ver- 
so alcuni disobedienti dila terra ec. e vol mantenir el decoro : item 
manda una relatiom ec. di uno di, Rađobiglia subdito dil Turcho per 
interpetre di schiavo in latino diče sabado fu 8 zorni Turchi passo sot- 
to Bisfriza per venir in Dalmatia e lui fo chlamato da alcuni Turchi a 
far coUatiom con Ihoro e li disse credestu possamo andar a guadagnar 
al borgo di Spalato over a quelli lochi dove se redusse quelli dil con- 
tado per sospeto nostro ge rispose hariano dificulta per esser ben in 
hordine e forti logi e loro li disse tu menti per Ia golla perche semo 
informati el contrario e intese da alcuni soi amici andavano con ditti 
Turchi al aguadagno come si feva nnion di bon n.^' di Turchi in Bossina 
per vegnir passado questi tempi a questi lochi di Dalmatia: item el n.^ 
di Turchi passadi diče esser zercha 500 a cansides mal in ponto e mal 
a cavalo i qual haveva patito senestri assai e per poter passar nel teri- 
torio di Trau fe romper da soi subditi le giaze i qual Turchi maudo un 
suo valente homo avanti con alcuni pochi cavali per prender qualche 
schiavo per poter aver avisi ec. 

— Da Spalato di S. Piero Trivixam Conte e Gapitano di 28 dezem- 
brio licet sia vechissima ozi si auta dil venir ale parte del Duchado fu 
di Charzego uno Sanzacho dil Turcho ha parenta im Poliza e ivi nacque 
unde per esser ali confini mando uno comandamento a Polizani sotto 
pena di rebeliom nium vi andasse da que]lo et poi dito Sanzacho scris- 
se im Poliza a do nobeli dili primi videlicet Conte Marian Gregolich e 

12 



Digitized by VjOOQI€ 



178 
4501. Conte Jvanis Nenadovirh et lui manđo dal ditto Marian VMisse a Spa- 
lato e promesse venir or maneo il canzelier suo li im Poliza con do di 
primi citađini di Spalato e tornati đisseao havor parlato al ditto Coote 
'Martin e li đisse il Sanzacho li a scrito e li de la oopia diia letera qaal 
manda ma erra fidelissimo ne volova per alcun modo aadarvi et non fo 
fato colloguio general ma solam asunati alcuni patrimoniali e si hanno 
dimostrati fidelissimi nostri: item ozi intese li diti do Conti e uno patri- 
monial lorai Sotoriza esser andati dal Sanzacho subito mando el Conte 
di essi Polizani eon nno nobele a intender el vero e proveder si fazi el 
coloquio general e di guello succedera subito dara avisso: item mandoe 
la propria letera dil Sanzacho in lengoa .... translatada nome Demech 
Melbego patrom dil paexe de Carcego scrive ali diti do Conti soprano- 
minati li avisa il suo venir li a quel governo per nome dil gram Turco 
e prega vadino fin li e li fa salvo conduto per esser la Signoria di Ve* 
necia in guerra eon el gram Turcho ec. e diče se Dio mi varenta la si- 
mitara con la qaal me venzo che liberamente vegnadi a da recavo con 
honor andati eo. 

— Da Catharo dil Proved.^' S. Zuam Paulo Gradenigo di 13 zener 
adi 2 Ferisbei Sanzacho di Scatari comando a uno Bali suo Vayvoda con 
adunatiom di zercha 2000 persone fra pe et cavalo e inteso per explo- 
rator tal adunatiom erra per li e poi andar im Pastrovich fe le debite 
provisiom ali passi e al isola fe ripari et paripeti senza sp6xa dila Si- 
gnoria nostra e f acendoli al ponte una porta saria ben asecurata ma 
per ducati 25 manchava e restato di farla per non haver un soldo e vi- 
sto i nimici tal preparatiom si voltono a Pastrovichj e lui fe armar 3 
gripeti e li mando ala volta de Pastrovichj e zonseno a tempo et erano 
stati ale m ano a uno scoglieto che alcune case sopra dovc fono feriti 
molti inimici e di quelli dil scojo con freze et uno morto e fra li altri 
una donna di ditto scoglio subito salto e tolse uno feltre e fece uno bušo 
in mezo e se lo messe in dosso accio non fasse percosa dale freze e con 
una roncha fece grandissima diffesa e amazo statim uno Turcho e ferite 
molti altri ita che per essa femena fa avarentato ditto scogio ala qual 
per tal prodeza li a donato per nome dila Signoria nostra panno per 
una vestura la qual monta L. 22 per dar exempio cussi a done eome a 
homeni de che Pastrovichj hanno auto grande apiacer e zonti li prediti 
gripi comenzono a bombandar adeo i nimici subito se ritirono e visto 
non poter far nuUa si disolse ditta adunatiom bensi diče Ferisbei fa 
gram adunatiom da pie et cavalo da zercha persone x mila per anđar 
a Santa Maria đ« Rot^zo apresso Antivari tamem stara preparato ec: 



Digitized by VjOOQI€ 



179 
item <)uanto a quelli de Orocovazo venuti novUer solo dl nui iu fin hora 1501. 
per guella via e stato conduto li a Cataro xercfaa miara 40 đi pegole 
che moUo a proposito etiatn un altra contrada chiamata Rei^'ani clie 
etiam de li viem pegole la mandate a pregar li aceti non li a voluto ri- 
sponđer cosf prešlo per far le cosse dila Stgnoria con honor e reputa- 
tiom e se i vorano zurar fidelita con li modi đi quelli de Orocovazo li 
concedera i possino vegnir e pegole pol potra vegnir a Venecia e di 
questo aspeta hordine: item aricorda sil venisse li 42 in 14 galie se 
prenderia Castel Nova e saria cossa moUo fnictuosa a segurta di tutto el 
colpho et e grande teritorio e saria uno stecho negU occhj a Ragnsei e 
si haria pe in reame di Bossina e saria soalla e spazamento de salli 
assai forsi da ddcati 8 in x milia et e cosa fatibile honorevole e iitile stla 
Signoria nostra: item manda de qui niaistro Gaspar Bombardier e sia 
spaza presto e remandarlo aocio non si patissa: item li soldati novi e ve- 
chij ricevete le do page pagati li soi debiti nulla lirimase ita che more- 
no da fame e in cređenza non trovano e in soa 8{rfcilita li fe la piezeria 
đi mezo staro di formento per uno saria andato ogni cossa soto sopra e 
sariano fuziti e abanđonate le giiarđie: item si diče li Turchi vicini han- 
no haato comandamento dal Sig/ star in hordine per anđar verso el 
Đanabio suplicha se li mandi li ducati 400 per armar la fusta e altrc 
cosse ocorente: item meglij per monitiom e biscoto ec. 

— Item poi scripta diče per soi exploratori esser advisato la dilla 
adunatiom fata per Ferisbei a Scutari esser disciolta e andati ale Ihoro 
stanzie e 11 dito a fato venir alcuni mnlli et cavali da cariazo e chi di- 
ceva andaria verso la Porta per comandamento del S. Turcho, et chi 
diceva andava versso el Danubio tamem stara vigilanle e tien le cosse 
talmente previste che per hora di lui non teme. 

-^ Da poi disnar fo Pregadi per lezer molte letere et niuna parto 
fu posto fo spaza per Colegio letere a Žara di provisiom si fa: item a Si- 
binicho in conformita non mandino Oratori de qui ma li provederemo: 
item mandano li conti dila camera e'fo rimesio manđar Piero di Orga- 
ni: item a Spalato lauđar il Proved.^' e qnello a fato a Polizani e Venen- 
do soi Oratori saranno ben visti: item scrito a Gorfu li mandi uno cargo 
di sal e ristauri li casteli dil Vescovo a so spexe e provedi ale ixole 
ec. et al bastion dl Narenta e seli manda una paga per questo et 
seripto'a Liesna Braza e Curzola debi mandar barche a đitto bastiom et 
legnami: item fo scrito al S. Ant.® Bon Proved.' va con Schanderbecho 
za partito con do arsilij si presenti a Žara et bisognando si operi et 
tusfti scrito a Žara: item a S. Marco Ant.^ da Canal Sopracomito coines- 



Digitized by VjOOQI€ 



180 
1504. soli fazi i1 tutto andar presto a Žara e poi per li altri lochi di Dalmatia 
a custodia el qual sopracomito solutn con homeni da remo. ... si parti 
in questa nole. (III, 988-991). 

— Fu fatto il scrutinio di uno Provedador zeneral ia Dalmatia ju- 
sta la parte qual sara qui soto posto e rimase S. Zuam Diedo qual mai 
fu in Dalmatia et erra in Vicentina ec. poi resto Consejo di x con zonla 
di Colegio fino horre 4 di note licentiato quelli di Pregadi. 

Scrutinio di Provedador zeneral in Dalmatia, 

S. Marin Gradenigo fo Proved.^ šora le Camere q.'" S. Piero 48.104 
S. Filippo Boldu fo ale Raxom Vechie q. S. Franc.« 18.135 

S. Andrea Badoer fo Consier in Candia q. S. Zuanne 47.106 

S. Hironimo Querini fo di la Zonta q. S. And.* da Sancto 
Anzolo 75.78 

S. Zuam Ant.o Minio el grando q. S. Nicolo 19.135 

S. Lucha Querini fo Proveđ.'^ a Corphu q. S. Marcho 60.92 

S. Alvixe Loredam fo Conte a Žara q. S. Polio 85.68 

S. Zuslignam Morexini fo Proved.'^ a Piša q. S. Marcho 51.101 
S. Zuam Diedo fo Governador dile zente a Piša q. S. Alvixe 102.51 
S. Nicolo Contarini fo ale Raxom Nuove q. S. Moyse 30.116 

S. Ant.« Moro fo Baylo a Corfu q. S. Cabriel 26.128 

S. Polo Contarini da S. Sabastiamq. S. Bortolo 45.103 

S. Alvixe Zorzi q. S. Lorenzo dai Servi. . 33.122 

(III, 991). 

— Vene lorator di Trau S. Hironimo Lučio et expose insieme con 
un altro Tragurim il bisogno di quella terra e Turchi esser stali li ha- 
ver depredato anime et assaissimi animali pregando si provedi : et disse 
dil castello fa far lo Episcopo qual bisogna sia ajutato item quel capo 
di Stratioti Dimitri Rali disse mal di lui. 

— Da Dulzigno di S. Piero Nadal Conte e Capit.® di primo zener 
come inteso nelli zorni passati da Ihoro spie el Sanzacho de Scntari ha- 
ver mandato in Servia e Podgoraza per far adunatiom di zente da pe 
et a cavalo si turchesche come paesane j udico fusseno a rte turchesche 
perche altre volte hanno spanto tal fama overo pur per la venuta di 
Stratioti zonti li e la fama grande divulgata per il paexe dila 'venuta 
dil Sig/ Schanderbego e fin qui e zunti a Scutari cavali zercha 4000 e 
peđoni 6000 con i suo pavioni e stano su la campagna de Scutari ben- 
che cl paexe dicha siano da 15 milia tamem in efFecto non passano x 



Digitized by VjOOQI€ 



milla in tutto et a iuteso di certo tal ađunatiom asser sta fata per andar I50i . 
ala expugnatiom de Rotezo e cussi eliam per il paexe se divulga unde 
eognoscendo lui lastuzia di tal ribalđo dobila non fazi altro disegno e a 
scrito di tal adunanza a tutte terre e luogi dil colfo aceio si fazi pro- 
vissione e maxiaie in Aativari et eri passaodo de qui il Capit.^ dil colfo 
veniva di Budua e andava ala volta di Durazo ando fuora a conferir coa 
lui dil bisogno dil luogo di Rotezo che importa assai per il sito suo et e 
la chiave e mure de Antivari el ditto Capit.*) delibero immediate andar 
a Durazo per ritornar subito con altre do galie sonno de li e far la mo- 
stra per quelle marine acdo linimico intendi haver fatto provisione et 
achadendo altro ajulo non e per manchar: item a inteso da alcuni dil 
paexe esser ussido fuora dila Voiussa la galia pagana con 5 fuste e an- 
date ala Valona e galie sotil x metersi in hordine e per adesso Turchi 
non studiano in altro eha in trazer fuora larmata e le forze dil Capit." 
e iiupotente a obviarli e star al impeto e dito Capit.^ a bon cuor e ani- 
mo ma non ha le forze comc lui dlce e ha solum galie ec. 

— Da Trau di S. Polo Malipiero Conte di 21 come adi 17 et 18 
scrisse et ai 19 ditta hoste de Turchi hora prima lucis se levo di quel 
Contado e ando su el Conta đe Sibinicho dria di qual mandoe alcuni fi- 
delisslmi contadini a sopraveder i andamenli Ihoro e non sonno ancor 
tornati: item ha aviso un altra hoste turchescha dover corer de brevi a 
danni di quelli contađi et e cossa molto lacrimabile veder la desolatiom 
di quelli miseri contadini e si pol dir de li esser rimasti senza contadini: 
item e sta preso tre Turchi di pocba conditiom per li vilani nostri qual 
li ha interogati di piu cosse e dicono ditto Vayvoda e corso in quelli 
Conladi esser servo di Schander Bassa per comandamento di qual e 
venuto con ditta hoste e chel ditto Vayvoda non partite di Verbosana 
con anirao deliberato venir a danhi di Contadi prediti ma con intention 
di andar a Laurana et per haver inteso esso Vayvoda el ducha Corvino 
esser in ponto con cavali 800 dubito andar a Laurana e se messe ve- 
gnir in questi Contadi e diti Turchi presi e piu presto da condur some 
eha Turchi di lanza: item quella terra e senza artilarie e munitiom vol 
soldati Stratioti polvere schiopeti e altre artiliarie e perho queUa čita 
manda uno di so Nobeli per Orator: item lauda il Castel Zoilo dil gram 
utile a fato per esser eminente in mezo di grande agriculture sopra uno 
monte dove si potra redur villani assai et da ville 7 insuso ivi si salvo- 
no in uno castello principiato dil Vescovo D. Franc.*> Marzello e gram 
parte dil hoste fu soto dito Castello per darli la bataia e lui Conte ge 
mando homeni con barche e artilarie perho ditti do Castelli nuUa vale- 



)igitized by VjOOQI€ 



482 

150L no sine munitionibus necessarijs perho si provedi ee, : item per questa 
depredatiom per la discritiom fata si trova esser đute in captivita da 
anime cercha 150 e animaii namero infinito. (III, 993-995). 

— Da poi disnar fo Pregadi et prima fii posto una expeđitiom di 
Oratori di Žara notada per mi neia qual tuto il Golegio introe videlicet 
seriver ali RectorUa expeditiom predita videlicet durante bello rimeter 
il soldo per staro pagavano chi conduceva biava de li: item darli la trata 
di stera 2000 formento a Trani con le contra letere ec. : item scriverli 
le provissiom si fa di manđarli il Proved.'^ in Đalmatia 200 Sfratioti 
200 provisionati tra i qual i 00 schiopetieri e noto ozi expeđimo Jacomin 
di Valtrompia per far li ditti e dessemo dacati 700 vera fin 4 5 zorni item 
mandar li ducati 400 per le fabriche di Žara la cisterna di Laurana e 
dove bisogna: item le munitiom e artilarie: item stara 300 meio et miera 
20 biscoto per Nadino o dove bisogna: item darli liberta concludino ale 
guardie con il Bam di Jaysa Coxule e Madona Dorathea con ducati 350 
conie scriveno al anno con guesto dagino avisi a tempo e veri et etiam 
a Udene ec. : item a Laurana mandino per Proved.*^ S. Jac.^ Mauolesso 
al qual da qQi indriedo habi per spexe neti ducati 15 al mexe e poi 
zonto il Castelan vadi Proved.' e sij di Stratioti : item si ha Ihoro par 
debino meter 11 Stratioti a Nadino per custodia dil Conte ec. ave tutto 
il Conseio etiam dicessemo di manđarli uno inzlgner qual sara Zuam 
Lodovico da Ymola. (III, 997). 

*— Fu posto per tutti i Savij atento el bisogno elezer đc presenti 
uno Provod.^ a Sibinichp con pena ducati 500 oltra le altre si debbi 
partir il zorno seguente e acetar o risponder statim saltim la matina e 
vadi con quella comissiom li sara data per il Golegio nostro et ave tut- 
to il Conseio et cussi fii fato il scrutinio fono toUi rimase S. Alvixe Lo- 
redam fo Conte a Žara q. S. Polio fu soto S. Franc.^ Querini fo Rector 
e Proved.^ a Cataro: et ditlo Alvixe Loredam si fece di amalato per non 
andar et li valse come diro. 

Scrutinio di ProvedS a Sibinicho. 

S. Marco Pizamano 31.115 

S. Alvixe Loredam q. S. Polo 82.32 

S. Hironirao Bernardo q. S. Alvixe '. . 29. — 

S. AIvixe Zorzi 31. — 

S. Polo Contarini . 3S.— 

S. Marco Marzello q. S sac.« Ant.'» . 29.— 



Digitized by VnOO^lC 



483 

S. Zuam Maiio Co&iariDi . . 14.— i50i. 

S. Zustiniam Morexini 50.— 

S. Anđrea Badoer 38.— 

S. Lunardo Michiel 31. — 

S. Marin Gradenigo 35.— 

S. Hlronimo Malipiero * 28.— 

S. Alvixe Maraello q. S. Beaetto 20.— 

S. Filippo Boldu . , 26.~ 

S. Marco Zen q. S. Piero 42.— 

S. Franc.<> Querini q. S. Andrea 51.— 

S. Franc.« Pfani 19.— 

S. Mario Dandolo q. S. Piero 35. — 

S. Cristofal da Canal 31.— 

— Fu posto per nai Savij ai ordeai la expeditioiii dil Orator di 
Trau primo tre ixole darle a beaeficio di quelli subditi darante la guer- 
ra turchescha le'Caxe di chi ha siaoo sue ec: item provederli di moni- 
tiom e fanti ut patet e al Castel dil Zoylo venuto il provod.^ Zeneral 
provedera et maodarli stera 60 tra megij sorgi et legumi e do bombar- 
dieri item concieder a quel Episcopo dno FrSinc.^ Marzello che a, priu- 
cipia una fortezza a la marina quello e debito di đecime fin hora possi 
spender in la fabricha di quella con le clausole ut in ea la qual parte 
fo Đotada di mia mano et ave 2 di no 83 di si e presa. (HI, 1007). 

— Da Dulzigno di S. Piero Nadal Conte e Capit.« di x come a 
zercha iiitender el secreto dil Sanzacho di Scutari e la spia ušata fo li 
dal secret.^ di esso Sanzacho et a cavato dile adunanze falte esser sta 
per il zonzer deli Stratioti deli Scanderbecho e de li di venuta di Stefano 
da Chagini dubitava dil paese fosseno chiamati dali proprj paesani e 
dito Sanzacho mando in Servia per far questo campo e altri lochi vicini 
e ponerlo a Scutari e lo fece in men di zorni x con grau mostra de pa- 
\ioni non per andar a Rotezo ma solum per far demostratiom dubitan- 
do esser depredati e perho comando tal zente poi el mando a chiamar 
tutti li capi dille ville dilla provintia e benche dubitasseno dilla vita 
tamen andono foniio ben visti e presentadi di caxache e centra il con- 
suetoacarezatifacendo steravize justa il costumede Albanesi e a zerchato 
il Sanzacho saper il secreto Ihoro qualli li hanno ditto mai non sonno 
per ribelar al suo Sig.' tanto che vedino le forze turchesche grande fa- 
eendoli gram promesse come e di natura di Albanesi li rispose il San- 
zacho non voglioaltro da vui vedeti que$te zente le ho fate in 4 di et 
si continuase campo quello potria far in uno mexe stati di bon animo e 



Digitized by VjOOQI€ 



184 

i 501. forte si Venitiani manđerano Stratioti ni altra zente in guesta proviatia 
vi faro veder quanto šarano le forze mie e tutli vuj vi faro Timarati con 
altre parole ec. đanđoli licentia đi tornar a Ihoro ćaxe poi in do di la 
mazor parte di dito campo si disciolse e torno in Servia e continue si 
disolve: itemli ha dito la spia ditto Sanzacho zercha tirar a si el Signor 
Stefano Ducagini come ha fato el Cernovich e li disse sil ti bastasse 
lanimo beado ti li rispose io faro il tutto et promesse dar al ditto Stefa- 
no el suo paexe ma la spia vene da esso Conte e inteso il tutto lo ri- 
mando a Seutari per dir al Sanzacho non e possibile far nulla ni par- 
larli e in efietto esso Conte li tiem guardie di di e di note ne pol parlar 
ad ^Icum benche el dittp Sig/ stagi sempre quasi con Itii. 

— Adi 7 feurer in Colegio vene S. Costantim Zorzi fradello di S. 
Hironimo e a Kagusi e fe lezer alcuni capitoli di nove le qual šarano 
notade qai avanti et etiam Ini S. Hironimo scrisse al Consejo di x perho 
che trata certa materia di grandissima importantia. 

— Da Ragusi di IVIarco da Rezo Cancellier dila Comonita ala Signo- 
ria nostra di 16 primio zercha Zuam Ant.^ Trombon fradello di Bernardim 
Pifaro poi diče da novo il Turcho ritorna a Constantinopoli chi diče per 
far mazor armata e fa far galie in mar mazor per tempo nuovo altri di- 
cono non pensar questo anno campizar e il Sanzacho di Bossina a ditto 
a uno citadim de li creder questo anno il Sig.^ Turcho e forsi questi do 
anni non campizera sil non sara provocato e forzato ma fara tanto apa- 
rate per mar che da poi tuto el cristianesimo non li potra resister. 

' — Đil abate di Meleda nominato Bernarde Gondola di 16 ala Si- 
gnoria come larmala nostra doveria meter fuogo a Castel Npvo o preso 
quello fortificharlo e saria asecura Gataro e larma dila Vajusa si potra 
redur in colfo venendo x galie li daria il focho. 

— Da Ragusi di S. Hironimo Zorzi a S. Gonstantin suo fradello 
drizate di 20 zener chome per molti vieno da Gonstantinopoli se diče 
come in mar mazor e fata preparatiom di legnami per far galie sotil e 
grosse e hanno tolto el šesto dela galia grossa presa al Zonchio ne piu 
nave pretende voler far ma solum galie sotil e grosse se diče gram n.<*: 
item per el nepote del Garaman al tempo el Sig."" erra soto Modom cor- 
se con molte zente su la Natalia dove copsumo e prese paese assai ma 
per non haver fondamento di stato ne soccorso di quelli Sig."diPerssia 
zoe deli Azami per esser fra Ihoro divisi <;rede sara foco di paia dile 
cosse di Albania ancora che per li Sanzachi se fazane qualche prepara- 
tiom di zente piu tosto el fano per paura e per difenderse eha per of- 
fender: perho che tuta lAlbania sla in motu e in gran voće di Schan- 



Digitized by VjOOQI€ 



185 
dorbecho coD opiniom perho che Uogari rompano di sopra che senza 4501. 
questo niente vale: item la persona dil Sig/ Turcho se parti đi Ander- 
nopoli e zonse a CoDstantinopoli adi primo decembrio e ando in carri e 
similiter tutti li Bassa se judicha non ben conditionato dila persona et 
questo e certo son destruti questo anno tuti sui valenti homeni si im 
bataia come per sinistri e desasij patiti e cossi li soi eavali e volendo 
far campo a tempo novo potra haver numero di zente ma li valenti sono 
spazati et el forzo di boni eavali e questo e di veduta de un fidelissimo 
cristiano che a visto il forzo dil suo campo di ritorno sicbe per niente 
questo anno non e per far ne campo da terfa ne armata sel non sara 
sforzato perho questo e il tempo di non lassarlo riposar: item e zonto 
uno messo de Verbosana li ha referito za zorni 8 Schander Bassa ha- 
via ordinato molta zente per far coraria in la Dalmatia non sa dove ha 
fato a saper al Conte di Curzola spazi una barcheta per tute quele terre 
di Dalmatia ec. la coraria e ordinata benche para imposibile i possano 
passar in molti luogi dil paese per le neve grande che sono tamem non 
temano nuUa per cupidita di guadagno e tuti li altri Sanzachi dila Gre- 
da e dila Natalia sono destruti e consumati per tal guerra salvo questo 
diavolo di Schender che ha guadagnato tanto per li preponi e anime me- 
nate via che non sa quello die far de tanti danari Iha guadagnato si lui 
come le so zente in modo che Turcbi et Achanzi sono'andati a star soto 
el suo Sanzachato e piu numero đi eavali puol far lui che non po far 6. 
dili migliori Sanzachi di la Grecia. (III, 1007-1009). 

— Da Trau di S. Polo Malipiero Conte di 23 come per uno explo- 
rator a Turchi esser nel Conta di Sibinicho e vano brusando le ville et 
e pocho lontam di qnel teritorio ergo si provedi ec. (III, 1012). 

Electo Provedador a Sibinicho in luogo di S. M'mxe Loredam, 

S. Marco Zen fo Camerlengo di comun q. S. Piero . . 72.445 

S. Michiel Memo fo Proved.^ a Riva q. S. Antonio . . 85.— 
S. Zustignam Morexini fo Proved.' in campo q. S. Marco 55. — 

S. Cristofal da Canal fo Camerlengo in Cypri q. S. Luča . 84.-r- 

S. Lunardo Grimani fo Avogador di comum 38. — 

S. Marco Marzello q. S. Jac.« Ant.** el Cavalier. . . . 33.— 
S. Ahixe di Prioli fo Cap.® dile galie di Alexandria q. S. 

Zuanne 35. — 

S. Alvixe Marcello q. S. Beneto 82. — 

S. Andrea Badoer fo Proved.*" šora le aque q. S. Zuanne. 57. — 



Digitized by VjOOQI€ 



186 

i 504. S. Zuam Franc* Venier fo Sorocomito q. S. Moise . . 55.-7 

S. HiroDimo Qaeritu fo di Pregadtt q. S. Anđrea da Santo 

Anzolo 88.— 

S. Franc.® Querini fo Rcckor e Provcd/ a Gataro q. S. An- 
đrea 60. — 

S. Alvke Zorzi el Grando q. S. Lorenzo 43.— 

S. Maroo Zorzi el Savio a terra ferma q. S. Lorenzo . . 28.— 
S. Marco Pizamano fo di la Zoata q. S. Nicol6 .... 43. — 
S. Marin Građenigo fo Proved.'^ sopra le Camare p. S. Piero 80. — 

— Vene S. Hironimo Querini rimastoProvedidor a Sibinico et acep- 
to dicendo erra in hordiae da parlirsi de presenti se cussi piaceva ala 
Signoria. (III, i043-iOi4).. 

— Da Duleigno di S. Andrea Michiel Proved.^ di Albania date adi 
.... si duol di termini ušati per S. Piero Nadal Confe de U et le parole uša- 
te Gontra di lui e questo per un cargo di sal havia fato veiiir per pagar 
li maistri lavora a Giavrili e volevalo far vender im Boiana su quel dil 
Turcho et esso Rector non ha voluto per vender li soi salU ec. ut in 
eis il sumario sara di soto. (III, 1045). 

— Da Buđua di S. Nicolo Memo Pod.^ di 38 come a parlato eon 
uno Bazarioto habita a Scutari parti di Coostantinopoli adi 7 a firma ii 
Sig. di e note fa restanrar larmata si li vaselli vecehij come di novi 
etiam fa lavorar con candele e a fato ređur a Constantinopoli tuti i na- 
vilij di tute sorte et e per ussir faora avanti il tempo solito per tanto 
avisa. 

-*- Da Dulzigno di S. Andrea Michiel Proved. di Albania di 15 no- 
vembrio come zonto Ferisbei a Scutari per robar i gripi di Alesio fe 
zente e venir con quelli alla Medoa a. tuor li navilij e fornirli di arti- 
larie per ruinar quela provintia unde vene li a Duleigno S. Sabastiam 
Marzello Sopracomito im porto et a hore 5 di note licet havesse mal a 
una gamba ando a galia e insieme andono ala Medoa trovo 16 navilij 
da 600 fin 200 stera el forzo GriiH e Scbierazi Corphuati cargi di sal 
con postiže parea galie grosse lece levarli e ritornato a Diilcigno trovo 
letere di 5 octubrio zercha le provisiom date mandi in nota et ricevete 
la licentia li piace si jacta aver fato assai diče mal dil Pod.^ di Antivari 
et pre Zuam Brizi et pre Marin Bazam e che il Pod.^ vende li đacij a 
quelli disborsano il terzo con danno grande dila Signoria et e do anni e 
di qui S. Stefano di Prođi per Orator con spesa di ducati 72 al anno: 
item come auto una coscientia cbe uno Zorzi Barbaro abita a Venecia 
patrom di gripo praticha a Scutari cargo do bardie di oficiali tra i do 



Digitized by VjOOQI€ 

U 



187 

Casteli con baril di panclere azali stagni e fil đi rame e panni afato 4501. 
processo lo manda ali Avogadori: item noDiina a guelli a dato provisiom 
zoe questi Musachij Parlati cao di Stratioti di Caurili dueati 5 al mexe 
a Caurili Andrea Goetich dAntivari perperi x. al anno Jmessa Busota 
in Antivari perperi ut supra Domenego Opasto in Antivari perperi ut 
supra Zoam Bataia in Antivari perperi ut supra Domenego Zupam no- 
bele da Antivari capo di Stratioti đucati do al mexe Pruos de Martin 
Procurator a Dukigno dueati tre al mexe et questo e quanto a dato di 
provisiom. 

^- Di Antivari di S. Plero Bembo Castelam di 43 novembrio zer- 
cba MarcDviehij e Martalossi venuti ale fontane per tuor le done de li 
et scrive la cossa veehia abuta per avanti item judices et consillum co- 
munis antibarensis di 13 scrive ala Signoria zercba li formenti et non 
siano abandonati ec. item D. Nicolo Miros Arziprete e Vicario Locote- 
nente dil Arziepiscopo di 13 si scnsa non haver mai scrito centra il 
Proved.*^ Michiel. (III, 1020). 

— In que5ta note parti S. Zuam Dieda va Proveđ.' in Đalmatia con 
Hironimo Tartaro Contestabile e provisionati 50 va di longo a Žara li fo 
dato dueati 500 etiam parti il Con te Xarco va a Sibinicho. (III, 1027). 

— Đi S. AnL^ Bom Proved/ ale parte di Albania in questi zorni 
si bave letere date a Puola adi 9 come adi 5 ala Faxana ricevete nostre 
per la galia Soracomito S. Marco AnL^ da Canal con ordtne dovesse 
andar a Žara comunicbo col Sig. Scbandarbecho qual rispose libenti ani- 
mo anđeria item ave fortuna grandissima sopra le collone e ivi ste tre 
di per buora ozi e zonto li con li arsilij et si parteno subilo per Žara 
justa li mandati. 

— Di Arbe di S. Alexandro Contarini Conte di do come adi 28 
dil passato ricevete nostre di 14 mandasse al Conte Anzolo di Frangi- 
pani per saper di homeni 100 promessi su le galie nnde subito spazo 
S. Zorzi Segotta citadim de U a Brigna sornate tre di Arbe al ditto Con- 
te qual promesse dar li ditti bomeni apti e gaiardi voria qualche 
monitiom e danari đubita de Turebi e non vol esser segnrta di ditti 
homeni come etiam lui Conte Anzolo serive ala Signoria ma fnzenđo di 
galia li fara impichar: item si hara bomeni dik isola di Arbe ma piu si 
arla sil Soracomito fusse di Arbe: item a im presom tre bomeni dil dito 
Conte Anzolo per furti quaHi merlta la morte et esso Conte Anzolo li a 
dimanda U ditti homeni non sa che far aspeta bordine nostro: item esso 
Conte Anzolo manda uno a uno Visconte Martim Ludooovich da Brigna 
qual e in questa lerra prega si dagi recata. 



Digitized by VjOOQI€ 



i88 

450i, — Da Sibinico dil Conle di 4 fevrer coms per letere di Zano ha 

nova aver da uno Raguseo dile gram preparatiom fa Schander Bassa ia 
Bossina di zente da pie e da cavalo per venir a Sibinicho per tanto ri- 
chiede 400 barili di polvere miara 20 biscoto e ducati 4000 per pagar 
li soldati a faio conzar i coradori e meter atorno le mure dila čila e ea- 
stelli bombarde e spingarde ma li maiicha la polvere et i muri dila čita 
sono debelissimi fa cavar il fosso di S. Franc.** a conforta quelli citadinl 
aricorda si li dagl Ia trata dil sal per la Marcha sia espedi lOrator suo 
e il Conte Xarcho che qui. 

— Da Spalato dil Conte di 6 come a fato la mostra di dno Nicolo 
Bochali capo di cavali 50 di Stratioti mal in horđine li mancha 4 o 5 
cavali et e piu ragazi che Stratioti in la compagnia siche si butta via li 
danari: item con mancho di ducati 200 fortifichera certi reduti e la ter- 
ra e voria liberta di spender ducati 150 al anno in exploratori e vardie 
che conservera quel Contado da incurssiom lauda perho la persona dil 
Bochali. (111,4036-1037). 

— Da Sibinico di S. Vetor Bragadin Conte et Capit.® di 12 come 
da alcuni citadini de li venuti eri da Trau a inteso el zorno avanti esser 
corsi zercha 500 cavali di Turchi apresso Trau eta depredatoe condu- 
to via molte anime deli orti de dicta čita et che nostri haveva preso et 
morti alcuni Turchi et cavali e alcuni vivi conduti in Trau: item in 
quella matina e venuti nostri contadini soto Castel Novo e ha ditto haver 
recuperado cerca 400 animali in ditto zorno depredadi per Martelossi 
in Conta de Trau: item e avisato Turchi e per venir a depopular le ville 
de Grebazo et Cavocesta dove sonno grandissimo n.<' de homeni et ani- 
mali dal canto suo fara ogni provisiom ec. a mandate 42 fanti per ca- 
daum di ditti lochi con polvere di bombarda e altre artilarie e che fa- 
zino redur dentro tutti li homeni e animali: si scnssa si dubita quel 
Conta sara dipredato et non mancha solum quello Conta perche li altri 
quasi penitus da Turchi sono sta depopulati : item la Camera e poveris- 
sima dei dacij nulla si scuode ni etiam di salli počho si traže le $pexe 
acresceno ogni di e senza danari non si pol far alcuna bona provisiom 
non homeni che basti li mancha la polvere li vardiani dile forteze more- 
no di fame suplicha se 11 mandi ducati 1000 barili 400 polvere et mie- 
ra 20 biscoto atende far fabrichar al fosso verso S." Franc.** e fortifi- 
char da ogni banda la čita e si se dovesse impegnar lui intesso non re- 
stera di far il tutto ec. voria la trata di sali per la Marcha ec. 

— Da Žara di Rectori di xi come lasunanza fata im Bossina come 
scriseno za saria venuta se non fušse stato le neve Ihoro solicitano la 



Digitized by VjOOQI€ 



189 
reparation dile forteze e provisiom đil Conta e si la fusse venuta aria fat- 1501 . 
to pocho danno al paese: item el castello đi Laurana a bisogno di repa- 
ratiom per esser una fazada đi muro ruinata e un altra score pericolo 
per certa cava fata za piu anni per far una cisterna che rimasta imper- 
feta: item hano dato li danari ali stipendiati vecchij et novi e tra danari 
formenti farine ec. sono satisfati fino adi 20 dil presente ma dimanda- 
no una altra paga voriano schiopetieri 200 perche quelli provisionati 
novi e in alla de partirsi e ne son levati et di 230 non e n.^ 130 dil 
tuto hanno tenuto bon conto e lo manderano. 

— Đeli ditti di 12 come adi x cavali 500 di Turchi corseno neL 
teritorio di Trau e depredono quel Contado il dano facto non lo inten- 
deno si dubita tra ozi e domam non corano sul Conta di Sibinicho et su 
quel di Žara starano vigilanti. 

— Da Spalato di 5 come quella Poliza li da da far perche erano 
sule arme fra Ihoro tra patrimoniali e zentil homeni per diferentie per 
causa di certa villa li fo necessario andar im persona li dove si congre- 
go tutti e opero adeo 11 sedo e deveneno mandar 8 per parte a Spalato 
con li qual esso Conte hara a tratar e ogni sua volunta si contentariano: 
item a inteso esser tornati di Tnrchia queHi andono dal Sanzacho ma- 
xime uno nominato Mariano aspeta di zio ordine conseia si fazi secrete 
per esser dito Mariano di auctorlta et ha favori assai im Poliza: item si 
habi a cura dil bastiom di Narenta e si ordini ivi habi a star zorni 8 in 
X una galia sotil di quelle va o vien di armada e si comandi al Rector 
di Liesna a ogni richiesta di quel Caslelan li mandi socorsso esso Conte 
li a scrito li ha risposto il cargo e dil Conte di Spalato : ne a altro ordi- 
ne nostro eha mandarli 25 lavoradon per una volta: item a visto 3 for- 
teze su quel contado Visichio Staligrado e Almissa per un altra dara 
noticia dil tuto tocha dil Proved/ si ha a far in Dalmatia provedera a 
Poliza tamem diče nelli lochi e stalo aversi porta ben et maxime a Riva 
la Signoria di lui fo ben servita Proved." se vol mandar ai logi dove i 
bisogna : item senza danari dila Signoria in un mexe e li a fato far 3 
over 4 reduti e forteze che presto sara fornite che assecurera quelli 
poveri non siano deprjsdadi. 

— Da Trau di ultirao zener manda una letera abuta in lingua 
scMava dal Viceconte di Clissa lo avisa il Sanzacho novo dia vegnir a 
danni de quelli contadmi con gram exercito et cussi traducta dita letera 
la manda: item quellacita e nuda di artilarie e polvere e cussi li Castelli 
noviier fabricati perho si provedi: item la letera e sotoscrita Piero Lećo« 
vich e Thomaso Viče Conti de Clissa la mansiora diče al potente et sa- 



Digitized by VjOOQI€ 



490 

1504. vio sig. Conte dignissimo Conte e Capit.' di Trau eome al sig. et amigo 
de li nostri signori li avisa guaato ho. scripto đi sopra e chel capo dil 
exercito allozera in li borgi di Trau ei resto dil eteretto correra versso 
Sernovich e per le me đtl mar fino Almissa e de ritorno asunaadose 
insleme anđerano ali daom deli aoslri Castelli et par dito Sanzacho sia 
del.tegnir fo dil Ducha Charcego. 

— Da Gataro di 29 ditto ricevete letere di 9 x zercha la trata 
đi formenti ec rispotide quaQto fece ec. auto da Trani solum cara 95 
a stara 22 per caro eh e pocho a tanto populo questa e sta provisiom 
.senza danao dila Slgnoria e con contento et abondantia a tuto questo 
populo aviso di quelli de Reiani dove vieu le pegole coiue quelli de Ora- 
covaz 11 ha tolti e ala zorna ne vien pegole e spiera al maržo e april ne 
vera assai per esser alhora i tempi iz farle a hora per le neve le fanno 
con dificulta a tenuto modo si trazera dil paexe dila Valona contraban- 
do et pcculte assai per via di uno Baguseo qual li ha dato segurta pre^ 
sentarle li e pol vegnir di longo a Venecia e tuti li viclni hano di gra« 
cia star ben con lui et quelli di Castei Nuovo voriano pratichar con Iho- 
ro li ha risposto sara contento con que$to li dagi la terra e le forteze a 
U acetera per boni servitori ita cbe sonno rimasi groti e non hanno piu 
replicato altro dove erra il suo Gadi che vol dir Gastelam qual percbe 
erra nimicho nostro a tenuto modo con demestratiom di haver con lui 
tentado ita che el dito Gadi e sta preso e messo in ferri tien sara man- 
date ala Porta siche si convien governarsi con đemodtratiom e astuzie 
per non haver le forze al bisogno: item non ha piu danari per armar la 
fusta e far altro e quel colfo 8ta mal senza guardia ne piu li navilij po^ 
trano navegar: item a dato piu di ducati 90 ali fanti di Sabastiam da 
Venecia altramente sariano fuziti in Turchia non ha voluto vegni Am^ 
basadori de qui a dar stimoli prega se li provedi ec. aspeta li Stratioti 
di Levante percbe dno Zorzi Bocali capo soUcita la licentia juxta la pro^ 
messa qoal e impossibile stagi per portarsi mal con dno Zorzi Rali et e 
homo di fame gram cavedal per haver gram praticha e governo: item li 
fanti vecchij e novi moreno da fame e maxime Martinello di Lucha Go- 
• vernador di quelle fantarie: item di novo par Ferlsbei .babi fato certa 
adunatiom e ha mandato il suo Vdyvoda in quelle bande in uno loco 
nominato Lubotin et saputo questo per spie spazo a Budoa Pastrovi«hij 
e Antivari e altri lochi stess6no preparati U daria socorsso e fece prepa- 
rar 4 gripeti e tieu li cussi per il bisogno et lui de li sta preparate ec. : 
item hauto che il Sig. Turcho fa fabrichar a Nicomedia galie n.« 100 e 
in altri lochi percbe la sua armata passata sonno inavegabile e per qu«- 



Digitized by VjOOQI€ 



491 
•U instate noo fara armata respeto ehe tute sue gente e paere per que- 4501. 
atl do aoni sodao molto disipati e angarizati e tuUi li sol Timarati iade- 
biuU siche questo anoo doq fara ex6rcito ni da mar ni da terra salvo 
sel Don acadesse qualche defensiom contra Ungari per voler la$sar que- 
sto anno riposar la sua zente e questo a per bona vla tandem e ben ec. 

— Dil ditto đi 30 come quella note per esplorator e avisato la 
adunatiom i qual havea fento dar licentia a qualche uno per dimostrar 
de disolversi par si babino fato tragetar per uno certo fiume e redati 
sopra Pastrovichij e Budua mia x dubita vadino a Pastrovicbij over in 
Anti vari a uno loeo nominato santa Maria đe Rotaso subito a spazato 
certi gripeti con bombardele acio vadino a darli socorsso fa quello pol 
et e senza un soldo si intravien nulla si scusa et se impegnira fino sula 
vita item e venuto đe qui maistro Gaspar bombardier suplicha sia expe« 
dito et etiam se li mandi qualche bombardele. 

— Da Ragusi di Bernarde Gondola Abate di Meleda di i3 fetirer 
come vien S. Silvestro Pixani di S. Nicolo dil qual se intendera di novo 
et dil suo bon servito : item come Mustafa Bego Sanzacho đila Valona 
dOa Vojusa a trato galie xi fuste 5 e mandate ala Valona e tute allre 
intende cavar e la sua dona e morta fo fia dil Sig.'' Turcho e stava in 
tristizia ma qaando traže dite galie fe gram fešta et e stato di genaro 
mese: item Schender Bassa a mandate sua gente ala volta di Dalmatia a 
depredar item tuti i Sanzachi confinano col Re di Hongaria ha fato le 
sue cride nium fazi danno su quei dil Ongaro a fato zente et mandera 
ali danni đi Dalmatia come tomano li altri: item quelli di Castel Novo 
lieva la fama larmata đila Signoria vien in coifo e temeno e lul conseia 
il Zeneral vengl e al improvisa havera Castel Novo e za le mure dil Ca- 
stello cascho ma laltro castello stara alquanto. 

— Dil ditto Gondola đi 45 si duol đila galia di S. Cabriel Soranzo 
li homeni smontati su la soa isola di Meleda e fati danno di alquanti 
animali e quelli poveri soi vasalli prega si provedi le galie nostre de 
cetero non fazino danno ala povera grege sua. 

— Di uno amico da Ragusi di 43 ditto di certo frate zonto ozi li 
con el compagno vien đi Hongaria per anđar a Roma disse il Re far la 
mostra zeneral a tuto 11 paexe e haver visto zudega da persone 400 
milia benissimo in hordene di harme e se diceva andavano contra Tur- 
chi et che erra zonto uno messo dil Turcho in Hongaria con ii2 perso* 
ne e il Re el mando subito via: item e venuto uno schiavo dala Porta li 
a Ragusi zudega per dimandar danari a Ragusei et pario a uno mer- 
ehađante fiorentino in šua presentia e disse che ala Porta per spie han- 



Digitized by VjOOQI€ 



192 
J50i. no iateso tutti i Cristiani fanno potentissima armada per mar e tuUi sU- 
no đi mal animo e đicevano recupereriano ogoi danno solo el Capt.® ze- 
neral qaal e valentissimo e di obedlentia granđe: item el ditto schiavo 
disse in botega a piu persone el fiol dil Sig. solicitava al armada đi mar 
mazor per spazarla presto per mandarla a Constantinopoli e vol a ogni 
modo questo anno ussir perho si provedi ad armar presto ec. e il Tur- 
cho crepera per essere di natura meni&comico e se quelli Mothonei fe- 
vano il dover quel zorno vene il socorsso non abandonando le poste e 
poi zorni 4 dava bataia zeneral e lui crepava perche ste mal e have il 
Sig. gram fastidio quando vete il fuogo arder dentro e mando el Bassa 
eunucho a far comandameuto quelli venivano presi fosseno taiati e li 
Coronei si reseno subito e dimando pati e questo fo per non haver bo- 
ni capi e il Sig. havia deliberato larmata andasse di longo a Constanti- 
nopoli ma come vele Ćorom esser per rendersi fe restar larma e quel* 
li Coronei haveano le caxache doro disseno andasse a Napoli che se ren- 
daria ma non habufo la gratia ma per difeto del Castelam che voleva che 
tuti coreseno al socorso con el bastom in man fin lasono le poste vuode 
e Turchi haveno la terrachefo presa per mal govorno. (III, 4043-1046). 

— Da Dulcigno di S. Pietro Nadal Conte et Capit.^ di ultimo ze« 
ner come in quella matina per uno suo amico di Scutari e avisato come 
Ferisbei Sanzacho di Scutari a fato comandamento a tuti sui Timarati e 
altri Turchi e in la provintia che in termine di un mexe soto pena del 
palio debano vegnir a Scutari con vituarie la causa non la potuta saper 
perche la spia ušata e morta za fa zorni x li convien far nova praticha 
di trovar homo fidato e praticho a tal exercitio che stia di continuo a 
Scutari come feva laltro e quel Ferisbei non pensa altro di e note che 
far cossa in danno dila Signoria nostra e ha inteso da quel amico tal 
adunanza e per andar soto Anti vari dove sono presi 4 Antivarani e coh- 
duti ala presentia di Ferisbei e' subito li fece taiar a pezi cosa inconsueta 
la causa di tal crudelta non la potuto intender si sforzera saper ed ad- 
visera. 

— Di S. Andrea Michiel Proveđ.'^ in Albania data a Dulzigno adi 20 
zener scrisse adi 7 per via di Ragusi la adunation di Turchi e paesani 
fata a Scutari quali si disolve e rimasto solum la corte dil Sanzacho con 
alcuni Timarati e si fe gram guardie e adi 14 dito Sanzacho voiando 
experimentar la note: se imboscho a quele coline 200 Turchi ben in 
hordine de cavali e la matina dete fuora e vene fino ale prime sbare 
della terra ussite zercha 300 valenthomeni con li Stratioti e scaramuzo 
un pezo fo mprto un di nostri da freza e uno ferito de Turchi fo morto 



Digitized by VjOOQ IC \ 



193 

un cavalo e feriti moKi da fre7«e tosegade e si parti coa vergogaa bea e I60f. 
vero avanti fosseuo discoperti a uno molin meno via do et taio la testa 
a un vechio : itcni hessendo abanđoua la guardia dila Vajussa per non 
poter star il Capit.^ dll colpho li contro Turchi condusse ala bocha 
certe galie sotil le qual štete tre zorni in terra per non esservi aqua 
bastante e le hano ritorna dentro e non li hessendo obstado le trara 
fuora : item aricorđa il bisogno di Chaurili voria haver qualche homo 
di govorno altro chamarin di Greci e lavole e muniliom e tardando 
quelli dil loco credeno esser abandonati : item d Sig/ Stefano Ducha- 
gin vene da lui che erra in leto amalato dicendo erra venuto un del 
suo paese per nome di Vecchj rechiedendolo ad andar in Alexio dove 
vegneria uno prete per nome dil paese per abocarse con lui e voleva 
licentia per nome dila Signoria altramente non anderia li rlspose che 
Alexio e loco pericoloso rispeto Turchi e meio erra facesse dir a quel 
prete vepisse li a Dulzigno a parlarli e disse cussi faria : item ricevete 
una letera di 16 octubrio dila conGrmation dil Camer|engo in Aiitivari 
con i do scontri e debbi veder le raxom di quella Camera poi partir di 
Syndici e mandarle de qui solo bolla comc sara risanato exeguira il 
tuto ec. 

— Dil ditto ivi dl 4 feurer come V adunaliom di Turchi a Scutari 
fo piu tosto per dubito eha per ofTender el qual Sanzacho scuode da 
i so subditi el charazo a furia non solum el presente ma ii futuro chi 
paga e chi no e alcuni si scusano non aver danari e non poter vender 
le so biave e lui Sanzacho fe far cride per il paese cadaum possi con- 
dur formenti e venderli in le terre nostre e cussi fanno e sta fatoli piu 
comandamenti vadi ala Porta et ultime do Uiachi dito Sanzacho si scu- 
sa esser amalado adi 30 dil passato Turchi cercha 450 cavali corse soto 
Antivari e tornone con vergogna senza danno de nostri : item Antivara- 
ni e venuto da lui accio vadi li et il Pod.^ li scrisse una lettera queli 
esser reduti in extrema necessita da fame voria qualche sovenziom dil 
formento come par per la letera di 26 dil pasato dil Pod.* la qual man- 
doe tamem dordine nostro non dispensi formenti siche e tra laqua e il 
focho andera li e fara Ihonor dila Signoria nostra li soldati fono man- 
dati e fuziti rimasto solo el Conteslabile Marco da Valle el qual si vole- 
va partir la persuaso e fato restar e fatoli dar soventiom e lo lauda as- 
sai: item li soldati mandati e fuziti per non aver le page cusi aria fato 
quelir Slratioti che aspetano Schanderbeco si non li fusse sta provisto 
di biave e spese per il Conte de li siche senza mandar soldati si li ci- 
ladini fosseno sobvcnuli di qualche pocho di formenti o meio basteriu; 

13 



Digitized by VjOOQI€ 



494 
IdOi. item vene uno zentilhomo đilDuchagin per nonie di Veeehj a trovarlo il 
Sig. Stefano oferendosi romper al Turco quando el voleva li đlsse non 
fesse novita aleu&a fino non veniva i Sig." accio a un tempo tuti si 
movano e con queslo torno nel paese diaianda licentia đi repatriar per- 
che de li non achade proved.®'^ (III^ 1047). 

— Da Ragusi di 13 fo leto una letera come uno amico fidel avisa 
di alcuni partidi per ii Turcho per brusar le nostre nave e quella e a 
Puola : item altri Zenoesi spioni mandati in Franza e in Spagna e scrive 
ii modo vano vestiti : item uno bombardier passo da Santi 40 a Corfu e 
visto il tuto ritorno siche non fa il Sig. altro che mandar spioni per tu- 
to quali sonno za passati in Ancona ec. unde fo ordinato ali Proveđ/ al 
arsenal meti guardia ale nave a Santo Ant.'^, e scrivi a Puola: item si 
scrivi di zio in Franza e Spagna. (III, 1053). 

— Adi 26 feurer iu Colegio vene S. Domenego da Mosto q. S. 
Nieolo venuto Conte di Nona con uno mođelo belissimo di Nona et er- 
ra il suo Canzelier e il Cavalier et mostro come Turchi veneno et mira- 
culose que]la terra si varenlo che za Turchi erano montati sopra uno 
monastero di monache: et lui Retor benissimo si porto disse lopiniom 
sua a fortificarlo eh e di cavar atorno per esser quel logo monito per 
uno fiume li vien : danno S. Francesco Bon q. S. Felixe a tempo di Tur- 
chi ec. et che dentro non erra 200 homeni da difender e Turchi ste un 
di prima li de la bataia il venere per homeni 6 poi la matina il sabato 
e fo morto il capo et per questo si parlino e si varento la terra fo lau- 
đato dal Principe dil suo bon portamento et da tuto il Colegio (III, 
4054). 

M^rzo« — Da Žara di Reclori di 26 come adi 24 ricevete no- 
stre di 6 statte assa a venir unde feno comandamento ale do galie an- 
davano al Zonchio dovesseno andar a Sibinicho e cossi andono et poi 
quella note medema ricevete leteie di 20 con la partc di bandizadi qual 
publico il di di fešta: item eri adi 24 zonse S. Marco Ant.® da Canal 
Sopraćomito et rlcevulo nostre zercha il far di homeni per li danarl 
mandati rispondeno haverli za dati ali stipendiati ec: item il Sig. Schan- 
deri)echo zonto li subito parlicome scrisseno: item ricevete li 100 barili 
* di polvcre da novo hanno per uno aviso li scrive uno Zorzi feenchovich 
eh c im Bossina si fa adunamenlo et queslo far di luna col canipo i^si- 
ra per Žara o per Sibinicho. 

— Da poi disnar li Consieri deteno audienlia et Colegio si redusse 
a consultar vene le solto scripte lelere cl io andai a Lio a far la liiostra 
di 200 provisionali con Jacomin di Val Trompia Contestabile qual si 



Digitized by VjOOQI€ 



495 
manđa a Žara et cussi ozi teci la descriptioin et U zoroo ^eguente 1a 4601. 
odostra a đucati 30 per la sua persona 8 caporali et ubI numero đi qw- 
sli e 400 schiopelieri. * 

— Da Žara di Rectori đi 14 feorer come eri zoose li el Sig. Scbaa- 
đerbecho oon S. Ant^ Bon Proveđ.'' it^ip avisa qiie11a čita &tar bi^ di 
peste. 

— Da Sibinicho di S. Vetor Bragadim Conte di xt come par ho* 
meni venuti da Trau che eri al alba cavaU 500 di Turchi corse apre^o 
Trau meno via anime đeli orti dila čita et nostri ne prese alcuoi Turchi 
e alcuni morti e si diče verano su quel territorio di Sibinico per Greba- 
zo e Gavocesta dove e assa anime e animali tapjem lui a provistp ec. 
(III, 1066-1067). 

— Da Spalato di S. Hironimo Baffo Gonte do lettere di 16 feurer 
il sumario dile qudl scrivero qui avanti. . . 

— Da Žara di Rectori come quella terra e sana supUcha sia leva 
il bando perdie piu non e alcun pericolo. (III, 4069). 

— Da Žara di Rectori di 42 come enra venuto li uoo fra Franc.« 
di ObservafitiarVicario đi queUa proviotia di Dalmatia et a predichato 
prononciato e coneesso per nome dil Papa el jubileo e indulgentia (de- 
naria a que11i visiterano la Ghiesa di S. Franc.^ e porgerano elemosina 
et a preparađo in ditta chiesia una eassa in la qual se hara a poner 
đentro la etemosina le chiave sonno apresso di Ifaoro frati per ta^to 
avisa. 

— Deli đitti di 22 come per uno suo explorator parti đi Bossina 
e zorni 44 anđo soto specie di recuperar la moier e fioH diče a visto 
Schander Bassa e inteso aver comandamento luttt stagino preparadi e 
bon n.^' dt zente si a cavalo come a piedi et che per la via di una moier 
di Polo Geletich fo sabdito đi Novegradi che sponte andp con la fameia 
ad habitar in Bossina a inteso passa qu(3sto mexe Turchi sopno p^r 
corer in que}le parte et per Laurana e Nona e suo marido dia esser el 
dutor per saper il paexe e sa dil borgo đi Laurana e si non fusse sta la 
nave za siariano venuti e passado questa luna verano : iiem ha inteso 
non essendo impediti đi Hongari Schander vien con artilarle ala toreta 
e borgo di Laurana e aitri diče a Nona : ihoro Rectori fanno provisiom 
ec: item come apresso ditto Scbaoder e uno Lucha Zugli đe Ghraschia- 
ne fo preso con la moier e fam^a el Bassa la grato per $aper ogni loco 
et e homo esperto et e zorni x parti di Bossina con el ferrp al collo a 
modo di prexom fugiđo per Hongarla poi va in Friul per esplax*ar perho 
si provedi e homo dil Gonta di Laurana basso canuto di anni 65 l)pr- 



Digitized by VjOOQI€ 



196 
4501. bosso: item si diče el Ducha Zuatn Corvino si aspeta con pcrsonc da 
pie et a cavalo a guelli confini di Žara si diče voler corer su quel di 
Turchi: item essi Rectori fonno richiesti dal Banovaz di Tenina vol far 
preparar li Stratioti a ogni richiesta sua cavalchi con Iboro a danni di 
Turchi et manda le letere li hanno risposto non poter far questo senza 
licentia dila Signoria nostra tamem li fano star in ordinc la letera dii 
Bam Juam Simonovich Banovaz de Corbavia data a Tenina il mercore 
primo avanti carneval e ricevuto adi 20 la manssiom diče altissimi et 
potenti meser lo Conte e meser lo Capit^ avisa voler far una coraria in 
le parte di Turchi vol li Stratioti ec: etiam đitto Bam scrive a dno Zuam 
Detrico citadin de Žara in tal materia sopra ]a fede cristiana promete che 
a nium Stratioto faria mal et ha nove Ihoste di Turchi esser venuta a 
Bistrisa avisa dii zonzer dil Sig. Ducha Corvino. 

— Di S. Zuam Diedo Provedador in Dalmatia Zeneral dalo a Žara 
adi 23 come adi 1 9 scrisse dil porto de Veruda a penato assa per venti 
contrarj a venir li non ha perso horra et ozi a hore 22 erra zonto li 
dali Rectori acepta honoritice e dali citađini e tutta la terra come fus- 
se el Messia et hanno hauto gram contento e havendo inteso Sifoinicho 
trepidar consultato con H Rectori va 11 e da matina si parte fara la via 
di Laurana e vedera quella cisterna fara venir li Stratioti di Žara con 
lui e vedera chi serve bene e fara li la moslra : item a parlato col mai- 
stro fa la cisterna vol per compirla e far il pozal 3000 quadreli boni et 
4 miera di oio di lino per tanto se li mandi. (III, 4073-1074). 

— Da Gataro di S. Zuam Paulo Gradenigo Rector e Provede di xi 
feurer come aviso dil hoste si adunava di Turchi et veneno fra Pastro« 
vichj e Antivari li roando certi gripeti or ditti Turchi adi 30 di zener a 
mezo zorno corseno soto Antivari preseno 4 Antivarani et uno fo morto 
e in quel zorno zonse U ditti gripeti a Santa Maria di Rotazo loco ala 
marina e da certe bombardele i nimici scntirono li erra venuto socorsso 
et si levono via: item adi 31 vene li a Gataro uno messo di Pastro vichj 
ređuti in uno loco nominato San Stefano dove e assa fameie dicendo tra 
Ihoro erano in /;ustiom unde statim li mando Nicolo Sagona scrivam 
dila Gamera com sue letere e alcuni Martalosi che mia 40 lontano con 
comissiom trovi li gripi armati e li meni con lui el qual ando et a dato 
il tutto: item risona larmala nostra viem in quel colfo e quelli di Castel 
Novo e avisati da Ragusei e da uno di nostri soldati erra in Antivari 
che fuzite a Ragusei poi ando li a Gastel No vo e ii afirmo questo siche 
so uno im paura hanno mandate im Bossina e servia per socorsso: etiam 
a Ferisbei Sanzacho di Scutari siche da ogni banda si fara adunatiom 



Digitized by VjOOQI€ 



*97 

esao Proved.^ a richiesto a chi vol tacer li provedi nuUa ha auto tameni 1504. 
stara provisto ec. : item li formenti đe li sono moatati e solum in la ter- 
ra fata la descriptioin slera 1^00 inegli 350 in inan dl merck^danti e 
nella tarra e Conta sonao da 14 milia anime siche meglio saria iion fus- 
se sta leva la trata di Trani dimanda biscoti monitioin e danari per 
larmar dila fusla e li đocati 400 mai li*fo mandati': item li Stratioti lo 
stimulo đile sue page moreno da fame e manda S.'Antonio Venier Cba- 
merlengo de li qaal lauda assai 6no in Pastrovichj per aconear meio le 
diferentie tra Ihoro: item non se li provedendo di danari convera dar 
licentia a Martinello di Ludia governador di queUe fantarie qual auto 
una paga in 16 mexi: item dno Zorzi Bocali solieita la licentia. 

— Dil ditto di 13 come vene uno dil Conta a dirli erra sorto so- 
pra quel di Castel Nuovo cargo: unde m li mando la fusta armata 
et quello navilio prese e li Turchi trazevano le ariilarie et nostri li taio 
lo cavo lasso 11 ferro per occhio e meno vla el navilio sul qual e stara 
200 di orzo et fo libacto in quela nocte et e di portata di stara 500 el 
patrom e Raguseo qudl ctiam fu preso nel suo batello et uno marinari 
quali venivano di Gastel Nuovo siche Ragusei da ogni socorsso per terra 
e per mar ali predili Turchi : item nostri etiam preseno 80 animali 
menudi : item hanno nova di Levante il Zeneral esser anda in colfo dil 
Arta sachizato Santa Maura prese le galie ec. conclude venendo de U 
la nostra armata prenderia Gastel Nuovo. 

— Da Spalato di S. Hironimo Bafib Conte di 16 venuto laltro eri 
come Turchi in quelli di corseno a Trau corevano li verso la terra et Spa- 
latini avtdi di vadagno corseoo fuori lui insciente et per farli ritornar 
dentro corse fuori e 11 fe ridur in la terra con manaze e bastonate scrive 
non aver soldati si non pochtssimi et Gasparo Ardito Gontestabile con 
page iOO e nela sua factiom Sehiavona et e nasuto li voria in^loco suo 
solum 40 page italiane lauda Nansibem di Ravena laltro Conlestabele 
sol aver page 60 li bastera 40 e rinovar la compagoia. (111,1078-1079). 

— Da Ciu*zola di S. Alvixe Balbi Conte di 1 6 manda una letera 
abuta da Ragusi di 15 di Man^o da Rezo Canzelier dila Comunita et co- 
me a dafo aviso ale terre di Dalmatia. (III, 4080). 

— Di S. Zuam Diedo Proved/ zeneral in Dalmatia dale a Sibini« 
eho adi S4 come parti di Žara aado a Laurana la matina fo quel di 
examino la forteza indichava fusse piu forte el borgo e debile a fato 
quel riparo si pol perche ii tempo non serve e in la terra eascho lu 
muraia e fato uno riparo de gradizi la fato smaltar per dubito di focho: 
e a ordina sia taia uno arzere e sia fato uno fosso si conzonza con le 



Digitized by VjOOQIČ 



d9» 
1501. allre fosse quel arzere erra scala ali niinici e con pocha artilaria si aria 
prešo posto or<ltne a compir la cisterna lauđa 8. Jao.^^ Manotesso Pro- 
vede de li che molio si opera et diie ze»te non pole far la mostra ne li 
StraUoii perche senti trar ceKi colpi đubito non fugse Turchi spazo ca- 
va^ri et monto a cavalo e sconli'o li cavalari e li đisse đitti trati esser 
p^r fer fešta đi una Madona DoraUiea che chavaichava or zontoal passo 
dove si tragefa troto S. Velor Bragadim Conte di Sibiaicho oon li čita- 
dini venutoli contr^ e lo recevete ^con gram iubilo cantando el Tedeam 
liaođamus stato poi col Rector qiial lauda dile provisiom fate li vene a 
caxa zereha 20 «i(adiai di primi e li fe una longa oration ringraciando 
la SignoHa đi averlo manđato perche prima si Turehi fusseno venuti li 
a campo non sprava socorso di Zana Trau et Spalato hora si li rispose 
eira venuto per aiutarii et non li mancheria e^.: item trovo certe barehe 
di Cherso Arbe e Pago con spesa qual la licenliate el Sig. Schandarbe- 
eho con li arsilj non capito li et quelle potesse haver di galie le refe- 
neria: item il Prored/ va al Zionchto S. Marco Loredam capito li con li 
arsilj ctiarii la licetitiato a dato la paga e fato la mostra ali stipeiidiati 
et di 40 page dia esser in castello non e :^5 e sonno vecdij e puti che 
hano gracia di statvi e fanno far le gaardie ad altri per Itioro : item 
Polo di Gandino Gonfestabele a page da guazo basteria fusseno provi- 
sionati et la compagnia e in gran calamita manda una letera abuta dal 
Proved.'^ e Castelam di Laurana il sumario dila qual sara qui soto scrita. 
-^ Da Laurana di S. Jac.® Manolesso Proveđ/ e S. Alvixe Sagređo 
Caistetam al Provede di Dalmatia di 24 come in quella n^tina erra ve- 
nuto li nno Lanlilago Rucich maodato da Cosule a dirii el ducha Char- 
z<^o dovea venir a Tenina e restato perche el Banovaz deJayza li a visa 
Tn^chi im Bo&sina esser adunati per corer in questi zorni o a Sibinicho 
^ Žara et il Ducha ei mandate secrete a far saper a tutti soi subditi 
stiano preparati come Tnrcht skino calati vol ađ ogni modo ess^ ale 
»dan con Ihoro si diee šarano cavati 1000 pedoni 2000 el qaal Cosule 
diče el ducha vol dala SignoHa tutti li cavali di Dalmatia e adunarli in- 
sieme: item di Banovaz di Tenina Marcincho e in ferri im prexom dil 
Ducha e laltro suo fradeio a Tenin^i molio di mala voia e non fa le ma- 
tierie e non minaza piu questo Gontado come el solleva: item a dato 
principio ali tevori e poi sorita a inteso el cavsđo di esso Proved."^ esser 
asgorfeado ec* 

— Dil dllto Proved.^ di Dalmalia data a Sibinicho aldi 27 chome 
era vennto li uno Orator di Trau a dirli ec. li a da barili 50 đili 200. 
fono mandati ^^n la fnsta đi Veia et a serito al conte đi Uesna e Braza 



Digitized by VjOOQI€ 



199 
fazi una descriptiom di liomeni da fati per socorer Trau al bisogno e 4501. 
ne a scrito una altra ali diii che quanđo šarano rictuesti dal Retor di 
Trap U mandi soeorsso qual non si opera si non al bisogno : item per 
varie vie ha infceso la preparaiiopi di Scb^nđer Bas$a per Daluiatia du- 
bita di Laurana e Nona e non dile terre grosse per bataia di mar unde 
a raaud^io uno caporal di Hironimo Tarlaro a Laurana con provisionati 
25 e dito Gontestabele lo mando a Nona e perche Bernardini da Ligna- 
go e i^ Z^ra amalalo homo scandaloso a scrito alli Rectpri che la sua 
compagaia stagi soto đitto IJironimo Tariaro e zonti šarano li bombar- 
dieri mai;idino uno a N(;»Bd laUro a Laurana : item aricorda Spalato Trau 
e SS)iniichovoria 4 00' provisionati par loco: item a examina le torre 
đil porto qual e fortissimo per via di terra ne per bataia di mar e da 
dubitar et x ia 4 2 homeni per una le varderi^ da ogni exercito e pono 
e$ser soeorsse diia terra ne a da dubitar non ge hessenđo armađa a 
scrito a Žara li mandi do jbaoditi venitiani sono de li zoe uno per una 
con X over 42 compagni diče ditte ter,re e situate in uno grebano al- 
tissimo Ipntam đila terra un mio : item a Sibioicho una porta dibilissi- 
ma a or^ina sla murata et posto bordine ale provisiom a visto il castelo 
qual e bello e forte hen fornito di munitiom e ogni altra cossa excepto 
dl homeni laiida il Gastdam e li : item aricorda in Dalmatia non e 
nium Contestabile homo da capo Zanon da Colorno saria optimp qual sta 
in munitiom a Lignago per tanto prega la Signoria le provisiom si ha a 
far si fazi presto. (III, 4084-4082). 

— Đa Žara di Rectori di primo hano nove di Cosule e di Madona 
Dorathea le preparatiom fa Sehander Bassa in Bosina : item Ihoro hano 
retenuto U la galia Sopracomito S. Marco Ant.^ da Canal e manda una 
letera abuta di S. Zuam Diedo Proved/ 

— Dili ditti di do come per tutto risona Turehi voleno venir in 
quelle parie e capito li 4 galie grosae vien a disarmar mal conditionate 
su le qual ne muor da 4 al zorno e tutti sonno amalati li banno fato cq- 
mandsunanto ali patroni vadino a Sibinicho cussi richiesti da S. Zuam 
Diedo Provedador zeneral per sue lelere. 

— Da Spalato di S, Hironirno Baffb Proved.** di 48 come a ordina 
niun npn vadi piu fuora dlmanda soldati italiani a monitiom il Conte 
Zorzi di Graina subdito dil Sig. Turcho voria salvo conduto e inimicb 
dilla Signoria m&tra aspeta ordine: item e capi ta U alcuni frati obserr 
vanti uno di S. Franc.** nominato fra Francesco Suriano nepote fo di 
Domenico di Piero a fato publichar una bojla dil Papa a štampa đe 
iodalgentia plenaria insiuo ale Penlecoste e vol acumular danari da 



Digitizedby VjOOQI€ ^^ 



200 

4501. esser laandali ala Sedia Apostolicha non li ha parsfso lassar far sen^a 
ordine nostro: ilcm diibita di morbo ec. 

— Dil dilto di 25 come a ricevuto 4 page per li fanli e li tanti si 
buta via lauda qiiel1o disse S. Lunardo Grimani Savio a terra ferma di- 
mandando danari per soldati fanti erano perssi. 

— Dil dilto di 26 come sente i do Sanzachi di Bossina sonno per 
venir in quelle pafte in qiiella Camera non e un solđo: item la forteza 
di Narenta saria meio ruinarla ha 50 Stratioti non serve con 20 dno 
Nicolo Bochali capo diče e Arcundes Megalo : item si fa spexa ale porte 
di da Contestabili Znam da Terzago et Jac.<^ da Napoli con 50 fanti 
basteria x per uno dimanda biscoti 50 arehibusi partesanc e spađe e 
ducati 200 et uno muraro faria el bastiom di Narenta di piere andando 
de li qiialche galia vien a disarmar: item scrive di quel Mariano di Po- 
liza tornato dil Sanzaciio non sa quello habi a far manda una letera li 
scrive Znane Mussuro castelan di Almissa di 16 come a aviso dila adu- 
nanza di Turchi qua]li dieno veiiir al borgo di Spalato. 

— Da Sibinicho di S. Vetor Bragadim Conte e Capit.«' di 26 lauda 
e ringracia dil Proved/ Dieđo mandato diče mai have paura ma aricor- 
da le provisiom di danari dila Camera et qnelli dia andar in la spexa 
di Castel Novo non e sta tochati mai si tien con do chiave una il Ca- 
merlengo 1' altra lui : item dila camera non si a pagato lui ni oficiali 
ancora et scrive di daciari qualli per la peste fonno ruinati ec. (III, 
4084-1085). 

— Di Arbe di S. Alexandro Contarini Conte come mando a di- 
mandar al Conte Anzolo di Frangipani li 100 homeni promessi di me- 
ter su la galia Loredana el li risponde per sue lelere qual mando de 
qui laulenlicha e conlento ec. (III, 1087). 

— Da Nona di S. Sabasliam Dolfim Conte di 1 6 feurer come dili 
provisionati di Bonturella da Bassam dia esser 108 e solum 51 e il Conta 
fa 200 homeni solum da fati et li e uno solo bombardier ne voria es- 
ser 6 : item a fato 4 gabioni di laole e travi in alcuni lochi piu suspeti 
e debeli afatto far di novo do porte a consuma Agudi aricorda si seri vi 
ale ixole zoe Chersso Ossero Arbe et Pago bisognando dagi soccorso a 
quella terra: item Bonturella da Bassam Contestabile di 16 da Nona 
scrive ala Signoria come e 4 mexi e li aulo solum duc. 27 in contadi e 
vino e biscoto ducato uno siche sono partidi alcuni compagni il Conte 
fa fortifichar im piu lochi le mura : item li Reclori di Žara di 12 lauda 
esso Contestabele Bonturella. (III, 1095). 

— Da Raspo di S. Olivier Contarini Capit.® di 7 manda cerli avisi 



Digitized by VjOOQI€ 



201 
di Turchi abuti dal Confe Bernarđim di Frangipani tit supra. (III, 4504. 
1097). 

— Fu posto per lulti scriver a S. Zuam Dieđo Proveđ.' zeneral ia 
Đalmatia in risposta di sac laudarlo e zercha a1 Đucha Znam Corvino 
remetemo in lui consulti col Conte Zarcho zercha dar li li nostri cavali 
sonno in Đalmatia : item dil mandar Jacomin di Val Tronpia con provi- 
sionati 200 li poni dove li par : item S. Hironimo Querini insieme con- 
sulti a ponerlo a Trau o Sibinicho dove piu bisogno. 

— Item per Colegio fo scrito a Žara et altrove zercha li frati son- 
no li dila cruciata non la lassino scuoder fino non hara allro nostro 
mandato : item al Conte di Sibinicho che il veluđo fu dato al Conte 
Zarcho per donar al Bam di Tenina havendo inteso ditto Bam esser re* 
tenuto debi suspender il presente : item fo manda al Proved.^ Diedo 

. uno aviso abuto di Raspo di Turchi. (III, 1098). 

— Vene el Bam di Belgrado stato a Roma e toma in Hongaria 
qual erra alozato a san Bortolomio al Lion biancho fossemo mandati 
nuij 4 Savij ai ordeni per la Signoria a condurlo : et il Principe li uso 
bone parole lui ringracio di honori si oferse disse havia auto assa vito- 
rie contra Turchi e voleva haverne dile altre e pocho lontam di Smeđro 
locho di Turchi poi tolse licentia si parti ozi per Mestre : li fo pagato 
Ihostaria et donato uno presente di ducali 25. 

— > Da Trau di S. Piero Malipiero Conte di 21 longamente narra la 
incursiom fata per Turchi su quel Conta si scusa non haver manchato per 
Ini danna li citadini Cijpichi de li et in cativita fo menate anime 274 
đe li et horra sonno restati a far le vardie zoe pagando li zenthilomenl 
F. 100 al mexe al veseo vo F. 62 et li populari F. 100 lui si offerse pra- 
star li danari e amalato ec. (III, 1104). 

— Da Ragusi dil Gondola đi 19 corae Caslel Nuovo stamal una 
parte dile mure e caschate : item merchadanti venuti di Servia dicono 
il Turcho haver fato pače per anni 7 con .... (III, 1106). 

— Da Veia di S. Piero Malipiero Proved.' di 22 feurer come adi 
17 zonse li S. Marco Ant.** Contarini Sopracomito mal in horđine di 
zurme non haveva homeni 35 da remo e sta meraveia habi passa il 
Quamer e stato zorni 9 in Veruda per bnora et volenđo homeni de li 
quelli si lamenla veno dicendo haver arma la fusta patrona S. Marco 
Zimalarcha dila qual il Capit.^ dil colfo tolse homeni 21 per interzar la 
sua galia e fo mal fato et ali homeni quando larmo li dette solum duc. 13 
dne. 10 per uno et e stato mesi 7 et quelli dil isola voleano partirssi e 
andar abitar sotto i Frangipani e con dificulta trovcra homeni 60 e che 



Digitized by VjOOQI€ 



204 
idOi. prepara anđar ifi tre lochi versso Scatari la Morea et li li aspetaaa 
quelli e impauriti e mezi disperali e sta dipredadi hanao luaadato dal 
Zeneral loi a dato principio aniicarsi li vicini Timarati e za comenzano 
portar vituarie vol aver trieva o pače con i Andronici che li primi e 
piu potenti vicini: ilem ozi venuto li Turchi 200 nieno via do dila terra 
e assa animali li e S. Andrea Bomdimier amalato febre peslilentia S. 
Alvise Dolflm ozi e morto li fe linlra adi 22 vol danari ec. (III, 1129). 

— Da Ragusi di S. Hironimo Zorzi di 5 come erra zonto li uno 
Dimitri greco parte da Costanlinopoli zorni 5 poi S. Franc.<* da Ponte 
referisce il SigJ haver fato far cride talti chi vol fuste et galie per an- 
dstf* in corso vengi li ge 1e darano et sonno capi Camalli richi e Rais et 
esser ussito di Constantinopoli per Galipoli da velle 20 et diče šarano 
velle 40 voleno andar ve sso Cipro e atendeno ale galie di viazi dicendo 
sonno molto riche conclude il Sig."^ non e per far altra armada questo 
anno che questa per mandar in corsso : iteni scrive cliome Ragusei a 
tolto il partido a nostri con soe nave e charavelle li e assa sp'ecie piper 
zenzeri ec. e vien per colfo ogni di contrabandi di panni per fiorentini 
mandati e sopra di zio scrive difuso. (III, 1139). 

— Di S. Znam Diedo Proved/ zeneral in Dalmatia date a Traii 
adi 3 maržo come a Sibinicho adi 28 fe la mostra al Conte Xarco et le 
fiđelissime parole ušate per đitto Conte nel cassar dila compagnia e non 
vardasse a lui e li refudo 16 cavali et 6 homeni per esser zoveni e adi 
primo parti e vene li a Trau fo aceta honorifice fe la mostra alli Conte- 
stabeli quale mal in hordine voria si rinovasse queHi soldati e la terra 
e mal munifa de homeni ma ben situato il Castelo e bon e vi lie boni 
fanti dentro per page da guaze ma e poche ariilarie: ilem fece la mo- 
stra a Dimitri Rali capo di Stratioti qual c ben in hordine de cavali e de 
homeni et e stato amalato fin hora con mal franzoso hora vol cavalchar 
e ultimate fo ale man con Turchi e vadagno 13 cavali lauda S Polb 
Malipiero Conte de li di cuor et spirito ec. 

— Dil ditto di 7 date a Spalato come erra venulo li a visto la ter- 
ra qual fo palazo alias fabrichato da Diocletiano e terra debelissima ma 
ben populada e la terra e piena come un ovo il borgo e grande case 
700 e piu ma e una bastia ala terra a visto uno locho principiato per 
S. Hironimo Baffo Conte de li ale marine qual lo lauda a falto la mostra 
ali Contestabeli Nasinben da Ra vena homo vechio di anni 70 e la com- 
pagnia tutta e dl quelli dila terra a hauto 4 page laltro e Gasparo Ardi- 
to fiol fo di Jac.<> a levato de li e a tutti paesani siche a tenir ditti 
fanti si butta via li danari e pur hauto le 4 page e a ritrova in la 



Digitized by VjOOQI€ 



ao5 

compagnia becibari fabrl e calzolarl et chi li da una pagtt non haoao 150f . 
voluto aricorda se rinovi qaele coinpagiiie: item ala porta q do CoMte- 
stabeli Zuam da Terzago e Jac.^ di Napoli con fanti 25 per uno la ma- 
zor parte paesani e benche ogni tre mexi vaao parte Aliniftsa e tre me- 
si : item questa note vene fama ohe Turchi erano propinqai lai si levo 
e ando ala piaza e ala porta e vene con lui solam 4 scalzi: item a fato 
la mostra a Micolo Bochali capo di Stratioti qual e ben a cavalo e homo* 
saputo e a bona compagnia: item a honorato assai e carezato iusta li 
mandati el Conte Zuanne di Poliza e molti altri zentilhomeni e patri- 
moniali Polizani venuti li a trovarlo et U a acorđati insieme quaU di- 
mandavano fusse provisto al viver Iboro per la sua provisione 11 ha đa- 
to bone parole. 

— Dil ditto Proved/ date a Trau adi x come erra tornato de ii e 
a vlsto le fabriche domandera a veder Castel Zoilo e certi molini poi 
al Castelo fa far quel Episcopo: item el Conte Mariano dl Poliza qoal 
ando in Tarchia et 11 Conte Zuane di Poliza aricordava fusse atosigato 
ma 11 Conte Karcho li affermo esser andato da Turchi come đisperato 
6t che erra fidel dila Signoria uude esso Proved/ li ha provisto chel 
scriva uno suo fradello per una paga a Spalato e uno suo nepote in 
quelle compagnie e a scrito a quel Conte cussi fazi e a dito Conte Ma* 
riano li dagi duchati 4 di provisione e restato cont nto : item per una 
nostra guardia di monti fe signali che Turchi venivano unde tulta quel- 
la terra erra in arme lui Proved/ ando ala porta e li citadini drio ma 
in la terra e pochi homeni imo malissimo fornita: item aricorda li Stra- 
tioti de li e assa mexi non hanno auto danari. (III, 4150). 

— Di Cataro di S. Zuam Paulo Gradenigo Retor e Proved.'^ di S8 
fevrer di praticbe tratate con li convicini et esser voće il Capit.^ zene- 
ral vien li in colfo et Andrea di Viviam patrom di nave la firmate unde 
praticho con el Conte di Castel Nuovo Risano e parte dila Bossina e li 
a conduti siche venendo qualche galia o nave li in colfo li ha jurato 
fidelta e a tirati piu di 400 con nui qualli hanno promesso dar il for- 
ZO di Turchi con la moier et fioli nelle man nostre per esser pochi 
Turchi nel paese et manda la nome con li Conti a pratichato ali qual 
fa gram careze e a scrito al Zeneral li manda qualche galia et do 
nave: item per soi exploratori mandati in Bossina ha come Hungari e 
stati versso el Đanubio alle mam con alcuni Sanzachi e Hungari au- 
to* una gram streta et morti assai unde sonno rimasti dacordo col Turco 
per anui 7 di far trleva e il Sanzacho vol andar verso Castel Novo : item ^ 
li in Cataro c biave per zorni 12 in 45 al piu unde fe adunar 40 čita- 



Digitizedby VjOOQI€ — 



ao6 

4504. dim e vabe tortti đisnasse con lui e li persuase a proveder a que&U> e 
cbe desseno danaii da mandar a tuor formenti per il bisogno đella ter- 
ra e cussi eontoitono e maodono uno patrom di caravella in Pula a 
tuorne et spera ttiam per Albania si bavera e lui impegno U soi argeati 
per prestar danari da ooioiprar ditti formeati: item quelli faati voriano 
đanari e lai non ba di darli e Martinello da Lucha Capit.^' noa pol star 
pio cossl: item li Pastrovidij lo fa star in affanno: item de 11 e zonto il 
jubileo ma non come recbiedevano: item li Pressidenti e capi dil Duca- 
to di Bossioa propinquo Castel Novo Risano e Gataro infra terra do zor- 
nate di camin nominati G>nti e Vayvodi n.<> 16 videlicet cavali 265 pe- 
đoni 4850. 

— Da Ragusi di x di S. Hironimo Zorzi come per do barchete ve- 
^ Dute da-Duizigno a Nona in Alesio esser diamonta ilSig. Scanderbecho 

dove ligato quelli Atmadari dil Sig. Turcbo ebbe la terra e a corso tutto 
qad brazo e tulta lAlbania e rivolta e a gram fame e tultl desidera ii$- 
sii? dile mamđi cani e si per Ongaro sara fato tutta lAlbania si ara: 
item da Constantinopoli altro non he quel nevodo dil Garamam fa gueN 
ra su la Natolia ec. nota ditto aviso si bave per letere di S. Gostantin 
Zorzi so fradello. 

— Da Spalato di S. Hironimo Bafib Gon te di 14 come a aviso Tur- 
chi dieno corer de li e fama esser fato trieva tra il Turco e il Re di 
Hongaria et el Proved/ S. Zuam Diedo e stato de 11. 

— • Dil ditto di XV oome i Gonti di Clissa li mando a dimandar 
Siratioti voleva operarli col ducha- Zuam Gorvino qual erra arivato a 
Getina mia 25 de li ben in bordine de cavali 700 et pedoni 500 vol far 
una cbavalcbata nel paexe dil Turcbo li a risposto non poterli dar 
Siratioti senza bordine dila Signoria: item scrive non vol piu de li Ga- 
sparo Ardito. 

— Dil ditto di 18 come a ricevuto le monitiom per il bastiom di 
Narenta qual le mando ma avisa ditto bastiom ruina ma non auto li da- 
nari per li provisioni^ et a ricevuto barili 50 polvere. 

— Dil ditto di 19 come in esecutiom di nostre letere a fato al So- 
racomito electo de 11 comandamento vengi a tuor la sua galia qual e 
nominato Zuam Picinicb zentilbomo de li portador dile presente. 

— Dil ditto di 19 come bavia fato intender a quelli di Poliza la 
Signoria ac^era li Iboro Oratori e crede sara il Gonte Zuane per li Po- 
lirani zentilhomeni et per li patrimoniali Dno Matbeos servitori tuUi 

^ do dila Signofia nostra: item el sal doveva venir di Gorfu non e ancor 
zonto e zercba il fabricbar il Gaslello di Vcscovo non trova di so beni 



Digitized by VjOOQI€ 



307 
siche va compiehdo mdd d puol: item esser uDa isdla de U đitta Lau- 4501. 
raniza apresso Salona qual ha uao Athanašio hri)iCa a Glh$a etasb(N*$a 
alo Episcopo de li ducati 80 e tien diUa hola e contento hav^ e 
lisola li đanari: item li e sta manđa uoo bombarđier iiiutile Uomisato 
Aiit.<> Feraguso: item scrive zercha il far le vardie. 

— Đil ditto di 19 come ha nova nostri adi 16 andono nel paexd 
đi Miisch erra dil ducha Stefano e fono roti e taiati a pezi da Turchi e 
nostri erano ben ^00 ćaVali con i Vićebani et ne maadia piu dl 600 
quali erano andati per dipredar ge fo toito il passo de Turchi e come 
nostri veteno haver persso il passo se messeno in fuga e i nimid erano 
da cavali 300 tra Turchi e paeicani e peđoni 1000 ma solum i cavali 
rupe li nostri con li qual erra la compagnia dtl Bochali điia qual ne 
sta morti da 44 di 26 erano ma de li Stratioti di Trau n^m sa il nP 
mancha et avisa quella terra sentito tal nova si messeno a planzer ee. 

— Da Žara đi S. Piero Sagredo Conte eS. Fratie." Contarini Capit.«^ 
di 1 2 come eri zonse de li Jacomim di Val Trompia con provisionatl 
200 tra schiopetieri il Provod."^ erra a Trau e Ihoro li feiio la mostra et 
ebbeno il gropo e deteli la 3.» paga et mandono 100 a Nona 50 a Lau- 
rana et il Contestabile con 60 resto de li : item non hanho danari li 
altri soldati li đimandano da novo hanno Turchi esser ađunati im Bos- 
sina ma non ancora ulossi e 11 ducha Zuam Corviiio a mandato aie par- 
te superior di Tenina cavali 800 a correr a danni di Tur<5hi im Bossina 
in Verbosana. 

— Di đitti Reclori di iS mandono una letera s^tita đi uno Ste6i« 
no Martinusovich li aviza le zente dil Ducha Zuam Corvino cavali 800 
pretcndono di^ corer a danni di Turchi im Verf)0Š8ma verso uno loco 
ditto Imota termine di uno castello ditto Moštachi ali confltii di Bossifia 
et Visrbosana et za se comenzano aviar. 

— Da Veia đi S. Piero Malipiero Conte đi 14 dome de li uno fra 
Silvestro da Catiaro a publica il jubileo e cirmiiata: item iti queli zorni 
avisa esser andato a Fiume una naveta con spećie per piu di đudisfti 12 
milia et altre merchadantie il forzo piper la =qual ebbfe la caza dala ga- 
lia Loredana đi S. Lorenzo tamem anđo salva ^ Fiume et ogni đi ne va li 
et a Segna molti navilj : item avisa dila eletiom đil Sopracomito S. Ant.® 
de Zorzino qual vera e armera presto ficet queli non volevano per aver 
arma la fusta da homeni ale galie ec. 

— Da Cao đlstria di S. Piero Querini Pođ> et Capitano di 13 dil 
jubileo e cruciata publichata de li et con tre chiave si tegnira li danari 
aspela lhordin6. 



Digitized by VjOOQI€ 



SOB 
4501. — Đil đitlo đi 23 come le chia?e e sta posto in man dl đo ci- 

tađiai e dii zonzer U S. Hironimo da eha da Pexaro pagador al arma- 
mento per haver homeni adi 46 a scrito ali Rectori del Hlslria e man- 
da a pratichar io Cragna e Croatia đi averne e fin qui a scrito homeni 
37 di qaal e zercha »il n.^ di banditi e parte liberi e solum 6 đi Cao 
đi Istria. (III, 4462-4453). 

-^ Da Sibinieho di S. Vetor Bragadim Conte di 4 come si aspeta 
Turchi vengi de li a đanni Ihoro et S. Marco Ant.^ da Ganal Sopraco- 
mito adi 2 zoDse ii qual lo tegnira qualche zorno li mancha 40 homeni 
et per lui rieevete nostre letere di tre đil passato zercha debbi scuoder 
dali đaciari di molini ec. cusi exegoira. (III, 4453). 

— Di Arbe đi S. Gabriel Moro Orator di 15 avisa la sua navega- 
tiom et il zoazer li sa la galia Soracomito S. Lorenzo Loredam qual 
lauđa assai a scrito al Conte Anzolo di Frangipani li manđi li homeni 
promessi ma đitti homeni non e preparati: item come quelli di Arbe 
elexeao per Sopracomito S. Hironimo Camota ma đubita non si potra 
armar una galia de li perche quelli đil isola non voleno đicenđo non 
poter. 

— Đe Antivari di S. Andrea Michiel Proved.'' in Albania di 3 mar- 
žo come per messi vene de li da Dulzigno e trovo quella terra piena đi 
confusiom cađaum vol esser Podosta et ne son di quelli stanno 8 đi 
non manza pam et per questo di stera 4000 formento li sovegnira et 
ha electo 4 đil suo Conseio li dcstribuira e ii Pođ.^ S. Piero Tiepolo non 
vol obedir letere đila Signoria che vol lui Pi^oved.'" veda li Conti el 
qael Pođ.^ intacho el đazio đil oio ec. scrive đe li 4 Antivarani sono 
presi da Turchi e taiatoli la testa quali hessenđo nel paexe đil Du- 
chagim per portar le teste al Sig. 5 Turchi sono morti et toltoli đite te- 
ste et essi subditi con molti đil paexe si ređuseno a Chaurili per se- 
gurta: item a Scutari si muor di peste e il Sanzacho si ha fato pre- 
parar le stanzie a Potgoriza: item scrive đi certi messi mandati ala 
Porta da S. Valerio Marzelo ec: item manđa certa scritura fata nel 
Conseio đi Antivarani quali proteste se li provoda fato adi 26 feurer 
sotto scripto da 4. Marco Bataia jurato judice Piero Bazam idem Ma- 
rim Boris idem et Jnmo Brizi idem. (III, 445?). 

— Da Žara di Rectori đi 48 et 20 et per questa ultima manđa- 
no una depositiom di uno nontio di Cosule li. nara la rota dimandano 
Stratioti e li provisionati e soldati e 11 voleno danari đubita ali biso- 
gni non si hara partendossi e per jornata ne vano fugendo inteso il 
Proved.'' non haver porta danari di darli : item manđa una lelera abu- 



Digitized by VjOOQI€ 



209 

ta da S. Alvixe Sagređo Gastelam a Laurana đi 20 li avisa come eri 1504. 
mando soi messi versso Ostroviza per saper dila rota qiia1i andono 
fino a Tenina e che a Ostroviza trovo Cosule tornato li U đi^se erra sta 
roto da Turchi e inancha de cavali e homent 400 di 700 cbe erano et 
mancha molti di nostri Stralioti e sopra tatto diče esser sta morii tntti 
li Hongari e da pocha zente non da cavali 200 di Turchi et e seguito 
per mal govorno et e fuzito do Vicebani e tutti li cai zoe nobel homeni 
~excepto Martim Budievich qual fu preso: et Cosule a morto el yayvo- 
diza Capit.<> di Turchi ali tolto un bel cavalo e una scufia dora e questa 
coraria erra sta fata apresso Narenta a un locho si chiama Blato ec. 

Depositione di uno Nontio di Coocule venuto a Žara nara 
la rota e il modo. 

Per Synrino Nontio de Coxule vien referito a vui Magnif." Sig.*"^ 
Rectori di Žara come lesercito del Sig. Ducha Zuane trovandosse marti 
16 del presente in uno locho chiamato Jurischa paexe đi Turchi ha- 
biando fato grande preda de homeni et animali de Turchi e in el ritor- 
no gionti al ditto locho de Surisca ad uno passo streto dove Turchi ha- 
veano fa^to una taiada trovorno grande n.^ de pedoni Turchi dove Co- 
xule dlsse a Marinico Cdpit.<> dili ditti abi a mente che nui haverimo 
da far siamo valente homeni e alhora ditto Marinico comando a Goxu- 
le e la sua compagnia chel dovesse andar ad impeto de ditti pedoni 
et Marinico aspeto li Coxule rompete quelli pedoni e molti nimici pre- 
se e amazo et libero el ditto passo et pol stando un pezo ritorno per 
andar da Marinico e trovo Ihoro tutti esser posti in fuga et roti da 
Turchi et vete cavali zercha 30 da parte dove lui ando e trovo esser 
Turchi con el suo Vayvoda de Mostar in le man del qual e Martim 
Budisich uno đeli ductori dil campo del Duca soprascrito et Coxule in- 
vesti quelU et lo fiol de Coxule investi el V£^yvoda preditto de Turchi 
et gittoUo da cavallo e poi li taio la testa dove molti Turchi forno morti 
et X de quelli di Coxule et sopragiongendo grande n.<> di Turchi esso 
Coxule con il resto dila sua compagnia fuzite lassato la preda e ancor 
đice n6n si poder intender chi manchano et quanti del campo del Du- 
cha perche sono fuziti qua et la ali monti et non si pol saper il certo 
judicha raanchar deli cavali 500 e che Xarco e sta ferito e fuzito con 
pochi deli soi et che Turchi poleno esser stati zercha cavali 200 e pe- 
doni assa ma quanti non intende subjungendo che Coxule ha aulo per 
uno Marino Jelazich de Rađibilia suo amicissimo che e venuto di Bos- 

14 



Digitized by VjOOQI€ 



S40 

1504. sioa el qual đice aver visto con li suo ochj come Schander Bassa fa gran- 
đe exercito da pie et da cavalo nel gual diče esser molti lanizari zonti 
di nuovo e haver molte botnbarde archi et freze non iotende dove voia 
andar ma apresso Turchi se resona versso Ungari li quali fanno apara- 
lo per esser eaatra Turchi questo san Zorzi proxiiiio ma ben se existi- 
ma pertutto Ihoro piu presto dover vegnir a queste parte vostre đi 
Dalmatla. 

Da Tratt di S. Polo Malipiero Conte e S. Zuam Diedo Proved/ ze- 
neral di 17 venute hitra sera avisano chome e venuti Irdo homeni dil 
Vicebam et Ccnule per avanU a domandarli li Stratioti e che erano con 
cavali 900 et 300 schiopetieri per andar ai danni de Turchi et erra li 
el coote Xarcho con la sua compagnia col qual consultono e lui volse 
andarvi e alguni Stratioti dile compagnie di Spalato et de quel locho di 
Trau zercha cavali 130 e andati alla coraria dil Vicebam e Coxule c 
non meno schiopetieri ne pedoni erano tutti da cavali 760 feno 
gran preda de aoime et animali e tutti havia uoo presone per uno e 
altri do e tre a hora hanno inteso da uno nostro fuzito da poi preso da 
Turchi che qnesti Turchi erano cavali 1000 venivano per corer in 
Đabnatia et ebbeno per spie nostri andava sol sno: e ad uno altri cava- 
li et 3000 pedoni et feno tre arguaiti et eri malina asaltono li nostri 
con la preda e in el eombater do capi di Corvati disse no fazimo semo 
roti e questo messe in fuga »oštri e volto le spalle lassando la preda 
tutti fuziteno e andavano sparpagnati in altri arguaiti e la mazor parte 
di ditti foi^ao morti oercha 200 OongiMri e il Conte Xareho con li nostri 
veniai]K> streti combatendo el maio potoano e de Hongari ne morite 
gran, parte nostri nnancha da 25 in ^0 e il Conte Xarolio da 7 nostri 
Stratioti quali hanno dormilo questa nette con lui al suo Castello dico- 
no esser sano e il cavallo mal eonditionato da Turchi e sta ta ja la testa 
al Vay voda dil ponte capo dil boste soleva corer in Dalmatia e morti 
bon n,^ di pedoni. 

•— Di & Zuam Diedo preditto date a Trau adi 17 come a caval- 
chato et visto i molini e una časa li apressa ha ordiaa sia levata e fato 
alcune bombarde e in la terra a posto hordioe fra li zentilhomeni ale 
guardie dile n^ura come fece a Spalato et che sia imbarbota do barche 
da guardar u^a secha dove si po gnazar le mure in la terra et aspecta 
se li mandi manttipn. (II(, 1156-1157). 

— Vene S. Ja^*^ ds^ MoUn doctor venuto Capit.^ di Žara referi 
assa cosse et chomQ stava qiiieUa povera terra e misero contado dil qual 
tra incursiom di Turchi sfata tre volte e pestc ne mancha anime x mi- 



Digitized by VjOOQI€ 



2li 
Ha tra mortc da peste e menate via da Turchi et animali da 80 milia : 2501. 
item e gram inopia in la terra sopra li sol arzenti non ha trova la meta 
di quel vol per arzenio roto solum tre citadini a gualcossa: lando me- 
ser Zuam Tetrico disse la Signoria teniva xi Gont^tabeli Vechj eoa f25 
fanti luno la Camera e povera mai a visto a una bota ducati x queHi 
nobeli hanno patido assai et disse di bolette di morti esser sta paga ec. 
il suo colega stato S. Franc.<» Vcnier qual erra li in Colegio con Ini : 
item saria bon compir certa porta non si spendera ducati 70. đisse di 
Nona sada bon strenzerla di Laurana vol assa danari a forliiieharla: 
item in la Camera si tiem malissimo le scriture ec. fo landato de more 
dalPrincipe. (III, 1159). 

— Da Žara di 17 di Jacomin di Val Trompia Contestabele si duol 
la sua compagiiia sia separada et se li provedi dil viver a quelli e a 
Nona. (III, 1160). 

— Da Sibinic^ho di S. Vetor Bragadim Conte e Capit.<^ di xi eome 
eri S. Marco Ant.<^ da Canal Sopracomito si levo de li e a tolto 40 ho- 
meni per interzar la sua galia e andato a Tran dal Provod.'^ 

— Item per un altra di 14 dila electiom dil Sopracomito fato nel 
suo Gonsejo S. Michiel Ferro qual vien qui: item Xarco parti ec. 

— Da Veia dil Provod."^ di 25 et di Marco ZimalaiHiha patrom dila 
fusta come non pol armar de li volendo armar la Signoria galia ec. et 
vano scrivendo assa sopra tal materia. 

— Da Curzola di S^ Alvixe Balbi Conte di 21 come e sta publicha 
de li la cruciata secondo in le altre terre e sla fatto. (III, 1161). 

— Copia de una letera scrita per queUi di Jayza al Re di Honga- 
ria li dimanda soccorso contra Turcbi. 

Sincerae fidelitatis servitio serenis.^ Princeps et dne dne noster 
graliolissime, Semper dedimus ad notitiam vestre majestati peritHila no- 
stra que audivimus vel andire de Turclua potuimus nunc autem quasi 
manibus palpavimus insignem qui veniebat de curia Cesaris qnem certe 
misissemus ad serenissimam Maiestatem vestrara ut oretenus enodaret 
periculosissimas novitates et immensum exercitum et aparatum quos 
Cesar Turcorum elevavit contra nos sicut nobis naravit dietus Turchus 
non potuit tamem quia nimis est vulneratus quando autem convalverit 
mittemus eum serenis. Majestati V. Festinet tamem sacra Majestas V. 
destinare homines qui nobis sucurerent et essent nobis presidio ad pu- 
gnam quia jam incepit exercilu8 Turcorum ad Verbosania et ut narat 
iste idem Turcus septem sunt duces primus est Homarbeg secundus 
ejt Malbochelvich terlius est Jahia Bassc filius iste jam venit ad ver Bo- 



Digitized by VjOOQI€ 



212 
450i. zania cum suo exercitu et apparatu quartas est Hahinatbog qui habet 
filiani Ccsaris cum ipsis est Zubassa đe Slovoniel nomine Mustafa Beg 
cum ipsis totus Potentatus Gesaris viđelicet Romania et Natolia et snper 
omnes pređictos dictus Gesar prefecit in persona sua Ezchenđer Bassa 
ideo sucurite nobis quia petimns unus itaque explorator Turcornm per 
tres annos hic in Jayza mansit nobiscum đe quo nulla fuit suspitio nu- 
per autem salivit et Bassa confestim missit eum ad Gesarem et ipse 
omnia ista coutra nos elevavlt itenim clamamus sucurite nobis ne pe- 
reamus quia jam non poterimus et si volverimus clamare isti igitur quo 
sunt hic pauci stipendiarj ibunt ad Castrum et nos unum angulum ci- 
vitatis defendere non poterimus ec. Jayza feria 6.^ post dominicam in- 
Tocavit subscriptio Index et yayvoda jurati et tota Gommunitas civitatis 
JayzeS.D.M.V. (III, 1162). 

— Di Arbe di S. Gabriel Moro Orator di 21 come S. Lorenzo Lo- 
redam a solum homeni 73 in galia da remo e non hauto fin hora nium 
homo dal Gonte Anzolo di Frangipani qual li ha ditto molte busie adeo 
^i convien levar e vegnir altrove a interzarsi ec. (III, 1164). 

— Di Arbe di S. Alexandro Gontarini Gonte S. Gabriel Moro Ora- 
tor e S. Lorenzo Loredam Sopracomito di 22 piu ietere in conclusiom 
il Gonte Anzolo non li ha da alcum homo si seusa etiam lui scrlve ala 
Signoria et tandem essendo li in Arbe 34 Morlachi li hanno tolti e po- 
sti in galia prometendoli tegnir poeho et cussi si parte^et vien ala vol- 
ta. (HI, 1166). 

— Dalla Braza di S. Mattio Baffo Gonte di 24 zercha lo armar de 
li la galia rispondeno a il Soracomito electo queli non voleano et si 
duoleno di certo hordine fenno li Sindyci ec. 

— Da Spalato tre Ietere di S. Hironimo Baffo Gonte di 18 come 
qaelli di Glissa poi la rota li ha manda a dimandar monitiom li ha man- 
da polvere ec. item par di queli dil Gonte Xarcho ne manca 60: item 
per una altra scrive zercha il bastiom di Narenta qual ruina e di pro- 
visionati et Gontestabeli de li : item di do Oratori vien qui di Spalato 
nominati uno . . . . e laltro dno Ant.<> di Augubio et sonno di nobeli ee. 

— Da Žara di Retori di 26 come in executiom di nostre Ietere 
hanno suspeso la cruciata de li ec: item se li mandi danari per li pro- 
visionati sonno essi Rectori impegnati za per ducati 400. 

— Da Veja dil Gonte di 24 come vien qui S. Ant.« di Zorzino 
Soracomito electo tamem fo parlaio sopra di zio in Golegio. 

— Et perche il Soracomito di Arbe era venuto qui et Oratori dil 
populo dicendo haver angaria fo ferminato pro nunc non armar de li 



Digitized by VjOOQI€ 



213 

galia ct con questo Ihoro dagino 60 homeni a S. Alvise Luredam Pro- 1501. 
vedJ come si ha oferto. (III, 1169). 

— Di Albania di Zorzi SchanderbecbO di sua mano data in la iso- 
)a di Alexio adi 7 avisa dil modo si have quella terra e lauda Jac. Tri- 
\ixam Secretario dil Proved/ qual ando avanti et opero tanto chc la 
terra si delte alla Signoria nostra e a lui. 

— Di S. Ant. Bom Proved/ in Albania data ivi in isola di Alexio 
adi 7 come adi primo zonti a porto Malonto mando Jac.^ Trivisam suo 
Secret.o in terra per andar in Alexio a pratichar et ciissi incognito co- 
me merchadante di formeuti ando et arivo io. caxa dil Vescovo de li 
dno Piero Malonsi et comenzo a pratichar con li vechj di haver el do- 
minio dila terra et cussi avanti Ihoro zonzesseno si reseno e rebellono 
a Turchi et preso il Gemin dil Turcho poi adi 5 zdnse el Sig. Scander- 
becho e lui sul isola et recevuti con grandissimo jubiio et in qnel zorno 
adi 7 che domenega levono il stentardo dil glorioso S. Marco et par 
Turchi venisseno dalla banda dile rive et amazono do homeni dil Sig. 
Stefano Duchagin qual e li con Ihoro et domam đia andar nel suo pae- 
se aspetato da tuti con desiderio : ilem quel Gemin dil Turcho si vole- 
va riscatar con ducati 200 lano presom et li a tolto un bel cavallo c 
donato al Sig. Schanderbecho : item de li hanno trovato solli stera 1500 
la mita a concesso al populo per li carazi dati al Turcho et laltra mita 
retenuto per spexe ec: item verano Ihoro Oratori de qui. 

— Vene S. Costantim Zorzi da S. Marcuola et presento al Princi- 
pe unaletera di Ragusi di S. Hironimo suo fradello di i7 drizata alla 
Signoria come per uno suo venuto di Constantinopoli non diče il tem- 
po a aviso dila certeza di ussir vele 40 di Constantinopoli per Gallipoli 
tra galie e fuste si dicevano per scontrar le galie nostre di Baruto e 
Alexandria e altri diče* vano per andar nel colfo di Satalia ala spiaza per 
1^ cose dil Caraman e il Sig. fa cavalchar a quelle bande Carzegolli Bas- 
sa con persone 30 milia ma li Janizari non voleano andar voleano per 
Ihoro capit.o Jacub Bassa qual e arsirato: item il Sig ha fato anegar do 
Sanzachi per haver lassato intrar le quattro galie col soccorso in Mon- 
dom zoe il Sanzacho di Negroponte et quel di Egeo Castro : item esser 
ritornato lorator dil Sig. stato in Hongaria a Constantinopoli conclude 
per questo anno non e da dubitar il Turco fazi armata salvo quello e 
ditto : item esser zonto li a Ragusi li do stati a Constantinopoli ala por- 
ta zoe CarafiTa et Palavisino passerano di qua et il Sig. Schanderbecho 
intro in Alexio ma per voler andar troppo im pressa non e in quella re- 
putatiom si cređeva e venuto. con pocha zente e Albanesi non fanno 



Digitized by VjOOQI€ 



244 

4504. quel caso ec. lua tutto eoosiste alle cose đil Hongaria. (III^ 4471- 
4472). 

Aprile« — Da Spalato đi S. Hironimo Baffo Conte some si mo- 
riva da peste : adeo fo publica đi qui non potesseno venir. 

-*- Da Sibinicho di S. Hirolamo QueriDi Proved/ come per avisi 
avuti du!)itavano Turchi venlsseno a danizarli. (IV, 6). 

— Di Albania fo đito esser nove il Sig. Scanderbecho aver fato 
certa cossa a quelli confioi. Itein la galera di Liesna Soracomito S. lac.^ 
Barbaichi el A. si parti per armarsi. (IV, 8). 

— Adi 28 vene in Colegip S. Anđrea Michiel veniito Proved.>^ di 
Albania et referite đi Ghaurili qual havia fabrichato e di Aleiio e di 
Schanderbecho. (IV, 9). 

Ma^g^lo. — Da Sibinicho vene come Turchi erano corsi 4500 
cavali vicino alla terra meno via 40 anime 1500 animali e nostri li fo 
contra e fo morto uno ciUađin de nostri. (IV, 43). 

Capia di lettere abute da S. Piero Marzello Conte di Sibinicho. 

— Potente e sublime Signor Conte. Sapia la vostra grazia come 
avemo recevuto la vostra lettera, e avemo inteso queUo ne scrivetti im- 
pero la V, M. sappia che se savessemo qualche nove che le importasse e 
fosseno vere o de Turchi inimixi della feđe Cristiana over dile nove đi 
sopra a nisun altro non daressemo prima notitia che alla V. S. ma fin 
adesso non havemo inteso altro se non che đixeno che la hoste đil 
Turcho li in Verbosana e assunata ma non savemo di certo da che 
banda die anđar over sta cussi per sua difesa e vardia delU soi logi 
perche forse hanno presentido che il nostro campo e in hordene e adu- 
nato del nostro campo ancora non avemo nissuna nova e se haveremo 
qual co^ da nuovo ovver del nostro campo ovver de la hoste de 11 Tur- 
chi senza dimora daremo notitia alla V. S. come al nostro Signor et 
amigo. A Tenina lunedi de San Marco sottoscritto Conte Paulo Starbaz 
Vicebanovaz de Charvali e Conte di Ostroviza. 

— Potente e sublime Signor Conte aroigo nostro honorevole. Sapia 
la V. S. che adesso de marti semo venuti desuso a Tenina e Turchi 
hanno preso zercha venti castelli deshabitadi e quel campo nostro 
non se pol trovar con essi et de le altre nove sapiati che erra ve- 
nuto servidor dila'illustr.^ S.^ del Re nostro dal Signore Duca e 
lui ha rasona a noi chel Re illus.® vieh con grandissimo apparato e con 
el campo đeir Imperator et con altri campi contra de li perfidi Turchi 



Digitized by VjOOQI€ 



215 

uno servidor de Cesare le venuto a Bichat adesso per spiar le vie per 1501. 
donde i dle anđar conira de li perfiđi Turchi e cossi zudegemo che vc- 
gnira ancora a Tenina e tuUi li Sig." se meUeDO in hordine e sonno 
uniti per andar contro li Turchi soUoscritta Vayvoda Goxule Banovaz. 
(IV, 16). 

*- Ad 12 per S. Piero QuiriQi Proved.'^ et Capitanio in Cao distrla 
fo mandato alli Capi di x uoo explorator che confesso aver omeni qui 
che mi scrive tutte le cose accade per zornata e lui le mandava a Schan- 
der Bassa in Bossina che le mandava al Sig. Turco« (IV, 18). 

— Fu preso di far in Pregadi attento la importantia dila terra di 
Antivari dove erra S. Piero Tiepolo Podesiš che per.... im Pregadi si 
elezi uno Proved.^ con ducati 40 netti al mexe e fu fatto S. Zuan Fran.^* 
Venier fo Soracomito q.^ S. Moise et refudoe e fu fatto S. Zuam da 
Molin q. S. Cressi et acceptoe. (IV, i 9). 

■— Item per piu avisi avuti di Dalmatia et Istrla la Signoria fo 
certifichata tre flambuli con zente erano zonti in Bossina de Schander 
Bassa per correr in Dalmatia. (IV, 20). 

— In questi zorni si have aviso che per via di Narenta pro- 
ze 60 Janizari Turchi brusato 12 ville preso cai iOOO di bestiami me- 
nuli 400 grossi e pocho manco non habbi preso el Sochadi. 

— Havendo scripto di sopra esser sta preso in Pregadi di far Pro- 
vedador in Antivari quivi saranno notadi li scrutin; et quelli fono qui 
electi come qui sotto appar. 

Electo PravedS in Antivari. 



S. Alvixe Barbare el 40 q. S. Zaccaria P/ . 
S. Zuam Venier fo alla justitia V.<^ q. S. Liom 
S. HirolamodiGarzonifoallaCam.^ d'Imprestidi di S. 
S. Hirolamo Duodo fo Castellam a Riva q. S. Vetor 
S. Polo Querini fo Soragastaldo q.^ S. Andrea . 

S. Alvixe Cocho q. S. Franc.® 

S. Fillppo Boldu fo alle Raxom vecchie q. S. Franc* 
S. Alvixe Barbare fo Cao di 40 q. S. Lunardo . 
S. Alvixe Zane fo Pod.^ in Antivari q. S. Thoma 

S. Michiel Zustiniam q. S. Polo 

S. Bortolo Dandolo fo Soracomito q. S. Piero. . 
S. Andrea Bondimier fo Soracomito di S. Zanotto 
S. Zuam da Molin fo Pod.* a Lendenara q. S. Cressi 



Marin 



39.— 
20.— 
35.— 
29.— 
29.— 
43.- 
24.— 
21.— 
41.— 
26.— 
40.— 
30.— 
74.— 



)igitized by VjOOQI€ 



216 

I50i. S. Ziiam Franc.« Venier fo Soracomito q. S. Moixe ... 73.30 

S. Zuam Maria Mudaso fo CamerleDgo a Brexa q. S. Marco. 27. — 

S. Franc.^ da Ponte fo Castellan ala Uraoa q. S. Zuaone . 24.-^ 

S. Maffio Delfin fo 40 — q. S. Francesco ...... 49. — 

S. Alban Zane q. S. Andrea fo • • 48.— 

S. Alexandro Semitecolo q. S. Zuanne fo ?.<> đi nave . . 24.— 

S. Piero Magno fo di S. Pio .... q. S. Piero 21.— 

S. Carlo Moro fo 40 *... q. S. Lunardo 25. — 

S. Lorenzo Contarini e cinque dila paxe q. S. Aiit.<» . . 27.— 

S. Sabastiam Lion fo Proved.'' su la Piave q. S. Nicolo. . 22. — 

S. Marco Đonado fo Avvochato q. S. Donado 43. — 

S.^icolo Balbi fo Camerlengo a Gataro q. S. Marco. . . 25.— ^ 

S. Fraoc.o Polani di S. Jac.« .^ . . . 20.— 

S. Polo Bragadim q. S. Zuanoe Alvixe 45. — 

S. Hirolamo Mocenigo fo Patron in Fiandra q. S. Andrea . 44. — 

S. Bernardin da eha Tajapiera fo Pod. a Pyran q. S. Zuane. 24. — 

S. Zaccaria Loredam q. S. Luča fo Soracomito .... 47.-^ 
S. Domenego Corner fo Castellan al scojo di Napoli q. S. 

Dona 29.— 

S. Hirolamo Bernardo fo di S. Pio ... q. S. Alvixe . . . 31. — 

Adi 19 ditto. Provedador in Antivarl 

S. Piero Querini fo Soracomito q. S. Biasio 56. — 

S. Josafat Liom fo Cao di 40 q. S. Andrea 64. — 

S. Alexandro Semitecolo q. S. Zuanne . . -. . . . . 44. — 

S. Zuan Andrea Cocho fo Castellan alla Cania q. S. Franc.^ 29. — 

S. Alvixe Barbare fo Cao di 40 q. S. Lunardo .... 43. — 

S. Filippe Badoer fo Patron di nave q. S. Zuam Gabriel . 66. — 

S. Marin Dolfin fo Soracomito q. S. Delfin 47. — 

S. Panfilo Contarini q. S. Franc.« 73.— 

S. Bernardin Minio q. S. Almoro 20, — 

S. Pole Querini fo Cao di 40 q. S. Andrea ..... 72.— 

S. Hirolamo Duodo fo Castellan a Riva q. S. Zorzi . . . 29. — 

S. Domenego Corner fo Castell. al scojo di Napoli q. S.Dona 46. — 

S. Alvixe Zante fo Pod.* in.Antivari q. S. Toma. . . . 67. — 

S. Fantin Bragadin q. S. Zuanne Alvixe fo al datio del vin. 44.^ — 

S. Marco Michiel q. S. Pole •. . ." 3i. — 

S. Michiel Zustinian q. S. Pole 43. — 

S. Jacemo Diedo q. S. Zuanne fo Soracomito 39. — 



Digitized by VjOOQIC 



217 

S» Filippo đa Canal fo Soracomito q. S. Piero. .... 38. — 4601. 
S. Lorenzo Valier q. S: SimoU fo al formento in Rialto. . 40. — 

S. Franc.o di Prioli fo 40 q. S. Mafio .21.— 

S. Hirolamo Mocenigo fo Patron in Fianđra q. S. Lo!*enzo. 39. — 
S, Nicolo Dolfin fo Castelan a Pescbiera q. S. Hirolamo 48. — 
S. Nicolo Balbi fo Gameiiengo a Gataro q. S. Marco . . 48. — 

(IV, 21). 

Iiag;lio« — Da Ragusi đi S. Troian Solani e li per sue facenđe 

di 2 come e da GonstantlnopoU il Turco preparava in mar mazor galie 

grosse 60 e nel colfo di Nicomedia galie sotil che presto sariano in hor- 

dine. (IV, 28). . 

— Adi 11 luio domenega la čita di Venetia fo sotto sopra per let- 
tere di Udene di S. Polo Trivixam elCaval. Luogotenente fate eri scriver 
aver per spie el fiol de Schander Bassa con 6000 Tarchi e Bosinachi 
esser zoriti a Castelnovo in la plana di Mođrusa et che Ini a spazado 
litere a tutti li Gastelli si redusa ale forteze con le sue robe et animali 
et al Gonle di Pitiano Governador nostro che cavalchi presto con le zen- 
te ec. ordinato le provision a G^adischa. (IV, 32). 

Ag^osto« — Adi 15 Agosto per litere di S. Sabastiam Gonte Ret- 
tore Proved.'^ di Gataro se intese el Turcho ha fato adunanza di 8000 
pedoni et 3000 cavalli e fato tajar quantita di legnami e fa fornase da 
calzine al una e laltra ripa per far do Gastelli al streto delle cadene adeo 
pin non si potra dar soccorso a Gataro e in questa terra e Oratori di 
Gataro dimandando ajuto per esser contro a tal fabriche perche si fos- 
seno fati nion potra navicar in colpho et ad libitum potra vegnir fin 
sul porto di Venetia. 

— Adi 17 per letere di S. Troian Bollani da Ragusi di 3ditto come 
Turchi e levati dalla Bocha di Gataro o per andar a tuor Durazo o per 
timor di Hungari che se move et scrive altre nuove intende de Turchi. 
(IV, 37). 

•— Adi 28 per lettere di S. Zuam Zantani Proved."^ dil armada 
cherra alla custodia dilla Vajussa si ave come adi 17 Turchi preseno 
Durazo hessendo a quella custodia S. Zuam Vituri Soracomito dito Ga- 
malli con la soa galia el qual con S. Vincivera Querini erra 6aylo et 
Gapit.o de li si erra partito et per la Sig.* fo scritto al Zeneral provieda 
contra lui : item in questa terra zonse un compagno dile nostre galie 
che fo preso a Modon diče in GonstantlnopoU a inteso el Turco a ferma 
disposition di vegnir con larmada a conquestar Venexia tamen biso- 
gna habbi grandissimo contrasto. (IV, 38). 



Digitized by VjOOQI€ 



i 502. 



248 

ilNNO iSOS. 

Maržo« — Item d Trau morite S. Polo Malipiero Gonte et fo 
provisto di maođarvi per la SigDoria nostra S. Hirolamo Querini q. S. 
Andrea venuto Proved.^ di Sibini«ho el qaal ando fu electo il Conte S. 
Dolfin Venier da poi che assa refudo e ando. (rv, 82). 

Aprile« — lo questo mese fo mandato Pr.^^.a Trau electo S. Hi- 
ronimo Querini qj^ S. Andrea in luogo di S. Polo Malipiero Conte erra 
morto con dueati 30 al mexe fino vadi altro successor. 

.--* Fo electo exator ali governatori S. Franc.** Da Poate fo Castel- 
lan a Laurana e refudo e in suo loco poi electo S. Andrea Gontarini q. 
S. Carlo e termina S. Piero Gontarini di S. Andrea e exator al dito oiii- 
zio stagi ancora per uu mexe. (IV, 86). 

— A di 4 8 da Liesna se intese S. Bernarde da Canal q. S. Jacomo 
padre di S. Jacomo arra Gastelan esser sta strangolato da una garzona 
teniva dito suo fiol et butado zoso de una finestra da note ec. S. Franc.^ 
da Molin Gonte la retene confeso et li fo fato tajar la testa ivi si diče la 
fatto perche etiam lui voUeva aver a far con lei. (IV, 87). 

Gluf^no. *— In questo mezo si ave avisi per molte hore chel 
fiol di Schander Bassa in Bossina feva adunanza de Turchi 15 in 16 per 
vegnir in Dalmatia ala destrution di Spalato Trau Sibinicho e Laurana 
e parli tempo aposito a far novita altri judicha el vadi ai confini di 
Hougaria a Jayza o altro per far divertir quelle cose et pero fo decreto 
adi 24 come o scripto di sopra che lo arsil andaria a Gorfu con S. 
Zuam Morexini va Ducha in Candia et menava provisionati slano posti 
a Sibinico. (IV, 95). 

liuslio« -— In questi zorni in Pregadi fo electo P.'^ in Albania 
S. Ant.<^ Gontarini fo ai x ofGcj q. S. Nicolo qual acepto e ando: item 
fo electo Gapit.<> di tre fuste di la Riviera di la Marcha over Quarner S. 
Andrea da Mosto q. S. Piero fo Pod.* a Cologna el qual acepto ma non 
ando per V infortupio li seguite. (IV, 99). 

S^ettonabre« — £t perche si haveva molti rechiami dali Antiva- 
rani contra & Zuam da Molin q. S. Gressi Ihoro Podesta etiam di Ale- 
xio per letere dil S. Schanderbecho che si doleva dil S. AnU^ Bon Pro- 
vedador unđe per el Gonsejo di x fo electo S. Nicolo Dolfin fo di Prega- 
di q. S. Marco che vadi $yDico in Albania con dueati 400 al mese per 
spexe netti et cussi acepto e ando al suo Synicha. (IV, i05). 

Ottobre. — Da Sibinicho di S. Piero Marcqllo Gonte e Gapit.® 



Digitized by VjOOQI€ 



219 
di 12 sept.<^ dl un dacio di Cavo Cesto debitor d. 4450. s. 4d qual e 1502. 
sta intrigato per suspeasion di S. Luča Meuio Avogađor che non vol si 
aslrenzi el piezo stante la letera di la S. di 20 april narra le fabriche fate 
de li si lauda assai dlce di alcuae anime fonno depredate da Turchi. 

— Di Đulzigno di S. Franc* di ca Tajapiera Gonte et Gapit. di 3. 
sept.o zercha Do ville S. Nicolo e Cogani qual rebeUono e si deteno al 
Turcho quello dia far ec. pero che sotto Đulzigno e solum 4 ville S. 
Nic.o Cogani Rezi S. Zk)rzi et zercha quasto a scritto al Zeneral e altri 
avisi dile cose di Turchi. 

— Di Alexio di S. Ant.^ Bon Proved.^ avisa alcuna particularita di 
quelli lochi e dila condition di Durazo e li e la pesta et che si venisse 
pur 6 galie si rehaveria per esser assa Turchi partidi et e da saper 
per il Consiglio di x e sta manda in Albania per Alesio e Antivari dove 
e S. Zuam da Molln Pod.^ qual si porta mal S. Nkoio Dolfin per Synico 
e Proved/ : item in Alexio in loco dil Bon fo electo per Pregadi Pr.»* 
S. Antonio Contarini con provisionati qual e za partido. (IV^ HA). 

— Di Nicolo Gondola date in questa terra come justa li mandati 
va a Ragusi manda avisi abuti da Ragusi di 20 sept.^ cosse vecchie et 
false et di Oratori di Hongaria vanno alla Porta: item đii Abate diMeleda 
ala S.^ nome Bernarđo Gondola referisce gratie la S.^ comanda le nostre 
galie non li inferissa danno al mondo. (IV, 121). 

— Da Đulzigno di S. Franc.^ da eha Taiapietra Gonte e Gapit.<> in 
materia di certi sali andavano in Bojana che di Antivarani lui U ha tolti 
per contrabando ec. or per Col.^ fo comessa a veder a S. Nicolo Đolfln 
andava Synico in quelle parte. 

— Di Alexio di S. Ant. Bon Provod.^ di 6 sept.^ dil zonzer li dil 
Vescovo di quel luogo con lettere et altre particalartta ut in ea. 

— . Di Spalato di S Zuam Ant.^ Dandolo Proved.^ come Turchi 
hanno corso in qual Gontado e mediaote li proveđlmenti fati nion danno 
e occorso e non manca niuna anima, 

— Da Sibinico di S. Piero IVIarcello Gonte e Capit.^ come alouni di 
Goxule hanno oorso $u quel di Trau menato via assa animali et fatto 
gran danno sonno Murl$tchi e manđa in nota con chi somno corsi vide- 
lizet li princlpal ut in ea. (IV, 4S2). 

*-^ Dil Capit.^ zeneral di mar date uoa galia apresso la Valona adi 
3 ottob.« com^ e sta grao fortuna qwl\i giorni adeo al Pyro scorse la 
galia di Brandi^o dil papa Soracomito domino Donato Carazdo qual si 
ruppe e pre&i i) Soracom. eli homeni menati tutti alla Valona a mandate 
a dir al Bassa li renđi: it^u la eo$sa di Brandizo e andato in funio 



Digitized by VjOOQI€ 



1502. điscoperto il tratta che erra dopio e manđa una relatione et si diče dd 
li interno la pače e conclusa col Turcho. 

— Relatione di Domenego Grabusi da Đurazo iu sumario diče es- 
ser stato a Darazo et che Piero Golombi havia mena il trattato doppio 
et điscoperto el Zeneral doveva venir et ia letera porto in uno calcagno 
di searpa: item in Durazo sono 600 Tarchi infermo ii Sanzacho a cavalli 
400 Mnno prlncipia a far le fondamente in mezzo la terra vol levare 
uno muro e minuir la terra e dove a la marina erra do bombarde al 
presente e sta posto bombarde sette vole sette palmi luna. 

— Da Trau di S. Dolfin Venier Conte di alcune corarie fate per 
Turchi ma li mando li Stratioti contra adeo fehno pocho danno e fu preso 
uno Turcho vivo: item suplicha siali manda formenti et orzi. (IV, 427). 

— Dil Vescovo Malombra di Curzola date a Padova, come vien di 
Alemagna dal Legato Cardinal Curzense va a Roma al re di credenza dl 
Mas.*^** et la mando che li ha comesso exponi ala S.* Tameti e di 4 ago- 
sto data in Augusta fo ordina per Gol. e mandate a dir al Abate di S. 
Zorzi Mazor conzi la ca^a va in ruina. (IV, 128). 

— Vene lo Episcopo Malombra di Curzola sento apresso il Principe 
fe una oration latina in laude dil Principe poi disse ben dil Re di Ro.»*» 
qual vol esser unito con la S.« contra il Turcho e lui andava a Roma e 
stato Vicelegato in Germania e per la cruciata e sta trova 300 milia 
fiorini qual non son mossi el Principe li rispose bone parole e gpazali. 

— Da Sibinicho di S. Piero Marcello Conte e Capit.® di 8 zer- 
eha quelli depredatori Morlacchi hanno fato danno su quel di Trau 
al Vescovo menato via assa animali manda letere abute dal Vescovo di 
Trau da eha Marcello e a manda un homo al Vicebam a dolersi di gue- 
sto et per Col.*» fo termina scriver in Hongaria di sti danni. (IV, 129). 

— Da poi vene letere di Spalato di S. Zuam Antonio Dandolo P.^ 
zercha una coreria hanno fato con aleuni Conti vicini con li qual ebbe 
part.^ e ando a trovarli videlizet Clisa et hanno corso e fatto danni a 
Morlachi li rpbavano. (IV, 130). 

— Da Sibinico di S. Piero Marcello Conte e Capit.** di xi zercha 
quelle depredation fatte per li Morlacchi o queli di Vicebani e ritorna 
il messo si scusano con letere mando la copia. 

— Da Žara di S. Piero Sagredo Conte per esser S. Franc.^ Conte 
^ Capit.** Gon li inzegneri a Nona; videlizet el Comito come li in borgo 
di Žara e la peste e morto aleuni : or per Col.<> fo scrito le galie vien a 
disarmar non lassasse dismontar et mandasse di longo per non amormar. 

— Da Sibinicho di S. Piero Marcello Conte e Capit.** zercha quelle 



Digitized by VjOOQI€ 



321 
đepredation e qaeUi Vicebani aato la preda et scrlve mal di Gosule 1502. 
quale nostro provisionato. (IV, 136). 

Noveinbre« — Da Sibinico di S. Piero Marcello 0)nte et Ga- 
pit.^ zercha li danni fatti a quelli di Trau per li Morlacchi li Vicebani 
si scasano. (IV, 144). 

— Di Žara di S. Piero Sagredo Gonte come hanno recuperato con 
Ihoro ajuto la nave Simitecola pericolava. (iV, 149). 

— Da Liesna dfS. Francesco Valeresso di P.<» Gonte come capitando 
U formenti na retenulo stera 400 per bisogno di quel populo quali for.^ 
sonno di la S.^ e li danari e preparadi. 

— Da Gataro di S. Sebastian Gonte Itetor e Proved.>^ di 5 et 7 
dile cose de li ma nulla da conto perho non fo lette. (IV, 153). 

— Da Sibinicho di S. Piero Marcello Gonte e Gapit^' di 23 oct.« 
come 30 Martolossi erano corsi de li e preso x anime perbo se li prove- 
di di qualche Stratioto a custodia di Ihoro. 

— Da Žara di Rectori la peste non ha fatto altro danno di quello 
scrisse e uno altro in la terra hanno provisto e m.^ fiiori voria danari 
o for.** per sovenirli a scritto ale , . . . non vengi. (IV, 155). 

— Da Žara di S. Beneto Sanudo Orator va al Soldam dil suo nave- 
gar li va riguardoso licet non sia pericolo sicome una caravella Malipiera 
vien di Corphu li ha dito. 

— Da Žara di Retori come dila peste non ce altro per le provisio- 
ni fatte voriano danari o formenti. 

— Di Veja di S. Jacomo Liom Gover.<»y o Proved.*^ di 12 manđa 
letera dil Capit.^' dil golfo di gram importantia : item uno aviso auto 
per la via di Segna di uno vien dil campo Ungarico par Hungari hanno 
tolto il borgo di Rogovo et brusa le caxe et fato noticia di Turchi adu- 
nati 700 a pie et a cavallo credendo i fosseno dei soi fonno roti da no- 
stri scampadi solum 100 preso bovi turchi e ben in horđine il Gapit® 
di Hongari nome Josa e sono andati di longo in Bossina dove non e pur 
im Turcho addesso et e sta preso spie di Signori de li Stati dal Bassa a 
tratar di prender la Raina quando passava de 11 via. (IV, 156). 

— Da Spalato di S. Zuam Ant.^ Dandolo P.^ di 24 come e stato a 
Glissa a veder quelli lochi sil si fesse una toretta a uno passo con ducati 50 
varderiaiil territorio ma e soto il Ducha Gorvino:item e sta dito il Ducha 
daria Glissa alla S.^ con partido et a questo li fo scrito vedesse operar et 
avisasse. 

— Da Žara di S.Franc.^ Gontarlni Gapit.<>di 26octobrecommeando 
a Nona con alcuni zentiL^^i citadini il Gomito inzegner et Gontest.^^ adi 



Digitized by VjOOQI€ 



1502. 21 parti fo a Poatađura etvisto dove se dioeva fabricar diče e spesa 
buta via voria 1400 passa di muro unde fo termina per tutti non far et 
veneno pdi a Nona e visto il locho e il sito coa podia spesa eoncluseno 
si faria fortissimo e il Cotnito vol far una rocha di la porta dl terra fer- 
ma verso il ponte con uno fosso atorno con do alLe di muro con bom- 
bardiere e eavando con bon tempo certo paltan et for uno Gastelam 
con page 25 et uno Caporal: item ala porta di santo Ambrosto far una 
alta rochetta di poeha spesa staria uno Caporal con sei compagni poi 
conzar le mare atorno si spenderia duc^i 200 or ritomati a Žara et 
quelli citadini parlato e col Conte tutti lando tal opinion et uno Saladin 
di Sope zentil.>>^^'de li pario per tiiltl che facenđo saria la conservasion 
di Žara e la spesa disse linzegner qual vol par il modello saria da du- 
eati 3000 : item lo nmnđo ala Urania e Novegradi e a fato uno disegno 
a fortificarli voria ducati 1300 ma 500 per Laurana et 200 a Nadin ba- 
sterla or quelli diceva prima di ruinar Nona e ređurla a Pontađura e 
. rimossi dila sua opinion. 

^— Da Žara di Reetori di 6 novembrio come adi 3 zonse li un 
Zuam Tetrico con la galia e dismonto in terra volenđo per lulntandar li 
Conti e Provisionati lui a ^/^ note si parti (non obstante il g.^*' fatoli) : 
item lui a preso la ixola di mezo trovo uno navilio siciliano cargo di 
riobarbaro specie balle di panni e carte fasse di azali chiodi cordovami 
barete et altro di mercadanti ciciliani e lo retene per contrabanđa e va- 
leria ducati 2000 e ha diviso tal navilio a suo modo) che contra le leže 
ec. or <iuesta cossa dispiaque al CoI.<> e commesse fnsse fatto venir alla 
S.^ qual erra zonto qui per disarmar. (IV^ 157). 

— Adi 18 novembrio in Colegio vene el Conte Xarcho Vajvoda 
ductornostrodliOO cavalliinDalmatia stavaaSibinico vene per iustifioar- 
si dil mal e sta dito per lui : item vol donar uno suo castello su Cetina 
alla S.* e voria lui star a Spalato et reposarsi e aver quakhe provisione 
fo comesso ali Savj dil Co].<> ad udirlo vene etiam con lui quel p.^ Ludo- 
eovich si ha porta ben a Sibinico fo commesso ai nul Savj ai hordeni la 
sua expeđition. 

— Vene dno Zuam Tetrico C."^ venuto Soracomito di Žara armo 
per 6 mexi qual fo admonito di contrabando tolto dil navilio siciliano 
et si scuso non sapea le leže or commesso ali Avogađori fazi dar tutto 
fuora: item dile zurme sue fo parlato alcuni voleva darli il tutto a mi 
parse darli il terzo comme li altri. 

— Vene il fradello dil Despoti di Servia che uno Papa ha bellis- 
sima ciera sento a presso il Principe el presento una lettera di creden- 



Digitized by VjOOQIC 



ža sara scripta qui avanti poi disse interprete dno Theođoro Paleologo 4502. 
sno fradello si ricomandava alla S. al qaal havia renoncia el Dispota et 
voleva servir a Dio et sempre so fradello e contra Tarchi perho voria 
ajuto dala S,^ et il Principe li rispose bene parole ma non erra tempo 
questo invemo e si parti accompagnato sin da basso dalli Savj ai hor- 
deni. 

—T Da Nona di S. Kero Moro Ck>iite đi vli.^ octob.« come in uno 
monasterio di Santa Marcella dove erra il suo corpo ia gran veneratione 
di guella terra dove sta do vecchie e le altre monadie per il catiro ajere 
stanno a Žara. Or dito corpo e sta robato e non si sa da chi ha fktto in- 
quisition perche quel populo erra in remor dnbita de alcani soldati di 
Sibinico prega la S,^ provedi unde per Col«^ fo seritto per tatti i lochi 
đi Dalmatia sopra zio. 

Copia dila leUera di credenza dil fradello dil Dispoti di Rasta. 

Illus ™« et exmednedne colendiss."*« Quoniam illust.""«« et reveren- 
dls.^^dom.^^dom.^^fraternosler carissimos fratemali amorecommotus ut 
frater dilectissimus onusetcomodum augmentamqueethono#&m nostrum 
semper affectans personaliter per se factum nostrum subferens ipsa ilinta 
et ser.^ dominatio sua nostri ex parte vestre ill^^^ excell.>^ dominationi 
illuđ declarabit de legatione petimos ergo illmam đominationem vestram 
ut dictam suam đominationem tanquam dominum et primogenitum 
fratrem nostrum attendere et acceptare dignemini confidenter. Datum 
in Gastro nostro Kulpen septembri XXV ii anno secundo. Subscriptio 
in medio Johannes Dei gratia regni Kassie despotus. A tergo: Illus.^ 
et exmo Principi et domino domino Leonardo dei gratia Duci Vene- 
tiarum. (IV, 458-159). 

-~ Da Žara di certo Gontest^ col disegno di Nona et Dalmatia et 
scrive lopitiion sua la qaal sara nota avanti. 

— Vene uno Baron đi Gorvatia e col Đacha Zuam Corvino cugna- 
do dU Goste Xarco a sete castelli confina con nui chiamato ... qua1 a ca- 
valli 600 e fo queUe receve la Regina a Segna or e venuto qui per me- 
đicarsi ha loal di piera disse voleva polv^e đi bombarda per poter fer 
signali quando vien Turehi qaelli voleado venir in FrinI passa per uno 
suo casteUo : item voria la provisioot Hii a Goxule che trata mal la S.* 
or il Principe U disse di la ineursiom fetane in Dalmatia e scrivesse al 
Ducha Zuam Gorvino qual e sta honorato da nui rispose scriveria e cre- 
deva il Ducha faria ogni cosa. (IV, 459). 



Digitized by VjOOQIC 



224 
4502. — Item li disse dei daimi fati a Trau essi nri Oratori et il Re uđi 

con displicentia dicendo voleva intenđer questo. 

— Đili dicti date adi 9 9brio come esposeno al Re le prede fate 
a Trau per soi subditi unde il Gard.^<^ disse deli soi fo morti in Padoa- 
na per una galiua essi ,vri justificho la cossa e fo per haver morto uno 
hom ec. or diseno voriano veder et inguerir la cossa. (IV, 163). 

— Da Nona di S. Piero Moro Conte come e morto certo Arziprete 
de li qual e jus patronatus di Rectori lui a electo uno prete dtadim de 
li vol la confirmatiom e cussi fo fato. (IV^ 164). 

— Da Žara di Rectori come gracia Dei la peste non fa altro pro- 
cesso per le bone provisiom fate ec. (IV, 165). 

— Da Ragusi di uno scrive a S. Andrea Griti el Consier data adi 
X novembrio come erra zonto uno Olacho e zorni 1 7 parte dala Porta a 
dimandato a quelli Signori 40 oalafati e li avisa di novo li hanno rispo- 
sto non ne haver da 7 in 8. et li bisogna per conzar soi navilij et di 
novo non hanno nuUa et ditto Olacho ha ditto il S.^^ per Santa Maura ha- 
ver fatto metter in hordene arma et exerc]to et fato Amet Rei Rassa et 
e sta tradito da Vinitiani et che mandano uno suo Orator e diia pače 
non sara ni^te: item avisa chi scrive el Marchese di Cotron e messo 
in Castel Novo. 

— Fo terminato di mandar per Col.e il Vic.® dil Vescovo di Spalato 
qual si a ofierto Orator nro al Duca Zuam Corvino et li fo fato la comis- 
siom a veder di esser refato di danni abuti a Trau vadi con tre cavalli 
et dato li per speie ducati 50. (IV, 167). 

— Fo expedito il Conte Xarco e rimandato in Dalmatia a Sibini- 
cbo e balotato do page et a solum cavalli 29 mal in hordine et fo oplnion 
mia tamem vono metterlo a Spalato e Nicolo Rochali e li vadi' con la 
compagnia a Sibinicho. (IV, 169). 

— Da Sibinico di S. Piero Marcello Conte e Capitano di x come 
ali zorni passati erano corsi li Vicebani in Tenina con cavalli 400 soto 
rogo in Rosina et brusatoel borgo menono via assa animali et 50 anime 
e ritorno sincontrorno in 40 pedoni Martolossi qual haviano fato preda 
su quel di Hongaria ^opra la Cetina e recuperho la pređa e parte presi 
e taiati a pezi di đlti Martolosi de lo exercito Hongarico dil Ducha Zuam 
Corvino e il S. Embrlch par erano cavalchati a Livaz per restaurar quel 
locho qual erra sta brusato per Turchi e per socorer Jayza ne sono ca- 
valchati con tanto numero di zente quanto se divulgava ec: item scrive 
di Mathio da Žara e li con la compagnia ben in hordine si provedi ali- 
ter. (IV, 170-174). 



Digitized by VjOOQI€ 



225 
Deeembre. — Di Trau đi S. DolGa Venier Conte di 3 9brio 150S. 
come poi la incursion di Morlachi subditi dil Re di Ilongaria sotoposti 
ali Vicebani e Conti di Corbavia che fo la mina di quel paexe Diando 
uno aiuto al Vicebam qual ritorno et nulla a fato la risposta gli dispiace il 
caso seguito e non e sta di suo consentimento che nel paese non si trova- 
va niuna pro\ision ala restitution di aniiuali feno tamem la preda e sta 
partita in tre parte una a Cosule Vieeban laltra al Ducha Zuane de Gara- 
gia la 3 ali malfatori et aricorda >nel teritorio di Sibiuico se atrova pos- 
sessione e case di quelli di Corbavia ec: item dubitano di Turchi e 
Morlachi quali voleno iterum ritornar e li Turchi in questi di a passato 
do volte la fiumara tandem nulla a fato a quel teritorio per esser sta sco- 
perti dale guardie: item manda copie di lettere di Conti di Clissa etiam 
una di uno altro di 28 sept<^: item il sommario delle lettere e gran exer- 
cito di Hongari in Bossina voria meter el Đucha Zuam Corvino in Jayza 
e far edifichar Livach lo qual Gastro fo cremado la invernata passata per 
Turchi e diče e piu di 70 milla persone fra armati e Gussaroni Gap.® 
il m.^® Josa : item per uno vien di Rodobalia Turchi si asunara e vano 
in sušo in Bosina : item li Vicebani dieno cavalchar ma non sa dove 
ec. (IV, 17M72). ♦ 

— Da Sibinico di 3 novb.® manda una let.* abuta in materia dila 
preda fata per i Vicebani venendo qm Oratori di Trau. 

— Da Spalato di S. Zuam Ant.« Dandolo P.^ di primo di uno contra- 
bando trovato di legnami uno navilio va a Ragusi per Marin di Greci e 
con la fusta e va in Alexio, or a lui par non sia contrabando havendo 
maxime la boleta dil Gonte di Arbe: item fe cerchar su la fusta e trovo 
certi panni contrabando unde fara la sua sententia e sopra questo in 
Gol.® erra varia opinione tamem fo termina e scrito lo passasse dito 
navilio. 

— Venero do Oratori di Trau narando molte cose maxime dila in- 
cursion fata per Morlachi pedoni 300 mena via 200 bovi x.™ animali 
or fonno commessi al hordine nostro ec. 

— Da Ragusi di Nicolo Gondola data qui manda avisi de uno 
suo maxime la genealogia di Sophi la qual sara qui avantl scrita e bela 
di lezer e saper. (IV, 172). 

— Item seguita come li Ambasciatori Ragusei incontrorno in An- 
dernopoli lAmbasa^or dil Re di Polana andava in Gonstantinopoli e an- 
dava per la pače cosi per lOngaro come per Ihoro e nelli zorni passati 
Josa con el Vayvoda de Transilvania passarono a Digno dove luto misero 
a fuogo e fiama ocidendo picoli e grandi e sachizo tulto e porto al Re 



Digitized by VjOOQI€ 



226 
1 502 (li Hongaria moltc tesle e deindo se rilornarono io Verbosana e si ha 
per letere di Buda sono intrati in nel Reame di Bossina verso Lyecas el 
Corvinoa Jayza e si ha el Sanzacho dil pacse e Schander Bassa se ne vano 
con gran zente incontra per difenđer lo paexe Camali con una frola di 
galie efustearmate erra andato verso Galipoli dove levera dile altre: item 
hauno di Alexandria di x sept.® le caravane di Maometani de pelegrini 
tornava di la Mecha dali Arabi per tre iiate e sta con gran destruzion 
de zente rota et anehe la caravana di Đamasco che venia e per via di 
Alepo si ha eome S. Sophi parente di Ancir Syaach ha preso una forte 
terra dil Soldano ali confini di Alepo e se ne va adosso dil Soldano e chi 
diče el Soldano li andava personaliter contra e chi diče mandava exerci- 
to e tutto quello-paexe in gran combustione e fuga nota la sotoscrition 
di Nic.^ Gondola e questo umillssimus et ex corde deditissimus crea- 
tura ad omnia mandata usque ad mortem paratissima. N. G. (IV, 474.) 

— Da Žara di S. Vido Ant.® Trivixani P/ šora lo armar di 24 et 
25 novembrio dil suo navichar et coine erra una fusta di corsari in col> 
fo fato dauno unđe lui per securta tolse alcuni homeni di Cherso ec: item 
per non restar a Žara per sospelo dil morbo si parte e va di longo ma 
di le galie ni#la sa. (IV, 176). 

— Vene uno S.** di la Comunita di Ragusi nome Zuam Franc.® in 
materia di alcuni azali quali li presento ala S.^ dicendo quela Comunita 
averli manda qui poi si dolse dil Capit.^ dil colfo havia fato danni a una 
caxa a Melita una isola e poi in Ragusi tolto azali di una caxa ec. pre- 
sento la letera di credenza et rimesso ali Savj ad expedirlo. 

— Da Sibinico di S. Piero Marcello 0)nte e Cap.*^ di 48 come 40 
Turchi eri erano corsi in quel Contado et hanno preso animali et menato 
via alcune anime : item il Ducha Zuam Gorvino li a m.^'' a dimandar 
passo di certi sali perho aspecta risposta di quanto a da far. 

— Di Nicolo Gondola di 8 date qui al Re di Ragusi di . . . . par sia 
nova il Turcho aver fato paxe con Sofi et fa armata et dil Olacho venu- 
to a dimandar calafati li ec. (IV, 479). 

— Vene dno Francesco Marcello Episcopo di Trau vestito di zam- 
beloto beretin e sentato apresso il Principe fe una lunga oratione lati- 
na laudando questa čita e il Principe assai dicendo 11 danno auto il suo 
Vescovado da Turchi za 4 anni et noviter da Morlacchi poi disse dil 
Castello e fato per securta qnal erra di la S.^ bellissimo e spexo piu di 
ducati 1500 ma non e cnmpito poi suplico duc. 400 paga di pension 
alo Episcopo di Arbe sia levati a tempo non a da viver et disse qucsto 
cosse lacrimando li fo dato una risposta cc. (IVj^lSl.) 



Digitized by VjOOQI€ 



227 

— Vene lo Episcopo di Arbe la la maieria di la pension cbn quel 1502. 
dl Trau e questi e da eha Malombra sono quasi acordati. (IV, 182). 

— Adi 12 đezembrio in Col.^ vene Jacomo Manolesso q. S. Orsato 
venuto da Žara dove e slato P.^ di Stralioti et presento letere di Rectori 
e disse zercha i danoi alcune cosse. (IV, 183). 

— Da Žara di Rectori di d 6 e 22 cercha voriano danari per li 
amorbati e al Isola et 40 luiera di biscoto da tegair li per bisogni : item 
di uno Nontio ando da Coxule a dolersi đila preda fala a Trau ^ual an- 
do uno Hironimo Cedolim lui si sousa non erra li ma erra col Ducha e 
sta diese Morlacchi di soi vol satisfar il tuto quelio hanao tocha. (IV, 
184). 

*— la questa matina se intese di uno Turcho parlito di Ragusi con 
uno Raguseo de fama a venir a V.'^ et tutta la terra fi> piena tamem da 
pol disnar in CoI.<* vene uno patron di gripo navego con lui disse erra 
vero e si acosto ale galie di Barute or poi per saper la verita ditto Tur- 
cho passo in Ancona ando da Valentine come i capi di x lo intese. 

— Vene il Secret.^ di Ragusi al qual atento quello havia fatto Ra- 
gusei di mandar li azali qui qual per il Capit.^' dil colfo S. Marco Ant.^ 
Contarini fo scritto erra contrabando ec. or fo ušato etiam nui questa 
liberalita di restituirlo videlizet venderli qui e darli il trato : item ordi- 
nato a Cabriel di Barzoni fo Soracomito di la galia di Salo li rendi li 
formenti tolti che erano su uno navilio ec. ringratio assai dićendo Ra- 
gusei di cio sentiria gran obligo. (IV, 192). 

— Da Sibinico di S. Piero Marcello Conte e Capit.® di 25 Obrio 
manda il conto di la fabricha e dlce la comp.^ di Mathio de Žara si va 
disolvendo: item come adi 2 600 cavali di Turchi di Bossina passo 
Cetina et corseno sotto Tenina et menono via anime 50 et 3000 capi de 
animali dubita non vengino a corersu quel Gontado. (IV, 194). 

— Da Sibinico di S. Piero Marcello Conte e Capit.** di 4 come adi 
2 ricevute nostre letere zercha il corpo di Santa Marcella fo robatoa Nona 
or fo ritornato in questo modo : come in quella notte proxima passata li 
vene a mente o per sogno o visione dito corpo esser in la Chiesa di s. 
Đomenegho zoe uno corpo di dona picola con una girlanda in testa di 
mazorana la qual essa si tochava e li parova esser sentato e volesse le- 
var in pie per honorarla e in questo si sveglio e fato di andoe con tal 
fantasia a dita Chiesia di s.Domenego a messa col Camerlengo e poi ando 
in Sacrestia diniando il prior minazando dicendo saper ditto corpo 
esser li e aver liberta di lassar or el confesso quello esser al allar gran- 
do soto al picde la palla e lo tolse c fello porlar con solenita in la Chi'p- 



Digitized by VjOOQI€ 



228 

1502. sia Chatedral e messo in uno scrigno securo e lo custodira Gq sia porta 
a Nona a scrito ai Retori di Žara e Nona e lui lo portera al suo venir 
a Nona e chil rubo crede sia uno Zuane di Domenego di Lorenzo čita din 
di . . . . qual fo per loro bandito da Sibinico et presehtosi soto il suo 
suecessor da San Michiel nel qual tempo e consueto trar uno di prexom 
per la vita e queli dimando costui e fo lasato : or zonto esso Conte fe 
bandir tutti li banditi anđasse via e questo ando a Nona per caporal di 
Hirolamo Tartaro Contest.® e li frati li ha ditto questo e lui a scritto a 
Žara or dito corpo e in pin fragmenti diviso in una easseleta di legno 
antigua con alcune ramete de mazorana verde sopra ditti fragmenti 
pareno esser sta poste adesso tien sia per manchamento de chil rubo e 
ditti frati hanno fatto renitentia a darlo điganđo aver speso đucati 207 
per averlo e li voria e lui dimando a chi li dete ec. : item manđa una 
let.<^ abuta di M. Doymo Martinosovich Luxim dilo Epis.^ di Scardona di 
do il sommario e questo. (IV, 497). 

— Da* Žara di Rectori di 5 come la peste e nel borgo di Laurana 
fanno provisiom tamem in Žara si sta bene voriano danari per proveder 
a que11e anime e su le isole. (IV^ 198). 



-^5Si 



Digitized by VjOOQL€ 



229 
ANNO IftOS« 4503. 

Genni^o« — Da Gataro đi S. Sebaslian Conte Rector e Pro- 
vede zercha quelli soldati e fabriche : item da Trau zercha mostre ec. 
(IV, 203). 

— Da 2^ra diRectoii di 48.xbrio come ivi sta ben di morbo ma 
il borgo di Lavranži infetato fono provisiom vodano danari: item Goxule 
e il Conte Zuanne di Corbavia sono contenti pagar il butin fato su qael 
di Trau e renderli pur sapino quali sia ec. anno scrito a Trau. (IV, 206). 

— Di Gataro di S. Sabastian Gonte Retor e Proved.' di 47 xbrio 
come il Sanzacho di Bossina erra venuto a Castel Novo per far uno ba- 
stion ale Gadene e a intelligentia con quel di Scutari et eri si asuno 
molti Turchi capo el Vayvoda di Monte Negro e ando verso Budua e 
Pastrovichj e banno mandate ala Valona per una fusta et diče il £anza- 
cbo dila Valona simul col Gapitano dilcolfo tamem a mal animoelui P.*" a 
armato fuste brigantini e gripeti tamem non ha danari e se li proveda 
non anno formenti ni da viver et que11i soldati non hannp da viver e li 
Stratioti e in gran bisogno. (IV, 212). 

— Da Nona di S. Piero Moro Gonte piu littere đil corpo đi Santa 
Marcella che S. Piero Marcello Gonte di Sibinico la porta li non Ihanno 
voluto meter dove erra ma in la Ghiesia Gathedral fin intenda il voler 
dila S.^ et cussi li fo referito laudando stesse in tal Ghiesia. (IV, 24 3). 

— Vene S. Piero Marcello venuto Gonte e Capit.® di Sibinicho e 
referi la fabricha avia fata biasemo queli citadini la S.^ dia aver assa da- 
nari dile X.™® le mure erano marže li zentilhomeni manza li vilani dis- 
se mal dila conpagnia dil Gonte Xarco di Goxule e quelli Vicebani in 
concluslon laudo il Gonte P.^ Ludocovich qual e qm et di tutti dissemal 
excepto dil Grimaldo inzegner et presento li conti dila Gamera et dila 
fabrica fata ec. (IV, 243-214). 

— Di Ragusi do lettere di S. Beneto Valier di 6 xbrio nulla da conto. 
-*- DiM.^da Rezo GanzelierdilaGomunita di Ragusi di 5xbriocome 

veneno Olacho e zorni 47 mancha dila Porta a dimandar 60 calafati li ri- 
sposeno non ne haver per Ihoro disse il S. a znra mai far paxe con Vini- 
tiani per dispeto di Santa Maura a trova 70 milia homini per armar 250 
corpi di galie nove tra le qual e 50 grosse e il Sanzacho vien a Novi 
non si sa la causa a scrito al Proveditor di Gataro stagi riguardoso ec. 

— Di S. Beneto Sanudo va Orator al Solđan date a Ragusi adi 25 
nov.<^ et poi di 30 da Budua ma in la prima come ivi ha inteso Schan- 
der e in Bossina con 5 e chi diče x."> persone con ordine di non ofen- 



Digitized by VjOOQI€ 



230 

4503. đer Hongari per modo alcuno e si U fa đanno difienđersi ma non li 
ofenda e che il Conte Zuam Corvin e il Conte Josa erano adunati con 
20 milia persone iiela Bossina per venir a danni di Turchi ađeo luta la 
Bossina era in paura ma par sieno risolti: item dila Porta il S/ trata 
ancor con Sofi per via di uno suo Orator et siben li dovesse dar la Ca- 
ramania et avia animo contenđer ala pače con la S.^ ma e molio stor- 
đito poi la presa di S.^ Maura : item per ima caravda venuta di Alex.^ 
parti adi il oct.<^ a inteso il S. Soldan e in pacifico stato ma fa le solite 
manzarie : item a Carzola trovo la fusta patron Marin di Greci qual va 
iemporizanđo fa pessima oompagnia alle maistranze e li soldati e con 
lai unde li ha fato comandamento si abstegni disse ben faria ec. 

— Da Spalato di S. Zuam AnV^ Dandolo Provede do letere de 2 3 
in trna aver dato biscoto al P/ al disarmar per dar ale galie e se lo ren- 
di pendaltra aver recuperato certa isola di lArcivescovo fo data a uno 
constanter or la recuperata ec. ut in ea et per CoL^ fo scrito et laudato 
le opere sue. 

— Di Trau di S. Dolfin Venier Conte dila penuria e li di biave et 
a da biscoto ut sup.*^ 

— Di S. Vido \nt^ Trivixam P/ šora lo armar tre lettere del suc- 
cesso e queIlo a fato e disarmato: item a Žara de uno gropo mancho 
duoati 20 ec. a il gropo di morti. 

— Di Spalato di Toma Negro Arriprete et Vic.<> di 28 đezembrio 
dll zon^er li et va di longo al Ducha Corvino. 

— Da Žara di Rectori di 6 zener nulla da conto (IV, 214). 

— Da Sibinico di S. AnU^ Corner Conte e Capil.^ di 5 zercha la 
fabricha et se 11 manda danari da poter compirla. 

— Da Spalato di S. Zuam Antonio Dandolo P.^ zercha guella fabri- 
cha se li manda danari : item a risposto nostro zercha Gissa vedera a 
parlar a quel Conte Nicolo e produr la cossa a fin. 

— Da Cataro di S. Sabasliam Conte e Rector Proved."^ di ultimo 
xbrio come scrisse il Sanzacho di Bossina con 1000 Turchi a piedi e di 
eavalo esser venuto a Castel Nuovo unde lui armo fuste gripi e con la 
galia Arbesana provele : item retene do galie veniva a disarmar videlizet 
S. Alexandro da Pesaro e S. Ani®. Liom ma poi le han licentiate et di- 
manda vituarie biscoti e danari e se li provedi e il licentiar dile galie vi- 
delizet la Liona e per letere di 4 zener (IV* 215). 

— Da Spalato di S. Zuam Ant.® Dandolo fJ^ di 7 đezembrio come 
ricevete stera 300 form.^ da donar a gudli nbbeli e patrimoniali di Po- 
liza e cussl laudo in Almlssa dove si redusse 400 PoHzani e li fe inten- 



Digitized by VjOOQI€ 



234 

der il đon li facea la S.» e li nobeli votea la mita eli patrimoniali non la 4503. 
volea đar se non uno quinto điganđo seti 40 caxe e nui 500 unđe el 
non volse partir đitto formento et eri fe venir molti primi di Poliza zer- 
eha 50 a Spalato e li uso alcune parole et a đito la cossa e a • d&to un 
terzo ali nobeli do terzi ali patrimoniali uno e a chi ^/^ e a clii una 
guarta parte e tutti si contento e li persoase elezeze uno hobele Spala- 
tin per suo governo a dar raxom cbiamato Conte e vadi tre volte al anno 
in Poliza come si feva al tempo di S. Marin Moro li premise dome- 
nega chiamar el so Conseio e in quello elezerlo: item adi 25 incanto per 
uno anno la intra de la vila de Mirza đe ditti toHa in la S.<^ nostra e trovo 
L. 835' di pizoli al anno: di tal operazione perCol.<> fo laudato. (IV, 217). 

— Da Liesna di S. Frauc.® Valaresso Conte di 17 desembrio come 
capito 11 una caravela con li biscoti andava al armađa il popelo si levo a 
romor et ne volse li fo forzo far discargar : scusa non e sta lui e prega 
sia da trata a queli de li di stera 4000 da Y.^ 

— Da Braza di S. Alvixe Zane Retor di 29 nov.« come quella ixola 
che fa anime piu di 6000 ne son molfi bandizadi e ladri dei qual a 
infinite qnerele e li proclama e condanna e non in danari perche le 
vien ala Comunita e il Conte non mena con si ni Contest.« ni Cavalier e 
servito da do oficiali deli quali hanno parenti in modo che quando vo- 
leno far prender i fa a saper ogni di si roba et ogni di se ferisse volea 
mandar a Spalato a tuor 25 fanti et far prender ditti bandizati perho 
avisa azio se li provedi. (IV, 220). 

— Da Spalato di S. Zuam Ant.® Dandolo Proved."^ di i8 dezembrio 
come a Salona in cao dil colfo e una isoleta fa 36 fnogi a uno arzere 
fato a man va in terra uno trato di balestra e fo fato una mnraja da ter- 
ra e una torre con una porta con le difese e si sera ogni note per queli 
vilani e si fa le vardie la qual erra la meta di lArzivescovo de li e laltra 
mita za molti anni foalienata a uno prete e di uno in altro par da 5 anni 
in qua e capita in man di uno M. Atanasio Constantinopolitano stava in 
corte dil Re dOngaria e operato ali soi servicj e sta a Clissa e de anni 
60 non a fioli ni fradelli e mancando fiaria pervenuta nel dltto Re la 
qual isoleta e mia do di Spalato et e sulla strada vien da Clissa e co- 
mandando li quelli vilani li portava letere di Conti di Clissa che quelli^ 
erano vilani di uno subdito dil Re suo Sig."^ or tanto a fato esso P.'' col 
ditto Atanasio chel contento restituirla havendo li soi danari et volen- 
do lArzivescovo li pagi da ducati 83 disse non havia danari unde lui 
Provod.^ per nome dila Sig. la tolta a pagarla in mexi tre et con le xme 
vecchie dil arsenal scosse a recuperha 1. 200 le qual a mandato al 



Digitized by VjOOQI€ 



232 

i 503. đito Atanasio e anđera recuperanđo il resto et đi tal opera li fo scrito 
per Col.^ e laudato assai. (IV^ 221). 

— Et a Nona vene uno gripo da Ragusi con lettere đil nostro Se- 
cretario e a Constant.^ parte in zifra e parte no et il Principe manđo per 
S. Piero Balbi el Consier et Iexe parte di le letere il sommario fo trate di 
zifra et dapoi Gonsejo veduto la Signoria con alcuni Savj in cheba fono 
lete: etiam vene letere di Milam et đi Franza eome diro poi ma prima 
serivero il sumario di quelle di Ravena. (IV, 222). 

— Da Ragusi dil Rector e Gonsejo di 42 come zonto uno schiavo 
dala Porta con uno homo dil nostro Segretario con letere subito lanno 
manda qui e il schiavo aspeta e di zio per Gol.^ fo ringratiati. (IV, 223). 

— Di Ragusi dil Gondola non diče dove e data mascritta adi 11 
zener avisa per suspeto di Ongari Schander e Machemet Bei Sanzacho 
di Gharzego aveano ricolto le zente ma le hanno licentiate et Schander 
etorna in Verbosana et Machebet Bei a Gastel Novo siche Turchi stan- 
no pacifice e si trata acordo tra Hongaria e Turchi : item adi x de&em- 
brio a Ciorli giornate tre di Gonstantinopoli erra lOrator dil Hongaro 
andava al Turcho et in Romania 11 SJ a fato far le descritiom di huomini 
et in Constan.i e Galipoli e galie grosse e sotil e palandarie e fuste nu- 
mero 300 quale si conzano e il nostro Segretario e a Gonstantinopoli. 
(IV; 224). 

— Vene letere di S. Sabastiam Gontarini Gonte e Proved."^ a Gata- 
ro dila bona mente ha Turchi il sumario di le qual e qui avanti. 

— Fu posto per tuUi scriver al Gapit.<» zeneral aver avuto tre lete- 
re di Zacaria dila bona mente dil Sig. et cussi da Gataro dil ben convi- 
cinar di quel Sanzacho perho etiam noi volemo el convicina ben: et seri- 
vi etiam cussi per le terre nostre e si scriva al Segretario nostro a Go- 
stantinopoli di questo tamem non fo scrito et ditta letera ave tuto il 
Gonsejo et fo expedita. (IV, 226). 

— Di Gataro dil Retor e P.^ di 16 zener come adi x il Sanzacho 
venuto a Gastel Novo mando uno Zuam Rađizo xpiam suo amico e di la 
Signoria nostra dicendo el desiderava far amicitia con lui e voler ben 
convicinar con lui e levar le ofese e volea esser bon amico di la Signo- 
ria U rispose bona verba unde el dito ritorno a Gastel Novo el gual S. 
li scrisse una letera e rechiesto li mandi Noncii li : e li mando salvocon- 
dutd e li mando M. Trifon Zaguri nobele de li con altri a portarli braza 
6 scarlato e altri presenti tamem non manchera far le solite guardie 
dala galia Arbesana fuste e brigantini e mando la copia di la letera e 
salvoconduto. 



Digitized by VjOOQI€ 



233 
Copia di una klera dil Sanzacho di Castel Novo 4&03. 

al PronedS di Cataro. 

— Al m.° e gen.^ S. Sebastiam Contarini P/ di Gataro fiolo nostro 
carissimo da parte đe Mech Methego S. dil paese di Carzego amichabile 
salute e grande alegreza sanita de Dio receva la vostra fraternita: E tor- 
nato da mi el nostro Conte Zaanne et hane exposto tatto quello che li 
ha parlato la Y. M. ala qual respondemo che intendendo gnesta vostra 
bona dispositiom et volunta nui semo contenti de vivere in bona amici- 
tia et convicinar familiarmente con la vostra fraternitate senza ofenslone 
dele cose vostre et bisognando eosa alcuna a vostra M.^ poreti sempre 
scrivere al nostro Conte Zuanne el quale e stato ala vostra presentia 
apresso per consiliation vostra advisola vostra fraternita che li ambascia- 
tori dila vostra illus.^ S.^ e zonto decreto ala Porta et basiata la man dil 
granSig. et ei ri e passato uno schiavo dil gran S.con Ulacho zoe ciirieri 
dila Porta et un altro homo del pređi to vostro Amb/ a Ragusi per andar 
con presteza a Venetia non altro offerimone ali piaceri della vostra fra- 
ternita ex Castro Novo die xi januarj : Tenor salvi conductus. 

Nui Mech Methegi SJ dil paese di Charzego faciamo noto et 
manifesto a ciascnna persona ala presentia dela qual pervenira questa 
nostra patente come dohamo fede nostra et salvocondacto plenario- al 
Imbasador del me.® Sig. Sabasliam Contarini dig*™<> Governador di Ca- 
taro et a tata la soa comitiva che posia venir da nui liberamente et poi 
tornar al suo piacer a Cataro senza ofTensione alcuna cessante ogni im- 
pedimento reale et personale in quorum fidem ha nostras fieri et nostro 
' signo consueto muniri in Castro Novo die i 4 jan. (IV, 226-227). 

— Da Sibinico di S. Ant.® Corner Conte e Capitanio come quella 
terra e in gran inopia di biave perho mandano qui per aver la trata di 
i 000 formento e averne gran bisogno. 

— Da Trau di S. Dolfin Venier Conte di 4 xbrio come erra ritorna 
il Nontlo mandoe ali Vicebani di Corbavia con la risposta per la preda 
ec: etiam di Coxnle in schiavo sottoscrita Vayvoda Coxule Starbas e 
dicono voler render tamem cussi hanno fato ali altri successori per 
danni abuti quel Conta tamen nuUa hauno poi fatto ni reso e manda le 
ditte lettere et e sotto scripte ditte lettere a questo modo Martinus Si- 
monis. . . . Duel regnorom Dalmatie et Croatie Viče bani scripta in 
latino ec. (IV, 228). 

— Da Cataro di S. Sabastian Contarini Ret.*' et Proved/ di i8 co- 
me mandoe Trifom e do altri a Castel Nuovo dal Sanzacho a ringratiar 



Digitized by 



Google 



4503. e đir etiam lui Voleva ben convicinar e scrive le bone parole li uso 
e hanno fato trieva insieme e rimanđo tre Turchi presi ec. ut in literis e 
fu contento quelli đi Perasto anđasse a semenar le possesiom benche le 
fusse partite per Turchi e li đe pranzo e stando a tavola vene uno Ola- 
eho con lettere dil S/ e Bapt.' Sereni : qaal subito lo mando qui e pre- 
sto Iha expedito con la galia Arbesana acio vengi presto et io per Col.*' 
li fcci risponđer lauđando ec. 

— Di Arbe dil Capit.^^ dil colfo in conformita come el Vien Bapla 
Sereni e manda la galia Arbesana fin a Parenzo. (IV, 234). 

— Da Se^a di pre Thoma Negro Arziprete di Spalato va al Ducba 
Zuam Corvlno data adi 5 zener come di Spalato navigo li e dlman si 
parte spera operar e con il Conte di Oissa et Ck)nte et Episeopo di Scar- 
dona conM.^Dorathea e Conte Zuanne- Curiacovich suo fiol e con il Conte 
e Cdpit.o di Segna cbe si sara sotisfati di danni et manda la oraiion vol 
£ar al Ducha Zuam Corvino. 

— Da Trau di S. Dolfin Venier Conte di x di la gran penuria di 
biave e in quella terra : Item per un altra aver avuto letere di Retori di 
Žara chel mandi uno zentilhomo de li a veder per li danni fati per quel 
li dil banadego : item la Camera e povera et a nova di Conti di Clissa 
dusento Turchi esser passati la fiumara per venir a d^nni di quel loco 
overdi Spalato a manda explorar: item Martolosi e Morlacchi li danizza- 
no assai et quelli Stratioti fonno li e mal in hordine e mal pagati. 
(IV, 234). 

Febbrajo. — Di Trau di S. Dolfin Venier Conte di 24 zener 
come adi 19 Turchi veneno su questo territorio e avendo mandato lui 
alcuni Martolossi inanti per expiar fo presi da ditti Martolossi anime 4 
e discoperti cbe fnrono dale guardie si fanno dalli Turchi vedendo non 
poter far nulla steteno zorni do scossi per esser ogni cosa reducto ale for- 
teze e deputate le guardie si levono et andono snl teritorio de Sibinicho 
dove depredono una villa nominata Rosgovicia menando via anime da 
zercha 40 et animali tra grossi e picoli per quanto si divulga n.^' 8 mila 
passorno de ritorno per le confine di Trau le mando explorator e ha 
inteso quelli esser passati la fiumara e andati ala malora erano Turchi 
per quello si ha judicato da zercha 200 : item si provedi da pagar le 
guardie la čita e in gran penuria e obsessa da fame a scrito al P.'^ di 
Spalato voi lassar trazer stera 50 di biava per suvenir quel popolo li ha 
scrito in drio aver da passar il suo popolo e Poliza Clissa e Almissa. 
(IV, 243). 

— Di 2^gabria di 20 zener soto scripto fidum mancipium P. Tho- 



'Digitized by 



Google 



235 

mas Niger Archipresbiter Spalalen. el comenza. Seren. Princeps. Humili 1503. 
Gomendatione premissa felicitatem et omne bonum come per neve jaze 
et innonđation tanden e zonto li et U đacha Zuam Ck>rvino erra lontan 
6 zornate de li a una terra chiamata Valpo dal Conte Piero Gereb Go- 
vernađor dituto il regno e primo Raron poi il Re el qnal e ala morte e nol 
■■ pol scampar e poi ditto Ducha va a Ruda tamem lai vol andar a trovar- 
lo dove el sia lizet habi trista cavalchadure sil dovesse spender la vita. 
(IV, 264). 

— Da Sibinico di S. Antonio Corner Conte e Capitano di 22 zener 
come eri di notte cJ^ zercha 200 Turchesdii in qael contađo et veneno 
per la via di Spalato e se imboseono in una valada al confin di Sibinico 
e la note con la luna scura cavalcorno et zercha tre horre avanti zorno 
introrono in una villa chiamata Rogosniza su quel Conta di Sibinico e 
di quella dipredono anime zercha 36 animali menudi 2000 et grossi ^ 
200 et corseno fina a una altra villa chiamata Cavocesta della qual etiam 
roborono anime 4 et animali grossi 40 li quaU tutti hanno menato im- 
preda e sel non fosse stato le guardie si fa in ditto Conta ariano dipre- 
dato il resto perche non ha obstacolo alcuho perho si provedi di cavali 
de Stratioti perche serano piu utili li cavali lizieri che le fantarie perho 
si fazi provisione. 

— Da Spalato di S. Zuam Ant.« Dandolo P.*" di 8 feurer come per 
via de Sfigna Clissa e per via di Poliza e Almissa intese che il Sanzacho 
di Mostar insieme con queilo di Castel Novo se adunano a Tanodchi con 
gran n.^ di zente et maxime pedoni e si diče aspetano certe zento di 
Schander Rassa ivi et ozi e nuove zorni che non fanno altro eha 
redurse dove non vogliono andar non si sa e a da voxe niun non mole- 
sti i subditi di la Sig.^ per esser seguita la pače tamem non e da fidarsi 
perche dai Mocichi a Spalato non e lontan da cavo de Poliza verso le- 
vante mia 20 et e strada drota de vegnir in Đalmatia e per uno parte 
sta li in Poliza venuto a dito sol amici in secretis va a dir al P/ di Spa- 
lato che stia con bone guardie e questa hoste si prepara per Poliza e 
per le vile de comun le qual son 4 e son dal cavo de qua de Poliza 
etiam per el borgo di Spalato e inteso questo fe le dobite provision e 
non dubita di nulla fa far bone guardie e li puti e femene dil borgo ogni 
sera fa venir dentro la terra de le ville de comun tutti li puti femene e 
animali ha fato redur in la montagna de Poliza et ali homeni fato rado- 
piar le guardie e in Poliza dal capo di sotto verso a Mocichi dove e la 
fiumara di Cetina el ge Rodobalia la qual la mita e di qua di la fiumara 
al capo di Poliza li quali di Rodobilia per sua comodita haveano fato 4 pon- 



Digitized by VjOOQI€ 



4503. ti sopra la fiumara e poteva venir do cavali a paro e đolenđosi que11o đi 
PoHza di ditti ponti con quelli di Rodobalia Ihoro ge promise e obligose 
si da quela banda mai haveano danno ni da hoste ni da Martolossi che 
Ihoro voleano satisfar il tutto or inteso di ditti ponti cosa inusata e per 
la hostc che aria potuto venir adi 5 mando d. Augustin Maricich Gontc 
noviter eleto di Polizani con uno comandamento a tutta lUniversita di 
Poliza dovesse andar con lui a ruinarli e eussi chiamono il suo coloquio 
et tuti volentieri ubediteno e adi 6. 700 di diti con la sua bandiera na- 
chare e pive con gran alegreza uniti si nobeli come populari idest pa- 
trimoniali e ruino ditti ponti e que]li di Rodobalia fuziteno tuti dila fiu- 
mara e poi alcuni nobeli auto salvo conduto da dito d. Agustin venne di 
qua domandando perche rompeti diti ponti li rispose per segurta nostra 
per ladunatione ec. disseno avete gram raxom e con Ihoro ajutono a rui- 
narli dicendo si seguira pače per nostra comodita lazateli refare li rispose 
vertti dal Retor vi compiasera di tutte cose honeste siche da quela via 
non poleno venir v.^ una banda dove fa far bone vardie a scrito ai Capi 
di X tal adunation esser sta fata per essser sta richiesti qual]i di Rodo- 
balia aparenta im Poliza a manda a dir li aviscra si vera dila hoste e lui 
^ VJ a mandato alcuni Martolossi a inquerir: item adi 9 postscrita venuto 
uno di Rodobalia diče che inteso ai Mocichi il ruinar di ponti e aduna 
im Poliza tanta zente comenzo a far romor tra Ihoro dicendo tornemo 
semo sta discoperti siche judicha dltta hoste andava in Poliza ozi aspe- 
ta altre spie: item per li Conti di Clissa fo avisato come uno suo homo 
ogni trato andava in Turchia a vender qualche puto e puta e che per 
spie haveano ditto homo erra venuto questa notte de Rodobalia e avea 
aloza im borgo di Spalato unde subito fe cerchar tutto il borgo e non 
lo trovando lui erra li una femina li disse lo scontra lontam de qui mia 
3 fe meter a cavalo x Stratioti con alcuni fanti e dala banda di Clisa 
era il Conte con 40 cavali tandem Deo adjuvante queli Stratioti lo prese 
et zonto di li esso Proved/ la examinato di plano confesso aver venduto 
una garzona di anni 8 e poi voleva andar a star in Turchia e a uno altro 
compagno che Murlacho de Poliza et la manda a prender confessando 
li fara tutti do impichar per exempio di altri. (IV, 254-255). 

Maržo* — Di la Braza di S. Alvixe Zane Rector dila gran care- 
stia e li di formenti voria fusse mandato di qui e pageria. (IV, 265). 

— Da Žara di S. Piero Sagredo Conte e S. Fran.<» Conte e Capitano 
di 5 feurer come hanno avisi Schander Bassa aver fato adunation per 
corer su quel teritorio e di cio sono avisati per Cosule e altri hanno fa- 
te bone provisiom a Nona Laurana e Nadino ma dimandano danari. 



Digitized by VjOOQI€ 



237 

— Itein el Capit.^ scrive li fanti de li non pol viver voria biscoti 1503. 
e li fo balota stera 200 biscoti. 

— Da Veja đi S. Jacomo Liom Proveđador di 2 feurer in materia 
di certi frati vol trovar tesoro in le nostre terre ec. et manda letere di 
diti frati di qui ec. ut in eis. 

— Vene uuo Orator di Segna con letere dil Cap.^ di credenza no- 
me Fellx et il Capit.^ nome Alberto de Lolya dimando fusse concesso a 
Segna trar legnami e navigarli per colfo a Ragasi li fo risposto bone pa- 
role et si vederia di compiacerlo qual presento letere di Zagabria dil 
nostro Nontio al Đucba Corvino. 

— Da Sibinico di S. Ant.® Corner Conte et Capit.<» đi 9 et x come . 
li fanti muor di fame vol biscoto et fo balotato. (IV, 266). 

— Da Spalato di S. Zuam Antonio Dandolo di 19 zener come adi 
7 quelli di Poliza si reduseno in uno coloquio zeneral cussi nobeli come 
patrimoniali e hannoelectonemine discrepante uno nobele di Spalato per 
Conte juxta il consueto videlizet d. Agostino Maricich et za anni 9 non 
hanno piu fato et de li non si feva justitia et adi 29 dicto veneno xx 
electi da Ihoro da lui con letere cređential a presentar ditto Conte li fe* 
ce bona ciera e lo amoni fosse neutral a tutti e li de sagramento a far 
justitia a tutti sicure e anni 25 che Polizani non sono in tanto amor 
quanto horra et al ben e utile dila S.^ nostra e faria il tutto per quel- 
la: item e avisato per diverse vie de li preparamenti fanno li Sanzachi 
e Vay voda di questi confini per far corarie de li et ha provisto e a man- 
date uno comandamento in Poliza che 400 di Ihoro si metino in hordine 
e preparati perche vol far una coraria e questo fece acio andasse a ore- 
chi di Sanzachi et lo faria per aver spie in luogi di far gran danno per 
via di mar senza periculo ma resta per non disturbar pur si venerano 
a corer etiam lui fara una coraria con danno di linimico : item post 
scrlpta che si se lassa venir quel Mathias de Sich de li tuti acordi fati 
tra Polizani non durera una hora e sarla bon tenirlo fuora per molti re- 
speti e per segurta di Poliza. 

— Del ditto de 22 come la note passata per spie e guardie intese 
aver scoperto Ihoste di Sanzachi da 250 in 300 cavali i quali scorseno 
in zoso verso il Conta di Sibinicho ozi par i sieno tornati indriedo et 
abiano fato gran butin di anime et animali come dal Conte đi Sibinicho 
si sapera. 

— Da Cataro vidi una lelera particular di S. Sabastiam Conte 
Proved.'^ di 20 zener con il levar di le ofese fale per quel Sanzacho qual 
sara notado qui soto. 



Digitized by VjOOQI€ 



238 

4503. Copia del salvocotidutto faUo per el Sanzacho dc Bossina 

almSf> Ps dl Chataro. 

— Da parte de Mech Methbego Signor dil paese di Charzego fa- 
zo ad intender ali mj Vajvodi et ad altri servidori etiam a Dasdaro de 
Castel Novo et de Risano et etiam a ogni homo picolo e grando comcha- 
vemo fato amor e fede con nostro amorevol amigo nobel P/ di Gataro 
se per alguno respecto questa guerra havesse partido de le stanzie suc 
et in questa guerra havesse fatto qualche omicidio over altfo inconve- 
niente che liberamente possa cadauno alle stanzie sue possa star che 
non se dubita ne da Turcho ne da Cristian ne da alcuna altra condition 
de homeni e cussi comandamo da parte nostra a tutti voi che nessuno 
non debla impedir alcun homo de Gataro nec etiam haver suo e chi vo- 
]e$se contrastar questo nostro comandamento over peiorar tal homo fa- 
ria centra Ihordine mio et in quel caso pecado sopra lanima sua et per 
questo havemo fatto nostro comandamento e fede presente scritura e se 
qualchuno vol vegnir per terra o pur per mare che liberamente i possa 
vegnir et haver et habiano fede in ogni modo che dalguno non serano 
ofesi e che possano lavorar le sue possesiom.e far li fatti sui: scrilta 
ad 17 zener in Gastel Novo. (IV, 270-271). 

— Di S. Marco Ani,^ Gonte e Capit.<> al colfo data in galia a Bocha 
di Gataro adi 9 feurer come a posto in terra ivi Zuam Batista Sereni 
con le letere va a Gonstantinopoli et si parte per meter laltro Jac.^ di 

' Goyra ala Valona ec. el dito Zuam Bat.^ scrisse a Andrea Gritti qual fo 
leta come a trovato il schiavo dil S.^ et spera adeso esser a Gonstanti- 
nopoli. 

— Da Gataro di S. Sabastiam Gonte e Retor e Proved.^ piu letere 
di 1. 3. 7. e 9 il sumario dile qual scrivero poi e con alcune letere 
dil Sanzacho ec. ut in eis per consultar il trar di sali: item per una al- 
tra come a dato licentia a Zanon da Golorgno qual vien qui et e zonto 
e lo lauda assai et erra Gapit.^* đile fanterie: item per una altra mando 
ilg.*<> dil intra. 

— Da Nonk di S. Piero Moro Gonte di 18 come quelli di li hanno 
inteso Hirol.<» di Tartaro Gontestabele se rimanda de li per tanto prega- 
no la S.^ non lo mandi perche li ruina e questi provisionati robono il 
corpo di s.** Marcella. (IV, 271). 

— Del dito di 7 come lizel per Turchi fosse leva le ofese tamem queli 
di Montenero con li Turchi vi he dannizava Buduani e Pastrovichi cl- 
gnando voler taiar le vide unde lui Proved.' per saper Turchi vol esser 



Digitized by VjOOQI€ 



239 

honoraii scrisse a Feris Bej Sanzacho di Scutari e al suo Vayvoda di i 503. 
Monienero đechiaranđoli il levar đile ofese e cbel Sanzacho dila Bossina 
vicinava ben e in Gataro pratichava Tarcht di Castel Novo dolendosi di 
Turchi di Montenegro ec. e provedesse con alire parole ec. etiam man- 
do il schiavo aspectava Batista Sereni fin al yayvođa di Montenero a 
riprenderlo di cio e cusi fece et per que$to fo aqaeUi le cosse e poi 
Feris Bey fe comandamento a dito VayToda scodesse certo garažo overo 
triboto e si lievi di Montenero etiam statui mandar uno so Nontio no- 
minato Schander Vajrvoda di Primir babi in la sua corte li a Gataro e 
cussi adi 3 vene et per honorarlo li manđo inconira molti cavali e li de 
bon alozamento e spese poi grata audientia e li presento una brena con 
letere dil S. Sanzacho come abuto comandamento del S.Tnrcho di levar le 
ofese subito obedite e con striture ali homeni di Montenero e ali circun- 
viclni non ofendino subditi dila Sig.^ nostra et che vol ben vicinar et 
erra servitor di la Signoria oferendosi et manda le letere traducte di 
schiavo ec. et che lui Schander voleva esser schiavo di esso Proveđitor 
li rispose referissa gratie al suo Sig. ec. bona verba e lo prego andasse a 
Budna e cussi ando pario a quel Podosta nostro erra con lui il Gonte 
Alexandro di Montenero bor li fece alcuni presenti e rispose ale le- 
tere di Sanzacho spera vicinerano ben : item in guesti di a fato presenti 
dl molti ducati a Turchi per farli grati e Iha fato con parsimonia voria 
pani scarlati e paonazi per presentar. 

Copia dila letera dil Sig. Ferisbei Sanzacho di Scutari 
al Proveds di Cataro ec. adi 4 feurer. 

— Dal S. Ferisbego da Scutari al vicin et amico Gonte et Proved.*' 
di Gataro inchini et sanita acio sapiate che dal universo Imperator ve- 
ne el messo et portomi letera a caxom non lassa piu li valenti homeni 
nostri corer soto le clta vostre ne anche che ve femo in futuro danni ne 
de schiavi ne de animali ne in le possesion ne frutti ne di niuna altra cosa 
adesso a tuti ho fato comandamento et menazato a tutti quelli che sono 
da parte nostra che non debano a nessun deli vostri far alcuno danno 
e cosi bisogna che la gratia vostra simelmente facia crida et menaze a 
cadauno subdito suo che non debia far danno a nisun servitor del Im- 
perador acio sapiadi se da nui non proceđe qualclie inconveniente da 
nui non se procedcra Idio ve augumcnti in tutti i zorni con honor. 



Digitized by VjOOQI€ 



240 
4503. Copia de una letera del S. Mcthmet Bego Sanzacho di la Bossina 

al sopradetto Proveditor, 

— Al savio et nobile et a aui molto caro corđia] ainico nobel P.<^ 
đe Gataro đe Methemet Bego Sanzacho đe Bossina sanita consolation et 
gratia đe Đioet carita salute. C!on amore recevo vostra honorab. amicitia 
acio sapiati come a nui park) el Thesaurier che sta a Gastel Nuovo come 
altre volte Ragusei hanno conđutto sali a Risano et cassi đitto sal de 
Ragusei se ha venduto per la mita adesso ditto Thesauriero zercha che 
sal se venda a Risano se par ala gratia vostra dar i sali vostri a Risano 
che se vendeno come vendevano sali Ragusei accio una et laltra parte 
abbia utilita et tra đe nui amicitia in avenir Iđio augumenti zorni et 
anni amen. 

Copia di una letera mandata al dito ProvedS 
dal Tesaurier del S. Turcho. 

— Al nobile et savio et in tutto assai honorando et de ogni onor 
et laiide da Dio donado domino Comiti Capitanio et Provisori Gatari dal 
Emir overo exator dil Signor lathmet cosa de Dio sanita et gratia receva 
nobilita vostra. Altre volte scrivesimo nostre letere ala nobilta vostra a 
pacificarve et Insieme che ne mandati sali a Risano in quello modo che 
devano Ragusei zoe la mita de dono et in quello caso nui manđassemo 
de aver letera del S. Methmeth Bego Sanzacho de Bossina el qual ne 
rispose mi questo non posso concieder se non ho licentia dal universo 
Imperador da poi mi andai ala Porta et adesso sono tornato et trovai 
che la nobilta vostra se haveva pacificato con el S. Sanzacho et ho inteso 
che llmperator con la vostra Signoria de Venetia se vol pacificar ades- 
so nobelta vostra faccia a nui come altre volte ho parlato che ne con- 
cieđa sali a Risano acio publichemo la voće che la brigata vegna a Ri- 
sano' et poder pratichar a Gataro acio possiamo merćadanzar come 
havemo altre volte mercadanzato e de questo haremo parlato con el S. 
Sanzacho Methmeth Bego et de questo con lui scrive ala nobelta vostra 
e se ve piase lasse che Ragusei <;t)nducano sali et darneli come altre volte 
hanno conducti etiam fati una patente ali subditi đe la V. Signoria chi 
vol condur sali da Gorfu over da Sibinico over da altri lochi e descarigare 
a Risano e Gastel Novo et darvi tore aspri in pagamento preghiamo la 
nobilita vostra se non voli dare sali almanco datine per dui mexi fina che 
nui da altre parte provedamo la nobilita vostra se ben che altro sal non 



Digitized by VjOOQI€ 



241 

se puol veiidere in paese dil S.' che lo suo e cosi ho menado dala Por- 4503. 
ta uno schiavo đel S.*' se ^iialcheuno dili nosiri comprasse sali da vui 
ovor dale altre teire vosire senza oostra saputa che tutto el suo vada in 
fiseo et lui iiu persona moHo ben castigato cosi ditto schiavo ha manđa- 
to in Montenegro et a Pođgorise che castiga fal che contrafara me diga 
la S.^ V. se te vole aseniir a quello che ho parlato che omnda per ditta 
schiavo chel manda via ala Porta et che faciamo saver ala zente che ven- 
ga a Risano come altre -volte son vegnude. Dio augumenta la Signoria 
vostra in molfi anni et bon stalo. (IV, 273*274). 

— Da Spalato di vS. Zuam Ant.^ Dandolo Proved.*' di 16 feurer co- 
me ricevete letere dll Capit.^ dil t!olfo di 7 in le acque di Curzola fate 
zercha il levar di le ofiese come a ordina etiam il S. Turcho e cussi fe 
prociamar e scrise im Poliza e al Castel de Almisa e aviso ali.... . di 
Clissa el rispose havia piacer dil ben di subdili dila Signoria ma si do- 
leva non sapendo si e levate etiam per Ihoro : item eri matina el corse 
48 iMartolo si fin ala guarda di Spalato videli/^et a San Michiel che so- 
pra CHssa e lasaltano qual si difeseno et feriteno uno di Ihoro i guali 
se imbatcno in uno cavalo di Clissa et quelo preseno e meno via: item 
ringracia la eleclion dil sucesor e sia manda prosto e luni metera su la 
scarpa la insf gna di s. Marco ,et voria danari per poterla compir ec. 
(IV, 275). 

— Da Trau di S. Doliin Venier Conle di i 3 come a ricevuto nostre 
vendi li biscoti e cussi fara : item per uua altra scrive aver avulo letere 
dal Vescovo di Scardona che per qnelli di Corbavia fato la preda su 
quel di Trau tre homeni di suo fradello Conte Slefano avia avuto 20 
animali menuti e conduti li pero li volea restituir esso Conte mando 
per li gastaldi dile vile acio andasse a tuorli risposeno saria piu la spe- 
sa eha lulice e poi sariano presi ec. : item za 4 2 zorni li a Trau si sta 
in sospeto di Turchi e provete ale guardie e da quelli guardava li nion- 
ti per do volte fon no scoperti e fatto segni tutto el paexe si reduso in 
locho sicuro e inimico visto esser scoperti corseno tule do volte sul te- 
ritorio di Sebinico e ivi fe danno e ancora sono in quelli paesi ma Ion- 
tani di Trau e auto aviso che i voleno provar faranno assalto inanzi 
passano la Oumara e lui Conte a trato danari di sali che si questi non 
erra quel territorio non si salvava perche pago le guarde: item e de li 
gram fame e da un mexe in qua la terra manza solum pam di sorgo e 
pur ne fusse. (IV, 277). 

— Da Sibinicho di S. Ant.*^ Corner Conte e Capit.** manda la mo- 
stra di cavali dil Conte Xarco ivi fata, (IV, 279). 

46 



Digitized by VjOOQI€ 



2Ai 
4503. — Di Aatmri dUa Comimita do letere una di oobeii e laltra di 

populaiii di iS feurer laudano le operation di S. Nieolo Dolfin venuto 
Syiuco de li el q»al a fato certi caintoli prega che siano confirmati ec. 
(IV, 280). 

— Di Beroardo Gondola abai^ di Meleda di xi prega la S.^ sia 
scripto a Liesoa non daniza la sua abatia sonno venuti a tuorli 48 cai 
pegorini e tamem lui fa boaa. compagaia a nostri come dira & Beneto 
Valier el qual viea da Ragusi qui ei porto ditta lettera. 

— Di Spalato di S. Zuam Ant.^ Daadolo P."^ do lelere una di 25 
feurer zeroha meter certa figura di s. Maroo at patet moUo loi^ et per 
esser cQ$a ridioolosa la copiero quL soto per laltra di primo maržo come 
fin qttesto tempo ha mantenUto la terra di biave e pan ala piaza tamom 
bora li 6 venuto a meao et qttesto per certa caravela mando a tuor ia 
Albaoia qual e sta retenuta a Ragusi li mando a protestar et nulla val- 
se: item a inteso per via dil Conte Stelano di Crayna come ha per via 
di Coustantinopoli il Turcho esser morto. (IV, 28i). 

— Vene el Vicario di Spalato stato dal Ducha Zuam Gorvino qual 
]o trovo erra andato dal Conte Palatino so barba qual e morto senza 
bertedi a piu di 50 Gastelli il Ducha li tiio e il Re di Hongaria li vol du- 
bita sara guerra : item il Ducha a bon voler a far render el danno fato 
a Tragurini promete piu non si fara : item parlando dil Ducha Valenti- 
ne fo dito da uno di soi bisogna ono altro bastardo contra di lui a re- 
primerlo quasi đicat esso Ducha Zuam Corviuo fo bastardo di Re Ma- 
4bias: iiem la moglie M.^ Beatrice fia dil Gmte Bernardin di Frangipani 
poi il Ducha fo in Italia non usa con lei : item e stato a Segna e par el 
Ducha senti averla in contracambio di alcuni Gastelli che dara al Re e 
il Conte Bernardin suo suosero e il Conte Anzolo di Frangipani li sonno 
contrarj et dbie qualche uno da Segna si voria dar piu prosto soto la Si- 
gnoria nostra poi disse di Clissa loco apresso a Spalato soto il Re qual 
e mal custođito ruina ec. et perho si ha pratichato ridurlo soto la S.<^ 
nostra per via di aeordo poi disse esser stato tre mexi fuora aver avuto 
ducali 50 et il cavalo et ha speso piu di ducati 24 dil suo et 11 Principe 
lo laiido dicendo dessc il conto se li sotisfarla et perehe dimando una 
letera al Orator a Roma per qualche benefizio «tlam volso uno al suo 
ArziejHSCopo da eha Zane noviter electo perche disse esser sta Vicario 
del Vescovo passa e dover aver. (IV, 282). 

— Da Spalato dl 4 come inteso quelH citadini 11 mancar dil suo 
Arzivescovo in questa terra dicendo aver privilegj dc elezerlo et cussi 
couvochati in Chiesia n.^ . . . proposono do vldellzet il Prothonotario 



Digitized by VjOOQI€ 



343 
ZaiiG et H. Berlu^i Zorzi qiiafi baiolAti il Zaite ave S cte »i et 51 di no 1503. 
ci il Zorci 57 di si e( 2 di no ei mandsfno Orl^toiri ala S.* oostra. 
(IV, 283). 

•^ Da Žara di Rećtori S. Piero Sagredo e S. Frane.^ Gontarint di 
do maržo come alcuni depredatori cireunvicini haano ftflo danoi e re^ 
leniito e tolto i daoari a uno di Liesna ajiđavii a comprar foi^menti et 
etiam ii Conte di Liestia S. Francesco Valefeso sci'ive in conformit4. 
(IV, 284). 

— Da Vegia di S. Giacomo Liom Governator zercba il modo et la 
spexa voria a tatar legnami su dita ixola: iteiu coine quell frati el soli- 
čitano per cavar el Ihesoro e li la qiial co^a pđrse al Gol.® ridieulosa ef 
nulla fo risposto. (IV, 286). 

-r Fa posto per nui dar alconi Zafatini erano soritti in le cofnpa- 
gme e cussi per esser piiesani atento li 90 meriti certi cavali per uno 
a ducati 3 al Diexe e la biava et page 8 al aniio e istagino ala guai^dia 
di Nadino ne aliter possano Uu^ar soldo et fa pfesa. (IV, 289). 

— * Veneno 4 Oratori dila Comunita di Spalato do per li Canonict 
do per el Conšejo dtcendo esser sta eleto justa i soi privilegj coneessi 
per la Signofia il suo Arzivescovo doiaifio Bertasi 2iOrzi pregando la S.^ 
volesse esser contenta el Principe rispose erano stMi tropo pero chd 
aveano dato il possesso a qael da eha Zane et cii^si fonno licentiafti 
poi diniandono che li beneficj restase iA li šoi et ita fo concesso e ordi- 
nato cussi observar. 

— Da Chataro di S. Sabasliam Conlarini Retot*e Proved.** di 25 e 
26 feurer et di 9 maržo: in la prima dćrivei di saceessi e bona volonta 
dil Sanzacbo noniina H huomini di macbine PoboH Br^iehi vilio di 
Monieuegro : item mando da Ferisbet 3 zentilhomeitl Cćitarini con pre- 
selite di taze dargento et scai^lato pe^ u»a vesta e odando IhoOio di Pi- 
peri bavia retrauto vestilo a preseiitarlo a soa Sanliia : item le galie di 
Alexa6dria adi 18 fo li dentro la Bocha ben viste da Turchi di Castel- 
novo: item manda alcune letere abule de Ferlsbei e di ano altro 11 ti- 
tulo di le qual e questo dat S. Ferisbego San^acho di Sctilari al glorio- 
so et moHo potente anlico Proved.*^ di Cbataro amor et Inehifii ala* fra- 
ternita vostra et scrive zercha il letar dile offese et infine diče Iddio 
ajigumenti la S.» Vostra et in un altra letera diče aL glorioso ut supra 
assai amorevoli inchini et in fine diee Idto augnmenti la S.^ Vostra per 
molli anni. (IV, 293). 

— Di A!exio di S. Ant.<> Contarini Proved.*" in Albania di xi avisa 
esser la note cpn pioza partido ditto Signor Sehanderbecllo e con la sda 



Digitized by VjOOQI€ 



244 
4503. fatneglia videlizet do et una schiava et il Vayv(Kla Prodano e sta risposlo 
a Scutari da Ferisbei con alegreza e fato gran fešte et come esso Pro- 
veđ.*" li ha fato bona compagnia e sovenntolo et 4 volte ala septiniana 
luenato a disnar con Ini: item aricorda si provedi di danari perli solda- 
ti et Stratioti adeo per il suo partir*di paese e restato niolto smarito. 

— E da saper dito Scanderbeeho e partito come disperato per- 
che non havia da viver ne in dosso avia impegnato 11 mantili e caldie- 
re e niun li provedeva etian vene ale luan con S. Ant.*> Bon Proved."' 
qual ozi e zonto in questa terra. 

■.— Da Chafaro di S. Sabastiam Conte Retor e Proved/ di 16 avisa 
la partiia di Schanderbecho ; ilein a aviso per via di Sanzachi che aspe- 
tano fin tre zorni zonzi la nova đi la paxe et sta tanto a vegnir per le 
strade cative et e sta divulgato Achmet Bassa e sta cusco di viveri e da- 
toli una Sanzacha questo perche par il nostro Secret.^ dimandasse trata 
di formenti Ali Bassa e queili non volseno darla ma que$to 3.° Bassa 
Achmet si levo e ando dal Sig. a dimandaria e il S. rispose che me con- 
sejetu e lui disse S. Tupol compiacerli e la S. alhora disse tu mi consegi 
il mio contrario e lo casso tamen non a per via vera. (IV, 298-299). 

— Da Budua đi 44 di S. Anzolo Conte Capit.** di Chataro et viče 
Podesta atento S. Marc.^ Antonio Erizo erra andato in Antivari in luogo 
di S. Zuam da Molin Podesta che il P.*" li manda de qui : et ha intro- 
messo : item scrive come Schanderbecho era in Alexio esser fuzito a 
Scutari e ben visto. 

Aprile* — Adi 4 1 April fo aldito in Colegio conli capi di x 
S. ]>'icolo Dolfin venuto Synico di Albania mandate li per il Conseio di 
X. Et par fazi venir qui S. Zuam da Molin Proveditor di Aiilivari fntro- 
messo amesso in Antivari S. Marco Antonio Erizo erra Proveditor a Bu- 
dua et a Budua S. Aurelio Bragadin era Camerlengo a Gataro. (V, 6). 

— Fu posto per li Savj ai ordeni come hessendo partito di Gataro 
Zanon da Golorno qual erra Capitanio di quelle fantarie che Andrea 
Schiavetto Contestablle nostro in Ystria sia mandate a quella custodia 
qual fazi 400 fanti.Etiam il Colejo abi liberta di elezer uno altro Gonte- 
staDile con 400 fanti qualli subito siano mandati a Gataro a custodia di 
que]Ia terra ave 4 di no el resto dila parte et fu presa. (V, 9). 

llaj^gio* — Da Trau di S. Dolfin Venier Conte come Turclri 
haveano corpo su quel teritorio e menato via anime 60 di quel Gouta- 
do. (V, 22). 

— Queste sono alcune Reliquie mandade ala Signoria nostra per S. 
Antonio da Ganal Governador di Brandizo le qual erano nel monastero 



Digitized by VjOOQI€ 



S45 

di S. Domenego di Duraao capitato in nian dil Turcho et portale li a Braa- 4503. 
dizo et zonfe in quesla terra per una cara vela patron 8. Marco di To- 
daro da Venetia abita a S. Martin in campo di do pozi. 4503 adi 3 ma- 
zo apar in notatorio a carte 202. 

— Uao brazo dt arzento coo la mano di arzetito e dentro e lo 
hrazo di s. Malio Apostolo. 

— Uno piede <li arzento lavorato con lo dilo di san Donienii*.o 
eon uno anelb con 5 pietre. 

— Uno Tabernacolo di arzento con parte di cristalo con uno den- 
te di San Domenjco con uno pezo de reliquia di santa Veneranda. 

— Uno Tabernacolo parte di cristalo e dentro e uno osso di san 
Nicolo con lo piede et cima di arzento lavorato. 

— Uno Tabernacolo di cristalo lavorato con la Spina di Christo. 

— Uno Tabernacolo di legno lavorato con certe reliquie deli Ino- 
centi Croce et Caliee. 

— Le quai reliquie poi fono date a M. fra Antonio ministre đila 
provintia di Dalmatia adi 26 ditto per S. Polio Barbo Procurator dove 
erano sta poste. (V, 3i). 

Agoato« — Item fu posto per li Savj certa parte di Stratioti di 
Žara S. Zorzi Emo Savio a terra ferma messe uno scontro ave 52 il re- 
sio 84 fu presa. (V, 41). 

— In questi zorni se intese S. Antonio Contarini Proveditore in 
Alexio morite e in suo loco fo mandato S. Francesco Michiel crra Gaste- 
lan in Antivari fino cbe anđasse el novo Proveditore electo. 

— Et adi 44 avosto per tutii i Savij fu posto una parte zercba li 
Straiioti in Dalmatia videlicet deputar a Žara Stratioti 63 Levjaatini 
tra i qual Andrea Scura con ducati 4 e Zorzi Masi ducati 5 e page 8 a 
lanno : item 37 paesani videlicet 47 sotto Itelvici 14 sotto Paulo di 
Nona 3 con Zuam di Matafari 3 solo li fioli e nepoti q."^ Zuam Grando 
•Sertovich in tuto 400 cavali sotto que11i capi parera al Colegio nostro: 
a Trau cavali 25 levantini a Chataro 50 tra i qual Trifora Pticovich ca- 
vali 2 Nicolo Kasto da P^asto ducati 3 al mexe a Spalato cavali 25 trai 
qual 2 nepoti dil Conte Xarco Polo e Michiel Vegenovich in Alexio 20 
a Sibinico 40 apresso Ihoro iLConte Piero Namorovich de Poliza cavali 
5: itein el Conte Zarcho cbe havia cavali 25 sia reduto a provision du- 
cati X al mexe a raxom di page 8 al anno et la d^ta parte fo presa: item 
clie li Stratioti di Antivari e Budua fusseno cassi quali volendo andar al 
iZante o la Zefalonia siali consigna tereni: item cbe li diti Stratioti ogni 
4 anni slano muta di ioco a loco et S. Lunardo Emo Savio aiordini vol- 



Digitized by VjOOQI€ 



246 

i 503. se che sei pamani a Žara cUam alenlo ti aoi merili rcstaseno ave . . . j 
H n,^ 84 e fu presa quell9. 

Setlembre^ — Adi 46 In Pregađi fo preso parte đi acetar uno 
Castello đil Conte Zarcho Nutiach apresso Spalato qual lo dona ala Si- 
gnoria nostra ave 45 di no e fo scrilo al Conte di Spalato mandi 11 a cii- 
slodirlo. (V, 56). 

— Iq Dalinatia per Turefai fu felo oerte incursion in qaelii terri-' 
torj che mai non inancha e menono \ia certe aniine. (IV, 60). 

Oltobre« — Vene uno secretario dila Comunita di Ragusi con 
uno silfFo Baguseo con una letera dila Comunita la qual sara scripta 
qua avanti e poi porse una querela contra S. Hironimo Zorzi Sopraco- 
mito nostro qual come corsaro e Catelano e vonuto ala destrution di 
Ragusei qual perho pratichava prima a Ragusi e avuto granđe onor el 
qual havenđo creduto ad alcuni voleva la Comunita li fusse ubligala un- 
de esse ad monasterj e beni e intrate di Chiesie e contađini batuto el 
va dirubando perho rechiedono siano^li dannificati satisfati a conto dil 
sno cređito: dil suo salario oferendpsi justiBchar: e li sia scripto non 
incori in simel disordeni: e nomina li danni videlicet li animali toUi in 
<utto minuti apiu persone come li nomina N.^ 487 et a uno roto la ca« 
$a e tolto il suo per ducati 4 et alo Abate di Melita tolto doi bovi 
aranti e vendemato le vigne di soi subditi e al monastero ^i I^croma 
vendemato le vigne et alia quod longnm essei enarare a qpesto secreta- 
rio Bominato Zuam Francesco Maceratense li fo rispošto per el Principe 
dolendosi di tal cose et che non e molto che per danni feti in Ancona 
li erra sta šcripto per Pregadi una letera che credemo non habi auta 
et poi la Signoria comese a nui Savj ai ordeni tuto il caso la letera di 
credenza dila Comunita e data adi 43 septembrio. (V. 74). 

— In Colegio adi i octobrio, vene il Secretario đi Ragusi al qual 
per il Principe fo lecto e diloli la deliberation đilSenato rimase satisfa- 
to insieme con lalljro Secretario erra qua per avanti per altre cosse com- 
messe alhordine nostro e ringratio la Signoria volse la copia et fo expe- 
đita per do vie la letera. 

— Vene il Orator di Ferara domino Bortolo in materia ricercha il 
pagamento di alcuni cavali venduti per Feraresi al signor Bortolo d Al- 
viano overo siano sequesfrati essi cavalti fo rimesso la co&sa ali Savij 
di terraferma. (V, 81). 

— - Da Spalato di S. Hironimo Bernarde Conte e Capitano di 2 
septe^nbrio come richiesto dali Conti di Ciissa erra andato a veder li 
conflni quaH venuti li disseno il bisogno Ihoro e non si provedendo an- 



Digitized by VjOOQ1C 



247 
deriano in cdptivUa e v«te il passo dove fu &to una muragia in una 160«?. 
vatisella di monte a tnoDle per li GonU đi Spalata passati e bisogaa re- 
farla di novo e far una torre sopra 11 monte che guarda la vallota ma a 
farla li Castelani pareno contrarj tna zonto il Ducha 11 proinovera poi 
ando a Ctissa per veder la fortezza la qual e a traverso de un coUe topra 
uno sasso vivo despicato di sopra dal coile dala banda di ponente circa 
passa 8 e manco dalla banda di levante cercha passa 12 largo circa 
6 passa sul quale dala banda di tramontana e il Gastello con uno diru- 
po moUo profundo dal aitra testa verso griego e la porta dil borgo e 
per quella si va verso il Gastello đove si trova do custodie con so torre 
con uno revelin stehe el luogo non si pol toor per forza ma ben potria 
esser roba per esser mal custodlta e fornita di ogni desasio e circa 40 
presoni e in tuto e solum xx provisionati e uuo puto per Gastelam di 
anni 22: item vete uno altro passo zoso di ditto colle che uno fosso va 
verso un monte altissimo circa un 3.^ di mio gual'per S. Marin Moro 
fu fato et e necessario riparar ando poi mia do a uno altro looo fortis- 
»lino e peeato non sia aostro: item in qaella note discese al castelo di 
Ganubio eircha Martaiossi x amaza una guarda ferite laltra et meno via 
la 3.^ qual loco e lontan di Trau mia 4 : bisogoa proveder aricorda non 
e polvere ni lanse e si mandi li danari per Stratioti overo darli licentia: 
item a fato puMicar la parte dil Gonseio di x. contro li banditi et Poliza- 
nie comparsi erano banditi baveano salvo conduto da Rectori e Prove- 
ditori di armada e di la Signoria per la bancha li ba licentiatL 

— Di Žara di Zacharia di Frescfai humilimQ servo Secretario no- 
stro 11 36 s^embrio come e zonto e va di longo que&to per saper va a 
Gataro a meter li eonfini col Turcho et Alvixe Sagudino altro Secretario 
va a Napoli di Romania qual e fuora per avanti. (V, 83). 

— Di Žara Sibinico et Gipro vechie di zugno diie poche biave sa- 
ra. (V, 406). 

— Di Zsora di S. Hironimo Zorzi Soracomito e Governador dil 
colfo di 6 octubrio avisa li soi successi et queio a fato diče mal di An- 
conitani et Raguset ec. ut in ea. (V, 409). 

— Fu posto per nui ai hordeni dar a uno Pasqual di Mileti da Ga- 
taro Gastelan a Pulignan quai dia aver ducati 300. Le possesion fo dil 
Baron di Pulignan la mita diie qual e sta date a uno Gonte di li videli- 
cet val ducati 100 di moneda eh e ducati 80 doro ee. ut in ea ave 5 non 
siocere 17 di no 73 di si fu presa. 

— Vene lo Seeretario di Ragusi al qual il Prencipe li đisse cjbe 
per relattone đi nosiri Savi ai hordeni li donavemo quelli do navilj car- 



Digitized by VjOOQI€ 



/2i8 
J50^. gi di sal reteauli in fiocha di Gliataro e đe zetero $o absteinsseiio pet- 
che e gran danno di Chatarb Alexio ec. Esso Segretario ringi^tio la Si^ 
gDoria dicendo li Kagusei obediria la Signoria nostra. (V, liO). 

— Vene lo Episcopo di Gataro stava alias col Cardinal Zen e tolse 
licentia di andar a Roma a servir il Cardinal Corner nostro. Questo Epi- 
scopo e di natibne Vicentino di Chiergati-. 

— Vene in questa malina in Colejo uno piulosopho nominato Hie- 
ronimo di Đionisi dicendo e compagno di Cynthio Anconitano et co- 
menzo una oratione volgar et presento alcnni versi in laude đel Principe 
et poi una suplicatione sotto scripta Hieronimus.de Đionisijs Siracusa- 
niis prosapia Buchari quoques comes per la qual narra molte cosse aver 
fato li soi e lui per quest;a Signoria et e citadin falo et ch^ il Conte Ber- 
hardin di Frangipani lo pre^e et la tenuto ia un profondo carcefe anni 
6 mesi 5 et di 28.: adeo li e romaso solum 4 denti e diventato quasi 
mostro avisa il mal animo di esso Conle Bernardin in tuorne 1 ixola di 
Veia et Iha inteso da uno Paulučhio Capitanio di Novi aricorđa si fazi 
una fortezza al stretodi San Jacomo su ditta ixola e fara gran ulilita: 
couclude e mortal inimicho dil dito Conte or li fo ditto si vederia la su- 
plicatione et fo maudato via. (V, ili). 

— Fo per mio arićordo scrito a Chataro atehto son sta fati et dalu 
tissai provision per Zenerali Proveditoii et altri che tutte sianč suspe$i 
fino non saranno aprovate per il Conseio di Pregadi nostro. (V, i 42). 

— Da Spalato di S. Hieronimo Bernardo Conte e CapJtano di x 
septembrio delintrata li di d. Bernardo Zane Arcivescoyo qua] li voleva 
andar di šora maxime quel di fe 1 intrala e lui Conte non volse e seri- 
\e sopra questo moUe cose che il Colegio lo smato asšai e scrisseli do- 
vesse meter lo Arcivescovo di šora perche cussi si consueta per tuUo. 
(V,i43). 

— Da Spalato di S. Hironimo Bernardo Conle di 2 octubrio come 
aviso che in Bossina Schander Bassa feva adunation di zente e non sa a 
che fine lioet non mancha mai el Ducha Zuam Corvino far danni pur 
stara riguardoso. (V, i 58). 

— Di Žara di S. Piero Sagredo Conte et S. Borlolo Marin Capita- 
nio di 19 octubrio e mandano una letera abuta di Scardona di do Ora- 
tori dil Re dOngaria venuti li per veder di refar li danni fatli a queli 
di Trau ec. il nome di Oratori e domino Piero Beiislao e Matheo Jari- 
sich ec. ut in literis : e perho avisano perche la Signoria comandi quan- 
lo babino a far et fono chiamali D. Jacorak) de Andreis el Hironimo Cy- 
pichb Oratori di Trau e impostbli statim šcrivenb a Trau maodi home- 



Digitized by VjOOQI€ 



249 
ni eiperti acio li sia refati dl daani ec. El fo eiiam scriplo per Colegio i 503. 
in bona forma a Žara e Trau. 

— Đi Spalato dil Conte di 8 octubrio dil zonzer adi 2 di S. Hiro- 
nimo Zorzi Soracomilo Governatore dil colfo con uno bregantioo pa- 
tron Francesco ditto Franco da Corfu homo di mala condition e fama 
el qiial asalto ala porta dila marina missier Bortolo Castlgliano e li de 4 
ferite morfal ut patet in literis lui fe ogni provision e persuase il go- 
vernatore a mandarge tal homo e tamem fin hora nuila a fato e spazo 
il suo chavalier a Liesna ma el non ca)Hto li ha formato proceso e lo 
chiamer!a voria liberta poder ee. questo a tenuto uberloso i lochi dila 
Signoria: item come le saline e in man di persone impotent« e ogni au- 
no resla debitor per modo si ha piu spesa che intrada e scrive si trove- 
ria darle con cabuli 4 500 in 2000 senza alcuna $pexa e chel sorabon- 
dante Ihoro podessc venir e portar fuora dii teritorio dila Signoria in 
terre aliene come fa Sibinico etiam e alcune saline di Papali non si ha 
x;abuli 30 al ano ala Signoria e Uboro voriano dar 150 ma voriano il so- 
rabonđarite condur fuora ut supra e che questi e boni parlili per agu- 
mento dila Camera: item de li e assa condanati in pecunia e mai paga- 
no perho si voria proveder talmente che da Ihoro instessi pagaseno c 
ponerli in la fubrieha per esser danari dila Comunita ec.(V, 161-162). 

nfoveittbre« -— Di Sibinico di S. Antonio Corner Conte di 20 
octubrio come erra s(a iniercopto uno corier portava lelera dila creation 
dil Papa da alcuni Martolossi qualli ootidie vieneno a dipredar ec. e si 
non fusse le guardie quel teritorio pateria assai li maudo li Stratioti 
drieto ma questi Martolosi vien come ladrl. (\\ 183). 

— Di Zacharia di Freschi di 23 di Antivari come per trovar Ihomo 
cdrazaro fuzito fo reicnuti alcuni per il Proveditore Contarini e datoli 
corda per saper ddve fusse e €anson Vayvoda vele questo et poi vene- 
no adi 24 a Budua dove intese erra sla trovalo ascoso e lo mandava 
Gsso Proveditore Contarini ai Sa'nzacho per il quale mandava el Vayvoda 
de Podgoriza con 30 cavali a luorlo che li piaque assai. 

— Dil dito di 24 ivi come zbnto il Sanzacho fono a voler meter li 
confint e cavalchato sul locho uno S. Ant.^ Paschali di Antivari pario 
ec. ma erra mal in hordene di li confiui et tandem il Sanzadio volse da 
:40 6ver 50 ćampi di Antivaraui fusse sul suo et cussi lui Secretario 
contento e fu fato scritiira per meter fin ec: item di Past rovichj otene 
il tutto di Budua perche el Zernovich li haveva tolto fin sotto le porte 
pur il Sanzacho ordioa li dagi di piu di quello tieneno al presente poi 
il Sanzacho iiitro in la i*estitution đi Alexio et il Secretario rispose erra 



Digitized by VjOOQI€ 



S50 
i 503. nosfro per li capifoll e lui dixe il Signorelo voleva e topra qaesto fo 
assa parole et poi tornali a dir dile cosse di Gataro disse il Satizacho 
guelli di Zapa do volte erano andati da lui in tempo di guerra a darli 
il charazo ergo ec. Dil dito di 26 a Diilzigno come fo li a queli conftfii 
col Sanzacho e si rimase in concordia etiani fra Marchovichj poi iterum 
replicho di Alexio e do erano con lui disse esser sta presente ala Porta 
ala conclusion dila paxe et clie lera dil Signor lui Secretario li đisse 
erra inal avanti di lui dicess^ que&to adeo il Sanzacho li rebufo et man- 
doli \ia : item U disse aver mandato uno homo ala Porta per saper la ri- 
solution dil Signore zercha Župa ec. : et crede che abuta mandera dito 
cason o altri con la resolntion ala Signoria nostra perho prega la Signo- 
ria lo avisi quanto babi a far. (V, i 88) 

— Fu posto per tuttiire i hordeni dar a Gregoiiza da Spalato capo 
di Stratioti per il maridar di una so fiola ducati 400 come li fo promes^ 
so ec. et fu presa. (V, 204). 

— Item per Colegio fo preso di mandar Gregoiiza da Spalato et 
do altri ciipi di Stratioti in toto cavali 60 quali sono in Friuli verso il 
campo nostro di Faenza ec. : fo scrito al Orator a Roma advisarlo dila 
electione di 8 soleni Oratori et li fo scripti quali : item la udario non sit 
anda dal Ducha Valentino et ctiam che vol procurar facendo il Papa 
Cardinali fazi un zentilhomo nostro. (V, 207). 

— Da Spalato di Hieronimo Bernarde Conle di 26 octubrio come 
le letere Đuchal portava dal Conte di Siblnicho a Trau et li fu preso da 
Marfelossi tamem lui fara la proeessione solita et cussi fara Trau aspec- 
ta risposta dile saline e condanati si scuoda e di ribaldi f^o quel exee- 
so ec.: item in queli zorni il Vicebam di Corvatia fo ale tnan con 30 
Turchi erra con lui 60 et ne fu morti Turchi 8 e presi cavali 9 ferito 
la mazor parte di tute do qtieste parte questi Turchi e di una compa- 
gnisi di 200 si diviseno in tre parte una verso Sibinicho una verso Tran 
et una su quel di Crayna: item ladunation si feva in Bossina par sia 
disciolta. (V, 208). 

— Vene S. Sebastiam Cohtarini venuto Retor et Proveditore di 
Gataro vestito di veluto negro et referi esser venuto qua con la galia 
veronese. Et di confini voleva dir fo interoto si avia aVuto il tntto per le- 
tere dil Secretario disse esser sta li in guerra e peste et rimasto solum 
con 5 soldati ala piaza et mediante lauxilio divino varcb la terra : item 
la Gamera e povera a do infrada f. 42>» e di spexa f. i8°>: item uno 
Gontestabefe e li nominato Piero Chavalin mandato noviter e spexa buta 
via: item đisse di sali di Risan lauđo laoorđo el fece eon Lemui dil Tiir« 



Digitized by VjOOQI€ 



251 

eho acie fe^sei non ioia Ihoro quella via liccl e sta a Ragusi o queUi 1 503. 
H ha ditto e coulenfi perche a inanđar li sali li e piu di dpexa eha d uli- 
ina : ilem disse havia falo uno iiiođello di legno di Gataro e lo mostreria 
et il Principe lo laudo đe more et che quello li acadeva a ricordar venis- 
se dali Savj ai ordeni et qiiando el volleva portasse ditto niodelio in 
Colegio* (V, 228). 

— Adi iS noveinbrio. In Colegio veneno uno Orator di Trau novo 
nominato Goriolan Cipico con letere dl credenza che insieme con li altri 
do sono in que8ta terra comparino ala Signoria or el predito expo8e li 
danni fati in quelli zorni per Turchi siche in tempo di paxe credeno es- 
ser sicuri e non sono perho dimandono primo li Stratioti stagino fuori 
dila terra e si fazi uno capo perche quello e che Dimitri Ralli e qua non 
li piace etiam lui non vuol andar e io questo mezo si scrivi li Stratioti 
di Spalato custodi quel Conla perche a Spalato non c e bisogno : item 
li sia đato ducati 100 da far 4 lochi da tegnir le guardie suii monli 
perche le guardie vien prese per non «i poter asecuraril Principe li uso 
bone parole etcomesso a nui Savj ali ordeni che li dovessamo expedir. 

— Di Calaro di S. Hironimo Foscarini Relor e Proveditor di i9 
oetubrio come la cossa di Župa importa Catarini non pol senza quella 
viver et uno Yayvoda stava in la montagna e venuto 11 a Župa mia 3 di 
Calaro a starvi adeo la Comunita voleva mandar ala Signoria soi Oratori : 
item di U non e Camerlengo ni scontco arieorda si fazi uno Viniliam 
per ogni bon respeto ec. (V, 230). 

— Di Alexio di S. Francesco Michiel Viče Proved/ di 2 novembrlo 
come arivo li una galta Catarina Soracomito Trifon Buchia con intention 
di tuor parte di que1o monition e in quiel zorno il nostro Segretario er- 
ra a Dulzigno con el Sanzaebo di Scutari unde quel popolo con gran 
dolor ereteno esser dati al Turcho e non volaeno fusse levate e la galia 
si parti Insalutato hospite siche queli voriano piu prosto morir eha ri- 
tornar sotto il Turcho lui li ha confortati et il secondo di arivo in porto 
dila Medoa la galia fo Morexina e la tene li per tre zorni e li fece com. ^ 
andasse in la Fiumara a soa obedientia qual anđo e štete poi la licentio 
siche lauda dita galia e H homeni per non vi esser Soracomito : item li 
Stratioti e li et soldati voleno đanari. (V, 137). 

•^ Di Gataro dil Proved."^ Foscarini zercha aver electo per inter- 
prete schiavo uno et lo nomina e auto querele di lui non lo vol et poi 
di 28 oetubrio scriveno do letere uno questi sotoscriti humiles et de- 
veti servilores procuratores et dccera deputati redentes vices tolius 
universitatis ^opuli Chatarensis qual lauda ditto interprete e si dimanda 



Digitized by VjOOQI€ 



ro'2 

i 503. ali Retori slati li zoe S. Fran." Basadona qiial e morto S. Piero Liaui S. 
Zuani Paulo Gradeiiigo : iteiu poi aliri sotoscriti devotissimi sorvitores 
judices minns ct secretnm Consilium Coiuunilatis Calari dale adi 27 
ocinbrio scrive cjonlra el dilo el inanda mio processo fato contra a lui a 
tempo di S. Priaino Tnmi or per chiarir tal cossa fo comesso a niii ai 
ordeni. (237-238). 

— Di Gataro di S. Hironiino Foscarini Recior e Proved/ di 2 coma 
qnela lerra non vol viver senza Ziipa e chel saliner dil Turclio fo li per 
aver sali ec. et zercha quella diferentia disse aspetava risposta dila Si- 
gnoria tuttavia justa lacordo se ne andera dagando sali e voria avcnic 
nno navilio di Gorphu con sali per haverne poehi de li : itera che quel 
Sanzacho di Bossina li vicliio e homo novo voria manzar e aver presenti 
dila Signoria et esser visitato siche la Signoria comandi quanto li par 
sopra tal materi a. 

— Di Alexio di S. Franc." Michiel Viče Proveđ.*" di ... . come qiieli 
populi dubitanđo non esser resi al Turcho li hanno ditto volersi guar- 
dar Ihoro e la Signoria li lassi le monitiom e artelarie sono li qual par 
per la poliza inclusa el perho se li provedi di danari. (V, 241). 

— E perche la galia di esso Proved.'^ erra aqnativa monto lui snla 
galia Galarina e la sua manda đisarmar a sol um li Ire galie Loredana 
Truna Cereole di Žara e vol andar a Gao Santa Maria scorrando verso 
Otranto per 7 fuste ha nova esser ussite dila Vaiussa Gapitanio dila Va- 
Iona le qual a Cao Santa Maria hano trova uno gripo Corfuolo patroin 
Mengola. 

— Di Trau di S. DolGn Venier Conte do lelere di 29 octnbrio co- 
me ricevete lelere zercha lincantar le tre isole Bua Zirona ~e Piancha 
con condilion ec. non so qual condition e ivissi Dalmatini sa quel che 
si fa in Golegio ec. e lien modo de li: ilem a manda uno citadin per li 
danni a Scardona dali Oratori dil Re per lallra lelera avisa come per le 

* aque cresute la (iumera ha ruina li molini zoe lai»zere qual riparera ct 
con zercha ducali 80 di sali ha in magazen fara tal opera: ilem fara fe- 
šta per il Papa licetle letere fusse sta perse da Marlelossi. (V, 242). 

— Di Gataro di S. Hironimo Foscarini Recior et Proveditore di 26 
oclubrio come zonto li fe! la moslra ali Gonlestabeli trovo a Gerarđin da 
Terzo page 26 a Piero Gavalin 47 assa amallale : item Aalonel da Forli 
38 Francesco da Venexia 37 Vicenzo da Novara 53 : pochi da conto e 
assa paesani : item Zorzi Rali capo di Stralioti voria aver 60 cavali \o 
lauda assai fo quello Irbvo Ihomo dil Turcho : item per il Retop passalo 
fo comenza uno turiom e fato fino ale fonx]amente a. cao dila dtadella 



Digitized by VjOOQI€ 



253 

vol a coiiH)irU) d.*' J300: ileiii a Irova la Caiuera mula lulti i daej in- i503. 
lacha e obiiga per raesi 4 : item a pochi sali solum per perperi 3000 
eh e iina rulseria a falo coin.'<* non si Irazi sali de U senza siia licenlia : 
ilem e gran carcstia di biavc. 

— Di Sibinicho di S. Ant.<» Corner Conle e Capitano di 27 oclu- 
brio come ricevete la parte presa nel Coaseio di x zercha li bandizati 
exeguipa : ilem la parte di dar provision al Conle Piero Novachovich dc 
Polizd Gon cavali cinqiie a quella Camera li fece Ja niostra ma avisa la 
Camera e poverissima e manda il conlo dila intrada e spexa e voria 
aver uno cargo di sal overo di Pypan o Caodislria o Corphu ec. (V, 248- 
249). 

— Di Žara di S. Hironimo Barbare Dolor el Chavalier Conle el S. 
fiorlolo Marin Capitano de primo novembrio come hesscndo esso Conle 
zonto de li e visio lelere si mandi per refation di danni auti per li sub- 
dili dil Re di Hongaria: mandono a Scardona da li Oratori regj erano li 
D.Simon Rosa doelor nobele Zaralino dicendo veria uno Orator o Secre- 
lario dila Signoria nostra et inleso queslo che dilfi Oratori si voleano 
parlir chiamono in secreti« domino Piero Sagredo novissimo precessor 
Ihoro che come zentiihomo maturo et in hac re experlo nel tempo dil 
qual le depredatione erano sta facle lo persuase ad andar 6n li e per 
8ua compagnia elexeno 5 zentilhomcni deli citadini e Doctori el cussi 
accepto libenti animo e avisera : item post scriplo mandano una letera 
auta dali prefati Oratori regj et si la Signoria vol comeler alcuna cossa 
op la dita letera di essi Oratori regj nominati Pelrus Berilo prepositus 
S. I. et Secrelarius Matheus Jurisich : date a Scardona adi 29 octubrio 
e la postscHpta fo di 26 dilto come si meraviglia non sia venulo Ora- 
tori dila Signoria a componer ec. lauda S. Zuam Badoer Orator nostro 
e za 3 mexi fo messo hordi ne che a san Michiel ivi si dovesseno ri- 
trovar et perho non poleno piu star li: item inteso danni falti per certi 
Valaehi sul nostro banno comanda la restitation e zerchera far refar li 
danni e si partiranno : or dicli Rectori U risposeno veria S. Piero Sa- 
gredo Conle olim di li : e mandano ala Signoria la copia dila comissione 
datali qual babi il parer de li 5 zentilhomeni. (V, 251). 

— Di Žara di Rectori di 7 novembrio lauda Zuam Jacomo Colate- 
ral qunl c stalo li a falo la mostra ali Slralioti & li Conteslabeli et vera 
bcn inforniato dili bisogni dil Castello: item aspectano letere di S. Piero 
Sagredo di Scardona e aviserano il successo et quanto arra operato. 
(V,257). 

— Adi 26 novembrio in Coleio vene la raoier dil Zernovich fo fia 



Digitized by VjOOQI€ 



254 
1503* dii quondam S. Ant.^ Eiizo dtiuaiidando o li fusse provislo da viver oli 
fussG da licentia di andar a star a Budua dove suo luarito a certa iiitra- 
da cl qi]al e hora in la Natalia con provkiom dil Turcho: li (o risposta 
si consejeria ec. (V, 266). 

— Da Ragusi io feci lezer ima letera dl 5 novembrio di uno Zuain 
Q(ierco Traoguriiu quai scrive al S. Đotfiii Venier Conte di Trau et dtta 
letera vene qua per eror avisa che fo mandato per esser col Secretario 
noslro a Gataro e dolersi eoa Ferisbei Sanzacho dile incursion fate su 
quel di Trau: itein coiue ei vieii uno ambasador dii Turcho a Venetia 
quai e partido da Constantinopoli e vien con S. Andrea Griti Orator 
nustro et e homo di gran condition et e schiavo dil Sig. Zoe Zaus di Ja- 
uizeri et che fia do zorni dovea zonzer li a Ragusi per quaato li ha dito 
uno homo dil dito Orator nostro vene li per terra da Constantinopoli 
espetarlo et dia vegoir a Gataro per conzar te cose di confini. (V, 268> 
269). 

— Di Spalato di S. Hironimo Bernardo Conte e Capilano dale adi 
3 novembrio come ricevete nostre letere zercha il tuor dil possesso dil 
(^stello dil Conte Xarco posto šora Cetina risponde no^i haver il modo 
di mandarvi soldati ala custođia per non esser ddEiari in quelia Camera 
apena si paga il Castelaa di Almissa e il scrivam diia Camera e qualche 
$pexa ocorente e bisogneria ms)tndarvi almeno 8 fanti e il Gasteilo (uta 
nial conditionato e bisogneria ristoro come li ha dito essO Conte Zarco 
e li non e altro che sasst e legni e ehi vi andasse bisognaria portar con 
Ihoro il viver: item la sera la caxa di la caneva appresso 11 monte dil 
Castello justa 1 mandati al prefatto Conte Xarcho e lo fara obedir ali 
Stratlotl e 11 come ihoro cdpo: item che Palizani lo molestano volenđo sali 
di Trau per la Ihoro provisione : item aricorda si provedi ale saline di Spa- 
lato come a scrito piu volte e si mandi li libri portono de qud S. Nicolo 
DoHio e S. Bernardin Loredan S. Domenegho Boiani et S. Hironimo 
Mareello stati Syndici per diferenlie hanno quelli di Spalato 4:on lArci- 
vescx)vo di quel luogo. 

— Di Ravena di Rectori di 26 dil zonzer 11 Bernardin da Nona 
con Stratioti c altri ec: item il Conte di Ptliano c por li : item e zonto 
il Sig. Carlo di Rimano vien a Venexia et la Duchessa di Urbim qual 
kinno visitata aricorda si provedi a Monte Fior perche S. Franc.^^ Gritti 
e 11 non ^^ol piu star et restera soluui Sabastiam di Venetia con fanti 25. 
(V, 274). 

— Dil dito di 28 dale a Ruigo come a Žara Irovo dilte &ue letere 
:()uaT le uianda e avisa la galia Mora saria bcn disaruiarla non hanno da 



Digitized by 



Google 



255 
viver que}i mesicliiiii et volendo ia Signorta k resU fuora si oiandi so- i 503. 
vention et biscoto. (V, 294). 

— Da Gataro di S. Hironimo Foscarini Rector e Proved,' di xi no- 
vembrio come il morbo processe non solum da coruptiom di aere ma 
di extrema faioe erra di li e perho a fato con que]i citađini ogni pravi- 
sion con mercadanii di aver biave e non e venuto a niuna conclusion 
per esser poverissimi et ne son da 5 in 6 hanno faeulta e stano di fuora 
ale vigne soe li manderia a chiamar eri feno Conseio voleano far 2 Ora- 
tori ala Signoria tiostra per dimandar aiuto e lui considerando saria 
spexa a quella Camera ducati xx per Orator non perniesse si dovesse 
forli perbo voria si đesse trata dl biave aliter stanno mal e si provedi 
ali soldati e in masima neeessita: i quali eon li Stratioti per necessita 
dil viver fano ogni di danni ec. su quel teritorio e ivi 100 Stratioti con 
le fameie et cavali sono da 700 boche soldati 5 Contestabeli con perso- 
ne 50 luno li Stratioti e senestrissimi e danixa etiam li subditi dil 
Tureho: item de li e tre fuste e do brigantini mal conđitionati afondati. 
£1 forzo dessi a principiato a fame tirar in terra una fusta e tirera il 
resto erra li uno coperto di una galia e sfa minado i do terzi per Air 
u no principlo di turion voria taole da covezer dt bassa sorte : item di 
uno Nicolo Bonvisino Soramasser đile mo«Hion za ani 36. E per la Si- 
gnoria za 8 mesi e sta eleclo apresso di lui Pier Tripcovieh e li fo toKo 
le chlave per il preoessor suo le monition stavano mal iterum le ka 
date a Ihoro le chiave qual erra in man dil Gogitor dila Camera con 
spesa di ducati 3 al mexe oltra qiielUi bai ditti Soramasseri: item dara 
ai dazier dil Tureho di Risano i sali voria fusse manda uno cargo di sal ' 
da Corfu manda conto di sali obligadi per il suo precessor la Camera 
intachada daeij ineanta a sconlar con bolete vecchie e nomina li dacij ut 
patet e diče le bolete vecchie si compra dili per 8 in x perperi el 400 
volse incantsur el dazio dil vin al primo dil mexe non trovo perche non 

li meteva tal eonđition di scontar in bolete veeehie e trovo la meta dil 
eottsueto 1 a dato a seuođer per la Signoria a uno Frauc.® Xaguri citadin 
di li con ducali 3 ai mexe e cus^ fara : siche ne di sali debitori vecchj 
e novi di dacij non si pol ajutar a gran spesa si dona a Messi Turche« 
schi a SaiMsachi e yayvodi ec. 

— Dil đito et di Zacbaria di Freschi Secretario date adi 12 come 
partlto Ferisbei il Vayvoda di Monte Nero a manda uno Subassi in Župa 
con Turchi e Ua fato far mm}^ a nostri non lavori i so toreni e che ala 
Trittita mia do di Gataro erra el confin e za tre di li scrisseno volea 
mandar el dazier in Gataro per ii saU ec. unde visto tal cosse hano maa- 



Digitized by VjOOQI€ 



256 
1503 dalo Trifon Zagui-i a Ferisbei a Scutari a lainenlarsi dl qiieste cosse e 
dil voler meter 1' amadaro in Gataro ec. (V, 295). 

Deeombre« — Di Spalalo di domino Bernarde Zane Ardv«seo- 
vo coaie q«el Conte li e contrario per cerla diferentia ha di una caxa 
cc: iteoi domino Thoma Negro Vicario dil dito scrive in sua laude ala 
Signoria ut 'intus et a fato una opra in laude dil Principe heroico car- 
Hiine qual la mandera. (V, 300). 

Ad MehemeUi Jga Sanzacho de Mosiur, 

— Per la caxom de questo comandamento al presente da part& 
dola Signoria de Venetia e venuta ala uiia honorata Porta lo Ambassa- 
tor suo et ne a fatto inlender da poi facta la pače esser sta prese molte 
anime nei lochi spectanti ala Signoria de Venetia. £t per quo$ta časom 
lio camanda per el mio comandamento che andando un homo dela Si- 
gnoria de Venexia in questo caso tu fazi come e conveniente et ben ve- 
derai et examinerai se cussl e come ne ha riferito el dilto Ambassador; 
Se alcun del tuo Sanzachato da poi termina la pače fusse anda nel pae- 
se dela Signoria de Venetia et havesse tolto alcun suo subdito quello 
troverai et libererai dale lor man et se alcun dei ditti fusse facto Musul- 
man lo lasserai in sua liberta. Quelli veramente stesseno nella lor fedo 
darai nele man del homo dela Signoria de Venetia che possino andar 
nel suo paese et se i ditti subditi presi in tempo de paxe non li restS- 
tuirai al homo dela Signoria non serai punito solamente con tuorte el 
Sanzachato et cussi sapi. 

A Schander Bassa Sanzacho de Bossina, 

— Per caxoai de qnesto comandamento al presente per parte dila 
Signoria de Venetia el suo Ambassator e venuio ala raia honorata Porta 
el me ha dicto da poi conclusa la pače neli paesi spectanti ala Signoria 
de 'Venetia esser sta toite molte anime et per questa caxora fo coman- 
dato con el mio comandamento che andando da parte dela Signoria uno 
suo homo da poi che sta termina la pače tu debi examinar el veder si 
neli lochi spectanti ala Signoria de Venetia e sta preso alcun suo sub- 
dilo et cercherai et li farai retenir et quelli son facli Musulmani libere- 
rai azio vadino dove li ditara la sua liberta. Qucli vera'meole che sono 
nela lor fede darai in le man de quello andera per parle dela Signoria 
siche vadino nel &tio paese. Me confido nela t«a coscienlia che tu nou 



Digitized by 



Google 



257 

Jarai ne permelerai sia facto cotitra ia pače et el sacraiuento perche in 1503. 
questo ne^ho bona volunta ne anche ti contravegoerai in alcuna cossa 
questo sia per tuo adviso. (V, 311-312). 

— Di Žara đi S. Piero Sagredo olim Conte di 16 novenibrio come 
di coni.^^ di li Rectori licet non tochasse a lui ando a Scarđona con al- 
Guni Zaratini dove erano do Oratori regij videlicet D. Piero Preposito 
di S. Lorenzo et Secretario dil Re et D. Mateo Crovat Aulico regio et sta- 
ti insieme per veder la recuperation di danni ec;. fati a nostri Dalmatini 
per li subdlti dil Re. dicti Oratori đisse el non havea mandate e dovea- 
no venir do Oratori di Veniexia con letere piombafe sicome fo ordtna 
in Hongaria con S. Znam Badoer Orator nostro e viste le commissione 
Ihoro et Ia soa dile qual manda la copia et licet lui li facesse ogni pro- 
missione che quelli facevano la Signoria nostra saria contentissima niai 
volseno asentir dicendo voleano partirsi tandem tra Iboro feno certa 
scriptura dila qual manda ia copia videlicet che fusse sospeso quel e 
sta fato e li confini e piu non si facesse fino non venisseno iterum Ora- 
tori regij e di la Signoria di 11 ec. et di tal cossa esso aviso il tuto al 
Orator nostro in Hongaria. (V, 329)- 

— Di Arbe di S. Ruberto di Prioli Conte come intendendo quela 
Comunita la Signoria fa disarmar la soa galia suplicano voglij farla di- 
sarmar in Arbe ec. (V, 335). 

— Da Žara di Zuam Jacomo da Vilmarcha Vicecolateral manda- 
to in Dalmalia data adi xi novembrio come havia fate le mostre di 
Stratioti Piero di Thodaro Frasina capo di cavali 24 mal conditionati a 
cassa cavali x et ha trova Stratioti xi computa el capo e Anzolo Frassi- 
na senza li cavali dicono averli presi in la scaramuza con K Ranoaci 
sto zugno il resto e famegli senza cavali e sta acepta Stratioti xi con il 
capo Anzolo senza cavalo et havia in caxa 6 zovenl di i5 fin 24 anni 
dicea esser sui ncpoti e non erano et ge li hano cassi pero voria venirsi 
a doler a Venetia: item a Domino Zorzi Pagomeno capo di cavali 21 
ha fatto bella mostra acepta cavali 14 resto cossi per esser fameglij el 
qual a le persone N. 5. voria qualche provisione di piu etiam lui voria 
venir a Venetia : item a domino Nicolo Paleologo capo di cavali 21 mal 
conditionati ha aceptati 13 et havea cavali 5 in caxa e Thodaro Rali e 
in questa compagnia qual per esser li casso il famegio diče non volerli 
star : ileni li Stratioti di Frasina e Paleologo si hanno dolto non aver 
ni biava ne li đanari ma li capi litico perho aricorda decetero saria ben 
li danari fossero dati per man dil Chamerlengo a homo per homo: item 
ha alozato Piero di Federicis Marco da Canal et Manoli Paleologo in 



Digitized by VjOOQI€ 



258 

1^09. queslQ M^tuUp duv^.a es^^r cavali $5 levantioi el sodo soiam 50 per . 
^sser cas&i U faaiegl^: iteia li cavali paesani ba fato la mostra e me- 
diocri ma li homeui stanno in raxa dlli patroni pur a cadso alciiai eava- 
}i e qu6sti poleno iueglio borvlF eha U Stratiott perche banno la biava 
cofue a boeha dira 11 tuto : item a fato la mosCra ale fiinlarie mal in hof- 
diae 6xcQpt» la compagDia đi Vicepzo da Vene^ia Conleslabile ala Por- 
to coq page 31 : et la compagnla di Bemardln di Trevhco uoo đeli 
Contastabeli cassi spi um a cassl dili fanti pag6 28 fra tultt ii Gootesta«^ 
beli ma nm si troveria 30 booi fanti : itesu e aođato a Laurana a far 
1^ mostra trovo ^uelle monition mal in borđine e mal teniite per esrser 
iina cortina di muro minata per il qiial locho fazilmi^nte si potrla ascen* 
der sul Gastello: it^m fo a Nadino dove e uno caporal coa page % non 
li e vituarie salvo počbo pan che ogni đi lo comprano: item a Nove* 
gfddi le laonilion e ben tenute salvo li maacha ono bombardier : item 
^ Ni>Đa a trova la mazor parte dile artilarie drio li mori di»€operte e 
m£|t cpnditionate state cusi dal tempo di Tctrchi chc vene in qua siche 
^iian li bjspgaa uno bombardier: item ba comparti li Stratloti vid^licet 
cavali xxx stagino a Laurana xxx a Novegradi et 40 a Nadln per cu- 
stodia ma prima bisogoa spender a Nadin duoati 50 per far li aloza- 
menti et a questi li daranno le viUe barano a cu^todir : item li Tetrici 
dicono le persone mai andera ma ben la coropagnia Ihoro pur li ba 
fato eonto vadino ; item e sta iix castel di Žara dove e page 50 alcuni 
banno mojer di Žara in citadella e page i5: a eassa 2: item si parte e 
va a Sibinicho ^ &r ^uesto efecto. 

— Di S. Hironimo Barbare Dotor et Chavalier Goate ct S. Bartola- 
meo Marin Gapitanio seriveno lauđando esso Vieecolateral e queli ca- 
pi voleaao venir a Venetta li banao usa bone parole : item li Stratloti 
cassi voleano danari dil servito: item bisogna dapari per restaurar li 
alozamjenti e đi quella Camera si pol trar uno soldo e per il castella di 
Žara bisogna ducati 40 per iostanrar le stalle e locbi dUle monition e 
ducali 50 per Novegradi licet sperano recuperar duoati 40 qua}i alias 
fp m^n^dati a tal efecto et bano maudato Antonio Girlando fiol dll Si- 
gnore Anzolo : item li Stratioti voleano levar le so bolete tamem non si 
pol per \sk parte šino a qu^lli ai^deraaao a star di fuori sich^ non sanno 
cbe far. : 

— P per un altra letera essi Rjetori đi 48 povembrio avisa il su- 
cGsso di S. Piero Sagredo a Si^ardona con li noint\| regij come siave da 
lui per avanti et manđano letere e le commtjssione et si duol el sia par- 
tiđo di Soardona senza avisarli nuUa: item adi 47 riceveno letere no- 



Digitized by VjOOQI€ 



260 
stre ćon la nova dila crealione di Papa Julio secuado ei fu fato fosfe. 1503. 
(V, 893-394). 

— Da Trau đi S. Doifin Venier Conte di 14 novembrio come 
scrisse per le inondation dile aque che haveano roto e frachassato U 
arzeri ali uostri inoiini de li ei chel sperava fra 8 zorni di farli conzar 
a horra avisa che per le grandissime pioze state continuamente di di e 
đi note da qQel tempp in qua videlicet da di 29 fin 14 ditto et non si 
ha potuto aconzar ditta rota ma qoella ha piu ruinato per le gran pio- 
ze ia fiamera e cressiuta e faAo la rota molto mazor e pia profonda si- 
ehe non sa quando si aconzera respeto li mali tempi che non si pol lao- 
rar e de diti molini si trazea ducati 380 al anno e manchando quel su- 
fragio per qualdie mexe quella Gamera stara mal non si porra pagar 
le guardie deli monti le qual voleno ogni zorni xv avanti trato ducati 
X etCastel Zoiel ducati 15 al mexe perho avisa ec. (V, 398). 

— Fu posto per il Serenissimo e altri di Colegio dar il posesso dil 
Arzivescovo a di Žara a domino Alovisio Cypicbo qnal auto per il Papa 
et par uno breve qual fo leto al Gonseio et fu preso di largo. (V, 399). 

Copia de trna letera 9crita per el Ducha Zuam Corvino 
ala Signoria nostra. 

— Illastrissime princpes et domine domine et pater noster hono- 
fande. Deputavlmus ad illustrem d<»ninationem vestram hunc virum no- 
bilem Franciscum cujus medio illustri domiaatiohi vestre in nonnullis 
rebus nostris omnem mentem nostram aperuimus et eum plene infor- 
mavimus que omnia ipso vive vocis oracnlo isst relaturus-Bogamus do- 
minatlonem vestram illustrem tanqaaffl dominum et patrem nostrum 
velit eundem ipsum exauđbe et omnibus ipsius relationibus nostro no- 
mini vestre illustri dominationi referendis omnimodam credentie fidem 
prestandi quam longeve ad sna vota valere desideramns. £x castro no 
stroBehexin fešto beati Nicolai Episcopl et Gmfessoris, anno domini mil- 
lesimo quingentesimo tertio. Subscriptio Joanes Coruinus dux Ljptovie ^ 
et regnorum Dalmalie Croatie Slavonie Đanus ec. A tergo : Iltustrissi- 
mo principi et domino domino Leoniardo Lauredano duel Venetiarum 
domino et patri nostro observantissimo. (V, 401). 

— Adi 24 decembrio in Colegio vene S. Nicolo Doifin fo Synico m 
Albania dicendo li fo comesso etiam per la Signoria el Synicha di Žara 
et fece alcuni ordeni a quela Gamera perebe li danari dila Signoria era- 
no mal ministrati et partito lui S. Piero Sagredo et S. Franeesco Gon- 



Digitized by VjOOQIC , 



260 

1503. tariiii Reclori Uei um ritorno ditte partide che cosa mal falta: item cerli 
danari da Cherso che il sorabondante vien manda U quoIi Bectori li 
havia consegna ađ'alcune bollete vechie adeo il Principe fo ealdissimo et 
fo ordina per Colegio una letera a dicti novi Rectori che retratia tulte 
le partide et la qual letera esso S. Nicolo Delfin la ordino et Nicolo Au- 
relio la scrisse. (V, 416). 

— Di Žara di Rectori di primo dila inopia di qiieni poveri soldati 
ne hanno modo di prevalersi di uno soldo per esser inpegna li dacij 
per anni do ec. et per li Capi di x fo date do letere a Ihoro drizate seri- 
toli per li dicti Rectori videlizet di 20 novembrio et prlmo dexembrio 
narano ut supra e si provedi perche li predeccesori Ihoro non hanno 
ubedito li ordeni fe S. Nicolo ĐolHn Synico adeo di la Camera non si 
pol trar uno soldo perho si provedi e protestano si lachadera qualche 
disordine. 

— Di Chataro di S. Hironimo Foscarini Rector e Provedilor et Za- 
caria di Freschi Secretario e umilimo servulo date adi 28 novembrio 
come vene uno con letere dil Vayvoda dila Montagna Negra drizate a 
lui Proveditore per le qual richiedeva lasasse scuoder a ditto homo el 
datio dil sigoore li ale porte etiam in Župa e sta constitullo uno Subas- 
si unde terminono mandar a Scutari a Ferisbei uno zentiihomo de li fi- 
delissimo Trifom Zaguri qual e amato da dito Ferisbei a meravigliarsi 
di tal innovatione contrarie ali tractamenti avuti iusieineec el qual ri- 
spose dil dazier non havea potuto far di meno per non perder in que- 
sto tempo medio si le cose si stabiliscano e dil Subassi dil Župa la ne- 
cessita Ihaveafato far perche le male lengue e quelli lodiano diceva lui 
aver manzato per lassar Župa in abandono e in mano de cani ne mai si 
pote peV raxom e preghierie rimuoverlo di queslo et U datio chiamo uno 
Conte Alesa dila Montagna Negra qual sia mostra amico dila Signoria 
imponendoli el tolesse dito dazio per do mexi e rccusando lui lo astren« 
se a tuorlo per aspri 500 al mexe eh e assa mancho dil consueto con 
condition che vulendolo esso Secretario nostro lo renoncij e chel darla« 

^di zio notitia ala Porta acio lo potesse lasarlo anzi con avantazo or tor- 
nati li a Gataro questi li parse acceptar e messeno S. Trifom predito a 
scuoder e pagar per ditti do mexi et dito Conte Alesa per scritura lo 
renuncioe e si scuode il dazio con gran contento di tulti che ringratiano 
Dio non li e da bastonate ne fato pagar piu dil dover imo se li fa a pia- 
cieri accio portino piu vituarie e lievi piu sal. 

— Dil dito Proveditore di ultimo novembrio come ricevete letere 
nostrc per uno messo dila Comunita di Ragusi che siano restitiiiti do 



Digitized by 



Google 



261 
navilij Ihoro erra li ki porto cargi di sal presi per conlrabanđo per S. 1503. 
Hironimo Zorzi Sopacomito e cassi ubeđi e li libero snnza alcuna spe- 
sa prcgandolo non li lasasse discargar in colfo di Gataro ma fosseno 
conduti a Ragiisi e cussl li proinise far e non se discageria ni a Ragusi 
ni a Risano e mando do provisionaii su diti navilij ma atrovandose 
dilti navilij al porto dile Ruose eh e dentro dila Bocha di Gataro non si 
vdlse levar fino non veleno una barcha di Turchi che veniva di Castel 
novo e cussi li diti monto sul navilio mazor e quellb eondusse a Gastel- 
novo e li tulio discargono laltro navilio ussite fuori : iteni ozi vene da 
lui uno fradelo đil Emin di Gastelnovo li fe bona ciera e presentolo e 
li richiese una patente per ditto navilio di Ragusei vuođo che potesse 
partirsi exeusando$e haver tolto ditti sali per li bisogni dil paexe e lui 
Provedilore si dolse havesse tolto quelli sali havendone di Gataro a 
suficientia e si dolse di Ragusei non haviano ateso ala promessa tamem 
rispetoala paxe col Gram Signore e per 1 amititia ec. li promise non 
dar alcun fastidio al ditto navilio ec: item e zonto etiam li el datier đil 
sal di Scutari per comprar ditti sali di Ragusei e condurli in Buiana e 
non li trovando fe mercado con lui Provedilore di sali dila Signoria per 
ducati 200 con disavantazo di 8 in x per 100 di quello se vende a guelli 
dila terra ma ben con grande avantazo di guelli si vendono a Risano e 
Gastelnovo el qual dazier faria partido di gualche summa di sali pe- 
rho volendo bisogna mandarli li uno overo do marani de sali con comis- 
sion ali Rectori a quelli confini che non li impedissa e se li respondi a 
questo: item si proveda ali Slratioli sorino de li con gian spesa e con- 
fusion: et non poder viver da 600 in 700 anime con la provision di 
i 00 cavali e cussi etiam 5 Gontestabeli e li con le compagnie. 

— Dll dilo di 6 dezembrio : item a ricevuto lelere dil sminuir li 
Stratioli lauda il Golaleral voria esser stato de li: item a ricevuto lelere 
fazi rason ala querela data per li homeni de Lustixa Liessivich Ebog- 
đassich centra Trifon de Lampro Vayvoda fara formar il processo ec. : 
item voria biscotli e meglij per monilion per non ne esšer e dila Ga- 
raera non pol trar un soldo per esser sla i^ forzo di dazj obligati e scon-^ 
tati ec: item e zonto li S. Franc.** di Zaguri govorna i sali dilla Signoria 
nostra a Risano e diče che li sali dl Ragusei fo discargali a Gastel- 
novo fa danno a nostri ma quel Emin diče si la Signoria li vol dar lanti 
sali quanti el rechiedera per il suo bisogno lui se ubligera tuorli di la 
Signoria ma vol con avantazo dil Oran Signore qual mai non vol perder 
et crede el si contentera se li fosse dona quelli 65 aspri per centenaro 
di mesure come fo lacordo alias fato i qual aspri 65 non montera al 



Digitized by VjOOQI€ 



36^ 

1503. anno ducati 150: stara sula praticha aspelando risposta e aricorda e 
bon farlo per eaxoni di Ragusei periio voria per guesto a[HriI do maraai 
di sali perche Risano che servc parte đila Bossina e que1H di Monte 
Negro che vien li a Gataro a forairsi di sali dicono a quel tempo arano 
bisogno. 

— Del dito di x come S» Hironimo đi Gernotis Soracomito Arbe- 
san per peniiria di biave ando a Ragusi aver bischoti et ne have un po- 
eho e ne landar trovo in porto đi Ragusi una saitia con bona somma di 
panni di lana et di seđa di valuta zercha ducati 7 in 8 milia anđava 
ala Valona con una patente di Rectori di Corfu feva feđe đita saiitia 
erra dil Sanzacho dila Valona e una altra dil Sanzacho qual manđa la 
oopia : e dito Soracomito non li fece alcun impedimento e tornando 
verso Gataro nel porto di Malonto trovo uno gripo Capitanio un Gorfuato 
qual ha abitation a Gorfa con soi parenti e una altra tien ala Valona e 
usa a soi propositi hora si spaza per subdito dila Signoria hora per sub- 
dito dil Turco e navega per colpho senza alcuna^ boUetta ne patente el 
qual al presente ritornava dila fiera di Lanzan e Rechanati con balle 45 
panni di lana sacbi 3 seda carte ec. el qual gripo con ii cargo lo con- 
'đuse li in porto di Gataro per contrabando e alditi in contraditorio 
unde lui per le cose dila pače e dil traf ar li confini ec. lo libero : item 
per via đi Gastelnuovo aviso esser venulo ordene dila Porta dil Signore 
chel Sanzacho di Bossina sia cambiato et e venuto uno homo di Gassum- 
beg BoPDvinich zenero di Achmet Bassa el luogo e il Sanzacho suo e 
dato a dito Sanzacho di Bossina e sta fato ala Porta si cambia lun con 
laltro e quel di Bossina non si c6ntenta e ha spaza irao Olacho ala 
Porta per veder di restar in Bossina Sanzacho t item a ricevuto letere 
nostre zercha lacorđo ih sali de Risano ec. el qual £min e andato a Ra- 
gusi e stara 16 zorni poi ritornato exeguira e conduđera ec. 

Fede del Sanzacho dila Valona. 

*• — io Mustafa signor đib Valona et đe Albania ali merchadanli 
fiorenlini et ogni altra generatione che volesseno vegnir et condur so- 
pra el nostro navilio possa vegnir franchi et securi senza nisuna paura 
ne da Turchi ne da Venetiani perche io ho auta una letera dil Baylo 
che comanđano ad ogni persona tanto patroni come capetanj dele galee 
come ad altri navilj che non sia nisuna persona che ardisca impeđir ne 
đonar impazo alcuno al mio navilio p^ho potiti cargar franchamente 
^en^a nissmn dubito da Turchi io ve fazo francho et securo et si sara 



Digitized by VjOOQI€ 



263 

donato iriipa^o hv\e satisfar da ogni cosda fino ad uno pello et da Ve- 4503. 
nilJani azio segurta dal Baylo che comanda ad ogni persona comc ho 
đito di soprii iolla Valona adi St octfO^rio 4503. 

^ Da Shkiofićlio di S» Afttonio Goraer Conte dCapitano di 23 no- 
veombrio zereba li Oratori Ungarid ^li a Soafđona e db li ando S. Pie- 
ro Sagredo (o Conte a Žara e inviando 4 zentilhoAi^ni dt ^binieho ma 
Dulia feno e fo rimesso a lifrovorsi inaleme que$to april adeo queli me- 
sdnni siibditi đepredati e rimasli đlsper^i e comverano abandooar il 
paese:<item ando Domenego Malacasa capo di Stratioti li a Scardona đa^ 
cssL Oratori per liberarsi dilo Banoazo dila taia unde dito Baooazo lo 
ba retenato e menato captivo a Tenina e lo tien in ferri vol duchati 200 
et esso Conte scrisše al prefato Ban cbe lo lassa^se per esser soldato 
dila Signoria noslra accio custodissa cbe li Martolossi ogni di vi fa dan- 
no li ba risposto non Iba lui ma uno nobele borno croato el qual fo 
suo piezo di ducati 200 dila taja e la pago: item e arivato li a Sibinlcbo 
Zuam Jacomo dil Yil Mercba Colateral nostro e a fato le mostre ali 
Stratioti quali si voleno partir per esserli sta cassi li famegij et li danari 
tocbono non a paga uno terzo deli debiti soy etiam Acbiles di Bologna 
Contestabile con la compagnia et a gran necessita.(V, 427*429). 

— Di Trau di S. Dolfin Venier Conte piu letere la prima di 23 
novembrio in materia di Scardona come mando li Oratori de li con S. 
Piero Sagredo rimesso a San Zorzi. 

— Item di 26 avisa cercba il Castello di Vituri al qual slanno al- 
cuni M orlacbi danniza Turcbi et ne ba preso uno dil Ihoro et ha confes- 
sato sicbe di zio aspeta risposta. 

— Item di 30 come a fato fešta per il novo Papa Julio et per una 
altra pnr di 30 il Colateral nostro e stato li e aceta 23 Stratioti e in 
Castelo časa alcuni banuo mujer Đalmatine : item Dimitri Rali non e li. 

-^ Di Zuam Jacomo da Vil Mercba Vicecolateral dale a Trau adi 
29 novembrio come di 40 Stratioti solum a acepta 22 e di Dimitri Rali 
electi di 46 21 et Micbiel Rali so nepote di anni 45: 11 resto erra pac- 
sani c tristi e bisogna mandarli danari percbe e mexi 5 non ne banno: 
in roCba e persone 36 col Castelan tra i qual ne son x bano done di 
Trau tre nativi e uno Capelan Tragarin di qualli solum do a cassi cbe 
dila terra dil resto a ritorno avisera in ditta rocba e quanto la cisterna 
bisogna riconzarla e le monition e artilarie e mal governate ala porta 
dila tcrra e do Contestabeli con page 45 per uno tra i qual Lorenzo di 
Basam Contestabile e absentado per bomicidio e sono page native e 
artesani: item ala piaza e do Contestabeli videlizet Marsilio da Carara e 



Digitized by VjOOQI€ 



264 

1503. Alvixe Foscarini con page 50 uno terzo e bani il resto famegij paesani 
' et artesani cc. 

— Di Spalato dl S. Hieronimo Bernarđo Conte e Capkano đi 17 
novembrio ia materia di Scardona ec. e come si aspeta de li el Vescovo 
di Scardona vien a visitar quel Episcopo de li col qual partera, dili dan- 
ni dati a quel Conta. (V, 437). 

— Item lArziepiscopo di Ragusi ozi e zonto li li anđo contra el 
Capitanio đile fantarie e altri condutori e lo accompagno alo alozamen- 
10. (V, 443). 



Digitized by VjOOQI€ 



265 
ANNO 1S04« 4504. 

Oemii^o« — Da Spalato đi S. Hironimo Bernarđo Gonte e Ca- 
pitanio đi 28 novembrio come fe fešta per la creation đi Papa Julio e 
piu đel solito per esser 8uo seniđor : item ricevete Aostre aeepcha il 
proceder đil Vescovo esegoira ma feoo pače e fora registrar la letera: 
item per uno servitor nostro zoe il Gonte đi Sfigoa a nova Scbander 
Bassa con quel Samacbo e il Vajvođa đil ponie andavano ala Porta e 
vien đilo il Signore manđa uao. altro Bassa im Bossina et e ben perehe 
que$to e cativo: item li nobeli e patrimoniali đi Poliza conđuseno per 
Ihoro Cente missier Agustin Maricich qual ivi za anni 45 non e sta 
niun et a conzato si ben le cose e toite Ihoro diferentie ađeo đi soi atti 
niun vien ala apelation li a Spalato a lui Gonte e fe far li in Poliza una 
crida niun facesse đanno a Turchi et eravi a caxo 3 Turchi che uđite 
la đitta proclama etiam vi erra il Gonte Xarco nostro qual si porto be- 
nissimo ec. (V, 459). 

— Di Spalato đi Zuam Jacomo di Vil Mercha Vicecolateral date 
adi 3 dexembrio eome trovo li 48 cavali di Stratioti dati per qnel Gonte 
soto il Gonte Xarco mal conditionati 4 boni x mediocri 3 tristi e il 
Gonte non ha voluto 8i42iissi ma si li dagi danari e la biava e la mazor 
parte hanno famegie e fioli de li: item scrisse il Gonte di Xarco con 4 
boni cavali per suplir a cavali 25 et Gigni Massi con 2 cavali e Piero 
di Papali citadin de li con uno cavalo e li do nepoti di Xarco si dovea 
scriver con do cavali non hanno voluto siche in tutto sono rimasti ca- 
vali 24 et a nove Stratioti Levantini li casso li famegli dicono non poter 
star: item a fato la mostra a queli Gontestabeli sono molli nativi di Spa- 
lato e molti hanno moglie di li e non a parso al Gonte fazi altra move- 
sta ma al suo venir avisera : item le munitiom e artellarie đil Gastello 
parte e mal conditionate e solum do barileti di polvere: item volea du- 
chati 62 dal Gonte rimasti in avanzo trovo quelli esser dispensa per lui. 
(V, 464). 

— Da Gataro đi Zacharia di Freschi Secretario di 47 dezembrio 
come havendo mandate Baptista Sereni a Scutari da Ferisbei Sanzacho 
ritorno quel Sanzacho li dimando si havia auto risposta di Venetiaet di 
Alexio li rispose che la Signoria si meravigliava di tal dimande a tento 
nulla erra in li capitoli dila pače e il Sanzacho disse li saria gran nota 
che niun Sanzacho non havesse preso si non lui Alexio et dlto Baptista 
li dimando sil havia auto risposta di Gonstantinopoli rispose di no ne 
laspetava fin uno mexe e mezo over do perehe havia manđa a Gonstan- 



Digitized by VjOOQI€ 



U6 
1504. tinopoli el Vayvođa đi Monie N«gPo con niolU presenti c slaria assa 
a venlr per le gran neve et havia manđa a dimaadar licentia al Signore 
di poter anđar a Consianlinopoli et che per cont.^ 4il S^nore non 
pol Biandar piii Olaiebi e eto dil6 sđiline e a Makkro reptitava }a eo9sa 
ferma eavia scrito ^\ Signote e di la risposta^avisera il ProvedRorc 
di Gataro e perbo esso Seoretaf (o poterva rrpatriar ma ben el đesiderava 
saper zercha Znppa si la Sigaoria veleva pagar qud chd Signore sco-^ 
deva di.qtieila li rtspose eđestnita or dtto Sanzacko eoo k> rimando 
con tiaa letera credential đi la qital manđa la eopia et ima di Gason 
franco et Herum easo Secre(«Hfio a riooianđa 11 prefeto Bapfisla a Sentari 
d.qualll dimando la carta điconfitn dH Đtikigao e Antivari rispose 
manohavađa Antivaraai a'ttetorla et čhel scrivan bavia Ihordiae ct di 
Đaieigno »on bisognava e đi Buđaa Tol ebel Vayveđa eh e ito a Gon- 
stantinopoli abi la sua prebenda da Bnđnant li qudl Baduani sono za 
aparecbia : itein U dimatiđo Sln^ t^afta di formenti U rispose non csser 
di li come a Leseres e Saloniehij ma esser gran caresilia piu pre^o e sopra 
qite9to fo qfiakhe parola e ala fln dilo SansKacho disse fate che vcnglii 
vosiri navili) con mepee siben fasse nat^anee che lassero trar formeiHo 
el qual formento val aspri 37 hi 38 la mesara che raaneo di ttno Maro 
et vena a raxom đi aspri 4C^ il staro et »e son paiobi formenti : itiem di 
novo dito Baptista intese li da alcuni ii) ca^adel Sanzacho eseer nove di 
Gonstaotinopoli come if Sig« manđd per i- mi 6 fioli ćhe venisseno ala 
Porta aicerte noze aver circofioisiom đi puti li qaaAi eome se si ha^s- 
seno parlaCD luno aliiltro tuti risposeno il Sig< non si pensi ehe ventdmo 
da lui et che li ditli Btanno mn cdstcMlie et che la eai^n del Signore li 
voleva erra dbe zoiiti fosseno sta li vdea fyt amazar 5 đi Ihoro- et a tmo 
lassar la Signoria ma non si sa a chi et avisa qaanto- ha ec« t le letere 
dil Sancacho comenaa dami Fevisbei Saneaeho di Seutari et đH A!ba< 
nia ec* 

— Dil Proved,*^ di Gataro S. Hiro«imo Foscarini date adi 47 de- 
zembrio come su la piaza li e alla porta dila marina con le arme e sta 
eKpugnada per li boraeni dila galia Arbesana era li e li richiese al So- 
racomito Hironime Cernota n&n stimo ne li volse obedir imo ^cpugnd 
le porte dila terra : item a S. liovenzo Zagori zentilbomo de li e dazier 
dila bechaida per do galioti fo preso per li cavelli ferano in mia maa ec. 
ot:liii fe com.^^ al Soracosiito li dovesse darlinon volse or manđa uno 
mesm qu1i a questo efecto et etam loi Proved/ fe la conđanason qttal la 
manđa in scrip^s. (V, 467*468). 

— Đa Gurzola di S. BernarđoContarini Gonfte in materia alcuni 



Digitized by VjOOQI€ 



267 
quaUi io el monastero di Frati hanno posto soi vini ec. e queiU Frati 1504. 
non vol dar perho si provedi aliter non si scordera le 30 et 40 per 
400 ne Ini a Cavalier ni Canzelier et a qiiesto al^icorđai la provisione. 

— Di Trau đi S. Đollb Veaier Gonle đi dezembrio eome li molini 
ruino a di apesa ducaii id al mese dile gttarđie siehe oon si potra far 
perho si provedi. 

-^ Dl Spalato di S. Hironifflo Bemardo.Contie e Capitanio di 6 đe- 
semtNrlo eome ti Colaleral fe la mostra di 141 cavalli rasoneveli di qual 
Ire tristi, e bisogtia maadarli đanari non ba vofaito si cassi niuao: el 
formenio val t 7 ono f. 4, 3.4 e sariano aadati in Tnrehia si non 
fiisse sta Ini e il Camerlengo che li ba so venuti: item fo bAo la mostra 
a Nasiben di Raveha et Gasparo ArdUo Contesisd^i e đil Gootestabile« 
dila Porta e dil Castello el đito Golaieral e andalo io Alexio e dili daaa- 
ri el voleva pago lui Gonte Piera di Papali Bemardin di Lucha Pisolo e 
altri : ileai il Goote Xarcho lo molesta ma&di a tuor il castdlo ma liit 
non pol perehe bisogna sei page e non a danari in quella Gamera e 
apena pol pagar il GasteUan di Almissa le poiie il castello e scrivan di- 
la Gamem : item Polisani stipendiati voriano Bali restano aver a Trau 
cabiili iOOO e voleno manđar ano suo ia guesta terra. 

— ĐI dito di 7 eome ozi aulo letere di Sehanđer BaSsa per messo 
a posta signafleha la pače fata tra il ^g^re suo e la Sigooria aostra 
bona e faai intender a tutli li merchadaiiii che eonduchi merze in ^j^l- 
le parte che da lui e soi Sanzachi e Vayvo(li saraao ben visti e aehare« 
zati eome fosseno subđiti propr^ đO Signore Tureho e quasto a ordi- 
na ali sui subđiti li ha riaposto esserligrato e avaati il recever za avia 
fato questo et Tiircbi che vevano li sara ftito bona conipagnia pregaođo 
soa Signoria cosianđasse ali ZanzacM e Vayv(«li si ab«tegai đi far venir 
Martelossi a ^nizar in qaele parte e Gontađo e prosveđer di restiniifc* 11. 
tolto in tempo dr pače soiH*a Trai^et al ditto itieftso li ha fsitto boiiacomr 
pagnia et Iha apresentato. (V, 476). 

— Di Gataro di S. Hironimo Foscariai Rećtor e Proved.'' di ^ de- 
cembrio oome ritorao il messo mando il Secretario nostro al Sanzacho. 
di Scutari e li disse non voleva scriver nulla ala Porta se prima non se 
li desse una seriptura zercha Župa e cussi li parse đarla consultato in- 
sieme prinia con esso Secretario e visto la soa commission e letere: 
item adi i9 Manoli Glada capo di Stratioti tossendo per andar a Budua 
in mezo la strada fo asalta da cavaUiSfO điia compagnia di D. Zorzi Ra^ 
el forzo dile parte đi Albanesi e corseno fin sa le porte e si non fiisse 
sta đitto Manoli ben a cavaBo saria sta morto e a inteso Strattoti si coa-> 



Digitized by VjOOQI€ 



4504. tenta mal di aver esso capo sidie aspecla con desiđorio zonzi li el Gola- 
teral nostro : item aricorda si provedi ali sali i^erche non ne ha šino 
per tutto april e volendo fornir a Castelnovo Risano e Scutari ne biso- 
gna siconie esso nosiro Secretario riferira e lo lauda. 

— Di Žara di S. Hironimo Barbaro Dotor e Cavalier e S. Borlolo 
Marin Reclori di 3 dezembrio come justa i mandati nostri hanno fato 
retrar alcune partide in Caniera fate per li precessori come U fo scrito 
adi 24 novembrio anulando le obligation fate contra la termination di 
S. Nicolo DoIBn olim Synico đe H ma poi comparse S. Piero Sagredo 
olim Conte e dittoli non esser colpevole di qaedlo per haver special 
mandato dil prefato Synicho e manda la copia : item come per lo Armi- 
rajo nostro a ricevato letere et gropi 12 boilati vanno in armada et 
aspeterano k galia zonzi a levarli ec. (V, 484). 

— Da Žara di Canonici data .. .. latina narano li so infortunj pre- 
gano la Signoria li đoni quanto sono debitori per decime et pia non pa • 
gano decime. (V, 496). 

— Da Gataro di S* Hironimo Poscarini Retor e Proveditor di 46 
xbrio come ricevete nostre zercha il licentiar di Piero Cavalim Conte- 
stabile con la soa compagnia e cussi fece e li soldati e Stralioti sono de 
li e in suma miserla U qual e in gran confnsion per esser pia di do me- 
xi sono in parte fra Ihoro di esser ,cas$i e aspeltano il Colateral : item 
per uno zentilhomo de li venuto dl Castelnovo diče aver infeso da 
homo praticho de li chel Signore Turcho havia fato com.<> con grande 
instantia a tutti soi lioli dovesseno venir ala Porta i qual tutti li avea 
fato una risposta concorde che non erano per niente per partirsi di 
lochi soi ec.: item e passalo di Castelnovo uno messo dil Signore Mar- 
chese di Mantoa con alguni presenti in do balle sopra uno cavallo et 6 
cani da caza mostra el messo esser đe nation francese : item aricorda 
si mandi sali de li per tenir la praticha de Risano Castelnovo et Scu- 
tari si i achadera. 

— Di Dulzigno di S. Francesco da eha Taiapiera Conte et Capita- 
nio di 7 novembrio narra il sucesso dil segretario Freschi nostro stato 
de li a meter li confioi: item đi do Vajvodi soi amichi qual promisseno 
far : item mando uno citadin đi li al Sanzacho per aver la scriptura di con- 
fini e ateseno ala promessa adeo domenega adi 5 fu fato nel bazar 
de Scutari una crida da parte dil Signore Sanzacho che tutti li nostri 
subditi possano liberamente andar ale sue possession per laorar quel- 
le et far le sue case dentro de quelli confini che prima haveano a- 
vanti et romper đella guerra e dissc a bocha al Nontio che fin 45 zor- 



Digitized by VjOOQI€ 



269 

Di el tornasse over inanđeria la seritara dl confini di la substanita co- 4504. 
me si conti^n in le allre nostre letere đUa Porta \e qual slanno benissi- 
mo ec. 

— Di Tran di S. DoMn Venier Coote dl 12 de^embrlo come adi 
4 ricevete nostre di 7 octubrio in la materia di ruinar Castei Zoylo e 
sopra tal inatcria scrive difuse che oon e de imporiantia alcuna et che li 
Oratori inganna la Signoria maxiaie quel D. Jacomo de AnđnHs per suo 
interesso ec. ut in Uteris la qual ho io. 

— Dil dito di 15 come a inteso per piu vie el Signore Turcho ha« 
\er cambiato el suo Sanzacho steva a quelli confini etiam el Sanzacho 
dela Bosslna e questo e per il nial vicinar faceano con li subđiti di la 
Signoria nostra e per le robarie cometeano e za molii zorni ninn dan- 
no e sta fato : perho aricorda le guardie se fano soli monti e di spesa 
ducati 15 al mese perho sarla h6n sparagnar dttta spesa come non si 
feva in tempo di pače e Castei Zoylo monta di spexa đncati IB al mexc 
a raxom di zorni 36 per mexe : et per le inondation di acqae et per 
mal governo dil Dacier teniva dictl molini qiiali son roinati et non sa 
quando šarano coozi per non aver maisiri experti ne danari a sufiden- 
lia per pagar maestri e guastatori e lui a impegnato il suo e la fede 
perho si provedi di danari sicbe non e possibile si possi pagar Castei 
Zoylo e conzar li molini e pagar le guardie de li monti perche li molini 
erano afilati ducati 380 al anno deputati a tali custodie perho e bon re- 
star di far le guardie ec. (V, 502-503). 

^- Adi 18 zener in Colegio vene il Legate dil Papa dtcendo baver 
letere dil Arzivescovo di Ragusi qual vol fiaf limpresa dila rocha di Ce- 
sena voria transito per le terre nostre di artilarie modition et diman- 
dando una patente li fo risposto pet il Prencipe erano contenti non farli 
patente ma tre letere una al Proveditore di Risano Rectori di Ravena e 
Proveditore a Faenza. (V, 504). 

— Da Roma di 1 Orator di 14 come ricevete nostre letere di esser 
comunicbate al Cardinal Capaze alArcieptscopo dl Žara Cypidio a do- 
mino Gabriel da Fan e domino Siglsmondo da Fuligno Secretario dil 
Papa. (V, 505). 

— Da Spalato: di S. Hironimo Bernarde Conte di 2 zener come ii 
Conte Nicolo di Poliza di primi de li e per nome di patrimonialr e venu- 
to a lui per la provision hanno di sali di Trau et voleno mandar 3 di 
soi ala Signoria nostra. (V, 516). 

— Di Žara di Rectori di 13 come li Contestabeli non hanno da 
\iver: item incanta li daeij ut patet non {K)tano aver la qaantila a con« 



Digitized by VjOOQI€ 



270 

5104. tanli dii consueto perho se li rescriva et non poranoo tochar đaaari fin 
3 meni lieet babino retrate leparlide ee. : Uem di Stratioti fimili (V, 5i6). 
-— Da Roma dil Orator di 47 come đete la letera alArzivescovo 
đi Žara ringraUo la Signoria si oferse-e prego il suo Vescovađo « debi- 
to ale eazude ec. : iteiii Domino Cabriel da Fan et Domino Sigl^motiđo 
da Fuligoo Segrelari dil Papa li paiio ut patet in literis. (V, 520). 

— Di Žara di Reetori 3 letere di 18 zercha 11 zonzer 11 dil Oralor 
dil Turcho lo acharezono et 11 fe far una fešta : ham per una altra par 
el ditto dimandasse la llberation dil bando dun citadin di U banđtto per 
do anal per 11 pređecesor : Item dl 9 per avor auto nostre lettere zereha 
la revocatlon dUe partide in Camera contra 11 horđeni dl S. Nlcolo Del- 
fin olim Synicho e cussi prima exogueteno pol chiamono S. Plero Sa- 
gredo olim Conle et S. Francesco Contarini e infermo dl 11 qual fo Ca- 
pitano e per 11 daliarj e 11 feno intender la parte presa in Pregadi 11 da- 
tiarj disseno a ehl haveano sattsfato e 11 resto esser per portar in Came- 
ra ali templ el prefaio S. Piero disse voler aver rlspeto e risponderia 
eercba 11 danari scossi per lui: item II duchatl 6000 e 11 et la galia non 
apar. (V, 620.524). 

Exemplum literarum Rdi Dni Archiepiscopi Hagusiensis 
ad C(>miU9 Cluserculis, 

— Magnifice vir amice et taĐqnam frater carlssime salntem. Se- 
eondo a bocha facemo intenđere a V. M« per qae$ta replicamo vogllall 
star forte et non lassarvi subornare a Venltiani qaayi intendemo darli 
qualque stimolo la V. M^ non dubite di cossa alcuna perche nostr'o Si- 
gnore piglia bon partito đi difeader 11 soi subđiti et ofender ehi eercba 
oprimerli notlfieandoli efae sua Santita ha deliberato haver queste roebe 
di Romagna aut concordia aut armis et prešlo et fa hora 500 homeni 
darme fra li quali V. M . proeuranđo potera haver bon recapito et nol 
semo per prestarll ognl favore a nui possiblle quando V. M. senta mo« 
iestla impedlmento alcuno ee ne voglia dar aviso et bene valele. Tmo- 
)e XXX dexembris 4503. Subscriptlo Ardbieplscopus Ragusinus Bononie 
ac Romandiole Guberikaor: a tergo magnlfieo Domfaio Comitl de Ciu- 
xercalo tanquam fratri ec^. (V, 522). 

— Da Dulzigno dl S; Alvixe Bafo Conle e Capitanio đrizata ai Gon- 
selo dl X et ehe quela Camera non ha un soldo et se mandi qoalche 
eargo di sal di 11 ee. 

•— Di Alexio đi S. Nadal IMborzello Proveditor dl 20 dezembrio co- 



Digitized by VjOOQI€ 



27 i 

me adi 9 scri&se dil zon^er suo ]i et replhUa cbe goeli citađini cratio 1504. 
đi mala voglla per la galia Arbesana che vene a levar le raonition over 
artilarie erano 11 dleendo la Signorta ne Tol restiiuir al Tureho e noa 
gele volseno dar ima tiroao la galia Flumara fino al Gastello ađeo si con- 
veneno partir senza đite artitarie e visio il zoozer di esso Proveđitore 
li fono alegrati e moUi citadtoi stavaao fuori voleno venir babitar dea- 
tro in le so caxe babita da soldati voria miara đue laole per (ar eaxe: 
ilem diie artilarie dia levar justa la commission si scrive al PfevMitore 
li mandi uDa galia a levarle. (V» 542)* 

-- Da Žara di Bectori di 46 come riceveno 2 letete zereba ii Viče- 
eolateral e lartilaria di I^ooa banao sorifo as€|itel Coate: itein avisa la 
necessita di li soldati e aon hanno modo da trar danari li precessori 
banno scosso li danari e noa voleno đarli fuori fin non si vedi dl jure : 
item li ducati 40 dil Gonte Anzolo di Praogipaoi eredeoo averli recupe- 
rati si ara tanti legnami cbel fara taiar: item li Detriei banno toUo li 
dacij per anni x siche fino 1506 noa si potra reincantarli et manda una 
letera scrisse S. Nicolo Dolfin olim ^oicbo zereba queM materia di De- 
triei ut in eis: item li Stratioti stanno ale vile tra I^aurana e Novegradi 
excepto Piero de Federicis cbe con 5 cavali e posto ala custodia đi Nadin 
D. INicolo Paleologo non vol partirsi di Novegradi e andar a Laurana el 
qual anno inteso e veoutp a Venetia: item li docatl 6000 sono aneora 
li e niuna galia e venuti a tuorlL 

— p Di Alexio di S. Nadal Marzello Proveđitore di . . . . dezembrio 
come voria se li mandasse 2 passavolanti et per non vi esser ivi sal sa- 
ria sta gran gnadagno se U maadasse quaiebe eargo percbe de li niun 
a fato sal solum oerti mercadanti pitali laooo moa£a đi aspri 42 cbel 
valeva la chy]a ađ aspri 45 : ilem tatti U liligj đi oonfioi ftti per il San- 
zacho e sta per caxom di aver Alesip per esser locUo dil Aibaoia : item 
non ha potuto veder li conti di S. Aj^t9 Gontarini ptircbe li libri sono 
a Dulzigno e a serito ge li mandi. (V, 544); 

Febbriijo« -- Di Trau di S* Dolfio Veiiier Gonte đi 30 dezem- 
brio di certo caso seguito in voler prender nn Vayvoda đH caslello AV 
Viluri qual tien Morlachi li cbe depreda il territorio di Turcbi ec. e i 

scrisse sopra questo longo e mal di essi Vitjiri fa U processo li ha 
chiamati vol auctorita di bandirU con taglia ee« 

— Et fo chiamato deatro ubo đi questi Tragurini videlicet Viiuri 
el qual e venuto per questo e il Pt*en^pe li disse noa erra buoni inaođi 
et se li provedaria. ec. 

— Dil dito Conte di primo zener covie scrisse per avanti čbe 



Digitized by VjOOQI€ 



27S 
f804, Scliander Bassa e ii Sanzadio di Ponti erafio sta levaii pcr il Sigooro 
Tttrcbo el qaesto per mal cpn^icinar con li snbditi dila Signoria nostra : ' 
al presente avisa el Sanzacho di Ponti esser sta ritornato per aver pro- 
messo al Signore ben convicinar si clie si spera non sara piu danni per 
aver avuto coiuaadamento e orđioe cussi dal Signore. (Y, 562*563). 

— Da Žara di S. Hironimo Barbaro Doctor et Chavalier Conte et 
S. Bortolo Marin Capitanio di 28 come hanno dil castelo di Novegradi 
e manda la letera che M orlachi la note passala esser corsi e aver de- 
predato certe ville di animali e manda la letlera e tulto e acaduto per 
la pocha obedientia di D. Nicoio Paleologo e compagni quali non hanno 
voluto dar i deputati alozamenti ala compagnia di D. Zorzi Pagomeno 
ni Ihoro andar ala soa custodia deputada a Laurana el qual Paleologo e 
absentado senza saputa e sopra guesto 16 carga assai e li Stratioti e'mal 
in hordine e molti absentadi unde dubilano ditti Morlachi non fazino 
pezo e quel1i citadini poi la paee speravano viver in quieto e hora sono 
depredati: or la letera di S. Andrea Capello Castelan a Novegradi di 26 
horre 22 avisa afer inteso eri sera horre 4 di note Morlacehi a corso e 
preso animali iOO e la notte seguente dieno corer et sonno N. 300. 
(V, 566). 

— Fu proposto per S. Zacharia Contarini el Cavalier Savio a ter- 
ra ferma far retenir D. Nicoio Paleologo cao di Stratioti e qua partido 
da Žara senza licentia et il Colegio quasl asenti e fo manda per Andrea 
Vasallo Capitiino tamem io dissi non erra di far tal movesta per esser 
di bona fameja e cussi nulla fo fato. 

— Da Gradišća di S. Francesco Contarini Proveditor di certa fa- 
bricha fanno far quelli di Goricla sopra li repari ec. ut in eis. 

— Da Sibinicho di S. Ant«<> Corner Conte e Capitanio di xt zener 
come voria compir la fabricha comenzo S. Piero Marzello ma non ha il 
modo di trar danari dila Caroera per la gran spexa e convien mandarin 
Bossina juxta li mandati nostri Nuntij con li mandati dil Turcho e si 
spendera đuchati 50 voria per el fabrichar la Signoria li concedesse le 
decime dil clero come dil 4482 fu concesso di li e questo per esser ve- 

<« nuto uno exator a scuoderle. (V, 569). 

' — Adi X feurer in Colegio vene uno Grecho di la Valona diče il 
Turcho arma e manda Camali ala Valona e si diče per andar a Rodi et 
presento letere di Žara le qual ši comprende el dito averli dilo di novo 
et perho lo mandano qua e ordinato al gripo non dismonti e li hanno 
dato soldi 40 : or li fo donato per Colegio ducato uno e fato pocho ca- 
veđal dile sue parole io non erra. (V, 584). 



Digitized by VjOOQI€ 



— Dl Gataro di S. Hironimo Foscarini Rector et Proveditor di 27 4603. 
zener come do oepoti di dmno Zorzi Rali capo di Stratiotl con žercha 
eavali 60 voleno passar io Puia e che quelli Stratioti si lamentano noa 
sonno pagati e mandano di qua Manoli Clada perho si mandi le page U 
qualli vano con li cavalli su quel dil Turcho eh e mal. (V, 586), 

— Fo scritto per Colegio a Žara che li ducati 2000 si mandava a 
Napoli di Romania pe»^ dar a Stratioti li tenisseno suspesi et quest6 fu 
per darli nui ali capi et Oratori di essi Stratioti sonno venuti in questa 
terra. (V, 600). 

— Vene dmno Zuam Detricho el Gavalier Soracomito dila galia 
Zaratina dicendo esser sta armata solum per 6 aiexi et e stato x mesi 
fuora perho dimanđa li sia pagato il resto dila galia el Principe disse 
si faria et licet in Colegio fo qualche dispiitatiom pnr fo terminato per 
la fede pagarla il tutto. (V, 602). 

— Da Žara di S. Hironimo Barbare Dotor e Gavalier et Sig. Bor- 
tolo Marin Rectori di 2 feurer come Laurana Nadin e Novegradi sono 
mal conditionaii e non senza eminente pericolo e li muri dila forteza 
di Laurana e da do ladi ruinati al baso e fatoli i repari quali piu non 
]K>leno durar la qual e la chiave di tutto quel teritorio e ivi e sta facto 
za alcuni anni una gran concavita per fare una cisterna in qnel Ca- 
stello e non e compita imo e plena di aqua corotta e fa mal aere perho 
non hessendo provisto mal volenlieri li Stratioti voleno andar a star- 
vi: item si proveda a quelU soldati e im bisogno grandissimo: item 
per letlere di Maria Dorathea Gontessa di Gorbavia choro convici- 
na hanno che di prossimo el Re di Hongaria e per vegnir ala volta di 
Segna per pacificar alcune controversie e tra el Ducha Gorvino e alcuni 
altri aulici di essa Regia Maesta e a visitatiom di quelli soi lochi vicini 
a nostri et maxime perche zercha 300 Martelossi par siano exc]usl dila 
pače tra esso Re e il Signore Turcho e per tanto venendo potrla partu- 
rir qualche mal effecto eo magis perche intendono In creatione ipsius 
regis esserli dato juramento inter cetera regni sui servanda tuor im pro- 
tetione e difesa el Prior de Laurana sichome el tutto hanno dittb a Al- 
vixe Saguđino Secretario nostro ec. : item per una altra letera scriveno 
li 12 gropi đe ducati 6000 vanno in armada ancora sono de li ma bon 
hanno ^xpedito un gripo al dito Proveditore. (V, 604). 

— Da Trau di S. Dolfin Venier Gonte di 16 zener come in Crayna 
il Turcho vol far una forteza ale marine in locho chiamalo Moscharchi 
et che S. Antonio de Aibertis zentilhomo Spalatino eh e qui a Venetia e 
ben informalo di tutto. (V, 615). 

18 



Digitized by 



Google 



S74 
1504. — ^ Di Cataro đi S. Hironimo Fosoarini Rector e Provedilor đi 28 

đecembrio cotne aspeta si mandi el maran đe sali spera la praticha col 
dacier di Scutari per li sali reosira e oon avantaso dila Signoria di 8 
et X per 400 đi queUo se da a Risano ma si scrivi a Budua Antivari 
Dulzigno e Alexio non retegni li sali: item e aonto li Zoain Filippo Co- 
lateral nostro e stalo con dmno Zoni Rali c»po di StratioU per ređur 
qiielli cento in numero 35 ditto misier Zorasi erra molco duro ec 

— - Đil ditto di i7 zener oome tandem el Rali contento e li fo da- 
ti cavali 30 Manoli Glada 20 : et che do nevodi di dieto Zofzi Rali con 
il resto di cassi voleno passar in Puia: item qiielle compagnie đi lianti e 
redute in page 460: e che piu non si dagi li đanari ali capi qiii per- 
che sieguono assa mandiameuti : item e restati 4 Coniestabeli đe li e 
ale guardie si fanno sono pochi per anđar ogni note sopra quel monte 
asprissimo con pessimi tempi: chel forzo đi lano in qae]ie parte usano 
perho si pagano ben: item in executi(»ie di nostre letere a suapeso cer- 
te provision ut in literis: item el Colateral e partito per RagaSi : item 
vol sali la Camera e đibitrice đucati 900 fata al tempo dil sno preoe- 
sor: item eri il Sanzacho di Scutari per uno suo messo a posto li e sta 
mandato una letera in schiavo e manda la copia tradata qual si đuol 
dil Podosta đi Antivari : el qual Nontio li uso molte parole in forma di 
proteste e li rispose qaesto non erra la mente dila Signoria nostra ari* 
corda e tempo star bene con Ihoro per iiaver ditto Sanzacho il cargo di 
asetar le cosse di qtielli paesl e ogni zorno li vien rechiami et arioorda 
e bon aconzar e presto per molti raspeti ec. 

^^ Dil ditto di 28 dezembrio come e venuti alcuni merchadanti 
dila terra a đolersi di uno yayvoda Turcho e venulo ad habitar in Župa 
el qual li ha totto animali 47 per uno da^io di x per 400 di transito 
noviter messo in quel locho unđe esso Proveditore scrisse al Vayvoda 
dolmidosl di que8to tandem ha oblenuto la restitution đi animali perho 
bisogna presto decfaiarir diti confini ee. 

— Đii dito di 48^ener come inteso la galia Lisignana era sotlo 
Antivari e spaza una barcha a dirli vadi a Žara a tuor li danari si maa- 
da in armada. 

Copia di una letera del signore Fentbei Sanzacho di Scuiari 
al Proveditare di Gataro ut infra. 

— De ogni honor et laude degno Provedador de Gataro amorevol 
salutation che rcccvati da Ferisbey. Cussi sapiaU como Imperator ct Do- 



Digitized by VjOOQI€ 



875 
\» fra Iboro bano fa<^ paxe cb€» e^dauao chi va 4a quQ8tQ parte in 1$04, 
quell6 cbie nisiino non lo <lol)ia motestar et gussi coloro cbe vi^o da 
quole parte in que$te baađ« ^imiloi^Ue et ciis^i ho ia comaodamento 
da gran Imperađor et nui observeremo dicto comanđamento et poi e 
veouto u»o homo del Sigoor de P^s^aro et ha me dict<> C0919 al suo Si- 
gaor herra $ta tolto el doprinio et como liu Iha ricuperato da r^catto et 
hmne maodalo caoi 4 uva^tini domaadanđo da mi uao cavalo et mi ge 
mandava uno cavalo et uoo jumento et deteU e^pedition como s^ coa- 
vien a chađauno Ambasciatore et nisuao 0Qa Ia reteoe salvo el Prove- 
ditore de Antivari el qual prese el dicto borno con U soi compagoi et 
messe im prexom domanđo se que$ta co$a e đe v<^j$tro coo^eatimeoto 
perche se questa cosa sono de vostro cooseotimento non 9ta bene cu3$i 
perche Proveditore de Antivari ha piato homo innoi^nte vf^niva dale 
bande nostre et balio tormentando et qaa3i morto ^ questo e de vostra 
volonta perche voiocbe $£^a scrivero una letera ala Sig,^ de Venetia et 
un altra alo gran Imperadore dele oose cbe sa fanoo per queste tre I&f- 
re Antivari Dulsigno et Budna perebe non volane star in pa^e et cu$$i 
sapiati dbia Dio vi augumenti in bonore. Riceuta adi 10 januarij 
4504. (¥,616-617), 

— Da Sibinicho di S. Antpnio Corner Coule e Capitanio di 8 feu- 
ner come ivi solum si atrova poi Ia cassation fata cavali 16 in tutto di 
Stratioti quali non si pono mntar per non avar da vivere et ogni zorno 
quel Gonta vien depređato et beri a bore SI cavali 40 Turohi corseno 
sda villa de Grebao e fono discoperti dali gnardiani tian ^nli monti un- 
de subdito face montar a cavalo U Stratioti e altri con el Capitanio dii 
Gonta e Turchi praseno anime 14 e animali grossi 16 memiđi 40 e 
menoli via ma el Capitanio dil Gonta con ei Vajvpđa Gambiera e il Gon- 
te Piero Novacovlch eon xx cavali et x peđoni U seguito e U aspectono 
a nno certo passo : item cbe a faorre 5 di noite h incontrono e fono ala 
man a fo ferito đito Gonte Piero qual investi in U Turcbi eha bavaano fato 
uno squadron e andavano birati con e] biitin a recupero una bella gar* 
zona di Gropa di uno Ibavia a animali bovini x et cussi el Capitanio dil 
Gonta noma Simon Razevicb e il Vayyoda Gambiera dal altra banda a ra- 
cup«»roDo anime 9 oon al rasto dil botin a si parse solum di nostri cavali 
5 uno dil Gonta Piero 3 dii Yayvoda et uno di uno cavallaro quali per 
efisar magricascono in terranel conibater siehe.liricomandaalaSignoria 
ndstra at li ha dato đucbati x e si provedi vadino essl StratioU a star 
fuori in do rcduti nel Gonta a si manda di altri cavali di Stratioti : itcm 
in Ia fortezzc non e {)<u Ji>iscoli jporho sa ne manda da 8 in \ micra. 



Digitized by VjOOQI€ 



276 
4503. — Et la Comunita in conformita scrive đi 9 soUoscritta Consilium 

et Communitas Sibinici: avisano ilsuccesso racoinanđa li Stratioti e Gapi- 
tanio đil Conta e cavalari e si manđi mazor numero đi cavali e danari 
e biave. (V, 623). 

— Da Gataro đi S. Hiromimo Foscarini Rector e Proveđitor đi 29 
zener ozi terzo zorno zonze lo Emin đi Castelnovo đa Ragusi juxta i 
mandati per i sali đe Risano heri manđo li D. Trifom Zaguri nobel Ga- 
tarin a parlarli qual volea si levasse li aspri 65 đi ogni 100 mesure di 
sal che danno per la spexa in conđur ditti sali đa Gataro a Risano e 
điceva Ragusei si oferiva dar la mita neta đil retratto di sali al Turcho 
e tandem per mezanita đil dito Trifom e rimasto đacordo con dito 
Emin di levar li aspri 65 el ditto sminuissa le misure cinque per 100 
che ascenđe alla summa đi aspri 65 ec. Et questo ha fato perche Ragu- 
sei mandano soi Oratori ala Porta per sue facende e per diti sali e man- 
da la copia dile letere scriteli per lo Emin e la risposta in tal materia e 
li ha promesso al ditto Emin đarli quelli sali li acadera diče torra ogni 
anno per la scala di Gastelnovo e Rixano đa ducati 3500 e a questo 
tempo se đisolve la neve e tutto quel paese si fornise di sali lui Prove- 
đitor non ha sali deli soli pochi ut in literis perho al primo maržo 
siano U uno maran e al primo april uno altro et avisa a Gorfu non es- 
ser sali e perho voria sali di Servia e manđa per que$to uno Nontio a 
posta : item di novo per Noncij venuti di Scutari si diče đe li che do 
flanbuli đil Signor Turcho voleva cavalchar a Durazo e điceva per far 
provision di fabrichar in ditto loco e per punir certe ville vicine ala čita 
đi Durazo che par avea fatto raovesta contra Turchi e che a Scutari se 
aspetava el Vayvođa di Monte Negro fra brevi zorni el qual per avanti 
ando ala porta e per lui Ferisbei Sanzacho di Scutari scrisse ala Porta 
dile cosse di Župa e di quelli conGni e conforta si ultimi quela materia 
perche quelli confini non potriano star pezo e uUimamente per queli 
Župani e sta robado cavali di iStratioti e Stratioti non resta di robar 
qualche fussara a Turchi ulterius ditti Župani sotto fede et promešsa 
han conduto uno povero frate di Ihordine di Predicatori in Župa e di 
Znpa Ihano conduto piu oltra nel paexe đil Turcho e si diče e sta moHo. 

— Di Žara di Rectori di 20 zener come e zonto li la galia Arbesa- 
na vol dir Lesignana per com.*<* đil Provodit.^ di Gataro e a tolto li du- 
cati 4000 vano in armada et 11 2000 sono restati li iuxta li mandati 
nostri : item e zonto đe li Zuam Jacomo di Vil Mercha Vicecolateral 
el qual presto vera a Venetia. (V, 625^626). 

— Di Trau di S. Dolfin Venier Conle di 22 zener come riccvute 



Digitized by VjOOQI€ 



277 

nostre letere di 5 novembrio cbe Dianđi uno citađlno con li comanda- 1503. 
menti dil Turcho inclusi ali Sanzachi đi Mostar e Bossina et cussi vi 
mandoe con la copia đi quelli manchano dal dl dila pače ia qua e U 
animali e 11 tempo fono presi el qual messo e andato con uao dil Conte 
di Sibinico e li costa duchati 34 tolti ad impresfido da piu persone e 
licet il Turcho mandi do altri Sanzachi pur quelli erano alozeraao de 
li per questa invernata e a tempo novo verano li soi cambij: iterum re- 
cevete nostre adi xi zercha lafictar dile ixole Bua Zirona et Pianca et 
eri aficto lisola di Bua per ducati 80 al anno per anni tre le altre do 
ancora non a trpvato chi le vogli : item scrive la calamita di quela Ca- 
mera e la spexa si fa e la fabricha di molini importa assai per non vi 
esser altri se non quelli de Salona dali qual sono mal tractati et per 
fabricarli a messo a man li danari li fo mandati per fabricar una torre 
al Gastel dil Vescovo de 11 per non esser al presente de importantia: 
item quela terra e al ultima untion per patir assai et accio non mandi- 
no le biave ali molini di Salona li ha fato eomandamento li mandino ali 
molini dil Arziepiscopo di Spalato. (V, 629). 

— Di Alexio di S. Nadal Marzello Proved/ di 8 zener come non 
hessendo zonto ancora il Golateral lui a fato la mostra di soldati sotto 
Tomaxo de* Bossina Gontestabile con xi compagni et do altri sotto uno 
Gaporal di Domenego da Leže Gontestabile : item do bombardieri et 5 
altre maistranze ut patet in poliza : item de li non e forteza alcuna ne 
reparo si non di certi palli e tutta la note bisogna far guardie li soldati 
sono senza danarf e li bisogna almeno 50 fanti con ordine đeli soi pa- 
gamenti: item scrive lui non aver pasažo alcuno per levar lartiliarie: 
item se li manda do miera đi taole: di.novo ozi e venuto uno citađin 
fo da Durazo el qual abita a Brandizo da la Valona diče esser sta ala 
Valussa e aver visto piu di 500 homeni in quelli boschi tajar legnami 
da far fusti e ala Valona aver visto x fuste et do galie solil in ordine 
per mandarle fuora et haveano dato voxe đi voler andar ala volta dila 
Marcha e intendendo lui habitar a Branduso lo reteneno per zorni 26 
đubitando lui non andasse im Puglia e avanti lo lassasseno con vene dar 
piezeria di non andar in Puglia đicenđo voler andar in Dalmatla e ri- 
trovandose etiam li uno gripo da Corfu lo reteneno dubitandose che 
andando a Corfu el non se intendesse in quelle aque de Puglia el qual 
gripo ha lassato cpssi retenuto siche dubita non siano per andar in Puia 
et in fra terra e stato et e morbo grandissimo ma li l(>chi della marina 
esser tulti sani. (V, 632). 

— Di Spalato di S. Hironimo Bernarde Conte e Capitanio di 3 ze- 



Digitized by VjOOQI€ 



27» 
4504. ner coaie queli StratioU de li manđano ala Signoria Antonio Francho 
con đo boHette etiam que)le dil Gonte Xarco per aver đanari: item avi- 
sa nofi aver tolto per consignato el Castello dil Conte Xarco per non 
^aper dote trar 11 đanam da pagar 11 custođi vi si convieft mandar e 
chel ditto Conte lo stimola lo' Volgi mandar a ttior jasto le letere dila 
Signofria nostra dicendo lul Gonte haver gran spexa ec. : item ricoman* 
da Đomeoico Agnstin Mariclch Conte di Poliza per li đo cavali li dete 
S. Zuam Aiit.<> Dandolo olini Proveditore dl li: item in quelli di pdsso 
per Grayna uno maistro aervitor đel Imperador con uno altro qQal va 
a Schanđer Bassa in Bossina non sa ma apera intender et arisara. 
(V, 640-641). 

AlarM^« -^ Da Budua dl S. Aurelio Bragađin Gamerlengo a Gataro 
et Vicćpodesta zercha queli Stratioti erano li cassi ec. ut in literis e lar- 
tilarie de U e senza custodia Toria fer uno Masser e qnesto con salario di 
qttel si da a uno đeli provisionati de 11 li fo risposto el facease ec« (V, 65S). 

-— Dl Alesio di S. Nadal Marzello Provedadore di 23 zener li 
Stratioti e il Golateral stato de li et Lazaro Grano capo volse partirM et 
di la so compagnia ne ha olecto numero 48 soto sdra Lijcomati da Na- 
poli et (jegaregi dila Boiana e a riserva il locho al dito capo : item đito 
Maxo schiavo Gontestabile con oompagoi 46 uno regazo lino caporal 
uno miedego uno febro e uno marangon e Domenego de Leže capo di 
Provis.^ e a Venesia a solum compagni 3 : item e uno bombardier con 
uno compagno e uno tajapiera uno mnraro uno protho di marangoni 
e perfao 66 li provedi ut in literis : item di noYO a tempo novo si aspeta 
a Durazo certi Sanzachi per fortiflchar qaella terra Ini a mandato uno 
a posta per saper il tutto: item non ha potuto levar lartilaria de li jux:ta 
la so commissione et manđarla a Venetia per non aver pasažo. In questa 
mattina il Principe con li Savj alditeno Zilio da Gorfu snl mođello di 
Gorfu eravi Alexio e Rafkcan itizegner e inteso lopinion sua di fortifi<> 
eharlo e ordinato col Gapitanio đile fantarie ozl lo vedi. (V^ 654). 

— Fu posto per nui ai ordeni di dar il scontro di la Gamera di 
Gataro a Steftino Segoni ec ut In parte et la prima volta non ave il nu- 
mero iterum balotata ave 44 di no et 68 đe si e fu presa e pol ringra- 
tiar Idio e mi es opus plum et lo merita assa muHis rationibus. (V, 666). 

-^ Del dito di x come ave letere dil Provedadore di Alexio di 6: 
zercba 11 mandar le artilarie e li a Venetia videlicet le superflue li man- 
di qualche galta n levarle ec: item dila crida dil Sanzaeho di Scntari 
che tutti homenl de li si metino in hordine per andar a fortiflchar Du- 
razo : e che si dicea li Sanzachi voleano mandar alcune vele di la Valo- 



Digitized by VjOOQI€ 



S79 
na ćon gran numero dl homeni al porto đe san Znane dela Međoa per 4508. 
far calzine perho li manđi qiialdie galia de li etiam e voće TufChi vo« 
leno fabrichar la ierra đi Alexio veccfaio unde soltCita conzar ie galie 
e le manđera li a san Znane đela Medoa e adi i 2 metera la galia 
Bondimiera a foasso poi le altre per zomata vol stope ševi ec. ul in lite- 
ris. (V, 658). 

*- Đi Žara di S. Hironimo Barbare Dolor Cavalier Goate et S. 
Bortolo Marin Gapit.<> đi 2S feorer come hanno p^ utio parente di I A r- 
Eivescovo de li venuto di Arbe che qael Conte li disse aver nova dila 
morte dil Re di Hongaria e volea scriver ala Signoria nostra ; item di 
do Stratioti fnziti de li e andati in Puia con uavilij Ragusei : item seri- 
veno inal di Nicolo Paleologo capo ec. et per Golegio li fo risposto Ra- 
gusei non pol navegar e doveano observar le leže : item Nicolo e ritor- 
na di li ee. (V, 664). 

— Di Cataro di S. Hironimo Foscarini Rector e Proveditor di 7 
feurer come si maodi sali per lacordo fato coii lo Emin li gual sali za 
sono sta mandati: item che a Hironimo de Lampro di Cataro per il pro- 
cesor suo li fo consigna certa parte di angaria che si scuode da i con- 
tadinl di qu6l paese a conto di piperi 4B dila Signoria nostra per 
iina letera in luogo di certa provision ut in literis : item si exped|ssa il 
scrivan dila Camera qual havia ducati 4 dt salario et poi docati- 3 et 
ultimate per il precessor cressuto altri ducati 9 siche vieii aver dueati 
X al mese et ha pochissima fatioa perho si provedi ec. : item eri 
zonze in quella terra il Conte Alexa yayvoda de Negusi đe Moate- 
negro el qual e amico dila Signoria nostra el qual parte za zordi 
cinque da Scutari et diče aver parla con Ferisbey Sčmi^cbo di Scu* 
tari dile cose di Župa el qual li disse laspetava con desiđerio el mes- 
so mandate ala porta per dita causa el qual fra zorni x teniva dovesse 
esser a Scutari e che Ferisbey volea andar ala Porta di hrieve e obtenir 
di cambiarsi con el Sanzacho dila Valona perche li placeva piu star ala 
Valona che a Scutari e perho e bon spazar le coss£l di Zapa avanti Fe- 
risbey si lovi da Scutari et Turehi e di natura subita e voleno le rijsipo- 
ste preste. (V, 669). 

^ Da Trau di S. Dolfin Venier Conte di 8 feurer come in queUa 
note a hore x vetieno alouni viUani di faora a dir a qtieUi d$Ua gnar- 
đia de la porta cons^ Turcbi erano stati ale man coa domino Zoro Gam- 
biera yayvoda đe $ybinico ai confini đi Trau e Syfoi9ico e ii^đlf^^va Qon 
fttsseno malfraotati unđe subito e) messe in orđiqe tutti queli Str^^tiati 
e U fece cavalchar a dar soccorso ali nosiri Ii quali andati e in quella 



Di^itized by VjOOQI€ 



28« 
5404. serd ritoriiati dicono li Straiioti n6n haver a»to đanno alcuno ma ben 
H Turchi sono anđati via con la preda li qoali erano cercha cavali 50 
e li Stratiati di Sibinicho 19 siche etiam lui li aspeto dl đi in di perche 
4 man đi Martelossi hanno passato la finmera di Cetina siche crede non 
siano Turchi hessendo la pače ma Martolossi quali vanno a robar etiam 
in Turchia ec. 

— Di Spalato đi S. Hironimo Bernardo Conte e Capitanio đi 3 feu- 
rer zercha i sali de li che saria bon afitarli con condition che il resto 
potesseno venđer fuora dillerritorio et si aria cabuli 2000 di piu che 
ajuteria assai qiiela Camera: item che lui non ha tolto 11 Castello.đil 
Cotite Xarco per non haver il modo di pagar chil custodissa. (V, 675), 

— Et essendo venuto in questa terra il Capitanio di Segna per Orar 
tor dil Re di Hongaria alozato al hostaria di S. Zorzi a S. Bortolbmio 
parse ala Signoria mandar 3 Savij ai ordeni a visitarlo et cussi anđase^ 
mo usaudoli dolce et acomodate parole ec. (V, 679). 

— Đa Sibinicho di S. Antonio Corner Conte e Capitanio dl 21 feu- 
rer dil bisogno đi quel Conta e si provedi di Stratioti et expeđir 'i\ Iho- 
ro Orator sono qui. E perche i lađri Turchi et Martelossl spesso fano 
curarie e depredation in quel Contado li e forza di mandar di ćompagni 
di Achiles da Bologna con altre persone ala guardia e difension dile 
muragiie đi Cavocesta et Grebas che altro non se tien di qiiel Contado 
e li bisogna darli el pan per il viver fino stano fuora e fin hora Uha da- 
to biscoto erra in quel Castello el qual e consumađo perho si mandi da 
8 in dieci miera et lanze 200 da dar ali abitanti in dicte muragiie per- 
che non hahno arme alcuna et si Turchi intrasseno in dicte muragiie 
fariano grandissimo danno et e diserteria quel Conta. (V, 683-684). 

Copia de una letera scrita per il Re di Hongaria 
ala Signoria nostra,. 

— Wladi$laus Dei gratia Rex Hungarie et Bohemie ec. illmo Prin- 
cipi, et domno domno Leonardo Lauređano Duci Venetiarum ec. amico 
et confederato nostro charissimo salutem et felicium successuum incre-^ 
menta. Quanta instantia Oratores illustrissime D. V. et istius illnstrissi- 
mi Đominiii qui per hos annos proximos apud nos agebant et qui istp 
munere iam functi sunt instetere quo qualique verborum cumulo damna 
subditis illustrissime D. V. a nostris illata que et quam crebre incursio- 
nes per nostros ađ eam partem facte fuissent declaravere. Sane omnium 
rerum et querelarum recordamur et cum pro reficiendis damnis hujus- 



Digitized by VjOOQI€ 



284 
modi crebro reguisitos fecissent DOS qtti neđum oonfederaU verum ne 1503. 
aliis quibusais tetuere iaiurias inferri a nostris pati coasueviinus or- 
dinasse tune meminimus cum magnifico domino Johanne Baduario Ora- 
tore ejusdem tune apud nos agento et depiitasse loeu^ et diem pro 
cognitione omnium differenciarum qije utringiie in alterutrum illata 
fuissent et via concordie sopiendi et sedandi easđem ioter subditos par- 
tium et cum ađ penultimum diem septembris mensis preteriti ad Scar- 
donam locum deputatum uti inter nos constitutam erat missisaemus 
Oratores nostros cum literis pleni mandati in eornm reditu ađ nos ao- 
cepimus ab eisdem non fuisse ab ea parte missos aIiquos esse addi- 
ctum diem verum cum nostri coacti fuissent expectare adrentum Orato- 
rum suorum per unum integrum mensem et ullra tandem venisset qui- 
dam magnificus D. Petrus Sacredo cum literis magnificorum dominorum 
Rectorum civitatis ladrensis et totius districtus que nostris oratoribus 
minimo satisfecissent sicque re infecta se iuncti fuissent id quod non 
potuit nobis non esse molestum ista et talia seminaria fiilure controver- 
sie adbuc inexpedita istic relicta esse. Cum vero summopere ciipiamus 
ut pro jure confederationis inite et quiete subditorum utriusque 
partis omn£s« differencie qualitercumque iu illis finibus exorte fuis- 
sent recogttoscantur et damna partibus reficiantur rogandam duxi- 
mus illustrissimam D. V. velit de alio termino et die cogitare ac nobis 
ejus mentem quam primum in ea re significare quo et nos Oratores 
nostros ad eum diem sic postea constitutum tempestive expeditos cum 
literis pleni mandati transmittere possimus et suos item cum simi-» 
libus suis plenum in se se mandatum continentibus in tempbre rnitte- 
re queat et id ut faciat eam unice rursum rogamus quam optamus 
bene feliciterque semper valere. Datum Bude xxi. Januarj 1503 regno- 
rum nostrum Hungarie ec. anno quartodecimo Boemie vero tricesimo 
quinto: Commisšio propria serenissimiD.regis : Franciscus Primus Secre- 
tarius. A tergo. Illustris.™*^ Principi et domino dom. Leonardo Lauredano 
Duci Venetiarum ec. amico et cobfederato nostro charissimo. (V, 685- 
686). 

— Da Dulzigno di S. Alvjxe Baffo Conte e Capitanio di uitimo ze- 
ner scrive la miseria di quelli soldati e li a custodia dil Castdlo e dile 
do porte e quelli dila piazza perbo si fazi provisione e se li mandi qual- 
ehe cargo di sal: item per il sućcessor suo li fo consignato certe robe 
fo di S. Antonio Contarini morite Proveditor in Alexio e per com.^^' dila 
Signoria sequestrate e par chel Proveditor di AIexio voria certi pauni 
non li ha voluti dar e aspecta faordine: item per Ragusei e altri e eoh 



Digitized by VjOOQI€ 



98S 
J 508. messi infiniti conlrabanđi viđdieel đi azali el seđe ah volU di Durazo e 
per Boiam p^rho vMria se U tnanđasse nno breganlino con li aoi armizi 
percfae a U modo da armarlo đi homeni e si potra proveđer a questi 
eontrafasanti li hordini dila Signoria nostra e noviter fu preso imo Ra- 
goseo qi]al diše esser soiMlito dii Turcho eoa capeDiohij oorđoani e cere 
qiial a spazato per conlrabaođo et lai e andato a Scutari dal Sanzaeho 
insieme con alcani di Antivari ei Gataro ali qiiali sono sla trovati panni 
e altre robe senza boUela a dolersi di qiiesto perho aspeta risposla 
quaDto ha a far. (V, 697*698). 

Copia di nna ktera dil Mag^^ Feri$bey Sanzachf) di Scuiari 
al Canie e Capit.^ di Dulzigno. 

•— Da parte da me Ferisbejr Sanzaeho de Scotari et dela Albania 
a vni como mio Gonte et Gapitanio da Dulzigno. Avisovi como da mo da« 
vanti andando io eon lo Segretario dela Signoria per mitere li oonfini 
da Dulzigno havendo io trovati doi eonfini luno in tempo de Schanđer 
Bassa e laltro in tempo de abdicati in tempo de Synanbey li diti confiiu 
avisando ak Porta con bona forma digando che a una leterft dalo dito 
Gadi et lori detero risposta che letere de lo Gadi non val niente che bi- 
sogneria che avisero letera et com.^ dda mia Porta como la avoto Pa- 
strovichij per la qaal cossa lo Gran Signor ma oomandato die io doves^ 
se anđare a mitere li eonfini de Schanđer Bassa et io se Dio vorra an- 
daro como venera la nostra pasca a miter li ditti eonfini secoođo lo 
com.^^^t delo Gran Signor et vi daro sopra a questo una letera cfael mo 
davanti non sera nessuno errore et per questo io mando lo mio cavuso 
che me đevissimo avisare per lo piu presto che potiti non altro. Receu- 
ta adi 2i feurer 1504. 

Per Zaus Adradin. 

Copia dila seconda letera dil antescrito Sanzaeho in ritpoita 
di quella dil Conte di Dulzigno. 

— Da parte da me Ferisbej Sanzaeho de Scutari et dela Albania 
a mio amio fiolo Gonte et Gapitanio da Dulzigno avlsanđovi como agio 
auta la risposta dila letera che vi mandal con cavuso la ho iiiteso tu- ' 
lo quello che mi serivesti che io dovesse avuto certo li eonfini de Schan- 
đer Bassa et quello de lo Gadi non havendo avisato ala Porta in quesfa 
vi giuro clie como e pasato la cosa con bona fonna o scrito et avisato 



Digit^ed by VjOOQIC 



283 
ala PorU etlo Gran Signor comanđete che io dovesse anđare sopra ali 4503. 
confini da Dulzigno ei metere li eonfini che a meeso Schander Bassa in 
soma io non posso far altr:imente et eceto tuto qaello chi me stato co- 
mandato da nostro Gran Signor et io per questa facenđa io anđaro per 
per tutto maržo in' la su Dulzigno sopra ali dili confini chi venera da 
parte dela Signona de Venetia vuj overo altro che me ne a^isati per Io 
piu presto che potiti perehe io bisogna che tegno secondo e Io eoman- 
đamento đelo nostro Gran Signoruche metesse li confini de Schander 
Bassa altramente non posso fare 

— Da Gataro di S. Hironimo Foscarini Retor e Pro^ed.^ đi 24 feu- 
rer dimanda sali li qual son sta za mandati e questo per il mercha fa- 
to con Io Emin dil Tttrcho di Risan e Castelnovo: item per le gran 
neve e su li monti che non si disfara fino a mezo marxo perho se U 
mandi presto : item quela Gamera e povera e piu la spexa eha lintrada 
et quelli soldati in gran miseria maxime la compagnia di Gerardim đi 
Terzi : item a fato tirar in terra per a vanti 4 foste e stanno al dlscoper- 
to per esser sta mina larsenal per far el prineipio di uno turion e sta- 
ne malissimo voria legnami da coverserie: item e stato deli pessimi tem« 
pi e perho a dimora la risposta si aspeta dala Porta el Sanzacho de 
Scutari la qual venendo voria hordine dalla Signoria qiiello havesse a 
far. (V, 705-706). 

— « Di Žara di Rotori conDe e ritornato li domino Nicolo Paleologo 
capo di Stratioti con letere chel Stagi a Novegradi e Ihoro scriveno mal 
đi lui e la confusion di quelli Stratioti e voleno el vadi a star a Laurana 
deve li fo deputa Io alozamento ec. et per Coleio li fo scrito dovesseno 
farsi obedir. (V, 709). 

'Copta dl letera dil Cardinal San PieUro in Vinctila 
alla Signoria nostra. 

-— Illustrlssime et excellentissime Domino honorande comendab. 
Importima sane et inopinata evenit proximis diebus mors rev. in Chri- 
sto patris domini AIoisy Cippici Archiepiscopi Hyadrensis viri preda- 
rissimi ac vere probi, ex cujus repentino obitu non tantum dolendum 
est quia tantud decešs^rit, quantum quia nniversa hec curia in dies 
magis experitur quam utilts quamque necessaria ilU esset homini vita 
et apertius in singulos dies cognoscit qualem in eo iacturam fecerit. Ego 
vero ut ceieros sileam Deum Optimum Masimum testor nifail mihi hoc 
tempere magis aeerbum magisque luctuosum evenire potuisse libenter- 



Digitized by VjOOQI€ 



284 
4504. que votis expeterem offerrl mihi occasionem aliquam qua sincerum 
menlis mee afiTectum erga sanctam bominis memoriam apud omnes 
probatum faoere possem. Profecto nihil apuđ me tam caram tamqae 
ant]qaum est quođ Don alacri ac libenti animo promptissiiue exponerein: 
et sane gauđeo oblatam mibi impreseDtiaram esse quanđaiii occasiun- 
culam đeclarandi eelsitadini vestri qiia1i benevolentia et observantia 
hominem prosequerer cum nuper Sanctissimus Dominus noster memar 
virtutum et ob$equiorain sumineque sincerltatis et fiđei prefati domini 
Aloisy Hyadrensis Ecclesie depersonarev. in Gristo patris domini Joha- 
nis Cippici dieti Aloisy germani cum summo et incredibili rever, 
dominor. meorum S. Rom. Ecclesie Cardinalium consensu providerit : 
qua ex re Beatitudo sua tantam apuđ omnes gratitudinis commendatio- 
nem consequuta est ut ausim dicere pauca ab ea in boe pontificatu suo 
majori laude digniora effecta fuisse : quapropter excellentiam vestram 
quanto efficatius fieri potest rogo atque obtestor velit tam sanctum opus 
sanctissimi Dnmi nri fovere ac literis suis mandare ut eidem rev. domino 
Johani libera et pacifica possesio dicte Ecclesiae eo favore ac ea promp- 
titudioe exbibeatur quam Sanctissimus Dnus noster sacrumque dicto- 
pum rever, dominor. meorum Cardinalium collegium expectat qua in 
re et si amplitudo vestra satisfaciet expectationi bonorum omnium 
ac innumerabilibus virtutibus đefuncti domini Aloisy meritisque fa- 
milie et progenitorum suorum qui pro illustrissimo eo dominio egre- 
giam semper operam impigre navanint ego tamem id ab ea ad singula- 
rem gratiam accipiam cui invicem res omnes facultatesque et personam 
meam ad omne comodum honorem et incrementum eccelse Keipublice 
vestre promptissime offero que diutissime felix valeat. Rome die 8 martij 
4504: Subscriptio: E. V. Excellentie deditissimus G. Cardinalis ti- 
tuli sancti Petri ad Vincula: A tergo: lUmo et Eccmo dno honorando dno 
Leonardo Lauredano Duci Venetiarum ec. dignissimo. (V, 711-712). 

— Vene uno subdito dil Turcho Raguseo sta in Sophia dolendosi 
di certo contrabando sententiato contra di lui per il Conte di Dulzigno 
e reduto in gratia li tolse assa ut patet or subito fo scrito al dito Conte 
facesse restituir ec. (V, 743). 

Copia de una letera dil Sanzacho dila Valona 
al Proveditor nostro dil armada. 

— Magnifice et generose frater honorande salutem plurimam. Adi 
XV delo instante ricevei una de V. M. et per quella vuj me dičili de 



Digitized by VjOOQ IC 



285 
uno bergantino Cimarioto che đahificha li vostri navilij Corfuoti et altri 4504. 
navilij per la qual cosa molto ne ho rićevuto đespiacere perche non ne 
de mio coiisentimento et cosi ne dono aviso a quella che voglia usare 
ognt diligentia đe averli in neli mane perche me fariti cossa che ne ha- 
vero piacer et etiam piacendo a quella đatte hordine de andare a trovar 
ditto bregantino et farmelo adsapere perche \uj andariti da una banda 
et io dal altra et averimo per ogni modo in lielli mani et etiam vui me 
aviti racomandato certi vostri tutto guello che io poro lo faro per lo 
amor della M. V. hoferenđome sempre ad ogni vostro piacer ec. adi 16 
feurer 1504. ex Valone. Io Mustaphabey Sanzach dela Valona et Al- 
banie ec. A tergo: Magnifico et generoso domino Jeronimo Contarino 
dignissimo Provisori classis illustrissimi et excellentissimi Dominij Ve- 
netiarum: Corphoi. 

— Vene Jacomo di Rimino Turzimam e disse alcune parole zer- 
clia Alexio ušate per lOrator dil Tnrcho e fo rimandato iterum a dirli 
come da lui altre parole che non erra voler dila Signoria. 

— Fo termina spazar Matio da Žara venuto Gontestahile da Bran- 
dizo con 100 provisionati a Rimino e questo perche domino Lazaro 
Grasso qual fu preso di mandarlo li e mallato qua e sta mal. (V, 715- 
716). 

— Da Dulzigno di S. Alvixe Baffo G)nte e Capitano di 7 maržo dil 
bisogno di quelli soldati e a inteso che il Sanzacho di Scutari ha maii- 
dalo a đir al Provedit.^ di Alexio che omnino vol ditta ixola per com.^^ 
dil suo Signor il qual Sanzacho omnino vol venir a metere queli conGni 
et che ritrovandosi mistro Francesco de Ahtivari medico di Dulzigno 
ala cura di esso Sanzacho inter loquendum have a dir dila mntatiom di 
Signori dil Reame e che omnino Franza rehavera et signorizera esso 
Reame poi lauđo grandemente il sito deli luogi di Romagna noviter 
aquistati per la Signoria nostra digando la Signoria vostra un mese daa- 
do tropo cose con certo modo squasando el capo ec. per tanto lavisa di 
tutto accio la Signoria nostra sij avlsata. 

— Di Alexio di S. Nadal Marcello Proveditorie di 4 come adi pri- 
me aviso dila letera li manda il Sanzacho di Scutari et adi 2 cressete 
tanto le aque de li eh e a coverto tuta lisola che mai si ricorda ho- 
mo alcune esser cressute si forte imperhoche e stata in la piu eminente 
čaša de lixo!a mezo passo alta et ha ruinato case anegato homeni e de- 
struto li poveri merchadanti che aperto li magazeni e menato via li for- 
menti e biave e dissipato altre merchantie loro 11 resto erano soto aqua 
e ognuno atcndeva a scapolar la vila chi iu zopoli chi in barchete etiam 



Digitized by VjOOQI€ 



386 

4 SOS. e intra ia la nonitione e ha giusiato aleuni barili dl polvere e soper^ 
chiato tutle le artilarie e guelle stravoUe soto sopra con li soi zochi e 
forchddie e ikibUa qualdlie ima non sia persa e ancora non si pol veder 
per esser ogoi cossa coperta di aqaa e le sue robe tutte giiastate e uno 
inaga;Beii ebe lavia tolto per far la Gamera dil sal đove erra do cargi di 
sat di do mercbadanti e andato tuUo ia aqua: essi merchadanti e dispe- 
rati e^ dubita non avera piu sali perche li mereadanti non voranno star 
piu a tal pericolo e non hesseado sali si guastera la scala siche non 
vede modo alouno se possi habitar dicta isoia salvo si non si fa fiar un 
ar^era atto un passo oon peneli per riparo in una punct^ atorno la ter- 
ra dove altre volte e sta £acto un certo taglio cfae crezeria in tutto uno 
miglio e a lui pareria si astrenzesse piu per manco spasa ado bisognais^ 
se mancho guardie e li penelli si fariano senza spexa per esser de li 
gran copia di legnami aliter non e modo ad habitar dicta ixola e li cita- 
dini tutti babandoneranno essa y3ola e si altre volte havesseno visto 
tante acque mai sariano venuti ad abitar U e sara grandissimo peccato 
eho dicta iKola sia abandonata per esser locbo perfectissimo e dubita a 
questa vcdU non moranno la mita dile persone obi da fredo e ehi 
da isitno] perehe si hanno ben farina oon poleno far pane e se non 
fusse rota una bocha del Dun tutti sariano con le case anegati et persi 
et cbe parendo ala Signoria di fer ditto arsere saria bisogno mandar de 
li 4 galie per lavorarlo perche lavorando quelii paesani nulla fariano 
per esser piu presto bomeni di andar ala strada eha di lavorar. (V, 717- 

— Vene Zuam di Marin di Alexio dicendo aver letere eha queli 
di Alexio voria si fabricasse U loco aliter non vi pol star. (V, 720). 

— Vene ei Gapiiauio di Segna Orator dil Re di Hongaria in la 
materia di danari soUcitando la soa expeditione 4ioendo li avanza al Ao 
piu danari e fe lezer la soa instrutione or fo ordinato mandar U raso- 
nati li e redur in resto ec. (V, 72S). 

— Di Sibinicbo di S. Antonio Comer Conte e €apitanio di 16 co- 
me soBMO ritornati U eitadini manđoe con li mandatL dil signore Turcbo 
ali Sanzachi et uon baiuio fato nulla poi hauto letere di Trau dil schjavo 
dil Signore zoato e eussi qttela note a spaza uno citadim de U e li fara 
eliam uno prosente prega sia expedito 1 Orator suo. 

^— Di Spalato di S, Hironimo Bemarđo Conte e Capiianio dl 16 
come ha rlcevuto letere in materia di quel Arciepiseopo si maotegni li 
privilegj ea obeđira Ucet Gusse altre letere in contrario e sopra quesio 
scrive. (V, 724). 



Digitized by VjOOQI€ 



287 

~ Di Seutaii fo eUain teto wm l«i«ra di uoo đrUsate a S. Andrea 1.504, 
Griti. ^ 

-^ Đi Alexio ilil.Proveđa<lore đi prima cenie adi 28 F^rtsbei San^ 
zaobo vi Hiando 8 Turchi ew uaa totera la qual manđa ala Signoria e li 
dlnaaađava quel loeo di Aleuo li rispose la Sigooria aveHo uiaodato li 
per governarte e non per darlo a cbe scriveria: adeo qaela popolo re- 
sio molto confuso e dubitaado baoDo senipre tenuta il suo o a Dubigoo 
a Bastia o im Puia aricorda Alexio e lochio dll Albania ei torte odiato 
da ditio Sa»ea<đio et qoelli di AloKio e y«buU da lui Proveđađore alt 
qual a confortato : item quaado fo la gia^a aJ Dim « poteva passar li 
cavali su lisola a iiM;eso al dilo Saozacho bavia aduna bomeiii 500 e 
coaiumdato altri 500 <|qiaU poi^lasseoo uuo fas60 di paia per luio per meiter 
sa la giaza axio staae piu saldo ma quanđo iintese esso Pmvedadoro 
lavia fato romper resio : item le artilarie sono li noa la mandate qua 
iusta la commissione per non haver avuto pazaso ma dabita levandoie al 
presente non metti mazor suspeto a quelli di Alexio : item di novo a 
che a tempo novo Torobi voleno fabrlohar Darazo et obe fra terra e il 
morbo grande e si diče e morto il Bassa dila Romania. (V, 725). 

•^ Da parte de me Ferisbey Sanzacbo de Scutari et dila Albania 
a vui Provedadore di Aksio avisovi come e \enato imo comaodamento 
dak) nostro Gran Siguor per io iato da AJexio coino quaodo io fici paee 
con la Signoria de Veneeia Io &ta con que5ti pati dba Lesio sia mio oo- 
mo erra davanti per qae$to me state comandamenio dalo nostro Gran 
Sigoor cbe io devise recuperare Lesio ma parso «ba questo a darveno 
aviso die vui devissino levare le vostre artilarie Ls vostre moaieioni et 
le vostre cose cbe io dovesse possedere Io ditlo Lsaio come erra davaa- 
ti secondo me stato comaodato dalo nostro Gran Signor et per questa 
facenda mando io Io mio homo a U cbe con Io dito bomo cbe me debiali 
dare aviso et risposta per Io plu prosto cbe potiti non alira. Riceuio adi 
28 feurer et mandati tutti fiiora intro li Capi di x per cerio ietere abu* 
te credo in materia f orU percbe fo <;azato U Papalista erra cossa impor- 
tanle nescio quid. 

— Di Žara di S. Hironimo Barbare Dotor e Giavalier e S. Bort(do 
Marin di 45 maržo dila inopla di quelli soldati adeo ^iio ussiti e il 
Gastelan S. Hironimo Ck)ntarini impulsi da fame e banno mesBkso a sacbo 
ii pam erra m piaza cbe le femene vendeva per valuta di fiorini x erge 
si provedi perche tutta queila terra mormora ec. 

^ ĐiUa letera non fo apeaa lecta e buta a monte* (V^ 725-726). 

— Da Traii di S. Doifim Venier Conte di 12 come mando vcrso 



Digitized by VjOOQI€ 



288 
4&04. Bossina con li mandati dil Signore Tu|sho ono zentilhomb đe li nomina- 
to Zuam Qualco qualando fino a Splifto e ritorno poi vi manđo Ra- 
phael de Andreis et eri ritorno in Trau diče Schander Bassa li fe bona 
ciera e li uso bone parole e vol far contra qaelli justicia cbe anno dani- 
zato nostri et 11 porto una letera qual la copia la manđo ala Signoria 
nostra et sara acopiata qui avanti': item fo a Ponti dal altro Sanzacho 
ma non erra li solnm uno Vayvoda el qual fece far uno comandjimento 
niun pio danizase nostri sotto pena dil palio et la causa il Sanzacho di 
Ponti si parti fo perche fu avisato da alcuni Ragusei laudato di que! 
Uladin di li e per cbe caxone. 

— Dil dito di 43 come dito suo citadin ritorno con letere di 
Schander Bassa li a dito ivi esser arivato uno Orator dil Re di Hongaria 
honorato assai e porto belli presenti de arzenti et altro al ditto Schan- 
der el qual a scritto ala Porta dil zonzer suo li il prefato Schander et 
che fin adi 3 maržo erra de li. 

Copia di una letera di Schander Bassa al Conte di Trau. 

Del Schander Bassa patron de Bossina assai in ogni cossa ho- 
norado et de ogni honore et reverentia et de lauđe con Dio honorado 
Conte de Traura da Dio sanitade che habbiati et dappoi ho inteso co- 
me fino qua ho mandate gratia tua uno homo Raphaello et glie bavimo 
credesto quello ne ha parlato dela vostra parte et sopra li quali homcni 
ha parlato queli homeni fossimo a faza et fessimo congregationi come vo- 
stro homo ve dimostrera et per nisuna altra causa excepto per la justicia 
per la quale e della fede la quale Signore Turcho Iha fato con la vostra 
Signoria cussi possa haver la gratia de Dio et quela del Gran Turcho 
come non e da poi che la pače si non avanti la pase salvo se non agoy- 
schie in nel mio saper dela parte vostra schiavo he preso ne menađo 
ne anche de mo inanti fina che he la pase de Signore Turcho Basldbeg 
con la Signoria vostra et ho parlato con el vostro Ambasador acio che 
li vostri mercadanti con pani et altre merchadantie venisse qua da uut 
ma blsogna che habbino la fede dai signori che nou habbino paura del 
male ne anche del mal fare o veramente quando saranno aparichiati 11 
marchadanti quella volta da me uno homo con la letera manda davanti 
con la letera che me diano aviso quando i se vorano levar et per qual 
^ via acio che manda mei homeni acio che 11 fazino la scorta anche in- 
driedo che li ritorna o veramente quando venira li marchadanti che nel 
vegni assai et Dio vi alegra sempre : a tergo: Al Conte di Trau. (V, 735). 



Digitized by VjOOQI€ 



289 
Magfj^lo* — Da poi disiiar non fo nuUa t»oluiu di Ragusi si 1504. 
ha aviso che il Signor Turcho e morto : Tameii la briga non la crete. 

(VI, uy 

— Item di Gataro di adiinalion di pcrsone per le saiine dubita 
ec. 

Noto in"] questi sorni fo ixpedi a Gataro Danese Daliuonte Gon- 
testabile con 100 provisionati ec. (VI, 12). * 

— Noto vene uno Nontio dil Sanzacho dela Valona fo posto ala 
Zuecha in eha Pisani a spexe dila Signoria nostra et fo preso mandar 
al dito Sanzacbo uno Secretario nostro. (VI, 13). 

— In ques(i zorni vene in questa terra uno Nontio di! Sanzacho 
dila Valona a dolersi dila fusta brusata ec. or fo decreto mandarli uno 
Secretario per Colegio con presenti et cussi fo cleclo Alvise di Piero ec. 
(VI, 15). . . 

Giu^no« — Adi 8 dapoi disnar fo Pregadi introno in la mate- 
ria di Alexio zercha ala richiesta fata per il Turcho di averlo fo varie 
opinion pario S. Lunardo Grimani Savio dil Gonseio rispose S. Frau- 
cesco Foscari el Gavalier Savio a Terra ferma poi S. Marin Zorzi Dotor 
Savio a Terra ferma demuui S. Francesco Bragađim Savio a Terra fer- 
ma et tandem fu preso de indusiar et comandato grandissime credenze. 
(VI, 18). 

Lugflio« — Da Gataro fo letere dil Provedadore dil armata e 
dil Provedadore di Gataro S. Hirolamo Foscarini zercha le cosse e suc- 
cessi di quella armada- (VI, 26). 

Agomio» — Adi 23 da poi disnar fo Gonseio di Pregadi per 
expeđir li Oratori di Ragusi venuti qui e stati in Golegio et fu posto per 
il Principe Gonsejer e Savj excepto quelli ai hordeni che S. Marco Lore- 
đam qJ^ Antonio da eha da Pexaro Soracomiti debi mandar li ducati 
600 da esser dati ai Ragusei per averli tolti indebite da uno so nave 
ec et Ihoro vengi in questa terra e siano comessi ali Avogadori contra- 
đise S. Zorzi Emo Gao di x cugnado di S. Marco Loredam li rispose el 
Principe poi pario S. Lunardo Emo Savio ai ordeni qual messe di seri- 
ver al Provedador dil arma facesse processo ec. ut in parte et questa fu 
presa. (VI, 33). 

Sellembre« — Et non voglio restar di scriver totti queli han- 
no parlato in varij Pregadi in tal materia dil Alexio il primo et altri zor- 
ni che la fo tratada: pario S. Thoma Mozenigo Procurator Savio dil Gon- 
seio S. Marco Sanudo ^avio dil Gonseio S. Polio Pixani il Gavalier 
Savio dil Gonseio S. Francesco Foscari el Gavalier e S. Marin Zorzi 

19 



Digitized by VjOOQI€ 



2D0 
4504. Dotor Savij di Tetra forma S. Lunui'do Eino S. Douiencgo Venier S. 
Fillppo Sanudo Savij ai Ordeni S. Andrea Venier e S. Franeesco Trum 
Consieri : et fuora di Colegio S. Vincivera Dandolo S. Ant.® Trum S. Ve- 
tor Michiel ec. S. Zorzi Emo. (VI, 40). 

Ottobre* — In que$to zorno vene in guesta terra uno Nontio 
di Schander Bassa vien di Bossina et e i1 suo gran Canzelicr et e di 
nation Puiese fu preso allsT guerra dil Turclio a Otranto el qiial vlen 
con letere credenzial ala Signoria con . . . persone et foli preparato la 
caxa ala Zaeoha et faioli le spexe ec. Vien per dimandar uno medieho 
ala Signoria per la infirmita di Schander che di anni 60 et a cerio tre- 
mor in la persona con guesto vene uno patritio nostro stato assa schia- 
vo in Samandra verso Hongaria nominato S. Silvestro Trom q.« S. Mafio 
qual fu preso hessendo Soracomito di una galia dil Papa et fu preso ut 
alias scripssi vicino a Santa Maura^or pago la taja ducati 4000 e fo li- 
berato per intercession di S. Andrea Gritti ec. (VI, 46). 

— Da Žara di S. Hironiiuo Barbaro Dotor et Chavalier Conte et S. 
Bortolo Marin Capitanio de incursion fata per Turchi su quel di Tenina 
et dil Ilongaro et Zuam Corvino Ducha di Corvatia fofiol dil Re Mathias 
li fo al incontro con zente e Turchi imboschadi adeo pocho mancho dit- 
to Ducha non fusse preso e cussi Turchi feno butfim et inenono via ani- 
me ut difusius legitur. (VI, 47). 

— Da Sibinico di S. Antonio Corner Conte e Capitanio avisa cer- 
ta -coraria e preda fata per Martelossi misti con Turchi su quel contado 
con occisione et asportatione di alcune anime: item che certi Morlac- 
cbi erano partiti dai confini de Turchi verso la Bossina et reduti nel 
territorio nostro per molte insolentie li fazeano Turchi si in le persone 
Ihoro come in le facultade ec. (VI, 52). 

— Fu posto mandar a Sibinico certi cavali di Sfratioti biave atento 
manzano erbe e altre provision ut in ea presa. 

— Da Trau di S. Dolfin Venier Conte di incursion fata su quel te- 
ritorib per Turchi con Martolossi ec. con danni. (VI, 54). 

Novembre* — Fu etiam posto mandar per Colegio uno Secre- 
tario a Schander Bassa e dolersi deli danni fatti in Dalmatia per Turchi 
ec. et maximea Sibinicho presa. Fu la malina efecio Nicolo A urelio sta- 
to a Consiantinopoli con S. Andrea Griti ala conclusion dila paxe. 
(VI, 58). 

— Da Sibinico di S. Antonio Corner Conte avisa dila coraria fata 
per cavali 200 Turcheschi in dilto territorio e cianno facto fino a! moli- 
ni ec. ut in eis. (VI, 63). 



Digitized by VjOOQI€ 



291 

— E da saper in questa matina fo ditto per la terra et in Colegio 1504. 
per una letera privata di Jacomo di Zuliam da Ragasi $crive a S. An- 

drea Griti data adi . . . di qnesto come de li per homeni venuti si ka 
dila morte di Schander Bassa in Bossina ala cura dil qual erra andato 
domino Gabriel Zerbo con ducati 300 al mexe non si ha dil suo zonzer 
et per questo fo sospeso il mandar di Nicolo Aurelio Sccretario al pre- 
ditto Bassa. (VI, 65). • 

Deeembre* — - Adi 3 fo letere di S. Antonio Corner da Sibini- 
cho come havendo mandate do Nuncij a quel Sanzacho di coza . . . per 
rchaver le anime tolte in lultlma coraria par che uno di ditti Noncij sia 
sta dal prefato Sanzacho fato taiar la testa e laltro retenuto e che si 
preparava di far certa coraria. (VI, 68). 

— Da Sibinicho la nova dil taiar la testa al suo Nontio dal Sanza- 
cho Turcho sicome ho scripto di sopra. (VI, 69). 



»-^•oO»<9^ 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by VjOOQI€ 



293 
ANNO flSOft« 4505 

Genii^Jo — Adi 7 post Colegio et per via đi Ragusi si ave letere 
dila morteđl Schander Bassa et clie domino Gabriel Zerbo eira ivi andato 
a medicarlo con provision di ducati . . . . al inexe et zonto li segaito la 
morte erra sta da quelli Turchi segato per mazo : et poi vene cussi esser 
inorto ditto Schander et amazato il Zerbo come dirro di solo. (VI, 78). 

— Da Ragusi di S. Hironimo Contarini Provedador dil Armada 
come Schander Bassa erra morto adi 20 novembrio in Bossina over Bos- 
sana: item che domino Gabriel Zerbo medico lezeva a Padoa erra sta 
taiato a pezi da Turchi e il fiol et perho qua di soto notero uno soneto 
fato in la soa morte. (VI, 79). 

Maržo* — Adi 4 6 domenega di 1 olivo poi disnar fo predichato 
a s. Marco per 1 Arzlvescovo di Spalato domino Bernarde Zane in ro- 
cheto con la stolla et predieho de confesione benissimo. (VI, 92). 

Giag^no* — Di Gataro di S. Alvixe Zen Betor e Provedador di 
sucessi de li e zonzer Turchi a Castelnuovo et a quelli confini ec. 
(VI, 115). 

— - Di Gataro come verso la Montagna Negra Nasimbei Sa'nzacho 
con 600 persone havia fato impeto alimprovisa coutra quelli principali 
disubedienti al suo Signor preso 500 anime et molti occisi e fatoli gran- 
đissima crudelta; (VI, 422). 

LiUg^lio* — Di Žara di Bectori et Alvlxe Sagudino Secretario co- 
me erra stato da quelli Gonti Frangipani : item di Goxule che vien a 
dani di subdlti Hungarici qualli erano vennti ad habitar su quel dila 
Signoria e non di nostri ec. 

— Di Žara di Rectori e Sagudino Secretario avisano di certa rota 
auta la moier fo dil Ducha Zuam Gorvino con quel]i Gonti Frangipani 
tien con lei et Hongari dali altri Frangipani videlicet il Gonte Zuane 
che a chiamato in suo favor Turchi et il Gonte Anzolo con li Hongari e 
sta roti adeo Turchi hano depredato queli lochi e menato via da anime 
8000 siche in queHi confini e gran disturbo et e mal per la christianita 
che avendo Turchi certi castelli potranno venir al suo piacer a scorzizar 
in Friul ec. et questa nova etiam si ave per via di Gaođistria per letere 
di S. Plero Loredam Podesta et Gapitanio qual a aviso di Damiam di 
Tarsia Gastelam di Gastelnuovo in questo medemo tenor. (VI, 125). 

Ag^osto* — Di Žara di S. Sabastian Zustiniam e1 Chavalier Ora- 
tor nostro dil zonzer li e stato insieme con lOrator dil Re di Hongaria 
per la recuperation di dani spera far ec. (VI, 138). 



Digitized by VjOOQI€ 



294 
1 505. — Dl Žara di S. Sabastian Zustiniam el Cavalier Orator come erra 

stalo a lili udo Nontio dil Signor Ztianne di Frangipani a dir la Signo- 
ria si doleva di dani lavia fato et che exnunc voleva restituir IL tuto du- 
modo a lui li fusse restituito li danni Inferitoli da nostri sicbe spera di 
acordo etiam Alvixe Sagudino Secretario scrive a so posta el qual ha in- 
feso la electiom soa al Signor Soldam ec. (VI, 140). 

Settembre* — Di Žara di S. Sabastiam Zustignam el Cavalier 
Orator nostro come in conclusion quel Nontio regio non ha mandato 
difinitlvo dal Re de conclusione si e anda per la restitution di dani fati 
a nostri subditi ma vol venir di qui e andera in Hongaria e referira. 

— Adi 2 da poi disnar fo Pregadi fo letere di Trau di S. Bernar- 
din Contarini Conte come hessendo adi . . avosto parsi 8 Turchi in quel 
lerritorio li Stratioti sono de li soto Lazaro Dere ussiteno et Turchi im- 
boscati fonno ale man et ne preseno 8 Stratioti quali tagliati la testa poi 
li aperse per mezo per piu disprecio trai qual e do fradelli dil predito 
capo. (VI, 145). 

IVovembre* ^- Di Sibinico di S. Marin Moro Conte e Capitanio 
di certa incursion fata de 11 per Turchi quali steteno la note e cosi poi 
venuti verso Cao Cesta hano menato via 120 anime 600 animali gros- 
si et 3000 menuđi. (VI, 164). 

— Di Cataro di S. Alvixe Zen Rector zercha formenti ne hanno 
assa et esser stato li uno Turcho dil Sanzacho et lo apresenta et chare« 
zato ut in eis de ocurentiis. (VI, 168). 

Deeembre* — Adi 13 fo gran Conseio fato Rector e Provedi- 
lor a Cataro S. Valier Contarini et fo a Conseio li Oratori dil Re di Ro- 
mani i quali e da saper adi 8 a gran Conseio fo chiamati \ zentilho- 
meni tra i qual io Marin Sanudo ala Signoria et comesso la matina do- 
vcssamo levar li prediti Oratori quali lo Episcopo di Triesle e alozalo a 
S. Zorzi e domino Lucha a San Griguol et menarli ala Signoria per 
dirli la risposta fata col Senato et cussi fo fato et fo terminato in Pre- 
gadi donarli veludo per veste : iteni che S. Sabastiam Zustignam el Ca- 
valier va Vicedomino a Ferara per Colegio fo terminato el vadi in Friul 
a veder cerli condni di Pordenon con la Signoria poi in Istria siaiel- 
mente a veder li confini dove sara Noncij regis: or conclusive questi 
Oratori exposeno. (VI, 172). 
^ — Da Trau di S. Bemardin Contarini Conte di corarie seguite di 

Turchi e Martolossi adi . . novembrio su quel territorio et menato via... 
anime et animali siche hanno piu danni eha quanđo erano in guerra 
aperta. (VI, 173). 



Digitized by VjOOQI€ 



295 

AKNO tt^aa. 1506. 

Genn^Jo« — Dl Gataro di S. A1vixc Zen Rector e Proveditor 
come a aviso esser venulo comandamento dila Porla novo a que]i San- 
zachi convicinano bon con subditi dila Signoria nostra e quosto mede- 
mo si auto per altre vie elian vol ben star con Ilongari. (VI, 482). 

Febbrajo* — Da Gataro di S. Alvixe Zen Rector e Provedador 
zercha i sali con Turchi ec. : iiem e venuto letere a quelli Sanzaclii 
debino ben convicinar con la Signoria nostra : item a aviso a Gonslan- 
tinopolL si prepara armata ec. (VI, 188). 

— Adi 29 inarli di carneval fo letere di S. Bernardim Gontarini 
Conte a Trau di certa coraria fata per Turchi e Martalossi e di preda 
alcune anime et animali assa et chel capo di quelli Stratioti nominato 
Andrea Maurasi con 35 Stratioti ussite e andono a scontrarli e neniici 
erano cavali 100 e pedoni . . . e fono ale man e il primo fo il capo di 
Stratioti che passo un Turcho et ne preseno 19 et alcuni cavali recupe- 
ro la preda et si porto benissimo. 

— Di Trau della incursion feno Turchi adi . . . el come quel capo 
di Stratioti si porto benissimo utin literis recupero la preda et fo dipre- 
đato a UDO castello dil Vescovo. 

— Di Žara di S. Hironimo Barbaro Doctor e Cavalier Gonte et S. 
Bortolo Marin Gapitanio di quelli Frangipani quali con ajuto di Turchi 
erano stati ale man con li altri e quelli Bani e certa novita seguita de li 
e il Gonte Anzolo e andato dal Re di Romani. (VI, 192). 

— Fu posto per tulto ilGolegio atento li moriti di Andrea Mau- 
resi Gapo di Stratioti da Trau di mandarli Gno H una caxacha di pano 
doro fodra di raso verde: item cresserli ducati I al mexe piu di quello 
avea di provision e questo atento si havia ben portato in questa incur- 
sion contra Turchi ec. presa. (VI, 193). 

Maržo« — Di Gataro di S. AIvixe Zen Retor e Provedador zer- 
cha quel]e ocorentie. 

.— Di Spalato di S. Alvixe Capelio di certa incursion fata per Tur- 
chi šora Clissa e altre ocorentie de li. (VI, 202). 

Aprile* — Adi 10 il venere santo in Ghiesia di S. Marco pre- 
dicho Domino Bernarde Zane Arziepiscopo di Spalato et fece beila prc- 
didia- (VI, 208). 

— Di Alexio di S. Jacomo Antonio Orio Viče provedador et Ca- 
merleogo di Gataro coiae li vidno il Sanzacho avia preparato per far 
ijerta forteza a lincontro di Alexio siche quello nulla voleria. 



Digitized by VjOOQI€ 



290 

5400. -— Fu posto le opinion varie ia uiateria đi reslltiiir Alexio al Tur- 

eho vel ne et quid fiendum paHo S. Marin Zastignam Savio a terra fer- 
ma contra la opinion đil resto di Savij di Colejo che voleno restituirlo 
poi S. Antonio Trum Consier che non li [riaee la parte demum S. Zorzi 
Pixani Đotor Cavalier Savio a terra ferma et fu posto e preso indusiar. 

— Poi introno in la materia đi restituir A1exio al Turcho : pario 
S. Andrea Venier Savio dil Conseio li rispose S. Piero Duodo Consier 
et perche altri voleva parlar fo rimeso a un altro Conseio. (VI, 242). 

Ma^g^io« — Dl Spalato di S. Alvixe Capello Conte di certe pre- 
paration di Turchi si fa di sopra per dani^r etiam hanno fato danni. 
(VI, 217). 

G lagano« — Di Žara Sibinicho e altri lochi in Dalmatia si ha 
questa adunation di Turchi in Bossina e si diče per esser 11 Re di Ro- 
mani e il Re di Hongaria in guerra. (VI, 224). 

— Fu posto dar a certo Cao di Stratioti e in Dalmatia o vero a Si- 
binico cresser di piu al mese e fu presa. 

— Di Žara Trau et Sibinicho zercha lingrossar di Turchi di sopra 
in Bossina. (VI, 222). 

— Erra il Patriarcha con 4 Episcopi videlicet quel dl Chisamo di 
Sibinicho 1 Arzivescovo di Spalato : da eha Zane et lo Episcopo de Tor- 
zelo. (VI, 223). 

— Di Žara di Rectori S. Hironimo Barbaro Doctor Cavalier Conte 
et S. Bortolo Marin Capitanio dila adunation di Bossina di Turchi 800 
perexplorar mandati qualll hanno visto ec. (VI, 224). 

— Dil Provedador dil Armada S. Hironimo Contarini zercha tuste 
e cussi di Dalmatia e altrove per le fuste e in colfo numero 4 di banchi 
14 luna vano danizando quelli vieneno e vano ale fiere le qual e armale 
a Porto Venere eh e sul Zenoese. (VI, 227). 

— Di Sibinicho di S. Marin Moro Conte e Capitanio di 22 come 
Turchi cavalli 200 veneno perche li villani erano ussiti con scorta di 
Stratioti le guardie e disseno nulla veder adeo fono esbi Stratioti asal- 
tati preso 20 homeni et 15 cavalli e pocho mancho che Bernardin da 
Nona non fusse preso et feno certa preda et andono via. (VI, 229), 

— In questa matina fo letere di Sibinicho di S. Marin Moro Conte 
presentate per uno che porto col processo fato contra S. Filippo Badoer 
Soracomito el qual ale ixole di Sibinicho messe in terra e tolse piegore 
n.<»...ec. (VI, 230). 

.— Di Sibinicho di S. Marin Moro Conte zercha le pieghore tolte 
per la galia Soracomito S. Filippo Badoer unđe venuto il patron di quel- 



Digitized by VjOOQI€ 



297 

)e qai per li soi iiarenti li fo dati đucati 35 per pagamento et veiiuio In 4606. 
Colegio il Principe volse ne đesseno altri 46 et ozi. (VI, 23i). 

Lug^lio« — Adi 4 la matioa in Colegio fo S. Alvixe Zea veniito 
Retor e Proveditor dt Gataro referi molte cosse de importantia zcrcha 
qnel loco e nel pericolo cbel si atrova nudo di ogni provisiom e inaxiine 
vituarie et il Prencipe lo laudo e comesse ali Savij provedesseno et nihil 
fecerunt. (VI, 235). 

— Da Žara di S. Piero Dolfim Conte e S. Bortolo Marin Capilanio 
zercha incursion di Tnrchi preparata e provision fata (VI, 238). 

— Di Sibinicho di 70 cavali di Turchl corsi et feno le provision 
et soluiu menono via do anime. 

— Da Ragusi di uno amico di S. Andrea Grili serive de li a S. 
Francesco Griti di S. Andrea di . . zugno come e zonto li a hora uno 
vien da Constantinopoli e zorni 48 parte diče tutta la terra erra in mo- 
to maxime li Gianizari perche erra assa zorni non haveano visto il si- 
gnor Tuicho adeo comenzavano a far novi ta et li Bassa t^onvene chel 
Sig. si mostrp a ona fenestra ma tanto mal conditionato che nihil supra 
et tutti concludevano non viveria zorni adeo si preparavano alogar la 
roba. (VI, 239). 

— Vene di 2^ra S. Hironimo Barbare Dotor Chavalier venuto Con- 
te et in Colegio referi di quele cose di Žara e di Dalmatia. (VI, 240). 

— Di Alexio di S. Domenego Dolfin Capitanio dile galie bastarde 
et S. Aimoro Pixani Soracomilo Vicecapitanio al colfo come iuxta i 
mandati in A1exio smontati feno intender a quel]i 1 opiuion dila Signo- 
ria di dar quel loco al S. Turcho e Ihoro si voleano difender a la fin le« 
vato lartilarie e Iboro brusono il loco. tutto e li habitanti si feno parte 
condur a Dulzigno e parte altrove e in Puia siche il loco fo brusato e 
đisabitato e si aspetava il messo dil Turcho erra etiam li una altra galia 
Soracomito S. Sabastiam Foscarini fo Dandola. 

— Di Žara di Rcctori zercha il caso dila galia presa per Turchi e 
scapolata dala galia Semitecola: item hanno aviso. dila morte dil Sig. 
Turcho ut in literis. (VI, 243). 

Ag^oslo« — Di Gataro di S. Olivier Contarini Retor e Proveditor 
come a presenta a quel Sanzacho : item di successi ct da Dulzigno si 
bave dile anime di A]exio poi brusa il loco serive S. A]vixe Moro Conte e 
Capitanio venute li parte passa im Puia et quelle e zente 11 si voleno far 
carazari dil Turcho conclusive Alexio e brusato siche senza altra consi- 
gnatlon e dil Turcho : nota Ferlsbei erra Sanzacho a Seutari e fo man- 
date per avanli in Verbosana in loco dil Schander Bassa. (VI, 24S). 



Digitized by VjOOQI€ 



298 
4506. Seltoubre« -— Adi 12 h ^polta frate Oaorio dil hordioe di S. 

Domenego di naiione da Braxa et erra confessor dil Doxe preseate homo 
di grande aulorita. (VI, 267). 

— Di Gataro di S. Olivier Contarini Retor e Proveditor di avisi de 
li di cosse Turchesche et come e nova il nostro Provedađor dil armada 
e sta fuga da certe fuste Turchesche. (VI, 274). 

Ottobre* — Vene etiam il Gonte Zuane di Corbavia fiol di 
Madona Dorathea confina con Žara vestito con casacha di panno đoro et 
e cugnato di S. Bernardo da Leže el qual si ha fato carazaro dil Turcho 
va a Roma per asolversi fo in Colegio poi parti per Roma. (VI, 284). 

— Di Spalato di S. Alvixe Capello Gonte di adunatioa di Turchi 
di $opra et altre nove đe li ut patct in literis. (VI, 285). 

— Da Gataro di S. Olivier Gontarini Retor e Proveditor come havia 
aprcsenta a uno Sanzacho li vicino qual ha ordina a soi subdili convi- 
cini ben con nostri. (VI, 293). 

— Fu po$to per li Savij che sia manda ducati 100 per la recupe- 
ration dil Gastello di Budua qual ruina di danari dila fabricha presa. 
(VI, 294). 



Digitized by VjOOQI€ 



299 
ANNO 150y. 1507. 

Genn^Jo — Vene da Sibinicho di S. Marin Moro Conte di . . . . 
come in quel di hessenđo venuti 60 cavali di Turdii su quel lerrilorio 
per dipredar e posti in arguaiio Bernardim da Nona cao di Stratioti li 
qual stava a Castel San M arco vedendo 8 cavali di Turehi ussite con ca- 
vali . . • per darli adosso or il reito veneno fuora e combateno et ama- 
zono il prefato Bernardin eon . . . compagni ec. (VI, 334). 

— Da Cataro di S. Valier Contarini Rector e Proved. et S. Almoro 
Pixani Vicecapitanio al cotfo com« li Oratori Catarini che haveano por- 
ta certo presenle al Sanzacho a Sculari reportavano che erra zonto 01a- 
cho dala Porta in zorni 18 resonava el Signor Turcho esser resenlito 
et esser molto mutato de color et che quei Sanzactio fazea bona compa- 
gnia a Cristiani et gran iustitia contra Turehi el qual Sanzacho nome. 

— Da Sibinicho di S. Marin Moro Conte e Capitanio dila morle di 
Bernardin da Nona capo di Stratioti da hoste de Turehi imboscadi ca- 
vali 60 et 10 suo compagni ut superius scripsi. (VI, 337). 

— Da Sibinicho di S. Marin Moro Conte et Capitanio come erano 
venuti 200 cavali di Turehi in quel teritorio et havea depredato anima- 
li ut in llteris et 16 anlme siche quel Conta va in pređa si non si pro- 
vede ; et se li manda qualche bona custodia. (VI, 341). 

Febbr^Jo* — Da Trau di S. Bernardin Contarini Conte zerta 
incursion di Turehi nel Conta mena via poche anime et perho si prove- 
di a mandar Stratioti in Dalmatia el la execution dila parte di ruinar 
Castel Zoilo ec. per il qual efFecto sono venuti qui Oratori di quelia Co- 
munita comessi ali Savij. (VI. 352). 

maržo. — Da Trau di S. Bernardin Contarini Conte come di 
note tempo hessenđo reduti zercha 4000 bestiami in li borghi đil Castel 
dil Vescovo a la marina perche intendevano dl certa coraria si doveva 
far per Turehi e posto la zente inutile nel Castel e le utile neli borgi 
or con astuzia Turehi fono aperti e introno prese le anime n.^ 20 et 
tutti li animali et le conduseno via ec. (VII, 6). 

Aprile. — Adi 4 fo il zorno di Pasqua da poi disnar predicho a 
s. Marco domino Bernarde Zane Arziepiscopo di Spalato in rocheto con 
stolla e fe degna predicha. (VII, 44). 

— In questi zorni vene letere da Sibinicho di S. Marin Moro Con- 
te di do april molio presto venute aposta come erano passati Turehi 
200 e andati verso quel dil Hongaro non si sa ad quidem tamem di 
uno Sanzacho novo venuto qual a scrito a esso Conte mandi in nota li 



Digitized by VjOOQI€ 



300 
4507. đanni feti et vol far restituir el se le maođi uno homo a đirli il tulio et 
cussi &ŠSO GoDte scrisse ala Signoria quello li ordinava et li fo subito 
risposto. 

— Iteoi tutavia si manđa li Stratioti sono a Raveaa li a Sibinicho 
et si manđa barche e navilij per tragetarli đe li. (VII, 17). 

— Di Sibinico di S. Marla Moro Gonte la nova di Tarchi IS"* pas- 
sati qual ho scripto dl sopra. (VII, 18). 

•— Da Trau di S. Bernarđin Ck>ntarini Gonte di certa incursion fa- 
ta su quel teritorio per Martolossi e menato via alcnne anime altri ama- 
zadi ut in literis e cassi su quel di Sibinico. 

— Noto qui e Oratori di Trau per ruinar Gastel Zoylo come alias 
fu preso per parte posta per mi im Pregadi et al incontro e uno domino 
Jacomo de Andreis Dotor qual a possesion li e non vol et e malfato. 
(Vn, 24). 

Mag^g^io* — Fu posto per li Savij che S. Bernarde Bondimier 
andato Capitanio a Žara vadi a Sibinicho et sii con quel Noatio Turche- 
selio dia venir et procuri ala restitutione dile anime ed anno presa. 

— Fu posto per tulto il Colegio atento li meriti dil strenuo Nicolo 
da Nona morite a Piša et Bernarđin fo amazato noviter da Turchi soto 
Sibinico che sia scripto a Roma a 1 Orator voMnterceđer col Papa che 
al revd.™"* domino fra Jacomo di Nona dil hordine di frati Minori li sia 
dalo el primo Episcopato in Đalmatia vacante ave do di no. (VII, 48-49). 

Ging^no« — Di S. Zuam Vlturi data in Bossana chome a parlato 
con Fcrisbei qual si scusa dili danni fu fato in Đaluialia non esser sta 
di soi ec. 

— Fu posto per il Colegio scriver a Roma per lo Episcopo di Trau 
domino Francesco Marzello qual havendo perso lintrade dil sno Episco- 
pato li sia'dato ducati 500 di nira di primi vacanti non fu presa. (Vll, 56). 

— Da Sibinico di S. Marin Moro Conte come erra zonto a Nareda 
uno niesso dil S. Turcho et havea manda ala Porta in ferri do Vavvoda 
haveano scorzisato sul nostro in Đalmatia e si diče mandera qualche 
Sanzacho siche a fato segni vol ben convicinar con la Signoria nostra. 
(VII, 58). 

— Di Sebenico di S. Marin Moro Conle e Capit.® come partito un 
Nonlio dil S. Turcho vene in quele parte par sia sta corso per Turchi e 
Martolossi su quel terrilorio et hanno fato perho pocho danno undc ha 
expedito un messo drio ditlo Nonlio a notificarli quoslo. (VII, 64). 

Ag^osto* — Di Žara di S. Piero Dolfin Conte et S. Bernardo Bon- 
domier Cap.<> zercha quel schiavo dil S. Turcho aver fato rcnJcr alcuni 



Digitized by VjOOQI€ 



304 

animaii • scbiavi presi ia lullioia depredation: iteiu come que]i di Cor« I5t)7 
vaUa haveano fato Ck>Dseio et visto ma poter resister ale incursion e 
đanni li fanno li Turcbi haveano elecli do Oratori uno al Be di Hongaria 
a dirli come erano sla fideli di soa maesta et che li dovesseno ajutar e 
proveder aliter si dariano a Turchi over a qoalcbe potentia cristiana che 
li difendessero e cussi tnanda uno Orator ala Signoria nostra con tal 
instrutlon. 

— Item di Spalato di S. Piero Malipiero Conte e di Trau di S. 
,Bernardin Gontarini Conte dila restitution fata di animaii e alcune anime 

per il schiavo dil Turcho et superius đixi. (VII, 86). 

— Da Trau Spalato Žara zercha anime recuperade prese da Tur- 
chi per la restitution fata per il Nontio dil Sig. Turcho stato li qual ha 
voluto carta di quietation licet poche anime habi reso. (VII, 89). 

— Di Gataro di S. Olivier Gontarini Rector e Proved/ come e nova 
Sophi a fatapaxe con Glidalli et perho il Sig. Turcho dubita ec. (VII, 9i). 

SeMembre* — Di Gataro di S. Olivier Gontarini Proved/ et 
Rector zercha Sophi et che quelii Timarati si lievano et chel Turcho fa 
hoste ec. (VII, 102). 

Ottobre« — Di Gataro di uno Ganzelier drizate a S. Alvixe Zen 
fo retor li la copia dile qual šarano di soto date adi . . . di questo mexe 
come quel Jachin Bassa andato con exercito centra Sophi a scrito al 
Turcho vadi in persona percbe dubita atento tutti seguita Sophi videli- 
cet li popeli come si fusse un Dio: item quele bande vicine a Gataro 
tute e disfornite di zente et andate di sopra centra Sophi. (VII, 1^0). 

rVovembre* — Di Trau di S. Bemardin Loredam Gonte come 
e stato con zercha 300 cavali da Stratioti e altrr a veder li passi dove 
peleno venir Turchi et a visto il tutto : item e stato a Glissa terra dil 
Hongaro et a dormito li per dar favor et custodia a quelli habitanti us- 
sisseno a tuor legne e 1 altre vituarie qualli morivano da fame si nan 
erra la soa venuta dubitavano ussir per Turchi e Hartolossi per non 
esser presi siche li fece bon servitio avisa la Signoria che la terra sta in 
gran pericolo si non se li provede e si scrivi in Hongaria al Re (VII, 129). 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by VjOOQI€ 



303 

ANNO flftOS. 

Oennajo« — Di Žara di S. Picro Dol6n et S. Bernardo Bondi- 
iDier Gapit.<' di cerla incursion segiiita per Martolossi et altri Croati $u 
quel teritorio menafo via assa animali grossi et menudt iit in literis et 
^6i Rectori si hanno manđato a đoler e li e sta risi>osto quel Ban qual 
e per nome đll Re di Hongaria par per soi mesfoti sta sta dimesso unde 
lui si ha volesto far forse di danari perho a fatto dita incursion ut in 
literis. (VH, 190). 

Febbr^jo« ---> Vene qiiesti zorni letere di Spalato di S. Piero 
Malipiero Conte di... zeuer come harendo Ilongari abandonato per du- 
bite di Turchi il loco di Sfegna et volendo nostri tenirlo azio Turchi 
non Fhavesse mandono dentro alcuni et volendo portarli vituarie li Stra- 
tioti e il Conte Xarčho andono per compagnar ditte vituarie con molU 
di Spalato or Tnrchi erano imboscađi fonno ale man tajono a pezzi mol- 
ti di citadini di Spalato et il Conte Xarcho et Stratioti siche fo gran dan- 
no come pia difuse di soito scrivero al loco suo. Tamem qaesta letera 
non fo leta in Pregađi adi 7 ditto. (VII, 21 S). 

— Di Spalato si ave letere di S. Piero Malipiero Conte dila tajata 
fata per Tnrchi al Conte Karcho e altri come ho scripto di sopra et 
scrivero piu difuso leta la sera in Pregadi. (VII, 219). 

— - Da Spalato di SL Piero Malipiero Conte come adi 15 zener segui 
la raorte dil Conte Xarcho qual volse andar per accompagnar vituarie 
andavano a Sfigna castello abbandonato per Hongari ali confini di Tur- 
chi et per nostri messovi custodla et que8to credendo non trovar Turchi 
qualli 200 erano imboscati et mes^eno di mezo nostri et lo amazono 
con uno citadino et do Stratioti la qual morte e sta molesta di qui per 
esser ditto Conte Xarcho valente homo e fldelissimo nosiro havia pro- 
visione dila Signoria nostra et ne ha dato uno soo Castello. (VII, 222). 

— Fu posto mandar a Spalato ducati 500 et altre provision ut im 
parte posta per li Savij dil Colegio ec. 

— Fo fato mostre di li fanti Polio da Žara Stefeno di la Moneta 
Piero Albanese et un altro . . . . in tuf to n.^ . . et pagati in piazza per II 
Savij ai ordeni et mandati via. (VII, 2S1). 

jlprlle* — Adi 15 fo Sam Sydro fo fato la procession de more 
vi erra lo Episcopo di Sibinicho Piovan di S. Fantin mitrato et ool Prin- 
cipe lOrator di Franza Spagna et Milan e Ferrara. (VII, 809). 

Magfg^io« — Adi 7 domenega avanti nona una horra vene una 



J508. 



Digitized by VjOOQI€ 



304 
1508. barcha conzada a modo uno bregantino eon remi 7 qual erra di Martin 
da Žara solito andar. (VII, 343). 

— Fo letero di Vegla di S. Marco Cabriel P.roved.'' di 27 coine 
ha il Provod' noslro di larma havia auto qael zorno a horre 46 Fiume 
salvo laver e le persone et che qaelii erano dentro Tedeschi per il Roli 
havia Ihoro avanti il rendersi messi a sacho* (VII, 382). 

— Di Fiume di S. Gironimo Cootarini Provod.' dil armada dil 
aquiato adi 27 e altri castelii che si reseno e manda la Poliza et ha po- 
sto li per governo S. Anđrea da Mulla erra a Vegia stato Camerlengo et 
Castelam et il sumario di tal sue letere scrivero poi. (VII, 384). 

Letera di S. Zuan Navaier Capitano di Raspo appresm la terra dd 
Fiume in galia adi 26 hore 48. 

— Bicevuta adi 29 avisa in qnelia horra 1 aquisCo di Fiume e il 
modo fo che adi 24 lassato lui lutte'le galie sopra Porto Colona eon bor- 
dine a S. Marco Loredam Cap.^ dile bastarde che durando el syrocho 
dovesse far forzo di remurchiar i arsili e vadino ala Fasana a levar le 
artelarie e subito vegdino a CastelmuscMo dove lui Proveditor a forza 
di remi si trasferiva per adunar la zeote dele inxu1e del Quarner. E 
venuto il di seguente a Puola e contra vento galia sola si tiro ale Pol- 
montore e data la vella vene a Cherso dove fece far la de^crition di 200 
homeni incercha fati vegnir a Castelmuschio dove . lui Proveditor etiam 
ando dove erra venuto S. Marco Gabriel Proved. di Veja eon zercha 
persone 200 di dita insula ita che omnibus collectis sariano stati ixola- 
ni 4500 e posto ordine al pan e tutto trovo etiam le do galie Marzella 
e Mudaza qual mando verso le Polmontore a incontrar le altre galie per 
remurchiar li arsili acio venisseno piu presto et cussi sola galia questa 
malina delibero presentarsi li et arivato uno mio largo mando el suo 
Secretario Otobon eon la fusta a inteoder lanimo di quel Gapetanio e 
citadini dl Fiume e saper si se voleano render : qual acostatosi chlamato 
el Parlamente eon el trombeta li fono mandati do citadini el Gontesta« 
bile e altri soldati Todeschi e propostoli per il Secretario disseno refe- 
reriano al suo Cap.^ et Consiglio et ritorneriano et aspetati per spazio 
di meza horra veneno eon bone parole voleano termine zorni 4 4 non 
per altro che per Ihoro honor e poi li fariano cossa grata a i qual ite- 
rum fo risposto che non 11 dariano tempo due horre et che la terra saria 
dila Signoria omnino zonta larmala e la zente per terra e poi domande- 
riano pacii che non li haria comemoranduli GoriUa Trieste Treviso et 



Digitized by VjOOQI€ 



. SOd 

Pftsino ee. et Ihoro volseno tempo a ritornar a referir questo fetto in 4508. 
eođem instanii il $uo Gonsejo tornorono a marina e conduii al Ihora 
Proveditor U dimaođono a cfae modo el volea la terra li disse saho la— 
ver e le p^psone e cussi iteram andono iii terra e poi tornorono e si re^ 
se al modo ut supra e feee letere di passo a li sdđati erano U n*^ 350 
e domino Znam Rauber erra Gapit.^ li per la Cesarea Maesta i qaaH 
andono ala volta £ Alemagna e mando la insegna đi Miss, S. Marco 
dentro con il suo Armirajo eompagni e balestrieri qual fu aeepla con fe« 
sta in Castello messe S« Hironimo Querini đi S. Imerio che e Pođesta 
a Humago et erra za zorni tre ccn lui Proved/ vennto per alcuni servi- 
tij et adi 3 zugno dia vegnir il suo $ticcessor a Humago e li ha lassato 
suo fratello in suo loco e Proved.'' in la terra messe S. Andrea da Malla 
di S. Nieolo che e a Muschio finito lofitio di €amerlengo e Castelam di 
Vegia e lamandato diiamar con 400 di mior homeni isolani quali sta« 
rano a' custođia dll castello porte e piaza fin per la Signoria sara previ- 
ste siche hora e sera le porte in qaesti colfi di Trieste e di Fiome e li 
đacij faranpo gran augnmento : item si ritrova ono Castello dito Tersat 
sepra el monte in geto đi artellaria e domina Fiume solea esser dil 
Gonte Bernarđin Frangipani tenuto nuovamente per uno Capitano Tode* 
$cho da per se ha manđato el trombeta si renđi ala Signoria nostra se mo- 
stro prima đificile e manđato a solicitarlo con mfnazesi rese e fu fornito 
a nome đila Signoria nostra etiam have le chiave dila terra di Casloa por- 
tate per sui homeni qual fa persone da facti zercha 400 et e optimo lo- 
co rico e forte al qual proveđera đi governo et guardia: manđa questa 
nova per Luča suo compagno đi stendardo. 

Lettera dil dito in galia apresso Fiume adi 39 mazo. 

-^ Come manđa la fusta a disarmar per esser fornito li so do mexi 
e avisa come eri da matina dismonto in terra con S. Alvise Arlmonđo 
et il Capit.<> đUe bastarde e Soracomiti e nela Chiesa mazor fo ditto una 
uiessa e poi đato sacramento ala mazor parte đi cltadini i quali zurono 
fidelta alla illma Signoria nostra pur ne sono molti di mal voler e vede- 
ra intender et li manđera đi qui et hessenđo in Chiesia vene a lui uno 
per nome di Andrea Ban Vicecap.<> di Fiume et volendoli parlar đi se- 
crelo si reduseno in sacrestia tutti e il Proved/ đila terra e presentalo 
le letere credentiali li fe dir il suo Ban volea il Castello đi Tersat qual 
erra soto iI 'suo Re đi Hongaria e đi sua jurisdizione e si renđesse li 
ris[>ose liavia lollo il Castello come tenuto per Alemani e poi sotoposlo 



Digitized by VjOOQI€ 



806 ' 
4508. k Ffuiiie tion U h»vendo trovalo Mvtt zetM ne insegiia cfaa Tddesciia 
tonin la 4ual 1a SfgnoHa hfeivla guerr a et eh« «criv<»*iti »la Sfgooria e 
qiiadđo lavess« visto nt mifllmb segtto đil auo Be |>er la 6treta amidlla 
non haria fato akana tnovesta dfsse II 6uo Ban havla dof itio al Re li 
Hspose che^Isapea beii «hfe lera f n comviniatia cm diiu Re queslo 
€a6felk> aignoriza Flume el e mezo mio lontan et eri fo {KVrtato fuoH 
per ]) Gastelam Cesareo tute nionitioti et vitoafie sidie e resfato volo 
nel qual ha meftso pet* eustodia Ilironime da Zernofis df Aibe fo S(h 
racomito e manđato stera 30 formente tmvato li a Fiutne et do hole 
di Vine pei" ^w> vito e a scrtpito al Prored.' i^neral provedi đi pro- 
vedem eo. t tletn ave . . . . letere di Paren«) di S. psolo CoDtartnl e con 
li Stratioti qoal mai a vdato veni^ ee. peif 4 le««re It fo serlto e resiati 
pert;he erado cargi di botihi di animali tolti ki da itiitniei isotae amtci 
noti sparagtiando a Chiesie e oussi a terminali niandarU coti H arslli 
a THestet it^n tra eri et ogt auto le chfate đi eii(iqtie Oastelti' prlana 
Ca^^oa terra ridia fara cirea persone 400 da fiiti ha posto li per i^rove- 
ditor S. Hirotiinfto di Mtm di & Praocv^ era Nel^ele sopra la jgalta Mu- 
daza te altre CasteHe sono Monsietiiea Oer(sam et Berseeh oUra h forle- 
za dl L\tpogla\'a passo al monte mator let a nuaodato 11 Capit.« era in 
quelia coti me letere ala Signoria nostra la qual intei^dera la raxoA iti 
qi]etiot item manda la polica dtle aKellarie e M Ifitrata df fluine : item 
la sera li a castodia do galie Riva et Mada^ et lut andera con la Mar* 
zella a cao d Istria per aver biscoto et eri ser^ & AlviKO Ariinondo con 
la galia Zustlgnanst parti ala volta di tevmite. 

Letera dil dito tn galia apresso Fiume adi 30 mazo. 

— Come ozi auto letere di la Signoria laudanđolo di le opere ala 
expugiiation di Pesin la qual letera U lezer ali Soraroomiti avisa oltra 
quelio a scrito deputoe etiatn In Ga$telfiovo S. Marco Đaedo q. S» Mi- 
cluel in Monsiemca S. Zuam Veciter q. S. Licn in Loiirana & Silveslro 
Minio di S. Filippo qi]ali etiam tuUi si iiantio ritrovato a queste vitorie: 
item auto hordine licentij el Capit.« dile galie bastarde eon la eonserva 
e chel vadi a Monopoli per causa dile barche e non bisognando el vadi 
a trovar el Provedi zeneral a Corphu. 

Letera dil dito in galia apresso SuntAndrea di iiuigno adi 81. 

— Riceula adi 2 zugno come eri sera si levo di Fiume per venir 



Digitized by VjOOQI€ 



307 

kl €ao đ Istria a tuor U resto di biscoU erano U per larmada et aviso 1 608. 
aver levađo đo altrl citadioi di Fiame đi U cordiali dil Re đi Romani 
et fooo qudU andono per tuor i đaoari cbe la Signoria mandava al Ra 
điHongana: e U ba mandati ali capi đii Coosejo di x. zooto sara a 
Triesle fara partir le bastarde per Monopoli justa il oomandameaio dila 
Signoria e le barbote snandera a Venetia e sopra U ar9ili fara cargar 
)e artelarie e !e mandera verso Đuino come ha hordinato U Proveđ.*' ze« 
neral ec. (VII, 403-405). 

Giugno« -^ Di Fiume di S, Hirooimo Conlarini Proved/ date in 
galia di Gastelli venuti sotto la Signoria nostra e di homeni lassati a cu- 
stođia e si iNH>Yeda di presidio e altre ocorentie e nota S« Alvixe Ari- 
mondo va Ducha in Caodia con la galia Soracomito S* Lunardo Zusti- 
gnam fo li el qual poi anđoe al siio viazo e conferite insieme. (VII, 415), 

— Di S. Hironimo Conlarini^ Proved/ dil armada date in galia 
apressD Fiume adi 5 nulla da conto aspeta hordene di guello Ihabi a far. 

— Fu posto per tuttl i Savij che S. Hironimo Contarini Proveditor 
dil armada vengi a Fiume et zonto il sia poi S. Hironimo Contarini lal-^ 
tro Proveditor vadi in colfo da Gorfu et esso Proved.' veehio aspeti hor- 
dine dila Signoria aostra fu presa. (VII, 420). 

-- In questa matina vene letere di S. Nicalo O)ppo Retor e Pro- 
ved.'^ di Gataro di 16 come a Gastelnovo erano zonti 8 Saozadu venuti 
per fabricbar con tutto qaeno bisogna siche sonno 8000 Turchi con 
diti Sanzachi dubita non fazino ec (VII, 4S9). 

*« Di Hume di S. Hironimo Contarini Proveđ.^ dil armada come 
bauto la llcentia e andera verso Levante et che a S^na si fa contra- 
banđi si soleva far verso Trieste e Fiume: item e venuto con la galia 
verso Humago a scontra S. Vincenzo da Riva va di comandamento dila 
Signoria verso Gataro scrive altre occorentie ut in literis. 

— Di Gataro di S. Nicolo Goppo Provod.*^ e Retor di 16 dil zonzer 
a Gastelnovo Sanzachi et voleno fabricbar una foi teza fano come in 
le letere apar. (VII, 481). 

— Noto per Golegio fo mandate a Gataro una galia e mandate vi- 
tuarie et fantarie secretamente et con bel modo. (VII, 43S). ^ 

LiUglio« — Di Trau di S. Alexandro Viaro Gonte di certa coraria 
di Turchi et Stratioti al inoeatro et morto uno Stratioto ec. ut in literis. 
(VII, 442). 

— Non voglio restar đi scriver do cosse notađe seguite questi 
zorni una a 2^ra par piovesse aqua come sangue. (VII, 444). 

— Di Gataro di S. Nicolo GojfHP^ Retor et Proveditor đi 6 piu le- 



Digitized by VjOOQI€ 



308 
4508. fere dil zonzer dl Sanzachi li fato calchare voleno far forte Gastelnovo 
et manđa nna deposition di uno et che voleno fabrichar ale Cađene la 
qiial cossa si facesse sariano do Darđanelll a Gataro : item di S. Almo- 
ro Pixani Vicecapit.*' al colfo di . . dil suo zonzer li colla galia et etiam 
S. Franc*® Marzello Soraconiito et provedino ec. 

— Di Zant di S. Hironimo Contarini Proved/ dil armada come in- 
teso le nove di Gataro va a guella volta con S. Vlncenzo da Riva et altri 
et fara ogni provisione ec. ul in literis. (VII, 447-448). 

— Fu posto per iatti li Savij ritornar a Budua certi Stratioti fo 
levati et mandarli certi fanti ec. in literis ave una di no. (VII, 453). 

— Adi 20 da poi disnar fo Consejo di x e fo letere di Gataro dil 
Retor et etiam dil Proved.'' dil armada di 9 in Boch^ di Gataro scrive il 
Proved-i^ si partiva de li et era ussito percbe si amalava molti dile ziur* 
me et anche qiieli Turchi li a GastQ}novo lavoravano lentamente havea- 
no mandato tre navigli Ragusei a tuor legnami ec. item havia iassato a 
Gataro . . . galie zoe.... (VII, 454). 

— Dil Proved.' dil armada date a Gurzola come erra venuto li et 
inteso che Turchi haveano mandato tre navigli di Ragusei a tajar palli 
e legnami in Narenta et hauto intelligentia la sorta di palli ut in literis 
quaU non e da conto ma ben per fortificar Gastelnovo dove sonno 4000 
persone a guesto : item e venuti a lui do Oratori Ragusei a dolersi aver 
convenuto dar i navilij scusandosi : item a Iassato li in Bocha di Gataro 
galie ;50lil ut in literis videlicet 

— Di Gataro di S. Nicolo Goppo Retor e Proved.'' di . . zercha il 
lavorar fanno Turchi a Gastelnovo lentamente. (VII, 456). 

— Fu fato eleliom di do Proved." uno a Fiume et laltro a Pesim 
per uno anno con ducati... al mexe neti et Gastellam e Proved.)^ a Duim 
con ducati . . . al mexe netli in luogo di S. Nicolo Balbi havia refudado 
et rimase come si vedera qui sotto in li scrutinij. 

Electo Provedador a Fiume. 

Sior Hironimo Moro fo 40 zivil q." S. Luriardo« 

S. Marco Gradenigo fo Soracomito qJ^ S. Justo; 

S. Piero Arimondo fo Podosta a Pyram q. S. Ničblo 

S. Nicolo Balbi fo Proveditor a Brisigele q. S. Marcho. 

S. Zuam Franc.® Badoer el 40 q ™ S. Ruberto. 

S. Vincenzo Pixani el 40 q. S. Antonio. 

S. Anzolo Marzello cl Gao di 40 q.™ S. Lorenzo. 



Digitized by VjOOQI€ 



309 

S. SeliasUam Balbi el Cao di 40 q.» S. Jacouio. 4508. 

S.' Alvixe Contarini el Cao di 40 q.»» S. GaleazD. 

S. Segondo da ca Pexaro el 40 q.°^ S. IN'icolo. 

S. Zacaria Valareso fo Conte in Arbe q."* S. Zuanne. 

S. Alvixe Baflfo fo Cao di 40 q " S. Matlio. 

S. Segondo da eha da Pexaro fo Consolo di merchadanti q,^ S. Nicolo. 

S. Alvixe da Mosto fo Cao di 40 q.'" o. Franc.<> 

S. Zuain Liom el 40 q.«» S. Franc.® 

S. Jacomo Boldu fo Cao di 40 de S. Hironimo. 

S. Bernardo Marzello fo Pod.* a Parenzo q.™ S. Zuanne. 

S. Zorzi Semitecolo fo Soracomito qJ^ S. Zuanne. 

S. Marco Dandolo el 40 q.'» S. Matio. 
' S. Francesco Barbaro fo Pod.* e Capit^ a Sazil q.™ S. Anl.^ 

S. Domenego Gritli fo Cao di 40 q.™ S. Franc<* 

S. SabasUam Zen fo Cataver q.™ S. Franc.® 

S. Francesco Zorzi fo Auditor vecchio q."" S, Ant.** 

S. Andrea Grilti fo Proved.*" ad Axola q."* S. Lorenzo. 

S. Josaphat Liom fo Pod.^' e Capit.^ a Sazil q.^ S. Andrea. 

S. Luca.Miani el 40 zivil q.^ S. Anzolo. 

S. Castelam Boldu fo Cao di 40 q.^ S. Castelam. 

S. Vetor Doldm fo Cao di 40 q.^ S. Donado.' 

S. Lorenzo Gradenigo fo 40 Zivil di S. Marin. (VII, 456-457). 

Agosto« — Fu posto per i Savij cbe li Proveđ.^ electi a Fiume 
et Pexim menino con Ihbro uno Can^elier ducati 4 et uno Cavalier du« 
cati 3 dd esser pagati di salario a tanto al mexe ut in parte fu presa. 

— Fu posto per alcuni Savij di Colegio di far do Camerlengi uno a 
Fiume laltro a Pesim qual sicome si ha auto per relatione di S. Zuam 
Navajer venuto Capit.^' di Raspo qual visto il tutto e di Fiume si cavera 
ducati 2000 et di Pesim ducati 3000 con altre clausole ut in parte. 
(VII, 462). 

— Di Cataro di^. Nicolo Coppo Retor et poi dil Proveditor dil 
armada come qneli Turchi a Castelnovo vano drio laorando per repa- 
rar quel luogo ma non ionovano nulla e le galie sotil nostre numero . ... 
e li in Bocha di Cataro. (VII, 468). 

— Di S. Hironimo Contarini Proved.^ dil armada date in Bocha di 
Cataro adi 28 et ultimo lulo come erra ritoruato li per veđer quello 
fevano Turchi a lavorar a Castelnovo avisa vano drio lavorando ma non 
innovano alcuna cossa et perh^ si vol levar lassa Sier Almoro Plxani 
Vicecapit.** al colfo et una altra galia et do briganlirii (VII, 474). 



Digitized by 



Google 



340 

4 508. Selleinbre« — Adi 5 la malina fo in Colegio uno Oratar dila 

Comunita di Ragusi venuto per • . . . (VII. 483). 

— Di S. Alraoro Pixani Vicecapit." al <;olfo verso Gataro come e 
resta ala fabricha di Castelnovo do Saozachi il resto partidi e vano la- 
vorando lenlamente dito Castello. (Vll, 485). 

— Di Spalato di S. Piero Malipiero Conte come quelli dl Poliza e 
sublevati e non voleno esser piu sotto la Sigiioria immo darsi al Turcho 
instigali di uno suo qual štete in Castelo a Verana et venuto li et fa que- 
ste novita et scrive provision fate. 

— Di Gataro di S. Almoro Pisani yicecapil.<> al colfo zercha la 
fabrica fanno Turchi a Gastelnovo lentamenie ut in literis. (VII, 48B). 

— Adi 20 la malina vene in Colegio eon 11 soi parenti il rev."'^' 
domino Fran.® Marzello Episcopo di Trau noiiiinato per Pregadi Episco- 
po Vicentino : et fato uno principio latin ringratio la Signoria dila no- 
minatione facta dila persona sua et fo mandato tutti foora di Golegio : 
et ditoli per il Principe zercha questa electione et il Papa aver electo 
suo nepote et in questo m.ezo la Signoria mando a scuođer lintrade. 
(VII, 49i). 

— Di Sibinico di S. Ant.o ja Canal Gonte et Capit"". di S. Piero 
Malipiero Conte e Gapit.<^ di Spalato et altrl Rectori in conformita ^ome 
quella Poliza si pol dir persa perche non voleno dar piu obeđientia 
ala Signoria: imo esso Conte diče aver a mandato a dimandar alcuni 
dl qnelli venisse a parlarli non hanno voluto venir: item di Trau de- 
predation fate di li Turchi e M artolossi e di S. Marco Cabriel Proveđ.i^ 
a Vegia hoc idest. 

-^ Di S. Almoro Pixani Vicecapit.^ al colfo : date alla Bocha di 
Gataro come qnelli Sanzachi sono partiti compito il lavorier di fortificar 
Gastelnovo siche non e piu paura di altro. (VII» 495). 

Novembre* — Adi 8 fo Cdnsiglio di xi con zonta et fo electo 
et expedito S. Zuam Diedo Proved.^ a Spalato et in Dalmatia el qual 
altre fiate o stato Proved.** zeneral in Dalmatia etio electo altri diče per 
Glissa ehe si vuol dar alla Signoria nostra altri diče per Poliza che e in 
pericolo đe rebellar ala Signoria tameni fo secreta la sua electione et 
ordinato si metesse in hordine et poi fu presa. 

— Adi 9 vene in Colegio S. Marco Cabriel venuto Proved."^ di 
Veja da poi đisnar fo Gonsejo di dieci. (VII, 510). 

•^ Di Trau di S. Alexandro Viario Gonte di certi đanni volleva 
far Turchi et Stratioti al ineontro ec. ut in literis non da conto. (VII, \ , 

515). I 



Digitizedby VjOOQI€ n 



311 

Deeembre* — Fu posto per U diti chel Proved/ di Fiume pos- 4508. 
si spender ducati 15 per la fabricha dil palazo ec. et fu presa. (VII, 528). 

— Di Sibinico di S. Ant.® da Canal Conte e Capil.*' zercha Stralioti 
ec. nuUa da copto et di quelie occorentie de li. (VII, 53^). 

— Fu posto per li diti atento adi 5 fusse preso dar a Samaritana 
fo moglie di . • . di Meldola Cootestabile morto a Žara qual dia aver dila 
sua dota e il marito e creditor di la Signoria ducati 100 in cingue anni 
a dita Camera di Žara e perche e poco come la diiuoslra che li sia dato 
altri ducati 100 et fu presa et poi la sera per il Principe venendo zozo 
fu suspesa dita parte. (VII, 535)^ 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by 



Google 



843 



ANNO IttOH. 4509. 

Genni^o« — Fu posto per li Savij dar ala mojer fo đil GoDte 
Xarco Catarin qual e đi Poliza provi^om đucati 6 al mexe in vita a pa- 
ge otto al soino ala Camera di Sibinico per i buoni moriti del qttonđ,<^suo 
marite morto in Dalmatia a senrizij nostri presa. (VII, 547). 

— Fu posto per li Savij sertver a S. Zuam Diedo e Proved.' in Dal- 
matia fazi ceroida di 200 cavali di Stratioti soano deli cavali num.^* ... a 
stipendio di la Signoria nostra e li mandi di qui presa. (VII , 558). 

Febbri^o* — Adi 4 la mattina a Gastelo il Patriarcba fo sagra- 
to per man dil Arziepiscopo de Spalato Zane et do altri Episcopi lo aju* 
lavano videlicet il Pexaro di Baflb et Foscarini di Gtanova el poi fe 
pranzo. (VII, 666). 

«-* Di Trao di S. Alexaiidro Viaro Conte zercha zerta incursion di 
alcuni Turchi e menato via certi animali. (VII, 573). 

— Item passo per piaza ia compagaia di Bernardin da Farma Con- 
testabile deputato a Fiume con 400 fanti et fo datoli li danari et expe- 
dito subito. 

— Item veneio questi zorni alcuni Nontij dil Conte Frangipani 

oflferendosi alla Signoria in quesle imprese fo ringratiato : item Bot An« 
dreas si kvera ma Marco Ant.^ Golona non acetato lacordo dicenđo esser 
Gapit.<* di Fiorentini et averli đato li ferma. 

— Di Dalmatia fo letere di certa incursion di Mariolossi et fato as- 
sa danni mens^ via animali et certe anime. (VII, 583). 

Maržo* — Veneno alcuni Nondj et con messi di Bot Andreas 
Bam dila Groatia qi|al Grmo lacordo con la Signoria nostra di vegnir a 
servirla con 500 cavali lizieri pro nunc offerendo darne altri 500 a du- 
cati 4 per cavallo et page died al anao et per la sua persona ducati 
4000 al anno et promete per tutto il mexe esser in Friul con li 500 

cavaHi la qual praticha e conduta fo menata per S. Hironimo fo 

Soracoknito Arbesan amico di ditto Bot Andreas. (VUI, 1). 

— Noto a Lio zonseno zercha 200 Stratioti con li soi cavalli venuti 
đi Dalmatia soto do capi Busichj et Mauressi steteno alcuni di fin zon« 
šino il resto et poi fono mandati a Mestre e di li vadino ala volta dil 
Veronese. (VHI, 4). 

— Item vene 5 Stratioti cavali! a cavallo li homeni in corte di Pa« 
lazo venuti đi Žara per vegnir a servicij dila Signoria zoe il cugnato fo 



Digitized by VjOOQI€ 



344 

i 509. di Nicolo di Nona nominato et per li Sav) a terra ferma foiiao 

visli el aceplati. (VIR, iO). 

— Di Spalato di S. Piafo Krdipiero Conte et Gapiianio avisa come 
quel Vanissa e in bando di Poliza adunato alcuni erra corso im Poliza e 
đanisEzato a do lochi e fato mal assai. (VIII, 13)ž 

*-* Veneno certi Oratora di Poliza cbe soto Spalato ala Signoria per 
alcane oosse e moleatati da quel Conte Vanissa forusito die li fanno 
danno e nota S. Zuam Diedo Proved/ e andato verso Segna a far lerar 
Bot Andreas tamen vol 4000 cavali e con 500 mander« suo fiol siche di 
kii la oossa non e chiara. (VIII, 30). 

•— Item in gnesti zorni ei Conte Zaaane di Corbavia soldate nostro 
vene di Dalmatia per terra con 200 cavalli lizieri fino a Treviso el de li 
poi fo niandato in oampo. (VIII, 36). 

Aprile« «-- Noto in guesti zorni veneno 7 nave šora porto oon 
formenti venuti da Albania et una di Sicilia ec. (VIII, 52). 

•^ Adi 5 il zuoba santo la matina ritomando il Prindpe di la mes- 

sa con 11 Oratori si buto ali piedi uno Zaratin nominato • • ventiio 

con undiei cavalli di Žara a sue spese per esser richo đicendo vokr an- 
đar a servir la Signoria in questi bisogni et de vera di altri il Principe 
il carexotameni li fo dato certi danari et expedito in Verohese. (Vili, 54). 

«^ in questo žortto zonse S. Zuam Diedo stato Proveditor in Dal- 
matia manđato per il Conseio di % el qual-e stato etiam a levar certi 
cavalli liaieri tolti a nostro stipendio soto el Conte Miohiel di Frangi- 
pani et il Conte Zuanne di Corvatia Ji qiial 200 si ha esser passMl per 
Caslelnovo et vieaeno per terra come sorive S* Franc.*^ Capeb cl 
Caval.*^ Proved.*^ di Trieste et il Diedo vene per mar. (VUI, 65). 

•*«• Et in guesto di fo menato uno Simon AJbanese fio de Vanissa 
Contestabile a Ravena e nel tratato retenuto el qual Simon fo conduto 
da Verona in ferri per il Contestainl dil Capitanio perche erra li expe- 
dlto a far 200 fanti et per il Conseio di x e sta scripio a Ravena fosse 
mandate di qui ale prexom. (VIII, 79). 

—- Item fo conduto di Dalmatia 7 presoni Martolossi che đanizava- 
no il paese quaU e sta presi dal fio di Co\ule provisionato nostro ali- 
pendiato et fono mandati dal Conte di H qttal eassi conduti in ferri fono 
posti im prexom. (VIII, 114). 

— Item gionse qiiel Javam Albanese Contestabife in la citadeUa di 
Ravena el qual havia intelligentia con quello fo apicha a Rimano per 
tratado et cussi fo mandate qui da Ravena dal Lando Proved/ e Rectori 
insieme con tre altri. (VIII, 145). 



Digitized by VjOOQI€ 



815 
IMaggio« — Noto eri da poi Consejo per uha barcha di Žara »i 1509. 
ave lelerc. • 

— Di S. Anzalo Trivkan Cap.« zeneral da mar di 1 1' come erra li 
ft Žara e si havia inlerzado et havia scripto a Liesna e Curaola armase- 
no quelli navilij potesseno : iteni scripto alle galie » ređucono insieme 
benche la Bađoera et Kiva siano verso Rimano et lui si parliva per Sibi- 
nioo e posto io hordinepiuanuata i! poria vegniria Terso Sinigaglia justa 
la sna commissione la qual haila aulo e qoelli altri loehi facenđo il mat 
pora ec. (VIII, 182). 

•^ Di Antivari di S. Vincenzo Zoa Podesta di . . « di que8to come 
đe li e certa ađanatiom fata di Turelii a qQ6li eooftni et Tolse saper la 
causa ma fn perefae se diceva la morte dii Sig. Turcho. (VIII^ 919). 

-^ Dil Capit.o zeneral di mar di Cuniola et šora Sibinioo adi 3$ 
come havia ordinato li in Dalraatia et posto iu hordioe haver 50. velle 
et 200 Stratioti con U sol eavali fati de U et volteva passar di qtta verso 
Sinigaglia e Fan e far faeende justa la •omissione auta ma poi iotese la 
inexpectata nova di la rola et ave una letera die suspenđera il tutto et 
venisse a Žara e cussi (bra: item a ono aviso chel Tarelio erra morio. 
(Vffl, 246). 

Glugno — Item to lieentia in campo U cavalli Corvati perche 
fevano assa malli veneno in Mestrina li villakii totti in arme robavano 
et andono via per Friul. (VIII, 274). 

— Noto da Vegia se intese che qttelli di Segna erano venuti con 
30 barche sopra lisola et fato preda di animali dicendo voler venir con 
sBente a tuorla et scrisse il Pr oveditor e li S. Prancesco di Prioli al Ca- 
pit.<> eenerai li provedi di socorso perche Bot Andreas et li Frangipani 
voleno omnino tuor di(a isola el qual zeneral li mando tre galie come 
ho scripto di sopra. (VIII, 297). 

<— Noto fono expediti di armar alcune galie in Dalmatia videlicet 
di Cherso Gataro et Žara et Liesna et expediti li Soracomiti e le galie 
date e li danari per armarle. (VIII, 298). 

•— Di Albona di S. Filippo Minio Podesta di 43 come quelli di Bot 
Andeas Ban di Segna soe cavali 350 et fanti 1500 erano caliati per 
certi monli et venuti propinquo ala terra et andato dove qnelii haveano 

posto li soi animali per valnta di đucati miiia et li menono via 

con gran ruina di Albona e Fianona : item qoesto Bot Andreas ave 
Fiume etiam che vien al Imper. et S. Hironimo Qaerini Proved.' nostro 
a fugi Veja e si salvo et ancora non e oonto in qQeftta terra ec» (VIII^ 
316-317). 



Digitized by VjOOQI€ 



316 
4 509, — Noto le molti zorni che Aleiio iniegner di patriđ Bei^amasco 

qiial a gran praficha đi nostre lagune volenđo licenlia di partirsi el qual 
erra exercitato molto dali Proveđ/ šora le acqae fo per il Consejo di x 
fato retenir e posto in Gamera e poi fo mandate fael Gastel đi Žara a 
starvi per qoalche oiexe. (VIII, 325). 

-^ Dil Capitano zeneral piu letere e di Vegia e di Žara le uUime 

de chooie havendo inteso li danno fato per Bot Andreas in Islria ma- 

xime centra Albona e qaelli loehi che li porto via animali per valuta da* 
cati 20°^ li parse andar a Veja a confortar quella ixola la qual esso Bot 
] avia molto minaziata di tuor et oUra prima li mandogalie nostre per so- 
corso or mando a tuor un salvo conduto da dito Bot Andreas a Segna 
per mandar il suo Secrelario qual auto lo mando a dolersi di questi 
đanni hessendo bona liga e amicitia col s^.'"^ Re di . Hongaria et lui 
non haver alcuna causa centra la Signoria nostra: el qual li rispose 
gaiardamente si non ti avesse da il salvocondutto ti faria taiar la testa 
adesso dicendo gran mal di Yen#tiani che sono scomunicati et vol far 
tutti i mali chel puo el qual Secr.<> li rispose signor tu pol far quello 
vuol too saria linehargo e mio il danno e la venđeta faria poi la mia 
ill.°^^ Signoria ec, siche si ritorno ceu questa strania risposta et esso 
Zeneral scrisse ala Signoria si li piace li basta 1 animo tuorli Segna et mal 
menarlo e tuorli sotto qaeslo nome per il Re di Hongaria al qual questo 
non vol ubedir ec. E nota non li fo risposto nuUa che cosa di gram im- 
portantia et nulla el faria el Orator Ungaro e qui : item scrive esso Ze- 
neral dile cosse di Žara et altre oocorrentie. (VIII, 338). 

— Adi 27 la matina in Colegio vene uno Nonlio di Bot Andreas 
Ban di Segna con uno suo nepote scusandosi dila imputation fata di 
aver depreda ec. con molte parole or fo mandate per 1 Orator di Honga- 
ria et aldito con li capi di x poi fo mandato uno di questi di Bot 
Andreas acompagnato col Gap.^ dil Consejo di x a eha dil đicto Orator 
el altro al suo navilio con custodia dile barche đi Diese. (VUI, 343). 

— Dil Capit.^ zeneral đi mar da Žara di 21 chome visto quel1a 
terra con li Rectori saria bon far certo torion dala banda dil arsenal 
over bastion per adesso perche li lignami erano tajati chome li ha scrito 
la Signoria ma la sua opinioa saria farlo di muro e adoperar i legui di 
qui tamem il tempo non basteria ec. : item si parte e con . . galie va a 
Trau chiamato molto da quella terra et altr^e occorentie. (VIU, 346). 

— Zonze 1 arsil fo a Žara con 11 Stratioti qual vene cargo đi piere 
da molini mandate a tuorle per la Signoria nostra referi esser in colfo 
certa nave di Soria qual vien a Venezia. (VIII, 350). 



Digitizedby VjOOQI€ j^ 



817 
liaj^lo« — Dil CsifiU^ zeneral di mar date a Žara in galia adi 4509. 
primo come quel Bot Anđrea«; Ban di Segna e venuto con cavalli et fanti 
\erso Nadin et Laurana et lai Zeneral fa quelle provišion el pol et man- 
do una galia a Nona : item in mar hessendo una Marziliana nostra 
Slila qual erano alcuni soldati mandavano in 1 Apruzo a dismontar hes* 
sendo in mar amazono il patron e altri voleudo menar Tia dita Marzi- 
liana e il cargo e uno si buto al acqua et vene da lui Zeneral el qual 
li roando do galie et ritornono. (VIII9 376). 

— Di Žara fonno letere di Rectori di quele ocorentie et se li man- 
di monition et fantarie ut in literis. (VIII, 377). 

— Di Žara di S. Valerio Marzello Gonte et S. Francesco di Prioli 
Capitanio di quelle occorentie voleno danari per li fanti ec. (VIII, 412). 

— Dil Capit.^ zeneral di mar apresso Gurzola in galia adi.... come 
andava a Gorfu li vene li Oratori di Gurzola dolendosi di S. Znam Dolfim 
Ihoro Gonte et erra necessario landasse li per tre hore poi andaria <ti 
longo a Corphu: item serive allre ocorentie el qual e con undici galie. 
(VIII, 426-427). 

'— Di Ragusi di S. Zuam Moro Gapetanio dile galie bastarde di 9 
luio et di S. Lnnardo Justiuiam Sdracomito fonno letere in la Signoria 
et vidi particular come erano sta li et aspectavano il zeneral et a Bran- 
dizo erano 9 galie et tre fuste Spagnole e aspetavano altre barze et tutte 
caravelle e altri navilij di nostri capitavano in Puja erano messi a sacho 
ec. et đieilur dubitavano nostri non traghetasse Turchi dila Valona im 
Puja ec. come diro di soto. (VIII, 433). 

— Fu posto per li Savij scriver a S. Hironimo Gontarini Proveda- 
đor dil armada cbe in Dalmatia debbi venir con le quattro galie a Chio- 
za e si manđi la fusta al Gapetanio S. Sabastiam Moro et a Bovolenta e 
si armi barcbe e bisognando vadi im Po fu presa. (VIII, 438^. 

Ag^oslo« — Di Gataro fo letere di S. Polo Valaresso Retor e . 
Proved.^ di . . . luio come de li adi . . . trete una sajta in Scutart e 
impio fuogo in alcune caxe adeo bruHo lutto Scutari e li Turchi habita- 
vano li excepto scapolati 6. (IX, 35). 

— Di mar come S. Filipo Badoer Soracdmito volenđo expugnar 
uno Gastelleto soto Fiume chiamato ...... fo da una hombarda lui et il 

suoscrivan amazati ita che re infećta la galia si parti ec. et per Golegio 
fo mandate Vicecomito in loco Feritis S. Alexaipiđro Badoer qnal siibito 
si parti e ando via ec. (IX, 40). 

Setleinbre* — Vene uno Vanissa di Poliza qual per il Gonsejo 
di X e sta tolto a gratia et perdonatoli qual si oferisse venir con 500 



Digitized by VjOOQI€ 



316 

150% oavalii lizieri Turcbi ec : ilem alcuni Tarclii e da cavalto lu« ^ e da 
pieđiti.«.,* <IX,104). 

-*-* IM Žara đi & Vstorio Manedlo Conte e Francesoo đl triM Ca- 
piUnio chome hanno avlsi M Re di Hongaoria vd ivegnir in Đalmatia e 
liior qu0le nosire terre maiida reporti ee. e peiiio si proredL (IX, d05). 

CMiobre« ~ Di Gataro diS. Polo Vala^esso Relor e Proveđitor 
đi 42 sept^filbre come do Sanisachi errano ia hordine per vegnir ali 
danili in Alemagna e correre verso Lid)iaiia videlicet il Sansadio de...^ 
coa cavaU 6000 et qael de « • « . ooo navali 7000 et scrive soppa zlo 
molte particularlta. (IX, 484). 

^^ Đi Traii di S. Aleiandro Viaro Conte ^isa diome Turchi erano 
ccHTsi su qttel territorio fino ai castdio dil Vescovo che ala marina dove 
erra reduti molti aninali d^itro et par halMno rote le porte et nienato 
Tia 3 milia animaH menuti e alguni gros&i morio ono homo e fo morio 
moTiircho. (IX, 485). 

€opia4iuna hkruđiS.Anzolo Trieixam Capitania zeneral di tnar 
data m galia opremi i 9Qogij di Roigno adi 5 octobre i 509 a 
5. Mmijfi^ Trimxttm q.^^ Marchia et S. Zacaria Valareso qf."» 
Znanm narra la^uisto di Fiume^ 

— Adi 37 clH passalo da Žara lb ultimo mia e vi dissi per Ihordi- 
ne iiavia dala noslra illus.™^ Signoria vegaia aia volta de que6ta Histria 
Hisa obe prima vo^ia dar iioa, volta per questo colpho di O^arner per 
\edur de dar quatehe sovmision a i|ae&te fidelissime ma povere zurme 
come bo fato coa el voler et a|«to đe Dip del qi]al loco mi parti adi 28 
et vini a a. Piero insieme dove štiti 4a sorni a meterme ia bordine de 
8ch8de gradiid e altro et poij mi parti e vioi a Jisola de Vegia a Gastel- 
musdiio dove per tempo stiii Go adi 2 dil preseate del quai locbo mi 
levai 4on galie 15 bore do avanti sorno et al levar del sol se apreseata- 
semo ala terra de Fiume et avanti fossemo saiutati ooa assai artellarie 
et smoalati in leira deJe galte homeni 8300 et zercha 300 da Vegia 
moUo.vi0Mro6afiieiite^tal<x)iiluxuQ da qoeili delta terra salutati con 
molte arteilarae etarcbibnsl dfii qual ne foao morti di oostri 8 de li 
qttai ne loano đMa mia galia Jtre et assai feridi; tsmdem coa el voler de 
Dio et bonor del eccelentissimo nostro Stato a bor« U e meza di zorno 
i oosiri virilmente mosolo sušo le mure et in )a lerra et tato qiiel zorno 
sacbieono ia terra non Ia sparagnanđo ad algan et molti lajati a pezi et 



Digitized by VjOOQI€ 



319 

per lui gon sUio el disipato cfae el toUo e dave i sa cbatava i meteva 4501. 
fuogo per modo tutta fono brusata et mai per lui non se đirra qiia son 
Fiame ma qaa fono Fiume: el in el medemo zofno manđai atomo el Ca- 
stello et combatenđolo virihnente i messe fuora bandiera đi Toler pali et 
ussliM) el Castdlan che ion iolo de Pas Marcho el Capitanio in qae8l8 
parte đe MaximiUam oon el suo Canzelier el vene da mi et ofirorseme 
queUo salvo laver e ie persone ai quali đissi volerH a mia descritioni 
et Ihoro piir diaseado almea salvo le persone io le dissi oon se đagando 
a mia descritiom i prenderia e lutli aoderia per el fil đela spada tan« 
dem coDtento e volse esser mie prexoni et apresentomi ie arme e tom6 
sušo e tiifli si rese ordeaai i 40 {Hriocipaii faesena posti in ferri eome i 
SODO fin altro deliberero et el sorao aegoente fonno compiđo de 
sachlzar e brusato el resio si dela lei^a eome el Caslelio et In quel 
zorno manđai galie 5 a Bechari ^ fiai iS mandar uno navilio di 
Fiume mie nemici el qual locho son de Hungari ma signorizato per suo 
rebello che son in campo di Maiimilian atorao Padoa et suo fiol atomu 
Raspo tandem i coniento el tolesse el qnal erra cargo de euori et apre- 
sentatossi oon quelli dila terra i qual tornali si si tre butonieri žoe mis« 
sier iHronimo Gapello missier AIvtxe Gofntaoini e missler AnL^ Marzello 
et la malina mi levai per andar a f uor remi 600 fono i anno pa»iale 
lajati per larsenai mia 7 fin 40 lontan de li dovesonio trdvai per inimi- 
xi erra sta posto fogo in quelli et solum ne Irovai n.« 100 de booi berra 
in do lochi i qual fizi levdr in galla el questa note siamo zotili qiri a 
questi scoglij đove se fanno el botim dinotandofi el foco fonno posto in 
Fiume e sta messo oltra el mio liordite perche mia inlenUom erra de 
scrlver de U per saper la inlenliom dila nostra iUusIrissimn Sigaoria ma 
galioti cbte sono zente bestial havendo visto eiie el San Maroa con le 
arme di Relori orra sta guasti da questi ribtiij dtsse brusemo la terra 
et cussi fece dinotandovi al eontinuo la mia pope fo bersagliada da ar^ 
ehibujd e molti ve ne vene sttbian<k> aiorno le peochie ma per la bonta ~^ 
de Dio ta<%i me preservo di qttal 8 morti fonno dila mia galia Io ho 
scrito lopittion mia di for altra impresa ala nostra illost°>^ Signoria 
atendero sua risposta et pregovi zerchati non sia tenitlo al patto et se 
i me ne havessea t^nir i me lassi vegnir a oaxa : Dte in ben vi censervi. 
{IX, 198.I99), 

-• Di y egia di & Franoeseo di Prioli Conte e Pnived/ di 2& avisa 
Turehi haver cotso a quelli castelli di Frangipani U vicini e foto danni 
assai e tutavla fanno et sonno corsi fino a Modnisa. 

— Questa nova fo optima et laudata da tuli sperando Turebi sa- 



Digitized by VjOOQI€ 



320 
4 509. rano eon dui et za si veđe qaalche esperiantia che đahnisano li nostri 
inimid. (IX, £24). 

IVovembre« -^ Di Glissa đi S. Piero Pasqualigo Đotor Cavalier 
va Orator in HoĐgaria đi 38 octid>rio đil aconzer li con la galia Canala 
et il Gonte Zuanne đi Gorbavia noii erra li perche Turehi hanno eorso 
su li castelli đi Fraogipani e fato gran đanni et sul nostro non hanno 
fato aleum đaimo et il Conte Zuanne erra eavalchato per questo faavia 
manđato a đirli dil suo zonzer li eo. noto S. Hironifiio Capello Soraco- 
mito e anđato con le leter^ đi ia Signoria vanno a <]on8tantinopoli ala 
Valona a portarle« (IX, 229)« 

— Adi 4 Domenega fa grao Gonsejo et fa folo Gonte a Žara Gapi- 
tanio in Gađore e Gastelam a Modio. {IX, 231)« 

DecemlNre« «^ Adi 5 la matina in Golegio fo feto lezer per il 
Principe uno inventario đatoli đile re1iquie e eroce e paramenti erano 
in la chiesa đi . . . . a Fiume per gram valuta đa zercha đucati 7000 
qual tulte eosse il Gapitano zeneral la aute e par slano in una cassa e (ra 
le idire la testa đi S. Orzola đi li capelli di la Mađonna e molte reliquie 
e uoa Groze đi arzentođi peso 70 marcbe: item apparamenti richi et 
belli si juđicha đito aventario lo đesse Soracomito Hironlmo Querini 
sUto Proveđitor li a Fiume. (IX, 287). 

-r Et leto le ietere fo intrato in certa materia secretissima đi man- 
dar nao nostro zentilhomo in Bossina eh e Soracomito Hironlmo Zorzi fo 
Soracomito qJ^ Andrea đa s. Marcuola qual ha gran amicitia con quel 
Sanzacbo nominato Ferisbey. (IX, 292). 

— Di Xagabria đi S. Piero Pasqaaligo Dotor et Gavalier Orator 
nostro va in Ongaria đi 28 come volendo anđar dal reverenđo Episcopo 
đi Ginquechiese rieevute Ietere dil Secretario e a- Buda che non si movi ec. 
et fo per do messi a posta chel resti li e cnssi restera et che Bot Andreas 
vene con zente zercha 400 tra a eavallo et a pieđi per intrar li ma quelli 
presiđi non vokeno đioenđo e rebello di la nuiesta dil Re et hanno man- 
data a đir ad alcune terre viciae stiano in hordine in ogni bisogno ac- 
cadendo et oondude restera li fino avra aitre dila Signoria nostra e dil 
SecreUrio dil Ongaria. (IX, 302). 

— Đi Xagabria đi S. Piero PasqaaUgo Orator nostro di 4 4 chome 
erra li chome andera dal Gonte Palatino over dal Vescovo đi Ginque- 
chlese: item.alcuni Baroni liatorno veriano a soldo dila Signoria nostra 

ut in literis nomina eornm : item la nova di Turehi x milia 

vano in Bossina chome ho scripto đi sopra et che qucl Bot Andreas fa 
pur đanni U intornQ. (IX, 325). 



Digitized by VjOOQI€ 



Si i 

— Fu posto per U Savij far Proved/ a Fiuote coti ducati 30 al 4500., 
mexe per scrutinio in Pregadi ut in parte ave 8 đi no 430 dila parte. 

{IX, 328). 

— Veneno in Golegio 4 Turcbi come luercadanli vien di Bossina 
et aveno audicntia secreta fo dito da basso sono Noncij di qiiel Bassa e 
di Sanzachi sono in hordine da Turdii x uiilia per vegnir a senizj no- 
stri ec. tamen fo schiavi. (IX, 329). 

— Da poi disnar fo Pregadi et fu per .... q*" Antonio Grlmani 
S. Alvixe da Molim Savij dil Consejo S. Francesco Foscari S. Andre^ 
Trivixam Cavalier S. Nicolo Bernarde Savij a terra ferma et S. Marco 
Ant.® Calbo Savij ai ordeni mandar . . . Hironemo 2k>rzi q,^ Andrea da 
S. Marcuola qual a gram familiarita con ii Bassa di Bossina nominato 
Feris}>ei Orator nostro al dito con duchati 80 al mexe per >eder vengi. 
con la Signoria nostra et ut im parte molto secretissima conćC^disse S. 
Piero Capello Savio dil Consejo dicendo aspetemo il qual insieme con.... 
€ier Marcho Bollani et altri Savij et Jacomo Gabriel messeno dindusiar 
li rispose S. Alvixe da Molin e ben poi volse parlar Jacomo Gabriel ma 
non fo aldito ando le do parte et di largo fo preso la parte di mandar- 
lo. (IX, 33i). 

— Fu posto per li Savij tulti atento la suplicaliom fata per Tri- 
fom di Buchia Soracomiio Caterim qual virilmente la sua galia a coni- 
batuto con Feraresi im Po et amazati tutti 11 homeni dila galia et preso 
uno suo fradello et nepote et lui scapolato che li 200 duchati dia aver 
dil suo servir li siano dati duchati 400 : itmn rimesso do duchali paga- 
vano al anno a la Signoria di certo Hvello : item habbi provisiom al an- 
no ala Camera di Gataro duchati 6 al mexe a raxom di 8 page al anno 
et fu presa di tutto il Consejo. 

— Adi 30 domenega in Colegio fo fato Cavalier uno Zuane Vanis- 
sa di Poliza valentissimo qual erra sul Polesene et erra sul ponte quan- 
do fo prese le galie et havia . . . cavalli unde li fo donado una vesta 
doro di ducati 70 et ritornera in campo con questo honor che molto 
slima. (IX, 332). 

— Noto in questi zorni vidi sopra alcune colonne discouiunegado 
domino Francesco Marzello Episcopo di Trau per non haver pagatp 
certa pensiom al Malombra Episcopo di Arbe con il qual a certa dife- 
rentia e Arbe ottenne per lui. 

— Item e da saper venuto che fo il Capitanio zeneral in questa 
terra et havendo tolto a Fiume molte Re]iquie e paramenli di chiesia : 
item arzenti calex) patene croxe e tabernacoli: item una testa đi uiia 

21 



Digitized by VjOOQI€ 



322 
1509. santa Chiara fo compagna di siinia Ot*sold : ilein toUo ale Pa poze e Cre- 
spim dile chiesie calexi et tiito erra ii> casse in caxa sua unde di 
hordine dila Signoria fo mandato a tuor dite reliquie et arzeuti e loi 
l& eonsigho chome appar per inventario sara qu\ soto posto e noto lui 
Zeneral scrisse voleva dar ditle Reliquie ala Croxe di la Zuecha dove 
e Prociirator di ditto luonasterio si cussi piacera ala Signoria oostra. 
(IX, 336). 



Digitized by VjOOQI€ 



323 
ANNO 1510. 

Oenndjo« — El nota eri parti . . sier. . .Hironimo Zorzi q.«» 4510. 
Andre^ da S. MarciiOla va Orator noslro in Bossina a Ferisbei Sanzacho 
el H fo dato la comissione per Coleio ec: item Foligino di Mantoa Secrc- 
lario dil Marchexe in guesli zorni vene qui di Mantoa per visitar el Si- , 
gnor suo fo in Colegio et poi visilo il Marehese e nota ono luedicha 
nominato medicho Andrea Mantoano medicho di dittoMarcliex(3sta qiii et 
lo visito spesso et ogni zorno dišna a palazo. (1X9 352). 

— Di S. Piero Pasqualigo Dotor Cavalier Orator nostro da Xaga- 
bria dl 29 decembrio piu vcchic dile altre nula da conlo. {IX, 366). 

«— ! Fo lelere di Žara di S. Valerio Marzello et S. Francesco di Prioli 
RectoH di eerta incursione fata di li per Hongari over Martofossi e fato 
danni ut in literis. 

— Fu posto dar ducati 100 per il caslello di Aludxa e preso ct 
altre parteselle non da conto. (IX, 374). 

— Fo leto le letere di Žara di 14 di eerta inciirsion fata per Tcir- 
ehi over Martolossi su qtiel territorio (ameiu fato poclio dan no cliomc 
ho scrito nel Pregadi dl jert la continentia. (IX, 375). 

— Di Xagabria dil PasquaHgo di 9 chonie sla ii aspeta aver salvo - 
conduto di andar dal Re: item altre occorenlie etcoloqiij cort qiieli Un- 
gari et che Bot Andreas si erra amalato et havia di nial assai. (IX, 386). 

Febbrajo« — Di Spalalo di S. Jacomo Liom Gonle dil zonzer li 
el Conte Zuanne Vanissa di Poliza et venuto a far cavalli et ne faria 
500 e piu : item certe nove di Turchi voleano venir a tuor Poliza e il 
remedio fato et mandat zente ali passi et etiam si ave aviso di questo di 
i Alvixe Capello Proveditor di Poliza ec. (IX, 393). 

— Di Gataro dl S. Polio Valaresso Retor e Proveditor chome man- 
da queste letere vien di Andernopoli : item eonvicina ben cou Turchi : 
item vol danari per queli fanti ec. e nota per questa via si ave uno avi- 
so eh e fama Ferisbei Sanzacho di Bossina el Signor voler levarlo perche 
non eonvicina ben' con la Signoria nostra. E nota a dito Sanzacho e 
andato S. Hironimo Zorzi come ho scripto di sopra ergo ec. (1X5 408). 

— Di Xagabria il Pasqualigo Orator et Vincenzo Guidoto Secreta- 
rio erra venuto li di H zaner in conclusiom non voleno aldir I Orator 
il Cardinal per esser scomanicato si fa una dieta questo San Gregorio in 
Vsirigonia dove sara il Re che vien di Boemia e la faranno li per il uior- 
bo erra a Buda et e sta chiama etiam li Banni conflna con la Dalmatia 
eh e cosa inusitada che non e bon signal ec. : item li e sla dito chel 



Digitized b^ VjOOQI€ 



32f 

4540. Cardinal Tstrigonia a paura dil Papa che non li toij il capello perchc e 
amigo dila Signoria et altre cosse de li in conclusiom Hungari non a 
bon animo contra la Signoria poi quel Re e stimolado a romperne non 
vol admeler lOrator nosi ro per la scomunicha ec: ilem vidi una scri- 
lura mandata di qui per 1 Orator Pasqoaligo dil terramoto fo in Gon- 
stantinopoli cossa mirabile la qual per esser notanda qui avand sara 
posta ec. (IX, 422). 

— Di Spalalo di S. Jacomo Liom Provedador e di Poliza di S. Al- 
vixe Capello Provedador chome mandono una letera scrive il Conle Va- 
nissa ala Signoria chome a fato cavalli 250 di li via parte Martolossi 
Turchi ec. et un capo di parte qual e Turcho si a fato fradelo zurao e 
si vol baptizar siche e in hordine aspelta li danari di darli ducati x per 
cavallo e veranno sono valentissimi homeni ec. e fo poi lette in Pre- 
gadi. 

— Di Žara di Rectori S. Valcrio Marzello S. Francesco di Prioli de 
'incursiom fate su quel di Trau per Turchi e mena via 27 anime: item 

li a Žara volendo far cerli bastioni et altre occorrentie ut in literis e 
cussi scnve S. Alexandro Viaro Conte di Trau, (IX, 424). 

— Le infrascripte reliquie errano a Fiume nel Dorao di santa 
Maria et adornamenti dichiesia in tempo di S. Hironimo Ouerini Pro- 
vod.** nostro di Fiu^ie. 

— Una croxeta fata del legno della Santissima Croce ligata in ar- 
zento longa deda 4 per quadro. 

— Una testa de una compagna de santa Orzola coverta darzento 
indorado da mczo busto in zoso. 

— La testa de una santa Chiara eođem modo coverta darzento 
fon sua corona in testa. 

— Una testa ligata recoverfa di zenda negro đi santa Cristina. 

— Sassi 3 vel cercha dila percussion de san Stephano. 

— Una impoleta de sangue miracoloso del CruxiQ$so de misier 
San Vido molte altre reliquie de Santi che non mi aricordo. 

— Item uno tabernaculo grando nel qual se porta el Signor nel 
zorno del Corpus Domini salvo el vero pesa marche 72. 

— Una croxe darzento senza pe. 

— Uno allro tabernacolo pur de reliquie. 

— Uno altro tabernacolo dove si teniva el Corpo di Cristo. 

— Una croxeta darzento. 

— Ifem uno pararaento doro con le sue croxe dc perle fate per 
mi DionivSij. 



Digitized by VjOOQI€ 



325 

— Do ... * de campo doro. 4510. 

— Paramenti di velulo creinixiin razj et daniaschini de varj colori 
eon U soi foraimenti num.^* 22 vel zircha. 

— Amiti laorađi con perle n.® 18. 

— Do piviali de seda con sue broche darzento. 

— Dao panno de altar de damaschin negro cun i so frizi fati per 
mi Dionisij. 

— Item amiti molti. 

— Calesi darzento n.^ 22 vel /ercha con le sue patene. 

— Un teribolo darzento con sua navesella. 

— • . Item in santo Jiistino de Fiume. 

— Una croxe darzento granda Indorada laorada a ^malto 

— Un tabernacolo de reliquie pien de rellquie. 

— Croxe tre d arzento una granda et do mezane. 

— Chalexe con soe patene n.<> 25 vel zircha. 

^ Un paramento de campo doro con le soe croxe de perle. 

— Do altri paramenti de campo doro con le soe striche. 

— Paramenti de' seda de veludi raži damaschini piu di 20. 

— Amiti di perle parechj. 

— Un tabernacolo darzento con soa navizella. 

— Panni da altar di seda parechj. 

— Quattro altri paramenti de campo doro e molte altre cosse. 
(IX, 434-435). 

Slarzo« — Di Verbosana di S. Hironimo Zorzi q."> S. Andrca 
qual fo mandate a Ferisbei Sauzacho per aver ajuto di cavalli di Turchi 
ec. : scrive di 12 il suo viazo e pocho manco in itinere non sia sta preso 
da quelli danizo su quel di Trau in ritorno: et fu charezato dal ditto 
Ferisbei et li dete li presenti di la Slgnoria : et exposto chome da iui il 
bisogno di la Signoria la qual saria contenta aver a nostro soldo.cavalli 
Turchi ec. : esso rispose che erra contentissimo et scriveria ala Portu 
perche senza hordine non si moveria et scriveria in bona forma e spe- 
rava aver licentia : item come Achaja Bassa erra morto in Andernopoli 
ec. (X,7). 

— Di Kagabria di S. Piero Pasqualigo Dotor et Cliavalier Orator 
nostro come per avanti se intese venendo uno Orator dil Tarcho al Re 
di Hongaria viciuo a Belgrado in itinere fo asaltato da Hongari toltoli 
li cariazi morti 11 soi erano con hii ei 1«^ ferito si salvo in Belgrado per 
la qoal cossa Turchi inteso questo fazandosse una fiera in uno loco chia- 
mato .... quel Sanzac ho fe retenir a quel|j(i Cera tutti li mercađanti 



Digitized by 



Google 



1510. Hongari et Turchi la roba iinđe inteso questo el Ban di Jayza si messe 
in horđine crni 1000 cavalli per apdar ivi e r^ouperar U mercadanti ma 
inteso questa adunanza đi Hongari si vene fuora in certa strada đove i 
doveano passar ct fono ale nian con Hongari et amazo tuli i 000 cavalli 
di qua1 apena xx restono vivi et fuziteno ec. (X, 4 3-i 4). 

— Adi 15 da malina fono letere di Xagabrla đi S. Piero Pasquali- 
go Dotor et Gaval.^ Orat. nostro di 27 feurer et primo maržo nuHa da con- 
lo come jl Be erra a Praga et veria a Buda et si feva una dieta in Ystri- 
gonia la qual e sta mesa a questo san Zorzi: item scrive dil Conte Pa- 
latino al qual havla mandato a parlarli et spera sara admesso ec* (X, 26). 

— Di Xagabria fono letere di S. Piero Pasqualigo Dotor et Giava- 
lier Oralor nostro di 4 et altre replicbade nulla da conto solum si diče 
de li chel Papa levera linterdilto. (X, 30), 

— Fu posto per li Savij a terra ferma e ordeni cbe sia revocha a 
Spalato Ibordine dar a creditori dila Camera intrade ma si pagi ia con- 
lanti 8 di no 96 di si. (X, 39). 

— Di S. Hironimo Zorzi q.™ S. Andrea di Verbosana di . . chome 
qucl Sanzacbo tlen ben edlGicbado con la Sigaoria nostra et cbe aspeta 
risposta da Constantinopoli et verano subito. (X, 42). 

Aprile« -- Di Žara piu letere di S. Valerio IVIarzello Conte et S. 
Francesco di Prioli Capitanio di 18 21 et 26 maržo esser venutp li uno 
Conte Guido per uome dil Conte Zuanne di Corbavia e a nostro soldo 
qual Conte Znane voria cavalli 300 cbe al presente a cavalli 150 e^ 
dncati 3000 ali anno a đucati 3 per cavallo borra voria ducati 4 di- 
cendo il Ke di Romani li promette ducati 6 per cavallo ec. et non pol 
star di non acetar il partidp poi dl la Sigiioria e mal pagato li banno 
ušato bone parole : item cbe banno mandato a lui uno SymoQ di Paxin 
ciladin di li a exortarlo perseveri qual in concluslon par non voy c a 
da termine fm San Zorzi aspetar risposta : item banno cbe certa dieta e 
sta fata a Otokar per Botb Andreas e altri li intorno et CQXule ^on a vo- 
luto andar et par cbe soono ritnasi veneado exercito di Hongaria in 
Croatia esserli coutra tutti e voleno tenir con 1 Imperador el qual Co- 
xule etiam si lamenta dila Signoria voria li danari ec. : item mandano 
avisi dito Coute Znane si dia eonfessar da certo frate et li a parlato voi 
sa per le prs^ticbe promesso djra quellp con coscienzia potra dir: item 
Ji Turcbi banno corso in quelle parte versp il tenir dil Conte 2^afie 
pr^dlto e fato danni et cbe quelli poveri nostri subditi e in moto dubi- 
tano e mal d^predar quel Conta. ct banno dato huominl 80 ala ga- 
lia Loredana e sempre danno a nostre galie: item manda uno capitolo 



Digitized-by-VjOOQl€ 



327 

auto đi S. Al^Kanđro Vkro Conte di Trau žercha questo Gonie Znano 4510. 
ec. nola e pocho U e Ma manđa danari iia che paga per tu(to feurer e 
đovea maadar 50 cavalli a Trau et 50 a Žara. 

— Et io fici notar una bona letera a Žara laođandoli et fazlao in- 
tender a đito Conte Zuane il bon animo nostro et voi perseverar la feđe 
data ec. fo landa in Colegio. 

— Di Spalato di S. Jaoomo Liom Proved.^ đrizata ai Cai di x zer- 
eha il Gonie Vanissa e stato li a solutn 400 cavalli in hordine la piu 
parte Turchi e diče presto ara i altri et a ordinato di pa&azi et scrito 
per quelle ixole mandino navilij : item il Proved/ e in AlmissaS. Alvixe 
Gapello qual li da assa fede tamem avisa zerte parole ušate per dito 
Conte Vanissa che con 40 cavalli si toria Ahuissa ec. siche non ha bona 
feđe in Ini e altre occorrentie nota li e sta manđa li danari |per cavalli 
duc.^ . . . • et ozi scrito li tengi li a Spalato. 

— Di V^a di S. Franc.<> đi Prioli Proved.'' dila morte di zerto Cano- 
nicho de li a intrada dncati 7 al anno e jus patronatus dil Doxe et quelt 
de li voriano uno ut in literls et il Principe ordino fusse conGrmato. 

•— Fo lecto una letera senza sottoscrltion di uno Catarin par dala 
in Cataro adi x maržo carga S. Polio Valaresso Retor atende a far foriii 
e candele di seo le mure da terra e ruinate ec. io lo difesi. (X, 54). 

— Di Xagabria di S. Piero Pa8qualigo Dotor et Cavalier Oralor 
nostro data adi 14 maržo nulla da conto dil zonzer dil Conte Palatino 
6 lo rev. Episcopo di Cinquechiesie a Ystrigonia ala dieta se dla far 
questo san Gregorio la qual sia riniessa a san Zorzi acio vengi il Rc dl 
Boemia spera esso Orator zonto sara il Re sara ^dmesso ec. (X» 61). 

*-** Di Spalato di S. Jacomo Liom Conte e Capitanio zercha quelli 
provisionati et se mandino li soi danari da Cataro non poleno aver nuHa 
manđa letere aute da quel Retor ec. (X, 69). 

— Di Cataro đi S. Polio Valaresso Retor e Proveditor manda il con- 
to di sali et qnella Cam^a non ha nulla da dispensar a soldati. (X, 73). 

— Đi Xagabria dil Pasqualigo Orator come il Re e zonto a Nilria 
et spiera sara ađmesso zonto sia soa Maesta dal Cardinal. 

— Di Cataro di li zudexi e Consejo zercha danari si mandi per 
queni soldati et e bona letera: item Guagni dal Borgo Capitanio e Con- 
testabile đi qneU fanti scrive voler licentia di venir a Venetia ec. a nulla 
fo risposio. (X, 79). 

— Di Xagabria dil Pasqualigo Orator di 3 nulla da conto dil zon- 
zer dil Re a Vstrigonia manđa le letere del Guidoto Secretario : item a 

inteso ques(o zonzer dil Re per uno Nontio dil Conte Bernardin vien da 



Digitized by VjOOQI€ 



3ž8 
4510. Vstrigonia zonto de li et di la dieta risolla ec. : item dite ielere di Hon- 
garia vien per la via di Vegia oon letere di S. Franc.® Prioli Provedador. 
(X, 94). 

— Di Spalato fo letere di S. Jacomo Liom Gonie zercha ducati 400 
di S. Malipiero Piero Conte de li tolti quelli fo mandati per la fabbricha 
et non e partida de li e manda li conti di guello a trova fo cargo ditto 
S. Piero e ordinato venghi in Colegio vene poi et nulla fu. 

— Di Trau di S. Alexandro Viaro Conte sccive zereha Castel Zoylo 
e sta segiiito certo danno e saria meglio ruinarlo chome fu preso et 
scrivc di tal materla il tutto. (X, 100). 

— Di Trau di S. Alexandro Viaro Conte e Capitanio di 27 maržo 
scrive questa novita fe Martolossi a Castel Zoy]o imde provete e li 
luando 40 homeni di Trau i quali trovono do boche di riparo senza 
code scose et le conduseno a Trau carga uno Hironimo Lučio citadim 
de li qual e capo e sussita molti ciiadini che non voleno ajntar la Signo- 
ria dicendo che si spenda li danari di le 30 et 40 per 400 voria esso 
S. A1exandro Conte se li mandasse 35 cavalli di Stratioti li non potendo 
haver li Corvati et in Castelio e Gerardin da Trezo Contestabile mal in 
hordine qual non hauto danari za assa tempo. 

— Di Siblnicho di S. Zuam Francesco Miani Conte e Capitanio 
di pi'inio april come adi 46 feurer vene li uno Conte Piero Mircinschi 
dil qual e quelii do Castelli che la Signoria comando fosseno custoditi a 
spese di quella Camera e li parloe erra presente 11 Camerlengo e 11 Ca- 
stalan e domino Nicolo Tavilieh qual lo uso per interprete el qual diče 
e affecionatissimo de la Signoria nostra e non pol star cossi e povero e 
vol tuor altro partido tamem la Signoria si debbi vardar dicendo per 
Dio Principes convenerunt in unum et adversus dominum ec. esso Conte 
li rispose bona verba e che nel castelio di Chis fo preso quelli poveri 
erano li e volea scriver al Re di Hongaria perche la custodia si feva per 
suo conto et lo licentio et esso Conte li mando uno presente di d. 9 di 
picoli e mostro averlo grato si diče de li il Re sara a Ystrigonia questo 
s. Zorzi e sara in hordine con grande exercito per far maria et montes 
ec. (X, 408). 

— Di Ragusi di Marin Bizichemi Leže de li scrita a S. Anđrea Do- 
nado q.'" S. Antonio Cavalier dl 23 maržo avisa esser zooto uno messo 
di la Marchesana di Mantova va in Verbosana a pregar Ferisbei Sanza- 
cho de li qual fu alias a Mantoa hessendo Orator dil Sig. Tureho e fo 
charezato dal Marchexe perho lo richiede vogli domandarlo ala Signoria 
dhe diio Marchexe sia liberato. (X, 407). 



Digitized by VjOOQI€ 



329 

— Di Arbe di S. AIvixe Badoer q .« S. Rigo zercha quefli Conli per i5!0. 
il qual fo mandato i quali mandano soi Nontij de qui voriano li daaari 

de li per levarsi ec. e perho c bon risolversi ec. (X, 140). 

— Veneno in Colegio li tre NonciJ di quel Conte Corvalo per con- 
dur dil qual fo mandalo S. Alvixe Badoer q."* S. Rigo el e in Arbe a 
qiiesto effbcto li qualli avendo fato la relatioiie li Savij di terra ferma 
vldelizet ohel voria danari di la et nui volemo darli zonti šarano in Friul 
ec. cl con questa resolutione fonno relassati. (X, 122). 

— Di Sibinico di S. Zuam Franceseo Miani Conte e Capitanio di 6 
april come Tiirchi da 8 in x erano venuti ben 5 zornale lontan a de- 
predar quel territorio e inleso mandoe fuora li Strafioti sonno U nomi- 
nando li capi li quali ne preseno 3 vivi et portono la testa di uno altro 
in Sibinicho il resto dicono feriti parte fuzirono di che li lattdono assai 
nel suo ritorno et exaininato uno di diti Turchi disse che veniva contro 
lopinion dil suo Sanzacbo ma il Vayvoda era contenlo perche porlando- 
li anime poi erano assai piu. (X, 132-133). 

— Da Žara di Retori di x chome adi 24 maržo scrisseno ali Capi 
di X le pratiche dil Conte Zuane con Bot Andreas e laviso auto zercha 
Novegradi e le provision fale e dil nepote dil Conte Xarcho circa il su- 
speto di Žara qual vene da Ihoro e lo tieneno persona liziera e tutto 
erra parole tamem sfano in sospeto per la licentia dimanđata per il 
Conlie Zuane e si questi coreseno su quel territorio facendo preda di 
animali e anime qual lui pretende siano sue sarla mal e danno assai 
per lo armar e non e galia che non se interzi de li e Ihoro Rectori 
temporizano con dito Conte Zuane e aricorda e bon tenirlo ben edifi- 
chato e al Vayvoda Coxnle si mandi li danari e a suo fiol e bon darli 
XX over x cavali e ii suo servir saria a proposito e se li desse ducati 
cinquanta al anno di provision acio non prendesse altro partito chome 
fe lanno passato qnando si acordo con il Ban benche non si parti poi di 
caxa : item di Tenina ritorno uno bombardier mandato per quella Co- 
mnnita li za assa zorni el qual đice sonno come asediati non ponno usir 
dl la terra per dubito di Turchi e mai non mancano di vexarii e non 
poleno piu durar per non aver soccorso dil Ban ne de altri e non hanno 
il modo e voria uno falconeto e altre munition Ihanno rimandato con 
sperauza stagino di bon animo ti qual venendo li a Žara fo fugato fino 
a Scardona da cavali 300 di Turchi et 450 pedoni i quali corseno fino 
di qua di la Fiumara e feno gran butini de anime et animali e facendo 
cussi di brove distruzeranno ogni cossa fino ali confini di Žara el qual 
CoĐtado poi slara mal. 



Digitized by VjOOQI€ 



330 

IbiO. — El fo balolato mandarli uno falconelo a conlo dil Re di Honga- 

ria per Tenioa et fato scriver per nui uoa letera a Žara pratichi di li 
ducali 50 alanno col fio] di CoxuIe. (X, 439), ^ 

Copia di una letera dil Conte Jvanis ala Signoria nostra data 
in Almism adi primo april 1510 ef recevuta adi 27 deUo. 

— Serenis.™« Princeps eliUus.™""*dominumdoimniuD[i.Doiniiu inei 
obs."** com. humilem : ali zorni superiori bebi una de voslra celsiludine 
piena di amor et di carita benigpa quanto dir si possa et nM>lto humana 
verso de uno suo picolo et minimo servo che veramente non mi tengo 
degno di tanto bene honori et ehareze che queUa mi fa et promelte di 
ineglio nel advenire onde son astrecto eon tutto il cuor et anima mia e 
con quel poco de inzegno et forze che Dio me ha dato servir vostra 
seFeni$$ima Sigaoria coaperfeta vera et sincera fede perquelomnipotente 
Dio che me ha creato et per quella gloriosa madre Verzene Maria mio 
fermp refugio et mia ferma speranza et per li dodese Apostoli et quatro 
Evangelisti con U sacrosanti evangelij de Dio e per tutta la corte celeste 
io zuro che mai non son per romper la mia fede a voslra illus.'^^ Signo* 
ria ma forzaromi tenir tal via che lanima sara del Creator et questa mia 
vita con tulto el corpo consumarsi per i honori et comodi de vostra su- 
blimita e questo per segno di gratitudine de taata benignita che la se 
degna mostrarmi e volesse Dio che de si booi et sinceri serviđori vostra 
celsitudine ne havesse quanti saperla di mi ma mi dolgo che i scellera- 
ti non voriano che fusse ne ancora io diro queste poche porole a vostra 
Serenita familiarmente come a mei padri et a mei segnori vostra exma 
Signoria sa molio bene che per le bone custodie eh io faceva in quesli 
confini et per la liberalitade chio usava hessendo io amado da luta 1 U- 
niversita de Poliza subito entrai in una grande invidia el in uno pessi- 
mo odio che mi met^se adosso questi Nobeli de PoJiza et di Spalato che 
hanno tra Iboro intelligentia secreta de star uniđi per poter far dil pae- 
se ad un bisogno ii voier loro e con Ihoro astuzie fenzendo amarmi nie 
promovevano fazilmente come zovene a tractar acordo con Turchi e 
dali altro canto mi aceusavano al magnilico Conte di Spalato imponea- 
domi ale spalle la somma de tutti i mancbamenti Ihoro et in tal modo 
mi butono da cavallo e feceno bandirmi e darmi taglia et addesso che 
per clementia de voslra celsitudine son sta reasumpto nela gratia sua et 
si ha degnato honorarmi et beneficarmi quaoto homo sia chi se voglia 
nela Dalmatia ii prefati miei inimici non obstante che con tutti Ihoro per 



Digitized by VjOOQI€ 



331 

satisfar al voler đe mio pađre mcs8erAKix6 Capelo io me babi ps^^ificato 1510. 
ct dimostratoli grande mareze pur Ihoro tractano de farmi far mal 
e pezo e privarmi dela graiia de vostra Sublimita costoro son sta 
caasa quando vini in Italia con sue lengue perverse eho fui aban- 
đonato da bene 35 compagni i qual doveano veoir alhora con mi di* 
gando cbe da vostre Signorie io $aria morto con tuUi Ihoro sicbe mi 
fa forzo venir solo coq li miei cavalii et al presente ha facto inten- 
der ala compagnj^i cbe dio venir con mi <^bio zercbo con careze de farli 
venir in le for^Q de vo&tra Sublimita per farli perire qaanti che sono 
acio no(\ depredino piu questi coofini e che nelii navUij ho facto far 
certi busi con i coconi che li tien stropadi acio facilmente 11 marinari li 
babino a destropar et saltar nele barcbe e lassar che i navilij se affondi- 
no con lutti Ihoro e farli perir cbi con ferro e chi con veneno per la 
qual cossa vostra ser^nissima Signorla mi ha promessoun grande tesoroe 
poi hanomi concitado in odio a quesU popoli dicendo chio fo venir que'^ 
ste bfigate de qui p^r depređar Aimissa et Pollza et per schaniiar el Pro- 
veditor con tutta la soa fam^gia et tuorli li đoa milia ducati che quella 
mi ba mandate per conđur la compagnia et veneodo qoi da nui un 
me$so đe la dila compagnia con do cavalii per es$er con mi a parla- 
mente non nostante il salvocondiito et fede li havevamo dato per nome 
de vostra Sublimita fo preso dai Nobeli đe Poliza et toltoH la r(4)a et 
cavalii sicbe con gran faticha li potessemo rehavere la qual cossa mi de 
tanto đislurbo de le cosse de vostra exma Signoria cbe ognun resto di 
venir piu avanti onde mi e sta forzo con il Canzelier dil magnifico Pro- 
veditor andar su quel dil signor Turcho et esser a parlaipento de novo 
con Ihoro et darli la fede de vostra Serenita et mia et farmi Ihoro fra- 
đello con slrecti juramenti tra noi e fossemo qua$i per beversl del 
sangoe secondo i Ihoro riti barbari e se non fiisse sta per il Can:(eUer 
dito io li dasea per ma^or segurtade Ihoro el mio mazor fiolo me bano 
induto in tanta rabis^ et dešperaUom chio son per far de grande occi- 
siom de questi Pollciani trađitori qe veramente mi ho possuto abstenir 
che pur un zorno vedendo che i descargadori del sale che erano piu de 
40 Polizani volevano pagarsi per forza et a sachizar quođamodo ii sale 
me missi a cazarli fora deLmaram non voleudo obedir ai comandamenti 
li facia in nome del magniAco P|H)vedadQr per il straparlar de un servi- 
đor di miei inimici li cazai el pugnal nela schena et amazailo imediate 
e fui per far molto pezo ma aricordatomi cbe lal co$a erra per dispiacer 
a Dio et a vostra Serenita subito restai c de jquan(o ho facto grande-- 
mente mi doglio prega que1]a mi perdoni io non vedo Ibora tuorme via 



Digitized by VjOOQI€ 



S3S 

4510. de qui e venir ai servilij de voslra seren. Signoria secondo bo delibcra- 
to coii tute 1e forze mie et con la compagnia per ini electa che spero 
sara presto sono venuti qui da mi xx cavalH e de zorno in zorno vaano 
reducendosi se Dio mi da gratia che li racoglia sara di gran contento di 
vostra Sublimita perche veramente sonno valentissimi homeni ne voglio 
laudarli con parole i fatti saranno quelli che satisfaranno a vostra il- 
lus.''* Signoria son stalo un poco longo in questo mio scriver serenissi- 
mo Principe perche mi par convenienle chel servo narri i suoi affanni a I 
suo Signore e da quello ne prenda qualche conforto vostra Sublimita 
me ba toUo una volta per suo fidelissimo servo come testificano li bene- 
ficij da lei coUocadi ne la persona mia : item li honori et ie chareze fa- 
ctemi non volgarmente et da tutto quel sacrosanto Col.*^ vostro ben mi 
ricordo li abraciamenti de vostra Serenita le dolce et humane parole 
piu volte usatemi dale qual mi sento tanto devicto e ligado che cathene 
piu strecto non mi potrian tenire et apresso queste letere de vostra Se- 
renita che mi son sta tanto grate tanto care et jucunde quanto dirsi pos- 
si credo averle lecto una infinita de volte el factole aldir a Turchi et 
ad ogniuno per demostrar ad che humana et benigna Signoria Dio me 
ha concesso de farmi servo et convidando altri a far quel medemo et 
removersi dalle austerita barbariche et venir a gustar tanta suavita et 
dolceifa de Signoria la qual Dio per sua misericordia conservi prosperi 
et exalti e concedami perir neli servitij soi con tutti quanti li miei iiole- 
ti et amici. Almisse die prima Aprilis d540. Subscriptio Serenitatis ve- ^ 
stre serVus Vay voda Juannis Nenadich humiliter se comendat : a tergo 
Serenissimo Principi el illus ™^ ducali dominio Venetiarum ec. dominis 
et benefactoribus meis observandissimis. (X, 150-452). 

— Di Žara di S. Valerio Marzello et S. Francesco di Prioli Rectori 
di 49 april come hanno ricevuto nostre di 4 zercha il Conte Zuane di 
Corbavia el qaal e a suo Nigrado dove a furati 70 cavali di Turchi de 
li hanno corso fin su quel terrltorio e non potendo mandar a trovarlo 
scrisseno al Conte Vido Petrechievich e a Dicevaz uno di soi consieri 
chel venisse a parlarli li a Žara el qual e amalato et aspeta la risposta 
et tieneno li cavali 50 per Trau non mandera tamem da Ihoro non man- 
chera far experientia: item quel Conta e depreda da Turchi e per se- 
segnali hauti dal Castelani eri 4 cavali di Turchi corseno fino apresso 
Nadino a x mia fuora dil contado di Žara: item dieono in Žara non e 
cavalli a difension et ozi zonto uno fiol di domino Alvise da Begna Nobel 
de li fo electo noviter Episcopo di Modrusa va per nome dil Pontefice 
in Hungaria porta la spada et una bareta al Re et ef amiliar dil Cardinal 



Digitized by 



Google 



Begino e a una lodulgenlia plenaria di colpa e đi pena a tulli quelli ibiO. 
aldirano la sua Messa in Hongaria et porigent maniisi adjutrice si tieo 
ara bona utilita: U feno honor andono contra ala barca e lo acompa- 
gnono fino a caxa sua per revereotia di dito Cardinal Regino eh e 
amico di la Signoria nostra : item seri veno si provedi ale page di quelH 
poveri soldati ec. 

— Dil dito Capitanio splo.di 21 eome e sta a Nađino e Nona scrive 
Nona e granda e disabitada el porto si va continue aterando si pol qua- 
si sico pede andar fino alc mure bisogneria redurla in picol spazio Na- 
din e bella forteza per il sito e aasa munita et e ale eonfine bisogna sia 
ben custodita uon e pagati la custodia voria esser uno Contestabile con 
fanti x}LV e far chel sorabondante di le 30 et 40 per 400 restasse de U 
a questo obligato oltra el stipendio de quello Castello grando di Žara 
accio il Contestabile e eonipagni fosseno pagati: item arieorda si pagi la 
eompagnia di Michiel Zancho e li. 

— Di Trau di S. Alexandro Viaro Conte di x voria se li mandasse 
li 50 cavali per le iocursiom di Turchi a serito tanto e non a risposto 
dlla Signoria nostra non a danari in Camera si justificha : item ozi si 
callono cavalli i 2 Turchi pocho avanti 1,1 levar dil sol ne li orti di Trau 
e tolseno do feniine e uno homo riniasti la note fuora e che la sera lui 
fa far comandamento a (uli venglno in la torra a son di trombeta e que- 
sli volseno restar di venir voria cavalli 30 in 35 e far le discoperte ma 
non a danari avisa non si pol andar a lavorar in li campi le porte dlla 
terra sta continue ^erate li citadini exelamano continue si provedi amo* 
re Dei si se asa ec 

— Di Spalato di S. Jacomo Liom Conte e Capit,® di 9 april chome 
niando a Nnliacho 4 soldati et per causa di uno servo cazato da alcuni 
lupi e morto per mezo la porta dil Castello tre soldati di quelii udsiteno 
fuora per tuorlo i qual fonno asaltati da Martolossi erano scosi de li 
qual do menono yia e al terzo li tajono la testa el 4.** vecchio erra in- 
fermo in Castello et volendo esso Provedilor mandar altre guardie Mar- 
tolossi e Turchi erano sopra qual di Clissa 1 impedi landata li quali poi 
si callouo al dito Castello e lo scalo e prese e poi lutto brosoe tamen 
e sta melo perchc erra sepoltura di pover homeni che vi andava ala 
guarda nota el dito Castello fo dil Conte Xarcho e lo dono ala Signoria : 
item scrive zercha navilij retenuti et a mandate a veder in Almlssa si vi 
c cavalli et sonno numero 26 e non piu ec. 

— Di S. AlvixeCapelloProveditor di Almissae Poliza data adi 8 april 
in Almissa come fin horra 25 compagni dil Conte Vanissa et si)era averne 



Digitized by VjOOQI€ 



334 
4 5i 0. ^&0 il tardar e sta perciie li iniuiici hanno levato chel dito Vanissa vol tuor 
li Tufchi con lui per farli morir unde liii Pfovddilor inandoil suo Ganzc- 
lier fino iti Turchia con dlto Vayvoda e darli h fede non e v<i^o piar ne 
vlen c(ualche uno et ne đspeta tlen ora da cavallt 300: ileni a visa iiSdnza- 
cho dil paese đi Cbarzego venuto ntiovamente li roando in Alinfssa ttno Ga- 
rapazi dicendo volerlo tiaver per fradelo e aiuico e vicinar ben c voler far 
restitoir 1e anime toUe in do volte di Poliza che sono beil ti.^ 30 e dniniali 
dssai e scrito al dito Sanzacho di questo et ozi attto el dito es^er venuto li 
apresso in Dumno et Imosclii brusando pttrdi SOOcase di Tufchi e mal- 
fatori quali stavano per li via bessendo lassati star da li passattSanzachi. 

— Dil dito đi 9 come ozi e venuto uno auiico xpiano subdito đil 
Turcho da ini chiamato ut in literis efli a dito il Sanzacho andaVa fazendo 
brusar caxe ut sitpra di malfalori esserli venulo mentre feva tal ofAcio 
uno corier con letere dil Sig. qual lete subito monto a cavalo c ando 
verso Chocio dove e la sua habitation sopra Ragnsi e lasossi ussir di bo- 
ćha che vano verso Valachia per esser sta roto e frachassato tutto ii 
campo dil Turcho erra li da uno Capitanio Michoe qual faavia con si le 
zente dil Carabodam e dil Ugroulacho et preso 7 Sanzachi 6 di qua1 e 
sta impaladi et uno rostido eh era Bassa di altri e cussi rosto per ma- 
2or suo vituperio posto sopra il suo cavallo morto e impiantado ala ripa 
del Danubio dove Turchi lo ^otesseno veder'e li disse il Re di Hougaria 
tnandava persone assa in ajuto di essi Valachi si duol dil partir dil dito 
Sanzacho erra amico nosfro e suo ec. 

— Di Gataro di S. Polio Vallaresso Rettor e Proveditor di 2f mar- 
žo chome ha auto nel suo tempo 3 marani đi sali et manda il donto dila 
dispensation atenđe a far forni et le mure et spex0 turchesche e di diti 
marani a trato solum ducati 4040 di neto scrive aver speso ducati 400 
đil suo avisa si provedi ali bisogni di quelli soldati de li eć. 

— Dil dito di 4 april replicha ut snpra di sali auti : item avisa 
di uno Turcho capitato 11 qual depređo il CapKano zeneral nostro quando 
erra ala Bocha di Gataro la retenuto e scrito al Sanzacho đi Bossiaa 
qual li ha risposto lo mandi a lui che lo punira e cussi ge lo mandera 
questo e Sanzacho novo e voria mandarli il solito presente perche esso 
Sanzacho lo a mandato a presentar chome per avanti scrisse : item uno 
đi queHi zorni trasse la saeta in una đele torre del Castel đe Risano 
dove se trovo esser forsi 30 some di polvere et ruino una cortina dil 
muro con do altre caxe gli erano soto le fameje di le qual tutte se bru- 
sorono che furon da zercha 45 anime Turchi lanno auto per maltssimo 
augurio maxime cl brusar de Scutari U terramoti de Gonstantinopoli et 



Digitized by VjOOQI€ 



335 

Andernopoli et manda una copla di la Ictera li ha scrito il Sanzacho di 1540. 
Bossina scrita adi 2*2 maržo 4510 la qua) e qaesta. 

— Al savio e nobel e A ogni snbliine laude et sublime honor đe 
Dio dotato Provedador de Gataro pet hottie de la illus."*' Signorla de 
Veuetla da parte de Cassimibej signor đil paese di Charzego sanita et 
gralia da Dio liabia la vostfa fratemlta. Vene da parte vostra le- 
tere 6t intesi tulto qaello scrivevi cliome havete preso traditor de Db 
et del Signor e chome son per vegnir da nui i nostri zontilhome&i eC 
quando vegnirano de qui i zetitilhomeni alhora habino meHato tat Tur- 
eho forte Itgato et se li havete trovalo qtialclie signal ale man lo habino 
portar con lui insieme et io molti de simei homeni ho preso et ancofa 
habiati cura se prenderele alcuno pcrche uie conlldo In Dio cbe re- 
poserete da simel homeni in niia sanita che se laudcrano la Signoria a! 
aventurato Signor di me et se havete qQdlclie nova đe mar mi habfate 
dar Dotizia da tal signori et Dio vi alegri anien. (X, 458-455). 

— Di Spa}at6 di S. Jacomo Liom Conte di 8 voria monittom per 
quello Castello et cussi per quello dil Arzivescovo che importa assai fa- 
bricato a sue spexe et e redato di assa anime e bon darli qualche mo- 
nitione ec. nt in literis. 

— Di Dulzigno di S. Stefano Liom Conte e Capilanlo di primo 
april zercha orzi e compreda fata per conto*đi la Signoria e manda il 
conto. (X, 457). 

— Adi 28 in Colegio vene il Canzilier di! Proveđitor di Almissa 
qual disse e zonto di qui con cavatli Turchi numero 42 dila compagnia 
dil Conte Vanissa Con il qaal veneno alcniii in Col.* col scapuzin rosso 
dicenđo vieneno di Spalalo et il Coftte Vanissa esser in Histria: cl que- 
sti sono a Lio : fo ordinato darli la biava per li cavalli e uno presente di 
pan e carne di castron per đucati do. (X, 458-169). 

— Di Žara di S. Valcrio Marzello Conte et S. Francesco di Prioli 
Capitanio di 24 maržo chome adi 6 feurer scriseno per le incursiom di 
Turchi aver cavalchato e visto per salvar le anime et animali per vla di 
reduti e forteze e 1 nitima incursiom fo ala fin di dezembrio per il redu- 
to di Xenionicho fabrichato per domino Tiiomaso Vinrer e fradelli e 
quel di domino Jacomo Pechiaro nobel de H si Polissane fonno caasa di 
salvar assa anime et animali unde e^si Rectori si sforzono persnađer 
molti a far videlizet domino Federico di Bertolaci dotor di medicina do- 
mino Hirolamo suo fradello q."» domino Anionio e voleva fabrichsfr a 
cerla villa nomiuata Smochavich locho comodissimo a questo e dove ^ 



Digitized by VjOOQ IC 



33S 

i5J0. circum circa erano molte ville per lanlo dioiandaoo liceniia di la Slgno- 
ria e le faranno a so spexe. .(X, 17i). 

Ma^gio* — Se inicse essere zonti a Lio i Vanisaa coa li soi 28 
cavalli et avanti eri r.e zonze cavalli 42 siche in tutU) sonno da cavam 
70 Turcbi il forzo venuto da Poliza et sonno a Lio fo orđinaio a France- 
SCO Duodo rasonato li fazi passar su Lio e con le barcbe mandarli a 
Margera et Vaoissa vegnira domani in Gol.*' acio vadino In campo. 
(X, 178). 

— Di S. Alvixe Capello Provedilor di Almissa e Poliza date in Al- 
missa adi 23 april si sensa di la longhezza dil Vayvoda Vanissa perche 
Polissani e Spalatini soi nemici voleano che li depredaori di Kpiaoi 
Martolossi e altri che con dito Conte dovea venlr a.negarli con navilij 
busali ec. e perho essi Martolossi parte non hanno voluto ventr e tra i 
qual uno capo nominato Marco Sargievich intro im Poli/^a e ineno via 
anime 23 e morti do con depredatiom di raoUi animali: adeo esso Pro- 
veditor per farli venir ha convenuto darli ducati x per uno e Vanissa a 
lassa per ostaso in Turchia uno suo fiol e donatoli cavalli et veste per 
assa sumiua adeo che quesli che vieneno sonno piu de li do terzi sufi- 
clenti come Vanissa i quali hanno nienalo in captivita persone xx. m. et 
guidato exerciti e venendo di altri li iinbarchera per qui dandoli de li 
đanari ha chome tutto dipra dito Vayvoda Vanissa : ileni a da al ma- 
ram et navilij li conduse diti cavalli legnami erano sta a lui mandati 
per la fahricha de Almissa come apar nela poliza quali slano dati al 
arsenal : item ha ricevuti ducati iOO per 1 Orator suo per la fabricha 
dile mure fara ec. ma voria qualphe danar per 11 suo salario. 

— Di Vegia di S. Francesco di Prioli Proveditor di 24 come a 
dato al Soracomito Polani iuxta i mandati homeni 450 di quela isola 
e lanze e scale e a mandato patente ale isole daglno homeni el qual 
Soracomito audo al im presa di Laurana trovo solum 6 homeni et 4 fem.® 
et ruino il Castello. (X, 180). 

— Dl Verbosana di S. Hironimo Zorzi milla da conto chome fo 
dito a quel Ferisbei Sanzacho la Sig.^ mai reaveria Padoa:-item But 
Andrea e il Conte Zuane di Corbavia hanno mandato a richieder Feri- 
sbei li mandino uno suo homo a parlarli. (SL^ 1 84). 

— Vene il Conte Jvanissa di Poliza vestito con una casacha d oro 
con la croce li fo donata quando fu fato cavalier per la Signoria nostra 
ct erra insieme con quasi la sua compagoia 80 in zircba tra li qual do 
capi da conto con caxache dorade ala turchesca cl uno altro con sessa 
in cao li altri tutti a modo Turcbi con capuzini rossi in testa e tocbato 



Digitized by VjOOQI€ 



837 
ift man al Principe presento letere dii Conte di Peliza e Almissa S/ Al- 4510. 
\ise Cappello e poi stando im ple per via di interprete ditto Vanissa 
comenzo a parlar cussi esser venuto qcii juKta* la promessa menato 
tanti valenti bomini so frađelli e pin ne haria menati ma li invidi a 
seminato in Turchia lui li vol far anegar et abusati li navilij over to- 
segarli (tamen a mena zercha 80 cavali con Ti homeni qui presente e 
servira con fede e ben que8ta Signoria et aspeta a!tri cavali II vera'đrio) 
lando il Conte e Provveditor sao S J Alvise Capello suo padre : item il 
Principe lo cbarezoe dlcenđo fos^e ben venuto e andasse presto ia 
campo per li nimici nostri e propingiri e si scriveria al Proveđitor Ca- 
pello panissa qnelli a đito tal parole ec. e fo ordinato che andasseno 
điman omnino a Margera sonno a Lio et Francesco Duodo si spazi ad 
ogni modo (X, p. 188). 

— Di Spalato di S.'^ Jacomo Liom Conte date adi 22 aprH come 
in qiiel zorno e corsi Tnrchi su quel territorio cavali 200 e pedoni 
zercha 400 i quali diceano a quelli scontravano anđar in Almisa a 
soldo di la Signoria e scorsi molto dentro e da tutti ben veduti a la fin 
điseseno in pedoni dali monti e tomono i cavali a drieto et depredono 
alcune ville non se intenđe il danno fato per alcuni nostri si hanno di- 
feso virilmente et morti alcuni e per il primo dara aviso et ozi per via 
di Narenta ha el SS Turcho esser morto et per alguni movimenli si 
vodeno tiense la cossa certa. 

• — Verie Vanissa Vayvođa đi Pbliza con la casacha d oro et 
erra con lui S.' Zuan Capello fradello dil suo Proveđitor et S.'' Zacharia 
Loredan e lui pario perch e Salatin chome va volentiera a servir e me- 
fera la vita e se intendera dt lui e di soi compagni eh e valentissimi 
Turchi et e tal in la soa compagnia che a n>enato via xi milia anime 
xpiane perche viveno di questo et za altri sariano venuti ma 11 cativi 
di Poliza non li ha lassati, ma come intenderano far fati verano assai a 
quel magnifico Proveđitor ne imbarchara di altri a cavali 80 : ali qual 
cri per Francesco Duodo li fo fato la mostra qnesta matina vano via 
in cainpo per Margera via : prega la Signoria U dagi qualche danari 
piu oltra li ducali x per uno che hanno auto per levarsi et questo 
diče perche in campo starano assa haver danari e viverano su la guera: 
item rlcomando soi fioli sil moriva li fosse da provisiom dicendo sen- 
lire quello faremo : il Principe lo charezo li disse andasse di bona vola 
e non fosse fato danno a nostri subditi li tocbo la man et exortato vadi 
presto in campo. (X, 194). 

— Di Gataro di S."" Polo Valaresso Reclor e Proveđitor con al- 

J22 



Digitized by VjOOQI€ 



338 
IHO. cunG di 7 nove il sumario scrivero pol qui di isbUo e đil paHir de U 
domino Gnagni dal Boi^o per non aver danari con 2 di la coinpagula 
lassando il resto et le sue robe e »i provedi. 

— Fo scrito per Colegio e dato la comission a SJ Piero Antonio 
Palier Soracomito vadi in Dalmatia a compir de interzarsi vengi poi 
verso Gbioza a trovar il Proveditor di I armada e non metli nium homo 
in terra fino non avra nostro mandato e cassi f o scritto a S.'' Zuam 
Francesco Polani Soracomito e in Histria chel vengi verso Chloza ut 
supra con questo hordine per mostrarsi de li via eol Proveditor dil ar- 
mada per segurar le barche di soldati dleno vegnir (X, 196). 

— Đi Gataro obome bo scrito que8to e il sumario dil Retor di 17 
april oltra il partir di domino Gnagni dal Borgo governator di quelU 
sfipendiati diče di novo el Sanzacho di Bossina che vepe questi passatl 
zorni in dito Sanzacado noviter e partito si diče il Sigoor Turcho averlo 
deputato al governo de un suo fiol : el qual erra bom da ban e tuiti lo 
laudava ma^ime in fato dejusticia in suo loco ancora non •€ venuto 
nium si diče tal Sanzacbo e ricomandato al Sanzacbado de Ferisbei 
SanzaclK) di Vcrbosana : item il Sanzacho di Scutari e venuto a Podgo« 
riza lontan di Gataro una zornada e meza con molti cavali e pedonl 
per entrar in Montenegro a scuoder per forza 22 aspri per fameja per 
la fabricba di Gostantinopoli e qunlli di Montenegro non pretendono 
pagar e per questo non li bastava 1 animo in Montenegro per esser 
tutti di nn pezo e messi ai passi e moUo mal disposti e si diče el diif 
venir in quella pianura di Gataro per far conzar e dilatar le saline et 
eri li mando el suo Vayvoda con un presjentuzo per inlender el tutto e 
veder di farlo divertir tamen quando ben il vegni juđicba non tora 
niente dil nostro per averlo sempre tenuto amicissimo el moUo benivo* 
lo ec. (X, i98). 

•— Adi 5 mazo domenega in Gol.*' veneno 4 ciltadini di Trau 
danđo fama esser Oratori tamen non bavoano letere di credenza ni dil 
Retor ni di la Gomunita et feno leger certa scriptura fata in Spalato 
sotoscrita di alcuni ciladini dil Consejo percbe il Gontc Ser Alexandro 
Viaro dixe non banno voluto a essi 4 Oratori elccll che li sia dalo in 
comissione certi capitoli dolendosi ec. et feno poi cbe pario per uno 
nominato Hironimo Lučio leger certi capitoli videlizet si provedi a Trau 
stanno con le porte serade fin mezzo di per la incursion si fa fin sule 
porte voriano 50 cavali stesse li : item se li lassasse le 30 et 40 per 
400 per spender in custodia : item li sal sono de 11 in magazeni si po- 
tesseno vender di fuora e quel Retor noa vol scnza licentia di la Si- 



Digitized by VjOOQI€ 



839 
gnoria : iteiu si ienisse le guarđe uli monti tt altri ov (o comeeso al 4 510. 
Col.<> aiairli (X, 202). 

— Fo parlato zercha la expeditioQ di Mathio da Žara al qiial eH 
feci la mostra c fo alcuni iion vol expeđirlo adeo fo gran contrasto et 
suspeso li diicati 800 per li fanti di Vitelli hor si convera andar im Pre- 
gadi Ser Alvise da Molin et S. Nieolo Tfivixan noti vol sia expedito. 

— Fo termioato levar alcuni Stratioti di Dalmaiia et farli vegnir 
qui videli/et a Budaa Lazzaro devo Stratioti 46 a Dulzigno Lazzaro 
grani 20 a Sibinicho 3 capi (75 bi poria levar trentaciaque a Gataro 
Zorzi Ralli Manolli Clada e Trifoni) 55 si poria tuor 25 suma in tutli si 
pol levar numero 96 e fo terminato farli vegnir {Xy 203). 

— Di Žara di Reclori Ser Valerio Marzello Conte et Ser France- 
seo di Prioli Capitanio de 20 april come liavendo cavalchalo per quel 
territorio per poter proveder alc provision ale cotidiane incursion che 
fanno Turchi acio quelle povire anime et animali in tempo de dite in- 
cursion si potesseno salvar e non trovono modo piu expediente che per 
via di reduti et forteze come per experienlia cognosceteao in qucsta 
ultima incursion che fo ala fine de decembrio passato perche el redulo 
de Xemonicho fabrichato per domino Thomaso Venier e fralelli e quel 
dt domino Jacomo Pechiaro Nobel Zaratino a Polisiane fonno causa de 
salvar gran numero de anime e animali che sariano pcrse e si fatichouo 
de persuader molti che volesseno far de slmel reduti e fra li altri do- 
mino Federico de Bortolazi Doctor de medicina et domino Hironimo 
suo fradelo i qualli erano contenti di fabricar uno a certa sua villa nct- 
minama Smochavich loco comodissimo a simel (M*oposito e lo fano a sac 
spexe e senza danno di la Signoria cussi come a di 6 feurer ctiam seri* 
senp ec. (X, 204). 

— Unde fo terminato di expedir omnlno Mathio da Zura con 200 
fanti in Ruigo et io vadi zoso di Pregadi a S. Zacaria e farli la mostra 
e darli li danari i qualli Sabastian di Paxe rasonato li havia auti e cussi 
andai ma non pote radunarli e fo messo hordline per la matina di expe- 
dirli e mandato per le barche ec. (X, 208). 

— Adi 7 in Col.*' io non fui per star a expedir li 200 fanti di Ma- 
thio da Žara li quali imbarchai e li mandal via (X, 209). 

— Di Albona de Ser Filippo Minio Podesta di 8 come voria Oavali 
20 de Stratioti li e venuti a Pisino 150 cavali de Crovati e adi 3 feno 
uno argualto mia uno Tontam dl Albona con pedoni 600 fo scoperti fe- 
no preda de animali : item e zonto uno di Buchari e el Ban di Segna es- 
ser cavalcha con cavalli 300 a quella parte in favor de inimif i (X, 232). 



Digitized by VjOOQI€ 



340 
4510. — Di Sibiiiicho di S. Zuam Francesco Miani Conte et Capit.<> di 6 

chome a parlato al Conte Coxiilc zercha Tenina disse a uno bombar- 
dier di Žara non pol meter vardie senza spexa et quelli stipeadiati de 
li e assa non hanno auto danari e zorni qiialtro Martolossi fonno sul 
territorio di Cavocesta e preseno do dile vardie nostre e si presentono 
piu avanti e alcuni di ditta miiraja andono per tuorli li passi quali za 
erano s(a tolti per essi inimici e que]li e Turchi benche dicono e hao- 
miniđi sopra e li deteao il passo e passati preseno uno pastor et una 
puta : unde per questo hanno messo in cliatura quelli poveri homeni 
siche non si trova piu thi fazino le vardie e voria farli reduto su li 
monti ma quella Camera non ha danari e si provedi. (X, 250). 

— Fo scrito per Colegio al Provedador di Almissa et Poliza che 
non fazi piu quesll disordeni di tuor queli Turchi a duchati x al mexe 
come vol questi sono venuti ma ben li dagi ducati x quali siano per do 
page e meza et non ne potenđo haver a tal pređo mandi li danari di 
qui eh e il resto di duchati 2000 con U conto dila dispensation di altri. 

— Fo scrito al Conte Zuane di Corbavia una lettera pregandolo 
chel voglj mandar li 50 cavalli a Trau siccome el ne ha promt^sso el 
suo Nontio quando el fu qui. (K, 258). 

— Di Verbosana di S. Hironimo Zorzi di 28 april chome e venuti 
do messi dila Porta a quel Sanzacho tamen non quello ando per aver 
la licentia di mandar le zente et e stato con quel ^Sanzacho li ha dito 
haver auto hordine dal SJ li Sanzachi convicini al Stato nostro đebbano 
ben convicinar con nostri et ctissi a fato questo comandamento ali San« 
zachi novi venuti altramente fara ec. e quel Chasambech Sanzacho di 
Aza si porto ben a disfar quclle charimude de assaslni ne danizava ec. : 
item scrive In zifra aver insta con quel Sanzacho mandi zente a dito 
non faria senza licentia di la Porta e spera di averla tamen chi vora 
vegnir lassera vegnir par Ini non sia 1 autor siche tien se ne ara bona 
suma e za uno Timarati dil S.'' con 100 cavalli a voluto venir et li ha 
fato patente ali Rectori di Žara e si la Signoria vol a questo modo tien 
ne vegnira assa valenti hnomini perche de li non corre uno aspro : 
item le trieve dil Sig. Turcho con Hoagaria mancha 7 di a compir. 

— Da Trau di S. Aleiandro Viaro Conte di 4 april come a una 
fabricha non finida di uno citadim de 11 chiamato Slephano Statileo in 
quelli campi vicini alla terra dove erra homeni dentro 8 et vene pedo- 
ni Turcheschi n. 100 in zercha et con scale 25 e scaloni venuti al 
borgo di dita fabricha introno dentro e robo fra animali minuti e grossi 
zerca 100 non obstante leguardo crano sopra il muro di dita fabricha 



Digitized by VjOOQI€ 



341 

adeo fu impossibile a delte guarde star al impeto Uzet per li circonvi- 1510. 
čini si haria potiito obstar ma fo asalta ala improvisa benche a prima 
sera per lui Conte e stato fato a saper ali Castelii da marina e ale fa- 
briche e a questa Stafilea adeo che si salvo dite guarde ni altre anime 
fo menate via salvo li animali e di ritorno dili Turchi deteno la bata- 
glia e scalooo noa toreta sopra il monte dila qual traseno uno guardian 
vivo e 1 altro amazarono e la torre dita in piu lochi robono i qual Tur- 
chi piu dil solilo frequenta quel Contado per non esser Stratioti de li a 
costodia e perche le biave sono per tajarsi e stanno a pericolo di per- 
derle dimanda cavalli 50 di Stratioti e vol hordine di la Signoria di 
aštrenzer li Cipici et Vituri che compieno le sue fabriche a so spe&e et 
far le stanzie per i cavalli. 

— Dil dito di 8 mazo chome li guardiani andavano prima per 
D. 7 horra voleno Đ. 8 al mexe e de que11i di Trau alcuni desiderano 
li 150 cavalli Corvati altri voriano Stratioti 1 opinion sua e che fosse- 
no Stratioti : item voria si veadesse el sorabondante di sal perche li a 
Trau se ne spaza poco e la gabella e sta dala a uno Nicolo Burato. (X, 
266*267). 

— Fu posto un altra letera fata notar per mi per tutti đaccorđo 
a S. Hironimo Zorzi in Verbosana che roandi quel piu numero di Tur- 
chi el pol a stipendio nostro perche quel Sanzacho chome el scrive sara 
contento et li prometli quanto per la sua commissione li fo dato et li 
fazino venir a Žara et arano li danari zonti đi qui et laudato di lOO 
aviati a Žara et da mo sia preso scriver l^ara li mandi di qui ec. ave 
26dinol26disi. (X, 276). 

— - Di Spalato di S. Jacomo Liom Conte e Capitania di ultimo 
april come adi 22 scrisse quel di esser corsi su quel Contado cavalli e 
peđoni 600 con gran pregiudizio e danno di quel locho et fono cavalli 
300 et pedoni 300 hanno robato in ville di quel Conta tra homeni fe- 
mene et puti anime i 20 et tolto assa robe siche a fato gran danno el 
qual exercito vene separate di altri pedoni e dete voće venivano a solđo 
di la Signoria nostra scorseno 6n a capo dille ultime ville verso Al- 
missa fenzanđo anđaAh Almissa- dove mai fo Turchi a depredar li e 
fevano bona compagnia a tutti nell andar accio non fuzesseno poi ri- 
tornati e soprazonti li pedoni di la montagna insieme comenzono a de- 
predar e menar via ogni cossa a restello e capi di dito exercito Ibrairn 
Vajvoda dila provintia di Rama et Clyma Chievam Vayvoda de Priraor 
e Uscopia et Andrea Carabassam et avisa saria bon di que$ta incur- 
sion scriver al S."^ Turcho: item molli dille ville veneno da lui per aver 



Digitized by VjOOQI€ 



342 
4510 liceiitia di partirsi e andarad habitar allrove siehe iuiti e spaventaii : 
itcm risponde ali đebitori lassati In Camera per li ducati 4 00 ave S» 
Piero Malipiero suo precesor diče il tempo e a S. D(>yino che vien a 7 
di mazo e non ascendeno ala suma di dita guantita : item quella Co- 
munita manda Oratori di qui a rechieder si compia la forteza di Salona 
e altre guarde non compite che stanno in gran pericolo per le ineur- 
sion si fanno su quel territorio. (X, 316). 

— Di S. Alvix^ Capello Prov.^ di Almissa e Poliza date adi 4 8 mazo 
come il Conte Vanissa roando in Turchia uno so commesso per condar 
alcuni cavalli in una lista nominati et cussi vene adi 2 Nasuf Oscliađa-^ 
movich con compagni 44 Turchi per venir in queste parte a trovar el 
đito Vanissa et lui ProvedJ sciisse a Spalalo per navilio et adi 16 fe la 
mostra qual manda et cussi li mandano de qui et qual volea una casa- 
clia d oro dicendo i altri lauta : item lasso uno valente homo preso per 
suo amor qual erra venuto con Turchi a depredap de li : item scrive 
a oferta aver de simil cavalli sil piace ala Si^noria e vol risposta e da- 
nari da darli perche a speso quelli danari li fo mandati : item dete du- 
cati 20 a uno Griguol Dragonich di Poliza qual vien senza cavallo. (X, 
321-322> 

— Adi 27 in ColL^ vene uno Ambasador dil Conte Zuane di Cor- 
bavia vestito di scarlato con tre fameglij et presento una letera di ere- 
denza dil suo Conte data in Obrovaso adi 15 mazo et e nominato đito 
Orator Conte Vido Mogorovich qual in piedi pario al Principe fo inter« 
prete domino Zoylo Detrieho rtisse erra venuto per danari per il sli^ 
pendlo li da la Signoria ec. 11 Principe si dolse non havia manda li 50. 
cavalli chome el promesse ultimameote mandar a Trau et li đanni se- 
guiti per Martolossi li e Turchi ec. et fo comesso ali Savj di terra for- 
ma. (X, 338). 

— Di Žara di S. Lorenzo Corer Conte e S. Franc.® di Prioli Capit« 
di 1 8 mazo avisa aver auto una letera dilo Episcopo di Scardona la qual 
per essere de importantia la manda ala Signoria. 

— Dil Vescovo di Scardona nominato et sotoscripto cussi Nicolaus 
Marthumisij Episcopus Scardone data a Scardoii||dUli 16 drizataali Ro- 
tori di Žara et e letera latina chome a nova di Hongaria di uno suo 
amico che il Re in Vstrigonia red uli li Prelati e Baroni hanno costitni- 
to di mandar Oratori al Papa — al re di Franza — al Re di Spagna — et 
li Oratori vanno al Papa sonno con 300 cavalli li quali sonno lo R.mo 
domino Arziepiscopo Colozense et lo illustre domino Lorenzo Ducha de 
Yllach et ehe il magnifićo domino Joseph Conte Temisiense Orator e 



Digitized by 



Google 



343 

el^to al Re di Franza et dt Spagna con iOO cavalli : itetn V Ambasa- 4510. 
dor dil S."^ Tiircho e zonio al Re di Hongaria con cavalU 60: itera avisa 
>i Re di Roinaaia dimanda Alban che con 1000 cavalli lo \ogni a ser- 
vir c li promelte per cađaua inexe ducati 5000 per salario et pep la' 
sua cii&ina al inexe L. 1000 e donarli uno castello chiamato Racostam 
over uno altro miglior ec. unde li a parso suo debtto avisarli qaesto 
accio avisi la Signoria. (X, 350). 

-^ Di Gataro di S. Polio Valaresso Retor e Provod/ di 8 maržo 
manda il conto di quanti danari a tockato poi e U et di salli auti 
(scrive Gnagni dal Borgo e li con la compagnia e se li provedi nou 
ponno piu star) : item lo Emin e Gadi noviler venulo a Gaslelnovo eri 
fe bolar li nostri magazeni di sali de Rixano che non se vendesseno fin 
non babino venduto Ihoro le so saline tamen spera conzeria la maste- 
lafa : item il S^nzacho di Gastelnovo e Bosina e sta chambia e posto e 
đesigna qnel Sanzaclio di Scutari con provisione di aspri 200 uiiliu piu 
(Kl solilo : item esSo Proved/ si scusa e ealoniato per letere senza solo- 
scription ec. (X, 366-367). 

Leteća del Vaijvoda de Imoschu 

— Magnffico et degno di bonop P.*" del Principo de parte del 
Vayvoda de Imoschi che ti babi sanita de Dio e alegrezza car.™* saluta- 
tiom como'al noslro car.™® amicho. Di questodivene da nuiChara Paiasit 
e si ne a referi tulte le parole vostre e adesso e in avegnir damo fede a 
tutti vostri subditi e Imbasadori Spalatini e Sibenzani Traurini e Lesi- 
gnani che a cadaun di costoro damo fede del ili.™'' Signor noslro gran 
Turcbo Soltan Paiasit e dil Sig. Hasumbeg Signor dil Duchato e la fede 
mia di Hadar Vay\oda e di tutti altri Vayvoda del Signor e de li altri 
subditi damo fede a tutti vostri subditi possa praticliar e merchadan- 
tar per el paese del Sig. Gran Turcho senza paura ne di roba ni di 
persona che possa merchadanlar senza impedimento di alcuno in con- 
traditione Dio vi alegri. 

Damo a savere a tutti li sulKliti Venitiani subditi dil Principe 
e cussi ali subditi dil Gran Turcho come a fato gran Signor Sanzacho 
e sia posto el marchato a Imoschi doraenega e si me concesse a mi Sy- 
nam Bassa al Gastellam di Imoschi che dago fede mia a ogni persona 
che possa vegnir a marchadantar solo la terra del Turco e ad esse v i 
damo fede prima del Gran Turcho Sultani Paiasit e de Hasumbeg Si- 
gnor dil Duchato e de tulli so Vayvoda c Ihor Mibditi picoli e grandl 



Digitized by 



Google 



344 

i5i0. ala fede niia de SyDam Subassa c di (ioli niiei e đe tuttii subditi di Časte« 
lani del Gran Turcho e de mi Synain yay voda damo fede ai Spalaliiii e 
Polizani e ali Brazani e Lesignaai e Rađobiglani e atutti altri cussi ino- 
centi come colpevoti che non habbi ipaura ni in persona ne in haver ne 
di alcana cossa contraria ne di forzo di la mercantia sna ec. (X, 370). 
Giugno« — Fonno lecti alcani capitoli di [qttelli si fanno Ora- 
tori di Trau e pero li Savj a terra ferma voleano expedirli et S. Marco 
Bolani si intrigo poi leti dicendo non vol ec. et io ancora non voleva 
fosseno expedili per Col.® (X, 379). 

— Đa poi disnar fo gran Consejo fato eletion di Conte a Trau e 
. niun passo : fo mejo S. Sabastian Malipiero fo Ca a Cremona di S. Troylo 

fo presom in Franza. (X5 382). 

— Fo ogi per Col.® scrito una letera al Conte di Trau che dil re- 
sto di sali e1 possi venđer fuora e spender li danari in guarde e altre 
cosse li fo scrito e lassi convochar il suo Consejo e mandar Oratori ala 
Signoria nostra e lui scriva sopra quelU il suo parer con altre clausule 
lit in literis. (X, 383). 

— Di Žara di Rectori di mazo chome hanno ricevuto nostre zercha 
levar di Turchi dieno zonzer et scriveno de li non atrovarse navilij ne 
barche apte siche si provedi. (X, 391). 

— Adi 7 zugno in Coleg.® vene la mojer dil Zernovich fo fla dil 
S. Antonto Erizo qual havia per il suo viver la palla dila torre nuova 
ducati 36 ali anno e si paga ale Raxom nuove et disse per la parte 
qudli Signori si tien la mita e non pol viver ec. tamen stante la leže 
non si pol far altro. (X, 406). 

— Di la Braza da S. Nicolo da Molin Conte di 28 mazo come e 
seguito su 1 isola di Liesna che 11 populari e sublevati centra i zentilho- 
meni e zuobia in Liesna vechia uno Mathio Ivanich Jacomo Blascovich 
Zuan sorella e quelH dila villa de Verboscha asalto 6 zoveni Nobili e li 
feriteno e dnbitano di morte e il di dapoi tutta Verboscha fato seta e 
adunation di homini veneno soto le case di Nobili li quali si seronoin le 
loro caxe et uno Mathio Ivanich chiamato Vayvoda Janco fati ^enir diti 
Nobili davanti Ihoro a sotoscriver a certi capitoli minazandoli di bru- 
sarli in caxa e fato fe gran crudelta ut in literis : erano piu di 4000 ar- 
mati a Liesna nova poi andono e introno dentro e ihcito quel populo 
venisse con Ihoro e fonno chome a inteso piu di 2000 e veneno al pa- 
lazo dil Conte e fato alcuni capitoli videlizet che al Consejo intrasse 
Nobili e populari e che li Nobili fosseno tsottoposti ale angarie insieme 
con el populo e che uno pre Thomaso Grifico Canonico sia amazato 



Digitized by VjOOQI€ 



impune per causa chel lien cerli beneficj de pre Zuane della villa de 1610. 
JeTsa qual era con li diti armado e fato sotoscriver poi andono a caxe 
di Nobili sachizandole e raioandole brusando scriture ferendo Nobiii li 
quali fuzivano per salvarsi su lixola di la Braza come facesseno di man 
di Turchi e li minazano flno in presentia di esso Goate et hanno da 
taja ehi non torna fin 4 zorni slano banditi di poter piu vegnir h:^bi' 
tar : et a uno Franc.^ Grifico si messe pena per i Cal di x ec. coii 
molte parole e hanno barche armade niun pol vegnir a dolersi alla Si- 
gnoria unde manda il suo Canzelier per questo ala Signoria nostra et 
una barcha di Nicolo Crlsanich e armata ec. e queli dila Braza Nobili 
đubitano la qaal cossa e da proveder accio in Dalinatia non siegua. 

— Et fonno fati chiamar dentro dito Canzelier con alcuni Nobili 
Lisignani et etiam uno Nicolo erra qui per el populo za 3 mexi el qual 
Canzelier expose 11 tutto e mostro una letera drizata al suo Conte adi 
29 mazo scrita a Bol per S. Znam Semitecolo q™ S. Beneto avisa esser 
v^nuto Catarin de Prinio con la sua barcha con alcune zentildonne di 
Liesna qualli non hanno volute acetarle et scrive la causa e diže e 30 
barche armade in cao 1 ixola fanno la guardia accio Franc.<> GrlGco non 
vadi a Venctia e hanno zurato tuorli la vita e lo avisa stagi li ala Braza 
et esta taja la man e i piedi al fioi di M. Piero Chinifa natural e bu- 
tade in acqna ec. ut in literis. 

— Et quello per il popolo disse non e tante cosse et hanno fato 
che questi Nobili voleano mandar Oratori qui per remuover il Castelan 
e altre cosse in danno di la Signoria ec. or mandali fuora fo consulta a 
far provision et eh el Proved/ dil armata vadi el qual Canzelier disse lo 
havia Irova a Ruigno e anderia: item šora Sibinico a inteso esser 12 
fuste Maltese do li via ec. fo parlalo di mandar S. Marco Loredan Avo- 
gador electo fino li a far processo et nuUa havia tal oppinion poi ozi 
havesseno letere dil Proved.*^ dil armada di 6 da Ruigno a inteso questo 
si lieva con la gaUa Faliera 1 Ema li vera drio e andara a Liesna pol 
seguira justa li mandati di la Signoria nostra* (X, 408-409). 

— Vene S. Alvixe Loredan q.™ S. Luča stato in campo con il Va- 
nissa el Conte Zuane si raccomanda e non fa mal a niuno imo recu- 
pero la preda e dete le đonzelle prese a chi erano e vero da manzar 
torano amazano de nimfci chi trova fa portar a tutti una frasca aliter 
si 11 trova li amaza non cognosce alozano fuora dil campo : item prega 
la Signoria fazi far 20 Tulimani rossi per donar ali soi aconto di le so 
page orđinato farli sonno diti Turchi cavalli 110 valentissimi homini 
et si fanno sentir Dio volessc si havesse 500. (Xj 414). 



Digitized by VjOOQI€ 



346 

i 5 10. — Di Liesna di S. Antonio Lippomano Confte đi 27 narra la eossa 

chomc e 8tata de li populari contra li zentilhckineni e U romor segaUo 
lit ia Hteris e gran eoaisa tamen li zentilhomeni non soao araza eolpa ee. 

(X, m). 

— Di S. Hi ronimo Conlariai Proved.' dil armada date in porto 
Sliva appresso Žara adi 7 cboine a scoatra la galla Moretioa ioterzata :m 
Žara U ha dito non e iiulla đile fuste MaUese va a Liesna per pro^eeder: 
ec. ma e li et ha il t<3mpe contrario. (X, 422). 

— Dil dito di 25 ehome li Bassa auto aviaa đi Bossloa di la paee 
si tratava coi Papa e 1 Imperator : ttem baatio di AiBdsia che gctel Sbphi 
va con esercito contra el Zagilai eh e cpieUo porta la bareta verde et e 
con exercito verso le porte Caspie : Ifcem dito Sanzacko di Bossioa li ha 
scrito <lila nostra armada zonta a Corfu : item adi 22 fo ala Porta li 
Bas$a disseno non aver dito nnlla : item son e sta tempo -di parlar al 
Signor : item e morto. . • . Capitanio dil armata qual si diče e sta morto 
dali Jaoizari eranosopra dita armata: akuni diže che essi Janizari lanno^ 
amazato et perho banno levato el si habbi an^zato Ini medemo per sedar 
la cossa e la sii coperta el Signor e slato ozi in carela horre 2 fuora lete- 
ra di primo quanto di scbiavi đe li a parlato con dito Bassa qual voria 
saper il numero dioenđo eon coloro si vuol tenir la sua roba et si pa^ 
gera ben da el Bajlo nostro tandem il Secretario scuso la cossa e con- 
tento mandarli a tuor a Corphu et eomesse la cossa al Subassi di Le- 
panlo. (X, 426). 

— Di Gataro di 15 et 17 dil Retor in materia Sira tioti fazi ti deli 
poi si dete la paga et fenp mal in questi tempi scrive molte cosse de li. 
(X, 427). 

— Veneno 4 Oratori Polizani Ira i qual el Conle Piero ..... con 
lelere di S. Alvixe Capello Proved."^ di x41mi8sa et Poliza et expose al- 
cune cosse et alcuni di quelli Polizani si dagi provlsione comesso di 
aldirli al hordine nostro. 

— Vene uao Orator di la Comunita di Gataro zercha li pagamenti 
đi quelli soldati et Stratioti comesso ad aldirlo. (X, 428). 

— Di Arbe di S. Alvixe Bađoer q.«» S. Rigo di 4 scrive quanto- 
a operato con domino Francesco Berislo per condurlo et domino Zorzi 
de Irasomalia et narra la dtela fu fata con Both Andreas doYe intravene 
el Gonte Znane di Corbavia el altri: item ricevuto nostre letere zeroha 
darli una paga e me7«a et ha spazato a điti Signori letere ma non ha 
auto risposta tien sia sta intercepte dal Gonte Bernardin di Frangipani 
overo Both Andreas ec. siche da lui non mauca e si scusa di la tardita 



Digitized by VjOOQI€ 



347 
10 mi parvcf di proponer e bon darli lieentia o cussi parse al Serenissimo 1510^ 
et Gol^io eh io facessi le letere chel ripatriasse. 

— Di Poliza fo do letere dil Capello Proveditor zercha qiielle 6c- 
correntie e SanzacM dil Turcho motali e vieo il barba dil Coote Va- 
nissa e allre occorrentie e si dagi provisione a 4 Polizani ec. 

— Di Gataro di S. Polio Valaresso Roctor e Provedilop foimo le- 
tere zercha guelli stipeadiati e altre cosse iit in literis. (X^ 430). 

— Di Ragusi di Bernarde Gondola Abale di S. Maria di Meleda 
data adi 5 come tre galie Gandiote et la Polana l^nno preso do nave 
ut Ragose e in literis. (X, 440). 

— Veneno Hiroaimo Lučio e altri 5 citadini Tragurini đicenđo 
haver aulo letere di Trau Turchi aver corso ec. et si provedi ali 50 ca- 
valli et ali cajHloli riehieseno et a caso vene letere di quel Gonte nostro 
di 24 numero 3 prima avisa qiiello a fato Turchi e le đepredation ut 
in Hteris. {X, 442). 

— Di Arbe di S. Alvise Bađoer q.™ S. Rigo di 13 manda una le*- 
tera li ha scrito in risposta quel baron Ungaro sotoscrita Francesco 
Berislo de Brabaria perpetnus Gomes de Dobor date in castro ie Votis- 
chria'li scrive vol li idanari li et non vol dar piezaria et ha fede et e 

. Signor e chel Re di Romani lo vol a so stipenđio. 

— Et iteriim per Golegio fo scrito al dito Badoer repatriasse. 

— Đi Antivari di S. Vincenzo Zen Podesta et Capitanio di 

mazo zerca certa provisione data a uno Stephano che la Signoria no- 
sira e sta ingannata e narra la cossa ut in literis. (X, 463). 

— Veneno do Oratori dila Gomunita di Ragusi vestili a manege a 
cmnedo luno laitro ducal paonazzo con becchi di veludo sensa barba 
cc. senlati apresso il Principe presentale le letere di credenza dil Roctor 

e Gonsejo di Ragusi date adi.otto lo nome di Oratori e Drago e 

Laureatio Avane . . . et il menor parloe doleođosi da parte de soi Si- 
gnori di danari auti questa excelsa Repoblica et che la dla di Ragusi e 
sempre dedita a qnesta iUus.>Q^ Signoria ec. poi 1 altro parloe esponen- 
do la commissione che per tre galie nostre Gandiote erana sta prese do 
caravdle loro con robe đi mercadanti andavano a GonstantinopoH de 
Ragusi et Anconitani per tanto pregano la Signoria le sia fato resliluir 
il tuito seconđo richiede la bona amicitia hanno con qoesla excelsa Si- 
gnoria ec : item zerdia questo uso acomodate parole el Principe li ri- 
&poxe ebe ringratiava di I afanno auto per la perdeda dil Stalo et spe- 
rava in Dio di recuperarlo et quanlo ala restitutiom za era sta ordi- 
nato il tutto sicome etiam havemo risposto ali Oratori Anconitani et 



Digitized by VjOOQI€ 



348 
4509 havcmo scrito in Canđia et per tulto si fazi la restituUon iocolpando e 
sla galie arma in Canđia et oon sapevano la intention nostra ma porte^ 
rano Ja pena et Ihoro ringrationo moUo la Signoriapreganđo a llioro 
spese mandasse uno Secretario in Canđia a recuperar 11 tutto et cnssi 
fu contenta di maodarne uno. (X, 472). 

— Date in galia apresso Curzola ađi 41 zugno conie veneno a liii 
in secreto li nobeli đi Liesna et li apresentoe una scripf nra continente 
li nomi di principali populari e alhora non li parse manđarla ala Signo- 
ria ma hora la redreza: e aricorđa voglia omnino aeveramenteproeeđer 
contra la temerita ha ušato questi populari per erađichar simel pen^ 
sieri dal cor đi altri populi che forse tentariano con 1e arme subiogar 
li citađini et Nobili et ob tenir con teror quelo hanno obtenuto costoro 
e tien certo faranno oportuna provisiom : item scrive va seguitanđo il 
\iazo impostoli per la Signoria nostra di andar ala volta di Corfu con 
quela mazor celerita li e possibile ec. e nota in le publiche avisa ve- 
neno a galia gran numero di citađini di Liesna scampati e redati 11 con 
una barcada di donne con grandissimi sospiri e lacrime et rinovo la 
molestia đil caso e lui Provedador li uso bone parole e che la Signoria 
provedaria : item si ha le galie đi viazo esser a Ragusi dove havendo 
da certo prete nontiata de li la novita seguita a Liesna e sta bandito 
di Ragusi con grandissima taia : item a Corfu e galie 6 hostre le qual 
hanno spartito uno belissimo butim di do nave Ragusee prese con robe 
de FiorenUni. (K, 490). 

•— Et fo chiamati in Colegio li Oratori Ragusei et quel di Ancona 
et li fo dito di questa letera auta li quali ringrationo ma dicono saper 
li manca assa roba et vol si mandi uno Secretario ala recuperation et 
fo dito si manderia. (X, 491). 

— Veneno moUi đil popolo đi Cherso e alincontro alcuni Nobili e 
questo per controversie fra Ihoro per il manđar đi 30 homeni fanno in 
Albona a custodia erra avochato đil populo S» Luča Minio ec. queUi 
Nobili cargo S. Anzolo Balbi Ihoro Conte bor fo ordinato che diti Cher- 
sani andasseno a caxa e restasseno solio do et si alderia ec. {Xy 540). 

— Di Verbosana di S. Hironimo Zorzi apresso Ferisbei Sanzacho 
di iO zugno cbome quel Sanzacho li havia ditto esser venuto uno mes- 
so đila Porta a farli comandamento che venendo li un Orator đil Re di 
Hongaria lo debbi carezar e far que]lo el vol e li fazi bona compagnia 
et che fazi star tutte le sue zentc in hordine e preparate e non lasiii 
usslr altra đil paese dicenđo esso Sanzacho sperava di brieve per que« 
sto aver la đesiderata licentia ec. (X, 537). 



Digitized by VjOOQI€ 



349 

— Di VerbosaDa di S. Hirouiino Zorzi di 26 mazo primo et 6 zu- 1510. 
gno in la prima come havia trova alcuni capi Turcbi quali con 100 ca- 

valli voleano venir al soldo nostro et erano per partirsi per* Almissa 
con sue letere et il magnifico Ferisbei erra fuora in certo casal dove 
štete 10 zorni et poi tornato fece cbiamar a si esso S. Hironimo Zorzi 
đolendbst aver desvia điti Turcbi admonendolo assai đicendo chel non 
vol i vadino senza licentia dila Porta adeo li fo nećessario farli restar e 
tuorli le letere e questo fo causa uno suo molto intima al qual non fo 
apresenta cbe a intestato il Sanzacho al qual non bavendo da darli pre- 
senti li maodo 4000 aspri a đonar cb e ducati 20 et poi tomato dal 
Sanzacho lo trovo molto aquietato et nulia 11 disse : item esser venuti 
tre capi Turcbi a voler letere e vegnivano a le terre ale marine per 
passar a nostri stipendii li banno zura per la testa soa cbe šarano ben 
visli e datoli stipendio et Iboro dicono convenir venir senza arme vo- 
lendo ussir dil paese et cbe la Signoria non li tegniranno valenti bo- 
meni. 

— Dil dito di primo zugno cbome bave letere dil Provedador Ca- 
pello di Almissa cbe Turcbi venuti de 11 soto specie di amici di Vanissa 
banno mena via dil Conta di Spalato anime 124 dtla qual cossa si ba 
dolto col Sanzacbo diče vol saper cbi e sta ma questi tali sono bomeni 
cbe vanno depredando e si parteno solli e cussi cbome i vanno menano 
Turcbi con Iboro per far mal ec. : item avisa esser zonto li in Verbo- 
sana uno Orator dil Signor di Pesaro destinato a quel Sanzacbo con 
presenti ma piu presto e venuto a saper si vien subsidio ala Signoria 
nostra el qua( S. Hironimo Zorzi destro modo li ba fato intender cbe 

^ sonno assa Turcbi preparati a vegnir et fin 8 zorni sara li la licentia. 

— < Dil dito di 6 cbome ricevuto nostre letere col Senato di 17 
tnazo vedera desiro modo mandar quel piu numero potra senza armi 
et si scrivi ali Rectori ale marine li provedino di navilij et altro ec. : 
item c zonto uno niezzo dila Porta il Sanzacbo li ba dito non e la ri- 
sposta dila licentia ma solum il Re di Hungaria a fato e renova la pače 
col Signor Turcbo et e sta lassa quclli do Vayvoda Hongari sonno presi 
per Turcbi cb e gran signal di ben. (X, 543-544). 

LiUg^lio« — Vene uno Turcbo Nonzio dil Sanzacbo di Pooti con 
letere di S. Alexandro Viaro Conte di Trau di 20 zugno qual scrive 
cbe questo Hucbmat Vajrvoda dil Sanzacbo di Scutari čbe erra amiobo 
dila Signoria nostra e si ba ben porta con nostri cbome per letere di 
S. Polio Valaresso Retor e Proveditor a Gataro a Inteso qual noviter e 
venuto Sanzacbo a Pontl vicino a quel territorio et lo lauda assai di ben 



Digitized by VjOOQI€ 



350 

4510. convicinar el qual erra venato per aver cerla sua femeiia nata m li 
borgi đi Trau ia qual ii padre e la madre e contenta dargela e perho li 
ha parso scriver ala Signoria ^clo la comandi ec. et ćussi per il Coll.o 
fo đito hessendo li soi contenta darla qi]esto fo fiol de tino Piero Gcnton 
e li ha una porta ec. questi Turcbi e venuti qui con formenti per vcn« 
đer erano con sesse in cao et caxache in dosso et li fo dimandafo per ik 
Principe con li Savij atorno si se potesse aver di li soi Tarchi a nostro 
soldo che vađagnaria ben in questi paesi ehome fonno i\ Conte Vaaissa 
el quai rispose đe si et si basteria ianimo fame avef da 500 ia sušo et 
cussi fo assa acarezato e ditoii spazasse li soi formenti poi se 11 parleria. 
(X, 648-549). 

— Vene in Colegio Piero de Feđericis da 2^ra capo de Stralioli 
in caoipo il fradello dil qnal fo morto a Vicenza dali inimici e dtmando 
certa provision et li fo risposto per li Principe non e tempo e tornasse 
in campo ec. (X, 564). 

— Veneno li Liesignani zoe li Oratori dii populo ct di Nobiii do.per 
confirmation di certi capitolt tra ihoro acordati de li e aliuoontro molti 
Nobiii Lesignani et pario uno Marin de Etor e fe dar la suplication 
fuora di Ihoro chc narano come e sta traclati dali popnlari feriti ama- 
zati butati in aqua tolto le robe brusa le caxe ec. pario poi lOrator per 
li populo nominato Mathio . . . . e disse la causa e sta percbe li No* 
bili non si poteva viver con Ihoro et ti populo e Marchesco con molte 
parole justificando la cossa cargando assa li Nobiii et haver sforzato le 
femene Ihoro fino le pute ec. or fonno mandati fuora e liioUi di Coll.^ 
pario di far provisione e grandisstmo caxo e di summa importantia ec. 
(X, 564). 

— Veneno li trc Oratori di Polizza et Aimissa stati piu di un me- 
se qui et si voriano partir voria la confirmation diie provision dale per 
& Alvixe Capello Provedador et etiam soli per far le guarde e mandar 
exploratori et andati fuora fo parlato di Ihoro et io parlai si expediria 
per il Pregadi che sento exaudirli. 

*— Di Poliza di S. Alvise Cappello Provedador đi Aimissa e Poliza 
đi 24 zugno zercha li Martolossi zoe Turchi quali non li pol mandar 
con mancho di ducati 10 per uno come fo da ali altri e sopra questa 
materia scrlve molto longo dicendo e fedel come e sta sempre li soi e 
Dio volesse si avesse in campo uu mier a questo precio ec. (Xy 570-574). 

— Di Trau di S. Alexandro Viaro Conte di 23 mazo do letcre in 
una si duol di Hirohimo I^cio e qui homo seditioso ec. il qual i com- 
plici soi hauno fato cazer dil Conseio Jacomo de Anđreis undc parcn- 



Digitized by VjOOQI€ 



351 

doli de ImportanUa trovv leže non potea intrar io Consejo B6 non 1510. 
quelli da 25 anni in su et eraiio inlrali di anni 17 risolse il Consejo et 
qiiella balotation mando zoso ec. per laltra scrive dil caso seguito a 
Liesna per U Nobiii eontra li populari et scrlve sopra di cio et la causa 
e^ processa perche li Nobiii^ iianno voluto sforzar e violar nna puta po« 
pular ec. (X, 576), 

— Dl Gataro di S. Polio Valaresso Rector e Provedadop di 21 zer- 
eha Manoli Clađa capo di Stratioti qual vien di qui con <;avalli 16 e 
prima ne vene 10 e sopra questo acrive coaie e sta(i mal pagati ec. : 
item Gnagni dal Borgo e 'qui e si fazi provisione : ilem il Sans^cho si 
aspeta a Scntari e homo calivo e sariabon veder. {X, 577). 

— Vene il Conte Guido Orator dil Conte di Corbavia solicitando 
]a sua expediiione erra interprete domino Hironimo Cypicho di Trau il 
Principe li disse doveria contentarsi et atender aUa promessa tamon si 
vedaria ec. (X5 591). 

— Di Trau di' S. Alexandro Viaro Conte di 16 zugno come adi 12 
vene li motu proprio Cosule con aleuni capi di Stratioti con Iboro com- 
pagnie in zercha cavaiii 100 ben in hordine e que6to per aver inteso 
Turchi veniano a depredar qiiel Conta et adi 1 5 la malina per tempo 
per le scoperle e sopra li monti inteseno certi cavalli di Turchi esser 
venuti pocho lontam dila fabricha di quel Vescovo i quali qnesta ma- 
tina tolseno tre anime et animali meiiuti in bona quantita unde snbito 
Coxule monto a cavallo con li Stratioti e li sol e tolseuo la via di mezo 
a essi Turchi : llein die sul tardi rompete esso Turchi presi 7^amazono 
do et recuporo la preda preseno cavalli 19 i qual Turchi orano tutti da 
zercha 30 lo lauda ec. 

--^ Item per una altra letera risponde ali capitoli mandati porti 
ala Sigooria per liironimo Luzio Tragurin e altri compUci e scrive mal 
assai di lui e zerca la custodia dile torrete saria piu utlle tenirle di- 
scoperte perho voria la Signoria li concedesse poter vender il sorabon- 
dante dil sal ec. : item zercha Nicolo Gabcloto e casso per sminuir la 
spexa et non esser sal et de li in la terra non si consuma per L 100 al 
anno perzio zercha a lassar far il suo Consejo et elezer Oratoi'i ala Si- 
gnoria risponde la causa perche U complici di detto Hironimo Lučio 
volea metcr parle eontra li ordeni et consuetudine di Trau e li parse 
non tolerar que8to unde Ihbro uniti feno certa sotoscriptione ec. (Xy 
594-595). 

— Di Trau di S. Alexandro Viaro Conte di 29 in favor di Nobiii 
Lesignani eontra quclio a fa(o i populi ut in ea. 



Digitized by VjOOQI€ 



352 

1510. — Di Alniissa di S. Alvixe Cappello Provedađor zercha occorreir- 

Ue đe li. (X, 620). 

— Di Segna di Both Andreas sotloscrilla Andreas Bolh de Bayna 
Regnorum Đalmatie Croatie Slavonieque Bannus et Capitaneus Seglnen- 
sis dafe in vigilia Visitationis Marie 1540 segue : chome e1 manda ala 
Signoria nostra uno Orator suo nobile di Segna nominato Jo : Surianig 
el se li presti fede e! qual Orator fato venir in Colegio par esso Bam si 
conduria con la Signoria nostra e cussi riferite Vincenzo Gnidoto Se- 
cretario stalo in Hongaria qn€Sto erra il suo voler demura dimando al- 
cuni danni fati a sol subditi per nostri et fo commesso al hordene ik>- 
stro lo aldissemo ec. (X, 655). 

— Veneno aleuni da Veja per diferenlia di certi beneficij et ca- 
nonichati de li per esser jus patronatus dil Doxe con letere dil Prove- 
dađor. (X, 672). 

— Veneno do cittadini Tragurini oppositi zoe Hironimo Lučio et 
altri et poi Hironimo Cypicho comesso dil Conte et si ave niolte letere 
dil Conte di Trau le qual non fonno lettc. (X, 680). 

— Vene il Conte Guido messo dil Conte Zuane di Corbavia vol 
danari per il servitio dil suo Signor e porto letere dil Conte di Pago 
zercha zerto zitadin ec. 

— Veneno quelli Nobili Lesignani et li populari ala querela data 
per li Nobili et fo riniessb a doman ad aldirsi piu comodamente ec. 

— Vene quel Nontio di Both Andreas qual mi fo comesso per la 
Signoria ia soa expeditione et li feci dir non e tempo da dar conduta al 
presente ma a tempo novo fici scriver alcune letere al Provedađor di 
Vegia et al Conte di Pago per li danni fati ut in literis. (X, 683). 

— Item fono alditi queHi di Liesna Nobili contra populari per il 
caso segttito pario M arin de Hector Nobile et li rispose Matio đe . . . . 
per il populo et consultato chi volea mandar uno Avogador chi tajar de 
primo li capitoli fati sforzadi et io fici lezer una parte notada di mia 
man di elezer per Pregadi uno Provedađor a Liesna qual vadi li a qaie- 
tar le cosse. 

— Veneno li Oratori Polizani quali io fici espedir e tolseno licen- 
tia vanno via ben satisfati dila Signoria nostra. (K., 689). 

— Di Žara di Rectori di 14 dil zonzer li S. Jaeomo Michiel e S. 
Francesco Corner Soracomiti e mandano per le ville trovo 60 homeni 
20 per il Corner et 40 per il Michiel e il dito Michiel li mancha 50 
homeni a interzarsi S. Zusto Guoro non e zonto avisa dil zonzer di 1 6 
cavalli di Turchi venuti di Poliza mandati con letere di S. Hironimo 



Digitized by VjOOQI€ 



»63 

Zor2i li hanno đato stera IS di biava et vino et vcneno do qui : item e I5i9. 
eonti tre navilij armadi đi Spalato con una patente di S. Jaeomo Liom 
Conte gualinanno a danni de inimici e mandano la copiai đila patente 
a Hironinio Rosich con 15 compagiH. (X, 691). 

— Dl Žara di S, Zuslo Guora Soracomito di 17 dil instante avisa 
il zonzer suo li erano za zonte le do galie Michiela e Cornera scrive 
dila sua galia e falili pochi dil Michtel di 80 homeni ne falli 12 et del ■ - 
Corner fallito homeni b^li mancaelvoria 100 docati dalla Signoria di 
sovenzion et nota dita Ictera non fo leta im Pt^egadi ec. (X, 706). 

— Fo aldito Hironimo Cypk;ho Tragurim coo Francesco Duodo 
rasonato zercha guello vol far venenđo li cavalli dH Cbnte Zoftane li a 
Trau come e sta deliberalo di mandarli numero 50 et fo laođato dal 
Colegio pcpchc el vol darli li defeeti. (X, 709); • 

— Fo scrito a Spalato a S. Jaeomo Lion Conte zercha quelli bri- 
gantini armati de U per andar in corso e a fato danai ^sai scriveađo a' 
fafo mal e li fazi disarmarii subilos. 

— Item fici balotar ducati 500 da essei" dati al Nontio dil Conte 
Zuane di Corbavia e qm za molti zorni e vociferava al Colegio dicendo 
volersi partir ec. con il qiMil per il Colegio erra deputato ala sua expe- 
ditione dia aver per conto vechto za liurado ducati 1000 beu e vero 
đoveva mandar cavalli 50 a Trau ma non li ha mandati nota que3to fo 
condulo per mezo di S. Zuam Dieđo Proveđador in Dalmatia per tre 
anni con cavalli lizieri 200 et ducati 3000 ali anno in tre page. (X, 
726-727). 

— Fu falto scrutinia dil Proveđador a Liesna toltt numero 15 ri- 
mase S. Zuam Navajer fo Capetanio a Raspo q."^ S. Andrea et il scrnti- 
nio sara qtti avanti notađo : item fato uno Savio dil Consejo đi zont» 
che manchava et niun non passo fo meglio questi S. Zaccaria Doltim 
83 et 94 S. Alvixe Malipiero fo Conseier 84 97 di no S. Zorzi Emo 74 
ec. fono tolti S. Zorzi Corner Proc.'* 76 S. Nicolo Michiel Proveđador 
69. (X, 731). 

< Scrutinio dil Proveđador u Liesna ju8ša la forma dila par te. 



— S. Hironimo Baffo fo ai 10 officj q.» S. Maffio . 
S. Silvestro Pix]Emi fo Znđese đi proprio di S. Nicolo 
S. Francesco Zorzi fo Auditor veehio q'™ S. Antonio 
S. Zuam Dolflm fo Auditor uuovo q.'« S. Nicolo. . 
S. Antonio Nani fo Cao đi 40 q.« S. Francesco. . 



40.134 
22.148 
47.124 
54.118 
26.147 
:25 



Digitized by VfiOOQl€ 



354 
i 510. S. Malio Malipiero fo Auditor vecbio q.^S. Douicaego . 37.137 

S. Ilironiiuo di Prioli el Cao di 40 q.^ S. Bubcrio. . . . 58.118 
S, Vetor Capello fo Sjnico e Proved/ <la lerra fcruia qj» 

S. Andrea 82.86 

S. Nicolo Salamon fo Provedador e Synico da lerra ferma 

di S. Michiel 80.96 

S. Domenego Querini fo Auđitor novo di S. Zanolo . . 5U.i 18 
S. Marco Gradenigo Dotor fo di S. Bartolomio. . . . 44.126 
S. Fauslin Barbo fo Auditor vecbio q'^ S. Marco . . . 85.92 

i). Pim> Bo)đii el grando q." S. Lunarđo 89.88 

S. Zuam Navajer fo Capetanio a Ra$po q." S. Aadrea. . 131.49 
$. Mareo Gradenigo el Dat. fo Aud. vecbio q."> S. Anzolo 59.98 

nt)n S. I^renzo Opio el Dotor fo Symco e Proved.*" di lerra 
fenna. 

non S. Jacc^o Micbiel fo Auđitor nuovo q*'^ S. Biaxlo. 

non S. Pietro Diedo fo Savio ai bordeni q.™ S. Franc." q." S, 
Antonio Proved.'' 

non S. Zuam Antonio Barbaro fo Auditor nuovo q.™ S. Josafat. 

non S. Faustin DolBn fo Camerlengp in Creta q."^.S. Hironimo. 

non S. Hironimo Girarđo el Cao di 40 q.™ S. Fraacesco. 

non S. AlviKo Badoer fo Castellam a Liesoa q."' S. Jaaimo. 

non S. Piei'o Antonip Moresini fo Savio ai ordeni q.'" S. Jui»lo. 

non S. Franccsco Viaro el grando q.'^ S. Luča. 

non S. Vincenzo MaUpiero fo Casteilam a Brandizo q.™ S. And.'^ 

non S. Ant.<> Loređam fo Podosta a Monfalcom 41 S. Pjero. 

non S. Jacomo Zustigiiam di S. Marin. 

non S. Thoma Donado fo Consolo ^i Merchaibnii q.'" S. Nicolo et no- 
ta io non.vulsi esser nominato. 
~ Vene S. Alvi$e Badoer q.^ S. Rigo $tato in Arbe per ooodur 

quelli signori Corvati et fo la sna relatione. 

— Vene il Conte Guido Nontio dil Conte Zuane di Corbavia vol 
parlirsi non avulo danari ni aUro il Principe lo carezo. (X, 733). 

— Di Cherso e Ossero di S. Nicok) Balbi Conte zercba danni fa 
una fusta di Muja li ut in literis fo comevso per la Signoria al nostro 
ordine dovessano far provisione. 

— Di Žara di S. Jacomo Micbiel Sor^icomito di 21 carga S. Lo- 
reuzo Corer e S. Franc.^* de Prioli Rectori di Zfira qiiali banno stentato 
ad aver bomeni per la galia e non li banno compito dar bomeni per 
rttodolo e va a Lissa per trovar le altre^do conserve Guora et Cornera . 



Digitized by VjOOQI€ 



356 

et ie Ictere Mrite a Trau e Spalaio^r hoiucni pocbi ne baniM auto (». 4510°. 
(X, 741). 

— Fona aldili li Oratori dil populo di Cherso contpa li NobiU 
coQ capiioli 9 et poi altri 9 azonti pario per li popalari S. Laća Minio 
Avochato bor fono comessi ai Savij ai ordeni. (X, 744). 

— Di Trau di S. Alexanđro Viaro Conte do Ictere coine luanda 
uoa letera auta da S. Hironimo Zorzi di Verbosana e una letora dil 
Sanzacbo Ferisboi in materia dile anime fono oienate via di quel terri- 
torio ec, per 1 aitra scrive contra uno Iliroalnso Lučio Traguriao qual 
e qui causa di gran mali d qual volse 11 Conte con ono Zudese uiete^- 
se parte nel suo Gonsejo e in quello fo crida arnie Turehi esser ala 
Porta e fo disdolto el Consejo iinde li altri do 2kidesi complici dil dito 
Hironimo ^ttoscrisaeno a qudla parte e che dito Hironioio fosse Ora- 
tor ala Signoria con altri e mandono dal dito Hironimo Lučio qual fe 
sotoscriver ad altri Tragurini el qual HironiuK) dfee $a queHa si fa ia 
Colegio e le letere scrive H Conte e la Signoria or fo terminado far ve- 
gnir ditto Hironimo Lučio in Colegio e admonirlo. (X^ 749). 

A^osto« — Di S. Alvixe Cappello Provedadordi Almissae Poliza 
di 18 luio come đe oontinuo Almissani e molestati che una note venivano 
Turclii 30 per il fiume de Cetina che corre davanti el borgo de Almissa 
con quelle Ihoro barche de coranie c cussi per persone degne di fe4c 
ba inteso essi Turehi baver falto 18 barche de siioil sorte e tenirlc 
cussi preparate per tanto prega li sia nuindato do albori vechj di nave 
che siano groasi pie 7 et longi 12 ^/^g con le suc cadene e serameati 
per poter con quelli traversar il fiume e tenirlo serado la nocto con la 
sua guardia conveoiente et manda di qui Jacomo da Crema per queslo 
efiecto : item se li maođi legnami ec. 

— Di Curzola di S. Lorenzo Bađoer Conte di luio comc de li 
e capilati molti zentilhomeni Le&ignaoi con te loro fomeglie per il caso 
seguito a Liesna diia movesta fata dil popolo contra essi Nobili. (XI« 4). 

— Di Sibinico di S. Zuam Francesco Miani Conte e Caplt.^ di 24 
luio come il morbo erra a una villa e in la terra da 20 di in qua e 
cessato: item Turehi e venuti a depredar una villa chiamata Zablatia in 
Brichi qual za \enti anni non e sta niolestata et hanno menato via ani- 
lue 30 e tolto uno bo qual amazato volendo andar homeni per la carne 
perche erra sula strada foano da essi Turehi ut supra presi : item vol 
polvere : item scrive di letere avute di Costantinopoli zercha presoni 
ec. et cussi io li fici balotar 10 barili di polvere. (XI» 18). 

— Di Vegia di S. Francesco di Prioli Conte di 30 oomo a Buchari 



Digitized by VjOOQI€ 



S56 

1510* ala flera loco dil Conte Bernarđim di Frangipani hessemlo anđati molit 
nostii coD la feđe et crlda fata đi salvoconduto par quel Capiianio ge 
Ihabi rota et banno retenuto tati li nostri barche et homeoi e il tutto 
unde lui Conte mandoe uno da quel Capitanio a đolersi nomlnato Ma- 
thio de Siduol el qnal Capitanio lassoe le barche di Cao đlstria đi- 
cenđo ii Conte sao Signor auto danni dal Zeneral nostro cbe li rupe el 
salvoconduto ec. (XI, 25-26). 

— Di Žara đi Rectori avisa di ocurentie tra le altre cbe banno in- 
teso Zoylo de tuto aver dato ala Signoria Ubere ducati 200 avisano erra 
\ero debitor di diti danari et erra passa il tempo etiam dia dar altra^ 
tanli e piu ut in literis per raxom siche non a dato nalla dii suo. 

— Da Ragusi di Nicolo Stella Secretario nostro di 22 di luio dii 
zonzer li et zonti li Nontij Anconilant et si partira per exeguir i man«- 
dati et Ragusei sono molto satisfati dila Signoria et inteso la nostra ar-> 
mata esser levata da Corphu e andata a conzonzersi con la Yspana e 
queila dil Papa dicendo e intelli'gentia insiemc per zorni 3 banno fato . 
dele procession pregando Iddio đoni \ittoria ala Signoria nostra da la 
qual dipende la loro salule. (Kl, 35). 

— Item proposi la expeditiora dil Conte Zuane di Corbavia il suo 
messo e qui za tanto tempo : item dil Con testa bile dila torre nuova »c. 
(XI, 39). 

*— Vene domino Zoiio Tetrico da Žara iusf ificandosi di la letera 
fo scrita per li Rectori di Žara con tra di lui et cbe e debitor dila Ca^ 
roera dicendo non dia dar nulla et fo comessa la cossa a S. Nicolo Del- 
fini lAvogador veđesse ec. (XI, 41). 

'— Di Sibinico di S. Zuam Francesco Miani Conte et Cap.<) di pri- 
me come el vien in questa terra Antonio Virevich messo dil Conte Co- 
xule per danari et manda la sua mostra fata el qual si duol non esser 
pagato da la Signoria nostra jaxta la promessa et il suo desiderio et 
prega la Signoria sia expedito presto di qai el zohti šarano li danari 
sara a cuštodla đi quel terrilorio perche borra uno anno fo preso anime 
i 20 la piu parte femene cbe venđemavano el qual CoyuI« volea venir 
a Venetia la intertenuto non vengi cussi etiam la consejato lo Episcopo 
de li et allri zenttlhomeni ec. aspeta risposta ala expedition. (XI, 4B). 

— Vene lOrator Ragnseo restato sin borra in questa terra e to's3 
licentia di repatriar ringratio la Signoria et li fo dito la parte presa eri 
nel Conseio đi x videiicet cbe Ragusei de cetero potesseno portar etiam 
Iboro argenti in questa terra cc. li piaque. (XI, 50). 

— Di Vegia di S. Francesco di Prioli Conte e Provedador di ^ 



Digitized by VjOOQI€ 



»57 
serchft upo Noolio dil oapitanio đt Bu(;hf)rl venuto <le li a Uolersi o sta 1610. 
daniza il suo Signor e si mandi Noncj sot a veder It danoi e sla facto li 

9 risposto non saper nulla. {Xl^ 52). 

— Vene il Conie Vida . ... Nontio dil Coiite Znane di Corbavia 
qiial 10 fici expedir auli ducati 800 a conto dil suo sUpendio tocho la 
man al Principe et parli assa satisfato li fici donar đucati 15 per farsi 
una caxacha. (XI, 80). 

— ■- Di Žara di S. Lorenzo Corer e S. Francesco dl PrioH Rectori 
dubila dile cose dl Flotigaria a ielere dil nof^tro Oralor di Hongaria sia- 
gino reguardosi et avisarno come sta quella lerra nuđa de tutti i presidj 
non li e ni artelarie ni fanti et perho si fazi provtsion. (XI, 85). 

— Vene il Conte Vanissa Vayvoda Polizano con olto Turchi in eom-» 
pagnia i qua1li Turchi volevano licentia di'parttrsi đicendo hanno la 
Ucentia in mano dolendosi gnello erra sla falo a Padova araaza uno di 
soi ec. unde il Principe U carezoe dicendo reslasse ancora per uno 
mexe ec. siche li tasentoe e senza altra balotalion ma per arieordo dt 
S. Piero Capello Savio dil Gonsejo fo mandato per Ihoro Proveditor uno 
amico dil Conie Vanissa con đucati 25 al mexe qua1 fu S. Alvise Lore« 
dam fo Soracomito q.<^ S. Luča et senza dir altro fo balota darli đucati 
35 et ando Proveditor di Turchi ec. 

— Vene il Conte Piero Monocovich qual non vol andar in Dalma* 
tia ma vol star dove si fa fati et cussi parse al Golegio non lo mover e 
fo rimandato in campo a Cividal. (XI, 98-99). 

— Fn posto per tatti i Savii et nui una parte chel Podesta di An- 
tivari S. Vicenzo Zen presenie de cetero si pagi đe li đila mita di quel- 

10 el dia aver e laltra mita vadi in la fabricha come fu preso con quelle 
condilion medeme et fu presa ut in ea. (XI, 126). 

— Dil Abate di Meleda Nicolo Gondola date ivi adi .... avisa 
la dieta fata in Hongaria e li Oratori di inimici erano et e sta proposto 
tuor la Đalmatia et electo Capitanio dell impresa a nome dil Re di 
Hongaria II Hol fo dil Đucha Stefano e arma nemicha vien in colfo avisa 
come bon servidor e lecta la letera si brusi. (XI, 1 49). 

— Vene uno Spalatlm dulendost molto di S. Jacomo Liom Conte 
de li ^ual fa manzarie ec. et fo parlato di mandarvi Synicho et ditto chd 
v^dt a dolersi ala Avogftria. (XI, i 61). 

Settcmbre« -^ Di Cherso et Odsero đt S. Anzolo Balbi Conte 
come joKta i mandati manđa il prdcesso formatd zercha i popubri et 
Nobili ut in eo il Principe ne lodete per esser la caiisa prefdta đl 
Cherso' comessa a lhordin<^ nostro. (XI, 474). 



Digitized by VjOOQI€ 



358 

1510. — Di Spalalo tli S. Jacoino Lioin Conte in risposta di ({uanto li (o 

scrilo zepcha li bregantini armo de li per anđar in cofso scrive si fece 
dar segurta di non far danni a nosiri : item scrive di formenti conduti 
de li da darli a qiieli fanti senza horđine qnanto ne a chi ni ia lileris. 
(XI, 179). 

— Di Vcgia đi S. Francesco đi Prioli Conte e Proveditor di SOaro- 
sto come recevulo le lelere dilai Signoria noslra zercha lo armar la fusta 
de !i di hanchi 22 e fato Conseje Nobili et Tribuni qaaii inlravien per 
il populo feno assa parole e carga uno Piero Tiraoro e uno pre Golaso 
che sonno persone causa di ogni mal nel popnio contra Nobili tamcn 
lui Provedađor sedo et a fato processo contra questo Piero Tiraoro e 
niandato ai Cai di x tandem in dito Consejo fn terminale armarla dan* 
doli il corpo fornito perche la fusta e come una galla «t perho si manda 
Polio Lando per questo di qui eh e uno deli Tribuni: item justa le letere 
nostre a fato dar 11 navilio fn preso con li corami era de li a Francesco 
de Zumer : item come il Ban di Segna eh e Both Andreas e il Conte 
Bernardim Frangipani insieme con li so fioli anno fato assa zente a 
quelli conflni e in questi di passati luno e laltro aversi fato danno assai 
per li comuni paesi Ihoro facendo prede de animali anoor che lui Pro- 
vedađor creda siano simulalione come hanno ušato far per avantl. 
(XI, 203). 

— Di Cataro di S. Polio Valaresso Retor e Proveditor date adi 19 
avosto come manda pegola di qui di uno la vol venđer si la Signoria la 
vol per 1 arsenal e scrive il precio et non la volendo sia lassato ven- 
dcrla ad altri et fo ordinato tuorla e pagarla : item scrive di uno di 
Lustiza qua1 e sta amazato alle satine quelli de Lustiza armati andono 
li saria seguito gran remor ma lui Provedađor cesso il remor e scan- 
đalo seguiva: item Turchi voleno fabricar Caslel Risano li viclno che 
ruino feno far le calabare di calzine tamen anchora non lavorano. 
(XI, 208). 

•^ Vene uno Tureho vien da Dulzigno avanti il principe andasse 
in Chlesia con una letera et si oferisse 400 eavalli đi Turchi a ogni 
comando dila Signoria nostra. (XI, 243). 

— Di Žara di S. I-.orenzo Corer Conte e S. Francesco đi Prioli 
Capitanio di 27 avosto come senleno Turchi voler far novita vodano 
meter le guardie zoe in 9 lochi guardiani 4 per uno ma non hanno 
danari et vpriano le 30 et 40 p<nr 400 potesseno spenđer sopra lal 
maleria. (XI, 220). 

— Fo scrito per Colcgio ali Rectori di Žara che zonte saranno le 



Digitized by VjOOQI€ 



359 

gafie isotii dia vegnir li da Corphu che subilo le mniidino a dreliira a 4510. 
Chioisa subilo subllo._ (Kf, 233). 

— Di Sibinico dl S. Zuaiu Francesco Miani Contc e Čapitanio dv 
ultimo avosto come a receulo formenti per H soldati senza ordine al- 
ccim zoe per li Stratioti pur a paga sci creditori e đi qui^!li Stralioti vi 
erano guasi tutii sonno partiti e venuti de qni sicbe resta solo. (XI, 
243). 

— Di Anti\ari di S. ViceMo Zen Podesla et eliam dila Comunita 
zercha una Abatla di Rotazo ititerveneiiđo uno domino Zorzi de Uber- 
tis qual vol darla a uno altro et e mal ec. (XI, 275). 

— Di Trau di S. Alvixe Orio Conle di 7 zercba el C onte Coxule 
et iliahda una lelera inclusa: item dile moslre fate ali fanti sonho de li 
zoe ala piaza pro^isionaii 25 et sono 4 Ccnteslabili do ala piaza do ale 
porte videlizel Alvixe Foscarini con 44 Gerardim da Frezo qual e a 
Vcnetia 47 Sabaslian di Chaniarin 43 et Biasio Polini 44 : item e stalo 
in Castello el qtial tutto piove e se immarcisse et e mal in hordine : 
item scrive il Gabelador dlil sal e li e spesa buta via saria bon casarlo: 
item tocba S. Alexandpo Viaro Conle suo precessor e diče mal ec. (XI, 
294. 

— - Dil dito ivi adi 25 come e nova per uno fante venuto di Ra- 

' gusi dile cosse di qui ul in lileris et adi 9 fo lelere de Scherbei San- 

zaebo ali confini di Hongaria chel Re havia fato trieva con esso Signor 

Turcho perebe in questo mezo vuol tuor la Dalmatia ala Signoria c adi 

40 fo ala Porta e li.Bassa li disseno aver queste nove e di lacordo fato 

Ira il Papa e Spagna et che larmata đi Spagna havia preso in Barbaria 

tutto excepto Tunis ec. : item poi fo da Mustafa Bassa solicitanđo pur il 

soccorso scrive colloquij abuti insieme poi fu da Alibei Dragoman et ii 

Sanzacho dila Morea a scrito al Signor che Padoa erra streta dale zente 

ininilche perho feno arz al Signor li Bassa et poi ussiti li disseno el 

Signor non pol dar sussidio ala Signoria per questo inverno el clic . . . 

Bassa zuro che la sua spada sia el suo fin chel Signor a bon volcr 

scrive il Signor a matidato a tuor nno medicho ala Mecha inteso dila 

sna fama e ando per Ini Alibei fo qui Orator ala Signoria nostra el qual 

'e ritoma col đito medicho qual e đi annl 35 diče et a dito ali Bassa 

questo Alibei che e sta retennto trć nostri verso iHongaria quaK anda* 

vano al Sophi a' inritarla contra il Saldam tamen esso S. Nicolo c stato 

dali Bassa et nitlla li hanno dito di questQ aviso : item li Gianizari vo- 

leno mal al S. Turcho- (XI, 295). 

— Di Calaro di S. Polio Vallaresso Rector e Provedador di qnelle 



Digitized by VjOOQI€ 



AblO, ocorentie e dil 2onzer dil San^acho a jUonteaegrp qi]al e quello erra a 
Caslelnovo homo cattivo bisogna strangolarlo con presenti, (XI, 825). 

OMobre* — • Đi Spalato fo letere di 26 septembrio dil Arzive* 
scovo domioo Bernarde Zane come S. Jacomo Lion Conte stava in 
extremis : item che Turcbi cavalli 40.0 e peđoni io tutto erraao corsi in 
quel 3orno fia sulle porte ađeo fu fato si bona provision ehe non me- 
nono via si non una femena. (XI, 366). 

-^ Di Spalato di S. Almoro Barbaro Camerlengo e Castdam e Vi- 
ceconte cotue adi 12 dil istante mori S. Jacomo Liom Conte e Capitanlo 
deli. 

— Noto li Turcbi crrano qui fo termioato remandarli in campoel 
parf e volseno tornar jiarle no et il Conte Vanissa volse ritornar con zer- 
eha 50 di soi et 56 partirsi ec* et cussi đito Conte Vanissa fo manđato 
subito in campo. (XI, 383). 

^i— Adi 22 in Colegio vene S. Hironimo Zorzi q.>" S. Andrea da 
S. Marcuola stato in Verbosana da Ferisbei Sanzacho al qual al mio 
tempo fo đato licentia el ripatriasse el referi poche cosse et điia volonta 
di quel Sanzacho. (XI, 384). 

IVovembre« — Fo leto uno aviso di uno e in Verbosana amico 
fidel dato adi . . . ottubrio avisa come e zonto li a Ferisbei Sanzacho 
uno Orator dil Imperator con 4 cavalli et nomina la nome a invidar 
quel Sanzacho a mover guerra a Venetiaai e tor Cataro Antivari e Đul- 
zigno ec. et che non volenđo acetar tal invito scrive a Constantinopoli 
al Sigiior et lui aspetera li la risposta unde subito dito Ferisbei spazo 
letere al Signor Turco e altre particularita ut in eo. (XI, 414-445). 

Sumario de trna letera di 5. Alvixe Capello Provedador deAlmissa e 
Poliza data in Almissa adi 22 novembrio 4510. 

— ^ Chome a receute letere di 27 dil passato che con li Capi di x 
li comanda debi repatriar per non far piu del bisogno il suo star đe li 
si duol Spalato sia lassato senza governo et avisa il Conte Andrea fiol 
dil Conte Piero Novacovich insieme con alquanli soi complici sonno 
causa de mojti inconvenieuti et eri fo dimostrato con la ruina di quelli* 
poveri Turcbi dila compagnia dil Conte Vanissa che con licentia volevano 
ripatriar or za otto zorni vene a Spalato una griparia che menava da 
Venelia tre capi di preati Turcbi videlicet Murat Seremet et Nassuf 
con 42 soi compagni et 43 cavalli et molte robe loro dove ando el suo 
Canzelier li a Spalato per conferir con Ihoro et se li bisognava alcuna 



Digitizedb/CiOOglC 



S61 
cosa da esso Prov^dador e li fu deveđađo con manaze cbe andanđonon I51(K 
lo lasseriaoo piu smontar in lerra et hessenđo stađi li per foriuiia 6 
zorni adi 20 a horre 3 đi notte aparseno apresao Almissa soto Santa 
Maria fora đil borgo e inteso đila guarda li fece a saper bisognanđoli 
cosa akuna lo avkaseno ađnionendo U marinari non si acostasseno 
tropo a terra acio smentando non facesseno qualehe nial e se ne an- 
dasse poi in Turchia et non U fa fata risposta lamatioa al alba intese 
dala guarda cbome erra zonto li a Santa Maria un certo Grregorio Bo- 
navaz Ongaro amico carissimo dil đito Conie Andrca con 7 tra gripi e 
barche armate da Spalato et piu di 400 hpmeni con lui e lo pregača 
li desse ajuto percbel volevaandar centra diti Turchi per esser inimici 
de Cristiani e queUi cbe baveano ruinato questi conBni e rolto lui ben 
tre volte con grande ignominia dila Maiesta Uogarica li fece inicndefr 
erano fitati alli servitij dila Sigooria nostra e li havea affidati in nome 
di quella si đel andar e star eome del ritorno pregandolo el volesse star 
io pače el qual se tolse via et anđo seguendo la impresa per zonzer 
dicti Turchi et a borre 9 di note essi Turchi senza far altro moto ale 
guarde si t<4seno via et errano za oltra i'confini su queUo dil Sigtior 
Turcho e velizavano al suo camino et erano liberi da poi intes6 cbe 
UDO gripo da Spalato erra li nella fiumara de Almissa con do bonieni 
et nno puto.che diceano andar per legne erano anđati soto Santa Maria 
li fec9a far piu comandamenti ritornase mai volse ubedir iudica fusse 
apostato per U Conte Stefano di Rodos Vayvoda di Poglice perdie poi 
lera andato per terra ai molini e li se iinbarchoe con piu compagni 
eliam de Almissa et ando per aiuto del Banovaz : interiin sopravene ii 
prefato Conte Andrea con alquanti Nabili et molti villaoi tutli con le 
sue arme in do barche tolte per forza ad Alniissani le qual per il suo 
Canzelier fonno fate arivar e venir a Ini e li represe non voleseno vio- 
lar la fede publica e li potrla resultar gran scanđalo che guai loro e 
cussi dito Conte Andrea e per nome đili altri li iuroe star quieto e bi- 
sognando per amor đila Signoria nostra alutar i Turchi bor sopravene 
uno messo đicendoli I Turchi errano al Sorzador ritornati con syroco 
che si erra levato con il sol contra đi Ihoro et errano acostati a terra 
sotto Santa Maria e le barche e gripi del Banovaz li teniva dritto et 
errano alquanto remoti fece intender a esst Turchi subtto saltasseno in 
terra con quello che potevano e si salvasseno i qual si volse mover et 
come lintese poi fu per tema non li fosse tolti alcuni puti Cristiani che 
aveano nascosto in la griparia et de molti contrabanđi ma steteno salđi 
sperando conservarsi et esser difesi dal castello e borgo di Almissa et 



Digitized by VjOOQI€ 



36S 
tbiO. eussi e$so Provedador comanđo al Gasletetn c al suo Canzelier and^s- 
seoo ah Ibro difesa £ai<^Qdo pi*oclai]ie ninoi li fazi đantid soUo ^na dl 
rebclioa dila Signoria nostra e cussj pol esso Proved ador ando alla 
porta dil borgo per far proviBion e trovo chel Banovaz erra zonto e eon 
li sehidpeii dali gripi faoeva trar adosso ai Tarchi e liii Inf persona 
apresso Santa Maria voler iinpiantar una bombardcia per sfondrar H 
navilio orđinoe esso Pro\'edador a Poglizanl g^ la toleseno solo 3 Conte 
Zuane Ivannlsenich si mosse per eseguir e il Conte Andrea con li com^ 
pllci soi non si volseno impedir ptir ala fin )a fa rittmssa potevano 
tuorla e con saxi farli slargar da terra e non volseno ogniun bramava 
la nikia dt Turehi e piu volle fe far comandainento al Bano^-az non 
Tolesie vi olar ii porto e havesse rispetto ala fede dala per Ini a essi 
Tarchi e non piaceria questo al Re dt Hongarta ni ala Signoria nostra 
et minazo di sfondrarlt lo bM'che e amasar (}uelU poteva đi Ifaoro e Ini 
nulla stimoe tien havesse iDtelligentia eon el dito Gonle Andrea e visfo 
tat peitinatia ordino fusse đeserato dele spingar de e manđato a fondi 
qael gripo o barcha si potea ma non erra pur nn bombardier e li sol- 
dati feva lal oficio e recusavano a trar eontra Cristiani e descargavano 
coconi di legno unde el convene mandar i) suo Cavaliei* e poi il Canze- 
fier a Ulv trar balote di pletra e cusei fo fato e sfondi*ato el gripo đel 
Banova« in modo cfae lassono star i Turehi et voltada la sua bombar- 
dela se m^seno a trar verso la porta* del borgo dove era lui Proveda- 
đor e eonvene tornar dentro e intende chel menazo cazar fiiogo nel 
borgo et non vete^homo ne di Pdliza ne di Alniissa che si morcsse et 
erano molti ala diiesia in loco eminente dove con sassi solamente 
h> potevaM^ oiOTender et nulla fenno con lui Provedador eran solo tre 
vechj Almissani non sapea ehi mandar non erra Almissan cfaer non 
havesse di soi con el Banovaz e Polizani ha^ea el suo Vapoda con M 
ehe a autorita a comandar a tutta Poliza et vedetldo le barche e 
gripi errano appresso Santa Maria retlratc e II Turehi restati quasl 
sopra la splaasa dil castelazo dal altra banda i qtial aneora con \iflanie 
chiamavano desfidando dito Banovaz ala batagHa mandoe il suo Canze- 
Her a dirii smontasseno in terra con qttello potevano et cussi li mari- 
nari ussiteno fuori e Ihoro non volseno dicendo non li temevano e K 
mando uno Turcho con letere dila Signoria nostra di i3 đel pr^šente 
et dito Ganzelier li retnaudo el schiffo inst^ndo smontasseno emai vol- 
seno* «empre desidanđb'inimići. Vene poi il Conte Andrea a protestarli 
da parte dil Banovaz che si ti trazeva el ruineria el territorio đi Spala- 
to : pocho extimo e feoe trar quaiito pote e la sva salute fu che se tire- 



Digitized by VjOOQI€ 



363 

no verso )a spiaza fiior đil geto dile bombarđe đila torre e slevano 15101 

drieto al navilio di Tupcbi. Dal Castello no« se U potea nocer perche le 

baUbleli passavano de šora \ia. £tqt]e&U 7 gripi e barche poeho li 

potea far ma sopravene per la fiuoiara Znane^ et Gregorio fratelli đil 

dllo Conle Andrea el Juranco soldato dil Conle Piero con do barche 

carge di Pollzani ali qnal subito fe far comandameato soto petia dl re- 

beHon non molestasseno i Turchi et Ihoro se ne feno befk unde Tor chi 

^'edendo qfae8to perseno lanimo el Banovaz crido a Pdlizani đove e la 

fede mi havete dato che stali a far che noii venite adosso questi nostri 

inimici e ciissi tutte le barche e gripi onitamente havendo ii>tomiato la 

griparia deseranđo tutte le bombardete e Ischiopeti con il slanzar di 

$axi acostandosi sotto con vigoria asaltorno i Turchi il che veduto U 

Conle Andrea in persona con il Conte Xarco Ivanovich e molli al tri che 

furono zercha 20 Nobili de PoKza so patrimoniali con el seguito de 

assaissimi Ihoro villani misti con alquanti di Almissa butono in acqua 

certi il schiffo dila griparia et alcune peschcrasse che errano li in terra 

cl concorseno eliam Ihoro adosso a dicti Turchi ne valse a esso Prove- 

dador piu comandamenti non cride ne minaze e havendo combatuto 

cercha uno quarto de hora uno deli capi videlizet Murat si rese et fu 

tolto nella barcha del Banovaz Nassuf nelia-barcha detVayvođa de Po- 

Uza et doi altri Turchi hebe Andrea Novacovich e cussi chi in qua chi 

in la tulti si rqseno e fono fali presoni in quel conflitto doi Turchi zo* 

Teneti fonno morti e quel valentissimo capo Seremet per le ferite poco 

da poi expiro e cussi suo fiolo adoptivo e tandem tulti li superstiti 

Turchi insieme con li cavalli et la roba son sta dilapidati et disportati 

via uno schapolo li da esso Provedađor che quel che li porto la patente 

et 4 che sil)utono al aqua fuziteno per terra verso la Turchia et avisa 

questa operation dil dito Conte Andrea in remuneration deli honori 

et carezze che fa la Signoria nostra al Conte Piero el si ha provisto di 

etpetativa di beneficj al fratello prete il Banovaz adosso in Poliza e 

temuto e molto apreciato ait non fu mai tradimento senza chierega a 

Spalato fu pregato che li gripi e barche si aparechiavano in Vernoviza 

ale saline fusseno facte tornar in drieto e non e sfa falto : item prosto 

sara di qui. (Kl, 568-470 

Decembre. — Di S. AIvixe Capello Provedađor di Poliza si 
ave come li Turchi numero .... ritornati erano sta presi e altri ama- 
zati li vicino in Almissa ut patet in literls la copia dile qual letere sa- 
ranno qui avanti poste et vene uno Turcho di Ihoro scapolato in questa 
terra qual poi intro in Colegio et fo carezato et esso disse aver auto 



Digitized by VjOOQI€ 



364 
idlO* graa favor dal nostro Pi^oveđađor predito. Qae&U cossa e venuta mal a 
propo^ito a qaesti tempi. (XI, 482). 

-^ Ftt posto per 11 Savij di sospender certo đebito di S. Aildrea 
Baxeio va Conte a Spalato ha con la Signoria nostra, fin el stio ritorno 
ateiHQ ii đaiHii patiti qnafBdo fu preso Provedador a Brisigele e stato 
prexom ec. E S. Francesco Foscari Savio dil Conseio messe a lincoDtro 
Toler la parte con que$to ^tiani sia suspeso li dobiti di S. Lorenzo Fo« 
scarini e preson In Franza fo Provedador a Pizigatom e cussi fo balo- 
lađe tiite do et fo prese et nota la partd dil Foscarini fo malla parte 
per avenser qoesta porta. (Kl, 486). 

— Vene una barcha da. Sibinico con letere di S. Zuam Francesco 
Miani Gonte 6 Capilanio di certa novita seguita di populiari contra i 
NdbiH qu^li erano ditti Nobtli fuziti fuora dila terra tamen essi pbpu- 
lari gfiđavano Marco Mareo ec. (XI, 488). 



Digitizedby000^1e 



86& - 
ANiHO Iftfl. 1511. 

Genn^lo* --^ Venena ia qaesti zorni in qoesta terra alcuni 
zentilhomeni dl Sibinio^ et alcuni đil populo et fonno in Golegia ex(K>- 
nenđo le contfoversie Ihoro eh e di gran importaiHia che li popnli fliano 
ia Đafauatia sussiiadi eanlra li Nobili perho e da far provislom. (XI, 
518-519), 

— Fu posto per li Savii dii Golegio proliiogar aHri do mexi a S« 
Zuam Navajer Provedador a Liesna qual ando con comi^siom de andar 
star e tornar solum per 4 iiiexi con dudiati 40 neti al Điexe atento 
manđoe ii processo de qui et aspeta rlsposta et fu presa. (Kl, 528). 

Fehbrajo« -^ Adi 14 da malina in Golegio vene S. Aivix6 Car 
pello venulo Provedador di Almissa et Poliza qual per đeliberalion dil 
Consejo di x. con Ia Zonta fo Provedador .mandato de li et per dito Cou- 
seio e sta preso havendo compito il tempo non mandar de li piu Pro« 
vedador ma dita Almissa e Poliza torni sotto il rezimento di Spala to 
eome prima hor in Colef^io que6to Provedador referi ec. (XI, 587). 

— Noto in questa notte parti Nicolo Ottobon va Secretario in Al- 
missa per far Ia reslitotion di Turchi 36 vivi prexoni di quelii fonno 
qui et e parte de prexoni in man dii Ban de . . . (XI, 615). 

Hlarzo* — Dl Žara di S. Lorenzo Corer Gonte e S. Francesco di 
Prioli Gapitanio avisano cliome bisogna Ia Signoria provedi a qttella 
Dalmatia et si fazi star li tre galic sotil di quele vien a disar mar e 
que&to perche quel Gonte Zuane di Corbavia non e da fidarsi fece.danni> 
e Both Anđreas ec: itcm zercha le cosse di Hongaria hanna esser man-; 
cati di peste numero . . . mili^ pei^one. (XH, 3). 

— Vene in Golegib S* Polo Valaresso venuto Relor e Pfoveditor 
di Gataro vestito di paonazo con barba pei* Ia morte dil fratello Gapita^ 
hio di Baffo et referi zercha le cosse. di Gataro ec. (XII, 5). 

— Di S. Zuan Navajer Proveditor a Liesna fo leto in questa ma^ 
tina una letera avisa di queUe occorrentie e eotae alcuni capi di popu- 
lari come Oratori sonno venuti di qai e hanno ricolto tra quelli po- 
puli danari per spender e hanno impito una bareha con bariti di fige 
e.zeladiaper prescntar con altre parlicularila e fo gran remor in Coleio 
dicendo fige e zeladia vasta le cosse della Signpria et fo chiama per il 
Principe li Avogadori e comtnesso tal inquisitiQne et havendo apresen- 
ta a, queUi sono in Coleio et officio debino mandar le leze ad execu- 
liop.(XlI, 14). 



Digitized by VjOOQI€ 



866 

1614. — Di Spalato dil Areivcseovo Zane fo lelo una lelcra coine quela 

Dalmatla va in preda e si prdveđtf qfiel Gbrfla da Tiirchi e altri vien 
depredato continuamente ec. (XII, -15). 

•*-^ Ađf 9 đomenega fenao alditi li OrMti di Polba oon lelere 
dil Coole di Spalato S« Andrea Basoegio cbome f aelie cosse de li e ia 
manif^to perioolo per li đamii lamno Torcfai su quel Coota ee. 

«^ Đi S. Alvixe Arimoado va Oralor al SgiioF Tarcho di 4 feorer 
da Ragusi come zonto li con la gaiia trovo una nave Ragusea partiva đi 
A1exaDdria adi 4 soner disse deli garbug} errano acoonci con tiKte le 
natiom e altre partieularita ec. (XII» 23). 

— Adi 43 fo 3an Gregorio voie in G>iegio lo Episcopo Oelocense 
dicenđo csser letere partieular di Vegia cbe Bolh Anđreas Ban di Se- 
gna babta la ponia et erra ia extreinis unđe il Coate Beraardin Frangi« 
pani erra jNr^rato <ion sente per recuperar Segoa e cbe lui luivia auto 
aviso cbie l4^a varite qiiesto e qai e praticba di condar el đito Botb 
Anđreas con la S^ooria. (XII, 39). 

— Fonno balotali alcuni Conlestabeli da esser mandati ftiora vide« 
iicet do a Traa uno a Spalalo et uno ala Cbiusa e i^iaaali dentro 
qnelU volseno esser baloCati rimaseno li infrascripti videlieet Tomaso 
Cbiavo Maroo Gopo JV^albio da Brexa a Trau Zuam Balista di Mareli da 
Verona a Trau ma non ave ezecutiom. 

— Vene ia Ckđegio lo Episcopo Očtoceose qual a lelere đi Botb 
Anđreas^ fipn di Segna ceme 1 e varito et serive cbe Turchi in qiieUi 
Gonfioi banno faio daani asslii et combatttito Jenina et briisato el Imrgo 
de SGgaa ec. e dloiando eerti frumenti e polvere a conto dii Re dtHos* 
garia : item volova eondor dito Ban con la Signoria nostra dicenđo 
llmperator el vol a suo soldo e vol aolum per la^ua persona ducati 4000 
et 4 ducati per cavalo ee. or fo balota Akt^ certo poco fonnento e pol- 
vere ma noo si eonientoe el poi si paiti e torno a Otočac anto le soe 
mitrie e calessi et altro erano a Fiume cbe la Signoria li fece dar il 
tutto. (XII, 46). 

~ Di Žara đi Reotori đi Spalaio đi S. Andrea Baxeglo Conie etđa 
Sibiniebo di & Zuitm Franceftco Miaai Oonte di quelle lurbation di Dal- 
matia e ooiiie Tjircbt banuo brusalo il borgo di Sfigna et mandano ima 
letera avuta dil Vesoovo di Scardona el zercba Martelossi cbe bnno 
daqni el si provedin di presidio ise. (XII, 55). 

Aprile« «^ Đi Spalato di S. Andrea Baxegio Conte fo letere el 
di Kieolo Oltobon S0e|r6tarto date li a Spalato cbme e stalo con qnelli 
Signori bauno prexoni U Turcbi et non e modo đi averli sonsa pa^ 



Digitized by VjOOQI€ 



867 
gttiii iaUija ei par li«ibi lassaio uno di Iboro qua1 o andato ala Porta 4541« 
dal %aor ec. (XII, 90). 

-*- Vene il €oQ|e Vaoissa di VoJAz^ stata io eampo col Proveđador 
Capello venuto per la via di Raveoa con pocbi di 5oi solainente laloso 
in caxa di S. Zacaria Loredam a S. Canxiam» 

— Đi Cataro di S. Uarco Ariuiond« Retor e Pf'Ovadilior si ave U^ 
tere eUome justa i mandali dila Signorla nostra et le bolto poatificie 
liavia fato retenir U doodno Alexandro di Fraaci debitor di q«iel Agu- 
stia Gixi il modo smvero pol di soto, (XU, 96). 

— Vene il Conte Marcns Ra^mundus pro illost. et escelleot Dncali 
Domino Venetiarum ec. Rector et Provisor Cathari et tlistrictas. Haven^ 
domt el spetabile domino Ale^andro Franci de Spanochlj per satisfation 
nostra et per rimover ogni siispectione havessimo de facti soj per es« 
sere venuto in gnesta citta casai poaitivamante fat^ aagnria de non se 
partir đi guella over suo distreto senza nostra lioeotia per qaanto aspe- 
cta a .cossa alcuna chet havesise comessp o fosse per comettere eootra et 
Stato della prelibata iUustnssima Signoria nostra over in pre^oditio di 
quella aoto pena de docati mille: ne e parso ben coavenieate versa viče 
aui etiam affidarlo per qua]ttnque altra cosa dvii e d^ito suo pri vate 
acio solo qu6ato volume de cosse publice el noa vegnifi^ liffver qaal« 
che daanp pe le sue particular private. £l bine est ohe teiK^re presen*' 
tiiim al dlcto domino Alexandro affidamo totto Ubero et secaro salvo^ 
conduta et fidantia gli concediamo ita cbe tute Ubere et seoure el poea 
star et pralichar in guesta čita e sao đistrieto senza lAeano. ttotor. mon 
lestia over impedimento si detla roba egli havesse come nella propria 
sna persona quantum est per dicte oosse civile et debili privati di qua' 
luuque sorte et suma comitendo al Cavaliere e tutti altri offitiali nostri 
cussi gli babino inviolabilmente ad observar valituris presentibus ad 
beneplacitum nostrum et cum zorni octo de contramendo in quorum 
fidem presentem Seri iussimus et sigilli sancti Mard muniri. Dale Ca- 
tbari đie primo martij 4 $4^, 

lo. Fraocisciis Milianuđ CanecHariua 
de«ianđato(XII, 184). 
-^ Marcus Bao^mundus pro illmtrtesioia et ^Kceitctttiisimo DucaK 
Domipio Venetiarum Reotor et Provi'^or Calbari et districtas. Aneher efae 
soto de primo maržo del preseote mlllesimo faabiamo faeto salvoeon^ 
dulo real et personal a vat domino Atexmiđro di Franci Spanediia dd 
Slona al presente per riiiiiover ogni suspadiom haver pesaiafi per al- 
tuna c^u^a.m4xii|ke per d tott dno dal sionaslen) ^e San Bornardim 



Digitized by VjOOQI€ 



368 

1511. đe Catharo el star verso in Turchia et per llberarvi dila &ervitu perha 
tenore presentiuiu conceđemo a vui prcdicto doiolno Alexanđro llbero 
fiicDro et indabitalo salTocondato real et personal de tntti et cađauni 
debili privati et civili de qaalunqne sama aprobando coafirmanda 
et ratbifichando in omnibus et per omnia el sopra scrito salvoconđnto 
superius nominato che Ubere et expeđite venir poslati a Catharo et ivi 
star andar el praticbar et per el distrecto senza alcun timor molesCia 
dver impedimento si dila roba vostra come etiam nella propria persona 
vostra et cum mesi dai di cootramendo in quornm fidem bas ileri jus- 
simus et sigilli sancti Marci muniri. Data Cathari đie 24 aprilis I5i4. 

lo. Franciscus Milianus Cancellarius de mandato. 

SpectabiK ac strenuo domino Triphonj yayTođe Cathari ami-' 
corum optimo. 
Speciabilis amice carissirae. Gfonto a nui e stato Zaneto nostro 
ftinte qual ne ha rechiesto le juranze di vostra spetabilita et di domino 
Alexandro che volendo nui observar la fede prestada a đito domino 
Alexandro vui con esso venereti per il che ve permettemo meliori for- 
ma sopra la fede nostra vogliati infalanter vegnir perche slamo per 
raantegnir in omnibus la fede nostra et salviconduti facti a quelb a« 
zio che cum quello alcuni sol messi apposta tra li qua11i sonno uno Fe- 
đericho tutto suo siche queli voleno conferire alcune sue cosse per tanto 
non fatti falio vegnir ec. Cathari xxix aprilis 154 4. 

Marcus Raymundas Reclor et Provisor 
Cathari. 

Copia de uno salvoconduto translatato de turcho in latin uiinfra. 

— Cussi sia noto a cadauno davanti a cbi apartiense di mostrar 
over manifestar questa scripiura come mi Cassan yayvoda de Monte« 
negro bo dato la fede de Dio e di Gran Turco e đel mio Signor Utra- 
beg e anche la mia de Cassan 7ayvoda ho dato la fede ad Alexandro 
Franci a Ini e a cbi sara con loi che vađa liberamente per tntto lo 
psexe del gran Turcho per tulto đove li piaceze senza dubilo de alguna 
maligna cason ne de nessuno iie Turcho ne Christiano. Scriptum in la 
terra de Kabiacbo apresso el lago de Scutari adi 38 april. (XII, 4 SS). 

Magglo« — Di Ragusi di S. Beneto Contarini di S. Znam Ca- 



Digitized by VjOOQI€ 



869 
briel vien fator đi Baruto m ave lelere a uno avbu di Aleianđria le 1544. 
cosse e conze. (Xn, 442). 

Giug^o* — Di Žara di S. Lorenzo Corer etS. Lunarđo Michiel 
đi 48 et Andrea Baxeio Conte di Spalato đi 42 ia conformita par il 
CoQte Coxule li habbi fato intender aver preso ali confini certo Turcho 
qual li ha aflrmato il Sigaor Turcho in Andernopoli esser morto : item 
che Turchi haveano roto alcuni di Frangipani e preso il Capitanio a 
quelli confini ut in literis. (KII, 208). 

Agoslo« — Adi 7 ia matina in Colegio vene Matio di Žara 
Conlestabele nostro di fanti. (XII, 272). 

— Dil Conte Zuanis date im Poliza adi 25 luio chome e zonto il 
8U0 Canzelier e inteso il zonzer di ducati 4500 per far li cavalli nu- 
mero 200 si đuol ne pol aver 400 et se i fosseno di qui si faria fazen- 
de tamem con li diti vera ec. (XU, 291). 

— Et il Colejo con li Cal di x redati alditeno li zentilhomeni di 
Liesna qualli instano esser licentiadi a poter andar a far le sue vende- 

me e a lincontro S. Matio Orator di populari đi Liesna el qual pario 

altamente contra di ihoro. (XII, 327). 

— Item fo parlato di cargar navilij e mandar a Sibinlco e Dal- 
matia a mazenar il formento cressete Ia farina padoana in fontego val 
lire . . et laltra lire (XII, 336). 

SeMembre« -- Di Ragusi dila Comunita ala Signoria nostra 
đi 22 avosto scrlve quella nova e come e sta roti 4 8 in 20000 cavalli 
et che 1 exercito del Signor Turcho e sta uno Capitanio qual scapolo 
con d500 cavalli di Ia rota li dete i Sophi et queslo unito con 1 exer- 
cito dil Signor a roto dito suo fiol ec. e fo una letera ben ditada e sa- 
ria di tal aviso. (XII, 368). 

— In questi zorni achadete a Sibinico dove e Conte et Capitanio 
S. Zuam Francesco Miani seguite certi remori dil populo contra alcuni 
Zentilhomeni quali li sachizono et sicome per lelere dil dito Conte se 
intese il tulto. (XII, 382). 

— Fu posto per li Savij tutti atento li disturbi e in Dalmatia che 
sia elecfo per scrutinio in questo Consejo Provedador in Dalmatia con 
ducati 70 al mexe per s^pexe et meni con si 7 cavalli : item vadi con 
quelli fanti parera al Colejo e che cadaun Retor di Dalmatia possi rete- 
nir quele galie veranno a disarmar che li parerano per custodia et fu 
presa. 

— Fu posto per li Savij dar al Conte Piero Monocovich oltra du- 
cati 42 di provision Iha al presente li sia dato altri ducati 6 ita che in 

24 



Digitizedby VjOOQIC 



370 

451i. tutto habi đucati 20 al inexe et fu presa per esser valente homo el qual 
e iD quesla lerra. (XII, 397). 

•— Fu fato il scrutioio đi uno Provedatlor in Dalmatia et rimase 
S. Sabastiam Zustignam el Cavalier Savio a Jerra ferma di una ballotta 
da S. Zuam Vituri che fo Provedađor in la Patria di Frial qual se ri- 
trova mandato per il Coleio a Trevixo et il scrutinio sara qui avanti 
posto. 

Scrutinio di Provedađor in Dalmatia con ducati 70 al mexe 
per $pexe iusta la parte. 

/" 

S. Troiarn Bollani fo Provedađor a Lona q.^ S. Hironimo. 

S. Francesco Donado el Cavalier e di la Zonta q.™ S. Alvixe. 

S. Zuam Vituri fo Provedađor in la Patria di Friul q.°> S. Daaiel 85. 

S. Hironimo Querini fo dila Zonta q." S. Andrea. 

S. Polio Valaresso fo Retor e Provedađor a Calharo q.™ S. Cabriel. 

S. Zaccaria Valaresso fo Conte in Arbe q ™ S. Zuane. 

S. Piero Marzello fo Capitanio a Bergamo q.°> S. Filippo. 

S. Francesco Capello el Cavalier fo Provedađor zeneral q.™ S. 
Cristofolo. 

S. INicolo DolGm fo Avogador di Comun q.™ S. Marco. 

S. Alexandro Minio fo Camerlengo a Faenza qJ^ S. Casteliam. 

S. Sabastian Zustignan el Cavalier Savio a Terra ferma q.^ S. Ma- 
rin 86. 

S. Orsato Zustignam e dila Zonta q.*^ S. Polio. 

S. Zaccaria Loredam fo Capitano dile galie bastarde q.°> S. Luča. 

S. Nicolo Pasqualigo fo patron al Arsenal q.™ S. Vetor. 

S. Đaniel Đandolo fo Provedađor a Feltre q.^ S. Hironimo. 

S. Zuam Antonio DandoIo fo Provedađor a Spalato q.™ S. Francesco. 

S. Alvixe Capello fo Conte a Spalato q.^ S. Francesco. 

S. Hironimo Baffo fo ai x Savij q.™ S. Maffio. 

S. Alvixe Pizamano fo Cap.^ dile galie di Barbaria q.™ S. Francesco. 

S. Bernardin Contarlni fo Conte a Trau q.^ S. Zuam Maltio. 

S. Zuam Dolfin fo Provedađor a Feltre q.™ S. Hironimo. 

S. Lorenzo Dandolo fo Provedađor di comun q.i".S. Ant.^ Đotor. 

S. Lunardo Emo e di Pregadi q.™ S. Zuane el Cavalier. 

S. Sigismondo di Cavalli fo Provedađor Execulor in campo q.°* S. 



Nicolo. 



Di Vegia di S. Francesco Michiel Conte e Provedađor di . . 



Digitized by VjOOQI€ 



871 

come hanno a Segna Boib Andreas banchier stava malissimo di febre et 1511; 
nota poi vene dito adi B dil Istante esser morto et lasso commissario el 
Conie Zuane di Corbavia štipenđiato nostro con condition non desse 
Sagna al Re di Hongaria se prima il Re non li da ducati 16000 dia 
aver dil suo servitio ec. (XII, 432). 

Ottobre« — Adi 8 la matina vidi Mafhio da Žara era Gonlesta- 
bele a Treviso di fauti . . . in questa terra veniito da Treviso et il Pro- 
vedador 1 a licentiato ct etiam suo fradello domino Znam Francesco 
Fortunio Dotor erra li a Treviso a so spexe con fanli. (XIII, 30). 

— Di Ragusi fo lettere di Beneto Gondola di 25 septembrio ali 
Cai di X come il Signor Turcho e in Costantinopoli con il suo exercito^ 
et il fiol Selim e ali confini di mar mazor con larmala sua. (XIII, 37). 

Sumario di alcune nove vcnute per via di Ragusi dile cose Turchesche 
et prima data adi 10 oclubrio 1511 da Ragusi. 

— Da novo altro non abiamo salvo chel Selim fiol del Gran 
Turco e tornato al suo locho zoe a Trabexonda et Achmat Soldam a 
mandato a dir che anche lui se relorna al suo locbo e che in vita sua 
non pensa meter nesuno in la Signoria ma questo io non tengo de 
certo ma questi Signori hanno mandato uno corier lo qual si aspeta di 
zorno in zorno e quanto reportera darovi aviso poi sapiate come lo si- 
gnor Ferisbei Sanzacho di Verbosana hanno mandato da 8 in iO mila 
cavalli vcrso Alemagna li quali son partiti adi 4 dil presente credo fa- 
ranno rimover li Todeschi di[ Friul e si altro si ara darovi aviso. (XIII, 
140). 

Deeetnbre. — Da Žara di S. Lorenzo Corer Conte e S. Lunardo 
Michiel Capitanio di 10 come Turchi cavalli 800 haveano corso su quel 
territorio e falto certo danno di anime e bestiami ma non da conto 
perche fonno avisti e che diti hanno corso e sta Turchi e altri venuti 
contra la volonta del Signor dimanda li sia manda artellarie et moni- 
tion ecc. (XIII, 262). 

— Noto eri si ave aviso che venendo in questa terfa una nave 
Ragusea veniva di Alexandria con merchadantie tra le qual 20 stuore di 
cassia di S. Donado MaVzello e altre merchadantie di S. Mafio Bernarde 
q.™ S. Francesco sopra Cao Chisidonio da tre fuste di Turchi erra sta 
combatuta e mandata a fondi siche diti ebeno gran danrio e par poi 
dite fuste dala galia Soracomito S. Francesco Corner di S. Zorzi el Pro- 
curator siano sta scontrale e fate dar in terra e li homeni scapolono ec. 



Digitized by VjOOQI€ 



372 
i 511. tamen non e letere di questo pur fo la verila come se intese poi. (XIIT, 
272). 

— Da Spalalo di S. Andrea Baxejo Conte fo letere di 13 di unb caso 
seguito in queli paesi a Poliza che il Conte Vanissa fo a nostro stipea- 
dio havendo inimicitia con il Ban di Clissa e pacificliati par che dito 
Vanissa invitasse el dito Ban a pranso con lui el qual vene e come he- 
beno manzato esso Vanissa 1 aniazoe hessendo a tavola et ferite uno suo 
famegio qual fugi e scapolo la vita. (KIII, 279). 



Digitized by VjOOQI€ 



373 

4512. 
ANIVO 1512. 

Gennajo.— Noto in questo zorno (19)iatisi che ilConle Vanissa 
đi Poliza erra sla preso da udo nepote di quel Conte dl Clissa ciie dito 
Vauissa amazoe quello sara scrivero poi. (KIII, 310). 

— Di Spalato di S. Andrea Baxejo Conte laviso dila morte dil 
Conte Vanissa di Poliza in Poliza da Polizani medemi con i qual el veno 
a parole et dal furor Ihoro fonno tutti uniti ad amazarlo ut in literis. 
(XIII, 321). 

Febbr^jo. — Fo fato Retor e Provedador a Catharo S. Marcq^ 
Cabriel e di Pregadi q.™ S. Zaccaria el Cainerlengo in Candia S. Tibe- 
rio Minio di S. Lucha fo con sei liomeni a sue spese al asedio di Padoa 
e altre voxe et officij in qiiesta terra. (XIiI, 370). 

— Da poi disnar fo gran Consejo fo fato Retor e Provedador a 
Catharo in loco di S. Marco Cabriel refudo' S. Anzolo Malipiero e di 
Pregadi q.™ S. Tomaso e Podosta a Cavarzere S. Marco Antonio Lore- 
đam di S. Tomaso qnal laltro di vene di 6rexa. (X[II^ 410). 

Maržo. — Adi 22 maržo se intese la note in questa terra esser 
mdrto domino Bartolamio .... Episcopo Sibinicense alias Piovano di 
S. Fantino ha de intrada de dito Vcscovado ducati 450 el qual venuto di 
Sibinico qui e alozato a S. Fantin avendosi fato cavar una piera mo- 
rite da medisine chel toleva licet varito fosse : et il zorno seguentc ve- 
stito da Vescovo fu posto in Chiesia et ivi in la so archa chel fece far 
essendo Piovan fu sepulto senza epitaphio. (XIV, 37). 

— Item vene etiam il fradello dil Conte Vanissa di Poliza nominato 
Ziiane qual si offerisce venir a servir la Signoria con cavalli di Turchi 
valenti homeni come vene suo fratello et cussi etiam fo^-comesso ali 
Savj la soa expeditione. (XIV, 46). 

Aprile« — Item se intese [alcuni Oratori di Spalato stati qui 
ritornavano a caxa con alcune monition aute erano sta da quelli di 
Fiume presi la nome di qual e Piero de Cipsis Domenego di Papali et 
questi do e per li zentilhomeni et Bernardim di Nadal per li populari 
et li hanno dati taja ducati ottocento. (XIV, 68-69). 

— Zonze etiam ozi domino Zuane Stafileo Traguriu Auditor di 
Rota stato per il Papa in Hongaria a intimar il Concilio ritorna a Roma 
queslo auto dal Papa il Vescovado di Sibinico noviter vachado et a- 
lozo alla Zuecha in la caxa si tien per domino Pietro Grimani. (XIV, 72). 

!— Noto si ave Matio da Žara era in rocha di Rimano esser par- 



Digitized by VjOOQI€ 



374 

151 i. lito con la soa famcgia c andato ia Dalmatia mandava de qui a suo 
fratello domino Zuarn Francesco Fortuaio Dotor Avochato 4 belli cor- 
sieri accio li vendcsse in campo e per i\ Podosta di Chioza fono rete- 
nuti e avisato di questo ala Signoria. (XIV, i 49). 

Mag^g^io« -- Di Matio da Žara di Rimano fo letere di ^ ala Si- 
gnoria dil partir Francesi de li et esser resta li in rocha alcuni poehi 
fanti. (XIV, 177). 

— Noto ozi per li Consejeri fii posto dar il posesso dil Vescovado 
di Sibinico al rev. don Znane Stafileo daloli per il Papa et fu preso 
do di no. (XIV, 192). 

— Noto eri in Pregadi fo posto per U Consejeri dar il possesso dil 
Vescovado di Sibinico a domino Zuane Stafileo come apar per il breve 
dil Papa et fu preso e di nation dalmatino di . . . . (XIV, 194). 

Exemplum lUterarum Communitatis Raguxij ad illustrissimum 
Dominium Venetum. 

— Serenissime Princeps et excellentissime domine domine obser- 
vandissime. Post humilem commendationem : fides qua Siiblimitati ve- 
stre pridem astringimur illa fecit ut eandem faceremus certiorem nos 
iiuper accepisse ex Constantinopoli per litteras nostrorum Oratorum 
XXV diei aprilis nuper decursi delatas per Nuntios nostros Selmisach 
Magni Turci filium natu minorem instantibus ac mirum in modum ef^ 
flagitantibus pretorianis militibus quos Gianiceros gentiliter dicunC 
Constantinopolis Imperium suscepisse exacti mensis aprilis XXIII did 
Veneris et sequenti die filium ad patrem intra septa ivisse a quo noii 
sine lacrimis sedem Imperatoriam suscepit et ensem : ac eodem die 
Imperatore deelarato pro tribunali sedenti omnis curia Bassin et ceteri 
ad Portam primores assurexerunt ac deosculata manu ut Imperatorom 
sunt venerati. Sic tantum Imperium sine ulio movimento mutatum est: 
item fertur patrem ad Imoticum concessurum natale solum salubre ćeli 
temperie et aquarum scaturigine quod superest etatls illic fruiturum. 
Ceterum prelibate Serenitati vestre nosplurimum ac đevote semper com- 
mendamus. Ex Ragusio die decimo maij 1512. 

Serenitatis Vestre 

Devof issimi Servitorcs Rector el Consilium 
Raguxij cum comendatione. 



Digitized by VjOOQI€ 



875 

— In que8to Pregadi adi 17 fu posto utia parte per U Savij pro- 451 Ž. 
Visiom ali fioli q.™ Nasibem di Ravena era Contestabile a Spalatro du- 

cali do al inexe fu presa. (XIV, 198-499). 

— Di Vegia di S. Sabasliam Jusliniam el Cavalier Provedador 
ženeral in Dalmatia come hessenđo morto il scrivan dila Camera uno 
đ Arbe havia electo Hironimo di Garzoni Veneto suplicha la Signoria 
lo vogli confirmar et ciissi per Colejo a bossoli e balote fu confirmato 
fet electo si cbe ara la dita scrivania. (XIV, 243-244). 

— E da saper in questi zorni se ritrovava in questa torra uno 
Zaratino chiamato domino Federieo de Grisogonis qual feva profession 
in astrologia e calculando la revolulion de questa terra fece 1 infra- 
scriito iudicio et pronostico adeo si sparse lui aver dilo tal parole e 
fato denontia ali Cal dl x fo mandate per lui 6t fato processo et exami- 
nali alcuni uđite da lui dir el qual dicea certo saria que$to diceva le 
infrascritte cosse che sara questo anno primo che adi 8 zugno prosimo 
que$ta terra havera una pessima nova adeo sara gran pianti e ululati 
^ecundo che il Re di Franza non pol perder questo anno sli combatesse 
coh tuto il mondo per aver le stelle propizie imo vincera tercio che il Rci 
di Romani non fara ni tregua ni pače con Vinitiani questo anno quarto che 
il Re di Spagna ne tradisce et e gran uostro inimicho e si scoprira poi 
la meta dil anno in la inimicissimo quinto che 1 Orator Vspano Conte di 
Chariati e (|ui ne tradisse et ha praticha con Franza et in campo si fen- 
zera di farsi prender a inimici šesto che il Papa sara cazado di RomS 
questo anno et fato Papa el cardinal santa Croce e che 1 Orator pontificio 
Episcopo de Isernia va realmente verso la Signoria nostra septimo che 
la Signoria perdera il Stato da terra zoe Padoa e Treviso poi fato Papa 

el Cardinal Santa Croce octavo che 

le qual tutte cosse e di gran importantia e non seguendo meriterid 
gran punitione queHo di lui sara scrivero. 

— Di Liesna fo letere di S. Antonio Lippomano Conte come erano 
ćessa quelle điferentie tra Nobili e populari e assa quietate. (XIV, 234). 

— Di Hongaria di S. Piero Pasqualigo Dotor e] Cavalier Orator 
nostro fo letere di quelle occorentie e di certa rota data a Tartari. {XIV, 
232). 

Gingno« — Noto in questi zorni di ordine dil Colejo fo man- 
date a Vegia S. Sabastlam Zustignam el Cavalier Provedador in Dalma* 
tla erra in Histria zoe al principio di mazo a formar processo centra' 
Francesco Michiel Provedador di Veglia per alcune querele aute et 
scrisse ala Signoria aver auto letere di Žara esser seguito gran scan- 



Digitized by 



Google ~ 



376 
4 SIS. dali e guelli Betori S. Lorenzo Corer e S. Lunarđo Michiel portarsi mal 
insieme item scrive aver preso certe fuste đi Flame đanizava li intorno. 
(XIV, 254-255). 

— Non voglio restar da scriver chome eri per U Serenissimo et 
Cousiglieri fo deliberato di retenir quel astrologo domino Federico de 
Grisigonis Doctor Jadrense qual predixe quelle 8 cosse ho nofade di 
sopra dicendo averle da Dio et se Dio mente lui mente ma le ha da 
certe done si tien Sibille sta al Spirito Santo et se reduceno a S. Zuam 
Lateran ale qual lui ha grande devution questo disse ozi si dovea aver 
la piu trista nova che za tre anni si babi auto zoe il nostro campo sara 
roto e taja a pezi da Francesi tamen si vede il prosperar di que11o : hor 
fo ordinato di retenirlo et cometerlo ai Cai di x et cušsi fo mandato il 
Capitanio per averlo in le man et lui ando in uno monastero poi si 
parti. {XIV, 265). 

— Fu posto per li diti (Savi) una parte di certi Ragusei quali fono 
tolti per conlrabando certi beni ut in parte prometeno preslar ala Signo- 
ria duchati 7000 con questo di tuti che zercha duchati x milia sia fato 
creditori a pagarli termine mexi 18 ut in parte et fu presa qual vien a 
raxom di duchati 42 per cento di danno. (XIV, 206). 

— Fu posto per i Savj tuti che S. Sabastiam Zustignam el Cava- 
lier e Provedador in Dalmatia abi auctoi^ita di Slnico Avogador di Pro« 
vedador et £xecutor deli Rectori et altri dila Dalmatia ut in parte 
presa et di aldir le apelatiom ut in parte 40 di no 106 de si. (XIV, 3 i i). 
Ijag;lio* — Đi Bernardo Gondola di Bagusi fo letere di 48 zu« 
gno e di Jacomo di Zuliam Baguseo citadin di Bagusi di 48 drlzate a 
S. Antonio Grimani Procurator chome li Oratori Ragusei erano zonti 
partino adi 42 mazo dicooo il Signor Turcho vechio parti di Costanti- 
nopoli adi ... . mazo con gambelli et muli et charete carge di haver. 
(XIV, 359). 

Copia de una letera di domino Bernardo Gondola A bate di Meleda 
data a fiagusi.di 48 xugno 4542 drizata a domino Antonio 
Grimani Procurator, 

— Magnifice et excellentissime domine colendissime. Non voglio 
manchar del mio solito, amor porto ad vostra reverentia avegna quela 
non se degna ad tante mie risponđer ma venendo de la questo mio ne- 
pote Marino de Gondola ho vogliuto dirle cosse che hanno portato li 
nostri Ambasadori tornatidaCostantinopoliadi 4 4 del instante. (XIV,368). 



Digitized by VjOOQI€ 



877 
-^ Di Sabastiam Zustignam el Cavalier Proveđađor in Dalmatia et 1512. 
di Retori di Žara fo letere S. Loreozo Corer Conte et S. Lunardo Mi* 
chiel Capitanio di . . . chome il Capitanio e lui Provedador erano stati 
con cavalli d25 a parlar al Conte Zuane di Corbavia in certa \illa qual 
a ducati 5000 dila Signoria per guarđar que11i confini questo vol piu 
danari e fonno in diversi colloquj siche scrive il tutlo et la galia Sora- 
comito S. Hironimo Capello erra zontali et andava a Liesna. (XIV, 384 )• 

— Noto ozi (28) zonzeno qui 4 mandati da Žara al Conseio di x per 
S. Sabasfian Zustignam el Cavalier Provedador in Dalmatia tra li qual 
el Canzelier di S. Lorenzo Corer Conte di Žara et fonno portali in ferri 
e posti in prexom a requisilion di Cai di x. (XIV, 423). 

Ag;osto« — Noto in questi zorni vidi in questa terra Alexio in* 
zegner qual al principio di queste turbolenze za anni 3 per il Consejo 
di X per dubito fo mandate a Žara in Castello dove e stato questo tem- 
po ora per deliberation di dito Consejo di x e sta cavato e fato venir 
in questa terra (XIV, 457). 

— E da saper in questi zorni S. Hironimo Capello.Soracomitoerra 
a Žara el eonduse S. Sabastiam Zustignam el Cavalier Provedador in 
Dalmatia a Liesna el qual poi havuto letere dila Signoria che lo man- 
dasse a Corfu per andar a Zenova insieme con S. Anzolo Trum qual 
eonduse lOrator dil Turcho a Ragusi et cussi essb Provedador li fe eo- 
mandamento andasse el qual Soracomito rispose non bavia pan in galia 
et cussi vene a Parenzo et mando 11 suo scrivan in questa terra et in- 
teso questo in Colegio fo gran remor chel Papa dimanda galie et le sia 
qui ec. (XIV, 464). 

--« Di Sabastiam Zustignam el Cavalier Provedador in Dalmatia 
fo leto letere date adi ... . luio a Sibinicho come ando li con 2 galie 
Liona e Capello e smontoe e quelle fece centra qu6lli capi dil popelo e 
altri seditiosi e chome li ha messo le man adosso in tutto a zercha 1 4 
do deli qual U fara apichar perche meritano 11 resto li punira come Dio 
lo inspirera ec. et scrive longo sopra queste soe operation dicendo haver 
a Žara e altro li in Dalmatia fato tante optime operation et tamen 1a 
Signoria mai per sue letere 1 a ringraziato : item scrive mal di S. Hiro- 
nimo Capello Soracomito qual si duol sia ussito de si preclarissima fa* 
megia e che li fece comandamento andasse ala volta di Zenoa e lui 
volse venir in Istria e lo carga assai : item va a Liesna con la galia 
Soracomito S. Hironimo Lion e altre particularita. (XIV, 492). 

— Gionse in questa terra S. Vincenzo Zen q.™ S. Piero stalo Po- 
dosta in Antivari anni 5 et mexi tre la causa e stata tanto fu perche S. 



Digitized by VjOOQI€ 



378 

1512. Andrea Capello di S. Dotnenego elečto suo siiccessor era preiom di 
Fraucesi e lui con?enne star tanto piu. (XtV, 520). 

Settenibre« — Fu posto per li Savj a! hopdeni certa parle dl 
uno Sabastian da Liesna qual pet soi meriti sia fato comandator ia Cao 
dlstria et fu presa ave 43 đi no 498 di si. (XV, 8). 

— Da Parenzo fo letere date adi 4 đi S. Hironimo Capello Sora- 
comito date in galie scrive 11 suo viazo come ando a trovar 11 Proveda- 
đor Zustignam a Liesna qual erra con la galia Soracoiuito S. Hironimo 
Lion a una vllla su dita ixola di Liesna chiamata Ulacha la qual di hor-> 
dine đi dito Provedador dita villa fu messa a sacho qual erra di popu- 
lari di Liesna i quali scampati dila terfa perche haveano fato graft 
cosse facendo scampar 11 Provćdador predlto in castello hor fu posta a 
sacho li populi e habitanii erano scampati per 1 ixola siche quele do 
zurme di galie et 50 barche de Polizani armate con 7 homeni per bar- 
ćha e lal dođeX€ et 8 fanti liiadi slche fu fato graa danno tolto sardele 
salade da 4 in 5000 barili et altrettanti de šcombri saladi carne sala- 
đe formazi vini et olij et assa drapi et fige assai che cbi ne havesse 
Voluto tuor arebeno avuto assa x galie a fornirse siche fo brusa tutta b 
Tila et questa letera scrive in galia adi 30 avosto chome ha auto co* 
mandamento lui et la galia Liona e qnella đi S. Anzolo Trum di venir 
a Žara e pol in Histria di hordine dila Signorla e cussi vleneno : item 
per 1 altra di 4 avisa il suo zonzer a Parenzo đove aspetta ordine dila 
Signoria e cussi vieneno : et e galia sola de li zonta et scrivendo dife 
letere e soprazonto uno patron di una marziliana carga di oio vien 
a Venezia diče che hessendo in porto di Sam Piero insieme con alcu- 
fii navilij aver inteso che una barca de Bagusei havea sušo 11 Mar- 
chese di Ferrara la qual havla tolto una peota in dito porto di una 
fiaveta diše ditto Marchexe havea lejealze tajate per non esser cono- 
scuto e attendea ai servitori et havea una ferita in sula faza e 1 hano 
eonduto a Finme el qual Marchexe Ihanno levato a Peschara per esser 
li locho di spiaza aviata a porto M usehio benissimo in hordine đi artel- 
krie e altro e dito đismontoe a Fiume e non sa altro scrive molto ess6 
Soracomito ala Signoria et dimanđa licentia si dia andar per veđer đi 
averlo in le man e di poco lanno scapolatd« (KV, 21-22). 

— Vene S. Marcho Arimondo venulo Retor e Provedador đi Ca- 
tharo vestito di scarlato con barba e volenđo referlr fo rimesso včnisse 
doman perche il Colegio havia assa da far quella matina. (XV5 65-66). 

^-^ Da poi disnar fo gran Conseio fu posto certa gratia prima atento 
H benimeriti de uno che habi la canzelarla di Žara dil Gonfe 



Digitized by VjOOQI€ 



879 

pet do rezimcnli ave 107 di no 706 di si e fu presa fo fato eletion di 1512. 
Conte a Zara e rimase S. Zuam Minoto e di Pregadi q.^ S. Jacomo Do- 
pio da S. Antonio Sanudo fo ai x Savij g."* S. Lunardo che io fui in ele- 
tione e lo tulsi. (KV, i05). 

— Noto inteso per le allre letere che dito Confalonier dovea an- 
dar a Ragusi per Coleio fo scrilo a S. Hironiirio Capello Soracomito 
erra a Parenzo andasse ala volta di Ragusi a questo effecto et vedesse 
di meterli le man adosso. (KV, 108). 

— Adi 24 la matina intesi per via di marchadeli zoelieri chome a 
Pexaro luni fo 20 morite il reverendo domino Miehiel Claudio Tragu- 
rino Eprscopo di Monopoli erra Legato et Comissario pontificio de li da 
febre et marti adi . . . dito fo sepolto honorifice de li. (KV, 111). 

— Noto vene eri letere di Liesna di S. Sabaslian Zustignan el 
Cavalier Provedador in Đalmatia di Liesna di . . . chome alcuni popo- 
lari Lesignani erano sta alincontro di fanti amazati alcuni et seguitO' 
grandlssimi inconvenienti et altre particularita ut in literis et veneno 
qui do Oratori di Nobili. (XV, 125). 

— Etiam introno zercha le cose di Liesna e fo gran disputation 
tandem fo preso di chiamar quelli capi hanno fatto dito scandalo et tuor 
quella cossa nel Consejo di x come diro di sotto. (XV, 126). 

Copia de una letera di S. Sabastiam Žmtignan el Cavalier Prove* 
dador zeneral in Đalmatia date a Liesna adi 27 avosto 1517. 

— Da poi le ultime mie de 1 6 del instante ho cognoseiuto tutti 
questi insulani esser disposti alla ruina de questi Nobili et piu presta 
voler esser judicati come rebelli et inimici dela illustrissima Signoria 
nostra che voler far alcuna cossa contra tal sua dispositione ne volers^ 
conlentar della sua condilione et volendo io far justifichar li danni in^ 
feriti a Nobili li dicti insulani et presertim quelli habitano in Čitave^ 
chia a Iclsa et Verbosca non permeteno alcun vegni a testificar ne al- 
cuno oficial a far le executione li sono imposte manazando de venir 
tutti armata manu a tagliar a pezi tutti Nobili venuti qui tornati a casai 
sua sub fide mea asserendo etiam che in sinu meo gli amasseriano id 
dissimulando le publLce inzurie temendo de non nuoser a cento per Ift 
colpa de x ho posto ogni studio per Internuntii che i vogliano aceptar 
la condizion proposlali per mi zoe de venir a Venelia sponte cum pro-^ 
missione de non esser ofTesi in la persona qual hanno sempre recusat6 
parendoli la Signoria nostra non li poter offender verificandose tandeM 



Digitized by VjOOQI€ 



880 

45J2. la fama che li đovevano venir armata manu al đicto effecto manđai a 
far proclame neli đicti lochi che alcuao non ardissa venir qai cum ar* 
mis aut sine armis excepto li 40 proclamati el giorno preceđente no- 
minati rei per domino Zuam Navajer in parte et parte conosciuti per 
me ale dite proclame dum fierent fono facti molti atti inhonesti di pocha 
reverentia et in vituperio dela Signoria nostra fazandosi le fige et non 
obstante che per quelle fusse posta pena de cader in rebellione et de 
forcha a chi venisseno qui oltra li proclamati veneno tamen adi 24 del 
instante et parseno venir senza arme tamen le haveano ascoste pocho 
lontano io feci star tuli li Zentiihomeni nella terra ben custodita dalli 
fanti dispositis presidiis alle porte et io andai aldirli nel borgo nel loco 
solito de la audientia dove vene gran numero deli dicti con tulti li loro 
capi proclamati in termino proclamationis per il che per justitia non li 
potea far meter le man adosso comenzarono far le sue excusatione dele 
cede ruine et depredatione per Ihoro perpetrate non negandole ma fa- 
cendo conclamar da tutta la turba lori tutti haver commesso simeli er- 
rori existimando quod eos defendat numerus non ius : opponendo assai 
particular delicti a Nobili ai qualli per mi fu resposto sicome mi parse 
rechieder la cossa il tempo et le persone alcune volte con dolce et hora 
con acerbe parole et tanto fo per Ihoro cridato che stracho et raucho a 
hora de vespero me levai dala audientia con resolutione de loro che 
non se voleano presentare nelie mie forze iusta proclama ne voleano 
aceptar la condition de venir a piedi di la Signoria nostra intrai nella 
terra re infecta et volenđo intrar alcuni per forza non funo permessi et 
pochi che introno fono rebatuti fo cridato nela terra alarme et de fora 
el tumulto nella terra presto io stsdai quel di fora non puti cussi prešlo 
per el gran numero de Ihoro che presto trovarono le arme dove le era- 
no le cosse sono in termine che se pol dir questa isola esser de 3 o 4 
capi e non dela Signoria nostra ne dove se trata fra Nobili et populari li 
agenti dila Signoria non hanno alcuna obedientia perho questa notte 
con Io aiuto de Dio me levero con questa sola galia me e rimasta et con 
li fanti et redurome a uno locho nominato Bol sopra lisola dela Braza 
alincontro deli 3 lochi ređucti de tutti questi rebelli dove senza spexa 
dela Signoria ho facto adunar piu de 400 Polizani electi 200 Brazani 
Zaratini et Sebenzani oltra cento Tragurini 60 li quali tutti sono zove- 
ni con le qual zente over io avro nele man tutti li proclamati scoperti 
in manifesta rebellion over io faro manifesta demostratione a tutti che 
voranno repugnar a questo effecto azio la Signoria nostra intendi de 
che sorte conspiratione 6ia questa de Dalmatia io mandai a reohied er 



Digitized by VjOOQI€ 



381 

al CoQte de Spalato barehe per passar li diti Polizani con piu secreteza 1512. 
fu possibile il che vene ađ orecchie ad alcuai capi dil populo qiial coa- , 
citato da loro conclamavit ad arma dicendo carne carne tagliemo a pezi 
Zentilhomeni et questo per evitar questi Lesigaani conseii in tal prepa- 
ratione farsi contra Lesignani per 11 che expedita la cossa de questa 
isola che spero per tuto doman aver fornito andero a Spalato per aver 
quelli capi nelle maa quali hauti subito tornero qui per far la restitu- 
tion delli danni inferiti a Nobili perche tanto e sta il terror che tutti 
haano abuto de questi coniurati che aon ardivano depoaer la vita et 
fuzivano dl esser esaminati immo a parle dicevano che non diranno la 
verita se saranno eKaoiinati pur ne ho fatto exaniinar molti perho biso- 
gna tornar ad perficiendum opus e per concluder la Signoria no- 
stra se pol prometer questo che se questi coniurati non šaran fuziti do* 
man io li avero nele man o vivi o morti perche son disposto che se io 
dovesse perder la vita io deliberero questa povera et aflicta provincia de 
tanta agression et redurola ala pristina obbedienlia dila Signoria chome 
e seguito de Žara et Sibinico. Lešine die 27 augusti 1512. 

Ex€mplum litieranim S. Sebastiani ZusHniani Equilis Dalmatie Prth 
visoris generalia datarum Lešine die secundo septembris 1512. 

Superioribus lilteris meis declaravi quid essem acturus et cum 
incole huius insule mansueludinem meam spreverint iustitie severitatem 
eos experiri oportere constitui. Itaque quadringentos Policianos du- 
centos Batriesanos centum Tragurinos duce Paulo Antonio Cipicho 
conveni ad insulam Batriasse quam Braciam vocant quo ego navi 
longa evectus sum ibique decretum est agredi vicum quendam quem 
auctores facionis colere consueverunt quo ubi ventum esset vocatis in- 
colis declararetur eos me hostes habiturum nisi prineipes eius facionis 
mihi vinctos traderent quod si fecissent nullum fieret incolis detri- 
mentum si vero parere noluissent in eos me tanquam in hostes animad- 
versurummandatum est tamen nostris quocunique času a preda et incen- 
dio abstinerentr. Quibus proscriptos tantum quadraginta circiter obno- 
xios esse voluimus. His constitutis rei gerende modis datur omnibus 
comedendi facultas ut sumpto prandio ad destinatum Verbosce vicum 
contenderemus paulo post declaratur suas quosque naves ingredi ego 
postremus navem conscendi vela damus ventis sequuntur septuaginta 
fere minores naves latiš velis prospero ventorum flatu ubi in conspectu 
fuit vicus ille quem petebamus apulssis liltorl navibus đescendunt Poli- 



Digitized by VjOOQI€ 



382 
j$12. eiani vilas agrediuntur nuUo ordine nulla disciplina servata apert|i3 ine- 
imt domos clausas frangunt aut quacumque pateret accessas iogre- 
diuotur Dullis iocolis repertis qui se se cum familia et fortunis omni- 
bus ad summa moatium iuga aufugerant que taiuen bona reliqua fue- 
rant direpta sunt uno tantum es, auctoribus interfecto : horum es:em- 
pla sequti naute triremium qui se se prede cupidi in mare proiecerunt 
ec. prede inniiscent hi sardularum vaša alii vini mulli etiafn olei de- 
ferunt ego egreferens neglectam disciplinam omissaque mandata apre- 
henso scipione dessilui navis pupi hos cominitans alios percutiens non- 
nulos etiam cursu insectans cohibui ab eo cui erant intenti depredandi 
studio ctim Policianis Vero et nautis parum profecimus maior siquidem 
fuit prede cupiditas quam penarum metus neque prius cessatum est 
quam omnia incolarum bona etsi pauca et vilia relinquerant direpta 
sunt ab ede sacra non abstinuerunt manus naute arcam ubi sacrorum 
vaša sacrique amictus repositi fuerant sustulerunt. Quo viso ira ego 
neglecte reb'gionis aceuius deferentes scipione agredior peregi tandem 
ut sacrorum arca redempta sit : delatam ad triremem postquam huc 
apuli ad huiusce antistitem urbis deferri iussi. Jam iminente nocte re- 
ceptui canunt nostri naves ineunt. Ecce densa fumi nubes ecce flama 
ecce incendium et accensus totus-fere vicus que me valde perteruit et 
accensit cum preter mandatum meum excitatum viderem incendium et 
iniectis ignibus eum flagrare non modo factionis principum sed quasdam 
etiam pauper um domos nulla vi reparari nullo ingenio arceri incendium 
potuit quatuordecimdomus partimagrestes partim urbanis similes conlla- 
grarunt. Quo fit ut cum Civitatem veterem et lelsam agredi statuissem 
sententiam mutarem donec Policianos in patriam ubi nunc Almissa opi- 
dum est dimiterem. Ego interim Spaletum profectus sum ubi novi qui- 
dam pridie eius diei exorti fuerant tumultus descendi cum Spaletino 
Comite primum ad sacram edem deinde ad pretorium pergimus ubi 
cognita tumultus causa dcprehensis quatuor rerum novarum cupidis 
incertis eius concitationis auctoribus in carcerem coniectis hora decima 
nona eiusdem diei jeiunus absessi navigaturus noctu Civitatem vete- 
rem vicum Fariensem celeberimum quo crepusculo matutino noctis atra 
tempestate defessi apulimus ubi convocatis incolis verbis habitis bello 
et paci opportunis aprehensis utrisque vestis meae fimbriis bine dixi pa* 
cem inde bellum vobis ofiero accipite utrum vobis magis expediat con- 
clamant omnes pacem teriti prioris incendii metu et ego vobis di- 
xi pacem afiero si equas acceperitis qttas ofiero conditiones Senatum 
scilicet Venetum fide colere integra : magtstratibus parere: arma in No- 



Digitized by VjOOQI€ 



383 

biles suscepta deponero eaque nunquaiii ia eos eumere nisi lacessitos: 1512, 
auctores et principes civilium disoorđi^rum armis atque odio vos pro- 
sequi velim : qui has conditiones accipiant clamore anauant contiauo 
conclamant omnes accepimus conditiones. Tune navi descendi eosque 
axuplexo hortatus ad pacis studia : missi sunt subinde aparitores per 
ignobiliiim vicum qui eonvocarent incolas ad pacis celebranda solem- 
nia qiie die dominico statuimus tuncqu6 omnes jurejurando conditio- 
nes quarum supra meminimus accipient approbabuntque. Hec sunt 
que hactenus gessimus ad octavum usque diem ertremam posituri ma- 
nom que longius deferri non ausim solicitatus' crebris Senatus litteris 
admeumin patriamreditumfestinandum* De his bactenus. Vale. Data die 
secundo septembris i5J2. 



Sumario di alcune letere di S. Sabastiam Zustignam el Cavalier 
Provedador zeneral in Dalmatia scrite ala Signoria nostra date 
a Liesna la prima adi 4 settembre 1512 recevuta adi .... dito. 

— Chome hauto risposta de uno principal capo di questa factione 
popular nominato pre Zuam Zovinich auctor de tuli li mali ehe lui e li 
altri deli principal coniurati veneriano ala obedientia a Venetia se fus- 
seno securi de non esser offesi nella persona ne dannatir a carzere per- 
cbe dl salvoconduto li ba promesso non credono ma vol sia fato over 
confirmato per lo excelso Consiglio di x e aricorda se fazi perche que- 
sto sara causa de salvar questa ixo1a et sedar ogni tumulto e sia fato 
presto : in questo mezo atendera a iustificar li danni de Nobili e altre 
facende che sonno assai e Uen tre Ganzelieri che non ponno suplir et 
lui apena et ben sia de li cotivien proveder ale terre di Dalmatia per- 
cbe tutti banno soi Nontii de li e atende aldir cause extraordinarie e 
non civile eh e pertinente al preservar quella provincia e sta grandissi- 
mo comodo la congregation fece di Polizani senza spesa et di teror a 
queli populi. 

— Dil dito adi 5 chome per altre scrisse đila union doveano fur 
quel1i insulani e populari per far la pače per tanto avisa esser li venuti 
insulani in gran numero et con Ihoro do capi principali soto salvocon- 
duto et questa matina da poi una messa dil Spirito Santo soleune dicte 
alcune parole in Schiavo per questo reverend. Episcopo ad exortatio- 
nem de tal pače e poi lui Provedador suplite quanto li parse necessario. 
fo conclusa una pače univorsale con tanto plauso et contento e lacrima 



Digitized by VjOOQIC 



384 

1513. di gran parte de Ihoro che tutli se hanno alegrato ma la restitutioa di 
đaoni potrla a1quanto infirmar essa pače li do capi voleno veair ali 
pieđi dila Signoria nostra et prometeno menar li altri proclamati soto 
la fede di salvoconduto noa esser offesi ne in haver ne in persona ne 
danati ad carceres ma voleado la confirmatione dal Conseio di x per 
tanto prega la Signoria io mandi presto scrive ozi li do terzi deli fanti 
meno con lui ha tolto licentia e resta soliim con lui quelli che lo voleno 
seguir vivo et morio se ben non hanno speranza de stipendio. 

— Dil dito di 8 come per la pače seguita tuta la Dalmatia se ne ha 
alegrato parendoli da qu6sta ixola depender ogni quiete et perturbation 
del resto scrive aspela il salvoconduto richiesto e benche ne habia in 
podesta alcuui de perturbatori desidera averne tre principali quali ve< 
gniranno a Venetia havendo tal salvoconduto aliter non venendo que- 
sti tre si pol esser certi tutta quella provintia non esser pacata questi 
non si pol haver per forza hanno dui rifugii el mar e 11 monti inacessi- 
bili hanno spie diurne et nocturne et sonno advisati de ogni aparato 
se fa e per ogni picol moto se assecurano per uno deli doi modi pre- 
dicti e chi li volesse aver per forza saria necessario ruinar tutta quella 
ixola : scrive haver avulo quattro letere dila Signoria che lo insta a 
đover venir a repatriar ma venendo veđe lasseria re infecta lassando 
alcuni de quelli capi executori de ogni male de li i quali poriano exci- 
tar questi Insulani e desturbar b pače ha facto solo fructo delle sue fa- 
tlche apresso Dio eterno che mesura le bone operation se ben non sonno 
cognosciute dal mondo e stara aspectar li risposta e vegnira la galia 
Liona la qual Hcentiandola saria causa de conOrmar la fama sparsa per 
tutta la Dalmatia chel sia sta casso del oficio ex decreto Senatus venuta 
dalla boca sola dil Conte di Žara S. Lorenzo Corer si duol che vede le 
opere sue non acepte e questo avien per non aver favori de qui e 
chiama Dio per testimonio non esser alcun homo vivo che serva con 
maior carila et mazor fede di quel fa lui e si contenta che Dio el co« 
gnosca quando altri non lo voleno cognoscer e sil scrive tal parole di 
passione sa haverne causa per letere ha deli sui che tutte le sue ope- 
ratlone celebrate de li usque ad astra et han parturito fructi grandissimi 
sono invese sprezate ec. 

— In questi zorni veneno molti Lesignani dil popolo in questa 
terra tra i qual do capi uno Zorzi de . . . et uno altro et andati ala Si« 
gnoria querelando molto contro a S. Sabastlam Zustignam Provedador 
in Dalmatia di cosse fate contra di Ihoro erano zercha 30 il Principe li 
rebufo dicendo tornasseno via et restassero do di Ihoro perche zonto 



Digitized by'VjOOQl€ 



385 
fasse il Provcdador qui qual vera presto et auto liceolia 8e inleađera 1542^ 
la verita et non se li raanchera di justitia. (XV, 179). 

Sumario di do letere di S. Snbastiam Zustignam el Cavalier Procu- 
rator zeneral in Dalmatia scritte alla Signoria nostra date a 
20 septembre i5i2 et ricevute adi . . . octubrio. 

— Come sta in grandissiiua expetatiom dil salvoconducto facto 
per el exceleatissiiiio Consejo de x tante volte rechiesto per poter cou- 
firmar quela ixoIa di Liesna in quiete et tranqulllita et potersi presto 
solver da quelle angustiosissime fatiche in che si atrova e scrive parle 
de queli capi de faction popiilare voleno venir a Venetia con dito sal- 
voconducto e parte stanno nela sua pertinacia quali non cessano die 
noctuque di tentar questi altri capi ben disposti di venir a far mutar 
sententia e stanno sopra lisola^e non lassano arcoglier le intrate a quelli 
Nobili et per obviar tal inconveniente beri andoe čon la galia e <;on 
quelli pochi fanti Iha a una villa de questa isola nominata Jelsa dove per 
uno suo explorator havea inteso esser redueti li dicti capi et zonto U e 
diseso in terra con li fanti compagni et balestrieri al loco dove diti capi 
erano redueti distante dove Ibera quanto e longa la piaza di S. Marco i 
qua]i fonno alle mano e in pocho forno morti alcuni di dicti capi non 
sanno 11 numero et 6 deli sol provisionati e dicti capi haveano congre- 
gato de tuta lisola forsi 200 homeni fioriti che non sapeva fu necessa- 
rio ali nostri retrarsi senza altro suo danno perche feno da valentissioii 
homini. £t znra a Dio sel stava pur un pater nostro a levarsi era ta- 
gliato a pczi insieme con S. Hironimo Lioni Soracomito. Questi capi e 
bon cavarli de 11 per esser manifesti rebelli e pensano di dominar 
quella isola cesis prius et trucidatis Nobilibus et sonno tanlo temuti si 
da Nobili come populari che non e alcuno che ardischa moverse contra 
el suo voler e li populi dile altre tcrre dila Dalmatia non aspetano 
salvo lexiio dile cose di Liesna scrive quelii potra menar con lui U 
menera e quelli saranno pertinazi li condanara ad exilio dandoli taglia 
nell soi beni proprli a chi li desse o vivi o morti justa la sua proclama 
con altre scriture. E per non voler destruger et ruinar quele ville che li 
receveno perche sa non placeria ala Signoria tamen saria meglio domi- 
nar quela isola con ruina de parte deli habitanti che altri ladominasse. 
II capo principal e uno Mathio Ivanich cl qual hessendo sta da alcuni 
represo che 1 usi tal insolenlie bebe ardir de dir che la Gasa Oltomana 
bebe menor principio chel suo el che la Signoria nostra hara de gratia 

25 



Digitized by VjOOQI€ 



386 
464Š. <te đarši coilditione grande come al Conte Vanissa. Data in galia adi 20 
settembre 1542. 

— Dil dito data in galia apresso Bolo isola dila Braza adi 20 se- 
ptembre hore 6 di note ćome hessendo questa nocte reducto li a Bol so- 
l^ra lisola dila Braza S. Hironimo Lioni Soracomito bave letere el si le- 
vasse e andasse e cnssi in qtiella hora ši lieva per Liesna e senza meter 
schala in terra da matina dita galia partira esso Provedador aspetara li 
a LiesAa el salvoconducto e resta solum con 25 fanti hora pagati per 
li Nobili de Liesna voria dSta galia tornasse a levarlo per andar a Sibi- 
nico per far la restitution di quelli danni ehe faria in zorni 5 over si 
scrivi a Vegia se li mandi la fusta grande a levarlo acio securamente 
posša t^patfiar perche con altri navili! menori non sara securo da quel 
Mathio Ivanich ehe ha molti legni per mar con i (|uali infesta qaelle 
il^ole circonvicine e soi inimici et ozi 11 hanno tolto uno suo brigantin 
picolo et uno altro brigantin a nno altro %apo ma li resta ben altri legni 
con li qtial lo potrla ofTender non voria etiam haver cargo di andar in 
Antivari per non haver f^nti et esser senza galia^ ec. 

— Magnifice et clarissime tanquam pater observanđissime. Ha*- 
Vendo inte^o esser sta reclamato di me ala illustrissima Signoria ehe io 
habia facto brušar x Case de una viila di Verbosca et de cio esser sta 
fnlminato terribilmente me ho dogUuto assai esser cussi bersagliato 
et de cio esserne causa el mazor dela časa per impulso de Ser Bar« 
tholamio Gontarini fradello del Conte de Žara mio inimico chome vo- 
stra magnificentia sa et acio la intendi in me non esser error alcuno 
anzi degno de summa comendatione li significo ehe venuto qui io tractai 
queste cose cum questo populo et insulani con tanta dolcezza et man- 
suetudine cum quanta desiderar si poteva et sempre questi.villani im- 
bratati dil sangue humano se faceano piu insolenti et per tre volte 
sono venuti con multitudine de mille insuso a protestarme non voler 
ćhe Nobili habiti in questa isola o ehe Ihoro la abandonerano. II ehe e 
sta centra mandata et proclamationes meas sotto pena de r ebelliom 
non venisseno moltitudine ne armati han piu volte sprezato li miei 
mandati et sel se faceva de qui alcuna cosa centra alcun popular 1 altro 
zorno mandavano a manazar di venir cum multitudine armata siche 
ngni zorno sentivimo tal sopraventi procedenti da tre soli capi stano 
alle ville ehe hanno gran seguito et da 3 stanno qui nella terra ehe 
consegliano et vedendo non valer exortatione ne manaze ne proclame 
deliberai far quello ehe la illustrissima Signoria me doveva .comandar 
<che facta per me unione de forsi 800 persone fra Dalmatini et Polizani 



Digitized by VjOOQI€ 



887 

aađai a noa vilia dHta Verbo&ea ehe a cerca case 90 tntlo faele đe ma- 1612. 
siere excepto do dove erano ređuei li dili cafn cum la. molUtuđine cum 
dispositicme đ averli o per forza o per volunta tro^ai esser sta advisati 
da quesU capi staiano qiii et fiiziti con queik\i đila villa et portale UHte le 
robe ali monti. PolLiani verameote zente avarissima eontra lordlne 
dato per me dse nisna doresse smontar senza mio dicto ne depredar ne 
brusar smontarono ia terra et dele case vacae comenzorono depredar 
gualcfae baril de sardele a fige seguirono li galtoli. lo deseesi in terra 
prohibende tal depredatione qiiaato puti con parole et bastonate slcbe 
io erra si lasao clie piu non poteva et cazati tutti ia barca et in galia 
io etiam tornai a galia. Rimasena 4 aver 6 Nobili Lesignani in terra cbe 
haveano riceuto grande offisse da tal capi. Butoao foea prima nela časa 
de certi nominatl Blascovich et in uha de Mathia Ivanich noa solani 
priacipi et autori de gaesfi scaađali ma-maaifesti ribelli nela qual case 
nen erra restato salvx> eha certe botte vode apicorno etiam foco in 6 
caxe £ate de raasiere de sateliti deli dne primi e&cepto che uaa de uao 
prete ehe eređo se aecindesse per es«er vidha ale altre. Io prohibi tal- 
mente che de piu de case 90 plcole arsena solum x me repugnante. 
Li incendiarii ho proclamato et eofirdeniiatt a refactiom dei daiv- 
ni et exilio« Et la magnificentia vostra a chi scrivo la mera verita 
judica se io merlto laude o biasmo prima che io sia andato per pre- 
hetider tal inobedienti cađuti per la k>r inobedientia in peaa de refoel- 
lione : deinđe che io sia andato cum multitudine sapendo che đicti ri- 
baldi erano cum multitudine qual bisognava superar per prender. Ia 
queste do cosse credo meritar laude nele qual ho dimostrato saper 
proveder ali bisogni et haver cuor in adeundis pericnlis. Se e segulto 
mo chel sta depredate et brusate le dicte case che colpa e la mta che 
ordinai el contrario avauti che andasse et prohibi etiam el facto čum 
gram mia fatica et da poi el facto ho condannato li incendiarii dele 
cosse depredate : ve zuro se non veda miei §oli squartati ante meos 
oculos non haver auto tanto che vaglia una sardela. Fin qui magnifice 
domine chi me po arguir chi me po aeusar cum rasom : alincontro da 
chi non merito laude se ho vogliuto punire tal rebelli et se senza spesa 
dela Signoria nostra ho insegnato poter far exercito per domar populi 
seditiosi quali non pensavano poter esser vinti salvo cum forze manda- 
te da Venetia et spese dila Signoria ooslra da che dependete la pače 
facta fra tuti excepto questi capi che Ia repudiono cum forsi 150 soi 
sateliti che per avanti per opera de alcuno mai pote seguir : da poi ve- 
ramente facendo ogni zorno U dicti capi zoe queUi che eran resfati for 



Digitized by VjOOQI€ 



38g 
1512. dela pače molte insolentie a suportati amoaiti et manazati slavaoo ia 
campagna depređavano la intrada de Nobili non li lassando vendemar 
batendo et ferendo di soi operarii et violeotar stuprando le lor fanfe- 
sche talmente che questi poveri Nobili han perso etiam questa terza 
intrada: che dovevio far altramente che tentar d averli nele man et ha- 
vendoli arguaitadi qualche zorno sentendo che zerca 40 erano reducti 
a una villa dicta lelsa non sparagnando ne a fatica ne a pericolo andai 
cum la galia et 30 fanti per prenderli et io non steli in pizuolo ascoso 
per vilta ma defesi cum li fanti et balestrieri et li mandai assaltar in 
uno loco dove erano ascosi forsi 200 homeni che non sapeva esser 
tanti fono ale mane et de loro fono morti alcuni che non $o ii numero 
ferilo Ivanich capo principal et deli miei fono morti 6 provisionati 
stando io (inche vidi retrarsi li miei et desordinarsi alhora voUai le 
spalle che se diferiva nn pater nostro de piu io insieme con el Sora- 
comito erimo lagliati a pezi per questo non vnlsi ne brusar ne depre- 
dar acio non paresse che per cupedita de preda fusse conducto li me 
parti cum manaze de ritornar de breve cum gran forze : Qual ritorno e 
de grandissimo terror a tntti questi ribaldi per il che fonno venuti al 
presente a piedi dila Signoria nostra per obyiar al pericolo del mal li 
par meritar et fra li altri de li venuto sonno el forzo proclamati et con- 
dennati per me o fradeli o fioli soi: io non so pensar chi me possi accu- 
sar de questo secundo facto. Io Iho facto cnm rasom per conservar 
Ihonor della Signoria nostra per non lassar depredar e far violentia a 
Nobili et ante factum et in facto ho demostrato non temer puncte de 
spada ne de partesane et se lion se ha obtenuto 1 intento de prehen- 
der li rei e per colpa de fortuna che non e in mia potesta deinde 
della Signoria nostra che mi ha tolto li fanti cum li quali haria obte- 
nuto victoria et liberava questa povela provintia dala servitu de questi 
ribaldi. Vostra magnificentia adunque che intende la cossa chome la 
sta toglia in protectione la causa mia iustissima et sia causa che cussi 
chome deli inimici miei voria per tal mie operationi deprimermi lui sia 
auctor de sublimarmi aut saltem conservarmi in la pristina mia digni- 
ta nec alia ala magnilicentia vostra me racomando. Lešine die 25 
septembn& 4512. 

Parendo alla magniGoentia vostra comunicar que$ta letera con al- 
cuno primario de Colegio che sia per me credo non polra esser noma 
utile. . 

Sebaslianus Justinianus £ques Provisor Generalis Dalmatie. 



Digitized by VjOOQI€ 



889 

Magnifico et clarissimo Equili domino Georgio Comelio dignissimo Pco- 1512. 
curatori Sancli Marci tanquain patri observalissimo (XV, 212-216). 

— Vene etiam nova dila morle di S. Zuam Ant.*^ Minio confinato 
in Arbe : qual mai a potuto aver la sua gratia di poter inorir in la sua 
patria e dava ala Signoria ducati 600 e fo condannato senza processo 
per una renga fata in gran Consejo. (XV , 277). 

— Di Ragusi dila Comunita in questi zorni fo letere in risposta di 
nosire zerca il Confalonier di Fiorenza Sođerini e come e statp li per 
quanto haniio inteso ma partite siche non hanno potuto exegnir il voler 
dila Beatitudine Pontificia et dila Signoria nostra. (XV, 278). 

rVovembre. — Di Ragusi fo letere di 16 octubrio dil Gondola 
chome hanno ]et(.'re di sol Oratori di Angoli andati e per uno messo 
aposta mandate qual in zorni x vene a Costantinopoli e de li in zorni 
9 vien esser le letere di 2 octobre come il signor Turcho andato in 
Angoli con 150 milia persone centra Achmetso fradelo signor di Ama- 
sia qual erra con 50 milia persone e zonto molti di quelli di Achmet 
vene dal signor Turco e vedendo questo Achmet con 4 fradelli et soi 
fioli era andato verso la Mecha linde el Signor ritornava con viltoria 
havia mandate dir a Costantinopoli facesseno la sua armata e vol f<\v 
60 palandarie e fa taiar legname a furia et altre particularita ut in li- 
teris.(XV, 315). 

— E da saper 1 Orator di Ragusi fo in Colegio e disse aver letere 
di soi Signori di queste nove e come il signor Turcho mando li soi 
Oratori di Angoli im Bpussa e havia cressulo el tributo di Ragusei da 3 
a 5 e vol dominar Ragusi e fa potentissima armada di 200 galie sotil 
fra le ^jual 40 bastarde fa taiar legnami a furia et 4000 homeni che 
lavora la soa armada e fa galie nove ec. (X\y 916). 

Decembre. — In quesla matina (3) fono alditi in Colegio liLie- 
signani quali molti dil popolo e qui che si lamentano dil Provedador 

S. Sebastian Zuslignam el Cavalier et pario uno Matio per i 

populari et erra per li Nobili pre Thomaso Grificho qaal eliam lui disse 
alcune parole centra essi populari el non fo delibera altro e il Colegio 
si levoe. (XV, 363). 

— Di Anlivari se intese per letere di S. Anzolo Malipiero Rector 
e Prpveditor a Cataro e S. Andrea Cappello Podosta di Anlivari di 20 
dil instante come hessendo andato esso Rector di Cataro per ordine dil 
Conseio di x a Dulzigno e li in Anlivari per acqnietar quelli populi per 



Digitized by VjOOQIC 



S90 ^ 
1512. la đisensslom đi populari con zentilhomeni hor Zonlo li in Anti vari 
par clie dati populi quel zorno adi 20 ia la terra venisfiĐao a parole c on 
qu^li ZeirtOhouiem et ne aaiazono đo feriii alcual ađeo 11 Proveđađor 
e Podesta conveneno andar in castello da paura. (XV, 414). 

— F«i posto per li Savii da terra ferma certa eonfirmation a uno 
Luea di Pasgual da Gataro di ducaii 4 41 provision havea suo pađre al 
mese che liiabi suo fiol ut im parte e fu pre$a. (XV> 424). 

— Vene uno OralOir over Nontio dil Conte Zuane di Corbavia el 
apresento Mere dl credenza veauto qui per aver daaari dil suo stl- 
pendiio per esser nostro soldate et esposto la sua ambasata il Principe 
li u^ bone parole dloendo li Savli da terra ferma lo aldiria et espedi- 
rla. (XV, 427). 

Exemplum Uierarum Sebastiani Zustimani Eguitis Provi^oris JHl- 
tnatie datarum Sibinici die 3 atigusti 1542 if^r«/io et«i« filio. 

Post dlscessum meum ladra nuilas ad te dedi literas ^aj^tssimi« 
impeditus negotils nunc vero ne Ignores q«ie his dlebus meiaoraiu di* 
gna egimus has ađ te scribere decrevimus. Ai>te dlscessum meom lađra 
misi qnataor facinoros in compedibus ad Đecemviros doos alios in 
elilium totius Dalmatie egimus : duos vero priaeipes factloms qui aune 
istic morantur a Đec^nvids eoerceri scripsim^s. Q«e res aprobata ne 
fuerit a Senatu non satis certo scio. Non deerunt qui me lacerent aut 
saltem qtti rem non aprobent falso exi0txinantes plebem patribus £dem 
prestane fnod Ucet ego nec afirmare nec refelere auslm scelera tamen 
plebis OKigunt qul aut edio habeant eos qui optimatum iniurias uleiset 
vellnt aiit đecretent parere leglbus et magistratibus Veaelis quorui9 
utrufBque detestandum est. V^am est in ladremsi oegotio ui munari qui 
possint quod non vi eoacti non arnus territi rei sed soto precepto ipsi 
«ese in arcem mancipariint qui deiode lst«ic missi saot. Egimus cum 
populo -et bortatl sumus ut pacem et que pacls essent am^ileetereot 
Quecunique in sacrie literis scripta snnt et qi«e peripateticus Arlstoteles 
ac Marcus ClGoro de pače .etconcordia lepidissipie tradiderunt in meo 
/dium atulimus. NonnulH Veneti patricij ac urbis eius ^ptimales me .co^ 
lunt et celebrant : plebs tota sacerdotum et sacrarum 'virglnum erdlnejs 
•ut parentem patde venerantnr nee est qui dissentiat exoeptis decem 
ifacinoroeis cldbus : qui cum sint contempti ac pauperes i*ebus šibi oo- 
jbis putantet opes et auctoritatem cooiparari : sed que de ladreosi expe- 
ditione diximus pro minimo habenđa suot si cuucta f[u.e Siei c^guaus 



Digitized by VjOOQI€ 



891 

epnferantur. Sexto i^fil^nđas augusti lađrađiscessimus poistriđi^ eiu$ ^lei 454 3* 
Sico appulimus uM cpntifiuo et i^ilites eiipani iu$simu$. Clap egipaus ut 
porta que contiDei^tein spectat clauđeretur ^e qui tune a4 agros colendos 
^iverant urbeiiiquaH^ babitant repetereat plebi faturi supetias cvistodiri 
deiude portas duas ad iitus pertinens etsi pars saUs tuta fpret p^vibus 
IU)6tris io poi)spe<^|.u urbis iq anchoris $tanti))MS.: pbviam fit i^pbis pretor 
l)oae$to civiuip cpa^itatu : qaein duin verbis deiuor^inar eonstituimus 
unuD^ ej. is qui pretpr^iA secpti fperapt apreho^di Gaptaaique in navi 
<Mi$todie tradi bujusoiodi cp^silio psi qupd si ejus capfara moveri plebem 
vider^mus minori periculp desisteremus tum quod extra mepia essemu^; 
(um quod nautarum omnium presidio qp0d proximum erat tuti esse-r 
mus : si vero plebem pietu territai^ non auderp captum civem ređime- 
re ceptum negotium pergeremus calido consilio. Respondit fortuna ia- 
gaius statim iaculitur plebi timor i^n^as civis captura : sontes ^ufu- 
giunt : booi favent : ipgreditur cpptinuo icivitatiem armatus miies relieto 
porte urbi^ presidio: ad foriim c^ntenditur : hioc atquje iliinc diffpgiunt 
guji sui coasicij sunt scele^is c Dulla ypx nullus exauditar clamor. Ego 
conversiis ad civQ3 ^Mius est gueso bec civitas sancti iaquiuut Marci : 
conejiangialtur prgp JMjarcji npipeii et ego omaium primus JVfarcum apello 
cetepri pgiaes jltid^m/^pa^olam^nt: procp4imMis per i^rbem et quocjamque 
pbvios salutamus ^t aijoplectimiip et pripruoi exemplo viri mulieres 
puerique in Yii$ culmiuibus ac feQestris Marcum epnclamant : iussimus 
campana^ pn^i^ urbis pi^Is^ri Jubas tii^ipapos quod crepitum đaret ad 
terepdos ijuprpbps cive^ : sabitant mulieres ac senes qui me sequi non 
j)otefaQt manus ad ce^usfi tendentes ac f)e|ite$ eace dicere gestientes 
vjenit servator urbis et na đaretu^ spatiu^ consulendi sediciosis civibus 
petimus statim (Jomps principum popularis factionis quas armatis obsi- 
demus : qui quum terrore aufugissent ad templa accurrimus quo Sjeso 
recepisse (lefi^rebatu^ ub^ se jtutos esse putarant sed decepti sunt cum 
ecclesia nunquam lese majestatis reos tutata sit. Auctorem pro- 
Inde omnium malorum Georgium Pochicb bospitio quodam Dominarum 
terty Ordinis persbnam muliercule indutum et quia barbatus esset 
agnosci metuentem simulantem furfur primo gallinarum victu aversum 
miscere aprehendi iussimus. Agnoscitur et capitur Matheus quidam ci- 
vili fedatus sanguine in scola Trinitatis repertus: bij in viis alii domibus 
multi supertectis capiuntur quidam fugentes extra urbem repertis clausis 
portis sese precipitavere ex turribus: caplivi ad naves miltuntur vincti. 
Tune vocata concione ad plebem eque et patres verba habui docens me 
non ad urbis excidium nec ad civium perniciem venisse sed salutem ac 



Digitized by VjOOQI€ 



I5i2. ređemptiohem eoriim qucrere qui hactenus neglectis legibus conlempti^ 
magistratibus sub humilium civiuEU tyranniđe degere coacti fuerant 
nunc me illls liberam civitatem ređdere : liberos magistratus seque 
ipsos suosque liberos uxores ac parentes ad liberlatem vindicare legi^ 
bus in pristiaam dignitateai et reverentiani restilutis meme presto esse 
ad omnia que ipsi cuperent : me ut patre ut fratre aut pro consule ute^ 
rentur : sontes laturos penas uon etiam suis sceleribus dignas ceteris 
pristina quiete ac libertate uti. Si qui prelerea conqneri velint 
male secum egisse magistratus eis me ius paratum dicturum: qai 
vero Nobilium delatas in se iniurias ulcisci cupereat eis liberiim aditum 
conquerendi fieri comiaantes in eos qui superbe aut crudeliter qaid 
egissent acriter me animadversurum : paulo post querelle in No- 
biles quo5đam intenduntur qua9 benigne conquerentibus excipimus 
acivi testes reos vocavi in judicium absentesque publice aclamari jus- 
simus : sic biduum testium examinatiotte ac reorum questione ab- 
sumtum est tanto labore ac celeritate: ut vix mihi sensus supersit: uno 
ergo die civitatem tumultuantem dissidentem a patribus plebem que 
spretis legibus ac magistratibus paucorum hortatu concitata šibi leges 
ac magistratus constituerat : actis in exilium patribus : eorum bonis 
direptis ac qonnullis trucidatis liberavimus sedavlmusque : qui rem 
maiorem minoris temporis spatio acriori consilio absque ulio periculo 
confecerit laceret lustinianum patrem tuum quem allij predicent quem 
ipsi de se fari non liceant : convenimus in discessu nostro Oratorem 
Turcarum quem diu alocuti sumus et ita conciliavimus nobis ut jure- 
jurando asseveraverit mecum perpetuo amicitiam servaturum. Farie 
tandem insule apulsimus ubi que gessimus queque agenda statuimus 
alijs te literis nostris cerliorem reddere curabimus- Vale : Lexine die 
tertio augusti 1512 

Sebastianus Justinianus Eques Pro\isor. 
(XIV, 493-495). 



Digitized by VjOOQ IC 



393 

V ANIVO 1513. 

Gennajo« -— Da poi đisnar fo Conseio dl x di presonieri fonno 
expediti alcuni Zaratini fo mandati di qui per S. Sabastiam Zustignam 
el Cavalier Provedador in Dalmatia per esser seditiosi e scandolosi e 
fono confinati a star qui per anni . . . itern el Canzelier di S. Lorenzo Co- 
rer Conte di Zara privato dila Canzeleria di Žara et in perpetuo di Can- 
zelerie di Dalmatia. (XY^ 446). 

— Serenlssime Princeps, et excellentissime Domine Đomine obser- 
vandissime. Havendo per el passato cura ogni debita reverentia pep mie 
de 18 et 27 luio et di 30 avosto decursi alla Sublimita Voslra et di xi 
octohre alj excellentissimi signori Capi et demum per I ultime mie đe 
xxij dito al magnifioo Provedador di Gataro destinate particularmente 
dinotando 11 inconvenienti tiitoulti scandali et turbolentie de qui per 
zornate successe per eausa dele dlscordie civile di questo loco recre- * 
dendo sempre cellerate provisione per obviar ali eminenti pericoli so- 
pra star si vedevano la Serenita Voslra čum la solita sapieatla šua 
provedendo destiao de qui el magnifico misier Anzolo Malipiero Rector 
et Provedador dignissimo de Gataro el quale adi i 7 novembre decur- 
so arivato a questo loco desideroso dela quiete de quello me presente 
et il debile inzegno prestante cam ogni a noi possibile mezo stadio et 
diligentla se habiamo afiadigato introdur pače in questa terra per piu 
zorni continui ciim parole accomodatissime a tal effecto exortando si 
Nobeli come populari dando al una et al altra parte benigna audientia 
si publica come prlvata sforzandone senza tumalti et pericolo quelll ad 
unione indure. Et veduta la dificulta esser che Nobeli voleano prima pu- 
nirsi li delinquenti et poi tractarsi pače et bandir precipue quelli 
Allortovichij et Turchovichij si trovorono in una barcha andata a 
quella dove erra el Gol de Sier Nicolo de Gomis Noblle amazato da uno 
Andrea Turchovich parente đeli dltti exsistente nela propria barcha del 
dicto interfecto dil che per dite mie di 27 luio Vostra Serenita plenius 
ac reverenter ne significaj Unde experientia fazendo possa et luna et 
1 altra parte satisfare et unanimis indurli a pače havendo cegnato voler 
bandir li diti quelli de cio avedutosi usiteno fuor dlla terra adi 28 no- 
vembrio et comovendosi el populo gran parte de loro armati li šegu i- 
teno et prima reduti davanti la terra fatoli nomine nostro per interpo- 
sltas personas le debite persuasione che tornar dovesseno nela terra 
non volsena (licet permesso haveseno ritornare): et andarono ali molini 



lbl3. 



Digitizedby VjOOQI€ ^- 



894 
1513« dela terra che sono el presidio de quella et comenzorono a briisarli đi- 
cendo poi voler andar a SciUarl d prov^^r ali fatti Ihoro cum simele 
parole et il qual pericolo ben coasiderando il prefato magaifico Prove- 
dador et io iternm maodafijsano alcuni đđ populo et jNusob Sirocho 
provlsionato persona fedale al Stato đi Vostra Celsitudine et assai di- 
screto dbe eum bone parate U faee^se rit^nare i quali taađem ritornati 
điaseno die li Nobdi lum aceptavano subito ia pače eha intendevano *el 
seguente kotoo taiarli a pejsi guali tamea oum convepiente parole aqai-> 
rendo promettendoli io personalmente la matiaa ad essi Nobeli andare 
et eh« sperava nel nostro Signor IMo jche omniao aeeptariano la pače 
eassi/qqella sera resio la cos$a* Ma la mattipa mossosi tatto el popolo iii 
arm^ alcuso đi quelli Teneado al palazo ae fece intender cfael populo 
tutto (era deliherato Mltimar le co^e wer a bona et subita pače over a 
estreioa f uina de N^ili. Dođe mUU> coa 2 dil populo che piu neutrali 
enapo imdai ađ esjsl Nobili i quflU atiam tiilti ia ar me erano e congregati 
i i^pi Ihoro ia IO09 solito de-loro Gonseglio li manifiestai Io apertissimo 
pericolo loro ia sua pernitie et (total ruina se non abrazavano la paoe 
tuti resposene voleri,a salvo Pier Nicalo de £lomis qiial disse che prima 
voleva parlar cum uao so fidlo dbsente et certi so parentl de Pastroviciilf 
jfiraiiđo aim etiau lui la vma et che per questo al presente si absente- 
ria dalla terra. II q^l đe tal sua .oplaion non poteado levare io rilornai 
al palazo et per diti do njButrali neferiito la cossa a} popolo et poi per 
me in ppUioo cussi loro iostapter refifaredepđo et pregato per me tigitto 
esso populo lehe per 1 amor de Dio et <eome boni fioli đi Vostra Serenila 
dovesseM paeificarsi etapi tati iessi Nobili non risgaarda^do che dilo 
S. Nicoio Gomis loleva 4ito puodio đi tempo per fermar meglio la p%ce 
et .ehe se^za đtibbio aicon liii da poi suIhIo la seguiria come el jurava* 
Hesppseno alcwi 4iel popolo d^e lui zercbava cum questo mezo đi 
tempo dinganarli sicome fece un altra volta et che voleva spazarsene al 
presente. £t a rjimor e tumiulto tiitlo esso populo eomosso armaii cor- 
seno eoalf ft U Nobili boji asedtajgido mej comaodam^ati et persuasive 
parole : £t cussi fainc iode ia la pugna aceerima a^ozala cuia schio- 
peti saete et arme diverse et esseado al prelate magnifieo Provedadar 
per piu secjorta iA easitello cum U suj soldaiti et Stratioii ia /laello radulo 
per coĐservarlo in ogni bisogao a n^me de Vostra Sublimita nel quaLe 
casteUo prima poohissiad oompagai semo io restai ne)a terra nel mio 
paJa^o per gov.ernar le cosse al meglio si poteva >per^be tuitto erat 
in annis ^ li piu zoe el {lopulo superavaao U Nobili ne fier alcun jpado 
^ivider si fpiotevaao. £t ^ per&eateođo el r umorie ale parie eircumvi- 



Digitized by VjOOQI€ 



895 
ei»e se mosseoo^lcuni armati dela villa đe Spiri đela juri^ditiom de 4613. 
qijiesto loco et apresentatosi ala porte 4ila terra io joon U v<rifaii far aprire 
i quali alfirmanđo cbe erano aeutrsdi et ahe voJeaoo IMrare per ispar lir 
la cossa cussi con juramenio alfimanđo et parte del popolo impemse 
et con minaze da^aoti de me venendo reebieseoo h fduave aliter che 
li tirariano psr le mure et rompariano le porte et che poi se per Ul 
mezo iDirasseno fariano ogni male et che de qae9to io ne ^aria eausa 
ec. II che sentenđo el mio Gavalier senza aUro dire pareodoU crni per 
el meglio in efecto personaliter ando ale porte persuader aUdicti mm 
bone parole ehe restassenp de fuori fi« jche se aqaietaseao le cosse et 
tamen non potendo retenerli ehe ehf iatrava per <^erto roEibo fato nele 
mure «bi voleva romper le porte vedende tal loaaifesta pericpla ehe ^ 
rote fosseno et cbe li ditti viplenler iotrasseno $eria total raina dela 
terra si per loro ^sđegnato iagresso eomie per h fratra dete miv^e ^t 

porte che daria aperto adito ali mai^lffie veđead^ qaeUi d^ 

mar col subditi dil Turobo veouti fin neHe raojitagne ađereate alft 
terra cridaodo Marco Marco per poler dolose intrare ia essa terra de 
la qual majLtme de Nobiii a qaali 9&a forono sobieti 6om iftipaici par^ 
a esso Caralier consideratis {ni a&serit} <owAlbi^ pr^Biissis vedeodo )a 
terra ia faucibus Teuererum et attenta la J4ir4tpria prea4$sjboae đe dititi 
Spizani quaU sempre son staAi fideUssioii d/el jStato de Vostra SabUmita 
zvranđo voler divider ia pugna et đi aprir e ^i^ssi aperse el port^lp « 
ne latre da eireba x^y x;be li aUri 4a cjirea xv per Io đito vpvffi^ e$ 
per le mure ^ eraap iotrati i quaU passando davajuti el palazo juraro- 
no cbe induriaoo pače : et cussi andati al diUo tM^lIieo conflito e pMgoa 
cridavano paxe pa^, U che cussi io sperando eseer dovesse vi^ ne a9* 
dal personalmente cum 'qualche asecuratiom deli ditt^ ^llo 4jtto locode 
pugna suplieaodo đe gratia diti pugnanti far do.vess^np'paee n^iilla poti « 
obtenere. Imperhocbe populari a NobUi erano siapeiiori: et parte baano 
roto la monition meptre che io andai ante pugnam et li Kobili «xor- 
tandoli a pače ut supra dixi dala q^al ii9u>aitioii avanti <;be io ritpiiiiassi 
al palazo baveano UAU> scbiopeti saetamenti et altre arme la so benepla" 
dtum per tal causa essi popolari era^o quasi vincenti totaliter : per i( 
cbe evitaodo li pericoli đeJa perso^a ii^a acompagiiato da 4^ti viljaal 
ritornai al palazo ,cum i quali la seconda Tolta expcrlinen;taAdo d9 
aquietar le cosse ritornaj aU .diti pugnanli et similiter senza frutto ri- 
tornai al palazo. Đemum sentendo portar el Corpus Dpmin^ da wp 
prete de Nobiii tratante placar esso popub ia terza vplta andai ala pu- 
gna dove bemche molte exortation et pregi io facesise niilla 



Digitized by VjOOQI€ 



396 

45'i3. mi valse che per li grah rumori et stridi nulla si risguardava cx qua 
finaliter al mio palazo ritornato li populari prevaleiido a Nobili li mi- 
seno in rota i quali arivando al campo de san Zorzi in qaella fiiria fu 
morto el quondam 5ier Antonio de Pasquo nobile persana da ben et 
điscreta : qual mai recuso la pače et etiam allora in zenochioni al po- 
pulo la dimandava. Li altri Nobili fugati chi in ditta giesia di s. Zorzi 
chi in alcune vicine caxe scampono la fnria populare : quali populari 
reposando et sopra dicto campo refreschandosi hessendomi zio relato 
mandai per Francesco Allatovich Marcho Medin de principali capi del 
popale et per esso Nicolo Siroco i quali pregando che ormai facesseno 
cessar la cossa et si perdonasse a Nobili che da Vostra Serenita sariano 
remunerati se cio facesseno i qiiali ciissi fezeno in effeclo et a salva- 
mento li condusseno nel mio palazo. Vero e che alcuni vili et tristi po- 
pulari et alcuni de dicti vitlani i quali viilani stati fin allora erano a 
veđer 1 exito dela cossa vedendo la victoria del popolo se messeno a de- 
robar esse caxe de Nobili i quali dicevano esser sta disturbatori della 
pače. Tamem tutto el popolo me fece intender che quesla nullo modo 
era la opinion sua et cussi cum bandi et expediente provisione coadiu- 
vando el populo se ha recuperato quasi el tutto et spero infalanter si 
havera etiam el resto. Et hoc modo la impetuosa furia populare victrice 
per divino miraculo potius eha per nostra industria ne humano ingegno 
in tranquilita bonaza et quiete restata fu et e. Adeo che la seguente 
matina fatoli per noi le conveniente parole ad ambe parte tutti ben di- 
sposti fereno celebrar la messa del Špiritu Sancto et facto el compro- 
messo jurarono sopra el messale tutti esser per observar questo che 
per 24 vechj ellecti 12 per parte juxta le usanze del loro paese termi- 
iiato fosse i quali elecli in questi tre zorni hanno expedito judichato et 
assectato tutte le rixe et diferentie de esse parte et non solum de le 
proxime prelerite discordie ma etiam da molti anni in qua ita che per 
quanto posso per hora comprenđere la terra e assai ben.pacificata et 
assectata per la predita decision deli stessi xxiiij compositori. Ala qual 
cussi tuta la tera rechiedendo el prefato magnifico Provedador el io ha- 
biamo interposto la autorita nostra e per far che tal salubre opera se- 
guisse et al dito optimo fine se deducesse a pregerie de tuta la tera si 
de Nobili come populari et maxime de diti 24 compositori ellecti et de- 
cisori de pače habiamo fato salvoconducto ad alcuni banditi de qui 
pacificati tam con li offexi di poter star de qui ad beneplacitum Subli- 
mitatis Vestre : et ad tale beneplacitum habiamo etiam substitulo essi 
pochi provisionali in loco de alcuni manchati. U che per le presenle 



Digitized by VjOOQI€ 



397. 

occorentie et necessita đe lempi fato babiamo che pro nunc non pote- 1513. 
vamo altramente fare voleiido far seguisse đito assecto et pače : la Se-. 
renita Vostra sopra zio comandera et disponera come a quella meglio. 
parera e\pediente che nuj ad ogni suo sapienti$simo parere se remet- . 
temo : ben reverenter qiiesto diro conclusive alla Sublimlta Vostra che 
ancor le cosse pređite siano cussi impetuose seguite come e dito dl so- 
pra credo quando seguite non fosseno non so guanđo la ierra si pacifi- 
cava et in asseclo si poneva et unlone come e facto de preseutl ma 
essendo ut est in faucibus Teucrorum constituta per ditte sevissime 
discordie stava in pericolo non vulgare : ila che per non esser obedien- 
tia ne unione el rezimento posto da qui per la Celsitudine Vostra si po- 
leva reputar vano : et hora quela puol reputar aver questa terra con - 
quistata : che del tutto al summo Iddlo sia laude infinita : che ancor 
chel prefacto magnifico Provedador se habia cordialmente circa zio af- 
fatichato per il che appresso la Sublimita Vostra ne .merita comenda-: 
tione et anchorche io piu volte exposto la propria vita habia a manife- 
sti pericoli cum tutti li špiriti procurando tal pače nulla era senza lau- 
xilio del nostro Signor Iddio mirabiliter a queste cosse infuso. II qual 
mediante spero assai ben restare acquetada la tera. Se tamem succe-. 
dera altro đegno de notitia la Sublimita Voslra per mie riverenter ne 
sera avisata: cuius gratia me semper huniiliter commendo. Data Antibari 
die 5 đeceiubris 1512. 

Ex Celsitudine Vestra Servitor divotissimus Andreas 
Capello Potestas Antibari. (XV, 462-467). 

— Adi 21 la matina vene in Coleio S. Zuam Francesco Miani ve- 
nuto Conte e Capitanio di Sibinico et referi di quelle cosse per esser 
stato a tempi di gran fastidij per le discordie di quelli cittadini etiam 
dila peste : nel qual rezimento e stato mesi (XV, 496). 

— Di Ragusi di 5 scrita per Nicolo Gondola Abate di Meleda 
licet non fusse leto il nome di chi scrive avisa che Turchi 5000 es- 
sendo passa la Jayza e sta da Hongari roti di qual apena 100 e tornati. 
(XV, 499). 

Febbrajo« — Vene adi 9 il Stafileo Episcopo di Sibinico Orator 
Pontificio e tolse licentia di repatriar havenđo hauto ordine dal Papa di 
rilornar a Roma et resteria qui el Vescovo de Ixernia il Principe li uso 
bone parole et cussi parti pol per Roma adi (XV, 531). 

Hflarzo. — Di Bossina di uno Matio di Gajardi fisico qual sta 



Digitized by VjOOQI€ 



398 

1513. li et avisa la Sigaoria no^ra dOe occorentie scrive come Turchi hanao 
tolto đo Castelli a Huogari đe importantia et che Ragosei qaali per 
Don aver fatta il presente al signor Turcho eraito sla mal visti e rete- 
DUti alcuai Oratori etiam marti par Ragnsei li babino manđato pre- 
sente dl zelađie tarzi di cera e veste e altro ut in litteris adea il Sigoor 
li ha tolti in gratia et come quel Sanzacho oTvero Bassa đila Bossina 
Ferisbei si diče dia corer con i 200 cavalli in Corvatia e Dalmatia e 
questo perche el l^gnor diše non sa da chi tien Venitiani percbe a&- 
cora Đon li e venuto 1 Orator a ralegrarsi scrive tra Ibora fradelli e 
gran discordie e sono tutti suUe amii e banno exerdti ut in litteris. 
(XVI, 6). 

Aprile. — Di Žara di Rectori S. Znam Minoto e S* Lanardo 
Mlchiel avisi anti dal Conte Zuane di Corbavia chome a fato acordo 
con Turchi per non poter resister e li da passo qaal dicono voler ve^ 
nir a corer in Dalmatia perho si provedi a questo. (XVI^ 127). 

Mmg^g^lo. -— Di Vegia di S. Francesco Michiel Proveditor di . . . 
come qnelli di Segna li ha scritto dubitano assa di Turchi q(iali li vi- 
cino sonno adanati bon numero et voleno venir a tuor quel locho e vol 
aiuto. 

— Di Curzola di S. Lorenzo Badoer Conte di 1 1 come hessendo li 
10 porto un navilio di Turchi veniva di la Morea con cordovani e altro 
per Venetia da barze Spagnole state di qui con formenli tornavano in 
Ihoro paesi e sta preso e tolto item alcune fuste Turchesche e in golfo 
trovo uno navilio che andava in Puja per formenti e preso uno galupo 
inteso il patron havea li danari prese il patron -e lo fe confosar haver 
diti danari et li tolseno quel navilio andava in Manfredonia. (KVI, 233). 

Giiig^no. — Di Gataro di S. Anzolo Malipiero Rector e Prove- 
ditor di . . . . mazo come queli di Montenegro che confina coa Ga- 
taro quali non hanno voluto pagar il carazo al Signor Turcho erano 
obligati hora par li venghino a Ihoro danni alcuni Sanzachi per ruinarlt 
per tanto quel loco e mal fornito di Gataro et saria bon fame provi- 
sione ec. (XVI, 316). 

•— Da Liesna di S. Vincesnzo Donado Gonte zercha aver fato pro- 
damo justa le lettere dila Signoria che li banditi per S. Sabastiam Ju- 
stignam el Gavalier vadino al bando par non volgino obedir ec. im'o tre 
di Ihoro populari e venuti đi qui ut in literis. (XVI, 340)« 

•^ Di Gataro di S. Anzolo Malipiero Retor e Proveditor replica 
si provedi a quella terra venendo Turchi $i propinqui ec. (XVI, 341). 

•^ Adi 16 vene in Golegio S. Alvise Orio venuto Gonte de Trau 



Digitized by VjOOQI€ 



399 
6t referi jusla il solito poche parole e dome si đtceva Turchi aver aru- 1514. 
to Cetina et quella Đalmatia e ruiData. (XYI) 847). 

— Di Gataro di S. Anzolo Malipiero Retor e Proiveđitor fo leto 
letere di . . . come 4 Sanzachi erano venuti li vicino a Scutari et dubita 
e di provedi con avisi ut in litteris. 

— Đi Sibinieo di S« Andrea Donado Conte e Capitanio di 

di Turchi corsi su quei teritorio e il danno fato preso le guardie et si 
provedi di polvere e altro ut in literis. 

— Đi Spalato di S. Bernardin da Biva Conte in consonantia ut 
sopra. 

"«*- Di Trau đi S. Gaspara Pizamano Conte zerca Turćiii et guello 
feao su quel di Spalato et le provisiom fate e si provedi e altri avisi e 
qoine in đito castello non era li do homeni et combate per 3 hore cen- 
tra Turchi milia li erano atorno ec. (XVI, 361). 

— Di Vegia di S. Franceseo Michiel Provedilor di ....... . 

come havendo auto nova queli Frangipani vicinano a Vegia dlla rota 
de Francesi per Sguizari hanno fato gran fešta dicendo e sta coto etiam 
il campo nostro et minazano voler venir sopra qnella ixola di Vegia. 

— Di Spalato di S. Bernardin da Riva Conte di 19 come Turchi 
haveano preso do Castelli dil Ongaro videlicet Sdrigna et Nutiaeh fo dil 
Conte Zarcho qual Ihavevauo fornito et aon manchava se non acqui8tar 
Clissa et saria ali confini di Spalato : il sumario di questa letera piu di^ 
fuse notero di soto. (XVI, 381). 

— Adi 26 domenega da matina domente la Signoria aldiva la di- 
ferentia di quelli di Budua con li Pastrovichij intervenendo il condur 
di vini di Pastrovichij a vender in la terra per la qual cossa e moUi 
vecchi Budoani qui e Pastrovichij et fo termina non se innovasse altro 
et metesse i so vini a S. Stefano. 

*-^ Di Spalato di S. Bernardin da Riva Conte e Capitanio đe 4 9 
comenza cussi Serenissime Princeps dato uno inconveniente plura se- 
quuntur Turchi come scrisse per avanti tolse a Hongari il Castello Zazu- 
nia loeho de importantla da pol occupoe il castel Nutiaeh fo dil Conte 
Xarcho et quello fabricano e fortificano et ultiraamente hanno avuto it 
Castel di Sdrigna li mancha solum Clissa et e venuto il Nontio dil Conte 
Paulo de Clissa da lui Retor a dir se li provedi ec. (XVI, 385). 

— Di Ragusi di S. Antonio Zustignam Dotor va Orator al Turcho 
di 48 di questo date in galia apresso Ragusi scrive il suo navegar li 
lotavo zorno poi parti diquesta terra đove e stato ben visto et hono- 
rato da queli zentilhomeni Ragusei et in quella note justa il consueto 



Di'gitized by VjOOQI€ 



400 
ibiS. spazeria per terra letere ala Porta dil suo zohzer 11 el che solizitera ii 
suo camlno đise 11 suo navegar e stato sempre con bonaza etlam ale 
Frate con venlo contrarlo adeo con li reml e venuti vla. (XVI, 396). 

Sumario di alcune letere di domino Sancto Barbarigo e in galia 
Chapela che va con I Orator nostro a Costantinopoli. 

— Letera dala In Spalato adi 45 zugno come in quella hora 19 
zonse 11 con la galia predita : eri sera introno in certo locho che si 
chiama Cavocesta rulnato da do anni in qua da Martolossi e loco di 
mandole babondante e dl uve ma abandonato dali habltatori e par- 
tili de 11 per il venlo contrario e per far repossar le zurme introno in 
uno altro porto dito Sancto Arcangelo nel qual steteno fino alba pol a 
renii e venuti li a Spalato e 11 si diče chel Signor Turcho ha fatfo far 
couto a tulti li habltanti d intorno in Dalmatia che sotto pena di esser 
impallati vadano se sono fre homini per caxa dol di Ihoro in campo e 
questo aviso si ha da Narenta e si ha certo chel Signor Turcho ha uno 
Castello lontam di qui mia 18 si chiama Sazina fu dil Re di Hongaria 
Castello molto forte et di non poco momente si teme molto de li et ma- 
xirae per continue corarie fauno 11 apresso a mia tre e queIlL Rectori 
stanno fino a mezo giorno con le porte serate per paura Spalato non e 
forte e questa Sazina erra una chiave di questo loco resta 11. Uno altro 
Castello dito Clissa non meno fortissimo e, forte al qual Turchi invigi« 
lano molto di averlo si diče e munito per 11 Re di Hungaria et e tre 
mia lontan di qui. Questa citta e molto antiqua ha un belissimo tenipio 
intitulato san Doymo tutto di pietra viva e di belle colonne di marmo 
di porfido uno campaniel tutto in colonne in cinque gradi molto artifi- 
ciosamente facto et antiquissimo si diše fo 11 palazo di Dioclitiano e 
fato dile vestigie romane il Castello e da 11 monte superchiata perho 
non e forte e meno civile locho eha Žara assai e piu picola terra et 
non populata scrive ala galia bisogna ogni ciaque zorni quarte x di 
vino li qual costano L. 3 per 10 alla quarta in pan etiam gran spesa 
di agnelli L. 1. 1 uno li Capreti per 16 in 48 si fara impalmar la galia 
a Cataro di consentimento di 1 Orator dove si stara alnieno' zorni 4 6 
prima anderanno a Ragusi eh e mia 100 lontan di Spalato e li intende- 
ranno dila persona dil Signor si dubita molto non convenir andar a 
nno con la galia. 

— Dil dito adi 17 apresso Ragusi in galia scrive esser ala vela 
passato Liesna per dubito di morbo et Curzola per non perder tempom 



Digitized by VjOOQI€ 



401 
senza meter scale et navicano con gran bonaze spera questa sera zon- 1513. 
zer a Bagusi scrive Liesna si chiama Pharos e Curzola Corcyra nigra 
seconđo li cosmographi sonno belle ixole e massitne Liesna: lauda molto 
i Orator domino Antonio Justiniano humanissimo ec. cussi Anđrea dl 
Franceschi Secretario zonti a Ragusi spazarasi il corier a Costantino- 
poli per dar aviso al Baylo diia venuta sua poi anderano a Gataro mia 
30 di Ragusi poi a Gorfa la galia e ben interzata et messo homini per 
banda e niuno ba in quella Dalmatia fallito eh e sta gran cossa. Dorme 
sopra la pope con Sier Zorzi Barbarigo e Sier Otavian Pijani spera per 
iutto octubrlo sara ritornato a caxa con 1 Orator e la galla predita. 

— Dil ditto date in porto di Ragusi chiamato da Latini Epidauro 
adi 17 hore 17 come navegando verso Ragusi credendo arivar eri sera 
ma per la bonaza grandissima convene restar in uno porto si chiama 
Župana el qual e porto maržo circondato da scogli in guisa dl theatro 
dove anđoe con 1 Prator e Soracomito e Secretario a peschar nel co- 
pano e in una altra barcha li altri et feno optima presa de pessi et pas- 
sata ineza note si levoe e con la forza de remi a hore 13 arivono li a 
Ragusi el qual a uno Gastello coutiguo verso poncnte inexpugnabile 
ditto Malpaga fato far in una note per la Signoria nostra il qual dali ga- 
lioti fo salutato con pietre e con bastoni in segno di maleditione perche 
da quel tempo in qua a galioti sempre e stalo retenuto un certuin quiđ 
dila loro ušata paga e dicesl poi per la Signoria fu permutato con Ra- 
gusei per lisola di Gurzola il qual barato fo comodo ala Signoria et Ra- 
gusei fu di conservatione Ihoro perche ditto Gastello domina e bate la 
terra la qual e fortissima si dal canto di terra come da mar. Governata 
henissimo et questi soi Nobeli e molto industfiosi gran marchađantž 
homeni eloquenti benche tulta la Dalmatia di eloquentia non sia menđi- 
eha: nella terra sonno do belle fontane uno ben fato Domo ma occupato 
un bel palazo «jofitado d oro una chiesia di S. Francesco et tutta la 
terra e salizada et al zonzer dila galia veneno do Oratori dila Gomunita 
ofTerendosi ali Orator e pregandolo volesse haverli per ricoraahdali con 
il Signor Turcho et cussi smontono et andono a veder la terra : scrive 
nel porto li qual non e troppo grande una nave di botle 400 la qual di 
8 zorni in qua e venuta de Ingaltera carcha di marchantie qual erano 
9000 charisee sono per valor de ducati 85000 oltra slagni e altri 
panni fini dicesi era di valor de ducati 13000 tulto di raxon dl Ragusei 
e ozi terzo zorno si parti un altra nave di qui di bote 500 carga di 
sede et zambeloti per ducati 100000 oltra ducati 12000 in. gropi di 
raxon lulto di Ragusei e Fiorentini la qual e partita per Aucona et tra- 

26 



Digitized by VjOOQI€ 



402 
4513. versanđo 11 msir e distante di Ragusi mia 360: coaclude esier le ri- 
cheze assai et inćredibile hanno etiam Ragusei sempre apparate gaii« 
sotil numero 4 che in tre giorni le voleno armar dil tutto a so beae* 
placito che nbn e pocho : circa ale nove đel Signor Turcho per il Con«- 
solo eh e stato ozi a di&nar con 1 Orator si ha inteso per letere di id di 
mazo che sono le piu fresche dil Baylo nostro il Signor Turcho si tro* 
yava tra Costantinopoli e Andernopoli in camin per venir in Anderno- 
poli havia fato morir duo suoi fratelli e restandoli cinque nepoti fioli 
dil suo maggior morto fratello di qual erano 4 in Persia et uno in ma» 
dil Signor Sophi e sono sicuri di le man del Signor Turcho el qual Si- 
gnor Turcho non vol haver pače con il Re di Hongaria ma di exercito 
Đon faceva altra preparation ancorche lavesse hauto do Castelli di dilo 
Re : item 1 bavia fato far uno edito ali sol che non fusseno molestati 
i subditi dila Signoria nostra et hessendo il Signor in Andernopoli si 
convera andar con la galia Ženo el qual e lontan assa da Costantino- 
poli e di pessimo aere e al tempo ando Orator Sier Alvise Arimondo la 
sua galia aspetar al isola di Metelin mia 70 in 80 de li per esser li mier 
aiere si aspeta qui fraJS over 4 zorni uno Orator dil Re di Franza chd 
va al Signor Turcho e andera per terra et havera un mexe di viazo e si 
trovera dal Signor a un tempo col nostro scrive anderanno de li a Ga- 
taro dove si fara impalmar la galia. Ragusei apresentono al Orator do 
castroni do agnelii frutte fige cocumeri armelini e ceriese et do scatold 
di confeto et alcune cere. (XVI, 405-407). 

Luglio« — Vene poi in Colegio 1 Orator Hungaro domino Fi- 
lippo More dicendo aver letere di Croatia come 11 Turcho era a campo 
zoe le sue zente a Sdrigna siche era bon proveder perche preso questO' 
Almissa saria presa et la Dalmatia eh e nosti'a stava malissimo perche 
dimandava per lamontar di ducati*500 di monizion a conto dil Re da 
mandar a ditta Sdrigna il Principe li uso bone parole si consultaria et 
vedaria. (XVI, 413). 

— Da Spalato di S. Bernardin da Riva Conte di 26 come TurcUi 
bavea otenuto 1 altro Gastello dil Hongaro nominato Sdrigna et tende- 

vano a Tenina et Clissa e il Conte Pauluzo era andato 

dal Đassa e datoli obedientia a lui siche Turchi fanno gran progressi. 
(XVI, 419). 

— Di Trau di Sier Gasparo Plzamano Conte avisa di quelle occo- 
rentie et Turchi esser in campo. (XVI, 437), 

— Di Spalato di S. Bernardin da Riva Conte di com« 

Turchi erano stati a Clissa e quelli dentro si haveano difeso : iteai 



Digitized by VjOOQ IC 



403 

Turchi baveano preso uno Castello đii UiUo Re di Hougaria a quelli 15i3. 
. confini nomioalo Ver. (XVI, 471). 

Sumai^io di tina letera di Cataro di domino Santo Barbarigo drizala 
a S. Vetor Cappello qJ^ S. Andrea scrita adi 24 zugno riče- 
vuta adi . . . luio 151^. 

— Come adi 19 a hora di vespero zonze con la galia contra et il 
roagnifico Orator va al Signor Turcho li a Cataro et intrati nel colpho 
con veo to tresso e con non poco mar talmente che molti di Ihoro erano 
intorbatl excepto 1 Orator e il Soracomito. II colpho e grande e raolto 
longo e largo e prima e Castelnovo di Turchi posto sopra il mare a pie 
dil monte loco assai munito dove li e una fusta Turchesca che di con- 
tiniio fa qualche incursion qui d intorno e piir ozi per aviso di Buđua 
eh e longi di Cataro miglia xii si ha che ditta fusta ha preso una barcha 
e morti alcuni de )iostri senza rispeto alcuno. II colpho intra mia 48 fino 
U a Cataro e da una banda e dal altra sono grandissiuii monti tuti di 
ragion dil Signor Turcho e la terra di Cataro e posta nel sito di ditto 
colpho a pe dil monte et ha il Castello sopfa ii monte che non se li pol 
andar a cavallo ma con fatica a piedi et e molto forte tuttavia si puo 
dsediarla facilmente ditta terra se armata nostra non la mantiene ozi. E 
sta compito di palmar la galia et si partirano per Corphu dil qual loco 
avisera il tutto e la lettera e data apresso fiizan nel monastero di s. 
Bernardin. (XVI, 479). 

— Di Spalato di S. Bernardin da Riva Conte piu lettere le uUime 
di XI di successi di Turchi venuti li a Clissa mia 5 lontano locho dil 
Rc di Hongaria ma nulla hanno potuto far et hanno scoperto uno tra- 
tado mcnavano do frati di S. Francesco Observanti quali erano venuti 
in Clissa sotto specie di predicare voleano introdur Turchi dentro et 
erano sta presi : itera scrive parole li ha mandate a dir quelli Sanzachi 
Turchi che vol eno ben vicinar con la Signoria nostra ec. Item non 
fanno alcun danno su quel di Spalato. 

— Di Sibinico di S. Andrea Donado Conte di 15 come quel Bassa 
eh e li vicino con piu di 20000 persone per luor Scardona terra dil 
Ongaro di grandissima importantia et era venulo da lui uno Nontio dil 
Bassa a dirli il suo Signor ha bona paxe con la Signoria e ^ ol venir al 
impresa di Scardona da mar o da terra perho vol licentia venir con 7 
fuste in porto di Sibinico unde esso Conte li rispose non aver questa 
licentia e scriveria ala Signoria. (XV[5 492), 



Digitized by 



Google 



404 
^513. — Di Ragusi fo letere questa matina 25 đi đomiao Bernarđo Gon- 

dola abate di Meleda di 45 luio zercha cosse Turchesche comc sono in 
guerra con il Re đi Hongaria e tutte do potentie sono sule arme. E il 
Turcho potente a Belgrađo e il Sanzacho in Dalmatia vicino alie terre 
dil Hongaria e con hoste quelIo sara Dio lo sa faste di Turchi soto 1o 
monte a falo danno di formenti vile et di zente. (XVI, 514). 

— Adi 26 la matina in Colegio vene uno nepote fo dil Conte Xar- 
eho Corvato con caxacha d oro e tre altri con lui diče a sie ravali et 
venuto a servir la Signoria et ne avera đi altri 100 et cusdi fo toUo a 
nost)ro stipendio et mandato a Padoa donatoli ducati 40. (XVI, 519). 

AgontOm — Fo alđito alcuni Lesignani che sonno qui exponen- 
đo contra il Proveditor fo mandato in Dalmatia S. Sabastian Jnstignan 
qual ha condanato 69 heroini Lesignani contra raxon ec. et parlono 
longamente tamen il Principe li đisse si vedaria. (XVI, 577). 

— Da poi disnar fo gran Consejo fato Retor e Proveditor a Gata- 
ro S. Franccsco Gradenigo. (XVI, 584). 

— Dil Provedador dil armada S. Vincenzo Gappello de 4 6 in galia 
apresso Žara come per bisogno di biscoto avia tolto stera 200 forme n- 
to di uno navilio de uno Bergamasco veniva qni e mandato a Sibinico 
a far masenar e far far biscoto per larmada : item havia manda una 
galia Soracomito S. Pietro Polani in Ancona juxta i mandati a levar el 
Cardinal de Strigonia e pasarlo a Segna et era con lui el gripo di Lau- 
rani con i 00 homeni et do fuste dil resto dil armada ordino a Corfu 
non sa nulla ha letere đi S. Vincenzo Tiepolo Soracomito dil Zante co- 
me de li e di la Zefalonia non arano do cavali per locho di Stratioti et 
voleno esser pagati : item come li a Žara aveva da 40 cavalli che quelli 
de li si hanno oferto venir a servir la Signoria gratis sopra la đita ar- 
mada : item a scritto a Corfu al Baylo debi licentiar tutti li navilij 

di in . . . . . justa 1 ordine li ha mandato la Signoria no- 

stra. (XVI, 632). 

Copia di una letera dil Conte Zuane di Čorbama mandata ali Orator 
Hungaro a Venetia D. Filippo More, 

— De novitatibus scribere possumus V. R. D. qualiter reveren- 
dissimus dominus Petrus Berislaus BanuH Croacie Bassani dcbellavit in 
quo bello tria millia Turcorum trucidata et capti Vayvoda Transilvani- 
ensis cum xxx mtliibus hominum profectus est versus Zinidirev quod 
hactenus fecerit ignoramus nos vero Deo dante cum nostro domino 



Digitized by 



Google 



405 
Bano Bossinam sumus intraturi. Rogamus Deumut secunđet fortanaot 15(3« 
et bene valeat V. R. D. ađ vota. Ex Drugnia feria secunđa ante festam 
sancti Bartholomei Apostoli 4513. Joannes Coiues Corbavie ec. (XVI, 
653-654). 

— Vene I Orator Hongaro e mostro letere dil Vescovo đi Scardo- 
na li avisava Hongari ver.<$o Smeđro esser stati ale man con Tiirchi e 
sta gran tajata par Hongari sono restati vnicHori. la đitta letera sara 
copiata qui avanti. 

— Di Sibinico di S. Andrea Donado Conte e Capitano fo lettere 
di . . . . . con copia di lettera dil Vescovo di Soardona con nove di 
Hongari eontra Turchi come ho dito di sopra. (XVI, 656). 

Se44etebre« — Di S. Vincenzo Cappello Provedador dil arma^ 
da di 29 date appresso Curzola come e li a solum galie . . . et 5 gripi 
venuti di Corphu con iZ6 cavalli di Stralioti non sa che far aspectando 
ordine di la Signoria nostra a in bocha di Catharo velle 22 in tutto 
scrive zercba biscoti et le provision ha fatto ut in litteris pregando la 
Signoria se risolvi quanto habbi a far le do galie bastarde non e zonie 
e sta retenute dal rezimento di G>rphu et altre particularita. (XVII, 
28-29). 

— Morite in questi zorni domino. . . '. Chieregato Episcopo di Ga- 
taro stava in guesta terra Visentino havia intrada duc. . . . (XVn, 54). 

JRelatione auta per via di Udene per letere di 47 septembrio 1513 
mandata alla Signoria riceuta adi 20. 

-- Relatione de Lucha Corvato balestrier di D. Tbodaro Dal Borgo 
mandato ^er intendere li motti et andamenti de inimici e per fornirse 
de cavalo e stato in Corvatia et se ba trovato al tempo del rouiper de 
3000 Turchi ijresi et morti in uno locho si chiama Costaniza terra de 
Hongari diče sono le zente de Hongari eontra Turchi in Dumboro 
chiama Sardahel tt se diže li sono reduti zercha 10000 da pie et da 
cavallo et coiitinuj«iente azonzeva che aspettavano 2000 homini 
d arme a 1 Ongara soio lontani dal Danubio x lige poi 50 mia etstanno 
aspetar che Turchi passa la fiumera del Danubio sopra Luza per esser 
ale man con Ihoro aspec^avano de hora in hora el Bassa dela Bossina 
se dicpva con 20000 cavalli et piu se parlite da Chiasina adi 3 dil pre- 
senteet vene di longo fino a Lubiana et li se condusse al soldo con el 
Capi&nio de Lubiana dove fece la mostra insieme con lui de 50 cavalli 
et elConte Michiel et Conte Zuanne de queli che erano ritornati di la 



Digitized by 



Google 



406 

45IS. rota de Turchi de 20 cavalTi pcr homo ei oltra ^ueMo cavalli lizierl go 
havevano 28 hbmeni d arme alla todescha esso Lucha se parli mercore 
adi i 4 di Lubiaiia et vene con 25 cavalli lizieri et 8 homeni d arine 
che inlrono in Trieste el suo Capilanio se chiama Vernical et esso Lu- 
cha e venuto dala Postoina dove erra el Conte Chrisloforo che haveva 
20 cavalli sono veniili de Lubiana in Gprjzia zercba 65 cavalH lizieri 
eouclude che in tutti H <m^vo1U da Lubiaua uno a Gorizia ponno esser 

__^ — ^roo altri cavalli lizieri senza i vecchi che sono poco numero ma vole- 
vano far 100 allri cavalli lizieri diče che non ge e niuna fanlaria ne »® 
senle de fanteria alcuria et diče che 1 e vero che a esso Lucha dic^vano 
sta de bona voja che anderemo a iriomphare in Friul el far^mo 400 
boni fanli et 2000 vilani crederano che tulti siano soldati et faremo 
400 cavalli el haveremo de li in Friul pur assai aroici pigliaremo tutla 
quelle terre et meteremo a sacho Udene cosi anchora anderemo per 
Istria et per parle del suo soldo ge hanno dalo uno par de calze una 
casacha alla sua divisa con un cappello et una bandirola et cosi per sa- 
tisfar al suo patron e tornato con quesle nove e con el cavallo guada- 
gnato questo istesso referisce ui:o altro Corvato compagno che 1 a se- 
guitato tulti doi conzi con missier Thodaro Dal Borgo : adi 17 septem- 
brio 1513. (XVII, 57). 

— Di Gataro di S. Anzolo Malipiero Retor e Provedador di .... 
come li e Slratioli n.® . . . li quali fanno molli danni vedendo non haver 
il modo dil viver et voleno metej a sacho il territorio vedendo non esser 
mandali a guadagno im Puja come credevano si dovesse andar siche 
lui li intervien con bone parole una si scusa non pol piu. (XVII, SS). 

Oiiohre. — Di S. Vincenzo Cappello Provedador dil ;^rmada 
dale a Curzola adi 29 dil passato come e li con quele galie ^ armala 
non sa che farsi et si provedi et ordeni di quella armala ec. ^VII,155). 

— Adi 21 la malina in Colegio vene S. Anzolo Malpiero venuto 
Retor e Provedador di Cataio vestito di paonazo a m*nege dogal et 
referi zercha quelle ćosse de li et di Turchi vicini e /ome ha ben con- 
vicinato : ilem di Stratioti erano li venuti con 1 a'uaala quali fevano 
danni e dil armata noslra che^ Curzola e altre otcorenlie non da conlo 
fo laudato dal Principe de more. (XVII, 192). 

— Di S. Vincenzo Cappello Provedador (?il armada date a Curzola 
adi 12 zercha quella armada e li e il bisogoo hanno quelli meschini 
aspettanđo ordine dila Signoria noslra e altre occorenlie de li. (^VII, 
196). 

— Fu electo Capitanio a Žara S. Francesco Foscari fo di Pr^adi 



Digitized by 



Google 



407 
q.|" S. Nicolo che a manđa 40 hoineni ala custođia di Pađoa et rknase: 4543. 
item fu tolto S. Zuam Francesco Justignara di S. Nicolo con titolo va 
con homini .... alla custođia di Treviso a 1 arzento in Rialto et balo- 
tato con altro scontro di piu eta e riinase. (KVII, 235). 

rVovembre. — Fu posto per li ditti coine hessendo morto el 
Vescovo D. Tomaso Malombra di Curzola et havendo havuto per Cogi- 
tor uno domino Nicolo de Niconicis al qual poi la morte predita li \ien 
il Vescovado come apar per le sue bolle che per autorita di questo 
Conseio sia scrito al Conte di Curzola che li debi dar il posesso dii dito 
Vescovado di Curzola et fo presa. 

— Fu posto per li Conseieri expedir li capitoli di Oriatori de An- 
iivari per Colegio a bossoli e balote qual havesseno quella autorita co- 
me fosseno presi in Pregadi 49 di no e 121 di si. (XVII, 244). 

Decembre« — Fo đato il Castello dil Muschio soto Veia e 
fato Castelam in vita uno Marcho Alichi da Modom qual debe alla Si- 
gnoria duc. . . (XVII, 358). 



Digitized by VjOOQ IC 



Digitized by VjOOQI€ 



409 

ANIVO iftl4. 

Gennajo« — Fo ditto che a Scutari erano zonti ciaque Sanza- 
chi coa 5000 Turchi per uno taruen nulla si savea coa verita et si^ sta- 
vajn aspetationc dila venuta de 1 Orator Turcho. (XVII, 453). 

Febbrs^o. — Vene etiam avanii 1 Orator vien da Costantino- 
poli in Collegio domino magnifico Matio di Gaiardi medicho dil Sanza- 
cho di Bossina Ferisbei quol vien di Bossina etiam con li Cal di x ebbe 
audientia fo ditto a lettere di credenza dil siio Bassa el qual a cavalli 
7000 li in Bossina in ordine et hauto do comandamenti dil Signor di 
star preparate et aspeta il terzo qual auto convien cavalchar ec. 
(XVII, 487). - 

— Di S. Vetor Lipomano vidi letere di Roma di 3 come li Oratori 
di Ragusi erano stati dal Papa longamente con i qual pol lai S. Vetor 
li parloe. (XVII, 488). 

— Vene in Colegio S. Zuam Antonio Dandolo qual e stalo Prove- 
đador a Spalato e per la militia Iha in quele parte auto letere di Poliza 
qual porto al Principe che li avisa Polizani esser accordati con il Signor 
Turcho et fato soi carazari et li hanno per capitoli promesso darli al- 
1 anno ducati . . . con attri capitoli qual li avea in nota e la copia 
dila letera dil Signor Turcho scrita al Sanzacbo di .... li faei bona 
compagnia per esser Polizani diventati subditi a voi : Poliza e mia . . , 
lontan di Spalato e la piu parte di quelli e provisionati nostri di sali 
annuatim qual hessendo ia di Collegio missi la parte si che questa mu- 
tation e cossa di gran momente et importantia. , 

— "In questa matina 1 Orator dil S. Turcho Alibei Dragoman fu a 
veder 1 arsenal et fo per Colegio ordinato a S. Hironimo Querini S. 
Ilomobon Griti e S. Andrea Barbarigo de farli la uno disnar somptuo- 
so a spexe dls. Marco e cussi fo conzato di tapezierie benissimo 1 offi- 
cio dove sta li Signori in I arsenal e preparate do tavole una per 1 Orator 
e magniGco Mathio di Gajardi medico dil Sanzacho di Bossina Ferisbei 
et quelli žentilhomeni 16 accompagneranno e 1 altra per li soi Turchi. 
(XVII, 494). 

— Item e venuto duc. 3000 di Dalmatia che a mandate Zuam 
Spinelli Scrivan di Governatori qual per ii Consejo de x fo mandate a 
scuoder le 30 et 40 per 100 et e ancora li. (XVII, 517). 

Maržo. ^— Di Sibinico di S. Andrea Donado Conte e Capitanio 
di prime dil islante come Turchi numero 10 milla-erano soto Tenina e 



1514. 



Digitized by VjOOQI€ 



AiO 
1514. za ha\iano preso il borgo e voleno otcair quella terra eh e passo d im- 
portaotia dii fie di Hongaria : dd«o quelll dubilano assai e haano rnaa- 
dato a dimandar alcune fuste e li a Sibiaico per aiuto 1 horo che vađi- 
no sala fiuaiara si a risposo e innavigabile per tanto scrive alia Sigaoria 
si avisi come si habbi a portar con diti đi Scardona. (KVIII, 46). 

— Di Žara si ave aviso di 10 come Turehi haveano brusa il borgo 
di Tanina et si erano levati ; item come adi .... 1 Orator dil Turcho 
con la galia Truna zonze li et si parti con bon tempo tengono sara zonto 
a Bagusi tamen la Signoria non ave aviso ma per letere particular. 
(XVIII, 30). 

— Di Sibinico di S. Andrea Donado Conte di 7 come adi 3 zonze 
li la galia Truna con 1 Orator dil Turcho va a Ragnsi (XVIII, 41). 

— Fo leto una letera di S. Vincetizo Donado Conte di Liesua di 14 
come adi 8 zonse li la galia Truna con 1 Orator dil Turco al qual fece 
grande honor et par che si mancasse un certo suo schiavo zovene di na- 
tion Hongaro unde s intese certi frati di s. Francesco lo havia desviato 
per farlo tornar cristian adeo 1 Orator vene in tanta colera chel ferite 
uno fante dila galia et uno altro fante di scandoler e con furia ando in 
el monastero di diti frati batendo frati fazendo cossa terribile per aver 
questo suo schiavo zurando chel faria ec. e voleva lui Conte li desse uno 
frate in le man qual non si parse di dar ma ben fe zerchar per tutta la 
terra facendo gran proclame non fo trova e adi 1 1 parti per Ragusi. 
(XVIII, 4445). 

Aprile* — Veneno li Oratori di Trau : dolendosi quella Comu« 
nita Turcbi aver fato gran danni su quel territorio et saria bon a pre- 
sentar a quelli Sanzachi Turehi circumvicini ec. unde per Colegio fo 
terminato scriver a quel Conte S. Gasparo Pizamano đebbi mandar 
qualche uno da quelU Sanzachi con presenti potendo spender fin ducati 
50 per camera et se intendi con le altre terre di Dalmatia. (XVIII, 76). 

^- Di Ragusi di domino Nicolo Gondola abate di Meleda di 2l4 
maržo avisa Turehi stati soto Tenioa locho dil Hongaro esser sta mal* 
inenaii morti piu di cinquecento. (XVIII, 82). 

— Di Vegia fo dito esser una letera di primo del Cancelier avisa 
Turehi vien in Italia in aiuto dila Signoria nostra et che quel Bassa 
di . . . . aver mandato a dir a quelli loehi nostri guardino li animali 
perehe passando con exercito non potrano far di meno che non fus$e 
fato danni ma ben vardera le robe et le persone siche certo sono per 
venir in Lubiana. (XVIII, 88). 

— Di Dalmatia se intese esser venuto uno homo con letlere.ala 



Digitized by VjOOQI€ 



, 411 

Signoria đil Conte Zaane đi Corbavia ehe nostro stipenđiario che zorni 1514 
t) parte d> Novegradi Castelo »uo dito^oaaasso come de li era fama Tur- 
chi veniva in Lubiana. (XVIII, 94). 

— • Fii posto la gralia di Sabastian da Veia qual a certoterrcn a 
santa Margarita condiiionato eh el possi vender e di danari cbel possi 
comprar altro stabele conditionato e li danari slano posti ali Proveda^ 
dori di comun ave 144 di no e fu presa ave de si . . . . (XVIII, 96). 

Maggio« — Di Gataro fo letere di S. Francesco Gradenigb 
Reclor e Provedador di 24 april come e nuova le zente del Signor Tar- 
cho sulla Natolia esser sta ale man con quelli dil exerc]to dil nepote et 
par il Signor Turcho habbi auto rota di Turchi 8000 per 11 che ha ter- 
minato passar in persona et perho tutti quelli Sanzachi li viciai a Ga- 
taro sono partiti e andati ala Porta. (XVIII, 443). 

— Di Liesna fo letere di S. Vincenzo DonadoOonte di 2 del pre- 
sente come per uno da Gurzola venuto li a inteso che la galia nostra 

bastarda Soracomito S. Sabastian Betnbo erra sta ale man in le aque 

con uno galion Spagnol armato a Brundizo et conibattuto e tandem 
preso licet il patron dila galia fusse morto et menato dito galion a 
Gorfu par li homeni tuti 300 erano sta apichati et la qual nova chi la 
credeva e chi no quello sara scrivero. 

-— Di Ragusi fo letere di 27 con letere di Gostantlnopoli dilBaylo 
nostro S. Nicolo Zustiguam di . . . duplicate qual non fu lete. (XVIII, 
144). 

— Di Žara fo letere di S. Zuam Minoto Gonte e S. Lunardo M i-^ 
chiel Gapetanio di 13 di certa incursion fata per Turchi a questi con« 
fini non perho facendo alcun danno ali nostri subditi ma ali Frangipani 
et altri ut in literis. 

— Etiam fo letere di Ragusi di 25 per le qual si aviso dila nova 
fo dita dila galia Bemba aver preso quel galion e morto il Soracomito 
tamen e quella nova medema si ave da Liesna et perho li Bembi fra- 
del li dil Soracomito non feuo dimostration alcuaa per non saper ccrto 
lamorle. (XVIII, 148). 

— Fu posto per li diti uno salvoconduto a uno Zuam Rainer di 
Xagabria per debito per mexi sie qual si a offerto condur bo 600 di 
Hongaria in questa terra ut in parte el fu preso. (XVIII, 174). 

— Di Vegia di S, Zuam Moro Provedador di 22 come ha inteso 
che il Gonte Bernardin Frangipani padre dil Gonte Cristoforo si erra 
partido dile so terre con 200 cavalli Corvati per venir a soceorer Ma- 
ram tamem non fu vcro (XVIII, 184). 



Digitized by VjOOQI€ 



412 

1514. Giufi^o. — Fu pošlo per li Savii che li Oraiori di Cadore dl 

Feltre di Vegia e di Dulzigno quali hanno porto certi captW|^ siano 
spazati per Culegio a bossoli et balotte per li doi terzi đil dito Colegt> 
ave 25 di no 130 di si e fu presa. (KVIII, 196). 

— Noto fo spaza ia Colegio a bossoli et balote certi capitoli di 
Oratori di Sibinico. (XVIII, 199). 

— Fu posto per li Savii che certi capitoli dila Comunita di Dul- 
zigno possino esser espediti per Colegio a bossoli et balote et fo preso. 

— Fu posto per li Savii di Terraferma chel sia scrito al Conte di 
Sibinico mandi presenti ali Sanzachi acio convicinano ben non pa- 
sando ducati 25 per Camara e cussi in le altre terre di Dalmatia presa. 
(XVIII, 200).' ' 

— In quesla matina vene in Colegio S. Francesco Michiel venulo 
Provedador di Vegia za alcuni zorni ma e stato indisposto et referi 
brieve di quelle occorentie ec. (XVIII, 204). 

— S. Zuan Vituri Provedador zeneral in Friuli mando a chiainar 
la compagnia di domino Pietro di Longena di campo soto Maran per 
piu segurta de li nostri licet fosseno bastanti e cussi in questa matina 
a hore tre di zorno manđoe a corer da 25 cavalli fin soto Gradischa e 
lui con il resto dile zente si messeno in arguaito e corsi inimici erano 
za usciti et reduti a Maan de che visto li cavali prediti corer essi 
inimici ussiteno per darli driedo unde nostri si fono al impeto e fu 
preso ferito 11 Conte Cristoforo con zercha 50 altri parte dil resto feriti 
e morti et di nostri da 8 fono presi et cussi sono ritornati con que$ta 
victoria li et doman condura esso Conte Cristoforo soto Maran per veder 
di far si rendino el qual Conte Cristoforo li a dito si aspetava fin do zor- 
ni in Lubiana I Imperađor in persona ec. 

— Et pocho da poi vene per via di mar una barcha con letere di 
S. Vincenzo Cappello Provedador dil armada di 5 comie avisava esser 
venulo a lui dal Signor Governador di campo uno Noiitio con uno ba- 
lestrier di Farfarelo qual riportava ozi la captura dil Conte Cristoforo 
Frangipani ferito soto Gradischa dali nostri cavalli lizieri il che debi 
snbito con questa nova expedirlo di qui et cussi lo spaza dal qual a 
bocha se intendera il successo et si alegra con la Signoria per li optiuii 
effecti seguira per questa captura el nota il Provedador Victuri scrive 
come per mar mandera ppi in questa lerra dito Conte. 

— Demum fo lecto una letera di S. Toma Moro Capetanio dil colfo 
date apresso Maran adi 5 horre 23 scrive quesfa victoria ut supra et 
come fu ferito dito Conte nela faza. (XVIII, 206-207). 



Digitized by VjOOQ IC 



413 

— Si alegra dila vittoria dil Conte Cristoforo ben uUiiuata 1 im- 1544. 
presa di Maran ehe sara molto a proposito e altre particularita. 

— Di Maran di domino Hironimo Savorgnan fo letere date ia 
campo sotto Maran adi 5 con 1a nova dila \iGtoria come si ha auto et 
aspectava de li prefato Conte Cristoforo accio quelli e dentro si ren- 
dano scrive aver aviso certo da alcuni soi di Osopo mandati a explorar 
di inimiei che 1 Imperador era zonto in Lubiana adi ... . coh 1000 
cavalH et 3000 fanti boemi per discenđer in la patria siche bisogneria 
uUimar presto dita impresa : item come quelli di Maram fano la note 
fuogi alti et poi si butano in \e fosse eh e signal li bisogna presto so- 
corso, 

— Fo termiaato subito zonto sia il Conte Cristoforo qui meterlo in 
Camera nuova di Signori di note et esaminarlo dal qual se intendera la 
verita que1 vol far i Imperador e tutto et fo spazata dita Camera in la 
qual era alquanti zentilomeni retenuti per il Consegio di diese qua]i 
fonno posti in 1 armamento e altri. (KVIII, 209). 

— Item se intese per letere di Rectori di Žara di . . . . come a 
Trau era morto S. Gasparo Pizamano Conte e Capetanio nostro et che 
havevano mandate a quel governo Viceconte S. Ferigo Contarini q."* 
S. Nicolo era stato Castelam a Laurana qual li a Žara se ritrovava ec. 

— Di Maram alcuna nova si ave e tutti stavano in aspectation di 
veder il Conte Cristoforo zonzesse non ha potuto per via di mar venir 
alcum per li tempi contrari. (XVIII, 210). 

— Di Padoa dil Capetanio zeneral di eri . . . lauđa la election 
dil dilo S. Pietro Venier e sia mandate subito scrive aver scrito a Ma- 
r^n fazino il tutto con fenze di apichar il Conte Cristoforo si non se 
rendino. 

— Fo parlato di mandar a Trau Proveđador fino vadi quel sara 
electo Conte S. Bernardin Contarini fo Conte a Trau atento la morte di 
S. Gasparo Pizamano Conte li a Trau et ft) mandato per il prefato dito 
Bernardim perche el volevano elezer con il Consejo di diese ozi et ta- 
men lui recusoe dioendo non bisogna et si elegi il Conte per Gran Con- 
sejo che vadi presto. (XVIII, 211). 

— Di Udene di S. Jacomo Badoer Luogotenente di 6 come il Conte 
Cristoforo fo conduto a Perpedo e li quel zorno si reposerano e ferito 
in la faza et poi lo condurano soto Maran per veder di averlo : item 
quelli di Udene non hanno mostrato moUa alegreza di qaesta captura. 

— Di Maran fo letere di domino Hironimo Savorgnan di 6 come 
si duol chel Conte Cristoforo non sia ancor venuto li per veder di 



Digitized by 



Google 



414 
1514. aver la terra bencbe queUi pocho si curano et dito Coate d tenuto dal 
Signor che non se doveria a ua prezon che a faio tanio danno farli que* 
6ti honori e sopra qaesto scrive assai. 

— II Ban vol ducati 30 milia et era conza la cossa đarli 10 milia 
al presenle parfe zoje parti formenti e artelarie e polvere e non vede 
effecto si diše di 5000 per il che vol partirsi omnino domenega e si 
pagera il Bam da monaro in Dalmatia sul nostro si duol ma vcde gran 
scandolo : li fo risposto si provederia. 

— Da poi disnar fo Pregadi ct tra sexta e nona gionse il Conte 
Crlstoforo Frangipani el qual fu conduto con la fasta armada a Cherso 
qui vicino et poi con una barcha armada venuto con lui tre Stratioti 
chel prese tra li qual Nicolo Paleologo e Manoli Clada etiam S. Pietro 
Polani fo Soracomito qual ando queste fešte a Maran a star col Prove- 
dador Capello dil armada et dito Conte fu conduto a caxa dil fradello 
di S. Znam Victuri e Provedador in la Pa^ria e ivi disnoe e poi fu me- 
nato a S. Marco smontoe ala riva di palazo era Nicolo Aurelio Secreta- 
rio dil Conseio di x e il Capetano di dito Conseio et fo menato in Ca- 
mera nuova di Signori di note dove era preparato dovesse andar per 
esser esaminato dali Cai di x e tutti chi si trovo a s. Marco corseno a 

vcderlo era vestito ala todescha con uno e zovene di anni 32 

bello e grande di persona e magro el qual eri sera si parti dil porto di 
Maran et e stato sula galia dil Provedador non ha voluto andar sotto 
Maran a dir si rendino dicendo non voio esser traditor del Imperador 
ma arente a Maram fin 4 over 5 zorni non hanno vituarie si me mena- 
rete sotto cridero si tengano disse quel Boemo intro denlro laltro 
zorno li porto letere che 1 Imperator scrive a quel Capetanio si tegni 
io non ho poter ben e vero e mio nepote dentro ma non ha poter di 

- rendersi : item diže lui đoveva aver dal Imperator ducati 300 milia 
imprestadi parte e pagadi per lui et dil suo servir el qual Imperador 
đoveva venir in Lubiana ma tien non vegnira di longo inteso lara la 
sua captura non a danari potra venir con qua]ch6 zente fin in Lubiana; 
item si duol di esso Imperador che li a promesso gran cosse: item diče 
che in Maram sono 450 fanti Boemi e pochi Todeschi et chel Podesta 
S. Alexandro Marzello non ha colpa ma quelli di Maran tratano di 
darsi e lui mando el prete : item che Gradischa e forte et e fanti 300 
in Gorizia 200 : item chel avia licentia tutte le zo zente restate che 
ritornino a caxa Ihoro soa moier soreila dil Curzense e in Gradišća : 
item diče come vol far qael ben chel potra per questa Signoria et e 
contento di esser prexoa di questa Signoria e a requisilion dil Prove- 



Digitized by VjOOQI€ 



415 

4kdor c Soracomiii e šfa cotitento lassar S. Aletaađro Marzello eso 1514. 
prezon fu preso Podesta di Maram qual si trova in • . . . e fara ie 
letere : iiem diže lui fo causa di far cavar i ochi a guelii villani di Mo- 
zana e fonno fi lui Conte el Vescovo di Lubiana et 4 Consieri Cesarei li 
qual li voleano apicharli e lai volse piutosto farli cavar li ochi c alcuni 
taiar li dedi : e cussi fo fato e tutti li ochi li fo pordadi in uno bazil 
eraiio assa numero et ditti villani baveano falto gran danni a Maran 
diče come il forzo dila Patria e dala parte Cesarea et che in campo 
erano molti Časte llani con Ini : itein đize che 1 avea letere di so cu- 
gnado Curzeose che si era partito in bona con il Papa di Roma e an> 
dava in Aleniagna a trovar Ilmperador e altre parole disse di quesle 
bccorentie : questo Conte Cristoforo erra un pocho ferido sula faza si 
dlce era sopra un bellissimo cavallo e di gran valuta el qual cavallo 
la auto S. Zuara Vituri Provedador ih Friuli ec. (XVin, 212-214). 

*~^ Hor el dito Conte menato chel fu in Camera di Signori di note 
nuova veneno 11 Capi di dieze S. Hironimo Duodo S. Marco Zorzi e S. 
Lorenzo Capello et lo examinono et andono pol essi Cai im Pregadi et 
dito Conte restoe li a đormir con guardia tamen. 

— Di Vegia di S. Zuam Mora Provedador di tre in risposta di 
quanto li fo scrito per Colegio che avendo lui fato tricva con quelli 
Frangipani di Segna di non ofTendersi et perche per Colegio li fo scrito 
non acetasse dila trieva diže cussi fara e si a mandato a dir non vol 
far trieva alcuna per esser questa la volonta dila Signoria undc lui a 
fato da 700 homeni da fali sii quella isola e armato certe barche et 
stara riguardoso et potendo ofenderli cussi fara per divertir accio il 
Conle Bernardin non venghi in Friuli. 

— Di Cataro fo letere di S Francesco Gradenigo Retor e Prove- 
dador come cjuel Sanzacho li vicino vol meter a far li sali li viclno ec. 

— Di esser sta conduto li il Conte Cristoforo el qual prima fo 
menato in campo dal governador Manfron e domino Hironimo Savor- 
gnam e li fo dito era presom di esso Savorgnam el qual rispose io non 
sono luo presom ma dila Signoria et dicendoli volesse andar soto la 
terra e dir a suo nepote eh eli e quelli altri Capetanei si volesseno ren- 
der el qual rispose non mi mene perche si vađo diro che i se fegna 
perche non voio esser traditor poi mio nepote non ha il governo non 
vi e altri Capetanei Boemi : siche vedendo questo terminono meaarlo li 
in galia dove štete zorni . . . et poi lo mandono de qui con una fosta 
fino ali primi lidi scriveno esso Conte aver dito Maran e vostro non 
hanno victuarie. . 



Digitized by VjOOQI€ 



4i6 
1514. — Di domino Hironimo Savorgnam đi eri date soto Maram fo le- 

tere đe occorentie e starano al asedio di fanti nostri bona parte partidi: 
e altpe particularita. (XVIII, 215-216). 

— Fo terminato mandar il Conte Cristoforo Frangipani che era in 
Camera nuova di Signori di note in Toreselle dove e il Capetanio Bizam 
et il Capetanio Renier ferido el qiial e infermo dila gamba e đuplicato 
li custodi et ha il cargo di questi presoni S. Znam Antonio Dandolo 
q.™ S. Francesco e cussi fo fato. 

— Di Vegia fo letere di S. Zuam Moro Provedador đi 7 chome 
haveva mandato iusta i mandati dila Signoria nostra le zente adunate 
numero 700 a Castel Muschio e vicino a Buchari Castello dil Conte 
Bernardim Frangipani dove era preparate do fuste et barehe e cussi 
dite nostre zente passono di la et volendo aver il Castello con scale 
tandem fono rebatnti et ditti nostri andono a una villa difa Bocarazzo 
et la sacomanono et cussi un altra villa e con 'tal preda ritorno li no- 
stri sopra 1 isola le qual nove intese fo gran remor jin Colegio dicendo 
e apizata mo la gnerra da qnella banda et alcuni dicea si doveva far le 
trieve de li sicome li Frangipani volseno che il Colegio scrisse al Con- 
te di Vegia non le dovesse far per niun modo. (XVIII, 219). 

— Di Cataro fo letere di S. Francesco Gradenigo Retor e] Prove- 
dador di zercha quelle occorentie di quel Sanzacho qual a tolto li campi 
sul nostro per far sali etiam ivi vol far una forteza siche importano 
assai dite letere ut in eis. (XVIII, 223). . 

Sumario di nna letera di S. Zuam Moro Provedador a Vegia 
data adi 7 zugno 151 4. 

— Come havendo auto letere dila Signoria dovesse infestar i lo- 
chi dil Conte Bernardin Frangipani vicini a quell isola per far divertisa 
il suo venir in Friul adi 5 usoe alcune parole esso Provedador a quel]i 
citadini ezortandoli a tuor arme in Trau e butato una fusta in aqua era 
in arsenal e armato barehe e altre fuste per li nostri andono a Castel 
Muschio eh e in cao dil isola predita di Vegia era il Visconte dil isola : 

. etiam lui Provedador ando fin si e adunato le zente nostre passono đi 
la a hore 5 di note a Buchari e posto la matina per tempo le scale per 
darsi la bataia queli dentro si difeseno adeo nostri fonno rebatuti et 
sacbizono i borgi e buto fuogo in una fusta de inimici era li in certa 
fiomara poi andono a Bocarazzo fazendo etiam prede erano nostri da 
homeni 800 con fuste 3 e barehe 40 siche al levar del sol posto come 



Digitized by 



Google 



417 
ho dito tre scale a Buchari e alcuni scrive monlo sušo ma dali altri non 4614. 
fo segiiiti perche il resto si deteno a robar siche si havesseno voluto 
far il dover havevano la terra ma poi zonto soccorso di zente inimiche 
nostri col butino montono in 1e fuste e barche e ritornarono sopra 
1 jsola fo morto do nostri tolto barche e uno navilio ai inimici et ama- 
zati 5 di Ihoro e feriti alcuni : item scrive aver licentia la fusta granda 
e conclude tutti i lochi da marina de inimici e sta depredali per i no- 
stri ec. (XVIII, 224-225). 

— Di Vegia di S. Zuam Moro Provedador di . . . come el Conle 
Bernardin Frangipani over il Conte Ferando suo fiol feva certo bastion 
ala marina sul suo e armavano cinque fuste tamen li lochi da marina 
sol etiam U nostri dil ixola e desabilati : item diti inimici hanno preso 
uno corier nostro vegniva di Hongaria con letere diia Signoria ma le 
letere e scosse spera reaverlo con certo contracambio e altre particula- 
rita. (XVIII, 262-263). 

IjUglio« — Di Žara di S. Zuam Minoto Conte e S. Francesco 
Foscari Capetanio di . . luio come de li e una nostra donna fuora 
đila terra la qual fa miracoli grandissimi et e venuto il Conte Zuane 
dl Corbavia con 4 00 persone li per vodo et lo hanno onorato assai e 
preparatoli časa ia la terra et presentado ma e stato a sue spese el 
qual ha donato ala Madona ducati 40 e una caxacha d oro: item hanno 
piu di ducati 600 fin qui avuti di elemosina scrive come 1 e partido 
mol to satisfato e che Žara sta ben e si triumfa maxime per la unita di 
essi do Rectori et che esso Capetanio se partiva per andar a veder li 
castelli Laurana Novegradi Nadin ec, e proveder : item come voleno 
eomenzar a fabrichar le mure di Žara e za a fato 200 .... di calzina 
et che li a Žara e bon viver e abondantia di ogni cossa. (XVin, 286). 

— Di Vegia letere di S. Zuam Moro Provedador di con 

avisi avuti di Hongaria dile novita seguite di queli dila cruciata quali 
vedando esser sta scosso assa quanlita di oro per tal conto per andar 
centra Turchi e levato la croce ognuno et poi 11 Re con li primi Baroni 
aver fato trieva col Turcho erano da 30 mila susitadi et taiato a pezzi 
alcuni Baroni et uno Vescovo el erano atorno Buda il Re serato in ca- 
slello il Cardinal Strigonia non si sapeva dove fusse si tien fusse in ca- 
stello con il Re et li ditti populi haveano eletto per loro Capetanio il 
Ban di Croatia ec. : item scrive quelli Frangipani il Conte Ferando che 
in questi zorni corse in Istria e depredo ha inteso per bona via 
vol ritornar iterum a far una allra cavalchata in 1 Istria per danizar e 
far preda di che lui a scrlto a quelli Retori si vardi. (XVHI, 292-293). 

27 



Digitized by VjOOQI€ 



418 

1514. — Fu posto per li Conseieri cbe avendosi a tntrodur per S. Saba- 

stiam Ziisttgnam el Cavalier olim Proveđador e Synđioo in Dalmalia una 
eausa dl grande importantia che a ogai requisition đil đitto Proveđador 
k sia da le do QuaraQtie per espedition di tal causa ave i80 di no e 
&i presa e fu per menar S. Zuam Francesco Miani fo Cente a Sibinico 
q,^ S. Hironimo per lui intromesso el qual ando ozi ala Signoria a so» 
licitar fusse messo questa parte. (KVIII, 321). 

— In questa matlna volendo el Cente Cristoforo Frangipani eh e in 
Toresele col Capetaoio Rizan et ii Capetanio Renier udir messa S. Zuam 
Antonio Đandolo eh e šora dicti presoni con licentia di Cal di iO li fe 
dir ivi una solenne messa con 11 cantori di s. Harco et varii sooi siche 
fu bellifisima messa e poi fe portar una colatione con arzenti ec. (XVIU, 
833). 

•— L Orator di Hongaria domino Filippo More qual per esser li 
morti alcuni servitori di peste in caxa dove el stava a s. Stefano e par- 
tido e sta ala Zuecha mando« a dir ala Signoria voleva venir in Colegio 
a dir cosse de importantia over se si mandasse di Colegio li da lui e 
footto mandati S. Luča Trum Savio dil Consejo e S. Gasparo Maliplero 
Savii a Terra ferma i quali andono et a longe li parlono et Ucentiato il 
Pregadi resto la Signoria tardi aspetar ritornaseno e non ritornono ma 
vene Zuam Jacomo Caroldo Secretario stato con Ihoro e disse non e 
nulla ricomanda il Conte Cristoforo e in Toreselle disse dil Cente Ber* 
nardin Frangipani suo padre ec. (XVni, 337-338). 

— * Di Buđua fo letere di S. Zuam Batista da eha da Pesaro Podo- 
sta di 7 come a nova đe li il nepote dil Turcho esser sta ale man con 
ii Turcho et averli dato una gran rota et questo aviso 1 ha per uno ve- 
nuto da Scutari. 

— Vene in Colegio uno Nontio dil Sanzacho di Montenegro chia- 
mato. . • . Zernovich fo fradello di quello qnal ave una Eriza per mo« 
glie ed e morto hora el Signor a restituido el Stado a questo et e ve« 
nuto Sanzacho de li vicino a Cataro et apresentato una letera dil dito 
ala Signoria come voleva ben convicinar insieme et mandava a donar 
ala Signoria una costa di s. Stefano ligata in arzento con letere greche 
atorno et prega la Signoria vol consejar il suo Nontio manda di qui a 
comprar panni di seda et la dita letera fo letta ozi in Pregadi et sara 
qui scrita el Vicedoge S. Marco Donado el Consier aceto il presente et 
U uso grate parole e mando dita reliquia dal Principe qual si signoe e 
poi fo portata ali Procuratori dila chiesia di s. Marco da ponerla nei 
santuario cole altre. (XVin, 34 i). 



Digitized by VjOOQI€ 



419 
Ag^oMo. *-- In questo zorno fo lecto ana letera del Zernovich 4614« 
scrive ala Signoria data in Montehegro e si soioscrive Sansacho di 
NegropoĐte come lui fa li ua oficio col Signor al honorata Porta in far 
liberar quelle aoime e prese đe cristiani nostri subdili e cussi doveria 
far etiam la Signoria nostra perche a per inteso non si fa cussi e scrive 
zereha le saline di Gataro. (XVIII, 360). 

— Fu posto per li Savii una letera al Sanzacbo di Montenegro 
Zernovich che manđo a đonar la costa di san Stefano ala Signoria no- 
stra come lo ringratiareno et havendo inteso soa Signoria vol le saline 
Bostre di Gataro dirle eh e deli nostri subditi catarini per il cbe lo 
fnregeno cussi come il Signor in la paxe a voloto ne sia mantenuti li 
nostri conini soa Signoria voy scriverli e non molestar li nostri snbditi 
in dite saline et damo sia preso oltra li ducati 100 terminali darli panni 
di seda li sia đato al suo Noiitio e qui altri ducati 100 in contanti e 
f4i presa. (XVIII, 365). ♦ 

— Di S. Vetor Lipomano di Roma vidi letere di 3 et 4 in la pri- 
ma come erra morto a Viterbo il reverendo domino Bemardino Zane 
Arziepiscopo di Spalato eon optima fama di savio e doto qttesto seguiva 
el Cardinal s Zorzi et con lui ^i*^ ito fuor di Roma ai so eastelli : Điman 
in Goncistorio il Papa dara il suo Arcivescovado al fratello dil Gardinal 
Corner natural eh e Episcopo di Osero e quel dd Osero dara a domino 
Jacomo Orso Veneto e H Papa li da a lui S. Vetor per Anzoletlio suo 
fiol natural e con il Papa ducati 200 di benefizi di questi scrive el si- 
gnor Fracasso de li sta maUssimo non pol scampar. (XVIII, 36S). 

— Vene il Nootio dil Zernovieh Sanzacbo di Monienegro e il 
Principe li tocho la man et li fo dato la letera in ris posta e poi li du- 
cati 100 e li panni di seda se li dona. 

— Di Vegia fo letere di S. Zuam Moro Provedador di 30 lute co- 
me con quelli Frangipani haveano levato le ofese di non se dannizar 
piu sicome la Signoria nostra li havia scrito dovesse far. (XVIII, 370). 

— Fu posto per i Conseieri poi leto il brieve dil Papa dar il po- 
sesso dil Arcivescovado di Spalato al reverendo domino Andrea Corner 
di S. Zorzi el Cavalier Procurator vachando per la morte dil rev. do- 
mino Bernarde Zane e per il Pontefice conferitolo in Goncistorio et fu 
preso ave 14 di no 109 di si. (XVm, 374). 

— Di Spalsrfo fo letere di Bernardin da Riva Gonte di certa novita 
seguita adi 7 in Liesna che sta maza einque zentilhomeni da quelli dil 
poptik) in la terra propria. (XVIIL 380). 

— Di Liesna di S. Vlsicenzo Donađo Gonte fo letere dilla cossa 



Digitized by VjOOQI€ 



.420 
d5i4, seguita di populi contra i zentiihomcni et esser sta morti di zeDtilho- 
meni num. . . . ut in literis la copia sara qui avaaii. (XVIII, 384). 

— Di Liesna di S. Vincenzo Malipiero Castelan vidi letere di 8 di 
que$to come era zonto de li a salvamento che Dio avesse ^voluto doii 
fusse mai rimasto ma pacientia zonsc adi 6 horre 14 e trovo tuUa la 
terra ia arme la qual era sta ia arme dal priino dil mese fin alhora 
perche questi Nobeli havia fato gran iasulii al popolo con sforzar done 
e altro ita che non volse il popolo piu soffrir tanta insolentia e hanno 
pigliato le arme e la malina propria havia ferilo uno e pocho avanti 
uno altro et ozi adi 6 domenega hanno amazato do Nobili qual veniva 
con lui sula nave di Venetia et eri luni adi 7 sonno intrati in la terra 
e hanno amazato di Nobili zercha 24 tolti dove li hanno potiito havere 
ne li a valso a lui Castelan apena zonto tra Ihoro sempre con preghie- 
re et lagrime dimandarli de gratia deponesseno le arme tanto erano 
pieni dile injurie de diti Nlbill tamen la roba non e sta tochata a alcuno 
dila sua di esso Castelan non sa il conto parte e in castello parte e in . 
corte dil Conte e parta nella loza e parte non sa dove Dio li dia gratia 
di ricuperarla benche tutto il popolo li mostra grande affeltione eh e 
sta un miracolo quello el faceva tra Ihojro sempre in mezzo di 200 
spade e tutto lo resio stavano serali in le caxe et masime il Conte S. 
Vincenzo Donado che in vero non e stato senza gran pericolo conciude 
tutti di časa e sta per questo in gran fastidio ec. per una altra avisera 
puntualiter il tutto e dil suo viaggio. (XVIII, 382). 

— La fusla di Vegia patron S. Toma Moro zonta a Chioza et visto 
non achadeva et la Signoria li de licentia ritornasse in colfo ala custo- 
dia con la fusta del Bobiza et il bragantin et cussi ritornoe. 

— Et di Ragusi dil Gondola abate di Meleda fo letere di 29 luio 
prima si duol di danni li e sta falto dalle nostre galie passate de li poi 
scrive e fama a Ragusi el signor Turcho sia sta roto dal Sophi ec. (XVIII, 
384). 

Copia di una altra letera scritta al dito serenissimo Re ( Vladislao 
d' Ungheria) in risposta di una di Sua Majesta 

— Accepimus nuper a Majestate vestras literas que pergrale no- 
bis quidem fuere siculi alias semper esse solent quecumque ejus nomine 
nobis representanlur pro inconcussa vetere amicitia nostra et confede- 
ratione per eas autem literas sapienler asscrens regia Celsitudo vestra 
dubiosessebellorum eventus ob idque minime se mirari captum a nostris 



Digiti: 



zQdby Google 



421 

militibus fuisse Comitem Cristoforum de Frangepanibus. Pelijt a nobis 1514. 
rationibus a se demonstratis ut eundem Comitem commendatum habea- 
mus qiio honeste hic tractelur qua đe re bono animo esse volumus 
Regiam Majeslatera vestram nam licet is Comes Cristoforiis longe aceri- 
mum se nobis hostem prebuerit rationem tamen Regie commenđationis 
vestre que apud nos non magni esse ponderis nunquam potest et pro no- 
stro institiito quod pridem jussimus deinceps quoque honeste illum pro- 
fecto comođeque tractari faciemus : illud vero gravi nos molestia afert 
cum nimis vera relatione ad Majestatem vestram fuisse audiveremus 
ea que ipsius animum perturbare potuerint quod scilicet classis nostra 
Comitis Bernardini bona et maritima oppida invaserit ac depopulata 
sit ea dumtaxat de causa quod ejus filius Cesarea merens stipendia cen- 
tra nos bellum gessisset quo circa non ab re boe loco de ijs summatim 
recensebimus que initio julij proximi exacti mensis copiosius ad Orato- 
rem istic nostrum prescripsimus ut vestre Majestati communicaret ex 
qua quidem communicatione optime jam dudum ipsa cognoscere potuerit 
quam longe aliter ea se res habeat atque ab alijs šibi insinuatum sit : 
verum enim cum Comes ipse Bernardinus fere tolo hujus belli tempere 
nihii hostile omiserit adversus loca nostra et ea incolentes fideles nostros 
non modo in Patria Forijulij et in Istria sed Velie atque alijs ubicum- 
que potuit locis quasi pro parvo hec haberet postremo etiam misit 
Comitem Ferantem fllium suumad nova quedam in nostros damna perpe- 
tranda cujus tandem rei indignitate permoti Vilienses nostri una tan- 
tum biremi instnicta loca ' quedam ipsius Comitis finitima appetentes 
nonnullis quidem sed plane modicis detrimentis affecere : et ejus rei 
nos certiores facti etsi minime damnari poterat utpote que justa esset 
propriorum periculorum propulsatio misimus tamen confestim mandata 
ad illum Rectorem nostrum ut fideles ipsos nostros ab ijs pergendis 
que šibi in animis proposuerant continuo revocaret : id quod opportu- 
ne admodum effecit atque sic gravioribus certe motibus obviam itum 
est : quare compertum habeat Majestas vestra eos qui nostre ditionis 
sunt non ultro lacessere nunquam nisi ex provocatione depugnare qui- 
cumque hostes extiterint ne dum temere nostrorum quisquam auderet 
aut nos id pateremur hostiliter facere in subditos Regie Majestatis vestre 
quippe quum preter id quod nos jure inviolati atque perpetui inter nos 
federis facere nunquam deštitimus quodam etiam mutuo animorum 
affectu naturalique observantia nostra suraus perpetuo prosnquturi. . 
Data in nostro Ducali palatio die 47 mensis augusti 45H 

Bernardus Cominus. (XVIII, 389). 



Digitized by VjOOQI€ 



49i4. Item per altre lefere particular (fi aliri par il Cardinal $aa Zorgi 
sia anaalato a Bagiara arente Viterbo dove morite il Arcivescovo Zane 
qual fo acelara la sua morte perche suo fradelto Marco vedando noo li 
e$$eF rimeđio a varirlo 8i k tuor uoo cr ocefisso graade di legoo et a 
quattro vilani fato portar io camera dove era in leto 1 Ar^ivescovo pre- 
dito cridando misericordia dicendo que8to e guello vi pol solo ajutar 
et non altri el qual Arzivescovo si volse levar abrazarlo et eridando 
tutti misericordia el crocefisso cade sul eorpo del amalato ađeo fo causa 
di acelerarli tre di piu presto la morle et morio chel fu el fradello 
predito volse apdar dal Cardinal san Zorzi qttal noQ lo volse aldir 
per questa pazla el fece adeo si messe tanta meĐaoconia cfae ando i9 
leto pe volse manzar adeo do zorni da poi li beneficij di dito Ar^ive- 
scovo il Cardinal li vol dar a suo fradello zoe qoello di Cipro val ducati 
900 de poftatis et uno in Brexana val ducati i50 q il Canonica di TrQ- 
viso a suo fiol natural qual a anni . , . e zonto li il fradello S. Zuam 
Batista Zane venuto di qui per štafeta il Cardinal si ha fatto dar il mo^ 
bele dll Arziveseovo non avuto ancpra i benefizii. (KVIII, 395). 

-^ In questa matina fo etiam letere di Liesna di S. Vincen70 
Đonado Conte et una di S. Vincenzo Malipiero Castelam et una di S. 
Stefano Loredam olim Castelam quali scriveno difdse come e stato la 
cossa et narra la verita et la prima letera scrisseno conveneno far cussi 
per farla a complacentia dil populo hora scriveno tutta la verita et cussi 
eopioso n$ vidi una la qual sara notada qui avapti di S, Viceo^o Mali- 
piero Castelam mio fiastro molto copiosa : et nara di tptto difusamente 
etiam io nei avi una dal ditto con laviso seguito ut supra. (KVIII, 397). 

— E da saper eri matina in do Quarantie fo principiato il caso 
di S. Zuan Franco Miani q.^ 3. Hironimo fo Conte a Sibioico intromes- 
so per S. Sabastian Zustignam el Cavalier fo Provedador in Dalmatia 
con commission di Synico et a fato un processo di piu di 400 et 30 
earte: li fa oposition aver iato amazar upo da Sibinico per caxone di 
certa monacha eon la qual usava et malo modo ut per dicta testium 
. eri parloe per introdur il caso et non volse i) reo vi stesse pe alcua 
suo parente perche vol met^ di retepirlo et e eri fo pripcipia a leser 
le scriture e cussi ozi e si andersi seguendo fin sia eo9ipito di le^er il 
processo. (XVIII, 449). 



Digitized by VjOOQI€ 



423 



Copia de una letera dil Conte Berutkrdin Frangipani drezata al 
Can^ Cristoforo $uo fiol e in preson in guesta terra ricevuta 
adi 27 avosto 15i4. 

Ben iiasuđo eorđialissiino flolo te mandeino im prin^ la pateroal 
beaedUione amor et carita earissimo Golo e femo inteoder cbe nui in- 
sieme coa U nosiri fioli tui frađeUi siamo saai et tua sorella et el ne 
saria una gran alegrezza a intender el siinil de ti piu oltra te femo in- 
tenđer che fin qai noa babiamo da ti habuto seriver alcuno sa]vo qiielo 
cbe tu ai mandate a tua mojer la beo nasuta madona Apolonia del qiial 
lei ne ba mandate una copia ma pur nui non dubitemo che la iUus.°^^ 
Signoria non te tegnera altramente se non como se dia tegnir un Real 
Cavalier et un fidel servo del suo Signor considerando etlam cbe li 
nostri passati banno fatto et demQst.rato assai gr^ndi et da esser nomi- 
nati servitij alla illus.™'^ prefata Signoria : 1 aehade spese fiate de Signo- 
ri et Cavalieri in simel casi vengono presi per quello non meritano 
da esser tenuti piu vilmente et duramente et cussi speremo che la 
illus.™^ Signoria in sim^ modo verso de ti et perho non haverai caus« 
de meterte in malinconia et fastidio nui speramo etiam che la Cesarea 
Majesta et el Re de Hongaria boni nostri Signori non ne abandonera ma 
tenlmo certo cbe di brieve tu aldirai altre novelle percbe bavemo inteso 
cbe tutti li Principi et Be sono in questo di far una perpetua paee coa 
la Signoria et una conclusion centra li Turcbi in la qual cosa nui speremo 
che la Cesarea Majesta ee. et el nositro gratioso Re de Hongaria non se 
desmentegerano de ti in questo cordialissimo et earissimo fiolo circa 
la tua mojer et fia etiam circa tutti queUi che a te apartengona te femo 
intender Ihoro esser tutti s^ni la tu^ mo^er certo in breve tempo ve- 
gnera a stanziar qui in la nostra Signoria apreisso de nui o veraniente 
đove a tei piu piacera su qual đelli fiostri castelli lei vora circa li dinari 
come tu h^ sdritto a tua mojer te dilemo che bavemo parlato cum 
mercadanti chQ praticaoo et passano per el paese et Signoria nostra per 
andar a Venetia el te bavemo mandato pn^r Ihpro ducati 100 ma pur 
non savemo se tu li hai abuti o oion: niente de ma^co secoado che tu 
scrivi a tua mojer cbQ tre mercadanti alemaiii cli^e praticana a Venetia n^ 
non sapemo de qqi dovei trovarli ma pur bavemo pui scrito ^la ben nasii- 
da madona tua mojer cbe lei n^ faza intender in che locho et per chi te 
debiamo mandar đenari et dovQ dobiamo trovar diti tre mercadanti et 
cussi te or()enaremo 4iQSiri azio tu non babia mancamento alcun: 



45*4- 



Digitized by VjOOQI€ 



424 
4514. quelli niercadanti che passano et trafegano qui per il paese et Signo- 
ria nostra per li guali te havemo mandati li đitli fiorini i 00 non poleno 
al preseote ne ardiscono passar per le guerre per el paese nostro per 
andar a Venetia ma solameute ne harmo fato inteuder per el nostro 
messo che va in Hongaria che li voriano saver se ai habuto diti (ioriai 
4 00 et si el te fusse concesso tanto dalla illus ™* Signoria scrivine a nui 
over ala ben nasuda madona tua mojer se hai ricevuti dltl danari o non: 
sta senza đubbio che se pur pođemo aver via et tro var via noi te vole- 
Tuo fornir et mandar ogni cosa per tui bisogni con questo te aricoman- 
demo a Dio et alla sua cara madre Maria. Data a Modrusa adi 3 di 
auguste 1514. A tergo al potentisbimo e ben nasudo Cristoforo de Fran- 
gepan de Segna Veja et Modrusa Conle ec. fiolo nostro carissimo. 

Copia de una letera scrive la mojer dil dito Conte Cristoforo 
ricevuta adi . . . sopradito. 

Potente alto e ben nasudo gratioso signor cordialissimo el carissi- 
mo marito \e sia sempre oferto el mio integro perpetuo et inviolabile 
amor et fede con tulto el mio bon et fidel ćore: fazo iutendcr ala Signo- 
ria vostra che io per certa causa me ho levato de Adelsperg et son 
venula a Grandeburg in cl qual locho ho ricevuto el scriver de la Gra- 
tia vostra im presentia del potente segnor Conte Ferdinando mio fra- 
delo ho ricevuto et ho inteso de la sanita della Gratia vostra et como la 
serenissima Signoria di Venetia tien la Gratia vostra in convenienle pre- 
son la qual cosa me e stata in grandissimo gaudio et per la qual cossa 
nui tutti dui debiamo grandemente ringratiar Dio. 

— Ancora gratioso signor come la Gratia vostra scrive chel se de- 
bla scriver al mio gratioso segnor el fradello el Cardinal la qual cossa 
10 per avanti ho falto et per lo avegnir faro et son cle ferma speranza 
la Gratia sua in modo et via fara el possibele et non remetera diligenza 
alcuna io voglio etiam da novo ala Gratia vostra ordenar et far che ve 
sia mandate per Zanusser 4 zorni da poi le date piu danari et ho ala 
Gratia vostra mandate per un mercadanle di Lubiana per cambio ducati 
400 et cussi credo che la Gratia vostra li habia habuti et non lassaro 
in modo ne via alcuna desasio ala Gratia vostra infina che io vivero io 
ho etiam del scriver vostro mandate una copia al mio gratioso segnor 
et care pađre per el potente segnor el mio caro fradelo Conle Ferdinan- 
do con humel priegi che paternalmente 1 habia la Gratia vostra per ari- 
comandata circa li famegij secondo che la Gratia vostra scrive io son 



Digitized by VjOOQ IC 



421 

per far far el tuto ma per andar al venđema al presente non e sta pos- 1514. 
sibile el tuUo con consegio et bon voler del mio potente signor el fra- 
delo Conte Ferdinando son andata a Plaiburg et son zonta li adi 27 de 
luio et la sua bona Gratia e partita da > mi fraternalmente et amigevol- 
menfe etiam gratioso signor sapia la Signoria vostra che Tomaso Soco- 
lorum e forte amalato in modo chel nol puol expedir le facende della 
Signoria vostra et e da dubitar cbe la Signoria vostra ne avera gran 
danno[: el dotor ha nome Hironimo de Odia: cum questo me ricomando 
ala Signoria et Gralia vostra et ricomando quella al onipotente Idio et 
a Maria sua degnissima Madre li quali prešlo ne ajuti insieme sani et 
cum alegreza la qual speranza me mantien. Data Pleiburg adi 27 luio 
1514 — Subscriptio de vostra Gratia in tutto fidelissima consorte Apo- 
lonia Contessa de Frangipan ec. manu propria. A tergo al potente alto 
riasudo segnor Cristoforo Principe Conte de Frangipan de Jeug Fogels 
et de Modrusa Consejer de la Cesarea Maiesta et Capitanio dela Garsia 
segnor mio gratioso et carissimo consorte. 

Copia dila letera scrive in risposta el dito Conte Cristoforo prima a 
suo padre poi alla sua consorte qual comenza cussi. 

— Potenti et magnifico domino Comiti Bernardino Frangipan dar. 
domino et patri mihi semper gratioso. 

Potens et magnifice domine post humilem comendationem adviso 
vostra Magnificentia come cum grande consolation del ćore mio bo 
ricevuto la letera la qual m^ scriveti da Modrusa nel tertio di de augu- 
sto ne la qual me scriveti prima dila saliite de vostra Magnificentia et 
di miei fratelli et sorelle per il che humilitate solita gratia ne referisco 
cum alegro ćore al Signor Dio et ala sua sancta Madre pregando la 
prolungi per molti anni ale Magnificentie vostre per la Ihoro grande 
misericordia. 

Secundo molto ringratio per la clementissima beneditione et 
carissima paternal salutation la qual recevo cum penitentia in gran- 
de remedio non solo del corpo ma etiam del anima mia como se fusse 
a tanto devenuto quando deve cadauno homo morire per dispositione 
del Altissimo. 

Tertio me humilmente excuso denotando che bo 4 volte scrito 
ala Magnificentia vostra prima la sera che fui preso per volunta del 
Creator mio dapoi tre volte de qai sotto licentia di questa illus.™^ Si- 
gnoria senza quella letera dal castello Propeto per Biasio Đancovich la 



Digitized by VjOOQI€ 



^26 

4544. causa non iutendo perche non sono ditte letere a le mano de vostra 
magnificentia pervenute maxime sapendo che sono de mia mano sta 
scripte denotanđo lo esser mio et consolando )a tna Magnificentia de 
la salute della qnal cordialmente me ne rallegro qaanto pia dolceniente 
posso. 

Quarto per adempier al comandamento de vostra Magnificentia ebe 
e in descriver la verita ei non dimostrarse ingrato m recompensa de 
beneficj intendera vostra Magnificentia esser vero eh io son per gratia 
del sigaor Dio et della sua sancta Madre Vergine Maria in bona valetu- 
đine et da que£>ta serenissima Signoria clementissimaraente tractato 
ne si pote alcuno lamentar di queste carzere qiieste sono le carzere 
nele qaal el Signor de Mantoa e stato per il che eomprendo dover ad 
qttesta serenissima Signoria ogni servilu in servirli ad me possibele et 
eonveniente sel [sara el voler del Signor Dio che in liberta io tomi in 
affadigarmi al cospeto del mio Signor de la Cesarea Majesta et deli 
amici per tal via che questa serenissima Signoria potra dir non esser 
io descognoscente di quello mi e stato fato e cussi humilmente vostra 
Magnificentia prego et li fratelli miei che con quella servitu qnal dala 
vostra Magnificenta e dalle sue Magnificentie potesseno esser ad questa 
serenissima Signoria li siate prompti perche me potriano esser quelle 
de grande ajuto in questo carcere lo qual de bona vogia patisco ho 
patido et patir voglio como se convien a cadaun homo da bene per el 
suo honore et del suo Segnore fermamente tenendo davanti a mi nie- 
^ demo che la fidel servitu mai pol venir a meno come ađesso verso de 
mi vedo de quesEta serenissima Signoria la qual per amor del suo do- 
minio eonoscendo che ho de bisogna della gratia Ihoro bencbe mi non 
la ho meritađa ma aricordandosi della servitu de nostri mazori ad me 
se dimostrano grati: il eha vedendo non potro grande molestia sentire 
segĐor padre Bkio sempre gratioso humilmente prego eha non vogliate 
darvi alcuna mala voglia per causa de la mia carzeratione mentre se 
arioorđa 1 amor paterno del figiluolo etiam per que&ta altra causa fer- 
mamente tengo che vojstra Magnificentia vora elongar da si tal insueto 
dolore havendo davanti gli occhi el fine Qt non lo priacipio vostra Ma- 
gnificentia veđ^ eh io non sono stato preso per ladro ne per seductore 
overo assassino ma son stato preso como servitorin manifesta guerra per 
el mio Segnore el qual aon e traditor ni ala Signoria sua se 11 eonviene 
li servitori suoi fideli abandonare i qual de bona voglia risigano la vita 
eum la &culia per la fidelitade aprespio a questa : vede la vostra BI agni- 
ftcantift eh io soa nela man da que9U Signoria qual aono gratiosi Qt 



Digitized by VjOOQI€ 



427 
$apieati potrano điscefuero qaanto se e đebitori ala fiđelitade io questo 4514. 
Don se die haversuspetto chel sara considerato soiaoieiite el priocipio 
ma piutosto el fine. Questa serenissima Signoria diomina di anni 4200 
et non scio qiianti di piu perche lo melaUco pieđe mai viea a meno 
perho prego e suplico che vostra Magnificenlia per mio amore muna 
mala voglia se dia spero nel signor Dio onipoteote cbel me revertira 
que$to carcere in honore cum utilita spereria presto tal cossa fusse 
veduta mediante qualche grande mia servitu tral Signore mio et questa 
Signoria quando fnsse certo esser cristiaoo sigoor padre mio gratioso 
se 10 Don bavesse gustado lo amaro come saperia cbe cosa e dole« ne 
havendo provalo il male come saperia conservarmi el bene non e possi- 
bele con suo bonore male aleuno overo prigionia patire salvo cba per 
la fiđelitade la qual e cossa beata et gloriosa ali boni per amor di qiie* 
sta adonca patiseo in questo locbo dimorare flncbe vorra el Signor Iđio 
nel qual spero cbe lo cuor^ del Signor mio et de questa serenissima 
Signoria vora svegliare a qualcbe tempo per la libertade mia per sna 
immensa clementia sicbe parendo como deve ciascuno bomo da bene 
patir per el suo bonore questo mi bara in eterno a durare. 

Alla tua magnlficentiabomile gratie dico percbe la mi ba voluto ro- 
creare confortandome con la sua gratiosa beoeđiiione et gratiose promesse 
per le vostre letere cbe nelli miei bisogni non mi abandonereti apressp 
ad que$to dandomi speranjea nel mio Signore nella C^sarea Majesta qual 
cercha cbe presto se fassi la union tra U capi d^la Cristianitade et la 
Signoria contro la Turcbesi^ba potentia el signor Dio U adempia tal de- 
siderio vostra Magnificentia creda cbe le vostre letere me ba dato uno 
grande rimedio et oonsotalione percbe non bavendo ^vuto da po cbe 
son de qui niima letera dala Magnificentia vostra ne dali fradelli pia 
grave mi e stato tplerar questo cbe la car^eratione mia non sapendo cbe 
le mie letere non erano a vostra Magnificentia pervenute la copia de le 
qual ancor le servo. 

Circa la venuta de la mia đon^ ala Magnificentia vostra cum mh- 

glior voglia Ibo inteso cba -.. al partir non scio cbe poco de 

malinvolentia bo inteso esser in lei ne voglio la sia de bona voglia fin«- 
che la causa non intendadala Magnificentia vpstra overo fin^chel Signor 
Dio me conced^ra esser in liberta4e, 

— Conte mio signpr io ho a vostra Magnificentia scripto per al- 
quante volte sdnza copia le qual la mia dona a vostra Magnificentia b^ 
mandate et a lei ho scrlpto simelmente per piu fiade ma per tutto el 
mio scriver potra vostra MagniScenlia cognoscer che etiam da longi 



Digitized by VjOOQI€ 



J 



428 
4514. sento amor al padreperche el se ritrova in molti paesi che qual che sia 
dopo la morte đe la dona ne hebia tolto una altra et ancor la tertia 
ma non se ba mai inteso che uno altro padre sia nasiuto al fiolo e cio 
ho adesso da questa serenissima Signoria impetrado per uno Nontio 
apostato per lei al Signor Cesare scrivendo a sna Serenita che gratio- 
samente verso de noi risguardi et dele spese proveda cercha la qual 
cossa spero che sua Maesta lo fara perche se questa habitation e bona 
et la časa non havendo in lei da manzare et quello fa de bisogno io po- 
tero star male uude que$ta serenissima Signoria non mi fara torto ne 
saria causa ma sebene el Signor Cesare et voi signori et amici che aju- 
to neli bisogni non mi porzete fina qui ho passato con questi 200 du- 
cali che la dona mi ha mandate per via de Biliach per uno mercadante 
Zinus đe Bartolamio cussi si chiama se questi non fusseno stati non 
saria stato bene perche de qui niuno cognos^o ultra questi 200 ducati 
niente da alcuno ho ricevuto ne per altra via circa la qual cossa spero 
chel mio Signor la Cesarea Majesta vorra gratiosamente provedere per 
le spese ma per causa deli datieri ala corte in longo se produse ma el 
bisogna che ogni mese beba per le spese per mi et per li miei guardiaui 
raynes 40 et perho dimando vostra Magnificentia che non mi vogliate 
abandonare in queste spese vostra Magnificentia al a via desegnada per 
i mercadanti che passano de qui overo per via de Lubiana per un 
mercadante Antonin el qual spesso de quivi manda li sui factori overo 
per via de Biliach per uno merchadante Zinus de Bartolomio el qual 
volentieri per li amici me li respondera et io poi li miei debiti salisfaro 
sel signor Dio la mia liberta mi concedera oltra la ordinaria mia bona 
servitu vorogeli restituire e credame vostra Magnificentia che niun de 
noi tre che siamo insieme in queste carcere non potemo con manco 
passare al mexe de raynes 40: cercha uno altro Nojitio voglio dimandar 
me sia concesso da questa serenissima Signoria adzio lo lassino venire 
de qui dala vostra Magnificentia e cussi spero lo faranno sue Signorie 
perche tre volte dala mia dona li Nunzij hanno lassato venire ad me 
cum le sue leltere quando se ritornera dal Signor Cesare che sara pre- 
šlo spero che vorano el Nuntio de vostra Magnificentia lassare non 
essendone altramente devedado ma sel acadesse che qualche mal voler 
havesseno dopo qualche novo torto me confido che sara acepta la servi- 
tu de vostra Magnificentia questa serenissima Signoria vora per amor 
dela benigna verila recognoscerla et verso vostra Magnificentia gratiosa- 
mente et vicinamente vivere io se sapesse como le cosse steseno a ria a 
caro perche ne son debitore procurar quanlo melio sapesse et quanto 



Digitized by VjOOQI€ 



429 
fusse accepta la mia parola como da uno presoniero ma non son uso 1514. 
con Ihoro de qiiesto parlarne el Signor Dio onipotente conserva vostra 
Magnificentia per moUi aiini sana et allegra per la sua santa misericor- 
dia de mi non ce dubio cbe saria ricomandato in clascun loco ala 
vostra Magnificeolia quando quella fusse nelli servitij de questa Signoria 
et ad mi de perfeeto ajuto alla gratia dila qual humilmente mi rico- 
mando con ogni integrita de penitentia como se conviene al gratioso 
padre et segnore. Data in Toricella de augusto adi 29 1514. Subscri- 
ptio carissimo patri obsequens filius et serenissime vestre Magnificentie. ^ 

— Garissima mojer te sia sempre oferto la mia fede et amor imu- 
tabile et sapi cbe io ho ricevudo doe tue letere per Zinus et 100 fiorini 
de Bens ma pur non son senza fastidio intendando dela tua malatia et 
ho recevuto una altra de di 27 hijo la terza de di 4 avosto presente 
insieme cum el scriver del mio caro segnor et padre in el qual tuto 
scriver bo inteso la sanita sua et tua et del mio caro fradello con gran- 
dissima alegrezza sapi cbe io scrivo al presente al mio caro signor et 
padre la risposta sicbe mandegela ad ogni modo : sapi etiam cbe son 
sano dela qual cosa io ringratio 1 onnipotente Dio et mi ritrovo de bon 
pensier per 11 conforto a me in scriptura mandate per el mio caro si- 
gnor et padre come el me scrive cbe in breve el se dia far et concluder 
una universal pače et concordia tra tuttl li Principi et Signori Cristiani 
et cussi prego 1 onnipotente Dio se fassi con questo posso almanco spe- 
rar de liberarmi dela tua sanita me piace sapite guardar et guarda 
adempissi ogni mio ordine secundo cbe cbiaramente da me et de mia 
parola tu bai inteso : secondo cbe tu me scrivi cbe Tom. Šocolorum e 
amalato et cbe per tal cossa potrla mi baver danno te dico cbe tu fazi se- 
cundo te ordenai tu me scrivi etiam cbe alcuni te sono disobedienti tu 
sai cbe 1 ordine mio e stato sempre cbe ogniuno te sia q^ediente in mia 
absentia per questo fa quell() cbe sia con bonor mio et cbe stia ben 
secondo come credo cbe non farai altraiuente mojer carissima in li pas- 
sati zorni tu me ba scripto et mandate uno par de calze negre et un par 
de calzete de tela et beri bavi con el tuo scriver un altro paro de calze 
rosse io non bo avuto baveria de bisogno de esse adesso per linverno 
con doi para de nenzuoli et qualcbe fazuol da cavo: se tu intendi qual 
cossa de paze o veramente qualcbe altra bona cossa scriveme azio me 
possa alegrar deli servitori come tu sai lassali et cum quello da Falcbe- 
stein lassa scorer per alcuni boni respetti et scriveme dela masseria 
cbe lui fa carissima mojer saludame la mia cara fiola et non desmente- 
gar de governarla ben et scrivime spesso spazza con prestezza Zi- 



Digitized by VjOOQI€ 



430 
4544. BUS cum el mio TeyJ^^ Monsignor Cursense et falo per qiiel megiior 
modo te sia possibile et aricorđa a sua Signoria con el scriver luo de 
miinfina che Dio mandi qualche bona nova: carissima mojer recordate 
della mia perpetua et immutabile fede et amor et non me lassar senza 
danari perche el nostro signor padre scrive che li messi per il suo ter- 
ritorio non sono securi et sapi che io convengo haver per spese ogni 
mese fiorini 40. Date a Venetia adi 29 avosto 4544. Sabscrip)io Cri- 
stoforo Frangipani manu propria. 

A tergo. Ala ben nasudaMaria Apolonia Gontessa de Frangepani ec. 
nostra carissima mojer. 

Copia de una altra letera dil dilo Conte Cristoforo 
mandata al mazor &uo fratello. 

— Potenti et magnifico domino Joanni Francisco Frangipani cui 
fratri mihi in omnibus colendissimo detur. 

Potens et magnifice domine et frater mi earissime dopo le cor- 
đialissime salute adviso vostra Magnificentia che eri sera per missier 
Zuam Antonio Dandolo qual e signor de noi costitnto da questa Signo- 
ria ho recevuto una letera cum grande alegrezza nela qual ia Magnifi- 
eentia del Conte nostro signor et padre scrive prima circala optima 
salute de sua Magnificentia et de voi et dele sorelle nostre per il che 
con alegro eore ringratio el Signor IMo et la sua sancta Madre Verzene 
Maria uotiilmente pregando che per moHi anni prolungi la Magnificentia 
del Conte nostro signor et padre scrive prima circa la opCima salute de 
sua Magnificentia et de voi et dele sorelle nostre peritehe con alegro 
ćore ringratio el Signor Dio et la sua sancta Madre Verzene Maria umil- 
mente pregan<|o che per molti anni prolungi la Magnificentia vostra 
in bona sanita io son secondo me ritrovo per gratia del Onnipotente 
Dio fin qui in bona valetudine qui in Venetia in uno carzere che si 
chiama la Toricella per pregion dela serenissima Signoria come son se- 
condo che piu volte ho scripto ala Magnificentia vostra dinotando et 
laudando questa serenissima Signoria qual me hanno in tale carzere 
posto et non in qualche altra pregion overo strectura e perche per la 
causa che la Magnificentia dil Conte me scrive in la prefata letera no- 
stro padre et signore viđelicet che alla sua Magnificejitia non e alcuna 
mia letera pervenuta dopo che sou pregione ancor che io bene quatro 
volte ala sua Magnificentia heU)a scripto et con licentia de questa se- 
renissima Signoria e simehnenle a voi etiam dnbito a vostra Magnifi- 



Digitized by VjOOQI€ 



431 
centiiEi siano esse tnie letere pervenute e perho ađesso in novo intendera 454 4* 
vostra Magnificentia cbe dda cafta et habiCalioii đila prigione non mi 
posso lamentar immo laudar et recognoscendolo in servire quando sara 
el voler del Signor Dio che in liberta ritorni cumtuttoqaeliocfaemisara 
possibele et conveniente et voi segnori miei consanguinei et amici pre- 
govi siate nela servitii de qaeBta serenišsima Signoria poi eh io uon 
scio altro: ben e vero che me scrive el signor et padre nostro che non 
sonno liberi li Noncij overo corrieri a venire qui dala sua benignissima 
Signoria perilche non ho inteso altro da che f u preso Janes in acie se 
non cbe lo regno Ungarico e per tntto pacato e non intendando altro 
1 e in non poca pressura el eore mio pensando 'che da poi che son pre« 
gione non ho avuto letera ne ambasciata alcuna dal signor padre ne 
da fradelli ne da alcnno deli amici miei se non solamente dal signor 
Duca de Ferrara avunculo nostro la Signoria del qual me ha ricoman- 
dato a questa serenissima Signoria p^ lo Oratoro sao el qaal cum li- 
centia e stato qui de sopra aserato cum mi et la mia dona ia qual tre 
Tolte li miei servitori a mandato quivi cum danari ducati raynes Bon 
possando far de mancho per lo manzar et far i pagamenti ali miei cu- 
stodi unde non sen;&a causa ho scripto tanquam extraneus faetus sum 
fratribus meis perche non venendo qui da lei deli danari sio fiisse ndi- 
la piu belia camera senza manzare non.staria bene e perho Conte mio 
fradello prego vostra Magnificentia soliciti il Signor Cesare per la mia 
libertade et che sua benignita per le spese non me abbandoni fin chel 
Signor Dio per sua misericordia al optimo fine me conduca seocmđo che 
la sua Magnificentia scrive die in breve tempo a da esser la union tra 
li Signori CrisCiani contra le forze Turchesche la qual cossa el Signor 
Dio omnipotente permeta per la s«a sancta misericordia Conte mio caro 
fradello me scrive la mia donna che vostra Magnificentia Iha gratiosa- 
mente soccorsa per levarsi del cbe graziosamente ringratio vostra Ma- 
gnificentia como caro fradello al qual in ogni tempo voro desiderarlt 
bene et amorevol fraternitade et demostrargli io a qualche tempo con 
el voler del Signor Dio et con lo mio bonore enzo de queste carzere 
la sorella nostra piaqua a vostra Magnificentia da mia parte salutare et 
dirli che la pregi el Signor Dio che per la sua sancta gratia sani presto 
in uno ne conduca et recoglia el Signor Dio omnipotente ve oonserva 
nella gratia sua. Scripta dal me&e auguste adi 29 in Torioella 1544. 
Subscriptio Gari^mo fratri frater vestre Magnificentie salutem. (KVUI, 
420-427. 

— SeMembre* Di Vegia di S. Zuam Moro Provteđador di 3 co- 



Digitized by VjOOQI€ 



432 
1514. me essendo compiata la trieva fata oon ii Conte Bernarđin Frangipani' 
par ehe dito Contc li habi manđato do Oratori fino a Veia a far rono- 
var dita trieva e cussi hanno rinovata siche convicinerano ben coiue 
buoni amici ecc. 

Copia di la trieva fatta tra quelli di Veja 
e U Conte Bernarđin Frangipani. 

— In Christi iiomine amen anno nativitatis ejusdem millesimo 
goingentesimo quarto decimo die vero penultimo mensis augusti 
indictione secunda. Nui Zuam Moro per la illostrissima et excel- 
Icntissima, Sigooria de Venetia de Vegia et isola ProVeditore et 
Piero Cragliaz Petrichievich Nobile de Licha Nuntio et commesso spe- 
cialiter deputate per lo illus ™® sigiior Conte Bernardino Franeha- 
pane como apar per letere sue patente de xxv de I instante per noine 
et commissione del dicto signor desiderando luna et laltra parte 
ben convicinar et devenir ad una bona tregua et concordio ad Dei 
omnipotentis siamo devenuti ala infrascripta compositione dechiarita 
per li infrascritti capitoli promettendo luno al altro sub vinculo juramenti 
di observar et inviolabiliter far sia observato guanto in essi cuntien et 
in fidem se sottoscrivemo manu nostra propria quorum capitulorum 
tenor sequitur. 

Primo chel signor Conte Bernardino Franchapane ne per si ne 
per altri subditi existenti nel territorio suo vengi over permetta ehe si 
vengi ad infestare et inferire danni nelle terre della illustrissima Signo- 
ria et subditi de quella si della isola de Vegia come del Istria Friuli 
et ogni altro locho ne assentisca over presti adjuto over favor de qua- 
lunclie sorte se sia ad altri extrinseci ehe venisse a tal damni. 

Secundo ehe tutti li presoni et captivi dela prefata illustrissima 
Signoria ehe sono apresso ditto signor Conte Bernardino o altri suoi 
subditi siano relaxati senza taglia cum integra restitutione dele robe 
sue ehe fosseno sta tolte ala captura loro avanti la guerra et sotto bona 
fede et e converso li presoni sono apresso nui deli suoi. 

Terlio ehe tulta la roba et cose ehe j^e alrovava et se atrova neli 
loehi del prefato signor Conte et etiam neli lochi nostri siano ad inte- 
grum restituite ali veri patroni ehe sotto bona fede e sta^conđuti nelle 
terre et lochi della illustrissima Signoria et signor Conte Bernardino. 

Quarto ehe volendo luna over laltra parte romper la tregua sia 
obligata et tennta per giorni xv avanti dinotarlo ala altra parte per 



Digitized by VjOOQI€ 



4SS 
Nantio et con letere et ultra đe zio stante đicta tregua se possalibera- 4514. 
mente ciascun in tutti et singuli lochi si da marina come fra terra cos- 
si da una parte come dal altra mercadantar et securamente pratichare 
cum le robe loro senza molestia over damno reale aut personale. 
(XIX, 24-25). 

— Di Liesna fo letere di S. Vincenzo Donađo Conte di 4 come a 
zerchato pacificar quelle cose di populari con Nobili qualli erano 6000 
armati et cussi di Nobili tutti in arme e dubitavano di far ie sue vende- 
me tandem essi populari qual si dolseno quello hanno fatto han no ju- 
rato non far poi alcuna movesta et vol che i Nobeli vadino a far le loro 
vendeme per lixola siche esso Conte a mandate a dir a tutti ritornino 
ec. questi dubitano assa e fama dia venir il Provedador dil armada con 
8 galie et za n e zonte tre bastarde videlicet Grimana Bemba et una Can- 
diota scrive la morte di S. Sabastian Bembo Soracomito ec. ut in literis. 
(XIX, 30). 

— Et in questa mattina S. Zuam Francesco Mlani fo Conte a Si- 
binico justa la parte presa in le do Quarantie si apresentoe a requisition 
di S. Sabastian Justinian el K.^ Synico et fo messo in 1 armamento. 
(XIX, 47). 

— Di S . Vincenzo Capello Provedador dil armada fo leto letere 
da Liesna adi 45 del suo zonzer li dove si atrova con galie 45 et ha 
exeguito il compito datoli per lo eccelenlissimo Consejo di x com la 
Zonta. (XIX,58). 

Oiiohre. — Noto vidi excomunicato sopra il Palazo nostro il 
rev. D. Francesco Marzelo Episcopo di Trau per non aver paga la pen- 
sion al rev. Episcopo Arbense Malombra qual e a Roma. 

— Di Liesna fo letere di S. Vincenzo Capello Provedador dil arma- 
da di 20 da Lisa come prima a fato afondar tulte le barche et altri 
navilij di Liesna per piar alcuni banditi et domar quelli popoli et scrive 
al Consejo di x sopra questa materia e la Signoria comandi ec. : item 
e a Civitavechia con 9 galie una lasata a Liesna et una a Lisa : et la 
causa ha fato afondar tutti navilij e barche e per aver quelli bauditi 
causa di ogni mal i quai perho par siano favoriti dal popolo : item e 

venuto alcuni da lui et li ha apresenta una modula di capitoli 

centra s. Vicenzo Donado Ihoro Conte la copia dei qual sara qui avanti 
posta imputandolo esser sta causa di ogni mal. (XIX, 78). 

— Di Žara fo letere di S. Zuam Mino to Conte e S. Francesco 
Foscari Capetanio di 30 come havendo Martolossi e Turchi corsi su 
quel dil Conte Zuane di Corbavia e depreda il locho de Licha tulto 

28 



Digitized by VjOOQI€ 



434 
4544. menato via anime 3000 animali grossi 40 in 12 milia meouti cai 80 
milia ađeo qnel Conte e ruinato iia cbe dito Conie e in la uitima de- 
speratloa e nostro solđato a scrito a Žara se li provedi: etiam quel Bas- 

sa di a fato una forteza apresso Segna siebe si tien havera 

Tenina et perche pur e sta corso su quel di Laurana eh e di la Slgooria 
Do^tra Ihoro Rectori a maođato uoo Ihoro Nontio al Conte Coxule a dirit 
non lasci far questi danni et mandate Zuam Detricho con cavali lizieri 
ali confini con darli larga comissione di far adunar zeote et proveder 
al bisogno. (XIX, 79). 

— Di Lieisna vidi letere di 3 di que8to come il Provedador dil 
armada era a Civitavechia con galie x e li a Ljesna ne sono due el qiial 
Provedador a Civitavechia a messo in terra zercba homeni 4500 capo 
S. Hironinio da Canal Soracomito per trovar li malfactori et li banditi 
che sono pocho luntan fortifichati come si diče sopra uno monte fortis- 
tissimo el Provedador non osa mandar sue zente a quel locho percbe 
si dubita di paesani di qui a Liesna e sta preso doi banditi erano ascosi 
et al isola di Lisa n e sta presi tre luno di qualli e sta acusato da uno 
suo figliol senza aspetar premio alcuno eh e sta cossa grandissima ^t 
impia tamen cosi e : et altre particularita et a quel Conte de li S, Vi- 
cenzo Đonado e sta dato capitarli contra ec. (XIX, 92). 

— Di Žara fo leto letere di Rectori di 4 com^ erra venuto per 
Ban di la Croatia il Vescovo Vesprimiense qual si dioe ara 4000 home- 
ni đ arme et i 000 cavali lizieri contra Turchi nel numero di qual sa- 
ranno i Frangipani ; item come quelli dil Conte Zuane di Corbavia 
di subđiti e andati abitar su quel dil Turcho per non esser ruinati. 
(XIX, 94). 

— Di Liesna fo letere di S. Vicenzo Capello Provedador dil arma- 
da di 47 chome havendo auto nelle man di quelli banditi et fono di 
principali che feno la novita contro i Nobeli et vene con larmata adi 
46 di questo mexe a Liesna et fe apicbar 20 et a n.^ 40 fe tajar a chi 
le man a chi cavar i ochij et perche per la taja data in Craina era sta 
retenudo alcuno mandoe S. Alexandro Contarini Soracomito con dncati 
300 di la taja per averli nele man ec. (XIX, 406). 

— Etiam fono sopra le cose di Liesna qome fo anche eri el dito 
Conseio di x ma e gfan scriture non expedite, (XIX, 440). 

Di Liesna vidi letere di S. Vicenzo Malipiero Castelam di 47 octu- 
brio come eri ađ 46 zooze il Provedador dil armada li con galie clnque 
a zercha ora di terza et armizata la soa galia feee apicbar su 1 antena 
homeni 49 Lisignani stati malfactori et la prima volta et questa secon- 



Digitized by VjOOQI€ 



da et a sie a fato tajar una mao e cavarli uno ochio a quaUro a fato 1614. 
oavar uno ochio et đo altri banditi di terra e luoghi tra li qual e 
uno frađello đi Zorzi Gominovich e a Venetia Ambasador per essi 
popoli la qual justitia e sta necessaria ala infermita di questa ixola e 
nel n.^ đi apichati e stato do preli scrive voria esser sta apichati 10 
Nobili ađ haver assedato quelle cosse : scrive questi Mobili che đice 
banno za cominziato a minazar et voler meter ordine al isola poi scrita 
e zonti ti Nobili mandati a tuor qu6lli fo presi in Craina : et voleno dar 
li đucati 300 richiedono essi di Crayna dovenđoH dar e Ihoro Nobili li 
voleno exborsar. Unde 11 Provedador dil armada a manda đo galie per 
averli tamen e in locbo dil Turcho tien non li lassera li slano dati. 
{XIX, 117). 

Epistola magni Imperatoru Turcharum Selim ex suis caštris 
Choi majoris Armeniae ad Senatum Ragusinum missa 

Novembre« --^ Ego Dei gratia magnus et fortis Imperator et 
magnus Amir Sultan Selim Chan Dei gratia Imperator omnium locorum 
Mediterraneorum Graecorum Caramanorum Asiae Guropae^ae partiiim 
ac nuper Calimanensiam Dominus honorabilibus viriš egregto Rectori 
et patritlis Ragusinis. Notom Vobis fore decrevi priđem sarrexisse 
quendam facinorosum hominem omnibus- coopertum scelerlbus in Ga- 
limania qnae Azamorum nuncupatur provincia omnibtis Deum co- 
lentibus infensum occupatis muUorttm divitils insolentem qui pluri- 
morum imperia et dignitates oppressit domos et habitationes evertit 
bonos et malos sine discrimine nuUa pietate necabat eontra htinć igitur 
malum hominem magno nobis comparato exercita quo ejus hominis mo- 
lestia et ittiquilate provintia liberaretur castra movi qdođ vobis novum 
esse non dubito. Gum vero Gonstantinopoli in Asiam traieci eum feci 
meis litteris certiorem ne modo se aliqao excusaret ignorantiae causam 
praeteddens quin se bello praepararet neve se iroparatum tueretor in- 
vasam fore nullam horum excusationem reliqni : dare et antea nun- 
davi omfiia per litteras sic enim ego magno et potenti exercito nostro 
^ provintiam eius universam animo subjngare decrevi. Si egfeglus pngna- 
tor si belli expertus pugnae se praepararet casim accingat apertaMarte 
tili virum decet in medium prodeat eampum utque sit de bis voluntas 
Dei cognoscatur et fiat : cumque in ejus regionem mihl preventum 
esset metu quem de nostro potenti exerdtu conceperat per mensem 
deliluit mihi nusquam obvius ad loca cujus cum pervenissem binas ad 



Digitized by VjOOQIC 



436 

1614. eum litteras iterum đedi. Quibus aperto Marte provocatus nusquam 
apparuit. Đemum ad regiam ejus nomioe Tauris que antiquorum suo- 
rum fuerat ab inde ubi eram per diem ac noctem cam magno apparatu 
meo quo latebat perveni : ibidem ille vi compulsus noa voiuntate mala 
hora mecum pugnam inivit die Mercurj 23 mensis augusti in planitie 
quae Celderam nuncupata geatilium non tam ausus meis se proelii pro- 
cellis obiicere bifariam suum divisit exereitum in altero cornu šibi 
arte belli per me parem MaumeUiem Ustanci filium ducem preposuit 
contra nostrum Asia minoris agmen ipse vero in altero cornu Ismael 
homo facinorosus contra nostrum Europeae gentis agmen impetum fecit 
ut strenue passim pugnam provocabat: ecce suae gentis imbellis cornu 
alterum cui Ustanci filius preerat Syriae praefectus ordinato nostri 
agminis Asiae minoris exercitum inclinari fecit dissipavit ac delevit 
caputque Ustanci filii abscissum a trunco mihi offeri jussit: alterum vero 
cornu nostrae gentis Europae quae Romania vocatur faostes in fugam 
vertit qui tamen pugnam pares sustinentes in nostros magna vi impe- 
tum fecerunt prementes. Sic ultro citroque cum clamore magno cedes 
oritur: qua muiti a nobis et potentes viri trucidati et mortui caecidere 
et plerique vulnerati fuere : Quod ut viderunt hostes multo fortius con- 
tra nostros irrueruot cohortis mee et curiae milites Ego vero qui Che- 
ribi Dielevi Ulafagi et lanizari vocantur auxilio laboranti mee genti 
misi : qui conjuncti cum alijs Europae gentibus hostes qui repugnare 
non poterant in fugam vertunt capiuntq.ue bona hostilia thesauros im- 
pedimenta tentoria uxores liberos reliquos vero ejus Principes nobis 
perductos gladio committi jussimus ac statim hae Calimanensium 
provintia <et homines meo se se dedidere Imperio mihi omnium huius 
regionis civitatum idonatis clavibus. Igitur scelestus omniumque bi- 
pedum nequissimus omnium iidei hominum infestus ac sicut omnibus 
fuit molestus sic omnibus inde summa dcbet esse licentia : quod no- 
bis nostris fidelibus ac devotis.per nostrum hunc fidelem Nuncium nomi- 
ne Amsam Soluffariuui presentibiis litteris significavi ut isto felici suc- 
cessu cognito affiiclaroini loetitia: dantes Deo laudes eumque pro salute 
nostra et Imperio precanles. In castris nostris in loco Coy die 27 au- 
gusti. (XIX, 142-143). 

— Vene in questi giorni in questa terra uno Nontio del Car- 
dinal Cursenze senza salvocondnto vien di Alemagna per voler parlar al 
Conte Christophoro Frangipani suo Cugnalo e in Toreselle e trovato S. 
Zuan Ant Dandolo e Provedador a questa custodia el dito fece asa- 
per ali Cai di x ei cussi in Colegio dila Signoria fo fato venir ditto Nontio 



Digitized by VjOOQI€ 



437 

et fatoligran reprensione e si non fasseper amor paterno al sno pa- 4514. 
tron si faria el porteria la pena di soi pechati et fo subito rimanđato 
indrio senza parlar a niuno (XIX, 174). 

— Fu posto per li Savij tutti e Consejeri certa parte di una di 
Antivari che habbi provision qual nome Maria Belita Belprelari citadin 
di Drivasto presa da Ttirchi habbi al sal ducati uno e mezzo al mexe di 
provisiom ut in parte ave 13 di no 157 de si et fu presa. (XIX, 181). 

Sumario di lettere di S. Francesco Foscari Capetanio di Žara 
date adi 17 novembrio 1514 drizate a S. Alvixe suo fradello, 

— Come era arrivafo li in quello zorno a hore 17 Antonio patro- 
nizava el gripo di Zuam Moro venuto con una caravela di portada di 
zercha botte 100 vini dala Parga diče come aLepanto hanno fato gran 
fešta digando chel SIg. Turcho era rimasto vincitor contra Sophi tamen 
đice de li secretamente si narava come el ditto Sig. Turcho era stato 
roto e fracassato dal dilto Sophi e roti 25 flambuli li qual havea iOOO 
milia persone tutti era sta tajati a pezi el Sig. Turcho si diče era veduto 
in una certa montagna con li soi Janizari e si crede certo non sia per 
campar di quel locho con ninn deli soi diče aver veduto sopra la galia 
Semitecola uno Ambasador dil Turcho el qual vien ala Signoria e mon- 
tado sopra dita galia ala Vallona judicha sara ozi di qui over doman 
al tutto e si dicea el venia.per cosse importantissime. 

— Di novo de qui el Bassa over Sanzacho dela Bossina cazato dal 
Conte Zuane Corvato insiemo con Cosule et questi Nobelhomeni de ol- 
tramonli per esser in questi di passati andati con cavalli 250 a corer 
sopra la Bossina et intradi nel borgo di Belgrado deve e arivato el dito 
Sanzacho venuto con cavalli n.° 3000 benissimo in hordine con due 
bombarde et molti schiopi asalto adi 14 dil presente Auri castello dil 
Hongaro lontano di Novegradi miglia zerca 4 et han combatuto et 
preso et mena via da anime 400 era in ditto castello de Auri adi 15 
el volto e vene a campo a uno castello dil Conte Zorzi Colatovich et li 
e campato dove per uno Turco fo preso a Zamonicho castello di Ve- 
nieri el qual lo havemo fato menar de qui diže chel ditto Sanzacho e 
venuto de qui con cavalli 3000 sdegnato per la coraria fatta per el 
G)nte Zuane i zorni passati dove a deliberato prender et destruzer 
tutti questi castelli dil Conte Zuane Cosule et altri Nobili et dize el 
Sanzacho ha fatto comito a tutte sue zente a penna del palio niuno 
đebbia far danno in questo Contado per haver el suo Signor bona pače 



Digitized by VjOOQI€ 



438 
4614. con la Signoria nostra e dm M era 3ta chratiano e fuzito per voler 
tornar aUa fede per esser de queste ville đel Contado lo havemo lenuto 
de qiii solto bona cuslodia per ogni bon rispetto da Obrovazo per aliri 
Turchi presi in quel locho habiamo guesta relatione istessa o per uno 
altro Turcho preso per uno di cavali se ritrova a Nađin de la compa- 
gnia de missier Zuan Detricho el qual e s|a menato qua per quello el 
prese questa note fina el leto examinato diče que] medemO a đitto li 
altri sopraditti e disse el Bassa ogni sera et ogni mattina li fa le cride 
che niuno vengi a danizar questo Contado domandato che non obedise- 
no el dlto suo sig. Sanzacho risponde el Sanzacho e a campo al castello 
del Colatovich e che loro e venuti di qua via vedando di haver biava e 
đa'manzar e che hanno brusato eri per quel sapiamo tre ville delle 
Đostre et-300 cavalU fo veduti da uno monte eha aveano iato una 
grande arcolta di butini di nostri vilani đel Contado et li cazava ala 
volta di Laurana per la marina, Noi za 8 zorni intesa questa nova đel 
^avalchar del ditto Sanzacho abuto la nova da Laurana e da Sibinico 
per uno spazato per quel Conte a bocha venulo a posta de uno medemo 
^enor quella note non dimorando scriveseno a tutte le fortezze nostre 
đel Contado e spasazemo tutti 11 cavalari couianđandoli volesse far le 
guardie e star cauti e far comito a tutto el Contado che tutte anime et 
b^stianii &e reducesseno ale fortezze ma que8ti villani trađitori non e 
rimedio si vogliano moversi ne fuzer sojino qua ređuti al Berchagno 
per mezo el porto li trazemo bombarđe da tutte hore e li fazemo comilo 
vebgiho đentro a salvarsi non voleno vegnir dentro da nui non mancha 
le provisione per le forze nostre. Eri da mattina a horra di tertia ve-^ 
stendomi vene il mio Contestabele a chiamarme venisse ala porta che 
erra gran rumor in quel locho credando li Turchi venisse al borgo per 
la gran summa de anime che fuziva me ne andai immediate ala porta e 
trovai tutti in fuga vulsi ussir nel borgo mi fu dito S. Zuam Minoto 
Conte era in borgo a nostra Dona e tornai alla porta e fici animo a tutti 
et trazer molti colpi de artellarie secondo el soUto stesemo el Conie et 
io tuUi eri fino sera li ec. (XIX, 486-187). 

Deeembre — - Di Ragusi se intese ^e$se^ letere đi $. Alvisa 
Foscarini đi S. Bernarđo marcađante de li đi 1 đi questo a suo pa- 
dre serive eome ha haviso dal medico đi Bossina esser venuti do Ola-* 
cfai con nove chel conflitto đil Sophi fo solum 40 milia combatenti in 
arme bianche et non ara il Sophi ne il ftol di Achmeth nepote đil Tur- 
' eho et il sig. Turcho fo vincitor poi iterum fono ale man el il Sophi 
erra in per$ona et a rotlo il Sig. Turcho et non si sa si 1 e morto o vivo 



Digitized by VjOOQI€ 



439 

ne đove il sia il qual capitolo di letere io el vidi lexi et sara scripto 1514. 
qui avanti (XIX, 222). 

— Da poi disnar (28) fo gran Consejo falo Retor e Provedadop a 
Gataro S. Piero Zen fo Consolo a Damasco q.™ S. Catarin el KJ da S. 
Zuane Antonio Dandolo e Provedador šora il Fisco che fo alla custodia 
di Padoa con homenl iO sicche que$ti tal titoll non val piu e in qucsto 
si vede la ingratitudine di questa terra (XIX, 228). 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitizedby VjOOQI€ 1 



444 

ANNO i &f &« 

Gennajo* — Dl Žara đi S. Znam Minoto e S. Francesco Fosca- 
ri Rectori đi 14 di quelle occurentie et che molte fameglie dilochi de- 
predati per il đubito dei Tiirchi erano venute habitar li a Žara. (XIX, 
267). 

Copia cit una lettera venuta đi Dalmatia data in Laurana 
adi ... 1544 copiosa di nove. 

— Dile nove parte infese e parte con li occhj \iste de qui sonoo 
quesfe nel ultimo del mese di novembrio prosimo passato vene el Bassa 
de Bossina con zercha cavalli 4000 de Turchi per scorzizar questi pae- 
8i del Hongaro confinati di qui et etiam qnesto Gontado di Žara come 
banno fato et veneno per la via de Opncha terra a confini dela Bossina 
et prima zonseno sotto uno castello nominato Carin castello de uno Si- 
gnoretto sottoposto al Re d-Hongaria el qual nome Coiite Znane Cran- 
sicer et vi štete il campo zorni do nel terzo zorno se rexe e ivi trovoroo 
anime 300 et erano lo piu parte mojer et fiole đi Nobilbomeni poi par- 
titi de li veneno a uno altro castello li vicino si domanda Corlatbvich 
e vi pose el campo soto et comensono a darli la bataja e 1a dete zorni 
4 di longo finalmente lo preseno et trovorno dentro anime 200 non 
poteno resister per non haver con si li Turcbi schiopetieri 100 el Si- 
gnor de quel castello a nome Conte Zorii Gorlatovich el qual se feze 
calar sozo de una torre da quel castello nel qual erra fortificato perche 
li Turcbi li baveva fato hvad tre in ditta torre per li quali li meteva 
dentro assa fumo unde el si fece calar zoso de note ma prima fe calar 
do soi subđiti per veđer si le strade erano segure e tornati che fonno 
se feze poi lui calar et vene a salvamento a uno nostro castello dito 
Nađino el qual e lontan dil pređite mia do et bavendo per mie et altre 
lettere li Rectori đi Žara inteso di questo boste Turchesco dubitanđo 
cbe voleseno depredar nel Gontado di Žara e di Laurana come fezeno 
subito termine col parer đi quelli Zentilomeni di Žara di mandar uno 
Ambasador al Sanzacho con uno presente e cussi mandono uno Povola- 
no đi Žara stato altre volte a simel imprese nominato Tomaxo Malesich 
et anđo con- cavali 20 i quali andono di sua |volonta et erano Zentiho- 
me ni Zaratini et mercadanti et esso Orator tfndo prima al prefatto no- 
stro castello đi Nađin e mando domanđar salvoconduto al dito Bassa. 



1515. 



Digitized by VjOOQI€ 



443 
1 51 6. Ma inteso guesta anđata dil Orator messe cavali 300 in hordine quali 
đovesseno correr el Conta di Žara e altretanti coreseno ala volta di qui 
di Laurana e dile marine e cussi feno e veneno per fin qui sotto il 
castello cercha cavali 10 ali qiiali io li feeitrar di uno faldioneto et 
perclie el non si pete pia basar per aver le ruode basse li anđo alquan- 
to 8ovra el capo per la qual bota forno scapolate molte anime et assa 
bestiami che averiano^preso adeo subito ditti Turchi se messeno in fuga 
et si quelli e sta presi in questo Conta di Laurana havesseno voluto 
stimar quel]o piu volte li feee intenđer non seria stati prSsi alcuni di 
Ihoro ne li a valso comandamenti fattoli che đovesseno fuzer in lochi 
securi non si hanno curato ben e vero che hanno fuzito li bestiami e 
per non temer di Ihoi^o alqaanti sonno sta presi et morti et essendo 
Konto il nostro Ambasador a Nađin et per esser el castello in cima đe 
una colina discoverze largo paese et vete venir li Turchi dal nostro Gon- 
tado benche faeeseno la volta larga fenzando đe vegnir dil paese del 
inimicho e non dil nostro et havendo hauto el salvoeiHidulo dal Bassa 
1 Ambasador ando nel campo a trovarlo el qual campo in qadlo instan- 
te se levo del predito castello Gorlatovieh et anđo sotto castello pear Usi- 
chio et presentato esso campo li quali dentro se ascoseno ei non li 
respondevano niente vedaodo questi Turchi coifieBiarono a scalar i miiri 
e introno nel revelino subito quelli dil castello se diftcoverseno et s;al^ 
tono fuora ita che ge ne amazono alquanti e preseao uno Turcho el 
qual si ha dato taja ducati 500 lui medemo et preseno uno cavalo da 
pol el campo se distese al castello đel Cente Coxiile e pasa ala volta dt 
Ostrovi^a e ando ala volta dol castello đe Bigne deve riposarono un zor- 
no per esser abandonato dito castello poi la malina a bona hora esso 
Bassa dispazo el nostro Ambasador che prima non lo volse spazar e li 
dono do {»resoni uno homo et una dona la qual fn preaa qui sotto a 
Laurana alincontro di anime S cbe preseno di qui senaa le altre prese 
nel resto del Contađo di Žara e premise subito chel sara zonto in Bos- 
sina ceraira li aostri preseni et li mandera in driedo e li fece uno altro 
presente alincontro aoe uao oavalio Uarđo vechio con uno pezo di corda 
al collo et para sei di bovi et in quollo instante che lAmbasador si vol- 
se partir eon la sua eompagnia Turchi U dimanđa che via d volova 
tegnir per tornar a Žara II rispose voler anđar per la via det castdlo 
đel Coxule e si parti dil campo 3000 Turchi e lo anđo aspetar a un 
certo passo ma lAmbasađor acorzendosi di questo prese altra via et 
vene a salvamento ala volta di Nadia e U štete la note e la matinaipoi 
ando a Žara li Morlacbi che si acorseno di questi Turchi partili dil 



Digitized by VjOOQI€ 



443 
eampo se ađiinarono peđoni et urtarono in đitU Turchi in via et ge ne 4615. 
amazorno assai đi loro et presi cavali et fata la đescritione Turchi han- 
no preso in tutto zercha anime 4000 iquali etiam e corsi fin sule porte 
đi Žara per la qual cosa H Heetori đi Žara hanno fato granđi provedi- 
menti per recuperar le povere anime perse per essi Turchi e si hanna 
portato essi Rectori con gran solecituđine et fatto molte provisiom 
Di Hongaria per uno Nobile đi questo luogo venuto đe li ho ioteso co- 
me havenđo il Cardinal Tstrigonia preparate una cruciata divulganđo 
đe voler anđar contra Turohi et havenđo coogregato de Hongari per- 
šone 40 milia adunati cbe forno e messi in arme ditU Hongari diman- 
dono al ditto Cardinal uno Capetanio cbe havesse a governar quel e- 
xercito esso Cardinal rispose non e tempo di anđar contra infiđeli re- 
eusando darli Capetanio e Ihoro replieanđo li desse Capetanio azio pos- 
sino seguir limpresa aliter che entrariano nel proprio paese a meterlo 
a sacho dicendo havemo venduto le nostre possessione et beni per an- 
đar a questa cruciata e non voleti dar il modo di seguir tal impresa e 
vedando essi Hongari non poter far altro comenzono a sacfaizar et bru- 
$ar el proprio paese amazando preti et frati et impalanđo Vescovi e 
altri vergognanđo đonne e donzelle feno pezo ehe si fosseno stati Tur* 
cfai intendanđo questo il Re di Ongaria fece uno esereito eontro đi Iho- 
ro e fono ale man ita eh e sta trovar mauchar in tutte queste ^ombustio- 
ne persone 80 milia e fo fata una gran tajata apresso una fiumara no- 
minata Tisa et etiam in altri luoghi et ancora hessenđo una consuetu* 
dine in Hongaria che li populi ali bisogni de guerra contra infiđeli si 
metono tra Ihoro una angaria di uno đucato per fuogo e manco segon- 
do el {>i60gno đella guerra e questi tal danari solevano manđar al suo 
Re e perche al presente hanno uno Re tanto freddo zercha el governo 
đel reame ma e^tholico e si las^ governar dali soi Baroni come Ihor vo- 
leno ita che tal danari branchavano et monstrando esser in điscordia 
non U spend^vano ali bisogni ma piu presto li usurpavano tra Ihoro 
vedando questo banno fato U homeni granđi đel regno una congrega^* 
tione e termiaono &r uno Capetanio tra Ihoro e aorescer lUngaria al 
dopio zoe pagar ducati do per fuogo e li danari si parta el primo đucato 
in tre parte una al piato dil suo Re per il suo viver 1 altra per fortifi- 
car le terre di soi confiai la terza per tenir cavalli i 000 con(inuamente 
ala corte đel Re e dil altro đucato tegnir cavalli 8000 zoe 4000 da 
Buda in sušo et 4000 da Xagabria in zozo zoe verso la Schiavonia. 

Hironimo Sagredo Castelan di Laurana. (XIX^ 284-285). 



Digitized by VjOOQ IC 



444 
4545. Febbrajo« — Da poi đisnar fo gran Consegio fafo Gapetanio a 

Zara in luogo di q.™ Francesco Foscari a refuđađo essenđo in rezi- 
meDto S. Augustin da Mulla fo di Pregadi q."> S. Polio et patron al Ar- 
senal S. Michiel Malipiero q." S. Jacomo q ™ S. Dario et za tre volte 
fu facto et niun passoe hora questo S. Michiel e rimaso che mai piu fo 
balotato in gran Consejo ni altrove. (XIX, 290). 

-- Di Žara di. S. Zuam Minoto Conte et Francesco Foscari Gapeta- 
nio di 4 4 di quelle occorentie et mandano una relatione di nove zercha 
le cosse dil Hongaria la copia dila qual šara scripta qua avanti. 

— Di Žara come ho scripto di 44 di questo fo letere con questo 
aviso per piu vie habiamo el Ban vegnir zozo groso e si acostera ali 
confini nostri et havemo dalo Episcopo di Liesna qual diče aver dal 
Conte Zorzi benche vechio Corvato Zerman el qual auto da uno nevodo 
dil Vescovo di Scardona che el dito suo barba ha mandato questi zorni 
a trovar el Ban con el qual Ban a parlato et e zornate 5 iontan da qui 
con cavalli 800 e diče ne aspettava fino ala summa di 2000 et hessen- 
do dito nepote a tavola con el Ban diše vojo andar a dir messa in Trau 
si non posso intrar dentro li andaro propinquo et che a filla aspectava 
fin cavalli 40 milia. Item habiamo una letera dilo Episcopo di Scardona 
scrive al nostro Arniirajo dil porto scrive venira žozo a veder questi 
confini con cavalli 40 milia : item habiamo per varie hande questo car- 
neval il fiol dil Re di Hongaria et dil Be di Polona venir a Bochari cer- 
io a una terra ali confini di Dalmatia et esser con Maximiam per far 
nova confederatiom insieme e si triata noze dila fia dil Re predito nel 
nevodo dl Maximiam Archiduca di Borgogna. Questo sumario e di una 
letera scrita per S. Francesco Foscari Gapetanio di Žara a so fradello. 
(XIX, 344-342). 

— Di Sibinico di S. Andrea Donado Gonte e Gapetanio di 48 
come quel Ban Episcopo Vesprimiense feva zente soto specie di andar 
contra Turchi ma intendeva per bona via erra per vegnir in Dalmatia 
contra la Signoria nostra et havia cavalli . . . Di che alcuni cittadini di 
Sibinico solto specie di andar a recuperar anime prese da Turćhi erano 
andati da dito Ban perche desiderano molto' esser soto il Re di Hungaria 
perho si fazi provisione quella Dalmatia e derelicta ec. '(XIX, 320). 

— In questo zorno inteso li movimenti di Dalmatia fo terminato 
di compir di armar queste do galie hanno posto bancho videlicet S. 
Bernardo Gontarini et S. Domenego Lion et si spazera con presteza et 
scrito al Provedador dil armada S. Vincenzo Gapello vengi in Dalmatia. 
(XIX, 324). 



Digitized by VjOOQI€ 



445 



1545. 



Exemplum liUerarum Comitisse Segne ad dominum 
Joannem Antonium Dandulum, 

— Magnifice et generose domine Provisor et amice honorande 
commenđationeDi. Non modicam consolationem concepimus ex literis 
Magnificentiae vestrae quarto idus januarj scriptis. Qu]bus nobis pri- 
mo illustrissimi damini et Conregis carissimi in amore erga nos perse- 
verentiam deinceps inc1yti Senatus elementiam el benignitalem vestre 
denique Magnificentiae erga eum studia et benevolentiam gnam officio« 
se exponit hoc enim spem nobis praebuit efficacem ipsum illustrem 
dominum et conjugem nostrum carissimum eo benignius et humanius 
tractari : Alterum vero licet sit apud nos indubium animo nostro tam 
moerore alioquim fatigatnm et conjugis carissimi desiderio afflictum 
paulisper recreavit : Debemus ergo et agimus Magnificentiae vestrae 
gratias immortales tum quod scribere et nos consolari dignata est : cum 
quod nihil officiorum erga memoratum illustrem dominum et conjugem 
nostrum carissimum in hoc molestissimo tempere omittat: maliem 
autem referre si in turbulentissima istius tempestatls injuria patietur : 
sed unum adhuc superest quod animum nostrum adhuc freqnenter 
angit et afiicit cupiditas scd et studium ipsum illustrissimum dominum 
carissimum conjugem adeundi et visendi : ob quam causam jamdu- 
dum non cessamus apud inc1ytum Collegium Capitum et Consiliariorum 
decem virornm urbis vestrae supplicare et operam dare ut nobis cum 
familia bonisque nostris concedant licentiam redeundi et recedendi et 
quod quamvis illustre Collegium hactenus distulerit est tamen nobis 
adhuc spes indubia posse id quod petimus apud eos impetrari haud 
enim nos praeterit quod et Magnificentia vestra suis litteris testatur 
quam innatam habeat illustrissimus Senatus vester justitiae elementiam 
qua eum spero malle uti erga me mulierem viro vidnatam qnam severi- 
tate aliqua: Sit igitur obsecro Magnificentiam vestram nobis in hoc im- 
petrando pro singulari sua erga nos benevolentia patrocinio et auxi- 
lio ut detur tandem totiens desiderati coniugis presentia frui et inde 
tam anxium et afflictum animum recreare. Quod si forte memoratis 
inclitis Capitibus et Consiiiariis Collegii decem virorum asperum nimis 
et grave videretur petita nostra ea conditione ut premittitur admittere 
verentes et suspectum habentes tam liberum adventum et reditum no- 
strum ne forte sinistri aliquid exinde machinaremur concedant saltem 
et permittant ne mihi sit diutius carissimo conjuge carendum ut sola 



Digitized by VjOOQI€ 



446 
4515. cum aliquibiis virginibus meo ministerio đumtaxat necessariis illustrcm 
đominam et conjugem carissimum Venetias acceđam cohabitem et eo- 
đem carcere et sub eađem custođia secum detinear. Quod si dictus illu- 
stris coniux noster nos abere iubeat: bine liceat mihi cum đictis virgi- 
^ nibus et bonis nostris domum libere et tute remeare quođ eos omnino 
speramus ' non negaturos insidias veritnros aut đolos a muliere sua 
sponte se in carcere deđente. Tanto enim carissimi conjugis desiderio 
affligimur ut nec carceres nec etiam extrema quaeque secum sobire 
formidemus: solum liceat secum esse. Annuat igitur Magnificentia Vestra 
tam honestis precibus nostris et procuret pro singulari sua erga nos 
humanitate apud inclytum Capitum et Consiliariornm decem virorum 
Gollegium et novissime saltem petitioni obsecunđent quo dominatio ve^ 
stra non solum a nobis gratias promerebitur ingentes sed Deo opfimo 
maximo qui matrimonium et conjugum cohabitationem instituit prae- 
cepitque ne ab homine separetur quođ Deus bene iQnxit remnnera- 
tionem perpetuam : Valeat Magnificentia vestra diu feliciter et illustrem 
(}ominum et conjugem nostrum carissimum meqtte mulierem afflictam 
šibi plurimura commendet. 

Observatissima Apollonia de Frangepanibus 
illustris Comitis Christofori coniuĐX Segne 
Veglie Modruseque Comitissa. 
A tergo 
Magnifico et generoso domino lo. Antonio Đanđulo 
Patritio Veneto Provisori Toresellae d.no et amico honorando. 

Venetijs (XIX, 32^330). 

llarzo« — Di Veja di S. Zuam Moro Provedador di 26 eome 
per do venuti da Segna ba che adi. 23 Turchi i 500 erano corsi su quet 
de Segna et'fato gran prede de anime pio di 4500 et animali siche 
banno iatto gran danno ut in literis. (XX, 12). 

— In questa sera essendo fato la chercha a Sier Bemardo Contarini 
q,^ Sier Teodosio Soracomito di galia sotil si levo e la note fe vela ando 
in Dalmatia a intei*zarsi et si andera armando Sier Đomenego Li<»» 
laltro Soracomito qual ha za posto bancho. (XX, 44). 

— Di Sibinico di Sier Andrea Đonado Gonte et Capitanio vene le- 
tere di 7 con laviso dila incursion fata per Turchi su quel di Segna 
fato gran preda di anime 800 et amazato il fiol dil Ban fino appresso 
la terra brusato tre ca&telli e fiatto gran danno scrive qucl Ban dil Re- 
di Hongaria e Bichach e giornate tre di Sibinico con zente a mandate 



Digitized by VjOOQI€ ■ 



447 
li schiopetieri 450 in Dalmatia videlicet 50 a Clissa 100 a Scardona e 4515. 
altre particularira. (XX, 46). 

-^ Di Sibinico dil Canzelier đila Comunita di 7 qual scrive a Sier 
Marco Prov. di le nove de li e come il Vescovo Vesprimiense Ban per 
nome dil Re di Hongaria era zornate do da Sibinico lontano a • • . . con 
2000 cavalli et 2000 fanti e aspetavano 5000 homeni Boemi siche tien 
\oglino far gualche movesta in Dalmatia ale nostre terre et come a 
mandato schiopetieri a Clissa e Scardona e altre particularita ut in lite- 
ris el qual Sier Marco Bollani Prov, dete a farla lezer per esser de im- 
portantia. (XX, 60-51). 

— Item fu preso che Sier Vetor Diedo va Conte a Liesna habi 
ducati 45 di piu al mexe di quello oltra il solito gnal li vol dar li No- 
bili et popnlari e cussi tutti li Conti habbi siche ara 32 ducati al mexe. 
(XX, 70). 

Aprile« -^ Da poi disnar (6) predico a s. Marco el predicator dl 
8. Zacaria fra .... da Cherso fratello dil Ministro di frati menori e 
fe bella predica e valente homo vi fu aldirlo fra Zuam Maria di Arezo 
Predicator di Frari e poi fo dito loficio. (XX, 88). 

— - In questo zorno parti Sier Vetor di Garzoni Soracomita va in 
Dalmatia a compir di armar videlicet a Liesna galia sotil ma non pote 
partir fino al di segnente di soraporto. (XX, 107). 

— Item expediteno Sier Hironimo di Prioli q." Sier Ruberto fo 
Bector a Lesena qual e in persona in joomera dil Consejo di x nova zoe 
di Signori di nocte per quanto aspet^f ti Consejo di x et fu preso di pro- 
zieđer contra di lui et condannato$cbme diro di soto la qual non sara 
publicata in gran Consejo reservato etiam la intromissiom a fato Sier 
Zuam Antonio Barbare Capitanio e Provedador di Napoli di Romania e 
Synico in questo caso sopra di esso Sier Hironimo per cosse fate in 
dicto rezimento ec. hor per la cossa e sta expedito per dito Consejo di x 
e per monede videlicet el dito a fato indorar cinque che si spende per 
einque soldi con la štampa nostra qual par un ducato et U ditti a 
speso diče lui in Turchia per rischato di aleuni schiavi: hor e sta con- 
dana lm perpetuo privo di tutti offitij e rezimenii da mar et per aoni 
cinque di rezimenti da terra in reliquis si aspetti la venuta di Sier 
Zuam Antonio Barbare Capitanio e Provedador di Napoli di Romania 
qual 1 a intromesso e tutto il suo tolto e mandato sotto bolta ali Avoga- 
ria et nota a Napoli di Romania tra dito Sier Zuam Antonio Barbare e 
Sier Fraacesco Arimondo suo colega e sta usa di atranie parole et ditosi 
vilanie ec. (XX, 138-139). 



Digitized by VjOOQI€ 



448 

1515. Mag^glo« — Fu posto per li Savj chel Conle Zuane di Čorba- 

via qual fu alias conduto con la Sigooria nostra con cavalli 150 in Dal- 
matia per custodia et ducati 3000 al anno et poi ređuto a ducati 2000 
et e compito la ferma che atento fazi per la Signoria nostra averlo a 
nostri stipendij ancora chel sia conduto per uno anno di fermo et uno 
di rispeto in liberta dila Signoria nostra con cavali 150 et dncati 2500 
al anno ut im parte e fu presa tamen fa pocho frutto. 

— E nota qui do soi Oratori uno di qual va vestito con una caxa* 
eha doro : el qual Conte Zuane e al proposito per le cosse di Dalmatia 
di averlo con nui 

— Fu posto per 11 điti dar conduta a uno Nicolo Glubinich da 
Sibinico qual si oferisse conđur bon numero di cavali lizieri Bosigna- 
chi sia ac«ta la oblatione babi ducati 8 per paga a Sibinico tegni 5 
cavali page 8 al anno 20 di no 125 di si. (XX, 164). 

— Fu publichato per Gasparo di la Vedoa Secr.® dil Cons.® di x la 
condannasion fata adi 28 dil passato nel Cons.<> di x contra Sier Hlro* 
nimo di Prioli q.™ Sier Ruberto fo Rector a Lesena per male operation 
per lui fate in fato di monede chel dito sia bandiza di tutti officij e be- 
neOcij e rezimenti di tutte terre nostre da parte di terra e di questa čila 
per anni 5 et di parte da mar im perpetuo e star debbi im presom šino 
el Synico Ihabi expedito con li Consejeri ec. (XX, 168). 

*— Fu posto per li Proveditori di comun Sier Alesandro Pixani 
Sier Alvixe Bon Sier Alvixe Foscari una letera al Conte di Curzola e 
ftuccessori che per dichlaration dila parte presa dentro il colfo si possi 
navegar peile non cordovani ni montanini lane grosse selle e stivali 
turchi e condurli alia flera di Segna 5 di no 6 non sincere e 136 di si. 
(XX, 170). 

— Allo nassuto et potente Signor et Principe carissimo et gratio- 
sissimo marito el mio continuo et insolubei amor et fede ne sia cum 

bumel diligentia donnj sempre part El vostro scriver novamente et 

dato a Venetia in Toresela adi 1 3 de feurer ho receputo et inteso in el 
qual circa la licentia del mio voler vegnir a Venetia vostra Signoria me 
scrive che la S. V. molto piu volentiera vederla el mio vegnir a Venetia 
che la sua propria liberta senza una bona borsa et questo per piu respeti 
et cause el qual scriver de la S. V. ho inteso cum grandissimo desi- 
derio la qual cossa da et a dato una grandissima consolatione substegno 
et gran contento al mio tribulato ćore et inferma persona in questa mia 
dolente vita. Et pensandome che la S. V. e in presom et queUa palisse 
altri senestri et desazj et niente de manco la se monstra tanto benigna 



Digitized by VjOOQI€ 



449 

gratiosa et volonterosa vero di me circa la mia venuta đe venirla a tro- 1545. 
var a Venetia et che quella morisše desmentega de mi son per tenirme 
nelle cose tal eosa ia vita mia et mai del ben voler đe la S. V. đesmen- 
tegarme: et in ogni cosa dove io so et posso mai me sparagnero di tut- 
to quello che Dio me ha dato et dara verso la S. V. et cussi me ofiferi* 
SCO verso la S. V. per bona et fidel serva et quela sia certa che io piu* 
tosto voria viver et star cum quella che haver ogni altra cosa del 
mondo ec. 

Circa la mia grave malatia dala qual fin qui grandemente son 
sta opressa et anchora son el me saria ben de bisogno de laudabei 
medici et del suo bon consejo et maxime de quelli de Venetia che sono 
per fama et opera melior de tutti li altri et cum el suo consejo credo 
chel me saria bon bever de laqua de Abano cum speranza de rehaver 
mia sanitade per le tre dite cose per tanto io ho mandate alla illust.>"* 
Signoria de Veneiia uno gralioso et humel pregoet rechiesta et dornaa-* 
dado uno franco et Hbero salvacondutto cum el qual io segurameute 
possi venir a Venetia a trovar la S. V. et cum quella alquanto star sotto 
quel]a medema custodia et guarda che quella convien star. 

£t etiam poder per la mia gran malattia haver consejo et aiuto da 
quelir boni et valenti medici la qual cossa fin qui dalla ilius.™^ Signoria 
non me e sta conc essa et credo solamente per le grande et diverse fa- 
cende ma pur anchora io son de ferma speranza et cussi credo che la 
illus.™* Signoria et la sua grandissima potentia non me negerano tal 
gratia et honesta rechiesta. 

In quanlo allo aaello gratioso et carissimo marito io dico che 
quello anello che ha abuto Mis. Zuam Stefano Maza deveria esser sta 
fato un poco piu streto de quelo che era Io anello vechio et haverga 
fato far quele letere che erano sula poliza dentro et de fora delo anello 
le qual parole danno risposla ale parole che la S. V. me ha manda ia 
Io altro anello el qual anello io ho appresso de mi et Io o voluto man- 
dar ala S. V. atio che la S. V. el volgi per amor mio et memoria portar- 
lo et pero cussL piacendo a quella Io volgi far far perche de qui non se 
Irova alcun bon orefese. 

Ancora gratioso signor et carissimo piarito secondo che la S* V. 
me scrive che li manda ancora un par di lenzuoli acio quella se possi 
mudar per tanto li mando uno par di quelli del suo lelto de campo et 
si quelli non fusseno al proposilo per esser troppo grandi over picoU 
la S. V. me fazi intender che io li raandero de li altri secondo el voler 
de quella io non so etiam la grandeza over largheza de la letiera. 

29 



Digitized by VjOOQI€ 



450 
1516. Item io ho mandato ala Signoria vostra per el passato uno par 

de calze de panno negro le qual sono đe panno grosso io non ho in 
qiiel tempo possuto trovar de mello et si la S. V. ne volesse uno altro 
par io ho ordenađo a Mis. Zuam Stefano Maza che vojando 1a S. V. lui 
me manda raso veludo over damaschi et panno per un par de calze et 
per tanto volgi la S. V. parlar cnm lui et mandarme el tutto che io faro 
far qualche cosa de bello ala Signoria vostra. 

Mando etiam al presente ala S. V. una letera del mio gratioso et 
caro fradelo Conte Ferdinande et etiam una de Tomaso Pocolovich la 
qual letera era in questa raia malattia sta posta in le letere de Tomaso 
Pocholovich la qual io pure addesso o trovata. 

Io me racomando ala S. V. come a mio gratioso Segnor et carissi- 
mo marito cum ogni fede et humilta pregando quela se volgi cum pru- 
dentia confortarse in queste sue adversita perche Io onipotente Dio et 
i( tempo mandera ogni cosa a bon fin. Data a Laisburgh adi 24 de 
maržo 1515. 

Gratioso Segnor et carissimo marito habiandome scrito la Signoria 
vostra de sua man propria per dar alegreza a ogni mia tribulation et 
dolor cum ogni humilta ringratio la S. V. et tegno tal scriver de vostra 
Signoria sempre nel cor mio et son molto alegrata del conforto che 
la S. V me manda pregando la S. V. cum ogni obedientia et humanita 
quela se volgi et alegrar et star de bona vogia perche io iu verita non 
ho dubio alcuno in Messer Domeii^dio che la sua divina gratia driza- 
ra ogni cosa a bon camino et finira ec. Vostra fiola Anna Maria et la 
sorela insieme cum le altre donzele se ricomandano ala gratia vostra 
et sapia la S. V. che non stessemo cum li nostri pregi verso Messer 
Domenedio devotamante per la S. V. ec. cum queslo mi ricomando 
ala S. V. cum grandissima speranza che Io onipotente Dio presto ne 
consolera insieme cum grandissima alegreza ec. se la S. V. vol arzenti 
over qualche altra cosa me faza intender. 

Apolonia Contessa de Frangipani ec. 

Etiam gratioso Segnor et carissimo marito io mando alla S. V. 
una intimela per la qual la S. V. me ha scrito et una letera del mio 
gratioso Segnor et caro fradello Cardinal (XX, 478-175), 



Digitized by VjOOQI€ 



m 

Copia d,e ^na, letera dil Conte Cristoforo Frmgipmi e preopom in 401&. 
Toresella mandata a Sier Zmm Antonio Pmdoh PrQX>9d(^iQr 
4ora i presoni scrita adi . . mazo 4516. 

-r- Magniflco Messer manđo a quel 1a qui sottoscrito unp inspnio 
per ma insuniađo una đe queste note pasadp per far rider 1^ Magpifi^ 
centia vpstra per esser vario e đe piu punion^ del qual inspnio cre<jlp 
esser causa la partida della £xelentia del s. Bartholamlo jsenza (^r 
altro dove io sperava che la so Signoria avera a far qualche bon pren- 
zipio đele cos^ presente e noa vedendo altro effetto della pratica de 
quella restai nioltb de mala vogia con molti pensieri con li qua]i m^ 
misi a dormir una de queste note pasade eome mezo desperiado e c^ssi 
(lormendo parevame esser in logi estranei per li qual anđ^pdp U90 Ion- 
go tempo me parse ari var in nn logo ^ove vidi un anjma etiam uno 
(^orpp vistp quello mi fermai tutto dubioso vardando qiielp vjsto mi la- 
nima mi dimando chi io era ala qual resposi esser ip Gristofprp ]Fraa- 
chapani me domando che vpleva ala qual ge risposi servirte la sacratissi« 
ma ancora mp dimando che cauxa gpra đcla mia venula in locho pre< 
sante Io ge risposi in veritade la causa si e li bisogni la nepessita con 
li pericoli cussi presenti come futuri prpveduti 

In quelp stanti me comenzo el corpo a dimandare se jio cogno- 
$ceva al qual io ge risposi molto cognoscer nominando li contraspgni 
Qon e sta quel sereaissimo corpo Io quale non ne vol^e hemine li mei 
per Io pasado non estu quel seren.™^ corpo Io quale me fa de piu 
patire che niun altro el qual vene in questo locho per la varia fortuna 
^onduto la qual anche mi non volse perdonar el me rispose esser ogni 
^sa per el megio io quel pregai humilmente dirme la cauxa la qiiale 
intendando con alegreza manco pena patirai e tanto piu restaria ho- 
l>ligato in futuro per servitij cordial non me fu piu risposta forsi per 
$đegno del debito fato per me in Io pasado o per Io azidente presente 
pativa el dito corpo qaal vedendo cussi sdegnato me parse el megio 
$tar come muto pon per esser ostinato anzi esser piu come esser despe- 
rato e cussi stanđo vidi molti desputar del azidente pativa dito seren."*» 
eorpp in la conclusion dela desputazion lor io bo inteso eha davano 
la colpa del gran azidente si jera vegnuta per le medexinp esser uxat9 
per Io passato le quale medexine dixevano intra lor esser stato portate 
de soto el ponente cbiamate Alexandrine et Juliane ancora dixevano 
aver ^doperato medexi|ie vegniente da tramontana colpando tutti i lor 
in la desputatipn ^sser cau^ tale m^dexinp de Io grande azident« «t 



Digitized by VjOOQI€ 



452 
4545. malatla proponendo in fra Ihor le inedeiine non esser stade bone 
antivelenoxe o per perđer le lor \irtu per longo portar đella tramontana 
in qua spezialmente quele che vegnivano per lo reame jerano per mal 
cura mandate per esser e zoto et mal sano e cussi tutti sui susezori 
del dito e dixevano sopraditi tn la Ihoro disputazion esser questi suse- 
zori del C. sotoposti soto al Drago et al Tauro el per questo tal elizl non 
potevano aver nula bona sanita e cussi anche le medexlne de quela 
patria non se laudavano 

Tute queste soradlte nome j^arevano esser suGziente a sanar el 
dito seren ™® corpo pensando io esser el corpo de quatro elementi zoe 
ajere fogo terra el aqua et per esser allerado elemento de la terra con 
laqua sopra altri dui elementi de la me pareva esser la cauxa del azi- 
dente contra el quale azidente fono adoperade šora dite medexine non 
essendo esse retifichate e per questo movevano la malatla tamen non 
la potevano mandar fora per non esser sufiziente ne preplate a cusi fato 
azidente etiam le dite raedexine per non esser relificbade lasavano 
de polor et la prexa un resto el qual sempre mai acresceva lo azidente 
con lodano spezialmente regendo el vento de P. 4511 D. 5 P. 

Azonzendo qua1che mcdexine Levantine ^ora queste prime nomi- 
nate a mi pareva non manchar altro e aver operato tuti quanti li con- 
trarij ala sanita del dito S. C. a lo qual a me pareva jera de bisogno 
qualche allre medexine como e qualche sijropo amabile molificativo 
per molifichar e despichar quele medexine velenoxe tolte per avanti 
dapo tuor medexina benedeta la quale spingeria fora tuti i mali con 
poche extorzione per la quale reslerave im perpetua sanita 1 a- 
niraa con el corpo vivendo im prospera vita con mazor forza che mai 
non temendo nisuno gran azidente ne poter noxer ne ala sacratissima 
anima ne anche alo ser.™«* corpo im perpetuo : ben jera desideroso dir 
tal mia opinion tamen me pareva dirlo in vano e non esser azetado 
per esser molli medizi la li quali consejavano mazor parte de lor piu 
pasionalmente che razionalmente dove restai come muto ec. 

Ma parlava 1 anima al >corpo mio provedi per la tua sanitade fina 
che tu tempo ai et io voglio non provedendo a me sera de blxogno 
da ti partirme partendome tu sai che senza me non poi restar yivo el 
qual dito a me parse cussi grande e ponderoxo che me feze svejar. 
(XX, 183-184). 

— Fo spaza 11 capitoli di Oratori* dl Lesena porti ala Slgnoria per 
confirmarli fati per sier Zuam Antonio Barbare Capitanio e Provedador 
a Napoli di Romania andato Sijnico đi li di bordime dil Conseio di x 



Digitized by VjOOQI€ 



463 

e fo confirmati tati e si vete expresso le gran materie ha fatto Sier 1515. 
Hironimo di Prioli q ™ Sier Ruberto qual e in presom intromesso per 
esso Sjnico fo Rector ia đicto locho di Lesena. (XX, 486). 

— Adi 16 la matina in Colegio fonno alditi li Oratori dila co- 
muDita di Žara numero . . . con le letere di Sier Zuam Minoto Conte 
quali exposeno contra il Vescovo di Žara suo qual e Arziepiscopo domino 
Francesco da Pexaro q."* S. Fantin eh e li a Žara qual vol tuor li danari 
et far quello li par dile elemosine di una chiesia fata di novo fuora di 
Žara di una nostra Dona miracolosa fa grandissimi miracoli et il Conte 
scrive etiam in favor di la Comunita ma Sier Francesco Foscari Gapit.** 
non se impaza in cossa alcuna etiam vene in Colegio alcuni preli Cano- 
nici Oratori per nome dil dito Arziepiscopo e di Ihoro Canonici quali 
insieme con Sier Hironimo da Pexaro suo fradello fo in Colegio et pario 
in favor suo unde fo terminato aspetar Sier Francesco Foscari Capit.® 
qual di indi si aspeta. (XX, J 93). 

— Di Spalato di Sier Mafio Michiel Conte e Capit.<> di . . • come 
Turchi erano corsi su quel Contado et non havendo trovalo anime han- 
no brusato alcune caxe di paja non da conto e sono ritornati aricorda 
si fazi provisione e si mandi artellarie et polvere ut in literis. {XXf 
203). 

— Adi 23 la matina in Colegio vene Sier Francesco Foscari ve- 
nuto Capetanio di Žara vestito di scarlato e con comitiva di parenti et 
referi di quelle cosse fo longo et zercha la Madona fa miracoli et li da- 
nari si trova di offerta fo laudato de more dal Principe in loco suo e 
andato S. Augustim da Mula q ™ Sier Polo. (XX, 204). 

Giug^no« — Fu posto per li Savj tuli dil Colegio che ritrovan- 
dosi nel borgo di Žara in certa chiesia una imagine di nostra Donna 
et hessendo venuti ala Signoria nostra comesi di clerici e laici di quella 
citta e dil rever. Arziepiscopo domino Francesco da eha Pexaro e dila 
Comunita per il governo dil danaro perho che fa molli miracoli et han- 
no grande elemosina sia risposto che nostra deliberation e che siano 
electi do Canonici do Nobili do citadini deli quali siano assistenti in la 
capella predicta et habino le chiave di la casseta di dite oferte qual poi 
sia trata e posta in una altra casseta in uno monastero qual parera con 
tre chiave una lArzivescovo lallra il Conte laltra il Capitanio de li et 
per do di Ihoro possino investir ditti danari in quel stabele over pos- 
sesione li parerano per trazer lintrada per li capelani oferirano in 
ditta capella il resto veramente tengino intacto e avisi la Signoria 
nostra ne si possi spender in altro sotto pena dila leže che comenza 



Digitized by VjOOQI€ 



454 

4545. omneš legeš ntundi ave 66 di no sine. 8 (ono ei H7 dila parte et fu 
presa et fato le letere poi A Zafd di questo. (XX, 232). 

— In questa malina fo in Colegio S. Francesco Gradenigo venuto 
Rector e Provedađof di Gataro et referi pocho perche era lelere di Ro- 
ma ohe importava ec. (XX, 253). 

— Et ozi se intdse pOr alcitni venuti di Albania tamen non erano 
letere in la Signoria che il fiol di Đncliagin qual fo Bas9a dil Ttircho 
c sta morto da questo Signor Turcho hor el fiol che a gran s^uito 
in Albania sublevato alcuni populi par babi tolto Alexio et Croia al 
Tnrcbo et era atorno Scutari qual si tien lo avera per non vi essef 
dentro zente di ciistodia et đifensione: qtielIo segnira scrivero di dottOi 
(XX, 275). 

— Di Trau đi S. Hironimo Diedo Conte e Gapit.<> di 13 ćome in 
quel]a note passata erano venuti da 450 cavali di Turchi aunocastello 
di 1a jurisdition di Trau chiamato Gipicbo et a hore 7 di nocte con 
scale 1 anno scalato et menaio via piu di iOOO anime e animali ec. eh e 
sta una grandissima compassione et veneno alimproviso. (XX, 282). 

— Di Trau fo lete le letere dila incursion fata per Turchi qual seri* 
ve S. Hironirao Diedo Conte et Gap.® di 13 come in quela note erano 
venuti 450 cavali di Turchi et 80 pedoni et a hore 7 con scale scalono 
il borgo dil castel Gipicho mla 5 lontan di Trau et quelli di borgo al 
inegio poteno, si salvodo in castelo tutavia fono ale man con Ihoro morti 
5 et 5 feridi di diti di nostri Turchi depredono quello volseno et meno^ 
no via anime . . . et assa animali da 1000 in sušo et si non era 18 
barche armade li a Trau che veneno per soccorda hariano auto pia 
danno e ditti Turchi il di seguente si levono čon la preda ec. 

— Di Spalato di S. Mafio Michiel Gonte e Capit.® di 14 zereha 
questa incursion et dubita dil sno territorio scrive le provision a fato 
et la Signoria provedi azio non vadino in preda. 

Nota per Golegio fo scripto a Gostantinopoli al Baylo dolendosi đl 
tal đanni et che compari ala Porta e vedi si fazi provisiom. (XX, 294). 

Summus Pontifex hortatur Dofninium ut velii đeputare đliquod 
pecuniae praesidhim tutelae Jayzae obsessae a Turcis. 

Leo Papa decimos. Dilecti filij salutem et apostolicam beneđictio- 
nem. Qnem nuntium habeamus e Dalmatia ac ex eis regionibus qaae 
hospitibus Turcis finitimae quotidiani9 calamitatlbns ađ univeršum ex- 
cidium nisi Deos prohibeat trahuntur quam triste qQam grave ktffam 



Digitized by VjOOQI€ 



455 
bis teniporibus quibus inter Principes Christianos điscordiae In dies in- 1515« 
gravescunt quam periculosum voluimus nobilitatem 6t devotionem ve« 
stras ex literarum illinc ad nos missarum exemplo cognoscere. Certe 
qui eas scripsit venerabilis frater primus Episcopns Vesprimiensis est 
vir non modo virtute et integritate praeditus singulari sed etiam in beliis 
Turcarum exercitatus peritus hostium et regionum iilarum cui asseve- 
ranti summam fidem non babere non liceat. Eas nos literas cum legisse- 
mus perculsi animum atroci nuntio omnes apud nos Regum et Princi« 
pum cbristianorum legatos vocavimus literisque recitari jussis fecimus 
participes doloris nostri reque agitata et aliquandiu consulta cum nunc 
quod niaxime erat optandum sanctae expeditionis generaliter suscipien* 
đae ratio nulla apparebat quid interim extrema cbristianae fidei pericula 
postularent quidque nos requireremus ut ad suum qui$que Prineipem 
dillgenter perscriberent mandavimus. Quos etsi non đubitamus officio 
functos esse tamen visum est nobis bas etiam ad vos literas conscribere 
nostri dilecti fiilj si aut conscii nobis ipsis non essemus quantum sit a 
nobis pro comuni pače conOcienda laboratum aut bis populis fideiibus 
jam exitio proximis ita aliena subsidia peteremus ut nostra illis negare* 
mus profecto judicaremus nos parum dignos esse quorum aut moni- 
tiones audirentur aut postulata admitterentur. ]Veque tali officio a nobis 
praetermisso ferre possemus bune angorem animi atque bane acerbita* 
tem qua ex infelici eventu GHorum nostrorum nobis accidit nuUus enim 
gravior est apud bominem metuentem Dei quam culpae admissae dolor. 
Sed quando et in pače suadenda nibil est a nobis studii laboris dili* 
gentiae reliquum factum et per bos dies subsidiis ad illas partes tam 
pecuniae quam aliarum rerum necessariarum transmittendis magna 
onera sustinuimus ideo neque diffidimus Deum quandoquidem pro 
sua infinita misericordia nobis affuturum. Et illud aequum esse arbi- 
tramur ut pro suprema calamitate a fide Cbristi propulsanda ceterorum 
Principum qui Deum vero agnoscunt et a Đeo sunt largiter ornati studia 
et auxilia nobiscum conveniant ae illud quidem quod non solum opti- 
mum sed etiam privata odia et inimicidae deponerentur facilimum 
factu esset ut consensionem et conspirationem cbristianorum Principtuu 
communi non defendensis finibus nostris sed de tota Asia Deo omnipo- 
tenti et suae sanctissimae fidei recuperanda cogitaretur utinam sperare 
possemus. Optare certe non desinimus et quoad vita nobis suppetet , 
etiam agere et procurare non desistemus quaerentes apud Deum si non 
perfecti operis ut bonae et piae fructum voluntatis sed quando boe tar- 
dius fit imminentia autem pericula diationem non patiuntur scribimus . 



Digitized by.VjOOQl€ 



456 

4615. quidem ct ađ alios omnes seđ et nobilitatcm et devotionem vestram 
pcr viscera misericordiae Dei nostri perque eam spem aeternae felici- 
tatis quae recte agentibus in coelo proposita est hortamur et reguirimus 
oinni animi studio ut ex eis opibus quae vobis adeo tribatae sunt partem 
aliquara in ejusdem Dei honorem et miserorum fideilum salatem con- 
ferre velilis. Hoc nos superioribus diebus fecimus et per binos nuntios 

nostros prius pep venerabilem fratrem Episcopum Ottotiensem 

ađ conOnia Dahnatiae frumentum pulveres tormenta pecuniam ad 
summara septem milliutu ducatoriim itemgue paulo post per đilectnm 
filium Bernardnm |Cantoreni Agriensem Cubicularium nostnira ad ca- 
rissinium in Christo filium nostrum Uladisiaum Hnngariae Begem 
illustriss. \iginli millia ducatorum in pecunia numerata transraisimus. 
Qnae subsidia etsi Deo ita dispensante ut credimus tum illuc pervene- 
runt aut perventura sunt cum maxime erit opus post clades videlicet 
acceptas animis aliquautuni reficiendis tamen non sunt tanti ut univer- 
sura pondus possint suslinere ac alia quidem miss uri sumus sed soli 
omnia non possumus. Videlis autem quantum necesse sit clade ex 
đuabus partibus accepia et copiis Hungarorum profligafis et Iayza 
obsessa cujus oppidi is situs ea natura est ut si hostes potiti fuerint 
Dalinatia et Croatia sine spe salutis cum maximo Italiae et Austriae 
periculo totae futurae sint in bostium potestate. Quo minus hoc tantum 
mali eveniat impendendum omnino esset necessarlum generali expe- 
đitione tantas aliquando ulcisci injnrias nihil esset utilius nihil glorio- 
sius. Verumtamen si peccatis nostris ita exigentibus hae inter Christia- 
nos discordiae non extinguunrur vel etiam augentur utinam nobis ad 
ineliorem mentem conversis et mutatis misereatur aliquando Deus 
et benedicat nobis illuminet vultum suum super nos et misereatur 
nostri ut cognoscanuis in terra sua \iam pacis et charitatis et 
pietatis et verae gloriae. Sed tamen si hic hoc tempore quiescere non 
potest furor saltem ad tutandam Iayzam ad extremam calamitatem 
fidel nostrae repellandam unusquisquae Rex aut Respublica conferat 
quantum saepe solet in unius et famularis commodum conferre et 
condonare quod et a nobilitate devotioneque veslra petimus cum 
Deo obtestantes ut ex facultatibas vestris aliqua pecuniarum subsidia 
per vestros deputare huic operi non minus hecessario quo sancto velilis. 
Quis est Prineeps qui Dei memor non aliquando det eleemosinas at haec 
est optima et sanctissima eleemosina ad quam vos hortamur et re^ 
quirimus ex vestra enim et aliorum contributione speramus đefensum 
euni locum non mazimo impendio đonec melior occasio bellanđi cum 



Digitized by VjOOQI€ 



457 

hostibus detur qui si amittatur nullo sumptu aut conatu postea possit 1515. 
recuperari. Quam ob rem etiam atgue etiam petimus a nobilitate atque 
devotione vestrahocsubsi^ium infelici illi patriae et miseris atque affli- 
. ctis cbristianis populis qui si boe modo conservati a rabie bosti um 
iromanium fuerint erunt vobis ea premia apud Deum parata quae 
snnt a bonis et piis Principibus omnluin maxime expetenda. Data Romae 
apud sanctum Petrum sub annulo piscatoris die KV junii i 515 Fon- 
tificatus nostri anuo tertio — Jo : Sadoletus. 

A tergo : Đilectis filijs nobili viro Leonardo Lanređano Đuci et 
Rcipublicae Venetiarum. (XX, 304-306). 

Luglio« — Da poi disnar 8 fo gran Consejo fato Gonte a Kara 
Sier Andrea Malipiero fo di la Zonta q.°^ Sier Matbio a suo fiol Sier 
. . . . e Castelam da Sier Franc^ Barbaro fo di 1a Zonta qJ^ Sier 
Zacaria Caval. Proc. che a servido in li assedj di Padoa con homeni 
et ba pagado per la custodia fanti 170 et havia fato gran procure e 
non passo. (XX, 34 i). 

— Di Ragusi per let ere venute qnesta matina 15 dil . . . di 28 dil 
passato per nno gripo si ba il sig. Tnrcbo andava ala impresa contra 
Alidali e la Soria e bavia preso una grossa terra et el Sopbi erra da- 
cordo con el Soldani ec. (XX, 352). 

Ag^osto. — Di Dalmatia fo letere di Spalato di Sier Mafio Mi- 
cbiel Conte di Trau di Sier Hironimo Diedo Conte zerca Turcbi come 
hanno levati dela impresa di Jayza qual e sta socorsa [da Hongari. 
(XX, 504). 

Settembre* — Ancora fo balota donar dueati 25 al rever, do- 
mino StefanoNegro Orator dil BandiCroatiaEpiscopo Vesprimiense qual 
e venuto qui el fo in Colegio et lizet fusse Orator con letere credential 
noB bave locbo et referi im piedi per esser domestico nostro di natione 
. . . et alias Vicario dil rev. don Bernarde Zane Arziepiscopo di Spa- 
lato. (XXI, 28). 

Exemplum literarum Cardinalis Curzensis ad Christophorum Comi- 
tem de Frangipanibus existentem captivum in Turisela Venetiis 
recept, die .... septembris 1515. 

— Illustrissime et generose domine af6nis carissime salutem. 
Quantum ex bac longa captivitatis vestrae mora discrutiar tantis quo- 
que laboribus ex animo compatiar non facile dixerim cum non sdlam 
privata nostra afiectio sed ardentissimus quoque ille meus in domina- 



Digitized by VjOOQI€ 



468 

J545. (lonem vestraiu amor ad hoc impellat seđ et cunctos alios Cae$ariano$ 
vestri amantissioios ad idem cotopassionis munos ardentius trahat 
gnamguam illud inter cetera maltQmmeconsoleturquoque quod Doini« 
niuai Venetam maidinuiii et laborum levamen et fructuin afferre ac pol* 
liceri debet quod pio aequissimo Principe justissima causa pro patriae 
defensione ac cominunim pluriorum salutd acta taDquain fortissimus 
miles impietate fortunae quam virtute hostium fractus ia illorum 
potestatem deveneritis atque is sitis quein communis patria luget cuius 
causae Deus pientissimus procul dubio favebit et pro cujus liberatione 
Principes et populus universi quos auiit laborant inter quos etsi 
etiam ego nihil studii vel laboris hactenus ut liberatloni vestrae consu- 
leretur praetermiserim : nullis tamen et futuro vlgiliis ac studiis par- 
cam imoio quantum ingenii fortunae quoqae vires mihi suppetent <et 
quantum pro animarum redemptione laboranduin mihi esset enitar ut 
iUud tandem quos omdes nostri desideriis summis espectant vobis con* 
tingat. Idcirco pristinae virtutis et magnanimitatis vestrae memores quo 
etiam in gravioribus casibus invictos vos saepe servavistis metum om- 
nem ponite fortunae vos parate ac vobis patriae et amicis duratein Đeum 
quod pietosissimum principaliter et deinde in amicorum operam quos 
nondum amisistis confidite illius enim nutu et istorum auxilio indubie 
spero prope diem vos hac calamitate liberatumiri. Valete prospere et 
me esse ac semper futurum nedum soUicitum ac clarissimum affinem 
vestrum sed et verum omni fortuna amicum vobis constaotissime per- 
suadete. Datum Viennae 26 mensis julij. Anno Domini MDXV 

Manu sua propria. 

DocCiine Comes sitis boni animi et sperate in Deo bonis amicis 
et justa causa ego enim sicuti hucusque omnibus viribus laborabo fer- 
ventissime et incessanter pro liberatione vestra et faciam nedum boi^ 
amici sed et optimi affinis officium sicuti latius ex literis sororis m^ae 
consortis vestrae intelligetis. Datum ut supra. 

Vester bonus affinis 
M. Cardinalis Curcensis 

A tergo. Illus ™^ domino Christophoro de Frangipanibus Comiti 
Veglae Segnae et Modruslae affini carissimo. (XXI, 62). 

— Da Spalato dl S. Mafio Michlel Conte et Gapitano di zercha 
le cosse di Clissa come ha mandato uno di Spalato e da loro per con- 
vicinar ben tamen alcuni voriano e altri non intende sonno acordati 
con Turchi con questa li dagi il passo e non fazi segnali e Turchi li 
đaranno li animali prenđeranno con que8to le anime siano soe e aU"' 



Digitized by VjOOQI€ 



459 
avisi et nota e Oratori di Spalato venuti in questa terra pcr questa 4545. 
cossa. 

— Di Sibinico đi S. Andrea Đonado Conte e Capitanio etiam fo le- 
tere zercha qiiesla incursiom di Turchi e danni fati de li. (XXI, 419). 

Exemplum titerarum Communitatis Ragusii ad 
illustrissimum Dominum nostrum. 

— Illustrissime Princeps et excelleniissime domine post humiili- 
mam commendationem ee. Die terlia iostantis nocte navis una illustris- 
šimi Ducalis Đoniinij violentia mariš et ventorum acta in scopulos apud 
Ragusam \eterem illisa fracta et submersa est et major pars in ea 
navigautium et in bis navis patronus Teodorinus de Corpbo aquis 
extincta est. Quod ut primam intelleximusmiserabilenaufragium nostros 
misimus bomines opem allaturos miseris qui naufragio supererant in 
tanta necessitate laborantibus quod eo libentius et promptis fecimus 
animis quod submersam navem cognovimus iilustrissimi domini Do- 
minii fuisse et fecimus quidem enixe quod potuimus in bujusmodi času 
miserando ob rcverentiam et bonorem quem semper habuimus erga 
illud excelleniissimum Ducale Dominium. Dedimus quoque omnem 
operam et curam ut de profundo pelagi tam mercimonia quam submersae 
navis ornamenta per nostros bomines magna aerurana extraberentur. 
Postremo volehtes omnium indemnitati prospicere magnificum domi- 
num Aloisium d. Andreae Foscarinum Nobilem Venetum et duos cives 
nostros extractarumrerumet forte siquae extraberentur fecimus conser-, 
vatores quorum cura et fide omnia conservarentur et Nobiles qui nau- 
fragio super fuere submersae navis una cum conservatoribus praeposue- 
runt scribanum suum et ad conservandum et extrabendum. Propterea 
Celsitudinem vestram vebementer oramus nos velint facere suis literis 
certiores quibus dictas res emersas et si forte quae emergentur dicti 
conservatores debeant consignare ne cuiquam sit de nobis posthac ullus 
querelae' locus cupientibus quemquam de iilis quod suum est babitu- 
rum. Ragusij die XXIII novembris 4545. 

Excellentissimae Domin. vestrae 
Rectores et Consilium Ragusii ad mandata parati. 
A tergo : 
Ser.n>o Principi et excellentissimo domino domino Leonardo Laure- 
dano Dei gratia Duci Venetiarum domino potentissimo. Recepta 8 octo- 
bris. (XXI, 335). 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by VjOOQI€ 



461 

ANIVO 151«. 

Gennajo* — Di Gataro di S. Piero Zen Retor e Proveditor fo 4516* 
lecto alcune letere con una di Montenegro. (XXI, 405). 

Febbrajo« — Di Sibinico di S. Francesco da eha Tajapiera 
Conte et Capitanio fo lecto una letera di certe incursiom fate per Tur- 
chi e come quel Bassa a dimostra dolersi e fato justicia di alcuni ut in 
ea. (XXI, 494). 

Aprile* — Di Spalato di S. Mafio Michel Conte e Capetanio di 
24 maržo come da poi Clisarii e tribularij dil S. Turcho non si pol es- 
ser seguri in quel territorio et adi 21 che fo il venere santo corse cavali 
60 di Turchi in quel territorio di Spalato e meno via anime i 8 animali 
grossi 24 et menuti 200 et dicli Turchi poi se reduseno in Clissa et 
feceno parte di animali a queli dila rocha il resto condusseno \ia per 
tanto voria esser de li 25 over 30 cavali per segurta a scrito al Bassa di 
Bossina e al Sanzacho dil Ducato e quelli altri capi dolendosi di tal 
danniauti. (XXII, ii7). 

Mag^gio« — Noto vene in questi zorni uno Schiavon da Sibinico 
nominato Hironimo. . . . con 5 boni cavali Corvati e ozi (43) a Lio per 
Francesco Duodo rasonato li fo fato la mostra et fo tolli a stipendj nostri 
et mandati in campo (XXII, 186). 

— In questa matina il Vescovo di Modrusa venuto di Roma qual e 
di natione .... dil hordine dila Signoria con S. Zuam Antonio Dan- 
dolo Proveditor šora i Presoni fo in Toreselle a visitar il Conte Cristofo- 
ro Frangipani suo signor et stalo un poeho si parti el qual va in Honga- 
ria over a Modrusa con S. Alvise Bon el Dotor 1 Avogador che va Orator 
in Hongaria el qual si partira con la galia di S. Sabastiam Moro Prove- 
dador dil armada che si partira fin 8 zorni a scrito i homeni nancha 
darli danari. (XXII, i 90). 

^- E da saper se intese che ritornando state ala sensa con le sue 
rasse certe 6arche da Schiavonia erano sta prese da alcune barche di 
Maran et condute in Maran erano riche haveano vendute le sue rasse 
per ducati zercha 5000 ut dicitur di danno alle povere Schiavonie siche 
e sta mal governo a non haver tenuto fuora le do barche longe che se- 
curava tutto. (XXII, i 94). 

Giug^no« — Fn posto (28) per li Savj che S. Agustim da Mulla 
Capetanio di Žara vadi per le Camere di Pago Arbe Clierso et Osero đove 
e molte spese eicesive e inutile et andar debbi con li modi soliti anđar 



Digitized by VjOOQI€ 



463 
1616. H Capetani di Žara a vlsitazion dl lochi dil suo Contado con ampla fa- 
culta et auctorita di reveder le iatrade et spese dando dil tutto adviso 
ala Signoria nostra azio se possi liberar quanto si cognosceva esser 
expediente i40, 40. 4. (XXU, 285). 

Ag^osto* — Di S. Sabastiam Moro Provedador dil armada dat9 
in galia a bocba di Gataro adi 24 come erano gionte li do galie che 
luaudo a compagnar la galia di pellegrini a Caomalio zoe la Garzona a 
]a Confarina et e insieme venuto con la galia Trivisaoa e do altre di 
Candia videlicet Meza et Foscarina : item avisa esser uscjto dila Valoua 
6 fuste et uno bregantiii e tolseno la volta di Durazo. (XXII^ 350). 

— Di Gataro di S.- Piero Zen Betor e Proved. di . . lujo come 
quel Sanzacho li vicino li havia maodato a dir cbel Signor havia dato 
una rota contra Sopbi e tameix) lui scrive a inteso el contrario. 

•^ Di S. Sabastiam Moro Provedador dil armada di Boeha di 
Gataro ^li . . lujo come a con so galie ivi e cbe si ordeoi quelo 1 babi 
da far ec. (XXn, 352). 

Scrutinio di Capetanio a Žara. 

S. Domenego da Mosto fo Capetanio e Podesta a Gvida] q. S. Nicolo 

ducati 400 e il don . . . . . 20. 90 

S. Simon Gapello e Provedador alle Biave di S. Domenego ducati 

400 e il don 46. 63 

S. Andrea Zivram fo Proved. di Stralioti q. S. Piero ducati 5O0 

e il don 21. 92 

S. Vicenzo Zen fo Podesta e Gapetanio in Antivari q. S. Piero. 48. 94 
S. Antonio Gradtsnigo el grando q. S. Polo ducati 600 e il don 28. 84 
S. Piero Trivixan € di Pregadi q. S. Polo ducati 600 e il don . 47. 62 
S. Anzolo Tron fo di Pregadi q. S. Andrea ducati 500 e il don. 22. 89 
S. Domenego Pizamano fo Proved. a Bassan q. S. Marco ducati 

4000 eil don • . • • 44-69 

S. Francesco Duodo fo Podesta e Gapetanio a Bassan q. S. Piero 

ducati 300 e il don 27. 88 

S. Zaccaria Mbrosini q. S. Nicolo da S. Zuane novo ducati 400 

eil don 37.74 

S. Zuam Balista Grimam qi S. Hi'ronimo dai Servi ducati 1400 

e il don . . . 34. 75 

S. Piero Marzello «1 grando q. S. Benetto ducati 400 e il don. 28. 84 
S. Lodovico Michiel e Provedador šora i Dacij q. 8. Polo ducati 

300eild9n - . 36. 74 



Digitized by VjOOQI€ 



46» 
S. Zaccaria Valaresso el grando q. S. Znane đocati 600 e il đon. 80. 72 i 54 6. 
S, Hironimo đi Prioli e Proveđađor šora le Camere q. S. Lorenro 

ducati 400 e il don . . • 80.78 

S. Znam Nadal Salamon fo Sjnieo io Levante q. S. Tlioma ducati 

1000 e il don et porto ducati 550 contadi 82. 28 

S. Lorenzo Minio fo Provod, a Gradišća q. S. Almoro e fo al 

tempo dil assedio ducati 600 e il don 32. 78 

S. Fr. Barbare e di Pregadi q. S, Antonio ducati 500 e il don. 42. 67 

(XXn, 364-365). 

Capetanio a Žara. 

S. Zuam Nadal Salomon fo Syiiico in Levante q. S. Tooia dopio 

ducati A 000 e il don di qual porto ducati 650 . . . 755. i 04 
S. Toma Moro fo Capetanio al Colfo q. S. Alviee .... S4i. 561 
S. Francesco Longo fo Proved. šora la Sanita q. S. Francesco. 202. 606 
S. Francesco Barbarigo e Proved. šora la revision di conti q. 

S.Benetto 301.596 

(XXII, 366). 

— Di Vegia vidi letere di S. Micliiel Barbarigo Camerlengo o Ca- 
stelan di 8 avot^to ^come erano venuti 700 cavali di Turchi eh e 1 anti- 
guarda di 700 a uno castello chiamato Passo eh e mia 15 lontan di Se- 
gna et hanno preso da iOO cavali di Hongari trali qual alcuni da <;onto 
et voleno omnino aver dito castello qual auto il stado dil Conte Bernar- 
dim Frangipani e perso e Turchi al suo piacer potra venir in Istria e 
Friul el qual Conte a manđato a dimandar al Proved. di Vegia S. Zuam 
Moro q. S. Damian uno bombardier e artellarie ut in literis et e sta 
servito gratamente. (XXII, 378), 

-^ Di S. Sabastiam Moro Proveđađor dil armada date in porto di 
Cataro adi 5 di questo come e stato a Curzola poi tornato li dove e con 
so galle scrive zerca biscotti ne ha gran bisogno ec. fo a Curzola per le 
fuste Turchesche ussite ec: item auto per una barcha a posta letere đi 
S. Francesco da eha Tajapiera Conte di Sibinico qual manda unde a 
terminato manđarvi 4 galie ver-so li. 

— Di S. Francesco da eha Tajapicra Conte e Capetanio di Sibinico 
di primo drizate al pređitto Prov. dil armada eorae cinque fuste di Tur- 
chi erano li propinque a Clissa •et par voglino far danm su quel dil Hon- 
garo et veđer di aver Scardona la qual sara facile aver e avuta sara 
grandissimo danno a Sibinico e ia Daln^tia perho si fazi provlsione. 
(XXII, 397). 



Digitized by VjOOQI€ 



464 
1516. ^ Fu posto per li Savj far a Spalato Sibinico e Trau e Licsna per 
quesia volta uno e piu Rectori per Scrulinio dil Consegio di Pregadi et 
4 man di eletion la qual parte.sia presa in gran Consejo et que$to si 
fa per trovar piu danari di chi vorano oferir per aver diti rezimenti ma- 
lima Liesna val ducati 33 neti al mese et fo presa ave 

(XXII, 398). 

Scrutinio dil Conte a Spalato. 

S. Alvise Juslo sopra Gastaldo q. S. Nicolo porto ducati 400 

e il don 46. 42 

S. Franc. Duodo fo Podesta e Capetanio a Bassam q. S. Lunardo 

ducati 300 e il don 39.50 

S. Hironimo Tiepolo q. S. Matio ducati i 00 e il don e dona 

400 19.69 

S. Bernardo Donado q. S. Hironimo Dotor ducati 500 e ii don. 21, 68 
S. Zuam Franc. Gradenigo fo Proved. a Cerigo q. S. Lionello 

ducati 300 e il don 29. 47 

S. Hironimo Justinian fo Conte a Curzola q. S. Marin ducati 

600 e il don ....... 49. 35 

S. Franc. Celsi fo Capetanio dile saline di Cypri q. S. Stefano 

el qual porto contadi ducati 500 e dona il don ... 68. 28 
S. Alvixe Pizamano q. S. Fantim ducati 500 e il don di qual 

porto ducali 400 contadi. 50. 40 

S. Alexandro Zorzi fo ai Diese officij q. S. Toma ducati 350 

eildon . 38.49 

S. Jacomo Arimondo di S. Andrea q. S. Simon ducati 300 e il 

don et dona allri ducati 400 17. 79 

S. Ferigo Contarini fo Conte a Trau q. S. Nicolo el qual porto 

ducati 400 e dona il don 35. 51 

S. Marco Antonio Contarini q. S. Gasparo ducati 600 e il don. 37. 48 
S. Hironimo Zorzi fo Cao di 40 q. S. Francesco porto ducati 

300 e il don 49. 39 

S. Nicolo Michiel q. S. Alvise da S. Barnaba 19, 69 

S. Marco Zen e Zudexe di Pelizion q. S. Bacalario el K. ducati 

300 eildon 26.64 

S. Zuam Malipiero di S. Hironimo ducati 500 e il don . . 39. 48 
S. Anzolo Trum fo di Pregadi q. S. Andrea ducati 300 e il don 40. 54 
S. Andrea Zivran fo Proved. šora i Stratioti q. S. Piero . . 30. 60 



Digitized by VjOOQI€ 



465 
Scrutinio di Conte a Trau. 4516. 

S. Andrea Zivran fo Proveđ. sora i Slralioti q. S. Piero • 20. 65 
S. Nicolo Michiel q. S. Alvise da S. Barnaba el qual oferse du- 

cati 300 e il don et dona ducali 200 59. 28 

S. Jacomo Arimondo di S. Andrea ducati 300 prestadi e il don 

et dona ducati 100 12.78 

S. Hironimo Zustiniam fo Conte a Curzola q. S. Marin 

S. Bernarde Donado q. S. Hironimo Dotor ducali 500 e il don. 27. 62 

S. Marco Ant. Contarini q. S. Gasparo ducati 400 e il don 

S. Zuam Franc. Gradenigo fo Provedador a Cerigo q. S. Lio- 

nello ducati 300 44. 43 

S. Francesco Celsi fo Cao di 40 q. S. Stefano . .... 27.63 : 
S. Marco Zen e Zudexe di Petizion q. S. Bacalario el Caval. 

ducati 300 e il don 25. 65 

S. Alvise Pizamano q. S. Fantim ducati 300 e il don . . 52. 38 
S. Zuam Malipiero q. S. Hironimo q. S. Zuane^ ducati 500 e 

ildon 39.47 

S. Hironimo Tiepolo q. S. Matio ducati 100 e il don et 100 

dona 23. 65 

S. Piero da Leže el grando q. S. Francesco il qual oferse du- 
cati 200 ollra 300 offerli per sora le Camere ... 21. 67 

(XXn5 424). 

In gran Consejo 
Conte a Spalato 

S. Francesco Celsi fo Capelanio dile saline di Cypro q. S. Ste- 
fano ducati 500 e il don porto 500.169 

S. Simon Capello e Proved. ale Biave di S. Domenego . . 243. 434 
S. Josafat Lion fo Proved. sora i Officij q. S. Andrea . . 177. 500 
S. Hironimo da Canal fo Prov. sora la revision di conti di S. 

Ant. ducati 300 e il don 282. 

S. Znam Paruta fo Patron in Fiandra q. S. Alvise . . . 124.555 

Conte a Trau 

S. Nicolo Michiel q. S. Alvise da san Barnaba el qual oferse du- 
cati 300 e il don et 200 donadi 401.267 

30 



Digitized by VjOOQI€ 



466 

1546. S. Anzolo Tron fo di Pregadi q. S. Andrea 199. 477 

S. Bernardo Donado q. S. Hiron. Dotor ducati 500 e il don. 225. 449 
S. Jacomo Arimondo di S. Andrea q. S. Siinon ducati 300 e il 

don 106.567 

S. Anzolo Tron dopio 

(XXII, 424-425). 

Scrutinio di Conte a Sebinico. 

S. Andrea Zivran fo Provedador di Stratioti q. S. Piero . 16. 82 
S. Alexandro Querlni q. S. Jacomo ducati 700 e il don . . 47. 49 
S. Alvixe Contarini fo Prov. a Pesin q. S. Lauro .... 12. 82 

S. Zuam Malipiero di S. Hironimo 18. 76 

S. Francesco Duodo fo Podesta e Capitanio a Bassam q. S. Lu- 

nardo ducati 300 e il don 44. 53 

S. Alvixe Pizamano el grando q. S. Fantin ducati 500 e il don 

e li porto 68.30 

S. Alexandro Zorzi io ai 10 Officij q. S. Toma ducati 400 e il 

don e li porto 59. 38 

S. Zuam Paruta fo Patron in Fiandra q. S. Alvise ducati 500 e 

il don 41. 55 

S. Hironimo Justignam fo Conte a Curzola q. S. Marin ducati 

eOOeildon 52.44 

S. Hironimo da Canal fo Provedador šora i conti di S. Antonio 

ducati 300 e il don 40. 57 

§. Sabastian Malipiero fo Consejer a Corfu q. S. Andrea duca- 
ti. 500 e il don 36.63 

S. Marco Antonio Contarini q. S. Gasparo da S. Felice ducati 

600 e il don e li porto 58. 34 

S. Andrea Erizo di S. Balista ducati 500 e il don. . ^ . 45. 51 

In gran Consejo 
Conte a Sebinico 

S. Alvixe Pizamano el grando q. S. Fantin porto ducati 500 

e il don 565. 220 

non S. Zuam Zustiniam q. S. Zustiniam 

non S. Stefano Contarini q. S. Priamo 

S. Lorenzo Gradenigo e Consolo di mercadanti q. S. Marin 



Digitized by VjOOQI€ 



467 
ducati 400 e 11 don oltra đucati 400 dati per Consolo di 1516. 

• mercadanti 397.390 

S. Simon Malipiero fo Zudexe di Proc. q. S. Domenego . . 163. 616 

(XXII, 434). 

Provedador a Veja. 

Setlembre* — S. Donado Dolfin fo ala custodiadi Treviso 

di S. Sabastiam q. S. Donado 14.124 

S. Marco Antonio Contarini q. S. Gasparo da S. Fellce il qual 

porto ducati 1000 contadi e dona 11 don 116. 13 

S. Marin Bembo fo di Pregadi q. S. Hironimo da S. Zuliam du- 
cati 600 e il don 70. 74 

non S. Piero Bernardo e di Pregadi q. S. Hironimo . . . 

Et nota si fa a Teja in luogo di S. Marco Antonio da Canal el 

qual ancora non e andado 

Podesta in Antivari 

S. Benetto Bafo fo Cao di 40 q. S. Lorenzo ducati 400 e il 

don . 39.99 

S. Fantin Viaro q. S. Zorzi 25. 114 

S. Sabastiam Malipiero fo Consejer a Corfu q. S. Andrea 11 qual 
oltra ducati 300 dete per Zudexe di Petizlon che non ri- 
mase oferlsse altri ducati 400 e il don 64. 70 

S. Francesco Contarini fo 40 Civil q. S. Andrea q. S. Dionisio 

porto ducati 400 e do altri 100 e il don . . . . • 120. 11 

S. Hironimo Celsi fo ala ciistodia di Treviso con homeni 41 q. 

S. Stefano ducati 500 e il don 34. 105 

S. Domenego Minio fo Signor di notte q. S. Francesco ducati 

500eildon • . . 20.114 

S. Zuam Agostln Pizamano el S. di notte q. S. Fantin oltra du- 
cati .... presto per S. dl notte da ducati 400 e 11 don 46. 87 

S. Donado Dolfin fo ala custodia di Treviso di S. Sabastiam du- 
cati 500 e il don e darli domatina 27.110 

S. Bernardin da Canal fo 40 q. S. Anzolo ducati 300 e il don 27. HO 

S. Francesco Contarini di S. Carlo da s. Agostin oferse ducati 

600 eil don diqual dona ducati 100 47.85 

S. Hironimo Justlniam fo Conle a Curzola q. S Marin . . 28.104 



Digitized by VjOOQI€ 



468 

1516. S. Luča da eha da Pesaro fo Audilor vechio q. S. Alvise il qual 
oltra ducati 300 presto per la Juslicia nova dove el non 

rimase hora da ducati 300 e il don 42. 94 

non S. Vincenzo Nadal q. S. Piero 

(XXII, 495-496). 

Provedador a Veja 

S. Marco Aritonio Conlarini q. S. Gasparo da S. Felice triplo 

porto ducati i 000 e ii don 646.469 

S. Hironimo Giustiniam fo Conte a Curzola q. S. Marin il qual 

oferse ducati 800 e dona il don 373. 545 

S. Marin Bembo fo di Pregadi q. S. Hironimo ducati 600 e il 

don 232.570 

Podesta in Antivari 

S. Francesco Contarini fo 40 Civil q. S. Andrea porto ducati 500 

e il don 573. 243 

S. Marco Tron el grando q. S Etor ducati 500 e il don . 405. 408 

S. Lorenzo Bondimier el 5 dila Paxe di s. Nicolo il qual oltra 
ducati 400 dete per 5 da ducati 200 e il don e dona 
ducati 50 dil suo imprestedo 251.560 

S. Francesco Contarini dopio 

S. Benetto Bafo fo Cao di 40 q. S. Lorenzo ducati 4C0 e il 

don 285.525 

(XXII, 499). 
— Fu posto la parte presa in Pregadi di far Retor e Provedador 

a Cataro e Retor in Setia per questa volta tanto ave 515 di si 107 di 

no 9 non sincere. (XXIl5 540). 

Retor e Provedador a Cataro. 

S. Simon Capelo e Provedador a le Biave di S. bomenego di 
portadi oferse ducati 600 e il don oltra ducati 580 e si 
fazi in loco suo ale Biave • . 138.41 

S. Hironimo Justiniam fo Conte a Curzola q. S. Marin oferse 
ducati 4000 e dono il don di qual porto contadi ducati 
800 .... 94.97 



Digitized by VjOO^ IC 



469 

S. Francesco Arimonđo fo Rector e Proved. a Gataro q. S. Ni- 1546. 

colo oferse đucati 600 e U porto e dona il don . . . 66. 116 

S. Hironimo di Prioli e Provedador sopra 1e Camere q. S. 
Lorenzo oUra ducati 1500 prestadi porto ducati 500 e 
dona il don e si fazi in so loco . 109. 67 

Retor e Proveditor a Cataro. 

S. Simon Capello e Provedador ale Biave q. S. Domenego oltra 
dacati 830 prestadi oferse e porto ducati 600 e il don e 

si fazi in so loco 668. 337 

S. Anzolo Tron fo di Pregadi q. S. Andrea 244. 765 

S. Francesco Arimonđo fo Retor e Provedador a Gataro q. S. 
Nicolo il qual porto ducati 600 contadi e il don azonse 

lOOin tutto700 eildon 445.554 

S. Hironimo di Prioli e Provedador sopra le Gamere q. S. Lo- 
renzo dopio oltra ducati 1500 prestadi porto ducati 500 
e dona il don el cresete ducati 200 in tutto ducati 700 

eildon 569.442 

(XXII, 558-559). 
Otftobre« — Fu posto' per li điti elezer per scrutiuionel mazor 
Gonsejo per questa volta Gonte in Arbe uno Gamerlengo a Treviso 
prima a Gonejam et uno Zudexe di Petiziom ut in parte la qaal non se 

intendi presa si la non sara posta e presa in gran Gonsejo ave 

(XXIIL 29). 

— Fu etiam posto la parte di far Gonte in Arbe Podosta a Gone- 
jam uno Gamerlengo a Trevixo et uno Zuđexe di Petizion per scrutinio 
ave 6 di non sincere 526 di no 554 di si et fu presa di 1 2 balote per- 
che il Gonsejo non vol questi scrutinii (XXIII, 31). 

Gamerlengo e Castelam a Veja. 

S. Zuam Moro q. S. Lundrdo porto ducati 700 e dona il don. 93. 38 

S. Stefano Trivixam di S. Nicolo q. S. Toma Procurator pt)rto 

ducati 400 e il don ^ 43. 83 

S. Zuam Alvise Bembo q. S. Hironimo da s. Zuliam ducati 600 

et dona il don di qual porto ducati 500 e il don . . 62. 70 

S. Zuam Đolfim el 40 Zivil di S. Lorenzo qual oltra ducati 250 
presto per 40 al presente ducati 500 e 11 don di qual por- 
to 400 65.68 

30* 



Digitized by VjOOQI€ 



470 

4516. S. Alvise Justo fo Soragastaldo q. S. Fraacesco đucati 500 e 

đona il don il qual porto contadi ........ 88. 45 

S. Andrea Balbi fo Soragasfeldo q. S. Slai ducali 300 e il don. * 85. 97 
S. Anlonio Nani fo Cao di 40 q. S. Francesco ducati 400 e il 

don il qual porto contadi. . 86.47 

S. Marco Antonio Marzelo fo Retor in Setia q. S. Beneto ofer- 

se ducati 500 e il don e li porto contadi .... 35. 97 
S. Marco Moro fo Signor di notte q. S. Bortolo ducati 500 e il 

don 29.400 

S. Marco Antonio Barbarigo di S. Giorgio q. S. Marco . . 35. 97 
S. Alexandro Badoer fo Cao di 40 q. S. Antonio il qual oltra 

ducati dete per 40 oferisse ducati 400 e dona il don . 42. 90 
S. Antonio Donado q. S. Bortolo q. S. Antonio Caval. ducati 

eOOeildott 40.90 

(XXIII, 48). 

Camerlengo e Castelam a Veja 

S. Zuam Moro q. S. Lunardo da S. Agustira ducati 700 conta- 
di e il đon 475. 325 

S. Stefano Trivixani di Nicolo el Consig. q. S. Toma Procura- 
tor dopio qual oferse ducati 400 e li porto e il don e cre- 
sce ducati 400 altri in lutto đucati 800 e promette portar 
il resio domattina 494. 307 

S. Lunardo Zantani fo Cao di 40 q. S. Antonio .... 228. 575 

S. Marco Antonio Marzello fo Retor in Setia q. S. Beneto du- 
cati 500 e il don contadi 338. 559 

(XXIII, 49). 

Conte in Arbe. 

S. Beneto Bafo Cao di 40 q. S. Loredzo ducati 300 e il don. 33. 83 

S. Đomenego Minio fo Signor di notte q. S. Francesco ducati 

200eildon 32.84 

S. Nicolo Tiepolo el 40 Zivil di S. Donado oltra ducati 700 de- 
te per quaranta impresta đucati 150 e il don e douacin- 
quanta dil suo imprestedo 34. 80 

S. Lunardo Bembo fo 40 Zivil q. S. Francesco ducati 200 e il 

don 70.43 



Digitized by VjOOQI€ 



474 

S. Michiel Minio fo Conte a Cherso e Osero q. S. Čast. ducati 1516' 

350 e il don di qual porto coRtadi ducati 100 e ii resto 
portera subito 87. 81 

S. Marco Moro fo Camarlengo a Padoa q. S. Bortolo ducati 
200 e il don i qual porto conladi e S. Piero Moro so fra- 
delo dona ducati 50 dil so impresteđo 54. 61 

S. Nicolo Coco el 40 q. S. Antonio q. S. Nicolo ollra ducati 
60 impresto et 50 dono per 40 promete altri ducati 
200 e il don 56. 61 

S. Zuam Francesco Gradenigo fo 40 q. S. Lionello ducati 200 

e il don 58. 59 

S. Alvixe Mudazo q. S. Zuan Ant. q. S. Alvise d. 300 e il don. 33. 85 

S. Hironimo Gradenigo fo Podesta a Ruigno q. S. Ferigo duc. 

200 e il don e dona ancora ducati 50 34. 83 

S. Alexandro Badoer fo Cao di 40 q. S. Antonio oltra duc 

prešlo per 40 Zivil oferisce ducati 350 di qual porto du- 
cati 300 e il don 53. 63 

S. Marco Antonio Marzello fo Retor in Setia q. S. Beneto il 
qual oferse ducati 500 e dona il don di qual porto conta- 
di ducati 300 98. 16 

S. Zuam Barbo di S. Alvixe ducati 200 e il đon . . . . 23. 91 

Uno Camerlengo di Comtm 

S. Bernardin Minoto q. S. Piero ducati 300 e il đon . . . 43. 73 
S. Hironimo Zustignam fo 40 Zivil q. S. Marim ducati 350 e 
ii đon oltra ducati 700 a presta per la 'Castellanaria di 

Corfu 63.51 

S. Daniel Tron q. S. Andrea ducati 300 e il don . . . . 57. 62 
S. Andrea Marzelo fo Conte e Capitanio a Dulzigno q. S. Zna- 
ne ducati 300 e il đon 68. 45 

Conte in Arbe. 

S. Marco Antonio Marzelo fo Retor in Setia q. S. Beneto dopio 

ducati 500 e il don 582. 211 

S. Dolfim Dolfim fo ala taola dil intrade q. S. Piero ducati 400 

e il dom e promete portarli il primo zorno .... 335. 455 

S. Antonio Loredam fo 40 q. S. Zuane 220. 569 



Digitized by VjOOQI€ 



472 
4816. S. Andrea Barbaro fo Zudese di Foreslier di S. Alvise q. S. 

ZachariaC. P 458.590 

Castelam a Laurana. 

S. Marco di Prioli q. S. Doincnego q. S. xMarco q. S. Zuam 

el Procurator 461.359 

S. Andrea Malipiero q. S. Polp 507. 306 

(XXni, 56-57). 

Castelam a Liesna. 

S. Donado Dolfim di S. Sabastiam ducati 350 e il dom . ' . 27. 76 
S. Antonio Nani fo Cao di 40 q. S. Francesco porto ducali 

200eildon 85.17 

S. Balista Zane q. S. Andrea ducati 300 e il don ... 20. 83 
S. Marco Moro fo S. di notte q. S. Bortolo ducali 300 e il don 

di qual ne porto 100 e promete subito dar il resto. . 42. 60 
S. Bernardim Minoto q. S. Piero 24.77 

Castelam a Liesna 

S. Antonio Nani fo Cao di 40 q. S. Francesco ducati 200 porto 

e ildon 391.359 

S. Marco Antonio Manolesso fo al Datio dil vin di S. Franc. 219. 523 
S. A]exandro Bađoer fo Cao di 40 di S. Antonio ducati 350 

e dona il don e porto contadi ducati 200 495. 776 

S. Zuam Jacomo Bafo el 40 q. S. MaOo ducati 300 e il don 219. 523 
S. Zuam Agusiin Pizamano fo 40 q. S. Fantim ducati 300 e 

ildon 310.413 

— Fo stridato far il primo gran Coosejo Conte a Cherso e Osero 
un Provedador al Sal et un Soragastaldo cosse insolite a stridarsi ma 
per aver danari ora si convien far a questo modo. (XXIII, 97-98). 

In gran Consejo 
Conte a Cherso e Osero. 

Novembre. — S. Marco Moro fo Camerlengo a Padova q. 

S. Borlolo ducati 300 contadi e il don 353. 41 6 



Digitized by VjOOQI(^ 



473 

S. Francesco Tiepolo di S. Hironimo đucati 400 e il don . 430. 330 1516. 

S. Piero Orio el 40 Zivil di S. Bernarđim il Caval. el qual đona 
ducati 100 dil suo impresteđo et presta đucati 50 e si 

fazi in loco suo Camerlengo a Napoli 370. 395 

(XXIII, 103). 

Scrutinio di Conte a Curzola. 

S. Bernarđo Condulmer fo ala custođia đila porta di Santa Gro- 

ce di Padoa q. S. Zuam Francesco II. 68 

S. Vincenzo Venier lAvocato in Rialto q. S. Zuane qual ofer- 
se đucati 350 e đona il don dl qual porto đucati 250 et 
e contento si fazi Avocato in Rialto in loco suo ... 43. 34 

S. Gabriel Trivixam di S. Nicolo el Consejer q. S. Toma Proc. 
ollra đucati 300 presto per 40 Zivil oferise ducati 300 e 
dona il don et dona đucati 100 dil suo impresteđo . 48. 31 

S. Lunardo Bembo fo 40 Zivil q. S. Francesco đucati 150 e il 

don 40.38 

S. Zuam Dolfih el 40 Zivil di S. Lorenzo porto contadi ducati 

300 e dona il don . . . 47. 33 

S. Polo Zorzi di S. Fantin da S. Salvador 18.60 

S. Lorenzo da Leže fo Cao di 40 q. S. Jacomo ducati 1 00 et 
dona đucati iOO dil impresteđo di S. Zuam Francesco so 
fradello 28. 51 

non S. Domenego Liom q. S. Alvise q. S. Jacomo q. S. Andrea 

Proo. 

(XXIII, 138). 

In gran Consejo 
Conte a Curzola 

S* Gabriel Trivixam di S. Nicolo Consejer q. S. Toma Procura- 
tor ducati 300 e dona il don e dona ducati 100 dil suo 
impresteđo di 40 329. 391 

S. Paolo Gradenigo fo Patron di nave di S. Alexandro q. S. 

Balista đucati 400 e đona il don 237. 490 

S. Gasparo Nadal fo Pođesta a Monselese q. S. Nada! . . 705. 518 

S. Marchio Nadal lAuditor vechio q. S. Nadal ducati 200 e il 
don e dona ducati 100 dil so impresteđo di Auditor vec- 
chio et e contento si fazi Auditor in loco suo . . . 526. 191 



Digitized by VjOOQI€ 



474 

4516. S. Slefano Gixi fo 40 q- S. Marco 208.610 

{XXIII, 139). 

— Adi 13 matina vene in Colegio S. Piero Zeii venulo Retor e 
Provedador di Gataro et referi justa il consueto laudato dal Principe fo 
brieve concludendo il Turco a molio I ochio a quella terra per aver 
quel colfo qual aviito polra tenir armada li ec. (XXIII, 1 43). 

— Fo stridato (25) far il primo gran Consejo Conle a Žara. (XXIII, 
474). 

Scrutinio di Conte a Žara 

S. Lodovico Michiel e Provedador šora i Dacij q. S. Polo il qual 
oltra ducati 200 presto per sofa i Đacj oferise ducati 400 
e il don - 66. 64 

S. Domenego Griti fo ala Camera dlniprestidi q. S. Francesco 

ducati 500 e il don 38. 62 

S. Pietro Marzello a ale Raxon nuove q. S. Zuane il qual oltra 
ducati 400 presto per le Rason nuove et ducati iOO dona 
al presente porto contadi ducati 500 et dona il don . 86. 32 

I n gran Consej o 
Conte a Žara 

S. Piero Marzelo e ale Rason vechie q. S.. Zuane dopio ducati 

500 contadi e il don 443. 344 

S. Beneto Contarini q. S. Zuara Gabriel ducati 500 e il don. 367. 377 

S. Domenego Griti fo ala Camera dimprestidi q. S. Francesco 

ducati 500 e il don 397.362 

S. Lorenzo Minio fo di Pregadi q. S. Andrea ducati 500 e il 

don 277.482 

(XXIII, 186;. 

' Podesta a Budua. 

Deeembre. — S. Michiel Marin fo 5 di la Paxe q. S. 
Alvixe ducati 300 e il don di qual porto contadi ducati 
400 e non dagando il resto vol sia fato passa otto zorni 

in loco suo 52. 36. 

S. Bernardim Michiel fo Zudexe di Petitiom q. S. Mafio ducati 

300eildon 52.35 



Digitized by VjOOQI€ 



475 

S. Lunardo Beinbo fo 40 Zivil q. S. Francesco ducati 150 e il i5i6. 

don 50.33 

S. Vincivera Quirini fo 40 Zivil q. S. Pelegrim ducati iOO e il 

don 27.61 

S. Zuam Arimondo fo 5 di la Paxe q. S. Zorzi ducati 300 e il 

đon di qual 200 e in banco di Pixani 34. 55 

S. Vicenzo Zen q. S. Bortolomio ducati 100 e il don . . 12. 77 

Rebalotadi Podesta a Budua 

S. Michiel Marin fo 5 di la Paxe q. S. Alvixe 48. 41 

S. Bernardim Michiel fo Zudexe di petitiom q. S. Mafio . . 63. 29 

Podesta a Budua 

S. Bernardin Michiel fo Zudexe di Petitiom q. S. Mafio ducati 

300eildon 407.322 

S. Gabriel Zigogna fo Cao di 40 di Sr Francesco ducati 700 e 

ildon 470.260 . 

S. Lion Viaro el 40 Zivil q. S. Zuane ollra ducati 200 do per 

40 da ducati 200 e il don 338. 584 

S. Lunardo Bembo fo 40 Zivil q. S. Francesco ducati 150 e 11 

don 358.486 

S. Zuam Alvixe Bembo q. S. Hironimo dsl s. Zuliam . . 176. 552 

(XXIII, 231-232). 
# 

Conte e Provedador a Ltesna 

S. Bernardo Donado el 40 Zivil q. S. Zuane ducati 500 e 

il don 51. 90 

S. Zuam Dolfim el 40 Zivil q. S. Lorenzo oltra ducati 150 pro- 
sto per 40 oferise ducati 500 e il don di qual porto 300. 63. 74 

S. Vicenzo Malipiero fo Castelam a Liesna q. S. Andrea duc. 

400 e il don . . . ^ 50. 91 

S. Francesco Nani q. S. Zuane q. S. Jacomo ducati 600 con- 

tadie ildon i25. 17 

S. Francesco Nani q. S. Zuane q. S. Jacomo ducati 600 e il 

don 660.195 

S. Zuampiero Bembo q. S. Bernardo ducati 500 e il don. . 305. 570 



Digitized by VjOOQI€ 



476 

1515. S. Beneto Balbi di S. Piero q. S. Beneto 139. 690 

S. Vetor Donađo el 40 q. S. Piero 246. 583 

S. Alvise Sagređo di S. Piero fo ala zecha di 1 oro . . . 287. 594 

(XXIII, 251). 

Castelam a Žara 

S. Jacomo Suriam di S. Andrea 495. 454 

S. Francesco Tron q. S. Antonio q. S. Priamo .... 586. 365 

(XXIII, 270). 



FliNE DEL PRIMO VOLUME. 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized by VjOOQI€ 



Digitized t3y VjOOQI€