(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Biblioteca Italiana"

BIBLIOTECA ITALIANA 



O SIA 



GIORNALE 

LETTERATURA, SCIENZE ED ARTI 

COMPILATO 

DA VARJ LETTERATI. 



ToMo XXXVII, 

ANNO DECIMO 

Qeniiajo, Febbrajo e Marzo 
1825. 




J->«€4 



MILANO 

PRESSO I,A DIREZIONE DEL GIORNALE 

Contrada del Monte di Picta n." 1354 
Cnsn Caj dir^itjictlo al Borpo JYuovo, 




IMl'ERIALE EKCIA STAMPERIA. 



II presente Giornale ^ con tutti i volumi preccdentl ^ e 
posto sotto la salvaguardia della Lcggc , csscndosi 
adeinpluto a ipianto essa prescrive. 



BIBLIOTECA ITALIANA 



PARTE I. 

LETTERATURA ED ARTI LIBERALI. 



Opcre del cavaliere Carlo Castone coiitc dclla Torre 
dl Rezzonico , patrlzio Comasco , raccolte e pub- 
blicate da Francesco Mocchetti , prof, nell' I. R. 
Liceo dl Como. — Como, iSaS, i8ao, presso lo 
starnpatore provinciale Carlanlonio Ostinelli , in 8.^ 
Vol. i.'^ air a." Prezzo ital. llr. 3o 78, in carta 
velina lir. 65 16, in carta velina in 4.° 106 56. 



D 



A nobilissima famlglia nacque in Como Caston 
Rezzonico nell' anno 1742. Dieci anni dopo seguito 
il padre a Parma , dove pel corso di un liistro at- 
tese agli studj in quel reale collegio in cui il Betti- 
nelli era maestro. Air eta di quindici anni si trasferi 
a lloma, accolto ed onorato non poco fra gli Arcadi. 
Da Roma n' ando poi a Napoli ; e di quivi si ricon- 
diisse a Parma , liorente allora pel soggiorno che vi 
facevano il Condillac , il Paciaudi e il Frngoni. Qnesto 
poeta si riverito e celebrato da' suoi contemporanei , 
ma ora si obbliato dalla piu vicina posterita , pose 
graudissimo amorc al giovine Rezzonico , lo chiamo 
costantemeiitc siio ligUo , e morcndo commise a lui 



4 OrFRK DEI- CAV. CARLO TV STONE 

tntti i suoi nianosciitti. Chr anzi il Rezzonico stio- 
codcttc al Friiii^oiii iu;ll;\ carica di scj^rctario del- 
r Accailcmia Panneiisc di hcllc arti. Jl resto detia 
sua vita poi ( clic non dnro oltrc air anno 1796) 
lo Consacio ai viago;!. Qncstc notizie crcdemmo nc- 
ccssario di mandare iiinanzi al nostro articolo, parte 
porchc la vita di cjucsto Autorc la crediamo ancora 
ignorata da molti , e parte perche qnrsto consiglio 
ci 2;iova a far pin prol)al)ili neir animo de' nostri 
Icttori alcune di (picllc cose chc noi appresso di- 
rcmo. 

Caston Rezzonico fii profondo erudito , dottissimo 
conoscitore delle arti , e pocta : e sotto questi tre 
aspctti noi dobbiamo togliere di preseute a consi- 
derarlo. 

Utilissimo, cd anzi necessario stromento airacqui- 
sto della vera crudizione crediamo il perfetto conosci- 
niento delle lingue nelie quali parlarono e scrissero 
i pill sa])icnti ed i pin potenti popoli della terra. 
Perocclie se da una parte la sapienza delle nazioni 
vuol r opera degli ernditi clie la disvelino alia tarda 
posterira : dall" altra , anche la forza dei vincitori 
stampa sovente cotali ornie fra i vinti , clr e bello 
ed utile sapervi leggere i casi ai quali andaron sog- 
£;etti coloro die noi chiamiamo gia antichi. Se non 
die la storia delle nazioni ci presenta uno spettacolo 
assai lusinfT;liiero , la sapienza dominatrice : e come 
neirindividuo V animo tienc la signoria, ed il corpo 
iibjjidisce ; cosi anclic in questa perpetua contcsa 
dei popoli fra di loro , i «:entili e sapienti mao;- 
giorec;giarono scmpre sni barbari ed ignoranti. Quindi 
tutta la sapienza desidcraliile da conoscersi asi;li Eu- 
ropei , la troviamo depositata negf idiomi dei Greci 
e dei Romani, die furono in iin niedesimo i piii 
dotti e i piu forti popoli della terra : e se qiiesti 
ultimi snpcrarono i Greci dei quali erano meno culti, 
non poterono toglier loro ne ia divina favella , ne 
il |)regio della sapienza : e se i barbari volsero in 
basso la grande anzi 1' inmicnsa possanza di Roma, 



COKTE BELLA. TOHRE DI REZZONICO. 5 

nou (lisdegnarono per aUro die i nionumenti delle 
stesse loro vittorie si foncUisscro iiella linj>;ua del 
vmto ; e vergognarouo quasi di tarsi conoscere 
povcri com' crano nelle doti delF ingcgno , mentre 
teaevano il niondo in amminlzioiie colle operd. 
del loro valore. Nasce di qui uua doppia conse- 
guenza: 1' una assai conioda agli studiosi, cioe chc 
nella cognizione della lingua greca e latina c riposte 
il fondameiito di ogni utile erudizione; T altra assai 
grave a que' miseri che vorrebbono coglier le rose 
della sapienza e non incoutrar fluica di sorte , che 
senza un lungo e compiuto studio di queste lin2;ue 
6 ridevole vanka il dar opera alFautiquaria , ed a 
quelle altre parti delF uniano sapere che quasi per 
antonomasia si dicono di crudlzlonc. Ma a queste 
lingue avea posto grandissimo studio Gaston Rez- 
zonico , ed alio studio conseguitarono in lui quei 
progressi che mai non vengono meno alF ingegnd 
volonteroso di apprendere. 

Ne la sola qualita di poliglotti e sufficiente a col- 
locarci nella schiera degli eruditi. ]\[a la storia , le 
religioni , i costumi , le arti e le scienze di quelle 
genti dclle quali vogliamo interpretare i monuraenti, 
non debbono esserci ignote : altriinenti , che pro 
aver tormentata la memoria onde stamparvi uno o 
due straiiieri vocabolarj, se tutta qnesta nostra fotica e 
tutto ([uesto gravoso sapere non vale a dischiuderci 
alcun' utile dottrina ? Pero a tuttc queste cose ebbe 
apphcato Tingegno il llezzonico; e le pin dillicih parti 
deir antica storia , e le piu recondite latebre della 
profana niitologia , e le dottrine insegnate dai iilosoii, 
tutto era, per cosi dire , dinanzi alia sua mente, ed 
m pronto per ajutare alle sue ricerche , non meno 
che per cingcre di molti e forti argomenti le sue 
opinioni. Ed ecco il fontc di quella maravigliosa va- 
rieta che s' incontra nelle Opere di questo scrittore; 
e di quella stiq)enda Taoilita colla quale sapeva pas-' 
sare da un soggeuo ad un altro (lisparatissnno , e 
di tutti trattare con tanta erudizione , che <Al\ nort 



6 OPFRE nr.T. C\V. C\RtO C.ASTONE 

sarcbbe scarsa per chi ad im solo di essi si fosse 
consacrato in tutta la sua vita : di che noi invitia- 
mo i nostri Icttori a rercar le prove ne' Viaggi dei 
<|uali il Rezzoiiico ci ha lasciate minutissimc descri- 
zioni (i). Qiiesti Viaggi sono scritti a niodo di gior- 
nali, senza ponipa di stile e, se non errianio, senza 
pretcnsione di sorta ; dircsti che sono un rcperto- 
rio onde conipor si puo un' opera , piuttosto che 
r opera stessa : e forse TAutore medesinio dava loro 
r ultima niano , se la niorte non lo coglieva assai 
presto. Ma se puo dirsi che vi sono scarsi gli or- 
nanienti , nuo alFerniarsi eziandio che vi abbondano 
Ic utili cognizioni ; e quella niedesima seniplicita 
con cui r Autore ti vien raccontando i suoi passi , 
2;li 02;2;etti che i^U si paran dinanzi, e i pensieri e 
gli alletti di che gli sono cagionc , giova mirabil- 
mente a stamparti nell' animo un' inimagine vivissima 
delle cose descritte, donde quasi direbbesi che chi 
leuge nel llezzonico viaggia conlui, confortato dalle 
sue £;randi cognizioni. Ad ogni passo ch' ei move , 
ccco gli si atlaccia un soggctto di filosofiche inda- 
gini ; c sempre ti accorgi di ascoltare la voce di 
im gran filosofo , ossia che venga esaminando le 
lave del Vesuvio c delT Etna , o che dischiuda i 
reconditi sensi di greche e latine iscrizioni , o che 
ti faccia conoscere gli usi e gli uffici di alcuni 
avanzi d' antiche fabbriche ; o sia finalmente che 
parlandoti del Dio Serapide e di altri antichissimi 
culti voglia aprirti il tesoro di eruditissime cogni- 
zioni. Con tutto cio il iilosofo che senza predile- 
zione di studj vorra leggere ([uesti Viaggi^ dorrassi 
per avventura di un dilctto che anche a noi parve 
gravissimo ; vogliamo dire di quel perpctuo silcnzio 



(i) Negli otto volunii fiiior piiblilicati si trovano i viaggi a 
Napoli , nella Sicilia, in Inghilterra e Malta. L' editore ci av- 
visa die si Btanno ora staiiipando gli iiliiuii dun volumi , i quali 
comprendeiaiino la sua corrispondenza epistolave , ed alcuni 
estratti de viag;;i fatti nell' Oiaiida e nella Gcrmania. 



nONTE DELI. A TORRE Dl REZZONICO. 7 

in cui il dottissimo Autore lascio le leggi , i co- 
stumi e la politica condizionc dei popoli da lui de- 
scritti. E verainente, poiche ogui studio debb'csser 
volto air ntilita dell' uniana razza , nial sapremmo 
indovinare come mai possa imprendersi a descrivere 
un paese, senza quasi far parola di coloro che V abi- 
tano ; e come il lilosofo die reputo vantaggiosa la 
cognizioue dei climi , dei tei'reni e degli oggetti 
che vi fruttificano , non credesse poi pregio del- 
r opera lo spendere qualche fatica per indagare e 
descrivere i costumi di coloro die vivono sotto quel 
climi e su quei terreni : quando e bello e giove- 
vole sopra ogni cosa conoscere a quali patimenti , 
a quali piaceri, a quali passioni la fortuna commet- 
tesse ne' varj paesi questa umana famiglia , che nella 
sua superbia sogna create per se sola Y universo , 
e air universo e spettacolo di tribolazioni e di guai. 
Ricchissima invece e la messe die il conte llez- 
zonico in questi Viaggi presenta agli amatori delle 
arti ; delle quali dicemmo esser egli stato dottissimo 
conoscitore. Gia fin da giovinetto egli avea rallegrati 
i scveri suoi studj coUa musica e col disegno : c 
della prima si mostro conoscentissimo nelle Osser- 
vazioni cli' egli scrisse intorno ad un suo dramma = 
Alessandro e Timoteo ==; ed al disegno, o piu vera- 
mente alle arti die dal disegno traggono nascimento, 
attese poi per tutto il tempo del vivcr suo con quel- 
I'amore di cui lascio testimonj tanti pres>;evoli scritti. 
Noi se non temessiino di olleudere la fama debita 
a questo raro ingegno, che solo basto ad abbrac- 
ciar queilo che a molti altri dotti insieme raccolti 
e soverchio , diremmo che appunto a questa nia- 
niera di stud) egli era nato piu che ad ogni altra. 
Donde poi ( come suole avvenire a chi tratta cose 
alle quali la propria natura lo inclina ) egli non e 
mai tanto eloquente, ne tanto inge^noso, come quan- 
do o parla in gencrale delle arti , o va indagando i 
pregi e le ras;ioni di esse in qualche opera par- 
ticolare de' grandi maestri che cor| piu lode le 



8 OPFRE DEL C\V. T. \RI.O CA STONE 

coltivarono. A questa naturale inclinazione si aggiuil- 
sero due cose utilissimc, ed anzi essenziali, a cliiiin- 
quc propoiigasi di ragionare delle arti •, vogliamo 
dire , uno studio diligeiitissimo nelle Opere di tutti 
coloro clic sono in fania d' averne scritto piu dirit- 
tamente , e xin s>;ran miiuero di via<i2;i che z\i die- 
dero occasione di vcdere co' proprj occhi quanto 
r Europa vanta ed animira in fatto di arti belle. 
Che innanzi tutto e necessario aver da natura in- 
clinazione e capacita ; poi vuolsi edncare la niente 
alia scuola de' giudici piu sicnri ; e liiialmente cer- 
care la prova del raziocinio e dci precetti degli 
scrittori nelle grandi opere degli artisti. E questa 
rdtinia parte credianio anzi tanto essenziale, clie piu 
facilmente daremmo fede ai giudizj di coUii che 
senza precetti di sorta avesse educate F animo al 
hello guardando continuamente nei capolavori dei 
piti celebrati maestri, di quello che a colui, il quale 
senza aver niai avuto dinanzi agli occhi un bel 
quadro od una bella statua , si fosse posta in capo 
tutta la storia delle arti o i precetti dei piu inge- 
gnosi scrittori. Cestui non potra esser mai se non 
solaniente uno stucchevole ripetitore di quello che 
gia gli altri hanno detto ; e se gli porrai dinanzi 
r opera di un graude maestro , la sua mente sfol- 
gorera di dottrine , ma il suo cuore sara aeo'hiac- 
ciato ; perclie 1 uorao non si compiace e non s m- 
namora se non di quello ch' egli medesimo fa o 
discopre; e costui sarebbe inetto a trovar pure una 
bellezza oltre a quelle gia notate da' suoi maestri. 
]Ma nel conte Rezzonico Jindaron del pari le tre 
qualita poc' anzi accennate : e la sua naturale ten- 
denza a ({uesta maniera di studj , e le ottime dot- 
trine onde aveva informato Tanimo, e Taver avuta 
opportunita di vedere egli stesso le piu grandi opere 
che neir Europa si trovino , tutto concorse a fargli 
acquistare quel grado di eceellenza che ne' suoi 
scritti si ravvisa. I suoi Viaggi sono pieni di si mi- 
nute e si esperte descrizioni dci capolavori d' ogni 



COISTTE DEI.I. \ TORRE DI REZZON^ICO. 9 

tnaniera, die quasi par cli trovarsi iu una pcrpe- 
tua £;alleria; e le sue doscrizioni sono poi accompa- 
e;uate da si squisiti giudizj , clie certo nou discon- 
verrebbero a qualsivoe;lia maestro. Doude lo spirito 
del lettore si erudisec per assai piacevole via ; e 
r animo si coiupiace niirabilmente , pensando die 
tutta intiera V Europa risuona del nome italiano , 
perdie Y Italia piu d' 02;ni ahro paese fece riviverc 
le maraviglie delle arti greciie, o quella parte di 
esse almeno , die dopo le mine e la barbaric dei 
bassi tempi poteva esscrne ridestata. Ne solamente 
nei Fiaggi^ ma aiiclie in altri suoi scritti il Fvezzo- 
nico si la ad esaraiuare alcune produzioni dellc 
arti : e le sue Riflessioni siillc pitta? e di Raffacllo 
e del Coreggio , e la Lettera a Dlodoro Delfico sul 
gruppo dl Adone e di Venere del Canova , e i Ca- 
ratteri del pittori piii celebri sono tutti scritti assai 
preziosi , e da esser letti e tenuti carissimi da co- 
loro die danno opera a questa condizione di studj. 
A questi poi voglionsi aggiungere i Dlscorsi arcade- 
mici^ nei quali non gia qual scmplice amatore va 
rintracciando le bellezze in c[ualdie opera speciale 
delle arti, nia ne tesse la storia, e cerca le cagioni 
de' loro progressi e della loro decadenza, e detta pre- 
cetti a guisa di nn grande maestro. Vero e die c(uesti 
Discorsi sono anteriori ai viaggi dei quali abbtamo 
citate finora le descrizioni : ma toccammo pero net 
principio di questo articolo, die il Rezzonico jninui 
di portarsi la seconda volta a Parma avca gia di- 
niorato alcuni anni in Roma ed a Napoli , die e 
quanto dire , avea gia viaggiata 1" Italia , e veduto 
un gran numero di egregie produzioni dell* arti. 
Clie se a malgrado della poca eta e della poca spe- 
rienza deirAutore, que' suoi Discorsi sono pur pieni 
di cosi belle e chiare e sicure dottrine , si fara ad 
un tempo stesso e piu vera la nostra sentenza, chc 
il Rezzonico sortisse dalla natura una forte inclina- 
zione a si fatti studj , e piii manifesta la perspicaeia 
del sue ingcgno. Questi Discorsi sono tre : due 



lO OrtnE DETL CAV. CARLO OASTONE 

intorno al disegno , 1' altro intorno al colorito. Col 
testinionio di Tacito attribniscc agli Egizj I'inven- 
zion del disegno , c sulla fede di Plinio accusa di 
crrore que' Greci clie posero il ]ninio loro pittore 
iiella novantesima Olimpiade , mentre nella ottaute- 
siniaterza Uori Paneo iiell' Elide, Noi , senza recare 
in dubbio la testinionianza di Tacito, diremo cssere 
il disegno una di quelle arti die trovansi presso tutte 
le nazioni ; e che se fu vana la pretensione dei 
Greci d' averla pei prinii inventata , men vera pro- 
babilnientc sarebbe I'asserzionc di clii diccsse ch' e' 
Febbero appresa dalFEgitto. Dedalo poi fra i Greci 
fu il primo che alle fio-ure desse attesieiamenti e 
senibianza di vita : con che un nuovo canipo fu 
aperto alio studio degli artisti , e i progressi furono 
meravigliosi. I pittori e gli statuarj cominciarono dal 
copiare perfettanientc le umane forme dal vcro , e 
questa imitazione tolse dalle arti la rozzezza di 
prima, Non gnari dopo increbbe agli artisti di ve- 
dere olTese le loro opere da ([uei difetti die i loro 
modelli avevano sempre in se, e volsero il pcnsiero 
a trovar modo d'imitare non la natura in generale, 
ma si la bcUa e la perfetta natura, Quindi la dili- 
genza di Zeusi die da cinque belle fanciuUe tolse 
le parti che gli erano necessarie a comporne una 
Diva che fosse bella in tutte le sue parti , e dir si 
potesse il fiore di ogni bellezza. Questa e Torigine 
del bello ideale, pel quale i Greci, dice T Autore , 
acquistarono il merito delF invenzione , e vinsero 
cosi la natura cui mal potevano superarc imitando. 
Ed era da dire , se non crriamo , imitando partico- 
lari individuL : perche ad ogni modo V arte debbe 
imitar la natura; e Tuomo puo aegiun^ervi soltanto 
r accorgimento di eleggore da varj individui tante 
parti perfette che se no compon2;a un tutto pcrfetto, 
quale in natura o troppo ditVicilmente o forse non 
mai si rinviene, E veramente fu questo un consiglio 
non meno utile che nccessario alia perfezione delle 
arti ; dacclie basterebbe a guastare la bellezza di 



CONTE DELL.V TORRE Dt REZZONICO. I I 

una statna di Venere anche im solo t1i qnei difetti 
clie lion di rado scorgiamo nelle donne clie piu 
hanno voce di belle : perche nelle nostrc donne cer- 
chianio la bellezza colla mente occnpata da quella 
legge clie dice, nluna cosa esser peiTetta quaggiii ; 
nia nelle opere delle arti non pei'doniamo alio scul- 
tore se non conobbe nel suo modello i diietti che 
ne gnastavano la perfezione, c non cerco un qualche 
modello in cni queste parti fossero secondo qnella 
forma clie dal comnne giudizio e predicata perfetta. 
Se non che noi , procedendo in qnesto discorso , 
porrenimo il piede sovra un canipo in cni giostra- 
rono valorosi atleti , e dove tnttora e indecisa la 
vittoria; e gia forse v'entramnio piu clie a noi non 
si conveniva ; ne piu possiamo ritrarcene , senza il 
pericolo clie taluno congetturando da queste poclie 
parole la sentenza deiranimo nostro , non ci abbia 
gia condannati. intanto dopo clie gli uomini ebbero 
appresa V arte di astrarre da piu soggetti le forme 
acconce a comporne uno clie fosse toko dalla natura 
e dal vero nelle sue parti, ma nelfintioro poi fosse 
opera delfartc, poterono di leggieri pensare a nuove 
proporzioni, alio statue gigantesclie, ai colossi: dove 
la natura da gli elementi delle forme e delle pro- 
porzioni, e Tarte moltiplica o ingrandisce le misure 
de' corpi umani senza alterarne la simmetria. Dopo 
di cio TAutore si fa a parlare di tre doti cbe os- 
servar si possono principalmente nel disegno dee^li 
antichi ; la simmetria , la semplicita , il caratterc : 
poi della grazia e dcU'espressione; e cliiude il primo 
Discorso atlermando che queste doti s' incontrano 
nelle opere greche perche i loro autori erano uo- 
mini squisitamente educati in ogni miglior disciplina. 
Nel secondo Discorso il dottissimo Autorc ci mette 
innanzi la storia delle arti risorte dopo i secoli di 
mezzo; e sebbene una nota ci avverta ch' eeli dopo 

• 1 I • • • ■ • T ^ 1 "■ 

1 suoi lunghi viaggi aveva in ammo di mutarne al- 
cnnc parti per sostituire il proprio o;i"dizio alle 
altrui opinioni , pure questo ragionamento e si ricco 



!a orr.nE del cav. c.vrlo castone 

di utili notizie e d'inges;nose sentcnze, da pregiarsene 
non nieao un artista che im iilosofo. E ((uindi siamo 
d' avviso clie sebbene la storia pittorica del Lanzt 
debba esser letta da cliiuiufuc vuol parlare dellc 
nostre art! , dei capo-scuola o dci loro seguaci, pure 
anclie dopo (piella lettura potia tornar varitaggiosa 
qiiella del presente Discorso, priiicipalmcnte dal lato 
di una cotal Hlosofia piu universale e piu franca. 

1/ ultimo Discorso reritato dalFAntore I'anno 1781 
neir Arcadia s'intitola del coZo/v^o,- pur non presents, 
come alcuni potrebbono credere, i precetti intorno 
a questa dilncile arte del colorire, ma si unicamentc 
un' ernditissima serie di riccrche spettanti alia storia 
deir arte nicdesima. Nelle qnali , perche la pittura 
ha per fondameuto il discgno , dovette ripetere di 
necessita alcune di quelle cose che avea dette trat- 
tando di questo nel prinio Discorso. Ma queste cose 
ci bastino a provare quanto fosse il valore del Rez- 
zonico nel fatto delle arti ; nel che direnio che il 
Vasari, il Lanzi e il Visconti non potrcbbero adon- 
tarsi se noi alia loro schiera lo aggiuno;iamo. Questi 
tre Discorsi e il Ragionamcnto intorno alia volgar 
poesia , di cui parlerenio fra poco , sono le prose 
dal nostro Autore piu elaborate. 11 sno stile e no- 
bile e vigoroso , ma non senza gravi difetti : fra i 
quali voghamo notare principalmcnte lo studiato e 
faticoso 2;irar dei periodi , ed uu soverchio abuso 
di latinismi e grecismi , donde talvolta poi cade 
nel pedantesco e nella oscurita. Per ultimo restaci 
a dire come il Rezzonico fosse poeta. 

Gia in sul principio del nostro articolo accen- 
nammo die il giovanetto Castone fu per cinque anni 
educate in Parma in un collegio in cui il Bettinelli 
era maestro; che in Roma fu dagli Arcadi onorato, 
e che a Parma poscia si ricondusse, e fu al Fru- 
goni carissimo. Laonde i nostri lettori gia posso- 
110 in parte indovinare il giud.zio clic noi faremo 
delle poesie di liii. Perocche se il Bettinelli e il 
Frugoui ebber possanza di trascinare cou loro quasi 



rONTK DEI.I. \ TORRE BI REZZONICO. l3 

tntta I' Italia , qiianto non e da credere die fos- 
sero segnitati piu ardeiitemente da un giovane cre- 
sciiito cd educato in gran parte fra loro , e dalle 
loro lodi amnialiato in (juella eta che qnanto piu e 
desidcrosa di gloria c di fama, tanto piu facihnente 
si adagia nei consigli di coloro che gliene dipingono 
agovole e gia quasi conseguito Tacquisto.'' E vera- 
nientc fa maraviglia come un uomo avvezzo a bearsi 
in quella perpetua seniplicita onde furono belle le 
arti dei Greci , non conoscesse poi in quale intem- 
])eranza di stile erano andati que' suoi maestri , che 
il tumore e il rimbombo avean posto in luogo della 
ma2;nificenza e deir armonia. Di die noi saremmo 
quasi tentati di negar fede a quella solenne sen- 
tenza di Tullio , clic tutte le arti air umanita per- 
tinent! dice congiunte da un comune legame , se 
non sapessimo che ai dcttati dei grandi filosofi non 
bene contrasta chi si fonda su brevi e particolari 
traviamenti. ]\la chi mai potrebbe persuadersi che 
queir uomo il quale ])redic6 in tutto il tempo di sua 
vita le lodi dei greci artisti, e levo a cielo il Canova, 
perche gia faceva rivivere i niiracoli di quegli antichi, 
quel medesimo poi atiermasse che le lettere italiane 
ripigliavano V ottimo senticro sotto la scorta del Fru- 
goni, ed appcna osasse di dire che V itallca poesia 
lion era estinta til morire di si copioso poeta '( 

11 Pvezzonico, siccome creatura del Bettinelli e del 
Frugoni, fu amantissimo de'versi sciolti: in essi scrisse 
la ma2;gior parte de' suoi poetici componimenti , o 
senza dubljio i piu gravi : ne a cio contento, tolse 
a difenderii in un Ragionamento sulla volgar poesia, 
contro le opinioni, o piuttosto coutro gli scherzi del 
Baretti. « 1 passi dello spirito uniano, dice TAutore, 
» sono srm[)re umfornii in tutte le discipline , c 
» prima di avauzarle se ne perfezionano gl' istro- 
» menti. Non ist'uggi al profondo Neutono una ve- 
» rita si importante ; e pero tanta cura egli pose 
5> intorno ajle matematiche , e \ intricate filo svol- 
j> gcndo di sottihssimi calcoliT all'antro si condusse 



14 OPEIIE DEL C.VV. CARLO CASTONE 

» solitario ed oscuro die abitava la difficil naturh , 
» e I'iportonne vittorioso i segreti c le leggi. Nel- 
» ristessa guisa i piii illuminati maestri della poetica 
5> si accorsero che il verso sciolto era il mezzo piu 
» acconcio ad imitare Ic bellezze tutte dcir idea 
M universale ed arclietipa , oude V oggetto formasi 
■» dell'arte, giiista il dialogo del Navagero. » Gosi 
rAiitore: ma non sarel)be difficile dimostrare la fal- 
lacia di qiiesto paralello tra T nfficio della matema- 
tica iielle itidagini del lisico, c ([uello del verso nelle 
poetiche fatitasie , se a noi non bastasse il porre 
in considerazione de' nostri lettori, come questo ar- 
gomento ci condurrebbe a conchiudere die Y Ali- 
ghieri e il Petrarca e I'Ariosto e il Tasso errarono 
lontani dal diritto sentiero , avendo tessuti i mara- 
vigliosi loro poemi prima che I piii illuminati mae- 
stri della poetica avessero trovato nel verso sciolto 
il mezzo piu acconcio ad imitare quelle bellezze die 
sono oggetto dell' arte. E gia non vogliamo noi 
dilimgarci dal Rezzonico per seguitare quella con- 
traria sentenza che piacque al Baretti; ma soltanto 
abbiamo voluto notare queste parole , affinche i leg- 
gitoi'i ci dian fede senz' altre prove , se direm loro 
che il nostro Autore reco in questa misera quistione 
dei versi sciolti e delle rime tanta erudizione e gra- 
vita, die non sarebbe poca a chi ragionasse per la 
salvezza delle mogli e dei tigli. Ne il Baretti , a 
nostro giudizio, erro gridando contro i vej'si sciolti 
de' suoi tempi; e forse non bandiva la croce cosi 
generalmente addosso ai versi sciolti , se non avesse 
veduto che di que' giorni era questa la divisa di 
tutti coloro che seguitavano la sciiola del Bettinelli 
e del Frugoni , contro alia quale avea ben ragione 
<li esercitare la sua frusta. E veramente prima del 
Parini pare anche a noi die poclii versi sciolti po- 
tesse vantare F Italia ; e nessuno igiiora per quale 
immenso spazio il Parini si dividesse dal Frugoni e 
dal Bettinelli. IMa la ragione prevalse air entusiasmo: 
e il niunero castigato e quieto del cantor milanese 



CONTE DELI.V TOHRE DI HEZZONlCO. 1 5 

cterno il vituperio del Lombardo Sardanapalo, nien- 
tre giacciono gia nelF oblivione colore dei quali il 
Frugoni vantavasi eternar la memoria co' romorosi 
suoi carmi. Ne e da credere clie il Rezzonico gia 
avesse concetta nell' animo questa semplice perfe- 
zioiie del verso sciolto , e che mentre si batteva 
col Baretti non approvasse neppure le poesie Fru- 
goniane , c nieditasse egli medesimo quel nuovo^e- 
iiere che dal Pariiii fu aperto, e dal Monti poi re- 
cato a soninia perfezione. Perciocche del contrario 
ne accertano e le espresse parole del gia citato Ragio- 
naniento , e il testimonio de' suoi versi. Aprasi il vo- 
lume de' suoi poemetti, c leggasi nella prima pagina: 

O candldo Censor di quante vergo 

Di iigile lucerna al cheto lume , 

O sul roseo mattin delfiche carte , 

Caro alle Muse ed al cetrato Apollo^ 

Del mio Ubero canto oggi tu sei 

V auspice degno , e nel sermon de' Numi 

M' udrai narrarti qual tessendo inganno 

lo vada agli ozj del pornoso autunno 

In questa solitudine tranquilla. 

Dove incolta natura offremi intorno 

Sparse sul monte antiche selve e case, 

Rustica vista, 
Cercliisi YEsillo a Tamarisco Alagonio , e leggasi 
nel principio: 

Tamarisco , s' egli e ver die possa 

Col suono lusinglievole de' carmi 

Le tristi cure allevuir la Musa , 

Oggi te meco per I' ascrea pendice 

Trarrb dolente in lungo canto , e forse 

L' esule affanno spargerb d' obblio. 

Me sulla balza di petron ferrigno 

Serra Compian fra le sue torri , a cui 

Fra Z" edra e il musco pel girevol fiance 

Va lo squallor de' secoli serpendo , 

E I' odio accresce alle solinghe mura 

Che porgon legge a' passi miei. Ma quale 

Grata pub mai di ferree verghe , o porta 

Lungo stridentc sui gelosi pcrni 



i6 oi'r.mc nix c vv. cvulo cvstone 

// libcro arrestar verso die sdcgna, 

Non c.h' nltro , il fren delt eccheggianti rime ? 

La nella parte pin agli Dei vicina 

Ergesi il figlio cle' farUasnii , e moke 

Coir armonico rombo delle penne 

L' aurc a tondo aggirate. I modi miei 

Or sempre tali non saran : T acerho 

Diiol che nel logo del mio riior rixtagna 

D' atri pensier con lenta nebbia assale 

II lihrato siti {•anni ardito carme , 

E pigramenle lo richiama al suolo. 
Esc V lia alciino a cui qiieste prove noti bastiiio, trovi 
VAgatodemoue ^ e legga nel principio del primo canto: 

Se del possente immaginar suW ale 

M' alzo Iciddove si sottragge e perde 

Di lieti colli in fertile pendio 

II Ligure Appennin I' erte nevose , 

E il guar do volgo al bel terren che riga 

Nicia , Parma , liidon , Po , Trebbia e Taro , 

Tiuto mi par di Numi pieno , e mille 

S' addensan di poemi alti subbietti 

E chieggon vita alia sospesa penna. 

Non sa ragion de' vagabondi spirti 

Il tumulto freriar. Nuovo inqmeto 

Elettrico vapor ni agita e scalda , 

E fuor delle dischiuse ime latebre 

Loquace turba di fantasmi elice, 

E di pensier die turbinando in giro 

Par che rapisca e insiem confonda ed urti; 

Mentre a quel tocco la febea scintilla 

Scossa nel bujo delle miste idee 

Fa giorno all' alma repentino e scoppia. 
Api'asi linalmente il sesto canto tlello stesso Agato- 
detnoiie e leg2;«isi il primo framniento : 

Salve , o Commercio , irrequieta prole 

Deir alma industria , o di ricchezze ed arti 

Auspice e padre, o di possanza eterno 

Fonte alt Europa in mar tonante , ond' ella 

Fa daW orto all' occaso , e daW irsuto 

Tar taro err ante al barbaro Ottentotto 

Su cento prore veleggiar suoi doni , 

E Ic nxinacce non mai vuote , e I' ire. 



CONTE DELL A. TORHE !>! REZZONICO. 1 7 

Salve , DaCor di nuova vita , o Name 

Dal bcl cintigUo cT oro , onde congiuiue 

Furono in nodi d' amista le genu 

Cui I' invida natura invan frappose 

Gelo ed ardor d' inospitali cliini , 

Muti deserti , sitibonde arene 

E di negre paure oscure selve , 

Ma pill per mostri e cieca rape in/ami 

Spazj di mar. Tu ecc. 
II Rezzouico adunque ne^ versi sciolti prese a nio- 
dello il Frugoni ; e quindi e da fare di liii ([uel 
giudizio clie del sno esemplaie ; ne accade clie noi 
vi spendiaino parole. Al Frugoni si accosto pure in 
gran parte anclie nelle poesie liriche , sebbene ci 
scnibri che in queste gli appartenga piu presto il 
nome di Arcadico clie di Frugoiiiauo. Perocche que- 
st' ultimo per la vigoria deiringcguo che gli abbondo, 
e per la feracita del pensicro che a lui fu moltis- 
sima , non di rado spiego V ali ad altissimi voli ; e 
a' suoi ardimenti e airiiupeto della sua veua acqui- 
stava perdono , e talvolta anche lode , il furore ch' e 
fondaniento alia lirica poesia. IMa il Rezzonico o non 
voile o non pote in questa parte coiitendere col 
maestro ; e quindi nel piii de' suoi componlmenti 
accusa la scuola Arcadica piuttosto che gli ardimenti 
Frugoniajii. Noi non ignoriamo per certo ne Fottimo 
fine a cui fa instituita V Arcadia , ne F altezza di 
que'dotti che a lei hanno appartenuto. Ma e si nota 
la storia di quelFAccademia e del sno rapido deca- 
dimento , che non e meraviglia se ci duoliamo di- 
vederla troppo seguita anche in coniponimenti scritti 
forse cinquant' auni addietro, o mcgho. Pertanto se 
il nostro Rezzonico vuol cantare il console Sempronio 
che passo la Trebbia, ecco egli personitica il tiiune 
e ti dice che : 

Infino al petto usci Trebbia dell' onda 

E al corridor del console Romano 

Clie di guerrier nitrito einpiea la sponda 

Il fren riienne coUa glaiica nuuio. 
Bibl. ItaL T. XXXVll. 3 



1 8 OPKRE DEL C\V. OVULO C A.STONE 

Se toclie a celebrare V Anno secolare. cV Arcadia , du 
persona anche air anno e ti dice che: 

Un vecchio egU e ma di I'ccchiezza verde , 
Cui vend lustri non han domo o stanco ; 
L' inequicto pie vigor non pcrde 

Se il crine e bianco. 
Qual di si[onia neve iniatta falda 
La barba irta discende a mezzo il petto , 
Apollineo furor gli anima e scalda 

II diva aspetto ; 
e soltanto dopo vcntiquattro versi ti svela chi sia 
questo veccliio, e ti dice cli' egli e il sccolar d' Ar- 
cadia anno giidivo. 

Se celebru il parto d'una prmcipessa, egli si finge 
in una valle suUa riva del Lario, e ti dice com'' era 
gia presso a toccar la cetra, 
Quando sfumar di nuvole 
Vide ogni vel repente , 
Dolce aleggiando in aria 
L' aurette di ponente ; 
E il fervid' Eto c Piroe 
Di lunghi crini adorno 
Sparger dall' ampie ignivomc 
Nari piii largo il giorno. 



11 carro ecco di Venere ^ 

Che fra gli Amor seguaci 
Lieve pel del traevuno 
1 passeri procaei. 

Nella canzone pel piimo parto di altra priucipessa 
ti vien diccndo come parevagli d'csscrc sul verlicc 
dcir EUcona , 

Dove coll' unghia solida 

Dalle riposte vent 

Fece scoppinr giii. Pegaso 

La garrula Tppocrene. 
Quando al sonoro margine , 

Ombrato il crin di mirto '' 

Presso si fe' Lucrezio , 

Armonioso spirto. 



CONTE BELLA TORRE DI REZZONIGO. I9 

III mm' akra canzone celebrando T acclaniaziono in 
Arcadia del principe Federico d' Inghilterra sotto i 
iionii di Sebastc Cotilio , cost da principio : 
lo vidi Apolline . 

Dal hel crin cV oro ' 

Segnar nel cortice 

D' un vecchio alloro , 

Gia membra caste, 

Vieni , o Sebaste. 
Amor, die in aniino 

Gentile e lodo , 

E turde a sciozliere 

Le Grazie il nodo 

Gian fra le 3fiise 

Miste e confuse. 
E il tronco in faeili 

Molli catene 

Di rose aviohcro 

E di verhene 

Che agli Dei care 

Accerchian I' are. 
E cosi di visioni e di apparizioni va pieua la niag- 
gior parte de' lirici componinienti: ne di questc ar- 
cadiche iiiezie sono immuni neppure i poemetti, dei 
quali parlanimo gia innanzi. A dire pertauto qugllo 
clic noi sentiamo del merito poetico di Castoa Rez- 
zonico , non dubiteremo di allermare cli' egli ebbe 
da iiatiira vigorosa fantasia c imniaginazioiie ric- 
chissima: die se fosse vissato iii altii tempi avrcbbe 
potuto essere un pocta : ma iiicontratosi ad un"" eta 
traviata e lontaiia dalFimitazione degli ottimi, e non 
avcado aviita possanza di resistere alia corrente nella 
quale i piii erano travolti , non fii altro die un facile 
c vigoroso versc2;2;iatore. La quale sentcnza se forse 
parru scvera e forte ai nostri Icttori, gia non sem- 
brera iiigiusta a cliiun([iic Ic^;^!;:! le opere poetiche 
del llczzouico : c ccrtanieutc il dover riuscire a 
questo giiidizio a poclii piu die a noi csser poteva 
gravoso ; die abbiamo coinuue colfAutore la patria 
cui vorrcmnio illustrare colla virtu dei trapassati , 



20 Ol'KKK DEL CW. rAFxLO CASTONE CCC. 

poiclic noil ci prende speranza clie i poster! la di- 
cano c,loriosa per qucsta nostra eta. Del resto ne' li- 
rici coniponimenti non nieno clie nei poemetti tro- 
vansi qua ^ la alcuni alti e vigorosi concetti che ti 
sforzano a dire : costui senti fortemente la vita : e 
ti rccano a compiano^ere la condizione di tanti inge- 
gni che vannn perdiiti per la stolta su[)erbia dc' mae- 
stri ai cpiali soiio connucssi. Aggiungi die niolte poe- 
sic del Rezzoaico sono piene di belle cognizioui, e 
corredate di utilissimc note: di sorte clie se non vo- 
gliaino che i giovani ccrchiiio in questi volunii un 
modello da seguitare per farsi poeti, non vorremmo 
per altro clie senza riserbo alciino rigettassero que- 
ste poesie, come se tiitte e 'senipre fossero o dan- 
nose od inutili. ISlel clie avremmo data lode all'Edi- 
tore se in servigio dclla gioventu italiana non meno 
clie della fama del suo Aiitore , avesse con piu se- 
vcro giudizio iiegato luogo nella sua llaccolta ad 
alcimi poetici compouiinenti clie mal rispondono al 
iiome del Tvezzonico , e cli' egli medesinio non vor- 
rebbe fare di pubblica ragioiie se vivesse ai di no- 
stri. E ben poteva-por mano sicuramente a questa 
scelta il dotto Editore , di cui conosciamo il dititto 
giudizio confortato da un lungo studio dei classici 
e da un lodevole esercizio nelFarte delpoetare. Se 
non clie egli, rivolto a studj piu severi , attese in- 
vcce ad arriccliirc i volunii di alcune belle ed. eru- 
dite osservazioni , colle quali ora discopre qualclie 
errore in cui cadde V Autore , ora aggiunge alia 
dottrine del testo i trovamenti di questo secolo, ed 
ora tinalmente acquista fede al Rezzonico col testi- 
nio"nio di altri autori. L' edizione e assai bella e 
conioda , di qualita clie se V Editore avesse voluto 
aggiungervi alcune tavolc , non lascerebbe luogo a 
ncssuii desidcrio. 



2T 



Dellc sciciizp statlstichc , lihri dodici di Antonio Pa- 
DOFANI , professor e ordinaiio nelV I, R. Universitd 
di Pavia. Tomo i.° — Pavia, 1824, dalla stam-. 
peria di Valeria Fiisi e Camp., in 8.', di pag. 804. 



L 



E Tavole statisticJie del Gioja e gli Elementi del- 
t arte statistica del Gagnazzi sono le clue niigliori 
opere e Ic piu rccenti che vanti 1' Italia su questo 
aigomento; nia le Tavole , a\. dixe del nostro autore, 
sono fatte per coloro che sanno , e gli Elementi la- 
sciano assai cose a desiderare. « Laoude, prosegu' egli , 
emmi pariito potersi dar luogo ad una tei-za opera, 
alia quale sia proposto spccialmente lo scopo di for- 
mare il criteria statistico nella studiosa o;ioventu, die 
nel pruno anno degli studj legali a queste nobxlis- 
sime discipline si accosta , acciocclie si accenda in 
amore di esse. E mettendo Tanimo in questo inteu- 
dimento ho tolto ad esaniinare tutti quanti gli ele- 
menti , che alle scienze statistiche appartengono , nei 
rispetti della ricchezza, della sicnrezza, della morale: 
perocche tenni senipre la sentenza dilungarsi dal vero 
coloro i quali non vollero ponderarli che dal canto 
della ricchezza , quasi non sieno da desiderare poi 
la sicurczza e la morcde. Delle cose discorse ho ar- 
recato in mezzo le ragioni probabili ,. stimando er- 
rare la via coloro che si tengono contenti alle pure 
quantita : perche , a dir vero , in che pro mai tor- 
iiano elle? Che se taluno avvisera spettare alcune 
cose per mt dette ad altra scienza , lo prego che 
voglia fare accurata considerazione al mio proponi- 
nicnto , e vedra che non doveano quelle csser pre- 
terniesse. Nel che fare di leggieri ho consentito al- 
r opinionc di due ingegni prcstantissimi, che molto 
avanli scntirono in cotali cose , alia quale pur e 
mcstierc acqnetar V anirao quando piu ne cagtia della 
scienza che di noi stessi , e sono il nostro Genovesi 



aa DELLt: scienze .statistiche, 

e il Sinclair. ITo aniato ezia'iidio di adornav V opera 
di tcsti dc piu cclehri classici autori gioci c latini 
clie alia ra2;ionata materia erano pertineuti: pcrcioc- 
clie parnii sia ricliiesto a clu scrivc il ricordare alia 
niemoria akrui i dettati dell' antico seuno e uoii gia 
passargli in silenzio e quasi parere irriverenti. » 
Fin (pii il sig. I'adovani al discreto lettore. Segue 
r introduzione nella quale primamente Y autore si 
]a2;na clie eoloro i qnali il preredettero in qiiesto 
aringo, di niuna cosa altra si pigliassero pensicro clie 
dclle orioinl delle statistiehc discipline , della loro 
dcjiiiizione e partizione , del nietodo con clie gli ele- 
ment! ad esse attinenli vogliono essere ordinal! , delle 
fonti a che attingerli , delle diffcrcnze tra esse e le 
scienze colle <£uali hanno relazione, delle ittilitd che 
lie derivano e il loro fine, nelle cjuali investigazioni 
tutti gli scrittori poscro \ animo senza avvedersi , 
die' egli, clie nientre alV omhia tenevano dletio per- 
devano di i^ista il coipo della scienza. 

L' autore passa conipendiosamente a rassegna tutti 
i siiccennati punti dando su di essi le diverse opi- 
nion! , autorita, congetture e sentenze tanto degli 
anticli! come de' modern!; e dalle origini coininciando, 
npta come molt! furon d' avviso aver avuto gli an- 
ticli! contezza appieno delle scienze statistiche, altri 
dandone la gloria a! Grec! , altri a! Roman!. Molt! 
negano questo saperc agli anticlii e preiendono ve- 
derne le prime ornie dopo il iS^i nelle rclazioni 
clie 2^1! Ambasriator! venet! mandavano al Senate , 
raccolte e pubblicate quasi due serol! dopo dal San- 
sovirio ; altri finalmente ne vollcro dar il merito agli 
Ingles! ed altri agli Alemanni. * 

Venendo a dire del nome, dopo un cenno suH'eti- 
mologia, osserva clie piu di settanta detinizioni si 
contano della statistica , e no! vedrcmo piu sotto 
quella clie ne porge 1 autore come la piu esatta. 

Per c!6 clie alle varie duist-oiii appartiene tutti 
gli scrittori ne vogliono dare le proprie quasi la 
scienza in essa riposasse, e no! tralasceremo di qui 
anuoverarle per amore di brevitii. 



LIBPJ DOmCI DI ANTONIO P.VDOVAXr. 23 

Venendo al metodo da iisare per T ordinamento 
degli elementi statistic!, Tautore fa nienzioae di quelle 
dello Schlotzer , del Sinclair e del Gioja ; dopo di 
che passa a ragionare delle funti alle quali si' attin- 
gono gli elementi statistic! e le divide in pahhllche 
e private, suddividendo queste in nazionall e stra- 
niere ,■ dopo le quali cose osserva conie gli scrittori 
procacciano per pin maniere di mostrare le differenze 
die sono tra la statistica e le scienze aflini, cioe la 
geografia , la tecnologia ecc. 

Deir iidlitd della statistica mostra come a lungo 
ed in pin guise se ne parlo , e spiega com' ella si 
applicasse agli agricoltori, agli artigiani, ai mercanti, 
a tutti i cittadini, ai governi, agli stranieri, e final- 
mente ai posteri. 

E venendo per ultimo a ragionare del fine alle 
scienze statistiche proposto , nota come i piu con- 
sentirono alF opinione del Sinclair esserne il civile 
perfezionamento i e cpii conchiude \ autore meravi- 
gliandosi come gli scrittori trattando di silfatte cose 
avvisassero di avere bastevolmente detto delle scienze 
statistiche , e si tenessero contenti a brevi prolego- 
meni scolastici, scnza aver posto lo ingegno al cprpo 
della scienza , ed avessei'o per srdici lustri voluto 
premere Ic stessc orme , quasi quelle scienze avessero 
ibrnito il loro legittimo corso e piu non rimanesse 
die di adornare e coltivare le cose gia fatte. II die 
viene dal nostro autore attribuito alia baldanza degli 
uni ed all' inerzia degli altri , e fu motivo die 2;li 
venisse nell animo gia dti tempo di trattare quelle 
scienze come gli e panito coiivcnirsi , acciocclie se ne 
possa il vera frutto raccorre , e giugnere cold ope dar-' 
rivare s' intends. 

A siflfatto suo proponimento comincia a nietter 
mano col discorso preliminare piantando per prin- 
cipio niuna cosa potere alle nazioni civili piu felice 
avvenire , quanto die gli uoinini vivano una vita 
agiata c sicura. E se cosi c, soir2:iu'in'e'>li , iioi pos- 
Biamo termare : essere la piii felice conseivazione il 



a^ DELLK SCTKNTIE STATISTTO.TTF , 

fine comune dclle^ civili socield , rid fa dl mesticre 
(f^i^iiiiliici'i' coU (tziuJie concordc, pigorosa c contiiiuata 
dc//f I'orze coinuid. Considerando ora nelle sue parti 
priiicipali codcsto comune fine, noi ravvisiamo di 
]c2,<iicii due scopi cssere a cpicUo proposti, ricchezza 
e siairezza. 

A conseguire la ricchezza iusiememente adoperano 
la nntura e I'nomo: la natura colle terre e loro pro- 
prietd naturalt , poi colle me potenze : V uonio colla 
intelligcnzci , colla moralitd , colla robustezza. 

02;ui corpo civile accio clie sia durevole, ed ag- 
S;iuu2;a il line clie ad esso ,e proposto , fa d' uopo 
che abbia una forza princlpcde direttwa insleme e 
coat.tUci, per vigore e sapienza della quale tutti i 
membii tendauo roncordcniente , vigorosamente e 
coutinuatamente al niedesimo line. Questa loiza ( che 
iliiaiiierenio anche autorita niodcratrice ) ad ottcner 
il suo scopo si giova della religione ed istrnzlone per 
iuformar T animo e la mente alia virtu, promuovere 
il costume , ralTorzarc il carattere morale del volgo 
e scuotere 1' iulingardia ; di leggi pctrticolari per di- 
rigere le pubbliche industrie mostrando a cui una 
Vi'a a cui un' altxa , c daiido quando un incitamento 
a certe produzioui , e quando un altro a speciali 
cousumazioni ; di onori e di pvemj perclie la virtu 
abbia ricordo e guiderdone , e l uomo bramosia di» 
emularla ; delT esempio perciocche la mente piglia 
meglio per via dell' esempio la natura delle cose ; 
del soccorso per sostcntare le forze deboli con pro- 
porzioncvolc ajuto; di Icg^i gcnerali per proteggere 
la vita, la libcrta , la proprieta , T onoie ; di magi- 
strati clie sieno i custodi delle leggi; di armi che 
lie assicurino T osscrvanza; di ^/zo/zze acciocche man- 
tengaiio in vigore le nioltjplici forze. Finalmente 
lautoi'ita moderatrice dee cospirare a quel line /Tza/z- 
tenendo le relazioiii piit favorevoli colle altre potenze. 
Le quali forze tutte quante sono con si necessario 
nodo congiunte, clie niente puo riescire a suo line, 
a riti'oso di quella inconmuitabil Icggc che tutto 



LTCr.I DODICI DI ANTONIO PABOVANI. 2$ 

sottopose air azione reciproca tlelle cagioni , de' mezzi 
e (legli elTctti. 

Essendo le cose siffattamente ordinate in un corpo 
civile il nostro autore trae occasione di venire alia 
definizione della statistica cli' egli csprime nel mode 
seguente , cioe dicendo die la sposizlonc esatta, me- 
todlca e compiiita dello stato prescntc di tutte le foTze 
socially e pe?- conseguente delle atdtudiiii, delle azioni 
e. degli effettl delle medesime costituisce V obbietto delle 
scienze statistich'e. Dal die si comprende , die" egli , 
assai dilungarsi dal vero coloro i quali riposero la 
statistica nell" enunciazione delle quantita , non si 
pigliando alcuii pcnsiero di discorrere le cagioni e 
i mezzi die quegli etfctti partorirono. Ed e aiicor 
manifesto, soggiugn egli , die se la statistica ha per 
obbietto di niostrare le forze di uno stato per la 
sposizione ragionata di tutti qnegli elenienti, die a 
niantenerle deggiono cospiraie, si torrebbe e T unita* 
della scienza, e mancherebbesi all' obl^ietto e allin- 
tendimento di essa, se, come le piu persone fanno, 
si volesse partivla in quelle divisioni di die abbianio 
parlato , perciocche necessario e il legame di tutte 
le parti. E finalmente , sostiene , molto ingannarsi 
coloro i quali non vogliono consentiae essere la sta- 
tistica di tanto mom^nto , die dir si uebba principio 
e perfezionamento di ogni altra parte delle politidie 
discipline. Ma a farli ricreduti , concliiude , varra la 
trattazione della scienza die si propone di fare , of- 
ferendo intanto ai lettori i quattro primi libri cqm- 
presi in questo primo tomo della sua opera. 

Ncl libro I tratta della topogralia , e quindi in al- 
irettanti separati capitoli della posizione, estensione 
e confini del paese ; della forma esteriore del suolo ; 
deir acqua ; delle strade.; della fertilita. naturale del 
terrene; del clima; delle citta, borglii, castelb, vil- 
laggi , abitazioni ecc. ; e finalmente della distribu- 
zione generale del territorio. 

.Subliietto del II libio e la popolazione , e quindi 
r importanza di essa; i varj modi iisati per conoscerla; 



26 DELLE SOIENZE STATISTIGUE , 

le proporzioni fra i scssi, le proporzioni fVa i ma^ 
tiimonj c la popolaziouc ; la fecoudita dci niatri- 
monj ; le proporzioni fVa le iiascite c la popola- 
zioiie ; T orditie dclla mortalita-, Ic proporzioni fra 
le nascite c le morti, c le conseguuiize die se no 
possono derivare ; la probability dclla diirata della 
vita umana ; la relazione fra la popolazione e il 
tcrritorio ; la relazione fra la popolazione delle cam^ 
pa2;ue e quella delle citta; la partizione del popolo 
nelle varic classi civili; le forzc lisiclie della popo- 
lazione; le sue forze intellettuali; le sue forze morali. 

Arii;oniento del 111 libro souo le industrie agrarie 
ed i loro prodotti , dove in ventisette distinti capi- 
toli trattasi i.° delle varie industrie le quali nella 
denoniinazioue d' industrie agrarie si comprendono; 
2." della caccia ; 3.° della pcsca ; 4.° dclla raccolta 
degViusetti utili e delfestirpazione de'nocivi; 5.° dclla 
raccolta delle piante spontanee ; 6.° delle miniere; 
y° delle acque minerali; o." degli armenti; 9.° delle 
greggie; 10. "" del baco da seta; ii.° delle api : 12.° del 
pollanie; i'i.° dcirestensione delle proprieta; i4.''dei 
sistemi coi quali si fanno lavorare i fondi; i5." dei 
metodi o sistemi di coltivazioiie ; 16.° degli stro- 
menti agrarj ; 17.° dei lavori at^rarj ; 18.° dei con- 
cimi; 19.° delle biade, delle civ. i*' e de' loro prodotti; 
20.° de' prati e de' loro prodotti; 21.° de' vegetabili 
che si adoperano nelle manifatture ; 22.° degli orti 
e de' loro prodotti; 23.° delle viti e de' loro prodotti; 
24.? dcir olivo e delle altre piante olcifere; 25.° de- 
gli alberi da frutto e de' loro prodotti; 26.° de' bo- 
sclii; 27.° de' fondi coniunali e de' terreni incolti ; 
2o.° Conclusione di questo libro. 

Ncl libro IV tratta delle Industrie manifattrici £ va 
considerando i.° f importanza delle arti e delle ma- 
nifatture ; 2.° la divisione delle niedesinie ; 3." la 
situazione e lo stato materialc delle fabbriclie mani- 
fiittrici ; 4.° gf istronienti e le macchine ; 5.° la di- 
visione ed associaziouc dci lavori; 6.° i metodi ed 
i process! praticati nelle arti e nelle manifatture 5 



Lir.ni DODiCT r»i antonio padoV-ant. 27 

*r.° le qnaliLa , varieta , bdlezza e forme delle nia- 
nifatluro ; 0.° la condizione dcgU opciai e de' loro 
salarj ; 9." la ([uantita e valore dei prodotti delle 
indiistrie manifattrici ; ic.'' le manifatture rispetto 
alia produzione delle materia opportune; ii." Ic 
maniratture rispetto ai bisogni , ai comodi , ai piaceri 
della vita ; 12." gli ostacoli allWiitroduzione c per- 
fezione delle manifiitture , ed i mczzi atti a promuo- 
verle e ristorarle. 

Data cosi uti' idea generalc dell' opera, noi entre- 
remo nell' csaine critico di alciine sue parti. 

I. Non ci garbeggia troppo la definizione clie ci 
da r autore della statistica. Infatti, dire cli' ella e la 
sposizione di tatte le forze socicili, e presentare una 
idea inesatta e nel tempo stesso troppo ristretta ; 
giacche le forze sociali^ secondo il comune mode 
d'lntendere, non possono essere confuse c olle ybrre 
fisiche della natitra ( temperatura , venti , 'ai'({ue , 
terrc , ecc. ) , delle quali la statistica suole e deve 
occuparsi. Esaminando la tavola generale clic si trova 
alia fine delle Tavole statisdche e le dilucidazioni die 
ha dato 1' autore di esse nelf altra operetta sulf In- 
dole e vantaggi della statistica, noi ci siamo formata 
la scgiicnte delinizione : 

cc La statistica e la descrizione ragionata dei 
» luoglii e delle cose , degli uomini e delle abitu- 
>) dini , delle Icggi e delle autorita pressb le partico^ 
3> lari nazioni, onde apprezzarne f aitooZe dc]:)olezza 
5) o potenza , poverta o ricchezza, corruzione o mo- 
» ralita , barbaric o incivilimento. y> 

Se noi non andiamo e^'rati , cpiesta definizione 
dimostra \ estensione e i conlini della statistica. 

II. Non vedianio troppo chiaro quale vantaggi o 
sia^per ridondare alia scienza la citazione de' testi , 
antichi e latini e greci , massimamente quando non 
sono accompagnad da una traduzione italiana ; non 
potendo ragionevolmente sup]iorre die tutti i loggi- 
tori die si occupaiio di statistica, abbiano famigliari 
quelle due lingue , e massimamente la grcca , da non 



a8 n"ELLE SCIENZK PT VTTSTICirE , 

abbisognare del soccorso di una traduzionc. L' egre- 
2;io nostro autore non o il primo die di questa 
specie d onianieiito abbia fatto nso in ItaUa; il Ca- 
gnazzl non la dimentico prima di liii. Veggansi 

Nel tomo I, e pag. viii, ix, x, xii, 6, 7, 86. 

NeltonioII, e pag. 142, i5i, i58, 160, 167, 296. 

Ags>;iugneremo clie il professore di Pavia uscendo 
iin cotal poco dai contini della scienza , lia citato 
nella sua opera sulla statistica cpie' testi clie altri ci- 
tarono parlando dell' agraria. 

111. Senibra che il dottissinio nostro autore opini 
essere stato il primo a considerare i singoli dementi 
statistici sotto i rapporti della riccliezza , della sicu- 
rczza della morale j in tal caso diremo che nelle 2 a- 
vole statistiche dopo la descrizione di tutte le fonti 
delle ricchezze, di tutte le azioni che le sviluppano , 
le modilicano , le cambiano , si parla delle leggi e 
delle autorita che producono la sicurezza , delle abi- 
tudini morali e della religione clie ne e il sostegno. 
Leggendo cid clie dice il professore di Pavia della 
sicurezza e della morale alia pag. 22 , 28, si vede 
ch' egli segue le linee tracciate nella VI colonna del 
quadra sinottico- delle Tavole suddette. Senza parlare 
d' altri scrittori moderni , ricorderemo che Tacito nel- 
r operetta De moribus Gcrmanoram (che e un ceuno 
statistico sidF antica Germania ) addita e la ricchezza 
( o per dir meglio la poverta ) e la sicurezza e la 
morale di quelle popolazioni. 

Noi diremo dunque 

a) che il sig. Gioja diede la teoria nuda o per 
dir meglio lo scheletro della statistica ; 

b) clie il sig. Cagnazzi di Napoli lo impinguo ; 

c) che il sig. Padovani v' aggiunse alcuni colori. 
Questi colori consistono in alcune teorie inne- 

state qua e la sulla scienza statistica, teorie che gli 
scrittori allcconomia sogliono serbare od all' agraria. 
Noi facciamo volonticri applauso al suo consiglio di 
tmire nelle opere statistiche agli clfetti le cause che 
li producono ; ma questo metodo . raccomandato in 



LTBRl DODIGI m ANTONIO I'AUOVANI. 29 

tuttc le Logiche, fu gia da liingo tempo seguito dagli 
scrittori ] taliani , come si puo vcdere nel Quadro 
statistlco del Mella , nelle Osscrvazioni sal Scrio , riella 
Dlscussionc cconomica siil Larlo , ecc. 

Ci sia ora permesso d' accemiare alcuue sviste clie 
sfuiigirono al nostro aiitore. 

§ i.° Sviste dl fattO' 

I .^ Parlamlo del rapporto tra la popolazionc delle 
campagne e quelja delle citta 1' autore dice : 

cc A que giorni (1789) nell' Inghilterra , nell O- 
» laada , nella Lombardia la meta incirca della po- 
» polazioiie si vivea nelle citta ( pag. i38). » 

Se questo lapporto era vero uell' inghilterra e nel- 
rOlanda, attcso la copia delle loro arti e la prospe- 
rity del loro commercio , il clie per altro noi iioa 
vogliamo garantire, noa lo era certamente in Lom- 
bardia. Infatti prendendo nn epoca a noi vicina (1810), 
cioe un tempo in eui la popolazione delle citta do- 
veva avere ricevuto aumenti, atteso T aumento delle 
manifatture, e volendo estendere il nome di citta a 
tutti i comuiii iniuati , abbiamo i seguenti dati pel 
cessato regno d' Italia. 

Popolazione totale del regno 6,209,983 

Popolazione de' comuni murati . . . . 806,701 



Resta la popolazione delle campagne 5,408,282 
Quindi la popolazione delle citta non era nel 
1810 un sesto di quella delle campagne ben lungi 
d'esserle uguale. 

Nel regno Lombardo Veneto la popolazione delle 
citta giungc appena ad un quinto di quella delle 
campagne. 

2,° Alia pag. 299 ricordando Y autore la mania 
per le merci estere, e facendoci supporre che que- 
sta affezione non esiste in Inghilterra , perche ivi 
non e permesso d' entrare in ccrte feste senza essere 
vestiti tli stolFe Hlate , ordite , fornite nella contea , 
contliiude : « v pcro appo 2,1 Iii2.1esi il mercatante 



3ci DELLE SCIENZE ST.VTISTICHE , 

» noil ha mcsticri di csserc, come lie' socratlci vcrsi 
» del nostio Parini si legge: 

(c Pronto inventor di lusingliiere fole 

3) E liberal di forestieri nomi 

» A merci die non niai varcaro i nionti. » 

Qnest' asserzione e snientita dall' opera semi- 
ofl'iciale intitolata : Statu dell' amminlstrazloiie della 
Gran Bretagiui alia fine del 1828; ecco il testo : 

« Le maniiractiirier Anglois a non-senlement vaincu 
« Partisan Francois , niais , ce qni .est plus difficile , 
» il s'occupe niaintenant dc purger lb goat national 
» du prej'iige en faveitr des marcJiandises etrangercs. 
» L'exsjiose fait dcvant la cliambre des lords sur la 
» situation de cctte branclie dc notrc iudustrie (se- 
» terie ) ollre un exemple remarquahle de Pentete- 
» ment du prejuge et combicn il est difficile de de- 
» raciner les notions rccues. 11 est prouve que sur 
» les soies passees en contrebande , ncuf-dixiemcs 
» sont de manufacture anglaise, apportees de Spi- 
» teltields , et non ])as des metiers de Lyon ou de 
» Marseille ( pag. 189, 140). » 

A proposito della mania [)er le merci cstere , 
osserverenio eke il nostro autore non ci sembra af- 
fatto eseiite da quest' alFezione. Infatti egli cita jiiii 
volte scrittori Francesi a pi'ova d' idee poco rile- 
vanti, e ominette di citarc gli scrittori Italiaui nelle 
opere de' quali attingc a piene mani (i). L' autore 



(l) Grau parte delle idee saue del nostro autore c tratta 
dalle segiieuti opere : 

Tavole statistiche ; 

Indole , estensione , vantaogl della statisticd ; 

Sulle manifatture nazioiiali , Discorso papolare ; 

Nuovo prospctco delle scicnze cconnnurhe ; 

Del inerlto c dcllc ricowiieusc , ecc; 

Eieuientl delP arte staiistlca del Cagnazzi. 

Not avevaiuo stesa una tabella uella quale da un lato citn- 
vaiuo gU argouieuti discussi dal nostro autore e le pagine della 
sua opera, dall' altro i vokimi e le pagine delle suddette opere 
anterior!; uia siccome questa tabella luiiclva troppo kinga I'ab- 
biamo oine^sa. 



LiBRi nonini di antonio padovani. oi 

ricorda die nell' lagliil terra si danno prenij a chi 
abbia mcglio tinto del colore proposto i drajipi di 
Jaiia , di seta , di cotone , ecc, e non cita il R. de- 
creto del 9 settembre i8o5 del cessato regno d' Italia, 
tuttora vigeute , in forza del quale vengono premiate 
non solo le invenzioni e migliorie d' ogni specie , 
ma anco la sola introduzione. Ecco dunque una nuova 
prova clic i preghidizj possono esercitarc la loro in- 
fluenza anclie suU'aninio di quelli clie li condannano. 
3.° Si puo riguardare come errorc di fatto il rife- 
rire incsattamente Ic idee altrui per procurarsi il de- 
stro di confutarle. Nel nuovo Prospetto delle scienze 
economiclie tonio II , pag. 281 e 282 si legge clie 
dalla iiotizia isolata del rapporto tra la popolazione 
e il territorio non si puo dcdurre nissuna conse- 
guenza pratica , e nel caso per esempio clie la po- 
polazione fosse scarsa a frontc dell'estensione terri- 
toriale , resta dubbio se le cause morali debbasene 
incolpare o la sterilita del suolo ( vedi il suddetto 
volume alia pag. 181 ). — Cosa fa il nostro autore 
per confutare quelf opinione :' Egli dice clie alia sud- 
detta notizia unendo sei o sette altre , si dedurranno 
pill conseguenze con buona loglca. Va benissinio, si 
puo rispondere , ma voi cambiate un triangolo in un 
quadrato e uscite dallo stato della quistione. 

§ 2. Svlste (II. teoria. 

I, Neir avviso al discrcto tcttpre V autore dice : 
«; Dclle cose discorse ho arrecato in {mezzo le ra- 
5) gioui probabdi, estimando errare la via queUi clie 
:» si tengono contcnti alle pure quantitu : pcrchc a 
» dir vera , in die pro mid tornano elle ? » 

Ci scmbra cosa facile 1 additare in clie pro tor- 
nano le (juautita : 

1." Se due lerreni ricliiedcndo la stessa somnia 
di lavori, f uno produce cinque sementi, I'altro dieci, 
il legislatore avra ragione tli chiedere un imposta 
come 2 al s<'condo, se dal primo ritrae lui imposta 



32 nELT.E SCIENZE ST.VTISTICHE , 

come 1 , bcnclic noa saj)pia (piale sia la raglone di 
quclla divcrsa teracita ; 

2.'^ Qiiaiid' aiiclic la llsica c la fisiologla non ci 
iiulicassero le lagioni probal)ili dellt; niortaliia diverse 
secoiulo le eLa , pure ([iieste luorlalila ci servirebbero 
seniprc uel calcoio de vitalizj c simili contratd •, 

3." Suppoiictc die ill lui ospitalc siano stati 
come scffuc i risultati di tre sale. 



Sale. 


]\Iortalita 
per 100. 


Durata 

dell a 

malattia 

gioriii. 


Costo 

gionialiero 

d' un ammalato. 


A 
B 
C 


10 

i5 

25 


So 
35 

40 


cent. 5 

» lO 
» 20 



Queste quantita dimostrano ad evidenza clie 
Tabilita del medico direttore della sala ^ e massima, 
e quella del direttore della sala C e minima ; dal 
die r amministratore dedurra , die fa d' uopo ritenere 
il prinio, benche chiegga aimiento d onorario, e li- 
cenziare il terzo quancT anclie volesse servire per 
niente. 

4.° Qualunque sia stata la causa dell' inonda- 
zione successa in Pietroburgo il 19 del p. p. no- 
vembre , e fuori di dubbio die le acque salirono a 
piedi 16 '/a suir ordinario livello : 1' amministratore 
dira dunque : quelli die in Pietrobmgo e nel cir- 
condario abitano il piano superiore ai piedi 16 ^fa. , 
non lianno diritto di cliiedere soccorso alia beneti- 
cenza del Sovrano , e lo lianno quelli die abitano 
in piano meno alto , e questo diritto debb' essere 
calcolato in ragione della quantita del danno con- 
IVontata co.Ua quantita dell' asse. 



Linni DOBrcr di antonio I'Adovani. 33 

Ragioiiaroiio pi'esso a poco in questo niodo i tii- 
buui dclla plebc T anno 'SjS cli Konia ; essi dissero: 
le ])ubbliclic scritture fanno lede del censo c del 
valsente di ciasouno; i icgistri privati dimostiano il 
debito : dal coiifroiito di queste quantita risuUa clie 
una parte della citta e opprcssa e somnicrsa dal- 
r altra. In questo stato di cose csporre ]a plebe a 
continue guerre e barbarie. — • Per decidere se la 
miseria de' debitori aveva per causa la loro dappo- 
caggine, i commissar j scelti per questo oggetto do- 
vettero porre a confronto piu quantita , il nuniero 
de' ligli, le giornate di lavoro, gli oggetti consumati 
nelle faniiglie , ecc. II che ricordianio per conchiu- 
dere clic le cause de' diversi elletti emergono per 
lo pill dair esanie di quantita diverse , quantita die 
talvolta possono esscre determinate con prccisione , 
tal altra soitanto in modo gencrico e vago. 

II. Alle pag. 80 e 8i T autore dice die, siccome 
non e senipre vero die all incremento della popola- 
zione seguiti senipre un proporzionato incremento 
di ncchezze , cosi non vuolsi desiderarc se non cpiella 
popolazione la quale sia proporzionata alia somma 
possibile dei prodotti dcUindustria di cui c capace 
la nazione , cc quantunque se vi avesse una popola- 
» zione sovrabljondante un tal'i stato non jiotrcbbe 
>j durare chc puc/d gland , e il nataralc equilibrio 
i) J.) res tame lite si ristabilircbbe per la Icgge dclla 
>> neccssita. » 

La seconda parte di questa proposizione e smen- 
lita dalla stoiia del'.a China : Smith stesso, il quale 
dichiara ricdiissima la nazione Chinese, acccrta che 
il popolo e spesso costrctto a gcttare ne' liumi i 
neonati e pascersi di carogne: tanto e vero che puu 
cojitinuare la popolazione in uno stato di soprabbon- 
danza. 

Dire che quando i mezzi di sussistcnzii acqiiistano 
vin ccrto grado di difiicoka la popolazione s' arresta, 
non c distruggere il suddctto riliesso diuiostrato dal 
fat.'O. 

ntbl ItaL T. XXXVII. Y 



3^ DELLF, SGIEMZE STATISTlCHE , 

III. Alia pag. i35 si loggc: (c paragonando la po- 
5) jiolazioiie cli due Stati di eguale snpcilicic pro- 
» duttiva , qiicllo direnio j)iu |iosscutc , il quale 
» iiumticue niaggiore popolazioue, |)eiciocche e que- 
5) sta esscn/.ialnieute collegata coUa niaggiore pio- 
» spt'iiia c sicuivzza. » 

(^acsta proposizioric non puo essere ammessa , 
oss(Muio Jioto clic un pugno di Spaguuoli soggiogo 
miiioni d' Americaiii ; c alia China poclii Mandiuri 
viusero niigliaja di Chincsi. Per calcolare la poten- 
7.a , la prosperita , la sicurczza degli Stati non ba- 
sta csauunaic la superl'icie produttiva e 1« niassa 
degli abitanti; ta d' uopo aggituigcrvi le abitudini 
deir iiiLelletto c i sentinicnti dell' animo ; pcrcio uu 
agiicoltoie od ua artista inglese produce di piu 
clic un agricoltore od nn artista egiziano ; ed un 
abilaute di Sparta prometteva maggior sicurezza alia 
sua patiia che cento sudditi Persiaai al lore re. 
Auiiibale, benciie vincitore alia Trebbia , a Canne , 
al Trasinieno trovo in Roma uomini jnonti a morirc 
per la Kcpubblica : all' opposto Alarico , ai Romani 
chiedeuti cosa loro lasciava , la vild , rispose , e 
qucsti uomini dcgenerati si spogliarouo di tutto per 
liscattarsi; eppure (|uella capitale non era men po- 
pobita che al tempo d'Annibale. 

IV. Alia pag. 14T si legge : « le mo]ti])lici ric- 
« chezzc sono appresso i pojioli sempre in lagione 
» della somma dellc fatichc di tutta quanta la po- 
« polazionc. » 

Giusta quc&ta massinia che e di Smith , di Si- 
smoade , di Beccaria , si dovrebbe ritrovare uguali 
ricchezze, ovc e uguale la somma dclle fatiche , il 
the e contrario all' csperienza. Nel secolo XVI i pe- 
scaiori Marsigliesi prendevaao oooo tonni al gtorno ; 
nel secolo XVIII non riuscivano a })renderne 600. 
Colla stessa sonmia di fatiche si ottiene nella Svezia 
dalle niiaiere di ferro /;opt'/e il io, 20, 3o , 40 per 
100, riccke il 5o , 60, 70, 8c) ed anche 90. Si os- 
servano le stessc dilTcrenze ncU'escrciziO dcllc arti e 



MBKI DOniCI DI ANTOMO PADOVANI. 35 

ilcl coiiinicrcio, soco:ido v.'ie souo favorcvoli o <;oii- 
uaric le ciicostauzc topogfuliclie o per dir mcglio 
Ic circostanze mtex'nc ed cstenie. 

V. Dalla pag. icjS alia 201 1 adtore adduce divcrsi 
argoinend contio T opiaioue die dichiara jjiii pro- 
dutiivi i grand i poderi die i piccolj. Egli osserva 
baggiaiaentc die iu {{iiesta qiiistioue nou si deve 
])reiidere ad esame solanieute ia ricchezza , 111a aii- 
clie la sicurezza e la morale , qaiiidi coadiiude : 
tc Si coatroati la sicarezza di die si gode ia ua 
» paese dove le proprieta soao divise, con quella 
» die si lia uei paesi dove le proprieta soao in 
» podie luaai ri unite , e vedrassi cola non essere 
j» siciuezza , dove iiua classe auinerosa di popolo 
y> sia ia aaa coadizioae precaria |)icaa di travagli 
y> e di laiseria , e senza speranza nelT avveaire ; e 
V dove aon e sicarezza aoa puo essere la morale. 
Noi noil faremo risposta agli argoaieati del no- 
stro aiitore, giacchc aoa si potrcbhe iiaire la di- 
scussioae spedilaaiente : ci limiteremo a citare 1' Ir- 
laada ove i poderi soao piccolissiiai e divisi in modo 
<:!ic , giusUi il liaguaggio poco seasato del suo mi- 
gliore poeta , ogni quarto d' acre di terreno mantiene 
il suo uoino. la Irlanda la popolazioae delle cam- 
pagac sembra giaiUn a quel puato in cui i pomi di 
terra possoao essere 1' uaico alimeato dell agricol- 
tore. Ora sicconic la cokiyazioae di questo prodotto 
richiede podie giornate , quiadi qaelia popolazioae 
e iiel teaipo stesso so^jrabboadaate, miserabile, oziosa, 
vagaboada , avida di liquori , superstiziosa all' cc- 
cesso , prontissima a ribellarsi. E siccome questi vizj 
si scorgono aaclie lie' caatoai of 6' abltaiio Protestanti , 
quiadi aoa si jiossoao attribuire alia aota iatol- 
leraiiza die esclade i cattolici dalle cariclie e delle 
qiiali il paesaao lorse aoa coaosce acanclie iaonii; 
ccco (liLiique un pucsc ul cut c massirna la dtvlsione 
dc poderi e mudina la sicarezza e la morale. A quella 
causa jiriacipale s' aggiuiigoao altre , e tra (pieste il 
vivel'e 1 projjiietarj liiagi cLdla loro patria , c (juiadi 



S6 DF.r.LK SCII.XZE STATISTICUK , 

la manoariza di qiirl patio:) • o clio i ]iior!ricrarj inglrsi 
cscrcilano no' loio <a;in>rii , giacclir crodianio cnarc 
]a via il uostro aiUovc allorchr attribnisce la pove- 
ra2;iia iiitiicso alia c;raiulc/,za do' pochni ( pac;. 200 ). 
Lc log2;i sid doini(-ilio , le viccnde comnuMciali , i'au- 
meiilo drlk' inaccliine , die sehbenc ulilissime alio 
Staio , noil lasciano d' essere inomcntancameiitc dau- 
nosa ad una parte di esso , come lo piovano gli 
sfbrzi della setta clie le spezza oviiiicpie puo , linal- 
niciite le legs;! stesse relative alia poverta , sono le 
cause che la ronieutauo. 

La proposizioiie poi gencralissima clic dove, non e 
siairczza non pnd rsscrr la morale , ei sctubra una 
di (juelle iiiassime che vengono spacciate per dogiiia- 
ticlic e cliC si trovano false in mille casi. Infatti la 
sicurezza piio essere distrutta si da' nemici interni 
chc da' nemici esteri : supponete un popolo inno- 
cente che sia invaso da corsari ( il chc, a detta de- 
2;li storiti, fa il caso degli Americani quando fu- 
rono invasi dagli Spagnuoii ) : in qnesto stato di 
cose la sienrezza deve cessare ; ma la baldanza de- 
gli assalifori prova forse immoral ita negli assaliti ? 

VI. Alia pag, 204 parlando de" proiHietarj che 
danno nn fondo da coltivare ad una lamigija di co- 
loni a condizione di dividere i prodotti , 1 autore 
dice che « un tale sistema , siccome quello che 6 
)> pill giusto, presenta molti vantaggi sopra ogni al- 
y> fro , o si consideri rispetto all' interesse del pro- 
s' prielario, od al vauta^gio pubblico , o iinalmente 
5) al costume. Perche il coltivatore die j^er fiutto 
y> del suo lavoro ha la meta dei prodotti del fondo, 
» mette ogni sua cura ncl migliorarlo. 

Anche su qnesto articolo la nostra opinione non. 
consuona a qneila del jnofessore di Pavia. L' atti- 
vila intatti e I nidustria , geneialmente parlando e 
le eccezioni a jiarte , sono in ragione del guada- 
gno probabile e della perdita temibile. Ora quando 
1' agrico'tore divide il orodotto per meta col pa- 
drone , r attivita e V industria non gli fruttano che 



LIEIU DODICI DI AXTONIO ]?AnOVANT. ,^7 

la iiietil del guadagno , V ig;noranza e 1' inerzia noa 
r assoggettaao die alia nieta delUi perdita ; altioutie 
c es))osi;o alia tentazioiie di iiibaie. Suecede V op- 
posto quaiido il {>aesano paga detenninata quantita 
di giauo per ogai peitica di terreno , ([ualuuque sla 
il jiiodotLo ; dalle sue euie e sollecjtudini stiaordi- 
uarie litrae uii vaiitaggio intero , come intero riseute 
il damio della sua tiascuraggine. Nel secondo siste- 
iiia aduuque c inassiivia 1 atiivita e nulla la frode ; 
uel ])iiuio r attivJta e ininoie e la frode larilissiuia. 
Dunque il prinio sistema e nieno proiicuo alio Stato, 
al proprietario , alF agricoltore. Puo esserc benissi- 
mo clie la reli2;ioae d aleuiie faiDiglie diuiinuisca i 
difetti di quel niodo d aniniiuistrazione ; rua e luori 
di dubbio ch egli presenta coutinui allcttativi alia 
frode e tosto o lardi liesce a realizzarla , oltre di 
sceJiiare 1 attivita. 

Finalnieute la divisioue de' jnodotti per nieta 
puo essere ingiiista lu piii easi. Di latto iu due po- 
deri d' u2;uale estensione la soninia de' lavori noces- 
sarj j)u6 essere luolto di versa : dunque di verso deb- 
1) essere anclie il compenso al paesano clie gli ese- 
guisce. Ora se la meta del rieolto e giusto compenso 
quando il lavoro e agevole , il compenso dejjb' es- 
sere Jiiaggiore della meta quando il lavoro c piii 
faticoso. La parte del ricoUo , cui ha diritto il 
])aesano , debb' esser uguale alia sojnma delle gioniate 
impiegate a produrlo , valulate secondo i prezzi cor- 
renti , piii un compenso per la direzione de la- 
vori. Ora quella mercede e (piesto compenso in cir- 
costanze di coltura diflicilc possono essere maggiori 
della meta del prodoito. 

Vn. Noi discordiamo dal nostro autore allorehe 
<lice , ehe si deve evitare d animdestrar la plebe m 
(id di die pud far seuza (pag. i5o), anzi portiamo 
opinione doversi fare ogni sforzo oude rcndere per 
qiianto si pub popolarc ogni ^eiierc d ulce iitdi e pia- 
cevoll , accio la plebe acqidid tutta T istruzioiie di cut 
e snscettihilc ; (piindi , per cscmpio , noi faccianio 



38 PELLE Sr.IENZF. STATTSTTCHE, 

applanso agli ahitnnti di Sumatra i quali in botanica 
nosscggono cogmzioni die sorprfridono gli Eiiropoi. 
la 2;cticrale cssi vcnjiono instrutti , sin dall inlanzia , 
non solo dei iiomi , ma aiico dclle propi-icta e degli 
usi di ciascnn arI)oscello e di ciascuna ))ianta. Ncl- 
r immonsa vaiicta di vegetabili rhc copiono la loro 
isola , cssi distin2;uoiio il sesso di ])arcccliic pianto 
rd albcri e dividono diversi geneii in gran mimcro 
di specie come i nostii prolessovi. L' ac(piisto di 
tjucslc e millc altrc simili cognizioni lisiclic o mo- 
rali , oltre di fruttare piaccrc o iililita, occupa cpielle 
ore rhc al giuoco vciTcbl)ero consecrate o alio 
stravizzo. 

Vlll. Alle svistc del nostro autorc uuircmo un f'also 
mctodo di ragionare. Alia j^ag. 29 t c 292 per pro- 
vare chc quel paese il (juale da le ]iroprie materie 
prime alle genti estere per essere lavorate, soggiaco 
a gravissimi danni , il nostro aiitore dice : 

In tal caso cgli maiitienc gli opcrai rsLeri per 
fahbricarlc , accrcscc la popolazionc drgll stjanieri^ 
aumcnta i modi delT unpiego dc loro capiudi; In hrcvc 
accelcra i progrcssl dclla loro ricchczza c possauza. 

Sembra a noi che non si debba cccitare ne' gio- 
vani invidia, diffidenza, limore per 1' aumento della 
ricchezza delle nazioni estere, 2;iacrlie questo au- 
mento accresce per noi V eveniualita di vendcre 
e di comprarc. L' acccnnata massima vnole dnnque 
essere provata in modo divcrso : fa d" uopo diino- 
strare che, a misura che le nostre materie prime 
vengono lavorate tra noi , s' accrescono vantaggi ai 
nostri propiietarj , capitalisti, dotti , intiaprenditori 
qualunque, operai ed alio stcsso fisco. 

§ 3." AUcrazioni alle tcorle volgnrmerite. note. 

I. Giusta r antico priucipio nosse , posse, vclle fu- 
rono ridotte a trc le forzc produttrici delle ric- 
chezzc , potcre , cognizione , volontd. 11 potere In di- 
viso in immediato e lisico, e comprcnde tutte le 



LIHRI nODICI DI ANTONIO PADOVANI. 3n 

fbrze della natura c dclF uomo si attiiali che precli- 
spostc ; in niediato c morale c comprentic il danaro 
e il cicdito. 

II prolcssore di Pavia ha cani])iai:o quelle tic foize 
nelle segucuti , intclllgcuza , moraUtd , rohitstczza , 
( pag. 19), e a nostro giudizio lia guastato la teoiia 
economica. Infatti tiuti samio die aiico le personc 
immorali aiano i carupi . escrcitano Ic aiti , dirigoiio 
il conimercio ecc. I Caitaginesi , seuza cssere ne 
conquistatori, ne ladri , si procacciarono niolte ric- 
rhezze , benclie la fedc punica non fosse sinonimo 
di buona fede. E ottiino consiglio Y associare 1' idea 
della ricchezza all' idea della moialitd chc. c un ramo 
del lolere, ma sembrcrebhc uomo strano chi volesse 
cscludere dal novero delle riccliczzc ceiti panui , 
stoffe , tele od altro pcrclie eseguiti dai condannati 
ai lerri in vita. La jiaiola poi robustczza prcsenta 
un' idea lisica sotto la quale si dura Aitica a ridurre 
i soccorsi chc nella produxione delle ricehczze ci 
prcstano il danaro e il credito, cioe i banchi, i va- , 
glia, Ic cambiali, ecc. 

II. La popolazione era stata divisa in due gcneri , 
e ciascun gcnere nelle sue specie , come segue : 

/ Questo gencre comprende sci 

I specie : proprietarj , capitalisti , 

Primo gencre : \ dotti , intraprenditori qualunque , 

viventi con ca-loperai, niagistrati. 

rato neirazienda\ Queste sei specie si dicono jyro- 

Bocijile. jduttrici perche il moto dell'azienda 

j sociale risulta dall' azione simulta- 

\ nea di tutte. 

/ Questo gencre comprende due 

Sccondo gencre: \ specie : 

viventi scnza ca- ) Viventi senza carato con assenso 

rato ncirazienda jdc' caratisti, classi povere. 

socialc. I Viventi senza carato contro 1' as- 

(, senso de' caratisti. classi ladre (i). 

(t) Sidle nianifatture naziou.ili pag. 1. 



40 DELLE SCIENZE STATISTICIIF, , 

II professore di Pavia ha cancellato la tlistinzione 
dc' gcneri cd iudicando solo le specie ha confiiso 
insicmc Ic chr^si produttrici e le nou produttnci 
( pap;. 141 5 142 ) • dope rpiesta coufusione riuseira 
])iu difficile ai 2;iovani il Tare risposta ai noti soiisnii 
di Smith e di Si ,moude , i quali cacciarono i dotti, 
i masi;istiati c il loro se2;uito dalle classi produttrici , 
perche nell' officina sociale uon compariscono colla 
seme o col martello in niano. 

§ 4.° Maucaiiza. 

In questo paragrafo ci tcrremo ristretti giacche 
ci sarehhe difficile il dire tutto. 

I. TopogTafia. 11 nostro autoje parla a lungo del- 
r influsso deir umidita , della rngiada , della neve, 
del calore , suUa vegetazione ( pag. 53 , 63 ), e non 
dice nulla dell' influsso del clinia sulla costruzioue 
delle strade , sull' esercizio delle arti, sui moti del 
comniercio , sulla quantita de' consumi , sulla qualita 
delle religioui , sulle epoche del matrinionio, sulla 
sorte della piu amabile e piii infelicc nieta della specie 
uniana : incliniamo a credere die Y autore ad alcune 
di quest? uiancanze supplira forse in seguito. 

II. Popolazioiie. L' autore parla delle proporzioni 
tra i sessi, elcniento statistico clie presenta risidtati 
poco fecondi in Europa , e dinientica i uiovimenti 
delle popolazioni die escono od entrano , niovinicnti 
che hanno rapporto coll' agricoltura , colle arti , col 
commercio , colla sicurezza , e provano talora dipen- 
denza tra le pianure e le inontagne , talora niiseria 
o iutolleranza , talora dispotismo in uno stato o li- 
beralita in un altro , ece. 

III. Agricoltiua. L' autore vuole che lo statista dica 
il niodo onde si fa seccare il lieno , osservando se 
si faccia seccar piu presto che si puo ecc. (pag. 226), 
e non gli raccouianda di prendere ad esame il niodo 
con che si misura I'oncia d' acqua per le bocche d' ir- 
rigazione , modo che e diverso nellc varie provincie , 
e sul quale discordano tuttora i maestri dell' arte. 



LTT5RI DODICI DI ANTONIO PADOVANI. 4 1 

L' autorc vuolc die lo stadsta veriridu il tcmp6 
nel quale si fa la vendemmia, e dimentica di ricor- 
dargli di verilicare: 

1° II tempo in cui le vid , gli ulivi e gli altri 
alberi frutdteii rimangono senza dar iiutto , tempo 
in cui il capitale iinpiegato in piantagioni e terreni 
non presenta iiiteiesse ; 

2." II tempo die durano le viti.gli ulivi e gli 
altri alberi liiittileri, pev cui si riproduce piu presto 
o piu tardi la necessita delle spese per ripiantarli. 

L'autore ricorda die gli iinlizioni soprintendevano 
alia custodia e conservazione de' bosclii e delle fo- 
reste ecc. , e trascura poi d' indicarc alio statista il 
metodo con cui calcolare T annua rendita dunbosco 
die venga tagliato dopo regolarc pcriodo di anni, ecc. 
Alia pag. 'j:5S, 256 T autorc esponendo la forinola 
pel calcolo della spesa e del prodotto nell' agricol- 
tura , ommettc i seguenti elementi die ci seiiibraao 
essenziali: 

i.° L' onorario del direttore de lavori, il die non 
puo essere conruso coi salarj e colle mercedi gior- 
naliere -, 

2.° Le spese per iirigazioiie ove esiste e come 
si usa sempre per le risaje e spesso pc' pi-ati ; 

3.° Le deduzioni per infortuuj celesti, le quali , 
come c noto, voglioao essere diverse si per la qua- 
lita delle specie coltivate , die per la posizione in 
piauura o in moiitanna; 

4." Le deduzioni per imposte nazionali , provin- 
dali , distrettuali , coinunali ; 

5.° L' egregio autore ha ommesso d' additare al 
giovine il modo con cui si calcola il prodotto me- 
dio , quantita che dipende dalla ruota delle scmi- 
nagioni, la quale non e la stessa in tutti i fondi. 

Finalmente un omissione generale , e die a noi 
sembra rimarclicvole , si e il non avere T autore 
metodicamente a suo luogo acccnnato le cose e le 
azioni die i legislatori sogliono conteniplare nclle 
leggi , con cui or bene or male niodilicano le varie 



4a DELI.E SCIENZE STATISTICITE, CCC. 

fonti dclla produzione , lege;! relative alia caccia , 
alia pcsca , alia nielallargia, allagricoltura, allc arti: 
prcscntaudo uu bi\vc cstialto di qucstc Icggi al 
giovlne statista , lo avrcbbe diretto iicllc sue inda- 
gini e abituato a scoprire riiiflusso della legislazione 
suUe vicende dalle ricchezze. Questo lavoro uon era 
molto difficile , giacche si vcggono di gia tracciate 
le prime liiice nelle Tcwole stadstichc. 

I poclii difetti che abbianio rimarcati ncll' opera 
del prof. Padovani noii isceniano i niolti pregi che 
la distin2;uono, e ti-a questi notererao la coj)iosa cru- 
dizione , la buona Filosoiia , la facile esposizione, lo 
stile terse , f ordine nelle parti finora sviluppate , e 
soprattutto T abitudine di ridurre i calcoli statistici 
agli elementi clie compongoiio la spesa e il prodotto, 
unica guida che conduce con sicurezza nel labirinto 
delle scienze ecouomichc ; quindi opiniamo che si 
debba concedere al nostro autore la lode di giudi- 
zioso conipilatore. 



43 



Memoric raccolte da Francesco Canvelliert intorno 
alia vita cd allc operc del pittorc cavnlicrc Giuseppe 
Errant E di Trapani , defnnto in Roma ai \b di 
fcbhrajo nclV anno 182 1. — Roma ^ 1824, presso 
Fiances CO Bourlie, i« S.*^, di pag. 220, c una ta- 
vola in rame. 



Oi potrebbe quasi dire degli artefici cio che Vol- 
taire disse delle donne « la loro vita e sempre 
xm romarizo ». Se non clio nclla vita di qiieste 
r aniore e Tintrigo forniano la tela principale, e di 
<[uclli noil altro clie una certa siravaganza di carat- 
tere e per lo j)iu nn' imniaginazione esaltata ne rende 
strane le awenture. Pochi romanzi mcritano questo 
noine piii della vita di Ccnvcnuto Cellini , c poclii 
libri sono piu istruttivi del suo almeno per chi studia 
gli uomini e la storia non delle battaglie, ma dei co- 
stumi de' tempi. L' abate Cancellicri e .1 racer utorc 
delle ]\Ieniorie che annunziamo. Ei conobbe in Roina 
il pittore , gli fu amico, e non contento di essergli 
liberale do' suoi consigli , de' suoi lumi quando quegli 
vivea, voile giovare alia lama di lui dopo eh' egli fu 
rapito alle arti. Chi non conoscc la dottrina e Tania- 
bilita dcir abate Cancellieri :! Non ci ha viasgiatore 
istruito che visiti la eitta eterna e che non sia sol- 
lecito di conoscere di persona il Ictterato piu distinto, 
piu cortege , piii conuinicativo in qnella Uietropoli. Pi\i 
viag2;iatori d'ogni nazione hanno espressa anche a 
noi la loro ammirazione per Y abate Cancellieri. Noi 
abbiamo reso conto schiettamente di varie opere di 
lui , e ncir epilogare anche questa non ci dipartire- 
mo da qnella liberta di giudizio che sola puo ren- 
dere utile e conimendevole il nostro peiiodieo lavoro. 
L autore sara veridico ed esatto per cio che risguarda 
le notizie di Konia e de' pacsi vicini , ma in quella 
parte che ispcca la vita delF Errante a Milano ha 



44 MEMOUIE RACCOLTE DA F. C\NCELLIEKI 

lasciato corrcrc qualrhc inavvcrtenza chc ci faremo 
calico di notare. Veniamo al libro. 

Nacqiie Giiisepjje Errante il IQ marzo i~6o iicUa 
citta di Trapani ia Sicilia. Suo padre Giuseppe mei'- 
cadaute di pclli e di suole voleva istii.dare il ligliuolo 
per la sicssa proi'essionc ; ma lino dalla [)ucrizia una 
prepoteute inclinazione alia pittura lo divago e ne lo 
rese contrario e restio. E^U di continuo andava colla 
niatita scgnando e delineando liiiiue dapi^crtutto , e 
con ferrctti e stili sopia le pelli c le suole della sua 
botte2;a , di modo clie quella popolazione , sino a certo 
tempo , use chiamarlo col soprauaome di Quastacuoi ,• 
e perlino nclle pared della Chiesa die solea Irequen- 
tare faceudovi in graziosc caricature i litratti somi- 
gliautissimi de' preti e de' cherici die 1 ufliziavaiio , 
da costoro indispettiti vcuiva rimproverato perche 
non coltivasse piuttosto la professioiie del [)adre. Ma 
quando di soli 9 aimi ebbe ritoccato e colorito la 
ligura al naturale di uu Cristo risuscitato , quegli 
stessi preti e que' dierici ebbero ben presto a dis- 
dirsi, e il capitolo della collegiata di S. Pietro e 
r arciprcte D. Francesco Morello tanto operarouo 
presso i geuitori del giovinetto die linalmente ot- 
tennero ch ei fosse mandato alio studio di Domenico 
Nolfo scultore di quella citta. 

1 suoi progressi furono i-apidissimi e non avea 
die 12 anni quando cessato aveudo di vivere uno 
de' piu distinti patrizj di Trapaiii ( il cav. Don Be- 
rardo XI di Ferro ) secondo il costume del luogo 
fu cliiamato un pittore a fargli il ritratto. Gostui , 
Dio sa die pit tor fosse, comincio il lavoro , ina tro- 
vossi a mezzo cosi impicciato die non ne pote uscire; 
fu cliiamato f Errante e voltatagli la tela a ritroso , 
fu messo a dipingere il volto di quel morto colla 
stessa tavolozza lasciata dall imperito artdice ; ed ei 
benche tuttora iuesperto e poco pratico del maneg- 
gio de' colori riiisci a coglierne la somjglianza ma- 
ravigliosamente , di modo die si procaccio molta 
fania e buone protezioni : si puo dire die da questo 



INTORNO AL PITTORE CA.V. G. ERRA.NTE. 45 

primo buon successo ne A'^enissero tutti gli altri. Fra 
<|ue8ti e da iiotarsi un qnadrO d' invenzionc ( il tran- 
sito di S. Giuseppe ) clie gli fu subito commesso e 
ch' egli non teniette d' aocettarc , riuscendo in esso 
tanto al di sopra di un altio vccchio pitLore, pari- 
niente di Tiapani, clie cestui ne divenne geloso e 
il perseguito anclie lontano come vedrcmo. 

Non cosi r onorato ed ingenuo suo maestro Do- 
jiieidco JSfolfo , i! cpialc conoscendo le sue poclie 
Ibrze e conlessandole , insinuo ai parenti del gio- 
vine allievo di mandarlo a Palermo sotto maggior 
iiomo ch' egli non era. Del che \ Errante conservo 
cosi e;rata memoria , die nel 1817 ( 35 anni dopo ) 
fece inualzare tutto a sue spcsc un ricco e nobil 
deposito in marmo nella cliiesa di Trapani ove fu 
sepolto il Nolfo , deposito di cui 1 amoroso disce- 
poio avea fatto il diseciuo , con le fi2;urc della sif'n- 
titudiiie e del rispctto , e a cui furono apposte due 
iscrizioni , una iu latino e V altra in italiano. 

Ma anclie in Palermo il nostro Errante capito in 
cattive mani , poiche fu raccomandato alio studio di 
lui Cappuccino , il padre Fedele di S. Biagio , di cui 
il discepolo conobbe ben presto la niediocrita , e 
cpiindi poco dopo frequentando egli piuttosto lo stu- 
dio di altro pittore meno cattivo ( Qioachiiio Marto- 
rcaia, tutti nomi ignoti alle arti ) n' ebbe proibizione 
dal frate sotto pictesto che il Martoraiia puzzava 
d' eretico. Tomato a Trapani , dipinse un secondo 
quadro , la B. Vergine del Carmelo in atto di liberare 
le anime pwgand, die si conserva 2;e]osamenie. Ivi 
eli fu olVerto iiu vantao-g-ioso matrimonio ; ma la 
pittura poteva in lui pin di cfuello die potessero 
le domic e h; fortuna , e quindi dicliiaro die se 
avesse trovato clii fosse disposto a mantenerlo in 
Pvoma ove jiotesse perfezionarsi nelf arte sua avrebbe 
inipegnata la sua parola di sposare dopo un certo 
tempo ia giovaiie propostagli. Cosi fu fatto , e il 
nostro Errante trovossi felicc a Roma in mezzo a 
tanti monmncnti di ogiii genere sullo studio de' quali 



46 JtEMORIK RACCOLTE VS. I'. CA.NGELLIE1U 

andava I'orniauclo il siio gusto e la sua inanici'a tli 
fare. Quivi imparo la prospctdva, 1' arte di ristaurar 
autichc pitture , c studiossi ancora di acquistar luiui 
scieutilici col consorj;io dcgli uomiiii piu eruditi. Sc 
lion die avendo T abilita audie di cantare cou molta 
grazia le cauzouctte siciliane e di accompaguarsele 
col salterio , nc era spesso ricliiesto da liete com- 
pagiiie di suoi iiazionali, e andava la sera a cantare 
e suonare in (jualche geniale conversazione. Dalla 
([lude circosfanza prolittando l' invidia dell' olleso e 
incttb pitiore di Trapani lece col mezzo di un suo 
fratello die studiava pittnra a Roma , pcrvenire let- 
teie ai parenti delWEnante , colle qnali dicevasi mali- 
gnamcnte die il ligliuolo non facea die il dissipato e il 
2:ozzovilj;liatore, badando alle rasiazzc e al bel temiio 
e niente piii alia pittnra. Quest' accusa intorbido mo- 
mentaneainente la qiiiete del gioviiic artellce, ma la 
verita venne ben presto a galla , e i suoi protettori 
gli concessero con doppia eiiergia il lor favore. 

II nostro Errantc cominciava gia ad aver nonie, c 
molti lavori gia compiuti avea non solamente a Roma, 
ma chiamato anche fuori, e portatosi a Civitavecchia 
vi dipinse la cupola della chiesa dcllci Mortc. Pare 
die in mezzo a tante occupazioni dimenticasse vo- 
lentieri la sposa e le promesse di matrimonio , ma 
la signora D. Giuseppiiia Vidtaggio c i parenti di 
lei non vollero aspettare piii oltre : il nostro pittorc 
i'u chiamato all' adempimento della sua parola , cd 
egli celebro le sue nozze. « Ma dopo tre mesi di 
lieto ed amoroso trattcnimento ( cosi dice il biogiafo ) 
si divise dalla sua sposa che lascio alHittissinia pel 
troppo sollccito suo distacco , e che per le conse- 
cutive vicende non pote mai piu avere la sorte 
di rivedere ». Questa separazione , della quale piii 
non si parla , sembra un po' troj^po laconica e 
precipitata , ed il lettore avrebbe I'orse braiiiaio di 
studiare il carattere dell' Errantc col conoscere le 
cagioni di cotcste matrimouiali scissure. Recatosi a 



INTORNO \L PITTORE CAV. O. ERRXNTE. 47 

Napolj c presciitatosi al Re ottenne cli essere man- 
dato a Roma, ove prosegui ne' suoi stiulj. 

Lc turbolenze politiche colpirono d infoi'tunio il 
iiostro trapanese arteHce, e rupjiero il filo anche de- 
gli stiulj suoi; imperciocche mentre era in Napoli per 
dipingere uno de' saloni del palazzo di Caserta ac- 
cadde cbe uii giovine compatriota dell Errante teuto 
d' cccitare una rivoluzione in Trapani , e quindi lu 
dato ordine di arrestailo. L' Errante ch' eragli amico 
c saputolo in tempo , di concerto con un imprudente 
religioso trapanese , incantamente s indusse a scri- 
vergii una lettera clie lo avvisava di liiggire. Questa 
leltera venne intcrcetta e fermo il corso agli onori 
e alia fortuna die si paravano innanzi al nostro pit- 
tore. Costretto a iiiggire travcstito si mise in mare 
sopra un battello ; ma svcnturatanicnte jireso in so- 
spetto da' marina j , lu harbaramente spogliato de' suoi 
abiti , gli lu rubato tutto il danaro , e venne get- 
tato a lorza nelF onde. Sapendo per'buona sorte nuo- 
tare si salvo in una delle isolette vicine a Napoli. 
Una capanna da pescatore lo accolse: vestito da ma- 
rina jo torno nascostamente a Napoli , ottenne un 
passaporto sotto il falso nome di Giuseppe Pcllegrino 
calabresc , maestro di scherina c dilettante d' antiqua- 
ria , c si volse verso \ alta Italia. Venne a Roma , 
poi ad Ancona, dove ammalatosi nelT albergo, fn 
comunicato per viatico ed anche munito dell' estrema 
unzione ; ma riavutosi contrasse amicizie e prote- 
zioni, e colla scherma in cui era valentissimo , e 
colla pittura potc procacciarsi da vivere decoro- 
samente. 11 cardinale Vincenzo Runuzzl^ governa- 
torc di Ancona , gli diedc commissioni , c il condusse 
seco a Smigaglia dove volcva giovarsi de' suoi con- 
sigli per V acquisto di qualche quadro in occasion 
delta liera. U Eiraatc g-iunto a Siniciafflia, dai ne2;o- 
zianti di quadri lit conosciuto e salutato col suo vero 
cognomc mentre girava per la liera col cardinale, 
chc lo conosceva solo [K;r Pellegriuo-., temendo per- 
cio di qualche binistro accidcnte , si avviso di partirc 



48 MEMORIE UA.CCOLTK OA F. CANOELLIERI 

repcutiuainento , lasciaado im Ijiglietto di scusa al 
suo pvotcttore. 

Si porto direttamcnte a Milaao ; ove ginnse al fine 
d' agosto del i~<.)S. Qui a[)puato fece le sue opeic 
])iii rinoniato. Vciiuti i Fiancesi , fu da essi enia- 
nato im online the scacciava tutti i forestieii dalla 
citta e gli obbligava a restituirsi al loro pacse. Er- 
raiitc si porto sid^ito da Mlassena per chiedere gi'a- 
zia ; il generale lo accolse ottimanieute e desidero 
di veder qualclie suo lavoro. L' Eirante gli fece por- 
tarc la replica di uu quadro di Angelica e Medoro 
che avea f'atta pel cav. Locatclli medico di cortc. 
11 generale lodo assai quest' opera e gli fece inteii- 
dere clie se l' avcsse a lui ceduta I' avreJjbe somma- 
nientc gradita. L' Errante non esito ad assecondare i 
desiderj di lui, e n' ebbe una borsa di luigi che 
tutta intera lascio ia anticauiera al canieriere del 
generale. 

Ritornati gli Austriaci a Milano, fu da' suoi invi- 
diosi accusato di glncobinlsmo e fu posto in gravi 
angustie , dalle quali lo tolsero gli aniniiratori ed 
amici suoi , e fra questi adoperossi specialuiente il 
virtuosissimo architetto sig. niarchese Cagnola , che 
peroro la causa di lui c lo salvo da ogni dispiacere. 
Tornati i Francesi , iiisorsero nuovc molestie ed ei fa 
accusato di arlstocrazm , ma ne usci sempre vitto- 
riosamente e n' ebbe oiiori e distinzioni lusinghe- 
volissinie. 

Tra le altre sue abilita avea quella di saperc egre- 
giameate iniitare lo stile de' piu eccellenti pittori. 11 
cav. Sommariva ne acquisto un dipinto alia correg- 
gesca , e invito alia sua niensa i piu accreditati pit- 
tori. Fiiiito il pranzo li coudusse in un gabiiietto 
ove loro mostro questo quadro , cercaudo di quale 
autore lo credessoo ; e tosto il piii rinomato di essi 
scosso da improvviso entusiasmo si gitto in ginoc- 
chio e baciando per riverenza il quadro esclamo , 
c clil inai pad avcrlo fatto se non il divino Correg- 
gio ? Sommariva ben sapcnda 1' astio che covava cosfui 



INTORNO AL riTTOKE CAV. G. EHKAISTE. 49 

coutro di Errante , non pote contenersi dal dirgli : 
Ebbcne i^oi fate guerra a chi e capace di dlpingere 
come Cor?-cgglo. Sappiate che esso e di Errante. Alle 
quali parole inipallidi il livale c tutti gli altri ri- 
masero confusi e amniutoliti. 11 Somniariva dopo 
di qiiesto ajieddoto che paleso pur all Errante, com- 
mise a lid stesso aiiche il suo graa quadro del 
Coiicorso dclla Bcllezza che fece taiito parlare di se, 
e die fra i molti applausi ebbe \ ouore anche di 
uii bel poenietto in versi sciolti del nostro biblio- 
tecario consigliere Robustiano Gironi. 

Noi non possiamo scguire minutamente ne la sto- 
ria ne il catalogo di tutti i quadri e delle niinori 
operc del nostro artefice come la il dotto Ijiograf'o, 
il quale riportando c[ua e la de brani di lettera or 
dell Errante stesso, or di altre persone , ne fa op- 
portuaan>ente conoscere il giudizio ed i pregi in che 
si tenevano quelle pitture dai contemporanei. Ci ar- 
resterenio piuttosto so]ira di un passo che tocca dav- 
vicino il nostro niilanese Esculapio , il quale ferito 
nella riputazione, e conie medico, e come onest'uomo, 
non ha creduto di tacere , ma ci ha iudiritta una 
lettera apologetica che i nostri letturi troverauno alia 
line di quesio cpiaderno. 11 passo e il seguente: 

« In tutto il tempo dclla sua dimora in Milano , 
avea tenuto in ailitto un appartamento del medico 
cav. LocateUi , il cjuale avendo con lui forniato an 
vitalizio , penso di fabbricargli a bella posta uno 
studio piu grande con una luce migliore e piii adat- 
tata per potervi comodainciite dipingere qualunque 
gran ([uadro ». E piii sotto. 

cc L appartamento del medico LocateUi fu teiiiii- 
nato nel iebbrajo. Egli pero ( V Errante ) avea lis- 
sato j)rudeiueniente di passare ad abitarvi soltanto 
nell autunno , affinchc il calore di tutta T intera sta- 
gione estiva avesse avuto forza di ben asciugare 
tutto r uniido della calce. ]\Ia il medico incautamentc 
lo assicuro die al principio d' aprile si sarebbe po- 
tuto andare senza alcun pericolo ; e che per togliergli 

Bdd. iLuL T. XXXVII. 4 



So MFMOIUE llAGCOI.rK DA 1. VNGELLUiUI 

(jiialiin([iic scintjolo . si sarrl)l)e uiiito cgli btesso, 
stMiza la iniiiinia diHicolta, a climorarvi in sua com- 
pao;nia. 7\rccrtato cosi dalla supposta tapacita ed 
fspcrienza del siio ospitc od aiiiico . s indussc ad 
aiidarvj. ]\Ia dopo \m senicstie che v' inipiego di as- 
sidinj lavoio juvr abhozzare e preparare g,li stud] 
del suo gran ([nadro , in sorpieso fatal mente da un 
iortissimo rciiiiui goiicralc . die i^Vi atracxo anrlie la 
vista, e per cui nniase quasi cieco per quaianta gioriii. 
Gli furono fatfc ventidue eniissioni di sangue , posti 
i vcscicatorj cd i seiiapisnii . con lutti gli altri ])iu 
<'(lioari rimcdj dell aitc medic a . suggenii dai piii 
A alcnti profcssori di Milano e di Pavia , ehiamati a 
consuho. ]\Ia I'u previsto da alcuno di rssi. che V ec- 
ressiva abbondanza di sangne rlie gli era stata cavata, 
eli avrebbe I'atto coutiuuare il renma alia cute, come 
par troppo accadde ; giacche lln da quell cj; oca sem- 
pre riniasc molestato ed alflitto da dolori rcumatici, 
die 1 ban finalniente strascinato al sepoloro. 5> 

Oualclie altra inesattezza e corsa nella parte che 
lisguarda la Aita di Errante a IMilano, c ne acceii- 
nereino alcuna. 

Falsissimo , p. e., e cio che Y autore afferma alia 
])ag. 2o, cioe che 1 Errante si assumesse T iucarico 
di dipignere lo stemnia austrjaco secondando i de- 
siderj del superiore dcgli Oblati , il quale ajjporlo 
volea suUa porta della propria Congregazione. L Er- 
rante bramoso di dar ])rova di sua gratitudine al 
Governo, da cui state era benignaniente sottratto 
alle persecuzioni de' suoi nemici , intraprese sponta- 
neanieiite cotal lavoro e ne fece dono all" animini- 
strazioiie dei fundi di Reuidonc . di cui era direttore 
1 cgicgio D. Pietro Minretti. Lo stemina in iatti fu 
collocato nella liinetta che sta sopra alia porta della 
tasa vicina a S. Giovanni alle case rotte , o\c ora 
sono gli Uiiicj dell Intendenza e della Censura . ed 
ove allora trovavasi la suddetta Ainministrazione. 
Esso rapprcpentava un Aquila in tutta la sua maesta 
e si Hiirabiiiiienic coiidotta che senibrava a iva e non 



INtOKNO AL VITTORH CK\. C. T.nn^^S^^. J I 

(lipinta. Air un lato di essa ernno alciini libii, all'al- 
(ro varj sacri arredi ; siniboli e gli imi e gli altri 
della stessa Amininistrazione. Falso c pure rhe 1" Er- 
rante in I\lilano abbia seinpre diinorato nclla casa 
del cav. Loratelli. Noi stessi 1 abliiam veduto al- 
ineno in tJiujue altre aliiiazioni , in ciascuna delle 
quali aveva il suo sludio e dai nostii e dai fore- 
isticri frequentatissimo. Sccvro di verita e cio che 
si atierma del sig. Vincenzo Ferraiio. Egli ha bensi 
(operto molie cariclie , ma non fu niai Ministro di 
I'olizia. E per dire akresi qualche cosa delle opere 
fatte dair Errantc in IMilano , non troviamo accen- 
nati neir elenco clie di esse aggiuase il Cancellit-ri , 
ne la Tavola ilonata dali Errante al <ons. Gironi, 
stiinatissinia anclie dai ceK'])errinu Appiani c Bossi , 
sebbene dell Errante non molto aniici ; ne il bellis- 
simo ritratto della moglie del sig. Giuseppe Nova 
grande aniico dell' Errante, c presso del quale con- 
servavasi pure Y abbozzo dell' Antigone ; ne flnal- 
mentc 1 ininiagine d' un guerriero della Croazia t"e- 
rito , di tui il pittore ail' atto della sua partenza 
dalla nostra citta i'ece dono al stiddetto sig. Ferra- 
rio. A proposito del qua! dipinto crediani bene di 
qui aggiugnore un altro curioso aneddoto . onde si 
vegga quanto siano talvolia fidlaci i giudizj anclie 
de' j)iu valenti maestri dc IT arte. 11 posscditore del- 
r anzidetto Croato invito uno de' j)iii distinti uostri 
artclici , celebre specialmentc per 1 arte sua ncl 
i-estaurare le antiche pitture e nel jirolferire giu- 
dizio intoruo agli autori di esse , pei'clie esaminar 
volessc un <]uadro cli egli presso di se conservava. 
Vcnne il jnttore, e non appena vide il Croato 
die iiiarcanlo le ciglia esclamo : Cosa stupcnda! 
(Jaesta e opera di antico peiiiidlo. 11 posseditore 
lascio cli" egli ben l)ene ammijasse in ogni sua 
parte il dipmto, e Hnalmente gli disse: Sappiate 
che quest.! c opera di Errante. Allora 1' artehce ar- 
rossendo sputnccliio dispcttosamente sul quacko e 
ntir alio qiKisi di liiggirc dis%e: \ohva hen dirlo io ' ! ! 



5a MEMORIE RA.CCOLTE DA F. C.VNCELLIERI 

E qnanto all' Errante in Milano, e d'uopo avvertii-e 
ch'ejili ne' priiiii anni fu (lai nostri slessi pittori an- 
che (li niasiiiior lama inualzato sino al teizo cielo; 
raa pox, nou hcii sa|)rcnimo per qual lagione, venne 
da que' nieclesinii f!;ettato negU abissi. Forse cio po- 
trebbe in £;ran parte attxibuiisi al poco socjabile ed 
altcro suo carattere , del qual difetto cgli date aveva 
pi-ove non dubbie anche nelle altre citta , piocac- 
ciandosi per tal suo contegno non fautori , ma im- 
placabili nemici. Ne dee negarsi die alcune delle 
sue opere aijbiano perduto ben presto di quclla forza 
e vivacita di colorito, onde maravigliose senibravano 
appena condotte al loro compimento. Bloke altre 
iiondimeno , c fra queste le annoverate poo' anzi , 
si conservano bellissime, e come sc fossero or ora 
dipiute. Fra quelle che sgraziatamente soggiacquero 
a tale smarrimento , deve compiangersi il celebre 
Coacorso della bellezza. 

L' Errante fu sempre ammalato e cagionevole dopo 
il suo viaggio da Milano. Ebbe non solo raille in- 
viti lusinglievolissinii e mille oIFerte dalle principali 
persone di Sicilia e di Napoli , ma ancora cariche e 
commissioni e danari dal re Gioacliino , dal quale 
fu fatto professore aatorizzato a stabiUre in Napoli 
una scuoLa per istiidre la gtovenui studiosa delle belle 
arti ,• ma egli arrivato a Roma non seppe o non 
pote risolversi a proseguire il viaggio, e preferi ri- 
manersi private , nascosio e cagionevole sempre di 
salute in questa citta fino a che rese \ ultimo so- 
spiro il giorno i6 febbrajo del 182 1. Nella sera susse- 
guente in tras])ortato il suo cadavere vestito in abito 
di cavaliere con magnilica pompa scortato dalla sol- 
datesca alia sua Chiesa parrocchiale cli 6\ Salvadore 
in Onda, noiulmente apparata a lurto , col suo stem- 
nia fuor dclla porta espriiuente il cognome della sua 
famiglia. Oltre di questo dispendioso funerale gli fu 
fatto ultimamente auclie innalzare un nobile deposito 
in un elegante bassorilievo rappresentante la Rico- 
noscenzct piangente Jimauzi al bustodi hii, eseguito dal 



INTORNO AL PITTORE C.VV. C. ERRA.NTE. 53 

valente scalpello dello scultore siciliano sig. Leonardo 
Pennino. L' abate CanceUieri ne compose T iscrizione 
che si lesgie nella base del monumento, e die in- 
sieme al disegno di esso e riportata in una tavola in. 
rame incisa elegantemente a contorni ; tavola dedicata 
alio stesso abate CanceUieri biografo dell' Errante in 
qiiesti termini : Francisco CanceUieri liro omnigeiia 
eruditione et suasitate ingend clarissinw vidua dolens 
Errantis D. D. D. Dalle quali parole prendiamo oc- 
casione di fare all abate CanceUieri !e nostre con- 
gratulazioni e nello stesso tempo domandianio il per- 
messo di fargli un rimprovero. Ne' prirai fog;li della 
vita deir Errante abbiamo imparato a conoscere una 
signora donna Qiuseppina Vultaggio die fu sposa del- 
r Errante per tre soli mesi , senza dirci il segreto 
di cosi breve connubio; e air ultimissime righe della 
stessa vita ci si presenta la si2;nora Madlde Gattarella 
vedova sua consorte da lui sposata in seconde nozze, 
senza dirci ne dove, ne quando rimanesse vedovo 
r Errante, ne il luogo, ne il tempo in cui contraesse 
il secondo nodo , ne clii fosse e di qual patria la 
seconda donna : di modo che il lettore trova scom- 
parsa la prima troppo presto , e la seconda nominata 
neir ultima scena troppo tardi e solamente al pro- 
posito de funerali. 



P A R T K \ I. 

SCir.NZK tD ART! MECCANICHE. 



Continuazione dcgll Attl dell' I. e 11. Accai/fmia econo- 
mico-agraria del Georgofili Jt Firenze. Tomo S."* — 
Firrnzc^ i8a3 , />res.yo Gnglielmo Piatli, dl pag. 492, 
in 15." ( // Estrattu. Vedi U primo uel tomo 32.", 
pag. no). 

Memoria siigl' ingrassL del professore Gioachino Taddbi, alia 
quala dallii Deputazione giiidicante fu decretalo I' onore 
dellii stain pa. 



lOl alibinmo dato im estrstto cosi circostnnziato e dif- 
fnso ilella Memoria del sigiior Lamljrusciii scpra questo 
stesso argonicnto, che noii possiamo senza staucai'e i nostri 
lettori trattenerci lungaiiieiite snlla prcseiite, tanto piii 
cij' essa conibiiia quasi in tntto co' priiicipj della prima. 
Nel precedeiite articolo abbianio dato per esteso il pro- 
gramma , ossia il quesito deirAccadeniia ;, esso e dlviso in 
cinque jiaragrafi o quesiti sulsalterni. II sig. TnJdei divide 
pariii'entc !a sl'.li Rleiiioria in cinque parti, rcme e diviso 
il prograninia medesiii'io i cioe tratta nella pi'inia dclla leorid 
degl' uigrassi e de.la niUrizione deile piante ; nella seconda 
dell' injlnenza degl' ingrassi sul'a {^egelazione ; nella terza della 
concintazione del terreni; nella quarta dello staLo in cui si 
devono appUcare gt ingrassi sui terreni; nella qninta ed ul- 
tima della custodia ed econoinica conservazione degF ingrassi. 
L\'intore parte dagii stessi princijjj : le piante attraggono 
il nuiriniento colle radici dal terreno, coUe foglie dalT at- 
mosfera ; uia il nutrimento non puo essere assorbito se 
non e loro omogeneo, cioe se non contiene gli elementi 
onde sono composte le stesse piante ^ i principal! di sif- 
fatti elementi sono il carbonio, I'idrogeno, P o=sie;eno e 



ATTI DEM, t. F, n. \COADEi\T( V OCC. OO 

r azoto , i quail modificatl e combinati in varie guise 
danno Inogo alia fonnazione della sostaiiza legnosa , della 
gomma , della t'ecola , dello zncchero , della resiaa , degli 
olj , ecc. 

Le iiiaterie dunque piii atte a somiiiiaistrare alimeato 
alle piaiite sono tutte quelle dL provenienza organica, o 
animali o vegetabili, le qnali per mezzo d'una decompo- 
slzioue artiliciale o spontanea sono suscettibili di risolversi 
neglL eleiiienti sopra enusiciati. Dal clie risulta clie assai 
numei'osa e la seiie delle materie che iinplegate a questo 
uopo si distinguono col nonie d' ingrnssi , o di conciini. 
L' autore da un quadro ntetodico di quest! ingrassi , il 
quale quantuuqne sia a nostro avviso incompleto , pure 
preseuta a un colpo d' occliio e clas«i!lca le diverse so- 
stanze , e facilita il niodo di rilevarne la maggiore o nii- 
nore attivita fertilizzante , secondo 11 posto piimo o se- 
condo , o terzo clie occupa ne'la sua classe. Credismo 
f[uinili far cosa grata a' uostri lettori qui riportandolo 
per iiitero. 



56 



ATTl dell' I. t R. A.COAX)EMU 



Gentrr 

1 Colombina 



a Pollins 



3 Orina uma- 



4 Orina <lf- 
gli auimali 
domeslici 

5 Pozio nero 



6 Scolo delle 
scuderie e 

delU stalls 



C L A S S E I. 

INGRASSI AN-IMALI 



I Stereo u- 
uiano 



a Degli ani- 
mali car- 



Jci maiali 



4 Pecorino 



5 Caprino 



6 Cavallino 



Or.DiKE 3. 

Coituuiti 
(la parti moUi 

e liquiile 
degli i.iiiiutli. 



Cadaver! 
degli ani- 
mall 



2 Ventrigli 
degli ani- 
raali macel- 
lati 

3 Scoii e fo- 
gne delle 
macellerie 



4 Crisalidi 
dci \erna 
da seta 



Or-DiNE 4. 

Cnstituiti 
da parti dure 
degli animali. 



1 Oisa raaci- 
natc o ra- 
spate, rita- 
gli d' ani- 
mali ec. 

a Corna e 
unsrUie 



5 Peli e piu- 
me 



4 Cimatura 
di lana , 
borra ec. 



DKI CEORGOFILI RI FIRENZE. 



I II. 

ID-ANIMALI 

i'rdine a. 

I DelU 
lanifatture. 



C L A S S E III. 

INCRASSI YEGETAEILI 



C L A S S E IV, 

INGRASSI VEGETO-MINERALI 



Okdine I. 

Facilmente 
fermentaHli. 



Or.DIKE 2, 

Uiff-cilmente 
jermentabili. 



Otdike I. 



Naturali. 



OHDIKE 3.. 



ArtiJicialL 



Cojacci e 
ritagli dl 
pelli con- 
ciate. 

Strncci 
delle lane 
lavorate. 



I Lupini ma- 
cinati, oto- 
staii o bol- 
liti 



2 Leguiui e 
cereali ava- 



/^ Erbe palu- 
stri e ter- 
rose 

5 Erbe fai- 
ciate prima 
della fiori- 
tara 

6 Radici del- 

r erbe pe- 
rennl nel 
dissodamen- 
to 

7 Scopature 
delle case e 
delle strade 



I Paglia d'o- 
gni sorta 



3 Stopple , 
lische cc. 



3 Segatura 
e frantunii 
del leeno 



4 Grasp! e 
vinacce 

5 Foglie sec- 
cl>e 



6 Sa 



7 Alghe ed 
altre pian- 
tc marine 

8 Lische del- 
la canapa e 
del lino 



Terriccio 
cU bosco 



2 II fondo li- 
maccioso dei 
lag hi e delle 
peschiere 

3 Ricavature 
delle fogne e 
dei raacera- 
toi di cana- 
pa e lino ec. 

4 Terra dei 
salnitrai 



1 Carbone di 
le^na 



2 Fuligeiae. 



.Ort \TTI DEM.' I. K H. ACnADEMr.V 

Col precedents (jnadi-o cliiiide T antore la sua priiiin 
parte. Qnaiito nU influenza dc\>i' Ini^rassi siilla vcgeiazione ^ 
die c oggctto dolla soconda parte, dopo aver niostrato 
con l>ellc ragionl ed esperliiieiiti, come L concimi sieiio per 
lo pill dannosi o poco prolicni al!a geriiiiiiazioue ed alle 
piante nella prima eta, disccudo a niostrare come sieiio 
indispensabili e neoessarj qiiaado la piauta e gia atlulta e 
sta per metter fiori e frutli. 

Nella terza parte dove discorre de'.la conciniazione del 
tcrreni PaiUorc considerando come noa tntti i terreiii si 
trovino ugualmente capaci d'' imlieversi de' priucipj ferti- 
li/.zanti , ne di riteiierli imhevnti, ne di sommiiiistrarli ai 
vegetabili, cosi crede indispeasaljile di preudere iii esame 
la natura de' terreni diversi , seiiza di clie iiou potrassi mai 
determinare coa esattezza 1' opportiuiita della loro appli- 
cazioiie; e [)er verita qnesta parte c'le ad alcani potra 
semljrare troppo miiiiua, non ea nostro avviso meno im- 
portante delie altre. 

Nella quarta parte rautoro e perfettaiiiente dell" avviso 
del celehre Dany e del sig. Gazzerl , e di tutti grilliimi- 
nati moderiii, come pure del sig. Lamlsruschiiii medesiiiio , 
<^ sostieiie la tesi delP applicazioae degl" ingrassi nella loro 
iiitegrita, o consideva come nociva o iiieconomica la fer- 
mentazioue die gli antidii agrlcoltori Iiaiino sempre lodata 
e siig'^erita, e die i moderui Iiaiiiio con cieca imitazione 
«empre eseguita. Clii noa e tenace de' suoi pregiudizj trarrk 
niolto prolitto da qnesta lettura. 

Nella quiiita parte T autore urta negli stessi scogli e 
diviiicolasi nelle sfesse difficolta del sig. Laa-iljntschiai. Am- 
iiiessa rutilifa del letame fresco, e la penlita daanosa 
prodotta dalla sua fermeiitazioiie ne'' letaniai , come si t'a 
ad iinpedlrla ? L'antore e fortissimo e persuadeatissimo 
quanto al primo argomeato , ma cl sembra debole anciie 
egli quanto al suggerimento de' riniedj. Noi amiamo I'agri- 
coltura specalativa, essa forma soggetto delle nostre cure, 
delle nostre iadagini, trovlamo cl-.e si puo trarre niolto 
profitto in varie occasioai dalla rlcognizioae del pregiudi- 
7,io di rivoltare i letami , ma ia mokissimi altri non tro- 
"viamo rimedio clie sia praticabile con interesse. I ripetiiti 
tentativi ed i suggerimenti ingegnosi ciie ne potranao dare 
iu seguito gli agricoltori i^truiti nelle scienze Hsiciie , e 
pratici nelio stesso tem^w . potraano anchc agevolarne i 



DEI CKORGOFJU Dl FIREN^E. Sq 

liniedj i ma fiuora questo vofo non e esaudito. Scrivlaniv) 
questo estratto alia campagna e siamo ai 3 di dioeinbre. 
I conciini raccolti ne' tre niesi precedeati sono stati distew 
?ui j-irati , nia tutti qnelli clie si raccolgono in inverno fiiio 
alia seniiiia del giano turco si riseriiaiio per questo ce- 
reale o per altre piante in primavera. Piove. I campi 
sono tntti inzuppati d' acqua. II nostro letamajo cresce 
tiitti 1 giorni, perclie abbiamo in questo [ odere otto bo- 
8tie bovine, un cavallo e un niajale, cd una conigliera 
di oltre settanta conigli. I suggerimenti delTautore di far 
distendere il concime perche si secchi non ci e praticabile 
n nialgrado die nbbianio c molti portici cd una grande 
area al coperto; il suggerimento di Dauy di pavimentarc 
it suolo dandogli una inclinazione verso il centre riusci- 
rebbe vano, perche lo stereo e tahuente imbevuto di orine 
die appena ammuccliiato fermenta tosto. II concime intanto 
fuma e diminnisce di qnantita e di peso , e pevde la parte ' 
piu prcziosa. Lo sappiamo; ce ne duole; ma non sap- 
pianio impedirlo. 

Sugli awicendamend. Memoria del sig. Sirnone Manozzi 

TouiNT. Che riporlo il preniio. 

II programma dell'Accademia die I'autore !ia impreso n 
irattare e il seguente : <. Previa T esposizione de' fonda- 
» menti scientifici sopra i quali e appoggiata la teoria 
» generale dcgli avvicendainenti , avvalorata da esempj di 
" diversi paesi esteri, e di alcuni luoghi della Toscana 
" dove sono in uso„ si espongano i uietodi piii convenienti 
» da adottarsi in Toscana , avuto riguardo alle tante e 
» SI varie qualita di suolo, di esposizione ecc, e se ne 
" compili una cliiara e precisa istruzione, adattata alia 
» capacita ed all' intelligenza degli agricoltori. " 

Quantunque il quesito riguardi particolarniente la To- 
scana, i lettori troveranno in questa Memoria niolte co- 
gnizioni uti'i per tntti i climi , per tutti i paesi. Ci di- 
splace clie la brevita coniandataci dngli stretti limiti del 
nostro Giornale non ci permetta di darne un e«tratto cir~ 
costanziato. 

Suite Maremme. Memoria del inatenuitico regio sig. Dottore 
Pietro Fh.TinjRi. 

Chi crederebbe cbe quella parte di Toscana oggidi ina- 
bitabile per la inicidia'.e sua insalubrita fosse un tempo U 
piu rioreute, la pin ricca, la piii popolosa ? Eppure quiyi 



60 ATTI dell' 1. E R. ACC\DEMI\ 

sorgevano le citta fVimose cU Roselle , Saturnia, Populonia , 
Cossa , Ancctlonia, die tutte vantavaiio terme , templi, 
aniiteatri , de' qnali restano aniora poclii vestigi ! Soggio- 
gate a poco a poco dopo la presa di A'ejo^ duio tuttavia 
la fama di Tclaiuoiie, di Soaiia , di Massa e del portuoso 
jiionte Argomario f, e dopo caduto auclie 1" iinpero lloiiiano 
e durante 1 irnizione de" barljari noii si scordarono mai 
le sue selve d' alto t'listo , i siioi bagni , le sue miniere , 
il Porto Pisano , la Gala celelire di Yoltena e i suoi ric- 
clii filoni di sale e di alaliasti-o, II tempo e gli uomiai 
cospirarono a niaadar tutto in rovina. II tempo e gli uomini 
possono far tutto risorgere alia prirniera prosperita. L' au- 
tore e coudjtto a questi lieti aiigurj dalT eseinpio di Li- 
vorno , dalle esperienze Leopoldine e dalla fiducia nella 
magtianimita del Principe die governa felicemente la To- 
scana, al quale non pno tornare indifFerente la gloria di 
trasforniare in sorgenii di vita alcune parti almeno degli 
immensi sepolcri die attualmente rattristano il littorale 
toscano. Questa rigenerazio.ue e a Ini riservata dalla prov- 
videnza dopo die nella I'istaurazione della legittimita gli 
fu attribuito V inipero della marina dalla foce del Serchio 
iino quasi a quella della Fiora presso Montalto. L" autore 
suggerisce di non cominclare i Ijonificamenti dal centro 
deserto delh; infezione , ma dai confini de' luoglii popoiati 
e gia sani. Questa massima insegnata gia dal Torricelli 
rivendico la Valdichiana dall' iuipero delle acque , e se 
fosse stata sempre praticata dopo le conquiste di Volterra, 
Pisa e Siena non si avrebbe adesso a deplorare la per- 
dita fatta di tante colonic e di taato danaro in quelle 
niiserande contrade. 

Del Cciffe come succedaneo della China-china nella ciira delle 
febhri intermittenti . Memoria del dott. Spirito Costanzo 

Man-najoxi. 

L' autore ha provata efficace la qualita febbrifuga del 
cafFe crudo, e dopo molti fatti ed esempj tanto suoi pro- 
prj die d' altrui conchiude dicendo a'' suoi collcglii acca- 
demici. — « Potra pertanto la perspicacia vostra gludi- 
care fino a qual pmito sia conveniente di ci'edere un vero 
acquisto per la niediciua speriinentale Tavere assicurato 
nel caffe crudo l' esistenza della vlitu febbrifuga e corro- 
borante; poicbe quand" anche , crescendone le richiesle ed 
il consiimo per questa can?« . il suo prezzo che d'ordinario 



DEI GEORGOFILI DI FIRETSTZE. 6 1 

^ cinque volte minore di quello uella chlna-chiiia infe- 
riore di cui possiamo in oggi disporre , e le dosi clie si 
sono trovate bastanti a troiicare il periodo delle febbri 
intermittenti , persuadereljbero a preferiilo , se non aliro 
col fine di liniitare sempre piii il consumo della ]3uona 
china-cliina , e riserl)arla nella sua legittimita pei casi piu 
virgenti. I caratteri specifici dei semi di caffe non lasciano 
luogo a snpporre gran diversita nella sua efficacia, qua- 
lunque ne sia la provenienza ; laonde la certezza della 
sua costante identita , e dei caratteri estrinseci die lo di- 
stinguono , si debbono riguardare come autenticiie testi- 
monianze delle sue intrinseclie qualita. Oltre a cio la co- 
gnizione clie i piii idioti lunno in oggi di qnesta mercanzia 
ne rende nioralmente impossibile ogni falsificazione , di- 
niodoche si deve credere immune da tutti quei pregiudizj, 
ai quali va inevitaljilmente scggetta la china-c'iina ; e ser- 
vono percio tanti motivi riuuiti a ricliiamave in favore 
deir nso di esso come rimedio i voti di tutti coloro , che 
in falto cii drogbe medicinali, nientre graJiscoao Pagevo- 
lezza del prezzo , teraono saviameute la falsificazione della 
njercanzia. >i 

Discorso recitalo nelt adunanza soJeime del i." ottohre i 020 , 
dal cai\ Uberto de Noeili. 

RoppoTlo del sig. Giuseppe Raddi intorno alle crLsalidi di 
alcLini insctti dannosi at grano. 

11 dott. Zauli, socio corrispondente di Modigliana, mando 
air Accademia varj culmi tii grano danneggiato ed alcune 
crisalidi degP insetti autori del danno , invitandola ad esa- 
niinar gli uni e le altre, ed a suggerire , se fosse possi- 
bile, qualclie rimedio. L" Accademia incarico il dott. Raddi 
di siffatto esame , ed egli riconolihe esser questa una nuova 
specie di tipula , che scgueado la divisione del celebre en- 
tomolago Latreille dovrebbe riporsi fra le cecidomie. L' in- 
dole e le abitudiai cognite di quest' insetti , dei quali al- 
cune specie vivono nell" acqua, altre come questa , sotto 
la terra, ove trovano cio clie conviene al loro nutrimento, 
lo convinsero avere le larve loro danneggiati i culmi del 
grano, non gia rosicandoli , ma col nascondersi per ese- 
guire la loro trasformazione fra le guaine di quelle foglie 
che abbracciano le basi dei culmi medesimi. Egli rilevo , 
com era gia noto nella scieiiza, e confermato per le os- 
servazioui di Reaumur e d'altri, gravi damii esseie stati 



6a iiii DKLi," I. r K. Aoc^DBMU ecc. 

j>iu volte lecati alle j)iatfrie ed ai bassi cainpi di graiio 
da (jneste larve , non j,ik perclie rodcssero le jjiantc , al- 
inciio in fjuella paite di loro die sovrasta alia terra , ma 
in (jiianto , j)cr V irreqiiieta A'ita che luenano , o pel con- 
liuno loro cangiar di sito tutta ])ucheraiio la terra clie ac- 
coglie le radici recideiidone alciine ed cspoiiendo le altre 
air iiiteiiiperie della stagione. 

Poiclic; tali l.irve abitauo iiel torreao, c i.i csso trovauo 
il loro sostentaivji'ato 1' aittore conclude che bisogna ten- 
tare di disiruggerle per mezzo alia terra stessa , imcndovi 
qualclie sostanza capace d'licciJerle. Egli projjoiie a qaest'ef- 
Tetto la calce , come qnella die ojipoi'tunamente ammiai- 
siraia , nicntre c avvrrsa ai piccioli eiseri animali , e non 
solo innociia^ ma vantaggiosa alia vegetazione dello piante. 

Sulla neccssita che it e in Toscana dC un pronto prowcdi- 
nienco a rigiiardo del corso del fiumi e del torrenti. Me- 
inoriu del dott. Francesco FocAcci. 

DcW influenza dello spirito <i' associazione negli stabilinienti 
di puhhlica hcneficenza. Memoria del sig. marchesc Cosiino 

RiDOLFl. 

Discorso rccitaio dal sig. awocato Lorenzo Colltni lasciando 
I' nfficio di consen'aiore il di 3 dicembre 1820. 

Sioria de.gli studj accadanici neW anno ]8ao letta dal iignor 
awocato Aldobrando Paouni facente funzione di segreta- 
rio degli Atti. 

Elogi di tre fra gli occadeniici niorii ncW anno., rccltati dal 

sig. awocato suddetio. 

Qnesti tre accademici sono Bartolomnieo Zuccagai , An- 
to.'iio Marcliioiini e Francesco jBrnni. 

Elogio del cai'. do. Dc Baillou letto dull' aviocuto Lorenzo 

COLlAA'l. 

Rapporto degli studj accademici dcW anno 1820-ai , letto 
neW adunanza del dt 16 dicembre 1821, dal prof. Gni- 
scppe Gaz/.er! segretario degli atti. 
llapporto ben fatto e del quale abbiaaio profittato nel 

rendere cento ddia Memoria del sig. Raddi. 

Elo^i di tre accademici dtfunti mil' anno accadcmico 3820- 

ai , leiti dal professore Gazzeei suddelto. 

J defunti sono i! dott. \incenzo Chiarugi, il dott. Giuseppe 
Sarcliiaiii, il marciicse senator Francesco Ubaldo Feroni pre- 
»Jdente/(ol quale elngiy lernu.ia questo volume dpgli Atti. 



(-3 



Afurismi mcdico-filosofici sulla scieiiza dclla vita , e 
riflessioni critiche sulla teoria dell infiammaziune 
del profcssore Tommasini , e sulla doltrina del 
dottorc Broussais. Del profcssure e dottore colle- 
giato Giuseppe Agostinu Amoretti jnembro di va- 
rie accademic . pasture della Dora ccc. — Milano, 
18:24, coi tipi di Giovanni Pirott;i , vol. 2,^8.", 
di pag. 266-334. 



c, 



(ki si presenta nl ]>ul)])]ico conio autorc di im' opera 
che porta in fi-onte uii titolo lusiiiglievole e specioso , se 
pub (lestare una preventiva attenzione jiiii osseqniosa di 
ijuella die agli altri d' ordinario e accordai;i, de\e ahresi 
aspettarsi d' essere sottO|:iosto a jiiii rigoroso serutinio. 
L' iir.portanza soiiima dell' intraprcsa ivi amiunziata eccita 
i Juoi iettori a ricercarvi wa' eccellenza in projjorzioae 
delle diflicolia , cni dessi b" immaginano ."vere egii siipc- 
rate, o del forii e celebri conijietitori , cni suppongoiio 
a\ere cgli condjattmi e I'espiati. Un tale elFetto iia sopra 
di noi operato il iVontispizio dell' ojiera clie abbiamo fra 
le mani , e con relativa cnriosita ed iiupoguo ci siaiiio 
apjilicati alia lettiira ed esaiae della uiedesiuia. 

11 signer Amoretti aveva in divers! snoi scritti palesato 
delle idee contrarie ai principj , i qnali servirono di base 
alle varie riforaie fatte dagl' Italian! e dai Tedeschi alia 
dottrina uiedica di Brown. I snoi nuovi elenienti sparsi 
t]iia e la non furono del cnsto di cert' iini, i quali, non 
potendo occultare tin palate troppo sqnisito nelie uose di 
medicina, la i'ecero da crlticl inipugnandone alia palese o 
colla uiaschera alia I'accia 1" agginstatezza e F entita. Ilin- 
crebbe al signer Amorctd tlie data gli fosse noja da co- 
lore J ai tjuali avrebbe soniniamente desiderato di piacere, 
Egli crede die Ic olibiezioni niosse a'suoi pensauientl 
traessero origine da mal aniino, e dal non cssere ab- 
bastanza intese le niassinic generali a cui sono appog- 
giati , jiorclie sconnesse e niancanti di necessarie illusLra- 
zioni. Quindi jier salvare aJ ogiii niodo la sua rijjutazione 
tece divi'^aniento di e?ooiTe in corpo le sue iilee sulla 
\iin Hcllo ttr'.Lc sano e moilioso, corredanjolc di tiittc le 



64 AFORIPMt MEDICO-FILOSOFICI 

diluciJazioiii possibili, onde siano cos'i di fondameuto plu 
chiaro alia nnova riforma , cui si e prelisso a scopo di 
intiodurre nella teoria c pratica della niediciiia. Ma pre- 
vcggeiido clio r iimalxamento del suo nuovo edifizio doveva 
essere combinato colla rovina degli altii sistemi dominanti, 
non trascuro di urtarli ad ogni passo , usaado di qnalun- 
qiie sorla di raziociaio e di un nietodo senz' ordiiic per 
diinostrare clie i pi-incipj sui quali fni-ono Ijasati 11011 sono 
altro clie <;ratiute supposizioui e congliiettiue , font.i iue- 
sauste di lepugnaati ipotesi. Egli e percio , clie , oltre 
avere ea,li dedicate tutto il secondo volume dell" opera 
alle snddetfe riflessionl criticlie , puo dii>i Intieramerite 
cridco anclie il prime , in cui furoiio da lui esposti gli 
aforisuii niedico-filosofici suUa vita , e dei quali intendiamo 
di qui oflFrire uii brevissimo compeiidio. Piu per la strada 
negativa clie dimostrativa , e con un dalle .dalle di infinite 
ripetizioni piacque nlPautore di arrivare al punto , in cui 
s' iminagino di poter dire jarnque opus exegi. 

II lavoro e diviso in quattro parti : la i.* tratta della 
vita in geiierale e dello stato di sanitci: la 2/ della vita 
nello stato di malattia : la 3.' comprende le riflessioni cri- 
ticlie sulIa teoria deW infiammazione del professore Tomma- 
sini : la 4. ' le riflessioni critiche sulla dottrina del dottore 
Broussais. 

Parte I. Della vita in generale e dello stato di sanitd. 
La vita , dice il professore Amoretti, e un niodo specifico 
di esistere degli esseri organizzati. I loro germi lavorati 
con particelle vive dagli oi-gani raaterni , preesistono alia 
fecoiidazione con tutti i primitivi rudimeiiti della organiz- 
zazioiie, vale a dire sono individui perfetti nella niassima 
loro piccolezza (i). 11 polline o lo spernia vi imprime 



(i) Questa opinione e ora condannara da tutti i fisiologi. Le 
osservazioiii di Holier , di Arveo , e le recentissiuie dei medici 
ginevriai , e sopra tutto quelle del dott. Ruscani di Pavia,mo- 
stranii ad evidenza che i germi jjvpesistenti alia fecondazione 
nelle leuiniine constano di un iiniore , dt una specie di niuco 
alijuanto deuso, omogeneo nella uiaggior parte degli aniiiiali ed 
in cui non e possibde di ravvlsarvi , aiiche col soccorso dei 
niigliori nucrosropj , ncpjnue un niininio indizio di rudiuienti, 
o di liiieaiiienti della futura organizzazione. Consulti il signer 
Ainoreiti la iMeiuovia del sud'Jetto Eusconi clie lia per titolo : 
Amours des Salamaadres aquatiques, colle annesse tavole splen- 
didissiuic , e iie restera imimaaieiite periuaso. 



SUM. A SCIENZA DELL.V VITA, CCC. 65 

solt.iiito r attitiuliiie alia vita, die in essi si risvej!,Iia, qnanilo 
sono esposti all' influenza ilegli agenti necessaij. Dunque 
la vita e T efFetto di dne potenze, agente Tuna, reagente 
r altra. La prima consiste negli enti esterni cd interni , 
r altra e propria della iibra organizzata. Quindi si scorge 
che la reazione , strettainente parlaado, costituisce la vita, 
la quale cessa al cessare della reazione per mancanza cTi 
agenti necessarj , o per la perdita della sua proprieta 
reagente (i). 

Qiicsta proprieta della fibra dipende da un principio 
positivo , specifico , trasmesso nei genni per la feconda- 
zione, inerente alia sostanza nervosa die e parte inte- 
grante della fibra organizzata , chiauiato vitalita o princi- 
pio vitale , esauribile coll' uso della vita , e die si i-ipro- 
duce niediante la nutrizione. Esso e una niodilicazione 
specifica dei prlncipj della materia , operata dai soli esseri 
organizzati , perclie eglino solaniente banno la facoka con 
forze e leggi proprie dl combinare e inodilicare i principj 
SLiddetti , da citi un ente speciiico risulta , estraneo ai corpi 
inorganici , causa di tutti i feuoineui vitali per la facolta 
coinunicata alia libra di reagire agli agenti impressionati. 
Dunque il principio vitale e un ente distinto dall' organiz-^ 
zazione , sebbene inerente alia iiiedesiina: esso non e cio 
che da Ippocrate fino a noi fu con diversi iiomi cliianiato : 
non e un lluido , un iniponderabile od altra elficienza 
separata nel cervello, nel midollo spinale , ne' nervi , al- 
trimenti 1' elTetto avrebl)e preceduto la causa : non e una 
proj)rieta della filira organizzata, una forza risultante 
dair ordine e miscuglio della materia organica , o una spe- 
ciale niodilicazione delle forze primarie, altrimenti non 
potrebbe spiegarsi il fenonieno della niorte naturale o suc- 
cedente a uiolte malattie , superstiie Tintegrita organica (2). 

(i) La pro^'rieta reagente della fibra orgaijizzatr, , gli agenti 
impressionanti , la reazione , o sia la vita , non sono altro che 
1' eccitabillta , gli stiiiioli e 1' eccitament) di Brown. 

(2) II sig. Ainoretti insiste fcu'teaiente siilT esistenza di cjuesto 
arcane princi|)io comunicato dalle sperma , o dal polline , al 
germe prcesistente , e donde eniana la proprieta vitale della 
libra. Wa egli deve rilletteie die essendo la materia del ger- 
me preesistente coniposta di partlcelle tuc , e un assurdo il 
dire , clie nel £,erine stesso e tramaiidato il pri/iciuio vitale , o 
I' attitudine alia vita , ))er mezzo della fccondazifine. ^d una 

Bibl. Ital. T, XXXVIL ■ 5 



66 AIOIUSAJI Ml.DK^O-l IIOSOFIGI 

La vita comincia colla niiiior dose di vitalitii e di ageiifi 
jnipressionanti. Col progressive sviluppo ed aiiniento del 
corpo crcsce pure la vitalita , c percib la sua capacita a 
maggiore qtiantith di agenti inipressionanti. Tale condizione 
sceina al contrario col decrescere della nutrizione e dclla 
vitalita dope il coiii|)iuto uaturale auuiento del corpo e 
nella tcndenza dell' iiidividuo alia naturale sua distruzione. 
Quanto piii energica e la vitalitii , tanto piu la flbra e 
capacc per gli siimolie resiste alle cause morl)Ose. La 
vitalita adunque c in ragione diretta dello stimolo nello 
stato medio o naturale: canone contrario a quello stabi- 
lito da Brown. 

La celluHre , i vasi , i nervi sono gli dementi organici 
della flbra , dal cui coiuplesso rlsulta un unico sistema 
rcasiente. La fibra del vegetaljiii e dei zoofiti e reasiente , 



materia viva noii piio essere di nuovo tiasmessn In vitalita. Del 
vesto , siccoiiie noi abljianin gia annunziato , clic i gfrmi conetano 
di una materia per lo piu omofrenea , priva di iiualunf[iie in- 
dizio di rudimenti ori^anici ; cooi non pud ammettersi die per 
la fecoiidazione sia trasmesso d supposto principio vitale nrlla 
sostanza nervosa parte integrante della fibra organizzata. Dalle 
osservazioni fatte d^l diMtor Rusconl sulla fecondazione , e suc- 
cessivo sviliipjio dr-lle uova dflle salaniandre . delle rane e di 
aliri aoiiiiali risulra che in seguito all' azione tlello (<|)t'niia, quando 
lion nianclii 1' influenza degli altri agenti m-ct-gsarj , come sono 
il calorico , 1' aria , 1' acqua ecc. si formanQ dei solclii , dell« 
conipressioni nelT uovo , e si risveglia un niovimenro intestino 
nella materia ivi conrennta. Questa si altera a puco a poco nel 
colore , e una porzione piu cstcrua e piu offusrata estendesi 
gradataniente per abhracciare una materia piu biancastra; indi 
stringendosi niultu da origine al tube alimentare , le cui circon- 
voiuzioiii vanno successivamente sviluppandosi. Nella etes^a nia- 
iiiera la materia preesistente genera i rudinjenti dell' addonie , 
del capo, iudi del petto, delle visccre e degli arti , opera mm 
g;ii di un solo istante , nia di | iii o men giorni, Seuibra quindi , 
J." die la materia iiifornie <lei geruii possieda giii T attitudine 
alia vita ; i." die lo sjiernia sia uno stimolo specifico , uu' ef- 
ficienza particol.ire die induce nella materia del gcriiie una con- 
diziime , posta la tjuale , essa a tempo debito , e sotto 1" influenza 
dfcgii agenti necessarj , si muove, «i moddica , assume una for- 
ma spocialc , e nel tempo sresso (juelia forza arcana , donde 
lianno origine tuiti i ienomeni della vita manifesta. Non a lorto 
e pcifio la geueraziuue cunsiderata o delta una specie di cri- 
stalluzazione. 



SfLL V Sr.IENZV DEM, V A ITV , CCC. 1)7 

cjniiidi devest snpporre clie anclie in essi esista una so- 
sianza nervosa , o simile ed analoga ( cio die non verra 
provato giamiiiai ). I pi'incipj e le molecole dei suddetti 
dementi organici ci sono ignoti , giacche i prodotti die si 
]ianao per 1' aiialisi cliiniica delle sostanze lluide e soUde 
dopo la niorte, non sono gli stessi ( addio cliimica animale 
e vegctabilel) die esistevano dni'antc la vita. 

I nervi presiedono alle a/ioni si organiche die aniinali. 
La vita consiste essenzialiiiente nelle prime, ed e identica 
negli aniinali, nci zooliti e uci vegetaljili. 

I nervi lianno , indipendcntemente dal cervello , la loro 
propria potenz.a , per il cui inllnsso si eseguiscono le {iin- 
zioni organiche : viceversa il cervellu lia, indipendente- 
mente dai nervi , la propria attivita , per cui F aniina 
cseguiscc certe funzioni risirette a questo organo solaniente. 
Nondimeno i nervi trasmettono al cervello le impressiojii 
degli agenti su di essi, e da quello alle parti i cenhi 
della volontii ; e per I'intima comunicazione loro ed oiiio- 
geneita le funzioni aniinali, i pateini, ecc. possono turbare 
le funzioni organiche, ed i vizj di queste alienare quelle 
deir anima (i). 

I nervi trasmettono le impressioni nella aiaccliina ani- 
male per reazione , per moviniento e trasmissione di esso. 
La reazione po-i non e altro die una nnitazione , una 
coiitrazione , un moviniento : la cessazioiie di essa costi- 
tuisce lo stato di morte. La proprieta reagente della iibra 
emana dal principio vitale alia medesinia inerente ; e di 
la trae pure origine quella forza arcana a cui si deve 
tutto il lavoro dell' assimilazione. Ne T una , ne F altra 
possono attribuirsi ad una forza risultante dalF ordine e 
miscuglio della materia organica , ne spiegarsi coUe leggi 
lisiche e chimiclie , giacche cessano colla morte, Integra ri- 
inanendo la disposizione e modilicazione della niedesima (3). 

La proprieta vitale o sia reagente della libra amniette 
due modi , passivo uno , attivo F altro : il prlmo e la 
iinpressicnabitit.a , F altro la reattivud propriamente dctta (3), 



(1) Questo ci e insegnato da tutti i inoderni fisiologi. 

(2) Supposizione gi-atuita al par di ciuella che riguarda la 
fornia individiia ed organizzata dei geriiii innanzi la fecondaz'iDne. 

(3) Nouil dolcissimi , cui ptac(]ue aiT aiuore di sostieuire a' 
i|iieUi di f rcitaljilita , di seiisibilita ^d irritiibihtii , di coatratu 
lit a, di toult-ita , di turgor vitale, di uiso foriDativo etc. 



68 ArORlSMI MEtHCO-FILOSOFiCI 

n eui si rlilncono in ultima annlisi tntte le propriety viuli 
diversanioate cliiamate nci varj sisteuii cli fisiologia (i). 

La vita c itlentica in tntti gli esseri organizzati , seb- 
bene non tutti la nianif^stino collie stesse fnnzioni , per 
lion esser tntte essenziali alia vita niedesinia, Qnindi e un 
errore il dlstinguere la vita in animale ed organica , in 
sensifera , i'Cgetadvn e motrice , polche non si accenna una 
diversiiii cli vita , ma soltanto di funzioni. 

La scnsibilitd e propria soltanto dell' anima , poiche essa 
sola perccpisce V impressione iatta dagli agenti sui nervi. 
La sensibllita non e altro die la pc.rcettivita , il senso at- 
tnale La percezione , e la sensazione V impressione degli 
agenti sivi nervi percopita dall' aniuia. Percio gli organi 
de' sensi potrebbonsi denominare organi (T impressione per~ 
ceui\-a , ed il cervello organo di percezione e di volizione. 

II principio vitale , sparse in tutto Tindividao e mate- 
riXle , diverso dall' anima immateriale e indivisibile, non 
agisce da per se indipendenteinente dagli agenti impres- 
sionanti. La reazione in rjnalunqiie parte e sempre 1" efFetto 
della impressione di cjuesti snlle iiljre dotate del la proprieta 
vitale, clie emana dalla vitalita inerente alia sostanza 
nervosa. Essa e nn movimento di divcrsa nianiera , se- 
condo la struttura delle fibre diversa nei diversi organi. 
Qnesto poi e sensibile nelle une , insensibile nelle altre. 

Gli agenti non fanno tutti sulla iibra la stessa impres- 
sione , ed ella non reagisce a tutti egualmente. Oltre cio 
non si trova sempre nelle stesse ciixostanze e condizioni , 
giusta le quali diversamente reagisce alio stesso agente. 
Quindi e un errore il considerare ne' I'imedj e negli altri 
agenti la sola qualila stimolante, controstimolante ed irri- 
tativa , giacche , se vi fosse qnesta identita di azione, si 
dovrebbe ayere un' identita di effetti , il che e falso e 
contraddetto dai fatti. h' azione di qualunque agente e in 
ragione della sua qualita speciHca e delle condizioni della 
fibra , giusta le quali e diversamente impressionata ^ e su- 
bisce inodifjcazioni diverse ; 6 di qui dcbbonsi ripetere i 



(i) Su cio siamo d' arcordo con Brown e coll' autore ; ma 
ijon ci par conveiievole T escludsre alcune di tali denoniina- 
zioni , perclie ccn esse si esprimono vaij lenomeiu della vita , 
iliversi tra di loro j)er la diversita delle parti , del grado e dej 
luodu con cui ci ai prescutauo. 



SUIX;V SCrENZ,V t>ELL\ VITA, CCC. C)g 

diversi effetti tlell' agente istesso ne' divers! inJividui e 
neirindivldiio medesiaio posto in circostanze diverse. Tutto 
e relalivo nella niaccliiaa aiiimale ; e quiadi soiio fallaci i 
fondamenti , sui quali e stabiliia la distinzione suddetta , 
e vuol amiueuersi 1' indicazione varla dei niedicanienti. 

Tutto cio che rignarda la peculiare- seiisibilita organica , 
il gusto specilico degli orgnui, Tazioiie elettiva degli agentl, 
^ ipotetico. La varieta dei fenoiiieni dipende dalle due 
cause suddetie. Cosi la secrezione noii dipciide da cio , 
die ogni orgauo dotato di un gusto specitico proprio 
estragga dal saiigue certi priucijjj , altri ne rigetti , e quelli 
caagi ill uu dato prodotto , ma dalla diversa iinpressioue 
die il sangue dlversamente niodificato eserclta sugli organi 
secerneuti. Imperocclie il sangue circolando pei vasi subisce 
continuamente delle niodiJicazioni atteso le continue per- 
dite , aggiunte, e la diversa reazione dei vasi ; deve quindi 
esercitare un* impressione diversa sugli organi secernenti, 
a cui corrispondono diverse niodificazioni e reaziorii delle 
loro fibre, e percio diverse secrezioni (i). 

La varieta delle impressioni e la causa di tutte le mo- 
dificazioni die la proprieta vitale della fibra subisce nei 
periodi e stati della vita; e le niodificazioni diverse della 
fibra soiio la causa per cui le stesse impressioni ora man- 
tengono la sanita , ora producono la malattia , ora ricon- 
ducono da questa alio stato sano. 

Tutti gli esseri organizzati sono abbastaaza perfetti nella 
loro specie perclie non inancano di cosa alcuna per compire 

(l) Tutto questo va bene, uia se il fenonieno delle secrezioni 
dipeudesse dalla diversita soltanto tielle impressioni, sart-bbe 
etata inutrle la diversa strutfura degli organi secerneuti. Del 
vesto , quale niodificazione puo uiai subire il sangue che per 
le diverse arterie nascent i dalT aorta addominale si dirige ai 
varj organi secernenti , nell' addoine raccliiusi , da produrre su 
quest! un" impressione tanto diversa e risvegliarvi una reazioue 
«i varia , clie se ne abbian prodotti cotanto differenti , come 
sono tra loro d succo gsstrico , I' uinor pancreatico , V orina ecc? 
Perche mai il pericdrdio , la pleura, che riccvono il latice vi- 
tale si viciuo alia sua uscita <lal cuore , seccrnono un uniore 
non diverso da quello che si secerns dal peritoneo , dalle nie- 
niugi , dal tessuto cellulave delle niani e dei piedi ? Fra le 
diverse opiiiioni ininiaginate per ispiegare il tenomeno delle se- 
crezioni , quella del sig. Amoretd e la piu debole , la meno 
soddisfacenie. 



"C AFOKISATI iMEDTCO-rTrOPOFTCT 

il periodo ilella loro vita e ti-asnietterla in altii indi- 
vidiii. II principlo senziente o sia V aiiiiua costituisce la 
linoa di separazioiie tra il regno anuiialc ed 11 vegetabile ; 
e le fnnzionl aniniall rt-ndono liensi piu manifesta la vita, 
nia non ne canihiano 1" ossen/.a. La rcattivita , proprieta 
carattoristica dclla vita , e comune tanto agli animali die 
ai vogctnbili, L' aninia ha sedc , in tntti gli animali ver- 
teljiati , nel ceiv«llo; in tutti gli altii , nei quail sonovi 
nei'vl visihili e ganglj , rlsiede in qualche loro organo 
tentrale : i zoolili ed i vegotalnll sono privl di sistem.i 
iiervoso visiliile , <[uindi altresi di funzioni animali. 

La modificazione della proprieta vitale della liln-a indotta 
dnfli an;enti impvessionanti e quella varletii di condizione 
oi-caiiico-vitalc die trae seco una diveisita di reazione e 
di j'eiiomeni die caratterizzano tutti i gradi della sanita 
<* della iiialattia. La vaiietii di essa dipende dalla diversa 
dose di principio vitale alia stessa fdira inerente. Cosi 
gli agenti die per la loro tjuantith o qualita , o per amen- 
due insieme ianno una piii forte iiupiesslone sulla lil)ra , 
cngionano un niaggior esauriniento del principio vitale, 
secondo il quale la proprieta della fibra snbisce una variri 
jnodi/icazione , per cui si altera la reazione della fibra 
jiiedesinia , cioe si accresce o si diminuisce. II difetto poi 
o la caitiva qualita degli agenti necessarj alia nutrizione 
produce un minor grado d' impressione , per cui la fibra 
e resa meno atta agli agenti impressionanti ed a resistere 
alia loro azlone , non die una scarsezza di niolecole ri- 
jjaratrici la sostanza organica ed il principio vitale. 

Secondo la diversa dose di principio vitale la proprieta 
tiella fdira o conservasi nello stato medio (stato dl sanita), 
o pure si esnlta o si diminuisce ( stato di malattia ). 
Nella esakazlone della impressionaljilita la fibra e piii o 
iTieno intoUerante degli agenti: nella depresslone reagisce 
meno , c rruindi si ricliiedono dosi proporzionatamente 
inaggiori di agenti atti a ristaurare il principio vitale e la 
nutrizione. 

Tutti gli agenti die impressionano la libra sono stimoli i 
e quegli agenti venelici , nemici della vita, voluti contro- 
stimolanti , fanno re;igire ancli' essl la filjra eccitandola , 
qitaudo non siano in dosi eccedenti da indurre la depres- 
slone con un prontlssimo esauriniento del principio vitale. 
Questa verlta «* confennata dagli eflVttl non diversi da 



SULL\ SOIENZA DELj% VIT\, CCC. ^I 

quelll del cotitrostimolo , die talvolla sono iudotti da sti» 
nioli potentissinii, quali soiio il vino, 1" alcool , 1" oppio , 
la replezione de" cihi , l' eletti'icith , senza che vi preceda 
il niinlmo aumento di reazioiie. Tutto e relative nella 
inaccliiiia animale ; e percio gli ageuti stessi producono 
efFetti diversi in diversi organismi , perche diverse souo 
le loi'o condizioni organico-vicali : la libra dlversamente 
iiiodificata , vieiie diversaiiieute impressioaata dall' agente 
stesso. Quindi per iion ammettere due forze opposte nello 
stesso agente , hisogna dire che ne sia relativa l' azione 
di tuCti, e diversificare secondo le condizioni diverse della 
fibx"a su cui agisce. 

L' unica distinzione che puo farsene , e quella di distin- 
guerli in agenti aniinali ed orgunici. Tutte le operazioni 
deiraaiaia, i patemi , ecc. appartengono ai primi ; giacche 
I' aninia per le sue operazioni ed emozioni agisce col mezzo 
dei nervi suUa libra e ne provoca relative reazioni , a cui 
corrispondono relatlvi efFetti. 

Parte II. Della i'ita iiello staio di malattia. — La rea- 
zione della libra costituisce iuimediataniente la vita. La 
sanita consiste nella nioderata e sufiiciente reazione die 
da luogo ad un libero esercizio delle f'unzioni ; la malattia 
in una accresciuta o diminnlta reazione che porta seco lo 
sconcerto od anche la cessazione delle funzioni. Di qui la 
distinzione delle malattie di reazione accresciuta e di rea- 
zione diininuita, alle quali due forme si riferiscono anche 
le malattie locali. La distinzione delle malattie in iperste- 
niche cd iposteiiiche e erronea , perche niolti fenomeni 
di accresciuta reazione sono comuni alle une ed a parecchie 
delle altre , ed in queste ed in quelle havvi intolleranza 
degli stinioii. Del resto la forza, il vigore sono proprj 
soltanto dello stato di sanita , e quindi non puo ammet- 
tersi che un loro aumento costituisca la natura essenzia'.e 
di una classe di malattie (i). 



(i) Abbiamo gia avvertito , clie la reazione amiuessa dal si- 
cnor Ainoretti non e alticj che 1' eccitaineiito di Iifoivn. Ova 
dalle cose si>|)ra esposte si compvende ahres\ , che Ic due for- 
me di mal.ittie da lui stnbihte non differiscouo in essenza dalla 
iperstenia e dalla ipusteuia dei uioderni, quaiido in luogo di 
qufste deniiniinazioni si adotiasscro viuelle di eccitaaiento ac- 
crrsciuto , e di eccitamento Jiiuimiiio , allt quali corrispoadono 



<--) AFORISMT MEDICO-FILOSOnCI 

I 

L' ecccsso degli stinioli imiute la nialattia iiiodiiicanilo 

la propi-ieta della fibra o piii o meno esanrendo la vit.a- 

litii. C()s\ 1 violentl esercizj , le faticlie iiisolite ap|)ortaiio 

la clebolezza e perfino la niorte per il grande esauiiiiieuto 

della vitalita. Del pari tutte le cose eccitanti , clie aumea- 

tano la reazione della fibra seiiza accrescerne a propor- 

Tione la mitrizione , disperdono il prlncipio vitale. Non 



invece le forme inorbose di stlmolo e di controstimolo. Rico- 
nosciamo noi pure, clie la forza e la robiistezza sono proprie 
soltanto della sanita, poiclie dipendono senza dubblo dal farile 
c uariirale esercizio delle fimzioni della vita, e die (juindi ogni 
«leviazione da quello stato <leve , vigorosamente pailando , es- 
sere seguito dalla debulezza. Se vogliasi non ostaute capire nelle 
■voci i|)erstenia ed ipostenia non altro die i due modi stiddetti 
di alienazione dell' eccitamento dallo stato medio , la differenza 
tra la pafogenia biowniana e quella del nostio antore sta so- 
lamente nelle parole. Cio viene confcniiato ancl.e in tutto il re- 
stante , ove si vaiutino le correzioni fatte alia patoloj;ia di Brawn. 
guardanfi la rii>ioducibilita della propriela vitale , 1' estensione 
della diaiesi alle malattie locali , la trasniigrazione di una forma 
morbosa nell' ultra , e si considerino fiualmente , come peusauo 
taluni , malattie di stimolo , ossia di eccitamento accresciuto 
tutte quelle clie dal sig. Aiiiorctti sono chiamate di reazione ac- 
cresciuta, 

Pertanto , se la rifovnia dalTautore immaginata non e altro 
die quella di Brown siffattamente corretta , ne offre anclie gli 
stessi difetti , ed e suscettiva delle medesime obbiezioni. In 
primo luogo col saecorso di tale patogenia non si possono com- 
prettdere , ne si puo dar ragione delle malattie della produ- 
zione e riproduzione organica, come eono Ic cachessie. Obbie- 
zione poi di qualche peso e quella die non tutte le malattie si 
possono riferire a certi supposti gradi dell' accresciuta o dimi- 
nuita reazione ; poiche nella stessa maniera die nelle malattie di 
stimolo e di controstimolo vi ha coesistenza di fenonieni da esal- 
tato e da depresso eccitamento , nelle malattie di accresciuta 
reazione ammessa dalT autore , mentre ci si offrono tlei feno- 
nieni indicanti iin tale stato, altri a quesro pure uecfssarj , anzi 
indispensabili, o mancano del tutto , o indicano tutt' altro die 
un aumento della reazione. Altra sorgente di errore comune 
tanto alia patogenia browniana, che a quella del sig. Ainoretii^ 
e la considerazione fatta esclusivamente ai gradi dell' eccitamento 
o della reazione in organi particolari , o in tutto il sistenia , 
nulla attrlbuendo all' alterazione loro di qualitii , o sia a un certo 
canibiamento della manifestazione vitale diverso dall' alienazione 
di grado , indotto iu una parte o nel sistema universale dalla 
potenza nociva. 



Sl'LLA SCTENZA DELI, V YIT\, CCC. ^d 

Jiversauiente operano le reazloni eccesslve e moibose , 
come le febbrili , le flogistiche , le convulsive ecc. II ful- 
niine poi , le dosi uiassime di acido prussico , di acqua 
di lauro-ceraso , lo spavento , la gioja sonima, ecc. disper- 
dono il principio vitale rapidamente , senza die abbiavi 
lenipo di notai-si 1' accresciuta rcazione. 

Qnindi le persoiie robuFte, essendo provvedute di mag- 
rlor qnaiitita di principio vitale , lianiio una niaggiur ca- 
pacity per gli agenti iiiipressionanti , e cose uguali nuocono 
alle coslitnzioni delioli , nientre nessun cattiyo efi'etto pro- 
ducono nelle prime. 

Le cause morbose o attaccano sem[jlicemente la vitalita 
seuza oflendere il tessuto, o imniediatamente questo e coii 
esso la vitalita iuseparabile dal medesimo. Le piime pcro 
possono alterare indirettamente il tessuto risvegliando pro- 
cessi morbosi locali ; e le seconde otFendendo il tessuto 
inducono o ponno indurre un processo morboso universale. 

La potenza agente devia la reazione dallo stato di sa- 
nita quando sia eccessiva o deficiente. Essa dividosi in 
ordinaria ed in istraordinaria. La i .° e costituita dagli r.genti 
die sono necessarj alia vita: la 2.' si suddivide in agenti 
medicanientosi ed in agenti infensi alia vita. La i." nuoce 
per eccesso o per difetto ^ i medicanienti sono nocivi se 
usati mal a proposito ; gli altri sono iutrinsecamente tali. 
L' unica difFerenza die si possa stabilire tra le potenze 
per accidente morbose e le iutrinsecamente tali , consists 
in cib che le prime d' ordinario piix non esistono , e rimane 
la sola inodificazione della proprieta vitale, mentre le se- 
conde sono il pin delle volte permanenti , come i con- 
tagi , i veleni , i corpi estranei, le lesioni organiche, ecc. 
Di qui nasce la difficolta di sradicare le malattie , cbe 
secondo 1' opinione dei riformatori italiani traggono ori- 
gine da cause morbose irritative. 

Le cause luorliose disponendo o inducendo la nialattia 
esauiiscono il principio vitale perche sono al medesimo 
nemiche per natura intrinseca o per accidente. Quindi la 
causa predisponente delle malattie tutte della proprieta vi- 
tale e resaurimento della vitalita ^ la causa prossima , o 
sia la condizione morbosa o patologica in generate e T al- 
terazione della proprieta vitale inerente alia libra, die si 
appalesa o coUa accresciuta o coUa diminuita reazione 
della medesima. II i.'diquesti due stati puo naturaimente 



"4 AFOniSMI MEDTCO-FILOSOriCT 

o per mezzo ilell' arte far passaggio al a," e viceversa per 
mezzo (.K rimedj energici. Per la morbosa esaliazicnie la 
iibra e meno atta a sostenere le impression! anclie de^ so- 
liti afijenti , e quiudi accresce le sue reazioni anche sotto 
le minime loro dosi. All' opposto la depressione reiide la 
libra iiictio atta a. rispondere alle impiessioni degli agenti 
ordinarj . e pcrcio diininnisce e s' illanguidisce la sua rea- 
zione (i). 

(l) Pcrcli^ siano intese le massime fisiologiche e patologiche 
del uostro autore , bisogna riflettere clie la sua impressionabilith 
vuol essere concepita in un senso affatto contvario a quello in 
cui dai fisiologi si concepisce Y idea dell" eccitabilita , della sen- 
sibilita ed irritabilita , della rlcevibilita ecc. QiifSli con dire die 
la /ibra e niolto eccitabile , initabile , seusibile , capace agli sti- 
nioli , intendono non altro , se noa clie la fibra si risente e 
reagisce alio stimolo con piu proiitezza e vivacita , che negli 
altrl casi ove e meno sensibile ed irritablle, per cui si esige 
una maggior dose di stimolo onde ottenere un effetto uguale : 
il sig. Amoretti invece stabllisce , che la fibra e piii impressio- 
nabile quando toilera 1' azione degli agenti , e die 1' inipressio- 
nabillta e minora, ove la fibra facilmente ^ alFetta dall' agente 
impressionante, e risponde con una reiativa reazione. Ci pare, 
die prendendo la cosa in questo senso ■, non troviamo piu la 
retca corrispoudenza di causa e di effetto. Se la nota caratte- 
jistica di'gli esseri ortanlzzati e la reazione anli agenti inijiressio- 
nanti ; sc 1' inipressionabilita della fibra eniana dal prmcipio vitale 
ad essa inerenie , sembra giusto il dedurre , che la reattivitk 
sia in ragione delT inipressionabilltk , come lo e questa in ra- 
gione diretta del principio isissso. Come potreuio coucepire 
che la reazione della fibra si esalti ove ne sceiiia 1' inipressio- 
nabilita atteso r esauriniento del principio vitale, se la reattivita 
della fibra da questa fonte solaiuente scaturisce ? Ove dovessimo 
concepire il rapporto dell' inipressionabilita colla vitalica nel 
iiiodo stabilito dal sig. Amoretti^ potremmo credere che il torpido 
cretino , iusensibile ( sit veiiia verba ^ sig. Amoretti) alle vicende, 
ajle intemperie dell' atmosfera , al freddo rigoroso ed al sole 
cocente , alle persuasioni ed alle niinacce , agli avvenimenti e<l 
alle cose tutte che comniovono , tollerante della cattiva qua- 
lita degli alinicati , di cui e costretto clbavsi , sia dotato di 
niaggiore vitalita , che il fcUiciu4lo vivace ed irrequieto , sen- 
sibile a tutte le cose capaci di destare il piacere od il do- 
lore, che non soS're inipunementc le vicende atiiiosferiche 
Jie quelle di caldo e freddo , ne I' uso di cibi grossolani e 
di bevande insalubri. Una statua di brouzo , die non si scuote 
air urto di tuttl gli agenti iinpressionanti la filjra organizzata , 



SULLA. SCIENZA DELL V A'lTV , CCC. --5 

La I.' forma di reazione accresciuta si divkle in tre classi. 
La prima e di reazione accresciuta per ecccsso di stiinolo 
assoluto. Comprende essa le malattie flogisticlie cosi dette 
dei soc;getti forti e i-obusti , accompagnate o no da infiam- 
mazione. Li questa classe T esaurimento del principio vitale 
comincia coll' azione delle cause nocive e prosegue col 
progredire della malattia. — La seconda cliiamasi di rea- 
zione accresciuta per eccesso di stimolo relativo. Comprende 
le malattie stesse , ma in soggetti die Irovansi in opposte 
condizioni, cd in cui il principio vitale e la massa degli nmori 
sono piu o meno scarseggianti prima dell' azione delle cause 
nocive. — La terza dicesi di reazione accresciuta per C azione 
dei soli stimoli ordinarj. Questa forma ha Inogo negP indi- 
vidui la di cui fibra trovasi in tali condizioni , clie dai 
soli residui stimoli ordinarj , divcnuti lelativamente ecce- 
denti , e eccitata la morbosa reazione. 

Queste tre classi , in cui sono comprese tutte le ma- 
lattie febbrili , infiammatorie , convulsive , spasmodiche, ecc. 
lianno dei 2;radi intermediarj indefiniti , e sono d"" indole 
diversa per la varia dose di principio vitale inerente alia 
fibra , e di massa nmorale circolante nei vasi ; esigono 
quindi relative difFerenze nel nietodo di ciira. Nella i.« si 
richiede per es. un regolato metodo debilitante ed eva- 
cuante energico; nella 2..' lo stesso, metodo usato colle 
niassime precauzioni e tutta la prudenza , specialmeate 
circa le sottrazioni di sangue ; nella 3.' debbonsi adoperare 
ancora niaggiori precauzioni , e si debbono evitare i me- 
todi troppo deprimenti dei controstimolisti e gli opposti dei 
broa'nianc. 

Nella forma di reazione di/ninuita liavvi la classe sola 
di depressione. Qui la fibra trovasi o««5a, rintuzzata , sordA 

sarebbe fornita di vitalita piu della fabbrica uuiana , perch^ 
lia la capacita fV iinpuaemeiite resistere agli effetti della !ora 
azione. 11 sig. Pring nella sua critica alia tisiologia e pato- 
logia browaiana lia diaiostrato Ja somuia nece»ai(a di distin- 
guere la quantita dell' eccitauiento dal grade , e uoi dircino 
clie ncllo studio dei fenonieni vital! , e nel dar ragione delle 
aooinalle clie osserviauio negll effetti prodotti neli' organisnio 
degli agenti impressionanti , piu che alia quantita devesi porre 
attenzione alia qualita cui il principio vitale e suscettivo di as- 
suniere ne' suoi variati rapporti colle potenze , die sopra di lui 
esercitnao alcun niflusjo. 



^6 ArORISMI MEDTCO-riLOSOnCI 

piu o meno all* inipressione degli agent! (i) , ontle meno 
reagisce alia loro azione. Puo esscre prodotta da stimoli 
■violent! o troppo protiatti , dai veleni , dai contagi , dalle 
gravi fatiche , da reazioni eccedenti e protratte febbrili , 
flogistiche, convulsive , dall' inedia , dai patenii deprimenti , 
da perdite di uuiori , da lunglie e lente malattie , ecc. ; 
in una parola , da tutto cio che esaurisce la vitalita senza 
lipararla, e di troppo esercita e stanca la fihra. 

Le lualattie locali appartengono pure all' una o all'altra 
delle stabilite due forme : la loro cura non puo essere 
quindi diversa da quella die conviene nelle malattie uni- 
versali. Cio non ostante giova dlstinguere le une dalle 
altre per applicare la cura generale o la locale, o amen- 
dne secondo la loro occorrenza e complicazione (2). 

Compendiate cosi le idee fisiologico-patologlche general! 
del sig. Antoretd , ci licenziamo per ora dall' opera in cui 



(i) Non h lo stesso che'dire, 1' impressionabilita della fibra 
e diiuinuita ? E cio non k forse una aianifesta contraddizione 
a quanto ha poc' anzi inteso di dive colla medesiina espressione? 
Del resto vorremnio che il sig. Ainoretti ci spiegasse, come raai 
m un caso 1' esaurimento del principio vitale e la causa della 
susseguente reazione accresciuta , o sia dell' inloUeranza degli 
etiuioli , nientre nell' altro e la causa per cui la fibra e ottusa e 
sorda all' im)irpssione del ^ledesimi. 

(2) Nello stabilire ed illustrare le massime che formano la base 
delle sue dotirine fisiologico-patologlche , il sig. Ainoretti non 
trascuro , come abbianio gia detto, d' inipugnare a tempo e luogo 
i principj fbndamcntali della teoria medica di Brown e delle ri- 
forme fattevi specialmente in Italia. Giunse egli cosi ad inferii-e 
clie debbonsi rigettare le pretese diatesi ipersteiiica , ipostenica, 
ed irritativa, la neurostenia di Giannini , non che le teorie del 
ccntrostimolo e dell' irritazione , le norme drsunte dai diatesi- 
nietro , la legge de' contrarj , la distinzione degli agenti tutti 
delle cause morbose , e dei medicamenti in stimolanti , in con- 
trostimolaati , ed irritativi. Con un lavoro siffattamente condotto, 
oltre la sposizione delle sue idee sulla scieuza della vita , ha 
creduto egli di aver risposto e pienaniente sciolto il quesito pro- 
posto ntl niese di maggio 1819, dalla Societa iraliana delle 
scienze residente in Modena. 

I uoslri liuilti non ci haniio permesso di dare un circostan- 
ziato ragguaglio delle critiche mosse contro i principj di tali 
rifijrme. D' altronde abbiamo anclie giudicato inutile fatica il 
trattenere i nostri lettori con materie sulle quali e in Italia e 
fnori si e gia detto e scritto tanto , die non si puo dire e icri- 
vere di piu. 



SULLA SCIENZA DELLA VITA, CCC. 77 

trovansi esposte. La nostra opinioiie sul nierito tlella nie- 
desima potra essere interpretata dalle poche aniiotazioni 
fattevi e dalle seguenti conclusion! : 

a) L' idea die il sig. Arnoretti ci da del principio vi- 
tale fe ipotetica. 

b) La legge , da lui stabilita , guardante i rapporti 
degli agenti impressionanti e della proprieta vitale dell' or- 
ganismo , e contraddetta dai fatti e dall' autorita dei nii- 
gliori fisiologi e niedici di tutti i tempi. 

c) Le due forme morbose di reazione accresciuta e dirai- 
nulta , non essendo in essenza che le due diatesi browniaue , 
ne ofFrono anche tutti i difetti , piu quelli die deriviamo 
dai loro rapporti coll' inesatto primo elemento patologico, 
e colla supposta azione di stimolo in tutti gli agenti im- 
pressionanti. 

d) Le conseguenze di cjuesti errori nella base fislo- 
logico-patologica si estendono e si fanno_vie piu manifeste 
nella generale e nelle speciali indicazioni fondate sulla 
medesima. 

e) Le innovazioni di nessuna entita , I' inutile cangia- 
mento di parole , le incalcolabili modilicazioni della pro- 
prieta vitale , la specifica e relativa azione di tutti gli 
agenti , gl' indefinlti gradi intermediarj delle forme di rea- 
zione accresciuta, la non liiai bastante sapienza del medico 
( e non vi basterebbe al certo quella di Salomone ) in 
conoscere le une e distinguere gli altri , traggono la teoria 
medica del sig. Amoretti al destino fatale di dover morire 
uascendo. 

Dott. Carlo Chiolini. 



78 ^__^^^ 

APPENDICE. 



Parte i. 

SCIENZE, LETTERE ED ARTI STRANIERE. 



Ilistoire ct description etc. Storla c dcscrizlone dvlla 
cuttedrale di Colonia , accompagnata da ricerche sit 
r architcttura delle antlcjte cattedrcdi , di Sulpizio 
BoissEREE. — Stuttgard, 1828, /'re^.?o Cotta: dcdla 
stamperia di Firmino Didot : Farigi. Gran foglio 
con tavole m rame. 

I.\|oN e in Italia soltaiito Invaso il costume di illustrare 
e di nioItiplicaFe anclie coa una specie di lusso le descri- 
zioni delle cattedfali piu magnifiche ; alcmie ne vedemmo 
fatte recentemetWe delle cattedrali della Fraiicia , dell' In- 
gliilterra e della Gerniania , e tra qneste primeggia certa- 
iiiente qnella clie ora annanziaino della cattedrale di Co- 
lonia. 

In una breve prcfnzione 1' autore rende raglone dei 
motivi , clie indotto lo hanno a scegliere cpiesto monu- 
mento come un tipo delT arcliitettura delle antiche cat- 
tedrali. Queir architettura , die' egli , ijiipropriamente no- 
niinata gotica , si distingue per la riunione piii armonica 
di elementi , che a prima vista sembrano diametralmente 
opposti; gigantesca ne' suoi concepinienti , nrdita e solida 
nella sua csecuzione, essa inspira a prima vista lo stupore, 
quindi rapisce sino all' aiumirazione , allorclie si scopre 
ciie un principio unico , originale ed ingegnoso dispone 
tiitte le niinime parti, e scendendo anclie alle piii minute, 
tutto rcsrce e a tutto comunica la iorza c la "irazia. Di 



kVW VARTE STRANIERA. 79 

quest"' arcliitcttura la storia non ci adJita 1' origine , raa 
cioinino essa uell' Europn dal XIII secolo sino al XVIII , 
e sgraziataiuente noa ebbe an Vitruvio cbe ne ihdicasse le 
regole , e ne raccogliesse i priticipj \ non ci rimangono 
adiinque se non cbe i monunienti , e questi ancora in gran 
parte impeifetti , alcuui altresi compostL di parti etero- 
genee, appartenenti a disegni di epoca difFerente. La cat- 
tedrale di Coloiiia , uno dei piu vasti c piu l)elli ediiizj 
di questo geiiere , bencbe forse piu dell' altre soggetta a 
triste ■ vicende , ha questo pregio particolare , cbe i suoi 
fondamenti e tutte le parti die sono terminate , veggoasi 
cosirutte sopra un solo e medesiuio disegno , del quale 
tuttora si conserva la delineazione originale , cosiccbe unen- 
dosi qnello cbe e fatto con quello cbe fare si dovrebbe , 
si puo ottenere vin complcsso di arnionia e di unita pcr- 
fetta , quale immaginato lo aveva I'ingegno dell' arcbitetto. 
L' autore ha duuque voluto reiidere un omaggio alia me- 
moria dei costruttori di questo edifizio , ed un servigio a 
tutti gli aniici delle arti , stndiandosi di terminare , aliueno 
colla delineazione , quel uionumento cbe tempi infelici e 
circostanze fatali impedirono di compiere realmente. Egli 
lia crednto altresi di poter presentare una liase sicura 
per sciogliere iinalmente la qaistione , agitata lungamente 
tra i dotti, su 1' origine e sul sistema di quell" arcbitettura ; 
giaccbe non si jouo giugnere alia scoperta di que' principj , 
e seguitarne lo sviluppamento sino alia decadenza dell" arte, 
ne esporne il sistema in tutta la sua estensione , se non 
die coir esanie accurato e ninutissimo di uno dei princi- 
pali monuraenti di quello stile e di quella maniera. 

L' autore ba pigliato egli stesso tutte le niisure dell" edi- 
fizio 5 ba abboftzato i disegni coUe necessarie restaurazioni, 
o si e ancbe esteso ad ampie ricercbe su T arcliitettura e 
la storia delle anticlie cattedrali : egli si reputa felice di 
avere ottenuto la sos^ieta del sig. Coita , il quale dai piu. 
al)ili artisti ba latto eseguire tanto i disegni , quaiito gli 
intagli in ranie, Dopo un assiduo lavoro di piu di dodici 
anni , egli si trova in grado di coniinciare la pubblicazione 
deir opera , cbe comprendere dee cinque fascicoli , dei 
qnali non abbiamo sott' occbio se non cbe il primo. 

Qucbto comprende la storia e la descrizione di quella 
celebre catledrale , e in essa si sviluppano i principj , le 
proporzioiii e le regole , cbe si soao osservate iiella. 



bo A r r K N D I C E 

costrn/ioiie. Nclla seconda parte 1" autove limont.i all' idea 
ed air ordiiiameiito degli edilizj crciti al culto cristiano , 
e (juiiidi dai primi tempi del cristianesimo venendo alle 
epoclie posteriori , presenta un compendio storico dell' ar- 
chitcttura dclle cliiese sino al sorgere di quel genere , uia- 
Ininente detto gotico , e impropriameiite derivato dall' ar- 
c!iitetiura niorcsca. Nella terza parte V autore esamina T ori- 
gine degli archi acnti sotto il regno di Fcdcrico I di Sve- 
yia, e mostra come quel gusto architettonico sviluppossi e 
si sparse rapidamente in tutta Europa sotto gl' impefatori 
successivi. La quarta contiene la storia compeudiosa di 
qucir arcliitettiira uiedesima nei secoli XIV e XV ; e nella 
quinta 1' autore sviluppa il sistema e T ordine di quell' ar- 
chitcttura colle sue piii iniportanti variazioni. Egli la pone 
in confronto coir architettura religiosa degli anticiii orien- 
tal i , delta Grecia e dell' Italia, e si studia di assegnarle il 
posto clie ad essa e dovuto nella storia generale dell' arte; 
affine di reudere questa parte piu chiara e compiuta , egli 
Yi lia. aggiuate alcune tavble , clie contengono le dimen- 
sion! , le piante e le elevazioni dei priucipali monumenti 
di quel genere da esso menzionati. 

Originario tedesco , egli sciisse nella sua lingua il testo, 
ma tutte le niaggiori cure presto alia traduzione, riveduta 
da nn letterato francese , vantaggiosamente conosciuto per 
Teleganza del suo stile; egli .dichiara per ultimo di essere 
del)itore a molti dotti amici dei docunienti necessarj alia 
conqiosizione di quest' opera grandiosa. 

Comincia la storia di quella cattedrale col donativo ad 
essa fatto da Federico I delle supposte reliquie dei Re 
Magi , ottenute da quel sovrano nella conquista da esso 
fatta di Milano nell'anno 1 162 ; pio trofeo, clice lo storico, 
e prezioso deposito, clie Topinione di quel tempo assomi- 
gliava ai piu ricchi tesori. Quel donativo contril)ui di molto 
ad aumentare la inagnificenza e la celebrita di una chiesa , 
che riguardare potevasi come una delle sedi piii anticlie 
del cristianesimo nella Germania , annessa ad una capitale 
nella quale ancora s' incoronavano gl* iuqjeratori. Qui T au- 
tore si estende sul culto che ai Re Magi prestavasi, spe- 
cialmente come protettori dei peregrini e dei viandanti 
in generale. Gl' iuiperatori che recavansi da poi a rice- 
vere la corona in Aquisgrana , non tralasciavano mai nel- 
J' andata e nel ritonio di visitare quella cattedrale ; e 



1"\UXE STRVNIErv\. 8l 

Fcdcrlco iicir arrlccliirla clelle reliquie toUe a Milano, voile 
lorse noil solo secondare la devozlone de' suoi tempi, 
ma anche iiigrandire Y idea die allora si aveva della di- 
s;nita impeiiale , sul principio acceiiiiato nella cronaca di 
Ottone Frisingense , clie coUa adoraiioue dei tre re , Gesu 
Cristo ei'a state niostrato all' universo come domiiiatore 
supremo della terra. 

L' antica cattedrale era uii edifizio costruito al tempo 
di Carlomagno; allora naccjue il peiisiero di erigere uii mo- 
uumento piii vasio e piii niagiiilico, e Tarcivescovo Engel' 
herto, vicario deU'imperio sotto Fcderico II, concepi V idea 
tli queir opera grandiosa. Egli ofFeri molto danaro , ed esorto 
il siio clero a concorrere a qnelP impresa , ma assassiiiato 
da luio de' suoi congiunti, nou j>ote coiuinclarla. Neiraiiiio 
1248 ua incendio cousumo totalmeute 1' aiitica cattedrale,,. 
e allora 1' arcivescovo Corrado , uomo di alto iiigegiio e' 
che grande iiillneaza esercitava nelle cose pubbliche della 
Germaala , ordiao clie si foriiiasse il disegno di una cliiesa , 
la quale in vastita e in ])eltezza saperasse tutte le altre 
allSra esistenti. Nell' anno medesimo fu posta la prima pie- 
tra del nuovo edifizio, ed essendo stato eletto iniperatore 
Guglielino coute d' Olanda , benche graademeate contra- 
stata fosse la sua elezione, egli voile assistere in persona 
a quella cerimonia , e testimoiij ne furono varj priucipi 
della Germania. L' autore la descrive a luiigo, e nota che 
dopo un discorso proaunziato dall' arcivescovo publjlicossi 
una l)olla del papa , nella quale indulgeaza di ua anno e 
quaranta giorui accordavasi a tutti coloro "clie , o colle loro 
faticlie e colla loro industria , o coa donativi in daaaro , 
contribuireljl)oao all' inaalzameato di quell' edifizio. I doni 
giunsero da ogai parte , e sino Enrico III re d' laghil- 
terra maudo 12000 marche d'argento: in appresso egli 
ne diede altre 5oo , ed una niitra tutta ornata di pietre 
preziose , e si pennise ai coaunissarj dcUa cattedrale di 
Colouia di raccogliere danaro in tutta V Ingliilterra. Molto 
giovaroao all' impresa le ricchezze della citta istessa di 
Colonia , allora fiorentissima pel suo traflico e la sua na- 
vigazione ;, tuttavia , irattandosi.di ua edifizio che doveva 
avere 5oo piedi di lunghezza , 180 di larghezza pel coro 
e la nave , e 390 pel Ijiacclo clie 16 attraversava , e le 
di cui volte dovevano elevarsi piii di aoo piedi , plu di 
3oo letorri, sopra uaa l)ase di 100 piedi di largliezza , 1 

U.bl. ItaL T. XX XVII. 6 



o2 A P 1' E N D 1 C E 

lavori J malgrado 1' attivita ed il numeio degll opcraj , si 
continuarono con lentezza , tanto piii clic non facevasi uso 
ill qaella costruzione se non clie di pietre regolarmente 
tagliate. Qneste traevansi da una roccia di arenaria per- 
iiriuca di colore grigio verdastro , die faceva parte della 
catena detta delle Sette Montagne : vi si frammischiarono 
pure alternativamente alcuni pezzi assai lunglii di basalte , 
clie traevansi da una niontagaa posta dirimnetto alle giii 
nominate. Quelle colonne basaltine , collocate ori/zontal- 
mente su gli strati delle altre pietre con ottimo cemento, 
formavano Tunione piii solida ; e I'autore stesso, essendo 
sceso sino a 44 piedi di profondita sotto la torre del sud , 
non giunse ancora a scoprire il principio dei fondamenti. 

IMei priuii nove anni credonsi poste non solo le fonda- 
menta niedesiine , ma anclie alzata una gran parte della 
base deir edifizio ; in quell' epoca trovasi premiato col do- 
nativo di un fondo certo maestro Gerardo lapicida , diret- 
tore della faljbrica , die V autore nostro e tentato di cre- 
dere il primo ardiitetto e I'inventore del grandioso discgno. 
Itlolto speciosi sono gli argomenti , coi fjuali egli si stucBa 
di provare la sua tesi ; e singolarmente all' o1)hiezione die 
nascere potrebbe dall' essere quel Gerardo ne' documenti 
indicato come tagliapietre , risponde con niolta erudizione, 
mostrando in quale con-to tenuta fosse i n que' tempil' arte 
di tagliare Ic pietre , la quale , riguardata come base di 
tutte le arti architcttoniche , doveva essere esercitata e 
professata da cliiunque aspirava a diventare arcliitetto. 

L' arcivescovo Corrado peusava frattanto a di venire pa- 
drone assoluto di Colonia, il die suscitato aveva nella citta 
discordie intestine; egll moin in mezzo ai suoi disegni am- 
liiziosi , ina questi promossi furono con nuovo ardore dal 
suo successore Engclbcrio^ cbe i cittadini forzo a rivoltarsi 
contro di esso e a conquistare la loro liberta. Una serie 
vi cbbe quindi di guerre, nelle quali quella citta fu, piu 
volte assediata ; e sel)beae la fabbrica delia cattedrale in- 
contrasse niolll ostacoli , esercito tuttavia , come' osserva 
r autore , grandissiina influenza sul perfe^ionamento del- 
1' arcbitettura , perclie formaia erasi per quell' opera una 
scuola dalla quale uscirono eccellenti architetti , cbe il 
buon gusto deir arte nei piu lontani paesi propagarono. I 
lavori non pcrtanto di quell' edifizio non furono mai del 
tutto interrotti, bencbe le somme ero2:ate dacili arcivescovi 



PARTE STRANIERV. «)3 

c dal clero npUe guerre, ralleiitati gli nvessero per niodo clie 
nello spazio di quarant' anai noii pole essere conipiuto il 
coro. Finalmente 1' arcivescovo esorto i suoi diocesaiii a 
risovvenirsi nelle testamentane loro disposizioni di quel- 
1' impresa religiosai spedi ecclesiastici eloquentissiini a rac- 
cogliere danaro in tutta la Gerniania ; foruio uaa specie 
di coiifraternita d' uomiai e di doniie , die obbligaronsi a 
pagare aniiualmente una specie di coatriljuzioae ; niolti 
jirincipi iiiterveniiti alle coronazloni degl' imperatori che 
rapidamente succedettero a Rodolfo , gareggiaroao ne' loro 
donativi, e .nel i3a2 si pote coiisacrare il coro, il quale 
solo compreiideva due quinti della lunghezza del monn- 
niento , giusta il disegiio originait'; gia a quell' epoca una 
doppia iila di colonae sosteneva la volta principale , che 
maestosameuie inualzavasi sin dove poteva giuguere lo 
sguardo. 

II tetto fu coperto di lamine di plomlio , disposte in modo 
che servivano di ornamento , e in caratteri grandissiuii 
presentavaiio alcuni versi in onore dei Re Magi. Alcuui vi- 
dero in quelle lamine F e (Tetto di un inagnifico dainasco ; 
altri le raffiguraro-no ad una tenda piantata su V alto di 
una inontagna ,6 1' inimaginazione esaltata credette di rav- 
visarvi la tenda dell' antico taljernacolo , die il santuario 
racclnudeva degli Elirei. 

II coro fu chiuso allora dalla parte dell' occidente con 
una leggiera muraglia , che sparire doveva allorche termi- 
nata fosse la nave; si alzo pure al disopra del tetto una 
torricella che deinolire ilovevasi , allorche costruito fosse 
UQ campanile sn la volta principale del braccio di tra- 
verse : lion si obblib di porre nell' angolo del frontone 
uaa gi'ande stella dorata , simliolo di quella die guidati 
aveva i tre Re a Betlemnie. La solenne dedicazlone si fece 
I nel giorno, 27 di settembre i32a, , nel gionxo niedesiino in 
cui era stata dedicata 1' antica cattedrale nell' ^JyS. Noi 
non seguirenio V autore nella luiiga descrizione di quella 
solennita , e accenneremo soltanto il rito singolare con cui 
si sparsero ceneri su tuLto il pavimento, e quindi 1' ar- 
civescovo , afline di mostrare che quella casa era cousa- 
crata alia dottrina di cui G. C era il principio e la iiae, 
1' alfa e 1' omega , colla punta del sno bastone poutificale 
scrisse sn quelle ceneri tutte le Icttere dell' alfabeto greco 
dall'angolo sud-est a qucllo iiurd-ovc5t-, c quelle dclF alfabeto 



o4 A 1' 1' E N D 1 O K 

latino ill una llnea cUrctta agli angoli opposti , coslcctu- 
quel caratterl t'oniiavano una croce. 

Da queir epoca in pol si continuarono Ic opere con 
nuovo ardore ; si acconlarono prlvllec;i alle persone eil 
allc coi'porazioni che raccolto avreliljono danaro per quel- 
I'inipresa; essi furono confeimati dal Papa, e 11 piu sin- 
golare di que' privilegi era , clic la persona conlemplata 
poteva cssere solennemcnte sepjjellita in luogo sacro, inal- 
}i,rado gP interdetti , allora frequcntissinu per le contesta- 
zioni quasi continue tra gl'Imperatori ed i Papi. I doni e 
le ofFerte erano graduate , ed il nuniinuni era quello di un 
sacco di frumento o di sei soldi d' argento , sebbene poi 
anclie donl piii piccoli si aminettessero. Non niancarono , 
come all'ordiaario , iionuni scaltrissinil , tanto ecclesiastici, 
quanto laici , ed ancbe alcune femmiae , cbe scorsero la 
Germauia sotto il pretesto di mendicare per la cliiesa di 
Colonia , e grandi somme a benefizio loro accumularono , 
cosicclie dovettero puliblicarsi editti onde frcnare quel- 
I'abuso, e finalmentc abolirsi, come vedremo, le collette 
c i coUettori. • 

L' arcivescovo GugUclino verso la meth del sccolo XIV 
fece costruire nella cattedrale un grande altare di marnio 
noro , ben proporzionato , se non alia dignith , alracno 
alia grandezza deir edifizio , percbe la sola tavola era lunga 
pill di 1 5 piedi e larga 7 , con alcune statue di maraio 
bianco che 1' altare adornavaiio : nei giorni solenni vi si 
coUocavano pure le statue della Vergine e dei dodici Apo- 
^toli d' argento dorato , e ai quattro angoli a piccola di- 
stanza dall' altare sorgevano quattro colonne di bronzo , 
die sostencvano Augioli portanti fiaccole acccse. Ignorasi 
il nome dell' artclice di que' lavori ; V autore poro dubita 
die quciilo fosse un clttadino di Colonia , molto lodato 
nelle sue Memoric dal uostro celebre Lorenzo Ghiberti , 
autore dclle belle porte della cappdla battosiuiale di I'i- 
renzc. Quell' artefice Colouiese, secondo le uotizie die ue 
lia date il conte Cicogiiara, aveva seguito in Italia il duca 
d'Angio, c dopo la di lui caduta rilirato erasi in una so- 
litudinc , aila quale ancora molti accorrevano onde pro- 
iittare de' snoi inseguamenti. ,Doloroso riesce che la storia 
conservato non ci abliia il nome di quell' artista; osserva 
tnttavia 1' autore che il Cicognara ingannossi , annoveran- 
dolo tra gli arlibti del XIII sccolo, uientrc il duta d'Angio 



PAnTE STRA.N!ERA. o5 

scefio non era In Italia se non che nel i382; conviene 
dnnque credere die il Ghiberti non atesse notizia di qucl- 
r uomo se non die per relazione di cjue* giovani die vi- 
sitato lo avevano nel suo ritiro. 

Sarebbe pure tentato T autore di attribuire all' artlsta 
niedesinio le sculture del tal)ernacoIo di quella cattedrale, 
che aveva la forma di una torre di 60 piedi di altezza , 
ed ornato era di gran numero di figure ; ma quel taber- 
nacolo era forse di epoca piu recente , e gia da piii di 
5o anni e state distrutto » sebbene i veri amici dell' arte 
ne compiangano tuttora la perdita , come di opera ele- 
gantissima. In questo luogo scende 1' autore a parlare di 
altri distinti artisti Colonies!, di Giovanni HiiUz, che con 
nuovo disegno innalzo la parte superiox"e della celebre torre 
di Strasburgo, e di Giovanni di Colonia, che alcuni tempj 
grandiosi costru'i nell'OIanda, e si servi del disegno della 
cattedrale stessa della sua patria, Incoragglati essendo i 
lavori di quella cattedrale , continuati furono con grande 
attivita , e si pose mano persino alia costruzione di una 
delle due enormi torri comprese nel disegno ; gli abusi 
pero , dei quali si fe gia fatta menzione, costrinsero 1' ar- 
civescovo ad annuUare tutte le patenti dei collettori , e 
le opere in proporzione dei donativi di nuovo si rallen- 
tarono. Vennero in appresso le guerre , nelle quali involti 
trovaronsi quegli arcivescovi., e soltanto nel 1437 fu con- 
dotta sino al terzo piano la fabbrica della torre, cosicche 
vL si poterono collocare le campane. Era allora 1' archi- 
tetto della fabbrica certo Nicolo di Buren o Benren , e sotto 
di esso dirigeva le opere altro arcbitetto nominato Cristiano. 
Fioriva allora grandcmente la scuola coloniese e T arte dei 
tngliapietre , cosicche Alfonso , vescovo di Burgos , con- 
dusse scco in Ispagna, afline di coinpiere i lavori della 
sua cattedrale , Giovanni e Simone , padre e iiglio , archi- 
tctti colonies!. In Francia si voile trarre partito dal dise- 
gno della cattedrale di Colonia , e una chiesa fa eretta a 
Clialons su la Marna , riducendosi pero quel disegno a piu 
piccole dimenslonl, e spogliandosi di una gran parte degli 
ornamenti. Se ne fa autore un Inglese detto Patrice, ma 
o si e pigliato un tedesco per un inglese, o quell' inglese 
e uscito dalla scuola di Colonia. 

Al de Buren succedette 1' arcbitetto Corrado Kuyn , al 
quale accoidati furono grandi onori:, all' eta sua pero 



86 ' A P P E N n 1 O E 

furono soltanto rifuse due- canipane , e poco si lavor6 al 
coinjumento dclla torre del niezzodi e della nave, mentre 
ffiiella del sottentrione noii sorgeva clie all' altez/a di 27 
jiicdi. Alia niorte di quel Corrado scnil>ra essere sottentrato 
alia direzionc dolle opere Giovanni di Franckenberg. Tro- 
Tasi pure memoria di un direttore delle opei'e , nominato 
Enrico, clie fu riceviito nella corpoiazione dei lapicidi nel 
1478 , ed ancora prestava 1' opera sua al coniinciare del 
secolo XVI. Allora trovandosi la nave portata sino aU'al- 
tezza dei capitelli , si couiincio la volta della parte che 
guarda a settentrione ; si continuo pure la costrnzione della 
torre scttentrionale, e si ornu quel lato di niagniiiclie in- 
vetriate dqiiute. Fortunataineute V arte della pittura era 
giuiita ill que' tempi al j)iu alto grado di splendure nella 
Cermania , e T arclvescovo Germano , e il cajiitolo ^ e la 
citta^ele persone piii distinte riunironsi per far eseguire 
le dijjinture di que' vetri dagli ailisti piu celebri ; una 
parte pero di quelle invetriate fu dipinta in epoca niolto 
posteriore, e I'autore si duole con ragione del deviamento 
fattosi dallo stile conservato nei piii antichi lavori di quel 
genere. 

Qucsto coinpcndio storico si cliiude coll' annunziare clie 
a quell' epoca ces^arono i lavoi'i , e clie da trccent' anni 
quel iiionunicnto imperfetto attcsta la forza dell' ingegno 
die lo lia concepito, e la sinistra influenza delle discordie 
civlli clie ne lianno impedila 1' esecuzione. 

Segue la seconda parte dell' opera cbntenente la descri- 
zione dell' edifizio. L' autore si colloca nella sitnazione di 
nn arcliitetto il quale , dovendo rendere conto dell' opera 
interrotta di altro artista , dee , a norma dei disegni che 
lia sotto gli ocelli e delle costriizioni esistenti, indicare 
quello clie i-iniane a farsi pel compimento della fabbrica. 
In cjuesta qualita egli preseiita al pubblico i disegni di 
quella cattedrale, eseguiti da valenti artisti , colle dinien- 
sioni da esso pigliate sul Inogo ; ma siccome le sue dimo- 
strazioni hanno per base la vista medesima degli oggetti 
o dei disegni, i cjuali nelle arti come nelle scienze iisiclie 
sono il mezzo principale di facilitare 1' intelligenzai siccome 
egli suppoue clie il lettore abbia sotto gli occIii tutte le 
tavolei COS! noi non potremo in queste dimostrazioni se- 
guitarlo . e soltanto espriminmo il nostro veto , perclie gli 



PARTIL STKANIERA. 87 

ai-tisil e i verl amici dell' arte non trascurlno dl osservare 
attentamente que' disegai , ottimaniente delineati. 

Giovera tuttavia notare che phi fortunaii i Colonlesi 
dei Milanesi, coaservano tiittora nei loro archivj una parte 
del disegai orij^iiiali di quel maestoso edifizio. Quello di 
una delle due torri priiicipali, e della facciata die le torri 
rinnire doveva, delineato sopra un rotolo di pergamena 
lungo quasi i3 pledi, fu pubblicato dal gesuita Cronibach 
ill forma assai piii piccola verso la nieta del secolo XVII, ^ 
in una voluminosa storia dei Re Magi , e vi si aggiunse 
un disegno di tutto I'edifizio, che non si sa bene donde 
sia stato pigliatoi forse fu in parte delineato su Tedifizio 
medesimo , in parte su i disegni antichissimi-che tanto 
di tutta r opera quanto di diverse parti o electa gU, conser- 
vavansi presso la corporazione dei tagliapietre. Essendo 
statl que' disegai dispersi in diverse epoche , e massime 
air arrivo dei Frances! in Colonia nel 17945 ne furono 
fortunataniente trovati alcuni , e tra questi la deliaeazione 
geuerale della torre del inezzodl colla facciata del mezzos 
pill recentemente si scopri anclie quelia della torre set- 
tentrionale coUa parte della facciata corrispondente. 

Comincia T autore la sua descirizione dall' interno della 
chlesa , che dall' architetto fn diviso in cinque parti prin- 
cipal! : i.° il vestibolo che servire doveva al battesimo , 
ed air assoluzione dei catecnnieni e dei penitenti ; 2° la 
nave ; 3.° la parte trasversale destinata ai fedeli che assi- 
stevano ai semioni ed al servizio divino; 4.''ilcoro; 5.° le 
cappelle disposte intorno al coro medesimo. Tutto T edifi- 
zio veane pure dall' architetto distrlbuito nella sua gran- 
dezza in cinque navi, il clie gli diede luogo a sviluppare 
in quattro ordiai il piii splendiJo colonnato ; la parte di 
travcrso pero non fu divisa che in tre navi. L' architetto 
medesimo si servi della misura del piede romano , che 
r autore ha ragguagllato coll" antico piede francese , e col 
piede del Reno , o])bliando sgraziatamente di ridurlc al 
piede attuale di Parigi o al metro. Inutile riesce adunque 
r iadicare a quanti piedi fosse origlnariameate stabilita 
la larghezza della nave principale , e soltanto puo rite- 
nersi , die la distanza da una ad alti'a tolonna , pjgliata 
dalla Ijase , agguagha la r.ieta della larghezza Uella nave 
principale. 



8R A P P E N D I C F. 

II coro si rliialsce Iinnieiliataiuente nl qnaJrato della 
parte cli traverse, ed ha quattro arclii per parte in linea 
retta , termiaati da sctte che fonnaiio uii seinicerchio pro- 
lungato e quindi un dodecagoiio ; ia quegli arclii collocate 
furono sette cappelle , die al di fnori protrassero ancora 
il semicerchio siuldetto. La largliezza della nave principale 
trovftsi tre volte contenuta nella largliezza di tutto I'edi- 
iizio , e la largliezza totalc e parimente tre volte conte- 
nuta nella totale lungliezza delT interne della chiesa. La 
nave pure ed il coro aggnagliano a un dipresso la lar- 
gliezza totale deir edilizio. II vestiljolo, il quadrato risul- 
taiite dalla linea trasversale e le cappelle con un circuito 
o una nave piu bassa die le sepai-a dal coro, sono eguali 
ciascuna* parte in largliezza alia nave pi'incipale , e tutte 
<{iieste parti riunit* aggungliano la totale largliezza dell'edi- 
iizio. La largliezza della linea ti'asversale e alia totale lun- 
gliezza come 2 a 3 , e la sua lunghezza e come 5 a 9 
alia largliezza di tutto il tcnipio. 

La sola parte interamente compinta e il coro , e da 
qucsto puo argomentarsi quale sarebbe stata con si belle 
proporzioni la elevazione ben calcolata di tutto Tedifizio. 
La volta di mezzo del coro medesimo fu innalznta sino a 
i5o piedi , fatta eguale per conseguenza alia largliezza to- 
tale del tempio. Le volte lateral! e quelle dclle cappelle 
non si elevano se non che a due quinti dclP altezza indicata. 
Le colonne hanno seite piedi di diametro. L'altezza della 
nave di mezzo trovasi quindi divisa in tre parti: i .° II 
colonnato co' suoi arclii sluo al cornicione; 2.* le fincstre 
al disopra del cornicione medesimo ; 3.° la volta stessa ; 
una eguale distribuzione si osserva nelle nnvi laterali e 
nelle cappelle , se non die la prima parte e formata dal 
basamento dclle finestre , la seconda dalle finestre luede- 
sime , la terza dalla volta. 

L' autore entra quindi a ragionare delle volte fatte ad 
arcbi ncuti; delle forme fondamentali e delle regole prin- 
cipali della costruzione , die uoi non potremmo esprimere 
senza il sussidio di alcune figure geometridie ; delle co- 
lonne e delle volte , e degli ornam«nti cite egli ha indi- 
cate sotto il nome generate di decorazioni. Quest" ultimo 
oggetto egli si e dato a considerare sotto diversi aspetti , 
e quindi ha lungamcnte parlato dclle opcre dci tagliapietre, 
di quelle del vctrai , di quelle dcgli srultori , o poscia 



PARTE STRANTFRV. 8<) 

tlegli ornamcnti dl pittur.i, che tuttl ha trovati In arnionia 
colla niagnil'icenza deir edilizio, e specialmentc delle inve- 
triate. Tratta pure ditlusaniente delT ordinaniento di tntto 
redilizio per quelle che concerne il servigio divino; quindi 
del santuario , degli stalli del coro, delie cappelle, e sino 
della sagrestia. 

Passa poscia a descrivere le parti deiredifizio non coni- 
piute, e prima di tutto la parte trasversale , la quale , 
mancaudo totalinente , non puo da esso indicarsi quale 
fosse orio;inariamcnte nel disegno, se non che colla osser- 
Tazione della parte niedesima eseguita in altre cattedrali 
costruite in queir epoca. La nave principale o di mezzo 
e finita in tutte le sue parti, ma soltanto sino all" altezza 
dei capitelli delle navi laterali ; sono pure finite le quattro 
\'olte inferiori nel lato ciie guarda a settentrione. Tutte 
le finestre sono munite di vetri dipinti , e alia nave prin- 
cipale si e sovrapposta una volta a semi-cerchio , fabliri- 
cata di tavole. Esistono le quattro grandi colonne del cen- 
tro ; dodici se ne veggono nella trasversale, sei da ciascuii 
lato , dieci in tutto nella nave principale. Tutte le co- 
lonne sono ornate di statue , e semhra che 11 disegno 
originale ne richiedesse dappertutto. II vestiljolo forma 
Tinterno, o la parte che rimane in mezzo alle due torri 
principali ; ma non avvi che la parte del mezzodl termi- 
nata , e a questa mancano ancora le volte di due navi e 
le invetriate delle finestro. Le colonne del vestiholo sono 
pill masslcce, il che era necessario al sostegno delle torri. 
II vestibolo non comunica direttameute colla chiesa se non 
che per mezzo di tre porte , una che mette alia nave 
principale , le altre due che conducono alle prime navi 
da ciascmi lato ; tre porte dovevano pure trovarsi nella 
facciata principale, ma ora sono murate, e per altre non 
descritte si entra immediatamente nella nave. Le masse 
destin^te a sostenere le due torri , ciascuna piu aha di 
Soo piedi , sono quasi egnali agl' intervalli che formano 
la nave principale , e che si trovano tra le iinestre. 

Venendo I'autore a descrivere Testerno, rammenta 1" in- 
gegnosa osservazione di Forster , rhe ha paragonato V in- 
terno delle antiche cattedrali , dette goticlie , alle volte 
ombrose delle antiche foreste: su questo principio egli ha 
creduto di potere paragonarc 1' esterno della cattedrale di 
Golonia ad uno scoglio coperto d' all^eri e di arbusti , ed 



r)0 APTENDICE 

ha citato lo Schlegel, che credette di vedere in essa una 
prodiglosa cristalliz/azione, e il Coctlie clie nella torre di 
Strasburgo ravviso un grand' alljcro divino , che con ral- 
gliaja di rami e di foglie annunziava da Kingl la magni- 
iicenza del Creatore. In qaell' esterno e forza di ricono- 
scere certamente una profusione di ornamenti ; quella 
riccliezza di esecuzione clie risulta dalla ripetizione e dalla 
variazione sino all' infinito di poche forme fondamentali , 
ed una specie di organizzazione che sempre conseguente 
a se stessa, trova in se stessa tutte le sue regole , e 
sembra stendersi all' infinito come nolle produzioni della 
natnra. 

Considera quindi T autore la distribuzione generale di 
tutto il complesso dell' edifizio ; la torre di mezzo , della 
quale manca persino il disegno , come quello pure delle 
facciate della linea trasversale; il coro che e la parte piu 
compiuta; e quindi scende ad esaminare le dlfFerenze che 
passano tra I' architettnra esterna ed interna. In ({uesto 
esame entrano i contrafforti e i pilastri che servono di 
sostegno , i frontoni e le torricelle. Segue un ragionamento 
SLil carattere principale dell'antica architettura del templi, 
sul sistema piramidale , sn! carattere che egii nomina ve- 
getale , presentando il sistema dell' ornatb un'analogia, che 
egli dice la piii perfetta, colla vegetazione ; in particolare 
su i fogliami, su le larve o le niasclierc di flgura umana, 
intorno alle qiiali nascono i fogliami; su le fignre grotte- 
sclie degli sgocciolatoj , o dei canali che scaricaUo le acque 
pluviali; su le figure dei santi , o pluttosto su le statue 
degli angioli, collocate sn i pilastri dclle cappelle del coro, 
su di altre ca]ipelle situate nella parte superiore delle 
torrl, su le scale e su le comunicazioni dal basso all' alto; 
questo ragionamento si chiude con alcuue conslderazioni 
sul compimento clie dare si potrebbe a qnclla magnifica 
cattedrale. 

Nelle ultime paglne del volume si trova la spiegazlone 
delle tavole. Nella vignetta del frontispizio si e esposta 
una veduta di Colonia , atta a far conoscere la situazione 
della cattedrale relativamente alia cltta , e quella della 
cltta relativamente alia campagna. Le tavole seguenti con- 
tengouo la veduta esterna della cattedrale, la pianta del- 
r edifizio , 1' alzata laterale , la facciata principale e le 
torri , e lo spaccata del coro sopra la sua larghezza. La 



rAKTF. STR\N1ER\. Ql 

spiegazione Jella tavola rappresentante la facciata e le 
torri contiene iiiolte notizie importanti , massime relati- 
vamente ai fondamenti loro , alia loro costruzione e alle 
loro dimensioni ; da queste risnlta die 1' altezza totale 
della facciata dal pavlmento della chiesa sino alia croce 
formata di foglianii , e di 53a piedi , 4 pollici , mentre 
nel disegno originale era di 536 piedi. 

Come gia si disse da principio , noi non abbiamo sot- 
t' occhio se noa che il piimo fascicolo i possiamo pero 
assicurare che le tavole finora pubblicate sono escguite 
coUa niaggiore precisione ed eleganza dai piii valenti ar- 
tisti della Germania , i di cni nomi soao registrati nelle 
spiegazioni di esse tavole; e che tutta l' opera e stampata 
coil un lusso , forse eccessivo, che incomodo oltreinodo 
lie rcnde il maneggio , e assal difficile l' acqulsto agli ar- 
tisti, alia istrnzloue dei qiiali sembra particolarmeute de- 
stlaata. Non dissimuleremo tuttavia che ia mezzo ad un 
lusso cosl grande nelhi carta, nei caratteri , negli oraa- 
inenti diversi e nell' intaglio deile tavole , in mezzo alle 
cme che V autore narra di essersl pigliate per la piii esatta 
esecuzione dell' opera , alcnne scorrezioni abbiamo con 
dolore osservate , massime nelle citazioai degli autori la- 
tini poste a pie di pagina. 

Occasione piii opportuiia di questa non potrebbe a noi 
presentarsi per far conoscere nn libro rarissimo, nel quale 
linigamente si parla della cattedrale di Coloiiia , si trat- 
teggia la storia di quel magnifico edifizio , e si espongono 
altresi in alcune tavole intagliate in rame "la pianta della 
cliiesa, il prospetto della facciata e delle due torri late- 
rali , e quindi la cassa nella quale credonsi racchinsi i 
corpi dei tre Re con tutti i suoi lati, e le geir.me incise 
contenute nei varj ornamenti ; libro che sebbene stampato 
a Bonna nella staaiperla Elettorale nelP anno 178 1 , noa 
sembra. essere stato veduto dal s\g. BoLsseree , 11 quale 
non ha citato se non che 1' antica nojosa storia dei Re 
Magi del Crombach. II tltolo di quest' operetta curiosa e 
il scguenie : Colleccioii des pierres antiques dont la diassc 
des SS. Trois Eois Mages est enrichie dans I'eglise metropo- 
■litaine a Cologne, gravees apr'es Icurs ernpreini.es , avec un 
■dlscours historique analogue par J. P. N. M. V. II vola- 
metto e di forma in 4 ", e le tavole poste alia fine sono 
in numero di dodici ; nel frontispizio , intagliato pure in 



92 ArPENDICE 

raino ad acqiiaforte , veggonsl varj stemml blasonlci , pro- 
babiliiiente degli arcivescovi e caiionici colonies! , e .per 
entro agli ornamenti medesimi leggonsl le baibave pai'ole: 
Maxim. Fricter illustravit , Philip, transtnlic , Max. Ilend. 
decoravit , Reinaldus attulit , 11 che niostra T importanza 
che si e data a qnesto lavoro , e rende tanto pin strarvo 
11 fatto die incogaito fosse al recentissimo Ulustratore di 
quel monumento. Sotto la maggior parte delle tavole leg- 
gonsi le parole : Dess. et gravd par Diipuis offlcier. Sarebbe 
sommainente desiderabile, che Indicato si fosse in qualche 
luogo donde ricavatl si fossero que' disegnl , e quelli 
niassime della pianta e del prospetto della cattedrale , non 
die delle due torri, i quail totalmente non combinano con 
quelli espostl dal Crombach. 

La prefazione di quell' operetta splra soltanto la devo- 
zione e la grande venerazione degli autorl per le rellquie 
del Magi ^ raa nella introduzioae storica prellmlnare si 
comincia dal declamare contro 1 Milanesl , 1 quali non 
cessano, come in essa e detto , dl sostenere altamente , 
die nel reclnto delle lore niura ancora posseggono quelle 
sante rellquie. Ad essl si oppone 1' autorita dei loro isto- 
i-lografi , 1 quali ( sebbene con molta acrlmonla , come si 
legge in"quella introduzione ), confessano sinceramente cbe 
quel sacro tesoro fu trasportato a Colonia sul Reno , e 
tra questi di Andrea Alciato e di Carlo Torri , autore del 
Jlitratto. di Milano. Si riferlscono le parole origlnall del 
Torri, nelle quali si asslcura clie in una cappella della 
clilesa dl 5. Eustorgio dedicata a 5. Stefano , ancora si 
conserva , come egli dice , il tuniulo dei Regi adoratori ; 
lua egli accorda die le rellquie conservavansl in altro avello 
di niarmo , indiiuso nella tomlia medesinia. Si ripete il 
racconto die quelle rellquie erano state dal clttadlni na- 
scoste nel camp.Tnlle della collegiata di 5. Giorgio al Pa- 
lazzo , e scoperte per 1' Iniprudenza dl vuia vecchla in- 
scnsata , rlmasero preda delP iinperatore i^ederico. Si tesse 
a Inngo la storla dei fattl di Fedcrico in Italia , e dei 
motivi die lo spinserp a desolare la cltta dl Milano , e 
si cerca di giustlficare in ogni modo la sua crudelta ; si 
nota finalinente die I'arcivescovo dl Colonia 7i//2a/(/o , nella 
divislone generate delle reliquie ottenne in sua porzione 1 
corpl dei sette fratclli Maccaljei e della loro madre Salome, 
quelli dei SS. martiri Nahorre e Felice, e di S. Apollinarc 



I'ARTE STUANIEUA. f)3 

vescovo di Ravenna (l)enclu! i corpi cU que' SS. niartiri 
sieno tuttora veneratl in Milano ) , oltve molti altri tesori di 
questo genera, e per ultimo 1 corpi del Magi, clie invano 
contrastati gli furono da Enrico vescovo di Liegi. 11 Torre 
aveva taciuto il nome della vecchia che rivelo dove i 
covpi dc' Magi trovavansi nascosti; in qaesta introduzione 
pero , su la fede del Cranzio , cronicliista della Sassonia, 
e del gesuita Crombach , si accenna che quella fu una 
sorella del conte di Anghiera , la quale scopri quel teso- 
ro , non all' imperatore, ma all' arcivescovo , afline di sal- 
vare la vita a certo Viviano o Galvagno , solo fratello die 
le restaya , essendo stati tutti gli altri decapitati d' ordine 
di Federico. Que' tedeschl trassero apparenteniente quella 
notizia dagli Antiali di Cremona del Cavitellio , ma s' in- 
gannarono a partito, supponendo che quella donna fosse 
abhadessa del monastero di S. Giorgio, ove monache non 
furono giamniai. Si cspone poscia 1' itinerario del trasporto 
di quelle reliqule a Colonia , accompagnate nel viaggio da 
alcuni Agostiniani milanesi , i quali introdussero cola il 
loro ordine ; si accennano la solennita con cui furono in 
ogni luogo ricevute y e i contrasti che per caglone delle 
medesime ebbe a sostenere Rinaldo, e quindi si viene alia 
conipendiosa storia dell' edificazione della cliiesa, nella quale 
non sempre gli autori sono d' accordo col sig. Boisseree. 

Essi stabiliscono la lungliezza del tenipio di piedi 385, 
la larghezza di 1 6o , e alia parte tra^versale che forma 
la croce , assegnano loo piedi di lunghezza , a5o di lar- 
ghezza ^ non ammettono che i lavorl interrotti fossero tra 
gli ^nni layS e i3o3, e notano che I'arcivescovo Enrico 
di Virnenburgo . non solo consacro il coro, ma anche tutte 
le cappelle all' intorno ; notano pariinente che T area ove 
credonsi riposti i corpi de' TNIagi , fn soltanto provvisoria- 
niente collocata nella cappella dietro il gran coro , perche 
secondo il discgno originale riposare dpveva sotto la prima 
volta fuori del coro medesimo. Si riferiscono pure per 
esteso le iscrizioni, e quelle assai barbare in versi leoni- 
ni , che si leggono sn 1' area e in altre parti del deposito 
delle reliquie. 

Ci siamo alquanto estesi nel rendere conto di quest' o- 
peretta , onde aver luogo di rintuzzare 1' accusa data ai 
Milanesi di vantare tuttora il possedimento di quelle reliquie. 
Questi cittadiiii non potevano inai parlare un linguaggio 



(■^4 ATPENDICE 

diverso da cjuello del loro istoriografi , tie mal in alcuna 
delle anticlic o recentl descriz.ioni di Milano si e preteso 
che altro alia citta riinanessc fuorchfe 1' area rozzissima 
di niaruio , nella quale per tradizione que' corpi si coa- 
servavano. Non potrebbe ne pure asserirsi a rigore die 
gli storici abbiano con asprezza e rancore parlato del 
trasporto di que' corpi ; e quanto agli aneddoti coiicei- 
neutl la sorella del coiite d'Anghiera, sianio fondati a 
credere che per la maggior parte sieno favolosi. E per- 
donabile agli scrittoi'i tcdeschi lo zelo col quale si studiano 
di giustificare , o almeno di scusare lo barbarie di Fede- 
rico Barbarossa; ma a riser v.i di alcuni passi di Ottone e 
di Radevico FrLsingeiiii , ben poche storie potrebbero essi ci- 
tare a loro favore, e niolto meno riuscirebbono a trovare 
seguaci uegli enconij prodigati alia prudcnza e alia dolcezza 
deir arcivescovo Rinaldo , e dcgli altri messi imperiali , 
spediti da Federico xiella Lombardia. 



r\RTE ITALIA.NA. 96 

PARTE II. 

SCIENZE, LETTERE ED ARTI ITALIANE. 



So]j?a le Sciciize e gli stahllinieati scientifici della 
Lombardia. Discorso delt abate cavaliere Angela 
Cesaris ^ priino Astronomo delV I. R. Osservatorio^ 
Dlrettorc dcllc due classl delV I. R. Istituto^ letto 
in occasione della solenue distribuzioiie de premj 
cT indiistria seguita in Mduno II gior/io 4 ottobre 
I&24. 

OoNO giii due aiinl die 1' al-ate Cesaris in altra consl- 
inile solennita espose e dimostro quanto contrihniscauo 
alia I'iccliezza T al3l)ondanza e la qnalita dclle materie 
prime, e cjuanio la riccliezza iiiedesiiiia yenga accresciuta 
dalle arti operatrici (Vedi Biblioteca italiana torn. XXVIII, 
pag. 2^5) : oiM in questo suo dlscorso passa a rassegna le 
epoclie piii gloriose della storia letteraria della Loaibardia, 
jntendendo con cio di dimostrare como le scienze, fiorenti 
quasi in pioprio terreno spoiitaneo, concorrano al perfezio- 
namento delle arti e dclle luanifatture. L' abate Cesaris 
lia assunto un argomsnto troppo vasto per un discorso 
da recitarsi in tale solennita e alia pTesenza di tanto con- 
corso impaziente di vedere piuttosto le nostre glori& pre- 
seati clie di udire le passate; egli ha qnindi dovuto sfiora- 
re di aoIo la materia e non arrestarsi die sui punti prin- 
cipali del suo assunto. All' lasubria appartengono i piii 
belli ingegai d' Italia. Virgilio, i due Pluij, il tenero Catullo 
sono nostri; e ne' tempi piii vicini il gran Torquato , il 
Tirabosdii , il Parini , 11 Fracastoro , il MafFei, il Morcelli , 
i Giovj, il Gafluri , il Vida, il Castiglioni, Manfredo Set- 
tala, Girtlamo Cardano , Bonaveutura Cavalieri ^ Ivlaria 
Gaetana Agnesi , Benedetto Caslelii, Giasone del JMaino , 
r Alciati ecc. , sono tuiti Louijjardi. I'assando I'autoreagli 



0)6 A r V K N r> I r. E 

stabiliinenti sclentifici ricorcla come nientre Roma proscrl- 
veva i filosofi ed i retori col clecreto rifeiitofda Sveto- 
nio , Milaiio capitale della Gallia togata coltivava i pacilici 
stiulj ; e ramiucnta una pnliljlica blblioteca e stabiliiiieiiti 
cU pubblica c gratuita istruzione pei fanciulli e i'aiiciullc 
del popolo 5 stabilinienti in graa parte dovuti alia liberalitii 
dc* cittadini, fi\i I qiinli e da annoverarsi Pliiiio stesso , clic 
iiel suo testa inento lego in aliinenta pacrorwn et puella- 
runi plebis urbancE sestertia centum ; in tutelani bihliotlieccc 
sestcrtia centum. Una depiitazione milanese fti spedita al 
Console Romano Simmaco, onde avere un precettore di 
rettorica. La provvldenza destino il grande Agostino ad 
esser maestro de' ligli de' nostri antenati insieme a di ve- 
nire ei;U stesso discepolo del Vescovo Amlirogio. E qui 
prende occasione 1' autore di ricliiamare alia memoria dei 
suoi concittadini die dove la Yettabbia attraversa T antlca 
fossa , ed a maggior sicurezza de' cittadini e ora ampliata 
la strada , non sono molti anni si vedeva 1' avaazo della 
torre detta dell' Imperatoie e del contiguo palazzo in cvii 
abito ed insegno Agostino. Dove al presente s' innalza il 
pubblico arcbivio nell' anno iai3, dopo la barbaric dei 
secoli ferrsi precedentl , e dopo 1' eccidio di Barbarossa , 
Oldrado di 3.odi , podesta di Miiano eresse il nuovo pub- 
blico palazzo e vi pose le scranne de' giudici e vi ria- 
pri le aule de' professori, i qiiali per sapere, per fama e 
per generosa protezione loro accordata sotto Timpero dei 
Yisconti e degli Sforza proseguirono a liorire nobilissimi: 
ivi le Scuole palatine furono trasportate verso il i38o, e 
pill tardi poi vennero cresciute di nuove catted re, e della 
elegante aula cui diede il nome di Canobiana il beneme- 
rito fondatore Paolo Canobio. Cento anni dopo essendo 
vicario* di provvigione Pier Giorgio Borri se ne rinnovo in 
miglior forma il fabbricato, e sull' arco principale si de- 
dicarono le statue del console e poeta Ausonio, che tanto 
inagnilico le nostre grandezze, e lo stesso Agostino colP epi- 
grafe Augustinus hie liumana docens divina didicit. Quando 
la tipograiia fu inveatata in Germania noi fummo tra i 
primi ad emulare quel miracolo dell' arte , e certamente 
il primo lil^ro greco ed in greci caratteri fu stampato in 
INlilano , c i primi caratteri ebraici furono fusi, e la prima 
edizione in ebraico de' codici sacri fu fatta da noi iiella 
terra de' marcliesi di Souciuo. Che se qualche libro di 



I'AKTE ITA.LI\N\. VfJ 

niinorc inomeiito stampato in SuhI)iaco ed in Veiiezia ci 
contrasta la sapremazia di anteriorita in Italia, iiessuiio 
pero reg2;e al conftonto delle prime edlzioni di Milauo 
per le classiche opere clie vi furono puhljlicate, per la 
correzione delle niedcsime , per la niiidezza clei caratteri 
e per gli altri pregi tipogratici. Passa a rassegiia le isti- 
tuzloni benefiche di S. Carlo Borromeo e del Cardiiiale 
Federico suo emnlatore magaanimo , cni sono dovute la 
Biblioteca Ambrosiana e le scnole ili S. Alessaiido, dotate 
poscia riccaniente da! patrizio nostro Arcimboldi ; aiiiio- 
vera parimetite le opere del niilaiiese Papa Pio IV, e del 
Santo successore di lui Pio V , al primo de' quali e do- 
vuto il collegio Gliislieri , all' altro il colleglo de' Nobili 
giurisperiti, il quale oUre due secoli diede gli Arcivescovi 
alia nostra sede nietropolitana , ed i caadidati alle piii 
cospicue magistrature civili c giudiziarie, dal cui seno 
useirono quo' geiierosi patrizj che col- dotto Argelati e 
coll' eruditissiino IMuratori formarono la celebre Societa 
palatiaa. Finalniente discendendo alle epoclie nostre « che 
dire non dovrei del materno iiiipero di Maria Teresa , la 
quale ( cosi conchiude 1' autore ) nell' altezza del proprio 
consiglio e nella generosa efFusione del suo- amore , col 
mezzo d' illumiaati ministri fece ritornare 1' aureo secolo 
delle nostre scienze, e le nostre scuole elevo alia fama 
delle piii cospicue d' Europa , chiauiandovi da ogni parte 
professori di priino ordine , arricchendole di jjiblioteca , 
di orto , di laboratorio , di maccliiiie, di prodotti i pii'i rari 
della natura , di preparazioni le piii istruttive dell' arte , 
opere munlllcamente conservate e vie piii accresciute da- 
gii Augusti successori ? Clie dire_ non dovrei degli staliili- 
menti raccolti in questo palazzo aperto alle scienze , alle 
belle arti , all' incoraggian^iito delle opere d' industria e 
d' ingegno , in cui un Istituto forniato da' primi dotti del 
Regno, un' Accadeniia , della quale a<l ogni passo si ve- 
dono i frutti nelle fabbriclie e negli ornament! della citta, 
una galleria di begli esemplari greci , una pinacoteca di 
scelte originali dipintnre , una biblioteca cbe pei libri di 
USD e di scienze i pii'i rari, i piij dispendiosi, i piii utili 
e superiore a qualsiasi altra d' Italia-, un prezioso meda- 
gliere , un giardino botanico , iiu' insigne specola astt'ono- 
mica : oggetti che come destano rammirazione dello stra- 
niero che gliosserva, cosi devono destare in noi , die ue 
BiU. hal T. XXXV II. 7 



98 A r 1' E N D I C E 

gotllamo, 1 sonilnienli d'l viconoscciiza , ili fcJelth , cramore 
verso r ottimo Sovrano , il quale impiega assiduamente 
la niente, il cuore , le cure, i tesori a tutelare le sclenze, 
le arti, l' industria dalle umili scuole del volgo sino alle 
sublimi istitUzioni de" sapienti. >> 



Estratto del gliullzj dell' I. R. Istituto dl scicnze , 
lettcre ed arti per I' nggiudccazionc de premj alle 
arti ed alV industria iiaziurialc nclla solcnnitd del 
dl 4 ottohre , onomastico di S. 31. I. R. A. 



R, 



.ICCO e numeroso al pari del precedente fu in questo 
anno il concorso degli artisti e nianifattori, i quali,aspi- 
rando ai prcmj clie la Sovrana mnnificenza impartisce in 
questo di solenne , produssero i saggL della loro industria 
e delle loro invenzioni. Ne mono si mostro soUecito T Isti- 
tuto nel satisfare alP incarico disottonietterli al piii attento 
esame e pronuncinre giudizio £u di essi. 

A questo fine , e coU" assistenza di valenti iisici e nia- 
teniatici chlamati a preader parte agli esami , 1' Istituto 
ha tenuta la prima dclle sue radunanze nel giorno if) 
dello scorso luglio e le lia continuate ne" giorni successivi. 
I giudizj che dopo le piii mature riflessioni ne uscirono , 
dannosi epilogati nclT elenco che segue: 

Peemj della- medaglia d' oro. 

Bernardo Bellini. Nel precedente concorso ai preraj il 
signor professore Bernardo Bellini e il signer. Giacinto 
Zarnbriini ottennero la medaglia d' argento per nuovo ri- 
trovaniento di stereotipia. L' Istituto si astenne allora. dal 
fregiarli del maggior premio nella speranza di vedere 
<jue' prinii e felici tentativi divenir la base d' uno stabili- 
mento stereotipo atto a produrre le piii copiose edizioni, 

Grazie alle cure del siiUoJato professore e del nuovo 
socio di lui Luigi Demicheli le spcranze e i desiderj del- 
r Istituto sono soddisfatti, ed il pubblico , come ebbe gia 
per saggio le edizioni AeW Ariosio e dell" /4//?eri, avra fra 
non molto a modico prezz^o , con bei caratteri e colla pin 
perfetta correzioue la raccolta dei Classici nostri anticlii 
c nioderni. 



PARTE ITALIANA. ^C) 

Egli e lieii vero die alciuie delle e<-iizioiii esegnite la- 
t^ciauo liiogo a cjualclie ulteriuro miglioranieiito dal Iati» 
della uiiifoi'inita iiella distribuzioue dell' inchiostro , della 
dirittura delle liiiee , e dell' eguagliaiiza degli spazj ; ma 
il saggio di alcuae stampe peifettaiiieiite riiiscite in graiidi 
fogli iinperiali bastano a far vedere ciie ai concoiTenti 
11011 iiiaucano i luczzi pei* acclngersi ad euiulare le nitide 
edizioni stercotipe del IVancese Dulot. L' Istituto noii ha 
quiiidi esitato ad aggindicar loco il pieuiio proaiesso della 
iiiedaglia d' oro. — ( Abitanii in Creiuotia ). 

Gaelano Cairo, Ghiunque abbia qualclie pratica delle 
operazioni censuarie , conosce ■ di quanta iaiportanza si 
renda un luetodo p^* la iiiisiira della supeiiicie ,. il quale 
conibiiii coUa ueccss'?iria csattezzi la speditezza e la faci- 
lita. Qufslo dopjiio scojx) lia feliceaieiile rag2;innto il si- 
gnor Gaerano Cairo col suo auovo tacliiuietro , il quale 
gia oiioraio di apjjrovazione e di jireiiiio dalle buperiori 
Aiitorita, ed adottato uegli U/fici dclT I. R. Ciunta • del 
Ceusinieato , se non escliide affatto Tiinpiogo di akri me- 
todi , luesce iiella piii parte de'casi d'l singolare vantagaio 
])ev essere facilrueute applicabile alle ligia-e le piu Irrego- 
lai'l , segnaiido da se stesso i risultati liaali , e liberaiido 
quasi da ogiil applicnzione T iaielletto dcU' opcratore. ■ — ■ 
(Inipicgato presso TL R. Diiezioae del Ceaso in ]\lilano ). 

Claudio Cernuschi. Se l" Italia noa puo esimeisi dal tri- 
])uto clie paga alP esteio per 1' iatroduzioae delle luefci 
coloniall , giova alaieno clie liailtaudo 1' iatroduzioae alle 
sole uiatei'ie piiiiie , si studii di far sue proprie tutte 
quelle preparaZvioai clie dipeudoao dall' arte. A questo iiue 
iaiportantissiaio tende la iiuova raffiaeria di zuccliero con 
uotabil dispendio stabilita ia IMilaao dal sigaor Claudio 
Ccniusdii e Compagiu , ed in ispecial liiodo fdvorita dal- 
Y. I. R. Goverao. 

L' I. R. Istituto ba trovati degai di couiinendazioae gli 
zucclieri cristallizzati di prima e secoada qualita, dei quali 
luolte migliaja di quintali si fabbricaao ogai uiese : die 
se quoUi delle qualita iaferiori noa gli parvero tucti egual- 
lueate lodevoli, uoa dubita die il sigaor Cernuschi col- 
r applicazioae de'nuovi nietodi piaticati in Fraacia. cd in 
Iiigliilterra , ai quali ba gia rivolti i suoi studj , riuscira 
ad eaiendare anche in questa parte le notate iaiperfezioai. 
i«— ( Milaao 5 Stradoae di S. Prassede n.° i i'6 ). 



1 00 \PPENDICE 

Dlrta Jaquer , Roux e Compngni. Gih da qiialclie trmpo 
i signori Jaquet, Koux e. Compngni. versano nel commercio 
nna quantita notabile di stoft'e di loro fabbricazione , die 
per la cura costante da essi impiegata puo dirsi che no i • 
ricscono inferior! ne pel colorito , ne per la consistenza , 
no pel lavoro a quelle cbo ci venivano dagli stranieri. 
Devesi a qncsta benenierita societa la prima introduzione 
del nuovo nieccnnismo , ora diffusa presso molti fabbrica- 
tori , detto dai Frances! Usage, che serve a tVaforare colla 
niaggior esattezza i cartoni l-ettangoli , dai qnali e con 
certa legge regolato il moto dei telai detti alia Jaquard. 

I nuovi nieccanismi per via di combinazioni. variatl 
quasi air infmito somministrarono ai fobbricatori il niodo 
d' imitare quattro specie di stoffe ricercatissime die la 
Francia lia nnovamente prodotte. — (Milano, contrada 
di S. Radegonda n.° 964. ). 

Ignazio PizzagaUi. Degna di singolare encomio si e tro- 
vata la raccolta di fnnghi di grandezza naturale imitati 
in ccra dai signor PizzagaUi , come qnella die presenta , 
Rieglio assai the non faiino le iigure incise e colorate , il 
niodo di conoscere la loi-o specie e varieta. La raccolta 
si limita alle specie nostrali esculente ed a cjuelle fra le 
vcnefiche che lianno colle prime una inganiievole somi- 
glianza. Per tal modo il signor PizzagaUi si propone di 
diminuire e togliere quegli accidenti die non rare volte 
costano la sa'nie e la vita di molte persone. la fatti an- 
che la scmplice ispezione di qneste imitav.ioni puo bastare 
nl volgo onde distinguere le specie innocenti dalle mici- 
diali ; i dotti ]ioi avranno con cio sotto gli occlii i carat- 
teri piit evidenti della stessa natura , che congiuati ai lumi 
scientifici concorreranno al perfezionamento di questo ra- 
mo iniportante della storia naturale. — ( Milano , al ponte 
di Porta Orientale n.* 6i3 ), 

Premj della medaglia d" argento. 

Carlo FayoUe. II signor Carlo Fajolle ha receutemente 
costrutto un graiidioso telajo per la fabbricazione del cosi 
detto tiill a maglia fissa. Questo meccanisino e specialmente 
notaljile per la facolta che porge di variare prontamente 
ed a piaceie le opere e i colori, e per la precisione con 
cui tutte le parti , ancorche di massa assai rilevante , 
soao coatrappesate e rese agevoli al nioto. Esso avrebbe 



PARTE IT\L1\N\. lOl 

facilmente nieiitato il preiiiio uiaggiore se T Istituto nou 
avesse giudicato coiiveniente di vederne coU' iiso sempre 
pill comprovato 1' effetto e il vantaggio , attribuendo in- 
tanto air ingegnoso iiiventofe H distiativo della medaglia 
d'argeiito. — (Milaijo, corso di Porta Romans n.° 5565 ). 

Ambrogio Seregni. Nel coiicorso deiraiiao 1822 il signer 
Ambrogio Seregni ebl)e il preiuio della medaglia d' argento 
per una nnova stoft'a di seta ridotta con una particolar' 
preparazione a rassomigliare i panni piix lini. La quantita 
graude di delta stofFa gia uscita da' suoi telai e pronta 
alio smercio e il grado di perfezionamento a cui la nuova 
nianifattura e stata condotta erano nuovi argomenti pei 
quali il Seregni polevasi riputar degno del maggior premio; 
cio nou pertanto 1' Istituto ha voluto attendere dal tempo 
una maggiore conferma si della durevolezza del tessuto e 
della sussistenza del colori , quanto dell' aggradimento coa 
cui potra essere ricevuto dal pubblico e ricercato nel 
trafTico. ' — ( Milano , contrada de' Cappellai n.° 4043 ). 

Pietro Gos. I residui della seta conosciuti sotto il nome 
di cascanii o moresche da qualche tempo non vengono 
pill come in passato ricercati dagli esteri , e trovandosi so- 
prabbondantl al conswmo die se ne fa nello State nostro, 
rimangono senza risorsa diinenticati presso i filatorl. Degna 
di ogni rlguardo fu percio riconosciuta 1' industria del 
signor Pietro Goi , il quale ha riv^lto questa materia ad 
un qualche uso , appllcandola alia falibricazione di coperte" 
da letto. Queste si distinguono tanto per la loro morbi- 
dezza e per la vivezxa de' colori , che per la modicita 
del prezzo a cui sono vendute, e possouo sostituirsi coa 
vantaggio a quelle di lana e di cotone. — (Milano, con- 
trada della Lupetta n.° 8980 ). 

Filippo Durbadi. Emulo del sunuominato il signor Fi' 
lippo Diirbach si e pure rivolto a trarre profitto dagli 
avanzl della seta , anzi dalle qualita piu infelici de' nie- 
desimi e di cui non si faceva per lo piu alcun uso , 
tranne quelle di guernirne i calamai. Con metodi suoi 
proprj di niacerazione e riuscito a ridurre queste materia 
ad una specie di cotone morbidissime , che filato prima , 
indi tessuto ha date delle stofFe della piu bella apparen4a. 
L estetisioae che ha preso nelle mani del signor Durback 
questo genere d' industria rilcva maggiormente il pregio 
della sua invenzione. — ( Impiegito presso 1' I. R. Dire- 
r.ione de' Tabacchi in Milano). 



IC2 A P r E N D T C F. 

Ducros pcidrr c fiiillo. ]\Tancava alio Stnto niia maiiifat- 
tura di gOantl paragonal)ili a qnelli di Grenoble. I signori' 
Ducros da otto annl stabiliti in ]\liIano vi lianno introdotto 
c portato ad un grado notrtljile di perfezlone questo ranio 
d' industria. II loro stabiliniento produce giii giornalmeate 
cento cinquanta paja di gnanti , e da speianza di conti- 
nuo accrescimento si.\ dal lato della cjuantita del lavoro , 
sia.da quello della perfezione di esso. — ( Milano, vi- 
colo della Pace n.° 91 )• 

Doineiiico Brlani. II signor Dornenico Briani, altre volte 
fabliricante di stoffe di seta , lia rivolto ora le sue cure 
alia fabliricazione delle bianclierie operate da tavola , ed 
lia congegnata una maccliiua coHa quale fnblirica sal viette , 
to\-ac;liuoli e tovaglie anche di straordinaria grandezza con 
disegni variati d' ogni manlera. Questo stabiliniento , die 
va crescendo di glorno in giorno , potih forse col tempo 
emulare i tanti rinoinati lavorl delle Fiandrc. — (Milano, 
strada del Molino delle arnii N.° 4386 ). 

Paolo Uboldi. L' indefesso fabbricatore di niaglie Paolo 
Uboldi ba im'itato coi proprj telai , ojiportunamente niodi- 
licati, le raaglie inglesi spigate , e le ha portate ad un 
notabil c;rado di perfezione. II nuovo nieccanismo lavo- 
rando per la sola orditvira porge anche il niezzo di fal)- 
hricare inolte spighette di diverso colore con grande facilitii 
ed esattezza. — (Milano, conrrada del Cappcllo n.''4c3i). 

Francesco Ferrario. Una diversa niodilicazione del telajo 
comune inunaginata dalF ingcgnoso giovine Francesco Fer- 
rario gli ba soniministrato il niodo di eseguire certe sotto- 
vesti di cotone o di lana che ci venivan dall" estero , le 
cpiali , per la qualitii della inaglia oltremodo elastlca e 
facile a prendcre le forme del corpo , sono gencralniente 
ricercate In commercio. — (Milano, convento del Carmine). 

Enrico Charansonney . Il fabbricatore di pelli inverniciate 
Enrico Charansonney , corrispondendo agli eccitamcnti avuti 
dair Istituto neir atto che premio con medaglia d' oro la 
sua industria per pelli tinte in diversi colori e fatte lu- 
cide a specchio , ha presentemente proposto al concorso 
wna manifattui-a di cappelli di feltro pure coperti di ver- 
ni(^ lucida ed imitanti quelU di Francia. I cappelli usciti 
da questa nuova fabbrica sostengono il paragone degli 
esteri qnanto alia bellezza , ed hanno su di essi il van- 
taggio del minor prezzo. L" esperienza di nlcuni anni potra 



I'ARTE ITALTVNV. I03 

sola somminlstrare clei dati certi sulla loro (lurevoIe^zR. 
■ — (Milano, contrada de" Yetrasclu n." 38 1 6). 

Andrea Molina. II sigiior Andrea Molina., proprietario 
d' una cartiera presso Varese , dopo aver miglioi-ata la 
fabbricazioiie della carta coniuue da scrittura e da stampa , 
si e accinto a quella della carta da disegno tiiita in pasta 
di varj colcri. Con molti tentativi egli e ginnto a pro- 
dnrne di qnella di colore nnifonne , die riceve conye- 
nienteniente i segni della niatita , che regge all" acqiierello, 
e die per conseguenza puo sostenere il confronto delle 
migliori die ci veogon di Fraacia. — (Milano, contrada 
di S. Orsola n." 2828 ). 

Angela Oslo. Alia scarsita senipre cresceate della materia 
prima per la fabljricazione della carta ha opportunamente 
supplito il signor Oslo coll' uso iiitrodotto di sostanze nieno 
costose , qnali sono la paglia e le alghe. Questo genere 
d' industria , ora appresso di noi appena nascente , parve 
air Istituto di tale importanza che non diibiterebbe di 
fregiarlo di iiiaggior premio quando vedesse il niiovo sta- 
bilimento condotto a maggior estensione ed atto a pro- 
durre della carta fina da scrittura e da stauipa. — (Mi- 
lano, cmitrada della Dogana n." 4032). 

Donienico Urio. La fabbricazione della ccralacca e stata 
resa piu facile e piii sicura dal signor Donienico Urio 
coir impiego di forme di bronzo entro alle quali egli getta 
la materia fusa. Le canne cosi formate ricevono Timpronto 
di varj eleganti disegni, e riescono senza ulteriore prepa- 
razione perfettamente lucide. La brevita delle operazioni e 
il cons.eguente risparmio della mano d' opera pongono il 
fal)bricatore in grado di A'endere la sna ceralacca a prczzo 
notnbilmente niinore di quella die si lia in commercio. — 
( IMilano , contrada della Lupa rt.° 3257). 

Teresa Gaggia. Prima ad introdurre nel Rejrno il colore 
conosciuto in commercio sotto il nome di glaldolino niine- 
rale fu la signora Teresa Gaggia: Siccoine questa non dif- 
iicile preparazione, ntilissima nella dipintnra massime nelie 
Ternici , ti'aevasi negli anni scorsi dalT estero , fu giudi- 
cata (iegna de' inaggiori encomj 1" industria di questa fali- 
bricafrice , la quale , lasciate le piii comuni occupazioni 
propria al suo sesso , ci ha saputo francare dal tributo 
che da noi si ]iagava alle straniere nazioni. — (Milano, 
corsia del Duomo n.° 1024). 



j6^ appkndioe 

.Sacerdote Ciuscppe Madenui. Alcune mostre di seta tinte 
in diversi coloii e presentate dal sacerdote Giuseppe Ma- 
derna furono gUulicate degnc di qualclie considerazione 
perche tratte da sostanze indigene e di poco costo ; ma 
lode assai maggiore egli si e uieritata per una tintura nera 
sulla lana ottcnut.a senza T uso della galla 6 d' un ossido 
di ferro , la cjuale si e ritrovata resistente non nieno al- 
r azione degli acidi die a quella degli alcali. — (Milano, 
strada di S. Sofia n.' 44 1 1 ). 

LuiQ,i Deer is to for is. La conservazlone dei vini riposti in 
]>ottiglie dipende principalniente dalT escludere qualuncjne 
adito alia evaporazione e t(ualanqne coniunlcazione del 
liquido coir aria esterna. Ad ottenere piii compiiitamente 
qnesto intento nn distinto coltivatore delle cose nieccani- 
clie, il signor Don Luigi Decristoforis , ha immaginata una 
luaccliina pregevolissima per la sua semplicita e per la 
sicurezza dell* efFetto. Per essa i taraccioli di sugliero si 
fanno passare a forza per un cono cavo di bronzo , dal 
quale come da una trafila escono in uno state tale di 
conipressione , clie possono entrare nel coUo d"una hotti- 
glia sebbene d'' una o due linee piii stretto , e tutto lo 
sforzo die si esercita , non comunicandof.i in alcun niodo 
al recipiente di vetro , qucsto non corre alcun pericolo 
d' infran^ersi.- — (Milano, corso di Porta Nudva n." 3494)- 

Dotlor Ignazio Lomeiii. Da niolto tempo si declama con- 
tro r nso dei vendenimiatori di sdiiactiare le uve coi 
piedl , e molti nieccanismi sono gia stati proposti come 
atti alia pigiatura delle uve medeaime; in tutti perb si 
sono trovati dei gravi difetti , e si sono per la maggior 
parte abbandonati perche o l?sCiavano libero il passaggio 
agli acini non plgiati , oppure schiacciavano insieme con 
essi i vinacciuoli ed i graspi. II valente agronomo signor 
Doctor Lonieni e meglio d' ogni altro riuscito a togliere di 
mezzo i due suddetti inconvenienti con un nuovo pigiatore 
composto di due cilindri scanalati di legno , col quale si 
eseguisce con grande celerita c precisione questa opera- 
zione essenziale dcUa vendeuunla. — ( Milano, piazza di 
S. Sepolcro n.° S174). 

Giuseppe Leonardl. Alia nilglior confezione e conserva- 
zlone del vino tendono pure diversi nieccanismi recente- 
mente proposti dal niacchinista itiranlico Giuseppe Lconardi, 
Egli ha applicato il printlpio sn cui era costrutta la sua 



P\RTE ITALIA.N\. Io5 

tromba premeiite , gla altre volte preiiiiafa dalP Istituto , 
tanto all' operazione della svinatura, quaiito al "trayasa- 
niento del vino da fiasco a fiasco; ha fatto inoltre un' utile 
aggiunta alia valvola da applicarsi alle botti iinmaginata 
dal signer Oiulio Ferri , per ultimo egli ha pensato al 
niodo di togliere il difetto delle couiuni tronibe idrauliclie 
procedeate dall' obbliquita con cui e spinto ed innalzato 
il pistone , convertendo con uno degli artificj gla applicati 
alle tronibe a vapore il moto rotatorio prodotto dal nia- 
nubrio in un moto rettilineo e verticale. — ( Milano , 
piazza di S^ Vittore al Teatro n.° aSaS). 

Carlo Raja. Sebbene sia cosa comune il veder impiegato 
il filo di ferro nei giardini per sostegno delle pianticelle 
od anche dei tralci delle viii, devesi al signer Don Carlo 
Raja , parroco di Busto Garolfo , V averne considerate 
r use come un oggetto di campestre economia. Egli lia a 
tal iine sostituito ai ijli lenti e contorti, irregolarmente 
condotti fra pale a pale , fili fortemente tesi a lungliissimo 
intervallo , ed atti a sostenere senza piegarsi il peso delle 
viti cnriclie della piu ubertosa vendemmia. Ingegnosa e 
ben inmiaginiHa si riconol^be la costruzione dei sostegnl , 
ai quali si attaccauo le estremita dei iili , e quelle pure 
delle maccbinette che servono a tenderli ed assicurarli. 

Giovanni MondelUni, II nuovo trebbiatojo del signer 
Mondellini , del quale e state pr^entato al concorse il 
modello , composto di cinque ruete riunite insieme interne 
ad un asse comune , e state riconosciuto d' utilissima ap- 
plicazione. Negli esperimenti istltuiti coUe maggieri cautele 
si e osservate che coll' opera di due soli cavalli in quat- 
tro ore e un quarto, interrette solo da un breve riposo, 
si ottennero 70 sacchi milanesi .di risene , trevandosi la 
paglia egualmente depurata come ne' metodi ordinarj , il 
che porta un risparmie considerabile di tempo assai va- 
lutabile nei lavori agrarj. 

Questo meccanismo , di cui 1' inventore si serve gia da 
due anni, comincia ad essere adottato da diyersi dei vi- 
cini possesseri. ■ — ( Casciua llegiua-Fittarezza presso Go- 
degne ). 

Giucomo Dei. Un x-amo d' industria importantissimo e 
certamente quelle del miglieramento delle razze degli ani- 
mali piu utili all' agricoltura ^ ma questo rame d' industria 
ben cultivate nclla Loiuljardia mancava totalmente nei 



If 6 A P P E N n I C E 

territorlo Fcltrliio. II nobilc signer Giaconio Dei, siccome 
provaiio gli atli trasmessi dalP I. R. Delegazione dclla 
provincia d'l Belliino, lia il uierito cli avere migliorato 
ncl distretto di Feltre la raz/a de' buoi , introducendo le 
giovenche ed i tori piu belli dalla Svizzera, ed iacrocic- 
cliiando quella razza assai pregiata colle razze nazionali. 
L' Istituto , clio noil pub niuov(>re alcim dnbbio su le re- 
lazioni della Comiiiissione nominata dalla Delegazione sud- 
detta , in vista dell" importaiiza deli" oggetto non ha dubi- 
tato di assegnare al benenierito introduttore il preniio della 
jnedaglia d' argento. 

Fratelli Gciser. I signori Fratelli Geiser hanno presen— 
tato nl concorso tre opere di orologeria consistenti in un 
pendolo astronomico munito di coatatore , in uno da ta - 
vola collo scappamento li])ero , ed in un terzo ad oscil- 
lazlone conica. In ciascuna di queste opere ammlrasi la 
linitezza del lavoro e T opportuna combinazione de'iuovi- 
menti diretta a render sempre ininore 1" influenza della 
forza motrice suir andamento dell" orologio. II terzo , la 
cui costruzione pub dirsi del tutto nuova , sarebbe un 
oggetto di pura curiosita .se non avesse il vantaggio di 
essere esente dalle Ijattute dello scappamento , sicche pub 
servire utilmente come orologio da notte. — ( Milano , 
contrada del Marino n." 1 1 34 ). 

Enrico Spring. II sig«or Enrico Spring , gla benemerito 
per A'arj grandiosi congegni relativi alle arti introdotte in 
questo paese , recentemente lia stabilita una fabbrica di 
viti mordenti , uella quale impiega un numero considera- 
bile di fancinllii e Ijello il vedere dalle loro tenere mani, 
soccorse dagl' ingegnosi meccanismi innnaglnati dal^ signor 
Spring, uscire in gran »umero le viti s\ di ferro che di 
ottone di diverse grandezze , atte a tutti gli usi delle arti. 
QuestEi fabbrica, benche ancora nascente , pub conside- 
rarsi come utilissima al paese, massime da die si e tanio 
estesa Tarte di fabbricare niasserizie di lusso, nelle quali 
pill sovente ai cliiodi si ama di soslituire le viti. Non 
dubitando adunque 1" Istituto clie il signor Spring coll' in- 
grandimento della sua faljljrica possa in avvenire aspirare 
al maggior premio , si e limitato per ora ad assegnargli 
quello della niedaglia d" argento. — ( INIllano , contrada 
della Guastalla n.° 102 ). 



PAnTE ITALI\N\. IC7 

Ciacomo rioroni. 11 valcnte faLbrlcatorc di stromenti 
chirurgici signer Giacomo rioroni fii il piimo iiel Regno 
Loinljardo— Yeneto a costruire una maccliina alia a coneg- 
gere le vizlose incurvazioni della colonna spinale e delle 
ossa delle gambe e dei piedi. Questa maccliina, gia cono- 
sciuta ed usata altrove , e stata da Ini seniplificata van- 
taj^giosamente in alcune parti in gnisa die rcstano diinl- 
nnite le forti compressioni circolavi skI tronco e siille 
niemljia. Solo e a desiderarsi clie il signer Fioroni, clie 
tanto si e adoperato a vantagglo de" snoi siniili , procuri 
di applicare il suo congegno a qualclie caso jiratico, onde 
nieglio ne venga conferniata l" utilita. — ( I\IiIano , con- 
trada della Lupa 11.' 8284 ). 

Giambatiista Easario. II signer Giainhattista Rqsario lia 
riprodotte in qnesto concorso le sue lucerne, che egli lia 
munite di grandi specchi concavi, alcuni di figura si'erica , 
altri di parabolica. La molta luce clie traniandano li rende 
opportuni all' illuniinaziene di vasti laboratorj , e possono 
ancora xisarsi come segnali a grandissiiue dlstanze. L" in- 
dustria del nostro fal^bricatore vcnne uiilmente inipiegata 
ad un oa:gptto della inaggior importanza , quale e quella 
dell illuniinazione dei fari. Sei de' suoi fanall sono gia 
stati da lui applicati alia lanter.na "di Geneva , e , giusta 
r onerevole attestazione degli Edili di quella citta , vi 
spargono una luce vivissima. — ( Milane , contrada dei 
Profuniieri n.* 8217 ). 

Luigi Breiita. Alle Campane di vetro soffiato dlfficili ad 
aversi sotto grandi dimensioni , esposte a gravi pericoli 
nel trasporto e seoipre di prezze censiderabile si sono con 
Yantaggio sostituite quelle composte di grandi lastre, pie- 
gate mediante il fuoco e diligentemente rlunite. Questo 
artificlo introdotto fra nei dal signer Giuseppe Brcnta , 
ottice di antica reputazione , e stato pcrfezionato da Luigi 
suo figlio , die ne ba esteso considerabilmeute lo siuercio. 
— ( Milan o , corsia del Dnomo n.* 901 ). 

CIciiidio IFitinant. In diverse tlpogralie , e specialmente 
in quella dell' I. R. Governo , sonesi con vantag2;io sosti- 
I tuiti alle ordinarie marginature di legno dei niargini di 
iiietallo , i quali rendono piii sicura e rco^olare la conipa- 
gine delle forme. Quest' utile sostituzione devesi in gi-an 
parte al fonditore Ckiudio Wilmant ^ milanese , il quale e 
jriuscito a costruire questi pezzi non solo con molta diligraza 



108 APPENDICE 

e preciiionc, ma aiicora con notabilc ccononiia dl metallo, 
la quale portaiido seco una cliiniauzioiie di prezzo, ue rende 
r uso piu gcnerale. — (Milario, piazza di Saa Carpoforo 
n." 188 3). 

Antonio Cltterio. II fabbro Antonio Citterio avendo coa- 
dotto a termiiie lo scrigno di fcno e la serratura d' inge- 
gnosa coslruzioiie di cui fu fiitto ceniio negli atti del pre- 
cedeote coiicorso^ otteniie dalP I. R. Istituto il premio 
die gli era stato promesso. La serratura d' invenzione 
iiiglese e stala da lui perfczionata, priucipalmente* coU'ag- 
giunta di un anello che forma parte essenziale de' conge- 
giii della chiave, e che, tolto da essa , puo dal padrone 
custodirsi portaiidolo costantemente in dito. — ( Milano , 
piazza di S. Giovanni in Era n." 414 ). 

Ciuseppe Btrnasconi,' Fu pure gludicata degna di premio 
una serratura presentata da Giuseppe Bernasconi. All' arti- 
iicio gia da altri immaginato , per cui dalla serratura stessa 
scaricasi un eolpo di pistola contro il ladro che s' atten- 
tasse d' introdurvi una chiave, egli ha aggiunto un riparo 
che toglie la possibilita delP esplosione quando il proprie- 
tario si accinge ad aprlrla colla sua propria. — ( Fenegro , 
provincia di Como ). 

Luigi Eosa, Un altro valente meccanico , Luigi Rasa , 
ha presentato uno strettojo applicabile a diversi usi , nel 
quale se nan si e potuto riconoscere merito d' invenzione , 
parve non pertanto degno di premio per la solidita e pre- 
cisione con cui e costrutto. Due viti parallele spinte da 
una sola ruota o pignone producono un efFetto grandissimo 
di compressione senza afFaticare le spalle del torchio , come 
succede in quelli clve sono pin comunemente in uso. — ■ 
( JMilano , locale di S. Spirlto n." i3iS ). 

Giacomo Anghileri, CoUa scorta del dlsegno ricavato sul 
luogo ed ingegnosamente supplito dal rinomato architetto 
Bovara del tainoso tempio di Tivoli , detto comunemente 
della Sibilla^ T abile intagllatore Giacomo Angliileri esegui 
in legno ,di sughero un compluto modoUo , miraljile per 
r esattezza , per 1' eleganza e per la liaitezza del layoro. 
Questo modo di rappresentare i piu importanti monumenti 
portato a un tal grado di perfezione puo giovare moltis- 
«imo agli artlsti , ai letterati, ed in gcnerale alle persone 
intelligenti dclle belle arti , e divenlre ancora un oggetto 
di ornamento dclle camere e delle mense de' piii agiati 
cittadini. — ( la Lccco ). 



TAnTF, ITALIA.N\. IO9 

Pietro Clicruhini. II sign6r Ple.tro Chernhini toscano , 
da niolti anni stabilito in qnesta citta , vi esercita con 
molta intelUe;enza 1' arte di scolpire in alabastro. I lavori 
che escono dal suo studio sono generalmente ricercatl , ora 
niassimamente che si e niolto difFnso il gusto delle statuette 
e degli ornati d' ogni maniei'a formati della materia sud- 
detta. II Cherubini e inoltre benemerito del nostro paese 
per aver formato dlversi allievi fra gli alunni dell' orfa- 
notrofio civile. — (Milano, corso di Porta Orientale n.° ^60). 

Francesco Donesana. II signor Francesco Doncsana , pos- 
sidente in Vallate ( Provincia di Lodl c Crema), ha pre- 
sentati divers! mazzi di fiori di singolare bellezza lavorati 
in cera con un metodo til sua invenzione. L' Istituto lodo 
soprattutto 1' artlficlo e la facllita con cui da una massa 
di cera convenientemente preparata e distinta in falde di 
tinte diverse egli riesce a distaccare con una specie di 
spatola i petall de' fiori screzlati a plu colori , producendo 
al tempo stesso e V increspatura della superficie e le den- 
tature che ne fregiano le estremita. 

Luigia Remondino Folpi. L'arte del ricamo, cosi propria 
del gentil sesso , ha ricevuto un notabile miglioramento 
nelle mani della sijjnora Luigia VoJpi. Essa ha presentato 
un quadro a ricamo ed a basso rilievo rajipresentante 
Ettore armato alia presenza di Paride e di Elena , tratto 
da un disegno del celebre Flaxman. — (Milano, canonica 
del Duomo n.° 4887 ). 

Benedetto Bergonzi. Nel preccdente concorso ai prcraj 
d industria il signor Bergonzi aveva presentato un corno 
da caccia munito di tasti , intorno al quale rimase aMora 
pendente il giudizio. Le ulteriori indagini dell' Istituto so- 
stenute dalle favorevoli testimonianze delle persone del- 
r arte lo hanno persuaso che V applicazione <\e tasti faci- 
lita d' assai 1" esecuzione niusicale per rispetto a quelle 
vocl che negli altri corni da caccia si traggono soltanto 
col soccorso della niano , ha magglor vivacita e conserva 
un eguaglianza di forza. 

Quantuuque il potere dell' abitudine possa per qualche 

tempo opporsi all' introduzione d' una tal novita , e spe- 

rabile che nelP ognor crescente ricchezza delle composi- 

zioni musicali il nuovo stromento venga col tempo gener 

j rajmente adottato. — ( In Cremona ). 



no A r p E N n I o E 

Ccrardo Solari. 11 sigaor Gcrardo Solari fii altre volte 
preniiato per costruzione di stnfe e tornelli econoinici. 
Se2;acndo sempre i pilncipj dclP illnstre Rwnford, egli si 
c ora occupaio nella costruzione d' un forno da pane, 
nel quale T aria infocata dalla precedente combustlone 
delle I'egiie , in vece d' uscire inuiiediatameiite dalla bocca, 
passa per alciine aperture nella volta iaterna , e vi de- 
pone la mapgior parte del suo calore. Qncsto e utilmeiite 
inipiegato parte ad aumentarc la teinperatura del forno , 
parte a riscaldare una stufa latcrale, ove si forma il lie- 
vito ed uu serbatojo d" acqua dcsliuato all' impasto della 
farina. — ( la INlouza ). 

Giovanni Frina. L'arte d'infoncfcre il cafFe notabilu\eiite 
luiglioraia coll" introdnzione delle calTettiere a filtro e stata 
iilteriornieBte perfezionata dal signor Gio^'anni Frina, fab- 
bricatore di Livori di latta , con una macchinetia clie si 
raccouianda per V eleganza del lavoro , per la niaggior 
]iulizia nel suo uso , essendosi sostituito alia cor.ibustione 
del lavoro qnella dello spirito di vino , e pel niodo con 
cui senza lasciar luogo ad evaporazione si estrae dal caife 
( prima coll' applicazione del vapore , poi coU" infuslone 
deir acqua bollente.) tutta la parte aromatica. — (Wilano, 
vicolo delle Mosche n." io83 ). 

Alti-i lavori , oltre i gia uienzionati , adornano questo 
anno la pubblica esposizione , e meritano d' esser qui 
rammentati , sia clie ne rimanga difterito il giudizio , sia 
che dai loro autori sieno stati offerti senza aspirare ai prenij, 

Il^distinto nostro tipografo Bettoni ha iminaglnato ua 
torchio da stampa a cilindro , di cui gia da piii mesi si 
serve nella sna stamperia , e che sembra ofFrire sui co- 
muni a leva ed a vite dei rilevanti vantaggi: principal- 
inente quelli dell' ecooomia di costruzione , del risparmio 
di forze , della celerita del lavoro e dell' equabilita nella 
couvpressione de' fogli. 

II niacchinista Longoni ha prodoLto una macchina utilis- 
sima agl" incisori ed atta a segnare sui rami con linissiiiio 
Imlino non solo le lince rette e parallele , ma ancora le 
flessuose, dalla cui riunione si fonnano i fondi delle stampe. 

11 fabbrlcatore di maglie Giuseppe Bellini ha introdotto 
nn recente uiiglioramento del filatojo e del binatojo da 
seta gia ricercato da alcuni intelligenti filatori, e c'se po- 
trcbljc concorrave uJ accresceve ii •nrez'o delle nostre sete. 



PARTK ITALIANA. I I I 

L' Istitnto attende di veder compinta, per freglaila del 
promesso preniio , la collezione de' frutti in cera, per la 
quale i sigiiori Pizzagalli. e Degaspari ottennero la nieda- 
glia d' argento , e che venne ora da quest"" ultimo ripro- 
dotta al concorso con notabili aumenti. 

Per fine deve rammentarsi 1' aggiudicazione del premio 
maggiore , tuttora sospesa, a favore del signer Barigozzi 
])er r arte di racconiodare le campane fesse, nelP appli- 
cazion della quale si e nuovamente distinto, come provano 
le testimontanze da lui prodotte. 



Tra -le benefiche istituzioai di Sua Maesta a promuovere 
le scienze A'i ha quella d' ua premio accademico biennale 
per la migliore produzione in risposta al programma da 
pubblicarsi dali' Istituto. 

Tre furono nel concorso attuale le Memorie ricevute ed 
esaiuiaate coUe solite cautele, e quella che sul rapporto 
della Commissione delegata dall' Istituto fu giudicata alia 
unanimita dei voti meritevole del premio, si trovo essere 
del nobile signor Don Gabrio Piola , milaaese , allievo 
della nostra Universita e della nostra Specola. L' 02;getto 
della Memoria e I'applicazione delle forniole della mecca- 
nica analitica del La Grange a' principal! problemi della 
nicccanica , ed e diretta ad estendere le nx)stre cognizioni 
in questo ramo di niatematica sublime. 

Sou. ANGELO CESARIS, Direttore. 

C A R L I N 1 5 Vicesegretario. 



( Nel prosslmo quaderno darcmo T elenco dei premj di 
menzione onorevole e degli oggetti preseutati per la sola 
esposizione). 



\ r r R N n I r. E 



OPERE PERIODICHE. 



REGNO LOMBARDO-VENETO. 

Gioriiale di fisica cjiiinica, s tor la naturale, mcdlcina 
ed arti , dci professori Pictro Configliachi e 
Gaspare Brugnatelli di Pavla. Bimcstre 6° 



K 



Parte prima. 



luovE osserv.Tzioni e rlcerche fisico-chimiclie neiracqn.i 
minerale di Salice , di Lorenzo * A iigcUni, farmacista di Vo- 
gliera. — Nota del prof. Catidlo sopra un giudizio del- 
r abate Maraschiiii risgnardante la geognosia del Vicen- 
tino. ■ — Sugli acidi ftilminanti. ■ — Saggio di geogvafia bo- 
tauica del cratere o baciao del JNIediterraneo , di D. Vi- 
viani. — Estratto di diverse Memorie suUe affinita dei 
corpi del calorico e sulle relazioni d' afllnita che ne risul- 
tano tra loro , di Amadeo Avogadro. — Ricerche suUa ma- 
teria colorante ^eiruva nera ed usi di essa in qualita di 
reattivo , del piHjf. Gioaccliino Taddei. — Sulla causa delle 
combustioni di sostanze gasose per mezzo delle superficie 
di alcuni metalli , di Ambrogio Fusinieri. — • Epilogo di 
alcune Memorie geologiche del conte Marzari PencatL ^ ed 
esposizione delle nuove dottrine del medesimo. 

Parte seconda. 

/. ProgressL delle scienze naturali. Atti della distribuzlone 
dei premj d' indijstria fattasi in Milano il 4 ottobre 1824. — 
Notizie dei miglioramenti apprestati alle ordinarie mac- 
cbine elettriclie a disco di cristallo da Ulisse Novcllucci. — 
Singolare imperfezione nella vista. — Sui fenomeni lumi- 
nosi die acconipagiiano la cristallizzazione di varj corpi 
cd altre azioni iisico— chimiclie. — Particolare fenomeuo 
dell" acido solforico posto sopra il niercurio. — Produ- 
zione di freddo in virtu dell' unione di certi metalli. — 
Osservazioni iiitorno all' ossido cistico, — Nuovo reagente 
per gli alcali e gli acidi. — Volcani ardenti nell' iiiteruo 



PARTE ITALI.VNA. I l3 

doir Asia. — Intorno al sangne di alcnni niolluschi e a 
im singolare fenomeno delle coachiglie d"' acqua dolce. — • 
Nuovo rimedio per la cura del gozzo. — Succedaneo del 
cafTe. — Coltivazione dei tartull. — Miglioramento nel- 
Tarte di produtre il gas illuminante per mezzo dell* olio , 
di Daniele Wilson. 

II. Libri nuovi. RisultamentI otteauti nella clinica lue- 
dica deirUniversita di Padova dall' amniinistrazioiie di una 
china bicolorata per la cura delle febbri accessionali anco 
d' indole pernlciosa. — Saggio della traduzione della sto- 
ria naturale di Cajo Plinio secondo, eseguita dall' abate G. 
Berini. — Corso di fisica , di Ranieri Gerbi. — Sistenia 
di Stecchioiuetria chimica , o teoria delle proporzioui deter- 
luiiiate , del prof. Gioacchino Taddei. 



GRAN DUGATO DI TOSCANA. 

Antologia di Firenzc , qiiaderno 48.° 
Suir Istituto Pestalozziano , lettera di Antonio Benci. — 
Les herniites ea liberie , par Joay et Jay, vol. i.* ( cou- 
chiusioue). — Rivista letteraria. — Sull' esposizione dei co^l 
detti piccoli premj fatta nell" I. R. Accadeinia delle belle 
arti in Firenze nel mese di ottoljre 1824. — Sopra P espo- 
sizione di oggetti d'arte d' industria nazionale in Stutgar- 
dia. — Delia pittura in porcellana , lettera di Pietro Giar ■ 
dani, — BuUettino scientiiico n.° i5. — Necrologia. L' abate 
Lulgi Bello. II prof. Borda. L' abate Giuseppe Luigi Bia- 
monti. II ca\\ Angclo dei conti D' Elci. Don Ignazio de 
Rossi. Conte Sinione Stratico. — Estratto di una Memo- 
ria di Emmanuele Repetti , suUa soluzione naturale della 
silice in seno ai terreni di natura calcarea. — BuUettino 
l)ibliogralico n.° 14.° — Osservazionl nieteorologiche di 
novendne. — Eduino ed Emma , di David Malet , vol- 
garizzamento di Eramanaelc Scotto. 



Bihl. I lid. T. XXXMI. 



1 \S A r P E N D I C E 



13 I B L I G R A F I A. 



REGNO LOMCARDO-VENETO. 

Sloria dl lirdano del coiite Pietro Verri, co tcsti la~ 
tini tradotti dal coiiie Bossi. — Milano ^ 1824, 
presso gU edltori. Vol. 3.^, in 8.°, di pagine 352, 
3o2 , 25 1 , con. una tav, in ranie conteiicnte la 
pianta di Milano. 



I 



ten*ntivi fatti in qiicsti nltiml anni sopra lo stesso ar- 
goinento (la Storia cU Blilano ) anziclie sceinare la fama e 
il pregio del lavoro del conte Pietro Verii , T lianno viem- 
inec;lio conferniato e accresciuto , provando al pubblico eel 
ai coiicorreiiti quanto difficile, e direnio inipossil^ile, sia un 
tale arringo per chi non ha intelletto , fortemente dotato 
di filosofia , confortato dnl corredo di tutte quelle dottriiie 
ausiliarie clie sono indispensabili ad nno storico. — A 
qnesta nuova edizionc nitida e corretta precede la vita del 
Verri , scritta dal barone Custodi , notissimo per la sua 
edizione dei Classici economisti , e per V ultimo suo bel 
lavoro sulla vita e le opere del Baretti. Nell' ultima pa- 
tina del vol. 3." gli editori avvertono che il canonico teo- 
logo Frisi , editore del a." volume ia 4.°, stampato nel 
I '-98 , fece alia iine di questo capitolo la segueiite osser- 
vazione. 

Sin qui I' originale manoscritto ritrovaro presso I' illustre aii- 
tore di qnesta storia, il quale in Milano cessb di vivere ai 28 
giugno del 1797 in eta d' anni 69, mesi 6 e giorni 17 , 
mentre la stampa del presentc volume ( II in 4.° ) era di 
gi(i principiata. Al conipimento di esso mi sono dato la pena 
di fedclmente raccogUere la piii parte di quanto siegue da 
alcuni tomi in foglio manoscritli ritrovati presso il dcfunto , 
iiei quail ave^-a cgli distribuite nelle rispettive epoche Z' am- 
massata materia per la continnazione delta sua storia. 

11 liaroue Ctistodi nella vita dell" autore scrisse ( vol. i.° 
pag, 32 , 33 della presente edizione ) die " nel 1797 il 
coute Pietro Verri uUraprese la stampa del secoado volume 



VARTE ITALIANS. Il5 

ilella Scoria iH Milano , che venne poi condouo a tcnniiie dal 
di lui nmico il cunonico, teologo Frisi, certament^ con pub- 
l)Iica beiiemerenza, se non si fosse perniesso due gravissimi 
arbitrj. E il priino di aver iiiterpolato i proprj siipplenienti 
alle lacune lasciate dair aiitore seiiza alcuaa iiidicazioae 
che li distingua , contro la prntica dei Freinsemj , dei 
lirotier e dei piii dotti editor! di storici antlchi e modenii. 
L' altro di aver viulato la protesta da lui fatta di trascri- 
vere feddmtnte i frammeiiti delF autore , nientre oso di 
miuilarli. Qucste arliitrarie alteraziciii, le quali avrel)l)ero 
pregiudicato alia fama del Yerri se dessa stata non fosse 
solidainente foadata , rendono mafjgiore il desiderio di ve- 
der presto esegulta uu' edizioiie completa delle di lui opere, 
afrinclie vi si possa ristabilire il testo della storia nella 
sua iategrita , aggiungendovi i preziosi fraiuuieati che esi- 
stono per la coatinnazioae di essa fino al regno di Maria 
Teresa. » 

Per rendere niaggiorineate iiiteressante questa storia pa- 
tria, si chiude il terzo volume dove termina il nianoscritto 
origiuale dell' autore , e se ne forma an quarto per cura 
del barone Gnstodi, die arrivera fino alia morte del!" iuipe- 
ratore Giuseppe 11 , valendosi del lavoro del canonico Frisi , 
c degli fi'tri materiali raccolti. 

Uscito clie sara il IV vol. noi faremo conoscere i pregi 
di questa storia ed il lavoro del suo continuatore. 



Dizionarlo precettivo , critico ed istorlco della poesia 
vol^are ^ del padre Ireueo Affo di Bassetto. Seconda 
cdlzione con una tavola in rame. — Mdano ^ 1824, 
per Giovanni Silvestri, di pag. xil ^ 4^1, in 16.° 

Questo volume fa parte della Biblioteca scelta del Sil- 
vestri , la quale ne conta ormai iSo. A quest' edizione e 
aggiunto il ritratto copiato da un' incisione del Rosasplna 
per niano di madamigella Cleofe, figlia dell' editore, e tro- 
vaasi anche alcuni cenni intorno alia vita dell" autore. II 
P. AlFo fu un letterato laborioso , diligente , instancabile; 
ei merita un posto fra il Tiraboschi e il INluratori. Era le 
molte sue opere questa parve la sola al Silvestri che me- 
giio corrispondesse alio scopo che si e prelisso colla sua 
Biblioteca scelta, Un dizionario poetico rnancava alia no- 
stra lingua. Quelli che portano silFatto titolo sono per \o 



Il6 APl'ENDICE 

pill dizlonaij dl luitologia. 1/ autore concepl it disegno del 
t>uo su quello delle lielle arti del sig. Lacombe in fianc.ese, 
se non clie egli f« piii largo intorno alle leggi della litniica 
volgare , intorno ai precetii generali e particolari di qua- 
Innqne sorta d' italiano coniponimento, e intorno la storia 
di ciascuno di? essi. Al Dizionario premette iin Ragiona- 
mento islorico deir origine e del progresso della i'olgar poesia, 
dove con molto giudizio ed erudizione tratta dell' origine 
della lingua italiana; de'prinii semi dcUa volgar poesia nei 
secoli antichi e barbari; della norma di verseggiare press 
dagl' Italiani, non dai Provenzali , ma dai Greci e dai La- 
tini ; deile cagioni onde si inossero gli anticlii a poetar 
Tolgarmente, e qual gcnte d' Italia prima il facesse ; di 
un' antica iscrizione che si staljilisce come il piii antico 
fondamento della poesia volgare ^ deirisciizione Ubaldina^ 
degli avanzanienti e vicende della volgar poesia sino al- 
r anno 1280 ; della scuola di fra Guittone ; del ristabili- 
mento e decadimento della poesia lino ai tempi di Dante; 
della scuola di Dante e del I'etrarca nel secolo XIV; della 
decadenza del buon gusto poetico fino al 1480 ; del ri— 
sor^iniento della poesia volgare per opera di Lorenzo dei 
Medici ; della scuola del Tebalteo , e dei progressi di que- 
st' arte fmo al iS(j5; della totale ruina del buon gusto 
poetico nel secolo XVII; e finalmente del suo risorgimento. 
Dopo il discorso segue il dizionario. La prima voce e 
ACCENTO , r ultima e ZINGARESCA. Molte voci sono trattate 
con molto criterio e dottrina. Tl volume termina con una 
istruzione dell' autore intitolata Metodo di hen servirsi di 
(juesto dizionario indirizzato al giovinetto aniante della poe- 
sia vol<rare. 



Delia lingua toscaiia. DialogJii sette dl Clrolamo 
RosAsco , accadcmico della Crusca. — Mdano , 
1824, per Giovanni Silvestri , a vol. In 16.° 

I tempi sono cambiati. Era vuia volta tenuto in conto 
di cosi graude onore essere ascritto fra gli accademici 
della Crusca, che il Rosasco piemontesc, autore del cele- 
brate Rimario , compreso da gratitudine vollo farla uiani- 
festa coir opera cl.e abbiamo sott' occhio , e ciie il Silvestri 
acconciamente ristam])6 per arriccliirne la sua Biblioteca 
scehu, Wa dopo che l" Accademia della crusca dormi per 



PARTE ITALTAXA. 1 1-7 

tanti anni ; dopo clie i Toscani cessarono dt segnalarsi 
iielle belle lettere; dopo die gli scrittori piii valenti d'l- 
talia del secolo XVIII nou furono toscaiii ; dopo che ua 
Moati fi'ugo nel Vocabolario della criisca e discoperse 
tanti svarioni , cadde il prestiglo ; e nou vi sarebhe cer- 
taniente oggid'i ne ua Lomhardo , ne na Piemontese , ne 
un Romano, ne un Siciliano che vorreblie rimeritare I'Ac^ 
cademia della crusca col sostenere die toscana debba chia- 
marsi piuttosto che italiana la lingua che si scrive gene- 
ralmente dai dotti in Italia. Pedanti non mancano nep- 
pur oggidi i quail credono geninie tutti i ciotoli dell' Ar- 
no , e li raccolgono con religiosa superstizione , nia sono 
riconosciuti per quel che sono dalla pluralita della nazione. 
Le opere del Perticari e del Monti hanno allargati i con- 
iini della credenza italiana in fatto dl lingua , hanno sta- 
biliti de' canoni e de' dogmi, che difficilniente i Toscani 
potranno rovesciare o distrnggere. In ogni modo non vi 
sara alcuno che non amniiri il garbo con che sono scritti 
i dialoglii del Rosasco , e in nioltissinii luoghi anche I'acu- 
tezza e 1' ingegno col quale sono sostenute certe proposi- 
zionl che oggi sono tacciate di paradosso. Vi si trovano 
poi questioni nioltissime die a' tempi nostri furono discorse 
come novita, e che dal nostro autore sono trattate coa 
molto niagglore sagacita e dottrina : se non die egli e 
tutto propenso pe' Fiorentini , tutto e deciso in favor di 
Firenze , ed ai Fiorentini debbono piegare il capo non solo 
tutte le altre citta d' Italia , ma anche quelle di Toscana, 
come Siena e Pisa e le altre. Avversi come siamo a sifFatto 
spirito esclusivo , noi dobbiamo pero confessare die al)- 
biamo provato piacere a rileggere questi Dialoglii , e vi 
al)biamo trovate doti tali da far perdonare all' autore la 
sua prevenzione; imperciocche non solamente della lingua 
toscana o fiorentina vi si dlscorre , ma di molti altri ar- 
gomenti di eloquenza , di erudizione edi dottrina, da non 
lasciare il lettore senza diletto e senza profitto. 



Prospetto nominativo dl tutte le Uiigue note e del loro 
dialettl. Opera del cai>. Federlco Adelung , tradotta 
e corredata dl ana nota sid dialettl Italianl. — • 
Mllano ^ i^^24, per Ciovanni Bait. Bianchi c C. 
Al sig. Francesco Cherubini siamo debitori della tradu- 

zione di questo libretto destinato a far conoscere quali 



Il8 ArPENPIOE 

sono le lingiip r j ilialetti clie , spcondo lo notizle piii 
accurate, si parlaiio nell" unlverso. II MitJiridates , opera 
conosciutissima in cjuesto e;cnerc , ne annovcra circa due 
luila ; e il preseiite pruspctto ce ne pone innanzi 3064. 
11 traduttore , diligcntissimo coltivatore di cpiesta maniera 
di studj , lia aggiiinto uu prospetto dci dialetti italiani: il 
tjuale dove sia confroiitato coU" articolo relative deli' ope- 
letta, varra a far coiiosccre e la dlligente perizia del signer 
Cheriibini , e la nccessita die un autore il quale imprende 
1111 lavoro universale di fpiesta natura sia ajutato dai dotti 
di tutte le parti del niondo, clie gli somnuiiistrino quelle 
accurate e precise notizie , le quali dai libri non si pos- 
sono mai apprendere con sicurezza. L' egregio traduttore 
aggiunge clie fra breve publslicliera il Saggio di uii Di- 
zionario couiplessivo di tutte le voci dei dialetti italiani. 



Blhliotcca ecoiiomico-portatilc di educazloiic. 

Curiosissime uvvcntare dci viaggiatori antichi e mo- 
deriii^ raccolte da Pietro Blanchard , opera vol- 
tata dai fiances e in italiano ^ e corredaia di note 
da F. L, ( Tomi I , II e III sinora^ di pag. 2 So 
circa ciascuno ^ in. 18."). — Milann ^ 1824. 

Le bellczze della storia , o cjnadro delle virtu e dri 
vizj. Terza edizione. — Milano , iBaS, in i8.° 
dalla tipografia de' frateUi Sonzogno. 

A belle , grandiose e veramente utili imprese tipografi- 
che vanno da pin auni dedicandoii i fratelli Sonzogno , 
tra le quali primeggla la Coliana degli antichi storici greci 
volgarizzati che prosperaniente continua. Di cotal genere , 
ma pill niodesta nelle forme, e percio di tenuissiina spesa, 
riuscir debbe quest' altra collezione, die sotto il nonie di 
Biblioteca economico-portatile di educazione annunciarono 
essi con manifesto del prima di luglio dello scorso anno, 
promettendone sessanta volumetti , ai quali, ove la prima 
ottenesse il generale sufTragio , una seconda di altri ses- 
santa farebbono succedcre. E, inessa mano al lavoro, tre 
Yolunii veggiam jiubljlicati delle Avventure de' viaggiatori , 
raccolte dai Blanchard, le quali sole ne occuperanno sette , 
e gia il volume che sarh V ottavo di cjuesta Biblioteca , 
col titolo di Bellezze della storia, lianno divolgato. I quali 
primi lavori, come pure la maggior parte degli altri , nel 



PARTE ITALI\N\. Ill) 

citato manifesto liidicati, soao versionl dal francese, giac- 
c!ie e oggi in Italia una sniaiiia indomablle di legger libri 
oltranioatani e oltramariiii. Coatro la quale sniania uoi 
saremmo pure disposti di gridare alcun poco , se questa 
ce ne paiesse la migliore occasione , e se per era iiou 
c' imponesse sileazio la speranza clie nutrianio, die dalla 
frega di leggere le produzioni straaiere debba fiaalmente 
nascer quelia eziandio di leggere le nostrali , di die in 
ogni genere di letteratura e di dottrina, checche altri dica 
in contrario , ci trovlanio ricclussimi. 

Provvedere ai blsogni della gioventix, istruendola e di- 
lettandola al tempo stesso , e V oggetto cni mira questa 
Biblioteca portatile , ed e per certo uii ottinio pensauiento, 
Le avventure de' viaggiatori, e soprattutto le pin singolari, 
le piu commoventi , quelle da ciii s* impara come Tuonio 
nei gravissimi perlcoU non debba ne disperare della Prov- 
videnza , ne diflldare di se medesimo , ottengouo senza 
dubl)lo r intento degli eJitori ; e nessuna opera di cotal 
genere potevasi preferire a qnella di Blanchard. Ma forse 
per un corso di cducazione non era da incominciarsi da 
cio, perocdie podii^sinii giovani possono trovarsi nel caso 
di avvantaggiarsi di qnegli esempj , e que' pochissimi lianno 
pur bisogno di essere prima forniati e nioralniente isti- 
tuiti. Delibono i fratelli Sonzogao aver preveduta la pre- 
sente obbiezione , giacche in fronte al terzo volume di 
coteste Avventure preseutano un nuovo manifesto , nel 
quale giustiljcano il meglio die possono T aver dato prin- 
cipio con le Avventure de' viaggiatori , e promettono ahre 
utili opere ( tratte esse pur dal IVancese ) , die non ave- 
vano annunciate nel primo, Omettendo pertanto ogni ul- 
leriore osservazione sul nietodo e sulla serie delle opere, 
clie comporranno il tutto insieme d'l cotesta Biblioteca por- 
tatile , le quali tutte sono di gia accreditate , noi ci limi- 
teremo a fame alcuna sopra ciasdieduna di esse, di mano 
in mano die appariranno alia luce, sia per notarne i nii- 
glioramenti . sia per avvertirne 1 difetti , o\e per av- 
ventura emergessero. 

Le curiosissinie avvcntnve de\ia^giatori , di cui si lianno 
gia tre volunii, sono A'cramente lezioni suLliml di pazienza, 
d' industria , di prudenza e di sagacita. Ma rare volte il 
Blanchard si e dato il pensiero di citare le fonti da cui 
le lia tratte ; e siccome varie ve a' ha die p«6 spesso 



J20 A r P E N D T C K 

occorrere ill menzionare tanto in isciitto cl»e a voce, cosi 
ottinia cosa avrel)he fatto il traduttore a suppiir e^li a 
cotosta mancanza ; e ncssuno , per quanto a noi pare , il 
poteva piii sicurainente di Ini , potendo cgli aver sott' oc- 
elli le vistose raccolte dc" viaggi , da cul quelle avvetiture 
vennero prese; e le cnl versioni italiane stamparonsi con 
tanto spaccio dagli stessi fratelli Sonzogno. In qnella vece 
ha il traduttore soddisfatto ad un altro desiderio , cii' ei 
pre vide nel niaggior uninero de'' lettori , clie e queilo di 
presentare in pie di pagina il vcro signilicato di molte 
voci tecniclie spettanti alle sclenze , e in ispezialita, 
alia marina , valendosi a tal effetto del dizionario del no- 
stro illustre Straiico, o d'altre opere di altri valentuomini. 
In cio sta il inerito delle sue nots , e confessiamo non 
essere un piccol nierito , si per la diligenza die mostra 
tli aver usato , e si per V istruzlone de' giovani , ai quali 
giova ricordare clie 1' opera e consecrata. Sarebbe pero 
utile ciie di tutte coteste voci si irovasse il catalogo nella 
fine dell' opera stessa , con I' indizio del luogo , ove se 
ne ha la spiegazione. 

Ma se il traduttore avesse una egual diligenza adoperato 
nel fatto della lingua nostra, e nella correzion della stanipa , 
segnatainente ne' prinii due voliuni, assai piu distinto si e- 
nunciei"el)be il nierito di questo lavoro. Noi trovianio nelle 
prime due pagine, non die nella settima, nella decima, ecc. 
del tomo prime i buoi salvaticlii , alia iminiera de salvati- 
chi , come i salvatichi , e i cani salvalichi in vece di sel- 
vatici o di selvaggi ; troviamo a carte 84, 63, ic6 e al- 
trove i verbi dasse , diissero, stasse , stassero, in luogo di 
desse , dessero , stesse , sicssero; a carte 61 di esso volume, 
alia 38 del secondo e altrove troviamo l' altro verbo eb- 
bimo , anzi clie avcinmo ; in pin pagine dell' un tomo e 
deir altro leggiamo noi si. adopernmmo (torn, a, pag. 14), 
noi vi si trovavamo (pag. aS , 32), noi si risolvernmo 
(pag. 38), noi si ai'vicinarnmo (pag. 47 ) , e cosi moltis- 
sime volte usata la particella si in luogo di ci , che do- 
■vevasi usare. Ne possiamo accettare il botdere a pag. 18 
del citato volume , ne i rami di bananier a pag. 63 , ne 
il da per lui della png. 22 , ne lo antiquato sguaraguar- 
dare delle pagine 28, 71 e 107 ecc, in vece di calzolajo , 
di rami di yico d' India , di da per se o da ii^ , e di sog- 
guardare, come andava detto. Impropria direm pure la 



PARTE IT\MA.N\. T2T 

frase die s»a a pag. 36 le corrend ci doi'evano esseie tanto 
cantrarie che. i vcivi , cioe quanto i vend ; e 1" altra a pa- 
gina 46 sopra una casta la quale avevasi deserta , cioe per 
deserta , ovvero si credeva deserta, eJ altre qua e la,pei" 
tacere di varie altre voci di cattivo conio, come il nevajo, 
la testimonia , il sabbionoso , il quartiere di uri hue e si- 
niili, pag. ii5, 129 e 144. Le c{nali iinproprieta e difetti 
di linsina vogliamo attriljiiire alia fretta del tradurre , e 
lion ad iuscienza di essa , perocche ia nioltissimi altri 
liioglii ne scorgiamo anzi snfficieiite perizia. Di fatto scor- 
rendo anclie il terzo volume delle Avventure de' viaggia- 
tori , e niolto piii il volume delle Bellezze delta storia , vi 
abbiamo ravvisato meno eri-ori, fi'utto sicurissimo di mag- 
giore dillgenza posta si nel tradurre, die nel correggere. 
Ne dicasi die troppo sottilmcnte abbiamo v,oluto investigare 
su questi oggetti , e die la nostra censura pnzzi di pe- 
danteria , perocche trattandosi di libri, die debbono andar 
per le mani de' giovani , noi crediamo die vogliasi aver 
della lingua una cura per sine scrupolosa , accio quelle 
improprieta ed crrori non si acccttino come buonl modi 
di lingua , e all' uopo non si adducano in esempio e giu- 
stificazione. 

Quanto utili e dilettevoli , perche alimentano somma- 
mente la cuviosita e movono V animo de' lettori , gludi- 
chiamo i volumi delle Avventure , altrcttanto penslamo dL 
quello delle Bellezze della storia. Ben e vero che non tutti 
i fatterelli, che ivi sono ammassati sotto diverse categoric, 
nieritavano avervi luogo, ne tutti ben corrispondono alia 
categoria cui li veggiamo applicati. E , per addurne un 
esempio , come puo riguardarsi per un eccesso giovenile 
( che e la categoria ove si riporta ) , se in veggendo un 
fraticello scalzo e a capo scoperto camminare sotto la 
pioggia, un giovine gli dice die la sua condizione gli sem- 
bra assai deplorabile , se non vi fosse un altra vita? Nelle 
quali parole puo forse supporsi un poro d'improntitudine, 
ma non evvi ne scherno , ne ingiuria , ne eccesso , per 
cui venisse egli detto nn giovinastro ed uno stordito , come 
lo dice r esempio. E neppur la risposta che al sant'uomo 
si attribuisce : quale sara la tua ( condizione ) , se v'e un al- 
tra vita? ci sembra ne istruttiva, ne giusta, ne da s'lnt"" uomo. 
Per lo che avremmo voluto die in questa terza edizione 
delle Bellezze della storia si fossero esclusi siffatti esempj. 



laa -A r p E N D I c E 

o fitor cli luogo, o noii meritevoli di mcmorla , e che di 
ciascun esempio si fosse citato il mallevadoi-e, cioe lo sto- 
rico da cui si adduce , onde i giovaui che fosscio per 
giovarsene potesscro piu autorevolo testimoiiiaiiza iiidicare, 
che noil e quella di un libricciuolo iiitarsiato di storielle , 
di cui lie il raccoglitor si conosce. 

Queste hrevi aaiiotazioni abbiamo voluto espressamente 
fare intonio ai primi volumi della bene ideata Biblioteca 
portatHe-econoinica di educazione pel conto e pregio che ne 
facciamo, come di cosa veramente utile s\ per V ammae- 
straiiiento che pel diletto , e perche siamo persuasi che 
clii vi ha maiio , valutando i nostri coHsigU e dcsiderj , 
jx)rra ne' successivi volnnii quell' accuratezza e quel cri- 
terio, da cui dipende il credit© de'libri, il soddibfaciniento 
di chili legge, e. il vaiitaggio di chi li scrive e li stampa. 



Raccolta di dodlci paesaggi ad iiso di studio , dise- 
gnati ed iiicisi alV acqua forte da Lorenzo Macchi^ 
in 4.° oblungo. — Si veiidoiio dalV autore e dai 
principali negozianti di stampe in BTilano , al prezzo 
di dodici lire aiistriache. 

II signer Macclu e gia vantaggiosamente conosciuto pel 
valor sue nel dipingere i paesi , del che fatto ne hanno 
testimonio i bei lavori che di questo genefe furono da lui 
presentati al colto puljblico colle annue esposizioni nel- 
ri. R. palazzo delle scieaze e delle aiti. Or egli bi'auioso 
di giovare ai dilettanti ed agli studiosi del paesaggio con- 
dncendoli quasi a mano a uiano dalle prime linee sine 
alia rappresentazione di un intero paese , ha nella sua 
Raccolta espostl gli elementi e direm quasi i principj ed 
il procedimento di qui'St' ameiiissiino genere di pittnra 
tanto fra noi coltivato ed ogo;i!nai giunto al pin sublime 
grado , merce delle opere del Miliara , del Gozzi e di altri 
nostri valenti professori. La raccolta del slg. Macchi cl sem- 
lira prcgialjilissima tanto per la scelta degli oggetti e per la 
vaghezza delle composizioni , quauto per la nitida e ben 
intesa esecuzione. Egli e altresi beiiemerito dell'arte , per- 
che r Italia maucava di buoni elementi in questo genere 
di pittura. 



rA.RTE ITALIAN V. 123 

Qiutdro del prlncipcdl popoll cmtichl corredato di una 

carta geografica del mondo antlco di d'Anv'dle^ del 

cav. Gioi-anid Tamassia. — Bergamo, 1824, Stam- 

peria Mazzoleni , di pag. XV i e 36 1 , in i6.° 

^ir. 4 austr. 
"c. 

Cirf si acciiige a scriver couipendj merita , al parer 
uostro , una lode alia quale non aspiraiio seinpre i lettp- 
rati , qucUa della modestia. Perocclie un compendio dili- 
geiitemente condotto e opera di lunglii studj e di somma 
fatica , Ilia die per la sua stessa natura non lascia cono- 
scere al piii dei lettori di clie lunglie vigilie e di che 
gravi meditazioni sla frutto. Questa lode pertaiito y«gliamo 
dare innanzi tutto al cavaliere Tamassia , die raccolse ia 
un volume di poca mole un sunLo delle notizie piii co- 
umnemente adottate intorno ai popoli deiruniverso smo 
air epoca tanto faniosa della caduta dell' impero ccci J en- 
tale. Diciamo delle notizie piii comunemente adottate , 
perclie le recenti dottrine , a cagione di esempi(» « poste 
in campo dai Wadismutli , dai Niebuhr, dai Levesque e da 
alcuni altri intorno alia Storia Romaiia , e die discordano 
in si gran parte dai classici greci c latiai, non lianno 
luogo ueir opera del signor Tamassia. Ne potevansi per 
avventura seguitare in un compendio quelle opinioni che 
sono ancora sotto il giudizio degli eruditi , e le quali noa 
possono ancora citarsi senza confortarle di quelle argo- 
nientazioni die troppo sono contrarle alia natura ed alia 
Jirevita dei compendj. II signor Tamassia in vece reco 
nella sua operetta tutto quello che i critici moderati hanno 
pubblicato in fatto di storia ne' tempi a noi piii A'icini , 
studiando principalmente nei classici; e seguito sopra tutto 
la scorta dell'Heeren , diligentissimo scrittore luaraviglioso 
iiell' erudizione non meno die nel giudizio. Dietro si fatte 
guide il signor Tamassia ci presenta in poche pagine una 
diiara descrizione di tutti i popoli antichi ; e mentre lascia 
in disparte le favole e le aperte contraddizioni ripetute 
nel corso di tanti.secoli per riverenza di qualclie gran 
i Mome , non si abbandona a quello storico scetticismo che 
fa iacerte le cose avute per vere dalla sapieuza de' nostri 
maggiori. Dalla lettura del suo libro si pub raccogliere 
quanta sia stata la diligenza da lui usata nella scelta dei 
fatti e nelle considerazioni conyeaienti si ai fatti medcsimi 



124 \ P P F. N D I n E 

come alia natnra del suo lavoro ; ed ancho i piii difficili 
confesseranno die il piii dolle volte quella diligeoza noa 
fu disgiuata dal buoii giudizio. Qualclie rara voltti pero 
Hii niaggior grado di attenzioiie avrebb^ potuto contlurre 
r antore ad alcune verita delle cjaali niostrasi capacissjvr j , 
o forse una inaggior cnra nella scelta delle parole to lu- 
nichei"ebl)e plii cbira'amente ai lettori rjnelle idee cbf^legU 
ebbe ia mente scrivendo. Cosi, per recare uii solo esem- 
pio , avrebbe dovuto dirsL cbe il suicidio di Lucrezia fti 
occasionc e non gia cagione della ruina dei Tarqniaj. Pe- 
rocche la cagione di questa niiaa 11 illosofo dee trovaria 
in piii alti niotivi ; di cbe gia ne fece avvertiti il celebre 
Vico , cbe forse pel primo si dlede a cercare in questa 
famosa storia di Lugrezia quel cb' essa abbia davvero in- 
fluito sul politico caml^iamento della romana repidiblica. 
Ne si inostra lontano dal credere cbe i Patrizii i quali 
avevano gia meditato lo sterminio dei Re dessero orlgine 
a questo avvenimento , onde avessero occasione di colorire 
il proprio disegno , cbe ad ogni modo avrebbero pur re- 
cato ad efTetto ( Vico de Uno ecc. ). 



Delle iscrlzloni vencziane raccnlte eel illustrate da 
Enianaele Antonio CiGoaNA. Volume I. — Vciiezia , 
182^^ presso Giuseppe Oi\i\nde\\i cditore ^ in 4.° 

Lodevole e certamente il disegno di un cittadino , il quale 
alia sua patria intitola un"" opera , clie i nomi e i fatti 11- 
lustri I'ammenta dei Veneti. Amor solo di patria, die' egU 
dlfatto nella prefazione , non oggetto di lucro , ne brama 
di acquistare fama presso ai viventi o ai posteri , intra- 
prendere mi fece fino da otto anni addletro un' opera fa- 
tlcoslssima ; cioe la raccolta delle veneziane iscrlzloni, le 
quali nelle citta e nelle isole circonviclne dal mllle circa 
infino ai nostri giorni erette furono stabilmente o ad 
onorare la memorla dei clttadini e degli ester! , o a ram- 
nientare qualsiasi fatto ; raccolta die k poi corredata di 
illustrazioni proporzionate alia dinicolta ed alia grandezza 
deir argcmento. 

In tre separati paragrafi tratta egli delT utillta di que- 
st' opera, de" raccoglitori delle veneziane Iscrlzloni, e del- 
l' ordine da esso tenuto nella sua compllazlone. Le iscri' 
zioni , die' egli, recano grandissima luce alia storia, e le 



PARTE ITALIANA. I 20 

moJcrnc nai-rano per lo piu fatti ed avveuimentl , e nonii 
di persona^^i e memorie di cose ricordano , che gia si 
conservano iielle pubbliclie e nelle private storie , e sono 
altresi qualcl.e volta prolisse, ma recaiio tnttavia moltis- 
simo vantaggio, perche riparano alia dispersione frequente 
di carte e docunienti storici , e spesso nonii ed eventi 
rannnentaao , che invano si ricercherebbono negli archivj. 
Servono altresi talvolta a raccapezzare il filo delle rette 
discendenze delle famiglie, a rettificare le narrazioni nelle 
storie coiitenute , ad appoggiare i dritti , massime padro- 
nali , di alcuni casati. Le raccolte delle nioderne iscrizioni 
ricoiiosciute furono utilissime , e talora necessarie per la 
storia ecclesiastica , civile , uiilitare , letteraria , di Ijelle 
arti ecc. , e quindi avidamente ricercate dagli eruditi. 
Cresce questa utilita ed importanza relatlvamente alia 
iscrizioai veneziaae , die appartengono ad una citta fra 
le italiclie antica e noliilissiina , sede di un potente e lun- 
ghissimo imperio , madre feconda di persoiiaggi , in ogni 
genere di virtu celeberrinii. Molte di queste iscrizioni sono 
altresi commendevoli per lo stile , e quelle massiinaniente 
scritte su la floe del XV secolo ed al principio del XVI. 
Tra i raccoglitori d" iscrizioni veneziane si annove- 
rano il tedesco Giorgio Palfero ; la di cui collezione ye- 
desi ampliata in un codice della casa Gradenigo ; il P. 
Jlocco CurCi , la di cui fatica fu pul}blicata con qualclie 
aggiunta da Bernardo Trevisano, e gli scritiori di due co- 
dici , r uno della libreria Marciana , 1" altro comunicato 
air autore dall' in oggi cardinale Zurla. Segue la grandiosa 
collezione in quindici volumi in 4." fatta dall' abate Gian 
Domenico Coleii , e quella del cosmografo Coronelli con 
quelle dell' almte Pivati e del senatore Flaminio Cornaro. 
I raccoglitori particolari si dividono in due classi , la pri- 
ma di quelli che iscrizioni trassero da tntte le cbiese o 
da una gran parte; T altra di quelli che ad una sola cliiesa 
o ad un luogo limitarono le loro ricerche. Tra i primi si 
nominano Lorenzo Scradero o Scradeo ; Andrea Calino , che 
publilico parecclii epitaffi fantastici, noa maiincisi, Fran- 
cesco Sansovino e il suo continuatore Giovanni Seringa , 
Domenico MartinelU , Flaminio Cornaro , Tonimaso Arcangdo 
Zucchini , 1" abate Gian Antonio Moscliini , autore di una 
Guida per la citta di Venezia , cd alcuni piii recenti au- 
lori , r uno di-llc chiese di Venezia descritte cd illustrate , 



136 v r r E N D I C E 

r altro dcll.i Collczionc del piu pregCi'oU monnmcnti sepol- 
crali di Venezia. ,Tia gli estcri raccolsero particolannente 
alcuiie veaete iscrizioni , Francesco Su'eerzio , Ottonc Aicher 
eel altri. Tra i sccoudi si rogistrano Marc Antonio Luciano 
clie raccolse le iscrizioni della chiesa dei S5. Giovanni e 
Paolo , Giovanni dcd^li Agostini , e il Bergnntini , die riu- 
nirono , il primo 'e iscrizioni dl 5. Francesco della Vi- 
gna , il secondo cfuclle de"" Servi; Agostino Nicolai , die ' 
quelle raccolse della chiesa di S. Stefano , Giovan Donie- 
nico Armano die ricopio le epigraii della chiesa e del con- 
veuto di 5. Domcnico , Pietro CheccJiia clie raccolse quelle 
de' Miracoli, Giovanni Meschincllo che illustro la J)asilica 
di S. Marco ed il Moschini suddetto. 

Osserva T autore , die tutti que' raccoglitori trascrissero 
nudaiuente le epigraii , ne le adornarono di annotazioni. 
Egli espone adunque le venezlane iscrizioni erette dal 
niille in poi nella citta e nelle vicine isole , escladendo 
tutte le temporarie , quelle che nelle altre citta dcllo Stato j 
Yeneto o degli altrui Stati rimangono, e quelle anterior! al i 
niille : trovansi tuttavia iiella sua compilazione alcune iscri- 
zioni temporarie , o alnieno credute tali , e registrate dal 
Pdlfero. Egli adduce le ragioni per le quali escluse le 
iscrizioni delle altre citta, e cosi pure le gredie e romane 
e le altre antiche , riserliandosi tuttavia di apporre questo 
nobile fregio in aggiunta al quadro che ora presenta. lu- j 
tanto egli ad onore del suo paese inserisce i nonii dei ve- I 
neti scrittori , che lapidi antiche raccolsero , come Gio- 
vanni Blarcanova , Andrea Santacroce, Benedetto Ramberti, 
Giambattista Rannusio , ed altri cilati dallo storico della 
veneta letteratura Marco Foscarini. Dichiara egli di essersi 
limitato alle sole iscrizioni , sotto questo vocabolo inten- 
dciido una serie di parole , che da ragguaglio di una cosa, 
di un fatto o delle sue circostanze : esclude adunque i 
nudi nomi apposti alle ligure , le date e le sigle isolata- 
niente scritte , i motti sacri o profani , i titoli posti in 
fronte alle fabhriche ecc. ; facendo tuttavia qualche ecce- 
zione a questa regola , qualora si tratti d' oggetto d' arte 
distinto , o i niotti e le sigle alludano a qualche circo- 
stanza istorica , iniportante o curiosa. 

Divise sono le epigrafi in due classi , in quelle cioe che 
sono state lette e copiate sul Inogo dalT autore , e in quelle 
che da csso uoa vedutc furouo da libri trascritte. Gran- 



PARTE ITALIANA. I27 

cTisslma pazicnza e fatica egli ha adoperata ia raccogliere 
le prime , benclie non si lusinghi di averle tutte insieme 
unite-) ne tutte coUa piii scrupolosa esattezza. Diligentissinia 
cura egli ha pure iinpiegata nell' estrarre copia delle nie- 
iiiorie , che soltanto trovansi nei manoscritti o nei libri 
stanipati : queste cure rendevaiisi tanto piu necessarie , 
quanto che niolte meinorie , come altrove , cosi in Vene- 
zia , massime uegli uhiuii tempi , si sono perdute per la 
dislruzione e pel ristoramento degll ediiizj , con che ren- 
donsi assai piii pregevoli i codici , nei quali veggonsi con- 
servate. Ben si difende 1' autore dairobJjiezione fattagli da 
alcuno , che una interna collezioue di veneziane epigrali 
non poteva divenire d' interesse universale , massime ove 
la paglia soverchiava il buon grano ; e ben mostra che 
non e ad esigersi , che lutti cliiari sieno i nomi dalle 
iscrizioni esibiti ; che altri sono celebri nelle loro fami- 
glie , altri a una classe di persone , o di chiesa o di mi- 
lizia, o ad alcuna arte o mestiere appartengono ; che anclie 
quelle contenenti manifesta adulazione, servire possono alia 
storia dello spirito umano. 

Dubito r autore del metodo che tenere dovesse nel- 
lo esporre la serie delle cpigrafi, cioe se ordinarle dovesse 
per classi , per niaterie , per epoche , per alfabeto di fa- 
niiglia , o pure per cliiese e per luoghi pubblici e jirivati : 
elesse iinalmente 1' ultimo^ non perclie migliore il credesse, o 
pill agevole ad eseguirsi , ma solo per amore della varieta, 
nei clie lasceremo ai leggitori il giudizio, se egli siasi bene 
apposto. Egli e vero che , uscendo a poco a poco 1' opera , 
si troveranno piu classi , piu niaterie , piu epoche , piii fa- 
niiglie in ciascuno dei fascicoli. Ad ogni tempio adunque 
egli premette una brevissima storia del mcdesimo, poi le la- 
pidi annovera con progressiva numerazione, coniinciando per 
lo piu su le pareti a dirittn , indi seguendo a sinistra , e 
poi sul pavimento scorrendo , conservando sempre il nu- 
mero delle lince e le ablireviature; con una lineetta per- 
pendicolare indica egli il fine di ogni linea onde non ac- 
crescere la mole del volume : nota breveniente il sito , 
ove collocate sono le epigrafi , e alia line di ogui tempio 
pone quelle , clie ne' contonii di esso si trovano o si tro- 
vavano. 

Ma il princlpale merito di questa raccolta conslste nelle 
ajacotazioni , che con opportuno avvisamento V autore lia 



ia8 Ari'ENDICE 

aoigiuiitc a ciascima iscrizione. Parla egli cle' personaggi 
iioniinati nelle cpigrali ; mostra gli errori precipuamente 
di epoclie , die si ravvisano in confronto colle storie $ 
iiota gli al)bagli presi da altri clie le epigrafi trascrissero i 
segna le varianii priiiclpali delle iscrizioni da esso non 
vedute; soprattutto si sforza di illustrare i nomi non afFatto 
oscuri, di aggiugnere cose maggiori di quelle narrate , di 
porre in piu bella luce le persone o le cose nelle epigrafi 
ricordate. II tutto esamino diligentemente in confronto cogli 
storici , e massime con quelli della CoUana stampata in 
Venezia nel 1718 , coi varj codici , colle cronache di fa- 
miglie die trovan?a stampate o nianoscritte nella Marcia- 
na, finalmente coi niigliori scrittori delle genealogie patri- 
7.ie , il Barbara e il Foscarini : brama egli tuttavia , die 
alcuno con correzioni o con aggiunte rettificare voglia il 
suo lavoro , il die terra in conto di alto favore. 

Questo e dunque il nietodo , die T autore si e prefisso 
nel compilare quest' opera , non solo pei viventi , come 
egli dichiara , nia altresi pei futuri ; giacche alcune cose 
die potrebbono oggidi reputarsi iautili, non lo sarebbono 
per r avvenire ; e silFatto inetodo vediamo perfettaraeiite 
osservato in tutte le iscrizioni registrate in questo volume. 
Sono esse quelle della chiesa e del monastero di S. Marin 
de Servi e suoi contorni , e arrivano al numero di 217. 
Al line trovasi una tavola in i"ame portante il saggio dei 
caratteri di un' antica iscrizione , nella dimensione precisa 
dei caratteri; essa e dell" anno i3i8. Segue un indice dei 
noiui e cognomi contenuti nelle iscrizioni, e quindi una 
tavola ntilissima delle diverse aljbreviature. Noi crediamo 
quest' opera degna della comune appro; azione , e deside- 
rianio di yederla soUecitamente continuata. 



Eleiico di alcune opcre stampate e pahbllcate nel re- 
gno Lonihardo-Vcncto neW anno 1824. 

Animiaisirazione economica della foglia dei gelsi, di Lomeni. 
Milano , Silvestri , di pagine 96, in 18.° Lir. 2 ital. 

Annali della niedicina lisiologico-patologica , conipilati da 
Gio. Strambio , dottore in uiediciiia. Anno i.°, quad, ic* 
e Ji.", ottobre e noveiiibre, MilanO;, Destefanis , di 
pagine I'iz ciascuno, in 8." Lir. 24 ital. all' anno. Le 



PARTE ITALIAN-*.. Iig 

associazioni si ricevono dal librajo Giuseppe Bocca, 
corsia del Duorao, n." 980. 
Annali umsulmaiii, di Gio. B. Ranipoldi. Vol. 8.° — Milano , 
dalla tipogi'afia di Felice Ruscoiii, contrada di S. Paolo, 
n.°»fi77, di pag. 692, in 8." Lir. 7. 40 ital. 
Arte di conservare gli alimeiiti , tradotto dal francese. 
JMilano, staiiiperia di Conuuercio, corsia de'Servi n.° SaS, 
di pagiue 168, in 16.° Lir. i. 5o ital. 
Biblioteca soelta di opere italiane antiche e moderne. la 
16.' JMilano, Silvestri, corsia del Duomo. — Poesie 
italiane di niesser Angelo Polizlano , prima edizione cor- 
retta e ridotta a Ijtiona lezione. Pag. YIII e aa8. 
Lir. 2. 5o ital. 
Biografia universale antica e moderna, ossia Storia per 
alfaljeto della vita publilica e privata di tutte le per- 
sone die si distinsero per opere, azioni, talenti, virtii 
e delitti. Opera aflatto uuova conipilata in Francia da 
una societa di dotti , ed era per la prima volta recata 
in italiauo con aggiunte e correzioni. Volume 19." Ve- 
nezia , presso Gio. Battista Missiaglia , dalla tipografia 
di Alvisopoli , di pag. 480, in 8.° Lir. 6 ital. 
Chimica applicata all* agrlcoltura , del signor conte G. A. 
Cliciptal , tradotta ed illustrata con note ed aggiunte da 
Girolanio Prirno. Milano , Silvestri. Fascicolo 4.% di 
pi'.g. 1 54, in 8." Lir. 2. ital. 
Elogio storico del P. Pacifico Deani. Brescia , Paslnl , 

di pagine 46 , in 8.° 
Formazioni (suUe) delle rocce del Vicentino , saggio geo- 
logico di Pietro Maraschini. — Padova , dalla tipografia 
della Minerva, di pagine aSo, in 8.% con otto tavole 
in rame. 
Giornale di farmacia-cliimica e sclenze accessorie , o sia 
Raccolta delle scoperte , e ritrovati e miglioramenti fatti 
in farniacia ed in chimica, compilato da Antonio Cattu- 
neo , cliimico farmacista. — Milano , Rusconi , quader- 
no 12." dicembre , di pagine 62, in 8." Lir. 16 austr. 
air anno. Le associazioni si ricevono da Gio. Pietro 
Giegler, corsia de' Servi n." 60 3. 
Precetti con metodo teorico-pratlco per la formazione dei 
liliri in doppia scrittura del Padre Angiolo Pietra ton 
illustrazioni ecc. del Ragiouiere G. Reina. — Milano, Ri- 
volta-, di jjagine 296, in 4.° Lir. C. 5o ital. 

Blbl Ital. T. XXXV 11. 9 



l30 A 1' 1' E NM) 1 C E 

Rcgole jiraticlie sulT iiso e siilln scelta deH' aria. Blilaao, 
Moua di pagine 6o , in ii.* Cent. 6o. ital. 

Sedi (delle) e cause uelle nialattie anatomicamente investi- 
gate da Gio. B. Morgagni. Libri ciacjue. Prima versione 
italiaaa di Pietro Muggesi , dottore in lilosofia fi* medi- 
cina. Volume 5." • — Milano, llusconi, di pag. 248, in 8." 

Storia della letteratura italiana dall' oiigine della lingua 
iino al secolo XIX, del cavaliere Giuseppe ^/o^e/, regio 
bavaro consigliere , professore di letteratura italiana nel 
K. Liceo e R. Paggeria in Monaco, ed accadeniico ita- 
liano , padovano ed aretino. — Milano , dalla Societa 
tipografica de' Clasaici italiani. Volumi 3, di pag. 1084 
cuui[jlet-sivamente , in 12. Lir. 9 ital. 

\'iaggio ai tre laghi , di Conio , Lugmo e Maggiore , di 
Davide Bertolotti. — Como , Ostinelli , di pagine 467, in 
1 3.* Lir. 3. 5o ital. 

Zoppina (della) e cancro A'olante di R. Faiivct. — Milano, 
Costa, di paglue 32, in 8." Cent. 67 ital. 
Incisioni. 

IRIadonna tratta dal Peinigino , incisa da Giacinto Maino , 
Lir 1 5 ital. 



S V I Z Z E R A. 

Lett ere di Innocente Natanaeli scritte a un siio 
nipote. — Lugano, 1824, dallor tipografia di 
Giuseppe Vanelli e Comp., di pag. 168, in 8.° 

Queste lettere die appajono alia luce masclierate sotto 
un nonie giudaico , sono la piu cara cosetta del luondo : 
parlano d' ogni argomento e di qualche altro ancora , cioe 
di oggetti campestri , di poesie classiche , lomantiche , bi- 
bliclie ; vi s' incontrano precetti di retorica , elogi, criti- 
che , jaculatorie , digressioni ascetiche, vi si parla anche 
di poJpette e d' una fanciulletta figlia della Sandra e degli 
atti difFormi d' un monsignore ecc. ecc. e tutto cio e schic- 
clierato con uno stile che pizzica del trecento e del mo- 
derno frullone: grazioso tessuto , in cui , o benignissimo 
lettore , troverai il Pindcmonte posto al pari con Cornelio 
e con Alfieri nella tragedia, il Mattel , il beneuierito tra- 
duttore dei canti biblici , onorato col bel nonie di Don 
Ciiisciotte qual pubblicatore di mille fatuica d' ogni sorte , 



VAHTE IT\LTvNV. l3l 

1* Abate Cesari posto al di sopra di Marco TuUio, perche 
Cicerone, pur con la lingua di Emiio e Planto e Terenzio 
( scrivesse orazioni o trauati ) ritener non seppe una mille- 
sima parte di quel trecento , verso del Cesari , il quale tutto 
ritener seppe il nostro , di sorta die leggendo lui legger prc- 
priamente credi le vite de' Santi Fa Iri , le prediche di Fra 
Giordano , e i Fioretti di S. Francesco, Cicerone ! Cicerone 
non colse i fiori piii belli di que' giardini die passeggiava. 
E' pare un gramniatico t.isicuzzo , die abbia quasi paura a 

uscir di costrutto rrammaticale , ecc e millc altre 

preziosissime gioje vi troverai da farti trasecolare. Ma cio 
clie pill importa vi scoprirai un nuovo metodo per veiidere 
a buoa dado le merci tue. Tu hai piu volte soggliignato 
al solletico ed alle lodi , die certi scrlttori darsi sogliono 
a A'icenda \ ma non ti sara mai avvenuto d' incontrarti in 
un Ser cotale, che maschei'andosi sott' altro nome facciasi 
ad encomiare i proprj scritti. Or sappi che secondo una 
certa Crouaca raauoscritta , degnissitna di fede e della 
quale un giorno daremo forse il santo , cotesto Natanaeli 
non e altr' uomo che T autore di certe favolette e di certe 
tradnzioni bibliche, e di certo trattato de'dittonglii italiani. 
Ebbene, il crederesti tu ? Nataniele versa lodi a larghis- 
sime mani su tali favolette e su tali tra'dizioni biblicbe , 
al paragon delle quali il lavoro di Mattei fu impresa da 
Don Chlsciotte , e su tale trattato dei dittonghi che e ben 
altra cosa che un opera di mero grammatico ! ! ! 



CORPxTSPONDENZA. 



Prcgiatissinio sig. abate Francesco Cancellleri, 



N, 



Ielle Memorie da V. S. raccolte e pubblicate in Roma 
nel corrente auno presso Francesco Boarlie , intorno alia 
viia del pittore cavaliere Giuseppe Errante, ha azzardato 
iiiolte asserzioui , le quali se fossero appoggiate alia ve- 
rita farebbero grave torto alia mia rlputazione nella qua- 
lita di luedico c di uouio onesto. Perche siano rettiiicati i 
fatii soj)ra i quali ha preso assoluto equivoco , sono nella 
ue« essita di esporre a lei l" uridine , il corso ed il fiae 



l3a APPENDICE 

delle mie relazioni col detto pittore. L' ho A'isitato ainma- 
lato in casa Rossetti nella contrada del Movone al n.° 1 1 67 
poclii giorni dopo il suo arrivo in Milano , dietro richiesta 
del defunto sig. Giuseppe Anloiiio Bovgiiis. Aveva febbre , e 
si lagnava di forte dolore alia testa, Dal rapporto delle ante- 
cedenze , congetturai die la malattia gravissima dal niede- 
siiiio sofFerta pochi mesi prima ia Ancona fosse riferibile 
a cefalite , c die gli avesse lasciato disposizioae alia re- 
cidiva, Fortunatamente la caliiia fu presto ristabilita sotto 
il trattaiuento blando purgaate. Ebln occasione di rivederlo 
moke altre volte , ed in diverse epoche in qnalita di me- 
dico dal 1796 al 1 80S , nientre abitava in casa Pizzagalli 
sulla piazza di S. Giovanni cjuattro facce al n." 1840 , 
nella casa Scorpioni al n." 741, e nella casa Gilj al n.° 740 
della contrada Risara. Le sue malattie furono sempre d' in- 
dole reumatica , perclie prodotte da sconcerti di traspira- 
zione; ai quali dava luogo d' ordiiiario T esercizio frequente 
c niolto attivo della scherma , dinienticando qualclie volta 
di evitare le correnti d\aria fresca inimeJiaiamente dopo. 
II dolore di testa al quale andava con frequenza soggetto , 
anclie in istato di plausibile salute, aumentava sempre in 
modo imponente in tali circostanze. Qualche volta di- 
ventava necessariei il salasso , d' ordiiiario il trattamento 
puigante e rinfrescativo bastava. Non feci mai graode caso 
del diabete che sofFriva , e dell' enorme quantita d' acqua 
ch' era percio costretto di bere giornalmente, perclie tale 
malattia era in corso da trent' anni senz' aumento. La causa 
dalla quale dipendeva , era per me oscura , ma qualunque 
fosse, lion sembrava rimovibile, e rendeva soltauto neces- 
sario di seguire un regime diatetico conyeniente ad allon- 
tanarne 1' esacerbazione. Le disgrazie che Errante aveva 
sofFerto , le sue qualita personali e lo stato della sua sa- 
lute eccitarono la mia cordialita , stima e conipassione. 
Lo invilai ad essere mio commensale qualunque volta po- 
tesse fargli piacere , ma alia mia mensa frugale non e mai 
intervenuto alcun ministro , siccome falsamente afFerma 
il sig. Caacellieri, Nel 1804 Errante si trovava lual allog- 
giato, ()erche abitando al terzo piano nella casa Gilj, aveva 
lo studio nel vicolo dei Cappuccini al n.° 6^3. lo aveva 
in tal tempo ridotto ad aliitazioae d' aftitto il secondo piano 
della mia casa al n." 729 nel borgo di Porta Orientale, 
^S&iw'^ge'idovi un pezzo di niiova costruzione a leyaute 



PARTE ITALIANA. l33 

e mezzogloi'no , il quale coiisisteva in una spaziosa sala a 
{jiaii terreno , a cui corrispondevano una stanza da letto, 
e dne gabiuetti al primo e secondo piauo. Le opere da 
nmratore erano state ultimate nella primavera del 1804. 
Errante desidero di diventare mio inqiiilino concentramlo 
cosi lo studio coU' ordinaria piii conioda aljitazione. L" unico 
adattamento die aljliisogno per dare miglior luce alia sala 
che aveva destinato alio studio , fu quello di aprire una 
terza finestra fra le due clie esistevano dalla parte di le- 
vante. Quest' opera fu eseguita innuediatameiite dopo di 
avere sistemato il contralto d' aftitto nel giugno 1804. Er- 
rante si trasloco nella mia casa il 3o settenibre se2;uente, 
ed allogglo a tutt' apvile del i8o5 in tre stanze al primo 
piano d' antica costruzione , due delie quali erano esposte 
a niezzogiorno , per dar tempo alia completa stagionatura 
del suo appartamento , che per essere elevato , pel sue 
isolamento e per la direzione delle sue aperture ai quat- 
tro punti dell' orizzonte fn sollecita. Avrebbe potuto re- 
stare piu lungo tempo in tali stanze , perche 1' occupa- 
zione delle medesime non portava difetto a me. Si reco 
alia nuova abitazione , persuaso che niente mancava al!a 
sua salubrita , allorclie vide cli' io colla moglie e tiglio 
dormiva nelle stanze sottoposte al primo piano , e che 
I'altra parte del secondo piano era stata in tal epoca af- 
fittata , ed era abitata dal colonnello Banco colla sua fa- 
niiglia. In tale appartamento egli ha coininciato ed ulti- 
mato il quadro del Concorso della Bellezza , che vi resto 
esposto per molti mesi all' aramirazione ed alia critica di 
nnmeroso concorso di persone intelligenti e curiose, dalle 
quali sara facile il riscontrarne i dlfetti dell' abitazione 
del pittore che avrebbero esteso la dannosa influenza aii- 
che al suo lavoro. Nell' estate del 1808 egli fu attaccato 
da cefalite reumatica , alia quale sembro avere data prin- 
cipale occasione il bagno freddo di cui aveva fatto uso , 
prolungato piii del dovere. Fn necessario un trattamento 
antiflogistico attivissimo e sostenuto. L' irritazione del sen- 
sorio diininui al m'anifestarsi dell' oftalmia , che fu allar- 
mante ed ostinata , ma che fini colla risoluzione sotto il 
trattamento indicate. Fu visitato qualche volta in tale cir- 
costanza dal professore oculista sig. Magistretti, dietro mio 
desiderio, e non si presento il liisogno di verun altro 
coasulto. La convalescpnza fu proporzlonata airintensita 



l34 APPENDIOK 

ed alia Jnrata tlella malattia. Quale attesiato di aggradi- 
niento dell'assistenza medica in diversi tempi prestatagli 
Erraiite mi regnio allora nn suo l)cl quadretto rappresen- 
taiite la Leata Veigine die ncl viaggio d' Egitto depone 
Pio Bambino per assettarlo . . . , e due altri rjuadri di 
Gandenzio Ferrari , clie figurano V Annunciazione della 
Beata Vergino. Col giorno zg settembre 1809 egli abban- 
dono r appartamento che abitava al secondo piano, per 
cui pagava lire 1200 di Milano di fitto annuo , e credendo 
di jjartire da una settimaua alPaltra per Napoli, prese 
in allitto uii piccolo appartamento al piano terrene della 
stessa casa , clie aveva 1' esposizione principale a tranion- 
tana, per lire 3 00. Quest' aliitazione non era sicuramente 
felice , quantuncjue fosse stata goduta da altri per lungo 
tempo senza danno nella salute. lo 1' avrei dissuaso dal 
Ijssarvi la sua dlmora per molti raesi. ]\Ia Errante aveva 
allora cinquant' anni , conosceva i niotivi pei quali erasi 
determinato a prendere tale alloggio economico , e non 
fece caso percio delle eccezioni clie poteva meritare. La 
sua residenza in tale appartamento fu prolungata lino al 
i5 settembre 18 10, allorcbe abbandono Milano. Le rela- 
zioni d' interesse cbe ho avuto coir Errante , oltre il fitto 
nella niia casa, si riducono al niutuo f'attonii di lire 3oooO 
di Milano , colla rendita in ragione del cinque e mezzo 
per cento, come da scrittura legale del 3o lugllo i8o5 , 
di cui mi fece chiedere la restituzione verso il fine di 
gennajo 1810, epoca nella quale per un complesso di cir- 
costanze imbarazzantl le quali erano pienamente conosciute 
almedesimo, mi sareblje rinsclto difficile P approntare tale 
somuia immediatamente. Con atto notarile dell' 8 febbrajo del 
1810 nei rogiti del sig. dottore Francesco Marzoni di Mi- 
lano , gli feci vendita per lire 3oooo di Milano del dlretto 
dominio de' beni stabili con casa nel territorio di Limido 
del distretto d'Appiano nella provincia di Como, coll' an- 
nua rendita livellaria di lire mille settecento novanta, oltre 
gli altri vantaggi dipendenti dal contratto originario. Er- 
rante realizzo il suo capitale di lir. 3o,ooo coll' avere 
venduto per tale somma a Gio. Battista e fi'atelli Casti- 
glioni d'Appiano le ragioni da me acquistate con atto no- 
tarile del 14 giugno 1810 nei rogiti del suddetto signor 
dottore Marzoni. 



PARTE IT,VLI\N\. I 35 

Air esposto di sopra non c^sij^o , sig. Caiicellieri , die dia 
nlla niia parola il peso die 1' Errante preteadeva fosse 
dato alia sua, pig. 9^ delle Meiiiorie cli' ella ha scritto, 
nia se la pnbblica opinione , se la testlmonianza delle per- 
soiie superstiti che lianno coiiosciuto i aiiei rapporti col 
mcdeshno noii liastassero a conviiicerla della verita alia 
quale appoggia , 1' invito a destinare persone di sua coii- 
iidenza per V esame dei docutiienti autentici che la con- 
fermano. 

Rilevera quindi non esserc vero che Errante abbia te- 
nuto in affitto uu appartamento nella mia casa per tutto 
il tempo della sua dimora in Milano , che avesse forniato 
nieco un vitalizio , eh' io avessi pensato a fabbricargli n 
bella posta uno studio ecc, pag. 63. Trovera che fu so- 
gnato il pranzo nella mia casa , a cui intervennero diversi 
primarj ministri , fra i quali il sig. "Vincenzo Ferrario , 
direttore generale della Polizia , che indirlzzo alT Errante 
conimensale un lusinghiero coinplimento, pag. 29. II signor 
Ferrario non e stato mai direttore generale di Polizia, n^ 
e mai stato in casa mia. Fu egualmcnte sognata la spe- 
dizione di Messo Imperiale per invitare Errante al pranzo 
deir Imperatrice, mentre sedeva alia mia tavola, pag. 3i. 
II primo sentore tli questo lusingiiiero invito, e della ga- 
lante risposta die gli tenne dietro , I' ho avuto dalle sue 
Memorle, sig. Cancellieri. II quadro replicato di Angelica 
e Medoro ch' ella asserisce fatto per me, jaag. 26, e die 
venne dnllErrante regalato nel 1796 al generale Massena, 
era probabilmente una sorpresa die voleva farmi in testl- 
monianza di aggradimento per I' asslstenza medica che gli 
aveva fino a quelT epoca prestata. 

L' asserzione che T appartamento in cui alloggio Errante 
nella mia casa per quattro anni fu finito nel febbrajo senza 
precisare V anno , e fu dal medesimo occupato neiraprile 
seguente , pag. 69, e insussistente ed inverisimlle. Insus- 
sistente pei dettagli di sopra acceanati. Inverlsiiuile , per- 
d\e se Errante il quale doveva conoscere i cattivi efFetti 
delle fabbri»lie di recente costruzione , a\ endo dlpinto a 
I'resco , fosse stato imbecille al segno di credere innocua 
la sua abitazione nella mia casa sotto le accennate com- 
binazionl, se io per essere plu presto esente dal peso di 
un supposto vitalizio fossi stnto tanto maligno di consi- 
gliarlo ed incoraggirlo a trasferirvisi, glacche non poteya 



1 36 APPF. NDICE 

avere altro niolivo per cio fare , esistevano , come esi- 
stono ill Milano rcgolamenti di polizia municipale severi 
che avrebbero punito in me una trasnfessione cosi mani- 
festa, e ne avrel)l3ero prcvennto il completo eseguimento. 
Errante era giornalmente visitato da niolte persone, e dal 
suo aniico sig. Pietro Tagliorettl che passava seco quoti- 
dianamente molte oie, che prendeva cosi giusto interesse 
per la sua salute , e clie aveva bisogno di scrupolosi ri- 
guardi per la propria ; sarebbe state quindi impossibile 
r occultare al medesimo , ad altri ed alia pubblica vigi- 
lanza cosi grave disordine. D' altronde se si potesse pre- 
sumere vorisimile il rapporto fatto alia pag. 69 , e che 
dopo un semestre di abitazioae nel nuovo appartamento 
Errante fosse stato sorpreso dalla malattia , che lo trava- 
glio tre annl dopo , e che lo rese per quaranta giorni 
quasi cieco , come avrebbe potuto ultimare nella prima- 
vera del 1807 il sorprendente lavoro , ed il suo capo 
d' opera come V. S. lo chiama rappresentante il concorso 
della Bellezza commendato coi maestosi sciolti dal chiaris- 
simo sig. ccnsigliere Gironi , direttore dell"!. R. Biblioteca 
in IMilano , trascritti dalla pag. 36 alia pag. 44. 

Le lettere ( del sig. Francesco Zappala Gemelli e del 
sig. Pietro Taglioretti in data del 14 maggio 18 14) delle 
quali ella da uno stralcio alia pag. 70, cioe quattro anni 
dopo che Errante aveva abljandonato Milano e la mia 
casa, sono in risposta di altre nelle quali per motivi che 
non conosco attribuiva i suoi incomodi al soggiorno fatto 
nella medesima. Se tali querele si riferivano all' apparta- 
mento che aveva goduto per quattro anni al secondo piano, 
del)bono attribuirsi alle visionl alle quali i grandi pittori 
come i celebri poeti vanno soggeiti ; se si riportano al- 
r appartamento occupato per un anno al piano terreno , 
possono avere qualche omljra di reaha , ma in tale scelta 
io non aveva avuto veruna parte , ed era stata fatta in 
nn'epoca nella quale Errante credeva di abbandonare Mi- 
lano fra qualclie settimana. Se le sue trattatlve per ista- 
bilirsi in Napoli non ebbero piii sollecito fine per la di 
lui irresolutezza o per altri ostacoli , se non ebbe il co- 
raggio di ti-aslocarsi in abitazione piu feliee con tenue sa- 
crificio pecuniario, quale colpa dev' essere a me attribuita? 

La lettera del Taglioretti dichiai-a pregiudicevoli alf Er- 
rante le relazioni che ha meco avute , senza precisarne 



lURTK ITALIAN*. 1.57 

Toggetfo. Se le sue escJanjaziont ebbero in vista I'insalu- 
brita Jelia niia casa , hanno gi;i avuto evasioiie ; se teii- 
devano a censurare la convenienza del metodo col quale 
r lio curato in diverse epoclie , non merilano rlsposta. 
Taglioietti era accidioso in conseguenza di una flogosi ienta 
di antica data , die andava producendo disorganizzamento 
progrcssivo all' epigastric , e che lo condusse al line dei 
suoi giornl quasi coutemporaneamente all' Errante. In 
tale stato di salute aveva forse idee poco esatte del buon 
criterio in medicina e della lealta nelle relazioni sociali. 
Per quell' incoerenza die acconipagna spesso le uniane pas- 
sioni , uieatre Taglioretti pensava cosi male di me veuiva 
a consultainii. Ebhe forse la debolezza d' ingiuriarmi , per- 
che noil potei dargli suggerimenti di permanente utliitii? 

Qual era la disposizione fisica d' Errante prima che ve- 
nisse ad abitare nella niia casa ? Fino dall' eta dei sette 
anni i medici disperarono della sua vita , e non crede- 
vano die pofesse sopravvivere agli anni i5, p- 91- L ar- 
sura contiiiua alia quale era soggetto , per cui beveva 18 

20 boccali d' acqua per lo nieno ogni 24 ore, p. 91, 
indicava qualclie disordine permanente nel suo organismo. 

1 dolori che si manifestavano con freqijenza alia testa, e 
che 1' interessavano con maa;gior forza delle altre parti, 
allorche era straordinariamente ammalato , potevano ecci- 
tare sospetto cbe tale disordine esistesse nella cavita su- 
periore , piii tosto che nelle altre. La cefalite gravissima 
sofFerta in Ancona , dopo lunga contenzione di spirito e 
dopo uvgente pericolo di naufragio , aumentarono proba- 
bilmente tale disposizione morbosa. Le raalattie reumaticlie 
sofFerte in Milano anteriormente al suo ingresso nella niia 
casa diiuostrano ad evidenza che lo stato della sua salute 
era infelice , prima die vi facesse soggiorno. La malattia 
grave da cui fn attaccato nel 1808 era riferibile all' abi- 
tuale sua tendenza , ed a cause occasionali conosciute. 
L' andamento successive de' suoi mali ed il modo con cui 
finirono, piuttosto che al soggiorno fatto nella mia casa, si 
attrilmiranno da chi e dotato del senso comune, al pro- 
grcsso regolare di quei disordini organici die avevano ori- 
gine tanto rimota, e die furono inaspriti da combinazioni 
disgraziate e da malattie gravi accidentali ; che la salute 
deir Errante fosse nial cour'a cinque anni prima che abi- 
tasse U mia casa, risulta, oltre raccennato disopra, dal 



1 38 APPENDICE 

consnlto Amagllo , inscrito alia pag. 7 3 in data del 18 
niaggio 1800. 

Le relazioiii niediclie anonime , e scnza data trascritte 
alle pag. 71 e 7a furono sicurameiite stese yier servire 
alle viste di convenienza ed Interesse dell' Errante nel 
seiiso della lettera cli'egli scriveva alTamico Scrofaiii sotto 
il giorno i5 dlcembre 181 o. L' inesattezza di alcuiii fatti, 
la falsita di quelli clie mi rigiiardano, e quella dello stato 
assolutamente inahile a cui si diceva allora ridotto , meri- 
tano r attenzione del buon critico. 

Se Errante nel 1809 era ridotto ad uno stato di salute 
tanto deploralsile , perche si decise ad abitare un piano 
terreno esposto a tramontana, e perche vi rcsto un anno? 
Come sotto tale condizione gli fu possil^ile in cjuell'epoca 
di ambire la carica di direttore del ristauro de' quadri an- 
tlclii della Corona in Napoli? Come in tale stato di cose 
il cavaliere Questiaux pote appoggiare la Memoria relativa 
alle pretese inerenti al suo traslocamento in Napoli ? 

Quando Errante scriveva al duca di Monteleone ch'era 
da lungo tempo vessato da ostinate febbri infiammatorie , 
pag. 73, e che aveva deciso di abbandonare la mia casa, 
perche credeva che fosse la cagione della sua malattia , 
si era tx-aslocato dal secondo piano al piano terreno della 
medesima, poiche in tal epoca soltanto ebl3e lo studio ia 
casa Durini, dove comincio Tabljozzo deirAntigone. Quan- 
do si disponeva ad ubbidire ai medici , che T obliligavano 
a fare un viaggio neir Italia meridionale , aveva, dietro le 
trattative seguite col cavaliere Questiaux allora niinistro 
del re di Napoli in Milano , ricevuto il decreto che lo 
autorizzava a stabilire in Napoli una scuola di pittura a 
condizioni molte onorifiche, pag. 87. 

Se lo stato infelicissimo di salute a cui era ridotto in 
Milano era assai peggiorato dal viaggio disastroso, e dallo 
strapazzo per recarsi a Roma, pag. 91 ; se nel pvincipio 
del 1 81 3 le sue afFezioni reumatiche gl' impegnavano il 
capo con dolori e sbalordimenti , i quali lo mettevano in 
pericolo di cadere , come risulta dagli autentici attestati 
de' suoi medici, pag. 90; se tali gravissimi incomodi che 
non gli permettevano di trasferirsi a Napoli, non avevano 
migliorato dopo il sogglorno benefico di oltre due anni in 
Roma, come poteva sperarne in seguito senslbile modifi- 
cazione ? come poteva credcrsi capace di escguire un 



PARTE ITALIA.NA.. I 89 

quadro grande rapprcsentaiite il piii bel tratto della storia 
siciliana , pag. 99 , die doveva istituire coll' osemplare 
de' suoi pemielli, quella Sciiola pittorica napoletaiia , delia 
quale tntti g!i altri popoli negaao V esisteiiza , ed in coin- 
penso del quale cercava dodici mila scudi, pag. 106? 
come dopo la mancata riuscita di tale progetto poteva ac- 
cingersi all' impresa di dipingere un plafond per una delle 
grandi sale del palazzo di Caserta , la quale manco sol- 
tanto per la difFerenza tra il prezzo ricliiesto di dieci 
niila scudi , e quello ofFerto di otto mila , e perche si 
voleva eseguito sul luogo ed a fresco , mentre Errante 
voleva farlo in Koma ad olio ed all' uso veneto, pag. 99 
e lOO ? come poteva continuare la corrlspondenza con 
Scrofaui , Zuccari , Sablni , Zappala , col generale Rosse- 
rol e col padre abate Gio. Andrea Castello , in modo 
da sorprendere quest' ultimo e di oljbligarlo a confessare 
che restava incerto se Errante sapesse inaneggiare meglio 
il pennello o la penna , pag. 111? Tutte qiieste cose riu- 
scirebbero sorprendenti e niisteriose , se nel contrasto de- 
gli eccitamenti a recarsi a Napoli, e dei consigli clie lo 
dissuadevano da tale risoluzione , p. 89 , la naturale sua 
esitanza non lo avesse deterniinato a ricorrere a pretest! 
per teniporeggiare, Non ne aveva uno luigliore dello stato 
infelicissimo della sua salute. Ne profitto , ed i canibia- 
nienti politici occorsi lo tolsero dallimljarazzo. Ma le pas- 
sioni di Errante erano abbastanza moderate, e la sua lilo- 
sofia alibastanza forte per renderlo snperiore ad un com- 
plesso di vicende, capaci di alterare la salute pii'i ferma? 
Le Memorie cli' ella ba pubblicato della sua vita, lo fanno 
I supporre di tempra fisica e morale atta a resistere a tante 
scosse ? Quale meraviglia se da quell' epoca i suoi inco- 
miodi abitunli abbiano progressivamente aunientato e pro- 
idotta in fme dopo sette anni , e nel sessantesinio della 
sua eta, la catastrofe disgraziata di cui e stato vittima. 
Sarebbe penosissimo per me il rimorso di avere in qual- 
cbe modo contribuito ad accelerarla , ma sono tranquillo 
neir intima persuasione , cbe la sola calunnia od altri 
fini secondarj abbiano potuto ecciiare tale idea. latanto 
sono costretto di fare presente a V. S., ciie il pregio piii 
bello del biografo e la verita , del panegirista il buon senso , 
e deir uomo onesto il rispetto dell* altrui riputazione. 
Milano , 3i agosto 1824. 

GlACOMO LOCATCLLl , iri'-'ico. 



1 40 A P P r. N D T O E 

A N N U N Z J. 



M. Vitruvil Polllonis Architectura etc. , o sia Architet- 
tura di M. Fitnaio PoUione col tcsto emcndat.o per 
mezzo delV csame dei codici , colle esercitazioni e 
con note novissime di Giovanni Polcni e i commen- 
tarj di diver si, ai quali sono or a per la prima 
volta aggiunte le studiose ricerche di Simone Stra- 
Tico. — Udine , iSaS, presso i fratelli ^lattiuzzi 
nelV ojjici/ia Pecili.ana. In Milaiio le associazioni si 
ricevono da Antonio Tencnti e da altri librai. 



I 



L titolo e qnesto della nuova edizione di Fitrnvio , de- 
siderata dalla dotta Europa , alia quale per lo spazio di 
35 anni insudato aveva il celebre PolenL , e per altrettanti 
forse il nostro Simone Stratico , ultimamenie defLinto. Ben 
si sapeva da tutti , clie que' due grandi uomini avevano 
fatto uso di tutti i sussidj , che trarre potevansi dai codici 
e dagli antichi monuiuenti e dall' indole stessa delle arti , 
giacche la vastissima loro erudizione non poteva a meno 
di non ricavarne i maggiori lumi all' illustrazione di un 
classico, che tanto per T oscurita dei vocaboli particolari 
air arte sua , quanto per la perdita avvenuta di molte 
figure e gli errori degP imperiti amanuensi , non aveva 
ancora arrecata alia scienza architettonica quella utilita , 
clie dall' opera sua sperare potevasi. INIolti scrittori italiani 
e stranieri , nell' arcliitettura periti , le fatiche loro con- 
sacrate avevano al rischiaramento dell' opera vitruviana ; 
mancava pero tuttora all' Italia un' edizione di Vitruvio , 
che con copiosa dottrina e col magistero dell' arte ador- 
nata , vantaggiosa riuscire potesse per se stessa , e la 
gloria deir Italia propagare presso gli eruditl delle altre 
nazioni , che con tanto fervore si diedero all' illustrazione 
degli antichi scrittori. 

Le cariche dallo Stratico onorevolniente snstenute forse 
lo trattennero dal promuovere eg'i stcsso 1' inipressione 
del suo lavoro , die supplire poteva a questo difetto della 
classica letteratnra ; voile egli tuttavia provvedere alia 
fama del Poleni ed alia sua , alle cure degli ercdi suoi 



PARTE ITAMA.NA. 141 

racconmndando particolarmente i suoi scritti vitruviani. 
Quindi 1' amatissinio di lui nipote cav. Giambauista SlraticOy 
devoto alia meinoria dello zio ed ansioso al tempo stesso di 
promuovere Tonore delle scienze e delle lettere , alia stam- 
peria de' fratelll Matduzzi in Udine confido quegli scritti 
e di tjuella iiiagiiifica edizione ora si presenta uii saggio. 
L' opera sara contenuta in quattro Aolumi in 4.% e pri- 
ma si esporranno le esercitazioni vitruviane di Giovanni 
Poleni e le iiiedite dello Stratico , nelle quali, a giudizio 
di uomiui chiarissimi , si ravvisa una rara perizia della 
dottrina architettonica, grandissima cognizione della fisica , 
finezza di critica e perspicnita di elocuzione. Seguira il 
teste vitruviano restituito alia primiera integrita col soc- 
corso de' niigliori codici e delle osservazioni del Poleni , 
dello Stratico e del Pontedera ; poi verranno le note intere 
di Filandro , e quelle tratte dal Barbara , dal Salniasio , 
dal de Laet , dal Perrault , dal Galiani, dall' Ortiz e dai 
pill recenti interpreti di Vitruvio , frammezzate da auiplis- 
simi commentarj del Poleni e dello Stratico. Alle novissi- 
me eseixitazioui del Poleni , o piuttosto ad uiia collezione 
degli opuscoli di alcuni illiistratori di Vitruvio , ed alle 
nltiiTie esercitazioni dello Stratico si aggiiigiiera il lessico 
A'itruviano del Baldo , divenato ora rarissimo , colle ag- 
giunte del Poleni e di altri , e i sinonimi italiani e fran- 
cesi dei vocaboli tecnici ; poi 1' indice generale delle cose 
e delle parole contenute tanto nel testo di Vitnwio, qtianto 
ne' commentarj , e finalmente la corrispondenza ejjistolare 
intoruo a Vitruvio dal Poleni e dallo Stratico tenuta con 
niolti uomini illustri , tra i cjuali prinieggiano il Muratori , 
il 3Iaffei , V Avcrcampio , il Fabricio, il Zeno , il Zanotti, il 
Manfredi, il Galiani , il Botlari , il Tenianza , V Ortiz ecc. 
Dair editore attuale sono state in qualche parte ampliate 
le esercitazioni del Poleni, giusta il desiderio espresso dallo 
Stratico , cosicche la prima clie tratta delle precedent! edi- 
zioni vitruviane 5 viene susseguita da un" appendice Ijiblio- 
grafico— critica , die T elenco dalla morte del Poleni con- 
duce sino ai giorni nostri ; lo stesso editore confronto 
pure il testo colle recentissime edizioni del Rodio e dello 
Schneider. Tutta 1" opera sara adorna di cento venti tavole 
incirca intagliate in rarae , e di presso a due cento figure 
incise iit Icgno. Aggiugneremo a consolazione dei dotti , 
che il primo volume e gia da qualche tempo sotto il tor- 
cliio , seblxne tuttora lijnanga aperta la soscrizioue. 



142 APPENDIGE 

Signore , 

Ho r onore ili prcveniria die colla preseiite prima di- 
stribuzione si da priiicipio alia Muchetologia , ossia Rac- 
colta di funghi in rilievo, stata sottoposta all' approvazione 
dell'I. R. Governo , e premiata coUa medaglia d' oro nel- 
r ultima esposizione degli oggetti d'arte e d' industria. 

Enti-o il corrente anno iSaS sara distribuita 1' intera 
raccolta composta di 5o specie espresse ne' diversi stadj 
della lore vegetazione , con i5o pezzi e non piii. 

L' associazione restera aperta iino a tutto il mese di 
aprile prossimo venturo , e sara di una lira italiana al 
pezzo , cioe lir. 1 5o ital. per 1' intera raccolta. Dopo il 
succennato termine il prezzo verra aumentato di un terzo. 

Ogni specie e tutti i suoi pezzi corrispondenti saranno 
fermati e disposti sopra altrettanti piedestalletti lucidi di 
scagliuola. II colore di questi indicliera a prima vista le 
qualita innocue , dubbie o mortlfere dell' individuo so- 
vrapposto. Pei funghi sani ed esculenti il piedestallo sara 
verde ; pei dubbj , sospetti o pericolosi sara rosso ; pei 
velenosi ed assolutamente mortiferi sara nero. 

II prezzo de' piedestalli sara di 8 centesimi italiani cia- 
scuno j laonde tutta la raccolta, compresi i i5o piedestal- 
li, costerii italiane lir. 163. 

La raccolta verra in fine susseguita da un opuscolo 
descrittivo (die si pagliera a parte), nel quale si accen- 
neranno le proprieta otHcinali di ciascuna specie ed i ca- 
ratreri distintivi botanici, colla sinoiiimia scientifica e quella 
delle diverse provincie del Regno Lombardo-Veneto. In- 
tanto ogni distribuzione sara accompagnata dal nome scien- 
tifico , dal nome italiano e dal vernacolo milanese di ogni 
individuo. 

Quelli che vorranno associarsi a questa raccolta potranno 
dirigersi alia casa dell' artefice qui sottoscritto al corso di 
Porta Orientale, num. 6.53, dove potranno vedere tutte 
le specie e quasi tutti gl' individui belli e pronti , per cui 
sara tolto cosi qualunque dubbio sulla pvmtualita ed esat- 
tezza deir impresa. 

Nell' opuscolo sara stampato 1' elenco de' signori asso- 
ciati , i quali sono percio pregati a voler inviare al sotto- 
scritto i loro norai , cognomi , titoli ed abitazione , perche 
non nascano equivoci. 

Milano , gennajo 1825. 

Ignazio Pizzaoalli. 



PARTE ITALIAN A. 1/^S 

Patciid e prlvllegl cscluslvi concessl nelV Iinpero Au- 
striaco iielV anno 1824. 

A Francesco Kratzer ed a Carlo Hirschfeld, di Vienna, 
pel niiglioraniento di oggetti di cliincaglleria. 

A Lodovico Schdfer , di Vienna , pel niiglioraniento delle 
soprascarpe , alle quali si puo dare qualunque forma. 

A Giovanni Luigi e Giuseppe Giorgio Dauzl, di Vienna, 
per r invenzione di fondere in una sol volta gli uten- 
sili da niisura composti di una fina qualita di zinco. 

Ad Antonio Baal ed al di lui figlio Antonio, di Vienna, 
per 1' invenzione di una materia atta ad indurire i cap- 
pelli di felpa. 

A Yincenzo Giacomo Salba, di Vienna, pel niiglioraniento 
del bigliardo gia da lui perfezionato , applicandovi un 
sostegno onde tenere il bigliardo stesso a perfetto li- 
vello durante il giuoco: la tavola puo anciie essere ovale. 

A Micliele Kastner , di Vienna , pel niiglioraniento di una 
niacdiina per fa!)bricare i chiodi. 

A Bernardo Gertrnan, di Carolinentliat , per 1' Invenzione 
di quattro maccliine applicabili a tutte le specie di pelli 
colorite. 

A Federico Carlo Heukel , per una nuova qualita di cap- 
pelli, ed ai suoi compagni Ignazio e Giacomo Foss pel 
niiglioramento dei cappelli d' estate e d'iaverao. 

A Matteo Midler ed al di lui figlio, di Vienna, per T in- 
venzione di migliorare la claviatura situata al disopra 
delle corde , onde renderla piu perfetta e durevole, c 
pel niiglioraniento del leggio per le note. 

ERRATA-CORRIGE. 
Tomo 36.° 

Pag. 292 lilt. 8 dire sul Spring l<'ggi direful Spring 

)• 3 1 1 M 1 6 Eriseide » CriseiJe 

.. 3i3 » 28 Ora va .. Or va 

» 3l5 >. 3o e ricomporte >• a riconiporte 

» 33i » 6 i82o-iti24 >• 1820-1821 



Giuseppe Acerbi , direttore cd cditore. 



Ossen>azioni meuorologuhe fane all' I R. OssenHitono di Brera. 



G E N N A J I'oio. 




3,5 

2,6 

11,4 
6,6 



+ 0,2 

+ i,o 
- o,6 



0,3 

],2 

10,5 
11,5 

1,0 



o 

NE 
S O 



28 



1,0 

1,0 

1,0 

1-7 



1,1 

1,0 

1,6 

10,0 

5,8 



0,0 
1,0 

"cj 
2,6 
1,0 

3,8 

0,4 



SeiMiebbioso. 

Nebbia. 

Neb!).8er. 

Nebbia. 

Seieno. 



+ 0,6 

- 1,6 

- 1,0 

- 0,8 

- 0,6 

+ ~iT5 
4 1,2 
+ 0,4 
+ 1,0 
+ 1,0 



0,2 

4,8 
7,0 

6 o 
0,0 

8,6 

"^ 
",? 
11,8 

0,7 
3,5 



+ 1,0 
+ 1,0 

+ 0,8 
+ 1,0 
- 0,5 



N E 
N O 



NNE 
N E 



Sereno. 
Sereno. 
Nuv. rotto. 
Sereno. 
Sereno. 



Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 



N EE 
O 

o 

N 



+ 0,8 
+ 0,3 

- 1,0 

+ 3,0 
+ 0,3 

- 1,0 



SCO 

S 



Nnvolo. 
Nuvolo. 
Sereno- 
Nuv. neve. 
Nuv. nebb. 



1,0 



Ser.nebbloso. 
Nebbia. 
Nebbia. 
Nebb. . . .ser. 
Sereno. 



Sereno. 
Sereno. 
Nuv. nebb. ser 
Sereno. 
Ser. nebb. 



No v.poc.nev. 
Nuv. neve. 
Nuv. ser. 
Nuvolo. 
Sereno. 



N E 
NN O 

N O 
NN E 

N O 
K 



Sereno. 

Sereno. 

Sereno. 

Nuv... neb. ser 

Sereno. 

Sereno. 



Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Ser.nebbloso 



Nuvolo. 
Nuv.rott.neb. 
Sereno. 
Nuv. nebb. 
Nuv.rott.neb. 



+ 3,6 so 



+ 4,01s s o 



Nuv. ser.nuv.; 
Nuv. nebb. j 
Nebb. ser. 
Ser. nebb. 
Ser.nu.neb.se 



Altezza mass, del bar. poll. 28 lin. 4,0 Altez/ 

minima » 27 » 4,0 

media "27 » 10,91 

Quautita della neve e piog£,ia 



a mass, del t 
minima . . 
media . . . 
lin. 8,40. 



Sereno. 

Sereno. 

Ser.nebbloso 

Ser.nebbioso. 

Sereno. 

Sereno. 

■rm. + 6,7 
.... - 2,6 
... + 1,91 



I 



145 



BIBLIOTECA ITALIANA 



* 



PARTE I. 

t-ETTERATURA ED ARTI LIBERALI. 



Storia delta Ictteratura italiana dalV origine della 
lingua fino al secolo XIX del cavaliere Giuseppe 
Map F EI Regio Bavaro consigliere, professore ecc. 
Tomi 2) in 12.°, dl pag. 106 3 cowplessivamente. — 
Milaiio , 1824, dalla Societd tipografica dc' CLas- 
sici italiani. Lir. 9 ital, 

Ooiso alcuni argomenti i quali pajono si acconci 
a bella trattazione , che se lo scrittore non dice 
cose da pioBttarne ed averue diletto chi legge , 
nessano crede di doversi astenere j:lal giudicarne 
severamente. Ne la natura delF argoniento nuoce 
poi soltanto agli autori, ma ben anche a chi si fa 
a giudicarli. Peiocche V universale de' leggitori com- 
piacendosi troppo piu nelle proprie idee clie nelle 
altrui , dispregiano il libro ed il giudizio cli' altri 
ne fa", se mai veggano che V autore abbia taciuta 
cpieirunica notizia della quale essi si tengon beati 
e superbi , o che il censore non abbia cieduto es- 
senziale di notar quel difetto che al lore giudizio 
era j'scnibrato gravissimo. Laonde parendoci che a 
Bihl. Ital. T. XXXVII. 10 



146 S'r01ll\ UELLA LETTiKATLKA ITALLVNA 

sifFatti argomenti apparteiiga quello clie 11 cavaliere 
Malfei tolse a trattare, volevanio quasi sottiarcL 
air incaiico cli readerne conto ; dacche inipaiaimno 
a gindicaie dl tioi medesimi con cjuella stessa sc- 
verita coUa quale dianio sentenza degli altii; ed a 
niisura clie ci liicevanio addentro nella lettura ci 
si dipingeva tanto piu grave e pericoloso il uostro 
uO'icio , quanto piu ci pareva clie TAutore avesse 
lodevolnicnte compiuto il suo. Se noii clie ponemmo 
poi ia disparte quella ripugnanza, pensando clie a 
noi stesse bene il cogliere questa occasione di lo- 
dare, gia quasi gravi e stanclii dcUe iniuiicizie dei 
censurati : e clie poclii libri piu del presenJ,o ci 
soniministran materia da adoperarvisi con piacere. 
E veramente niuna dolcezza e niaggiore clie il sen- 
tirsi lodati di patria : ninno stimolo e tanto pos- 
sente ad innanionuci de' buoni studj , quanto il 
saper cli' eglino soli soprastano alle ruine dellc 
citta e dei regni ; e che il teibpo e la fortuna, po- 
tentissimi a distruggere ogni cosa, non hanno im- 
perio sulle opere del vero ingegno. Ma qual altro 
popolo puo piu di noi contentarsi delle letterarie 
sue glorie ? 

La Storia d;lla letteratura italiana e spiendidis- 
sinia fra quelle di tutte le moderne nazioni. In 
questa Italia si condussero , allettate dalla grande 
possanza di Roma, le greche Muse, e rallegraronvi 
il trono ai piii grandi monarchi dell' universe : e 
qui poi rinacquero assai prima che in qualsivoglia 
aitra parte d'Europa le lettere greche e latine; ed 
il niondo riuscito dalla barbaric di parecchi secoli 
ricevette da noi Y amore degli utili studj e i mo - 
dclli da imitare. 

Ma anclie la gloria letteraria fu sepolta per alcun 
tempo sotto le ruine politiche : perocche le lettere 
hanno mestieri della possanza che le protegga ; e 
quando cessarono di esser temute le Icggi dal Cam- 
pidogljo dettate , la bella ed intemeraia Musa di 
Virgilio si tacque. Di qui poi ebbe ooniinciamento 



DEL <JAV. ClUSJil'PE MAFFEX. 1 4" 

quel corso di tatiti secoli coperti dall' ignoranza , 
e divisi da ogni umano incivilimento. Cravissima 
cosa e il peiisiero di quella eta, nella quale stu- 
duindo , r animo occupato ancora dalle giandi glo- 
ria latine domanda alia storia : dove sono i di- 
scenderiti di quella nazione che itidomata regno 
per tanti anni sull' universo, e nelle opere del- 
r ingegno si fece rivale alia Grecia ? E la storia in 
luogo di risposta e di conforto gli dice , die qui 
poterono bensi essere oppressi , ma iion inai speuti 
gf ingegni : i quali in pochi anni gia ridestavansi 
al favore di Carlo ftla^ino. Che se le immense con- 
quiste di quel monarca non gli avessero tolto il 
soggiornare piii a lungo in Italia, e se egli (fosse 
riconoscenza o fosse ragion di politica) non la- 
sciava soverchiamente aperto il campo a tali mae- 
stri che avevano interesse di sterminare dal mondo 
tutta la sapienza degli anticlii filosofi, e strappa- 
van di mano agli alunni i purissimi versi di Vir- 
gilio per tema die ne corrompessero il cuore , forse 
die il regno della barbarie tiniva tre secoli prima, 
e r umanita avrebbe risparmiato un gran numero 
di sanguinose sventure. Ma (juello di die ai tempi 
di Carlo Magno fn concepita speranza doveva esser 
prezzo di piu diuturni patimenti , e raaturato da 
pazienza piu lungamente escrcitata. Laonde Fltalia 
avea gia dati alia Fiancia molti illustri maestri , 
quando nessnno ardiva ancora aprire una scuola 
nella propria patria , e dissipare le tenebre dalle 
quali era coperta. Bisognava die gli uomitii da 
gran tempo immemori della loro antica virtu, ri- 
pigliassero almeno in parte il primitive ardimento, 
si vergognassero di quella vilta nella quale erano 
da si gran pezza vissuti, ed accogliendo neiranirao 
il desiderio di un migliore destino pensassero a 
farsene degni. E questo accadde appunto nei secoli 
che succedettero al mille , donde ha principio col 
nuovo incivilimento la nuova lettcratura verameate 
Ualiana , c donde il cavaliere Maffei preiide le 
mosse a corrcr V aringo di stoiico. 



148 5TOKI\ DKLLA LKTU' K AT I'R V ITALIANA 

Al politic! commovimenti ed al ridestarsi de^li 
animi italiani nel secolo undecimo e consacrato il 
priino capitolo delT opera, con cui Tegregio Autore 
ci pone chiaraniente dinanzi agli occhi le due ca- 
gloni principal! onde crobbero i buoni studj in 
Italia, cioe V amore di gloria clie ne sottrasse una 
si gran parte air antico avvilimento, e la corte di 
Federico 11 salito sul trono della Sicilia negli estremi 
anni del secolo duodecimo. Perocche se nei liberi 
reggimenti crescono spontanee le bnone lettere per 
r utilita e T onore di che sono caglone a chi le 
coltiva , anche alia grandezza dei re niagnanimi si 
appartiene il favoreggiarle come ornaniento al po- 
tere. In questa corte , anzi sul labbro medesimo 
di Federico e de' suoi cortigiani si fece illustre 
questo idioma italiano, di cui certo non suono mai 
il piu dolce dopo quello dei Greci. Ma donde 
tolsero que' gentili gU elementi di questo parlare ? 
Donde nacque la lingua die nel corso di pochi 
secoli produsse tante belle opera dclle quali lo 
Storico si apparecchia di render conto ? 11 cavaliere 
MaiTei acceiina brevemente le varie opinioni dei 
letterati, poi si consente con quella posta in campo 
dal conte Perticari e dal cavalier Monti nella Pro- 
posta; e seguitando la scorta di tanto senno la dice 
nata dal rustico romano. Nel che questa breve e 
conipendiosa storia sara piii utile di molte altre , 
ricchissime di una grave erudizione perduta dietro 
quelle fallaci sentcnze cli'' erano combattute e di— 
fese prima che il forte ingegno del Perticari tro- 
vasse quel vero che la miseria dei secoli ignoranti 
teneva celato. Ne il Ginguene stesso pote rapire 
questa gloria agP Italiani , di scoprire le vere ori- 
gini del loro linguaggio. 

Prima di Federico adunque appena puo dirsi che 
fosse ne poesia ne lingua italiana. Con quelj mo- 
narca poi poetarono il famoso Pier delle Vigne, e 
i regj figliuoli, dietro ai quali si fece subito nu- 
nierosa la schiera si de' poeti e si de' prosatori che 



DEL nVV. CIUSEPPK MAFFEI. 149 

cnltivaronn il nuovo idionia. Ma le opere di Fra 
Guittone , di Bruiietto Latini e di alcuni maa;ri 
scrittoii di croriache non avevano aiicor tolta alle 
fasce ritaliana letteratura, quando in sul declinare 
del secolo deciraoterzo nacque T Alighieri , il piu 
grande iiigegno per avventura clie sia mai surto 
dopo Omero e Platone. Qiiesto soninio Italiano a 
somigliaiiza dei sommi Greci fu del pari buon cit— 
tadino die buono ^scrittore ; verso fra gli uomini 
non ineno che sidle opere dei trapassati ; non fuggi 
la gloria delle armi prima di cercar quella della 
penna; conosceva le sventure della patria, delT Ita- 
lia, anzi di tutto il genera umano; e nel divino 
aninio agitava pensieri che abbracciassero I'universo 
e componessero in pace questa umana famiglia. 
Tutto cio si raccoglie in generale da' suoi scritti , 
dove non e pagina , non quasi diremmo parola , 
che non sia piena di un vivissimo desiderio di 
giovare all' umanita •, e piii forse dalle opere di 
prosa che dal poema. Se non che quest' ultimo e 
r opera che piu si conosce e si loda di tanto in- 
gegno: il primo poema italiano, nuovo nella sua 
forma e nel suo soggetto , quanto la lingua nella 
quale fu scritto. Vero e bene che questa origina- 
lita fu posta in dubbio da alcuni; fra i quali anche 
il Ginguene pare incbnato a credere che 1' idea 
del poema dell' Alighieri avesse potuto derivai'gli 
dal Tesorefto del suo maestro Latini: « ma qual 
relazione hanno mai ( domanda ben a ragione il 
cavaliere Maffei ) quelle meschine e grette vlsioni 
coir ammirando poema in cui si descrive fondo a 
tutto I'universo? » L' articolo che risguarda 1' Ali- 
ghieri e assai copioso , e dettato con grandissimo 
amore , dietro la scorta del Boccaccio , del Mura- 
tori, del Gravina , del Gozzi , del Pelli , del Pa- 
rini , del Monti , del Perticari , tutti dall' egregio 
Istorico iutcrrogati ed addotti a conforto delle sue 
opinioui con lodevolissima diligenza cd ingeuuita. 



I.JO STORIA DFI-LA LETTERATURA tTAI-IANA 

11 Petrarca e il Boccaccio furono gli altri due 
lumi del Trecento. Se TAlighieri giovo coUe dot- 
trine e coir esempio del pari la prosa e la poesia 
italiana, il Petrarca noii applico questa lingua se 
non se a pochi versi ainorosi: ma questi riuscirono 
tali, clie dope cinque secoli sono ancora esempio 
dei modi piu gentili non meno die dei piu delicati 
concetti. Pure il vero ingegno del Petrarca e la 
sua grande erudizioiie nial si conoscono da chi non 
legge le sue opere latine; e il niaggior diritto che 
egli abbia alia riconoscenza dei poster! sta nella 
cura cli' ei pose alT ampliamento dei buoni stud] , 
nelle spese e nei disagi ch' egli sostenne per rac- 
cogliere , far copiare e copiare di propria mano 
gli antichi scrittori ai quali vedeva la uecessita di 
ricondurre la gioventu, e neiravere altamente gri- 
dato contro gli sciaurati che fm da' suoi tempi brut- 
tavauo con superba ignoranza il regno delle muse. 
Tutte queste cose furono avvertite dal cav. Maffei 
nel suo articolo sul Petrarca ; c se egli aggiungeva 
qualche ma2:giore ricerca iutorno al carattere che 
distingue la poesia di questo Italiano dagli erotici 
componimenti greci e latini, egli non lasciava forse 
cosa alcuna da desiderare neppure ai piu critici. 
Nella c{ual parte il Ginguene fece mostra , se non 
erriamo , di un delicatissimo senso , congiunto ad 
uno squisito giudizio , e lascio poca speranza di 
novita a chiunque dopo di lui vorra tentar questa 
impresa. 

Al Petrarca fu contemporaneo il Boccaccio, poeta 
e prosatore , ma conosciuto piincipalmente per 
quest' ultima qualita. Egli era, secondo i suoi tem- 
pi, molto versato nella greca letteratura; ed a lui 
del pari che al Petrarca siain debitori della con- 
servazione di molte opere greche e latine. II cav. 
Maffei parla con sufliciente ampiezza di tutte le 
opere del Boccaccio ; poi principalmente del suo 
Decamerone, ne tace i vizj onde quasi son fatti 
pericolosi i pregi di quel sommo coniunemente 



DEL CAV. GIUSEPPE MVFFEI. l5l 

chiamato il padre della prosa italiana. Ma prima 
di liii r Aligliieri aveva gia trattati in prosa vol- 
«;are argornenti di alia importanza ; e se que";li 
scritii noti haniio in moke parti la graiidiloquenza , 
in moke altre la delicatezza del Certaldese , sono 
anche lontani da quelle contorte e violenti costru- 
zioni , colle quali f|uel grande scrittore sforzavasi 
d'imitare i Jatini. E chi hen considera vedra, die 
i pill lodati prosa tori itallani fecer tesoro dei vo- 
caboli e dei modi dal Boccaccio introdotti , ma si 
dilungarono dallo stile per lui adottato , accostan- 
dosi invece assai pin agli esemplari lasciatici dal- 
r Alighieri , da Dino Compagni, dal Passavanti, 
da Giovanni Villani, dei quali alcuni gli andarono 
innanzi di nn mezzo secolo , e tutti poi sa non 
allargarono al pari di lui i confini della prosa ita- 
liana, mostrarono pero di conoscere assai meglio 
la vera indole del nascente linguag2;io. 

La stima in die il Petrarca ed il Boccaccio ave- 
vano collocati gli scrittori della Grecia e del Lazio 
doveva naturalmente renderne universale lo studio; 
cio die nel fatto addivenne, ed ebbe una grande 
influenza non solo sopra il secolo susseguente, ma 
hen anche snl carattere di tutta la letteratura 
italiana avvenire. Alokiplicaronsi gli esemplari det 
capolavori greci e latini, prima colla scrittura e 
poi colla stampa. I Principi protessero ed ajutarono 
gli sforzi dei letterati in questa lodevole occupa- 
zione; e le opere di Virgilio, di Orazio, di Tito 
Livio e di Cicerone furono onoratc e studiate di 
nuovo su questo suolo (non piu latino) in cui 
nacquero , insieme con quelle di Omero, di Pin- 
daro , di Senofonte, di Demostene e di Tucidide, 
che le avevan gia tempo inspirate. «. Ma a misura , 
dice il cavaliere Mallei, che T Italia risaliva verso 
Tantichita, a misura che ne ritrovava i m.onumenti, 
seii'hra che divenisse di hel nuovo tutta latina. 
Entriamo infatti in una biblioteca, volgiamo lo 
$guardo ai volumi composti dagli scrittori di questa 



]b2 STORIA DELLA LETTERATUR4 ITALIANA 

eta, e vcdiemo che Marsilio Ficino, Pico della 
Jliiandola, Leon Battista Alberti dicliiararono le 
jjiofondissime lore dottriwe nella lingua del Lazio... 
Nulla diremo dei toologi, dei canonist!, dei medi- 
ci, dei giureconsulti che avrebhero reputato, giusta 
r invalso pregiudizio, di avvilire le lore scienze 
trattandole in vol<rare. Ma i filoloo;i stessi , i eram- 
niatici , gli storici, i poeti crcdetteio presso che 
tutti di pone dalT un dei lati la favella dei Danti , 
dei Petrarca, dei Boccacci , dei Villani , dei Pan- 
dolfini, per dettare le lore opei'e nelT idloma dei 
Ciceroni, dei Vii'oiHi e dei Livii. » Cosi reo^rewio 
Autore, rhe di questa verita di fatto vien poi in- 
dagando le principali cagioni. Ma finalmente nel- 
r ultima meta del secolo Lorenzo de' Medici fece 
risorgere la lingua e la poesia italiana ; e dopo 
quel Principe, hasterebbe il solo Poliziano a to- 
gliere dal quattrocento la macchia di aver lasciato 
decadere la nuova letteratura. 

Frattanto i grandi lavori degli eruditi vissuti nel 
secolo decimoquiiito agevolarono immensamente i 
buoni studj ed apparecchiarono i maravigliosi pro- 
gressi delP eta susseguente , nella quale parve ga- 
reggiassero la natura ed i Prindpi , la prima a 
])rodiirre , gli altri a proteggere i belli ingegni. 
LeonX, i de'Medici, gli Estensi, iGonzaga, tutti 
i potentati in sonima che allora si dividevano il 
dominio delT Italia, fecero delle loro corti P asilo 
dei dotti e delle muse; e spiegarono tanta magni- 
ficcnza e ricchezza in pro delle lettere , quanta 
nei secoli posteriori parve soverchia a grandissimi 
Principi. Ed alia gloria di quelle corti non meno 
die dei letterati in esse vissuti il cavaliere Maffei 
consacra tutto intiero un volume. 

L'Ariosto presentasi il primo fra i grandi uomini 
di questo secolo. Ee;1i condusse alia vera perfezione 
il Poema rnmanzcsco fondato gia dal Bojardo nel quat- 
trocento*, occupo un distintissimo luogo fra i lirici : 
ridf sto la satira che dopo Orazio non aveva piu 



DEL CA.V. GIUSEPPE MAFFEI. 1 53 

avuti cultori di ^rido, e fece risorgere il gusto 
delle buone commedie. II giudizio che il cavaliere 
MalTei pronuncia sulle o'pere deir Ariosto e un 
sicurissimo testimonio del suo ingegno : V aiUorita 
poi di niolti letteiati , colla quale aggiunge peso 
alia propria sentenza , da senipre piu a conosccre 
la singolare modestia di questo egregio scrittore. 
Se non die poi qualchc volta ci siamo doluti die 
per un sovercliio sconfidare di se medesimo egli 
abbia posta Y altrui opinione dove avremnio desi- 
derata la sua; e die mentre dimostrasi capacissimo 
di conoscere e didiiarare il vero, per riverenza di 
coloro die in questo aringo Than preceduto , quasi 
confermi colla propria autorita il falso predicate 
da2;li altri. Cosi, per cagione di esempio, il cavaliere 
MalTei mostra di conoscere ottiniamentc le satire 
deir Ariosto, e di tenerle in gran pregio-, ma quando 
poi deve compierne il giudizio, s' adagia nella sen- 
tenza del Corniani , ed afferma die nello stile di 
que' componimenti sentesi la durezza e lo stento. Ma 
o noi abbiamo affatto perduto il diritto sentire, o il 
Corniani erro in questa parte; ed era da dire piut- 
tosto die quelle Satire mostrano qua e cola una 
apparente negligenza , die e poi anzi un finissimo 
accorginiento, e die talvolta pajono oscure per le 
malvage edizioni che se ne hanno finora. Ne questo 
giudizio del Corniani poteva sembrar diritto al 
cav. Maffei die poco prima, seguitando il proprio 
senno, avea scv'nto: le Satire deir Ariosto sono si pre- 
gevoli^ che la poesia italiana non ha ancor nulla da 
par agonal e alle medesimc in questo genere. 

AlTAriosto seguita il Tasso, famoso nou meuo 
per le divine prnduzioni del suo ingegno, die per 
le grandi sventure alle quali soggiacque. La vera 
epopea non ebbe forse in nessuna delle moderne 
nazioni un cultore piu felice di lui: e cosi pari- 
niente la semplicita de' Bnccrlici greci non rivisse 
mai altrove si pienamente quanto neirAminta e nolle 
rime pastorali di questo sommo ingegno italiano. 



/ 



l54 $TORI\. DEI. LA LETTER ATUKA ITAt.I VNA 

Egli fa inoltie altissiuio nella lirica, e si;rave c 
splendido uelle prose, nelle qnali verso a pleiie 
mam i teson della piu soda tdosoiia, e i precefii 
deir arte poetica. Qiial animo e mai tanto freddo 
(lie iioii s' inlianinii alia nieuiom delle sveiiture 
ondc I'll travac,liaro il corso della vita a qiiesto 
splendore d' Italia? II cav. MaUei gli consacro un 
articolo pieno di buon giudizio e di passioae: ci 
i.inamora deiringewno e delle o[)ere di qnell' autore: 
ci fa piangere sulle sue sventure , e gc'ta nel 
vituperio coloro che non vergognarono di per- 
seguitarlo vivo e niorto. Ed a compiere cpicsto 
ultimo uflicio I' egregio Autore aggiunge alle cose 
propria un passo della Proposta {vol. ultimo) in 
cui il cav. Monti dis<ie pcrfida e crudele la guerra 
degli Accademici contra il Tasso , e colla consueta 
forza della sua eloquenza stampo un^ indelehile 
nota d'infamia in fronte a quel pugno d' insolenti 
sofisti che osarono combattere e svillanneg2;iare a 
tutto potere un graiur uomo divenuto Tidolo della 
nazione, e andargli rabbiosamente alia vita come 
nn gruppo di botoli addosso al lione quando ha 
la febbre. 

II secolo dccimosesto ebbe un altro epico, o me- 
glio forse diremo un' altra epopea , V Italia liberata 
del Trissino. Al Gravina parve degna di lode: il 
giudizio dei dotti la condanno alT oblio : il uostro 
Storico ne parla con quella brevita che si addice 
alia poca iniportanza delf argomento , ed allarga 
invece il discorso sul gran nuniero degli altri scrit- 
tori di verso e di prosa onde quel secolo si fece 
illnstre. Egli rende conto delle opere del Macchia- 
velli, del Giannotti, del Paruta, del Guicciardini, 
del Giambullari , del Firenzuola , del Caro , del 
Berni e di tanti altri dei quali non potremmo ram- 
mentare i nomi senza stancare la pazienza de' no- 
stri lettori. E la maraviglia delio studioso cresce 
ad ogni rivolger di pagina, perclie quando pin si 
crede che il novero degli scrittori sia compiuto , 



DBL CAV. GIU»EPPE MArFF.T. I .>.-j 

allora ce ne viene innanzi una nuova schiera, bella 
anch' essa di pregi ' tutti siioi proprj. Ma questo 
secolo del quale con tanta r32;ione insnperbisce 
r Italia, fa egli senza difetti ? Hanno essi ragione 
coloro i qnali vorrebbono che la nostra gioventu 
studiasse continuamente e quasi unicamente nelle 
produzioni di quelT eta ? Innanzi tutta non e da 
ncgare qnello clie fn pei: molti osservato, che al- 
cuni sciittori di quel secolo, per troppo studio dellc 
parole, furono estremamente negligenti nel pensie- 
ro ; e poveri d' ogni filosofia rinscirono pin presto 
loquaci die facimdi, maestri di belle e variate ca- 
denze piuttosto che di stile e di eloquenza. Poi e 
da osservarsi che la condizione in cai si trovavano 
gli scritrori del Cinquecento, doveva naturalmente 
tlar nascimento ad una letteratura niolle e servile, 
non grave , non gcnerosa. II perche poi abbiamo 
piu volte desiderato che un qualche dotto pigliasse 
intorno a questo secolo quella fatica die il conte 
Perticari compie intorno al Trecento: di che, se 
non errianio, tanto piu si avrebbe mesticri, quanto 
piu facile crefliamo che i giovani siano tratti in 
inganno dai difetti dei cinqnecentisti che da quelli 
in cni caddero gli antichi. Itiiperocche le sgram- 
rnaticature e le maniere plebee o disusatc di alcuni 
trecentisti , che i pedanti Irvono a cielo, ponno 
essere avvertite da chiunqne abbia V animo edu- 
cato air ordine ed alia civilta ; ma le mende dei 
cinqnecentisti, rendendo immacine di bei pregi, 
cercano il senno de' maestri che le dimostrino da 
fijggire alia gioventu. Oltre che noi , vaghissimi 
del diletto e mal tolleranti della fatica, ci ponia- 
mo facilmente per quella via per la tpiale ci 
sembra che altri pervenissero a bella fama senza 
faticare nello studio de' filosoli e degli eruditi , no 
ci accorgiamo come e poca la gloria di coloro 
che nelle parole si fondano anzi che nella verace 
dottrina. 



1 56 STOKIA DF.LLA. I.ETTKR.\TURA. ITALIANA 

E gia r Italia era nojata de' parolaj innanzi al 
finire del Ciiirjiiccento : e il scrcolo decimosesto si 
volse quasi intierameute alle tilosoficlie discipline. 
Le notizie die il cav. Mallei ci da del Galileo, 
del Torricelli, del Viviani , del Redi, del Malpighi 
e di t.Tiiti altri (ilosoli ohe allora applicaronsi alle 
discipline tisiclie e naturali, sono notevoli per bre- 
vita e chiarezza : di sorte clie la brevita ricliiesta 
dalla natnrn delP opera non nuoce alia necessaria 
chiarezza-, e qnesta poi presentando sicuro ai let- 
tori il concetto delT autore f;i si, che noa ostante 
la brevita , cliiunque legge possa ricever nell' ani- 
mo una sufiiciente notizia delle dottrine da quei 
grandi maestri insegnate. Alcuni altri promossero 
la giurisprudenza : altri Y architettnra : altri la 
milizia : e dopo tanti uomini dati alia filosofia , 
clii non asserira die iiel secolo decimosettimo il 
fiore degl' ingegni itallani erasi volto dair amena 
letteratura agli studj gravi e severi ? Ed ecco il 
precipuo motivo pel quale in Italia decaddero al- 
lora r eloquenza e la poesia ; e T all'ettazione fu 
posta in luogo delT eleganza , Y ampolloso scam- 
biato col sublime, il falso insomnia cercato in vece 
del vern; die sono gll errori soliti a commettersi 
dai miseri ingegni. Vero e bene che moke volte 
udimmo ripetere , il secolo decimosettimo avere 
avuti grandissimi ingegni in que' medesimi poeti die 
ne corruppero il gusto : ma noi vorremmo dire 
piuttosto die a quel secolo non mancarono uomini 
dotati di forte cd animosa fantasia , la quale poi 
( appunto perclie mancavano del vero ingegno ) 
devio dal diritto sentiero, e si perdette iiei delirj 
dei quali sono piene le loro carte. Del resto, men- 
tre il Marini guastava a tntto potere il gusto , e 
molti altri, qual piu qual meno, cercavano il bello 
fuori della natura , il Chiabrera facevasi iniitatore 
dei Greci , e il Filicaja ( tranne podiissimi scorsi ) 
iiniva air eiitusiasmo di una veramente lirica fan- 
tasia un culto fclicissimo del Petrarca. Donde poi 



DEL CAV. GlUSEPrE MArFEI. 167 

ncir ultima meta del secolo veggonsi comparire 
alcurii poeti alFatto puri da quel contagio. E quello 
che dei poeti si e detto vale anche pei prosatori : 
perocche se molti non possono leggersi per la gon- 
tiezza de' loro modi , alcuni altri saranno sempre 
niodelli di ottimo stile-, fra i qnali ci piace di no- 
minare il solo Bartoli che ia alcune opere mostrasi 
offeso alcun poco dal secolo, ma nelle piu n' e il- 
leso ; e nella storia pareggia la nobile e fiorita 
semplicita da Senofonte recata nella Ciropedia. Nes- 
suno de' principali autori di questa eta fu lasciato 
in dimenticanza dal cav. Mallei , il tjuale ne celo 
per amore dell' argomento i ditetti de'traviati, ne 
tacque per cieco pregiudizio i meriti de' buoni ; e 
cosi fece utile alia gioventu quel secolo da cui i 
pedanti rifuggono senz' alcuna distinzione. 

I vizj nei quali era caduta nel secolo decimosettimo 
la maggior parte dei prosatori e dei poeti italiani , 
non furono ne seguiti al tutto, ne al tutto evitati 
nel susseguente. Perocche a dir vero il Parini , il 
Varano , il Gozzi ed alcuni altri scrittori diedero 
opera per mettere in onore la bella semplicita dei 
classici , e scrissero libri rimoti da ogni ampollo- 
sita; ma intanto il Cesarotti, il Bettinelli e il Fru- 
goni con tutti i loro seguaci guastavano coi pre- 
cetti non meno che cogli esempli i f'rutti dei quali 
que' buotii ingegni spargevano la semente ; e fon- 
davano una scuola , che sebbene non si abbando- 
nasse alle ampollose metafore del seicento, poneva 
pero nel romore la bellezza del verso, e nel verso 
la poesia. II Cesarotti predicando una verita non 
combattuta se non solamente dai piu meschini pe- 
danti , cioe la facolta di arricchire alP uopo con 
nuove parole la lingua, abusava di questa dottri- 
na , e poneva il capriccio in luogo della necessita. 
Egli inoltre , agognando alia fama di novatore , 
minuiva nelT opinione de' suoi concittadini la stima 
di Omero e di Virgilio , e levava a cielo per lo 
contrario le poesie delP Ossian da lui con tanto 



I 58 STOIUA UELLA LKTTERA lURA. ITALIANA. 

araore tratlotte. A ({uesta scuola si unirono il Bet- 
tinelli e il Fruioni ; il primo colle iamose Leitcre 
Vir^diane , il secondo co' riniboiiibanti suoi veisi ; 
ed a costoro poi teiiean dietro i facilissiiui pastoii 
d' Arcadia , e , traniie alciiui pochi , tutti coloro 
clio (!i que' tempi sciivevano versi , tutti abbagliati 
dalla gloria di que' maestri. Ma T egregio Istorio- 
grafo ne pone in luce i difetti e gli errori , ne 
tace per questo quel tanto ch' essi hanuo latto di 
bene. Che verameute il Rlsorgimeuto d' Italia del 
Bettinelli , il Volgariz:zamento delT Ossiau ed al- 
cuni Discorsi del Cesarotti , non souo cose da es- 
sere giutbcate a fascio ne coi versi perpetuamente 
vuoti deir abate Frngoni , ne colle altre opere di 
quegli autori medesiuii. 

Sebbene pero fosse grande 1' influenza di questi 
tre capo-scuola, pure un buou numero di poeti e 
prosatori caniminava arditamente per una strada del 
tutto opposta ; e ne nominammo alcuni , ed altri 
ne aggiungereiumo , se volessnno diluugarci dal 
divisamento delT Autore di non toccare i viventi. 
Ma la vera gloria letteraria del secolo decimottavo 
sta nelle Opere del IMetastasio, delF Alfieri e del 
Goldoni, i quali se non fondarono i varj gcneri 
di poesia drammatica da loro coltivati , hanuo il 
vanto almeno di averli recati dalF infanzia ad una 
splendida maturita e perfezione. II giudizio del 
cavalier Maffei intorno al Metastasio concorda con 
quello del piii accreditati scrittori. Egli non per- 
dona air illustre autore i difetti nieritamente notati 
ne' suoi caratteri e nell" orditura de' suoi drammi , 
ma esalta colle parole del Baretti quella raaravi- 
gliosa facilita colla quale sepne esprimere tante 
cose difficili a dirsi, ancorche (scrivendo per musica) 
fosse cnstretto di rinunciare ad un gran numero 
de' vocaboli adottati dalla nostra lingua. E nondi- 
meno alcuni negano la corona poetica al Metasta- 
sio, c non saj)endo distiaguere i varj gencri della 
pocbia, e Ic diffcrenti \cz2). ■, e le necessita alle 



DEL t;AV. GIUSEPPE MAFFEI. I Sq 

rjuali ciascmio di essi e soggetto. , vorrebbon tro- 
vare nei ilrammi scritti pel popolo e per essere 
intesi da tiitti la copla delTAriosto , o la squisita 
elegan/a della lirica e dell' epopea. E g^nnge a tal 
segno la pazzia d'alcuiii die asseriscono , essere il 
Metastasio un poeta da leggersi al fuoco dormendo ; 
giudici tanto piu ridevoli , (jiianto piii si mostran 
diflicili e severi. Tattavolta iioti neglieresno che di 
quando in quaiido i versi del Metastasio ci sem- 
brano soverchiamente molli , e che la poesia ita- 
liana alia sua scuola correva pericolo di farsi troppo 
effeminata. E fu qiiesta per avventura la cagione 
che TAUieri nelle sue tragedie incorse in un vizio 
op[)osto , nella soverchia durezza. L'Allieri fu il 
prime autore veramente tragico , • il primo italiano 
dope FAlighieri che insegnasse aile muse le grandi 
passioni ed i grandi interessi di Stato: e sotto questo 
aspetto merita che lo storico cerchi di I'arne co- 
noscere pienamente i pregie i difetti. Ne il cava- 
lier Maffei venne meno in questa parte alia dili- 
genza ed al buon gludizio mostrato in tutto il 
restante delT opera : la sua opinioae e franca e 
sicura , e come riferisce le parole di Alessandro 
Verri che ne tesse un panegirico , cosi reca in 
mezzo anclie quelle del Cesarotti che ne tocca 
alcnni dift-tti. Ma TAlHeri neila Vita c nt-l Parere 
intorno alle proprie tragedie giudico se niedesimo 
colla severita di un censore imparziale e col senno 
di un grande maestro ([ual ^egli era ; e per conse- 
guenza il nostro Autore ottimamente adopero ci- 
tando frequentemente le sue proprie parole per 
giudicarlo. 

Abbiamo detto che TAlfieri fu il primo vero tra- 
gico italiyno ; perocche prima di lui pochissimi 
avevano fatta qualche lode vol tragedia, nessuno ne 
aveva romposte rnolte. Ma non cosi potremmo dare 
al Goldoni la lode d' aver fondata la commedia , 
quando la storia ci dice che l' Italia ne aveva gia 
avute di assai belle dal Macchiavtlli, dairAiiosto, 



l6o STOUIA DELL.\ LV.TTEK.VTUR.V ITAM.VNA 

tlal Firenzuola e da alcuiii altri die qui non inonta 
ranimemorare. Cio non pertanto quelle commedie 
crano assai lontane dalla perfezione , ed ai tempi 
del Goldoni poi n' erano invalse alcune troppo infe- 
riori a (pielle. Di modo clie Tonore del teatro co- 
mico italiano e debito al Goldoni; cd alia sua scuola 
soltanto e sperabile clic si forniino perfetti scrittori 
di conimedic. E<i,li dipinse vivamcnte i costumi della 
socle ta ciual era a' suoi tempi : ma esagero qualche 
voka i difetti domestici piii di quelle che fosse me- 
stieri alio scopo morale e letterario, e non di rado 
per dipi'igerc il vero dimcntico alcuni riguardi , ed 
offese la delicatezza degli spettatori. Di qui alcuni 
stranieri tolsero occasione di negargli una parte di 
quella lode clie noi Italiani gli concediamo intiera 
quasi di comune conseuso , e clie il cav. MalFei 
dopo un lungo e diligente articolo gli tributa colle 
parole del Ccsarotti. 

II Fortigucrri che pel suo Rlcciardetto puo met- 
tersi col Bojardo, coir Ariosto e col Tassoni ; lo 
Spolverini , il Bentivoglio , il Passeroni , il Casti , 
sono altri poeti del secolo decimottavo, dei quali 
I'egregio Scrittore fa menzione. Ma piii clie a costoro 
si volge agli storici ed ai lilosofii surti in Italia a 
quei tempi. II Muratori doveva naturalmente oc- 
cupare il primo posto fra gli eruditi e gli storici , 
e i suoi immensi lavori, dai quali noi non abbiamo 
ancor tratti tutti que' vantaggi die ponno sommi- 
nistrarci, ben meritava^io dal nostro Autore quel- 
le accurate esame ch' egli ne fa. II MafFei , princi- 
palmente per la sua Verona illastrata vuol essere 
collocate subito dopo il Muratori ; e il Giannene 
e il Denina ( nelle Rivoluzioni d' Italia ) sono due 
storici da pregiarsene qualsivoglia secolo o nazione. 
II Mazzucclielli e il Tirabosclii diedero opera alia 
storia della patria letteratura ; il Lanzi scrisse la 
prima compiuta storia pittorica clie T Italia vantasse. 
La filosofia del secolo di cui parliamo fu diret- 
tamente consacrata alF umanita. Sommo fra tutti 



DEL C.VV. GIUSEPPE MAFFEr. l6j 

qiib'' tilosofi e il Vico, che colla forza di iin ingegno 
singolarissimo e di una sottil metafisica entro, per 
cosi dire, nel segreto della Provvidenza, e vi trovo 
le Ifggi colle qiiali e compose e governa iinmnta- 
bilmeuLe il mondo. A (juesta scuola si educarono 
in Napoli, il Pagano, il Filangeii ed il Genovesi, 
i qiiali abb.indonandosi nieno a quelle sublimi astra- 
zioiii del loio maestro e concittadino , a[)plicarono 
i loro stulj air utilita del genere iimauo , e cer- 
carono d'insegtiare ai popoli ed ai principi la ma- 
niera di viver felici. A questo scopo tendevano 
intanto in Milano Cesare Beccaria ed i due fra- 
telli Pietro e Alessandro Verri; il piimo celebrate 
in tutta I'Europa pel libro Del delitd e delle pcne ; 
gli altri per varie opere Hlosofiche. I\Ia pcrche mai il 
dottissimo nostro Autore parlo distesamente di Ales- 
sandro Verri, e di Pietro poi appena puo dirsi chs 
ne fdcesse menzione ? Pure Alessandro mal regge 
al confronto del fratello, principalmente dal lato 
della filosolia ; e le opere economiche di Pietro 
Verri sono plene di utili verita , e spirano tale un 
amore del pubblico bene che non lascia quasi rim- 
proverargli nenpure gli errori nei quali talvolta lo 
trovianio caduto. Egli oltre a cio doveva essere an- 
noverato fra gli storici del secolo decimottavo per 
la sua storia di Milano , alia quale non e da ne- 
gare un mcrito assai distinto. 

Di questa guisa noi , seguitando la traccia del 
cav. Maffei, abbiamo discorsa per sommi capi P ita- 
liana letteratura; e frammettendo qua e la il no- 
stro giudizio alle cose di questo valente Scrittore, 
manitestamiuo abbastanza qual conto facciamo delle 
sue opiuloni. Ora poi , a raccogliere in poclie pa- 
role quello die noi pensianio di questo libro, ili- 
reuio die il cav. iMaltei rese un iniportantc servigio 
air Italia , a cui manct.va per anco una storia let- 
teraria che abbracciasse tutti i sccoli , senza ec- 
cedere nella mole e nella \naniera della tratta- 
zione la capacita di coloro ai quali i conipendj son 

BibL Ital. T. XXXVII. 11 



l6a STORIA DELLA IKTTERATURA IXALlANA CCC. 

destinati. Ci piacqiie V accorginiento deirAutore, die 
noil potendo favellare di tutti gli scrittori , elesse 
diligentemente que' princlpali che nelle diverse eta 
o prinieggiarono per altezza d' ingegno , od eser- 
citarono per qiialsivoglia altra cagione una singo- 
larc influenza sui loro conteinporanei. Lodanuno la 
rcttitudine de'suoi giudizj e ringciiuita con cui 
viene indicando i fonti ai qnali attinse le noti- 
zie e le opinioni espresse iiel sue libro. E nel 
render cento di quest' operetta ci godea Y animo, 
jiensando che le nostre glorie Ictterarie erano , per 
cosi dire , cantate alT oreccliio deir augusta nostra 
Imperadrice, la quale sul trono ama le muse (i). E 
la gioventu alemanna quanto nan debiy ella esser 
grata al cav. Mallei die le pone dinanzi cosi que- 
sto libro un tesoro di utili coguizioni facilissime 
a conseguirsi? A lei diresse T autore principalmente 
le sue fatiche , ed a lei quindi si fa debito il sa- 
pergliene grado : siccome noi siamo desiderosi di 
far manifesta la nostra gratitudine a tale cli' e strct- 
tamente di sangue congiunto al cav. Mallei, e con 
lungo e faticoso amore si apparecchia di dare vol- 
garizzato all' Italia uno dei pin grandi poenii ale- 
inanni. 



(i) L' opera del cav. MalTel e clrclicata a S. M. I' impeiatric« 
d' Austria ecc. 



i63 



Intorno alle inesattezze e falsitd die si leggono nelle 
relazioni de viaggiatori e in certi Giornali stra- 
nicri rispetto all' Italia^ e particolarnicnte alia Lom- 
bardia. 



E 



RA. nostra meiite gia da gran tempo di far cono- 
scere a'nostri lettori con quale iiitenzioneT esattezza 
e diligenza certi stranieri visitino T Italia, e reduci 
poi a casa lore pubblicliino colle stampe le rela- 
zioni del loro viaggio , relazioni clie Icggonsi con 
tanta credulita , e smerciansi con tanta fortuna. 

Volevamo principalmente notarc Ic prette fulsita, 
gli sbagli pill grossolani, gli errori di ogni manieva 
che risguardano le arti , la statistica, la topografia; 
ma fummo scoraggiati dall'esubcranza della niesse , 
poiclie ristringcndoci anche alia sola Lonibardia , e 
alia sola citta di Milano, il volume sarebbe cresciuto 
fuor di misura. 

Vi fn in fatti qualche letterato fra noi clie no- 
tando gli errori di un solo viaggiatore intorno a 
una sola citta fcce un lavoro a])bastanza voluminoso. 
11 signor Catenazzi scrisse un volume notando gli 
spropositi veramente ridicoli di Lady Morgan intorno 
alia sola citta di Como (i). II signor Pczzana , 

(i) Lettere sopra le falsitd di fatto al capitolo Como 
neW Italia di Lady Morgan , del prof. Luigi Catenazzi. Co~ 
mo, 182.2 , presso Pasqiiale Ostinelli , in 8.°, di pag. i3o, 
( imito air elogio del conte Gio%'io ). Lady Morgan vede 
Como circondato da un giro dup'ice di mura; amniira nel 
Duoiuo certi freschi che iion vi esistetlero ginmmai ; pi- 
gliando il Ijusto di Pliiiio il seniore per quelle di un santo 
che stava a simetria ( en pendant ) con quello di Plinio 
il giovane esce con motti e spiritosita le pin piccanti del 
mondo ; prendc le foglie di un ornato suUa facciata del 
Duoino per tanti griphons hideux ! Nomina due volte con en- 
tusiasmo le isole deliziose del lago di Como. Chiama la 
polenta minestra fatta col niais e la farina di castagne, ecc. 



164 mF.SATTEZZK E FALSITa"' CHB SI 1E0G0T<0 

blbliotecario a Parma, fece argoniento cli una lun- 
gliissima lettera inserita negli Opuscoli letterarj di 
Bologna gli crrori pi'onunciati intorno a ciuella sola 
rltta c'al celcbre Icttcrato c antiquario Millin (i). 
II fjtiale nou fu avaro fli siffatti giojelli parlando 
eziaiulio della cittii di ]\Tilano , iniperocchc intorno 
alia sola cliiesa di S. Anibrogio niolti nc rilcvo il 
nostro dott. Giulio Ferrari mlla sua bclF opera teste 
pubblicata (2) ; e non sono uiolti anni clie si vide 
iiel Giornale ItaUano \m errata intorno a ua opera 
clie 2;odeva moltissima riputazione , dove dicevasi 
francamcnte che la chiesa di S. Alessandro e di una 
bella arcliitettura; che Finterno della chiesa di San 
Celso e gottico ; che la chiesa di S. Fedele e fuori 
di jAlilano ; che la statua di Gastone di Foix e a 
Santa ]\Iarta; che a Milano v' e una Universita; che 
dietro la Bibliotcca Anibrosiana vi e un giardino 
botanico (^3), ecc. ecc. ecc. ecc. 



(j) II CIV. Milliii, nieiubro ilell' Istltuto reale e ronser- 
vatore del R. <iabiaetto delle nie(]a2,lie e delle anticliita ia 
Parigi , dopo aver publ)licato il suo Voyage dans la Savoye 
€t dans le Piemoni , piiljblico il Voyage dans le Milanais , a 
Plaisance , Panne, ecc. Le osservazioni del sig, Pezzana 
niostrano come il jMillin abbia scritto valendosi piii di vec- 
chi libri e di indica/.ionl iiicsatte che della testimoaianza 
degli occhi suoi proprj. Sarebbe impossibile dar qui un'' idea 
dei grossi suoi gi'anchi. Veggasi il fascicolo V degli Opuscoli 
letterarj. Bologna, 18 18, dalle staiupe di Annesio Nobili. 

(3) Vedi r opera intltolata Monumend sacri e profani 
dell' I. e R. Basilica di S. Ainbrogio rappresentati e descried 
dal dottor Giulio Ferrario. Milano, 1824, dalla tipografia 
deirautore, in 4.° grande , ornato da 33 tavole miniate. 

(3) Itineraire coinplet de I' Empire Frangais , ecc. Parigi, 
1011, 3 vol. in 12.°, seconda edizione. Vedi Giornale 
Italiano 20 niarzo iSia, num. 80. Pochi sanno forse a 
Milano che il celebre astronomo l-a Lande nel suo viaggio 
frettoloso in Italia vedendo nel cortile della Biblioteca 
Anibrosiana una specie di palma capricciosa fatta di rame 
dipinto in verde , cgli la preae per un vcro albero , e 



IN CERTI ClORNALI STRANIERI eCC. 1 65 

Ma siCHitti errori finalmente non fanno male a 
nessuno : essi sono elTctto delT ignoranza, della leg- 
gerezza , della dabbenaggine o della pigrizia. Ve 
ne sono di qiielli che procedoao da fontc piu im- 
pura e che sono piii pericolosi; e sono tali quando 
derivano dalla malignita , dal desiderio di nnocere 
alia riputazione delle nazioni e de' governi , caliin- 
niando i loro costnmi, le lore istitnzioni , le loro 
lc2;2;i. Di silTatti tesori riboccaao le ojjere di Lady 
Morgan, VHermlte en Italic e alcuni Giornali stra- 
nieri , e particolanpente ino;lesi clie si piibblicano 
a Parigi , a Londia e a Edimbiirgo. Vogliamo qui 
oiTerirne qnalche saggio, cui sottopoiTemo ia forma 
di nota le relative correzioni. 

In un numero, p. e. , del Galignanis Monthly 
Review and Magazine parlaiido della Lombardia dice 
che « tutti gl' inipieghi pubblici vi sono dati come 
» ricompense agli antichi sudditi delTAustria ( s' in- 
y> tende sudditi non italiani ), mentre gF Italiani non 
>• godono della reciproca ncUe antiche proviiicie della 
5> Slonarchia. Vi e appena un posto die non sia 
» coperto da un austriaco » (i). 

Parlando della censura ch' ei paragona al Santo 
Uffizio deiriuquisizione dice : « Nessun autore puo 
» servirsi ne' suoi scritti dei termini costitnzinne ^ 
» patria, libertd , indipendenza , liberalitd senza in- 
» correre nelFira degF Inquisitori (2). 

Parlando dell'Universita dice che a Pa via un pro- 
fessore austriaco (3) « e cntrato in luogo di Borda e 



scrisse che il cliina di Milaiio era dolcissimo , puisque lex 
pnJmiers croissaient en plain air (Vedi Voyage en Italie etc.y 
par La Lande , prima edizione ). 

(i) A coiifntare questa bugia hasta vedere T Alinanacco 
Jmperiale ove sono registrati tutti gP iinpiegati. Noii vi e 
forse il 5 per mille d' impiegati austriaci non ital'aui. 

(2) Queste parole sono state usate le migliaja di yaUc 
in questa nostra Biblioteca , e non hanno mai spaventato 
ne adirato alcuno inquisitore. 

(3) II professore di cui si parla e 11 ?ig. Hildeliranrl. 



1 66 INESA.TTEZZE K FALSITa' CHE II LKOGO>ro 

3» vi si rendc ridicolo recitando lezionl siigli anm- 
» leti » (i). 

Parlando delle iiltimc sciagurate circostanze della 
rivoluzionc del Picnionte e degli arresti die ne se- 
2;nirono e de' process! ia Lombarflia dice: « clie tntti 
» i niudici eiano aiistriaci , i2:aoraiiti al massimo 

c? . . . . ^ 

» grado della lingua iii cui si trattavano i processi, 
» e si dice , clie fiirono scelte pei- la rcclusione 
» de' liberali quelle prigioni in cui sapevasi cli' essi 
» si sarebbero trovati maggiormentc esposti alle pin 
» grandi privazioni (isiclie e niqrali » (2). 

In uu numero recentissimo deW J^dimhtcrgh Review 
le£2;onsi Ic seguenti asserzioni espresse con una 
sicurezza veramente ammirabde. 

« Tutti i giornali stranieri sono proibiti in An- 
•» stria (3"). 1 diversi Stati ond'' e composta la Mo- 
» narcliia non hanno clie un solo giornale, il quale 

(1) Quest' asserzlone e piii ridicola ancora degll amuletl 
e della loro y'lvth medicinale. 

(2) Quanto sia maligna questa menzogna tatti lo sanno 
fra noi. I giudici ei'ano pressoche tutti italiani e conosce- 
vano tutti perfettamente la lingua italiana, e non essendovi 
appunto prigioni abbastanza pulite per ricevere individui 
di coiTiplessione piu dilicata , il Governo fece riattare a sue 
spese stanze comode e salubri per recludervi, durante il pro- 
cesso, quelle persone ch' ebbero la sventura di essere legal- 
mente indiziate come colpevoli di alto tradimento, o di mac- 
chinazioni rivoluzionarie , dichiarate delitto non solamente 
dal Codice austriaco , ma da tutti i Codlci dell' univcrso. 

(3) La ridicolaggine di quest' asserzlone e notoria. Ba- 
sti a smentirla l' elenco a stampa intitolato Specifica delle 
Gazzette nazionall , ester e , pclitieJiC e letter arie che la Spe- 
dlzionc delle Gazzette presso I' I. R. Direzione centrale delle 
Paste della Lombardia pub fornire franche di porto per 
tutto t Impcro Austriaco ed alle frontiere dell' estero. Questa 
specifica contiene per 1' anno corrente i 02S novaiita quattro 
giornali tra nazionall e stranieri. Alia Societa d' Incorag- 
giamento di Milano arrlv-''-no llberamonte piii di 40 gior- 
nali tra politici e letterarj. L" Edimburgh Review e del 
numero. 



1^ CERTl GTORXALl STRA.N1ERI CCC. 16;- 

■» pnrainente anmiiicia di seconda mano gli oracoli 
» respon^ivi deWOsscrvatorc Anstriaco stampato nella 
» capitale. Qualche volta la gazzetta di una pro- 
» vincia c pubhiicata in un altia (i). Nel 182 1 la 
» jrazzetta di Milano era piTljblicata in Vienna » (2). 

Parlando de' poeti Cesarei dice , che i due primi 
instituiti dalla corte di Vienna furono Apostolo Tezio 
( sic ) c .Metestasio. Ila voluto dire Apostolo Zeno. 
(c Al presente , soggiugu'' cgli , anche qncsta inc- 
» schina niuniticcn/.a iii tnlta. II Governo sospcse !a 
» pensionc del poeta Parini che moil cpiasi in nii- 
» seria (3) , e tolse le splendide ricompensc die Bo- 
M naparte avea conferito al vivente poeta ftlonti » (4). 

In un altro luogo volendo pure calanniare il no- 
stro Governo di bax-barie e di oscurantismo , non sa 
come combinare questa accusa co' nostri rc2;olamenti 
di puliblica istruzioiie cli' egli non lia osato mostrar 

(i) Ristritigeado il sigailicato di Giornale a quello di 
Not'czie politiche , noii uoo , ma moltissiini soao i Giurnali 
die si stauipano nei diversi Stati della Moiiarcliia anstriaca. 
Nel solo regno LombarJo-Veneto , oltre quelli di Venezia 
e quelli di Milaiio , ogui citta di provincia pub avere il 
9110 , e lo liaiiao iafatti varie citta come Bi'escia , Lodi , 
Yerona , ecc. ccc. Nel seiiso poi di Giornale letterario- 
scienci/ico se ne publilica uno a Padova , uno a Treviso , 
uno a Pavia e otto a Milano, vale a dire se ne stampano 
piu nel regno LomljarJo-Veneto che in tutto il resto d' Italia. 

(2) Questa biigia e nota a tntti. 

(3) U celel)re poeta Parini e morto settuageiiario sotto 
il Governo aitsti'iaco nel 1799 in attualita di jjrofessore 
(f eloquenza e colla pensioiie di professore. Non e morto 
ricco 5 ma neppnre in tuiseria. 

(4) II vivente poeta cav. Vincenzo TNIonti non ha per- 
diito che r onorario lV Istoriografo del regno d' Italia, per- 
-che col regno d'ltalia e caduta anche la carica di lui; ma gli 
restano e gli sono regolarmente pagate tntte le altre pen- 
sioai, c come cavaliere della Corona ferrea.ecome nieni- 
bro deir Ibtitnto, e come professore emerito, die in tntte 
ammontano a quasi 7000 lire milinesi. 



1 68 INESATTEZZE E FAI-SITA.' CHK SI LEOCONO 

d' igiioraie. Kon gli restava (liuiqiie altro che aiu- 
mettere queslc istitnzioni Lenefichc ed utili per 
ravanzamrnto della clvilizzazlone gencrale, ma ne- 
2;are chc sieno poste in csecuzione c in attivita. 
Cosi cgli infaLti: « Ne'fuoi legolamenti di pubblica 
» istiuzioiie trovianio una f"arra2;ine pomposa di licci 
» e di sciiole elenicntari di diver&o 2;cncre (i). Ogni 
» villaggio deve esserc provveduto di iin maestro 
» di leggere e scrivere, ed i genitori die non man- 
» dano i loro figliuoli alia sciiola sono soggetd ad 
5^ aiiicnda (2). Ma il fatto sta che niente di tutto 
» qiicsto fu giammai messo in pratica sopra la niag- 
x gior parte del regno (3). 

liiclinato sempre per malo animo a dcprimere la 
saviezza del Govenio austriaco dissinuila tutti i 



(i) Se noa \i fossero qucste istituzloni si gridcreblje 
alia l^arljarie : ci sono , e si cliiamano ironicaiiicute una 
farragme pcrnposa ! ! 

(2.) Questo e verissimo e prova la cleterminazione fernia 
in cui e il governo di favoi'ire T istruzione del popolo. Le 
spese poi di questo ranio di amministrazione piil>ljlica noii 
furono niai in nessuna epoca piii ragguardevoli : esse si 
estendono anche alia magniiicenza degli edificj , e nou 
nomineremo fra i niolti die P ala intera teste fabbricata 
ed aggiunta all' Univei'sita di Pavia, le fabbrlche de' Licei 
in Coino ed in Brescia , le sale vagamenie dipinte nel pa- 
lazzo delle scienze di Brera, oltre i generosi snssidj pro- 
digati alia Bilslioteca dello stesso pal^izzo , per cui pote , 
arricchirsi di tante opera laoderne e costose da uon invi- 
diare alcun' altia Bibliotcca d' Italia. 

(3) Questo e notoriaracnte falsissimo. Tutto e gia or- 
ganizzato nel regno Louibardo-Yeneto , e neile sole pro- 
vincie Lombarde piii di i3a niila fanciuUi d' ambo i sessi 
prolittano del bcneiicio de' nuovi regolamenti. Questi fan- 
ciuUi non vengoiio soltanto istrutti nel leggere e scrivere , 
uia eziandio in quelle altre niaterie , delle quali ciascuno 
abbisogna nell" umaaa vita , e specialmente si coltiva la 
loro nioralita con una saggia istruzione religiosa onde for- 
niarli uomini dabbene. 



W CERTl G70RNALI STUANIERI CCC. ifc) 

beneficj che emerscro dalle sue gciicrose riforme, e 
dice clic « YAstrlctio glebce tuttavia esiste in Un- 
» glicria , in Galizia e in Croazia )i (i). 

I Principi di IModcna, di Toscana, di Parma e di 
Lucca ridcranno dell' accusa seguente : « 1 Principi 
J) Italiani pajrano alPAustria un annuo tribute per i 
» Bascialicati delle loro provincie » e poco piu sotto 
«; UAustria tratta i Principi Italiani come noi ( in- 
>j glesi ) trattianio i Nabol) ed i Rajah delle Indie. » 

In un akro .numero dello stesso Edimbwgh Review 
leg2;iamo intorno allc nostre leggi crirainali e alle 
punizioni dal nostro codice st^bilite la notizia clie 
riportcrcmo cpti sotto. Non toccava veramente a un 
giornale inglese il biasimare la nostra legislazior.e 
criminale, quando lo stesso Parlaniento d'Inghilterra 
ha confessata P imperfezione e Pinsulficienza delle 



(i) U astrictio gleboe ! Sanoo bene i conipilatori delTJ?- 
dinihurgh Review die cosa signiiichi e in che consista ? 
Sanao essi prima di tutto che cjuesta specie di viucolo 
foiadiario e una conseguenza costituzionale dell' Ungheria 
principalmente e della Croazia, e che nelle provincie ove 
esiste non e una servitu persoaale, ne una servitii fon- 
dlaria niente piu severa dell' eafiteusi in Italia ? Confon- 
derebl^ero forse i conipilatori 1' astrictio glebce col glcbce 
addictus? Giovi loro sapere che la prima consiste in qne- 
sto solamente , che il Signore ( Dominns ) del fondo non 
lia clie il dominio dirotto , il possessore il dominio utile. 
II dominio utile passa per dlscendeiiza diretta agli eredi 
piu prossimi , i quali non hanno altro vincolo se non 
quello di non poter \endere a uu terzo senza chiedere e 
ottenere il permesso dal Signore , e senza pagargli un lau~ 
demio. I conipilatori della Review ignorano poi, o fingono 
d' ignorare clie la classe dei contadini ])OSSessori de' fondi 
succennati e specialmente tutelata dall' autorith del Capi- 
tanato del Circolo , alle cui incumbenze e aggiunta la cura 
di proteggcre quella classe , ascoltarne le lagnanze , farle 
giustizia , approvare o disapprovare T opposizione de' Si- 
gnori , ed accordarne il permesso ex officio ogni cpialvolta il 
rifiuto sia capriccioso e non fondato sopra motivi legittinii. 



I-O I?<r.S.VTTKZ7.E S F\LSIT\ CUE SI LECGOXO 

lt'o;gi inp;lcsi, dove si provvede al bcii csserc de'ca- 
vnili o dcgli altri aiiiniali , e per la sicuvezza de2;li 
uoniini e della societa si sta attaccati a 'f'ilgi victc 
e baibarc , e noii adattate ai lumi del secolo ed ai 
progressi della civilizzazione; ma in ogni modo leg- 
giamo ed impareremo delle cose niiovc e peregrine. 
<c Un libello politico o un discorso sediziosp nel- 
» r Italia' austrjaca c per la prima volta pnnito col 
D carcerc duro per un tempo indcfinito (i): il clic 
i) si(>nirica la reclnsioiie solitaria in una se^reta priva 
» di Ince , la cjuale non illnmina quel bujo se non- 
50 che in quclla niezfiz ora del o^iorno, in ciii il car- 
» ccriere a|)porta il pane e V acrjua al paziente, ca- 
» rico di catene di un peso moderato , e provve- 
D duto a[)pena di pa2;lia sopra cui coricarsi. Ne'casi 
» recidivi s' infli^ge il carcerc durissimo , nel cni 
» bnjo la Ince e il cibo non entrano clie una volta 
y> 02;ni due giorni, ed il condannato vi e oppresso 
» da catene di nn peso clie possa portarlc senza 
■y> immediato pcricolo della vita; ed e legato in una 
» giacitnra da non potcrsi in alcuna maniera cori- 
y> care ; nia prender solamente nn po" di riposo se- 
y> duto od appoggiato a un cippo o ad una colonna 
» di sasso. La stretta esecnzione di questa legge ci 
» viene assicnrata da testimonianze oculari di per- 
» sone di prinio rango. Magistrati fnrono perfino 
» censnrati e de2;radati per aver cednto alia minima 
3> connivenza o rilasclamento di siifatti rigori » (2). 



(i) Quatite inesattezze in poclie vighe ! Non e espress.i 
nel Codice ne la prima, ne la seconda volta; e non 
vi sono mai pene per un tempo indejiriito ; nia tntte le 
pene sono staMlite e determinate. 

(3) TiMscriveremo qui esattamente i due parr.gra.. del 
Codice che descrivono le due pene surriferite acciocche i 
nostri lettori gindichino dell' esattezza del Cerisore inglese. 
^ 1 3. II condannato alia pena del carcerc di secondo 
grado ( carcere duro ) verra assicurato con ferri ai piedi , 
nutvito "iornalmente con una vivanda calda , escliisa perb 



m CBRTI GIORTfALI 6Tn\NlELRI CCC. \~l 

II bujo illuminato dalla mezz ora dl lace , e la 
colonna dl sasso , eel i magistrati degradati per la 
loro connwenza sono tiitti parti delF immaginazione 
poetica dello scrittorc; sono tiitte spiritose inven- 
zioai su2;gerite tlalP animo di denigrare la legisla- 
zionc austiiaca. 

Eppure se si avessc da istitiiire nn confronto tra 
i diversi Codici penali di Enrona , il nostro non 
discapitrrebbe qnaiito ci vorre])be far credere VEdim- 
burgh Review. Sono tutte opere uniane , e quindi 
non possono uscire perfette ad un tratto dal capo 
del legislatore, come Minerva usci tutta armata dal 
cervello di Giove. Non v'lia chc il tempo e Tespe- 
rienza che sappia indicare le modificazioni ntili. la 
ogni modo non vi sara alcnn uomo di senno che 
vorra tacciarc la nostra leiiislazionc di crudelta. Se 
ci fosse lecito emettere un' opinione diremmo che 
r eccesso non sta nel rigor (/cZZ« /?^rt«i ma piuttosto 
nel rigor delle prove , eccesso che onora il cuore del 
Icgislatore pcrchc lo mostra inclinato piii a proteg- 
gere V innocente, che a pnnire il reo. Ne' delitti poi 
di Stato e di lesa Maestd^ per qnanto rigorose sieno 
le leggi (e lo sono presso tutti i Governi del mondo ), 

la carne, il letto consistera. in nude tavole, ne gll sara 
permesso colloqnio con alti-e persone , eccettuate quelle 
che ablMano imniediata relazione alia sua custodia. 

5^ 14. II carcere durissimo , o sia la pena di tcrzo 
grado, consiste nel custodire il condannato In una prigione 
separata da ogni comunicazione , nella quale vi entri pero 
tanta luce e siavi altrettanto spazio quaato possa essere 
necessario per conservarsi in salute , e nel tenerlo conti- 
nuamente con pesantl ferri alle nianl ed ai piedi , e un 
cerchio di ferro intorno al quale vien assicurato con una 
catena eccettuatone il tempo del travaglio ; il nutrimento 
consiste in pane ed acqua , e nel cibo caldo ogni secondo 
giorno , escluse sempre le carni. II suo letto consiste in 
nude tavole, e non gli verra accorJato alcun coHoquio 
( Codice (lei delitti e delle gravi trusgressioni politirhe , ru- 
pitolo H. ). 



IJ% INESATTEZZB B FAIBITA. CHE SI LEGGONO 

in pratica sono rarissimi i casi della pena capitale. 
Le sentenzc cli niortc prominciate clalla Prima Istanza 
dehbono passare per tntte le scale degli akri tri- 
hiinali ( dcU'Apello e del Supremo ) ed essere con- 
fermate da essi prima di giugnere al trono ; e Ki 
siede sempre a canto della Maesta ministra fedele 
e soUecita la clemenza. Gli augusti e solenni esempj 
clie ne ha dati Francesco I feliceracnte regnante 
bastano a chinder la bocca a' piii ostinati ed acca- 
niti censori. Ma pur trojipo le vcrita piii notorie 
sono inutili a convertire gli scrittori malevoli ed i 
viaggiatori determinati a non vedere e a non dire 
che il male. Somigliano costoro ai corvi infausti die 
non isvolazzano che fra i cimiteri in cerca di cada- 
ver!. Cosi accarezzando pensieri funesti tingono la 
loro fantasia di color nero, ed in nero vedono tntti 
gli oggetti. Di dove che lord Byron contempla Tlta- 
ha e passa a rassegna le provincie, le citta, le ca- 
stella , ecc. ? / stood in Feiiice on the Bridge of 
Sighs (i). Seduto sul poate de' sospiri di Venezia; su 
quel ponte ove passarono per V ultima volta molti 
rei di Stato per andare al supplizio. Colle stesse 
prevenzioni Lady Morgan visita la Francia e T Italia, 
e pubbHca la relazione de' suoi viaggi. E intanto 
siffatte relazioni servono di fondamento alle operc 
di geografia, ai trattati di statistica, e cosi si ripe- 
tono, si propagano e si perpetnano i pregiudizj.. . . 
Ma sia pace alT ombra del Byron ed alle lugubri 
sue fantasie ! La malinconia fu mai sempre nna corda 
prediletta della lira de' poeti , il cui suono penetro 
dolcemente i profondi recessi del cuore. La natura 
non ha sempre bisogno de' lieti e svariati colori dcl- 
riride per essere imitata piacevolmente, essa e vaga 
anche sotto la matita del disegnatore e sotto il pen- 
nello monocrono deiracrpierellista. Nelle cose d'im- 
mawinazione e di alFetto le orradazioni del sentimento 



(i) Vedi 11 Childe Harold Canto IV di lord Byron. 



IK CERTI GIORNALI 6TRANIERI CCC. 170 

sono infinite, e le opinioni contrarie sono argomento 
piuttosto di meditazione clie di censura. Non e die 
nelle cose positive e di fatto dove gli sbagli gros- 
solani meritano la sferza della critica , pegglo poi 
cjuando sono pronnnciati con presnnzione orgogliosa 
e con intenzioni sospette. In un' epoca in cni le 
passioni e i partiti politici non sono ancora calmati, 
non pno mai essere sovercliia la cautela di chi si 
arro2;e ii diritto di sedere a scranna e gindicare dei 
governi e delle leggi delle nazioni. In tal caso e 
dovere di chi scrive V attingere a fonfi sicnre , stn- 
diare quelle leggi e non lidarsi delle snpposte testi- 
monianze ocularly altrimenti cadra in errori grosso- 
lani e pericolosi, e fara palese pin clie la sna legge- 
rczza le prave snc mire d'ingannare e di nuocere. 



174 



a a f ia B T f vi wtat^n 



Vlaggio di Anacarsl il gioviiic nclla Qrecia ecc. , tra~ 
dazionc corrctta c corrcdata di, note da Giuseppe 
Belloni^ aiidco militare iLaliano. Tomi 14 i/i 12.°, 
cori rami. — Jllilaiio^ 182C-1824, dalla tipografia 

■ ^ Sonzogno. 



1 r, Viaggio cF Anacarsi , sc non errlamo , e uno dei 
libri piu conosciuti. Perocclie ha il prcgio vera- 
niente rarissiaio di potere csser letto utilmente da 
ogtii maniera di persone ; c tiuti vi trovano di che 
coiitentarsi , coniinciando dai piu gravi pensatori , 
e discendendo fino alle signore che leggono unica- 
mente per passatempo. Noi pertanto noa vorremo 
spendeie a vuoto parole intorno al merito intiin- 
seco di un libro giudicato gia in Europa con uii 
coiisenso universale e costante : e cosi parimente 
non ci fermeremo gran fatto a parlare della tradu- 
zione , perche anch' essa e gia conosciuta it> Italia, 
ne le correzioni del sig.* Belloni v' hanno recata 
tal novita , da doyerla chianiare un' altra volta ad 
esame. Diremo unicamente che questo antico mi- 
litare , il quale nelle note mai non si stanca di ti- 
rar colpi alle spese del sao autore, ebbe poi una 
soverchia compassione alT antico volgarizzatore : 
donde trovanimo nello stile un gr;in nunieio di 
spini e di nodi che avrebbono meritata non gia la 
gentilezza della spada , nia si la niazza e la clava. 
Ma il sig. Belloni , volendo attendere alT edizione 
deW Anacarsi piu presto in qualita di filosofo che 
di semplice letterato , non pose niente gran fatto 
alle parole , e tutto si diede a correggere gli cr- 
rori deir autore. A correggere gli eirori delV autore? 
dira taluno : se ne trovano dunque niolti nelT^/za- 
r.arsi? ^cW Anacarsi ^ per nostro avviso , non sono 
molti gli errori , ma pur ve ne sono : e il nostro 



\IA.GGIO DI ANACAIUI IL GIOViNE. 173 

antico militarc ne ha trovati alcuiii , ed alcuni nii- 
che ne ha imniaginati. Del resto , qual nieraviglia 
che il sio;nor Belloui abbia trovato di che ridire 
assai spesso siiUe opinioni delT autore di questo 
libro , quando egli nan dubita di asserire che il 
Botta ha iinpastlcciata an opera ( la storia d' Ame- 
rica ) cd ha bruttntc le sue scrUtare di tal lordume 
^he c stato proj^riamcnte per noi una scuidalo ? C!ie 
Platone dimostrava non mhiore arroguiiza die imbe- 
cillitd spacciando per recondite e sicnre dottrinc le cose 
del suo Tuneo? Che pienamente imbccilli erano coIlto 
che rii'ere/itemente lo ascoltavano , e quelli che di poi 
Jianno stadiate codeste favole tcnendole per altrettante 
intcrpretazloni di veritd , e simili altre bagattelle da 
"far tremare la peniia nelle raani a qualsivoglia 
scrlttore ? Non vuolsi credere pero che il siguor 
Belloni mcni sempre una Sj)ada simile a quella de- 
scritta dal Tasso , la quale sempre che tocchi fa 
piaga; ne che le piaghe da lui impresse siaao tutte 
irrimediabili. Se noi noa avessimo in aninio di 
scrlvere un articolo che ci costi poca fatica , lo- 
gliendo appuato V csempio dalle note del signer 
Belloni , ci fermcremmo forse alcnn poco a gio- 
strare con lui ; e crcdiamo che non di rado lo 
costringercmmo a confessare, che vinto dalla foga 
ha qualche voka ecceikito nel nuniero non meno 
che nella misura de' suoi colpi. Con tutto cio il 
signer Belloni norr ista gia sempre sulle olYese , 
ma di tempo in tempo si piace anche in quel bel- 
lissimo uflicio del lodare , ed encomia in piii pa- 
gine certo suo compagno d' armi e di lettere il 
quale sa trovare il vero , dove altri ( taceremo i 
nomi ) non sa addurre che magrc ragioni. Noi ab- 
biam fatte le meraviglie per tutte quelle lodi , non 
gia perche le stimassimo troppe al merito del lo- 
dato , nia perche non le attendevamo punto da un 
uamo che agnzzo il ferro contro i maggiori dotti 
deir antichita. Se non che un nostro amico reci- 
tando una leggc rotaana intorno ai patroni e ai 



1-6 VIAGOIO UI AX\C\asi li. GlOriXE. 

Uberci , e toccante principalmcute la 2;fatitHdine clic 
qucsti ultimi dcbbono avere ai priini, pretendeva 
di s[)iee;arc con essa la vera ca2;ione di queste lodi. 
Cliiuiujiie sia preso da tale curiosita potra di leg— 
filicri investijrare so fra il sis;. Belloni e V encomiato 
sciittore siano que'vincoli sui qaali e fondata qiiella 
Icgge romana : iioi in vece conchiuderemo dicendo 
clie r Anacaisi dei sigriori Sonzogno e niigliore di 
mohi altri per la cura tipogralica , per 1' accurato 
e copioso atlante oad' e arvicchito, ed anche per 
alcniic correzioni the il sic;. Belloni ha fatte al- 
r antica versionc. Che le note nou sono tutte inu- 
tili ; che taluna fors' anco piio riuscir fruttnosa ; 
ma che le piu. spargendo duhbiezze , senza mo- 
strare alcana via che condur possa alia verita , ac- 
cusano lo scetticisnio storico o la voQilia di filosofare 
piuttosto ch' essere indizio di vera iilosofia. II signor 
Belloni alTerina che cl vital poco ad essere o ciarla- 
taiio o pedaiite o erudito o grecista'^ taluno forse gli 
doniandera se ci vaol niolto ad essere un coraen- 
tatore iilosotiinte par sue. 



177 



Caracalla , tragedia di Giovanni Battista Marsuzi 
Romano — Roma, 1824, presso Vincenzo Poggioli. 
OpiLscolo in 8.° 



u, 



NA tragedia die s' intitola Caracalla richiama al 
pensiero de' leggitori il Polinice dclF Alfieri-, e que- 
sto, se non errianio, debb'essere imo spavento attis- 
simo a stogUere chi che sia dull' idea di scrivere. 
E veramente questi due soggetti hanno si grande 
soniiglianza , clic chi ue tratta iino deve di he— 
cessita trovaisi in alcune paiti a uno strettissimo 
confronto con chi T akro abbia preso a trattare ; 
e il lettoi'e poi assai f'acihiiente h reca al paragone 
fra loro. Perocche iiell' uuo c nelP altro caso veg- 
2;onsi due fiatelli che danuo al mondo quel terribile 
eseinpio , di mettere il trono iunanzi ai piu sacri 
doveri ed ai piu cari legami del sangue; nelP uno 
e neir altro caso avvi una niadre che s'ingcgna di 
piegar alT amore ed alT osservanza del 2;iiisto i 
crudeli animi de' figliuoli ; e quindi in amendue le 
tragedie sono uguali i fouti della compassionc e del 
timore. Cio non pertanto chi sottilmente considera, 
sono in questi t'ue soggetti alcune essenziali dilTe- 
renze, che dove siano ben usate, possono produrre 
due assai diverse tragedie , e sottrarre i moderni 
scrittori a (jucl terribile confronto delP Alfieri. E 
innanzi tutto nel Polinice la maledizione ondc 
era gravata la discendenza di Edippo , rendendo 
quasi latale V odio dei due fratelli e la ruina del 
trono da loro occupato , da ai due principali pcr- 
sonaggi della tragedia un carattere tutto proprio, 
che debbe farli diversi intieramente da Geta e 
da Caracalla. Vero e bene che , cessata quella 
rcligiosa crcdenza , e copcrta dopo lunghissinia 
eta dair oblio la storiu di quel famoso casato , lo 
Ucbl. lud. T. XXXV II. \i ^ 



178 CVRAOALI, V , TR\aEDI4 

scrittore non puo trarrc da tal circostaiiza quel 
vantaggio die un greco scrittore avrebbe potuto 
cavarne mentre clie quella tiazione era tuttavia in 
fiore ; ma nou pertanto non e impossibile trarne 
ancora qnalchc giovanieato: e nei due fratelli, qnali 
ci furono rapprcseatati dalFAllieri, ravvisi non so 
(jnal forza supcrna clie li move a quegli odj , a 
c[uel sangue , e clie scnza oQendere nc le tiie cre- 
denze ne la tua rngloiie , quasi ti fa possibile a 
credersi queir orreuda nialedizione pionibata pel 
delitto del padre sui ligliujoli di Edippo. Oltre a 
cio la madre dei due greci fratelii quanto non e 
diversa dalla madre di Caracalla e di Geta ? (^ual 
partito alTatto diverso non del^be trarne uao scrittor 
di tragedie ? Giocasta e madre c moglie di Edippo ; 
essa hen sa clie Edippo e nome tal eke a disfar siioi 
figU per se basta\ sa clie quell' ira de' figli e castigo 
air infando pcccato de' genitori ; sa clie i iigli po- 
trebbono accagionarla delle proprie sventure ; e tutto 
cio ^ fa esserla dilferente da ogni altra madre clie 
avesse due lic^liuoli contendenti fra loro. 

Mandate cosi innanzi ([ueste considerazioni , fac- 
cianioci ora piu dappresso alT esame delle due tra- 
gedie. Se r Alfieii avesse dovuto scrivere fra' Greci 
in tempi vicini alle sventure di Edippo , la religiosa 
credenza sareb]>e stata probabihnente la maccliina 
principale del suo coniponimento : e di qiiesta va- 
lendosi, avrebbe rappresentato fodio dei due fratelli 
senza bisogno d'introdurre alcun altro fomite a quel 
per verso litigio. Ma conoscendo clie fra gli uoniini 
pei (piali egli scriveva nessuno avrebbe crednto 
giammai clie dall' incesto di Edippo traesse origine 
il sanguiaoso odiarsi di Eteocle e di Polinice , non 
voile neppute clie fosse attribuito intieramente al 
desiderio del trono , e introdusse lo zio Creonte 
clie per brama di farsi re alinienta segretamente 
r odio fraterno , iiato in parte dalla celeste nialedi- 
zione , ed in parte dalla sniania di reguar soli. 
Quest' arte a noi [)arc lliiissinia : ([uando T odio 



DI GIO. liVTTlSTA i\I\USUZI. 1 79 

fraterno e si bassa ed infame passione, die a farlo 
crecUbile c co\iiportabile noii poimo inai esser troppe 
le molle : e due fratelli clic pel solo desideiio del 
trono insidiatisi a mortc , e clie senz' altri die li 
dis2;iun2;a nou sanno piegarsi alle lagrime di una 
madre die supplicandd' vorrebbc indurli alia pace 
e air aniorc, sono uno spettacolo piu presto atroce 
die tragico , die avvilisce assai piii die iion ara- 
maestri questa uniana famiglia. 11 sig. Marsuzi non 
voile iniitare rAlTieri: ma non ci pose neppur esso 
dinanzi due frateili die si odiano e si uccidono non <la 
altro eccitati die dal perverso loro desiderio del trono, 
e introdusse il personaggio di Faustina aniata da Geta, 
e contesagli da Caracalla. Ma oltredie nella tragedia 
questa aniorosa passione non ci senibra abbastanza 
sviluppata peralic potesse produrre TetFetto a cui era 
diretta, vuolsiTarc un' aitra osservazione die a noi 
pare di 2;ra\e moniento. Le segrete arti usate da 
Creotite non nnocono all' iiuita d' affctto , perche 
tendono ad alimeatare iiei IVatelli il perverso loro 
desiderio del trono , e la disposizione nefanda di 
salirvi anclie lordi del sangue fraterno : ma 1' amore 
per Faustina svia Y animo dal fondamento principale 
delta tragedia; pone due alTetti in luogo di nn solo, 
cio die per legge psicologica dimiuuisce la forza di 
amendue , e nuoce a quelF unita alia quale non si 
potra mai rinunciare senza die ne vada perduta la 
vera tra2;edia. Ma perche , come dicemmo , nella 
tragedia del signor Marsuzi F amore per Faustina 
( ne quel verace di Geta, ne quel iinto di Caracalla ) 
non e spinto innanzi gran fatto , non diremo clF ei 
guasti assaissimo la ridetta unita, ma non diremo 
neppure die (jucsta donna tenga luogo di Creon;:e 
neir clTotto teatrale. Vero e oho Faustina in fine 
per ([uesto amore si uceide ; ma qucsto tremendo 
passo non e preceduto da cose die dar possano 
orisinc al sano-uiiioso odio di Geta e di Caracalla ; 
e piu presto piangiamo in Faustina la vittima r.i 
iin' iufdice passione, di (judlo die riconosciamo in 



l8o CAIUCALI.A, TKAGEDIA 

Ici una nioUa clie accresca Todio gia nato c nudrito 
dalla gelosia di regno. E pai-e clie anclie il sigtior 
IMarsuzi o noii conlklasse piu clie tanto nella sua 
Faustina , o sentissc alnicuo il grandissimo ell'etro 
di quel Creoute alfieriano ; e percio pose anch' cgli 
in iscena un Leto (capo dellt; guardie d'Augusta) e 
gli diede «n cotal sinudato caiattere che nudre se- 
gretamente le ire e le ininiicizie fraternc. Ma perclie 
questo Leto non e altro die uuo di quc'niolti e scia- 
gurati bricconi (de' quali nelle corti dei re nialvagi 
lion e penuria giamniai) clie fan prezzo dei proprj 
-delitti la grazia dei loro signori, TeHetto de' suoi 
raggiri e pocliissimo per se stesso , nuUo se si 
paragoni a quel di Creonte. 

Questa e V osservazione principalissima clie ci 
parve di dover fare, siccome qucUa ^plie tocca I'or- 
ditura e il fondamento per cosi dire'^' della tragedia. 
Perclie noi trovammo scnipre maraviglioso V artificio 
usato dair Altieri nel carattere da lui dato a Creonte; 
e quando ci pouemmo a le2;gere il Caracallu del 
signor Marsuzi , e vedenimo starvi in quella vece 
il personaggio di Faustina, didiitammo di subito se 
r elietto potesse esserne uguale. Veaendo ora a piu 
particolari considerazioni diremo , che il mettere 
sulla scena Caracalla col pugnale sguainato sul petto 
di Faustina per iiidur Geta a ritornare nei patti di 
prima, e un artificio troppo frequenteniente ripe- 
tuto nelle tragedie, nei drammi , nelle commedie e 
perfnio nei balli. Poi ci pare iiiopportuno il porre 
sul labbro di Caracalla quelle infami parole 

si tali 
Fratelli siam che in tuCio altro discordi 
Comune ahbiam la /era , ardente , immensa 
Smania nata con _ noi , con noi cresciuta , 
E solamente da finir con noi , 
Di svenarci I' un I' altro. II vcr si dica. 
Air ira fratricida essa ci sprona 
E non il trono c non la sposa ^ s' era 
II retaggio patcrno una capanna , 



DI CIO. BATTISTA MARSUZI. l8l 

La suit iiscio conteso armati cV essa 
Piit die di ferro disperntamente 
Ci saremmo azzuffati , e sulV estinto 
Sarebbe entrato il vincitor. 

Perocclie il motivo storico drll'ira di cjuesti due fra- 
tcUi fa Veramcntc il trono; al poeta piacque di aggiun- 
gere anche la 2;eIosia amorosa: a cjiial uopo dunque 
recarne in mezzo un akro, ne definito ne credibile? 
L'Alfieri, che , come notammo, avrcbbe potato fondar 
la tragedia sii qnclF innato abborrimento che doveva 
trovarsi nei fjgli delF incestuoso Edippo , pure non 
fece nscire nessuao de' suoi personaggi in parole 
simili a quelle usate qui da Carnralla; ed appcna 
^infelice Giocasta, veggcndo i tigli correre incvita- 
biimente al ferro , dice ad essi : 

quel ferro 

■ Volgete in me ; son. vostro sangne anch' io , 

Einuli al mal oprar (T Edippo figli , 

Nad al delitto , ed al delitto spinti 

Dalle furie implacabili , qui , qui 

Torcete i brandi. 

Finalmente poco ci garba quel pensamcnto del signor 
Marsuzi di far si clie Caracalla non uccida il fratello , 
ma die soltanto, mentre i Pretoriani compiono il de- 
litto da Ini meditate, accorra per ajutarli neH'opcra, 
cieco dair ira ferisca invece in una mano la madrc 
accorsa per impedire quell' atroce misfatto. NelTOre- 
ste deir Alfieri moke ragioni concorrono a far plau- 
sibile nn'invenzione a cui questa del signor Marsuzi 
pare ligliuola, ma nessnna di quelle ragioni ha 
hiogo nel Caracalla'. e senza necessita , od almeno 
senza lo scopo di ottenerc un maggior effetto tea- 
trale , non sappiamo a qual pro siasi volute mol— 
ti])licare gU accident! ed il sangue. 

Dopo queste nostre censure alcuni si maraviglie- 
ranno che il teatro romano (cosi TAutore nella sua 
lettera dedicatoria) rlsiionasse di altissimi applaiisi 
ucUa rapprcsentazionc di, questa tragedia ^ e la me- 
ravigha crescera se noi medesinii dircmo, clic qncsti 



1 82 CVKACALLV , TUAGEDIA CCC. 

applausi iion farono indegiiamente coUocati. Pcrocclie 
noi stimianio clie t^uesta trageiUa sia da annoverare 
fra le niif!;lioii dei nostii giorni , ed attesti nell' au- 
tore una felicc disposi/.ione a ben pcrcorrere Taringo 
pel quale si c niesso. E gia mostrammo la stinia 
in che lo tenghianio giudicando il suo lavoro col 
confionto di iin classico ; e soltanto ci provammo 
di mostrargli , secondo le nostre forze , con quali 
picciole ditlerenze talvoka i graudi maestri conse- 
guiscano una lode che basta a farli inimortali. Del 
resto vorreuimo clie egli nc per gli applausi si 
inebbriasse , iie per le nostre o le altrui censure 
spaventato lasciasse la sua magnanima impresa 







i83 



Delia Polltica militare , libri quattro , dl Giuseppe 
Cridis. — Torino, 1824, /;er Z'Alliana, in 8.°, 
di pag. 338. 



E. 



jcco un buon libro che noi prendiamo a censu- 
rare pel solo desiderio che fosse riuscito migliore. 
II nonie del sig. Cridis ci fu sinora ignoto , come 
ne ignoriamo la condizione ; ma veggiamo che sa 
esaminare con precisione le cose , sa esporre con 
chiarezza le questioni , sa rapidamente discuterlc : 
e tutto cio non e piccolo merito. Se poi le sue 
opinioni non coincidono con altre che noi crediamo 
piu giuste , o se palcsano alcnn piegiudizio , die 
cjnindi le rende fallaci , per cpianto a noi sembra , 
non e percio che da noi sin d ora non si protesti 
che il solo amore del vero ci move a quelle cen- 
sure die ci cccorrera fare al siio libro. Le quali 
sarebbero forse in minor numero , se e£;li avesse 
manifestato con piu franchezza le sue decisioni nei 
problemi che va sponendo. 

E prima di tutto trovianio specioso il titolo di 
qucsta nuova opera , e a parer nostro incsatto. La 
sciei!2a politica , assolutamente detta, abbraccla au- 
che la scienza militare •, e se nella scienza militare 
avvi tal parte, die per ap[)rossiniazione di idee po- 
tesse chiamarsi politica, essa appartiene o alia lc2;is- 
lazionc militare, o alia strate2:ia, o alia stratao^eaio- 
logia , e molto impropriamentc direbbesi la politica 
militare. Di fatto sol che si osservi su quali oggetti 
ed articoli versi tutta iutei a quest' opera , troverassi 
ch' clla appartiene o alia poiitica di Stato in genere, 
o ad alcuno de' rami della scienza militare sopra 
enunciati, die potrebbero assumere cotal nomc , se 
gia non ne avessero nn altro. Piu esatto per con- 
segucnza sarcbbo stato lo intitolarla : Della scienza 



184 DKLLA rOLITICA MILITARE 

politica applicahile alio stato milltare , ovvcro al- 
r arte della gucrra. 

In quattro libri c divisa T opera del sig. Cridis , 
e il primo capitolo del primo libro tratta dci motivi 
di far giierra ; e cinque ne accenna, sui quali non 
v' e nulla a ripetere. Proniove poi la questionc se 
convenga far la guerra per le piccole offesc , e la 
risolve in qucsti termini : « A nie pare che il piu 
y> delle volte sia bene dissimularle, o fame soltanto 
» qualche leggiero rimprovero airollensor.e , o con- 
•» tentarsi di tpialunqvie scusa. Per altro, se le pic- 
» cole offese fatteci hanno per cagione V odio o il 
» disprezzo, o se sono frequenti, oppure se il tol- 
» lerarle scrvirebbe d'incitamento a farne delPaltre; 
» in tali casi, quando ci vien ne2;ata la dovuta sod- 
» disfazipne , non e cosa contraria alle niassime 
» dclla politica il dicliiarar la guerra alF offensore , 
5) purclie la grande infcriorita delle forze nostre 
» non ci persuada di astenerci dalle armi. » In 
nionte la questione e saviamente risolta ; nia ri- 
mangono alcune considerazioni clie F autore ha vo- 
luto scliivare: la prima delle quali cade sulla natura 
di codeste piccole offese , supposto pure clie nelle 
offese clie un o;overno o un sovraiio faccia ad un 
akro si possa ammettere la gradazione di ma2;G;iore 
e minore , di £>;rande e di piccola ; perocchc dalla 
natura o qualita di tali oHese nascc la convenienza 
di simularle o di risen tirsene. Piu forte ancora e la 
considerazione delPonore, che mover debbe PolTeso 
a chiederne risarcimento, ma questa pare che si 
sottintenda nelle parole di odio o disprezzo, la cui 
tolleranza darebbc luogo ad altre ollese; tuttavia 
codesta voce ma2;ica di onore , sulla quale e basato 
il principale pilastro d' oo;ni edilicio [)olitico , e su 
cui si foada tutta la politica e tutta la morale del- 
r uomo di guerra , andava qui rammentata , peroc- 
che in essa consiste tiitta la forza e la ragion mi- 
litare. 



DI GIUSEPPE CRmiS. l85 

Termina questo capitolo con un graa biasimo alia 
passionc della gloria militare. Si direbbe die T au- 
tore non aspira a farsi loggere da cfuelli die pro- 
fessano la carriera deirarnii, ma soltanto dai freddi 
calcolatori die ne' taciti gabinetti bilanciano i lispet- 
tivi diritti , o dai piii freddi filosoii , die intendono 
ridiirre ogni cosa alle piti scniplici teorie della ra- 
gione umana. Non e dubbio die di grandi mali ha 
prodotto e produrra mai sempre la passione della 
gloria militare : ma se voi la togliete dai ciior dei 
guerrieri , se in vece di animaria la vituperate , se 
i mali die possono da lei provenire indicate ed 
esagerate, e ne tacete i vantaggi, voi non siete piu 
ne militare, ne politico, e la vostra politica non 
serve piu ne ai gabinetti, ne agli Stati-maggiori. 

In tre sezioni e diviso il secondo capitolo , ove 
si tratta di solclatl nazlonali c dcgli stranieri , e si 
esaminano tutti i vantaggi e tutti i danni die deri- 
var possono dall'^ccettarc al servizio gli stranieri. 
Questo punto e trattato rapidamentc , e sotto tutti 
gli aspetti , e con cliiarezza. 11 parere die F autore 
manifesta di formare coi discrtori stranieri varj pic- 
cioli corpi separati, e ben sostenuto-, e noi potremmo 
addurne qualdie esempio in difesa , p. e. i Polacchi 
nella Cisalpina , ma ci sarebbe agevole il rappresen- 
tarne al tempo stesso gl' incorivenienti. 

Nel terzo capitolo si cerca se sia meglio die i 
soldati sieno volontarj , ovvero arrolati per forza. 
E sebbene colla testimonianza del Macdiiavello e di 
Mirabeau Tautor vegga quanto raramente buoni sol- 
dati riescano i volontarj , e qual corrompimento e 
frode porti seco 1' uso del reclutare ( omai dimenti- 
cato e bandito dai piu sag2;i Governi ) , pur egli 
dicliiarasi manifestamente contrario alle leve forzate, 
e dei volontarj e de' reclutanieuti assai parti2;iano. 
La quale opinione ( per dir cliiaramente cio die ci 
sembra ) ne induce a credere die T autore non sia 
ne uomo di Stato, ne uomo militare, perocche ove 



1 86 r>ELL\ roLiTip.v miotake 

air una o air altra di qticste classi appartenesse , 
pensiamo clie prolvssercbbo V opinione contraria. 

Riconoscendo pero cgli la necessita di una leva 
(([uando i volontarj non bastano ) tratta nel capitolo 
(piarto dei cpiattro diversi modi clie possono ado- 
perarsi per eseguirla. Giuste e savie sono le osser- 
vazioni che fa, non meno che le ragioni per cui 
vorrebbe che I'eta della coscrizione si confinasse tra 
i diciotto e i ventidue anni. Manca a qnesto capi- 
tolo r esame del tempo che dovrebbe assegnarsi al 
servizio de' coscritti : oggetto del cpiale e militari e 
pubblicisti non delibono dimenticarsi giammai , per 
gli ell'etti che ne derivano alia societa. 

Non dissomi^liante dai precedent! e il quinto ca- 
pitolo, in cui si espongono le diverse opinioni degli 
scrittori o in favore della fanteria o in quelle della 
cavalleria. E qui non trovasi nulla che fernii parti- 
colarmente 1' attenzioue de' lettori , ne che contenga 
molta />o/i^Jca sia militare, si i stilistica ; essendo a 
tutti noto che un esercito non e conipiuto, se tutto 
sia di fanti o tutto di cavaiieri , e che la propor- 
zione tra questi e quelli puo bensi qualche volta 
dipendere da un calcolo ben ragionato , nel qual 
parimente gli scrittori anche tattici non vanno d'ac- 
cordo, ma per lo piu dipende da circostanze locali, 
o da econouiiche , o da altre di simile natura , che 
sarebbe inutile d' investigare. 

La nomina alle cariche inilitari forma il soggetto 
del sesto capitolo , e in cio veggianio che la scienza 
politica puo e debbe aver parte piu forse che in 
tutti 2;li altri sos:2,etti sin qui presi ad esame. Ma 
Tautore, dimenticandosi al solito di entrare maestro 
negli argomenti di cui preade a parlare (perocche 
owni trattatista di qualunqne scienza o arte assume 
le funzioni di maestro), non fa che riferire le opi- 
nioni degli altri , seaza determinarsi piu per l' una 
che per T altra, ne tutta intera esaurisce la materia 
di questo capitolo , perocche si limita ai soli primi 
c;radi d' uffiziaie sino a quello di capitano , che a 



•■r,' 



DI GIUSEPPE CRIDIS. 1 87 

senso nostro noii meritano il nome di cariciie mill- 
tari , fiiorclie iiel caso in ciii alciino di cotesti uffi- 
ziali trovisi distaccato ed eserciti un comando iso- 
latamente. Ne , per vero dire, e questo un soggetto 
che possa interamcnte discntersi in sole sei pagine, 
quante son quelle del presente capitolo, che per 
cio solo noi ripufcremmo iniperfettissinio , ove altre 
iniperfezioni non ollerisse. 

Direbbesi che F autor prevedendo di A^enir cen- 
surato per siiTatte iniperfezioni abbia vokito in qual- 
che maniera prevenii* la censura , col dichiarare spon- 
taneaniente che le cose asSf\i note nella materia che 
ei tratta le esclude dal suo libro. Questa dichiara- 
zione leggesi al principio del cap. VII che tratta 
delV importanza del buon costume ne' soldati , ove 
dice clie volendo tralasciare, come ha fcttto sin qui, 
e fard sino alia fine della presente opera , cio die e 
ahbastanza nolo , ristringerd il suo dcs^orso cd co- 
stumi^ alle scienze ed (die letter e. Che pero non /b^^e 
abbastanza noto ai politici ed ai niilitari ( pei (piali 
soltanto e fatto il suo libro ) cio di che ha faveliato 
sin ora , credo che egli solo il dira. 

Ma vediamo il cap. VII che e intitolato DelV im- 
portanza del buon costume ne' soldati. h'nntor vuoie, 
e tutti il vorrennno , che i comandanti e gli uffi- 
ziali sieno probi, e sei motivi ne adduce, tutti per 
dir vero pre2;evoli , ma non tutti strettamente po- 
litici ^ ne strettamente militari , giacche pur troppo 
il vizio e V iniqnita possono trovarsi in compagnia 
deir intrepidczza c ' del valore. JMa altra cosa e la 
probita ed altra il buon costume , dandosi spcsse 
volte il caso che uno sia proijo e dissolnto, Taltro 
sia ben costumato , ma improho ; e qui avcndosi 
prcso a trattare del buon custunic non si dovcva 
ricordare la probita se non riguardandola come una 
delle moke emanazioni e conseguenze del buon co- 
stume. Oltre a cio, per qual ragioue vuol egli Tau- 
lore che probi sieno i comandanti c gli uffiziali sol- 
tanto, come se probi parimcntc nou potessero essere, 



1<^P> DELL\ rOLITICA MILITARK 

c Tion giovassc chc fosscro, c soventi volte non 
sieno , piu anclio de' capi loro , i semplici soldati i^ 
Ma egli pare chc rautorc coiisidcri come una stessa 
e identica virtu si la probita che la costuniatezza , 
imperocche gli esempj che adduce di Aristide, di 
Scipione e di Gustavo Adolfo non appartengono alia 
probita , nia bensi alia continenza. Cio poi cli' egli 
dice snlla neccssita del buon costume ne' semplici 
soldati , ncfii animctte eccezione , e cio ch' egli ag- 
gingne sul finir del capitolo intorno al lusso , che 
debbesi allontanar dalle trnppe e savissimamente 
detto. lo pero mi sarei aspettato che in qucsta oc- 
casione avesse anche a parlare di alcun' altra morale 
virtu , che anche in mezzo al tumulto dell'armi ed 
air orgoglio delle vittorie non raramente si trova , 
cioe della pieta verso i vinti , del rispctto alle cose 
sacrc , della protezione agli oppressi ed ai deboli , 
di quci scntimenti insomma che sono frequentissimi 
negli eserciti delle nazioni civilizzate , e che ren- 
dono generaimente bugiarda quelF atroce sentenza 
del poeta : 

Nulla fides ptetasve viris qui castra seqnuntur. 
I\Ia' di cio non si vede qui cenno. 

Inutile, a mio avviso , e percio oziosa o almeno 
intempestiva e la questione die 1' autore prende ad 
esaminare nel cap. VIII, se le lettere reudano poco 
atte alia guerra le nazioni che le coltivano. Ai tempi 
in cui viviamo , ne i pohtici , ne i militari movc- 
rebbero dubbio su cio , e appena si lascerebbe pas- 
sare quest^ argomento in un esercizio di retorica , 
ovc uno scolaro difcnde V una opinione e V altro 
r altra. Al solo atFacciarsi della questione egli e im- 
possibile che in pari tempo non torniuo alia memoria 
i nomi immortali di Giuiio Cesare , di Luigi XIV , 
del gran Federico , del maresciallo di Sassonia, del 
Montecaccoli, e di piu altri sommi uomini stati in- 
siemcmcnte insisiui liuerricri c insisini dotti , anzi 
pure insigni sci'ittori ; ed e pure impossibile il uon 
ricordarsi che in tutti i mc^lio ordinati stati d' Europa 



I 



Di ciusKrrE cniDis. 189 

si lianno scuole militari , nelle quali si acldottri- 
naiio nelle lettere e nelle scienze colore che sono 
destinati alia professione dell' armi. La questione 
adunque e gia decisa per universale consenso e dei 
politici e dei militari, ed era inutile di riproporla 
in un libro che tratta della politica militare. « L'arte 
» della gnerra (sono parole delFautore, a pag. 61 ), 
» e le sue diverse parti, la tattica, la scienza degli 
» stratagenuni, quella dell' artiglieria, e Tarte della 
» fortilicazione non possouo tiorire presso una na- 
)) zione immersa nelT ignoranza »; e con queste parole 
poteva il sig. Cridis tinire il suo capitolo , giacclie 
aveva creduto di fame uno in proposito , rispar- 
miandosi a niiglior uopo T erudizione , di che ha 
voluto arricchirlo senza veruna necessita. 

Nel capitolo IX si tratta della diirata del servizio 
militare , argomeiito che a niio parere andava trat- 
tato dopo quel deila leva , come di sopra avvertii. 
Esse e diviso in due sezioni. L' autore e d' avviso 
che il servizio militare venga limitato ad alcuni 
anni; e qucsto e ccrtamcnte il comune avviso d'ogni 
politico , e il comnnc uso d'ogni governo. Tuttavia 
ne'urandi Stati che hanno grandi e pernianenti eser- 
citi , non solo frequentissimo e il caso di coloro che 
abituati pel corso di varj anni alia vita militare , e 
resi inetti ai mestieri che esercitavano prima, amano 
continuare in essa , lusing'iti pure dalla speranza 
de' premj , ma e per lo piii necessaria non che con- 
veniente la conservazione di vecchi soldati, modello, 
esempio e giiida de'nuovi, ed e lodevoiissima pra- 
tica che ai lidi veterani si dieno in guardia i hiofj;hi 
piu gelosi , pin importanti , pin ricchi , o anche le 
persone piu ragguardcvoli e le vite piu preziose. 
Quindi e che la polidca suoie bensi assegnare un 
termine al militare servizio , tanto per non renderlo 
vitalizio , quanto per la necessita di rinnovare ad 
ogni termine con nuovi soldati il quinto, o il sesto 
o akra porzione delF esercito permanentc , ma per 
lo p;u non riliuta ia contiuuazione del servizio 



19<^' Drr,L V POLITICA JMILITAKE 

mcdesimo a coloro niassimamcnte die si dlstinscro 
per buona coiidotta, per valore, [)er cognizioni e per 
allezioue al mestiero deirarnu; i quali conipongono 
poscia que' In-avi veterani, di che ogni ben ordinate 
governo si pregia , e que' rispettabili invalidi che 
la sovrana gratitudine e muniliccnza con ntilissime 
dimostrazioni di affetto ricovera , assiste ed onora. 
Onindi c parimcnte die alquanto ozioso e quasi 
inutile convien giudicare andie il presente none 
capitolo ddla polidca militarc del sig. Cridis , per- 
clie riportando secondo il solito le ragioni che so- 
stengono nn' o[)iiuone e quelle che difendono Fopi- 
nione contraria , e non risolvendo giamniai la que- 
stioue delinitivaniente , ma soltanto col parmi , col 
semhra e con altre voci dubitative, non conipie, ne 
ottieiie il suo scopo , come farebbe decidendosi as- 
soUitamente per T uno o per F altro parere , e ad- 
ducendo diniostrativamente i motivi die a tal deci- 
sione lo inducessero , e che ogni lettore avca diritto 
di aspettaisi. 

hi quattro sczioni e distinto il decimo ed ultimo 
capitolo del primo libro, e vi si paria degli eserciti 
permanenti , adducendosi dapprima i vantaggi che 
dalla permanenza dellc truppe derivano, poscia espo- 
nendone i danni, quiiifli la convenienza di una mi- 
lizia locale esereitata periodicamente , e per ultimo 
r opinione delF illustre Rogniart , dalla qual si de- 
duce che giovano si le milizie locali , come le forze 
permanenti, proporzionatamente alia grandezza degli 
Stati. L' autore seguendo il suo costume non esprime 
dal canto suo verun parere, ma tanto dice intorno 
ai danni che si attribuiscono alle truppe staliili, che 
e fiicil coniprendere esservi egli contrario , giugnendo 
persino ad avvcrtire ( pag. 98 ) « che T armata per- 
•» inanente ha un interesse diverso da quello del 
n popolo , c puo servire di stromento per opprimere 
i> la nazioiie: ma Tinteresse della milizia universale 
)) e lo stcsso die T interesse del popolo. » E perche 
nci i>en ra^ionatn sistema di lU)2;iiiart si conchiade 



DI GIUSEPPE ClUDIS. I9I 

suirindispcnsabilita di una forza permanente, di clie 
ogni uoino di Stato , ed ogtii scrittor di politica , 
che al pari di llogniart esamini la natura dei po- 
poli , vive ai di nostri persuasissimo , ha l* autore 
trovato a contrapporvi dieci ragioni , di poca so- 
stanza per vero dire , ma sufFicienti a convincere 
ciascun lettore, cli' ei non vorrebbe eserciti perma- 
nenti , ma solo milizie locali. II qual voto sarebije 
lodevolissimo, massimamente dal lato dell' economia 
politica , ma non essendo realizzabile ftiorclie nel 
caso in cui tutte le potenze convenissero di scio- 
gliere ciascnna i proprj eserciti ( cosa non meno 
improvvida che impossibile ) , cosi diventa strava- 
gante anzi pure impolitico e inattendibile. 

Fin qui il sig. Cridis ha parlato della politica 
militare applicaljile agli uomiui. Nel secondo libro 
prendc a parlare di cpiella che e applicabile alle 
cose. Noi ne faremo argomento di un secoudo ar- 
ticolo. 



192 



La Gcrusalcinme lihcrata, pocma dt Torquato Tasso 
lidotnt a ml^ilior Iczionc ; apgiuntovl il confronto 
dclle variantl tratto dalle piu celcbri cdizioni^ con 
note critiche snpra Ic mcdcsime. — Flrcnzc^ i^24i 
presso Giuseppe Molini. Volumi 2 in 8." , di pa- 
gine ijSo cojnplessivamente. 



u, 



NA bella e niolto accurata edizione della Geru- 
salemme venne cscguita in sul linire del 1828 dalla 
tipogratia dei Classiici Italiani in Milano , e questo 
giornalc ne resc conto (V. il torn. XXXil, pag. 809) 
con quelle lodi cli'eran dovute alia diligenza dcgli 
editori ed alio squisito i^iudizio del sig. dott. Giovanni 
Glierardini che per la * parte letteraria la diresse. 
Quclla edizione ebbe per fondamento il testo bodo- 
niano ; nia da quel testo si dilungarono gli editori , 
milanesi ogni qual volta parve loro di poter sosti- 
tnire qualche lodevole variante , clie giovasse o I'ar- 
monia del verso , o la ragione granimaticale o ii 
concetto : ne qui staremo a dire quali nornie se- 
guitassero in qneste loro sostituzioni ; clie gia abba- 
stanza ne fa parlato allora. 

Un' altra edizione della Geriisalcmme , eseguita 
nello scorso 1824 dal sig. Molini di Firenze , ci si 
presenta ora da essere annnnziata ; e se da un la to 
basta iin brevissimo esame per conoscere che qnesta 
nuova ristampa non e punto povera di pregi tipo- 
grafici , dalF altro la prefazione deir editore ci as- 
sicura clie fu condotta con tal diligenza da o-arec;- 
giare con tutte le precedcnti nella correzione del 
testo e nel niiglioranicnto della lezione. Qnesta ri- 
stampa ha per fondamento T edizione deir Osanna 
confrontata coUa bodoniana, e con quella di Erasmo 
Viotto del 1 58 1. 

Una dura e lunga impresa ci piglieremmo se voles- 
simo fare \m ragguaglio di tutti i luoghi, uei (juali 



LA GERUSA-LEMME LIBER.\TA , CCC. 1 93 

queste due edizioni discordano Tuna dairaltra; ma 
per servire da una parte alia brevita , e per dare 
dair altra qualclie prova del giudizio che siamo per 
fare di queste due edizioni riferirenio qui alcuno 
dei luoo;hi nella milanese emendati, e notati ffia in 
questo giornale da chi ne rese conto; e lo porremo 
al paragone coiredizione attnale del Molini. 

Canto III, stanza 70. 

Impara i vod omai, che a te porgiamo , 
Raccorre , e dar soccorso ai nostri mali ; 
Tu di vittoria annunzio -^ a te devoti 
Solverern trionfando al tempio i voti 

Cosi leggesi nelle stampe comuni ; ma il sig. Ghe- 
rardini vide che da quel tii di vittoria annunzio non 
poteva cavarsi c(Atrutto; ne contentandosi delle va- 
rianti introdotte dal Remondini o da qualche altro 
editore , si fece a consultare la Qerusalemme Con- 
quistata, vi lesse Tu la vittoria annunzia, e questa 
variante, a servigio della chiarezza, introdusse nella 
edizione a lui aliidata. Ma in quella del sig. Molini 
troviamo tuttavia seg;uita la lezione comune. 

Canto XIX , stanza 64. 

Ben ei darci cib che per te si chiede , 
Ma congiunta Z' avrai d' alta mercede. 

A questa lezione che a mal grado di un evidente 
errore si legge nella niaggior parte delle edizioni , 
il sig. ]\Iolini ha sostituita la seguente : 

Ben ei dara cib che per te si chiede , 
Ma con giunta I' avrai d' alta mercede , 

otfertagli da una stampa di Casalniaggiore. Ma il 
sig. Gherardini preferi a questa lezione quella che 
gli presento la Gcrusalemme Conquistata che legge: 
Ma congiunto f avrai d' alta mercede^ e ben disse il 
vero al parer nostro, alTerniando d'aver data a que- 
sta la preferenza come quella che oltre al portare 
Bibl. ItaL T. XXXVII. i3 



194 l-A CERUS\LEMMF. LinBR\TA , 

r ultimo sigillo <lel Tasso mcdesimo , ha un non so 
che di piu dignitoso die ogiii orecchio gentile potra 
sentire. 

Da questi due soli esempli puo trarsi una cou- 
seguenza , chc redizioue niilanese essendosi giovata 
anche della Qcrasalcmme Conquistata ha potuto qua. 
e la liberarsi da alcuue viziose lezioni che col sus- 
sidio dclle sole altre stanipe non si possono evitare. 
11 sig. I\Iolini , o chi per lui scrisse le annotazioni 
alle varianti , seguito una strada alquanto diversa 
da quella battuta dal sig. Cherardini, il di cui lavoro 
per altro non gli era ignoto : ma (ci sia perdonata 
la nostra sentenza ) per soverchio scrupolo talvolta 
non coglie quel vero a cui potrebbon condurlo la 
molta erudizione e Tottimo gindizio onde si mostra 
fornito. Egli pone questa massiniiv, che uella emen- 
dazione di uii. testo vlziato quaiito e minore la mu- 
tazlone che ci si fa , tanto minore e il pericolo di 
scostarsi da cid che V autore avea f alto prima; e che 
la Gerusalemme Conquistata pud valere a confermar 
cid che nell'altra si trova, quand' esse v anno ins i erne 
d' accordo ; ma non mai a farci trasportare in questa 
cid che trovasi in quella, quando non sono uniformi. 
Ma noi crediamo , e Y esperienza ce n' e maestra , 
che siccome dove e vizio , quivi non ha parte Tau- 
tore , cosi talvolta puo accadere che quella emen- 
dazione sia piu sicura , la quale piu arditamente si 
allontani dal testo ; e che non di rado chi meno se 
ne dilnnga altro non faccia che studiarsi di conser- 
vare almeno una parte dcllo storpio introdotto da 
un qualche ignorante copista. Quanto poi al sussidio 
che si puo trarre dalla Gerusalemme Conquistata^ non 
arrivammo ad indovinare sopra quale r^iziocinio I'edi- 
tore tiorentino tondasse quella sua risoluta sentenza, 
che da questo poema non si debba mai trasportare ; 
neir altro nessuna variante. In qnei casi adunque j 
( come ncl primo da noi recato ) nei quali le edi- 
zioni tutte della Gerusalemme Liberata appajono vi- , 
ziate, non sara egli biion consiglio ricorrere piuttosto ; 



POEM.V DI TORQUATO T^SSO. IqS 

air altro poenia del Tasso che al giudizio di qual- 
sivoglia editore ? Senza dubbio queste nostre opi- 
nioni vog-lion essere intese con alcuni limiti : ne 
vorrenimo che ciascuno ponesse di proprio senno 
Ic varianti che a lui piu talentano , o travasasse la 
Gerasalemme Conquistata nelT altra : ne senza una 
dose non comune di buon giudizio sara niai possi- 
bile che alciino, qualunque siasi la via che piii gli 
piace di battere , conduca a lodevole fine Y edizione 
di un classico. Del resto di buon giudizio, e di 
bella erudizione accompagnata da lodevolissima di- 
ligenza mostransi dotati amcndue gli editori di Mi- 
lano e di Firenze ; di sorte che sebbene vorremmo 
conchiudere che la stampa di Milano ci senibra piu 
purgata , pure crediamo che il leggere le annota- 
zioni alle varianti ed ai luoghi dubbj delF edizione 
del Molini potra tornare di molta utilita a chiunque 
desidera porsi in grado di giudicare con qualche 
sicurezza intoino alia vera e genuina Iczione del 
Tasso. 



196 



PxiRTE II. 

SCIENZE ED ARTI MECCANICHE. 



DclV Ibisco , pianta puliistre e comime ne contorni 
delta cittd di Mantova , e precisamente delV Hibi- 
scus roseus Thore proposto dal sig. Barbieri co- 
me pianta tigliosa da rivaleggiare negli usi dome- 
sticl la stessa cariapa. 



£ 



antico il rimprovero ( e nou sempre ingiusto ) die 
si fa ai professor! di botanica e di agraria , cioe di occu- 
parsi soverchiaivente de" vegetaljili esotici di sterile cu- 
riosita , e trascurare poscia lo studio delle piante indigene 
che possono offrire niateriali utili allearti, airagricoltura 
ed alia doniestica economia. 

Non e cosi del sig. Paolo Barbieri conservatore dell' I. 
R. Orto botanlco di Mantova. Premiato egli due anni sono 
colla menzione onorevole dall' I. R. Istituto di Milano per 
alcuni suoi tentativi onde mantenere alle piante secche 
degli erbarj botanici i colori naturali tanto delle foglie 
come de'iiori, sta ora occupandosi di un oggetto che po- 
trebbe aprire un nuovo ramo all' agraria economia de' la- 
ghi , utilizzando una pianta che abbonda infinitaraente 
nelle paludi, e che trascurata , disprezzata , non serve 
che a far fascio colle ignobili canne per essere abbruciata 
con esse nelle fornaci. 

Questa pianta e Y Ibisco. Erborizzando il sjg. Barbieri 
anni sono attorno alia citta fu sorpreso in vedere la quan- 
tita immensa di cosi bel fusto ornato da piu bel iiore. 
Confrontato coi caratteri botanici indicati dal Linneo, dal 
Wildenow, dal Persoon , trovo che le loro descrizioni non 
combinavano intieramente coll' individuo mantovano. Egli 
incline a crederlo piuttosto una Ijella yarieta del palustris 
Lin. anziche una specie distinta ; ma questo dubbio fu 



DELL IBISCO, PIANTA. PALUSTRE CCC. I97 

sclolto allorclie visito a Bologaa 1' esiiiiio professore di 
hotanica sig. Bertoloni a cui porto coii niolte altie piante 
acquatiche anche 1" Iljisco in quistione , die Jl professore 
Bertoloni non esito a riconoscere pel vero Hibiscus roseus 
Thore. Cio fu sul finir dell' agosto 1823. 

Nel successivo anno 1824 visitando a Pa via il celebre 
professore Moretti e 1' erbario sul quale sta preparando 
la Flora Italica , ebbe ragione di confermarsi nello stesso 
gindizio esternatogli dal professore di Bologna ; giudizio 
corroboraio coll' appoggio di opere botaniclie recenti,spe- 
cialmente da quella delT insigne prof. De CandoUe , clie 
meglio di tutti stalsilisce i' caratteri distiativi delle specie 
d' Ibisclii clie per la loro affinita e son.iglianza erano stati 
fin qui confusi e presi gli uni promiscuanieate per gli altri. 
Quando il sig. Barbieri trovo per la prima voka I'lbisco 
roseo non avea ancor veduta la luce la bella e niagaifica 
Flora ItaJiana del chiarissinio professore Gaetano Savi di 
Pisa, dove quella pianta e disegnata e colorata stupenda- 
niente. Essa cresce pure in abbondanza nelle vicinanze di 
Pisa, nei terreni bassi ed umidi di Tombolo e di Coltano. 
La descrizione clie il professore Savi ne da e la seguente: 
" La sua radice e perenne , ramosa, grossa e carnosa. 
I fusti spuntano nel maggto , sono annul, seniplici , ed ar- 
rivano all' altezza di deciinetri otto in nove. Le foglie al- 
terne sparse, picclolate , ovate acute, non sono cordate, 
hanno tre lobi appena distinti, e sono accompagnate da 
stipole linear! , subulate , caducbe. I peduncoli sono ter- 
minal! , semplici, aggruppati , articolati al di sopra della 
uieta della loro lungbezza. II calice esterno e di dieci o 
undici pezzi lineari , acuminati , e il calice interno e piu 
lungo, quinquelobo , con lobi triangolari acuti, clie si apre 
regolarniente nella cima. La corolla e di un vago color 
di rosa , lunga circa decimetri 1,167, ^P^i'ta a campana , 
con petali ottusi e inegnalmente crenati. Lo stilo e ascen- 
dente , quinquefido , con stimuli globoso-depressi , bianco 
giallognoli. II tulio degli stami e iiiolto piii corto del pi- 
stillo : le antere sono pedicillate , gialle , ed emettono pol- 
line glallo. La cassula e lunga centim. a-^giS, glabra, 
ovato-globosa, torosa, ristretta e acuminata in cinia , con 
logge polisperuie, interamenite pelose, ed i pell eretti verso 
le suture. I semi sono suhglobosi , conipressi e dritti dalla 
parte delP ouibelico , di colore scuro , con maccbie lineari 



198 dell'ibisco, 

pallide armate , e aspersi di piccolissimi puntl callosi , ri- 
levatl ferrigni. Tutta la pianta e di color giallo pallido , 
c tutta coperta di bi'evissima e finissiiiia lanuggiiie, in par- 
ticolar niodo visilnle nella pnglna inferiore delle foglie. 

" Comincia a fiorire dopo la meta di luglio e continua 
per tutto Tagosto. II seme maturasi nel setteinbre, e nel 
novenibre si seccano i fusti. 

» Nascono i seini con molta facilita , e le piante nel 
secondo anno iioriscono. Si nioltiplica ancora dividendone 
le radicl. >» 

Da questa descrizlone rilevasi che V Iljisco roseo dei 
contorni di Pisa non cresce a tutta quell' altezza che scor- 
gesi ne' contorni di Mantova dove se ne trovano degli steli 
( e noi gli abbiarao veduti ) di piii di tre nietri , e sono 
longltudinalmente vestiti di una sostanza tigliosa coperta 
di una finissima epiderme verdegiallognola. Dal celebre 
professore di Pisa non e notata questa particolarita, ed egU 
sentira con piacere come cotesta pianta che abbonda nelle 
luaremme pisane possa diventare un oggetto interessante 
per I' agraria economia anche delta Toscana. 

Gli antichi conoscevano 1' Iblsco , ma non ne hanno 
niai cavata alcnna sostanza tigliosa per fame cordaggi o 
tele , od altro come il sig. Barbieri propone. Secondo Vir- 
gilio i pastori ne tessevano canestri : 

Dum sedet, et gracili fiscellam texit hibisco. Virg. Egl. X, 71. 

Infatti quando e ancor verde conserva una certa tenacita 
che lo rende proprio a questo uffizio. I suoi lunghi steli 
e diritti servivano anche ai pastori per verga onde gui- 
dare gli agnelli , verga leggiera , innocua , colla quale an- 
che battendo le pecore non si corre rischio di ofFenderle : 

Hadonimque gregem viridi compellere hibisco. Egl. Ill, 3o. 

E questo e il senso nel quale intender si dee quel 
passo , e non gia come lo spiegano molti conmientatorl , 
i quali ponendo V Ibisco fra le piante nialvacee e niedi- 
cinali , fanno alle greggie pascolare 1' ibisco, forzandole i 
pastori quasi ad entrare per forza ne' luoghi eve cresce , 
e cosi medicarsi da loro medesime. 

Nel tardo autunno del'o scorso anno ( 1824) avendo 
noi visitato 1' orto botanico di Mantova , e 1' ottimo ed 
aitivo sno conservatorc sig. Barbieri , egli ne fece parte 



PIANTA PALUSTRE, OCC. lyC) 

Ji qnesti snoi stutlj e de' moiti tentativi clie aveva fatti 
per ti'ar profitto dall'Ibisco roseo , del quale raccolse una 
certa quautita , ia uiio stadio pero di vegetazione troppo 
avanzato , cioe quando avea niatui-ata ed anche perduta in 
parte la semente, per cni la sostanza tigliosa era divenutapiii 
ruvida e grossolana di quello die sarel^be stata se le piante 
si fossero raccolte piii presto. Alcuni steli infatti clie erano 
nieno maturi somministrarono uu tiglio piii fine e piii 
atto a' lavori piii dilicati; e questo e proprio della stessa 
caiiapa , la quale dev' essere raccolta non afFatto niatura , 
ma subito dopo clie ha perduto il fiore. 

Incoraggiamiiio, per quanto fii innoi,il signer Barbieri 
a proseguire alacremente nelle diverse prove che si pro- 
poneva di fare , e rinaovaiidogli un altra visita in questo 
anno ( 1828 ) trovammo con vero nostro piacere eh' egli 
era riuscito felicemeate ad impiegare il tiglio dell' IIjIsco 
in tutti gli usi ai quali serve quello della canapa , cioe 
tessendone non solamente corda e tela e maglie euc. , ma 
anche fabbricandone ottima carta da scrivere e da involgere. 

II sig. marchese Benzoni I. R, Delegate di Mantova , 
personaggio che alia coltura delle belle lettere accoppia 
r amore di tutti gli utili studj anche scientifici , procuro 
al sig. Barbieri 1' onore di poter far conoscere a S. A. I. 
il nostro Vicere i risultati della sua scoperta e di umiliare 
alFAltezza Sua in occasione del suo passaggio per Mantova 
alii 6 febbrajo di questo anno i seguenti oggetti che noi 
pure abbiamo vednti e che ci sono sembrati degni di es- 
sere annunciati in questo nostro Giornale , se non altro 
per asslcurare al sig. Barbieri il raerito di anteriorita nel 
caso che qualcun altro dopo di lui pensasse a trarre dal- 
r Ibisco gli stessi yaniaggi. 

In quest! oggetti umiliati a S. A. I. il sig. Barbieri ha 
inteso di presentare la storia de' suoi esperinienti , comin- 
ciando dalla pianta disseccata , e cosi di seguito fino alia 
fabbricazione della carta : 

I ." Pianta disseccata da parecchi anni , col fusto , col 
fiore , coUe capsule e coi semi ; 

2.* Cortecce verdi macerate che diedero un filo bianco 
lucente. 

3.' Cortecce raaceratesi naturalmente sul luogo e per 
opera della stagione onde mostrare come il tiglio si stacca 
e si purga da se, e rendesi suscettibile di porsi in opera; 



200 DELL iniSCO , I'UNT.V PALUSTRE , eCC. 

4-* Filo ottenuto da fusti alti fino sette biaccia , e 
diversi prodotti lavorati con esso ; 

5." Filo ottenutosi seiiza niacero mediaiite la niac- 
chiiia ossia cilindro scanellato del dottor Sacco ; 

6." Cordami di varia qualita , iinezza e grossezza 
fabbricati con esso ; 

J." Tessuto di tela , ed una calzetta fatta con detto 
filo; ' 

8." Carta con colla e senza , e cartoncino colorito 
naturalniente di un verdognolo sbiadito attissimo pei dise- 
guatori. 

Fra tiitte le carte die alibiamo vedute fatte con succe- 
danei ai cenci questa ci scndira assolutaniente prefcribile , 
ed e ottinia anche da scrivere ad uso di minute, per di- 
segnare alia uiatita e all' acquerello , e per coprir cartoni 
Ai libri legati , p. e., alia Bodoniana, perciie il suo colore 
verdognolo grigio e grato all' occliio ed eguale , ben fuse 
e senza macchie. 

11 sig. Barbieri spera di trarre dalla parte legnosa del 
fnsto un altro vantaggio. Consideratane la grossezza , la 
spngnosita e leggere^za ha pensato abbruciandolo ( dopo 
coltone il tiglio ) di fame carbone eccellente per la fab- 
brica delle polveri da cannone e da caccia , giacche la 
leggerezza si e appunto la qualita dei vegetabili die si 
ricerca per slfFatto uso. Noi saremo avv^ertiti del success© 
anclie di questa prova, e ci faremo debito di comvinicarlo 
al pubblico. Intanto non vogliamo tralasciare di tributare 
alio zelo del sig. Barbieri la dovuta lode , e desideriamo 
che implori ed ottenga incoraggianienti di fatto , mentre 
noi uon possiamo soccorrerlo che colle parole. 



I 



Amministrazione economica della foglia de gelsi nella 
coltwnzioue de bachi da seta. Memoria del dottore 
Ignazio Lomeni , con appendice J'elativa, ai gelsi 
cd ai bachi. — Milan o , 1824, per Giovanni Sil- 
vestri , opuscolo in 8.°, di pag. 96. 



L. 



;a coltivazione de' bachi da seta e dei gelsi e argomento 
di SI grande impoi'tanza in cjuesti tempi , clie noii bisogna 
preterire e trascurare nessuno de' consigli die tendono al 
perfezionaniento e all' econouiia di uii prodotto cosi utile 
e il solo ormai che mei-iti tutte le cure delP agi'icoltore. 
II sig. Lomeni e alquanto prolisso nell' esprimere le sue 
idee , e questo opuscolo di 96 pagine ne contiene almeno 
due terzi d' inutili per chi cerca nel suo lavoro cio che 
e suo e cio cRe risguarda il titolo della Memoria, V Am- 
ministrazione economica della foglia de'' gelsi. Noi daremo 
a' nostri lettori tutto il succo di essa , risparmiando loro 
tutti i preamboli e tutte le ripetizioni e le declamazioni 
contro gli abusi pressoche generali nel consume della 
foglia (1). Egli non comincia ad entrare in materia che 
alia pag. 38. fl verissimo che il valore de' bozzoli va cal- 
colato pel proprietario in ragione della quantita della fo- 
glia stata consumata nella coltivazione de' bachi , e che 
pill guadagnera colui che ha ricavati piu bozzoli col minor 
consumo possil^ile. Dalle esperienze e dai calcoli fatti sap- 
piamo che da un' oncia di semente di bachi ben governati 
si ricavauo da 70 ad 80 libbre di bozzoli , col consumo 
di 908 libbre di foglia mondata (2). Una libbra dunque 

(i) Soiio corsi in questa edizione moiri error! di lingua che 
forse sono dello stampatore. Per esenipio I'autore confonde co- 
stantemeiite il le per il gli e adopera 1' uno per 1' altro : vedi 
j;ag. 13, lin. i3 e 19, ove il le e 11 pli stanno in vece di loro, 
F'ag. 43, lin. 9, pag. 45, lin. 9 e i5, pag. 64, lin. 19, pag. 
58, lin. I, pag. 60, lin. j; ove le sta invece di /oro, pag. 65 , 
1 n. 9 e 16 ecc, ecc. aggiungasi poi notrizie per nutritizie , co«- 
pescere ptT couiprimere ecc. ecc. ( Nota del Coinpilatore ). 

(2) Tutti i pesi di ciii si fa parola in quest' articolo sono mi- 
1-inesi , cioe calcolata la libbia a 38 once (Nolo dell' Autoie). ~ 



•20a A^rMlXTSTn \ZIOXF. ECONOMrCA 

di hozzoli esige circa libbre i3 di foglia monJata. Da 
cjuesto (lato parte 1' autorc pei successivi siioi calcoli ; e 
noi facciamo astrazioiie da piccole niodilicazioiii da lui 
accennate e che non sono indispensabili alio scopo che ci 
sianio prefissi. Ora ecco qualL sono i suggerimenti del si- 
gner Lomeni. 

II proprietario dopo die avrii fatti nascere i Ijaclii , da 
persone a cio destinate farh cogliere glornalmente la quantita 
approsslmativa di foglia die ])ot.ra occorrergli airindomani 
ed anciie per due o tre giorni di seguito , a norma della 
stagione o della distanza de' gelsi dalla casa padronale. 

Tutta la foglia raccolta verra trasportata alia casa pa- 
dronale , ove verra riposta in freschi ed asciutti locali , 
pesandola previamente e registrandone 1' ammontare in 
apposite llbro-magazziao , nel quale si notera pure di 
giorno in gionio 1' uscita. 

Le spese della sfogliatura si porranno a carico de" sin- 
goli coloni in proporzione della quantita totale che fij loro 
somministrata. 

I coloni durante tutto il corso della coltlvazione de'ba- 
chi dovranno ogni giorno in una determinata oia presen- 
tarsi alia casa padronale per ricevervi la quantita di foglia 
occorrente per le seguenti ventiqnattr' ore al nutrimento 
de' baciii da essi tenuti. 

I coloni non potranno servirsi della foglia loro sommi- 
nistrata ad altro uso che a quello del nutrimento de'bachi, 
dal padrone aflidati loro, sotto pena di dover compensar- 
gli i danni recatigli dalla contravvenzione a quest' obbligo. 

II proprietario, o suo agente , in occasione della dlstrilju- 
zione o consegna de' baclii a' suoi coloni fara una nota 
distinta, nella quale indichera per approssimazione la quan- 
tita di bachi a ciascun colono affidati sul dato approssi- 
mativo della quantita in peso della semente, e per questa 
nota veggasi la tabells A (i). CoUa scorta di queste 



(i) Siccome la quantita de' baclii nati clie si dispensaao ai 
coloni socidali forma il punto dal quale dee partire ogni altro cal- 
colo , cosi i nostri lettori comprenderanno quanto dilicato e impor- 
tante sia questo primo passo , e quanto debba essere diretto ia 
modo da inspirare fiducia anziche proinovere diffidenza. Le pa- 
role approssimativo ed approssiniativamentc usate dall' autore 
non ci contentano ditnque molto ; ri sembra eziandio che tro'pj)© 



i 



DELL\ FOCLIA. De' GELSI, CCC. 203 

notlzie e seguendo le indica/ioni espresse nella tabella B , 
sara facile il giudicare dcUa proporzione o sproporzione 
della relativa domanda di foglia nelle giornaliere soninii- 
nistrazioni , e si potra all' uopo correggerne il peteiite 
indiscrete. 

La foglia die verra cosi distribuita sara esattamente pe- 
sata a vista del colono stesso die la riceve , e verrti ogni 
volta registrata in sua presenza sopra apposito libro , in 
cui saranno esposte tante partite separate colle intestazioni 
de' singoli coloni coi'ne alia luodnla C (i). 

Ultimate le parziali somministrazioni della foglia ed ag- 
giimta a ciascuna partita la quota spettante al calo sofFerto 
pel magazzinaegio (2), ogni partita colonica rappresentera 

si abbandoni la cosa alia buona fede del proprietario o del- 
r agente. Sarebbe a nostro avvieo necessario clie i coloni soci- 
dali che si sottopongono alle condizioni che vuole V aulore, e 
che si diranno in seguito , avessero il diritto d' invigdare ed 
aesistere alia nascita di quella porzione di seniente clie e loro 
destinata , e cio appunto per assicurarli della precisa quantita 
( non dell' approssimativa ) dl seniente ctie loro e toccata da 
allevare e nutrire fino aU'epoca di niettere i bachi al lavoro ; 
assicurato cosi il primo dato , tutti gli altri calcoli clie da questo 
dipendono trovei-anno meno difEcolta ed opposizioni {Nota del 
Compilatore ). 

(i) II paesano e diffidentissimo in ogni paese , quind; non si 
eccede niai nelT assicurarli della inipossibilita d'ingannarli. Non 
basta dunque a nostro avviso clie il proprietario od agente noti 
sopra apposito libro alia presenza del colono la quantita di fo- 
glia somniinistratagli ogni volta, ma sara nieglio die il colono 
stesso abbia uq libretto che portera e terra seco , nel quale il 
proprietarii> notera la souiministrazione giornaliera. 11 colono 
potra in tal guisa procurarsi anche la soddisfazione di verificare 
in sua abitazione il peso della quantita di foglia, e tutto questo 
giovera a predisporl) alle condizioni, ai pesi e ai prenij die 
si diranno in appresso ( ISota del Compilatore ). 

(2) II calo pel niagazzinaggio s ra facilmente liquidabile dal 
confronto dell' entrata e sorlita registrata al libro-magazzino , 
per cui , verificato V amiuontare di esso calo in ragione di cento 
libbre , si dara debito di esso a ciascun coltivatore in propor- 
zione della quantita di foglia, die le (gli) sara stata sonnuini- 
strata ; e la soninia della foglia fornita e dell' ammontave del 
calo di niagazzinaggio rappresentera il totale della foglia rispet- 
tivamente consuniata , considerata appena tratta dall' albero , 
giacche i calcoli portati dalla tabella D si riferiscono appunto 
a foglia appena raccolta {Nota dell' Auiote). 



204 AMMINISTAZIONF, ECONOATIC A. 

il totale individaalmeiite soiuininistrato in foglia natnrale, 
cioe appena spiccata dair albero: la somma di quest! totali 
registrata a suo luogo m-lla tabella A indicliera il vero 
aiumontare di tutta la foglia impiegata : e qnesto servira, 
priino a calcolare il verosiiiiile vaccolto in peso di bozzoli; 
secoi:^do a stabilire per approssiniazione il prezzo d' ori- 
giiie per ciascnna libura di Ijozzoli, ed a lissare una pi'e- 
cisa nozione sulla quantita di foglia raccolta dai beni della 
possesiione. 

In vista delle stagioni e delle influenze meteoriche , la 
stessa foglia non da ogni anno il medesimo rlsultato ne 
di qnalita nutritiva , ne di maturanza , per cui resta in- 
certo il tempo da iinpiegarsi all' intero corso della colti— 
vazione de' bachi. Si dovra quindi staliilire dal proprietario 
o dall agente il termine presumibile di consumazione , o 
sia la quantita di foglia per adequato necessaria in quel- 
r anno per ottenere una libbra di bozzoli. Per giugnere 
alia verificazione di questo termine 1' autore indica tre 
mezzi, ossia tre esperimenti da eseguirsi con diligenza nel 
decorso della durata della raccolta della foglia ; uno cioe 
al termine della prima eta de' bachi :, il secondo al principio 
della quarta eta ; il terzo a meta circa della quinta eta. 
Tali esperimenti consister devono nel sottoporre ad esatta 
niondatura libbre loo di foglia per ciascnna volta (i), 
onde rilevare quale sia la perdita clie la foglia subisce in 
mondature : la somma dei tre risultati di perdita divisa 
per tre dara T adequato annale di calo in mondature , e 
questo adequato sara la vera radice pel rinvenimento del 
termine ricercato , al che servira la tabella D , in cui e 
contrapposto a ciascun adequato di calo il necessario quan- 
titatJvo di foglia naturale tanto per la nutrizione de' bachi 

(i) La niondatura della foglia per gli esperiiiientl deve vaviare 
a seconda dell' eta de' bachi : in conseguenza nel priiiio espe- 
riniento si fara attentamente separando tutti i frutti ed i piccioli 
ramicelli in niodo che non riinangauo clie le pure foglie co' suoi 
picciuoli; nel secondo si leveranno sohanto i frutti ed i rami- 
celli o virguhi piu rilevati; e nell' uhimo non si sottiarranno 
che i virguhi ed i gruppi numerosi di frutti, riducendola cosi 
alia condizione in cui viene naturalmente adoperata, giacche 
r estrenio delle libbre 908 che si dissero abbisognare alia nu- 
trizione di un' oncia di bachi e appunto fondato sulla foglia 
niondata, giusta la pratica ordinaria di use ( Nota delC Autore). 



DELL A FOCI I A De' CELSI, CCC. 2o5 

procedeiiti da nu' oncia di semente , quanto per ottenere 
da essi Imchi ciascuna lilibra di bozzoli. Questo terinirie 
verificato si inscriveua pure a suo luogo nella tabella A 
e nel lil)ro C. 

Raccolti i bozzoli , e verificato il totale consegaato da 
ciascun coloiio, si registrera esso tanto alia pai-tita di lui 
e nel libro C, quanto all' apposita colonna nella tabella A. 
Cosi opeiando le partite del libro riusciranao altrettanti 
specciii diuiostratori della quantita della semente, del peso 
della foglia iiupiegata, del relativo raccolto di bozzoli, e 
per conseguenza del qiiantitativo di foglia impiegata dal 
colono per produrre una libbra di bozzoli. La tabella A 
pol mostrera il paragone del maggiore o minor consumo 
di foglia, e a colpo d' occliio indicliera quale fra i coloni 
sia stato il plu esperto , il piii bravo , il piii economo , come 
in pari tempo notera il piu indolente e il piii zotico. 

L' autore contempla il caso di sjragnuola , e dice clie se 
<{uesta e devastatrice obbliga il proprietario od a gettare 
i ])aclii od a far provvista di nuova foglia, e in tal caso 
non merita aicuna considerazione; ma se poi non fa clie 
alterare in parte il tessuto della foglia, si dovra in pro- 
porzioae del danno fare all" adequato di cousumo 1' addi- 
zione di una, due o piii liljbre di foglia a norma delle 
circostanze, e principalmente delP epoca in cui sara acca— 
duto r infortunio , per avere considerazione a quanto di 
seccume .jjresentar possono i bordi lacerati della foglia : 
lo stesso si praticbera in occasione clie la foglia abbia 
sofferta la maccliiatura (i). 

Istituito il confronto coi mezzi sopra indicati fra. 1' ade- 
quato di consumazione presuntiva ed il consumo reale, 
si dara debito a ciascun colono della quantita di foglia 
clie avra consumata inutilmente, poiclie tale eccesso di 



(l) Clii per iscliivare ogni anno di venli( are con esperliiieiiti 
il calo della ioL^li.i in iiumilatuia onde stabilire 1' adequato pre- 
ventivo di consumazione, e per sottrarsi pure alle dillicoUa ed 
allc variazioni offerte dalla gragnuola, dal seccume , dalla uiac- 
chiatura ecc. , amasse lueglio di ritenere un adecjuatu costante 
catcolato sul novennio , lo potrebbe benissimo fare, e il nostro 
autore opina die 17 o al piu 18 libbre di foglia naturalc per 
riascuna libbra di bozzoli sarebbero uu calcolo equo (Nota dcl^ 
Compilacore ). 



2C6 AMMINISTRAZIONF, ECONOMICA 

consmuo noa puo attrihuirsi die alia trascuranza e al cat- 
tivo impiego cle' buoni nietodi di governare i bachi , op- 
)>ure a riprovevole spensieratez/.a nell' uso della foglia , 
oil a frocli usate sn tpiesta o sui bozzoli. II valore di 
sifFatto conipenso si sialjilira dietro il prezzo stato prati- 
cato nel coniniercio della foglia sul luogo. 

All' opposto per aniinare sempre piii i coloni socidali 
air esatta osservanza delle leggi di buon governo de' ba- 
chi, e ad una saggia economia della foglia , ogni proprie- 
tario in proporzione delle sue facolta e dell' ampiezza 
delle sue tenute stabilira la distribiizione ogni anno di 
due prenij pecunjarj , il piimo de' quali sara il duplicate 
del secondo. 

Al niaggior preniio avranno diritto que' coloni die sa- 
ranno riusciti a produrre la libbra di bozzoli con un quan- 
titative di foglia niinore del precisato nell' adequate di 
consnniazione , e sara sempre fra questi preferito clii ne 
avra iiupiegato di meno in confronto de' snoi colleglii 
aspirant!. 

Al secondo premio concorreranno tutti gli altri coloni , 
e I'otterra clii avra prodotta la libbra di bozzoli con minor 
consume di foglia di tutti gli altri. Nel case di parita, tanto 
pel priiuo die pel secondo premio, la sorte decidera. 1 varj 
gradi di diritto, o la parita si desumeranno dai risultati 
registratl uella tabella A. 

La distribuzione de' succennati premj avra luQgo in un 
giorno determinate uon piu tardi del decimo dope fatto 
il raccolto de' JdozzoH. In tal giorno si con voclieranne nella 
casa padronale tutti i coloni socidali e ad alta voce si 
leggeranne lore i risultati registrati nella tabella ^4 , e si 
cenferiranno i rispettivi premj , numerandone I'ammentare 
premesso. II premiato col secondo premie rimarra esente 
eziandie dal compensare il quantitative di foglia consumate 
oltre il termine preventive di censumazlone, quando pero 
r ammontnre di questo e del preniio assegnato riunni 
lion giungano a parificare la totalita del prime preniio , 
nel qual cnso sarii tennto esente soltanto dalla met.^ di 
esse compenso. 

L' autore centenipla il case di qualclie frode per parte 
de' coloni , sia nella tlandestina sestituzione di altra se- 
mente , o nella sottr^zionc de' bozzoli, e stabilisce sotto 
la forma e iiatura di patto delle penali . o coinpensi da 



DELIA FOGLIA DE CKI.SI, ecc. 207 

esigersi senza ricorrere a' tribunali. Lu cjual cosa per ve- 
rita snppone una docilita e boiiarieta ne' coloni piu tco- 
retica die pratica : e noi crecHanio prima di tutto ardua 
e difficile la prova della frode ; difficile la coafession nel 
contravventore; difficilissima la condiscendeiiza in lui di 
sottoporsi alia pena. In ogni modo 1' autore trova prati- 
cabilissinio cjuanto propone. 

Passa r autore a fare 1' apologia del suo sistema econo- 
niico niostrandone i buo^ii efFetti, ma quelle che piii im- 
porta , cgli dice , die avendone comunicate le sue idee a 
certi signori Conti , essi lo misero in praiica in una loi'o 
tenuta nel couuine di Arluno. Egli da quindi i risultamenti 
delle loro esperienze con una tabella eseguita giusta il 
sistema dell' autore, la quale tabella porta seco un nuovo 
grado di liducia e d'importanza , poiclie i dati in essa re- 
gistrati non sono ipotetici, ma di fatto. Ecco dunque come 
r autore espone gli esperiinenii ■ del signor Gio. Battista 
Cond eseguiti sotto la soprintendenza del cugino di lui 
Carlo Beretta , gio vane, die' egli, di abilita, zelante e pa- 
ziente. 

Ultimata, die' egli , la covatura della semente , furono 
divjsii baclii In tredici porzioni, dodici delle quali furono 
distriljuitc ad altrettanti coltivatori,' ed una fu educata 
dallo stesso signor Carlo Beretta nella casa padronale. 
Questa partita che si regolo a tutto rigore di arte, e per 
la quale pure era scrupolosamente osservato ii sistema 
nmministrativo dell" autore, fu destinata a servire di crite- 
rio per gli altri coltivatori, ed era percio ad essi osten- 
sibile in qualunque ora del giorno. 

I risultati linali di questa coltivazione vedonsi registrati 
nella seguente tabella. 



208 AMMINISTRAZIONE ECONOMICS 


V 




RjAssuNTo delle partite coloniche 


rlferibill alia 


c» 






nel comune i 


Cognomc e Nome. 


Bachi 
ill ragione 


Foglia 
(li gelso 
soniniini- 


Bozzoli 
raccolti. 


Coiisunio vero 

di foglia 

ogni libbra 


Ac 
di c 
zioi 




cli seme. 


strala. 






cli bozzoli. 


espe, 




on« dtn. 


libbrc once 


iibb. 


once 


lib. once 


/;6. 


Casa Padronale . . 


I 13 


i33i 14 


98 


14 


i3 i3 y.„ 


1 5; 


Saleri Gio.,massaro 


2 lO 


33i8 7 


148 


— 


i5 18 73/;^^ 




Bdttini Paolo, pig.' 


I 12. 


1393 ■ — 


88 


14 


1 5 20 '%,, 




Cassani Giuseppe . 


I 8 


1234 8 


76 


— 


16 6 73/^^ 




Nebulone Giovanni 


I 12 


1407 — 


84 


14 


16 18 ^y_^^ 




Morazzoni Yincen. 


20 


863 — 


5o 


— 


17 7 ^y.o. 




Cassani Carlo . . . 


— i8 


783 14 


43 


14 


n 8 'V.oo 




Cattaneo Francesco 


23 


1018 — 


58 


14 


17 "-y-oe 




Barate Carlo . . . 


1 


1134 9 


60 


— 


18 30 «/.„, 




Barate Antonio , . 


I 4 


1 1 38 — 


57 


— 


19 37 — 




Antonino Giuseppe 


33 


1133 30 


54 


14 


20 17 ^y.„o 




Cassani Pietro . . 


— i8 


848 20 


41 


— 


20 19 ^V.oo 




Rosa Carlo .... 


33 


ioo3 7 


47 


— 


2 1 9 "/.oo 






l5 13 


15544 1 5 


906 


14 




=i 



DELI.V FOGLIA UJi CELSI , CCC. 20Q 

ij de' bachl nclla posscssioiie del sl^nori fratelll Conti 
tV anno 1824. 



Foglia 

piu consumata 

da 

conipciisarsl. 



OSSERVAZIONI. 



5o 


19 


"~~ 


36 


I 


■A 


h 


2 + 


— 


I li 


9 


7a 


c;6 


26 


— 


86 


— 


7'^ 


31 


'9 


'A 



26-1- 

288 

220 

283 



19 'L 

i5 — 
^ — 



i835 18 '/, 



Ba qiiesto quailro emerge primo, che Saleri e Bottlni 
lianuu meglio ilcgll altri coitivatorl seguite le legole di 
biicjii governi), c quelle (11 amiuiuiitraziojie ecojiomica 
deila fiiglia; e che iiel caso dell'asieguamento di pre- 
mio , il preniio secondo sp«ltterel)be a Saleri, non 
avendo luogo pel piesente anno 1' assegnamen'to del pri- 
mo pi-emio, non amnietlcnvloii a coucorso la partita Pa- 
droniilc Secondo che Cussani Carlo e Caltaneo Francesco 
hanno consunto, e vero, maggior foglia del bisogno ; nia 
con->iderando che per la niiuacciata scarsezza di foglia 
hanno cpiesti dovuto gettare 1/24 circa de' loro baclii al 
termine della cjuarta eta, e che il j}febulone ebbe ad osscr- 
varc fra' suoi bachi alcuni giuLlonl , non e il loro consn- 
mo gran co;a cccedenlc: lo ste^so riflesso e applicabile 
anche a Borate Antonio, Ant onino Giuseppe e Rosa Carlo, 
i quali avendo gettato all' incirca 1/16 dei bachi come 
sopra, il loro consumo si avvlcina scnsibilmentc ad una 
mi^ura plii proporzionalc. Non c percio che non debhano 
metterii in avvertenza per 1' avvcnire, e sorvejliarli nel 
venturo anno. 11 Cassani Pietro che non ha gettati hachi 
e il pin riprovevole.per I'eccedente consumo, e dovra 
piu degli altri sorvegliarsi , e frenarsi per 1' avvenire. 

Alcuni vollero sj)iegarc il loro consumo col titolo 
di avere essi delle abitazioni frcdde , e di aver iii- 
contrate neil' ultima eta de' liachi le frcdde e ven- 
tose giornate del mezzo giugno. Ma quejsta scusa non 
c logittima, giacchc il buon coltivatore sapendo che 
in ba^fa temperatura i bachi non maiigiano con 
grantle voracita , deve andar pii'i guardingo , e piu 
ccoiionio nella quantita di foglia che assegna a cia- 
scun pasto, onde non si abbiano ad avere grandi rc- 
sidni di foglia non mangiata che aumeatano il volume 
dc'lctti, cd cfpongono a gravi pericoli la collivazione. 

Jl tolale raccoko de' bozzoli sta qui in ragione ili 
li'-'bre 58, once 14 per ogni oncia di seme, questu 
sendirera, ed e difatto scarso ; raa a questa scarsczza 
ha in molta parte contribuito 1' aver dovuto l^isci.ire 
i bozzoli sul bosco alT incirca giorni i5, gli ultinii 
de' (jii.di ventosi , hanno portato ini eccessivo ]>i-o- 
sciut;-;nicnto , in modo che per adequate furono iie- 
cessarj bozzuli 420 a costituire una libbra donee 28. 



Wihl. iLuL T. >.XXV1!. 



14 



2IO A>UMIN1STRAZ10NE ECONOMICA 

Ncl premesso riassunto si vede , die la perdita in inon- 
dature della foglla de' gelsi eiiiersa al sigaor Beretta fu di 
lilib. l5, one. 12 circa pev cento, per cui T adequato di 
consiunazione risnlto di lihb. i5, cue. 9 di foglia naiurale 
per oi^ni llbbra di bozzoli. 

Nella casa padronale si ottenne la lilibra di bozzoli con 
sole libb. T3,onc. 1 3 e a/'ioo di foglia; e presso i coloni 
Soieri e Botti.ai che fiuono i piii docili ed economi , il 
consume reale non ha ecceduto clie di j^oclie once 1' ade- 
qnato slabilito. 

Dobbiamo conipiangere una circostanza che toglie al- 
quanto alia fiducia ed esattezza di questi calcoli , ed e 
quella gia accenaata uelle osservazioni della taljella , cioe 
di aver fatti geitare ad alcuni coloni de' bachi per la nii- 
iiacciata scarsezza di foglia, per cui non si possono con- 
siderare piu che come approssimative le risultanze di 
alcune partite. Nulladimeno non si puo negare die questa 
tabella non ofFra utili lumi per le altre partite non sog— 
gette a tale inconveniente , e principalmente per quella 
coltivata dal diligente ed esperto sigoor Beretta; il quale 
con one. i5, den. 12 di semente consumando libb. i5544, 
one. i5 di foglia ha prodotte libb. c)o6 , one, 14 di bozzoli 
da n." 420 per libbra. Ha dunque libb. 1002, one. 24 
circa di foglia per oiicia di semente contro il raceolio di 
libb. 58, once 14 di bozzoli, ciascuna liljbra de' quali e 
costata in monte poco piii di libb. 17, one. 4 di foglia 
naturale. Se i suoi bozzoli fossero stall del peso di 36o 
])er libbra (come avviene de' migliori ) egli avrebbe avuta 
la soddisfazione di raccogliere collo stesso numero di ba- 
clii , lib]}. 68, one. 7 di bozzoli per ogiii oneia di seme, ed 
in allora questi bozzoli non gli sarebbero costati die 
libb. 14, one. ao circa di foglia per libbra (i). 



(1) Faremo qui osservare al nostro autore che se i bozzoli 
del sig. Beretta avessero avuto iiiaggior seta, e per consegiienza 
inaggior pe.so , prubTbilinente i bachi avfebbero mangiata una 
quantita uiaggiorc dl foglia, ed avrebbero quindi portata una 
difFerenza nel siio calcolo i])Otetico ; imperciocche genf raln-.ente 
jarlando il bozzolo quarido e duro, consisterite e ricco di 60- 
stanza stiica , lo e sei ipre in proporzione della salute del baco 
e della quantita di ioi:Ua da csso mangiata ( Nota del Com-' 
pilaCure ). 



DEtLA FOCLIA. DE CEL8I , eCC. 3 1 I 

Se dunque dal consumo reale di foglia verlficatosi ia 
lib. 17, one. 4 per ogai libhra di bozzoli raccolti si fac- 
ciano le opportune deduzioni per la porzione di foglia 
inutilmente maiigiata dai bachi gettati a periodo inoltrato 
di eta, e se si faccia riflesso al numero di bachi che do- 
vettero lavorare e formare una libbra di bozzoli , si vedra 
dice I'autore, che le risultanze pratiche di questa coltiva- 
zione assai ragionevoliiiente si avviciiiano agli estremi ia- 
dicati nel proposto metodo di ammiaistrazione , e consi- 
derare si possono non come ideali , ma aveiiti la sanzione 
deir esperieiiza. 

La difFerenza poi che passa tra il consumo vero del 
Soleri e del Bottini , e quello dei tre ultimi, Antonino , 
Cassani e Rosa mette il suggello in conferma dell' utilita 
del sistema dell' autore. I bozzoli raccolti dal Saleri e dal 
Bottini sono costati fra libb. i5 , one. 18 e le libb. i5 , 
one. 21 di foglia; mentre gli altri sono ascesi oltre le 
libb. 20 , one. ^'J , e le libb. 31 , one. 9, che e qnanto dire 
cinque buone libbre e mezzo di foglia di piu. Se 1' ade- 
quato di consumazione non fosse stato congruo , come 
avrebbero potuto i due primi avvicinarsi di tanto? E se 
questi lianno saputo dare una libbra di bozzoli col suc- 
cennato consumo, perclie non lo potevano e non lo do- 
veano anclie gli altri che ebbero sulle giorualiere sonniii- 
nistrazioni foglia di (juaiita eguale a quella de'loro colleghi? 

lliportereuio qui le tabelle delle quali si e fatta parola 
nel corso di questo articolo, lasciandovi come sono anclie 
le dilucidazioni dclT autore. 



21 J 



AMMIA'ISTR.VZIONE I'CONOMICA 






o 















^^^ 






•iiiotTcAassSO 






o o 

s £ 




i5 


•|utt niauoiu \: 


1 




oijjaiiiiuoj |ou 


■o 




2; 2 




.5 


ri|3oj ip 


Cv 




^ 




•» 


ooi -.i;, ,,i:!o 






1^" ^ 

o 




_o 


0//JJ,[ 


:r 








o 
































rt 












s S2 












o 


.5 5 S 


1 






E -^ 




1 


-3 3 


C4 

.-5 




^ 


.2 o 

i 1 






O o 


1 








ii 


^ 1 .1 1 i 


CI 




2 '-5 




c 


ac u to o ^ 


O 










o c. 5 « 2 












(1, 5 " <- - 






.s 


Q 


"C 


£ -2 ^ --5 


J 


^ 


c o 


'i 


S u 


■iluaniiasiUa 


« 
M 




'"" 2 


s. 


^■~ 


i|Si^> 


2 




C '^ 


o 


— 




O 




*E- "^ 


.s 


c* 2 


3U0izL'ransuo3 ip 
ojcnbapv 


.a 




2 .1 


-^ 


S 5 
^ 1 








o 


> 
o 




^' 1 


e 


'1 ^ 


c "1^2 S 


5 






8 


a . 








n o 




&, • 








8 £1 


C 


a ^ 




1 






'o — 


^ 






C o 


^ 


r 




o 










"2 a 






























M 2 


£ 




2 


' s .2 

So . g 


« 


sa 










O 


ci 






|2 ^ 


^ 


V ^2 

fl a, 


^ i 


■ 3 






^ Z ~ 




o ^ 
C - 


'O .- 


C^ 






-T "" ^ 




o 


a 














rt -2 


cs 






R - = 




« fl 


"-— s 














6X) p 








~ >^ ? 






^ g 


2 




2 


U o J 




*C '3 


c ^ 


~^~ 






















-^ "* c 










Q *J --^ 




o 


(J tXi o 










c ^ ^ 




C-'jH 


n s ■-« 
















H *• .- 


CJ 






^ 


'i a " 




^ .— ^ 


3 "^ 


o 






•2 


2 c-Z 












g 




s 


g O g 






5 

t5 ■-■ 


C 3 


? 


■;; 's 1 




.^ o 














5) "S 

O 'u 
C -3 


"c — 


s 

c 


lis 

S 3 




|z 


c 












O 


O c 


(3 




-— . 





DELL A FOCLIA, DE GELSI, OCC. 



2l3 



Tabella induaiUc t approssimativo conswno giornaliero di 
foglta natiiralc per la nutrizione de bachi nati da uii oucia 
dl seme ncl giro delle sue cinque etd , ritenuto il di lei 
calo in moiidature al i5 per cento. 



Prima 


eta. 


Seconda eta. 


Terza eta. 


Quarta eta. 


Quiiita 


eta. 




o 


Fc 


glia. 



c 






Foglia. 


c 


Fogli.n. 



1 


Fogli.!. 


c 

I 


lib 


Fog 


i.n. 




1 


lib. - 


-on. 14 


I 


jib. 1 on. 14 


I 


lib. Son 


lib 


I 5 on. — 


do 


on. — 




1 


.. - 


- >> 21 


2 


" 2 i> 7 


2 


» -7 >. — 


2 


>. 


21 .. 2 


.. 


80 


» — 




3 


„ 


I » 7 


.=; 


.• 3 >. 7 


3 


" 9 - — 


3 




27 .. - 3 


.. 


100 


.. — 




4 


>■ 


I .. 14 


4 


.. 3 .. .4 


4 


,. II,. — 


4 


.. 


33 ,. — 


4 


» 


120 


- — 




5 


» 


I » 7 


5 


,. 3 .. 14 


5 


» II,. — 


5 


» 


33 « — 


5 


■• 


120 


i> — 




6 


>. 


I » — 


6 


.. 2 .. 14 


6 


,. 7 .. — 


6 


» 


21 » — C 


>• 


120 


» — 




7 


,. _ 


- M 21 


7 


>• 2 j> — 


7 


.. 6 » — 


" 


.. 


18 ,. — 7 


■ 


120 


.. — 




8 


'■ - 


- » 14 




lib. 18 on. 14 




lil,. 50 on.— 




" 


— » — 


8 


" 


80 


.. — 




lib. 


7 on. 14 


lib 


i63on.— 


lib 


800 


>n. — 




























1 



RIASSUNTO. 

Prima eta lib. 7 

Seconda eta » 18 

Terza et.\ » 56 

Quarta eta » 168 

Quinta eta » 8co 

Totale lib. ic5o 



one. 14 

» 14 



La presente tabella si e redatta con poche variazioai dlc-rro la scoKa 
tlelP immortale opera Dell' arte di governare i bachi del celebre conte Dan- 
dolo , che con somma peispicacia ha indicata e stesa la storia naturale di 
questi utilissimi bruchi. Non vi fu fenoraeno atteneutc al loro modo di 
esistere , che da esso non sia stato con grande- accuratezza osservato e de- 
scritto. Dandolo fu un genio in varie parti dell' agricolciira , e specialnienie 
in fjuesta : le di liii opere che mentre egli viveva non gli procacciaroiiii 
da' 8U0I concittadini la stima e la gratitudine uieritata , saranno forse 1111 
testo assai piu venerato nella posterita : e qiicsta la sorte riservata in ge- 
nerale agli autori viventi , e tanto piu a c[uelli che con franchi voli tra- 
scendono la linea dclla niediocrita : io doveva all' amicizia ed alia bonia 
con cui I'illusrre defunto mi onorava rpiesto teaue tribiito alia di, lui teuera 
ricorilnnza. 



214 

C 



AMMIXISTBAZ.IONK SCONOMICA 



Dare. 

Garibolcli Paolo pigionante. 

i8a . . . 

Bachi consegnati in ra- 
glone di semente one. i '/,, 



FogUa somministrata. 

Maggio 4 lib. 

5 " 

6 / 

7 •••••• " 



Totale foglia som- 
ministrata lib. 1259.21 
Compctenza con- 

troscritta . » 1026. — 



Foglia da com- 

peii'^arsi . liit. i33. a I 



A V B R E. 



Bozzoli raccolti e con- 
segnati .... lib. 65 



Ritenuto T adequate di 
consumo emerso nel 
corrente anno dagli 
esperinienti a lib. 1 5 
once 22 di foglia 
ogni libbra di boz- 
zoli, ne spettano al 
raccoltodilib.65 lib. 1C26 



DKLLA. FOCLIA DF.' GEL9I , eCC, 



ai5 



D 

Tabblla diinosrrathia del comumo di foglia vaturale per nutrire 
i hachi di un oncia di seme col prodouo di sole libbre 70 di 
hozzoli , per ritrovare qaanco se ne debba consumare approssi- 
maiivamente per ciastuna libbra di bozznli diecro le diverse pro- 
porzioni di calo , cui la foglia naturole soggiace in. mondaCure. 



\ 

Calo in raondaturc 


Foglia naturale 


Quota di foo 


lia naturale 


ogni libbre lOO 


ocrorreaie per uii'oncia 


per ciascu 


na libbra 


al foglia iiitilralc. 


di seme di bachi. 


di boz 


20li. 


Libb. 5 per 100 


L.bb. 955 7%i 


Libb. ]3 one, 18 j 


» 6 


.. 9^5 '%■> 


. i3 


n 23 


" 7 


>. 97(''%.3 


n l3 


« 26 


» 8 


.. 986 «v,. 


n 14 


» 03 


" 9 


" 997 'Y9. 


>. 14 


» 07 


» 10 


.. 1008 "Yso 


., 14 


» 11 


» II 


» 1020 '"/sp 


„ 14 


>. 16 


V 13 


>. I03l 7^88 


» 14 


>. 20 


„ i3 


,. 1043 59/87 


» 14 


>. 25 


» 14 


» To55 70/85 


» i5 


» 02 


» i5 


» 1068 "/as 


>. i5 


.. 07 


» 16 


« 1080 «°/84 


„ i5 


» 12 


„ 17 


» 1093 8./-83 


„ i5 


» 17 


« 18 


,. I 107 ''/sa 


„ i5 


» 23 


. ,. 19 


» II20 «</8. 


n lb 


» • 


„ 20 


„ Ii35 


„ 16 


» 06 


« 21 


>. I 149 -9/^, 


« 16 


» II 


» 23 


» I I 64 %» 


>. 16 


» 17 


» 23 


>> 1179 -7/,, 


» 16 


„ 23 


>, 24 


» I 1 96 'Vyfi 


" 17 


>) 03 


,. 25 


7. I2I0 =7„5 


5> 17 


,. 08 


« 26 


« 12 27 V,^ 


). 17 


,, 14 


» 27 


" 1243 ^•/,3 


« 17 


« 21 


» 28 


>. I 26 I V,o 


,. 18 


>. 


» 29 


„ ,278 «v.. 


,. 18 


» 07 


>. So 


» 1297 '0f.„ 


,. 18 


» 14 


,. 3i 


>. 1 3, 5 «/„ 


,. 18 


» 23 


„ 33 


>. 1 335 -/68 


r, 19 


» 02 


. 33 


'. 1 355 >V67 


„ 19 


» 10 


>. 34 


" 1375 5 0/^^ 


» 19 


„ 18 


„ 35 


>. 1396 6cf^s 


" '9 


„ 26 


>. 36 


» 1418 48/64 


>. 20 


r, 07 


>. 37 


>> I44I '7f(,i 


« 20 


» 16 


>. 38 


« 1464 3>/6, 


J. 20 


,. 25 


.. 39 


" 1488 3=/,, 


« 21 


- 07 


>. 40 


» l5l3 "/60 


>. 2 1 


" 17 



2l6 AIVIMlNISTUAZIOjSE EOONOMIC.V 

Si ("; (|ii\ calcolato il c.nio ia moiidature soltanto in Hu- 
meri intieri , cioe cU libbra in lil)|)ra , evitando il contegji,io 
di tntte le intprmedie fVazioni , giacclie , oIti-e al riusciic 
assai lungo , sarebbe stato di poco ntile. Non conviene 
pei-6 ti-ascnrarle in tutto; e prrcio bnstera di tenerne conto 
allora soltanto , che il nnniero delle once arrivi ad uno , 
due o tre quarti della libbra ; ed il calcolo riuscira poi 
anche facilissimo : presentandosi uno di questi casi , ecco 
come dovra. regolarsi per rinvenire il quoziente clie si 
ricerca. Si scriveranno Tuna sotto Taltra le quote attri- 
buite a ciascuno de" due nuaieri intieii , fra cui emerge la 
frazione, e si marcliera la dilTerenza cbe passa fra di esse. 
Di questa difTerenza si fara aggiunta del quarto , della 
meta o dei tre quarti alia quota spettante al numero in- 
tiero ininore , e si avra il totale ricercato come al seguente 

liseinpio. 

Sia da ritrovarsi la quota spettante al calo 
del i5 '/j per loo : i due numeri intieri, fra 
cui e posta la frazione sono il i5 ed il i6. 
Al calo 1 5 corrisponde la quota di . . libb. i5. 7 
Al calo 16 >• 1 5 . 1 2 



DifTerenza libb. — . 5 
io dovro dunque aggiungere la meta delle one. 5, 
cioe once 2 '/^ alle libb. i5 once 7 , ed avro, 
die la quota spettante al calo di libb. i5 '/, 
sara di liblire 1 5 oace 9 '/-, . 

Le cifre della prima colonna indicanti il calo in mon- 
dature ogni libbre i to di foglia rappresentaao la scala 
degli adequati. Stabilito in ogni anno coi tre prescritti 
esperimenti quale sia V adequate die gli appartiene , si trova 
tosto alia colonna terza la corrispondente quota in foglia 
naturale per ogni lihbra di bozzoli, 

I totali esposti nella colonna seconda in foglia naturale, 
ossia quale e tratta dall' alljero , si ragguagliano tutti a 
libbre 908 di foglia mondata. 

Neir assegnare alia colonna terza la quota di foglia na- 
turale competente ad una libbra di JjozzoH , si sono tras- 
curate le frazioni di oncia, ronducendo il loro calcolo ^a 
risultati poco significanti. 



nEIXV FOCLIA. DE CFX«;i , OCC. 217 

Chiudc r autore rjnesto opuscolo con mi' appendice li- 
sguardaute due oggetti impoi-tahti de'' quali ragguaglierenjo 
esattanioiite i nostri leggitori. L' aiitore cliiaiiia crronea ed 
inntilmente costosa la pratica oniiai universale presso i piu 
diligent! coltivatori di gelsi , di vestirne cioe il loro fusto 
con canne , o paglia od altro , dicendo clie il gelso e nna 
pianta esotica , proveniente dalla Cina , die e quanto dire 
da un clima dove il sole e niolto piu ardente , e che puo 
e deve gradir meglio i cocenti raggi di esso che non I'om- 
bra della fasciatura. L' autore non dissinmla i vantaggi che c 
si decantano e suppongono dai segaaci di siiFatta pratica, 
ma li contraddice tutti e sostiene che le piante parasite 
che nascono sul tronco de' gelsi lasciati scoperti sono 
efFetto della cattiva coltivazione , cioe della troppo indi- 
screta ed ingorda sfogliatura , delle ofFese fatte coll' in- 
conslderato contorcimento de'Ioro rami, colle piaglie fatte 
al pedale del tronco , col poco diligente piantainento of- 
fendendone le radici o ponendo i gelsi in terreno poco 
fecondo o ingrato alia loro vegetazione , ecc. 

Siccotne questa opinione si oppone ad una usanza cre- 
duta da niolto tempo salutare e clie da moltl agricoltori 
si considera anzi come 1' indizio essenziale di una dili- 
gente coltivazione, avremmo desiderato che I'autore I'avesse 
corroljorata con molte esperienze e con molte prove di 
fatto sue proprie ; nia dobbiam confessare clie in questa 
parte non e molto provveduta la sua Memoria, Vero e 
che alia pag. 82, dice = « Da molti anni ho fatte nume- 
>> rose piantagioni di gelsi , che ho allevatl senza yestia- 
" rio , ed iio di presente confront! tali ne' miei poclil beai, 
yi ed in qnelli de' limitrofi possessor! da convincere anche 
» i piu ostinati, che lo sfrondamento troppo sollecito dei 
') gels! d! recente piantagione , con quant' altro di malfatto 
>i v! consegue , e la causa forse unica e vera del ritar- 
)/ dato sviluppo de' glovani tronchi , anzi del loro intri- 
" stimento , e del predominio sovr' essi de' licheni e dei 
" nmsclii , per cui non presentano che un tutto avvizzito, 
>> inveccliiato anzi tempo e prossiino rjnindi a divenir preda 
" delle iiamme , a thspetto anche del vestiario che se Ic 
» va ( che si va loro) ogni anno rianovando o rattoppando 
" con inutile e gettato dispendio. •* 

" II gelso di nuova piantagione, soggiugn' egli , cui con 
" niano prudeiite , annualmente , o in antunno od in 



aiii AMMIXI^TRAZtOXE ECONOMICA 

>i prlmavera si limitlno i rami Insciandolo pero d" anno in 
>> anno pii'i ricco fino a darle ( dargli ) una conioda , sim- 
» metrica e soddisfacente disposizione , cio die si ottiene 
ti nel giro di sei in sette anai , ingrossa rapidamente il 
" proprio fnsto , e presenta nella superJicie e ne'i'ami un 
>i tutto iiisieme di robnstezza e rigidita die si oppone alia 
" invasione de' lidieni , e resiste Tiiaravigliosaiiiente agli 
" estremi delle stagioai, senza ohbligare il proprietario ad 
" estranee spese pel sno vestiario : a cjnesto punto di eta 
ff»> ( di sei o sette anni dopo la piantagione ) e di vegeta 
» salnte egli e sfrondabile senza teina di nocumento, sem- 
" predie soltanto per T avvenire se le ( gli ) vada pe- 
" riodicnmente accordando qnalclie annata di riposo ». 

Ma noi avremmo desiderate die P autore circostanziasse 
alquanto piii particolarniente coteste prove di fatto , e ci 
dicesSe, p. e., se alibia provato sopra qualclie centinajo di 
geisi posti in un terreno eguale , in una posizione eguale, 
in circostanze eguali a lasciarne vestiti alternativamente 
e s vestiti alcuni , e se dal confronto siasi potnto rilevare 
la verita della sua massima. Noi pertanto die non disprez- 
ziamo in nessuna nianiera e 1' asserzione dell' autore e le 
ragioni die adduce in sostegno di essa , ahliiamo ordinate 
sui nostri fondi un sifFatto esperimcnto a datare di questo 
anno (iSaS), e ne renderemo ragione a tempo opportune. 
Imperciocdie invalsi noi delP utilita di vestire i geIsi , 
pratidiiamo con amlDizione e con molta spesa questa co- 
stumanza , e ci sarcbbe caro trovarla erronea e svantag- 
giosa. 

L'altro oggetto di questa Appendice trae argomento da una 
nota del prof. Gioliert di Torino , apposta aile Istnizioni 
rlementari d' ngricoUura (]el Fabbroni , nella quale parlando 
de" 1-iacbi si esprime come segue alia pag. 280 ( edizione 
del Silvestri di Milano ). Ciovn qui di avvisare che allora 
quaido dopo la quarta niuia i hachi da seta hanno man- 
giato due tre giorni soltanto , e non sono per conseguenza 
mnturati a quel segno indicato dall' autore , quando a que- 
st' epoca manca la foglia di tjioro , che e ad un prezzo 
eccessivo, e un errore gettar via i vermi; si chiudono esat- 
tamente con tele , e senza ulteriore alimento montnno e for- 
mono il loro hOzzolo. Quesio fatto fu, in questi ultimi tempi 
confcrmato presso di noi da infinite esperienze. = 



DFLL.V FOGLIA DK CELSI , CCC. STQ 

II nostro aatore fa colpito alia lettnra dl qnesta postill.i 
e non vi presto fede, e A'olle colP esperienza conoscerne It 
verita. Ma aiiche ia questo suo tentativo tutte le rircostanze 
noa favoriscono quell' iiitera fede crltica che si desidei'a 
alio scioojlinieiito di un fatto contrastato da due diverse 
opinioni. -L'autore scelse 24 baclii de' meglio costituili , mn 
la scelta fu fatta tra Jjachi generalmente poco vispi e poco 
robusti per csserne stata la cura precedente |ioco esatta 
ed attiva. In ogni modo cglL vi pose i 24 bachi ia appo- 
site panierino e li ando nutrendo con 5 pasti al giorao 
di ottima foglia nei tre giorni successlvi air ultima niuta ; 
vi aggiunse due pasti di piu al maggior teruiine iadicato 
dal prof. Giobert , poscia praticato all' ingiro del panie- 
rino un leggiero bosclietto di rrramigna cliiuse il coperchio 
o pose il tutto sotto cnstodia alfincbe nessuno avcsse a 
recarvi molestia. Nel settimo giorno il silenzio interno del 
paniere eccito 1' autore ad aprirlo per sapere se nasoesse 
dair avere i bachi formate i bozzoli , o fosse silenzio di 
niorte ; egli li trovo inerti , inacilenti, moribondi ^ quattro 
giorni dopo erano fatti cadavere. 

Ad altri 12 bachi destinati alio stesso esperimento ofFri 
il .solite pascolo non per tro soli giorni , ma per sei dopo 
la quarta niuta. Aperto il paniero dopo Tottavo giorno di 
reclusione e prigionia ritrovo due soli bachi morti , e dieci 
bozzoletti , due de' qitall imperfetti, ed otto di tessitura 
assai debole , ma tuttavia migliore degli altri due. 

Altri 12 bachi fnrone rinchiusi dopo sette giorni intieri 
di nutrizione come sopra , e questi lavorarono dei bozzo- 
letti alquanto piu voluminosi e di un tessuto sensiljilmente 
piii conipatto de' surriferiti. 

Tutti gli altri bachi fratelli di questi furono nudriti fine 
al termine regolare della quinta eta; montai'ono sananiente 
i boschi , e lavorarono bozzoli dl tessuto mediocre, colorati 
quaii in gialle , quali in verde piii e nieno oscuro , ed 
il rimanente bianchi. Bisogna notare, cio che T autore ha 
indicate da principie , e che noi abliinmo oniesso , cloe 
che la semente era originaria della Spagna , e che si col- 
tivava per vederne la qualita. L' autore non ne rimase 
contente , e dice che siffatti bozzoli non hanne altro me- 
rite che di essere di straniera provenienza. Non si dimen- 
tichi perb che la coltivaziene di essi fu soggetta ne' suoi 
primordj a qnalche disordine e trascuratczza , la quale 



U0.O AMMIXISTR\ZI0NF. EOONOMICA CCC. 

puo essere stata originc audio della trista salute do' baclii 
e della scadente qualita del loro prodotto. 

L' antore entra in scguito nol ragguaglio liidividuale del 
peso de' bozzoli stati prodotti no"' suoi esperimciiti, e noi 
crediamo inutile entrare in cosi minute particolarita , con- 
tentandoci al nostro scopo de' rlsnltati , i quali non sono 
favorevoli airasserzione del professore di Torino. Per ve- 
rita e accaduto qualclie volta anclio prcsso di noi die i 
baclii fossero niandati al bosco digiuni degli ultimi tre o 
quattro pasti per estrema penuria di foglia ; ma piu fu- 
rono i pasti negati , piii deboli e leggieri fnrono sempre i 
bozzoli , e dove mancarono piu di quattro o cinque pasti 
il raccolto fu quasi nullo. 



a2.i 



Metodo per correggcr-c le altezze eccessive delle Pescaje , 
e per migllorare gV idraidlcl edlfizj per mezzo prln- 
cipalmente dl catcratte osciliaiiti, pioposto dal dottor 
Francesco Focacct , pubhlico professore dl matemati' 
che pure cd appUcate nclV I. c R. Accadcrnia delle 
belle artl dl Firenze. — Firenze , 1 8 1 6, presso Gu- 
glielmo Piatti, in 4.° 



N. 



EGLi Otto aniii da die questo libretto fu fatto pubblico, 
niuao si e occupato d' esarainai-lo ; e noi forse non ce ne 
occuperemmo adesso se non si trovasse intiodotto in una 
Raccolta d' autori die trattano del moto delle acque (*), che 
deve servir di norma agl" Italiani nell' arte difficile di go- 
vernarle. Ne a cio fare ci muove la premura di sindacare 
gli altrui scritti, e di contrastare all' onore che piacque a 
taluno d'accordar loro; ma bensi T altra di tenere in guar- 
dia i meno cauti dalF affidarsi serapre a quelli per tal mode 
apprezzaii e distinti : premura , piix che in altri tempi 
nel nostro opportiina , in cui le rnccolte in genere, pro- 
digiosamente moltiplicate cd estese , sembrano divenute 
1' oggetto piu tosto della privata, che della publjlica utilita. 

il priino rilievo che avvenga di fare Icggendo il libro 
del signor Focacci , e la trascuratezza dello stile, e si e 
riscossi dalle frasi la societa degli uotnini (3) (**) ; V uso 
di Qustare .... non gustoso ne convenience (4): d'Apulejo, 
e degli asini suoi compagni (8).- mulini a braccia, ed a 
bestia (9) .- rawolger nella mente il pensiero di fare il ten- 
tativo, onde vedere di trovare (41): per la gid patria del 
gran luminare (43); orizzontarsi , o cadere (62), ecc. ecc. 

La sintassi yI e generalmente intricata e contorta, e s'abbia 
di cio un esempio nel parngrafo 4.3 che riportiamo per in- 
lero. i< Questi edifizj conosciuti coi nomi di Midin nuovo 
» di Ponte ad Elsa , di Capo Cavallo, delle Volpi o del Co- 
» mune , ossia di Bocca d'Elsa, quattro de' quali, cioe il 



(*) Raccolta degli autori moderni ecc. Vol. II pag. ii3. Bo- 
logna, 1824. 

(**) I miim-ri arabi cbiusi fra pareiitesi riportano i paragi'afi 
deir opera. 



■2'J.-i. IIETUDO I'LR COlUtEGGKKK IE ALTEZZE 

>i Midin nuovo , del Ponte-a-Flsa , delle Volpi , e del Co- 
!) mune spettano ciascuno respettivamente alle nobilissime 
•J iioreiitine fniniglic ile'conti Bardi, degli Arlandini , dei 
•> Ivondinclli e de'Pazzi, e T altro di Capo-Cavallo alia 
!) f.iuiiglia Bucalossi di que' dintorni stata per il passato 
>> assai conloda, e dimorante al presente in una ahitazione 
!• annessa all' istesso inuliao; per essere soi)ra uii iiume 
>> ablioiidante d' acque peienni , e quasi silnato nel centro 
>, del Yaldarno di sotto , e precisauierite all' iuihoccatura 
!i delle due rej^ie stratle Livornese e Travcrsa-Romaiia, 
II clie jjassa pel Cabtel-Fioreatino, e per Certaldo, ossi.i 
•> j er la gi.i patria dei gran luniinare &opravvertito ( il 
» Boccaccio "), celebri oraniai son diveiiuti fra noi, noii 
(' tauto per la loro amichita, mentre raniuieiitati vedoiisi 
» in varie carte notariali dei bassi tempi , e nella storia 
>' della lunga gnerra di Seniifonte , Fortilizio ora diruto 
i> nelle viciuanze di Petroguano , qiiauto ancori per la 
!i cospicua toro rendita , e per aver dato luogo a coa- 
>i tese e litigj dispendiosissimi ih\ due secoli a quests 
>/ parte; preceduti sempre da accessi giudiciall , assistiti 
>j da valentissimi idraulici e mateuiatici insigui , e da 
y> allivellazioni e niappe di quel troiico dell'Elsa di 7 in 
» 8 iniglia circa per la lungliezza di cui son postij atteso 
» r essere i niedesimi di massima utilita , tanto pul>blica 
^> die privata: perclie son dessi i c^uali provvedono di 
» farina la suddetta popolosa provincia non solo, nia 
V Pisa e Livorno pur anche, e clie ai bisogni della ca- 
i> pitale ancora nelle eslive stagioiii bene spesso suppli- 
» scono. » Questa sintassi manca poi afFatto ne' paragraii 
4-4 e 57. ^ ^ 

Le espressioni noa Iiarino spesso ne rigore ne conve- 
uienza; e vi s' incoatra : le riccrche dirttie al vantnggio 
universale degH uomini formano il migliore cd il princij>ci!e 
oggelto delle idraulLche osser^HizLOrii ( tle<tic. ). Cl' idrau/ici 
che accoglieranuo il ritrwato ( dell'autore ) pih in graziit 
di coloro ai qnali e dedicalo, die de mcriti inlrinscci del 
hworo ( ivi j. Lo spirito umano che e^rrcica il propria in- 
gegno .... che soddisfa ugV iinponenti bisogni della sua 
consenuzione (i). La scoperta e t acquislo del frwnento (3) ,• 
hi forza del vento per porre in azionc (lualunijiie mac china 
utile alia vita sociale (11). I' Elsa fiu-ne .... quasi silniUu 
neieentro dtl I'nldarno di solto e preciscmiente till' tmboccaturet 



Ke^E^SIVE delie i'EScaje , ecc. 220 

delle rciiic stradc ecc. (43)/ rienipimento del fuime , oltremodo 
rilevantissiino (44), cateratte die s' aprono ]>er I' opera- 
zione (46), e per f cjfelio (48) tleiracqna: gll anelU, o Staf- 
ford (5i),- la desolazione , ovi-ero I' eslerminio (68), ecc. ecc. 
La grammatica e la lingua non vi sono risparmiate , 
ed il sig. Focacci scrive: di Dei (2) lavece degli Dei, 
offrirli (ivi) per offi ir loro ; valgoiLO (iS) per vagliano; 
perse (40) ripetuto uel testo , e nell" errata per perdute : 
fosse stato (4.5) per fosse: ringolfi (47) per rigonfianienti : 
iiuociano'{i^'j) per rmocuno: cadere (61) iiel senso sostan- 
tivo : oscillaine/uo (65) per oscUluzione : smussatura (56) 
per smusso : di quarito mat non varra (6a) per di quaiilo 
mai varra: confonne pub diinostrare (65) per confonne pub 
diniostrarsi: rimovere (70) per abbassare , ecc. ecc. 

INe manca laogo a qualtlie coiitraddizione. Si parla nella 
ileJica dclle sollecitc cure (de' ):)roprietarj snli" Elga ) ado- 
prate per inettere ia esecuzione il progetto delie cateratte, 
e poi in un luogo si dice die si va (da loro ) prcpnrando 
cib die occorre per portarlo ad effetto (69); in un altro die 
essi non turderanno a dicliiurarsi esser pronti a far qua- 
hinque spesa per tale oggetto (ivi); in un terzo final- 
luente che nulla gli resta a bramare (alTautore) che di 
i'cdere il tutto portato ad effetto (ivi). Trattando dell' al- 
tezza delle cateratte si previene che I' annatura forma la 
(loro) vera altezza (5 3), indi prescrive d'adattarvL delle 
tavoie sopravanzanti , o sporgenti I' annatura medesiina dalla 
jiarte superiore alia linea de' perni (ivi). L'autore asserisce 
*in un luogo non gli esser sembrato die alcuna niutazione 
o catnbiamento dalla quale sperar se ne possa un vantaggio 
sensibile posset idearsi e proporsi per i meccanisnii de' iiiu- 
hni a acqua (3^), e poi ve ne jiropone due essenzialis- 
sifui, r auiuento del diaraetro delle ruote e ia riduzione 
del fondo delle corsie (wi). 

Alcune idee dell' autore mancaiio di precisione; couie 
iiaeWei die r acqaisto (del grano ) dovette cangiar costwni e 
vita .... alle popolazioni italiane , le quali cercato ave- 
vano il loro nutrunento nella rozza quercie (2), clie gli 
uoinuii , divenuti possessori delle granaglie creassero I' agri- 
coltura (4) : che i iiuiiii df corso stabilii.o .... sono piii 
vicini alle magglori popolazioni (35): che V arte di comer- 
tire il graao in farina debba riguardarsi come necessaria 
per I' cHstcnza dclle cn-iU societa (68), ecc ecj. 



•2-2/^. ME'IODO I'KR C01U;r.(;GKUK 1,E ALTKZZE 

Altre poi soiio destitute di vcrita; come per esempio : 
die gli uomini consacrassero la qiiercie ul priino degli Dei 
per essersi cibati di ghiande (2) : clie 11 grano fissava gli 
uomini al suoh oce erano nati (3): die la cattiva farina 
ottennta coll' n so de'niortari fa causa che gli uomini s oc- 
cupassero nel fare il tentativo di scoprire i mulini (7); die 
I' agricoltiira e una scienza (3), ecc. ecc. 

Egli e poi da rimproverarsi Pabuso col quale quel pro- 
fcssore interpreta gli autori die gli occorre dl cltare. A 
parte quello di Bacoue die serve d' eplgrafe alT opera, e 
die in nulla si rlfcrisce alle cateratte osclUanti^ come de- 
sume egll da Ovidio che gli uomini si iiutrivano sokanto 
di ghiande, quando 11 poeta parla in genere di frutti 
spontanei : cibis nidlo cogente creatis , arbutos foetus ecc. ? 
Perche Xenofonte disse videbatur agricu.ltura excitare ani- 
mos, ed altrove quum agricuUura prospere succedit , etiam 
artes cccterce omnes vigent^ era forse discreta cosa il fargli 
dire che gli uomini acquistassero per essa ardire e che donii- 
natori si facessero d' o^,iu altra cosa creata (4)? Posldonio 
loda il sagglo , perche rerwn naturam imiiatus panem ccepit 
facere ■■ P autore fa sogglungere a Posldonio 11 niotivo di 
qnesta Imitazione, ed e perclic il ciljarsi del grano tale 
qnal era, o seniplicemente arrostito non era assolutamente 
}ie gustoso, ne convmieiite (4. 5). 

Passiamo alia matematica , giacche Tautore e professore 
di matematiche pure. Ed a dire il vero , cio che a tal pro- 
poslto sgomenta da prima e il linguaggio. Parlando delle 
niacini egli le dice pietre circolari (07) , mentre non sono 
che clllndroidi a basi concava e convessa, e definisce la 
superlore come ordinata a girure e scorrere intorno al 
propria centra (18), e sorretta parallelamente alia gia- 
cente (ivi), mentre avrebbe dovuto dire intorno al proprie 
asse, lo stesso che quello dell altra giacente. Espresslwie 
pill singolare el' altra die le loro snperficie sono respett.iva- 
mente concave e convesse alia sbnilitudme d' un cono (19),. 
(fuasi che tutta quella dimenslone sia espressa da . una delle 
basi, e che un cono possa paragonarsi ad una superficie ! II 
seuso e die lo spazio determinato dalle superiicie concava 
e convessa delle due macini e cOniigurato allafoggia, non 
d'un cono, ma d" una conoide, dilFerenza di due coni della 
stessa base e dello stesso asse. 



ECCESSTVE UELLE PESCAJE , CCC. 2^5 

La ruota idraulica non e nieglio trattata della maciiie. 
Per dirci die essa e estesa in grossezza, sulla quale sono 
regolarniente clisirilmite le pale, o cassette, s' usa dal sigiior 
Focacci la frase die /« circonfcrenza e rifasciata da un 
gran cerchio . . . . il quale serve di fondo alle pa'e ecc. 
(33), istriienduci de' uuovi teoivmi geoiiietrici die «« gran 
cerchio pub rifasckire una circonferenza, servir di fondo, ecc. 
Le cassette poi vi si dicono una volta scatole (33), una 
volta armille (ivi), alitiso di voci singolarissimo, le une 
indicando de' recipienti chiusi di qualiitiqne forma, le altre 
de" bmccialetti I Niiovo snggio di rigor matematico ci ofFre 
r autore stesso, allorclie proponeado di rendere il fondo 
delle corsie de' mulini sottoposto alle mote leggermente 
incavato e confi^uraio alia fosgia delle ruote stesse, chia- 
nia questi fondi porzioni di cerchio ( Sg 5." ) e li vuole 
quasi tangenti ai periinetri di quelle ruote. Si coatinua 
colV operazione delT gcqua (46) in luogo d' azione ^ col 
fondo delle superficie del fluido ( 48 nota ) per denotarae 
il liinite piu basso, ecc, ecc. 

S'aggiimga a tutto questo un andamento afFatto trascu- 
rato ed illegittimo nelle formole ordiuarie die si riportano. 
In un luogo s' introducono delle coordinate, senza indicare 
I'origine e la direzione degli assi ai quali si rifemscono (60): 
in un altro si fa uso delle notazioni del calcolo ditferen- 
ziale ed integrale senza seguirne lo sviluppo (48); altro ve 
all' integrazione d' una funzione si fanno precedere i valori 
costanti ciie convengono alle variabilis quell' integrazione 
comjiita (60) „ ecc. ecc. 

Gli eiTori di lingnaggio non vanno disgiunti da qnelli 
di dottrina. Infatti la convessita della niacine inferiore 
d' un niulino, e la concavita della superlore sono uiisurate 
dal signor Focacci dalle superficie respettive (19)5 e ci6 
in onta alia geometria elenientare , la quale insegna che 
Tuna e I'aitra sono rappresentate da solidi tenninati da 
quella superficie. 

E con qual dimensione si paragonano mai quelle super- 
ficie alle quali cosi erroneamente si riportano que' solidi? 
Ad un raggio I Una superlicie niisurata con una lineal anzi 
( seguendo la logica deirautore ) un solido con una liiiea I 
Perclie poi )ioii possa dubitarsi che tale (a il suo modo 
di coniparazione , egli stesso ce lo assicura diceadoci , 
che la superficie convessa (cioe la convessita) della macme , 

HibL luiL 1. .XXXVII. • 10 



2:^0 Mr rcDo fer cokreggere le altezzk 

inferiore noa eccede rnai la quarantasettesinia parte del rag- 
gio , e clie la concctva {\a. concavhh) della siipcriore nori suol 
mat oltrepassare- la irentesima parte del medesimo (19). 

Se poi , clati due muneri nella ragione del laS al 96, si 
desidemsse sapcre qnnl altra ne passa fra la loro somma 
e la loro differenza , si sare!)be ingannati dairaiUore il 
quale la fa delT ii all'unila, luciitre I^eu calcolando, ri- 
sulta poco iiiaggiore del 7 alF unita luedcsima. 

Scendiaiuo alia lisica, giacche il sig. Focacci , iusieme 
colie mateinatiche ]jnre professa anclie le applicate; e 
progredendo al solito , incoiiuiiceremo dal linguaggio. 

Le macini sono per esso adattate I' una suit' altra , quasi 
senza toccarsi (17), comeche toccandosi aache in un sol 
punto esse fossero capaci d''agire; si continua col delinire 
depressione delle falde ( dell' acqua ) sid punto della discesa 
]jer la sommita d' una pescaja (56) il suo naturale assot- 
tigliamento su quella sommita dovuta alia velocita conce- 
pita, sceiidendo per il di lei dorso; quasi che quelle cosi 
dette falde d' acqua altro esprimano che gli strati ideali , 
e elemeiiti del fluido stesso^ o clie questi elerneuti siano 
condensahili, o come 1' autore dice, depriniibdi; pelo sii- 
periore deW acqua (60), la sua superficie, quasi che ne 
esistesse il pelo inferiore; momenta della forza rovesciante 
TefFetto d' una pressione; come clie quello d' una forza 
viva potesse rappresentarsi con un momento statico, ecc. 
Sono da notarsi i momeniL che si manifestano (60),- i mo- 
menti delle parti inferiorl (67) , ecc. ecc. 

L' abuso delle voci preyiene poco favorevolmente delle 
dottrine , e noi anderemo esaminando per ora quelle emesse 
dair autore, e che non riguardauo immediatamente il suo 
ritrovamento (14), delle cjuali ultime fra poco. 

E seguendo il suo stesso ordine hon possiamo esser 
certamente contenti di quelle che ci fa note sull' azione 
della macine;, dicendoci egli che si viene in cognizione del 
suo effctto dalla considerazione del suo movimento , il quale 
resulta dalla velocita con cui giri , e da una parte del suo 
peso asMhuo , e cio perche siccome nel girare viene la me- 
desima rettci e sostenuta a tocco , e non tocco coW inferiore 
dalt albero che la sorregge nel centro ( avrebbe dovuto 
dire nell' asse ) , cosi e evidente che la di lei gravitazione 
non pub per intero operare per la macinazione de' semi .... 
parte che non poco diminuir deve per la rotazione che la 



ECCESSIVE DELLK PESCAJE , CCC. 227 

anirna. La teoria c assicura di tali verita, ma non ci sug- 
gerisce i mezzi necessarj per conoscere con prccisione qiial 
parte del peso sia quella che in cib concorre (ai). Cio die, 
a pnrer nostro, e clir iiiente. Iiifatii clie la inacinazione 
accada per il movimento della niacine e evidente, perclie 
una macine imtiioljile non fa farina; e che quel movimento 
derivi da una velocita e da un peso e tanto necessario , 
che senza il concorso di- questi due elementi non esiste- 
reblie movimento. Clie poi non tutto il peso della macine 
agisca sulla macinazione e del pari evidente ; perclie il 
peso totale e pioprio della macine in quiete , state in 
cui , come avvertimmo , non si da azione. Cio dunqiie 
che r auto re poteva dirci , che pero non ci ha detto, e 
che la comnne teoria gl' insjegnava, e non la qnantita, che 
cio poco rileva, ma il modo con ciii il peso della macine 
interessa la macinazione ; ed e notorio che la niacine su- 
periore scorrendo la prima sopra i grani disposti nella 
regione piii bassa del dorso deli' inferiore, s' eleva tennis- 
simamente; indi rotti que' grani d'altrettanto s' abbassa : 
quest' ultimo nioto comunicato al trave inferiore su cui 
r alljero di quella macine e appoggiato , v' induce una 
leggiera flessione restituita dall' elasticity del trave stesso ; 
alternativa successiva e continua per cui la triturazione 
de' grani risulta piena e perfetta. E clie cio sia lo mostra 
r esjjerienza : infatti , sostituito al trave un appoggio in- 
flessibile , I' azione di quel nieccanisrao s' indebolisce e 
vien meno. 

Ed a. ragione quel professore fa parola di questo trave 
o pinnetta , un estremita della quale mentre reggesi da ' un 
appoggio stabile, sostiensi V ultra mediante an as ta pendente 
dal piano ove trovasi la macine (3i): ma egli cade in un 
grave errore definendo il vette per tal modo forinato di 
terzo genere (ivi), mentre a vero dire e di secondo. In fatti 
tutti i liljri elementari di meccanica insegnano che di tal 
genere dicesi quello nel quale la direzione della resistenza 
si trova fra quella della forza ed il punto d,' appoggio, 
come r autore stesso ci avverte accadcre nel caso nostro. 
Ed anche senza il comune insegnamento doveva persua- 
derlo di cio la cosa stessa , giacche la niacine moljile , 
pesantissiina per se stessa , mentre nel sistenia attuale 
oppone una reazione ad esserv mossa minore della meta 
del sno peso, in quello asscrito dairautore lie csercitcrebl'S^ 



aa8 IMFTODO teu coureggkre le altezze 

una niaggiore del iloppio , cio clie renderebbe necessarlo 
un secondo meccanismo all' oggetto di governarla , ccc. 

Fra i migliorameiUi , die come fnuto </e' siioi indcfessi 
sludj e delle sue utili ed importanti ricerclie (Dedic. ) il 
sig. Focacci propone per gli edituj idraulici esistenti , e 
quello di procunire tf ottenere dalL' acqiia ordinata a porli 
in azione il mnssimo , o totale urto , o iinpulsione di cui es- 
ser possa capace (39). E s' avvcrta die 1' autore iutende 
con qnesto , non gia di procnrare all" acqna la suscetti- 
Liliti a dare qnesto massiino urto per comunicarne poi 
alia ruota la porzione conveniente , ma bensi di ridurre 
quella ruota in istato di coucepire quell' urto massinio e 
totale. Infatti il miglioramento si riporta a quest' ultima e 
si condanna in ^eguito la grave perdita inutil consumo 
della forza motrice (ivi). Cio posto, esigere die una ruota 
idraulica concepisca il massimo e totale urto o impulsione 
di cui r acqua possa esser capace, e lo stesso die A^olerla 
costituir veloce quanto 1' acqua stessa , o in altri termini , 
incapace di concepirne 1' urto ; un corpo qualunque non 
rendendosi atto al moto , se non resistendo a riceverlo. 
Per tal modo 1' cfFetto del miglioramento proposto si ri- 
durrebbe a rendere inattivo I'edifizio a cui fosse applicato. 
La velocita piii opportuna che debba procurarsi alle ruote 
di questa specie e quella die induce il maggior moto uni- 
forme nella resistenza, e Tosservazione ed il calcolo lianno 
dimostrato die questa velocita ragguaglia presso a poco al 
terzo di quella della corrente. 

Ma giova combattere il presagiod'un avveniinento sinistro 
con cui il sig. Focacci, forse per un eccesso d'amore pel 
suo ritrovaniento proposto come un espcdieute onde preve- 
nirlo , Yuole sgomentarci. Niuno certamente , egli dice, esser 
vipub il quale non, s'avveda, come giornalmente si vada in- 
lontro adun tempo ( edahi, con quanta celerita per noi To- 
scani specialniente ! ) in cui si dovra per necessita restar privi 
del maggior hencfizio che ritrar sogliamo dalle acqiie correnti, 
e che tanto penarono gli antichi per conoscerlo e per pro- 
fittarne. Ed infatti: come non dovra avvenir cio, mentre 
col successivo , e scmpre crescente riempimento deW alveo dei 
fiimii si scemano le loro pendenze e vanno a perdersi ancor 
del tutto le pill alte cadute d' ccijua., perche si sotterrano , 
ed affogano le pescaje cLe le producono ? E quanti mai non 
sono i mulini (per tacere delle altre macchine idrauliche ) 



ECCESsivE d£i.l:e FESCUE , ecc. 2^9 

che in piii luoghi del Granducato si sono per si ( dovrebbe 
dirsi perdute ) per tali motivi da varj secoli in qitd conpre~ 
giudizio de' panicolari e del pubblico (40)? Lungi pei" altro 
dal restar couimossi da qaeste miiiacce , doinaadcrcmo 
conto piuttosco al sig. Focacci , come egll che professa 
la scienza delle acque correiiti, e che iie sciive i precetti (*), 
abbia coraggio di farseiie proinotore. Perche gU alvei vanno 
riempiendosi , i llumi scemano per qnesto di pendenza? No. 
A misura che questa peiideaza per V azione d' uaa causa 
qnalnnqiie diniuiuisce , altre cause concorrono tosto ad 
aumeatarla, come ne opererebbero la dimiauzioae se av- 
venuto ue fosse 1' auraeiito ; ei in cio consiste quello che 
dicesi in idraulica lo stabilirsi de' fiunii. Clie importa che 
delle pescaje si sotterrino od affogh'no ? Altre ne sorge- 
ranno , ed egualmente attive al loro luogo. Getti il signer 
pi'ofessore un* occliiata sopra la maggior parte delle estese 
pianure contigue ai grandi liumi. Queste pianure furono 
gia vaUI profondissime , ove forse esistevaao degli ediiizj 
idrauhci e delle pescaje , ora sepolte sotto le imniense 
alluvioui che le hanno ripiene: e nonpar questo mancano 
oggi pescaje ed ediiizj sulla loro attual superficie. La dot- 
trina delle pendenze de' liuini , coUa quale T autore sem- 
bra essere in opposizlone manifesta , disvela il fenomeno 
di questa alternativa portentosa. Un liume d' una tal por- 
ta ta, e sopraccaricato di materia d' una tale specie, ed in 
tal quantita esige per correre una pendenza determinata. 
Un ostacolo invinciljile , sia locale, sia estraneo , T altera 
forse in qualche modo ? Egli vi si sottopone: ma frattanto 
quelle cause restando le stesse , un nuovo stabilimento 
deir alveo incomincia , e si compie sotto una pendenza 
eguale alFantica. Gosi agiscono le alluvioni trattenute agli 
sbocchi , le platee de' ponti , le pescaje , ecc. E frattanto 
che questa restituzione avviene, le campagne adjacenii la 
secondano, o ricolmate naturalmente dalle inondazioni , se 
aperte, o artificialmente, e con Televazione contlnua delle 
opere di difesa , se arginate. Avviene di qui, che ben 
lungi dal restar privi del bL'iiefizio che ritrar sogliamo dalle 
acque correnti , ne saremo sempre in possesso , e che (ino 
a tanto che esistera il bisogno di far uso degli ediiizj idraulici, 

(*) II sig. Foc.icci ha scritto uu Trattnto del modo di dirigere 
e di recolnre i fiunii. Firenze pregso il Cavli. 



230 METOnO I'EK CORUEGOEUE LE ALTEZZE 

avreino scMupro a tlisposizioiie ciclle concntl cnpaci d: 
nioverli. II timoie che , i inoiiti cUspoglianclosi ed ele- 
A'andosi le pianiire , le acque ccsseranno di corrcre e 
d' agire , e uii errore del volgo , a cui chinncpie istruito 
nelle leggl della natura e del magistero sublime c!ie le 
costitnisce eterne ed iaalterahili fara plauso gianimai. 

Tutto cio come nii prclimiiiare all oggetto principale 
deir opera di correggere le altezze eccessive dclle pescaje per 
mezzo di catcratte oscillanti , e di migliorare gl' idraulici 
edifizj. Al proposito di questo mighorainento due souo i 
suggerimenti dati dall" auiore , giacclie tali nou reputiamo 
quelli di costruir bene i rottami e di poili bene in ceu- 
tro ( 3o 3.°), di dispartir bene i denti e le pale (ivi 3.°), 
di ben collocare i perni degli alberl sulle bronzine ( ivi 4.°) , 
cose tutte raccomandate in una costruzlone qualunque. E 
di questi due suggerimenti il primo consiste nell" accrescere 
il diametro delle ruote (89 i."). E facile infatti, osservando 
r azione d' una ruota , di giudicare a prima vista che 
quest' azione sara di tanto maggiore e tanto piu efficace 
qnanto il suo diametro sia maggiore. Ma infatti non e cosi. 
La necessita di coordinare opportunamente ciascuna parte 
doll' edifizio al maggiore efFetto che debbe ottenersene, sta- 
bilisce fra gli elemeati tutti che costituiscono la sua azione 
un rapporto costante , che tutti i libri d' idrometria inse- 
gnano , e che inutil cosa sarebbe ripetere. Ora se i pra- 
tici non hanno abusato di questi princijij nello stabilire 
le dimension! di quelle ruote (el' autore noa rilevo 
quest' abuso ) , esse sono le sole che convengono all'ar- 
inonia dell' insieme , ed ai dati locali ; e qualunque varia- 
zione che vi si apportasse dovrelibe riguardarsi come ar- 
bltraria , e come in dispregio delle dottrine ricevute. 

Non place poi al sig. Focacci che le corsie sulle quail 
pendono verticali le ruoie abbiano piani i loro fondi , ma 
vorrebbe le loro estremita disposte in porzioni di ctrchio 
concertiche ed anco quasi tangenti ai perimetri delle ruote 
(39 3.° ) ; o piuttosto , come meglio rilevasi dalla iigura 
citata , terminate in una leggiefa concavita, dove un pic- 
colo seginento della ruota penetrasse, all' oggetto che 1' acqua 
discendendovi , desse alia ruota stessa un urto maggiore. 
Ma questo secondo mighorainento non merita,a nostro pa- 
vere , maggiore attenzione del primo. J," acqua scorrenJo 
lungo le forsie per efFetto della velocita iinpressa. e nulla. 



ECCF.SSIVE DELLE PESCAJE , eCC. 23 1 

o pocliisf iaio per qiiella dovuta al suo peso , essa dovrebbe 
perdere tutta qnesta velocita , urtaudo nolle palette supe- 
riori della niota, per abbaiidouarsi all' azioae di quest'' ul- 
timo , la sua aatica direzione nou poteiido cangiarsi nella 
nuova che per tal modo : di qui uu ritardo ed uq re- 
^urgito presso la ruota stessa , che s' estenderebbe ad una 
distanzj^ notabile iiella rcgione superiore. E qual sareljbe 
r effetto sulie palette iuferiori di qnesto strato sottilissimo 
d' acqua else scorrerebbe luugo il foudo curvo ridotto alia 
sola azione del suo peso , aumetitato al piu dalla pressione 
del fluido regurgitate? Una correiile d' acqua e ella forse 
un corpo contiuuo e flessibile , clie si conforaia , senza 
alterarsi , alia superilcie su cui trascorre ? S'aggiuuga che 
la maggior velocila acquistata dal flniJo uella parte discen- 
dente di quella concavita si distruggerebbe neirascendente, 
cd aiicor per questo motivo nuovo ritardo , nuovo regur- 
gito, ecc. ; talche ci sembra di potere asserire che il mi- 
glioramenLo proposto , applicato che fosse , si cangerebbe, 
air efFetto di cui si tratta , in un notabile peggioramento, 

Frattanto eccoci alle cateratte oscillantL U" idea di queste 
cateratte non e nuova , e si trovano proposte in varj li- 
l)ri elementari d' idrometria , e particolannente negli Ele- 
menti di fisica-matematica de'' ¥F . Cauovai e Del-Ricco (*), 
stampati tre volte in Firenze , e cio credianio pin per eser- 
cizio degli studiosi , che per un oggetto d' applicazione e 
di pi'atica. 

II sig. Focacci ha avuta un' idea piu estesa: ed animato 
dal desiderio di por gli uomini al siciiro di non perdere quel- 
V inimenso benefizio che dagli edifizj idraulici presenteinente 
ritraggono (40) , ha iramaginato d' applicare le cateratte 
oscillanti, le quali (non sappianio quanto modestamente ) 
riguarda come sua invenzione (46) a sostenere ed a uioderare 
r inipeto de' iiuiui , annunziando che , laddove esse fos- 
sero istituite, le torbe danneggiar non potrebbero i terreni 
adjacenti (70) , e che le cadute , o caricld d' acqua pci 

(*) « Costruir di fiance ad un fiume una cateratta regolare , 
>> die poteudosi liberamente nioversi intorno a due perni stin 
» cbiusa da se niedesiaia nello stato permanenre del fiume , e 
II da se stessa s' apra ne' soli tempi , o di plena, pei- colmare 
» un terreno , n d' aridita, per irrignrlo. » Edizione terza, vol. i." 
png. ao2. 



a33 METODO PER COURKCJGKKE LE ALTEZZE 

mulini saranno notabilniente accrcsciiite (ivi) ; rilevant.issimo 
essendo poi e quasi infinito il benefizio cht gU uoniini ri- 
trar potrcbbero da tale scoperta (ivi). 

Ma sedotto da uii' immaginaziotie vivace, che gli faceva 
travedere estesa cosi lungi V utility della sua applicazione , 
il sig. Focacci diinentico qualclie preliininare avverteaza, 
che poteva farlo guardingo suila dillicolta dell' applicazione. 
Infatti , nieditando snir idea prima di c(aeste specie d' or- 
degni , egli avrebbe rilevato che essi eraiio proposti come 
regolatori de' diversivi destinati a tratteaere le acque rae- 
die , ed a dar passaggio alle elevate ed alle basse , nel 
primo caso per colmare i terreni adjacenti , nel secondo 
per irrigarli;, efFetti ai quali e sufficiente la pressioiie delle 
acque stesse correnti in direzione ad essi normale. Ma ri- 
movere queste cateratte dalle sponde d' ua fiume , tra- 
versar con esse il loro alveo , esporle al giuoco delle grandi 
escrescenze, ecc, ell' era tal cosa da porne in soggezione 
r analista e l' idranlico piii sperimentato per prevederne 
e per garantirne il regolare movimento. 

E tuito ci6 nell' ipotesi che la scienza ofFrisse mezzi 
all' idranlico ed all' analista di rlsolvere 1' astrnso pro- 
blema ; che cosa dovra dirsi poi se rileviamo che questo 
problema , non piii discendente dalle seniplici dottrine idro- 
statiche, si avvolga neile teorie dell' urto de' fluidi , teorie 
piii speculative ciie fisiche , di rado ed incertamente mo- 
derate da una difficile esperienza ? E sarebbe egli uii 
prnmovere il pubblico e privato bene (7) , ed il vantaggio 
delf industria georgica (76) il far dipendere 1' attivita di 
costosi edifizj, e la sicurezza de' terreni adjacenti da' resul- 
tati d'una tal teoria , che possono non convenire con quelli 
della natura ? 

D' egual peso fu pel nostro autore la dimenticanza, che 
quelle cateratte si proponevano disposte lateralmente ai 
fiumi ^ perche , stabilitasl quivi la corrente , ne rendeva 
costantemente espurgata la soglia : altrimenti , fatto luogo 
alle ordinarie deposizioni lungo la soglia stessa, per quanto 
rigoroso e legittimo fosse il modo di prevedere e di va- 
lutarne 1' azione , qnesti ostacoli indeterininabili ed even- 
tuali ne distnrberebbero 1' attivita e 1' esercizlo. 

E tale appnnto e la coiidizione alia quale il sig. Focacci 
le sottopone col suo progetto. lafatti , collocate nella re- 
gione dove quelle allavioni trascorrono piii elevate e piii 



KCCESSIVE DELLB PESCAJE , CCC. a35 

gravi, e la material presenza di que' riparl costltuendo ap- 
punto il motivo piii iminediato e piii efficace che puo ia- 
durle a cadere al loro piede ( ed avremo occasioiie d' iii- 
sistex" su cio fra poco ) egli va esponendo le sue cateratte 
tnobili al vizio d' mi'' assoluta immobilit.a. 

Qualunque per altro sia stato il consiglio dell' autore 
nel sottoporre queste macchine a dej^li usi praticl diversi da 
quelli ( se pure s' ebbe giammai qiiesta mira ) ai quali 
senibravano da prima dirette , esposti prima i motivi che 
lo indnssero a rivolgenie nella iiiente il pensiero di fame il 
tentativo (/\.i), e T epoca ia cui sperb che gli fosse riuscito 
di corrispondervi (4f>) , passa a darne in succinto la de- 
scrizione e la teoria. Noi non ci tratterremo a far parola 
dell' ordine con cui nianifesta le sue idee a questo riguardo 
(41-71 ) , che a taluno sembrar potrebbe saltnario e scon- 
volto; ne della disposizione data ai pochi calcoli die vi 
s' inconti'ano ( 48 , 60 , 61 ) , spesso diversa dalla con- 
sueta ; ne del suo mode di dimostrare qunlche volta az- 
zardato e violento ( S8 , 61, 65 ecc. ) ^ limitandoci piut- 
losto a seguirlo nelle sue dottrine , ed a ricordare 1' ar- 
tifizio con cui le deriva e le espone. 

E quest' artifizio non potiel^be abbastanza dellnirsi sem- 
plice e leglttimo ch' egli fosse, dovreljbe dirsi che 1' au- 
tore avesse penetrato il segreto di ridurre al sommo spe- 
dito ed elementare lo sciogliinento d' una quistione che 
interessa 1' alta e difTicile idrometria. 

Quest' artifizio consiste jirima nell'ipotesi, che un fiume, 
per qunnto esteso ed inipetuoso egli sia , pervenuto alia 
regione delle cateratte , si cangia ad un tratto in una massa 
di fluido immobile e tranquillo. La sua azione contro quest! 
ostacoli rldncendosi aliora ad una semplice pressione , e 
valutata in questo stato ; cio che da mezzo all' autore di 
dimostrare , che sotto una tale altezza d' acqua le cate- 
ratte resteranno chiuse , e s' apriranno sotto una niaggiore. 
Indi invitando il lettore a riflettere che esse non sono or- 
dinate a tenere in collo , a far ri'igolfare ( doveva dire 
rigonfiare ) acque stagnanti , ma hensi a far argine , ed a 
stare a fronte di quelle che sono in moviinento (62) v' in- 
teressa r azione dell' urto. Frattanto crederebbesi ch' egli 
s'occupereijlje a discutere ed a valutare questa nuova forza: 
ina no. Ponendo in carapo I'argoniento che dicesi a fortiori, 
si lusinga che og7}uno vtda , che non la sola pressione, mq 



234 aiETODO PER CORr.EGOF.RE LE ALTEZZE 

I' urto ancora deve per necessUa unirsi a procurarne il ro- 
vesciamento (62) ; e die /ad/ cosa sara I'accorgersi cli quanto 
mai non varra ( doveva dire di quanto varra ) ad accre- 
scere in ordine al presence riflesso il momento della forza 
roi'esciante (ivi). 

Ma il sig. Focacci sara egli tranqiiillo su i resiiltati 
dedotti da tale ipor.esi ? Crediamo die no ; come non lo 
siamo noi lettori. Le difTicoIta d' ogni genere die attor- 
niano la tcoria de' fluidi permettono e vei-o di conside- 
rarne gli stati diversi moderati da qnaldie particolar cou- 
dizione, o per snpplire al difetto del nostro inodo di 
concepirli , o per sottoporii ai nostri modi di dlscnssione , 
1' analisi ed il calcolo ; T esperienzu somministrando al- 
r uopo il modo di rettificanie e di correggerne le dedu- 
zioni per tal via ottenute. Ma qnest' arbltrio opportuno , 
allorche limitato agli accidenti della questione, diviene sor- 
gente di grandi errori se partecipa alle sue qualita essen- 
ziali, e se ne contraddice 1' indole e lo scope. E per li- 
mitarsi al cnso attuale : se una corrente animata dalla 
discesa e dall' inipcto preconcepit6 investe ed urta le cate- 
ratte disposte suUa cresta d'una pescaja, intenti a deter- 
minare gli efFetti di qnest' azione , e non volendo compli- 
carne la ricerca con valntare gli angoli delle incidenze 
parziali di ciascun liletto fiuido , gli sr.pporremo tutti iir- 
tanti sotto un angolo stesso ; e noa valendo ad esprimere 
come le particelle die hanno gia esercitata la loro per- 
cossa partecipino all' altra di quelle die sopravvengono , 
potremo supporre qneste particelle o inattive , o sconi- 
parse, ecc; riserbandoci a conoscere con un esperimento 
particolare qual effetto inducano queste omissioni ne' re- 
sultati die se ne ottennero. Ma se , all' oggetto d' evitare 
le indagini difficili die ci presenta la valutazione di que- 
st urto, pongliiamo la supposizione die quella corrente, 
per quanto violenta essa discenda dalle parti superiori , 
pervenuta die sia al contatto delle cateratte in quistione , 
si trasformi in una massa di fiuido inerte ed immobile , 
egli e evidente die la pressione die esercitera contro 
di esse non esprimera 1' azione d' un fiume in nioto , 
come avevasi in niira , ma bensi quella d' una gorga in 
quiete ,• ed il ritrovainenio (14) destlnato a inoderare del- 
r acqua in corso risnltera applicato a sostenerla stagnante* 



ECCES?1VE DELLE PESCAJE , eCC. 233 

Ne meno slngolare ci sembra I'idea d' associare 1' effetto 
di questo stato all' altro opposto , resultante dal!' azione 
del flnido in moto , o come T autore pretende , die non la 
sola vressione , ma I' urto ancora debba unirsi per nccessita 
a produrre il rovescuitnento (62) di quelle cateratte. Niuno 
ignora die i fluidi sono riguardati come premeuti quando 
niuna velocita coucorre a disturbare T azione del loro peso, 
e come urtanti , quando, distrutta quest' azione dal londo 
de' recipienti entro i quali corrono , sono in plena ]jalia 
della loro velocita. Onde sostener clie una correate pi'eme 
( nel senso statico ) , ed urta un ostacolo nel tempo stesso, 
concorda col dire clie si danno pressione senza concorso 
di peso , urto senza concorso di velocita ; doe pressione 
senza pressione, nrto senz'urtoj contraddlzioni manlfeste. 

Percio niuna convenienza, e nluna leglttlmlta nel nie- 
todo del sig. Focacci. Aggiunglamo , niuna ver:ta nelle 
dottrlne die ne dipendono. Per dimostrarlo , seguitlamo 
r autore nel suo modo dl ragiouamento si\\ fiume stagnante, 
e sul fiume in cor so. 

La prima deteruiinazlone a cni discende e quella del 
panto di pressione , ossiu del punto per cui passa la resul- 
taate di tutte le pressioni contra tutti i punti della facc'ia del 
piano della cateratta (48 not. 2 : con espresslone. piii 
tecnica avrebbe dovuto dire de'centri, o deW asse di pres- 
sione), die in parte assume come dlmostrata, ed in parte 
dimostra. Ed e in questo luogo die c' istruisce die puo 
elirainarsl di sotto al segno sommatorio una quantita , nou 
gia perche e costante , ma percbe e comune con un' altra 
alia quale quell' espressione sonimata s' eguagli. 

Pervennto con questo mezzo a mostrare die le sue ca- 
teratte delibono Impernlarsl su i loro appoggi nel terzo 
delle loro altezze , contando dalJe estremita inferiori , e 
che , disposte in tal modo, esse resteranno diiuse fino a 
tanto die 1' acqua s' elevi alia loro sommlta , il sig. Fo- 
cacci , air oggetto d' aprlrle , non ha voluto affidarsi al- 
r urto die 1' acqua stessa , aun.entata d'altezza, imprime- 
rebbe loro versandosi dal loro laldiro , urto , che ( come 
e noto ) comunldiereljbesi per qualche tratto al dl sotto 
del labbro stesso , ma ha preferlto d' anmentarne 1' altezza , 
che potrebbe dirsl d'equilibrlo, e che chlama i'era (53), d' un 
sesto dell' altezza totale (»'j); e cio con poco accorgimento ; 
giacche se per un' eveuiualita qualunque (ed egli doveva 



a36 MKTODO PER CORRKGGERE LE .VLTEZZE 

dubitare almeno delle eveatualith ) cpielle cateratte restas- 
sero chiuse nella ciicostaiiza di qualche grande escrescenza, 
i daiini resultanti ag,!! editizj ed ai terrenL superiori at 
quali colle sue lunghe e studiose ricerche , die per gcnio c 
per dovere dirige mai sempre al solo fine di cooperare al 
piibblico bene (6c)) , sarebbero stati piii coasider'abili e piii 
estesi. 

Cio disposto, r aatore s' accinge a dimostrarci , che , 
pers'eiiuta T acqna a premere coiitro questa parte addi- 
zionale delle cateratte , esse s' apriranuo o affatto , o in 
parte (S'l), e daranno adito al di sopra ed al di sotto di 
esse alie acque ciie loro sovrastaao. 

Ma aiiclie in quest' occasioiie piace all' autore d' iiino- 
vare sulle regole scritte, e meiitre i libri eleineiitari daaiio 
la formula della pressioiie coiitro uii piano immerso in un 
fluido tranquillo combinata necessariamente colla gravita 
specifica del fluido stesso, egli la riporta indipendente da 
qnesto essenziale elemento (60). Ne ci replicbi , che, trat- 
tandosi d' un corpo immerso nelT acqna , e la gravita spe- 
cifica di questa assnmendosi come unita di misura di quelle 
degli altri fluidi , si e dispensati dall" avervi riflesso. In- 
fatti , senza far conto die 1' autore si diporto diversaraente, 
allorche si tratto di determinare i) centra ( cioe I'asse) di 
pressione di qnesto piano (48, not. a), egli e da avver- 
tirsi in genere che le ipotesi introdotte nelT applicazione 
d' una dottrina non hanno alcuna relazione colla dottriua 
stessa, e che qneste ipotesi non possono essere ricevnte, 
se non sieno state da prima convenientemente avvertite. 
Quanto poi al caso particolare di cui si tratta , se le co- 
muni tavole di gravita specifiche stabiliscono come unita 
di misura quella dell' acqua di pioggia, cio avviene per 
mera eventualita , potendo esse variare nei modo di re- 
dazione , ed assegnare alia gravita dell' acqua espressioni 
semnre diverse. 

Con qneste premesse I' autore jierviene a stabilire che 
le acque, superata Taltezza pera (53) delle cateratte, pre- 
meranno le parti superiori ed inferiori ai perni che le 
sostengono con due forze rappiesentate da laS e 96 i ed 
appunto perche il primo supera V altro , quelle cateratte 
dovranno cedere ed aprirsi (62). 

E qui hanno luogo niolte osservazioni. Primieramente 
sembra che il sig, Focacci , condotto il fiume stagnante a 



ECCESSIVB DELLE PESCAJE , CCC, 2 3/ 

superare 1' altezza de' suoi meccanismi , abbandonl il pen- 
siero di considerare il suo modo d' azione iielle diverse 
altezze al di sopra di essi, e che le cateratte s" aprano 
nel modo stesso , qnalunque qneste altezze voj^liano sup- 
porsi; e cio a torto ; giacche, fatta questa considerazione, 
egli troverebbe che il suo i-apporto di ia5: 96, supposto 
costante, vaira con quelle altezze. 

In secoiido luogo 1' autore pretende che la tendenza 
o il momento con cut I' acqua tende n far rovesciare le ca- 
teratte e tanto maggiore di qiieVo col quale le terrehhe clause , 
quanto 128 e maggiore di 56 (61) ; e neppur cio e 
vero. Posto ancbe die tutte le cose asserite, o dimostrate 
fin qui riducessero la questione a questi tei'niini ( e A'e- 
demmo e vedreino quanto debba considerarsi notabilmente 
distante), egli e evidente che nel caso preveduto la leva 
a cui piace all' autore d' assimilare la sua cateratta , si 
costituira in movimento : ma la tendenza a questo state 
non sara espressa dal rapporto di queste due qviantita , 
ma da uno niinore. Egli e nolo infatti clie le condizioni 
d' vnia macchina prossima al nioto sono notabilmente di- 
verse da quelle del suo equilibrio , e che fra uno stato 
e r altro ve ne sono altri molti pei quali non si da mote. 
E sarebbe siata ottima cosa clie il sig. Focacci si fosse 
occupato di questa ricerca ^ giacche sarebbe state avver- 
tito che anche nel modo suo proprio di trattare il pro- 
bleina , esse non pud esser disciolto seuza T elemento 
deir altezza assoluta delle cateratte ch'egli lascia indeter- 
iiiinata (47). 

JMa la cosa piu importante dimenticata al proposito dal 
sig. Focacci e, che allorquando per effetto della pressione 
superioi'e maggiore deir inferiore la cateratta s"aprisse,si 
staliilire'^be al di sotto di essa un emissario d' una luce 
consideral^ile dalla quale V acqua uscirelibe con una ve- 
locita dair alto in Jjasso proporzionale presso a poco alia 
radice dell' altezza del piaro di livello sul centre di gra- 
vita di quella luce. La nnova corrente investendo col suo 
urto il piede della cateratta elevato all' iiidentro vincerebbe 
la forza, respettixamente tenue, che la ridusse a questa 
posizione e V obblighereljbe a chiudersi. Tornerebbe al- 
lora in azione la causa che valse precedentemeute ad aprir- 
la , e vinta di nuovo la cateratta chiudcrebbesi una se- 
conda vohii, e cosi di seguito. Di luodo die anche conccdut^o 



a38 METOUO IKR CORKECGEKE LE AL1EZ2E 

tutto air autore e rapporto al nietodo , e rapporto alle 
dottriiic, le cateratte proposte, in cio veramente oscillami, 
ariJerebbei'o sottojioste al piu ad ua moto alteniativo di 
elevarione e di caduta. E poiclie la corrente rapida in 
cni si siabilisce 11 iiimie in plena trapassa con una pron- 
tezza niaggiore di quella con cni quel nioto vicendevole 
si eseguireblje, quegli onlegni , Inngi dal pi-ccurarne 1' ab- 
bassamento e dal sollecitarne lo scarico, concorrcrebbero ad 
accrescernc il regurgito e la difFusione 

E tanto per T azione delle cateratte ndTipotesi del 
fmme stagnante. Discendiamo coll' autore a considerarlo 
urtante ed in moto , giaccbe a cio ridncesi , come dicem- 
mo , il suo metodo. Ed ancbe in quest' occasione il sl- 
gnor Focacci s' aflida a singolari ragionamenti. Sostenendo 
che // massimo urto o percossa d' iin^ acqu:i corrente a ri- 
giiardo d' iin piano dalla medesima investito forz e che si 
effhttui in quel silo del piano in cui trovasi corrispondere la 
inassiina velocita d.elt acqua fluente (63), e che questa re- 

locita vien data dall' oracolo infallibile deW esperienza 

presso il mezzo della sua altezza PiVa ( ivi ) , conchiude cbe 
sara facil cosa I' accorgersi di quanto mai non verra ( cioe 
di quanto mai verra) ad accrescersi il momento della forza 
roi'esciante (ivi), cbe in circostanze di plena spingera le 
cateratte stesse ad aprirsl. Ma tutto cio non e ne rigo- 
roso , ne vero. 

Lunga e tuttora indecisa e la questione snlla scala 
delle Yelocita d' una corrente , ed a qual llmlte della sua 
altezza debba considerarsi come massima e come media ; 
ne forse si glungera a rlsolverla se non si distinguera 
praticamente quella derivata dalla caduta, dall' altra pro- 
pria della pressione del fluldo soprincrmbcnte; e asserire 
con slcurezza che la massima e data dall' oracolo infallibile 
delt esperienza presso il mezzo della sua altezza viva , e lo 
stesso che clilauiar fallibile quell' oracolo o fallita la sua 
luterpretazlone. Ed anche clie quel fatto si A'erilicasse nei 
canall artefatti d' acqua. chlara , potrebbe forse farsene 
r appilcazlone ai fiumi in plena , J' acqua de' quali soprac- 
carlcata di gliiaja, d' arena , di terra, di sostanze vege- 
tabili ecc. varia in tutti gli strati la sua speciiica gravlta? 

E cio unicamente per tar dlffidenti sopra un' asserzlone 
assoluta e gratuita. Rltornando alle cateratte; credercltbe 
forse il sig. Focacci clie 11 piano de' filetti fluidi della 



KCCESSIVB DEU.E PESCAJE , CCC. a39 

massima velocita delta corrente cadendo al di aopra della 
linea de' perni , avvenga per qucsto die la loro azione o 
il lovo urto result! quivi inassimo fra tutti gli altri ? No: 
perclie quest' urto dipende ad un tempo da quella velo- 
cita e dalla niassa , e pero dalla gravita specifica di quel 
filetti ; cosicclie i filetti piu densi possoao esser capaci di 
urto niaggiore , sebbene anlmati da niiiiore Yelocita. 

Crede pure il signer Prof'essore clie sebbene il piano 
de' filetti piii deftsi si coailiinasse con quello de' filetti della 
massima velocita T efFstto del loro urto sarebbe massimot 
No: niuno ignorando che queRt' effetto rcspettivaniente 
massimo dipende non tanto da quell' urto , quanto da'Ia 
distanza dell' asse di nioto alia quale e esercitato. 

Finahnente crede il sig. Focacci che , posta anclie questa 
terza condizione , che il massimo effetto abbia luogo nel 
piano stesso del massimo urlo , quest' effetto sarebbe poi 
massimo a i-jguardo dell' apriniento voiuto delle cateratte? 
Per la terza volta no: giacche quest' p^«o massimo per 
produi^re quel fenonieno accaderebbe nel piano ove si 
cond^ina la risultante di tutti gli efFetti parziali ordinati 
a vincere quest' ostacolo. 

Cosl nulla vale al proposito il raziocinio sulla massima 
velocita e sul massimo iirio , se non saranno dimostrati 
r una e 1' altro diretti al conipimento dell' a&ione die 
vuolsi ridotta massima col loro mezzo. 

Frattanto 1' autore senibra inquieto suU' azione della 
jiarte del peso della cateratta, che, mancate le forze che 
la elevarono, deve restituiria verticale ; e ci avverte che 
per ottener cio e necessario che il tnomento d' inerzia d' una 
de' bracci della cateratta ( considerata questa al solito e 
colla solita convenienza come una leva di primo genere) 
riesca un poco. maggiore del momento dell' altro (63). E 
qui niuno perdonera all' autore medesimo un grave ab- 
baglio, d'aver confusa cioe I'espressione del momento sta- 
tico d' una forza, daio dal prodotto della forza stessa nella 
distanza dal suo centro o asse di moto , coU' altra dina- 
mica del momento d' inerzia rappresentato dall' elemeiito 
del sistema in moto per il quadrato di quella distanza. 

Questa confusione inopportuna di dottrine , che dimc- 
strauuno gia cosi familiare al signor Focacci, continua nella 
descrizione del modo con cui quel suo momento d'' inerzia 
del hraccio inferiore della leva deve prevalere a quellp 



2^0 METODO PEIl CORliEOGERE LE ALTE22E 

del superiore, Quando un vi'tte , egli dice, t bene equili- 
brato nel suo piinto d' appoggio , siccome lo e aUnrquando 
le masse costituenti le due braccia sono reriproche dclle loro 
lungliezze siipposte uniformi , o dclle distanze di percossa 
dal fukro , ognuno sa , ecc. (64). EiTori ripetuti. Errore, 
perclie una leva noii e in equililirio allorclie le masse 
costituenti le sue brdccia sono rcciproche daUe loro lunghezze^ 
nia quando tali sono le distanze dal fulcro de" loro centri 
di gravita; errore perche non si da niodo di paragone , 
ineno die per un istante, fVa un' azione invariabile quale 
e quella d' una uiassa , ed una variabile quale e quella 
d'una percossa; errore, perche le percosse rappresentando 
appunto delle forze variabili non possono riguardarsi come 
equilibrate successivamente in una leva , se le posizioni 
de' loro centri non si suppongono variate nella ragione 
reciproca delle distanze dal fulcro, cioe sotto speciali con- 
dizioni dell' urto , ecc. ecc. 

Ma la singolarita de' ragionamenti del signor Focacci 
giunge al suo colnio allorche perviene a stabilire 11 niodo 
con cui deve deterniinarsi la posizione di que' centri di 
percosse del fiunie in corso contro le sue caferatte. 

E direbliesi die le dilTicolta numerose incontrate finora 
nella determinazione di questo eleinento, sia colla teoria , 
gia coll' esperienza, non gliene imposero per niodo alcuno j 
giacche , apertasi una nuova strada a questa ricerca, at- 
tende a diniostrarla agevolissimamente nel modo seguente (65): 

Si suppongano tali braccia ( le due parti superiore ed 
inferiore della cateratta ) divise in un infinila di piccolissimi 
dementi . . . ; i momenti di queste infinitesime parti ri- 
spetto al centra del moto e evidente che si troveranno nel 
medesimo rapporto fra loro di quello delle varie pressioni 
dell' acqua esercitate orizzontalmente sopra tutli gli elementi 
assegnabili daW alto al basso in un piano verlicale per tutto 
quel tratto medesimo per cui resta esposto al di lei contatto. 
Ora siccome il centro di pressioni in questo trovasi ai due 
terzi di dist.anza dell' altezza a contare dal pelo o piano 
superiore dell' acqua , cost e cldaro che , ripetendo nel caso 
attuale un simile ragionamento , si troverehbe pure il centro 
di percossa pel braccia superiore lontano per due terzi ( in 
alto dal centro di moto ) , e pel braccio inferiore per due 
terzi (in basso dal centro stesso ) (65). 



KCCJr??ITK DELLB PFSCAJK , C«C, 2^1 

E noil V ha dubbio che il problema non sia stato age- 
volissimaniente trattato , ed il risultato agevolissimaniente ot- 
tenuto. Ma a pnrlaf seriamente ; pensare e scrivere per 
tal niodo , non e egli an volere illiulere se stessi , e con 
se stessi que' molti , che , o indifFerenti al tiiodo con cui 
de' resiiltati rurono dcdotti , o incapaci per loro stessi di 
meditarlo, s" aOidano alia fede dello scrittore ed al sem- 
plice loi'o eiiuiiziato? 

Osservo passando che non e vero cio che 1' autore as- 
serisce che il centra di pressione d' an piano verticale per 
tutto il tralto in cui resta esposto al conuitto (delFacqua) 
trovasi ai due terzi di distanza delt altezza a contare dal pelo 
o piano superiore deW acqua ; cio avvenendo solo quando 
questo pelo o piano sUperiore si combiaa coll' estreuiita 
egnalniente superiore del piano stesso, condizione esclusa 
dal caso attuale in cui la sorpassa. 

]\Ta, questo a parte, il signor Focacci imprende a trat- 
tar qui una questione inopportuna ; ed anclie opportuna 
che essa si voglia , ne deduce delle conseguenze affatto 
straniere ed incompatibili colla questione medesima. Pri- 
mieramente la ricerca del centro di percossa e un proble- 
ma meccanico , ove il fluido ambiente il piano percosso 
e interessato come mezzo resistente, non come forza mo- 
trice ; in quest' ultimo caso , che e quelle delle cateratte , 
il problema riferendosi a detenninare il centro di resistenza 
d' un solido contro un fluido, o viceversa. 

In secondo luogo , quand' anche voglja darsi al fluido 
che urta le due braccia della leva la sola azione d' un 
mezzo resistente ,. e supporsi , con strana concessione , le 
forze urtanti qttelle braccia come estrinseche , la ricerca 
di quel centro non sarebbe della facilita quale 1' autore 
la presenta ; giacche , interessando la dottrina de' veri roo- 
menti d' inerzia , degli assi principali di rotazione , delle 
velocita angolari ecc. si riporta alle indagini d' alta idro- 
nietria. E soltanto nel caso in cui quella leva agisse uel- 
r aria ( e le nostre cateratte sono immerse nell' acqua ) , 
fluido rarissimo che poco ne altera il peso assoluto e spe- 
cifico, del pari die la velocita acceleratrice di rotazione, ecc, 
i due centri d' oscillazione e di percossa trovandosi fra 
loro A-icinissiiiii , puo farsi uSo del raetodo f;icile con cui 
8i determina il primo per conoscere con una certa siru- 
rezza la posizione del secondo, respcttivamente al centrQ 

BibL Iial. T. X:KXVn. i6 



U^-2 JIETOUO I'ER CORREGGEKK LE ALTEZZK 

del nioto. Aiizi se Ic forze alle cjuali la rotazione c dovuta 
possano paragoiiarsi a de' pcsi , questa ricerca puo stalDi- 
lirsi col processo anclie piii facile per fissare il centro di 
gi:avita di quella leva, i ceiitii d' oscillazione , di percus- 
sione e di gravita combinandosi insienie in questo caso. 
La questioae limitata a questi tennini (e ciascuno com- 
prende quanto immensa sia la distanza fra questa e quella 
che il sig. Focacci s' occupa a risolvere ) , allora soltanto 
s avvera che una leva di grossezza uaiforiue ha il suo 
centro di percossa ai due terzi della sua lunghezza dal 
centro di uioto. 

l\Ia tutto cio non liniita ancora 1' arl^itrio e la violenza 
di diinostrare del nostro idrometra. Deterniinato il centro 
di percossa nel hraccio superiore della sua leva ( e gia 
vcdenimo in qual niodo ) ai due terzi della luogliezza dal 
fulcro , ne assegna con un'[analogia felicissima un secondo 
al braccio inferiore, ancb' esso ai due terzi dal fulcro 
stesso della lunghezza di questo braccio (65) ; istruendoci 
per la prima yolta che in un' unlca leva ruotante si pos- 
sono considerare due centri d' oscillazione , due di per- 
cossa e due di gravita 1 1 1 

Ma che cosa dovreaio poi pensare della l/izzarria inau— 
dita di derivare il centro di percossa del piano urtato dal- 
V acqua dngli stessi eleuienti the ne assegnano il centro di 
presslone? Noi non lo sapremmo certauiente , a meno che 
non vogliamo figurarci che il nostro autore , sorpreso dalla 
soiiiiglian/,a de' due risultatl, siasi illuso col credere che 
i due fenomeni si coaipissero colle stesse leggi , e siasi 
lusingato di perveaire a svilupparii cogli stessi mezzi. 

Ed ecco come il sig. Focacci e giunto a farci teorlcamente 
quasi toccar con niano I' inimancabilita del rovesciamento 
delle cateratte osciUand prima che I' acqua pervenga a pa- 
regguirne le altezze (6i)! 

Dato sfogo cosi felice alle dottrine del suo Ritrovamen- 
to (71), Tautore s' accinge a prevenire le oljbiezioni alia 
sua esecuzione ; per altro discutendo e concludendo colla 
stessa fortuna. AIT occasione di plene , egli dice, le cate- 
ratte sono necessariamente aperte (67) ( sebbene poco sopra 
abbia avvertito che non si apriranno se non dopo perve- 
nute le acque oltre ai due terzi al disopra dell' iuipernia- 
tura (56)): percio le materie natanti che galleggiano alia 
superficie sono piii elevate delle cateratte medesime (ivi) ; 



ECCESSlVr, DELLE PESCAJE , CCC. ^43 

onde que meccanismi noii potraniio essere danneggiad ; idea 
verameate inesatta tie' galleggianti, die iion si limitano 
alia superflcie de"'flaicU, ma trascorrono insieine con essi 
per tutte le loro altezze. E quante volte avviene che uno 
stesso corpo , specilicanieute uieno grave, dall' una alTaltra 
delle {sue esti-euiita rade il foado con una , ed emerge 
djilla superlicie con 1" altra ; come sareljlje un albero svelto 
dalle radici ? E questa specie di galleggianti non danno 
spesso tal mole e tal direzione da occupar per ogni dove, 
non diro la luce d'una cateratta , ma di piu prese iasieme? 
Le materie scorrenti o sbriscianti sul fondo dell' alveo ( pro- 
segue il sig. Focacci) rimanendo inferiori all' altezza delle 
cateratte , avvenuto il loro rovesciamento , sono iinpossibi- 
litate a fermarsi tanio sidle creste delle pescaje , quanto da- 
vanti alle colonnette o sostegai delle cateratte medesime (5 7): 
asserzione gratuita e non vera , perclie de' sostegni ripe- 
tuti , distanti di ti'e in tre braccia e larglii un terzo (5o), 
comunque si vogliano suiussnti e ridotti a squarciacque (5i), 
sia per loro stessi, sia pel patttime die vi resta aderente, 
sono ostacoli capaci a irattener le gliiaje , ed a formare 
avanti di loro degli estesi ridossi. E quanti niai non se 
ne vedono elevati da resistenze considerabilmeate minori, 
non gia locali e permanenti , ma spesso istantanee ed 
avventizie ? 

Ma due casi sono sfuggiti a questo proposito alia sa- 
gacia del nostro professore : il priiuo allorquando soprav- 
vengono nol iiume Ijasso delle piccole pieae die esigono 
un qualdie tempo per snperare le altezze delle cateratte 
die incoatrauo chiuse. Che cosa avviene delle ghiaje , delle 
arene , delle terre trasportate da queste pieae in quell' ia- 
tervallo ? Esse cadono al piede di quell' ostacolo mede«iiuo, 
e vi si elevano a tanto maggiore altezza quanto quell' ia- 
tervallo e piu lungo. E se avvenga che quest' altezza 
superi quella dell' acclivita in cui 1' alveo suol disporsi in 
questa regioae , qual pressione , qual uno per libei^are 
quell' ostacolo e per rivolgerlo ? Si dira die,.giuata la 
correate a quelle cateratte, non vi si rende immediata- 
mcnte stagaante , ma che , agitandosi qua e la in vorticc, 
onde distruggere la velocita inqjressale , aache per un 
qualclie tempo successive al suo arrivo piio sostcaeie 
sospese le proprie ailuvioni. Passi j e passi aacora die quci 
due tempi sieno d' egual durata. Ma come , trattaaJoii 



a44 msroDo per cokueggeuk jlb at,tezz« 

della sicurezza cli graiidi stabiliinenti e tiella salute di 
fertilissimi tei'reni, aflidarsi al giuoco if un fenomeno scm- 
pre incerto , senipre vario , c di cui niuno seppe deter- 
niinare tinora T indole e gli cffetti ? 

L" altro e T arrivo d' una pieaa sopi'abbondante e nota- 
hilmciite sa|ieriore alTaltezza dclle cateratte. Cliiunque non 
afFatto straniero ai iiuini, e die comprese con quale im- 
petuosita trascorrono in queste occasioni, giudica faciliuente 
qual sarejilie la sorte di quegli ordegni. Ma sieno pur essi 
di quella robustezza die ne garantisce I' Inalterainlita e Tesi- 
stenza : una mole iminensa di fluldo die precipita da una 
altezza considerabile; agitata da questa causa suprema 
d' akerazionc e di disordine , dovra ella considerarsi come 
quella corrente nniforme die permette ai suoi filetti di 
premere e di percuotere in un niodo invariable, e sotto 
un angolo detenuinato e costante le superficie die le si 
oppongono, ad oggetto di variarne in un modo assegnato 
la posizione, e die strisciandone le estreinita superiori (67) 
passerebbe avanti quasi senza accQrgersi di quel piccolo 
ostacolo (56) , ovvero come la meteora fatta pii'i disordinata 
e pill violenta dagli oggetti die le resistono ? 

Concludasi die T invenzione (46) delle cateratte oscillanti 
e un' applicazione viz^osa ai liumi d' un' idea conosciuta , 
e diflicilmente applicabile ai diversivi; die lo scritto die 
ri porta 11 Metodo per correggere le altezze eccessive delle 
pescnje , e per tnigliorare gV idraulici edifizi col loro mezzo ^ 
oltre peccar di continue di trascuratezza di stile e di sin- 
tassi , di vigore e di convenienza d' espressioni , di preci- 
sione d' idee , d' abuso d'interpretazione d\'iutori citati, e 
qualche volta di contraddizione , e fiorito d errori di lin- 
gua, d' errori di gramatica , e d' errori di matcmatica pura 
ed applicata , sia di tecnica locuzione , sia di dottrina ; 
die per quanto poi concerne la teoria di fpielle cateratte, 
fondata su delle ipotesi incompatibili colP azione de' fluid! 
in mote , ed in aperta repugnanza co' principj di quella ' 
scienza , essa ne-va continuamente divergendo, o piuttosto 
uon le appartiene in alcun modo ; e die in fine T illusione 
sn 1 A'antaggl infinit.i (70) di quegli ordegni risulterelibe 
I'atale a cbi ne avventurasse T esecuzione. 

Tcrminiamo con due osservazioni : T una diretta al si- 
gner Editore della raccolta di Bologna : die libri sciitti 
per *al modo non meritano di trovar luogo fra qnelii 



HGCESSIVE DELLE PESCAJE , CCC. 245 

de' Largna, de' Tadlni, de' Fossombroni, de' Paoli, de' Men- 
go tti , ecc. ecc. L' altra al sig. professore Focacci: che 
dopo avere scritti e pubblicati libri di tal sorte noii si e 
in diritto di tacciare tutti i periti idraiilici di tutte le De- 
putazioni alle imposizioni de' fiumi della Toscana come 
degl' ignoranti e. come degl' IMPOSTORI , i quali le inganna- 
rono e le ingannano , egualmente che il pubblico tutto , e 
di quelle e di qiiesti iinpiinemente hanno rovinato e rovinano 
i pill sacri inleressi (*). 



(*) Continuazione degli Atti dell' Accadcmia de' Georgofili, 
Vol. Ill, p. 367. 



24^ 

J.PPENDICE. 



PARTE I. 

SCIENZE, LETTEREED ARTI STRANIERE. 



T 

JL H 



BIBLIOGRAFIA. 



ISTORIA NATURALE. 



HE naturalist's Companion eic, cioe Mamiale del naturalista, 
ossia Introduzione ai diversi rami dell' istoria naturale coi 
metodi dl raccogliere e conservare gli oggetti di zoologia, 
dl hotanica , di mineralogia ecc, di G. Graves. Londra, 
1824, Longman., in 8.% con fig. , prezzo scellini 14, e 
con fig. color ate lir. i sterlina e scellini i5. 

The natural history of the Bible etc. , cioe Storia naturale 
della Bibhia, ossia Descrizione de' quadruped i , uccelli , pesci, 
rettili , insetti , alberi , piante , fiori e pietre preziose delle 
quali e fatta menzione nella Sacra Scrittura. Di Tom. 
Mason Harris. Londra , 182,4, in 8.*, Longman , prezzo 
scellini 1 o . 

BOTAKICA. 
liechcrches anatomiques et physiologiques sur la structure 

interne des animaux et des veg^taux , par M. Dutrochet. 

Paris, 182,4, in 12, de 2.33 pag. , avec un tableau et 

deux planches. 

( La fisiologia animale e la vegetale soiio due secret! 
della natura sui quali essa ha steso un velo e appena per- 
mette clie si tolga un lembo qua e la per iscoprirne i 
niisteri. Bisogna dunque conoscere gli ultiml lavori e non 
trascurare T esame degli sforzi e delle coiigettui'e di chi 
si afFatica intorno un argomento clie fonua la jiase della 
scienza della botanica e delP agricoltnra. ) 



APP. PARTE STRANIER\. 347 

Observations stir la nomenclature et le classement des roses, 
suivies da catalogue de celles cultivees , par J. P. Vibert, 
a Cheneviere-sur-Marne. Paris, 182^, brock., in 8.°, S/r. 

( La passione die si e introdotta in Francia e in Italia 
per le rose giustifica gli elogi clie ripetutamente Anacreonte 
fa di questo fiore , ed Anacreonte non ne conosceva cer- 
'amente clie pochissime varieta. Egli resterebbe molto me- 
lavigliato vedeudo clie ]M. Vibert ne registra 865 varieta 
r.el sue catalogo distriljuite in 29 classi. Siamo assicurati 
che un inglese a Milano ne possede un numero maggiore, 
«d un altro private sul corso di porta Ticinese, il signer 
I'estalozza , ne lia una raccolta che nierito Tonore lo scorso 
amo di essere visitata da S. A. I. il nostro Yicere. ) 

Geologia e Mineralogia. 

Ar, Abstract of a /lew Theory etc. Estratto di una nuovn 
teoria della formazione della terra , per Ira Hill. Opera 
di pag. ail. Baltimora , i8a3. 

[ Gli Europei hanno fabbrlcato il mondo in tante ma- 
niere e con tante congetture di lore invenzione, ch' egli 
e ten giusto che anche un Americano metta in caiiipo le 
sue. L' autore e un vulcanista nioderato che accorda niolti 
efFetti anche all' acqua, ) 

Geschichte der Ur welt etc. Istorla del mondo pritnitivo, abboz- 

zata. da F. I. Kriiger , arcliitetto provinciate e ispettore 

de. demanio. Cuedlinibourg e Leipzig , parte prima , 1822, 

in 8.°, di pag. 428:, parte seconda, 1823, di pag. 966. 

( II prime volume e consacrato alia descrizione della 

terra e della sua crosta esteriore; il secondo a quella del 

differeiti fossili stati scoperti fjnora. Quest' opei'a e ini- 

portantisslma per la sua erudizione e per la rassegna e 

r avvicinamento di tutte le opinioni , di tutti i sistenii. 

Meritertbbe 1' onore di una buoiia traduzione italiana. ) 

Ideer zu einem vulcarnschen Erd-Qlobus etc. Idee intorno un 
globo tprrestre vulcanico intorno una rappresentazione 
di tutti i polcani antichi e moderni d.ella superflcie della 
terra e :ui risultati filosofici che ne derivano, di F. Sickler. 
Weimar, in 8." di pag. 84, con un mappamondo. 

( L' autore dimostra con raolta erudizione che fiho dalla 
pill lontap.a antichita si c attribuito alia terra delle catastroli 



248 APPEND ICE 

e de' fenomeni vulcanlci considerabili. Fa osservare ia 
segiiito che tutti.i dlstretti vulcaiiici si trovano ( tranne 
pochissime eccezioni ) distribniti sopra delle linee piii o 
meiio Innghe o larghe, e distingue 9 nieridiani e 3 pa- 
ralleli vulcanici. Conchiude da cjnesti fatti che la forza 
vulcanica e piii forte sotto i poli , ch' ella e sparsa per 
tutto sotto la zona equatoriale , e che le zone tempeiate 
non offrono alcini parallelo vulcanico. ) 

Charakteristik dcr Felsarten. Caratteristica delle rocce , p«r 
C. C. De Lionhard. Heidelberg, 1824, torn. 2, in 8.°.. 
di pag. 698. 

( Questa e uii' altra di quelle opere che dovrebbeio 
essere tradotte in italiano perche la scienza fosse tenuia 
anclie nella ncjtra lina;ua a livello delle cognizioni che si 
propagano nelle altre nazloni. In questa nostra bibliograia 
preferiamo P annuncio delle opere generali o de' libri ee- 
nientari, ed omettianio I'infinith di opuscoli e di Memo'ie 
parziali risguardanti qualche localita o fenomeno partieo- 
lare , essendo nostra intenzione di cosi indicare agli s:u- 
denti ed alle pnbbliche biblioteche , quali sarebbero i liDri 
da preferirsi pei loro acqaisti. ) 

Naturgeschichte des Mineralreichs. Storia naturale del re^no 
minerale. Libra eleinentare pei gimiasj e Ic scuole , di 
G. C. L^onhard. Heidelberg. 

( E sotto i torchi quest' opera che sara utilissima. Sara 
divisa in due parti, la prima trattera delF orittognosii che 
comprendera i caratteri de' niinerali , la classificazions, la 
denoniinazione , la descrizione e la serie de^ minera!i. La 
seconda parte trattera della geognosia e della geologia. ) 

Introduction a la mineralogie , ou Expose des princpes de 
cette science et de certaines proprietes de minerciuc , con- 
sideries prinripale.ment dans la vrdeiir qu'on pent leur 
attribuer comme cnracteres , par Al. Brongniart, membre 
de tAcad. de sciences. Paris, 1824, in 8.°, de i58 
pag. , avec pi. Levrault. 

(E un aiticolo del Diclion. des sciences iiaturelles staM\- 
pato a parte, e del quale si fanno i piii graiidi elogi nel 
Bullet. Univ. de! barone di Ferrussac.) 



PARTE 8TRANIERA. 249 

Description du goniometre perfectionne de M. Adelmann , 
gardien-aide-mineralogiste de la collection mineralogique par- 
ticuUere du roi , par M. le cointe de Bournou. Paris , 
1824 , in 8." 

( Dopo aver vicordati brevenieate i vaiitaggi e gl' in- 
convenietiti clegli stromenti impiegati fin qui a niisurare 
gli angolL de' cristalli , il conte di Bournon fa coiioscere 
un goiiiometro di nuova invenzione die peimette di con- 
tare sopra nil' esattezza quasi eguale a quella del gonio- 
metro a riflessione, e die ha sopra di quest' ultimo il van- 
taggio di poter essere applicato a' cristalli clie non hanao 
ne piccole dimensioni , ne superficie riflettenti. ) 

Traite elcmentaire de mineralogie , par F. S. Beudent sous- 
directeur du cabinet de mineralogie du roi, professeur de 
mineralogie, meinbre de plusieures societ^s savantes. In 8.*, 
avec 10 planches , chez Verdiere a Paris. 

( Quest' opera e compdsta di quattro parti , ossla libri 
distintl. II prinio comprende le rognizioni e le osservazioni 
che formaao la base della scienza. Nel secondo 1' autore 
si e occupato della classificazione. Nel terzo si tratta della 
giacitura de' luinerali. Nel quarto si discorre dell' impiego 
delle sostanze miaerali uelle arti e negli usi della vita. ) 

An Elementary Introduction to the Knowledge of Minera- 
logy etc. Introduzione eleinentare alia cognizione della 
mineralogia , contenente alcuni rag^uagli del carattere e 
parti elementari de' minerali ; spiegazioni de'' termini usati 
comunemente j descrizioni di minerali colla notizia del 
luoghi ove si trovano , di Will. Phillips. Terza edizione. 
Londra , in 8.° 

( U Edimburgh-Eeview nel n.° 78 a pag. 5oo , dopo di 
aver dato un estratto di quest' opera notandone i suoi 
difetti , condiiude dicendo die quantunque essa non 
adempia alle condizioni die il giornalista vorreblje inipoire 
in un lavoro di tal genere , nulladimeiio vi si contengono 
per entro inolte uiilissinie inforuiazioni esposte in un iiiodo 
conciso (in a condensed form ). I suoi difetti sono coni- 
pensati dai niiriuti ragguagli cristallografici ond' e arric- 
cliito questo volume. Ad ogni specie sono annesse figure 
che olTrono le forme primitive colle sue modificazioni, ed 
il valore de' diversi an^oli e dato distesaaientc nei mar2,ini.. 



2 So APPENDIOK 

Per coloro che liramano di faniigliarizzafsl coi carattcri 
ci'istallografici de* niiaerall quest'' opera rinscira £;i-atissima 
ed utilissima, II sig. Pliillips in generale ha adottata la 
nonieiiclatuia di Werner. ) 

AgRaRIA , OrtICULTURA ED EcO^rOMIA DOMESTICA. 

Meinoire sur la coupe prematuree des moissons , par M. le 
cointe Louis de Villeneuve ( Jouni. des propr. ruraux 
aout 1824 ). 

( Qual e 11 niiglior consiglio ; mietere le biade molto 
mature o poco mature ? Questo e il quesito che il signer 
Villeaeuve cerca di sciogliere e che fu agitato prima da 
opinioni molto contrarie. II sig. Viileneuve crede che vi 
sia molta esagerazione da una parte e dall' altra e con- 
chiude che non bisogna tagliar le raccolte ne troppo pre- 
sto , ne troppo tardi , e che in cio come in tutte le cir- 
costanze agricole bisogna consultare le localita , le terre , 
le variazioni dell' atniosfera eec. ) 

Meinoire sur une nouveUe methode pour I' extraction des grain 
et graines , de leur cellules ou enveloppes par M. G. Tor- 
boulic. 

( L' autore vorrebbe che snbito tagliata dal picde la 
messe nel campo se ne ritagliassero e raccogliessero le 
sole spia;he , ossia le estremita superiori della messe nic- 
deslma. E£;li suggerlsce a questo proposito uno stromento 
che ne facilita 1' operazione. Noi indichiamo di volo una 
idea che a aiolti parra tosto ineseguiljile ; ma non e la 
prima volta che un cenno vago di una invenzione non 
approvata ha suggerito un' altra idea piu utile e di piu 
agevole esecuzione. ) 

Das Game der Landwirthschaft. II complesso dell' agricol- 
tura , di J. Fr. Mayer riveduto e corretto da J. E. Von 
Reider , con. un supplemento contenente I' arte i'eterinaria 
del dott. Weidenkeller . Terza edizione. Nuremberg, vol. 2, 
in 8.% di 53 fogl. 

( Nella prima parte di quest' opera si tratta della qua- 
lita del suolo , dei principj dell' equilibrio agrario , del 
trattamento de' bestiami , del miaiUoramento delle terre , 
della parte dell' istoria naturale e della fisiologia delle 
piante e della chimica appartcnente all' agricoltura. La 



PAUTE STRANIERA. 2bl 

seconda parte «1 occnpa cle*concimi, dellc raccolte, della 
conservazione delle messi, delTenologia e dell" edncazione 
deiragricoltore. Un trattatello di veterinaria terniina I'opera.) 

Calendrier dii hon cultivateur , on Manuel cle ragriruheur 
praticien, par C. J. A. Matftieu De Dambasle. Secondieme 
^dit. Paris, 31. Huzard 

( Quest' opei'a si divide in 2 parti. La prima coiitieiie 
il ragguaglio de'lavori campestri proprj ad ogni niese nel- 
1' ordine in cui vengono eseguiti. La seconda sotto il ti- 
tolo di Pieces d^tachees oifre delle considerazioni suU' iiso 
e sui vantaggi de' diversi stromenti d'agricoltura perfezionati 
e siii principali mezzi di prosperita agricola. II volume e 
terminato con un opnscolo intitolato La rididsse du culti- 
vateur, ossia Les secrets de Jean Nicolas Benoit par A. L.) 

Nuovo trebbiatojo { Landwirthschaft : Zeitung. Gennajo, 1834, 

pag. i5). 

( Fra tanti trebbiatoi inventati finora in Germania ^ in 
Francia , in Inghilterra, in Italia, qual e il niigliore con- 
siderato sotto V aspetto delT econoniia del tempo e della 
spesa ? Non si potrebbe rispondere a questa domanda senza 
raolte pagine e senza il confronto di molte figure. Giuseppe 
Plenk di Meisenbach in Baviera ne propone uno cli' egli 
crede il migliore di tutti ; uia nel Bullet. Vriivers. troviamo 
clie non e una uovita e che sia quelle stesso introdotto 
nel Yorksbire nel 1767 da M. Evers. ) 

Traite sur la culture de la vigne telle qu''elle se pratique a 
la Ve^ix Canton de Vaud. Par Brun-Chappuis , de Vevey. 
Geneve, PascJioud , in 8.°, c. 60. 
( Di questa interessante operetta se u' e dato un Inngo 

estratto nel Bullet. Univers. , e ne darenio una traduzioue 

forse ancor noi nella nostra Biblioteca. ) 

Hortus gramineus Woburnensis ; or ax Account of the res- 
suits of various Experiments etc., dot Esperienze sul pro- 
dotto e sulle qualitd nutritive delle diverse erbe cd altre 
piante che servono di nutrimento agli aniinali donicstici , 
con un appendice nella quale sono indicate le diverse erbe 
che possono servire alia fabbricazione de' cappelli di pa- 
glia. Di C. Sinclair giardiniere del Duca di Bedford. 
Londra, 1824, Ridgway , in 8.% con 60 tavole colorate, 
prczzo lir. 1 sterl. e scell. 10. 



202 A 1' P I. N D 1 C E 

Manuel tlitorique et pratique du Jardinicr , ouvrage or tie Je 
planches, dcdie a M. Tliouin par M. C. Bailly son eleve etc, 
Paris, 1824, vol. 2, in 12, Roret e Mad. Hazard. 

( Qiiosroper-i puo essere considerata come una compiuta. 
analisi del'e dotte lezioni teoriclie e praticlie di M. Tliouia 
snlla scienza del giardinagglo. L'autore noii ha trascurato 
di attingere anche ad altre fonti oidinando il tutto siste- 
niaticamente e coa uii nietodo clie rende piii facile , piii 
chiaro e prolicuo qucsto studio. 11 priiuo volume e con- 
secrato ai giaidini di utilita ; il secoudo ai giardini di 
piaceie. ) 

Effets dune haute temperature sur quelques especes de plantes, 
par Knight, (^Mag. der Pharinac. ,maggio, 1824, p. 221). 
(In uua serra la cui teiuperatura montava a ino gradi 
di Fahrenh. V autore ha colli vato diverse piante studian- 
done i feuor.ieiii dello Eviluppo. II poppone , p. e. , cresceva 
dapprima con vigore straordinario , nia i suoi fiori non 
potevano ottenere ia seguito il suo compimento. II coco- 
mero ha presentato uu accrescinieato non inferiore , ma 
tutti i suoi fiori si souo trovati di sesso mascolino. Uit 
freddo continuo fece produrre alia stessa pianta de' fiori 
iemniinini. II solo fico e senibrato prosperare in una teni- 
peratura calda. Esso ha somministrati frutti eccellenti ed 
anticipati di mold mesi. ) 



INVENZIONI E SCOPERTE 

IN FATTO DI ECONOMIA RURALE E DOMESTICA. 



L^Lanieha di presen'are le verze ed altri legumi dai 
bruchi e da altri insetti. Seminate della canapa attorno alle 
ajuole ove volete piantare le verze o i cavoli od altri 
erbaggi; e sarete meravigliato in vedere che quantunque il 
terreno sia infestato dai bruchi , pure le ajuole ricinte di 
canapa rimarranno illese dai danno. Questo accade o per 
Tavversione che hanno sifFatti insetti per la canapa, o per- 
che la canapa attlrando gli uccelli come pianto ad essi grata, 
gli uccelli distruggono anche i bruchi. II Bullet. Unii<ers. 
ropia questo fatto dall' American Former. L" esperienjia 
fara vfdeie ^e la cosa corr.1 in Italia come in America. 



PARTE STR.VXIERA. 253 

Modo di levare al latte ed al burro il sapore di rapa. 
Fate sciogliere un po' di nitro nell' acqiia fresca e versa- 
tene utia piccola tazza in 48 piiite circa di latte appena 
niunto ( ibid. ). 



Maniera di conservare fresche per lungo tempo le pntgne. 
Quaudo le prugne sono mature se ne stacca un ramo clie 
ne sia molto carico e se ne conficca 1' estremita staccata 
nel huco di un muro della cantina. Le prugne cosi si 
conservano sul ramo ilno alia prossima priniavera , e fre- 
sclie come se fossero appena colte dall" albero ( Wochenlsl. 
der Landw. Yer. in Baiern la octob. 1824 p. 68 citato 
dal Bullet. Univers. Nov. stesso anno ). 



Lo spiedo economico. Prendete delle allodole od altri 
piccioli uccelletti, inlilzateli in un ramo di nocciuolo 
tagllato di fresco, ed esponeteli dinanzi un buon foco. A 
capo di cjualche niinuto il tutto insieme comincera a vol- 
tare proprio motii. Cio accade per la dilatazione del suco 
che nel nocciuolo e disposto sopra una linea spirale intorno 
a! cuore del legno, e die successivamente attirato dal 
calore gl' imprime il movimento di rotazione ( Weekly 
Register Paris. 3i octob. 1824 p. 385. Bullet. Univers. 
deccmb. stesso anno (i) ). 



Scopa di foglie di plno. Ognun sa die in ottobre i pini 
jierdono le foglie le quali coprono abbondantemente la 
terra. M. De Plancy ha immaginato di utilizzar queste foglie 
p d^ inipiegarle alia preparazione delle spazzette e delle 
scope die tei fabbricano con radici di graminacee. Ha 
presentato diversi saggi di cosi fatte spazzette i quali 
semlirano ottenere lo scopo ( Societa centr. d' agricoltura. 
Saine et Oise, 1824, p. 3". Bullet. Univers. ibid.). 



Maniera pronta di fare il burro. Versate uno o due cuc- 
dilaj d' acquavite nella zangola quando il iior di latte 



(l) Abbiaiiio fatto due volte 1' esperimento di questo spiedo, 
ma non ci (■ riuscito. Non snppiamo pero se cio sia accatliKo 
}jfr nostra poca destrezza o perclie gracuita e falsa sia I'asser- 
.zior.e dal tinrnaliita inglese. (Nora del Diiettoie r compilatore 
Hi qticgia Biblioteca). 



aD4 A.I'1>ENDICE 

s'aJiIcnsa. Vol abbrevierete inolto l' operazlone senza che 
la qualita del burro soffra nieiioniainente ( Woclieii-Blatt 
dcr L;uiJ\v. Vereias in Baiern. Munich. 18 no v. 18a 3, 
n. 7, p. i34.vcr Bullet. Univ. ibid.). 



Nutrimento de vitelli. Si e ossefvato che (juando si la- 
sciano poppare di troppo i vitelli ne' primi giorni della 
loro nascita essi digeriscono male, sovente si ammalano 
ed e difficile allora d'ingrassaili. Si riniedia a cosi fatto 
inconveaieiite nioderando la loro ingordigia nelle prime 
settimaae , nia quando sono nrrivati ad una certa epoca 
si lasciano poppare quanto vogliono ed anclie sotto divei'se 
vacche ogni volta. Solaaiente che negl' intervalli si rin- 
chiudono in una stalla particolare e si porge loro in una 
p.ccola niangiatoja de" pezzetti di creta ch' essi raangiano 
benissimo alia dose di circa 10 a la once nl giorno. 
Pare che questa sostanza sia destinata a neutrnlizzare gli 
acidi che potrebbero risultare dalla grande quantiia di 
latte ch'essi bevono. I coltivatori delle vicinanze di Lon- 
dra assicurano che i vitelli nudriti in tal guisa s' iiigras- 
sano pill prontaniente e che la carne fe molto piii bella 
e piii ricercata d' ogni altra. (Mem. de la Soc, centr. 
d' agr. et des arts. Seine ed Oise , 1824, p. ag. Bullet. 
Univers. ibid. 

Conservazione del latte. Abbiamo parlato altrove di questa 
scoperta, ma eccone la ricetta piii chiaramente esposta. 
Pigliate delle bottiglie di Francia che teagono una pinta 
all'incirca, che sieno bene asciutte e senza odore di sorta : 
versatevi il latte appena munto : che le bottiglie sieno 
piene : otturatele con turacciolo di sughero, che fermerete 
con spago o filo di ferro. Stendete un po' di paglia sul 
fondo di una caldaja e collocatevi le bottiglie piene, frap- 
ponendo altra paglia fra di loro. Riempite la caldaja con 
acqua fredda , ponetela sul fuoco , e quando comincera 
a bollire, levateci il fuoco di sotto e lasciatela rafFroddare 
lentamente. Quando le bottiglie saranno fredde afFatto si 
rltirano e s" iacassano con paglia o segatura di legno per 
poscia collocarle in foado a un l)astiinento, o pure a terra 
in una buona cantina. Si pretende che il latte si conserva 
in tal guisa freschissimo e come appena munto per la ed 
a>ich« 18 mesi. 



PARTE ITALIA.NA. aSS 



PARTE II. 

SCIENZE, LETTERE ED ARTI ITALIANE. 



A 



Fine delV clenco de premiatl per oggetti cT industria 
nclla dlstiilmzionc fattasi in Milano nel 1824 
( vedl qncsto volume , pag. 96 ). 

Premj di menzione onorevole. 

Don Giacomo Daverio di Milano, per torchio econo- 
niico. 

A Giambatlista Solar i di Milano, per vasi di gres. 
A Carlo Bernardi e Giacomo De Luigi di Milano, per 
chiavi applicate al corno da caccia ( giudizio. sospeso per 
la medaglia d' argento ). 

Ad Andrea Comezzoli di Milano, per la vori di parrucche. 
A Gaetano Provaggi di Milano , per parrucche niigliorate. 
Ad Andrea Spinelli dl Milano , per paglie tinte ad use 
di strati da camere. 

A Rosa Melh di Melegnano , allieva dell' I. R. Collegio 
delle fonciulle in Verona, per cjuadro a ricanio in bianco 
a cliiaroscuro. 

A Francesco Tacchi di Como, per fornello da iilar la 
seta utihnente niodificato. 

Ad Antonio Parazzoli di Lodi , per quadro intagliato in 
legno a basso rilievo. 

A Vinccnzo Sassi di Monza, per estesa fabbricazione di 
creps della Cina. 

A Carlo Riva di Milano , per disegni di figure eseguiti 
coi capelli sopra T avorio. 

A Giambattista Giiyon di Lione, stabilito da lungo tempo 
in Milano, premiato nel concorso dell' anno 1822, per lo- 
de vole costruzione d' un orologio a pendolo e d" uno da 
tasca. 

A Luigi Ripamonti di Milano, per quadro intarsiato in 
li'guo con jignic. 



a.V) A F r E N D 1 C K 

A Giuseppe Ronchetti e Figli da molti anni jtabiliti in 
INIilano, premiati nel concorso dell' amio 1822, per petlini 
da telajo all' iiia,lese. 

A Pietro Citterio di Mllaiio , per fornello coa girarrosto 
jnosso dalla corrcnte d' aria riscaldata. 

A Giovanni Ponzini di Milniv , per nietodo d' appresta- 
zione del lull (giudir.io sospeso per la medaglia d'argeiir.o). 

Ad Antoma Sirtori di JMilano, per cjuadro di figure a ri- 
canio in oro. 

A Francesco Castagnoli di Milano , per qnailro di figure 
a ricamo. 

A Gicvanni Merlini ingegnere in Monza, per Ijarca niossa 
contr' acqna dalla forza della correute. 

Ad Augusto Blitmenfeld da varj anni stabilito in Milano, 
per pettini da telajo all' inglese. 

Ad Antonio Guglielmini proprietario della Ditta Castagna 
e Comp. di Milano, per tinture di seta in nero di Fran- 
cia niigliorate. 

A Giuseppe Martini di Milano , premiato nei concorsi 
degli anni 1^20 e 1822, per baklacchino riccamente rica- 
niato in oro. 

A Giuseppe Marioni di Cusano , provincia di JNlilano , 
per canne da scliioppo internaniente smerigliate. 

A Davide Maini da molti anni stahilito in IMilano , per 
macchinetta atta a fal^bricare il cordlno in ispiga. 

A Giovanni Manzoni di Caravaggio, provincia di Berga- 
mo, per congegno con cui si aprono e chiudono le imposte 
delle finestre. 

A Clemente Pozzi di Como , per serratura di semplice 
costruzione. 

A Carlo Bolognini da varj anni stabilito in Milano , per 
basso rilievo di figure in bronzo dorato. 

A Girolamo Aniedeo di Como , per prodotti chimici tratti 
dalle ossa. 

A Pietro Sassi di Monza , per estesa fajjbricazione di 
creps della Cina. 

Ad Aquilino Ripanionti di Dugnano , premiato nell' anno 
182a, per miglioramento al torchio da olio. 

Sott. STRASSOLDO. 

Angelo Cesaris, Direttore. 

Il Vicesegretnrio dell' I. R, IsUtut» 

C A RI. I \- I. 



PAKTE ITALI.VNA. sSt 

Elenco degli oggetti d' industria che^ oltre quelli per- 
niiati , furoiio presentati alcuni pel coiicorso , ed 
altri per la sola esposizione. 

Varie mnccliiiie presentate all' esposizione, del signer 
cavaliere Ciovsznni Aldini , uiembro dell' I. K. Istituto di 
scienze , lettere eJ arti. 

Diversi congegni per rendere intermittenle la luce del fari. 

Occukatore formato da un piano verticale e mosso 
da una leva idraulicn. 

Occultatore , mosso come sopra, girevole da quattro 
lati, a dati intervallL di tempo. 

Occultatore, mosso come sopra, formato da due piani 
metallici, che si aprono e si cliiudono a dati intervalli 
di tempo. 

Occultatore, mosso come sopra, in forma ciJindrica , 
che rende ad un tratto visiljili le iiamme dei fari da ogni 
parte per un dato tempo. 

Occukatore che fa le veci di contra^jpeso della leva 
idraulica e che agisce tanto a valvola clie a canale aperto. 

Congegno per rendere intermiitente la luce dei fari 
illuminati col ijas. 

Rtiota idraiilica ridotta alia maggior sempUcita e mossa 
dair urto dell' acqua cadeiite da un serbatojo. 

Due specclii di rame "inargentato di non ordinaria 
grandezza , e niobili in diverse direzioni. 

Altri specchi di stucco inargentato. 

Lucerna aW argand a sei fiamme, producente i colpi 
di luce vivace, in sostituzione dei fuochi del Bengala. 

Apparecchi die servouo ad estrarre il gas illuuiinaute. 

Macchine diverse pel segamento de'marini. 

Modello di una sega mossa dalla leva idraulica tanto 
a valvola quanto a canale aperto. 

Modello di una sega pure a leva idraulica che miio- 
vesi in pochissiaia distanza dal livello del serbatojo. 

Congegno per dirigere e versare 1' acqua e l' arena 
sopra la sega a dati intervalli di tempo. 

Modello d' una macchina pel segamento dei niarmi a 
pill tagli mediante Tazione di un' altalena , evitando il 
contrappeso. 

Bibl. Jtcd. T. XXXVII. J- 



258 A V I' E N D X C E 

Congegiio jTer regolare il movimento delle seglie. 

Congegno aiialogo al prccedente, nel qiinle si fa uso 
d'l una carrucola sospesa all" estremita tiella Iev;i. 

Comliinazione di due secclii attaccati alT estremita 
di una leva, sui quali agisce alteniativainente una stessa 
corrente d" acqua. 

Conibina?ione di due leve idrauliclie senza eontrappeso, 
con cui una stessa quantith di acqita esercita in due volte 
la sua azione sopra una inedesima resisteoza. 

]\lodello operativo a doppia leva idraulica applicato 
alia segatura dei niarnii. 

Macchine ed istromenti diversi prescntati dal signor 
Carlo GrindcJ , maccliinista dellT. R. Osservatorio di Brera. 

Un sestante ed un circolo a riflessione. 

Cannoccliiale acromatico col micrometro di Rochon. 

Cannoccliiale da notte. 

Microscopio a lampada. 
Altri stromenti fabbricatl dal suddetto Gruidel e dai 
suoi allievi. 

Pirometro, stiomento die serve a niisurare la dila- 
tazione dei luetalli. 

Macchina funicolare, clie serve nelle scuole di fisica 
a diniostrare la composizione delle forze, 

Barometri, termoiiietri ed altri piccoli stromenti. 
Orologio a pendolo con soneria dipendetite da una sola 
ruota , del signor Gioachino Alberti, di Milano. 

Due dinamometri ed un modello d' un bilanciere di nuova 
costnizione , del signor Cristoforo Sieber ^ maccliinista del- 
1" I. R. Zecca. 

Elettromotore dsl signor professore Zainboni , eseguito 
dal signor Eusiachio Vrlandi, di Yerona. 

IMaccliinetta fatta per niisurare il fieno ammuccliiato , 
di Fuustino Bozzoni , di Santo Zeno provincia di Brescia. 

Piccola campana saldata con nuovo metodo e raodelli 
delle cilia velle clie s' impiegano nella suddetta operazione , 
dei signori Domenico ed Erniano padre e figlio Barlgozzi., 
di Villpfranca , provincia di Verona (giudizio sospeso per 
la niednglia d'oro). 

Modello di maccliina clie serve a ridurre in faldelle 
i legni ad uso de' tintori , e legno gia ridotto in fal- 
lUIle e disposto per I'uso, del s'lgnov Giuseppe Pinella , di 
Brescia. 



I'AKTK ITALIANS. 289 

Disegiio d' uu uiiovo torchio a iiiannbrio , del macchl- 
nista signor Enrico Spring. 

Modello d'uii torcliio da stampa a ciliadro, del tipografo 
signor iVicold Betloni ( giudizio sospeso pel preinio ). 

Modello di l)ilancia a ponte , del aieccaiiico signor 
Luigi Rosa. 

Planetario die rap[)reseiita diversi movimeati de'corpi 
celesd, del fa signor Ubaldo Villa. 

Cariglione applicaVnle agli orologi , del sigaori fratelU 
Cciser , staljiiiti in Milano. 

Modello d' un fraiitojo da ulive, di Aqnilino liipamonti, 
di Wilano. 

Maccliina per formare i fondi delle incisioni in rame anche 
con linee curve, del signor Antonio Longoni (giudizio 
sospeso pel preniio ). 

Diversi cainpioni d' acciajo di cementazione e di fiisione, 
del signor don Giuseppe Fismara, professore neU' I. R. 
Liceo di Cremona ( giudizio sospeso ). 

Candelabro di bronzo dorato, arricchito di figure e di 
ornameiiti, della fabbrica del signor Luigi Manfredini, di 
Milano. 

Bronzi dorati della fabbrica de'signori Strazza e Thomas 
in Milano , cioe : 

Un cesto portato da tre Baccanti. 
AUro cesto portato da tre Zefliri, 

Un orologio a pendolo con figura rappresentante 
r amore uiaterno. 

Dtie vasi a'la maniera etrusca con bassi rilievi e 
ghirlande. 

Un calamajo co"" suoi pezzi relativi, rappresentante 
un Araorino. 

Una testa di cavallo. 

Griipijo di Venere ed Amore in una concbiglia por- 
tata da due delfinl, gettato in bronzo con patina di verde 
antico. 

Ornaniento d" orologio , di ])ronzo dorato rappresentante 
la nascita di Venere, nianifattura di Luigi Scorzini, ili 
Milano. 

Quattro lucerne, delle quali due con piede , con orna- 
ment! dornti, di Giantbattista. Rasario , staliilito in Milnno. 

Due lucerne con piede, ornate come sopra , di Giovanni 
e Giuseppe fratelli Frina, stajjiliti in Milano. 



260 APPENDIOE 

Areoiiietro e campioiil cU verde-vite e di oijj'imento, di 
nuova iabbricazione , di Francesco Fornara , di Milano. 

Due serraturc a coiigegiii, di Giuseppe ^ri/u, di Pontita. 

Stoflfe per tapjiezzei'ie a disegao di vario genere, alciiiie 
delle qiiali tessute coa oro e seta sopra maccliine alia 
Jaquard , dell' I. R. fahbrica privilegiata deJ signer Fran- 
cesco Reina, di Milaiio. 

Velluti e stofFe ad iiso di Francia e alia Jaquard^ 
scialli crops e di ogni altra sorta in seta, della fablsrica 
di Ciuscj)pe Osiiago , di Milano. 

Velluti, StofFe lisce ed a disegni , in seta ed in oro, 
scialli , ecc. della faljbrica de' signori Degregori e Coinpa- 
giii , di INlilaiio. 

StofFa di seta coU' efTigie del Canova , della fabbrica del 
signor Eliseo Barioli, di Milano. 

StofFa di seta nera col pelo iiiiitante la felpa, di Angela 
Videmari , di Milano. 

Veli creps di varj colori , della Fabbrica privilegiata dei 
signori Coatz e Quinqueton , in Milano. 

StofFe di cotone e scialli stauipati , dell' I. R. Fabbrica 
privilegiata dei Fratelli Kramer in Milano. 

TuU nero a iiiaglia iissa , della Faljbrica di Gaetano Ber- 
retta in Milano. 

Diversi lavori di inaglia , del signor Giuseppe Ponzio , 
di Milano. 

Miiglie diverse , del signer Paolo Uboldi , di Milano. 

Coperte da letto a varj colori, FabbricaJe coi cascanii 
(ielia seta , ed altre siiinli di cotone , di Giovanni Fran- 
cesco Thevenet , stabilito in Milano. 

Felpa di capelli e reti Fabbricati coi medesimi per uso 
delle parruccbe , di Felice Bosiz , stabilito in Milano. 

Parrucclie, rlcci di lino e di seta, e varj altri oggetti 
da parruccliiere , di Felice Bosiz suddetto. 

Pelli liicide a speccliio di piii colori , e cinture d' ogni 
scrta tanto per donna, come per uso de'militari, Fabbri- 
cate coUe pelli suddette, ed altri oggetti della stessa nia- 
niFattura , di Cuglielmo Enrico Charansonney , stabilito in 
Milano. 

Scarpe, stivali, coturni, galosce ed altri oggetti lavornti 
da Eugenio LocateUi , di Milano. 

Galosce di nuova Fabbricazione , di Gaetano Turconi , 
di Milano ( giudizio sospeso ). 



PAKTE ITALIA.NA. a6l 

Cinghle elastiche o bretelle di nuova forma , di Felice 
Bosiz snddctto. 

Cinti elastic! , di Giuseppe Restani, di Milano. 

Filati tratti da una piauta iiidigeua, seta e penne tinte 
con piante parimente indigene coniuni, del sacerdote Don 
Giuseppe Madenia , di Milano. 

Colori ad iiso dei floristi tratti da vegetaljili , del chi- 
mico signor Gaetano Rosina , stabilito in Milano. 

Terra gialla ad uso de' pittori , del signor Ansaldi, di 
Cremona ( giudizio sospeso ). 

Olio ad uso de' pittori proposto da Felice Bosiz suddetto 
( giudizio sospeso ). 

Vasi di majolica e terr.iglia con vernici varie, ed anchc 
iniitanti lo spiendore metallico , cioe vasi da fiori, animali , 
zuccheriere e cafFeitiere resistenti al fuoco , della fabbrica 
del signor Giuseppe Dalt Aglio a Masi , distretto di Mon- 
tagnana , provincia di Padova ( premiati nel concorso dello 
scorso anno in Venezia). 

Disegno di macchina per fare il vino , del signor Vin- 
cenzo Huher. 

Modello in legno dello spaccato del teatro di Sondrio 
con cassa armonica praticata sotto T orchestra , del signor 
Alfonso Gessagn. 

Tavoletta di legno di frassino ridotto a Incido, A\ Luigi 
JRipnmonti , di Milano. 

Cornici di legno tinte in nero lucido, di Giuseppe Brenta, 
falegname in Milano. 

Portaorologlo e cornice di un piccolo specchio lavorati 
in snghero da Giacomo Anghileri , di Lecco. 

Soffietti doppj , portafogii e borse da donna ad uso di 
Francia, di Felice Luca , di Milano (glunti tardi al con- 
corso ). 

Piante secche preparate per la loro conservazioae , del 
sig. Barhieri ^ custode dell'l. R. Orto botanico di Mantova. 

Raccolta di frutti in rilievo esegniti in cera , sotto il 
titolo di Pomona in rilievo , presentata dal signor Carlo 
Degaspari ( giudizio sospeso per la niedaglia d' oro ). 

Vetro filato di diversi colori , termometrografo ed altri 
istrometit! di vetro sofHato, del signor Jgnnzio Pizzagalli , 
stabilito in Milano. 

Immagine del Redentore coronato di spine , in busto di 
cera , presentata dal signor Carlo Degaspari suddetto. ^ 



202 A r P E N D I C E 

Qiiatlri in ricnmo presentali dnlla s'lgnova Luigia Remon- 
dino-Volpi come lavori delle sue allievej cioe la Dea Flora 
cU Giuseppa Binndd , la Venere sdrajata ed il riposo in 
Egitto di Maddalena Gaiijiurdi. 

Quadro in ricanio rappresentante S. Maico , di Antonia 
Sinori , di Milano. 

Scatolette rlcamate di Donna EUsaheLta di Hoffmann. 

Quadro parte eseguito a ricamo , parte in disegno a 
colori , rappresentante varj oggetti mescolati detti a Parigi 
Quodlibets , della medeslnia. 

Piccola vettura a due ruote con ornamenti diversi , e 
niolle e sostegni di nuovo genere, del sigaor Don Antonio 
Bottigella , di Pavia. 

Gabbia di grande dimensione con diversi compartinienti, 
rappresentante vin palazzo , di Giainbaltista Carho/uni , di 
Lodi. 

Serratura egiziana migliorata da Pietro Corbella, di Milano. 

Meccanismo applicabile alle ruote per tenerle continua- 
mente umettate di olio, di Giovanni .Martina , d'l Cremona 
( giudizio sospeso ). 

Macchinette per tagliare il sapone in pezzi cnbi , del 
suddetto. 

Grotta cumana, piccolo quadro con figure mobili di 
Domenico Zamboni , oriolajo in Verona. 

Serratura a combinazione, di Pietro Citterio , d'l Milano. 

Pillole per caricare le armi da fuoco e specialmente 
gli schioppi da caccia , composte e perfezlonate dal chi- 
iinco-farmacista Luigi Croce , di Milano. 

Siroppo di cafFe fabbricato e posto in commercio , del 
signor Francesco Donesana , di Vallate , provincia di Lodi 
e Crenia. 

Due pitture all' encausto, del signor J) on Luigi Maineri , 
di Lodi ( giudizio sospeso ). 



PARTE IT.\LT.V?CV. 26^ 



OPERE PERIODICHE. 



REGNO LOMBARDO-VENETO. 

Qinrnale dlfisica, chimica, storia natiirale , medlcliia 
ed artl, del professorl Pietro Confioliachi e Ga- 
spare Brvgnatelli dl Pew la , blmestre i .° 



E, 



Parte prima. 



JSTF.ATTO della II Memoria sal calore speclflco de' gas 
coniposti para^onato con quello de" loro gas componenti 
del cav. Amadeo Avogadro. — Sul rapporto die esiste fra 
r eiiergia dej;li apparati elettromotori ed i loro efFetti sn- 
gli aghi calaniitati, del prof. Stefano Marianini. — Saggio 
di alcune esperienze aaalitiche tentate sopra un fluido lat- 
teo reso dalle vie urinarie d" una giovane donna, di Giaiii- 
battista Canobbio. — - Saggio analitico della corteccia di 
una china detta bicolorata, del P. Ottavio Ferrarlo. — Sulla 
solubilita del carbonato di magnesia, apparentemente mag- 
giore neir acqua fredda , che nella calda, di L. Angelini. ■ — 
Snir esistenza delP iodio nelle acque niinerali sulfuree, e 
jjarticolarmente in quelle di Castelnuovo d' Asti, del dottor 
Cantit. ■ — Alteraziont' neir alcool prodotta dalla calce, di 
G. Menici. — Fine della Memoria sopra le rocce zooliti- 
che di sedimonto inferiore delle provincie Austro-Venete , 
di J. A. Ciitulo. — Flora italica seu destriptio plantarum 
omnium , quae in Italia sponte nascuntur e systemate se- 
xuali distributaruni , /. Morettl. — Use medico interno del 
cloruro di calce del D. Poggi. 

Parte seconda. 

/. Progressi delle scienze naturali, Seguito degli estratti 
delle radunanze dell' I. K. Istituto di scienze , lettere ed 
arti ill Milano, — Azloae del rauie suU' ago calamitato. — 
Osservazionl intorno alia quantita di calorico die svilup- 
pasi nella combustione , del sig. JVelter. — Sulla caus.i 
deir odore del gas idrogeno , del sig. Berzelius. — Pro- 
cesso per riconoscere le pin piccole quantita di fosfato di 
calce. — Nuovo genere di combinazioni . del sig. Voider. ^ — 



264 A P P F. N U I c r 

Delia gcnerazione dei manimiferi , e del ptimi indizj dello 
svilnppo dell'embrione , teiva Memoria di Prevost e Dm- 
mas^ — Piodiizione naturaie dell acido benzoico cristalliz- 
zato. — Nnovo fliiido auimale. — Sniracupuiitura. — Sul 
rltrovato delT applicazioue dcUe semenze oleose per pro- 
durre il gns illnmiuaiite. 

//. Libri nnnvi. Opere del CoccJd. — Memoria sulParros- 
simento straordinario di alcuiie sostanze alimentose. — ■ 
Schiarimenti del doctor F. Scorticagna sopra lui pesce esi- 
steate nella Biblioteca Bartoliniana di Vicenza. 

///. Premio proposto dal coate Paoli conferito al signer 
Angelini , atitoi-e della Memoria snlTacqua niiiierale di Salice. 

IV. Cenno necrologico del prof. cav. Siro Borda. 



GRAN DUCATO DI TOSGANA. 
Aiitolog/.a di Firenze, quaderno 49.° 
Agli assoclati corrispondenti deirAntologia il direttore ed 
editore Vieusseiix. — D' una scelta di prosatori itaiiani , 
lettera di Pietro Giordani. — ■ Sulla dottrina e pratica 
agraria, discorso di Pietro Feironi matematico regio. — 
Alcuni peasieri suU' economia agraria della Toscana, del 
generale CoUetta. — Conversazioni di lord Byron raccolte 
dal capitano Medwin. — Lettera alT autore dell'articolo in- 
torno alle Poesie di Labindo. — M. Corneiii Frontoais , 
et ]\1. Aurelii impcratoris epistola? , ■ etc. etc. — Elogio 
accadeniico di Francesco Foggi , professore neirUniversita 
di V'ls^. — Intorno al codice Bartoliniano , Urbano Lam- 
predial Direttore deirAntologia. — Sulla dominazlone degli 
sti'anieri in Sicilia , discorsi due di Saverio Scrofani sici- 
liano. — Bullettiao scienti.lco, n." i6.° — Bullettino biblio- 
grafico n." i5.° — Osservazioni tneteorologiche di dicembre. 



STATI PONTIFICJ. 
Qiornale Arcadico di Roma, quaderrf^ 71." 
SciEKZE. Risposta al tenia proposto dalia societa ita- 
liana delle scienze residente in Modena sulla eccitabilita e 
suir eccitamento , di Luigi Einiliani. — Sulla condizione 
patologica delle febbri biliose, nuovi fatti e^posti dal prof. 
Domenico Mell. — Storia delle febbri intermittenti e per- 
niciose di Roma , di F. Puccinort.i. • — Corrispondenza medica 



VARTE ITALIANS. 26S 

del dottorl Sinibaldi e Tonelli. — Sulle cagloni e sulla na- 
tura delle fel>bri periodiche , lettera cli V. Ottaviani. — Sag- 
gio di legislazion penale, delP avvocato Giacomo Pagnoncelli. 

Letteratura. Intonio al ragionamento del marcliese Ce- 
sare Luccliesinl , suiristitiizioiie della vera tragedia greca 
per opera d' Eschilo. — Memorie istoriclie di Cori, di Sante 
Viola ( coiitinuazioiie ) — Versl della sigtiora Franceschi. 

Belle arti. Intorno alle belle arti che si coliivano ia 
Modena. 

Varieta'. De Antonio Onuphrio Roma ad Urbem Ma- 
rlni reduce, Cassaris Pliilodii carmen. — Sulle imprese di 
Anna Perotta. — Versi del marcli. Girolamo Zappi alle il- 
lustri nozze della principessa Elisa Napoleona Bacciocchi col 
conte Filippo Camerata Passionei. — Versi del dott. Luca 
StulU , di Giovanni Nobile de 5/;;sarro , e del padre lettore 
Angelo Maslac , ragusei , pel giorno natalizio di Fran- 
cesco I d' Austria Imperatore e Re. — Lettera del praf. 
Meli , sul presente alauso del salasso. 

Necrologia. Antonio Corradini. — Osservazioni idrauliche 
di iiovenibre. 

Glornale Arcadico di Roma , quad. 72." 

SciENZE. J. B. Burserii Institutiones medicinae practic;e 
emendatse cura V. A. Brera. — Risultanieati ottenuti nella 
clinica medica dell' Universita di Padova dalla c'lina bico- 
lorata, — Sopra alcuni pezzi di granito e di lave antiche; 
osservazioni di C. Cemellaro, — Elogio del cav. Giuseppe 
Gioeni de'duchi di Anglo. 

Lettera ri'RA. Seconda centnria di osservazioni nuinisma- 
ticbe di B. Borghesi. — Memorie istoriche di Cori, di S. Viola 
( continuazione ). — Memoria di L. Nardi sopra alcune 
parole italiane e sopra una terzlna di Dante. — Delia 
politica militare , di G. Cridis. 

Varieta." IMeriti di Pio VII e del clero verso la let- 
teratura. — II tesoretto e il favoletto di Brunette Latini. — 
Epigramma latino , di F. Giiadagni. — Dell' amor della 
prole , di Plutarco. — Epistola del conte A. Malacari. — 
Epigramma di G. C. di Negro e traduzione in latino di 
L. Biondi. — Iscrizione del Schiassi. — Opinioni di pa- 
recchi scrittori su gli studj elementari e specialmente sulla 
uianiera d" insegnare la lingua latina , con alcune idee e 
riflessioni del raccoglitnro. — Osservazioni idrauliche di 
dicer.ibre. 



2^)6 APPENDICK 



BIBLIOGRAFIA. 



REGNO L O I\I B A 11 D O - V E N E T O. 

Dl alciLiie osservazioni di lingua fattc sopra le ultinic 
poesle di Lorenzo de Medici detto II Magnlfico , 
Lettera dl Pier Alcssandro Paravia Jadrense alV ec- 
cellentissimo slg. inarch. D. Qlo. Jacopo Trividzio. 
— Trevlso^ 1824, presso Francesco Andreola , 
tipografo. 



L, 



JORENZO cle' Medici fu uno dei piu gi'andi uomiai die s"iii- 
contrino nella storia italiana. Colle arti della j^olitica noa 
solo sigiioreggio Firenze sua patria , ma fu riverito in tutta 
ritalia ; e per quanto lo compoi-tavano la condizione dei 
tempi e le animosita irreconclliabili de'potentati italiani , 
procaccio eziandio di giovare all' universale. Negli studj 
poi fu uomo di bellissimo ingegno e di gusto scjuisito , 
e verseggiando occupo uii seggio distintissimo nella scliiera 
de' patrj poeti. Fu inoltre proteggitore de' buoni studj e 
di tutte quelle arti che tanto contribuiscono a far beata 
la vita ; e qaiiidi i contemporanei lo dissero Magnifico , 
e la posterita fece plauso a quel titolo di onore noa det- 
tato dal terrore , non veiiduto dall' adulazioae , ma debito 
air altezza dell' animo ed alle buone qualita del cuore. 
Ma in un secolo in cui 1' erudizione aveva per cosi dire 
agghiacciate le fantasie italiane , non vuolsi credere che 
questo Principe occupato in tante altre faccende , divise 
quanto appena puo dirsi dall' amenita degli studj , riuscisse 
perfettissiino verseggiatore. Perb le sue poesie sono inferiori 
a quelle dell'Aligbieri e del Petrarca anclie dal lato della 
lingua e della grazia , sebbene potrebbe credersi clie in 
questa jiarte avesse dovuto vincerii , come 1' eta in cui 
egli fiori vinceva d' incivilimento I'eta di que' due sommi 
uscita ajjpena dalla liarbarie. Con tutto cio si puo stu- 
diare utilrnente nelle poesie di Lorenzo de' Medici , prin- 
cipalmente da cbiunque vi cercbi scliiettezza di modi e 
non so quale nativa eleganza di frasi : donde avvenne 
che i compilatori della Crusca non lasciarono inosservato 



PARTE ITALIAN: A. Q.C)-' 

codesto rnmpo. Ma alcune poesle del Magniflco giaciute 
fiaora nella Ijiblioteca Laurenziana , e jjuljljlicate ulliniii- 
mentc dal tliiarissimo Roscoe , porsero occaslone al sig. Pa- 
ravia cU cercarvi alcuni modi non ancora r%2;istrati nel ri- 
detto vocaliolario , o nuovi esempli di vocaboli e di modi 
anclie prima d' ora adottati. L'autore accenaa in fine della 
sua o]ieretta clie alcnne delle sue osservazioni sono fatte 
piu presto in sei'vigio dell' erudizione die in pro della 
lingua i e con cio previene un'accusa cite da taluno poteva 
per avventura essergli mossa. C!ie veramente i vocaboli 
acervo e disacervo per acerbo e d'sacerbo , e aurea ed 
cscubia per aura e per sentinella sarel^hono troppo me- 
scliina cosa da presentarsi ai nostri moderni scrittorl. In 
generale pero le osservazioni che vien facendo il signor 
Paravia mostrano il buon gusto ed il diritto giudizio dello 
scrittore ; e queste doti appajono eziandio in tutta qnella 
parte dell' operetta con cui egli invia qnesta sua produzione 
al marcbese don G. Jacopo Trivulzio , cbiarissinio favo- 
reggiatore de* buoni studj. 



Qrammaire italieune elemciUcdre et raisonnce suivie 
d'un traite dc lapoesie italieune ^ ouvrage appruiwe 
par VInstitut de France. Par Q. Biagioli , auteur 
d'un nouveaii commcntaire historique et litteraire 
snr le Dante , le Petrarque , etc. Cinquieme edi- 
tion. — Milan, 1824, de V imprimerie de Jean 
Silvestri. Un vol. in 8.° di pag. 408. 
L' esito die lia avuto in Francia questa granimatica ba 
determinato il Silvestri a fame una edizione ancbe fra 
noi ^ e non sappiamo se il signor Biagioli teiTa questo 
fatto come una testimonianza di stima , o come una sug- 
gestione dell' interesse. La gramuiatica italiana di lui ebbe 
in Francia una testimonianza ben piii lusingbiera e fu il 
vote favorevole die ne die 1* Istituto per T organo del 
sig. Domergue , voto cbe e stampato in fronte anche di 
questa edizione e che veramente e ben ragionato e van- 
taggiosissimo. Vogliamo qui notarne i punti principall sotto 
i qnali e riguardata quest' opera. 

" i.° 11 piano deir opera m' e sembrato ben conceplto; 
tutte le parti s' intrecciano felicemente e si prestano una 
chiarezza reciproca. Rincrcsce solaniente die I'autore non 



268 \PPr. NDICE 

abbia adottato il nietodo .Tnalitico , il solo ricoiiosciuto 
buono, sia per acquistare cognizioni, sia per comunicarne 
ad altri (Uantore profitto ill quest' osservazioiie e fecc 
moiti cambiamenti jiriina di publ)Iicare il sno lavoro ). 

II 2." Le regole del grammatico soiio dfidotti dai priucipj 
delta scienza grammaticale ed antorizzaCe con esempj tolii 
dai classic! :, ma qui il sig. Bingioli adotta troppo facilmente 
il pregiiidizio italiano cbe proclaiiia T infaliibilita de' clas- 
sic!. A norma di qiiesto pregiudizio tutte le frasi di Dante, 
del Petrarca e del Boccaccio sono corrette , mentre la no- 
stra rat^ione ci fa trovar qnalcbe maccbia negli scritti im- 
mortali di Boilean, di Bossiiet , di Racine e di Feaelon. 

II 3.° L* autore si occnpa coii successo a investigare la 
ragione dell' uso e ad applicarlo alle regole generali. 

11 4.* Le numerose anonialie de' verlii italiani banno ils- 
sata particolarinente V attenzione del sig. Biagioli e sem- 
brano non offrire piii difficolta alcnna. 

II 5." Varie idee poco conosciute e sovente nnove si 
fanno notare nel capitolo delle preposizioni e in quello 
degli acccnti. 

'/ L' opera termina con un trattato sulla versificazione 
dove scorgesi il poeta e 1' nomo di gusto illuminare il 
grammatico. Qnesto articolo fatto con diligenza e proprio 
a far sentire Tarmonia de' versi italiani e a dare 1' into- 
nazione giusta della voce nelia detlamazione e nel canto. " 



Elenco di alcune opere stampate e puhblicatc nel regno 
Lombnrdo-Veneto nel corrente anno 18:2 5. 

Annali della medicina fislologico— patologica , compilati da 
Gio, Strambin, dottore in medicina. Anno 1.°, quad. 12.° 
dicembre. Milano , Destefanis , di pag. i32, in 8.' 
Lir. 24 ital. all' anno. Le associazioni si ricevono dai 
lilirajo Giuseppe Bocca , corsia del Duomo, n." c)8o. 

Annali universali di medicina e cbirurgia , del dottor An- 
nlbale Omodei, Milano, stamperia Destefanis, in 8.°, 
quaderni 97.% 98.° gennajo, febbrajo, con tavole. Lir. 24 
ital. air anno. 

Annali universali di statistica , economia pubblica , storia 
e viaggi. Milano , presso glieditori, a S. Gio. alle quat- 
tro facce n.' i838 , in 8." fascicoli 6.° all' 8.% dicem- 
bre 1824, gennajo e febbrajo iSaS , di circa pag. 100 
ciascuno. Lire 18 ital. all' anno. 



PARTE ITALIANA.. 269 

Bililioteca scelta di opere italiane antiche e niotlerne. In 
i6* Milano , Silvestri , corsia ilel Duoiiio. — Prose e 
versi delP abate Ilario CasaroUi Veronese, dipag. '432, 
Lir. 3. 3 5 ital. 

Collana degli aiitichi storici greci volgarizzati. Milano , 
fratelli Soiizogno , in 8." ed in 4.° — Le vite degli uo- 
mini illustri di Piutarco ; versione itrxliana di Girolamo 
Pompei , con note di piii celeliri letterati , ora riunite 
per la prima volta in qnesta edizione. Vol. 4.° e 5.°, 
in 8.° lir. 18. 64, in 4.° lir. 3o. 58 ital. 

Collezione delle opere classiclie italiane del secolo 18.* 
Vol. loS.", a.° ed ultimo delle opere scelte di Antonio 
Cenovesi. Milano , dalla Societa tipografica de' Classici ita- 
liani (Fnsi e Comp.), in 8.°, di pag. 396. Lir. 4. 66 ital. 

Continuazione ( terza ) della serie cronolcgica delle rap- 
presentazioni poste suUe scene dei teatri di Milano. 
Vol. 4.° Milano, Silvestri, di p. 296, in i6.° Lir. 2. 61 ital, 

Enciclopedia domestics, o raccolta di ricette , istruzioni e 
nietodi concernenti le arti , Teconomia rnrale e dome- 
stica , ed applicabili a tntti gli stati e in tutte le oc- 
correnze della A'ita , estratti dalle opere speciali de' si- 
gnori Appert, Berthollet, Bouillon, Lagrange, Buclian, 
Buch'oz, Chaptai, Fonrcroy, Olivier de Serre, Farmentier, 
Rozier , Sonnini , Thenard , Virey, ecc. da A. F. , con 
una tavola alfabetica minntamente circostanziata , inse- 
rita neir ultimo volume , e indispensabile cosi per la 
spedita ricerca di tntti gli articoll come per F ordina- 
zions delle uiaterie che appartengono al medesimo ge- 
nere d' industria. Tradnzrone dal francese. Vol. 5.° Mi- 
lano , per P. E. Giusti, fonditore-tipografo, di pag. 286 , 
la 12." 

Famiglie celelu'i italiane, del cav. Pompeo Z/ffa. Fascicolo 
14.°, Scaligeri di A^erona, parte prima. Milano, presso 
I'antore, piazza S. Angelo n.° 1486, in foglio. Lir. 16 ital. 

Flora veronensis cjunm in prodromum Flora; Italise septen- 
trionalis exhil^et Cyrus FoUinius. Tomus tertius cum ta- 
bulis :: neis. Veronce , typis et expensis Societatis typo- 
grapliiccc , in 8.°, di pag. 898. Lir. 11. 5o ital. 

Giornale di farmacia-ciiimica e scienze accessorie , o sia 
raccolta delle scoperte e ritrovati e niiglioramenti fatti 
jn farniacia ed in cliimica , compilato da Antonio Cat- 
tiintv , cliimicn ^arnl;lc^^ta. ]Milano , Rusconi. Qnaderno' 



•2~0 A I* 1' i: N D 1 O E 

13.", gciiiiajo 1828, ill 8." L'lV. 16 aiistr. alP anno. Le 
associazioni si ricevouo da Gio. Pietro Gicgler , corsia 
do" Scrvi n.° 60 3. 

Icouogralia grcca di Ennio Quirino Viscoiul , tradotta dal 
dottor G'lO Lubus. Fascicolo i2.°]MiIano, presso gli i-di- 
tori , in 8.° Lir. 4 ital. , in 4.° lir. 8. In due edizioni , 
in italiano ed in franoese. Le associazioni si ricevono 
dalla Societa tipogi-afica de' Classici italiani per 1' edl- 
zione italiana , e ila G. P. Giegler per rpiella in francese. 

Lettera del piof. civ. Antonio Scarpa al cav. Luigi Bossi, 
sopra un elnio di ferro squisitamente lavorato a cesello. 
Pavia , dalla tipografia di Pietro Bizzoni , in Ibglio , di 
pag. 2", con due tavole in rame. 

Lettpie da Telgate , o sia viaggio in Valcaleppio al lago 
d* Isco e ne" dintorni, di Davide Bertolotti. Milano , presso 
Giusejipe Bocca , librajo , corsia del Daonio n.° 980 , 
in 12.°, di pag. 180. Lir. 2. 5o ital. 

Medico (il) di se stesso, ovvero avvertimenti al popolo ecc, 
del dottor Luigi Carrara, Milano , Onio1)ono Manini , 
contrada dei Tre Alljerghi, di p. 88, in 8." Lir. i . 25 ital. 

Memoria storico-naturale sulP arrossirnento straordinario 
di alcnne sostanze alinientose , osservato ne'ila provin- 
cia di Padova P anno 18 19 , di Vincenzo Sett.e , ine- 
dico-cliirurgo , ecc. Venezia, dalla tipografia di Alviso- 
poli , in 8." di pag. 63. 

INIoniUDenti sacri e profani dell' L Pv. Basilica di S. Aai- 
brogio in Milano , del dott. Ginlio Ferrario , in 4.° 
grande , di pag. 224. Milano, dalla staniperia Ferra- 
rio suddctto. Lir. 120 ital. 

Novelle antiche ( le cento) secondo P edizione del i525, 
corrette ed illnstrate con note. Milano , per cura di 
Paolo Antonio T(.>si , dalla tipogralia di Felice Rusconi, 
in 8.*. di pag. XX e i5o. 

Origine ( storica ) del giuliileo e delT anno santo , con una 
cronoloiiica descrizione di tutti i giuliilei dalP origiao 
delP istitnzione fin qui pioclamati, ecc. Milano, col tipi 
di Gio. Pirotta , in 8.°, di pag. 77. 

Osservatore (P) niilanese die serve d' interprete al nazlo- 
nale ed al forestiere. IMilano , Brainliilla, contrada di 
S. Giuseppe, in 1 6.°, di pag. 3io. Lir. 2. So it^al. 

Palazzo (11) di Scauro , ossia- descrizione d' una casa ro- 
niana : frammento d' un viairsio tatlo a Roma verso la 



PARTE ITALIANA. 271 

fiae della repubblica da Meroveo principe ilegli Svevi. 
I'rimo volgarizzainento fntio sulla seconcla edizioiie fraii- 
cese da F. L. Milano, coi torchi de' fratelli Sonzogno , 
stradone di S. Amhrogio n." aySS , in o.", di pag. xxiv 
e 240 , con rami. Lir. 6 ital. 
Prospettiva (d^la) e sua applicazlone alle scene teatrali , 
con appendice di Francesco Taccani , ecc. Milano , Giusti , 
di pag. 3o6, in 8.°, con un fascicolo di 35 ta\ole. 
Lir. 3. 5o. ital. 
Rapporto de' jjrofessori Carininati e Palletta sulla corteccia 
aaiericana detta diina bicolorata. Milano , Destefanis , di 
pag. 24 , in 8.° 
Storia d' America, di Carlo Botta. Vol a." e 3.° ( facente 
parte della Biblioteca portatile latina, italiana e francese ) 
in 16.*' IMilano , Bettoni. Lir. i. So ital. al vol. 
Storia dell' arte col mezzo dei monumenti , dalla sua de- 
cadenza nel 4.° secolo fino al suo risorgimento nel 
6." di G. B. L. G. Seroux (T Agincourt , con aggiunte 
italiane. Milano, per Ranieri Fantani. Fascicolo 1.°, in 
foglio : cent. 20 ital. al foglio e Lir. i per ogni tavola: il 
testo si stampa anche in 8." 
Storia scientifico-letteraria dello studio di Padova , del cav. 
Francesco Maria Colle nobile bellunese. Vol. a.". Padova, 
dalla tipografia della Minerva , in 4.°, di pag. Xlll e 
2 If). Lir. 5, o5 ital. 

Incisioni. 
Carta geografica della Dnbuazia e Stati vicini. Milano , 

presso Pietro e Giuseppe Vallardi. Lir. 2. 5o ital. 
Certosa (la) di Pavia disegnata ed incisa dai fratelli Du- 
rdli e Giuseppe Bramati , in foglio. Fascicoli 9.% io.° 
e ii.° ciascuno di tre tavole. Lir. 4 ital. al fascicolo. 
Milano , presso i fratelli Durelli . contrada di S. Pro- 
taso al Foro , n." 2244. 
Eruzione del Vesnvio il 2a ottobre iSaa, di giorno, del 

sig. De Andrea. Lir. 4. ital. 
Jdem , di notte. Lir. 4 ital. 

Raccolte di anticliita grecbe e roniane , disegnate ed in- 
cise da Gio. Bignoli. Milano , presso 1' autore a S. IMar- 
cellino , corsia del Broletto , n.° 1874. Fascicolo 8.°, 
in 4.° 
Ritratto di S. M. I. R. A. Francesco L , inciso da Jiados. 
Milano, presso Fincisore. Lir. 6. 



27^ ArP£NDICE 

T I R O L O. 

Volgnri.zzainento dclla Vita di S. Girolamo , emendato 
con varj maiioscrUti. — Rovereto , 1024, dalVI.R. 
stamp cria iMarchcsani. 

Le Yite dei Santi Padri sono in amove a tntti coloro 
che daimo opera alio studio della buona liiigna italiana , 
ed a quelli priiicipalinente che aborrono dalT iisanza di noa 
pochi iiiodeini , di goiifiar le parole ancbe dove il soggetto 
sia umile e dimesso. Le edizioni piii accreditate di tjnesto 
liljro sono quelle eseguite in Firenze 1' anno 1739 e in 
\erona nel 1799 : ma sebl^eue in quelle stampe siasi recata 
lodevole diligenza, riuscita a non dispregevole eflfetto , 
pure le Vite dei Santi Padri hanno niestieri ancora di clii 
le stampi con piii cura e forse con crltica piii ardita. Di 
clie ci pare che sia non uieno un sicuro testiiuoalo che 
lui buon esempio la Vita di S. Girolamo puljblicata uello 
scorso anno dal IMarchesani , ed emeadata suUa fede di 
sei manoscritti. Noi non vorremnio farci niallevadori che 
tutte le lezioni seguitate dal nuovo editore siano sincere 
di ogni vizio , ma ben possiamo afFermare che questa Vita, 
([uale ci vien presentata in questa ristampa , non sola- 
mente fix purgata da un gran numero di sgrammaticature, 
di ambiguita , e diremo anclie di passi invincibilmente 
oscuri onde le altre edizioni son piene ; ma ch' e ricca •• 
eziandio di molte eleganze che in quelle non trovansi. Di 
tutte queste cose poi fa sicurissima fede una tavola. dal 
IMarchesani aggiunta al suo volume , nella quale v' ha un 
ragguaglio fra le lezioni da lui adottate e quelle dal Manni • 
sesuite. 



PARTE ITALIA.N.i. 2^5 

CORRISPONDENZA. 

Rafaele cT Urbino al chiarissimo sig. PleLro Gior- 
dani (i). 

Dai Cnmpi EUsi , il i." febhraja i8a5 (i). 

JT INCHfe il niio riti'atto videsi eretto suUe basi del Paii- 
teoti , e ill quel monumento che Roma e gli amici con 
molte lagrinie a me consacrarono , in luogo si cospicuo 

(i) Siccoiiie tutte le lettere pittoriche vanno sempre corredate 
di note, per la niigliore iiuellii;enza di quel passi che sono resi 
difficili dair eta , dalla posizione o da altia circosranza ; cosi 
ci siamo data ogni cura di fame aclorna ancoi- la presente, affiu- 
che possa un giorno essa pure passar tutta inciera ad accrescne 
quella celebre collezione. 

(2) Questa data niettera forse un poco in orgasmo tutti co- 
loro che all' esattezza geografica dedicarono i loro studj. E per 
verita noi non sappiamo precisaiucnte da quali Cainpi Elisi giun- 
gesse a noi questa lettera. Ma e noto ad ognuno niediocremeiue 
erudito , che quelli descritti da Virgilio erano sicuati , come 
La provato un moderno scrittore , nelle vicinanze dl Napoli. 
Altri se ne mostrano a Tivoli nella villa Adriaua. I.nieglio con- 
servati pero si vedono a Parigi. 11 lettore dunque pwjtra sceglierc. 
£he poi un quondam abbia scritto una lettera, oh questo si 
che formera il soggetto di piii seria discussione e di n)aggior 
difficoka ! E vero che don Giovanni fu invitato a cena dalla 
statua , rna cio fu fatto in tutta conlideuza. Ce ne dispiace as- 
sai , perche altrimenii avreniiuo un saggio di un invito, die da 
Orazio Flacco fine a noi si e praticato seaipre di farlo in 
iscruto. Ma che i trapassati abbiano realmente scritto in certe 
occasioni , ci pare che sia fiior d'ogni dubbio. Se cio non fosse, 
in cpial niodo sapreiumo noi che niolti dialoghi di Luciano, os- 
iia da Luciano spacciati per suoi , non sono poi tali , come al- 
cuni sagaci rritici hanno provato ? In fine : come si saprebbero 
tutti i fatti di Caronte , ed inclusive di quel giorno che fecc 
vacanza , e ando a diporto pel mondo ? Come si saprebbero le 
gesta di Minosse, di Radamanto e di Eaco , e tanti e tanti pct- 
tegolezzi accaduti ai campi Elisi , ed altrove? Singolarissima poi 
e vrramente di gran rilievo e la notizia che qui riportianio, e 
die abbianio avuta nei tempi nioderni pei dotti lavori degli ac- 
cademici di Calcutta. Esai dicono , nelle loro Ricerclie usiatiche, 

Bill. Ital T. XXXVIL .8 



i-4 APPENDIGE 

e forse ancora oltreniodo onorevole ; benclie sclolto mi 
lossi gla da gran tempo tlall' ingombro mortale , e liljerato 
cosi da tutte le perturbazioni del vostro mondo ; era tut- 
tavia dalle umane vicende qualche volta costretto a sop- 
portare alciine piccole Koje. Iniperocche troppo spesso e 
fuor di proposito A'eiiiva V ombra mia evocata a compiere 
qualche mal coacepito sonetto od altra cattlva composi- 
zione poetica , da ogni Ijenche minimo poetastro tessuta 
in lode di qnalsivoglia pittura che fosse in quel tenipio 
agli ocelli del pubblico esposta (i). 

di avere ecoperto un anticliissimo codice , il c[uale si crede es- 
gere duemila anui piii antico dell' eta di Coafucio. Questo e 
scritto in lingua Pali che e la lingua sacra dei Birmard , e in 
foglie di palnie , come tutti gli antichi libri che contengono i 
poemi samscriiici, e contiene un commento dottissimo sul Kam- 
7nuva 1 il libro sacro pei Birmani medesimi , e che e un trat- 
tato luetafisico teologico suU' ordinazione dei Tatapoini del se- 
cond' ordine , chiaaiati Pinzen. II dotto cominencatore di questo 
libro, ripescando nel bujo dell' antichita piu reniota le origini 
dei riti e degli ordini religiosi , in quelle celebri region! , fissa 
certi punti di crouologia , soggetto intrlcatissiuio , e presso che 
disparato nelle storie di tutte le nazioni ; e dice in sostanza , 
di aver letto in un libro , di cui non riferisce il titolo , lua che 
sostiene essere molto piii antico di quello cli' egli comnienta , e ci 
fa sapere che tratta di cose dell' altro mondo , e vi si legge 
che allorquando le aninie che soggiornano nei Canipi Elisi , de- 
vono scrivere a qualcuno del mondo nostro , usano la cro- 
nologia per le date degli anni , dei mesi e dei giorni che si 
usa presso la nazione alia quale appartennero in vita, Ed ag- 
giunge che tutto questo si fa per tradizione fra i Brahmani, in 
grazia di una rivelazione fatta dall' ombra di un Gran Lama del 
Tibet ad un ex-Talapoino Peguano , che niori ( dicesi ) circa 
cinqueniila anni prima dcH' eta • di Alfredo il grande re d' In- 
gliilterra , e che odorava di santita nel suo paese, Ecco la ra- 
gione della data di questa lettera. 

(i) E cosa noia che i quadri rappresentanti sacre istorle erano 
esposCe in Roma nella chiesa della Rotouda ( 1' antico Panteon ) , 
ov' erano collucati i busti di moiti uouiini illustri. I poeti die 
per istrazio delle ben costrutte orecchie scrivono sonetti e ana- 
creontiche su tutti i soggetti , ne fecero nioltissimi anche nel- 
r occasione d' ognuna di queste esposizioni ; ed i novanta per 
cento finiscono tutti coll' apparizione dell' ombra di Rafaele 
d'Urbino, che viene a compiere le lodi dell' autore del qiiadro 
esposto , a vaticinarsi in esso un competitore , ed a fare altn 
simili sciogiimenti, Alcuni anai addietro pero tutti quei busti 



PARTE ITALI\N\. 2^5 

lo lascio considerare a lei, coitese signoi'e, quante cose 
contro il niio propi'io sentire dovetti pronvinziare in si- 
mlli circostanze per bocca di tali vati ! E principalmente 
nel cominciaie del passato secolo , e non di i-ado ancor 
nel presente. 

La mia immagine pero fu di cola tolta , e divenne cosi 
muto questo mio falso oracolo : ed io rimasi nella mia 
pace assai piu contento , credendomi di essere in cio di- 
menticato per sempre. Ma da una di quest' ombre , cui 
sta r onor mio molto a cuore , mi fu , non ha guari , pre- 
sentata una sua lettera , perch' io la leggessi , per vedere 
se in quella mi venisse appropriata qualcbe opinione, aliena 
dai miei pensamenti , come avviene talvolta. Io la lessi di 
fatto , e trovai che sono in quella da lei emesse molte 
idee , le quali piace a lei di supporre che siano passate 
un tempo per la mia mente. Ora non essendo cio vero , 
mi trovo obbligato a darlene un cenno in risposta , nel- 
I'atto di ringraziarla del bel modo da lei usato nell'esporle: 
cioe 5 che tuito quello ch' ella pensa di me intorno all' arte 
ch' esercitai quando vissl , non lo fa prcferire a me diret- 
tamente , ma lo presenta in forma d' ipotesi. Per questa 
sua non comune urbanita , la quale mi ha fatta leggere 
con maggiore attenzione la sua lettera stessa , le faccio 
sapere in ricambio , che quanto ella si fa suo idolo in 
quello scritto , e ben lontano da cio ch' io pensava deci- 
samente su tal proposito , sono gia da tre secoli. 

Io non mi sono mai contiistato perche le opere alle pa- 
reti o alle tele dal mio peunello affidate non gareggino 
nella durata con quelle che dal marrao si fanno , poiche 
nulla giova contro il dispotismo distruttore del tempo ! 
Di fatto molte opere di quello che dovrel^b' essere stato 
r oggetto della mia invidia , benche affidate alia durezza del 
marmo , ed anche del bronzo , sono gia da gran tempo perite 
e si cercano indarno da' suoi ammiratori. Per conseguente 
debolissima barriera potra opporre al tempo la porcellana. 

Si richiami , di grazia , alia meaioria 1' infortunio del- 
I' ottimo araico mio Lorenzo Nasi , allorche sfaldandosi il 



furono tohi dal Panteon , e trasportati in una camera del Caiii- 
pidoglio ; e 1' ouibra dell' Uibinate piu non comparve a far la 
coda ai sonetti. L' esposi/iioni si fanno preseuteuiente in altro 
locale a ciy destiuato. 



2-6 APPENDICE 

jTionte gl' inabisso la casa ; e converra facilmente con me , 
che se il quadro cli'ei coiiservava da me dipinto per luL , 
in contrassegno della mia amicizia , fosse stato di porccl- 
lana, ella non lo avrebbe di certo presente adesso agU 
occhi suoi cbe in minutlssimi pezzi. 

Avendo pero sentito dalla sua lettera ch'' ella parla di 
xina bella scoperta in pittura , del perfezioaaniento del 
meccanismo , ed in fine di una nuova maniera di rappre- 
sentare od esprimere gli oagetti in quest' arte, mi parve 
die cio meritasse la pena cb"" io venissi a vederlo. E per- 
cio , preso congedo da queste ombre felici , feci partenza 
dal mio beato soggiorno , ed andai vagando per poco nella 
bella Firenze da me tanto amata quando era tra i vivi (i). 
Cola glunto , ebbi ocoasione d' aminirare di fatto il valore 
del novello artista da lei lodato , cbe oso il primo di por- 
tare a dimensione si grande la pittura chiamata a sinalto. 
E questo e ben degno di lode e di essere incoraggiato , 
come so cbe un gran monarca va fomentando cotali inco- 
raggiamenti e fa bene (2,). 



(i) Circa T era nella quale possono le ombre dei niorti andar 
vagando , e venire a visitare il mondo dei vivi , se ne trova 
r indicazione precisa in Pmperzio lib. IV, eleg. VII, verso 89; 
ed in Virgillo, Eneide lib. 3.", verso 267 e seg., ove l' ombra di 
Ettore si presenta ad Eiiea per fargli spetcncolo degli strazj 
ch'avea vicevuti sotto le mure di Troja. In aUri luoghi pure di 
quel poema se ne puo leggere la conferma , ove 1' ombra di 
Anchise va a dare dei cousigli o dei comandi , oppure a far 
dei rimproveri al figlio , perch' ei marciscft in ozj amorosi piut- 
tosto che volare in cerca delle rive d' Italia, ed aitri poeti pure 
nc parlano. E slccome il vagar di quest' ombre accadeva sempre 
di notte , come succede anche adesso , cosi e presumibile , bea- 
che cio non sia detto , che andassero e vadano ancora preniu- 
niti di buona lauterna od almeno di qualciit lumicino fosforico 
per non rischiar d' inciampare e cndere. Ma gia non e poi cio 
tanto necessario, perche noi vediamo un gran nuniero di vivi i 
quali non ci vedono neppure di mezzo giorno , e nondimeno 
caiiiminano , e vanno e vengono contuiuamente ! 

(2) Convien credere che 1' ombra di Rafaele sapesse tutte 
queste cose prima ch' esse accadessero , perche secondo 1 as- 
serzione di Dante nel suo Inferno le anime dei trapassati ( al- 
meno quelle dei dannati ) sannn tutte le cose di questo mondo 
prima che avvengano , o quand' eilcno sono ancora future ; ma 
j^O! dal moniento rhe divengono presenti , non ne snnno piu nulla. 



PARTE ITALIANA.. 377 

Ma quello stesso monarca , come gl' illustri suoi prede- 
cessori , ordina moltissimi quadri a olio ; e dal nostro col- 
lega Cirodet , sceso receiitemente quaggiu fra noi , abbia- 
nio sentito dire che aveva , non ha guari , nominato Ba- 
rone il sia;. le Gros , per avere eseguite delle belle pitture 
a fresco. Ed aggiungeva che generalmente parlando il flo- 
rido suo regno e forse il solo paese d' Europa , ove la 
pittura sia presenteniente incoraggiata davvero. E pure , 
benche non maiicliino cola rinomate fabbriche d'l porcellana, 
nondimeno non si sa che finora vi siano state eseguite 
cos'i grandi opere , come fn da lei progettato (i). 

Tutti sono persuasi che questo genere di dipingere 
non e suscettibile di vera perfezione , benche lo sia di 
quella che e sinonima di fir.itezza , poiche nello suialto si 



(1) Dalla gazzetta di Pekino , e dai giornali scientific! e let- 
terarj di quella gran metropoli perveniiti ultimamente alia So- 
cieta asiatica di Parigi , abbiamo sicure noiizie che quel so- 
vrano , sapendo in quanto pregio e tenuta presso di noi la por- 
cellana , e volendone senipre rivendicare 1' antichita e la perfe- 
zione al suo iinpero , avuto anclie riguardo allc nioli enormi e 
maravigliose cola costruttevi aflinche le altre nazioni non pos- 
sauo avvicinarsi neppuve nelle pitture in porcellana, a qnello 
che vi fanno i pittori chinesi ; ha ordinate al suo prirao pittore 
di corte , chiamato Mii-Ya ( albero-scheletro ) , un dipinto da 
eseguirsi in una parefe di un niiglio e mezzo della nostra niisura, 
nel quale si dcbhono partitamente rappresentare le storie delle 
dinastie da Vii fiiio a Kb-nii-tang. Questa straordinaria ordina- 
zione nierita pero confernja : benche eseguendosi ancora , sari 
sempre una pittura Chinese. 

Anche i giovnali di Nanguasaqui nel Giappone assicurano che 
il Cuba ed il Dacri di quell' impero abbiano comniesse delle grandi 
pitture in porcellana essi pure ; e si dice che in una di queste 
debbano rappresi;ntarsi in serie cronologica e di grandezza al 
doppio almeuo del naturale , tutti i Gran-Lama Ai^\ Tibet, dalla 
loro origine fino al presente , e nelP altra tutti i Gran-Kam dei 
Tartari , \estiti a gran gala. Debbono essere assai grandi ancor 
questi ! Una tal notizia la danno anche i giornali Tatari-Mantcik. 

Se cio si verifica , noi resterenio sempre inolto addietro an- 
che nel dijiingere in porcellana in faccia agli Asiatici. E biso- 
gnera avervi pazienza, avendoci essi preceduti in ogni genere 
di civilizzazione e di coltura. 

Non si sa ancora se gli Americani abbiano fatto in cio ve- 
run tcntativo. Degli Affricani non se ne parla perche in oggi 
sono astolutaiuejite barbari quasi tutti. 



278 APrENDICE 

finiscc anclie troppo :, ma il troppo fuiko e strada itiolto 
fallace pei* glungere alia pcrfezloiie , la quale bene spesso 
dipenile da pochissimi tratti di pennello. Anzi una delle 
critlche solite a farsl ad ogni plttore troppo fiorito, e quella 
di dire che le sue opere souiigliano alia porcellana. 

Ella mi dira forse , clie quelle dell' artista da lei lodato 
somiglinno perfettamente all' originale, ed io senza dlspu- 
tar molto sul perfettamente , glielo voglio accordare : ma 
hramerei die se ne mosti*assero , non gia copie , ne ri- 
tratti, che sempre si fecero in questa maniera e perfetti 
da gran tempo e piii e meno grandi (i), ma bensi opere di- 
pinte dal vero , ed iuimagiaate ed eseguite dall' artista me- 
Uesimo. 

E se io avessi esercitato suUe porcellane il mio pennello, 
allora si clii sa mai quante cose avrebbero dette di me 
i miei nemici ? Se per avere taluno iniitati i miei dise- 
gni sopra qualche stoyiglia , vi fa chi mi volse in ridi- 
colo , chiamandoml il Boccalajo Urbinate ! (2) senza ri- 
cordare le strane farse nelle quali mi hanno rappresen- 
tato per/ino facendo il friseiir air usanza di Parigi, benclie 
il ritratto ch' io feci della Fornai'ina non sia neppur 
pettinato! (3) A meno che non si voglia ostinarsi ad in- 
sistere su quello che ne fece il veneziano Giorgione > e 
che credesi mio. 

Le accordo che questa manifattura era al mio tempo an- 
cora bambina , perche tin grande ostacolo ne impediva i 

(1) Sono conosciute le picture in ismalto , ricercate dagli ama- 
tori ; e nierita di essere rinordato a questo riguardo il celebre 
Petitot : si dice die anclie Mengs ne facesse delle bellissinie e 
clie fosse cio il geruie di un difetto nel siio colorito , die gli 
venue spesso rluiproverato. 

(2) Malvasla Fclsina pitirice , Bologna 1678, 104.", pag. 47' 
delle prime copie. 

(3) II sig. Coupin de la Couperie ha esposto un quadro a 
Parigi == Raphael coiffant la Foriiarlae avant dc la peindre = , 
soggetfo grazioso e felice , dice la Revue encyclopedlque Ai diceni- 
bre 1824 , a pag. 691. 

Noi vogliamo credere die come pittnra il quadro del signor 
Coupin de la Couperie sia la piu bella cosa del mondo ; ina 
parra strana a moUi la scelta del soggetto , in un paese , ove 
un' opera classica com' e quella di Quatreinere du Quinci do- 
vrebbe far dimenticare affatto tutte queste miserabili caricature j 
e ricliiaraare gli artlsti a far U50 di inij^lior senno. 



PARTE ITILIANA. 279 

progress! ; c quest' ostacolo ei'a , clic nessuno avrebbe vo- 
luto allora cambiare grosse somme cli danaro in cose co- 
tanto fragili. Ed all' incoiitro , dal piii vicco al piii me- 
diocre in beni di fortnna , tutti amavano i quadri ; e chi 
non poteva ambire al possesso degli originali, si contentava 
di copie piii e mcno perfette , come la fortuna gllel per- 
nietteva. E niolti di quegli oscuri aiiiatori sono ora quaggiu 
ombre vanagloriose e superbe , perche le copie da lor 
possednte si tengono presso di voi per originali , e si 
ammirano sotto lo specioso titolo di repUche. 

Non pretendo pero con questo , che s' impedisca una 
tale manifattura , se pure il lusso lia sanzionate cosi splen ■ 
dlde suppellettili pei comodi della vita. Siano pure conti- 
nuate, ma saranno senipre una ramiticazione anche lontana 
delle belle arti. 

II volerne poi formare un genere clie possa stare a li- 
vello colla vera pittura, ognuno che ha fior di senno con- 
verra facilmente meco nel dii'e che e troppo. Tutto quello 
che si puo concedere a chi n' e araatore , e di metterla 
al pari colla piccola e grande niiniatura. E T eta vostra 
eccessivamente ammiratrice di ambidue questi generi ne 
dev' essere ben soddisfatta. • 

Ne trovo strani i prezzi clie si pagano per questi la- 
vori ; ma sono anzi d' avviso che dovrebljero essere au- 
mentati in un tempo in cui , per quanto ci narrano le 
ombre che scendono di tanto in tanto fra noi , si pa- 
gano carissime tante bagattelle e tante piccole inezie t!.e 
non servono a nulla. Ma il voler mettere a confronto coa 
queste le opere di Appiani o d' altro vero pittore, questo 
dispiacque a tutti gli abitatori del fortnnato Eliso. E quel 
luogo della sua lettera fu letto a voce bassa , affinche non 
lo ascoltasse colui che piii lontano si stava (i). 

Chi neir arte del copiare era celebre al mio tempo , 
pochissima fama otteneva , ed una grandissima difFerenza 
si frapponeva fra I'inveuzione e la copia; e quella per 
figlia , come questa per nipote della natura tenevasi. 

Le sembrera forse ch' io dia troppo poca importanza 
a quella nuova vita clie 1" artista da lei lodato ridona , 



(i) Pare che sia vpro quauto si lepge in una comuiedia di 
Avistofane , che le ombre nei Canipi Elisi stiano nioho r.ttap- 
cate air eticlietta del post! di onove. Anclie Dante ne fece c(iial- 
che cenno riguavdo a qiiello dell' Inferno. 



aoo A V V r. N D I G K 

secoiido lei, a qualche mia opera; ma esso e giunto troppo 
tardi per coglierne il fiore , ed e troppo modesto per pren- 
dersi T assuiito di readerlo a sno niodo. Non tutti sa- 
pranno nelle future eta (supposto che il caso lo con- 
servi ) quaiiti secoli precorsero fra lui e me ; e si dira 
senipre , ecco una copia fedele di uii qnadro di Rafaele. 
Anzi niolti per le ripetute siauipe si saranuo foriiiata uaa 
idcale iiiimagine di niaggior perfezione I 

Ma dicasi il vero , e spiegliiamoci nieglio : noi mette- 
ramo assai minore iniporianza nel meccanisnio di quello 
che pensano i nostri nipoti , perclie sapevamo benissimo , 
che questo in allra eta si sarehbe presto o tardi perfe- 
zionato ; e se molti ostacoli fniora concoriero a ritardarlo , 
giungera pure un tempo in cui questo accadera senza fallo. 
E pero noi ponevamo ogni cura nella parte piii sublime 
deir arte , nell' invenzlone cioe , nell' espressione e nel di- 
segno. E tutte queste parti spariranno sempre , non dico 
gia dalle copie , ma dalle ripedzioni pur anco , qualunque 
siensi piii lontane dall' opere nostre. 

Ed in qneste parti appunto era vivamente solleticata 
la mia nobile gelosia verso le opere di Michelangelo , e 
non gia nella loro materia. Con queste riempii la mia 
niente di stupore, allorcbe vidi per la prima volta quella 
niaravigliosa pittura della cappella Sistina , immensa piu 
pei pensieri che per la mole ; e gareggiando con quelli 
immaginai la visione di Ezeccbiello , 1' Isaia , le quattro 
Sibille, e tutte quelle opere che dispiacciono oggi ai falsi 
scguaci di Giotto (i). 

Ma lasciamo qualunque controversia : la sua buona VQ- 
lonia mi compensa di tutto ; e se voile cogli eleganti e 
coi'tesi modi della sua lettera promovere maggior calore 
verso le arti belle , continui pure nella sua nobile e 

(i) Per buona sorte questi seguaci della priniitiva pittura 
non sono sparsi nelle scuole d' Italia, ma si contengono dentro 
i confini di qualche nordica nazione. Si trovano dunque cola 
iniitatori della secchezza di Alberto Duro , e non del sue sapere; 
e contraffaitori delle composizioni di Giorto , e non mai delle sue 
espressioni. E cosi di tante altre vecchie nianiere. I piu nio- 
drrati e coraggiosi ad un tempo giungono fine a Pieiro Peru- 
eirto , e coinpiangono vivamente il iiiomento in cui qucUa scuola 
fu corrotta dalla seconda maniera di Rafaele. 

Siamo stati obbligati a far queita nota, perche noa tutti po»- 
sono essere al fatto di tali inconseguenze dcUo »pirito pittorico 
dci giorni nnttri. 



PARTE STUANIERA. a8l 

magnanima impresa , die sara sempre dcgna tU niolta lode. 
Ma la prego caldamente di far sapere a tutti quelli che 
scrivono sulle arti senza conoscerle, ch' io desidero che non 
venga mai piii interpellato il mio giudizio intorno a queste 
faccende; e che il luio cestamento e affidato all'opere mie (i). 

NECROLOGIA. 



Giuseppe Carpani. 

:I_JA Biblioteca italiana e chianiata dall' amore di patria 
e dalla gratitudine a spargere di ilori la tomha di ua 
dotto italiano , di un leggiadro scrittore , di nn collaboratore 
zelante e benevolo niancato in Vienna nella notte del a t 
al 32 gennajo del corrent.e anno i8a5. 

Giuseppe Carpani nacque il a8 gennajo del lySa da 
Giacinto Carpani , stato ufficiale nelle iniperiali regie ar- 
mate, e da Orsola Ripamonti , ambo di civilissima stirpe, 
a Fillalbese , delizioso villaggio posto alle falde del monte 
che difende dalla tramontana il Plan d' Erba , distretto 
amenissimo della Brianza. Ei fu mandate dal padre a Mi- 
lano per la prima educazione , e compilla in Brera alle 
scuole in allora fiorenti de' Gesniti. Ginnto all' eta che un 
giovane bisogna che si decida per una professione liljerale, 
il nostro Carpani dovette sceglier quella che conduce alia 
toga, senza avere per essa alcuna inclinazione. Mandate 
air universita di Pavia egli vi attese a tutt' altro clie alio 
studio de' libri di Giustiniano; e tomato a Milano fu rac- 
comandato dal padre ad un avvocato , allor celebre (I'av- 
vocato Villata ) , perclie si avviasse all' esercizio di patro- 
cinatore. Ma poco essendo il corredo delle sue cognizioni 
legali acquistate all' Universita , e per natura propenso ai 
divertimenti , alia giovialita , alle facezie , egli era piii di 
distrazione che di esempio a' suoi coUeghi che frequenta- 
"vano lo studio dello stesso avvocato. 

(l) Noi braniei-emmo che neppure i cattivi ed i mezzi artisti 
parlassero mai, ne sci'ivessero di arti , perclie non v' e razza cfe 
piii presuntuosa , ne piu maligna di quella. E come fanno in 
letteratura i niezzi letterati , e singolarmente i mezzi poeti , cosi 
ancor questi trovano da ridire su tutto in materia di arti e pro,fe- 
rigcono con estrema franchezza inauditi spropositi ogni volta did 
aprono la J)occa, o prendono (Dio ci guardi!) la pcnna in mano. 



202 A P 1' E N n I G E 

La musica, la poesia, le belle lettere , Ic belle arti 
eraao le occupazioni alle quail plii si sentiva tlisposto , e a 
poco a poco tanto prevalsero clie postergato ogni riguardo 
abbandono iiiteramente la carriera alia quale il padre 
avealo destinato. Ecco dunque il nostro Carpani lanciato 
nel bel mondo della capitale con tutte le attiattive della 
gioventu , Ijcllo delln persona , agile e pronto negli eser- 
clzj cavallereschi, vivace e brillante di spirito , dividere 
tutto il suo tempo fra le lettere e i letterati , fra le arti 
e gli artisti. 

Fu in quest' epoca fortunata della sua vita clie scrisse 
una farraggine di sonetti , di canzoni , di poesie d' ogni ma- 
niera, or italiane , or milanesi, il cai catalogo riempirebbe 
molte pagine d' inezle, gludicate tali da lui medesimo ia 
una eta piii provetta. II licre delP educazione italiana 
conslsteva allora in queste arcadiche quisquiglie, ed anche 
a Milano , dove vivea un Parini , niolti erano i verseg- 
giatori e poclii i poeti. II nostro Carpani non mancava di 
sensibilita e d' immaginazione , ed avrebbe potuto correre 
nella poesia una carriera piu cosplcua se 1' impazlente suo 
spirito fosse stato capace di piii seria e piu soda appllca- 
zione. Appunto 11 grande Parini spero bene di lui quando 
lesse i sei sonetti clie il Carpani pubblico in morte dell' im- 
peratrice ]\Iaria Teresa , i quail , benche scritti in dialetto 
milanese, girarono per tutta T Italia tradotti in buona lin- 
gua, e tnerltarono clie il Parini stesso scrivesse al Car- 
pani un sonetto parlinente in raeneghino , clie per essere 
inedito noi riporteremo qui appiedi(i). Ei si provo anche 

(l) .41 sur Isepp Carpati 

SONETT 

Bravo Carpan ! Hoc vist quli ses Sonett 
Cir avli faa per la ruort de la Regina. 
Hin plen de bei penser, liin plea d'afett, 
Fan onor a la iengua meneghina. 

Alto , andee innanz , studiee sira e matina. 
La natuva 1' e lee clie fa el prim lett; 
Ma r art 1' e quella che tutt coss rafiaa : 
Tra r una e 1' altra ve faran perfelt. 

Chi toeu consei da tugg no fa nagott; 

Chi no '1 toeu da nessun de rar fa ben : 
Toeujl da quaighedun , ma che '1 sia dott. 

In sta manera rivarii a fav claar 

Tra 1 boa poetta; e pront a favv del ben 
Trovarli i protetor , benche gicn rar. Parini. 



PARTE ITALIA.NA. 283 

nella commedia e vi riusci felicemente ; e poclii sanno 
Ibrse oggi un seci'eto die noi possiamo con fondamento 
disvelare , e si e che la tanto lodata commedia d& Conti 
d'Agliate e di lui , quantunque sia passata finora sotto il 
nome del Padre Molina, Ma dove piu si esercito fu nel 
melodramma , ed a questo il portava la doppia inclinazione 
sua per la poesia e per la musica , ed ebbe molte e fre- 
quenti occasioni di occnparsene dalla liberalita e prote- 
zione di S. A. I. rArciduca Ferdinando e deir Augusta 
sua sposa Maria Beatrice d' Este che si servivano della 
sua penna per le operette in musica colle quali rallegra- 
vano il teatro dell" imperiale villeggiatura di Monza. 

II Carpani conduceva una -vita beatissima. Amato, fe- 
steggiato da tutti , occupato sempre di cose geuiali , di 
studj amenissimi , coglieva facili allori ed applausi conti- 
nuaniente. Ma i tempi non erano tali da lasciargli noa 
interrotte tante dolcezze. La rivoluzione di Francia era 
scoppiata , e le massime sovvertitrici dell* ordine sociale 
e della riverenza de' troni romoreggiavano minacciose ai 
confioi d' Italia. II Carpani fu dalle circostanze invitato ad 
abbandonare le muse per consacrarsi alia politica ; ed ec- 
colo fatto compilatore della Gazzetta di MUano (nel 1792) , 
meglio conosciuta in allora col nome di Veladino: Gazzetta 
che fra quanta vedevano la luce in quel tempo fu certa- 
mente la piii accreditata e quella che si fece leggere piu 
A'olentieri e per la varieta delle materie , e per la vivacita 
e piacevolezza con cui era scritta , e per la forza e vee- 
iiienza colla quale venivano combattute le false promesse 
e le esagerazioni pericolose de' demagoghi. 11 Carpani duro 
in questa sua impresa lino al maggio del i'j()(^ , cioe fino 
air invasione de' Frances) , ed abbandono Milano seguitando 
I'avversa fortuna di que' Principi che lo avevano sempre 
amato e onorato. Recatosi a Vienna, ivi rimase fine a che 
la pace conchiusa col trattato di Campoforraio cedette 
air Austria gli Stati Veneti; e allora fu nominate da S. M. 
r Imperatore Francesco capo della censura e direttore 
degl' imperiali regj teatri di Venezia. Una forte oftalmia 
che il minaccio di togliergli la vista, obbligollo a tornar- 
sene a Vienna per cercarvi i soccorsi di un celebre ocu- 
lista tedesco cola staliilito , e cambiatesi intanto le circo- 
stanze politiche fu cola ritenuto e provveduto di decente 
pensione da S. M. che colmollo sempre di bcnelicj. 



184 APPENDICE 

Fioiiva in quel tempo , anzi era al colmo della sua 
gloria, il celebre Giuseppe Heyden , maestro e compositore 
di nuisica. Carpani il conobbe e 1' amo , ma piii di tutto 
s' invaghi e divenne entusiasta della sua musica. Col pre- 
testo dunque di scrivere la Vita di Heyden ei fece P apo- 
logia delle sue composizioni , e stese un trattatello direin 
quasi di estetica musicale. Grandissimo successo ottenne 
questo lavoro esteso in forma di leitere, le quali ebbero 
il noma di Hey dine, 

Nel 1809 fu invitato da S. A. I. TArcIduca Giovanni 
a far parte del suo Stato maggi<ire ed a seguirlo nelia sua 
spedizione in Italia. II Carpani partecipo di lanto onore 
e tenne di qnella spedizione un giornale miiiuto ed esat- 
to ; ma sia ch' ei sentisse i difetti di qnello scritto , sia 
ch' ei giudicasse sconveniente palesare i secreti di quella 
sua missione, ordino col suo testamento 18 settembre 18 la 
che trovando quel manoscritto fra le sue carte dovesse 
essere consegnato alle fianime. E conviene ch' egli stesso 
eseguisse poscia questo suo comando, poiche alia sua morte 
il manoscritto non si trov/). 

Terminata la guerra nel 18 14 e tornati gl' ingegni in 
seno agli studj all' ombra del pacifico ulivo , il Carpani 
vide con piacere istituita in Milano la Biblioteca Italians , 
ed invitato da noi a contribuire coll' opera sua aU'andamento 
di questo giornale, e' ci fu cortese di varie lettere ora in 
lode della musica rossiniana contro le censure di alcuni 
giornalisti stranieri , ora in difesa del bello idcale nella 
pittura contro lo scritto del cavaliere Majer(i), ora com- 
battendo e criticando la storia della musica del conte Orlof. 

II signor Majer rispose alle lettere del Carpani con una 
Apologia (2) nella quale mette in dubbio la buona fede 
del critico ed avviluppa ne' suoi sospetti anche il direttore 
d^Ila Biblioteca Italiana. II Carpani ha provato al signor 
Majer che non era guidato ne' suoi giudizj da nessuna 
personalita , da nessuna inimicizia, da nessua livore. La 

(!) Dell' imitazione pittorica e delT eccellenza delle opere di 
Tiziano ccc. Venezia. 

(2) Apologia del libro dell' imitazione pittorica e delT eccel- 
lenza delle opere di Tiziano, di Andrea Majer venezlano, contro 
tre lettere di Giuseppe Carpani a Giuseppe Acerbi inserite nei 
fascicoli di settembre, novenibre e dicembre i8ig della Bi- 
blioteca Italiana. In Ferrara 1820, dai torchi di Francesco Po~ 
u.atdii , in 8.% di pag, 264- 



PARTE ITALIANS. 285 

prova consiste in queste due riglie espresse nel suo codi- 
cillo ill data del ai gennajo i8i5: Item lascio al cavalier e 
Majer veneto II mlo busto di Canova ( raandatogll da quello 
insigue scultore medesimo ) in attestato di vera stima ed 
amicizia. Questo tratto siagolai'e che tanto appalesa ii bel 
cuore del nostro Carpaiii, merita di essere tramandato alia 
posterita; rna lo merita eziandio il rossore che lia provato 
alia notizia del dono il cavalieiv Majer, e cli' egli ha manil'e- 
stato con una lettera comnioventissima all'erede deldefunto. 
I limiti che abbiamo prefisso a questo cenno non ci per- 
niettono di entrare in maggiori ragguagli intorno alia vita 
di quest' uomo, la quale fu aljbastanza burrascosa e variata 
per poterne tessere un lavoro di piii lunga lena coU'appoggio 
de' molti inanoscritti che ne ha lasciati, e che dati in luce 
potrebbero servire a chiarire molti fatti della storia de' suoi 
tempi. II Carpani avea viaggiato tutta T Italia poiatamente 
e da uomo che studiava le arti e i costumi della sua pa- 
tria. Yiaggio gran parte ancora della Francia e della Ger- 
mania. A Vienna era legato in amicizia co' priiiii perso- 
naggi del corpo diplomatico , e le molte lettere che ha 
lasciate mostrano quanto ei fosse stimato ed amato da' piii 
cospicui letterati d' Europa. L' amenita del suo spirito , 
I' originalita del suo dialogo, la sua vivacita ed cloquenza 
naturale lo rendevano caro e desiderato da tutte le con- 
versazioni. I suoi discorsi erano sempre castigatissimi , e 
noa sacrifico mai la riputazione di alcuno alia intempe- 
ranza di un motto , di un giuoco di parole, di un equivoco. 
Ei fu sommamente pio e religioso , e queste due virtu 
consolarono gli estremi della sua vita. Ei mori la morte 
del giusto. La sua patria ha perduto un itomo dabliene , 
alle lettere manco un cultore felice , alle arti un amator 
passionate , alia religione un cristiano esemplare , alia 
causa dei re un campione zelante , alia Monarchia au- 
striaca un suddito segnalato per costanza e per fedelta : 
due doti deiranimo che erano natura in lui, e ch' ei for- 
tifico coir abborriniento di questi tempi sciagurati in cut 
sovente la lealta fu senza gloria e la defezione senza 
iarnominia. 



Elenco delle opere di Giuseppe Carpani. 
Dio saUi Francesco. Parafrasi italiana del cantico naziouale 
tedesco in onore dell' imperatore Francesco II, posto in 
niusica dal celcbrc llevden. II metro italiano c obbli^ato 



a86 APPENDICE 

alia melodia che il composltore di musica adattb orlgl- 
naiiamente alia poesia tedesca. 
Amore vlnce pregiudizio. Cominedia con musica tradotta in 

tedesco e rimasta su quel teatro. 
La Camilla. Dramma per musica , edito e posto in musica 

dal Paer. 
L' uni forme. Dramraa edito posto in musica dal Weigl. 
Jl miglior dono. Cantata per S. M. I., edita , musica del 

Weigl. 
La creazione. Traduzione dal tedesco coUe parole adattate 

alia celeb re musica del maestro Heyden , edita. 
L" amore alia pcrsiana. Drarama in due atti, edito. 
La vita del cane di Peppoli , edita. 

La passione di N. S. Oratorio posto in musica dal Weigl. 
Lettera su di un quadra di mad. Le Brun , edita. 
Descrizione delle picture delta cupola di S. Celso , stampata 

nelle Memorie della Societa patriotica. 
La scuola delta maldicenza. Commedia in 4 atti tolta da 
quella di Sheridan e adattata al teatro italiano , inedita. 
II giudizio di Febo. Cantata per S. M. I., edita, posta in 

musica dal maestro Stefano Pavesi. 
L' iricontro. Cantata per S. M. I., edita, e posta in musica 

da Ignazio Gerace. 
Lettere di un forestiere , edite , a Venezia. 
L'allievo dclt'Orsa. Dranima in 3 atti , inedito. 
Spiegazione drammatica del mausoleo di Canova per la R. Ar- 

ciduchessa Cristina , edita. 
Pilade ed Oreste. Dramma inedito. 
L' indovinel. Poemetto per le nozze Soncino , edito. 

Opere teatrali tradotte dal francese per V I. R. Teatro 
di Monza e sono le seguenti : 
Ricardo cuor di Leone. 
La dote. 
La Nina. 
Rlnaklo d'Aste. 
La Lodovislia. 

Lo spazzacammino principe, 
Raollo di Crequi. 
L' effctto dell' amore e del caso. 
La caravana del Cairo. 
I due ragazzi savojardi. 
La lezLon d' on di. Commedia in idioina tiiila'icst- per S, A. R. 
/ conti d'.4gliate. Commedia. 



PARTE ITALIANA. 287 

G!i andquarj dl Palmira. Opera buffa in tee atti. 

Dissertazione intorno la maniera e lo stile manierato. 

La concia desturbada. Poemetto in 3 caiiti in idioma ml- 

lanese. 
OtCave milanesi pel ritorno a Milauo delle LL. AA. RR. 
La bellezza. Poemetto italiano in 3 canti. 
II giuoco delle red. Poemetto. 
Piano generale per tutte le pitture del qiiattro appai'tamentl 

del palazzo Serbelloni. 
Soneui milanesi in morte di Maria Teresa ( lodati dal Parini ). 
La figlia del sole. Imitata dal tedesco, con un atto aggiunto. 
L'Alcade. Tratto dallo spagnuolo. 
Didone in America. Dramma. 
Formosa. Dramma in due atti. 
Jl principe invisibile , in 4 atti. 

Le Heydine. Lettere intorno la vita e la musica di Heyden. 
Le Rossiniane. Lettere apologeticlie intorno alia musica del 

maestro Rossini , scritte per la nostra Bil^lioteca. 
Le Majeriane. Lettere pittoriche clie confutano certe opinioni 

del cav. Majer veneziano intorno la imitazione pittorica 
^ , . e le opere di Tiziano , scritte per la nostra Biblioteca. 
" NB. Delle Heydine , delle Rossiniane e delle Majeriane 

se n' e fatta vina edizione recentemente a Padova , della 
quale abbiamo parlato nella nostra Biblioteca italiana , 
tom. 34.° 5 pag. 109 , e 36.° pag. 200. 
Lettere su i giardini , ossia Descrizioue dell' I. R. giardino 

di Monza con molti rami , inedite. 
I bagni di Baden. Sestine edite. 
Per le nozze di S. E. il jirincipe Auersberg coil S. A. la 

principessa Lobkrovitz. Sestine edite. (i). 

(i) Si omettono in questo catalogo molti sonetti , businate , 
apologia in versi e in prosa, editi ed iuediti, che furono fatti 
per circostauze del momento e la luaggior parte stanipati in Mi- 
.<,,<,• lano , Venezia e Vienna. 



Giuseppe Acerbi , direttore cd cditorc. 



JIUuno . dull' 1. R. St'jnq)aia. 



Osservazioni meceorologiche fatte all'I. R. Osservatorio di Brera. 



F E B B R A J O i8a5. 



M A T T I N A. 



< 



-0 


o 


C 


6 






o 


fl 


Ti 


e 




V 


N 


o 


V 




V 


u 




"S 


< 


V 


t; 



Stato 
del cielo. 



Sera. 






'■ a 



< a 



Scato 
del cielo. 



3,0 

o,o 

I 1,3 

4.0 

■^'7 



- o,6 
+ o,5 
+ o,5 

+ 1,0 

+ 1,0 



N 

N O 
N NO 



Sercno. 
Ser. neb. ser. 
Ser. . .nebb. 
Sercno. 
Sereno. 



1,4 
o,o 
8,6 

5,o 
5,o 



+ 4,0 
+ 4,6 
+ 5,o 
+ 7,6 
+ 4,0 



o 

s s o 



NNO 



Sereno. 
Sereno. 
Nav.rott.neb. 
Sereno. 
Nuv. nebb. ser 



27 6,0 



10,6 

1,8 

11,8 

2,0 



- 1,3 

i,S 

1,5 

- 2,0 

- 3,0 



s o 

N E 



Ser. neb. ser. 

Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Sereno-. 



27 8,i 

28 0,5 
28 0,2 
28 0,1 
28 2,1 



+ 3,9 

+ 4,4 

+ 2,5 

+ 2,3 

+ 5,0 



N E 
S... O 



Sereno, 

Sereno. 
Nebb. ser. 
Sereno. 
Sereno. 



3,0 

2,5 

0,6 
10,4 

0,3 



],0 

1,9 

1,8 

2,0 
2,0 



- 0,.-) 

0,5 

+ 1,0 

+ 1,8 

> 4,8 

+ 

4 



s o 

N E 



Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Nuv. ser. nuv. 



28 2,8 

28 1,3 

27 11,4 

3T 10,3 

128 0,0 



2,0 

0,0 

1 1,0 

11,4 
10,6 



9,1^ 

10,0 

7,8 



N E 
E 



Nuvolo. 
Nebb. ser. 
Nuvolo. 
Ser. nebb. 
Sereno. 



Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 
Nuv. ser. 
Nuvolo. 



28 


1,3 


28 


2,0 


28 


1,6 


28 


2,0 


28 


2,2 



+ 5,0 
+ 8,0 
+ 7,0 
+14,0 
+ 7,3 

7,5 
6,4 
6,7 
7,0 
7,2 



S E 
O 

NNNO 
E 



Sereno. 
Nebb. ser. 
Sereno. 
Sereno. 
Sereno. 



O 

s 



Nuvolo. 
Ser. nuvolo. 
Nuv. . . . ser. 
Sereno. 
Sereno. 



28 1,2 

37 10,6 

27 1 1,0 

37 10,8 

37 10,3 



7,6 
8,0 

7,5 
6,6 
5,8 



s o o 
s o 



Sereno. 
Sereno. 
Ser. nuvolo. 
Nuv. ser. nuv. 
Ser. nuvolo. 



+ 1,0 
- 1,6 

+ 0,7 



Nebb. ser. 

Sereno. 

Nuvolo. 



27 9,1 
37 9,6 
37 5,0 



+ b,o 

+ 4,0 

+ 



s o 
s o 



3,5 



Sereno. 

Ser.nebbioso. 

Nuvolo. 



Altezza mass, del bar. poll. 28 lin. 3,0 Altezza mass, del term. + 14,0 

minima « 27 « 5,0 minima - 3,0 

media »37 » 11,407 media + 3,441! 

Pioggia =ss o { 



a89 

BIBLIOTECA ITALIANA 



PARTE J. 

LETTERATURA ED ARTI LIBERALI. 



Aunali musulmani di Qio. Batt. Rampoldi. Vol. VI 
e VII. — Mllano , 1828-24, tipografia Rusconi , 

JAendiamo conto ad an tempo di due volumi di 
questa grand opera ^ i quali per quanto a noi sem- 
bra, destano maggiore interesse dei precedenti, non 
tanto pel periodo a noi piu vicino die essi percor- 
rono , giiignendo fm verso la Jnne del secolo XII , 
quanto per 1" iinportanza degli avvenimenti die vi 
si narrano , coilegati piu sovente colle circostanze 
politiche delT Europa , e per le frequenti osserva- 
zioni tilosofidie e politiche, die vediamo dalTautore 
piu abbondantemente sparse nel testo e nelle note. 

Comincia il volume VI colF anno 974 delF era vol- 
gare , e gingne sino alia fine del secolo seguente, 
comprendendo il regno di cinque calilli , dei quali 
in una tavola cronologica premessa si indica il giorno 
deir esaltaziotie e la durata del reggimento. 

Si espongono da principio i foadamenti del go- 
verno degli Arabi ; lo stato della religione e dell« 

mbl. Ital. T. XXX VII. 19 



^gO ANNALI MUSULMANI 

scienzc fra i IMusulmatii; e si vieiie alia proclaiua- 
zione del califfo Thay Lilla/i. Osserva giudiziosa- 
mentc V atitore , che colla decadenza delT Arabo im- 
pero si oscuro in parte atiche lo splendore della 
religione ; clic V islainismo f'u in ogni parte lacerato 
da sette e da scismi ; die gli anti-califli turbarono 
sovente la pace religiosa , e piu ancora quelTiuipe- 
rio squarciarono le iniprese dc' Crociati , c la po- 
tenza ognora crcscente dci Turclii ; linalnicnte clie 
in una cosa sola fcrmi mostraronsi i Musulniani , 
cioo nel nou ridiirre V oggetto dclla devozione loro 
troppo confornie ai seiisi ed all' inunaginazione de- 
gli iioniini. Osserva pure che in queirepoca sce- 
uiossi tra gli Arabi F amore per le scienze , e alle 
opere originali dei piu cbiari ingegni succedettero 
fredde e servili imitazioni : F ingegiio dei Persiani , 
non nieuo che la loro lingua , protetti furono sol- 
tanto dalle tre dinastie dei Buidi. In qnelF anno me- 
desimo 974 il traHico de' Cristiani in Oriente vienc 
j)rotetto dai principi Fatiniiti-, si accresce il cohcorso 
dei peregrini orientali ed occidentali al santo Scpol- 
cro ; s' istituisce in Gerusalemme , e precisamente 
Kul Calvario una Hera , e i rnercatanti italiani fon- 
dano un convento ed un ospedale dctto di 5. Gio- 
vanni ^ culla delF ordine che poscia domino iu Rodi 
id in I\Ialta. In quelF anno pure muore il deposto 
caiillo Al 3Iothi^ e la citta di Bolgar o Bnlgar viene 
incendiata dai Faissi. Di la trae il nonie di Bulgaro 
il niarrocchino del Levante , nominato talvolta e spe- 
cialmente dai Turchi vacca di Russia. 

I Turcomanni eransi portati con un esercito verso 
Waseth contra un Buide, che di la minacciava di re- 
cuperare Bagdad; il capo loro Af-Tekm dovette ei 
stesso ritrarsi a Bagdad, ma ne fn cacciato, e questo 
o F unico importantc avvenimcnto delF anno 976 , 
in ciii niori anche F imperatore Gibvauni Zimisce. 

JNelF anno scguente vedesi vma parte della Siria 
m preda dei Turcomanni, e da essi sconfitto un vi- 
sir contra di essi sp^dito; veggonsi Sidone occupata 



PI «HO. BA.TT16TA RA.MP0LD1. 39I 

e poscia abbandonata dai Greci , il Khowarazm in- 
vaso dal Khan- o piincipe di Turkestan, e la niorte 
di varj uomini celcbri o per potenza o per lettera- 
tura. Nel 977 ha luogo una sanguinosa battagUa presso 
Eamla , e il suddetto Af-Tekin vien fatto prigione ; 
msorge la guerra tra i tre fVatelli Buidi , e il ca- 
liflfo sposa una tiglia di Adhad principe persiano. 
Kahus principe della dinastia de' Dilemiti , che re- 
gnava in varie provincie lungo il mar Caspio , pi- 
gliata aveva la protezione di Fakhar al Doulat^ se- 
condogenito di Assan ^ signore delT Irak persiano; 
ma neir anno 978 venne cacciato dal terzo di quei 
fratelli , chiamato 7!/o«i«rf, signore di Ispahan. L'ln- 
dostan trovossi allora invaso da Sebek-Tekin , dalla 
condizione di schiavo passato a cpiella di coman- 
dante supremo e sovrano dei Samanidi. Molti Kajah 
o re di piccoli Stati furono allora costretti ad ab- 
bracciare T islamismo , e quell' Adhad , del quale si 
e parlato , riusci dopo aspra guerra a far prigione 
Az hgliuolo di un suo cugiiio, che dominava nel 
Kernian e anche in Bagdad. 

L' anno 9~9 e celebre per molti onori conferiti 
alio stesso Adhad , e tra gli altri il titolo di Gran 
monarca re dei re,- pai ancora per 1' erezione di due 
grandiosi mausolei ad Ali genero di Maometto , e ad 
Hossein liglio di Ali. Si esegui pure dalT E^nir di 
Sicilia uno sbarco in Italia , e devastata fu la Lom- 
bardia inl'eriore o sia la Campania , die non vor- 
reramo vcdere ristretta nel ducato di Benevento , 
giacche , se esente ando da quella scorreria il ter- 
ritorio di Napoli , i drappelli degl' infedeli corsero 
dalla Calabria tino alle porte di Roma. II calitib Fa- 
timite proteggeva in quelT epoca i Cristiani ; sposata 
aveva egli una bellissima cristiana nelT Egitto supe- 
riore , e siccome questa aveva due fratelli monaci 
in un nionastero del mar Rosso, furono essi innalzati, 
r uno per nome Geremia al patriarcato di Gerusa- 
lemme, T altro detto Arsenio a quello di Alessandria^ ^ 
e qucj-li fu il primo che ima chiesa eresse nel Cairo. 



39^ INNILI MUSUI.I«tA.XI 

II wi'i nominato Jlfouiad ottiene di nuove vittorie, 
ma Scbek-Tekin ^ fuggito tlalla prigione , portasi in 
soccorso dei Samatiidi ; il calilYo conduce in isposa 
altra figlia di Adliad^ e in siffatta occasione distri- 
buiscc donativi ai giandi e copiose limosine ai po- 
veri; i Fatiniiti solTiono di grandi perdite ueirEgltto; 
Costantino figliuolo di Romano imperatore di Costan- 
tinopoli , ed Ottoiie figlinolo di altro Ottone re di 
Gei-mania , aspirano entrambi alF inipero di Roma , 
e il primo cliiama in suo ajuto i Maomettani di Si- 
cilia, i quali riportano grande vittoria a Rasentello, 
e con questo fatto , e coUa morte di alcune per- 
sone illustri , termina V anno 980. Una nota apposta 
in qiiesto luogo c" insegna , die le famiglie arabe 
abitanti lungo V Eufrate ed il Tigri , discendono ( o 
piuttosto discendevano ) per quei fiumi , lasciandosi 
trasportare dalla corrente , appoggiati ad otri en- 
fiati, e nuotando coi piedi ed anche con una mano 
allorche volevano accelerare il camniino. I bambini 
e le persone incapaci di nuotare da soli erano le- 
gati su le spalle degli altri nuotatori, i quali non 
impiegavano piu di un' ora a percorrere 006 mi- 
elia. I'oco credibile sembra , che neg-li otri stessi 
potessero rinchiudersi le provvigioni pel viaggio , 
perche minore in proporzione della quantita di que- 
ste divenuta sarebbe la loro capacita a sostenere le 
persone. I quattro anni seguenti non sono feraci di 
grandi avvenimenti. 11 Khorasan pero si ribella con- 
tra il suo signore o Padischah ; Adhad rende navi- 
gabile il Hume Bendebir; i Maomettani riportano vit- 
torie nella Spagna e nell' Italia. Sebek-Tckin e fatto 
governatore del Khorasan •, il califfo riconosce il so- 
vrano di Batiha ; a Costantinopoli viene spedito un 
ambasciatore arabo, che ricusa di prostrarsi innanzi 
air imperatore de' Greci ; per la morte di Adhad il 
regno di Persia viene diviso tra i di lui figliuoli; i 
Mu&ulmani sono vittoriosi nella Calabria ; alcuni 
|.)rincipi di Batiha vengono uccisi ; muore parimente 
il sovrano di Persia Mouiad AI Doulat , e Fakhr 



DI CIO. BVTTISTA RAMrOLDI. 4^5 

ingrato mostrasi verso Kabiis principe di Dilem , il 
quale assistito lo aveva nella contjuista di varj do- 
minj ; una rubelUone nasce in Masvvel, ma ben presto 
viene repressa. 

Di grande potenza presso il calillo era intanto 
divenuto certo Samsam Al Doiilat , die nelT anno 
985 il privilegio ottenne di su[)remo Imam , e di 
potere ufficiare in tutte le raoschee ; in Batiha al 
tempo stesso venne cacciato il legittimo principe da 
im usnrpatore, e i Karmaziani che assediavano Kuffa, 
battuti furono presso Waset e interamente sconfitti 
da Samsam. Giuiisero in quelT anno dal Turkestan i 
Seljnki o Seljukidi , e quella famiglia fondo poi tre 
potenti imperj tiirchi. Nota a questo proposito Tau- 
tore , clie le piu potenti famiglie turclic furono i 
Toulonidi nell' E2;itto , i Gaznavidi al mezzodi della 
Persia , ed i Samanidi nel Korasan e nella Transo- 
xana; che i Seljuki discendevano , secondo uno sci'it- 
tore arabo , da un re del Turkestan , il quale era 
stato in continua guerra coi re di Persia della pri- 
ma dmastia , sebbene altro scrittore discendere li 
faccia da SeVmk capo di un' orda , die espulso fii 
dal Turkestan per essersi introdotto nel serraglio 
di un principe ; che finalmente le dinastie dei Se- 
ljuki regnarono lungo tempo nelP Irak , nel Kerman 
e nel paese di Rlioum o sia dei Romani. 

Nel 986 i Greci sono respinti dalT Emir di Aleppo; 
neir anno seguente Bassora e conquistata da Scharf— 
Al-Doulat fratello di Samsam , e Mansur toglie ai 
Cristiani nella Spagna dopo una grande battaglia la 
citta di Zamora. L'anno 988 e pieno delle prodezze, 
o piuttosto delle crudelta di Scharf., il quale mand6 
prigione il fratello Samsam e usurpo le sue cari- 
che; ma non gode lungo tempo della sua grandezza 
perche mori nelFanno seguente di apoplessia , e 
quindi i di lui fratelli tornarono in liberta. Tro- 
vasi in quest' epoca il donativo fatto da un private 
al sovrano della Persia , di un^a medaglia d' oro 
del peso di looo dramme arabiche , »u la quale 



394 \yiiXLl MUSU1.MA?(I 

trovavansi intisi alcimi versi persiani composti tlal 
donatore. Dopo la morte di Scharf insorse grave 
contesa tra i Deleniiti e i Turclii in Bagdad, e una 
congiura stiscitossi contra il caliil'o da persona che 
aspirava alia sovranita, e clie poscia vi giunsc. Questi 
chiamavasi Ahid Abas , cd avvertito in tempo fnggi 
e ricoverossi in Batiha ; nia la ricchezza del calitlo 
alletto il sno niinistro, cioe Bahad Al Doitlat^ a bal- 
zarlo dal trono. Entrato essendo questi di fatto con 
alcuni seguaci nella sala dclle udienze , il califfo I'u 
tolto dal suo seggio , inviluppato in un pezzo di 
tappezzeria , staccata dalla parete , e portato al pa- 
lazzo del ministro stesso, dove fu costretto a sten- 
dere una rinuncia alia sua dio;nita , e ridotto ad 
uno stato private , visse ancora per cinque anni. 
11 ministro rapi tutt' i tesori , e fece proclamare ca- 
lifib qneir AbalAbas fii2;2;itivo , che il noma assnnse 
di Al Khader Billcdi , cioe il forte in Dlo. II motto 

la divisa sua incisa anche iiel su2;gello era la se- 

guente : il forte nella fede crede in Dio unico. Quel- 

1' anno Qgi e celebre per le osservazioni astrono- 

miche che si fecero , massinie nclT equinozio di, 

primavera e nel solstizio di estate , sulla iiuova spe- 

cola di Bagdad , costruita d' ordine di Scharf. Nel- 
... -^ 

1 anno seguente veggonsi i Greci correre a soste- 
2;no deir emir di Aleppo ; nella Siria si sentono orri- 
bili tremuoti ; i Maomettani riportano nnove vitto- 
rie nella Sicilia, e devastaao ancora le provincie tra 
il Tevere , il Garigliano e il Volturno ; illese pero 
rimangono Salerno, AmaUi, Gaeta e Napoli, le quali 
presentano un aspetto imponente ai pirati e fanno ri- 
spettare le loro spiag»e. I Greci tornano al soccorso 
di Aleppo neir anno 99S ; il capo dei Fatimiti di la 
cacciato s' impadronisce di Damasco ; Sarnsam ri- 
porta nnove vittorie contra i suoi cugini die gia 
aveva fatti imprigionare ; e in una nota inserita in 
cfuesto luogo intorno ad ano scienziato detto Abitl 
Kassen Imael ., non vedranno i leggitori senza quol- 
che intereste , ch'cgli lascio morendo una biblioteca 



DI GIO. BA.TTISTA. RIMPOLDI. i^S 

di 1 1 7-COO voliiml , che ne' suoi viaggi formava il 
carico di p\h di 400 cainmclii. Scritto cgli avcva intor- 
no allc orijiiiii della iiiiwua araba, e intorno ;.ir uffi- 
cio de2;li Imam, ia oltre la storia dci visiri , T arte 
di poetare , ed un trattato del modo di scrivere le 
lettere o pinttosto i diplomi. Bagra-Khan invade la 
Transoxana negli anni 994 e 996 : nel secondo di 
qiiegli anni Al Mansur ottiene compiuta vittoria 
presso vSantaren sopra i Cristiani della Navarra e 
della Castiglia ; convertonsi pure nelT anno mede- 
siimo air islamismo gli Ogouziani, tnrclii in origine, 
dai rniali disease Othman fondatorc deirimpcrio ora 
detto dcgli Ottomani. Nella nota (16) coiitengonsi 
di molte erudite notizic intorno la persona di Ogouz 
e r orda Ojiouziana. 

Continnano negli anni seguenti !e vittorie dei 
Musulm.ini nella Spagna ; la citta di Leone e rovi- 
nata (\^ Man^rir ; da esso vicne pure distrutta Com- 
poslclla ; intanto la- Persia e governata da una don- 
na; Kabus ricupera il Jorian e il Mazanderan; sorge 
il primo impero dei Tnrclii detto de' Gaznavidi; 
nell' AtTrica si stabilisce il princi[)ato degli Zciriti; 
nella Persia regna un' orribile pestilenza ; Samsam 
viene iicciso da un figlio di Bakhtiar; una congiura 
formasi contra Kabus ^ che viene cacciato priwione; 
gli Spagnnoli non respirano che per una battaglia 
vinta presso Calataguazor , e per la morte del feroce 
Al Maiisur ; col finire del secolo X ha pure fine la 
monarchia dei Samanidi. Nelle note si parla di molti 
letterati morti in quelT epoca ; di uno che dotato di 
prodigiosa memoria recitava a mente molti anti(ihi 
poemi; di altro che scrisse un metodo per niighorare 
I'intelleito: di altro grandissimo geometra, che scrisse 
nn Almagcsto ad imitazione di quello di Tolomeo; di 
uno storico delT Egitto , die illiistro anche la geo- 
gfafia di quel paese ; di altro finalmente che scrisse 
su le cose congiunte e disparate , su le coerenti ed 
incoerenti. In quelle note si danno altresi piu distinte 
notizie di Almansur ^ piu comunemente conosciuto 



396 ANNALI MUSCLMANI 

sotto il nome di Almanzorre ; notizie precise della 
dinastia dei Samanidi; e ancora si accennano illustri 
arabi scrittori, cioe T autore di una spiegazione dei 
sogni, qiicllo di un diziouario arabo , an poeta lu- 
dicro , im tilosofo e medico che prevenne Aviceiina^ 
un astronomo osservatore di movimenti planetarj e 
costruttore di niiovi striimenti uiatematici. 

Coniinciano col sccolo XI le graadi iinprese dei 
Turchi , tra i qiiali si rende celcbre Mahmmoud ; i 
Turchi s' innoltrano nella Persia ; lo stesso Mahm- 
moud invade V Indostan , riporta 2;randi vittorie e 
concjuista Moultan ; cgli assume finalmente il titolo 
di sultano , del quale molto eruditamente ragiona 
r autore nella nota (28). Al tempo stesso la flotta 
africana si avvicina al!e coste delF Italia col dise- 
gno perfino di saccheggiare Roma; V Emir di Sicilia 
e cacciato prigione dai Palermitani , e i sobborghi 
di Pisa sono incendiati dalP arabo Muse/: , die do- 
minava nella Sardegna ; nella Spagna pero comin- 
ciaao tra gli Arabi medesimi le guerre civili. Mahm- 
moud prosegue il corso delle sue vittorie nell In- 
die ; i Turchi di Ilek invadono la Trrinsoxana :, la 
meta del Cairo viene incendiata per solo trastuUo 
di un califfo ; il sultano di Gazna vince la battaglia 
di Balck ; intanto nella Spagna vengono detronizzati 
1' uno dietro alT altro due Emiri ; Capua e assalita 
invano dai Musulmani della Sardogna , e in quel- 
r epoca , cioe nelV anno 1008, P autore fa cadere 
r origine delle crociate , formate da prima , come 
egli espone , affine di vendicare i torti fatti dal- 
V insensato califfo Fatiinite Al Hakem ai Cristiani 
d' Egitto e di Siria , ed ai peregrini die i luoghi 
snnti visitavano. 

Mahammoud conquista nelle Indie una fortezza 
nominata Beheslm , e conchiude la pace col gran 
Raja delle Indie ; sconfigge in seguito Oleto-Khan , 
e non contento di tutte queste vittorie, torna per 
la quarta volta nelle Indie , dove conquista molti 
clefanti, e ne impone a diversi principi un tributo , 



DI GIO. BATTISTA RAMPOLDI. %^J 

servendosene da poi con grandissimo vantaggio nelle 
sue spedizioni. Celebre e questo periodo anche per 
le controversie religiose -, le opinion! del Sanniti 
vengono abbracciate dagli Ouguziani; sorge la setta 
dei Marabonth ; neVC anno 400 delF Egira si cele- 
brano feste secolari : lo stolto calilFo Fatimite vuol 
farsi credere Dio , e le sue stravaganze sono ben 
descritte nella nota (3i); Al Darar spacciasi per 
profeta di quel nuovo Dio , ma viene ben presto 
ucciso ; i Fatimiti sono dichiarati non discendenti da 
All ; infelici sono intanto le vicende dei Cristiani 
nell' Oriente , perche il sepolcro di Cristo in Geru- 
salemme viene distrutto nelF anno loio , e Geru- 
salemme viene abbandonata nel 101 3 al furore dei 
Bedoini. Nella Spagna e saccheggiata Cordova, nel- 
r Italia incendiata Capua dai Musulmani di Sicilia; 
i Normanni pero di Salerno si muovono contra gli 
Arabi predatori. Benche la letteratura venga dal- 
r autore rappresentata in uno stato di decadenza 
presso gli Arabi , molti uomini illustri per dottrina 
veggonsi in questo periodo estinti , tra gli altri il'* 
celebre i^oeia Al Salemi ^ autore di un poema intito- 
lato Chiave delle speranze ,• un grammatico detto il 
Giojelliere , forse a cagione delle pregevoli sue pro- 
duzioni ; altro grammatico, autore di un dizionario 
e di un compendio della storia persiana ; un mate- 
matico die tratto della dramma e del danaro , e 
molto rischiaro la materia delle monete ; un mora- 
lista , autore di un trattato dei vantaggi della po- 
verta ; uno storico della citta di Ispahan ; il cele- 
bre geografo Al Vardi ; un coUettore dei discorsi 
pill eloquenti del suo secolo ; il poeta Al Massissi ; 
un teologo die scrisse su la giustizia e V elemosina 
tanto in prosa , quanto in verso ; il poeta Al Sege- 
stani ^ panegirista dei Samanidi; un tradizionista o 
commentatore delle tradizioni ; un maestro digiu- 
risprudenza , che ebbe fino a 700 scolari , 200 dei 
quali gia decorati di titolo corrispondente a quello 



298 ANNALI MUSULMANI 

dei nostri avvocati •, tm celebre mctafisico , molti 
altri poeti , grammatici, medici ecc. 

Sotto 1' anno 1016 nel (|a:ile fii ricostriuto in Ge- 
rusalemme il scpolcro tli Cristo , cade V ori^^ine dei 
Drnzi o Drusi , e in una nota spiega I'autore come 
rinteresse comnne li colle2;asse coi Maroniti , seb- 
bene diverse fossero le loro opinioni religiose. Ne- 
gli anni segnenti si registrano Ic con(juiste del re 
di Leone nel Portogallo, quelle dei Pisani e dei Ge- 
novcsi nella Sardegna , dei Normanni nella Pnglia. 
LoMano intanto tra di loro i Buldi ; i Tartari Mo- 
golli SI niostrano nel Turkestan ; Mahmmond entra 
nel paese dei Kinnogi ; SejJa recupera il rcggimento 
della Persia del quale era stata privata, e pone sul 
trono il sue ligliuolo Maid ,• ma nella Sicilia co- 
minciano le civili discordie. L' Oriente e tutto in 
guerra, massime per le contese dei fratelli Buidi , 
e per le frequenti rihellioni dei comandanti e dei 
governatori ; ha principio nelP anno 1020 la dinastia 
dei Mardaschidi, e di la a due anm Mahmmond tovnsi 
per la scsta volta nelle Indie. Bagdad viene saccheg- 
giata dai Turchi nel 1026; nel 1029 niuore la ce- 
lebre Sejda; Maid Al Doulat viene detronizzato dal 
sultano di Gazna : si estineue il secondo ramo dei 
Buidi, e neir anno seguente , mentre i Turchi Gaz- 
na vidi sono scacciati dal Khorasan, i Seljuki si con- 
centrano in un piccolo stato; Bagdad c inutilmente 
assalita da Abu Kaliar , e la Libia viene unita agli 
stati Ahmediti , ma muore il sultano 3IahmmoiuL In 
(juel periodo i Kabileah sono espuisi dalla Spagna, 
ma il re di Leone stende le sue conquiste in Por- 
togallo -, un Miramolino di Spagna viene ucciso com- 
batteudo , ma sorgono a dominare in quella provin- 
cia due sedicenti califfi ; Al Kasseii e cacciato da 
Cordova , ma Siviglia e saccheggiata da Yahia. II 
miramolino Al Hesam c pure cacciato da Cordova, 
ma Alfonso re di Leone ucciso rimane alP assedio 
di Viseu ; in Italia Musek e sconfitto dai Pisani , e 
i Normanni si stanziano in Aversa. Miiojono anche 



DI OIO. BATTISTA KAMPOLDr. SQQ 

in questo periodo diversi poeti, tra i qiiali il cele- 
bre Al Ferdousi , aiitore di liuighissimi pocmi epici 
o piuttosto istorici; miioiono nioialisti, cominenta- 
tori del Corano, grammatici , ed tino tra (juesti clie 
peri'ezionata aveva la lingua e I'aUabeto-, T autore 
di una storia universale , lo scrittore delle vite di 
molti uomini ilkistri , finalmeutc uno scrittore di 
gencalogia e di opere di eloquenza , che sopranno- 
minato f'u il Nobile fra i Tolomei. Curioso riescir 
dee il flitto narrato solto T anno 1024, die un mao- 
inettano furihondo, in mezzo al concorso de' perc- 
grini alia Mrcca si slancio con un pugnale e pro- 
flino o percosse con tre grandi colpi la faniosissima 
pietra nera^ gridando : « e tino a quando questa pie- 
» tra, come y^xwie Maometio ed ^Zi , saranno essi gli 
» oggetti del nostro culto? Poniamo line a questa 
» sacrilcga idolatria , distruggiamo questo tenipio , 
» e r islamismo rimanga sepolto sotto Ic sue ruinel » 
Quel profonatore fa ucciso da un peregrino , e quindi 
fatto a brani e gettato al fuoco. 

Muore neir aniio io3i il calitlo Al Kadlier Billah ^ 
e in vece sua e proclamato califfo Al Kliayem Beam- 
rillah. 11 sultano 3Iasud succeduto a Mahmmuud ^ 
assunto aveva tutto I'imperio Gaznavide, ma ad un 
fratello , al ([uale promessa aveva da prima la con- 
servazioue degli stati suoi , aveva fatti cavare gli 
occhi e coufinato lo aveva in una prigionc , dopo 
di che esempi terribili di severita dati aveva contra 
tutti i suoi avversarj ed anche contra quello che 
contribuito aveva maggiorraente a farlo proclaniare 
sultano. Alcune ribellioni si destarono contra quel 
iiuovo sovrano, ch" e2;li pero riusci a cornprimere; 
passo cgli quindi nell'Indostan, ove riporto di gjandi 
vittorie, e verso (pielT epoca, cioe neiranno io36, 
ebbe principio Timperio de' Turchi Seliucki deli'Iran, 
e neir anno seguente Mern fu fatta metropoU di 
queir imperio. II sultano Masud si mosse di la a 
poco contra i Seliuki , e una grande battaglia fa 
data tra i d;ic partiti a Fariab , ma nel icSc; quel 



300 A.NN.VLI MUSULMA.NT 

sultano fu deposto dal trono, e il Klioarazm fu oc- 
ciipato dai vSeliiiki. Contimio tiittavia la guerra tra 
essi c i Gazuavidi, c sotto T atiiio 1041 vedesi T ab- 
dicazione di uii sultano cicco di Gazna, e la morte 
di tre successivi sidtaiii. I Scliuki s' innoltrano rielle 
coiiqiiiste loro, e ottengoiio perliao dal calitfo Tin- 
vestitiira dell' Irak e del Kliorasan •, uno dei loro 
principi entra iiella Mesopotamia ; vincono essi di 
niiovo i nemici loro a Fariab , e molti raja si ribel- 
lano contra i Gaznavidi. Nelia Sicilia intanto conti- 
nuano tra i IMusulmani lo guerre civili •, i Pisani lot- 
tano ancora contra 3Iaset ; un prefetto delT Italia 
eseguisce uno sbarco in Sicilia , e quell isola e po- 
scia invasa dai Greci ; la Puglia al tempo stesso e 
conquistata dai Normanni , e la Sicilia viene poi 
divisa in molti principati. Nella Spagna arde pure 
la guerra civile tra gli Arabi , e questi nelP anno 
1046 vengono cacciati dalla vecchia Castiglia. L' au- 
tore ci senibra oltremodo accnrato nelT annoverare 
i fosti della letteratura araba : nota egli in questo 
periodo la morte di un celebre storico , di un me- 
cenate de' letterati persiani , di un celebre commen- 
tatore del Corano , delT autore di una geografia fisica 
del paese di Baliarein, di un chiarissimo ginrecon- 
sidto, di varj poeti , dell' autore di un' antologia o 
di un florilegio , del grandissimo filosofo e medico 
Avicenna ^ del quale a lungo ragiona nella nota (5g), 
registrando ancora alcune stravaganze dei biografi 
arabi di quelP uomo insigue ; accenna pure i meriti 
di uno scrittore , che V istoria compose degli amici 
o dei fratelll sinceri , di un famoso astrologo , di 
un . geometra , il quale pretendeva di fertilizzare 
r Egitto in qualunque stato si trovasse 1' acqua del 
Nilo ; di un grammatico che pretese di scoprire i 
mister] contenuti nelle lettere delT alfabeto , di altro 
che scrisse per l' iutelligenza della lingua araba ecc. 
Al proposito dcir astrologo Al Birouni inseriremo 
due osservazioni : la prima e , che malgrado la ce- 
lebrita de' professori di quel la scienza , now accofT 



Dl GIO. BATTISTA RAMPOLt)!. Zot 

deremo che Abu Thaher predetto avesse con pre- 
cisione il tempo in ciii avvenne un orribile tremuoto 
neir anno 1041 , che desolo la Natolia , la Siria , 
r Armenia , la Mesopotamia ecc. ; la seconda e , che 
di Al BiroiLid V autoie racconta un fatto , che per- 
fettamente eguale trovasi nella storia degli Scali- 
geri , cioe che avendo a quello domandato un sul- 
tano se saprebbe indovinare da tjual parte egli 
uscirebbe da ({uel luogo , V astrologo gli consegno 
un biglietto sigillato , e nscito essendo il sultano 
per un buco fatto nel muro, si trovo scritto nel 
biglietto che uscito sarebbe per una breccia. Una 
cosa simile narrasi anche delFimperatore Federico 11^ 
e tutti questi racconti , che probabilmcnte hanno 
r origine loro nelle favole arabichc , meritano la 
stessa fede. 

Guerre atroci veggon$i suscitate in appresso tra 
i Fatimiti e F Emir di Aleppo , guerre domestiche 
tra i Buidi , guerre dei Alarabouth nel W^arkelan , 
guerre dei Turchi neir Irak Arabi ; i Seliuki inva- 
dono i tf rritorj romani , e stabiliscono la monar- 
chia loro nel Kerman ; i Gaznavidi perdono alcune 
provincie delle Indie ; ma il sultano loro Abd Al 
Raschld esercita cattiva ;imministrazione , e quindi 
nmore nell' anno io53. <ili Egizj vfengono sconfitti 
dalV Emir di Aleppo; un principe dei Seliuki viene 
in ajuto del calillo , e riceve da questo grandissimi 
onori ; Bagdad e saccheceiiata dai Turchi : il turco 
Bassasiri entra neil' Irak Arabi , e poscia e scacciato 
da Kulfa ; sorge la monarchia Almoravidc neir anno 
1067, e cade neir anno stesso quella dei Buidi; il 
principato di Aloj)po viene riunito alia monarchia 
egizia , ma il caliilo stesso e fatto prigione da Bas- 
sasiri , tradotto nel castello di Iladitah , ne liberato 
viene dalla prigione se non da Tkogrol-Bek^ quello 
stesso principe Seliidco che venuto era da jjriina in 
di lui soccorso. Bassasiri aveva saccheggiata Bag- 
dad , ma il califf'o vi entra solennemente , e quel 
turco vaioroso riinaue sconfitto ed ucciso , mcntre 



Sea ANNALI MUSBLMANI 

tentava la fuga, Nell' Europa V Emir di Toledo si 
rende tributario del re di Leone ; Miiset invade di 
niiovo la Sardegna, ma sconfitto ed ucciso viene 
presso Cagliari ; i Nornianni nclT anno loSa inva- 
dono per la prima volta la Slcilia , ove fanno coUe 
arn'.i loro 2;randiosi pro2;ressi ; Roberto Gnlscardo 
nporta grandiose vittoric nella Calabria; i IMaomet- 
tani sono cacciati da Cnma , e in qiiella provincia 
cade totalmente la potenza loro. Tra i letterati di 
((ueir epoca contansi certo Abd Al Khadcr^ die scrisse 
a fine di riconciliare i Maomettani colla musica e 
colle accademie musicali ; altro dotto die tratto delle 
hevande permesse e proibite , non die delle cause 
ddle discordie e de' mezzi di evitarle; il pocta detto 
Al Maliarari o Al Ami , cioe il Cicco , pcrclie gli 
ocelli perdette all" eta di tre anni , e amviiirabile 
riusci ne' suoi poemi descrittivi ; un ginreconsnlto 
die scrisse su i regj diritti e su i costami del se- 
coIot un commentatore di libri anticlii, ed altri dotti. 
Non lasceremo di osservare in questo luogo la lilo- 
solia di (|uel cieco , die censuro apertamenl'c i dogmi 
di Maometto ^ derise le preghiere de' suoi compagni, 
tlisse die tra tntte le sette alcuna non ve ne aveva 
in cui si fruisse piu o men.) del sole o della luna , 
i Gindei tratto xla niummie , i magi da pazzi e de- 
liranti , e concliiuse die la religione , della quale 
egli parlava, era fatta per gl' ignoranti. Ma mentre si 
parla dei letterati di qneir eta , doloroso riesce il 
vedere incendiata dai Turclii in Bagdad una pre- 
ziosa bibiioteca , die conteneva pin di 100,000 vo- 
Jumi , tra i qnali niolci codici antichissimi , arabi , 
persiani , indiani e cinesi. 

Picni di guerre, di ribdlioni , di stragi e di cruddta 
iono le storie degli anni segnenti. Noteremo sol- 
tanto che neir anno 1062 ha tine la dinastia Om- 
miade nella Spagna-, die nelKanno scguente TEmir di 
f-'iviglia si fa tributario. al re di Castiglia ; die nel 
jc66 , dopo r estensionc dell' impero Seliukiano di 
Iran , si fonda V impero dei Seliuki medesimi detto 



DI GIO. BATTISTA RANPOLDI. 3oS 

Al Rhcnm^ e che in quell' anno, in cui treina orri- 
bilniente la Siria , Y Africa occidentale viene con- 
quistata clai ]\Iaraboulli; die nell' anno seguente in 
Egitto si nianiresta una terribile caresLia seguita dalla 
peste ; clie poco dopo gli Zeiriti soiio cacciati dal- 
r Africa occidentale ; che nel 1070 si fonda la citta 
di ]\Iarocco , nientre 1" iniperatore Romano Diogcne 
estendc le sue conquiste; che nel 1074 ha fine il 
principato degli Hamdani, e che nelf anno seguente 
muore il calilFo Al Khaiem , al quale succede Al 
Moktadi. Yedesi sotto f anno 1068 un marchio igno- 
niinioso iniposto ai Cristiani , sebbene non sia questo 
troppo bene iiidicato nella storia ; nel 1070 pero 
una carovana di peregrini nunierosissima giugne a 
Gerusaleninie, benche lui quarto di que' divoti non 
tornasse nell' Europa ; vedesi Romano Diogene fatto 
prigione dai Turchi ma poi liberato , e singolare 
riesce nel 1072 l' anno solare computato come si 
trova al presente, da un astronomo detto Omar Al 
Kheynam. Fiorivano allora e morirono in quel pe- 
riodo , un poeta che scrisse anche su la mansuetu- 
dine ; T autore di un libro iutitolato gZi esperimenti-., 
uno scrittore di controversie tra i Giudei e i Cri- 
stiani ; un biografo dei dottori Schaft iani , un cele- 
bre poeta detto Al Zciduiui , autore di un poema , 
i di cui versi tutti finivano colla lettera n , raolti 
teologi , giureconsulti , storici ecc. 

Nell' Egitto insorte erano grandissime discussion! 
politiche , e intanto la Siria era invasa da uno dei 
capitaui del sultano Malek-Schah ., e questo conqui- 
stava anche Gerusalemme ; i Seliuki tentavano inu- 
tilmente d' invadere la Siria , ma Siileyman altro dei 
loro c 'pitani conquistava Iconi. II suUano continuava 
le sue imprese al di la del Sihouri ; i Musulmani 
stabilivansi nella Nubia , ed ai Turchi cedevansi le 
provincie romane asiatiche. Si strigne allcanza tra 
Malck ed il sultano di Gazna ; i Seliuki giungono 
ad iaipadronir&i della Siria, ad eccezione di Ge- 
nisalcnime : 1 IMaraboiith occupano tutta i' Africa 



304 ANIiALl MUSULMiNJ 

occidentale, e nelf anno 1080 ha fine il principato 
dei ]\Iardascliidi, Un' alleanza vedesi contratta tra 
Alessatidro Cotnncno ed il sultano Sideyman^ i Scliuki 
si dichiarano in favore dell' impeiatore Alessioi ma 
i Normanni col loro valore si segnalano nel Le- 
vante; Qaiscardo vince la battaglia diAzio, e il di 
lui figliuolo Boemondo assedia Larissa , dai Turclii 
pero liberata. Nicea diventa la capitale del sultano 
Seliuke Al Rhoum , e Laodicea viene tolta air im- 
pero greco per sorpresa di Suleyman , che narrasi 
avere percorso coUa sua armata 600 miglia in dodici 
gionii. L' imperatore Alessio cade nel 1084 prigio- 
niero di Malek ; si conchiude la pace tra gV imperi 
Romano e Seliuke ; i Maraboutli o Almoravidi giun- 
gono nella Spagna , e Roma assediata dalP impera- 
tore Enrico , viene liberata dai Musnlmani , ritenuti 
a' suoi stipendj da Roberto Giuscardo, Nella Spagna 
gli Almoravidi fon{lano nel io85 il loro imperio , 
benclie dai Cid conquistata venga Toledo; i Musul- 
mani pero sono neir anno medesimo quasi intera- 
mente espulsi dalla Sicilia. 11 califfo conduce sposa 
di la a due anni una figliuola di Malek , ma ben 
presto la congeda, ed allora ha principio l' imperio 
dei Seliuki al Rhoum. Gli Ismaeliani stabiUscono 
verso queir epoca il loro principato in Persia \ i 
Turchi Gaz si stendono nella Palestina ; ma nella 
Spagna gli Emiri di Huesca e di Saragozza si fanno 
vassalli de' Cristiani , ed ha fine nella Spagna me- 
desima la dinastia Ebadiah. In Bagdad domina la 
setta Hanifita ; muore nel 1092 il sultano Malek ^ e 
SI (Iistrugge totalmente il dominio de' Musulmani nella 
Sicdia. Nella Spagna il Cid conquista Lisbona e Cin- 
tni. Nel 1094 muore il califfo Al Muktadi ^ e in di 
lui voce e proclamato Mostader Billah. Muore nel- 
r anno medesimo il califfo Fatimite , e muore altresi 
r ultimo principe Buide : cade nelT anno medesimo 
jI viaorwio a Gerusalemrae deireremita Pietro d' Acheri^ 
e questi e quel Pietro che tanto figura nel poema 
tlclla Gerusalemme liberata. 



©I r.lO. BA.TT1$TA RA,MPOLDr. 3o5 

Fonnasi uell' anno seguente una lega degli Occi- 
dental! contra i Masulmani, e TEuropa tutta vedesi 
nel 1096 armata contra gV infedeli ; capo dei primi 
crociati e Pietro , ma i di lui seguaci si disonorano 
trucidando oviinqne i Giudei. Mentre una soUeva- 
zione generale formasi contro i Turchi nella Nato- 
lia , e la guerra civile scoppia nelF imperio di Iran 
e neirEgitto, Gualtierl conduce un nuovo esercito 
di crociati, e intanto i Mori di Spagna rimangono 
dai Cristiani sconfitti. Periscono i primi due eserciti 
de' crociati , e qui F autore paria di Qojfredo e de- 
gli altri illustri capitani di quella spedizione ; egli 
spiega altresi 1' astuta politica de' Greci riguardo ai 
Latini , e dopo la conquista di Nicea e la battaglia 
di Dorileo , espone T elezione di Baldovino fatta 
dal principe Teodoro, e il primo principato de'Fran- 
chi in Edessa . che coincide col principio delF im- 
pero Kouarazmiano. Nella Spagna il re di Castiglia 
e sconlitto dagli Almoravidi; i Crociati conquistatio 
bensi Antiochia nell' anno 1098, ma T esercito di 
Goffredo e superato in giornata campale , e i Cro- 
ciati in Antiocliia trovansi a cattivo partito ; ricou- 
fortati pero dalle predizioni delT eremita, o piutto- 
sto di ccrto Pietro Bartolo prete di Marsiglia ( piii 
probabilmente italiano ) , anziche dalla pretesa sco- 
perta del bastone di 5. Pietro , ripigliano T offen- 
siva e riportano alcune vittorie. II sultano Barkiarok 
e costretto nel 1099 a fuggire da Ispaltan; i Turchi 
sono cacciati da Gerusalemme dai Fatimiti ; poscia 
quella citta e assediata e presa dai Crociati , che 
con orribili strasi;i disonorano la loro vittoria. Ter- 
tnina questo volume con Qoffredo primo re di Ge- 
rusalemme , e coUa divisione della Palestina in 
contee e principati. 

Un curioso avvenimento di quest' epoca e la cor- 
rezione fatta nelT anno 1079 del calendario persiano , 
detto anche Jelaleano , sul quale calendario , come 
pure su la ritorma, su le intercalazioni iutrodotte 

Bibl. hah T. XXXVIl. 20 



3c 6 4NNALI MUSULMANI 

c su rastroiiomia degli Arabi in generale, assai dot- 

tamentc ragiona Y autore ncUa nota loc) , tessi-ndo 

una storia di quella scienza sotto le diverse dina- 

stie, ciie forse non erasi mai vcduta taiito compiuta. 

Tra i dotti in quel periodo si registrano Al Whacdi 

commentatore del Corano ; certo Nadham visir del 

sultana Malek , chc in Bagdad , sede alloia delle 

scienze e dei dotti di tutto T Oriente,, stabili lui 

magnilico collegio , e per direttore vi pose uno dei 

piu grandi dottori di c[uella eta detto Firoiizabadi,- Al 

JaviiL^ illustre dottore csso pure e intendente dei 

due templi di Mecca c di Medina; Abiil Hassan^ detto 

auclie Gloria del Masulmanisjno a cawione di una 

. . . ^ 

opera ni undici grossi volumi , clie e un corso intero 

di teologia maomettana ; finaUnente Nezom Al Moulk ^ 

del quale si narra che in eta di dodici anni sapeva 

a niente tutto il Corano , e pubblico poi avvisi ai 

principi per ben condnisi , ed un libro intitolato il 

maestro della gente dabbene. 

In (jiiesto luno;i tratto della storia ninsulmanica ve- 

dianio pure assai commendevoli non solo le note 

concernenti I'araba astronomia, ma quelle pure nelle 

cjuali si narrano aneddoti del sultano Malek ,• si il- 

lustra il nome di Cid^ che in linoiua araba sip;nilica 

Signore ; si indica con precisione quali fossero gli 

Ismaehani ; si parla a lungo degli Assassini e della 

origine del nonie di quel popolo ; si dichiara 1' uso 

del nome Jebal ^ die proprianiente significa nion- 

tagna ; si danno piu ampie notizie di Nezam e delle 

sue istituzioni , non die della sua caduta; si esami- 

nano con diligeuza i motivi e il modo con cui for- 

niaronsi le prime crociate ; si rischiara la cerimonia 

deir adozione di Baldovlno fatta da Teodoro die pas- 

sar fece quel figliuolo adottivo tra la sua camicia 

e la nuda carne , e in quella situazione baciollo, 

formalita clie il auovo principe ripetere dovette coUa 

vecchia moglie di Teodoro medesimo. Noa puo lo 

scrittore di questi annali , pieno altronde di belle 

doti , essere tacciato di parzialita , perchc in una 



DI CIO. BATTISTA R\MPOLDI. 307 

ch quelle note egli mostra apertameiite la poca 
fede die dare potevasi al snpposto litrovamento 
del bastone di S. Pietro e del fcrro della lancia che 
trapasso il costato di Gristo , ed in altra, anziche 
scusare i Crociati per gli orrori da essi commessi 
in Gerusalemme dope la conquista , ne accenna 
anzi colla scorta di un poeta arabo i furori , le 
stragi , i saccheggi , le rapine e gl' incendj. 

Quest' opera , atta certamente a destare interesse 
f a portare i lumi piu estesi nelia storia di un 
popolo , che forse non e stata mai conosciuta a 
pcrfezione , progredisce con niolta celerita , e gia 
abbiamo nelle mani il tomo 8." , del • quale , come 
pure del j.^ la di cui analisi non potrebbe capire 
in qnesto articolo , renderemo conto nei successivi 
fascicoli di questa Biblioteca. 



3c8 



BattagUa del Ticuio tra Aunibale e Scipione ^ ossia 
Scoperta del campo dl P. C. Sciplone , dclle vesti- 
gia del ponte snl Tlcino , del sito della battaglia , 
e delle tombc de llomani e de QalU in essa periti , 
del professore Qio. Battista Giani. — Milano , 
18:^4., dull I. R. Stamperia. Un Volume di pag. 
^24 in y.'', con died lavole. Lir. 6 aust^ 



Articolo 1. 



A, 



.RDuo e periglioso iiitraprendiniento fa sempre lo 
s[)ingere i passi tra le tenebre dell'aiiticluta, quaado 
il cammino non sia dalla luce dolla storia ben ri- 
^chiarato , e quando gli ostacoli , die sovente vi si 
frappongono , non siano si agevoli a superarsi. Impe- 
rocclie gli sciittori che delle antiche cose favel- 
larono , non sempre ci lianno tramandate tutte le 
circostanze degli avveninienti. Cio vuolsi detto in 
particolar raodo di coloro , die riferlscono i fatti 
dei qnali furono testimonio ; perciocclie parlando 
e^lino ai contemporanei non Grande sollecitudine 

o . , *■ . . . ^ . , . 

talvolta si diedero di riferirne con mniute descn- 
zioni le cose die o o;ia si conoscevano o facili erano 
a supporsi. E trattandosi delle campali battaglie , 
de' passaggi di finmi , del marciar degli eserciti e 
di altri siiTatti avveninienti die strettissiina relazione 
hanno colla natura del suolo, e d' uopo altresi con- 
siderare le variazioni , alle qxiali nello scorrere di 
tanti secoli ando soggetto il paese ; sicclie ora pa- 
scola r armento ove un tempo guizzavano i pesci , 
ora appar dirupato ed ineguale quel territorio die 
anticamente era piano e dolce ; i fiunii cangiato 
lianno letto , direzione e foce; il mare stesso ha 
dair una parte ritirati i tempestosi suoi flutti , dal- 
r altra in2;ojato floridissimi paesi : altre cagioni die 
rendono spesso difficili e scabrose le ricerche in- 
torno alle spedizioni degli anticlii capitani., poteudosi 



BiTTAGLIA DFX TICINO ecc. 3^9 

per avventura essersi cangiate le circostanze de' 
luoghi. Lo clie quantV avvenuto fosse, noi ande- 
remmo indarno tormentandoci il cervello su certe 
espressioni degli antichi storici , le cjuali ora ci 
sembrano nou solo oscure, ma talvolta in aperta 
contrarldizione con cio clie a noi si offre sotto 
r aspetto di probabilita ed anche di evidenza. Delle 
quali cose luminosi esempj abbiamo in ogni paese, 
ed in particolar niodo nelF Italia sfettentrionale , il 
cui territorio e di tale natura die dee necessaria- 
mente essere andato soggetto a straordinarie cata- 
strofi, e lo anderebbe tuttora se per poco venissero 
mono r indnstria de'popoli ed i sag2;i provvedimenti 
de' governi. A tutto cio aggiugncrsi vogliono gli 
errori e la trascuraggine dcgli amanucnsi nel tra- 
scrivere i classici antichi. Costoro non rare volte in- 
colti o presnntuosi hanno nelle loro copie introdotte 
lezioni dalla retta ragione totalmente aliene. Quindi 
la critica e V ermeneutica come canone loro pro- 
prio prescrivono , che ove iu un antico scrittore 
s'incontri alcuna lezione clie si opponga alle circo- 
stanze o del luogo o deir avvenimento , questa aver 
debbasi come travedimento de2;li amanuensi , od 
almeno come sospetta; essendo cosa de' soli gram- 
raatici propria Y attenersi servilmente a cio che 
alia Sana critica si oppone. Ottimo ne sembra quindi 
il sistema di Petit Radel , doversi cioe nelle ricer- 
che de' fatti antichi piii clie alle testimonianze dei 
libri prestar fede ai monumenti della natura ed al 
naturale procedimento delle cose , e percio dovei'si 
cotali testimonianze avere di alterazioni o di errori 
sospette quando a questi non trovansi consentanee. 
La quistione clie vien discussa neir erudita opera 
del signor professore Giani , gia stata era posta a 
disamina da uomini dottissimi e delle militari cose 
conoscitori profondi. Cercasi ove Scipione movendo 
coiitro di Annibale passato abbia il Ticino, ed ove 
avvenuto sia lo srontro dei due capitani. La piu 
parte degli anfecedenti <crittori , e fra (piesti il 



3lO BATT.VCLIA. DEI, TIC.INO 

2;enerale Guillaume, il barone Rogniat e M. De Luc, 
chiarissimi nonii, stati erano tV avviso che si il pas- 
saggio che lo scontro accadiiti fosscro non liingi da 
Pavia, Tale oi)inione sembrava conscntanea non solo 
alle regole della tattica ed alia natura del luogo , 
ma ancora ai fossili elefantini (juivi scoperti, nio- 
nnmenti ben piu autorevoli delle urne , dellc stovi- 
glie ed altre anticaglie di qualsivogha specie o for- 
ma esse siano. Ora il sig. professoie Giani animate 
dal quel prepotente amor di patria che distingue 
le anime belle e virtuose, attenendosi alle autorita 
di Polibio e di Livio , ed ar2;omcntando da alcuni 
pali che tuttora sussistono nel Ticino dicontro al 
Castello Visconti, e dalle tombe ed altre anticaglie 
da lui scoperte ne' contorni di Golasecca patria sua, 
fassi ingegnosamente e con molta dottrina a dimo- 
strare che il passaggio e avvenuto non lungi da 
Sesto Calende , ove il Ticino esce dal Verbano , e 
che i due eserciti sonosi scontrati e battuti nel ter- 
ritorio di Galliate. Nobile ed onorevole impresa , 
qualunque esserne possa il giudizio dei lettori: im- 
presa anzi degnissima d' essere imitata anche in al- 
tri paesi della nostra Lombardia fecondi di antiche 
e grandi rimembranze. Ecco primieramente Tanalisi 
od il sunto delF opera. 

<c Premesse alcune notizie storiche , opportune 
airiutelligenza del subbietto, c determinata Tepoca 
degli avvenimenti , cioe T anno 2i8 innanzi T era 
volgare , si da ( capo I. ) la descrizione di una bru- 
ghiera sparsa di tumuli e circondata da collinette 
presso il villaggio di Sesona , non lungi da Sesto 
Calende ed a pochissima distanza dal Ticino. Sul- 
r una di tali collinette s' erge in forma quadrilatera 
un antlchlssima tot re delta volganneiite IL torrazzo 
di Sesona. La brughiera e le collinette portano tut- 
tora il nome di Cornellane ,• e Cornelia dicesi pure 
un vicino vigneto esso ancora da collinette circon- 
dato. Vengono qttindi topngraficamentc descritli al- 
tri vicini luoghi, i cni noiiii di Grt//A«.<To , (V Arsasco 



TRA ANNIBALE F. SCIPIONE , CCC. 3ll 

e eimili sembrauo non nieno tli quello delle Corne- 
liane riferirsi per la loro stessa etimologia agli an- 
tichi fatti cola accaduti. Nelle Corneliaiie ( capo II. 
e IX. ) e negli adjaceati luoglii veggonsi varie linee 
di grossi ciottoloni o macigni piantati e disposti in 
niocio che ci ha ragione di credere aver gia essi 
fonnato V orlo o la base di tende militari quivi un 
tempo erette : e quivi appunto e ne' dintorni si 
scoprirono tombe , urne , patere, vasi, militari di- 
stintivi e mucclii di ciottoli, schegge e pietre infrante, 
sotto le quali si trovava una certa terra mcscolata 
di ccneri e di piccioli carboni. Tutte le qiiali cose 
sono ddigentemente discusse ed in opportune tavole 
riferjte. Sopra taluno de' vasi, e specialmente de' /a- 
crimatorj ^ veggonsi incise varie cifre, che dall au- 
tore si giudicano etrusche e delle quali si aggiugne 
r interpretazione latina. Vengono quindi riportati 
(capo 11!.) i testi originali coUa italiana versione 
dc" hxoghi ove Polibio e Livio descrivono gli avve- 
nimenti che formano lo scopo dell'opera. Le Corne- 
liaiie ( capo IV. ) sono appunto il luogo dove P. C. 
Sripione pose il campo Romano , vi aringo la truppa 
e vi stctte durante la costruzione del ponte siil Ti- 
cino. Cio si argomenta i.° dalT espressione di Poli- 
bio , cioe che perduta dai Roniani la battagiia , 
Annibale gF insegui smo a\ princ/pio del fiume ed al 
ponte sovr' csso dal Console eretto , il qual prvici- 
pio esscre non puo se non il ponte in cui il Ticmo 
esce dal Verbano al disotto di Sesto Calende : 2.° 
flair autorita di Livio, il quale attesta che Tesercito 
Romano col passare il Ticino entro nel territorio 
degU Insnbri , il qual territorio era il Novarese e 
cominciava a Castclletto al di la del Ticino; in questi 
dintorni sono altresi le radici del'e alpi, sino alle 
qnali Scipione presso Livio dice d' essere perveuuto 
iricontro ad Annibale : 3." dal nome stesso delle 
Corneliane ^ cost dette, perche quivi Cornelia Sci- 
pione pose gli acrampamenti innanzi di passare 
il Tirjno , de"" quali accampamenti sono tnttora piu 



^la BATTACLIV DEL TICINO 

che im Lnclizio p;li auzitletti ciottoloni o macigui 
che servivano di base alio tenfle clei Romani: 4.'^ dal 
sufkletto toi razzo di Sesona , die si prescnta come 
nno di que'' fortini detti caslclla^ coi quali i Romani 
solevano muiiire i loro allogjiiamenti: 5." dalle tombe, 
dalle. urne, dalle ceneri e da' militari arredi quivi 
scoperti: 6.° finalmerite da un' abbandonata via qui 
pure scopertasi, della quale si vcdono le vestigia coi 
caratteri dclla piii rimota anticliitd. 

» Dai testi di Plinio e di Livio (capoV. ) si rac- 
coglie che Scipione gettar fece un ponte sul Ticino, 
e clie per maggiore sicurezza vi aggiunse un fortino, 
castellum. Cotal ponte essere non dovea lontano da- 
gli accampamenti, cioe dalle Corneliaue ^ dove que- 
ste vanno a terminare colla riva del iiume, e dove 
trovansi tuttora le vestigia si di esse che del so- 
vrapposto fortino. Quivi di fatto nella sinistra parte 
del fiume si veoiffono o;rossi maci^ni rovinati dal- 
r alto della sponda. Nel mezzo poi , ove 1 acqua e 
meno alta , spnntano varj pali di altezza diversa , 
ad alcuni de' quali nella parte che sta nascosta nel 
fondo ghiajoso trovasi aiicora attaccata la corteccia. 
Tanto sono essi ben conservati ! 11 ponte percio era 
di zatte nella parte sinistra a cagione deir altezza 
delle acque ^ ma di pali e di tavole ove il fiume e 
meno profondo. Nella riva destra poi del fiume drit- 
tamente in faccia al ponte trovansi le fondamenta di 
grossissirne miiraglle somiglianti a quelle del torrazzo 
di Sesona , che indicano essere stato qui anticamente 
eretto nn fortino , ossia la testa di un ponce , e tal 
fortino, castellum^ da' Romani fabbricato , sorgcva 
senza dubbio la dove s' erge ora Y antichissimo Ca- 
stello Visconti d' Arragona , essendo le etimologie 
indizj grandi di verita. Nella sponda sinistra , la 
Ulilanese , veggonsi similniente macigni enormi che 
dalla loro struttura o situazione dauno luogo a cre- 
dere essere ch avanzi del fortino dal Console eretto 
per assicurare la testa di f[uest' altra parte del ponte 
da qualsivoglia sorpresa .de' GaUi mal sofferenti il 



TRA ATfNIBALE B SCIPIONl , <'CC. 3 1 5 

giogo de' Romani. Per tal ponte (capo VI.) Scipione 
dalle Corneliane che appartenevano agli Orobj, nel 
cui territorio trovavasi anche Aiigcra , il forum Li^ 
clnii di Plinio , tragitto nel paese degli Insnbri che 
occupavano tutto il piano Novarese fine a Vercdli , 
avanzaadosi egli lungo il fiume in guisa che ne 
avea la corrente alia sinistra, mentre Annibale di- 
scendendo lungo la stessa sponda avea la corrente 
alia destra. II Console nel terzo giorno da che avea 
tragittato il liume trovossi nella pianura di Galliate 
tra Novara ed il Ticino, circa una marcia dalle Cor- 
neliane , e nelle vicinanze del Vlttumiilo o de' Vit- 
tuniuli ( popoli della regione Vercellese tra i Tau- 
rini ed il Ticino), e cpiivi avvenne lo scontro dei 
due capitani. Scipione perduta la battaglia e ferito 
pote nondimeno nel niedesimo giorno ritornare al 
suo accampamento delle Corneliane. L' esercito di 
Annibale ( capo VII. ) allorche questi giuuse nelle 
pianure di Galliate , era di circa 80,000 pedoni e 
10,000 cavalli ; quello del Console nella medesima 
situazione era di circa 82,000 fanti e 1800 cavalieri. 
Ma da Annibale non furono in questa battaglia ini- 
piegati che 6cco uomini di cavalleiia , contro dei 
quali il Console mosse 7260 veliti , i8co cavalieri 
Romani , e 3oo cavalle2:2;ieri Galli. Fatto cotal cal- 
colo , e presa opportuna occasione per un ragiona- 
niento intorno alia milizia de' Romani , si da la di- 
sposizione , ossia il piano della battaglia. Scipione 
dispose le sue truppe in duelinee, collotando nella 
prima i veliti ofesia i lanciatori , nella seconda la 
cavalleria romana ed alleata. Annibale al contraric* 
schiero i suoi cavalieri sopra ima linea sola , j)o- 
nendo nel centro la cavalleria pesante , e nelle a'li 
1 cavalleggieri Nuniidi disposti in niodo di poter 
circondare cd assalire alle spalle i Romani. II Cart.^- 
ginese ando appunto debitore della sua vittoria al!a 
ciclosi ., nierce della quale nell' ardore della pugna 
pote caracollando invpstire furiosamente , battere c 
disperdere i lanciatori nemici. che nella mischia oi 



3l4 BATTXGLIA DEL TICINO 

erano ritirati al di dietro de' loro cavalicri, e quesli 
aiicora assaliti alle spalle dai Niiinidi potc costriguere 
a ripiegare e darsi alia fuga. Scipioiie ferito ( capo 
VIII. ) e rlcohdotto nel campo delle Corneliane , oi^e 
si ridiicono tutte le truppe In rltlrata : vien tagUnto 
il poiite. sill Ticiuo ; e la' riotte appresso i Roniaui , 
lasciando nellc Corneliane. i morti trasportati dalla 
hattaglia ed i ferili mortalmente, si ritiraiiO'alla volta 
del Po. Annihnlc insegue i fuggitivi sino a Castelletto 
( borgo vicinissimo all' anzidetto Castello Visconti ) 
sopra Ticiuo , fa prigionieri 600 ncmici the non han 
tempo a ripassarc il fiume ; ma non potendo egli tra- 
gittare , e sentendo die i Romani si ritiravano al Po , 
volta indietro , e da Castelletto rctrocedendo liingo il 
Ticino arriva al Po al disopra del confluents del 
Ticino medesimo. Nelle Corneliane percio ( capo IX.) 
e nei circoiiviciiii luoghi dopo l,i ritirata di Scipione 
vengono seppelliti i soldati romani o gia estintio 
nella stessa notte morti per le loro ferito. Sul vicia 
monte Galliasco vengono pur seppelliti i Galli ca- 
diiti in quella battaglia , e da essi il monte ne ri- 
ceve il nome. Di tiitto cio testimonio ne sono le 
tombe e le anticaglie qnivi scoperte. Insussistenti 
sono dunque (capo X. e XI.) le opinioni del Claverio, 
del Ferrari, del Campana , dello Schweighaeuser , 
di Guillaum, di Rogniat, di De Liic, di tutti in- 
somnia qnegli scrittori che furono di contrario 
avviso ; taluno de' quali ( capo XII. ) ebbe anzi ben 
torto di rimproverare Scipione di alcuni errori che 
ei giammai rion commise , e la eui condotta viene 
aozi vittoriosamente giustificata dal luogo ov' egli 
passo il Ticino e dalla pianura , ove incontrossi col 
nemico. » 

Tale e il sunto dell' opera del sigaor professore. 
Noi, premesse alcune nostre congetture intorno alia 
probabile deviazione del Ticino dalT antico suo corso, 
1.*' farem osservare che di poca o nessuna autorita 
essere possono nella presente quistione le tombe e 
le anticaglie dall' antore scoperte ; a." esporremo 



TRA. ANNIBAI.E E SCIPIONE, CCC. Oib 

Topinione nostra intorno alle espressloni di Polibio 
e di Livio ■-, 3.° dimostreremo essere stato lo scontro 
de'due capitani non una battaglia, ma un semplice 
combattimento , o come dir suolsi coi tei'mini del- 
Tarte, una ricognizione dei due eserciti ; 4." essere 
tuttavia piu probabile 1' opinionc di coloro, i quali 
afFermano che si il passaggio che lo scontro avven- 
nero nelle vicinanze di Pavia. Nelle quali indagini, 
scevri da livore e spinti dal solo desiderio di verita, 
cui si dee 

IVon contrastar , ma dar perfetta fede , 
lasceremo alT autore amplissimo campo di nuove 
ricerche. Che se pure non altro bene proverra dalla 
discHssione nostra , avremo almeno intertenuta la 
curiosita dei dotti lettori in una di quelle contro- 
versie ch' essere sogliono alia repubblica letteraria 
assai pin utili e gioconde che le magre e nojose qui- 
stioni degli smunti grammatici e de' pedanti. 



3i6 



Lettere critiche su varj argomenti dl lingua e letteru' 
tura^ dl Giuseppe Barbieri. — Padova^ 1824, 
dalla tipografia Crescini , in 8." 

Osservazlonl dl N. Tommaseo supra le Lettere criti- 
che dl Giuseppe Barbieri. — Padova., 1824, /;ei tlpl 
dclla Rllnerva. Opuscolo in 8.° 



D, 



'el signor Giuseppe Barbieri si tenne discorso piii 
volte ia questo giornale ; e perclie egli nel volger 
fli pochi anni stampo non pochi volumi dl varie 
composizioni, cosi talvolta fu in queste pagine co- 
ronato di lode, e tal altra ne fa censurato. Clie 
non e possibile, o rarissimo almeno, die un me- 
desimo uomo giunga a buon segno di perfezione 
in cose di gcnere alfatto diverso. E principalrnente 
dove si tratta di ameni stiidj, come non puo cogliere 
allori se non colui clie li coltiva per impeto di 
natura, cosi non puo F uomo in generale promet- 
tersi piu. d' una corona : perclie pochi sono tanto 
privilegiati d' essere dalla natura sospinti a piu 
cose con uguale ardore e con eguale felicita. Ed 
anclie al presente seguitando questo nostro costu- 
me, diremo liberamente quel clie ci pare delle 
Lettere critiche del sig. Barbieri sopra argomenti 
di lingua e letteratura. 

Questo volume fu gia segno alle censure del 
signor N. Tommaseo; e per mala ventura del signor 
Barbieri le Osservazlonl dettate contro di lui sono 
forse il miglior frutto clie Tingegno del suo cen- 
sore abbia prodotto finora. Pero ci parve opportuno 
di unire in un solo articolo amendue questi scritti: 
affinche non credessero i nostri lettori clie noi ri 
facessirao belli delle altrui penne dove ia nostra 
censura fosse d' accordo con quelle gia poste in 
campo dal si2,nor Tommaseo; ed anclie per notare 
alcuni luoglii nei quali ci parve clie il censore 
non toccasse cosi nel segno ronV egli si avvisa. 



\ 

LETTERE CRITICHE , eCC. 317 

La prima lettera del signor Barbieri c ititorno 
al volgarizzamento della Citta di Dio. L' Autore 
porta opinione die la Crusca , a malgrado delle 
Giunte Veronesi, non abbia ancor tratta da questo 
libr^ tutta quella copia di lingua che se ne puo 
ricavare; ed a confermare questa sua sentenza pone 
sotto gli occhi de'suoi lettori Tindice de' vocaboli 
registrati (in era nel gran vocabolario : ne reca in 
mezzo un buon numero cli"' egli reputa degni d'esse- 
reaggiunti: riferisce alcuni capitoli dell' o[)era per 
dimostrar colU esempio il pregio in cui e da tjenere 
quella versione , e tinisce la sua lettera toccando 
alcun poco la negligenza e la parzialita con cui 
furouo fatti gli spogli d' alcuni libri, e lagnandosi 
di quella municipale pretensione de' Fiorentini di 
credere tutta loro propria la lingua italiana, e di 
volerne essere i soli lesiislatori. 

Noi consentiamo col signor Tomniaseo che il 
nostro Autore nel compilare il catalogo delle 
voci degne di trovar luogo nel gran dizionario 
cadde in alcuni errori die non ci sarcmmo aspet- 
tati da un uonio lungamente versato ne^ buoni 
studj ; e die i capitoli da lui eletti non sono i piii 
acconci a farci apprezzare il libro in questione; 
oltredie bastava citarli invece di trascriverli. Ma 
non sianio col signor Tommaseo dove egli rispon- 
dendo air ultima parte della lettera dice fastldlosis- 
sima quella ([uerela , ed inappellabde V autorita 
del tribunal della Crusca. Vtramente V esperienza 
di l)cn due secoli avrebbe dovuto insegnare ai let- 
terati italiani quanto sia ridevole questa luuppel- 
labile autorita della Crusca , la quale sfolgoro il 
Tasso siccome ignorante della propria lingua, e 
decreto che TAriosto fosse citato con discretezza, 
e per poco non niostro d' ignorare che furono al 
mondo il Caro e il Bartoli e tanti altri esemplari 
di bellissimo stile. ]Ma le tirannie, anche letterarie, 
sono cosa si acerba che il signor Tommaseo non 
dovrebbe poi tanto maravigliarsi se il corse di 



3i8 LETTKRt CKITICHE, fCC. 

diicent'anni uoa valse a far cessare questa que- 
rela Piuttosto sarehbe da maravigliare, come mai 
questo iiiappellahile tribunale della Criisca non ab- 
bia ill (lucent'' aiuii imparato a coiioscere la vanita 
(lelle sue pretensioni ; come ricalcitri (hiram%nte 
alle aperte dottrine delT Alifi^hieri (i), e come dopo 
tanti libri dai migliori ingegni stampati in contra- 
rio, s' induri tuttavia a restringere V idioma di 
tin' intiera nazione deatro ai confini di una sola 
provincia ; di quella provin'ia alia quale sono stra- 
iiieri il Bembo, il Tasso, rAriosto, il iMitastasio, il 
Castiglione, ilBartoli, ilVarano, TAllieri, il Pari- 
ni , il Perticari, il Monti, il Giordani , e tanti altri 
die coi precetti e coU'esempio hanno giovata e 
)llustrata T italiana favella. Ne a qnesti scrittori 
certaniente puo esser applicato il rnnprovero del 
signor Tommaseo d'avere speso I' opera e il tempo 
ill detrarre al dizionario della Crusca in vece dt 
aggiun^ervi iiuovi ornamenti e di adcmpiere gl' iiie- 
vitabili difetti del suo iiascimento. Ne le querele di 
tanti tlotti e morti e viventi dovevano dirsi ciancc 
die non hanno ne scopo ^ ne limiu, iie onore ^ uc 
frntto. Perocche sebbene talvolta il regno santissimo 
delle letterc sia invaso e insozzato da alcuni rhe 
quanto pin sono ignoranti tanto piii sono insolenti^ 
non si voglion per altro confondese le severe 



(i) L'Aligliieii {de Vulg. el.) cosi dice: Veniamo ai Toscant 
I qiiali per la Inro pazzia insensati , pare che an'ogantemente si 
littribusseano il titolo del volgare illustre ; ed in questo non sola- 
inente la oyinione del plehei impazzisce , ma ritiovo molti uomini 
jamosi averla avuta, come fra GuLttone d' Arezzo , il quale non ss 
diede mai at volgare Cortigiano , Bonagiu/ita da Lucca etc. .... 
i delli del quail se si a\>ra tempo di esaminarll , non eortigiam , 
ma proprj delle loru clttadl esscre si troveranno. Ma conciossiacht 
i Toscatu siano piii degli altri in qiiest-i ebbrieta furiboadi , ri 
imre cosa utile e degtut ecc, Bisogiia diinqiie o chinar la tests , 
•.)il avere il coraggio di dire : noi ne srppiaju piii di Dante , 
n'li coDosciamo meglio di lui le origini di ([utita tiugiia ; e 
fcito chi avesse tauto coraggio noa trovercbbs cbi gli £«i;eM« 



Dl GIUSEPPE BA^fiERI. SlQ 

ragionl dei tilosofi collo schianiazzo della tiirba, clie 
sirida per la speranza di attribuirsi una parte della 
vittoria; ed e hello e lodevole il costume di par- 
lare onorevolnu-.nte dei soinmi anclie quando si 
crede clie siauo caduti in errore. L' Accademia 
fiorentina poi non potrebbe mai fare quella ri- 
sposta clie il sl2;nor Tommaseo s' immagina , qUan- 
do , invitata dall' Istituto , apertamente ricuso di 
accopjunare con abri i suoi lavori per la compi- 
lazione del gran Dizionario. 

Nella secoada lettera il signor Barbieri pone una 
supplica di alcuiie parole al tribunale della Crusca 
per essere introdotte nel vocabolario italiano; nella 
terza parla della grammatica del Trecento; e il si- 
gnor Tommaseo nota con buone ragioni che la legge 
deir analogia suUa quale si fondano le pretensioni 
dei vocaboli supplicanti non e ne taiito anipia nc 
tanto sicura qnanto il signor Barbieri mostra di 
credere : e che le cose da lui dette intorno alia 
grammatica del Trecento sono troppo scarse alia 
vastita del soggetto. Con tutto cio noi credianio 
che non potendosi rigettar tutte in fascio le parole 
dal signor Barbieri proposte, il signor Tommaseo 
avrebbe avuto un campo dove mietere una lode 
piu desiderabile di quella che le censure procac- 
ciano , se avessc occupato il suo ingegno nello 
sceverare le inamniissibili da cpielle che possono 
accettarsi. E cosi parimente n' e avviso che il solo 
desiderio di non darne pur una vinta al suo av- 
versario inducessc il sig. Tommaseo a credere che 
r escmpio dti Greci valga a giustilicare fra Gior- 
dano o il Cesari deir avere infemmlnito Y abisso. 
Troppe sono le cose che nelle diverse lingue eb- 
bero un diverso genere ; ma non per fjuesto e 
lecito ch' altri confonda le ragioni degl' idiomi ; e 
in cio gli scrittori debbono seguitare il consensu 
universale flei loro concittadini. 

La quarta lettera contiene ropinionc delTAutonc 
inlorno al Salviiii. e luunta (dice A sig. Tommaseo) 



3aO 1.ETTKB* CRlTICHr, CCC. 

le vecchie accuse che tutti gid di liii sauna. A noi 
pare che chiunque volesse scrivere 1' apologia del 
Salvini , tiovrebbe conside rarlo siccome un rilolo2;o 
assai erudito, un l)uon conoscitore della greca let- 
teratura, e un ristoratore instancabile delTitaliana 
favella: c che per coiurario chi volesse diminuiine 
la fama , dovrebbe giudicarlo unicamente siccome 
scrittore. Clie il primo, senza nuocere al vero , 
potrebbe cingerlo di una bella lode ; e Y altro 
potrebbe negargli il nome di oratore. Percio tro- 
vamnio severo il gludicio del sig. Barbieri , che per 
poco non contende ogni merito al Salvini ; e leg- 
giera la risposta del sig. Tommaseo, che vorrebbe 
difenderln da quel lato appunto nel quale la sua 
causa ci sembra piti disperata. Egli dice : le opere 
del Salvini vantano un migliajo nlmeii di periodic cui 
molti scrittori , e piit del nostra valenti , non ponno 
per armonia , dignitd ed eleganza vantarne pur una , 
una, io dico ^ d' eguale. Ma oltreche queste parole 
provano piuttosto Taltrui insutficienza , che il me- 
rito del Salvini, noi crediamo che difticilmente po- 
trebbe trovarsi nei libri di quel Toscano quel gran 
nuniero di bnoni periodi che il sig. Tommaseo qui 
accenna ; e che acl ogni modo la buona eloquenza 
non consiste gia in alcuni felici periodi sparsi qua 
e la negli scritti, ma sibbene in una perpetua di- 
gnita e in altre doti di questa nafura , che in 
nessuna delle produzioni Salviniane si trovano a 
lungo conservate. 

In un' altra lettera parlasi delle voci antiche, c 
il sig. Tommaseo trova da ridire su quella sentenza 
delTAutore che la lingua scritta vuol essere intesa e 
gustuTa dagli uomini colli , e non gid da! vulgari e 
da rozzi. E veramente tocclierebbe il sommo di 
ogni perfezione colui che sapesse batter tal via da 
soddisfare ai dotti, e riuscire in un medesimo tempo 
piac( vole ed intelligibile agl' ignoranti. Ne crediamo 
che il sig. Barbieri senta in cio divcrsamente dal 
tig. Tommaseo. Ma se le sue parole par che suonino 



DI GIUSEPPE BIRBIEKI. 321 

altrimentl , stimiamo glide dettasse il desiderio di 
rispondere a coloio, die confondendo la lingua il- 
lustre degli scrittoii con quella di die il popolo 
si vale ne' suoi famigliari discorsi, vorrebbero die 
i dotti di tutta Italia corressero alia scuola del 
volgo di una sola provincia. 

Le cose che il sig. Tomniaseo poi scrive censu- 
raado la lettera del sig. Barbieri sulla nohlltd e 
bassezza delle parole^ ci sembrano poco felicemente 
esposte , non nuove , ma vere. Pare anclie a noi 
die il sig. Barbieri trattasse questo argomento con 
ordine poco acconcio e con estrema leggerezza; e 
iielle Lezioni delF abate Colombo trovansi argo- 
nienti assai pivi atti a ben risolvere la quistione 
dal nostro Autore proposta. 

La settima lettera e un' indiretta risposta ad un 
glornalista, il quale dando giudizio delle epistole 
del sig. Barbieri ebbe detto che il nostro Autore 
avrebbe colta maggior lode se invece di accostarsi 
come fece alio stile deir elegia si fosse condotto 
pill da vicino sulF orme di Orazio. IMa si di que- 
sta , come delle ultime due , una ad wi futuro 
giornalista^ V ultra s id ritratd del Petrarca, non cre- 
dianio die ci sia debito di render conto: siccome 
quelle che si dividono dair argomento proposto 
nel frontispizio. 



£ibL Itfd. T. XXXVI 1. 



322 



Cliiese principali cVEnropa dedicate a S. S. Leone XI T. 
P. M. — Blilano , prcsso gli editori contrada del 
Bossi^ 11." ijbS , c presso Ferdinando Artaria con- 
trada di S. Margherita , n.° 1 1 o. In Roma presso 
I)e Kouianis via del cor so ^ e nelle altre cittd presso 
i principali lihraj. Gran foglio atlautico. — Fascia- 
cola i.*^ S. Pietro di Roma. 



M- iNo dallo scorso anno veduto avevamo un mani- 
festo, nel quale si proponcva di pubblicare le Chiese 
principcdi d' Europa rappresentate nei loro piospetti., 
piante , spaccati , ecc. con descrizioni storico-critico- 
pittoriche. 

In quel manifesto si fa da principio qualche cenno 
delle vicende deirarchitettura e del suo risorgimento, 
c si annoverano le principali Cliiese innalzate dal 
secolo IX sino al XV. Strano pero ci e riuscito il nou 
vedere in questa serie la celebre Cattediale di Co- 
lonia, della quale si e fatta luugamente menzione in 
questa Biblioteca dopo la pomposa descrizione di quel 
tenipio pubblicata dal sig. Boisserree., ne quella pure 
famosissima di Toledo , della quale si lianno tante 
bellissime delineazioni •, e a questo proposito note- 
remo pure, che alquanto cruda ci e sembrata la frase 
contcnuta nelle prime linee del manifesto , clic le 
arti belle e le scienze, gia decadute in Italia per 
le irruzioni de' Longobardi e poscia 'degli Arabia del 
tutto si estinsero. Molto agli Arabi dee certamente 
r architettura , e il dottissimo Andres ha bastante- 
mente mostrato di quanto andassero ad essi dcbi- 
trici le scienze. 

Sebbene non molto esatta sia la enunierazione 
data in appresso dci piu celebri architetti , nella 
quale sono omessi anchc molti nomi onorevolissimi 
per r Italia; ben con i-agione si osserva, die stu- 
dio pieao di vaghezza e di curiosita e \\ scguire 



CHIEEE PRINGIPAM I>' liUROPA. 320 

I'architettiira ne'suoi progress!, e quiiidi Taverc sot- 
t' occhio e il paragonare i migliori editizj chc esistono 
col meditarne le proporzioni. Non s'ingannano pure 
gli editori nel notare, che moke descrizioni del 
capi d' opera delF arte sono per lo piu sovercliia- 
rneiite ristrette e compendiate , talvolta ridondanti 
di errori, tal altra di un sesto troppo piccolo, per- 
che svilnppare si possano convenevolnieiite le parti 
diverse e gli ornamenti applicati. 

Questo fece nascere il pensiero negli editori di 
pubblicare trentasei Chiese delle piu ragguardevoli 
deU'Europa, e unanimemente reputate capi d' opera 
nci loro generi , e modelli di moke altre. Nella se- 
rie di queste vediamo inchiusa anche la suddetta 
Cattcdrale di Colonia. Con f[uesta pubblicazione si 
lusingano cssi di somministrarc air avidita degli 
studiosi e deajli amatori il iiore di tutto quello che 
Tarchitcttura produsse dal suo rinascimento sino ai 
nostri giorni. Una prova delT inipegno degli editori 
e della brama loro di mcritare colla loro esattezza 
r approvazione degU intelligenti , vedesi manifesta- 
mente nclla risoluzione da essi pigliata di spedire 
artisti di riconoscinta perizia , e gia celebri per 
altri importanti lavori di questo genere, a disegnare 
dal vcro sui luoghi , e misuvare scrupolosamente 
le parti csterne ed. interne di ciascun tempio; a le- 
vare le respettivc piante e gli spaccati, e a ritrarre 
i monumenti e tutto quello che nelle varie parti 
dcir edifizio merita speciale osservazione. Quegli ar- 
tisti debbono cssere altresi accompagnati da persona 
colta e versata nelle belle arti, alia quale e allldata 
la parte descrittiva dell' opera , ed a questa e com- 
messo di vcriBcare su i luoghi tutte le notizie im- 
portanti , cosi in fatto di storia politica , come di 
pittorica , che spettar possono a ciascuna Chiesa. 
A noi sembra che per quello che conccrne la Cat- 
tcdrale di Colonia , quella di Winchester ed altre 
in cgual modo illustrate, potrebbono gli editori ri- 
sparmiare una parte di (piel gravoso dispendio. 



324 CMIESE PRINCIPALI d' EUROPE. 

Ora abbiamo sott' ocdiio il piimo fascicolo , e 
possiamo con migliore fondamento parlare dcir an- 
damento di quest' opera , bellissima per se stessa , 
grandiosa cd importante. Dopo la dedicatoria al 
regnante Pontefice , si presenta la descrizione della 
Basilica di S. Pietro di Koma. Si premcttono alcune 
erudite iiotizie intorno al niontc Vaticano ed all' an- 
tico sue stato ; c[uindi si accennauo la prima edifi- 
cazione di qnella Basilica comniciata nell'anao ^24, 
e la sua riediFicazioue iinmagiiiata da Nicculo F, e 
intrapresa da QiuUo II. Si tesse breveniente la storia 
dei lavori e degli architetti die si succedettero 
nella direzione di quella fabbrica maravi2;liosa ; si 
descrivono la piazza e i due porticati clie la cin- 
gono , r obelisco clie sta nel mezzo, poi la facciata, 
le porte , V atrio o il vcstibolo del tempio , e tinal- 
mente P interno del tempio medesimo, £:;li ornamenti 
delle volte, la statua di bronzo del Principe degli 
Apostoli, la confessione del medesimo, altre statue 
degne di osservazione , la cupola magnitica e sor- 
prendente, il gruppo del Bernini posto in fondo 
del tempio , i monumenti funebri posti ai due lati 
della cattedra, i quadri a musaico , altri depositi , 
le cappelle degtie di osservazione, ecc. Molto chiara 
e ben tessuta ci sembra questa descrizione , e sin- 
2;olarmente noteremo a lode dej^li editori, clie colla 
maggiore esattezza sono esposte le dimensioni in 
palmi romani, ridotte assai opportunamente al tipo 
piu generale del metro. Si nota per ultimo, die le 
colonne nelT interno solo giungono al numero di 
128, parte di misdiio moderno , parte di granite 
orientale ; e die la spesa totale di quelF edilizio 
ascendeva gia ne' tempi addietro a 46,800,498 scudi 
romani, non comprese Ic suppellettili d'oroed'ar- 
gento , i doni fatti dai Sovrani, e molti altri oggetti 
prcziosi, die soli former ebbero altra somma enorme. 
La descrizione si cliiude con queste notabili pa- 
role: « Nessun tempio ne per vastita, ne per ma- 
gnificenza puo reggere al paragone della Vaticana 



CIIIKSE PRlNCiy.\LI D EUHOPA.. 525 

Bj<si11ca ; e come Roma e sede del Principe del 
moudo cristiano , cosi qncsto insigne tempio e il 
piu maestoso Santuario di Dio. Non vi ha animo si 
forte , in2;e2;uo cosi sublime , clie seiiza stupore 
considerar possa quest' opera , clie non solo ad 
ese^uirsi , ma anclie ad immaginarsi richiese incon- 
cepibile ardimento. )j 

Fin qui abbiamo parlato del discgno di questa 
opera e del testo descrittivo del primo fascicolo : 
ora ci rimane a parlare delle tavole publilicate. 
Rappresentano queste la pianta del tempio Vaticano, 
la piazza e i portici , altra pianta del solo tempio , 
la elevazione geometrica della facciata , il fianco del 
tempio niedesimo , lo spaccato su di una linea dia- 
gonale , lo spaccato su la linea trasversale , i mo- 
numenti di tlrhano VIII , di Paolo III-, di Leone AY, 
di Clemente X, di Clemente ^III e di Inaocenzo XI; 
r interno del tempio stesso diligentcmente ombreg- 
giato , come lo e pure una magniiica vcduta della 
Basilica e della piazza con cui si chinde il fascicolo. 

Se commendato al)biamo il disegno di quest' opera, 
grandemente dobbiamo pure encomiarne la esecn- 
zione riguardo alia parte tipogralica e calcogralica , 
massime per le tavole clie abbiamo sott'occhio. Ve- 
diamo in esse una scrupolosa diligenza osservata in 
tutte le parti, una esattezza sini^olare nei contorni, 
iin taglio franco ed ardito, \\n chiaroscuro piacevole 
e non caricato nelle tavole ombrcsigiate, molto buon 
gusto neMi accessor) , e nersino nelle iisiure a2;2;iunte 
neir ultima tavola atfatto pittoresca; tutti que'pregi 
in somma che gia abbiamo ammirato in altri lavoi'i 
di questo genere del signor Rupp , che tutti questi 
oggetti disegno dal vero , il che certamente molto 
merito aggiugne alf opera in se stessa. Questa puo 
quindi riuscire di grande utilita agli studiosi dell' arte, 
e noi desideriamo ardentemente che essa diflbudere 
si possa con rapidita a vantaggio delFarte medesima, 
ed a gloria degli editori e deif Italia. 



3a6 cniESK ptiit^cipaxi d'europa. 

Osserveremo a ((ue«to proposito die trentasei sono 
i fascicoli promessi , da pubblicarsi nel periodo di 
sei anni , e che ciascnno di essi in carta velina 
sopraffina , contencntc dicci discgni con precisione 
ed esattezza intagliati a contorni, e rappresentanti 
la pianta , le vediue esterna ed interna , le orto- 
grafie o le clevazioni della facciata c dei fianchi , 
le sciografie o gli spaccati per lun2;o e per traverse, 
i monnmenti e i dettagli piix importanti, non die 
la storia e la descrizione di ciascun sacro edifizio , 
stampata anclie in diverse lingue a comodo degli 
stranieri , non costera se non che franclii 1 5 ; 20 
colle vedute interna ed esterna ombreggiate airac- 
((na tinta , e 3o colle niedesime diligentemente mi- 
niate. Questo prezzo di associazione ci sembra assai 
tenue in vista del Insso col quale e escguita que- 
st' opera , e col quale tjjtte dovrebbero esserlo le 
opere di belle arti , massime descrittive, alcune delle 
quali pubblicate di recente in Inghilterra e in Fran- 
cia , arrivano a prezzi cosi elevati che superano 
t^lora le flicolta econoniiche dei privati. 



Sermoni sacrl in terza rima dl Ciaiicarlo ni Negro. — 
Gciiova ^ iSaS, dalla tlpografia Poathenier, i/i 4/ 



X^LATONE c<)nsigliava Senocrate di sagrificare alle 
Grazie prima di accingersi a scrivere ; non lanto, 
crediamo , affitiche le opere di quel tilncofo riuscis- 
sero elaborate ed eleganti , qiianto alBnclie dalle 
sue dispntazioni si rimovesse ogni selvatichezza 
ed acerbita. Ne perche noi tjualche volta abbiamo 
aniato di scrivere anche quel vero clie a taluno 
pote sembrare odioso, stimiaino di aver contraf- 
latto al consiglio di quel divino lilosofo : da die 
sempre cercamroo die le nostre parole non fos- 
sero gravi ne acerbe piii di qnello die la neces- 
sita richledeva. I\Ia era piu die niai ci siamc) , 
per cosi dire, stanipata nelT animo qnella beata 
sentenza : e se in verun tempo fiimmo desiderosi 
die la nostra penna imparasse cortesia e piacevo- 
lezza di modi , egli e appanto al presente. 

Fii veramente deo:na del franco e nobile aiiimo 

o 

di Pintlaro quella sentenza die la ri.cc/iezza dalla 
virtu ornata e astro falgidissimo ; verace lame al~ 
r iiomo ; fonte di ogiu uianiera di beiii , alimentando 
profoiido amor del sapere e deW onore. Laonde seb- 
beue Seneca paragonasse il sapiente povero agli 
Iddii die son nucli e nulla lianno e pur sono di 
ogni cosa datorl , non crederemo men vero il det- 
tato del lirico grcco : ma vorrem dire piuttosto 
die il fdosofo studiavasi di consoLir la sapienza 
fra i patimenti di questa vita; e il poeta scio- 
glieva un l)ellissinio voto , di veder la riccliezza 
studiosa e sapiente.; die e quanto dire, di veder 
gli uoinini complutaniente felici. Che il sapiente 
povero ha in tutta la vita an' aspra battnglia da 
sostenerc per couservarc immacolata la propria di- 
gnita; e il dovizioso ignorante non pntendo gianimai 



3i8 SFRMONI SACK! IN TKRZA FTMV 

consolarsi iralcun pregio veramente siio, niai non 
gusta dolcezza tU lode ineritata; siiiiile in tutto a 
pecora die ingrassi perclie trovasi nata a caso in 
terreuo ricchissimo d' erbe. E parlando il vero cre- 
diamo bensi esageiata la querela di alcuni i quali 
gridaiio, come se la sapienza non si vedesse mai 
conglunta colla ricchezza, ma diremo pero con 
sicuro animo die qiiesto laniento non e si ingiusto 
quanto alcuni pretendono e quanto vorremmo noi 
stessi. E dovrebl)on essere i ricchi i perpetui cu- 
stodi della sapienza nnzionale contro T avversita 
della fortnna o la prepotenza degli uomini: ed e 
colpa di loro soltanto se la sloria dimostra die la 
fortuna e gli uomini hanno anche il terribile potere 
di sradicare dagli animi la gentilezza dei costumi, 
r amore del bello , la carlta della patria, e per 
sino il desiderio di vivere lunganiente per fama. 

A Gian Carlo di Negro , patrizio genovese, tende 
il nosrro discorso; il ([uale delle ricchezze fece 
stromento agli stiulj , e cogli studj poi fa beate 
e le ricchezze e la vita. Coloro die di persona il 
conoscono lo dicono di piacevolissimi modi, d'animo 
ingenno e leale , amico non cupido della fama, 
favoreggiatore de' letterati. E della sna casa ragio- 
nano quasi come Pindaro favellava della opulenta 
e beata reggia di Jerone, il quale coglieva le cinie 
di tutte virtu, e s' allegrava nel fior della musica, 
ed aveva d' intorno alia niensa uti buon numero 
di sajiienti. A noi poi i suoi versi attestano le ottime 
qualita del suo cnore del pari die quelle della sua 
mente ; e ci niostrano die se il primo e stanza 
alle niigliori virtu, T altro non e povero di qnelle 
dofi clie la virtii stessa possono fare e piii utile 
e piii bella. E gia il snlo divisamento di consacrare 
si lung;a fatica di versi ad ar2;omeati sacri e un 
, sicuro e lodevole lestimonio della modestia deirAn- 
tore; quando e nota non meno che vera quella 
sentenza che il inoiido corre Id dove plk versi di sue 
dolrezze il htsiiis^Jiier Parnaso , ed e fresco ancora 



DI GIANCARtO Dl NEGRO. S2() 

V esemplo ili Alfonso Varano, il quale a mal grado 
di nn forte ingegno e di uno stile attinto alle poesie 
deir Aligliieri , forse unicamente per avere calcato 
questo sentiero ottenne una fama di lunga mano 
niinore a quella di niolti altri. 

Coloro pertanto i quali vorranno dar sentenza 
del Sermoni del sig. di Negro , guardiusi dal recare a 
colpa delTAutore se scarsi forsevi appajono i poetici 
ornamenti, Perocche quello che nelle materie pro- 
fane e mitologiche si terrebbe in luogo di abbel- 
limento e di vezzo , disouesterebbe il piu delle 
volte la gravita di un sacro argomento : ne alcuno 
vorra mover censura alF Autore s' egli voile esser 
piuttosto maestro di virtu che modello di ornata 
poesia. La virtu adunque e lo scopo, e diremmo 
quasi , la musa del sig. di Negro : i suoi argometiti 
sono la Morte ^ il Qiiidizio universale^ il Paradiso , 

V Inferno , la Miscricordia , i dolori di Maria , ecc, : 
i snoi modi, il suo stile, i suoi versi non dissuo- 
nano , per va2;liezza di ornarsi , dalla natura di 
questi argomenti. Noi ne diamo alcuni esempj. Se 
egli vuole mostrarci la vanita delle umane speran- 
ze , esclama : 

Ahi nulla giova die in sembianza lieta 

Da moW anra si mostri a te fortuna , 

E piit ricche le messi ognor ti mieta ! 
Ve' Faraon ch' arnii ed artnati nduna , 

Ma tronca Morte in mar la sua speranza , 

iV^e di lui pill riinan gloria i'cruna. 
Ve' Baldassar che i-ile in sua baldanza 

Vede scritta sua morte in la parete , 

E dal convito nulla t.omba ha stanza. 
Ve' Gezabel , ch' empia di sangue ha sete , 

Piombar dull' alto , e fatta esca de' cani 

Pria che morte V cnvolga ntlUi rete. 
All fidlace sentir de' petti umani , ecc. 

Se tocca le vie onde V On^nipossente scorge gli 
uomini alia virtu , cosi viene spiegaudoci il suo 
pensiero: 



330 JERMOKt SACRt IN TKRZA BIMA 

Per varj modi e per sender dU'erso 

L' aline guUia a virlii con vol sublime 

Sciolte dcd fango del mondo perversa. 
Or de C Orebbe sovra V crte cime 

Sceglie Mose legislatore e duce 

E i dommi a lui delta sua legge csprime ; 
Or fra i portend Cedeon conduce 

Del Madianite a trionfar sicuro, 

Che invan Heche falangi in campo adduce ; 
Or Davidde da wnil rozzo abituro 

Inalza sul regal trono di Giuda , 

Altro a for mar di regi ordin venturo , ecc, 
Se r ari^omento lo giiida a parlare dei torment i 
infernali, ecco di qual nianiera egli si fa a di- 
pingerli : 

Oh come son di Dio gli arcani immensi ! 

Ok immagine terribile di lutto! 

Mortal , dunque al tuo fin perclie non pensi ? 
Quanta la terra , il mar , il mondo tutto 

Offrir puonno d"" orribile e tremendo 

Nello infernale carcere e ridutto. 
Quel foco nl soffio dell' Eterno ardendo 

In vorticose fi^mme si dllata 

Di negro fwnn I' acre tingendo : 
Jvi del pcccator l' alma dannata 

Conosce , ahi conoscenza acerba tanto ! 

V enorme peso delle sue peccata ; 
E fra V angoscia , le slrida , il compianto 

A forza tratta a rammentarsi Iddio , 

Sente piii acuto il duol , piii amaro il pianto , ecc. 

Viiol e2;li finalmente metterci innatizi i dolor! di 
Maria? Cosi apresi Tadito a questo grave argomento: 

Qual donna e questa che non fa lamento , 
Ma inunobil stassi d' una croce al piede 
Donde pende f amato figlio spento ? 

Quanta intorno ella ascolta , e quanta vede 
Delle lagrime sue chiude la fontc 
Per I' intenso martir die il cor le fiede. 

Piange per lei natura , il sol la fronte 

Copre , € sanguigna appur la lima in ciclo: 
Trenw forte la valle e balza il monte. 



PI CIANCABIO m NEGRO. 35 1 

In due parti del tempio t scisso il veh, 
Tutto intorno e converso in triste aspetto , 
Di morte nelle tombe e sciolto U gelo. 
Ben la rawiso ; dal bel germe elctto 
Di Davidde Ella nacque , ed ah eterno 
Delia divina idea fu primo ohhietto. 
E poiche Adam di noi fe' il mal governo 
Prescelta venue a concepir I' Uom-Dio 
Entro del virginal grembo materno. 
Ed or neW atto sovrumano e pio 
In lei brilla virtu tanta ed amore, 
Che invan dirlo s attenta il labbro mio, ecc. 
Tali sono i versi del sig. di Negro , intorno ai quali 
non crediamo di dovere aggiuneer parole al sia 
detto. oo c r fe 

Precede all' opera un ritratto deirAutore dise- 
gnato con maestria e ( per quello ne vien detto ) 
con verita di somiglianza da Bianca Milesi , ed inciso 
dal celebre professore Longhi. L' edizione e ma- 
gnifica. 



332 



V Aminta e Rhine scelte dl Torquato Tasso. — Mi- 
laiio ^ 1824, dalla Socicul tipugrajica de Classici 
italianl ^ in 8.° 

J_jA. tipografia tlei Classici italiani ha pubblicato 
il quarto volume delle Opere di Torquato Tasso , 
nel quale contengonsi X Aminta , V Amor fuggitii-o , 
alcune Poesie pastorali ed una scelta di Fuesie liriche. 
« La lettera dedicatoria del cav. Vincenzo Monti 
( dice la prefazione ), nierce delle piu squisite bel- 
lezze che tutta la infiorano, lia si strettamente as- 
sociato il nome di lui con quello delT autor del- 

V Aminta ^ che pare oramai stabilito per universale 
consenso , non dover Tun componiniento andar 
piu scompp.gnato dall' altro. y) E questa sentenza e 
si vera che sarebbe senza dubbio male accolta in 
Italia un' edizione ^t\V Aminta a cui non precedes- 
sero questi versi coi quali il cav. Monti dedicava 
quella favola alia marchesa Anna Malaspina a no- 
me del tipografo Bodoni. Ne a cio contenti i nostri 
editori, scorgendo che in quelTaureo componimento 
alcune lezioni parevano poco sincere, ebbero ri- 
corso alia bonta del chiarissimo autore , ed otten- 
nero di presentarlo al publilico « si perfetto, come 
desidera il sommo poeta che sia tramandato ai po- 
ster) , e come non si trova in nessuna delle stampe 
anteriori. « 

L' edizione AqW Amlnt.a che ne diede il Bodoni 
nel 1789 e assai pregevole , come quella che dal 
Serassi fu omendata col riscontro dell' originale del 
Tasso c delle prime e piu stimate edizioni. cc Ma 
in quella guisa , prosegue dicendo la Prefazione, 
che siam proccduti nell' attendere alia impressione 
della Gerusalemme , abbiam voluto parimente cer- 
tificarci delT operato dal Serassi nell' emendazionc 
(\t\V Aminta, collazionaado ancora uoi verso per 



h AMINTA E EIME SCELTK Dl T. TASSO. 333 

verso reilizloni da esso accennate: e mediante que- 
sta fatica e diligenza n' e riuscito di correggere 
alcuni errori che scapparono dalT occliio del cele- 
bre tipngrafo , e di ndurre certi luoghi a miglior 
lezione che non e quella , al parer nostro , accet- 
tata dal Serassi. •» E gia noi rendeiido conto della 
Getusalemme e delle Prose mostramnio a che buon 
fine riuscisse la diligenza dei nuovi editori ; e ne 
coronanimo di bella e meritata lode il dottissimo 
sig. Giovanni Gherardini, al quale hanno essi com- 
messa la cura di dare alT Italia nna ristampa di 
quasi tutte le opere del Tasso , pcsaie alia bilancia 
del suo diritto giudizio. ^e\V Aminta ^ per vero di- 
re , non s' incontrano tali srorpj quali nelle prose 
di queir illustre italiano : ma non e pero questa 
favola si purgata e sincera da ogni vizio nelle 
edizioni correnti, che la buona critica del sig. Ghe- 
rardini non potesse in piu parti esscre necessaria 
per confortare gli editori nella preferenza da darsi 
alle varianti offerte loro dalle diverse stampe. Ne 
a questa sola scelta limitossi T uficio del sig. Ghe- 
rardini : ma ([ualche volta trovando erratc rutte le 
edizioni coUa scorta della ragione , che i soli pe- 
danti vogliono serva aU'autorita, introdusse qualche 
nuova lezione. Di che non vogliamo lasciar di re- 
care il seguente esempio per tutta lode di ([uesto 
letterato. 

Atto IL, sc. Ill,, v. 91 e seg. 
Am. E chi m accerta 

' Che '/ suo desir sia tale ? 

' TiK. Oil mentecatto ! 

Ecco , tiL chiedi pur quella certezza 
Ch' a lei. displace, e che spiacer le deve 
Dirittamente , e tu cercar non dei. 
Ma chi t' accerta ancor che non sia tale '( 
Or s' ella fosse tale , e non v andassi ? 
Eguale e il duhbio e'l rischio. 

« L' errore che vogliamo notare e nel penultimp 
verso del passo allegato , dove si trova un clla che 



334 i^'aminta z rime sckltk 

a nostro g,iudizio si conviene cambiare in egli. Di 
fatto , Anuuta viiol sapere chi mai lo accerta che 
il desire di Silvia sia talc ^ cioe d' essere sorpresa 
da lui mentre si ba2;na nel fonte di Diana : e Tirsi 
gli rispontle beirandolo , ch' cgli non dee cercare 
quella certezza clie dirittamente spiace a Silvia ; 
tuttavia soggiunge : Ma chi t' accerta ancor che non 
sia tale ? cioe che tale non sia il suo desiderio ? e 
poi conchiude dicendo : Ora se tale fosse ( cioe se 
tal fosse il suo desiderio ) e tii non andassi a sor- 
pienderhi , non vcdi tu che sarcsti il piii sciocco 
uomo del niondo? Se questo adunque e il piano 
discorso di Tirsi , si fa manifesto che Y aggettivo 
tale del penultimo verso si riferirce a desire come 
vi si rifensce pnr qnello del verso avanti ; e quindi 
il pronome che lo precede stando invece di desire^ 
vuol esser egli e non ella. Ritenendo il pronome 
clla^ non veggiamo che ad altro e' potesse rifcrirsi 
che a Silvia , ma ne' versi arrecati , qual diritto 
sentiniento si potrebbe cavar mai dalle parole : Or 
s' ella , fosse tale'i cioe se Silvia fosse tale!' Laonde, 
non ostante che tutte le stampe da noi vedute si 
riscontrino coUa bodoniana nel leggere ella , ci sia- 
mo risoluti alia lezione che ne venia mostrata dalla 
critica. » E qnesto ragionamento a noi pare cosi 
diritto e verace che nietteremnio pegno, T aulore 
avere scritto egli e non ella:, e lo riferimmo per 
intiero, siccome baon esempio del modo che vuolsi 
tenere in cosi fatti esami da chiunqne cerca aver 
voce di diligente editore. Con tutto cio abbiamo 
per fermo die qualche gran pedante fara il mai 
viso alia critica dietro la qnale il sig. Gherardini 
si fa ardlto di cambiare un ella in cgli a malgrado 
di tutte le edizioni, e per solo servigio del senso!! 
E gia ndimmo dire ad nn di costoro , il senso es- 
ser chiarissimo, fermo Y ella; e il verso = Or a' cZZa 
fosse tale e non v' andassi = doversi interpretare 
cosi : Se Silvia fosse talc da dcsideriire di csscr sor- 
presa e tn non vi andassi^ Di che gli venga dai 
nostri lettori quella lode ch' ei merita. 



1)1 TORyUATO I'ASSO. 335 

« Non diiemo per quesfo ( cosi nella prefazione ) 
cr aver linalmeiite ridotto V Atrdnta alia vera lezio- 
iie : cio disse il Serassi in fronte alT edizione bo- 
doniana , e le nostre postille dimostrano abbastanza 
quanto fosse immodesta quella asserzione : 1' esem- 
pio suo pertanto , s' altro noa fosse , ci dee far 
mettere in guardia a non ci lasciar levare in simili 
borie. Ma davvantaggio noi medesimi stiamo tuttora 
in forse della sinceriia d' alcuni passi, i quali non- 
dimeno non abbiam voliito toccare, non ranto rat- 
tenuti dalla Concorde lezione delle stampe niigliori , 
quanto perche ben vedevanio clie a un bisogno 
non potrebbero mancar ragioni per difenderli. v 

Neir j^/nor fiiggidvo gli editori seguitarono in tutto 
r edizione bodoniana die n' e correttissima : ma non 
cosi poterono seguitarla nelle Pocsie pastorali e spe- 
ciabiiente nel coniponimento die s' intitola il Rogo 
dl Coruina. Questo coniponimento « e cosi guasto 
nelle edizioni e vecchie e recenti da noi esaminate, 
che troppo lunglii sareinmo a voler tiuti indicare i 
difetti clie abbiam procacciato di medicarvi. A fine 
pero di dare a' lettori alcuna testimonianza delle 
cure da noi impiegare per meritarci qui pure il loro 
a2;gradimento, abbiamo di quando in quando notato 
a pie di pagina gli errori pin massicci da noi rimos- 
si , o le magagne die lianno bisogno di maggiore 
industria die non e la nostra, ad essere sanate. » 
La quale modestia e tanto pin lodevole , quanto 
pill vediamo utili i frutii della critica del sig. Glie- 
rardini ogni qualvolta gli piaccia di esercitarla. Cosi 
avessero avuta una maggior dose di questa virtu 
alcuni editori saliti , non sapremmo perche , ia 
grande fama , i quali disperati d' ogni dottrina e 
poveri aLlatto d' ingcgno, parvero tanto piii arditi 
nel mauomettere le opere altrui , quanto meno eran 
capaci d' intendeile c di giudicarle. 

L' ultima parte ( ed e la maggiore ) del volume 
fu dagli editori riserbata alle Pocsie liriche , delle 
quali alcune sono sacre , altr^ croichc , cd altre 



336 t' AMINTA K RIME SCELTE Dl T. TAS50. 

amorose. Le canzoni vennero tutte ristampate « fuor 
solamente d' alcune poche le quali ci lianno viso 
<!' essere de' primi sperimenti giovanili , o che la- 
sciano molto dubitare della loro legittimita. » Dei 
Sonetti il Tasso ne compose moke centinaja , e 
quindi gli editori poterono presentarcene un buon 
numero ancorche ne lasciassero tutti cpielli die noa 
sembrano corrispondere pienamente alia fama e 
air ingegno cli quel sovrano poeta. « Questa scelta 
otterra ella 1' approvazione del pubblico? Lecito e 
sperarlo ; tenersene certi sarebbe temerita : che 
dove entrano a dar sentenza i gusti degli uomini, 
il trovare concordia e quasi una impossibile cosa. 
Quello per altro che possiamo osservare si e che 
non peidonammo a fatica ed a meditazione per ot- 
tener d' uscire con qualche onore dalla nostra im- 
piesa. » E veramente non vorrenimo farci nialle- 
vadori che tutti i componimenti omessi in questo 
volume siano di merito inferiors a ciascuno di quelli 
ai quali vi fu date luogo: nia ben atTermeremo che 
nessuno niai ebbe pubblicato tinora un canzoniere 
del Tasso piii copioso insiememeute e piu corretto 
e piu scelto di quello che ci si presenta in questo 
volume. Ne lasceremo di notare come ci sembra 
utile e lodevole la fatica impresa dagli editori di 
porre , com' essi dicono , un poco di argomento a 
ciascuna poesia : nel che se essi dicono an poco , 
noi diremo che ne posero quanto all' uopo bastava 
e resero un bel servigio ai lettori. 11 volume final- 
mente si compie eon alcune aggiunte ed emenda- 
zioni, alcune delle quali attestano una rara pcrizia 
del loro autore in questa maniera di lavori. 



337 



Proposta di alcuiie correzioni ed oggiuiite al Vocabo- 
lario dclla Crusca. Volumi tre divisl in sel paid. — 
MilanOy i3 17-1824, dtdV I. R. Stamper la, in 8.° 



Q 



UANDO Vincenzo Monti sotto uii titolo modestis- 
simo pnbblico T opera immortale cui si volge il 
nostro discorso , tutta da ogni confine applaudi 
r Italia al suo s^encroso ardimento-, c se alcuni po- 
clii ed oscuri maledissero con ira municipale all' alto 
suo ingegno, quegli scritti riescirono cosi vuoti di 
ogni dottrina, cosi lordi d' ogni vilta che i buoni 
ne torsero disdegnosi fa fronte, e la villana mal- 
vagita di quelle parole resto in abbominio, finche 
il tempo, giuclice giusto di questa plebe scrivente, 
in brevissinia ora sprofoudi nella dimenticanza gli 
svergognati libelli. Credette dapprincipio il Direttore 
di qucsto Giornale che la nobilissima lite, che stava 
allora per ridestarsi, dovesse produrre alcun frutto 
degno del nome italiano, e percio a tutti promise 
libero il canipo, q tutti concedette esprimere per 
mezzo suo francamente la propria opinione : ma 
ben tosto s' a wide, che dove la guerra si fa contro 
i pedanti , anche chi resta nentrale non ne puo 
trar che ver2;02:na. 

II primo scritto fu avverso alia Proposta , e la 
Biblioteca Italiana nel pubblicarlo indico die veniva 
da un Fiorentino', onde a questa norma potesse sti- 
marsi quanto lo studio di parte vi avesse contri- 
bnito. Senza liberta di letterarie opinioni e impos- 
sibile la scoperta del vero , ed a questa liberta 
s'attiene strettamente il modo con cui V opinione 
e ddir uom pronunciata : da cio e derivato , se 
in quegli articoli corse qualche dura parola, che 
dalle costtunate persone fu meritamente abborrita. 
Ma quegr insuiti , che per ccrto si sarebbero tolti 
se avessero assalito qualche ingegno nascente da 

BibL Ital. T. XXXVII. 22 



338 PROPOSTA DI ALCUJIB COBKKZ. ED ACGIUNTR 

doversene scoraggiare ne'' prinii suoi past'i , si po- 
tcrono senza tenia soffrire , quando Tuonio iade- 
gnamente oltraggiato stava nella sua dignita so- 
pra tutte Ic ingiuiie. Tuttavia la nostra intcnzione 
fu male interpretata, pcrclie si ci'edette essere il 
Ciornale avverso al Monti, lavorire la causa de' Fio- 
rentini. Qiiindi le soiitture piu pazze , (jiiindi le 
satire piii vibaldc ne fiuono da certi luoghi addxiz- 
zate, e il nostro nome, ahi dolorc ! fu meschiato a 
quelle dei vili , che detrar vollero alia fama del 
Grande : c forse tento apporci questo raarchio cVin- 
famia quello stesso, die col villano sao scritto avea 
data occasionc a questo riniprovero. Ma la Proposta 
e oraniai veiiuta felicemente al suo termine, e quel 
dubhio, die del nostro sentire in sifl'atte niaterie 
ancora durasse, puo altine dalla sincerita liberissinia 
delle nostre parole venire levato. Che se ad alcuno 
esse paressero qualche volta troppo forti ad udirsi , 
noi lo preghiamo che voglia considerare a dii sieno 
dirette, perche in altro modo vuolsi parlare a Tci- 
site, die getta ogni verecondia assalendo i niiglioi'i, 
in altro al buon Nestore, die mette opportuno i 
consigli di pace. Che niolti, perche rargoniento era 
gravissimo, vollero sperinientare se tutte reggessero 
alia prova le opinioni del Monti e del Perticari, 
e in clo tare, se anclie nacquero in terra Toscana, 
mostrarono come venian veramente dal buon seme 
romano. Ne a questi appartiene il nostro discorso, 
ova rompera a ragionevole sdegno: die ben sappia- 
mo abbondare gentilezza presso quel popolo lelice 
e tranquillo, ne Dio ci confuse tanto 1' ingegno da 
mescere siffattamente insienie i frutti della nobile 
pianta, e Pabbietto strame di Fiesole. Parra forse ad 
alcuno, che sarebbe nieglio discorrere sulla inipor- 
tante quistione della lingua con mente pacata, per- 
che poca fede si acquista a parlar con animo risen- 
tito e quasi vinto da interna passione ; ma come 
doppio e Pargomento ucl quale ci dobbiamo occu- 
pare , altra sara la manicra con cui veadichcremo 



AL VOCABOLAMO DELLA CKUJCA. 339 

•econdo il iiostro scarso potcre le oflese fattc al- 
r onore italiano, altra quella cou clie verremo espo- 
nendo la nostra opiaione still' antica controversia , 
che pare oramai definita. In questa i nostri detti 
saranno moderati e pacific!, come i buoni studj con- 
sigljano e la teinpra dell' animo ne suggerisce, in 
quella permetterenio alia verita spiacente usar le 
parole, che la presenteranno "piu aperta , perche 
troppo di rado senza offendere puo ribnttarsi V of- 
fesa, e se qiialclic volta" si puo sollrir con pazienza 
la for tuna che ne opprime, il cnore si sollcva seni- 
pre contro V insolcnza clie ne calpesta. 

La quistioae se la nostra lingua debba cKiamarsi 
fiorentina o italiana , parra forse, a chi non guarda 
bene addentro, frivola e oziosa, come quella che 
sembra cousumarsi sul nome della cosa e trasandar 
la sostanza: nia questa apparentc leviia di materia 
sparisce quando si pensa che dal vario modo con 
cui viene giudicata questa lite di nomi, dipendc se 
noi avremo, come tutte le altre nazioni, una lingua 
universale cd illustre, o se dovremo intesi da po- 
chi balbettare in un dialetto plebeo. Queste batta- 
gUe furono combattute altre volte, ma gli uomini 
che pugnarono per la buona causa , sebbene va- 
lessero molto d' ingegno , non furono provveduti 
di armi che potessero abbattere un pregiudizio an- 
ticato. Quando la verita e Terrore vengono insieme 
a coutrasto sopra un campo nuovo ad entrambi , 
il trionfo della verita e pronto c sicnro , perche 
tutti le siamo ausiliari, tutti cerchiamo avidamcntc 
questo bene supremo delT iutelletto , ma quando 
r errore sotto mentite sembianze pote in lunghi 
anni coprirsi di gagliarde trincee , lunga e dilH- 
cile a terniinarsi gloriosamente e la guerra. Non 
era questa un' impresa per quei buoni scrittori del 
cinqu€C?nto , che pur vollero con niolto coraggio 
tenlarla : c[uale pazienza potea durare contro la 
noja de loro dettati r E come attrayersare quel lago 
di vane parole ch' essi d' ogui parte versavano .■' 



34^ PROPOSTA DI AICTJNB CORREZ. ED AGGIUNXE 

Rispetto c gratltudine vuolsi quincli tributare a quei 
voloaterosi caiupioni del nome italiano : ma deesi 
ad nil tempo compiangere , chc non fosse lore 
conceduta dalla natura (juolla viva e vobusta eio- 
qucnza che il tempo csigeva. I sacri iiomi di 
Dante , del Petrarca e del Boccaccio , beiiclie stra-- 
iiamentc allegati , ciatio come una magia clie le 
aride parole del Trissino e de' smii compagni non 
potean superare. A tanto non era possibile riescire 
die con un' altra magia : cpiella onnipotente della 
parola , chc sjmiie alia Balisarda di Ruggero basta 
coir incanto proprio a tagliare ogni incanto. Ma 
molti e moki anni doveano passare , prima clie 
nascesse quelF nomo , eui era riservata V illustre 
vittoria, perclie Ic doti diversissime , che pur crano 
necessarie per conseguirla, troppo erano dillicili ad 
unirsi in un solo , divise fra piii era qnasi im- 
possibile , clie una sola volonta le animasse. Inge- 
gno caldo e risoluto ebbe aiiclie Girolamo G-igli , 
ma le sue parole correano troppo neglette , ne 
potea dirsi eloquente quella collcra irapetuosa clie 
lo trasportava. Che se aiiche fossero stati meno i 
difetti , se anche piu largo avess' egli potuto spie- 
gare il suo volo , non per questo sarebbe venuto 
alia buona causa molto profitto : clie in sostanza il 
Gigli cercava solo di tramutare la sede dell imperio 
da Firenze a Siena , e volcva al piu clie la lingua 
avesse a dirsi toscana , non iiiai che per una spe- 
cie di ]c2.ze Giulia fossero tutti <yV Italiani chiamati 
alia cittadinanza. Fn veramente strano e pazzo spet-- 
tacolo vedere in varj tempi la guerra civile spargere 
ie sue discordie fra i I'oscani , e i Toscani dispu- 
tarsi a palmo a palmo il terreno, simili a quei vil- 
lani deir Ariosto , che coi pali alia niano conten- 
deano dei confini d' un prato. Essi teneansi tanto 
sicuri del loro usurpato dominio , che gia ve.niano 
a divisione pel primato d' onore , c stavano fra di 
se battagliaudo , come se il resto delT Italia avesse 
<i -^opportare senza contrasto la h'gge del vincitorc. 



AL VOCABOLAKIO DEtTA CKUSCA. 04! 

Aitro non mancava a conipiere la nostra vergogna^ 
se nou clic per fjnire le loro Ijattaglie gettasscro 
le sorti sulle nostre spoglie, e mandasser comando 
che cli qua dalK Appeiiuino la lingua si cliiamassc 
toscana , di la fiorentiiia. Ma il bisogno delF unione! 
venne in tempo a manifestarsi a que'' dotti , c fu 
per iin tacito accordo oonvenuto fra essi che la 
lingua sarebbe detta fioreutiua , pcrclie questo ri- 
stretto accarnpaniento era pin facile ad esser difesOi 
e se mai per disavventura vi fossero stati sforzati, 
aveano ancora alio spalle Tintera Toscana da porvi 
un canipo novello , e ritentare la guerra. Sottile 
era V avvertimento , e poderoso e accortissimo vo- 
leva essere il capitano che avesse vinii di schermo 
gli scherniidori. E oramai sembrava che i Fiorentini 
potessero starsi trancpiilii , che il loro possesso non 
sarebbe turbaro: niolti aniii di pace gli aveva ren- 
duti pin sicuri, ne poteano immaginarsi che T uomo 
destinato a vincere il pregindizio fosse gia nato. 
A gnardare per Y Italia vedean essi alcuni ingegni 
potenti , che conservavano V eredita dell' antica 
grandezza , ma non ne poteano trarre argomento 
di tema , perche seml^ravano piuttosto intenti a 
quegli stndj severi onde si giova la vita , che a 
quegli altri [)iii uniani ond' ella si allegra. Che so 
alcnno dilettava la mente nelle arti mi^liori, e mo- 
strava spniti pronti ed accesi, si vedea pero in lui 
troppo palese il dlfetto di quelF universale sapienza 
che tutto abbraccia il regno delle lettere , e col- 
r innalzaric fino a se maivniHca le cose piu tcnui. 
Un uomo , che nella sua gioventu avea rinverdito 
r alloro di Dante , e nella sua vecchiezza trapian- 
tato fra noi quello di Omero , sedea quasi in dis- 
parte dagli altri; e sembrava che ginnto alia som- 
iTia altezza volesse riposarsi del sno glorioso viag- 
gio. L' ammirazione degli Jtaliani V aveva chianiato 
secondo Alighieri , ma questo nome gli era dato 
soltanto , perche ciascuno vedeva dcrivata in lui 
r insuperabile forza d'ingegno, con mi qnel somniy 



l)j\y TROPOSIA Dl \LCUNK CORJ\EZ,. KD ACGIUNTS 

fii preseiue a tiitt' i tempi, ed esigliato tla Fiorenza 
si fe' cittadino a tre moiidi : ne in vero pareva 
ch' ei (lovcssc aver corauni con esso anche la di- 
fesa della favcUa illustre c 1' odio dei Ficsolani. 
Chi potea credere che quella spleudida fiintasia 
potessc incurvarsi alia dura paziciiza delle gram- 
maticali cpiistioni, e come immaginarsi che la mente 
inspirata dalle Muse volessc fra si angusti limiti 
moderare il suo volo ? Dante poteva opporsi con 
poche parole a ([uellc prime usurpazioni, e cpieste 
parole dovevan iiscire come una sentenza: ma ben 
altra fatica era richiesta a chi voleva in questi tempi 
faSRitile impresa : fatica gravissima , e da potersi 
difficilmente portare da cpialunque roljusta vecchiez- 
za. Doveansi studiare le origini di molti dialetti , 
le origini di linguc straniere , doveansi consultare 
codici dispersi per lontane citta, e stancare gli oc- 
elli e logorare il petto sopra carte difficili e di 
quasi disperata lezione. Ne Dante stesso saria ba- 
stato air incarico, se vi avesse sottoposte le spalle , 
quando nella stanchezza de' suoi iiltimi anni avea 
preferito Ravenna alia patria che non se gli volea 
rendere che al prezzo d'una vilta. Ma un tanto osta- 
colo che jiarea dover impedire al Monti il compi- 
mento delle sue 2;cnerose intenzioni , si vide tosto 
svanire quando gli si .fece al fianco quel bennato 
giovine , che solo parve degno in Italia d' essergli 
figlio. Giulio Perticari avea nelF intimo cuore e nel 
secreto del suo ingegno tutte quelle doti che fanno 
grande lo scrittore e immortale , ma i germi che 
poi doveano fruttare si rigogliosi giacevano occniti, 
e parean quasi aspettare una voce gagliarda che 
loro comandasse d' uscire. Questa voce sono , e 
tutto ad un tratto si vide il Perticari scendere nel- 
Tarena, simile a quegli eroi tlegli antichi romanzieri, 
de' quali s' ignora anche. V esistenza , finche non si 
vedono pieni di valore e di gentilezza ferire tor- 
neamcnti , e vincerc le piii disuguali battaglie. Noi 
ci-ediamo di non errare, se diciam che I'Ttalia delibe 



LL VOCABOLARIO DEI.I.A CHUSCV. 343 

al IMonli il suo Perticari , ma ae pare altresi di 
non ingaunarci , se aggiuguiamo die l' Italia al Per- 
ticari dee la Proposta. Questi due alti intelletti furono 
appena nniti in fe'.ice alleau/a, che meditarono come 
fossero linalmente a por^i in vigore le anticlie dot- 
trine di Dante , e sottrarre alia tiramiia d' alcuni 
faziosi la piu bella lingua che era si parli nel mondo. 
A questa meta comune essi camminarono per due 
strade diverse. Vide il j\Ionti die tutta la forza dei 
Cruscanti era posta nel Vocibolario, e die moki 
senza nulla esaniiuare s'incliinavano rivereuti a quei 
maestri die V avevan compilato : quindi mostro , 
com' essi fossero digiuni d' ogni huona filosoiia , 
retori , sofisti, e piu che tutto pedanti : e prese il 
Vocabolario e lo aperse , e ne rilevo mille e mille 
brutture : la sua eloquenza ora fa scherzevole ed 
era sdegnosa, e se alcuni nomi gli parvero con 
pericoloso prestigio nuocere al vero , ne fece se- 
vera giustizia e li butto sprezzati nel fango. 11 de- 
coro d' Italia fu da lui sopra ogni cosa ccrcato , e 
se la sua mano qualche volta si aggravo sopra al- 
cuno fu sempre , quando gli parve che superbe 
pretensioni ne volessero far ridicoli agli stranieri : 
allora egli sorse in tutta la sua potenza , ed insc- 
gno come debba trattarsi chi sacritica alia sua pri- 
vata anibizione la nobilta della patria comune. E 
incredibile a dirsi come in questo lavoro di sua 
natura tanto nojoso egli spandesse tiitt' i tiori del 
leggiadro discorso, e rinscisse a iuvaghire i lettori 
di cio che altrimenti ad ogni sofferenza sarebbe 
paruto soverchio. Ma questo gran passo che avea 
fatto il Monti , pognamo pure che fosse somigiian- 
te a quelli delle omeriche divinita, non bastava 
ancora a raggiugner la meta, perche se anclie il 
Vocabolario era cosa imperfetta , se anche i com- 
pilatori di esso eran uomini di troppo scarsa lilo- 
sofia , non per questo il vanto de' Fiorentini era 
provato bugiardo : che la ])outa della causa potea 
J>ene ofiuscarsi per la dappocag<iine dei difcnsora . 



344 TROrOflTA DI ALCUNE C0RRE3C. ED AGOIUNTE 

raa le ragioni del vero non si preschvono mai , c 
pu6 in ogni tempo farsi appello al senno natu- 
rale dei popoli. II Perticari si alzo a terminare per 
sempre oj;ni quistione : o;iaccIic le sue opere degli 
scrittori del trecento, e dclT ainor patrio di Dante 
sparsero tanta luce su questa materia, die chi non 
la vede, non vede il sole. Nella prima egli insegno 
con die giudizio si avessero ad accostare quei 
trecentisti , e venne niostrando la via per ciii at- 
traverso i loro niohi difetti si poteva andare a 
bellezza : le dottrine di Dante, del Petrarca e del 
Boccaccio si fecero evidenti ad ogni sguardo , e clii 
voleva accusare quel primo , quasi parlasse contro 
la sua patria troppo iraconde parole , e lo cliiamava 
maligno e vendicativo per lo dolor delFesiglio, dovette 
tacersi quando vide consentire alia sua sentenza 
quei due felici , ai quali Fiorenza era stata -cos'i 
larga ed arnica. Che se alcuno fa si gliiotto d' in- 
famia da voler tuttavia calunniare il santo petto 
deir Aligliieri , e dirlo sentina di vili passioixi , e 
per poco dargli accusa di tradimento , il Perticari 
nella seconda sua opera non solFerse die del suo 
autore e maestro si proferissero cosi scellerate be- 
stemmie , die il finger colpe agli uomini somnii 
non e iuiquita da potersi accorre al perdono , ne 
altro nome die di pubblico avvelenatore ci sem- 
bra meritarsi colui die disg-iunsendo a forza e con- 
tro verita la virtu dalP ingegno fa si die privata 
di tanto splendore ella riesca a poclii desiderabile 
e cara. Quindi il figUp del secondo Aligliieri voile 
una volta per tutte levare ogni pretesto a quella 
vile calunnia , e lo fece con tauta forza d' iavitte 
ragioni , e con si magnanima e schietta eloquenza 
che in avvenire non potra pronunciarsi il nome di 
Dante , cbe il pensiero non corra a quel giovine 
illustre che ne libero per sempre il sepolcro. Egli 
raostro die V uomo accusato come un partigiano 
fazioso era iavece il poeia della rettitudine, e tutti 
senza distinzione e ri2;uardo tracva avanti di se 



AL YOCABOI.ARIO nEM,.V CKUSC\. ^^^} 

ainici e niniici , souiis^liante jjiii che a cusa umaaa 
alia guistizia ilivina. In qiielia taiita inansiietucUnn 
di costumi , con qnella solenne gravita di parole 
fu bello sentire il Perticari difender lo sdegno clie 
procede dalla viitii, c cliiamarlo una virtu nobi- 
lissima anch' esse. Ne fu coiitcnto a questo. cli'cra 
pur molto , ma voile provare, sicdie ogni disputa- 
zione fosse finita , come ic dottrine di Dante eran 
vere , e in cio non si tiegno vincere cogU esempi di 
grandissimi i!io;t'crni^ clie si aderirono in ogni tempo 
a quel sommo: ma prese coi fiitti e colla ragione a 
definir la gran lite : che la forza delle autorita e 
sempre combattuta ed incerta , alia ragione non si 
possono opporre che dispcrati solismi , e i fatti 
non e potere umano o divino clie possa mutarli. 
Quindi sali alle prime ori2;ini della nostra favella , 
e fe' manifesto, che avanti 2;li anni , onde comincia 
la snperbia de'Fiorentini , era gia in Italia una lin- 
gua comune ed illustre, e la in Sicilia se ne facea 
uobile uso da quel fiore di gentili intcUetti che la 
corte del secoado Federigo rendeano si splcndida. 
Sembra che il Perticari coll' alto suono della sua 
voce susciti le ombre de2;li antichi poeti e prosatori 
italiani, e queste si presentino ad attestare la vera- 
cita delle sue parole, e vendicme in un tempo a se 
stesse la gloria d' aver creato questo dolce e forte 
linguaggio : ogni citta d' Italia manda i suoi , e 
Fioreaza , che poi dovea sorgere prima fra tutte, non 
si mostra allora piu ricca delle altre, ed anzi se il 
vero e vero, dee cedere a molte. Ne qui s'arresta 
il difensore di Dante , che va ancora piu adrlentro 
per li tempi , e si afljda tutto sc cnro a strade non 
ancora tentate , e fa tali confj onti del nostro idioma 
col rustico romano c col provcnzale antico, che la 
pretensione de' Fiorentini riescc strana ed intolle- 
rabile anche ai meno veggenti , e tutti domandano, 
come e perche quella ciancia trovasse per tanti anni 
si facile orecchio , c ([uale pervorsita di giudi/.j 



■546 rROPO«TA DI AI.CtlNE COllREZ. KD AOGirNTT; 

abbisoirnasse per sostcnciia a scapito dell' onore 
italiano. 

Qiiando abbo'vla la forza , I' uomo suole voleti- 
tieri abasarc della vittoiia •, chc troppo e difficile 
trattenere in mezzo al corso il carro trionfale: tut- 
tavia in qneste opero il Perticari seppe, direm cosi, 
iisar nobilniente dolla fortuna , c scl)bene vedesse 
che le sno dottiine non si potean ripn2;nare , c 
r Italia tiuta gli veniva compagna ncllc opinioni , 
non disease niai da ([uella compostczza di maniere 
e di stile che lo fa sina;olare da og-ni scrittore. II 
padre suo avea gia adoprate , e adoprava quelle 
armi cui non e dato resistere : necessita gliele 
avea poste alle niani , ne alia sua battaglia egli 
abbisognava d' ajuti. Quindi il Perticari non usci 
inai dalla parte che gli era stata commessa , e 



in 



tutta la oontesa il suo volto fu severo, ma placido 

e grave , come a vedersi sarebbe quel della legge. 

II Monti porto solennemente in faccia alT Italia la 

piibblica accusa , e provoUa verissima : il Perticari 

fra r universale applauso de' sapienfi pronuncio la 

sentenza. Chi vorra dirla inginsta, non merita d^ es- 

ser nato italiano. 

l\Ta se jrli stranieri ne dimauderanno come fosse 
& ... 

ricevuta qnesta luce da coloro cai riesciva molesta, 

che dovrcm noi rispondrre? Per certo potrcmo dire, 

e questo e un grande conforto, che molti Fiorentini 

ndirono volentieri la verita , e credettero abbastanza 

hello il vanto d' aver ingentilita la lingua , vanto, 

di "cui puo appagarsi ogni superbia , se Dante vi 

stette contento. Aggiugneremo anche con lieto cuore 

che alcuni volendo pur combattere per un autico , 

benche falso , onor della patria vennero in campo 

contro il Perticari ed il Monti a visiera aperta, 

con armi eguali come s' addicc a buoii cavaliero : 

anche senza fperanza di vittoria si puo gloriosamente 

combattere , c se V amor della verita dec vincere 

Tamer della patria, anche questa e un nome grande 

e 5antis«imo, c clii ne difende con onesto 'ardire la 



AL VOCABOI AKIO DELI. \ CRUSCA. 54'' 

gloria, sia pur ingliistamente acf[uist:ata, e sicuro cho 
tutti gli pcrdonino, molti anclic gli applaiulano. Ma 
con che fronte direm noi ]a- vergogna , oiide vo!- 
lero lordare la cortese Fiorenza cjuei pochi che non 
chiamati veancro a giostra colle arnii di Ciuda , e 
nc avv'elenarono iniquan.cnto la pnnta^ Noi noa 
nomiaerenio nessuno , perclie 1' isloria leiteraria ha 
2;ia nomi abbastaaza con cui srsinare (tnasi con 
impronta d' infanjia chi trasgredisce tiitti i termini 
del pudore, tntte le leggi della gentilez/.a e dcH'o- 
nesta. A chi non puo consolarsi di belle amicizie 
sia permesso cercar Tinimicizia, ottenere il disprezzo 
degli uomini grandi. IMa pure se V ignominia non 
fosse gia pubblica, chi vorrebbe credere, die in 
tanta civilta di costnmi si andasse alia sciiola del 
bordello c del trivio per rubarne ogni vitnpero di 
parole e gettarlo sul Perticari e sul Monti ? Si do- 
veva aspettare una tranqnilla risposta , c si udi un 
tumulto di contnmelie plebee ; si dovean aspettare 
decorose scrittnre , e si senti come un cocchiere 
nbbriaco che parla il gergo de' barattieri. II Monti 
fu detto imbccille, rinibainbito , golTo , e se lo ri- 
niando a studiar Y alfabeto ; tutta la sua fania in 
alcuni sciolti , nel resto uonio da nulla. A che si 
ostina egli a difendere il Tasso , se forse i suoi avi 
ne furono i manigoldi ? Le dottrine del Perticari 
che feono inai fuorche miseri abbozzi ? E il Perti- 
cari stesso in die modo dee trattarsi se non come 
un pctulante fiinciuUo , cui la debolezza fa perdo- 
nar V insolenza ? Alia Proposta troppo onore si 
rende col confutarla , e questo solo la salva dalla 
dimcnticaiiza pcv qualche monsento. Al sentire qucste 
bcstemmie si conosce veramentc, che chi le pronun- 
cia ha mcsso il callo ad ogni obbrobrio e fa suo 
ddetto del sedere alia gogna. Ma pure al serpentc, 
eh' e condannato per sempre a strisciarc, potrebbe 
concedersi che mandasse vanamente il suo fischio 
labbioso , s« non volesse Michc infettarci col sii6 
mortale veleno. I confini dellc ^'lerre Ictterarie sonrt 



'6^6 PROrOSTA DI ALCUNE CORllEZ. ED ACGIITNTE 

spguati , ne V onore e bi j)oco bene , che si possa 
avventurare all' inccrtezza delle volgari opinioni : 
quindi r ingiuriare anclie vilniente cntro i termini 
della dottrina e della sapienza cpielli che difendono 
le sentenze illustri di Dante , sebbene sia vana , 
stolta , co^arda intrapresa, non si dice ancora, che 
passi il segno di remissione. Ma cjnando si vede alcuno 
sotto letteraiio pretesto assahre i bnoni dritto nel 
cuore, lacerarU nella ripntazione moiale, disonestarne 
con cahmnie la vita , oh allora se lo sdegno noii 
rompe a piu ficra vendetta , bisogna lingraziare 
la Provvidenza che quel ribaldo sia un insozzatore 
di carte , perche altrimenti sarebbe un assassino. 
Se non che qual altra cosa si poteva mai aspettarc 
da gente che dopo piu di due secoli rinnova gli 
oltraggi alia menioria di Torquato , e con audacia 
non credibde loda le persecuzioni, che Tlnfarinato 
e r Inferrigno niossero a quella gloria del genera 
umano ? Questa razza vituperosa opero , com' era 
degno della brutta sua indole , e s' ella segui il 
suo malvagio costume, noi possiamo bene averne 
dolore , averne maraviglia noi non possiamo. Vanni 
Fucci squadra le fiche a Dio fin giu nclF inferno. 

Non ci e nascosto che i niigliori ingegni , onde 
1' Accademia della Crusca si pregi , detestano una 
tanta viha ; noi crediamo anche fermamente , che 
r Accademia tutta rioiuardi come un insulto , che tali 
campioni a questo modo combattan per lei : ma per- 
che non s' appiglio ella al facile c dignitoso partito, 
che potea nobilitarla in faccia a tutta TEuropa mo- 
strando ch' ella condannava quelle bieche scritture? 
Perche non decreto con geiierosa giustizia il suo 
premio annuale alia Proposta del Montir L' Accade- 
mia Di2;ionese ebbe un tempo il coraggio di pre- 
raiare Giangiacomo, che Ic avea detto in faccia, 
com' ella fosse dannosa ai buoni costumi ed alia 
vita felice. E si questa imputazione era gravissima, 
e quelle splendido sotista avea dannosamente abu- 
sato il prodie;voso suo ingegiio a manifesta mcnzogna: 



Kt, VOCAEOrAKIO DELL V CKL'SCA. 849 

jl Monti pronuncio una verita irrepugnabile , de- 
corosa . lUilissima , e V eloqiieuza fii pari. Che se 
gli accadeuiici ciclla Crusca non gli sapcan perdo- 
nare (.V aver ubbidito ai comandi della necessita 
spargendo di ridicolo i loro vecchi predecessor! , 
perche almeno non adoprarono quel dono della so— 
vrana munilicenza a porre in mezzo alP Accademia 
un monumento al buon Perticari ? Del quale non 
ebliero niai nemmeno un pretesto a dolersi , se non 
si voglion dolere del vcro proferito con dignita e 
senza sdegno. In vece fii dato un preniio alle prose di 
Mario Pieri. Chi ez}i si'ii 2;h stranieri lo domanderanno 
air Italia, T Italia lo doniandera a2;li Accademici. 

Ne piangc il cuore che la paite piu nobile di 
quel popolo illustre abbia lasciato sfuggire una si 
bella occasione di riparare colla nuova giustizia gli 
antichi suoi torti : chc i sovrani intcUetti forniano 
tutti insieme \ia eccelga faniiglia , e gli onori ren- 
duti al nipote conipensano fino gli avi piu lontani 
delle sollerte in2;iustizie. Sor2;a ahiieno un qualche- 
duno fra gli accademici , e con parole convenienti 
compatisca alT Itaba per la gran perdita del suo 
Perticari , che niuna lode certajnente sali in cielo 
piu cara a Torc[uato di quella die il buon fiorentino 
Giacomini gli diede pronunciando in una pubblica 
accademia che la ma2;2;ior parte de' Toscani confes- 
sava avere dalF opere sue imparato eloquenza e 
dottrina. E Giovanni de' Medici applaudiva a queste 
vere i)arole , e Alessandro Pvinuccini v' aejiiuornea 
francamente, che morto il Tasso gli eroi dovean 
cercar lodatori fuori d' Italia. I Fiorentini , di qua- 
lunque virtu sia discorso , hanno sempre domestici 
esenipi da. imitare , e vuolsi quindi a buon diritto 
sperarne , che quando questo prinio impeto, questo 
primo concitamcnto de^li animi si sara dileo-uato , 
niun popolo sara jnu concorde e piii pronto del 
Toscano nelie lodi del IMonti e del Perticari. Seb- 
bene noi lo eccitiamo a tanto piuttosto per 1" onor 
£uo, che per la gloria di qucsti due sonimi, i quali 



35o PROPOSTA DI ALCUNE COKIIEZ. ED AGOIUNTR 

oiaiiiai sono ciicondati d' uiio sulendore , clie andra 
crescendo per tuLti i tciii[)i, fiiichc bastera il nome 
italiano , ed anchc (juaiido la nostra lingua fatta an- 
tichissima terra luogo deila greca c della latina alle 
rinnovate nazioni. 

Allorclio luomo e arrivato a questo segno di glo- 
ria le lodi per lui sono superfliie ; ma pure , se in 
noi fosse ingegno pari alia volonta , ii cuore ne gri- 
dercbbe di tentare una difficile inipresa. Del Monti 
non vorrcmmo parlare : ne ci asterrebbc dal farlo 
inia bassa [>anra , cli' essendo egli vivo ne venisse 
taccia di adulatori da quei nialigni , clie possono 
vedere la vunu senza inchinarla. La coscienza ne fa- 
rebbe scciui , perchc ogni nostra parola fu tratta 
sempre dal cuore , il quale crediamo fonte come 
della piu alta poesia , cosi della piu uniile prosa. 
jMa perche le nostre lodi sariano dirette ad incitare 
col poter degli esempi 1' ingegno de' o;iovani , pin 
crande ne si farebbe sentire il bisosino di rivolnerci 
a I Perticari , del quale potremmo considerare uni- 
ramentc le prose, nientre pel ]\Ionti sarcbbe da unirsi 
il pronator soniaio al sublime poeta, e si avrcbbe 
a tcmere clie i n^iovani senza ben consultare la 
j)ropria vocazione cedessero alia maggiorc dolcezza 
nioltiplicando la noja e il dispetto cle' versi cattivi. 
A rimuovere questo pericolo gioverebbe assai mo- 
strare , quanta necessita abbia F Italia di chi sap- 
pia usare la sciolta orazione a vera eloquenza : cbc 
poeti grandissimi noi possiamo opporre a ogni gente; 
scrittori eloquenti di prosa non sappiamo c|uanti 
})rima del Perticari si possauo addurre. In lui prin- 
cipalniente si vogliono studiare imiti quei pregi, 
clie in altri sono troppo divisi, in lui la grandezza, 
la schiettezza, la verita , la novita , la forza; c chi 
del i)erictto prosatore italiano volesse [)arlare , ne 
si fermasse a lungo sul Perticari , potria difHcilniente 
olTrire una scusa accettabile. 

E (^icsto giovine cosi caro, cosi gentile , cosi vir- 
tuoso, aniabile a chi lo vedeva, niaraviglioso a clij 



AL \OCABOI.AIUO DRLLA CRUSCA. 35 1 

lie leggcva gli scritti, nel piu bel I'.ore del desiderj 
o delle speraiize raori : nioii , quaiido la vita del- 
r ingC2;no era plena, ({uando quegli alti sf.udj , c 
tpiella oinata parola proinettevano alP Italia un'isto- 
ria, (juando egli potea ricreare qaegli antichi e quasi 
dinienticati niiracoli dei Grecl e dei Latini. E questa 
morte fu veramente di srandissimo Intto , e z\i ven- 
nero aiichc innalzati monumenti d' onore ; m:i Y af- 
flizione parve quasi piivata c Y altezza del pubblico 
dolore noa fu aucora manifestata abbastanza. Noi 
certo vorrcinmo , se non ne mancasser le forze , 
provarci a questo cimeuto, uoi mostrando un tanto 
spleiidore sve2;liare le tVesche ed animose rnenti 
de' giovani , noi spia2;erli colle lodi del Peiticari 
a quella carriera, che appena aperta seiubra dictro 
di lui volersi iiuovamente rinchiudere. E crediamo, 
che il I\Ionti stesso per quell' immenso amore che 
porta al sue Giulio, per quel dolore che ueU'anima 
gli tieu luogo del figlio perduto , udrebbe piu vo- 
lentieri queste lodi, che quelle date a se stesso, 
perche nissuna gioja cguaglia in dolcezza le lagri- 
me , che per consolazione si versano sulla lodata 
virtu de' figliuoli. Se uou che il Perticari , che pur 
fa da 2:randi in^ejini lodato , ncl noa ottenere chi 
di lui a lungo e per coinune utilita degnamcnte scri- 
vesse , ebl)£ sorte comuae al Canova (i), e questo 
lie pud ])cisuaderc , che perdite si gravi ed irrepa- 
rabili rendouo niuti coloro, che scntendole ncl cuore 
profondo potriano soli degnamente conipiangerle. In 
tanta mestizia noi chiudiamo volcnticri le nostre 
parole, perche Tanirna pensando come tutti facciano 
cosa propria la sventura de' buoni, si va in questo 
conforto dimenticando i nialvagi, e si apre alie care 
affezioni , e si fa pietosa e aruorevole. Cosi dallp 
sdegno giusto , che la vika de tristi aveva in noi 
suscitato, siamo vennti a quella c[uiete, ch' e iKjces- 
saria per V ultra parte del nastro discorso. 

(i) E fama che il Cano\a avra iu breve i\n loclatorr per no- 
bilia d' eloiiuen^a degiio dell' Italia e di lui. 



352 



PARTE 11. 

SCIENZE ED ART! MECCANICHE. 



Ossenazionl rnicologiche ed rnnmerazioiU; storica di 
tiitd i fant^^ki dclla proviiicia pavese , coi caratteri 
ondc distiiiguere le btioiie dcdle re'e specie , e va- 
rictd loro . Stntomi dell' avveleiiamento , con i mi-' 
gliori soccorsi che prestar dcbbonsi in simili casi, 
deldottor fisico Giuseppe Berg am asch I , assistente 
alia cattcdra di hotanica nelV I. R. Univeisitd di 
Pavia (Fine. Vedi torn. 27.° pag. 68 e 228, So." 
pag. 92, 3i.° png. 63, 33.'' pag. 70 c 34.° pag. 
69 e 206 di qiiesta Biblioteca ). 

Sezione X. 

CortinarIjE. Persoon. 

Char. Anulus in fila aracnoidea solutiLS : stipes solidus , spo- 
ridia subochracea , copiosa. \ 



Q. 



UESTA ciasse di agarici non ha volva ; d peduncolo 
centrale : lamelle , clie non amieriscono in vcccinaja, che 
sono ricoperte in gloventu da una menilirana inconipleta , 
fhe lascia sullo stipite un anello filamentoso qual tela 
d' aragno. 

55. Agaricus cortinaria aranensus. 

Ag. obscure violaceiLS , aut castaneas , pileo villoso , squa- 
moso , lamelUs distantibus connexis , stipite spongioso. 

Ag. araneosus. Bull, D. C. f. 2. p. lyB. Am. Lam. Enc. 2. 
p. ic6. . 

Cortinarice. spe. Persoon. Syn'. p. 276. Fries. Ohs. 2. p. 87. 

Ag. hercinicus. Persoon. Syn. p. 277, 278. Ag. araneosus 
viol. Bull. tab. 2S0 ! 698 , fig. 2. A. 

«<• Agaricus \'Lolaceits. Bull. tab. 200 et talj. G44. F. II. 



ossxRYiziorfi ecc. 351 

/8. Agar, crassipes. Bull. tab. 96. 

>. Ag. nicidus. Bull. tab. 43 1 , fig. i. 

i. Agar, proteus. Bull. tab. 43 1, fig. a. 

i^- Ag. heh'co'us. Bull. tab. 43 1, fig. 5. 

Agaricus glaucopiis. Schosffer. Fung. tab. 83, 

II sig. Dccandolle nella Flora francese alia famiglia di 
qnesti i'unghi suiresempio di Bullinrd riuni sotto una stessa 
denomiiiazione speciiica V Agaricus araneosus ad una specie 
di agarici in apparenza diversi, nia in realta ravvicinati 
da un caratteie di Icggieri i-iconoscibile, Nella gioventu 
questo agarico ba i lenibi del cajjpello collegati al peduncolo 
per una debolissitna membi'ana, che sembra una tela d' ara- 
gno , o da una sostanza cotonosa rossigna , che si stende 
anco suUe lamelle : il peduncolo pei"6 e cilindrico piu o 
meno rigonfio alia base , munito di alcune fibrille radlcali 
picciolissime. II cappello prima e emisferico, ma qua e la 
compresso , indi i suoi lernbi s' incurvano alf indentro , 
ed a poco a poco si piegano , restando pero sempre il cap- 
pello convesso : il color suo e di un violaceo diluto , o 
di un color marronato : lamelle numerose, ineguali, di co- 
lore di cannella. Varia assai e nella grandezza e nella di- 
mensione ; il sapore suo e amaro disgtistosissimo. Cresce 
in autunno a mazzi da 3,4 nell'erba, nei prati del borgo 
Ticino a sinistra fuori del ponie. E velenosissimo. 

56. Agar, cortinaria psamnocephalus. 
Ag. spadiceus , pilen crasso, campanulato , furfuraceo , squa- 
muloso , lamelUs latiusculis emarginatis , stipite squa- 
moso , apice lavi tenuiori, D. C. Syn. 829. Persoon. 
Syn. p. 293. Bull. tab. 53 1 et 586 , fig. i. 
Ag. arenatus. Persoon. Syn. 293. 

11 colore di questo agarico e di un fulvo chiaro , qual- 
ehe volta un poco ingrossato alia base , e segnato da al- 
cune scaglie cotonose e brune : il cappello e prima emi- 
sferico , poscia convesso, carnoso , continuato collo sti- 
pite , avente superiorniente delle maccbiette o scaglie pul- 
verulenti. Le lamelle sono ineguali , un poco larglie , ri- 
coperte in gioventu da una membrana , che scompare , 
lasciandone appena alcune tracce sopra il peduncolo , 
che e glabro al di sopra del colletto, lungo 4 rentim. II 
trovai solitario sul suolo , ed anco cespitoso , ma non ,e 
mangiabile. 

Jiihl. ItaL T. XX.WII. 2 3 



3^4 •SSERVAZ. eCC. SC^PRA 1 SINTOMI VELENOSI 

Sj. J^aricus cortiiiaria hoematochelis . 

Ag. subolivaceus , seu lutescente fuscus , stipite oblongo , sub- 
bulboso lutescente , linca ambiente rubra scepe notato , 
lamellis marginatis , lutescente-cinnamoineis. D. C. Syn. 
n.* 535. Ic. Bull. t. 596. 

fi.Agaricus notatus. Versoon. Sya. 296. 

Questo agarico ha uii color fulvo cliiaro , il peduncolo 
e cariioso , pieiio , cilindvico , lungo 12 ceiitim. giallastro 
alia Ijase, segaato Ja uaa macclua rossa semiciixolare posta 
nel mezzo della sua Imigliezza: il cappello prima con- 
vesso , diviene poscia piano , e acquista 8 ed aiico 10 
centim. di dia metro. Le himelle sono del colore della rug- 
giae , ineguali , noii decorrenti sopra il peduncolo , rico- 
perte nella gioventu del fungo da una finissima memljrana , 
die lascia poscia nella sonnnita del peduncolo un anello 
gracilissimo. Cresce in autunno nei bosclil. Non e buono. 

58. Agarlus cortlnarla lanugiaosus. 

Ag. pLleo subcurnoso convexo , squamuloso-villoso , lamellis 
liberis , stipiteque solldo tenui fibrilloso paUidis. Vaill. 
p. t. 1 3. fig, 4 , 6. Bull. tab. 370. fVith arr. 4. p. aSa. 
D. C. F. 2. p. 199. Fries. Ob». i. p. 2.0. 

Questo agarico lia un peduncolo pieno, lungo 4 centim. 
cilindrico , lievemente bruno , portante un cappello egual- 
n)ente bruno , ricoperto d' una sostanza lanosa assai folta 
specialmente In gioventu: allorche si avvicina al sue ter- 
mine il cappello non e piii lanuto , che nel centro , ed il 
reStante e lucido : il cappello prima e sferico, poscia a cam- 
pana , indi coiiico , flnalmente i suoi lenibi si rivolgouo 
fendendosi : le lamelle sono fulve , ineguali , libere , al- 
largate : i lemlii de;l cappello sono in gioventu coperti in- 
sieme al gambo da una laiiuggine clie sembrano fila di ra- 
gnatele , die resta poscia attaccata in parte al cappello , 
ed un poco al gambo. Cresce in primavera nei boscbl , 
ed anco in autunno. Trovasi solitario sopra le foglie mar- 
cite a S. Leonardo. Non e buono. 

59. Agariais cortincaia tarhinatus, 

Ag. mollis , pileo viscoso Icevi flavo , lamellis confertis inte- 
genimis e flavescenti cinnamomeis , st.pile bu/bo^o albo. 
Agnricus caliochrous. Per soon. Syn. 28 ?> '( 



NK rUiSGHI NKL PAVBSK. 355 

Amanita turbinata. Lam. Diet, i , p. 106. Am. Haller. 

Helv. n.° 241 1. Ag. turbinatus Bull. tab. 110. Fries. 

Obs. 2, p. 66. 
II peduncolo di questo fungo e pieno, cllindrico , d' un 
bianco cattlvo, avente un anello filamentoso, rossigno e fu- 
gacissinio , rigonfio alia base, in nn tubercolo, che ha presso 
a poco la figura d' un pero , con scaglie si prominent!, che 
possono essere prese per avanzo d' una volva. II cappello 
e convesso , carnoso, d'un giallo dilavato, lungo da i5 a 
30 centiiii,, la superricie e arida, suscettibile d' essere de- 
corticata. Le lamelle sono rossigne , ineguali , numerose , 
aderenti , ma non decorrenti sul ganibo. Questo agarico 
si avvicina assai all' Ag. ferrus;ineus. Persoon. Disp. Meth. 
fung. p. 6a. Cresce in estate nei boschid'alto fusto. Noit 
e buono. 

60. Agaricus cortinaria nwlas. 
Ag. gregarlus , pileo tenui glabro lilacino-rufescente , lamdlis 

roiundatis dilate violaceis, stipite solido cp.quali , nudo. 
Fungus cceruleus minor. Buxb. 1. c. t. 32. fig. i. Agaricus 

nudus. Bull. t. 439. Persoon. Syn. p. 277. D. C. Fr. 

2. p. 195. Ag. quadrifarius. Schuni. p. 298. 
Questo agarico ha uno stipite ciliadrico, piii spesso alia 
base che alia sommita, glabro senza anello ne scaglie, ne 
volva: il cappello prima emisferico, indi fassi convesso, di- 
venendo poscia irregolarmente concavo. Nel centro e molto 
carnoso e sprovisto di scaglie: le lainelle numerose, strette, 
ineguali, che si attaccano al gambo. La varieta a e volva- 
cea , il cappello diviene fulvo, e poscia le stesse lamelle 
divengono rossigne. La varieta S e tutta quanta rossa, o 
fulva, allorche nasce. II peduncolo arriva da 5 a 6 centim. 
di lunghezza. Egli trovasi in ogni epoca dell' anno nei 
boschi, ed e assai sospetto. Dicesi volgar. Fungo Vedovo. 

61. Ag. cortinaria glutinosus Schoeffer, 
Ag. pileo obtiiso glutinoso, purpureo-fusco, lamellis albido- 
cinereis. Ag. lubricus-scopol. Carn. p. 447. Am. Halter. 
ITelv. n." 2369. Agaricus glutinosus Schceffer tab. 36. 
Sowerb. t. 7. flor. Dan. t. 1247. Agaricus Uniacimis. 
Dicks. Ag. velatus With 1. c. p. i63. Ag. visridus. Per- 
soon Syn. p. 291. Gomphus glutinosus. Fries. Sys, my- 
folog. 7. I. pag. 3 1 5. 



356 OS9ERVAZ. CCC. 80PRA 1 9INTOMI TELENOSI 

Questo agarico di leggier! lo si riconosce da uaa lu- 
cente miicilagiiie che il ricopre tutto quanto , al qual 
glutine s'attaccano le foglie ed altre sostanze. 11 cappello 
e del colore di caiinella che il niantiene siuo al deperimento 
sue. Lo stipite e un poco ingrossato alia base, ed e lungo 
da 6 a lo centim. con macchie ncre. II cappello convesso 
lievemente rinlzato nelcentro, ed i lenibi suoi divengono 
poscia irregolari e pieghettati: le lamelle bianche ineguali 
decorrenti. Avvene una varieta a color giallognolo coUo 
stipite rossigno : io 1' osseryai in autunno sopra alcune 
piante di Alni a niazzi da 12 sino a ao e piii individui 
uniti. Ha un odore piacevole , ma e molto sospetto. 

szzions xl 
Lepiota. 

Fung. cap. V. Batt. p. 2.(). ad part. Ag. volvatr. Batsch. 
p. 5i. Lepiotce. spec. Persoon. Syn. p. aSy. Aman. 
Spec. Nees. Syst. p. 189. 

Char, velum universale simplex cum epidennide pilei conti- 
guum et concretum: rupt.um annulum inferum subinde 
fugaccm sistens. Stipes cavus! intus floccis plus minus 
contexds farctus cequalis: hasi iricrassatus , fibrilJosus. 
Pileus plus minus carnosus non vero compactus , junior 
ovatus, mox campanulatus , dein expansus umbonatus : 
epidermide a velo formata. Caro alba , mollis : lamellce 
incpquales numquam distantes, decurrentes. Color lamellcs 
albus in variet. quibusdam flavus. 

Questi agarici non hanno volva , il loro stipite e cen- 
trale , e le Innielle inveccliiando non anneriscorio, e sono 
ricoperte in gioventu da una raeinbrana clie si lacera, 
lasciando un anello membranoso sopra il gambo. 

62. Ag. lepiota caiidicinus. 
Ag. cccspitosus , congestus , pileo umbonato piloso squamosa 

fuligineo , lamelUs subdecurrentibus albidis pallesccntibus , 

stipite annulato conico , olivaceo , cinereo. Bull. herb. 

tab. 377. et 543. 
Ag. obscurus Schcefftr tab. 74. ag. fusco-palUd. Bolt. tab. 

1 36. Ag. congregatus id. t. 140. Ag. stipitis. Sowerb. 

t. 101. Ag. polymices. Persoon. Syn. p. 269. 
Jm. Hall. n. 2399. Agaricus melleits. Flor. dan. t. ici3. 



NE' PUNGHI NEL PATESe. $5f 

Questo agarlco e di nn colore oscuro, il suo peduticolo 
« canioso, cilindrico, sovente un poco ricurvo alia base, 
lungo da 9 a lo centim. muiiito di un anello intiero 
ravvolto in forma di calice. II cappello e convesso, un poco 
prominente verso il centre, segnato da macchie oscure 
nella varieta « , e glabro iiella varieta j3. I lenibi sono ia- 
tieri, ed un poco sinuosi: ie lamelle sono giallastre, o 
bianclie ineguali, e discendono Uevemente sal gambo. Tro - 
vasi in autunno sopra le radici o al piede de' salici dei 
gelsi e degli olnii in gran mazzl. 

Varia questo fungo nel colore e nella grandezza. Al 
piede de' morti gelsi \e ne ha una varieta die e graditis-- 
sima al palato : hanno un colore giallo o scuro special-- 
mente sul cappello, e sotto una membra na , che sta attac- 
cata ai Icmbi del cappello, e ne circonda il gambo , per 
cui non si scorgono le lamelle; crescendo pero il fungo ella 
si lacera lasciandone le tracce. Ve ne ha un' altra varieta 
alia radice degli olmi che ha un color oscuro tanto il 
gambo che il cappello, e v'ha quella che si trova al piede 
de' salici, che e la piii fibrosa ed insipida. Dicesi volgar- 
mente gaberolo. Gabbreu dai Pavesi. 

63. Ag. lepiotct procerus. 

Jg. magnus pileo carnoso umbonato squamoso rufescente , 
cinereo , lainellis rcmotissiinis albidis, stipite bulboso 
longissirno , anulo mobilL Persoon. Syn. p. 157. D. C. 
Syn. n." 553. 

Ag. procerus Schmffer-fung. tab. 22, aS. Persoon Syn. t. aS7. 

Agaricus colubrinus. Bull. tab. 78. et 583. 

Ag. variegatus. Lam. Flor. Franc, i. p. 149. 

Questo fungo descritto e delineate da molti autori, sio- 
come puossi vedere in Oflfnian. Fung. i. p. 84. 35, e spro- 
veduto di volva , ma il suo peduncolo e rigonlio alia base. 
Ei si alza da 3 a ij. centim., e cilindrico, iistoloso , mac- 
chiato di bianco e bruno. II cappello e ovoideo in gio- 
ventvi, poscia i lembi si rialzano, e divlene un poco con- 
vesso. La sua carne si rialza qua e la a guisa di lamelle, 
che lo rendono scaglioso. Le lamelle sono biancastre, poco 
numerose, ineguali, terminanti in punta innnnzi d'arrivare 
al peduncolo, e sono coperte in gioycntu da una mem- 
brana , che staccandosi dal cappello e dal peduncolo forma 
un anello mobile. Cresre nei hoschi e nelle rampagiit 



358 096EUVAZ. eCC. SOl'Rl 1 SINTOMl VBLBNOSI 

a ride e silicce In estate. Al dir di BuUiard e huono a 
niangiarsi , e molti popoli della Gerniania lo niangiano avi- 
tlamente (i). Volg. dicesi fungo pelicione. 

64. Ag, lepioui mesomorpkus. 

Ag. pileo sicco Icevi, lamelUs liberis , stipite glabra, annula 
erecto. Bull. t. 5o6. f. i. Peis. Syn. p. 362. D. C. 
Fr. 2. p. 3o5. Nees. f. 169. 

Lo stipite di qnesto agarico e gracile, cilindrico, fisto- 
loso , liiancastro , glahro , lungo da 5 ceiitiiii. Porta un 
anello scavato , iiitiero, ma assai jjiccolo. II cappello si 
rialza a forma d'' una gemma , poscia iiivecchiando i suoi 
lembi diviene quasi piano , ma sempre protuljerante nel 
centro. II cappello e glabru rossigno, largo y. centim., poco 
carnoso : le lamelle Ijianclie assai lar^he. Cresce in terra 
a mazzi nel mese di luglio etl agosto. 

65. Ag. lepiota togidaris. 

Jg. flavescens suhargillaceo, sen dilute ferrugineus , lamellis 
subventricosis , deinutn liberis stipite longiusculo, cavo , 
annulo reflexo. Fersoon. Syn. 2.6%. n.' 584. ic. Bull. 
tab. S^S. fig. 3. 

Questo agarico ha il peduncolo vuoto, cilindrico, lungo 
da 5 ad. 8 centim., giallognolo nella sua parte inferiore, 
bianco al vertice, munito d" un anello che scompare col- 
r eta. II cappello prima e globuliforme , poscia convesso , 
indi piano, d'un giallo rossigno , glabro di 4 a 6 centim. 
di dianietro. Le lamelle sono dello stesso colore che il 
cappello, non aderenti a! peduncolo, ritonde alia base, ine- 
guali fra loro, ricoperte in gioventii da una membrana 
bianca clie t'ornia poscia 1' anello. Nasce solitario ed a 
mazzi di 3 , 4 individui uniti insieme alia base, ed e olire- 
modo sospetto. 

66. Ag. lepiota clypeolarius . 

Ag. inodorus , pilei tpidermide in squamas rupta, lamellis 

approxiinatis , stipite floccoso squamoso , annulo fugaci 

Michel, t. 78. f. 6. Male. Hall. Helv. 137a. Ag. cly- 

..,i peolarius. Bull. t. 4o5. 5o6. f. 2. Soii>. tab. 14. var. 

^fj... JD. C. Franc. 2. p. ao6 Agaricus obscurus Vill. p. 10 1 5. 

, Ag. colubr. Per soon. Syn. p. .258. 

(i) Baumgavtner. Flor. lips. i. p. 810. 



KE rUNCni NE.L TAVESK. 55() 

II prdiiucolo e cilinJrico, biaaco, lungo da ra a i5 cen- 
tim. , fistoloso nudo, ordiuariamente cotoiioso al di fuori 
sino ove i lembL del cappelJo toccano il pednncolo iiinaazi 
lo svilnppo del fungo. II cappello e prima bianco, di forma 
ovoidea allungata, poscia i lembi si raddrizzaao in tnodo 
da di venire il cappello sin anco concavo, uia pero il piii 
sovente protuberante e carnoso nel mezzo. La superficie 
e rlcoperta da una sostanza lioccosa, rossigaa, e cio sem- 
pre pill nella gioventu dell' agarlco. I suoi lenibi poi si 
feudouo in lobi: le lamclle si raanifestano biancliissime , 
ineguali e libere, e di leggieri gli si puo levare I' epi- 
dermide. Varia assai neirabito, per cui qualche volta e 
npparente T anello , tal altra non lo si riscontra. Esso e 
comunissimo intorno a Pavia neir autunno , e lo si ri- 
scontra appena fnori Porta Milano per anJare a S. Giu- 
seppe ed a Campeggi. 

67. Jg. lep'ota aiinularius. 

Ag, ccespitosus congestus , pUeo umboriato , piloso , squamosa 

ocliraceo fuligineo , kinidlis subdecurrcndbus albidis , 

palescentibus , stipite fistuloso , annulato , conico, olha- 

ceo-ciitereo. D. C. Syn. 548. 

Jor. candicinns ccespitosus , stipite squamosa. Var. a. Sp. 3. 

Ic. Bauh. XL. 
Ag. mutnbilis. Scliceffer t. 9. Ag. xylophilus. Bull. tab. 53o. 
f. 3. Ag. annularius. Bull. tab. 643. f. 0. P. A. Ag. 
caudicinus. Per soon , p. 271. 
Questo agarico e di un color fulvo , o rosso : lo stipite 
e carnoso, cilindrico, sovente un poco rlgoniio alia base, 
lungo da 9 a 10 centim., munito d' un anello intiero, rac- 
colto a foggia di doccia , glabro, o guarnito di picciole 
scagiie nella varieta ^. II cappello e convesso un poco 
prominente verso il centro , segnato da piccole scagiie ne- 
rastre nella varieta a, i lembi sono intieri, ed un poco 
sinuosi. Le lamelle giallrstre, o bianche ineguali e lieve- 
ircnte discendono sul peduncolo. Trovasi in autunno nelle 
foreste sopra i veccbi tronchi e radici scoperte dei salici 
e qualche volta a mazzi assai numerosi. In alcuni paesi 
dicesi raccogliere questo fungo come alimento , ma io lo 
credo oltremodo sospetto specialmente allorche vecchio , 
avendo un sapore per vrro dire buono in prima, ma po- 
scia rimasticato ne jvolge un acre che siringe le f^nci. E»i» 



36o OSSERVAK. eCC. SOl'RA I SINTOMI VELENOSI 

pu6 cU leggieri essere confnso col Gaberolo ; di fatto il volgo 
lo coiiosce sotto il nome di Gaberolo falso {Cabbareu fals). 

68. Agaricus lepiota aureus. 

A. fuk'us , pileo carnoso , squamis rariorihus pilosis, lamellis 
adnexis , stipite farcto glabra, annulo parvo. Matusch. 
Sil. p. 35 1. Bull. tab. 92. Sowerb. t. 77 Persoon. 
Syii. p. 269 ? 

Qnesto fongo e di un fulvo dorato , ad eccezione delle 
lamelle che sono liianclie : il pednncolo e glabro , cilin- 
drico, pieno , un poco attenuato e ricnrvo nella parte sua 
inferiore, Inngo da 6 a 7 centim., munito d'un anello intiero, 
ma poco visibile: il cappello e carnoso, prima globuloso, 
indi convesso , segnato da punteggiature fioccose , largo 4 
centira. Le lamelle sono bianclie , ineguali , assai strette , 
coperte in gioventii da una niembrana che resta aderente 
al peduncolt). Cresce in estate nei bosclii ombrosi ed uinidi, 
ha un sapore amaro salato , ingratissimo , ed e oltreraodo 
Te&efico. 

Sezione XII. 

Amanita. 

Fung. ord. Michel, gener. p. 18 3, 188. Fung. Cap. IV. Batt, 
p. 27. Agarici tnberosi. Scop. Cam. p. 4i5. Ag. voh'ati C. 
Batsch. El. p. 57. Aman spec. Persoon. Syn. p. 346. 
Nees. Syst. p. 189. 

Char, velum duplex .• universale volva , a pileo discreia , 
fungum juniorem ovatum totum involucrnns, deirt stipite 
protruso rupta , partira ad basini , partlm in pileo re- 
manens verruciformis: stipes e floccis plus minus con- 
textis farctus . dein subcavus squamoso-fibrillosus , hasi 
incrassatus. Pileus disco carnosus margine tenuis, e cam- 
ponulatO' planus , subverrucosus , vcrrucis discretis , mol- 
libus secedentibus , epidcrmule diu irrigata viscosa. Caro 
alba , lamellcp. postice attenuato; , liberce , antice la- 
tiores, venticosoe , confertce , parum imequales sub anthesi 
denticulate; — Color varius , lamellarum albus , in una 
specie etiam luteus. 

Amaniti. 
Qnesto genere d' agarici ba una volva o borsa , che 

gl'involge inticramente allorche giovani, lasciandone poscia 

•nliorche si lacera le traccc sue sopra il cappello. 



Ke' rUNGHI NEL PAVESK. 36 1 

69. Amaniia vaginaia. Ag. vagiiuitus. 

Jg. vaginatus , pilei margine sulcata , lamellii albis , sti^ 

pile fistuhso attenuato subniido , volva vaginali. Buxb. 

Cent. IV. p. 13, t, 19. Michtl. t. 76, fig. i. Batt. 

fung. t. 5. A. C. 
Agaricus vaginatus. Bull. t. 5ia, 98. Am. vagin. et invohit. 

Lam. Ertcycl. i, p. 106, 109. 
a. Amanita livida spndicea. Persoon. Syn. p. 347 , 148. 
Agaricus hyalinus. Schaffer t. 244. 
Ag. pulvinatus. Bolton. 49. Ag. badius. Scho'ffer 345. 

Questa specie varla molto e pel colore, e per la gran- 
dezza , ma o2;nnno la riconosce costantetnente dalla volva 
in forma cli guaina cilindrica , clie in gran parte sta sotto 
terra, o allungata alia base del suo stipite, die e fisto- 
loso , un poco conico , bianco, e si alz.a sino a j5 ceii- 
timetri. II cappello prima e convesso, diviene poscia piano, 
largo da 6 ad 8 centim. ; ora rosjo oscuro, o fnlvo in 
gioventii, livido in eta provetta , sempre striato ai lembi. 
Le lamelle bianciie Ineguali , raggianti aderenti alia sommita 
del peduncolo. Qualcbe volta trovansi tracce di volva, che 
formano delle macchie sul cappello. lo lo trovai in au- 
tunno a Belgiojoso. Dicesi che venga niangiato dai Mosco- 
viti , io pero lo rltengo velenoso. 

70. Amanita piisilla. Ag. puslllus. 

Ag. pileo tenui sicc.o albido , lamellis roseis , stipite fUuloso. 
volva Inxa. Mich. 9 , p. 182. Ag. volva. fi. Bull. tab. 53o. 
Amanita pusiUa. Persoon. Obs. 2, p. 36. Syn. p. 249. 
Fries. Obs. i , p. 2. Dec. Fr. 2. p. 212. 

Questo agarico , che partecipa delle pratelle , il di cui 
tipo principale e 1' Ag. campestris , sorte da una borsa 
nerastra , che si apre alia sommita in quattro o cinque 
divisioni, ma persistente alia base del peduncolo, che e 
cilindrico , trasparente , pieno , qualclie volta vuoto , e 
biancastro , lungo da 2 a 3 centim. II cappello e emisfe- 
rico , sormontato da una prominenza mamillare in tutta 
la sua vita. Egli e biancastro , con linee nere , raggianti 
e ricoperto da una lanugine continuata sullo stipite. La- 
melle larghe poco numerose , ma carnose , assai distanli 
dallo stipite, ineguali, d" un color rosso allorche adiilto 
il fungo. Crpsre in antuimo nei giardini e nei bosclii. 



3^)3 OSSERVAZ. eCC. SOPRA. I SINTOMI VELEXOST 

71. Amanita hulhosa. Ag. bulbosus. 

Ag. pileo obtuse unibonato glaberiusculo spadiceo,sicco cestaceo, 
lamellis cinnamoineis, stipite longo bidboso veloque alhido. 

Am. Hall, liclv. ii.° 2443, Ag. bulbosus. Sow. t. a3o. Per- 
soon. Syn. p. i^S. Fries. 1. c. p. 60. 

Qnesto agarico si alza da i5 a 18 ceiitlm. la gloveritu 
e intieramente coper to dalla volva , die poscia fendesi , 
persistendo alia base del peduiicolo , lasclando sovente dei 
pezzi di essa aderenti al cappello. I! gaiubo e ciliiidrico , 
rigoiifio alia base , sovente ricurvo in vecchiaja. 11 cap- 
pello pill o nieno convesso non mai diviene concave : la- 
melle nunierose , ineguali , liianclie, ricoperte in gioveatu 
da una meuibrnna , che si stacca dai lenibi del cappello, e 
rimane aderente in alto alpeduncolo^ sotto forma d' anello 
intiero o scallito. L' intiero fungo e d" un bianco gial- 
lastro , che divien bruao invecchiando. Qualche volta il 
cappello e viscido. Cresce in autunno nei bosclii , ma e 
oltrenioJo venelico. 

Caratteri di confronto clie distinguoao 

L' Agaricus bulbosus dalV Agar icus campestris , et eduHs. Var. 
che di leggieri si confodono. 



Agarico bulboso. 

Volva completa, persistente, 

peduncoio bulboso e pieno, 

anello grande niolto approssi- 

mato alle lamelle, lenibo in- 



A^arico campestre. 
Niuna volva o borsa ; pe- 
duncoio appena ingrossato 
alia base : anello grande e 
cadnco : lainelle esuali bian- 



tiero , regolare, persistente; la-lche , allorclie giovane , ros- 
melle brevissime sempre bian-|Signe quando adulto : cap- 
che : cappello la cui pelle non|])e!lo con epidermide di leg- 
e staccabile, senza che si la-|gieri staccabile : polpa non 
ceri la sostaaza del fungo : molto consistente, che posta 



odore disaggradevole , polpa 
soda , che non si altera nel 
colore. E comune fuori della 
P. Ticiao aU'Acqua Nera , ma 
trovasi pure in altre parti 
nei diatorni di Pavia. E ve- 
lenoso : e si avvicina ucgli 
eflFetti air Ag. pipfratus , per 
«ni posto in bocca svolge bru- 
eJore alle fauci ed alia lingua. 



in bocca prende un color 
vinoso , dicesi volg. Raggeta. 



ne' funohi nel pavbs*. 363 

7a. Amanita aurantiaca. Ag. aiirantcaxus. 

Ag. pileo campanulato aurantio-ruhio , renellis ventricolis 
aureis , stipite albo. D. C. Syii. t. 362. 

a. Amanita aurantiaca. Lam. diet. p. 41. 

Agariciis auiantiacus. Bull. tab. 120. Scliceffer. Fung. 4, 
p. 64, tab. 267. Michel, gener. 186, t. 67 , f. 1. 

y. Agaricus ovoideus Albus. Bull. tab. 364. Agaricus ccesa- 
reus. Allion. flor. Pedem. p. 33^, f. i. 

Qucsto agarico dopo il Qimpestris e il piu usitato. Era 
egli conosciuto dagli antichi Roman! , i qnali lo dicevaao 
Fungorum princeps. Appaie sotto la fonna d" ovo chluso 
in una Ijorsa niembranosa , bianca , che poscia apresi al 
vertice mostrando una superficie gialla cbe mano niano 
apresi collo svolgersi del cappello , che cOntinca ad al- 
zarsi siiio a 10 , 12 centim. di dlametro : la superficie e 
arida , facile a decorticarsi. La carne continua col pedun- 
colo , il quale e lievemente rigonfio alia base , duro e 
consistente. Lamelle un poco fimbriate , composte di due 
lamine , assai adereuti alia carne. II vero fungo auran— 
ziaco ha il cappello d' un rosso ranciato, e le lamelle ed 
il peduncolo giallastri. L' auranziaco giallo e tutto d' un 
egaal colore e la vai'ieta bianca e pur tale : le lamelle 
sono in tutte ricoperte da una membrana , che nfe forma 
poscia r anello. Questo agarico lo si trova da noi , ma 
pill comune al suolo di Lumellina , e plu ancora al Mi- 
lanese , cio non ostante in autunno sui nostri niercati lo 
si vede di spesso , ed ognuno e invogliato ad acquistarlo 
pel gusto suo, non che per I'odore soavissimo che nianda. 
Convien ben riflettere a non confonderlo col falso cocco 
che e veienosissimo. L' agarico descritto dicesi volg. fungo 
cocco , fungo ovo. Fung. ceuf. 

73. Amanita muscaria. Ag. muscarius. 

.4g. pilci marginc striata, lamellis candidis, stipite subfarcto 
bulboso , volva squamosa. Clus. p. 2.80. Fung, mu- 
scarius. Trag. Ic. Bauh. XL. c. 5i. Michel, t. 78, 
f. 2. Ag. muscarius. Linn. Suec. 12 35. Schceffer t. 37, 
aS. Am. pseudo-aurant. Bull. t. 132. Am. muscnrin. 
Per soon. Syn. p. 2 53. 

Questo agarico , che dicesi ovolaccio, cocco falso, fuwgo 
tignoso, cocco maledico , i-assomiglia molto all'.^g'. ccrsareus. 



564 ojsEnvAi. ecc. sopra i sintomi velenosi 

Linn, gia descritto, volgcirmeiUe detto fungo cocco , die 
e uno dei piu buoni a innngiai'si , ma sovente m' ac- 
cadde di osservare , che insieme al sopra descritto recasi 
sulle piazze confuso nil altro , die fe il niuscario , fungo 
atrocissimo , die dicesi inebbriante perdie da alcunl popoli 
Nordici fassi con esso e 1' epilobio angnstifolio una be- 
vanda die lia tale proprieta. Credo quindk non inoppor- 
tuno il darne i caratteri^di confronto. 



Agarico muscario , o falso 
cocco. 

La borsa , da cui sorte il 
fungo e incompleta , subro- 
tonda , di superficie inegua- 
le , biancastra, qualche volta 
oscura. 

Lo stipite ossia gambo bul- 
boso alia base , cavo nel 
mezzo , con superficie squa- 
mosa, anello grande , bianco, 
membranoso, perslstente, la- 
melle solitarie dimezzate e 
bianche. 

II cappello se e giovane ha 
la forma d' una campana , 
piano , dilatato se adulto : 
pelle non staccabile dalla car- 
ne. Sapore e odore corrispon- 
dono fra loro , ed e questo 
il maggior inganno. 

74. Amanita procera. Ag. procerus. 
Ag. sordido albiis , pileo piano medio subdepresso vcrnicoso , 
aspero , lamellis lads , pcdiculo minime adnexis , sti- 
pite pleno 5 erecto bulhoso, squamoso. D. C. Syn. n.* 5o6. 
Ic. Bull. tab. 78 e Sg3. 
Questo agarico e di un bianco sordido. Lo stipite e 
dritto , lungo da 12. a i5 centim. i3ieno alia base , fornito 
di scaglie , che sono gli avanzi della borsa incompleta 
che lo ricopriva in gioventu. II cappello e presso che 
piano , con un lieve infossamento nel centro : arriva dai 
la ai J 5 centim. di larghezza ed e scgnato da verruche 



Agarico cesarco, o fungo 
cocco. 

Volva completa, ossia bor- 
sa 5 che ha per lo piii cin- 
que divisioni, allorche e sbuc- 
ciato il cappello , ed innanzi 
e oviforme , con una super- 
ficie liscia siccome pelle , e 
d' un color latteo. 

II ganibo d' egual dimen- 
sioue in tutte le sue parti , 
lievemente rigonfio alia base, 
pagliarino all' infuori , solido 
allorche giovane, cavo , adul- 
to: anello grande, pagliarino , 
caduco allorche invecchiato : 
lamelle pagliarine, dimezzate, 
solitarie : cappello emisferico 
se giovane, poscia convesso, 
pelle sottilissima, c di leg- 
gieri staccabile. 



ne' funghi nel pavesb. 365 

proiuinenti e sparse , die sono le tracce della volva : lo 
lamelle sono larghe , spesse , noii contigue col gambo, 
sopra del quale lasciano la loro traccia. La niemhrana 
che li ricopre si ravvolge in forma d' anello sopra il pe- 
duncolo. Cresce in estate nei bosclii. E di un gusto squi- 
sitissimo , e suolsi niangiare da noi suUa cosi delta gra- 
ticola , unto innanzi coll' olio , o burro fresco. 

75. Amanita aspera. Agaiicus asper. 

Ag. pileo subumhonato , verrucis acutls scabro , margine 
Icpvi , stipite farcto attenuato squamuloso. Buscb. cent. V. 
t. 48 , f. I. Aman. Haller. Helv. n." 2365. Agaricus 
verrucosus. Bull. t. 3 16. Ag. myodes. Bolt. t. i3(). Ag. 
asper. Abb. D. Scha<^. 3. Decand. fr. a. p. 208. Amor 
nita. Persoon. Syn. p. a56. 

Questo agarico ha una borsa incompleta , che sconiparc 
nella prima eta , e lascia sul cappello delle prominence 
sovente a punta. II peduncolo e spesso alia base pieno, 
lungo da 5 a 6 centim.: il cappello prima eraisferico c 
stretto termina col divenire concave e largo da 7 ad 8 
centim. : le lamelle bianche , numerose, ineguali, ricoperte 
in gloventii da una membrana , che si ravvolge a foggia 
d' anello persistente sopra il peduncolo. La carne e bianca 
o rossigna. Trovasi in estate nei nostri boschi , ma e so- 
spetto. 

76. Amanita verrucosa. Agaricus verrucosus. 

Am. stipitata , pileo convexo cinereo verrucosa, verrucis la- 

mellisque albis , stipite basi bulboso. Huds. Flor. Angl. 

p. 6i3. 
Amanita umbrina. Pileo planiusculo , fuligineo ocraceo opaco , 

verrucis , lamellis , stipiteque albidis. Disp. Metli. fung. 

p. 67. 
Amanita citrina. Persoon. Syn. 25 1. 

I suoi caratteri sono d' avere una borsa incompleta, della 
quale non rimane vestigio veruno ancorciie svilnppato. 
L' anello e persistente menibranoso , talvolta ondeggiante : 
il gambo bulboso alia radice. E per lo piii solitario , e 
lamelle pure solitarie , intiere , bianchiccie : il cappello da 
prima emisferico , indi piano, finalmenfe concavo , e la 
di lui polpa contigua col gambo , la di cut superticie « 



366 ossEnvAr. ecc. sopra i sintomi velenosi 

coperta da inimite proniineiize , sopra un fondo rossiccio: 
carne biaiica , ed or lossigna noii alterabile nel colore , 
odore iioa dispiaccvole , sapore alquanto salato , ma ri- 
tiensi per velonoso. Esso piesenta niolte varieta, le quali 
da taluno vennero confuse sotto il nonie di Ag. myodes. 
Ag. maculatus. Ag. citrinus. Ag. fulvus. 

Trovasi nei boschi di querce nella vallata del Ticino, 
e men furono presentati anco in quest* anno moltissinii 
esemplari raccoiti nell' autunno fuori di P. Ticino al luogo 
detto il Rottone , volg. dicesi Bisacan, 

Blorchella. 

Char. Pileiis carnosus , areolis laciinosis. 
MorcheUa. Persoon. Bol. fuss. Lain. Plial. sp. Linn. Morcb. 
Bulliard , tab. i , pag. 68 , t, a. Gen. XIV. 

Spiignole. 

Sono provviste di borsa , d' un peduncolo cilindrico , 
portante un cappello ovoideo chiuso alia sommita con cel- 
lule che lianno una figura poligona , ed ivi sono riposti 
i grani semlniferi. Juss. Lam. Persoon. Distinsero le spu- 
gnole dai satiri , non aventi essi borsa , ed essendo i loro 
semi involti in un viscido umore. 

J. MorcheUa esculenta. 

M. Stipite hrevi , pileo celluloso , rugoso. Vent, in mem. 

p. 5o8. 
Phallus csculentus suai^eolens , stipite nudo , hrevi , fistulosu, 

pileo cum stipite adnata , cellulis profondissimis. Mor. 

esculenta Persoon. Syn. 6i8. 
Phallus csculentus Linn. Sp. 1648. Bull. Champ, p. ^74, 

t. a 1 8. 

La spugnola commestibile , che in vernacolo dicesi spons- 
gneulle. Spugnuolo bucno , tripeto dei Piemontesi , ha un 
peduncolo cilindrico , ma ineguale , qnalclie volta pieno , 
ma pill sovente crasso , ma vuoto e bianchissimo. II cap- 
pello ovoideo , fatto a cellule poligone : ha un odore pia- 
cevole , e sen distinguono tre varieta pel colore. La pri- 
ma in gioventu e di un bianco latteo , e divien poscia 
giallo-pallida ; la seconda e prima grigia , diviene in poi 
«r ua color fuligginoso ^ la terza c di un grigio bruno, che 



I 



Ne' FUNGHl NEL PAVESE. 36^ 

diviene ucroguola. Crescotio esse in priinavera sotto i filari 
delle viti , e lungo i pergolati, variando assai iiella forma e 
iiella grandezza. Esse mangiaiisi verdi , ma anco essiccate 
senza pericolo veruno , sebbene possano divenire funeste 
allorche raccolte dopo lungbe piogge o per non essere 
state ben pulite dngl' insetti , che sovente annidano nelle 
loro cellule ; siccome possono essere iiocive allorclie ram- 
moUite dalla veccbiaja , al dir dl Gilbert , uomo celebra- 
tissimo neir arte medica (i). 

2. Morchella crassipes. 

M. stip/te crasso , alho, rimoso et covernoso , pileo plicato. 

Michel, f. 8. tab. 7. Phallus crassipes. Vent. Mem. inst. 

I. c. 1. p. 509 , f. a, 
Morchella crassipes. Persoon. Sya. 261. 

Questa spugnola recasi sulle piazze , e si distingue dalla 
precedente pel peduncolo rigonfio alia base , e piu pic- 
colo alia sommita. 11 peduncolo e quattro volte piu lungo 
del cappello , il quale e bruno , celluloso , conico , ler- 
minato in punta. Trovasi nei dintorni di Pavia , ed io 
lo trovai alia Motta S. Damiano , alia Vella , a Scarpone 
sotto i filari delle viti, specialmente in prima vera. 

Satyrns. Phallus. 

Char. Pileus cellulis reticulatus , aut tuherculatus . 

Phalli. 

Questo genere si presenta con un cappello alzato sopra 
un peduncolo , inviluppato in un sacco alia base ; cap- 
pello forato aU'apice, e la superficie fntta a cellule po- 
ligone, dalle quali sorte un umore viscbioso, puzzolente , 
misto a dei grani neri e verdognoli. 

I. Phallus impudlcus. 

P. fcetidissimus., sdpite lorigo , volvaceo , cribroso , pileo brevi , 
nee cum stipite adnato , cellulis vix cavatis. Hab. t. i8a. 

Phallus impuJicus. Linn. Gen. plant, fung. P. Schrrffer , 
fung. 196. 

Phallus fcrtidus. Lam. flor. fran. 1. p. 121. Morille fetide. 



(t) D6moasti«t;on elemcntaire de botanique, t. 3, p. 304, 



868 ossKRVAz. ecc. sorRA. I sintomi velenosi 

Fungus fixtidas , penis immaginem referens. C. B. Lin. 374. 
Phallus. Pileo o^ato cetluloso , stipite riudo , rugoso. Linn. 

flor. Snec. n." 455. Boh. lung. f. g5. Yolg. dicesi 

sponsgneulle falsa. 

In gioventii qaesto fnngo e molle, ovoideo, giallastro , 
ma poscia apresi il sacco , e ne sorte il cappello col 
gambo, che e cavo, ciliadrico, alfjuanto rappicciolito alia 
somniita, Mancastro e tutto quanto pertugiato qual spu- 
gna. Air apice del pednncolo v' ha vm cappello conico at- 
travcrsato dal gambo, ma non aderente, formato egli pure 
da tante cellule poligone ripieue di un uiuor viscido , ver- 
dognolo , ed oltremodo fetido. Questo fungo si alza da 10 
a 12 centim. , ed e di breve durata. Trovasi sul finlre 
dell' estate , e da lungi si manifesta col suo fetido odore , 
c in tutti gli anni io il trovo viciiio al Campo Santo fuori 
di porta Cremona. 

2. Phallus caninus. 

P. rnfescens , minor , pileo coUiculoso , stipiti contiguo. Per- 
soon. Ob. mycol. i. p. 7, in Scho'ffer , p. i3o. 

P. Caninus. Sdicpffer. Ind. p. i35, i36. Curtis. Flor. Lond. 
t. 235. Vent. Diss, sur le gen. Phallus, in mem. inst. 
p. 69. 

Questo fungo non ha odore , e assai picciolo in con- 
fronto al precedente , e noi lo trovammo assai volte vi- 
cino ai tronchi marciti dei pioppi. Volg. dicesi Pissacan. 

Clatlirus. 

Char. Litotecii hymenio demum deliquescentc. Pileus acaulis 
ramis anostomosantibus. Bull. Cliamp. t. i , p. 68. 

I. Clatlirus cancellatus. 

Clat. volvaceus , sessilis , ramis coralloideis concameratim, 

dispositis , volva uivea erumpens. Bull. Champ, p. 140, 

t. 441. 
Clathrus cancellatus. Linn. Sp. 1548. Clark, ruber. Michel. 

gen. 214, tab. 93. Persoon. Syn. 241. fl. Clathrus 

flavescens. Persoon. Syn. 242. 

Questo fungo e sessile , e sta fisso al suolo merce sl- 
«une minute fibrille. E globiiloso, ovoideo , bianco , gross* 



me' fungiii nel pavese. 369 

sicconie una grossa palla da bigliardo. Iiitoraameiite coii- 
ticne una sostanza mucilaginosa , clic si osserva allorclic 
rompcsi il sacco , dal quale sortc il cappcllo , chc e fatto 
a guisa tli canccUo d' uii bel rosso , nella di cui parte 
interna scorgesi tutto fatto a cellule. II cancello e fatto 
come una volta , ossia globo. Dopo parccclii giorni sbuc- 
ciato scorgesi nelle cellule sopraddette i\n liquor fetentissi- 
1110 , indi passa in deliquescenza. lo credo clie il fungo 
(lescritto dal sig. Malacarne , clie dice aver trovato a S. Ze- 
none , non sia altro clie il clatro caucellato di cui par- 
lasi. Li alcuni paesi v" lia il pregiudizio ancor vigente nel 
volgo die clii tocca 11 n tal fungo vien preso da cancro , 
cpiinci scoperto cgli da taluno , costumasi seppellirlo al- 
1 istante (i). lo lo trovo in ogni anno nel bosco del giar- 
dino botanico. 

Trighia 

Dermatocarpi. 

Char. Fungi membranacci , coriacei , aut villoso iiitus pul- 
vere farctis. Trichia Ilaller. Peridium rigidiwi super- 
.sistens , capillitium suhcompactum basi adiintum , ela- 
stice se expandens . Bull. loc. cit. t. i , p. 68 , tab. i , 
gen. 4. Trichia conferta flava aurantiaca , nitida , pe- 
ridio sphcBrico , scepe sessilis persistente. D. C. Syn. 
n.° 643. Ic. Bull. loc. cit. tab. 417, iig. 4. 

I peridj di questo genere di fungbi sono sessili o pe- 
duncolati o portati in comune sopra una ineuibrana ap- 
j)arentissima allorclie giovani. Raccbiudono dei filamenti, 
clie sono attaccati al peduncolo , o alle pareti del peridio, 
cbc portano dei globeti pulverulenti nuinerosissimi. [1 peri- 
dio dclle tiicbie e dei sferocarpi e ovoideo, o sferico, sessile, 
o peduncolato , clie rompesi da se. 

I. Trichia gymnospcmia. 

T. snbrotundii , sessilis , spndicea , pulvere iiudo. Persoon. 
Tab. 6. Iig. I . Sphcerocarpus sessilis orbicularis , cxUis 
fusco nigricans „ intiis aureus , reticulo fibrosa fugaci 
vix perspicuo. Bull. Cliamp. pi. 417, f. 5. 

(l) Tiiove dans son Cliloiis du dt'-j>;tilciiionl des Landes. 



Bibl. hal. T. XXXVlf. 



-4 



370 OSSERVAZ. CCC. SOPUA I SINTOMI VELENOSI 

II pcrklio ili qucsto fnngo c sferico , luccntc all" csterno , 
ordiiiaiiaineiUe d" uii glallo tloi-ato , qualche volta Ijruua- 
stro o plnnibeo , sovente sessile , qualciie volta portato 
sopra un corto pctkuicolo e ciliadrico : la membraua della 
liase e bianca assai apparente, I perldj si aprono irre- 
golarmente , e la loro parte infcriore rimane ordinaria- 
iiiente come un calice lacerate : la reticclla filamentosa , 
c la polvere soiio d' nil giallo dorato. Cresce in agosto so- 
pra i tronchi degli all^eri niorti, c io lo trovai vicino al- 
r oratorio di S. Damiano , stradale di Belgiojoso. 

GE A STRUM. 

Char. Volva radlcatim faso , peridium loeve ( acuule ) ore 
piloso dehiscens. 

1. Geatrum hygrometricum. 
G. radio muhifido nifescente , peridio sessili , glabra pnlU- 
diore. Persoon. Disp. Meth. fang. p. 6. Geastrum. Bull. 
loc. cit. f. I , pag. 68, t. I. Gen. 6, fig. 29. Ly- 
coperdon radiatum. Batsch. Elen. fung. p. i5t. Flor. 
Dan. tab. 36o. Bolton, fung. t. 179. Geas. hygrome- 
tricum. Persoon. Syn. i35. 

L" inviluppo esterno di questo fungo e un bruno rosso 
e dividesi in 6 o 7 raggi , che si ravvolgono alT iuiljasso. 
II suo dianietro allorche e esteso e di 7 centini. circa. II 
peridio e dello stesso colore che la base : e sessile , sfe- 
rico alia soinmita , e fa centre alia base da una volva ta- 
gliata in piii parti segnata da strie retifornii. Questa specie 
lia la proprieta , che il suo involucre esteriore e raccar- 
tocciato all' indietro allorche la stagione e secca , e tro- 
vasi in un niodo opposto allorche 1' atniosfera e uniida. 
Cresce nei boschi , e, soprattutto ne' luoghi ombrosi e sel- 
ciosi , ed io il trovai nel bosco della villa Eleonora , pro- 
prieta Paleari , fnori delle mura della nostra citta. 

TULOSTOMA'. 

Char. Peridium stipkatum., ore cylindrico , cartilagineo. Tulost. 
Squamosum. Var. fi. Persoon. Syn. 139. Tulost. Fi- 
laiwn. Bull. Champ, tab. 471. F. T. Lycoperdon pe- 
dunculatum var. j3. Linn, spec. 1 6S4. Bull. Cliamp. 
p. 161 , tab. 294 et 471, iig. a, Batsch. Elen. fung. 3, 
tab. 29. fig. 167. 



Nlf FUNGIir NEL TAVESK. 3/1 

I. Tulostoma bramale. 

T. Peritliuin stipitatutn : ore cylindrico cardlaginco. Bull. 
Vol. I , p. 68 , tab. I. Gen, VJ. lig. 39. 

Qiiesto fiingo ha uri coloi'e l^iancastro , il peduncolo ci- 
linJrico , ordinariaineiite glabro , qualche volta scaglioso : 
luiigo tre centiinetri, vuoto , e qualche volta attraversato in 
tutta la sua lunghezza da un filo longitudinale slccome si 
scorge in diversi agarici. 11 suo pcridio e globoso aperto 
alia sonimita con un foro ritondo lieveniente prominente. 
Cresce nei luoghi sabliionicci in inverno ed in primavcra. 

Lycoperdon. 

L. peridium caulescens , apice demum ruptiun , vcrrucls dc- 

ciduis obsitum. 
Lycoperdon. Bull. loc. cit. tab. i. p. 68. 
Lycoperdon. Syiec. Lin, Bull. — Bovina — Scltcrodermn et 

Lycoperdon Per soon. 

Licoperdi. 

Carattcri. = Questl funghi sono formati con un peri- 
iTio ordiaariamente globuloso , ripieni in gioventu d' una 
<ai-np solida , biancastra , d" odore fragi'antissinio; poscia 
ingiallisce , si decompone in una sostanza marcida ed 
uniida, chc poscia essiccando, cangiasi in una polve-fulva 
o vcrdognola abbondantissima mista a filamenti. AUorche 
sono niatnri si aprono all' apice piu o nieno regolarmente , 
espcllendo questa finissima polvere a guisa di fumo. 

I. Lycoperdon caelatwn. Bull, 

L. magmtm obconicum paJlescente alhidum, squamis latiuscuUs 
subtus plicatuni , radice ccespkosa. D. C. Syn. n°. 71.3. 
Persoon. Syn. p. 141, n.° 2. Bull. Champ, p. i56, 
tab. 480. 

L. gcmmatuin. Schcfffer. Fung. 4. p. i3o. tab. 189. 

Lycoperdon bovista. 

Questa specie e assai grossa in forma di trottola , riton- 
data alia somniita , e sta fissa fortemente al suolo nierce 
gran copia di fibiillc radicali : la carne prima e bianca , 
poscia giallastra , prende una tinta bruna assai carica , e 
cangiasi flnalmente in una polvere di colore I'uligginoso. 11 



6y2 ossrnvAz. ccc. sorRA i sintomi velenosi 

suo jierJdio gi'.icllc , prinia bianco , dopo cenero^nolo , o 
rosuastro , finaloientc d'' un l)runo pin o iiicno carico. La 
siipcrficic di rado c liscia , nia piu spesso coperta da punte, 
allargate alia base , fonnanti dcllc screpolature a guisa di 
tanti poligoni. Trovasi in luglio, ed anclie in autunno avau- 
zato sul suolo al caiiipo Maizio fuori di porta Stoppa. 
Dicesi volgarmente Pet de Louf. Allorcbe giovane niangiasi 
da tutti avidaniente , essendo gnstosissimo. 

2. Lycopcrdon gigautciun. 

L. suhacaule , glohosuin maximum ex alhido-pallescens sqiia- 
mulis sparsis subosoletis. Persoon. Syn. pag. 140. D. C. 
Syn. n.° 712. 

Lycoperdon Bovista maximum globosnm , came alba semini- 
bus subfuligineis, pcricarpio tamui , flacido, radice gra- 
cillima. Bull. loc. cit. tab. 164 et 447. Schaffer fung. 
Bav. tab. 191. Batsch. elenc. fung. tab. i65. Clus. 
hist, a p. 188. 

Qucsto fungo e costantemente ritondo e presso che sfe- 
rjco. Arriva dai i5 ai 3o centimetri di diameti-o. La sua 
radice e estremamente piccola : la carne prima liianca , 
poscia d' iin glallo verdastro , prende in ultimo un* color 
bruno grigio , cangiandosi in una polve fuligginosa. II pe- 
ridio in gioventii e biancastro, poscia rosso , indi cencro- 
gnolo e delicato, sovrattutto verso la parte superiore , ove 
egli presenta delle areole irregolari. La superJicie e liscia 
ed un poco piumosa. Cresce sul suolo in autunno e noi 
il trovammo nei prati vicino a Scarpone , a S. Leonardo 
alia sinistra del Ticino, 

3. Lycoperdon excipuliforme. 

L. magnum albidum, peridio subgloboso, verrucis spinulosis 

sparsis , caule subt.ered longo plicato. Persoon. Syn. p. 

145. D. C. Syn. n.° 809. Ic. Bull. loc. cit. tab. 480. 

iig. 2. Sclicpffcr. Fung. Bav. tab. 187 et 290 , 296. 
Lycoperdon excipuliforme. Var. a. Persoon loc. cit. 
Lycoperdon proieus excipuliforme. Bull. Cliamp. ]). 148, 

140. fig. 2. 

Questo fungo al dire del signor Decandollc dilFerisce da 
tutte le varieta del L.ycopcrdon Proteus, dappoiclie il suo 
j)eduncolo, che e assai lungo ,. si rigonfia alia Ijase, e si 



Ne"' FUNGIII MEL I'AVESE. ^j3 

ristrino;e alia sommlth , mentre accade air opposto nel L. 
pioieus. II peridio e globuliforme , liscio, un poco iloccoso„ 
prima d'' un bianco giallogaolo , e poscia Ijruiio. Cresce 
sopiM il suolo in luogo arenoso ed asciutto. 

4. Lycoperdori Proteus. 

L. Peridio hemisphoerico Iceviusculo , priino alho , demwii griseo 
rufescente , verrucis paucis , sdpite brevissiino , racUce par- 
va. D. C. Syn. n.° 74. Ic. Bull. loc. cit. tal). 435. 
fig. 2 , tab. 340. 

a. Lycoperdon proteus caepeformis. Bull. Champ, p. 148, 
I 35, fig. 2. 

Lycoperdon praten^e Per soon. Syn. 142. 

^. Lycoperdon ovoideum. Bull. loc. cit. 

7. Lycoperdon piriforine var. J3. Persoon. Syn. 148. 

0. Lycoperdon hiemale. Ball. tab. 72. 

$. Lycoperdon lacunosum. Bull. tab. 62. 

Questo fungo ora e ritondo , ora a guisa di trottola , 
prolungantesi in fine in un peduncolo, un poco rappicciolito 
alia Ijase. La carne prima bianca , cangiasi poscia in pol- 
vere Ijruna. 11 suo peridio bianco in gioventii grigio , 
rossiccio diviene allorche adulto, .finalmente bruno in vec- 
chiaja, e diviene floscio allorche emette la semente. La 
superficie qualche volta e liscia, tal altra cotonosa , so- 
vente munita di punte , o papille di figura variatis>sime. 
La radice e piccola, e la base del fungo presenta sovente 
delle f'enditure o depressioni irregolari. Questa specie ci 
si ofFre sotto molti aspetti, ma nou sono clie semplici varieta. 
Cresce in terra nei prati aridi e luoglii sabbionicci. 

5. Lycoperdon. gossypinum. 

L. gregariuin minutuluni glabro-turbinatum , subliinuginosnin 
palUdnm. Persoon. Syn. p. i5c. D. C. Syn. n.° 710. 
Ic. Bull, loc. cit. tab. 435. fig. i. 

Questa specie e la piu piccola di cpxante noi al)l)ianio 
La sua forma e quella di una trottola presso clie gloljulosa. 
La superficie sua e fioccosa. La carne prima bianca si cau- 
gia poscia in una polve bruna. II suo peridio e delicato, 
flessibile, molle prima d'un bianco lattco , poscia giallastro^ 
finalmente d'un bruno chiaro. Cresce sopra i logni morti , 
carattere die sarebbe bastante a distin^juerlo dalle alt re spe- 
cie conceneri die costantcinentc crcscono in terra. 



374 OSSliRVAZ. eCC. SOI-HA 1 SlNIOMl VELENOSl 

6. Jjycoperdxni andrnsiaccum. 

L. subglobosum ccesio-griseum laive subtus plicatwn , cor t ice 
tenui, corne finna, rubra pulvere subnigra. D. C. Syn. 
n." 708. Persoon. Syn. p. i Sy , n." 3. 

BovLsta plumbea, subglobosa ccesia. Persoon. Syn, iSj. 

Qnesta specie rnsson^iglia assai alia lycogola miniata. Sic- 
rome essa e sprowista cli scas;;lie e tuberco'.i sopra il glolio , 
ma in luogo cVessere ripiena in gioventii d'un sugo liquii.lo, 
oflVc una solida carno d' un colore rossigno , clie essiccando 
cangiasi in una ])olve lu'iina , framniista a dei filamenti. II 
pcridio e gi'acile , coriaceo, flessibile , bianco in gioventii, 
d'un gvigio azzurrognolo in niaturanza. Si apre alia som- 
niita, e poscia si disti-ngge. Trovasi in autunno sul suolo 
ed in ogni anno io lo trovo nel bosco della Villa Subur- 
liana Paleari fuoii di porta Cremona. Male a proposito il 
signer BuUiard dice trovarsi questo licoperdon sopra i legni. 

7. Lycopcrdon pediinculatnm. Lin. 

L. stipite longo, capitulo globoso glabra, ore cylindrico in- 

tegerriino. Pull. Herb. tab. 17. 
lyroperdon pedunculat.um. Far. fi. Lin. spec. 1654. BulL 

Champ, p. 161, tab. 294, et tab. 471, fig. 2. Batsch 

Elenc. fung. 3, t. 29, fig. 167. 

Mi accadde di trovare questo fungo nello scorso anno in 
primavera sopra il inuro d' nn giardino cbe e posto a 
fronte al nostro castello. Avea un color oscuro, un pe- 
duncolo cilindrlco , scabro , lun£>;o 5 centiinetri , avente 
alia base delle jiicciole radici. II siio peridio globirornie ., 
apcrto alia sonnnita da un foro perfettamente sferiro . 



Anno cUnico-mcdico compilato dal dottor Carlo Spe- 
RANZA , gid I. R. medico proviiicicde nel regno 
Lombardo-Vencto , ed or a professors di terapia 
spccicdc c dl clinica medica nclla diicale Uiuvcrsitd 
di Parma; pr ernes sa, una prolasione sui fondamcnti 
della mcdicina teorico^pratica. Anno accademico 
1822-23. — Parma^ 1824, dalla tlpogiafia ducalc, 
in 8.*^, di pag. 204. 



I 



L piano, giusta il quale il prof. Speranza lia compilato 
I' anno clinico-metlico suddetto, ci sembra , a dire la verita , 
niolto lodevole, e merita certamente I'approvazione di tutti 
coloro i quali haiino una giusta idea dello scopo a cut 
londoiio i lavoii di simil fatta. Egli nel presentare al pub- 
blico i risnltamenti delle cure fatte nell'Istituto clinico di 
Panna durante il nienzionato anno accademico, non ha 
voluto liniitarsi ad una semplice sposizione delle medesime, 
nia avricchire il suo lavoro di numerose ottinie conside- 
razioni. Esse , mentre appalesano il niodo di vedere in 
niedicina del nostro autore, e le eminenti sue qualitk come 
medico pratico, rendono senza dubbio le osservazioai ivi. 
raccolte grandemente utili alle pcrsone della professione , 
e vie|ipiii ngli iniziati nella medesima. I fatti , quando non 
siano ridotti ai lore priiicipj col soccorso del raziocinio e 
della induzione , non sono altro che i ciechi ajuti del- 
r einpirismo. 

Gli ammalatl ricevuti nell' Istituto clinico durante 1' anno 
accademico sono ascesi al numero di i53 colla perdita 
del 9 1/19 per 100. Questa proporzione tra i guariti ed 
i morti , che segna una mortalita minima , quando sia 
posta a confronto con quella registrata nelle tavole dei 
risnltamenti ottenuti in molti spedali e cliniclie mediclie , 
fornisce la prova piii sicura della somma abilita e pru- 
denza del clinico di Parma. Ma gli uomini periti della 
scieiiza nicdica avranno opinione di lui ancora maggiore , 
quando riflcttano che nel numero totale dei morti sono 
tompresi sei individui , contro le malattie dei quali la 
terapia ncssun vantaggio poteva arrecarc. Due di cssi 



o 



76 ANNO CTJNlCO-MF.DICO 



attaccatl da polmonito gravissima niorirono nel seconJo 
jliorno dal loro ingrcsso nella cliiiica ; due altri erano affetti 
da gflstrilc e da disseiiteria croiiica passala alia esulcerazio- 
ne; gli ultinii due erano doiuie animalate di polmonite non 
grave , di rccente sviluppo , prolvaljllmente capace di giia- 
rigione , die niorirono in conseguenza dei vapori del car- 
hone. Detratti pei'cio al nnmero totale del niorti i quattro 
incurabili , e Ic due sventnrate vittime degli indicati va- 
pori, la proporzione niortuaria, come lo stesso professore 
Speranza fa osservare , non oltrepasserebbe il 6 per 100, 
proporzione cui e dilliclle di riscontrare nelle tavole di 
siniili risultati, 

II prof. Speranza distribuisce i casi di nialattie curate 
nel corso delle sue cliniclie esercitazioui sotto i seguenti 
ordini : 1° febhri; 3.° infiainmazioni : 3.° affezioni conta- 
piose; z^." profiiaj ; b." idropi; 6." neurosi ; 7.° scolorimentL ; 
S." emaciazioni ; 9.° intumescenze. Egli non lia creduto 
opportune di dare le storie di tutti i casi morbosi cbe 
el)be a trattai-e , ma si e limitato alia sposizione di quelle, 
cui le condizioni peculiar! degl" individui ammalati , la sin- 
golarita e 1" andaniento dei fenomeni uiorbosi , gli effetti 
dei presidj impiegati nella cura , od anclie le alterazioni 
organiche trovate per la sezione dei cadaveri reiidevano 
necessarie ed istruttive. Del resto , anzi clie dare ai sin- 
goli fatti quella scolastica nojosa cstensione , di cui ve- 
tliamo tin troppo spesso ingonibrate le opere di questo ge- 
nere , gli ha menzionati per la maggior parte in una nia- 
niera aftatto coacisa , indicando appena quei c.tratteri die 
sono cssenziali j)er la diagnosi <]olle varie forme morliose 
e loro natura , non die gli effetti otteauti dal metodo di 
cura o da un dato rimed io. 

Mentre dal canto nostro ci dicliiariamo soddisfattissiini 
di una tale condotta dell' autore , non possiamo a meno 
altresl di lodare le giudizlose riflessioni , di cui lia saputo 
corredare presso die tutti i generi di malattie da lui trat- 
tate e riferibili agli ordini nosologici suddetti. Esse ten- 
dono specialmente ad illustrarne la genesi e T essenza , a 
spiegarne ia niodo plausil^ile 1" andaniento e le anoinalie 
in questo osservate , a spargere auova luce suU' azione 
delle potenze nocive e dei rimcdj , in fine a perfezionarue 
il metodo curativo. Tanta erudizione e sagacita troviamo 
impiegata nella loro esposizione , die se da una parte 



nOMPlLATO DAL DOTT. CARLO SPERANZA. 877 

abljlanio in esse il testimonio iiidubitato del pi'ofontlo sapere 
clell'antore nolle diverse teorie mcdiclie antiche e moderne, 
e della retta pppllcazione cli' egli sa fame alia pratica ; 
dair altra 11011 esitiaino ad asserire , clie un anno clinico 
ill sillatta nianicra compilato , liingi dalT essere un sem- 
plice ragguaglio dei risultamenti otteuuti nella cura delle 
malattie per questo o quel metodo, per un rimedio piut- 
tosto die per vm altro , e un coiiiplesso di sane istruzioni 
patologiche e terapeuticlie , clie lianno la loro prova nei 
fatti uiedesimi , a scliiarimento dei quali furoiio introdotte 
ed esposte. 

Premessi questi cenni generali suU" opera clie aniiunzia- 
nio, e fatta manifesta cosi ai lettori la nostra opinione 
sill merito della niedesima , ci resterebbe ora d" Intrapreii- 
derne la rivlsta analitica ; ma noii permettendo i nosti'i 
limiti di occuparci a parte a parte di tutti i casi morbosi 
in essa registrati , ne delle riflessioni aggiuntevi , abbiamo 
scelto per questo estratto il solo articolo febbri. 

Tehbri intermittenti. Quattoi-dici febbri periodiche furono 
trattate nello stabilimento clinico durante V anno accade- 
mico 1823-23. Otto di esse erano terzane seinplici , sei 
delle quali nate in priniavera ed in asciutta regione , due 
in autunno ed in umido suolo. Cinque delle vernali ce- 
dettero al salasso ed ai purganti ; la sesta , ribelle a questi 
prcsidj , fu vlnta col solfato di cliinina , che val.se pure 
a tioncare il corso delle due terzane autunnali , previo 
un pnrgante nelP una , e T eiiietico nell' altra. — Tie al- 
tre terzane presentavano i sintomi della larvaia peripneu- 
monica , o sia dell" orgasrno vascolare al polnione , nate in 
soggetti di temperamento robusto , nel mese di maggio ed 
in citta d' aria salubrc : furono imniantinente troncate col 
suddetto rimedio , previo un salasso in uno dei tre casi 
soltaiito. — Le ultime tre decorrevano a tipo di quar- 
tana semplice : due vernali nate in luogo eminente, in 
soggetti di buon temperamento e seiiza indizio di alFe- 
zione al basso ventre , scomparvero sotto T uso dei pur- 
ganti : nel tcrzo caso a nulla giovarono il salasso, i pur- 
ganti , il pepe nero : la tronco il solfato di cliinina. < — • 
Epicrisi. La giornaliera osservazione lia dimostrato che le 
febbri periodiche non sono proprie soltanto dei luoglii pa- 
ludosi , di un' aria nialsana e delT autunno ; ma che soi*- 
prendoiio piii o meno anche gli abitami delle moiiiagne , 



?,y8 ANNO CLINIOO-MEDICO 

«i un' ntmosfera jwrissiina , ed in qualunqne stagionc. Noii 
ostante si o j^roteso dai iiiedici lU quasi tutti i tempi, chc 
circa al carattcre ed alia natura loro fossero lien diverse 
le febbri perioJiclie veriiaii d;dle autunaali , e quelle dei 
luofflii asciutli dalle altre dei luogiii uinidi , o originate da 
niiasmi paludosi. Ha in seguito accreditato non poco questa 
opinione il vedere , die mentre le periodiche vernali , e 
delle regioni asciutte cedevano al salasso , ai purgaiiti , 
agli antiflogistici ; le autunaali e quelle dei luoghi palu- 
dosi il pill delle volte ribelli a sifl'atti prcsidj , ricliiede- 
vano r azione tonica, corroborante della corteccia peru- 
viana. Qniudi nacque la distinzione delle febljri intcrmit- 
tenti in iiifianiniatorie e nervose , o sia iu istenlche ed 
asteniche , poscia iu ipersteniche , iposteniche ed irritative. 
Onde si possa determinare con qualche precisione , se una 
tale difFerenza eslsta tra le une e le altre , il prof. Spe- 
ranza ne esaniina i fenomeni morbosi ciie esse presentano 
dal suo ingresso fino alia declinazione, noii che il nietodo 
curativo. Ei di proposito riflette , i .° che 1' apparato fe- 
nomenologico e simile in tutte , e la une e le altre ci of- 
frono i medesinii sintomi di afFezione alio stoniaco , al fe- 
gato, alia milza, indipendentemente ancora da gastrica com- 
plicazione , di esaltaniento morboso delle priucipali fun- 
zioni dcir organlsnio e specialmente del sisteraa sanguifero , 
degli organi respirator] e secernenti , non clie delle stesse 
facolta intellcttualii 2.° die tanto nelle vernali, quanto 
nelle autunnali vedonsi indistintamente .".taccati gl' indivi- 
dui di qualnnque condizione e stato; 3." che durante la 
reazione febbrile convengono in tutte le bevande subacide 
antiflogistiche , e nell' apiressia gli euietici , i purganti, il 
salasso , e se questi non giovano , la corteccia peruviana, 
o il solfato di chinina ; 4.° che le recidive sono comuni 
tanto alle one quanto alle altre , e tutte producono col 
rinnovarsi degli accessi delle niorbose altei-azioni ftei vi- 
sceri splancnlci, le quali danno origine poi a nuova febbre 
remittente , non piii domaljile col febbrifugo rimedio. Dun- 
que ne V apparato fenoinenologico , ne le cause , ne il 
nietodo curativo, ne le nialattie secondarie, ne i vizj po- 
stunii ci illuminano sulla pretesa difFerenza essenziale delle 
intermittent!. <i Sarebbe desiderabile , prosegue 1' autore , 
>> che air indicate scopo si potesse colle sezioni cada- 
» veriche rilevare la condizione patologica delle febbri 



C03SIPILATO DAL DOTT. C VUI.O SPEPvANZA. OJ() 

I) periodiche , pel* vedere se qualclic varieta sussistc fra di 
" esse ill forza dolla localita e dclla stagionc. Ma la di 
» loro facilita di terminare in guarigione, o di sviluppare 
>t malattle secondarie ha sempre tolto ai medici 1' occa- 
» sione di scoprirne la vera essenza. n Le. congestion! di 
sangne osservate all' intorno dei precordj d' Individ ui inorti 
durante il freddo febbrile e un efFetto della condizione 
in cui si trovano le arterie ed il sistema capillare in tale 
stadio. Le ostruzioni , le flogosi croniche troyate dopo 
inorte nei visceri addominali , non costituivano V essenza 
della febbre , ma ne erano eiFetti secondarj. Essa non puo 
riporsi nella gastro-enterite, o nelie inlianiuiazioni di diversi 
sistenii , poiclie 1' interniittenza della flogosi non e ancora 
jsrovata, e spesse volte la febbre intermittente cede al- 
y USD di rimedj die sarebbero pinttosto atti a produrla 
che a guarirla. Tra le fa vole devesi jjoi ascrivcre 1' opi- 
nione , secondo la quale ne e incolpata una specie d' in- 
setti di natura cfiniera. Escluse tutte queste idee sulla 
condizione patologica della feljbre intermittente , il pro- 
fessor Speranza, appoggiato a varie considerazioni si teo- 
riche che pratiche , 1' ammette con altri « in una altera- 
>i zione del sistema epato-sjilcnico , e consisteiite in una 
" congestione o turgore nell' organo piu l^iliare die san- 
" guigno,e cagionata da un leggiero stimolo od irritazione 
» del medeslnio. " Posto un tale principio, esclude la forma 
rpostenica dclle febbri periodicbe, delle quali tutte giudica 
iJentica la natura , e vere soltauto le differenze acciden- 
tali, Egli niega che il miasma paludoso ne sia V occasione 
esclusiva , potendo esse avere origine da moltiplici cause 
atte a indurre la detta condizione patologica , e special- 
mente dall' umidita , che tanto influisce in alterare il cir- 
colo del sangne nel fegato e nella uiilza , e la secrezionc 
della bile. In appoggio di tale opinione sulla natura ed 
ossenza dolle feld)ri periodithe adduce anche la pratica 
dei medici antidii , ed anche di alcuni moderni , di cu- 
I'are cioo queste affezioni col salasso , coi purganti , cogli 
ometici in qnalunque stagione e luogo. II primo di silFatti 
jircsldj , sobbcne non reputato assolutamente necessario , 
lo crcde poro convenevole nci casi di periodiche , che si 
}irpscntano coir nspetto d" inllammazioni o di ueurosi ( feb- 
liri pcrniciose ) , fcmmicnl che non da altro dipondono, se- 
condo lui .. die ila conjrestionc san'ruijina e da turgore nci 



38c ANNO CI.INIGO-MEDICO 

visceri ili cjualclie cavita per .n;li effettl della inornmlo dl- 
stiibnzionc del saiigue durante lo stadio del freddo e del 
calore febhrile. 11 salasso ne impedisce il progresso a lenta 
llogosi ed alio svilnppo di fcbbre remitteiite , die ren- 
dono poi iautile aiizi dannoso 1' uso delta corteccia peru- 
viana. Gli emetir.i ed i purganti camljiano la coudizione 
]:)atologica del sistenia epato-spleiiico togliendo lo stiinolo 
die induce 11 suddetto turgore od orgasuio , o sia quello 
stato da cui si fa pas^aggio alia flogosi col rinnovarsi de- 
gli access! febl)rili, Quindi si spiega , dice egli , perche 
nella niaggior parte del casi recliino vantaggio troncando 
la febbre o iaducendo 1' opportunita per 1' azione antipe- 
riodica ( non corroboraiite o tonica come alcuni preteu- 
dono ) della corteccia peruviana , o del solfato di cbinina, 
die reclde il corso delle periodiclie si vernali die autun- 
nali , si de' luoglii asciutti che umidi, e nate in individui 
jiosti sotto qualunque circostanza. 

Febbri irritative seinplici. Furono curate sei febbri di 
questo carattere , -alcune di tipo interniittente , altre di 
remittente , ma in tutte irregolare , prodotte da vermi- 
nazione complicata col gastricismo, Cedettero feliceniente 
all' uso degli enietici e degli evacuanti. 

Febbri continue. II prof. Speranza distribuisce le febbri 
di questo tipo da lui accettate neU' Istituto clinico in quelle 
die interessano i.° il sistema sanguigno (^sinoca o febbre 
nno^iotcnica). — a." II gastro-epatico {biliose). ■ — 3." L' or- 
gano-encefalo nervoso ( nervose ). 

Le sinoche o febbri angioteniche furono nove, otto 
delle quali ebbero un csito felicissimo sotto Y uso del 
salasso , del tartaro stibiato, della digit.ale , di qualche pur- 
gante^ e delle bevande controstimolanti. II nono caso de- 
gcnero in encefalite con apparenza di tifo. Ne fu sorpreso 
un contadino d' anni 38 , di temperainento robusto , in 
dicemljre , dopo gravi fatiche ed vin viaggio a cielo pio- 
voso portando un carico suUe spalle. Accettato nel gior- 
no 4.° di nialattia gli furono successivamente prescritti 
varj salassi, 1' applicazione delle sanguisugbe all addome , 
poscia al capo , i purganti , le soluzioni antimoniali. La 
malattia , se si eccettuino alcuni intervalli di calma , ad 
onta di cosi fatto trattaniento fece gravi progressi , ed i 
sintomi doll' encefalite si presentarono in chiarissima luce. 
Fu continuato lo stesso nietodo di cura , sostituiti ai riniedj 



COMPILATO DAL DOTT. CARLO SPEIlANZA. 38 1 

suilflctti 11 calomclaiio c In gialajipa , fino al giorao j 9 di 
nmlattia, in cui eravi gia tntto T apparato fenomenologico 
del tif'o pill grave con fatale ablianclono delle forze. Si 
appljco uii vescicante alia nuca , e ne! giorao 20 di ma- 
lattia si proscrissei'o la canfora e due vescicantl alle co- 
^ce. Nel gionio 22 ricomparvero i sintonii d' iiTitazione 
e di morboso eccitameato al ccrvello , agli organi respi- 
rator] , al tubo intestinale : aljbandonata la canfora , fu- 
rono prescritti il decotto di tamarlndo e 1' applicazione 
fredda sul ventre. L'amiiialato peggioro di niano in mano , 
e niori nel giorno 27 di malattia dope quattro giorni di 
sopore generale e di uno stato poco dissimile dalla morte. 
Per la sezioue del cadavere si trovo il polmone ingorgato 
di sangue , ed in qnalche luogo adeso alia pleura ; efFu- 
sione arquosa nel cavo addominale e congestione di sangue 
nel vasi enterlcl ; uno stato simile , con tracce di pre- 
gressa flogosi , del vasi della dura niadre e delT encefalo, 
nel cul ventrlcoli eravl raccolta dl slero. — Epicrlsi. II 
prof. Speranza seguendo i principj del modernl riforma- 
tori nega la possibllita delle febbri essenziali, e considera 
la sinoca , o febbre angiotenica , prodotta da flogosi esi- 
stente In qualche parte del sistema sanguigno. Egli pero 
luflette clie non devesi nell' efemera e nella sinoca mite 
supporre dl gia avvenuto un tale processo. La faclllta e 
prestezza con cui V esaltata reazione vltale in simlli casi 
e per lo piii superata col riposo o con bevande antlflo- 
gisticlie , io persuadono a riconoscerne ia condizione pa- 
tologlca in un orgasmo snn^ulgno e nella corrispondente 
reazione , senza die al)bia luogo per anco la flogosi. 
Quando poi 1' efemera o la sinoca mite spontaneamente 
o sotto r uso dl tai presidj non cede , egli considera fa- 
cillssima la dilFuslone della causa irrltaute e lo sviluppo 
della flogosi In qualche parte del sistema sanguigno, onde 
si genera e si sostiene la sinoca pifi o meno vlolenta , 
non clie In seguito una generale angiolte , se la flogosi, 
non venendo frenata , si propaga a tutt' 1 vasi sanguigni 
e specialmente 1 maggiori. Dletro tali principj, e dopo avere 
rifiutata 1" opinione di Boisscaa sulla sede dcIUi feiibre 
angiotenica , e dicbiarata Incerta quella di Cullcii sulla 
genes! della malattia, di cui fu vittlma II contadlno suc- 
cltato , egli s' accinge a rcnderne ragione applicandovi 
i principj stessi , attiuti dalle riflessloni del dinico di 



38^ ANNO r.JJNXr.O-MEDICO 

Bologna suUo iiialattic per llogistlca difTusione , e dagrinsc- 
gaamenti di IJogilson suUa piontczza del sistema saiigiii- 
gno a propagate la flogosi. Egli gindico infatti il suo pa- 
ziente assalito da sinoca , clie estese poscla i suoi raggi 
al cervello. Anzi che attribuire tanti fenomeni ccfalico- 
nervosi ad una febbie tifica , o al passaggio della malat- 
tia ad uao state astenico , li crede effetto della flogosi 
detenninatasi sul cervello. Di la egli coniprese perclie la 
canfora aniininistrata per snggerimento altrui esaccrbava 
i fenomeni morbosl , o non valeva aluieno ad impedire 
ulteriori process! , ne a togliere i gia esistenii , e contro 
i qnali erano di gia inntili i soccorsi deir arte salutare. 

Fehbri hiliose. « Oggetto della presente afFezione furorio 
" due rolmsti contadini, I'uno e i'altro felicemcnte gua- 
» viti con metodo controstimolante. » In uno pero la 
febbre era piu violenta ed accompagnata da sintouii nii- 
naccianti flogistica dift'usione. Se ue ottenne una perfetta 
cnra con quattro salassi, con due appUcazionl dl sangui- 
suglie air ippocoudrio destro ed al torace , coi purganti 
e colle bcAande acide. ■ — Epicrisi. G. P. Frank ed i mo- 
derni medici della Francia , fra i qnali Piiiel coUocano la 
scde della feljbre gastrica o sia biliosa nel canale gastro- 
enterico , attribnendone la condizione patologica alia irri- 
tazione della memljrana mucosa. II nostro autore , quan- 
tunque non ne consideri la bile quale assoluta cagione, 
ania meglio di conservare la denominazione di febbre bi- 
liosa, " perche la prima impressione morbifera si esercita 
". sul sistema epatico per indi comunicarsi al gastrico. » 
La convenienza di sifFatta denominazione , e la sede pri- 
niaria della malattia sono provate , secondo lui , dalle 
tracce d' iniiammazione gangrenosa del fegato osservate da 
Spigelio^ Forcsto, Bianchi^ Falcarenglu e Tonimasini negl'indi- 
vidui morti di febbre biliosa, non ciie dalle osscivazioni 
del prof. Meli^ il quale ne riconosce la condizione pato- 
logica nella flogosi del sistema vascolare della vena porta , 
cliiamando ralterazione del canale gastrico una conseguenza 
della prima infiannuazione, la quale si e comunicata 
dair uno all' altro sistema. Cio pusto , egli considera la 
delta afFezione come una febbre secondaria e prodotta 
da flogosi nel sistema epatico. Quindi e che la febbre 
biliosa pno essere coufusa coll' epatitc acuta, di cui pre- 
SPiita iiic.Itipliii fenomeni. " La romparsa pero del calore 



COMl'ILATO DAL DOTT. CAKLO SPJEUANZA. 383 

tt urente alia pclle , la SQiaiiia , T ambascla , T aflanuosa 
» inol)ilita delP iiifcrmo , la seto iucstinguilaile e tosto 
)/ sollevata dalle bevaiide dilucnti, il colore itterlco com- 
" parso siuo nei primi istanti della malattia >; gnidarono 
il prof. Speranza , e saranno di scorta agli altri nel di- 
stinguere 1' una dair altra atFezione. — Se tale , come e 
indubitato , e la natura della febbre Ijlliosa , e si faccia 
viflessione altresi alia facilita con cui nel suo andamento 
avvengono delle flogosi parziali per dlfFusione flogistica _, 
dai nostrl antecessor! dette metastesi , e da Stoll compli- 
cazioni biliose , chiaro apparira, diceegli, il profitto che 
nella cura della iiiedesima devesi aspettare da un pronto 
ed energico metodo controstlmolante , hasato prima nelle 
deplezioni sangiiigne general! e locali , poscia ncgli eme- 
tic! e ne! purganti. 

Febbre nervosa. Un solo caso d! febbre nervosa o tifo 
acute gii presento un giovane coutadino d' aun! 2 1 d! 
temperamento robusto , e che v! soccombette nel quinto 
giorno dal suo ingresso nel clinico Istituto dopo quattro 
giorni di « opportune metodo curat! vo. » La sezione ca- 
daverica mostro maccliie gangrenose sul peritonco , sul 
ventricolo , sugl' intestin! , nou die tracce di ])regressa 
llogosi nel cervello. Quest' es!to funesto coml)iuato colla 
espressione opportuno metodo curatwo , d! cu! 1' autore ha 
usato, ne appalesano bastantenieute le idee sul carattere 
dell' alTezione. 

Don. Chiolini. 



OO^ 



Maimale pel Droglderi , o sla storia , pi-ovcniciiza c 
curallerl fisici ddlc drng^he e di altre sostanze 
dcstiiiate agli usi medici cd allc artl , su le loro 
falsificazloiil e sal modo di. scoprirlc , dl Felice 
Ambrosionj. — ■ Pcwia, iS2^ ^ dalla tipografia Biz- 
zoni , due lolumi in 8.*^, di pag. 3o3-327. 



A u6 accorlarsi airautore qnello cJie egli dice nella pre- 
fazione, clie il dizionario dclle droghe di Lemery lia pei- 
duto a cagione delle nuove scopcrte gran parte della sua 
ntilita , anzidie della sua celebrita , giacclie fu una delle 
prime e piii compiute opere die su questo importante 
argomento si pubblicassero in Europa , e sotto questo 
aspetto conserva ancora un nome onorevole. Ammettianio 
pure die il Sangiorgio abbia, se non esaurita , almeno lien 
trattata in parte la materia nella sua Storia delle piante 
medicate; sebbeue il siio libro non sia il piu adattato pei 
negozianti di droghe. Ma 1' autore di quest' opera non 
avrebbe dovuto soltanto accennare , die la descrizionc 
tielle droglie vegetabili egli !ia concentrata nel suo testo 
con quella di alcuni inetalli , di altri fossili , di qualdie 
sale , ccc. , ed avrebbe potuto invece annunziare , die il 
suo libro raccoglieva le sostanze dei tre regni , conosciuto 
sotto il nome di droglie, e cosi pure die grato ed istruttivo 
avreblie potuto riuscire il suo lavoro , non solo ai drogliicii, 
ma ancora ai farmacisti , ai profuniieri, ai confetturieri , 
c a tutti coloro die delle diverse droghe fanno uso nelh- 
loro arti o me'^tieri. 

In generale le notizie esposte delle diverse sostanze per 
ordine alfabetico, die certamente potrcbbc riuscire como- 
dissinio , sono chiare , precise e l^astanti alio scopo al 
quale r opera e indirizzata ; si potreljlie tuttavla deside- 
vare quahlic maggiore esattezza nci nonii proprj , e mas- 
sime in quelli relativi ai luoghi piii vicini : la fabbrica , 
per osempio , di acido solforico die iiorisce in Milano , 
non e condotta dal sig. Michele Folcione , ma Ijensl da I 
sig. Michele Fornara , detto per sopraiinonie il Folcione. 
Cosi ])urc non vediamu couif il cunqilcs&o o la scric degU 



MANUALE PEI DROCHIERi, CCC. ooa 

ncidi possa noiuinarsi una repubblica; come si parll soltanto 
deiracqua i*agia ell Provenza e iion di quella del Pieiuoiite, 
che si prepara con altro luetodo nelle carbonaje , e non 
e punto per moiti usi inferiore alia prima ; come 1' anibra 
grigia facciasi provenicnte soltanto dalle coste meridionali 
deirAsia , delTAfrica c dcirAnierica , e non dai paesi set- 
tentrionali , dove pure e stata trovata e trovasi assai di 
frequente ; come in proposito dell' atlume di rocca si parli 
da principlo soltanto della sua faljliricazione in diverse 
provincie, non altrimenti che se quel sale fosse dovuto 
unicamonte all' arte:, come non si accenni 1' identita della 
potassa caustira coU' allume di feccia , che e il nome di 
quella sostanza soltanto in Lomljardia ;, come non si faccia 
cenno dell' uso del risigallo o arsenico rosso , ed in 
generale dell" arsenico , nella pirotecnia , ecc. 

Troppo leggieruiente si confonde pure colla bincca co- 
nuine la biacca o il bianco d' argento , che richiede tut- 
t'altra prepai'azione , e die meglio che in qualunque altro 
luogo si tabbrica in Farigi. Che il bitume, adoperato co- 
me cemento nelle niura di Babilonia , fosse precisamente 
r asfalto, non si raccoglie dagli storici e molto meno dai 
viagajiatori antichi ; ma 1' asfalto serviva certamente agli 
Egizj per imbalsamare i cadaveri , e questo per noi e un 
fatto certo , aiiche senza 1' autorita di Slraboiie. Del rinia- 
nente poteva questo Ijitume coUocarsi , o almeno richia- 
marsi sotto il noine suo proprio di asfalto ; e nientre si e 
accennalo il suo disuso nella farmacia , poteva con ragione 
nolarsi 1' uso del medcsimo divenuto assai comune nella 
pittura. Intorno al l)orace poteva pui'e notarsi, che il suo 
acido e siato trovato anche nei lagoni della Tosuana; e po-' 
teva pure aggiugnersi, che del borace si fa uso dagli orefici 
e da tutti i lavoratori de' metalu , non tanto per facilitarne 
la fusione in generale , quanto per le saldature. Ci duole 
altresi di vedere scvitto Monardo per Monardes , Muray 
per Murray , caccao per cacao , e all' incontro suciiio per 
saccino ; castoro per castorto , giacche il castoro per se 
'tesso non e droga , ne materia medica ; ingtzioiu per iii- 
z.ionl , icticola per ictiocoUa , TayLot per Taylor , Chinkon 
■ "'I- Cliinchoa, e clnkona per cinchona, endaco per iadacu, 
■'Uii.nii ( parlandosi della goniina ) per anime , bdeglio per 
' dcllio 3 cojipale per copale , ecc. 

B.OL ItaL T. XXXVIl. id 



386 MANU.VLE PEl PXIOCIIIF.KI , CCC. 

Liuiitaiido per ora le osscrvazloni nostre sul jjiimo vo- 
lume, aotcremo clie tfojjpo digiuno si c niostrato T aiitorc 
ijoir indicnre i cUvcrsi usi del ciua))ro iielle arti , trascu- 
ranJo jievslno il piii coiuune die se ue fa nella ceralaccai 
che collo scarlatto tratto dalla cocciai»lia noii s' imprimono 
gia le stoffe , ma si tiugouo in quel colore le lane, e clie 
i! caniiino si falibrica noii solo iu Francia , roa aiiclie in 
Italia ed in Germania ; die non hen s" inteade come naii- 
seosissinii sieno gli iisi. del cremor di tartaro, Ijendie nau- 
seose possano esserne le conseguenze ; die parlandosi della 
fava tOngo, si cita senipre Plinio sccondo , mentre sarebbe 
assai meglio nomlnarlo Plinio il vccchio , affindie non po- 
tesse per avventura confondersi con Plinio il giovane^ che 
la gonima dragante serve a ben altri usi fuori della far- 
inacia , clie non quclli dei faljbricatori di veli e dei tintori 
di seta , giacche e la base di tutti i cosi detti appretta- 
menti e di molte composizioni e confetture; die la gomuia 
gotta si iiomina assai comuneniente in medicina gomma 
ganibogia , e non gambogia giitta ; die 1' incenso non si 
trae gia dalla juniperus licia , ma forse da tutt" altra pianta, 
e finnlmente che il belznino tra le gomiiie e collocaio 
fuor di'luogo in ordine alfabetico , trovandosi tra il saga- 
peno e il sangue di drago. In proposito dell' incenso go- 
dianio di potere comunicare all' autore la notizia die ,, 
mentre da treniila anni si adoperava quella sostanza senza 
punto conoscere 1' albero che la forniva , questo e state 
di recente scopcrto iiell' India dal chirurgo Tiirnbull e dal 
dottore Hunter, i quali riconobbero che era la LosweliiiL 
serrata^ gia descritta da Roxburgh tra le«plante del Coro- 
innndel, e che in Inghilterra si e ancora propos'o di caui- 
liiarle il nome , e di darle quello di Libanus thurifera.. 

Scorrendo di volo -il secondo volume csserviamo che 
sebljcne il litargirio sia stato conosciuto dagli antidii , non 
si puo asserire , come fa confidcntcmcnte 1' autore <i che 
w la conoscenza degli ossidi risale generalmente alia sco- 
n perta de" metalli . che sono ( o piuttosto servono, ) loro 
" di base >/ ; die il tronco cubiiale di una pianta, appli- 
cato all'Agalloco , non e sufTiciente indicativo di carattere 
nel linguaggio botanico , e che la preziosita vantata di 
quel legno richiedeva che se ne accennasse qualdie uso 
tra gPIndiani, e si notMsse che il legno alue dcllc aniiciie 
JjJt'z,ierie Jiou e altro die ijualdie fraiuiiieuty dcilo stclu 



m lEUCE AiVHUlOSlONI. 38? 

deir agave ameiicana , o di qualclie dracena die per av- 
veiitura iiiettc liore dopo luiigo peiiodo , donde uacque 
la favola delle piaute centenarie ; clie i hicchieri di sau- 
talo rosso , se pure si adoperavano ncll' ladie per una 
falsa credenza , servivano a scoprire ( in latino dewgere ) 
uoii a detcrgcre i veleui ; clie il legno saijto nella serie 
dei legni poteva piu oppoituiiauientc collocarsi sotto la 
rubrica di guajaco anziche sotto quella di legno dopo il 
santalo; chc* all' articolo magnesia poteva acceniiarsi la sco- 
perta recentemeiite fatta del solt'ato di magnesia uella Yal- 
caiuonica i clie in proposito del mercurio poteva acceu- 
aarsi V uso copioso e freqnentissiino die se ne fa uella 
amalgauiazione per 1" estiazione dci nictalli noljili dalle 
miniere, e tra noi andie giornalinente per rlcavare T oro 
e r argento dalle terre de' crogiiioli e dalle spazzature dcgli 
orefici ed aigentieri ; die forse alcun botauico non rico- 
noscera sotto il uoaie di giitdni i frutti o i semi del pepe 
lungo ; die in proposito della salsapariglia , della quale si 
dice nel libi'o nulla di positive essersi ottenuto coU' ana- 
lisi chimica, poteva accennarsi la preparazione nnoAaniente 
annunziata della piiriiina; die non neli' Unglieria soltanto, 
raa anche in qnalclie paese della provincia di Conio si 
prcpara 1' olio de* semi di papavero (, die il the non pu6 
dirsi per noi una bevanda insidsa e sclpita , bonche forse 
il the inii;liore non passi in molta copia nell' Europa , e 
die sarel>lie stato assai iiieglio 1" indicare i diversi the c\ie 
si trovano nel coinmercio enropeo , come il the hou , il 
verde, il the polvere da cannone ecc., che non il riferire 
la distinzione die se ne fa dai Cinesi , inutile certamcnte 
pei nostri droghieii. 

Degli errori, andie in qitesto volume frequentissimi , di 
voci e di frasi , non noteremo se non quelli madornali di 
bixa orleana in vece di hixa orellana, donde venne la no- 
stra inipropria denominazione di terra orixina ; di Clifford 
per Clifford, di cui 1" orto e troppo noto ai botanici ; di 
Fuschio per Fuchsia; di Biranzaghain per Birmingham: e 
pill d'ogu'alira frase ci lia sorpresi quella die a un dub- 
biuso prisma riduce 1' immaginazione dei Finanzieri. 

Poidie questo libro , come accennamino da principio, e 
disposto in ordine ali'aljetico ; assai liprovevole , perclie 
incoiuoda, troviamo la disposizionc fatta di varie soslanzu 
sotto Ic ruliridic corWcce , gommc., legni, radici , suli , 



388 MANUALE PEI DROCIUERI, CCC. 

semi, ecc. giacche questa in ultima aiialisi non serve die 
a nioltiplicare i dizionarj , e confondere i leggitori , nias- 
sinie die in queste categoric niedcsime si e sparsa gran— 
dissima confusione. E pcrdie non si sono dunque fatte 
serie separate degll acidi , dei bitumi, dei fieri, delle fo- 
glie, dei friitti, delle resine , inolte delle quali sono state 
annoveratc tra le gomme , dei solfati , ecc. ? Perche il 
cremor di tartaro non si e riferlto tra i sali , i vitriuoli 
non si sono riuniti coi solfati diveisi ? La categoria dei 
sali ci e sembrata maucante di niolti articoli^che pure si 
vendono dai droghieri , e in generale coUa tariffa o col 
dato delle mercanzie alia raano , si troverebbero nunierose 
omissioni. 

Noi non abbianio stese rapidamente queste brevi note 
su questi due volumi se non se affine di eccitare V autore, 
comniendevole certaniente pel suo disegno e in parte an- 
cora per la sua diligenza , a ruigliorare V opera sua , qua- 
lora ben presto , come noi desideriamo , si trovi in grado 
di disporre una seconda edizione. Questi sono libri uti- 
lissimi a r.iolte classi di persone , e per questo si dee 
maggiormente insistere sull' ordine loro , sul loro ineiodo 
e sail" esattezza delle notizie e delle indicazioni die con- 
tengono. 



APPENDICE. 



PARTE I. 

SCTENZE, LETTERE ED ARTE STRANTERE. 



Histnire dc la vie et des outrages etc. Stoi'la dclla 
vita e delle opere di Raffaello , adorna di uii ri- 
tratto ^ di QuatremSre di Quincy. — Parigi ^ 
}i\2/^, presso Carlo Gosselin, di pag. xv-^'j^ ■> in 8.° 



I MO dalle prime llnee dclla prcfazione 1' autore , vaii- 
taggiosamente conosciuto per altre opere relative alle belle 
art! , espone il suo pensiero die quello non e gia <U dare 
una sterile biografia di Raffaello, ma di esporre con sicu- 
rezza le cagioni di un fatto incoiitrastablle, il quale e die 
trecento cinque anni sono scorsi dopo la niorte di Raffaello, 
clie immensi sforzi si sono fatti per fonnare un pittore , il 
quale potesse mettersi in paralello coir Urbinate , e die 
tuttavia non e possibile il trovare un vero rivale da op- 
porgli. Paila quindi 1" autore dclle ingiurie , die le opere 
di quell' esimio pittore hanno softVrto dal tempo e dalle 
circostanze ; dello studio che si e fatto con un concorso 
generale e progressivo , a fine di aumentarne e moltipli- 
carne lo splendore, sia coll' arte , iiata appunto in quel- 
r opoca , deir Intaglio in rame , sia colle copie numero- 
sissime eseguite delle sue opere , sia coll" arte degli arazzi , 
con quella del musaico , collo smalto , colla pittura su la 
porcellana , ecc. Ragionando quindi di quella specie di 
culto renduto dagli artisti a Raffaello-, divenuto rappre- 
sentante del genio della pittura , fa egli menzione di luolti 
quadri destinati a conservare la memoria delle principal! 
azioni della sua vita ; e qui veggiamo con piacere , ch* i 
jiennelli di Farigi si sono esercitati sopra un argomento 



3f)Q A P P K N D 1 n E 

proposto ilalla nostrri Acxadomia di Milnno ,• cioe su la 
presentazionc lU RaJfacUo fattn da Bramnnte a GiuUo II, 
e pi-oveniito avevauo un acradcmico iiosiro uella scclta 
deir argoiiiento , da cssi divcrsaineiite trattato , della morte 
di Raffaello medesinio. 

Venendo peri) ai trlliaii offerti dnlla storia al piii ce- 
lebre de' pittori , loda T autore T online , 1' imparzialita e 
la giustezza dei giadizj e delle osservazioni del Vasari ; 
ma non dissiinula clie, scritto avendo circa treat' aniii dopo 
la morte di Raffiielh , fa talvolta tradito dalla niemoria , 
e le vite raccoglicndo di nioltissiaii pittori , non pote a 
ciaschcdana prestare le necessarie cure , e quindi tutti noa 
aVjbraccio i lavori dclP Urbinate , di niolti non calcolo 
r Importanza , ne tutti accompngno colle note critiche e 
descrittive, die ne avrebbono fatto risj^iltare il mcrito ed 
il valore, II Lunzi ed il FioriUo si liinitarono ad esporre 
compendj della vita scritta dal Vasari, cd altri si occupa- 
rono particolarmente nel commentaria o nell' emendarla , 
come si vede nella vita inedita pubblicnta dal ComoUi. In 
Francia altro non si fece clie tradnrre il Vasari , e T au- 
tore, soltanto dopo avere scritta questa vita, fa inforniato 
die una ve n'aveva pubblicnta in Gerniania (Non senza 
qualche sorpresa vediamo cli' egli ne in questo luogo, ne 
nel corso delF opera non ha menzionato giammai V opera 
intorno a Raffaello pubblicata dal sig. Diippn con molto 
lu«so in Ingliilterra). Nello intraprendere quest' opera per 
suo piacere , egli voile anclie oxTerire vin nuovo omaggio 
ad un ingegno , del quale divenuto era zelante ainmiratore 
non solo , nia anche devoto adoratore , Insinorandosi di 

•I • * ' o 

contnbune ni questo modo a prolungare la sua gloria nelle 
eta future. 

Molto non ci estenderenio su le notizie storicbe del ca- 
sato, della nascita e dell' educazione di Raffaello, che eguali 
trovansi a un dipresso in tntte le biografie «; nelle storie 
pittoricbe ; c ci arrcstcremo pinttosto la dove 1' autore parla 
con molta precisione delle sue opere , delle varie sue ma- 
niere di dipingere, ed aggiugne altresi qualche sua partico- 
lare osservazinne. Diremo soltanto, che nato Raffaello in Ur- 
bino neiranno 140.3 dalla famiglia de' Sa/iu o Sanzii, educato 
iu dal padre , mediocre pittore, e qnindi collocato presso 
Pietro Vanned detto il Penigino , il piii celebrc pittore di 
que' tempi n e uscito ben presto da qucUa scuola, comincio 



I'ARTE STRANIERV. 391 

n in-oilnne in eta ili soli (liclassetto anni alciini qnadri , 
rlio scl)l)ene si rlseiitlssero della maniera alqaaiito sccca 
ilel SLio maestro , tuttavia i-iguardati furono come opeie 
niaravigliose. Noii dissimnleremo in qiiesto luogo, clie Tau- 
tore espone r.lcune lielle riflessioni sn lo state della pit- 
tura neir epoca in cui lioriva il Perugino^ ed accennnndo 
la fortunata comparsa dei belllssimi modelli dell' antichitii 
allora scoperti , clie ristorarono gli artisti della mancanza 
dclla vista abituale del corpo uniano , rende un giusto 
tribnto di lode ai Medici ed a Lorenzo il Magnifico , clie 
colle lore istltnzioni le arti del disegno portarono daU'in- 
fanzia alia virilita. Nota saggiamente clie la storia racco- 
glie i minimi fatti dell' infanzia o dell' adolescenza degli 
uomini celebri . e clie qnindi iion saprebbono abbastanza 
considerarsi le prime opere del principe de' moderni pit- 
tori , colic qnali per cosi dire egli preludeva a qiie'Iavori 
immortali , clie una primazia nell' arte non mai disputata 
gli assegnarono. Fortunatamente 1' incisione, in Italia pro- 
mossa da pi'ima dallo stesso RafFaello , moltiplico e per- 
petuo le sue composizioni , e molte ancora delle prime 
sue opere, il clie ofFre alio storico il vantaggio di potere , 
segnendo per quanto e possibile l' ordine cronologico, par- 
la re di molti quadrl , non senza avere sotto gli occhi le 
loro delineazioni. 

Entra qnindi I'autore a ragionare del quadro dello sp;*- 
salizio della Vergine , clie la Pinacoteca milanese possiede, 
e che e stato ndbilmente intagliato dal Longhi. Non d:s- 
sente dall' opinione di coloro che fatto lo credono dopo 
r anno iSoi , e si accorda ncl rignardarlo come l' opera 
nella quale spuntano i principj di qviel bnon gnsto die 
caratterizza la seconda nianiera di quel celel>re pittore. 
Vedesi poscia rioffaello associato col Pinturicchio nei freschi 
che^eseguirsi dovevano in Siena ; egli abbandona Siena e 
passa per la prima volta a Fii-enze , dove lo stile delle 
sne opere , al dire dell' antore , non annunzia in quel- 
r epoca r influenza che alcuni snppongono su di esso es*r- 
citata dalla vista delle opere , c specialmente del celebre 
cartone, di MicheJaiigiolo. Passa il pittore a Perugia.^ e torna 
in Firenze verso la fine del 1S04, disposto a stabilirsi o 
almeno a visiedere lungo tempo in quella cittii; al tempo 
stesso vi si trova Leonardo da Vinci, e strqno riesce che 
la storia non faccia menzione delle rcLizioni amichevult 



392 A 1> P K N D I C E 

d'l que" line somini ingecini , nientrc j^nrln tlei legami di 
Jlaffadlo col Cliirlnndujo , con AristotUe di San Gallo e con 
niolti altri artisti. Legato pure in ainicizia con Taddeo 
Taddci e con Lorenzo Nasi, dipigne pei* quest' ultimo una 
Saci'a Famiglia , clie passata nel Museo Fiorentino, vedcsi 
tra i piu pvpgiatl intagU del iMorglu-n. Ma la perdlta del 
s;enitori richiania il giovane plttore ad Urbino , e cola 
pure dipigne alcnni quadri pier f(uel duca Guido da Mon- 
TcfeJtroi al tempo stesso pigne S. Giorgio a cavallo, inta-' 
gliato dal Laniiessin , e S. Micliele die coniljatte i mostri ; 
lascia cpiindi Url)ino per 1' ultima volta e torna per la 
terza in Firenze. Di la trasferitosi di nuovo in Perugia , 
produce tre grandi opere , cioe un quadro pei Serviti , 
rappresentante la Vergine , S. Giovanni Battista e S. Ni- 
colo, che passo poscia in Inghilterra^ una pitiura a fresco 
pet Camaldolesi, nella quale vedesi Cristo nella sua gloria 
con molti angioli e santi , ed un quadro della Vergine col 
Cristo vestlto e con alcnni santi ; il Cristo non fu da esso 
coperto di vesti se non die per compiacere il desiderio 
delle luonaclie, e i frammenti di quel sublime la voro ven- 
duti furono poscia dalle medcsinie , senza che era si eo- 
nosca la loro sorte. Nota in questo luogo 1' autore , die 
Raffaello ambiva niaggiormente di avere rivali , anziche 
animiratcri, e questo torse lo ricondusse in Firenze, ove 
una coiicorrenza trovava , all' arte ed all' artista utilissima. 
Raffaello approfitta in quell' epoca dei talenti di Masac- 
cio e di fra Bartolomeo di S. 3Iarco , detto anche Baccio 
della Porta ; a questo egii insegna a dare maggior vigore 
alle sue tinte e a nianeggiare piu grandiosamente il pen- 
nello. Alcune npore deU'Urbinate inducono a credere , che 
egli grande vantagglo traesse al tempo stesso, se non pure 
da" precetti o dai consigli , dallo studio almeno dei subliini 
lavori di Leonurdo. Una digrcssione trovasi in questo luogo 
deir autore sul celebre cartone di Michelangiolo , diligentc- 
mente intagliato dallo Schiuvonetti, e Raffaello vedesi citato 
nel nnniero degli artisti die attentameatc lo studiarono : 
forse , dice 1' autore , colla sola considerazione di quella 
grand' opera , 7?q^;e/Zo imparo a dare un maggiore svilup- 
pamento alle forme del suo disegno , maggiore liberta e 
maggiore ampiezza al suo stile, senza punto cambiare del 
suo carattere originale. 



PARTE STR^NIEU.V. 3f;3 

Si parla sotto quest' cpoca della Sacra Famiglia del jia- 
Inzzo Rinuccini : della Deposizione tli Cristo nella tomba , 
iiitagliata ilal Morghen; del quadro della Vcrgine, noniinato 
la Giardiniera , die si coiiserva in Parigi e die fu iiita- 
gliato dal Desnoyers : del quadro deirAssunzioiie , dipinto 
pel monastero di Monte-Lucci , e ciie ora trovasi al Ya- 
ticano ; finalniente di uii quadro. dipinto per la famiglia 
Dei, die rimase soltanto aldiozzalo, ma die inostra auclie 
iiuperfetto a qual grado di yalore e di repntazione losse 
aliora wiunto Tesiuiio pittore, iacaricato gia di una nnan- 
tita grandissiina di lavori. 

Una sorte piu felice lo attende pero in Roma. Braniante 
lo propone a GiiiUo II, e nell' anno i5o8 Raffaello viene 
chiamato a dipingere !e sale del Yaticano. Di quest' opera 
ragiona a lungo T aiitore , e specialmente delle figure alle- 
goridie della A'olta della prima sala , intagliate dal Volpato 
c dal Morghen; della Disputa del Sacramento, della Scuola 
d' Atene e del Parnaso , incise dal Volpato ; della pittura 
della Giurisprudenza incisa da Morghen, di qucUa del pro- 
feta Isaia Incisa da Chapron , di quelle dei profeti e delle 
siliille nella clilesa della Pace , incise dal Volpato ; final- 
niente della pittura della Galatea alia Farnesina e di un 
piccolo quadro della Yislone di EzechieJe , la prima delle 
cjuali rivive col Imlino del Richonime , il secondo con quelle 
del De Poify. Noa ci e permesso di riferire alcune belle 
osservazloni deir autore intorno a quelle opere : ma non 
possiamo dissiniulare la nostra maraviglia die , entrando 
egli in molte considerazioni filosofiche sul concQpimento 
c su lo sviluppamento delle idee di quelle subliiui com- 
posizioni , e specialmente della Scuola d" Atene , non al)l>ia 
mostrato di conoscere le idee certamente ingegnose , bendie 
forse troppo inimnginose , del celeljre D' HancarviHe , die 
in Italia , in Ingliilterra ed altrove destarono viva e sincera 
aramirazlone, tanto piu die parto erano di un dotto quasi 
nonagenario. In mezzo alia descrizione di queste pitture 
fatta dair autore , troviamo due ragionamenti singolari, 
r uno su la quistione, se Raffaello andasse ddutore a Mi- 
chelangiolo dell" ingrandimeuto del suo stile, del die Pan- 
tor* non si mostra persuaso ; P altro sul paraljelo di 
Midielangiolo e di Raffaello ofierto dalle sibil'.e di S. Ma- 
ria della Pace, in proposito del quale ripete 1" autore ^ 
che gP ingegni di que" due grand" uomini nulla ejjbero di 



^94 '^ p 1' E.N n I c K 

coinnnc , c olio 11 ili verso gorino non poteva produnc fVutti 
eguali. 

Si p;\rla in nppiesso ili altra ojicra cli queirepoca , fattn 
pure in Roma, che e il cjuailro della Vergine di Fuligiio, 
inciso dal Dcsnoyers; quindi si passa alle pitture della se- 
coiida sala del Vaticauo , a quelle del niiracolo di Bolsena , 
dvW Eli odor , di S. Pietro liberato dalla carcere , e di At- 
tila , incise dal Volpato e dal Mort^hen , e si descrivono 
ancora le pitture della volta , il Sogno di Giacohbe , il 
Saciilizio d'Isacco, il Roveto ai'dente, e T Uscita dall'Arca. 
Soguono le opere di ornaniento delle logge vaticane , in- 
cise dal Volpato , e in questo luogo si nota quale van- 
taggio traesse Rdffadlo per la composizione degli araheschi 
dalle tenne di Tito , allora di recente scoperte ^ si nota 
pure il suo nierito graadissiino dell'originalith , per averc 
egli il priiuo introdotta, una serie di idee simboliclie ed 
allegoriciie , delle quali trovare non poteva inodello nclla 
antlchila. Molto a proposito riconosce I' autore composta 
di due parti distinte l' impresa delle loG:a;e vaticane ; quella 
cioe degli arabeschi, e quella delle storie bibliche, e quindi 
no ha egli pure distinta la descrizione , senza punto tur- 
bare V ordlne cronologico. 

Coi lavori dclle logge sembrano coincidere il quadro di 
§. Cecilia, intagliato diiUo Strange e dal Massart ^ alia prima 
vista del quale si attribitisce da alcuni la uialattia clie 
tronco i giorni a Francesco RaiboHni, celel^re sotto il nonie 
del Francia ; e diverse Madonne e Sacre Famiglle , dclle 
quail piu di venti cita il Vasari, senza che tutte le abbia 
annoverate. La nianiera diversa con cul sono dipinte quelle 
Verglni , sempre nobile nelle composizioni piu seuiplici , 
senipre amabile e graziosa nelle piu subliini , niostra al 
dire dell' autore i diversi sentimenti, ora di una pieta te- 
nera e afFettuosa, ora di rispetto e di elevazione, dai quali 
era animato il pittore ne' suoi concepiincnti. Nelle Madonne 
soltanto, dipinte o disegnate da Ruffaello , crede l" autore che 
una storift si trovi del suo talento e de' suoi progress! , e 
che su di esse possa intraprendersi un corso conipiuto di 
tutte le dlverie gradazloni di carattere , che egli seppe 
distinguere o riunire , secondo il genere che V argomento 
gli offeriva , le idee accoppiando d' innocenza , di purita 
verglnalc , di grazia , di nobilti , di santita , di divinita , 
che tutto mirabiliueiite ha cspresse. Si fa quindi sirada a 



PARTE STRANIERA. 3q5 

tllfcndere Raffacllo clalla ccnsnra til colorA, clic Gnido cre- 
tloiio ail csso supcriore nella liellczza tlellc teste virginali , 
e si sforza di provare che Haffiiello fissb iii qnesto gencre 
r|nelIo clie pno dirsi bello idcale. Egli pero lo delinisce il 
liello per eccellenza , e in qnesto non dissentircmo pniilo 
dalla di lui opinione., accordando c]ie con sifFatto ])rinci])io 
ciascun gencre di oggetto abbia il suo ideale, giacche quello 
di una Venere , di una Giunone , di una Minerva , luai non 
sarebbe il bello ideale di una Madonna. 

Non seguiremo 1' autore nclTesanie delle pittnre di iZa/- 
faeJlo rappresentanti la Vergine , che egli distingue in tre 
classi : la prima di quelle in cui la Vergine si vede col 
Pambino, e talvolta con 5, Giovanni, anch' esso pargo- 
letto; la seconda di quelle che, riunendo sovente la Ver- 
gine col Bandjino , con S. Giuseppe e S. Anna , portano 
il nonie di Sacre Fainiglie : la terza finalmente di quelle 
coniposizioni in cui la Vergine col Bambino apparisce ai 
luortali o sojira di una nube , o su di un trono ,. o in 
altra forma qualunque. Si annoveraao nella prima la Ma- 
donna del palazzo Tempi a Firenze , ed altra assisa , che 
non s*" indica. ove si trovi ; la Madonna della Seggiola , 
quella detta del Pannolino che scopre il Bambino addor- 
uientato , e quella del dnca d'Alba a Londra , incise presso 
che tutte dal Dcsnoyers , la prima e la terza aache dal i/or- 
dien ; nella seconda classe si distinguono la Vergine che 
riceve le carezze del Bambino nella calla,qaadro che tro- 
vasi in Parigi, e di cui si hanno le stampe del Dcsnoyers 
e del Massart ; la Vergine, che da una gamba alqnanto 
stesa fa detta dalla Litnga coscia , e incisa da Marca/itonio, 
c la Vergine detta deW Impnnnnta : nella terza classe pri- 
moggiano la Vei-gine detta del Baldaccliino, circondata dai 
Padri della chiesa, di cui la stampa trovasi nella Galleria 
di Firenze 5 e la Vergine del I'esce , parimente incisa d^il 
DcsJiorers , che F autore crede formare il passaggio tra la 
seconda e la terza maniera di Bajfaello. 

Mostrasi qnindi F esimio pittore promotore zelautissimo 
in Italia delF arte delP intaglio , e si accennano i disegni 
da esso fatti per Marc Antonio Raiinondi: tra questi si di- 
stinguono 11 disegno delle nozze di Rossane , intagliato da 
prima da Marc Antonio , poi dal VoJpato , quello della Ca- 
Innnia, il Giudizio di Paride , e la Strage degl' Innoccnti 
che formano la "loria del l)ulino del Raimondi suddetto. 



OQ^ \PrF, NDIC E 

Toni^ poscin TaMtore alle sale del Y.nticanOj a fine d\ 
noil turi)aro 1" oivUno croii.)lo2;'ico , e <;i prcseuta la pittura 
dell' iuceiidio di Borgo, iacisa dal Morghen, la Vittorla di 
S. Leone contra i Saraceni , la Giustiiicazione del papa 
Leone III , e la Goronazionc di Carlonagno , incise dal- 
V Aquila : Y>o'i passa a ragionare delle decorazioni accessorie 
delle sale del Vatlcano,.e della sala dei dodici Apostoli , 
le di cui pitture intagliate furono da Marc Antonio. Cade 
in quosto luog» il discorso di un altvo attriliuto di Raffaello., 
o r aiitore viioie clie esso si consideri come pfincipe del 
ritratto i dopo dunque di avere parlato delle teste degli 
illnstrl contemporanei del pittore, clie veggonsi nel quadro 
della "sc-oola d'Atene, e in quelli del Parnasso e doU'Elio- 
doro, noil clie nell'Attila , nel ^liracolo di Bolsena e nella 
CoFTonazione di Carloinagno, passa a descrivere a lungo il 
ritratto di Leone X, quello di Giovanni d'Aragona , incise 
dal Morghen, e quelli del poeta Tebaldeo , di Baldassare 
CastigJioni e di Bindo Altoviti, notando clie quest' ultimo , 
inciso dal Morghen , e stato da niolti creduto quello di 
Raffaello medesimo , benciie I' autore oontrario si niostri 
a questa ojiinione. Noii dissiniula cgli clie molto interesse 
puo trovare la critica delle opere di Raffaello iie" suoi ritratti. 

Continua la descrizioue delle dipiiiture a olio , e tra 
queste s'illustrano il quadro di Cristo die porta la Crocc, 
detto lo Spasinio di Sicilia , tanto aniniirato dal Mengs; il 
quadro della Vcrgine detto della Perla , die da Maiitova 
passo in Ingliilterra e quindi in Ispagna; il quadro della 
Visitazioiie , quello di S. Giovanni, nel deserto inciso dal 
Bervic, due altri dello stesso argoniento , e il quadro della 
Vergine di Dresda inciso dal Midler. 

Nuova scena si apre in questo luogo per le glorie di 
Raffaello, clie rappresentato vlene dall autore come archi- 
t^to, come architetto della basilica di S. Pietro , come 
autore di una pianta di quell' insigne edilizio , c dei di- 
segni dei palazzi degli Uguccioni e Pandolfini di Firenze , 
non clie di A'arj palazzi in Roma, fors' anche della villa 
Madama , delle scuderie di Agosiino Chigi , di un palazzo 
presso S. Andrea della Yalle , e della Cappella dello stesso 
Agostino Chigi a S. Maria del Popolo. La statua di Giona 
in quella cappella credesi pure avere ricevuto da Raffaello, 
sia nel modello , sia nel marmo , la grazla dei contorni e 
la scelta imitazione delF antico clie vi si ammira. 



PARTE STEANIERA. 897 

Ed ecco clie V autore torna alle pittiire tlella storla della 
Bibbia nclle lo2;ge Valicaue, diffuse nelle stampe delV Aquila 
e del Ckapron. Non liberi di seguirlo nelle minute descri- 
zioni di quelle pittuve, passiamo con esso alia Farnesina , 
cd alia favola di Psiche , miraljilmeute dipinta da Raffaello 
in queir ameuo soggiorno. I disegni della favola di Psiche 
sono stati iatagliati da MarcAnloiiio, quelli della favola di 
Amore e Psiche dal Dorigny. L' autore trova in que' disegni 
le composizioni piix elevate , piix magnifiche per 1' inven- 
zione , piu ricclie per T esecuzione ; e non dubita di as- 
serire che Raffaello e giiinto in quelle opere al sommo 
della sua gloria , egualmente sulilime ed inimitabile allorche 
coUa poesia del sue pennello crea di nuovo i'antico Olini- 
po , come allorche interprete dei cantori ispirati da Dio , 
scopre agli occhi nostri la serie dei fatti profetici del po- 
jjolo eletto , o interprete dei "Vangeli , dipinge la venuta 
del Messia , i suoi miracoli e gli Atti de' suoi Apostoli. 

Succede un paragrafo intitolato la Fornarina. In questo 
si accenna il ritratto di questa arnica di Raffaello , che 
trovasi tanto nella casa Barberini , quanto nella Galleria 
di Firenze, e clie fu inciso dal Ciinego ; il prime pero cre- 
desi una copia fatta da Giulio Romano , e il secondo si 
pretende originale per la V>ellezza singolare del colorito. 
Probabile e altresi che quel riti-atto si trovi in altre opcre 
deir insigne artista , e al proposito del quadro della For- 
narina della Galleria di Firenze, si fa osservare opportu- 
namente che quel sommo plttore fu sempre fedele alia 
decenza , e non mai fu licenzioso ne' suoi pensieri , ne 
iinniode.sto nelle sue rappresentazloni. 

Non fr,rer)io che accennare di volo altri quadri clie in 
questo luogo vengono descritti dall' autore , aftine di mo- 
strare la dillgenza di Ini nello esaminare tutte le opere 
secondo la loro cronologia , e di allettare i leggitori nostri 
a scorrere nell' originale quella vita iniportante ed istrut- 
tiva. Sono questi il quadro di S. Margherita, intagliato dal 
Thoinassin, di cui piii non troA'asi T originale; il quadro 
di S. Michele che atterra FAngiolo delle tencbre , intagliato 
dal Chatilloti : quello della Sacra Faniiglia del Museo Realc 
di Parigi , che porta la data del i5i8 , e fu inciso dal- 
r Edclinck e <.\i\l J Uchommc; modello squisito di grazia e di 
hellezza , e di (|uello che la pittura- puo produrre di piii 
raro e |)iu perfctto. Sc^uc un" crudita di;cu5sioue iutorno 



Oifl) A P 1' E N D I C E 

la ristaurazione de-^U antlchi cdifi/.j di Roma fatta da Haf- 
faello , eletto da Leone X soviLutcndeiitc gcnerale a tutti 
gli avtrnzi deir aiiticliita , tauto dei ruderi , i di cui ma- 
tcriali scrvire potcvano airornamento della Basilica di S. 
Fietro , quanto dci iVaniii'ieati die meritavano di essere 
conservati. L' A. ha approlittato saggiaincnte degli scritti 
di varj letterati italiaiii, ed aiiciie dciropuscolo stampato 
ill Roma nel 1799 dal Francesconi , del quale souo in 
(|uesto liln'o esposte ed anclie confemiate le congetture , 
clie u'la letftera creduta di Baldasmre Caitiglioni , c nella 
quale a lungo si paria delie antiche ruine di Roma e 
ili nu ampio disegiio di tulti quei ruderi , sia piuttosto 
di Raffaello cT Urhtiio. 

Seirue la descrizioae dei cai-toni da Raffaello delineati 
per gli arazzi del Vaticauo , e se ne espone esattamente 
la storia , non amiucttendosi Topinione del Fiichardson , il 
(piale nel pnvallelo delia Galleria di Hamptoncourt dove si 
trovano que' cartoiii , colle sale vaticaiie , seiubi-a attri- 
Ijuire , foi-se per zelo patriotico , qualchc preferenza alia 
prima ; sebbeiie 1 cartoni suddetti , astrazioiie fatta dal 
metodo della pittura , meritino la piii alta considera- 
zioiie come ojwre iuimedlate del pensiero e dell' immagi- 
nazioue dell' autore , e come prove mauifeste della for/a 
d' iuvenzioiie e di esecuzione, alia quale Raffdello era giuiito 
negli ultimi Aue auixl della sua vita. Si descrivono pure 
alcuiii dei cartoni medesimi , tra gli altri quello in cui e 
rappresentato Cristo die porge le duavl a S. Fietro , 
quelli in cui si vtggono la morte subitanea di Anania , 
c S. Paolo e S. Bariiaha nella citta di Listri, iucisi dal- 
VAudran ; qutUi di S. Paolo clie predica in Atene , della 
Pesca niiracolosa , dello Zoppo guarito da S. Fietro e da 
S. Giovanni, .A\ Eiinia accecato da S. Paolo, e delfAdora- 
zlono de' Magi , incisi 11 primo da Marc' Antonio, gli altri 
tutti dal -Dor/g;2j ; quello in cui Cristo rlsorto appare alia 
Maddalena , f quello in cui A^edesi assiso a mensa coi 
discepoli in Eniaus; la Stragc dcgli Innocent! die forma 
due quadri o due arazzi, senza che nella doppia compo- 
sizione l' A. abbia potuto ripetersi ; T Ascensione , incisa 
da Beatrizetto, e i fregi o i contorni delle tappezzerie , sii 
i <juali si e esercitato il bulino di Fietro Santi Bartoli. A 
Inngo si ragiona della sorte che spcrinieuLata lianno que' ce- 
lel)ri cartoni, e gli aiuici delle belle arti Baraniio bca 



PARTE STRANIERA. 3(.j() 

sodilisfalti ili trovaro in questo luogo uii nrticolo intorno 
al lavoro cd alio stato attuale della manifattura Jegli arazzi. 
La sala di Costantino porta il nome dl Eaffaello , come 
le altie del Vaticano, sebhene non sia stata dipinta se 
noa dopo la di lui morte da Giulio Romano e da altri di 
quella scuola. L' A. ne da quindi la descrizione , appog- 
giato air asserzione del Vasari, che per qrdine di Leone X, 
Raffaelto noa solaniente aveva eseguiti i disegiii delle prin- 
cipali pitture di quella sala , ma ancora messo mano al- 
r opera , mentre ai suoi discepoli aveva prescritto il me- 
todo ed il sistema degli oniamenti. 11 pittore veneto Se- 
bastiano del Fiombo^ non conoscendo perfettamente Parte 
del dipingere a iiesco , aveva inimaginato di applicare su 
r intonaco della calce la pittura a olio, e Raffaello aveva 
pure volr.to sperimeiitare questo nuovo metodo, die se- 
condo il Vasuri non riusci ; cosicclie Giulio Romano , vo- 
lendo rappresentare la Battaglia di Costantino, tolse dalla 
muraglia qucir intonaco , e sostitul 1' onJinario lavoro a 
fresco. Ma tuttavia nel basamcnto di quella sala sussi- 
stono due belle figure dipinte a olio da Raffaello , cioe la 
Giustizia e la Clemenza , die intagliate furouo da Stra/ige; 
il tempo cio non ostante provo clie la pittura a olio ap- 
plicata su 1' intonaco della calce , con danno notabile dci 
dipiiiti si anneriva. 

Tratta T A. degli argouicnti relativi alia storia di Co- 
stantino , specialmente del Battesimo e della Donazioue , 
delle quali opere , sebbene eseguite da Giulio Romano e 
da Francesco Penni , le invenzioni per testimonianza del 
Vasari souo in gran parte dovute a Raffaello; tratta della 
visione celeste di Costantino , della quale Raffaello aveva ab- 
liozzato un disegno a penna , veduto <.]al Richardson; della 
ijattagUa di Costantino incisa dall" ^i(y;(i7(i , riguardata pure 
dal Vasari e dal Bellori come invenzione e composizione 
di Raffaello ; e quindi passa di nuovo a ragionare della 
rivalita di Michelarudolo e dell' Urbinate , rlfcrendo alcuni 
aueddoti ed alcune osservazioni , dalle quali risulta die 
mentre Michelangiolo ricusava di dipingere a olio , dicendo 
die quella era un arte da donna , Raffaello con I'elice 
riuscita tutt'i geueri e i modi di dipingere praticati aveva. 

II eatalogo e T esame ragionato delle opere di Raffaello 
si chiiidc col ragguaglio del celebre quadro della Tra's- 
iigurazionc . chc furaia il soggetto di uno del pin belli 



400 Al'l'ENDlCK 

intngli del Morgken. Quel quadro iii fatto ia concorso di 
Sebastiano del Piombo che fu iiicarirat^. di eseguii'e di 
eguale grandezza v\n quadro del Risuscitauieuto di Lazzaro; 
c questo lavoro, beaclie vi si amniirassero bellissime parti 
e molto vigore di colorito , provo tuttavia la grande su- 
periorita di Raffaello , e pose il colmo alia di lui gloria. 
Siccome quel quadro comprende due sceae^ T una supe- 
riore , 1' altra inferiore , si e riuiproverato all' artista di 
avere pectato contra il principlo fomdamentale di qualun- 
que composizione, T unita delf azlone ; ma certo e, che 
inagrissiuia riuscita sarel?l3e la couiposi/ione liinitata alia 
iiieta supeiiorc ^ clie necessario era il rappresentare ia 
juontagiia del Tabor , e che per ottenere T elietto della 
pirainidalitii della composizione medesima, conveniva riem- 
piere di ligure la parte inferiore , e qulndi collocare al 
piede del nioate gli Apostoli, che scelti non erano conic 
testimonj della trasljgurazione. Altronde in alcun' altra sua 
opera 5 dice Tautore, il somnio pittore non giunse mai 
tanto vicino ai liniiti di quella perfezione vietata agli 
sforzi uniani, la quale consiste nelf avere le rainori pos- 
sibili imperfezioni. Non dissimula tuttavia V autore die 
alcuni critici , paragonando le opcre della terza iUaniera 
di Raffaello con quelle della seconda ed anche della prima, 
|)oi"tati sai'ebljono quasi a preferire il disegiio scliietto , 
r espressione ingenua , la composizione semplice e chiara 
de' primi suoi quadri , al vigore del disegno , del pen- 
siero, del colore e del concepimento degli ultimi. Av ven- 
ue , die' egli , del talento di Raffaello , come di tutte le 
produzioni della natura, le quali , sommesse alle leggi della 
|)rog!-essione , nel passaggio da una ad altra etii , da una 
ad altra stagione , perdono il pregio delle proprieta clie 
appartengono alia primavera della vita , per acquistare la 
niaschia bellezza dell' eta matura. Gli ariisti studiosi della 
correzione nelle parti che essi cluamano di studio , non 
si stancano mai di celebrare in quel quadro maraviglioso 
la precisione delle forme , 1' esattezza del disegno nelle 
inani , nei piedi e piu ancora nelle teste, nelle quali una 
grande verita vede^ji riunita con una rara grandezza di 
carattere, i panneggiamenti di una csccuzione ampia al 
tempo stesso e ricercaia , i oapclli tiattati con varieta 
non nieno clie con finezza , ed in alcune figure un' cner- 
gia di espressione ., alia quale lo sLesao Raffaello jjoh era 
perveuuto giimimai. 



PARTE STRANIERA, 4© I 

Qaesto i"u 1' ultimo dei quadri di Raffaello , sel.ibene 
forse noil fii V ultimo de' suoi lavori , giacclie in quel 
frattempo dispose altresi i disegiii della sala di Co5to«tmo , 
clie Leone X brauiava di vedere sollecitainente compiuta. 
Sotto il titolo di alcuui fatti particolari alia storia del- 
r iusigne pittoie , 1' A. accenua la lusinga data dal Papa 
a Raffaello di elevarlo alia digiiita cardlnalizia , coiue 
narra il Vasari , qualora compiuti avesse tutti i lavori 
delle sale vaticaae. Egli noa e lontaao dal piestar fede 
a questo raccoiito , osservaado clie Leone X, piu forse 
come uomo di Ijuoii gusto die come poiitefice , onorate 
aveva della porpora alcune persoiie , solo per rimunerare 
i loro talenti poetici. Parla pure delle ricchezze di Raf- 
faello, die possedeva viii bel palazzo ed una bella casa di 
delizie, die occupava una carica di cameriere nella corte 
poiitificia , e die viveva, al dire del Fusari , non da 
pittore , ma da priiicipe ; al tempo stesso nota die il 
cardinale Bibiena proponevasi di dargli uaa iiipote sua in 
isposa. II pittore diiesto aveva tre o quattr' anni di tempo 
a decidersi , ed ottenne ancora una dilazione ; ma la sposa 
jnori avanti die Raffaello inedesimo cessasse di vivere , 
e sposa di Raffaello t'a nominata nelT epitalfio che scritto 
le fu dal Bembo, dopo die seppellito era gia Raffaello in 
uaa cajipella dt;lla Rotoada, dove essa pure fu coUocata, 

Nei successivi paragrali si espongono la morte di Raf- 
faello , le sue tcstaraentarie disposizioai , il duolo cagio- 
nato ia Roraa da qnella pcrdita irreparabile , gli oaori fu- 
nebri readuti alia sua spoglia mortale , e quelli die tribu- 
tati gli furono nei secoli successivi. Si preseata quindi il 
ritratto fisico di Raffaello , e a questo proposito si ricor- 
daao ancora le diverse teste delle sue pitture, nelle quali 
si e creduto di rlconoscere i suoi liaeameati. Al ritratto 
fisico succede il morale, del quale i principali tratti sono 
la riconosceaza da esso mostrata verso il suo maestro , 
il rispetto coaservato per le di lui opere ; la totale man- 
caiiza del sentimento dell' iavidia e della gelosia , die 
dee ben distiagnersi da quello della aobile einulazione; la 
sua amorevolezza e il desiderio di giovare taato coll' opera, 
quaato coi coasigli, agli aniici suoi., la sua beaevoleaza verso 
tutti , la sua carita verso gl' iafelici , la sua stiina per 
gli uoniiai dotati di aiti taleati , liaalineate la mediocre 
sua cultura nelle lettere , beuc'nc now fosse ne torretto 

BM. Ital. T. XXXMI. a6 



40,3 A.PPENDIGE 

scrittore , ne i'elice jioeta. Non eiitrereiuo nelT esauie 
critico delle qualita di Ruffaello nella pittiira , dell" inven- 
zione, della composizione, dell' espressioue, del disegno , 
del colorito e della nianiera di dipingere , perche questo ci 
condurrebbe oltre i liiuiti die ne sono iniposti. Tutio, dice 
r A. , ha fatto vedere in Raffaello un naturale taato ar- 
mouiosameate formato eoU' nnione delle diverse qualita 
clie faiino sentire , apprezzare e produne il bello nella 
iinitazione , die dilKcile riesce lo assea;nai'e un liniite ai 
risultamenti di una tanto rara couil)inazione. Nell' in- 
venzione prova 1' A. Raffaello superiore a tutti i rival! 
suol; nella composizione fa vedere , clie malgrado lo stato 
infelice dell' arte avauti Raffaello , egli seppe evitare i 
due scogli principali , cioe la scarsezza e l' eccesso del- 
r artifizio ; die de' doni di tutti il piu rare , quello cioe 
deir espressione, la natura fu piii di qualunqne altro libei'ale 
verso Raffaello , il quale sempre accoppio alia piu ener- 
gica espressione la grazia ; che se nello studio approfon- 
dito della costruzione del corpo umano la palma e dovuta 
a Michelangiolo , Raffaello, dispensandosi sovente dalla au- 
dita , tutto il suo studio ripose nella delineazione de' con- 
torni , e quindi perfezioticssi altresi , secondo il Vasarl , 
ne2,li studj anatonuci, e forniossi una maniera tutta pro- 
]>ria , e , come scrive il Vasarl medesiaio , un ottiino uni- 
venalc , adottando cosi uno stile di disegno piii conforme 
che non quello di alcun altro pittore ai niodcili dell' an- 
tichita ; die Dualmeate , partendo dal pin semplice im- 
piego de'colori e maiieggio del pennello , come praticavasi 
dal Perugino , ancora riconoscibile nelle prime opere Pial- 
faellesche , egli conserve quel medesimo gusto di colore 
e quella nianiera pura e preziosa di dipignere , sollevan- 
<losi ad una mapigiore perfezione , tanto nel sistema del. 
colorito , quanto nel maaeggio del pennello medesimo. In 
questo luogo 1' A. ricoaduce opportunaraente il leggitore 
per le sale del Vaticano , e nella prima fa vedere sus- 
sistenti i vestigi della maniera e dei nsetodi del secoli 
precedenti , che trovansi in perfetto accordo con una com- 
posizione tranquilla, priva di qualunque azione appassio- 
nata :, nella seconda una composizione piena di azioni 
euergidie , di mosse violente c di cfFetii vigorosi , nella 
quale le ombre sono piii prouunziatc , i colori piii vivaci, 
piii ampic le tintc e le forme ; ed ammettc per ultimo 



PARTE STRANIERA. 403 

clie il colorito cli liaffaello si sarebbe aiicora uiaggionuente 
pertezionato , se piii a lungo avesse vissuto. Se in alcuii 
quadro t\t adoperato nelle ombre il nero da stampatore , 
fii Giulio Romano che comincio ad abusarne ; e Raffaello 
noa pote avvedersi del guasto portato da quel colore 
air arnioiiia tie'' suoi quadri , perche si scopri soltanto 
pochi aniii dopo la sua morte. 

Le ultiine pagiae di questa vita soiio coiisacrate alia 
scHola di Raffaello, nella quale si annoveraao Giulio Pippi 
o Giulio Romano , Gianfrancesco Penm , detto il Fattore , 
Luca Penni di lui fratello , Pierino Buonaccorsi , cono- 
sciuto sotto il nome di Perino del Vaga , Giovanni da, 
Udine , PoUdoro da Caravnggio , Pellegrino da Modena , il 
Bagnacavallo , Vincenzo di San Girnignano , Raffaello del 
Colle , Timoteo e Pletro della- Vite , Benvcnuto Tisi detto 
il Garofolo , Gaudenzio Ferrari , Jacomone da Faenza , il 
Pistoja , Andrea da Salerno , Vincenzo Pagani , Marc An- 
tonio Rainiondi e fors' anclie Scipione Sacco di Cesena , 
Pietro da Bagnaja , Bernardino Luino , Baldassare Peruzzi , 
Pietro Campana Fiaminingo , Mlchele Coxis di Maliaes , 
Bernardo Van Orlay e il Mosca , die citati sono tra gli 
scolari di Raffaello di\\V Armenini ^ (XaW Orlandi , dal Bel- 
lori e dal Palomino, benclie delT ultiiuo altro non si dica 
se iiou che dipiiise sul gusto di Raffaello. Potrebbe altresi 
( e r A. uoii lo dissimula ) cadere qualche dubbio sopra 
Vincenzo di San Girnignano , che soltanto fu lodato coaie 
iiiiitatore del principe de' pittori ; sopra il Garofolo , che 
probabilr.ieiite non partecipo ai suoi lavori , e solo ne 
imito perlettainente il (Usegno e il colorito ; sopra Jaco- 
mone da Faenza che si diede soltanto a copiare le opere 
Raffaellesche ; sopra Andrea da Salerno che ni-ni altro 
ruorche il Doininici assegno a quella scuola , e sopra il 
Raimondi clie intaglio bensi i disegni di Raffaello , nia 
che il solo Malvasia credette pitlore. 

Presenta per ultimo TA. un'importante considerazioiu- , 
che egli propone come il risultato di tutta questa storia. 
Dopo di aver fatto vedere che tanti talenti e tanti uiezzi 
di esecuzioiie riuuiti, rcnJouo n'gione del numero prodi- 
gioso di op'^re che Raffaello in Ijreve tempo piodusse ; 
a fine di dare alia storia uno scopo morale, egli si studia 
di fissare V attmizione su di una dclle cause principal! , 
alle quali si dee Raffaello . o ahneno riiumcnso patiinionio 



404 \PPENDICE 

che egli ha lasciato alia posterith. Quella grande niol- 
tiplicita tli lavori csegniti da un solo , e precisamente 
quello tlie distingue Raffaello da tutt' i gi-andi artisti del- 
r antichita , ed anclio da cjuelli dei tempi piii recenti. 
Due ragioni se lie possono allegare : la prima e clie 1' ope- 
razione in ciascuiia arte puo dividers! in due parti, a una 
dclle quali appartieiic quello che dipende dal pensiero , 
dair ingegno , dal buon gusto , all* altra tutto quello che 
si comprende sotto T idea di esecuzione e di pratica, che 
i nioderni direbbono di meccanismo; se dunque all' arti- 
sta ingegnoso si aflidano grandi e eopiosi lavori , egli puo 
formarsi ben presto molti docili esecutori de' suoi pensa- 
inenti , o in altri termini , molti cooperatori subordinati , 
che forse non farebbtmo nulla di buono senza di lui , ma 
senza del quali egli stesso farebbe assai poco. La seconda 
ragione e riposta nella dilFerenza die passa tra lo state 
antico delle arti e lo stato attuale , spiegata precisamente 
dalla difFerenza di opinione , di uso e di regime, che 
si oppone alia classilicazione di ciascnno , secondo il grado 
o la qualita del suo talento, nella categoria che gli con- 
viene. Allorclie il corso naturale delle cose non sofFre 
alcun contrasto , e niassinie nell' ordine e nel grado che 
r ingegno e la reputazione attriljulscono agli artisti, cia- 
scheduno cccupa necessariamente il suo luogo , e si for- 
mano superiority, e gradi successivi , nei quali 1' opinione 
non s* inganna giammai. Allora il piccolo nuniero degli uo- 
niini eminenti pel doni dell' ingegno e dell' invenzione , 
"vede occupati i posti secondarj dal gran numero di coloro 
che non hanno potuto giugnere se non che a gradi infe- 
riori; ne a qucsti e dato di aspirare alle grandi imprese , 
ai lavori piii importanti, che naturalmente richieggono 
nomi ceiebri , ma divenuti essi abili stromenti nelle mani 
di un capo , fanno si che di grandi cose nascano da 
questa grande riunione di mezzi. 

Bcnche T A. non si sia espresso con molta chiarezza , 
tuttavia noi non crediamo d' ingannarci, travedendo nel 
suo ragionamento una satira de' tempi presenti , ed una 
nascosta brania del ritorno di quel regime che aveva 
luogo nel fortunate secolo di Leone X. Egli difatto si 
conipiace nel citare Giidio Romano , che non isdcgno di 
essere per lungo tempo il secondo dopo Raffaello , e pri- 
meggio dopo la di lui uiorte in Roma ed in Mantova , 



i 



PARTE STRVNIEHV. 4o5 

servemlnsi deir opera dei collaborator! del suo maestro 
niedesimo. Certo e die il regime fattizio, come dice FA., 
per cul si daranno eguali iiicoi'aggiamenti e si fiira una 
divisione cguale di laA'ori, tra il niaggior numero dei pro- 
fessori di ua' arte medesima , riuscira favorevole ad una 
vegetazione parasita , dalla quale non si vedrii elevarsi 
alcuno sopi'a il lirello ordinario , e si otterranno i piii 
tristi riiultamentl. Nulla avvi altresl di piii certo di quello 
che r A. annunzia nelle ultime parole del suo scritto : 
" Se r esecuziotie, die* egli, di tutti i quadri prodotti da 
» Raffaello , fosse stata ripartita tra i cinquanta pittori 
» che la sua scuola compouevano , non si saprelilje in- 
»/ dicare , quali quadri si avrebbono. Quello che puo 
» asserirsi , e che non vi sarebbe stato un Haffaello. •> 

Neir appendice si registrano varj documenti storici o 
diplomatici sino al numero di diciotto. Vi si leggono la 
genealogia di Raffaello , le Icttere di alcnnl principi e i 
brevi di Leone X al medesimo, alcune di lui lettere alio 
zio ed a Baldassare Castiglioni , alcune iscrizioni , e le 
poesie ad csso attrlbuite. Duolci tuttavia che 1' A. non 
abbia iaserita per intero la lettera creduta del Castiglioni , 
e dal Francesconi ingegnosamente riventlicata a Raffaello ; 
la quale avreblie sparso grandissimi lumi sulla storia del 
medesimo , e massime sulla sua perizia nell" antiquarla e 
neir architettura. 

Rimane ora solo a pavlare delle stampe che accom- 
pagnano qucsto pregerole volume. In fronte alT opera 
trovasi un ritratto di Raffaello , tolto da quello esistente 
in Firenze nella coUezione de" ritratti de' pittori fatti da 
essi niedesimi , e con un testo di Luigi Crespi si \n'ova. che 
quel ritratto altre volte dipinto sul muro nel palazzo Al- 
bani in Urbino , e forse il piii genulno. L* intaglio vedesi 
fedelmente eseguito dal sig. Coiny. Dopo la prefazione 
trovasi il fac simile del carattere di Raffaello , cioe la 
copia esatta, litograficamente eseguita, di una sua lettera 
alio zio , Simone di Battista di Ciarla , conforme all" ori- 
ginale esistente nel Museo Borgiano a Velletri. Alcuno 
avrebbe deslderato di trovare , come nobile corredo di 
questa vita , anche il ritratto della Fornariiia tolto dal- 
I'originale della Galleiia di Firenze, che presciitato avreb- 
be al tempo stesso una delle piii belle opere dell' esimio 
pittore, e Timmagine della persona che per lungo tempo 
cattivo i di lui piii tcneri scntimenti. 



/^C(y APl'EKUICE 

PART E IT. 

SCIENZE. LETTERE ED AKTI TTALIANE. 



OPEKE PERIODICHE. 



GKAN DUCATO Dl TOSCANA. 
Antologia di Flrenzc^ quad, boj" 

J->'elle forze commerciali della Gran Brettagna, ragguagli 
del cav. Dupin , tratti dalla Bivista Europea. — Prospetto 
dei varj musci numismatici d' Enropa , e descrizione d' aU 
cune inedaglie greche appai-tenenti ai Tiitini, popoli di Ca- 
labria, di bomeiiico Sestini. — liitorno alle scuole ed ac- 
cademie delle belle arti, ed alia nuova dipintura di Fran- 
cesco Nenci nella cappella del Poggio Imperiale , fuori le 
mura di Firenze, lettera di A. Benci. — De rinfluence 
des agenS physiques snr la vie , par W. F. Edwards. — 
Lettera del conte Leopoldo Cicognnra snlle pittnre in por- 
cellana. — Sacra Famiglia, quadro in tela del Erioschi. — 
Descrizione di Bonkiiara e di Samarcanda. — Corrispon- 
denza fra T Ingbilterra e T India. — Notizie d'un viaggio 
fatto pel territorio di Arkansa nel 1819. — Estratto di 
un viaggio fatto sulle coste del Chili , del Peril e dei 
Messico. ■ — Spedizione del barone di Wrangel al polo 
del Nord. • — Di alcuni libri elementari delle lingne ita- 
liatia e latina. — Yiaggio di scoperta fatto per ordine del 
governo russo nel 3819-21 dal cap. BelUnghauscn nelP 0- 
ceano Paci/ico ne" mari anstrali. • — L' Italic avant la do- 
mination des Romains , par M. 3. Blicali. — Lettera del 
reco Patrizio. • — SuU' utilita dei ir.oltiplicati prodotti , delln 
generale industria , e sul danno dell' opporvisi , anche nel 
raso die i sistcmi proibitivi f.nssistauo negli altri p.nesi : 
Menioria del commend. Lapo dc Rkci. ■ — Lettera di nn 



PAUTE ITALIANS 40" 

socio tkir Accadeinia archeologica di Romn. — Bullettino 
scientifico n." 17. — Bullettino bihliografico n." i5. — 
Osservflzioiii meteorologiche di gennajo. 

Aiitologia di Forenze , quadcrno 51.° 

Delle aduiiaaze filantropiclie nell.i Gmn Brettagna ,e in 
ispecie di qnella tenuta pel inoiiumento di Watt: rclazione 
del cav. Dupin. — Comnientario dell* opera di Filangeri , 
tli B. Constant. — Alcune considerazioni sulIa presente 
lingua de' Greci , di A. Munoxidi. — Sulla liberta del 
comniercio frumentario : IMemoria secouda del M. C. RL- 
dolfi. — Rivista letteraria : Saggi di U. Foscolo sopra il 
Petrarca ; Poesie varie dell' Ariosto ; II rogo di Corinna , 
del Tasso ; Saggio sulla statistica di Verona , del conte 
Bevilacqua Lazise ; Difesa della filosofia, di Amlirogio Balbi: 
Caracalla , tragedia di G. B. Mnrzusi ,• sopra il cvilto di 
Vcnere Ericina , dissertazione di Ambrogio Balbi : Delle 
orazioni funerali , ragionamento di F. Bonciani ; Del bello 
jjoetico , dialogo d'Antonio Cesari ; Esercizio logico , di 
M. Cioja ; Scelta di racconti storici e favolosl tratti da 
ottimi testi di lingua per cura di Terenzio Mazzoll ; II 
finale giudizio di Michelangelo , cantica di A. Mezzano'te ; 
La storia romana di Tito Livio recata in italiano da Ja- 
copo N(trdi , coi supplimenti del Freinsemio tradotti da 
Francesco Ainbrosoli ; Introduzione alia filosofia naturale 
del penslero . opera del Lallebasque ; Delle opere di scultura 
uhimamente scoperte in Selinunte , IMemoria di V.Pisani; 
Notice sur une medaille inedite de Cavarus roi de Tlirace , 
par Jan Cnrahed ; Per ravvenimento al trono di Leopold© II 
granduca di Toscana , stanze di Averardo Genovesi ; Sul- 
r uso cui erano destinati i inonumenti egiziani detti co- 
muneniente scarabei, lettera del cav. Giulio di <S. Quintino 
e Saggio sopra il sistenia de' numeri presso gli anticlii 
Egiziani , dello stesso; Di un quadrante antico ed inedito 
nel niuseo dell' Universita di Perugia , di G. B. Vermi- 
glioli. — Lettera II di un socio ordinario dell' Accademia 
archeologica di Roma. ■ — Bullettino scientifico n." 18.° ■ — 
Bullettino bihliografico n." 16, — 0?serva7ioni nieteorolo-^ 
giche di febbrajo. 



4o8 APPENDICK 

S T A T I r O N T 1 F I C J. 
Gioriialc Arcadico dl Roma^ quaderno 73.° 

Prcfazlone del Direttore. 

SciENZE. Nota intorno ai sintomi febbrili manifestatisi 
in seguito cH grave perdita di sangue. — Di una para- 
plegia sanata col fuoco. — Elogio del dottor Giuseppe 
Lodoli. ■ — Sopva un* abljondante emorragia a cui soprag- 
giunsero singolari sconcerti. — Leltcra apologctica del 
dottor fisicQ Gregorio Riccardi. 

Letteratura. Epigranimi di Raimondo Ciinich , pubbli- 
cati da Francesco Cancellicri. ■ — Spiegazione di un luogo 
di Dante, di Agostino PeruzzL — Osservazioni numisuia- 
ticbe di Bartolonieo Borghesi , decade XII. — Dei pregi 
dello studio della religione cristiana in confronto dello 
studio delle religioni false, ragionaniento di M. Alessandro 
Lazzarini. 

Varieta'. Lettera di Leopoldo Staccoli. — Epigrammi 
di Zeffirino Re. ■ — Della sintesi e dell' analisi . discorso 
di Paolo Costa, — Prospetto biograiico delle donne ita- 
liane rinomate in letteratura. ■ — Epigramma latino di 
F. CancelUeri. — Di alcune c principali cagioni delle vi- 
cende della letteratura in Italia , discorso accademico del 
M. S. L. Conti Castelli. — Osservazioni nieteorologiche ed 
idraulicbe di dicembre. 



BIBLIOGRAFIA. 



REGNO LOMBARDO-VENETO. 

II Plutarco ad uso della gioventu , o sia massime e 
tratti storici estratti dalle vite degli uomini illu- 
stri da C. Castelfbanchi. Seconda edizione rwe- 
duta. — Milano , T824, dalla tipografia di Gio. 
Silvcstri, vol. a in i6.° 



N< 



ION bisogna confondere quest' operetta con un' altra 
pubblicata dallo stesso editore intitolata ?(uovo dizionario 
dcgli uomini Ulustri ecc. , al quale inganno potrebbero 



I'ARTE ITALIA.N\. 4C9 

essere imlottl i lettori dall' identita dclle tavole che prcce- 
dono questi volunii e che rappresentano divcrsi ritratti di 
antichi personaggi. II Niiovo clizionario contieiie il nome e 
un cenno compendioso della vita degli uominl illustri di tutte 
le nazioni anticlii e nioderni , nientre il Plutarco ad uo 
della gioventii non tratta che de' personaggi menzionati dal 
celebrate biografo di Clieronea. Le prime voci del Nuovo 
Dizionario soiio Aaron d' Alessandria , Aaron al Rashid , Abai- 
lardo ecc. ; quelle del Flutarco sono Abjilke , Acufi , Age- 
silao, Agide ecc. II compilatoi-e avvisa che ncU'esposizione 
delle cose non ha voluto dipartirsi daU'eccellente versioiie 
del Poinpei, giacche iuvano , die' egli , si sarebbe provato 
di emularlo nella purezza ed eleganza dello stile. Noi lo- 
diamo il suo divisaniento, e crediamo che questi due vo- 
lumetti possauo utilmente far parte della Biblioteca dei 
giovanetti, pei quali la lettura di Plutarco riuscirebbe poco 
intelligibile e intempestiva. 



Elementl c?' economia campestre del cav. Filippo Re , 
secojida edizione riveduta e corredata di note da 
Giuseppe Rossi. — Milano , 1824 , dalla tipo- 
grafia dei fratelli Sonzogno , in 8.° di pag. 208. 

Dopo tanti elemeiiti d' agricoltura italiani e stranieri tras- 
portati da diverse lingue nel nostro idioma, noi opiniamo 
assolutamente die gli Elementi del cav. F. Re rimangono 
tuttavia i migliori. L' operetta che abbiam per le mani e 
un conipendio di qnelli , ridotti da tre volumi in un solo 
dair autore niedesimo ; il quale in fine di una breve in- 
troduzione dice : " La presente operetta non e che il 
ristrctto de' miei Elementi d' agrtcoltura fatto per se- 
condare r autorevole invito che Iio ricevuto. Se mi av- 
venga di annunziare alcuna cosa essenziale o taciuta in 
quelli , o nuova afFatto, sar.a preceduta da un *. Sicconie 
poi questo libro potrelibe cadere in mano ancora di clii 
amasse vedere trattati con maggior estensione i varj og- 
getti , cosi andro talora citando i fonti , massimc italiani 
a cui si potra ricorrere. <» 



41* .\.PPEND1(JE 

Elenco dl alcuiie opere stainpate e puhblicate iiel regno 
Lomliardo-Veneto da ottohre 1824 a marzo del 
corrciitc anno i8a5. 

Aiialisi eJ applicazioni dell' ocra <li Levico , di Pietro 
de Col. Padova , stampcria dclla Minerva, io 8.° di pa- 
gine 3c. Cent, 60 anst. 

Aniinli universali di mcdiclna e chirnrgia , del dott. An- 
ni]):ile Oinodei. Milano , Destefanis , in 8." quad. 99.°, 
marzo. Lir. 24 ital. all' anno. 

Annali nniversali di statistica , econouiia pubhlica , storia 
e viaggi. Milano, presso gli editori , a S. Giovanni alle 
qnattro facce , n.' i838 , in 8.°, fascicolo 9.°, liiarzo. 
Lir. 18 ital. all' anno. 

Appendice e comnicnto ai maravigliosi spropositi di Nata- 
nar snl Dittamondo accennati nell' ultimo volume della 
rroposta. Udine , Mattiuzzi , di pag. ii5, in 8.°, con 
rame. Lir. 2 anst. 

Appendice interessantissima al Paragrandinatore istruito , del 
geometra ScaramcUi. Venezia , Casali, in. 8.° Lir. i aust. 

Biblioteca canoviana , ossia raccolta delle inigliori prose e 
del pill scclti fomponinienti poetici suUa vita , suUe 
opere ed in niorte di Antonio Canova. Venezia , Paro- 
lari , in 8. Sono pubblicati i6fascicoli, tiascuno di 64 
pngine. Centesimi 82 anstr. per fascicolo. 

Ro.i (il) dl Plinio , congetture suUa storia della vacclna- 
zione , del cav. dott. Tommaso Prelci. Milano , Deste- 
fanis , di pag. 4^1- , i:i 8.° Lir. 2. 

Cagloni , natura e sede dclla pellagra. Milano , Destefa- 
nis , di pag. 258 , in 8." Liv. 3. 5o ital. 

Cemento ( snl nuovo ) o petrificazlone artlflciale ecc. , 
invenzlone di Lnigi Giuriati. Venezia, Andreola , di pa- 
glne 32 , in 8." 

Chirurgla ( conipleta ) secondo il sistema de' nioderni , di 
M. La Faye. Bassano, Pieniondini, Vol. i .'' e 2.*, in 
12.°, di pag. 284, 420 con rami. Lir. 3 anst. al vo- 
lume. 

Collezlone di leggi e rcgolamenti jmliblicati dall' L R Go- 
verno delle provincie Venete. Venezia . Andreola, in 
8." Vol. TO.% parte prima. Lir. 5. 70. Parte seconda 
Lir. S. 10. — Vol. 11.° Parte prima Lir. 4. 5. Raccolta 
di leggi e regolamenti normali della direzione del censo 



VARTE IT ALT AN i. ^ I r 

e tielle imposlzionl dirette dal 1819 a tiitto il 1821. 
Lir. 1 . 40 aust. 
Commedie dl Alberto Nota. Venezia , Picotti , in 12.° 

Sono pul)blicati 5 Aolnini. Lir. 3 aust. ciascuno. 
Commedie di Carlo Coldoni, con rami. Venezia Tasso,in 
8.° Sono pubblicati 18 voluuii , di circa pag. a8o cia- 
scuno. Lir. 2. 5 1 aust. al vol. 
Compimento (pel) della chiesa parrocchiale di Castenedolo, 
orazione del sacerdote Pietro Galvani. Brescia, Pasini, 
di pag. 18 , in 16.° 
Conquiste (delle) celebri , libri due di Appiano Bonafede. 
Venezia, Alvisopoli, di p. 204, In i^.% con rame. Lir. 2 aust. 
Description de la ville d' Este sur le lac de Gome, par 
Louis Viganb. Como , Ostinelli , di pag. 23, in 4.% con 
una incisione. Lir. 5. ital. 
Discorso inaugurale nel porsi la prima pletra della gran- 
diosa torre di Urgnano. Bei-gamo , Mazzoleni , di pa 
gine i5 , in 0.° 
Dizionario etimologico-scientifico di voci clie derivano dal 
greco , conipilalo da Giulio Sandri. Verona , Socicta ti- 
pografica , in ]6.'' Sono usciti 7 volumetti. 
Dizionario sacro liturgico , die coniprende le rubriche del 
breviario , messale e rituale romauo ecc. , di D. Gio. 
Diclic. Venezia, Rizzi , in 8.° Sono pubblicati tre volumi. 
Idem. Seconda edizione. Vol. i.°, di pag. 320 , in 8." 

Lir. 3 aust. 
Educazione cristiana , ossia catechismo universale di D. 
Santo Cimarosto. Venezia, Curti , in 8.° Sono jiubbli- 
cati 34 vol. in 8.°, ciascuno di pag. 280 circa. Lir. i. 
7a aust. al vol. 
EfFemeridi politicbe , letterarie e religiose. Prinia edizione 
italiana. Verona, Societa tipografica editrice , in 8.° Sono 
pubblicati 11 volumi, gennajo a novembre. Lir. 3. ifo 
aust. al A'olume. 
Elementi di medicina pratica , di Guglielmo CuUcn : tradn- 
•zione dalTinglese, arriccbita di varie annotazioni dal 
Pasquillon e dal traduttore italiano. Venezia , Ro.'r^a , in 
12.° Vol. 4. Lir. 6. So aust. 
Elementi di storia naturale generale , del dott. Gaspare 
Brugnatelli P. O. di detta scienza nell' L R. Universita 
di Pavia. Volume i." contenente il trattato del regno 
inorganico. Pavia. Bi/zoni . in 8.% di pag. 336. 



4!a APVENDICB 

Elogio d'l monsignor Angclo Maj letto ilalT aliato Piev Au- 
relio Mittti iliiettore deir 1. R. Liceo di Bergamo nella 
pubblica adunanza dell' Atcneo di questa citta il giorno 
1 3 geiinajo 1828 ia occasioae die vi venne inaugurato 
il ritratto del celel5re arclieologo. Bergamo, Mazzoleni, 
in 8.°, di pag. 48. Lir. i. 5o aust. 

Esposizioiie d' uii priiicipio purauiente geometrico del cal- 
colo dlfferenziale , del cav. Antonio Caccianino. Milano , 
Ylncenzo Fen-arii-i , di pag, 22 , in 8.° Cent. So ital. 

Fabbriche (le) di Mlchele Saninicheli, ai'cliitetto Veronese, 
diseg!iate ed incise da Francesco Ronzoni e Girolamo 
LiiciollL Verona , Moroni , in foglio. Sono pnbblicati 4 
fascicoli con quattro tavole ciascuno. Lir. 4 anst. al 
fascicolo. 

Formulario per la preparazione e Y uso di molti medica- 
menti niiovi: tali sono la nore vomica , la morfina , 
Tacido idrocianico , la strichnina , la veratrina , gli alcali 
delle cliine cliine , 1' emetina , 1" lodin , V ioduro di mer- 
curio , il cianuro di potassio, 1" olio di croton tiliuui , di 
F. Magendie , menibro delT Istituto di Francia. Tradu- 
zione dal francese accrescluta di note ed aggiunte per 
cura di Antonio Cattaneo , dottore in ambe le Icggi , 
maestro privato di economia rurale , compllatore del 
Gioi-nale di farmacia-chimica. Nuova edizione fatta sulla 
quarta di Parigl , e su 1' edizione tedesca stampata a 
Lipsia^ con appendice. Milano , presso G. P. Giegler , 
corsia de' Servi num. 6o3, in 8." di pJig- 207. Lir. 3 
aust. — Si vende anche dal tvaduttore alia sua farma- 
cia , corso di Porta Romana sail' angolo della contrada 
dei Moroni. 

Giocatore (il) nella sala di conversazione che istruisce snl 
tarocco ecc. Milano, Pogliani , di pag. a 16, in la.' 
Lir. I. 1 5 ital. 

Giornale sulle scienze e lettere delle provincie venete. 
Treviso , Andreola, in 8." Sono usciti 4a fascicoli , cioe 
dal luglio 1831 al dicembre 1824, un fascicolo al niesg, 
di circa pag. 5o ciascuna. Lir. i3. 79 aust. alPanno. 

Giornale di farmacia-chimica e scienze accessorie, o sia 
raccolta delle scoperte e rltrovati e miglioramenti fatti 
in fiirinacia ed in ciiimica , compilato da Antonio Catta- 
neo, chimico farmacista. Milano, Rusconi. Quaderno 14.°, 
in 8." Lir. 16 aust. all' anno. 



PAKTK ITALXANA. 4l3 

Le associazioiii si ricevono da Gio. Pietro Gleglcr , cor- 
si.i de' Sei'vi. 

Giaoco (il) degli scacchi , trattenimeiito tradotto dall' in- 
glese , a2;giuntavi la biljlioteca ragionata degli scrittori 
del giuoco stesso dall' aliate Francesco Cancellieri. Ve- 
nezia , ]Molinari , di pag. 174, in 12.° Cent. 06 aust. 

Guida (la) sicnra dell' uomo di ogni grado e di ogni se- 
colo , ossia I'accolta di scelti pensieri filosolici e niorali 
di V. Q. Vol. i.° Vicenza, Mosca , di pag. 66 , in 
8.° Cent. 5o aust. 

Introduzione alia storia della medicina antica e moderna , 
di Rosario Scuderi M. F. Padova , stamperia della Mi- 
nerva , di pag. 164, in 8." Lir. a aust. 

Introduzione alio studio sacro e alia morale religiosa , in 
lingua italiana ed ebraica. Parte prima. Venezia , Paro- 
lari, di pag. 64 , in 8.° Lir. i aust. 

Leontina . romanzo in cento lettere , di Augusto Kotzebue , 
tradotte da Pier Antonio Cerutti. Tomo i .°, dalla let- 
tera i.» alia aS.^ Venezia, Andreola , di pag. 12,4, in 
ia.° Lir. I. 5o aust. 

Lettere ( tre ) sulP ultimo viaggio e snlle particolari circo- 
stanze della niorte di Gio. Belzoni : traduzione dall' in- 
glese. Padova 5 stamperia della Minerva, di pag. 16, 
in 8.° Lir. i aust. 

Manna (la) dell'anima del P. Paolo Segneri : aggiuntovi il 
volgarizzamento dei passi latini. Udine , Murero, in 1 6.° 
Pubblicati 6 voluuii. 

Manuale di patologia e terapla medica , di G. Raimann. 
Pavia , Bizzoni , torn, i.' e 2.°, in 8." 

Memorie dell' Accademia di agricoltura , commercio ed arti 
di Verona. Vol. 9.° Veroua , Societa tipogralica , di pa- 
gine 366 , in 8.° Lir. 4 , So aust. 

Notizie statisticlie della provincia di Vicenza per P anno 
1824, di Pietro Maraschini. Padova, stamperia della Miner- 
va, quaderni 3." e 4.°, in 4.°, di p. 48 e 56. Lir. 4 austr. 

Novelle per far ridere le brigate , di varj autori. Vene- 
zia , Alvisopoli , di pag. 229 , in 12.° Lir. 2 austr. 

Operette (alcune) di Gaspare Gozzi veneziano. Venezia , 
Alvisopoli, di pag. 229, in 12.° Lir. 2 , 3o aust. 

Orazione sulla retta istituzione nello studio del diritto , di 
Gio. i?ar6ey/-uc : traduzione di P. Brozzoni. Brescia, so- 
cieta Bcttoni .^ di pag. 83 , in 3.° Lir. i. t(. ital. 



^lij. IPPENDICE 

Ortografia eiicit-lopedica universale della lingua italiana, 
Venezia , Tasso, in 8.° Sono pubblicati ii fascicoli di 
pag. 96 ciascuno. Lir. a anst. al fascicolo. 

Osservazioni snll' indole e snila cura della tisi polmonare , 
(Ii Antonio Portal : seconda edizione italiana , traduzione 
di Gaspare Federigo. Padova , stainj^eria del Seminario, 
iu 8." Vol. 2. di pag. 414 e 3:c). Lir. 20 aust. 

Pandette (le) di Giustiniano disposte con nuovo ordine. 
Yenezia, Santini , in 4.°, di pag. 340. 

Proniotori (i) dello studio delle belle lettere , di G. B. 
Cremonesi. Treviglio , Messaggi , di pag. 49 , in 8." 
Lir. I. 25 ital. 

Prose scelte di Da.iiele Bartoli. Venezia , Alvisopoli , di 
pag. 200, in 12." Lir. 2 aust. 

Prudenza (della) necessaria nella prescrizione dei salassi. 
Mllano, Staniperia di coramercio, di pag. 116, in 8." 
Lir. 1. 5o. 

Pvccjolamento fondamentale della societa del teatrino filo- 
drammatico di Verolanova. Brescia , Bettoni , di pa- 
gine 16 , in 8." 

Komanzi (nuova traduzione dei) di Sir Roberto Walter 
Scott. Vol. i.° — Quintino Durward, ossia lo Scozzese 
alia corte di Luigi IX. Venezia, Curti , di pag. 2i5 , 
in 8." Lir. t. 5o. aust. 

Saggio di storia della niedicina veterinaria , di Antonio 
ZaiuiQn.XlA'me , Pecile, di pag. 121, in 8.° Lir. i aust. 

Storia della letteratura italiana, del cav. abate Girolamo 
Tiraboschi. Ve.iezia , Molinari , in 8.° Sono pidibiicati i 
volnini i." al 6.°, parte terza. Lir. 3. 5o aust. al tomo. 

Storia degli imperatori romani di Crevier e del Jjasso im- 
pero di Le Beau. Venezia, Alvisopoli, in la." Sono 
pubblicati 28 volunii di 286 png. ciascuno , con rami. 
Lir. .3. 45 aust. al vol. 

Storia ecclesiastica , del cardinale Giuseppe Agostino Orsi. 
Venezia, Picotti, in i 3.° Sono pubblicati 22 volumi con 
rami. Lir. 3. 40 al vol. 

Supplemento all' annuale omeletico , di P. Carlo noLa. 
Milan o , Motta , di pag. 295, in 8." Lir. 3. 

Vcleni (soprai) arsenicali , e specialmente sul modo di 
diniostrare senza equivoco P esistenza dell' arsenico me- 
tallico nei composti arsenicali : Dissertazione chimico-le- 
gale di P. de' Cas di Agordo. Padova , stainperia del 
Si'tniiuuio. di pag. j>2 , in S." Cent. 5.' aiistr. 



PARTK ITALIANS. /(.I 5 

"Viat^gi di Eurico Wanton ai regal delle sciuiie e del ci- 
uocefali : opera di Zaccaria Serinien , veneziano. \'ene- 
zia , Alvisopoli , in J2.°, vol. a con rami. 

Vita (della) d' Antonio Canova , di Melcluorre Missiriid. 
Milano, Bettoni , vol. a , in 8.° Lir. 6. ital. 

Vita di Carlo Coldoni , scritta da Luigi Carrer. Venezia , 
Tasso , in 8.% vol. a. Lir. 6. yo. aust. 

Vite dei padri , dei martiri e degli altri principali santi : 
opera dell' abate Butler, tradotta in italiano. Venezia, 
Battaggia , in 8." Sono publilicali ii volumi. 
Incisioni. 

La Madonna del lago , tratta da un dipinto di Leonardo 
da Vinci, del cav. Giuseppe Longlii. Lir. 36. 

I'ianta della R. citta niurata di Rovigo e dintorni. Vene- 
zia, Bonvecchiato, Cent. j5 aust. 

Regno Lombardo-Veneto , carta geogralica incisa dal Fa- 
squuli. Cent. 7 5. aust. 

Ten!|iio ( niaajnifico) di S. Giustina di Padova, incisa dal • 
V Aliprandi. Cent. yS aust. 



P I E M O N T E. 

SidV insegnumeuto drllc arti. meccaniche da fursi avcre 
a prcfercuza di qualslvogl/ti alt.ra facoltd ai sordo- 
muti allievl del reaie Islituto di Genova. Instruzione 
domandata a chi con ogni premura lo inculca. — 
Torino, 1828, pet la vcdova Pomha e figli^ di 
pag. 54 , in 8.^^ 

Tutte le umane istituzloni, per cjuanto sagge ed utili 
si vogliano immaginare e prima die siauo ben rassodate 
e stabilite, ed anche dope clie sono al loro terniine lieta- 
ineute condotte , tutte banno a sostenere T urto possente 
delle passionl, la guerra de'pregiudizj e le calunnie deU'in- 
vidia e delF inerzia , acerrime neniicbe d' ogni piii saata 
innovazione, siccbe sino a' tempi dell' illustre al)ate de 
I'Epee andavansi pronunciando i Sordo-muti niacchine ed 
automi incapaci di cjualsivoglla ammaestraineato , c la 
loro istruzione , un vano sforzo della iilantropia cuniru i 
decreti incommutaljlli della natura. 

Allorcbe pero dietro T esperienza e la nieditazioue ri- 
trovalasi Parte maravia;liosa di una uictodica cilu-jaziuiie 



4l6 Ari'ENDICE 

col linguaggio dfllo scritto , si viiU-ro uscire degli stabili- 
iiienti dei sordo-ninti della Fiancia, delT Ingliiltorra e degli 
Stati Uniti dei cclclni niatein.itici ed astroiiomi, e dei cit- 
tadini colti ed lUili ridoiiati r.Ila societa , alia morale e 
alia religioae, si aimimtoliioiio le voci della disapprovazione 
e della inaldicenza, col desidcrio che al perfezioiiamento 
di tali istituti iiitrodotte fossero le arti meccaniche , come 
ijuelle che piii si alFaimo alia condizione degli allievi che 
sortoiio quasi sempre la nasclta tra le angustie della fa- 
me e deirindigeiiza. 

Ora ropuscolo, di cui veniamo a parlare , tende alio 
scioglimeiito di quesla quistioiie : se le arti meccaniche ap- 
punto dehbano essere ricevute neW Istiluto reale di Genova, 
e con quale istruzione; e noi dolibiamo saper grado cer- 
tameiite all'autore che pongasi a distruggere una cosi falsa 
idea quaiito nocevole al bene dell' unianita infelice, al- 
trettanto capace di detrarie al merito de' veraci suoi be- 
nefattori. 

L' Istituto dei Sor<lo-inati in Genova, il prime tra pochis- 
simi clie esistoao in Italia, e retto per sovrana autorita, 
e dalla regia munificenza ampliato e sostenuto per con- 
l,enere cento alunni , a venti dei qiiali 11 Governo accorda 
dei posti gratuiti, qualunque sia la loro condizione e 
la loro fan)ig!ia , e uno st'ihiliniento , sicconie osserva il 
nostro autore , d' istruzione morale e di civile edncazio- 
ue, per cui vi si iasegaano lo scritto, come unico mezzo 
di progredire neU'uua e nell'altra, la gramatica, la logica , 
la metalisica ed anclie la geogralla , le matematiche , le 
lingue, il disegno e T incisione , ginsta la capacita degli 
allievi, e secondo la durata del tempo prelinito alia loro 
dimora nel medesimo. Ma tutti qnesti studj da molti si 
giudicano inntili , dovendosi ammaestrare i sordo-muti 
secondo la opinione di costoro nelle sole arti meccaniclie 
e nei mestieri, tranne quel poco di morale che pub essere 
necessaria ad an povero artista. 

Le ragloni per altro , cui si appoggia siffatta opinione 
erronea e pregiudicata qualora si considera nel sno senso 
assoluto, non sono ne pin valide, ne piii conosciute di 
quelle che abbiamo gia accennate , per cui giova meglio 
il contrapporvi quelle die il nostro autore va sviluppando, 
e che a noi egualmente buggeriscoiio , per comljatteria e 
per distrnggerla. 



PARTE ITALIANA. 417 

La prima di tntte e la segueiite : perche i Sortlo-muti 
indigenti nou dcggioiio partecipare ad un' educazlone intel- 
lettuale e civile, quando questa e una consegncnza ne- 
cessaria deirinsegaaiiiento e dello stato delle loro f'acolta, 
e quaiido per essa riescoao utili e capaci di distinguersi 
colla siiigolarita dei talenti e delle cogaizioni? 

E una vera crudelta, una vera barbarie il condannare 
questi disgrazjati ad una doppia infcliciia , facendo loro 
sentire il peso di tutta V ingiustizia della natura e degU 
uomini; siccome all'incontro e ottimo e lilantropico prov- 
vedimento quello di accoglierli e d'istruirli tutti egual- 
mente ed iadistintamente , seliljene escano dalle classi 
pill oscure e ))Overe della societa. 

D'altronde in qual uianiera potreljljesi togliere a'Sordo- 
uiuti quello stato maccliinale ed autoniatico in cui si tro- 
A'ano per la mancanza deirorgano dell'udito, se non per 
mezzo dell' istruzione dello scritto, clie fa per loro le 
funzioni del linguaggio articolato? Come arriverebbero poi 
a ben intenderlo, a ben usarne, percbe sia la leva del 
loro spiriio , se non si apprendessero a questi allievi i 
rndimpnti della gramatica e Jolla logica ? E come inline 
sare|jl)ero atti a concepire chiaramente e nitidamenrp Ip irlee 
astratte e morali della religione senza il soccorso della 
nieiafisica? E vano pertanto il pretendere che non venga 
data ai Sordo-muti un' educazione iutellettuale necessa- 
riamente rlcbiesta dalia natura delle cose e dalle loro 
stesse circostanze, e senza della quale sarebbero assai al 
disotto dei fanciuUi, e non iafcriori ai bruti , potendo 
quelii per mezzo dell' udito apprendere da se il linguag- 
gio articolato, che sviluppa coll' astrazione e colla coni- 
]iosizione delle idee il loro intendimeuto; e nou dandosL 
niai il caso per questi clie giungano al vero intendere ed 
al vero x'agionare pel difetto del linguaggio e dell' astra- 
zione onde usarlo. 

Finabuente non e egli proyato che per l' attenzione , la 
fjuale e somma e maravigliosa ne' Sordo-muti per I'allonta- 
namento d' una gran parte degli oggetti distraenti, niolte 
altre lacolta dell' intcllctto agiscouo e si sviluppano in 
loro con uu grado di maggior perfezione di quello che 
iu altri nou avvenga? Perclie aduuque non si vorra edu- 
care la loro meute, clie spiega tanta attivita e tanta energia , 
al loliivauieuto delle science , e di quelle singolarmentc 

Uibl. hal. T. X.XXMI. 1- 



4i8 vrrENniojt 

in cui si ncliiea,i2;oiio gli sl'orzi del raccoglimento e della 
(onceiitrazlone ? BnaJito , sicconie lo deve essere da chi 
fonosce il processo psicologico delle nientali funzioni , 
il volgare pregiudizio , che i Sordo-niuti noii siaiio sic- 
< ome noi pei'fettlbili iielle Cacolta intellettnali, quand' an- 
«:lie e piii scarsi , e piu diflicili si ofFiano i uiezzi di per- 
fVzionaile, cessa ogiii vagione perchc abbiasi a biasimai'e 
il sistema^^d'' istruirli in ogiii geneie di sapere. 

A codeste osservazioiii noi potienniio aggiugnere la 
iudoniabilita delle |>ass>ioni , die ne' Sordo-muti non edu- 
<ati giangono alia ferocia e alia brntalita , I' odio e 
r invidia clie andrebliero radicandosi profondamente nel 
loro aaimo colle distinzioni di un dilFerente sisteaia di 
educazione, e Tignoranza nelle arci nieccaniche stesse, ove 
con una preventiva educazione intellettuale non fossero 
scosbi dallo stato della loro inibecillita e del loro idioti- 
sn-iO , noi potreinmo aggiugnere, si ripete , tutte queste 
cose se non vl fossero altresi degli ostacoli insornioutabili 
neir introduzione delle arti nieccaniclie nelF Istituto di 
Genova per tutte queste quistioni che propone Tautore: 

" i.'Qaali sono individaalinente le arti meccaniche 
>> ed i mestieri che ivi deljbono ammettersi ? 

>; 3.' Ouante di queste arti ivi hanno ad anunrttersi? 

» 3.* Dove si dovranno farle loro apprendere? 

)/ 4.' In <]ual tempo dovranno essi applicare alle arti , 
>i oisia che vengano loro insegnate neiristituto o fuori ? 

» 5 ° Con quali niezzi introdurre le arti nell' Istituto ? 

>> 6." Con qual esito per i ragazzi medesinii ? 

" 7/ Dato ancora che tutte le precedenti difficolta 
» fossero sciolte , dove prendere di che lavorare finche ri- 
» mangono neiristituto (i)? " 

Ecco che in tutte queste quistioni si hanno delle diffi- 
colta insuperabili per attivare 1' insegnamento delle arti 
jneccaniche ;, infatti ( ripetendo le parole dell' autore me- 
desiuio), e ovvio che gli allievi per F eta , nella quale 
vengono ammessi all' Istituto, non possono aver le forze 
adatte a qualsivoglia mestiere; die tenue essendo il nu- 
rnero de' poveri e di quelli che dair altrui pieta non 
vengano sostenuti , sette od otto al piu tra maschi e 
femniine sarebber quelli da destinarsi alle arti meccaniche ^ 



\i) Vedi pagina 41 sino a pagiiM 46. 



fAIlTE ITALIANA. 4 HJ 

■die il uiatidarli fiiori dell' Istituto ad apprenderle por- 
I'ebbe a contraddizione le nuove a])itu(lini cogl' insegna- 
nienti inorali non abbastanza forti e radicati per preve- 
nire il disordine e la corriizione ; clie i Sordo-nuiti non 
avendo che gli occhi, siccome mezzo di percezione, nou 
avrc'bbero la capacita di applicare ad un tempo alPistru- 
zione morale e religiosa, ed al lavoro delle mani , qua- 
lora non vi fosse grande intervallo tra T uno e Taltro; 
che infine moiiterebbe piii la spesa, onde provvedere i 
maestri ed i materiali del lavoro che non il profitto degli 
allievi , condannati perpetuameute alT umiliante condizione 
di garzoni da mestiere , quand' anche avessero a riuscire 
«ccellenti artisti. 

Posto r animo a tntte queste cose, clie con sano in- 
tend iuiento e pieno di chiarezza l' autore ha ragionate, 
noi pure dobbiam concludere , che e privo di base si in 
astratto, che in pratica il dlsegiio d'introdurre le arti ed 
i mestieri nelT Istituto dci Sordo-muti di Geneva , come il 
sara in qualnnque altro , u)assimamei*te che non si sa- 
prebbero additar neppure le regole onde mandarlo al suo 
eseguimeuto. 

Ne suppongasi per questo , che sia mente nostra di 
sbandirne ogni arte , la quale potesse per avventura recar 
qualche giovamento; noi riiiutiamo il progetto di conver- 
tire quell' Istituto in una casa di lavoro , siccome assai 
lodevole ne pare il divisamento dell' egregio suo Direttore 
di animettcrvi, siccome vi ha gia ammesse quelle arti e 
quel!" istruzione, che mentre riescono compatibili col ge- 
nerale sistema dell' educazione civile e intellettuale de' Sor- 
do-muti , provvedono alia loro poverth, come anche alia 
poca attitadine dell' ingegno , e all' insufficienza dell' edu- 
cazione per r eta loro troppo avanzata. 

Sia lode adunque alio zelo e alia filantropia dell" ilhi- 
stre P. Assarotti, che eiede fortunato della scienza di de 
1' Epee e di Slcard , ne divide tutte le cure paterne , 
insieme al nierlto e alia gloria, cercando coll' insegnaniento 
delle scienze di vendicar meglio i torti di tanti iufelici 
contro una troppo ninirigaa uatura ; sia lode alia munifi- 
cenza del Governo ed all' umanita de' Protcggitori di quello 
^tabilinicnto cosi hello e ccsi (ioiente ad ouore <lell' It{i- 
lico paese; ed a queste lodi si uniscauo le voci delta ri- 
ccnoscenza e della conipassioue per rorouare col vo((> 



42© A.rPENDICE 

universale e il piii liislnghiero gli sforzi che fnnno questi 
uomini generosi , onilc concorrere alia giantr opera della 
loro rigonerazionc. 



Almeone , tragedla dl Costantino Piccoli. — Torino , 
i^iS y prcsso Pletro Marietti, in 8° 

AI tempo della guerra di Tebe , famosa poco meno che 
quella di Troja , Anfiarao presage di non poterne uscir 
salvo, s'era nascosto in mi antro per sottrarsi alle inda- 
gini di coloro che venissero per avventura a domandare 
di lui. Ma la moglie Erifile rivelo il nascondiglio dello 
iposo al prezzo di una collana : donde Anfiarao veggen- 
dosi tratto a sicurissinia morte , e ben sapendo per cui , 
commise la vendetta di quel tradimento al proprio iigliuolo 
Almeone che giuro 1' eccidio di Erifile. Venuta poi la no- 
tizia di quella famosa niorte di Anfiarao sotto di cui 

S' aperse all' occhio de Teban la terra, 
Gridando : Anfiarao dove rui , 

Almeone agitato dall' obbligo di compiere la giurata ven- 
detta del padre, e dall'orrore di bruLtarsi nel sangue della 
propria genitrice, dopo avere alcun tempo dubbiato compie 
r orribile giuramento , e credendo placare Torabra paterna 
coperse d' Infamia il suo nome per fin che duri meraoria 
del fatto. 

Questo e T argomento della tragedia che qui si annunzia , 
la quale principia colle smanie d' Almeone dopo che gia 
era accaduta la morte di Anfiarao. Della tessitura di questo 
componlmento noi non iaremo parola : cosi neppure dei 
versi ne dello stile : e restringereuio il nostro discorso ad 
una sola osservazione intorno all' argomento. Tutta la tra- 
gedia si fonda sulle smanie di Almeone il quale credesi 
obbligato dalla religlone del giuramento al peggiore di tutti 
i delitti che infamino !' umana razza , all' uccisione della 
propria madre. Forse in tempi inliuitamente diversi dai 
nostri, sotto 1' influenza di una religlone e di una filosofia 
ugualmente fallaci che miserabili , pote mettersi in dub- 
bio se un giuramento si malvaglo quanto quello di Al- 
meone potesse obbligare chi l' avova pronunclato: e dove 
la mciltitudine fosse ancora occupata da questi orrori , il 



PAKTE ITALIAN.V. 42V 

poeta potrehhe spernre chc la sua tragetlia ottenessc qiial- 
clie succcsso. Ma ai nostri giorni , aiizi da Ijeix clue inlla 
anni o nieglio , non e piii alcuno clie possa niai credere 
die un giuraiiiento ol)blighi il figliuolo ad uccidere la pro- 
pria inadre. Scellerato fii il pensiero dl Anliarao di com- 
niettere quasi per testainento al figliuolo 1" esecuzione di 
queir orrendo delit.to. Scellerato fu il voto di Aluieone : 
irragionevoli e scellerati i suoi dubbj. Nefanda Topera clTegli 
fece. In mezzo a tanta empieta quasi ci si fa perdouabile 
Y errore di Erilile , die ignara o non ben sicura alnieno 
del futuro destino di Anfiarao lascio ingannarsi alio arti 
di chi la ricbiese di Ini. Ma neppur essa e dcgna della 
nostra piota ; quando uianco al deljito di Ijuona sposa ri- 
velando il segreto ricovero di Anliarao. Quindi in qucsta 
tragcdia non troviamo ne virtu oppressa da compiangere, 
perclie tutti sono enipj ( parliamo naturalmente dei per- 
sonaggi principali ) :, ne vizio da odiare , percbe 1' errore 
di Erilile quasi e cancellato dal suo pentimento e dall' in- 
felicita in cui la vediarao , e il delitto di Almeone giudi- 
cato secondo le credenze di que' tempi potrebbe credersi 
necessario. Se non che il nostro popolo educato a luigliore 
lilosolia non pub ne pei"donare T eccesso di Almeone , ne 
prender parte a' suoi dubbj ed alle sue smanie ; ed abljor- 
rendo e condannando per sino il pensiero del parricidio , 
non potra punto partecipare alle angustie del protagonista. 
Al primo comparir di Almeone , ogni rozzo spettatore gia 
1' ha proscioho dal suo voto, c Y effetto della tragedia e 
caduto. 



DUCATO Dl MODENA. 
Delle inflaenze morali,. Opera del s'lg. Pietfo Sche- 
DONi , terza ediziouc riveduta ed ainpliata di molti 
articoll dalV autore. — Modena ^ 1824, dalla ti- 
pografia Cameralc , iol. 3 in 8»° , di pag. 3ii , 
289 , 219. 

Di quest' opera parlarono a suo tempo i giornali d' Italia 
e di fuori colla debita lode. Le precedenti edizioni erano 
in due volumi. Le aggiunte che vi ha fatie 1' autore hanno 
accresciuta la presente di un terzo volume. L" autore tocca 
le quistioui piii importanti della vita sociale e dell" ordine 



4*2 A 1' P F. N D I C E 

inoiMle. I lettori nou saranno seinpre d' accordo con luj 
in alcuiie parti speculative e lazioiiali , iielle quali il 
mondo riiiiarra aiicor Inngo tempo incerto e titubante ; 
ma vog,liamo pero reiidergli una ginstizia , ed e die fra 
due opinion! contrnrie, i' autore s' appijilia sempre a quella, 
che r esperienza de' tempi Iia provata la lueiio pericolosa 
e la piu atta a manteaere il bnoii ordine , la religioae 
de*'popoli e la fedelt.i de' sudditi verso il principe, e 1' au-' 
torita legittiiua. U nltinio volume di quest' edizione ter- 
uiina con un indice generate delle materie copiosisslmo e 
disposto in ordine alfnhetico di pag. LXXII. 



REGNO DELLE DUE SIGILIE. 

Per lo stabiliniento delta Flora Messinese di piante 
art/ficiali in rdievo , orazione di Anastasio Cocco 
professore in medicina. — Messina^ \^2^ , per 
Giuseppe PappaLirdo, in 8.°, di pci^- i5. 

Pieno di buona volonth per i proaressi della scienza. 
erbarla , T autore di questa orazione fa sentire T uiilita 
delle opere botaniche flgurate , e piii ancora quella che; 
puo derivare da una coUezione di piante formate in rilievo. 
Peccato, ciie perdendosi in itna lunga declamazione l' autore 
non si sia punto trattenuto sulla sostanza deli'argomento, 
cioe Bulla materia, sui niezzi , e snlT ordine e 1' esteusione. 
con cui verreblie effettuata la proposta Flora IMessiiiese I 
Supposto , come pare , che questa Flora si dovesse ese- 
guire in cera , noi dubitianio assai che possa convenire 
per tutte le specie. II celebre Fontr.ua ha fornito il museo 
di Firenze di una bella serie di piante crasse in cera^ 
astenendosi dalT imitare iiiolte altre famiglie delle erbe , 
perche non riescono niai perfettamente e si rappresentano 
mcglio incise e colorate. II signor dottor Cocco non va- 
luta la difficoka che gli venue Aitta circa la poca durata 
e la niutabilita dei colori: noi per altro siamo d' avviso 
che questa opposizione sia gravissima trattandosi di opere 
che costano molto , e la di cui convenienza e sopra tutto 
da calcolare in misura del facile e sicnro loro nianteni- 
mento. 



VAUTli IT \ LI AN \. 42.) 



NOTIZIE LETTERARTE ED ANNUNZJ. 



Eii.' edizionc ({uiiita di Firenze d;lle Lc/ioni 
Eleinentari di matematirlie del sigaor al)ate IMiric 
tradotie dai sigiiori prolessoii Canovai e Del-R:cco, 
venne iiitrodotto al § 8 il segueiite Teoreraa. 

II iniiiimo nuiiicro di n cifre e io"~', il niassi- 
mo ic'' — I , e la potenza m"""' di {|uclIo lia un nii- 
meio Tfi {/I — I ) -t- I di (ifre, e quella di ([iicsio 
ne lia uii iiumero mn. 

Ma |)erche si conosca quale e quaato valore dqb- 
hasi applicare al medesinio teoiema, trovo neces- 
sario di darne la dimosnazione- 
Diinostrazione. 

II niinimo niimero di n cifie e T iinita con n — i 
zeri, la di mi espressione compendiosa e ( lo )"~ ' 
^:= io"~'. II che ecc. Ora la potenza m""''^ di que- 
st' ultima quantita e ( id" ~ ' )'" = io"(" ~ ' ^ che e' 
Tespressione coinpendiosa delT unita con m {n — i ) 
zeri, e pero avra cifre m {n — i ) -<- i ; dunque ecc. 

Secondariainente il' massimo numero di n fifre e 
quello coniposto di un numero n di (), ossia quell'* 
formato dalTunita con ii zeri; dirninnito il numero 
d' uno, cioe («-+- i ) — i cifre, che compendiosa— 
mente si espriaie con u" — i , il che ecc. Ora si 
ha altresi 

(,c"_,r=(.o"(.-^))" = ,o"»(,_-i_,)", 

cosi prendendo i logaritmi sara 
■iniiLxo+niAi ~ ^^- ^. 




4^4 A P P Ti N D I C E 

_ ^ / '" "* ^ '« "^ \ 

Vio" 2.io'" 3-i(> 4-io4" S-io^" y 

e riteneudo i logaritini tavolari sara 

/ I \'" 

L{io —I) =LiO Ji_-_^l 

r / Jn 11 

= mn~o. 43420451 — r,-< 



o^" 3.io3" 4.10-*" 5-io^" 

dove qiiando m <; ic'\ ovvero m=ic", il secondo 
termine sara sempre una frazione e quindi le vinita 
nella caratteristica dc='l detto Los^aritmo saranno 
m?i — 1 , cbe e quanto dire clie il nuniero corri- 
. spondente avra cifre 7nii\ nia quaiido m> 10", non 
seinpre il numero corrispondente avra cifre m/z , 
nia bcnsi nn numero minore ; eosi se m = lo""** ', 
sara Z ( 1 u" — i )'" = nm — 0,4842945x10 

-o,43.,2945(^;^.-H3— ^.^^--^ 

= mn — 4, 342945 

— 0,4042045 jt^TT-^ r. TJTZ--* 3,t_i-^ec. I' 

cioe ua Lo2;aritmo colla caratteristica di cifre mn — 5, 
al quale corrisponde uu numero di cifre mn — 4, 
cosicche il numero delle cifre della potenza 7/1""*" 
di 10" — I sara tanto minore di mn quanto sara 
vie pin maggiore il numero tn di 10". Dunque la 
seconda parte del detto Teorema non e vera ia 
tutta la sua generalita, e pero deve (^scludersi dalle 
verita matenuitiche , o per lo meno gli si devono 
assegnare tiei confmi. 

Itigegiiere Aiigelo Mazzola. 



PARTE ITALTANA.. ^21) 

Flora Ttallca sea descriptio phtiitariim omtiinin , qiue 
ill Italia spoiUe iiascnntnr e sysie/nate sexnuli dtstn- 
butofiun. 

Italia nostra, res omnibus botanopliylis notn pt niani- 
festa , quanijilnrinias Floras spcciales, scilicet cuidam ex suis 
vel regnis , vel clitioniJjns , vel jirovinciis circumicriptas , 
liabet. Opus tamen generale, quod plaiitarum omnium in ea- 
dem sponte nascentium descriptiones exiiibeat, a veris rei 
Iierbarias cultoribus adhuc desiJeratur. Viri de liac scientia 
equidem peritissimi, magnum operis istius pondus ac momen- 
tum sentientes, ipso earn augere temporilms diversis animo 
conceperunt; sed liactenus illorum , qui opus avido pr:c- 
stolabantur, votis uon annuere. Quin studiuin ponamus in 
eliciendis caussis , uade fortasse est factum, ae ipsi deinde 
lidem exsolverent; magna cum delectatione liotanophylis 
nnntiamus , dominum Joseph Morertuun, oeconomice rurnlis 
ill I. R. Atiienaeo Ticinensi professorem , multis considera- 
tionilnis impulsum banc decoris italici lacunam, uti nuperius 
suam ad id curam pollicitus est , nunc reipsa explere con- 
stituisse , optatissimam Floram Italicam typis comuiittendo. 

Opus ex systemate sexuali Liniicvi, quod simplex et 
aliorum facillimum omnibus ac singulis rei berbariai cul- 
toribus melius accommodatum illustris auctor conlicere 
opportunum duxit. Quo autem ad nietlioduni expositionis , 
ipsum ratione ea est conditum , ut, classe et ordine op- 
portune indicatis , ordinatim exliil^eat : 

1. Esseutiales generis cbaracteres ab optimis rei lierjjarias 
auctoribus adscltos , nee uon indicium familise ad quam 
genus secundum methoduni naturalem pertinet, 

a. Stirpis nomen genericum et specificum , addito illo 
auctoris , qui earn post reformationem linnaeanam priums 
denominaverit atque descripserit. 

3. Phrasim diagnosticam ex opere auctoris, qui , plantani 
ex vero perscruiatus , ipsam accurate exposuerit, elicitam : 
si vero plirasium cognitarum nulla videretur satis respon- 
dere ad speciem quam spectant^ in earum locum claris- 
siaius Florae bujusce auctor alteram proprlam substituel. 

4. Allegationem primi auctoris antiqui qui speciem de- 
nominaverit vel efiixerit, et simul nominis eidtMU in Pinace 
a Gaspare Baulunu impositi ; nee non synonymoruni a!) 
auctoribus antiriui? modo italicis datorum. 



4^6 APPENDICE 

5. Allegationem recentloruni ljui speciales Floras kalicas 
sci-ipseruiit, ubi licjiiido conslet, ipsos de tali specie ser- 
moneiu certe habnisse, qnin cam cum altera coiifuderiat, 
velmutaverint; de quoin syaoiiymia turn mentio incidet. 

6. Allegationem qnarundam ex optimis iconibus^ quas 
anctores tantum antiqni , quantum hodierni delinearunt, 
vel ctiam pinxerc. 

7. Stirpis liabitalionem, stationeiii et tempus florcscentiae. 
a. Ipsius descriptionem, plus, minusve pro re exten- 

sam , et preesertim eo spectantem., ut species, de qua est 
sermo, ab aliis niagis affinibus per ipsam distingui possit. 

9. Breveni de facultatibus niedlcis et oeconomicis , si 
species in iisdeni poUeat, mentioneHi. 

10. Idonea tandem notionum istarum serieiii claudet 
observatio , quoticscumque ad generis vel speciei lllustra- 
tioneni eadem opus erit. 

Quam nuntiamus. Flora generalis tali ratione condita c 
typis nostris abibit in volumina de sexaginta foliis divisa , 
et quod ad cbartam, forniain et literas attinet, plane atque 
omnino praemonito buic similis. Voluminum cuique pretium 
lata portione centesimorum ao libellce regni Langol:)ardise 
et Venetiarum pro singulis foliis constituitur. 

Subscriptiones accipiuntur Ticini penes editores . et 
subscriptorum commodo penes etiam prxcipuos Italic 
bibliopolas. 

Ut specimen methodi et formss, quibus opus itnprime- 
tur, botanophylis ofFeranius, sequentem e scripto originali 
articulum seligere placnit (i). 

Datum Ticini Regii tertia Kal. Martil MDCCCXXV. 

Valerius Fusi et Socius 
Typographi bihliopolce Tieinenses. 



Patenti e privilegi escliis'wi concessi neU Iinpero ati- 
striaco nel 1824. 

A Heney Savill Davis , in Vienna , per T invenzione di 
un nuovo apparato per 1' evaporazione dei fluidi conte- 
nuti nei sali. 

(1) II sesto d el r opera , la qualltii dei tipi e il saggio delle 
descrizioni si vedoiio nel manifesto ostensibile prt-sso i princi- 
pali libraj. 



PARTIi ITALIANA. J^StJ. 

A Douieiiico Ceruii, di Pa via ^ per rinvenzlone di appli- 
care un nuovo appareccliio ai candellieri a niano , inc- 
diante il quale si accende la candela. 

A Pieiro Gos , ia Milano , per !' invenzlone di fabbricare 
dalla cosi delta strusn una stofFa , e particolarmente 
delle coperte da letto di pelo doppio e di diversi colori. 

A Paolo Andrea Molina, di Milano, pel miglioramento di 
tingere coi inezzi chimici tutte le carte di qualunque 
grandczza , atte particolarmente al disegno e meno rx)- 
stose delle estere. 

A Salomone Leitnez , di Vienna , per V invenzioue di tin- 
gere di color turcliino tutte le specie di f.izzoletti di 
tela o di cotone , e di stampare fiori sopra i suddetti 
fazzoletti senza imbiancare prima i medesimi. 

A Giovanni Andres, di Vienna, per T invenzione di fab- 
bricare in un uiodo migliore un forte piano con una 
cassa armonica arcuata. 

Ad Ernesto Forscher ed a Giovanni Duseck , di Vienna , 
pel miglioramento delle cosi dette bretelle da lavarsi. 

A Francesco Eolirbach , di Vienna , pel miglioramento 
coiisistente nel fabbricare dalla lana pccorile couiuae 
tajjpeti clie tengono assai caldo. 

A Francesco Ungermann , di Praga, pel miglioramento del 
cosi dettp caffe di Svezia ricavato dall' Astragalus creti- 
cus, come anche d&ir Astragalus indigeno , il quale riesce 
iiieglio del cafl'e di cicoria, e puo essere bevuto col 
latte o senza. 

A Carlo Gio. Battista Accault , in Milano, pel nuovo mi- 
glioramento di rafBnare lo zacchero greggio , consisiente 
neir adoperare il solo nero animate, ed il sangne di 
hue, escluso qualunque altro ingredieute. 

A Martino Dietrich, di Scbarding , per un miglioramento 
nella fal^bricazione della birra , per cui si risparmia molto 
combustibile. 



ERRATA-GOPxRIGE. 
Tomo 37." 

^ag. 3 lilt. 8 1R25-1820 Ifggi iSl.J-iSao 
» iS » 12 trn^ore .. riimore 

). 34 >' 3o-3i !-i<monde » Sismomli 

» 40 ■• 6 bismoBile ~ Siiiiioiuli 

»■ j^ .'12 LnmbriHclii I.ambrmcViini 



438 

INDICE 

delle materie contenute in questo XXXVII volume 



PARTE I. 

LETTERYTURA ED ARTI LIBERALI. 



o. 



'PERK del cav. Carlo Cattone della Torrs di Atztomco raccolte e 

puhblicate da Francesco Mocchf.tti: Vol. l.° all' &.' ( Vedi un cenno 

bibliografico sui due primi volumi nel tomo 6° pag. 177 ) . pag. 3 
Delle scieme statisiiche, libri dedici di Antonio Padovani. Tomo i." >• 21 
ifemorie raccohe da Francesco Cancellieri intorno alia vita ed alle 

opert del pittore Giuseppe Err ante. . . . . . » 43 

Lettera del dottor Giacomo Locatelli al suddetto Cuncellieri . >• 1 3 1 

Storia della letteratura italiana daW origine della lingua fino nl se- 

rolo 19.° di Giuseppe MArrF.i . . . . . . >• li^S 

Intorno alle inesattezze e falsita che si leggono nellc relaiioni de' viag- 

giatori e in certi giornali stranieri rispetto alP Italia e particolar- 

mente alia Lombardia . . . . . . . » l63 

Viaggio di Anacarsi il giovane nella Crecia : traduzione corrctta e 

corredata di note da Giuseppe Belloxi . . . . » 1 74 

Caracalla , tragedia di Gie. Butt. Marsvzi . . . . » >77 

Della politico mi/itare , di Giuseppe Crivis ( prima estratto ) • >• i83 

La Gerusalemme liberata di Torquato Tasso ridotta a miglior lezione, 

( edizione del Mollni di Firctize ) . . . . . "192 

Annali musulmani di Gio. Batt. Ramfolvi. Vol. 6.° ( f. V estratto dcgli 

antecedenti nei tomi 27.° pug- 28 e 297, 3o/ png- ^^ > ' ^^•° 

pagina 34). . . . . . . . . "289 

Baltaglia del Ticino tra Annilale e Scipione , ossia scopirta del campo 

di Scipione ecc, di Gio. Batt. Giaki. { Primo estratto ) . » 3o8 

Lettere critiche su varj argomenti di lingua e letteratura , di Giuseppe 

Barbibri . . . . . . . . . » 3 1 6 

Osservazioni di N. ToitMAfxo sopra le lettere critiche di Giuseppe Bar- 

lieri .... ......■» ivi 

Chiese principali d' Europa. Fascicolo 1.° . . . . » 322 

Sermoni sacri in terza rinia di Giancarlo di Nec.ro. Tomo i.° >• 827 

Opere di Terquato Takso. Vol. 4 " contenente I' Aminta e rime scelte. 

Edizione diretta da Gio. Ghbbardiki ( V. i tomi 32-° pag. 319 e 

35." pag. 3l8 ) » 3 3a 

Troposta di alcune correzioni ed aggiunte al Vocabolario delta Crusca, 

di Vincenzo Monti . . . . . • • • "337 



I N D I O E. 429 

TARTE II. 

SCIENZE ED ARTI MECCANICHE. 

Coininua2ione Jfgli atti della R. Accadtmia dei Georgojili di Fireme. 

Vol. 3.* ( Fine dell' estralto. V, il tomo 32.° pag. 2i5 ) . pag. $4 
Jforitmi medico-jiloiojici , di Giuseppe Agostino AnoRETTt , >• 6S 

Dell' III l$co rosea, pianta da rivaleggiare colla canapa ■ . » I<j6 

Amministrazione economica della foglia dei gelsi , di [gnaiio Lokevi » aol 
lltCodo per corrcggere It eceessive atcexze delle pescaje , di Francesco 
FocAcci . . . . . . . . . . » aai 

Onervaiioni micologiche ed enumerazione storica di cutti i funghi 
della Provincial, pavese , di Giuseppe BesicAitAiiCKt ( Fine. V. i tomi 
ay." pag. 68 e aa8 , 3o° pag. 9a, 3l.° pag. 63, 3i.' pag. 70, 
34°, pag. 59 e 206 ..... . . >• 35a 

Anno clinico-medico , 1822-1 8a3, compitato da Carlo SrCRAUzA . » 375 
Jfanuale pei droghieri , di Felice AniBROStout ...» 384 

APPENDICE. 



PARTE I. 

SCIENZE, LETTERE ED ARTI STRANIERE. 

Histoire et description de Li cathedrals de Cologne , par 3. BoisfSREE. 

Fascicolo i.° . . . . . . . . . T'lg- 78 

Histoire de la vie et des ouvrages de Raphael par QvATReneRB vs 

Qurxcr . . . . . . . . . . » 389 

Bibliosrajia .......... t 246 

Jnrenzioni e scoperte in fatto di economia rurale e domestica . » aSa 

PARTE II. 

SCIENZE, LETTERE ED ARTI ITALIANE. 

Discorso dell' abate Angela Cesarih sopra le scienxe e gli stabiliinenti 
scientlfici della Lombardia , letto in accasione della solenne ditlribu- 
lione de' premj d' indtistria seguita in Milano il 4 ptlobre 1824 pag. 95 
Premiati colla medaglia d' oro , . . . . » 98 

Idem colla medaglia d' argento . . . . • » 100 

Idim, colla mcnzione onorcvole ...... a55 

Flenco degli oggetti d' industria presenluti all' esposiziune oltre 
i premiati . . . . . . . . » a57 



43o 1 N U ICE. 

Vr*ii* rtKiODicuM ■....,., )"S' ' '* 

Giornale Ji fiica, cliiinica tec. di Pittra CoyrioLiACm * Gaspare 

Brvcsatelh di Puviit. Binustre 6.° ( anno 1824 ) . - itI 

Llem. Bi.nestre i .° (i8a5) .... . . « a63 

Antelogia di Fircntc , quadcrno 48.° . » ii3 

Idem, quaderii* 49.* ........ 264 

Idem , qitaderno 5o.° . . . . , . . . » 406 

Idem , quadcrno 5i.° . , . . . . » 407 

Giornale Arcadito di Roma, quadi-rno 71.* . . . >• A64 

Idtm , quaderno 7a." ...... .- » a65 

' Idem, quaderno j3.° . , . . . . . » 408 

BiBLlon'RArii . . . . . . . . • 114 

Rfgne Lombiirdo-Vennto , . - . . . . » ivi 

Storia di Milano del conte Pietro Kirk/ , co' testi latin: tradotli 

dalcvnte- Bossi ........ ivi 

- . - 'Vizionario prscettivo , iritico ed isiorico dclla poesia volgure, 

V ' " del padre Ireneo Aero . , , . . . »• ii5 

Delia lingua toscana , uialoghi sette di Girolamo RosASCO. » 116 
Prospetto nominatLeo di tutte le lingue note e dei loro dialetti , 
di Federico Adblvhc , tradotto e corredato di una nota sni 

dialetti italiani da Francesco Chervbini . . . >> i 1 7 
Biblioteca economico-portatile di educa-zione. { Edizione dei fra- 

telli Sunzogno ) . . . . - ■ • »ii8 

Baccolta di doditi paesaggi ad uso di studio, di Lorenzo MAcrui >> laa 

i^uadro de' prin ipali jiopoli antichi , di Gio. TAMJSsrA . >• 123 
Dflle iscriiioni veneziane raccolte ed illustrate da E. A Cicocs.i. 

Fascicolo I." . . . . ■ • • • >■ 124 

Di alcitne osservazioni di lingua fatte sopra le ultime putsie di 
Lorenzo de Medici ,' lettera di P. A. Paravia . . ..267 

Grammaire italienne elementaire et raisonne , par G. BrAcroLr. » 267 

// Plutarco ad uso della gioventii . • ■ ■ ■ » 4oy 

Elementi di economia campestre , di Fitippo Bs . . « 409 
Elenco di alrune opere itampate e pubblicate nel regno Loinbnrdo- 

Venelo n'l 1 824-1 825 . • • • • • »• 128 

Idem " 268 

Idem .....••> o'ijii.lttv nvivAo 'V • " 4'° 

Tirolv . . . . - . • ■• ■• • " 27a 

Volgnrizzumenlo della vita di S. Girolamo, ememlato . >> it! 

Pivmonte . . . . ■ • ■ • • » 4IJ 

Dell' ins'gnamento delle arti meccaniche ai sordo-muli . » »v> 

Alineone , tragedia di Coslantino FrccoLi . . ■ " A^o 

Mvdena . . . . . . ■ ■ • • "421 

pdle iaflucnzr iiiorali. Opera di Pictru Sehudvxi j . " ^" 



1 N D 1 C E. 481 

ffizT.tra .......... p»g. iSo 

Ltttere di Innocentf Natahaeli. ..,..» iTt 

Jttgno delle due Slcilie ........ 432 

Per lo atabilhnento detla Flora memnese di pianle artijiciall in 

rilieve , ormione di Anastasio Cocco . . . . » ivi 

COfKXSPOMDMHZ* ......... V 373 

BAPAELe d' Urhino a Pietro Giordani . . . . » iW 

K0Tt2tt iClBHTtrlCUB E LT.TTERAKIK ^ S DI ARTI UBCCAKtCBM . » I40 

M. ViTRVVii Pollionis architectura ecc. . . . n iti 

Circolare d' Ignazio Pizzagalli per I' associazione alia sua raceolta 

di funghi in rilievo . . , . . . » 14* 
Patenti e privilegi esclusifi concrssi nelV Impero aastriaco nel 

1824 ......... V 14S 

Idfin .......... v 436 

Flora Itulica ....... . » 43$ 

Teorema nelle Lezieni etementari di matemaliche dell' abate Marie, 
tradotte dai prof. Canovai e del Ricco , riconosciuto in parte 

erroneo da Angela Mazzola . . . . . -^ /^nj 

NecrolO'^ia. Giuseppe Carpani . , . , , . ' » 281 

Errata corrige ......... i« 437 

Tavola tnetcorologica di gennajo ....... 144 

Idem di febbrajo ......... n »88 

Idtm di marzo ..,....., x 43^ 



Giuseppe Acersi , direttore ed editort. 



Milano^ dair I. R, Slamperia, 



Ossen^uzioni m eteorologlche fatle 


all' J. R 


Osservatorio di Brcra. 










M A R Z I 


825. 








Mat 


TINA. 




Sera. 














—1 
















" ' 








Ji ° 


D 








!S 


i^i 


- Z 


a 


Stato 


ns 


!-, 


^ -s 


S r, 


Stato 




U 

6 


< 


u S 

^ S 


S 
< ^ 


'^1 


del cielo. 


<u 
< 






.2 V 

N > 

Sh —< 


del cielo. 






poll 


. liu. 









poll 


. lin. 











I 


27 


7^'i 


- 0,5 





Se.lano.pr.ne. 


27 


«^7 


+ 8,3 





Sereno. 




2 


27 


q,2 


+ 2,3 


N E 


Nuv. ser. 


27 


q,0 


+ 4,5 


E 


Nuv. ..piogg. 




3 


27 


7'^ 


+ 3,2 


NN 


Nuv. piog. 


27 


7,') 


+ 4,0 


NNO 


Nuv. piovoso. 




4 


27 


8,4 


+ 2,0 


N 


Nebbia. 


27 


9,4 


+ 4,0 


S 


Nebb. ser. 




5 


27 


10,6 


+ 2,5 


N E 


Nebbia. 


27 


11,0 


+ 5,0 


NNE 


Nuv. . .piogg. 




6 


27 


11,0 


+ 3,3 


S 


Sereno. 


27 


10,8 


+ 7,7 


S 


Sereno. 




/ 


27 


10,8 


+ 2,5 


ME 


Ser. nuv. ser. 


27 


10,8 


+ 7,6 


E 


Sereno. 




« 


27 


11,0 


+ 2,3 


N E 


Sereno. 


27 


11,8 


+ 7i7 


E 


Sereno. 




f) 


28 


0,6 


+ 2,0 


N E 


Sereno. 


28 


0,0 


+ 6,3 


N 


Ser. nuvolo. 




10 


28 


2,0 


■K 0,4 


E 


Nuv.nev.prec. 


28 


2,0 


+ 4,0 


E..N0 


Nu.sp.dine.se. 




IX 


28 


1,6 


- 0,3 


N 


Sereno. 


27 


11,8 


+ 6,0 





Sereno. 




13 


27 


10,0 


+ 1,2 





Sereno. 


27 


6,5 


+ 9iO 





Sereno. 




i3 


^7 


6,5 


+ 3,8 


S E 


Sereno. 


27 


7,0 


+ 7,^ 


N** 


Sereno. 




14 


27 


7,0 


+ 2,0 


SO 


Ser. nuvolo. 


27 


7,0 


+ 7,-i 


nnC* 


Sereno. 




i"^ 27 


8,2 


+ 1,0 


E 


Nuv. nebb. 


27 


8,c 


+ 5,5 


E 


Sereno. 




16 


2"7 


q,3 


+ 1,3 


E 


Nuv. . . neve. 


27 


q,3 


+ 2,0 


E 


Nuv. rotto. 




1 17 


27 


8,8 


- 0,6 


E 


Nuv. nebb. ser. 


27 


8,8 


+ 4,« 


NO* 


Nuv. ser. 




18 


27 


10,8 


+ 1,5 





Nuvolo. 


28 


0,0 


+ 7,6 


S 


Nuv. ser. 




iq 


28 


1,0 


+ 2,0 


N E 


Ser. nuv. ser. 


28 


2,0 


+ 8,3 





Sereno. 




2C 


28 


2,0 


+ 2,5 


E 


Nuv. nebb. ser. 


28 


0,9 


+ 74 


s 


Ser. neb. nuv. 




21 


2o 


1,8 


+ 1,5 


E 


Sereno. 


28 


0,5 


+ 7,7 


S E 


Sereno. 




22 


28 


0,5 


+ 2,8 


N E 


Sereno. 


27 


11,6 


+ 8,2 


E... S 


Ser. nebb. 




23 


28 


0,0 


+ 2,3 


E 


Sereno. 


28 


C,0 


+ 9,0 


E 


Ser. nuv. neb. 




24 


37 


11,8 


+ 4,7 


E 


Nuv..poc.goc. 


27 


11,0 


+ 8.0 


E 


Nuvolo. 




2S 


27 


10,5 


+ 5,0 


E 


Nuv. neb. ser. 


27 


10,8 


+ 9,0 


S 


Nuvolo. 




26 


27 


10,9 


+ 6,0 


N E 


Nuv. . . pioag. 


27 


10,7 


+ 9,5 


S 


Nuv.piov. 




27 


27 


q,2 


+ 7'3 


N E 


Nuvolo. 


27 


7," 


+ 11,6 


E... S 


Nuv. rotto. 




j 28 


27 


7,8 


+ 7,5 





Nuv. ser. 


27 


7'^^ 


+ 12,4 


N 


Sereno. 




2q 


27 


q,0 


+ 6,0 


N E 


Sereno. 


27 


9,7 


+ i3,5 


S 


Sereno. 




3o 


2T 


10,0 


+ 7,6 


N E 


Sereno. 


27 


9,5 


+14,0 


S 


Sereno. 




3i 


27 


9,4 


+ 7.« 


NO 


Nuv. ser. nuv. 


27 


0,7 


+ 1J,0 


S 


Sereno. 




Altezza mass, del 


Dar. p 


oil. 28 lin. 2,0 Altezz- mass, del term. + 14,0 | 






niin 
met 






.,> 27 >. 6,5 
» 27 » 10 084 


mini 
medi 


i)a - 0,0 




ia 




a + 4,02 1 








iiantit 


a del 


a Uttve e delU 


I pioi:g,i£ 


I liuet 


22,540. 





4. JUN30 I 



7 



«*. H 



?»1 



•N 



^ 



-y