(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Biodiversity Heritage Library | Children's Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Bollettino della Società geologica italiana"

Google 



This is a digitai copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scannod by Google as pari of a project 

to make the world's books discoverablc online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legai copyright terni has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journcy from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with librarìes to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prcvcnt abuse by commercial parties, including placing lechnical restrictions on automated querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-C ommercial use ofthefiles We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commerci al purposes. 

+ Refrain fivm automated querying Do noi send aulomated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of text is helpful, please contact us. We encouragc the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogX'S "watermark" you see on each file is essential for informingpcoplcabout this project and helping them lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countiies. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we cani offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps rcaders 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full icxi of this book on the web 

at |http: //books. google .com/l 



,db,Google 






■< àt ^'^ 



,db,Google 



,db,Google 






,db,Google 



,db,Google 



BOLLETTINO 



SOCIETÀ GEOLOGICA 



ITALIANA 



Voi. X. — ISSI 



ROMA 

TIPOGBAriA DELLA R. &CCADEHU DEI UKCEt 
1891 



D,onz=ct>GOOgle 



,db,Google 



SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 



ElMCO del PrMddenti gnccedatid dal 18S 

epocft delU ìstittuione della Socieià, in poi. 



Preaid. par t'snao 1881-83 Mbneohini 

!• « 1883 CAPBU.im 

n 1884 Stoppani 

188'i Da ZiQNo 

" « 188U Capellini 



Preaid, per l'anno 1887 Cocchi 

1 » 1888 SCAEABBLLI 

' 1889 CAPBU.IPII 
» 1890 Tahamelli 



UfBdo di Preaidenza 

per rumo 1891. 



Prof. cumm. Gaetano Giorgio Gemmelletro 



Prof. comm. Giovanni Omboni 

Prof. JDg. Romolo Meli 

-%r±o o a ic «i .'»<«»ya 

Prof. Cea-lo Fabritio Parona 
Dott Luigi Schopen 

Àvv. comm. Tommaao Tittoni Dep. al Parlamento Nazionale. 

lag. cav. Augnato Statuti 



Prof, dott Giuteppe Tucdmet 

Prof. cav. Igino Cocchi 

log. Emilio Cortese 

Prof. cav. i4n/o?»'o D'Achiardi 

Cav. Enrico De Nicolia. 

Dott. cav. fario ^'omtwini 

Cav. ÌDg. Lucio Maxituoli 

Dott. Giuseppe ab. Mazzetti 

Prof. cav. 0an/e Panlanelli 

Prof. doti. Carlo Fabrizio Parona 

Comm. ÌDg. Niccolò Petlali 

Conte comm. Giuseppe Scarabelli Senatore del Regno 

Cav. teneate^olau nello Antonio Verri 



393556 



,db,Google 



1 SOCI PERPETUI 



Soci perpetui 



I. Quintino Sella (morto a Biella il 14 marzo -1884). 

Fu uno dei tre istitutori della Società, e yenoe aoDoverato 
tra i Soci perpetui per deliberazione unanime nell'Adunanza 
generale tenutasi dalla Società il 14 settembre 1385 in Arezzo. 
% Francesco Moton (morto a Vicenza il i marzo 1885). 

Fu Consigliere della Società, alla quale legava con suo testa- 
mento la somma di Lire 25,000; venne iscritto fra i Soci per- 
petui per deliberazione unanime nell'Adunanza generale del 
14 settembre 1885. 
3. Giuseppe Meneghini (morto a Pisa il 29 gennaio 1889). 

Per i suoi insigni meriti scientiGci venne acclamato Socio 
perpetuo nell' Adunanza generale di Savona il 15 settembre 1887. 



>dbyGoogIe 



ELENCO DKl » 



Elenco dei Sod ordinari 

perrsima 1891 (•) 



«di 



1881. Aietsandri iug. Angelo. Via Broaeta 14. Bergamo. 

1891. Ambrosioni dott Michelangelo. Bergamo. (A.lta Città). 

1881. Amici Bey iog. Federico. Cairo (Egitto). 

1890. Amighelti Aoi\.. Sac. Alesato. Collegio di Lovere (ProviD- 

cja di Bergamo). 

1888. Angelini prof. Giovanni. R. liceo. Messina. 
1883. Anselmi Gabianelli Anselmo. Arcevia (Ancona). 
1886. Antonelli Ao\.\. D. Giuseppe. Via di S. Aurea, 135 p. 2°. 

Rnma. 

1891. Armanelli dott. prof. Giuseppe. R. Liceo. Sassari. 

1889. Avanzati dott. Francesco. Piazza delia Lizza. Siena. 

1882. 10 Avanzi Riccardo. Piazza Scala. Verona. 
1888. Baggiolini dott. Alfredo. Vercelli. 

1881. Baldacd ing. cav. Luigi. R. Ufficio geologico. Roma. 
d887. Baldi iog. cav. Federico. Savona. 

1890. Baratta Mario. Museo Geologico. R. Università. Pavia. 
18S4. *Bargagli cav. Piero. Via de' Bardi, palazzo Tempi. 

Firenze. 

1882. Bargeltini prof. Mariano. R. Liceo. Siena. 
1881. Basaani prof. Francesco. R. Università. Napoli. 

1883. Becchetti prof. Soatene. Taranto. 

18&-3. Bellucci comm. prof. Giuseppe. Università. Perugia. 

1387. 20 Benecke cav. Evarislo. Savona. 

18S3. Benigni Olivieri march. Costantino. Fabriano. 

1883. Benigni Olivieri marcb. dott. Oliviero. Ospedale S. Or. 

sola. Bologna. 

1883. Berti dott. Giovanni. Via S. Stefano 43. Bologna. 

4gg4. Biagi dott. Giuseppe. Casalmaggiore (Cremona). 

1888. Bocchi dott. Giovanm. Pennabilli (Rimiai). 

1882- BolUnger ing. Enrico. Via Principe Umberto 5. Milano. 

(*) L'asterisco indica ì Soci a'^ita. 



>dbyGoogIe 



"Sombicei coDim. prof. Luigi. R. Università. Bologna. 
Bonetti prof. Filippo. Via S. Chiara, 57, p. 3. Roma. 
Borgnini ing. comm. Secondo. Direzione generale fer- 
rovie della Relè Adriatica. Firenze. 
30 Bornemann dott. /. G. Eisenacli (Germania). 
Botti cav. avv. Ulderigo. Reggio di Calabria. 
Bosxi dott. Luigi. Corso Cavour -16. Pavia. 
Brugnalelli dott. Luigi. Via S. Martino 18. Pavia. 
Bruno prof. Carlo. R. Jjiceo. Mondovi. 
Bruno dott. Luigi. Geometra. Ragusa (Sicilia). 
Bucca prof. Lorenzo. Museo di Mineralogia. R. Uni- 
versità. Roma. 
'Bumiller comm. ing. Ermanno. Vis Lorenzo il Ma- 
gnifico 12. Firenze. 
Cacciamoli prof. Giovanni Battista. R. liceo. Arpino. 
Cadolini comm. ing. Giovanni deputato al Parlamento. 
Via Rosella 145. Roma. 
40 Cafici barone Ippolito. Vizzini (Catania). 
' Canavari prof. Mario. Museo geologico. Pisa. 
Canlamessa cav. dott. Filippo. Via Modena 47. Roma. 
Cantoni ing. Angelo. Via Rocchetta 5. Pavia. 
J881. Capacci cav. ing. Celso. Via Valfonda 7. Firenze. 

SI. Capellini comm. prof. Giovanni, Senatore del Regno. 

R. Università. Bologna. 
I8J. Cardinali prof. Federico. R. Istituto tecnico. Macerata. 
i83. Castelli cav. dott. Federico. Villa S. Michele. Porta ma- 

remmana. Livorno. 

181. Caatracane conte Franceeco. Piazza delle <>>ppelle. 

Roma. 
i82. Cattaneo ing, R. Via Cavour. Torino. 

83. 50 Cavara dott. Fridiano. Istituto botanico. Pavia. 
190. Cermenati dott. Mario. R. Università. Roma. 
&1. Cbailus ing. Alberto. Bagnasco (Cuneo). Ceva (Miniera 

di carbone). 
;87. Charlon ing. E. Vìa Principe Tommaso 48. Torino, 

i88. Cheluaai prof. Italo. R. Scuola normale femminile. Pavia. 
«6. Cherici dott. Nicola. Pieve S. Stefano (Arezzo). 

182. Chigi Zondadari march. Bonaventura. Siena. 
86. Chiodi Giuseppe. Narni. 

82. Ciofalo Saverio. Termini Imerese (Palermo). 

86. Clerici ing. Enrico. Vìa Sistina 75 D. Roma. 



>dbyGoogIe 



ELENCO DEI SOCI 7 

4881. 60 'Cocchi cav. prof. Igino. Via dt;' Pinti. 51. Firenze. 
188-3. Cocconi coinm. prof. Girolamo. B. Università. Bologna. 

1886. Colati ÌDi{. Michele. R. Uflìcio delle miniere. Caltanis- 

setta. 
1888. Conlessa doti. Ulisse. Stroncune (Terni). 

1881. Conti ing, cav. Cesare. Direttore dello Stabilimento 

Metallurgico. Asordo (Belluno). 

1881. Cortese ing, Emilio. R. Ufficio geologico. Roma. 
4890. C'orli Benedetto. Villa Prudenziana. Como. 

1890, Cozzaglio Arturo. Perito agrim. Via S, Cristoforo, 

2825. Brescia. 

1882. [fAchiardi cav. prof. Antonio. R, Università. Pisa. 

1883. Dal Buono ing. Angelo. Ufficio tecnico provinciale. Rieti. 
1881. 70 Dal Poa%o di Mondello cav. prof. Enrico. Università. 

Perugia. 
1885. D'Ancona prof. cav. Cesare. R. Istituto superiore (Museo 

geologico). Firenze. 
1883. De Amicis dott. Giovanni Augusto. R. Liceo D'.\zeglio. 

Torino. ' 

1891. De Angelis dott. Gioacchino. Piazza S. Giovanni della 

Malva 5, p. 2°. Roma. 
1881. De Ferrari ing. Paolo Emilio. Lungarno Torrigiani, 9, 

Firenze. 
1883. De Gregorio Brunaccini march, dott. Antonio. Molo. 



1890. De Krouslchoff barone Charles. Nossiti Ostro*. S' Pe- 

tersbourg (Russie). 
1881. 'Ddaire cav. ing. Alexìs. Boulevard Si. Germain 135, 

Parigi . 
1886. Del Bene ing. Luigi. Miniera di Morgnano e S. Croce. 

Spoleto. 
1881. Delgado cav. Joaquim Philippe Nery. Bua do Arco a 

Jesus. Lisbona. 
1888. SO Della Campana nob. Cesare. Stradone S. Agostino, 

26, interno 3. Genova. 
1885. DeltErba ing. prof. Luigi. Via Trinità maggiore 6. Na- 

poli. 
1890, 'DelVOro cumm. Luigi (di Giosuè). Via Silvio Pellico 12. 

Milano. 
1881. Del Prato dott. Alberto. R. Università. Parma. 

188-i. De Marchi ing. cav. Lamberto. Via Napoli 65. Roma. 



>dbyGoogIe 



De Rotai coDim. prof. Michele Stefano. Piazza d'Ara- 
coelt i7. Roma. 

Dervieux sac. Ermanno. Via dei Mille 42. Torino. 

De Stefani prof. Carlo. Via Pippo Spano 6. Firenze. 

Dewalque uffic. prof. Guatavo. Bue de la Paix 17. Liége. 

De Zigno barone comm. Achille. Padova. 
90 Di Canossa uiarcb. Ottavio. Castel vecchio. Verona. 

Di Roaaenda cav. Luigi. Scìolze (Torino). 

Di Stefano dott. Giovanni. R. Ufficio geologico. Roma. 

Di Tucci cav. ing. Pacifico. Via Fontanella di Bor- 
ghese, Palazzo Merighi. Roma. 

Bliaei Aleaaandro. Gubbio. 

Broli march. Giovanni. Narni. 

Fabri comm. ing. Antonio. Lungarno Torrigiani ^. 
Firenze. 

Fabbri dott. Aleaaandro, Terni. 

Fazio sac. Agoatino. Seminario vescovile. Savona. 

Ferrari Bernardo. Ingegnere capo del genio imperiale 
Oltomano. Costantinopoli. 
100 Ferri Mancini prof. D. Filippo. Via Botteghe Oscure 47. 
Roma. 

Foldi prof. cav. Giuseppe. Savona. 

Foresti dott. Lodovico. Museo geologico. Bologna. 

Fornaaini C3.V. dott. Carlo. Via delle Lame 24. Bologna. 

Forsijth Major ioti. Carlo Via Senese 4. Firenze. 

Fossa Mancini ing. Carlo. Jesi. 

Fossen ing. Pietro. Carrara. 

Franchi ing. Secondo. R. Ufficio geologico. Via S. Su- 
sanna ÌA. Roma. 

Franco prof, PaaqutUe. Corso Vittorio Emanuele 397. 
Napoli. 

Freda prof. Giovanni. R. Liceo Oenovesi. Napoli. 
110 Frumento ing. Giuseppe. Via Genova 6. Savona. 

Fucini doti. Alberto. Empoli (Firenze). 

Galli prof. cav. D. Ignazio. Direttore dell'Osservatorio 
Fisico-Meteorologico. Velletri, 

Gatta cav. cap. Luigi. Via Cavour 194, Roma. 

Gavaaieni dott. sac. Bernardino. Celana Bergamasco 
(prov. di Bergamo) 

GemmeUaro prof. comm. Gaetano Giorgio. R. Univer- 
sità. Palermo. 



>dbyGoogIe 



ELENCO DEI SOCI 9 

Gianotti dott. Giovanni. Pozzo Struda LioDelta. TorJDO. 
Giordano coma), iag. Felice. R. Ullìcio geologico. Via 

S. Susanna. Roma. 
Gobboni dott. Omero. Città della Pieve 
Goasi ing, Giustiniano. Terni. 
120 Gualterio march, dott. Vario. Bagnorea. 

GwtUerio march, ing. Giambatlista. Bagnorea. 
Guiducci dott. Antonio. Corso Vittorio Emmanuel)-. 

Arezzo. 
'Hughes cav. prof. Thomas Mac Kenny. Università. 

Cambridge (lagliil terra). 
latta cav. Antonio. Ruvo di Puglia. 
Issel cav. prof. Arturo. R. Università. Genova. 
Servi» cav. prof. Guglielmo. Museo industriale. Torino. 
Johnalon Lavis dott. Henry. Chiatamone 7, Napoli. 
Lais p. prof. Giuseppe. Via del Corallo i2. Roma. 
Lanino comm. ing. Giuseppe. Via d'Azeglio 58. Bologna. 
130 Lattea comm. ing. Oreste. Via del Coli, romano iO. 

Roma. 
*ljevat log. David. Rue de la Trenioille 28. Paris. 
Levi bar. Adolfo Scander. Piazza d'Azeglio 7. Firenze. 
Lorenxini dott. Amilcare. Porretùi (Bologna). 
Lotti ing. Bernardino. R. Ufficio Geologico. Roma. 
Malagoli prof. Mario. R. Ginnasio. S. Remo. 
Mariani prof. Ernesto. R. Istituto tecnico. Udine. 
Marinoni canonico prof. Luigi, Lovere (Bergamo). 
'Mattirolo ing. Ettore. R. Ufficio geologico. Roma. 
Mauro prof. Francesco. R. Scuola per gf Ingegneri. 

Napoli. 
140 'Mayer £^f7ior prof. C'or/o. Scuola politecnica. Zurigo. 
Mazzetti ab. doti. Giuseppe. Via Correggi 5. Modena. 
MaxzuoU ing. Lucio. Salita della Visitizione 5. Genova. 
Meli prof. ing. Romolo. Via del teatro Valle 51. Roma. 
Mehi conte Gilberto. Monte Napoleone 30. Milano. 
Mercalli ab. prof. Giuseppe. Reggio Calabria. 
Meschinelli dott. Luigi. Vicenza. 
Miaaagki cav. prof. Giuseppe. R. Università. Cagliari. 
IforeUi prof. D M'ccoló. Loauo (Circondario d'Albenga. 

Prov. di Genova). 
Marini prof. Fausto R. Università. Sassari. 
15Ò Moschetti ing. Claudio. Saluzzo. 



>dbyGoogIe 



Namias dott. Isacco. R. Università, Museo di Mioera- 
logia. Modena. 

Negri dott. Arturo. R. Uaivereità. Padova. 

Neviani prof. Aidonio. R. Liceo Dante. Firenze. 
iVtfcèi ing. Dario. Cartona. 

'Niccoli cav. ing. Enrico. R, Corpo delle Miniere. Bo- 
logna. 

Niceolini march, ing, Giorgio. Via Paolo Toscanelli 1. 
Firenze, 

rficoUs (De) cav. Enrico. Corte Quaranta, Verona. 

Novarese ing. Vittorio. B. ufficio geologico. Roma. 

Olivero comm. Enrico. Tenente Generale, Via Venti 
Settembre, 69, Torino. 
160 Omboni cav. prof. Giovanni. R. Università. Padova. 

Pacini Candelo p. prof. Michele. Collegio della Missione. 
Savona. 

Panlanetli prof. Dante. R. Università. Modena. 

Parona prof. Carlo Fabrizio. Museo Geologico, Palazzo 
Carignano. Torino. 

'Paulucci marchesa Marianna. Villa Novoli. Firenze, 

Pélagaud dott. Eliseo. Saint-Paul (Isola Borbone). 

Pellaticomm. ing. Niccolò. R. Ufficio geoiogico. Roma. 

Pellissari doti. Pietro. Tarauto. 

Perotto cav. ing. Luigi. Via Milano *24. Roma. 

Piatti prof. Angelo. Desenzano sul Lago. 
170 Pili ing. Tommaso. Miniera Libiola. Sestri Levant«. 

Pirona cav. prof. Giulio Andrea R. Liceo. Udine. 

Pompucci ing. Bernardino. Pesaro. 

Portis prof. Alessandro. R. Università. Roma. 

Ragasai dott. Vincenzo. R. Università. Modena. 

Ragazzoni cav. prof. Giuseppe. Brescia. 

Ragnini dott. Romolo. Capitauo medico 3° reggimento 
bersaglieri. Piazza Ruma, I. Ancona. 

Ricci prof. Arpago. Spoleto. 

Ricciardi prof. Leonardo. R. Istituto Tecnico. Bari. 

Ristori dott. Giuseppe. Museo Paleontologico (Piazza 
S. Marco) Firenze. 
180 Riva Palazzi colonn. Giovanni. Capo di Stato mag- 
giore de! i" corpo d'armata. Torino. 

Roisecco ing. Ignazio. Ufiìcio dell'aquedoito. Bologna. 

Roncalli conte dott. Alessandro. Bergamo (alta Città). 



dtyGoogle 



ELENCO DKI SOCI 11 

4889. Roeaelti doti. Emmanuele. Vìa FJedoIdna i. Firenze. 

iSS\. Sacco prtif. Federico. Museo geologica. Palazzo Cari- 

gaano. Torino. 

1881. Salmojraghi ing. Francesco. Via Monte di Pietà 9. 

Milano. 

-1889. Scacchi ing. Eugenio. Via CosUotinopoli (9. Napoli. 

488(. Searabelli Gommi Flamini conte comm. Giuseppe. Se- 

oalort: dei Regno. Imola. 

fSSi. Schneider ìng. Aroldo. Montecatini in Val di Cecina. 

1891. Sckopen doti. Luigi. Museo Geologico. R. Università. 
Palermo. 

1886. IM Scioletle ing. Gio. Battista. Via dei Zingari H. Roma. 

1881. Segrè ing. Claudi'ì. Direzione ferrovie meridionali. 
Adcodb. 

1885. Sella ing. Corradino. Deputato at Parlamento Nazio- 

nale. Biella. 

188~2. 'Silvani dott. Enrico. Via Garibaldi 4. Bologna. 

1883. Simoncelli ing. Remo, .\rcevia (Ancona). 

1885. Simouelli dott. Vittorio. R. Università. Pisa. 

1881. Simoni dott. Luigi. Via Cavaliera 9. Bologna. 

1882. Sormani lag. cav. Claudio. R. Ufficio geologico. Roma. 

1886. SpaUetticoniv:&s& Gabriella. Piazza della Pilotta 5. Roma. 

1883. Speransini prof. Nicola. Arcevia (Ancona). 

1882. 200 Spena cav. prof. Giorgio R. Università. Tarino. 

1887. Squinabol doti. Senofonte. Via S. Agnese. 1. Genova. 

1883. Statuti cav.. ing. Augusto. Via dell'Anima 17. Roma. 
1891. Stella ing. Augusto. Viale Venezia, !(>. Milano. 
I8>C>. 'Stephanetcu^rof. Gregorio. Università. Bukareat(Bu- 

inania). 

1881. Strobel cav. prof. Pellegrino. R. Università. Parma. 

1882. Strùver comm. prof. Giovanni. R. Università. Roma. 
1881. Ssabò ciiv. prof. Giuseppe. Uuiversità. Budapest (Un- 

gheria). 
1881. TarameUi cav. prof. Torquato. R. Università. Pavia. 

1K9Ì. Taschero dott. Federico. R, Museo Geologico. Palazzo 

Carìgnano. Torino. 
1885. 210 Tellini doti. Achille. R. Università. Roma. 
1881. Tenoreìag. prof. Gaetano. ViaS. Gregorio Armeno 41. 

Napoli. 

1883. Terrensi dott. Giuseppe. Narni. 

1883. Terrigi dott Guglielmo. Via Manin 9. Roma. 



>dbyGoogIe 



Tiltoni comm. aw. Tommato. Deputato al Parlamento. 

Via Rasella. 167. Roma. 
Toldo dott. Giovanni. Casa Scarabelli. Imola. 
Tommasi prof. Ann&tale. R. UniverBità. Paria. 
Toao ÌDg. Pietro. R. Corpo delle Miniere. Vicenza. 
Trabucco prof. Giacomo. R. Istituto Tecnico Oalileo 

Galilei. Firenze. 
Tuccimei prof. Giuteppe. Via dell'Anima 59. Roma. 
220 "Tùrcke ing. John. Ufficio dell'Acquedotto. Bologna. 
UtieUi prof. Gustavo. R. Scuola per gli Ingegneri. Torino. 
Valenti prof. Esperio. Imola, 
Verri cav. tenente colonnello Antonio. Vice-Direttore 

del Genio militare. Roma. 
Vigliarolo dott. prof. Giovanni. Salita Pontecorvo 'l'i. 

Napoli. 
Vilanova y Piera cav. prof. Giovanm. Università. 

Madrid. 
Virgilio dott. Francesco. R. Università. Turino. 
Zaecagna ing. Domenico. R. Corpo delle Miniere. 

Carrara. 
Ze»i cav. ing. Pietro. Ufficio geologico. Roma. 
885. 229 Zonghi canonico prof. Augttsto. Fabriano. 



>dbyGoogIe 



comassiONE per lu pubblicazioni 



11 Presidente \ 

11 Segretario / 

Il Terriere \ P™ '"^^"' 

L'Archivista | 

Cav. prof. A. D'Achiardi 

Cav. prof. G. Omboni 

Conte comm. G. ScafabeUi-Gommi~fìamini 



COMMISSIONE DEL BILANCIO FBI. 1891 



F, Giordano 

G. Scarabetli 
P. Zeù 



>dbyGoogIe 



,db,Google 



RESOCONTO DELL'ADUNANZA GENERALE JEMALE 

DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 

TENUTA A Napoli il giorno 8 febbraio 1891. 



L'Adnn&Dza è aperta alle 10 e mezza ant. nel Museo Geolo- 
gico della R- UniTersità di Napoli. 

Presiede il Consigliere ing. E. Cortese. 

Sono presenti i Soci: Baldacci, Bassani, Cacciamali, Del- 
l'Erba, Di Stefano, Franco, Johnston Lavis, Mattirolo, 
Uadro, Scacchi, Tellini, Tenore, Violiarolo ed il sotto- 
scritto Segretario. 

Il Consigliere Cortese dà lettura di un tolegramma nel quale 
il Presidente avrerte che, a causa del mare burrascoso, fu impe- 
dita la sua partenza da Palermo; egli è dispiacente di non potere 
assistere alla Seduta della Società, come si era proposto e come avrebbe 
rirameote desiderato, e ne invia le sue scuse. 

Scusano ancora l'assenza con lettera, o con telegramma, i Soct: 
Capellini, Clerici, Cocchi, De Nicolis, Negri, Neviani, Om- 
BONi, Pantanelli, Parona, Scarabelli-Gommi-Plamini, e Ta- 
oauelli. 

Bassani dà il benrenuto ai Soci, tanto da parte sua, come 
Direttore del Gabinetto di Geologia, nel quale si tiene l'Adunanza, 
quanto da parte del prof. Pergola, Rettore della R. Università 
di Napoli. Ricorda poi come al mezzogiorno si festeg^ in modo so- 
lenne il cinquantesimo anno d'insegnamento del chiarissimo Senatore 
Arcanoelo Scacchi. Egli, a nome anche del Rettore Prof. Per- 
gola, invita tutti 1 membri della Società Geologica ad intervenire 
a tale solennità. 



>dbyGoogIe 



16 

Cortese ringrazia a nome della Società. 

Di Stefano propone che la Società sia uGScialmente ntppre- 
sentata alla festa dello Scacchi, dai Soci Baldacci, Bassani, Cor- 
tese, e dal Segretario Meli. 

Tale proposta è approvata all'unanimità. 

U Segretario avverte che, essendo assente, per forza m^- 
giore, il Presidaate, e l'Ufficio di Presidenza essendo rappresentato 
soltanto dal Coosigliere Cortese e da luì, non si è potuta tenere, 
per mancanza di numero legale, la riunione del Consiglio Diret- 
tivo, che avrebbe dovuto precedere l'Adunanza generale; e perciò 
l'ordine del giorno distribuito ai Soci per l'attuale seduta, resto 
conservato in parte, cioè in quanto sì riferisce all'ammiBsioDe di 
nuovi Soci, alla presentazione di lavori ed alle comunicazioni scien- 
tifiche. 

Riguardo alla località, ove si terrebbe la seduta estiva, il 
Presidente Gemmellaro avrebbe proposto, col voto fovorevole del 
Consiglio, la Sicilia con un programma veramente attraente ed assai 
interessante dal lato geologico, visitando Messina, Taormina, Aci- 
fieale e le isole dei Ciclopi, Catania, Palermo, ed ascendendo sulla 
Bommità del cono centrale dell'Etna a 3310 m. sul livello del mare. 

Messa ai voti la proposta di tenere l'Adunanza estiva in Si- 
cilia resta approvata all'unanimità. 

Soi^e una discussione tra i Soct circa l'epoca, in cui dovrebbe 
tenersi la riunione estiva. Alcuni Soct vorrebbero che si stabilisse 
in novembre, quando cioè l'Esposizione di Palermo fosse aperta, 
per dare e^o ai Soct dì visitarla. Ma il Sboretario fa osservare 
che, riunendo la Società in novembre, pochi sarebbero i Soct che 
vi interverrebbero, poiché in novembre sono aperti i corsi univer- 
sitari e le scuole secondane, e la grande maggioranza dei Soct, 
spettando agli insegnanti ed assistenti ai Musei universitart, non 
potrebbe intervenirvi. Altri Soct poi vorrebbero che l'epoca del- 
l'Adunanza estiva fosse fissata in modo che potessero assistervi 
anche quei Soci, i quali volessero recarsi al Congresso intemazio- 
nale di Washington. Il Socio Tenore propone che si t«nga la 
riunione sulla fine di ottobre. 

n Segretario risponde che la Presidenza terrà conto dei 
vari desideri espressi dai Soct, e cerchete di assecondarli nel mi- 



>dbyGoogIe 



DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 17 

glior modo possibUe. Bitieae però che qualora si voglia mettere 
net programma aoche l'ascemioDe sulla sommità dell'Etna, non 
possa protraci oltre la metà di ottobre l'epoca della Biuoione estiva. 

Sono approvati e proclamati Soct i signori: 

BncoA prof. Lorbnzo (Roma), proposto dai Soc! Di Stefano Q. 
e Baldacci. 

De Angelis dott. Gioacchino (Boma), proposto dai Soci 
PoKTis e Tdccimbi. 

Franchi ing. Secondo (Roma), proposto dai Soci Cortesb e 
Di Stefano G. 

Galli prof. Ignazio (Velletri), proposto dai Soct Meli e 
Stìttiti. 

Gianotti dott. Giovanni (Torino), proposto du Soct Paroh* 
e Sacco. 

ScHOPEN dott Ldioi (Palermo), proposto dai Soct Dì Stefano G. 
e Gehuellaro. 

Taschero doti Federico (Torino), proposto dai Soct Parona 
e Saooo. 

È preso atto delle dimissioni, presentate dai Soct Chihinelli, 
Martelli e Toni col 30 dicembre 1890, e dai Soct Angelini e 
Dal Pozzo colla fine del 1891. 

n Segretario comimica cbe, dopo l'adunanza di Bergamo, 
fu presentata copia del Bollettino (voi. Vili, 1889) al Ministero 
della pubblica istruzione ed al Ministero d'agricoltura, industria 
e commercio, accompagnando il volume per ciascun Ministero con 
la domanda dì sussidio. 

n Ministero della pubblica istruzione, ohe nell'anno innanzi 
aveva concesse lire £iOO, rispose di esser dispiacente che le condi- 
zioni del bilancio non gli permettessero di accordare nell'anno 
1890-91 alcun sussidio. 

Invece il Ministero d'agricoltura concesse lire 1000, che fn- 
roQO riscosse dal Tesoriere on. Tittoni. 

Il Segretario 1^^ il seguente elenco di pubblicazioni non 
periodiche inviate in omaggio alla Società dagli autori neU'ultimo 
trimestre dell'anno 1890, e nel gennaio 1891: 



>dbyGoogIe 



I» 

Bassani Francesco, Alla venerata memoria di Antonio Stop- 
pani. Socio corrispondente naiionale della R. Accademia delle 
sciense fisiche e matematiche di Napoli, parole di F. Bassani. In 
4", di pag. 4. — Estr. d. Bend. d. R. Accad. d. se. fis. e matem., 
gennaio 1891. 

Cacciamali G. B., Sulla possibile orìgine endogena di alcune 
puddinghe. In 8", di pag. 4. — Estr. d. Rivista italiana di Bcienze 
naturali e Bollett del Naturalista. Siena, anno X, fase. 12. 1890. 

Id. id., Scoperte paleontologiche ad Arpino. On foglio di 
pag. 2. — Estr. dal Giornale > La Farmacia ■ . Maddaloni, di- 
cembre 1890. 

Laville A., Guide du géologue dans le iertiaire parisien. In 
8°, di p^. 24 con X tar. in fototipia. — Comptoir géologiqae 
Dagincourt. Paris, 1890 (invio del dott. Dagincourt). 

Queensland Museum, Annual report of the trustes of the 
Queensland Maseitm. In 4° gr., di pag. 19. 1890. 

Tenore Gaetano, Consolidamento delle rocce franaòili e pro- 
cessi grafici geologici per progetti stradali. In 4', di pag. 12. — 
Estr. d. Atti d. R. Istituto d'incon^amento di Napoli, voi. Ili, 
N. 2. 1890. 

Lo stesso Sbosetario presenta una Memoria del Socio E. 
Derviedx dal titolo : Le Cristellarie terziarie del Piemonte, ac- 
comp^nata da una tavolo, per essere stampata nel voi. X (1891) 
del Uollettino. 

Allo stesso scopo presenta i seguenti lavori: 

Una Memoria del Socio A. Neoki, intitolata: Sopra alcuni 
fossili trovati nei calcari grigi dei Sette Comuni, con 2 tav. 
di fossili, una delle quali doppia. 

A nome del Socio Fucini Alberto, la Memoria: Il pliocene 
dei dintorni di Cerreto-Guidi e di Limite ed i suoi molluschi 
fossili, con 2 tav., ed una nota dello stesso Fucini: Fossili lias- 
siei calabresi. 

A nome del Socio De Stefani Carlo : La carta geologica 
d'Italia pubblicata per cura del R. Ufficio Geologico nel J889. 

Gianotti Giovanni, Appunti geologici sulla valle di Ghia- 
lamberto (Valli di Lamo — Alpi Graie). 



>dbyGoogIe 



Mercalli Gioseppe, [terremoti napoletani del secolo XVI 
ed un Mss. inedito di Gola Anello Pacca. 

L^^e poi la Bruente comunicazione preventira del Socio A. 
Neviani : Sitilo studio di alcuni brioioi fossili pliocenici di Li- 
vorno'. 

• Il prof. Carlo De Stefani mi favorì nn blocco di argilla a 
Brioioi da esso raccolta nel sottosuolo di LiTomo affine ne facessi 
l'analisi microzool<^ca. A prima vista il campione sembrava con- 
tenesse pochissime specie, ma fatta sciogliere l'argilla nell'acqua, 
e raccolti i residui della successiva deoantazione> potei separare 
migliaia dì fnutoli di Brìozoi in prevalenza Ciclostomati. Insieme 
a questi cinismi riuTenni pure numerosissime foraminìfere, molte 
placche di Echinoidi, pezzetti calcarei dì Stellerìdi ed Ofinrìdi, 
alcuni avanzi di Vermi, molti Ostracodi e Mollaschi, specialmente 
piccoli Oasteropodi, e fra questi alcune valve di Chitone e pochi 
Pteropodi. 

o Per ora mi sono occupato solo dello studio dei Briozoi. 

» Di^lì innumerevoli esemplari, ho separato però solo circa 
una cinquantina di specie delle quali, metà appartengono ai Brio- 
zoi Cheilostomati, e l'altra ai Ciclostomati; per quanto il numero 
delle specie sia presso a poco eguale, tuttavia l'importanza m^- 
giore è assunta dai Ciclostomati, che individualmente si trovano 
in un numero di gran lunga ma^iore degli altri. 

■ Fra i Cheilostomati, le specie ben detenninate sono: 

Celiarla fiitnlosa Eschara undulata 
Serupocellaria ellipUca • monilifera 

MeTnbranipora reticìdum Porina colamnaris 

annuita CeUepora tubigera 
Lepralia anntdatopora ■ globularis 

Chorisopora Brongniarti Retepora cellulosa 

Eschara foliacea Cupularia canariensis 
' pertusa 

■ Fra i Ciclostomati notiamo : 

Gritia BÒmesi Crisia /tstulosa 

' elongala Zdmonea atlantica 



DigmzcdbyGoOgle 



30. ADUNANZA OEKERAI.B 

/dtnonea pseudoàittieha Pastulopora Smittn 

• ribieosta EtUalophora proboteidea 

Mesenteripora Eudesiana Eornera frondiculata 

Frondipora Marsilii Diattopora latimarginaia 

Filiipar&a variane Cerìopora globulia 
» Delvauxi 

> Delle altre specie non ancora determinate, alcime sono forse 
forme nnore, altre varietà di specie già conosciate, ma che per ora, 
per mancanza di libri, già chiesti, ma non per anco riceTuti, non posso 
con sicurezza determinare. Fra queste forme mi piace ricordare un 
frammento ben conservato di Oemellarta molto raro fra ì Brìozoi 
fossili ; Gemellaria, che mi mi ha tratto allo stadio speciale della 
famiglia delle Gemellariadae, della quale presenterò nna ddIa a 
parte, dovendo in essa rettifìcaie la denominazione generica data 
dal Segaenza alla Gemellaria punetata del Tortoniano di Bene- 
stare, che è nna Dimetopia. e così pare BoUa Gemellaria sp. del 
Miocene di Austria ed Ungheria (Manzoni), che deve considerarsi 
come una nuova specie. 

■ Il doti. Manzoni, nelle sae qaattro Coniribiuioni allo studio 
dei Briozoi fostili italiani, ne illustra 7 specie del quaternario del 
sottosaolo di Livorno, delle quali non ho riscontrata alcuna nella 
mia collezione ; è da notare però che quelle descrìtte dal Manzoni, 
ed avute dall' Appeliua, proyengono da un conglomerato (quater- 
nario), mentre i miei si trovano nell'alalia più antica. 

» Il lavoro, che mi propongo di inviare al più breve alla So- 
cietà per la pubblicazione nel Bollettino, avutane l'antorìziazione 
che spero mi sarà accordata dall'onorevole Presidenza e d^li egr^i 
Golleghi, sarà accompagnato da due tavole, ove delineerò le specie 
nuove più importanti a conoscerai. 

> Con questa prima Nota, mi impegno di cominciare ona serie 
di contribuzioni o monografie, per illustrare tali organismi, che a 
dire il vero, furono piuttosto trascurati dai naturalisti italiani ■ . 

Lo stesso Segretario Meli presenta una sua Bibliografia 
scientifica dell'isola del Giglio, avvertendo che la massima parte 
delle citazioni, inserit« nella suddetta bibliografia, si riferisce alla 
geolc^a dell'isola; quindi soggiunge: 



>dbyGoogIe 



GEOLOGICA I 



■ Prendo questa occasione per comunicare alcune Bommarie no- 
tizie sol granito del Giglio. 

■ Doretti occuparmi di tale roccia, come pietra da costruzione 
e da decorazione ; ne risitai le care aperteri dal Bignori Msrtinori 
e Della Bitta e lo studiai anche in lamelle sottili al microscopio. 

■> L'isola del Giglio (Igilium degli antichi) è formata da un 
massiro montuoso eliesoidale di granito, avente l'asse maggiore 
diretto a N-NO., deriante da N. Terso 0. di un'angolo di 20", con 
una lunghezza dalla punta del Capei Bosso alla punta del Fenato 
di poco inferiore ai 9 Km., e l'asse minore di quasi 4 Km., con 
una appendice ad 0., denominata ti Franco, che forma una specie 
di promontorio, col madore asse diretto parallelamente al grande 
asse dell'isola. 

> L'isola è quasi tutta granitica. Bisalta infatti di un monte 
ellissoidale granitico, e soltanto a ponente nell'appendice del Franco 
si osservano rocce diverse. Quivi si hanuo enfotidi con rocce ser- 
pentinose, calcari dolomìtici forse dell' in/ra^/os, e scisti anche più 
antichi. Su queste rocce, specialmente ad 0., si adagia in qualche 
ponto una formazione quaternaria dì panchina con resti di mol- 
luschi. Finalmente in alcuni piccoli seni in riva al mare, come al 
Giglio-Marina, alle Cannelle, alla spiaggia Gampese, ecc., si ha ana 
strìscia di spiarla formata da arene grossolane, le quali per la 
massima parte risultano da granelli di quarzo, ai quali si ^giun- 
gono lamelle di mica nera, grani neri di tormalÌDa. ì quali ma- 
teriali provengono tutti dalla disgregazione e scomposizione dei gra- 
niti e dal lavaggio che vi operano le acque. 

■ Il granito del Giglio ha una densità di 2,6284. Questa cifra 
è riferita alla densità dell'acqua a 4" C. e non a 0°. Trattandosi 
di applicazioni pratiohe, ho creduto di stabilirne la densità alla 
I»ima delle dette temperature, perchè è noto che allora 1 cm.* di 
acqua distillata pesa esattamente 1 grammo. 

> La determinazione fu eseguita sopra campioni raccolti nella 
cava le Cannelle. 

■ Il granito del Giglio è a grana di mediocre grossezza. Con- 
tiene : ortoclasio bianco candido predominante, a cni si unisce un 
poco di oligoclasio, quarzo leggermente gr^astro e mica nera' 
(Biotite). Ai suddetti minerali se ne associa un'altro di color verde 
senio, qualche volta a leggeri riflessi bluastri, dì lucentezza grassa. 



DigmzcdbyGoOgle 



transbicido Bui bordi, che si presenta nel gr&oito in grani ed in 
masse aventi talvolta la forma di cristalli prismatici, senza però 
facce decise, con spigoli in generale arrotondati. La sezione dei 
prismi mostrasi tendente alla romba, ma per solito i contorni ne 
sono indecisi e nel granito produce l'effetto di tante macchiette 
verdastre. È difficile separare nettamente questi cristalli dalla roc- 
cia; in alcuni di esà ho notato un cliva^o distinto secondo un 
piano parallelo all'asse del prisma, od all'asse delle Z, probabil- 
mente secondo la direzione (010). Dalle ricerche istituite sul mi- 
nerale, servendomi degli altri caratteri fisici e chimici, del modo 
di comportarsi al cannello, e dall'esame microscopico determinai 
il minerale in parola per Pi/iile proveniente dall'alterazione dflla 
Cordierite. Quindi il granito del Giglio paò chiamarsi un granilo 
cordierilico. 

" La Finite del resto fu giìl indicata dal Giattarola tra i 
minerali della vicina ìsola dell'Elba (■); D'Acttiardi ritrovò la Cor- 
dierite, alterata e trasformata nel suddetto minerale, parimenti 
nel granito elbano (^) ; Dana (^) ha indicato una varietà dì ^'orc^zV- 
n'^e (/o^z'^fi) nelle liparìti di Campìglia Marittima, nelle quali stesse 
rocce più tardi Hosenbusch ha studiato la Finite {*). 

* Peraltro la presenza del minerale, che ho determinato per 
Finite, non isfuggl all'occhio attentamente osservatore del Brocchi, 
quando nel 1818 visitò l'isola del Giglio, e ne studiò per il primo 
la geologica costituzione ; ma ^lì lo riferì a serpentina (^). Non 

(') Grattarola G., Nott mineralogiche. — Articolo 2°: SlineraU nuovi 

poco conoìciuti dell'Elèa. — Boll. d. R. Comitato Geologico, anno VI, n. 
7-8, pag. 338-836. Luglio-agosto 1876. 

(') D'Achiardi A., Sulla cordierite nel granito normale dell'Elba e 
sulle correlaiioni fra le rocce granitiche con le trackiticke. — Atti della 
Soc. tose, di se. naturali resideote in Fisa. Voi. Il, 1876, pag. 1-12. 

(') Dana, A tyìtem o f mineralogy. h*^ eàitian. 1871 — « J olite occnrs 
u at Campitila HarittimiL, Tnscanj, in a trachitic rock containing a ho mica. 
qnarti, sanidin -. (Ved. pag. 300). 

(*) Rosenbasch, Afikroscopische Phyiiographie der Afineralien und Oe- 
Heine. Voi. n, 2' edizione, 1887, ved. pag. 534-535. 

(*) Brocchi G. B., Os»ervaiÌoni naturali fatte al promontorio Argen- 
taro ed all'isola del Giglio. — Biblioteca italiana di scienie lettere ed arti, 
voi. XI. Milano, 1818. — Nella lettera 3*, a pag. 359, scrive : «... il granito 
a dì questo luogo contiene, oltre alla mica nera, piccole masse di un verde 

1 brano, le quali attentamente osservata presentano una sostania che ha totti 



>dbyGoogIe 



DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 2/t 

essendo stata pertanto fino ad ora accertata la esistenza della Cor- 
dierile o Finite nel granito Gigliese, bo creduto dare alla Società 
una breve notizia del sno rinvenimento in quella roccia. 

■ È noto poi che nel granito del Qiglio si trova come mine- 
rale accessorio la tormalina nera (Afrisite). Questo minerale vi si 
incontra molto frequentemente, sia in cristalletti disseminati nella 
roccia, sia in s^i^azìoni risultanti da gruppi di piìl crìstalU 
rimiiti in un ponto, formanti così nel granito noa maccliia nera, 
talvolta del diametro di qualche centimetro. Ho potuto avere dei 
cristalli terminati di tormalina nera estratti dal granito del Qiglio. 
Alcuni sono di abito prismatico; prisma esagono regolare \ 101 j, e 
prisma emidodecf^ono x )2!T{; terminati alle due estremità dai 
romboedri jlOOf [llT( con disugnale sviluppo nelle facce. I cri- 
stalli sono Btrìatì sulle facce prismatiche, parallelamente aU'asse 
del prisma. In altri cristalli invece le facce dei prismi sono ri- 
strette, poco sviluppate, e predominano quelle dei due romboedri. 

> Analoghi cristalli di AfHxite si hanno, come è ben conosciuto, 
nel granito dell'IUba e ne osservai anche nel granito a muscovite 
dell'Asinara presso la punta N-0. della Sardegna. 



• i cantterì della serpeatina e tale credo che sia ". Alla pagina seguente poi, 
parlando sempre di qaesto minerale, ritieae giustamente che possa eesere 
psendoraoifo di altro: « QneBte iDasse racchiudono soTeote nell'interno alcnne 
■1 aqname di mica, e non di rado si mostrano sotto sembianza di prismi qna- 
■I drangolarì, ma non bene determinati, che io crederei di buon grado essere 
"pseado-crìBtallin. (Ted. pag. 360). 

Anche i signori Carpi e Riccioli, che fecero parte di una Commissione 
iiriata nel luglio 1828 dal governo pontificio per osserrare il granito del 
'ìi^o, proposto per eesere adoperato nelle colonne della nare grande della 
Basilica di S. Paolo boIU via Ostiense, arrertirono l'esiatenja del minerale 
verdastro e nella Icro ReUisione ripetono presso a poco le parqle del Brocchi 
eopra citate, mostrandasi jndecisi di riferirlo all'orneblenda o alla serpentina. 
Ai minerali essenziali del granito, essi dicono, >> trovasi associata qnasi co- 
>■ stantementa, ora in maggiore, ora in minore quantità, nna sostanza di color 
" Terde cupo sotto la forma di piccole muse e talvolta di prismi quadran- 
" golari. poco dura, pellucida, la qaale non ai saprebbe decidere, senza nna 
" analisi particolare, se debba riferirsi all'orneblenda, ovvero alla serpentina n. 
Ved. Reiasione delPacceno fatto all'isola del Giglio dalla Commisiione de- 
putata per ostervare i graniti di detta isola proponi per le 40 colonne della 
naoe grande della Baiilifa di S. Paolo. In 4° di pag. 9. Roma, 1828. 



DigmzcdbyGoOgle 



24 ADUNANZA QENBRALX 

" n granito del Giglio è spesso attrtiTersato da filoncini e vene 
dì una pasta ortoclasica, entro la quale sono sparsi cristalli di 
Afrisite. 

■ Finalmente nel granito gigtiese rinrenni intercluse due mas- 
serelle di Grafite del diametro maggiore di 2 cm. ■. 

È data poi lettura della seguente comunicazione del Sooio 
Clbrici: Svile argille plioceniche alla sinistra del Tevere nel- 
l'interno di Roma. 

« Alle falde del Pìncìo presso la piazza di Spagna, facendosi 
degli scaTi per la sistemazione A&W' Acqua Vergine, si trorarono 
delle aiutile grigie r^olannente stratificate ed inclinate verso la 
massa del monte Fincio. La quota a cui cominciano è presso a 
poco ^quella media della detta piazza di Spagna, e si continiuno 
indefinitamente fino alla massima profondità raggiunta nello scavo. 
Queste argille sono ricoperte da tin paio di metri di marne u^- 
lose giallastre miste a ghiaia e quindi da ghiaia un poco pii) 
grossa, contenente sabbia silicea con qualche raro grano di augìte 
e di sanidino. 

■ Per l'aspetto queste ai^le sono identiche a quelle del Va- 
ticano e deUa base di monte Mario. Anche i fossili che vi ho rac- 
colto e che continuo a raccoglierri confermano questo con&onto. 

■ Fra questi fossili, noto intanto i segaenti : 

Erycina longieallis Phil. 

Pecckiolia argentea Marit. (cfr.) 

Arca aspera Phil. 

Limopsis auriius Brocc. 

Peclen 2 ap. 

Nucula suleata Bronn 

Terebratulina caput-serpeniis Phil. 

Diacria tridentata Phil. 

Cleodora pt/ramidaia Lin. 

Dentalium laevigatum Ponzi 

Dentalium elephantinum Lin. 

Cidaris remiger Ponzi 
« Molto più abbondanti vi sono le foramiuifete : Orbulina uni- 
versa Lamk., Qlobìgerina, Dentalina, Textalaria, Cristellaria, ecc. 
> Tale rinvenimento mi sembra di qualche iuteresse per la 



>dbyGoogIe 



DELLA BOCirTA aiOLOOICA ITALIANA 



ge^t^a locale, perchè è la prima Tolta che sì hanno fossili ma- 
rini macroscopici alla sinistra del TeTere e tali, a mio credere, da 
pomettera la determiDazione del piano cai le aitile appartengono. 
■• Molti altri osservatori ayevano già dichiarate dì orìgine ma- 
rina molte delle argille e marne snperficiali trovate alla sinistra 
dal Tevere in Roma; ma in miei precedenti studi esposi il dubbio 
idie spesso si trattasse di marne fluviali o laoostrì ed a confenna 
citai le molte specie di molluschi terrestri e d'acqua dolce che io 
riuTeoni in quei depositi. 

■ Anche negli scavi eseguiti due anni fa al fondo del vicolo 
Àlibert, nn centinaio di metri appena dalla località attualmente in 
qoestìone. fu estiatta una marna ai^llosa rimaneggiata con ghiaia 
praralentemente silicea e nella quale, dopo lavatura, rinvenni qualche 
fi>nunìiiifera insieme a pochi elementi vulcanici. , 

• Probabilmente saranno eseguite delle riparazioni all'imbocco 
della galleria, già esìstente, che attraversa la massa del monte 
Pinoio, perciò per alcune considerazioni da farsi aspetto d'aver rac- 
colto maggior numero di fossili, nonché d'aver esaminato i terreni 
che potranno ancora venire alla luce. 

a Appena terminati i lavori di scavo presenterò, su qiieeto ar- 
gomento, una nota più dettagliata cbe oltre all'elenco dei fossili 
conterrà una sezione trasversale della vallata tiberina conforme- 
mente ai nuovi fatti osservati *. 

A questa comunicazione il Socio Meli so^unge: 

• Faccio rilevare l'importanza di tale notizia per la geologia 
dell' iutemo di Boma, essendo la prima volta che sì citano sulla 
siaistra del Tevere, nell'interno di Soma, marne marine plioceni- 
che e se ne precisano i fossili, che sono di mare profondo, ed 
assolutamente identici a quelli del Vaticano. Anche la inclinazione 
delle argille ora ritrovate presso l'estremità N. della piazza di 
Spagna, opposta a quella delle marne del M. Mario, che si eigono 
di fronte sull'altra sponda del fiume, darebbe luogo a qualche im- 
portsirte considerazione. 

. In s^ito alla scoperta fatta dal Socio Clerici, della quale è 
stata data adesso comunicazione, ritengo ora molto probabile che 
le marne ritrovate a Sud della stessa piazza dall'architetto Folettì, 
'Bella findazieoe della Colonna eretta alla Vergine nel 1858, siano 



>dbyGoogIe 



le stesse marne del plioceae, ora accertate indubbiamente. Qnelle 
marne erano state da taluno riguardate come plioceniche; difatti 
Ponzi le cita come tali dubitativamente {') ; ma erano state così 
giudicate, unicamente per le loro apparenze esterne, ossia per la 
loro facies litologica, senza osservarvi un sol fossile. Per questo 
motivo io le ritenni già di acqua dolce, perchè giacenti nel fondo 
dell'alveo tiberino. Aggiungasi poi un'altro fatto che a meno di 
un centinaio di metri di distanza orizzontale verso N. dal Inogo, 
ove il Clerici ha constatato le marne plioceniche, cioè al vicolo 
Alibert, nelle fondazioni dell'Istituto Poli, lo stesso Clerici rin- 
venne marne dello stesso colore con fossOi terrestri e d'acqua 
dolce, sui qu&li pubblicò un lavoro (^). Ricordo ciò per far rilevare 
che tutto allora taceva credere essere le marne, riscontrate nella fon- 
dazione della colonna, di formazione d'acqua dolce. Oggi però che il 
Clerici ha dimostrato in modo indubbio per i fossili ritrovati, che 
si ha entro Roma sulla sinistra del fiume un lembo di marne va- 
ticane, ritengo probabile che anche quelle marne, su cui posano le 
fondazioni della colonna monumentale di piazza di Spagna, pos- 
sano essere marine e giacere in continuazione di quelle, ora ritro- 
vate ad una distanza orizzontale di circa m. 120. Aggiungo poi 
che il Brocchi (3) ricorda conchiglie fossili marine ritrovate in uno 

{■) Ponzi G., Dei munii Mario e Vaticano e del j>ro tollevatnento. 
Atti d, R. AccBd. d. Lincei, tomo n. aer. 2". 1875 (Vei. p. 8 dell'ertrattol. 

(*) Cloricì E., I fonili quaternari del tuolo di Roma. Boll, del B. Co- 
mitato geologico, anno 1886, n. 3-4. (Ved. p. 6-15 deìrestratto). 

(3) Brocchi Q. B., Dello »tato fiiico del nuolo di Roma, memoria per 
tervire d'iltìutraiione alla carta geognostica di queita citti — Boina, De 
Romanis, 1820 in 8°, con 2 tav. s colorì (red. pag. 177-178). 

Ecco il passo del Brocchi: 

u Non posso in qnesta occasione tacere che mi fa da taluno narrato 
B essersi anni sono trovate conchiglie marìne snlla falda del Pincio allorché 

tu scavato il terreno lango il clivo del pabbtico passeggio. Hi furono mo- 
■ strati eziandio slcani di qne' nicchi i qnali appartenevano al Mwrex cur- 
ii KutUM, alto Strombiu fatciatm ed al Coniu Mercati, ài cni ho parlato 
u nella mia Conchigliologis fossile. Il relatore non fa in grado di darmi ve- 
li moa notizia intomu alla giacitura loro ed alla qualità del snolo in cui 

1 coi forano rinvenuti, se non che da tal altro che diceva aver assistito a 
« qnell'opera fui ragguagliato che erano fra rovine di antiche fabbriche. Triafo 
<f cosa è il dover ragionare sn relazioni di nomini inesperti : che quelle con 
" chiglie fossero veramente fossili non si pu6 revocare in dnbbto poiché oltre" 



>dbyGoogIe 



DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA 1 



scavo os^nito oel M. Pincio, cioè il Murex cornuttts, lo Strombus 
fateiattts (= SCr. coronalus Defr.) ed il Contts Mercati ; am- 
mette che fossero fossili, ma ne parla eoo grande 'riserva, giacché 
egli non potò constatarne la giacitura, perchè gli furono mostrati 
da altri. È importante di avvertire che le sopra ricordate conchiglie 
fossili del Piscio sarebbero state rinvenute prossimamente al Con- 
vento della Trinità dei Monti, allorché fu tagliato il colle per 
aprire la strada di accesso alla passeggiata lungo il clivo, e co- 
^mire il maraglione di sostegno. Quindi il luogo ove furono rin- 
venute le oonchigUe accennate dal Brocchi, s'accorderebbe perfet- 
tamente colla località, ove oggi il Clerici ha verificato in siiu 
le marne plioceniche, giacché proverrebbero da quelle adiacenze, 
cioè, da presso la salita detta di S. Sebastianello, ossia da un livello 
superiore a quello in cui ora furono incontrate le marue. K poiché 
dalle stesse parole del Brocchi si rileva che i fossili del Pincio, 
da lui veduti, provenivano dalle sabbie gialle, così ciò farebbe 
supporre ohe anche un lembo di sabbie gialle, superiori alle marne, 
ai trovasse in quella località. 

■ Per riguardo ai fossili sopra menzionati dal Brocchi, avverto 
che sono conservati tuttora nel Gabinetto di Geologia della B. Uni- 
versità dì Roma alcuni esemplari di molluschi marini come rin- 
venuti al Pincio. Questi fossili fanno parte di una vecchia colle- 
zione, detta del Brocchi, ma che fu invece riunita e messa insieme 



u all'apparire in ietato cretaceo erano infarcite di sabbia ^allognola siliceo- 
" calcarla in cui, esplorata con lente, adocchiai molti indiridai di NautUm 
f crUpus che è un politalamico microscopico. Ma dall'altro canto nel Pincio 
•> di coi si conosce la fisica costitozione meglio che quella degli altri colli 
« di Roma, tranne il Campidoglio, non si ravvisano che rocce tìuTiali e vnl- 
H caniehe ; in secondo luogo ninna delle snpra indicate specie è fossile nei 
« terreni conchigliferi de' contorni, come sarebbe a Monte Mario e nel Va- 

■ ticano, ove non v'ha esempio tampoco di averne veduta altre che si acco- 
u Btino al Tolnme di queste, essendo in qoei laoghi la più parte minute o di 
" mediocre grandezza, eccetto le ostriche che attingono a grandi dimensioni. 

■ Finché adnnqae non sia meglio dilncìdata la cosa da nlteiìorì e piii esatte 
1 informaxioni non posso irarrs veruna consegnenu da quella scoperta, né 
1 attestarne l'antenticità. Soggiungerà peraltro che, siccome il luogo ove di- 
» cerasi di aver rinvenuto quei fossili è prossimo al convento della Trinità 

■ dei Monti » ecc. 



DigmzcdbyGoOgle 



ADUNANZA GENERALI 

dal Riccioli (') e della quale bì eeryl il Brocchi Del ano laroro sai 
suolo fisico di Roma. Ora da un'esame sommario di queste con- 
cliiglie rilevai che si trattava delle seguenti specie: Un'esemplare 
di Murex brandaris Lia., della Tar, spinosa ; varietà vivente e co- 
mune tuttora sul littorale di Civitavecchia e qualche volta pescato 
presso Anzio. Questo esemplare non è fossile, ma è di epoche 
romane. 

« Un esemplare di Murex conglobatus Michtti. fossile. Due 
esemplari dì Conus, entrambi fossili, ma spettanti a dne forme ben 
diverse; il maggiore si riferisce al Gonu^ (Lithoeonus) Mercati 
Brocc. ; il minore è un Conus della sezione Chelyconus, e può ri- 
ferirsi al C. fuscus-eingulalus Bronn, od almeno è nna forma assai 
prossima a questa specie. 

< Tutti e tre questi fossili provengono da sabbie giallastre; i 
due primi hanno identica facies di fossilizzazione, e sembrano prove- 
nire da UDO stesso giacimento; il Chelyconus sì stacca un poco dai 
dne primi per l'aspetto della fossilizzazione e della roccia incassante. 

■> Riguardo alle suddette specie, osservo che il Murex conglo- 
batus Michtti-, quantunque assai raro, si rinviene al M. Mario, 
sia nelle sabbie gialle, che nelle sabbie grigie marnose e ne ho 
esemplari nella mìa collezione, ohe estrassi dalle sabbie marnose 
della Farnesina, e dalle sabbie gialle, che affiorano sulla sponda 
sinistra della valle dell'Inferno, passato il lu(^ detto le sepolture 
dei francesi. Non ho poi rinvenuto nel gruppo del M. Mario le 
due sopra indicate specie di Conus (^), che però si ritrovano Del 
plioceDO italiano. 

> Qualora le specie citate dal Brocchi fossero state rinvenute 
in posto, cioè nelle sabbie e non fossero erratiche o nel terreno di 

(ij Mi rÌBerro in altra occMiione di pubblicare alcnne notìzie su Oio- 
seppe Riccioli, romano, il qnale, oggid\ pressoché dimenticato, sai principio 
del secolo corrente, coltirb con pasBÌone le Bcienze nstotali e raccolse con amoie 
e intelligenza ingente copia di materiale per lo stadio specialmente delU 
geologia e mineralogia della Provincia di Roma. 

(*) Del M. Mario possiedo soltaoio eseraplari ài Conus $trialttlut Brocc. 
la qnale specie è rarisBima, sia nelle marne grigie sabbiose alla Farnesina. 
aia nelle soprastanti sabbie gialle della Farnesina e della valle dell'Inferno. 
Nelle marne sottostanti, di mare profondo, riferibili al pliocene inferiore, ohe 
vanno generalmente indicata col nome di marne vaticane, rinvenni il Coma 
antediluvianiu Bmg. 



>dbyGoogIe 



DSLLA socrrrA geologica italiana 3P 

nuù», si potrebbe supporre che sotto il tufo Tulcasico e verao N. 
<N-0. sotto le concrezioni calcaree trarertìnose del Pìdcìo si aves- 
WD le rocce marine plioceniche inclinate verso E. colle marne alla 
iuta e le sabbie gialle sopragiacentì a queste. 

■ Bicordo poi che il aig. Immanuel Friedl&nder, studente dì 
sdeoze naturali alla Unirersità di Elei mi disse, dne anni fa^ 
di arer veduto marne grìgie con fossili marini {Ostrea. Peelen), 
identiche per la loro faeie» a quelle si scavano alla base del M. 
Mario e del Vaticano per formarne laterizi, nel taglio eseguito pei' 
la onora strada che dalla via Flaminia va ad Acquacetoaa. Ciò 
dimostrerebbe che le marne plioceniche affiorano anche alla baae 
dti prossimi monti Parìoli, sempre però ad una quota assai infe- 
riore a quella ove si spingono di fìronte sulla sponda destra del 
Terere, nella piccola catena del M. Mario. 

• Sulla sinistra del Tevere emergono i terreni pliocenici con fos- 
sili marini, dalle alluvioni, dai depositi d'acqua dolce, dai tufi, 
e dalle deiezioni mlcaniche, a monte di Boma, alla Marc^liana 
fino oltre Monterotondo ; a valle della città, al fosso del Mal Passo 
sulla via di Castel Porziano, fuori Porta S. Paolo « . 

n Socio Tellini presenta nna domanda firmata da 14 Soci 
^nchè la Società abbia un locale conveniente e in esso possano 
i Sod accedere per consultare le pubblicazioni, che si ricevono in 
cambio od in om^gio. In questo senso i suddetti Soci invitano la 
Preeidenza a fare pratiche affinchè possa aversi un qualche locale, 
sia dal Ministero della pubblica istruzione, sia dal Ministero di 
agricoltura e commercio, ovvero dall'Accademia dei Lincei. 

Il SEaaBTARio riconosce la giustezza della domanda e la Goa- 
venienza dì avere un locale più decoroso per la Society di quello 
che si ha oggi in un angusto stanzino, gentilmente concesso dal 
B. Comitato Geologico. Però avverte che qualora si avesse locale 
più conveniento si auderebbe incontro di necessità a varie spese; 
addobbo del locale, manutenzione; occorrerebbe per lo meno un 
inserviente. Tutto ciò richiederebbe nna spesa, mentre ora, è bene 
metterlo in evidenza, la Società per locale, mobilio, e personale non 
spende e non ha mai speso un centesimo, se si tolgano le lire 50 
che annualmente sono date al portiere del Museo Agrario a s. Su- 
sanna ove risiede la Società, perchè spazza il camerino, riceve 



>dbyGoogIe 



■io ADUNANZA OENERALE DBI.LA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 

le corrispondenze dirette alla Società ed aiuta nella spedÌKÌone dei 
fascicoli. Quindi in ogni caso bisi^a sii cii^ sentile il parere del 
Consiglio Direttivo, portando la proposta presentata un aumento 
di spesa ed i fondi Sociali essendo oggi, quasi in totalità, impie- 
gati nella stampa delle memorie soientifiche presentate dai Soct 
e nelle tavole che le accompi^ano. 

Esclude le trattative da ^sì coli' Accademia dei Lincei, giaccliè 
si è preventivamente certi di un rifiuto, stante che dne anni fa 
furono aperte già trattative con buon successo dal prof. Tuccimei, 
allora Segretario, per avere un locale nel Palazzo dell'Accademia, 
ma poi queste trattative furono improvvisamente troncate e l'Acca- 
demia dispose in altro modo del locale che proponeva di concedere 
alla Società. 

Accetta quindi la domanda presentata dai Soct e la comunieherjt 
alla prima Adunanza del Consìglio Direttivo. Cercherà di far pra- 
tiche per avere un locale, possibilmente gratuito, e ne riferirà. 
se sarà il caso, alla Sedata estiva, senza prendere però alcun 
impegno. 

La seduta è tolta alle 11 V< ^Q^- 

II Segretario 
B. Meli. 



Al mezzogiorno il Consigliere Cortese, il Segretario Meu, 
od i Soci Bassani e Baldacci, in conformità della deliberazione 
presa nella Seduta, assistettero alla solenne festa fatta all'illustre 
senatore A. Scacchi per commemorare il suo cinquantesimo anno 
d'insegnamento e rappresentarono la Società Geologica Italiana a 
quella commovente e lieta solennità. 



>dbyGoogIe 



LE GBISTGLIAKIE TERZIARIE 
DEL PIEMONTE 

(CoD nat. tavola). 



Senza occuparmi per, ora del come classificare i foraminiferì 
e quale claAsificazione adottare, in questo lavoro prendo in consi- 
derazione una parte solamente della famiglia delle Lageni- 
dae Carp. 

. S'intendono appartenere alla famiglia delle Lagenidae quelle 
forme caratteristiche per una conchiglietta calcarea, coperta da 
una moltitadiae di pori microscopici, assai brillante all'esterno, 
con apertura semplice, rotonda od in fessura, sovente prolungata 
in tubo ; conch^lia, che nelle forme composte di piii loculi, ha 
qaestì uniti fra dì loro in tal maniera, che le pareti esteme del 
primo servono direttamente dì parete interna per il successivo e 
e così di acuito. 

Bignardo questa famiglia il D'Orbign; cominciò a spargere 
i generi, ctmiponenti ora le Lagenidae, in quasi tutti i suoi 6 or- 
dini, in cui divìse i foramìDiferì. 11 Oarpenter venuto dopo raduna 
i diversi generi sparsi qua e colà e formò la iam. Lagenidae ; e 
finalmente ai nostri giorni il prof. Bradv, annullando le grandi 
Bnddìvisioni dì perforati ed imperforati, ecc. divise tutte i fora- 
minìferi in dieci grandi famiglie, la settima delle quali è quella 
delle Lagenidae Carp. Questa egli suddivise in cinque altre sotto- 
famiglie, che risnddivise in 19 generi, come si può vedere dal 
quadro seguente: 



DigmzcdbyGoOglC 



E. DERTIEUX 



[ Lageninae 



Polumorphininae 



Hamulininae 



; Lagena, Walk. 
' Nodosaria, Lmk. 

Lingulina, D'Orb 
I Frondicularia, Defr. 
! Rhabdogonium, Bauss. 
I Marginulina, D'Orb. 

Vagimdina, • 

Rimu/ina, ■ 

^ Cx-ietella,rici, Lmk. 
I Amphicorgne, Schl. 
J Lingulimpsis, Reuss 
1 Flabellina, D'Orb. 
i Amphimorphina, Neug. 
f Polymorphina, D'Orb. 
I Dimorpkina-, ■ 
1 Uvigerina, « 

[ Sagnna, Park, e Jon. 
I Aontu/tna, £ap. e Jon. 



Non essendo mio compito di trattare in questa prima Memoria 
di altro che del genere Cristellaria Lmk., lascio tntte queste di- 
visioni e mi occupo delle CristeUarie. 

Queste forme, che furono chiamate coi diversi nomi, ma por 
comimì, di Nauiilus, Hammonium. Liiuus, Orthaceras, eoe, fo- 
nino confuse cogli altri generi delle Nodotarinae, Rotalidae e 
NummuUiidae. 

II carattere che separa questo genere d^li altri della sua 
famiglia si è l'avere tntte le logge disposte in nna sola serie (in 
un sol piano), a spira, epperciò comprende anche il gen. Planu- 
laria e il gen. Robuiina fondato da D'Orb^y. 

11 materiale che mi ha servito a questo studio proviene per 
la maggior patte dalla già conosciuta collezione del cav. Luigi dì 
Bovasenda, che gentilmente la mise a mia disposizione ; in parte da 
alcuni esemplari che raccolse il dott. Sacco nelle sue escursioni, 
ed in parte da me raccolto nei &mosi colli Torino-Casale ; com- 
prendendo cosi l'eocene, il miocene ed il pliocene, la maggior parte 
però è del miocene (elveziano). 



>dbyGoogIe 



E TERZIARIE DEL PIEMONTE 33 

Il metodo che se^irò nel deaerìTere le diverse specie ai è 
quello già Benito per i mollosctii dai prof. Bellardi e Sacco. Delle 
Bpeeie già conoecìnte abbastaiua non porrà la descrizioDe. Per la 
ginonimia non citerò che qoella che rigaarda direttamente i colli 
piemontesi, ponendo in note, qtuuido crederò opportuno, i princi- 
pali lavori che saranno utili a consultarsi. 

Gen. Oi*istella,i*la. Lmk. 

1. Criitellaria hauerina D'Orbigny. 

1846. Foraminif. fùu. YimMt, pog. 84, taT. Ili, flg. 24, 35. 

Fochi esemplari che possono stare in tutto asaìeme alla forma 
tipica di Vienna. 

1878, CriatelUria Isnerìna. — Fnch», Tertlariildmgen Ober-Italien$ 
(LXXVII Band, dei SUA. der k. Aktd. A. WìsBenBch. 1 Abtb. Maj, 
Heft.) pag. M. 

ISS9, GiiBtellATÌa hauerina. — Sacco, Catalogo pah terz. Piemonte 
(Boll. Soe. geo], it.rfrol. Vm, p. 305, n. 489). 

Località. Sciohe, ecc. 
2. Crùtellaria hauerina rar. Rovasendai Dervieui. 

In questa varietà comprendo alcuni esemplari che si distin- 
guono per essere più compressL 

Ho dedicato questa varietà al cav. Luigi di Bovasenda, al quale 
oltre al titolo di amicizia devo aggiungere quello della ricouo- 
scensa per aver messo la sua Collezione degna del piìl alto encomio 
a mia disposizione, per coi posso coltivare siffatti stadi. 

3. Criitellaria ci. Schloenbachi Heuss. 

(1862, R«iiM. Siti. k. Ak. Win. voi. 46, pag. 65, ta*. 6, flg. 14. 15). 

1878, Crìsteltaria Schloenbachi. — Focha. (loc. cit) pag. 54. 
1889, •> ■ Sacco (loc. cit.) pag. 305, n. 

Orizzonte. Elveziano? — Località. Sciolze. 
Osservasionì. — Nel catalogo dei fossili piemontesi del D'^ Fuchs 
ai trova registrata la Criit. Schloe^acM. Studiando il materiale 



>dbyGoogIe 



che servì a base di questo catalogo mi reone fra mani no tubetto, 
nel quale vi erano tre esemplari col nome C. Schloenbachi. Esa- 
minai detti esemplari ed il giudizio che me ne formai sarebbe : 
che un solo dei tre esemplari si potrebbe porre nella specie Schloen- 
bachi, mentre gli altri due quasi perfettamente uguali io lì in- 
dicherei dover appartenere ad una varietà della Cr. kauerina, va- 
rietà che chiamai Rovaseadai e che già nel qumero precedente ho 
notato. 

■ 4. Cristellaria /osephina D'Orbigny. 
1846, Foram. fosi. Vienne, pug. 88, tav, ET, flg. 37, 38. 
Questo genere viene per ora rappresentato nel Piemonte da 
scarso numero di esemplari di minori dimensioni di quelli di 
Vienna. 

1878, CristeHariaJoaephina. — Fachs Ooc. cit.), 

1887, n n Maiiani e P&roQa, Foitili tortoniani 

(Atti Soc. it se. lui Tol. XXX), estratto pag. 23, n. 38. 
1889, CrÌBtelUrìa Josephina. — Sacco (loc. cit. a. 493). 

Orizzonte, filvezìano. — Località. St^lze. 

5. Cristellaria cpnboides D'Orbigny. 

1846, Foram. fou. Vienne, pag. 85, tav. HI. fig. 30, 31. 

0. testa oblonga, compressa, laev^ta, nitida, antice poeti- 
ceque attenuata ; loculi obliqui, elongati, complanati, margine ro- 
tundati, semispirales. crescentes regulariter ; suturae notatae, aper- 
tura radiata (?). 

Pochi esemplari, tutti di minor lunghezza di quello dì Vienna. 
1878, Cristellatia cymboides. — Pochs (loc. cit). 
1889, « n Sacco (loc. cit. n. 487). 

Località. Sciolze. 

6. Cristellaria galea (Pichtel and Moli.) 

1803, Nautilus galea. — F. e M., Test. micr. Wien, pag. 99, tav. 18, 
fig. d, e, f. 

Tav. r, flg. 1. 

C. testa subsemiovalis, nempe para posterior rotundata, ant«- 
lior subflexuose tiuncata. lat-a, valde compressa, laevigata, dorso 



>dbyGoogIe 



E CKISTELLARIZ T&RZIARIK DEL PIEMONTE 85 



carìnato. Carina lamellosa espansa. Locali plurimi (etiam 30), 
fleinose antrorsum coDveii, medìocrìter currati, latisaimì eed parrà 
altitudine, quorum aitimi (quasi tertia pars) a reliquia parum dì- 
siuncti a parte laterali citant, eispiralesceutes. Suturae ritreae 
tantuni. Apertura radiata. 
HeaBura. — 1-4 mm. 

i, NantìlaB galea. — Fichtel a Moli, .Tett. mtcr. Wien, pag. 99, 

t»T. 18, fiff. d, e, f. 
823, Cristellaiìa laeris. —\jsmsA, Biit.nat.det anim. t. dct-;. Parìs, 

Tol. VH, p. 607. 

Cristellaii» galea. — D'Orbigny, CifpAaiojj. (Ann. bc. nat. toì. VH. 

pag. 291, n. 6). 
830, Cristellaria galea. — Lamarck, Encycl. mélh. Hiit. de» Ven. 

Tom. n, pag. SO. 
841, CristelUria galea. — Michalotti, Saggio RU. carati. (Mem. Soe. 

ìt. se. Modeoa, voi. XXil, pag. 41). 
!, Cristellaria galea. — BrooD, Index faUont. voi. I, pag. 349. 
I, 1 cassis. — Parker e Jones, On the nom. of (Ke fo- 

ram. {Annala. Mag. Nat. HìsL Ber. 3, toI. V, pag. 115). 
I, Cristellaria casais. — Patker e Jones, On the nom. of the fo- 

ram. voi. XII, pag. 429, n 8. 
I, Plannlaria laeris. — ÌSé^eaze,, Formanoni ter», di Reggio (Atti 

Acc. Lincei, aer. 3, fol. VI, pag. 140, tav. Xm, flg. 16). 
), Cristellaxia galea. — Derrieni, Boll. Museo zool. ed uat. comp. 

r. UnÌTeraitè Torino, n. 81. tav. I, fig, 3-14. 

Orizzonte. Elreziauo. 

Località. Colli presso Torino (Val Salice), Sciolze. 

Osserraziooi. — Dì questa specie ho già trattato diffusa- 
mente nella mìa nota citata nella sinonimìa, dove ho dimostrato 
che queste forme appartengono alla Cristellaria galea F. e M., la 
quale devesi tenere distinta dalla Cristellaria cassis. Aveyo già pub- 
blicata quella mia nota sulla Cristellaria galea, quando mi venne 
fn mani il lavoro del prof. Sequenza sulle formazioni terziarie di 
Seggio (Calabria). Vi trovai che il prof. S^uenza diede il nome 
di Planularia laevis Seg. ad esemplari, che vanno perfettamente 
d'accordo con quelli da me studiati nel Piemonte e di cni ho di- 
mostrato appartenere alla Cristellaria galea deacritta dai signori 
Fichtel e Moli e di poi confusa colla specie caxsis. Devo perciò 
osservare : Per il nome adottato dal sopmcitato professore per il 
genero non importa molto a noi, la questione età sul nome dato. 



DigmzcdbyGoOgle 



alla specie laevis da Ini forse creduta nuova. Per ciò rìBolrere sa- 
rebbe necessario sapere, se il prof. Sequenza pose questo nome cre- 
dendolo nuovo, oppure basandosi sulla specie galea F. e M. descritta 
dal Lamarck sotto il some di Crisiellaria laevis nel 1822. Se 
fosse come in quest'ultima supposizione, clie, cioè, abbia desunto 
dal Lamarck il nome di laevis, allora non lo si dorrebbe adot- 
tare per l'avrenire in c^ì modo, perchè il Lamarck avendo copiato 
dai Fichtel e Moli, questi fissarono prima del Lamarck il nome 
specifico di Crisiellaria galea, che è da adottarsi. Se poi il Se- 
gaenza avesse dato questo nome alla specie di laevis, senza voler 
indicare alla specie laevis Lamarck, allora la questione sta tatta 
nel vedere se il Nautilm galea F. e M. e la Planularia laevis 
Seg. siano identiche, o no, la qnal cosa sarebbe da me dimostrata 
nella mia nota citata nella presente sinonimia. 

7. Crisiellaria galea var. troncata Derrienx. 

Tar. I, flg. 2. 

Haec varietas distinguìtnr propter ultimos loculos quasi reetos. 
Località. Sciolse. 

8. Cristellaria galea var. peneroplea Dervieox. 
Tav. I, fig. 8. 

Haec varietas distìnguitur a specie typica, quìa ultimi locali 
non sunt tam recti quam io praeoedenti varietate, sed etiam quasi 
ciicumferentes primos, telicta somper carina ìnter primoe et ultì- 
mos loculos. 

Mensara. — (come la Galea tipo). 

Località. Sciolze. 

9. Cristellaria galea var. ovali» Derviem. 
TaT. 1, fig. 4. 

Haeo varietas distinguitur a specie typica quìa loculi sunt 
arcuati et relinquont parvum epatium inter primos loculos et la- 
tera interna postremomm loculornm. 

Località. — Sciolze. 



>dbyGoogIe 



LE CBIBTELLARIB TERZIARIE DEL PIEMONTE 37 

10. Grùtellaria elongata (Montfort) 

1B08, PeripleB eloD^atiK. — Montfort, Conch. Sytt. voi. I, p^. 271. 

Tft¥. I, fig. 12. 

C. testa obloDg», compressa, Iserìgata, macine cannata; 
loculi plurimi eispiialesoentes, crescentes m^^ in latitudine quam 
ìd altitadine, angustatà, obliqui. Apertura radiata. 

Mensura. — 4 mm. 

Orizzonte. Elreziano. — Località. Sciolse. 

Osserrazionì. — Questa specie per un lato sembra solo una 
Tuietà della Cristellaria galea, e per l'altro sembra arere impor- 
tanza di specie, giacché si distìngue dalla Crisi, ereptdula per arere 
la earena, dalla Crisi, attrit o cymba o lanceolata perchè qaeste 
hsnno la superficie C(»tata. 

Quantunque vi sia l'aso di dire elongata d'Orbigny, io dico 
tlongata Montfort perchè non trovo motivo di posporre Montfort a 
D'Orbìgny mentre vi è la differenza di tempo 1808 e 1826. 

11. Cristellaria aurit (Soldani). 
17S1. Orthocerm anrig, — Soldani, Tettae. vai I, ta». CIV, flg. A. 

Diatinguitor haec species a Cristellaria elongata quia loculi 
sont costati secnndam lineam spìralem. 

Uensmn. — 4 mm. 

OrÌ2zonte. Elreiìano. — I^bcalità. Sciolse. 

Osservazione. — Sarei d'avviso con molti illnstrì soìenzìsti 
che i nomi di auris, cymba, lanceolata indicano la stessa specie 
che si differenzia per avere la superficie costolata non salle suture, 
ma secondo la linea che indicherebbe la direzione della spira. 

12. Cristellaria KiAinyii Haniken. 

1868, Criit Enbinyii. — Hantken, A nagy. fdldt. Un. mwikdl. voL 4, 
pag. 92, tar. n, fig. 23. 

C. testa ovata, compressa, laerigata, cannata, plurimi loculi 
trìu^ularesHSompreBsi, erescentes spira regularì; snturae simpli- 
citer notatae; {Hrimns locolos sphaeroidalis ; apertura marginalìs 
radiata. 



>dbyGoogIe 



Mensara. — 4 mm. 

Orizzonte. EllTezituto. — Località. Sciolze (sabbie senraTat- 
li&ne di Mayer). 

Osservazione. — Qaesta forma molto sottile si avvicina alla 
Cristellaria galea, dalla quale differisce per la mancanza della 
diaginnzione delle ultime camere colle prime. Il sig. Hantken l'faa 
trovata molto frequente nel suo terreno ungherese, mentre qui in 
Piemonte sin ora se n'ò rinvenuto un solo esemplare di 4 nun. 

13. Cristellaria Karreri Bzehak. 

1886, Cri8t. Earreri. — Bzebak, Die foram. Neogenform. der Umgtbvn'j 
von Jfàhc-Ostrau. (Verh. Nat, Ver. BrOnn. voi. XXIV, Heft 1). pag. 29. 
taf. I, fig. 10. 

Tav. I, fig. 5-8. 

0. testa oblongata, tennis, compressa, lata, laevigata, mainine 
carinato parva carina; locali plurimi, exspiralescentes, tumidi; primi 
triangulares, sequentea rectangulares, disiuncti a primiB, Interposita 
carina, suturae viireae ; apertura lateralis-angularis, simplex. 

Mensura. — 4 mm. 

Orizzonte. Elveziano. — Località. Sciolze. 

Osservazione. — Mi è necessario far notare, cbe, se non erro, 
la forma figurata alla tav. I, fig. 10 della sopracitata memoria 
del prof. Bzehak è una forma giovane. Se è così, le forme di cui 
io intendo trattare appartengono tìjtte a questa specie la quale 
varia assai a seconda della diversa età degli individui tanto che gli 
esemplari giovani hanno solo un lontano^ per cosi dire, segno di 
comunanza cogli adulti. 

Forma molto caratteristica avente la carena che s'interpone 
tra ì primi e gli ultimi loculi lasciandoli così separati per i lati 
interni e così disposti, per le forme adulte, a modo di un C. 
Questo per le forme adulte, ma per le giovani la cosa succede ben 
diversamente, perchè questi esemplari giovani sì redono composti 
di locnli triangolari, disposti in una semispira con la carena assai 
sviluppata ed in modo che sembra circondare tutta la conchiglietta 
sino ad otturarne apparentemente l'apertura. 

Molto compressa. Si distingue dalla specie galea F. e M. 



>dbyGoogIe 



LE CKISTELLARIE TERZIARIE DEL PIEMONTE fi'J 

principalmente per non avere i loculi allatti, ma piuttosto qua^i 
gonfiati. Bara. 

14. Cristellaria taurinensis Dervieux. 

Tav. I, fig, 13. 

C. testa ovato-tnincata, compressa, laevigata. carinata, carina 
crassa; plurimi (circa 14) loculi triangulares in epira regolari 
dispositi, qDOnmi angola extema tendnnt ad retmm ; satnrae flle- 
Tatae et vitreae ; primos locnliis sphaeroidalis, sed quasi non prò- 
niìnolofi. Apertura angularì (simplex?). 

Mensnra. — 5,5 mm. 

Orizzonte. Elreziano. — Località. Soiolze. 

Osservazione. — Questa fonila si discosta dalla Crisiellaria 
Subinyii per avere minor numero dì camere eppercid queste più 
larghe, le quali tendono all'indietro da una parte, mentre per 
l'altra sono portate in avanti dalla spira. Inoltre l'ultimo loculo 
in questa specie ha i Vi di lunghezza in proporzione di tutta la 
conchìglia, mentre nella CristellaHa Kubinyii ha i '/j. 

In alcuni esemplari le camere hanno un sensibilissimo r^on- 
tiamento nel mezzo, per cui furono una volta considerate nei ca< 
tali^ dei fossili piemontesi come Crist. Partsehi, la quale non 
ha che fare con questa noora specie. Bara. 

15. Crisiellaria depressa Michelotti. 

mi, Eobntina deprsBea. — Michelotti, Saggio Ris. carati. (Mcm. Soc. 
ìt BC. Hodesa, voi. XXII, pag. 292, tav. Il, flg. 3). 
Tav. I, flg. 10, 11. 

C. testa orbicularis, valde depressa, laevigata, cannata. Locali 
plorimi, ezspiralescentes regulariter, paulisper antrorsom convexi ; 
primns loculus globnlosus, discoidalis, protuinulua. Apertura? 

Mensora. — 4-5 mm. 

1841, Bobnlina depresia. — Micbelotti (\oe. cit). 

1843, » 1 Sismanda, SynoptU. m«t,anim. t'nnerf.pag. 10. 

1847, 1 » Sismonda, idem (edii. 2", pag, 7). 

1847, » B Michelotti, Detcr. fot», mioc. (Nat Verh. 

Ho». M, Haarlem, aer. 2*, toI. HI, part. 2», pag. 15, pi. I, fig. 1). 



>dbyG00gIe 



40 K. SIBTIEQX 

1852, RobaltDa depressa. — D'Orbi^j, Pradr. de Paléont. ét*g6 26, 

n. 2870. 
1871, Cristellaria depresso. ~ Sismonda, J^at. pour Paléont. (Mem. 

T. Acc. so. Torino, ser. 2», voi. IXV, pag. 268). 
1889, Criatellarìa depressa. — Sacco, Cat. fon. teri. Piem. (loc. cit, 

n. 484). 

Orizzonte. Elveziano. — Località. Sciolze. 

Osseirazione. — La Cristellaria depressa è compoata di 
forme quasi diBcoidali aventi nel centro la camera iniziale rigonfia, 
terminante quasi in punta. La conchìglia è levigata, aasai appiat- 
tita mostrante però anche all'esterno le diTìsioni delle camere, le 
qa^i crescono in epira regolarmente fino ad essere le ultime sei 
volte la microsfera. Le suture sono quasi rettilinee e tendono per 
la parte esterna all'indìetro. Bigiiardo all'apertura non posso dir 
niente stante che non ho potuto avere un esemplare beu conser- 
vato. La carena ha una larghezza tn^giore di quella della mì- 
crosfera, ma non cresce colla spira, epperciò conserva quasi sempre 
ugnale grandezza. 

La Crisi, depressa differisce dalla Crisi, cassis per essere 
discoidale, avere camere più quadrangolari, spira che nel crescere 
non sì allontana molto dal centro e per essere pili sottile. Diffe- 
risce dalla C. Earreri per non lasciare il distacco tra le prime 
ed ultime camere. 

II D'Orbign; nel 1826 cita una C. depressa la quale però 
non ha che fare con questa del sig. Michelotti. 



16. Cristellaria Partsoki Michelotti. 

1847, Cristellaria Partschì. — Michelotti, Detc. fott. mioc. (loc. cit., 
pag. 13). 

Tav. 1, Hg. 15. 

C. testa subrotnnda-allungata, lata, depressa, lucida, cannata, 
carina parva latitudine ; loculi paucì trigoni, medio tumidi ; primas 
rotundatns; snturae vitreae-snbevanidae ; apertura? 

Mensura. — Long. mm. 7, latit. mm. 5, spessae mm. 1. Loculi 8. 

1847, Cristellaria Partschi. — Michelotti (loc. cit). 
1871, » n Sieiaonda., Afat. p. Paléont. (VLem. Ace. 

8C. Torino, Tol. XXV, ser. 2*, pag. 268). 



>dbyG00gIe 



LB CBI8TELLARIK lEBZIABIE DEL PIEMONTE 41 

1878, CrÌBtellftria PftTtachL — Fnebi, Stvdien Tert. Oòtr. lUl. (ìoc. 

cit., pog-. 54). 
1SB9, CrÌBtell&iia Pattachi. — Sacco, Cat- pai. lerx. Pitm. (loc. cit., 

p. 305. 

OiÌKZonte. Elreziano. — Località. Sciolse (Piano dei Boschi). 

OaaervaziODe. — Il b^. Hichelotti nel deseiÌTere qneata specie 
dice ■ coqaille épsisae • , & me invece appare bensì spessa, ma in 
pTopenione della grandezza non lo è, poiché l'esemplare che ho sott'oc- 
ààù di 7 iDÌlIimetrì ha solo 8 camere un po' arcuate e rigonfie. 

OU esemplari tipici si trovano nella collezione del sig. Hi- 
<^lottì presso il Museo geologico di fioma. 

Bara. 

17. Cristellaria cassi» (Pichtel e Moli.) 

1B03, NantiliiB cassis. — Fkhtel e Moli, TsU. Microtc. pa);. 97, ta- 
vola IT" e ta*. 18», flg. a, b. 

C. testa ovato-allnngata, lata, compressa, dorso cannato ; ca- 
rina lamellosa, espansa ; loculi plurimi, flexno^e antrorsum convexi, 
«xpiralescentes. Sutorae Tel Titieae tantum, vel primae vitreae 
granulose. Apertura radiata. 

MeuBura. — 6 mm. 

1841, CTistellaiia caseia. — Michelottì, Saggio Ru. earat. (Hem. Soc. 
it. 8C. Modella, voi. XXII, pag. S94). 

1842, Crifltellaiia easBie. — SÌBinonda, Sytutptx* métk. edìi. I. 

184^ •> ■ D*Orl)%ny, Foram. fou. Vietm» pag. 91, 

tav. IV, flg. 4-7. 

1847, t. . Hichelotti, Foa. mioc. Italie tept. (loc. 

cit., pag. 13). 

1847, > <• SÌBinoiida, Synopti» ntétìi. edii. 2*. 

1871, » « Siamonda, MaUr. p. paléOiU Piém. Qoc. 

cit., p^. 26£f}. 

1878, B ir FaokB, Stvà. Ttrttàr. Ober-Ital. Qoc. cit, 

pag. 54). 

1888, ■ » Trabocco, Foia. pHoc. Rio Orteno Como, 

pag. 10, n. 5. 

J889, " • R Sacco, Cat. pai. ter». Piem. (loc- cit., pa- 

gina 305. 

1890, R B Dervìem, Ball. Unaeo tool, ed an. r. Uni- 

versità Torino, a. 81. 

Località. — Castagneto? Viole, Arìgnano, ecc. 



DigmzcdbyGoOgle 



42 E. DBRTIEUX 

Osservazione. — La Cristellaria eassi» P. e M. è una deUe 
specie più conosciute. Essa ba una conchìglia orale di cni la parte 
ìaferiore è fiemicircolaie e la superiore prende la forma piuttosto 
angolare al cui vertice è l'apertura. Lo spessore non è mai mag- 
giore di un sesto circa dell'altezza, la quale varia a secondo le 
età e varietà sino a giungere a 6 mm. ed anche più nel pliocene. 
Ordinariamente la superfìcie è liscia e lucente tranne al centro in 
cui non ha un vero disco ma le suture vitree costolate composte 
di piccoli tubercoli; all'intorno ò circondata da una laiga carena. 
1 molti loculi sono disposti in spira crescente regolarmente, di 
forma allungata ed arcata. Questa specie comprende parecchie ra- 
rietà, le principali delle quali nel Piemonte si possono per ora 
ridurre alle s^uenti. 

18. Crislellaria eassis var. navieularis (Montfort.) 

1808, Scortimns o ut i ciliari i. — Hontfoit, Co»e)t.tytl. voi. I, [iftg. 251. 
genre 63. 

Haec varietae distìnguitur a specie propter looulos latiores et 
sinuoBos, habentes aperturam medium versus. 

Orizzonte. Piacenziano. — Località. Presso il lago di Arcano. 

19. Crislellaria cassis var, laevigata Derrìeoz. 

Haec varietas distingoitiir a specie quia suturae non habent 
tubercula. 

Mensmra. Sicut species, sed rariora sunt eiemplaria 5 vel 6 mm. 

Orizzonte. Blveziano. — Località. Sciolze, ecc. 

Osservazione. — Intendo sotto questa varietà porre alcune 
forme, che per avere le suture o prive o con tubercoli assai piccoli 
danno una superfìcie quasi liscia in ogni parte. Non rara. 

20. Crislellaria casstt var. galeiformis Dervieui. 

Ta». I, flg. 9. 

Haec varietas distìnguitur a specie propter testam fere lae- 
' vigatam et loculos novissimos disinnctos a prinds, interposita carina. 
Mensura. — Mm. 5,4.- 



yGoot^le 



E), PIEMONTE 43 

Orizaonte. — Piacenziano (?). 

Località. — Zinola (ed an esemplare in parte rotto dell'Elve- 
ziano di Sàolze?) 

Osservazione. — Qaì mi pare di sentirmi dire che mi con- 
traddico, poiché prima ho detto che la Cristeltaria eassts non ha 
che fare colla C. galea ed ora pongo uoa varietà galeiformis 
della C. cassis. Ma niente di tutto questo, poiché niente impe- 
disce alla C. eassis, che, rimanendo sempre assolutamente divisa 
dalla C. galea, quella {C. cassis) col crescere negli esemplari, 'spe- 
cialmente adulti, le ultime camere si allunghino un poco e disco- 
standosi dalle prime per il lato iutemo diano la forma della C. 
galea. Dico apparenza, ma non 1 caratteri distintivi. 

Qui mi Tiene bene di far osservare, che la figura rappre- 
sentata dai Fichtel e Moli per indicare il Nautilus galea, fu a 
mio modo di vedere sempre creduta forse di egual proporzione 
della sua figura vicina, che rappresenta una varietà della C. cassia. 
epperciò non c'è niente ftior dì luogo allora, Samaria nna varietà 
della C. eassis, la qual varietà sarebbe appunto questa, che qui 
v^Iìo indicare. 

21, Cristellaria Sacci Dervieni. 
Tav. I. &g. U. 

G. testa orbicularis, semicompressa, laevigata, margine cari- 
nato-aculeato, ornata disco centrali ; loculi plorimi (circa 8), trian- 
gulares, paulìeper crescentes volnmine sed in spira angustati ; 
primus magnuB, carinae vitreae, apertura? 

HeuBora. — 3 mm. 

Orizzonte. Elveziano. — Località. Sciohe. 

Osservazione. — La Cristellaria Sacci differisce dalla Crisi, 
calcar per le suture vitree ma non costolate ; per i loculi quasi 
perfettamente triangolari, che crescono in spira, la quale si avvolge 
senza discostarsi in proporzione del progredire della medesima, 
restando così i locali di quasi ugual grandezza e presentando 
l'aspetto generale di una ruota coi suoi ra^. Ha pure gli aculei 
alla carena come la Crisi, calcar, ma piti piccoli, come anche la 



DigmzedtìyGOOgle 



La C. Saeei ha somiglianza alla C. Erato, Rzchak. (1888. 
Die fonuD. Ann. %. k. nat. Hofìnnaenm. Ted. p^. 262, n. 19). 

Ho dedicata qtiesta specie al dott. Federico Sacco che con 
tanta cura sì occupa d^li stndì paleontol(^ci e che è sempre 
disposto a polvere aiuto in tutti i modi a ehi ne abbisogna nel 
dìffidle cammino della rita scientìfica. 

22. Cristellaria echinata (Soldani). 

1780, Nautìli echiosti. — Sold&ni, Saggio pag. 98, tar. I, fig. 6, L 
1846, Bobnlina echÌEata. — D'Orbigny, Foram. fot». Vienne pag. 100, 
taT. IV. fig, 21, 22. 

23. Cristellaria echinata var. suhcarinata Derrieui. 

Haec YEuietas dìstingoitur a specie, quìa non habet carìnam 
mttatam sed tantammodo aculeoe. 

Orizzonte. Elreziano. — Località. Torino (Val Salice). 

Osservazione. — Questa varietà ei distingue per la mancanza 
della carena e por avere la superficie rugosa a differensa della 
specie descritta dal D'Orbignj che è tubercolata. Bara. 

24. Cristellaria calcar (Linaé). 
1758, Nantilus calcar. — Liimé, Syit. !fat. edii. X, pig. 709, n. 23S. 

1841, Cristellaria aculeata. - Uicbelotti, Saggio it. Ri*. (Hem. Soc. 

it. K. Modena voL XXn, pag. 294), n. 4, taT. 2, flg. 6. 
1841, Rotalia Northamptoni. — Hichelotti, idem. tAV. I, dg. 6. 
1841, Polrstoraella rotala. x idem. tav. n, fig. 8. 

1841, Robnlina Cnmningii. <• idem. far. Il, flg. 4. 

1841, » calcar. » idem. tav. n, flg. 6. 

1871, Cristellaria calcar. — Sismonda, Mem. Àcc. se. Torino rol. XXV, 

aer. 2*. pag. 261. 
1878, " • Fnclis, Stvd. Tertiàrh. Ober-/talient. (Ana 

den LXXVn. Bande der Sitz. des k. Akad. d. WissenBch. 1 Àfath. Uaj, 

Heft,), pag. 54. 
leSS, Cristellaria calcar. — Sacca. Cat. pai. teri. Pitm. (Boll. Soc. 

geol. it. rol. Tm, pag. 305), n. 480. 

Località. — Colli di Torino, Sciolze (Elveztano), Stazzano. 
Osservazione. — Molti esemplari, ma quasi tutti di piccole 
dimensioni, ossia di 1 mm. ed anche solo di */i mm. 



>dbyGoogIe 



LE CBISTZLLABIE TERIIARIE DEL PIEMONTE 45 

25. Cri$tellaria eultrata (Montfort). 

(1808, Bobnlns cnltifttus. — Hontfort, Conci. Sytl. genre 54, pag. 314). 

1841, Robnlinft cnltrat». — Michelotti, Aùop. Cara {(. (loc. cit, png. 340). 
1871, 1 cftlcfti. — SiunoDdft, Mot. p. la pai (loc. cik, pag. 261;. 

1878, CristelUria cultrat». — Fncha (loc. ài., pa*r. 54). 
1889, » « Sacco (ìot. cit., n. 468). 

Località. — Torino (monte Cappuccini); Sciolse; Torino (Val Sa- 
lice); Mannorito; presso il 1^ di Aiignano; Torino (Superga); 
Stazzano i Àsiesana. 

TÌTent« nell'Adriatico. 

Osserrazione. — Di questa specie che si distingue dalla calcar 
e roiulata per essere carenata, si rinvennero moltissimi esemplari 
dai 6 mm. ad 1 '/t dì diametro, nel nostro Piemonte. 

26. Crittellaria timilis D'Orbignj. 

1846, Robnlina eimilis.— D'Oiitigas, Foram. f. Fi«wi«, pag. 93, tar. tV, 
fig. 14, 16. 

C. testa orbicnlata, laevìgata, convexa ad ceutrum, carinata 
parrà carina ; loculi plorimi obliqui, complanati, distìneti a satnris 
pene Tisibilìbus, coaiuncti sine (Usco centrali et sine auturis costu- 
latia; apertura antico radiata. 

Hensura. — 5 mm. 

Orizzonte. Elveziano. — Località. Sciolze. 

Oaserraziooe. — Questa specie, che bì distinse dalla C. eul- 
trata per la mancanza del disco centrale e le suture non costa- 
late, è rappresentata nei nostri colli piemontesi per ora da pochi 
esemplari, ano dei quali ha 6 mm. di diametro, mentre alla sua 
forma il D'Orbignj ne asseta solo 2 mm. 

27. Cristellaria rotulata (Lamark). 
(1^4, Nnmmiilina rotolata. — Lamark, Ann. Mqs. toI. V, pag. 188). 

Orizzonte. Elreziano. — Località. Torino (monte Capppceini), 
Sciolze. 

Osservazione. — Specie mista alla Critt. eultrata; distìn- 
^entesì solo per la mancanza della carena. 



DigmzcdbyGoOgle 



28. Cristellaria cf. clypeiformis D'Orbigny. 

(18*6, Crist. clypeiformia. — D'Orbigny Foram. Vienne, pay. 101, t»- 
voU IV. fip, 23, 24). 

Osservazione. — Alcuni pochi esemplari rinvenuti nella lo- 
calità fossilifera, ora sepolta dalle nuore &bbrìcazioni, presso il 
monte dei Cappuccini di Torino. 

29. Cristellaria imperatoria D'Orbigny ('). 

(1846, Robulina imperatoria. — D'Orbigny, /'oram. /: FteMe, pag. 10-f, 

ivi. V, fig. 5, 6). 
1872, - " Fnclis (loc. cit.). 

1889, Crist^llaTÌa >• Sacco (loc. cìt., n. 508). 

Orizzonte. Elveziano. — Località. Torino (Termofurà), Sciolze. 

Osservazione. — Eignardo questa specie, che si distìngue pel- 
le saturo che si rivolgono all'indietro in maniera che sembrano 
per così dire che corrano nna dietro l'altra, accavalcandosi quasi, 
essa è identica a quella descritta dal D'Orbigny nel bacino di 
Vienna. 

Non rara. 



Oltre le descritte specie parecchie altre ne rimangono le quali 
per mancanza di caratteri positivi mi limito ad enumerare : 

Cristellaria cymba. — Sacco, Cat. foss. Piem. a. 4AZ; 
non è altro che la forma da me descritta sotto la specie C. aa- 
ris Sold. 

Cristellaria nammulitica. — Sacco, idem, n. 485; è la 
C. elongata Montf. 

Crislellaria grata Beuss. — (Fuchs, Teri. Ober-Iialìens; 
Sacco, idem, d. 494) di questa specie io non posso avere altro 
fondamento che il vederla citata dal Fuobe, come pure delle specie: 
Cristellaria compressa D'Orb., Cristellaria linearis 
Rovas. 

(') Quota specie È unita alla C. orbicalaris D'Orb. 



>dbyGoogIe 



LE CRISTELLARIB TERZIARIE DEL PIEMONTE 47 

Cristellaria intermedia. D'Orb. — For. foss. Vienne, 
vag. 104, tar. V, fig. 3, 5. 

Cristellaria inornata D'Orh. — idem, pag. 102, ta- 
ToU IV, fig. 25, 26. 

Cristellaria simplex D'Orb. — idem, pag.. 102, tav. IV, 
fig. 27. 28. 

Cristellaria cf. limbosa Heuss. — Sitz. À^. Wiss., 
ToL 48, pag. 55, taT. 2, fig. 32. 

Cristellaria cf. bndensisHantkeD. — Die Fauna Cfav. 
Siaboi-Sckieht., pag. 58, tav. VII, fig. 1 ; mea tabala, fig. 14; Di 
qneste tutte si rìnreDDero pocbi esemplari epperciò non faccio altro 
che citarne i nomi. 

La specie poi Cristellaria globosa (?) notata nei cata- 
logì del Fncbs e del dott Sacco non ba alcmi fondamento. 

Torino, novembre 1890. 

D. Ermakno Dbsvieux. 



>dbyGoogIe 



E. DIRTIXUZ. LK CRiaTBLLARIE TEREIABIE DEL PIEMONTE 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA 







i 




Eh 


ESEMPLARI 




CoIlesiaiM in cui ù trova 


1 






Orittellaria galea F. e M. 


_ 




2 


" " Tar.tnowflfaDerT. 


8,60 




3 


" TM. peMtropUa 
Dery 


2 


' 


4 


■ " TU. ovalit Derr. 


2.5 


1, 


5 


» Karreri Bzeh»t. . . . 


4 


> •• 


6 


„ » „ 


2,4 


» . 


7 


, , „ 


2,3 


« n 


8 


, 


2 


» 


9 










Dot 


5,4 


R. Hnseo Oeol. Torino 


10 


depreKa Michtti .... 


5.5 




II 


" n (sei. orìzzoD- 








■ tale ... . 


_ 




12 


" elongata Mont 


8,40 




19 


t tauritientu Derr. . . . 


5 




14 


B ^oct^' Derr. 


2,80 




15 


» PartJcftt Michtti. . . . 


7 




16 


» cf. Budenait var. . . . 


- 





,db,Google 



BnlMttni} (fftla Società qeo/oyiea iài/iana 



Voi. X. 1691 T«v I' 




,db,Google 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI OEBBETO-QUIDI 

E DI LIMITE 

ED I SUOI MOLLUSCHI POSSILI. 

(Con due tavole). 



Chi percorra qneL tratto del Tal d'Amo inferiore che a mez- 
logiomo della Val dì Nievole resta compreso tra l'Anio, il Monte 
Albano ed il padnle di Fncecchio, non pad fare a meno di osaer- 
Fare la quantità ed in alcnni Impili anche la varietà delle conohiglie 
fossili che ad ogni passo si parano innanzi agli occhi. 

Cominciando da Capraia, paesetto alle falde del monte Albano 
e saUa riva dell'Amo, ove si trovano VOsirea edulis, Lin. e VO. 
limeilota, Brocc., si raccolgono abbondantemente i molluschi fos- 
sili per tntte le colline che fanno argine all'Amo fino a Fncecchio; 
divengono più rari procedendo a Nord; all'Apparita ed a 8. Pantaleo 
presso Vìnci non si trovano che Osirea edulis, Lin., 0. lamellosa. 
Brocc., Cardium edule, Lin., Chlamys oaria, Lin., Tapas edulis, 
ChiBn.; a Lamporecchio non rimane pib alcuna specie. 

Consigliato dal Prof. D'Ancona al qnale erano noti i terreni 
salmastri delle Fornaci, presso Limite, mi detti prima a raccogliere 
le conchiglie fossili nei dintorni di quel paese ; ma dopo, allettato 
ed ioooraggiato dalla quantità e qualità che ebbi la fortuna di 
ritrovare e piti daU'avere scoperto nei dintorni di Cerreto-Guidi 
aleoni strati salmastri con specie importanti, allargai la cerchia 
delle mie ricerche, prendendo per confini i limiti naturali che ab- 
biamo detti piti sofos e ohe includono il territorio di Cerreto-Onidi 
e parte dì qoeUi di Vinci e di Limite, nonché una piccolissima 
porzione di quelli appartenenti a Fucecchio ed a Lamporecchio. 

Mi hanno data varia e buona messe di concbigUe, a Pancoli, 
presso Limite, nn terreno sabbioso a Cladocora eaespitosa, Edw. 



>dbyGoogIe 



so A. FUCCNI 

et E. poato sopra ciottoli che alla loro volta sono posati sulla 
formazione del monte Albano; a Nord Ovest di Limite, la collina 
di Collegonzi che fa capo a P<^ìo a Loglio; i terreni di Gavena 
e delle Grotte dì Bassa, presso Cerreto-Gnidi e specialmente due 
strati sabbiosi, uno nella collina da Spicchio a Lìmite, l'altro in 
quella di Petroio fra il torrente Streda ed il rio di S. Ansano. 

Le specie di conchiglie che in poco più di un anno ho rac- 
colto, ra^Qiigono il discreto numero di 314: di queste 189 sono 
univalTì e 125 bivalvi; appartengono a 146 generi diversi. 

Prima di cominciarne l'enumerazione sistematica, non credo 
di fare male a dire due parole buì terreni che le contengono, tanto 
più che per parecchio tempo sì sono avuti dei dubbi sul modo di 
loro formazione. 

Uuo dei primi ad emettere un giudizio in proposito, fii Paolo 
Savi ('), il quale, mentre ammetteva plioceniclie tutte le colline 
sulla sinistra dell'Arno, dalla vai di Pesa ai colli di Uontenero, 
non riconosceva tali quelli sulla desfa-a, dal mont' Albano ai monti 
Pisani; faceva solo incidentemente eccezione per un lembo di 
terreno d' intomo Cerreto-Guidi. Egli, avendo osservato i frequenti 
strati ghiaiosi che si trovano in queste colline, ma piti specialmente 
in quelle verso il padule di Bìentina, riteneva che vi fossero stali 
unmassati dal trasporto tnmultuoso, avvenuto per effetto di forti 
correnti provenienti da S. e da S. S. E. e derivate dalle acque 
levate di posto da movimenti per ì quali si sarebbero sollevate 
improvvisamente le colline di Arezzo, del Senese e del Volterrano. 
Essendosi ora abbandonata l' idea di sollevamenti improvvisi e per 
altre ragioni, fu esclusa l'ipotesi del Savi. D'altra parte ammet- 
tendo pur sempre tal maniera di sollevamenti, i terreni in discorso 
dovrebbero ritrovarsi confusamente ammassati e privi di fosaili ; 
questo non si riscontra, almeno nella zona da me studiata, dove 
i terreni sono stratificati regolarmente con successione di argille, 
sabbie e ciottoli; i fossili vi si trovano in poeto, mostrando con 
ciò la tranquillità delle acque nel fondo delle quali si deposita- 
rono. A tutto questo si aggiunga che i materiali di cui sono fo.mate 
quelle ghiaie, non provengono dalle regioni dalle quali il Savi 



(') Paolo Sari, Dei tollevamenti avvenuti dopo la depoxiiione del terreno 
pliocenico. Pisa, 1863. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE PEI DINTORNI DI CBRRKTO-OUtDI ECC. 51 

irebbe derìTare le ooirenti che avrebbero dovuto trasportarle; ma 
anzi, eome vedremo, da luoghi che loro sono diametralmente op- 
posti. 

Il prof. Moro, in una lettera che scrisse (') al prof. Mene- 
ghini, sappose che i depositi ghiaiosi, osservati pure dal Savi, sì 
fossero formati per accumulazioni dovute a ghiacciai scendenti 
dalle valli di Lucca e dì Poscia. Anche questa ipotesi si deve 
assolutamente escludere, non trovandosi alcune di quelle tracce 
caratteriflticbe lasciate sempre dal passaggio di ghiacciai, e per 
essere qnei depositi ghiaiosi alternanti e spedso sottoposti a sabbie 
contenenti fossili certamente pliocenici. 

Il De Stefani più recentemente, studiando la natura geolt^ca 
delle colline della Val di Nievole e delle valli di Lucca e dì 
Peeeia (*), combatte le ipoteisi del Savi e del Moro, e conclude 
dicendo, come dorante l'epoca pliocenica il mare si estendesse 
in quelle località e che finita tale epoca, a somiglianza della 
r<^ione Toscana confinante, si verificasse eziandio il sollevamento 
alla base del monte Pisano e delle Alpi Apuane, dove prima i 
geologi ritenevano che i sedimenti avessero subito uno sprofon- 
damento. 

Per eseere separati dall'Amo, non si deve credere dunque, 
che i nostri terreni si sieno formati diversamente da quelli di 
S. Miniato, del Senese e del Volterrano; e se si tiene costo delle 
ooo^zioni speciali, nelle quali si depositarono, specialmente quelli 
sulla destra dell'Arno, cioè in un seno di mare assai ristretto e 
circondato quasi per ogni parte da monti elevati, nou deve recare 
meraviglia il ritrovare frequenti strati ghiaiosi e sedimenti salma- 
stri e d'acqua dolce. 

Dell'essere queste ghiaie maggiormente frequenti nelle colline 
più prossime ai monti Pisani ed ai monti di Lucca, che in quelle 
vicine al Moute Albano, si deve attribuire la causa alla maggiore 
importanza che dovevano avere le pendici sovrastanti alle prime. 

Due forme litologiche predominano nella formazione del plio- 



0) Moro, /( gran ghiacciaio della Toscana, 1872. — Stoppaui, L'era 
neoioica. Uilana 1881. 

(*) De Stefani, Naiura geologica ecc. Atti della Soc. Tose, di ecieDzo 
naturali, I, faac. 2. Pita. 



>dbyG00gIe 



ss A. rticitti 

cene ch« ci ha aomministrato tanta messe di conchiglie fossili, le 

argille torchine e le sabbie pàUB non di rado altenanti fat 

loro. 

Le argille, generalmente fiissilifere, non mai tanto pare come 
qnelle tipiche del senese e quasi sempre ntilizzabili dall'agricol- 
tore, si troTano di preferenza nella parte più meridionale del ter- 
ritorio di Vinci, tra Cerreto-Gnìdi e Limite, e specialmente alla 
base delle Colline. 

Gli strati sembrano orizzontali, ma hanno una l^erìsaìma 
pendenza N. N. 0. 

Le sabbie gialle, di parecchio prevalenti alle argille, ora fine 
ora grossolane, non di rado agglntinate a formare un'arenaria 
micacea assai resìstente e poco diversa anche per i materiali che 
la compongono da quella che costituisce gli strati superficiali delle 
pendici del Monte Albano, sono maggiormente sviluppate nelle 
colline che fiancheg^no il detto monte ed in qnelle che foono 
argine al padnle di Fncecchio, nella parte occidentale dei territori 
dì Cerreto-Gnidi e di Vinci. Tanto la loro orìgine quanto quella 
delle argille, le quali non sono altro ohe più minute particelle di 
quelle, si può con facilità e con una certa precisione, trattandosi 
dì firantumazioni madori o minori di una stessa roccia, desumere 
dallo studio delle ghiaie e della provenienza loro. Depositi di ghiaie 
e di ciottoli si trovano a Ripolì vicino a Fncecchio, a Colle 
Alberti ed a Stabbia, nei dintorni di Cerreto-Gnidi ed alle falde 
del Monte Albano, da Capraia a Lamporecchio. 

I materiali che compongono i ciottoli di quest'ultimo deposito 
littorale fiancheggiante il Monte Albano, provengono in parte di- 
rettamente dalle pendici sovrastanti; tali sono quelli di arenaria 
macigno e dì argille galestrine, in parte ancora da pendici nn 
poco più lontane verso la Tal dì Fesa, come i pochi di diaspro, 
dì nummulitico ed ì numerosissimi di calcare alberese, general- 
mente improntati e talvolta rivestiti di cristalluzzi di calcite. — 
I ciottoli di quest'ultime speoie, che a Capraia sono i più nume- 
rosi, spariscono afatto all'altezza dì Limite, lasciando ì primi di. 
arenaria e di galestro a comporre questo deposito fino a Lampo- 
recchio e più in là ancora. 

A Colle Alberti, presso Cerreto-Guidi, si hanno pure in uno 
strato di 4 5 metri di spessore, ciottoli e ghiaie di calcare, tra 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI CERRETO-GUIDI ECC. SS 

te filali alcone forate dai litodomi prima di essera portate nella 
loro attuale posiùone, di diaspro e di selce bruna. Ti ho trovato 
frammiste alcime ostriclie clie per essere rotonde e corrose, mo- 
strano di essere state sottoposte a lungo rotolamento. 

Al mulino di Stabbia e sulle colline di Bipoli si rinvengooo 
ciottoli della stessa natura di quelli raccolti dal De Sterani (') a 
Montecchio ed a Montecalvoli e dal D'Achiardi (*} nelle colline 
Pisane, sulla sinistra dell'Amo. 

Ecco la qualità delle ghiaie che ho raccolto a Stabbia ed a 
Bipoli: 

Quano bianco. — Anagenite del vernicano. — Talcoscisto. — 
Selce nera, rosea e gialla. — Diaspro rosso. — Calcare sdstoso. — 
Nummulitìoo. — Arenaria macigno. 

I ciottoli delle tre o quattro prime qualità provei^ono senza 
dubbio dai monti Pisani, poiché in questi e non in altri dei Ticini 
haono riscontro i materiali che li compongono; gli altri, assai na- 
merosì, possono proTenire dall'Appennino fra Poscia e Monsummano, 
avendoBi quivi rocce anal<^he, oppure anche dai monti Pisani nei 
quali si potevano trorare quelle rocce in strati ora esamiti perii 
denudamento cui da sì lungo tempo sono sottoposti quei montL 

Accennerò ora almeno i principali strati più o meno salma- 
etri ed alcnni d^li strati marini. 

I. I terreni piti antichi del nostro pliocene, appariscono d'in- 
torno Limite; corrispondono probabilmente ^li strati inferiori di 
S. Mimato, studiati dalDeSteftni. Tri, alle Fornaci (Tav. II; fìg.l) 
sul ciglio dell'Arno e sotto il lirello della piena, apparisce uno strato 
a^illoso, salmastro, con Ophìcardelus D'AckiardiiJiiStef., Nema- 
turella ntbearinata. Ben., Nematurella Meneghiniana, De Stef.. 
Polamideì tricintum, Brocc. var. Bargellinii, De Stef-, Cerithium 
doliolum, Brocc., Cerithiolum tcabrum, Oliv. Del resto mancano le 
altre specie proprie ai terreni inferiori di S. Miniato, come pra* 
esonpiola Mactra Peechiolii, Lawlej, che il De Stefani dice essere 
caratteristica e di BÌcnro orizzonte per tali strati e che si trova 



{') De Stefani, Natura geologica delle colline della Val di Nitvole e 
itile Valli di Lucca e di Bienlina. Alti della Soc. d. «e. nat V. 1." Pisa, 

(*) D'Achiardi, Sulle ghiaia delle collitu Filane. Bull, del R. Cum. 
geoL 1872. 



>dbyGoogIe 



54 A. PuctM 

iovece a Martignana, presso Empoli, salta sinistra dell'Anio, in 
terreni che sono per età forse immediatamente inferiorì a quelli 
di Limite. 

II. Una diecina di metri più alto (Tav. II; fig. 1), sempre Belle 
argille e nella atessa località dello strato salmastro descritto, ni 
ripetono le medesime specie di conchiglie ora enumerate, ma con 
più abbondanza e con YHydrobia procera, Mayer di più. 

III. All'Oratorio presso la Castellina, tra Limite e Capraia, 
a circa 100 metri sul mare e vicino al punto ove la formazione 
pliocenica si attacca discordando poco sensibilmente all'eocenica 
del Monte Albano, è piuttosto comune, in uno strato sabbioso 
sottostante ad un banco di Q. edulis, Lin. e tamellosa, Brocce, 
la Melanopsis flammulata, De Stef. Per quanto accuratamente io 
ricercassi, non mi fu possibile ritrovare altri fossili che l'accom- 
pagnassero. 

IV. Un altro strato salmastro con aamBTose Nematurella Mene- 
ghiniana. De Stef., Potamides Iricintum, Brocc e Cyclops neriteus. 
Lin., sì trova nelle argille a Poggio al Loglio (Tav. II; fig. 1) in vici- 
nanza di Sovigliana, sulla strada da Empoli a Vinci ; si scopre 
quasi alla sommità della collina, a circa 65 metri sul mare e 
vicino al lti(^ di separazione delle aitile dalle sabbie. È nei 
terreni immediatamente inferiori a questo strato che fu trovata da 
me la Eripkia punctulata. Ristori ('). 

Non credo inutile notare qui, come la Nassa gìgantula, 
Bon. ^ N. iniegro'Striata, Gooconì, si trovi nelle argille che a 
Collego&zi ed a Petroio sottostanno a questo strato salmastro e 
che sono superiori ^li altri ad Ophieardelus 1>' Aehiardii, De 
Stef-, di Limite (N. I e U). 

V. Nelle sabbie che stanno dietro alla Chiesa di Petroio ed 
alla quota di 75 metri ho trovato in un terreno di recente ecas- 
sato VHydrobia procera, May., e la Neritina Sena, Cani, alle 
quali non so, delle molte che trovai in quel luogo, quali altre specie 
andassero precisamente unite. 

VI. Nelle grotte di Bassa (Tav. II; fig. 2, 3), presso Cerreto- 
Gnidi, alla base della collina sezionata naturalmente dall'Amo che 

(1) RÌBtori, Conlribìtto alla fauna carcinologica del pliocene italiano. 
FÌBa {Alt. d. soc tose, d, se. nat., anno 1889, voi. XI). 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DXI DINTORNI DI CERRETO-OUIDI ECC. 5") 

in qofll ponto la corrode, facendo nna curva e sotto il livello della 
piena, si scopre nna Berle di stratarelli salmastri dì argilla molto 
compatta, alternanti con strati di formazione pìii marina. Vi si tro- 
vano Sydrobia procera., May., Neritina Sena, Cant., Ervtlia Nar- 
1111,1)6 Stef-, Cardiam edule, Lin., Syndosmya ovata, Fìàl., Tapes 
geographiea, Lin., Jìisaoa lineolata, Michd., Cerìthtum crena- 
lum, Brocc. 

VII. Forse due imetri più sopra, precedute da argille eoe 
Murea eonglobatut, Michttì, M. tomlartus, Lam., Arca siraeu- 
semis, Ma;., Venus itlandicoides, Lam. si hanno, per quasi 1 metro, 
sabbie turchiniccie con Hydrobia procera. May., Neritiìia Sena. 
C&nt, CerilKiolum spina, Part., Marginella minata, Pfei., Pholas 
candida, Lin., Bornia eorbuloidea, Phil. 

VIIL Segnitando a salire, dopo alenai metri di argille ma- 
rine e sopra un leggero sedimento torboso, riapparisce \' Hydrobia 
■procera, May., poco numerosa e, a quanto mi parve, non accom- 
p^nata da nessun' altra conchiglia. Seguono, finché non si ra^uu- 
;;ono le sabbie a metà circa della collina, le a^Ue marine con 
Homotoma reticulata. Ben., Caneellaria varicosa, Brocc, Euthria 
cornea. Lio., Ntasa semistriata, Brocc, N. gigantula, Bon.. N. mu- 
tabilis, Lin., N. boUeneasis. Tour., Cyllenina Pieragnolii, De-Stef., 
Murex toruUtrivs, Lam., 3f. conglobatus, Michtti, M. Campami 
De-Stef. e Pant., Chenopus pes-pelicani, Lin., Cerithiolum sca- 
brum, Oliv., Yermetus iniortus, Lam., V. triqiteter, Biv., Rissoa 
rutriscalpium, Lin., Natica Gmllemini, Pay,, Phasianella pulla, 
Lin-, Fismrella eoitaria, Bast., Dmtalium. fossile, Lin., Ostrea 
edulis, Lin., Lima in/lata, Ghem., Modiola barbata. Lin., Arca 
Noae, Lin., A. tetragona. Poli, Cardium edule, Lin., Venia islandi- 
coidei, Lam., Lutraria rugosa. Chem., Corbula gibba Oliv. Questi 
strati argillosi rispondono, presso a poco, a quelli che a CoUegonzi 
ed a Petroio stanno iia gli 'strati II e IV. 

IX. Un leggero deposito di vegetali fossili e di terreno limo- 
nitifero s^na il confine delle argille con le sabbie, le quali si 
mostrano subito grossolane. Al principio di queste abbondano V Unio 
etruseus, D'Àuc, e la Neritina Maxiiana, D'Anc, le quali specie 
credo sieno state trasportate da correnti e depositate in quel ter- 
reno insieme con le sabbie, perchè unite a Cardium edule, Lin., 
Pholax candida. Lin., Nucula nueleus, Lin., che non possono es- 



>dbyGoogIe 



58 A. moim 

sera viaaute in aoqae dolci insieme con le prime. — Le sabbie, per 
seguitare a descrìvere la Bene litologica che si tro?a alle Oiotte, 
man mano che ci si innalza, vanno facendosi pii) fini finché pas- 
sano ad ai^e che, alla loro volta lasciata per poco il posto alle 
sabbie gialle, continuano poi fino alla sommità della collina. 

X. La sene di qnesti strati, più o meno salmastri, termina 
con un deposito piuttosto potente, superiore a tutti gli altri, for- 
matosi decisamente in seno ad acqne dolci; si trova nel territorio 
di Cerreto Guidi; comincia a mi^trarsi poco sopra a 100 metri sol 
mare, a Montante (Tav. II; fig. 3), sulla strada da quel paese 
a Bassa, e termina, passando presso S. Zio e S. Lorenzo, sotto 
Stroniano ad un'altezza un poco inferiore a quella che ha a Mon- 
tauto. Contiene numerosissima la Corhicula fluminalit, Mflll., poco 
frequente la Vivipara vivipara^ Lin., e vi ho trovato dei fram- 
menti dì on l/nio che non ho potuto determinare. 

Queste specie di fossili a Montauto ed a Stremano sono assai 
scarse, a S. Lorenzo più numerose, a S. Zio, n^ungono ilj mas- 
simo di loro frequenza. Uno strato di argille torbose, contenente 
tronchi d'albero in via di carbonizzazione, separa i terreni d'acqua 
dolce con le specie nominate dalle aitile salmastrose sottostanti, 
contenenti Cardium edule, Lin. e Potamides tricinetvM. Broco. 
Sabito sopra allo stato di argille torbose ve ne ha uno dì ai^le 
e poi ano di sabbie affatto privi di conchiglie; comincia poi a 
mostrarsi la Corbicula fluminalia, Mtlll. , accompagnata dalla 
V. conteeta^ Milì. ; aumentando in sonito quella specie, que- 
st'ultima diminuisce e sparisce. Poco piii sopra finisce anche la 
Corbicula; ricominciano, per circa IO metri, le argille senza fos- 
sili e quindi ritornano i depositi sabbiosi marini con 0$irea eduli», 
Linn. e Cardium edule Lin., sui quali è fabbricato il paese di 
Cerreto Guidi. 

Non è diflicile supporre che in questi terreni in via di solle- 
vamento si formassero, presso al lido, delle l^^ne le quali, in- 
vase ad intervalli da acque marine o da acque dolci, dessero luogo 
a qu^ar lunga serie dì alternanze marine, salmastre e d'acqua 
dolce che abbiamo ora passate in rivista e che ricordano le ana- 
loghe del senese e delle altre parti della Toscana. 

In questi terreni non sono rari, ma troppo raramente conservati 
da contadini ignoranti e superstiziosi, avanzi dì. mammiferi fiw- 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE D8I DINTORNI DI CERRETO-GUIDI ECC. 57 

Sili. I più frequenti sono di Elepkas meridionalis, Sosti, che si 
può dire troTarsi ovunque eieno s&bbie. È stato trovato a Golli- 
gODti aopra le aigiUe con Jfasta gigantula, Bon., al medesimo 
livello poca Boperionnente allo strato a Nematurella Meneghi- 
nitma, De-Stef., che si trova a Fo^o a Li^lìo ; di poco, ma cer- 
tamente al disopra a questo strato, bì è rinvenuto nelle sabbie a 
Petroio, a 3. Donato, a Verella e presso S. Ansano, località tutte 
della parte meridionale del territorio di Vinci. Presso questo paese, 
nei possessi della Contessa Masetti, non so dove precisamente, ma 
suppongo in terreni un poco pili recenti di quelli fin'ora ranomen- 
tati, sono state trovate due zanne che io non ho vedute e che non 
posso assicurare sieno veramente di Elephas invece che di Mot- 
todon. Nel territcoio di Cerreto Gnìdi. ì'Elephas è stato rinve- 
nuto alle Grotte presso Bassa ed a Gavena in sabbie superiori allo 
strato con NeriliTia italiana, D'Ano, e Unio etrutcus, D'Ano. 
Nei terreni sabbiosi, ove posa Cerreto Guidi, superiormente allo 
strato a Corbicida ed a Vivipara eoatecia, Hill., è pih frequente 
che in c^i altra località. Il Ta^oni (') dice trovarvisi una quan- 
tità di ossa e dì denti appartenenti a quattro distinti individui, e 
nota come in una costola di uno di questi fossero impiantate 
delle ostriche che non si poterono svellere senza fatica. 

Posseggo un dente di Mastodon arvemensii. Groizet et Jobert, 
stato rinvenuto, a quanto mi vien detto, poco i>opra o poco sotto 
alh> strato a Corbicida, a S. Lorenzo nella Tal di Streda. Anche 
a Bassa sol greto dell'Arno, fu rinvenuto ed a me donato dai 
sigg. Del Vivo un piccolo dente di questo animale, il qual dente 
per non essere punto corroso o levigato da rotolamento, ritei^ 
essere stato trasportato all'Amo dai vicini colli di Bassa o delle 
Grotte e precisamente da terreni ad un dipresso al medesimo li- 
vello dello strato a Neritina MatHam, D'Ano, e Unio etruseui, 
D'Anc. Il Brocchi (^). per attestazione del Venturini, cita a Lampo- 
recchio, in terreni che ritengo superiori allo strato a Corbieula, 
una zanna di questo -animale. 

h'Sgtm» Stenotuf, Cocchi, è frequente qnasi quanto VElephai. 
A Petroio ne sono etati trovati avanzi in terreni sabbiosi, sape* 



(') Tar^oDi, Novelle fiorentine, 1754. 

(*) Brocchi, Conchiologia fouile lubappetw 



DigitizcdbyGoOgle 



58 A. FUCINI 

rìorì a quelli argillosi di Pc^o a L<^lio, contenenti Nematurella 
ifeneghiniana, De-Stef. Ne ho trovate io stesso ossa, alle Grotte 
in un terreno franaticelo e che crederei appena inferiore allo strato 
con Neritina Maiiiana, D'Aiic. e Unto eiruseus, D'Anc. Di denti 
ne furono raccolti parecchi dai si^. Martelli alla loro Villa, poco 
distante dal paeee di Vinci, in terreni che ritengo ad un mede- 
simo livello dì poco Buperiori allo strato a Corbieula. Il Broc- 
chi, insieme al Mastodon a Lamporecchio, cita per attestazione 
del Vitoni molte ossa fossili di questo animale. 

A Petroio, nelle sabbie insieme con VMepfias e con l'Equus 
e nelle medesime condizioni stratigrafiche, sono state trovate ossa 
di Bos etruscus, Falconer, un grosso frammento di mascella di Ba- 
laeita, sp., delle coma frantumate di Cervus, sp.,.ed un cornetto 
di Antilope. Altro cornetto della stessa specie di Antilope, che non 
è la medesima trovata nel . Val d'Amo superiore, l'ho trovato io 
stesso a GoU^onzì nelle aitile superiori a quelle con Nassa gi- 
gantula. Boa. 

Ho ritrovato anche resti di animali appartenenti ad altre classi, 
oome briozoì, foraminìferi, coralli, vermi, echinodermi, pesci e 
crostacei, fra i quali ultimi, recentemente studiati dal dott. Bi- 
stori(<) dell'Istiiuto dì studi superiori in Firenze, mi piace rioor- 
" dare Yllia pliocenica. Eist^e il Porlunus Mwardsi, E. Sism.. 
finora conosciuto solo dell'Astigiano. Questi crostacei sono stati rac- 
colti da me nelle sabbie tra Spicchio e Lìmite, superiori ^li strati 
vA Ophicardelus D'Achiardii. De Stef. 

Pure sopra lo strato ad Ophicardelus, sempre nella collina di 
Spicchio, si scopre un deposito di foglie; ne ho riconosciate di Pla- 
lanus, di Skamnus, di Populus, di Fagus, di Cassia e di Ciperites. 

Giunto al termine di questi cenni descrittivi mi sembra, dalle 
cose sin qui dette e dall'esame dei fossili, di poter trarre con sicu- 
rezza le seguenti conclusioni riguardo al bacino nel quale si depo- 
sitarono questi terreni : 1" che non fu nò tanto profondo, né sempre 
di natura perfettamente marina: 2° che a ripetuti intervalli ed in 
sone forse limitate venne invaso da acque dolci, formandovisi al- 
lora quei depositi salmastri e d'acqua dolce che abbiamo passati 

(i)'^BÌ£tori, Contributo alla fawta carcinologka del pliocene italiano 
(Atti d. 8oc. tose, di Bc. &at. Anno 1889, voi. XI). 



:,Goo(^le 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI CERRETO-GL': 



in rÌTista più sopra ; 3" che fu riempito per detriti trasportati rego- 
larmente da corsi di acqua e non per accmonlazioDi tumnltaose 
alluvionali o glaciali ; 4" che bì sellerò come il restante pliocene 
toscano, finita l'epoca pliocenica e che allora, solcato dagli attuali 
corei d'acqua, prese la presente configurazione. 



GA-STROE*Or>ES. 

Ophicardelus D'Achiardii, De Stefani. — Si trova in 
buon numero nelle argille che formano gli strati più antichi del 
□ostro pliocene, alle Fornaci premo Limite. Il De Ste&ni, n&n so 
sulla fede di chi (Natura geologica delle colline della Val di 
.Viewle e delle valli di fiacca e di Bientina. Atti d. Soc. tose. d. se. 
nat voi. I, fase. 2") cita 1' 0. Serresi. Toarnofler, a Vinci insieme 
con l'Arca Rollei, Hflmes. 

Actaeon tornatilis, Linneo. — Assai raro nelle sabbie 
(la Spicchio a Limite, a Fancoli ed a Fetroio. 

Utrìcolus mammìllatuB, Fhilippi. — Baro nelle sabbie 
tta Spìcchio e Limite. 

U. trancatuB, ÌHoniaiga. =^ Bulla semisuleata, Fhilippi. — 
Non raro nelle sabbie alle Grotte, presso Cerreto-Guidi. 

Volrnla alluminata, Bruguière. — Non tanto frequente 
nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Cylichna convoluta, Brocchi. — Non molto rara nelle 
sabbie tra Spicchio e Limite. 

C. cylindracea, Pennant. — Rara nelle sabbie tra Spìcchio 
e Limite. Dietro l'autorità del WeinkaufF tengo distinta questa 
specie dalla precedente con la quale però riconosco aver grande 
affinità. 

Bulla D' Anconaeana, Cocccni. — Bara nelle sabbie 
presso Spicchio. Conserva una colorazione rossastra ed ha marca- 
tissime le strìe longitudinali. 

B. utrìculus. Brocchi. — Bara nelle sabbie presso Spicchio. 

BingicalaBrocchii, Segnenza=^^. buccinata {non Benier), 
De Stefani {Molhtsckt pliocenici dei dintorni di S. Miniato. Bull. 



DigmzedtìyGOOgle 



W A. Ftrciin 

MaL Ital. voL VI. Fisa). — Comiine nelle sabbie a Spicchio ed 
a Limite, meno comune a PaoooU, a Fetioio e nelle argille tra 
Spìcchio e Limite. 

Fhiline scabra, Moller. — Un solo individuo nelle sabbie 
presso Spicchio. 

Terehra fuacata, Brocchi. — Abehì rara nelle sabbie tra 
Spicchio e Limite. 

T. acuminata, Borson. — Meno nua della precedente e 
nella medesima località. 

T. Basteroti, N^st — Piuttosto frequente nelle sabbie tra 
Spicchio Limite. 

T. cinerea, Linneo. — Bara nelle sabbie presso Spicchio. 

T. costulata, Borson. — Piuttosto abbondante nelle sabbie 
tra Spicchio e làmite. 

T. pertusa, Basterot. — Assai frequente nelle sabbie tra 
Spìcchio e Limite. 

Conus Mercati, Brocchi. — Piuttosto raro nelle sabbie tta 
Spicchio e Limite. Per i mìei indivìdui sì possono ripetere le 
osservazioni fatte dal Cocooni {Enumerasione sistematica dei mol- 
laschi miocenici e pUoeeitici delle provincie di Parma e di Pia- 
eema, pag. 149) per gli esemplari da lai posseduti di Montezago 
e Villa Stramonte. 

C. ventricosns, Bronn. — Assai comune ed in belli esem- 
plari nelle sabbie tra Spicchio e Limite e a Pancoli. 

C. pjriila, Brocchi. — Comune nelle sabbie tra Spicchio e 
Limite. 

C. Caroli, n.sp., TaT.II;fig. 1. — Testa oblongo-coniea; spira 
longa, elevata, scalariformis, regulariter conica; anfraelibut 
eaaaliculatis, canaliculo striato, basi angulaiis, ultimo basi 
striato; apertura anglista, elongaia; labio tenui superne «mar- 
ginato. 

Questa specie di Conm che varia per l'altezza tra cent. 2, 8 
e cent. 4, 4 e che ha la larghezza massima dell'ultimo anfratto 
aguale alla metk dell'altezza di tutta la conchiglia, ha la spira 
elevata, slluagata, alta la metà dell'ultimo anfratto, conica scala- 
riforme, formata da 9 a 10 giri divisi da sature profonde, aventi 
alla base l'angolo rotondato, oanalicnlati, con canaletto profonda- 
mente incavato e solcato da strie impresse. L'ultimo anfratto assai 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI CEHBET0-OU1DI ECC. 61 

aonto è poco rigonfio, lerigato, re^olarmeiite conico, longitadinàl- 
mente solcato da sottili linee dì aociesàmanto e cinto nell'altìmo 
teno inftriore da 8 a 10 oìngoletti rilerati e limitati da strie im- 
presse piattosto fitte e ondulate. L'apertura ò Innga e ristretta 
ed il labbro piccolo e sottile è l^^ermente emarginato superior- 
mente. 

DiTUBÌfiea dal C. Broechiù Bronn, perchè Tnllimo anfratto è 
mano aento alla base, nn pochino più rigonfio e non è nitido e In- 
eeoto; la base ò circondata da minor numero di strie; il canaletto 
presso le suture i meno profondo e l'aiolo di ciascun giro non ò 
cisto da una stria impressa. Dal C. turricula. Brocchi =: C. mul- 
Hlineatia. Fecchioli, ò diverso perchà la spira è più allungata u 
pit alta, i giri sono più sealarifònni con canaletto profondo e la 
base ò circondata da linee più fitte, ordinariamente più rilerate. I 
giri scalarifinni profondamente canalicolati, la mancanza delle nu- 
merose strìette circolari, distìngue questa specie dal C. ttriatìtbtSi 
bocchi =: C. linsolatus, Cocconi 

Qnesta è la specie che il De Stefani ba ehiamato stnattUux 
di 3. Miniato. Però dietro esame della coUezione Brocchi a Mi- 
lano, ^li si è accorto che il C. slriaiulus del Brocchi ò ioTece 
albu specie e che va riunito ad esso il G. lineolalus, Cocconi. 

Non trovando questa specie tra quelle descritte dal Brocchi, 
dal Boraon, dal Fecchioli, dal Cocconi, dal Fontannes e da altri 
che si occuparono di fossili pliocenici, ho creduto opportuno deaeri- 
veda come nuova. 

È assai frequente nelle argille presso Spicchio, meno comune 
in quelle di Lìmite. 

Clavatula Bomana, Defrance. — Comune nelle ai^e a 
Spicchio ed a Lìmite; meno comune a Collegonti e nelle sabbie 
delle medesime località. 

C. rustica, Brocchi. — Comune nelle sabbie e nelle argille 
tra Spicchio e Limite. 

C. ìnterrnpta. Brocchi. — Piuttosto frequente nelle sabbie 
e nelle argille tra Spicchio e Lìmite. 

Suronla intermedia, Bronn. — Un individuo nelle ai^le 
presso Spicchio. 

Drillìa Broecfaii, Bronn. — Aasai comune nelle sabbie e 
nelle argille a Spìcchio ed a Limite. 



DigmzcdbyGoOgle 



62 A. moiNi 

Bela septaogalaris, Montagli. — Piattosto frequenta 
nelle sabbie presso Spicchio. 

'. Mangelia clattarata, Marcel De Serres. — Baia nelle 
sabbie presso Spicchio. 

M. Biondii, Bellardì. — Bara nelle sabbie tra Spicchio e 
Limite. 

M. costata, Pennant. — Non rara nelle sabbie presso 
Spicchio. 

M. frumentnm, Brugnone. — Baia nelle sabbie presso 
Spicchio. 

Baphitoma plicatella, Jan. — Non tanto rara nell^ 
sabbie tra Spicchio' e Limite. 

R. 6innanniana, Scacchi. — Non rara nelle sabbie presso 
Spicchio. 

B. vnlpecula, Brocchi. — Non rara nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite. 

R. submarginata, Bronn. — Piattosto frequente nelle 
sabbie presso Spìcchio. 

B. attenuata, Montagn. — Non rara nelle sabbie presso 
Spicchio. 

B. brachystoma, Fhilippì. — Specie rarissima nelle sabbie 
presso Spicchio. 

B. scalariformis, Bn^^one. — Piattosto frequente nelle 
sabbie tra Spicchio e Limite. 

B. turgida, Porbes = Pleuroioma nana, ScacchL — Bara 
nelle sabbie tra Spicdiio e Limite. 

Homotomareti cui a t a , Benier. — Un solo ìndiridDO nelle 
argille alle Orette. 

E. Bay novali, Bellardì. — Bara nelle sabbie presso Spìcchio. 

Cancellarla varicosa. Brocchi. — Assai comune a Spic- 
chio ed a Gollegonzi, piti nelle sabbie che nelle argille; rara alle 
Grotte. 

C. cancellata, Linneo. — Non rara nelle sabbie tia Spic- 
chio e Limite. 

G. nniangulata, Deahayes. — Bara nelle sabbie presso 
Spicchio. 

C. ampnllacea, Brocchi. — Un solo indinduo nelle argille 
presso Spicchio. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI CERBETO^UIDI ECC. 63 

C. hirta, Deshayes. — È la Cancellaria più comune; sì 
troTa solamente nelle sabbie tra Spìcchio e Limite. 

Uarginella minuta, Pfsiffer. — Comune alle Giotte in 
uno strato dì sabbie turchinicce; rarissima a Spicchio. 

Mitra fasìformis, Brocchi. — Un esemplare nelle sabbie 
presso Spicchio, ed un altro pare nelle sabbie a Poggio al Li^lio, 
presso il boigo di Sovigliana. 

M. affi ni s, Cocconi. — Bara nelle sabbie presso Spicchio. 

M. e b e n a s , Lamarck. — Rarissima nelle sabbie presso Spic- 
chio. Come la forma trovata a S. Miniato dal De Stefani, è rife- 
ribile alla varietà plicalala del Brocchi. 

Faens etruscns, Pecchioli. — Baro nelle sabbie tra Spic- 
diio e Lìmite. 

F. lamellofins, Michelotti. — Rarissimo nelle sabbie presso 
Paneoli. 

F. affinis, Bronn. — Assai comune nelle sabbie e nelle 
aitile tra Spìcchio e Limite. 

F. clavatust Basterot. — Non tanto raro nelle sabbie presso 
Spicchio. 

Latìrus (Fasciolaria) flmbriatus. Brocchi. — Raro 
nelle sabbie presso Spicchio. 

Pisania maculosa, Lamarck. = P. s/n^^K/a, Bivona. Rara 
nelle sabbie a Spicchio; più Acuente a Pancoli. I miei indiridoi, 
per avere la spira piuttosto acuta, appartengono alla varietà C 
del Bellardi. 

Follia D'Orbignyi, Payraudean. — Un solo individuo 
nelle argille delle Grotte. Sebbene il Fischer tenga unito questo 
genere al precedente, ho creduto bene tenemelo separato dietro 
l'autorità del BellardL 

P. plicata. Brocchi. — Assai comune nelle sabbie e nelle 
argille tra Spìcchio e Lìmite. 

P. scabra, Monterosato. — Rara nelle sabbie presso Pancoli. 
La ritengo identica alla forma vivente e la cito con lo stesso nome. 

Eathria cornea, Linneo. — Non rara nelle sabbie e nelle 
argille a Spìcchio ed alle Grotte. Una varietà molto interessante 
e non tanta rara ripete ].'£. in/laia, Bellardi. 

Nassa olathrata, Bronn. — Non tanto frequente nelle 
sabbie e neUe aitile tra Spicchio e Limite. 



DigmzcdbyGoOgle 



' N. Toarnofteri, De Ste&ni eFantanellì. — Notimia nelle 
argille sotto CoUegonzi. 

N. prismatica, BrocohL — Bucciiatm limalum (noa Che- 
mnitz) De Stefoni. (Fosi pU. d. S. Miit. Op. cit.)- — Assai comune 
nelle sabbie e nelle at^le tra Spicdiio e Limite. 

N. mnsira, Brocclii. — Un individuo poco ben eonaetrato 
nelle ai^ille eotto Petroio. 

N. retieulata, Linneo. — Comaniseima nelle aigiUe di 
P(^o al Li^lio e nelle sabbie presso Collegonzi, meno frequente 
a Spicdiio ed a Limite. Ti è anche la ?arietà antiqua della quale 
il Bellardi & una specie a parte, ma clie io non credo si possa se^ 
parare dalla specie di Linneo, tanto variabile nella fonna e negli 
ornamenti. 

N. angulata, Brocchi, r— Non rara nella sabbie a Spic- 
chio ed a CoUegonzi. Non raggiunge mai le dimensioni d^U ìn- 
dividui del Piemonte e della Ligoria illustrati dal Bellardi. 

N. pjgmaea, Lamarck. — Bara nelle sabbie presso Spicchio. 

N. serraticosta, Bronn. = Buecinum pusiUum, Phì- 
lippi. — Piuttosto frequente nelle sabbie presso Collegonzi. 

N. inoraasata. Mailer. = N.asperata, Basterot — Non 
rara nelle sabbie a Spicchio ed a Collegonzi. 

If. semistriata, Broochì. — Comunissima nelle ai^le, 
meno nelle sabbie a CoUegonxi, alle Grotte e tra Spicchio e 
Lìinite. Conserva generalmente una colorazione rossastra. 

N. gigantula, Bonelli. = N. integrostriala, Cocconi. (Bel- 
lardi, I molluschi dei terreni terziari del Piemonte e delia Li- 
guna, parte S», 1882, pag. 142, tar. 9, fig. 11-13). — Nelle 
argille a Coll^nzi ed alle Grotte. Appartiene alla varietà^, del 
Bellardi. A Coll^onzi ho tròvato mi individuo riferibile alla va- 
rietà B dello stesso Autore. 

N. mutabilia, Linneo (non Brocchi). — Comune nelle 
sabbie e nelle aitile tra Spìcchio e Limite; meno frequente a 
Pancoli, a Collegonzi, a Petroìo ed alle Grotte. La maggior parte 
dei miei indivìdui oscillano fra le varietà .^ e i> del Bellardi, 
awicinandosi pure alla N. obliquala Brocchi, che non è altro che 
una varietà di questa specie. 

N. conglobata, Brocchi. — Bara nelle sabbie presso 
Spicchio. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DI^^TORNl DI CEKRETO-GUIDl ECC, 65 

N. boUenensìs, Toumouer. = N. tumida, Bellardi (non 
Eichwald). = N. bufo-, Doderlein. — Numerosa a Coll^onzi, a 
F(^o, al Ii(^Uo, idle Qrotte e sotto Cerreto-Guidi. I miei in- 
dirìdai si riferiscono tutti alla varietà C del Bellardi, dalla quale 
difierìscono ub poco per la forma più Tentricosa e per arere le 
coste longitudinali più marcate. 

Cyllenina Pieragnoliì, De Stefani {Descrizione di 
nuove specie di molluschi pliocenici italiani Bull. d. soc. mal. 
ital. Tol. Ili, 1873, p^. 78, tay. 4, fig. 10). — Non è rara nelle 
argille mediane alle Grotte. 

Eione gìbboaula, Linneo. ' — Bara nelle sabbie tra Spie- 
duo e Limite. I mìei indiridui sono più grandi di quelli figurati 
dal Brocchi. 

Cyclops neriteus, Linneo. — Questa specie che ha ser- 
TÌto ad alcuni per tipo di questo genere, ò abbondanf^Bslma nelle 
argille a Poggio al Lt^Uo e nelle sabbie presso Collegonzi; meno 
frequente a Spicchio ed alle Grotte. 

Colnmbella scripta, Linneo. — Assù comune nelle 
ar^e tra Specchio e Limite e nelle sabbie a Collegomì ; è rara a 
Fetj:oio ed alle Qrotte. 

Murex torularius, Lamarck. =: M. pteudobrandari», 
D'Ancona. — Comune tanto nelle argille che nelle sabbie, spe- 
cialmente a Coll^onzi, a Fo^o al Loglio ed alle Grotte. 

M. coQglobatas, Mìohelotti. — Frequente nelle sabbie 
e più nelle argille, tra Spicchio e Limite, a Collegonii ed alle 
Qrotte. 

M. Pecchiolianas, D'Ancona. — Assai comune nelle ar- 
gille e specialmente in quelle sotto a Collanti. 

il. trunculus, Linneo. — Non molto frequente nelle ar- 
gille sotto Coll^nzi. 

M. truncatulus, Foresti. — Non tanto raro nelle argille 
e nelle sabbie a Spicchio ed a Collegonzi. 

M. rodis, Borsou. — Non raro nelle sabbie tra Spìcchio e 
Limito. 

M. absonus, Jan. — Un solo iudividuo nelle sabbie presso 
Limite. 

M. brevicanthos. Sismonda. — Questa bella specie è 
assai rara nelle nostre colliue. Fochi individui nelle argille sotto 



>dbyGoÒgIe 



«6 A. rcciNi 

Gollegonzi ed uno nelle sabbie presso Qavena in Ticìnanza di 

Fucecchio. 

M. Campanii, De Stefani e Pantanelli. = M. USmesi, 
D'Ancona (non 3peyer). — Piattosto frequente a Spìcchio, a Gol- 
legonzi ed alle Grotte. 

M. cristatas. Brocchi. — Non comune nelle argille e nelle 
sabbie tra Spicchio e Limite. 

M. polymorphus. Brocchi. — Frequente nelle sabbie tra 
Spicchio e Lìmite. 

M. Sowerbyi, Michelotti. — Piuttosto comune nelle sabbie 
presso Petroio; raro nelle sabbie e nelle argille di Spicchio. 

M. ecinaceuB, Linneo. — Un individuo nelle argille di 
Limite ed un altro nelle sabbie a GoU^nzi. 

M. Swainsoni, Michelotti. — Un solo individuo nelle 
sabbie pre^o Spicchio. 

M. corallinns, Scacchi. — Anche di questa specie bo 
trovato un individuo nelle sabbie a Pancoli. 

Pnrpura felsinea. Foresti {Alcune forme nuove di mol- 
luschi fossili del Bolognese. Bull. d. boc. geol. ital. voi. VI, 1887, 
pag. 361, tav. 8, fig. 3). Assai rara nelle sabbie a Pancoli. 

Acanthina (Monoceros) monacanthos. Brocchi. — 
Rarissima nelle sabbie presso Spicchio. Non raggiunge le dimen- 
sioni dell'esemplare figurato dal Brocchi. 

Triton Doderleini, D'Ancona. — Un solo individuo nelle 
aitile presso Spicchio. 

T. doliare, Basterot — Rarissimo nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite. 

Cassia saburon, Lamarck. — Piuttosto rara nelle sabbie 
tra Spicchio e Limite. 

Merio echinophora, Linneo. — Un individuo incompleto 
nelle sabbie presso Spicchio. Appartiene alla varietà Ihyrrena di 
Lamarck che alcuni vogliono distinta dalla echinophora di Linneo. 
Non ho creduto doversi fare questa distinzione specifica a cagione 
delle numerose forme dì passalo che si hanno tra queste con- 
chiglie. 

Dolium dentìculatum, Desbayes. — Un grosso indivi- 
duo nelle sabbie presso Spicchio. Corrisponde perfettamente alla 
fiigura data dal Desbayes. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCBHK DEI DINTOBNt DI CERRETI>OUIDI ECC. 67 

Ficula intermedia, Siemonda. — Non rara Delle sabbie 
tra Spicchio e Limite. 

Strombus coronataa, Defhmce. — Non raro nelle sabbie 
tra Spicchio e Limite, raro a Fancoli. Fra i miei indivìdui Te ne 
ha mio corrispondeate alla figura dello S. Mereati DeBhajea, anzi 
ha ancora meno Tisibili e molto ottusi i tubercoli della careDE 
intorno l'ultima sutura e molto rilevati inrece quelli delle duo 
serie alla base ed alla meth dell'ultimo anrratto. 

Chenopns pespelicani, Linneo. — Si trova ovunque. 
Assai commune alle Grotte, a Spicchio e a Collegonzi- 

C. ITttinf^erianus, Bisso. — Piuttosto raro nelle ardile 
presso Spicchio. 

Monophorua perversas, Linneo. — Piuttosto raro selle 
sabbie tra Spicchio e Limite, piil frequente alle Grotte. 

Geritbium vnlgatum, Braguière. — Comune assai nelle 
sabbie, meno nelle argille, a Spicchio, a Limite, a Collegonzi, a 
Paneoli ed a Colle Alberti nelle vicinanze di Cerreto-Guidi. 

C. doliolum. Brocchi. — Frequente nelle sabbie e nelle 
argille a Spicchio, a Limite, a Collegonzi ed a Po^o a Loglio. 
C. crenatum. Brocchi. — Comune n^li strati sabbiosi ed 
obliosi tra Spicchio e Limite. Alle Grotte si trova pure nume- 
rosissimo, ma queste, come nota il De Ste&ni per gb individui 
da lai trovati n^li strati superiori dì S. Miniato, si avvicina al 
C. Vìdgalum, Bmguière, presentando come quelli di S. Miniato 
gli stessi caratteri e le medesime differenze dalla forma tipica. 

Potamides trioinctum, Brocchi. — Si trova ovunque. È 
comnaissimo nelle vicinanze di Cerreto-Guidi nelle argille sotto- 
stanti allo strato a CorHcula. 

Yar. Bargelliniì, De Stefani Tav. II; fig. 2. — Questa impor- 
tante varietà del P. trioinctum, Brocjjhì, è piuttosto abbondante alle 
Fornaci, presso Limite, unitamente all' Opkicardelus d'AchiardU. 
De Stefani. Differisce dalla forma tipica del Brocchi perchè è 
meno reotricoso e piil conico^ specialmente alla base ; perchè ha 
gli anfratti un pochino più gonfi e le serie dei tubercoli longitu- 
dinali più irregolari, meno n^fose e separate da intervalli mag- 
^orì. I tre cordoni che cingono gli anfratti sono pure separati da 
intarv&Ui assai mag^orì. IL cordone inferiore più grosso e più 
sporgente, per la qual cosa dà ai giri un apparenza leggermente 



>dbyGoogIe 



angolosa, ed il medio molto minato, a tubercoli quasi obliterati, 
sono rarvicinati e posti in mezzo agli anfratti, mentre il cordone 
superiore è posto Ticino alla sutura ed è separato dagli altri da 
un più largo solco. 

Anche il /'. Basteroti, Marcel de Serrea, può attribuirsi ad 
una delle tante forme del P. tricinetum e credo appunto essere la 
nostra varietà intermedia tra la var. gemmulaiu» del Viguier 
(Pliocene de Manipellier. Bull, de la Soc. Géol. de France, tom. 
dix-septième, feuilles 24-28, pag. 407, pi. TIII-X, t. 1. fig. IS- 
IS, Paris 1888-89) dalla quale differisce per essere meno robusto 
e per avere meno fitte e più regolari le coste longitudinali for- 
mate dai tubercoli allineati, e la var. inermìs dello stesso autore 
(op. cìt. fìg. 16, 17) della quale ha più evidenti, più elevati e più 
bitonoluti i cordoncini cingenti gli anfratti, avvicinandosi così in 
parte agli esemplari figurati dal Fontannes {Les invertebrès du 
bassin tertiaire du Sud-Est de la France. Paris 1879-1882), 

C.erithiolum scabrum, Olivi. — Comunissimo nelle 
aigìlle ed anche nelle sabbie, tra Spicchio e Limite, a Coll^onzi 
ed alle Grotte. 

C. spina, Fartsch. — Assai comune alle Grotte in uno 
strato dì sabbie turchiniccie salmastre ; meno comune a Petroìo. 

Cerithiopsis tubercolaris, Montagu. — Baro nelle 
sabbie presso Spicchio. 

Yermetus intortus, Lamarck. — Comune assai nelle 
argille alle Grotte; meno frequente a Collegonsi ed a Spicchio. 

Y. arenarius, Linneo. — Non raro nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite ed a Pancoli. 

Y. triqueter, Bivona. — Non tanto comune nelle ai^ìUe 
alle Grotte. 

Tenagodes (Siliquaria) anguina, Linneo. — È piuttosto 
rara nelle argille tra Spìcchio e Limite ed a Collegonzi. 

Tnrritella vermìcularis. Brocchi. — Sì trova quasi 
ovtmqne. Sebbene comunissima tra Spicchio e Lìmite, specialmente 
nelle argille, non vi si trova mai tanto abbondante quanto a 8. Mi- 
niato negli strati che dal De SteEani vennero appunto chiamati a 
iurriielle- 

T. cocbleata, Brocchi. — Comune nelle sabbie a Spicchio 
a Limite ed a Pascoli. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI CBBRBTO-OUIDI ECC. 69 

Melanopsis flammulata, De Stefani. — Non rara nelle 
sabbie all'Ontorio, sopra la Castellina, fra Capraia e Limite. 

Fosaaras costatus, Brocchi. — Baro nelle sabbie a 
Poggio al Loglio, a Petroio ed a Carena. 

Solarium simplex, Bronn. — Assai rari ma belli indi- 
TÌdci nelle sabbie tra Spìcchio e Limite. 

S. fallaciosum, Tiberi. — Un solo individuo nelle sabbie 
a Pancoli. 

Bissoa anriacalpinm, Linneo. = R. pulchella. Bisso 
(non Fhilippi). — Non molto frequente nelle sabbie a Spicchio 
ed alle Grotte. In generale i miei individui sono mancanti delle 
strìe puntate spirali alla base dell'ultimo anfratto. 

B. lineolata, Michaud. = R. Mrembergii, Philìppi. — 
Comnoissima nelle argille inferiori salmastre delle Crotte ; piut- 
tosto rara nelle sabbie a Petroio. 

B. elata, Philipp!. — Comune nelle sabbie a Petroio. 

B. membranacea, Adams. —- Assai rara nelle sabbie presso 
Htmìo. 

B. plicatula, Bisso. — Non rara nelle argille inferiori 
lialmastre delle Grotte. 

B. incospieaa, Schwartz (non Alder). — Non troppo rara 
alle Grotte ed a Coll^onzi. Il numero delle eoste nei miei indi- 
Tìdui è però tin poco minore che nella specie tipica. Alla vera 
R. iìicospicua di Alder sì riferisce invece la R. variegata, Schwartz. 

Bìssoina decussata, Montagn. — Baia nelle sabbie 
presso Pancoli. 

Nematurella aubearìnata, Booelli. — Assai comune 
nelle argille alle Fornaci, presso Limite, unitamente tW'Ophicar- 
deltts D'Ackiardii, De Stefeni. 

N. Meneghiniana, De Stefani. — Numerosissima nelle 
argille a Poggio al Loglio, meno frequente alle Foi'naci, presso 
Limite. 

Hjdrobia procera. Mayer. — Comunissìma negli strati 
inferiori ai^llosi delle Grotte ; meno cornane in uno strato sab- 
bioso presso Petroio ; qualehe raro individuo anche nelle argille di 
Spicchio e di Limite. 

Vivipara contecta, Millet = V. ampullaeea, Tuccimei 
(non Bronn). — Questa specie si trova piuttosto in quantità nei 



>dbyGoogIe 



dintorni di Cerrsto-atiidi, nello strato a Corbietda flumttuUis, 
Moller, e specialmente nella parte inferiore di eseo. Dapprima ho 
creduto si riferisse alla V. amptdlaeea del Tal d'Axno snperiote ; 
ma avendola paragonata con la Y. conleela del lago di Bientina, 
ne ho riconosciuto la perfetta identità. Del resto differisce dalla 
V. ampullacea per la madore gonfiezza dell'ultimo anfì^tto e per 
avere la spira meno tenta e molto meno elevata. Avendone esa- 
minati degli individui, posso affermare essere riferibile a questa la 
specie che il Tucoimei cita di Castel S. Pietro e che determÌDa 
per Y. amputlaeea, Bronn. 

Crepidula cochlearis, Basterot — Assai rara nelle 
sabbie e nelle argille tra Spicchio e Limite. 

G. anguifoimis, Lamarck. — Bara nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite. 

Caljptraea chinensis, Lianeo. — Si trova frequente 
ovunque ; è cornane ed in grossi individui nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite. 

Xenophora infundibnlum. Brocchi. — Belli e non 
rari esemplari nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Natica Josephinia, Bisso. — Gomnnissima nelle sabbie 
tra Spicchio e Limite ; piuttosto rara a Fancoli ed a Petroio. 

N. millepnnctata, Lamarck. — Con la stessa frequenza 
e nelle medesime località della precedente. Vi sono quasi sempre 
visibili le punteggiature che la distinguono. 

N. Q-nillemini, Pajradeau. ~- Non rara nelle sabbie e 
nelle argille a Spicchio, a Limite ed alle Grotte. 

Sigaretns haliotoideus, Linneo. — Frequenti e belli 
esemplari nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Adeorbis Woodi, HOmea. — Raro nelle sabbie tra Spìc- 
chio e Limite. Nei miei esemplari sono pochissimo visibili le strie 
che seguono la spira. 

A. Duminyì, Bequien. — Baro nelle sabbie tra Spicchio 
e Lìmite. 

A. supranitidus, Wood = A. Peechiolianut, De Ste- 
fani. — Non molto raro nelle sabbie tra Spicchio e Limite. Du- 
bito molto che la Delphinula minima, Philipp! (Bettràge sur 
Kenntnits der Tertiaerversteinerungen des nordwestlichen Deut- 
schlands, Ksssel 1843, pag. 55, tav. 3, fig. 80) non aia che la specie 



>dbyGoogIe 



n. PLIOCEKE DEI DINTOSNI DI CERKBTO«UDI ECC. 71 

in diacono. Se ciò fosse, a qneata dovrebbe darsi il nome del 
Phìlippi come anteriore a qaello del Wood. 

Alenni riferiscono questa forma e l'antecedente all'^. Du- 
nt'uyt', Beqaien ; io le ho tenute separate patendomi le loro dìffe- 
lenie marcate e sempre costanti. 

À. BubcarìnatQB, Hontagu. — È la ~ specie i'Adeorbis 
più cornane ; si trova nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Scalarla psondosealaris, Brocchi. — Fiattosto rara 
nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

S. Scacchii, HOmes = B. coronala. Scacchi. — Un in- 
dÌTÌdno nelle sabbie presso Spicchio. 

S. Turtonis, Tarton = S. ienuìcosiata, Michaud. — Non 
molto rara nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

S. frondiculaeformis, Bmgnone. {le conchiglie plioce- 
niche delle viciname di Caltanisetta. Boll. d. Soc. MaL Ital. 1880. 
ToL TI, pag. 124, tav. 1, fig. 4). — Bara nelle sabbie presso 



S. mesogonia, Bmgnone. {Miscellanea malacologiea. Tm 
seconda. Panormi 1876, pag. X6, fig. 22). — Bara nelle sabbie 
plesso Spicchio. 

S. Stefanii, De Boor;. (Révision des sealidae mocènes et 
pUoeines ds l'Italie. Boll. d. Soc. MaL Ital. 1890, Tol. XIV, 
pag. 308). — Bara nelle sabbie presso Spicchio. I miei individui 
presentano le strie trasversali poco marcate. 

S. frondicnla, Wood— S. esimia, Fecchioli (non Adame) 
= S.Fecohioliana, Issel 1877 (non D'Ancona) in Semenza 
1876. — Non frequente nelle sabbie tra Spicchio e Lìmite. 

Cirsotrema leptogljptum, Fontannes. — Non rara 
nslle sabbie tra Spicchio e Limite. Non credo che questa specie 
Eia stata fin ad ora citata nel pliocene italiano. 

Aclis ascaris, Turton. — Barissimo nelle sabbie presso 
Spicchio. 

A. Brugnoniana, De Stehni e Pantanelli. — Bara a 
Spicchio nelle sabbie. È ricoperta da strie trasverse pinttosto 
profonde. 

Il prol De Ste&ni mandò questa specie al marchese di Mon- 
terosato, pr^andolo ad esaminare se rispondesse a qualche specie 
mediterranea. Il Monterosato rispose negativamente. 



>dbyGoogIe 



72 A. FUCINI 

Ealima subDlata, Donovan. — Non rara selle sabbie e 
selle argille tra Spicchio e Limite. 

E. polita, Linneo. — Bara nelle sabbie a Spicchio ed a Limite. 

NÌ3o ebarnea, Bifiso. — Comune nelle sabbie ta^ Spicchio 
e Limite ; meno frequente a Pancoli, a Po^io al Loglio e nelle 
aigille presse Spicchio e Collegonzi. 

Pjramidella pHcata, Monti^- — Frequente nelle 
sabbie presso Spicchio. 

Odostomia conoidea. Brocchi. — Non rara nelle sabbie 
tra Spicchio e Limite. 

0. plicata, Montagn. — Non molto rara nelle sabbie presso 
Spìcchio. 

Eiilimella Scillae, Scacchi. — Bara nelle sabbie e nelle 
aigìlle presso Spicchio. 

E. acicula, Philippi. — Pinttosto frequento nelle sabbie 
presso Spicchio. 

Pyrgulina indistincta, Montagli = Ckemnitzia terebel- 
lum, Philipp!. — Bara nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

P. decussata, Monti^ = Turbonilla pellucida, Adams. — 
Piuttosto rara nelle sabbie presso Spicchio. 

P. elegantissima, Mont^n. Bara nelle sabbie tra Spic- 
chio e Lìmite. 

P. delicata. Monterosato = Turbomlìa gracilis, Philippi 
(non Brocchi). — Bara nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

P. pygmaea, Grateloap = Rissoa costulata, Wood {non 
Alder). — Barissima nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

P. fenestrata, Forbes. — Piuttosto rara nelle sabbie 
presso Spicchio. 

F. turbonìUoides, Brusìna. — Bara nelle sabbie alle Gi-otte. 
Debbo la determinazione di questa specie ad esemplari tì- 

venti gentilmente comunicatimi dal marchese di Monterosato. 

Turbonilla scalaris, Philippi. — Non tanto rara nelle 
sabbie tra Spicchio e Limite. 

T. rufa, Philippi. — Non rara nelle sabbie presso Spicchio. 

T. densecostata, Philippi. — Comune nelle sabbie tra 
Spicchio e Limite ed a Paucolì. 

T. internodula, Wood. — Piuttosto rara nelle sabbie tra 
Spìcchio e Lìmite. ■ 



>dbyGoogIe 



IL plioceni: dei 

T. Btriatula, Linneo = Melania pallida, PhìUppi. — Non 
tanto rara nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Nerìtioa Sena, Gantiaine. — Non è rara 'nelle aitile 
inferiori delle Grotte; rara in uno strato sabbioso presso Petroio. 
Come nei terreni senesi ra unita iìl'Hydrobia procera, Mayer. 

N. Hazziana, D'Ancona. — Cornane in imo strato sabbioso, 
alle Grotte insieme con l' Unto etruicm, D'Ancona. 

Il D'Ancona formò questa specie sopra esemplari che snlla 
fede del Mazzi, credè proTeniro dalle medesime località della N. 
Sena, Cant. nei dintorni di Siena. Il De Stefani {Molluschi conti- 
nentali. Atti à. Soc. Tos. d. se. nat. Pisa, voi. II. fesc. 2 e toI. Ili, 
fase. 2) piti receutemeute avendo trovato nei dintorni di Siena 
soltanto la N. Sena, mancante qualche volta delle tre fasce nel- 
l'ultimo giro, credè che la N. Massiana, non fosse che una va- 
rietà della K Sena e la pose sinonima di questa. 

È presumibile che le nerìtìne che servirono al D'Ancona per 
fare la sua specie, provenissero da Pienza, località sebbene non 
lontana, aff'atto diversa dai dintorni di Siena. Avendo io parago- 
nati gli originali di questa località, esistenti nella collezione pa- 
leontologica del museo di Firenze, con i miei esemplari, ne ho 
riconosciuta l'identità e mi sono potuto persuadere come questa 
Dentina sia veramente diversa dalla N. Sena, Cant. 

É specie pure distinta dalla nostra, la nerìtina che il Fan- 
tanelli (Monografia degli strati pontici del miocene superiore) 
dice trovarsi nella valle della Sterza ed a S. Agata e che ha ri- 
ferito a questa specie. 

Phasianella pulla, Linneo. — Cornane ovunque tanto 
nelle sabbie che nelle aitile. 

TrochuB patalus, Brocchi. — Comanissimo nelle sabbie 
presso CoU^nzi. 

T. Brooehii, Mayer. —- Frequente a Collegonzi. alle Grotte 
a Qavena ed a Totano, presso Crareto-Guidi. 

T. eonalua, Linneo. — Un individuo nelle sabbie presso 
Spicchio. 

T. dnbias, Fbìlippi. — Piuttosto frequente nelle aitile 
presso Spicchio. 

T. striatus, Linneo- — Un solo individuo nelle sabbie a 
Po^io al Loglio. 



>dbyGoogIe 



74 A VUOIMI 

Glancalus cruciatns, Linneo. — Baro nelle sabbie a 
Fancoli; 

C. J n 8 8 i e n i , Payraudean = Monodonta glomus, Philippi. — 
Frequente nelle sabbie a CoUegonzi. 

Honodonta angolata, Eichwald. — Molto nomaFOBa 
nelle sabbie a Colinomi e nelle argille aotto Cerreto-Gnidi. 

Fissnrella costaria, Basterot. = Fisturella italiea, Do- 
france. — Non rara nelle sabbie e specialmente nelle aitile a 
Spiccbio, a CoUegonzi, a Limite ed alle Grotte. 

CLASSE IL 

SCAI*HOI*Or>ES 

Dentalinm fossile, — Linneo. — Più frequente nelle 
argille cbe nelle sabbie a Spicchio, a Limite, a CoUegonzi ed 
alle Grotte. 

D. dentalis, Linneo. — Non raro neUe sabbie a Petroio 
ed aUe Grotte. 

CLASSE III. 
I>ELECII*ODES 

Ostrea ednlis, Linneo. — Comunissima omnque; non di 
rado in banchi assai estesi; nelle ai^Ue tra Spicchio « Limite 
si trovano esemplari di grandi dimensioni. 

0. lamellosa, Brocchi. — Unitamente aU'O. eduli», ma 
in minor quantità. 

0. Lamarcki, Majer. — Assai rara neUe sabbie e nelle 
ai^Ue a Spicchio ed a CoUegonzi. 

0. pusilla. Brocchi = 0. borealts, Lamarck (sec. Coc- 
coli i). — Si trova ovunque ; è numerosissima a Plagio al Loglio 
ed a CoUegonzi, ove forma soUdi banchi. Gli individui giovani 
corrispondono aUe misure ed alla descrizione del Brocchi. Dietro 
l'osservazioni del De Stefani (Foss. plioe. d. dint. d. S. Miniato, 
op. cit. e Iconografia dei nuovi molluschi pliocenici d'intorno 
Siena, Bull. d. Soc. Malae. ital. 1888, fag. 182) ritengo si deb- 



DigmzcdbyGoOgle 



)i ECC. 7S 

ima lìferìre alla specie del Brocchi, delle groaae ostriche, comuni 
nella Ticinanze di Pancoli e di Petroio, corrispondenti perfettamente 
&l]e ostriche figurate dal Coecosì col nome di 0- boreaiis, Lamarek. 

Anomia ephippium, Linneo. — Piuttosto rara nelle 
Bibbie e nelle argille tra Spicchio e Limite. 

A. costata. Brocchi. — Kon i rara nelle aitile presso 
Cerreto-Gnidi, alle Grotte ed a Coll^;on£Ì. 

Spondylas crassìcosta. Lamarek. — Un individuo com- 
pUb} ed una valva nelle sabbie presso Spicchio. 

Lima inflata, Gbemnitz. — Frequente nelle argille e 
nelle sabbie a Spìcchio, a Limite, a Collegonzi, a Pancoli ed alle 
OiDtte. 

Chlamys varia, Linneo. — Comune ed in grossi individui 
Delle sabbie e nelle aiplle presso Spicchio, Limite e CoUegonù; 
meno abbondante a Cerreto-Guidi ed a S. Pantaleo, presso Yinoi. 

C. flexuosa, Poli. — Con la precedente, ma assai meno 



Pecten A.lessii, Philippi. Tav. I; fig. 8. (Philippi Snume' 
ratio molluscorum Sieiliae. 1844, voL I, pag. 85 ; voi. II, pag. 58). — 
(De Stefani, Fon. plioe. d. dint. d. S. Miniato, op. cit.) — Non è 
raro nelle sabbie presso Spìcchio e Limite. 

Questa specie è assai vicina al P. fiabeUiformis di Brocchi ; 
ne differisce per avere le coste delle valve depresse tanto che la 
superficie della conchìglia apparisce quasi liscia e solo segnata 
da linee trasversali e per la pelluoidità quasi simile a quella del 
P. cmiatus, Broun. 

Non conoscendo alcuna %ura di questa specie, mi sono de- 
nso a presentarne aldine es^uite sopra esemplari dei più per- 
fetti e dei pìii tipici. 

ÀTÌeula phalaenacea, Lamarek.— Comune nelle sabbie 
tra Spicchio e Lìmite. 

I mìei individui sono assai più pìccoli dì quelli figurati 
daU' HSmes {Die fotsilen MoUutkett des terti&r-Seckem von 
Wi4n 1870, p%. 376, tav. 62,. fig. 1-4) più arrotondati e più 
ìitequilaterali. 

Pinna Brocchii, D'Orb^y. — Piuttosto frequente nelle 
atgìUf e nelle sabbie in. Spicchio e Linaite ed a Collimi ; rara 
alle Grotte e a Gavena. 



>dbyGoogIe 



76 A. FUCINI 

Modiola barbata, Linneo. — Non rara nelle sabbie e 
nelle argille a Spicchio, a Limite, a GoUegonzi, a Pancoli ed alle 
Grotte. 

M. phaseolina, Philippi. — Piuttosto rara nelle sabbie 
presso Petroio. 

Modiolaria matmorata, Forbes. — Bara nelle sabbie 
presso Petroio. 

M. costulata, Risso. — Bara nelle sabbie presso Spicchio. 

M. Petagnae, Scacchi. — Connine assai alle Grotte nelle 
sabbie turchinicce. 

Area Rollei, HOmes. — Frequente nelle argille e nelle 
sabbie a Spicchio, a Limite ed a Pancoli ; spesso ha dimensioni 
doppie di quelle date dal Hjtrnes (Die fois. Moli. d. tert. Beek. 
V. Wteii. pag. 339, tar. 44, fig. 8) per gli individui del bacino 
di Vienoa. 

A. diluvii, Lamarck. — Pochi e piccoli indiTÌdni nelle 
argille presso Spicchio. Io non ho trovato questa specie nelle vi- 
cinanze di Cerreto-Gnidi, ove il De Sterni (Foss. plioc. d. dint. 
d. S. Miniato, op. cit.) dice incidentemente trovarsi comune. 

A. SyracusensiB, Mayer. = A. Turonica (non Dujar- 
d i n) De Stefani {FoiS. plioc. d. dint. d. S. Miniato, op. cit.). — 
Comune nelle sabbie e nelle argille tra Spicchio e Limite, a Pe- 
troio ed a Poggio Tempesti tra Cerreto-Guidi e Fucecchio. 

A. Noae, Linneo. — Non rara nelle sabbie presso Colle- 
gonzi e nelle ai^le alle Grotte e sotto Cerreto-Guidi. 

A. tetragona, Poli. — Un individuo nelle ardile alle 
Grotte. 

A. lactea, Linneo. — Piuttosto frequente nelle sabbie a 
Pancoli. 

A. pulchella, Reeye. = A. elathrata, Defrance. — Uni- 
tamente UVA. lactea, ma con piti frequenza. 

A. pectinata. Brocchi. — Comtme a Spicchio tanto nelle 
argille che nelle sabbie ; meno frequente a Collegonzi ed a Limite. 

A. mytiloides, Brocchi, -i- Non tanto frequente nelle ar- 
gille sotto Collegonzi ; rara nelle sabbie a Spicchio ed a Pancoli. 

A. Idae, D. sp. Tav. II; flg. 4. — Testa magna, inaequilatera, 
elongata, depressa, irregtiiarìter incraisata, in medio sinuoso.; lon- 
gitudinaliter costellata, trantversim striata, area cardinali am- 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI Ct CERREtO-QUIDI ECC. Ti 

plissima, in utraque valva iriangulari, sulcii tenuibus, numerosis, 
angulatis ornata ; umbonibus eleoalts ; dentibus minimis numero- 
ìiisimiSj rectis; extremis obliqui!. 

Questa grande conchiglia è inequìlaterale, obliqua, quasi rom- 
bica, piuttosto depressa al bordo Tentrale e rigonfia presso gli 
nmboni ; ha il bordo anteriore più arrotondato del posteriore che 
è alloDgato e l^ermente emai^ato in dentro nella parte supe- 
riore ; porta una inaenatura ampia, ma poco profonda, che dal dorso 
Eceode, allargandosi, al bordo venti'ale ; è solcata longitudinalmente 
da coste rettangolaii, elavate, uniformi, grosse, rugose, granulose, 
qaalcherolta bifide, separate da solchi pure rettangolari e più lar- 
ghi di quelle. Le strie trasversali secano irr^olannente le loagi- 
tndioali senza arrivare a toccare ì solchi ; da questo secamento 
deriva appunto che la superficie delle coste è tutta granulosa e 
rugosa. L'area del lìgamento grandissima è solcata da numerose 
strie (circa 32) formanti un angolo sulla linea che unit>ce gli nm- 
boni ; altre strie minutissime, parallele alla linea dei denti passano 
sopra le prime e vi producono ai punti d'incontro dei rìgonflameuti, 
i quali, trovandosi per ogni valva disposti concentricamente ad un 
ponto della linea che unisce gli umboni e presso di qnesti. diinno 
liH^ a delle ondulazioni concentriche, a somiglianza di quelle che 
si formano gettando un sasso in acqua tranquilla. I denti cardinali 
DDinerosissimi (circa 75) sono retti, piccoli ed acuti, i laterali in 
nomerò di 4 o 5 sono grossi, langhi, irregolari e qaasi paralleli 
alla linea dei denti ; gli umboni rigonfi ed elevati sono regolar- 
mente ricurvi in avanti 

M. HCmes denominò A. barbata, Linneo alcune forme del 
bacino di Vienna che altri riferì in parte (gli iodividui di mag- 
giori dimensioni) all'^. Eelblingii vivente e di cui altri fece ra- 
gionevolmente una specie nuova con i nomi di subkelblingii, D'Or- 
bignj e variabilis, Mayer. La nostra forma che è vicina a quella 
del bacino di Vienna, ne dìfi'erisce per k figura meno obliqua ed 
ineqnilaterale, per gli umboni piil rialzati, perchè l'area del liga- 
mento è assai più ampia, per i denti più numerosi, per le coste 
longitudinali più uniformi, talora bifide, più grosse, meno nume- 
rose, assai più rugose. Per tali caratteri la nostra specie si avvi- 
cina tmto più alla specie vìvente. 



>dbyGoogIe 



18 À. FUCINI 

La figura che preBentiamo è eseguita sopra indÌTìdui dei pìii 
giovani. 

Oltre che nelle sabbie e nelle aitile presso Spicchio, si trova 
a S. Miniato, in Tal d'Era e in molti altri luoghi. 

PectuncnliiB pilosas, Linneo. — Comune, e tuttora co- 
lorato in rossastro, nelle sabbie a Spìcchio ed a Limite. 

I giovani individai sono generalmente più arrotondati degli 

adulti ed hanno le strie trasversali e longitudinali più appariscenti. 

Nacula naclens, Linneo. — Comune alle Grotte, meno 

frequente a Petroio, rara a Spicchio; quasi sempre ai trova nelle 

aitile. 

Leda pella. Linneo. — Comune nelle sabbie tra Spicchio 
e Limite, scarsa in quelle di Pancoli e di Petroio. Nelle argille 
presso Spìcchio, st trova di ma^ior dimensioni, è più ineqnilate- 
rale, con il rostro maggiormente allungato e ricurvo all'iusù, con 
le carene poco evidenti, le strie trasversali meno numerose e rego- 
lari ; la conchiglia apparisce meno levigata e un poco gibbosa. 

L. commutata, Philippi. — Bara nelle sabbie presso Pe- 
troio; un solo individuo in quelle vicine a Spicchìo- 

TJnio etruscus, D'Ancona, var. fulgurala miìà. — Assai 
frequente in uno strato di sabbie grossolane alle Grotte. 

Distìnguo questa forma, come varietà fulgurata, da quella 
del Val d'Arno superiore, descritta dal D'Ancona (Cocchi, Z'uoflto 
fossile), per presentare gli umboni costantemente sagrìnati e ornati 
trasversalmente da lineette rilevate, ondulate a zig-zag e per avere 
le valve un poco più rigonfie e con una lederà insenatura dagli 
umboni al bordo ventrale. 

Cardita canalyculata, Linneo, var. e^owj/fl/ff, Bronn. — 
Comune nelle sabbie e nelle argille a Spicchio ed a Collegonsi ; 
rara a Pancoli, a Limite ed alle Grotte. 

C. intermedia. Brocchi. — Specie abbondantissima ovunque. 
C. pectìnata. Brocchi. — lUra nelle sabbie a Poggio 
al Loglio. 

Kellja peregrina, De Stefani e Pantanelli. ~- Piuttosto 
frequente nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

E. subocbicniaris, Montagn. — Kara assai nelle sabbia 
in vicinanza di Spìcchio. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCENE DEI DINTORNI DI CGRBETOOUIDI ECC. 79 

HoDtftCDta bìdentata, Montagn. ■== Arcìnella laevis, 
Pbilìppi. — Barisnma nelle sabbie tra Spiccbio e Limite ed 
a Pfltroio. 

U. truncata, Wood. — Baia nelle sabbie presso Spiccbio. 

I miei esemplari sono un poco meno ineqnilateiali di quelli 
figurati dal Wood e dal Njst. 

Scacchia elliptica, Scaccbi. — Barìssima nelle sabbie 
in Ttcioanza di Spiccbio. 

Lepton Bqnamosum. Hont^;u. Tav.Il; flg.5. — Baro nelle 
sabbie tis Spicchio e Limite. 

É questa la specie che il De Stefani trovò a S. Miniato e 
che chiamò, senza esser certo che appartenesse a questo genere, 
L. pvicherrimum. Credo fermamente che si riferisca al Z. iqua- 
motum, MontE^, ma non conoscendo di questo figure esatte, ni 
descrizioni dett^liate, non ne ho acquistato assoluta certezza. 
Perciò presentandone la figura, ne do anche la descrizione. 

La forma generale di questa concbìglia è generalmente orale, 
ma qualche esemplare ha una figura quasi lombica ; è un poco 
inequilaterale, molto depressa, sottilissima e quasi pellucida. La 
Boperficie intema è solcata da strie longitudinali raggianti, l'esterna 
è punt^giata da impressioni apparentemente triangolari che Ti 
sembrano incavate e che le danno un aspetto rugoso. L'umbone è 
piccolissimo, corto, acutissimo, depresso e ricurvo in aranti ; il 
ma^ne non crenulato è più arrotondato nella parì« anteriore che 
nella posteriore. 

Sebbene assai prossimo al textUe, Deshayes, dell'eocene, questo 
Lepton ne differisce per le maggiori dimensioni, per la forma meno 
orale, per il cardine che ha denti meno robusti, piti divergenti 
e di forma diversa e per le oniamentaiioni esteme che sono date, 
non come nella specie del Deshayes da molteplici lamine trasversati 
rf^larmente piegate e rawiciuate, formanti una serie di mt^lie 
a losanga, ma da una infinità di piccole pnnte^ature incavate, 
non tanto regolari e nemmeno distribuite uniformemente, poiché in 
alcune zone concentriche si mostrano piti e meno eridenti. 

L. Stefanii, n. sp. Tar. I; 6g. 6. — Testa minima-, inaequi- 
laiera, depressa, tenui, transversim minute striata, radiis obso- 
leiit decussata^ umbonibus depressis, miaimis, acutissimis. 

Qnesto pìccolo Lepton, al quale non conosco specie che si ap- 



DigmzcdbyGoOgle 



pro93ìmi, è assai raro nelle sabbie tra SpiccMo e Limite. La con- 
chiglia è molto rombica, ineqnìlaterale, depressa, sottile e pella- 
cida ; è percorsa trasversalmente da namerose strie regolari, sottili 
e profonde. Sopra le strie trasrersali paesano altre strìe longitu- 
dinali, radianti, irr^larì e più marcate vicino al margine che 
presso gli nmboni. Il bordo anteriore è più rotondato del posteriore 
ed il ventrale è pochissimo arenato. Gli nmboni sono depressi, 
piccoli, acati e rìcnrvi in avanti. Un dente cardinale per valva; 
nella destra piccolo, diritto derivante dall'apice; nella sinistra piìl 
grande e piegato verso il dente laterale posteriore. I denti late- 
rali, due per valva, sono lunghi, sottili e con un piccolo rigonfia- 
mento nel mezzo. 

Gol nome imposto a questa nuova specie, ho voluto testimo- 
niare la mia riconoscenza all'^regio prof. Carlo De Stefani, che 
mi è stato largo di aiuto e di consigli in questo mio primo 
lavoro. 

Bornia corbnloides, PhilippL = Lepton deltoìdeum, 
Wood. — Comune nelle sabbie turchinicce delle Grotte, rara a 
Petroio. 

Sportella recondita, Fischer. — Sarìssìma nelle sabbie 
presso Petroio. 

Oltremodo vicina alla Scintilla ammala, Deshaves, dell'eocene; 
la mia è appaia un poco più equìlaterale e meno alta. 

S. ambigua, Njst. — Non comune nelle sabbie a Spicchio 
ed a Petroio. 

Questa specie che il Njst ascrìsse al genere Scintilla^ mi 
sembra doversi riporre pÌntto»to tra le Sporteilae per avere i l^ 
menti delle valve esterni e per non avere il dente anteriore di 
idnistra, né quello posteriore di destra bifidi. 

Cardìnm hians, Brocchi. — A Spicchio, a Limite ed a 
Goll^nzi; piti frequente nelle argille che nelle sabbie. 

C. acnleatum, Linneo. — Comune nelle sabbie tra Spicchio 
e Limito; meno frequente aUe Grotte ed a CoU^onzi. 

C. Bianconianum, Cocconi. — Pochi individui nelle ar- 
gille sotto Collegonzi. 

Questa forma è molto vicina alta precedente; ne l'ho tenuta 
separata perchè presenta ben marcati i caratteri distintivi della 
specie del Cocconi. 



>dbyGoogIe 



[ CERRETO-OUIDI ECC. Al 

C. echin&tum, Linnoo. — Aaaai frequente e tuttora colorato 
in giallastro, nelle sabbie tra Spicchio e Lìmite. 

C. mnlticostatum. Brocchi. — Non raro ed in groHsi 
esemplari nelle sabbie tra Spicchio e Limite; raro a Pancoli. 

C. oblongum^ Chemnitz. — Una valra nelle sabbie presso 
Spicchio. 

C. edule, Limneo. — Specie comuniasiraa ovunque, general- 
mente in colonie. Le varietà crassum e peclinatum si trovano presso 
Spìcchio ; la Tai. Clodiense del Kenier si trova presso Gavena. 

C. papillosnm. Foli. — Non raro nelle sabbie tra Spicchio 
e Limita, a Fancoli ed a Petroìo. 

G. tubercnlatum, Linneo. — Una sola valva nelle sabbie 
presso Spìcchio. 

Chama grjphoides, Linneo. — Comune, a Spìcchio, a 
Fancoli, a Fetroio, a Gollegonzì ed alle Grotte. 

C. grjphina, Lamarck. — Meno comune della precedente : 
si trova di prereienza nelle argille a Collegomi. 

Meretrix (Cytherea) pedemontana, Àgassiz. — Co- 
mune assai ed in grossi individui nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

M. multilamella, Lamarck. — Fìuttosto rari ma belli 
esemplari nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

M. subapenninica, Men^hini. (De Stefani, Foss. plioc. 
dei dint. di S. Miniato. Op. cit). — Baia nelle sabbie presso 
Spicchio, piii frequente a Fancoli. 

M. tudis. Foli. — Frequente nelle sabbie a Fancoli, rara 
in quelle tra Spicchio e Limite. 

Circe minima, Mont^n. — Si trova ovunque, pì£i comu- 
nemente nelle sabbie che nelle argille. 

Dosinia exoleta, Linneo. — Fiuttosto frequente nelle 
sabbie tra Spìcchio e Limite. 

D. Hncta, Fultnej. — Non rara nelle sabbie presso Spìcchio. 
Venus pliocenioa. De Ste&nì. = V. pUcata, auot. (non 

Gmelin). — Si trova comunemente tra Spicchio e Limite, dì rado 
alle Grotte. 

Avendo recentemente il prof. De Stefani {Icon. dei moli, plioc. 
dei din. di Siena, op. cit. pag. 13) separato la specie fossile dalla 
y. plicata del Gmelin vivente nel mare del Senegal, accetto le 
eonclosioni sue. 



DigmzcdbyGoOgle 



J 



V. gìjas, Lamarok. = V. utnbonarìa, Lamaiek. — Co- 
mune nelle sabbie tra Spiccio e Limite. 

A questa specie deve darsi il nome speci&co di gigot perchè 
così, prima di umbonaria, venne chiamata da Lamaick. 

Y. islandicoides, Lamarok. — Comonissìma ed in grossi 
individai nelle sabbie presso Petroìo; meno comune ed in indi- 
vidui più piccoli nelle argille a Spicchio, a Coll^nzi ed alle Grotte. 

V. eicentrica, Agassiz. — Non rara nelle sabbie a Pancoli. 

I miei esemplari sono un poco piti inequilaterali dì quelli 
figm:ati dall' Agassiz. (Iconograpkie des coqutlles' iertiaires. Extrait 
du tome TU des nouveauz memoires de la sociétè helyétìqne 
des aoiencee naturelles. 1845, p^. 34, tav. V, fig. 9-11). 

V. yerrncosa, Linneo. — Unitamente alla V. exeentrica 
e con la medesima frequenza. 

Y. gallina, Linneo. — Comune nelle sabbie presso Pe- 
troìo; meno frequente nelle aigille a Coll^nzi ed alle Grotte. 

V. Amidei, Meneghini. (De Stefani. Foss. plioc. dei ditti, 
di S. Miniato, op. cìt.). — Non rara nelle ai^le presso Limite ; 
più rara a Spicchio. 

Y. Casina, Linneo. — Non rara nelle sabbie tra Spicchio 
e Limite, a Pancoli ed a Gavena. 

Y. orata, Pennant. — Frequente nelle sabbie a Pancoli; 
meno comune tra Spicchio e Limite. 

Lacinopsis undata, Pennant. — Un solo individuo nelle 
sabbie tra Spicchio e Limite.. 

Questo mio individuo è assai grande e punto sMato trasver- 



Tapes Basteroti, Mayer. — Non rara negli strati alti 
pre: so Limite ; meno comune a CoUegonzi e sotto Cerreto Guidi ; 
comuoissima ed in grossissimi individui presso S. Ansano. 

T. Genei, Michelotti. — T. appenninica, Foresti. — Non 
rara ed in grossi iudìTidui nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Questa specie fa chiamata da molti paleontologi italiani 
T. vetula, Basterot. I miei esemplari differiscono da quelli de- 
scritti e figurati con questo nome dal Basterot [Deseription géolo- 
gique du bassìn (ertiare du Sud-Ovat de la France. Pag. 89, 
taT. 6, fig. 7) e dall'HOmes {Die foss. Moli. etc. pag. 114, tav. 11. 
fig. 1) per essere più inequilaterali, per avere il bordo anteriore 



DigmzedtìyGOOgle 



IL PLIOCENE DEI DINTOBHI DI CERRETO-OUIDI ECC. 83 

pia allungato e depresso sotto gli amboni, e per le maggiori dimen- 
sìodì, r^^ongendo alcuni 10 cent, in lunghezza e 7 in altezza. 
Se teneste differenze e quelle notate dal Foresti, {Contribuitone 
alla eonehiliologia teriiaria italiana. Ili) sono, eome ritengo, 
sofficienti per distisgnere la nostra forma da qnella del Basterot, 
le bi deve attnbaire il nome di T. Genei, datole ginstamente dal Mi- 
cbelottì assai prima di qnello di T. appenninica proposto da Foresti. 

T. geogiaphìca, Linneo. — Cornane nelle argille salma- 
stre deUe Grotte insieme con Mydrobia proeera, Mayer. 

T. nitens, Fbilippi. -~ Piattosto frequente nelle sabbie tra 
Spìcchio e Limite. 

T. laeta, Poli = Venm eremita. Brocchi. — liara ed in 
piccoli individui nelle sabbie presso Spicchio. 

T. edulis, Cbemnìtz. — Assai abbondante in an banco di 
Gardium edule. Lina, in terreni fra i piìl recenti del nostro plio- 
cene, a Toiano, presso Gerreto-Qnidi ed all'Apparita, presso Lam- 
porecchio. 

T. senescens, Doderlein. — Una sola Taira nelle argille 
sotto Coll^nzi. 

n mio è nn poco piti piccolo dell'individuo figurato dal Coo- 
coni, più arrotondato, meno allungato posteriormente e con le coste 
tnaTersali pib evidenti. Per la sua brevità posteriore è io certo 
modo intermedio fra questa specie e la T. Dianae, Bequien, di 
terreni un poco più recenti ; ma di questa è meno triangolara e più 
rigonfio nel margine umbonale posteriore. 

Corbicula flnminalis, Milller; var. trtgonula, Wood. — 
Qaesta bella specie è frequentissima a S. Zio, presso Cerreto-Gnidi 
unitamente alla Vivipara eontecta, Mill. ; meno abbondante ma 
nel medesimo strato a Stroniano ed a Montauto, sempre nei din- 
torni dì Cerreto-Guidi. 

Per la forma la nostra concbiglia, più ancora di quella che 
il Wood chiamò trigonula, si allontana dalla C. ftuminalis vi- 
vente ÌQ Egitto ed alla qaale lo stesso Wood riconobbe doversi 
riferire la sua ; è assai più triangolare e rilevata, più alta ed 
ìnequilaterale ; ha gli umboni più rialzati e ricurvi io avanti e i 
denti più Inughì e robusti. 

Aiinus trausversns, Bronn. — Rarissimo nelle sabbie 
in vicinanza di Spicchio. 



>dbyGoogIe 



84 A. FUCINI 

Diplodonta rotnndata. Montai — Comiine ndle 
sabbie a Fetroio ed alle Grotte; piuttosto rara tra Spicchio e 
Limite. 

D. Wttodi, Njat = D. dilatata, Wood (non Philippi). — 
Rarissima nelle sabbie a Po^o al Loglio. 

Questa specie era fino ad ora notata solo nel Belgio (Nyst, 
Conchiliologie des terrains tertiaires de la Belgique, 1881), nel 
Crag io Inghilterra (Wood, A monograph on the Crag mollusea, 
1850-1856) e nel Monte Mario (Meli e Ponzi, MoUuseU fossili 
del Monte Mario presso Roma, 1886. Att d. R. Acc. d. Lincei, 
ser. 4', voi. III. Classe d. Se. fisiche, ecc.). 

Donai semisttlata. Foli. — Comune nelle sabbie a 
Spicchio ed a Limite ; meno frequente a Fancoli, a Fetroio ed 
alle Grotte. 

Iphigeni'a fragilis, Linneo. — Comnnissima nelle sabbie 
presso Fetroio ; meno frequente a Spicchio, a Limite, a Faocolt 
ed alle Grotte. 

Fsammobia Labordei, BasteroL — Questa bella specie 
non è rara nflUe sabbie presso Spicchio ; coincide perfettamente 
con gli esemplari del bacino di Vienna descritti e figurali dal- 
l'Hilrnes {Die foss. Moli, etc.). 

F. ferroénsis, Chemnitz. — Unitamente alla P. Labordei, 
ma con minor frequenza. 

Solecurtus coarctatas, Omelin. — Comune nelle sabbie 
a Fetroio; piuttosto raro nelle sabbio e nelle argille tra Spicchio 
e Limite. 

Folla legumen, Linneo. — Non molto rara ed in grossi 
individui nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Nei miei esemplari si distinguono benissimo le zone radiali 
sagrìnate, il che non sembra avvenire per la medesima specie del 
bacino di Yienna citata dall'H^mes {Die fon. Moli. etc.). 

£q8Ìs magnus, Schumacher = Soleii ensis, Linneo. — 
Comune assai nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Solen vagina, Linneo. — Comune nelle sabbie tra 
Spicchio e Limite, a Pascoli, a Fetroio, alle Grotte e presso 
Fucecchio. 

Mesodesma cornea, Poli — Rara assai nelle sabbie 
presso Petroio. 



DigmzedtìyGOOgle 



IL PLIOCENE D 

EtTilia Nardii, De StefaaJ. — Unitamente zW'Bydrobia 
jiroeera, Mayer, nelle argille inferiori delle Grotte. 

Hactra snbtrnncata, Da Costa = M. triangula, Ke- 
nier. — Frequente nelle sabbie tra Spicchio e Limite ed a' Pe- 
tioio. 

M. stnltornm, Linneo <= M. infiala , Philippì (non 
Bronn). — Gomade e spesso colorata in rossastro, nelle sabbie 
tra Spicchio e Limite ; rara a Petroio. 

M. helvacea, Chemnitz = 3f. neapolitana, Poli. — Rara 
nelle sabbie tra Spicchio e Limite. 

Liitraria rugosa, Chemnitz. — Frequente ed in grossi 
iodividai nelle sabbie presso Petroio ; meno comune a Collegonzi, 
alle Grotte e sotto Cerreto-Guidi. 

L. elliptica, Lamarck. — Piuttosto rara nelle sabbie 
presso Spicchio. 

Cardili» Michelottii, Deshayes. — È piuttosto rara 
nelle sabbie preciso Spicchio. 

Sphaenia Binghami, Turton. — Di questa rara specie 
ho trovato due valve, una nelle sabbie tra Spicchio e Limite, 
l'altra presso Petroio. 

Cortola gihba. Olivi. — Comunissima nelle aitile a 
Collegonzi ed alle Grotte ; meno frequente nelle argille e nelle 
sabbie tra Spicchio e Limite, a PmicoIì ed a Petroio. Gli individui 
che si rinvengono nelle sabbie sono generalmente più piccoli e 
minormente ' allungati nella parte posteriore. 

Glycymeris Fanjasi, Ménard de la Groje = 3fya 
Pampaea, Brocchi. — Assai comune nelle sabbie tra Spicchio e 
Lìmite ed a Petroio. 

Saiicava rugosa^ Linneo. — Rarissima nelle sabbie tra 
Spicchio e Limite. 

Gastrocfaaena dubia, Pennant. — Non rara nelle argille 
u nelle sabbie tra Spicchio e Limite, a Collegonzi, a Petroio ed 
alle Grotte. 

Pholas candida, Linneo. — Comunissima alle Grotte, 
ove ricopre da sola uno strato sabbioso ; meno frequente a Petroio 
. e presso S. Ansano. 

Lorìpes Savii, De Stefani. — Comunissima nelle sabbie 
a Petroio ; meno frequente alle Grotte ed a Spicchio. 



>dbyGoogIe 



Lucina dÌTaric&ta. Linaeo = Z. commutata, Ffai- 
lippi. — Comnne nelle sabbie a Fetroio ; rara a Spicchio ed 
a GavoDa. 

L. crenulata, Wood. — Non tanto rara nelle sabbie 
presso Spicchio. 

Tellina planata, Linneo. — Comune ed in grossi indi- 
vidui nelle sabbie tra Spìcchio e Limite ; rara a Petroìo. 

T. compressa, Brocchi. — Rara nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite. 

T. elliptica, Brocchi. — : Frequente nelle sabbie tra Spic- 
chio e Limite ; rara a Pancoli. 

T. lacunosa, Chemnitz = T. tumida, Brocchi — Piut- 
tosto rara nelle sabbie presso Spìcchio. 

T. nitida, Polì. — Frequente nelle sabbie presso Spicchio. 
T. pulchella, Lamarck. ~ Questa specie spesso colorata 
in rossastro ò comunissima nelle argille a Spicchio, a Limite ed 
a CoUegonzi: meno frequente nelle sabbie. 

T. donacina, Linneo = T. striatelta. Broccia = T. sub- 
carinata. Brocchi. — Non rara ma In piccoli esemplari a Spic- 
chio, a Petroio ed a Gavena. 

Arcopagia ventricosa, Marcel de Serres. — Piuttosto 
frequente nelle sabbie tra Spicchio e Lìmite. 

Syndosmya alba, Wood. — Bara nelle sabbie tra Spìc- 
chio e Limite. 

S. angulòsa, Benier — S. prismatica, Montagu. — Co- 
mune nelle sabbie b^ Spìcchio e Limite ; meno frequenta a Pan- 
coU, a Petroio ed a Gavena. 

S. ovata, Philippi, — Unitamente aiVffpdrobia procera, 
Mayer, nelle aitile inferiori alle Grotte. 

Pandora inaequÌTalTÌs, Linneo. — Bara nelle sabbie 
presso Spicchio. 

Thracia pubescens, Pultney. — Bara nelle sabbie 
presso Petroìo. 

T. papyracea, Poli. — Bara nelle sabbie presso Petroio. 
Clavagella bacillnm. Brocchi. — Attrìbuisoo a questa 
specie i tubuli marginali dì un indiriduo trovati nelle 'sabbie 
presso Spìcchio ed un frammento di tubo trovato a Petroio. 

A. Fdcini. 



>dbyGoogIe 



IL PLIOCXNB DKI DINTOKNI DI CERRETO-QUIDI ECC. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA H. 



Conm Caroli, Facini. 

Potamidet Bargellinii, De St«f. 

PecU» Aleitii, PhiL 

Area Idaa, Facini. . 
. Lepton tgitamotum, Hont ('/i}> 

Id. (puticQlui). 
L Lepton Stefana, Facini (>/<}• 
I. Id. (puticoluì). 



\ 



,db,Google 



,db,Google 



Meli d Soc Col hai Vol,X(l«Sl ) TavII (FnimlTavI) 



DijilizodbyGOOgle 



,db,Google 



BoUelt d Soc-Geolo$ Ital. 



Voi X (1891) Tavin Ojcim T.vn) 
I 



1 « ? ^ (le?)' Strato aahnajOv con OpkteaniebjM 3 Straio tahbioto amAigtifinf . 
4 |4). StrrUe tBlmaM ra awi-Jlt niahiirllaMma ghiiiiima . Je Sl^. 
5.Dr«Ucdffistic. EEM^iv^- EESI^'^". 



Flg,2 



i. {8) Strato talmaatra 2|7I Strato aatmaatro 
ZAVì). Strato mlmnjlro HO i Strato tolmnairo 

ftZ3 •'■»■"'■ EalS ■"■»»»- 




\\&^- Strato saimaxtn 2 ' 7 > Strato aaimatiro 3 ifì) Strato labnastro. 

il B>. Strato taimaatro S Strato taròoto 6 Strato iorbofo 

7 Haì.XtralombiauiJIl latirblaJaI ['" ^ ArgUlr K'' ''J_J lòi**' 



fj<;ala di la 1.1.000. 



D,3,t,zcdbyG0t)gle 



,db,Google 



POSSILI LIASICI CALABRESI 



Avendo dimorato alonn tempo a Rossano ho potuto fere sni 
teneai costituenti il suo circondario delle osserrazioni, che renderò 
note in ma prossima pubblicazione ; intanto credo utile alla cono- 
scenza dei terreni secondar! calabresi pubblicare, con l'aiuto del 
prof. De Stefani al quale sono gratissimo, questa nota preventiva. 
Tra il paese di Gropalati e quello di Longobucco e tra questo 
e Boccbigliero, nella provincia di Cosenza, è notata, nella carta 
g'ealogica d'Italia, una formazione triassica la quale anzi dal Lovi- 
mIo (Cerni geologici e geognottiei sulla Calabria settentrionale. 
Ball. d. B. Com. geol. VoL X, pag. 27, 1879) fu ritenuta più antica, 
perchè sottostante ad arenarie rosse da lui credute triassiche. 

Fu in un calcare nero di questa formazione che, sulla strada 
da Cropalati a Loi^bacco e all'incontro del fiume Trionto con il 
torrente Ortìaoo, vennero dall'ing. Cortese rinvenuti dei braohio- 
podi, i quali ftuono deteimlnati come triassici ed ascritti prima al 
piano retico dal Canavari (Braehiopodi retici della Calabria 
Citeriore. Att. soc. tose. se. nat. Voi. IT, p^. 113) dopo al Lias 
medio (>). Le specie indicate di questa località sono tre, una Spi- 
riferina che il Canavari ritiene intermedia tra la >^. praecttrsor, 
Zugm. e la 5. rostrata, Sohl. ; la Waldheimia norica, Sss. {forma 
ellittica) e la Rhynchonella aubrimosa, Schafh. 

Senza conoscere allora la scoperta del Cortese, mi imbattei io 
pare nella medesima località nel calcare nero con braehiopodi e 
ne estiassi i seguenti fossili: 

Serpula filaria. Gold. 
Peetea Hehlii. D'Orb. 

(<) lUloiìoDe annools dell'Ispettore capo al B. Comitato geologico sul 
ImToro della carta g<!ologica(ie89-90) Boll, del B. Com, geol.dltalia, voi. XXI 
Parte nfficiale, pag. 21. 






,db,Google 



P. lextorius. Schl. 

P. ThioUieri, Mart 

Modiolaria Oemmellaroi, Di Stef. 

Avicula sìnemuriensis, D'Orb. 

Pinna JBarimanni, Ziet. 

Cardium submulticostatum, D'Orb. 

C. Philippianum, Dnn. 

Pholadomya olivaemis. Di Stef- 

Ph. Idea, D'Orb. 

Ph. corrugala, K. nnd D. 

Ph. congenita, Seg. 

Gomomya antegenita, S^. 

Pleuromya lauromenitana, Seg. 

Spirifertna rostrata, Schl. 

iS- rethica, 8^. 

RhynchoneUa curvicepi, Qoenst. 

^A. fissicostata, Sss. 

AÀ. pltcatissima, Quenat. 

^À. Schopeni, Di Stef. 

i^À. Zwa, Di Stef. 

AA. olivaensis. Di Stef. 

flA. con-ecta. Di Stef. 

Terebratula punetaia, Sow. 

7". Proserpina, Di Stef. 

B^/rfAej'mifl cornute, Sow. 

Tf^ perforata, Piet. 

W. sarthacemis, D'Orb. 

TT. Phaedra, Di Stef. 

TK. subpeniagona, Seg. 

W. polymorpha, Seg. 

li fossili, quasi tutti trovati dal Di Stefano a Taormina in 

are nero identico al nostro ritenuto in parte retico dal Se- 
ma che il Di Stefano {Sul lias inferiore di Taormina e 
dintorni. Gior. d. soc. d. se. nat. ed econ. di Palermo. 

lVIII) ha riferito alla parte superiore del lias inferiore, mi 

lersuaso trattarsi di lias inferiore, 
di sopra cinquanta e più metri allo strato racchiadeute i 



>dbyGoogIe 



rOBSILI LIASIGI C 

fossili citati, se ne trova un altro di calcare marnoso meno com- 
patto e di color cenere con cefalopodi focili, riferibili alle specie 
della parte inferiore del lias snperiore della medoBima località di 
Taonnina, studiate dal Gemmellaro. {Sopra taluni Earpoceratidi 
del liàs superiore di Taormina. Palermo, 1885). 
In questo calcare ho trovato i fossili sedenti: 

Fueoìdes sp. 

Belemnites sp. 

Uarpoceras Paronai, Gemm. 

E. Lotta, Qemm. 

H. Caaavani, (Jemm. 

ff. Timaei, Gemm. 

Coelocera» Raquinìanum, D'Orb. 



>dbyGoogIe 



LA CARTA GEOLOGICA D'ITALU 

JBBLICATA PER CURA DEL R. UFFICIO GEOLOGICO 

NEL 1889. 



Varie occupazioni mi baoDO impedito fin qoì di fare qualche 
ìrvazione aUa suddetta Carta. Pochi loatn sono passati dalla 
iblicazione delle carte del Giuli, del La Bèche, del Collegno, 
Curioni, del Pareto, del Sismonda, del Savi, del Men^hini. 
Campani, ecc. ecc. ma grande, se non sempre rettissimo, è 
to il cammino fatto. 

Dell'ultima Carta diamo lode al R. Ufficio geologico e di qual- 

menda non intendiamo iar critica, poiché il meglio è nemico 
bene, bensì la indichiamo a ciò possa meglio esser corretta 
l'avvenire: s'intende non terremo conto delle rettificasieni dovute 
avori successivi ma solo di quelle che potevan farsi nel momento 
ta stampa della Carta. 

Un privato avrebbe certo avuto sua a disposizione mezzi infini- 
lente minori e gliene sarebbero venuti maggiori errori, compen- 
i solo in parte da quella mag^ore unità che avrebbe impresso 
L carta, evitando di sparpagliare troppo sovente terreni della me- 
ima età in altrettanti piani divertii, quanti foiono gli osservatori 
medesimi ne' vari luoghi. 

Quanto all'ordinameato de' terreni non faremo osservazioni, es- 
do esso affatto convenzionale e variabile. Però non ci piace l'a- 
lone ufficiale dell'aggettivo cretacico pel terreno della Creta. 
U) prima cretaceo. Il suffisso dell'aggettivo aggiunto al sostantivo 
la dà cretaceo^ come 8'usava,o cretoso, e se vigliamo eretico e ere- 
; ma aggiungere il suffisso ico dell'aggettivo ad un altro ^^ettivo 
tacco per far cretacico non sta nel carattere della lingua ìta- 
la nò di alcuna delle lingue indo-germaniche. 



>dbyGoogIe 



LA CARTA OEOLOaiCA D'ITALIA 93 

Lodiamo la parBimonia nell' iadicazione delle rocce enittÌTe. 
qoantimqae forse sarebbe stato bene aggiangere la serie delle rocce 
piiosaeniche a distinguer 1« quali non ci mancano oramai gli studi 
ed i criteri. Vedremo però or ora ohe spessissimo l'ordinamento 
della tabella non è stato bene applicato huI terreno. 

Classico modello di divisione delle rocce eruttive è presentato 
dalla Carta geologica di Francia pubblicata quasi cont«mporanea- 
ment« alla nostra e diretta dal Michel-Iiévy, valentissimo fra i 
litolc^. 

Passiamo ora all'esame top(^;rafico. 

Appetto all'edizione anteriore del 1881 importanti modifìcazioni 
troviamo nellaSard^a ('); ma le più importanti e quelle che se- 
gnano il piil reale perfezionamento della Carta d'Italia sono le mo- 
dificazioni segnate nelle Alpi Occidentali. 

Osservando la distinzione del Gneiss centrale e de' Graniti 
e Sieniti con dne colori diversi, in Sicilia, Sardegna, Calabria, nelle 
isole Toscane e nelle Alpi notiamo che la distinzione non ci pare 
sempre esatta, né perciò sempre opportuna, giacché le due rocce 
Gneiit eentrale e Granito, meno nelle isole Toscane, all'Adamello 
(dove secondo le classicazioni di Rosenbascb, e di Fouqué e Mìchel- 
Lévj si sarebbero potate indicare le Rocce an^boliché) e in 
pochi altri lucrili, sono a\ strettamente connesse, da non potersi 
di^iLDgere in nna carta a sì piccola scala. Credo sarebbe stato 
più opportuno riunire Gneiss eentrale e Graniti e separare le Sieniti 
mettendole a sé od a^ac^endole a qualche altra distinzione della 
tabella, p.e. alle Rocce anfiboliche od agìiSckisti cristallini. Cob\ sa- 
rebbe anche sparita quella certa antinomia che esiste fra la divisione, 
quasi sola, del Gneiss centrale, applicata alle Alpi Piemontesi, che 
secondo me è la più esatta, e la classificazione di terreni identici 
con nomi diversi in Corsica, Sardina, Calabria ed altrove, che po- 
tevano quasi per l'intero indicarsi pur come Gneiss eentrale. 

Forse più fiagraate é la contraddizione che apparisce fra i 
vari luoghi nella divisione degli Sehistt eristallini attribuiti al- 
l'Arcaieo. Giusta è quella distinzione per la Sardegna, per la Corsica, 
per le Alpi; sono schisti cloritìci, anfibolie!, micaschisti e simili. In 

(') ^EP parecchie modiflcatioDÌ potiebbero essere indicate nnche pei U 
Saidegna io aegaito tì mio recente Tiitggio £tttoTÌ. 



>dbyGoogIe 



94 C. AB STEFANI 

Sicilia ed in graDdissima parte deUa CaUbris, Bono aasimiUti a 
qudUi terreni eminentemente diversi, serìcitici, carboniosi, meta- 
morfosati certo, ma non affatto altamente cristallini come i predetti, 
e tutt'al più protozoici; anzi secondo fossili indicativi appartenenti 
certamente nella parte superiore al Devoniano {Trimerocephalus 
diPazzaao) e forse al Carbonifero {Amblyptents e felci dì Boc- 
cafiorita). In Sicilia ed in Calabria ai ripetono Schùii crittallini 
identici a quelli delle Alpi ma solo in piccola parte dell'area indi- 
cata con tal nome. 

Vediamo poi invece indicati come Permiani gli Sekistt cristal- 
lini identici ai predetti delle vioinanze di Savona : ano stadio litolo- 
gico avrebbe mostrato che non era il caso di cambiare l'opinione 
di quegli arcidotti geologi che furono il Pareto e il G-astaldi. Così 
le Rocce mfiboUehe si comuni nelle Alpi, facenti part« della 
zona degli schisti cristallini, non le vediamo segnate in Calabria 
dove si ripetono identiche e comuni, non nei dintorni di Savona 
dove appaiono nel cosi detto Permiano, ed appena tracce ne sono 
indicate nell'Appennino Lignre occidentale ove dovrebbero occupare 
quasi tutto il post« segnato per le Serpentine. Anche le Serpentine 
dell'eocene Apenninico sono troppo estese a acapito delle Diabasi. 
É da notarsi che in quella zona d^U Schisti cristallini, anotie nelle 
Alpi, come nell'Appennino lignre orientale, dovranno separaiai i wl- 
cwchisti e gli schisti micacei carboniosi, che saranno da attriboirsi 
probabQmente al Protozoico, Nelle Alpi strette pieghe non ancora 
decifrate li strii^no in mezzo agli Schisti cristallini più antichi. 

Siliirio e Cambrico son sanati rettamente in Sardegna. Va- 
nendo a que' terreni quasi tutti i così detti impropriamente Sekitti 
cri&iallini di Sicilia e di Calabria, ci si accostava di più alla rerità 
indicata dal carattere litologico, dalla stratigrafia studiata sotto il 
velame de' parziali rovesciamenti, e dal Trilobite di Fazzano. 

Un altro Silurio e Cambrico doveva essere sanato al posto 
del Permiano nelle Alpi Apuane. Quivi sono dei fossili; cioè 5 
6 specie di Orthoeeras, Cardiola. e Poraminifere; ninna traccia 
di specie permise; abbondanza esclusiva di forme eiluriane. Si 
poteva determinare l'età del terreno Scendo studiare i fossili, 
giacche la paleontologia, come la litologia, oon sono una opinione. 

Permico e Carbonifero sono indicati in molti lu(^hi. Ho detto 
esser probabile che vi rientri non piccola parte degli Schisti eri- 



>dbyGoogIe 



LA CARTA GIOLOOICA D ITALIA 9k> 

Stallini dì Sicilia e di Calabria. Vicefersa dovrebbero nBcirne i 
teiteni intorno a Savona, attrìbnibili, come diasi, parte agli Sehiati 
erittallini, parte alle Rocce anfiboUcke, ed i terreni ceotrali delle 
Alpi Apuana contenenti i detti foasili siluriani. Speseissimo poi 
à vede indicato il se^o p del Pennico, piuttosto che quello e del 
Carbonifero, mentre dovrebbe farsi il contrario. Il Pennico è ra- 
ri^ìmo, e nell'ApeiiniDO, come già dissi altre volte, non se ne co- 
nosce la minima traccia. Si è preteso potesse esser permica la fiora 
da me scoperta nel Monte Pisano; ma posso dire ormai che le 
pretese specie analoghe al groppo di Damada nelle Indie sono fon- 
date sopra determinazioni non esatte e che la flora ha caratteri 
nettamente cuboniferì. 

Poco dirft del triasico del retico, del giura-Uanco. Porse 
non occorreva separare il retico. Qualche differenza di parere che 
ri potrebbe essere sulla divisione di que' terreni non uscirebbe 
forse dai limiti delle dìve^enze individuali, temporanee, sempre 



II Cretacico non in ancora ben distinto dappertutto; alenai 
terreni eocenici o giuresi sono ancora s^ati come cretacei; alcuni 
altn provisorìamente indicati come tali non Io sono. P. e. i monti 
di Civitavecchia eono messi Dell'eocene; ma gli unici criteri per 
aver fatto ciò sono l'aver trovato, dìcesi ■ una nummulite micro- 
scopica ■ ed il ritenere che gì laocerami appartengano anche all' eo- 
cene; dobbiamo credere che non si sia domandato in proposito il 
conàgUo de' paleontol(^. Del resto tutti gli altri fossili, Fncoidi 
e Alcionari, escludono l'eocene e fanno ammettere la Creta. Cosi 
la Creta è ancora di gran langa troppo estesa ne' diotornì di Fi- 
renze; nel Yaldamo e nel Chianti dovea quasi sopprimersi; così 
nei dintorni di Fennabilli, mentre, in pìccolissimi tratti, a guisa 
di spmzEi, poteva segnarsi nel posto dell'Eocene e del Miocene in 
tutto il versante Adriatico dell' Apennino a settentrione dì S. Marino. 

Perì'Soceae ripetasi quel che si è detto della Creta. Si po- 
trebbe armigere che una buona quantità di terreni indicati col 
colore del Miocene appartengono invece all' Eocene. Così è pretta- 
meute eocenico tatto il Miocene estesamente segnato sui due lati 
della Val di Chiana in Provincia d'Arezzo ; l'equivoco non è fticile 
essendovi anche molte nnmmnliti; cosi andrebbe sostitnito l'Eocene 
al Miocene in grandissima parte de' monti che stanno fra la si- 



DigmzcdbyGoOgle 



98 e. DE BTEPAM 

nistra dell'Alto Terere, il Chìascio, il M. Jaao ed il Marecdiia. 
Andrebbe pure aggiunto iéìXeoce/iico nel versante adriatico, in 
mezzo alla grande estensione di miocene, in massima parte s^^nata 
ora giustamente per la prima Tolta ira la Mareechia e Firenzuola. 
Così si son sanati miocenici invece che eocenici parecchi lembi 
dei dintorni di Coltagna, di Berceto e d'altrove. L'edizione ante- 
riore dell881, sotto questi punti, come sotto parecchi altri, è più 
esàtta'e preferìbile all'edizione presente. 

Quanto al Miocenico, oltre al ripetere le cose dette dianzi, 
osserviamo che andrebbe sostituito quasi per l'intero dal Pliocenico 
in tutta la valle del Tevere, da poco sotto Umbertide in giii. Come 
poi si son messi giustamente nel Miocenico ì terreni tongriani o 
bormidiani etc. di Tal di Bormida, si potevano segnare collo stesso 
colore 1 terreni contemporanei, uniti invece all'^tjcettf, del Vicen- 
tino e di Calabrìa. 

Foco giusti&cabile, come abbiamo già detto, ci pare la distin- 
zione della Zona gessoso-solfifera e ci auguriamo che in una futora 
edizione scompaia. Una carta geologica può avere carattere tecnico- 
industriale o carattere scientifico: volendo serbare carattere scien- 
tifico quella distinzione era superfiua; volendo dare carattere in- 
dustriale era altrettanto importante distinguere la zona marmifera, 
la iona Ugnittfera, le ione miiaiiifere, la zona allumifera, le sone 
argillose etc. Osserviamo poi che quella indicazione della sona ges- 
iOj0-j<>/^/'«ra, principalmente nelle Bombine, pecca in molti altri modi: 
infatti essa non comprende solo la zona dei gessi e dello zolfo, cioè 
il cosi detto Miocene superiore o piano pontico o piano gessosa 
ecc. ma comprende una grandissima serie di altri strati che non 
contengono gesso né zolfo e che appartengono a piano diverso, cioè 
a quel Miocenico distinto con altro colore di cui sì è parkto prima. 
Sembra che in questo caso si sia inteso come formazione gessoso 
solfifera, l'insieme di quella zona vera e propria insieme coi depositi 
che le stanno sotto e che con essa non hanno che fare ; cosi altra 
volta vedemmo chiamare formazione marmifera l'insieme degli strati 
marmiferi triasaici e degli strati siluriani sottostanti che non con- 
tengono marmo; così altri potrebbe estendere il nome di forma- 
zione lignitifera anche agli strati eocenici o mesozoici che stanno 
sotto ai bacini terziari neogenici ; ma siffatto modo di vedere non 
ci pare adottabile. Per giunta poi quella distinzione di sona gessoso- 



>dbyGoogIe 



LA CARTA OEOLOOICA B'ITALIA 97 

ml^fera non ò applicata a tutti i terreni gessosi del Tera&bte tir- 
reno che sono litologicameote, paleontologicamente e cronologicamente 
identici a quelli di Bomagna e di Sicilia; questi terreni del ver- 
sante Tirreno sono imiti in parte, giustamente, al Miocenico, in 
parte, impropriamente, come ne' Monti della Tolfa, al Pliocenico. 
Facriamo voti che tutta la zona gessoso-tolfifera sia unita un'altra 
volta eoi Miocene o col Pliocene secondo il criterio cronolo^co 
che prevarrà. 

Pel Pliocenico rivedasi quello che abbiamo detto dianzi. Pa- 
recchi terreni di Calabria e di Sicilia, indicati come tali ; cioè il 
Zanclesno inferiore del Seguenza, appartengono al Miocenico. Al- 
cuni altri dell'Italia meridionale e di Sicilia andrebbero uniti al 
Quaternario antico marino, che qua e là è stato distinto. 

Per ultimo parmi meriterebbe d'essere esaminata la questione 
se, tra le rocce eruttive, non convenga unire le Andesìti piuttosto 
ai Basalti ohe alle Trachiti; è un fatto che tra noi le Andesiti 
sono piuttosto unite ai primi che alle seconde. Anche la distinzione 
tra Basalti e Lave basaltiche ci pare affatto superflua. 

Cablo De Stefani. 



DigmzcdbyGoOgle 



,db,Google 



CONTRIBUZIONE ALLA CONOSCENZA 
DEI BRIOZOI POSSILI ITALIANI 



Briozoi postpliocenici del sottosuolo di Livorno ('). 

n chiariBsìmo prof. Carlo De Stefani, raccolse recentemente in 
LÌTorno alcuni eeemplarì di ar^la, del postplìocene inferiore, assai 
ricca di Briozoi, che gentilmente mi offri per ÌBtndio. 

Per quanto rigoaida la località ed i riferimenti geologici colle 
rocce concomitanti, ecco quanto lo stesso prof. De Stefani si è com> 
pùcinto comunicannL 

Negli Bcari fatti per la fondazione del nuovo Mercato, presso 
il Politeama, fa traversata la Panchina calcarea, cornane net 
pian» di Livorno, e fu trovata ora in banchi continui, ora a grumi 
quasi isolati in un sabbione molto calcareo. Inferiormente oravi 
un sabbione ricco di conch^lie fra le quali il De Stefani raccolse 
la NaUea millepunclata Lk., Lutraria obloaga Chmtz., Cypnna 
islandica Lk., Peetaneulus bimaculatus Poli, Area diluvii Lk., 
e parecchie altre le qaali si trovano nella monogra&s dell' Appelius^ 
che descrisse le specie raccolte negli scavi dell'Arena Labronica, 
fàrtti in immediata continuità da quelli del nuovo Mercato {% 

Immediatamente 3ott« al sabbione sopra ricordato, a profondità 
di 4 a 5 metri, nei punti più bassi, in vicinanza al fosso ed in 

(■) Appelias, Catàlogo deUt conchiglie fonili del LioomeM, dtttMo 
dalle colUtioni e manotcritti del defunto 0. B. Caterinì. Fùa 1871. 

e) Nel verbale della rinnione di Napoli fa stampata una mia nota pie- 
reatìvA aema che io pntesii correggene le botze e porUni quelle modifica- 
ijriiii «h« bt> in atgvho fatte ai mìo lavoro; dichiaro quindi che non ei dirre 
tener conto ^cono di detta comoaicazione. 



■ DigitizcdbyGoOgle 



izione dello scalo, che ivi fu fatto per mo del Mercato, fu sco- 
ia per non più di cinque o sei metri quadrati, l'argilla con 
izoi, e che può chìamarei a Nucula placenlùia Lk. essenilo 
sta ana delle specie più caratteristiche trovatevi da De Stefani ; 
juesta argilla l'Appeliua indica varie specie, fra le quali una 
e pia importanti è Xlmbncaria Caterina Mngh. Nella por- 
le scoperta al Mercato nuovo oltre alla Nucula placeatina si 
ennero esemplari di Cytherea rudìs Poli, Modiola barbata Lin., 
te/i scabreilus Lk., P. pusto Penn., Janira maxima Lin., Nassa 
ùtriata Br-, Drillia sigmoidea Bron. e qualche corallario, che 
stano ana zona piuttosto profonda, come vedremo pure dall'esame 
Briozoari; questo strato è forse il quarto citato dall' Appelius 
1. e. p. 5). 

È interessante notare che Ivi presso, in formazione che deve 
oersi allo atesso livello dell'argilla, ai trovarono avanzi dell' ffi))- 
'Otamus Penttandi, e che nei sabbioni soprastanti al Cantiere 
andò ai rinvennero resti di Mephas antiquus. 

In questa monografia, mi occupo esclusivamente dei Briozoi 
senti nell'alalia, che contrariamente alla comune aspettativa, 
icirono interessanti, sia per numero, sia per qualità di specie; 
ò prima di procedere alla enumerazione sistematica e deaeri- 
le delle specie, non sarà privo d'interesse, accennare breve- 
ite quale sia stato il materiale raccolto nei residni ottenuti da 
hi centimetri cubici di argilla, col solito metodo del lavaggio 
lecantazione successiva. 

Foraminiferi. Numerosissimi, si contano a centinaia gli 
ividui, molti dei quali si potrebbero determinare ad occhio nudo, 
le specialmente le specie del genere Textularia, che superano 
te le altre anche in numero; cosi pure frequentissimi sono i 
Uolidi, le liotaline, le Cristellarie, le Nodosarie eco. 

Antozoi. Alcuni piccoli corallari monastrel molto giovani 
li difficile determinazione. 

Echinodermi. Molti sono gli avanzi lasciati da animali 
questo tipo; ritengo però che anche uno studio minuto diflicil- 
nte riescirebbe a dirci a quale specie di individui si debbano 
irire quei frammenti; tuttavia possiamo notare: delle placche 
adioli dì Echi/ioidi, piastre di Asterie ed articoli solidi (pezzi 
tebrali) di Ofiuroidi. 



>dbyGoogIe 



CWMBIBIZIONE ALLA COSOeCBNZA Dlt BRIOZOI TOaSlLI ITALIANI 101 

Termi. Alcuni individui di DUrupa, ed alquanti di Se}'- 
pala. 

Ostracodi. Holtissimi sodo questi piccoli crostacei, ma per 
lo piii a raJTe isolate, appartengono quasi tutti ai generi Cythere 
e CytKerìdea. 

Decapodi. Alcime chele e pochi altri frammenti, probabil- 
mente di Braehiuri. 

Lamellibranchi. Piccole valve di Leda, Venus, Cardium 
e Peclea rappresentano la m^gior parte dei molluschi bivalvi che 
ho separato, Ti 9i notano parò ancora altri generi; degno di menzione 
poi si è, come ho già fatto notare, la presenza della Nueula pia- 
cenlìna Lk. 

Pteropodi. Le conchiglie di questa classe di moHuschi, 
non si rinvengono mai intere, i frammenti rappresentano la parte 
tennÌDile conica della conchiglia, che rammenta quella della C/^r)- 
•lara. 

Gasteropodi Questi molluschi sono abbastanza numerosi, 
pa lo piii di mìDutissime forme, tanto da trovarsene non pochi 
più piccoli dei foramìniferi stessi. Predominano i generi Rissoa. 
FMimella, Bulla e Na$sa ; vi sono comuni i piccoli Ceriikii e fra 
qoesti la Triforis perversa ; frequenti pure le Pleurotominae, le 
Ameae e Calypireae, vi rinvenni pare alcune valve di Chiton. 

Bracbiopodì. Qaesta classe mi ha offerto una sola valva 
di Megalhyris decollata. 

Pesci. Molti piccoli otolìti. 

1 Briozoi lasciarono nell'argilla di Livorno una quantità 
griDdisaima dì frammenti, parecchi dei quali piritizzati, vi predo- 
DÌiUDo poi i fùstieini di Cicloslomatì. per quanto il numero delle 
specie sia minore di quello dei CheilostomaU. come apparisce dal 
seguente quadro, ove ho seguito la classificazione dell'Hincks, ad 
etteuHie dei Cidosbmutì, che l'ho modificata in parte secondo i 
«ncrtti del Busk. 



>dbyGoogIe 



Cellulariioas . 
Cbllariidak. . . 



ÌTeM BRANI POR IDAE 



MlCROPORELLlDAE . 



PORINIDAB . 



l Scrupocellùria elUptica Bensa sp. 

( Caberea Boryi Àndonin sp. 

) Celtaria fistuloia Linneo sp. 

I Membranipora retieubim Linneo sp. 

\ B annvlu» Manzoni. 

'l » « T»r. explanata n. ti 

i Mieroporella ciliata Linneo sp. 

/ Ckoriiopora lìrongniartii Aadonin sp. 

I Porina èorealit Bnsk. 

\ 1 columnarit Hanzoni sp. 

Lepralia adprtisa Bnsk. 

foliacea EIIìb et Solander. 

Portila undulata Benss ap. 

Btckaroidei perttua Milne Edwards sp. 

1 monilifera Milne Edwards sp. 

Smittia Landiòorovii Johnston sp. 
a Adae d. sp. 

Retspora celMOia Linneo. 

CO.L.,0.,DAE i '*°^°"' '"»'«'"■ ="*■ 

( 1 ramulota Linneo. 

\ SsLRHARiDAi ) Cupularia caaariemis Baak. 



ESCHAI 



Crisiidae. . 



Iduoneidae. 



1 TUBULIPOBIDAE. 
I HORNERIDAE . 



OrUia Hoenetii Kenss. 
1 elongata Uilne Edwards. 
n fiilulota Heller. 
" De Stefana n. ap. 
Idmonea atlantica Forbes. 
" vibieata Haoiuni. 
" pteudodittieha Hagenow. 
" Targionii n. ap. 

Filiiparta variam Heuss. 

» Delvauxii Pergens. 

Plutulopora SmittU Pergens. 
Entalophora proòotcidea Milne Edvarda sp 
n D'Anconae a. ap. 

( Diattopora latomarginata P'Orbigny. 
/ Metenteripora Eudesiana Milne Edwturds sp. 
[ ffomera frondiculata Lamarck sp. 
Fro.ndiporidae . j Frondipora Afarailii Michetin. 
Cerioporidae . ] Ceriopora globulut B«Qse. 



>dbyG00gIe 



CONTRIBUZIONE ALLA CONOSCENZA DEI BBIOZOI FOSSILI ITALIANI 103 

Nelle specie sorraindicate non v'è che la Cellaria fistulosa 
a cornane con quelle studiate dal Manzoni e provenienti pure dal 
quaternario del sottosuolo di Liromo, ma rinvenute in roccia dif- 
ferente, e cioè in un conglomerato superiore all' argilla ; dette specie 



Salicomaria farcimtnoides (Cellaria fistulosa) Johuston^ 
MembrarUpora Rosselii Andouio. 
Lepralia {Farina) Morrìsiana Bnsk. 

- {Cribrillina) innominala Conch. 

• (Mucronella) mammillata S. Wood. 

" {Schiioporella) unicornis Jolinston. 

» {Schizoporellaì) Bowerbankiana Busk. 



>dbyGoogIe 



1 
1 


F BM E 


Possili in lUlik 


FdsbUì fuori d'It. 


Viremi 


%SK" 


fi 

1^ 


pli 


il! 

4 


f 


11 
1' 


! 




1 


1 


■ 


ii 


1 1 

1 2 

1 ^ 
4 

5 

6 

' 
8 

9 

10 
11 
12 
13 
U 
15 
|l6 
17 
18 
10 
20 
21 
22 
28 
24 
25 
26 
27 
28 
29 


Scrupocellaria elUptica fisa. ap. . . 


* 




* 


' _ 


"^ 


- 


? 


- 


* 


* 


^ 


1 

"^!" 


Cdlaria fi»tulosa Lio. «p 

Afemiranipora reticulum Lìn. ap. . 

" atiMutìa Hans 

» " vai.ej;planatan.v. 
Microporella ciliata Lio. sp 

Porina boreali» Bk. sp 

" columttarii Muti. Bp 


* 


"w 




*4 


- foliacea EU. et Soli. . . 






Porella undutata Rss. sp 

Etcharoidet perluta M. Ed. np. . . 

monilifera M. Ed. sp. . 

Smillia Landìborovii John. sp. . . 

" Adae n. sp 

Retepora celluloia Lin 


- 










Cupularia canariensh Bk 


-► 












^ 




Oe Stefana n. sp 










1, 


■ pseudodiitìcha Hag 

» Targionii n. sp 




^ 






: 


-^ 


* 


■■"1 



,db,Google 



CONTRtBL'ZlONB ALLA COKOaCKKZA DEI BBIOZOI FOSSILI I 



r 




yosflili in Italia 


FosBÌli fuori d-lt. 


Viventi 1 


! 

|l j FORME 


e 

1 

i 


Titti 

1 


i» 


f 


Fri 


" 


al 

lì 

9 


"i 


II 


1 






Il SI 

|<3Ó 
'37 


Filiiparsa varian* Benss 

» Delvauxii Perg. 

Paitulopora Smittii Perg 

Eitìalophora proboicidea M. Ed. sp. 

• D'Aneonae n. sp 

Diattopora latomarginata D'Orb. . 
ìleseiUeripora Eudniana M. Ed. sp. 


* 




* 


* 




- 


* 






* 




_ 


'- 


.;39 


Ceriopora globulut Rss 


-► 


■^ 


-*- 




-^ 



Coa&ontando le indicazioni date dagli autori per le specie 
vifenti, si rileva, che l'argilla posteiziaria di Livorno è stata depo- 
sitata ad una profondità di 100 a 150 m., o tutto al piil di 200 m., 
giacché noi troviamo, che le specie rinvenute dall'Heller nell'A- 
driatico non sorpassano i 100 m. ; dal Waters nel golfo di Napoli 
si trovano tutte prima dei 75 m. ; presso le coste della Florida su 
8 specie che si hanno a comune, 5 provengono da depositi sotto i 
100 m. e solamente una specie r^giunge i 320 m., una seconda 
i 500 m., ed una terza arriva ad 820 m. Mi^giori sono le pru- 
fouditii indicate per le specie che troviamo nel magistrale lavoro 
deU'Hinks, ed infatti solo 4 specie vi sono indicata come prove- 
nienti da profondità inferiori a 180 m., 6 specie raggiungono 1 360, 
2 specie a profondità maggiori. Tenendo conto ancora delle misure 
indicate nella monografia dei Briozoi, dragati dal Challenger, e 
descrìtti da Bnsk, le otto specie che solamente troviamo a comune 
con Livorno sono così distribuite: 3 specie fino a 20 m., una a 
200 m., una a 270 m., due raggiungono i 750 m., solamente la 



>dbyGoogIe 



Panna boreaiii proviene da grandi profondità, giacché nell'Atlan- 
tico settentrionale fu dragata a 3475 m. ('). 

Le quote batimetriche ora riassunte, vengono esposte nel se- 
guente quadro, ove lascio le cifre, in fathoms od in faden, tolte 
d^li autori. 



d'iDgbìl- 



Scrupocellaria eiliptka Esa. bi>, . 

Caberea Boryi And. sp 

Celiarla fitluioia Lio. ep 

Membrattipora ret'culum Lin. ap. 
MicroporeUa ciliata Lin. sp. . . , 
Ckoritopora BrongniartU And. ap. 

Farina boreaiii Bk. sp 

Lepralia adpreata Bk. 

» foliacea El. et Sol. . 
Eackaroide» pertuta M. Ed. ap. 
Srnittia Landsiorovii John. sp. 

Retepora cetlulota Lin 

Celtepora ramulota Lin 

Criiia fistiUosa Hel 

Idmonea atlantica Forb 

llomera frondiculata Lk. sp. . 
Entalophora probosddea M. Ed. ap. 



40-50 
40-UO 
40-140 
IMO 
.130 
40-200 
30450 



30-140 

20^00 
30-140 
&-I70 
12-200 



100-120 
75-160 



Perciò che riguarda la distribuzione geografica, le 23 specie 

viventi, sono così ripartite; 15 nell'Adriatico, 21 nel Mediterraneo 

' e 19 nell'Atlantico specialmente settentrionale, giacché solo la 3fem- 

branipora annulus Hanz. (nella forma galeata) e \ Idmotiea atlaa- 

(') Non deve fare meraTÌglia che si posaa trovare nn Brìozoo ad una 
profondità maggiore di 3000 m., giacché si sa che la fauna abissale raggiun- 
ge pereino i 6000 m. e sono appunto solainebte i Brìozoi, gli Annellìdi e le 
Aacidie che fino od ora si sodo rinrenuti al di là di 5800 m. 



>dbyGoogIe 



CONTBlBl'ZtONE ALLA CONOSCENZA DEI BRIOZOl POSSILI ITALtAM 107 

tiea Forb. forano dragate all'Isola Eet^eleo; \' Entalophora pro- 
boscidea Edw. proviene anclie dall'Oceano Indiano. 

I confronti numerici colle principali formazioni geolc^ciie ci 
danno i seguenti risultati: sopta 39 specie, colle formazioni post- 
plioceniche di Reggio Czàd^iTO {Segueiua), se ne hanno a comune 
22 specie, e 23 con quelle di Rodi {Manzoni, Pergens) parimente 
postplioceniche ; col Crag d'Inghilterra {Biis&) ne notinmo 15 spe- 
cie; col pliocene di Modena e Piacenza 16 sp.{I/amiaa); col plio- 
cene di Reggio 25 sp. (Segitensa); questo numero sembrerebbe con- 
traddire alle fatte conclusioni, ma bisogna notare che il numero 
madore ci viene dato dai briozoi cheìlostomatì che sono 13 su 21, 
mentre i ciclostómati sono solamente 9 su 18 e questi ultimi sono 
di gran lunga predominanti per numero di individui sui primi. 
Anche i terreni miocenici ci danno una proporzione piuttosto eie- 
rata di specie a comune, così nel miocene inferiore dell'Alta Italia 
(Montecchio Maggiore, Crosara ecc.) se ne rinvennero 9 specie ( Wa- 
lers), 18 nel miocene di B^gio Calabro {Seguema) e persino 23 
Del miocene d'Austria ed Ungheria {Reuss-, Mamoni). Non ho ter- 
mini di confronto con formazioni eocenicbe; col cretaceo poi trovo 
a comaae solo 4 specie {D' Orbigny). 

Prima di passare alla descrizione delle singole specie mi corre 
l'obbligo di esprimere la mia più viva riconoscenza e ringraziare 
quindi pubblicamente i professori De Stefani, D'Ancona e Tar- 
gioni-Tozzetti, che gentilmente posero a mia disposizione le loro 
biblioteche, e nulla trascurarono affinchè questo lavoro riescisse il 
piti completo possibile. 



DigmzcdbyGoOgle 



BIBLIOGRAFIA. 



Slbnco delle principali opere citate nella presente monografia. 

3 Mariigli : Hiefoire physiqae de In mer. 

5 Cavolini : Memorie per aerrire &11a storia dei pclìpi marini. 
8 EUi* et Solander : Natnr. histor; of Zoophytes. 
8 Eiper : Die Fflanzenthiere in Abbìldan^en nach der Natar, oebst 

dentlicher BeschreibungeD. 
3 Moli: Die Seerinde. 
1 Lamouroux : Eiposition mélhodique des genres de l'ordre des 

PoJypìeTB. 

6 Andouin: Eiplicatian de plantes, de SaTignj, (L'Sgypte). 
Lamouroux : Encyclopedie méthodiqne des \'en. 

Munster (in Goldfuts): Petrefact* Germaniae. 
6 Milne Edwards : Recherches anatomtqaeB, phisiologiqties et zoolo- 

giqaes sor les Escbares. 

8 Mìlite Mwardi : Méiaohe sor lee Crìsies, lee Hornèies et pla- 
eieors antree Poljpes TÌTaots on foBBÌlee dont l'o^ani- 
sation est analogoB à celle dea Tnbnliporea. 

9 D'Orbigny : Voyage daus l'Amérique meridionale. 

1 Hatsall : Catalogne of Irìsh Zoophjtes. 

3 Pkilippi R. A.: Beitr. lur Kenntti. der Tertiftrverstein. d. nord- 
west!. Denta chJand. 

4 Couck R. Q.: A Cornìsh fauna. 
Jfichelin: Icooographìe ioaphjtologiqae. 

8 Rfut» A. E. : Die Fossilen Folyparien des Wiener Terti&rbcckens. 

9 lohmton: Hietory of Britiah zonphytes. 
0-52 ITOrbigny : Paleontologie fran^aise — TerraiiiB Cretacea, voi. V. 

1 Hagenow : Die Bijozoen der Maeatricliter Ereidebildong. 

2 Btak : Catalogue of the Marine Poljzoa in the Coilection of the 
Brìtieh Mosenin. 

6 n Poljzoa coltected b; Mac Andrew, Norwa; and Finm. 

8 1 Zoophytologj : Papera on Folyioa. 

9 n A monograph of the fossi! Pol;-zoa of the Crag. 
2 Stolickza : Oligocane Bryozoen von Latiiorf 
4 Reuti : Znr fauna dea Dentachen OberuligocAnB. 

Alder I. : Deacriptions of new British Polyioa. 
6 Reuts A. K : Die For. Anth. nnd Bryozoen dea dentschen Septa- 

lienthoDB. 
T Heller: Die Bryozoen des Adriatìschen Meerea. 
5-68 Smitt F. A.: Kritisk fCrteckning Ofver Skandinaviena Hafa-Bryozoer. 



>dbyGoogIe 



CONTKIBL-ZIOKC ALLA CONOSCENZA DH BRIOZOI POSSILI ITALIANI 109 

1869 Reiut A. S. : Die fossiien Anthozoea ODd BTyoioen àei fichìch- 

tengnippe Ton Crosaia. 
s Normann: Not«i od me Brìtiah Pol;ioft, witb DescriptioDB of 

ne* ipecies. 
n Mamtmi A. : Brìozoi pliocenici italiaoi. 

i> K Brìoiof foseili italiani, 2* Contrìbniione. 

> ibid. 3> ■ 

1870 » ibid. 4' " 

ISTI n Supplemento alU faoiM d«i Briozoi Mediterranei. 

1872 Revsi A. E. : Elbthslgebirge. 

1872-73 Smitt F. A. : Fìoridan Bryoioa collected by Count L. F. de 

Poortalee. 
w 1874 JieiM A. S. : "Ùie fouilen Brrotoen des Oe»t«TTeicbÌBch-Unga- 

rìschen MiocSns. 
1875 Mamoni A-: I Briozoi del Pliocene antico di Castrocoro. 
1677 1 BrjozoaireB da Pliocène sup^riear de l'Ile de Shodes. 

■ » I Briozoi fossili del Miocene d'Anetrìa ed Ungheria, 
n Novak 0- : Beitr. i. Eeontn. die Brjozoen der blbnjiBchen Ereide- 

foimation. 

1879 IVatert A. : On the Brjozoa of the Baj of Naplee. 

1880 ffinckt T. : A hirtory of the Britiah Marine Polyzoa. 

i> Segueiua G. : Le fortnazionì terziarie nella provincia di Reggio 

(Calabria). 

1881 Waiert A. : On fossil Chilost«matonB Biyozoa front 8oath-West 

Victoria, Aastralia. 

1882 « On foBsil Chilostomatons Bryozoa from Hoank Gam- 

bi er, Sonth Australia. 
« 1882 lulliett: Dragages da TTaTailleni; BrjozoaireB; eapècea dra- 
gaésB dane l'Oc^an Atlantiqne en 1681. 
1884-86 Btttk 0. : Report on the Polyzoa collected by. H. M. S. Challenger. 

1886 Pergeiu Ed. et MeaniH A.: La fanne des Bryozoaire» GammnienK 

1887 Water» A. : On Tertiary Chiloatomatona Bryozoa from New-Zealand. 
' Pergens Ed. : Pliocine Bryozoen von Rhodos. 

1889 Gioii: Briozoi Neogeni di Pianosa. 

" Terrigi G. : D calcare (Macco) di Palo e sua fanna microscepica. 

B Carm T. V. : Prodromas fannae mediterraneae. Voi. II. p. I. 

1891 Namia* T. : Contribnto ai Briozoi pliocenici delle Pto»ince di 
Modena e Piacenza. 

■ ■ Snl valore sistematico di alcqne specie di Briozoi. 
a a lyaters A- : North-Italian Bryozoa (Chiloatomat ons). 



>dbyGoogIe 



IIV A.. KETIANI 

Descrizione delle specie ('). 

GYMNOLAEMATA ECTOPROCTA. 

Sottoclasse Cheilostom ata. 

Fam. CELLULAEIIDAE. 

Scruppoellaria elUptica Reusa sp. 

1847 — Bactridium ellipticam, Rensfi — Fom. Poi. Wiener; p. 56. 
t IX, f. 7 e 8. 

Illdstbazioni. {}) 

1847 — Bactridinm grannlifernm, Reuss — Fon. Poi Wiener-, ji. 56, 
t IX, f. 6. 

1868 — Scrnpocellaria inermÌB, Norman — Rare Brit. Poi.; p. 215. 

t. V, f. 1-3. 

1869 — Scrupoeellaiìa eltìptica, ReasB — Br. Croiara; p. 2S, 

t. XXIK, f, 3. 
1874— n 1 Reaes — Br.Oest-Ung.; p. è, tJil, 

t 1-9. 
1875 — n B Manzoni — Br. Castrocaro; p. 8, 

t. I. f. 1. 
!880 _ n « Hincl£8 — Brit. Mar. Poi. ; p. 46. 

t. VI, f. 5-6. 
1889 — 4. » Terrigi — Il Macco di Palo; p. 101, 

t. II, f. 6a-i. 
1801 — « n Witen — M. lCal.BryoMa;p.e.t.l, 

f. 16-17, 

Gli esemplari numerosissimi di Livorno, ripetono la foima della 
S. elliplica di Beuss, presentando alcuni delle varietà, sia per ri- 
lievi rotondeggianti lungo il mai^ne dell'orificio zoeciale, per la 
inserzione di spine, sia per la frequente presenza di un' apertura 

(') Oltre alle specie qui descritte ne posseggo poclie altre rappresen- 
tate da esemplari mal conservati, e che tralascio dì citarle eBsendoDe dif&cìle 
la determinazione, alle volte anche generica. 

(») Per non riporlAre troppe citazioni, mi sono limitato a .trascrivere le 
indicazioni delle opere ove trovanei figurate le specie da me studiate. 



>dbyGoogIe 



CONTHI SUZIONE ALLA G0.S08CSNZA DEI BBlOUtI FOSSILI ITALIANI 111 

TÌbiacalare sabtrìaagolare, àrcondata da un mai^ne rileTato, e 
posta immediatamente sotto il zoecio dal lato interno. I frammenti 
eoDWiratisaìmì, mostrano nella superficie posteriore tutte le par- 
ticolarità caratteristicbe della specie; spesso poi sì riscontrano i 
Briozoarì aperti per il lungo in due metà, onde a prima vista si 
confonderebbero con una forma appartenente alle Eucratee od affini 
unilaterali. 

Fergens {Bry. v. Rhodos 1887) anisce qaesta specie colta 
S. seruposa di Linneo, ed anche il Manzoni (Br. d. Rhodot 1877) 
eonaidora la specie di Reuss come la fossile od antenata della 
S. seruposa L.; siccome mi accordo coU'Hincks, Waters ed altri, 
nel ritenere queste due specie distinte, così non posso dire con si- 
curezza se la 5. scritposa dì Rodi sia piuttosto da considerar.4Ì 
come la forma vivente od af^ne alla fossile più volte ricordata, 
ma molto probabilmente a quest'ultima sì dovrà riportare. Anche 
dalla figura data dal Busk {Crag Poi. 1859) è impossibile decidere 
sull'esatto riferimento della specie del Crag d'Inghilterra. 

Vivente: Mari d'Inghilterra (Nor. Hks.); Shetland (Peac.). 

Fossile in Italia: Plioc. di Palo (Ter.); di Gastroeaco e 
Castell'Àrquato (Manz.); Flioc. e Mioc. di R^gio Calabro (S^.); 
Oligoo. di Val di Lonte (Ras. Wat.); Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Cretaceo (D'Orb.); Mioc. di Austria 
ed Ungheria (Rss.). 

Oa-beroa. Boi*yÌi Andouin sp. 

(TaT. IV, f. Ij. 

1828 — Crisi» Boryi, And. — ExpU Savigoy — Egypte; t. XII, f. 4. 

Illdstrazioni. 



1852 - 


Ci 


iibeiea 


. leUni 


ca, Ba»k - 


- Cat. 


Eric. Mar. 
t XVI, f. 


Poli 
4-5. 


li 


p. 3S, 


1852 — 




» 


p»t«gc 


mica, Busk 


- ibid.; t. xxxvin, f. 


1-7. 




ISSO 




" 


Boryi, 


Hinck» - 


Brit. 


.Var. Poi; 

f. fl-n. 


p. 61 


■ t 


vm. 



Alcuni fastìcìni di questa specie, che a prima vista si possono 
confondere con una Scrupocellaria, ho trovato nel detrito più mi- 
DQto della a]^iUa di Livorno ; ciascuno dei fì^mmenti è eorto, con 
pochi xoeci, causa la gracilità del Brìozoario. 



>dbyGoogIe 



Per quanto a me coneta, la Caberea Boryi fn rìnrennta fos- 
sile solamente dal Segaenza {For. Ten. Reggio 1879) nei terreni 
terziari di Reggio C&labro e precisamente nelle sabbie laneleane 
di Testa del Prato, nelle argille sabbiose siciliane di Villa S. Gio- 
vanni, e nel quaternario {saariano) superiore di Bovetto; lo stesso 
prof. Seguenza rinvenne questa specie nei fondi corallìgeni dello 
stretto di Messina ; trovasi anche in altre località del Mediterraneo. 

Per meglio assicurare sulla determinazione di questa rara specie, 
ho disiato uno dei frammenti m^tio conservati, visto dalla super- 
ficie posteriore, ove sono ben distinte le grandi cellule vibracu- 
larie, che tanto si rassomigliano, per la loro disposizione, a spiche 
di grano. 

Vivente: Adriatico (Hell.); Stretto di Messina (S^.); Boni- 
facio (Edv.); Itapallo, Napoli (Wat.); mari d'Egitto (And.); Atlan- 
tico (Bk., Hks.) ecc. 

Fossile in Italia: Plioc. e Postplioo. di Reggio Calahro 
(Seg.); Postplioc. di Livorno (Nev.). 



Pam. CELLABIIDAE. 

Celiarla, fistulosa Linneo sp. 

1758 ~ Eschara fiatulosa, LinDeo. -- Syit. nat; ed. X, p. 804. 

lLLn8TRA.ZI0NI. 

1830 — Glanconome marginata, MmiBt in Goldfoss. — Pet. Oer.\ 
p. 100, t XXXVI, f. 5. 
" B rombifera. Munst in GoldfuM. — ibid,; p. lOO. 

t. m. f. 6. 

1847 — Cellarìa marginata, Bensa. — Fot, Poi. H^iVner, p. 60, t. Vn. 

f. 28-29. 
1849 — Salicornaria farciminoides, lohnrton. ~ 5h(. Zooph^ 2 ed. 

p. 355, t LXVI. 
1852 — Cellarìa Balicornia, Bosk. — Cat. Brit. Mar. Poi; p. 16, 

t. LXIV, f. 1-3; t LXV bis, 

f. 5. 
1859 — Salicornaria crassa, Busk. - Crai; Po;.; p. 23, t XXI, f. 4 e 6. 
1864 — n rhombìfera, Renss. — Oberoligocàn, U; p. 5, 

t. XIV, f. 7-10. 
1 n marginata, Reuss. — ibid.; p. 16, t. XIV, f. 9. 



>dbyGoogIe 



CONTRIBUZIONE ALLA CONOSCENZA DEI BKIOZOI FOSSILI ITALIANI 1)3 

1867 — Collari» fistnloBs, Smitt. — Krtt. Fóri, CI; p. 362 e 386, 
■t XX, t. 18-20. 

1869 — SBlieornaria Beussiì, Beaes. — Br. Croiara; p. 49 e T6, 

t. XXIX, r. 5. 

1870 — X farciminoideB.Muizonf. — £r./0'- tt.4>Coiit.; 

p. 326, t. I, t. 1-2. 
X " cuspidata, Hantoni, — ibid,; p. 327, t. I, f. 3. 

1872 — Cellsria matginata, Iteass, — Elòthalgebirge ; p. 59, t VII, 
f. 28-29. 

1874 — Salicornaria farciminoideB, Bensa. ~ Br. Oht-Ung.; p. 3, 

t. Xn, f. S-13. 

1875 — n » Manzoni. — Br. Cattrocaro ; 

p. 4, t I, f. 2. 
1881 — Celiarla fistnlosa, Hincks. — Brit. Mar.Pol.;^. 106, t. XIII, 

f. 1-4. 
- " Waters. — Br, S. W. Victoria-, p. SIB, 

t. XIV, f. 1, 2, 10, 11. 
1889 — Salicornaria farciminoides, Terrigi. — Il Macco di Palo 

p. 101, t n, f. 1. 

La luDga bibliografìa e sinonimia di questa forma, ci viene 
spiegata dal suo grande polimorfigmoj &a le centinaia di frustoli 
che ho separato, avrei potuto trovar modo di tenere distinte pa- 
recchie delle specie sopra riportate in sinonimia, ed altre crearne 
come nuove ; gli iaternodi a zoeci esagonali e romboidali, sono però 
ì più frequenti ; uno terminale a clava è caratteristico ; alcuni sono 
finissimi con quattro soli ordini di zoeci come la Celiarla mar- 
giaala (Beoss 1847). 

In ima recentissima pubblicazione, W. Waters {Norih-Iialian 
Bryoioa, Q. J. Geol. S. 1891) tiene distinta dalla C. (Utulosa, la 
C. Scussi d'Orb. 

Vivente: Distribuita ovunque a non grande profondità (;o/ta 
delle Coralline). 

Fossile in Italia: Comune in quasi ogni località cve 
siensì rinvenuti dei Briozoi. 

Fossile fuori d'Italia: e. s. 



>dbyGoogIe 



A.. KEVIAM 



Fam. MEMBBÀNIFOBIDÀG. 

>lembra.nàpora. reticulum Lìhdoo sp. 
1768 — Millepora reticnlnm, Lin. — ^y*t. Nat., ed Xll. p. 1284. 

Illustrazioni. 

1828 — FluBtra Lacroiiii. Savignj. — L'Egupte; t. X, f. 9. 

» SaTarlii, SaTigny. — ibid.-. t. X. f. 10. 

1342 — Membranipora reticulum, Hichelin. -~ Icon. Zooph.; p. 74, 

L XV, f. 5. 
1844 — » Peachiì, Cooch. — Com. fauna, HI; p. 120, 

t XXII. f. 18, 
1347 — " diadema, Beaes, — Fou. Poi. Wiener; p, 98, 

t XI, t. 27. 
n I. reticulnin, ReuBS. — iWd.i p. 98, t XI, f. 25. 

1850 — Membranipora Lacroiiii, Busk. — Cat. Brit. Mar. Poi., I; 
p. 60, t LXIX e 017, f. 1. 
1850-52 — " LìgeTÌen8ÌB(?), D'Orb. — Terr. Crèt.; t, 607, 

f. 5-6. 
B n marginata, D'Orb.— ibid.; p,555,tDCCXXIX, 

f. 13-14. 
» Plustrellaria cretacea, D'Orb. — ibid.; p. 519, t. DCCXXIV, 

f. 5*. 
» n cyclopora, D'Orb. — ibid.; p. 516, t. DCCXXIU, 

f. 10-13. 
« » mendoneuBÌB, D'Orb. — ibid.; p. 518, t. 

DCCXXra, f. 18-21. 
- ■> OTftliB, D'Orb. — ibid.; p. 521, t. DCCXXIV, 

f. 17-20. 
1859 - Membranipora Savartìi, Bust — Crag Polysoa: p.81,t.II. 

f. 6. 
1861— n aobtìlimargo, ReusB. — Obnroligocàit, II; 

p. 17, t IX, f. 5. 
1869 — " laia, Reoss. — 5ry. Crowra ; p. 40, t XXXVI. 

f. 14. 
n n Lacroiiii, Manzoni. — Br. fot. it., 2 e. ; p. 

514 (3), t. I, f. 4. 
1870— " retìcolnm, Manzoni. — ibid., 4 e; p. 33lt. 

t. n, f. 8-9. 
•• anbtilimargo, Manioni. — ibid.; p. 331, t II, 

t 12. 



>dbyGoogIe 



COHTBIBUZIOKE ALLA COXOBTXKXA DKI BBIOZOI VOSSIU ITALIANI 115 



1872 - Membranìpora dilatata, Keaas. -~ Elbthalgebirge, I; p. 100, 

t. XXIV, f. 2. 
r. » anbtìlimargo.Rens», — ibid-ip. 100, t. XXIV, 

f, 3. 

1873 — Biflnetra Lacroìiii, Smitt. — Floridan Br., II; p. 18, t. IV, 

f. 85^. 
SaTartii, Smitt. — ibid.; p. 20, t. IV, f. 92-95. 
18T4 — Meinbranipora BTittilimargo, Beiiss. — Br. oèst-ung., I; 
p. 39, t. IX, f. 8. 
•• Lacroiiiì, Reoss. — ibid.; p. 40, t. IX, f. &8. 

> ■ 1 var. diadema, BeiiBa. — ibid.; 

p. 41, t IX, f. 9. 
1875 — Biflnstra Savartii, Manionì. - Br. Cattroearo; p. 38, i II, 

f. 17-17*. 
1881 — Membranipora Lacroiiii, Hincka. — Brit. Sfar . Poi.; ^. 129, 

t XVII, f. 5-8. 
1884 — Biflnstra Savartii, Busk. — Challenger Poi; v. ^7, t.WVJ.i. 

Questa specie ecce^ìvEunente polimorfa, è abbondante nell'ar- 
gilla di Lirorno, si presenta sempre in frustoli eretti, clie si rap- 
porterebbero ai generi Flustra, Biflnstra, FlnstreUaria. I zoeci degli 
tsemplari da me studiati, mostruio il margine rilevato rugoso, in 
modo da dare l'aspetto di nn cordoncino ritorto, la lamina cal- 
careo-membranosa, ha lasciato, specialmente verso la parte infe- 
riore, traccia del ponto di attacco, per mezzo di tante punte irre- 
golarmente formate e distriboite, rivolte verso il centro del zoecio. 
Fra le molte figure date d^Ii autori, quella che presenta mag- 
giore affinità con i miei esemplari, sì è quella dis^nata dal Man- 
zoni nella 2' contrìbnzione sui Briozoi fossili italiani (T. I, f. 4). 

Ho adottato la denominazione di M. reiiculum^ che rìsale 
al 1768, mentre l'Hincks, tiene quella dì Jlf. Lacroixii stabi- 
lita da Andooin nel 1826; ritenute le due denominazioni speci- 
fiche per sinonimi, come appunto fa l'Hincks, viene da so che la 
priorità deve essere data ii nome Linneano. 

Vivente: Comonissima in quasi tutti i mari. 

Fossile in Italia: Mioc. inf. di Oambngliano (Bss.) ; Mioc 
m. di Torino (Manz.); Terz. di Beggio Calabro (Seg., De Stef.): 
Plioc dì Castrocaro e di Volterra (Manz.); Postplioc. di Livorno (Ne?.). 

Possile fuori d'Italia: Cretaceo (D'Orb. Perg.); Mioc. 
d'Austria ed Ungheria (Bab.) ; Postplioc. di Bodi (Manz. Perg.) ; Crag 
d'Ii^faìlterra (Bosk.); Terz. di N. Zelanda (Wat.) eco. 



>dbyGoogIe 



A. NETIAM 

M.eiiibra,aipora. a.nnu.lu.s Manzooi. 
Membranìpora aanuins, Manzoni. — Br. fot. il. 4 c; p. 829, 
t. I. f. 6. 

Illustrazioni. 

- Membranipor» galeata, Bask. — Cat. Brit. Mar. Poi, 
p. 62, t. LXV, f. 5. 

n annulna, Manzoni. — Br. Castrocaro ; ■p. 12; 

t. I, f. 9 a, b, e. 

n dentata, Wat«B. — Br. Mount Qambier; 

p. 263, t. vnr, f. 14. 

" annnlus, Watera. — Br. Cheti. N. Zelanda; 

p. 47, t VI, f. S^ e 9. 

OQ ho dato a questa specie il nome di M. galeata Bk-, perchè 
ile dire se fra questa forma e qaella del Manzoni siavi vera 
!i ; ad ogni modo col nome di M. anniUus M. ho voluto indi- 
le gli esemplari da me rinvenuti corrispondono esattamente 
iscrizione e forma disegnata dal Manzoni (1870), colla quale 

autore fondò la specie. 

ivente: (?) La forma galeata, è vivente nei mari d'Inghil- 
'A all'isola Kerguèlen (Bk.). 

ossile in Italia: Flioc. di Castrocaro, (Manz.); Castel- 
ito (Mauz. Namias); Mioc. di Nugula (Manz.); Terz. dì 

Calabro (Seg.) ; Postplioc. di Livorno (Nev.). 
ossili fuori d'Italia: Terz. della N.Zelanda (Wat); 
ioc. di Bodi (Manz. Pei^.). 

m!eaibra.nipora. annulus Manzoni. 

var. explanata Neviani. 
(Tav. IV, fig. 2). 
iporto alla specie del Manzoni, indicandola come nuova va- 
un briozoarìo escariforme, con zoeci perfettamente circolari, 
imetro di circa mezzo millimetro; posti quasi sempre a con- 
'uno con l'altro: l'anello presenta un contomo ben delineato 
miente , meno all' estemo ; la membrana zoeciale è Intera- 
scomparsa e la cavità è ripiena di materiale estraneo; gli 
intermedi sono piuttosto profondi con superficie ri^sa. I 



>dbyGoogIe 



E ALLA CONOSCENZA DEI BRCOZOI ;oaaiLI ITALIANI 117 

loeci BODO distesi dalle dne parti del briozoarìo perfettamente su 
di nn piano : mentre la speci» tipica forma dei montìcelli irrego- 
lari, con zoeci da une sola parte. 

Fossile in Italia: Posterz. di Livorno (Nev.). 



Fam. MICBOPOBELLIDAE. 

IMicroporella. ciliata. Linneo sp. 
1759 - Cellepora ciliata, Linneo. — Syit. Nùt, ei. X, 1286. 

Illustrazioni. 

I30S - Escham Tnlgaris, tm. j». Moli. — 5e«rinrf«; p. 62, t. HI. f. 11 
J326 — FlnBtrn Genisii, Andoiiìn. — ExpL-, p. 329; Savignj, Egt/ptu : 
t IX, t. 5. 

1838 — Lepralia ciliata, Johnston. — Brit. Zooph;p. 279.1. XXXIV. 

f. 6. 

1839 — Eeehai-ina arniat», D'Orbignj. — Voy. Amer.V;f.ì5.voì.ìX, 

t IV, f. 1-4. 
ISll ~ Lepialia losìgniB, Has»ll — Suppl. cat. [riih. Zooph.; p^i- 

gina 368, t. IX, f. 5. 
1847 — Cellepora crenilabtis, Eenes. — Fou. Poi. Wiener; p. 8fi, 
t. X, f. 22. 
" •• plenropora, Beasa. — ibid.; p. 86, t. X, f. 21. - 

1854 — Lepralia c.iliata, Bask. ~ Cat. BrU. Mar. Poi. Il; p. 73, ta- 
vola LXXIV, f. 1-2; tavola 
LXXVII, f. 3 5. 
» personata, Bnsk. — ibid.; p. 74, t. XL, f. 2-4. 

1859 — " ciliata, Biiak. — Grog Poi-, p. 42, t VII. f. 6. 

1867 — Porina ciliata, Smitt — Krit. F6rt. IV; p. 6 e 58, t. XXIV. 
f. 13-17. 
Lepralia appendicnlata, Heller. — Br. Airiat.; p. 107 (31). 
t. Il, f. 8. 
1869 — K ntricnlnt, Manioni. — Br. fos. it. 2 C; p. 518 (7), 

t. Il, f. 10. 
- B Manioni. — ibid. I e; p. 23. t. Il, f. 12. 

'> ciliata, Tar. Hanzoni. -- ibid. 3 e; p. 939, t III, f. 14. 

187: — " « Manioni. — Sup. Br. Medit.; p. 77. t. H. 

f. 1. 

1873 — Porellioa ciliat», Smift — .^'if»-. ffrU; p. 26, t. VI, f. 126-129. 

1874 — Lepralia glabra, Benss. — Br. Oètl-Vng. I; p. 17, t. IV, f. 3. 

1875 — ■ ciliata, Uanzooi. — Br. Goitrocaro; p. 24. t. Ili, f. 34. 



DigmzcdbyGoOgle 



9 — LopialÌR calabra, Seguenia. — Far. Ters. Reggio; p. 201, 82t*. 
369, t XV, f. 6. 

1 — Microperella ciliata, Hincks. — 5ri(. ^^ar. Poi; p. 206, ta- 
vola XXVIII, t. 1-8. 

Un solo e piccolo frammento di briozoarìo con quattordici 
M, ho trov&to nelle argille di Livorno; esso è foliaceo, con ì 
ci da una sola parte; l'apertnra semicircolare è circondata da 
grosso margine ove non ho trovato traccia di spine orali come 
li esemplari studiati dal Manzoni (£. utrìciUus); subito sotto 
nargine inferiore, in una piccola fossetta o depressione, ovvi 
poro vibracolare costante in ciascun zoecio; ed nn poco più 
30, ora al centro, ora a destra, ora a sinistra ima apertura pìii- 
16 avicolare, che trovasi sempre sola, ma essa pure costante 
)gDÌ zoecio. Dalle molte figure date dagli autori, e confrontate 
mio esemplare, le piti corrispondenti sono quelle delineate dal 
izoni col nome di Lepralia utriculus. Molta afBnità presenta 
3 colla varietà, studiata dal Manzoni (1. e, 2' e, p. 518, L II, 
0) trovata aderente ad una valva dì Pecteii Jacobaeus. dei 
asiti quaternari sottostanti alla Darsena di Livorno. 

Vivente: Nell'Adriatico (Hell.), nel Mediterraneo (Manz. 
t.), nell'Atlantico (Bk-, Hiis., Smitt) ecc. 

Fossile in Italia: Plioc. di Castrocaro, Castel Arquato 
olterra (Manz.); Plioc. di Modena e Piacenza (Namias); Tor- 
io di Reggio Calabro (Seg., De Stef.); una varietà è prov. del 
ternario del sottosuolo di Livorno (Manz., Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed Ungheria 
i.) ; Crag d'Inghilterra (Bk.) ; Tei-z. N. Zelanda (Wat) ; Postplioc. 
i (Manz., Perg.) ecc. 

Oliorizopora Brongniartii Andonin sp. 

{TaT. IV, f. 3), 
i — Cellepora Brongniartii, Andijnin.— ^a;pi., p.240; SaTigiiy — 
Egypt. t. X, f. 6. 

Illustrazioni. 

— Lepraiia tenuie, Johnston. — Brit. Zooph. ed, 2; p. 303, ta- 

vola LIV, f. 2. 

— « Brongniartii, Baak. — Cat. Brit. Mar. Pol-,U: 

p. 65, t. LXXXI, f. 1-5. 



>dbyG00gIe 



MONE ALLA CONOSCKNEA DKI BRIOZOI FOSSILI ITALIANI 110 

ili 8 Brongniartii.BnBk.- Craff Polytoa ;f.49,tyi.{.ì. 
n HuizonL — Br. fot. it., 2 C; p. 518, 

t n, f, 9. 

capitata, Eenas. - Br. Oal-img.; p. 21. t. IV, f. 7. 
BroDgniartiì, Hanioni. — £r. Caiirocaro; p. 20, 
t. n, t. 27 ; t. IV, t 54. 
» Water», — Br. G. Napoli; p. 35, ta- 

voU IX, f. T. 
lopora 1 Hiocks, — Bnt. 31ar. Poi.; p. 224, ta- 

Tolft XXXn, f. 14. 

Bari frammenti ho rinvenuto di qaesta specie molto elegante; 
citaoDn frammento porta non piil di quindici zoeci; l'orificio semi- 
circolare nella parte superiore ha il labbro inferiore proTristo di 
un mucrone prominente, non sempre ben conservato, riportandosi 
C06Ì alla varietà disegnata col n. 1 dall'Hineks (Tay. XXXII, 1880). 
Ciascuno dei soeci è sormontato da an oecio mitriforme, con una 
careDa longitudinale mediana, che presenta nel mezzo della sua 
loDgliezia un solco parimente longitudinale (vibracnlario?), che 
i^embra rimpiazzare l'aviculario quasi costante in questa specie. 
Notiamo pure che i zoeci sono sparsi con disposizione quincuncjale 
su di un cenecio sottile, ed alquanto distanti &a loro. Nell'esem- 
plare figurato si vede eporgere dal cenenohima un tubetto alquanto 
rimiro con apertura elittica. che probabilmente ci rappresenta un 
aricolario sporadico. 

Vivente: N'ali' Adriatico (Hel.); Mediterraneo (Wat, And.); 
nei mari d'Inghilterra (6k., Hks.) ecc. 

Fossile ÌD Italia: Mioo., Plioc. e Postplioc. di Be^o 
l^aiabro (Seg., De Stef.); Plioc. di Yolterra e Castrocaro (Manz.); 
Plioc. di Castellarquato ? (Namias) ; Postplioc, di Livorno (Nev.). 

Possile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed Ungheria 
(Bss.) ; Cr^ d'Inghilterra (Bk.). 



>dbyGoogIe 



Fam. PORINIDAE. 
{Tav.IV,f.4,5). 

I*orina, borealis Bi 



, Bnsk. - Q. J. Mie. S. (n. s.). voi. Vni ; 
p. 213, t XXVm, f. 6-7. 



Illustrazioni. 



- QtmdricelUrift gracilis. Alder. - Q. /. Micr. S. (n. s.), vo- 

lume IV; p. lOl.t.U, f. 9-12. 

- Anarthropora borealis, Smiit. — Krit. FBrt; p. 8 e 67 ta- 

ToU XXIV, f. 25-29. 

- Tesaaradoma boreale, Smitt. — Florida» Br. Il; p. 32, 1a- 

vola VI, f. 143-U5, 

- Porina borealis, Hiocks — Brk. Mar. Poi; p. 229. t. XXXI. 

f. 4-6. 

- Tessaradoma boreale, Buak. — Challenger Poi; p. 174, U- 

vola XXIV, f. 8. 

Per quanto è a mia cogniziODe, è questa la prima rolta che 
rina borealis è rioveDnta fossile; ì fnistuli abbastanza nome- 
iella argilla di Livorno sono dì diverso grado di sviluppo ; mo- 
lo cioè, in alcuni pìit giovani, i zoecì ben distinti fra loro 
ntti i dati caratteristici della specie, in altri si viene grada- 
ite ad una fusione dei zoeci stessi fino a che il tronco dirieDe 
itamente cilindrico, in modo da ritenerlo a prima vista per 
lirìozoide od anche un brìozoo ciclostomato. 
[ zoeci di solito sono disposti in quattro serie, alterni, ven- 
i al centro ma alquanto allungati ad anfora, sono separati 
1 rilievo non sempre evidente ; lungo il bordo evvi una serie 
•ri piuttosto! grossi e distanti fra loro ; l'apertura perfettamente 
are, è circondata da un periatoma tubulare curvo in avanti ; 
a questo, nel mezzo del zoecìo evvi un poro con forame ro- 
che si mantiene costante anche nei zoeci adulti. Gli avìcolari 
circolari e per lo pib posti lateralmente lungo la serie dei 
sopra eitati. Non ho riscontrato traccia di oeci. 
Le figure 4 e 5 della Tav. IV. rappresentano due fra i diversi 



>dbyGoogIe 



CONTRlBUnOKE ALLA C-OSOSCBNZA DEI BRIOZOl FOSSILI ITALIANI 121 

stacU di STÌloppo riscontrati fossili; e cioè la fig. 4 un ramnacolo 
giovine, e la %. 5 nn altro adulto ed in parte calcificato. 

Per le forme Tìventi, Ara le diverse ìllnstnstoni date dagli 
autori, vedi specialmente quelle dello Smitt {Fiondali Bryosoa 1873). 

Virente: Shetland (Barlee) ; Near Bergen, Chrlstiansand, 
Bejan, Lofoten, Finmark (M. Sars); Bahnsia (Lovén); fra Norway 
e Spitzbergen (ChydennÌB); Bohnsl&n (Olsson); Eat^at, Florida, 
Portngal. Azorre (Smitt); Atlant. sett. (Bask); Capri (Wat.). 

Fossile in Italia: Fostplioc. di Livorno (Nev.). 

Portna. columnaris Manzoni sp. 

1875 — Eschara colnmnaris', Hbdzodì. — Br. Cattrocaro; p. S6, ta- 
vola V, f. 65. 

Illustrazioni. 
1877 — Eschaia colamnaris, ManzoDÌ. — Br. de Rhodei; p. 66, t II, 

f. 2 ; t. ra. f. 23 a, b. 
1887 — P orina » Pergens — Br. t>. Rkudoi; p. 23, L 1. 

f. 1 a. b, e. 
im — Eschara » NamUs — Br.pl. ifod. Piac. p. 31 (oitr.); 

t. XV, f. IV, V, VI, VII. 

Iia m:^gìor parte dei frammenti da me rinvenuti presentano 
in forte grado ta calcificazione caratteristica di questa specie ; cal- 
ciGcazione che alle volte si sviluppa in modo tale da obliterare 
ogni struttura cellulare, riducendosi ad una superficie irregolar- 
mente scabra che mostra qua e là dei forami, corrispondenti alle 
aperture boccali dei zoeci. Un frammento però mostra molto bene 
i diversi gradi dì tale calcificazione, e nella parte superiore si 
presentano colla particolare struttura indicata dalle figure del 
llanioni, del Pei^ens e del Namias. 

Waters, nella mont^rafia dei Briozoi del Golfo di Napoli 
accenna alla grande affinità che esiste fra \Eschara columnarts 
Manz. el'Eschara verrucosa Paach, che fa sinonimo dell -ffatfAsra 
lanari» Water. 

Esaminate attentamente le figuro e le descrizioni ritengo, che 
\Esehara columnarts del Manzoni, abbia grande afBnità colla specie 
del Peach. e che quest'ultima si debba considerare come derivata 
dalla prima; ed infatti anche il Segiienza nell'opera più volte ei- 



>dbyGoogIe 



tata, aovera lE. columnaris fra ì Briozoi del Zancleano e del- 
l'Astiano, mentre l'^, verrucosa è citata fra i Briazoi del Sici- 
liano e del Saariano. 

Nello stesso modo poi che ritengo 1'^. verrucosa Peach, essere 
derivata dall' ^. columnaris Manz. così sembrami ohe questa specie 
abbia molti gradi di affinità aoWAeropora duplicata Bss. di Mon- 
teccbio Maggiore (Br. Crosara 1869), che potrebbe considerarsi come 
la forma antenata delle due precedenti. 

Vivente: Nel golfo di Napoli sotto la forma di E. ver- 
rucosa^ 

Fossile in Italia: Zancleano ed Astiano di Reggio Ca- 
labro (Seg.) ; Plioc. di Castrocaro (Manz.) ; Plioc di Modena 
e Piacenza (Nam.); Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: PostpUoc. di Rodi (Mani. Perg.). 



Fam. ESCHABIDAE. 

tLiepralia. «.tlpressa. Bnsk. 
1854 — BuBk; Cat. Brit. Mar. Poi. U; p. 82, t. CU, f. 34. 

Illdstrazioni. 

1856 — Lepralis adpressa, BoBk. — Zooph.; p. 178; t. Vm, f. 6. 
1867 — " Kirchenpaori, Hell. — Bry. Àdriat.; p. 105, t H. 

f. 11. 
1869 — " lata, Manioni. — Br.Jos. U. 1' e; p. 20, t. I, f. 6. 

■ " copulata, Manzoni. — ihid. 3' C; p. 13, t. IV, f. 21. 

1871 — » lata, Manioni. — Svppl. Br. Medit.; p. 80, t. HI, f. 2. 

B " Kirchenpanri, Manionì. — ibid.; p. 80, t. IH, f. 3. 

1874 — " lata, Keuss. — Br. Oè»t-l'/tfì.; p. 32, t. V, f. 6. 

1879 — - B Waters. — Br. Napoli; p. 42, t. XV, f. 12-18. 

1881 — •> adptesBa, Hincks. — Brit. Mar. Poi.; p, 307, ta- 

vola XXXm, f. 5-7. 

Un piccolo frammento escariforme, con sei zoeci per parte; 
l'orìSoio è dimorfo, presentando alenai la forma Emarginata, mentre 
il maggior numero l'ha, come la forma tipica Coaretata, e corri- 
spondente alla ìUustrazioDe del Manzoni (v. s. 1871 ; L III, f. 2). 

Nessuno dei zoeci presenta le papille sottoboecali come sono 
indicate nelle tìg. 6-7 Tav. XXXIII dell'opera di Hinks, papille 



>dbyGoogIe 



CONTRIBUZIONE ALLA CONOSCENZA DEI BRCO70I FOSSILI ITALIANI 123 

che &imo identificare questa specie colla £. Kirekenpauri di 
Heller, come noto nei lavori del Canu, Waters ed altri. Namias 
(Br. pL Uod. e Fiac.) tiene distìnte le due specie basandosi spe- 
cialmente snl carattere citato dall'Heller dì avere cioè la L. Kir- 
ekenpauri gli oecì poco sporgenti con delle coste radiate ; tale 
cantiere, che ritengo secondario, può valere per distàoguere tut- 
t'al più una varietà. 

YÌTente: Adriatico (Hel.); Mediterraneo (Manz., Wat.); 
Atlantico (Bk., Hks.. Ferg.)- 

Fossile in Italia: Mioc. dì Torino e Sassuolo, Plioc. dì 
Cutell'Arqaato e Tal d'Era (Uanz.); Flioc. di Modena e Piaceoza 
(Namias); Flioc. e Postplioc. di Reggio Calabro (S^.); Plioc. di 
Bruccoli (Wat.); Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed Ungheria (itss.); 
Postplioc. di Bodi (Manz. Feig). 

Xjepralia, foliacea. Ellis et Solander sp. 
B — Mitlepora foliscea, EUia et Sol. — Zoopk.-. p. 133. 



- t'ellepor» Umellosa, Esper. — Ffiatu. CelUp.; p- H6, tavo- 
la VI. f. 1-5. 

- Bach ara fftacialtg. Moli. — Die Seerinde ; p. 36, t. I. t. 1-2. 
" folìacea, Edwards. — Sur Ut Eichare»; p. 39, taTO- 

la m, f. 1. 

« bidentata, Edtrarda. — ibid.; p. 42, t m, f. S-2<i. 

faBcialia.'Edwards. — ibid.; p. 43, t. IV, f. 1. 
« foliacea, Johnston. Brit. Zooph. 2' ed.; p. 350, ta- 

vola LXVIL 

- » - Bosk. — Cat. Brit. Mar. Poi; p. 89, t. C\^, 
i. 4-7. 

- B n Manioni. — Br. fot. it. 4' c; p. 340, t. I . 
f. 4 i t. IV, f. 24. 

- » » Watere. — Br. Napoli ; p. 43 e 124; t. XI. 
f. 4-5 ; t. XV, f. 8. 

MaiizoDi. — Br. Cattrocaro; p. 36, t V, f. 60. 
~ Lepralia " Hincks. — 5rii. ^or. /'oi; p. 300, t. XLVU. 

f. 14. 

Questa comanissiDia specie presenta coustantemente l'aspetto 
deUa varietà bidentaia (M. Edw.), con l'orificio zoeciale trifoliato. 



>dbyGoogIe 



Tiyente: Adriatico (Hell.) ; Mediterraneo (Wat.); Atlantico 
(Bk., Hte.) ecc. 

Fossile in Italia: Plioc e Fostplioc. di Rsg^o Calabro 
(Seg., De Stef.) ; Plioc. di Castrocaro (Manz.); Plioc. di Modena e 
Piacenza (Namiae); Plioc. Braocoli (Wat.); Poatptioe. di Lìroruo 
(NeT.). 

Fossile fnori d'Italia: Fostplioc. di Rodi (Manz.). 

Porella unclulata. Beoss sp. 

1847 — Eschara iinduUta, Beuss. — Fo»s. Poi Wiener; p. 68, tavo- 
la Vni, f. 24, 

Illustrazioni. 

1836 — Esehara cervicornis.M. Kiomà». ~ Sur le> E^ckares \ p. 19. 

t. i-n. f. 1. 

1847 — - papillosa, Reusa. — Fois. Poi. ICientr-, p. 68 ta- 

vola vni. f. 22. 

-• " obesa, Bensa. — ibid ; p. 68. t. Vin. f. 21. 

" » varians, Bensa. — ibid: p. 68, L vm, f. 30-31. 

1864 — • papillosa, Bensa. — Br. Oberbarg.-. p. 31, t. X. f. 7.8. 

1866 — ' varians, Eenaa. — 6'apiari««fAon;p. 67, t. XI,f. 8(?15), 

1869 — " nndnUta, ReneB. — Br. (7ro»ara; p, 19. t. XXXII, f. 6. 

1877— » » Uantoni. ~ Br.Aiulr.'L'ngh; v- 13, t. va. 

f. 24 

" " sp.?, Slanzoni. — Br. d. Rkodei; p. 66, t U, t. 7. 

Abbastanza frequente è questa specie fra i Briozoi fossili di 
LÌTOrno, presentandosi sotto un aspetto bea sviluppato come quello 
indicato dal Manzoni per i Briozoi del miocene d'Austria ed Un- 
gheria (v. 1. e. 1877). L'apertiura del zoecio è polimorfa, presen- 
tandosi ora rotonda, come nei zoeci Rovani, ora clitridiata, ed 
anche trifoliala, nei zoeci adulti ; questi poi sono separati fra loro 
da un cordoncino, relativamente molto rilevato. 

Vivente: Adriatico (Hell.); Mediterraneo (Wat.). 

Fossile in Italia: Mioc, Plioc. e Postplioc. di R^gio Ca- 
labro {Seg., De Stef.); Mioc. di Sangonini (Rss.); Plioc. di Castro- 
caro (Manz.); Plioc. di Modena e Piacenza (Nam.); Postplioo. di 
Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed Ungh. (Manz.) ; 
Fostplioc. di Rodi (Manz., Ferg.) 



>dbyGoogIe 



l COKOSCEKEA DEI BRIOZOl FOSSILI 



Elscaroides pertusa Milne Edwarda sp. 



1*36 - Eschara pertnÈ», M. Edwarda. — Sur lei Etchares : p. 9. ta- 
vola X, f, 3. 

Illostrazioki. 

1347 - Eschara pertnsa, Michl,(?) — leon. lOùpk.; t LXXIX, f. 2. 
1859—1. » Boflk. — Crag Polytoa ; p. 65, t. X, f. 2. 

I mìei esemplari si riportano con certezza alla specie illustrata 
dal Hiloe Edwards e dal Biisk ; sembra che questo brìozoario sia 
rsiD, pacche lo troviamo ricordato da pochi autori. Segueudo la 
classificazione dell'Hìncks, parmì che questa specie debba essere 
riportata al genere Escharoides. 

Vivente: Atlantico (M. Edw.); Medit. (Mar. Bich. Wat. 
Della Chiaje; Adriat. (Grub. HeU.). 

Fossile in Italia: ZsDcleano di Se^o Calabro (Seg.); 
Poslplioc. di LiTomo (Nev.)- 

Possile fuori d'Italia: Crag d' lughilterra (Wood., 
M. Ed., Bk.). 

Flechn.ro ides monilifura. MUue Edwards ap. 

\m ~ Eschar» monilifera, M. Edwaxds. — Sur lei Eschara; f. 27 
t. IX. f. 1. 
Illdstrazioni. 

1844 - Esehara ptmctata, Philìppì. — Tert. N. W. Deutsch.; p. C 
e 68, t. I. f. 10. 

1817 — B monilifera, Michelhi. — Icoh. *ooph.; p. 327, tavoli 

LXXVIII, {. 10. 
" B pQDCtata, Beau. — Eou. Poi. ìViener : p. 695 ta- 

vola vm, f 25. 

l*-)9 — " monilifera, Basi.. — Crag Polytoa; f.tìS.t. Ili, t.\-S. 

1877 — n n Manzoni. — Br. iTAuttria ed Ung.; p. 51" 

(11), t. V, f. 20.t. VI, f. 21. 

1889 - . » Terrigi. — // Macco di Paio ; p. 102. 

t . 14. 

Specie molto rara nelle argille di Livorno ; l'esemplare meglio 
conserrato corrisponde esattamente alla figura data dal Manzoni, 
dei Briozoi d'Austria ed Ungheria (1. e, t. VI, f. 216). Anche 
questa specie parmi possa rientrare nel geo. Escharoides di Smitt. 



>dbyGoogIe 



FoBSile ìd Italia: Flioc e Postplioc. di Roggio Calabro 
(Seg.); Plioc. di Palo (Ter.); Plioc. Mod. e Piao. (Nam.); Poat- 
plioc. di Livorno (Ney.). 

Fossile foorl d'Italia: Mioc. d'Aostrìa ed Un^eria 
(Manz.) j Crag d'Ioghittetra (Bk.) ; Postplioc. di Rodi (Mauz., Peig.)- 

JSraittia. Xja.ndsboPO'vii Johnstoa sp. 

(Tav. rV, flg. 6). 

1849 — Lopralia LandBborovii, ìohaatoB. ~ Sr.Zooph., tì.Z;f.S10. 
t LIV, f. 9. 

Illdstbazionl 

1852 — Lepralia Landaborovii, BuBk. — Cat. Br. Mar. Poi. II: 
p. 66, t LXXKVI, f. 1 ; ta- 
voU CU, f. 1. 

1867 — Escharella " Smitt. — Xrit. F6rt.; p. 12 e 92. 

t. XXIV, f. 60, 67. 
" " porifera, fonnn inìnaBcnla et roaioBCiil», Smitt. — 

ibid.; p, 73 e 74, t. XXIV, 
f. 33, S5-SS. 

1880 — Smittia Landsborovii , Hincks. — BrU. Mar. Poi.; p. 341, 

t xLvni, f. 6-9; t. xxsn. 

f. 1-2. 

Una sola colonia di tale specie ho rinvenuto nelle aigille dì 
Livorno, essa incrosta una Idmonea. I zoeci non sono tutti ben con* 
servati, alcuni però presentano molto bene i caratteri delle specie 
di JobDStoD, e specialmente della varietà illnstrata dallo Smitt 
(1. e. , f. 60) ; l'apertura zoeciale è posta vicino al margine ed è 
rotondeggiante, dal lato inferiore presenta una incavatura, per l'in- 
serdone del dente, caratteristico del genere, sostituito alle volte da 
un aviculario; il perìstoma è rilevato; ciascun zoecio si separa dal 
contiguo per un sottile cordoncino; la superficie poi è tutta punteg- 
giata con disposizione a quinconcie. Ho figurato quattro zoeci, dei 
qnalì le aperture stomaticlie sono provviste di aviculari, negli al- 
tri si vede traccia di frattura della laminetta che separa la bocca 
dall'aviculario. 

Questa specie rarissima allo stato fossile, è la prima volta che 
viene segnalata in Italia; una varietà {S. Landsborovii, var. Ghet- 
lopora Ess.) è stata recentemente rinvenuta nel Mioc. inf, di Bren- 



>dbyGoogIe 



CONTRIBUZIONE AUA CONOSCENZA DEI BRIOZOl POSSILI ITALIANI 127 

dola da Sir Ar. Waters {North-Halian Bryosoa Q. J. Geol. Soc. 
febr. 1891, pag. 22). 

Vivente: Australia (Hka.); Florida (Pourt); mari Artici 
(Smitt); NapoU (Wat.)- 

Fossile in Italia: Poatplioc. dì LÌTomo (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Ter2. N. Zelanda (Wat.); do- 
po3Ìti glaciali di Scozia (Geikie). 

Smittia, A.da.e Neviani n. sp. 
CTsT. IV, f. 7). 

Nella argilla di Livorno ho rinveonto due esemplari di 
questa specie, che ritengo nuora, noQ avendone riscontrata alcuna 
cai riferirla. 

Il briozoario è schiacciato, escharifbrme, portando i zoeci ait 
ambedue le supeiQci; questi, eoa margini paralleli, sono posti in 
sette serie lineari alternate; l'apertura arrotondata in alto, hajil 
margine inferiore convesso; immedìataoieDte sotto e nel mezzo al- 
enai portano un poro abbastanza grande; i lati, inferiormente al- 
l'orificio, sono percorsi da due file di pori ben distinti fra loro. 
Un arlcalarìo, eon mandibola acuta, rivolta obliquamente io den- 
tro ed in alto, è presente nella rai^gior parte dei zoeci, e si trova 
costantemente nella parte inferiore, talvolta quasi a contatto col 
macine del zoecio sottostante. Le file interne sono ad immediato 
eoDtsttfl. l'una con Taltra, la penultima comincia a staccarsi no- 
tandosi in alcuni zoeci con doppio contorno , finalmente le celle 
marginali si fanno oblique in f^ori distaccandosi anche un poco 
di più dalle contigue inteme. 

Questa forma ò affine a diverse specie illustrate dal Beuss, 
qnali ad es. Smittia (Eschani) exaraia , alifera, fistulosa ed 
al^, WA ne diversifica per la forma dei zoeci e per la posizione 
degli avicnlari ; analogie pure le abbiamo con altre Escharae, che 
variando però nella forma dell' apertura del zoecio, si ascrivono 
oggi a generi diversi. 

Do a questo briozoo, il nome di Adae^ ricordando con esso, 
la mia bambina, che tante volte mi rallegrò col suo sorriso, mentre 
era intento allo stadio di questa monografia. 

Fossile in Italia: Postplioc. di Livorno (Nev.)- 



DigmzcdbyGoOgle 



XCetepora cellulosa. Linneo. 
(Tm. IV, f. 8). 
58 — Eetepota cellnlosa, Linneo. ~ Si/it. nat. ed. IO*. 

Illustrazioni. 

85 - Millepora cellalosa, Cavolini. — Poi. Mar.; p, 64, t. HI, 

f. 12-13. 

86 — n foTamÌDOBS, Eller et Solaniler. ~ Zooph.; p. 138, 

t. XX\T f. 2. 

21 — lìetepora cellulosa, Lamoarooz. — Sxp. meth.; p. 41, tarola 
XXVI, f. 2. 

47 — " » ReoBB. — Fosi. Poi. JViener-, p. 47, ta- 

vola VI, f. 34. 

> 1 « Michl. — Icon. looph.; p. 71, t, XIV, f 10 

£2 — " " BuBk. — Cai. Brit. Mar. Poi; p. 94. 

t. cxxi, f. &«; t. cxxm. 

f. 5-7. 
. ' beanìana, BiisV. - ibid; p. 97, t CXXffl, f. U. 

69 — " cellulosa, Busk. - Ofl^ /'o^yiofl; p. 74, t. XXH. f. 1- 

69 — « - Heuss. - Br. Crosara; p. 55, t XXXI, f. 8. 

70—1 " Manzoni. — Br. fot. it. 4' C; p. 341, t V, 

f. 26-28. 
72-73 - " " Sinitt. ~ Floridan Bri/.; t. I, i. 24^254., 

77 — » " Manzoni- — Br. Atutria-Ungh ; p. 20, 

t. XIV, f. 48. 

79 — " " Watere - Br. Napoli; p. 189, t. XV, f. 1-2 

80 — " beaniana, Hincks. — Brit. Mar. Poi; f. 391, t UH. 

f. 1-5. 

I frammenti di questa specie, che ho trorato fra ì brìozoi 
ir argilla di Livorno, sono piii o meno coaservati; alcuni però 
esentano bene i caratteri della specie, come vedesi nel frammento 
e ho figurato, in esso osseirasi un zoecio che si eleva sol brìo- 
ario a forma di tubo. Non ho trovato traccia di ovicelU. Seguendo 
anzoni, Hiucks ed altri, riunisco questa specie alla R. Beaniana e 
rami/iosa, accettando per6 la denominazione specifica di cellu- 
ìa, come la più antica. 

Vivente: Adriatico (Hel.); Mediterraneo (Wat.); Atlantico 
Ik., Smitt., Hks.) ecc. 

Fossile in Italia: Mioc. inf. di Val dì X<onte (Bss.); 
ioc., Plioc. e Postplioc. di Reggio Calabro (Seg-, De Stef., Manz.) ; 



>dbyGoogIe 





f. 8-10 ; t. xxn, 


f. 2. 




IlLDSTR AZIONI 








era. Hanioni. - 


Br. foi. it., 4' e. 
t. IV, f. 25. 


P- 


336 


HaiiEODi. — 


Br. Cattroearo; p. 
f. 60-61. 


34, 


t. V 


Hinck*. - 


Brit. Mar. Poi; p. 409, t 


LIV 




f, 7-S. 







CONTRIBUZIONE ALLA CO^OSCE^EA DBI BBIOZOI FOSSrLI ITALIANI^ 129 

Mioc. e Plioc. dì Pianosa (Qioli); Plioc. di Modena e Piacenza 
(Nam.); Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed Ungheria 
(Mani.); Crag d'Inghilterra (Bk.); Postplioc. dì Bodi (Manz.). 



Pam. CELLBPOEIDAE. 

Oellepoi-a tubig^et-a. Bnsk. 

- Cellepora tnbigera, BoBk, — Cfag Polytoa-, p. 60, 



1870- Celle 
1875 — » 



Parecchi esemplari ben coneervatì, conispondenti alla forma 
di Casiiocaro (t. 1. e.) ; alcuni presentano la parte conica terminale 
del brìozoarìo. 

Virente: Mari d'Inghilterra (Bk., Hks.); Coste dì Francia 
(Jetfr.)- 

Fossile in Italia: Plioc. e Postplioc. di Keggio Calabro 
(Seg., Manz.) ; Plioc dì Castrocaro (Manz.) ; Postplioc. dì Li- 
Tomo (KeT.). 

Fossile fuori d'Italia: Ciag d'Inghilterra (Bk.); Post- 
plioc. di Bodi (Perg.)- 

Oellepora ra.mu.losa Linneo. 
(TaT. IV, f. 9, 10, 11, 12). 
1766 — Cellepora lamulnsa, Linneo. — Syil. nat. ed. XII, 1285. 

Illustrazioni. 
1838 — Cellepora raranlosa, Johnston. — Tram. N. Soc. U; p. 267, 

t. xn, f. 3-4. 
1844 — . « Cooch. — Corn. fauna, III; p. 110, ta- 

ToU XX, f. 2. 



>dbyGoogIe 







A. NEVIANI 


Cellepo 


r& raranlo 


■ a Bosk. - Cat. BrU. Mar. Poi; p. 87, t* 
vola CIX, f. 1-3. 

Bnsk. - Crasi Poi; p. 58, t. IX. f. 2. 

Manzoni. — Br. fou. it. 4* c; p. 33^. 
t. V. f. 29 ; t VI, f. 30. 

Manzoni. — Br. Cattrocaro; p. 35, t. V. 
f. 62 

HinckB. — Brit. Mar. Poi.; p 401, ta- 
vola IH, f. 7-9. 



Specie molto abbondante nel quaternario di Liromo; vi ai 
rinviene in frustoli di varia grossezza e lunghezza, che rappresen- 
tsDo diverbi gradì di età. Figuro due esemplari che mostrano due 
fo.-me estreme; nella prima (f. 9) il fusticino esile porta quattro 
fila di zoeci alterni ben distinti, nell'altea (f. 10) i zoeci sono rìn- 
nìti in modo che non si distinguono piti le linee di separazione; 
manca il labbro eporgente, il secondo foro che qnasi costantemente 
si osserva al disopra dell'apertura zoeciale corrisponde all'apertura 
degli ovicelli, dei quali si è obliterata la parete. La fig. 11 rap- 
presenta un zoecio sormontato dall' ovioello e veduto alquanto obli- 
quamente dall'alto; al n. 12, ho figurato un altro zoecio provvisto 
pure di ovicello, e veduto di fianco. 

Vivente: Mediterraneo (Wat.); Atlantico (Hks., Smitt., 
Pen. ecc.). 

Fossile in Italia; Flioc. e Postplioc. di Reggio Calabro 
(S^., De Stef, Manz.); Plioc. di Castrocaro (Manz.); Post^ilioc. 
di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia; Crag d'Inghilterra (Bk); Postplioc. 
di Bodi (Manz. Perg.). 



Fam. SELENARIDAE. 

On.pula.]:>ia. canarionsis Busk. 
upnlaria canari«naifi, Busk. — Zoopkt.; p. 66, pi. XXIII, 



!, Buak — Crag Poi; p. 87, t. XEI, f. 2. 
Manzoni — Br. It. 1. e; p. 26, t li. 

f. 17, 17'. 



>dbyGoogIe 



CONTRIBUZIONE ALLA CONOSCENZA DEI BRIOZOI FOSSILI ITALIANI 131 

\in — CupnUria canarieDBÌB MmioiiÌ — Br. Aiut. Uagh.ìl, p, 24, 
t. XVn, f. 56. 

Un solo esemplare completo e pochi franunenti ho raccolto di 
questa ben nota specie; l'esemplare completo è ben conservato, pia- 
n^giante con celiale romboidali e suhorall a mai^e intero, ac- 
comp^fnate dai caratteristici aciculari (vibracularì?) auricolati; 
oitidigsìma poi è la superficie inferiore divisa in aree quadrango 
Uri allui^te, con pori laighi e numerosi, disposti per lo più in 
due file per <^i area. 

Vivente: Madera, Canarie, Coste del Marocco (Bk.); Flo- 
rida (Lm.), 

Fossile in Italia: Flioc. e Postplioc. di B^gio (Seg.); 
Plioc. di Valle Biaja, M. Mario, Caditeli' Arqnato, Asti (Mana.); 
PIÌoc. di Modena e Piacenza (Namias); Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. di Austria ed Ungheria 
(Manz.) ; Crag. d'Inghilterra (Bk.) ; Postplioc. di Rodi (Manz.) 

Sottoclasse Cyclostom ata. 
A. Radicellata (Articulata). 



Pam. CBISIIDAE, 

Orisia Hdrnesii Beuss. 

(Tar. IV, f. 18). 

1W7 — Crisi» Horneaiì, Beota. — Fou. Poi. meaer; p. 54, t. VII f. 21. 

Illustrazioni. 

1859 - Crisi» denticnlat», Bnsk. — Crag Poi; p. 98, t. I, f, 8. 
1866 — ■ HOrnosiì, Iteass. — Br. Septarianthon; p. 75, t. XI. f. 12. 
1877 - B - Manzoni. — Br. Auttria-Ungk ; p. 4, 1. 1. f. 3. 

1889 — „ n TerriKi. — Il Macco di Palo; p. 104, t. U, f. 5. 

Gli esemplari molto ben conservati, ma fragilissimi per avan- 
zata calcificazione, sono numerosissimi ; gli intemodi hanno una ven- 
tina di zoeci tubulosi disposti alternativamente sui due mar- 
gini, coll'apertura perfettamente circolare rivolta dalla stessa parte. 
Ciascuno dei zoeci poco ricurvi non risultano molto luoghi, perchè 
l'estremità membranosa non si è mantenuta per la fossilizzazione. 



>dbyGoogIe 



La superficie ora h liscia, ora leggermente striata trasversalmente, 
ora finamente punteggiata, convesxa latito nella parie anteriore, 
quanto nella posteriore. Non Iio riscontrato alcun esemplare con 
ovicelli. Ho figurato un esemplare ore si Tede il pmito d'iosei- 
zione di altri tie internodi, e cioè uno in alto, due posti ai lati 
su altrettante gibbosità. 

Ho mantenuto la denominasione di C. HÒrneni Bss., corri- 
spondeudo esattamente alla specie del Bacino di Vienna, ed agli 
esemplari delle diverse località mioceniche d'Austria ed Ungheria, 
illustrati dal Manzoni e dal Beuss ; tengo quindi questa specie di- 
stìnta dalla Crisia deniiculafa Lamck, vivente nel Mediterraneo, 
Atlantico, Pacifico ecc. perchè in quest'ultima i zoeci risultano 
molto più lunghi e più curvi della forma fossile, e lo spazio inter- 
medio, specialmente nella parte anteriore si mostra alquanto con- 
cavo, per maggiore sporgenza dei zoeci in tutto ìl loro percorso. 
Con questo non n^o che fra le due specie non siavi una stretta 
parentela; sono anzi persuaso che la vivente C. detiticulata sia 
derivata dalla foasile C. BSraesii, come questa ha certamente stretti 
rapporti colla C. mbaequalis Bss. di Val di Lonte, che è ancora 
più antica. 

In quest'ordine dì idee credo siano anche Peigens, Hincke, 
Busk ed altri, giacché nelle loro pubblicazioni enoverano la C. den- 
tiaulata, senza riportare nella sinonimia la G. HSrnesii di Reu3!i. 

I! Manzoni, mentre teneva distinte le due specie nella mono- 
grafia sui Brìozoi d'Austria ed Ungheria, si decise ad unirle nella 
pubblicazione sui Brìozoi di Rodi, il che manifestamente ci dimostra 
come le Crisie del Postpliocene di Rodi sono molto più aflìni alle 
riventi, di quello che non aieno quelle fossili più antiche. 

Soguenza, nella Memoria sul Terziario della provincia di Reggio 
Calabro, annuncia il ritrovamento della C. BÒrnesii nei. terreni 
da luì indicati come appartenenti all'Elveziano, Tortoniano, Zan- 
cleano ed Astiano ; mentre, tenendo distinta la C. dentiealata, la 
indica proveniente dalle formazioni del Saariano. 

Finalmente noterò come dalla figura data dal Busk (v. 1. e.) e 
relativa descrizione, si riconosce che la forma fossile del Crag d'Inghil- 
terra è più afilne a quella del Bacino di Vienna, che alla vivente. 

Fossile in Italia: Mioc. e Flìoc di Reggio Calabro (Seg.) ; 
Plioc. dì Palo (Terr.); PostpUoe. di Livorno (Nev.). 



>dbyGoogIe 



CONTRI eiZIOS E ALLA CONOSCENZA DEI BR(OIO[ FOSSILI ITALIANI l8S 

Fossile fuori d'Italia: Olig. di Soellìngen (Ras.) ; Mioc. 
d'Aosteia ed Ungheria (Rse.^ Manz.); Crag d'Inghiltena (Bk.). 

Orisia elong*a,ta Milne Edwards. 

1838 - CriBia olongata, M. Eilwarda. —^ Sur lei CrUisi; p, 203. ta- 

You vn, f. 5^. 
Illustrazioni. 

1650 — Crisia elongata, Bnsk. — Cai. Brit. Mar. Poi., m ; p. 3, ta- 
vola IV, f. 5-6. 

18T9 — I. « var. anj[U8tata. Waters. — Br. Napoli; 

p. 269, t. XXm, f. 4. 

1886 - » ■ Boak. — Challengar Poi; p. 5, t. I, f. 3. 

Aoohe qnesta Crista, riteogo à debba distingnere dalla 
C. Edwardsii di Hauea, fossile nel bacioo di Vienna; assai fre- 
quente nella argilla esaminata, 6 molto bene coDservata, e pro- 
aenta costaotemente i medesimi caratteri, tanto che disegni fatti 
alla camera lucida, sa esemplari differenti, si direbbero copie dello 
stesso disegno. 

Il Manzoni ritiene la Cr. Sdwardììi, come la forma antenata 
della Cr. elongata, e nella Memoria sui Briozol di Rodi le iden- 
tifica; ma anche |»er questa specie, Fergens, che di solito è pro- 
peQso a riunire, non cita la prima come sinonimo della seconda ; 
ed il Seguenza pure enamera la prima nei terreni EUeziani, Tor- 
tooiani, Zancleani ed Aatiani della provincia di R^gio Calabro, 
mentre l'altra è indicata solamente per il Siciliano. Sembra però che 
la specie più larga e più affine alla C. dealicalata, e cioè la Cr. 
Eiaardìu del bacino di Vienna, aia ancora vivente, giacché tale 
mi sembra la sp. descritta e figurata dal Wateis (Br. Napoli) 
come tipica della Cr. elongata M. Edw. 

Credo difficile decidere solamente sulle Hgnre, se gli esem- 
plari trovati dal Terrìgi nel Macco di Palo (1889. Roma Acc. 
Lincei, p. 13, t. II, f. 11-12) sieno da ascriversi all'nna od all'altra 
delle due apecie ora nominate- 
Vivente: Golfo di Napoli (Wat.); Adriatico (Heller); Mar 
Bosso (M. Edw.); Oc. Pacifico (Bk.). 

Fossile in Italia: Qnater. di Reggio Calabro (Seg.); Post- 
plioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Posterz. di Rodi (Manz. Perg.). 



DigmzedtìyGOOgle 



134 A. NEVIAM 

Oi-ista, flsttilosa Heller. 

1867 — Crisift fiatulosa, Heller, — Br. Adriat: p. 118, t. m, f. 5. 
Illustrazioni. 

1847 - CriBia Hanorì. Benas, — foM. Poi. Ifiantfr;:?. 54, t. VII,f. 22-24. 
1874 _ , eburnea, Minzoni. — Br. Austria- l/ngh.; p. 3, 1. 1, f. 1. 
1879 - - fistulosa. Water*. ~ Br. XapoU: p.268. t XXm, f. 3. 

Questa terza speoie di Crisia, che è molto eomaiie Del deposito 
a Brìozoi, che sto iUnatrando, corrìspoade molto bene alla figara 
data dal Waters, che rappresenta un esemplare TÌvente nel Grolfo 
di N^apolì; ed ha anche grande analogia colla citata %ara del 
Manzoni. 

Mentre mi accordo completamente col Waters e col S^aensa 
per tenere distinta la Ci: fisUdota Hell. dalla Cr. eburnea Lia. 
ed qualmente concordo col Manzoni e col Fei^ens per riunire la 
Cr. fistulosa colla Cr. Haueri Bss., dissento del tutto con questi 
due ultimi autori nella identificazione che fanno della Cr. fistu- 
losa colla Cr. eburnea. Basta guardare le figuro date dal Milne 
Gdwards e dal Blainville della Cr. eburnea di Linneo, confron- 
tarle con quelle della Cr. fistulosa riportata dall'Heller e dal Waters. 
e quella della Cr. Haueri del Beuss, per conyiDcersi delle ana- 
logie e differenze delle due forme. 

Qui pure mi couTÌene ricordare il S^uenia , giacché trovo 
che in varie località del Reggiano la Cr. fistulosa (=r Cr. Haueri) 
proviene dal Zancleano, Astiano, Siciliano e Saariano ; e che nello 
stesso Siciliano e Saariano, come pure nel Tortoniaoo, il compianto 
Paleontologo, rinvenne la Cr. {Sertularla) eburnea di Linneo; ma 
anche Busk ed Hinks tengono distinte queste due specie. 

Vivente: Adriatico (Hel.); Golfo di Napoli (Wat.); Atlan- 
tico (Bk.). 

Possile ia Italia: Plioc. e Postplioc. di Reggio Calabro 
(Seg.); Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Possile fuori d'Italia: Oligoc. di Soellingen (Rss.); Mioc. 
d'Austria ed Ungheria (Manz.); Fostplioc. di Rodi ? (Manz.). 



>dbyGoogIe 



CONTRI B(- ZI ONE ALLA CONOSCENZA DEI BRIOZOI FOBSIU ITALIANI 135 

Orìsicb X>o Stefani Nevìani n. sp. 

(Tft*. IV, f. U, ló, 16). 

?I867 - CrUta lecurra, Heller. — Sry. Adriat.; p. 118, t. IV, f. 8-4. 

Credo che il briozoario, del quale ho rinvenato un piccolo 
frammento nella argilla postpUocenica di Livorno, si debba rite- 
nere per una specie nuova. L'unica specie colla quale presenta un 
poco di affinità è k Cr. recurva dì Heller, proveniente dall'Adria- 
tico (Lesina). Heller però ci ha lasciato una descrizione e due 
figure della sua specie, che non permettono di rendersi un conto 
esatto su quel briozoario; e non posso neppure brio per via di 
confronto con altri autori, perchè non conosco nessuno che abbia 
parlato di questa specie. 

La descrizione dell'Heller, è la seguente : •> Bastoncelli sottili, 
molto ramificati, rami coperti di namerosì punti bianchi; le cel- 
iale sono cilindriche, alterne, nei primi due terzi diritte, nell'ul- 
timo terzo libere e curvate quasi ad angolo retto verso l'esterno 
K verso la cima ; l'apertura dei zoeci h rotonda ; le cellule opposte 
sono strettamente saldate verso l'interno. Le articolazioni il più 
delle volte sono formate solamente da quattro paja di cellule. 
Gli zoeci abbastanza grandi, quasi palliformi, sono pure punteg- 
giati di bianco «. Le t^iue rappresentano un rametto ripetuta- 
mente dicotomo con ovicelli, discretamente ingrandito, ed un altro 
(rammento anche più ingrandito, con zoeci non alterni, come dice 
la descrizione, ma regolarmente appaiati ed opposti. 

11 frammento di Briozoario che presento figurato coH'ingran- 
dimento di 24 diametri, comprende quattro paia di zoeci, tre com- 
pleti, ed un paio appena indicato ; essi sono perfettamente opposti 
e sabcilindrici ; verso la cima (f. 14) ripiegano in fuori, tendendo 
a porsi dì fianco ; l'estremità dei zoeci non è perfettamente con- - 
serrata, e perciò non si distingue con precisione se l'apertura 
sia circolare , o subelittica ; lungo la linea mediana un solco 
distingue i due zoeci contrapposti. Sulla superficie posteriore (f. 15), 
compaiono per ciascun paio di zoeci, due solchi, a guisa di lun- 
ghe impressioni, paralleli fra loro, più profondi e rotondeggianti 
in basso, che vanno gradatamente svanendo in alto, essi sono lun- 
ghi quanto la parte diretta dei zoeci. di modo che per ciascun 



>dbyGoogIe 



paio dì celle anccessive ì solchi sono separati. Il brìozoarìo vedato 
di profilo (f. 16) presenta delle gibbosità, corrispondenti alla parte 
superiore di ciascnD zoecio. 

Dedico questa specie al chiarÌBeimo prof. Carlo De Stefani, 
cbe tanto gentilmente mi offrì il materiale che sto illastrando. 

Vivente: Adriatico? (Hell.). 

Foflsile in Italia: Postpli-w. di Livorno (Nev.)- 

B. Incrustata {Inariiculata). 



Pam. IDMONEIDAE. 

Idmonea atlantica Forbes. 

(Ta?. IV, f. 17. 18). 

1849 — Idmonea atlantica, Forbes. — M. s. fide Johnston ; Brìt. 
tooph. 2- ed., p. 278. t. XLVIII, f. 3. 

Ili,ustr.izioni, 

1866 - Idmoneft atlantica, Smìtt - Krit. FSrt., U; p. 438. t. m, 
f. tì-7 ; t IV, f. 4-13. 

186.» — n gracillima, Renss. — Br. Croeara: p. 70 e 79. ta- 

vola XXXV, f, 1-2. 

1873 — « atlantica, Smitt. - Floridan Bry.\ p. 6. t. II. f. 7-8. 

1877 — -. « Manzoni. — Br. Austria- Ungh.; p. 5, ta- 

vola n, (. 6. 

1830 — " - Hincts. — Bril. Mar. Poi; p. 451. t. LXV. 

Abbastanza frequente è questa forma fra i brìozoari del qua- 
ternario di Livorno ; i fustlcìni raramente sono dicotomi, piti spesso 
langhi e gracili, presentano le pia grandi affinità colle figure del 
Manzoni {1. e.) ; le flg. 17 e 18 rappresentano un esemplare vedato 
davanti e di fianco; nella fig. 17 ho indicato, in alto, la minuta 
punt^giatura frequente in questa specie. 

Tivente: Golfo di Napoli (Wat.); Isola KejTfaelen (Bk.); 
Florida (Smitt); Mari d'Inghilterra (Hks). 

Fossile in Italia: Mioc. inf. di Val di Lente (Ras.); 
Plioc. e Postpltoc. di Heggio Calabria (Seg.); Postplioc. di Livorno 
(Nev.). 



>dbyGoogIe 



CO.VTRIBl'ZIONE ALLA CONOSCINZA DEI BRIOZOl FOSSILI ITALIANI 137 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed Ungheria 
(Mam.); PostpUoc. di Rodi (Pe^.)- 

Iclmonen 'vibicata Manzoni. 

1877— Idmone» vibicsta, Manzoni. — Be Amtria-Ungh.; p. 6, t I, 
f. 5; i. n, f. 7; t. V, f.lO. 

ILLDSTR ANIONI. 

1877- Idmonea Tibiesta, lAuaaià. — Bry.d. RkodtKf.eS.tll.i.W. 
?1882- Tervia solida, Jullieu. — Dry. d. Drag. d. TraoaUleur-, p, 5. 
t. Xvil, f. 72-73. 

Gli esemplari del giacimento di Livorno, meglio che a qua- 
lnaque altra specie, si riportano a quelle illustrate dal Manzoni. 
5oa ho creduto di s^uire Pergens, uell'unire cioè la specie del 
Usuzom colla /. serperti di Linneo, notaudo fra esse forti diffe- 
[enze nella disposizione dei zoeci ; distinzione d'altra parte man- 
tenata daU'Hiacks e dal Waters. Credo poi di non andare errato 
oneodo alla sinoniinia la speàe ( Tervia toUda) proveniente dal 
Golfo di Gnascogna, e descritta da Jnllien. 
Virente: Golfo di Onaseogna ? <Jnl.)- 
Foglile in Italia: Fosterz. di Livorno (Nev.). 
Fossile fuori d'Italia: Mioc d'Anstrìa ed Ungheria, 
postplioc. di Rodi (Manz.)- 



Idmonea pseudodisticlia Hagnow. 
(Tav. IV, f. 19). 

1851 - Idmonea psendodiaticba, K»e^itow. — Dry. d. Matttr. Kreid.; 
p. 31, t. II, f. 8. 

Illustrazioni. 

18-26- Betepo»» diatich», Goldf. (pars). - Petr. Germ. l. t IX, 
f. 15 a, b (non altre). 

1845 - Idmonea » MkheUn. — /co». «wpft ;p.204,t.Ln.t.l8. 

1847 - » 1 ReuBs. - Fom. Poi. Wienef ; p. 45, t. VI, 

f. 29-31. 

1851 — » solcata, Hagennw. — Bry. d. MaeUr. Kreid.; p, 32, 

t. II, f. 12. 
» » lineata, Hagenow. — ibid.; p. 33, t. Il, f. 13. 



>dbyG00gIe 



1852 - " pBendodiatichB, D' Orbigny. — Terr. Crét, V-, 

p. 740, t. DCCXLIX, f. 1-6. 

1877 — " lineata, Manzoni. — Br. Auttr. ■ Ungh., TU; p. 5, 

t. m, t. 9. 

» n dìaticha, Manzoni. — ibid.; p. 5, t. MI, f. 12-13. 

Nella letteratura di qaesta specie si ha non poca confcsione, 
causa specialmente l'unioDe che ha fatto il Goldfass di specie di- 
Verse, sotto la stessa denominazione di R. distieha; specie che 
furono dall' Hagenow ben distinte, ma che da autori posteriori 
furono spesso riunite di nuovo. 

Colle indicazioni sinonimiche sopra riportate, mostro come 
intenda costituita la specie dì cui mi occupo, notando che le mag- 
giori afSnità si hanno colle citate figure del D'Orbigny e del 
Manzoni. 

h'Id. pseudodisticha non è stata rinvenuta vivente. 

Nella monografia dei Briozoi pliocenici di Modena e Piacenza 
il Dottor Namias cita l' Idmonea distieha Goldf. riportando nella 
parte bibliografica le specie da me sopra accennate del Beuss e del 
Manzoni; molto probabilmente si tratta qui della Id. pseudodi- 
disiicha Hag. ; altrettanto dicasi della Id. distieha del Net^ene 
di Pianosa citata da Gioii. 

I caratteri che servono a distinguere le due specie sono prin- 
cipalmente i seguenti : 

Nella Idmonea pseudodisticha Hag. il hriozoario ò più pic- 
colo della Id. distieha; la sezione trasversale ha l'aspetto di ud 
triangolo con la base arrotondata ; ì zoeci, saldati in modo da 
formare una cresta saliente, sono uniti in numero da tre a eette, 
più frequentemente di quattro e cinque. 

II polizoario della Idmonea distieha del Goldfuss è molto 
piti grande della specie procedente, la sezione trasversale è fusi- 
forme ; i zoeci sono riuniti in serie di sei a nove, numero che 
qualche volta cresce fino ad undici. 

Fossile in Italia: Zancleano della prov. di R^io C 
labro (Seg.); Posterà, di Livorno (Nev.). 

Possile fuori d'Italia: Cretaceo (D'Orb., Peig.); Mioc. 
d'Austria ed Ungheria (Bss., Manz.). 



>dbyGoogIe 



CONTRI dUnONE A 

Idmonea, rPar^iotiii Neviaaì a. sp. 

(Tav. 17, f. 20). 

La specie, che - ritenendola nuova - dedico al chiarissimo 
ecologo prof. Adolfo Tai^oni-Tozzetti, è a confronto delle dirersc 
specie di qnesto genere, assai grande ; il brìozoario può giungere 
alla larghezza dì tre millimetri, ed anche aorpaìsarli; ai Iati si 
to)¥ano da due a quattro zoeci tabuloai per ciascuna serie alterna; 
questi l^ermeate ricurvi all'infuorì sono lui^hi anche più di no 
millimetro, e larghi in media mm. 0,27, con l'apertura subqua-. 
diangolare, se sono al centro dì ciascuna serie, i laterali hanno 
il margine intemo diritto e l'esterno ricurvo. La superficie anteriore 
presenta delle l^giere ri^he trasversali, quella posteriore à rigata 
longitudinalmente; la sezione del Briozoario è presso a poco elittica. 

Le affinità maggiori si hanno colla Id. distica di Goldfuss, 
dalla quale diversifica specialmente per il numero molto minore 
dei zoeci. 

Figuro ano degli esemplari meglio conservati, con ingrandi- 
mento di circa 14 diametri, e cioè di quasi la metà degli altri 
briozoart, per non occupare molto spazio nella tavola. 

Fossile in Italia: Postplioc. di Livorno (Nev.). 

Filisparsa -va-i'ltins Heuss. 

(Tav. IV. f. 21) 

1869 - Filisparsa Tari&ns, Reasa. — Brij. v. Croiara; p. 74, 70, U- 
Tol» XXXV, f. 14-16. 

ILLDSTR AZIONI. 

1847 - Postulo poi» anomala, Rtìoss. (paté.)- — Fon. Poi Ifiewr: 
p. 41. t. VI, f. 19-20. 
» Horner» biloba, Renss. — ibid.; p. 43, t. 6, f. 21. 

1877 — Filisparsa Tariaos, Mbiiiodì. — Br. Autìrìa-Ungìi.; p. 9. ta- 
vola Vn, f. 27. 

Assai numerosi e ben sviluppati sono i brìozoari che attri- 
buisco alla specie che il Beuss trovò nel miocene inferiore di Val 
di Lonte e Montecchio Maggiore ; se le mie cognizioni in rapporto 
a questo briozoo sono esatte, non lo troviamo vivente in alcun mare. 



>dbyGoogIe 



Nella tay. lY, fig. 21 delineo ano degli esemplari, che nella 
superficie posteriore, ha aderente un OTicello ben conservato, esso 
è irregolarmente piriforme, percoreo da una leggera carena me- 
diana, ai lati sonvi numerosi solchi paralleli ira loro e che vanno 
obliquamente dall'alto al basso. Che mi sappia è questa la prima 
volta che viene figurato un OTìcello appartenente a questo genera 
di Brìoioi. 

Fossile in Italia: Mioe. ìnf. di Val di Lente e Mon< 
tecchio Martore (Bss.); Mioc, Plioc e PostpUoc. di Beggio Ca- 
labro (Sog.); Poetplioc. di Livorno (Nev.)- 

Fossile fuori d'Italia: Mioe. d'Austria ed Ungheria 
(Rss., Manz.). 

FiUsparscb Delvauxii Pergens. 

(TaT. IV, f. 22, 23). 

1887 — Piliaparsa DeWsmii, Pergens. — Brj/. PUoe. v. Rhodof, f. e. 

Illustrazioni. 
1877 — FiliBparB» sp., Manzoni. — Bry. rf. Jikod»; p. 69, t. HI. f.l8a,i 

Mantengo questa specie per molti briozoarì da me riuTenuti 
nella argilla di Livorno, e ne figuro uno dei m^lio conservati e 
tipici. Pergens fondò la nuova specie sulle figure del Manzoni 
per i Briozoi di Rodi e su esemplari avuti posteriormente dalla 
stessa località; inseguito, nel 1879, Waters illustrando ì briozoi 
viventi sei Qolfo di Napoli (p^. 275), anisce la specie del Per- 
gens colla FiUsparsa tubalosa Busk (vivente nell' Atlantico ed a 
Napoli), sinonimo alla sua volta della Fortiera violacea Sars e della 
Puslulopora orcadensis Bt. Esaminate però le figure e le descri- 
zioni del Busk e quelle dell'Hincks. mi sono couvinto che gli esem- 
plari studiati nulla haano dei caratteri propri di queste ultime 
specie, ma essendo più affini a quelle di Sodi, tengo distinta la 
specie del Pergens. 

Fossile in Italia: Fostplioc. di Livorno (Nev.)- 
Fossile fuori d'Italia: PostpUoc. di Bodi (Manz., Perg.)- 



>dbyGoogIe 



CONTRIBUZIOKE ALLA CONOSCENZA DBI BRI07.0I POSSILI ITALIANI 14l 

Pastulopora, Smittii Fergens. 

{Tar. IV, f. 24). 

1887 — Pnatnlopora Smittii, Pergens. — Brg. Plioc.v. Rhador, p. ». 

Illustrazioni. 

1872 — Entaluplioia proboscideoides, Smitt. — Floridan Bry. ì: 
p. Il, t. IV. f. 26-27. 

1877 — ■ Bp., MaMoni. — Br. d. Rkodes; p. 70, t. ni, f. 22. 

1886 — Pnstalopom pruboBcideoides, Busk. — ChalL Polyioa : 
p. (9, t. IV, f. 4. 

La fi^ra unita a questa monografia, mostra te moltissime affi- 
nità per le quali si può decidere per il ravvicioamento colla specie 
fossile di Bodi. Seguo la determinazioue data dal Pergens, giacché 
il nome specìfico di proboscideoides dato dallo Smitt, ed accetl^ato 
da Bask, fa gì& oel 1862 dato da Gabb et Hors ad un briozoarìo 
ben diverso dell'Àmerìca settentrionale. Non so che forma simile 
sìa stata linrenuta fossile in Italia. 

Virente: Isola Marion (Bk.); Florida (Smitt). 

Fossile in Italia: Fostplìoc. di Livorno (Ner.). 

Fossile fuori d'Italia: Fostplìoc. di Rodi (Manz. Ferg.). 

E^ntalophora proboeciden Milne-Edwards sp. 
(TftT. IV, (. 25). 

1838 — Puatalopora probotcidea, M. Edwards. — JWm.aur /« CrijÌM; 

p. 27, 1 xn, f. 2. 

Illustrazioni. 

1851 — PtutDlopora virfirDU, Hagenow. — Bry. Maeitr. Kreid.: 
p. 17, t I, f. 3. 
" » nana, Hagenow. — ibid,; p. 12, t. I, f. 4-5. 

1850-52 — Entalophora s anione nsis, D'OrbiRny. — Ten. Cm. 
V; t. DCXXIII, f. 15-17. 
r a t i p r a D'OrbÌRny. — ibìd. ; t. DCXXr. 
f. 1-8. 
« n IcaanensÌB, U'Orbìgny. — ibid.; t. DCXVI. 

f. 12-14 (IconensiB nella 
taTola). 
» » BobKraciliB, D'Orbigny. - ibid ; t, DCXXI. 

f. 4-6, 



>dbyGoogIe 



142 A- NITIASt 

185(W2 — Bidiastopora rustie a, D'OrMgnj. — ibid.; t. DCXXVUl 

f. 1-1. 
1862 — Pustolipora attenuata, Stoliicka. — Ober. Brg.v. Latd.-. 

p. 77, t. 1, f. I. 
186!» — Entalophora attenuata, Eenss. — Bry- u. Crotara; p. 7-1. 

t. XXXVI, f. 1-2. 
1872 — ' virgola, Bensa in Oeifiiti. — EUilhalgibirffe. 

li p. 116. t. XXn. f. 1-2 
1875 — Pustalipora pr<oboecidea, Bnsk. — Gai. Brit. Mar. Poi. 

IH; p. 21. t. XVn», (figura 

a destra). 
1877 — Entalophora anomala, Manionì. — 5r. AK$lr.-Ungh.;fa- 

gìaa 10. t. IX, f. 33. 
" " attenuata, Manioni. — ibid.; p. 10, t. MII 

(Del testo VII), f. 32 (nella 

t«T. 20). 
» Pustalopora prnboscidca, Hanzani. — Bri/, d. Rhoitt: 

p. 20, t. II, f, 5. 
Entalophora rari pò ra, So»ik. Beitr. !. K«n. d. Bry. d. 

Bùhm; p. 32, t. vni, f. 1-5; 

t. X, f. 1-2. 
1886 — " proboacìdea, Perpens et Heunier. — Bri/. 

Ftwe ; p, 202, t. X, f. 1-4. 
Pnstulopora « Buak. — ChaUenger. poi. II: 

p. 19, t. IV, f, 1. 
1889 — Entalophora Icaunensis? Gioii. — Br. Neog. Pianata ; 

p. 8. t. XIV, f. +4 a. 
PuBtuIopota proboecidea, Tenip. — /( J/occo rfiPaZo; 

p. 105, t. m, t. 2. 

Abbastanza comune è questa specie fra i numerosissimi esem- 
plati dì briozoi clclostomati, dei quali mi occupo io queste pagine. 
Alcuni corrispondono molto bene alla specie tipica del Milne-Edwards; 
altri ricordano la Entalophora anomala di Reuss. I zoeci si man- 
tei^ono sempre lontani gli uni d^li altri di modo che ì briozoarì, 
meglio conrengouo al genere Entalophora di Lamouroui, che al 
genere Pmtulopora di BlainviUe; un solo esemplare sembra fare 
passi^gio al genere Sptropora Lami., perchè alcuni zoeci sono 
disposti, colle loro aperture, in un jtiaao a formare un verticillo, 
ma nel successiTO si trovano già in piani diversi. 

L'esemplare figurato è uno dei più adulti, ciò che si distin- 
gue benissimo, specialmente per le rugosità trasversali che pre- 
senta. 



DigmzcdbyGoOgle 



OI^CniIBUElONE ALLA CONOSCENZA DBI BR107.O1 POSSILI ITALIANI 143 

VÌTente: Adriatico (Hel,); MediterraDeo (Edw., Wat.) ; 
Oceano Indiano (Bk.). 

Fossile io Italia: Flioc. inf. di Orosara e Montecchto 
Maggiore (Rss.) ; Plioc. di Parlascio (De Amicia) ; di Falò (Terr.) ; 
llioc. Plioc. e Postplioc. di Reggio Calabro (Seg„ De Stef.); Plioc. 
Broccoli (Wat,) ; di Pianosa (Gioii) ; PoBtplioc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Cretaceo (Wat., Bss., D'Orb ; 
NoTàk, H^., Pei^.) ecc. ; Mioc. d'Austria ed Ungheria (Bss., Manz.); 
Ten. d'Australia (Wat.) ; PosfcpUoc. di Rodi (Manz., Perg,). 

Entalopliora. D'Anconae Neviani n. sp. 

{T«T IV, t. 2C, 27). 

Io alcuno dei libri che ho coosultato, ho trovato una specie, 
alla quale abbia potato riportare il briozoario, cui do il nome di 
Eatabphora D'Anconae. Le figure che do di uno d^ti esemplari 
della ai^illa di Livorno, rappresentano un fi-ammento di colonia 
formata da gracili fosticini con zoeci tubulosi, molto lontani fra loro, 
ed irre^larmeute disposti. La superfìcie del briozoario è finamente 
mgosa, e preseota molti pori finissimi, appena visibili. 

Fra le varie Entalopkora, o generi aflìtii, descritti di^li autori, 
i'anica specie che presenta una lontana analogia con quella di Li- 
vorno è la Satalophora lineata Beisel, del Cretaceo superiore di 
Aqoisgrana (Haarlem 1865). 

Ho dedicato questa specie al chiarissimo paleontologo prof. Ce- 
sare D'Ancona, che con squisita gentilezza pose a mia disposizione 
libri e materiale di conirODto. 

Possile in Italia: Postplioc. di Livorno (Nev.). 



>dbyGoogIe 



Fani. TUBULOPABIDA.E. 

IDiastopora lato ma.i'g'l nata. D'Orbìgny. 
18R2 — Diastopora latom argi nata, D'Orbigny. — Terr. Crét.S; 
p, 827, t DCCLVm,f. 10-12. 

Illustrazioni. 

1847 — Biastopora sp arsa. Reues. — Fon. Poi. (Fteaer; p. 51. 

t. ra, t. 10. 

1877 " » (9), ÌÌKazoai.~Br.Atutr.'[/ngk.;f.U. 

t. Xm, f. 5i. 
1870 - latomarginata, Wators. — Br. of NapUi: 

p. 272, t. XXrV, f. 12. 

Alcuni frammenti di questa epecie, presentano i tubi zoeciali 
riuoitì in file di tre o quattro, irradianti da un centro; il margine 
è per un tratto bucherellato per la formazione dei nuovi zoeei; 
la superficie posteriore ò libera, priva di zoeci, ondulata concen- 
tricamente s tutta la colonia. Non avendo trovato nessuna colonia 
intiera esprimo qualche dubbio sulla determinazione che ho adottato. 

Vivente: Adriatico (Hel.); Golfo di Napoli (Wat); Banco 
di Terra nuova (D'Orb.). 

Fossile in Italia: Mioo., Plioc. e Postplioc. di Re^io 
Calabro {S^-); Posteri, di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Ungheria (Bss. Hans.). 

Af esentoi-ipora £]u<iesiana Milne-Edwards sp. 

1838 — Diastopora Endcsiana, M. Edwards. — ifhjt. tur te» Cri- 
sie»; p. 225. t. XIV, Ggoie 



, U. 



Illustrazioni. 



1859 — Mesenteripora meandrina, Bask. — Crag Poi; p. 109. 

t. XVn, f. 2it. XVm, f.4; 

t. XX, f. 2. 
I«77 — " Eudesiana, Manzoni. — Brioi. Auttria- 

Ungh.; p, 13, t. IX, f. 36 ; 

t. ài, f. 49. 

Parecchi sono gli esemplari di questa bella specie, e tutti in 
perfetto stato di conservazione; i zoeci che hanno un parallelismo 



>dbyGoogIe 



CONTBIBUZIONE ALLA CON03CENIA DEI BRIOZOI FOSSILI ITALIANI 14S 

abbastanza pronunciato si portano dal marine grosso e liscio, & 
qoello piti aottìle e bnchetellato, che ci indica la linea di accre- 
scimento della colonia. 

La ficaia riprodotta dal Manioni illustra fedelmente i fram- 
menti da me stndiatL 

Questa specie, per quanto è a mia eluizione, non è stata rin- 
venuta TÌreate ; ed anche allo stato fossile sembra rarissima in Italia. 

Possile in Italia: Tortoniano di Beggìo Calabro ? (Se^.); 
Postplioc. di Livorno (Nev,). 

Fossile fuori d'Italia; Calcare colitico dì Caen (M.£dw.); 
Uioe. sap. di Ungheria (Mana.); Gif^ d'Inghilterra (Bk.). 



Fara. H0BNERIDA5:. 
XXornera fì-ondi culata Lamarck sp. 



1815-22 — Betepora frondicuUta, LamMck. - R. d. un. s. veri.. 




I ed.; t. n, p. 183. 




Illustrazioni. 


1821 - Horuer 


a fro odi culata, Lamonroui. — Expot. méck.; p. 41. 




t. LXXIV, f. 7-9. 


1826 


" Lamonrow. — Encycl; p. 460; 




fttlaa t 480 f. 4. 


1838 


Milne EdwardB. - Mfm. lur lei 




Crisiei;-p. 209, t, IX, Ma,* A 


o <■ 


affiniB, Milne Edwards. - ìbid.; p. 19, t. X. f. 1. 


1852 - 


frondicnlata. Busk. - Brit. Mar. Poi. HI; p. 17. 




t. XX, f. 1, 2, 8, 6. 


1856 - 


Bnak. - Poi. eoli, hy Mac Andr. ; 




p. 34, t. I, f. 7. 


1859 - 


Busk. - Grag Polyioa ; p. 102, 




t. XV, f. 1-2; t. XVI, f. 6, 


18(12 ~~ 


p r s a (?) Stolicika. — Bry. Latdorf; t. 72, 1. 1, t. 3. 


1875 - 


frondicQlata, Manioni. — Br. Castroearo ; p. 42. 




t. VII, f. 80, 


1877 — 


■MaMoni. - Br. Austr.-Ungh.; p. 8, 




t. VI, f. 22. 



Sodo pochi i frammenti troraCi nell'argilla di Lirorno, che 
presentano oatatteri ben definiti per riportarli alla specie del 



DigmzcdbyGoOgle 



Lamarck; fra le memorie della sopiacitata bibliografia, la figura 
che bene rispecchia i miei esemplari è la 1-h {H. frondiculata) 
del Uilne-Edwarda (1838). 

Vivente: Adriatico (Hel.) ; Mediterraneo (Wat.); Oc. Atlan- 
tico (Lamk., Bk.). 

Fossile in Italia: Mioc-, Plioc. e Postplioc. di R^io Ca- 
labro (Seg., De Stef.); Terz. di Pianosa (Gioii); Plioc. di Castro- 
caro (Manz.) ; Plioc. di Modena e Piacenza (Nam.) ; Fostplioo. di 
Livorno (Nev.). 

Possile fuori d'Italia: Cr^ d'Inghilterra (Bk.); Terz. 
N. Zelanda (Wat); Mioc. d" Austria ed Ungheria (Manz.) ; Postplioc. 
di Rodi (Mani., Pei^.). 



Pam. FBONDIPORIDAE. 

Froadipora >£arsilil Michelin. 

1844 — Frondipara Harsilii, Michelin. — leon. loopk. ; p. 68, U- 

voi» xrv, f. 4. 
Illustrazioni. 

ameai etc, Mareigli. — ffitC. Pk. de la Jff; 

p.l50.t.XXXIV,f. 165-166. 
reti culata, Blaiarille. — Man. J XctiV ; 

p. 406. t. LXIX, f. 1. 
U a r s i 1 i i , Hagenow. — Grand, d. Versteiner ; 

p. 592, t. XXIII è. f. 5. 
nnltLfida(?), Bnuk. - Crag Poi-; p. 119, ia- 

Tola XVn, f. 4. 
reticolata, Buak. — Mar. poi- HI, p. 38, t. XXI. 
n geli a mnltifida, Manzoni- — Br. Awtr.-Uagk.; p. 17, 

t. Xn, f. 48. 
1879 — Frondipora rerrucosat?), Watere. — Bry. of .VapUt; 

p. 2T9, i. XXIV. f. 1. 
1887 — " Marailii, Pergens. — Plioc. Bry. v. Rkadoi; 

p. 11. t I, f. 3-4. 

Nelle ai^Ue di Livorno ho rinvenuto an solo e piccolo fram- 
mento di questa specie, corrispondente esattamente alla citata figura 
del Pergens. 

Vivente: Mediterraneo (Manz., Wat); Atlantico (Bk.). 



1725 


- 


Mad 


ép 


1834 




Fro 


di 


1846 


- 






1859 


- 






1875 


_ 






1877 


„ 


Fung 


el 



,db,Google 



CONTRI BDZIOKE ALLA COKOtCBMA DEI BKIOZDI FCeSILt ITAUAM H? 

Fossile ìd Italia: Flioc. di Asti (Michl.); Flioc. di Mo- 
dena e Piacenza (Nani.) ; PostpUoc. di Livorno (Nev.)- 

Fossile fuori d'Italia: Mioc. d'Austria ed TJogheria 
(Msnz.) ; Crag d'Inghilterra (Bk.) ; PostpUoc. di Bodi (Manz. Ferg.). 



Fam. CERIOPORIDAE. 

Oeriopora, g^lobalaei Reoss. 

1847 — Cetiopora gì o l nìae, Reai». — Fo»s. Poi. ìfìener; p. 33. 
t V, f. la, b. e. 

Illustrazioni. 

1817— Ceriopora apongiosa, Renas. — Fou. Poi. H'irner; p. 33. 

t. V, f. 8-10. 

" cylindrica. Reuss. — ìbid.; p. 33, t. V, f. 11. 

fl ar b Q 8 e Q 1 m , Reuss. — ibid.; p. 34, t. V, f. 12-18. 

. n megalopora, Reusff. — Ìbid.; p, 84, t V, f. 14. 

1875 B globai na , Manzoni. — Br. Cattrocaro; p. 45, 

t VU. f. 81. 
1877 " » Manioni. — Br. Austr.- Uagh .; p. 18, 

t XI, f. 43. 

Di questa specie ho trovato alcune piccole colonie, che cor- 
rispondono in tutto alla figura data dal Bensa (1347, t. Y^ f. 7); 
pienamente d'accordo col Manzoni sul polimorfismo di questo brìo- 
losrio, ritengo buona la sinonimia soprariportata; molto probabil- 
mente anche la Ceriopora phlyetaenodes 'S.ta. dovrà riportarsi 
alla medesima specia 

Non credo che questa specie si possa riportare ad alcuna delle 
viventi. 

Fossile in Italia: Terz. di Reggio Calabro (Seg.) : Plioc. 
dì Castrocaro (Hanz.); Postplìoc. di Livorno (Nev.). 

Fossile fuori d'Italia: Terz. del Bacino di Vienna, e 
varie località mioceniche d' Austria ed Ungheria (Rss., Manz.}. 

Firenze, aprile 1891. 

Antonio Netiani 



DigmzcdbyGoOgle 



CONTBIBUZIOMZ ALLA CONOSCENZA DEI BBIOZOI FOSSILI ITAUAHl 



SPIEGAZIONE DELLA. TAVOLA 



Caberea Boryi, And. sp Infi&nditr 

Mtmbranipora annv,lìa, Hanz. var. expla- 
nata NtìT ■ 

Choriiopora Brongnartii, And. sp, . . . n 

Porina borealit, 6k. ap. esempi, giorsne. " 

" " ' esempi, adulto . » 

Stnittia Lanisborovii, John, ap » 

" Adae, n. sp n 

Betepora cellulota, Lin n 

CellepoTa raravloia, Lio., eaemp. giovane. " 

" " esempi, adulto ... n 
" " zoecio con ooecio visto 

di fronte ... 1 

" n n di profilo. . . " 

Critia Hòmetii , Rsa ■> 

" Di Stefami, n. ap „ 

Idmonea atlantica, Forbes n 

» pseudodUticka , Hag, .... n 

" Targioni, d. sp » 

Filuparaa variani, Rsa. con oricello . . » 

" Delvauxii, Perg n 

Pustutopora Smittii, Perg. » 

Entalophora proboscidea, M. Edw. sp, . n 

" D'Anconae , n. sp u 



>dbyGoogIe 



E:VIANI Brmm j Bell d.Soc GeolDg.ltal-VDl.X (1691) Tav IV. 




Slab Lit Benelli e Gaintti 



«ìgl'-' 



,db,Google 



APPUNTI GEOLOGICI SULLA VALLE DI CHIALAMBEETO 

(Talli di Lanzo-Alpi Graie) 

(Con carta geologo a e sezione). 



È un fatto dimostrato in geologia che l'esterna configurazione 
(li nna regione è in rapporto strettissimo coUa natura e colla di- 
sposizione relativa dei materiali rocciosi che la coatìtDiscoQO ; poiché 
a seconda del variare di qaesta natura e di questa disposizione, 
varia pare il modo ed il grado con cui la r^ione stessa si presta 
a tntte quelle modificazioni esteme che costituiscono nel loro as- 
sieme ciò che i geolf^ chiamano: degradazione meteorica. 

Nelle regioni elevate, nei rilievi montuosi questo fatto ai ap- 
palesa in tutta la sua evidenza, perche quivi appunto le varie azioni 
meteoriche si esercitano colla massima energìa. 

Accennerò, in questa breve descrizione geologica dei dintorni 
di Chialamberto, eziandio questi rapporti, che si presentano, nel 
mio caso, molto interessanti. 

Aneha a persona digiuna affatto di cognizioni geologiche, parche 
dotata di un certo qual senso di osservazione, riuscirà facilissimo 
il notare, percorrendo la VaUe Grande di Lanzo, quanta sia la di- 
versità nel modo di presentarsi dei due versanti, e più ancora il 
variare marcatissimo del versante sinistro nei due tratti Chialam- 
berto-Oantoira e Ghialamberto-Oroacavallo. Accennerò in queste 
poche pagine le principali &a queste differenze e cercherò di dame 
una r^one partendo dal punto di vista della natura petrografica 
e dei rapporti di posizione dei materiali che costituiscono qaesta, 
benché mìnima, per più rapporti interessantissima parte delle Alpi 
piemonteiii. 

Mi gioverò per la parte generale dei lavori di Sismonda, Ga- 
staldi, Baretti, Sterry Hnnt, Zaccagna e dì qualche altro fra gli 
autori che sono i capisaldi della geologia alpina, riportando a mie 



DigmzcdbyGoOgle 



150 

oseervazìoni personali i dati più particolaren^ati m questa regioDe 
che, ae non geologicamente, ceri* però topografleamente wnoBco 
con tntta quella sìcarezza, con la quale si può conoscere il Inogo 
coi si è legati dai ricordi della prima età. 

Fissiamo anzitutto i limiti del terreno che sto per descrivere 
e per semplicità percorriamooe il perimetro. 

Partendo dalla strada provinciale di Valle Orando ove sta il 
ponte in legno sul Hio della Villa ad Est di Cantoira, rimontiamo 
il vallone dì Vrù tenendoci però sempre alla destra del torronte: 
giunti all'altezza di 1320 metri circa sul livello del mare, al punto 
ove il Rio si biforca, risaliamo la costa degli Inversetti s^uendo 
per comodità il confine tracciato sulla carta dello Stato M^^ore 
tra il comune di Cantoira e quello di Cerea. Arriveremo così alla 
sommità del versante un tantino ad Est del monte Marsè che rag- 
giunge l'altezza di 2317 metri. Dì qui, per l'acata piramide della 
Bellavarda, pel colle della Paglia e Rocca Mounè, arriviamo al 
colle del Boiret, pel quale passa la strada mulattiera che unisce 
la valle di Chialamberto col vallone di Cambrelle, che va a sboc- 
cai-e lateralmente nella valle dell'Orco. Seguendo poscia la cresta 
che fa da spartiacque fra la valle dì Chialamberto a quella di 
Ceresole, tocchiamo il colle della Porca, colle Nora, cima Ciardo- 
aera, colle Coppa, monte Bessun e giungiamo al monte Bellagarda 
(da non confondersi colla cima Bellavarda precedente) che è la 
vetta più alta che trovasi nell'area che esaminiamo. Prosegaendo. 
incontriamo la punta Uoghiasse, il colle della Crocetta, frequen- 
tatissimo paleso fra Ceresole Reale e Bonzo, il monte Marion, il 
Corno Bianco e fiaalmente il monte Barrouard, dal quale, per la 
costa di Pian del Grot, scendiamo nella valle presso i casali di 
Campo della Pietra ad Ovest di Groscavallo. 

Pel versante destro non abbiamo che da rimontare lo sprone 
dì Bec Mezzodì ed arriveremo sulla crosta divisoria fra la ralle 
di Chialamberto e quella dì Ala. Percorriamo tutto il contrafforte 
da Ovest ad Est e per la punta del Roos, monte Carro, puota 
Croset, monte Doubia, monte Pellerin, arriviamo al monte Rosso, 
dal quale, scendendo per il Pian Senale e la costa Inverso giun- 
giamo al punto di affluenza del Rio della Villa nella Sturs, dal 
quale eravamo partiti. 

Limitato così il campo di studio, esaminiamo anzitutto us 



>dbyGoogIe 



APPL-.NTI GEOLOGICI SULLA TALLE DI, CBIALAMBEBTO 151 

po' paititamente il fondo della valle : Esso presenta un carattere 
che sabito colpisce rosseiratoie ed è la singolare regolaiità di c^ni 
sua pa.rte. Questo carattere apicca ma^iormente oye si guardi al 
fondo delle ralll contigne. Se noi ci facciamo ad osservare la valle 
dell'Orco nella sua parte più elevata, notiamo subito un salto for- 
tissimo che porta ad un disliTello di 600 metri circa ffa il piano 
di Oeresole Reale e la borgata di Noasca a pochi chilometri di di- 
stanza, per coi il torrente ò costretto a precipitare in gole diru- 
patìssime ed a formare numerose cascate. Cosi pure nella valle di 
Ala, scendendo dal Piano della Mussa a monte dì Balme verso 
Ala di Stura, incontriamo le pittoresche Gorgia di Mondrone ove 
il torrente si sprofonda in veri camini naturali dando alla r^one 
un aspetto caratteristico. Un fatto simile m. ha nella valle di Yiii. 
NoUa di tuttociò nella valle di Chialamberto. Qui nessun salto, 
nessona gorgia, nessuna cascata: il thalw^ forma un piano leg- 
germente inclinato, per cui ad un tratto di circa tredici chilometri 
fra Groscavallo ed il BÌo della Villa, corrisponde un dislivello di 
appena 350 metri circa. Alluse a questo fatto il Gastaldi il quale 
ebbe a dire potersi quasi a maggior ragione dare il nome di valle 
Piana a questa, che comunemente appellasi valle Grande di Lanzo. 

Qnesta singolare regolarità del fondo è dovuta a ciò che la 
ralle è ripiena di materiali detritici di varia orìgine, per cui il 
torrente non scorre sulla roccia in posto in nessun tratto. 

Ho detto ■ materiali detritici di varia origine » e ciò riu- 
scirà pili chiaro quando tratterò dei depositi morenici. La unifor- 
miti del tbalw^ resta interrotta tutto al più da qualche breve 
rialzo laterale, specialmente dalla parte sinistra; rialzi che sono 
quasi tutti riferibili a quelle formazioni torrenziali che prendono 
il nome di coni di deiezione. Infatti esse ne presentano spiccatis- 
3imi i caratteri: anzitutto la loro forma conica colla base rivolta 
in basso e molto allargata con un rigonfiamento nella parte me- 
diana, che va gradatamente assottigliandosi ai lati a guisa di un 
vent^lio aperto ; ed in secondo tui^o la natura dei materiali co- 
stitnenti il cono stesso, che stanno disposti alla rinfusa senza al- 
cun ordine di densità. Il materiale torrentizio, essendo costituito 
da parti eminentemente disaggregate, lascia facile presa alla ve- 
getazione; per cui è su questi tratti che trovasi il terreno colti- 
vato, ed in vicinanza di esso costrutti i villf^gi principali. Tipico 



>dbyGoogIe 



152 O. GIANOTTI 

veramente è il godo di deiezione snl qaale sorge il paese di Chia- 
lamberto e che si fonnd per le ablazioni del torrente Vaasola. 
uno dei piii importanti della valle. Queato torrente ha le sue orì- 
gini nella cosidetta Gomba del Vitello e colà ha una direzione 
Ovest-Est; rìpi^asi poi bruscamente a Sud e discende quasi per- 
pendicolarmente ; ma ecco che in prossimità della pianola, incon- 
trando esso l'apice del buo cono di deiezione e non riuscendo a 
solcarlo, devia con un angolo abbastanza forte ad Ovest e riesce 
a sboccare nella Stura più a monte, ad una certa distanza dal paese. 
Una circostanza speciale deve, a parer mio, aver contribuito alla 
formazione cosli in grande di questo cono, ed essa si è che il tor- 
rente attraversa nell'ultima sua parte un lungo tratto di un de- 
posito morenico che, come è naturale, risulta di materiali incoe- 
renti e facilmente erodibili. La stessa cosa si verìfica pel Rio della 
Villa, OTe però abbiamo una particolarità degna di nota. Sta in 
generale il fatto che: ogni cono di deiezione ha l'impronta della 
valle da cui provenne ed i ciottoli sono della stessa natura lito- 
logica dei mouti della valle orìginarìa. Orbene se si esamina il 
matonaie costituente il cono di deiezione del Bio della Villa, noi 
vi troviamo dei ciottoli e dei massi formati in predominanza di 
un gneiss a grossa grana, di quel gneiss che prende il nome di 
granitoide per la sua struttura spiccatamente granulare e talora 
porfiroide. 

Nel vallone di Vrù, dal quale proviene il Rio della Villa, noi 
non troviamo traccia alcuna di roccia in posto eli tal natnra, ma 
anche qui sta il fatto che il torrente attraversa un deposito mo- 
renico quivi trasportato dalle r^oni più a monte per mezzo del- 
l'antico ghiacciaio, che riempiva gran parte della valle. Oltre ai 
coni di deiezione, abbiamo ad interrompere la moDOtonia del tbal- 
weg qualche frana ed infine qua e colà degli enormi massi erra- 
tici costituiti da gneiss granitoide e che vanno scomparendo per 
opera dei valligiani i quali rìconoscono in essi un eccellente mate- 
riale da costrusiione. 

Geologicamente parlando, la valle di Ghialambert» appartiene 
a quella categorìa di valli che dic(>D8Ì di erosione, ossia formatesi 
per la continua azione eroditrìce delle correnti acquee sugli strati 
rocciosi. Noterò ancora che la valle non ha lungo tutto il suo per- 
corso una direzione costante. Nel tratto a monte di Ghialamberto 



>dbyGoogIe 



APPUNTI GEOLOGICI SULLA VALLE DI chialambeuto 153 



essa ha ud andamento da Ovest ad Est approBsìmativamente, a 
ralle del paese essa si inflette ed assume usa direzione Nord Ovest- 
Sad Sst. Potrebbesi, a parer mio trofare ona spiegazione del fatto 
considerando la stratigrafia della regione in coi è scavata la valle 
stessa; per eni sarà qni opportono il fìir precedere alcuni dati 
sulla geognosia del Inogo. 

Un buon numero di geologi sia italiani che stranieri sono oggi 
concordi nel considerare la catena Alpina come formata da parecchi 
centri naclei di sollevamento, cbe ne costituirebbero l'ossatura 
principale e attorno alla quale si stenderebbero, come appogiantesi 
&1 nucleo centrale, le formazioni suocesHive. E siccome il solleva- 
mento ebbe origine, a quanto pare, per pressioni laterali, ne venne 
che qnesti centri o nuclei si trovano allungati in una direzione in 
forma di eliasoidì. per cai Tengono anche chiamati col nome di 
SUsioidi di sollevamento. 

Uno di qnesti forma l'ossatura principale delle Alpi Graie e 
comprende il gruppo del Gran Paradiso e della Levanna; il suo 
asse maggiore è in direzione Sud Ovest-Nord Est secondo gli studi 
de! prof. Barettì {Studi geologici sul Gran Paradiso). 

hi parte contale, il vero nucleo dell'elìssoide che noi consi- 
deriamo, petrt^raficamente consta di gneiss che si presenta sotto 
tre aspetti diversi: o sotto forma di gneiss schistoso ad elementi 
laminari, micaceo per eccellenza, talché fo localmente passaggio 
a veri micaschisti : oppure mostra una struttura granulare ed è co- 
stituito da una pasta quarzosa in cai troviamo sparsi numerosi cri- 
stalli di feldispato intercalati con lamine di mica. Questa seconda 
fonna litol<^ca costituisce quella varietà di gneiss che diceai gra- 
□itoide e si trova in banchi aventi talora anche diecine di metri 
di potenza. Talora poi gli elementi del gneiss granìtoide, e più 
specialmente i cristalli di feldspato, assumono maggiori propor- 
zioni ed abbiamo allora una terza varietà di gneiss che può chia- 
marsi poi6roide. 

Àppoggiantesi tatto attorno a questa zona centrale, sta la 
bnga serie degli schìsti cristallini: anfiboloachiati, cloriteschìsti 
talcoschisti, serpentinoschisti intercalati con banchi di un gneiss 
a grana fina, molto più quarzoso del gneiss centrale, e accompa- 
gnati in generale da lenti di calcesehisti e di calcare bianco cri- 
stallino a siruttora ora compatta ed ora laminare. Questo assieme 



DigmzcdbyGoOgle 



154 a. OIANOTTI 

di loccie diverse ooatituisce quella zona che il Gastaldi cìiiamti: 
delle Pietre Verdi e che anche oggi si comprende sotto questa 
denomioazione (<). 

Ghialamberto, ritornando al nostro argomento, trovasi precisa- 
mente al limite di pass^gio fn la zona d^ gneiaa centrale e qn^a 
delle Pielre Verdi. 

Gli strati, o per meglio dire, i banchi del gneiss cestrale 
hanno una direzione media N. 92° E. con una lederà inclina- 
ziooe a Sud. 

Gli strati invece costituenti la seconda zona poggiano sui 
primi in modo inegol&rissìmo, per gaiaa che, se nella parte esterna 
della zona stessa riesce ahhastanza facile il farsi un'idea della di- 
rezione ed inclinazione, nella parte intema, nel ponto di contatto 
fra le due formazioni, riesce difficilissimo il poter stabilire anche 
approssimativamente una media di questi dati. Si può dire tutta- 
via che l'andamento generale ò da' Nord-Ovest a Sud-EiC. 

Ora è noto che le acque nella loro azione erosiva sbrodo la 
direzione di mìnima resistenza, per cut tendono ad erodere secondo 
i piani di stratificazione. Quindi ne viene che la corrente erodi- 
trice della valle in discorso, dopo aver percorso gli strati quasi oriz- 
zontali del gneiss centrale secondo la direzione Ovest-Est, incon- 
trando gli strati fortemente inclinati d^li schifiti cristallini, cercò 
di aprirsi un varco attraverso ai piani di stratificazione, deviando 
verso Sud. Ne risulta in ultima analisi che la Valle Grande di 
Lanzo a monte di Ghialamberto è parallela, a valle di Ghialam- 
berto è invece obliqua agli strati nei quali è incisa. 

Notisi ancora che al limite &a la zona gneisslca e la zona 
delle Pietre Verdi trovasi un banco potente di una anSbolite com- 
pattissima ed eminentemente quarzosa, che dovette opporre un osta- 
colo insuperabile alla corrente, obbligandola a deviare. 

Dato cosi uno Riardo generale al thalweg della valle oc- 
cupiamoci ora dei versanti, per cercar modo di spigare quelle 
variazioni orc^raGche, giusta lo scopo prefissomi in questi miei 
appunti. 

e) Ito- studio luicroBCopico delle rocco accennate nel mio laxoro venne 
fatto dal prof. Italo Chelussi di Pavia su campioni da me furniti);ti [Vedi, 
Giornale di Mineralogia, Cri stai lo gialla e Petrografia diretto dal dott. P. San- 
soni, fase. 3, voi. U, 189]]. 



>dbyG00gIe 



APPINTI GEOLOGICI SULLA TALLE B 

Per semplicità, esaminiamo partitameate le varie Coste ed i 
Tarli valloni dei due versanti, intendendo col nome di Coste i con- 
trafforti che separano lateralmente an vallone dall'altro. 

Risalendo il vallone del Rio della Villa, troviamo non appena 
oltrepassato il cono di deiezione, il deposito morenico sul quale 
stanno costrutti i casali di Vrù. Questo deposita ad Est prosane 
oltre il torrente, a Nord Est ha per limite il ponte pel quale passa 
la via di Blinant, a Nord Ovest i lembi morenici stanno come 
adagiati lungo le scanalature della costa, dove affiorano nella parte 
inferiore dei banchi di uno sehisto serpentinoso, ricoperti da strati 
di gneiss, di quel gneiss apparteneste alla zona delle Pietre Verdi 
e che venne cbìamato recente dal Gastaldi per conb-apposto al 
gneiss centrale o antico della zona più profonda. Ad Ovest e Sud- 
Ovest il morenico si allarga confondendo la sua scarpa terminale 
al fondo delta valle coi depositi alluvionali Nella parte bassa del 
vallone questo deposito morenico appare, se mi si passa Tespres- 
done, come dimagrato; il torrente ba poco alla volta asportato 
tutti i materiali più finì, coi quali costituì il suo cono di deie- 
' zione, e non lasciò in posto che i massi maggiori formati promi- 
senamente di gnei^ scliistoso e granitoide. Mi son già spigato 
sulla presenza di queste forme litologiche lontane dal loi-o punto di 
origine. Il morenico di Vrù appare anche a distanza a chi percocia 
la valle, perchè il disboscamento al quale vanno, pur troppo, sog- 
gette quelle regioni, ebbe per consulenza inevitabile la produ- 
ùone di numerose frane, che si incontrano poi frequentissime in 
questi depositi eminentemente eterogenei ed incoerenti: frane che 
spiccano per un colore bianco rossiccio caratteristico. Al disopra del 
ponte di Vrìi, ove termina il morenico, troviamo, come dissi più 
sopra, banchi di uno sehisto auGbolico serpentinoso cui si addos- 
sano strati di gneiss recente ì quali appaiono come in un taglio na- 
turale lungo la sponda del torrente. Tuttavia, di mano in mano 
che si sale, il gneiss si modifica, perde gradatamente del quarzo e 
del feldispato arricchendosi invece di calcare, per cui si cai^a 
lentamente in un vero calceschisto ; finché troviamo intercalata fra 
due strati di questa roccia una lente di calcare bianco cristallino affio- 
rante ad una cinquantina di metri al disotto della biforcazione del 
torrente. £ questa la località che gli abitanti di Vrù chiamano la cava 
perche colà si estraeva anticamente il calcare, che veniva cotto sul 



>dbyGoogIe 



156 

luogo e serriva come calce per tutte le costruzioni della valle. Ora, 
essendosi trovati affioramenti dello steeso banco molto più in basso, 
quella cara venne abbandonata. Continuando la salita il calceschisto 
si cangia nuovamente in un gneiss gchistoso e localmente cloritìco 
talcoso. Questa zona gneissica si bipartisce nel valloncino degli In- 
versetti e raggiunge in ine rami la cresta del ventante, lasciando 
uno spazio intermedio occupato da una roccia di natura molto di- 
versa e della quale è formato il monte Marsè cbe r^giunge l'al- 
tezza di 2317 metri. Ho detto: spazio occupato da una roccia di- 
versa dal gneiss, meglio direbbesi : da un assieme di roccie ; poiché 
la varietà litologica che si incontra in quest'area limitatissima è 
veramente sorprendente. Mi basterà di accennare le forme princi- 
pali : Troviamo il serpentino ricco in magnetite, un banco di ser- 
pentino diallagìeo. l'enfotide ma ad elementi molto piccoli per coi 
appare come una roccia uniforme, abbondantissimo il talco e la 
steatite che fu escavata in piccola scala, due banchi potenti qualche 
metro di an' anflbolite ricchissima di cristalli di attinoto e da ul- 
timo uno strato di grafite della potenza dì metri 1,20 inquinata 
però da lamine cloritìche e da aciculi anfìbolici. Nelle litoclasi, 
frequenti specialmente nei banchi delle anfibolìti, incontriamo co- 
muni l'asbesto ed anche l'amianto di qualità piuttosto scadente. 
In una parola, troviamo in un'area ristretta quasi tutte le variata 
litologiche, che offrir possano le pietre verdi ; per guisa che questa 
regione costituisce uji vero gioiello per coloro che occupansì in 
modo speciale della affinità e della paragenesì dei miserali. Dal 
lato orografico notiamo come la cima del monte Marsè corrisponda 
appunto alle roccie serpentinoae e anfiboliche delle quali è caratte- 
ristica la tenacità; mentre lateralmente le depressioni del versante 
corrispondono alla zona dei micaschisti i quali, come è noto, re- 
sistono molh) meno all'azione degradatrice degli agenti meteorici. 

n vallone di Vrb è di interstratiflcazione, e siccome gli strati 
rocciosi immettono tutti ad Est o Sud-Bst, la potenza erosiva del- 
l'acqua esercitandosi sempre sulla faccia inferiore dello strato so- 
vrastante a quello sn cai scorre, per la inclinazione stessa dì esso ; 
ne avviene che il vallone è curvilineo colla convessità rivolta a 
Sud-Ovest. 

Ed ora veniamo a dire qualche parola sulla costa di Lities, 
intendendo con questo nome tutto il contrafforte che sta fra il 



>dbyGoogIe 



jippunti aEOLOGia sulla valle di chialamberto 157 

Tallone di Vrii ed il vallonciao di Bellavarda. In baaso si hauiio 
dae depositi morenici, quello di Vrù già accennato e quello di 
Lities. Questo secondo ha dimensioni molto m^giori ; 9i confonde 
in basso colle allavionì della valle, sale qnasi perpendicolarmente 
Idi^o la barriera gneissica ad Est e a Nord di Lities, abbraccia 
tutto l'altipiano omonimo, oltrepassa ad Ovest il Rio Bellavarda 
e va a finire a gnisa di un ventaglio aperto tin po' a valle di 
Balme. Anche questo marentco ha la sua frana caratteristica che 
gli abitanti chiamano la Ruina di Lities. Notiamo di interessante 
in qoesto tratto un solco scavato dal Rio della Rana (ìntlicato ma 
senza nome sulla carta) in cui vien messo allo scoperto lo strato 
roccioso sottostante al morenico e che è formato in quel luogo di 
anfibolite. 7i si scorgono traccie di lavori incominciati a scopo dì 
ricerche minerarie, probabilmente di pirite, lavori iniziati da un 
prete di Cantoira. senza risultato soddisfacente, quantunque il cri- 
terio sai quale basava le sue speranze non fosse del tutto sba- 
gliato ('). Nello spazio interposto fra il morenico dì Vrù e quello 
dì Lities si ha il solito gneiss, che viene estratto per farne t^le 
per copertura di case, e qualche banco di quel calceschisto che 
già trovammo afRorante nel vallone di Vrù. Quivi si trova la gran- 
diosa cava di calcare detta di Cantoira, la sola che abbia oggìmai 
importanza. Questo banco potentissimo di calcare cristallino attra- 
versa obbliquamente il vallone dì Yrtt e la costa dì Cantoira. Pro- 
K^ue nel versante opposto e va ad affiorare presso Voragdo in 
vaile d'Ala. Esso si presenta perfettamente interstratificato in uu 
calceschisto ricchissimo di mica ed al quale sì addossano gli strati 
del gneiss recente. Nel banco calcareo, che in certi punti supera 
in potenza i tre metri, si possono distinguere tre zone. La più 
profonda è di un calcare cristallino a strattura lamellare romboe- 
drica e bianchissimo ; la mediana è più compatta, di color bianco 
giallognolo e risulta di tanti straterellì di 7-8 centimetri di spes- 
sore sovrapposti, e filialmente viene la terza zona, ed è la supe- 
riore, che è dì an calcare bmnastro con venature lucenti prodotte 
da lamine di mica interposte e da sostanze carboniose. Oltre ai 
due affioramenti già accennati, se ne ha un terzo a Nord-Est di 
Lities in una r^one per poco inaccessibile. 

(') Vedi spaccato. 



>dbyGoogIe 



Ibtt O. QIAKOTTI 

La zona gneÌBsica saJe sino al disopra di Lities, quindi si 
biforca spingendosi da nna parte, come già vedemmo, nel vallone 
dì Vrù. e dall'altra nel valloocino delU Bellavarda, lasciando nel 
mezzo ano spazio quasi elissoidale, occnp&to dalle anfiboliti ser- 
pentinose che si estendono sino alla punta. Questi banchi anfibo- 
lici presso l'alpe della Dra hanno pareccbi metri dì potenza e 
atanno rialzati quasi In linea verticale. Pel vaUoncino di Bella- 
varda poco si ha a dire, è limitato ad Est dal gneiss recente e 
dai oalceschisti, ad Ovest dalle auflboliti, dalle quali è formata 
l'acuta piramide della Bellavarda che dà il nome al vallone, in 
basso attraversa il deposito morenico di Lities che le acque del 
torrente vanno continuamente asportando. Il contrafforte che sta 
fra il vallone di Bellavarda ed il successivo di Vonzo ci conduce 
sino al limite interno della zona delle Pietre Verdi nel versante 
sinistro ed è il tratto che meno si presta allo studio. 

In questa regione gli strati sono siffattamente contorti ed in- 
franti, che anche l'orografìa ne risente e l'esterna configurazione 
è di una orridezza caratteristica. Una serie di burroni, di picchi 
inaccessibili si succede irregolarmente e la ripidezza del versante 
non lasciando quasi presa alla vegetazione, questo tratto presenta 
un carattere di sterilità tale da far l'effetto di quelle alte regioni 
alpine, dalle quali l'azione continua e potente degli agenti atmo- 
sferici ha da secoli spazzata ogni traccia di vita superiore. 

Non riesce tuttavia diffìcile il renderci ragione del fatto. Ci 
ti-oviamo al limite fra due terreni antichissimi, entrambi sollevati, 
il più recente diverso dal più antico per struttura e per composi- 
zione mineralogica, costituito da roccie diveisit^sime mentre il sot^ 
tostante consta di forme litologiche uniformi; è naturale quindi 
che nei punti di contatto fra que^ due formazioni siano, più che 
altrove, evidenti le traccio di quelle azioni chimiche fìsiche e 
specialmente meccaniche che su vasta scala dovettero manifestarsi 
durante il sollevamento. Se ò vera l'asserzione dì Bartolomeo Ga- 
staldi il quale dice : * Onde giova credere che gli strati formanti 
la zona (pietre verdi) si ripieghino a più riprese sopra se stessi > 
(Studi geologici tulle Alpi occidentali, pag. 29) se è vera, dico 
quest'asserzione, dev'essere precisamente in questo primo tratto 
della zona che sì verificheranno più ravvicinate e più strette 
le pieghe; quindi più frequenti gli spostamenti e le lacerazioni. 



>dbyGoogIe 



APPUNTI GEOLOGICI SCLLATALLE DI CHIALAMBERTO 1 5fl 

Un eBame attento e minuto del contrafTorte della Bellavarda mi 
coDrinsQ pienamente della ginetezsa delt'asBeniene di Gastaldi: 
per guisa che essa costìtnisce per me un fatto indiscutibile, al- 
meno pel tratto che si riferisce alla valle Orande di Lanzo. La 
roccia predominante in qnesto contrafforte è l'anfìbolite, ma di ona 
stmttnra compattisaima e molto qaanosa ; troviamo tuttavia nella 
parte orientale, verso il valloncino della Bella?arda, una roccia foi- 
mata da ana pasta bianca feldispatica con lamine di talco e da 
acicnli verdi di antibolo, roccia che io chiamerei sehisio diorilico 
talcoso (}). Nel pnnto poi di contatto col gneiss centrale trovansì 
delle lenti serpentinose disposte però molto irregolarmente. 

È comnniasimo ancora in tutto questo tratto il trovare dello 
concrezioni, direi qnasi. delle impr^^aiìoni pìritifere ed anche cal- 
ct^irltifere e le roccie presentano in generale esternamente uu 
colore giallo rossiccio, ed anche verdo azzurrognolo, colori carat- 
terìatici che rivelano la presenta dei minerali di ferro e di rame 
alterati per aeione dell'aria e dell'acqua. É precisamente fnimmezto 
a due banchi di anfibolite che trovasi uno strato potente di pi- 
rite che viene ora estratto su vasta scala e costituisce la miniera 
detta di Ghialamberto. Uno studio minuto e completo di questa 
miniera tiscirebbe dai lìmiti prefissomi in questi miei appunti ; 
quindi mi acconteotorò di riferire le conclusioni alte quali fni con- 
dotto dall'osservazione diretta della località, cercando inoltre di 
mostrare con una sezione alquanto teorica l'andamento che, a parer 
mio, ha il deposito pirìtifero di cui si tratta (^). Esso non ha nulla 
a che fare coi veri filoni provenienti dalle profondità torreetri, ma 
risulta formato da una serie di leoti piritifere allineate e perfet- 
tamente iotorstratilìcato nei banchi rocciosi, dei quali s^ne tutto 
le inflessioni, come risulta dai varii affioramenti trovatisi recen- 
temente. 

Che il deposito risulti da lenti allineato lo prova il fatto che 
la potraza dello strato metaUifero non è costante, ma varia da 
pochi cttitimetri nella parte periferica, ad un metro e mezzo nella 
parto centrale con una successione pressoché costante. 

(') Comeponde a queeU roccia l'ultimo campiono studiato (n) dal prof. 
, op. dt,, psj. 14, 



CbelnsBÌ, op. dt., ps^. 14. 
(*) Vedi Beiioae. 



>dbyG00gIe 



Nelle parti centrali delle varie lenti, ove la forza molecolare 
di concentrazione dovette esercitarai colla massima intensità, sono 
frequentissime le contorsioni ed anche le rotture della roccia in- 
cassante e siccome in taluni punti l'acqua di in&ltrazione raggiunse 
il deposito, mercè appunto dello spezzarsi dello strato sovrastante, 
ne Tiene frequentemente che si incontrano dei veri pozzi interclusi 
e la pirite si trova in uno stato di idratazione avanzatissimo. La 
zona piritifera è molto estesa e probabilmente attraversa tutto il 
contrafforte della Bellavarda, ricomparendo nella valle dell' Orco. 
Sono pure d'avviso che alla stessa zona appartengono altri afSo- 
rameuti nella adiacente valle di Ala; di guisa che non sarei lungi 
dal credere che una zona di pirite, ora pid ora meno cuprifera, 
(della quale sarebbero pochi tratti conosciuti, la miniera di Chia- 
lamberto, quella di Cfaamp de Praz ed altre meno importanti) cir- 
condi tutt'attomo l'elissoide del Gran Paradiso, allo stesso modo 
che ciò pare dimostrato pel banco calcareo di cui gi& tenni pa- 
rola. Da ciò si potrebbe dedurre questo fatto importantissimo: 
che queste formazioni delle quali non conosciamo che parti stac- 
cate sono geologicamente fra loro equivalenti. Nella miniera di 
Cbialamberto la pirite passa localmente alla calcopirite ed in certi 
punti, ove la roccia incassante divien molb) quanosa, si trovarono 
anche vene di rame nativo. Il limite fra la zona del gneiss cen- 
trale e quella delle Pietre Verdi è segnato da una lìnea ohe dal 
Passo del Boiret discende un po'ad Ovest della Madonna del Cia- 
Yanis, passa al Oulet e viene a cadere neL Rio di Vonzo ; si sposta 
poi leggermente ad Ovest, e viene a finire precisamente sopra i 
casali di Volnera. Il vallone di Tonzo viene pertanto ad essere 
in gran parte scavato nel gneiss centrale ed è un vallone di ero- 
sione, come tutti gli altri della sua zona, e non pih di interstratiS- 
cazione, come quelli che vedemmo precedentemente. Anche in queato 
vallone trovasi un potente deposito morenico, anzi il villaggio che 
dà il nome alla località è costrutto interamente sopra un altipiano 
formato dai materiali morenici, che stanno come adagiati sugli 
strati quasi orizzontali del gneiss centrale. 

Troviamo anche qui la solita frana caratteristica in cui si pos- 
sono vedere tre di quelle piramidi di terra che portano per cap- 
pello enormi massi erratici. Una di queste raggiunge l'altezza di 
una quindicina di metri con nn diametro medio di cinque. È noto 



>dbyGoogIe 



come si orìgÌBÌDO qneste curiose formazioni. Ho già detto prece- 
deQtemente che il gneiss centrale si presenta sotto dne aspetti di- 
reni. Ora come gneiss schistoso simile al gneiss recente, però meno 
ricco di quarzo, e formante strati di non grande potenza ; ora inTece 
Mine gneiss granitoide talora porflroide e per lo più in banchi dì 
parecchi metri di spessore. 

Benché non si possa stabilire una r^ola fissa suUa posizione 
reciproca di queste due forme litologiche facendo esse passaggio 
iDaensibilmente l'una all'altra, come ebbe adire il Gastaldi (Studi 
geologici sulle Alpi occide/itali, parte II) tuttavia pel vallone di 
Toozo sì pnò affermare che la forma schistosa predomina in basso 
e nella parte più elevata del versante, mentre la seconda occupa 
una posizione mediana. È appunto nello spessore di questi banchi 
di gneiss granito-porfiroide che si verificarono quelle rotture e quelle 
frane che diedero origine alla famosa Salma di Voozo e alla non 
meno curiosa leggenda (<)■ In due parole possiamo esprìmere il 
&tto. Nella parte Sod-Est del nucleo sollevato dell'elissoide del 
Gran Pvadieo, nel punto di contatto fra la zona del gneiss cen- 
trale e quella delle Pietre Verdi, notasi una specie di accascia' 
mento originato dalla diminuita forza sollevante in questa direzione 
che è normale all'asse di sollevamento (tale asse ha la direzione 
SO-NE) ed inoltre dovuto alla resistenza madore per l' attrito 
laterale degli strati accombenti sui primi. Tale accasciamento do- 
vette manifestarsi con caratteri diversi a seconda delle roccie; ne 
viene perciò che se gli strati del gneiss schistoso poterono piegarsi, 
i banchi potentissimi del gneiss granito-porfiroide dominanti nella 
parte mediana del vallone di Vonzo, non si piegarono, ma si rup- 
pero; e si ruppero secondo uu piano normale alla loro direzione, 
dando origine a quelle vere muraglie naturali caratteristiche di 
qaesta regione ; e dei massi cuboidi immensi sì staccarono e oad- 
dero in basso. Molti di questi blocchi giganteschi si trovano nella 
parte occidentale del vallone di Vonzo, ed uno di essi, essendo 
poggiato sopra altri massi minori che lo sostei^no a guisa di pun- 
telli, lascia sotto di se uno spazio vuoto e coperto, che gli alpi- 
giani delle valli di Lanzo chiamano col nome di balma. Questo 
grande masso, come del resto molti altri vicini, presenta un gran 

(') Le Valli di Lama di Maria Saoi-Lopet, pag. 307. 



DigmzcdbyGoOgle 



162 e. aiANOTTi 

numero di incavi stranamente disposti ed aventi una forma groH- 
solaoamente emisferica, incavi prodottisi per la più rapida degrada- 
zione della roccia nei punti in cai essa contiene nodali calcariferì. 
Prose^endo sempre più a monte, al vallone di Yonzo tien dietro 
la costa dei Chìapini cui succede il vallone di Vassola. poi la costa 
di s. Berne, il valloncino della Frassa, la costa del BioUè, il val- 
lone d'Unghiaase, la costa di s. Grato, il vallone di YercelliDa, 
la costa dei Rivotti, il vallonoÌDO dell' Pipetta e da ultimo la costa 
di Prà Songis che forma il limite occidentale del tratto di ver- 
sante elle stiamo esaminando. 

In tatta questa parte siamo ben lungi dalla varietà litologioa 
della zona precedente ; non troviamo che gneiss ora schistoso, ora 
granitoide, ora porfiroide, ma senza che si possa stabilire alcun rap- 
porto costante di posizione fra le dae forme, cosicché riuscirebbe 
quasi impossibile il segnare sopra una carta tutti i punti ove esse si 
alternano. Due fatti tuttavia parmi che siano d^ni di nota. 11 
primo è la straordinaria frequenza della tormalina nel granitoide. 
Giteri), per dare un esempio, una località tipica per questo : Risalendo 
la costa di s. Berne per la strada detta delle eapre, si arriva al- 
l'altezza di 1500 metri circa sul livello del mare io un luogo 
detto la Pare. Quivi si para davanti uno di quegli enormi mnra- 
gliotti naturali oomonisBìmì nel nostro elissoide e che si devono ad 
uno special modo di rompersi dei banchi gneissici, per cui le pa- 
reti di stacco sembrano fatte artificialmente, tanto sono regolari. 
Il sentiero non potendo salire per quella parete verticale devia a 
destra e, per successivi gradini scavati nella roccia, arriva a snpe- 
raiia. In uno di questi gradini posto a metà circa dell'erta riesce 
facile lo scorgere alla sinistra di ohi sale una serie di perforazioni, 
che vennero praticate da gente del luogo (è difficile trovare no 
uomo in quelle valli che all'occorrenza non sia minatore) allo scopo 
di mettere allo scoperto una lente di tormalina nera rivestita da una 
specie di ganga quarzosa e che taglia obbliquamente il banco gneis- 
sico. Non è a credere però che sia la tormalina per se stessa che 
abbia spinto ad intraprendere qnelle perforazioni, ma ben^ la cre- 
denza, oggìmai leggendaria fra quei monti, che quello fosse, come 
dicono essi, un filone di carbone di pietra. E giacché sono snlla 
questione del carbone, dirò che . intesi piii d'nna volta nelle sere 
d'estate attorno al fuoco degli alp a parlare di un antico deposito 



>dbyGoogIe 



APPESTI GKOLOGICI SULLA VALLB DI CUULAHBEItTO 163 

dd &mo8o carbone di pietra che avrebbe serrito, eecondo la nar- 
juìone, a riscaldare i poveri alpigiani nelle giornate di tormenta. 
Chi volesse ricercare l'origioe di questa leggenda, potrebbe forse 
trowla in queste frequenti vene di tormalina nera; quantunque 
QOQ aia poi del tutto inverosimile che siasi potuto trovare nel gneiss, 
se non il &mo80 carbone utilizzabile, almeno una qualche lente 
di grafite, che sappiamo esistere in altn punti dell' elissoìde (es. 
Tkl Soana). 

U secondo fatto al quale voglio accennare è la presenza della 
quarzite, se non in grande quantità, almeno sparsa in molti punti. 
Generalmente è bianca e riempie le spaccature della roccia, quindi 
t^lia sempre obbliquamente o verticalmente gli strati ; in un caso 
solo trovai la quarzite intercalata al gneiss in concordanza ed è 
sulla punta del Tovo. Essa è colà io straterelli aventi cinque o 
sei centimetri di spessore ; presenta una sfaldatura romboedrica mar- 
eatissima e corrisponde perfettamente per i caratteri a quella tro- 
vata dal Baretti sulla vetta dì punta Fourà nel gruppo del Gran 
Paradiso e che egli avvicina alla Bargiolina del mont« Bracco 
presso Baxge ('). Non mancano eziandìo bei criatallì di quarzo 
ialino, dei qoali si estrasse una gran quantità nelle TÌcinanze del- 
l'Alp delle Giornate, nell'altipiano dello stesso nome. Anche i mi- 
nerali di ferro sono frequenti nel gneiss antico, specialmente il car- 
bonato 6 il sesqaìossido, che vennero estratti da un'antica miniera 
nel vallone di Vercellino. Percorrendo i grandiosi clappeys che cir- 
condano dalla parte Sud-Est le falde del monte Barronard ùii 
colpito nel vedere come fossero comuni dei piccoli massi di roccia 
nera giallastra e tempestata qua e colà di macchie di un bel rosso 
carico. Esaminato un frammento spaccato riconobbi trattarsi dì ciot- 
toli di oligisto alterati alla superficie e riferii le macchie rosse 
alla cosidetta ematite rossa che accompi^na comunemente, con un 
aspetto ocraceo intensamente colorato, molti minerali ferriferi. Snc- 
cessiramente trovai il luogo di aflSoramento di quella roccia in 
posto presso la cima del versante. Un esame posteriore mi con- 
Tìnse che le macchie rosse così comuni nell'oligìsto del Barrooard 
erano costituite da cinabro terroso che riempiva le piccole carità 
della roccia che si presenta di una strattura poco compatta ed in 

(I) Studi geologici ni gran Paradiso, psg. 19. 



>dbyG00gIe 



1&4 O. OtANOTTI 

taluni punti quasi caTemosa. Ifon sono in grado, per ora, ài affer- 
mare se questo minerale di mercurio trovisi in quantiti tale da 
essere escarabile in quella località. 

Per quanto riguarda la stratigrafìa, poco ho da aggiungere a 
quanto già dissi precedentemente. I banchi gneissici ora più ora 
meno potenti, ora schistosi ora granulari, hanno una direzione 
Ovest-lilst approssimativamente ed una inclinazione leggerissima a 
Sud; dì modo che, presi in grande, appaiono come orizzontali. Si 
deve a questa speciale disposizione stratigrafica ed al modo parti- 
colare di romperai del gneiss, specialmente se granitoide, secondo 
un piano normale a quello di stratificazione (') l'aspetto che il 
versante presenta nel tratto a monte di Chialamberto. Esso risalta 
formato da una serie di gradini, sulla soglia dei quali rigogliosis- 
sima si sviluppa la vegetazione ed ove comunissimi sono i l^betti 
che vanno lentamente scomparendo o per meglio dire trasforman- 
dosi in veri depositi torbosi. 

Ognuno di questi gradini è sostenuto da veri mur^Iioni per^ 
pendicolari di roccia, e ohe costituiscono la superficie di rottura 
del banco sottostante. Fra i vani altipiani troviamo quei grandiosi 
clappeys risultanti da massi di forma cnboide, che danno un aspetto 
caratteristico alla zona e che si differenzia grandemente da quello 
della zona delle Pietre Verdi. Ir qnest'ultima i clappeys conten- 
gono materiali molto più piccoli ed in lastre originatesi colla rot- 
tura degli strati molto meno potenti ed eminentemente schistosi. 
In rapporto colla stratigrafia è pure l'andamento dei valloni della 
regione centrale. Siccome la pendenza degli strati è regolare e Terso 
Sud, nei valloni laterali del versante sinistro i torrenti erodono 
BuUa sinistra sponda, per cui i valloni stessi che sono tutti di 
erosione, hanno una direzione N 0-S E per il fatto che la corrente 
tende a spostarsi verso oriente nella sua discesa, crescendo conti- 
nuamente la sua potenza erosiva di mano in mano che si avvicina 
alla pianura. Auche l'aspetto delle cime è in relazioue colla stra- 
tigrafia. Cosi mentre nella zona delle Pietre Verdi è predominante 
il tipo dei pìcchi, dei denti e delle guglie, per il continuo sfal- 
darsi degli strati rocciosi inclinati e talora verticali ; nei gneiss 
cenijale hanno invece il predominio, le forme a torre e a gradinate. 

[>] Alenai geologi chiamaDo qnesto fatto, bualtiiiaiìone delle roccie. 



>dbyG00gIe 



APPUNTI GEOLOGICI SULLA VALLE I 

Fra il vallone dì Yonzo e la costa dì Pr& Songis abbiamo 
aucora qualche residuo morenico tra cui principali quello della 
Vaasola e quello di EivottL II primo fu in gran parte asportato 
dal torrente dello stesso nome, dando origine al cono di deiezione 
di Chìalamberto ; per modo che ora non si hanno più che lembi 
spaisi e poggiati contro alle rupi, che paiono emergere da esso. 
?feUa parte occidentale del Piano della Yassola sonri eziandio 
esempi di roccie levigate e striate. 

PocMasimo dirò del morenico dei Rivotti. 

Incomincia ad Est nel torrentello di Bonzo e si protende ad 
Ovest oltre il Rio dell' Àlpetta. 

Quantunque sia un deposito unico tuttavia appare come diviso 
in due parti dal Bio Tercellino. Questo torrente, specialmente nel 
tratto superiore, ha già messo allo scoperto la roccia sottostante. 

Troviamo anche qui le solite frane caratteristiche, una delle 
quali veramente grandiosa e che costituisce un pericolo grave e 
continuo per i paesi della valle. 

Ed ora veniamo a dire qualche cosa del versante destro. Due 
caratteri lo differenziano dal versante sinistro e sono : una minore 
elevazione ed una ripidezza di molto più marcata. La zona delle 
Pietre Verdi, attraveraata la Bellavarda, si biforca e, mentre un 
tamo continua nella sua direzione verso il Mon Ti^o, l'altro si piega 
ad Ovest dirigendosi in linea retta verso la Ciamarelle; donde. 
attraversata la valle di ITsseglio, si porta verso Suaa passando ad 
Est dì Soccìamelone. Il Gastaldi vorrebbe trovare la causa di 
questa divisione nella presenza di ima massa di gneiss antico, che 
trovasi eollevata presso Tayes allo sbocco della ralle di Snsa. 

Non entro nel merito della questione, noterò piuttosto che nel 
rìpit^mento che la zona fa passando da un verijante all'altro nella 
valle di Chialamberto si osserva uno spostamento ; pei cui il banco 
dì anhbolite che, come redemmo, sta a contatto del gneiss centfale 
nel versante sinistro, non ha la sua continuazione simmetricamente 
nel versante destro, ma è spostato un po' a valle e noi lo incon- 
triamo al disopra dei casali dì Gabbi. Il tratto quindi che sta fra 
questa boiata e la regione Inrerso di fronte al Rio della Villa 
e completamente costituito dalle Pietre Verdi : il tratto invece del 
versante che da Gabbi va al Rio di Trìone consta inferiomente, 
di gneiss antico, e siyterioniiente della zona più recente; che va 



>dbyGoogIe 



man mano eleTandosì sìdo alla piinta del Bous, per la quala at- 
traversa e disceode nel versante opposto. 

Foche SODO le particolarità litologiche degne dì nota, poiché 
le dne zone sono identiche o quasi nei dne yeraanti. I gneiss recenti 
ed 1 calceschisti di Lities e di Yru si protendono eu per la costa 
di- Uccello sin contro alle testate dei hanchi andbolici e serpenti- 
nosi del monte Rosso. Dne piccoli lembi di calceschisto affiorano 
ancora alla pnnta Crociasse ed a Testa Mia;JÌiola. Interessante pare 
è un banco di un clorìteschisto gi-anatifero e calcopiritifero, che 
dagli Ortorei è visibile Sn sotto alla Cuccetta e che in questo tra- 
gitto va gradatamente facendosi piCt compatto e piti ricco in pirite. 
Nel vallone stesso d^li Ortorei la roccia viene escavata e serve 
per fame macine molto resistenti e facilmente lavorabili, per cui 
la r^one vien dotta Molerà. 

Questo banco corrisponde perfettamente ad un altro trovato dal 
prof. Baretti nella valle dell'Orco presso I<ocana e ad un altro molto 
simile nella valle di Usseglio. Sarebbe questo un tatto molto analogo 
a quello che già notai a prop(»ito del banco calcareo di Ym e 
della lente piritìfera della Beltavarda. 

Intercalate alle lamine di clorito verde si hanno delle scaglie 
nere e lucenti di sismondina che, assieme allo splendore della pi- 
rite più meno ricca di rame ed ai cristalli talora perfettamente 
rombododecaedrici di granato, danno alla roccia un aspetto ca- 
ratteristico. 

Ai colli di Missirola frequentissima trovasi quella varietà di 
antibolo fibroso chiamato usbesto e facente passalo, specialmente 
a contatto con delle litoclasi, ad un amianto bianchissimo. Sgra- 
ziatamente essendo quella località molto vicina ai calceschisti cbe, 
come è noto, hanno la particolarità di sfaldarsi facilmente dando 
origine a minute scaglie, la zona amiantifera è quasi totalmente 
ricoperta da questi detriti e riesce quindi difficile il lùrsi as'ìdea 
della sna estensione. 

Frequente è pure nelle vicinanze dei colli di Missirola la 
Oastaldite in aciculi e col bel colore violetto caratteristico di questo 
silicato ('). Per quanto riguarda il gneiss centrale nel versante in 
discorso, nulla si ha a dire ; esso presenta identici i caratteri con 

(') Vedi: Italo Chelussi, op. cit. pag. 8. Eglogite a glaaeofane (g). 



>dbyGoogIe 



quello del versaote sinistro; contiene frequentissimi l'oligisto e la 
siderite, minerali che vennero estratti in gran quantità sino al se- 
colo XVII nella grandiosa miniera di Turrione ore la potenza del 
deposito doveva superare il metro. È da questa miniera che, se- 
condo la tradizione oramai le^endarìa nella valle, un tal Lorenzo 
Saggia Qu paio di secoli fa avrebbe estratto quantità d'oro fa- 
Foiose. Secondo ciò che afferma il Jervis nel suo lavoro / tesori 
totterranei d'Italia parte !•, p^. 67, questa miniera fu scoperta 
nel 1344 e in quel tempo produsse gran quantità d'argento. Ora 
non ri si trova che oUgisto e siderite. 

Nelle vicinanze delle gallerie inferiori di questa antica miniera 
trOTasi il famoso Bec Ceresin, enorme piramide di gneiss porfìroide 
che deve la sua forma al solito fatto del clivarsi secondo date 
direzioni delle masse granitiche e gneissiche. Anche nel versante 
destro abbiamo qualche residuo morenico; ma nessuno lE^giunge 
proporzioni tali per coi si possa paragonare ai grandiosi altipiani 
morenici d^l versante sinistro; ed è naturale, perchè il morenico 
trovb nella rlpidìtà del versante un impedimento al depositarsi in 
graade scala, e trovò invece una causa di facile erosione. Maggiori 
sono le varianti nella stratigrafia. La direzione nei banchi gneis- 
sici è sempre da Ovest ad Est, ma la inclinazione a sud è dì molto 
annientata e si rende ancora più sensìbile pel fatto che il versante 
inclina in direzione opposta, ossia verso Nord, tagliando quasi a 
picco la grossezza degli strati. 

È tuttavia perfettamente spiegabile questo aumento nella in- 
clinazione, tenendo conto che ci troviamo al limite estemo del 
nucleo di sollevamento, nella regione appunto in cui minima fu 
la potenza sollevante e massima la resistenza. I materiali rocciosi 
superficiali sono in questo versante in uno stato molto più avan- 
zato di decomposizione, e ciò si spiega di leggieri colla esposizione 
a Nord del versante stesso, sul quale gli ^enli esterni si eserci- 
tano con una grande intensità. 

I valloni sono di erosione ed in essi i torrenti discendono a 
cascate bagnando lo spessore degli strati tagliati a picco, ì val- 
lasi perciò sono meno lunghi di quelli del versante opposto e molto 
piii dirupati. 

Torino, Museo Geolf^co, B. Università. Novembre 1890. 
Dott. Giovanni Gianotti. 



>dbyGoogIe 



„Google 



,db,Googl% 



.jGoogIc 



I,A JACNA A POEAMINIPEBI DELLE MARNE 

OHE AFFIORANO 

DA ALCDNI TUFI VULCANICI DI VITERBO 

(Con QDa taTo1a\ 



Due anni fa il eh. prof. Mercalli — a cai ora ben lieto rio- 
nnoTo Beatiti rin^ziameBti — mi dava alconi frammenti di nna 
mania iuclosa in alcuni tufi vulcanici dei dintorni di Viterbo, per 
lo stadio dei foraminiferì, che in ^ande quantità troTassi in 
essa disseminati. Occupato allora da altri larori, solo ora potei 
eoadorre a termine lo .stadio paloontoli^co di quella microsco- 
pica fauna, e ne do qui i risultati. 

È nota la natora delle rocce valcaniche dei dintorni di Vi- 
terbo, che a più riprese Tennero studiate già dal Brocchi, dal Pareto, 
dal Ponzi, dallo Scrope, da Q. Tom Rath, dallo Stoppani, dal 
Verri, dal Mercalli, dal Deecke ecc. Il maggirae Verri nella sua 
Mmnoria Boi Vulcani Cimini di dei cenni sai dìTorsi laTorì di 
alcnnì di questi geologi. Fra i molti taft dei Cimini, quello che 
qua e là lascia affiorare queste manie, e che te ricopre in altri 
punti, si è il tufo temrao, grigio-sporco o rossiccio, chiamato dal 
prof. Mercalli, tafo-eonglomerato a pomici nere ('). È questo un 
tufo ricco di leuciti, di pomici nere a leuciti farinose, di alcuni 
cristalli di sanidino, con poche lamelle dì mica nera. La mania 
affiora da esso in pochi ponti ristretti, di pochi metri, appena fuori 
della città di Viterbo, a sud, Terso Vetralla. In nessun luogo il 
prof. Mercalli, troTÒ queste marne sovrapposte ad altri tufi tuI- 
csnìci, e, contenendo esse foraminiferi. che, come dirò in appresso, 
sì devono assai probaliilmente riferire a un piano recente del plio- 



(') G. Mercalli, Osiervat. petr. geolog. *ui vnlcatù Cimini. Rend. Istit. 
Lomb&rdo, voi. XXII, fase. IH, I8S9. 



>dbyG00gIe 



cene, si pnò ritenere che facciano parte di depositi pliocenici 
marini che affiorano piti a sud, e che vennero descritti dal ma^- 
giore Verri ('). Questi depositi pliocenici con fossili marini sono 
ricoperti dal tu^o peperino (trachite andeaitica quarzifera, assai 
ricca di mica), che alla sua Tolta è ricoperto dal sopradetto tnfo 
a pomici nere; cosicché si può ritenere, come snppone anche ìl 
prof. Mercalli, che là ove affiorano le marne, ìl peperino sia stato 
esportato, prima che si formasse questo tufo-conglomerato, che è 
il più recente dei tufi dei dintorni dì Viterbo. 

La marna a foraminiferi è di color cinereo, compatta, poco 
dura, avida d'acqiu, ai spappola quindi facilmente in essa. Con- 
tiene poche minute lamelle di mica, e pochissimi granellìni di 
quarzo; agli acidi fa molta efferrescenza. 

I foraminiferi sono assai bene conservati e quasi nella tota- 
lità in minute forme. Associati ad essi troransi piccoli frammenti 
di corallarl, di briozoi e alcune specie di oatncoii {Cytkere redo, 
Renss (^): Cythere sublaevis? Heuss) ('). 

Do ora l'elenco dei foraminiferi di questa piccola fauna ma- 
rina che mi fa dato determinare, seguendo la classificazione pro- 
posta dal Bradj (^). In questa splendida classificazione, come è noto, 
le direrse famiglie, quasi tutte artificiali, formate dal d' Orbigny, ven- 
nero dall' illustre autore, per così dire smembrate, e rìonite con altri 
criteri assai più esatti a formare le sue 8 principali famiglie. Le altre 
2 famiglie, delle Astroritìdae e delle Ckilostomellidae, di certo non 
erano conosciute dal d'Orbigny, contenendo, quasi nella totalità, delle 
forme che attualmente vivono nei mari profondi. Le famiglie delle 
Gromidae e delle Globigertnidae del Bradj comprendono le Mo- 
nostegi del d'Orbignj; le MUiolidae wm^teaàoaoÌQ Agathistegi: 
così le Lageiiidae corrispondono alle Sticosiegi ; ìb Textularidae. 
nella massima parte, alle Eiiailoslegi ; le Litaolidae, le Rotalidae 
e parte delle Nummulilidae del Brady corrispondono alle EUeostegi; 
e in ultimo le NmimuUtidae corrispondono .alle Eatomoitegi del 
d' Orbignf . La classificazione del Brad;, concparsa nel classico 
lavoro sui riiopodi pescati nella spedizione del Challenger negli 

(1) A Verri. / vulcani Cimini. (Atti della R. Acc. dei Lincei, Roni&, ISSOV 
(«) EcoBB, Die fon. Ent. d. Oesl. Tertiàrbecketa p. 52, t. Vm, f. 11-13. 
I?) EeoBs, Idem, p. 54. t Vm. f. 16. 
(*) Bradj, Foram. Challenger, Londra, 1884. 



>dbyGoogIe 



LA FAUNA A FOBAMINIFEBI DELLE MARNE ECC. 171 

uni 1878-76, venne ticcettata dalla maggior parte dei paleontologi, 
come quella che, basata su molti caratteri importanti dei forami- 
niferì, si aTvicina più di ogni altra a nna claasifìcazioDe naturale. 
Da molto tempo la classificazione del d'Orbigny, che par cosi splen- 
didamente arerà illustrata quella importantissima classe di Protozoi, 
è affatto abbandonata, essendo del tutto artificiale; come sono ab- 
bandonate oggidì quelle zoologiche e botaniche del Linneo. 

Nella tarola che Ta unita a questa mìa Nota ho disegnate 
alcune specie che presentano leggiere modificazioni nella forma 
generale del piccolo guscio, e nella disposizione delle logge, delle 
corrìspondeati specie fossili nei più noti terreni del nei^ene su- 
periore ('). 

Elenco sistematico dei Foraminiferi. 
Oen. Spiroloculina^ d'Orbigny. 

1. Spicoloculina nitida, d'Orb. (Ann. d. Se. Nat., 
p. 298, n. 4). 

(Tftv. 1, Sg. 1). 
Un piccolo individuo incompleto, che ho completato nel di- 
segno. È di 5 logge, arrotondate e allungate; apertura piccola e 
rotonda. Vivente. 

Gen. >filiolina, Williarnson. 

2. Milìolina oblonga, Mont. sp. {Test. Brìi., 1803, 
p. 522, t XIV, f. 9). 

(Ta^. r, fis. 2. a. ò). 
Esemplare di forma allungata e strett-a, con apertura pure 
allui^ta e piccola. Vivente. 

(■) Anche il dott. G. Tenigi ebbe occuione dì etadiare alcani anni or 
sono nameroBe forme di fvnuaÌDiferi trovate in ana marna ÌDclnsa nel peperino 
che troTui ad est del M. Calrarone sopra il lago di Nemi (BoU. R. Comit. 
Otol. IlaL, 1885, vai. XVI). U suddetta anfore ne descrìsse 36, di cai 11 sono 
in cornane con qBesU fanna delle marne di Viterbo. {Miliolina oblonga, Mont.; 
BuUmina pupotdei, d'Orb.; Lagena globosa, Mont.; Criateltaria cuUrata, 
Montfort; Olobigerina òulloidei, d'Orb,; 0. regalarli. d'Orb.; Orbìilina »»i- 
terta, d'Orb. ; Pullenia tphaeroidet, d'Orb. ; Planorbulina rotula, d'Orb. ; 
Truncalulina lobalula, Walker; Nonionina umii/icota, Moni). 



>dbyG00gIe 



172 X. HA RIAMI 

3. Miliolina gibba, d'Orb. sp. (fod/. m^/A., 1826,p. 133, 
n. 3. — Foram. Vienne, p. 274, t XVI, f. 22-24). 

Alcuni piccoli esemplari. Tuttora vivente. 

4. Miliolina cEr. tricarinata, d'Orb. sp. — Bradj, iìi- 
ram. Chall., L 3, f. 17. 

Un esemplare incompleto. 

Gen. Clavttlina, d'Orbigny. 

5. Glavulìna communia, d'Orb. (/cafn. rtMiw,p. 196, 
i 1, 2, C 12, 1846). 

(T»T. I. fig. 8). 
Piccolissimo esemplare, cilindrico ; l'ultima Ic^a provveduta 
di un cortissimo prolungamento le^ermente curvo, pur esso ci- 
lindrico. Il guscio ò finamente arenaceo. Le ultime 3 loggìe sono 
rotond^gianti, come pure la prima. Le ultime sono nniseriali, le 
altre con disposizione biseriale. 

Cten. Btxlimitia, d'Orbigny. 

6. Qulimina pnpoides, d'Orb. (Foram. Vùnne, 1846, 
p. 185, t. XI, f. U, 12). 

Alcuni esemplari; ano è come quello disegnato dallo Scbwi^ar 
nella sua Nota : Sa alcuni foraminiferi del tufo di Stretto presio 
Girgenti (Boll. B. Comit Geol. 1878, voi. IX, p. 523, 1 1, f. 10). 
Vive tuttora. 

dea. X.iCL8fena, Walter e Bojs. 

7. Lagena laevìa, Mont. sp. (Test. Brit., 1803, p. 524 — 
Walker e Boys, Test, min., 1784, p. 3, t I, t. fl). 

Qualche esemplare di forma ovale; più comuni i piriformi. 
Vive tuttora. 

8. Lagena globosa, Mont. sp. (7b<^ .ffr//. 1803, p. 523 — 
Walker e Boys, Test, min., 1784, p. 3, t I, t 8). 

Un esemplare di forma subglobulare. Vìve tuttora. 
Gen. ^odosaria., Lamarck. 

9. Nodosaria ambigua, Neug., var. anmtlata. Terqoem 
(Denkschr. Ak. Wiss. Wien, voi. Xll, p. 71, t I, f. 13-15 — 
Mém. Soc. Géol. Pr. sor. 2\ voi. X, p. 22, t, I, f. 25). 

(Tav. 1. fig. 4). 



>dbyGoogIe 



LA FAUNA A FORAHINirBRI DELLE MARNE £CC. 173 

Biferìsco a questa specie on grande esemplare di 8 lo^e, 
arrotondate. Si collega alla var. mbaequalis (Costa, Mem. Acc. 
Se. Napoli, yol. II, p. 140, t. I, £ 6). 

10. Nodosaria farcimen, Sold. sp. (TVj/ac., toI. I, p. 98, 
t. CV, t 0; 1791). 

(Tm. I, fig. 5). 

Un bell'esemplare di 9 l(^e diritte: le camere sono arro- 
tondate, la prima à prìra del prolongamento, che in generale non 
manca mai ; V ultima lo^a, assai più grossa delle altre, è per- 
fettamente piriforme. Tuttora rirente. 

11. Nodosaria cfr. soluta Keasa sp. (7<»7scAr. geol. Ges. 
TOl. ni, p. 60, t. in, f. 4). 

Un esemplare mal conservato; si hanno solamente le ultime 
logge complete. Vive tuttora abbastanza diffusa nei mari attuali. 

12. Nodosaria cfr. communis, d'Orh. sp. (Mém. Soc. 
Géol. Fr., voi. IV, p. 13, t. I, f. 4). 

Solamente alcune lo^e. Tuttora vivente. 

Gen. IVfarf^inulina^ d'Orbigny. 

13. Marginulìna glabra d'Orb. (Ann. Se. Nat, voi. VII. 
p. 259 — M. 55). 

(T«. I, fig. 6). 

Individuo di 3 logge oblique, l'ultima delle qnali ò assai 
grande. Vi hanno individui che rassomigliano perfettamente a 
quelli del bacino di Vienna {M. sìmilis, d' Orb.). Tuttora vivente. 

14. Marginulìna cfr. regularis, i' Otìi. {Foram. Vienne, 
p. 68, t. III, f. 9-12). 

Riferisco a questa specie un frammento dì marginulina di 
■i camere oblique, ovali; e colla camera terminale più rotonda 
dalle altre due. 

15Ì Marginulìna cfr. raphanus, d'Orb. (Ann. d. Scien. 
XaL, p. 258, n. 1). 

Solamente l'ultima camera che è schiacciata. Le coste pro- 
minenti però sono più numerose. Apertura laterale all'estremità di 
un breve ]»eduncolD. 



>dbyGoogIe 



Gen. Ori stellarla, Lamarck. 
Iristellaria Tortex, Ficb. e Moli. sp. (Beuss, Z>t> 
ren d. Deui. Septar., p. 30, i III, £ 21 a, ò). 

{Tar. I, flg. 7). 
jDa. L'esemplare disegnato raasomiglia alla Robidina 
uem {Le$ Foram. et les Entom. d. PI. mp. de l'Ile 

Mém. Soc. Géol. d. Praoce, III sèrie, I tome, 1878, 

I, f. 6) è privo però di carena, 
ristellaria crepidnla, Fichtet e Moli. sp. {Tesi. 
% p. 107, t. XIX, f. g-i). 

(Tav. I, flg. 8, a, b). 
lari ^ l<^e PiX^o numerose. È da notarsi 11 grande 
la forma speciale dell' ultima loggia io im esemplare (h) 
ìi ima specie virente Dei mari attuali, 
ristellaria cultrata, Montf. sp. ( Conchy. Syst. 
!14, 54 genr.), 

osi individui e dì diverse dimensioni. Vive tuttora. 
ristellaria rotnlata, Lam. sp. {Ann. Mus., V. 
3; Tabi. Enc. Méth. t. 466, f. 5). 
anza frequente nelle forme tipiche della specie. È tut- 
1 nei mari attuali. 

Gen. I*olyiMiorpliiiia, d'Orbigny. 

Dlymorphina sp. 

ammento indeterminabile; forse è da riferirsi alla 

Orb. 

Gen. 01ol>Ìsei-ina, d'Orbigny, 
lobìgerina bnlloides, d'Orb. (Ann. Se. Nat. 
I. 277. N. 1 — Foram. Vienne., p. 163, t. IX, f. 4-5). 
osissimì esemplari. É una specie cosmopolita, vivendo 
nari attuali. 

lobigerìna regularis, d' Orb, {Foram. Vienne, 
[X, f. 1-3). 

esemplari solamente. Non si conosce vivente. 
iobigerìna triloba, fieuss {Neue Foram. d. Seti. 
, seit. 10. t. II, f. 11). 



>dbyGoogIe 



LA FAUNA A FORAHINIl'KRI DELLE MARNE ECC. 175 

Anche qaesta specie è rappresentata da pochi ìndiridui. Vive 
tnttora. 

24. Globigerina bilobata, d'Orb. (Fo/'am. Vienne,lSi6, 
p. 164, t IX. f. 11-14). 

Pochissimi individui, e, come le soprascritte specie, sempre ìq 
minute forme. 

Gen. Orbulina, d'Orbigny. 

25 Orbnlìna iiniYersa, d'Orb. {Foram de Cuba, 1839, 
p. 3, t I. f. 1). 

Una delle specie pìil comuni in queste marne. Direrse di- 
mensioai, predominano però qnelle di grandi dimensioni. Vive 
tuttora. 

Gen- Pullenia, Parker e Jones. 

26. Pnllenia sphaeroides, d'Orb. sp. (Ann. d. Se. Nat 
Tol. Vili, p. 293, n. 2). 

Parecchi esemplari in forme tipiche. Tuttora vivente. 

Gen. S|>I)iaeroid.Ìna, d'Orbignv. 

27. Spbaeroidina austriaca, d'Orb. {Foram. Vienne, 
1846, p. 284, t. XX, f. 19-21). 

In piccolissimi esemplari, levigati, e pressochò sferici. 

Gen. Diacorbina, Parker e Jones. 

28. Discorbina indistìncta, Schwager (Boll. B, Gomit 
Oeol d'Italia, 1878, p. 525, t. 1, f. 12). 

{TaT. I, flg. 9, a,ò,c). 
Biferiaco a questa specie xxa esemplare molto schiacciato, len- 
tìcolare, e che corrispoode ai caratteri dati dallo Schw^r nella 
deacriiione della sua specie. 

Gen. Pla,n orbili ina., d'Orbignj. 

29. Planorbulina rotula, d'Orb. sp. (Ann. Se, Nat, 
1826, p. 280, n. 1). 

Parecchi individui simili a quelli descritti e ^rati dal Terrigi 
nella faana vaticana a Foraminifeii 



>dbyGoogIe 



176 E. MARIANI 

Geo. TVuncatulìna, d'Orbigny. 

30. TruDcatuliua lobstula, Walker sp. (Brad;, 1884. 
Foram. Chall., p. 660, t. XCII, f. 10: t. XCIII, f. 1, 4, 5 ; t CXV. 
f. 4, 5). 

Molti individui, di forma abbastanza variabile; nella parte 
superiore della conchiglietta le logge sono convesse e lobate. 
Vive tuttora. 

SI. Tnincatalina cfr. nngeriana, d'Orb. sp. {Foram. 
Vienne, p. 157, t. Vili, f. 16-18). 

Un piccolo esemplare mal conservato. È una specie tuttora 
vivente. 

Oen. X^otalia, Lamarck. 

32. Rotalìa eommanÌB, d'Orb. ( T'aR nii^^A., 1826, q. 29). 

(Tm. I, flg. 10, a, b). 
Esemplari suborbicularì, convessi sulle due facce; Ic^ge re- 
golari, in numero di 8. Pochissimi individui. Specie vivente. 

33. Rotalia Soldanii, d' Orb. sp. (foram. Vienne, -pAlb. 
t. Vili, f. 10. 12). 

lu forme simili a quelle rafSgurate e descritte dal Terrigì 
nella fauna vaticana a Foramiaiferi. Molti esemplari, alcuni di 
grandi dimensioni. Tuttora vivente. 

Gen. iN'onionina, d'Orbigny. 

34. Nonlonina umbilicata, Moutagu sp. {Test Brìi. 
pag. 191, sappi., p. 78, t. XVIII, f. 1). 

Abbastanza comune nelle forme tipiche. È tuttora vìvente 
nei mari attuali. 

Come risulta da questo elenco sistematico, cotesta microscopica 
fauna a Foramìniferì, cosi ricca di forme, prosperò in mare plio- 
cenico, e ciò per la grande affinità che essa presenta con quelle plio- 
ceniche, così note da tutti i cultori della micropaleontologia, Del- 
l' Italia. Inoltre visse di certo in un mare alquanto profondo, 
come lo attestano la generale minutezza delle Bpecia, la preva- 
lenza di Globigerìne minute e di Orbuline, la mancanza quasi to- 
tale di forme costiere, come foraminiferi porcellane! e arenacei, e'ia 



>dbyGoogIe 



DELLB UARNB XCC. 177 

noterole scarsezza di Ostracodi. Sì può anche affermare come essa 
prosperò rigogliosa in un mare temperato, come in generale tutte 
quelle che vissero nel pliocene. 

n solo esame di queste forme non ci permette di stabilire 
con sicurezza a quale piano del pliocene sì debbano riferire queste 
marne. Le specie da me riscontrate sono comuni a tutti i piani 
del neogene sì inferiore che superiore, e quasi tutte virenti n^li 
attuali mari. Però, predominando in questa fauna le foi-me così 
eomonì del pliocene superiore, avendo rasa grande rassomigliauia 
in special modo con quella vaticana delle sabbie gialle, ìllastrata 
dal dott. Terrigi ('). bì potrebbe ritenere che queste marne ai 
fossero depositate nell'ultimo mare pliocenico: solamente ulteriori 
stadt e accurate rìceicbe sul lu<^o, potranno stabilire con esattezza 
il piano geologico a cui dorramio riferiisi. 

Marzo, 1891. 

D' E. Mariani. 

(1) Alti Acc. Pont d. Nqotì LÌDCei, an. XXXm, 1880, Roma. 



DigmzcdbyGoOgle 



E. MARIANI. I^ FAUNA J 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA 



Spiroloeulina eh. nitida, d'Orb Ingriuidimento Z 

a, b: Miliolina oblonga, Mont » 3 

ClavuUna eommunis. d'Orb .. 6 

Nodotaria ambigua Neag., t&t. annulata, Terq. ■ 3 

Nodoiaria farc'men, Sold " S 

Marginulina glabra, d'Orb i 5 

a,ò: Cristellaria vortex, Fich. e Moli n 4 

a,b: CriUellaria crepidula, Fich. e Moli » e 

i.a,b,c: Diìcorbiiia indistincla, Scbiragei. i 4 

I, £: Rotalia communit, d'Orb ■ 4 



>dbyGoogIe 



lollxi d Soc.Geolo^ Ital 



VolXllSali TivVl 




F^.t 




Hj.S. 



Hj.Z 



,db,Google 



,db,Google 



I TERREMOTI NAPOLETANI DEL SECOLO XVI 

ED VS HS. INEDITO DI COLA AHELU) PA.CCÀ. 
(Con mia tevolft). 



Nella biblioteca del Clab alpioo dì Napoli trovasi an ms. che 
ha per titolo : Discordo dei terremoti di Cola Anello Pacca de'Me- 
diei napoletano, conte Palatino ed ordinario lettore nello etndio 
di Napoli (<). Il ms., di 564 pag., in generale è corretto e com- 
pleto, sebbene non tì manchi qualche lacuna ; per esempio, al 1539 
scrive in messo ■ terremoto nel r^no di Napoli >, ma poi non 
segue la descrizione del fenomeno. Al ms. mancano certamente 
alcune pagine in fine, perchè l'altima conseirata (la 564*) termina 
eon nn perìodo incompleto. 

L'antore nacqoe l'S novembre 1534, giorno in coi avvenne 
un sensibile terremoto nei dintorni di Napoli, e cominciò a scri- 
vere il Diteorso sta terremoti nel 1561, in occasione dei grandi 
terremoti che in quell'anno colpirono il napoletano e la Basilicata 
specialmente. Lo afferma l'autore stesso a pa^. 550 del ms., dove 
conclude la descrizione dei due principali terremoti del 1561 con 
queste parole : ■ le quali tutte cose io ho saputo per vera relazione 
di pwsone degne di fede, ed ho voluto saperne il tutto distinta- 
mente, perchè questo terremoto e il precedente sono itati l'occa- 
lioae per la quale io così lungamente ho preìo questa fatica. E 
perchè mentre mi sono trattenuto a darlo in luce per osservare i 
precetti de' savi la non precipitarla, sono successi altri movimenti 
di conto; perciò sarà bene che anche di quelli io dia notizia 
al mondo ■■ 

(■} Devo TÌBf;nmMre il car. Riccio, aegretArio del Clnb alpino di Napoli, 
ebe geotìbatata nÙM a mia disposili ona qneato intweuuite ms. 



>dbyGoogIe 



180 Q, MEECALLI 

n Pacca arerà certamente intenzione di pubblicare qneato suo 
Discorso, poiché lo cita in altre aue opere stampate (•), ma, per 
quanto io sappia, il lavoro rimase inedito; poiché non l'ho trovato 
citato da nessun scrittore né da nessuna bibliografia sismica (*), e 
molti fatti in esso registmti non sono riportati in nessuno dei ca- 
taloghi sismici posteriori. 

Il ms. è diviso in tre parti: la I^ è teorica e storica; in essa 
l'autore passa in rassegna tutte le opinioni degli antichi sulle ca- 
gioni dei terremoti, cominciando dallo stabOire che i terremoti non 
si devono considerare come fatti prodigiosi ma naturali: la II". 
che è la più importante, contiene la serie cronologica dei terre- 
moti sentiti in tutte le parti del mondo dal diluvio noetico fino 
al 1580 d. C; infine nella III" parte, che è la piti breve e incom- 
pleta, tratta dei s^ni che precedono i terremoti e ricerca se il 
terremoto ■ dimostrò un effetto futuro di bene o di male ». Quanto 
al primo punto, enumera tredici segni dei terremoti, conelndeDdo 
colle seguenti parole: " i quali segni da per sé soli giudico fal- 
laci che possano predire o non predire ìl terremoto, perciò che 
molte volte ciascuno di quelli puote succedere senza svilire mo- 
vimento. Comincia, poi, a rispondere al secondo quesito, lasciando 
intendere dal poco che dice che egli non ritiene che i terremoti o 
le comete preannuncino fatti straordinari, ma, dopo poche righe, 
il ms. termina con mi periodo incompleto. 

La sola parte veramente interessante del ms. del Pacca è 



(1) Secondo il Sorla (Mcmorit storico-critiche degli storici napoletani, 
Napoli 1782) Niccoli) Agnello (o CoUniello) Pacca occupò per lo spazio dì 
oltre 25 anni una cattedra nella UnÌTereità insegnando medicina e logica e 
mori nel 1587, e pubblicò diverse opere di logica in latino, une, Beicrittone 
delle ciUd, terre e vescovadi eco, del regno di Napoli, una Istoria della 
famiglia d'Aquino, infine la Storia delle cose avvenute nel regno di Napoli 
dal l'iST al 1S62 — in continnaiione aliRoseo ; nella quale, all'anno 1561, 
fa nn bre^e cenno dei terreniDti concludendo che sono caduti u 551 edi/tcii 
tra case e chiese, come diffusamente ho descritto nel mio ditcorso drl f<r- 
remotO". Ma il SorU non registra qaesto discorso tra i laTori del Pacoa; 
onde si vede che gli era affatto sconOBciuto. 

(') E non sarebbe certamente sfuggito al Bonito (Terra tremante, 
Kapoli 1691) e al Capocci {Catalogo dei tremuoti avvenuti nella parte con- 
tin. del Regno di Napoli, Napoli, 1861), scrittori napoletani e accuratissimi, 
i quaJi citano del, Pacca la Storia di Napoli in continuazione «1 Roseo. 



>dbyGoogIe 



I TEBKBMOTI NAPOLETANI DEL SECOLO SVI ECC. IH 

qneLla che coDtàene la storia dei terremoti del secolo XYI, special- 
mente per quanto riguarda le proTiucie napoletane, poiché in essa 
ri ho riscontrato molti fatti nuovi, ossia non registrati in altre 
storie né generali, uè particolari dei fenomeni sismici. Credo qnindi 
di fare cosa utile agli studi sismologici, confrontando la storia dei 
tenemoti delle provincie napoletane nel secolo XYI, come è rife- 
rita dal Pacca, colle notizie registrate nei catalogi sismici del Bo- 
Dito, del Capocci, del Perrey, del Mallet ecc., completando o cor- 
regendo quanto questi ed altri autori scrissero su tale argomento. 
Rieeeui specialmente importuite quanto verrò esponendo sui grandi 
tenemoti napoletani del 1561, i quali sono descritti moltd detta- 
gliatamente nel ms. del Pacca, mentre gli altri storici non ce ne 
danno che brevissime e inesatte notizie. 

Nel seguente catalogo sismico, quando metto fra parentesi 
(Pacca), intendo che la notizia è tolta dal ms. inedito di questo 
autore ed è riferita colle parole stesse dell'autore. 



Terremoto delle province napolelane 
dal 1508 al 1560. 



1508. Alle 22 ore dell' 8 aprile vi fu pioggia molto grande 
la Napoli, poi sella notte 8 al 9 terremoto che non cagionò danno 
alcuno (Pacca). 

Nel 29 luglio dello stesso anno, giorao di mercon£, ad ore 13, 
grandissimo terremoto che scosse con grand' ìmpeto tutta la città, 
ina non cagionò danno alcuno (Pacca — citando Libro del duca 
i'Àrri) ('). Il Bonito {^) registra pure questi due terremoti, dìver- 
i>Ìfieando solo in qualche leggera circostanza. Il secondo viene dal 

(') >'un conosco qnesto libro se noD perchè citato spesso nel ms. del Pacca. 

(') Marcello Bonito, Terra tremante, ovvero continuaiione dei terre- 
muli dalla creatiOTie del mondo fino al tempo pretenle. Napoli 1691. IlBo- 
Ulto, sebbene compilasse la sua storia generale dei terremoti circa un secolo 
Jopo il Picca non cita mai il Ducono dei terremoti di quesf ietoriografo e 
neppure il Liòro del duca d'Arri ed altri delle fonti meniionate dal Pacca. 
Citi mostra che il Ditcone de'lerremoti rimase ioedito e ignoto al Bonito, 
Kbbeae scrittore napoletano. 



>dbyGoogIe 



182 a. UESCALLI 

Bonito messo al 13 luglio e dal Capocci (dietro il ma. del Passero) 
al 19 luglio, la quale ultima pare la data rera, perchè corrispoDde 
ad un mercoledì. 

1600. A questo anno il Pacca scrìro: « in mano terremoto gran- 
dissimo a Messina, e continuò 24 volte tra un giorno e una notte, 
con gran rumore e stupore insieme degli abitatori. Caddero molti 
edifici insieme co' merli del castello e delle mura della citth. 8i 
estese anche in Calabria, dorè un castello detto S.* Agata presso 
Re^o rovinò quasi af&tto, perchè, essendo fondato sopra un monte, 
quello s' aperse per forza de' terremoti e s' inghiottì la maggior 
parte d^li edifìci, insieme col castello, onde fìi grandissima ro- 
vina d'huomìni e di edifìci, come è notato sul Libro del duca 
d'Arri ■ . Anche il Bonito registra questi terremoti siculo-calabii 
del 1809 citando per Messina il Buonfìglio {Hitt. Sic- par. 2. 
lib. 1) e per Reggio il Politi {Gron. di Reggio lib. 2); ma uè 
l'uno né l'altro storico parlano del disastro avvenuto al castello di 
S.' Agata. 

1523. A p^. 530 del ms. del Pacca si l^e, che ■ il Carme- 
litano tedesco descrive che nel 1523 la cittì di Napoli fu scossa 
dall' empito d'un gran terremoto ; né fu il solo ma seguirono poi 
altri molto spesso " . (In mai^e del ms. cita anche XBist. di 
Paolo Fontana Agostiniano nella predica del Giudizio). — Il 
Bonito e il Capocci riportano un terremoto al 27 novembre 1523, 
senza precisare se sia stato sentito in Napoli. Quanto alla data 
del giorno, il Pacca non la dà, ma anche quella del Capocci mi 
pare poco sicura, perchè Ìl Licostene da cui è tolta dice in modo 
indeterminato : >> V** Eal. Decembris in regno neapolitano Cometa 
appamit, et coelum ea crebris corruscationibus, toniti-nis ac fiil- 
mìnìbus in terram delapsis piane ardere Tìsnm; tremuit terra et 
sequuta est, ex ruptura nubis, inundatio tanta ut lapidea ex mon- 
tibuB 600 denarìorum pendere..., ". Dalle quali parole si deduce 
che la cometa apparve nel 27 dicembre, ma non è detto esplìcita- 
mente che gli altri fenomeni (terremoto, temporale, inondazione) 
siano stati contemporanei, o, come è più probabile, segniti dopo 
l'apparizione della cometa. 

1526. Alle 22 ore (in un giorno anteriore all' 8 agosto, in cai 
l'autore scrive) avvenne un terremoto in Salerno. Cita Ag. Guiso 
{De i verissimi segni dei tempi) il quale dice di averlo predetto 



>dbyGoogIe 



1 TGBBXHOTI NAPOLETASI DBL SECOLO IT[ EOC. 183 

dalla tranquillità dell'aria. Questo teiremoto non è r^istrato in 
neasuno dei cataloghi aigmici pubblicati. 

1534. Il Pacca dice che questo anno fu molto notabile per 
li spessi terremoti che quasi coBtinuamente la scossero, sicché Ti 
fo tal giorno che quattro e sei Tolte s' intendeva durante le Tentìquat- 
to'ore : — e particolarmente narrano i recchi che la mattina del 
sabbato santo (essendosi la notte precedente due o tre volte inteso 
il moTÌmento) accadde che cantandosi il Vangelo, doTe sì & me- 
moria del terremoto grande che fii nel risolare di Cristo 8. N. 
nel duomo — in qoello stesso punto in cui nel vangelo si faceva 
memoria di quel terranoto, successe un grandissimo movimento in 
tutta la città — che non tanto die timore quanto accrebbe la de- 
TOiione — la notte seguente continuarono e per molti mesi non 
finirono perchè nel novembre di detto anno ancora ne sacceesero; 
e 86 ne intese uno alle 8 ore dell'otto novembre (giorno in cui 
nuqne l' autore) ■ . 

1636-1538. Il Pacca racconta che i terremoti, furono Irequenti 
* dal 1S3S sino al 28 settembre 1S38 (giorno in cui scoppiò l'eru- 
zione del Monte Nuovo) ìn Napoli e in Pozzuoli e in quasi tutta 
la Terra di Lavoro, dei quali alcuni d' importanza, altri deboli 
spesso di giorno e talvolta di notte, e, tanto più si approssimaTa 
il detto mese, tanto con madore empito e più spesso seguivano 
i terremoti, sicché al 28, ohe fu di sabato, tra il dì e la notte 
successe il terremoto 20 volte, quando più quando meno violento *. 

Ed a proposito dei terremoti che precedettero l'eruzione del 
Monte Nuovo, è pure poco conosciuto quanto sta scrìtto nel libro 
Delle ittorie di Notar Antonine Castaldo (Napoli 1761, p^. 68), 
dove si le^e, che ■ a Napoli nel sabato santo del 1538, stando 
il popolo iu chiesa alle fnuzioni, venne all' improvviso un terremoto 
ohe fa validissimo e durò assai, e fa per far cadere la chiesa, sic- 
ché tutti fnggiroBO fuori. Venendo all'estate continui terremoti tra- 
ragliarono Napoli e Pozzuoli ooEd di giorno come di notte e massime 
all'entrare dell'autunno; ma, come il sole entrò il Libra, i terremoti 
fomno più spessi e finalmente la sera precedente s. Michele, verso 
le ore 2 di notte si sentì un valido terremoto al quale segui un 
gran tuono come di molte bombarde * . 

Dubito che il terremoto riferito dal Castaldo al sabato santo 



DigmzcdbyGoOgle 



194 a. HERCALLt 

1538, sia lo stesso che il Pacca inette al 1534 e ritengo più at- 
tendibile quest' ultima perchè ne fa un racconto più eirconatanziato. 

Il Fonio (e dietro lai il Lìcostene) nella descrizione della 
erazione del Monte Nuoto affermano che precedettero due anni di 
terremoti molto frequenti nei Campi Fl^ei. Ma da quanto rac- 
conta il Pacca, 8i vede che già fin dal 1634, osaia cinqne anni 
prima dell'eruzione, era iniziato qaesto periodo sismico preparatorio 
del nuovo vulcano. 

1556. Ai 4 ottobre (nell' ìstessa ora di un eclisse di lana) 
avvenne un terremoto in uno dei casali della città di Cosenza, che 
cagionò oltre altri danni, la rovina del campanile d'ona chiesa 
(Pacca cita Bernardino Mandile calabrese nel libro del Prossimo 
gindizio). Il fenomeno non è r^trato in nessun altro catalogo 
sismico. 

1560. A quest' anno, senza data mensile, il Pacca r^istra 
un terremoto debole in \apoli e gagliardo in altre parti del regno. 
Manca negli altri autori. 



Terremoti napoletani nel 1561. 

n Bonito (Terra tremante p. 696-699) descrìve i terremoti 
napoletani del 1561. citando ì seguenti autori contemporanei: 

Summonte, Hisi. di Napoli p. IV, lib. 10, p. 339, dove scrive : 
•^ Neil' istesso tempo e proprio nell'ultimo di luglio 1561, il gio- 
vedì appresso alle 23 hore incirca fu un grandissimo terremoto in 
Napoli e per tutto il regno e anco in una parte della Sicilia, il 
quale mostrò maggiormente la sua forza in Principato e Basili- 
cata, perciò che ivi rovinò molte terre come furono lo Tito, Ficemi. 
S. Nicandro, la Folla, Atena, ed altre ma particolarmente fò molto 
danno nella valle di Diano, ove non cessarono i terremoti, anzi si 
sentirono quasi ogni giorno, intanto che alli 19 del Bruente mese 
d'f^Hto intomo alle 20 hore ne fu dq altro molto possente che 
fu anche in Napoli sentito ; per impeto e forza del quale nelle 
saddette Provincie, oltre di molti altri danni, ne segui la morte 
di 584 persone e la rovina di 551 edifici!, tra case e chiese *. 

Il Zuppulla {Som. hist. di Napoli), il Sansovino {Cronol. 



>dbyGoogIe 



I TEBBEHOTI NAPOLETANI DEL SECOLO XTI ECC. 185 

del moTido), il Girardi nel Diario, il Morigia (Somma Cromi. 
lib. 8) &1 1561 r^strano pure terremoti disastrosi nel napoletano, 
senza dame particolari ; ma il Zappnlla e il DÌ Qr^orio sbagliano 
met'L«ndo la seconda scossa disastrosa al 10 ^osto invece del 19. 

Butilio Benincasa e il Biccioli cadono in errore più grave 
mettendo qnesU terremoti al 1560 invece del 1561. 

Il terremoto fìi violento anche a Benevento e ad Avellino. 
Infetti il Della Vipera {Cromi. Ej4»e. Benev.) scrive: « An. 1561 
die ultima Jalii, bora v^esìmaquarta terra mota est, ne dum Be- 
oeventi, sed etiatn in provinciis eirconvicinìs maximo omnium 
timore...». 

Per Avellino, il Bella {Ragguaglio d'Avellim, par. 2) ci lasciò 
questi interessanti particolari : ■ nell'anno 1561, nell'ultimo del 
mese di loglio, giorno di giovedì, alle 22 bore in questa città si 
mosse crudelissima tempesta de' venti che innalzandosi la polvere 
della terra insino all'aria, questa ricoprendosi d'oscurìasimi nembi, 
scarica) per lo corso d'un bora densissima pii^gia di grandine, ac- 
compagnata da tuoni, folgori, baleni e dalli medesimi ventL Ap- 
pi'esso a questo, dopo un' bora, prima cbe per la sopraveoente notte 
s'ottenebrasse l'aria, sopravvenne all' improvviso ai terribile terremo- 
to, cbe senza interrompimento durò un pezzo e tal fu lo scuotimento 
tremore cbe l'aua casa e palazzo su l'altra p<^iando, lasciò quasi 
in tutti lesioni e fissure e fra l'altri nelle torri del Castello e nel 
Vescovado, per la qual cosa attimoriti i cittadini per dar scampo 
alla morte abbandonando le case, ed i propri! beni, piti la vita 
cbe questi pregiando, alle spatiose camp^e bebbero ricovero, 
cìascnno giudicandosi morto, per non esservi insino a qaei tempi 
□ella tor città simile terremoto avvenuto, per quanto lor si ricor- 
davano e da loro antenati era stato riferito e l'uno all'altro haveva 
comunicato. Il segnente giorno, primo del mese di agosto, alle 4 bore 
dì Dotte oh' altro terremoto, ma non così terribile seguì, verso giorno 
continuò il tremore, ma con minor violenza della prima e seconda 
volta; il secondo giorno del medesimo mese, mentre il sole stava 
nel mezzo del suo corso, sopTavenne il medesimo tremore, -per il 
che gli avellinesi a Creder si davano dover esser tolti dalla faccia 
del sole dall' inconsumabil ferro della spietata morte. Per tutto il 
mese di luglio già mai in questa città aria conturbata si vide. 



>dbyGoogIe 



186 O. MXRCALLI 

non segni di pic^^^fia, e poi la natura qnel ohe per 30 giorni con- 
tìnui ritenne, in nn sol giorno tempestosamente lo diede • . 

Trovai che i terremoti in discorso sono ricordati anche da 
altri autori contemporanei, non menzionati né dal Bonito nà dal 
Capocci Tali autori sono il Tarcagnota {Del sito e lodi detta città 
di Napoli, Napoli 1566) e il Maffei (Delle spelonche, valli, monti 
e terremoti ecc. Venezia 1564), il quale scrive: «... Dunque se il 
vapore o esalazione di vento che nelle viscere della t^ra sì genera 
ed accoglie può perdere la sua furia in tanti modi, non dere es- 
sere merav^Ua se in questo terremoto tanto grande che nell'aDno 
MDLXI all'ultimo di giaglio alle 24 ore abbìam veduto, tanto 
grande, dico, che tutto pose ìa fiiga e fS della propria vita temere, 
oltre alle centinaia delle persone clie in altri luogM uccise, non 
si è fotta scissura alcuna, poiché dalla maggior parte dei filosofi 
si aspettava...!. 

Sui terremoti del 1561 una relazione assai più dettagliata ed 
interessante di tutte le precedenti ci lasciò il Pacca nel suo Si- 
scorso dei terremoti, il quale, come dissi sopra, yenne appunto 
intrapreso in occasione di tali fenomeni ('). Ecco testualmente quanto 
si legge a pagine 548-550 del manoscritto. 

a L'anno seguente, che fu il 1561, il 31 luglio successe un 
terremoto di molta importanza che scosse gran parte del regno dì 
Napoli e mE^gìormente Terra di Lavoro, Principato e Basilicata, 
ma tutto U 800 potere sfogò nella terra dì Bocìno (^) qual' 6 molto 
civile nella Basilicata, ove intomo alle 22 ore furono piogge molto 
g^liarde con empito di renti e tnoni; ma poi intorno alle 24. 
essendo l'aria rasserenata venne un groppo di vento et appresso 

Q) Lo stesso P&cca fa pnre oa bieve cenno dei terremoti del 1561 nel 
lib. Tin della ffiitoria di Napoli in continuatone al Rotto, ed il pusu 
relativo si trova citato dal Bonito e dal Capocci. Ma il Bonito sbaglia proprio 
nel ricopiare la data della scossa principale mettendola al 9 invece del 19 
dì agosto, n Capocci cade nello atesso errore eridentemente per avere copiato il 
pasao dal Bonito e non direttamente dal Pacca, poiché qnesti nell'edizione (tun- 
pata de.Ua IJiUoria del regno di Napoli Bcrlve ai « diecinove i {in lettere) 
del mese d'agosto. Anch' io nel mio Catalogo dei terremoti italiani, arendo 
seguito il Capocci, ho sbagliato la data di qnesto terremoto. 

(*) Ora si scrive Buccino ; paese di 5493 abitanti nel Principato citeriore 
circond. di Campagna. 



>dbyG00gIe 



I TERREMOTI NAfOLETANI DEL SECOLO IVI ECC. 187 

soccese il moTimento, cho a' intese a Napoli et ancha nelle piorincie 
dette, ma in Bocino portò tanta forza che rovinò una parte del pa- 
laggio del Paca di Martioo e l'altra rimase conquassata, e dentro la 
ttfra caddero affatto intorno a CC case co' il palalo del Marchese 
et alcune cfaieee e la chiesa Madore e i monasteri co' 1 rimaneste 
d'altre case furono talmente scosse eh' appesa si mantennero in 
piedi e con tanta rovina morirono circa C persone senza gli altri 
che Tì furono molto malconci. E da questo terremoto tirano com- 
mossi ancora tatti gli edifici delle già d«tte proTÌncie onde con 
facilità poi rovinarono snccedendo l'altro moTÌmiento come hors 
dir&Esi •. 

Poi mette nel mezzo il titolo: Un altra terremoto lul detto 
regno e contÌDiia: ■ Ai Id del seguente mese di agosto dell'isteBs'anno 
alle 20 bore soccese un altro terremoto dì maggior rovina nella 
Basilicata et in Terra di Lavoro e quantunque si sentisse in Na- 
poli, nondimeno non vi cagionò danno alcuno. Ma in Palo, castello 
della Basilicata posto vicino il fiume Sele o Silare, rovinò affatto 
XL case e morirono 20 persone, e Sicignano castello ivi non molto 
In^ rovinò per le due parti (') degli edifici con morte di 40 
de' suoi ed a Vietri castello del Principato, posto tra Amalfi e 
Salerno (^), caddero intorno a 50 case e ne morirono 20 habita- 
torì et in Cagiano, castello anco della Basilicata un m^lio prosainto 
al fiume Vaìssente, caddero le due parti degli edifici con togliw la 
vita a circa 80 persone. Simil rovina delle case fu a la Polla, 
castello di detta provincia ove comincia la valle nominata Diano 
e vi morirono 40 persone e Santo Arsieri, castello due miglia di- 
scosto, quasi affatto rimase spianato occidendo 30 dei saoi, et a 
Santo Pietro, castello indi un miglio solamente lontano, posto aUe 
radici d'un colle, soccese simil rovina n^li edifici e vi morirono 
15 persone e a Santo Buffo ('), castello qaattro miglia vicino. 
Diano fa rovinato in gran parte dall' empito delle pietre che 
caddero da quel monte che li soprasta con morte de 6 solamente, 
ed a Ottati rovinarono intorno a 30 case e morìrono 10 abi- 
tanti; siccome a Panteliano circa 20 case con morte di 8 per- 

(>] For3« vuol dire U meli. 

(*) Siccoma presso Amalfl e Salerno ddq trovo citato neasao altro psesc 
dinne^ato, dabito che sì tratti di Vietri di Patema (pnaso Piceioo). 
(') Ora San Bofo circoodarìo di Sala Consolina io pmv. di Salerno. 



>dbyGoogIe 



IS8 a. HERGALLI 

sone ed al castello di S. Giacomo, che è due miglia più avanti di 
Diano, caddero da 30 case con morte di 6 abitanti ; e nel castello 
d'Atheni (') posto alle radici d'un colle, i cai popoli furono detti 
Atenati, da Plinio, caddero i campanili delle cbiese con le due 
partì degli altri edifici et uccisero intomo a 30 persone, siccome 
al Castel di St. Angelo detto delle Fratta con la rovina dì SO caae 
morìrono 8 abitasti e ne la Sala, castello pur posto neUa ralle 
di Diano alle &lde dell'Appennino, caddero 20 case ed oppressero 
8 persone, et io Balbano caddero le due parti delle case insieme 
con il castello cbe era posto sopra una collina la qoale anche 
s'aperse e vi furono morti intorno a 11 abitatori. Il castello del 
Tito talmente rimase distrutto che appena ri rimase il tìtolo, per- 
ciocché quasi tatto l' uguagliò al piano ; onde ri monrono più cbe 
100 persone e nel castello de Ficemo, or' ha principio un fiume 
che da lai si denomina, rovinò la terza parte degli edifict con la 
m^ior chiesa e ri rimasero spenti di vita 20 abitatori. Simil- 
mente in Vìgnola morirono 8 e caddero 20 case e nella città di 
Potenza caddero 10 case senza cagionare morte: il simile ancora 
in Baoti. Similmente net Castel Avallano rovinarono 15 case sesta 
morte di alcono. Ma in Atella caddero caae con un monastorìo di 
St. Agostino e 4 solamente vi rimasero morti. In Calitrì lo ca^ 
stello rovinò mezo ; similmente a Santo Licandro ed a Santo Fele 
8 case et a Castel Qrande 6 ma in questi lui^bi furono salvi 
tutti gli habitatori. Oltre ciò, nel castel de la Bella caddero 2 case 
e vi mori un baomo et aprendosi il terreno in più partì vi c^onò 
un apertura dì spazio di un miglio et ivi in una possessione sec- 
carono per 3 giorni due fonti che v' erano ; e poi ritornando l'acqua 
per 3 altri giorni si vidde sempre torbida e poi rivenne alla sua 
chiarezza; ma rimase tanto calda che non poteva servire per 
bere nella città di Muro caddero intorno a 60 case e vi mo- 
rirono da 40 persone et molte ne furono malconci e dietro il ca- 
stello di quello (?) da la parte del fiume, fra due colline, s'aperse 
la terra, dalla quale apertura circa un mese dopo continoaniente 
uscirono pietre e terra, ma poi ai 20 del mese di settembre fu- 
rono pioggie d'importanza e cessò l'uscir delle pietre. Similmente 
la bocca del fiume che corre per la valle di Diano, et è de la 

(!) Ora Atena. 



>dbyGoogIe 



I TSRREuoTi :japoletani DSL SECOLO XVI ECC. 189 

parte del caste! de la Folla, s'otturò con quel movimento onde per 
lo spazio di 24 ore non vi sì rìde acqua >. 

Il Pacca poco avanti, a pE^. 553 del suo ms., nel registrare 
un altro terremoto di Bocino, allude nuovamente ai terremoti del 
1561 con questa parole : ^ Quantunque la rovina clonata nella 
Basilicata nel 1561 fosse stata universale in quella provincia; non- 
dimeno la terra di Bocino fu quella che molto pati tanto negli 
edifici, quanto nelle persone, come sopra fu detto, perciò che dae 
volte neU'isteas'anno, anzi tra un mese, provò la violenza del mo- 
vimento, onde con ogni ragione quei popoli erano in gran timore, 
ricordandosi i danni passati, quando ecco un altro terremoto d' im- 
portanza scosse tuttK) quel paese nell'anno 1563, ma non vi suc- 
cesse alcun danno ■ . 

Riepilogo dei terremoti del lòdi. — Riassumendo e confron- 
tando tutte le notizie precedenti e specialmerte quelle contenute 
nel me. di Cola Aniello Pacca, si può concludere che le scosse 
principali fiirono quattro : la I' verso le 24 ore d^-1 31 loglio, 
disastrosa; la 11^, alle 4 ore di notte del 1 agosto, violenta ma 
assai meno della 1°; la III" verso mezzodì del 2 i^sto molto 
sensibile, inferiore però alle due precedenti; la IV^, alle 20 ore 
del 19 agosto e fu più disastrosa di tutte le altre. 

Scosse minori si fecero sentire, quasi ogni giorno, dal 31 di 
li^lio al 19 agosto. Nessun autore parla di scosse posteriori, le 
quali, se pure avvennero, devono essere state l^gere. 

Interessanti sono ì fenomeni prodotti nel suolo delle scosse 
più forti, cioè; presso Bella sì apri una spaccatura di circa un 
miglio di lui^hezza; presso Muro dalle aperture del suolo per 
un mese e più escirono pietre e tene, ed il fenomeno cessò sola- 
mente verso il 20 settembre, in seguito a forti pioggie. Il fiume 
- Sele, sotto Polla, sesto per 24 ore a secco. Diseccarono pure due 
sorgenti presso Bella e poi ricomparvero, ma torbide e calde. In- 
fine il Kircher racconta di un colle dì Basilicata trasportato intero 
alla distanza di tre miglia (i). 

(!) n Kircher {Murtdui subCerr. t. I, IV, 10) 6cme : " Refert Algidias 
neapolitanns in sna de montia Tesuriani iDCendiis Diatriba (qnem Petnu Cft- 
stelìos medicna ultìmo operis sni de Vesuvio folio allegai) suo tempore hor- 
randam in Basilicata Neapolitaoi Begni proTÌncia casnm contigisse: ex for- 



DigmzcdbyGoOgle 



TaDto la I' come la IV» Bcoaaa farono disastrose, ma quest'ul- 
tima recò danni assai m^giorì, sia perchè si estese ad un' area 
molto piii grande che quella della prima, sia perchè agì sopra edi- 
fici già grandemente lesionati dalle scosse precedenti. All'epicentro, 
peri), la I' scossa ebbe una intensità non minore e forse madore 
della I', come sì ai^omenta dai grandi danni cagionati a Boccino. 

Intorno alla forma delle scosse principali nulla ci dicono gli 
storici del tempo; solo sappiamo dal Bella che ad Arellino la 
I* scossa fu assai lui^ e fece oscillare le case cosi gr^demente 
da toccarsi luna coU'altra. 

L'area di massima intensità {area mesosismiea), entro la quale 
il terremoto lucano del 1561 fu disastroso, si stende nella partfi 
più elevata del bacino del Sele, cioè nelle valli del Tamagro e del 
Calore superiore (vallo di Diano) e compreDde i paesi di Atena, 
San Pietro, la Polla, Boccino, Palo, Sicignano, Caggiano, Vietri, 
St. Arsieri, St. Angelo della Fratta, Sala-consolina, S. Giacomo, 
S. Bufo, Ottati, V^ola, Tito, Picemo, Ballano, Muro, Bella eoe. 
Tracciando sulla carta ge(^ragca una curva che racchiuda tutti 
questi paesii si circoscrìve un'area mesotismica di fonns ellissoidale 
colVasse mi^giore approssimatamente nord-sud di circa 46 ehilom. e 
l'asse minore est-ovest di circa chilometrì 35 (vedi tav. VII). 

L'area isosismica rovinosa, ove il terremoto c^onò rovine 
di edifici ma senza vittime umane , comprende Potenza, Buati, 
San Nicandro, Castel Avigliano, Castel Grande, Santo Fele, Calitrì. 



tnidabili qaìppe terTaemotu ìbidem eiorto, intefrrum motitem TÌDcarain CQltan 
nobilem ei loco suo in alìam, tribns inde mìllibns pnssaam intervallo dissi- 
tom, sine allo in ÌDtennedìftDtibnB locia ani Testilo TBlicto, truiBUtnm faiise 
atque in hnnc Qeqae diem dintornam inter dicti montìe poBBeesorea in uè»- 
politsnó Dicasterio, qaara Vicaiinm vulgo racant, litem peodete, ntrum reditas, 
solutionesque pecuDÌariae, quaa BegiuE fìscus eiigere solet, ei priori, nbi prias 
mona efeterat, an ei poatetiori in qaem conjectns fuerat loco petandae aint? 
Et tniram sani* est casnm, ai verus Hit, omnibns saecalia ìnaaditain, non a 
ploribus historìcis desorìptnm Aiisae <•■ Certamente in qoeato fatt« riferito dal 
Kircber e' b dell' esageraziona , ma serre ad attestarci cbe grandi bcoutoI- 
j^enti di suolo aviennero allora in Basilicata. È probabile che si tratti di 
uno di quei grandi scivolamecti dei terreni superficiali che si veriflcarono 
dìverae volte per effetto dei terremoti, coiUe, per esempio a GQeYejar, in Àn- 
dalnsia, pi^r il terremoto dìsaatroso del 25 dicembre 1884 (Taramelli e Hei- 
calli, f te •■remoti andalusi ice, n«g^ oAtti d. E. Acc. dei Lincei», 1886, p. 60). 



>dbyGoogIe 



1 TERREMOTI NAPOLETANI DEL SECOLO XTI ECC. 191 

À.yellìno è nell'area isosismica fortissima ma non rovinosa, 
poicbè in le case rimasero fortemente lesionate ma non caddero. 

A BeneTeato e a Napoli le scosse ebbero forza sofiìciente da 
inentere timore ma non cagionarono danni. 

Infine, secondo il Summonfce, il terremoto sì è sentito in tatto 
il regno di Napoli e anche in mia parte della Sicilia; il che af- 
ferma anche il Pacca nel cenno che & dei terremoti del 1561 nel- 
r Hitl. dèlie cose avvenute nel regno di Napoli ecc. Ma lo stesw 
Pacca nel ms. ore dà una relaùone più ampia e dett^liata del 
fencHueno, non cita nessuna località danneggiata fuori della Basi- 
lieafa e delle parti pitt vicine dà Principati e nemmeno menziona 
le altre partì del r^o di Napoli. Si può quindi ritenere che il 
terremoto diminuì assai rapidamente d'intensità coU'allontanarei 
dal centro. 

Per precisare ma^ormente la posizione del centro dei ter- 
remoti del 1561, sarà utile confrontare la loro area mesosìsmica 
con quella dei terremoti pi& Tiolenti e più conosciuti che eolpi- 
rcno le steese regioni nel nostro sectdo, cioè nel 1826, nel 18S6, 
nel 1851, nel 1853 e nel 1857. 

n terremoto del 1826 ebbe ìntenEÒtà notevolmente minore ed 
Qo' area masosismica di estensione press' a poco ^lale a quella 
del 1561, ma situata un poco più a sud (redi tar. YII) ('). Quello 
del 1836 fa aìmile per l'estensione dell'area e per l' intensità al 
terremoto del 1826, ma ebbe il centro ancora più a sud, cioè tra 
Lagone^ e Montemnrro. Invece, il terremoto del 1853 presentò il 
8D0 epicentro assai vicino a quello del 1561, cioè da venti a trenta 
chilomelz'i più ad ovestnordoveet, nella parte più settentrìonale del 
bacino del Sole, ma per intensità e per estensione fu inferiore alle 
geoage disastrose del 1561. 

Il terremoto disastroso del 14 agosto 1851 ebbe pure un centro 
proprio certamente distinto da quello del 1561, ma situato non 
molto più a nord. Infine il grande terremoto lucano del 16 dicem- 
bre 1857 presentò l'epicentro assai vicino a quello del 1561, 



(■) Tanto per questo come pei; gli albi terremoti della Basilicata vedi 
1» mia opera: Vulcani e fenomeni vuìc. ecc. pag. 314, 319, 321-24. — Se- 
condo 1 dati riferiti io qaesta mia opera, ho tracciato le aree meEosismiche 
MU tat. Vn. 



>dbyGoogIe 



]92 

tanto che le aree meaoaùimìche dei due terremoti in parte si so- 
vrapposero; ma quella del primo si sviluppò assai loag^ormente 
verso sndsudest; poco, invece, verso nord, sicché alcuni paesi, come 
Buccino e Muro, compresi nell'area mesosìsmica del 1661. non lo 
sono in quella del 1857, la quale conaplessivamente ebbe una esten- 
sione almeno tre volte piìi grande. Siccome questo terremoto del 
1857, oltre la m^giore estensione, presentò anche una intensità 
assai pili grande, ne segue che il centro di scossa deve avere agito 
ad una profondità mi^giore che nel 1561 e assai più forte der' es- 
sere stato anche l'urto al suo punto d'orìgine. In concIuBÌone è 
assai probabile che la posizione del centro di scuotimento del 1561 
sia stata la ijtessa o assiii vicina a quella del centro del 1857. 
ma avendo agito a minore profondità, si spiega come allora il mo- 
vimento abbia potuto incontrare terreni, che ne mantennero grande 
l'intensità verso ovest e verso nord cioè verso Buccino. Muro e 
Ruvo, mentre nel 1857 il movimento sismico trovò strati che lo 
propagarono di preferenza verso sud. 

In questo confronto per la determìnaiione dell'area e del centro 
dei terremoti del 1561 ho tenuto calcolo specialmente delle notizie 
dettagliate date dal Pacca sugli effetti della scossa delld^osto: 
tuttavia si può rìtenere come cosa sicura che il centro di scuotimento 
non si spostò orizzontalmente dal 31 luglio al 19 agosto 1561, 
ma soltanto agi nel primo giorno a profondità minore che nel se- 
condo, e perciò l'area disastrosa del 31 luglio risaltò molto più 
ristretta che nel 19 ^osto. 

Come si vedrà nel seguito di questo scritto, in Basilicata 
avvennero altre scosse sensibili di terremoto negli anni 1562 
e 1563, che sì possono considerare come repliche del grande ter- 
remoto del 1561. 



Terremoti napoletani dal 1502 al lo80. 

1562. Senza indicare la data del giorno, il Pacca dice che in 
quest'anno si senti due volte il terremoto in Napoli a pochi di di 
distanza, una volta di giorno e l'altra di notte, senza danno alcuno. 
Afferma che questi terremoti non coincidettero con altro terremoto 
ciie nello stesso anno < scosse con grand' impeto tutto il Vallo dì 



>dbyGoogIe 



I TEKREHOTl NAPOLITANI DEL SECOLO XTI £CC. 193 

Diano (Basilicata), generaodo piattosto timore che daono per il 
ricordo dei terremoti dell'amio precedente ■ (Pacca). 

1563. A questo anno il Pacca ricorda i terremoti disastrosi 
iTTODuti Del 1561 in Basilicata e 9pecialmente nella terra di Bo- 
tino, poi Bt^unge che • un altro terremoto d'importama scosse 
iutlo quel paese nell'anno 1563 ma non vi soccesse alcun danno * 
(Pacca). 

1564. Il Pacca scrive che nel 1564 •> è stata molestata la 
città di Pozzuoli qnasi continnameste dai terremoti dei quali molti 
di poca forza e però non se ne tìen conto; ma nel luglio ne av- 
Tenne uno violento e poi dopo una settimana un altro sentito anche 
i Kapoli, ma tatti senza danno « (Pacca). L'autore aggiunge che 
questi terremoti avrennero nel tempo che morì Ferdinando- ìmpe- 
rabire fratello di Carlo T.° 

1566. Dal 26 al 27 loglio, poco prima delle ore 8, vi fu un 
terremoto in Napoli che con grand' impeto scosse tatti gli edidcL 
E la sera del 10 dicembre, giorno di tanedl, a 3 ore e Vii snc- 
cesse in Napoli un altro di ma^or violenza e non senza qualche 
timore degli abitanti. Per dono di Dio né l'ano né l'altro c^onfr 
danni (Pacca). 

1666. > Il 22 gennaro, martedì poco dopo le 18 ore, on ter 
remoto di qnalche conto scosse tutta questa citta (Napoli) senza 
però cagionare danno alcuno > (Pacca). 

Nello stesso anno, nel 1 maggio, verso le 15 ore, Pozzuoli 
è scossa da un terremoto di grandissimo empito (Pacca). 

Àncora nel 1565, intomo aUe 4 ore dì notte dal 6 al 7 mag- 
gia, < altro terremoto in Napoli ohe molto la scosse, quantunque 
non fosse inteso da tutti per essere soccesao nell'ora del più pro- 
fondo sonno ed ebbe origine nella città di Pozzuoli, ma in Napoli 
scoprì più la saa forza " (Pacca). 

II Bonito non registra che un solo terremoto avvenuto a Na* 
poli nel 1566 e lo mette alle ore 24 del 31 luglio. 

1568. Nella notte dal 31 dicembre al 1 gennaro 1569 ■ soc- 
cesse in Napoli e suo distretto ma altro terremoto di gran forza, 
il quale ebbe ancora in Pozzuoli il suo principio e portò seco 
tant' empito che cadde una parte di quel sasso che ò nell'entrare 
nella grotta &mosa di Lucnllo, posta tra l'una e l'altra della già 
detta città * (Pacca). 



>dbyGoogIe 



194 e. uercah.! 

1670. ■ Nella Dotte del 30 aprile al 1 ma^o, circa le 4 ore 
e Ve> ^0 terremoto scoBse la nostra città (Napoli) con empito d'im- 
portanza, ma in Pozzuoli, oltre la furia che portò seco cagioni 
anche alcuni danni agli edifici e particolarmente sUliospidale che 
tiene ivi per li poveri che pigliano i bagni la santìssima casa d«l- 
l'Annanziata di Napoli >. 

Nello stesso anno • il 17 giugno, sabato, circa le 16 ore e */i, 
nella istessa città (non dice se Napoli o Pozzuoli) s' intese uà altra 
volta il movimento il quale non fu di tanto potere né ct^onò alcun 
danno * (Pacca). 

Il Summonte {Etti, di Napoli IV, lib. X) e, dietro luL il 
Bonito e il Capocci riportano un terremoto disastroso per Pozzuoli 
al 17 gitano 1570 e non menzionano aSktto il terremoto del 
30 aprile, ma io ritengo più attendibili le notizie contenute nel 
tOB. del Paeca; dal quale risulta che il terremoto più forte fu 
quello del 30 aprile al I ma^o. 

1673. Settembre 6, a '/* ^^ ^^ notte, terremoto in Napoli 
(Pacca) 

1574. Dicembre 2, giovedì, di mattina poco dopo le 13 ore, 
un terremoto scosse Napoli con mediocre movimento ma non ca- 
gionò danuo alcuno (Pacca). 

Qnesto è l'ultimo terremoto r^istrato nel ma. del Pacca col 
numero d'ordine che è il CCCXY. I latti Bruenti sono stati ^- 
gianti al ma. posteriormente ma di mano dello stesso autore. 

1676. Il 5 gingno, ad 1 ora e '/* di notte, giorno di dome- 
nica, in cui si celebrò gran processione del SS. Sacramento io 
S. Orario, vi fu terremoto molto grande (non dice dove, ma cer- 
tameDt« parla di Napoli), ma non c^ionò danno, meno in dne 
case al mercato, le quali minacciano rovina (Pacca). 

Nello stesso anno, a' 12 ottobre, terremoto in Napoli e la notte 
della vigilia di 8t Andrea (29 novembre) in Pozzuoli (Pacca). 

1676. 11 22 ottobre, ad ore 18, terremoto a MontecaasÌDO 
(Pacca). 

1577. Il 24 marzo, ad 1 ora e Vi, e la sera seguente all'istess'ora, 
altre scosse a Montecassino ; poi nel 18 loglio tra le 9 e le 10 ore 
altre due scosse. 

1680. L'ultima umotazione a^iunta dal Paeca al ms. del 
suo Discorso dice che in quest'anno vi fa terremoto ■ in PozeqoIì 



>dbyGoogIe 



f 



I TERREMOTI NAPOLETANI 



tro volte, ed ìd Napoli noa alle 12 óre del giovedì 9 di giugno; 
in Napoli ai 27 loglio, mercoledì, ad ore 15, «d ai 24 di settem- 
bre, sabato, a 20 ore, et la notte dopo la domenica 27 novembre, 
ad ore 11 e '/i ». 

Tutti questi fatti registrati dal 1562 al 1580 sono nuovi per la 

sismologia, se si eccettua il terremoto puteolano nel 17 giugno 1570, 

. il quale è inesattamente riferito da altri autori; e sono pure 3C0- 

, nosciuti ai aifimolfigi parecchi dei terremoti notati dal Pacca tra 

il 1508 e a 1561. 

Id conclusione, dal ms. esaminato noi sappiamo cbe l'attività 
sismica della r^one flegrea nel secolo XYI fii aensibilmeote mag- 
giore che attualmente ; e questo è un fatto interessante special- 
meote in relazione coli' eruzione del Monte Nuoro , avvenuta nel 
1538, e col silenzio del Vesuvio lungamente perdurato in prece- 
denza alla grande confli^razione eruttiva del 1631. 
fi^gio Calabria granaio 1891. 

Q. Mercalli. 



>dbyGoogIe 



,db,Google 




byGoogle 



DiailizodtyGOOgle 



aniDA GEOLOGICA DEI DINTOBNI DI TAORMINA 
(Con una tarola). 



INTBODIIZIONE 

Uno ettidìo ^logico dei dintorni di Taonnì&& condotto da 
noi separatamente per alcuni anni, e le recenti escursioni latteri 
insieme, ci hanno messo in condizioni di poter compilare qnesta 
brere descrizione, con lo scopo di essere modestamente utili ai 
componenti la Società geolo^ea italiana, che visiteranno quella 
regione nella loro prossima Adunanza estiva. 

I luoghi che esaminiamo, per rincomparabile bellezza del 
paesag^o, gl'importanti monumenti e la ricca serie di strati fos- 
siliferi che mostrano, per la facilità delle comunicazioni e degli 
allo^, sono in Sicilia fra i più visitati dagli artisti, dagli ar- 
cheologi e dai naturalisti. La struttura geologica di quelle con- 
tiade ba infatti attratto da lui^o tempo l'attenzione degli studiosi, 
che una volta ritennero stesse h <^ la parte pia interessante della 
geognostica eosiittaione di Sicilia, e che porta con sé quasi . 
l'intiei^a conoicema geologica della nostra isola » (Carlo Gem- 
mklla.ro, Sid terreno giurassico di Tauromina, 1837); tuttavia 
dalle pobblicazionì anteriori a quelle del compianto prof. Q. Se- 
guenza non si possono trarre che indicazioni v^be e conf\ise sulla 
distìnzioDe e sull'età di quegli strati. Tralasciando dal notare le 
notìzie che sui marmi di Taormina e sulla mineralc^a di quella 
regione ci danno il conte di Borch (') e l'ab. Francesco Fer- 

(') De Borch, Lythùlogie sicilienne ùv conttaiMaattee de la nalure 'dea 
Pierre» de Sicili, mivie d'un diKOvra tur la calcara de Palervu; Ronie, 
1778. — Mineralogie ticiliemu docimattique, et metallurgique ou connati- 
itnce de tota Ut minéraus 7ti« produit l'He de Sieile, aver: le» ditaìU dea 
mÌMt et dei earrièret ecc., suivie de la Àftnerhj/drelogie ticHientte ecc. ; 
Turin, 1780. 



>dbyG00gIe 



. Dl-ETEFANO ED E. CORTESE 



) che il Banbeny (^) riguarda gli scisti elladici e i 
i di Taormina come rappresentanti del terreno di 
itre Constant Frérost nel 1832 C) associa il cal- 
ia a quelli delle Madonie, di Cefali! e di Palermo, 
I emettere nessona opinione snlla loro età. Fiù 
arlo Gemmellaro (') tentando una minuta suddÌTÌ- 
e di quella contrada, riferì gli scisti filladici al 
raciforo e gli strati sovrastaati fino all'eocene al 
e al snperìore, credendo di riconoscervi non 
studiati in Inghilterra. E. de Beaumont nel 1839 
ente le rocce in esame nel cretacico (^). Un anno 
Hoffmann nella sua mirabile descrizione geogno- 
ilia (") citò vari fossili mesozoici di Taormina 
iamo dalle sue osservazioni pubblicate dal Dechen, 
iella sua Schieferformation e le rimanenti rocce 
ìformation, che comprendeva nel suo concetto il 
cretacico, ma che incfaìudeva anche non pochi strati 



a, Storia naturale della Sicilia che comprende la Mtne- 

Ria, 1813. 

ay, Sketch of tkegeology of Sicily. Edimbargh, 1825 (The 

ira-, Tol. xm). 

t, Note esplicative jointe A la carte et aux coupet gèo- 

'ile envoyées a if. Cordier par C. Prévott (Boll, de la 

ee, 1" séT. 2 voi. 1831, pag. 406). 

Dmellaro, Breoe cenno mWetH dei calcari di Taormina e 

36 iGiorn. d. Se. Leti ed Arti per la Sicilia, voi. 54°, 

die Parallelisirung dei togenannttn cretaciichen Kallutein 

: den Jarastttfen von England, Stuttgart, 1836 (Neues Jalirb. 

. ecc., pag. 200), — Il terreno Giurassico di Sicilia. 

iurassieo di Tauromina. Catania, 1836 {Atti dell'Acc. 

raniant, Esquisse gioiogìque et topagra/lque du moni Bina 
à une dsBcript. géol. de la France, voi. IV, 1838]. 
inn, Oeognostitche Beo&achtung gesammelt auf einer Reise 
Sicilie» ecc. — Uebersicht der geognotlischen Verhaltniue 
den Beobachtungen von F. Hoffmann lusammengettellt 
%; Berlin 1839. 



>dbyGoogIe 



. GL'IDA aBOLOQICA. DEI DINTORNI DI TAORMINA 199 

teniaiì. Il CoUegno ('), il d'Archiac (') e il Pilla ('), eiUla fede 
dei U7ori sino allora pubblicati, confermarono l'esistenza del giii- 
nasico Dei calcari di Taormina, mentre il prof, Stoppani nel 1867 
li pose vagamente nell' Infralias {*). Il De Natale (^) nelle sue 
rioerche get^nostiche sul Messinese nulla disse dì naovo; ma 
rìpetè in generale quello che avera scrìtto il prof. C. Gemmellato. 

La importante Nota del prof. G. Segnenza (^) sulle forma- 
tioni primarie e secondane del Messinese segnò a un tratto nel 
1871 un grande progresso nelle conoscenze sulla geologìa dei din- 
torni di Taormina e preparò la base degli studi ulteriorì. In essa 
gli scisti filladicì furono riferiti al carbonifero; il conglomerato 
roseo che li segue al Buntersandatein ; i calcari grigi con dolo- 
mie al Eeuper; i calcari nerastri al retico; tutti gli strati del 
C^ S. Andrea (salvo il calcare grigio marmoreo posto con dubbio 
nei lias inferiore) e quelli delle note cave dei marmi del M. Zi- 
ntta al lias medio; i calcari marnosi grigi con marne del lato 
merìdionale di Taormina al lias superiore; i calcari marnosi con 
selee che sono presso Giardini al titonico e quelli associati con 
seisti neri al neocomiano. Piti tardi lo stesso prof. Seguenza (') 
PIOTÒ l'appartenenza all'eocene dei calcari, dei conglomerati e 
delle argille che si presentano tra il torrente Sirina e il vallone - 
S. Venera. 

Questi riferimenti furono accettati dal prof. E. Saess, che ne 
feee menzione in due suoi lavori (*). Nel 1880 furono pubblicati 

(1) G. Colle)^o, i^uitte tttou carte giologique de Vltalie, 1 feoilte. 
Pirii, 1S41. — ElemeMi di geologia pratica e teorica ; 1849. 

{•) D'Arcbiac, Hittoire dei progrèi de la geologie; 5" vo\., Paris, 1853; 
7» ToL, 1857. 

(?) L. PilK Saggio comparativo dei terreni che compongono il tuolo 
d'Italia. Pisa, 1845.— Trattato di geologia; p. 11. Pisa, 1847-51. 

(*) A. Stoppani, flfote ad un corto di Geologia, M\ Milano, 1867. 

(') G. De Natale, Ricerche geognotticke fui terreni del distretto di 
iteuina; Messina, 1851. 

(') G. Segaenis, Breve nota iMomo le formazioni primarie e »econdarie 
iella provincia di Mettina. Roma, 1871 (Boll, del K. Com. geol. d'Italia). 

(') G. Segnenia, Brtvieiimi cenni inlomo la serie terziaria della pro- 
vincia di Metsina ecc. Firenze, 1873 (Boll, del R. Comitato geol.), 

{") E. Saess, Uebar den Bau der italienitchen Halbimeln. Wien. 1872 
(Sitib. d. k. Atad. d. W., LXV Bd.). — Die Erdbeben dei sùdlichen Italiem. 
Wien, 1875 (Denkechr. d. k. Aiad. d. W., XXUV Bd.). 



>dbyG00gIe 



200 G. BI-aTEFiNO ED S. ( 

dal prof. V. Lasaulx alcuoi cenni vaghi del barone S&rtorios vod 
Waltershausen snlla geologia dei dintorni di Taormina e una inesatta 
sezione del Capo S. Andrea ('), ohe nulla aggiunsero alle conoscenze 
che fin allora si avevano. Solo parecchi anni dopo lo stadio di qnella 
importantissima regione ricevette nnovo incremento per vari lavori 
del prof. G. G. Gemmellaro (^), del prof. G. Seguenza {^), del- 
l'ing. E. Cortese (*), (che negli anni 1880-81-82 rilevò insieme 
all'ing. L. Mazzetti la carta geologica dì tutta la provincia di 

(1) W. Sartorias voo Waltershausen e A. t. L&muIi, Der Aetna ecc. Leipiìf;. 

1880. 

(*) G. G. Gemmellaro, Sopra talani Harpoceratiii del Lias tuperiere de' 
dintorni di Taormina. Pnìermo, 1885 (Ball, della Soc. di Se. Nat. ed Ecan. di 
PalennoJ. — Monogra/ia sui fossili del Lias ittperiore della Provincia di 
Palermo e di Messina esistenti nel Museo geologico della Regia l'aivertità 
di PaUrmo, 1885 |Bull. della Sue. di Se. Nat. ed Econ. di Paknnol. — i'nyii 
strati con Leptaena nel Lias superiore della Sicilia, Roma, 1836 (Bull 
del R. Comitato geol., voi. XVII). 

(S) G. Seeiienza, Il Lias inferiore nella provincia di Messina. Napoli, 
188.5 (Rend. della R. Acc. delle Se. Pis. e Mat. di Napoli, fascic. 9°) — 
Intorno al sistema giurassico nel territorio di Taormina. Palermo, 1885 
(Il Nataralista Siciliano, anno IV'i — Il Lias superiore e il Dogger presso 
Taormina. Palenno, 188S IH Naturalista SicUiann, anno V) — Le Spirife- 
Tina dei varii piani del Lias messinese. Rama, ISS6 (Bull, della Soc. geol. 
ital.; TOl. IV, 1885) — Il Retico di Taormina. Palermo, 1886 (Il Natura- 
lista Siciliano, anno V) — Del Retico al Capo Taormina. Roma, 1886 (Boll. 
della Soc. geol. ital., voi. V, 1887) — Qualche contideraiionr di Q. Se- 
gmenta sulla Nota del prof. Gemmellaro dal titolo : « Sugli strali con Lep- 
taena nel Lias enperiore di Sicilian. Palermo, 1886 (Naturalista Siciliuo. 
anno VI) — Il Lias superiore nel territario di Taormina. Venezia, 1886 
(Mem. del R. Istituto Veneto) — Gli strati con Posidonomya alpina Qtìs 
nel territorio taorminese Roma, 1886 (Boll, della Soc. geol. ital., tM. V) — 
Esame di una seiione naturale nel giurassico di Taormina. Messina, 1836 — 
/ calcari con Stephanoceras [Sphaeroceras) BrongniartiSo-v. presso 
Taormina. Roma, 1887 (Kendic. dell'Acc. dei Lincei, voi. ni) — Gli strali 
con Rh. Berchta Opp. presso Taormina ecc.; Roma, 1887 (Rendìc. del- 
l'Acc. dei Lincei, voi. Ili) — Intorno al giurassico medio (Dogger) presso 
Taormina. Nota 2» e 3\ Roma, 1887 (Rendic. dell'.^cc. dei Lincei, »ol. m) — 
Studio della fauna toarsiana che distingue la sona di marne rosso-varie- 
gate nel Lias superiore di Taormina. lb>ma, 1887 (Boll, della Soc. geol. 
ital., voi. VI) — Brevissimi cenni intorno la geologia del Capo S. Andrea. 
Kapcli. 1S87 (Rendic. della R. Acc. di Se. di Napoli, fucic. 5). 

(*) E. Cortese, Brevi cenni sulla geologia della parte NE. della Sicilia. 
Roma, 1882 (Boll, del R. Comitato geol.). 



>dbyG00gIe 



aCJIDA GEOLOaiCA DEI DCNTOSNI DI 1 

Uessìiia) del dott. Q. Di-Stefano (') e del aìg. L. Schopen (^). I 
risultati delle nuove rioerche farona di già pnbbliostt in parte dal- 
l'igni. L. Baldacci (^). Un rìassonto crìtico delle osserrazionì &ttd 
in questi lavori e delle varie opinioni emesse riuscirebbe neces- 
iiariamente prolisso e di poca nUUtfa pratica; noi ci proponiamo 
invece di porre sotto gli occhi del lettore una descrizione geolo- 
gica snccints e riassmitiva che renda possìbile dei giadizì sicuri 
A imparziali e faciliti gli stadi di una regio&e sulla quale non è 
stata ancor detta l'altima parola. 
Boma, agosto 1891. 



OROGRAFIA 

La resone che esaminiamo à ristretta e affatto mont^^nosa. 
Essa è compresa tra lo sbocco del vallone S. Venera, il torrente 
S. 6ìovaQm, la pendice settentrionale dì Serra Lucarella, il fìanoo 
settentrionale del M. Venere, il fianco Est del M. Ziretto, lo sbocco 
del torrente dì Letojanui e il mare. I suoi principaU rilievi sono 
dati da spesse masse di calcari e dolomie, che insieme a lembi 
di marne sa^no dal litorale, elevandosi rapidamente in altezza, 
come sci^lioni dirupati e pittoreschi. M. Venere, detto anche 
Veneretta (m. 883), M. Ziretto (m. 520), la Montana di Castel- 
mola (m. 500), la Bocca di Taormina (m. 397), Monte Mastiìssa 
(m. 420), la rupe del Teatro (m. 250) e quella del Belvedere 

(') G. Di-Stefano, Sul Lia» inferiore di Taormina e de' suoi dintorni. 
Palermo, 1886 (Gìorn. della Soc. di Se. Nat. ed Econ. di Palermo, voi. XVni) — 
Sugli tchiati con Aptychut di Capo S- Andrea presto Taormina. Paler- 
mo, 1886 (II Naturalista Siciliano, a. V) — Osservoiioni alia Nota del pjo- 
feMore Q. Seguema: «Oli strati con Rh. Beichta Opp. presso Taor- 
mina ecc. n. Palermo, 1887 (B Naturalista Siciliano, anno VI) — Lettere 1", 
2^ e 3^ sulla itrìtttura geologica del Capo S. Andrea. Palermo, 1887 (H 
NatDralÌBta Siciliano, anno TI-VII) — Le rocce credute triaisiche del ter- 
ritorio di Taormina ; parte geologica e parte paleontologica. Palormo, I8S7 
(Oiom. della Società di Se. Nat. ed Econ. di Palermo, voi. XVUI). 

(*) L. Schopen, Opinioni sul Liiu superiore dei ditUomi di Taormina 
del prof. Q. Seguema, I. Palonno, 1886, — Svi Toariiano, Dogger e Malm 
dei dintorni di Taormina, U. Palermo, 1886, 

(■) L. Baldacci, Deteriiione geologica delVi»ola di Sicilia. Roma, 1886 
(Mem. descrittive della Carta geologica dltalik). 



>dbyG00gIe 



>0) SODO alture scoscese che faono cosi rario il teiritAtio 
>rmina e ofirono dalle loro cime quella mirabile rista snl- 
, sol mar Jodìo e sulla Calabria che ispirò la fantasia del 

A breve costa è frastagliata e rotta da vaij piccoli seni, 
ipo Taormina, dai piccoli promontori detti Capo S. Andrea 
;elluccio, da isolotti e da sciali, che il potente lavorio del 

corrode e spezza incessantemente, scavandovi bellissime 

che prendono il nome di Grotta del Feto, Grotta Amato. 
ione, ecc. 

Icnnl valloni corti, stretti e profondi solcano quella regione, 
idosi, per lo più quasi parallelamente, al mar Jonio. I prin- 
sono il vallone S. Tenera, che sbocca nell'Alcantara (Ono- 

allai^andosi rapidamente in una fiumana a letto piano ; il 
3 Mereo, che scende dal lato occidentale del monte Mastrissa 
so l'estremitJl meridionale del paesetto di Giardini forma il 
te S. Giovanni ; il torrente Sirino, importante corso a regime 
e, che scende da sotto Serra Lacarella e dal monte Sca- 
e alimenta con la sua acqua perenne molti molini e giar- 
i valloncelli S. Antonio e S. Agostino, immediatamente sot- 
ti alla terrazza litoranea che sostiene Taormina; il vallone 
la Fredda, ohe scende insieme al valloncello Scimandra dal 

Venere e piglia in basso anche il nome di vallone Marica. 
ndo tra Castelluccio e le falde meridionale del monte Zìretto 
le il torrente Mazzeo, che nasce sul lato settentrionale del 
retto e scende al litorale poco avanti la foce del torrente di 
uni. 

dintorni di Taormina, per l'ariditjl delle filladi, del conglo- 
> rosso e delle marne liasiche, nonché per l'abbondanza di 
ipi a ripide pareti sono poco suscettivi di estesa coltiva- 

perfi l'industria degli abitanti, per mezzo di muriccioli a 
che sostengono il terreno vegetale, ha rivestito quelle amene 
de di mandorli, olivi, carrubi, viti, fichi, fichi d'india, arane!, li- 
I altri alberi fruttiferi, l calcari grigi del lias inferiore e del 
alano, gi& studiati dal lato industriale dal prof. 0. Silvestri ('), 

) 0. SilTeatri, Sopra alcuni calcari giurauici di Giardini pretto Taor- 
ijìcilia): notiiie geologiche ed analiti chimiche. Catania, 1869 (Alti 
:. Gioenia di Catania, rol. III). 



>dbyGoogIe 



auiDA oEOLoaiCA dei dintorni di Taormina. 203 

SODO oggetto di attira escaTasione per la fabbricazione di calce 
ordinaria e idraulica, e inaieme ai bei manm nerastri, bmaicc!, 
gi^ rossi, rosei, giallastri, macchiati e renati di bianco e di 
nero, appartenenti a rari piani giurassici, formano la maggiore 
ricchezza di quelle contrade. 

n grappo di altare delle circostanze di Taormina confina nella 
ralle dell'Abantaia (Onobola), detto anche fiume di Calatabiano, 
con le lare dell'Etna, e forma l'estremità settentrionale di quella 
conm di monti che cìngono il rnlcano nei lati nord, orest e sud. 
Esse Bono ima prop^gine estrema dei monti Feloritani e risul- 
tano di un'importante successione di piani, che descriveremo qui 
appresso. 



SERIE STRATIGRAFICA 

AECAICO 

11 terreno piti antico dei dintorni di Taormina è rappresen- 
tato dagli scisti lucenti con le rocce annesse, che noi per brerìtà 
indicheremo sempre col nome di filladi. 

Esse compaiono presso il Capo S. Andrea, tatto intomo monte 
Ziretto, &a questo e M. Venere e sotto Gastelmola. La frattura 
orientale del M. Ziretto e quella principale del Capo S. Andrea 
hanno portato a brusco contatto il titonico con la fillade, in modo 
che questa sembrerebbe posar su quello. 

Lungo la ria che sale a Portella del Feudo, in contrada 
Maini e nel vallone S. Venera si manifestano di nuovo gli scisti 
fiUadici tra l'eocene e il titonico o fra l'eocene e il Uas superiore. 

La fillade propriamente detta è uno scisto micaceo, argilloso, 
generalmente nero-plumbeo, spesso tendente al verdastro, sempre 
piti meno lucente, trarersato da innumereroli filoncelU di quarzo 
latteo. Talvolta essa è giallastra, rerde e perfino rossa ; ma questi 
colori dipendono da alterazioni superficiali. Nei tagU freschi la 
fillade si mostra nera del tutto, e quando manca di filoncslli di 
qoano e non è disturbata e contorta, sembra un'ardesia. Le vene 
quarzose sogliono essere sottili; ma in qualche luogo del Messi- 
nese, come a Fiumedinisi, a Novara ecc. si osserrano filoni dì 



>dbyGoogIe 



qiiano molto più grandi. I filonoelli traversano la roccia in tutti 
ì sensi; però tì sono degli esilissimi rami che s'insioiiano tra i 
foglietti dello scisto, dandogli l'aspetto zonato. 

Non manca qualche esempio di fillade sostituita da una vera 
quarzite scistosa, in cui delle piccole liste di qnarzo latteo sono 
alternanti con altre di scisto silicico. 

Gontempoisneamente ^li scisti lucidi si fonnavano qua e là 
altri materiali più o meno complessi. 

Nel Tallone Fontana Fredda, spesso insensibilmente, di rado 
in modo brusco, si passa dalla fillade caratteristica ad una fillade 
più micacea, ovvero a na micascisto poco cristallino, e in questo 
ai ìndividnano dei nodali e cristalli di feldispato ortose, tanto che 
la roccia prende l'aspetto di un gneiss. Diciamo noduli e cristalli, 
perchè infatti, in certe località, dove la zona di passaggio è ben 
visibile, il feldispato è in forma di nodali allungati nel senso della 
scistosità. Però non mancano le masse, talora enormi, in coi il 
feldispato si mostra in bellissimi cristalli geminati e completi. 

Questo gneiss fii già chiamato, •> granito porfiroide « da 
uno di noi (Cortese), perchè la roccia era stata veduta la prima 
volta a Savoca, non lungi da Taormina, dove ha l'aspetto di nn 
vero granito, di cui pareva una forma porflroide lo scisto nodnloso. 
passante allo gneiss, che si trova presso Taormina. Siccome però 
questa roccia è abbondantissima anche in altre parti del Messinese 
e in Calabria, la si può chiamare assolutamente gneiss, e per 
distìnguer questo da quello più antico, che, coi mìcasoisti veri, 
forma il Peloro e l'Aspromonte, può indicarsi come gneiss della 
fillade. 

Esso forma lenti più o meno grandi nella fillade, ma prende 
una grande estensione al disopra, tanto che si potrebbe considerare 
come la formazione caratteristica che copre quella d^li scisti 
lacenti, pur rimanendo a questa legata. 

Un'altra roccia accessoria delle fìlladi appare in pochi luoghi, 
ma sì sviluppa eccezionalmente presso Castelmola, al piede del 
dirupo liasìco sa cui sta il paese e anche sotto monte Venere. 
Essa è di color verde-pisello chiaro, poco o niente scistosa, tra- 
versata da numerosi piani di frattura, secondo i quali essa si 
spezza se percossa col martello, e si divide naturalmente nelle 
parti esposte all'aria da lungo tempo. 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA DB! DINTORNI DI 1 

É ona roccia difficile a definire con un esame snperficiale e 
perciò rìportìaino qui la descrizìODe che ne ha fatta, dietro nostra 
richiesta, il dott. L. Bucca, e le considerazioni che egli fa intorno 
alla loro età. le quali, come si vedrà qui appresso, coincidono colle 
nostre idee in proposito: 

■ ÀI microscopio la roccia presenta una struttura frammen- 

• tarla. Vi si osservano infatti dei granuli di forma irregolare, più 

• meno arrotondati e un fondo verdastro chiaro, minutamente 

< scaglioso, che li rilega. Inoltre la roccia presenta numerosÌBainie 
' venature esili, d'un verde piil cupo, le quali circondauo i ain- 

> goli granuli e poi attraversano il fondo di essa, intrecciandosi 

> fra di loro e costituendo una rete, le cui maglie sono occupate 

> dal detto fondo o dai cennati granali. 

■ I granuli sono in parte di quarzo, in parte di feldspato più 

• meno caolinizzato, ma riconoscihile ancora per ortoclase; qual- 
•: che granulo pe'suoì caratteri potè essere riferito a chiastolite ; 

■ rari sono i granuli neri, riferihili a magnetite. 

> Le venature presentano una struttura fibrosa trasversale. 
' Le fibre sono riferibili in gran parte alle atesse scagliette del 

• fondo tagliate trasversalmente ; esse polarizzano vivamente. Ti 
' si aggiungono anche dei cristallini aciculari e dei microlìtì di 

• attinoto, a tinta verde più intensa. 

■ Il fondo è costituito da un aggregato di sc^liette verdi 

< pallidissime, che. tra i nicol incrociati, si comportano come il cao- 

• lino: spesso vi sì notano anche gli acìculi d'attinoto. 

■ La disposizione delle venature attorno ai granuli sopraccen- 

> nati e il loro spessimeoto fatto a danno degli sl>es8Ì fanno subito 

< sospettare ch'esse siano formate a spese dei granuli. D'altra parte 

> nell'interno delle maglie non è raro il caso di trovare dei fram- 
<i mentì di feldspato più o meno profondamente caolinizzato, e che 
' mostri dei graduali passeggi col fondo scaglioso della roccia, 
" tanto da rafForaare l'ipotesi connata. Tale ipotesi è confermata dal- 
« l'osservazione geologica, perchè sul posto la roccia in certi punti 

■ diventa più bianca, feldspatica e tenace ; mentre altrove diventa 
I più scistosa, più verdastra o più giallastra. Ora questa trasfor- 

■ mazione di una massa feldspatica in una roccia scistosa, tanto 

< per i caratteri esterni, che per la struttura microscopica, ram- 

■ menta gli scisti sericìtìci. 



>dbyGoogIe 



206 O. DI-STEFANO ED 1 

■ Gli sGÌBti sericitici, tanto sviluppati ia Germania e parti- 
•> colarmeote al Taunus, hanno dato argomento ad importantìssiini 
' lavori, ira i quali basta citare quelli di Kocb, Losaen, Wich- 

■ mano, Gùmbel. Laspeyere e Tschermak. I risultati più impor- 
< tanti di queste ricerche si possono riassumere dal lato petrt^ra&co : 
' nel riconoscere nella sericite una delle tante varietà dell* mu- 
li scovite, e dal considerare questi scisti come rocce metamorfiche 
» in cui la sericite sia dovuta a preesistente feldspato ; e dal lato 
. stratigrafico : nello avere stabilito che essi stanno al di sotto del 
•1 Devoniano inferiore, anzi che si possono considerare, secondo 
* generalmente si fa, come facenti parti degli orizzonti supeiiori 

degli scisti cristallini. Scisti simili a quelli del Taunus sono 
^ stati studiati dal Michel Lévy in Francia (nell'Allier), e anche 
> in Italia nella parte superiore della zona delle pietre, verdi, ove 
x li troviamo rappresentati da certi scisti quarzitici fogliettati. 

1 Anzi a questo tipo vanno riferiti i tanto discussi scisti di Ca- 

■ sanna del Théobald. Ovunque però questi scisti compaiono, sono 
" riferiti sempre ai terreni cristallini ; e perciò probabilmente anche 
. a Taormina apparterranno alla stessa epoca geologica. 

L. BuccA ». 

Nelle filladi sì trovano anche altri materiali. 

Il calcare cristallino, per esempio, forma alle volte delle grandi 
lenti fra lo scisto lucente, assumendo forme ed aspetti diversi. 
Cosi talora è bianchissimo o rosato e marmoreo, tal' altra nerastro 
nero, nel qual caso mostra talvolta numerose venature bianche, 
come è quello del Castello di Belvedere, sopra Nizza di Sicilia. 

Baramente sì trovano deUe lenti di on bellissimo gesso bianco 
rosato, saccaroide; ma non se ne ha nei pressi di Taormina. 

Tra i foglietti di scisto, si trova spesso della grafite, sempre 
amor& o polverulenta. Facile ò trovare dei granati che formano 
dei Boduletti tra tali foglietti. Più localizzati si trovano altri mi- 
nerali (andalnsite, cbiastoUte, amfibolo ecc.). ma non sono comuni 
nella località di cui ci occupiamo. 

1 filoni di quarzo hanno servito di guida a delle iniezioni 
di solfuri metallici (galena, stibina, piriti di ferro, di rame grigio, 
calcopirite, arseniopirite ecc.). Dove i filoni di quarzo sono potenti. 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA DEI DINTORNI DI TAORMINA 20? 

ai mostrano piti abbondanti i minerali, che allora hanno spesso per 
ganga del eiderosio. 

A Taormina non si trovano questi minerali, ma a poca di- 
stanza, cioè a MoDgioflì, Limina, Fiumediuisi, Novara, sono piìl 
abbondanti, anzi in tali Inogbi furono coltivati, però con poco 
successo (')■ 

Le filladi danno assai spesso origine a grandi frane, perchè sono 
facili a dìsgr^arsi profondamente. 

L'età di queste rocce fu molto controversa. Il prof. Seguenza, 
basandosi sulla presenza della grafite negli scisti, e sulla loro 
immediata sottoposìzione alle vicine rocce di Ali, riferite al per- 
miano, aveva ascritto le fìlladi al carbonifero, e molti avevano 
accettato questa detenoinazione. Uno di noi (Cortese), nel fare il 
rilevamento della carta geol(^ca in Sicilia, trovò che le filladi si 
riattaccavano troppo allo rocce centrali (gneiss o mìcascisti del 
Peloro) e ritenne che dovessero considerarsi corno pid antiche, 
cioè per lo meno siluriano, se non cambriane (-)■ 

Nel pros^uire poi lo stesso rilevamento in Calabria, ricono- 
scendo come le filladi sopportano tutta la potente formazione 
d^li scisti sericitici, e d^li scisti micacei granatiferi, egli ha 
dovuto convincersi che la fillade, con tutte le rocce che la aocom- 
p^nano, appartiene all'arcaico, cioè che essa ò nna formazione 
equivalente ai calcescisti delle Alpi occidentali, ed agli scisti dì 
Caaanna tanto sviluppati nelle Alpi confagli, che, come è anche 
iodicato dal dott. Bucca, sono arcaici. 

Per causa della grande lacuna che si manifesta tra le filladi 
e i più antichi strati sedimentar! dei dintorni di Taormina, è na- 
turale che questi posino con fortissima discordanza sulle rocce 
dell'arcaico, le quali sono anche a contatto di terreni dilfersntis- 
sitnì per eausa di trasgressioni e di fratture. 



0) F. FeiTus, Op, cit, e A. Paillette, Ètvdet kittoriques et <i<.'ologiquet 
tur Ut gite» ntetallif/rei dei Calabrei et da nord de la SiciU. Pan», 1842 
(AnnalM de> mineB, Sér. 4*, T. n, pag. 613). 

(•) E. Cortwe, Brevi cenni tuUa geologia della parte ?fE. i/rH'i Sicilia, 



>dbyGoogIe 



O. DI-STBFANO ED E. CORTESE 

GJURA-LIASICO 

I. Lias. 

Lias inferiore. 

inferiore posa in discordanza sulla fillade e costituisce 
elle principali rupi dei dintorni di Taormina. Esso ri- 
inaieme molto potente e piuttosto complesso di rocce, 
1 due parti stratigraficamente connesse nel modo più 
distinte da due faune ditferenti, una inferiore con gaste- 
Itra superiore con brachiopodi e pelecipodi. 

INFERIORE. — La parte inferiore comincia con un con- 
aratteristico sovrapposto direttamente e con forte discor- 

Bcisti arcaici, e composto dì ciottoli grandi e piccoli 
di quarzo, di gneiss e di granito, rilegati da on ce- 
) vinaccia. Esso passa qua e là ad arenarie rosse con 
iti quarzosi o a marne sabbiose dello stesso colore, 
torio studiato non ra^unge una potenza superiore ai 
Nella provincia di Messina, della quale è speciale, 
Capo S. Alessio, a Forza d'Agro, a Limina, a Novara 
sso Fatti, a S. Piero di Patti, a Baecuja e vicino 

e S. Agata, mostrando in certi punti una coosidere- 
ca (m. 300). Questo conglomerato è facilmente fra- 
si tutto spoglio di vegetazione. Le sue porzioni fine 
sere talvolta mischiate alla calce come sabbia, e da 
iene il color rosso che distingue i muri di certe casette 
le preaso Taormina e Castelmola. Esso compare sulla 
bile Catania-Messina avanti il Capo S. Andrea e len- 
nnalza fin sotto monte Tenere e Castelmola, passando, 
ì volte. da importanti fratture, sotto il Camposanto di 
ì sotto la Rocca del Castello, nel lato destro del Val- 
na Fredda. Dei lembi ristretti compaiono a mezza costa 
Ziretto, sempre suUa fìllade. 

esso segue in perfetta connessione una spessa serie di 
lolomiti, che formano il secondo membro della parte 



>dbyGoogIe 



aiilDA aEOLOOICA dei dintorni di TAORMINA 309 

I inferiore. La descrizione di qnesto andrebbe molto in lungo se si 
doreesu f&r miDDtameate ; rimandiamo perciò allo esame partìco- 
lue che ne fece imo di noi ('), oontentandoci qui di presentarne 
sinteticamente ì caratteri. 

n conglomerato per mezzo H marne sabbiose rosse, passa a 
dei calcari gr^, lionati, macchiati di nero, compatti o cristallioi, 
talvolta concrezionati, per lo piti alterati in una mania giallastra 
taloia tendente al rerdiccio, sparsa di punti spattci. Essi passano 
qna e là a piccole parti dolomìtiche e cominciano sol conglome- 
rato rosso con qualche metro di marne e calcari rossi. Tali strati 
salgono dal litorale un po' oltre il Capo S. Andrea inclinati a 
8. 0., e insieme all'annesso conglomerato, passando sotto Taormina 
e sotto la mpe del Castello, giungono a Oooolazzo. Ivi mostrano 
un spessore di circa 30 m., contengono superiormente nna piccola 
massa di dolomia grìgia fratturata e sono interrotti dalla impor- 
tante frattura diretta da S. S. 0. a N. N. E., che originò, fra l'altro, 
il rìpido lato orientale della montagna di Castelmola. Bicompaiono 
poi in stretta potenza proprio davanti Porta Mola e di là si spin- 
gono, con uno spessore maggiore, fin sotto monte Yenere. 

Qnesti (oleari nella proprietà Bongiovanni presso Capo S. An- 
drea, a Cocolazu), tra il castello di Taormina e Castelmola, a 
Porta Mola e nelle vicine contrade Scrinci e Croce offrono la fauna 
di gasteropodi del calcare cristallino (lias inferiore) della provincia 
di Palermo. Le specie che ri si sono raccolte finora sono le seguenti ; 

Rhyachonetla cfr. fissicoslata Suess 
' TerefTatula Zugmayeri Dì Stefl 

WaldKeimia polymorpha Seg. sp. 

Anomia ati. nuda Terq. 

Pinna Eartnanni Ziet. 

Pecten amphiarotug Di Stef. 
f • Vhligi Qemm. et Di Bissi 

^ Sunema mediterranea Gemm. sp. 

- joniea Di Stef. sp. 
: » sp. 

C) G. Di.Stefano, ■ Le rocce credute triassiche del territorio di Taor- 



>dbyGoogIe 



a. DI-STEPANO ED E. CORTESE 

Scaevola mbclausa Di Stef. 

sp. 
Plocoitylus 3p. 
Nerita {Oncochilus) turbinoides Di Stef. 

• • Philyre Gemm. sp. 
" " Beroe Gemm. sp. 

Rachel Di Stef. 

• • Lia Di Stef. 

sp. 
sp. 
> {Oncochilus?) oceanica Gemm. 
Neritopsis frondosa Gemm. 
" Basambrensis Gemm. 
» cfr. immanis Gemm. 

• Schopeni Di Stef. 

Natica (Amauropsis) Zelphae Di Stef. 
Chemnittia Taiia Gemm. 

« Antiope Gemm. 

!• eatacyelus Di Stef. 

" polyplecta Gemm. 

• {Microichiza) Myrto Gemm. 

» ■ Tluimar Di Stef. 

Pseudomelania cfr. Niobe Gemm. 

8p. 

lì strati descrìtti passano snperìormente a nna spessa pila di 
e dolomiti, Tariabili di struttnra e di colore. Sono calcari 
erati in marna giallastra come gl'inferiori, rosei, gri^, lionati, 
■i, compatti cristallini, assai spesso el^antemente colitici e 
ci, talora tenacissimi e divisibili in frammenti poliedrici, in 
e a strati ben delineati, spessi o sottili, ma in certi casi 
'X, Essi passano nel modo più irregolare, per gradi o imme- 
ente, a pìccole e grandi masse dì dolomia cristallina, talota 
ita, terrosa e brecciforme, bianca, rosea o grigia, in massa 
ificata, e sogliono terminare con piccoli strati di calcari bni- 
leppi di sezioni di piccoli gasteropodi {Climacina, Cerithi- 
Pseudomelania, Ooaia, Cerilhium ecc.). La dolomia predo- 
n celti Inogbi del tutto sui calcari, presentandosi in banchi 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA DEI DINTORNI DI TAORMINA 211 

Spesai più di m. 50; tal' alt» fonna piccole macchie qua e là 
in mezzo gli strati. Frequente è il passavie lento dei calcari 
Donnali ai dolomitici e da questi alle vere dolomiti cristalline e 
caTeraose, in modo che si notano IstruttiTÌ fatti per lo studio sulla 
dolomitizzazione dei calcari. 

Questo insieme di rocce, irregolarmente sostituentesi, mostra 
ima potenza di poco inferiore ai 200 m., e spezzato e sollevato 
da molte importanti fratture, prende parte alla costituzione delle 
rupi principali. Esso si manifesta sulla vìa rotabile Catania-Mes- 
sina, tra Capo Taormina e Capo S. Andrea, in istrati pendenti a 
S. 0.; sale fino alla Chiesa di S. Pietro e alla collina del Teatro, 
intersecato più volte dalla strada che conduce a Taormina; si 
mostra improvrisamente con i superiori calcari nerastri in mezzo 
al Lias superiore tra i Talloni S. Antonio e S. Agostino, per causa 
di una frattura diretta da S. 0. a N. E. e passante pel piano di 
Taormina ; forma il sottosuolo della città, mascherato qua e là dal 
quaternario e s'innalza a costituire la rupe del Castello fino alla 
Madonna della Bocca. Interrotto per un po' da due firatture paral- 
lele, dirette da S. S. 0. a N". N. 0.. che saranno appresso meglio 
descrìtte, ricompare con grandi masse dolomitiche nella montagna 
di Castelmola, scendendo giù al Sirina, e si continua fino a M. 
Scslazza e a M. Venere, dove raggiunge la massima altezza. 

A M. Zìretto è rappresentato da calcari cristallini grigi, ros- 
sastri violetti e venati di bianco, di aspetto marmoreo. Ivi sì trova 
prima sulla cima del monte e poi sui fianchi, portato giù da quella 
frattura che passa anche pel lato occidentale della Bocca del ca- 
stello di Taormina. Altre rupi di calcari simili si trovano dissemi- 
nate sulla fillade del litorale sotto M. Ziretto, come parti disperse 
di ona massa calcarea variamente fratturata. 

Tali strati calcareo-dolomitici non sono abbondati di fos- 
aili. nondimeno presso la vecchia Catena di Taormina, sul viottolo 
tortuoso che da Taormina sale alla Madonna della Bocca, a Porta 
Mola e avanti Porta Saracena (Castelmola) sì raccolgono, oltre a 
molti gasteropodi sinora indeterminabili, le seguenti specie : 

Rhynehoriella efr. fissicostata Sness 
Waldheimia polymorpha Seg. sp, 
Terebratìda Zugmayeri Dì Stef. 



>dbyGoogIe 



212 a. DI-STEFANO ED E. CORTESE 

Pecten amphiarotus Di Ste£ 

" {Pseudamussium) Mehlii d'Orb. 
Pinna Sartmanni Ziet. 
Atraetltes ap. 

Pabts supbbiobb. — Le rocce descritte passano con la più 
stretta connessione stratigrafica e litologica alla porzione saperiore 
del lias ioferìore in esame, in modo che riesce impossibile in nessnna 
seziose di poter s^^nare un limite netto di divieione tra le due 
partì, che pare nei termini estremi hanno una sì distìnta diCfereau 
di fonila e di carattere petrografìco. 

Una dìTisione artificiale, e solo per atilità di qd ordinamento 
pratico, può farsi, limitando la parte inferiore ai piccoli strati di 
calcari zeppi di sezioni di piccoli gasteropodi, ohe si notano sotto 
Gastelmola (a Porta Saracena), sotto la Madonna della Bocca ecc. 
Su di essi s^ono dei banchi dolomitici e dei calcari grigi o 
lionati, compatti o cristallini, per lo piti concrezioQati, passanti 
alla parte superiore a strati dì calcari prevalentemente nerastri o 
lionati, talvolta rossi, cristallim, sabbiosi, esternameote dì color 
ferrugÌDoso per alterazione, spesso alternanti con piccoli strati di 
marna giallastra, e passanti in certi casi a ponioai dolomitiche. 
In tutto il territorio esaminato e altrove, il lias inferiore termina 
con questi strati nerastri o lionati che vengono a diretto contatto 
col lias superiore, salvo che al Capo S. Andrea, ore sosteogono 
dei calcari a crinoidì del lias medio. 

Questi strati grì^, bruniccì e neri succedono a quelli della 
parte inferiore in tutti i luoghi dei dintorni di Taormina, cioò al 
Capo Taormina, ove sono variamente firattutati, contengono inferior- 
mente spesse liste di dolomia e sono riccamente fossiliferi; nella 
rupe che sostiene il Oonrento di S. Domenioo, ove compariscono 
per una faglia già notata ; in contrada S. Leo, sulle risvolte dalla 
rotabile di Taormina e quasi sotto la città; sulla cima della Bocca 
del castello ; sulla china della montagna di Gastelmola, dal paese 
tìn nel eorso del Sìrina ; sulle sommità della Punta Carnevale e del 
M. Scalazza. In contrada Cafolia, sono portati giù da una firattura 
diretta da 0. N. 0. a fi. S. E., che spezzò il lias inferiore, por- 
tando gli strati nerastri a contatto dei grigi inferiori. Tali calcari 
si presentano anche sulla cima dì M. Venere e su quella del M. 



>dbyGoogIe 



OUIDA OHOLOOICA D 

Ziretto. Strati equivalenti grì^, rosBostri, Tiotetti e nerastri si no- 
tano sulla grotta del Feto, nella porzione esterna del Capo S. An- 
drea, ove sono flessnodi, e alla base del promontorio di Castellacelo. 
Questo livello fìi una volta attribuito al retico (S^uenza, 1871), 
e poi suddiviso in retico, bettangiano e sÌDetaorìano (Seguenza, 1886); 
ma i fossili, che vi si raccolgono abbondantissimi a tutte le altezze, 
lo bnno riferire tutto a una porzione elevatissima del lias inferiore. 
La &una cbe vi si trova è differente da quella a gasteropodi della 
estremità inferiore deUa serie in esame; essa è costituita essenzial- 
mente di brachiopodi, cbe gremiscono ì calcari, e di lamellibranchì, 
più soliti a presentarsi in quelle altomanze marnose. 

Con molta frequenza vi si nota una PUcatala reticolata, im- 
possibile a separare dalla PI. intusttriata Emm., e che ò eolita 
abbondare sulla superficie degli strati nerastri piii elevati e a con- 
tatto con i calcari a Leptaeaa del lias superiore. I migliori luoghi 
fossiliferi sono il Capo Taormina, la sezione variamente fratturata 
che lo segue verso Giardini, la parete sinistra del vallone S. An- 
tonio, tutta la china dì Gastelmola, Cafolla e la sommitil di M. Sca- 
iaiia. Le specie che vi si raccolgono sono le seguenti : 

Spiriferina rotlrafa Schloth. sp. 

• Baitdeli Di Stef. 
» siciila Gemm. 

■ pinguis Ziet. sp. 

• M&iuteri Darìds, var. recondita Seg. 
Rkynchoaella rimosa v. Buch. 

■ fureiUata Theod. sp, 

■ curviceps Quenst. sp. 

• jojiica Di Stefc 

■ off. fissicostala Saess. 
t Lua Di Stef. 

« correcta Di Stef, 

« Sehopem Di Stef. 

Terebraiula punctata Sow. 
Timaei Di Stef. 
" Baldaccii Di Stef. 

" Proserpina Di Stef. 

• cfr. fimbrioide» Deslongc. 



>dbyGoogIe 



Terebratula tauromenitana Di Stef. 

» Zagmayeri Di Stef. 

WeUdkeimia polymorpha Sig. ap. 

• Arettua Di Stef. 
» cornuta Sow. 

Phaedra Di Stef. 

Galathea Di Stef. 
> Bp. aff. W. sttinumismalii Sow. sp. 

Cortesei Di St«f. 

MasteUii Di Stef. 

sp. 

Bp. 
Plicatìda irUmstriata Elmin. 
Lima (Plagiostoma) punciata Sow. 

* (Radtda) Choffati Di Stef. 

>■ « kettangiewis Terq. 

sp. 

ep. 
Pec/M lextorita Schloth. 
" amphiarotus Di Stef. 

• (Pseudamussium) Sehlii d'Orb. 

Di-Blasii Di Stef. 
0«^rea ap. 

Avieula {Oxytoma) sinemtiriemis d'Orb. 
Modiola Gemmellaroi Di Stef. 
Pinna Hartmanni Ziet. 
Cardium ap. aff. C. eueuUaiam Ooldf. 

ap. 

ap. 
Pholadomya corrugata Dmiker et Majer. 
Zrfea d'Orb. 

• sifù-nensis Di Stef. 
» olivaensit Di Stef. 

Goniomya naxemis Di Stef. 
< CapeUinii Di Stef. 

ap. 

sp. 
Pleuromya serinemis Di Stef. 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA 


DEI DI 


ITOBNI DI 


TAORMINA 


Pleuromya ap. 

sp. 

sp. 
Arca ap. 
Cereomya ap. 
Cardinia ap. 










ap. 
Pseudomelania 


sp. 








ap. 
Alaria sp. 

Pleurotomaria cfr. anglica Sow. 
Cryptaema expanta Sow. 
Aegoeeras cfr. /amesoai Sow. ap 


sp. 


, 


ap. 
ap. 









Delle due f&une principali citate, quella che si trora nei oal- 
eui alterati inferiori, sovrapposti immediatamente al conglomerato 
rosso, è, come fa detto, quella del calcare cristallino del lias infe- 
rimre della provincia di Palermo, illustrata cosi splendidamente dal 
prof. G. G. &emmellaro (')■ I molti cefalopodi trovati nella ta.mi&, 
del Palermitano dei qoali fa già pnbblicato nn elenco preliminare 
{TBdi Di Stefano, SttUe rocce credute triassiche del territorio 
di Taormina), hanno confermato il riferimento di età che ne fece 
il prof. Gemmellaro e chiarito che, sebbene essa contenga elementi 
della zona con Schlotheimia angolata Schloth. sp., sembra rappre- 
sentare quella con Arietites Bucklandi Sow. sp. Essa ha strette 
asalogie con quella dei calcari cerulei della Spezia; però se ne 
mostra leggermente più giovane. 

Da quanto abbiamo diacorso sì trae dunque che i calcari alte- 
rati inferiori della serie studiata occupano nel lias inferiore nn posto 
che non è dei più bassi. 

La fauna con brachiopodì e lamellìbranchi, che giace all'estremo 
Buperiore della serie e a cosi grande distanza stratigrafica della 
prima, contiene una prevalenza di specie che sono comuni al lias 

(') G. G. Gemmellanj, Sui fonili del caUare cristallino delle Montagne 
del Casale e di Bellampo nella provincia di Palermo, 1878 (Qiorn. di Se. 
uat «d EcoD. di pAleimo, voL SUI). 



DigmzcdbyGoOgle 



210 «. Dl-STEPANO EE 

iaferiore e al medio, fra le quali alcune che soglioao r^gìungere 
il masaimo sriluppo nel medio. Questo fatto nnito a quello della 
grande potenza dell'intiero complesso calcareo-dolomitìco, inferiore 
di poco ai 300 m., fa subito pensare alla necessiti, di staccare 
gli sb-ati nero-lionati per collocarli nel llas medio, molto piii cbe 
è stato rinvenuto nella sezione già eredita tipica del Betico, presso 
il Capo Taormina, un Aegoceras che, sebbene non faccia osservare 
i lobi, corrisponde del tutto per la forma air.^«^. Jamesoni Sow. sp. 
Però è da notare che questa fauna superiore, oltre a una prem- 
lenza di specie solitamente comuni al lias inferiore e medio, con- 
tiene : Rh. cfr. fissieostata Suess, Rh. plicatissima. Quenst, Ter. 
cfr. Fùtterlei BOck-, Piana Hartmmni ZieL, Ph, Idea d'Orb., 
Pliealula iniuslriala Emm., ecc., le quali non faoultano del tutto 
a potoria mettere nel lias medio. Inoltre è da por mente che il 
lias medio ben caratterizzato esisto nel territorio di Taormina con 
tutt'altri brachiopodi, e che nei luoghi dove si presenta è sempre 
sovrapposto a strati con la fauna in esame. Per queste r^oni i 
caleah neri, lionati o grigi, già ritonsti retici, sono dà pone in 
un livello elevatissimo del Lias infuiore, almeno finché il ritrova- 
mento di altre specie non costringerà a collocarli nella porzione-più 
aatioa del lias medio. Quella Plicatula ohe sembra ncm potersi 
dividere dalla Pltcatula intussiriata E!mm., con la sua presenza 
in istinti eimili, dimostra che la specie di Kmmerich non può più 
servire per indicare divisioni stratigrafiche precise. 

I calcari e le dolomie che s'intercalano tra i m^ubrì conte- 
nuti le due faune principali connato, benché artificialmento divi- 
sibili in certi luoghi per alcuni strati con sezioni di piccoli gastero- 
podi, occupano nel fatto una posizione intonnedia stratigraficamente. 
paleontologicamento e litologicamente. Essi contengono: Rk. cfr. 
fistieoslata Suess, Wald. polymorpha S^., T. Zugmayeri Dì Stef., 
Pinna Hartmaani Zìet. sp., Peeten amphtarotus Di Stef., Peeten 
ffehlii d'Orb-, che sono comuni alla fauna con gasteropodi inferiore 
e a quella con brachiopodi superiore e servono perciò a rilegare i 
due livelli. 

II coi^lomerato rosso che posa solla fillade, nonostante il suo 
aspetto petrograficamente diverso dagli altri strati del lias infe- 
riore, è così connesso stratigraficamente e litologicamente con i 
calcari a gasteropodi che non può esserne staccato. 



>dbyGoogIe 



QUIDA OEOIXatCA DEI 

Lias medio. 

Questo piano è rappresentato da poctii lembi di calcari cri- 
stallini con crìnoìdi, o compatti, Taricoiorì, spesso renati dì bianco 
di nero, per lo più marmorei, che si presentano al Capo S. Andrea. 
ni piccolo, promontorio di Castellaceio e sui fianchi del M. Ziretto, 
direttamente sovrapposti al lias ìoferiore. Nel resto della regione 
Btodiata mancano simili strati, probabilmente perchè solo nel lato 
DOrd-est di Taormina si trovavano quelle condizioni di fondo neces- 
sarie allo sviluppo di sì grande quantità di crinoidi e della fauna 
particolare che l'accompagna. 

Al Capo S. Andrea si osservano dei calcari grigt a crinoidi. 
talora rossastri, pendenti a 8. 0., che posano sogli strati vari- 
colori e fle^aosi del lias inferiore della base del Capo, formano 
la cresta piU elevata di quel piccolo promontorio e passano sotto 
la piccola chiesa, separati da quelli di Castellacelo da un seno 
scavato dal mare. Essi contengono qualche esemplare iàlVffarpo- 
ctras Algovianam Opp. sp., della Sp. rostrata Schloth. sp. e del 
Peci. Stoliczkai Gemm. &li strati simili di Castelluecio conten- 
gono una ricca &nna, che sarà enumerata qui sotto. 

Sui fianchi del M. Ziretto i calcari, prevatentemento mar- 
morei, sono rossi, rosei, macchiati di gr^o sino a divenir del tutto 
grigi, zeppi di crìnoìdi o compatti, talora breccìformi, spesso venati 
di bianco. Essi sono fbssìliferì, ma per il loro aspetto sono stati 
confusi non di raro con quelli, anch' essi a crinoidi e cavati per 
trame marmi, di altri piani. 

1 fossili che sì raccolgono n^li strati del M. Ziretto e di 
Castellaceio sono i Bruenti ('): 

Spiriferina rostrata Schloth. sp. 

■ siculo Qemm. 

■ Statira Gemm. 

■ angulata Opp. 

C) Pei l'eaune crìtico della fsaoa di Cutellnccio bì Teda : 0. Di-Stefano, 
SiU Lia» medio del M. San GivHano (Ertce) presso Trapani, 1891 (Atti 
dell'AecAdemia GicwD» di Catftiiia). 



DigmzcdbyGoOgle 



) E. COETBSB 

ìptrìferìna gryphoidea Uhi- 
" alpina Opp. 

■ Davidsoni Dealongc. 

■ segregata Di Stef. 
" Daneini Oeimo. 

" gibba Seg. 

Zigmi Di Stef. 
Ihynchonella Glycinna Gemin. 
" serrata Sow. ap. 

« Orsina Gemm. 

■ flabellum Mgh. 
" Dalmasi Dum. 

« Briseis Gemm. e var. 

" ptinoides Di Ste£ 

• polyptycha Opp. 
Terebr<Uula sphenoidaUs Mgh. apnd Gemm. 

» punciafa Sow. 

« Aspasia Mgh. 

• Bei/riehi Opp. 
tC(i/(iAemta cfr. numi^ma^is Lmk. sp. 

• mutabili^ Opp. 
" s^opio Opp. 

" Engelhardti Opp. 

• seeuriformis Opp. 
RothpletJi Di Stef. 

Pectó« (Chlamys) heterotus Gemm. 

• (PseBiiafflìWSJMWi) Stoliczkai Gemm. 
ivieula {Oxytoma) sinemuriensis d'Orb. 
Cìwia (Plagiostoma) sp. noy. aff. Z. semilunaris Zìet. 
Diseohelix Reussi Hoern. sp. 

" or^is Benss sp. 

Trochus (Eutrochus) lateitmòUicatus d'Orh. 
Phyllocerai Partschi Stur. 

» Alontinum Gemm. 

RkacophyUites libertum Gemm. 
ffarpoceras {Tropidocerat) Zancleanum Gemm. sp. 

■ ' scherinum Gemm. 
» \Leioceras) Kurrianum Opp. sp. 



>dbyGoogIe 



arnox OEOLoaiCA dei dintobki di taorhina 219 

Questa &iiDa ha 15 specie comuni col soto deposito del lìas 
inferiore di Hìerlatz, e tra quelle siciliane del liaa medio è ana 
delle più antiche. I ce&lopodì che contiene, per causa del loro 
modo di a^rappamento, non ne permettono l'asse^aziono a nna 
particolare zona del lias medio, come avviene anche per gli altri 
calcari a crinoidi e bracbiopodi con facies dì Hierlatz del lias medio 
mediterraneo. 

Lias superiore. 

n lias superiore, per estensione, potenza e ricchezza di foB- 
Mli è fra ì depositi piil importanti dei dintomì di Taormina a 
forse di tutto il bacino mediterraneo. Esso ha ano spessore di circa 
300 m. e risulta dì un insieme omogeneo di calcari a fdcoidi com- 
patti floamente erìstallìni, grìgt, alternanti con marne gr^e o 
grigio-oscure, qua e là tendenti al giaUaatro o al verdastro, mw> 
chiate in eerti luoghi, di rosso, sino a diventare del tatto rosse. 
Avviene talvolta che l'alternanza di calcari e marne passa a lenti 
di sole marne grigie o losse vari^ate di grigio 6 verdiccio, più o 
meno disgregabili. 

Qaestì strati sì manifestano in tin lembo ristretto ed eme^nte 
dal mare al Capo S. Andrea, e al M. Zìretto si mostrano sovrap- 
posti al liaa medio. In tatti gli altri luoghi dei dintorni dì Taoi> 
mina posano sai calcari nerastri del lias inferiore, quasi in con- 
cordanza sulla china dì Castelmola, e in l^erìssima discordanza, 
sol litorale presso il Capo Taormina e in fondo al vallone S. An- 
tonio, dove si manifestano degli spostamenti. 

Marne e calcari coprono tutto il lato S. S. 0. e N. 0. 
di Taonnìoa: da presso U Capo Taormina, ove sono inclinati a 
S. 0., salgono fin sotto la città e alla contrada S. Leo; sosten- 
gono il convento di S. Domenico, d'onde si spingono fìno in con- 
trada Ttrone e Villa Agonia; passano davanti Porta Catania, ove 
sono molto denudati e urtano, per ano spostamento, a un bastione 
naturale formato di calcari grigi del lias inferiore; scendono giù 
fino nel Sirina e salgono a costitaire la contrada Chiusa Paladino. 
Tra la Bocca del Castello di Taormina e la montagna di Castelmola 
si presentano ribassati rispetto al lias inferiore per due figlie paral- 
lele dirette prossimamente da nord a sud, e poi compaiono di nuovo 



DigmzedtìyGOOgle 



220 6. D1-8TEPAN0 EU E. CORTESE 

snlla china occidentale di Castelmola dalle nltima case del tìI- 
laggio fino al torrente Siiina, che scava la massima parte del sno 
corso nel lias superiore. 

Nel vallone Mortilleto (parte superiore del Sirìna) queste rocce 
battono a ana piccola e netta parete di f^lia del liaa inferiore, ma 
pid a valle si rimettono quasi in concordansa su di esso. Sulla mon- 
tana di Gastelmola la pendenza degli strati comincia a volgersi 
quasi all'ovest e così continua sul M. Scalazza e sul M. Tenere, 
dove il lias superiore raggiunge la massima altezza. Sul fianco 
S. 0. del monte esso urta contro al Lias inferiore per effetto 
di UBO spostamento clie si prolunga fin oltre il cimitero di Ga- 
stelmola. Un altro piccolo lembo di lias superiore si nota tra ri 
M. Ziretto e il M. Venere, ribassato da quella frattura cbe orì^ò 
la parete orientale della montagaa di Gastelmola, e finalmente 
una estesa massa di calcari e marne a fncoidi si manifesta dalla 
pendice occidentale di Serra Lncarella fino a Maini, sovrapposto 
alla GUade arcaica e in eerti punti urtante ad essa per uno spo- 
stamento che sarà descritto appresso. 

Questo piano, coA potente ricco di fossili, à divisibile in 
due parti connesse stratigraficamente, litolf^camente e paleonto- 
logicamente in modo intimo. La parte inferiore è rappresentata 
d^;li strati cod Leptaena e la superiore, assai spessa, da quelli 
con Eildoceras bifrons Brug. sp. e Posidonomya Bronni Wolta sp. 

Strati con Leptaena. — Sebbene la massima parte delle 
così dette Leptaena del lias appartengano al genere Koninekella 
Mun.-Chal., manteniamo pel membro in esame il nome di strati 
con Leptaena, perchè le specie cbe contiene, appartenenti al gruppo 
della L. Davidsonì Deslongc, non possono riferirsi con sicurezza 
alle Koninekella, e il nome cbe usiamo per tali strati è sinora 
generalmente adottato nella nomenolatara geol{^ca. 

Questo livello fu ecoperto dal prof. G. 0. Gemmellaro nel 1887 
{Sugli strati con Leptaena nel lias superiore della Sicilia). 
Esso ha una potenza non superiore ai 8 m. e giace alla base di 
quel lias superiore in diretto contatto col lias inferiore, ool quale 
sembra connetterai strettamente sulla china della montagna dì 
Gastelmola e in altri punti, mentre nel vallone S. Adìauìo e presso 
il Capo Taormina sovrappone su di esso con lieve discordanza, pw 



>dbyGoogIe 



l DEI DINTORm I 

effetto dì spostamenti. È composto di speasi strati di calcare a ta- 
«ùdi di c(^or grigio-oscuro o nerastro, finamente cristallino, tenace 
e Tmato in bianco di spato calcare, altemtuite con marne dello 
stesso colore, scistose e ricche di mica. Essi contei^no ana &tma 
caratteristica di pìccoli brachiopodi, associati a taloni cefalopodi 
die passano anche nella parte superiore dì quel lìas soperiore. 
I fossili si raccolgono ovmiqae ci eia U oontatto tra il lìas infe- 
riore e il superiore, pu-i) i lacchi piti importanti da stadiare sono 
nel vallone Mortilleto, in fondo al vallone S. Antonio, presso le 
prime case del lato meridionale di Gaatelmola e in contrada S. Leo. 
Le specie di tali strati note finora, oltre ai molti fucoidi, sono 
le sagnentì; 

Zamites cfr. gracili» Kurr. sp. 
Lepiaena Ckoffati Gemm. 
» stenla Gemm. 

* Davidsoni Deslongc. 

• Meneghina Gemm. 
Spiriferina terinensit Gemm. 
Rhynehonella ì Ida Gemm. 

" pugmaea Q«mm. 

■ naxemis Gemm. 

Waldheimia Lycetti Darids. 
Leda sp. 
Belemnites sp. 
Phylloceras ParUchi Star. 
RhacophyUites libertum Gemm. 
Zytocerat sp. 

ffarpoceras {Grammoeeras) cfr. Ruihenease Jt^n. sp. 
Coeloceras crassum Phill. sp. 

" Eolandrei d'Orb. sp. 

NoMtilm sp. 

Qneata fbnna ha comuni con gli stirati a Leptaena del Por- 
togallo e con altri estralpini la X. Davidsortì Deslot^c, il Coel. 
erastum Phill. sp. e il Coeloceras Holandrei d'Orb. sp-, e pre- 
senta, pure alla base -del lìas enperiore, la stessa asaociazione di 
specie pigmee dei generi Leptaena f , Waldheimia e Rhynehonella 



DigmzcdbyGoOgle 

J 



222 O. DI-STIFANO ED E. CONTESE 

ohe si nota ia quelli. Anch'esBì si debbono riferire al lias sape- 
riore per l'intimo legame litologico, stratigrafico e paleontologioo 
che hanno con i seguenti atrati a Posidonomya Broani, dai quali 
È impossibile (iÌTÌtterli. 

Strati con Kildoceras bifrons b Fosidonùhya Bronni. — 
Olì strati con Leftaena divengono eupeiiomLente grìgi e passano 
a quelli con Hild. bifrons, che raggiungono una grande potenza. 
Questo secondo membro del lias superiore forma mL tutto omo- 
geneo, composto preralentemente di calcari a f^coidi e marne di 
color gr^io, che riesce impossibile di diTÌdere in zone locali oppure 
equivalenti a quelle estralpine. Ogni tentativo fatto su questa ria 
è riuscito del tutto infecondo e artificiale. Il sig. Lui^ Schopen 
esaminò estesamente simili tentativi (Sobopen, Sul Toarsiano, 
Dogger e Malm dei dintorni di Taormina, 1887), dimostrando 
l'impossibilità di mantenere le molte zone che vi furono distinte (') ; 
sicché noi rimandiamo al suo pregevole lavoro, non potendo fare 
iu questo scritto una minuta esposizione di tutti gli argomenti che 
si oppongono alla suddivisione di quella potente formazione. Pertanto 
notiamo solo che dei contrassegni distìntivi indicati dal prof. Seguenza 
nessuno è speciale di una data zona e che le specie caratteristiche di 
ognuna, o mancano in quel lias o sono comuni a tutti gli strati di 
essi, in modo che paleontologicamente non si trovano ragioni per 

(I) Il prof. G. Segaema ne'sDoi aitimi lavori sul lias enperiare di Taor- 

inioa (Il Lia» tuperiore nel territorio di Taormina, 1886, e Eiame di tma 

tetione naturale nel giurastico di Taormina, 1867), ne diede deflnitÌTameDt« 

il segnente quadro di ione : 

I' Zona. — Stinti a Leptaena. Calcari e marne neTastre. 

;'" Zona. — Strati con Harpocerat òotcente (Reja.). Calcari e manie grigie 
alteinanti, e calcari roBsi pasBonti a manie dello stesso colore. 

y Zona. — Strati con Hildocerat terpentimim (Eein.)- Calcari e marne gri- 
gie alternanti. 

/" Zona. — Strati con Coelocerat Deaplacei (d*Orb.). Calcari mamoso-gr»- 
nosi grigiastri. 

.)' Zona. — Strati con Bildoeeran» bifront (Bing.). Hame rosse variegate di 
verdastro e di gri^o. 

li' Zona. — Strati con Harpocerat cfr. opalinvm (Rain.). Marne e calcari 
grigi. 
Su quesfultima lona (6*) egli pose il Dogger inferiore, cioè gli strati 

con ffarpoccrat (Liocerat) opalinum Rain. sp. 



DigmzcdbyGoOgle 



GL'IDA. GEOLOGICA DEI DINTORNI DI TAORMINA 223 

U o'eazìone di t&tì memlirl, siano anco locali. Il carattere litolo- 
gico è anche ioaafficiente a giustificarli, perchè quel lias non è 
che noa massa unifonne di marne e calcari alternanti. 

Le marne grigie o le rosse rariegate di grigio-rerdicclo, ricche 
di esemplari della Posid. Bronni, le quali qua e là predominano sui 
calcari e servirono, le prime, a fondare la zona a Coel. Desplacei 
d'Orb. sp. (Segneoza) e la seconda la zona a Mild. bifrons Brug., sp. 
(Stanza), non sono regolarmente stratificate in quel deposito, ma 
ai presentano in forma di lenti a tutte le altezze. Infatti le marne 
grìgie predominanti si trovano in contrada Yagnoli in seno a strati 
riferiti alla zona con Ilarp. Boscense Reyn. sp., (Seguenza); nel 
Tallone Don Matteo, nella Chiusa Paladino e lungo il Sirina fra 
quelli aggr^ati alla zona con Hild. serpenlùium Rein. sp. (Se- 
guenza), mentre le rosse variegate s'insinuano fra i calcari grìgt 
così detti a Sild. serpentinum (Seguenza) al Tìrone e non vi stanno 
sopra, come inoltre si osserva nella denudazione di Porta Catania. 
Al valloDue Mairri, che è sotto il lato occidentale di Serra Lucarella. 
le marne rosse variegate sono separate in due zone da circa 20 ni. 
di calcari gr^ e marne alternanti. 

Infine è da rilevare che si presentano porzioni di marne rosse 
[Zona inferiore con Harp. boscense Reyn. sp. (Seguenza)], taato 
nella parte inferiore 'di quel lias superiore (tra Giardini e Capo 
Taormioa), che nella superiore, come al Capo S. Andrea e presso 
la chiesetta della Grazia, sicché non può darsi ad esse un valore 
distintivo. Bel resto l'Barp. boseeme non esiste in quel lias 
superiore. 

Da quanto abbiamo discorso si trae che il lias superiore dì 
Taormina non è dirisìbile in zone, e ohe deve considerarsi come 
Qu insieme di strati calcarei e marnosi alternanti in proporzioni 
variabili, in modo che in taluni luc^hi prevalgono le marne e 
in altri i calcari. La presenza della Posid. Bronni negli strali 
mamoBi è un &tto ordinario dì tutto il lias superiore, perchè 
questa specie trovava le condizioni necessarie alla sua vita nei 
fondi melmosi. 

Gli strati con Hild. bifrons contei^no una fauna ricchissima 
dì ce&lopodi, fra i quali un grande numero di specie nuove, de- 
scritte di già dal prof. G. G. Gemmeilaro {Monografia sui fossili 
del Lias superiore della Provincia di Palermo e di Messina ecc.) ; 



>dbyGoogIe 



224 . O. DI-STETANO ED E. CORTESE 

noi ne citeremo solo le specie già rinrenute altrove, che sono le 
seganti: 

Terebratula Aspatia Mgh. 

■ erbaeruis SuesB sp. 
Posidonomya Broani Woltz sp. 
PkìflloceroA Partsehi Star sp. 

• Nilssoni Héb. sp. 
" Spadae Mgh. 

» Stopparli Mgh. 

Rhacophyilìtes libertum Gemm. 
" lariensis Mgh. 

- ■ eximium Hauer sp. 

Lyloceras cfr. cornueopiae Yoong. ap. 
« Trautaeholdi Opp. 

lorieaiu» Mgh. \ 

Grandoueruis Mgh. ' 

' sublineatum Opp". sp. \ 

• Dorcadù Mgh. \ 
Uarpocera* {Sildocerat) bifrons Brug. sp. 

■ * Levisoni Simps. sp. 
> • cfr. boreale Seeb. 

■ • Mercati Haner ep. 
" ■ cfr. erbaensis Hsiiar. 
" (Dumorlieria) radian» Rein. sp. 
" (Grammoceras) pccUnatum Mgh. 
» » ed Rutheneme Beyn. 
" " serpeatimim Bein. 
X > feUlaciosam Bayle. 
» (Bangio) Eteri Opp. sp 

Harpoceras (Leioceras) subplaKalam Opp. 
» » bicariiiatitm Ziet. 

• " eompactile Simps. 

• " lylensis Youi^ et ^v«., 
Hammatoceras insignii Schloth. ap. ■ 
Coeloceras crassum PMII. sp. 

» anguinum Sow. sp. 

" Jtaquimanum d'Orb. sp. 




^ 



DijilizodbyGoOgle 



OUIDA OIOLOOICA DEI DINXom<I t>t TAORMINA 885 

Coeloeeras annulatum Sow. sp. 
■ communis Sow. sp. 

• Holandrei d'Orb. 8p. 

Desplacei dOrb. 
Nautilus c&. temistriatum d'Orb. 
■ astacoides Young et Blrd. 

Dall'esame di questa fauna ai trae che il Iìbs superiore di 
Taormina non ha relazioni Bufficientemente sviluppate ooii la zona 
a Lgtocerag jurensis, cioè con la parte superiore del toarsiano 
estralpino. Alcune specie, come Ph. Mlssoai Heb. sp., Barp. Eteri 
Opp. sp., Harp. radian» Rein. sp., Harp. subplanatum Ópp. sp. 
Lytoceras sublìnealam Opp., Hamm. insignii Schloth. sp., che si 
presentano nelle zone elevate del liaa superiore estralpino, in quello 
mediterraneo inTece si raccolgono a tutte le altezze, e perciò nel 
caso nostro non hanno alcun valore per ima divisione stratigrafica 
minuta. Negli strati descritti si nota invece una prevalenza di 
specie delle porzioni basse del lias superiore, le quali dimostrano che 
il lias superiore di Taormina ci rappresenta i così detti strati con 
Poiii. Bronni o zona con Bìld. bifrotis nel senso del Dumortier, 
come quello del bacino del Rodano, del Portogallo, della Lom- 
bardia e dell' Apennino centrale. 



II. Dogger. 

Dogger inferiore. 

Il D(^er inferiore, come anche il superiore, si presenta in 
Ifflnbi ristretti e isolati, ma discretamente fossiliferi. Eìsbo posa 
eqI lias superiore e sul medio, e sostiene in certi luoghi, cioè al 
Capo S. Andrea e forse al Tìrone, i calcari con la fauna di Klaus, 
mentre nel resto della regione studiata si mette sotto il titonico. 
Si manifesta al Capo S. Andrea sello scoglio del Sorbo, a Villa 
Agonia e al Calvario di Taormina, nel Sirina presso Faitanelte 
e in un valloncello poco oltre la Portella del Fendo, nel quale 
raggiunge una potenza di circa 30 m., che ò la massima. 

Questo piano mostra due aspetti, ano marnoso con Harp. 



DigmzcdbyGoOgle 



G, DI -STEFANO EB 

Reìn. sp, e un altro compoato di calcare a crinoidi con 

sU'a Vigiliì Lepe. 

n CON Harp. opalipjom. — Nelle contrade Villa Agonia, 
Calvario, sulla sponda destra del Sirìna poco a valle di 
, e presso Fortella del Feudo, cioè in tatto il lato me- 
li Taormina, si notano dei piccoli lembi di marne sci- 
I, alternanti con straterelli di calcare compatto grigio o 
BOTrapposte al lias superiore. Le marne, dopo un'attenta 
umo fornito rari cefalopodi per lo più in cattivissimo 
lonservazione; nondimeno le seguenti specie hanno per- 
. sicura determinazione e chiarita l'età degli sti-ati che 



Phylloceras conneetem Zitt. sp. 
Lytoeeras Sisyphus Gemm. 

» heterospira Gemm. 

Uarfoceras (Lioceras) opalinum Rein. sp. 

« {Lioceras) opalinoides Mayer. 

Hammatoceras Drepaneme Gemm. 
Parkinsonia scissa Ben. sp. 

>na con //arp. opaliaiim è in manifesta discordanza sul 
ore; però, trattandosi di una questione geologica cosi 
, noi ci asteniamo dal dirne altro, perchè la Società 
italiana riunita possa esaminare il fatto senza preoccu- 
1 emettere il suo autorevole giudizio. Pertanto non pos- 
di meno di aggregare questa zona al Dc^er. 

n CON Rhynghonella — Questa facies del Dogger in- 
ì\ nota sulle Alpi, si presenta nel territorio di Taormina 
ito N.E., dove del resto si trovano tutti i calcari a cri- 
i altri piani. Essa ai nota al Capo S. Andrea, cioè al 
^lio del Sorbo, nella parete scoscesa che dalla chiesuola 
mare e in un minimo lembo, sovrapposto al lias medio, 
arrubbi. 

sc{^lio del Sorbo questo deposito è relativamente pib 
i^lio studiabile. Ivi è rappresentato da ammassi irr^o- 



>dbyGoogIe 



I DCXTORKI DI TAORMINA 



Un di Rhijnehonella costate e di crinoidi, che si presentano qna 
e U alla parte inferiore di un calcare lionato, rosso, roseo, gr^io 
D andido, compatto o saccaroide, sovrapposto sul lias medio. Questi 
aecumnlì di un numero grandissimo di Rhynchonella e di articoli 
opalizzati di crinoidi hanno un aspetto elegante e caratteristico, 
dato dalle innumerevoli sezioni bianche delle Rhynchonella, spic- 
canti sul fondo roseo o grigio della roccia. Le specie che vi si 
raccolgono sono molto deformate, spesso irriconoscìbili e di difB- 
cìle estrazione; nondimeno si determinano con sicurezza molti 
individui della ^A. Vigilii Leps., della Rh. Clesi Leps. e di altre 
specie nuove ('), Vi si notano ancora due piccoli Uammatoceras, 
lina Neritopsis affine alla N. Seiiacensis Vacek e pochi altri ga- 
steropodi indeterminabili. 

Il calcare che contiene questi ammassi di Ilhynchoitella passa 
S'jperiomiente, nella più stretta connessione, a quello che ha la 
fauna degli strati di Klaus; anzi, siccome in questo si osservano 
anche dei piccoli accumuli bianco-rossastri di crinoidi, simili nel- 
l'aspetto petrografico agl'inferiori, parrebbe a prima vista che gli 
strati a Rhynchonella si spingessero fino nel Tesuliano; ma sinora 
non abbiamo trovato esemplari di Rh. Vigilii e di Rh. Clesi in 
tali concentrazioni di crinoidi. 

Gli strati che abbiamo descrìtti sono evidentemente gli strati 
a Rhynchonella delle Alpi, pei qnalì è stato espresso il dubbio 
che, invece del Do^er inferiore al quale furono a^reg^ti dal 
Lepsins, possano rappr^entare il lias superiore, perchè su di essi 
furoDo trovati strati con Harpoceras del tipo dell'^^arp. bifrom 
Brng. sp. (Bittner). Ora, sebbene non sia escluso dalle osservazioni 
del Bittner (^) e del Finkelstoin ('), che simili ammassi di Rhya- 
ehoneila possano trovarsi anche sotto la zona con Harp. opalintim. 



(') G. Di-Stef*no, Lettera S' tulio itrattura geologica del Capo S. An- 
dna. 1887. 

('1 A.'BittDer, Ueber die geologischen AufaahmeninJudicarienund l'til 
SMia. ffien, 1881 (Jahrb. d. k. t. geol. R. A., XXXI Bd.) - Nacklrà;ir 
:um Berichte ueber die Aufnahmeti t» /udicarien ecc. (Ibid. , 188:J. 
XXsni Bd.). 

{') S. Siakeìatuin, [febereinVorkommen der Opalinus-{und Murch'-- 
'Otaeì) — Zone « ìcettUchen Sud- Tirot, 1889 (Zeitsclirf. d. denhch. gccì. 
t^ieU., XU Bd.). 

15 



>dbyGoogIe 



^8 0. DI-STEFANO ED E. C0BTE3E 

è certo che il massimo sviluppo della Rh. Vigilii e della Rh. 
Clesi avviene nel Bt^ociano inferiore, nel quale esse si trovano 
associate con YBarp. opalinum o con Vliarp. Murehisonae in varie 
localitè alpine e fìnanco in Sicilia al M. San Ginliano (Trapani). 
Dippib bisogna tener di conto cbe a Taormina tali strati a Rkyn- 
chonella non sono nettamento separabili da quelli con la fauna 
di Klaus, e che perciò non possono staccarsi dal dogger della 
regione studiata. Per queste r^ioni manteniamo ì calcari a cri- 
noidi e Rhynehonella Vigiln nel d(^er inferiore. 

Dogger medio. 

Questo piano del dc^ger si presenta con la fauna di Klaus 
e in ristretta potenza sui fianchi del M. Ziretto e in vari jnccoU 
lembi al Capo S. Andrea, mentre manca nel lato meridionale di 
Taormina. Il compianto prof. Q. Seguenza lo indicò al Tirone in 
talune marne grigie alternanti con calcari dello stesso colore, so- 
vrapposte al lias superiore e litologicamente non differìbili da 
questo ; ma le poche e piccole Posidonomya che vi si rinvengono 
sono così deformate da non permettere sinora una qualunque de- 
terminazione. Esso giace sul dt^ger inferiore al Capo S. Andrea 
e sul lias superiore al monte Ziretto, ed é composto di calcari 
più meno marmorei, talora brecciformi, rossi, rosei, carnei, grigi, 
in certi casi giallastri, venati in bianco da spato calcareo, con 
linee e macchiette nere, o cristallini, spesso con abbondanti cri- 
Doidi. Essi son ricchi di cefalopodi e di brachìopodì. che permet- 
tono la sicura determinazione del piano; però mentre ì piccoli 
cefalopodi abbondano al monte Ziretto e allo scoglio del Sorbo, i 
brachiopodi predominano invece presso i Carrubi al Capo S- Andrea. 

In questo Capo il dogger si presenta solo nella porzione estema, 
e da presso i Carrubi, dove ha la potenza di circa 12 metri, passa 
sotto la chiesuola e scende giù verso lo scoglio del Sorbo, mo- 
strando una vana inclinazione per effetto delle flessuosità de' suoi 
strati, che una volta coprirono come un mantello la estremità orien- 
tale del capo. La. potente denudazione del mare quaternario e le 
varie fratture hanno lasciato qua e là lembi ristretti del dogger 
variamente inclinati, che a volte riesce difficile mettere in rela- 
zione stratigrafica fra di loro come nel lato N.E., ove il do^er 



DigmzcdbyGoOgle 



GtlDA GEOLOGICA DEI DINTORNI DI TAORMINA 239 

pende a S.O. nello sc(^lìo del Sorbo e ad E. negli strati contigui 
ée, t^liati da usa firatttira, salgono di là verso la chlsBa. 

Nel lato S.O., sotto la cresta piti elevata del Capo, preaao i 
Uairabbi, in an bel lembo dì calcari rossi, venati, talora brecci- 
ronnì spesso cavati per marmo [calcari eoa Rfi. Berchta Opp. 
lSegnenia)3 si racco^ono : 

Rhynchonella Berchta Opp. 

" Atta Opp. e var. poli/morpha Opp. 

" eoarctata Opp. e rar. miscella Opp. 

" Zisa Opp. 

» medio-sulcaia Seg. 

' galatensis Di Stef. 
subeehUata Opp. 

- de/lussa Opp. 
sp. 
Terebratula Prkyiie Gemm. 

' laticoxa Opp. 

' Gerda Opp. 

» cfr. Seccai Par. 

" curvicoacha Opp. 

" pteroconcha Gemm. 

» mykonioiiensis DiStef. 

" Alamamui Di Stef. 

» Fylgia Opp. 

' tìemmellaroi Di St«f. 

" Segueruae Di Stef. 
sp. 
Waldìieimia gibba Par- 
Posidommya alpiiia Gras. 
Phylloeeroi »p. 
Siephanoceras sp. 
Spkeaodus longidem kg. 

Qaesta feuna, che è quella dei Klausschìchfen, prova assai 
nettamente l'età del piano al quale appartiene. 

Allo scoglio del Sorbo e al monte Ziretto nel calcare cristal- 
lino lionato e rossastro si notano ooncentrazioni di calcare grigio- 



>dbyGoogIe 



230 o. DI-STEFAKO ED K. 

r0380 con crìnoidi senza altri resti organici o interamente grìgio con 
fossili abbondanti e piccoli. Quivi si raccoglie la seguente fauna 
[atratia Stepkanoceras Brongiarti Sow. sp., {Seguenwi)]: 
Rhynchonella Berekta Opp. 

» Alla Opp. 

" coarctaia Opp. 

• defiuxa Opp. 

• medio-sulcata S^. 
Terebratitla Seccai Par. 

" cfr. curvieoncka Opp. 
Posidoìwmya alpina Gras. 
Arca sp. 
Naeula sp. 

Onustus sp. aff. 0. ornatissimus d'Orb. 
Phylloeeras sp nov. C= Phylloceras n. sp., Gemniel- 

lato ('). aff. 
PA. tortimlcatum d'Orb. sp. apud. Neumayr (-)]. 
" cfr. Lardyi Ooat, ap. 
<• suboblusum Eudem, 
sp. 
Lyloeeras sp. 
sp. 
sp. 
Oppelia fosca Quenst. sp, 

" subradiata Sow. sp. 
Haploceras psìtodiscum Sehloenb. 

■ monaeum Gemm. 
Siephanoceras {Sphaeroceras) Brongniarti Sow. sp. 
" (Morphoceras) cfr. dimorpham dOrb. 
" (Oecoptychius) genuflexitm Di Stef. 
Parkiasonia Seguensae Di Stef. (= Park. Niorleasis 
Seg. non d'Orb.). 

• bifurcata Qnenat sp. 
sp. 

(I) 0. G. Qemmellaro, Sopra alcuni fouili della tona con P. alpina 
Gr^ di Sicilia. Palenno, 1877, p. 147. 

{*) M. Nenmajr, Die Phylloeeraten de» Dogger und ifalm, p^, 34.ì. 
tav. XVHL 



>dbyGoogIe 



OCIDA aXOLOGICA DEI 

Perìsphinctes sp. 
sp. 
ap. 
Crioceras aanulalum d'Orb. sp. 
■ subannulaium d'Orb. 
ap. 
Questo elenco dì specie, mostra chiaramente che qui si tratta 
anche di ud deposito Tesnliano. L'associazione di piccoli ammo- 
niti del bajociano estralpino eoo brachiopodi propri del bacino 
mediterraneo è un &tto cornane, anzi caratteristico degli strati con 
. Poiid. alpina Gras' {SlausscMchten), coma del resto fa stabilito 
dall'Oppel sin dal 1863 ('). È necessario dnnque considerare come 
rappresentanti del medesimo piano gli strati del monte Zìretto, 
quelli dello scoglio del Sorbo (già ritenuti bsjociani dal prof. Se- 
guenza) e qaelli presso i Carrubbi del Capo S. Andrea (già messi 
Del batoniano da Seguenza). 



Malm inferiore. 

Questo piano è rappresentato dalla zona con Peli, iraasver- 
sarìum in lembi minimi al Capo S. Andrea e al promontorio di 
Caatellaccio. Tali lembi, già piccolisBimi, sono lentamente distrutti 
dal casamento del calcara per pietra da taglio. 

Allo scoglio del Sorbo in nna porzione aaaai rìatretta di calcare 
compatto bruniccio, con dendriti e venature nere, non più speaso di 
on metro, aoTiappoato al dogger, fa raccolto da noi un bello esem- 
plare del Perisphincies Bocconiis Gemm. della zona con Peli, tram- 
vtrtarium. ÀI promontorio di Castelluccio in un lembo di calcare 
marmoreo rosso, venato di bianco e di nero, con crinoidi, che sì 
tioTa in basso nel lato meridionale e offre sezioni dì ammoniti 
e belemniti, furono raccolti, secondo il prof. G. Seguenza, il Pe- 
ri^iinctes Boeeonii Gemm., il Pelloeei'as cfr. transversarium 

(') A. Oppel, l'eber das Vorkommen ven jurassischen Posiitmomyen- 
OiaeintH in dm Al^m, 1868. 



>dbyG00gIe 



Quenst. sp.,\'Aspidoceras iasulamm Genmi. e qualche altra specie 
di dubbia determìsazioue. 



Malm medio. 

Questo piano, rappreseotato dalla zona con Aspid. acantkieum 
Opp. sp., ai è riconosciuto sinora con certezza al promontorio di Castel- 
luccio, sebbene ci siano dei dubbi che possa manifestarsi nella 
porzione intema del Capo S. Andrea. K Castelluccio, nella parte 
Buperiore di un lembo di calcare rosso con macchiette e venature 
nere, compatto o cristallino, con crinoidì, marmoreo e carato per 
pietra da taglio, che sta al di sopra di una casetta e presso la 
strada rotabile, si raccolgono vari grandi esemplari di cefalopoói. 
di rado in buono stato di conserrazioue. Fra di essi si notano 
qualche specie nuora e le seguenti, che indicano chiaramente la 
presenza della zona con Aspid. acantkieum Opp. sp. : 

Phylloceras medilerranettm Neimi. 
• cfr. Empedoclis Gemm. 

Perisphinctes Pancerii Gemm. 

■ cfr. heteroplocus Gemm. 

Simoceras Ci/icii Gemm. 

Sphenodus sp. 

Malm superiore (Titonico). 

Il titonico è uno dei piani più estesi dei dintorni di Taor- 
mina e anche uno dei pìil potenti, perchè in certi luc^hi mostra lo 
spessore di circa 100 m. Esso, dalla parte interna del promontorio 
di Castelluccio presso la strada rotabile e dal Capo S. Andrea, nei 
quali sembra mettersi sotto la fillade per una f^lia, sale sui 
fianchi del monte Ziretto, dorè urta alla fillade pei uno sposta- 
mento, e nel rallone Fontana Fredda. Si ritrova alla base della 
collina sorrastante alla stazione di Giardini, lungo il Senna sin presso 
Fontanelle, al Calrarìo, ai due lati della ria che da questa ««t- 
trada «wnduce a Portella del Feudo, su Serra LucareUa, lungo la 
Serra dei Frassini, a Mairrì, nel vallone S. Tenera e nel lato sud 
del monte Venere, ove batte al lias superiore per causa di una 
frattura notata più rolte. 



>dbyGoogIe 



QL'IDA. aEOLOSICA DEI DINTORNI 

Questo piano giace in generale sui lìa9 superiore; però in 
molti casi 8Ì moBtra sovrapposto trasgressiramente snl lias supe- 
riore, sul dc^gei e sugli schisti fiUadici dell'arcaico, come aT- 
TÌene a Mairri. Esso è composto di strati molto flessuosi e tal- 
volta quasi raddrizzati, sicché mostra una pendenza molto varia- 
bile. È spesso in connessione intima col neocomiano, dal quale 
riesce difiicile separarlo qtiaudo non si trovano fossili, e non ra- 
ramente sparisce sotto ì calcari e i conglomerati dell'eocene. 

11 titonico è formato generalmente di scisti marnosi varico- 
lori, biancastri, gri^ giallicci, rosai e verdicci, alternanti con pic- 
eli strati di calcari compatti degli stessi colori, che hanno no- 
dali di selce diasproidea o strati di diaspri. Questi spesso predo- 
minano del tutto sui calcari e sugli scisti. In certi luoghi il tito- 
tooico è rappresentato inferiormente da calcari compatti o cristal- 
lini, con crinoidi, rossi, venati, macchiati dì giallo-verdiccio, sino 
3 divenir chiari, che sono cavati per marmi. Gli scisti sono ab- 
boDdanti di Aplyehus, e i sottostanti calcari rossi, come al Capo 
S. Andrea nella insenatura detta Trabese e avanti la chiesa, di 
Àptyehta e di esemplari di Terebratula Bouei Zeuschn. sp. 

I fossili che si raccolgono nei calcari rossi marmorei sono i 
seguenti: 

TerebreUula triquetra Park. 
1 Borni Zeuschn. sp. 

* rupicola Zitt. 

Aptychm punctatus Woltz. 
Beyricki Opp. 
ap. 
Sphemdus tithonius Gemm. 
Quelli degli scisti sono: 

Belemnites cb. semimleatus MQnat 
« tithonius Opp. 

sp. 
Aptychus punctatus Woltz. 
» Beyricki Opp. 

ap. 
sp. 
Sphenodus tilhonius Oemm. 



DigmzcdbyGoOgle 



.. di-ste;ano ed e. cortese 



Cretaceo inferiore {Neocomiano). 

n neocomiano posa in. intima connessioDo stratigrafica e li- 
tologica sul titonico, in modo che è impossibile sanare il limite 
netto fra i dae plani ; anzi quando nella parte superiore di quegli 
scisti calcarei non si rinvengono fossili, ò impossibile prorare 
con altri caratteri la presenia del neocomiano. 

Esso si manifesta sulla collina che sovrasta alla stazione dì 
giardini, ore fornisce abbondantemente calcari mamoai alle varie 
fornaci di calce idraulica; in un piccolo isobo dietro il Calvario 
ed in altri sul lato orientale di Serra Lncarella, procedendo verso 
Mairri. £ rappresentato da straterelli flessuosi di calcare compatto, 
biancastro o grigio, con noduli o straterelli di selce piromaca, al- 
ternanti irregolarmente con scisti mamoso-sabbiosi neri e lucenti, 
che si notano specialmente sulla metà superiore della collina so- 
vrastante alla stazione di Giardini. 

In questi strati sì raccolgono le 8^;nenti specie : 

Belemmites dilataius de Blaìnv. 

• latas de Blsinv. 

■ bipartitus de Blainv. 
sp. 
Sopliies angulicostatus d'Orb. sp. 
Aptychits angulicostatus Fictet et Loriol 

» cir. Seranonis Coq. 

Tali ce&lopodi vi sono rarissimi; fra di essi è un po' più 
abbondante, ma anche raro, \Aptychus angulicostatus Fictet et de 
Loriol. 11 prot. Seguenza. che per primo indicò la presenza del 
neocomiano (1871) nei dintorni di Taonoina, vi indica anche il 
Lytoceras subfimbriatits d'Orb. sp. e il Maeroschaphitet Ivanii 
d'Orb. sp., che noi non vi abbiamo sinora trovato. 



DigmzcdbyGoOgle 



DEf DINTORNI I 



I. Eocene. 



L'eocene dei dintorni di TaonnÌDS, come b maBsìma parte 
dell'eocene alpino, appartiene alla parte superiore dì questo piano, 
cioè ai pannano, nel senso largo dategli dal d'Orbignj. Ebbo ri- 
sulta di dae membri, dei quali l'inferiore corrisponderebbe al 
InteiiaDo e il superiore al bartoniano; però, siccome gli studi 
dell'eocene mediterraneo non sono ancora cosi progrediti da per- 
mettere panini decisivi con l'eocene eatralpino, ci contenteremo 
di dislàngnere i due membri, indicandone i rapporti con quest'ul- 
timo, ma senza ordinarli in due rubriche con nomi speciali. 

L'eocene, assai potente, forma tutte le colline che si trorano 
il meeiogiomo di Taormina, spingendosi dal litorale presso Qisr- 
diiii sino a M. Mastrissa, ore laggiange la massima elevaxione 
(m. 420), al vallone S. 'Venera e al ' H. Falco per continuare 
oltre. Nel lato N. E. si ritrova sulla pendice settentrionale del 
H. Ziretto, e dì 1& si continua verso Gallodoro. Esso giace tra- 
sgressivamente sul neooomiano, sul tìtonico, sul dogger e sugli 
scisti fiUadici, e, nei dintorni di Taormina, solo un po' di là, a S. 
di Giardini è coperto da un lembo di arenarie ed argille del 
tortoniano. 

Parte inferiore. — Percorrendo la base delle aite colline 
che sono sulla destra del torrente Sirina e lungo il vallone 
S. Venera si trovano in basso dei calcari compatti o subcristallìni, 
tenaci, grìgi, talora brunice! e biancastri, non di raro rosati, con- 
tenenti granelli e ciottoli silìcei o vere concentraziooi di arenaria 
rosea bianco-giallastro. Questi calcari sodo abbondanti di grandi 
nommulitidì, riferibili per lo più alla Nammalites perforala d'Orb. 
e talvolta alla NumttuUites laevigata Lmk. e iHX AsiUina spira 
de Boissy sp. 

Le porzioni arenacee che contengono i calcari predominano 
alla parte superiore, in modo che per mezzo di esse ai passa a 
un conglomerato molto potente e di aspetto caratteristico, talvolta 



>dbyGoogIe 



286 O. DI-STEFANO ED E. CORTESE 

di color roseo, pid spesso giallastro, formato dall'accumnlo di 
grandi e piccoli elementi silicei, con frammeoti di fìllade, ed as- 
sociato ad arenarie rosate, giallastre o grigie, fìne o grossolane. Nel 
Iato N. E. di Taormina presso il fiame di Letoianni predominano 
le arenarie a grana grossa, di color grigio-azznrrognolo, somiglianti 
al macigno toscano. Le arenarie in generale si disgr^ano facilmente 
e perdono delle porzioni sulwferoidali, che lasciano nella roccia quei 
fori e quei buchi, che hanno meritato ad qq monticelle speciale il noma 
caratteristico di Pietra perdala (pietra bucherellata). Questo fatto, 
come fu chiarito dalVing. E. Cortese (Brevi cenni sulla geologia 
della parie N. E. della Sicilia, 1882), è dovuto al modo di 
or^e delle arenarie sopra un litorale, lungo il quale esse pote- 
TaQO, meatm erano in formazione, i^lutinarsi in masse tondeg- 
gianti intorno a un nucleo qualunque di materia cementante. 

Il ooDglomerato è talvolta duramente saldato da un cemento 
silicico, tal'altra disoiolto e facilmente fninabile. Arenarie e con- 
glomerato raggiungono insieme lo spessore di circa 500 m.. e 
per La loro intima connessione con i sottostanti calcari non possono 
staccarsene. 

Questa porzione corrisponde a quel membro inferiore della 
prorinciadi Messina e di Palermo, che, sempre abbondante di grandi 
nummulìti, suol formare la base dell'eocene. 

Parte superiore. — 11 secondo membro segue in discor- 
danza sulle arenarie e sul conglomerato nella ralle del torrente 
S. Giovanni, nel qual luogo un'osserrazione super&ciale può far credere 
erroneamente che esso spunti sotto le arenarie di Pietra péreiata. 
mentre sta sopra di esse. Due piccoli lembi si presentano al Capo 
S. Andrea, uno sulla parte superiore della spianata del Tondo, 
sovrapposto al titonico e ad alcuni massi del calcare del liaa 
inferiore caduti dalle alture ricine, e un'altro sul titonico nella 
iasenatura del Trabese, portato giù da due piccole fratture trasrer- 
sili alla lunghezza del Capo. 

Fra Pietra perdala e l'Alcantara esso ò formato di argilla 
tmrchina o rariegata di rosso e turchino, spesso scagliosa, con iuter- 
calazionì dì arenarie grigie o giallastre e di calcari biancastri, 
grigi azzurrognoli, e al capo 8. Andrea dì marne scistose grigio- 
giallastre, rossastre, talora variegate, con lenti e piccoli strati dì 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA DEI DINTOBNI DI TAORMINA 237 

calcare nammalitico cristallino, brocciforme, grigio o verdiccio. 
I fossili che si notano in questo membro superiore soo pocbi, 
specialmente nelle argille presso Giardini, ore si raccoglie qualche 
raro esemplare di Orbiioides dispaasa Sow. sp. e di Operculimi 
ammonea Leym. Al capo S. Andrea si raccoglie un maggior nu- 
mero di piccole nummoliti del grappo della N. ttriata d'Orb.. 
qualche esemplare dì OrbUoides papyracea Boabée e di Assilina 
mammilleUa d'Arch. sp. 

La parte superiore dell'eocene di Taormina corrisponde ancbs 
al membro medio dell'eocene siciliano, che mostra il massimo svi- 
luppo dì OrbUoides e dì piccole nammuliti, associate con la Rotu- 
laria spirulaea e con una fauna di molluschi composta per la mas- 
sima parte di specie del bacino di Par^i (Balzo-del-gatto pressa 
Monreale). 



Miocene superiore (Torioniano e Piano Ponlico). 

Beaehò questi dne piani nop si mostrino negli immediati 
dintorni dì Taormina, noi li notiamo brevemente per l'utile di 
chi crede s^ire la sezione dei terreni tino all'Alcantara. 

Presso questo fiume si sovrappone infatti sulle argille varie- 
gate dell'eocene mi lembo dì arenaria giallastra o grigia, alter- 
nante con aitila, appartenente al tortonìano, sul quale posa il pon- 
tico, rappresentato da vari banchi di gesso, che sono coinvolti nella 
parte superiore delle arenarie. Questo gesso, che si ritrova anche 
di là dal fiume, presso Calatabiano, è oggetto di attiva escavszione. 

in. Pliocene. 

Pliocene superiore. 

Il Pliocene è stato del tutto denudato, sìcctiè si presenta in 
lembi ooaì piccoli cbe non potrebbe enumerarsi fra ì piani costi- 
totÌTi della regione in esame. 

Sotto la cresta più elevata del Capo S. Andrea si notano al- 
enai massi di un calcare breccìforme e concrezionato, grigio o gial- 



DigmzcdbyGoOgle 



lastro, con grossi esemplari di Liihodomus lithophagui L. ttp. e 
altri fosBili, e in basso quasi sul mare, nel luogo detto il Cardillo, 
lii Oiserva nn mìnimo lembo di calcare plìoceoico giallastro, sab- 
bioso e molto fossilifero che incrosta gli strati del Lias. 

Le specie che abbiamo raccolto sinora in questi rìniasagl! di 
pliocene sono le seguenti: 

his melitensis Goldfc 
Lophelia Defraneei Edw. 
Area obliqua Fhil. 
/Àthodomus lithophagtis L. sp. 
Galliostoma bullaius Ph. sp. 

> zizyphimtm L. sp. 

Nasm pusilla Ph. 
Pseudofusus pulchellm Ph. 
Murex sp. 

I fossili notati, il cui numero potrebbe essere accresciuto da 
altre ricerche da noi non continuate per la poca importanza del 
deposito, mostrano che i due lembi descrìtti debbono riferirsi a una 
porzione molto recente del pliocene. 



QUATERNARIO 

Il quaternarìo marino forma la terrazza stretta e lunga eaUa 
quale sta la città di Taormina. Esso riposa sul lias inferiore e sul 
superiore, ed è costituito di ghiaie più o meno cementate, passanti 
a un conglomerato di grossi ciottoli che si osserva bene sotto 
l'Hotel Bellevue e a Porta Catania, e di un tufo calcareo gialla- 
stro e sabbioso, posto alla parte superiore. Questa panchina presso 
la chiesa dì S. Francesco contiene qualche raro esemplare di 
Galliostoma tisyphinam L. sp., di Cardium Lamarlci Reere e non 
pochi ìndindui di Ostrea lamellosa Br. 

Il limite più alto del mare qoatomarìo è indicato sulla te^ 
razza di Taormina (m. 250) dalle perforazioni dei Lithudomus, 
le quali si osservano chiaramente alla base della collina che so- 
stiene l'antico teatro. Altre linee più basse indicanti la spi^ja 



>dbyGoogIe 



GUIDA OEOLOOICA DEI DINTORNI DI TAORMINA 23!' 

quateniana si scoigono in forma di solchi orizzontali e a varia 
altezza lungo il litorale da Giaidini fino a Gastelluccio, incavate 
aelle sponde scoscese di calcari e dolomiti. Un primo boIco bì vede 
sulla dolomia del lias inferiore che sporge tra i due valloni di 
S. Antonio e S. Agostino, ed è molti metri lontano dalla spiala 
attuale; gli altri si notano al Capo Taormina, all'Isola, al Capo 
S. Andrea, al promontorio dì Gastelluccio e negli scogli circostanti, 
sulle rocce cadeatì a picco sai mare. 

Questi antiche linee di spii^gia, ora cbìarissime e ora scan- 
cellate per la d^radasione delle rocce, sì elevano di m. 4,70 al- 
l'estremità Sud del Capo Taormina, dì m. 5,80 all'Isola e di 
m. 5, 70 al Capo S. Andrea. 



RECENTE 

Come recenti si debbono considerare le piccole masse di tra- 
vertino che si formano nel corso superiore del Sirìna e le minuto 
ghiaie che il mare accumula e cementa sulla spiaggia settentrio- 
aale del Capo S. Andrea. Queste ghiaie, quando sono duramente 
saldate, non cavate per farne macine da molino. 

A questo periodo appartengono pure le alluvioni fluviali e le 
spiagge marine. 



TETTONICA 

I terreni che si distinguono nei dintorni di Taormina sono 
dunque l'arcaico, il lias inferiore, il medio e il superiore ; U dog- 
ger inferiore e il medio ; il malm inferiore, il medio e il superiore ; 
il cretaceo inferiore (Neocomìano) ; l'eocene, il miocene superiore 
(Tortoniaoo e Pontìco); il pliocene superiore e il quaternario. 

II lias inferiore pende in generale a S. 0.; ma, salendo verso 
Sf. Venere, segna una curva per la quale si sposta verso Ovest; 
il saperìore e il medio mostrano la atessa pendenza. Il dogger 
nel lato meridionale di Taormina e al M Ziretto segue la peo- 
4enza del lias; però al Capo S. Andrea s'inclina a S. 0. nel 



DigmzcdbyGoOgle 



240 a. DI-STEFANO KD E. CORTESE 

lato S., mentre pende a S. 0. allo scemilo del Sorbo e a S. E. 
negli strati che dal mare salgono verso la chiesaola. Questo variare 
nell'andamento del d<^er al Capo S. Andrea è dovuto alle fles- 
suosità dei suoi strati, che coprìTano come un mantello la parte 
ostema del Capo, e che ora, estesamente denudati, hanno lasciati 
qua e là dei lembi variamente inclinati. Il titonico e il neoco- 
miano sono flessuosi, talora contorti e l'addrìzzati, sicché mostrano 
una varia pendenza ; però le loro flessuosità non influiscono sal- 
l'aspetto della orografia della i^ioue studiata. 

Questi terreni, specialmente il lias snperìore, sono qua e là 
estesamente e profondamente denudati, come a Porta Catania, lungo 
il Sirina, a Mairri, nel vallone di S. Venere, nel vallone Fontana 
l<'redda. al Capo S. Andrea ecc., e mostrano dei rapporti strati- 
grafici un po' complessi per causa di alcune trasgressioni, di un 
importante sistema di fatture e di difi'erenze di facies. 

Fra gli scisti fìlladici dell'arcaico e il lias inferiore si mani- 
festa una grande lacuna, dovuta a una trasgressione e indicata 
dalla presenza di quel conglomerato rosso che forma il membro 
più basso del lias inferiore ed è a contatto con le fìlladi. Inoltre, 
dal lias inferiore al quaternario la serie stratigrafica, salvo che 
nella sezione da presso il Capo S. Andrea fin presso l'Aicantara 
(ove neanco è completa), si presenta in una successione molto ir- 
regolare. Cosi il lias superiore in uno spazio assai ristretto giace 
Huir inferiore, sul medio e sulla fillade arcaica; il dogger inferiore 
sul lias superiore e sul medio ; il dt^ger superiore sul lias medio ; 
il titonico sul lias superiore, sul dogger e sulla fillade; l'eocene 
bill neocomiano, sul titonico, sul dogger e sulta fillade; i pochi 
resti di pliocene sul di^er e sul lias medio; il quaternario sol 
lias inferiore e sul superiore. 

Al Capo S. Andrea, nella parte elevata della Rupe del Tondo, 
si notano molti grandi massi di calcare fossilifero del lias inferiore, 
talora regolarmente stratificati, che s'interpongono tra gli scisti 
calcarei del titonico e le marne eoceniche. Questi strati sono del 
tutto r^olari nel lato settentrionale della rupe, ma nel meridio- 
nale, cioè al di sopra dei Pagliarelli sono frammentari e ^gregati 
a forma di lente, sicché nel ciglio del lato orientale della Eiipe 
l'eocene tocca direttamente il titonico. Taluni frammenti sono 
anche coinvolti nella fillade, che, per eìfutto di una frattura ivi 



>dbyGoogIe 



avtO.K fiEOLOOlCA DEI DINTORNI DI TAORMINA 241 

eridente, sembra mettersi sopra alle rooce secondarie e terziarie 
del Capo. La presenza del lias inferiore in quella giacitura anor- 
male non è punto spiegabile con nn rovesciamento, del quale non 
esistono tracine in quel lu<^. Invece è da supporre razionalmente 
ehe la importante frattura che ribassò tutta la massa del Capo 
essendo a piano molto inclinato, potò permettere agli strati del 
Uas superiore, che lì accanto sovrastavano e sovrastano al Capo, 
di scivolare dalla fìllade sai titonico, prima che si deponesse l'eocene. 
Del resto, Inngo quel litorale, il lias inferiore, spezzata e sconvolto. 
giace in varie masse disperse qua e là, come allo sbocco del val- 
lone Marìca, suU» rotabile presso Castelluccìo e nel mare. 

Varie fratture rendono più complessa la tettonica dei terreni 
di Taonnina e imprimono il carattere a qaella orog-afia, dando 
orìgine a rupi elevate e con ripide pareti. Le fratture principali 
ehe si possono enumerare, non tenendo conto di altre affatto su- 
bordinate, sono le acuenti : 

1. Frattara lungo il litorale da Capo S. Andrea fin oltre 
Castelluccio, diretta prossimamente da S. a N., per la quale gli 
strati dal lias inferiore all'eocene, costituenti il Capo e il promonto- 
rio di Castelluccio, sono ribassati eotto le fìlladi. 

2. Frattura diretta da S. 0. a N. E., che dal vallone S. Ago- 
stino passa pel piano di Taormina tra la Bocca del Castello e la 
Collina del Teatro, e, scendendo tra la chiesa di S. Pancrazio e 
il cimitero, raggiunge :1 mare sotto M. Ziretto. Essa fa spuntare 
tra i valloni S. Antonio e S. Agostino il Uas inferiore attraverso 
il superiore, ribassa questo rispetto al lias inferiore della Rocca 
del Castello, rigetta sotto il .cimitero il conglomerato rosso contro 
i superiori calcari del lias inferiore, e la fillade contro se stessa 
presso il litorale. 

3. Frattura diretta da S. S. 0. a K. N. E., che dall'estremità 
meridionale della città di Taormina passa pel lato occidentale della 
Rocca del Castello e termina sul fianco orientale di monte Ziretto. 
Questa frattura ribassa il lias superiore contro l'inferiore da presso 
Porta Catania sin sotto la Madonna della Bocca, e al monte Ziretto 
tutto il lias, il di^ger e il malm contro la fillade, mentre una 
porzione di lìae inferiore rimane sulla cima del monte. 

4. Frattura diretta da S. a N-, che dal Scrina sale pel val- 
lone Decima, ribassa il liae superiore contro l'inferiore, dà origine 



>dbyGoogIe 



248 G. Dl-STBFANO ED E. CORTESE 

allo scosceso lato orientale della montagna di Castelmola, mette a 
nudo presso Cocolazzo il conglomerato rosso, separa monte Venere 
da monte Ziretto, portando nel lato occidentale di - questo il lias 
superiore contro l'inferiore- 

5. Frattura diretta da N. 0. a S. E., che va dal tiaDco ovest 
di monte Tenere sino al vallone Fontana Fredda, e ribassa a monto 
Venere il titonico contro U lias superiore e più giù il lias sope- 
riore coatro risferiore. 

6. Frattura diretta da 0. N. 0. a E. S. E., che dalla contrada 
Mairrì passa per Serra Lucarella, per Gafolìa e tra il camposanto 
di Castelmola e l'estremità settentrionale della mont^a omonima. 
Essa ribassa a Mairrì parte della fillade contro sé stessa e il ttto- 
nico contro la fillade ; spezza a Cafolia il lias inferiore, rigettan- 
dolo contro sé stesso, e porta il lias superìore ad urtare all'infenoru 
di Punta Carnevale e di Castelmola. 

Tra le fratture d'ordine secondario notiamo solo quella che 
nel vallone Mortilleto (parte superìore del Scrina) taglia paral- 
lelamente al torrente la parte inferiore della montica di Castel- 
mola, portando il lias superìore a urtare contro una parete di cal- 
cari grigi dell'inferiore ; le due subparallele, dirette da N. N. E. 
a S. S. 0., che al Capo di S. Andrea originano la depressione 
del Trabese, ribassando il titonico e l'eocene ; e lo spostamento che 
dal litorale presso il capo Taormina sale verso l'antica necropoli 
di Taormina e ribassa lievemente, sulla rotabile da Giardini al 
capo Taormina, il lias snperLore rispetto all'inferiore, e poi in alto, 
più fortemente, i calcari neri del lias inferiore e il lias superiore 
contro quelli grigt colitici. 

La differenza nella natura dei depositi che si nota- tra il lab) 
S. 0. e il N. E. di Taormina rende un po' più complessi 1 rap- 
porti di quei piani. Il lias medio, rappresentato nel lato N. E. da 
calcari a crinoidi, manca nelle contrade poste a S. 0. di Taormina, 
nell^ quali il lias superìore giace sui calcari nerastrì con Plica- 
t'ila; il dogger inferiore è formato da marne con ff. opalinum nel 
lato meridionale e solo nel lato N. E. da calcari a crinoidi con 
Rhyachonella; il di^er superiore manca a mezzogiorno di Taor- 
mina, forse vi è rappresentato da scisti marnosi (Segaenza), e si 
manifesta con calcari a crinoidi al Capo S. Andrea, in certi scogli 
a oriente di Castellnccio e al monte Ziretto ; lo stesso avviene pei 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA DEI DINTORNI DI TAORMINA 343 

rappresentanti del malm inferiore e medio che mancano nel lato 
meridionale. Anche il titonico presenta al capo S. Andrea dei cal- 
cari a crinoidi, $he mai si mostrano nel lato meridionale. Queata dif- 
fereaia nella costìtusione di contrade vicinissime fra di loro deve 
nascer da varietà nelle condizioni fisiche e fìsiol(^Ìche del fondo 
marino, che permettevano nel lato N. E. di Taormina lo sviluppo 
di una grande quantità di crinoidi e perciti di alcone &Dne partico- 
lari che li accompagnano. 

Però anche nel capo S. Andrea che è una piccola massa di 
strati assai importante, posta a K. E. di Taormina, si nota una dif- 
fijrenza di costituzione tra la porzione interna e l'esterna, che sono 
separate da una depressione originata per fratture. 

La parte interna, essenzialmente costituita da marne e scisti 
calcarei, manca di quei calcari a o.inoidi che rappresentano il 
dogger ; infatti ìn essa il malm si posa direttamente sul lias su- 
periore. In quella esterna, cioè nella orientale, manca il lias su- 
periore e invece si manifesta il calcare a crinoidi del dogger (che 
sojtiene quello del titonico) sovrapposto sul lias medio. Questa dif- 
ferenza in istrati posti a qualche metro di distanza può, se si vuole, 
spiegarsi come effetto di varietà di faeie», riuscendo difficile in- 
Tocare trasgressioni in luoghi contigui. Tattavia la tettonica del 
piccolo capo non ò per ora compiutamente chiarita: essa dipende 
<Ia nna massa di strati in gran parte distrutti dal mare e scom- 
parii per frattnre, dei quali restano come frammenti il capo S. An- 
drea, il promontorio di Gastelluccio e lo set^lio dello zìo Gennaro, 
nel quale si ritrova il do^er molto fossilifero. 



>dbyGoogIe 



a. DI-STEFANO ED £. 



Quadro dei terreni che costituiscono i dintorni 
di Taormina. 

ente: Trsrertini del Sirina e ghiaie cementate informazione 
snlla apii^gia settentrìonale di Capo S. Andrea; 

ternario: Ghiaie cementate, conglomerati e tufi sabbiosi 
con Ostrea. 

ZIARIO : 

Pliocene superiore. Calcare giallastro, concrezionato e sab- 
bioso con Isis ecc. 

Miocene superiore. Gessi dell'Alcantara {Piano Poniìcd). 
Arenarie giallastre o grìgie, alternanti con argilla. 
( Tortoniaiio). 

Focene. 1. Argille variegate con arenarie e calcari marnosi: 
marne scistose varicolori con lenti e straterelli dì 
calcare: Orbiloides e piccole Nummulites. , 

2. Calcari rosati, grigi o brimiccì, con porzioai 
arenacee, contenenti grandi nummuliti (jV. perforala 
d"Orb. eco.), passanti a conglomerati rosei e ad are- 
narie dello stesso colore. 

TACEO : 

Cretaceo inferiore. Calcari a piccoli strati grigi o bianca- 
stri, con selce e alternanze di scisti marnosi neri : 
Bel. dilatatus de Blainv., A. angulicostatus Pietet 
et Lor. [Neocomiano). 

RA-LIASICO : 

Malm superiore. Calcari compatti, o cristallini a crinoidi, 
rossastri con T. triquetra Park, e T. Bouei Zeuschn. 
sp,, e scisti marnosi varicolori, con straterelli calcarei 
selciosi, passanti a diaspri varicolori, ricchi di Aptg- 
chus ( Titonico). 

" medio. Calcari rossi con crinoidi, marmorei : Perisph. 
Pancerii Gemm,, Simoc. Cafisii Gemm. ecc. (Zona 
con Aspiil. acantkicum). 

■ inferiore. Calcari marnosi rossi o bruniccì con Peli. 



>dbyGoogIe 



GUIDA GEOLOGICA DBI DINTORNI DI TAORMINA 245 

cfr. transversarium Qnenst. sp. e Perisph. Boeeonii 
Geniin. ecc. (Zona con Peli, transversarium). 

Dogger medio. Calcari rosBoatri, giallastri, venati, talora 
breccifonni, a crinoidi, marmorei, con Posid. alpina 
Qraa., Rh. Alla Opp., Stepk. Brongniarti d'Orb. ecc. 
(Strati eoa Pos. alpina Graa.)- 
' inferiore. Marne rosse con straterellì dì calcare 
compatto rossastro o grigio, con Ilarp. opalinum Rein. 
sp., Harp. opalinoides Mayer sp. ecc.; (Zona con 
B. opalinum) e calcari lionati, rossastri, rosei, grigi 
biancastri con ammassi di Rk. Yigilii Leps. e 
^A. Clesi Leps. (Strati a Rhynchonella). 

Lidi superiore 1. Calcari a fucoidi compatti o subcristal- 
lini, grigi, alternanti con marne grigie o scure, 
talora- rosse, passanti a lenti di marne grigie o rosse 
variegate: Posid. Bramii Woltz sp., Mild. Hfrons 
Bmg. sp,, Harp. serpenlinam Rein. sp. ecc. (Strati 
a Hild. bifroiis). 

2. Calcari a fncoidi, scurì, cristallini, alternanti 
con marne scistose dello stesso colore: Leptaena 
Davidsoni Deslongc, Lept. Choffati Gemm. ecc. 
(Strati a Leptaena). 
» medio. Calcari cristallini o compatti, con crinoidi, 
grigi e rossi, marmorei con Sp. rostrata Schloth. sp. 
Sp. angulata Opp., Rh. Briseis Gemm., T. Aspasia 
Mgh. ecc. 

inferiore. 1. Calcari alterabili neri, bruni, lionati, 
grigi, talora rossastri, violetti e giallastri, compatti, 
cristallini o concrezionati, con parti dolomitiche, so- 
prattntto inferiormente. Plic. intimtriata Emm. 
Phol. Idea d'Orb., Rh. cfr, fissicoslala Suess, Rh. 
pUcatissima Queost., Uh. rimosa v. lìuch, Wald. 
polymorpha Seg-, Aeg. cfr. Jamesoiiì Sow. sp. ecc. 
2. Calcari marmorei, lionati, brunice!, rosei 
e giallastri, compatti, cristallini oolitici e pisoUticì, 
passanti a piccole e grandi masiie di dolomia bianca, 
grigia rosea ; Wald. polymorpha Seg. sp.. Uh. cfr. 
fissicostaia Suess, Eunema mediurraiica Gemm., Ne- 



DigmzcdbyGoOglC 



D £. CORTESE. GUIDA OEOL. DEI DINT. 

( oceanica Qemm., Neritop. frondosa Gemm.. 
^mn. Myrto QeiLm. ecc. 

3. Conglomerato rosso di ciottoli di filladi, 
Dito, gneiss e quarzo latteo eoa arenarie e marne 
biose dello stesso colore. 

iUadici neri, plumbei, talvolta verdastri, giallastri 
ossi, con filoncelli di quario latteo, associati 
scisti sericitici verdi-chiari e gneiss. 

riovANNi Di-Stefano ed Emilio Cortese. 



>dbyGoogIe 



Bollett d. Soc.Geolog Ital. 



Voi. X {1891) TavVni 



DA M"? ZIRETTO A CASTELLUCCIO 




DA CASTELMOLA ALL' ISOLA 




DAL T^ SIRINA A CAPO S ANDREA 



— . Spiegaaione dei Setfm - 



C-Iran, mamgr^ 



Digli zodcGoogle 



,db,Google 



OSSERVAZIONI GEOLOGICHE SULLA RIVIERA BRESCIANA 
DEL LAGO DI .GARDA. 

(Con (}u»tlio tavole) 



CENSO PRELIMINARE 

Quegli afRorameoti mesozoici che ad oriente del Bresciano 
corrono tra la V. Sabbia ed il lago di Garda, presentano quasi 
sempre una spiccata tendenza verao nn solo asse di corrugamento 
fonnante nn angolo di circa 60° est col meridiano magnetico. In 
deaerale vi predomina il Trias che nel cuor della Val Sabbia offre 
■iv ampia snperficie i saoi strati di mezzo, e attorno ad essi la gran- 
diosa massa della dolomia principale si eige formando da sola il 
malinconico paesi^^o colle cime retiche spiccatissime dei monti 
Zingla, Lorina, Tremalzo e Guil. ' 

In questo sistema la serie forese e cretacea bresciana vien 
brnscamente divisa da qnella trentina dal grande sperone dolo- 
mitico che da Limone a Fonale b^na le sue falde nel l^o di 
Garda, e mentre sta sotto a questa in serie normale discendente, 
a quella sovrasta in for^a d'un marcatissimo salto che porta la 
base della dolomia a contatto colla creta superiore. 

Le formazioni gloiesi e cretacee che riappariscono a Limone 
Bono fortemente compresse e talora scivolate sotto le dolomie della 
T. di Ledro, ed in essa è scritta singolarmente chiara la storia 
dei successivi impolsi orogenici, che qui, ricacciando gli strati, 
Tenivano a spanarsi contro il fori» ostacolo ; è un marcatissimo ri^- 
grìnzamento, una pilatura talvolta esagerata e toccante il vero masi- 
m«m della dislocazione (V. di Toscolano), e tutto il sistema è cosi 
allineato, che, tagliando a nord molto obliquamente il la^, gli 
strati vengono a finire a sud-ovest nella pianura cogli ultimi colli 
ad oriente di Brescia, oppure a raccordarsi con una teetonica assai 



DigmzedtìyGOOgle 



:sa col corrugamento del M. Guglielmo, pronunciatiEsìmo e 
la assai diverso sotto ogni rapporto da quello della Riviera- 
potenti depositi della dolomia principale e del Betico for- 
nsieme una pila di strati di circa mille e quattrocento 
l'altezza segue il calcare bianco di Dachsteìn, che lasciati 
mi lembi trentini a formare i culmini di Tremalzo e le 
Fonale, taglia la zona orientale del Bresciano con una 
di aride e dirupate colline, che percorrono una linea quasi 
a da Tremosine a S. Eufemia della Fonte. Il liag Io ricopre 
iti per lo più sottili presentando formazioni talvolta etero- 
ma esso non si può studiare su tutto il suo affioramento 
reqnenti dislocazioni che lo frangono e lo metamorfizzano ; 
)erò ritenere che l'orizzonte più costante sia quello del cal- 
igio a fucoidi, che nella nota serie di Brescia trovasi verso 

del piano delle ammoniti fem^inose del M. Domare. 
;1 calcare a pentacrini e brachiopodi di Gussago il Bittner 
be il corrispondente de! calcare di S. Vigilio, ma però circa 
'er bresciano non si può dare ancora un sicuro giudizio ; il 
invece trovasi assai più definito, specie nei limiti superiori, 
alla sua fauna piuttosto abbondante; e qui appunto presso 
si osserva sopra il così detto rouo ad aptichì comparire 
là appena accennato il calcare globuloso titoniano che poi 
i del lago di Garda ha tanta importanza, 
i strati neocomiani non sembrano talora che una mera sfu- 
litologica del sottostAute calcare bianco giurese, ma poi è 
il loro passaggio alle marne cretacee ; i piani inferiori di 
sono d'un colore bigio o verdastro offrendo più in alto un 
orizzonte geol(^co coi noti scisti neri bituminosi che per- 
anche sul territorio veronese ; i piani sovrastanti invece 
una rimarchevole variazione collo smettere quasi repentina- 
le arenarie bigie e verdognole all'entrare nella vallata del 
lasciando il posto alla solA soglia rossa ; il limite etero- 
n è quindi la depressione benacense, ma all'incirca i pendìi 
nti di Mademo. 

eocene occupa l'intera estensione del Benaco, in grande 
nella bassa Riviera e diviso in lembi talora appena rìsoon- 
sul pendio bresciano e veronese e nel Piano di Riva ; dopo 
cessa la serie degli strati concordanti, ed i successivi de- 



DigmzedtìyGOOgle 



I OEOLOOICHi: BOLLA RIVIERA BRESCIANA ECC. Z49 

positi rìseatoQO ìa Bommo grado l'effetto dei fenomeni orogenici 
arreouti dopo l'eocene, dopo il pliocene e dopo il perìodo glaciale. 

Interessante, variato e grandioso è il paesaggio morenico coi 
suoi massi sparsi su tanti pendii, mirabili anfiteatri e morene in- 
sionato in valli profonde ; ma ben più vasto ed ameno doveva es- 
sere allorquando il ghiacciaio, nel sno ritiro, abbandonava grandi 
aTTallamenti colmati e piane^aqti. Dopo d'allora fenomeni sismici 
scossero le masse, formando fratture e balze ; ed i fiumi, precipi- 
tando dagli altipiani ghiaiosi e dissestati, intaccarono energicamento 
i depositi e le rocce in posto, trascinando al lago le macerie. 

L'erosione finviale dei secoli suss^enti, pur troppo ancora po- 
tente sul lago d'Iseo, è ormai quasi finita sul Benaco ; perchè, esauste 
le morene erodibili, i fiumi scorrono su letti rocciosi e pianeg- 
gianti : il paesani» affida quindi la sua lenta evoluzione agli agenti 
meteorici e sismici, che tuttavia possono assai su qaelle forme 
salienti, a strati bizzarramente dislocati e crollanti, e sugli ultimi 
avanzi quaternari accantonati per le insenature, producendo grandi 
frane ogni anno piovoso. 

Il paesi^gio attuale è tin connubio spesso felice dell'orrido 
coir ameno ; è un continuo variare di scene e di posizioni, che av- 
ricinano il cedro all'abete e danno all'insieme un singolare movi- 
mento di masse, allineate di fronte alla grave e formidabile massa 
del Baldo. 

Molti geologi s'occuparono di questa incantevole ed interes- 
santissima regione, ma, sia per la difficile viabilità, oppure per la 
sterilità delle sue montagne in fatto di prodotti minerari, essa non 
fu mai l'oggetto di studi speciali. Chi più dì tutti ne parla è il 
Bittner che nel suo bellissimo studio sulle Giudicane e Yalsabbia 
la tratt^^ con cenni degni di lui ; ne parlarono anche prima il 
Carionì, il F^lia, il Oflmbel, il Lepsius ed altri, e qui ultima- 
mente il Taramelli nel suo bell'opuscolo che accompagna la nuova 
carta geologica della Lombardia. 

Spinto dal desiderio di fare una piccola illustrazione geolo- 
gica del paese natio, mi diedi da più anni a studiare quei gran- 
diosi dirupi ohe strappano anche al profaAo una domanda sulla 
loro storia, ìndi accennati alcuni altri siti che con essi avessero 
nna certa relazione, tentai di comporre una Memoria che potesse 
dare una idea di quella importante località, sperando che i cuU 



>dbyGoogIe 



tori della acieoza facciano buon riso alla raccolta dei &tti, ohe 
da altri pid esperti meglio collegati, potranno formare una degna 
contianazioae dei larori del Bittner, e dei non meno importanti 
studi del Bagazzoni ; i qnali, 8eb1>eDe non siano pubblicati, pure 
beo si conoscono dai geologi lombardi e tedeschi. 

Questo scritto si svolge galle sne idee stratigrafiche, sì amo- 
revolmente comunicat-emi, per la quali facil cosa mi è stato il &r 
da solo lavori sa altre regioni e su argomenti, da lui poco appro- 
fonditi, per l'miico motivo che in pesato ben più urgeva decifrare 
la stratigrafia normale, che rilevare dettagli tectonici. Quei suoi 
lavori con tanto scrupolo condotti, qnei fatti ad odo ad uno ricono- 
sciuti, emergono in parte da queste pagine; giusta cosa sarebbe 
il ricordarli tutti, ma basti qui il dire che la stratigrafia normale, 
all'infuorì dei miei stndt speciali sulla Riviera, è qnasi tutta sqe, 
ed è ancor quella serie che ^11 aveva trovato fin dal 1855 e che 
poscia riproduceva in succinto nel suo profilo get^ostico. 

Questo scritto adunque offre ben poco di nuovo su tal sog- 
getto, e specie dal Iato paleontologico è molto difettoso ; ma es- 
sendo per ora mio scopo principale il mettere in evidenza piìl la 
conformazione dei monti che la fauna degli strati, ritenni snffi- 
cieute il detto accenno, in cnì, citati a grandi tratti i caratteri dei 
vari orizzonti, intesi di fare una introduzione o per meglio dire 
una base al susseguente studio tectonico; e perciò dissi del vario 
modo di comportarsi delle singole masse stratificate, studiandone 
i piil probabili piani dì scorrimento e le altre particolarità che 
poterono influire nell'evoluzione orc^enica e nella definitiva con- 
formazione dei monti. Fondata poi con alcune ricerche sui depositi 
terziari, un po' di cronologia delle dislocazioni, descrivo, sito pei' 
sito, la linea delle ripiegature da Limone a Brescia; le descri- 
zioni riuscirono forse un po' troppo minuziose, ma con quella tecto- 
nica che lo stesso Bittner disse straordinariamente complicata si 
dovette dare all'argomento un certo sviluppo descrittivo, senza del 
quale ben poco si capirebbe. 

Tolto perciò alla località ciò che in essa ee.'ca il pittore ed -il 
poeta, e ridotta cosi a linee geometriche, fissai con lettere le corri- 
apondenze dei salti e delle ripiegature, e tentai di coordinare i &tti 
penoBamente raccolti, deducendo l'attuale conformazione orografica 
dalla rottura d'una primitiva antìclinale con susseguente scbrrì- 



>dbyGoogIe 



0SSEB¥A7I0N[ GEOI-OtilCHE 3VLLA RIVIEUA BRESCIANA ECC. 2jI 

mento delle masse, sotto o sopra le dolomie, secondo le originali 
modalità della rottura stessa, e mostrando in tal modo spirabili 
anche i locali disturbi della gran massa del Saehstein ; la quale, 
cozzando contro le dolomie, retrocede con anticlinali adagiale, che 
man mano si stirano, d^enerando in salti e formando le nude 
rupi bianchiccie, che torreggiano sui colli ridenti della Riviera. 

Non pretendo con ciò di aver detto l'ultima parola sulla que- 
stione, perchè nessuno più di me conosce qoanto resta ancor da 
fare kssù ; ma sarei ben lieto se queste mie originali investiga- 
lioni vedessi accolte dai geologi, e se con ciò invogliassi altri più 
competenti a meglio studiare qnella interessantissima regione, con 
grande vant^;gio della storia orc^netica delle Prealpi Retiche. 
Brescia 25 dicembre 1890. 

Arturo Cozz aglio. 



Come risalta dal Bollettino di qaesta Società, voi. IX, pag. 746, la prima 
tiOTte Ai'qneBfo studio dorerà essere completata con un cenno solle forma- 
lioni quaternarie della regione rilevata; ma poi, in Tleta di nuovi etudì sulla 
piano» e sulle altre valli bresciane, fn orameaso per farne una monografla 

neparata. 



A complemento del lavoro rilevai 21 Bezioni e due planimetrie dì cui . 
soltanto la più piccola è qui riprodotta ; l'altra, per 1& troppa spesa di pub- 
blicuione, rimane per ora inedita, e soppressa quindi con danno del lavoro 
l'indicaiione gikflca del curiosissimo andamento planimetrico di quelle for- 
matiouL 

Sarei perciò ben lieto se la mbaziosa descrizione, coadiuvata dalle 
nnote carte al 25,000 (fogli ; Valle di S. Michele, Malcesine, Idre, Gargnano, 
Castello di Brenzone, Preseglie, Salb, Toscolano, Brescia, Bcdiiiole, Manerba) 
|K)te»e colmare in parte tale lacuna. 



DigmzcdbyGoOgle 



STRATItìRAFU NORMALE 

Breve cenno sulla serie mesasoica post-raibliana 
e sui depositi ieriiari. 

dolomia prinoipals. — Il passaggio degli strati raibliani a 
tufacea alla sovrastante dolomia principale avviene spesso 
ilnabbia per mezzo dell'interposizione di banchi dolomitici 
nltime marne rosse, indi colla successiva loro predomioanza fino 
le dette marne figurano tutt'al piii tra i banchi piii antichi 
dolomia come materie secondarie interstratificate. Questi letti 
tri si osservano in Kiviera nelle dolomie sopra Voltino, alli; 
ci di Tignale, e sotto il villaggio di Moglia (Vobamo), mentre 
is^;io delle due fonnazioDi si può benìssimo studiare nei 
ni di Odolo. 

biella dolomia principale Ragazzoni distingue tre piani che 
io ascendente sono: P Dolomia cavernosa; 2' Scisti e cal- 
ieri itliolitici; 3° Dolomia ruini forme a Gervillia exUis. 

V. Nel suo piano inferiore la dolomia si presenta d'un color 
-scuro che poi alla superficie diveot-a bianco Eotto l'azione 
rica, formando cosi balze e ruderi che a primo aspetto sì 
tierebbero col Dachstein. (Rupi di Bione). Spesso ofixe delle 
I eterogenee composte, come breccie, di elementi bruni e ce- 
I rossastro o biancastro, di frequente cavernose e presentanti, 
a Sareizo, delle bellissime cristallizzazioni di dolomite pura, 
ine la notissima fauna coi generi Megalodon e Turbo, ed 
a potenza di circa 160 metri. 
2". Nel piano di mezzo la dolomia principale diveota piii 
e fragile cangiandosi in scisti neri, grìgi o bruni friabilis- 
con calcari brunì e bianchi zonati e rare selci grìgie pure 
) oppure .scisti tegularì molto simili a quelli del retico con 
lolte volte la formazione intera fa scambiata (')- 

>) Negri nell'opere La Getdogia tT/tatìa a pag-. 58 riprodccendo Ter- 
elU carta del Canoni, ascrive aWinfralias gli strati neri della V. di 
hele, che invece appartengono al piano medio della dolomia a Gervillia 
— Lepsiua, Nelson Dale e Bìttner studiarono gli strati dì S. Hichele 
ordement« li dissero appartenenti al piano della dolomia prìncipkle. 



>dbyGoogIe 



OSSERTAKIONI GBOLOQIOHE SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 253 



Questo piano attraverda tutta la zona dolomitica della pro- 
vincia di BroBcia, da Vello snl lago d'Iseo a Limone sul h^ di 
Garda, e sopratutto nei monti ad oiient« del Molla, dà ln<^ a 
profonde valli erose dalle correnti la cui idr(^rafia fu in orarne 
iniziata dalle fratture delle sovrastanti masse dolomitiche. In tali 
avvallamenti si osserva spesso che al livello dei scisti neri una 
linea dì terrazzi sa ambo le sponde indica con mirabili corrispondenze 
un antico thalwegh molto ampio e piaoe^iante che forse rimonta 
all'epoca terziaria ; il tinme trovando in esso la roccia scistosa di fa- 
cile erosione, vi scava profondi burroni asportando elementi neri che 
poi in tanta copia concorrono a formare le alluvioni del piano. 

Questi calcari al momento della frattura, od anche col sem- 
plice strofinamento, esalano odore di idrogeno solforato, e talora si 
presentano così bituminosi da essere molto combustibili, come av- 
viene nella valle di Bendo sul territorio di Tremosine, ove nel 1873 
furono presi per carbon fossile e scavati per qualche tempo. Presso 
l'abitato di S. Sebastiano in comane di Lumezzane questi strati 
o^QO una stupenda ittiofauna scoperta dal Scazzoni e recente- 
mente illustrata dal De-Zigno (') ; in altri siti finora non si rinven- 
nero vertebrati, anzi ad eccezioae d'una RhabdophylUa che vi è co- 
munissima, nelle località da me visitate non rinvenni altii fossili. 
Talora vi si trova un calcare nero in lastre di piccola mole che 
ad Eoo e Tremosine si presenta suscettibile di levigatura e quindi 
venne scavato per ornamentazione. 

Questo piano, oltre che dagli scisti neri dell'iniralias, è di- 
stinto affatto dagli scisti ittìolici di Periodo e di Besano sotto- 
stanti al raibliauo (^). Ha uno spessore di circa 200 metri, e ni't 
M. di Mezzo a Tremosine sembra raggiungere ì 400 metri. 

3°. Il terzo è il piano in cui più abitualmente trovasi la 
Gervillia exilis ; presenta la solita facie» che dk ai monti 1 biz- 
zarri profili niiuiformi sul tipo del Resegooe. Questa massa che 
sembra la negazione della plasticità, la vediamo fortemente rìpie- 

(') Baione Achille De Zigno, Pe»ci fossili di Lume^^ane in Val Trom- 
pia. — Lepidotvt Ragauoni, De Zipio, — Lep. Triumplinorum, De Zigno. — 
Pkolidophorut cephalua Kner. — Pk. pmiltus, Ag. ~ Semionatvi spinifer, 
Bell, ep, — Ph. Knerii, Zigno. — - Ph. Deechei, Zigno. — Ph. Taramelli. 
Zi^o. — Orthunu «p., Deecke. 

{*) Taramelli, Spiegazione della carta geol. della Lombardia, pag. 49. 



DigmzcdbyGoOgle 



A. COZZAOUO 

in strati quasi rerticali al Como dei Trenta Passi sul lago 
w, indi sempre dolcemente inSessa su tutta la sua grande 
isione, oTe nella tectonìca delle varie località ba nna inSnenza 
dissima dividendo nettamente due pile enormi di strati, la 
ica e la giurese, le quali con nna tal massa fìrapposta possono 
a corrugamenti molto diversi. In generale la dolomia forma 
tesaggio squallido e monotono, ma quando per qualche anti- 
ile per la verticalità dei banchi essa presenta fratture die 
endano più facile la degradazione, ne risultano dirupi che sfì- 
< la più ardita fantasia; il gruppo del Brenta è il più gran- 
) esempio che si possa citare. La formazione ha uno spessore 
irca 700 metri. 

Strati rotici. — La m^ssa principale degli strati retici della 
era fienacense è quella del M. Lorina e Tremalzo che da quel 
scende in V. di Ledro sottostando agli strati giuresi di Bez- 
i; e dopo di essa si nota quella dei monti Traversole e Guil 
i Limone che con maestose ondulazioni scende alla valle di 
ile. Queste grandi pile di strati si ergono regolari e biancheg- 
bi fino oltre i 1900 metri d'altezza formando un singolare e 
sndo paesaggio in cui la serie di strati a forme geometriche, 
! è quella del retico, viene a contatto con una catena di irte 
itastiche rupi dolomitiche producendo un sorprendente contrasto. 

Delle cime retiche di Lorina, Tremalzo e Guil parla ampia- 
;e il Bittner {') nella sua opera citata ; in quelle località l'infra- 
misura circa 400 metri di spessore divisi dal Lepsins in undici 
L e dal Nelson Dale in ventuno, che però si possono ooEd rag- 
paro, esponendoli in serie ascendente: 

(Lepsins) Marne e calcari a lastre con fauna marina 

circa m. 130 

X Breccie e Ranchwacke, marne e argille con Avicula 
conio-ria, Cireni, Cerizi, cioò in parte finna d'acqua 

salmastra 100 

Calcari a Zilhodendron con RhabdophylUa e Tere- 
bralula gregaria Suess 170 

(1) BiHner, Ueber die GeologUchen Aufnahmen in Judiearien und 
Mia, ))a^. 319. 



>dbyG00gIe 



OSSERTAEIONI GEOLOOICHE SULLA KIVIEBA BRESCIANA ECC. 255 

Nelle montagne di Tremosìne ì piani in&rìorì del retico eì 
estendono dalla Bocca di Tal Maraa alla Bocca di Lorina passando 
per la Cocca di Tremalzo ove si trova il piano del scisti neri a 
Bietryllium striolalum Heer, con frapposti calcari con polipai 
forse ascrìvibilt alla Theeotmlia Bonamiei. 

Nel territorio bresciuio l'infralias non forma affioramento con- 
tiQDo. ma spesso avviene che i calcari del Dachstein vengano a 
contatto colla dolomia principale probabilmente per scorrimenti 
arreniitì nelle masse scistosa a bactrillii. 

In Val Degagna l'infralias si mostra forse sul M. Zingla. 
iadi sotto il Dachatein del M. Spino e Marmerà in serie rove- ' 
sciata (sez. 17) ; qnivi però cessa tosto e non lo si rivede che a 
Pavone con nno spessore affatto esiguo, dal qnal punto s^ue la 
linea delle colline di Selva Piana sempre temendosi sui versanti 
del nord e scomparendo per breve tratto presso Clibbio, masche- 
rato dai depositi quaternari, ìndi al passo di Magno, ove una faglia 
pwta il lias medio a contatto della dolomia principale. Oltre la 
Valle di Valilo con r^olarissime testate si estende sulle creste 
dei monti di Serie, indi al M. Dn^ne si ripiega quasi a man- 
tello e scende a Caino, donde per i monti di Nave passa in 
V. Ticanpia. 

Calcari di Daolisteln. — SuU' altipiano di CariaJeghe nei 
moBtì di Serie il piano a Terebralula gregaria passa tosto al 
$<)vrastante calcare di Daehttein, che corrisponde alla Gràm-Do- 
lomit. dì T. di Ledro, studiata dal Bitbier, ed alla dolomia lias!ea 
di Cnrioni ( Corna di tecnici bresciani) ; è talora saltuariamente 
dolomitìco, nei suoi piani inferiori, ma forma in generale un calcare 
bianco assai puro in grosd banchi, che si scava fin da tempi re- 
moti nelle collise di Virle, Uazzano, eBottitnno, ove possono estrarsi 
monoliti enormi d'una struttura finissima ed omc^enea, che si pre- 
sta a qaalunqae genere di lavoro, dal bugnato grossolano alla più 
Sua e ricercata ornamentazione. 

Per questi pr^ e per la sua grande resistenza oome mate- 
riale da costruzione, la corna, specialmente di Botticino, è cono- 
sciuta come una delle piii belle pietre d'Italia adoperandosi spesse 
rolte anche all'estero nei fabbricati di lusso. 

Questi strati affiorano su tutta la linea dal M. Maddalena a 
Siva di Trento e si fanno da lungi rimarcare per la loro bìan- 



>dbyGoogIe 



3zza e par la sterilità dei pendii da essi costituiti. Nod cadono 
jlmente in disa^regazìone, né subiscono inflessioni minnte e re- 
cate, perciò non è taro vederli formare altissime balze, culmini 
montagne, oppure figurare come formazione b^ilare nelle gole 
i torrenti o nelle colline, dove talora sembrano formarne l'ossatura 
ncipale, come su tutta la linea da Botticino a Vobamo. 

Studiando questo piano ove è meno dislocato, sì osserva che 
alendo nella serie, gli strati tendono a farsi man mano più sot- 
ì, ed il calcare a diventare legalmente aigilloao, offrendo al- 
oe tracce di argilla verdastra, interstratificata, che poi è carat- 
istìca del Lias. 

I piani superiori presentano spesso delle tracce dì polipai, 
:uni spiriferi. e sezioni di gasteropodi indeterminabili. 

Sotto l'azione degradante, il Dachstein non cade in ftam- 
)nti se non quando osservasi saltuariamente nerastro, oolitìco o 
lomitico; ma quando è calcare bianco, si lascia intaccare dando 
)go a stranissime forme di massi, che riescono assai bene per 
itruire rupi artificiali nei giardini. 

Questa formazione d'origine corallina presenta uno spessore 
rìabile, e mentre che nei dintorni di Brescia misura poco più 
duecento metri, pare che verso la Riviera raggiunga in certi 
nti una potenza molto madore: le cime del M. Fizzoccolo e 
. Denervo più che alle inflessioni dei loro strati, sarebbero da 
tribairsi ad uno spessore della coma molto maggiore del solito. 
>roducendo più in piccolo il fenomeno del M. Presolana, M. Con- 
rena e M. Guglielmo, ove nella serie triasica la formazione co- 
llina di Wengen occupa le cime. 

Lias. — Nella r^one qui studiata il lias può ritenersi in 
nerale costituito da sei orizzonti principali che in serie aseen- 
nte sono: 

1° Calcari bianchi o grigi con selci brune, bracbiopodi e 
nti di squalo. (Saltrio). 

2° Calcare bianco in strati regolari e ricco di ammoniti, 
orso di fìezzato). 

3° Calcari argillosi e selciferi colla fauna del M. Domare, 
edolo. 

4" Calcari ed arenarie a pentacrìni e rinconelle. (Calcare di 
"Vigilio). 



>dbyGoogIe 



OeSERTAZIOM GI»LOOICHG SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 2S7 

5° Calcari e marne a PosidonauiTa Bronìi. 

C Strati a selci policrome 
1. I calcari del lìas inferiore aacriribili al piano di Saltrio 
si presentano ad oriente di Brescia come ima formazione eteropica, 
perchè tanto nei loro spessori qnanto nella loro facies IitoI(^ca 
mono soggetti a grandi variazioni In generale il deposito si pre- 
senta con una serie di strati dì calcare compatto bianco o grìgio 
scoro con selce nero-bluastra o bruna in arnioni sferoidali oppure 
aflàtto amorfi e fondentesì col calcare; in valle Trompia il calcare 
è grigio scuro quasi nero, e tal colorazione persiste più in alto 
anche nel piano 2° in modo che si passa al piano 3° con una serie 
di calcari scuri più o meno selciferi; tale fìsonomia il lias infe- 
riore non la riprende che sopra Salò, e da quel punto essa pet-- 
siste in quasi tutto l'orizzonte della Biviera; ma tra questi due 
affioramenti di calcare nerastro si stende una regione in cui il 
Dachstein sembra talvolta che si estenda in alto a scapito del lias 
inferiore, come avviene in modo speciale nei pressi di Serie e sul 
M. Covolo. 

Questo fatto non %ta^ al Cnrìoni il quale suppone che > ad 
oriente dì S. Eufemia della Ponte il lias inferiore sia quasi int«- 
lamente rappresentato dalla dolomia liassica * ('); e difatti appena 
ad oriente del M. Maddalena, la coma delle note cave di Botti- 
eino e Bezzato sembra dispersi in strati sempre più sottili e ben 
delineati finché, dopo una transizione di pochi banchi che rappre- 
sentano il vero Saltrio quale si osserva a Tremosine, si passa tosto 
al piano 2", ossia al corso; lungo le colline di Selva Piana sembra 
invece un po' più sviluppato, e nella valle dì Colilo presso Vobarno 
esso riappare molto potente colla facies triampUna ed inoltre anche 
nn po' argilloso, tantoché quasi si scambierebbe col lias medio se 
più sopra non sì trovassero i noti Earpoceras ferruginosi. Nella 
valle di Suro e sul dorso di sera del M. Pizzoccolo trovasi pure 
molto abbondante ; ma il suo m^giore sviluppo pare che lo r^^unga 
nelle mpi di Tignale, ove con una serie di strati più o meno brani 
e selciferi raggiunge sopra Campione la straordinaria potenza di 
200 metri. Qui però sembrami il caso di pensare che la parte in- 
feriore di tal pila di strati, ad onta del suo colore nn po' bigio 

(') Cnrìuiù, Geologia ielle prov. lombarde, pag. 263. 



>dbyGoogIe 



A. CMZAflLIO 

sia altro che Daehsteia Btratifieato, ed a conf^ma dì ciò sta- 
)e il fatto che nella grandiosa spaccatura del Ponticello, tu^ti 
iti hanchi cedono il posto ad una enorme massa calcare com- 
a, che poi in alto sembra estendersi lino alla creta. Se tal brusco 
aggio dipenda da nn'or^iuarìa disposizione del fondo marino 
ire da scorrimenti posteocenici rimane ancora da studiarsi. 

Questi calcari, che in Riviera sono sì poco fossiliferi, mostrano 
so una ricca fauna di brachiopodi, di coi il citato Curioni 
eua lo Spirifer Walcotu d'Orb. come frequente nel Bresciano. 
:a S. Eufemia si rinrenne VArietites ilellarìg Sow. e nei diu- 
ì di Brescia in generale non è raro trovarri alcuni denti di 
ilo. 

2° Gol perdere gradatamente la selce, questi piani passano 

sfumature litologiche al sovrastante Corso ammomtico: bcl- 
mo calcare, che viene scavato per scale e pavimenti di grande 
ezza e resistenza. La iauna vi è ricca di specie di cefalopodi, 
fratturati si vedono formare i banchi, unitamente a noduli cal- 
, commisti a materia verdastra, che poi abbonda fra gli strati. 
generale verso la Riviera è yiù ricco dì belemniti e verao 
Kia di ammoniti. 

È attribuibile a questo piano il calcare nerastro del ponte di 
mu), che attraversa la V. Trompia in banchi quasi verticali e 
i sottoporsì ai notissimi depositi di medoLo del M. Domaro. 

Le località poi ove il corso affiora più abbondante e regolare 
I i dintorni di Botticino-mattina e Rezzato ; quivi trovasi dislo- 
in due lembi, uno dei quali compare sulla cima del colle 
e Farti e l'altro giù pel pendio di sud in banchi inclinati presso 
ill^gio, da quel punto non è più cosi sviluppato tino a Tignale, 
si fa rimarcare per i subi pittoreschi scaglioni, che ammantano 
randi linee il M. Denervo, e formano le balze del M. Castello. 

È pure ben sviluppato a Tremosioe, ove si acava da gran tunpo 
e rupi della Pertegla ed a Lo, e quivi presenta interstratificata 

specie di arenaria grigio-verdastia con numerosi frammenti 
Mntacrini. 

In mancanza di fossili, questo piano h principalmente distinto 
precedente di Saltrìo per la scomparsa della selee; quindi poò 
i che p^r influenze locali sembri estendersi in basso a detri- 
to del sottostante. 



>dbyGoogIe 



OSSBRVAZIONI GEOLOGICHE SULLA RITIERA BRESCIANA ECC. 259 

Oli strati grigi di Vione nel territorio di Tignale contengono 
ammoniti del genere Coeloeeras e quindi sarebbero da ascriTere 
&1 lias medio ; per tal motivo anche in quelle località, come in 
Valle di Collio presso Tobarno e come in Valle Trompia il color 
grigio dei piani del Saltrìo persiste in tntta la serie liasìca. 

Kei piani superiori il corso assume talora una colorazione 
rosaastia e ai mostra formato di elemeuti a struttura globulare, 
in modo che colla levigatura si fanno bellissime macchie rosee e 
bianchiccie su fondo roifso screziato; questo marmo, tanto usato 
per ornamentazione interna, dicesi comunemente corso mandorlato, 
V di piccolo spessore, ma persiste mostrandosi in più parti della 
linea fino a Tremosine ove talora la materia rossa si raccoglie 
tutta nei oncleì di selce, colorandoli in rosso carico oppure forma 
piastrelle rosse arenacee alla superficie d^li strati. 

3° Assumendo un color grigio e facendosi mao mano più argil- 
loso, con ana transizione dì pochi banchi In cui persìstono talora 
le traccio rossastre del corso mandorlato, il calcare liasico passa 
3Ì banchi argillosi a fìicoidi, che si estendono quasi costantemente 
80 tutta l'estensione da Brescia a Tremosine, presentando assai 
spesso una flora determinabile. Questo così detto medolo continua 
piti in alto con atratì a selce bruna, altemantisi spesso con letti 
di argilla verdasbra; il calcare è più o meno compatto e sì scava 
ia più siti come buon materiale da muro. 

Contiene la nota fauna del M. Domaro e del Castello di 
Brescia, illustrata dal Meneghini. 

Osservo poi che il calcare nerastro ai^UoBO a fucoidi è, quasi 
eostante, mentre che gli strati sovrastanti variano assai n^li 
spessori e talora verso est mancano affatto. Il calcare a fucoidi si 
trova al M. Domaro, alla Pendeza in Yaltrompia, nelle valli di 
Costalunga presso Brescia, sopra Vobarno e lungo tutta la lìnea 
da Gargnano a Tignale ed in alcuni punti dì Tremosine ; e sui 
dìmpati fianchi del colle dì Voltino ove il monte è pìeguzzato 
dalle più bizzarre contorsioni e precipita nel lago, si osserva il 
lias superiore divenire assai meno selcìfero e cambiarsi in strate- 
relli dì calcari bigi longo questo suo decorso. 

4° I depositi del medolo di G-nssago sono ricoperti da un cal- 
care giallognolo durissimo assai fossilìfero, che procedendo verso 



>dbyGoogIe 



260 A. cozzAOLto 

oriente, si mostra a Cailìna (T. Trompia) con grossi ciottoli tria- 

sici, indi a Bovezzo, sotto forma dì grossolana puddinga. 

Questo piano, poco appariscente nel tratto da Brescia a Salò, 
e di cni sì scoiano traccio sui declivi del M. Pizzocolo a del M. 
CoTolo corrisponde forse a quella puddinga a ciottoli calcari, che 
si riscontra lungo la strada dei Dossi da Gargnano a Piorere, sulla 
cima del Dosso di Cas (Tignale) e sugli scoscendimenti del colle 
di Voltino, presso la valletta di Burdol. 

L'arenaria di Gussago contiene pentacrini, brachiopodi (Rhffn- 
choneUa Cleùana e Rk. Yigilii) e piccoli Peclen; e perciò ri- 
tango con Bittner che essa corrisponda al noto calcare di S. Vi- 
gilio nella catena del Baldo; snl medolo dei Ronchi di Brescia tro- 
viamo invece un' calcare giallastro tenerissimo, probabilmente ad essa 
corrispondente e che fìnisce in alto la serie del luogo, scioglien- 
dosi in detrito selcioso e marnoso che si confonde col ferretto qua- 
ternario. 

5° Segue in serie ascendente on calcare biancastro, marnoso. 
fossilifero, alternante con scisti a Pusidonomya^ che si sviluppano in 
special modo sopra il lembo liasico isolato della Molvina, Ira 
Botticìno e Nuvolera, e sotte l'abitate di Castello di Serie. 

Secondo il Bittner l'orizzonte ad Harpoeeras bìfrom coin- 
cide con queste piano, per cui si veda che il Do^er bresciano 
può chiamarsi ancora un'incognita. 

La Posidonomya non si è ancor trovata nella Riviera, ma 
ulteriori e più acourate ricerche forse la sveleranno in quei sci- 
sti argillosi verdastri che s'alternano con strati a selce bnina 
alla base del silicifero. Presso Brescia invece è note come in tali 
:>cijti, assai ptil frequenti e sviluppati, si trovi in abbondanza la 
Posidommya Bromi; e per tali ricerche è raccomandabile l'escur- 
sione nella valle del Caricatore di Guss^o, ove, lungo la strada 
per Brione è ben sviluppata la serie. 

6" In molti punti della Riviera ed al di sopra di quel 
piano liasico a fucoidi di cui più sopra s'accennò la persistenza, 
si vedono svolgersi banchi man mano pi£t selciferi, tra cui sovente 
non si osservano marne verdastra. La selce ne è bruna e com- 
patta, simile a quella del medolo, e talora vi è in tale quantità 
da formar par intero lo straterallo, lasciando al calcare il posto 
del solo rivestimento. 



>dbyGoogIe 



oaSERI-AZtOM GEOLOGICHE 80LLA RITIEKA BRESCIANA ECC. 261 

Nei dintorni di Qnesi^, ed in generale allo sbocco della Val 
Tiompia qneato orizzonte presenta una serie di strati e selci lirunc 
talora passanti al trìpoli, indi a selci verdastre e bianche che però 
non si riscontrano verso la lUviera. 

I piani di posa dì questi banchi sono sovente bernoccoluti o 
d'ordinario verdastri, presentano ben aderenti alcune piccole be- 
lenmiti che poi persistono più in alto fino nel Malm. 

ICalxo. — Gli strati selciferi proseguono in alto sopra i già 
descritti del lias con sfìimatora litologica; ma risalendo nella serie, 
si vedono apparire nel centro delle citate selci bnine delle chiazze 
rosse incarnate; i colori si sfumano, e non di rado si hanno bei 
nuclei policromi, che dal centro alla superficie presentano succes- 
sivamente il rosso, il nero ed il bianco sfumantesi col calcare; e 
questo pure tende a fai-si policromo, perchè sulle faccie degli strati 
di recente scavati si vedono chiazze a tinte vivìasime, violacee 
rosee e verdastre, su fondo gialliccio chiaro. 

Mano mano che sì ascende nella serie, le selci nere tendono 
i sparire, le rosse predominano, e compaiono le arancie e le gialle, 
le quali talora, in grossi naclei sporgenti dai piani di posa, sono 
ricoperte da una materia rugosa verde-cupa, oppure formano da sole 
dei grossi strati, in cui &nno pompa di colorì, venuzze dìasprine 
rosse, bianche, verdi ed azzurrognole, ohe specialmente si svilup- 
pano nelle località di Calabria e Fobbia nel comune di Tignale. 

Gli strati d'ordinano sono piuttosto sottili, si prestano alla 
minuta rìpiegatara e cadono sovente in frantumi a punte, produ- 
cendo un detdto policromo, caratteristico, riconoscibile a distanza. 

È tacile trovare in questi piani delle belemniti, degli aptichi, 
qualche ammonite, e talora anche legni silicizzati. 

Le scaglie rosse si mostrano saltuariamente sulla linea delle 
colline; ma verso la Siviera il loro colore vinato si cangia spesso 
in roseo a chiazze verdastre; e questo deposito colma in certi siti 
le depressioni e le irregolarità dei sottostanti strati, ricchi di grossi 
DQclei selciosi. In questo calcare rosso fiamma appariscono abbon- 
danti gli aptichi, ma la transizione litologica o è graduale od affatto 
variabile, perchè a volta le scaglie rosse succedono bruscamente 
al silicifero (') oppure uno stesso strato offre i caratteri dei due 

('; Anzi gli atritt«ielli zoieo fi&mma contengono talora frammeott dei 
sottoitaDti banchi Belcif«ri; il cbe dimoslr» convagliumento o rimestarne nto 



>dbyGoogIe 



A. COZZAGLIO 

i nuclei di selce continuano in tutto il titonico e nel neo- 
0, fìno alla base della acuita cretacea, ma cangiano leg- 
te la loro natura in modo che quelli delle varie epoche 
fisonomie proprie. 

) scaglie roijse forse oifordiane e corrispondenti al piano 
;e a Peltoceras Iransversarium, allo sbocco della V. Trompia 
ertono spesso in banchi di tripoli, e rerso est contengono 
di color rosso arancio carico, alcune belemnitì ed impronte 
aoniti ; indi passano repentinamente al piano titonico, di 
TOSSO globuloso, con rare selci rosso arancio, che vanno ad 
■e il centro di alcuni di quei globuli caratteristici, ed ammo- 
eribili ai Perisphinctes, probabilmente KdUikeri Opp, sp, 
lesto piano è discontinuo ed appena accennato nei dintorni 
scia, ma raggiunge uno spessore d'un metro circa nella Si- 
I di molti metri nel M. Baldo ore nei dintorni di Malcesine 
a in abbondanza come pietra da taglio e da muro e talora 
ja ornamentazione ('). 

i transizione di questo piano alla majolica (-) può avvenire 
imatura litologica, come di solito avviene presso Brescia, 
per brusco passavie, allorquando si presenta una breccia 
ina di nuclei di selce scelti talora fra i più voluminosi del 
o, la quale pare dovuta ad un rapido convogliamento di quel 
li. La majolica allora sovraincombe, sporgendosi sopra il 
rosso e formando delle piccole grotte di erosione meteorica. 
:e d^li animali, le quali su per la china dei dirupi si 
lono a colpo d'occhio. Anzi, in certe località, per la diver- 
resistenta degli strati e pel diverso modo di reazione agli 



iali, e se la tectonica fosse meno complicata e g-li studi pib approfoo- 
aIh argomento, forse si sarebbero riscontrate discordanze. 
Questa ed altre marcate differenze litologiche tra i depositi del Veneto 
esciano, a distanza b\ brevi, indicano che fln dall'epoca liasica la 
del lago di Garda era teatro di mntazioni, che nelle saccessive fasi 
amento dovevano certamente inflnire. 

È affatto infondata l'asserzione di Curiuni, che oìtre Soptuoccn 
fiera non esista la majolica, e che il lias sì trnvi coperto dalle marne 
la (Cnrioni, Geolog. delta Prov. Lomb. pag, 288). Le chiese di Voltino, 
sio e di Prabione posano sa roccie titoniche e neocomiane, e gran 
I H. Avertil sopra Navazzo i costitnito da strati neocomiai)!. 



>dbyGoogIe 



OSSBBVAXIOSC GEOLOGICHE SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 263 

sfora soUeTautii, sembra che tra gli strati selcìferi e la majolica 
n sia gran discordanza, essendo i primi assai contorti sotto ì 
grossi banchi della majolica incurvata a grandi tratti. La majolica 
è no calcare bianco, argilloso, tidora in grandi masse spesso ri- 
chìuuanti da langi il Dachstein od il calcare dì Esino; e talora 
in strati r^olari ad Aptycus lamellosus, belemniti, denti di squalo, 
Tsrebralula dipkya ed alcnni ammoniti che richiamano ì sotto- 
stanti dell' ammonitico rosso. Le soluzioni di continuità di questi 
banchi hanno piani assai rogosi e rerdastri, come quelli già descritti 
dal lias medio (corso) ma sì trovano assai più abbondanti nella 
roccia compatta offrente all'esterno lievi fessure ondulate simili a 
sQttire craniche. 

Abbondanti nuclei di selce bionda si trovano nella massa. 
commisti talora a straterelli selciferi del sìlicìfero è verso il 
piano medio osservasi una breccia di bella apparenza, formata 
di detrito selcioso policromo, cementato dalla stessa majolica. 
la selce della majolica è assai piii omogenea e meno friabile di 
quella del silìcifero, e appunto pei questa prerogativa la si riscontra 
nelle officine preistoriche, gr^ìa o foggiata a punte di freccia o 
nsciakij. 

Creta. — È costituita da quattro piani principali. 

n piano inferiore della creta, ossia il neocomiaiio, (piìl propria- 
mente ascrìvibìle airinfì-acretacuo), è sul Bresciano formato da stra- 
terelli di calcare selcifero, analogo alla majolica in modo da sem- 
brarne assai spesso una mera continuazione. 

La sfumatura litologica è si pronunciata che è assai difficile 
segnare il vero limite tra la majolica ed il neocomiano, anzi talora 
certi caratteri petn^rafìcì sono comuni ai due piani. Si osserva 
però che nel neocomiano 9,)XAptyciLS lamellosus subentra l'Apty- 
<nis Diday'. a costole ripiegate; ed il calcare, mano mano che si 
procede nella serie, tende a farsi più bruno e scistoso e a divenire 
più friabile, offrendo quasi esclusivamente selci nerastre. 

In generale è assai sterile dì fossili ed all'infuori del citato 
Aplycus Didayi, dì cui parla anche il Curionì. non rinvenni che 
alcune impronto di fncoidi negli strati superiori, ove il calcare si 
fa nn po' grigio ed argilloso, quasi passando alle Soprastanti marne. 

Malgrado questo lieve cambiamento del calcare, si . osserva 
sopra il neocomiano una transizione IÌtol(^ca marcatissima, perchè 



>dbyGoogIe 



264 

quello pasaa bruscament« alle marne rerdastre e nere, che staooo 
sotto alla scaglia e che, eceettuate alenile piccole rariazioni litologi- 
che, BÌ conserrano bd tutta l'estensione dei colli bresciani, formando 
un bnon orizzonte geologico. A contatto col neocomiano osserviamo 
quasi costantemente le marne rerdastre, indi i banchi delle manie 
nere friabilissime, altemantiai con letti d'uà calcare argilloso gial- 
lastro sfaldantesi ; le quali verso la Biviera sono costanti e possono 
cangiarsi in marne di color rosso scuro rinato, coesistendo talora 
colle nere, come osserrasi spesse volte nei dintorni dì Brescia ('). 

Le marne nere contengono nna grande qoantiUL di ferro ed 
alle Fornaci di Tignale vi si osservano traccie di pirite marziale, 
che attratta dalle ammoniti per azioni molecolari ne compenetra 
la massa e cristallizza, riprodacendo l'oiganìsmo in tutte le sne 
forme con 'tanti piccoli cubi. 

Questo piano fu l'oggetto di uno studio speciale di Curioui (^). 

Presenta molti banchi di calcare nerastra a fncoidi, ma ìd 
generale come la sovrastante scaglia è pouo fossilifero. 

Vi succede la scaglia che sul Bresciano si presenta come for- 
mazione eteropica; è perciò necessario distingnere la serie cretacea 
dell'ovest da quella dell'est, perchè tra di esse vi sono rimarchevoli 
differenze. 

La tcaglia della Blriera 6 presto descrìtta: soglia talora 
biancastra alla base,' banchi dì calcare roseo e scaglia uella parte 
di mezzo, e marne rosse friabili in alto, assai spesso attraversate 
da vene spatiche. Questa serie semplicissima si mantiene ugnale 
nell'Alta Riviera da TremoBÌne fin oltre Toscolano ; ma quivi nella 
parte media e superiore incominciano ad intercalarsi arenarie gr^e 
durissime in straterelli con laoeeramm Cripti Mani, e promi- 
nenze Bubcilindriche indeterminabili. 

Piti oltre, le arenarie aumentano e ai frappongono nella scaglia 
e nelle marne rosse formando mia continua e quasi spiccata alter- 
nanza; come osservasi sul pendìo di Frandaglìo, ove le arenarie 
rese libere dalla d^radazione delle marne a contatto, sono impie- 
gate come bnon materiale da muro. 

(') Si osaerrano le marne rossastre anche in Ririera ecceiionalmente in 
(Ine soli ponti • Salb V. dei Sii - e Tignale alla bocca di Fobbia. 

(*).CnrìoDÌ, Nota urologica titgli sciìti èitttminoii di Ti<fnal<i. Gioni. 
<L I(tit. Lomb. Tom. IV, pag. 1-T, 1855. 



>dbyG00gIe 



OeSEBTAIlONI OEOLOOICHB SULLA RrTIBRA BRESCIANA ECC. 625 

Sulle colline di Qossago, la creta si sviluppa assai, e qnivi 
appooto BÌ può ossetrare che l'arenaria, che si frappone alla scaglia, 
nei piani inferiori è verdastra compatta, mentre che nei piani supe- 
riori abbonda assai di più nna fina arenaria cinerea con transiziont 
verso nn calcare dello stesso colore. 

Le marne cretacee di queste colline contengono ciottoli arro- 
tondati di tale arenaria e di majolìca a^tto mancanti verso est, 
e ciò indica evidentemente che durante l'epoca cretacea la massa 
del M. Onglielmo si sollevò portando alla luce i banchi titonici 
e della creta inferiore, i qaali poscia degradati e fluitati servirono 
come materiale per formare gli strati superiori. In altri studi di 
dettaglio sai dintorni di Brescia si prenderà iu speciale esame tale 
questione, tanto più che anche più in basso e precisamente nel 
lìas superiore si presenta quivi, come già sì disse, la breccia dì 
Cailina e Bovezzo, contenente grossi ciottoli triaaicì. 

Terso il lago d'Iseo la creta è finalmente ricoperta dalla nota 
arenaria, che da tempo si scava a Samìeo in quantità come buona 
pietra da costruzione e da taglio. 

Depositi terziari. — Il passaggio della creta all'eocene negli 
affioramenti bresciani è difficile a rintracciarsi perchè la scaglia 
rossa, specie nella parto orientale, finisce su per ì colli spesse volte 
a contatto col Dachsteìn o coUa dolomia principale, ove certamente 
la langa serie di disturbi stratigrafici non permise alle masse calcari 
terziarie dì s^ire la scaglia nei suoi spostamenti, essendovi frap- 
poste delle manie fri^lisaime ohe rendon focile la scissione delle masse 
per scorrimenti, e m^lìo ancora lo s&celo per azione meteorica. 

Quando però l'intera pila di strati cretacei viene coi sottostanti 
calcari giuresi ripiegata sopra se stessa, le forze radenti che spo- 
sterebbero i calcari terziari sì annullano, ed allora questi restano 
come serrati nella grande rì[a^tura da cui vengono molto pro- 
tetti anche contro l'erosione ; a questo insolito fenomeno si devono 
certamento ì pochi lembi eocenici della Biviera che tutt'ora osser- 
TÌamo quali nltimi rappresentanti della gran massa terziaria che 
copriva il bacino del Garda, e che forse pel minor dislocamento 
delle masse rimase ancora in posto in molti punti della Riviera 
Veronese. 

Partendo da Tremosine, il primo affioramento eocenico lo tro- 
viamo BoUa strada comunale che conduce dalla Pieve a Pregasio 



DigmzedtìyGOOgle 



poco prima di aiTÌvare alla chiesuola di S. Marco ; quivi sopra la 
scolla si vedono alcune marne grigio-verdastre assai erodibUi ed 
un'arenaria giallastra sfaldantesi in pezzi parallelepipedi nella cai 
composizione entrano in gran parte dei granelli neri, forse di basalto. 
La serie si limita a questi due piani, e malgrado io non ri abbia 
ancora trovato fossili caratteristici, pure per la ana facies e posi- 
zione non esiterei ad ascrìverla all'eocene. 

Un altro afBoramento simile a questo trovasi a Tignale sulla 
strada che conduce da Olzauo alla cascina di Bosco, nell'insenatura 
d'una valletta poco dopo il vilU^io : quivi uno sperone dolomìtico 
rovescia tutta la serie dal lias all'eocene (ved. sez. 10); quest'ultimo 
deposito si presenta anche qui con marne grigie ed arenane, ma 
è tanto limitato che con molta facilità può sfu^ire all'osservazione. 

Il Bittner nella sua opera citata parla di due altri lembi 
eocenici, il primo dei quali sarebbe a Navazzo, ed il secondo a 
Prandaglio: a Navazzo io non ho riscontrato che pezzi erratici di 
vicina provenienza, che mi fanno supporre l'esistenza dell'eocene 
nella sinclinale cretacea che sta tra le anticlinalì dee della se- 
zione 13. 

I molti pezzi con fossili eocenici trovati sopra il livello del 
ghiacciaio sul colle di S. Bartolomeo di Salò, mi fan pur qnirì 
supporre un lembo eocenico, ma forse questo trovasi completamente 
coperto dai conglomerati, oppure abraso dalle correnti che vi accu- 
mularono quei ciottolami. 

La gran massa eocenica del Bresciano comincia però soltanto 
al di sotto dì Salò nelle colline della bassa Riviera, e prima an- 
cora all'isola Lechivove affiorano calcari grìgi resi giallognoli dal- 
l'azione ossidante dell'atmosfera e contenenti l^ni fossili e piani 
di marne nerastre. 

Lo studio di queste colline è reso difficile dall'enorme ingombro 
dei materiali glaciali, e dalle frequenti s&ldature del calcare che 
in certi siti rendono indeciso l'andamento degli strati. I piani in- 
feriori di questa formazione sembrano esser quelli del porto di 
Manerba, da quel punto l'intera massa inclina verso N. 0. di quasi 
30' all'orizzonte formando le rupi a strapiombo del Como di Ma- 
nerba indi la bella altura della Rocca. I calcari bianchi dell'isola 
di S. BÌe^ìo e dell'attigua penisola sembrano quindi i piti recenti: 
non essendomi seriamente occupato di questo studio, non emetto 



>dbyGoogIe 



OSaERTAZtONI GEOLOGICHE SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 267 

<iIiÌDÌoi)i in proposito; e quindi resta ancora incognito con quali 
piani finisca la serie concordante delle prealpì bresciane. Poco si 
sa pnre di oiò che aTTenne tra il principio del corni(;amento al- 
pino ed il riversamento delle alluTÌoni meesiniane. perohè aU'infaori 
delle molasse mioceniche della Badia presso Brescia, i cui fossili 
fiiroDo studiati dal SordelU(') e di quelle di Sale di Guss^o, non 
bì sono ancora riscontrati depositi indubitatamente del miocene 
inferiore o dell'oligocene sincroni a qnelli del M. Moscalli sai Ve- 
ronese che furono r(^getto d'una bella monografia del cav. N^icolis ('). 

È bensì vero che sotto i conglomerati mesainiani delle sponde 
del Chiese affiora un calcare bianco che forse potrebbe ascrirersi ' 
al miocene inferiore, ma non esseudorisi trovati fossili deteimina- 
bili, nasce il dubbio che esso non sìa che una scogliera di Dachstein 
in prosecuzione dì quella che forma il letto del Chiese a (ravardo 
e che pure trovasi al M. Budelone che sta di &onte ed a breve 
distanza dal deposito in discorso. 

Un conglomerato probabilmente miocenico si trova a Tignale ad 
un'altezza di circa 800 metri sul mare, sul declivio meridionale 
delle Coste di Olzano al Dosso Gumer; gli strati vi si trovano 
dislocati e talora in forte pendenza verso il monte; pih a mezzodì 
huigo la Siviera, non troviamo conglomerati miocenici che sulla 
collina dì S. Bartolomeo sopra Salò. Il miocene ed il pliocene 
qmvi occupano la cima del colle, ma nei sottostantì burroni di 
Banale, sopra una grande estensione di banchi verticali di scaglia 
rossa Tediami} stendersi mia massa enorme di conglomerati; nei 
loro piani inferiori questi sono probabilmente messiniani, ma più 
in alto essi si confondono colle alluvioni ipomoreniche cementate. 

L'enorme sfacelo dei conglomerati e della scaglia vi produce 
burroni profondi più di cento metri in cui in modo sorprendente 
sì mette allo scoperto la sezione del colle ; lo sguardo allora corre 
tosto al regolarissimo piano di posa prodotto dalla lisciatura dei 
banchi cretacei operata dalle deiezioni meesiniane, ma da quei 
ponti di vista non si può diaUngnere come e dove queste lascino 
il posto alle sovrastanti alluvioni ipomoreoidie. 



(') Sordelli F., Sui foiaili e tulVeld del deposito terziario della Badia 
frtm Breicia. Atti d. 8oc. It. di S*. Nat. Voi. XXV, p. 85. 

(*) Earicn Nieolis, Oligocme e miocene nel tittema del monti Baldo. 



>dbyG00gIe 



268 A. cozzAGLco 

Altri depositi messìniani sono i già citati della sponda m- 
nistra del Chiese che si riscootrano a sad di Gavardo; essi non 
SODO che grandi animassi di materiale dì sfacelo con gran predo- 
minanza di calcari bianchi della sottostante scogliera, i quali pos- 
sono troTarei in nna breccia molto compatta oppnre essere com- 
misti ad una molassa che più in alto cede il posto alla massa 
mi^giore delle deiezioni. 

Più oltre si trova un lembo forse miocenico a Cilivei^be alla 
base d'una collina t^liata dalla ferroria, ove pnre sì trova il cal- 
care bianco di cui più sopra fa parola ; ma poi a sera di Brescia 
sembra ohe U profondo sottosuolo pedemontano eia tutto formato 
da forti depositi messiniani che poi colla stessa facies emergono 
ai noti colli della Badia, di Sale di Guss^o e del M. Orfano di 
Bovato, indicandoci quanto forte dissesto abbiano fvovato i colli 
bresciani dopo il miocene, o per meglio dire, dopo il pliocene, 
perchè la poca discordanza degli strati miocenici e pliocenici di 
S. Bartolomeo indica ad evidenza che la ma^or fase orogenetica 
ebbe luogo dopo il pliocène. 

Ed appunto come immediata confidenza di tal fase abiiiamo 
le alluvioni villafranchiane ; quest'epoca che lo Stoppani ritiene 
ancora pliocenica, coincide colla definitiva ritirata del mare dalla 
pianura lombarda ; alcuni geologi tra cni il Paglia ed il Tarameli! 
rìtengono che la deiezione villafranchiana sìa prettamente conti- 
nentale, io però ritengo col SAga.2zoni che aocbe questo sia on 
deposito marino perchè a Gastenedolo ed a Ciliverghe sì trovano 
in esso dei peclen. Può darsi però che tatti abbiano ragione qna- 
lora si ammetta che a quell'epoca il mare cvprisse soltanto parte 
della pianara padana. 

Non è scopo di questa Memoria il trattare più diffusamente la 
questione, mi limiterò dnnque a dire che i conglomerati TÌlla&an- 
chiani si trovano longo tutta la sponda bresciana del bgo di Garda 
e lungo il corso del Chiese da Bai^he al Ponte dì S. Marco; 
essi d'ordinario non formano che pìccoli lembi discontìnui acean- 
tooati pei tfaalwegh; di tali aflìoramenU il m^^ore è queUo-ohe 
si stende da Rampeniga a Bedizzole lungo il Chiese con uno spes- 
sore di circa sedici metri ove si riscontrano i primi rìversameoti 
dei materiali paleozoici, affatto mancanti nelle deiesiioni messinìane. 

È pnre TÌllafranehiano il conglomerato di Cilirei^he e quello 



>dbyGoogIe 



OSSERVAZIONI OEOLOOICBE BULI^ HIVIERA BRESCIANA ECC. 269 

di Castenedolo, occopanti piccole alture nella piaaura. A Castone- 
dolo tali piani bì vedono dislocati e franti e ricoperti dall'alluvione 
ipomorenica quivi ridotta a ferretto ; la &se sismica a cui si pos- 
sono attribuire tali soUevamentì credo possa essere la postglaciale. 
e quella stessa che produsse i noti scoscendimenti della valle del- 
l'Adige presso Mori, le Marocche di Toblino, e che nella regione 
qui studiata provocò il crollo dei fianchi orientali dei colli di 
Tremosine e Tignale. 



>dbyGoogIe 



Tectonica speciale. 

iigusto awallamento che fonna il lago di Garda 
jeologico quattro aspetti diversi che perfetta- 
10 a quattro diverse fisonomie del paesano. 
to si stende da Biva a Limone. 

Limone a Gargnano. 
aitano a Salò. 

Salò a Desenzano. 

Primo tratto. 
to è caratterizzato dal gran salto o cascata stra- 
li cai le due sponde opposte del lago presentano 
molto diverse. 

lomie dì Limone coi sovrastanti strati retici si 
Illa grandiosa massa liasica del monto Altissimo 
con mirabili scaglioni, ma il salto è tosto 
consideri l'anticlinale dei Campi, M. Rocchetta 
i dal Bittner e qui riportata nella prima tavola 
['); in essa, a parer mio, si ha il raccordo del 
trentino con quello bresciano e veronese, e dalla 
formazione ebbe orìgine quella faglia rimarche- 
la la nota piìi saliente e caratterìstica dell'alta 

li questo primo tratto sembra che la gran sin- 
■he originariamente univa gli strati liasici del 
quelli della Yalle di Ledro abbia subito mi 
aento il cui effetto, trasmesso in special modo 

I, Vn, Vni, IX, e X dei lavoro del Bittner anlle Gia- 

■ la citala antic1ÌDalc quasi sempre spezzata, la quale 
da Limone a Biva. 

Ili mostrano la totale demolìzioDe del boo vertice e 
ersamento giara-cretaceo e l'anticlinale che Ìd questo 
laria ". A Bittner, Ueòer die geologi3chen Av/nakmen 
alsabbia. JahrbDch del K. K. Geal. Reich. 31 Bd. 1881. 



>dbyGoogIe 



OSSERTAZIOM OBOLOGICHE SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 271 

verso sera, sia stato lo squarciarsi della rolta dell' anticlinale 
anzidetta mettendo a ondo le sottostanti dolomie. 

Tal restringimento però non fu certo ^nale su tutto il tratto, 
perchè verso sad si perde coUa rupe di Limone ogni traccia di 
anticlinale, e sembra che quivi uno sforio di gran lunga maggiore 
abbia dislocato tutto il sistema inclinando le dolomie verso M. E. 

Secondo tratto. 

Questa serie di alture è caratterizzata dalle ripide e nude 
balze che si stendono da Limone a Gargnano di fronte alle pìii 
alte creste del M. Baldo ; quivi le sponde de li^ sono costituite 
da strati coevi, ma con tectonica assai disparata perchè, mentre che 
sulla sponda veronese tutta la serie giiirese scende dal M. Baldo 
in banchi regolarìssimi che s'affondano nel lago, sulla sponda bre- 
sciana invece si osserva un complicato sistema di pi^he e di 
scorrimenti che finisce con una gran %[lia sotto la dolomia 
principale. 

L'anticliuale più sopra citata del M. Bocchetta e Cocalder, 
ed a cui può applicarsi l'epiteto di primitiva, non lascia in questo 
tratto nessun avanzo di sé, ma certamente tutto il gran sistema 
di dislocazioni trova in essa una semplice spi^zione, e fu ap- 
punto per il suo prf^ressivo accentuarsi che le rìgide dolomie si 
squarciarono e sotto le loro assise che rappresentavano il lato di 
sera dell'antìclinale, tutta la massa giuresa e cretacea (t'oi-se fa- 
vorita dalla debole resistenza degli strati raibliani a cui doveva 
trovaiBt di fronte), fu da ulteriori pressioni cacciata e scivolata. 

AiUiclinale secondaria di Bine e eolle di Voltino. — Verso 
mezzodì del primo tratto le brulle dolomie st ritirano per formare 
il golfo di Limone, ed alla loro base stanno talus di deiezioni 
postglaciali, che in alcuni punti verso il lago vanno soggetti a 
scoscendimenti ; ma dopo la Valle di Fura, sciano dal Ie^ e dai 
detriti alcuni banchi gioresì, disposti a sentita antìclinale, a tratti 
evidente, ma talora squarciata e ridotta a dirupo rìpido e fesso, 
Tutta la massa sì vede fortemente pigiata, contorta, franta e a 
tratti resa lucida come lo smalto ; cosi la rupe s'innalza man mano, 
formando i sovrastanti altipiani e contrafforti di Bine, ove i banchi 
giurasi e cretacei, che fanno seguito alle piccole pieghe della rupe 



DigmzcdbyGoOgle 



272 A. coizAOLio 

si portODO sotto il pendio dolomitico della montagna e vi si Bot- 

topoDgono ricurvi a C (aez. 1). 

Avanzandosi verso sud, l'anticlìnale di Bine è sempre squar- 
ciata e dal 1^0 emergono gradatamente le nude testate del lias 
snperìore, ludi del lias inferiore, che con inclinazioni sempre cre- 
scenti vanno fino alla Y. del Ferro. Quivi d'mi tratto, al Porto 
dell'Ora, riappare l'antìcliDale, esagerata e spezzata, con successivo 
Bcorrimento del lias inferiore sul lias superiore, che si presenta 
bizzarramente arricciato (sez. 2). 

La stratificazione sovrapposta, ricevendo poi dal basso in alto 
un fortissimo impulso e non potendo inflettersi per l'altezza troppo 
grande in proporzione del corto braccio di leva, si spezza con frat- 
ture quasi verticali, io prossimità della forza impellente (Porto 
dell'Ora) in virtù dei cosi detti aforzi taglianti ; fenomeno opposto 
a quello delle pi^he in generale, nelle quali la curvatura, inizian- 
dosi con lungo braccio di leva, ^sce sugli strati inflettendoli in 
luogo di spezzarli. 

Il citato scorrimento divide il sovrastante colle di Toltino 
in due tratti : quello a monte, che porta i lembi cretacei sottoposti 
alle dolomie, e quello verso il lago, che con una doppia ripiega- 
tura porta le marne della creta sulla riva del lago (sez. 2). 

Presso lo sbocco del fiume di Brasa esiste un'altra marcatis- 
sima sovrapposizione. Quivi la formazione inferiore (lias medio) è 
quasi piallata dalla superiore (Dachstein), e le arricciature degli 
ijtrati sono così minute, numerose e strane, che soltanto la foto- 
grafia potrebbe riprodurle. La linea di questa sovrapposizioae è 
quasi orizzontalo, non appare che sulla rape di Gorlor verso il 
lago, e forse non è che la parte inferiore della citata curva ad Z, 
che per una più prolungata e forte compressione degenerò in scor- 
rimento. 

A sud-ovest della collina e lungo il fiume di Brasa si vedono 
libarsi spiccatamente tutti gli andamenti d^li strati del colle di 
Voltino. Dall'insieme, rappresentato nelle sezioni 1, 2 e 3, risulta: 
1" Al contatto delle dolomie a G-ervilUa exUis trovasi una 
pronunciatisìiima curvatura a C, che comprende gli scisti neri della 
creta, escludendo dal colle la scaglia rossa e l'eocene; 

2° In origine questa curva era susseguita da un'altra ad 2, 
che portava gli strati piti recenti sulla riva del l^o; 



>dbyGoogIe 



OSSEHTAEIONI OEOLOQIGHS SULLA RIVIERA BRESCIANA BCC. 273 

8** Prose^endo la spiala, si effettuarono i due scorrimenti 
ed n nella cnnra superiore e nella inferiore della grande infles- 
mae ad Z della rupe del lago. 

Monte delle Valli. — Oltre il fiume di Brasa si trova il 
M. delle Yalli (Territorio di Tremosine) il quale è uno sperone 
dolomitico, separato dalla massa dei monti più alti per mezzo del- 
l'altipiano di Polzone. 

La dolomia quivi forma il culmine del monte, ed al di sotto 
tien la scaglia, colà spintavi per scorrimento insieme alle sotto- 
staati formazioni. 1 dirapi del lago, che atanno alla base di questo 
monte, sono evidentemente una anticlinale squarciata costituita 
iai piani del liaa iuferìore, perchè, in generale, la base della rupe 
è formata da banchi verticaU che repentinamente s'inflettono ad 
un'altezza di circa cento metri sul lago lasciando al disopra 
le nude testate che inclinano dolcemente verso il colle : a circa 
duecento metri d' altezza, e precisamente alla base delle rupi 
quasi verticali che stanno sotto gli altipiani, si può studiare un 
bellissimo scorrimento L che effettuandosi a piano inclinato contribuì 
notevolmente ad aumentare l'altezza della rupe. Sotto la Pieve, 
di fianco alle giravolte del sentiero, un salto brusco mette gli 
strati duri e biancastri del Saltrio a contatto con quelli del lias 
saperiore e del Malm e questo fenomeno si ripete poi piti a monte 
nella valletta di Tuf, 1, nei cui dintorni le brulle alture dette i 
Lia si devono forse ad uo maggiore sviluppo originario del Da- 
cbsteio piii che a fenomeni tectooiui. Soltanto una carta in grande 
scala potrebbe dare adeguata idea della complicazione dei salti 
che in limitatissimo spazio si v^erificano nei dintorni della Pieve ; 
qui non importa scendere a tali dettigli; altri piii importanti però 
furono riportati nella sez. 16 parallela alla sponda del lago in 
cni si vede che la linea dei dirupi è divisa da molti piani di 
salto, in tante liste indipendenti, come fossero tasti d'un pianoforte; 
ne deriva quindi che l'andamento di ciascuna può essere ben di- 
verso da quello della sua vicina, come si scoile sui fianchi sud- 
ovest del M. delle Talli. Tali piani di salto, visti dal It^, non 
sono verticali, ma inclinati all'orizzonte. 

Ove poi la serie giurese urta contro le dolomie, gli strati 
del Dachsleìa; del lias e del giura, inflettendosi a C, si ei^ono su 
pei declivi, spezzando i sovrastanti banchi delia scaglia rossa 



>dbyGoogIe 



274 i.- cozzAGLio 

(T. di Larino) e formando affioramenti assai strani (Sampriezzo- 
Sarmerio) (sez. 5). 

Degsa di osseirazione è poi la valle di S. ìfichele, nel hoo 
ultimo tratto verso la foce. 

Valle di S. Michele. — Ha un bacino abbastanza esteso. 
coronato a nord dalle cime retiche di Tremalzo, Dil e Lorìna. a 
coi snccede in serie discendente la brulla dolomia roiniforme, in 
bancbi fortemente inclinati, che presentano guglie, rupi e valloni 
ingombri di ghiaie e di ruderi. 

Scendendo giti pel pendio, gli strati s'adagiano mano mano, 
abbandonando le forme bizzarre per poi dar luc^ ai calcari neri 
ittìolitici, che formano la maggior parte del fondo della valle. 
Al confluente delle valli alpine, sotto la chiesetta di S. Michele, 
ove l'acqua s'unisce in un sol ramo per avviarsi al Ii^ col nome 
di fiume di S. Michele, havvi una faglia A in modo che dagli 
strati neri ittiolitici si passa d'improvviso ancora alla dolomia 
(sez. 6). 

Questo salto taglia tutta la massa dolomitica di Tremosine. 
scendendo dal passo di Lorìna nella direzione di ovest-nord-ovest a 
est-snd-est, e s^ndo ortogonalmente le due valli di S. Michele 
e di Bendo, in direzione da ovest a est, sbocca poi presso Limone 
alla V. dì Pura, ove sono manifesti i dislocamenti delle masse dolo- 
mitiche. 

La sezione 5 mostra il detto andamento degli strati retici e 
trìassici colla faglia testé descritta (segnata sul disegno con A) 
la quale probabilmente dipende dalk forzata sottoposizione del 
Dachslein, come altre minori, cb* si verificano agli ultimi pendii 
del Monte Zenone, B. 

Alla distanza di quattro chilometri dal lago, la valle si chiade 
e formidabili bastioni di Dachstein si ergono a picco, ad un al- 
tezza di circa 200 metri sopra il fiume, formando una stretta gola 
in prosecuzione della valle alpina (sez. 10). 

Sulla sponda di Tremosine, poco vi è da osservare all' infuori 
deUe solite ripiegature d'estremità (lias e gim:a contro la dolomia), 
le quali facendo atBoiare un lembo di strati giuresi, ofi'rono alciui 
campioni di pirolosite poco lungi dalla chiesa di Sarmerio e nel 
cast^eto detto di Gamarle. Ma sulla sponda di Tignale la cosa 
è ben diversa j qnivi non v'è sottoposizione, ma jnxtapposizione 



>dbyGoogIe 



OSSERVAZIONI GEOLOGICHE BULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 27& 

di masse, e la valle dì Bregno, ohe scende al Some di S. Michele 
tn pendii miìcUiiici di dolomia, trovaai d'un tratto sbarrata al 
suo sbocco da questo grande bastione calcate, fesso da un' orrida 
spaccatura che permette appena lo sfi:^ delle acqne. 

Per fonn&rsi on' idea piti esatta della complicata struttura 
dello sperone dolomitico di Tignale, fa d'uopo studiare la sua se- 
zione (sez. 10). La dolomia formante il detto sperone ha i banchi 
incliaatì a nord ed appare tutto all'intorno circondata dalle marne 
della creta e dalla serie giuia-liasica; non è però uniforme la 
struttura di queste &lde, perchè sol versante di sud tutta la serie 
vi è ripi^ata a C e sottoposta alla dolomia, mentre che sul ver- 
sante di nord-est vi è semplicemente juxtapposta, formando la 
continuazione di quella di Tremosine: le due serie vengono poi a 
congìungersi al M. Castello, ove la creta s'interrompe (forse per 
denudazione avvenuta all'epoca glaciale), ed il lias del pendio di 
nord-est si sovrappone al giura del pendio di sud, formando la 
stranissima rupe detta Dosso di Cas (m. 779) e M. Castello (690). 

La serie di nord-est è disposta a blanda sinclinale, in modo 
che verso la valle alpina e verso il lago affiorano i banchi del 
Daehtiein, e nel mezzo si trova la successione dei piani mesozoici 
regolare e completa. 

Allo sbocco della V. di Bregno ove la sola corna affiora nuda 
e compatta, troviamo tu lembo di scista neri della creta, che si 
posa direttamente su dì essa, formando la continuazione degli affio* 
ramenti di Tremosine e Tignale, come risulta spiocatamente dalla 
carta geologica (sez. 7) e come più sopra si accennò parlando del 
Daelulein. 

La rupe forma quivi un piccolo altipiano (m. 620 sul mare), 
che continua lungo tutto il pendìo verso il 1^, quasi fosse pro- 
dotto da un' erosione glaciale che abbia asportato i banchi liasici 
dislocati, emergenti dal livello della corna, per la sua compattezza 
meglio tetr^ooa ai grandi sconvolgimenti; qaesta ipotesi sarebbe 
confortata dal btto che la creta, formazione assai più erodibile, 
è totalmente scomparsa dal detto gradino e non si riscontra che 
ben ritirata contro le dolomie. 

Un fatto simile osservasi anche a Tremosine, nella valle di 
Brasa; stando sul colle di Voltino sì scorge d'un tratto una serie 
di altapiani a livelli poco differenti coronati dalla maiolica e denu- 

16 



>dbyGoogIe 



276 A. cozzAQLio 

d&tì dalla crsta, i quali faDoo seguito agli altri, nn po' piit elevati, 
della morena di Vesio e che tutti insieme, prima dell'erosione 
posi^Iaciale, dovevano formare l'ampio fondo della valle. Anche 
quivi la creta si mostra soltanto addossata contro le dolomie, ma 
il fatto che piil di tutti parla in favore dell'erosione glaciale è 
l'emonue quantità di materiali angolosi giuresi, liasiei e cretacei, 
di cui sono sparsi i' pendii morenici dì Vesio, M. Zenone, T. di 
S. Michele ecc. - 

Vista dal lago la V. di S. Michele ai presenta aperta tra rapi 
a stratificazione uniclinale, senza traeoie dì salti preesistenti, qiusi 
fosse una semplice valle d'erosione. Il fatto è notevole, perchè 
quasi nc^malmente al lago esìstono molti piani di salto evidenti, 
in prosecuzione di pendii e non di avvallamenti dinotando che esse 
sono l'immediato effetto delle diverse modalità della sottoposùàone 
della serie liasica alla dolomia. 

Invero, tra l'escludere un salto che iniziasse la spaccatnra del 
fiume e l'ammetterà la esclusiva origine per erosione ci corre molto; 
ed osservazioni accurate dinotano che la fendìtnia è intemamentti 
prodotta dall'accentuarsì dell'apertum delle valli in sonito a feno- 
meni forse bradisismici ohe escludevano scorrimenti verticali (')■ 

M. Castello di Tignale. — L'alpinista, ohe passa da Tignale, 
non ommette certo la salita del M. Castello perchè da esso si gode 
uno dei m^liori panorami del lago; ma se quella rupe è bella per 
l'alpinista, altrettanto è interessante per il geologo. Infatti questi, 
cercando di spiegarsi come lo straordinario diiapo del dosso dì Cas 
torreggiante sol li^ per 715 meirì possa essere quasi tatto costi- 
tuito da banchi giuresi, intende tosto come ciò dipenda da no 
forte scorrimento, L, nel senso della linea del l^o, pel quale la rupe 
del M. Castello appunto costituita dalle rocce giuresi che quìri 
hanno per se stesse un grande sviluppo, sia scivolata in gran parte 
sotto il dosso di Cas, elevandolo di 100 metri « mettendo in sì 
balla mostra quei pittoreschi scaglioni liasiei. Studiando poi par- 
ticolarmente il M. Castello si vedrà come esso sia l'ultimo avanzo 

(■) Sezioni frasreraali partìcDlareggiate della valle mettono in evidenz* 
alconi diaturbi della GtratìficazioDe liasica con assi paralleli alla valle ; il che 
accerta essersi colà da tempo manifestali potenti sforzi connganti, i soli ]>ro. 
dottori della valle, dopo dei quali l'erosione non fece che ampliare il vano 
<ta essi ìnìiiato. 



>dbyGoogIe 



OSSERTA7IONI GEOLOGICHE SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 277 

d'una anticUnale squarciata b (non già la primitÌTa descritta piti 
aopra), di cui ai rìscontraDo ancora gli avanzi sulla sponda del 
1^ in qoei banchi più resistenti di lias inferiore che non sono 
crollati (sez. 8). 

Il crollo di questa mezza montana è certamente un fenomeno 
postglaciale, come gli scoscendimenti delle rupi di Tremosine; 
perchè nelle molte depressioni non si osservano treccie di depositi 
faciali, uè sulle sporgenze si redono arrotondamenti, il che fa 
grande contrasto coi pendii che guardano a monte sparsi di ma- 
teriali glaciali, e col piccolo aico morenico del varco di H. Ca- 
stello sopra gli altipiani coltivati di Frabione. 

Nel tratto da Limose a Gargnano il M. Castello di Tignale 
se^a. il punto in cui la dolomia ha la minima distanza dal li^o; 
essa sì computa di soli quattrocento metri per la qnal cosa se 
non vi fosse una sottoposizione della serie giurese alla dolomia, 
con un'altezza di 600 metri quella massa non figurerebbe che come 
un semplice mun^lione di rivestimento, ed il fenomeno sarebbe 
davvero sorprendente. 

Pendio di Tignale. — Sulla riva del 1^, poco a sud del 
M. Castello sta il porto di Tignale o Prato della Fame, ove si 
osserva ana struttura tectonica che precede d'una fase quella stu- 
diata nella Valle del Ferro. Poco al di sotto del ciglio di qne) 
precipizio si vede la rottura dell' antìclinale ; i banchi della collina 
inclinano a nord-ovest e quelli che rimangono verso il lago sono 
ripiegati a sud ; una pressione laterale produrrebbe tosto uno 
scorrimento con sovrapposizione dei primi ai secondi; ma quivi 
invece, verso il li^o, la traccia dell' anticlinale non è riscontrabile 
(^e davvicino e dopo di essa si vedono soltanto rupi liasicbe a 
ptfpendicolo, con ondulazioni di cui l'asse è normale alla sponda 
del lago. 

Gli strati del pendio di Tignale finiscono pure contro la do- 
lomie, e prima di tatto fa daopo citare il grande riversamento che 
ripi^ tutta la serie compreso no lembo eocenico; questa curva 
con duplicazione della serie incomincia nei pressi del M. Castello, 
a sgiegandosi chiaramente sopra Olzano finisce verso la località 
detta Le Fornaci, continuando poi a Gaes e Semiilt con arriccia- 
tura e salti meno importanti. 

In posizione normale la serie contìnua poco disturbata scen- 



>dbyGoogIe 



278 

dendo il pendio fino al lìaa inferiore, ma quiri un salto brasco, 
a forae ancor quello che fende il M. Caatello, produce «no BCor- 
rimento del lias superiore a selci variegate sotto gli strati bianchi 
n sc^lioni -probabilmente del piano di Saltrio; ripresa cosi la 
serie alle selci rariegate essa continua scendendo fino alta coma 
sotto Piovere intaccata dalla profonda valle omonima che mette 
io mostra le stupende testate liasicbe. 

À Tignale la serie in discorso si biforca perchè interrotta dal 
M. Denerro; uno dei rami ai avanza verso sera passando per 
Vìone, Calabria e Pobbia e si congiunge coi depositi della valle 
della Costa, l'altro si spinge a S. 0. lungo la sponda del lago 
escludendo per buon tratto il Malm e la creta, 1 quali non riap-* 
pariscono che dopo la valle della Piazza nei pressi di Musloue. 

Monte Denervo. — Questa mole è prodotta da ud" ampia infles- 
sione della corna, che quivi forse assai più sviluppata che altrove, 
non potendo sottoporsi alle dolomie, si elevò fino a 1460 metri. 
Tale iufiessione fu preceduta da una spaccatura \ diretta da nord a 
sud. effetto Immediato del primo impulso corrugante, la quale osser- 
vasi oi'a al piede delle rupi sul pendio di sera. 

Diviso cosi il monte in due masse indipendenti, il lembo 
orientale formò un'ampia volta cupoliforme che verso il li^o s'in- 
flette con una anticlinale adagiata e poscia stirata, rovesciando la 
scaglia rossa ed il Malm, e traendo seco sul pendio di N. E. 
gran parte delle stratificazioni di Tignale ove sembra essersi co- 
stituito un asse secondario di corrugamento che dà alla struttura 
di quelle colline una fisonomia diversa da quelle che d'ordinario 
si osservano a Tremosine. 

L'emersione di qnesto monte produce un grande arretramento 
delle dolomie ; e perciò in planimetria eese si vedono cingere l'esten- 
sione cretacea allontanandosi quasi 6 chilometri dal I^ (Posso 
di Fobbia) ed affettando quasi la forma d'una parabola, di cui 
il fuoco sarebbe occupato dalla cima del Monte Denervo. 

Sbando dunque questo monte con una sezione da ovest a est 
si vede che sul versante occidentale (T. della Costa) la creta, 
dopo essersi sprigionata dalle dolomie sotto cui si trova al villaggio 
della Costa, risale in banchi inclinati il pendio del M. Denervo 
e s'appoggia direttamente alla conta, che quivi sorge bianca e nuda 
in aspetto talora pittoresco. E qui come alb-ove (V. di Bregno e 



>dbyGoogIe 



oaaBRvAziOM GEOLoaicBE sulla bit[eba bbesciana ecc. 2T!> 

M. Castello) oaservansì bu pel pendio dei lembi isolati di maroc 
della creta verdognole e nere ; dei qnali il più strano è quello che 
si trova presso la caaetta di Nangoi (sei. 9). 

Ma il salto brusco della coma alla cieta, risalendo la valle, 
si spiega benissimo : lembi liasici e giuresi appaiono talora ai 
piedi della rupe, e più sopra (Nangoì e Fobbia) trovasi la serie 

'filare, adagiata sulla eorna, senza che vi manchi alcun piano 
intermedio. In una parola, la creta che sta alla base della coma 
è la continuazione di quella che in serie regolare la ricopre; e 
ciò avviene per mezzo d'un raccordamento, che potrebbe dirsi eli- 
coidale, che nella tectonica dei nostri monti si osserva assai 
spesso, in grande ed in piccola scala. 

Pendio di Gargnano. — Le balze dirapate e frananti, che 

' formano il così detto Monte Cornerò, sopra Oatgnano (m. 1281). 
sono costituite dalla citata curva ad 2 : vera antieltnale adagiata 
della eorna, la quale racchiudendo nella concavità inferiore la 
serie cretacea e giurese raddoppiata a C, prosane fin oltre Mu- 
slone; andando verso il pendio di Tignale, e precisamente alla 
valle della Piazza cessa bruscamente la serie del Malm e della 
creta, e nel recente scoscendimento sì ravvisa la sovrapposizione 
del lias superiore che poi con varie inclinazioni si raccorda a Pio- 
vere colla serie della valle di Tione. 

Le rupi di questo pendio si presentano in strati regolari, di- 
sposti a blanda sinclinale, e finiscono bruscamente nellolìveto dì 
Galgano, ove lo sguardo è attratto dalle balze dì Comero che sì 
ei^no sopra il dolce pendìo. 

La sovapposizione della dolomia alla creta non cessa però 
col sorgere dei M. Denervo, ma lo gira a nord varcando, il passo 
di Fobbia e scendendo nella valle della Costa. A mezzodì del detto 
monto, l'aspetto della regioue cambia affatto; perchè sopra tutto, 
le rapi che solvono dal lago, oltre Gargnano cedono il posto ai 
vaghi altipiani abbelliti dai depositi morenici. La tectonica di 
quelle alture risulta evidente dalle sezioni II, 12 e 13, ove si 
vede come le pressioni laterali abbiano poderosamente ripiegato 
la formazione cretacea in modo da ridurla tutta in una serie dì 
strati quasi verticali, con ripiegature a A ed a V, che manten- 
gonsì costanti su tutta l'estensione delle colline. 



>dbyGoogIe 



A. COZXJlGIAO 



Terzo tratto. 



Questo è il più ameno di tutta la Riviera ed ha per carat- 
teriBtica le coUine cretacee che sì stendono da (rar^ano a Salò. 

Vi persiste fino alla valle di Toscolano la sottoposizione della 
creta alla dolomia principale, oltre il qoal lìmite essa piil non si' 
verilìca; e Terso NO ai ha il raccordameoto delle formazioni della 
UÌ7Ìeia con qnelle della Valsabbia. 

Lungo questa linea gli strati cretacei sodo quasi sempre di- 
slocati fino alla verticale e formano in generale tre anticlinali ohe 
si susseguono, qui indicate con a,bBc. 

Colli di Gargnano. — Il nucleo calcare del M. Denerro spa- 
risce d' un tratto sotto il lias di Sasso, ed a Liano affiora l'ultima 
traccia dei depositi giurasi, più in giù tutto è scaglia e neoco- 
miano, ad eccezione di piccoli affioramenti di selci variegate ani 
fianchi del M. Àvertil. 

Scendendo poi alla valle di Toscolano, riappare un nuovo nucleo 
calcare di corna formando con un'anticlinale adagiata lo strano di 
rupo detto il Castello di Gaino (868) ove la serie si rovescia in 
modo analogo a quella di Oargnano ; a monte di questa rupe, nella 
località detta le Camei'ato finisce la sovrapposizione della dolomia 
alla creta, e la corna pi-ende il posto del poderoso oppressore. Una 
sola occhiata alle &Ide del monte Pìzzoccolo persuade anche un 
profano della realtà di questo fatto. 

Monte Pizsoccolo e M. Castello. — Risalendo la strada che 
va da Gaino alle Camerate, si osserva prima la corna del monte Piz- 
zoccolo ^vrappoi-si all'intera serie giurassica ed alla cista, schiac- 
ciandola e frangendola all'eccesso; indi subentrare da sola a for- 
mare la gora del fiume ed ambo i pendii dei dirupi laterali, per 
poi riaprirsi e lasciar di nuovo il posto ai depositi cretacei. 

Tanta massa calcare, accumulata in quella guisa non può 
spiegarsi che con ripiegature le quali possano moltiplicarne lo 
spessore. Difatti, portandosi su per la valle dirimpetto alla balza 
principale del M. Fizzoccolo che guarda a nord, se effetti di pro- 
spettiva non traggono in errore, si scorgono benissimo le ripiegaturu 
poco al di sotto della cresta qui riportate nella sezione 15. 

Tale ripiegatura ammette per conseguenza l'altra sottostante 



>dbyGoogIe 



OSSERT AZIONI ( 

e quindi la triplicazione della massa. Per il monte Castello invece, 
la ripiegatola e si pronnncia blandemente, lasciando la e sulla 
siaistia del fìame, ove forma la cima del detto monte, come ri- 
salta dalla aez. 14. 

L'asse di qneste contorsioni è parallelo a quello delle rìpie- 
gatore della scaglia della Eivian dì mezzo e a quello del lias 
della valle di Ciglio presso Vobarco, formante il contrafforte che 
sc^de a Salò, e perciò a quello di tutta la Biriera bresciana. 

Anche qaì, come nel M. Denerro e come a Tremosine, il 
piimo effetto della grande pressione laterale fi) la divisione della 
massa in dae altre indipendenti, per mezzo d'nna frattura quasi 
normale all'asse di corrugamento: IL M. Castello ed il M. Pizzoc- 
colo rappresentano queste due masse, separate dalla primitira frat- 
tura; il primo fiembra una duplicazione, il secondo una tripli- 
cazione della origìBaria potenza dulia corna. 

La base a nord del M. Pizzoccolo è costituita da nna dolomia 
bianchiccia, facilmente erodibile che probabilmente è la stessa do- 
lomia principale dei monti attigui, che si osserva risalendo la 
valle di Archesane fino al passo dello Spino: tra questo passo ed 
il M. Pizzoecolo appaiono d'improvviso i calcari del lias inferiore, 
noD sovrapposti, ma jnxtapposti alla corna, e da quel punto essi 
sembrano amnoantare con blande curvature il pendio meridionale 
del M. Pizzoocolo fino alle cascine Ortallo sopra Sanico, sncce- 
dendori poi in serie regolare tutti gli strati fino alla creta. 

Dal passo dello Spino il Dachstein o corna procede verso 
sera formando le cime dello Spino e Marmerà con facies talora 
dolomitica, l'affiorameuto continua poi con facies calcarea fino a 
Vobarno. 

Andamento degli strali retici. — Gli strati retici nel corru- 
gamento della iiiviera non hanno a&tto gran parte, in primo luogo 
perchè a mattina della valle di Toscolano, verificandosi la sottopo- 
sizione della creta alla dolomia principale, essi vengono a trovarsi 
in capo alla serie ed in relazione ci^li strati giuresì di vai di 
Ledro ; in secondo luogo perchè dove potrebbero affiorare, e cioè 
nel tratto dalla valle di Toscolano a Vobarno, essi furono sotto- 
posti ad enormi scorrimenti che trovando nelle loro marne infe- 
riori a bactrillii un piano di facile scivolamento, furono in gran 
parte obliterati da faglie. Sul versante nord dei monti Spino e 



DigmzedtìyGOOgle 



Marmen essi Tennero d^Ii scorrimenti della corna ripiegati e 
rovesciati (set 17) ìndi nascosti in modo che la corna si trova a 
contatto colla dolomia principale in tutto il tratto della valle Dp* 
g^na fino a Pavone ove essi comiaciano ad affiorare, qraai fossero 
li arrestati durante lo scorrimento che avrebbe dovuto &rU eparìre. 

Nel tratto dalla Val Sabbia alla Valtrompia, eccettuate le 
interruzioni del passo dì Magno e della valle di Valilo, essi afHo- 
raoo con quella regolarità quasi maestosa che caratterizza le loro 
cime, e ben semplice è k loro tectonica nella serie di altare che 
va da Gavardo a Nave ove essi continuano con singolare sempli- 
cità di motivo orografico la serie triasica oongiungendola alla coma 
del M. Dn^one. 

Colle di S. Bartolomeo di Salò. — La collina di S. Barto- 
lomeo sopra Salò è ima delle pit importanti per la geologia del 
lago di Garda, fissa forma l'ultima diramazione di quel contraf- 
forte oblungo che scende dal M. Spino separando la valle dì Coglio 
da quella Suro.. 

Agli strati liaeici arricciati e recanti alcune ammoniti femi- 
ginose, I^i siliciziati ecc; s^uono i calcari neocomiani e la sci^Ua 
rossa, in modo che biforcandosi la collina per formare \& valletta 
dei Rii, i primi restano sul tratto verso il Chiese e la seconda si 
porta verso il lì^. Su ambedue queste alture trovasi un lembo 
di conglomerato miocenico (') leggermente ioclìDato a SE. Il lembo 
verso il Chiese, che posa sul ueocomiano, è poco esteso ; ma quello 
che sta sulla scaglia, oltre all'occupare tutta la cima del colle, si 
stende giù per la china fino al 1^, al palazzo Martinengo, e sul 
fondo della valle di Barbarano ; dove espandendosi sulle testate d^li 
strati verticali, ne regolarizza assai bene il profilo. 

Sopra il piccolo villaggio di S. Bartolomeo il conglomerato 
si vede rotto da salti e foggiato a mo' di scogliera, in cui sì de- 
positarono potenti letti di sabbie plioceniche, con fossili marini, 
rotte poscia da piccoli scorrimenti (sezione 18). 

Fa d'uopo quindi concludere 1° che avanti l'epoca del conglo- 
merato miocenico la massa del rilievo era già abbozzata e che i suoi 

(') La callina di S, Bartolomeo fu per la prima volta accennata dal Bit- 
tnei, egli perb non fi;ce studi sn^li interesaanti depositi del calmine, ma ne 
parlò in modo affatto sTt^eiScìale ^ì d^itaìo : Diluviale und recente bildttngea. 
fog. 340, op. cìt. 



>dbyGoogIe 



OaSBBVAZIOM OBOLOOIGBE SULLA f 

strati ÌDcUnavano rerao il lago; 2° che a monte furvi denudamento 
dell'eocene e della scaglia lasciando a nudo il neocomiano ; 3" che 
dopo il pliocene e prima della grande espansione morenica (■) il 
colle si golloTÒ all'altezza attuale, probabilmente in massa, lasciando 
seoirere gìil per la china alcuni banchi di conglomerato fino al lago. 

I fianchi occidendali di questa collina sono lambiti dal Chiese 
in quel tratto in cui ripiglia la direzione dei l^hi, uscendo dalla 
stretta di Vobamo, alla quale esso giunge percorrendo Ss da 
Sabbio nna ralle trasreraale in direzione da ovest ad est. 

Cenno sulle colline della catena Vobamo-Rettato. — A 
Vobamo la coma che scende dal M. Spino sembra eraere stata 
bizzarramente sconvolta, ma per la confusa stratificazione ed i 
piani di rottura delle sue masse, non si può rilevarne esattamente 
la stmtttua; sembra però che sulla sponda destra del Chiese, di 
fronte alla ferriera, esista un marcato rovesciamento, mentre che 
sulla sinistra l'arida rape detta 11 Siogol sia formata da una sem- 
plice JQitapposizione di masse con soppressione .del retioo sotto- 
stante. 

Dati questi sconvolgimenti della coma, gli strati sovrastanti 
devono aver subito delle più energiche dislocazioni, ed appunto a 
sera di Tobamo troviamo sotto il villanie di Moglia un pic- 
colo sperone del monte costituito dalla serie ginraliasica ove le 
selci policrome si mostrano anche a distanza ben rosseggianti, e 
vengono scavate come materia silicea per la ferriera. Questo lembo 
cosi isolato forma perciò una ecoezione nella gran linea d^li affio- 
ramenti ginraliasici, e non trova altra spiegazione fuorché quella 
del totale denudamento deUe rimanenti stratificazioni dopo che 
queste furono squarciate dalla coma. Esse però ricominciano {fyato 
nel ietto del Chiese appena oltrepassato il ponte dì Yobamo e da 
quel punto salgono a formare l'irto sperone su cui sorge la rocca. 

In questa località il Chiese con una marcata risvolta riprende 
la direzione dei laghi infilando una sinclinale assai dissestata a cui 
metton capo gli strati di Prandaglio e di S. Bartolomeo, ma nella 
località détta i Termini le colline moreniche del Garda prendono 



(■) La linea snpeiiore delle moreDe beDocenei cinge questo colle ad un 
livello molto inferiore di qoello delle iabbie plioceniche come aaseriece anclie 
il Taramelli. Spiegazione della caria geologica della Lombardia, pag. 86. 



>dbyGoogIe 



ad oriente il posto delld ginresi, o per meglio dire, sbarraDo fin 
varco lasciato da qaeste, e per il quale ora ai discende a Sàio. 

Poco dopo i Tonnini la sinclinale sì chiude ancora col sor- 
gere del H. Corolo, piccola altnnt degna di studio perchè pre- 
senta, direi qoasi, un esempio elementare su piccola scAla di tàò 
che altrove osserrasi in grande. Quivi infìitti in poco spazio abbiamo 
la rupe formata daUa corna, che sorge da piccole altare cretacee 
e reca sul doieo la serie regolare del lias, del Malm e della creta, 
che poi si raccordano coi primi lembi per mezzo d'usa oudulazione 
elicoidale, simile a quella del M. Denerro. 

Più a sud continuano gli altipiani e le colline di Gavudo 
Mocasina e Bedizzole che formano la sponda sinistra del Chiese 
elevandosi sopra del suo letto di circa 60 metri. 

A Bampenìga sì trovano le ultime colline cretacee e contro 
di esse eoa forte discordanza s'app<^a la serie neozoica interea- 
saotisaima che vedesi molto distìnta nei valloni di Burago e Gal- 
v^ese (vedi sex, 19). 

E questo per il lato sud-est della sinclinale. 

Verso nord-ovest detta piega vien formata dalla linea di alture 
che va da Vobamo a Gavardo colle piccole cime della Madonna 
della Neve, dì Selva Piana, Tre Comelli, ecc., ed in questo tratto 
il salto faglia F studiata lungo tutta la Biviera fin da Limone 
S. Giovanni, si osserva costantemente ai piedi della dolomia, ove na- 
sconde spesse volte gli strati retici, sicché la corna ìd moli talora 
isolate posa ancora sulla dolomia, come in Val Degagna. La linea 
del salto percorre le felde nord del M. Selva Piana (') e va difi- 
lata al passo di Magno, ove sì cela anche la corna; e la dolomia 
quindi si trova a contatto con quel lembo liasico, che risale il 
pendio sinistro della V. di Vallio. Tale disposizione è facilmente 
comprensibile, allorquando si concepiscano le masse rocciose, rese 
indipendenti dal salto, disporsi per proprio conto in ondulazioni 
diverse, le quali possono mostrare o nascondere molti piani della 
serie mediante semplice juitapposìzione. 

■ I calcari hloccosi della corna che costituiscono la cresta di 



(•) Questo salto, come quello della V. Duga^a guarda a nord. Tntti gli altri 
SODO simili a qnella del M. Baldu e sono in generale uriontati secondo l'asse 
del fascio Btritigratìco dt-lla Riviera. 



>dbyGoogIe 



OBSERTAZIOSI GEOLOGICBE BUILA RtTtEBA BRESCIANA ECC. 285 

> queste alture, dice il Bìttoer, sembrano essere stati sospiutì al- 
' rinfnorì e sovrapposti a strati più reoenti; a snd sotto di essi 

> preBenta£i il giura sup., il biancone e la scaglia, dapprima in 
I posizione roTOSciata i quali formano una sinclinale obliqua entro 

> cui Teggonei a Prandaglio ancora gli avanzi di marne eoce- 
-• nìèlie > C)^ 

Il rovesciamento di cui qui si parla si può osservare spicca- 
tissimo nella valletta tra Prandaglio e Maudallo, ma in quella 
che sta a SO. di Prandaglio la coma prende il posto delle sovra- 
stantl formazioni, e queste non si trovano che in lembi assai limi- 
tati retso il tfaalwegh del Chiese. Certamente in questo tratto il 
rovesciamento della serie provocò la totale sua abrasione ; di essa 
però resta ancora un- lembo abbastanza esteso nei dintorni di Qua- 
rena, dal qual punto mantenendosi in banchi molto inclinati sale 
il pendìo fino a Passo di Magno finendo quivi contro il retico e 
la dolomia. 

La serie giuraliasica oltre la valle di Tallio riappare ai Tre 
Comelli sopra Gavardo, ma poi scoadrado all'altipiano dì Serie 
dà loogo ad una tectonica assai bizzarra e non ancora sufficiente- 
mente studiata. 

In questo altipiano, che da solo potrebbe fornire materia per 
una monografia, la corna con blande ondulazioni forma l'ossatura 
della regione, e su di essa in lembi dispersi osserviamo le strati- 
ficazioni sovrastanti in cui sembra soppresso il lias inferiore; specie 
sotto l'abitato di Castello di Serie il dissesto fu così energico e 
radicale che in luc^o di stratificazioni non troviamo che frantumi 
ove l'acqaa fa un enorme sfacelo. 

Nel sovrastante altipiano detto di Cariadeghe una staordinaria 
quantità di pìccoli crateri forano una vasta estensione costituita 
in parte da strati della corna ìs posizione quasi verticale, passante 
poi verso nord al sottot>tante retico meno inclinato. Tutto il sistema 
trovasi in pianta disposto in ampia curvatura colla concavità a 
nord, ricacciando a sud 1 tormentati lembi liasìci e cretacei di 
Castel di Serie e V. dell'Ora. Per tal modo l'ampia curva plani-alti- 
metrica di Serie può dirsi quasi il raceordamento del gran Ascio 



{') Bittner, Sulle formaiioni pia recenti delle Alpi bresciane. Bolle*- 
tino del R. Comitato geologico, 1883, N. 9 e 10, 



>dbyG00gIe 



886 A. cozzAGLio 

stratigrafico della Biriera con quello noa meno grandioso e più 

complicato della V. Trompia. 

Tutta la superficie della corna trovasi quiri irta dì punte e 
massi bizzarri, focati a punte e a teschi l:od occhile, con tutte 
le cavità riempite di terra rossa. Perciò questo altipiano richiama 
i noti fenomeni del Carso e ad esso si pud applicare quasi lette- 
ralmente quello che lo Stoppaoi dice delle isole del mare Egeo 
nel suo viaggio a Damasco. 

Gli strati quasi verticali e la curvatura formano un ampio 
sistema di fessure Q) e quindi grande richiamo d'acqua nell'interno 
della montana, produeendo poi per erosione quei bizzarri allinea- 
menti di anticrateri che danno al paeei^gio un' impronta caratte- 
ristica. Ad un'idrografia subaerea si sostituisce quindi una idrografia 
sotterranea, e qui lasciando a parte i discutibili esperimenti fatti da 
alcuni bresciani su tali ricerche idrograficlLe, mi limito ad osservare 
come tutto l'altipiano sia perfettamente a secco (^). Certamente, 
quella terra rossa, le rugosità della corna e forti incrostazioni cal- 
cari dinotano con evidenza una regione esposta alla erosione me- 
teorica per lunghe epoche e probabilmente fin dal primo solleva- 
mento posteocenìco. 

M. Maddalena. — Come sperone del M. Dragoncello abbiamo 
finalmente il M. Maddalena, dì cui l'asse di corrugamento è di- 
retto da nord-nord-est a sud-sud-ovest, quasi parallelamente a 
quello del M. Baldo. Esso rappresenta l'ultimo stadio d'un anticli- 
nale adagiata, stirata e rotta, come quella del M. Gomero; offre 
il pendio di sera quasi interamente costituito da strati liasici poco 
contorti, e la cresta da un affioramento calcare di Bachsiein e 
di lias, che poi precipita a mattina con una rupe molto scoscesa, 
passante in basso a dolce pendio coltivato. 

Gli strati liasìcì, gìuresi e cretacei s'avanzano dall'altipiano 

(■} Siccome poi gli strati ìcferiori del relico sono moHo marnosi e fria- 
bili, probabilmente per lo fratture della sottostante dolomia ÌDCorvata e per 
la forte pendenza dei bsDcfai avvenne col passaggio sotterraneo delle acque 
una grande erosione e quindi formaiioue di caverne di richiamo delle acque 
ed anche dì materie couTogliate. 

(*) ÀI piede della rape ove finiace nella pianura lo sperone sud del H. 
Maddalena, e precisamente appena fuori del villaggio di H, Eufemia, si os- 
servano abbondanti e limpide sorgenti, di cui fa cenno anche il Cnrioni, op, cit. 



DigmzcdbyGoOglC- 



03SERTAZI0.NI GE3LOGICBE BULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 387 

dì Serie (') verso il M. Maddalena e qui si riversano formando li 
passo di S. Yito. iadi sottoponeDdosi ai calcari della cresta, scen- 
dono a formare il dolce pendio dì mattina, lungo il quale riscon- 
trasi tutta la serie Talare dalla corna alta creta superiore l^ger- 
mente inclinata verso il monte (^). 

n ealto che fende per lungo il monte si trova sul pendio di 
mattina ove le marne rosse della creta finiscono contro la corna, 
lasciando scorgere in certi ponti lievi affioramenti di neocomiaso, 
che assicura come il rovesciamento del passo di S. Vito persista 
lungo tutta la linea del salto. 

All'estremo sud ove il monte si fende, formando la T. Carebbio 
che sbocca nel villaggio di 3. Eufemìa della Fonte, ambo i pendii 
sono costituiti dalla sola corna, che lì rende brulli ed arìdi oltre- 
modo; e verso lo sbocco il salto che percorreva il fianco dì mat- 
tiua, piega ad angolo quasi retto e taglia il letto della valle in 
direzione da est ad ovest, lasciando a sud le ultime altare aventi 
i banchi con inclinazione opposta alla predominante in tatta la 
montagna, e recanti in basso un avanzo di formazione lìasiea (*) 
poco inclinata, osservati anche dal Canoni. 

La spaccatura che attraversa la valle è totalmente riempita 
d*ima specie di conglomerato di frizione: ossia d'una breccia di 
grosso spessore, formata da ciottoli e scheggio giuresi. cementate 
da una dura pasta verdastra*, presentandosi come formazione inter- 
stratificata sella corna o, per m^lio dire, incastrata in essa. 

Donde vengono quei ciottoli giuresi, quando né il bacino né i 
dintorni possono iomirliP 

La sovrapposizione della eorna alla creta ed alle formazioni 
ginred può spiegare il fenomeno, e quei frantami potrebbero de- 

(>) Le colline, che si steadoiio tra Seuftto e Gawdo, compteadono ui- 
clie gli ftltipiani di Serie e delle Tese con ntBoramenti di solo Dachìtei* che 
ne rende i pendii bniUi oltremodo; qa& e là si osserTano perù i citati lembi 
gìaresi staccati e franti. Questo è il caso dì on energico ricacc lamento di 
strati con ondulazioni Haperficiali e non troppo marcate, e per di pib arve- 
Dnte in epoche diverse, in seguito a spinte con diresioDi non parallele. Tatto ci'> 
cospira a Bnddividere e fratinrare lo masse gioresi soTraincombentì al Bach- 
ttein, faTorendone la degradazione ed anche la totale asportazione meteorica. 

[*} La sezione di questo pendio fu rilevata da Ragazzoni nel 1855, qaando 
ferrerà la controTersia sugli studi della serie normale. 

(») Op. cit., p. 258. 



>dbyGoogIe 



riv&re dal poderoso piallamento della massa sottostaote, che qui 
non si mostra, cementati io segnito dalla fooghiglia formatasi nello 
strofinamento. 

Ed ora siamo allo sbocco della V. Trompia ove cessa il gran 
fascio stratigrafico della Biriera Benacense, fondendosi cogli altri 
due della Binerà d'Iseo e dei colli occidentali aventi gli assi di 
cormgamonto in direzioni diverse. 

Il grande salto finora studiato prosegue sopra Nave, e trova 
forse la sna continuazione in quello che si osserva sulla cresta del 
monte presso la Madonna del Giogo tra la Valtrompia ed il lago d'Iseo. 

Cenno sulle formasioni triasiche delia Valtabbia. — A po- 
nente della grande f^lia della Bìviera Benacense la dolomia prin- 
cipale fonna quasi tutta la regione fin oltre il lago d'Idro ed alla vai 
Trompia con ondulazioni relativamente blande e cime poco elevate ; 
verso il suo ceutio questa grande estensione dolomitica viea pro- 
fondamente incisa dalla Valsabia i cai thalwegh risultano da due 
fratture principali quasi disposte a croce che mettono allo scoperto 
le sottostanti fonnazioni dei trias medio. 

La prima di tali fratture può dirsi la continu^ione della 
linea Merano-Idro; essa corre trasversalmente da Idro a Testone. 
Nozza e Lodrino offrendo al geologo ben poco d'interessante all'in- 
fuori degli strati raibliani 2. facies tufacea erosi dal Chiese; la 
seconda invece poco si scosta dalla direzione del meridiano magne- 
tico ed è marcata dal thalwegh del torrente Degnon^ e da quel 
tratto del Chiese che scorre da Nozza a Sabbio. 

Questa frattura è più brusca della prima ed assai più inte- 
- ressante perchè in luogo di svolgersi, come quella, parallelamente 
all'asse dì ripiegatura offrendo lungo il suo percorso la stessa serie 
di strati, ti^lia invece quasi ortogonalmente tutte le formazioni della 
valle mettendo in vista uno dei più istruttivi profili ddle nostre 
prealpi, nel quale figura tutta la serie triasìca dal Muschelkalk 
al Ketico. 

E sopratutto si deve osservare che il corrugamento fortissimo 
che si manifesta lungo questa linea è siffattamente localizzato che 
un profilo ad essa parallelo il quale si studiasse alla dutanza di 
tre chilometri a sera od a mattina, non offrirebbe che un sempli- 
cissimo andamento il quale può dirsi una frattura dolomitica pro- 
vocata dall'incurvarsi delle sottostanti masse del trias medio. 



>dbyGoogIe 



OSSERVAZIONI OBOLOOICUK SULLA RIVIERA BRESCIANA ECC. SSD 

La corrispondenza di tal linea di corrugamento colla massa 
por&rica che afSora nei dintorni di Baigfae e Fres^lia sopra on'area 
di circa sette clLilometri quadrati è cosi evidente che è giuocoforaa 
a questa attriboiine la causa, ma assai mala s'accorderebbe la 
vecchia teoria dei crateri di sollevamento coi fotti oaserrati e coi 
minati rilievi della località, perchè in base ad essi, quella massa 
eruttiva non è che nn espandimento dell'epoca ralbliana, il quale, 
formando quivi un nucleo resistente, toglieva alla serie di strati 
quella uniforme distribuzione di masse senza di cui un corroga- 
mento non può realizzarsi con andamenti r^olari. 

La causa prima del grande dissesto è ancora dunque la pres- 
sione laterale della cui origine qui certo non è il luogo di trat- 
tare, e la massa porfirioa non figura che come causa secondaria e 
eontiogente, che quivi dà luogo ad nn circoscrìtto disturbo stra- 
tigrafico, per meglio dire ad un energico rìcacciamento di strati, 
perchè essa loro contende il posto che dovrebbero occupare se le 
masse dei sedimenti fossero omogenee. 

La porQrite s'arresta bruscamente a nord alla base delle rupi 
che attraversano la. valle da Provaglìo a Meeenago in gran parte 
formate da una massa di calcare bianco eteropico di Esino (Wen- 
gener Biffkalk) il quale sembra limitarsi in Yalsabbia a quella 
piccola zona ; Bopra di esse e sopra la porfirite s'adagia ana gran- 
diosa asticlinale formata dai calcari neri del Muschelkalk a cui 
non sempre s'addossano i piani a Daonella Lommeli; viene poi a 
complicare in singolar modo lo studio dì questa regione una noassa 
eruttiva più antica di quella dì Bu^he^ che forma un espandi- 
mento tra ì piani del Muschelkalk e quelli a DaoneUa Lommeli. 
Questa seconda massa eruttiva si osserva poco lungi dal cimitero 
di Nozza, dal qual ponto risale il M. Fotfo per trovarvi poi sal- 
tuariamente sui pendii dì mezzogiorno, come pure succede sopra 
Frovaglìo, ove sembra che i due affioramenti porfirìci vengano a 
contatto in forza de! rivet^amento dell'anticlìnale del U. Colmo e 
U. Fumerai. 

La gamba nord di questa anticlinale ò coperta da an grosso 
banco di calcare nerastro a vene epatiche più propriunente ascri- 
vibile al piano del calcare lastriforme laiblìano che al piano norìco 
del calcare di fisino, il quale separa i scisti e le arenarie d'i Wengen 
a''Daonella dal raibliano tufaceo della valle dì Noxza. Tale banco 



>dbyGoogIe 



A. COZZAGLIO 



neraatro è quello che fomia il pìttorsiioo sperooe su coi pwa il castello 
di Nozza, e che poi ripetuto da altre forti ripiegature mostrasi a 
Vestone ed a S. Liberale, e nella ralle della Pertica forma qnel- 
rorìgioale dirupo che incontrasi poco prima di LerniDge. Ammesso 
dunque che il corrugamento provocato dalla reazione dei porfidi di 
Saighe sia localizzato lungo una lìnea di pochi chilometri di lar- 
ghezza, per lo studio della tectonica è del maeaimo interesse il 
sapere in qual modo ai bordi di tal linea avriene il passaggio allo 
blande ondulazioni della regione dolomitica. 

Geometricamente questo passaggio è possibile, « per un di- 
stacco che renda indipendente le due masse, o per una superficie 
sghemba la quale con. varie curvature passi dall'un profilo all'altro 
senza interruzioni. Il primo caso implica una grande vicinanza delle 
curve elevantisi alla massa reagente, e percifi l'assenza di strati 
intermedi che possano subire un adattamento qualunque ; il secondo 
caso invece presuppone una certa distanza tra le curve che pro- 
ducono colla loro elevazione il dissesto delle masse, e la massa 
inerte che, colla sua reauoae, tende a mantenere il primitivo anda- 
mento ; e qui appunto gli strati intermedi han campo di assumere 
una forma che può avvicinarsi a quella d'una superficie di raccor- 
domento, e senza fratture corrugare in modo diverso ì due estremi 
adattandosi simultaneamente alle due fbrme. 

Ameudue questi casi si avverano nei dintorni della porfirìte 
di Barghe, il primo sulla sponda sinistra del Chiese sopra i vil- 
laggi di Arveoino e Cedessano (Comune di Provaglio di sotto) ove 
una &glia porta gli strati del MusohelkaLt al contatto colla do- 
lomia principale ; il secondo tra Bioue ed il M. PofTe in cui gli 
strati raibliani e quelli a Daonella Lommeli assecondano a sera l'an- 
damento della dolomia principale che si stende sopra Bione, ed 
a mattina ammantano il M. Visello ed il M. Foffe assecondando la 
grande anticlinale degli strati del Maschelkalk. 

Nella valle della Pertica, e cioè lungo il corso del D^one 
che da Ono scende a Vestone. si osservano fenomeni simili ai qui 
sopra descritti, ma uscirei di molto dai lìmiti di questa breve me- 
moria so volessi anche sommariamente trattarne; non volendo adun- 
que allontanarmi dalla lìnea del Chiese, dirò che all' anticlinale 
del M. Colmo e Pumeral tien dietro a nord quasi parallolemente 
ad essa quella della collina di S. Liberale costituita dagli strati 



>dbyGoogIe 



CSSSRTAZIOM GEOLOGICHB BL'LLA BITIERA BRESCIANA ECC. 29] 

raibljani arentì per nucleo il calcare nerastro di Nozza e Vestone 
che pare affiora in piccole moli lungo la strada in prossimità del 
santnarìo. 

Qnesta piega, rasa più blanda, si estende fino allo sbocco del 
lago d'Idro ove si osserva una collina raibliana tond^giante re- 
centemente tagliata per ana strada comunale ; qn^li strati tanto 
erodìbili che brattengono le acqne d'on la^ dopo del qnale il CUeBe 
discende con fortissime pendenze, son certo documenti preziosi nella 
ormai Innga controversia glaciale per lo studio sull'orìgine dei ba- 
cini laeuetri, e non saprei come a eiò possano rispondere le teorie 
di Bamsa^ e Gastaldi. 

Il lago d'Idro sembra una anticlinale dolomitica squarciata 
e poscia fortetnente erosa dal Chiese, ma poi convertita in lago 
dalla morena di Idro che lo sbarra; emetto per6 con riserva questa 
opinione, perchè poco lungi dallo sbocco del lago una enorme frana 
avvenuta nel raibliano poco tempo fa, rende oltremodo difficile lo 
studio del sito. 

Nell'epoca postglaciale si verificarono anche su questo lago 
degli acoscendimenti, perchè a levante del M. Cocca, e precisamente 
al varco della strada che sale da Idro per condurre ad Hano, si 
vedono dei eonglomerati quaternari che sporgono come mensole sul 
sottostante pendio scosceso; la loro origine non può essere spie- 
gata che eoU'ammettere l'esistenza d'una vecchia cima dove tro- 
vasi la depressione a sud del varco; da quella cima ì detriti sa- 
rebbe seeti a formare i crostoni di conglomerato che poscia rimasero 
ìb posto dopo lo Bcoacradimento : a conferma di cid sì osserva ohe 
sai declivio meridioDale (ove ai suppone l'antico monte) non si 
vedono trsecie di depositi glaeialL 



>dbyGoogIe 



Tectonica generale e svolgimento 
delle fasi orogenetiche. 

Dallo studio delle sezioni e d^li andamenti plani- altìmetrici 
si scoile che la stratigrafia della Riviera Benacense è intimamente 
consta con quella del Monte Baldo; anzi ne forma la contì- 
nnazione. 

Il M. Baldo, preao nel suo insieme, è formato di dae enormi 
pile di strati, divìse da an salto che sta ad oriente delle mpi che 
formano le vette. La prima pila è qnaei orizzontale e la seconda 
è iu gran massa dislocata e disposta in sentita inclinazione verso 
il 1^0 ; di modo ohe le orizzontali del piano della stratificazione 
risnltano parallele alla sponda, ed il calcare di Dachttein che 
afSora sulle sponde dell'Adige, lo si rivede sulla vetta ('). 

Fochi monti offrono tanto estesi pendii, dislocati così a grandi 
tratti ed aventi contomi così regolari; la massa enorme presenta 
un'ampia curvatura di grandissimo ra^o, la quale raccorda gli 
strati della Siviera veronese con quelli an po' più inclinati delle 
vette, e perciò la grandiosa catasta riesce presso la vetta quasi 
perpendicolare all'altra linea di strati, pur essa blandamente ricurva 
colla concavitH in alto. 

Il pendio che scende al l^[o è bruscamente interrotto, a nord, 
dall'ampio avvallamento di Navene, che sta di &onte a Limone ; 
e da quel punto fino quasi di fronte a Gargnano, le testate si er- 
gono ad altezze press 'a poco uguali spingendosi oltre i m. 2200. 
Più a sud il crinale declina con grande r^olarità fino alla punta 
di S. Vigilio, proseguendo poi sotto il lago fino a Sirmione. 

Il sistema tectonico della Riviera è assai piU complesso e 
forma quasi l'antitesi di quello del Baldo. Alle grandi pile di 
strati, alle ampie curvature, ai profili regolari, si contrappongono 
formazioni est^ratamente contorte, capovolte, infrante e divise in 
molti lembi da brevi scorrimenti e da spaccature ; il tutto formante 
un bizzarro ed ameno paesaggio, che cambia veduta ad <^ni pie 

(') Lft aedone del M. Baldo si pn& consultare nell'opera del caT. Nicolts. 
Oligocene e miocene nel ùttema del M. Baldo. 



>dbyGoogIe 



E SULLA BITIEKA BRESCIANA ECC. 293 

aospinto e che aall'orizzonte lancia nna gerle sempre cangiante di 
irregolarÌBsiini profili. 

Presa nel suo iasìeme, può a grandi tratti defioirsì la Kiviera 
quale una semplice contionazione M. Baldo, che, cimentata da po- 
tentissimi sforzi, dorette sottoporsi alle dolomie del Trentino in- 
terrotta da scorrimenti che talora r^ginngono i tre chilometri. 
Tatto il grande sistema è precisamente riprodotto da uno dei tanti 
esperimenti del Daubrée salla ripiegatura degli strati e cioè quando 
si considera nna stTatificazlone compressa contro un ostacolo, presso 
cui si manifestano degli arricciamenti mentre l'altro estremo, sa cui 
agisce l'impulso, essa si stende a grandi linee ('). 

Si osserTa poi ona certa corrispondenza tra la conformazione 
orografica del M. Baldo e la tectonica della Ririera, arrerantesi 
a grandi linee; e che per l'anità del fenomeno orogenico paò essere 
causa di molti particolari teetonici delle colline bresciane. 

Le formazioni giurs-cretacee, che formano, qnasi direi il seguito 
del M. Baldo, sorgono sulla nostra sponda dopo avere con esso 
finrmata l'ampia sinclinale del lago, e cominciano a mostrarsi sol- 
tanto a Limone, appoggiandosi contro la dolomia principale che qui 
scende al l^o e sparisce sotto il retico di Fonale. 

Nella pl^a da Limone a Toscolano, osservasi in generale sotto 
la dolomia un riversamento della scaglia, del neocomiano, e talora 
anche del tit«nico e del lias, snssegaita dall' anticlinale secondaria ; 
dallo sfosciamento della quale derivarono i proverbiali dirupi del- 
l'alta Riviera, esagerati m altezza da scorrimenti a piano inclinato. 

Le varie strutture di quell'anticlìnale sono qui riportate sugli 
spaccati da cui si rileva la graduale evoluzione di forme che si 
pud co^ riassumere: 

1' fiise : Anticlinale intera, Bine (sez. 1). 
2" • Anticlinale appena squarciata. Prato della Fame. 
$• • Anticlinale squarciata con successivo scorrimento 
degli strati verso il lago sotto quelli della collina. Porto di Tre- 
mosine (sez. 4). 

Ma anche qui come nello studio delle evoluzioni in generale, 
si scorge lo svolgimento d'nn tipo in varie direzioni, in forza di 

C) Datibrée, Étudet ly^thétiqae» de Geologìe experimentale, pag. 2D0. 



>dbyGoogIe 



294 A. co'ZAGLio 

cauae seconde ; ed appunto ove ì materiali erano in banchi più sot- 
tili e flessibili avvenne una controcarra o riversamento alla base 
della rupe racchindente gli strati gtnresi e talora anche 1 cretacei. 
Da ciiì risulta la conformazione della sezione 2, ove un lembo cretaceo 
è riversato alla riva del lago, e lo scorrimento in alto ò molto più 
prouuDciato che al poi-to di Tremosine. Finalmente nella sezione 3 
si scoiano le più bizzarre pieghe Ìe\ lias e due lembi titonici 
staccati, l'ano sulla cima e l'altro alla base della rupe. 

L'antJcUnale squarciata con successivo crollo nel l^o del lembo 
orientale forma le rupi a picco dell'^c^tMi mpé, Campione e M. 
Castello; le quali ìu segmto a salti normali alla sponda, danno 
luogo a sovrapposizioni in senso longitudinale, esagerando le altezze 
delle balze (M. Castello, sez. 7 e 16) ; si hanno cosi tutte le 
forme attaali di quelle roccie a picco che tanto sorprendono, e 
per le quali è facile ricorrere ad ipotesi grandiose. 

Le dolomie, contro cai si ripiegano tali formazioni e che si 
mostrano alla riva del lago presso Limone, hanno gli strati di- 
sposti a curva blanda, interrotta verso il lago; e la massa Tiene 
solcata da vari piani di scorrimento, che rivelano la primitiva 
anticlinale, di cui s'è già fatto cenno, e dalla quale dipende il primo 
abbozzo della Riviera. Furono così lacerati i banchi sovrastanti e 
diviai in più masse, che poi Teaneto erose lasciando come ultimi 
avanzi le cime retiche di Tremalzo, Lorìna e M. Zingla. 

Questa anticlinale doveva essere in relazione coll'orognifia 
del M, Baldo, perchè con esso di primo getto abbozzata; in modo 
che alle variazioni altimetriche di questo ne corrispondessero delle 
planimetriche di quella. Colla carta geologica alla mano sì osserva : 
1° La dolomia si mostra fra Limone e Val di Panale di ftonte al 
M. Altissimo fino alla V. di Navene, ove comincia il M. Baldo (')■ 
2° Si mantiene a poca distanza dal lago in quel tratto che corri- 
sponde alle massime altezze del M. Baldo. 3" Ai isolare abbas- 
samento del crinale di questo, corrisponde un allontanamento della 
dolomia dall'asse del If^o. 4° Alle massime altezze del M. Baldo 



(■) La dolomia sparisce sotta i calcari che ecendono a Bìra in pran , 
massa. Oli strati liasici del jU. Altissimo inclinano verso il Ugo, accennando 
all'esistenza d'an salto sn1)acqaeo che prob abilmente svanisce a nord in nodo 
simile a quello del M. Denervo, cioè mediante un riccordamento. 



>dbyGoogIe 



OSSERVAZIONI GKOLOOICHB SLXLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 295 

corrispondoDO le sottopoaiiioni del tias e della coma alla dolomia, 
ó' Seemando quelle altezze, il calcare della corna o di Dachstein, 
qui probabiMente assai più sviluppato, si ribella alla sottoposi- 
zioae, fd inai-ca, e forma da solo dei monti. 6° Alle ultime col- 
line del M. Baldo corrispoode la sorrspposizione e la juxtapposi- 
xione della corna alla dolomii. 7° Lungi dalla sincliuale del l^o. 
cioè nella linea di alture che corre venio Brescia, non tÌ sono più 
ì grandi scorrimenti nel piani retici; i riversamenti però sono si- 
mili a quelli della Biriera, e forse il loro massimo dissesto ar- 
Tanne dopo il pliocene. 

Queste corrispondenze possono avvenire in causa di una sem- 
plice modalità del corri^amento primitivo, il quale s'iniziò con due 
assi concorrenti, effettuando perciò preeeioni ed elevazioni mano 
mano crescenti coU'avanzarsi verso nord. Il M. Baldo dislocato a 
linee sì grandiose, per la sua stessa struttura, sotto l'influenza 
delle ulteriori pressioni non piega che blandamente i suoi pendii 
in forza della sottoposizìone dell'altipiano orientale al pendio verso 
il lago, escludendo così le bizzarre ripiegature e le infinite circo- 
stanze di adattamento delle masse premute ; ma ben direno è il 
caso della Riviera Bresciana. 

Quivi la dolomia, ricevuto l'impulso primitivo, s'att^iò ad 
anticlinale isoclinica riversando gli strati liaeici verso il lago e met- 
tendosi a nudo. Proseguendo la spinta, ne venne la spezzatura e 
qnindi un scorrimento con juxtapposìzìone delle masse tanto più 
pronunciata quanto più lo era l'anticliuale dolomitica; dimodoché 
da Toscolano a Limone le marne della ereta venivano a trovarsi al 
labbro inferiore delle dolomie, e da Toscolano a Vobamo soltanto 
la corna vi si trovava a contatto, lasciando i sovrastanti banchi 
io preda alla degradazione. 

Nella terza fase prosegue il corrugamento. Le formazioni jnitap- 
poste tendono a compenetrarsì ; s'improvvisano cunei formidabili 
àie sforzano le rigide dolomie, gli strati si ergono, si spezzano e 
cadono per salto in firanmienti, oppure si capovolgono sotto il ca- 
rico immane. 

In questo grandioso strettorio, la pressione laterale può pro- 
durre tre effetti ben diversi: 

1" Se lo scorimento È molto pronunciato, gli strati della 
eorna, fui^endo da cuneo, s'aprono strada tra i banchi delle do- 



>dbyGoogIe 



lomie (') e scivolano sotto, trascinando con loro le aoTrastanti for- 
mazioni, cbe in tal modo, potentemente piallate, lasciano qna e là 
sili pendii gli strati arrìcoìati e capovolti (Tremosine). 

2° Se il calcare della eorna non arriva a sottoporsi alla 
dolomia, s'inflette e ripiegandosi sopra so stesso, forma alte mon- 
tagne (M. Denervo, M. Pizzoccolo) 

30 Se detto calcare rimane sopra la dolomia poco a) 
disotto, ne sforza gli strati superiori e vi si sovrappone (Vette del 
M&rmera e M. Spino). 

Nel secondo caso avviene che te anticlinali della corna pro- 
nonciandosi in un dato senso, sì adagiano e poscia rompendosi per 
stiramento, come la dolomia, arrivano a sovrapporsi alla creta; cib 
avviene appunto a Mademo e Gargnano (vedi sez. 11 e 15). 

Accennato come probabilmente si svolsero le successive fasi 
orogeniche, dirò che d^li studi &tti risulta che, prescindendo 
dagli antichi sollevamenti delle epoche mesozoiche, la nostra re- 
gione fii sconvolta da tre grandi periodi sismici principali; il primo 
verso il principio del miocene, il secondo verso la fine del pliocene, 
e precisamente prima del periodo villafìranchiano, e il terzo verso 
la fine dell'epoca glaciale. 

Al primo perìodo va attribuito il sollevamento del M. Baldo, 
e quindi l'abbozzo generale del l^o di Garda, non solo, ma di 
tutte le nostre prealpi ; il secondo periodo è chiaramente attestato 
dal colle dì S. Bartolomeo dì Salò ove trovasi il pliocene portato 
fin oltre i 500 metri dì altezza, e dal pronunciatissimi disloca- 
menti dei conglomerati messìnìani della Badia presso Brescia, di 
Gussago e di K. Orfano. 

Questo corrugamento fu certo meno energico del precedente, 
ed in generale non fece che accentuare le precedenti strutture tec- 
toniche, aprendo tutt'al più qualche nuova vallata; e forse ad esso 
si devono certe faglie secondarie effettuatesi in seguito alla rottnra 
d'nna'anticliDale adagiata piega isoclìnica, in forza di scorrìnientì. 
Sembra perciò che a quest'epoca si sieno pronunciate le pib biz- 
zarre e minute dislocazioni e rovesciamenti che sì mostrano come 



(') E probabilmente le masse poco resistenii del Balbi, sottoposte «Ile 
dolomie, trovandosi di fronte a rìgidi calcui lìasìci e retici ne faroTirono le 

sottopoaiiioni e s(\ì acommciiti. 



>dbyGoogIe 



OSSERTAUONt GEOLOOICBC SCLLA RIVIERA BRESCIANA ECC. 297 

seconda &se smee^oita al primo abbozzo post' eocenico, per 11 tatto 
che il conglomerato mesainiano di Sale di Gussago trovasi incli- 
nato di circa 70° all'orizzonte insieme . a tntte le stratificazioni 
giaresì e cretacee dei dintorni, e questo solo mi pare che basti a 
dare un'adunata idea della misora di tali corrugamenti, applica- 
bile anche alla Biviera banacanae. 

Una delle principali cons^nenze di questo periodo orogenico 
fa certo l'apertura di valli longitudinali che resero passibile il 
riversamento dei materiali paleozoici di cai non difetta il nostro 
oeppo rilla&anchìano, mentre invece ne è privo il conglomerato 
messinìano. 

L'ultimo periodo sismico, quello che, secondo lo Stoppani, 
produsse l'abbassamento delle morene del Qarda, ci è chiaramente 
rivelato dal villafranchiano del colle di Castenedòlo inclinato e 
fratturato, ed in generale dagli spostamenti della serie quaternaria 
della pianura, a Cìliverghe, Bedlzzole e Capriano, e fors'anche a 
Hanerbio snl Mella, ove molto probabilmente esiste una figlia di 
sei metri nella serie quaternaria. 

A questa &se sismica postglaciale si devono pure gli scoscen- 
dimenti studiati dal Taramelli, ed in generale tutti quelli della 
linea del Sarca ossia le marocche del Trentino citate dallo Stop- 
pani, ed inoltre quelli delle rupi da Gargnano a Limone che si 
mostrano assai recenti. 

Con ciò dunque si definisce l'attuale paes^;io, si aprono le 
spaccature dei fiumi e si forma la linea dei dirupi collo squarciare 
l'anticlinale secondaria degli strati liasici, che scendono al lago. 

Cosi ridotto, il lago di Garda è ora chiuso in una sinclinale, 
formata da due grandiosi fasci strat^raflci, che debitamente pro- 
lungati, s'incontrerebbero sotto un angolo di 22°. 

Quello del M. Baldo segue la linea dell'Adige superiore e del 
lago di Garda e forma col meridiano gei^atico un angolo di 28° 
e quello della Bìvieia forma collo stesso meridiano un angolo di 
50°, e sì estende dai dintorni di Brescia a Limone ; di modo che, 
se fosse prolungato, arriverebbe a sbarrare il li^ alla valle dì 
Navene. Ma ciò in origine non avvenne, perchè le colline cretacee 
di Gargnano dovevano sotto Tignale ripiegarsi (in pianta) e scen- 
dere a Limone, ove finisce il corrugamento. 

Ora, come complemento di questa breve spi^azione, f.iccÌo 



>dbyGoogIe 



osserrare che l'allineamento delle rette del M. Baldo non è paral- 
lelo a quello della sponda Veronese, ma benaì lo incontra sotto 
un angolo di S" circa ; in. modo che araniandosi verso nord, e re- 
stando le altm'e quasi ugnali, la pendenza del monte va man niano 
aomentando, affettando quella forma geometrica che chiamasi para- 
boloide iperbolico. 

Da ciò segaB immediatamente che la einclinale del lago è a 
nord assai piii pronunciata che a sud, indicando colle più forti 
pieghe di Tremosine che presso la ralle di Ledro la compressione 
era fusai più potente che verso sud. 

Il gran fascio tectonico della Biriera comincia dunque a sud 
dell'arrallamento trasversale della T. di Ledro e si prolunga ben 
pronunciato fino al M. Budellone sopra Garardo; riuscendo più 
in là a confondersi con quello della Valtrompia e delle colline occi- 
dentali dei distomi di Brescia, ora arduo problema è il tessere 
una serie di fasi di sollevamento. 

Le colline eoceniche di Manerba, che si protendono più delle 
altre rerso la linea mediana del lago, sono inflesse secondo nu asse 
che diride in parti quasi uguali l'angolo formato dai due assi della 
fiìriera e del M. Baldo; dimostrando come questi dne sistemi si 
fondano a ventaglio con pi^he ad assi concorrenti, producendo in 
origine la depressione del lago col progressivo affondamento della 
sinclinale. 

L'affioramento dolomitico non mostrasi sul lago che nel tratto 
della V. di Para (Limone) alla V. dì Fonale (che scende dalla 
T. di Ledro) ; più oltre, il Dachstein sovraincombente forma le rupi 
di Riva, mostrando come il labbro più emerso sia formato dalle 
cime di Limone e Tremosine, che svolgendosi a nord dirimpetto 
al monte Altissimo (Sponda Veronese), producono nel lago una 
^lia alla base delle dolomie, in prosecuzione di quella principale 
della Riviera che finisce a Limone. 

Il pregiato lavoro di Bittner mostra colle sue numerose se- 
zioni dei fatti sìmUi per il corrugamento delle Giudicarle, ed anche 
là, si scorgono spesso alcime faglie simili a quelle della Riviera, 
che portano il lias ed il neocomiano a contatto colle dolomie; e 
vi è in special modo rimarchevole la sinclinale dei monti Ga- 
rerdina, Gadria, Rango, e Rocca Pagana, parallela alla linea del 
Chiese, la quale fa affiorare ad ovest 1 banchi del trias medio ed 



>dbyGoogIe 



OSSERVAZIONI OEOLOGICilB BULI^ RIVIERA BBB30IANA BCC. 299 

inferiore, che in posiEionì qoosi Tertieali bì portano a contatto dei 
porfidi e d^li scisti cristallini del grappo dell'Adamello. fìa quel 
ponto sembra che gli strati sieno stati di mano in mano ricac- 
ciati verso est ripeteado anche qui 1 fenomeni studiati in BiTiera. 

Ma il Qormgamento della fiiviera, assai più pronunciato di quello 
delle Giadioarìe, sembra l'effetto della reazione delle dolomia del 
Trentiao contro gli strati sorgenti dall'ampia siacliDale del lago 
e quirì ricacciati da quel potentissimo sfbno, che dislocò sì deci- 
samente il M. Baldo, portando l'eocene sol suo altipiano di mattina 
oltre i 1000 metri di altezza. 

L'Adamello, malgrado ohe all'epoca di tali corrugamenti fosse 
in gran parte emerso, non funge però da mero ostacolo, e non sa- 
rebbe ad esso rigorosameote applioabtle quello che dice il Lap- 
puent ('), perchè i lembi dei calcari neri del Muschelkalk meta- 
morfizzati e portati a grandi altezze dalla tonalite di Valoamonica (^), 
indicano con evidenza che vari soUevamentì elevarono di molto le 
masse granìtiche, raddrizzando i banchi trìasid delle Giudioarìe. 

La sinclinale implica l'unità del fenomeno on^nico delle due 
sponde del lago, ed una loro corrispondenza tectonica e sismica, e 
beo lungi dall'esclndere che la regione veronese posiia abbassarsi, 
porta a questa idea delle nuore prove; perchè cosi quelle varie 
•ha di enorme p^^tara non ci si svelano che come puri effetti 
della massa M. Baldo, che abbassandosi gradatamente spinge sempre 
pia il &SCÌO giuracretaceo della Riviera contro le dobmie. 

Da quest« idee sulla struttura della regione esaminata segui- 
rebbe che alcuni d^li attuali terremoti del Veronese, ben risentiti 
anche sulla sponda Bresciana, quando sono circoscritti al solo monte 
Baldo, potrebbero appartenere alla classe dei non vulcanici ; ossia 
essere prodotti da uu progressivo adagiamento di quelle moli 
grandiose a nuovo stato d'equilibrio ; e dato che anche là sotto si 
trovino i noti piani marnosi a bactrillii, come si hanno sul Bre- 
sciano, si potrebbe crederli sede dì forti scoirimeuti, specie se nel 
sollevamento del M. Baldo, in seguito ai primi impulsi, siasi alte- 

(■).... 11 eet pennÌB de peiuer qne les ^ands efFarta de pliasement 
doÌTent etre locftlisés kui points ob une zone de Bédiments TelfttiTemeiit pliu- 
tiqnes est coinprìméa pu dq effoit Yenaot dn Itige, contre un massif uicien- 
nemeDt couaolidé. — L&ppsrent, Omologìe, psg. 1432. 

(*) BagMiDui, Profiio geosnostico delle Alpi lombarde. 



>dbyG00gIe 



300 A. COZUAOLIO 

rato il parallelismo tra le masse della dolomia principale e quelle 
del Dachstein coi snccessivi strati giura-cretacei ('). 

Attualmente, il M. Baldo col ano pendio di sera si fortemente 
inclinato, potrebbe avere in sé l'energia potenziale delle scosse 
sienùcbe ; ma tali qnistioni, più che alla stratìgiatìa, spettano alla 
geodinamica, e soltanto aaa longa serie di osservazioni pnò darci 
una buona sismologia faenacense. 

l>a questi risultati positivi siamo però ancor ben lontani, 
perchè le sole stazioni geodinamiche che abbiamo sulle sponde del 
Garda sono le due di Desenzano e di Salò, le quali in fatto di 
strumenti non sono troppo ben fomite. 

Sarebbe dunque ottima cosa, che, dopo aver dotato queste di 
buoni sismometrì a tre componenti, si procurasse di fondarne delle 
altre lungo la parte piìl angusta del lago, e possibilmente a Gar- 
goano, Tremosine e Malcesine, augurandosi però di trovare anche 
per quelle degli osservatori competentissimi ed operosi quali sono 
i prof. Piatti e Bottoni che ora dirìgono le due esistenti. 

' Ed anche sarebbe utile istituire caposaldi su varie rupi del 
lago nei punti di pih probabile elevazione per le osservazioni 
sui possìbili fenomeni bmdisismicì, perchè, malgrado non vi sieno 
prove decisive, pure le ti-accie di antichi litorali lacnstrì che ora 
si osservano sulla majolica del dosso di Sn (a circa m. 80 saV 
lago) e sul calcare bianco di Bine (m. 10 circa sul lago) tende- 

(*) n Facha nella bus opera Vulcani e terremoti, a psg. 201 pula dei 
Icrremati del M. Baldo, ed accenoa la probabilità che essi non dipendano dn 
cause vulcaniche. 

La spaccatura di cui parla lo Stoppani, e che, secondo lui ed altri, da- 
rebbe origine all'infiltrazione delle acquo prodocendo fenomeni aismici, non ò 
certo da confondersi e oli 'avvali amento benaconse, vera ed evidente Binclinale, 
ma, se esiste, è certo un crepaccio fors'anche postglaciale, simile ai tanti che 
fondono i tormentati pundii della Rifiera bresciana ; per esso certamente po' 
trebbe effettuarsi una drculaiione sotterranea delle acque, di cqi la prova piti 
materiale ed eviileute È la fonte termale di Sinnione che dà acqua abbondante 
a 60°. (Juella fonte però, essendo a mattina della penisola, resterebbe esclnga 
dalla pie^a sinclinale, e quindi apparterrebbe piò al sistema del M. Baldo 
che a qnello della Riviera bresciana. 

Il centro delle massime scosse sembra esistere nei dintorni di Malcesine 
e secondo alcuni, presso l'Assensa vicino all'altimo espandimento basaltico, e 
la regione al di sopra di Limone, ove certamente esiste ana faglia subacquea, 
non ha fama di centro sismico. Emetto però queste opinioni con malta riserva. 



>dbyG00gIe 



OSSERVAZIONI OEOLOGICSE 8IT 

rebbero a dimostrare nn progressivo ìnnalzamanto della rupe ; e 
verso tale idea si è pnr coadottì percorrendo i rìpidi e pericolosi 
tJancM di Oresel e Corlor, ove l'aspetto generale della regione per- 
suade ad ammettere in essa nna condizione di grande instabilità ; 
tntta la massa è ripiegata e fratturata, profondi crepacci a bordi 
recenti feodono i ripidi pendìi sovrastanti, e staccano dei torrioni 
a sfzaterelli incoerenti e rupi scoscese che vanno crollando, come 
pur troppo è noto ai pescatori di quei siti ('), e come rilevasi 
dalle rocce sporgenti fortemente percosse, e dai talns di detrìti 
recenti, che man mano si scaricano nel lago. 

Le caase dirette di tali scoscendimenti non sono in generale 
che gli agenti atmosferici; ma al bradisismo sì potrà forse attri- 
buire il dissesto che fa di quegli strati una vera pietraia peri- 
colante ; e sopratotto i crepacci della sommità, che se fossero della 
■fase post-glaciale, in tanti secoli che trascorsero e colle feria pre- 
cipitazioni d'allora, avrebbero dovuto certamente colmarsi, tanto 
pia che fendono tm pendio sul quale è focile uno scorrimento di 
detriti. 



Biepil(^ando le osservazioni svolte net corso di queste pagine, 
concludo che il I^ di Garda segna una linea tracciata fin dalla 
più remota antichità, blandamente in vero, ma in modo bastevole 
da produrre a sì brevi distanze diversità di fisonomie talora rìmar- 
chevoli nei vari orizzonti geologici. Le variazioni montane che 
molto intluiroDo su ciA, s'aununciauo a sera colle breccie liasiche 
e cretacee della V. Trompia e trovano il loro riscontro nelle fasi 
or(^netìche mesozoiche ora generalmente riconosciute, servendoci 
a spiegare quei parziali disturbi di stratificazione del lias. che ben 
misteriosi risulterebbero ritenendo soltanto post-eocenica l'evolu- 
zione delle nostre prealpi. 

Bittner accenna pure a fatti consimili parlando delle disloca- 
sioni della sinclinale di Ballino sopra Kiva di Trento ; e conside- 
razioni dì tal genere s'impongono nel riscontrare uno sviluppo 

(') Poche decine di anni fa ebbe laogo una enorme frana di nna mpe 
liasica presso la cascata del fiume di Brasa, indi Dna lecanda nella valle della 
Piazza presso Hnslune e nell' io verno del 1889 una tena Ira Gargnano a 
Tignale, asportando la strada. 



>dbyGoogIe 



alquanto direrso nel Uas e nel Malm aulle dae sponde benscenaì. 
Qaeati fatti dunque accennano ad antiche diversità nelle condizioni 
di habitat che si manifestaTano in quelle due regioni batimetriehe 
a contatto, destinate poi a fonuare colla ciura dei loro depositi la 
cosca beoaceose, ed a questo risultato pur condnce lo studio della 
serie cretacea nel bacino del Giarda ove si mostra a&tto priva di 
quelle areoarìe grigie ad inoceramì che rerso sera si trovano in 
tanta abbondanza ('). 

Il corrt^mento posteocenìco probabilmente qui provocato da 
antecedenti strutture tectoniche, si manifesta grandioso ed impo- 
nente, e gli ultimi depositi della serie concordante, ora meglio 
conosciuti, danno la misura e l'epoca di simili dislocazioni in se- 
gaito alle quali l'orc^rafia attuale poteva dirsi abbozzata. Dopo 
d'allora, gli scorrimenti e le ripi^atnre hanno quivi inìxiata la 
ria, e secondo le le^i di meccanica si susseguono e si svolgonot 
creando colle varie modalità del corrugamento iniziale una mirìade 
di tipi diversi di altura. 

Col diverso sviluppo delle pi^he in località a contatto si 
provocano spaccature ; le quali poi, producendo l'assoluta indipen- 
denza dei fianchi della vallata, permettono il successivo svolgersi 
di strutture tectoniche disparate. Co^ si forma gran parte della 
V. Trompia e V. Sabbia; e per la forzata sottoposizione del fascio 
giara-cretaceo alla dolomia principale, si hanno i valloni di Bendo 
di S. Michele e di Toscolano, che da fessure interdolomitiche, re- 
lativamente ampie, passano d'un tratto, mutando anche il nome, 
ad orridi burroni, coli' apparizione del Dachstein e della serie giu- 
rese sovraiucombente. 

Malgrado il forte sollevamento accennato, i materiali alpini 
paleozoici e primitivi non si riscontrano nei riversamenti della pia- 
nura se non che sotto forma di sabbie quarzifere del pliocene; ma 

(') " Alla coBtitaiione delie Alpi meridionali prendono parte non inei- 
II gniflcante alcane linee che nel campo delle formazioni meBozoiche corrono 
>■ nortnali alla direzione di dette Alpi e marcano i lìmiti di sviluppatevi con- 

" dizioni eteropiche. Tra esse lìnee la più spiccata e nota dovrebbe essere 
u quella del lai;o di Garda, la qnale aepata il Trias ed il Giareae di Lom- 
« bardia dai terreni del Veneto e del Tirolo meridionale ». 

S. voD MajsÌBOTÌcH, Sulle condizioni eteropiche nel Trias delle Alpi 
Lombarde. Bollett. del B. Com. Geolo^. 1881, n" 3 o 4. 



>dbyGoogIe 



I GEOLOGICHB BULLA SIVIERA BRESCIANA £GC. 303 

alla deposizioDe dì qneate tìen dietro un nuovo potente oorn^^- 
mento, ohe accentoa nel modo testa deacrìtto i rilievi montani e 
sì trasmette tanto poderosamente ai depositi cretacei dì Brescia, 
che questi si ergono con forte inclinazione, raddrizzando qnasi alla 
verticale i banchi miocenici di Qussago e sollevando il ìà-. Orfìtno 
dì Bovato. 

Questo disturbo rompe gli atabilitì equilibri oroidrograficì, ed 
ingombra le valli di detriti di a&celo, pioducendo poscia alla pia- 
nura gli espandimenti villafranchiani. Ma alla pn^ressiva azione 
tellurica sollevante corrisponde un'adeguata reazione meteorica di 
degradazione, che già da tempo si manifesta collo sviluppo dei 
ghiacciai, collo stabilire mano mano le attuali condizioni di clima 
e di vita. 

Durante l'epoc-a glaciale, ai de&msee pertanto una linea che 
taglia io dolce pendenza le collina allo sbocco delle ampie vallate ; 
e mentre che sovr' essa ferve la degradazione, al di sotto, il ghiac- 
ciaio corrode o deposita e lascia ovunque traccie grandiose: co^ 
te depressioni vengono protette dal ghiaccio, e sulle scogliere dei 
loro sbocchi verso and si depongoiio ad archi le morene. 

Queste morene però nel loro arrrivo trovano giJl il territorio 
coperto di ferretto; ma il ghiacciaio coli' avanzarsi, rispettato in 
parte quello strato melmoso, vi deposita aopra i suoi espandimenti 
formando la serie neozoioa di Galvt^ese e Sabbio, belle pagine di 
orogenia prealpina, che studiate e coordinate con altre, potranno 
facilitare al geologo lo stadio delle epoche recenti. 

Una volta riconosciuto che il Villafranchiano della pianura 
sia un deposito marino e ohe esso fd rotto da numerose faglie, 
si avrebbe in ciò un punto di partenza per lo studio della diffi- 
cile questione dei lagi lombardi, cbe ora piil che mai richiede 
longhi e spassionati studi di dettaglio. 

La teoria dei fjords divenuti lafrbi si ampiamente concepita 
ed esposta dal compianto Stoppasi, verri forse a moditieanii in 
aLcnnì suol dettagli, si potranno precisare m^lio 1 rapporta tra 
il dilttuiunt, il Vìllafraachiano ed il Mesainiano, e questi piani 
colle loro attuali disposizioni agevoleraimo la definitiva soluzione 
del problema. 

Per la natura stessa del lavoro, qui non si discusse sulle teorie 
dell'apertura dei l^hi, ma si ebbe sempre di mira di portare ad 



>dbyGoogIe 



3M A. couAOLio 

esse UD certo contrìbato di fatti, dairinaieme dei quali per ora tiaol- 
terebbe che tale fenomeno è funzione assai complessa dello srol- 
gimanto tectonico delle prealpi, combinato coli' azione glaciale che 
definì l'attuate spiaggia lacustre. Quelle linee di depressione o di 
frattura sono probabilmente un risultato di corrugamenti a punti 
obbligati, trovandosi la ri^ioue prima della loro esistenza in anti- 
chissime fratture alpine; ed è di somma Importanza il far rimar- 
cai'e che indipendentemente da esse,3Ì svolge alle ultime pendici 
delle colline una grandiosa spezzata di rocce giura-cretacee, che 
procedendo dal Bergamasco fino al gruppo della Gaverdina (Qin- 
dioarie), cinge con quattro principali allineamenti o fasci di stra- 
tificazioni fortemente dislocate il grande nucleo montano tra Tiglio 
ed il Sarca. 

Gli allineamenti non sono raccordati in modo da potersi conce- 
pire una curva inviluppante che lì sostituisca; ma bensì essi 
marcatamente si mostrano in linee rette talora lunghissime alle cui 
intersezioni la tectonìca di racccordamento è alquanto bizzarra e 
rappresentata da affioramenti piil antichi scelti per successive elimi- 
nazioni fra i più tetragoni alle perturbazioni orografiche. 

IL primo lato (nord-ovest 8ud-est)taglia il li^o d'Iseo, il se- 
condo (ovest-notd-ovest est-sud-est) taglia la Y. Trompia, il terzo 
(sud-ovest nord-est) va difilato da Gavardo alla V. di Ledro, for- 
mando la RivieraBenacense, ed il qnarto (sud-sud-ovest nord-nord-est) 
corre parallelamente alla vallata delle Giudicane ed in generale 
alla linea predominante dei laghi e va da Storo a Tiooe. 

Ed ora nel por fine a queste pagine sento il dovere di espri- 
mere la mia più viva gratitudine anche verso gli egregi professori 
Taramelli e Parona che coi loro preziosissimi consigli non poco mi 
aiutarono nella compilazione; qui lontano da centri scientifici, non 
poteva certamente senza il loro aiuto essere al corrente delle mo- 
derne idee geologiche, di quelle ampie idee che sono la sintesi dei 
lunghi e profondi stadi che (^ni anno più si van facendo sulle Alpi. 

Certamente io sarei pE^ delle mie fatiche se questo lavoro 
potesse servire come materiale per altri studi geo-iectanici sulle 
prealpi bresciane, ma qaesti senza dubbio dovranno incominciare da 
uu accurato esame comparativo delle formazioni bresciane còlle ve- 
ronesi, per investigare per quanto è possibile con argomenti lito- 
logici e paleontologici la probabile topografia dell'antico fondo del 



>dbyGoogIe 



OEOLOGICRB 8DLLA RIVIKRA BRESCIANA ECC. 



mare nei BucoessiTÌ periodi giureee, cretaceo e terziari ; indi, sem- 
pre dì coQseira cogli studi della aerie discordante, sviluppare la 
tsctonica post-eoceoica. Ciò attnalmente è sempre più richiesto 
dai prt^ssi della geologia alpina e dalle molte questioni che 
ogni di si propongono e che ricliiedono numerosi studi di detta- 
glio, senza dei quali toma vano sforzo l'ardito ragionare; e hen lo 
sapeva lo Stoppani, allorquando nel suo libro sull'era neozoica, 
quasi per invocara ulteriori sanzioni di fatto alle sue immortali 
ipotesi diceva : > Si tratta, insomma di scrìTere per Intero una 
gran pagina della storia geol(^ca delle Alpi, di cui non sono 
vergate che le prime linee ■ . 



>dbyGoogIe 



A. COZZAI] uo 

Osservazioni Geo-tectoniehe. 



SERIE NOKMALE 


OSSERVAZIONI 


Eoceiu. 


Calcari ed «renarie dare che si estendono nella 
baua Riviera e cbe di tratto in tratto appariacono sa 
per i colli benacenai specie al centro dei rirersamenti 
cretacei; Pregasio, Tignale. NavaHO, Prandaglio{?) 1 


Marne gngiiH>er- 
dognole. 


OriHonte discorrimento ohe provoca la scomparsa ' 
delle masse eoceniche soi rìlieTÌ montani. Il 


Scaglia rotta se- 


Massa mamoHO-calcarea che andb soggetta in ispe- ; 
cial modo all'erosione glaciale; è di facile rirersamento, ,| 
ma non si presta alla minuta ripiegatnra. ] 


Sciiti neri bitumi- 
noli della creta. 


orizzonte di scorrimento, producendo una indipendenza 
di struttura tectonica tra la acaglia rossa ed i calcari 
neocomiani. Nello scorrimento i scisti neri aderiscono | 
ai sovrastanti piani della scaglia o stanno da sé snlle 
mpi. . 


Calcari neocomia- 
ni in ttraterelli 
lelciferi. Calca- 
ri titanici in 
banehigroiii. 


Traqnesti due piani non esiste marcata distinzione 

parallele. In ispecie il neocomiano sì presta alla mi- 
nuta ripiegatura e resistendo all'erosione neozoica 
presenta altipiani e contrafforti denudati dai depositi 

cretacei. 


Calcare rosso ^lo- 
buloso titanico. 


Orizzonte di scorrimento che talora dà luogo ad 
Dna marcata indipendenza di ripiegature tra i calcari ' 

titoniani sovrastanti, ed i sottostanti strati selciferi. ' 


Strati selciferi sot- 
tili talora con 
marne interstra- 
tificate (Ubb su- 
p«rioie) 


Strati selciferi suscettibili di minnU ripiegator», , 
cadono sovente in frantumi e sono talora sfaldati in i 
ammassi che provocano frane. 



,db,Google 



OSSEBTAZIONI GEOLOGICHE S 



BEE8CIAKA E 



Il — 

il SEME NOBMALE 


OSSERVAZIONI 


ij Calcari bianchi a 
Il leUi brune. Sal- 
ino e corto. 


corre sentite che talora poMonft essere parallele & 
quelle degli strati sovrastanti e talora possono seguire 
semplicemente le ampie curratare del Dacbstein. 


1; Calcare bianco 

compatto delDa- 

i: chtìein o Corna. 


Calcare bianco in strati assai grossi ad ampie on- 
dulazioni, forma sistemi di cnr»e suoi proprii trasci- 
nando spessa con bè i sovrastanti calcari del Saltrio, 
talora anche del corso; influisce grandemente nella 
fectonica delle colline ginra-cretacee, ore esso figura 
qnasl da mass» motrice. 


[piano a Tere- 
1 bratula gre- 
garia. 


perchè può produrre l'indipendenza del Dachstein dalle 

masse del ^flssen. 


Strati di KSteen. 


Masse calcari a atrati alternanti con marne, questi 

caoo affatto nelle colline della riviera. Si maetrano 
Baltnariament« dalla vai Sabbia a Brescia, in generale 
tendono a scivolare lasciando spesso a contatto il 
Dachstein colla sottostante dolomia principale. 


1 Sciiti neri a 
BactTvllium 
ttriolatttm. 


Oriizant« di scorrimento che provoca la scom- 
parsa del KOssen sd molte cime dolomitiche, ed in 
generale i citati scivolamenti. 


Dolom iaprincipa- 
exili». 


Massa miniforme in grossi banchi ed ampie cm- 
vatnre, ricca dì fiuUes e crepacei. 

Forma la principale ossatura delle montagne tra 
il Chiese ed il Sarc». 


Strali neri bitumi- 

1 noli ittioUtici e 

dolomia caver- 


Strati di calcari neri. La massa essendo meno frir 
gilè della sovrastante, forma ondnlazioni più acolpite 
ed incanala l'acqna dei crepacci dalomiticL 


ScìUi di Raibl. 


Masse marnose che potrebbero favorire nn corrn- 

delle masse del Mnschelkalk e del calcare eteropico 
di Wengen. 



,db,Google 



3SERTAZI0M GEOLOGICHE 8DLLA BITIEKA. BBESCIANA KCC. 



liù intelligibile la compii e atÌB8Ìin& strottnra delU regione 
< opportuno di fiu&re sulla aeiioui la corrispondenift delle 
le uiticlinalì, per cai: 

ino faglie che tagliano le masse della dolomia principale. 
^au faglia caratteristica dell'atta RJTiera, e cioè quella che 
. dolomia a contatto della creta saperioie. 
f^lia secoodaTia derivante dalla rottura e BucceasÌTi Eco^ 
ilinale b, (Tiemosinc). 
ia pur secondaria derivante da scorrimenti come la G, (Tre- 

cole faglie derivanti da ECorrimenti delle rupi del lago, 

ale). 

lia che porta la coma a contatte della creta in viitii dtl- 

si adagia e si rompe. 

lia secondaria a ponente del H Denerro, (sei. 9). 

anticlinali di cai la principale k e; a h caratteristica della 

Salti - Gargano) ; b saBsiste intera nella Hiviera di metio, 

ilta Siviera per dar Inogo ai dirupi del lago. 

ianimetrìa dcila prima tavola, non è che un semplice saggia 

di quelle indicizioai furono tratte da nno studio di Em. 

I cui egli indica planimetricamente le faglie con due linee, 

le corrisponde al labbro abbassato, ed nna contìnua che 

irò in rialzo. 

invece le faglie sono indicate con nna serie di punti e linee. 

inno in generale una direzione da nord-ovest a sad-est ad 

e della Id che sono dirette da cord a salì, e della 16 che 

ida del lago'. In quest'ultima Beiione i nnmeri 8,7,6,5,4,3,2 

le corrispondono rispettivamente alle set. 8, 7, 6, ecc. 

teggiata quasi orizzontale che si osserva in molte sezioni 

altezza delle espansioni glaciali. 

igirie. Soli nr la ttncturt da Coròiira. Puii IBM. 



>dbyGoogIe 



Bottett."' della Soe. Bealo, 



Voi. X (1891) Tm. IX. 




ABTUKa Cozzi a 



,db,Google 



BoUett."" della Soc. Geolo(, 



Voi. X (1891) Tav. X. 



SeZ. 1. - Valla di Bla* ■ V^imi .}f«^-«»i 



no . aCanmi tifaiMwt 




DijilizodbyGoOglc 



Bollett." della Soc. Oeoh 



Sez. 10. . 



SatloM IrMinraalc ««Ira ' 



Voi. X (1891) Tav. XI. 




H. - », Cattali* a Baino - Il -Ornck 



6 a 






F. di Tncolinii Ahipi. 



6 a 




AaTuao Coiiaolio dittonb. 



DijilizodbyGoOglc 



Boliett.'^ della Soc. Geolog. 



Sez. 16. • smii 



'H. CmkUd di Tignile 



Voi. X (1891) Tav. XII. 



S 7 



18. -«wlaMMI* co( 



19.. 




,db, Google 



DijilizodbyGOOgle 



SOPBA 4LCUNI FOSSILI RACCOLTI NEI OALOABI GRIGI 
DEI SETTE COMUNI. 

(Con due lavole) 



Siamo ancora molto lontani dal possedere uoa esatta conoscenza 
del complesso di strati noti sotto il nome di Calcari grigi, nel 
Tirolo e nel Veneto occidentale. 

Molti scienziati, e dei più autoreToli, si occuparono rìpetu- 
tameate dell'argomento; ma. se è vero da un lato che oramai il 
concetto della liasicttà di questi calcari è entrato nella mente 
della pluralità dei geologi, non è men rero che non sappiamo 
ancora decisamente se i Calcari grìgi rappresentino solo in parte 
tutto il Lias, oppure insieme anche una porzione del Dc^er ; 
e tanto meno, poi, siamo in caso, gno ad ora, di arrischiarci a 
suddivisioni in questo complesso così potente, che, a quanto afferma 
il Neumajr ('), può raggiungere persino 2000' di spessore. 

Lo stesso sig. TauBch ('), il quale ha recentemente illustrato 
la founa dei detti calcari in modo magistrale, descrÌTendo ben 
76 specie, parte nuove e parte già conosciute, potè solo giungere 
alla coDcluslone che > i fossili (da lui) descritti, non autorizzano 

■ a destinare un determinato orizzonte nel Lias al complesso dei 
* calcari grigi ; ma essi non contraddicono all'opinione che nei 

■ calcari grigi sia rappresentato il Lias inferiore, medio e supe- 
' riore (p. 40). " — Nelle sue Schlussbemerkungen (p. 37) l'an- 



(') NeamajT, Ueber den Lia» in t&dóstliche» Tirol vnd in Venete», 
Neaes Jahibach fùr Min. Geol. d. Pal&o otologie. 1881, roL I., p. 208. 

(') TftQscb von Gloeckelsthurn, Zur KenntaiK def Fauna der " Grauen 
KaUu « der Sùd-Alpen. Vienna, 1890. 



>dbyG00gIe 



A. NEORI 

ire è obbligato a trascurare 32 specie, per il cattivo stato di 
}nservazione degli esemplari, e quanto alle restanti 44, egli è 
)stretto a ragionare più su analogie e affinità di specie nuore o 
ubbie con specie note, che sa detenninazione diretta di specie 
xatigrafìcamente significanti. Infatti, tra le descrìtte, quelle specie 
le si prestano a deduzioni stratigrafiche, si possouo raggruppare 



pecie liasiche 15 

" giuresi 4 

" mostranti parentela con forme triasiche 1 

» " . . >, liaaiche 13 

■ » >. » » liaaico-giuresl 2 

» ' . - I. giuresi 7 

» " ir r I. terziarie 1 

» • 1. . 1. recenti 1 

In tale coodizioDe di cose, anche piccoli contributi portati 
la conoscenza della fauna, possono acquistare una certa impor- 
jiza, e per questo mi sono indotto a pubblicare la descrizione e 
I figure dì alcuni pochi fossili, trovati appunto nei calcari grìgi 
;ì Sette Comuni. 

Sì tratta del Megalodics {Paehymegalodus) ehamaefoiTnis 
^hloth., fino ad ora non ancor citato nel Veneto, ma solo dal 
auBch pel Tirolo meridionale; di una specie nuova di GeroilUa 
di una nuova forma di Pecten. Pachymegalodt. s e GerviUia 
X)vengono da strati compresi tra banchi a lerebralula Hotsoana 
Chemiiitiia, superiormente, e le zone ad Asturie e a piante, 
iferìormente ; appartengono dunque alla porte superiore dei calcari 
igi. Il Pectea fu raccolto nella spianata dì Malcesina, da uno 
ì\ blocchi dì calcare grìgio colà tanto numerosi : la roccia inclu- 
mte è un calcare marnoso cenerognolo scuro, il quale, contenendo 
iche qualche pezzettino carbonioso, lascia snpporru ch'esso possa 
)partenere all'orizzonte geologico della flora di Rotzo. 

Prima, però, di passare alla descrizione di questi fossili, credo 
>portuno dare la lista completa dei resti animali, ri:jContjatì fino 
presente, nel complesso dei calcari grìgi del Veneto occidentale 



>dbyGoogIe 



SOPRA ALCUNI FOSSILI RACCOLTI NEI CALCARI ORIQI DEI SETTE COMUNI 311 

e del Tirolo meridionale, dagli autori che m^;giormente di tale 
stadio si aODo occapatì ('). 

QrbHtdites praecurgor Gùmb. 

Sega di Norìglio e altri dintonii di Boveredo — Sette 
Comani (GOmbel.* ìd Neues Jahrbuch. 1872, p. 256). 
Val d'Assa sotto Rotzo. (Neumayr, p. 213). 
Bellori — Tra Chìesanuova e Erberto — Rotzo — 

Malceaina (Boehm p. 760). 
Cadine presso Trento — Rotzo — Sega di Nor^lio, ecc. 
(Tau3ob, p. 3). 
OrhitulUes cireumvulvala Gùrab. 

Sega di Noriglio e altri dintorni di Roveredo — Sette 
Comuni (Gùmbel," in Neuea Jahrbncb. 1872, p. 259). 
Sega di Nor^lìo (Lepsius, p. 119 e 128). 
Rotzo — Malcesina (Boebm, p. 760). 
Sega di Nor^lio — Rotzo — M. Gallo nei Sette 
Comuni ecc. (Tausch, p. 8). 
MoniiivauUia trochoidiformis Schaur, 

Rotzo (Scbauroth,* p. 124). 
? Montlivaultia trochoidiformis Sohaur. 
Sega di Noriglio (Tausch, p. 3). 
Thamiiagtraea sp. 

Le^ di Loppio (Tausch, p. 3). 
Isalraea sp. 

Nomi (Tausch, p. 3). 



(>) Le citazioni di aatoiì posU fra parentssi, quando non sono BQSse- 
gnito da speciale iodicaxione di testo, Tanno riferite alle segaentì opero ; 
Schaaroth, Verteichniii der Versteinerungea im herzogl. Naturaliencabinet 
xu Coburg. Coburg, 1865. — Beneko, Triai und /ara in den Sùdalpen. 
GeognoBtiech. palio ti tologis che Beitrage. Bd. I, MOnchen, 1866. — Lepsiua, 
Dat icestliche Sùd-Ttrol geologisch dargestellt. Berlin, 1878. — NeumajT, 
Ueèer den Lìat in Sùdàitlichen Tirai und in VeneCien. Neues Jahrbnch, 
1881, Bd, I. ~ Boehm, Beilràge tur Kenntniss der grauen Kaiks in Ve- 
»etien. Berlin, 1884. — Tausch Ton Gloeckelsthurn, Zar A'enntniss der Fauna 
der 1 grauen Kalke » der Sid-Alpen. Wien. I8D0. 

L'asterisco apposto al nome dell'antore, indica cho nella relativa pub- 
blicazione si trovano figure del fossile a cai la citazione si riferisce. 



>dbyGoogIe 



Coralli indet. 

{Lepsius, p. 128 ; Neuniayr, p. 209). 
Pentacrinus basalti formis Miller. 

Cornacalda — M. Pom (Taoseh, p. 3). 
Peniacrinus ap. 

Qua e là nel Tirolo e nel Veneto (Benecke, p. 109 e 
169; Lepsius, p. 119 e 128). 
Pentaerìnm sp. 

Val Brenta sotto Enego (Nenmayr, p. 124). 
Pseudodiadema veronense Bfilim. 

Calcari a crinoidi dell'Alto Veronese (Boehm,* p. 761). 

Calcari della Sega di Noriglio (Taoscli. p. 4). 
Pseudodiadema CobellH Tauech. 

S^ di Nor^lio — Albaredo (Taosch,* p. 4). 
Pseudodiadema Roveredanum TauBch. 

Albaredo (Tausch,* p. 5). 
Pseudodiadema indet. 

Sette Comuni — M. Pom (Tausch, p. 4). 
Hypodiadema ap. 

S^ di Korìglio — Sella (Benecke, p. 108 e 169; 
Lepsius, p. 119 e 128). 
Serpula sp. 

Sega di Noriglio (Benecke, p. 108 e 169 ; LepsiuR. 
p. 119 e 128). 
Terebratula RoUoana Sohaur. 

Rotzo (Schauroth,* p. 125). 

Ovunque abbondante (Benecke,* p. 108 e 167). 

Noriglio — M. Gaza (Lepsius, p. 119, 128 e 365). 

Sopra Fedeacala — Val d'Aaaa aotto Botzo — Tan- 
zerloch — Tirolo {Neumayr, p. 211, 213 a 215). 

Molte località del Tirolo e dei Sette Comuni (Taosch,* 
p. 5). 
Terebratula Reaieri Cat. (= T. fimbria Sow., in Benecke, 

p. 166. = T. fimbriaeformis Schaur). 

Rotzo (Scbauroth,* p. 124). 

Ovunque in Tirolo e nel Vicentino — Santa Cecilia — 
Sega di Noriglio {Benecke,* p. 166). 

Noriglio (Lepaius, p. 119 e 128). 



DigmzcdbyGoOgle 



SOPRA ALCUNI TOSSILI RACCOLTI NEI CALCASI GBIOI DEI SETTE COHDNI S13 

Tanzetloch (Nenmayr. p. 214). 

Nelle stesse località della T. Rotioana, ma meno 
abbondante (Taosch,* p. 7). 
Terebratula fimbrioides Deslong. 

Gomacalda (Tanscb,* p. 8). 
Terebraiula mediterranea Can, 

Osteria del Termine — Val Area (Tauech,* p. 8). 
Terebratula panciata Sow. 

Gornacalda (Tausch/ p. 9) 
Terebratula {Lioihyris) Noriglìentis Haas. 

Sega di N'origlio (Kaas.* Beitr&ge zur Eenntniss der 
liassischen Brachiopoden&tina Ton Sfidtirol ood 
Tenetien. Kiel 1884, p. 20). 
Terebraiula cfr. perovalis Sow. 

Volano (Benecke, p. 168). 

Xoriglio (Lepsins, p. 119 e 128). 
Waldheitnia hexagonalis Ben. 

Volano — Nomi — Vallnnga — Ohizzola — Val 
CeLta — Sella — Illasi ecc. {Beneoke,* p. 168). 

Sega di Noriglio (Lapsios. p. 119 e 128). 

Volano — Nomi (Tanach, p. 10). 
Spiriferina Torbolensit Tatisoh. 

Torbole — Val Area (Taosch,* p. 10). 
Ottrea planataeformis Schanr. 

Botzo (Schaarotb,* p. 125). 
Ottrea Rotioana Scbaar. 

Botzo (Scbaorotb,* p. 125). 
Oitrea c&. sublamellota Dunker. 

Sega di Noriglio (Tausch,* p. 11). 
Oitrea sp. 

Sega di Noriglio (Benecke, p. 108 e 166). 
Ottrea sp. 

Val d'Afsa sotto Botzo — Taózerloch (Neamarr, 
p. 213 e 214). 

Tanzerlocb — Kiammele (Nemnayr. Aus den Sette Co- 
muni. Verhandl. k. k. geol. R. • A. 1871, p. 167). 
Ottrea iftdet 

Dintoiui di Trento (Tauscb, p. 11). 



>dbyGoogIe 



Gryphaea mimaeformìa Schanr. 

Roteo (Schaaroth,* p. 126). 
Placunopsis italica Taaech. 

Val Ghelpa (Tauaoh,* p. 11) 
Placunopsis Ghelpensis Tanscfa. 

Val Ghelpa (Tausch,* p. 12). 
Anomia ap. 

Poigaria (Benecke, p. 108 e 166). 
PUcalala Rotzoana Schaur. 

Botzo (Schauroth,* p. 126). 
Lima Choffati DÌ-StefaDO. 

Comacalda (Tausch,* p. 12). 
Lima Norigliensis TauBCh. 

Sega di NorigUo (Tausch,* p. 12). 
Lima gigantea Sow. 

Sega di Norìglio (Tansch, p. 18). 
Lima sp. 

Volano (Benecke, p. 108 e 166). 
Peeten textoriformis Schaur. 

Rotzo (Schanroth,* p. 126). 
Peeten lem Sow. 

Rotzo — M. Erio (Tansch,* p. 13). 
Peeten elathrataeformis Schaur. 

Rotzo (Schauroth,* p. 126). 
Peeten f? elathrataeformis Schanr. 

In diversi luc^hi (Benecke, p. 166). 
Peeten Norigliensis Tausch. 

Sega di Noriglio (Tausch,* p. 13). 
Peeten cfr. Norigliensis Tauach. 

Comacalda (Tausch, p. 14). 
Peeten cfr. spatulalus Boemer. 

S^a di Noriglio (Tausch, p. 13). 
Peeten ap. 

Besagno (Benecke, p. 166). 
Peeten sp. 

Sopra Pedescala (Nenmayr, p. 212). 
Peeten sp. 

Comacalda (Tansch, p. 14). 



>dbyGoogIe 



SOPRA ALCUNI FESSILI RACCOLTI NEI CALCARI ORtat DEI SETTE COHUNI 815 

Avicula gpinicosta Leps. 

Val di Colla — S^a dì Noriglio (Lepsioa,* p. 119, 
128 e 137). 
Gervillia Volanensis Leps. 

Noriglio — Volano — Polgaria — Albaredo, ecc. 

(Lepaìus/ p. 119. 128 e 366). 
Gervillia lamellom Leps. 

Noriglio — Volano — Polgaria — Albaredo, ecc. 
(Lepsius,* p. 119. 128 e 366). 

Sega di Noriglio (Tausch, p, 14). 
Gervillia Buchi Zigno. 

Sopra Fedescala — Val d'Assa sotto Botzo — Tiralo 
meridionale. (Neumayr, p. 211, 213 e 215). 

Sopra Fedescala. (De Zigno.* Annotazioni paleontolo- 
giche in Memorie Istituto Veneto. 1869, p. 24). 

Costalni^a — Cesuna — Valetagna — aopra Pede- 
ecala — Val Arsa (Tausch,* p. 14). 
Gervillia sp. 

Volano — Polgaria (Beneoke, p. 166). 
Gervillia sp. 

C. 8. (Beneoke, p. 166). 
Perno Taramellii Boehm. 

Valle del Paradiso (Bijbm,* p. 766). 
Pema aff. Taramellii Boehm. 

Valle di Premaloch — P Presso Asiago (Boehm, p. 766). 
Pema n. ap. 

Grezzana — Bovere di Velo — Malcesina (Boehm, 
p. 766). 
Mytilus mirabili» Leps. 

M. Gaza (Lepsiua,* p. 128 e 365). 

Valle dell'Anguilla — Malcesina — Valle dì Pre- 
maloch (Boehm, p. 767). 

M. Gaza — Verzano (Tausch,* p. 15). 
Myliltis BiUaeri Tausch. 

Cornacalda (Tausch,* p. 15). 
Mytilus Lepsii Tausch. 

Mandrìelle (Taasch,* p. 15). 
MyiiltiS transalpinus Tausch. 



DigmzedtìyGOOgle 



Val d'Area [Val Arsa o Val d'Asea ?] — Sega di 
Noriglio — ?Comacalda (Taosch,* p. 16). 
Mytilus cfr. pernoides Boem. 

Cornacalda (Tauach, p. 16). 
Mytilus sp. 

Tiralo meridionale (Benecke, p. 108). 
Mytilus? sp. 

Serrada (Tausch,* p. 16). 
Modiola cuneataeformit Schaur. 

Botzo (Scfaaaroth,* p. 127). 
Modiola alataeformis Schaur. 

Botzo (Schauroth,* p. 128). 
Modiola Sckaitrothi Taasch (= M. Leekeabyiformit SchamoUi). 

Botzo (Schauroth,'' p. 128). 

Val Ghelpa (Taasch,* p. 17). 
Modiola tirolemis Tauach. 

Botzo (Taiisch,* p. 17). 
Modiola cfr. Sillana Sow. 

Val d'Assa (Taasch, p. 17). 
Modiola n. sp. 

Di dove? (Neumayr, p. 210) 
lithophagus tirolensìs Tarnch. 

Sega di Noriglio (Tauscb,* p. 18). 
Irichites Loppianus Tausch. 

lii^o di Loppio (Tansch,* p. 18). 
Pinna cuneataeformis Schaar. 

Botzo (Schanroth,' p. 127). 
Pinna sepiaeformis Dum. 

Laviai di Marco (Tausch, p. 19). 
Firma sp. 

Volano (Beaecke, p. 108 e 165). 
Pinna ap. 

Serrada {Tausch, p. 20). 
Arca n. sp. 

Dì dorè? (Neumayr. p. 210). 
Cucullaea cfr. Hettangiemis Terquem (= Maerodon oblon- 
gaeformis Schaur). 
Botzo (Schaui-oth.' p. 129: Tausch, p. 20). 



>dbyGoogIe 



SOPRA ALCUNI VOSBILI RACCOLTI NXI CALCARI ORIGI DEI BETTE COUUNI 317 

Sehitodut sp. 

Volano — Val Centa (Benecke, p. 108 e 166). 
Trigonia sp. 

Folgarìa (Benecke, p. 108 e 165). 
Cardittia RoUoana Scbaur. 

Botzo (Schamoth,* p. 129). 
Attorte depressaeformis Scbanr. 

Botzo (Schauroth,* p. 130). 
Astarle Kamarika Taiucb. 

Val Morbio (Tauach,* p. 20). 
ì Aitarle Serradsnsis Taiisch. 

' Senada — Albaredo — Castel Iiizsana — ? Bisele 
nei Sette Comonì (Tanscb,* p. 20). 
Aslarte n. sp. 

Folgarìa (Benecke, p. 108 e 164). 
Aitarle sp. 

Tanzerlocb (Neumayr, p. 214). 

Val Martello (Neamajr. Aos dea Sette Comuni p. 167). 
Opisoma excavata Boebm. 

Valle dell'AngaiUa — Calcari grigi presso Ànago — 
Madarel dì Asi^ — Giaròti del Fontanello presso 
Asiago (Boebm,' p. 771). 
Opisoma hippoaix Boebm. 

Larici presso la Rotta di Asiago (Bfibm,* p. 772). 
Opisoma cff. hipponix Boebm. 

Botzo (Boebm,* p. 772). 
Megalodiis picmilus Ben. 

Diffusissimo oTunqne (Benecke, p. 108 e 165). 

Noriglio — M. C^za (Lepsìos. p. 119, 128 e 365). 

Sopra Pedoscala — Val d'Asea sotto Botzo (Neumayr, 
p. 210 e 213). 

Valle del Paradiso (Boebm, Tav. 24, tìg. 2). 

Molto abbondante nei calcari grìgi (Tanscb,* p. 21). 
Megalodus Vaceefei Tauscb. 

Val Arsa (Taoscb,* p. 22). 
Megalodus ovatus Boebm. 

Valle del Paradiso (Boebm,* p. 773). 



>dbyGoogIe 



Mtgalodus protractus Boehm. 

Valle del Paradiso (Boehm,* p. 773). 
Megalodus anguslus Boehm. 

Sotto Enego (Boehm,* p. 774). 
Paehymegalodas chamaeformis Schloth. 

M. Casale — Fodpec in Camia (Tansch,* p. 28). 
Pachymegalodus crassus Boehm (=Durga (jraajfl Bflhm, per 
Tausch). 

M. Casale -- Ooniacalda (TaoBch,* p. 29). 

Valle del Paradiso — ? Valle di Premaloch (Bahm,- 
p. 776). 
Pachymegaloduz trigonalix Boehm (= Durga trigonale Bchm, 
per Tanscli). 

Valle del Paradiso (Boehm," p. 778), 

Polgacia — Lago di Loppio — Comacalda — ■ ? M. 
Casale (Tansch,* p. 29). 
Durga Nicolisi Boehm. 

Valle del Paradiso — Valle dell' Angoìlla -> Salaomo — 
Valle di Premaloch (Boehm,* p. 776). 
Lucina sp. 

Valle del Paradiso (Boehm, p. 779). 
Lucina sp. 

Comacalda (Tansch, p. 30). 
Lucina sp. 

Val d'Aasa (Tausch, p. 30). 
Unicardiam abbreviaiiforme Schanr. 

Botzo (Schanroth,* p. 130). 
Umeardium lonariaeforme Schanr. 

Rotzo (Schanroth," p. 130). 
Cyprina eaudataeformis Schaur. 

Rotzo (Schanroth,* p. 131). 
Cyprina grandiformis Schaur. 

Rotzo (Schanroth,* p. 131). 
Isocardia sp. 

Comacalda (Tansch,* p. 30). 
? Cyprieardia incurvata Ben. 

Volano (Benecke,* p. 108 e 164). 



>dbyGoogIe 



SOPRA ALCUNI FOSSILI RACCOLTI NEI CAIXIARI GRIGI DEI SETTE COMUNI 819 

MezzaselTa (Nenmayr, p. 214 ; lo steBso in : Au3 den 
Sette Cornimi, p. 167). 

Noriglìo (Lepsius, p. 119 e 128). 

Serrada — Noriglio — Comacalda — Botzo — Vo- 
laoo — Sette Gomiini ecc. (Tausch. p. 34). 
F Cypricardia ep. 

Goroacalda (Tanscb, p. 31). 
ì Cytheraea Serradensis Tausch. 

Serrada (Tansch.' p. 31). 
Tellina Cornacaldensis Tanscb. 

Comacalda (Tausch,* p. 31). • 

Pkoladomya Alhesiana Tausch. 

Sega di Norìglio — Larini di Marco — Serrada 
(Tansch,* p. 32). 
Pkoladomya Norigliensis Tausch. 

Sega di Noriglio (Tausch,* p. 32). 
Myaeiies gibbosiformis Schaiur. 

Botzo (Schaiiioth,* p. 132). 
Myacites jurassiformis. Schanr. 

Botio (Sehauroth,* p. 132). 
Homomya cfr. punclifera Buy. 

Sega di Noriglio (Tausch,* p. 33). 
Pleuromya elegans Beo. 

Volano (Benecke,* p. 108 e 164). 

Sega di Noriglio (Lepsius, p. 119 e 128). 

Serrada — Noriglio — Comacalda — Botzo -~ Vo- 
lano — Sette Gomimi ecc. (Tausch, p. 34). 
Pleuromya cfr. elongata Roem. 

S^ di Noriglio (Tausch, p. 33). 
Greitlya elongata Ben. 

Volano e altrove (Benecke,* p. 108 e 164). 

Sega di Noriglio (Lepsiua, p. 119 e 128). 

Serrada — S«^a di Noriglio — Comacalda — Botzo — 
Volano — Sette Comuni ecc. (Tausch, p. 34). 
Gresilya Mandrìolana Tausch. 

Campo Maadriolo (Tausch,* p. 33), 
Ceromya tirolenats Ben. (= C. papyracea Ben.) 



>dbyGoogIe 



Volano — Nomi — Sega di Noriglio — C 
(Benecke.* p. 108 e 163). 

Noriglio (Lepsius. p. 119 e 128). 

Serrada — Sega di Noriglio — Cornaealda — B 
Volano — Sette Comuni (Tausch, p. 34). 
? Tkraeia tirolensis Ben. 

Volano — Sega di Noriglio — Nomi — Chizj 
Folgaria — Marana nel Vicentino (Benecle,* 
e 132). 

Noriglio (Lepsius, p. 119 e 128). 

Serrada — Sega di Noriglio — Cornaealda — R 
Volano — Sette Gomani ecc. (Tausch, p. 3 
Patella costata Leps. 

Noriglio (Lepsius,* p. 119, 128 e 367). 
Patella conoidea Leps. 

Noriglio (Lepsius,' p. 119, 128 o 367). 

Cornaealda (Tausch, p 34). 
Patella (Scurria ?) tirolensis Tausch. 

Cornaealda — Val d'Arsa [?] (Tausch,* p. 34] 
Emarginala orthogonia Tausch. 

Val d'Arsa [Val Arsa ?J (Tausch,* p. 34) 
Pleuroiomaria obesaeformis Schaur. 

Rotzo (Schauroth," p. 133). 
Phasianella indet 

Volano (Benecke, p. 108 e 162). 
Troehus siitister Ben. 

Volano (Benecke,* p. 108 e 162). 

S^a di Noriglio (Lepsius. p. 119 e 128). 
Nerita miaulaeformis Schaur. 

Rotzo (Schauroth,* p. 133). 
Cfr. Neritopsis ? Oldae Stopp. 

M. Pom (Tausch, p. 35) 
Chemnitiia Rotzoana Schaur. 

Rotzo (Schauroth,* p. 136). 
Chemnitiia terebra Ben. 

S^a di Noriglio — Volano — Nomi — Chizz 
Vicentino (Benecke," p. 108 e 161). 

Noriglio — M, Gaia (Lepsius, p. 119, 128 e 3 



DigmzcdbyGoOgle 



SOPRA ALCUNI FOSSILI RACCOLTE N 



il DEI BITTE COHiri 



J. 



Sopra Pedescala — Val d'Assa sotto Botzo (Neumayr, 
p. 211 e 213). 
Chemnitzia Canossae Boehm. 

Valle del Paradiso {Boehm,* p. 781). 
ChemmUia Paradisi Boehm. 

Valle del ParadiBo (Boehm,* p. 782). 
ChemniUia Bp. 

Illasi presso Badìa Galavena (Beoecke,* p. 108 e 161). 
Natica tridentina Beo. 

Villa Montagna presso Trento (Benecke,* p. 108 e 162). 

Sega di Norìglio (Lepsiiis p. 119 e 128. 
Natica sp. 

Valle del Paradiso (Boehm,* 780). 
Natica sp. 

Albaredo (Tansch, p. 35). 
Natica sp. 

Val Ghelpa (Tausch, p. 35). 
Nerinea Desvoidyiformis Schaur. 

Botzo (Schauroth,* p. 135). 
Nerinea (Apiriìella) Norigliensis Tausch. 

Sega di Norìglio (Tausch,* p. 85). 
Nerinea indet. 

Origini della Val d'Astico, all'est di Folgarìa (Benecke, 
p. 108 e 162). 
Gerithium Rotxoahum Schaur. 

Botzo (Schauroth,* p. 134). 
Ceritella Rotsoana Schaar. 

Botzo (Schauroth,* p. 135). 
Purpvroidea Mor risii formis Shaar. 

Rotzo (Schaoroth,* p. 134). 
Pleurotoma Scarburgensiformis Schaur. 

Botzo (Schauroth,* p. 133). 
Pleurotoma Rotioaiia Schaur. 

Botzo (Schauroth,* p. 133). 
Cylindrites bullatifarmis Schaur. 

Rotzo (Schauroth,* p. 133). 
Hissoina acutaeformis Sliaur. 

Rotio (Shauroth,* p. 136). 



>dbyGoogIe 



Ilarpoceras Cornaealdeme Tausch (= Harj>. radians Edn. 
in Lepsius). 
Cornacalda presso Àlbaredo (Lepsins, p. 119 e 128; 
Taush," p. 36). 
Caeloceras cfr. crassum Sow. 

Val Sella (Vacek, in Verhandl. k. k. geol. B-A 1877. 
p. 304). 
Cypris Botzoana Schanr. 

Rotzo (Schaarotb," p. 136; Benecke, p. 108 e 160). 
? Sega di Noriglio (Lepains, p. 119 e 128). 
Ai Lombardi presso Tiento (Tansch, p. 37). 
Pholidophorus Deggiatinus Zigno. 

?Sega di Noriglio (Lepsius. p. 119 e 128). 
Botzo (Benecke, p. 108 e 160). 
PgCHodtis (Denti). 

Sella — Volano (Benecke, p. 108 e 161). 
Sega di Noriglio (LepsiuB, p. 119 e 128; Tauscb, 
p. 27) ('). 



(1) Non ho compreso in questa lista le specie di Brachiopodi di Castdl 
Tesino, descrìtte e figuiate dalt'Haas (Beitrdf/e iur Kenntni» dsr liastitckeA 
Braek'wpoden fauna von Sàdtyrol und VenetUn, Kiel, 1884) e dai proff. Pr- 
ioria e Canarari {Brachiopodi oolitici di alnme località dtlVItalia setten- 
trionalt. Eslr. dagli Atti Soc. ioscMja di S. N., Pisa, voi. V, 1882) perchè 
questi autori non. si accordano aull'età da assegnare ai detti calcari bianchi di 
Castel Tesino, supposto che gli esempiari, rispettivamente studiati da essi, pro- 
vengano da un solo e medesirao giacimento ; cosa, questa, ammessa come indabi- 
tata dal Bittner (lÀteratur Notiten in Verhandl. k. k. geol. R. -A, 1884, N. 10, 
p. 188), ma a parer mìo non sicaramente accertata, puicliò fra i brachiopodi 
citati dall'Haag entra la Terebralttla {Pygope) Aspasia Hngh., mentre fra 
qoelli citati dai sìgg. Parona e Canavari si trova la Teretratata caroiconcka 
Opp., e an frammento di Harpoceras MitTchhonae. Il sig. Haas ritiene il gii-. 
cimento di Castel Tesino dieta liaeica infi'ri<>rc('' wasnan die Faana Ton Castel- 
Tesino anbctrifft, so zeigt diesi.'!be cinen durchaus unterliasischen Cfaanict«r>. 
Einleitang pag. XI), I proff. l'arona e Canavnii Considerano questo giacimento 
come corrispondente u a quegli altri strati calcari con haiia a faciet di 
brachiopodi, che il sig. Lep&ius scopri in parecchi luoghi del Tirolo meri- 
dionale occidentale, nel yersante nord del monte Peller, presso Cica e altrove. 
Egli li ritii'ne spettanti al OiuTabruno e li sincronizza colla Iona ad ffar- 
poceras Marchiionae Sow. " (p. I, 2). 

Comunque sia, le specie di Castel Tesino date dall'Haas sono: Rky»- 



>dbyGoogIe 



aopR.i. ALCUNI Fosaiu raccolti hbi calcari grigi dei sette comuni 323 

Pacli^meg^alCMliia cliamctefoi'tiiìs. Schlotb. 

Tav. XIV, flg. I a, h. 

1781. Von Hacqnet Oryctograpliia Carniolica. II. Theil, Vign. I. flg. 1.2. 
1820. Buccarditaa chamaefoimiB Schlotheini. F«trefaGtenkande.S.208. 

lSe2. Hcgalodon (Pacliymegalodon) chamaeformìs GQrabel. i)ie 

Daekxteinhioaloe ecc. Sitziingaber. k. Akad. Wiss. Baod XLV, p. 876, 

Taf. 7, Fig. 1-7. 
1380. Ueifaladaa chamaefoTmiB (Schloth- ap.) a Hoernes, Mattrialien 

lu eine Afonographie der Oattung UegalodnB. Denkaohiiflen d. k. 

Akad. d, Wigs. Band. XLII, W Abth., S. 88, Taf. I, Fig. 13. 
1890. p8ch;megalodDB chamaeformis Schloth., Taosch. Zar Kenn- 

tniti der Favna der <• grauen Kalke « der Sùd-Alpen, Abhandl. <I. 

k. k. geol. R-A. Band. XV, Heft. 2, S. 28, Taf. IV, Fig. 1-7. 

L'esemplare figurato è alquanto compresso lateralmente, e 
nella parte ventrale; di piti lascia vedere nnlla della cerniera, 
la quale resta coperta dalla roccia incassante, troppo dora per 
poterla liberare senza compromettere l'integrità della conchiglia ; 
questa, però, nella forma generale corrisponde bene alle fìgiire 1 b, 
e 2 date dal Tausch a tar. IV., per il Pachymegalodus chamae- 
formis di Podpec, e presenta tatti i caratteri speoifìcì della . 
Buperlìcie stabiliti dal Gflmbel (1. e. p. 376), cioè le strie sqiia- 
moso-rugose fortemente rilevate, concentricbe ; l'umbone curvato 
in avanti, molto involuto; il lato anteriore breve, eublanato, il 
posteriore acutamente carenato, profondamente depresso, colla parte 
depressa larghissima e divisa, da una seconda carena discreta- 
mente acuta, in due parti allungate e incavate. Si vede anche cbia- 
ramente la eaiatteristica depressione longitudinale, che costerà 
la carena principale al dì fuori della grande depressione posteriore. 

Località: Le Fiare, a nord di Oallio (Sette Comuni). 



chonella belemditica Qaenst.t Rk. cfr. rimata Opp., Rh. Brùeit Gem., Uh. 
fauicotìata Uhi, Rk. Greppini Opp., Rh. flabellum Mngh., Terebratula 
brachyrhgncha Schmid., 7'. Aspasia Mogli., T. Chri/silla Uhi., IValdheimia 
HtTUii Haas., ff. linguata Boeckh.; quelle date dai sigg. Parona e Cana*ari 
sono: Terebratula Louii Lepa., T. Seccai Par., 7'. citrvicoachaOpf., Wal- 
dkeinia cfr. Cadonemit Deal., fValdheimìa a. t, RhynckoneUa sp. indet., 
Rh. Seganentit Par.. Rk. Tkeresiae Pai., Rk. Corradii Par. 



DigmzcdbyGoOgle 

I 



Pacliynaeg^alodus cha-tuaeformis? ScMotb. 
Tm. Xm, flg. 1 a, &. 

L'esemplare presenta le due valve perfettamente chiose, ma 
non è completo, mancando io esso il bordo ventrale e la parte 
posteriore depressa della valva destra. 

Riferisco con dubbio alla specie di Schlotheim questo fossile, 
perchè BÌ allontana marcatamente dalla forma tipica, forse per 
compressione verticale subita : infatti esso appare più rigonfio e 
an'otondato; il lato anteriore è fortemente incavato come se vi 
fosse nna profonda lanula. ma non r^lare; le strie rugose squa- 
mose sono visibili solo nella parte mediana e anteriore delle valva, 
sotto forma di aggruppamenti o faacicoletti di cordoncini rilevati, 
addossati l'uno all'altro, piuttosto che di fascio squamose concen- 
triche, come si hanno nel P. chamaeformis dì Podpec e Casale. 
Di pili la tanto caratteristica depressione laterale, esterna alla 
carena principale, è bene accennata solo presso la r^ione ventrale 
della conchiglia, e presto si perde lungo la regione posteriore. 
D'altra parte, nella larga depressione posteriore della valva sini- 
stra, che è abbastanza ben conservata, le due carene estema ed 
intema, sono magnificamente sviluppate ; il campo compreso fra 
di esse è chiaramente incavato a modo di Itmga doccia, mentre il 
campo centrale, più stretto, sì mostra appena appena concavo. 
Abbiamo dunque qui una forma non ben definita, la quale, insieme 
a caratteri del P. chamaeformis, ne mostra anche altri ricordanti 
il Megalodus (Neomegalodus) columbella di GOmbel (Die Dach- 
steinbivalve ecc. p. 374. Tav. VI fig. 1-3), ohe per Hoernes (Ua- 
terialien znr eine Mon<^raphie der Oattung Megalodus, p. 100 
e 110) diventa Megalodus Sloppaui'nov. foim. Ad onta di ciò 
credo preferibile, tutto sommato, di ascrivere il fossile in questione 
al P. chamaeformis piuttosto che ad altra specie. 

Località: Le Fiare, a nord di Gallio (Sette Comuni). 



>dbyGoogIe 



SOPBA ALCUNI FOSSILI RACCOLTI NBI CALCARI ORICI DEI SETTE COMUNI 325 

O-ervillia. Ombotiii. a. sp. 

Tar. Xin, &g. 9 a-e. 4. T«t. XIV, fig. 2, 3, 4, 6, 6, 7 a-a. 

Q. testa inaeqnìral?!, inaequilatera, inflata, crassa, oblique et 
transverse trian^lari-oblonga ; latore anali Talde espanso, depresso; 
latere antico brevi, aaepe aatem snbnullo. — Valva inferiore sob- 
plana, plenimque in media parte aecundom longitudinem incavata, 
coacentrice rugosa; iimbone aliquantum antico producto, eubaon- 
minato. — Valva superiore oblique infiala, valde gibbosa, subliliter 
ooQcentrice striata, vel rugosa, radiatim costata, costis ut plurimom 
aodosis, interdum iutegrìe; latere postico ciugnlis coafertis exoruato; 
ambone elongato, incurvo, apice spiraliter convoluto. — Mai^se 
cardinali crasso ; foveolis angustis, elongatia, aeque distantibm, 
&aequentibu8. 



Conchiglia rigonfia, triangolare, obliqua, inequilatera, molto 
iuequivalve, spessa; apici rivolti versola regione buccale. Regione 
boccale con alette poco prominenti, talora mancanti affatto. Re- 
gione anale molto espansa in una grande ala appiattita ricor- 
dante il genere Pterinea. — Valva inferiore depressa, sovente 
incavata nella sua parte longitudinale mediana, concentricamente 
n^osa, con apice appiattito assai breve, acuto, che tende a r^- 
giungere quello della valva superiore. — Valva superiore molto 
più grande, gibbosa, ad apice molto prominente, che alla sua 
estremità si avvolge a spira e tende a portarsi verso l' avanti. 
Superficie ornata di coste più o meno numerose, più o meno ri- 
levate, ordinariamente nodulose, qualche volta intere, raf^ianti 
dall' apice, limitate quasi sempre alla parte piti rigonfia della 
valva, intersecate, n^li esemplari meglio conservati, da finissime 
strie concentriche parallele, serrate, alle quali sì aggiungono sul* 
l'espansione anale cìngoletti e tascette che danno alla conchiglia 
un'aspetto rugoso. — ■ Regione cardinale diritta; fascia articolare 
spessa, sanata nel suo senso longitudinale da minute strie pa- 
rallele, e solcata trasversalmente da infossature profonde, allungate, 
r^olari, equidistanti, abbastanza numerose, contandosene 6 in un 
tratto di cerniera lungo 32 mm. (vedi Tav. XIV, flg. 6, 7 i, 7 e). 



>dbyGoogIe 



Gli esemplari che posse^o sono per la maggior parte decor- 
ticati; quindi la loro superficie appare a luoghi affatto liscia, a 
lacchi rugosa, senza vestigia nette dì coste preesistenti; però alcuni 
individui meglio conservati ci lasciano scorgere, quando, la traccia 
abbastanza marcata dì nna costa (Tav. XIII, fig. 4 e Tav. XIV, fig. 3), 
quando, la presenza evidente dì due coste nodulose (Tav. XIY, tìg. 5 
e 6). Altri campioni, che non ho potuto far figuisre, portano avanzi 
di eoste nella r^one anteriore e, per ultimo, l'esemplare di sinì- 
3tra della figura 7 b, Tav. XIT, ci o&e una omamentazione affatto 
speciale: 5 coste ben visibili partono molto ravvicinate dall'apice 
per andare a raggiungere il bordo verticale, man mano allonta- 
nandosi a guisa di ventaglio; nella parte più rilevata dell' umbone 
si notano anche costìoìne minori interposte alle manieri e come 
queste dirette; altre coste analc^he dovevano correre lungo la 
parte anteriore della conchiglia, ma sfortimatamente questa non è 
completa, e, per giunta, in parte schiacciata, in parte ricoperta 
dalla roccia, da cui non è possibile liberarla senza arrischiare di 
gnastarla mi^ormenie. Sulla espansione anale c'è pure un l^- 
giero indizio di due costìcine molto esili e molto distanti fra loro. 

A dir vero, questo ultimo esemplare eì distacca per ornamen- 
tazione tanto notevolmente dagli altri, che fui perfino in dubbio 
di doverlo ascrivere ad una specie diversa; credo però pih conve- 
niente, fino a tanto, almeno, che non potrò racoc^liere mi^gior 
numero dì campioni sa cui appoggiarmi, di considerarlo semplice- 
mente come on individuo eccézionalmwte ben conservato, forse 
anche appartenente ad una forte varietà della specie; poiché è 
bene tener presente che si tratta qui di un genere, il quale rac- 
coglie in aè forme molto varie, non solo per scultura, ma anche 
per dimensioni e per aspetto generale. 

Per essere affatto sicuri che gli esemplari dì cui ora ho data 
la descrizione appartengano proprio a OerviUia e non ad altro 
genere affine, bisognerebbe vedere se esistono i caratteristici denti 
cardinali, divellenti all'indietro. Un oscurissimo accenno a tale 
particolarità lo si trova forse nella figura 7 e della Tav. XIV, che 
appunto rappresenta parte della cerniera dell'indivìduo disegnat« 
intero nella %ura 7 a, a destra : ma, anche prescindendo da questa 
interpretazione, come dissi, molto dubbia, mi sembra che l'essere 



>dbyGoogIe 



SOPRA ALCUNI FOSSILI RACCOLTI SU C&LCABI GBIOI DEI SBTTE GOHUNI 827 

la conchiglia tanto ineqnivalre, e l'avere gli apici oosl rìcnivi, basti 
già pei detenninarla come spettante a GervilUa. 

Dedico al liTerìto mìo maestro prof. Qiovanni Omboni questa 
nnova specie, trovata nei Sette Comoni presso le casare dette 
Le Fiare, a nord di Gallio, discendendo verso la spianata di 
Maloesìne. 

Pecten Taramellii. n. sp. 

Tav. nn, flg. 2<i,i. 

P. testa ovato-oibìcnlari, inaeqnilateiali, pamm obliqua. — ~ 
Talva sinistra couveia, membranacea, ntrinqne sabtilissime ood- 
centrice striata, striìs minatissime punctatis, versus medìam par- 
tem evaneeeentibos ; anrìcnlìs inaeqnalibas; antica majora, sub- 
rectangula, transverse confertim striata ; postica angusta, elongata. 
obtusangula, strìis creberrimis, tennissimiB, ponetatis, transvatsim 
notata. — Valva dextra ignota. 

Altezza mm. 15 

Lai^bezza i> 13 

Angolo apicale 93" 

Di qnesta nuova specie, che mi ò grato dedicare all' illnsb^ 
prof. Tanunellì, posa^go solo ana impronta, ma cosi nitida, sia 
nel contorno, sia nei dettagli della superfìcie, che credo di poter 
stabilire su di essa sufficienti caratteri specifici, senza allontanarmi 
dalle buone regole di classificazione. 

Abbiamo qui, vista dal lato interno, una valva sinistra, di 
cai solo una piccola parte è conservata, mentre dove essa manca, 
si può benissimo scorgere dall'impressione lasciata, quale doveva 
essere all'esterno l'ornamentazione della parte mancante. Nell'insieme 
si rileva trattarsi di una conchiglia piuttosto picoola, ovato-orbi- 
colare, l^germente obliqua, con orecchiette disuguali di cai l'an- 
teriore è piil grande, quasi rettangolare, a bordo libero un poco 
arenato aU'infhori; la posteriore è molto piil stretta e aUungata, 
ottusangola. Snll'orecchìetta anterìoie ò conservata U conchiglia 
la quale, sottilissima, si stende quasi a modo di tenue iucrosta- 



>dbyGoogIe 



zioDe e attraTcìso di essa bì può abbastanza bene riconoscere 
che detta orecchietta presenta delle minute strìe serrate, disposte 
Del senso dell'accrescimento. Nella porzione d'impronta corrispon- 
dente alla parte posteriore della valva, sì osserrano dei sottilissimi 
cìngoletti ravvicinati concentrìci, i quali, esaminati colla lente, mo- 
stransi formati di piccolissimi punti rìlevatl e disposti in fila in 
senso trasversale alla conchiglia ; ma questi cingoletti non corrono su 
tutta la superficie, sibbene, dopo esser andati gradatamente allon- 
tanandosi l'uno dall'altro, presentando anche qualche raro caso di 
sdoppiamento, svaniscono per modo che la porzione longitudinale 
mediana dell'impronta appare affatto liscia. Nella porzione anteriore 
è pure conservato lo straticello conchigliare, in grazia della cui 
sottigliezza si paò constatare anche qui la presenza di minatissimì 
cingotettì punte^ati concentrìci. I cii^oletti della porzione po- 
sterìore si continuano, molto addensati e ancor più sottili sul- 
l'orecohietta anale, la cui impronta, essendo nel nostro esemplare 
quasi dal tutto scoperta, fa vedere sotto la lente una specie di 
minutissimo graticolato formato di file trasversali di puntini 
microscopici. 

Parallelamente al bordo intemo dell'orecchietta posterìore, e 
lateralmente all'apice, hawì anche una piegatura, una linea leg- 
germente callosa, obliqua, allungata, ricordante quelle caratteri- 
stiche del Pecten diseites HehI. e di qualche altro ; però, siccome 
in causa di irregolarità della incrostazione conchigliare, questa 
particolarità non appare molto chiara sul fossile, così la noto qui 
solo per esattezza di descrizione. 

Non esiste alcun accenno a presenza di costicine o di gra- 
nulazioni disposte in ordine longitudinale (ossia raggiato), ed è 
questo uno dei caratteri piil importanti per distìnguere questa 
nuora specie dalle affini già conosciute. Infatti fra 1 numerosi 
pecten lisci che si trovano descritti nelle diverse opere. le specie 
che m^giormente si avvicinano al Peete/t TarameUii sono: P. 
saturnus d'Orb., P. concinnus Eoch et Dunker, P. Rashdenensis 
Ljcett. — Il P. saturnus (Chapuia et Dewalque. Description des 
foBsiloB des terraìns second^res de la Provincie de Luiembourg. — 
Mém. cour. et mém. des savants etrangers. Voi. 25", p. 215, 
Tav. 29, fig. 4. Bruxelles 1854) differisce per l'ornamentazione 
consistente in fine coste divergenti, arcuate, molto namerose, ra- 



>dbyGoogIe 



SOPRA ALCUNI FOSSILI RACCOLTI KXI CALCAfiI ORIO! DEI BETTE COUUNI 329 

ramente dicotome, separate da strie marcate di punti impressi 
(eofoncés) {'). — Il P. coneinnus (Eoch n, Dnoker. BeitrSge aur 
EeontnÌBS der noràdentBchen Oolith-gebildeB nod desaen Versteine- 
nmgen. p. 42, Tav. V, fig. Aa,b. Braunsweig 1837) è più ovoide 
(stando il rapporto tra altezza e lai^hezza nel P. coneinnus 100 : 82, 
nel P. Taramellii 100 : 86,7), molto più grande, perfettamente 
eqoilaterale, di angolo apìcale minore, con alette di forma un poco 
dlTersa da quelle del P. Taramellii; piti clie tutto, poi, ee ne 
distingue perchè è ornato di ctngoletti alquanto elevati, i quali 
portano noduletti molto piccoli (mit dicht an einander liegenden 
concentrischen etwas erbabenen Reifen remefaen, die Bebr kleine 
Knjtteben tr^en) ; ora questi cingoletti essendo in rilievo sulla 
conchiglia, dovrebbero apparire come incavati nella impronta del 
pettine ; invece nella impronta del P. Taramellii si hanno lineette 
concentriche flnisaimamente granulate, rilevate, il che vuol dire 
che sulla superficie della conchiglia c'erano file di finissime pun- 
teggiature in incavo, e non cingoletti alquanto rilevati. — Il P. 
Rttshdenensis (Lycett. Snpplementatj monograph od the moUusca 
from the Stonesfield slate, ecc. Falaeontographical Society, p. 33, 
Tav. 33, fig. 4, Aa-c. London 1863) oltre che per l'aspetto 
generale, per la forma delle orecchiette e pel valore dell'angolo 
apicale, sì diversifìca pel disegno della superficie formato da file 
concentriche di piccole rughe rilevate, sqaamiformi nella valva 
destra e sinuose, a mò di S coricata, nella valva sinistra. Diffe- 
renze ancora più rimarchevoli distinguono il P. Taramellii da 
P. discites Hehl., P. lem Sow., P. Polyasmites Gemm. et Di 
Blae., ecc. ecc. 

Località : Spianata di Malcesine (Sette Comuni). 

Per la compilazione di questa breve nota ho cercato dì con- 
sultare il ma^or numero possibile di pubblicazioni; e, infatti, 
mercè la gentilezza dei proff. Omboni, Tarameli!, Farona, Foresti e 
La Valle, non meno che per la cortesia del chiarissimo Barone 

(1) Neil» breve diamosi dat« dal d'Oibign; (Fiodrome. 10* Ètage [batho- 
nien] N. 420] si parla TerameDte di •> stfiiee de petites tuberenlea par 
lìgnea divei^entee comme cbei le P. arcuatut maia bien pina fines " il che 
pumi non ai accordi troppo bene colla descrizioDe dei signori ChapnÌB e 
Dewalquel 



>dbyG00gIe 



330 A. NEGHI 

De ZigQO, ai quali tatti esprìmo qui la mìa profonda rìconosoenaa, 
ho potuto gìoTarmi di moltissime deUe più importanti opere che 
si riferiscono a bivalvi gioresi e liasiche. Per verità debbo aggiun- 
gete che alcuni pochi lavori, per eBompio quelli del Bouvìgnier, 
non mi venne fatto di procoràrmeli; mi sono tuttavia indotto a 
pubblicare come nuove le specie che qui ho descritte, perchè, se 
non certesza atsoluta v'ha però moltissima probabilità che siano 
tali davvero, non avendo io nemmeno nelle collezioni paleontolo- 
giche di molti gabinetti da me visitati, veduto mai fossili Borni- 
glianti a questi. 

Padova, febbraio 1891. 

Arturo Negri. 



>dbyGoogIe 



sopKA aia:[ini fossili baccolti nei calcari obigi dei sette comuni 331 



SPIEGAZIONE DELLE TAVOLE 



Tav. Xni. 

Vm. la,b. Pachyntggalodu* chamaefiìrmut Schloth. 

" 2a,h. Pecten TaramBllii n. «p. (Sa.ValTstimatrftiii grand, nat.— 2(. La 

medesitiitt ingnndita 9 Tolte). 
<• Sa,ò,c,d,e. OeroilUa Ombonii n. ap. 



T»v. XIV. 

Vxa. la,b. Paehjfmegalodtu chamaeformis Schloth. (Valva sìniatra). 

1 2. Ùervillia Omionit a. sp. (Valra inferiore). . 

1 3. n Tt B (Valva snperiore). 

^4. 1 n n (CoQclìiglia intera rista dalla parte inf.) 

■> 5. " V TT (Tre valve snperiori vicine, di coi tina 

mostra dae coste tabercnlose). 

' 9. Otrvillia Omòonii n. sp. [Esemplare molto corroso mostrante Bi- 
enne fossette della cerniera appartenente alla valva inferiore). . 

" la,ò,c. OeroUlia Ombonii n. af. (7 a. Orappo di dae esemplati di cui 
ano decorticato e l'allro con ornamentazione particolarmente con- 
servata. — Ib. n medesimo grappo incai dall'esemplaredecoiticato 
ri è levata nna parte, allo scopo di mostrare la cerniera. — le. Parte 
staccata dall'esemplare decorticato e mostrante la controimpionta 
deUa cemiem). 



>dbyG00gIe 



,db,Google 



B;!i^';' d Soc Geolo^ hai 



VolX(l891jTavXIl 



, „,>.C(1l1ol- 



,db,Google 



,db,Google 



DijilizodbyGoOglc 



DijilizodbyGOOgle 



,db,Google 



SUL CASTOR FIBER, 

SULL'ELEPHAS MEBIDIONALIS 

E SUL PERIODO GLACIALE NEI DINTORNI DI ROMA. 

{Risposta alle oitervationi eritiehe del doti- Tcccihbi). 



Il doti. Taccimei ha testò pubblicato naa Memoria dal titolo: 
Aleuni mammiferi fossili delle provincie Umbra e Romana{'), 
nella quale si trovano alcune osservaziODi orìtìche circa due de' miei 
lavori (^), alle quali rispondo subito poiché così sembra desideri 
Vantore. Infatti, in usa nota a pag. 10, parlando del Castor fiber, 
così si esprime : ■ Il Clerici dice che i resti trovati dal Fr. Indea 

■ sono citati da altri autori e talvolta con località errata. Ma di 
> queste aaurzionì si desiderano le prove ■ . 

Per precisare meglio i &tti comincio col riportare un brano 
tolto dalla Memoria suddetta (*) : «Il Clerici che ba descritto ac- 
« curatamente i resti trovati dal Fr. Indes nella caverna del Monte 

■ delle Gioje sulla destra dell' Anìene \^Sopra i resti di Castoro ecc.], 

• diee essere quelli gli unici sin allora trovati fra noi. Ma giustamente 

• il Meli osserva che il Bleicber, il Ponzi e il Rusconi vani anni 
a prima ne areano trovato in località differenti tn loro e da quella 
. di Pr. Indes [Meli R., Boll. d. Soc. geol. it, voi. Vili, pt^. 40]. 

■ Quindi nelle ghiaie alluvionali e nei travertini della valle del- 
« rAnioDO è meniionato dal Ponzi [^Dell'Àniene e suoi relitiQ; in 

(>) Memorie della Fontifieift Aceademin d«i Nuovi Lincei, voi. TII. 
Bomt 1891, 

C) Clerici E., Sopra i retti di Cattoro finora riitvettuti nei dintont 
di Boma (BoU. del B. Com. Qeot., □. 9-10, Roma 1887). — Id., Sulla Cor- 
òicula [luminali» dei dintorni di Roma e tui fonili che Vaccompa- 
gnano (BoU. della Soc. Geol. It., voi. T., Roma 1888). 

(*) Tnccìmei G., Alciaii mammiferi ecc., pag. 9 e»tr. 

22 



>dbyG00gIe 



* quelle di Ponte Molle (valle del Terere) prima dal Ponzi, rari 
f amii dopo dal M&otoTani \_De»cnzione geologica della Campagna 

* Romana} e dal Meli ; nel travertiDO bianco della valle dell' Aniene 
" dal BuBCOBÌ \_L'origine atmosferica dei tufi vulc. della Camp. 

* Romana}- Il Bleìcher lo cita sotto il nome di Castor spelaeta 

* Qerv., ma non ne precisa la località ■ . 

Nella mia Nota Sopra i retti di Castoro ecc., a pag. 4 del- 
l'estratto, è scritto: ■ In questa prima spigolatura descriverò i reati 
- di Castor fiber, gli unici finora trovati nei dintorni di Roma, 
■ raccolti dai Frère Indes nelle ghiaie del Monte Sacro, e che sono 
o citati più meno incidentalmente in alcane Memorie sulla geo- 
" l(^a della provincia [Bleiclier, Essai d'une monogr. gioì, du 

* M. Sacre. — Id., Recherches géol. faitet dans les env. de 

* Rome. — Ponzi G., Cronaca subappenniaa eco. — Id., Le ossa 
> fossili subapennine ecc. — Mantovani F., Descr. geol. della Camp. 

* Romana'], talvolta anche con località erratat. 

Da ciò risulta chiaramente: 

1" che i resti da me descritti proveogono dalle ghiaie del 
Monte Sacro e non dalla caverna del Monte delle Qioie come erro- 
neamente scrive il Tuccimei ; 

2' che io conoscevo perfettamente i lavori di Ponzi, Bleìcher 
e Mantovani ove il castoro è menzionato, ed appimto perchè, come 
dice il Tuccimei, sì citano ■ località differenti fra loro e da quella 
<• di Fr. Indes ■ ho detto e sostengo che talvolta la località è stata 
sbagliata. 

Trattandosi di una specie importantissima e rara io credetti 
utile di dare una descrizione ed un disegno con tali dettali che 
tanto l'una che l'altro, anche disgiunti, potessero persuadere il let- 
tore della esattezza della determinazione specifica. Quindi quel 
mio modesto lavoro nuUa avrebbe guadagnato o perduto se altri 
resti di castoro fossero stati trovati prima o dopo di quelli della 
collezione Indes e se io avessi fatto a meno di dire che quelli dì 
Fr. Indes erano gli unici fino allora trovati. 

Ecco in dettaglio la storia, per cosi dire, del castoro dei din- 
torni di Roma, anteriormente alla mia pubblicazione. 

1847. Ponzi G., Sulle ossa fossili della Campagna Romana. 
(Atti della YIII riunione d^li scienziati italiani tenutasi in Ge- 
nova nel 1646. Genova 1847). 



>dbyGoogIe 



SUL CASTOR riBIR, BUIO. KLBPBAS HERIDIONALIS, KCC. 335 

Iq qaesto catalogo U Caxtoro dou c'è. Se il Ponzi lo Iia' tio* 
vato è certameDte dopo quest'epoca ('). « 

1862. Ponzi 0., DeU'Anietu e dei suoi relitti (Atti dell'Ac- 
cademia pontifieia de' Nnori Lincei, anno XT ; eess. del 4 mag^o 
1862. Berna 1862). 

In un ragionamento preliminare e d'indole generale il Ponzi 
sostiene che i grossi pacliidenni non appartei^ono alla fàuna qua- 
ternaria ma che derivano da no secondo trasporto. 

A pag. 14 dall'estratto si leg^ ■ Le specie di tali esseri rica- 

• rati dalle lavorazioni di eecavazione praticate nelle brecce del- 
« l'Anìene sono : 

n Kuelephas primigenius Blum. 

■ Euelepkas antiquus Pale. 

■ Loxodon mendionalis Nesti 
« Mppopolamus major Cut. 

■ Rkinoceroi megarkyma Crtst 

■ Ma non sono questi i soli animali le cui reliquie vennero 

• raccolte nelle brecce plioceniche, altri ve ne sono, le cui ossa seln- 
•> bene disperse come quelle, pur si distinguono per essere comuni 

• anche ai travertini, questi sono : 

■ Boa primigenius Cuv. 

• OervM elaphus Lin. 

• Cervus intermedius Geoff.? 

• Equus fossili! 

• Castor fiber Lin. 

■ Vari carnivori, Canis, ffifoena, ecc. ■. 

Nella parte veramente nuova ed interessante di questa Me- 
moria fondata, come lo stesso Ponzi avverte, sulle raccolte del Ba> 
«coni si considerano il travertino bianco, quello rosso e quello dei 
filoni di riempimento, dando per ciascuno una lunga lista di fos- 



(') Le ossn di questo catalogo sono state raccolte nei depoBiti alliiTia- 
cali del Tevere e dell' Aniene (Ponzi 0., te otta foitUi tuòapennine dèi co»- 
tomi di Rimo. Atti R. Acc. Lincei 1878). 



>dbyGoogIe 



336 E. CLERICI 

sili. In nessuna di tali liste, e sono dieci, Ti figura il Castoro. 
Anzi gon c'è neppure quel Cervus intermediia del bnre desco 
qQì eopra trascritto, al quale anche per le espressioni troppo in- 
determinate (. Tari camiTorì, Canis, Hyaena, ecc. ■ ai deve dare 
un'importanza relatìra. 

Periy se il Ponzi non ba posto il castoro nell'elenco speciale dei 
fossili dei traTSrtini, resta almeno assodato che à2X 1802 questa 
specie era conosciuta per le ghiaie. Quanto alla località essa uob 
è data, ma parlandosi delle ghiaie il Ponzi dice che TeniTano estratte 
alla Bebibbia, a Ponte Mammolo ed al Monte Sacro. 

Ora è opportuno accennare che il Frère Indes, Tenuto in Boma 
nel 1858, sì dette subito alla ricerca dei fossili. Fra le prime cose 
da lui trovate vi fu il mascellare, di castoro del M. Sacro che egli 
comunicò al Ponzi ed al Bleicber come si vedrà meglio in seguito. 

1865. Dott. Bleicher, Esiai d'une monographie géologique du 
Mont'Saeré. — Quelquet moti sur l'anciennelé de l'komme dans 
la vallèe de l'Anto (Bulletìn de la Société d'histoire naturelle de 
Colmar, 5* anuée. Colmar 1865). 

Il Capitolo VI, Coup^ceil sur la paleontologie du Mont- 
Saeré,vamxit\A così: «Lea graTièrea du Mont-Saoré ont foumì de 

■ tont temps de nombreox osaementa fossiles. Nous aTons pu en 
' étudier uà certain nombre, grftce à la complaisance avec laquell» 
« M. le professeur Ponzi a mis les riches collectìons du Mosée de- 
li la Sapienze à notre disposition ; gràce encore h la belle coUection 
■1 qne M. Indes, sous-directeur de l'établissement des frères de la 

■ doctrine chrétienne, a bien roulu nous laisser étudier; enfin, notre 
•> propre coUection, qnoiqae fort restreinte, nous a été d'un grand 
" secours ■ . 

Alla pag. 156 di questo capitolo, alla fine dell'enumerazione 
de' fossili, eì l^e • les rongeurs n'ont que le Castor fiber * ('). 

Il dott. Tnccìmei (Mem. cìt. pag.. 7), che nella sinonimia dells 
specie mette: ■ Castor spelaeus Q«rr. ~~ Dott. Bleicber, Es$ai 
« ^une monogr. géol. du Mont~Sa0'é ■ faa preso un equivoco ooUk 
seconda Memoria del Bleicber. 

(1) In questa Uemorìa si ha nna prova che anche il dott. Bleichei fo 
in leluioDo col Biucodì poiché ri ai dice (pa^;. 156) a Cea denti (alconi deoti 
amani) soDt conaerrtfw daoi u eollection oò noiu Mona pn lae dtitdin ot In 
deasiner ». 



>dbyGoogIe 



SOL CASTOR FIBBK, 80LL XLBPSAS HF.RIDIONALIS, ECC. 337 

1885. Dott Bleìcher, Recherehet géologiqms faites dans les 
«aviroM de Rome (Bull, de la Soc. d'bist. nat. de Colmar. 6* aaniSe. 
Colmai 1865). 

Al capitolo in, Aperfu ds la Faune et de la Flore fossiles 
dtt diluvium des envirom de Rome (0. ti p^. 28 dell'estratto, si 
le^e; ■ Rongevrs — Castor spelaeus Gerv. de grande taille, fori mre " 
La località non è affatto indicata; ma è quasi eridente che qai 
si tratta del castoro d«l M. Saero citato nella Memoria precedente 
«d al qnale il Bleicher ha volnto dare nna determìnanone ^ecifiea 
che ^11 credeva più esatta. In seguito cercherò di dave Dna pro- 
babile spiegazione di questo fatto. 

À -pa^. 91 viene riportato il catalogo dèi vertebrati dei taraver- 
tini ddll'Ànìene (ricavato però dalla Memoria de) Ponzi) in cai il 
castoro manca. 

1865. Bnsconi C. L'ort'ffine Oimosfefica dei tufi vulcanici 
della Campagna Romana (Ballettino nnivwfsale della CorrfcipOD- 
denza sciatitifiea di Boma per l'avanzamento 'delle scienze, n. 19-20, 
VoL VII. Roma 1865). 

Discutendo sull'epoca in cui l'tiomo fece la sua prima com- 
parsa nelle vicinanze della laguna tiberina, il EnBconì insiste buI 
&tto che reliquie umane furono rinvenute soltanto nel tr&vertino 
FOSSO e non la quello bianco anteriore al rosso; e per confermare 
la differenia esistente &a \ due travertini s(^uoge {pag.'85) ■> È 

• da notare che il castoro in qtaelii contenuto (travertini bianchi), 

• non è passato al travertino rosso, e che le conchiglie terrestri 

• molto differìBcono dall'uno all'altro travertino " , 

Nessun altro dettaglio si trova sul castoro in tutta la Me- 
moria. Il Bnseoni fu db abile e paziente nccoglitore (ed è una vera 
^disgrazia che la sua collezione eia già quasi dispersa)'; ma trat- 
tandosi di una specie non più vivente sul Ini^, e neppure tanto 
focile ad aversi per fare dei confronti, io ho sempre dubitato del- 
l'esattezza di una tale- determinazione. Anche il Ponzi non ne tien 
conto in un lavoro più reeeate ove al catalt^ dei fossili dei traver- 
tini dell'Attiene non è compreso il castoro (^). 

(>) In rari pnnti di questo capitulo ai ha la prova che il Bleicher fa in 
relazione col Ceselli e che eonoteera molto bene la di Idi eolleiions. 

(*) In qneato lavoro -{f manufatti in focaia r̻cMuti all' [nviolatella 
ecc ] il Pònxi lifrritce aopia il riaTenimento fatio dal Bosconi/che già ite aveva 



>dbyG00gIe 



1866. Cesdlì L., Slromenti in tilice della prima epoca della 
pietra della Campagna Romana, lettera al prot Luigi Perini, 
Roma 1866. 

In qaesto lavoro si d& l'elenco dei fosaìli trovati ove Gi- 
rono rinvenate le selci teliate. In essa leg^i * Costar tpeloeut 
■ ed altre varietà del Castoro • e, da qoanto agginnge dopo, sembre- 
rebbe che l'autore aresee realmente trovato tntte le specie enome- 
rate e non soltanto fatto nn elenco basandosi sulle notìzie fornite 
dagli altri unitamente ai risultati delle proprie ricerche. 

Nell'elenco però vi sono delle specie tanto inaspettata o così 
mal determinate che io ho dato nn peso cod relativo da non citare 
affatto questo lavoro nelle notizie che io riportai nel mio scritto sol 
castoro. Del resto anche il Ponzi, che conosceva perfettamente la 
collezione del Ceselli, non tenne alenn conto di quelle determina- 
zioni ne' suoi lavori e lo stesso hanno fatto tntti quelli cbe~si sono 
occupati delle ossa fossili della Campagna Bomana. 

Se io confesso di aver trascurato, e con iatenzioiie, questa 
Monoria del CeseUi (')> posso però supporre che altrettanto abbia 
btto il dott. Tuccimeì. 



dato comanlcazione all'Accademia, o di ossa umane racchinae in certi vecchi 
B sedimenti fluviali, insieme a qaelle di animali, le qnali tutte potevano eaaere 
u Radicate nccome reaidoi di un'antica ataxione d'oomini ■, e dice che qaertl 
rati conaiitoDo in nona parte di mandibola con nn dente [nciaivo ieoUto*; 
Melode ai tratti di resti umani «d aggiange che il dente incigÌTo gli richiaaavk 
all'idea nn dente inciùvo di vecchio caniivoTO, come sarebbe qnello di iena. 

Qaeato gtodìilo del Pomi ginstiflca, in certo qoal modo, i miei dabbì 
snlla determinarione del castoro. 

(>) Anche nel mio s^Aìo: Sopra aleune tpeeie di felini della Caverna 
al monte delle Gioie (BolL del R. Com. OeoL n. 5-6, an. 1888, pag. 21), ho 
dichiarato di prestar poca fiducia alle determinaiioni del Ceselli. Riporto pei- 
tanto testnalmente qnesto elenco in questione: 

" Bot primigeniut « Capra 

a » latifront ■ Jlyaena tpeloea 

■ ■ pritcut 1 MaeÌMirodm cultridmt Kanp. 
« » bubolus t Felit tptloea 

•> Cervia capreolu* ■ Culo tpeloeut 

» ■ primigeniut « Ampkieyor major 

■ * giganteut « Cunit viverroidet 
a > ramonu ■ Carter tpeloeut 

■ ed altre varìetJi non descritte ■ ed altre varietà del Castoro 



>dbyG00gIe 



SVI. C/BTOK niES, E 

tH67. Ponxi G., Sui manufatti in focaia rinvenuti all'Invio' 
laiella nella Campagna Romana e sull'uomo all'epoca della pietra 
(Atti dell' Acc. pont. dei Nuovi Lìncei, aa. XX, eeseioDe del 2 di- 
cembre 1866. Soma 1867). 

A p^. II dell'estr. nell'elenco • degli animali soci o contem- 
• poraneì dell'aomo dei depositi quaternari dall' Aniene e dai sdoì 

■ afflaenti circostanti ai monti Comicolani o della Campagna Ho- 
' ( maaa ■ si trova anche il Caetcr /iber. 

1860. Fr. Indea, Sur la fortnation dei tuft et tur une ca- 
verne à onementi dei enviroat de Rome (Bnll. de la Soo. géol. de 
Franco, séance da 9 non?. 1868, 2* s^e, voi. XXTI. Paris 1869. 
Seconda edizione della stessa, Béthnne 1875). 

Fra i fossili raccolti nella carema al Monte delle Gioie, da 
Ini scoperte ed esplorata, trovasi * Castor : an seni indiTÌdn, repré- 

■ Mate par nne incisive * . 

Nella collezione del Coll<^o Francese io ho ritrovato tale in- 
eiùvo con la scritta di carattere dì Fr. Indes ; nel mio lavoro sul 
castoro dimostrai che questo incisivo frammentario è di Sua e non 
di castoro. 

1875. Fonti G., Cronaca subappennina o abbozto d'un quadro 
generale del periodo glaciale (Atti dell'XI Congresso degli scìen- 
tiati italiani tenutosi in Roma nell'ottobre 1878. Roma 1875). 

In questo lavoro il Ponzi, etm quella prolissità che forma il 



• SeelidoCherium " Binocerot tiehonntu 

•• Lophiedoit Pari$n4e » i i»citiviu 

1 Siu aper ' n megarMut 

» » priieiu " Elepha» jwtni'^mttu 

« ■ paloeehoerut Kanp. u n meridianalU 

« HypopotamM» major <• » antiquiu 

<• K mediiu u Equiu prtmigenitu 

■ i minìttut 

» Ai quali ri devono aggiangere Tuie (issa di necelli ed ancora dì ncc«lli 
" ngwci, ed ossa « denti di altri animali di specie non doscritte. Le qnali sa- 
li raann argomento di altro mio lavoro : non essendo scopo di qoeata mia il (ut 
■ la fauna fossile dei terreni di txaaporto, tanto più che ora il cbiariMimo e 
B laborioiissimn prof. Ponti sta occnpandosi di qaesta; ma bens\ indicare quali 
' animali siano stati da me raccolti con le s.lci tagliate per far vedere l'Uomo 
• contemporaneo a qa«sti ■<- 



>dbyGoogIe 



?Ì0 E. CLSBICI 

. SUO stile, riassume il risultato di tutta le sue ricfrche 6 ài tatti i 
■saoi studi della Campana Bomana specialmente. Vi si coatengono 
pure parecchie liste di fosaili. 

In quella « delle breccie alluTÌogali del Tevere al ponte Uil- 
> vio t (pag. 55) non c'è c-astoro. 

Io quella a pag. 56 ' delle breccie dell' Aniene alMonte Saero ■ 
al n. 14 trovasi • Costar fiber Lin. ». 

Id quella dei > travertini dell' Àniese alle Capriae sotto Mon- 

• ticelli » il castoro non c'è. 

Dunque è bene assodato obe il Castoro era stato raccolto 
nelle ghiaie del Monte Sacro »on in. quelle del Ponte Molle, .n<m 
nei travertini. 

1875. Mantovani F., Descrizione geologica della Campagna 
-Romana. Boma 1875. 

Per la fauna •• pliostocenica del Tev«e ■ a pag. 106, è riportato 
un elenco di 20 numeri che egli chiama ■ il 'Catalogo dei fossili 

• finora estratti ■ nella vallata cfól Tevere. Al n. d è scritto ■ Castoro 
*(Casior fiòer) raro. A ponte Molle». 

Io ho cenosciuto il Mantovani due o tre anni dopo la pab- 
blìcazione della Descrmone geologica, ho vedato molCe volte la 
sua colleiione e posso assicorare che egli non possedeva restì di 
castoro. 

Credo utile aggiungere che il Mantovani fìi io relazione col 
Prère Indes, e quindi, molto probabilmente, il Caslor pber da lai 
menzionato poteva esser quello del Monte Sacro commettendo un 
-errore di località. Infatti lo stesso errore ha commesso quando al 
B. 12 dice • Orso {Ursits speloeus). Un solo femore posseduto dal 

• prof. Ponzi « . 

Questo femore si trovava e si trova tuttora- nel gabinetto di 
'Geolf^a della R. Università di Roma e porta attaccata una etichetta 
«he data da'niolti anni e sulla quale è scrìtto: ' Femore di Orso — 

• Monte Sacro — Ponzi ■ . 

Del resto questi scambi di località sono poca cosa di fronte 
-a tanti altri errori od inesattezze contenute in questo lavoro del 
Mantovani. 

1878. Ponzi G., Le ossa fossili subapennine dei contorni di 
Roìha (Memorie della R. Accàd. dei Lìncei, ser. 3», ,vol. IL Roma 
1878). 



>dbyGoogIe 



BUI, CAiiTOH FIBRR, SULL'SLBPHAS MERIDIO.VALIS, ECC. S41 

In qnestk nemoru l'autore ripete le cos* ^à tante volte 
dette circa le vicende geologiche dal miocene all'epoca presente, e 
> riordioaodo il eatali^ dei nostri fossili ■ (pag. 727) e^ fia due 
«ategorie : > Fansa teezifoia pr^Uciale te* Fatma qnatamaria 
poet-^laeiale r. 

Nella prima (pag. 731) trftTO : • n. 24, Cattar fièer -^ Uni 

• mezia mascella con denti — Pcoresieote dalle breocie del ponte 

• Hilrio. Selene logorata dal trasporto pure mostra chìaramoite 
■ ì caratteri dì analogia col castori vÌTente. Sara ■ . 

Nella seeonda il caeton manca asBolntamante. . 

Qotndi oei travertini dell' Amene questa ^ecie nea ' fa mai 
trovata come bo già fatto rilevare precedentemente. Ora si tratta 
dì dimostrare che la > mezza mascella con denti ■ è precìssmeiite 
quella trovata dal Fi. Indes al Monte Sacro « che, quiadi, il 
Ponzi dà una località errata quando dice che tale mascella pro- 
viene da Ponte Molle. Intanto, del Castor fiber citato al n. 14 
{pag. 35) della Cronaca Subappennina, come trovato al Monte 
Sacro, che cosa ne è avvenuto? 

n Frère Indes dei reati di castoro, come di alcuni altri esem- 
plari della sua collezióne, fece fare delle riproduzioni 'in gesao ohe 
poi distrubuì ad altri coHezionìsti, fra cui il Ponzi. Anzi il Ponzi 
né ebbe due. Queste due pk^iche esistono nel Museo Geologico 
della B. Università e mi fa grande meraviglia che il dott Tuc- 
cimei, il qnale ha rovistato tutte le vetrine della collezione dei 
dintorni di Roma, non le abbia vedute e che dovendo parlare del 
castoro dei dintorni di Itoma non 3i sia dato premura di vedere 
ciò che esisteva in proposito nel Museo. Esse sì trovano in una 
Beatola accompi^ate da un pezzo di caria tutto insudiciato di 
fango (') 8u cui sì legge però molto bene in carattere del Pomi 

• Cattar ^ber fouUis — Mascella inferiore — ' Monte Sagro • {*). 

Il dott. Tnccìmei abbia la compiacenza dì prendere ,qnei mo- 
delli in gesso esistenti nel Museo Geologico e di con&eotarli col 

(I) Per rinnondazloiie del 1870. Anche i modelli «onò tin poco avariati 
per qaette eansa. Inaiato ral fatto che se etichetta e modelli Bono «tati Botto 
l'koqna, il Podi! lì potBcdeva già prima del ISTO ed ha potuto citarli con entr 
tei'za nella Cronaca Suòappeimina. 

(*} iDsierae a questi dne modelli ve ne sono altri due dell'Incisilo pare 
tronto dal Fr. Indes al Monte Sacro e da me illustralo. 



>dbyGoogIe 



Mi S. CLIItlCI 

mìo dÌBC^DO : se non è persuaso, rada al Collegio Francese e tL 
troreià l'originale da me studiato. 

Nel Museo - Geologico Univeisltarìo, e rioino a questi modelli, 
si eonseira una meiza mascella inferiore sinistra del castoro tì- 
vento colla quale il Ponzi fece il cos&onto con qnella fossile, che 
è pure di sinistra. Il mascellare fossile ed anche l'incisìTO hanno- 
dimensioni notovolmente più grandi delle omologhe misurate sul 
mascellare recente ('). Ciò spiega l'annotazione del Ponzi ■ Sebbene- 

■ logorata dal trasporto pure mostra chiaramente ì caratteri di ana- 
• logia col castoro vivente t ed anche la ripone per cui il dott. 
Bleicher al nome di Cattar fiber, dato nella sua prima pubblica- 
zione, sostituisce quello di C^tor spelaeus Qecv. ■ di grande taille • 
'scritto nella seconda. 

Dopo quanto ho riferito precedentemento mi pare sia superfluo' 
a^iungere altre parole per fornire le prove desiderato dal dottor 
Tnccimei. 

L'altra osserrazione critica del dott. Tnccimei sì riferisce iX- 
VSlepha» meridionalis, come si nlera dal seguente brano con cui 
^li termina il capitolo su questa specie : (^) 

• Che se Ponzi e Meli furono tanto cauti nelle oonseguenze- 
" cbe emetigono da questa detorminazione di specie d'epoca piiL 

■ antica, non così ò state il Clerioi ('), il quale, come il Bleiober, 

■ si è spinto fino a concludere che l'Elephas meridionalis cogli 
> altri graudi mammiferi viste contemporaneamente alla Gorbieulo- 

■ fiuminalit, la quale tanto a Monte Verde quanto alla Sedia 

(1] Ecco alCQDe dì qa«Bt« dimenaioDÌ : 

TlTHlU IMiik 

LftTgbetu aat«riore deirinciiÌTo mm. 7 mm. 8,5 

LdDgbeiia della superficie triturante formata 

d& m,, ffli, ffli ■ 21,5 ? 24,5 

Altezta del mascellare miaarat* in corriepoD- 
denia dalla parte anteriore del bordo al- 
veolare di m, n 25,5 >> 31 

U mascellare inferiore destro trurato dal prof. Meli nelle ghiaie di Ponte- 
Hfiile presenta dimenaiani ancora maggiori (V. Meli B., Cattar fib&r Lin., Urn» 
tpeiaeut BlaoL, Ctni» luput Lin., fossili nelle ghiaie quaternarie della valla' 
del TeTere, Boll, della Soc. Oeol. li., tdI. VH Roma 1889). 

(*) Tnccimei G., Alcwti mammiferi ecc., mem. cit, psg. 39. 

(*) Clerici E., SuUa Corbicula flumi»ali$ dei dint. di Roma eco^ 



>dbyG00gIe 



SUL CASTOB FIBin, SULL'XLBPHAS UCKintONALiS, Beo. 343: 

• del Diavolo ò in tarreDi sapanori al tufo. Bisogn» ricordare cbe- 

■ le ane determinazioni di S. meridionali» e dì Rhimeeros etruseus 

■ (che ralle altre epecie non c'è questione) sono basate sulle me-- 

• morie del Meli, e sulle etiofaette del moseo nnirersitario di 

• BoniE. In qnal modo poi si possano conciliare le dae sesionì. 

■ descrìtte s pt^. 116 e 119 — nelle quali la Corbieula fiuminaUs 

■ e i mammiferi figurano tupertori al tofo ntlcanico, come soao- 
« in&ttì, — eolla conclusione dell'ultima riga (p^. 126) della me- 
li morìa, che cioò i 'grossi mammiferi doTettero scomparire dall'En- 

■ xopa insieme alla CorbieiUa per l' imperversare del periodi^- 

■ glaciale ; è cosa che riguarda l'^egio antere ■. . t 

Per m^lio intendere queste obbieiioni non bisogna dimenti- 
care che il dott, ruccimei è mosso dall'idea preconcetta che l'f- 
meridionalis sìa specie esclnaìramente pliocenica (Mem. cit. p. 37), 
tanto da potetene valere per determinare i terreni che ne contengono- 
resti. Infatti egli dica a pog. S4 : ■ Qaesti molari sono ìnteres- 

■ santi per fissare l'epoca dei terreni nei quali furono rinvengti,. 

■ aa gi& non se ne possedessero tante altre prore * e poco oltre 
1 Beata poi prorata esser plioceniche anche le ghiaie sovrastanU 
« e concordanti colle sabbie gialle, le quali ghiaie io ho sostenuto- 

• esser l'equÌTslente Ad riUarranchiano « . 

Anzi a qaesto ponto, servendosi del molare di E. meridio- 
nalit trovatosi a Monte Mario, e^li vuol combattere l'opinione del 
prof. De Ste&ni suH'età delle assise di tale località e dice : ■ Il 

■ De Stefani ohe ha cercato di dimostrare postpliocenìche anzi. 

• glaciali, le sabbie gialle di M. Mario, invoca a &vore della- 

• pnqnia tesi la' presenza dell' .f". antiquu» (C. De Stefani, Sedi- 

■ menti sottomarini dell'epoca postpliocenica in Italia. Boll, del 

■ B. Comitato Geologico, voi. Vili, Boma 1876, pag. 282). L'au- 

■ tore allude alla determinazione data dal Ponzi per la prima. 

■ volta ia una comunicazione alla R. Accademia dei Lincei (Tran- 
> santi, serie 3', voi. Il, pag, 130), del molare di E. meridio- 

■ natit descrìtto dì sopra ■ . 

Ma per essere esatti dovrebbe dirsi che il De Steftmi invoca- 
a favore della propria tesi la presenza della Cyprina' Itlandica a- 
non quella dell' Jf. antiquut, come erroneamente dice il Tnccimei, 
per la semplicissima ragione che quel molare di elefante fu tro- 
vato nel 1878, quasi due anni dopo ohe il De Stafani aveva pab- 



DigmzcdbyGoOgle 



'blicato quel suo lavorò sopra i sedimenti soitomarini dell'epoca 
■postplioceniea. ■ ■ 

t! "poiché a ctinchig^ie di tipo glaeiala oome la Cyprina Man- 
dica 81 trotaào asftKiate specie dì tipo tropieaU {Nm^ Caneel- 
laria, CardiUm aeoUeum) il prof De Stebm, attrlbaeDdo questo 
'fatto al carattere intermedio dell'epoca, aacriTe i depositi fossili- 
■tèri BOperiori di Monte Mario al postpliocene inferiore {}). 

Ove il De Ste&ni illude al molare di M. Mario atumnciato 
^l Ponzi come E. aniiquta è soltanto Delle conelasiooi deUs me- 
moria I molluschi cottlineniali d'Italia{^) ove a pag. 176-177 del- 
l'estratto si legge : • Panni che questa opinione sia stata eonfer- 

■ mata poi dall'aver trovato l'Elephag atUiquti8 nelle sfibbie del 

■ M. Marie le qaali stiatigrafleamente e paleontologicamente 'sono 
> ide&tiche a quelle dì Vallebìaia ■ . 

Credo oonvenientti di far notare &n d'adesso che le sabbie in 
•ùtii fa riitvfenuto ilmolare nen sono quelle classiche fossilifere, ma 
quelle che fondano le più recenti assise del M. Marìo'e che sono 
^erfln<y 'dtlpetiori HUe sabbie' ghiaiose di Acqnatraversa. Il ritenere 
qirelle sabbie oome'qila'ternariè non sarebbe una cote troppo esa- 
■gértete,", aàti ìldott. TiKCìm^ dbtrèbbe venire a questa'còoelasioae 
aTondo egli posto le ghiaie' nil Villafranehitmo. ' ' 

Quanto ai d«titi"eBt{^ dàlie ghiaie BMiza atenn dubbio qua- 
ttiinarie ^ dctt:' Tutcìmei 'tie fo, molto abilmente, tre categorie : 
' egli dice (p^'. -37)': '■ Alcttni À)no indetermìBabili per lo stato di 
k'corrtAlobé'ìn'iìtil' 8i'tr(]^aii&. Per qtialcdao si puft rimìuiére' dnb- 
■i bioai tfa' il 'meridionaih -ti VdhiiqwJe. Tutti gU altri (tft i qu^i 
• è^'comprtso quello citato dal Meli per le ghiaie della tì» No- 
"«'meitlana) sono ili- ì?. 'dntiqutis ■■ 

(>) In «u nota »' pag. 199 dell'opetA L'Era neoxoiea (HìImo 188(9, lo 
StoppBDÌ dichiara che egli fin dal 1367 {Note ad, un cono annuale di Geo- 
logia, voi. U), madfeatò l'idea che le sabbie gialle subifpeanine eqnirsles- 
seT'> al terreno glaciale subalpino, cioè fossero contemporanee dell'epoca in 
cai le Alpi erano invase dai ghiacciù. Questo atgomento è da Ini to^^or 
mente avihipp&to -nel Cono di Oeolo^»' (to\ Ó, g-1258-4B) e tieU'A-a neo- 

(*) De Stefani C, Ifolluschi coatiaentali /ino ad ora. notati m fialia 
nei terreni pliocenici, ed ordinamento di questi ultimi (Atti della Soc. To- 
scana di Se. naturali residente in fisa, voi. Il [187^, pag. 130-174; toI.UI 
.[1878], pag. 274:324; voi. V [ìSSì], pag. »-108>: 



>dbyG00gIe 



SUL CASTOB riBBR, sull'elepbas uekidion'alis, ecc. 34Ik 



Ora B9 il dott. Tuccimei che, com'^lì dice, ha esaminato ac- 
coratameate il materiale esistente nel Museo Geologico Univeiai- 
tarì«, confessa che per gualche dente si pniì restare dubbiosi fra . 
r^*. meridionalii e 1'^. aniiquus, cioè conressa di non poter ne- 
gare assolutamente la presenza ieWS, meridionalig fra i fossili 
delle nostre ghiaie quaternarie, perchè si rivolge a me qnaai 
avessi commesso un errore dei piti madornali indadendo nei mìei 
elenchi VS. meridionalif determinato da altri (come %li non 
ignora), sulla quale specie non ho ti'atto pù alcuna conclusione 
particolare? 

Qualora Tanisse dimostrato che VE. meridionalis non sì possa . 
troraiB ed effettivamente non sia stato trovato mai nei depositi 
qaateroari dai dintorni di Koma, non si dovrebbe fare altro che 
cancellare il solo nome di E. meridionalis in quel mìo lavoro sulla . 
Corèieuta, il quale lavoro per questo &tto non ne risentirebbe uè 
danno, nà vantaggio. 

Se tanti geolc^ di molto varia autorità e competenza, in altre 
questioni talvolta tanto discordi, nell'occnparsi delle ossa fossili 
della Campagna Itomana si trovano perfettamente d'accordo circa 
VS. meridionalis è mai possibile che tutti si siano sbagliati ? 

Tale però sembra essere l'opiDione del doti luecimei quando 
in una nota a pag. 38 ^li dice : ■ 11 Bleicher respinge l'idea del 

■ Ponzi che i resti dì B. meridionalis sieno abrasi dai terreni 

• pliocenici, ma per ritenerlo vissuto nel quaternario, e contompo- 
« raaeo d^'uomo. È sempre l'equivoco eoll'^'. antiquus t, 

Questi ap[»'ezzamenti mi sembrano forse troppo sevari perchè - 
il dott Bleicher scriveva {'): «Le colossal Etéphant meridional 
« B0U8 & laissé comme preuves de son abbondance de nombreoses. 

• mftchoirea inf^rìenres conservant les dents implant^es dans leurs 

■ alvéoles : ces dents caractéristiqnes ont des lames lai^s et on- 

• dulées, en nombre inférieur à eelle des deux antL'es proboscìdiens 

• contemporains, \ antiquus et le primigenius ». 

lo però non voglio sostenere esattissime tutte le determina>- 
zioni di E. meridionalis date dai vari autori, poiché me ne man- 
cano gli elementi; anzi per molte, come quelle del Ponzi basate ' 
sulle ossa soltanto, ho parecchi dubbi. 

(I) Bleicher, Etiaì d'une monograpkia ecc., mem. cit, pag. 157. 



>dbyG00gIe 



"Òt6 E. CLRKIOl 

Così pure non posso tacere che in alcuni casi Ih detennina- 
zione iélYF. meridionalis sia ttitt'altro che facile a causa della 
grande Tarìabilìtà e per la mancanza, finora, di carattori eostanti, 
-decisi e ben accertati. 

' Il prof. Ctaudry così si esprìme a questo proposito (>) : 

■ Cette espèce présente tm curìcux exemple de lente modifi- 
« catìoD ; car à son début, c'est-à-dire daus le crag, ses molaìres 

ont les dìgitatìons d'email de lears collinea assez massÌTes et 
» assez distinctes pour aToir pu, au dire de Falconer, étre attrì- 

1 buées à tm mastodonte : quand on le sait dans le forest bed 
a dn Norfolk, on le Toit donner liea & cette obserrations du Bé> 
- vérend Gunn : — Il y a une difference marquée entre les deots 

■ trouvées dans les lits plus anciens et cellee des lìts plus recente. 
•> Le caractère nastodontique des coUines est diminué ; l'email est 

■ plus fiu, rooins n^enx. — Ontre ces variations, M. Gnnn a 
■• bien Toulu me montrer dans sa belle collectìons d'Irstead, près 
* de Norwich une molaire lai^e comme i;elle de YSlephas meri- 
» dionalis avec des lames qui rappellent ì'Elephat antiqutu, et 

■ une autre molaire où les lames aussi épaisses qne dans ancun 
n L'iephas meridionalis, sont aussi serréet) les unes contres les 
« autres qne dans l'Elephas primìgenitts. Bdciproquement, il y a 
V dans le musée de Norwick une molaire qui a ses lam«8 minces 

> comme dans YSlephas primigenius et cependant très-écartées 
'les unes des autr^ ■. 

Ma v'ha di più: dalla descrizione che ne dà il Tuccimei si 
deduce che i due molari superiorì, destro e sinistro, deUo stesso 
individuo scavato a Montoro, sono molto differenti uno dall'altro 
e per dìmensioDÌ e per numero e per i dettagli delle lamine (t. 
pag. 28, mem. cit.) {^). 

Nel molare di Campo di Merlo che ■ è un bellissimo eaem- 

> piare, intiero ed in uno stato dì conservazione eccellente per istn- 
» diario ■ (v. pag. 33) le lamine > hanno lo sn'alto sottile e fra- 



(1) Oandr; A., Lei ancitre» det noi animaux dant Ut temju geologi- 
quei. Parìe 1888. Nola in fondo alla pag. 126. 

O Dal eh. prof. Meli mi viene riferito che nel Museo Geologico di Pa- 
lermo vi sono esemplari di Slepkat antiquut in coi al riacoatra nna marcata 
• diffeienza fra i molari dello stesao fndividno. 



>dbyGoogIe 



BOI. CASTOR FIBEK, fiiai.'KI<BPiIAS MEHIDIONALIS, ECC. 847 

■ stagliato», mentre in quelle dei molari dell'individnc dì Mon- 
toro Io smalto è > spesso e non frastagliato ■ (t. pag. SO), àoè 
tutto il contoirìo. 

Ora quando si tratta dei denti raccolti in terreni ritenuti come 
pliocenici il dott Tncoimei aon si preoccupa affiitto di queste mar- 
cate difFereiue e non esita ad attribuirli UVE. meridionalis: eia 
conferma ìl mio supposto circa la di lui idea preconcetta ohe questa 
specie debba essere eseltuìvamenle pliocenica. 

Dunque, se dopo un accurato studio fatto appositamente per 
Df^are la presenza dell'if. meridionalis nei terreni quaternari egli 
non si troTa in grado di ubarla ò necessaria cona^enza di am- 
metterla fino a migliori prove in contrario. 

Se le reliquie d^li altri grandi mammifoi dei terreni qua- 
ternari non provengono dall'abrasione dei terreni pliocenici (e il 
dott Tnccimei è anche dì questo parere) (') perchè avrei dovuto 
fare parzialità per l'^. meridionalis Izovato insieme alle albe 
specie? 

È verissimo che \'E. meridionalis sia una specie molto ab- 
bondante nei terreoi pliocenici; ma questo fatto si oppone a che 
la specie già diradata ed in via dì estensione, per speciali circo- 
stanze locali, abbia potuto vivere nell'Italia centrale durante una 
parte del quaternario ? Non poche sono le specie ohe, pur essendo 
caretteristìche per la loro frequenza in un piano, si trovano anche 
ael precedente o nel seguente. Un fatto analogo, cioè di specie ende- 



(1) Lo stesso dott. Tneciinei dice (t. ptg. S6^. •> Pertanto mi pare ohe 
" ai debba dare il bando a questo preconcetto dell'alrasione dai terreni pli' 
•i antichi, del quale dal Podó in poi ai È fatto alqnanto abuso ■. 

InTeio io Don ho aspettato qnesto conaiglio; fin dal priDCipio dei mìei 
stadi geologici mi ippagatoau ben poco le ipotesi del Ponzi, ma non credetti 
di saperne abbastADia pei riiiolreie la questione, qniudi è che mi limitai a 
Bcrirere: <• La fanna e la flora (/ fonili quaternari del luolo di Roma, Boll. 
" del B. Com. GeoL n. 3-4, 1886, pag. 113) di tutte le accennate fonnaiioni 
" quaternarie, differiscono sempre meno dalle attuali mano mano che si osser- 
u vano i depositi saperìori. Gli ossami dei grandi mammiferi essendo general- 
u mente in formaiioui di trasporto, appartengono ad animali visaoti anterlor- 

■ mente; pet& si putì ritenere che Terso la prima metà del quaternario qnalche 

■ grossa specie loprarriresae ancora (ossa elefantine nell'ordine scheletrico sema 
> traccia di trasporto farono linTennte veno la base della formazione tufacea 
.« della Sedia del DiaTolo) n. 



DigmzcdbyGoOgle 



34^' E. CLBRICI 

mkbe, avanzo di famte e flore anteriori, bì riscontra ìd molti altri 
casi ed anche attnalmoate ed ha sii^erito, credo al dotL Fffisjth 
Major, la felice espressione di fossili viventi. 

Inqoaato poi alla contemporaneità di terreni molto distanti & 
formatisi in condizioni chi sa quanto diverse, vi sarebbe abba- 
stanza da ridire. La ripartizione e limitazione d^ terreni non è 
una cosa fissa uè assiduta, ma stabilita in modo affatto arbitrario, 
ed è per questo che esiste spesso disaccordo fra i rari astori e 
che un terreno per il carattere, intermedio o transitorio della bwl 
fanna pu<> reoire assegnato all'uno piuttosto che all'altro di do» 
piani Gonsecntivi, secondo che si vuol dare m^^ore importanza- 
ad un fatto piuttosto che ad un altro. Molte volte la questione si 
ridoee a scegliere fra due nomi che poi, pra se stesai, non hanno- 
un. grande significato. Nulla astorizza ad una separazione neUa fra. 
il terziario ed il quaternario: la fauna plioeenìca diviene fauna 
quaternaria nel modo il piìi graduala. Talché non è affatto im|m>- 
babile che t«rreni contenenti \'E. merìdioaalis, e perciò attribuiti 
al pliocene, appartengano invece al quaternario. 

Cosi accade per il bacino di Leffe ohe alcuni vogliono plio- 
cenico, altri il vero tipo del glaciale. !.'£. meridionalis, in indi- 
vidui di varia età, aecomp^nato dal Rhinoeeroa Merkii Jaeg, dal 
R. lepiorhijtìis Cuv. e dal Bos eiruseta Pale, vi si riscontra perfino nel 
terriccio alla parte superficiale del bacino. Per il dott, Tncòmei 
(v. pag. 11) questo bacino «i^presenta una ftti& intermedia, al 
« villafranchiano e al glaciale <• . 

Dunque resta bene stabilito che il dott. Tuccimei anche di- 
cendo a pag. 37 che V£. meridionalis è specie essenzialmente plio- 
cenica la ammette a p^. 34, in terreni posteriori al pliocene pro- 
priamente detto, ma anteriori al glaciale. 

Ora la Corbicula fluminatis nei dintorni di Roma si trova 
in quattro giacimenti : 

1. Marne tripolacee e ghiaiose alla Sedia del Diavolo. 

^■™"V. .ì dal Monto Verde. 

3. Marne bigie) 

4. Sabbie gialle ghiaiose di Acquatraversà. 

Perchè il dott. Tuccimei si ferma alle due prime località e 



>dbyGÒOgIe 



SUL CABTOE PIBBR, 3IJLL KI.EFBAS MKRrDtOMALIS, BCC. 349 

non tien conto della terza, di Aeqnatrarersa, che non è poi Is meno 
interessante? (>). 

Le sabbie gialle ghiaiose di AcqoatnTersa rappresentano un 
deposito littoraneo presso la foce di nn corso d'acqua: esee sono 
contemporanee o di assai poco piti recesti delle sabbie gialle fos- 
silifere del Ticino Monte Mario. In questa località, M. Mario, le 
sabbie gialle fossilifere, che con le sottoposte sabbie grigie pure 
molto fossilifere, costituiscono il classico giacimento, sono ricoperte 
da sabbie gialle poco fossilifere, quindi da un banco dì sabbia 
quarzosa grossolana giallc^ola porers di fossili da cui proviene il 
molare di E. meridionali! {^). Qnesta sabbia infine ò ricoperta da 
materiali vnloanìci. 

Le ghiaie più o meno mescolate a sabbia gialla in molti ponti 
del M. Mario, del M. Vaticano e del Oianicolo riposano discordanti 
sulle ai^le grigie a pteropodi, sostituendo la classica zona fossilifera 
anzidetta, e sono ricoperte dal banco di sfibbia qnaizosa come molto 
bene si vede nella Valle dell'Inferno, lungo la via del Gelsolmino 
e nella valle del fosso di Pozzo F^taleo. Queste ghiaie sono perciò 
contemporanee o poco più recenti delle sabbie gialle fossilifere. 

Le ghiaie di Campo dì Merlo e della Magliana, che non con- 
tengono elementi vulcanici, corrispondono a quelle del M. Mario, 
Vaticano ed Acqnatraversa. 

Il sincronismo di questi terreni è espresso nella seguente 
tabelU: 



(>j A queste tre località se ne deTono agginn^re ^tie due molto ficioe 
fn loro e che lono comprese nella zoom dì terreno cireoscrittft dal foiao delle 
Tre Fontane, dalla via LanrentÌDa, dal fouo della Cecchignola e dalla via 
Oitieue. E più preciaamente ho tioTato la Corbicula fiumiruilU nella m^rna 
gTÌgio-gìallastra Bnperiore all'aiplla turchina (contenente mollnschi d'acqua 
dolce, come Limnaaa, Planerbit, Bythinia, e vegetali paliub-i} nelle escava- 
lioni &tte per la costmiione della rampa d'accesso al nnoTO ponte ani Tevere 
detto della Hagliana, e nella marna pure giallastra, con mollnschi terrestri 
e d'acqua dolce, esistente in una piccola cara anueaaa ad nna fornace da 
iiutloni poita in nna valletta sul versante del Monte delle CTet« volto vera» 
il fosso della Cecchìgnola. 

(*> n ptmto piti alto del M. Mario trovasi alla quota di 146 m. sul mare: 
il noLuK fii scavato alla quota di 132 ni. 



>dbyG00gIe 



350 


K- CLERICI 




MoKTE Mario 


Vaticano e Giakicolo 


ACQUATSATIHSA 


■Material Tulcanici 


Materiali Tolcaiiici 


Materiali vulcanici 


Sabbie quarzoso gisllognole 
con 
Elepha* mridionalU 


Sabbie qnanose giallognole 


e ghiaie giallastre 


Sabbie gialle poco fossilifere 
talrolta ghiaiose 


Ghiaie sabbiose giallognole 
con 
Hippopotamiu major {*) 


Sabbie gialle ghiaiose t<* 
«iUfere con 
Corbieula /tuminalis 














Argilla grigia glanconifera 
con 
Pioplodon farnetinae (^) 










Argilla tnrchina a ptetopodi 
e globigerino 


Argilla tnrchina a pteropodi 
e globìgerioe 








Digitizcd 


by Google 



L CASTOK riBKK, BULL'bLKPHU NIRIDtONAlia, KGC. 



Materiali Talcanici 



S«bbi« qnutose gidl^psole 



Ghiftie KÌ^lastra com 
Elephai meridionali» 
e Tmcchi adenti un* lente di 
arnlla grìgia Contenente 

FraaiUa fMlù lÀm. ' 



ù LIb. \Tt 
.jukrimtm PBll 



I fiymàmJta ÌÀn. 



Citm 
MjtdmM 

XiffTm mttmbrmmmct* Ad. (T'ir»*) 
Crritimm mlfatiim Bng. m. la- 

.Visa rtlicmltf Lia. (Skcuk*) 



(?) Sabbia gialla foMilifera 



TlÀ AURBLIA 

Haoliàhella-Malaohotta (*) 



Materiali mlcanici 



Sabbie qnarcoM giallogoele 



Sabbie giallaitre gbiaioM 
contenenti 

Stlm vasma Un. 
Maetrt, m-aHina Lio. 
Ettlonia rugala Qmt\. tlfactrtd 
Frufilia fragiht Un. ITalliaa) 

fioHx mittriala PdH 
Tafit cmiltta D'Isa. 
Ti^M dtaaiala Lli 



IVtmuì 



CAama frjflùnitt Lia. 



Pitltn —Icalai I^nk. 

Oilrta téalù Lln. 

Zifftra attmira^acta Ad. iTurM 

{7enYAniii Taleaiam Bru, tu. ^# 

ifm/Xim FhIL. 
Nana raliealala Un. (Accmni») 



VoNTK DILLA CACCIA 



Materiali Toleanfci 



Sabbie qasnoM giallognole 



>dbyG00gIe 



Note ajla tabella. 



(>] Da qoeste argille dere pTOfeniie U roatro dì Dioptodo» Fanwinae 
illnetiato dall'on. prof. Capellini [Zìfioidi fouili e il rottro di Biopledoutt 
della Farnesina pr«uo Roma ■ Hem. dalla B. Acc. delllit di Bologna, ser. 5', 
Tomo L Bologna 1891). 

Per aMicDianì della proTenienia del foaaile e per potersi render conto 
del Buo giacimento il prof. Capellini si recù eoi Inogo e, accordando le proprie 
oiiervazioni con i raggaagli forniti da un operaio della cara, potè (p^. 8 eatr.) 
•> facilmente verificare che in realtà era atato scavato in un rero Crag grigio 
» da non disUngaersi dal Crag grigio di AuTersa, in no piano niperìoiv alle 
41 argille tnicbine che sono cavate per laterìiii i, Soggìange poi che il eng 
grigio a poco a poco dal baaso in alto, deganeia in sabbie marnose giallastre 
(le sabbie di Monte Mario) e che quanto alla cronologia delle sabbie mamoae 
grigie dalle quali proriene il rostro di Dioptodonte, t«nato conto anche del 
rapporto delle specie viventi ed estinte in esse contenute, egli non paò con- 
venire col prof. Meli poiché esse ■ dovrebbero corrispondere non alla parte 
B recente bsnsl alla bate del pliocene snperiore, ovvero porzione più recente 
X del pliocene inferiore, se nel pliocene sì vogliono tatt dne sole divisioni, 
u Che se nel pliocene, per madore facilitatone nella distribniione dei resti 
a fossili, sì ammettessero tre divisioni,' cosa non facile per le carte ma pos- 
ti sibilo almeno per le seiioni, allora il piano in coi si trovarono i resti dì 
•I lifioidi corrisponderebbe nettamente al pliocene medio*. 

Onesta divergenza di opinioni tn il prof. Capellini ed il prof Meli 
È apparente, poiché ì loro giadiii vertono sa cose differenti, anti il gindiii» 
dell'ano, a mio modo di vedere, conferma qnello dell'altro. 

Al disopra delle argille torchine a pteropodi, le qnali sodo inclinate e 
dissestate, giace orÌKiontale o quasi, e perciù discordante, un'argilla grigia 
che da Inngi ed a prima vista ha lo stesso aspetto di qnella sottoposta. Os- 
servata sn nna superficie dilavata naturalmente si vede che l'argilla è di color» 
grigio appena giallastro e che la superficie b cosparsa di pnnti verdastri. L« 
argille sottoposte e le sabbie marnose sopragiacentì non ot&ono questi carat- 
teri. I pnnti verdastri sono granuli di glanconite ed il colore giallastro b dovnto 
probabilmente all'alterazione del solforo di ferro che qnesta argilla contiene 
in una certa abbondanza: alcune conchiglie ne sono minutansnta inenistate. 

In questa argilla glanconifera io ho trovato in posto, verso la parte pib 
bassa, (insieme a Teubratula ampolla, Panopaea, Venv* muttUatitella, Tur- 
ritella, ecc.] un frammento d'osso, spongìoso, nero, Incente, purtroppo indetermi- 
nabile; ma in eguale stato di fossilizzazione del rostro descritto dal prof. Ca> 
pollini. 



DigmzedtìyGOOgle 



SUL CA9T0R VlBBlt, SOLt'ElBnAS MBKIDIONALIS, ECC. 353 

Le aftbbi» maniDie grigie (speHO eonglntinate & rao' di ueoula) cbe 
poi fTKdatwnenta divetagoDo ubbie munose gialle, som concordanti, ma ben 
diJfèreati da qneete argiUe gUnconilere. {Le labbie fonilifere conglatìnate ti- 
CMBpuono ad va livello molto più buso, pnwo la tonotta,' eolia iraoVa Tia 
cli« conduce al campo di tiro a Tor di (Jainto). 

Haggiuri hehiarimenti, inaiarne ad Dna fotografia della anione presa nel 
decembre 1889. si troveranno in ana mia Memoria di pAisiima pnbblieaiioDe 
la qnale perù ba per oggetto principale le aitile plioceniche (argille turchine 
egoali a quelle del H. Vaticano e del H. Mario) rinTennie nelle escavazioDi 
della piana di Spagna' in Roma (T. comtmicaiioite alla SoeletA Qeologica, 
rol. X, fksc. 1*) le qaali, alla sinistra del Tevere, si ' centina ano da nn lato 
con qnelte esistenti aotta le foadaiioni del palaaso per la Banoa Narionale e 
ddl'altro con quelle esiatenti al vicolo ÀHbert, e forse anche a qneUe mésse 
allo seofierto presso il 1" miglio della via yiaminia alla baSe M Monti 
Paridi. 

Intanto mi pars ri polca concludere ohe le argille torebinè sona del 
pliocene inferiore ; l'argilla glanconifera col Dioplotonta sarebbero della parte 
inferiore del pliocene superiore (o ola che i lo steuo il ^tlloeene medio) e le 
sabbie marnosa (sabbie claniche di Monte M^o) la parte pib recente del 
pliocene superiore. 

Nella parte del M. Mario che guarda l'ultimo tratto della Valle dellln- 
femo l'ordJae dei terreni è ngnale a quello del Vaticano, maBca dot il gia- 
cimento classico; le ghiaie sabbiose riposano direltamonte e discordanti sulle 
argille torchine a pteropodi. Biaatendo il corso del fosso della Valle deltln- 
femo, in una delle vallette ad esso trasversali, anlla destra, si rivedono le 
ghiaie sabbiose riposare sulle argille e poco oltre, dopo un eentìnato di ptsei, 
appariscono 1« sabbie gialle molto 'fossilifere, assai importanti perchè vi si 
raccolgono in relativa abbondanta specie ohe sol versante orientale del H. 
Mario sono invece motto rare. 

Le sabbie qnanose giallognole nella Talle delllnfemo si altenano 
talvolta con straterelli o lenti argillose gialle che ricordano ed ami spiegano 
la giacitura di qnelle argille giallognole che molti anni t\ vebnero estratto 
al Monte della Famcaina dal lato volto ad Acqnatraversa per fare nn peno 
d'aeieamento d'una cantina scavata nelle sabbie gialle. Le argille di questa 
località hanno una particolare importanza contenendo belle impronte di foglie 
^Poùioiàa Gaiilini, quercia, pioppo, orniello, olmo). Il prof. Pliche a Mancy vi 
ba pabblicato nna Nota in proposito basata sugli esemplwi raccolti dal doti. 
JBleieher e da lui donati al mueeo di Cobnar (Bleicfaer et FUcbe, ìtote tur 
la fior» plioeène du if onte' Mario). 

Quanto prima ne «ari pubblicato il mio etadio fatto «ni materiale eelsteote 
nel Mnaee Geologico Universitario. 

(*) Resti di ffippopotamut major fniono trovati in qiteite ghiùe dal 
Ft. Indea. 

n dott. Tnccìmei parlando di questa specie (Mem. cit., pag. 47) dice 
che ai conoscevane soltanto tie località della provincia in cui Ilppùpotamo 



>dbyG00gIe 



854 1. CLBaici 

fo*M tteto ttovito nel plìoeme e eioi : ■ 1" L» nHe dì Cunp««niii pretao 

H Suliiaeo. 2° Le ghùue di AcqiutnTena (tilla&xnehiaao) *alU ria Cudk. 

■ dofe Mcondo il Fr. lodai, il CbbbIU nel 185S ststs trotato tm cranio, 

■ 8" Le sabbie palle dal Qianieolo fuori parta S. Paneraaio, dorè dallo itMto 
« Pr. Indaa ne fii troTata una maacelia ■■ 

Non ì mia inteniione di fare una crìtica del lavoro del dott. Toceìinei : 
ma affinchè gli errori non n propaghino, come apeno accade, credo conve- 
niente far rimarcare che il Fr. Indei trorb nan nna maaeella, ma dne canini 
in dne località abbattania diatanti: Hja posaèdc ■ aerìre Fr. Indei (Lettre! imi* 
la /bnnatùm dat tv/i dant la Campagne Romaine, ntr toM camene i oitemmUt 
et tur Ut momtmMtt prékUtoriqKei da» MPtroM de Drtux, 2* <d. Bethoiue 
1875 • Deniitme lettre, pag. 86; t. anche BbII. de la Soc. Odol. de Franee, 
2* idrie, Tol. XXni, Bdance da 24 janr. IBTO, pag. 412. Paria 1S70) ■ deax 

■ canine! tronréa* dana tea d^pOta da Janieala mta», l'ano dana la trancbée 
a onrerta poni l'eiploitation dea marnea argilanaea, L cOttf de la villa BelTe- 

■ dare, à nna mille de la porte Saiut-Panctaca, entro la rilU Pamflli et la 
u porta CaTalegkri : l'antre dana la villa de Pie V ■. 

Quanto al cranio di Acqaatraveraa, prima di porlo KÌlnliafraitehÌa»o, 
cioè in terreno anteriore al volcanicp, il dott Taccìmiei avrebbe fatto bene 
ad accennare alle conteitaiioni che fanno fatte per la precisa giacitura di 
qael fonile. 

n dott Bleicher infatti (Reckerchet giologiquet faitet don* le* emiretu 
de Rome, pag. 16) dopo aver gioitamente combattalo l'ipoteai del Pomi circa 
la provenienia delle oaaa di grandi mammiferi delle ghiaie, dice : ■ Qoant 

■ anx oMcmenta d'Eléphants et d'Hippopotamea qni aoraient i\é troDvda dana 

■ le Pliocine, fc Aeqnatraveraft, prèa da Bome, on doit k la vdritri de dire 

■ qn'ili appaitìannent évidemment ati qttatenwire, ear la roehe qai lea en- 
u ^obe est fbimée de maUriani volcaniqnes. On j conatate dea crìatani de 

■ pyroiène, dea ftagmenta de leacite forineose, dee tnorceaaz de ponuolane, 

■ tonte* rochea datant de la fin de l'époqae pliocène et eonatitoaiit la caracté- 
<• riatiqoe dea dtpOta dilnviena ■. 

Il Fr. Indea (Hem. cìt, pag. 3S), di ftonte a qneata grave obbìeiione, 
ei rimetta all'aasenione del Ceaelli, il qaale del reato non aveva pieaeniiato 
il rinvenimento ed ebbe il cranio in qneattone da nno dei tanti openi ad- 
detti alle cave di ghiaia. 

(*} Per qneete località non ancora illnitratd in dettaglio occomno dne 
parole di achiarimento. 

Al Casale del Merlo Oo^^lit^ detta anche Campo di Merio) esiste ana 
grandiosa cava di ghiaia giallognola aenia elementi Tolcanieì, La aeiione volta 
verso la strada ferrata non larà alta meno di trenta metri. A circa metà alteiia 
apicca ani giallo della ghiaia il turchiniccio di nna lente argilloaa potente da 
qnattro a cinqne metri. Quest'argilla è ricca di fossili ben conservati e che 
dimnatrano di esaerai arilnppati in conditioni le più favorevoli. I foetili che 
contiene (CardiKm edtUé Lin. in ea: molto groaai, Tapei caudata D'Anc, Pecten 
lukatua Larnk , MytiUu crUpuilÀH; Ottrea edvlU Lin., Cerìtttux vulgattm 



>dbyG00gIe 



aUL CABTOR FIBER, SUU. ILBPBAS HERIDIONALIS, ECC. STib 

Brag. v&r. fi. tttiereulattim Phil., Nana rtticulata Lin. insieme a piccole specie 
di Rmoa e Paluintfina, k Botalta Beceari Lin., e gusci dì entomeatraci 
molto ablwnduiti) danno a questo giacimento un aspetto caratt«rìstìcu. Le ghiaie 
haano qualche rata Talva logorata di Ottrfa e di Pecten titlcatut. Snl taglio 
normale alla strada ferrata non si Tedono che ghiaie; la lente argillosa in questi) 
punto non ha quindi ima largheiia maggiore di cento metn. Per troisre i 
nateriali tdIcuùcì Insogna salire la collina e dirìgersi an poco al Nord. 

Da questa cara andando alla stallone ferroTÌaria della Magliana a metà 
■Inda ai trova in altro grandioso taglio fatto al Monte delUnfemaccio. Anche 
qui a metà alteua ho trovato dell'argilla grigiastra con molti (rammenti di 
fltlu;, Dna Pìipa, una ralra di Cardium eiuU: ghiaie giallastre più o meno 
■obbiosfl, piti o meno conglntinate stanno tanto sopra che sotto. Alla sommità 
d«l taglio sì ha nna sabbia ghiaiosa con noduli argillosi biancastri che pre- 
•entuo perforaiioaì oìmili a quelle fatte dalla Oattrochama dvbia le cui 
Taire perA non ho trovato. 

Vicino alla Stazione della Hagliana, alla propagine del Monte delle Piche 
volta verso il fosso della Magliana, esìste una fornace da mattoni con annessa 
cava, ora inattiva. Dall'alto in bosso si vede; terra regetale; straterello di 
marna verdognola un poco sabUosa, con nnclei indoriti, ricca di Xotalia Bec- 
eari; sabbia giallognola gressolana con rari e piccoli ciottoletti ; ghiaie con 
■abbia gialla con rare valve logorate di Oitrea, Pectm tulcatui, P. operevlarit. 
Vola /aeoòaea; argilla sabbiosa giallastra passante a sabbia superiormente; 
argilla turchina con Cardtum edule, Tape» caudata, PeeCen lulcatut, Corbula 
gibba, jVaua mvlabili*. Natia reticulata ed altre specie come in qoella del 
Casate del Heilo. 

Per l'altra metà della seiiooe non è possibile veder altro stante le nn- 
roetOM frane, essendo la cava inattiva da vario tempo. I materiali vnlcanici 
non ra^ongono la seiìone,ma ricoprono tatta la sommità del Monte delle Piche. 

l'ra la cava ed il Tevere, ami bagnata da questo, si trova una collinetta 
ti^iata in due dalla strada ferrata, la cui costitniionfl i abbastania inte- 
re«rante. Spiegando la cosa in poche parole dirb che scendendo dalla sommità 
della collina allivello del fiume sì riscontra qnanto segno: 

Sabbia biancastra un po' argillosa ad elementi vnlcanici. 

Sabbia brunastra ad elementi vnlcanici conglutinati pia o meno e in 
parecebi panti simile ad un tufo granulare. Ti ho trovato resti dì Hyaena 
tpelara, Leput, Jìkinocerot, Cermts, Eny». Da questa sabbia, o conglomerato, 
proviene qnells splendida mascella inferiore di Elephat antiquut che si con- 
serva nel Museo Geologico Universitario e che fu illustrata dal Falconer. 

Marna labbioia biancastia ad elementi vnlcanici con resti di Csrvu$ e 
molti moUnschi, Valvata pi*cinali>, Limnaea paluttrit, Planorbit, Succinea, 
Belix, CyeloHoma elegatu, Clauiilia, Piiidium, 

Banco di ghiaie sabbiose od elementi vulcanici che riposano sopra poche 
altre ghiaie sema elementi vulcanici. 

Stratetello di argilla sabbiosa giallastra con segregaiìoni ocracee e mol- 
luschi tanto frantumati per compressione che i molto difficile riconoscemd 



>dbyG00gIe 



366 S. CLEBICI 

qnakhe Bp«cie (Corbula giòòa, Peeten opercvlarit, Ottrea, Solett ofi. oagina- 
DenCalium, TitrriteUa communit). Per l'aspetto questi fonili Bomigliano « 
quelli delle E&bbie cliwaicbe del U. Mario; perù non ho &Tuto anoon tempo 
ài farri uno scavo regolare per redigerne il catalogo. 

Argilla grìgia (a non pìii di dae o tre metri ani livello ordinario del 
Tevere), con straterelli dì sabbia cenerognola a mica argentina. Non poaso 
ancora precisare se questa argilla equivale o no a qnella a pteropodì. 

Lungo la trincea dal lato verso il fosso delta Uagliana il sabbione o 
conglomerato vnlcanìco, già menzionato, ai vede essere addossato ad nna marna 
biancastra ricca di mollascbi {Helis tumorali», Btlix rotundata, Cyclottonta 
elegant, Clavtilia, Cari/ckinm ntini'mum, Limnaea, Bytktnia, Planarbit, ecc.) 
«, a parte la minore tenacità, assai somigliante al csJcare argilloso del Monte 
Verde. Quel materiale Tulcanico, deposto evidentemente ìu seno airacqna, ri- 
copre anche, come si vede segnendo la trincea verao la staxìone della Magliuia. 
un banco di due o tre metri almeno dì tripoli il qoale alla parte anperitiie 
diviene nna marna a mollascbi d'acqua dolce ed alla parte inferiore diviene 
torboso lignìfero. 

H Fonsì, cbe potè meglio esaminare questa importante località quando 
il taglio DOD era ancora stato rivestito di muratura per impedire le frane, 
riferisce {Sui lavori della itraia ferrata di Civitavecchia da Rana alia 
M^igliana. — Atti dell'Àcc. dei Naovi Lincei, sesa. 13 giugno 1858) che U 
lignite conteneva una enorme quantità di conchiglie marine, selenite cristal- 
lizzata e sublimazioni di zolfo. Le cunchiglie (Veneri, telline, cardini, nncnle, 
natiche, trocbì e buccini) frammentate e trasportate, come i tronchi l^^DOsi, 
non permisero l'esatta determinazione delle specie : ma poterono esaere para- 
gonate a quelle di Foimello e di Bignano. Potrebbe darsi cbe questi fossili 
fossero identici a qnelli. dello straterello cbe ho vedalo presso il Tevere, tanto 
più cbe l'argilla a questi sottoposta ha qualche somiglianza con quella vati- 
cana e l'argilla (che potrebbe essere la continuazione dell'altra) sottoposta 
alla lignite, fu dal Ponzi equiparati appunto alle argille vaticane. Sospendo 
pertanto il giudizio definitivo su quest'argilla e sullo strato fossilifero come 
sulla lignite; ma il banco di tripoli è possìbile cbe stia in relazione con nn'al- 
Iro tripoli che io ho trovato all'altra sponda del Tevere, al Monte delle Crete 
presso il nnovo ponte della Magliana, al disopra dalle pozzolane. Appena ul- 
limato l'esame microscopico di questo tripoli riferirù qoalcbe altro detb^lio 
in proposito, 

(*) l dettagli su questa località si troveranno nella noU : Oueroaxio^i geo- 
logiche fatte lungo la Via Awelia da Roma « Pala già presentata per es- 
sere inserita nel Bollettino. 



>dbyG00gIe 



SUL GASTOR riBKR, SUU.'e1>KP|IA3 MKRIDIONALIB, ECC. ' M? 

. Dilla precedente tabella BÌdsdace che il giaeimento della f7of^i- 
cula flamitialis ad > Àcqiiati&versa ee non ai vuol riteneis per più 
antico dei giacimeiiti dell'i?, meridionalis a Monte Mario, a Campo 
di Merlo e M^liaoa> bisogna convenire cha aia contejnporaneo e 
ciò anche prescindendo dall'età. asBolnta di tali terreni, sulla quale 
potrebbe esservi ancora discussione. 

Dunque è dimostrato che nel territorio romano la Corbicula 
fluminalù visse conUmporaneatnente aWSlephas meridionalis. 

Ma questo si dimostra anche con le sole e stesse parole del 
dott. Tnccimei, poichò egli ritiene corrispondenti al villafranchiano 
tanto le ghiaia di Campo di Merlo e della Mi^liana che conten- 
gono \'S. meridionalis, qtunto le sabbie ghiaiose di A-oquatrarersa 
«he contengono ìa Corbicsla. Dunque^ avendo egli esclusa l'abra- 
sìone dai terreni pliocenici propriamente detti per ciò che concerne 
i nostri resti di £. meridionalis., egli stesso, sema avvedersene, 
dice essere la Corbieala contemporaaM dell' J?. meridionalis. 

Per conviqoeisi ancor m^Uo ohe la Corbicula fiuminalis visse 
contemporaneamente b,\VM. meridionalis basta ricordare cJte anche 
in Toscana in vui punti nei dintorni di Cerreto Qoidi (')'Bi sono 
trovati dei giacimenti a Corbicula fiuminalis nei quali abbondano 
anche i resti di Elephas meridionalis, Equ^ sleaonis. Btt elrut- 
eus. Infine ò ben noto dia in Inghilterra la Gorbieula fiuminalis 
si trova anche nel red erag (di Soffolk) e flunio-marine crag (di 
N'orwich = erag di Norfolk) i quali terreni contengono fmche Ì'S. 
ttteridionali». 

£ ohe la Corbicula si trovasse in Inghilterra nel erag ma- 
-riao di Ssffolk e fluvio-marino dì Norwich, nonché nel glaciale, è 
chiaramente detto a pag. 22 della mia Memoria ove poco ^ma si 
legge anche : ■ Sembra dunque che dal pliocene recente al quater- 

* Dario, il complesso di forme (della Gorbieula ^umùio/») accenni 

• ad un passaggio dalla trigonale alla ovaia; ooeA pure la freqoMiza 
-■ va aomentando dal pliocene al quaternario * . 

Come va che il dott. Toccìmei non tien conto di queste in- 



(1) Fucìdì a., U plioceiu dei dintórni di Cerreio-Guidi e di Limiti 
■ed i tuoi mollutchi futili. Boll. delU Sooiità Geologica lUliuia voi. X, 
pag. 51, Soma 1691 . 



>dbyG00gIe 



858 e Amici 

dicaziODÌ abbasUnsa chiare e U mia eonelt»ione (■) affittto gene- 
rale * Che al tempo in eoi la Corbicula ftuminalU popolava i 

■ fiumi d'Europa, TÌveTano altreel abbondanti e con la stessa grande 
< diitribuzione get^rsfica, grandi mammiferi ■ la estende soltanto alle 
dne looalità di Sedia del Diavolo e Monte Verde che non ri sono 
Deppore accennate? 

Dopo aver dimostrato che la Corbicula risBe contemporanea- 
mente alI'J'. meridionalis mi resta a rispondere all'ultima obbie- 
zione del Tnccimei che qui tomo a ripetere. 

■ In qnal modo poi si possano conciliare le due sezioni de- 

• scrìtte a pag. 116 e 119 — nelle quali la Corbicula fluminalir 

• e i mammìferi figurano superiori al tufo rulcanioo, come sono 

• infittii, — colla conclusione dell'ultima riga (pi^. 126) della Me- 

• moria, che cioè i grossi mammiferi dovettero scomparire dal- 

■ l'Europa insieme alla Corbicula per Yimpervertare del periodo 

■ glaciale; è cosa obe riguarda l'^regio autore ■; 

Difficile cosa sarebbe per me, ancor norizio nelle dleeipLioe 
geologiche, il dare una definizione breve e precisa del periodo 
glacùle il quale abbraccia una grandissima parte dell'epoca qiia> 
ternaria. La mia dappocaggine à però confortata dal &tto ohe tanti 
sommi naturalisti si sono battagliati per definire le causa e gli 
effetti del glaciale senza poter approdare ad una conolusione de- 
finitiva. 

V'ò chi vuole il clima estremamente freddo e la Terra quasi 
involta In un manto di nevi e ghiacci, e di questi ghiacci forma- 
tisi nel quatemarìo se ne troverebbero ancora attualmente nelle 
regioni polarì. Altri invece sostengono un clima molto umido, ma 
più caldo dell'attuale. 

La causa di così complesso fenomeno sarebbe per alenai astro- 
nomica (variazioni nelle macchie solari, variazione dell'emissione 

0) Le ftltre due coneltiiioni tono: a Che in tutta l'Enropm occidentale a 
Il meridioDale, coma mlle coste eettentrionali dell'Africa ai ì verificata l'ed- 

■ atenia di depoeiti gnateraari con ghiaie a Corbicula fluminalit, tatti ioU«- 

■ Tati almeno d'ona doiiina di metri anll'odiemo lirello dei fiami che seor- 
« rono nelle vallate ove tali depositi si rìnTengono. 

« Che questi giacimenti buino in comune la maggior parta dei mollnaelii 

■ flarìali e teneitrl, i qoali con poche modiflcaiioni sono gionti fino a noi >.. 



>dbyG00gIe 



SUL CISTOR riBIR, BULL'aLSPHAS.MEIlIDIONALtS. SCC. 359' 

' 8(dare, raritzione del diunstro/spostatnrato di totto il BÌstema bo- 
Imre nello spazio, spostamento dell'asse terrestre, precessione degli 
equinozi, Tarìazìotie nell' eccentricità dell'orbita terrestro, ecc.), se- 
condo altri sarebbe puramente geografica dipendente oioV dalla Tarìa- 
{NTOpondone e relazione fra le terre emerse, centri dì condensazione, 
e le acque oceanicbe caldaie di evaporazione: 

Non mancano autori che si tengono in una vìa di Mezzo che, 
per es., oltre al vario rapporto fra le terre ed i mari tengono conto- 
dei graduale raffreddamento della terra e della condensazione del 
sole il qnale, mostrandosi sotto mi angolo sempre più piccolo, 
avrebbe reso possìbile l'accenttiarsi ^lell'inflnenia delle cause se- 
condarie. 

A qualunque teoria sì voglia dare la preferenza, due cose re- 
stano sempre innegabili : lo straordinario sviluppo dei gbiaceiai, il 
che non implica un clima eccessivamente freddo, e l'inesorabile 
riduzione nella ianna mammalt^ca già tanto rigogliosa. 

Il complesso ed ancora non ben chiarito insieme di fttti che va. 
sotto il nome di periodo glaciale non ha avuto principio e fine 
istantanei. È ^^innto per la lentezza con cui si svolge un fenomeno- 
e per la sua graduale intonsitit, afae gli esseri oi^nizuti si adat- 
tano (e oonsegnentemento si basformano) finché loro & possibile alle- 
nuove condizioni prima di cedere il terreno, darei vinti e eoe- 



Però dal momento che buon numero di specie di mammiferi 
nel passare del pliocene m'attuale si sono estinte, non è cosa fan- 
tastioa l'asserire che in quel volger dì tompo si siano manifestate- 
dulie ean» a loro sfavorevoli. GÌ6 giustifica la parola imperversare 
da me adoperata. 

Questa indetnminazione delle cause non impedisoe ohe prov- 
viaoriamento esse vei^ano r^oppato e compresa in una sola pa- 
fola e che nel discorso si sostituisca questa a quelle. Quindi il. 
dire che la Corbìcula ed i grandi mammiferi sono scomparsi dal- 
l'Europa per l'imperversare del periodo glaciale è una cosa vaga,, 
ae sì vuole, ma non errata. 

D dott Tnccimei però trova inconciliabili con questa conclu- 
sione, le due sezioni della Sedia del Biavolo e del Monte Verde, 
.in cui la Corbicula si trova anperiore al tufo. 

Forse perchè egli avrà altre veduto circa l'età di qaei toA,. 



>dbyGoogIe 



vedute cbe Bwebbe fstto benesd huticaraii affinchiè potessi procì- 
,saze meglio quest'ultima,- parte della mift rispoeta. ' 

I. tati romani aembraao essere tatti qnatennn, ansi Im pre- 
senza di elemeoti vulcanici Tiene ritenuta come caratteristi<» dì 
. molte, formazioni quaternaria, ed in altri termini un depraito con 
elementi Talcanici drieoooaàuto come indubbiamente quaternario. 
' Ha i Tari tufi possoDo eesersi fiirmati in tempi relatiVaniente 
molto diTcrei. Come a(Hne di roccia poi, la parola tafo è molto 
meno eigoificatiTa delle parole argilla, sabbia^ cooglomeiato ; nelle 
-quali rocoie si banno pure molti passaggi dall' un tipo all'altro. 
Per i tu&, in cui questa Tariabilità à estrema, ei sono adottate raiie 
specificazioni : tufo litoide, onn^eneo, granulare, terroso, tufo basal- 
:4;ico, leucitico. tracbitico, pomiceo. ecc.; ma di queste denominazioni 
se ne potrebbero fare, un centinaio senza peraltro definir m^lio la 
. roccia in questiona . ■ • . ^ 

Alcune volte conTerrebbe meglio il nome di argilla, loess, 
rabbia, che noi quello di tu£i> ('). Molti tufi grannlari doTreb- 
bèro per maggior esattezza chiamarsi sabbie grossolane ad elemeoti 
TolcaBici debolmente cementati P). Non mancano esempi dì tufi 
litoidi dei pili lapidei che in un punto qualunque del banco sì 
presentano invece come un ammasso tncoereute di elementi valea- 
nici (leucite, angite, mica, pezzi di lave diverae, scorie, pomici, ecc.) 
per poi rìtornaro litoidi 

Altre Tolte si passa con regolarità dal tafo litoide, all'omo- 
geneo stratificato e quindi ora a sabbie, ora a marne, ora-a ^iaie. 
Le ghiaie' apesso. sono inferiori al tufo e s'impastano con esso ib 
sul {vineipio del banco; in altri caai strati di tufo si alternano 
con strati di ghiaia. E come avviene per le ghiaie avviene lo ateaso 
per i travertini, per la sabbia e per la marna d'acqua dolce. 

Sotto questo punto di vista ed in tali condizioni, questi tufi 
non 8Ì devono considerare che come fi»me speciali di argille, sabbie, 
«onglomerati. 



(■) Un materiale di tal oatan esista al H. Verde aa\ tafo omogenoo 

Htratiflcatu e cnntiene mnlluschi terrcalri [Stenoffyra decollata Lio-, Sélùe 
jtrofuga Schm., U. acuta Drap.)- 

(*) Un bell'esempio ne porge la collinetta preaso U fornace della Ua- 
{■liana meuzionata precedentemente. 



>dbyGoogIe 



SUL CA5T0R HBER, SULLBLtraAB MKRtDIONALIS, KGC. SOI 

Qaanto ù restì dilanici in essi oonteuntà. si tratta di qnalch» 
specie in più od in meno; ma aei tufi, nelle ghiaie, nei trarertiDÌ, 
nella manw florio-laenstri della Campagna Bomaos si trovane piesso- 
a poco gli stessi fossili. In altre località straniere si riscontrano- 
forse diflerense molto niaggi<ni nei Tari piani nel passare dal pliocene • 
al quatemano. Fareochie specie con la loro varia dÌ8trd)a2Ìone tì 
cuatterìxuno assai bene le saddivisioni del quaternario, mentre - 
t^one specie (Rkinocerot tiehorhyHia. Cerotti ittrandut, Óvibot 
motehaiut. Saiga tartarica, Gulà iumu). iKin si trovarono- mai 
in Italia o tì forono assai rare. 

Par gli elefanti si pnò fare la' seguente scria: £ mendio-- 
nalit — S. meridionalis oon B. antiquu» — Estinzione dell' f. 
meridiontUù ; £. antiquut pieriUente oon S. primigamus -^ Es- - 
tinrione dell' ^. antiquu*; S. primigeniu» solo — Estinzione del- - 
r#. primigeniia. Us nell'Italia centrale e segnatamente nella Cam- 
pagna Bomana, qnesta snooessione non è così regolare. L'S. aati- 
qum si troTa in ttfreni abbastanza recenti e dOTO essersi estinto - 
molto più tardi che non in Francia ed in Inghiltora. "L'È. primi- 
geniu* non ba aTato mai la prevalenza nella Campagna Romana 
OTe ò rarissimo, anzi la Campagna Bomana segna qoasì il limite 
meridiwale dell'area di dìrtrìbnzione di innesta specie ('). VE. me- 
ridiowUìi ba pototo- vivere abbastanza bene nell'Italia centrale' 
quando gii scompariva dall'Ii^bilterra, peid non sopravvisse all'^. ' 
antiquu*. 

Io trovo nna spiegazione -di questa notevole differenza nella 
latitudine assai più bvsa e per il fatto ebe il fenmn^no gUcì&lo 
ebbe ln(^a in modo incomparabilmente meno intenso che non in In- 
ghilterra ove le coste erano lambite da correnti fredde trasportanti 
qaei ^iaccì galleggianti (*) ohe contribuirono alla formazione del 



(>) li'SUp'Mt prmigtnwi 4 citato recéntemeiiie n CMalrini p. Sora. 
(CacdunkU G. B, Gli aUfanti fot$ili di Val Cornino.' Bull. Mlm Soc. Oaol. 
Italiuk, ToL IX, pig. 46, Bom» 1890) a QeQft Qrotfm di Ckrdmone (Botti V., 
La Qrotta oniftra di ^iardtanoiu in Terra fOtrantiH Boll. dsUft 8oe. Geol. 
Italiana, ToL IX, pa^. .708. Bona, 1891): ciò non toglie perb che aia nna - 
specie piuttosto ran. 

. (*) Seeoado receoti itodì pamkba clia i materiali componenti il drift'- 
glafiale nd nord dsH'Enopa fésse» stati trasportati dai ghiacciai iteBii,. 
enormemeiite irilappati, piuttosto die dai ghiacci galleg^anti. - 



.dbvGoogle 



Rùulderclay\ ehe non ia Francia ed io STiuen ov« ì ghiaecui 
ebbero un» eetennood e poteiua enormi. 

• Aasorémeoit ■ scrive il prof. Obb^ij nei preliminari ai saoi 
MatérioHx pour t'kiatoire de» tempi quuternaire» (') • une des 
< rérélationa les pina cnrieoBeB de la g^logie modwne eat la c<his- 

■ tatatioD de cette Bospeneìoo de la rìe ao eoBor de l'Eorope à 
» nse époqne reltUTement peu éloignée dea temps actaela. Mais, 
•> sur les poìnte qne la giace ne reoouTrait pae, les grands enchat- 

■ nepients du mond organique est AH. se contioaer Les traraat 

■ actaela tendent à faire penser qne lea diveraes fonnations' géo- 
'•' l<^aes ont été biea moina tmireisalement tépandnea qa'oa ne 

> l'aTait era d'abord: mais de toates les formations géoli^qnea, 
« lei ploB loealea ont dfl fitre lee fimnatìons glaeìaires, oar qnelqiies 
«henes de distance poar^nt amener dee tUfféreneeseontidérailet 
•'■daiu lei eanditiotu phytique», data les faunet.et Ut fioret. Il 
«est donc naturai qne l'étade des époqnee glaciaires soit une étade 
'O complexe qui offre dea difBenlté aux géolegoes ■ (*). 

Uscirei troppo d'ai^oniento ae TOleaai trattare deJJa classifioar 
ùpne e spddÌTisione del Quaternaria- il oompito aarebbe anche aasaì 
-difficile poiché finora. non sono stati fatti ehe tentatirì. Mi lioii- 
terò. ad accennar^ che alcune delle classificazioni proposte si basuio 
8i|lla diversità che ai riscontra nella &iina dei vari terreni, diver- 
sit& però, che consiste quasi sempre nella diversa e complicata di- 
stribuzione delle singole specie, quelle poche già eaifitentì ari 
pli^ftoe estinguendosi gradatamente. Altre clasaificasoni si basano 
su d^ti :paletn9l(^ici o per dir meglio sui prodotti della prìmlr 



(1) Premier bMknb, Paria, 1876; ptg, 15. 

(>] n dott tnccimei (Hem. cit ,-phg. 39) eiede invece clie lo «tadio del 
•-qnitemuio aia de' pia fuili « È nutanle » dice u che ae con tanta &cilità 
u si è fatto 1^ diagnosi dì E. meridianalu, il primo effetto ^ehe se ne 6 otte- 
u nnto è itatp di geaerar^ la efldacia preug gii Btnmieii (n).salU detenninm- 
u liana dei uoitri tetreql anche i pib baili e meno soggetti a discasaione », 

A me iwe (copie a duanqoe se ae aia occspato) che ani qnatenuio 
sia stato scritto e diacnsio, quasi pift cke sa tatti gli altri terreni presi in- 
eieme. Ciò non toglie però che vi sia ancora molto da bre prima che qoertA 
Iaai9 di tempo ^- duiaqteil qaals, ad aumentarne ^ dismisura l'importaoia, si 
rend« |ialese U presenza dell'uomo — si* sotScientomente cfaiirito e serra 
■ efficacemente a ricostraire la storia deUa Terra. 



>dbyGoogIe 



SUL CASTOK PIBEB, SULL'XLKPHAa HBRIDIOMALIS, SCC. 863 

tira indostria omuia; altre sulle tracce lasciate dai ghiacciai e 
dai grandi fiatni. In genere qoeste classificazioni valgono per ana 
regione limitata e possono dar Int^ ad errori (') quando le si 
Tt^Uono estendere di troppo o generalizzare. Tanto per intendersi 
ho messo insieme la Bruente tabella: 



(■) Infatti le rana epoche adnttate in paletnologia li riferiacono ad •> na 

■ deteiminato stadio di «rilappo nel progresBU civile di un popolo, il qoala 
a stadio non è neceesariamente contemponneo allo analogo di altri popoli. 
B pvb precederlo o seguirlo; né tatti i popoli pauarono per tutti gli atadii 
<■ pereoni da nno o piò di erai n (Pigoifaiì L. e Strobel P., La Urremare e 
Ì9 palafitte del Parmente, «econda relaiìone. Atti dalla Soc. It di Se. Dal., 
ToL Tn, pag. 138. Milano 1864). 

•I Tra le neri perpetue delle Regioni Artìcbe, nelle infinite itole del 
« Pacifico, tra le vergini foreste del bacino delle Amazzoni, per noi) citare 
« altri luoghi, vivono intiere popolaiioni o vi erano ieri ancora con arti e 
■I indnctrìe, eoo villaggi e cimiteri epeuo identici a qaelli degli antichisaimi 

■ padri nostri. I qaali pnre fnrono selvaggi come molti nomini lo sono oggi- 
. s giorno e poiché lo stato selvaggio non è che l'infamia dell'umanità, accade 

« delle famiglie che vi si trovano cib che avviene dei fancinlli, i qnali dal 
B più al meno si rassomigliano tatti negli atti loro e quelli dell'età nostra 
• ripetono ciò che fecero i primi «. (Pigorini L., Il Hutto nationale prei- 
atorieo ed etnografico di Roma — Nuova Antologia, sor. 3*, voi. XXXV. 
Soma 1891). 

Con qaeste riserve, io credo che nello ttadio del Quatertiario sia som- 
mamente ntile tener conto anche dei resti della primitiva industria -nmana, 
come lì fa per i frammeati dì un fossile qualunque. 

Mentre rivedo questenote ni giunge il n. XI della Hiime mentuelle 
ie rÉeote i'Anthropologie, Paris 1891, da cui apprendo che al Congresso 
tenutosi olla fine di settembre in Marsiglia dall'Asaociaaione francese per 
l'Avanxamento delle 8cienie, fa posta la questione : Quale è il valore degli 
oggetti d'industria umana, come elemento di classificazione dei terreni qua- 
ternari? 

n riluttato della vivace discussione condusse alle dae proposizioni 
•eguenti: 

L'indostria nmana ai è lentamente modificata per regioni e pud dare, 
come la fauna, dei baoni elementi di classificazione. 

Uno svilappo industriala uniforme sembra eaietsl prodotto durante i" 
tempi quaternari in Francia, in Svinerà e in qualche località vicina. Questo 
arilnppo è eonfonne nelle sue grandi linee alla classificazione di 0. De 
HortUlet 



>dbyG00gIe 



QUATERNARIO 



I Archbolitico . ■ .) 



\ Età rat FSBMt. 



>dbyGoogIe 



SDL CAffrOR V 



L KLIPHAS NBRlOIONAUa, ICC. 



Pregladale 



A;rdto iti ralcm' Smani 



I 8aint-P/e>t 

\ Norfolk 

< Val d'Amo (slr&li gapeTiorì) 

/ Sftbbie gialle Baperìari e a'hìfùe lenia clementi 

\ Tolcaiiici dei dintorni di Roma 

I Cromer (bonlder eia; e till) 

\ Leffe p. Bergamo 

1 Grotta Cola al M. Atddio p. Aresuno 

I Baco dell'Orso p. Como 



( Valle del Vibrata preuo Tenmo 

e UoEcamorice alla Maiella p. Cbieti 



btogladale 



lladale II. . 



Ptritit dtl Xaat 



ÌDOraten p. Znriga 
Biidorf p. Berlino 
Cannatadt 
Paiia-Qrenelle 
Foce dell'Hnmber in InghiHerra 
Ghiaie eoa elementi volctuiici dei dint. di B 
Trurersetolo p. Tarma 
Valle d«l Saoterno p. Imola 
Valle del Vibrata p. Teramo 
St Egidio p. Peragia 

j La Hadeleioe (Dordogua) 



I Fondi di capanue dell'Emilia 
I Caverne ligari 

( Palafitto di Robenhansen 
( Tombe di Remedello 

Postclacilde. ^ Terremore della Lombardia e dell'Emilia 

I Abìtsiioni UcnBtri del Lombardo- Veneto 

Ì Tombe di Golasecca 
Sepulcri di Villanova 
Necropoli Laziali 

^tiOBie [ CiTiltà ElruBCa, Croca, Romana, ecc. 



>dbyG00gIe 



Note alla tabula. 



(1) Una viface diacassione ebbe laogo »! Congreuo gaologìco interna- 
■ionsle di Londra circa il nome da adottaisi. U prof. Beneriai dì Losacnft 
■i atoizb di dimostrue che il Quaternario deve coDsidenmi come biib aem- 
plice divisione del terziario e forse del loia pliocene, perchè aU'ÌDfDorì dei- 
l'aomo neason altio tipo organico importante tì è apparso. Peiò la maggio- 
rana, ami la qDMi nnanimitÀ dei geologi conveunti a qnel congreuo, la- 
seiftudo da parte la questione di sapere ee il Quaternario come epoca della 
storia terrestre equivale o meno all'era tenisria, riconobbe l'impartaiiia dei 
fotti compiatisi io quel tempo e l'opportonità dì distinguere l'era quaternaria 
daUa teniaria. 

n prof. Gaadry caratterino le varie epoche in posato modo: 
era primaria ^ regno degl'invertebrati ed infine dei pesci 
età secondaria ^ regno dei vertebrati a sangue freddo 
era teniaria = regno dei vertebrati a sangne caldo 
era quaternaria « regno dell'aomo. 

n prof. Prestwich, pnre accordando nna importania speciale alla com- 
parsa dell'oomo, ritenne preferibileil none di Pleistocene perchè ricorda il 
terziario, facendolo principiare con la base del Foreit bed. 

La Commìsaione per la carta geologica d'Enropa adottù senz'altro, e 
forse con troppa fretta, la parola PUittocene ed ecco perchè ne ho tenuto conto 
in qnesto qnadro. 

La claseiflcazioDe del PUittocene è stata nnovamente ometto di dìscns- 
sione nel recente Congresso geologico intem azionale di Washington. 

Infine è bene ricordare che molti paletnologi chiamano Quaternario il 
paleolitico e fanno cominciare i tempi attuali col neolitico. 

(>) In questo tempo non si .sa nulla di positivo riguardo all'aomo; con 
cib non si nega la ana eaiatenia o quella dell'antropoide da ctii discende 
direttamente. 

Non c'è da disperale, né d'avere troppa fretta: 'Cnvier non credeva 
possibile l'uomo quaternario e non conosceva alcuna scimmia fossile. Ora di 
scimmie ne sono State trovate parecchie e di tipo abbastanza variato. Ha 
Vantropopiteco del De Hortillet, nn essere esistente già nel terziario ed ab- 
bastanza intelligente per accendere il fuoco e fabbricarsi gli strumenti di 
pietra, è una cosa ben Inugi non solo dall'essere dimostrata, ma anche dal- 
l'avere una qualche probabilità giustificata dai fotti. 



>dbyGoogIe 



BOL CASTOR RBKR, BULL'nATBAS HKRIDIONALIS, ECC.* 8^ 

Qoeeta elaasificauoM ral*- molto meglio per l'Europa centrai* 
che per l'Italia. Così ad esempio per l'Italia bod esìste affatto il 
magdaleniano o periodo del renne, durante il i^aale popolazioni 
Dordicfae paragonabili agli Eschimesi e motto diverse da quelle 
che t^liavano la pietra nei due tipi di St Aeheot e di Houstier, 
scesero nell'Europa centrale accompagnando o seguendo una ricca 
serie di animali nordici fra ì quali primeggia il renne ('). In Italia^ 



0) Col finire del 2* perìodo glaciale qaeste popolazioni se ne rìtorna- 
roDO al Nord. SI ignora qnali rapporti abbiano aTnto con le due giit eBiatenti 
clw twsvano rispettìraniente i 4ae tipi di selci di B. Acheol o a mandorla e 
di Ifoostier o a scbeggis ritoccata. Col neolUico giunge in Europa, fon« 
dall'Asia, con itrada ancora seoDoseinta, un bdoto elemento, il tipo bla 
ehicefalo, cbe la fare le asce di pietra lerigata e gli oggetti in ceramica, 
ed al contatta di tale elemento anche le genti del ektlUano e del moiaU- 
rumo modificano gradatanienle i loro osi. Nel seguente eneolitico avriene nna 
immigraiione di genti orientali, che fono arranno percorso la valle del Da- 
nabio, le qnali si trovaTuno in nno ttadio di civiltÀ assai avanzato, nsaviuiD 
oggetti di pietra levigata, di terracotta, di osso, di legno ed anche di faronio. 
Si stabilisconii presso i laghi svizieri costrnendo le abitazioni lacnetrì. In modo 
certo comincia l'agrìcoltara e l'addonestìcaniento degli animali. Una parte di 
qneete genti valica le Alpi e si stabilisce presso i laghi lombardL 

Una seconda immigrazione'di genti ben piti progredite, presso la quale 
l'uso del bronzo tendeva a aostitnire quello della pietra, viene dalla valle del 
Danubio e, trovando gii oecnpata la regione dei Ughi avizieri cala in Italia 
atabilendoii nel Veneto. (V, Pigorini L., Le prime città d'Italia ed i toro 
abilatori, — Nuova Antologia di scienze lett. ed atti, serie 3', voi. XXZO. 
Soma 1891). 

Apparteuati a qnesti primi Italici, venuti per l'Adige, si rinvengono Del 
Veneto, nella Lombardia orientale e nell'Emilia gl'interessanti sepolcri, 'ria- 
niti a mo' di necropoli. 

Durante l'età del bromo qneato metallo, che veniva d'altri paesi sotto 
forma di masselli o lingotti, fu lavorato sul poeto per via di fusione nelle 
forme le più svariiite e con fino gusto artìstico. 

Al principiare dell'età del ferro parte dei primitivi Italici, progenitori 
dei Latini e degli Umbri, lasciano i luoghi fin'allora occupali, scendono al 
Sud, valicano l'Appennino e si estendono nell'Etruria, nell'Umbria, e nel 
Laiio. 

Contemporaneamente popolaiioni di tipo illirico con nsi, arti ed Indu- 
strie proprie ai vanno estendendo sul Veneto ; e nella Lombardia orientale. 



>dbyGoogIe 



868 X. CLXBICI 

non si tÌDTeBDeFO mai uè restì dì renile, uè prodotti di qaella spe- 
ciale ed assai caratteristica industria ('). 

Il mousteriano (^) è molto m^lio definito e . rappresentato ; 
ma in quanto alla durata può aver compreso bnoaa parte di qael 
tempo nel qaale nell'Europa centrale si srolgera il viagdaleniano. 

Biepetto alla faciet glaciale ('), d'accordo con Heer e J. Gflikie,, 
il quaternario pad dividersi in cinque tempi: 



come nell'Emilia fino al Panaro si estendono popoUiiani lomìisrde del tipo 
di Oolaseccft. Di modo che in piena età del ferro ai trovano a cootfttto nella 
baua valle del Po tre genti dÌTerse. Qaella delle palafitte oceidMitali affine 
a quella della STÌzxera, qnella delle palafitte orientali o Tenete, delle t«r-. 
remare del UodeneM e della Emilia, e qnella illirica. (V. Pigorinì L., L'Ita- 
lia tettentrionale e centrale nell'età delbromo e nella prima atH del ferro. ~ 
R. Acc. dei Lincei, Rendiconti, toI. VII. Roma 1891. 

Poca dopo, la civiltà etruica si estende per la valle padana e domina 
per cosi dire gl'italici : si entra qnindi nel campo della etoiia allo svìlop- 
parsi della civiltà greca. 

(>) Teilasi specialmente: Pignrini L., Sulla mancanza nell'Italia dette 
antiihilà dell'etti della pietra, periodo del renne (Bnll. di Paletnologia It., 
anno XII, n. 5 e 6. Parma 1886). 

(<) Secondo Q. De Mortillet l'età archeolitica viene divisa in qoattro 
perìodi: ckellém (preglaciale), mouetérien Igìtciaìe), soltttréen e tnagdalénia». 
Oltre il magdalénim in Italia non esiste neppure il eolutréen. Fotse nella 
nomenclatnra qnesto nome è di troppo ed anche in Francia sembra compron- 
-drre delle cose nn po' dispaiate che troveranno miglior posto nel mouttérie», 
e talvolta perfino nel neolitico qnate stadio di maggiore incivilimento con- 
nesso col mouitérien in M^ito all'arrivo di genti forse dell'Asia o recanti 
nna civiltà propria. Anche in Francia non mancano degli oppositori; altari 
avvicinano il lolulréen pìii al magdalénim che al moustérien. 

■ Del reato fu nn periodo di hreviaaima dorata se si deve dare qnalche 
valore alle conclnaìoni cronologiche del De Mortillet. Infatti egli divìdendo 
in 100 partì l'archeolitico ne auegaa 35 al ehellétn, 45 al mùMtérie», 5 
soltanto al solutréen e 15 al magdalénien (Q. De Mortillet, le Préhittorique, 
2* ed.. Paria 1885, pag. 627). 

(*) Secondo alcani il glaciale sì sarebbe manifeatato fin dal pliocene, 
quindi il preglaciale abbraccierebhe deciaameato una porte del teraiario e 
dovrebbe esser poeto in questo. Anche rispetto all'unicità od alla plnralità 
dei periodi glaciali non y'è perfetto accordo. La maggiorania dei geolo^ sta 
per doe: ma v'ha obi ne ammette nno soltanto ed anche chi ne ammette ire 
come pei la Baviera. 



DigmzcdbyGoOgle 



gi;L CASTOR FIBXR, BtILL'KI.XI>HAS 

Pr^laoiale 
1* Periodo glaciale 

Interglaciale 
2* Periodo glaciale 

Bitiro dei ghiacciai. 

I dne perìodi glaciali possono intendersi, se si vuole, come 
taà d'nno stesso aTrenimenio piattosto che dne periodi yeramente 
distinti ; però buona parte del diluvium delle vallate o drifl spetta 
aXÌ.'interglaeiaie, e la Corbicula fiuminalis rinviensì in questi de- 
positi tanto in Inghilterra che in Francia. 

Le ghiaie dì Monte Terde e della Sedia del Diarolo, che 
contengono la Corbicula e che faccione sopra il tufo litoide, pos- 
sono ritenersi senza difficoltà come interglaciali. Queste ghiaie non 
costituiscono gli strati i più recenti del suolo di Boma, ma tanto 
al Monte Verde che alla Sedia del Diavolo, a Ponte Molle, al Monte 
Sacro ed in altre località, esse sono ricoperte da parecchi altri strati 
dì marne, sabbie e tufi pib o meno incoerenti per una potenza 
non kaacorabile. 

N^li strati superiori a queste ghiaie (') non bì trova piti né 
l'Elepkas meridionali^, né la Corbicula fiuminalis (*): ambedue 
le specie sono scomparse dall' Europa : il primo estìnguendosi, 
r&ltra emigrando al Sud poiché la si ritrova fossile in Sicilia a 
G«&lt presso Catania, poi in Egitto ad Assuan ed ora vìvente 
nel Nilo. 

Intanto però è trascorso Xintorglaeiale ed il periodo detto del 
renne con cui ha fine Vimpervertare del glaciale. 

E con questo termino la mia risposta ritenendo di avere di- 
mostrato a sufficienza: 



0) he selei sclietrgiate rioveonte nelle ghiaie di Ponte Molle, M. Sano, 
Ponte Hammolo, ecc. sono del tipo di Moiatier. 

(*) La Corbieula /luminalU, che fn anche trovata da Hartena nelle ghiaie 
di Omsb ìd Si1)eTÌa insieme al Mammouth e recentemente da Cietsk; nelle 
allnnoni d'acqna dolce ani venante S-E delI'Oaral, tìto al presenta molto 
piJl al Snd e cioè nell'Enfrate, nel Giordano, nei corsi d'acqna del Libano, 
d«Ua Geor^a e della Persia. L'emigiaiione di questa specie non potrebbe 
«ssere pib efident» ed iatruttìra. 



>dbyG00gIe 



870 E. CLERICI. SUL C&STOR VIBER, BULIj'ELSPIUS MXR1DI0KALI8, ICC. 

Che i restì di Casior 0er d» me descrìtti erano gli unici 
ftlloni coDOEciuti; 

Che ì'Mlephas meridionalis vÙBe contemporaneamente alla 
Corbicala flumitialis', 

Che queste due speoie scomparrero dall'Europa durante il 
periodo glaciale. 

Boma, Settemlire 1891. 

Ing. Enrico Clerici. 



DigmzcdbyGoOgle 



LA FLORA CRETACEA Di VERNASSO NEL FRIULI 
(con àxM tavole). 



Nel Tohime XXZI degli Atti della Società Italiana di Scienze 
Katorali di Milano pubblicati nel 1888 veniva inserita una mia Nota, 
Sulle Filliti Cretacee di Vernasso, nella quale io deBoriveTo cinque 
specie di piante fossili rinvenute allo stato di impronta in un calcare 
proveniente da una cava di quel paese. Io esprìmevo allora la speiansa 
che, io seguito a uaevì scavi praticati nella località, si sarebbero 
portate alla luce naove forme di vietali ; e difatti le intelligenti 
ed accorate ricerche dì questi aitimi anni dirette dall'egregio pro- 
prietario della cava s^oor Quarina valsero ad accumulare un ric> 
chissimo materiale, che ora trovasi in parte nel Mosco Geologico 
della Università di Pavia, con splendidi esemplari di filliti di cui 
alcune appartenenti alle specie da me già descritte, altre rappre- 
sentanti nuove fonne. Ed ora sono lieto di poter pubblicare uno 
studio piil completo della Flora fossile VemanHina, che deve inte- 
ressare il Naturalista perchè appartenente all' epoca della Creta 
della qoale in Italia finora erano conoaciute, come rappresentanti 
del regno vegetale, soltanto alcune impronte del gruppo indetermi- 
nato delle Facoidi. 

Il paese di Vemasso è situato io provincia dì Udine fra Ci- 
vidale e S. Pietro al Natisone fra le pendici di una serie colli- 
nesea terziaria. La cava di pietre calcari da cui provengono le lìl- 
Uti dista pochissimo dalle ultime case a ponente del paese ed è 
aperta ai piedi di una collinetta alta poco piti di duecento metri 
dalla base. Il calcare è disposto in strati che si dirigono appros- 
simativamente da nord-nord-ovest a sud-sud-est ed inclinano verso 
sod-orest, succedendosi dal basso all'alto in questo ordine: 



DigmzcdbyGoOgle 



I. Calcare oompattùsimo inodoro di qoattro metri di po- 
tenza OTfl abbondano delle conchiglie fossili del genere Exogyra. 
n. Galoare che alla percnssione manda odore di petrolio, 
Dsraatro sulla enperficìe fresca di frattura, csrnleo, poi bianchiccio 
per azione dell'atmosfera; ha tre metri di potenza ed è ricchis- 
simo di fossili (fillìti e molluschi coi generi ÀAtarte, Pholadomya. 
Inmeeramut ecc.). 

Ili Calcare durissimo grossolano ricco di gusci di echi- 
nidi e di foraminiferi, dello spessore di circa quattro metri. 

Su questa serie di banchi a stratificazione fra di loro concor- 
dante riposa ad immediato contatto il conglomerato psendocretaceo 
dei piani più profondi dell'eocene. 

Onesti rilieri stratigrafici vennero presi dal prof. Annibale 
Tommasi il qnale pel primo stabili l'epoca cretacea del deposito di 
Vemasso già ascritto all'eocene, valendosi specialmente dei dati 
paleontologici fornitigli da un suo studio dei molluschi fossili ivi 
raccolti (') e dalle mie osservazioDi sulle fllllti. 

L'esattezza di questi rilievi venne insieme constatata in una 
gita fatta nella località nello autunno del 1889 cogli amici prof.** 
A. Tommasi, C. F. Parona e cav. G. A. Pirona. 



Descrizione delle fllllti. 

CONIFERE. 

l. Sequojn, conninna, Heer. 
(Tm. XV, flg. 1, 2, 8). 

Heer. Flora Fouilit antica, voi. VII, p. 18, Tab. LI, UI, UH. 
Boizi, Finiti cr«tacti di Vtmauo, Atti Snc. It^l. Se. NM. voi. XXXI, p. 402, 
tab. VI, fig. 3. 

Di questa specie si hanno nel calcare dì VeroassO' molte e 
bellissime impronte di rami, alcuni dei quali lunghissimi con rami- 
ficazioni di terzo e qnarto ordine. I rami huino fogUoUne laaceo- 

O A. Tommasi, Sul lembo cretaceo di Vernano nel Friuli. Estralto 
dagli Annali dell'Iatitoto Tecnico di Udine, serie 2*, anno Vm, 1889. 



>dbyG00gIe 



L4 FLOBA CRXTACK& DI TXKKASSO NZL FRIULI 87S 

lite, prismatico-trìangolari, lunghe mìllim. 2-5, larghe 1-1 1, 1^ 
germente falcate. La fig, 8 rappresenta un piccolo Btrobilo, in eoi 
lo Bchiacciamento ha in parte alterato la strnttora; pare risalta 
all'occhio la forma caratteristica delle brattee con scado terminale 
mnboidale mnalto di carena trasversale ed ambone mediano mn- 



2. Sequoja. ambigua. Heer. 

(T.T. XV, ig. 4). 

Heer, op. cit. Voi. HI, p. 78. Tab. XXI. 
Bowi, L cit., p. 401, T«b. VI, fig. 2- 

Differisce dalla specie antecedente per avere rami fomiti di 
' C^lie distintamente falcate, piii lunghe e piti lai^e; del rrato i 
nmì presentano in m«zo alle fòglie delle cicataàci ovoidali die ai 
redono anche nella S. concinna. 



3. Oiinninglia,tnitos olog^Eins, Endl. 
(T»T. XV, &g. 5, 6). 

Banas, Veréteìnenmgeti der BSkmisehea Kreide/brmalitm. StQtgftrt, 1645-10, 

p. 93, tab. XLIX, flg. 29-31. 
Sehimper, Tratte de Palaeniologie Vegetale, Vul. II, p. 259. 
Hoiiu n T. d. H&rk, Flora der Wtttphalitchen Kreideformatim. Pkl&eon- 

tograScA. Voi. XXVI, 1880, p. 142, tab. XXV, fig. 22; id. p. 176, 

tab. XXXVn, flg. 189-141. 
Heer, Bettràge tur Kreidefiora-Flora ito» Moietein. p. 12, t»b. I fig. 14. 

Zttricb. 18Q9. 
Bomì, loc. cit., p. 400, t»b. VI, flg. 1 (Sequoja rigida). 

Nella mia prima Memoria descrìssi e figurai come Sequoja 
rigida, Heer l'impronta di un ramo dì Conifera coperto di belle 
foglie rìgide, Innghe, lanceolate, e di cicatrici ovoidali; accennai 
perd allora alla grande ritsaomìglianza che presentava quel ramo 
eon quelli di certe specie di Cuaninghamites descritte dagli autori. 
Oli ultimi scavi praticati a Vemasso misero allo scoperto tu grande 
nomerò di belliifsiinì esemplari di rami dì questa Conifera sui quali 



>dbyGoogIe 



mi fa posBÌbile di istituire aecaratì stndi e confronti con rami di 
CMiifere fossili e meati, rìportaodone la coarinzione che questa 
splendida fillite. appartiene realmente ad una Cunainghamia, ed 
ha tetta l'aualogia eolla 0. eUgam già descritta dal Corda. I rùni 
portano delle foglie Imighe circa 2 oentim., larghe millim. 1-2, 
lineari lanceolate, acuminate, diritte e leggermente indurate, con 
una sola costola mediana e mainine intero, scorrenti sul ramo coUa 
base allargata. Le foglie sono disposte a spira stretta sui rami ; pari» 
nella fig. 5 veggonai dirette sa dne linee opposte in cansa dello schiac- 
ciamento sabito dai rami, in modo da far apparire quasi una dispo- 
sizione distica; in mezzo alle foglie stanno cicatrici ovoido-rom- 
boìdali munite di carena longitudinale, lunghe circa miUim. 5. 
Nella fig. 6 vedeai un ramo che porta alla sua estremità un giovane 
strobilo. 

Questa Conifera ricorda per l'aspetto generale dei rami la ' 
Cunninghamia Sinemis della Ghiua di coi ho potuto redere alcani 
esemplari nell'Orto Botanico di Pavia; osservo però che le fc^lie 
della forma fossile sono piil lunghe, più acuminate di quelle della, 
vivente e non hanno, come queste, le due linee od orli marginali. 

Il Cunninghamites elegans fu già rinvenuto nel Genomaniano 
di Msseno in Boemia (Beass) e di Moletein in Moravia (Heer), 
nonché nel Senoniano inferiore di Lejden e superiore di Holdem 
in Yesfalia (Hosius). 



4. Cypa.rìe8ì<iliiiii ^ra.cilc, Heer. 
(TaT. XV. 8g. 7). 

Heer, op. cit, Voi. IH, p. 74, Tftb. XV, XIX, XX, XXI. - Voi. VI, p. 50. 

tab. vn, xxvin. — voi. vii, p. 12. 

Bolli, loc. cit, p. 402, % 4. 

Di questa specie appartenente ad un genere estinto analogo 
alle viventi Widdringtonie, già descrissi e %Drai i caratteriatità 
rami lunghi e sottili; piti tardi vennero scoperte altre impronte 
ancora più caratteristiche di rami gracilissimì, di cui qui figuro 
Wa frammento, guarniti di foglioline squamifonni, strettamente em- 
briciate, e prive dì costole. 



>dbyGoogIe 



LA VLORA CRBTACKà DI VHtNASBO KKL FRIULI 



S. Frenelopsia ICdnigil, Hoains. 

(TftT. IV, fig, 8). 

V, d. H&rk, Fattile P/laiuan der jtmgttt* Kreidt in Wtilp\alen, 1864, Pa> 
leontographic», Bd. XI. p. 81. tab. Xin. fig, 12 (CaUmìtopsit). 

Hmìiu n. ?. d. Mark, Flora der Wettphalitchen Kreideformation. PftleonL 
Bd.XXVI, 1880, p. 182. 

Questa fillite dapprima ascritta dall'Hosiiu alle Equiseiaeat 
eoi nome Calamiioptis reone poi dallo stesso autore riferita alle 
Cupressinee per la sua conoordaoza col Frsnelopsis dello Schenk. 
le impronte di Vetuasso che riferisco a questa specie rappresen- 
tano rami cilindrici nodosi, con nodi distanti circa 10 millim., e 
rami secondari disposti disticamente. Fra i caratteri del genere 
Freaelopiis T'ha quello importante di presentare la corteccia dei 
rami coperta di punti salienti disposti in serie longitudinali paral- 
lele ; queste sporgenze puntiformi non sono ben manifeste nelle im- 
pronte imperfettamente conserrate di Vemasso, come in quelle 
figurate dall'Hosius. Le f(^lie sono squamiformi, pìccolissime, quasi 
microecopiche, opposte, situate ai nodi; nei rami vecchi sono affatto 
inTÌsibili Per questa sua speciale conformazione il Freiielopm 
genere ora estinto e rappresentato da poche specie limitate alla 
Creta ricorda le vìventi Epkedre [Gneiacee) e, come queste, pro- 
senta ana certa rassomiglianza colle Kquiselacee. 

Le impronte descritte dall'Hosius vennero trovate nel Seno- 
niano della Vesfalia; esse corrispondono perfettamente a quelle di 
Temasso. 

6. Ara.uca.rla, macrophylla. Bozzi. 
(Tar. XVI, fig. 1, 2). 

A. foliis latis, fere explanatis, ovalibus, basi coarclata et 
unguictilaia inserti», plurìaerviis, petiolo nullo. 

Sono comunissimo a Tomasso le impronte di questa bellis- 
sima Conifera; le fig. I e 2 tav. XVI, rappresentano dei rami ri- 
coperti da foglie ovalì,larghe circa 20 mìUim., lunghe 30-35 millim. 
disposte a spira addensata e quasi embriciate ; le foglie godo grandi, 
quasi piane e diritte nella fig. 1, mancino di picciuolo e sono attac- 



co byGoOglc 



376 L. Bom 

cate &1 ramo colla base coartata e foggiata ad angfaia, hanno il 
lembo percorso da molte nervature parallele ed il mat^ne intero; 
all'estremità dei rami, come vedesi nella fig. 2, sono alquanto pid 
piccole, l^germente incurvate e pid concave. 

Per la forma e disposizione caratteristica delle foglie non du- 
bito dì riferire queste impronte ad una Conifera del gen. Arau- 
earia sez. Col>jmbea che si distingue appunto per le sue fenile 
laiche, foggiate a lamina piana, percorse da numerose nervature 
che partono parallelamente dalla base e convergono insensibil- 
mente all'apice. Non ho trovato però tra le forme fossili alcuna 
^ecìe che corrisponda esattamente a quella di Vemasso, onde 
fui indotto a descrìverla come una nuova specie chiamandola ma- 
erophylla perchè sono precisamente le notevoli dimensioni delle 
fbglie che la fanno distinguere a primo colpo d'occhio da altre 
specie fossili che le assomigliano, e specialmente ^TÌiX Arauearia 
crasiifolia. Corda della Creta di Boemia ('), che ha foglie più 
piccole, convesse, ed incurvate. 

È noto che le Araucarìe, comparse nel Giura, ebbero un grande 
sviluppo nel Lias, nell'Oolite e nella Creta, minore nelle epoche 
terziarie. Attualmente il gen. Arauearia coUe due sez. Colymbea 
ed Eutassa ò composto di poche specie limitate all'Emisfero Me- 
ridionale (Brasile, Chili, Australia). 



HONOCOTILEDONL 

7. A-iTunclo Ot*oen1a.nd.ica, Heer. 
(Tm. XVI, flg. 8). 

Heer, Flora Fouilit Artica, Voi. lU, p. 104, T»b. XXVin. - VoL VII, 

p. 18, fab. LIV. 
Bomì, loc. cìl., p. 403, fig. 5. 

Di questa bellissinia graminacea si rinvennero recentemente 
a Yernasso impronte molto più complete di quelle già descritte 
nella mia Nota succitata. Corrispondono a frammenti di grandi 
fc^lie dai margini paralleli, lunghi fino a 30 centim. laigbi 2-3 centim., 
percorsi da nervature parallele equidistanti. In alcuni di questi 

(1) BeuM, op. cit, tab. LXVHI, flg. 12. 



DigmzedtìyGOOgle 



irammenti si vede che il lembo ra Cdstringendosi da una parta 
Teno l'apice come nelle foglie dtrfle viventi Arando. 

DICOTILEDONI. 

8. Rbus antiqua.. Bozzi. (') 
(T»T. IVI, Ag. 4). 

Rhut foliis eomposilis, pinnatis, foliolis ovcUibia, altemis, 
lettilibus, acutis, integerrimis, nervo primario ad apicem evaae- 
teente, secundariit pinnatis, vix distinctìs, sub angolo acuto egre- 
dientibua. 

Olà nella mia prima Nota accennai alla mia convinzioiie, basata 
sull'esame di alcuni incompleti frammenti, che nella Flora fossile 
di Yernasao dovevano trovarsi anche le Dicotiledoni; le mie pre- 
visioni non furono sbagliate, poiché negli aitimi scavi vennero 
esumate alcune impronte di foglie in cui il carattere delle Dico- 
tUedoni è evidentemente manifesto specialmente per la disposizione 
delle nervature. Sfortunatamente lo stato imperfetto dì conserva- 
done del lembo fogliare non mi permise di stabilire per tutte 
una precisa determinazione. 

La fillite che ascrivo al gen. Rhu$ rappresenta l'impronta di 
una foglia composta eolle fbgliolìne alterne sessili, ovali, acute, 
percorse da una nervatni-a mediana che va scomparendo verso l'apice; 
le nervature secondarie scorgonsi in una sola fogliolina, sono 
parallele, pennate, e staccami obliquamente dalla mediana. Nella 
fi^olina terminale il lembo è incompleto, ma pur si vede abba- 
stanza chiaramente, dal frammento rimasto, che doveva essere al- 
quanto più grande delle foglìoline laterali, e confluire alla base 
con una di esse. Il carattere della confluenza della fogliolina tor- 
minale con una delle laterali è importantissimo e distintivo per 
alcune specie cretacee della famiglia delle Ànacardiacee e spa- 

{*) Per questa uno»» specie come per VAraucaria macrophylla »»eTu 
dapprima proposti altri nomi chiamundole Rhu3 cretacea ed Araucaria latir 
[olia come vennero denamin&te aella NotA pTerenliTft, che comnoictu al prof. 
A. Tommasi e pubblicata nella bob Memoria: //'ouili S^nontanì E^t Vernano. 
insegnito hodoTiitomiitaretnomidellemiednenaoTe specie avendo verificati) 
cbeqaeUidatiptimaerano già stati attribuiti ad altre forme diverse dalle mie. 



>dbyG00gIe 



«ialmente del genere Jthia (') ; ed io non dubito di sscrìrere a 
questo genere l'impronta fossile di Veniasso ohe ri oonispondA 
anche pegli altri caratteri. Ho ritenuto però conveniente H -fame 
una nuora specie poiché non ho troyato tra le forme fossili di questo 
genere alcuna che perfettaimente le si possa -adattare. 

9. ySyrica, "Vernassietisis, Boszi. 

(T»v. X7I, flg 5), 

Mirica foliit eUiplicit, hreviter petiolatis, apice obtmivr 
ìeulo, margine paree et remote denticulalo, pinnato-nervosi», nervo 
medio cum apice evanido, neroit secundarii» (enuissimis, eamplo- 
dromis, sub aiigulo acuto orientibut, stibarcuatis et versus apicem 
adsceHdentibus. 

Ascrivo al gen. Myrica alcune filliti di Yemaeso che rìchia- 
mano le figlie delle specie viventi o fossili di questo genere per 
la forma e per la disposizioDe delle nervature di cui si vedono 
ancora le traccie qua e là uel lembo. Si tratta di impronte di fenile 
ellittiche, Imighe e strette, con lembo ohe termina restrìngendoai 
a cuneo alla base in un cortissimo picciuolo; l'apice ò piuttosto 
ottuso, il margine Aentato, con denti poco profondi e distanti l'uno 
dall'altro; la dispoRÌzione delle nervature è camptodroma e preci- 
samente il lembo è attraversato da una nervatura mediana ben 
marcata alla base, ed appena distinta vicino all'apice ; da essa si 
staccano ad angolo acuto delle nervature secondarie che arcuan- 
dosi l^germente si anastoinizzano colle sovrastanti prima di toc* 
care il margine; sonvi anche nervature dì terzo e quarto ordine 
che formano una rete a maglie poligonali, ed alcune sì spingono 
verso il margine dentato. 

Nella rivista delle flore fossili non ho trovato alcuna specie 
che si possa riferire con sicurezza a questa di Vernasso, opperò ho 
dovuto descriverla come una forma nuova. Ricordo però che il 
gen. Myrica è rappresentato nelle flore cretacee di altri paesi, 
così ad es. si conoscono la Myrica oblusa di Atane (Cenomaniano), 
la Dakoieiisis del Senoniano di Patoot, la cretacea di Quedlinbui^ ; 

0) Saporta et Muion, L'evolation du rejn» vegetale. — Lei Pkaaero- 
gemei. II; p. 119. 



>dbyGoogIe 



LA FLORA CRSTACSA DI :VKRMAS90 NXL FRIULI W19' 

ù tratta di forme direrse clie corrispondono a qoeUa di Veinaato 
pei caratteri geuarìci, ma differiscono per quelli specifici. È notai 
poi che il ^n. Myriea à rappreBfflitato in Enropa da un maggìoE 
Bomero di specie nel terziario antico-eocene ed oligocene; aoelie 
di qneste nessuna corrisponde esattamente alla Myriea Veriuu-' 
tiensii, ed è molto probabile che questa sia una forma che ria- 
BÌace i caratteri delle Mjrtche cretacee e delle teniarìe. 

10. Pliyllites proteaceas, BoEzi. 

(T»*. xn, &g. a, 7X 

Phyllites coriaceus, brevissime petiolaius, basi in petiolum 
$en9im angustata, apice rotundato, margine revoluto et integro, 
nervo primario crasso, ad apicem in mucronem exeutite, nervis 
SBCundariis indistineUs. 

Tra le fìUiti di Temasso che io ritengo debbano apparte- 
nere alle dicotiledoni souvene alcune nelle quali non vedesì traccia 
alcuna di nervature secondarie e soltanto è ben distinta la mediana 
per cui ho dovuto riferirle all'incerto genere Phyllitet che com- 
prende tutte le forme non bene definite. Queste filliti, come Tedesi 
nelle figure 6 e 7 sono impronte di foglioline allungate, cuneiformi, 
quasi sessili, ristrette alla base ed allargate a guisa di spatola 
Terso l'apice che presenta una leggiera intaccatura munita di pìc- 
colissimo mucrone; il mai^ne è intero e rìrolto allo indietro. 
Le'foglie dovevano essere coriacee come si può presumere dal fatto 
ohe le impronte sono fortemente impresse nel calcue. I caratteri 
di queste filliti sì riscontraao nelle foglie di alcune specie virenti 
e fossili della famiglia delle Proteaeee che è largamente rappre- 
sentata in Europa nell'epoca cretacea e nel terziario antico; epperò 
ho ritenuto oi^rtnno di clasbificarla col nome di Pk. proleaeeut. 

. 11. -Pliyllitea platanoides. Bozzi. 
(Tar. XVI, flg. 8). 

Phyllites palmato nervosus, basi cuneaia in petiolum senHrn 
deeurrente, rete nervosa poligona, peliolo basi sensìm dilatato. 

Xia fìllite qui descritta e figurala corrisponde alla impronta 
della parte inferiore del lembo di una foglia palminervia; il pic- 



DigmzcdbyGoOgle 



oiolo è intMramentfl eoDBerrato e si vede ooniinnare come hott»- 
tora principale attraverso il lembo stesso; vicino alla base stac- 
cuibì dse grosse nerrataie lat^tdi ad angolo acuto di circa 40*, 
e dae altre nervature ve^oosi partire obliquamente dalla priniò- 
pale un poco più in alto. Tanto alla parte inferiore che alla supe- 
rìcve d«t lembo si notano ancora le traooie di nervature di terzo e 
quarto ortUne che fonuauo maglie poligonali. Il lembo ò tagliato 
a cuneo alla sua base e scorrente sul picciuolo; doveva essere poco 
consistente perohà la impressione sol calcare è molto debole. 

Questo frammento di fìllite può essere riferito con sicurezza 
ad nua dicotiledone a foglie palminervie, ma è troppo incompleto 
perchè si possa determinarlo esattamente onde mi limito a distìn- 
guerlo col nome generico di Phyllites specilìcandolo con quello di 
plattmoides perchè ricorda benissimo la parte inferiore del lembo 
fogliare di certi platani e presenta una grande rassomiglianza colla 
fillite incompleta descrìtta dall'Heer del Cretaceo superiore di Ne- 
braska col nome di Platanu» Newberyana (*). 



La Flora cretacea di Vemasso, quantunque non molto ricca 
dì specie offre il massimo interesse al Botanico ed al Geologo perchè 
composta di Fanerogame tanto Gimnosperme che Angiosperme Mono- 
eotiUdoai e Dieoiiiedoni. Dei generi due sono estinti, gli altri sono 
ancora viventi ; di questi, tre sono ancora rappresentati in Europa 
nell'epoca attuale, \' Arando, il Rhut e la Myrica, gli altri attual- 
mente sono scomparsi da questa r^one. La fisionomia generale 
della flora Yemassina è precisamente quella delle flore cretacee 
recenti, inquantochè mentre il predomìnio delle Gimnosperme che 
si osserva nella medesima, e la presenza di due generi estinti 
la tengono legata alle flore secondarie, d'altra parte le Angio- 
sperme rappresentate da generi ancora viventi la fanno avvicinare 
alle terziarie. 

La mescolanza di generi Europei, Americani ed Asiatici che 
si osserva nella Flora di Vemasso e quale fu notata anche nelle 



(') Heer et Capclliiii, PkyUUet cretacea de Nebraska, p. 16, pi, I, 
Sg. 14. — Leaqoereoi P., The cretaceaiu Flora; in Haydeai Report of ihe 
United State» Oeol. WashingtOD, 1674, p. 72, pi. VIIL 



DigmzcdbyGoOgle 



lA FLOBA CRETACEA DI TERNASSO KEL FRIULI 381 

flore cretaceB degli a.\tn paesi può esaere interpretata, anche tenendo 
eonto della dirersità delle specie, come ona prova del fatto che i 
climi nella. Greta dovevano essere piuttosto tmilbrmi o per lo. meno 
UHI avevano ancora salla terra una distribuzione analoga all'attuale; 
eerto poi la flora di Vemasso doveva vegetare in condizioni climatiche 
diverse dalle presenti. La prevalente uniformità dei climi cretacei 
va però intesa solo in senso relativo, cioè nel senso che allora 
dovevano essere molto meno marcate le attuali differenze delle 
diverse zone climatiche forse- in causa della differente distribuzione 
delle terre e dei mari e della prevalenza di questi su quelle, ma 
non deve escludere in venm modo la possibilità che i climi risen- 
tissero l'influenia di speciali condizioni locali che dovevano favo- 
tire lo eviluppo di specie distinte caratteristiche di ciascun luogo 
in mezzo alle specie comuni; e di&tti anche nella Flora dì Yer- 
nasso trovansi alcune forme che non hanno il loro preciso riscontro 
specifico in altre flore. Né deve sorprenderci il fatto della presenza 
nella Flora Vemassina di specie che vennero trovate anche nei 
terreni cretacei della Groenlandia, poiché é noto che nella Creta 
il clima vi doveva essere temperato e piuttosto caldo per diverse 
canee ancora oggigiorno molto discusse fra le quali va notata quella 
dello spostamento polare. 

In quanto alle conclusioni che dallo studio della Flora dì 
Vemasso si ponno trarre relativamente all'età di quel deposito 
osservo che, mentre la presenza bene accertata delle Dicotiledoni 
conferma la opinione già da me espressa nella mia prima Nota : 
doversi quel deposito riferire ad nn' epoca non anteriore al Ceno- 
maniano : l'esame complessivo delle specie mi permette ora dì rife< 
rirlo con tutta probabilità al Senoniano. Infatti anche non tenendo 
eonto deUe due forme incerte PkyUitei proteaceus e plataiwides 
e delle nuove specie JÌAìw antiqua, Myrica Veraassiemis ed Arau- 
earia macrophyila, quella Florula conta 4 Conifere, Frenelopsis 
KÓnigii. Sequoja concinna, Ganninghamites elegans, Cyparitti- 
dium gracile ed una Monocotiledone, Arando Groenlandica le 
quali vennero già trovate nel Senoniano di altre località, e due di 
esse, il Frenelopsis KSnigii e la Sequoja concinna sarebbero finora 
esclusive di questo piano. Una sola forma, la Sequoja ambigua, 
non si era ancora trovata nel Senoniano ; vuoisi però ricordare che 
questa specie, creata dall'Heer, può essere considerata, secondo 



>dbyGoogIe 



S82 L. BOZZI. LA. VLDRA. CRETACBÀ DI TERNASSO HSL FBIULI 

Io stesso autore, come una varietà della Seqmja Reichembachti 
la quale è comune in tutti i piani della Creta, compreso il Seno- 
Diano. Queste conclusioni concordano perfettamente con quelle ohe 
il prof. Tommasi trasse recentemente dallo studio della fauna fos- 
sile di Vernasse che venne da Ini illustrata in una speciale Mono- 
grafia (1). La fauna consta di 26 specie la mt^or parte molluschi 
fra i qnali spiccano parecchi tipi Senoaianì come Innoceramus 
Cripsii Mant, Pholadomya aeqitivalvis Qolàt, Avieula peetinoides 
Heuss ecc. ecc-i il prof. Tommasi crede che il deposito di Ver- 
nasao si debba riferire al Senouiano inferiore perchè vi sono anche 
alcuni tipi che discendono fino al Turoniano ed ai piani più antichi 
della Creta. 

Paria - Gabinetto Geologico 1891. 

(') A, Tommasi, / fonili Senoniani di Vernasto nel Friuli. Att. B. 
Ili Ven. di Se. Lett e. A. Venezia 1891. 

dott. Luisi Bozzi. 



>dbyGoogIe 



i 


„ 


,.„ 


^ :1 


V'& 


li 


■■ '' 






V ■ 


1 

V'' 


li 










-■/'•'' 


1 




ì 

3 


~-\, ■ -'■ 






1 



,db,Google 



,db,Google 



'■? 



r 



»<^■.?.^/^'7*'y;/i-r/•' 



^;J 



'■■-.T 



m 



,Vv.^ 





DijilizodbyGOOgle 



,db,Google 



CENNI 
SCL GRANITO DELL'ISOLA DEL GIGLIO 

E 
BIBLIOQBAFIA SCIENTIFICA BELATIVA A QUEST'ISOLA 



Avendo TÙitato. b«Uo scorso anno, ]e care di (granito rìattì- 
vate dai Signoii Maitinori e Della Bitta neU' ellisaoids granitico 
dell'isola del Giglio Dell'arcipelago Toscano, ed essendomi occupato 
di tale roccia come pietra ornamentale, ebbi occasione di consultare 
parecchie pubblicazioni relatire alla detta isola. Tenendo nota soltanto 
di quelle, nelle quali trovai una qualche notizia sul granito gigliese, 
sui minerali, che vi sì rinvengono, o qualche indicazione riguardante 
la storia naturale dell'isola, misi insieme il presente elenco biblio- 
grafico, che faccio precedere da alcuni pochi cenni snlU costitu- 
zione fìsica e geolt^ca dell' isola e sul suo granito. 



L'isola del Giglio {Igilium degli antichi) dista circa 16 Em. 
a ponente dal promontorio Aj^entario ed è situata fra 1° 31' 12" 
e 1° 35' 17" di longitudine 0. dal meridiano di Homa (M.' Mario) 
e tra 42» 18' 51" e 42' 23' 16" di latitudine N. Ha una super- 
ficie di 23,9 Km^. Essa è costituita da un massiccio montuoso elia- 
soidale di granito, avente l'asse madore diretto a N. N-O., devì- 
ante da N. verso 0. di un'angolo di 20"; con una lunghezza, dalla 
punta del Capei Bosso alla punta del Fencyc di poco superiore agli 
8 Km. e l'asse minore di quasi 4 Em., oltre ad una appendice ad 0. 
denominata il Franco, che forma una specie di promontorio — avente 
il suo maggiore asse, diretto parallelamente al grand' asse dell'isola — 
lungo poco più di 2 Km., con una larghezza di circa Km. 1,300. 
IL sao contorno littoraneo tà una lunghezza sviluppata di poco piìl 



>dbyGoogIe 



di 25 Km. Il punto colmiDante deU'iaola trovaai al Poggio della 
Pagana, il quale è elevato 498 m. sul livello del mare (') ed è 
situato pressoché nel centro dell' elliaaoide granitico. 

L'isola è quasi interamente formata di gianito (•); risulta 



(0 Annuario SCaCUtico Italiano 1887-1888, pubblicalo dal Ministero 
d'Agricoltura, lud. e Comm. — Direzione generale della Statistica, Bomo, 
Eredi Botta, in 8", 1888. (Ved. pag. 5(M], n. 310). 

(') Seguendo le opinioni del Savi, parecchi geologi, principalmente to- 
scani, distineero nelle isole dell'Arcipelago toscana, due specie di granito, l'ano 
antico e l'altro tormalinifero più recent*. Savi e Meneghini — nelle Considera- 
siotii sulla geologia stratigrafica, che formano appendice alla : Memoria sulla 
itruttura geologica delle Alpi, degli Apenntni e dei Carpazi di Sir R. J. 
AfurchisoR, (tiadazione dall' inglesej. Firenze, Iacopo Grazzini, 1851, in 8" — 
scrÌTono a qncsto proposito : t Le ìsole dell'Elba, del Giglio e di Monte Cristo, 
11 ed il EDonte di Gavorrano nel continente sono le nniche località toscane, 
u ove appariscono i graniti ; i quali in due specie ai devono distinr;nere. vale 
n a dire qnelli contenenti abbondanti cristalli dì toimalina e gli altri che ne 
u sono privi. Qneati aitimi, che mancano net continente, formano nelle sopra- 
1 citate isole le principali inasBe granitiche entro le quali veggonsi scorrere 

«diche e filoni dei graniti dell'altra qualità Il granito tonnalinifeto 

B poi è quello che comparisce sotto forma di amplissima dica a Gavorrano 
u nella Val della Pecora in mezzo alle rocce secondarie ed eoceniche co- 
li stituenti la catena che separa la detta valle da quella dull'Ombrone ", 
(p^. 498). n Cocchi però, per quello che rignarda l'Elba, non crede che vi 
aia granito antico, e non ammetta l'esistenza di rcri filoni di granito più mo- 
derno inclusi ed incassati nel granito Dormale antico, ma sostiene che tnlle 
le rocce feldspatiche sono il prodotto di una sola serie di eruzioni posteriori 
alla deposizione del macigno, avvenute cioè tra la Are dell'eocene ed il mio- 
cene medio. {Cocchi I., Descrittone geologica delVisola d'Elba per servire 
alla carta della medesima. ìi elle: Memorie per servire alla deserisione della 
carta geologica d'Italia pubblicate a cura del R. Comit. Geologico, voi. I, 
Firenie, Barbèra, 1871, in 4°, pag. 250-257). 

Anche il Lotti considera i graniti come post-eocenici [Lotti, Descrìsione 
geologica dell'Isola d'Elba). Circa la sappoeta eocenità dei graniti perù si 
possono leggere i due scritti del Bucca, testé stampati, sul medesimo argo- 
mento, e collo stesso tìtolo, cioè; L'età del granilo di Monte Capanne {Isola 
d'Elba). Rendiconti della R. Accad. d. Lincei, voi. VII, 2" semestre, fase. 8, 
1891, pag. 270-376; L'eti del granito di Monte Capanne (Isola d'Elia). 
Appunti geologici e petrografici. Palermo, Michele Àmenta, 1892, in 4°, di 
pag. 27. Estr. dal Giornale di scienze naturali ed economiche, voi. XXI. 

Sella presente Memoria io mi occupo unicamente del granito estratto 
dalla cava delle Cannelle, che trovasi nella Cala omonima nella parte orien- 
tate delllEoIa del Giglio a circa nn Km. e mezzo a SE. dal Giglio-Marina. 



>dbyGoogIe 



CENNI SUL GRANITO DELL ISOLA DEL GIGLIO ECC. 3S5 

infatti di nn monte elliaaoidale granitico, come ho indicato di so- 
pra, e soltanto a ponente nell'appendice del Franco si osservano 
rocce direrse. Quivi sì hanno Eufotidi, associate a rocce serpenti- 
uose, che spnntano fuori da calcari dolomitici, probabilmente iu- 
fralìassici, e da scisti anche pih antichi (permiani). Sn qneste 
rocce, specialmente a N.-O., si ad^a in qualche punto una for- 
mazione quaternaria con frammenti di molluschi. 

Nel contatto delle rocce ora menzionate coi graniti si hanno 
filoni minerali ricchi in pirite di ferro, disseminata nella ganga 
quarzifera in tanta quantità da essere coltivati. Le piriti estratte 
da tale giacimento vengono poi adoperate nelle industrie, in ìspecie 
per la fabbricazione dell'acido solforico. Dal citato giacimento ebbi 
bei campioni di pirite in cristalli JIOO|, taluni a facce lucenti; 
taluni altri mostrano le striature sulle facce in 3 direzioni per- 
pendicolari fìra loro e parallele agli assi cristallografici. Ho pure 
cristalletti }100| a facce striate, con un pent^ono-dodecaedro, 
associati a cristalli di quarzo biancastro, a Fluorite limpida leg- 
germente rc«ea in cristalli {11I|, ed a cristalli di Blenda di co- 
lore bruno, a splendore resinoso snlle facce' di sfaldatura. I cri- 
stalli dì Blenda sono incastonati nella ganga quarzifera ed è dif- 
ficile di isolarli, come ho fatto per la pirite ; vi ho notato il cubo 
ed una accetta triangolare, che potrebbe appartenere, sia all'ot- 
taedro, che ad uno dei tetraedri ('). 



(■] E giacché per inciiUnte bo fatto meiuìone dì ftlcnni minorali del- 
l'ÌKola del Giglio, indico dae nuove località delia provincia di Siena, in una 
delle qnali rinvenni Thulite e Prenìte, e nell'altra Amianto. 

Nel 1887 visitai la miniera di lignite di Monte Unrlo plesso il viUag- 
gio di Vescovado, o le care di calcare compatto ari^lloso eocenico, soprt- 
stante ai galestri e scisti galeatrini della medesima località, le qnali aommi- 
oistraDO il materiale, dalla cai cottura si ricavano eccellenti ealci idraollche 
e cementi. Mi vi recai da Siena, ma nel ritomo percorsi il binario della fer- 
TOTÌa privata, che parte dai forni di calce di Mont« Hurio e va a conginngerai, con 
uno sviluppo di circa 22 Km,, alle ferrovie della cete Mediterranea nella sta- 
zione di Monte Antico, posta salla linea Asciano-Montepes.; alt-Grosseto, Is 
quelle escnrsioni raccolsi fossili nelle marne plioceniche alla Casaccia presso 
il fiibbricato coirtniìto per gli operai della miniera di Monte Mnrlo, e nelle 
sabbie dì Hont« Antico, e presi Daraerosi campioni di Serpentine, di Enfotidi 
a grossi cristalli di djall^o lamellare, di rocce diasptoidi, di sniiBsnrite , ecc. 
Tra i fossili della Casaccit ricordo qui un esemplare di Nana sp. n. ad an* 



>dbyGoogIe 



LuD^ la stessa zona di contatto tra i graniti e le altre rocce 
scorre un'acqua mìoerale acidulo-fermginosa, che ^orga nella lo- 



tnitì scanalati e Bcalariformi, aa«at vicina alla JV. tcalarìt Bois., ma ben di- 
stìnta da questa. 

A circa 1 Km. a valla della etazione di Mario, sulla sinistra del tor- 
rente Crevolc, staccai da aiC'affioramBnto di Eufotide nn campione nel quale 
ta labradorite è passata a sansaarite, bianco-verdo^ola, d'aspetto qnasi stea- 
titosa. n campione presenta delle venature di an bel colore roseo, che ritenni 
essere Tbulite. Il minerale infatti offre tutti i caratteri identici presentati 
dalla Thnlite di Throndhjen (.Norvegia), colla quale ho fatto confronto. La 
Thnlite veiinè già riscontrata in Toscana in analog'lie condizioni di giacitura 
nelle masse dialla^co-seipentinose di Campo a' Peri nel territorio di Por- 
ioferraio, e deirin>t)runeta presso Firenie. {Eoster G., Note mineralogiche 
nUVIiola dell'Slàa. -:-. Boll. d. .B. Comitato Geolog;ìco d'Italia, anno VII, 
n. 9-l<l (settembra e ottobre 1876), pag. 422-423; D'Achiardi A., Mineralogia 
della Toicàm, voi. n, pag'. .103 e 156). 

Dal medesimo affioramento presi altro campione con Prenite crii^tallis 
zata ed in massa, formante delle vene entro l'Enfotide. La Prenite è indicata 
dal D'Achiardi nella Mineralogia della Toscana, voi. il, fag. 142-146, in 
parecchie località della Toscana, sia neH'Gafotide ed in altre rocce che vi si 
connettono {come è appunto nel caso nostro), che nelle Serpentine, e nel 
Gabbro roseo ; vi si trovano citati gli autori (Brocchi, Nesti, Repetti, Bechi) 
che parlarono di tale minerale toscano. 

In altra escaraione, che eseguii parecchi anni prima, airabitato detto 11 
Santo salla destra del torrente Parma nella sua confluenza col Herse, per 
constatare l'importanza di alcani affioramenti cupriferi, che si mostravano in 
quei dintorni, raccolsi campioni di Eufotide, Serpentina, Pirite e Calcopirite 
ed una varietà dì amianto fibroso bianchiccio, che s'avvicìnna a quella co- 
n'oBciflta sotto il nome di Cartont di montagna. L'amianto fermava nn Sion- 
cello della potenza di alcuni centimetri, e si mostrava continuo per &lctu>i 
metri entro la serpentino, associata a steatite. È n mia notizia che il pro- 
prietario del fondo in seguito ne cavò per qualche quintale. 

Del resto, fin da tre secoli indietro, Otovanni Ciompini Bnmano, parla 
dell'amianto del Volterrano in Toecana. Nella sna dissertMione sai lino in- 
combustibile, ossia sulla pietra amianto [De ineombìttlibili lino, ettre lapide 
tUddnto, deque illiiu filandi modo, «pietolari» ditierlatio ete. Ilomae, Tip. 

B. C. Apost., 1691, in 8° piccolo di pag. 15] scrive dia pag. 6 " 111. et 

xeruditus Vir Paulus Maffei eques S. Stefani, qui mihi retulit etiam in Vo- 
vlateRaneis montibua ipsora reperiri amiantnm». Allo stesso Gioranni Clam- 
pìtti si> devono alcune notìzie sopra reali fossili dì elefanti (femori, seapoln, 
e 5 vertebre) rinvenuti nel 1688 a Vitorehiano presso Viterbo. D Ciampinì 
studiti qnesti ossami e ne fece paragone «opra plastiche eaegoite sulle coni- 
bpondenti ossa di nno scheletro elefantino, esistenta allora nella gaUerìa me- 



>dbyG00gIe 



CE.NN1 SUL aBANlTO DELL ISOLA DEL OlOLtO ECC. SS? 

calità detta CtUa dell' Allume Bul bordo del mare, la quale è men- 
lionata dal Qiolì (■). 

FiDalmente in alcuni piccoli seni in riva al mare, come al 
Oiglio-mariiia, alle Cannelle, alla Spiarla Gampese, si ha ana 
strìscia di spia^fia costituita da arene assolane, le quali per la 
massima parte sono formate da grani di qoarzo con lamelle di 
mica, e granelli neri di tormalina, i quali materiali provengono 
dalla di^regazione dei graniti e dal lav^gio che ti esercitano le 
aeqne. 

Il granito della cara « Le Cannelle * ai compone di qnarzo 
biancastro, ortoclasio bianco predominante, oligoclasio iu minore 
quantità e mica nera (biotite). 

' Ad nn'esame macroscopico la roccia si presenta con struttura 
granitoide a grani dì mediocre grossezza. L'ortoclasio è predomi- 
nante si^li altri minerali del granito; è dì aspetto tendente al 
vitreo, e spesso è in geminati secondo la le^e di Karlpbad. La 
mica è in lamoUette esagonali di color nero o brano nero e pre- 
senta i caratteri delle miche ferro-magnesìache (biotite). Oltre 
questi minerali, si trova nel granito del Giglio, come componente 
accessorio la tormalina nera (afrizito), sìa in crìstalletti dissemi- 
nati nella roccia, sìa in. s^r^azionì risaltanti da gmppi di cri- 
stalli rìnoiti intorDO un centro e costituenti così una macchia nera 



dieea di Fiieoie, come già diasi ìo kltra mìa Nota (Meli R., Sopra alcune 
oua /sitili rinuenutt nelle ghiaie alluviottaU pretao la vìa Nomentana al 
3° Km. da Roma.- Boll. d. B. Coniit. Geobg-, anno 1886, n. 7-8, pag. 272-273J. 
Le oBserraiìoni del Ciunpini furono comnuicste all'Accademia flBico-matemB' 
tica di Roma e »e ne troTa meniione nella: Mitcellanea curiata, tive Ephe- 
weridim medico^hyticar. germanic. Acad. imper. Leopoldina^ naturae cu- 
riotorum. Decuriae II, ann. VII (HDCLXXXVm), continens etc. obserr. 
med.-plija.H:hyni.-math. Noriinbergae, 1689, in 8". (Vid. Observat. CCXXXIV. 
D. Hieionjmiì Ambiosii Langenmantelii, Di osnibut elephantum, pag. 446-447). 
Hi piace di avere ricordafai il Ciampini perchè a Ini si deve Tarer istitoito 
iu ItAlia ì primi confronti tra le ossa di animali faBaili e le omologhe di 
animali attoahueote virenti. Questo fa già rilevato anche dal Brocchi, il 
quale ben a ragione scrisse: u queste farono le prime osservaiioni di anato- 
t> tnia comparata fossili istitaite di proposito >> (Brocchi 0. B., Conch. fott. 
lubapenn. 1' ediiione, Uìlaao, Storap. reale, 1814, in 4°, voL I, pag. xviii). 
(1) Giuli G., Storia naturale delle acque minerali della Toscana, 
tomo IT. 



DigmzcdbyGoOgle- 



del diametro, in qualchs caso, di parecchi centimetri. La torma- 
lina nera (') si presenta spesso in cristalli di abito prismatico; 
talvolta però i cristalli risultano raccorciati secondo la direzione 
dell'asse ottico, ossia secondo l'asse dei prismi. Ho avuto parecchi cri- 
stalli, per lo piU terminati ad un'estremo; ne rìdi però anche di 
quelli raccorciati e terminati alle due estremità. Nei primi riscon- 
trai molto frequente 1% combìDaiìone del prisma esagono r^o- 
lare jlOlj coll'altro prisma esagono Ì211|; oppure il prisma )101|, 
con remìprisma dodecagono x S321J e con l'emiprisma esagono 
regolare x )2ll[, in modo che la sei^one parallela alla base in 
questi ultimi cristalli è chiosa da 15 lati. I cristalli che ho, ter- 
minati soltanto da nn estremità, oETrono in questa due romboedri 
1100} lUli od anche jlOOf iUO|. QuesU ultimi (^) ricordano !e 
tormaline nere di Snarum (Norvegia). I cristalli del Giglio sodo 
striati sulle facce prismatiche, talora assai fortemente da riuscire 
bacillari ; invece le facce dei romboedri sono lisce, o scabre, in c^i 
modo non striate. 

Ho osservato che il granito è, di frequente in qualche punto, 
attraversato da vene e filoncini di una pasta ortoclasica (ae Ti fosse 
associata la muscovite, potrebbero dirsi filoacini dì pegmatìte) in 
cui troransi sparsi cristalli di tormalina nera. La presenza della 
tormalina nel granito del Gìglio può indicare che esso si trova 
nel limite estremo della formazione granitica dell'Italia centrale, 
giacché è noto che nei grandi massicci granitici, la tormalina, dì 
regola, comincia ad apparire allorquando si va verso l'esterno della 
formazione, accennando in tal modo che il minerale dovette pro- 
dursi da vapori fluorici e borici che si svilupparono dalla massa 
in ignizione. 

Del resto si conoscono in Italia tormaline nere nei graniti di 
Marciana-Marina e di S. Piero della ricina ìsola dell'Elba, special- 



('} Ho un cristallo frammentitto ad un'estremità, che redato per rifles- 
sione è di colore nero, mentre guardato per traspaienia sugli spigoli più acati 
è binno-iossastio. 

(*) I romboedri Ì11I| (IlOI nelle tonnaline, come è ben noto, si pie- 
sentano d'ordinario émicdrici ; ma non esaendo tenoinati ai due lati i cristalli, 
che prcaentemente boBott'occhi, non ho potuto constatarne l'emiedria e perciò 
nei simboli rispettivi ho omesso il se^o di qaesta. 



>dbyGoogIe 



CESNf SUL QKANITO DELLI30LA DEL QIOLIO £CC. 36v 

mente nelle druse di grotta d'Oggi, ricordate anche dal Cocchi(') 
{dalla qaate località provengono pure le ben note tormaline roseo e 
policrome); nel granito di Gavorrano (prov. di Grosseto) (^); nei graniti 
della Bassa VaJisesìa (^) ; nelle p^matìti di Grare^ia in Val Yì- 
gezzo (Ossola) ; nelle pegmatiti di Vanzone (prov. di Novara) {*) e ne 
vidi nel granito a muscovite dell'Asinara, isoletta che trovasi a N.-0. 
presso la panta settentrionale della Sardegna (^); nei clorite-sciati di 

(>} Cocchi I., Detenzione geologica delCiiola iTSlòa, mem. cit. Ved. 
l>*g- 2U. 

(*) Nel granito di Gavomno in Toscana ri rinvengono tunnal ine nere, 
spesso Hsaai piccole, aecondo qnanto ne scrive D'Achiardi. (D'Achiardi A., J/Ì- 
nèralogia della Totcana, Pisa, Nistri, 1872-78, voi. Il, pag. 213). Lo stesso 
Autore parU del granito di GavniTatii) con tormaline nere tjall'atiro laTOI(> 
Sui feldtpati della Toscana. Boll. d. B. Comit Geol,, anno H, 1871, pag. 225. 

(*) StrOvar 0., ContriÈuzioni allo itudio dei granici della Baaa Val- 
tetia. — Atti d. R. Accad. d. Lincei. Hemorie d. classe di Se. fls. mat. e 
nat., serie 4*, voi. VI, 1890, pag. 451. 

(*) Jervis G., / teiori sotterranei delVltalia. Torino, Loeecher edit, in 
8". Parti quattro. (Ved. parte I (1873), pag. 172, n. 411). 

Il Jerrìa nei primi tre volnmi di quest'opera indica ben 27 località ita- 
liane, nelle qnali si rinvenne tormalina. Ma solamente per nna quindicina di 
località precisa esaere le tormaline di color nero. Qaeate altime località tzo- 
Tansi segnate nel ;>resente scritto. 

Brocchi cita tormaline di color caffè tendenti al nero in nn masso erra- 
tico di lava rinvenato alla Selvìna del fosso grande sol Vesuvio, ed in una 
antica lava del Veanvio, che esiste in corrente fra la torre di fiassano e la 
Scala [Brocchi G. B., Catalogo ragionato di una raccolta di rocce diipotlo 
cOK ordine geografico per tervira alla geognolia delC/talia. Milano, Imp. 
B. Stamp., 1817, in 8", (ved. pag. 223, n. 4 e 227, n. 5)]. 

n Brocchi nell'opera «ra aitata segna anche criatallì di tormalina in un 
^gregato minerale composto di mica, >ngitei haDjna, emtieo olla Madonna 
del Tufo presso Bocca di Papa nel Lazio. (Ved. Catalogo cit. pag. SS, n. 70). 

Nell'Italia inferiore si rinvennero tormaline in tliistalli sottilissimi nei 
graniti di Catanzaro (Jervis G., / teiori lolterranei, op. cit., parte UT, 
pag. 508). 

{>) n granito, che si trova nella baia d'Oliva ad K. dell'Asinara, è nn 
granito a mica bianca argentina (mnscovite) assai ricco di tormalina nera:. 
I eriatalli sono di faciei prismatica, spesso bacillari per forte atriatura. È 
dilEcile averli colle facce terminali anche ad un'estremità; ne ho nna grande 
copia, ma tutti frammentati, e mancanti delle estremità. Il.sig, ing. cav. P. 
Man mi favori alcuni cristalli di tormalina nera prarenienti da tale loca- 
lità,, che presentano il prisma esagono IIOI), « l'emiprisua esagono n |2ll'. 
e sono terminati ad un'estremo dai ine romboedri [100) |lll!. 



DigmzcdbyGoOgle 



Mathì (Valle di Lonzo) e di Monastero G'onnese preaeo Lsazo('); nello 
gneiss di Beora in vai d'Ossola (') ; Dello gneiss del monte Torlo 
a Macugnana in Yalle Ànzasca (prov. di Novara) ; Dello gneiss di 
Villar Focchiardo (proT. di Torino) (^) nello gneiss della Tresenta 
e di MoDcorvè Del gruppo del Gran Paradiso (Alpi Graie — versante 
piemontese) (*); nello gneiss granitoide della località ■ la Pare > 
sulla costa di S. Berne sopra Chiatamberto (Valli di L&nzo, anche 
nelle Alpi Graie) (*) ; nella pietra oliare a Caspo^o (prov. di Son- 
drio); al Monte Gistella prerso Varzo (prov. di Novara) associate 
al quarzo, secondo Jervis; a Vogc^a sulla sinistra della Toce presso 
lo sbocco di Valle Ànzasca (prov. di Novara) associate a feldspato, 
mica, e poco quarzo (Jervis); a Crevola d'Ossola (prov. di Novara) 
entro il marmo saccarolde (Jervis) ; in parecchie località delle Alpi 
Apuane {% a Cueigliana e Bupe Cava (Monte Pisano) e Jano presso 



{•) Mattirolo Ettore, Sulla tormalina nera nello tcitto .cloritico di 
MonaMtero di Lama {valle del Tetso). — Atti d. R. Accad. d. Scienie dì 
Toiiuo, voi. XVII, diap. 6* (mag^o 1882], pag. 649-654. 

(■) Spezia Q., Cenni geognoitici e mineralogici tul gneitt di Beura. 
Torino, 1882, in 8° con Uvota. — Estr. d. Atti d. B. Accad. d. Scienie dS 
ToriDO, Tol. XVU, disp. 6* (maggio 1882). Ved. pag. 659-660 e 664-665. 

(*) Piolti Giaseppe, Gneiu tormalinifero di Villar Focchiardo ( Val di 
Suta). Cenni deterittivi. Torino, 1889, in 8° con ana tav. ìq fototipìa. — 
Estr. d. Atti d. B. Accad. d. Scienie di Torino, 7ol. XXIV {188&«9), fase. 13, 
pag. 661-670. 

{*) Baratti M., Studi geologici evi grappo del Oran Paradiso. — Atti 
d. R. Agc. dei Lincei, ser. 3*, Hem. della Clas. di se. fis. raat. e nat, voi. I, 
1877. (Ved. pag. 19 dell'estratto. Nella segnente pag. 20 èpuie citata la tormalina 
nei colli del Gran Paradiso e di Orancroa, ina non è detto se essa spetti alla 
Tarielà nera lacente (afriiite), della qoale soltanto mi occupo nel presenta 
acritlo). 

(i) Gianotti G., Appunti geologici tulio valle dì CMalamberto {Valli 
di lamo — Alpi Graie). — Boll. d. Soc. Geol, lUl., voi. X (1891) fase. a». 
Ted. pag. 16 dell'estratto. 

(*) Cioè, in rocce friaaaictie nella Val di Castello, nei dintorni di %ita.- 
lema, al Forno Volasco; negli scisti triassici a mica taleoide di Capriglì& 
presso Pietrasanta, negli scisti paleozoici sericitici di Pariana, (Lotti Bernar- 
dino, Roccia granitoide tormalinifera nelle Alpi Apuane. — Bollett. d. B. 
Comitato Geolog,, anno XVI, o. 1-2 (gennaio-febbraio 1886), Ted. pag. 56-57); 
al Bottino, parimenti nelle Alpi Apuane (D'Acbìardi A., TomuilinoUte del 
Buttino nelle Alpi Apuane. — Atti d. Soc. tose, di se. nator. residente in 
Pisa. • Processi rerbali, voi. IV (1883-85), pag. 204-208). 



>dbyG00gIe 



CCKHI SUL GRANITO DKI.L'|B0LA DBL GIQI.m ECC. 391 

Volterra (<) ; al Col de la Marmotine sopra il Tiraggio di Pianpra 
presso Valpiato in Valle di Soana (Torino) ; a Fiona presso Colico 
(circondario di Como); a Gressoney-lar-Triait^ (prov. di Torino); 
a Mulat-Berg' presso Predazzo, rallàta dì Fiemme, nel Trentino 
italiano e nel gruppo del Gottardo (^). 

Ma nel granito gigliese, oltre ai precedenti minerali, si scorge 
ad nn esame macroscopico, disseminato come componente essenziali», 
an altro minerale di color verde scuro, di Ineentezza grassa, translucido 
snì bordi, che sì presenta in grani od in masse, aventi talvolta la forma 
di cristalli prismatici senza però facce decise, a coatorni arroton- 
dati. La sezione dei prismi mostrasi tendente ad nn rombo, ma 
d'ordinario i contomi ne sono incerti e nel granito produce l'ef- 
fetto di tante macchiétte verdi. È difficile separare nettamente 
qaesti cristalli dalla roccia che li racchinde ; in alcuni di essi ho 
notato OD dirado abbastanza distinto, secondo nn piano parallelo 
all'asse del prisma; probabilmente secondo la direzione (010). 

La presenza di questo minerale nel granito del G^lio non 
isft^ all'occhio indagatore del Brocchi, quando nel 1818 visitò 
l'isola e ne studiò per primo la sua geologica costituzione. Difatti 
nelle sue • Osseroaiioni naturali fatte al promontorio Argen- 

{') Bosatti L., Tormalinelite di Cucigliana e Hupe Cava (ifonU Pi- 
tana) a Jano pretto Volterra. — Atti d. 8oc. toBC. di se. nat. reaid. in Pisa. - 
Pnc«Bsi verbali, toI. V (1885-87), pag. 247-249. 

n Bnutti unebbe aacbs rinrenato la tonnalisa nelle tmchiti di Tolfa. 
Egli riferisce a tale minerale alcani crìatallettd allungati di tinta celesto- 
gnola, e Tiene a questa deteiininaiione Boltantd pel dicroiBmo e per l'asaor- 
bimento che presentano, stndiati nelle lamelle flottili al microscopio. (Busatti 
L., Sulli traehite dì Tel fa. — Atti d, Soc. tose, di so. nat resid. in Pisa. - 
Proceiaì verbali, toL V (1865-87), pag. 96-99. 

(*) Dee Cloiieaa A., Manuel de Mineralogie. Paris, Danod, 1862-74. 
tomi 2 in 8°, (ved. tom. I, pag. 511-512). Il Des Cloizeaa cita moltissime 
località per le tormaline. Per la tormalina nera menziona solo le seguenti 
località italiane, cioè : S. Piero (isola dell'Elba), Le Mnlat-Berg presso Pre- 
(LuEO vallata di Fleims (Flemme) ne! Trentino, ed il gruppo del Gottardo. 

Ho cogniiione di altre località italiane in cni ai rinvengono tormaline, 
ma non so se siano tormaline nere. Così il Cnrìoni nella soa Geologia ap- 
plicata delle Provincie lombarde. — - Milano, Hoepli, 1877, 2 voi. in 8" con 
atlaDte in 4° — meniiona parecchie località lombarde in cai si rinviene tor- 
malina, ma non dice a qnale delle varietà spetti. (Ved. voi. I, pag. 78 e voi. 
n, pag. 226-227, a. 841-848). 



>dbyG00gIe 



turo ed alCisola del Giglio « — stampate nella Biblioteca italiana 
di scienze lettere ed arti, Milano, 1818, voi. XI — (Lettera HI. 
pag. 359) dice: > il granito di questo luogo contiene oltre alla 

• mica nera, piccole masse di un verde brmio, le quali attenta- 
- mente osserrate, presentano una sostanza che ha tutti i carat- 
■> teri della serpentina e tale realmente credo che sia ■. 

• Anche i mineralisti Carpi e Riccioli, facenti parte di una com- 
missione inviata dal governo pontificio nel luglio 1828 per osser- 
vare i graniti del Giglio, proposti per le 40 colonne della nave 
^ande della Basilica di S. Paolo sulla via Ostiense a 3 Km. da 
Boma, avvertirono resistenza di questo minerale e nella loro re- 
lazione (') a pag. 4 scrivono : Ai minerali essenziali del granito 
■ trovasi associata quasi costantemente, ora in maggiore ora in mi- 
> nore quantità, una sostanza di color verde cupo sotto la forma di 
» piccole masse talvolta di prismi quadrangolari, poco dura, pellucida, 
^ la quale non si saprebbe decidere senza un'analisi particolare se 

• debba riferirsi all'omeblenda, ovvero alla serpentina « . 

Parimenti alla orneblenda e serpentina è riferito l'anzidetto 
minerale dal Ceccarini in una lettera relativa al granito OigUese (^), 
ripetendo quanto fu scrìtto dal Riccioli e dal Carpi nella sopracitata 
relazione. Negli scritti più recenti, nei quali si parla del granito 
del Giglio, non trovai più &tta parola del minerale in questione. 

Osservando peraltro accuratamente il minerale, esso tal- 
volta si presenta con una tìnta verde a riflessi bluastri, che 
richiama snbito alla mente la dicroite (cordierite). Le ricerche da 
me stabilite mi hanno dimostrato essere appunto un minerale psen- 
domorfo (^) della cordierite, proveniente dall'alterazione di questa< 
essere cioè piniie. 

Tutti 1 caratteri fisici (colore, lucentezza grassa, pellucidìtà, 
forma cristallina della cordierite ; densità 2,65 e specialmente du- 

[') Reiaiione delVacceao fatto all'itola del Giglio dalia Commiuioiu 
deputata per oaervare i graniti di delta itola propelli per le 40 colonne 
della nave grande della Batiliea di S. Paolo. Roma, 1828. 

(*J Lettera di G. Ceccarini ieuliore al tig. 0. Vanelli di Carrara 
relativa al granito del Giglio. Boma, G. Sb1?ìdccì, 1828, in 8< di pag. 14 
(ved. pag. 9). 

(*) Brocchi nelle sue OssBroas'oni naturali al promontorio Argentare 
mcm cit), parlando del minerale verde che riferìT» a aerpenlÌDB, ritiene giaeta- 



>dbyG00gIe 



retza 2-3) conTengono esattamente con qnelli della pioite. Al can- 
nello fernuuinatorìa fonde difficilmente solo sugli spigoli in smalto 
biancastro. 

Alcuni pezzi preiientano ancora il policroismo della cordierìte, 
dando colore azzurro guardati per trasparenza. 

TaWolta nella piatte ai osservano inclusioni macroscopiche di 
biotite e talvolta laminette di questa mica sono collocate all'in- 
torno del cristallo. 

TI complesso degli accennati caratteri non lascia dubbio sulla 
determinazioDe del minerale. 

Del resto la presenza della cordierìte e dei suoi derivati nei 
graniti fa constatata in parecchie località. 3Ì rìtrova disseminata 
nei graniti di Bodenmais (Baviera), del Ponte del Diavolo presso 
il Gottardo e di varie località della Finlandia e del Groenlaud. 
Recentemente venne rìnrenuta in un porfido quarzifero rosso-bruno 
al Monte Doja nel gmppo dell' Adamello('). In Toscana Grattarola(^) 
indicava la pinite tra i minerali della vicina isola dell'Elba- 
D'Achiardi (^) accennava la cordierite nelle trachiti e la pinite 
nei porfidi qnaniferì, e ritrovava la cordierìte trasformata in pinite 



mente che esBO possa essere psendomoifo di allro minerale. Di&tti egliBcrire: 
«Queste maeae racchiudono soTente nell'interno alcnne squame di mica e non 
u dì rado sì moetrano sotto sembianza di prismi quadrangolari ma nou bene 
u detenni nati, che io ciederei di buon grado essere pseudo-cristalli «. 

<') Pelìkan A-, Ein neues Cordienlgetìein vom Mimta Doja in dtr Ada- 
mellogruppe. — Minerai, ond petrogr. Mittb. Voi. XII, 1891, pag. 156-166. 

(»} Qrattarola Ginaeppe, Note mineralogiche — Articolo 2": Minerali 
nuovi poco coHOtciuti dell'Elba. — Boll. d. R. Comit. Qeolog., anno VI, 
n. 1-8 (Inglio-agosto 1876). Ved. pag. S33-336. 

(^) La Cordierite (Jolite) è indicata dal B'Achiardi nella tracbite quar- 
lifera della Valle del Giardino presso Campiglia (Fisa), in cristallini poli- 
eroici, azinrTO-TÌolacei, e nella tracbite di Rocca Tederigbi di colore bjanco- 
giallaatro, opaca ed alterata. (D'Achiardi A., Mineralogia della Toicaua, op. 
cit Ved. Tol. n, pag. 111). È pure indicata dallo atea so autore nella trachi tu 
qaanifera di Donoratico presso Castagneto. La pinite fa anche rinvenuta nel 
porfido qnartifero della medesima località. Cfr. D'Achiardi A., Delta trachile e 
del porfido quarzifero di Donoratico pretto Castagneto nella Provincia di 
Pita. Pia». T. Niatri 1885, in 8°. — Estr. d. AtU d. Soc. Toscana di Se. 
Kat residente in Pisa, toI. VII, fase. 1° (red. pag. 9-12 e 22-24 dell'estratto). 



DigmzcdbyGoOgle 



nei graniti elbani (i). Tom Kath (') e Vogelsang (») la osBervaTMo 
nella trachite quarzifera di Gampiglia-Marìttima. Anzi rom Bath 
rìoonobbe la cordierìte passata in pinite nei porfidi quarziferi del 
Botro airOrtaccio. Nelle rocce del Campigliese Dana (') la indicars 
col nome di Jolite (= cordierite), mentre più recentemente, il 
RosenbuBch vi studiava la pinite (^). E. Scacchi (*) incontrara cor- 
dierite trasformata in pinite nella bachite di Boccateder^hi, e Mat- 
teucci osservara cordierìte O nelle trachiti di Sasaoforte. 

Riassumendo, il granito del Giglio può cbiamarsi una grani- 
tite cordierìtica. 

Nello Btesso granito rinvenni due masserelle di grafite, la mag- 
giore del diametro di 2 cm. (*). 



(1) D'Acbiardi Antoaio, Sulla Cordierìte nel granito normale dtlTElba 
e tvlle correlazioni fra le rocce granitiche con le trachitiehe. ^ Atti della 
Soc. Tose, di Se. Nat. residente in Pisa, voi. Il, fase. 1", 1876, pag. 1-12. 

(') Rath (Tom) Gerard, Geogn. miner. Fragmente atu Italien. Parte I.— 
Zeitsehr. d. dentacb. geolog. Geaellach., Berlin, 1866, pag. 639. — Putell. — 
Zeitachr. citati, voi. XX, 1868, pag. 307. 

{') Vogolaang H., Pkilosophie der Geologi» Kitd mikrotkopitche Oe- 
steinitudien. Bonn, 1867. 

(*J Dana, A system of mineralogy. S"'. edition, London and New-York, 
1871, in S°: uJolite occura at Campiglia marittima (TaBCan;) in atrachitic 
1 rock, contaiaing al» mica, qnartz, aanfdin » (pag- 300). 

(') Rosenbasch. H., MikrOKopiiche Pyaiographie d. Mineralien louf 
Qesteine, Band II. (Hasaige Geateine), 2* edizione, Stnttgart, 1887, pag. 534- 
535. 

[*) Scacchi Eugenio, Cordierite alterata di Roecatederighi, Atti d. R. 
Accad. dei Lincei — Bendiconti, serie 4*, voi. Il, 1° semeetre 1886, fase. 8, 
(ved. pag 183-185). 

C) Matteacci Raffaele Vittorio, La regione Irachitica di Roceastrada 
(Maremma Totcana). — Bollett. d. R. Comit. Geolog. d'Italia, voi. XTT, b. 
7-8, luglio e agosto 1890, (ved. pag. 287, 293-296). 

(>) Alla Esposizione italiana Agraria, Indnatriale e Artistica tenata in 
Firenze nel 1861 furono esposti dal cornane del Giglio campioni di grafKe 
rinvenati nell'isola (Ved. Catalogo onciale putblieato per ordine della Con- 
mitsione Reale, 2* ediiiooo, Firenze, 1862, in 8°, cfr. pag. 146, d. 3355).l[m 
non è indicata la località esatta di qnesti campioni. 

Anche nella tiacbite del Monte Amiata, secondo De Stefani, si rinTen* 
gono interclnai grafitici (De Stefani C, Appunti sopra le rocce vulcaniche 
■della Totcana studiate da Rotenbmch. — Boll. d. R. Comit. Geolog., «uno 
XIX, n. T-S (laglio-agosto 1888), pag. 223). Prima del De Stefani, Bombicct 



>dbyG00gIe 



dell'isola del atOLio ecc. 395 

Del granito della cara ■ Le Cannelle ■ ho eseguito sezioni 
soUili per l'esame microscopico, del quale liferisco qal i risultati 
sommart. 

La roccia sotto il microscopio si mostra cristallina. Alla luce 
polarizzata, il quarzo ài, come d'ordinario, colori molto spiccati; 
si presenta in grandi plaghe ed in sezioni di cristallini isolati. 
Meno vivaci sono i colori d'interferenza dati dall'ortoclasio, il quale 
non è limpido, ma per lo più un poco torbido. Nelle sezioni ai 
riconosce il plagioclasio (oligoclasio) per la sua striatura parallela, 
dOTuta alle lamelle geminate, con colori vivi e alternanti. La mica 
è in lìstarelle bruno-gialle o bruno-scure. Ho notato qualche pri- 
smetto allungato, aciculare, incoloro, ohe potrebbe essere apatite. 
La pinite si mostra torbida, con fenomeni ottici poco marcati, pe- 
netrata da altre sostanze. 

Ho osservato nelle sezioni alcuni piccoli granuli opachi, di 
color nero-violaceo alla Ince riflessa, che supposi essere magnetite. 

A.d accertarmene ridussi in polvere un frammento di granito 
in un mortaio di bronzo, con pestello dello stesso metallo ; poi 
presi una potente calamita a sbarra, e dopo averne accuratamente 
settate le estremità ed essermi accertato con la lente che era 
scevra di qualsiasi pulviscolo, la passai più volte nelle polveri 
granitiche. Osservate di nuovo le estremiti della monete con la 
lente, vi riscontrai aderenti parecchi piccoli granelli. Restò cosi 
confermato che i gianellini neri, opachi, incontrati nelle sezioni 
erano di un minerale mimetico, che, tenuto conto del colore, giu- 
dicai essere magnetite. Questa potrebbe essere titanifera; ma non 
ho fatto alcun s^gio, stante la tenne quantità della mt^etite 



a nella tnchite della medtiBima località (Bombice! L., Corto di 
Mineralogia, 2* edizione, parte I, pag. 469j. È notevole il fiktto che nelle 
rocce trachiticlie (Lipariti o Nevaditi) della ToECana bì rinveii^ pinite e grafita, 
come nelle rocce gnnitiche del Giglio e dell'Elba. Un altro riscontro tra le acoen- 
n&te rocce è accora a farai pei la titanite, o gfeno. ScrÌTc infatti il D'Achiardi 
dì aver redato nel granito (antico del Savi) del Giglio, criatalltni assai nitidi di 
afeno (D'AchJardi A., MiJieralogia della Toicana, voi. II, pag. 12-13). Nel ignito 
dell'Elba, vom Rath indìcù la presenza di tale minerale (vom Rath. Z)te/iu«I 
Elia, 1870) e D'Achiardi (loc. cit., p^.l3] lo cita ancora nei mastii trachi- 
tiei della località Corte del re nella ralle di Prochio tra Pitigliano « Sorano 
(proT. di GroBseto). 



>dbyGoogIe 



Qstratta dalla calamita. Il mo colore nero e il suo splendore non 
metallico v^ero a Earla riconoscere e a non confonderla colla pir- 
rotina, la quale trovasi in parecchi graniti, ed accompagna tal- 
7olt&, come in Baviera, la cordierite (*). 

11 granito della Cara ■ Le Cannelle ■ è a grana di mediocre 
grossezza; però nei massi squadrati del molo e al Giglio-marina 
ho veduto blocchi, nei quali si mostravano crtatalli piit voluminosi 
di ortoclasio disseminati nella massa a grani uniformi, tanto da 
comunicare al granito un leggero accenno di facies porfiroide. Tale 
macrostruttura è anche accennata nelle 12 colonne che trovansi 
nell'interno della chiesa dei Gerolomini a Napoli, le quali pro- 
provengono appunto dal Giglio, come avvertiri) in seguito. 

Il granito del Giglio possiede molti buoni requisiti costrut- 
tivi, richiesti per le pietre da costruzione e da decorazione. 

Nell'isola vi deve essere anche una varietà di granito ad ortoclasio 
rosso, giacché è citato il granito rosso del Giglio in parecchi scrìttì. 
come può rilevarsi dai cenni bibliogra&ci, che sono stampati dopo 
la presente nota. 

Il peso specifico del granito gigliese fu da me determinato sopra 
campioni della cara •> Le Cannelle • ed ebbi il valore di 2,6284 
qnale valore medio, prendendo come unità La densità dell'acqua 
distUlata a 4.° G. (^). 

La roccia presenta buona resistenza al consumo per attrito. 
Però qualora dovesse usarsi per pavimentazione stradale, sarebbe 
bene eseguire esperienze dirette per stabilirne la sua logorabilità 
sotto l'azione del transito stradale dei carri, in paragone di quella 



(') D'Achiardi menziona nel granito del Giglio anche la sfeno, come 
ho già innanzi accennato. (Ved. D'Achiardi, Mineralogia della Toteana, voi. 
II, pag. 12-13). 

(') Trattandoai di npplicaiìon! pratiche, ho preferito prendere la densitÀ 
a 4' C. « non a 0", poiché è noto che alla prima di qneste temperature, 

I cm>. di acqua distillata pesa esattamente un grammo. 

II peso specifico dei graniti in generale è dato tra i limiti 2,59 e 2,90, 

II granito carnicino di Baveuo ha in media 2,5(>6. Il Rondelet nel hqo Trat- 
tato teorico pratico dell'arie di edificare — 1' edizione italiana con note e 
aggiante importantissime di Basilio Sorresina. 2* edii., Mantova, L. Caranenti, 
1832, tomi 6 in 4" — dà il peso specifico di 39 graniti di varie località ed 
ha nn solo valore massimo di 3,063 in nna varietà di granitello del Delfloato, 



>dbyG00gIe 



CKKNI SUL ORAKrTO DELI, ISOLA DEL OlOLrO ECC. 397 

presentata da altri graniti. A Porto S. Ste&oo, del resto, è adope- 
rato per il lastricamento delle strade ed il Jervis scrive (*) che fece 
baona prova impiegato come materiale per selciaie le vie iateme 
di Firenze. 

Si presta bene ad essere lavorato e pulimentato. La sua tinta 
è grìgia, alquanto imorta, e, se si prescinda dalle macchiette verdi 
d«lla pìnite, le quali ansi riescono gradevoli all'occhio, potrebbe 
prendersi a prima vista per la granitit« bianca o granito bianco 
di Baveno (^). Spesso presenta macchie nere, irregolari, di dimen- 
sioni vuiabili, che sono doTute al concentr&mento in nidi di cri- 
stalli di tormalina o laminette di biotite. Sarebbero da eseguirai 
esperienze soUa resistenza agli agenti atmosferici e sul grado suo 
di durevolezza. Le 8 colonne esistenti sulla facciata del palazzo 
reale di Napoli, che provengono dal Giglio, non sembrerebbero 
dare una buona piova di resistenza all'intemperie, come avrò occa- 
casione di notaie in seguito. Del resto, contenendo granellìni di 
magnetite, coli' andare del tempo, se la roccia ò esposta alle pio^e 
ed all'azione atmosferica, vi si formano delle macchie giallastre 
limoni tiche. 

Per il grado di gelività, che del resto è assai tenne nel gra- 
nito, e per la resistenza allo schiacciamento non ho ancora fatte 
esperienze ed attendo che mi vergano inviati dei cubetti di 5 cm. 
di lato, che ho richiesti. 

La presenza della pinite nel granito del Giglio, distintamente 
visibile anche un'esame macroscopico, senza bist^no di lente, per- 



iDcntre in ben 23 graniti si ha la prima cifra decimale di 6, cioè qd peso 
specifico 2,G . . ; sette varietà di granito hanno 2,7 .. ; tre varii'ti 2.8 .. ; nna 
sola varietà 2,956, e qaattro varietà 2,5 .. . Prendendo la inedia pariiale di 
qneste cifru e facendone la media generale ripartita snllc 89 varietà di granito 
(ammesso che bì tratti di tatti veri graniti] si avrebbe come media il valore 
di 2,644, cifra che s'accorda abbastania bene eon quella determinat» pel gnuito 
gigliese. 

{') Jervis G., / («ori tottsrranei dslVItalia. — Parte IV. Otologia 
economica dell'Italia. Torino, Loescher, 1889, in 8°, (ved. pag. 317). 

(}] Presso Bareno si trovano 2 varietà di granitile, entrambe messe in 
commercio; cioè il granito roseo (granitile carnicina), che è il piti oiato, e 
la granitite bianca, detta dai cavatori Miarolo ììomco. (Ved. Jervis G.,op. cit. 
p.g. »S-M). 



,db,Google 



metòe di riconoscere con facilità il granito prorenìente da qnesta 
ìsola. Così il Riccioli, ralendosi di questo carattere, potò ricono- 
scere, come scrive Corsi f), che le dae prime colonne a sinistra 
nell'interno della chiesa di S. Croce in Gerusalemme in Boma e 
l'ultima a sinistra della nare nella chiesa di S. Orieogono in Tra- 
stevere sono di granito gigliese ('). Ora, àccome le citate colonne, 
messe in opera in chiese costruite net primi secoli del cristiaseeimo, 
furono tolte ^U antichi templi, così ciò dimostra che i Romani 
si servirono del granito gigliese e ne lavorarono le cave. 

Parimenti per la presenza di tale minerale ben appariscente in 
un'esame macroscopico e per la faciet della roccia potei precisare 
che la colonnetta di granito che trovasi piantata nel mezzo del molo 
innocenziano in Anzio poco prima di arrivare all'Ufficio attuale della 
Capitanerìa del Porto, proviene dal Giglio. Ora questo frammento di 
colonna, come le molte altre che si trovano nella sottoposta banchina 
e lungo il parapetto della strada costruita sol braccio sinistro del 
porto Neroniano in Anzio e che sono di rocce varie, come di granito 
sienitico, o granito egizio, di cipollino, di marmo bianco, di b^o, ecc. 
furono tolte dai ruderi delle antiche costruzioni di Antium. Si conferma 
perciò che i Romani cavarono questa roccia nell'isola del G-iglio. 
Del testo nell'arena della spiaggia al porto del Gìglio giacciono gittate 
e mezzo interrate parecchie colonne di granito {dicono essere 40 in 
aomero), alcune delle quali hanno mi diametro di quasi 1 m. Insieme 
ad esse vidi pare una grande tazza del diametro di circa m. 2,75. 
Tanto le colonne che la tazza furono sbozzate dai Romani in una 
cava, detta Foriano, poco sopra l'attuale paese del G^lio-mariiia e 
fìiroDO poi deposte sulla spiaggia, cinquantasette anni b, per or- 
dine del Granduca ohe voleva farle trasportare altrove. Brocchi 
nella citata sua lettera parla di queste colonne e della vasca che 
vide ancora attaccata alla rupe. • Gli antichi Romani, egli scrìve. 
« ne staccarono colossali colonne e grandi vasche che potevano 
« agevolmente imbarcare e trasportare alla capitale. Buon numero 



(>) Corsi P., Delle pietre antiche trattato, 3* editìone, Roma, G. Fdc- 
cinelli, 1845, in 8». (Ved. pfig. 220-221). 

[*} Per mio conto dero dichiarare che l'altinia colonna a sinistra nell'in- 
terno della chiesa dì S. Qrisognno in Trasterere è di granito sienitico del- 
l'Egitto, detto volgarmente granito roKO egitio o granito degli oòelitchi. 



DigmzcdbyGoOglC 



CENM SVÌ. GRANITO UELL'lSOt.A DBL GIGLIO ECC. 89!> 

> di queste colooae rimane tuttavia sul sito, alcune informi, altre 

■ abbozzate, altre ancora ridotte a compimento ; ed arendone mi- 

> snrata una, la trovai della lunghezza di 24 piedi parìgini e del 
« diametro dì 3 piedi e 4 pollici ('). Colà presso è una vasca che 
i' nella fìwcia inferiore è attaccata ancora alla rupe ed ha otto 

■ piedi e 5 pollici di diametro " . (Brocchi, mem. cit., Bibl. ital. 
TOL XI pi^. 359). 

Anche Carpi e' Biceìoli nella loro relazione menzionano le co- 
lonne ti^liate dai Romani e giacenti nella cava Fonano poco sopra 
al Oiglio-marìna " Oltre i tagli che vi sono in vari laoghi, si og- 

■ serrano circa 25 colonne abbozzate di diverso diametro, parte 

> intiere e parte spezzate ■ (^). 

Scrive Chiarini (^) e Io riporìia anche il Jervis {*), che la 
colonne di granito che ta:ovan?ì sulla facciata del palazzo reale di 
Napoli. fntOQO somministrate dalle cave del Giglio. Avendo avuto 
occasione di recarmi in Napoli, esaminai le 8 colonne di granito, 
che fianche^ano i 3 principali ingressi di quel palazzo reale (due 
colonne si trovano a ciascano degli ingrassi laterali, e quattro al- 
l'ingresso centrale) e per la presenza della pinite le riconobbi su- 
bito come provenienti dall'isola del Gìglio. Ma in questo caso non 
mi sembrò che il granito avesse fatto buona prova di durevolezza, 
perchè mi parve alquanto alterato, e accennante a poca durezza. 
Di piti alcune delle colonne presentano nella loro parte inferiore 
crenature e crepacci, dovuti allo schiacciamento od al di^r^^- 
mento della roccia. Ciò potrebbe indicare che il coefficiente di rottura 



(') n piede parigino (dal 1812 in poi) STera il valore di m. 0,833 e si 
divideva 'Ti 12 pollici. Perciò la colonna mianrata dal Brocchi era IwagA 
m. 7,992 col diametro dì m. 1,11; la vasca poi aveva m. 2,80 di diametro. 

(•) Reltuione dell'accesso fatto ecc., mem, cit. (Ved. pag. 7). 

(3) Calano Carlo, Notitie del bello, dell'antico e del curioso della città 
di Napoli co» agyiviuio»i dei pìì notabili Miglioramenti poiteriori per 
cura di Giov. Batt. Chiarini. Napoli, 1860. 

La edizione originale del Celano è del 1692. 

Dell'opera del Celano ho vedntolaS^ediiione — Napoli, (Ho. Fnncetco 
Paci, 1724-1725, in 12° piccalo con Agore — e la 3* ediiione — Napoli, 
GiftnhKDCeKO Paci, 1TS8, io 10 giomate, in 12° picc. eoa fignre. 

(*) Jervis G., / tetori loUerranei dell'Italia. — Parte IV, Geologia eco- 
nomica deirilalia, op. citi (ved. pag. 817, n. 1146). 



>dbyGoogIe 



400 R. MELI 

e l'altro di schiacciamento in quel granito non dovrebbero essere 
molto elevati; ma potrebbe anche prorenìre dall'avere estratto le 
colonne dalla parte superficiale od esterna della cava, in cnl il 
granito era già alquanto alterato. Questa alterazione ha poi au- 
mentato per effetto dell'azione degli agenti atmosferici sulla roccia. 
esposta all'intemperie da quasi 3 secoli. Altre colonne di granito 
giglie^ie si trovano in Napoli nell'interno della chiesa dei Gerolo- 
mini, di S. Filippo Neri, e sono accennate dal Caracciolo ('), e 
dal Ceccarini {'^). Ho anche osservato queste colonne, le quali 
furono messe in opera parimenti da circa 3 secoli, poiché quella 
chiesa comincia a costruirsi nel 1592 e sulla fine del 1597 era 
già officiata. Sono 12 colonne, 6 a destra e 6 a sinistra, che divì- 
dono la navata maggiore dalle due laterali. Il granito delle colonne 
ha qui fatto buona prova, sia perchè messo al coperto e sottratto 
cosi all'azione degli agenti atmosferici, sìa perchè scelto dì nna 
qualità, per durezza e freschezza della roccia, m^liore dell'altra, 
dalla quale si ricavarono le colonne del palazzo reale. Ho notato 
che la roccia granitica in quasi tutte le 12 colonne della chiesa 
accenna ad una leggera facies porfiroide, mostrando dei cristalli 
piti sviluppati di ortoclasio, disseminati nella massa granitica ad 
elementi uniformi e di media grossezza. 

In Roma fu di recente adoperato in vari edifizi ; cos'i ad esem- 
pio, le colonne, che sono al piano nobile del palazzo Marìgnoli 
nella sua fronte sul Corso, e le 4 colonne che si trovano all' ìd- 



(1) Caracciolo d'En^nio Cesare, JVapoU lacra, ove oltre le vere oriijì.ni 
e fundationi di tutte le chiese, li tratta dei corpi e reliquie de' lanli ecc., 
Napoli, per Ottavio Beltramo, 1624, in 4°. (Ved. pag. 129). (.\ quest'opera fa 
seguito ; De Lellis, Supplemento a Napoli sacra di Cesare d'Eugenio. Napoli, 
1654, in 4"). 

Ved. ancora: Celano C, Delle notinie del bello, dell'antico e del curioso 
della ciltù di Napoli, 3' edizione corretta ed accregciuta (1758), toL U. 
(Giornata 2*), pag. 75-76. 

H Celano BcrÌTe che le colonne Bono alte 24 palmi l'ima e si t^liarono 
e laTotarono nell'isola del Giglio. Il costo di ciascuna, soltanto perillaroro 
e trasporto, comprese lo basi ed il capitello di marmo, giacché il granito fn 
dato in dono dal Granduc'a Ferdinando di Toscana, ascese a mille acndi. 

(*) Ceccarini, Lettera al sig. Vanelli di Carrara relativa al granito 
del Giglio (mem. cit.). 



>dbyG00gIe 



CENNI SCL ORAMTO I»El.L180LA DEL GIGLIO KCC. 401 

gresso del palazzo Bennicelli sulla piazza deirOfologi« della Chiesa 
Nuora, pioreogono dall' Isola. 

In generale il granito del Giglio può rìguardai-aì come una 
bnoDa pietra ornamentale ; per tale è giudicata anche dallo Jer- 
vis (>). La cara delle Caunetle paò fornire monoliti per colonne e 
blocchi di considereroli dimensioni, essendo aperta molto vantag- 
giosamente nel massiccio granitico ed avendo favorevoli condizioni 
di località, sìa pel iavoro dei blocchi, che pel carico di questi su 
barche. 

Roma, novembre, 1890. 



(') Jervis a., I tetori sotterranei delPItalia, op. oit., toI. 17, pag. 317, 
. 1U6. 



>dbyGoogIe 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DELL'ISOLA DEL GIGLIO 



Le pubblicazioni citate nella sdente Bibliografia, che ho 
compilftto ralendomi in gran parte del materiale esistente nella mia 
privata biblioteca, si trovano disposte per ordine cronologico, cioè 
secondo l'anno in cai vennero stampate. 

Per talune opere ho fatto menzione delle diverse edizioni. 



1K76. Alberti Leandro — Itole appartenenti allt Italia deicritte da Fr. 
Leandro Alberti bolognete: di nuovo ricorrette et con l'aggionCa in 
più luoghi de diverte cote occorse uno a' nottri tempi adornate. Ve- 
netia, Gio. Maria Leni, 1576 nel frontesp. (1577 in fine), io 8° di carte 
96 nomerate, piii 4 della tavola delle materie. 

Quest'opera deve considerarsi come l'appendice all'altra dello atesso 
antore : Descritlione di tutta l'Italia et Isole pertinenti ad ena ecc. 
aggiuntovi di novo, d suoi luocki tutto quello ch'è lucceuo fino Vanno 
1577 et tutto ricorretto. Venetia, Gio. Maria Leni, 1577,. in 8". 

Al redo della carta 14 scrive dell'isola del Giglio: ' piccola 

u isola, Iqilium da Plinio nominata, et da Pomponio Mela Iginium, la 
1 quale è posta per iscontro al moote Argentato et al lito di Cossa". 
Riporta poi quattro distici latini, nei quali Rutilio Numaiiano (|ineta 
che visse al principio del V secolo e fu prefetto di Roma circa l'ann" 
413 414 detl'E. C.) al libro I parla di quest'isola. 

Le stelle parole trovansi nelle anteriori edizioni di qaest'optra: 
bole appartenenti alla Italia di F. Leandro Alberti bolognese. Ag 
giuntovi di nuovo i disegni di quelle et collocati alti suoi luoghi, a 
comune utilità et sodisfatione dei Lettori, Venetia, Lodovico Arami, 
1567, in 8° con figure (ved. verso della carta 27). 

L* prEnu «diiÌDne della Detcrinonf d'IlaliaitìVAOtrtit dal l&SO. BologoL Oitctt- 
nlli. in fol. Si d* huuio DumarMa «diiioni^ TeaaiU 'Mi. lUT. IH). IM8, IS-S-l&i' 
1S81, ISBS, ISM, ìd 4'. L'ediilone dal 15e« nsll'ippandÌM chi tntU dalia iials lu it 



Taroioni-Tozzetti Giovanni — Relazioni di alcuni viaggi fatti in 
diverse parti delia Toscana per osservare le produzioni naturali e gli 



>dbyGoogIe 



dell'isola del flioLco 403 

antichi monumenti di està. Firenie, Stamp. imperiale, 17S1>54, toI. 6 

fibrati in 12°. 

La iflcwla «dùloiH di qiut'gpon, eoo copiai* ■g|:fiuiU,fB BC«BpiL& ftdchi ■ Finiufl, 
BUnpari* Orudnala par Qutus Cimtiiigi. 17Ce-7S. Tgl. 13 in 1S° «n Urgla. — Se ni 
h* UKlie BDi tnluimw [n friDcai*, tiitnlCa In I lolnml. co] titolo: TiBoioNi-Toi- 
IBTTI O, IbjFd^ uiné-alojiìMt pàiltmpki^ut ti kiiltriqiH « Toicant. Farli. LiTlletli, 
klW. £ tdI. In 12°. S* B* ki lu tndiilim tcdMca puirnsU in t Toinmj, «diti di C. 
J. J((aBun B«l nS7. 

Nel capitolo: Digressione sopra i marmi antichi che 
SODO in opera nelle fabbriche di Pisa, parla del granito 
dell'Elba e del Giglio dandone la dcHcrìzioDe segnentei uEgll ha Ìl 
" fondo biancastro composto di miniitÌBBÌmÌ peiiettì di materia saligna, 
•- simile al Quarto o matrice del cristallo di Mùnte, ma che per altro 
« si pad «fendere in lamine, come la Selenite, bianca, che tende al 
"bigio; ed è tatto quanto seminato foltamente di minstissimo macchie 
« nere, le qaali altro non sono che coagtUi o ingemmamenti metallici 
t. iIÌTÌBÌbilt in luniae, e da' quali sTcndo incotta la pietra ne ho cavato 
u colla calamita qualche poco di ferro : la maggior parte, perb è ma- 
" feria sulfurea della natnra dell» i/archetita e del ScHerll ». AT*erte 
poi che u fin dal tempo de' Bomuii si caTaTa qnesta sorta di pietra 
"dall'Isola dell'Elba, del Giglio e di Sardegna". {Ved. !■ ediz., tomo I, 
pag. 815-316; 2* ediiione, L II, pag. 4). In segaito riporta on brano 
di un manoscritto di GiroUmo da Sommsio, esistente nella Biblioteca 
Haglìabechiana, in cai parlasi parimenti del granito del Giglio, e si 
di come certo che nel reetaoro del Duomo di Fisa ai posero in opera 
colonne di granito prorenienti dal Giglio. (Ved. 1* edis., 1 1, pag. S19; 
2» edii., t. II. p^. 12). 

Nella: Liita di alcuni fouili della Towana, che eontemaoa nel 
euo muteo Pier'Antonio Micheli, la quale è stampata al fine del t VI 
della 1' edizione, è segnato il granito pel Giglio. (Ved. 1* edii., t. VI, 
pag. 45B). 

Ì768. B«LDà3SARBi Giuseppi — Saggio di otteroationi intorno ad alcuni 
prodotti naturali fatte a Prato ed altri luoghi della maremma di 
Siena. — Atti d. Acead. d. Fisiocrìtici, t. II, pag. 1. Siena, 1763. 
Parla della pirite, che rinviensi alla cava dell'aliarne nell'isola del 



1768-79. Tàhoioki-Tozzetti Giovanni — Relazioni d'alcuni viaggi fatti in 
diverte parti della Toicana per enervare He produzioni naturali e 
gli antichi monumenti di eua. Edizione seconda con copiose aggiunte. 
Firenze. Gaetaoo Cambiagi, 1768-79, in 12°, »ol. 12 con tarole. 

Nel ToL IX (1776) di questa edizione si avverte che il peperino dì 
S. Fiora è similissimo al granito, e che nella sua macchia vi si con- 
tano quasi tutte le varietà che si osservano di graniti e granitelli del- 
l'Elba e del Giglio (pag. 434). 



>dbyG00gIe 



Alla p^. 435 è detto che il Fortis aaaiCDri) eBseie la parte sape- 

riore del monte Amiata di granìtello, come quello dell'Elba e del Giglio. 

Del granito del Giglio è fatta pare parola alla pag. 440 dello stesso 

Ì7S1. Galluzzi Giauccio — Ittoria del granducato di Totcana tolto il go- 
verno della Cata Medici a S. A. R. il Serenissimo Pietro Leopoldo 
ecc. Granduca di Tofcana. Firenze, Gaetano Cainbiagì, 1781, toI. S 
in 4° con tar. in rame. 

Sfl DB !■ in'ittn sdiilom d«Ili> BUaao udd ITSI, Finaia, B lolaml in 8° plorolo 
SlaUmpita In Umnio, iati, lol. I in 10°. — Finnu. L»Budt Huchisl, 1821, toI. Il 
in S°. — FiraDis. Outuo Dicci, 1B80, tomi ÌÀ In 2ia con tavoi». 

Al lìb. 2, cap. 8, parla del Giglio ; al lib. 4, cap. X (t. II, pag. 473). 
aasicam che il QTandnea Francesco I intraprese l'eBcavazione di nnn 
miniera di ferro (quella della Cala dell'Allume al Franco) nelllsol» del 
Giglio e che il ferro ricavatone dopo molta prove fa trovato pìii atto 
di quello estratto dall'Elba, a ridursi in acciaio. Qaesta notizia è tec- 
nicamente importante. 

Della Bopradetta miniera dì ferro della Cala dell'Aliarne nell'isola 
del Giglio, fa inentione il Menegbini nel Saggio sulla eoililiuio*f 
geologica della provincia di Grosseto (pag. 33-34) e la paragona ai 
giacimenti esistenti all'Elba, avvertendo che industrialmente potrebbe 
divenire di grande importanza. 

1787-08. Da Mourona. Alessandro — Pisa illustrata nella arti del disegno. 
Pisa, Francesco Pieraccini, 1787-93, voi. 3 in 12" con tavole. 

DsU'opan del Uoirou fu «e^lU onn mondi cdiiionalii LlTnm, tip. OìothidI Ih- 
naJlk, 1BI2. In S voi. io B"* con iltntto t taToIa. 

Nel tom. I, cap. 1°, paragr. 5, dice che i pisani scavarono nel gra- 
nito del Giglio molte delle colonne del Duomo di Pisa. 

Alla pag. 51, parlando delle colonne dell'interno del Dnomo di Pisa, 
dice: ><Se ne contano 56 di vanito e 14 dì marmo. Le 24 grosse co- 
li lonne sono per lo più di granito nostrale cioè di quello dell'isola del- 
« l'Elba del Giglio, che fu molto stimato dai Romani per la sua sal- 
ii delta e perchè prende pulimento e se ne sdoniarono le pib gran 
-Chiese ecc.". 

Alla pag. 56, dà la notizia, da lui tratta dall'antico codice, lettera 
L, dell'Archivio Capitolare, che vennero cambiate alcune colonne nel- 
l'interno del Duomo, txa le quali, nel 1597 « quattro grossissime fnrono 
u condotte dall'isola del Giglio per la navata di mezzo n. A^nnge poi. 
nella pag. 57, che da altro codice (92 ci. 37) della Hagliabechiana ri- 
levi) che rimase una colonna nell'isola del Giglio sulla apiaggia del mare. 

1795. Nini Alessandro — Il restauro del molo al Gìglio-Marina fa eseguito 
sotto il Granduca Ferdinando HI nel 1795 dall'ing. Alessandro Nini, 



>dbyGoogIe 



n quale ECriise anche una relazione sall'isola. La relazione Timase 
inedita, ma serri a Giovanni Lessi alla compiluione della saa Uemoria 
sul Giglio (Atti Accad. Georgofili, t. V della 1" collezione, 18<M). 

1798. Lessi Giovanni — Oiiervaiioai economiche tull'iiola del Giglio, — 
Atti della R. Società economica di Firenze, ossia dei Georgofili, serie l\ 
voi. T.. Firenze, stamp. del Giglio, 1804 (da pag. 1S5 a 208 inclasÌT.)- 
La memoria fa letta all'Accademia nella sessione del 7 febbraio 
1768. (Ved. Atli della R. Società econbmicadi Firenze, obbìb dei Geor- 
gofili, serie 1», toI. IV, Fìrenie 1801, pag. 87). 

La pubblicazione fa paiola del granito che costituisce il Boccinolo 
dell'isola. Menziona le colonne e di straordinaria grandezza, giacenti 
" abbandonate sul Lido a diversi gradi di lavorazione e in parte rico- 
" perte dal terreno trasportatovi dalle acqne piovane che discendono 
•"dal monte superiore" (pag. 198), e sol finire dell'articolo scrive: 
"Finalmente potendo approdarvisì con legni di qualche fondo, polreb- 
" hero gli isolani ravvivare il commercio del bel granito che forma il 
■•noccLnalo dell'isola, e che per i saggi fatti con segarlo e ridarlo a 
" pulimento si è trovato del tutto simile a quello con che fn lavorato 
•> quel balaastro ove posa la Gindilta di Donatello che orna uno degli 
<• archi della gran Loggia nella nostra piazza, il quale per la bellezza 
■ fu dal celebre nostro natnraliata Tozzetti giudicato orientale: com- 
> mercio che nel lempo stesso che darebbe i mezzi di soseistenza a 
x quella popolazione, aamenterehbe il decoro e la bellezza delle citti 
-dello Stato, che ricche di artisti abilissimi nell'imm^nare vaghi 
" edifiti. avrebhono in qnel nobilissimo marmo la piìi salda e più atta 
•• materia per costruirli". 

11 Lessi avverte poi, sul principio della Heinorìa, che tolse molte 
notizie da una relazione dell'ing. senese Alessandro Nini, 11 quale per 
cimniisslone del governo visiti) l'ìsolB-nel 1795. La relazione sembra 
che fogge mss. non avendola trovata in akana delle nostre biblioteche 
per quanto abbia fatto accurate ricerche. 

1804. CioNi Gaetano. — Analisi della miniera di ferro dell'isola del Gi- 
■ gVìO. — Nuovo Giornale dei Letterali di Pisa, tomo IX (t I dell» 
nuova serie), pag. 87-92. Pisa, stamperia del Giornate, 1804. 

Dà l'analisi del minerale ferrifera del Giglio, che ì poi riportata 
dal D'Acbiardi nella ì/ineralogia della Toscana, tomo I, pag, 120. 
n Cloni lesse altra soa Memoria sulla miniera di ferro dell'Elba, il 
7 luglio 1802 all'Accademia dei Georgofili. 

1808. Thiébal't de Berneai;d Asenne — Voyage à l'iste d'Elba, suivi d'une 
notice sìtr les autres isles de la mer thyrrhénienne. Parie, D. Colas, 
1808, un voi. in 8" con 3 tav. 

Se D* ba Dnm tndniioiia Udeui: Rtìil «ari lìer ' Ihstl Elba. — Ahi iltm Franò- 
tiicfr, AUi-hUI. y*i. tol. IXSII dell! Sptt<.itl-EhnRiv<mcÌn /hi/ialiti.. WtitBMt. 1810. 



>dbyGoogIe 



406 B. MELI 

Alle pog. 197-198 puU delI'Uola d«l Giglio, del granito e del mi- 
nerale di ferro che vi si trova. Dice esaeT compuato il granito di quarto, 
mica e fcldapato rosso. Ii> non m'incontrai n«l granito giglieia ad 
ort«claBÌo roBBo ; perb ci deve essere, giacché è anche citata la varietà 
di granito rosso del Gig\ia ae\ìe: Notizie HalUticke t^iirinduttria mi- 
neraria in Italia dal 18B0 al ISSO (Ted. pag. 239) e dal Jetri», / 
tenori lOtUrranei dell'Italia. — Parte VI - Otologia ecùriomica dal- 
l'Italia (vedi pag. 317], e dal Bechi, AnalUi ekimicke di alcuni mi- 
nerali delle itole del mare totcano. ~ Bollett. d. R. Comit. Geolog., 
anno I (1870), pag. 84. 

1818. Brocchi Giovasm Battista — Ottervationi naturali fatte al pro- 
montorio Argentaro ed all'itola del Giglio. - Lettere al 3ig. conte Bardi. 
u Biblioteca italiana di scienie, lettere ed arti n, voi. XI, Milano 1818, 
p^. 76-93, 287>253, 356-369 incinsi ramentc. 

DI qa«ls I latM» (k tiiMa Mtntlo ■ put*. — Hilug, Imp. B. tipognSik 1818, 
in a* li p^. M. 

Molto importante è la terza lettera, che contiene le OBseiYationi 
Gclentifiche soII'jboU del Gìglio. È qtierto reramente il primo laroro 

geologico Bnll'iBola, anteriormente al qaale ai hanno soltanto alcnae 
vaghe notizie snl granito gigliese e qualche rara indicazione ani mi- 
nerali che bì rinvengono nell'isola, intercalate aegli scritti degli antichi 
naturalisti che a'occnparono del suolo Toscano o delle sne ìsole ('). Le 
osservazioni originali del Brocchi vennero poi in parte riprodotte (specie 
quelle che ai riferiscono al granito ed alle altre rocce incontrate al 
Franco) in quasi tatti i Dizionari geografici e negli scritti posteriori 
relativi all'isola. Difatti trovansi stampate nel Prodromo della ttoria natu- 
rale generale e comparala d'Italia, del Marmocchi. Firenze, 8oc. editrice 
Fiorentina, 1844, in 8» (ved. p^. 335-337); nel Disionario geogra/ieo 
litico e ttorico della Toscana, di Emannele Bepetti. Firenze, A, To- 
fani, 183$-1846, con Introdutione e Supplemento al Dizionario, voi. 6 
in 8" (ved. voi. n, pag. 594 e seg.); nel Duionario corografico della 
Toscana dello stesso Repetti. Milano, 1855, 4 voi. in 8° (ved. voi. n. 



(') Nella presente Bibliografia ho citato tutte quelle pabblicaiioni che 
anche incidentalmente danno qualche notizia relativa alla storia naturale del- 
l'isola. Ma devo dichiarare che ho tralasciato di menzionare molti altri scritti, 
specialmente recenti, nei qnali è soltanto notato essere l'isola del Gielio dì 
formazione granitica, senz'altra indicazione. Cosi: Friedr. Hnifmsnn nelle sue: 
fieognoftiicbe Beobachtuntien getammelt auf einer Rette durch Jtalien und 
Òictlìea in der Jahre» 1H30 bis 1833. Berlin, G. Reimer, 1839. in 8- pìcc. 
con carta geol. delia Sicilia e sezioni geol. — Estratto dal voi. XIII d. Archiv. 
fOr Hineralog. Geognosie, Bergbaa u. HBttenknnde — la dice "die merkitOrdige 
» Granitinsel Giglio " (pag. 44, estr.). ~ Ludwig R., dice soltanto che vi ai 
trova granito (Qeologische Bilder aut Italien. ~ Bollett. d. 1. Society Impér. 
d. Nataralistes de Moscou, onn. 1874, n. 1, ved. pag. 3 estr.). 



>dbyGoogIe 



BIBLIDORAI'IA. DKLL'ibOLA DEL GIGLIO 407 

Isola del Giglio); nei Ditiimario corografico delC Italia compilato da 
A. Amati. Milano, F. V^llardi (ved. voi. IV, pag. 164-165), ecc. 

n Broccbi, sorpreio dalU qnalità delle rocce rinvenute nelt'ÌBola 
del Giglio e dell'Elba, è condotto a rìanire le varie isole dell'Aicipe- 
lago toscano ed a consfderarie come biani di qdb catena tiirena, la 
qnale, innanii cbe ai foase formato l'attuale letto del Mediterraneo, era 
in contjnnaiione colle Alpi Uarittàme. (Ved. pag. 89 estratto). Qoost» 
opinione fii in aegoìto sostennta dal Savi e dal Saess. Il primo ammise 
lo sprofondamento oecidentala delle monti^ne lìttontli toscane, costi- 
tnentì la catena, da lai chiamata, metallifera, della qaale riconobbe 
alcuni testimoni nei brani ellisaoidali sparsi nell'Italia centrale. Saess 
poi, nella saa Memoria: Ueber den Bau der italienuche ffaliintel. — 
Siti. Ber. d. k. k. Akademie d. Wiiisenschan. Wien I8T2 ~ sostenne che 
l'aiBc antìclinale della peniBala italiana giace sotto al Tirreno. Per finess 
l'antica catena tirrenica è oggidì rappresentata dai frammenti delle sue 
rorine, rimasti fnori del mare. Il Saess dice anche che l'asse sprofon- 
dato tirrenico potrebbe rappresentare la vera, continuaxioue dell'asse, 
carrato in arco, delle Alpi. 

Del resto, secondo il Sari, l'ipotesi che i graniti e le trachiti della 
Toscana e delle sne isole possano essere rocce appartenenti non solo 
ad nna medesima epoca, ma anche al medesimo sollevamento d'nna 
stessa roccia, fn emessa prima d'ogni altro da Pier Antonio Micheli e 
l>oi da Giovanni Targionì. 

1818. Breislak Scipion — Inttitutions géologique», traduitei du manutcril 
italien en francait par P. J. L. CaoHjmat. Milan, Impr. Impér. et 
Boyale, 1818, voi. 3 in 8° picc. con atlante in sesto oblungo di 56 
tavole. 

Nel voi. I, nota a piedi della pi^. 819, trovo stampato: u les gra- 
ti nits de l'ile dn Giglio sont très-reDommée ; parce qn'ìls présentent 
u de beaui gronpes de cristanx de toarmaline mSlés avec dea cristani 
a qnartseni limpides et transparens ". 

18&&> Taroioni-Tokkbtti Ottaviano — Minerali particolari delViiola det- 
l'Blha ritrovati e raecoUi dal signor Giovanni Ammanati tenente dei 
BR. Cacciatori dal primo reggimento Reale Ferdinando descritti dal 
prof. dott. Ottapiano Targioni-Touetti. Firenie, Attilio Tofani, 182.1, 
in 8° di pag. 36. 

Alla pag. 8 scrìve che l'isola dell'Elba u sembra aver eomanicatìone 
u con la Corsica e con le piccole isole del mare Tirreno, il Giglio, Fia- 
« nosa e Monte-Crìeto per i graniti che tutte contengono « (>). 

(') Ciò non è esatto, perchè se è vero che l'isola del Giglio è granitica 
al pari di quella di Monte-Crìsto, Pianosa invece è costitaita da rocce spet 
tsnti al miocene medio ed al pliocene. In qaesto ultimo terreno si rinven- 



>dbyG00gIe 



408 R. SIKLI 

1827. Oarpi Pietro — Oiiervoiioni naturali fatte all'itola MVElba e no- 
tìiia topra Veiiilenta deUa_Litia nella Lepidolitt deWiiola stewa. 
Modena, tip. Canienile, 1827, ìd 4° di pof. 20 — Estr. dalle Hemorìe 
di tnfktem. e di fisica della Società italiaDa delle scieDie, leiìdente iii 
Modena, t. XX (1829), parte contenente le Memorie di fiBÌca (ved. 
pag. 6d-TS iciusir.j. 

. In questa Memoria il Cupi avverte che la fleica costitniione del- 
l'Elba è analoga a quella del Giglio e ripete l'opiniane del Brocchi 
che le rane isole toscane sieno biani di nna catena, ora aoliinerMi, che 
tTOviai in continuaiione delle Alpi Marittime. (Ved. pag. 76-77 t. cit., 
o pag. 16-17 dell'estratto}. 

1828. Carpi Pietro, Riccioli Giuseppe, Della Moda Tommaso, Livii Gre- 
gorio — Relazione delCacceaa fatto all'inola del Giglio dalla Com- 
miuione deputata per ostervare i graniti di della isola propoili per 
le quaranta colonne della nave grande della Basilica di S. Paolo. — 
A S. E. Reviha il signor cardinale Tommato Bemetti, Segretario 
di Stato e presidènte della Commissione per la riedificasione della 
Basilica Ottiense. Roma, (senta tipogr.), 1828, di pag. 9 in 4". 

Opuscolo raro, ed oggi pressocbÈ acunoEcinto ; difatti non si nn- 
vìene mai citato nelle precedenti Bibliografie della Toscana. 

— Ceccarini G. — Lettera di G. Ceeearini scultore al sig. Q. Vanelli 
di Carrara relativa al granito del Giglio. Roma, G. Salrìucci, 1828, 
in 8° di pag. 14. 

In qaesta lettera vengono confatati gli argomenti, che nel 1826 
ftirono meaae fnori contro il granito Gigliese, affinchè questo mate- 
riale non reniBse adoperato nelle colonne della Basìlica di S. Paolo 
snlia ria Ostiense. 

Alla pag. 9 tra i minerali componenti il granito gigliese è men- 
zionata la serpentina od omeblenda (invece è pinite). Sono indicate 
come di granito gigliese le 12 colonne che Irovansì a Napoli nella chiesa 
dei Girotomini, dedicata a S. Filippo Neri. 

CAGNI Orlandim Attilio — Atlante geogra/(co fisico e storico 
del granducato di Toscana. Firenze, 1828-1833, in fol. gr. con XX 

Nella tav. XX troTaai nna statistica e 



gono loBsilt marini ed ebbi un esemplare di Vola Jacohaea (Lin.) in nna roc- 
cia a Lithothamnium e Brioioort, che, come forma litologica, presenta una 
facies inolto simile a quella del nostro Macco, specialmente a quello di Palo. 

Giannntri è pure formata dì calcari, ritenoti retici dal Simonelli (8imo- 
nelli V., Appunti geologici sull'isola di Giannutri. — Bollett. d. R. Comi- 
tato Oeolog., anno 1889, fase. 1-2, |iag. 10-18). 

Gorgona parimenti è formata da rocce stratificate, mentre a Capraia si 
trovano ondesiti. 



>dbyGoogIe 



UlBt.lt.UKAl'IA UELL'lSOt.A DEL GIGMO ' 409 

1888. Corsi Faustino — Delle pietre antiche trattato. - Sdisione 2' in al- 
cune parti corretta, tn molte accresciuta con l'aggiunta dell'indica' 
xione e deicrizione di tutte le colonne e ragguardevoli ma»si di pie- 
tre antiche che tono in Roma. Roma, Salvinoci, 1883, in 8". 

Alle pag. 220-221 parla del granito del Giglio ed avverto che le 
due cotonne che sono le prime a sinistra nella nave della chiesa di 
S. Croce in Oernsalcmme in Soma, e l'ultima colonna a ginistra nella 
nave della chiesa di S. Griso^ono in Trastevere furono riconosciate ed 
indicate dal Biccioli come cosfitnite di granito del Giglio. 

n Rìccioli fa condotto a qnesta conclnsione dal riscontrare nei gra- 
niti di quelle colonne una sostanza verde-Ecara, quale appnnto si rin- 
TÌene nel granito gjgliese disseminata come compfinente essenziale. Il 
Riccioli, e con esso il Carpi, erano indecisi sulla specie minerale cai 
riportare tale sostanza, che supponevano potesse essere omehlenda, 
oppure (come l'aveva giudicata il Brocchi) serpentina. Perù il Brocchi 
aveva giustamente pensato che il minerale fosse pseudomorfo di altro. 
Difatti dalle ricerche istituite da me in proposito, risultò che il mi- 
nerale in parola eia pinite, e proreniTa dall'alterazione della cordie- 
lite, i cui cristalli hanno nna tendenza grande ad alterarsi dando ori- 
gine ad una serie di sostanze minerali che ebbero nomi diversi. 

~~ Neiqeuur (Db.) — Sandbuch fùr Reitende tn Ilalien, 2* edizione, 
molto migliorata. Leipzig, F. A. Breckhans, 1838, in 8" di p^. x\ 
e 596. 

In questo Manuale del viaggiatore io Italia, importante per le molte' 
notizie che vi si contengono, si fa parola del Giglio alla pag. 309. Ivi, 
dopo alcQue notizie statistiche sull'isola, è detto che è ricca di marmi. 

1883-85. Gr'U Giuseppe — Storia natardle di tutte U aequa minerali delia 
Toicana ed uto medico delie medeiime. Firenze e Siena, Onorato Porri, 
1833-35, volumi 6 in 8°. 

Nel Tol. IV, pag. 139, parla dell'acqua minerale acidglo-ferniginoBa, 
che sgorga all'isola del Gìglio, nella localitit detta cava dell'Allume 
sol bordo del mare. 

1886. In. iD. — Statiìtiea agraria dell'itola del Oiglio. — Biblioteca italiana 
ossìa Giornale di letteratura, scienze ed arti, 1. LXXIX, Milano, luglio- 
settembre 1835 (pag. 114-119 inclusiv.}. 

Sol principio della Memoria accenna di volo che l'isola h formata 
di granito e che soltanto verso ponente si trova terreno calcareo; fa 
anche parola del terreno vegetale che contiene sabbia silicea mista ad 
argilla proveniente dall'altarazione del granito, u È per questo, egli 
« scrive, che vi si trova dell'arena silicsa nnescolata coll'argilla del 
b feldspato e tanto è migliore il suolo quanto è maggiore la facilità 
u colla quale ai decompone quest'ultimo minerale ». Fa pur 



DigmzcdbyGoOgle 



delle sorgenti d'icqoa potabile nell'isola. (Ved. pag. 114, t cit). Sono 
poi dftte notizie economictHigrarie saU'isoU suddetta. 

1886. GiuLj Giuseppe — Progttlo di una carta geografica ed orictognottica 

della Toteana per teroire alla tecnologia, e al modo di rendere ittiU i 
minerali del Granducato alle arti ed alle manifatture; a cui l'uni- 
tee la carta topografica ed orictognottica dell'itola delVElia ed ito- 
lette adiacenti colle necetearie tpiegazioni per dare un'idea dell'ap- 
plicaiione del progetto. Siena, Onorato Porri, 1835. 

La prima parte relatira al Progetto fu stampata fin dal 1833 nel 
Giornale di belle arti e tecnologia di I.ampato, Venezia. 

1S86. Bbpetti Ehamufle — Ditionario geografico, fitico, ttorico della To- 
teatta contenente la detcriiione di tutti i luoghi del Granducato, Du- 
cato di Lucca, Garfagnana e Lunigiana. Firenze, A. Tofani, 183343, 
voi. 5 in. 8», con 1 Tolnme di Supplemento al Ditionario ed Appen- 
dice (voi. M). Firenze, Giovanni Mazzoni. 1645-46 ed una Introduzione 
al Dizionario geografico ecc. Firenze, 1846, 

Nella Introduiione al Dizionario fa cenno d«i graniti esistenti al 
Giglio (pag. XLi) e delle serpentine (p^. xlii). 

Nel Protpetto linottico delle cave di marmi e di altre pietre, di- 
ttribuito tecondo la strìUtwa e qualità dei terreni, stampato nel voi. I 
del Dizionario, alla pa^. S25 e sg. sono sef^ate cave dì granito nel- 
l'isola del Gìglio [ved. pag. 626, tabella n. ii). 

Nel voi. II (1836), pag. S94-599, parla dell'iiiola del Giglio e dà. 
molte notizie, riassamendo quelle dei precedenti scrittori, nonché in- 
dicazioni relative alla sna costituzione geologica, tratte in gran parte 
dalle lettere del Brocchi, stampate nella a Biblioteca italiana •> gib citata. 

n Itepetti avvisa che nel granito sono racchinsi sfenoidi, o noduli 
piò foschi di tinta, pia serrati di elementi, di forma tondeggiante. Un 
consimile fenomeno si presenta, dice il Repetti, eziandio nelle trochiti 
del monte Amiata, ove sono indicati col nome volgare di anime di 
tatto. Di qnesti nodali fa anche parola nel voi. Ili, pag. 919, alla lo- 
calità Monte Amiata. 

18S8. Ferrini A. — Detcritione geografica deUa Toteana compilata dal- 
l'Ab. A. Ferrini tecondo gli ultimi riordinamenti politici, gooema- 
tivi e giudiciart. Firenze, all'insegna di Clio, 1838, in 8° di pag. 206. 

Alla pag. 31 si parla dell'isola del Giglio e vi è detto che il sno 
granito b simile a qneUo di Campo nell'Ellia. 

Alla pag. 33 nel quadro delle principali sorgenti delle acqne mine- 
rali e termali è segnata per prima la sorgente deD'AIliiine al Giglio 
come sorgente acida, salina e feiraginosa. 

Cosi alla pag. 35 è segnato il granito al Giglio, il talco e le tor- 
maline. 

% poi dato nn breve cenno descrittivo dell'isola alla pag. 190. 



>dbyGoogIe 



l DELLISOU. DKL GIGLIO 411 

1838. Sati Paolo — Delle matte ofiùlitìclte toscane e delle miniere di rame 
che ìh ette si trovano, - I. Della terpentina in Toscana. — Nqovo 
Gionule dei Letterati, toI. 5XXVII (scienie). Pie», (ip. Nistri, 1838 
(Tcd. psg. 47-80). 

Alla pag. 51, tra le serpentine delk ìsole Toacaae, cita quella del 
Giglio, che sono accompagnate da imponenti masse granitiche. 

1840-79. MoaoM Gaetano — Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica 
da S. Pietro sino ai nostri giorni. Venezia, tip. Emiliana, 1840-79, 
Tolnmi 103 di t«>to con altri 6 di indice alfabetico per materia. 

Dell'isola del Giglio è fatta piti volte incidentalmente parola in 
quest'opera; ma in particolare si haoDo notiiie nel voL XIII {1842), 
pag. 66, e nel voi. LXXVn (1856), pag. 28. 

184L Negli Atti della 3' riunione degli scientiali italiani tenuta in Fi- 
renze nel settembre del 1841. Firenze, coi tipi della Galileiana, 1841, 
in A" — trovasi stampato il snnto della discasaìone, kTiita nell'Ada- 
nania della Seiione di Geologia, Mineralogia e Geografia il SO settem- 
bre 1841, snlla disposizione delle masse serpentinose, tanto nella To- 
scana cbe nei paesi Ticini. Tra le rarie località in cni mostranai rocco 
ofiolitiche, È segnata quella del Giglio. (Ved. Atti cit, pag. 134). 

— Paheto Lorenzo — Sulla disposisione delle masse serpentinou tanto 
in Toscana che nei paesi vicini. — Atti della 3* rìnnione degli scien- 
ziati italiani tennta in Firenxe nel 1841. Firenze, 1841. 

Sorta disenssione snll'argomento sopra indicato in una delle Adu- 
nanze, il Pareto fece aTTertìre che la superficie entro coi appariscono 
le masse ofiolitìche ha forma presso a poco di an'ellissi, snlla cni pe- 
riferia ad e S-O indici) le tocco serpentinose del Giglio. (Ved. Atti 
cit., pag. 134). 

1842. ZuccAGNi Oblakdim Attilio — Corografia fisica, storica e statistica 
dell'Italia e delie sue isole, corredata di un'atlante di mappe geogra- 
fiche e topografiche « di altre tavole illustrative. Firenze, tip. e cal- 
cografia all'insegna di Clio, 1835-15, partì XI in 19 voi. ed 1 d'ìntro- 
dnzione, in 8° con 5 voi. di atlante in fol. ed nna grande carta geo- 
grafica dell'Italia. 

Kel voi. Xn (1842): Isole appartenenti a Staiti italiani, descrive 
l'isola del Gi;lio (pag. 135-148 incinsi*.). Al § 2 parla dei prodotti 
natnrali dell'isola, del sno granito e della sna costitniione geologica, 
riassamendo le notizie già pnbblìcate dai precedenti scrittori, in specie 
dal Brocchi e dal Qialj, e menzionando l'acqna acìdnlo-fermgìnoaa della 
Cava dell'aliamo. 

1848. GiKU Giuseppe — Saggio statistico di mineralogia utile della To- 
scana per servire agli ingegneri, ai possidenti, ai medici, agli artisti 



>dbyGoogIe 



a manifattori ed ai commercianti. Bologna, I. Marsigli, 1843, in 8" 
di i)Ag. 177. — Eatr. dal voi. Vili dei Naovt Annali delle scienie na- 
tnrali dì Bulogn», anno IV (1842), fase, luglio {pag. 6-l.i inelosiv.). 
■ fase, dicembre, pag. 401-424 inciusiv. Segue nel rol. IX, anno V (1843), 
pas- 160-176; 385416; Voi. X, anno V (1843), pag. 47-79; 145-176; v 
273-301. 

Alle pag. 157-161 dell'estr., n, 911-933 inclusiT., sono enumerate II- 
diverse sp. di minerali e rocce rinvenute all'isola del Giglio. L'A. dice din 
il granito del Gigliu a tormalini' nere corrisponde al granito lormaliniferti 
dell'Elba e delle altre isole. Menziona i diaspri del Giglio, le serpen- 
tine, la melanteris, o copparosa verde, alla Cava dell'Allume nell'isoln 
del Giglio, la calcopirite associata a pirite nella medesima località, ecc. 

Alla pag. 161, n. 934, è segnata l'acqua acidula, salina e ferrugi- 
nosa di a. Francesco (ved. Annali cit., t X, pag. 231-285, n. 911-934). 

1848. GiLL) Giuseppe — Carta geografica di mineralogia utile della To- 
scana per gli ingegneri, medici, artisti, possidenti, negozianti e ma- 
nifattori. Siena, tip. e calcogr. Bindi, Creati e C, 1843, in 8 fogli. 

È una carta nella scala di '.itt.ggo circa, nella quale per mezzo di 
immeri sono indicati i diversi terreni. Nel Giglio trovasi segnato il 
granito, il calcare compatto, e l'ofllite (serpentino o gabbro). 

— Pareto I^renzo — Sulla costituitone geologica delle isole di Pianosa. 
Giglio, Giannutri, Monte Cristo e Formiche di Grosseto- — Atti della 
V.* Riunione degli scienziati italiani tenuta in Lucca nel settembre del 
1843. Lucca, tip. Giusti, 1844, in 4°. 

Nelle pag. 269-271 è stampato dd breve sunto della Memoria letta 
alla sopradetta Biunione nell'Adunanza tenuta dalla sezione di mine- 
ralogia, geologìa e geografia il 27 settembre 1843. La Memoria per in- 
tero trovasi pubblicata negli Annali delle Unìrersità toscane (Ved. Pa- 
reto L., citazione collocata al 1846 nel presente elenco). 

1844. Anosiuo (X. Y.) — Notitie tutCìsola del (^ii/fio. — Giornale Agrario 
toscano, voi. XVm. n. 70 (aprile 1844), pag. 26-31. Firenie, Up. Ga- 
Uleiana, 1844, in 8". 

Alla pag, 28 menziona miniere di ferro, marmi, gessi, tene rosso 
e gialle, marchesite e vetriolo all'isola del Giglio. 

— Harhocchi F. C. — Prodromo della storia tiaturale generale e com- 
parata d'Italia. Fireuze, Societi editrice fiorentina, 1844, in 8° di 
pag. 1363; diviso in due parti (parte I pag. 1-718, H 719-1363), con 
2 tavole. (Forma il voi. I della Biblioteca dell'italiano). 

Nella I parte pag. 91-92, parlando dell'arcipelago toscano, fa pa- 
rola dell'isola del Giglio. 

Alle pag. 824-337, espone la costituzione geologica dell'Elba e delle 



>dbyGoogIe 



BIBLIOGRAPIA DELLI30LA DEL GIGLIO 413 

i«ole cÌTCODTÌeÌDe in particoUre, ripetendo tih y&g. 335-3S7 quanto fu 
precedeoteiDente scritto d&l Brocchi ni gmiito che forma l'eUieBeide 
del Giglio. 

Alla p^. 559, parlando delle località Delle quali ai rinviene la tar- 

malina, è citata l'isola del Giglio. 

1S44> Saltasnoli Antonio — Cenni tvirùola del Giglio. Di*eorto quarto 
mila provincia di Oroueto letto dal tocio ordinario ispettore Antonio 
Saìvagnoli neirAdunania ordinaria del 14 aprile 1844. — Continna- 
zione degli Atti dell'I. R. Accademia economieo-agraria dei Qeorgofili 
di Firenie, voi XXII (1844), pag. 76-86 inclasiv. 

— Thoi'ar Pietho — Rapporto degli itudt accademici nelVanno 1844, 
letto dal tegretario degli Atti Pietro Thouar olfAdunaTixa loletme 
del dì SS dicembre 1S44. — Cont. degli Attì dell'I R. Accademia 
economico-agraria dei Geoigoflli dì Firenie, voi. XXn (1844), pag. 231- 
245 inelnair. 

Alla pag. 231 scrive: •> Il Vasari e il Taigìoni lodarono il granito 
« del Giglio, congettarando che i Romani ne traessero le colonne d'alto 
u fusto dei loro monnmenti e ritrovuido nell'isola i mderì d'ampio e 
■ Tetmto molo. Certo È, prosegae a pag. 232, che dal Giglio proven- 
u nero le colonne del nostro Batisterio e della Cattedrale dì Fisa : il 
1 perchè se tornasse ntile riaprire il commercio di qnel granito belli»- . 
u Simo, gioverebbe anche restaurare il molo a sicnrezu delle navi ecc. n. 

Facendo il riassunto della precedente Memoria del Salvinoli sul 
Giglio, ib alcune notizie sulle località 'ove esistono colonne di gra- 
nita gigliese, 

— ZcccASNi Orlandiki Attilio — Atlante geografico degli Stati ita- 
liani ecc. per lervire di corredo alla Corografia eterica e statistica 
delVItalia. Firenie, 1844, voi. 2 in fol. 

Nel voi. n (carte corngraflche e topografiche, dellltalia inferiore In 
fagli 77), nella carta oro^afles ed idrografica del granducato di To- 
scana, a pie' della tav. I si hanno indicazioni dei principali e piti ric- 
chi prodotti minerali ; tra essi trovansi citate le sorgenti acide saline 
e ferruginose dell'Allume nell'iaola del Giglio e cristalli di tormalina 
nel granito giglieae. 

Nella medesima tavola trovansi sulla pianta del Giglio indicati il 
gnuiìto, il ferro, della cava dell'allnme, la pirite, le tormaline, il gesso ecc. 

I due voi. di Atlante geografico, insieme a 3 altri volumi AeW Atlante 
illustrativo formana parte dell'opera: Corografia fisica, itorica, e ita- 
tistiea delVhalia indicata di sopra. 

1845. Corsi Faustino — Delle pietre antiche. Trattato di Faustino Corsi 
romano. Edizione terta con notabile aggiunta al terzo libro in cui sono 



>dbyG00gIe 



tHdicatf t detcritte tutte U colonne ed alctati mat$Ì di pietre antiche 
ragguardevoli per grandetta o per rarità eiiitenti in Rotini. Boma, 
6. Paccmelli, 1845, io S> di pag. 448 con ritratto. 

Alle pog. 220-221 trorui riprodotto qnjutto già scrìsse nella seconda 
edizione (1833) sul graoìto del Giglio. 

1S46. Pabeto Lokenio — Sulla cottitutione geologica delle itole di Pia- 
nota, Giglio, Giannutri, Monte Critto e Fomiche di Groueto. — 
Aonalì delle Uniiersità toscane, t. I, parte 2* (icienie connologiche). 
Pisa, Nistri, 1846, in 8° gì. (Ted. pag. 341-360), con 8 tarole di carte 
geologiche e eeiioni colorate. 

TrOTO ntiht citmU U sIma^ lI«inorìH D«ffU: Aniulì delllup. t. UiilTBnità it PiuL 
ASD» I tieM-«5), Fili. 1M5. 

Vi si trova stampata per intiero la Hemoria comnnicata alla seiione 
di mineralogia, geologia e geografia nella V Riunione degli icìenziatì 
italiani tennta a Lncca nel 1843, della qnale Hemoria si ha nn br«Te 
annte negli Atti della Einnione suddetta, come fa in procedenia citato- 
Delia geologia giglieae ù parla particolarmente alle pag. 330-3S6. 
La Hemoria è molto intereuante ed insieme a quella del Brocchi, 
•crìtta BQ tale argomento, ooitituiBceno i due lafori piii importanti 
ani Giglio fino al 1S46. 

Nella tav. I troraai nn disegno dsll'iaola preso da ponente e la 
carta geologica insieme ad nna seiione trasversale, passante pel Franco. 
È da aTTertire che la pianta dell'isola è male orientata, tTOraudoai iii 
alto l'È. ed il K. a Bioiatra di chi gnarda la tarolai anche la leggenda 
incisa sotto la seiione del Giglio, a piedi delta tavola a Binlitra, non 
si riferisce a qnella figura. 

La pianta geologica, con orientaiione regolare, e seiione dell'isola 
troTaii riprodotta nella Memoria del Meneghini : Detcriiione della carta 
geologica della provincia di Groueto, inserita nella: Stalittiea della 
provincia di Orotteto del dott. Carlotti. Firenie, Barbero, 1865, in 4''. 

1847. Balsiho-C RI VELLI G. — Protpetto elementare di una deicritione geo- 
logica deWItalia condotta tulio tehitto di ima carta geologica ita- 
liana, in aggiunta al corto di geologia di Beudant compilato dal no- 
biU 0. Balsamo-Crivelli, Milano, Francesco Vallardi, 1847, in 12* di 
pag. 40 con 1 carta geologica schematica a cobri. 

Alla pag. 29 parlando dei terreni cristallini nelle isole, annovera 
qnelli che si trovano all'isola del Giglio. Nella piccola carta geologica 
non è neppnre segnata tale isola. 

18K1. Savi Paolo e Mbneobini Giuseppi — Snirocehio: Coniidorationi 
ndla geologia itratigrajtca della Totcana. Sai frontespizio: Ouerva- 
xioni ttratigra/iche e paleontologiche concementi la geologia della 
Totcana e dei pasti limitrofi dei profenori cav. Paolo Savi « G. Me 



>dbyG00gIe 



BIBLIOORAI'IA DBLI.'lSOU DEI. GCOLIO 415 

negkini, in appendice alla Mamoria iiUla itruttura geologica delle 
Alpi, degli Apmnini e dei Carpali di tir Roderick J. ifurchiton. 
Firenze, Iacopo Gruzini (sollii copertina); Stamperia Orondacale (nel 
IVcntespizio), 1851, io 8* con 2 proepetti ed una tarola di Bezioni. 

Alla pag. 222 trovui rtompato che « le isole dell'Elba, del Qi^o e 
u di Monte Cristo ed il monte di GaveTrano nel continente sono le 
a uniche località toicane, uve appariscono 1 graniti; ì ^aali in due 
1 epecie ai devono dislingnere, vale a dire quelli contenenti abbondanti 

■ eriatftlli di tormaliDu e gti altri che ne iont> privi. Qnestì nltimi, che 

■ mancano nel contÌDente, formano nelle sopracitate isole le piìncipali 

■ masse granitiche entro le quali veggoosi ecoirers diche e filoni dei 
(I graniti dell'altra qualità, e per quantu fino ad ora è a nostra notìzia 
" non penetrano giammai entro ai terreni Becondart i. 

L'accennato lavoro dei prof. Savi e Meneghini fu stampato come 
appendice nell'opera di MnTcbisou Roderick J., Afen&ria lulia tCrut- 
twa geologica delle Alpi, degli Apennini e dei C<tTyaMl._ Traduzione 
daU'ingleie ed appendice luUa Toicana dei prof. cav. P. Savi e G- 
Jfenegkini. Fireute, Jacopo Qrazzìni, 1851, in 8' di pag. xsxv e 528 
con seiioni, col titolo : Comideraeioni mila geologia itratigrafica 
della Toteana (ved. pag. 279-521) ed il libro soptacitato è appunto un 
estratto a parte di tale appendice. 

Nella traduzione dell'opera del Murciiiaou troTaai alla pag. 498 
quanto ho sopra trascritto relativamente al Qiglio. 

1862. ZuccAOM Orlandini Attilio — Ricerche àtatittiche lul granducato 
di Toteana, raccolte ed ordinate da Attilio Zuccetgni-Orlandini ecc. 
Firenze, etamp. Graudneale, 1847-56, io 4°. 

n voL m di quest'opera, stampato nel 1852, contiene dalla pag. 75 
aliaci e dalla pag. 561 alla 56S il prospetto geologico statistico delle 
■equ« minerai, ossi» la idrologia miaeckle del graodacato. 

Per Vacqoa mioerale della Cava o Cala dell'Allume nell'isola del 
Giglio, ved. voi. ni suddetto, p^. 140 e 220. 

1854. Ohboni Giovanni — Elementi di ttoria naturale propotti agli ttvr 
denti delle tcuole ginnatiali e reali ivperiori. Geologia. Milano, Carla 
Torxti, 1854, in 12° di pag. 321-756 con tre tavole di carte geologiche 
e seiioni. — H volume fa parte della Biblioteca politecnica. 

Alla pag. 569 BCrive che la catena dalle Alpi Apuane si collega 
colle altre dei monti Pisatti, dei monti Campigliesi, di quelli del Mas- 
ictano ed b parallela all'emernone delle isole d'Elba e del Giglio. 

Sono poi indicata rocce granitiche all'isola del Giglio (pag. 570). 

1856. Bbprtti Smanuble — Dieiouario corografico della Toteana. Milano, 
1855, voi, 4 in 8°. 

Nel Tol. n, parlando dell'isola del Giglio, sì troTaso riprodotte le 



>dbyGoogIe 



ouensiioDi del Brocchi sul granito e sulla geologia deinaola, stam- 
pate nella ■ Bibliolecft i4«liana », toI. XI (1818), e menEionate antece- 
dentemente nella presente bibliografia. 

1856. OuBONi OiQvkvm — Sullo italo gtologico deWItalia. Cenni di Gio- 
vanni Omboni tu appendice al cono di Geologia di Beudant. Milano, 
Francesco Tallardi, 1856, in IS" di pag. 164 con uno echiito di carta 
geologica d'Italift a colori. 

AUa pag. 74 colloca l'isola del Giglio nella catana metallifera 
toscana. Alla pag. 83 dice che ti trovano rocce granitiche nell'isola del 
Qiglio. Nello Bchiiio di carta geologica llaola suddetta è segnata come 
cortitaita di rocce cristalline. 

1861. — Alla Esposiiione italiana Agraria, Indiistriale e Artistica tenota in 
Firenze nel 1861 fnrono esposti dal cornane del Qìglio campioni di 
minerali di ferro e di alloma rintennti neit'isnla. (Ved. Catalogo offi- 
ciale pubblicato per ordine delta Conmimone Reale. Seconda ediiione 
interamente rifatta e completata con l'aggiunta di tutti i premiati, 
si e»po»itori che operai e l'indice generale d»inomi.Viteaze,i\'p.'B»x\ihTA, 
1862, in 8", cfr. pag. 146, n. 8855]. Lo stetao Cornane espose pare 
rampioDÌ di granito, di serpentino, di grafite, di selenite e cinqae cam- 
pioni di terre coloranti (pag. 157, n. 3701). 

1862. BoMBiGci Luigi — Corso di mineralogia. Bologna, G. Monti, 1862, in 
8» con ta7. 

Al fine del volume trovasi stampato un Tentativo d'itinera- 
rio mineralogico italiano, ossia ennmeraiione delle 
specie minemli proprie dei comuni d'Italìa(vod. pi^. 757- 
808). 

Alla pag. 762 trovansi citati al Giglio cristalli di calcite, dolomite, 
feldspato, qnono, quarzo ametistino, rame carbonato, tormalina nera 
nel granito recènte e terra gialla. 

1864. D'AcHiARDi Antonio — Sulla blenda di Toscana ed itole vicine. 
Ostervationi di Antonio D'Achiardi. Fisa, tip. Pieraccini, 1864, in 8° 
di pag. 10 con 1 tavola. — Estr. dal •> Nnovo Cimento, giornale di 
fisica, chimica e storia natatoie i, voi. XIX, fase, di febbraio-marzo 
1864, pag. 96-1 03. 

In questa Memoria sono citali cristalli di blenda, rinvenuti entro 
filoni quonoai, associati a cristalli di pirite, provenienti dall'isola del 
Giglio (probabilmente dalla miniera presso la Cala dell'Allnme, ove si 
cstraevano le piriti per essere adoperate poi nella fabbricazione del- 
l'acido solforico). I cristalli di blenda, secondo D'.\chiardi, raggiungono 
3 4 cm. nel loro diametro. La blenda spelta ad una varietà ferrifera. 
Vi riscontra nei cristalli jlOO] ;ill) con di sognale sri loppe nelle facce 



>dbyGoogIe 



L ISOLA DEL CrOLtO 417 

di qaette due foime tnononuitiiche, e con dÌTenò stato fisico nelle facce, 
essendo liscie quelle dell'ottaedro, e scabre e qaasi decrescenti quelle 
del cubo. 

1S64. Giordano Felicx — Indvttria dal ferro in Italia. Relazione per la 
Commiitione delle ferriere ietiitiita dal Miniitero della Marina. To- 
rino, Cott* e Capellino, 1864, in 4», di psg. xvi o 438 con 7 tarole. 

Alla psg. 267 di questa reluione troTaosi alcune notìzie ani terreni 
ferrìferi del Giglio; il minerale, secondo qnanto è stampato, ■emlire- 
reb1>e essere limonite e di non cattira qualità. 

Nell'eseicido 1862^ ne Tennero scavati 8000 qnìntali e nel 1B63- 
1864, 3400 quintali, che vennero spediti a Polltmica. 

Kella tav. m, Costa Maremmana (scala '/»«.<») ^ segnata la mi' 
niera di ferro alI'O. dell'isola del Giglio. 

1866. Cablotti David — Staliitica della provincia di Oroueto. Firenze, 
0. Barbèra, 1865, in 4" di pag. xxxiii e 427 con 1 aorta topografica 
della provincia, altre 5 piante topograficlie riguardanti aree bonificate, 
ed I carta geologica della provincia. 

Alle pag. 18-14 sono date alcune notizie sull'isola del Giglio. 

Altre notizie e dati sulla stessa isola sono stampati alle pag. 58-55, 
ove è detto che la costa dell'isola è formata da serpentino e da gra- 
nito porflrìco, e che a pochi metri dal porto vi è una fonte di abbon- 
dante acqna potabile [pag. 54). Delle acque potabili dell'isola e delle 
varie Bcaturiggini si parta alla pag. 174. Delle condizioni di polizia 
municipale e d'igiene è fatta parola alla pi^.. 180. 

Nello stato delle miniere della provincia di Grosseto trovami citale 
le miniere di ferro del Giglio (pag. 266-269 n. 25). 

In fine del volmne (pag. 381-422) è stampata la Detcritione della 
Carta geolo<)ica della provincia di Oroaeto del Meneghini, accompa- 
gnata dalla corta stessa, nella quale 6 segnata l'isola del Giglio ed 
una seiione geologica attraverso di essa. (Per questo lavoro ved. Me- 
neghini nella seguente citazione). 

— Mbneohim GiitsEPPB — Saggio ivlla coilituiione geologica della 
provincia di Qroueto. Firenze, G. Barbèra, 1865, in 4" d) pag. 44 
con carta geologica, ^ colorì, della provincia. — Estratto dalla Stati- 
stica della provincia di Oroueto per il cav. doti. David Carlotti, ove 
è stampata, alte pag. 381-422, col titola di: DetcritioM geologica della 
provincia di Qroueto. 

Dell'isola del Giglio si & parola alla pag. 884-385 (pag. 5-6 del- 
l'estr.). È citato il gesso alla punta delle Saline a pag. 889 (11 estr.]. 
Alla pag. 899 (estr. 21), È detto che nel Giglio, al parì delle isole del- 
l'Elba e di Monte Cristo si hanno 2 specie di granito, l'nno antico, e 
l'altro (il granito tormalinifero) relativamente recente per le modifl- 



>dbyGoogIe 



Cftzioni da euo indotte nelle niMse (erpentinoBe preesistenti. L'oflolite 
al Gi^io •ttraversK il Teimcano ed i calcui marmorei BOTiappostì. I 
gessi interposti od associati ai dne t«iTeni vi occnpano lo stesso posto 
geolo^co come al monte Argentario e nel groppo dell* U e collina. L'oflo- 
lite sarebbe da riferirsi, secondo il Meneghini, all'eocene inferiore. 

AH» pag. 400 (22 dell'estr.) bctìtb cbe il granito tonnalinifero del- 
l'iioU del Giglio per la distrib azione irraggiata della tormalina oftrv 
il belUeaimo esempio di stmttnra orbicolare o Taiiolitica. L'intima con- 
nessione e la immediata snccessione di origine delle masse ferree e del 
granito tormalinifero si appalesa nel fondo della Cala dell'AIlnmei e 
Inngo il fianco orientale dell'isol» del Giglio, ove, la compenetraxione 
della massa granitica nella ferrea e l'associaiione che ne risolta dei 
cristalli di ortoclasio e di oligisto concorre colle condizioni di giacitara 
a dimostrafe quella snccessione [pog. 408 (eati. 25)]. 

Del giacimento ferrifero, nella Cala dell'Allume, fa parola il Ue- 
negMni olla p^. 411.412 (estr. 33-84). Lo paragona a quello dellMsols 
d'£lba, tanto che potrebbe industrialmente divenire dì grande impoi^ 
tams; lo chiama sommamente ìstmttàTO per le sne condiiioni geolo- 
giche. 

Trovo ancora citato il gesso, proTeniente dalla metamorfosi degli 
strati eolaori alternanti cogli sehistì e coi conglomerati del rerrucano, 
alta punta delle Saline al Giglio [pag. 420 (estr. 42}]. 

Nella tsToIa annessa alla Memoria si ha ta carta geologica dell'bola 
e QDt seiiose trasversale da oriente ad occidente. Vi si trovano indi- 
cate le seguenti rocce : granito, rocce ofiolitìche, dicchi ferrei, calcare 
salino (infroliassìco), verrucano e, nel contatto dei due terreni ed in 
prORsimitÀ delle serpentine, i gessi. 

La sezione e la carta geologica dell'isola sono riprodotte dalla Me- 
moria del Pareto : Sitila coHituiione geologica delle itole di Pianòta, 
Oiglio, Giantmtri, Monte Oritto e Formiche di Qroueto. — Annali 
delle Universitit Toscane. Pisa, 1846, voi. I, parte 3* (scienze cosmo- 
logiche), pag. 341-S8D, con 3 tav. — però la pianta dell'isola fe corretta 
nell'orientazione, giacché quella della tavola del Pareto è mole orientata. 

1867. Foresi Raffaello — Sopra tuta colUeione eompotìa di oggetti anti- 
Horici trovati nelle itole dell' Arcipelago totcano e inviata alla mo- 
etra rniivereale di Parigi. Lettera di Raffaello Foreti al prof. L. Si- 
monin. Firenze, tip. del Diritto, 1867, pag. 44 in 6°. 

Kella collezione di oggetti preistorici delle isole dell'Acipelago to- 
scano, inviati dal Foresi all'esposizione di Parigi del 1867, ne figura- 
vano due provenienti dall'isola del Gìglio. Di questi si la paiola a pag. 29 
della Memoria, avvertendo trattarsi di due punte di frecce, l'nna in dio- 
rite, e l'altra in diaspro rosso. 

Ted. anche pog. 5 e 80-31, ove si trovano oltre indicazioni sui cam- 
pioni provenienti dal Giglio. 



>dbyGoogIe 



BIBUOaBAFIA DKLLISOIA DEL GIGLIO 419 

1867. Foresi UÀivkXLLO—[Colletione di oggetti antiiioricidéllt itole iTSlba, 
di Pianola e del Giglio inoiata alla Moitra Uttiveriale di Parigi. 
Firenie, 1867. — Estr. dal gìonuJa ■ L» Nuiong r, Fir«nie, 1867. 

1868-74. AìikTi Amato — Diaionario corografico deiritaUa compilato per 
cura del prof. Amato Anali col concorto dei tindaci, delle rappre- 
sentante generali e di intigni geografi e ttorici. Xilano, F. Vallardi 
1868-74, ToL 8 in 4". 

Quoto UdtRwrlD tuia» U iifm furto 4«iri>pan: L'Unii» infili Faipttlii /Uàe, mi- 
titMTtj ttoriea, ttlierano, wriùtim con tpeaale riguardo airàdiuiria ad ai waiiurfl> 
•dlU dil TnUiril. 

Nel Tol. IV all'isola del Gìglio tioTaoai alcnoe notiiie statiatiche 
e atorìclie so di essa (red. pag. 164-165). 

1860. Ministero d'aqrigolturA industria e coumercio — Statittica del 
regno d'Italia: Aeque minerali. Anno 1868. Fireme, Tofani, 1869, in 
4°, di pag. XIX e 176. 

AUa pag. 38-39 troTasi indicata Tacqoa dall'Allnme al Giglio, come 
femigìnoia colla tempeiatora di 15° e col volarne di litri 1.000 is 24 
ore. Alla pag. 136 «otto il n. 804 poi ne è data l'analisi esegnita dal 
Giolj. 

— Ombomi Giotannc — Geologia delfjlalia. Milano, T. Haiane e Comp. 
edìt, 1869, in 12°, con 5 carte geologiche a colori. 

Alla pag. 286, g 1^> parlando delle isole dell'arclpeli^ toscano, 
seriTe essere qaella del Giglio in gran parte granìtica e pel restante 
dì calcare trìaaico. 

NeUo Bcbenia di carta geologica dell'Italia centzale, clie trovasi nella 
tav. IV, a sinistra, è indicato il granito e le rocce paleoioìche nell'isola 
del Giglio. 

1870. Bacai Emilio — Colleiione di rocce minerali deWitole del mare To- 
scano appartenente al tig. Raffaello Pareti: analisi chimiche del 
prof. E. Bechi. — n Nnovo Cimento b, giornale di fisica, chimica e 
storia naturale, serie 2*, voi. IV (1870), pag. 87-91. 

Parlasi brevemente della costltntione geologica dell'isola del Giglio 
ed ì data l'analisi chimica della tormalina nera dì qnesta località (ved. 
pag. 90*1). 

— Id. id. — Analiti chimiche di alcuni minerali delle isole del mare 
toscano. — Bollett. d. B. Comit geol. d'Italia, anno I, n. S(inaixo 1870), 
pag. 82^5. 

Alla pag. 84-85, dopo nn brsve cenno della costibuione geologica 
delllaola del Giglio, trovasi l'analiai chimica della tormalina nera, pio- 
veniente dalla Boddetta localitL 



>dbyGoogIe 



420 K. MELI 

1870. D'AcBURDi Antonio — Sopra alcutii minsrali dell'Elba. — ■ Nuovo 
Cimento n, giornale di fisica, chimica e Btoria naturale, serie S', rol. m. 
(1870), paj. 79-Sl. 

Alla pag. 84 accenna ad nna nuova foima di prisma dodecagono 
di simbolo (f ■/■ d' d^ji)=^\&^\\, rinvenoto, oltre che nelle tormaline 
dell'Elba, anche in quelle nere del Giglio. 

— Habieki Luiot — Geografia medica delVltalia: Acque mintrali, no- 
thie raccolte dal cav. doti. Litigi Marieni. Milano, F. Tallardi edi- 
tore, 1870, in 8° gr. 

Ft puia ddl'upan, pibblluU di) Tilludi: l'Ilaliit lollo FiuptUa /tiici. ttarica. 
arlùliar i ttatùtiai eoe. gii ciUU. 

Alla pag. S39 eì travano alcune noUtie snll'iBola del Gìglio, e par- 
lasi dell'acqua dell'Allume, che sgorga nella Cala omoDÌma, « ne i- 
riportata l'analisi chimica eseguita dal Ginlj. 

— Kbobi Gaetano — Geologia d'Italia. Detcrìtionc dei terreni 
componenti il tuolo d'Italia. Milano, Vallardi, 1870, in 8° di pag. 206. 

Forma il voi. I della Geologia d'Italia, la quale fa parte dei Trat- 
tati $peciali tull'Italia, Questi poi costituiscono la II parte dell'opera: 
L'Italia tolto l'uepetto fitico, etorico, artittìco e stalittieo. 

Alla pag. 38 parla della sezione geologica dell'isola del Giglio data 
dal Pueto. Dopo avere avvertito che l'isola è quasi esclusivamente dì 
granito, scrìve che il calcare tiiasico è superiore al Vemicano e di- 
scordante, mentre i dicchi oflolitici e i giacimenti temferì pare attra- 
versino tutte le formaiioni. 

Alla p^. 56 è citato il calcare cavernoso, triassico, nell'isola del 
Giglio. 

— ItATH (vom) Gsrhabd — Die Insti Elba. Nei Oeognottisch-mineralo- 
gitche Fragmente ave Italien (DI Theil). — Zeitschrift. d. dentsch. 
geolog. Oesellschaft. Berlin, 1870. 

Alla pag. 004 scrive che i il granito cibano non si distingae affatto 
a da quello di Monte Cristo e del Giglio n. 

187L Cocchi Igino — Detcrìtione geologica delTitola d'Elba per tervire 
alla carta della medesima. Nelle-. Memorie per eervire alla detcritione 
della carta geologica d'Italia puèòlicate a cura del R. Comit. Geo- 
logico, voi. I. Firenze, Barbara, 1871, in 4'', pag. 141-303 con 7 tav. 

Alla pag. 250 ricordasi che Pareto dopo d'aver descritta il granilo 
di Corsica, dimostrìi che nell'iaola del Giglio e di Monte Cristo vi ì' 
un granito antico sul quale si appoggiano i terreni piìi antichi. 

Alla pag. 281 trovasi ancora che l'AmmÌDÌstraziona cointeressatit 
delle BR. Miniere e fonderie acquistò te miniere di ferro dell'isola del 
Giglio e di manganese alla Spezia. 



>dbyGoogIe 



BIBLIOQRAPIA DELL ISOLA DEL 



187L D'AcBiABDi Antonio — Sui granati della Totcana. — Bollatt. d. B. 

Comit geol. d'Italia, snna II, n. 7-8 (laglio«goato 1871), pag, 166-181. 

Alla pag. 166 sono menzionati i filoni di granita tormalinifero del 



— In. iD. — Sui feldtpati della To$cana. — Boll, d- R. Oomit. geol., . 
anno II, n. 9-10 (settembre-oltobie 1871), pag. 308-332, e n. 11-12 (no- 
Tembre-dicembre^, pag. 261-287. 

Alla pag. 210 acrire che ha oss^rrato la magnetite e 1» titanite nel 
granito dell'isola del Giglio, e nella pag. seguente cbe granito consi- 
mile a quello di monte Capanne (Elba) ai rittora nella Ticina isola 
del Giglio, nella qoale erano aperte cave ai tempi dei Bomani presso 
la ponta delle Castellare. 

Alla p^. 224 dice che ha redato bellissime tormaline pro7enienti 
dal Giglio. 

1872. In. IO- — Paragone della montagnola tenete con gli altri monti della 
catena metallifera della Toeeana. — Boll, del E. Comit. geol. dlt., 
anno II (1872), n. 11-12 (noTembre-dicembro). 

ScTÌTe che le isole dell'Elba, del Gìglio, di Monte Cristo, il promon- 
tofio Aigentorio, insieme alle Alpi Apuane, ai monti Piiadi e di Cam- 
pirla, fonDMio parte della catena metallifera. 

1878-78. Id. id. — Mineralogia della Toicana. Studi di Antonio D'Ackiardi. 
Pisa, Nistri, 1872 {voi. I), 1873 (toI. D), yoI. dne in 8". 

Nel Tol. I pag. 70 fa parola dei cristalli di qoarzo, cbe sì rinren- 
gODo nei filoni del Giglio; ed alla pag. 75 BCrive che ì filoni qnanosi 
contengono galena, blenda e pirite, e che negli esemplari del Giglio 
ha Tedato anche limonite e malacbita. 

Alla pag. 88 dice che il granito, detto dal SbtÌ antico, si ritrora 
al Giglio, nel qnale olire ai componenti del granito ordinario, osserrd, 
come accessori, la titanite e la magnetite. 

Alla pag. 107 meniioua i diaspri del Giglio. Alla pag. 120 parta 
dall'ematite del Giglio (Cala dell'Allume), e riporta l'analisi fatta dal 
Cloni, net 1804, del minerale ferrifero. Alla pag. 130 parla della limo- 
nife della Cala dell'Allume aTvertendo cbe all'Esposìiione toscana del 
1850 furono esposti saggi di ocra gialla dell'isola; alta pag. 138 scrive 
ancora che la limonite si rinviene nelle Tene qnanose ed è 'epigenica 
delta pirite all'isola del Giglio, of e è accompagnata, oltre che dal quarzo, 
da blenda, galena, manganese e malachite. 

Alla pag. 144 scrive che nei graniti dell'Elba si osservano piccoliij- 
Hioi granuli di magnetite e titanite, e poi soggiunge: "del granito 
« del Giglio non so nulla, ma verosimilmente ri si deve trovare del pari 

■ la magnetite, essendo analogo in tutto e per tutto a quello di monte 

■ Capanne « . 



>dbyG00gIe 



B. HBU 

AQa pag. 152-1 53, puUodo della Calcite, dic«: a <^edo che si trovi 
f pure in altri dei filoni quuzosi a Bolfnrì metallici . . . cosi Come la 
•■ ii trova certo in qnetli dell'iaola del Giglio, di dove ho vedato dei 
u cristalli formati dalla facce 111, 20l eoo altie piccoliuìma alla soni' 
u mìfà, impoBBibili a determinaci, qnantanqne sembrino del romboedro 
11 no. I cristalli dei nostri eaemplari sono opachi e scdiì per inqni- 
» nanienfo di sostanie straniere. Li accompagnano qnatxo, blenda e 
«malachite «. 

Alla pag. 221 meniiona il gesto della Punta delle Saline nell'iaola 
del Giglio. 

Tra le patir- 281-282 parla della calcantite. Alla pagina 285 cita la 
mehuiteria (o vetriolo verde) nella cava dell'alliune nell'isola del Giglio. 

Alla pag. 241 cita l'altnmite del Giglio. 

Nel voi. n h indicato lo sfeno (titviite) nel granito del Giglio 
(ved. pag. 12-13) e l'antore scrive di avene vedati dei cristallini assai 
nitidL Cosi pare alla pag. 21 ripete di avere evidentemente osservato 
la ftanite e la mag^netite nel granito antico (non tormalinifero) del 
Giglio. Alla pag. 22 é pure ripetuta l'analogia del granito di monte 
Capanne (Elba) con qnello di Uonte Cristo e del Giglio, nella qoale 
nltima località erano aperte cave ai tempi dei Romani presso la Pnirta 
del Castellare. S<nìve inoltre alla pag. S6 di aver Tcdnto ballisstme 
tormaline del Giglio. A pag. 52 scrive ancora che nel granito del Gi- 
glio, identico per la ana stinttnra e composizione a quello di monte 
Capanne, e somigliante molto ad alcnne trachiti del monte Amlota, si 
trova oligoclaaio; ^a pag. 168 scrive che al Giglio ai hanno dne 
Borta di graniti, come all'Elba, e che è la biotite che vi entra a fune 
parte come componente eseeniiale. Sì citano poi rocce serpentinose al 
Giglio (pag. 192). 

Nel n voinme accenna le tormaline nera del Gìglio alla pag. 197 
e ne parta distesamente alle p^. 210-213, indicando le forme cristal- 
line TÌD venutevi. 

Nello atesBO voinme alla pag. 879 sono segnati ì seguenti tnìnerali, 
come rinvenati nell'iaola del Giglio ; caolino, galena, blenda, calcopirite, 
pirite, ecc. Alla Cala dell'Aliarne cita ematite, limonit», melanteria, 
calcopirite; nella località Pnnta delle Saline, geaao. Alla Pania del C^p«l 
rosso, tormalina. A S. Hassimiliano, qoane, ortose e granato. 

Cita il caolino, anll'antorità del Ginlj, nella loc. di S. Fnnceaco 
all'isola suddetta (pag. 344). 

Importante è qnaoto scrive anlla galena del Giglio a pag. 27S: ■ La 
u galena poi ai trova anche al Giglio in matrice qaanosa e in cristalli 
« cubici cabo-ottaedrici resi prismatici e perfino baeiUarì dalla grande 
u distorsione di alcune faccio. Qaesti cristalli; almeno negli esemplari 
u del Hnseo di Pisa, hanno nn colore acoro, quasi nero alla saperfieie, 
u e non di rado sono ricoperti da nna pellicola mammillaie di mala- 
u chite (singolare associaiionel); ma nella frattura presentano il colore 



>dbyGoogIe 



dell'isola t>BL oiOLio 423 

a e la lacenteus propri (I«I1& galen»; 11 aceompagDano oltre U mala- 
« obite, blenda, Umonite, nuuganito (?f), e credo anche calcopirite >. 
DelU blenda del Gigrlio, alle pag. 279-280, EcriTe; » All'isola del 
■ OigUo la blenda si rìntiene del pari in filoni quanoai insieme a pi- 
X lite, galena, ecc. Singolari ne tono i criataJli loventi Tolte molto 
" grandi e cori scnri e opachi alla snperficie che si prenderebbero per 
" pecnrano, tanto piìi che la loro polvere bronzina ci confermerebbe 
" nell'errore. Sono cobottaedri deformati con le faccia nttaediiche lisce 
x e quelle del cobo scabre. L'analisi oltre il solfo e lo lineo ci «copre 

nna conudererole quantità di feirii. Altre rolte questi cristalli «ono 
" grigio-BCDrì alla soperficie e gialli dentro, ma si tratta sempre di 
■> blenda n. 

Della calcopirite del QigUo (pag. 294) dice che deve essere in un 
filone quanifero, e soggiunge: » ne ho veduta io pure insieme a ga- 
li lena, blenda, malachite e limonite ». 

Della pirite trovo stampato, alla pag. 314: > La si ritrova poi anche 
u nelle isole che sono emerse della stessa catena metallifera, e già del 

1 Giglio fa citata dal Baldaasari (Mem. ciL) e ne ho veduto io pure 
- non pochi cristaUi 1111], [lOOl, n |321t ■». 

18TS. Db Stkvani Carlo — SulVaue orogra/lco della catena metallìfera. — 
'Nuoto Cimento n, giornale di fisica, chimica e storia naturale, serie 2*, 
ToL X (1878), pag. 98-114. 

Considera la catena metallifera, come indipendente dal sistema delle 
Alpi marittime e degli Apennini. In essa colloca a N. i monti di Speiia. 
le Alpi Apuane, il monte Pisano, l'isola di Qorgona, il monte di Hon- 
sommano, i monti di Jano, la Montagnola Senese, i monti di Campi- 
glia, di Oavorrano, dì Massa Marittima, di monte Pescali, dì Batignano, 
il capo Argentare e con esso le isole del Giglio, dell'Elba, dì Uonlu 
Cristo, di Qìannntri e le formiche dì Grosseto. 

Kel centro dltalia farebbero poi parte di detta catena, i monti di 
Cetona, il Subasio, la catena dei monti di Kami e dei Martani, il So- 
ratle, il grappo del monte Gennaro, coi Comicolani, mentre a S. le 
prominenre della Sila, Aspromonte in Calabria e i monti dì Hewina ne 
sarebbero ancora la conti n Dazione. Direiìone prevalentemente da N.-O, 
a S.-E., formante no'aogolo di circa 10* coU'A pennino. 

— Pown QiVBEPfM e Masi pRANCEScn — Catalogo ragionato dei prò- 
dotti miturali italiani ad tuo edilizio e decorativo ipediti dal Mi- 
nittero d'agricoltura, indìutria » commercio alVetpoiixione óUema- 
timaU di Vienna. Roma, Coltellini e Baad, 187S, in %" di pag. vi e 8W. 
Tra i materiali da decoraiione, alla pag. 70, n. S48 i meniionato 
il granito del Giglio; il quale 6 pure segnato nel: Catalogo eommario 
dei prodotti minerali italiani ad uio edilieio e dteoratitio ipediti dal 
MinMerc iPagrieoUvr» induttria e commfrcio aWeij>o*i*%9nt ùifer* 



:y Google 



HuicnaU di Vietata. Bonu, ColfeUinì e Btmi, 1873, in 8* di pag. 41. 
(Ved. pftg. 28, al n. 248). 

187B. Stoppani Antonio — Corto di geologia: Voi. I, Dinamica ter- 
reitre; Tol. II, Geologia ttratigrafica; voi. m, Otologia eridografica. 
Wl»m, G. Bemardoni e G. Srigola editori, 1871-1878, S rol. ja 6°. 

Nel rol. 11(1878) alla pag. 81, tra le Taiietà del granito, k ciUto 
il granito tormalinifera del Giglio. 

1878-S9> Jkrtis Gugliiluo — / teiori lotterranei delCJtalia. Deicritione 
topografica e geologica dalle principali località del Regno d'Italia 
in cui ritcontrarui rocce economiche ordinate secondo i bacini idro- 
grafici del paeie; arricchita di dati tecnici tulUi reiiitenia dei ma- 
teriali olla prettione ed allo ichiaceiamento, di analiti chimiche delle 
pietre da calce e da cemento, di conitderationi eeonomieke, ttndl geo- 
logici, cenni etorici a mmerou note su tutti gli argomenti collate- 
rali. Repertorio d'informationt utili ad uso delle Amministraiioni 
provinciali e comunali, dei capitalisti, degli Istituti tecnici ed in ge- 
nere di tutti i cultori della geologia. Torino, E. Loaschar editore, 4 
voi. in 8°: Parte I, Regione delle Alpi. 1873. —■ Parto II, Regione 
dell'Appennino e viUeani attiei e spenti dipendentivt. 1874. — 
Parte III, Regione delle isole, Sardegna e Sicilia. ■ Addenda ai pre- 
cedenti volumi. - Triplice indice generale. 1881. — Parte IV, Geolo- 
gia economica dell'Italia; illustrasione delle pietre da costnuione, 
da taglio, da ornamento, quelle per la scoltura, l'intarsio ecc. impie- 
gate nello notgere di trenta secoli fin dai tempi degli Etruschi, dei 
Fenici, dei Greci, degli Egiziani e dei Romani. 1889. 

Noi ToL II, pag. 415-116, n. 1926, parla dell'iaoU del Gìglio « dei 
Tari minerali che ri si rinTeogono. Vi si trormo citati: otigisto spe- 
calare, limonite, galena, blenda, pirite, quarzo, qnono ametista, calcile, 
e tormalina nera, tntti della Cala dell'Allnme, e selenite della Fnnt& 
delle Saline. Fa anche parola delle ricerche minerarie esegnits pel ferro 
sol gìacimonto della Cala dell'Allnme, anni indietro, poi abbandonate. 
Nel ToL IV, pag. 317, n. 1146, parla del granito del Giglio, che 
definisce per una buona pietra ornamentale. Segna la varieUt di granito 
bianco e quella dì granito rosso. 

1S74. Cap*cc[ C. W. e Pullb G. — t'n viaggio rulF arcipelago toscano. 
Fiiente, tip. Snceesaorì Le Honnier, 1874, in 12° di pag. 35. — Estratto 
dal gìnmale «La Naiione", Firenze, anno 1874, nn. 49-S2. 

È la relazione di nna visita fatta all'isola dell'Elba alla Collezione 
Foresi. Rispetto all'isola del Giglio è stampato alle pag. 27-28 che 
u importantissima ì la parte mineralogica del Giglio. Quest'isola è co- 
li stitoita quali tutta da rocce granitiche, fra cni nna bella rarietL dì 
H granito porfirìco ed i minerali ri abbondano. Ematite, limontte, ga- 



>dbyG00gIe 



BiBi.iociUFiA dei.l'isola del «iglio 4S5 

u lena, blenda, calcopirite, melanterìa, quarto, ortoae, granato, caolino, 
" tutti vi si troTRiono. Dal Giglio sono ventiti i magnifici esemplari 
•> (li piriti cubiche che qni vediamo, i cristalli di tormalina di rara 
>• [lerfeiione, finiti talora da ambe le parti e cosi neri e Incesti da trovar 
41 paragone nel solo velluto n, 

1874-76. D'AcHiARDi Antonio — Bibliografia mineralogica, geologica e pa- 

leontologiea della Toscana. — Boll. d. R. Comit geol. dltalia, anno 

1874. voi. V; n. 8-4 {mano-aprile), pag. 112-126; n. 5-6 (raaggio-gìo- 
gno), pag. 171-190; n. 7-8 (loglio-agosto), pag. 249-254; n. 9-10 (set- 
tembre-ottobre), pag. SS4-326; n. 11-12 (novembre-dicembre), pag. 808- 
402. Anno 1875, voi. VI: n. 1-2 (gennaio-febbraio), p^. 60-62; n. S-4 
(marxo-aprile) pag. 121-126. 

La Bibliografia è cost ripartita: I. Mineralogia e litologia [yo\. V , 
[Mg. 113-126, 171-188); Appendiea alla bibliografia mintralogioa. kn- 
qne minerali fvol. V, pag. 188-190). -II. ffeotopia (voi. V, pag. 249- 
254, 324-326, 398-402). - in. Paleontologia (voi. TI, pag. 60-62, 121- 
122); Appendice (pag. 122-126). 

Vi si trovano citate aknne pubblicazioni relative alla mineralogia 
e geologia dell'isola del Giglio. 

1875. BoHBicci Luisi — Corto di Mineralogia. 2* edizione grandemente 
variata ed accreacinta. Bologna, tip. Fava e Garagnanì, 1873-75, 2 voi. 

Alla pag. 711 del voi. II, menziona la tormalina del Griglio ed alla 
pag. 714, parlando delle vnrìetà nere di tormalina, ne cita grandi cristalli 
nel granito, grigio o roasaatro gigliese; riporta anche nna analisi chi- 
nuca qualitativa di nna tormalina nera proveniente dall'isola in parola. 

~ LuDvis RoDOLPo — Appunti geologici tulVTtalia. Boua, tip. Barbìra, 

1875, in 8" di pag. 15. ~ Estr. dal Boll, del B. Comit geol., 1875, 
fase. 5-6 (maggi o-gi agno 1875), pag. 165-179. 

Dell'isola del Giglio vi è detto eolamente che è costituita di vero 
granito (ved. pag. 2 dell'estr.) come del resto (i trova nelle altre isole 
vicine dell'Elba, Capraia e Monte Cristo. 

È on iialA [n itiliiDO d»lli Vinarii: Onkgiickt Bildtr au llaliea itunriU nal 
BiiletiD de U anc lmp«r. d« utanliitai de Moiceii, unta 1674. n. I. paf. U-iai Ucl. 
con 8 Ut. di uiioni geologiobe. 

1878. D'AcHtABOt Antonio — Sulla eordierite nel granito normale dell'Elba 
e sulle correlasioni fra le rocce granitiche con le trackitiche. — Atti 
della Soc, toec. di scienze natur, residente in Pisa, voi. II, faec. 1°, 
Pisa, 1876 (pag. 1-12 inclnsiv.). 

Alla p^. 1-2 accenna che il granito normale, che si rinviene a 
Monte Capanne, a Seccbeto, a Marciana e in altri punti della parte 
occidentale dell'Elba, si ritrova nella vicina ÌRola del Giglio. 



>dbyG00gIe 



Alla pag. 5-6 puU inddenUliiieDto del gruiito gjglieie, «d arverte 
(psg. 6) che nel giunto gigliese si coDliece U semeUiu (rar. dj tìtanìte). 

1876. KosTEa Giorgio — Note mixaralogiche luU'Itola (UlTElia. — Boll, 
d. R. Comit geol. d'Italia, anno VII, n. 7-8 (Inglio-agoato 1876), p»g. 
297-323. 

AI1.1 pag. 309, parlando della blenda, cita tra le località ttwcano 
ore si linrìene questa specie l'isola del Giglio e riporta qnanto Bcrìue 
il D'Achiaidi sai minerale di tale località. 

1879. Bboolini Felicb — Programma del capitano Felice RtgoUni per la 
cottituzione d'una Società OMnima siderurgica italiana delle miniere 
di ferro dell'itola d'Elèa. Genova, tip. del HoTÌmento, 1879, in S" di 
pag. 74. Siegae lo statuto di pag. 24 con una carta. . 

Nella Iat. I [arcipelago toscano nella scala di V»<,hii), che troraù 
in alto a ainistia della cixto, è indicata una tnlnieta di fetio all'isola 
del Giglio. (È la miniera di pirite dì ferro e di ematite, detta del- 
l'Allume). 

18K0. BoccARDo Gerolamo — Nuova Enciclopedia italiana omero dizio- 
nario generale di ecieme, lettere, induttrie ecc. Sesta ediiione am- 
pliata, e accaratameiite riredata pel prof. Gerolamo Boccaido. Torino, 
Unione tip. ed. torinaM, 1875-1888, voi. 23 di testo, nno di indice, ed 
ano dì tavole, diviso in doe parti, con 2 voi-, finora pubblicati, dì sap- 
plemento (1869-91). 

Nel Tol. X (Ge-H) (1880) alla pag. 380, sotto l'articolo Giglio (isola 
del), SODO stampate alcnne poche ìndleaiìoBi sn qaesta isola. Vi è detto 
che contiene » ona bella qaantìtà di manni n. 

1881. Lotti Bbrmabdin — La province de Grosìeto. Dans la : Bièlìograpkie 
giologique et paliontologiquc de fltalie par le loine du Corniti d'or- 
ganitation du 3^ Congrft giologique tntemational à Bologne. Bo- 
logne, Nicolas Zanichelli, 1881, in Sf [ved. pag. 156-167). 

Nella bibliografia della provincia di Grosseto, si trovano alcune ci- 
taiioui di lavori riguardanti la geologia gigliese. 

— HiNiSTBRO d'agricoltura industria e cohmercio. Direzione agri- 
coltura — Notiti» etatittiche sulla industria mineraria in Italia 
dal 1860 al 1880. Roma, Up. Regia, 1881, in 8* con qoadrì e piante. 
Nella carta dell'isola d'Elba e costa toscana, che trovasi tra le ps(r. 
162-163, è segnaU nna miniera di ferro netllsola del Giglio a N.-O. 
(È la miniera ferrìfera, già citata, della cava dell'Allume). 

Alla pag. 239 si parla del granito del Giglio, avvertendo che vi 
predomina la varietà bianca, ma vi è anche la roau^ e che l'estrauone 
fu nel 187S di 500 me. pel valore di 30.000 lire. 



>dbyG00gIe 



BIBLIOORAFIA dell'isola DEL QIQLIO 427 

A11& pag. 829, tra 1« iDmiere di pirite di ferro è citata quella del- 
rAUome nell'itoU del Giglio, colla oraervaiioiie che la pirite ivi è ac- 
coiapagnata da calcopirita e da qnalcbe poco di galeoa e blenda. 

Alla pag. 854 Bono ripetnte le Btesse indicarioni ed è dato il qua- 
dro della produzione della miniera nel 1878. 

. R. Vfvicio Geologico — Carta geologica d'Italia, compilata itti la- 
vori editi ed triaditi di vart autori tino al ISSI am tpeciali veri- 
ficttiioni nelle località meno conotciute. Scala di 1 decim. per grado 
Vi.111,111. 

All'isola del Giglio tì sì troTano indicati: il granito, il calcare trias- 
sico e le rocce serpentinose. 

I. BiTSATTi L. — Fluorite di Carrara e delVitola del Oiglìo. ~ Atti 
della 8oc. tose, di ic. sat. residente In Fisa. Proecseì Terball, thI. Ili 
{1881-83), adonanta del 3 novambra 1882, pag. 177-178. 

. Parla della flnorìte roiea associata a pirite della Cala dell'Alliune 
nell'isola del Giglio e dà l'elenco delle forme cristalline rinTenotefi. 

FoRSTTH Major C. J. — L'origine delle fauna delle notlre iioU. — 
Atti d. Soc. toso, di se. nat. resìd. in Pisa. Processi verbali, toI. Ili 
(1881-83), pag. 3^2 e 113-1S8. 

Alla pag. 128, associandosi alle conclasioni del Carnei, sulla flora 
delle isole toscane, che cioè in altri tempi, fossero eoUegate fra loro 
colla Corsica e col continente italiano, afrerte che alle medesime con- 
eloBioni Io conducono le sue osserraiìoni io ologico -paleontologiche. 
■ Ii« isole dell'arcipelago posseggono il Phyllodaetylìu, e due dì esse, 
X Giglio e Monte Cristo, inoltre il Diteogloutu pietut, ambedne abi- 
li tatori della Conica e della Sardegna, mentre mancano al continente 
» italiano. Soltanto il Pkyllodaetylut ri tiOTa in quel frunmento della 
>• catena metallifera, che è il promontorio Argentario ». 

t. Db Stefani Carlo — MoUuteki viventi nelle Alpi Apuane, nel Monte 
Pitano e ntU'Apennino adiacente. — Bnllettino della Società mala- 
cologica italiana, toI. IX (1883), pag. 11-353 con 1 tar. 

Alla pag. 46, parlando dell'iTelùt; (Trigonoatoma) lenticula Femas. 
ricorda che il Qentìlaomo la riuTCìuie all'isola del Gìglio. 

Alla pag. 227 fa pure meiiEione dei terreni triassici del Giglio. 

FoRSTTH Major C. J. — Die Tyrrhenit. Stndien Qber %eogt. Verbrei- 
tong T. Thieren und Pflanzen im trestl. Mittelmeei^ebiet. — Eosmos 
Vn (*oL im), 1883. 

In. iD. — Ancora la Tyrrhenii. — Atti d. Soc tose, di se. nat re- 
sid. in Pisa. Processi verbali, voi. IV (1883^), adunaaia dell'll no- 
vembn 1888, pag. 13-21. 



>dbyG00gIe 



Fa parola dell'uialogia che of^no ! terreni utichi nelle varie iiale 
tirrene fra loro, e ricorda il lìaa inferiore al Gig'Iìo, il permiano e il 
gniiito, che con tutta probabilità seatgnaai al poit-eocenico. 

. Lotti Bkhnardino ~ La carta geologica dell'itola d'Elba. — Atti 
A. Soc. tose, di 8c, nat resid, in Pia». ProceBsi verbali, voi. IH (1881- 
1883), adonania del 14 gennaio 1888, pag. 201-212. 

Rilevando l'auociaiione fra i giacimenti ferrìferi ed i gianitì in 
Toscana, ricorda qnelli del Giglio. 

Id. id. — ApputUi geologici tutta Conica. — Bollett. d. R. Comìt 
geo). d'Italia, toI, XIV, n. 3-4 (mano-aprile 1883), pag. SS-73. 

Snl finire della Memoria acriTe eeaere k ben constatato che la lona 
u terpentinoaa alpina, detta dal Gastaldi delle pietre verdi sì connette 
" per meiio delle Alpi marittime e della Liguria a quella della Car- 
li sica, della Gorgona e dell'Elba e forse riapparisce più a meuogìomo 
» al Giglio e al Monte Argentario » (pag. 73). Nella nota in fondo alla 
pagina è detto che qaeste serpentine sono strettamente associate a cai 
ceecisti cristallini e a scisti argillosi, talora micacei, lucenti. 

Io. iD. — Appunti di oueroasioHi geologiche nel promontorio Argen- 
tario, neir itola del Giglio a nelCitola di Gorgona. — Boll, d R. Co- 
^ mit. geolog.. anno XIV (1883), n. 5-6 (maggio-gìngno 1883), pag. 109-128. 

Dell'isola del Giglio si tratta in uno speciale capitolo da pag. 117 
a pag. 122. 

In seguito (pag. 125-127) parla delle serpentine, che si rinvengono 
al Giglio in condiiionl analoghe a quelle della Pianosa e del promon. 
torio Argentario. Finalmente alla pag. 128 è dato nn quadro riassun- 
tivo delle formarioni stratificate, che si rinvengono al Giglio, al M. 
Argentario, alla Gorgona, all'Elba ed in Corsica. 

La Memoria è assai importante per la geologia gigliese, contenen- 
dovìsi molte oseervaiioni originati. Vi si trovano due sezioni: l'unadi 
un filoncino nel granito, osservato a due terzi di strada dal Castello 
al Capei Rossa (ved. fig. 2, pag. 120) e l'altra presa alU Cava dell'Al- 
Inme (fig. 3, pag. 121). 

Qnesta ultima è molto importante, perchè da essa apparisce che le 
rocce serpentinose, le rocce dì enfotide, e gli scisti, riposano snl gra- 
nito. £ poiché l'antere mette gìnstamente le serpentine, le eufotidi e 
gli scisti nel presilnriano, cosi ne consegne che il granito dovrebbe 
essere più antico. 

Id. id. — Contribusione allo etudio delle serpentine italiane e della 
toro origine. — Boll. d. R. Comitato geol, d'Italia, voi. HV (1883), 
n. 11-12 (novembre-dicembre 1883), pag. 281-297. 

Avverte che le serpentine antiche sono perfettamente interstratifi- 
cate a formazioni scistose al Gìglio, alla Gorgona scc. (pag. 281-282) 



DigmzcdbyGoOglC 



BIBLIOGRAFIA BELL'iSOL.» DEL GIGLEO 429 

*ffi88. Ministero d'aokicoltuba ikdlstria. b roMMKHCio. Direkonk d'agri- 
coLTfRA — ReUiiione tul seroitio minerario nel ISSO. — Asnali di 
agricoHnr». Boma, Eredi Botti, 1883, in 8". 

Àllapa^. 104 è accennato che il poco minerale di ferro, che si caraTa 
dalla cala Hollwa; a Scanderìa nell'isola del Giglio limane ani luogo 
della miniera. 

1884. BusATTi Li-iGi — Fluorite deìVitola del Giglio e minerali che tac- 
compagnano nel tuo aiacimento: Fluorite di Carrara. <lfote minera- 
logiche). — Atti d. Soc. toec. di ac. nat. residente in Pisa: Memorie, 
»ol. VI. fic. 1° (1884), pag. 12-25, con 1 tay. 

Ti EODo indicate le varie forme cristalline rìniennte nella flnorìte 
gigliese. Tra i mineiali che l'accompagnano è citata la pirite, eperchise 
e calcopirite. 

— Dei Apelle — Ricordi di una etcunione fatta al monte Argentario 
ed all'itola del Giglio nel mete di maggio 1893. Siena, tip. delt'ancon 
di G. BargeUini, 1884, in 8° dì pag. 16. 

Vi si trovano citati alcanì inaetti e qualche specie di, uccelli ve- 
duti nell'isola. Alla pag. 13 rodo citate 1« piriti della cara dell'Allume. 

— FoRs^TH Major C. J. — Rettili ed anfibi caratteritlici della Tyr- 
rhenit. — Atti d. Soc. tose, di se. nat. resid. in Pisa. Processi ver- 
bali, voi. IV (1883-85), adunanza del 13 gennaio 1884, pag. 4S-S0. 

È citato un piccolo geko, il Phylladactylu* europaeut, all'isola 
del Giglio, che non è stato ritrovato sul continente, ma vive, secondo 
Forsftb, nelle isole dell'arcipelago toscano, al promontorio Argentario, 
in Corsica, Sardegna, a Tino e Tinatto (golfo deUa Speiia), nelle iaole 
Hjètes tino all'AgugUa e Galjtone (Tunisia). 

— Lotti BERNABniNo — Ostervationi geologiche tulle itole delTarcipe- 
lago totcano. — Boll. d. R. Comit. geol. d'ItaUa, voi. XV (1884), n. 1-2 . 
(gennaio-febbraio), pag. 59-61. 

Scrive rA. che nell'isola del Giglio e al capo Argentario le forma- 
zioni presiinriane sono rappresentate da rocce serpentinose e da pochi 
ealceecistì, e che sopra queste formazioni compaiono quelle permiane 
nelle anzidette località (pag. 57). 

Avverte che al Giglio comparisce il granito eolle sne varietà tor- 
malinifit» (pag. 59), e che i giacimenti ferriferi stanno superficialmente 
sulla massa granitica (pag. 60). In oltimo accenna al Giglio U quater- 
nario antico, rappresentato da una arenaria calcarea grossolana (pag. 60). 

— In. in. — Contiderazioni tulVetS e tulla origine dei graniti totcani.— 
Boll. a. B. Com. geol. d'Italia, voi. XV, n. 3-4 (marzo-aprile 1884), 
pag. 115-128. 

Dell'isola del Giglio parlasi principalmente alle pag. 118-119. 



>dbyG00gIe 



430 K. VELI 

1884. Reyxr e. — Aut Totcana. - Geolegìich-technitche wd kultìirki»torÌtckt_ 

StttdieH. Wien, C. Garold'i Soha, 1S84, in 8° di pag. iv e 200 con 4 

tav. color. 

Ali* f»g. 160 riferiscfl i graniti dell'Elba al trial, e avverte che 

appartengono alla stessa epoca i graniti del Giglio, eli* sono petrogia- 

lìcamente simili a qaelli dell'Elba. Al granito del Gi^io Mno nnìti 

letti d'ematite che sono limili a qaelli d'Elba. 

In fine al volnme trovasi una bibliografla gMiogiCa sull'Elba e snlla 

ToBcana, ma niente vi ho rinvenottf snll'ùola del Gi^io. 

— ScARABELLi C. — ifonti e marine: Porlo S. Stefano e Afonie Ar- 
gentario. Firenxe, 1884, in 8° cnn disegni e vedate. 

Alla pag. 193 parla dell'isola del Gìglio, che dice esser ricca di 
ininerali e di cave graniliche. 

1886. BoMBtcci Luigi — Mineralogia deicrittiva. Milano, tip. Bernardoni di 
C. Rebeschhii e C. (H^pli editore), 1886, in 34*. 

n pÉrt* Ì*IU Mri* M Mnoli RMpll. ti ni hna I ni. LTI-LTIL 

Alla pag. 222 tra le località, da col provengono cristalli di tomi»- 
lina nera lucente (afrìiite), è segnata l'isola del Giglio. 

— Lotti Birnardino — Caieari marini quaternari lungo la cotta dei 
Konli livomeri. — Boll, del H. Com. Geo!. d'Italia, anno XVI n. 1-2 
(gennaio febbraio 1885), p^. 54-56. 

Avverte che nell'iioU del Giglio ritrovò un lembo di panchina qua- 
ternaria a 15 metri sol mare (ved. pag. 55). 

— In. iD. — Roccia granitoide tormalinifera nelle Alpi Apuane. — Boll, 
d. R. Comit. GeoL, anno XVI, n. 1-2 (gennaio -febbraio 1885), pag. 5fr57. 

Incidentalmente avverte che rocce granitiche e trachitjche, senia 
dnbbio erattive, sono associate ai giacimenti ferrìferi dell'Elba, Sar- 
degna, Campìglia, Gavomaio, del Giglio e di altre località (ved. pag. 57). 

— Ministero d'agricoltura industria e commercio. Direiiokb d'agri- 
coltura — Rivììta del tervisìo minerario nel 1883. Firenze, Q. Bar- 
bèra, 1885, in 8'. 

Alla pag. 91 trovasi stampato che sul principio del 1883 nell'isola 
del Giglio cessarono le esplorazioni delle miniere di manganese nelle 
località Scanderia e Giannetto, ma che continnb alla Cala dell'Allume 
la escavazione della pirite per conto della casa Hollwaj, che esegniva 
le esplorazioni sopracitate. La pirite scavata fn spedita alla fabbrica 
dì prodotti chimici di monte Argentario per ricavarvi l'acido solforico. 



>dbyGoogIe 



BIBLIOGRAFIA dell'isola DEL eiGLIO 431 

. Buiatti Luigi — Nola tu di alcuni minerali lotcani. — Atti d. Soc. 

tote, di K. iwt. rasid. in Più. • Hemorie. voi. Vn (1886), p&g. 192-199. 

AUe pa^. 196-199, lono studiati il qnano e il g«no della Cala d«l- 

rAUnme al Giglio, ed il minerale manganesifeio (piroloaite) del Campete. 

Ihitti Bebhakdiko — DetcriiioKt geologica deWitola d'Elia. Roma, 
tip. Nuionale, 1886, in 8° di pag. su e 255, con carta geologica nella 
Mala di '/••.»• B ^ ^*- >■> zincografia. 

Finu il ni. U d^a Miatrit iittriUni MU ta-le giaUgica iTJMìil, pabUfcsU 
Ul B. UBols |*(il>cic«- 

Parlando delle fonuauoni paleotoicfae S0Trapp(iit« al ailuriaiio, rap- 
preientate da calcari cristaUioì t da caleeicifti parimenti cristallini 
deirElba, dice che nelle altre itole tirreoiGlie Giglio e Gorgona, come 
anche al capo Aigentarìo preMo Calagrande si Tede rappresentata qnella 
«ma da calcescisti alternanti con mieaacisti locenli e in stretta rela- 
lioDB con Berpcntine (pag. 2P. 

Cosi pure trattando dei micascisti marmiferi dell'Elba, avverte che 
la analoga formaiione si rìnTieiM al Giglio, otc non li presenta coma 
naa formaaione interposta fra i calcari crirtaUini In Imsso e le serpen- 
tine saperionnente, ma fonoa con tutte qaeste rocce on complesso af- 
fette indÌTÌiibile (pag. 24). 

Circa le serpentine, al Giglio sono lappresentate prevalentemente 
da mi'enfotide scistoea in cni il diallagio è conrertito panìalmente in 
terpeatino: però non mancano, secondo l'aotore, la Tera lerpentioa ba- 
stitic» « la diabaae, che al Giglio è allatto simile, per i caratteri esterni; 
a qnella eocenica dell'Elba (p^. 27). Anche il Temcano (permiano) 
si rinverrebbe al Giglio [pag. 36}, ed il granito lo traverserebbe (pag. 242). 
I calcali infraliassiGi poi al Giglio riposano direttamente sulle rocce 
permiane mancandovi il trias (pag. 40). Queste rocce permiane si ap- 
poggiano poi sol granito e non sono adatto alterate (pag. 62). Cib che 
a mio modo di vedere spiegherebbe che 1 graniti del Giglio sono più 
antichi delle anzidette rocce permiane. 

Dell'isola del Giglio l'autore parla alla pag. 1T2-1T3, ove trovansi 
parecchie notizie specialmente snl granito e snlla analogia che presenta 
con qnello delle vicine isole tirrene. È interessante trascrivere quanto 
ai riferisce al granito gigUese: u Vi sono rappresentate le principali 
•I varietà del granito cibano od eccezione di quella porflroide a grossi 
■ cristalli di ortoclasio ; la prevalente però è quella tipica del X. Ca- 
" panne (Elba). Nel granito nonnaie del Giglio sì osservano come al- 
" l'Elba filoni, vene e concentrazioni di un'altro granito con (ormalinej 
u vene di pura tormalina, che sembra avere rivestite le pareti di fen- 
« ditare, e pìccole masse, quasi frammenti, di pirite di ferro. Come a 
> Monte Cripto, è qui frequente nel granito normale la tormalina in 
•• aggrappamenti circondati da nn'anreola di granito più bianco. Le ìn- 
H closioni microgranitiche sono assai rare e spesso dì forme angolose. 



>dbyGoogIe 



a Si tro?a pnre al Giulio It vuietÀ porfirìca del granito, « si poseoni) 
u osserrare passaggi dal granito normale ad un poTfido q^anifero, ta- 
li lora formalinifero con massa fondamentale crìptocrìatallinB e quarzo 
» in granali arrotondati. Esso troTaai per lo più, come all'Elba, in niaas« 
u fìlonìformi ben delimitate net granito nonnaie. Alcane vene di grs- 
« nito tormalinifeto presentano passai ad nna loceia che per ì ca- 
li ratteri organoleptici e per la strattnra aisomiglia notevolmente alle 
« lipariti granitoidi quaternarie dei non lontani monti di Boccaatrada i. 

Ancora alle pag. 218-219 ai ricorda ìl giacimento di pirite, d'oli- 
gisto, e di limonite asBociati a fluorite della Cala dell'Allume. Questo 
giacimento ferrìfero è accompagnato dal granito (paf;. 235). 

Il quaternario marino al Giglio si vede presso Campese in strati 
orizzontali a IO m. circa sul mare (pag. 237). 

Finalmente nel: JiitMttMto e eoneluiiotti, sulla geologia delle itole 
deWarcipelago toicano (pag, 240-246), è richiamato quanto ho trascritto 
di sopra per l'isola del Giglio. 

. Lotti Bernardino - Brevi contiderasioni tulle trachiti della Tolfa. — 
Atti d. Società tose, d, se. nat. lesid. >n Pisa. Procesai Terbalì, voi. V 
(1885-87). adunanza nel 4 luglio 1886, pag. 99-101. 

Parlando delle analogie tra le trachiti dì Tolfa e le rocce grani- 
tiche delle isole toscane e del Campigliese per la loro contemporaneità 
e pei i fenomeni metamorfici e metallagenici, che le accompagnano, 
dice che alla Tolfa si ha un giacimento ferrifero notevole e vari filoni 
di solfuri metallici, come all'Elba, al Giglio, e a Gavorrano si hanno 
masse ferrifere e soHnrì metallici. 

UlNI.STKRO D'AOfttCOLTUHl^ INDUSTRIA E COMMERCIO. DlRBZIOKB n'AOai- 

coLTfRA — Riviita del aervUio minerario nel 1884. — Annali d'agri- 
coltura 1886. Firenze, tip. G. Barbèra, 1886. in 8°. 

Alla pag. 107 è fatta parola della miniera di pirite alla cava del- 
l'Allume nell'isola del Giglio. Quivi è detto che l'estrazione della pirite 
suddetta cessb col finire del giugno 1884 e che venne ripresa con pochi 
lavoranti snl principio del 1885. 

Paolccci Marian-na — Fauna italiana. Conunicaiioni malaco- 

%tcAe. Articolo IX: Conchiglie terrestri e d'acqua dolce 
del monte Argen taro e delle isole circostanti. - Bnllettìno 
della Società malacologica italiana, voi. XII, 1886, pag, 5-62 con 2 ta*. 

Io questo lavoro è anche studiato il materiale malacologico raccolto 
dal dott. Major al Giglio nel maggio 1883. 

Al Giglio sono citale le seguenti specie: 

Hyalinia icotopkila De Stef. var. notha Paul. (var. raccolta al Franco). 
Helix plaaoipira Latnli. vu. occultata Paul. (Di questa varietà è dì- 



>dbyG00gIe 



ugnato un esemplare nella Ut. I, Hg. 4, 4a, 4b. La forma minima 
sembra propria del Giglio e fa pan raccolta al Franco). 
Helix taxetana Pani, (parimenti-del Franco). 
» earmicxdata Muli. 

" pitana UltlL (raccolta snlla spi^gia Campese), 
. Clatuilia tolida Drap. var. oajetana Rosam. (raccolta al Franco). 
' Limnaea peregra MfiU. (Buccinum) (raccolta al poiin del Cannello). 
Cyclo»toma eUgant HQ|]^ (Nerita/ (raccolta presso il Castello). 

. Fabri a. '- Relazione sitile tniniere di ferro dell'itola d'Elba, pul^ 
blicata a cura del R, Ufficio geologico. Koma, tip. Nazionale, 1887, 
in 8", di pag:. xii e 162 con atlante in fol. di tav. IX. 

FoiB» il Ttl, Ul.dtU* iTtnmt ilairilliTe itila Carla steltsira •flIaiU. 

Nella tar. I trov&ai ona pianta del Giglio nella «cala di '/hi.»» «ve 
sono, legnate dne miniere di ferro, alla spiaggia Campeae l'nna, e l'al- 
tra presso la Cala dell'Allmne. 

L CCMITATO DIRETTIVO -DELLA SOCIETÀ MSTBQBOLOGICA ITALIA.NA -^ Alt- 

nuario meteorologico italiano pubblicato per cura del Gomitato di- 
rettivo della So-ietà meteorologica italiana. Anno 111(1888), Torino, 
E. Loescher edit, in 12°. 

- Nel eap. Coordinate geografiche ed altitadini di al- 
cuni pinti culminanti, od. altrimenti notuToli, passi, 
gallerie, ecc. sitaati nel Regno d'Italia o lango i suoi 
confini terrestri e marittimi, alla p^. 191, n. 141, troTasi la 
qnota della sommiti dell'isola del Giglio in 498 metri sul mare, in- 
sieme alle coordinate geogr. ; latitudine N 42° 21'!}''; longitudine occid. 

I. Carus Victor Julils — Prodromut favnie mediterranea sive deicriptìo 
animalium mari* Mediterranei incolamm quam comparata lilva re- 
rum guatenus innotuit adiectit loctt et nomini^ vulgaribue eorumtjite 
auctoribui in commodvm Zoologorum congreatit J. Victor Carui. Stutt- 
gart. E. Koch, voi. I (1865); voi. U, 188ft-92. 

Nel voi. II ai trovano citat«, come rinvenute all'isola del Giglio, 
parecchie specie di molluschi, tra le qnali ho rilevato le segaenti : 
Peclen variiu Lin, (Oairen), pag. 71-72; P. opercularis Lìn. {Ostrea), 
pag. 72-73; Area lactea Lin., pag. 87-88; Cardium papilloium Polì, 
p^. 113; C. exiguwn Gm., pag. 113-114; Dotinia lupinv* Poli, {Ar- 
temii), pag. 120 ; Venìu gallina Lin., pe^. 183 ; Tapes geograpkiea Gm. 
(KeniMÌ.pag. 197-128; Donax poUtia Poli {Tellina), v&g. 134; T^Ui- 
nella pulehella Lamk. (Tellina), pag. 155; Tellina balaiutina Lin., 
pag. 16(^ ; Bentalium dentale hin., fag. 174; Chiton oiioacf ut Spengler, 
pag. 179; Fieturetla gibberula 'Lsnì.,'pa,g. 239-240; Emarginala elon- 
gota Costo, pag. 241 ; E. Husardi Payt., pag, 242; Pkaeianella pulUt 



>dbyG00gIe 



Lin. {Turbo), pxg.2iS; Giòòula umbilicarii Lin. (rrocAiu). pag. 251; 
G. divaricata hìn.(Trockuiì,pag.2b3-25i; ZiiypkÌHus «iryuiM Pnltn. 
(rrtìcftiMJ.pag. 2h9; Mmestho Humboliti ^ìaoiTurbonilla), pag. 266; 
TurboniUa lactea Lin. {Turbo], paj^. 288; Eulima mòutata Dodot. 
(T'urlo), pag. 290; Sealaria communù Lam., pag. 291 ; /fatica kebraa 
Hart^s (Nerita), pag. 30] ; Natica intricata Donov. {/ferita) pag. 308; 
//. pulchella BSmso, pag. 306; Pileopiis hungarica Lin. (Patella), pag. 
S09; Rittoa vtiUricota Desm., pag. 318; ^. timt/u Scacchi, p»g. 319; 
Jì. violacea Desm., pag. 321 ; /(. monodonta Phil., pag. 322 ; Jt. auri- 
tcalpium h. {Turbo\ pag. 322 ; R. cimex L. {Turbo), pag. 331 ; R. te 
mistriata Montg. (rario), pag. SSl;Rinoina Brvguieri Payr. (flwtou), 
pag, 344; Fouartu costatui Brocc. (/inerita), pag. 349; Litorina ne- 
ritoidt* Lin. (T'urlo), pag. 350 ; Bittiun reticuUitun Da Costa {Strom- 
bi formit)— Cerithium lima Bnig., pag. 361; Trifori» perveria ÌAn. 
{Trockut). pag. 363; Ocinebra Edwardti Pajr. {Purpwa), pag. S85- 
386; Columbella rwtica Lin. (ro^uCa), p^. 388 ; C. tcripta Lia. (ifii- 
rex), pag. 389; Amalia incrauata Moli, (rritonium), p. 394; A**, cor- 
nieula Oliv. ( Sinretnmn), pag. S97; Piiania D'Orbigjty Payr. (Bucci- 
n»n), pag. 402; ffarginella miliario Lin. (Fo^wfa), pag. 410; J/or- 
.i7!7ia Companyoi Bacq., pag. 418; J/^, Faw^Beiin: Payr. (/"(«(roIOM*), 
pag. 419; Rapkitoma Gi^nanianum Scacc. (Plewotoma), pag. 420-421; 
Clatkurella reticulata Ben. {Murex), pag. 424; (7i>niu mediterranemt 
Btng., pag. 429-430; Gadinia Garnoti Payr. {Pileoptis), pag. 434; 
Oibbula Àdantoni PajT. (Trochtu), pag. 248. 

In generale le citazioni relatire ai mollnachi sagnati dal Cans nel- 
l'isola del Gìglio sono state prese dall'opera dell'Appelins : Le conchi- 
glie del mar Tirreno. 

I. Omboki Giovanni — Rocce e fornii. Sunto di alcune legioni di geo- 
logia. Padova, F. Sacchetto, 1889, in 8° di pag. 8 non nnmeiate e 862 
nDmeTat«. 

Tra le località italiane, ove caransi 1 graniti, e citata l'iiola del Gi- 
glio (pag. 94). 

Alla pag. 90 cita come esempio di granito tormalinifero quello del 
Giglio. 

Ricciardi Leonardo — Geneti e compotiiione chimica dei terreni 
vulcanici italiani. Firenze, Mariano Ricci. 1889, io 8* di pag. 155. — 
Estratto dal giornate u L'agricoltura itaUaoa-, anno XIV-XV (1888-89). 
Snl principio delta ttlemoria (pag. 2 dell'estr.) tra le località del- 
t'Itatia centrale, ove mostranti i graniti, cita l'isola del Gigtiu e quella 
di Monte Cristo. 

B. Ufficio Grolooico — Carta geologica d'Italia nella teala rfi 
' i.tH.o» pubblicata per cura del R. U$cÌo geologico. Roma 1889. 



>dbyG00gIe 



LiaOLA DEL GIOLIO 43Ò 

Altlsolft d«l Giglio à ugnato il gaudio, le rocce p&leoiojche del 
Franco e dae giacimenti di minerali di ferro, nno dei qnali dovrebbe 
eeeere quello della Cala dell' Allome, qnantanqae il segno cotiTeniio- 
nale $ non ri corrisponda. 

n ponto colmÌBante dell'itola e segnato con la qaota di 466 metri 
ani mare. 

. SimtiKLU Vittorio — Ttrrmi e fouili delVUola di Pianata nel mar 
Tìttmo. — Boll, del R. Com. Oeol. dltalfa, rol. XX, n. 7-8 (loglio- 
agosto 1880), pag. 198-2ST con 6 tav. 

Alla pag. 207, parlando dei depositi marini dal quaternario, avverte 
ebe Bono stati indicati anche in altre ìsole dell'arcipelago, e tra queste 
menxiona l'isola del Giglio. 

. BiAKcni Ohobato — Slmeo dslU tpeeis di wxelli, eutrvate tuiritola 
iti Giglio, provincia di Oroueto, coi nomi volgari locali e notizie 
iiUla frequenza, migrationi, nidificasiont, tee. stampato nel; Primo 
rtaoconto dei rituUati dell'inehietta omitoloffiea in Italia. - Ptite se- 
conda. Aoifaunt locali. — JiituUati della inchiesta ornitologica nelle 
tingale provtneie compilato dal doti. Enrico Hiilyer Oiglioli. Firenze, 
snecessori Le Honnier, 1890, in 8° (red. pag. 453-456). 

È dato anctie nn cenno solla natura rocciosa dell'isola del Giglio 
alla pag. 458 nelle poche parole che precedono l'elenco delle specie 
osservate Dell'isola. 

HiNISTKHO D'AGBIOOLTUItA INDl'BTKIA E COHIIBKCIO. DIREZIONE d'asRI- 

coi.TURA — Rivista del servitio minerario nel 1S8S. — Annali di 
agricoltura 1890. Firenie, G. Barbera, 1890, in 8° con Uv. 

Alla pag. cxxi, parlando della prodndone delle piriti, la qnale fn 
infeiiore nel 1888 di qnasi 4000 tonnellate a quella del 1887, dice che 
per circa 500 tonnellate contribuì a tale diminuiione la miniera del- 
l'isola dal Giglio, ch< dovette sospendete i lavori in causa della chiu- 
sura della fabbrica di prodotti chimici di monte Adontano (ved. anche 
pag. 115-116). Alla cala dell'Allume si raccoglieva anche della pirite 
rigettata alla spiaggia dal mare e ridotta in ghiaia minuta e sabbia, 
la quale conteneva in circa il 47 ",0 di solfo. La pirite scavata nella 
miniera conteneva dal 44 al 45. 

Io. iD. — Rivitta del servizio minerario nel 188S. — Annali di agri- 
coltura IS90. Firenie, 0. Barbèra, 1890, in 8" di pag. cclvi e 440 con 
3 tavole. 

Alla pag. 114 trovasi stampato sul Giglio quanto segue: 
■ L'escavaiione della pirite alla Cala dell'AUnroe, nell'isola del Gi- 
B gUo non venna pifa ripresa. Però da qnella cala si spedi Del 1889 un 
■ piccolo residuo della produiiono ottenuta negli anni precedenti, cioè 



>dbyG00gIe 



•1 ai Bpedirono 1S4 toAnellftte di pirite, come sai^o, aIIa fabbrìc» di 
■ acido solforico di Rifiedi, presso Fìrenie». 

1890. R. Camera di commercio ed arti delle Provincie si Siena e Gros- 
seto — / minerali delle pTovincie di Siena e Groueto. Siena, tM. 
tip. Niira, 1390, in 4° di psg, xv e 55 con 8 tabelle. 

Nell'elenco dei inineiali delle «addette proviucie, dei quali U Camera 
di commercio possiede un campione, è segnato it granito lei Gigiio, 
cava delle Cannelle (pag. x-xi n. 82). Nel cap. Ferro parlali del gia- 
cimento di qnesto minerale al Giglio, delle varie località ove renne 
estratto, e sono data parecchie notiiie importanti su qael giacimento 
(pag. 18-20). 

Sono citate cave di manganese Dell'isola {pag. 29). 

Nelle tabelle, al nam. d'old. 46 (Isola del Giglio), troransi segnati 
minerali di limoaite nelle località Campess e Cara dell' Allnme ; mi- 
nerali di manganese a Scanderìa e Giannetto, e cava di granito alle 
Cannelle. 

1891. BuccA Lorenzo — L'età del granito di Monte Capatine (Itola (TSlha).— 
Atti deUa B. Àccad. d. Lincei, serie 4' (Rendiconti), voi. Tlf, 2* se- 
mestre, fase. S, IS91, pag. 270-276. 

Si accenna incidentalmente alla costituzione grtmitica dell'isola del 
Giglio (ved. pag. 270). 



Meli Romolo — SiU gtanito delVìiola del Otglio. ComtMÌea»io*t 
fatta alla Società Oeolojfiea italiana nell'adunama gmerale tenutati 
a Napoli il giorno 8 febbraio 1891. Roma, tip. d. R. Accademia dei 
Lincei, 1S91, in 8° di pag. 6. — Estr. dal Boll, della 6oc. geol. Ita]., 
anno X (1891), fase. I", pag. 20-24. 

Ia itfliu comnDlcuLiH» trovul ucIm kUmpiU nel: lifs^coitto MfAditiuout gent- 
rtde jetHolt tanta daila Son'riiì ffrolo^'fa ttatìiutf iJa Xapolì il ffìomo S fehhrmi ISSI, 
ramfUatt ini Stgrttane pnf. Htmola itili. Bsnm Up. d. LìikmL 18V1, in S* di ff. IB. 
(V«d. pi«. S-l£). 



. BoiJ^x Pio — Contrihìito alla fiora deltElba. — Rirista italiana di 
scienze naturali, anno XII, n. 3 (1° marzo 1892), pag. 45-47. 

Parlando della Diplotaicit viminea? D. C, gerire che tale specie 
venne trovata nelle isole toscane, oltreché all'Elba, soltanto al Giglio. 



Blcca Lorenzo — L'età del granito di Monte Capanne (Itola d'Elba). 
Appunti geologici e petrogra/lci. Palermo, Michele Amenta, 1892, in 4° 
di pag. 27. — Estr. dal Giornale di scienze naturali ed economiche, 
voi. XXL 



>dbyGoogIe 



dell'isola del giglio 437 

Alla pag. 5 riporta un brano di vaia Rath eqI granito dell'Elba ed 
aTTerte che qnesta granito non si distingne per nalla da qaello di Monte 
Cristo e del Giglio. 

Lotti Bernardino — Comtderaiioni sitUeticke iulla orografia e ittita 
geologia delta catena metallifera in Toeeana. — Boll. d. R. Coniit. 
geol. dTtalia, »ol. XXm (1862), V trimwtre, a. 1, pag. 55-71. 

Alla pag. 56 trovasi citata tra le masse granitiche insulari, qoella 
del Giglio, ebe l'aatore ritiene terziaria. Alla pag. 63, facendosi parola 
della direiione che il littorale toscano presenta, vi è citata l'isola del 
Giglio. 

Salmoiraghi Francesco — Materiali da cottrutione. Caratteri lito- 
logici, Tequiiiti cottruttivi, impieffhi, ettraiione, lavorazione dìttri- 
buiione in' /Clizia. Milano, Ulrico Hoepli, 1892, in 8° di pag. x e 464. 
Nella distribozioBe dei materiali natorali nella pToviucia di Gros- 
seto, sono' citati 1 segnentiper l'isola del Giglio; Calcari infraliassici 
al Franco. Granito rilie Arenelle, bianco, brizzolato, talora verdognolo; 
già impiegato dai Qomani (massime dimensioni per colonne, pietra da 
tat^o, pietra per decorazione) (pag. 4 



Allo precedenti note bibliografiche aairisola del Giglio, aggiungo che 
Aktomo Bertolom nel suo diicorto topra'la storia ed i progreiii della bo- 
tanica insulare italiana, stampato nel Supplemento alla raccolta di opere 
mediche moderne italiane e ttraniere, t. I, Bologna, Mareigli, 1633, in 8*, 
scrive bhe a' bqoì tempi u le isolette del mare toscano, il Giglio, l'Argenta- 

■ toU, l'Elba, la Capraia, la Goi^ona . . . sono state le meno esitminate dai 

■ botanici". Tuttavia osserva " che Luigi Giraldi raccolse piante nel Giglio, 

■ le qnali ora stanno net mio erbario » (ved. pag. 362-263]. 

B. Meli. 



>dbyGoogIe 



INDICE ALFABETICO DEGLI AUTORI 

1 CHI SCRITTI TR0TAN8I CITATI KELLA BIBLIOORAFIA DILL'ISOU DEL OrQLlO. 



Anoniho. 412. 
Al»bti L. 402. 
Amati A. 419. 



Cocchi L 420. 
Corsi F. 409, 413. 



Baldamarei G. 403. 
Baluho-Cbi VELLI G. 414. 
Bxcai E. 419. 
Bertoloni a. 437. 
Bianchi 0. 48$. 
BocOARDo G. 426. 
Bolzon P. 436. 
Bonbicci L. 416, 42S, 430. 
Bbeislak S. 407. 
Bbocchi G. B. 406. 
Becca. L. 436. 
Bisatti L. 427, 429, 431. 



D'AcHitBDi A. 416, 420, 4217423, 425, 

425-426. 
Dei a. 429. 
Della Moda T., Carpi P., Biccioli G., 

Lini G. 408. 
Db Stevaki C. 423, 427. 



Espotiiione it«L ^nda ìnd. a artist. 
di Fir«nu (1861). 416. 



Farri A, 483. 
C Ferrini A. 410. 

Foresi R. 418, 410. 
Camera (R.) di Commercio ed Arti Forstth Major C. J. 427-428, 429. 
delle proTÌD(!Ìe dì Siena e Grosseto. 
436. 6 

Capacci C. W. e Pullé G. 424. 
Carloiti D. 417. 
Carpi P. 408. 
Carpi P., Riccioli G., Della Moda T., 

Livii G. 408 
Carus V. J. 433-*34. 
Cecgarim O. 408. 
CioNi G. 405. 



Galluzzi R. 404. 
Giordano F. 417. 
Giuli G. 409-410, 411-412. 



Jervis G. 424. 



>dbyG00gIe 



BIBLIOGRA.fi A. DELL laOLA E 



R 



Le33i 0. 405. 

tiYti G., Carpi P., Della Moda T., 

Riccioli G. 408. 
Lotti B. 426, 428432, 437. 
LtiDWio K. 425. 



Harixni L. 420. 
Marmocchi F. C. 412. 
Masi F. e Ponzi G. 423. 
Hkli B. 436. 
Mrnkohtm G. 417. 
Meneobiki G. e 8ati P. 414. 
IQniitero d'Agricoltura, Ind. e Comm. 
410, 426, 429, 480, 432, 4S5-4S6. 
X<Mu>iii a. 411. 
HoRRONA (da) a. 404. 
MuRCBisoN H. 414. 



Rath (voh) G. 420. 

SiGOLiNi F. 426. 

Bspn^i £. 410, 41S. 

BxTBR E. 430. 

BicciABDi L. 484. 

BicciOLi G., Carpi P., Dblla Uoda T.. 

LiTii G. 408. 
Rinnione (HI») d. Sciena. it»l. 411. 
RosTBR G. 426. 



Salhoibaghi F. 437. 

gALTAOKOLI A. 413. 

Sati P. 411. 

Sati V. e HENioniHi G. 414. 

ScARABELLt E. 480. 

SiHOHZLU V. 435. 

Società meteorologica Ha\. 483. 

Stoppaki a. 424. 



Kbobi G. 420. 
HuQKBAiiR (dott.). 409. 
Mini A. 404. 



Ohboni G. 415, 416, 419, 434. 



TARaiOM-TozzKTTi G. 402. 
Tarqioni-Towetti 0. 407. 
TatÉRAiT DR Brrneai'd a. 
Thouas P. 413. 

u 



Pauto L. 411, 414. 
pAOLUCCt H. 432433. 
Ponzi G. e Hasi F. 423. 
PtiLLÉ G. e Capacci C. W. 424. 



Ufficio (R.). Geologico. 427, 434-435. 



ZvccAaM-OKLANiiiM A. 408, 411, 413 
415. 



>dbyGoogIe 



DELLA INFLUENZA LUNARE SUI TERREMOTI 



Intorno alla influenza della tana sai terremoti, molto si è scrìtto 
molto ai è discusso essendosi ottenuto, per parte dei diversi sìsmo- 
gi, rìsultati anche in tutto e per tutto contraddittorii, talché taloDO 
indotto ad esagerare tale influenza Ano a ritenerla la veracaasa 
iterminante ì terremoti, tale altro invece, tratto in errore da' risnl- 
tì ottenuti, la ritenne assolutamente nulla e credette pure coinci- 
mie casuali certe correlazioni che, senza idee preconcette, appa- 
3cono evidenti. 

Scopo della presente Nola è di prendere in esame sotto questo 
pporto il periodo sismico cominciato il 23 febbraio 1887 con il 
ande terremoto ligure, secondo il catalogo delle repliche pubblicato 
il pregevole lavoro monogratico dei proff. TaiamelU e Mercalli('), 
quindi, ricavati i risultati, con una discussione spassionata esporre 
cune considerazioni di indole generale circa la influenza lunare 



Le scosse studiate sono 457 e comprendono oltre alle vere 
pliche del terremoto del 23 febbraio, anche quelle che furono 
Dsìbili in punti estemi all'area mesosìsmica delle tre grandi scosse, 
entre passarono inosservate in quest'ultima e ciò perchè le ritengo 
pendenti, se non direttamente, almeno in modo indiretto, da 
l'unica causa. 



(') Taramellì e Mercallj, Il terremoto ligure del S3 febbraio 1887. In 
Viin&li dell'Ufficio Centrale meteor. e geod. ìlalianon. Voi. Vm, parte IV. 



>dbyGoogIe 



DELLA INFLIZNZA LUNARE sul TERREMOTI 441 

Queste 457 scoBse sono così distribuite: 

1887, febbraio n. 101; mano, 137; aprile, 85; ma^o, 19; giu- 
gno, 14; luglio, 31; agosto, 9; settembre, 3; ottobre, 24; 
novembre, 11; dicembre, 12. 

1888, gennaio, 5; febbraio, G. 



ir. 



Disposte le scosse secondo le ore Innari in cui ebbero luogo 
ed arrotondate le ore in modo da attribuire a ciascuna il numero 
di scoese verificatosi da mesz'ora prima a mezz'ora dopo, si ottiene 
il seguente quadro, in cui l'ora rappresenta il passaggio al me- 
ridiano superiore e l'ora 12 l'inferiore. 



Numero 


delle ecoase 




Nomerò 


delle .eo.ee 


OB»en»to 


perequato 


Ore 


osGerrato 


perequai 


16 


17 


12 


13 


17 


20 


19 


13 


21 


17 


21 


20 


14 


17 


17 


20 


21 


15 


15 


16 


22 


23 


16 


18 


10 


27 


25 


• 17 


12 


16 


30 


26 


18 


20 


17 


16 


23 


19 


15 


16 


24 


23 


20 


17 


17 


25 


22 


21 


17 


17 


22 


21 


22 


20 


17 


18 


19 


23 


13 


16 



La perequazione è stata ottenuta mediante la formula: 

_ a + 2b~hSff-i-2d-f-e 



in cai con a, b, e, d, e A indicano cinque dati consecutivi, di cui 
il eentrale e è contemporaneo a P. 



>dbyGoogIe 



442 

Oìà in questo modo ai scorge nns decisa preralenza dì ecosse 
intorno a 6 ore (cioè al tramonto della luna) ed un minimum in- 
torno al lerare della luna. 

Ma se ai sottopone la serie al calcolo mediante la formola 
Besseliana per i fenomeni periodici a quattro termini, si ottiene: 



NA = 19.H-4.0 Ben A — 0.1 cosA 

— 0.2 ses 2A — 1.6 eoa 2A 

— 0.3 sen SA — 0.5 cos 3A 

— 0.1 sen 4A — 0.6 cos 4A 

0T« NA rappresenta il nomerò di scosse appartaiente ad una data 
ora A espressa in gradi (òoi, 1* = 15°). 

La medesima tradotta in valori angolari mediante le tan- 
genti, dH: 

NA=19.1 + 4.0 sen (358* 42' H- h) 
-M.7 sen (263»22' + 2A) 
+ 0.6 sen {241'' ll'-f-3A) 
H- 0.6 sen (263° ^ H- 4A) 

Non attribuendo importanza al terzo e quarto termine per la 
loro piccolezza, si vede chiaramente che il primo delinea a grandi 
tratti l'indole della curva col suo massimo al tramonto ed il mi- 
nimo al sorgere della luna. Più esattamente il valore ai^olaie di 
358*42' darebbe il massimo a 6" 5" ed il minimo a IS*" 5". 

n secondo termine ha i suoi minimi presso i passaggi al me- 
ridiano e piti esattamente ad ore 0.13' e 12'' 13'. 

La curva poi sviluppata con la formola a 4 termini dà: 



>dbyGoogIe 





DELL* INKLCBNEA 


LDHAM SUI 


TERREMOTI 


Or. 


N 


0-N 


P-N 





16.3 


— 0.8 


-1-0.7 


1 


17.6 


-1-2.5 


-(-1.5 


2 


19.9 


-1-1.1 


-t-0.1 


3 


22.4 


— 2.4 


— 1.4 


4 


24.1 


— 2.1 


— 1.1 


5 


24.7 


-1-2.3 


-1-0.8 


« 


24.4 


+ 5.6 


-t-0.6 


7 


23.9 


— 7.9 


— 0.9 


8 


28.3 


-1-0.7 


— 0.3 


9 


22.2 


-1-2.8 


— 0.2 


IO 


20.7 


-I-I.8 


-1-0.8 


11 


18.9 


— 0.9 


-J-0.1 


12 


17.5 


— 4.6 


— 0.5 


13 


16.9 


-1-4.1 


H-0.1 


14 


16.7 


-1-0.3 


-HO.S 


15 


16.6 


— 1.6 


— 0.6 


16 


16.1 


-t-1.0 


— 0.1 


17 


16.7 


— S.7 


-1-0.3 


18 


16.8 


-1-4.2 


-1-1.2 


19 


16.5 


— 1.6 


— 0.6 


20 


17.3 


— 0.3 


-0-3 


21 


17.6 


— 0.6 


— 0.6 


22 


17.1 


-1-2.9 


— 0.1 


23 


16.S 


— 8.3 


— 0.3 



ove gli errori residni rìapetto alla cuira perequata riescono di grsn 
loDga infuiori al eoefOcìente del ptimo termÌDe e pare rispetto ai 
dati eriginalì ri contengono entro limiti soddìs&centi. 

Ora merita porre bene in evidenza la realtà dei risaltati. 

Si potrft obbiettare ohe la ooincidenia dei miDÌmi del secondo 
termine oos i passaggi al meridiano, sarebbe in coutnddisione con 
i risaltata ottenati da altra serie di terremoti, ma ciò non basta 
a negare l'influenza sospettata, pMcbò abbiamo altri fenomeni in 
natura, come pw esempio, qaello della marea, i cui massimi non 
si prodncoDO dovunque alla stessa ora, anzi si preaentaho ad ore 
syari&tisBime, ma costanti per un detennmato luogo. 

Lo stato odienio della scienza non permette di negare un 



>dbyGoogIe 



m U. BARATTA 

effetto solamente perchè non dappertutto sì presenta nella etessa 
forma. 

Prendendo peraltro ad esaminare il primo termine, vi si ri- 
scontra un carattere piii decìso, e, ciò cbe piii importa, somigliante, 
anzi quasi identico a risultati ottenuti su altra serie di fenomeni 
affatto indipendente a questa della Liguria. 

Il carattere del primo termine si concreta nel fatto che Ìl 
numero delle scosse nelle 12 ore susseguenti alla culminazione su- 
periore ed includenti il tramonto, è maggiore di quello che avviene 
nelle altre 12, includenti il aorgere della luna. 

Qnesta circostanza accentnatissima si rivelò al prof. Grablovitz 
nel periodo di Corleone nel 1876 (') ove, in 409 scosse, la pre- 
valenza notata nelle prime 12 ore sulle seconde, si osserva dal 
quadro acuente: 

01234 5 6 7 89 10 11 

0+7+5-h3-h6+12H-17-t-17+13+9^-6 -+-7 

Cosi pure Io stesso autore in un'analisi che fece su tutti i 
terremoti avvertiti in Italia nel sessenìo 1873-1878(^) dimostrò la 
realtà della stessa le^e, che riesce evidente dal seguente quadro: 

Or. luuri. 123496789 10 11 

■^i" ^,5;^^'™ 149 151 159 156 141 154 148 160 162 168 155 147 

^^ Uf^Z"™''*8 139 118 127 122 141 122 145 181 1»4 142 140 

8-1 -1-6 -1-12-1-41 -.-29 -1-19 -.-13 -i-26 -i-I5 -i-31 -i-34-i-13 —7 

ove tutte le differenze sono positive, cioè in Cavore della mezza gior- 
nata Innare cbe include il tramonto : dalla discussione dettagliata 
che ne fa l'autore emerge chiaramente che i risultati paniali ad 
annate e periodi staccati confermano il risultato complessivo e 
questo acquista tanto maggiore importanza, in quantochè le sud- 
dette differenze sono tratte direttamente dai dati originali aenza 
alcuna correzione o perequazione. 

(1) G. Grablovitz, Della attraiione luniiolare in relazione con i feno- 
meni mareo-titniei. Milano 1877, 

(*} Bollettino mensuole dell'Anoeiuione meteorologica ital. Anno 1884. 



„Google 



KKLLk IKFLUBNU LDMARE SUI TBRRBMOTI 4-IS 

La Ht«B8 legge ai appalesò al detto autore pure nei terremoti 
di Z^abriaO- 



ni. 



Il pro£ Serpieri (^) quantunque asclnda la diretta influenza 
della attrazione lunisolare dice : ■ e poiché per tanti fatti è tanto 
costante e chiaramente rìrelato che le acque marine visitano in 
grande abbondanza gli interni focolari, e vi apportano il più gran 
numero di elementi che caratterizzano i Tarìi periodi di attiviti 
di un Tulcano, non sari del tutto spregevole il sospetto ohe a me 
venne di una influenza delle maree oceaniche sullo stesso fuoco 
sotterraneo potendosi per esso con certo periodo riempio fooilitare 
le comunicazioni dell'acqua eoo le interne ardenti fornaci ■ . 

£d in favore di tale sua ipotesi ^li (S) sita un fotto riferito dal 
Daabrée (*) che nei pozzi fatti per lo studio preparatorio del tunnel 
soUomariDO fra la Francia e ringhilt«na sotto il canale della 
Manica, sì scorgono nettamente delle oscillazioni nel livello delle 
acque perfettamente concordanti con la varia altezza delle acque 
prodotta nel canale dalla marea oceanica. 

Un fenomeno identico accsdde nelle miniere carbonifere di 
Dqx in Boemia che nel giorno 10 febbraio 1879 furono qnasi total- 
mente allagate; il direttore di esse si accorse che le acque ivi i^e- 
sentavano delle oscillazioni di livello che non erano né piik nò meno 
che il movimanto di flusso e di riflusso dipendente dalla attrasione 
loaieolare, il che venne poscia confermato dalle osservazirai ma- 
reogiaficfae ivi istìtoite e pabblieate poscia dalla I. O. Accademia 
delle Scienze di Vienna. 



(>) G. Gnbloriti, U terremoto di Zagabria, eawe pretunte ed effetti 
ouervati in rìvieta ■ Mente e Cuore" Voi. VOI, fase. 2. Trieste 1881. 

(») Serpieri A., Il terremoto di Simini della notte 17-18 marta 187S 
in •• Seritti di Siamolof^as. Tol. Il, pag. 17. 

(^ Serpieri A., DeU'influenta luitieolare mi terremoti in a Bend. Ist 
Lombtvdo » ; 3 agosto 1832. 

(*) Comptes rendns, 26 jnin 1882. 



>dbyG00gIe 



446 M. BAEATT*. 

Il prof. GrabloTÌtz(') stadio il fenomeno e, dopo areme di- 
scasso matematicamente gli effetti, con ogai r^ione riferisce che 
bisogna » escludere a priori l'ipotesi che il fenomeno avrenga per 
propagazione sotterranea dell'onda-marea dell'Oceano, imperciocché 
nei finmi più ampli essa non si prop:^ ne a tale distanza, né a 
tale altezza (m. 20O) : di pili, le oscillazioDÌ delle acque di Duz obbe- 
discono prontamente all'attuazione lunisolare, essendo massime alle 
s^zìe e minime alle quadrature, senza ritardo; che non possono 
assolotamente riguardarsi eicoome la propagazione di un'onda pro- 
veniente da lontano • mentre nello stesso Adriatico si ha un ritardo 
di 9 ore, di 20 nel Mediterraneo, e sulle coste dell'Atlantico dì 86 ore 
iinlle posizioni della luna. 

Qnesto fenomeno trova nna l(^ca interpretazione con le idee 
già svolte in altre opere (^) dal prof. Orabloritz sull'dasticità del 
globo teri-aqueo : l'attraziose lunisolare deve tendere ad allungarlo 
nella direzione dell'asse che congiunge il centro del sole e della lima 
con quello della terra e ciò senza ritardo alcuno come avviene per 
la parte liquida, che deve vincere la propria inerzia per concorrere 
verso il luogo di m^giore attrazione. 



IV. 

Premesse queste considerazioni d'indole generale, credo neces- 
sario il passare a qualche cosa di più particolar^giato. 

Prima di tutto i più accreditati geologi moderni hanno abban- 
donato affatto l'ipotesi che il nostro globo sia una massa liquida 
all'interno, circondata da una sottile crosta od invoglio, e quindi 
si deve escludere assolutamente an effetto diretto dell'attrazùwe 
lunisolare sull'Oceano infuocato: rìgnardo all'azione indiretta am- 
messa dal Serpieri (III), essa non riesce a giustificare i risnltati 
esposti a proposito del perìodo sismico della Lìgurìa precedentemente 



(■) G. QrabloTÌti, Sai fenottuno di marea oturvato lulU mi»itn car- 
bonifere di Dux ÌD uBolL Soc. Adriatica di Scienie nat n Voi. VI, (bk. 1. 
Trieste 1660. 

[*, G. GrabloTitz, Nuova teoria tismica delle mare». Trieste 1876; Del- 

Vattrasione lunisolare ecc. Milano 1877. 



>dbyGoogIe 



DELLA I^FLUB^ZA LUKARE SUI TERHEMOTt -147 

coBsideiabi, giacché il fenomeso della marea presenta due massimi 
quotidiani, mentre la l^j^e enunciata presenta inrece qq massimo 
contrapposto ad nn minimo. 

I corpi solidi su grandi estensioni si comportano come i liqaidi, 
appQnto come tali, su piccole porzioni si comportano le sostanze 
colloidi: le stesse l^gì di propagazione delle scosse e certi fenomeni 
osservati dorante i terremoti stessi, del tutto simili a qnelli che 
avveleno nelle onde del mare, ne sono la piti ampia conferma. 

La crosta del nostro globo ò, entro certi limiti, elastica e quindi 
deformabile dalle azioni attrattive lunisolari ed appunto sotto questo 
aspetto io credo debbano considerarsi le inflaenze in discorso. 

Io non voglio con ciò sostenere che codesta azione sia la vera 
causa efficiente dei terremoti: il terremoto, come già scrissi (') se- 
condo il mio modo di vedere, > non dipende da un'unica causa, e 
quindi esso non è un fenomeno puramente dovuto all'azione di vapori 
ad alta tensione, al movimento di strati che cercano la loro natone 
d'equilibrio, all'azione lunisolare, all'effetto d'aumento o di dimi- 
nuzione della pressiODe atmosferica ecc., ma beusl, mi pare, che 
lo scuotimento della costa terrestre sia causato da un complesso di 
azioni meccaniche, termiche, idropneumatiche ecc., tutte inerenti 
alla costa terrestre, fra cui però ve ne sarà una predominante, 
giacché nei diversi casi, nei diversi luogi e nei diversi tempi, è 
evidente che potrà variare la natura e la ragione del suo primo 
costìtnirsi *. 

Adunque l'attrazione lunisolare può essere la causa oceasio- 
mie, paragonabile in certo qnal modo alla forza che produce la 
caduta di una palla ferma alla sommità di un piano inclinato. Ed 
appunto cosi deve agire detta attrazione nei terremoti dall'H^Smes 
chiamati tectonici e da me terremoti di assetlamento (^) ; in quelli 
dai geologi chiamati vulcanici e da me di dinamismo e nelle eru- 
zioni stesse, non è ovvio l'ammettere che tale attrazione i^isca 
sui nappi di materie fuse contenute nei focolari vulcanici che — 
come ho in altra occasione detto {*) — sono relativamente di pic- 

(') M. Bantu, Contribuzione alla teoria dei terremoti in «Boll. Soc. 
geologica ilnliana*. Voi. IX, fase. 2. Boma 1890; Bonto in f Rassegna delle 
Sciaiufl geologiche in Italia". Voi. I, pag. 82. Roma 1891. 

(>) Baratta H., Le teorie dei terremoti psg. 20. Milano 1891. 

(*) Op. cit pag. 1 e 2. 



>dbyG00gIe 



tS H. SARAT-TA. DELLA INFLUENZA LUNARI BUI TERREMOTI 

)le dimensìoiii, prodnceado una specie di marea interna, ma bensì 
nprima ai bacini delle oscillazioni che debbano in certo noodo ed 
1 casi speciali facilitare l'esplosione, l'uscita dei gaz e dei va- 
ori ecc. 

Prima dì chindere questa Nota mi sento in dovere di ringrar 
iaie il chiarissimo prof. G. Grabloritz, direttore deU'OsBeiTattffio 
eodinamico di Casamicciola (Ischia) sotto la cui direzione e con 
cui contìnuo aiuto ho compito questo lavoro, ohe da me solo al 
ffto non sarei riuscito a terminare. 

Ischia, B. Osserratorio Geodinamico, settembre 1891. 

Dott. Mabio Baratta, 



>dbyGoogIe 



I VULCANI SPENTI 
DELL'APENNINO SETTENTRIONALE 



I terreni rnlcanìci che io acoennerfr appartengono all'Apen- 
nino aettentrionale e sono nello stesso tempo i più settenfarionali 
dell'ampia serie di vuloani recenti la quale ai estende per tutta la 
penisola. Essi si troraao tatti nel versante occidentale dell' Apen- 
nino, Terso l'Adriatico, nella Toscana ed in quella parte del Lieìo 
che può chiamarsi propriamente, col Ponzi, Toscia romana. La di- 
stinzione dell' Apennino settentrionale dal centrale, che è molto lo- 
gica e naturale pell'ori^rafia e per tutta la serie dei terreni sedi- 
mentari, non lo è altrettanto pei terreni Tolcanici, i qoali s^piooo 
senza interruzione verso il mezzogiorno; ma i Tulcani pì£i meridio- 
nali sono tuttora, nell'insieme, meno conosciuti di quelli settentrio- 
nali, per la qual cosa ooo studio comprensivo di tutti, molto impor- 
tante sotto parecchi rapporti, racchiuderebbe tuttavia molti piti ele- 
menti incerti e sconosciuti che non quello solo dei vulcani, del- 
l'Apennìno settentrionale. Lo studio di questi è passato o passerà 
per tre stadi diversi ; nel primo, mercè le osservazioni del Savi, del 
Pareto, del Brocchi, del Breislak, del Verri, e di tanti altri, fìi co- 
nosciuta la distribuzione e la struttura generale delle masse : nel 
secondo stadio, recentissimo, pegli studi del vom Bath, del Boaen- 
busch, del D'Achiardi, del Williams, del Mercalli, del Bucca, del- 
Matteucci ecc. furono conosciute la litologia e l'intima natura delle 
rocce vulcaniche in modo ohe di poche altre r^oni si potrebbe dire 
altrettanto. Sono appunto le conosceaze di questo secondo stadio che 
io intendo riassumere e collegare con quelle del primo. Una terza 
tappa nel conoscimento de' nostri vulcani si avrà quando con studi 
molto piil minuti si sarà analizzata l'intima costruzione dei vari 
vulcani estinti. Da tale analisi si ricaveranno importantissime no- 
tizie intorno all'intricata scienza dei vulcani, ed intomo agli oscuri 



>dbyGoogIe 



so e. DE STRFAM 

ìnomeni che si verificano cootinnamente nell'interno della tena. 
lon siffatti stadi la geolt^a potrà fioalmente restitnìre all'astro- 
omia, alla fisica, alla chimica quei servigi importaotiBsimi che 
aeste scienze già le hanno dato. Un bnono studio del vulcani di 
lolsena, di Bracciano, di Vico, ecc. potrà esaere sotto molti aspetti 
iù utile che lo studio del Vesuvio, dell'Etna e di qualunque 
ulcano attivo. 

I focolari vulcanici da me esaminati e certamente distinti fra 
)ro sono quelli di Orciatico-Montecatìiii, Monte Amiata, Badico- 
ini, Campiglia, Boccastrada, Bolsena, Tolfa, CeiTeteri. A ciascuno 
ei detti vulcani rispondono rocce diverse, che accenneri), comin- 
iando da quelle più settentrionali, seguendo le denominazioni usate 
el classico trattato del Bosenbiisch; però, pel più esatto compren- 
imento delle rocce, non ho mancato dì indicare i nomi da ado- 
erarsi per parte di chi seguisse invece le proposte di Michel Lévy 
Fouqué illustri maestri della scaola francese. Per le cognizioni 
el modo di giacimento delle rocce eruttive mi sembra preferibile 
ì scuola fì-aneese, mentre pelle stadio positivo della struttura delle 
Mwe il lavoro del Rosenbnsch mi sembra quanto di meglio può 
are og^ la litologia. 



VULCANO DI MONTECATISIORCIATH» 

'RACHITE normale del tipo di DrACHENFELS sec. BOSENBDSCH : 

Trachite sec. Fouqué e Michel Lèvy. 



Bibliografia. 

techi E., Analiti chimica della Selagite di Montecatini in Val di Cecina 
(Boll, del ComiUto geologico 1870, p. 64). 

Ispellini G., Carta geologica dei monti di Livorno e di CoitiUina marit- 
tima e di »na parte del Volterrano. 1881. 

1., Sulle rocce vulcaniche di Montecatini e Orciatico nella provincia di 
Piea (Rendic. R. Accadetnia dei Lincei IO e 12 giugno 1865, p. 443 e 
21 giugno 1885). 

imstehiiff (von) K., l/eber secundàre Gateintchl&tte in der Oemengthiilen 
geìchnitteten Gesleine (Tschennak, Min. nnd petr. Mitth. 1881, p. 495). 

lOtti B., Pirite e calcopirite nella Trackite di Montecatini Val di Cecina 
(Boll. Com. geol. 1885, p. 254). 



>dbyG00gIe 



I VULCANI SPENTI dell'apbnnino settkntbionale 451 

Lotti B., Plioeme alterato dalla trachite di Montecatini Val di Cecina e 

tfOrciatico in provincia di Pisa (Boll. Com. geol. 1885, p. 254). 
Rath. Tom G., Sin Beauch der Rupfergruòe Montecatini in Toscana und 

einiger Punkle ikrer Umgebung (Zeitschrift d. dentschen geol. Gesell* 

BChaft 1865, p. 290, 291). 
Ristori G., I dintorni d'Orciotico in Provincia di Pita (Proceui rerbkli 

della Società tosCMia di Ecienie naturali 13 nurzo 1867). 
ItoeeDbasch G., Glimmertrachyt mn M. Catini in Toskana {Nenes Jfthrbnclt 

far Min. Geol. nnd Pai. H, 1880). 
Id-, Mikroskopisehe Pht/siographie der mamgen Gesteine Bd. Il, Stntt- 

gart 1887, p. 593, 597. 
Savi P,, Stii terreni itratificati dipendenti o aniteiii alle masse serpentinose 

della Toscana (Nuovo Giornale dei Letterati 1837, p. 39). 
Id., Saggio sulla costitusione geologica itila prooinaia di Pisa. Pisa 1863. 
Stefani (De) C, Sulla cronologia dei vulcani della Toscana (Procesei verbali 

della Sncietà tose, di se. nat. Pisa, 5 maggio 1878). 
li, Quadro comprensivo dti terreni che costituiscono l'Apennino settentrio- 
nale (Atti della Società t«sc. di se. nat, voi. V, I68I). 
Id-, Appunti sopra rocce vulcaniche della Toscana studiate dal Resenbusch 

(Boll. Com. geoL 1888). 



Descrizione. 

Il grappo vulcanico più settentrioDale è coatìtaito dai due 
lembi di Orciatìco e di Montecatini in Tal di Cecina, presso allo 
spartiacque fra la Cecina e VBra (')■ H primo lembo forma il colle 
dell' AnDUQziata subito a lerante di Orciatico, nella valle del Ra- 
gone fluente all'Era, e sale a circa 300 m. : il secondo, tutto nel 
versante della Cecina, forma il colle sul quale è Montecatini (414). 
Il torrente Ragone con qnalche affluente molto secondario separa un 
lembo dall'altro, per distanza di poco più che 4 chilometri e mezzo: 
altare intermedie maggiori non ve ne sono. 

La roccia chiamata Selagite dal Savi, Trachite oligoelasica 
dal Bath, analizzata dal Bechi, da me ritenuta una ^/if^estVe^m- 
dotifera, fu studiata dal Bosenbusch (}) e dietro lo studio di esso 
chiamata Montecatinite dal Capellini. Essa è una Trachite noV' 
male del tipo di Draehenfels caratterizzato mineralogicamente da ciò 

(■) Capellini, Carta geoL 

(*) H. Eoeenbasch, Glimmertrachyt von M. Catini. Mikr. Pbjsiog. 
p. 593, 597. — G. Capollini, Sulle roccie vule. di Montecatini. — Carta geol. 
M. Livorn. 



DigmzcdbyGoOgle 



452 e UK BTEPAHI 

che colla sanidina e coU'oligoclasio domina come fonnazione intra- 
tellnrica la biotite, e di rado l'omeblenda, mentre l'angite si 
formò solo nel periodo dell' effusione : il tenore d^li ossidi di ferro 
e de' silicati ferrosi nelle inclnsioni e nella massa fondamentale è 
molto piccolo. Qaest'nltiraa è nu insieme di microliti feldspatici, 
per lo più senza plagioclasio, privo od assai povero di vetrL Però 
la grande insolita ricchezza d'inclusioni di bioHte e d'aogite, mentre 
ì feldspati formano essenzialmente la massa fondameatale, d&nao 
alla trachite di Montecatini un carattere affatto speciale, comune 
con rocce ruloaniche de' periodi più antichi, quasi <di Lamprofiro e 
specialmente di Minetta, con cui partecipa pure per mancanza di 
tufi e facilità d'alterarsi e dÌTiderai in masse sferoidali. La tra- 
chite di Montecatini contiene dunque, secondo il Bosenbusch, gra- 
nali di quarzo, e biotite della varietà merosseno, bruna, abbondante, 
con molte inclusioni gaaose e liquide, eparsi in una massa fonda- 
mentale omogenea, finissima. Questa contiene limpidi cristallini 
dì sanidina, oligoclaaio, augite verde-grigiastra quasi incolora, rari 
granuli d'olivina, rara materia vetrosa e qualche poco di nùnerale 
ferrifero. Come prodotti di scomposizione vi si trovano quarzo, cal- 
cite, clorìte e serpontino, e pseudomorfosl di olivina in pilite. 
Le inclusioni di quarzo raggiungono dimensioni fin di 20 oeutim. 
e ricordano quelle che si trovano nelle lave dellAlvemia, deU'Eifel. 
del Eammerbufal, di Tiansilrania, del Lago di Laach e di tanti 
altri luoghi. Il De Kmstchoff che le esaminò vi trovò inclasioni 
vetrose e gasose, grani di apatite e un poco di tridimite ('). Vi sono 
pure mosche e masserelle dì pirite e calcopirite (^) e nuclei com- 
posti quasi solo di mica, talora convertita in clorite. Questa tra- 
chite, pella ricchezza in mica, somiglia, secondo il Rath (1. c.)> a 
certe iaclusioni del tufo dì Laach. Ha una tal quale apparenu di 
stratificazione con banchi leggermente pendenti a sud-sud-ovest e 
varie fessure normali; dove fu più esposta alle intemperie è con- 
formata a sferoidi irregolari con zone concentriche. La scavano 
per gli stessi usi edilizi dell'arenaria. 

La roccia d'Orciatico presenta i medesimi caratteri (^): ma 

{') K. T. KroBtchoff, Ueber tee. Gaseinaek. 

{*) Bechi, I. e. ; Lotti. Pirite e Calcop. 

(?) Capellini 1. e. — Lotti, i/tA. cup. Jfoniecatini, p. 393. — Bistort. 

/ ditit. d'Orciatico. 



>dbyGoogIe 



I Tui£AM SPENTI dxll'apenniho skttkntkionjlle 453 

insieme si troTano dei banchi con strattnn microfelsìtica, uni- 
forme, più compatta, che dal Capellini e dal Lotti furono presi 
per roccia differente più TÌcina ai basalti. Le masse più alte a 
più snperficiali, come riconobbe il Ristori, sono alquanto bollose e 
perfino quasi pomicee. È evidente che la trachite scorsa all'aperto 
in pochi e brevi perìodi e che probabilmente nna o più colate riu- 
nivano la massa dì Orciatìco a quella di Montecatini. Quanto .alla 
sitnazione stratigrafica dei due lembi, quello dì Montecatini rìcopre 
le argille grasifere del miocene superiore verso Campo Romano ('), 
altrove i terreni eocenici, e verso la Ligia il miocene medio; a 
levante viene probabilmente a contatto anche con teirenì plio- 
cenici ma pel grande cumulo di massi che coprono il suolo non 
si possono esaminare i rapporti. Secondo il Rejer e il Lotti gli . 
schisti eocenici a contatto, per 10 o 12 m., acquistarono struttura 
sferolitica, con aferole delle dimensioni d'un grano di miglio a 
qneUa di una nocciola ; queste nei calcari hanno nucleo piritoso. 

n lembo di Orciatico ricopre le argille plioceniche di mare 
profondo, che il Savi riteneva mioceniche; anzi, secondo il Savi 
e il Lotti (^), le avrebbe alquanto alterate colVindurirle e col dar 
loro struttura sferolitica, la qual cosa però anderebbe di nuovo 
osservata. Le osservazioni fatte ad Orciatico hanno esclnso il dubbio 
in cui prima sì' era sull'età di quella trachite, ed è chiaro chq 
l'erazione ebbe luogo dopo il Pliocene e dopo che il sollevamento 
aveva già messo all'asciutto que' 1u<^IlÌ, sebbene in età non tanto 
recente, giacché la denudazione ha potato tanto ridurre e limi- 
tare la roccia. 

VUIiCANO DI CAMPIGLIA 

NbVADITE (RoSENBUSCH) CORDIERITICA-AUQITICA ; 

Rhyolite (FoDQué E Michel Lévt). 

Bibliografia. 
Achurdi (D') A., SuUa Coriierite nel granito normale deltElia e mlU 
eorreluMtOHx delle rocce granitiche colle trackiti (Atti d. Soc. tose, dì 
«e. DAt n, 1876). 



{'} Lotti, 3fin. Clip. Montecatini, 392. 
(') Lotti, Plioc. alt. dalla trach. 



>dbyGoogIe 



4S4 e. US stEfjlhi 

AfhiaTdi (D") A-, Della trachite a dslporfido quariiferi di Donoratico (Atti 

soc. iosc. BC. nat. VII, 1884). 
Borat A., Thiorie dei gitei mitatlifère» • Geologie appliquée, Paris 1846. 
Cocchi J., Description dei roche» ignèei et tédimentairei de la Totcane 

dan» leur tucceetion géologiqué (Ball, boc. géol. de Prance s. fi*. 

t. Xni, 18561. 
€oqaand H., Deseription dei tolfatare», dei alutniir»» et det lagoni de la 

Toscane (Bnll. soc. géol. de France a. 2', t. VI. p. 103, 141 etc. 1848). 
Dalmer E., Die Quarttrachyte von Campiglia und deren Beiiehvngen tv 

granitporpkyrartigen vnd granititcken Getìeinen (N. Jahrbnch fOr 

Min. Geol. und Pai. Jahrg. 1887, Band, TI, p, 206), 
Lotti B., Correlatione di giacitura fra il por/ido quarzifero e la trachite 

quareifera net dintorni di Campiglia (Atti Soc. tose, scnat. Voi. VII, 1884). 
Id., Coneideroiioni tulla età e tìtlla origine dei graiiti toscani (BolL Com. 

geol. 1884). 
Id., Dncritione geologica dell'Isola d'Elia. (Meni. d. Carta ^ol. d'It&lia 1886). 
Id., Le Rocce eruttive feldspaticke dei dintorni di Campiglia Marittima 

(Ball, del R. Com. geologico 1887). 
OmaUos d'Hallois, Pareto, Pilla, Coqn&Qd, Atti della qvinta riunione degli 

teeneiati italiani in Lucca ; (Processi Terbalt della seiione di geologia 

e mineralogia e geografia p. 278, nota, ecc. Lncc» 1843). 
Pogpo (Di) E., Studi di micropetrografia, Epidosile e porfido augitìeo di 

Campiglia (Proc. Terb. soc, tose. V, p. 4, 1885). 
Rath (yom) G., Quarifitkrender Trachit von Campiglia marittima (Frag- 

mente ans Italien. Zeitach. d. dent. gwl- QeaeUMh. p. 6S9, 1866). 
Id., Die Berge von Campiglio in der totkanitchen Mifremme (Zeitach. d. 

deut. geol. Ges. p. 307, 1868). 
Id., / monti di Campiglia nella Maremma totcana ; versione dal tedesco 

con noie del dott. B. Lotti (Boll. Com. geol. voi. vm, 1877). 
Ricciardi L., Sulle rocce ertUtive tubaeree e sottomarine e loro clauifica- 

eione in due' periodi, Reggio 1887, p. 15. 
RosenbaBch, Mik. Physiog. 1887, p. 534, 535, 540, 541. 
8aTÌ P., Atti della teria riunione degli scienziati italiani in Firense. (Pro- 
cessi verbali dei componenti la seiione di Geologia, Mineralogia e Geo- 
grafia. Firenze 1841). 
Id., Saggio sulla coti. geol. 1863. 
Stefani ^e) C, Quadro camp. 1S81. 
Id., Appvnti sopra rocc. vulc. 1888. 
Talloni Tozzetti 0., Relaeiòne di alcuni viaggi fatti in diverse parti delia 

Toscana. Firenze 1768-79, T. IV. 
Togelaang H., Philosophie der Geologie und mikrotcopisehe Gesteinetudien. 

Bono 1867. 



>dbyGoogIe 



SPCNTI DKLLAPKNMNO SrTTBNTRIONA LI 



Descrizione. 

Lungo il mare e fino a livello di questo, nelle collinette sopra 
S. Vincenzo, tra il poggio di Castagneto e quello di Campiglìa, 
a levante di questo paese, comparisce la Liparite o Traehite quar- 
lifera della quale si è occupato infinito numero di autori, dal 
Targioni in poL 

Stando al Bosenbuscfa, cbe ne illustrò esemplari mandatali 
anche da ne, la detta Liparite appartiene al tipo non comune della 
Hevadite^ distìnta dalle altre Lipariti per una più avanzata cri- 
stallizzazione intratellurica. In questo tipo stanno piil o meno fitte 
le inclusioni, fra le quali è abbondante anche la più recente, il 
qaano. Biassorbimenti periferici delle stesse le trasformano spesso 
in grani rotondi. La massa fondamentale, in quantità costante- 
piente subordinata è ora olocristallina-porfirica, od ipocrìstallina o 
di rado microfelsitica {felsonevadile), prevalentemente, ovvero para- 
mente vetrosa, nel qual caso il Bosenbusch appella la roccia hyalo- 
neoadite come ò per io più appunto queUa di Campiglìa. Questa 
roccia rammenta molto i Keratofiri ed ì porfidi pinitici. 

Componenti coninni a quasi tutta la roccia di Campiglìa sono 
cristalli di sanidino. granuli per lo più arrotondati di quarzo, 
eordìerìte, contenenti tutti e tre inclusioni vetrose, non liquide, 
lamelle di biotite, plagioclasìo abbondante specialmente nelle ra- 
zietft meno vetrose, sovente una scapolite (che secondo il Vogelsang 
sarebbe meionite), apatite, zircone, talvolta grossi cristalli d'augite 
(Dalmer). La cordierite comparisce in granuli a superficie irre- 
golare ed in cristalli ben definiti ed è per lo più alterata in pi- 
nìte; essa contiene aciculi di sillimanite. Osano e Wolf sono di- 
aposti a credere che vi si trovi sotto forma d'inclusioni estranee, 
la qnal cosa, se par giusta pei granuli più o meno grandi, non ci 
sembra ammissibile pei cristalli. Questi, tanto a Campiglìa, quanto 
nella nevadite di Boccastrada che or ora vedremo, specialmente 
snlla cima del Colle di Boccateder^hi, sono spesso tanto più grossi 
« distinti, quanto più grandi sono i cristalli de' feldspati e di tutti 
gli altri componenti, cioè quanto mI^giori fturono la quiete e la 
lentezza con cui avvenne la cristallÌEzazione; si palesano perciò 
dovati ad una secrezione. Colla stessa forma d' inclusioni e di 



>dbyGoogIe 



4M e. UE STEFANI 

secrezioni trovasi la cordierìte nell'Andesite dell'HoTazo nella pro- 
vincia d'Àlmeria in Spagna ('); come inclusione la si trovò in 
alcune altre rocce vnlcamclie, nell'Andesite di S. Audrae snl Da- 
nubio, al Lago di Laach, ecc. 

L'augite abbonda secondo l'Achiardì in zone quasi nere alter- 
nanti nella massa e si presenta in certe ìdcIusìodì con mica e 
quarzo in cristalli piramidali. 

La detta angite è spesso verde e con inclnsioni vetrose (Bo- 
senbuscb p. 583). Secondo il Rosenbnsoh, fra i componenti di prima 
generazione, insieme a biotite ed angite, comparisce pure la bron- 
zite (Id. 584) od enstatite, talora alterata in bastite (Id. 586). 
Essa si E^i^ega volentieri col plagìoclasio e colVaugite in masse 
intrecciate cui manca sempre il sanidino ad onta della sua ab- 
bondanza all'intorno. Accessoriamente comparisce pure l'ipersteoe 
(Id. 534) e secondo il Rath la magnetite. 

Nelle varietà attribuibili a kyalonevadite, la massa fónda, 
mentale, secondo il Dalmer, è vetrosa, incolora, talora debolmente 
bruna, con debole doppia re£razione negativa, con alcuni sferocrì- 
stalli positivi a struttura radiata, con poche s^regazioni triobi- 
ticbe granulari o mìcrolitìche : fra i mioroliti di seconda gene- 
razione nella massa vetrosa sono biotite e talora augìte e bron- 
zite (Boaenbuscli, p. 633, 584, 541). 

Snlla sinistra del Botro delle Bozze, a contatto cogli strati 
eocenici, dice il Lotti, la massa fondamentale della kyalonevadite 
è talora pumicea, o cambiata in retinite gialla o rossa : sulla sinistra 
del detto Botro è pure una resinite brecciforme. 

Nelle varietà attribnibili a fehonevadite il Dalmer riconobbe 
Dna massa fondamentale ìucolora o bruna unirefrangente, mescolata 
sempre ad elementi micro o cripto-cristallini, cioè quarzo in dìe- 
saedrì gratti con inclusioni vetrose, non liquide, come nella va- 
rietà precedente, con frequenti intrusioni della massa fondamentale, 
sanidino, plagioclasio, biotite, apatite, zircone, pinite pseudomorfo 
della cordierite ; non Bcapolite nò au^te. Però una varietà rossa, 
al Podere di Bublareccia, nella rete di Usterelle feldspatiche con 
fiocchi d'idrossido di ferro che formano la massa fondamentale, mostnt 



(') 0«ann, Zeitichr. d. ieut. geol. Qes. 1888, Bd. XI,, 



>dbyGoogIe 



I TULCANI BIVMTI D»J.'aPRKMIìO SETTENTRIONl.LE 457 

anche l'aogite disaeminsta col quarzo, con sasidino in grossi eri- 
stalli porfirìcamente disposi, e con plagioolafiìo. 

Secondo il Lotti questa rarietà comparìsoe al P(^o alla 
Scala fra Castagneto e San Vincenzo, nel foodo delle ntlli più 
profonde come qnelle deU'Àcquacalda, delle Pile e delle Bozze e 
lungo il contatto con gli BChistt ginresi. 

Secondo lo stesso Lotti la felstmevadite, nei banchi inferiori 
e piti interni, è spesso porfiroide e fa dal Rath impropriamente 
rignsrdata in origine come na porfido quarzifero. 

Secondo nn' analisi del Batb, che mostra moltissima analogia 
eon l'analisi della Tracliite porfiroide dei filoni di cui diremo fi& 
poco, la nostra nevaditt avrebbe la segaente composizione: 

SiO, 70,64 

AltO, 14,11 

Fe,0, 2,86 

CaO 2.02 

MgO 0.72 

K.O 2,95 

Na,0 4.67 

Perdita al fuoco ....... 2.30 

100,27 

La tracMte rossa, beilmente alteoabìle, si conTsrte va sabbia. 
Talon le tracbiti sono alterate in caolino, come nel monte del- 
l'Àcquavira. 11 Lotti afferma che la kyalonevadite, o trachite a 
massa fondamentale vetrosa, costituisce la parte più alta e pjii 
superficiale: è finamente granulosa, massiccia, aononi e resistente, 
grigia; mentre la felsonevadite costituirebbe la parte più interna, 
e sarebbe per solito di color rosso mattone, più di rado grigio-chiara 
grossolanamente granulosa, e quasi sempre disposta in banchi dì- 
stinti, pressoché stratificata con sorprendente r^olaiità e con alter- 
nanza di ione di vano colore. Uolteplicì passaggi connetterebbero 
pwò la due varietà di trachite. A me sembra però che tali di- 
stinzioni non esistano si marcate. La disposizione apparetttissinta 
a banchi, alti da 5 a 15 decimetri, per lo più quasi orizzontali, 
si trova in tutti i luoghi dove la roccia è meno alterata, anche 
fooii dei tratti nei quali il Lotti, nella sua bella carta, indica 



>dbyGoogIe 



158 e. DB STErANi 

la felsoluvaditej e nella Tarìet& grigia come in quella rossastra, 
così ridotta quasi certamente per nna più avanzata alterazioDe 
dei silicati ferrìferi. 

Quella disposizione a banchi, comune a tutte le nostre rocce 
vulcaniche è un fenomeno guidale, cons^uente all' originale liqoì- 
dità della lava ; ogni banco ordinariamente designa una colata di- 
versa, e BÌ vedono spesso colate di varia struttura separate fra 
loro e staccate anche da banchi di materia frammentizia. Parti- 
colarmente lui^ le valli delle Bozze e delle Pilete e nelle col- 
line adiacenti dove la trachite ha la massima potenza si vedono 
distintissimi i banchi orizzontali o pendenti 5°, 10°, 20° fino SO^ 
ad est cioè verso monte, ma talora in senso contrario, e formanti 
apparenti sinclinali ed anticlinali, e masse limitate od estese, 
spesso curve, ravvolte ed accartocciate, come materia appunto che 
abbia scorso alla superfìcie. Nei tratti superficiali e più esposti 
all'atmosfera, ohe vedremo anche, secondo la mia opinione e dif- 
ferentemente dal Lotti, essere i piti distanti dal substrato delle 
rocce sedimentarie, ivi l'apparenza a banchi è spesso offuscata, 
non tanto però che in piti luoghi, salendo dal mare alht collina, 
non paia di traversare colossali gradinate. 

Il Lotti ha veduto talora nella trachite indoaiont de' calcari 
cretacei circostanti. 

Secondo il Vogelsang (1. e.) vi sarebbero pure veri conglo- 
merati vulcanici o tufi, contenenti grani e frammenti dei minerali 
ricordati avvolti in una massa vetrosa, e la sua opinione mi pare 
molto giustificata dall'aspetto esteriore frammentizio di parecchi 



Età delle eruzioni. 

Quanto all'età dell'eruzione il Lotti (ed io pur talora ne ac- 
cettai il parere) crede sia da porsi ■ tra il finire dell'eocene ed 
il miocene superiore >, perchè secondo lui si trovano strati eoce- 
nici chiusi nella trachite ed alterati da essa, e perchè questa avrebbe 
traversato e sollevato i terreni eocenici secondo lui sovrastanti. È 
però ad osservarsi che quei terreni creduti fin qui eocenici e 
costituiti da un insieme di arenarie compattissime, di galestri e 



>dbyGoogIe 



I VULCANI SPENTI DSLL'apKHNINO SSTTENTRrONALB 450 

di calcari ad helmnihoida ed a fiicoidi appartengono alla creta 
snperiore, perchè io tì ho scoperto presso i Pianali l' Idoeeramus 
Cripsii Uant., e perchè a Campìglia stanno sotto il calcare som- 
nmlitico. A chi accettasse il parere del Lotti c\h potrebbe iar 
arretrare d'assai l'età di queste trachitì, se non fosse che scen- 
dendo dal pog^o Menicosoli e dai Pianali verso il podere la Bn- 
faiareccia nella valle delle PUete, sopra la Greta, ma sempre nei 
terreni presunti sollevati dalla trachite, ho ritrovato un piccolis- 
simo lembo di calcare fossilifero del miocene medio sfi^gito 
alla denudazione che sopra amplissima scala deve aver avuto 
luogo in qnelle r^oni. L'età dell'eruzione verrebbe perciò ka- 
sportata ■ tra il finire del miocene superiore ed i tempi snoces- 
sivì >. Esaminando attentamente ì rapporti stratigrafici della ta- 
ciute -colle rocce sedimentarie nel Poggio delle Fontaccie, nel 
P(^ìo Castelluccio, ad est e nord-est dì San Yincenzo, nel Monte 
G-abbro, nel Poggio Menicosoli e verso Donoratico, sebbene con 
qualche difficoltà, si scorge che la roccia sedimentaria forma ve- 
ramente il Bottoanolo di quella vulcanica, ed in qualche punto 
dove la denudazione fa più attiva, come polla strada da S. Vin- 
cenzo ai Pianali, si vede la prima comparire in lembi isolati in 
mezzo e sotto la seconda, ed in certi punti, come ad est del Po- 
dere Serristori presso S. Vincenzo, parrebbe trovare nelle trachitì 
certe tracce d'una discesa a colata sulle rocce cretacee. Le pen- 
denze por d^li sirati cretacei, ordinariamente contorti nelle r^oni 
adiacenti al contatto, ancor quando questo sia mascherato da rigetti, 
accennano mai ad una sovrapposizione del cretaceo alla trachite. 
Scendendo poi da' Pianali alla Bufalareccia. a circa, 70 m. dal tor- 
rente, si scorge che la trachit« copre anche il calcare miocenico, 
quindi essa fa certo posteriore d'assai alla deposizione ed anche 
anche alla denudazione dì questo. La disposizione della trachite 
nostra che la sua eruzione fu molto posteriore alla denudazione 
anche di tutto il resto della regione. La trachite lascia scoperto 
nel mezzo ad essa il Poggio del Gabbro e i poggi circostanti, che 
formano come un altipiano isolato dì terreno cretaceo, svestito pro- 
babilmente della trachite per denudazioni recentissime ed at- 
tuali; ma intorno a quell'altipiano la trachite scende da una parte 
fino al mare coprendo quivi lembi cretacei altimetricamente 
assai basai, riempiendo a nord il Fosso dell'Acqua Calda, a sud 



DigmzcdbyGoOgle 



e DB STIEPU4I 



le T&lli delle Filete e delle Bozze, eenza che vi appaia trac- 
cia del sottosaolo cretaceo, il qnale poi rioomparisee a sod-^t, 
mentre ad est la tracbite poaa direttuuente sopra terreni liaasicì. 
È probabile che la valle delle Bozze risponda al centro principale 
dell' enizioDe trachitica, ad uno sprofondamento aTTeanto fra ter- 
reni cretacei e miocenici, o ad una vallata preesistente riaper- 
tasi poi nella trachite; ma certo l'eruzione che fìt Bubaerea coprì 
terreni già denudati. Le allurioDÌ litorali appartenenti al quater- 
nario recente dei dintorni di S. Vincenzo, insienie a ghiaie di rocce 
Cretacee e liassiche, contengono abbondanti ciottoli di trachite ; sono 
dnnqae posteriori a questa insieme con una gran parte delle con- 
temporanee panchine d'origine marina. Però, salendo polla strada 
da S. Vincenzo ai Pianali a circa 100 m. sul mare, in due tratti, 
sopra la Creta comparisce la Panchina con fossili marini indistinti, 
ma senza traccia di roccia vulcanica, affatto orizzontale, alta pochi 
decimetri; il Lotti la indicò già, benché con estensione un po' su- 
periore al vero, nella sua carta del 1884 (<). Or questa Panchina 
è sottoposta sicuramente a colossali massi sferoidali di trachite, i 
quali, se non si vegliano conaìderare come un'insolita alterazione 
sferoidale della roccia io posto, sono per lo meno massi tolti alla 
roccia littorale in posto e rotolati per forza di mare. 

' È vero che non conosciamo l'età precìsa assoluta della Panchina; 
ma questa va dal postpliocene inferiore, dalla zona a Cyprina 
islandica fino all'età attuale, e quanto più è alta tanto -più è an- 
tica; onde la Panchina sopranominata della Strada dei Pianali è 
certo più antica della Panchina immediatamente litorale e proba- 
bilmente appartiene al postpliocene inferiore. Si avrebbe così un 
limite di tempo abbastanza preciso nel quale l'eruzione trachitica 
avrebbe avuto lu<^ e sarebbe durante il postpliocene inferiore, con- 
temporaneamente alla deposizione della Panchina, e certo posterior- 
mente all'emersione ed alla forte denudazione postpliocenica della 
regione. 

Si aggiunga che mai fu trovata nel pliocene di Uaremma 
una ghiaia di trachite ; d'altronde, anche litolc^camente, essa è quasi 
identica alle trachiti quaternarie di Boccastrada e della Tolfa. 



{') Correi, di giae. fra porf. e trach. 



>dbyGoogIe 



t VULCilNt SPENTI DKLL'M^NMKO SKTTBNTItlONALK 401 

Le ìnclnsìoiiì de' caloarì cretacei alle quali il Lotti dk grande im- 
portanza moBtrano solo la poaterìotìtà della trachite. 

n Lotti SDppone i calcari iiasEÌci resi cristallini dalla tra- 
chite; ma è nna ipotesi non ammessa dal Bath, che molti fotti 
possono escladere: infatti calcari della stessa et& sono altrettanto 
cristallini altrove e lontano dalle trachiti. Oli strati cretacei cre- 
duti eocenici, lo afferma anche il Lotti (p. 85), non sono alterati 
affatto, qnantonqne siano a contatto coUa roccia erattira assai più 
che i calcari liaesici. 



Filoni porfiroidi. 

Ciò che rende qnesta r^one di Campiglìa unica ita tutte le 
altre vulcaniche qui descritte è la presenza di grossi filoni di roccia 
trachitica i quali traversano le rocce sedimentarie piii antiche, sotto- 
stanti ad ovest e sud-ovest di Monte Calvi. Essi arrivano a pochissima 
distanza dalla nevadite riversata sopra gli strati cretacei e mio- 
cenici, cui SODO analoghi sotto tutti gli aspetti, e forse un tempo 
comunicavano con essa, qaantonque la denudazione abbia &tte 
scomparire le tracce di nn contatto superficiale. 

Questi filoni sono costituiti da una roccia solida e compatta, 
chiamata prima Porfido quarzifero, che, studiata dal Rath e dal 
D'Achiardì, fu poi dal Dalmer (Lotti, 1. e. 39) ritenuta una tra- 
chite quarzifera porfinùde ed è una nevadite porfirica (Bosenbnsch- 
p. 540). La massa fondamentale è bianca o leggermente giallastra, 
più di rado rosso-mattone per segregazioni di ossido di ferro. la 
essa è racchiuso nn miscuglio granulare microscristallino di quarzo 
diesaedrico, di biotite per lo più convertita in clorito, d'ortoclasio in 
cristalli or piccoli, opachi, or grossi, i quali mostiano le screpolature 
e la trasparenza del sanidino, plagioclaslo decomposto (Dalmer) 
Frequentemente vi Ò cordierite convertita in pinite. Dalmer osservò 
pure apatite, zircone, inclusioni vetrose oopiosissime e alcune li- 
qoide con bolla mobile ; secondo il D'Achiardì (1. e.) vi sarebbero 
piccoli t^ruppamenti fibrosi radiati di tormalina, la cui presenza 
perd dovrebbe riconfermarsi. 

n Lotti dice che la massa fondamentale nella parte super- 
ficiale al Botro S. Maria ò parzialmente pumicea. Ecco un'analisi 



>dbyGoogIe 



462 e. DB aTRFANr 

cMmìcft della roccia del filone del Botro dell'Oitaccio fatta diti 
Rath {Die Berg. p. 829): 

SiO, 70,93 

AUOj 16,38 

Feo 0,36 

CaO 0,32 

MgO 0,58 

K.O 5,47 

Na,0 4,52 

Perdita al fuoco 1,60 

100,06 

II Ricciardi riporta pure l'analisi di un porfido quarzifero 
che egli dice della Maremma toscana ('); ma pare questa del Rath 
con variazioni arbitrarie. 

Nel contatto colle materie dei filoni pirossenico-metalliferi di 
aagite, quarzo, ilvaite, la nevadite diviene augitica, con epidosite ; 
è una massa grìgia o verde con cristalli, talora grossi, di ortoae e 
sanidino, oligoclaaio, quarzo diesaedrìco, mica, augite, olivina, ma- 
gnetite, pirite. 

Fra la trachite ed il filone augitico sta sovente un zona di 
contatto di pochi centimetri di epidosite (^). Un'analisi del Batli 
fatta con un esemplare della cava sopra l'Ortaccio presso la Buca 
dell'Aquila mostra 

Silice 57,95 

Allumina 12,52 

Prot. di Fé 5,44 

Prot. di Mn 1,70 

Calce 8,80 

Magnesia 5,27 

Potassa 4,78 

Soda 8,27 

Acqua 5,49 

100,22 

(') L. Biceiardi, SvlU rocce crutl. p. 15. 
(») E. Di Poggio, Studi di micr. 



>dbyG00gIe 



I ruLCA»! SPINTI dbll'apbhnino settsntrionale 46S 

Iq alcune varietà, Bpecìalmente dove la roccia trachitica à quasi 
fasa 6 serrata nei filoni laterali au^tico-ilvaitici, l'aiate è cod- 
vertita in uralite o in massa eerpentìnoga ; così l'olivina in grani e 
in cristalli è serpentinizzata. Anche questa roccia dello stesso luogo 
antecedente Tu analizzata dal Rath che ebbe 

Silice 88,88 

AUnmina 4,23 

Prot. di Pe. 27,12 

Prot. di Mn 6,94 

Calce 1,85 

Magnesia 12,16 

Potassa 0,19 

Soda 0,35 

Acqna 8.86 

100,58 

Il Bath denominò impropriamente le predette rocce di con- 
tatto porfidi angitici. 

Come già osservatono il Borat, ìl Coqnand, il Batb e il Lotti, 
qaeeti filoni di nevadite porfiroide. comportandosi in tntto come 
nna vera roccia intrusiva, compaiono entro le rocce sedimentarie 
in dne serie o lìnee presso che rette o con leggeri zig zag, quindi, 
all'ingrosso, parallele ed equidistanti lia loro. Lo stesso andamento 
hanno i giacimenti pirossenici, metalliferi, ohe accompagnano, come 
dirò, la roccia eruttiva. La direzione generale è da nord-nord-ovest 
a sud-snd-est. Le linee più continue di comparsa della nevadite 
e de' filoni sono ne' calcari bianchi, marmorei, ed in quelli rosei 
del Lias inferiore. La linea, o serie, orientale è lunga circa 4 chilom.; 
l'occidentale oltre due. Secondo il Lotti (■) quest'ultima serie 
sembra ricomparire in mezzo agli schistl giuresì a Potidonomya 
iti il monte Verdello e il Botro delle Bozze; la prima continua 
verosimilmente fra il Pt^gio O^inepraie, e il Foggio Lombardo fra il 
Lias inferiore e gli schisti giuresì, se pur non si tratta di un sem- 
plice lembo isolato e affatto superficiale del contìguo espandimento 
felsonevaditico ; ìndi ricompare in mezzo agli schisti giuresì nel 

f») Rocce erm. p. 40. 



>dbyG00gIe 



letto del Botro di 8. Maria e fa questo il tratto della ed roeeù 
fece ODO studio Utoli^co il D'Achiudi (>}. 

Tutte le dette rocce sedimentarie formano un regolarissimo 
antidioale diretto da nord a sud ; onde le loro pendenze sono in 
generale esattamente ad £. o ad E. 3 N. nel lato orientale, ad 
0. nell'occidentale ; sono però pia rìpide e nello stesso tempo in 
stratificazioni più limitate in quest'ultime lato, piti alte e più 
dolcemente pendenti di 20" a non più che SO" ad oriente dove per 
l'appunto appaiono i più lunghi tratti delle neraditi e de' filoni 
metalliferi. La pendenza assai uniforme de' calcari in quel tratto 
di 20° a 80° ad E. od E. 3 N. è dedotta da tutti ì criteri so- 
liti in simili circostanze : àoè dalle maccMe, dalle vene scistose, 
dal verso di più facile sfaldatura, ed è talora, benché di poco, 
diversa da quella notata da autori precedenti i quali in parte pos- 
sono essere stati deviati dalle solite fessure al contro e al secondo 
non secondanti gli strati. Ad ogai modo le lìnee di affioramento delle 
ruvaditi por/iHcke e dei filoni traversano la roccia facendo un an- 
golo dì circa 30° eolia direzione di essa, quindi senza alcun rap- 
porto nemmeno colla sua inclinazione. Quelle linee di affioramoito 
hanno tutto il carattere dì spaccature aperte ìnterrottamente, ma 
con direzione quasi costante, nella roccia già sollevata ; è cosa pn6 
meritevcde d'essere ricordata che, almeio nei tratti più suscettibili 
di osservazione, non ho veduto salti uè diSarenze dì livello notevoli 
fra un lato della spaccatora e l'altro, né altri autori accennarono 
a simile fatta. Si tratterebbe perciò dì semplici divaricamenti sema 
spostamenti. I dìTarieamentì, e con essi i dloni e la nevadite 
che li hanno riempiti, sono verticali per unanime aETermazione di 
quanti scrissero anche quando le miniere erano in attività, quando 
perciò si poteva osservare l'andamento delle materie metallifere 
in profonditi^ l'osservazione può farsi anche oggi ne' taglt all'aperto. 
Solo in qualche caso si notarono inclinazioni, credo parziali, poco 
derianti dalla verticale, verso nord-est. Questa verticalità potrebbe 
attestare che dopo l'emersione della roccia emt^va e la forma- 
zione dei filoni non avvennero spostamenti nel suolo della regione. 

Il Lotti indica nella sna oarticina le due serie dì affioramenti 
dì nevadite, metalliferi, nei calcari liassiei, come contìnue ; ma io 

('} Track. Donorelico. 



DigmzcdbyGoOgle 



1 TtlLCANt SPINTI DILL AI^NKINO SKTTBNTftlONlU 465 

realtà, pnr seeondo le 09S«r7szioni del Bnrat, del Goqo&nd, del 
Bath, ctò non è, qnand' «icbe sì TOgUano congidenre ì tratti ne' qnsli 
compuìsce il solo filose metRllifero aesza la neradite porfiriea. 
La Neradìte eomparisee tntt'altro che in massa eontiaot lui^ 
le dae serie d^li affioramentà, ma invece vi sì manifesta qoanto 
mai saltnariamente, sotto forma di dicehi limitati, di colonne irre- 
golarÌBaima per direzione e pei andamento, ora strossate, ora {Kb 
rì^nfie, di nodi, di ammassi, di l«iM apparentemente se non forse 
anehe realmente isolate. La continuità in linea orizzontale è certo 
mancante ed interrotta da amplissimi irMi stuìli e compatti 
di calcare liassico; in lìnea verticale la continnità verso il baeso 
i mostrata, se non dalla prosecnriono della massa nevaditica, sa 
questa per aTrentnra ò isolata, almeno dal proseguimento della 
fessura e del filone fino alle massime profondità, Terosimiimnte 
fino al focolare donde asd la neradite. L'isolamento perfetto di 
masse nevaditìche, sicarissimo, come dissi, in linea oriizontale, 
comparisce, parzialmente almeno, anche in linea verticale, in più 
ponti, constatati specialmente dm lavori minerali: se ne vede 
un acceimo anche nelle cave piti alte fni la Bocca S. Silrestro ed 
il Palano Lanzi, nella cava del Piombo della qnale ili Savi e poi 
il Baili riportarono ima figura, e nella Cava dell' Oitaceio deve 
gran massi di nevadtte sono affatto isolati tfoUa ganga del Alena 
metaltìforo. 

11 diametro delle masse di nevadrte i di 1 a 5 m. ed ìb 
qualche tratto sarà anche madore ; il Lotti afferma che il filone 
nevaditico nel letto del Botto di S. Maria ò largo 5 o 6 m. 
Lo etacco fra la roccia eruttiva ed il calcare, specialmente quando 
manca la comp^nia del filone metallifero, è brusco; ma secondo 
il Bath compaiono nel calcare, evidentemente per metamorfismo di 
contatto per acque posterbri, granato e idocrasia. 

Queete poche osservazioni che io ho fatto o desunto dai pre- 
ziosi stadi precedenti riardano un aigomento che sarebbe vera- 
mente dei più importanti della geol(^a endogena e che, per quanto 
r^mttds i dintorni di Oampiglia, può dirsi appena sfiorato, essen- 
doché gli studi fatti finora riguardarono principalmente 1 filoni 
metalliferi e solo in modo molto secoadarìo la nevadite che li 
accompagna. La nevadite porfiriea qualche rarissima volta com- 
parisce sola; quasi sempre sta insieme coi filoni pinwBenici, me- 



>dbyGoogIe 



talliferi, i qa&li poi Borente proseguono da eoli lungo quella du- 
plice serie dì affioramenti sopra indicata, altematirameote testrin- 
gendoei e rigonfiandosi e segnendo gli etessi portamenti della m- 
vadiie sopra descritta. Questi filoni forooo oggetto di numerose e 
preziose pubblicazioni ('), le quali sono ottime a consultarsi pei 
rapporti indiscutibili e piti evidenti che in ogni altra parte d'Italia 
che i filoni hanno colla Ij-achite : però, naturalmente, non conyeni 
qui diffondersi su quanto riguarda esclnsiramente la materia dei 
filoni. Nei filoni predominano blenda, galena, calcopirite, pirite, 
lasciando svariati minerali di formazione acquea secondaria come 
le calamine e le smitsoniti, e, più abbondante fra tutti, la 11- 
monite. La matrice dei filoni, riconosciuta primieramente dal Pilla, 
è formata da quarzo, ilvaite ed augite radiata ferrifera o mao- 
ganesifera; minerali, questi due ultimi, formati eTidentemente da 
reazioni del magma dei filoni con la roccia incassante. Il filone 
della serie più orientale è quello che si manifesta alla Cava del 
Piombo j il fiJone più occidentale comincia a sud presso la Cava 
del Temperino nella valletta di Fucinaia appoggiato alla nevadite 
porfiroide ivi molto augitica e trarersa il marmo con ampiezza di 
28 a 35 m., maggiore assai, sempre, a quella della nevadite. 
ÀUa Cava dell'Ortaccio il filone ha la potenza di oltre 40 m. 
Il contatto tra i fiJoni ed i calcari, a differenza di qnello £ta ne- 
vadite e calcari, si presenta singolarmente intralciato. La nevadite 
porfiroide trovasi frequentemente in mezzo al filone angitioo-metal- 



(') P. Savi, Lettera a Girolamo Ovidotti di Masia ducale concemeitte 
oiiervaxioni geologiche lul Campigliele (N. ^oni. d. Leti T. XVUI, p. 120). 
PÌB&, 1829. ~- KoSmaaa F., Geognottiiche Beobaehtungen auf ei*er Beile 
durch lialien vnd Sicilien (Karrten'B Archiv Bd. 18) ISSO. — PilU L., Sur 
lei filoni pirox/ttiguei et cuprifere» de Campiglio (Comptes lendiiB Ac. d. 
SeienceB T. XJ. 1845. — Bnrat, Géol appi. p. 359. — Coqnand H., Sur 
lei lubstances rayonnéei fibrevees ijvi accompagnent lei minerati de fer, 
de cuivre, de tine et de plomh dant le Gampiglitte »t l'Ile d'Elbe (Ball. A. 
Soc. géol. de France) 1849. — Id., Sia. dei terraitu ttrati/ièi de l'Italie 
centrale »e reférant aux périodei primaire, paléoiotque, triatique, rhetieiuie, 
et jurasìique (Ball. Soc. géol. de France sèria 3", T. Vf, p. 130) 1876. — 
Id., Sur l' espio itation dei minet du Campigliete par lei ancieM Etrutquei 
(Loc. cit. p. 150) 1876. — Caillaai A., Eludei lur lei minei de la Toicaite 
Ball, aoc, ind. d. Minea de 8t. Etienne T. IV) 1858. — Simonio L., La To- 
icane et, la mer Thyrréaienne. — B»th, 1. e. 



>dbyG00gIe 



I VULCANI SPENTI DBLL'APKNNINO SaTTBNTRIONALB 467 

lìfero ed ò quasi sempre Btrettameate compenetrata e traversata 
Aa qaeeto, specialmente dalla ganga ilyaitica; ma non di rado, 
osserva il Rath, si trova tra il filone e il marmo, ossia da una 
parte: tra la nevadite e la ganga augitica vi ha spesso una for- 
mazione di contatto epidotìca. Gl'intimi rapporti &a ne?adite e 
filoni fecero credere, ed io mi ascrivo a tale opinione, che le ma- 
terie metallìfere sìeno etate condotte da acque e da vapori mine- 
ralizzati Bgoiganti a traverso i medesimi divaricamenti d' onde pro- 
venivano le trachiti, e che la matrice pirossenica ed ilvaitica sia 
stata formata da azioni secondarie più o meno contemporanee all'eru- 
zione della nevadite, e da reazioni fra le materie portate dalle 
acqne, fra cni era abbondante la silice, e la roccia incassuite. Quasi 
certamente le materie abbondantemente ferrifere del filone hanno 
avuto azione anco sulla trachìte a contatto rendendola più abbon- 
dantemente augitifera, come notò il Bath. 

Quantunque la nevadite porflrica abbia tutto l'andamento d'vma 
roccia plutonica e d'un vero porfido intrusivo, pure non solo la 
contiguità locale ma i caratteri mineralogici e litologici hanno fatto 
sì che tutti gli autori, fino ai più recenti, l'abbiano considerata una 
cosa sola colla nevadite a massa fondamentale vetrosa o micro- 
feisitica degli espandimenti sovrastanti. 

Fra la trachite la quale forma la massa superficiale espansa 
sui terreni miocenici e cretacei e quella dei filoni che traversano 
il Lias non vi ha altra differenza che la struttura porfiroide, cioè 
la cristallizzazione più avanzata^ eia presenza in questi ultimi di vero 
ortose oltre al sanìdino, e di inclusioni liquide oltre alle vetrose, 
differenze che derivano probabilmente solo dalla maggiore pressione 
e dalla profondità nella quale restò la roccia dei filoni senza ve- 
nire all'esterno. 

Il contatto immediato tra i filoni e la massa superficiale non 
sì può vedere giacchò la denudazione che acoprì i filoni portò vìa 
anche le masse immediatamente sovrastanti ma probabilmente sotto 
le masse contigue esisteranno parecchi altri filoni consimili. In questi 
filoni dunque, caso unico in Italia, son da vedersi le ultime apparenti 
tracce del camino vulcanico donde passarono le lave. L'intima con- 
nessione tra i filoni metalliferi e la trachite. fatto che si verifica 
pure in altre regioni, induce a ritenere che pure i filoni debbono 
essere di origine quanto mai recente, come la trachìte. 



>dbyGoogIe 



4tS8 e DE «TiViLni 

N« lungi ds Campiglio, lungo il Botro ai Marmi a ^Basi 
coDtigao agli espandimenti ed ai filoni taciutici, troTasi uà piccolo 
Iwnbo di granito preliasaico, che forma, con grande regolarità la 
paste piti interna dell'anticlinale mannoroo di Campìglia. 

Questa massa granitioa, sebbene appaia sotto tutte le rocce 
sedimentarie fossilifere anche in&aliassiche, pm:e fìi da totti in 
Migiae confo&a colle ttaebiti soprastanti, e ancor dc^ conoecintane 
la vera natura fa creduto che gli ste^i filoni di nevadite por- 
firoida prorenissero dal granito. Se non fossero stati gli studi lit<H 
l(^ici del Dalmer provocati dal Lotti, la confusione del granito e 
della trachite in una roccia sola durerebbe forse tuttora. Però il 
granito, r^larmeste sottostaate all'Infralias, si trova di troppo 
poeo pìb intento della trachite perchè la piccola differenza di pro- 
fondità possa pwtare una tale differenza di struttura, che d'altrwde 
non à condivisa dai filoni di trachite porfiroide altrettanto intenù 
quanto il granito. Ma principalmente poi pelle circostanze strati- 
grafiche, CMi opinione divaga da quella del Lotti, è necessario rite- 
nere il granito indipendente dalla Trachite ed antichissimo wa» il 
granito non lontano di QavtHTano. 



TOIXJANO DI BOCCAOTRADA. 

NgTADITE (BoSENBUBOH) CORDIERITIOii-IFBBSTBNICA ; 

Bhyolite di Focqdé e Miohbl Lstt. 



Biblìografla. 

BaldaBBani, Saggio di ouervaHoni fatte a Praia e ut aUri Imghi dfU» 
Maremma di Sima (Atti Àcc. Fis. Siena T. n, p. 1} 17(3. 

Lotti B,, De»critione geologica dei dintorni di RoccaUrada nella Maremma 
Toieana (Boll. d. Coni. geol. Vm, 1877). 

Hftttaaceì R. T., La regione trackitica di Roecastrada (Boll. Com. geo\. 1890). 

ManegUni O., Saggio ndìa coilittuiotu geologica della pronneia di Orot- 
leto (Statistica della praTÌgcia ài Qroneto. Fiiense, 186S). 

Pareto L., Onervaiioni geologiche dal Monte Amiata a Roma (Giam. Ar- 
cadico di RC. ecc. Voi. C. Soma 1844). 

Rath (Tom) G., Die Umgebungen von Massa Marittima (Zeitech. d. dent. 
pwl, Qm. 1, 1873). 

RosenbDBcli H., Mik. Phytiogr. n, p. 584, 541. 



>dbyG00gIe 



I TULCANI SPENTI oaLL'AfKITOIND SBTTENTRIONALK 469 

&■& G., Viaggi ptr It Tttaaa. Tetto maggio per le dueproinMeie mwiì. 

Più, ISOS. 
Sctcchi E.. Granato di TirioU) in Calabria e cordierite alterata di Bocca 

Tederighi in Toicana (Rend. Acc. Lincei, S. IV., Voi. II, 1886). 
St«fuì (De) C, Cronol. dei vulc. della Toee. 1878. — Id. Appiatti lopra race. 

Vile. 1888. 



Descrizione. 

Pia a mezn^rno dì Campiglia, nella piovìacù di GroHeto, nella 
^alle della Fatma e in qaella della Bruna, comparisoe il grap^ 
trachitioo del Comiuie di BoccaBtxada(<}, eostitaìto da parecchi lembi 
minori. La roccia ò stata studiata dal BoBeubosoli e dal Mattencci 
ed è ona nevadite simile a qaella di Camp^lia. È costìtaìta da 
sanidina in cristalli ÌDColori, semplici o geminati secondo la l^ge 
di Earlsbad; plagìoclasio bianco, non molto sparso, ricco d'inda- 
sioni ; biotite bruna abbondante, talora accnmnlata in zone listate ; 
quarzo molto abbondante iucoloro, biancastro o latti^noso, o gial- 
liccio, in cristalli quasi sempre screpolati, a contorni profonda- 
mente corrosi, a firammenti talora staccati dal magma, ricco d'in- 
clusioni cristalline, retrose o liquide. È pure abbondante la cor- 
diente, come a Campiglia, tanto sotto forma d'iuclnsiooi estranee 
in grani arrotondati, a volte assai grandi, quanto sotto forma' dì 
aecrezioDi in cristalli di 1 a 19 miUim. di color violetto, giallastro, 
roseo, sparsi porfiricamente in proporzioni variabili, talvolta alterati 
in pìnite (^). Lo Scacchi ne ha dato un' analisi ed anche dagli 
stndi del Matteucci risulta eh' essa è prevalentemente ferrifera. 
Accessoriamente si trovano pare iperstene con mai^i rossastri 
(Bosenbnsch p. 534) in piccolisaimi cristalli, specialmente inclusi 
nel plagìoclasio (Matteucci p. 297), che dà alla roccia una certa 
analogia coi porfidi quarziferi pirossenici della r^ìone dì Lipsia. 
L'apatite è pure in piccolissimi cristalli aciculari nel quarzo e 
nel sanidino. L'almandino è io cristalli assai rari. Nemmeno man- 
caso talora la magnetite e la pirite; la limonite si trova come 
prcnlotto di decomposizione. Quarzo, sanidino, plagìoclasio, biotite 
Bono di due generasioni. Presso la cima del oolle di Bocca Tede- 



(<) O. Tom Rtth. — Boaenbuch, Mìk. Pky». H, p. SU, 541.- MattMueL 
<*) Softcefai, Granato di Ttir. 



>dbyG00gIe 



righi qoesti componenti sono cristallizzati assai grossamente : presso 
Tomicella essi mancano quasi afatto di massa fondamentale vetrosa, 
donde derivano l'aspetto quasi granitico della roccia e probabil- 
mente il maggiore peso specifico. La massa Toadamentale ha so- 
vente struttura fluidale, vetrosa, trasparente, isotropa, perlitica ; in 
un esemplare di Tomicella il Bosenbnsch osaerFÒ in essa numerosi 
corpuscoli che nella rifrazione sono un poco diversi dalla base e 
spiccano con linee nette : sono trasparenti, senza struttura radiale, 
e tra i Nicols incrociati mostrano una croce d'interferenza sfero- 
lìtica con carattere negativo. 

Un' analisi del dott. Matteoeci, di esemplari di Sassoforte, dette 
la seguente composizione; 

SiO* 71,14 

Al'O' 11,04 

Feo 2,73 

X 1,05 

TiO* 0,00 

MnO Tr. 

CaO 3,17 

MgO 1,62 

SO» 1,78 

CI Tr 

P'O' Tr. 

Na'O 1,40 

K»0 4.13 

Lì*0 Tr. 

CO' Tr. 

H»0 1.77 



Anche questa traehite è molto sovente disposta apparente- 
mente in banchi dì variabile potenza. 

I due lembi più settentrionali sono quelli contìgui, di Toi^ 
nìcella e del Monte sulla destra del Parma, che misurano insieme 
la superficie dì circa 2 km. q. e formano un colle alto 561 m. 
scendendo verso il fiume fino a circa 350 m. La massa pende 
da nord-ovest, cioè dalla parte degli altri lembi, a sud-est e riposa 



>dbyGoogIe 



I TL'LC&NI SPEKTl DSLL APKNNINO SETTBHTRIONA.LG 471 

sul paleozoico e snll' eocene; ma è probabile cbe in certi punti 
ne venga eeparata dal Pliocene ciò cbe ne' punti dì contatto non sì 
pnò ben verificare pei gran massi franati. A sud, senza intermezzo 
dì monti più alti, è il lembo dei Grottoni, grande circa 9 { km. q. Ad 
ovest è il lembo sulla cui vetta riposa il castello di Saasoforte, il terzo 
per estensione, avendo ampiezza di circa 7 ì chilometri quadrati, ed il 
piti alto, pacche sale a 787 m., scendendo il suo confine inferiore a 
circa 100 m. a sud-est di Sassofortino ; la massa pende alquanto a sud 
cioè verso gli altri lembi di Val di Bruna; riposa sul calcare ad 
Amphistegina e sulle marne pUoceniche. Per breve tratto a ovest, 
separato dal Fosso Bigorilla e più basso, è il piccolo, dirupato. 
lembo sa cai sta Bocca Tederighi il qaale, pendendo a sud, da 
537 scende a 425 m. Un sesto lembo molto più basso si dilunga 
sul miocene a sud di Sassoforte fra S. Abiano e il Caminino verso 
il piano : la sua pendenza accenna pure a Sassoforte. Altro lembo 
più ra^uardevole, della superficie di circa 8 km. q., è alquanto 
più lontano, a sud-est di Sassoforte e separato da questo dal tor- 
rente Bdj. a Roccastrada; da 477 m. scende a meno di 400; la 
pendenza della massa è a sud e senza maggiori alture intermedie 
accenna ad unirsi al lembo più alto sopra indicato. Il piccolo lembo 
a sud di Roccastrada va riunito con questo, secondo il Matteucci, 
del Poggiolo. Anco qnesto lembo di Roccastrada riposa sul Pliocene, 
quasi per l'intero, e probabilmente anche sulle marne ai^illose 
lìgnitifere del postpliocene inferiore. Un ultimo piccolo lembo fu 
dal Matteucci, trovato a sud-est di quello di Roccastrada e riposa 
in parte sul paleozoico, in parte sul pliocene. 

Le tiachitj dunque eruttarono anche in questo gruppo dopo 
il Pliocene, ed in Sassoforte o nelle vicinanze, come già ritenne il 
Lotti {Desc. geol. Roccastrada p. 106), è a ritenere fosse il centro 
della eruzione. La denudazione ha diviso ora i vari lembi. L'al- 
luvione della valle della Bruna, al piede dì quei lembi, è piena 
di ciottoli trachitici. 



>dbyGoogIe 



VULCAKO DEL HONT£ AHXATA- 

TRACHITE BI0T1T0-IPEB3TKNICA (EoSENBUSCH) ; 
TraCHITE AUGITICA SEC. FODQUÈ E HlCHEL-LÉTT. 

Bibliografia. 
Cunpiuii G., Geologia (Siena e il euo terrttorìo). Biena, 1B62. 
Id., Saggio della cottitunone geologica della provincia di Siena (Ano. corog. 

unm. d. prov. di Siena. Sieui 1865). 
Ferrari (De) P., Le miniere di mercurio del Afonie Amiata. Fizeme 1890. 
HoffmaDD F., Geognoititche Beobachtungen getammelt auf einer Rette dwch 

Italien and Sicilien (Karafen'a Archir. Bd. Xni, Berlin 1839). 
Lotti B., /; Monte Amiata (Boll. com. geol. 1878), 
Heneghìni G., Saggio lulla cost. geol. d. prov. di OroMteto 1865. 
Novureae V., Eiame microtcopico di una varietà di traekite d«l Monte Amiaia 

(Boa. Com. geol. 1888). 
Pareto L., Oueroazioni sulle trachiti del Monte Amiata e della Capraia 

(Atti della terza rinnioDO degli scenz. ìt. Firenze 1841). 
Id., Oss. geol. dal M. Amiata a Roma 1844. 
Rath (Tom) G., Ein Betuek Radieofani't und det ÌI. AmaUi m Toteana 

(Zeitich. d. dent geol. Oea. 1865). 
Hepetti E., Jielaeione di una escuriione geologica al Monte Amiata (Anti- 
logia T. XL, p. 8) Firenze 1830. 
RoMnbasch H., Mik. Phyt. H, p. 579, 581, 584, 586, 600, 601. 
Santi G., Viaggiper la Toscana. Primo viaggio al Monte Amiata, Pisa 1795. 
Stefani (De) C, Sulla eron. dei vulc. d. Totcma 1878. 

Id., Appunti sopra rocce vulc. 1888. 
Tugiooi-Toziettì G., Viaggi in Toscana. Relazione del viaggio del Micheli 

al Monte Amiata, Voi. IX e X. 1733. 
Verri A., Alcune linee sulla Val di Chiana e luoghi adiacenti nella storia 

della terra, Pavia 1877. 
Id., Note a scritti sul Pliocene umbro-sabino e sul wlcanismo tirreno (Boll. 

Soc. geol. it, Tol. VUI) 1890. 
Weiss E., Beitràge sur Kenntnitt der Feldspatkbildung, Haaiiem, 1866, 

p. 55, S6. 
Williams F., Ueber dem Monte Amiata und teine Gesteine (Neuea Jabrbncfa 

fQr Mineralogie, Geol. nnd PaUont. Beilageband V, 1667, p. 981). 

Descrizione, 

Il lembo trachitico più lagguarderole è quello che costitnisce 
il Monte Amiata, il più alto monte di tutta la r^one descrìtta 
ÌD questo libro (1734 m.). La tiachite fonna una massa unica. 



>dbyGoogIe 



1 TULC&NI SPINTI DKLLkPBHKIKO SETTE NTKIOM ALI 473 

di eires 130 chìkHnetii quadrati, sw dirijA some le altre ìn lembi 
seeondarl, a perimetro qauì ciraoluv non moUo fiastaglùto, del 
(Uametro dì S a 10 cttìlometn. Aletue sporgenze dal perimetro della 
■Hssa eoBO poco a socd dell'Abbadia S. Salvatore, a Pian Caxtagiiùo, 
a Santa Fitwa, a Segg^ano ed una più lunga di tutte è al Vivo tra il 
forno Aneedoaia ed il Fiame Viro, gitcchi dal Fiao de'Benai 
per 3 dùlometrì o 1- la Ixaobite si spille fino al Podere Porca^teccìa ; 
ma qoeete sporgenze che potrebbero sembrare e furono prese tilora 
per correnti di lara demie dalla massa principale non sono do- 
rate ebe alla denudazione operata dalle aeqne e moslsano soltanto 
che la massa rnlcanìca era un tempo piti estesa e più ra^^ar- 
devole- La izachite sta sor una base di t«rreno eocenico e nn dirupo 
scosceso della medesima segna ordinariamente il confine Imigo il 
<[nale viene foni una serie di sorgenti abboadantìssime e delle piii 
pare d'Italia, in TÌeinansa delle quali sorsero i piti grossi e più 
popolati paesi delle pr0FÌn<ae senese e ^ossetana, come Campiglia, 
l'Abbadia, Pian Castagnaio, Bagnolo, Suita Fiora, Arcidosso, Castel 
del Piuio, Seggìano, il Vivo. Sotto il dirupo cbe s^na il confine 
segQìtano poi, isolati e staccati, massi di trachite immensi, cbe seb- 
bene non siano piìl roccia in posto pure segnano una continuazione 
lìWlc^ca di questa. 

Gli strati del terreno eocenico al di sotto della trachite non 
sono pmito disposti a sinclinale ma sono assai ridati; e la super- 
ficie loro, sn^Mwta mancante la roccia rulcuiica, risulterebbe irre- 
golare e già prima dell'eruzione plasmata dalla denudazione. Non si 
Tedono in eesi traode di alterazione ed alcune ciroostanie notate 
dal Pareto nelle rocce sedimentarie (*) sono estruiee alla trachite. 

In molid punti, p. e., fra Campila d'Orcia e l'Abbadia, il 
confine b» il terreno eocenico e la trachite hmaite visibile quasi 
txm uniformità fino a 1050 m., mentre al Tivo scende fino a 750 m. 
e fra l'Abbadia e Santa Fiora, con molta uniformità, ad 800 m. 
La massa vulcanica è dunque alta in certi punti più di 1000 m. 
senza contare che la denuduione dopo l'eruzione ha abbassato, forse 
d'assai, la cima del monte. 

Il li. Amiata fìi dunque a' suoi tempi duo dei più ragguar- 
devoli vulcani d'Italia. Seria ragguardevoli di alture eoceniche, di 

C) L. Parato, Ott. tulle track. del MonU AniattL. 



DigmzcdbyGoOgle 



e DR 8TKPANI 



cui la madore è ÌI M. Labbro (1187), limitaTano l'orizzonte del 
vulcano a ponente e a mezzogiorno, mentre a levante e a settra- 
trìone si estendevano terreni pliocenici i quali giungono fino a poca 
distanza dalla roccia valcanica, anzi, a Pian Castagnaio, qnasi a con- 
tatto di questa ; ma non ei moatrarono mai finora al di sotto della me- 
desùua, come non vi si mostrò mai altra roccia più recente dell'Eocene, 
lo peri) credo ancora probabile la scoperta di strati pliocenici im- 
mediatamente sottomessi alla trachite. Una folta vegetazione ar- 
borea copre la roccia trachitìca. L'aspetto della montagna tiachi- 
tica è quello di nn gran cono solcato da pareccbi torrentelli ; però 
a levante, a 1100 m. circa, al Pian de'Benai sopra Campiglia e 
al Pozzarone sopra Pian Castagnaio è come nn pianalto o temzio, 
mentre a sud-ovest è un bacino poco più importante d^li aitò, 
detto la Valle dell'Inferno, che scende verso il B^nolo e da quel 
lato sì alzano, dalla parte di Aroìdosso, alcune cime tracliiticfae 
indipendenti dalla vetta principale del monte, che sono il Fo^o 
della Montagnola (15m m.), il Ft^gio Pinzi (1154) con altre 
due tre vicine, ed ,il Plagio Trabuzzolo (1201). Ad eccezione 
della prima però che si alza di circa 230 m. salla pendice circo- 
stante, sembrano dovute solo alla denudazione. 

La roccia detta volgarmente peperino o peperino, di cui avM 
dato alcune analisi molto semplici il Santi, fu studiata dal Pa- 
reto, dal Pasini, dal Bath, dal Kosenbnsch, dal Novarese, e 
piti estesamente d'ogni altro dal Williams; è secondo il Bosen- 
busch una trachite andesitica tipo, distinta dalle traehiti normali 
per peso specifico m^^ore, per inclusioni di grossi individtiì feld- 
spaticì, per abbondanza d'augite e d'olivina, scarsezza di bìotite e 
d'anfibolo : inoltre, in ai&tto tipo, col sanìdino si accomp^na volen- 
tieri il pl^oclasìo; la massa fondamentale è di rado olocrìstal- 
lina e la proporzione degli ossidi di ferro o dei silicati ferriferi 
è m^giore che nelle tipiche traehiti. Contenendo biotite ed iper- 
stene il Bosenbusch distinse la roccia del Monte Amiata come 
trachite biotitico-ipersienica : il Williams come trachite ipersttno- 
labradoritica. Kssa è una varietà poco meno che unica firs le 
traehiti andesitiche, perchè entro una abbondante base vetrosa, 
di rado ìncolora, sono inclnsioni di abbondante labradorite e sa- 
nidino con biotite, ipersteno, aogite ed accessoriamente magnetite, 
apatite, zircone. La struttura è perciò tipicamente vitroporfirica. 



>dbyGoogIe 



I VULCANI SPENTI DELL APKNMNO 3ETTENTRI0NALB 4|5 

La massa fondameDtale è Bpesao ìnteiamente libera di Becrezioni 
microlìtiche estratelluriche, nel qnal caso contiene sorente eerìe di 
pori flaidali e formazioni crìstalUtiche o tricfaitiche. In altri casi 
a microliti feldspatioi di variabili dìmensioDi se ne a^ongono di 
aiigite e di biotite, mai d'iperstene (Rosenbusch, p. 601). La roccia 
è di colore variabile, nero, bianco, grigio, tnrchino, rosso, giallo, 
violaceo. Ecco l'esame de' componenti come li descrìve il Williams 

Sanidino studiato già dal Weiss (*), in cristalli del diametro 
fin di 3 cm., per lo piti geminati secondo la le^e di Karlsbad. 
talora rotti. Secondo il Williams da un'analisi cb'^U ne fa (p. 416) 
risalta contener desso una certa qoaatità di feldspato sodifero iso- 
morfo. È ricco d'inclnsioDi gasose e vetrose con microliti d'iper-. 
Steno e di biotite. 

Labradorite (v. BoBenbosch p. 579) in piccolissimi cristalli di 
1 a 1 V miU. che il Rath riteneva oligoclasio, onde aveva appel- 
lato la traohite sanidino-oligoclasica. Il Williams ne dà cinque 
analisi (p. 418 e s^.) donde risulta ch'esso tende ad avvicinarsi 
a\}ìandesina (auf der Brente lum Andesin befindlich angesehea 
werden mu$s) e che vi è mescolato qualche poco di feldspato tri- 
cUno potassifero. Un plagioclasio del Yivo che egli pure analizza 
(p. 422) si avvicina assai alla Anoriite. I detti cristalli banno 
inclusioni gasose e di ipersteno, di biotite, della massa fondamentale. ' 

Ipersteno brmio od olivastro in prismi fino di 2 mm. molto 
mescolato con magnetite, con mioroliti pure di biotite e con in- 
elonoDÌ vetrose. Costituisce la parte principale dei componenti ed era 
ritenuto prima au^te; fu riconosciuto dal Williams che ne dà al- 
cune anaìiai (p. 426), e dal Novarese sopra esemplari da me man- 
dati al Rosenbusch ('). È talora alterato in bastite (Bosenbusch 586). 

Adoite monocliua, sospettata dal WiUiams (p. 428), consta- 
tato dal Novarese. Si altera spesso in Umonite (Rosenbusch 584). 

Il Ratb aveva prima ritenuto vera aogite anche l' ipersteno 
e notata la singolarità della presenza di quel minerale in una tra- 
chite sanidinìca. 

Biotite quasi nera con piccole inclusioni d'ipersteno ; appar- 



(>) E. WeisB, BeitT. *w JCenntniii der Feldtpathbild. p. 55, 56. 
(•) BoienlniBcli, Mtk. Phys. n, p. 579, 581, 584, 586, 600. 



>dbyG00gIe 



476 e DB aiKFUIl 

tìMifl alla Tarietà HiaioBamo (Bosanbosch p. £81) « si altan so- 
vente poi essa in limonite (Bosenbuscb 682). 

Magnetite in ottaedri, il più epesso coll'iper^^iui. 

Il Williams (p. 430) aggiiutge pure apatite, piuttosto eomww 
al Tiro ed all'esterno del monte, e pirite; il fiatJi dice ran la 
tituùte, Bosenboscli cita lo zircone. Qaeati componenti smo dif- 
fnti in cristalli isolati o per lo più in grappi nella massa Conda- 
mentale della traehite. In questa il WiUiams &, come il Bosen- 
buBcb, alcune differenze, secondo che essa è completamente vetrosa, 
oppure microfalsìtica, b^ichè assai vetxiflcata: numerosi passaggi 
l^ano però strettamente una varietà all'altia. A volte si mani- 
festa una Btrattura aferolltica (Fosso del Diluvio presso Santa Fiora, 
Corso della Macchia e Fodere Forcareccia presso U Tito, Con- 
vento del Fino presso Castel del Fiano, Foggio della Montatola) (■). 

Alcune varietà sono prodotte da differense nel predominio e 
nella disposizione di certi componenti e nella natura della massa 
fondamentale. Una varietà ha componenti in piccoli cristalli dìf" 
fusi in una massa fondamentale completamente vetrosa; una se- 
conda varietà ha componenti molto più grossi diffusi in massa mi- 
crofelsitica. 

La prima varietà è più freqaente. fissa domina, secondo il 
Bath, alla baso del monte, osservazione nella quale sì accorda 
pure il Williams (p. 406,438) che dice trovarsi la modesima al- 
l'esterno del monte presso i terreni sedimentari. Essa fu detta rio- 
lite dal Bath, e Upariie da Weias, Zirkel, Botb, Bosenboscli e 
da altri. 

A settentrione, veito U Vivo, le Caselle e le Case Nnove, bo- 
miglia grandemente al granito. La massa fondamentale è vetxoea, 
chiara, molto acida, per cui si awicioa realmente »31e lipariti, 
bencbà non contenga qnaj^o libero, con mieroliti di ai^te in stelle, 
rosette ed in cristalli isolati, con piccole sferule vetrose ; il Williams 
(p. 431), che ne dà un'analisi, la cita ai Cantoni dei Pressi ed al 
Mormorio presso Santa Fiora, ai Fossetti e al Molino, alle Ca- 
selle presso il Yivo, al Convento presso Bagnolo, al Fondo di Poggio 
delle Forge, alle Manzanelle, al Nocchetto, Ferriera, Macchia del 
Conte, Piombado e Fosso la Velia pressa Castel del Fiano, al- 

(1) WilliMng 436. 



>dbyG00gIe 



.L APEI4K1NO SETTENTRIONALE 



l'Ermeta presao l'Abbadia, iì Poderiao presBo Pian Casti^aio. 
Altre volte la pasta è completamente una per ria delle trichtti 
e delle globaliti nere, in gian parte distribaite con strattnia fìuidale : 
il aanidiao è in qaantitb minore, il plagioelasio in quantità mi^gìore 
(Williams p. 440), percni si ha cenno ad andesiti: sì aggìange ana 
miorofelfflte eoo etnittara ftnidale : il Williams la cita (p. 433, 441) 
al Foderino e alla Fornacina a Seragiolo presso Pian Gasta^^naio, 
al Convento presso B^nolo, al Fo:mo del Prato e a Casa del Fal- 
tani presso l'Abbadia, ai Fossetti presso il Tivo, sotto le Mura 
al Fosso la Telia e alle Manaanelle presso Castel del Piano. 
Egli (p. 408 e seg.) riporta le segnenti analisi: 

I. Molino del Tito. 

Il Nocchrtto presso Castel del Piano. 

III. La Pornaeina presso Pian Castagnaio. 



SiO 


66,58 


65,69 


65,63 


A1,0. 


15,79 


16,41 


16,89 


Fe,0, 


0,94 


0,73 


1,00 


Feo 


2,44 


2,74 


238 


liO, 


0,58 


0,44 


0,4S 


X(') 


0,73 


0,77 


0,61 


C»0 


3,08 


S,3« 


3,24 


MgO 


1,47 


1,42 


1,17 


MnO 


tram 


tracce 


tracce 


K.O 


5,87 


5,24 


4,6» 


Na,0 


2,58 


2,89 


2,71 


Li.O 


tracce 


0,24 


tracce 


B.O 


1,16 


1,20 


1,98 


SO, 


0,19 


0,17 


0,20 


CI 


tracce 


0,03 


0,09 


P.O, 


tracce 


tracce 


tracce 



100,21 100,83 100,85 

La seconda varietà, secondo il Batb, che impropriamente la 
dice iraekite sanidino-oligoclaiiea, forma quasi da sola la parte 

(') TeTQgimilmeiite tniscnglio di ossidi Ai rare baai, fra cui zircone. 



>dbyG00gIe 



4T8 e. DE STEFANI 

occidentale della montagna, fin presso la cima, e secondo il Wil- 
liamB forma tutta la parte centrale e più elevata. Essa è di color 
grigio, e porfiroide pei grossi crìatalU di sanidino disposti senza 
orientamento. Questi, sovente, pel disfacimento della roccia riman- 
gono isolati sul suolo, come si vede sulla ria fra Arcldoseo e la 
cima della montagna ('), al Poggio Trabuzzolo, al Fosso del Di- 
luvio presso Santa Fiora (^) e altrove. In certi punti abbonda l'iper- 
steno. In altri luogM a Mormoralo, Convento e Fosso Fattncchiaio 
presso Santa Fiora, Sotto le Mura, Manzanelle, Piaggia della Far^ 
fallaìa. Sasso degli Stabiati, Convento del Kno, Santa Lucia, la 
Mandriola presso Castel del Piano, alle sorgenti dì Capovetri, alle 
Gasenuove, al Fodere Porcareccia presso il Vivo, sopra Fosso del 
Prato e Casa Tasso presso l'Abbadia, al Fodero San Lorenzo presso 
Pian Cast^naio, alla Crocina e sulla cima del Monte Àmiata, la 
massa fondamentale, di cui si ha qualche analisi (Williams p. 434), 
contiene grandissima quantità di microliti e di altri prodotti di 
devitritìcazìone. Nella detta pasta, talora un poco bollosa, vi sono dif- 
fusi i componenti già descrìtti, in piccoli cristalli. 

La massa fondamentale contiene, ancbe più che negli ultimi 
luoghi accennati, microliti i quali mostrano sempre più tendenza 
alla struttura mìcrofelsitica a Poggio Bello e- la Faggia presso 
Santa Fiora, Fonte Sambuca e Corso della Macchia presso Ylvo. 
Gasa del FaUani, Fodere Rocchettino e Fosso del Prato presso 
l'Abbadia, Crocifisso presso Pian Castagnaio, Pian di Bello, Santa 
Lucia e Colle Vergari presso Castel del Piano (*). Al Poggio Pimi, 
Poggio della Montagnola, Po^o Bellarìa, e Poggio Trabuzzolo 
la roccia, molto alterata, perde quasi completamente la struttura 
vetrosa {*) ; ivi, e altrove presso il vertice della montagna, essa ac- 
quista, pell'alterazione, come già avea notato il Pareto (^), colore 
giallo, rossastro o violaceo. 

Il Williams (n. 410) riporta l'a&alìsi della roccia dei seguenti 
Ini^fai: 



(1) G. Santi. 

{•) Williams, p. 391. 

(S) Williams, 436. 

(*) Williams, ibidem. 

(5) L. Pareto, Om. track. M. Amiata, p. 175 e a 



>dbyG00gIe 



pirite. 



I TULCAM SPENTI DRLL APEKHINO SKTTKKTBIOKALE 479 

T. Fosso del Prato presso l'Abbadia : roccia con abbondante 

IL Gasa Tasso presso l'Abbadia. 

III. Poggio Trabuzzolo. 

lY. La Groeina sulla cima del M. Amiata, varietà rossa. 



SiO, 


65,31 


65,32 


64,76 


68,16 


A1,0, 


16,36 


15,34 


16,48 


16,29 


Fe,0, 


0,68 


1,22 


0,74 


1,76 


PeO 


1,68 


2,18 


2,74 


2,40 


PeS, 


1,29 


— 


— 


— 


TiO, 


0,47 


0,40 


0,42 


0,30 


XC) 


0,85 


0,57 


0,33 


0,47 


C»0 


2,85 


2,99 


3,24 


3,61 


MgO 


1,06 


1,51 


1,74 


1,87 


MiO 


tracce 


tracce 


tracce 


tracce 


K,0 


6,97 


6,70 


5,49 


5,96 


Na,0 


2,78 


2,76 


2,67 


2,46 


Li,0 


trace* 


tracce 


tracce 


tracce 


H,0 


1,01 


1,97 


1,62 


2,28 


SO, 


— 


0,03 


0,08 


0.11 


CI 


tracce 


0,06 


0,01 


0,11 


P.O. 


tracce 


— 


tracce 


tracce 



100,31 101,08 100,32 100,77 

L'abbondanza delle inclusioni costituisce uno dei principali 
caratteri di tutte le varietà della tracbite del ìi. Amiata: se ne 
trovano di tutte le dimensioni, del diametro di 2 a più cbe 60 cent., 
e di molte varietà ed i paesani le chiamano anime di sasso. 

Sono spesso angolose e con superficie irregolare, ma anche 
schiacciate ed ellissoidali, e sono staccate dalla massa che le rin- 
chiude, spesso apparentemente scbistose. Il Lotti ne ha descritto 
parecchie: constano talora di no a^r^to di mica magnesiaca, o 
di trachite porosa scura con cristalli di- sanidìna, o di trachite la 

e) Vedi le altre an&lÌBi in addietro. 



>dbyGoogIe 



460 e. DB STSPINI 

cnì mas» fiMidametitale semba perlite (B«th 1. e.) ; in alcnne is- 
cloHioni trachiticlie cellalose, amigdaloidi, il Lotti ritiene aver tro- 
vato alcaae cellette ripiena da una zeolìte, altre tappezzate da cri- 
stalli che egli crede di apatite. ComaaisBima, in ìspecie nella parte 
iaferìoTe della massa Tulcanica, è la grafite compatta, nota già, al 
Targìoni ('), in glebe del diametro di rado superiore a 15 cent. 
La grafite è di ordinario spersa nelle inclusioni di natura trachitìca. 
Pib rari sono i fnunmenti angolosi, afanitici, neri, che il Lotti attai- 
bmsee a dolerite simile a quella del contiguo colle di Badico&oi; 
ma che probabilmente sono semplici acoumulationi di mica. 

Un esemplare delle inclusioni grafitose da me mandato al Bo- 
senbasch e da lui eBaminato (^) è ■ una roccia grigiastra con Ini^bi 
cristalli prismatici biancastri, non ancora determinati. Al miero- 
SGopìo sì vede che la roccia è formata da alcnne varietà di bio- 
tite, di cristalli e grani d'uno spinello o granato Ancora indeteimì-' 
nato, di materia carbouiosa e d'un poco di feldspato e quarto & 
quanto pare; la roccia è un poco schistoide ■. 

Presso Pian Castagnaio nella trachite foreno trovate traec« 
di cinabro. Il Williams (p. 438) indica pure qualche traccia di 
quarzo; ma la citazione mi sembra ancora incerta, sebbene qnarao 
ne sia nelle anime di scaso. 

Il Williams ha misurato il coefficeate di resistenza delle tra- 
cliiti del YÌ7o, di Casa la Fomaoina e della Crodna colla mac- 
china di compressione Tinìus Olsen (p. 407, 409, 414) e vide die 
la resistenza alla rottura era maggiore perpendicolarmente ^li ap- 
parenti piani di stratificazione dalla trachite ; in questo verso co- 
lonnette alte 1,5 cm., della superficie di 1 cm.q., della prima lo- 
catiti! si rompevano ad una pressione di 1225 chil(^., delle altre 
località, a 2495 chilog. 

B paragone delle varie analisi mostra che tutte le varietà, 
qaantmiqite si avvicinino talora alle Upatiti, talora alle onde- 
siti, hanno costituzione chimica identica ; onde apparisce che il loro 
differente aspetto provenga solo da variazioni locali nelle circostanze 
del consolidamento, come note il Williams (p. 443), e verosimil- 



(') G. Targioni-ToMetti, Viaggi in Toicana. VoL IX . 
E. Repetti, Rei. di una ete. al Monte Amiata. 
{■J Lettera 19 ottobre 1887. 



>dbyGoogIe 



I vDLCAtJi spxKTt dbll'apkkiiujo bxttbhthioiuu 481 

mente dalla lentezza maggiore del medenmi} nella Tarietà porfi- 
roidi meno veirOBe. Non è però a ritenersi troppo esclosiTamente 
col WUliains, mosso forse dalle OBseirazioni del Bath, che le parti 
piti vetrose e più reloci a solidifiearsi siano nelle regioni esteriori, 
e le più porfiroidì nelle piii interne del monte; basta pereorrere 
l'elenco dei ln<^hi onde peranadenó, come & oeserrare del resto 
lo stesso Williams (p. 441), che le dette varietà si trovano pro- 
miscnameste in nna regione e nelle altre. Esse si debbono essere 
formate con diverso aspetto non secondo la posizione topografica cen- 
trale esteriore al monte, ma secondo le varie colate laviche le qnali 
via via si succedettero. Infatti, cosa, alla qnale il Williams e gli altri 
non hanno posto snfficente attenzione, la traohite del Monte Àmiata 
è diapoeta in veri banchi talora ripiegati e contorti come nna roccia 
sedimentaria, distinti pure da varietà di colore e di strottora, ohe 
si s^noDO chiaramente da nn ponto all'altro. Il Pareto li ha no- 
tati alla Conca, il Campani (>) al Becchetto, il Lotti presso Santa 
Vion, il Williams al Vivo, alla Crocina, ed io li ho visti con 
molta evidenza presso l'Abbadia ed in altri Inoghi dove la sa- 
perfide natarale della roccia appariva bene allo scoperto. Le dif- 
ferenti varietà per colore, per predominio dei vari elementi, per 
maggiore o minore alterazione, alternano in banchi assai distinti. 
<x più grossi, or più sottili, ed insieme alternano banchi i qoali 
sembrano tatti nn cnmnlo dì materiali trachiticì angolosi, sva- 
riati, oatnralmente ammassati, e banchi di materie frammentizie fine 
qnasi si trattasse di tafi contemporanei alla formazione stessa delle 
trachiti; per coi non parrebbe doversi dubitare che la roccia abbia 
veramente colato all'aperto, rappresentando i banchi altrettante colate 
ovvero prodotti avventizi derivanti dalle medesime, e deesi escludere 
che il vulcano sìa della natura di quelli così detti omogenei, come 
ritiene il Lotti e come sembra opinasse anche rHoffmann(^). Qnelle 
parvenze sono però qaaà costantemente mascherate dalla profonda 
alterazione che invade la roccia presso la superficie e dall'alto suolo 
vietale che la ricopre. Frequenti sono le alterazioni della sanìdina 



(■) Cott. geoL Stetta, p. 5. 

(*) F. HofflnuiD, Qeognoitìsche Beob., p. 45. Berlin 1 



>dbyG00gIe 



.mpx'f-:- 



ridotta a materia pumicea. Anche il Veni natò la farachite rossa, 
bollosa, come Booriacea, al Piano delle Macinale ('.). 

Le inclnsioni della trachite, specialmente quelle con grafite 
cosi abbondanti in tatta la massa, hanno straordinaria importanza. 
Esse rlTelerebbero, secondo il T&rgioni (1. e). 1a roccia otìgì- 
narìa che produsse la medesima trachite, e qaesta sarebbe uno 
schÌBto crutallino, gaeissiforme. gnlnatifero, già sedimentario, si- 
tuato a profondità non grandi ueirintemo della tona. F»d, pioba- 
bilnjente, si tratta invece di una roccia incontrata a non grande 
distanza dalla superfìcie. II Bosenbusch, nella citata lettera, ao^- 
giongeva, sebbene non conoscesse ancora che l' inclusione manda- 
tagli era del Monte Amiatd, ■ sono assolutamente aienio che sì 
tratta di una roccia sedimentaria metamorfosata da una roccia ignea <• . 
La dietrìbusione delle indusiooi e la forma escludono in modo 
perentorio che i frammenti grafitosi sieno restì di regetali incon- 
trati dalla trachite sulla superficie estèrna e bruciati. 

Età dell'eruzione. 

Comprovato che si trattò di uq yero vulcano, quanto all'epoca 
in cui eruttò è a dirsi che sebbene in niun luogo finora sì sìa 
trovata la trachite sopra il pliocene, che d'altronde le giunge TÌei- 
nissimo, come già no(AÌ in addietro, sebbene il monte trachitico 
sia tanto alto, e nel pliocene d'altra parte abbondino ghiaie delle 
rocce del posto, pur non una ve ne ha di tracbìte e basterebbe 
questo &tto per concludere che la tracbìte è posteriore al Plio- 
cene. I banchi di essa sono orizzontali o lievemente pendenti e ad 
ogni modo assai discordanti sopta gli strati eocenici sottostanti che 
già prima erano stati smossi e sollevati. Tutto intorno alla massa 
tracbitica poi abbondano i rigetti e i frantumi della roccia, alter- 
nanti con terra rossa e con sabbie gialliccie, formanti un tufo al- 
luvionale, come particolarmente presso l'Abbadia, Pian Cast^naìo, 
Castel del Piano, e ricoprono pur essi afi&tto orizzontalmente come 
formazione recentissima i sottostanti strati sedimentari. Sono inoltre 
altemanti e talora anche ricoprono la terra di Siena o terra d'ombra, 
che è ossido di ferro idrato depositato da acque termali ferrugi- 

(1. A. VeiTi, Ale. Un. Val di Chiana, p. 31. 



>dbyGoogIe 



I VULCANI 8PBNTI DELL AJ>ENH INO SETTE NTRIOKiLB 483 

Doae nelle cavità del suolo e si trova a Castel del PiaDO, Pian 
Castf^aio e altrove, pare a varie altezze sulle pendici del monte ('). 
Parimente in rapporto coi tufi trachitici e di orìgine recentissima 
è la brina fossile di Castel del Piano e di Santa Fiora, la quale 
è un cumnlo immenso, bianchissimo e Ingerissimo, di diatomacee 
vissute entro piccoli bacini alimentati da solventi termali molto 
silicifere, oggi al tatto cessate. Queste pure dettero 1d<^o alle così 
dette l^rìme di Santa Fiora o jalite, che incrosta le rocce vul- 
caniche dove sono cavità e fessure, come p. e. alle sorgenti della 
Verna (Lotti p. 377). Per le saddette ragioni è a ritenersi che 
eziandio le trschìti del H. Àmiata eruttarono dopo il Pliocene, come 
già ritenne il Pareto (^). La denudazione ha però fatto scomparire le 
tracce del cratere o dei crateri donde ebbe luogo la erozione. It 
Williams (p. 389) credette trovar traccia di bocche erattìve in due 
piccole conche crateriformi del diametro dì circa 300 m. a set- 
tentrione del Monte fra il P<^io e la Crocina e il Vivo ; ma la 
disposizione della roccia non corrobora questo modo di vedere e 
sembra si tratti di semplici cavità prodotte dalla denudazione. 



TDLCAMO DI RADICOFANI 

Basalte olivinico eec. Bosenbosch; Basalte ofitico 

SeC. FOUQDÉ E UlCUEL LÈVY. 



Bibliografia. 

Bucca L„ Studio microgra/ico tulU rocce gruUive di Radicofani m 

icona (Boll. Com. geol. XVm, 1887, p. 274). 
Cunpani G., Saggio luUa aoit. geol. d. prov. di Siena, 1865. 
Hetealli, G., Le lave di Radico/uni (Atti Soc. IL di se. nat voi. XXX, 1. 



('] P. Sari, Rapporto mi minerali pretentati alVetpotiiione dei pro- 
dotti greggi e lavorati fatta in Ftrtnxe nel 1850. Firenu 1850. — C. Santi, 
DtUa farina fonile aniatente. Montalcino 1854. — C. Qiannettì, Sulle terre 
gialle e holari del Manie Amiata con appendice relativa alla farina fouile 
del Monte Amìala. Siena 1878. — Lotti, 1. e , p. 876. 

(*) L. Pareto, Oi». geol. dal Monte Amiata. — De Stefani, Cron. vul- 
cani tote, p. XXI. 



>dbyG00gIe 



434 e. DK BTKFÀNI 

PiocMcìnì Rìcci V., DetcriiioHt metodica di alquanti prodotti dei vutcani 

tpenti nello ttato romano. Firenze 1820. 
Kath (Tom) G., Ehi Bet. Radieofani't. 1865. 
Stefani (De) C, Svila cron. dei vulc. della Totcana. 1878. 
Id., Appvnti topra race. vulc. d. Toscana. 1878. 
Targioni Touetti 0., Saggio dei monti ignivomi deUa Totcana e del Vetmio. 

Descrizione. 

Il pìEi pìccolo dei nostri lembi erottivi è qaello dì BadicofanÌT 
la cui natura eraUìva fa polla prima rolta osservata dal botanico 
Micheli nel 1722 e la cai roccia fa studiata da Weìss, £ath, Hra- 
calli, Bacca. È an basalto a ìtruttura comunemente inlentUiale. 
I componenti, secondo il Weiss che primo li esaminò al polari- 
scopio, sono olivina in distaili più o meno corrosi, trasformati 
talora, secondo il Bucca (p. 276), in sostanza verdastra serpentì- 
nosa, augite, un feldspato tridino, sovente in cristalli rotti, che 
il Bath ritenne labradorite, scarsissima magnetite, e jalite a volte 
frequente nelle fessure e nei pori. Il MercalLì vi trovò inoltre apa- 
tite, granuli di ferro ossidulato provenienti dall'alterazione della 
olivina e della magnetite, e sanidino, che il Bucca dice essere 
in cristalli a contorni irregolari parzialmente rifusi nella massa 
fondamentale. In questa manca la sostanza vetrosa. Il Bosenbuach, 
in esemplari da me speditali, trovava, oltre quanto aveva osser- 
vata il Weiss, ■ ohe nella massa fondamentale intercalata ai cri- 
stalli di prima formazione esistono dei microliti prismatici s estin- 
zione destra il cui asse più lungo è l'asse di mùtore elasticità: 
sono rossi e gialli : non sono ancora riuscito a determinarli ■ (i). 

Le proporzioni dei detti componenti variano entro certi limiti, 
per cui ad esempio il sanidino ora è rarissimo o mancante ora 
meno scarso, e sì ha tendenza dal basalto olivinico ad una aude- 
3ite olivinica somigliante secondo il Hercalli a certe andesiti della 
Valle del Bove nell'Etna (p. 9), Siccome però questi pass^gi si 
verificano senza regola ed in frammenti contigai, così non si può 
in modo alcoao &re sul posto una distinzione topografica di due 
tipi litolc^ci differenti. La roccia fU analiizata dal Batb e dal 
Ricciardi (Mercalli, p. 4, 8) ed ha la seguente composizione. 

(1) LeUera 19 ottobre I8S7. 



>dbyGoogIe 



I VULCANI SPKNTI DELL APIKniHO SETTKKTSIOKA.IB 485 

I. ADaliai del Bath. 

II. Baaalte con nro Banidiiio della parte SE del poj^o 
(Rùsdardì). 

III. Basalto con più sanìdiiio della parte JS. (Bieeiaidi). 

I u m 

SiO, 55,00 68,68 65,28 

Fh.O> — 0,98 1,88 

SO. — 0.62 0,84 

CI — taMe traoee 

AliO, 1438 14,17 14,06 

F«0 0,29 8,07 4,12 

Fe,0. — 1,46 5,06 

HnO — tracce 0,57 

CaO 8,61 8,62 934 

Ugo 7,72 7,05 4,00 

S,0 2,52 2,03 2,48 

Na,0 ,2,26 1,80 2,07 

Partita per oalciaazione 0,48 2,01 1,07 

100,15 100,29 100,12 

Secondo quel che ho visto la roccia enittira occupa sol rer- 
tice del Colle di Badicobni una superficie di poche diecine di 
metri quadrati e gim^^e ad altezza di 893 m. circa; ai alza come 
colonna in mezso alle argille turchine plioceniche di mare piut- 
tosto profondo, sebbene il punto precìso di contatto non si possa 
vedere a ottone della grande quantità di fcaatomi avventizi che 
ricoprono il suolo. Alla presenza del basalto si deve se in quel 
luogo il Pliocene, difeso dalla denudazione, giunge alla sua mas- 
sima altezza nell'Appennino settentrìoDale, ed anzi, per quanto ri- 
guarda strati non litorali, alla massima altezza in tntta la peni- 
sola; non vi ho notato traccio di alterazioni. 

n basalto è diviso in lunghi prismi molto irregolari, a volte 
un poco obliqui e con superaci curve, un poco alterati presso la 
superficie ove diventano giallastri. Nelle partì inferiori, dove forse 
fino s tempo recente giungeva ancora la copertura del terreno plio- 
cenico, la roccia è compatta, dura, finamente granulosa, ponto bol- 
losa, di colore verdognolo, rossiccio, grigio di ferro, nero, in al- 



>dbyGoogIe 



5. DK STEFANI 



cuoi punti giallognola. Soperìormente, circa a mefò della salita, 
serbando il colore e la compattezza, diventa bollosa, colle bolle 
verticali e verdo l'alto, come ae fossero nscite ora, tappezzate a 
volte da nn minerale torchino, secondo il Mercalli lianjna e da 
zooliti, forse gismondina e atilbite ('). Negli ultimi dieci metri, 
sotto il torrioncino ed in pochi altri punti attorno al castello, il 
basalte, detto pepa, è tutto bolloso, scorìaceo, rossastro, essendo 
divise le bolle da tenuiBsime pareti. Questa scoria così limitata 
va man mano scomparendo, ciò che forse in non lungo tempo ac- 
cadrà del tutto, perchè in maremma ne fanno commercio per iscor- 
ticare i maiali. Intorno sono molti trantumi di questa scoria sparsi 
artificialmente, che il Mercalli scambiò con lapilli. L'anzidetta di- 
sposizione della roccia prova a mio credere che la colonna dole- 
ritica inferiormente, dove era rinchiusa nel terreno compatto, ri- 
maneva unifonne e compatta, mentre superiormente uscendo al- 
l'aperto emetteva i gas ed i vapori e diventava bollosa, alteran- 
dosi pure gli ossidi di ferro per cui la roccia da verde diventò 
rossa, fenomeno, osservò il Mercalli (p. 11), cui van solette tutte 
le lave score di Badicofani quando siano calcinate. 

La presenza della scoria è pure riprova secondo me che il 
terreno pliocenico ginugera in origine forse soltanto 10 a 20 m. 
plii alto di dove sì trova attualmente. Non trovandosi alternanze 
dì elementi basaltici e sedimentari è probabile che l'eruzione, piut- 
tosto che essera sottomarina, avesse luogo non appena il solleva- 
mento fece emergere il pliocene, dorante il Fostpliocene come ritenne 
anche il Savi ; però le diversità lÌtol<^che, e piii la posizione topogra- 
fica non sostengono l'idea del Savi, che l'eruzione provenisse dal 
vulcano di Bolsena (^). La dispersione dei massi della roccia 
eruttiva cons^uenti alla denudazione sopra il terreno pliocenico 
circostante, ebbe lu(^o sopra superfìcie amplìssima ; ma cominciò in 
un tempo non molto lontano da (^gì ed in circostanze di ben poco 
diverse da quelle stesse che s^uitaudo fino ad ora plasmarono le valli 
circostanti. Soltanto a levante di Badicofani verso le Pietre Bianche 
si trovano alcuni massi doleritìcì in vetta a pofi^tii isolati dove certo 
oggi non andrebbero ma dove furono portati prima che la denudazione 

('} Hercalli, p. 5. 

(<) Campani, Co»t. geot. Siena, p. 6. 



>dbyG00gIe 



SETTBKTI<.I0NA1.E 



togliesse le pendici intermedie. Qaei massi scendono a nord lino al 
fosso Schiantone risalendo pel fosso di Foggio Saasetta, riscendono pel 
fossetto del Gasale rimontando la Socenna fino al peggio delle 
Pietre Bianche. S^nitauo pel fosso di Tìepre, rimontano un suo 
affluente sino al Posso delle Querce, da qaesto salgono all'Appa* 
ritoia, donde riscendono al Posso Cacarello e di qui ritornano al 
Fosso Schiantone. Stanno sempre limitati al rersante che dipende 
dal poggiò di BadicofanL Queste circostanze e la mancanza in esiii 
di ogni traccia di scorrimento escludono la supposiuone del Mer- 
callì (p. 12) che si traiti di correnti a rottami O'di massi lanciati 
dalla bocca d«l vulcano. 



VULCANO DELLA TOLFA 

Nevadite secondo Bosenbdsch. 
Bhyolite di Fodqdé e Michel Levi. 



Bibliografìa. 

Bomìiìcei L., AnalUi della Waweliitt reemtementa temerla alla Tolfa fretto 

le Allamiere (B«Ddic. dell'Acc. delle Scienie dell'Iitìtato di Bologna, 

1879-80). Bolo^a 1860. 
Borkomiki 8. Unoiii, Note nir la Tolfa (AniialM dea Mìdob U). Fani 1817. 
Breislak Se, Saggio di ouervaiioni mineralogiche sulla Tolfa, Oriolo e 

Latera. Roma 1786. 
Id., Mineralogitche Reite durch einen Theil det Kirckeiutaats. Frankfnrt' 

am-Hein, 1769. 
BnocB L., ContriòviUMt aìlo stvdio petrogra/ieo deWAgrù Sabatino e Ge- 
rite (Boll Com. geol.). Roma 1886. 
Mt Grineluei della traehite del Monte Virginio (Boll Com. geol.). Boma 1880. 
Basalti L-, Sulla traehite della Tolfa (Proc. veri), soc. tose, di se. oatmali 

1 loglio 1886). PUo. 
CoIlet-DeBCostil H. V., Mémoire tur lei Alimiires de la Tolfa (AnnaleB dea 

Uines ToL I). Parìa 1816. 
Ferber J. J., Briefe aut WàUchland ùber natùrlicht Sferkw&rdigkeite* iietet 

Landet. Prag 1773. 
Id., Lettre mr la mineralogie et sur divert autret objets de l'hittoire na- 

turelle de Vltalie. Strasbourg 1776. 
Pongeroni de Bondaioy A. D., Mémoire tur lei AlumiSrei, Aluminièrei ou 

Alumiiree de la Tolfa aux environt de Civita-Vecchia (Histoire de 

l'Acad. dea aciencea, Annèe 1766). 



>dbyG00gIe 



Oiordano P., Cmni tulle condùioni fiitco- economiche di Soma e tuo terri- 
torio. Firenze 1871. 
Id., Cenni tulla coititntione delia Campagna Romana (Boll. Cam. geol. II). 

Firenie 1871. 
HeyenDum G., Ouervaiiont fitiche ivlle miniere della Tolfa (Conispondenai 

Bcientiflcft in Botnft, udo I, a. 34). Roma 1348. 
HoffiDanD F., Ueier dia BeichaffinheU det rdmitchen Bodtiu, noòtt einige* 

aUgemeinen Betrachtìinyen ubar den geognottitchen Caraiter Italien* 

(AnnaleD der Phjsik end Chemìe, toq I. C. Pog^geadorf, Bd. XVI) Leipzig 

1829. (The Edimbargh neir philosophical Jnnnial b; Jameton, voi. Viu) 

Edinbnrgrli 1830. 
Idq Oeognottitch» Beoòaehtungen, getammeìt aua einen Beile ditrch Italie» 

imd Sicilien in den J. 1830 hi* 1832 (Eftntea's Àichiv. f. Hiu. Oaogn. 

Bergli. Bd. xm]. BeiUo 1889. 
Elaproth H. H-, Sxamen ckimiqM du minerai d'alun de la Tolfa et da 

tchitte alumineux terreax de Freyenwalde (Joonial dea Uìnea voi. XX). 

Paria 1806. 
Elitache de U Grange A-, Le traehiti della Tolfa e le formationi allitmi- 

nifere. Roma, Artero, 1881. 
Lotti B., Brevi oontideraiioni tulle traehiti della Tolfa (Pioc rerb. toc. 

toBC. voi. V, 4 loglio 1886). 
Ludwig B., Oeologitche Bilder aiu Italien (Bnll. de la Soc Imp. dea Na- 

tunliatea). Uoecon 1874. 
Mantovani P., SuWepoea e ntUa formaiione delle Traehiti cottitnenti in 

parte il tuolo dell'Elia. Boma 1869. 
Hazeas (L'Abbé). Oètervationt tur la mine d'alun de la Tolfa dant le voi- 

tinage de Rome (Hémoires de Hathém. et de Pltjùqae pi^B. à l'Acad. 

R dea aciences. T. V). Paris 1766. 
Oldeleben, Ueber da» Alaunmerk tu la Tolfa (Bejtrllge tur Eenntnìsa von 

Italien) Fraiberg 1 830 (Annalen der Physik, hennsg. v. Gilbert, Tol. LXX). 

Halle and Leipiig 1822 
Ponzi G., Sull'origine dell'Alluminile e Caolino della Tolfa (Atti Acc. p<»it. 

d. NnoTÌ Lincei, anno XI). Boma 1858. 
Id., Carta geologica e montanittica dei monti di Allumiere e della Tolfa 

e ditegni di denti fattili (Atti d. Accad. pontificia dei Nqotì Lincei 

anno Xm). Boma 1860. 
Id., Sopra i diverti periodi eruttivi determiiiati neWltalia centrale (Atti 

d. Accad. pontìf. dei Nnori Lincei, anno XVn). Roma 1864. 
Id-, Carta geologica del bacino di Boma (Boll, della Soc. geografioi it. 

voi. XVH). Boma 1872. 
Id., La Tutcia romana e la Tolfa (Atti della R. Acc. dei Lincei, Tnurtmiti, 

vd. n). Roma 1877. 
Ratb (vom) G., Dat Bergland oon Tolfa. Mineralogiteh-geognottitcke Frag- 

mente atu Italien (Zeitach. d. deotach. geol. Qecell. Bd. XVUI). 

Berlin 1866. 



>dbyG00gIe 



I VULCMtl SPENTI DBI.L APKDMKO BSTTKHTKIONkLR 4«8 

Stefmni (De) C^ Appunti lopra rocc. vule, 1S88. — Quadro camp. d»i t^rr. 

Àpp. Mtt. ISSI. 
là., Il piano politico nei monti della Tol fa (Pioc.jeA.Kc. toBC. Qgeonuo 1887). 
Tittoni T., Studi geologici mila regione trachitìca deWAgro Sabatino e 

Cerile (Bollettìao della Boc. f[eolo^ca it.). Roma 1665. 
ToDitnaai Crudeli C, Il clima di Roma. Romk, Loeacher, 1886. 
Cficio geologico (R.), Carta geologica della campagna romana e regioni li- 
mitrofe. Boma 1868. 
TiftUa H-, Memoire «ur la* minti d'alunit* de la Tolfa (Bnll. de U loc. de 

l'ind. min. S. 2*, Livre IT) ìUnt Etienne 1680. , 
Zeri P. e Sinigoglis F., Reurtione a Civitavecchia ed ai monti della Tolfa 

(Programma della B. SenoU d'Applicarione per gl'Ingegneri in Boma). 

Roma 1677. 
Id., / caolini e le argiìU refrattarie in Italia (Boll. Com. geol. p. 806). 

Boma 1875. 

Distribuzione topografica. 

A and dal M. Amìata bì trovano le tracMti qnanìfere o lipariti 
della T0I&, nella parte Bettentrionale dei mosti di questo nome « 
nel Monte Vii^io. 

Dove sono trachitì ivi quasi sempre oompaìoao indubbia- 
mente Bottostanti, in strati orizzontali, ma con altezza variabile, 
terreni marnosi friabilissimi del Miocene superiore, cui la roccia 
ndcanica, polla su» compattezza, serri di difesa. Dove non copre 
questi la traehite sta sopra ai terreni cretacei i quali peri) erano 
stati già tutti sollevati e ripiegati prima della deposizione del 
Uioeene che loro sovrincombe. 

Solo alla Madonna della Salette fra Canale e Monte Virginio 
la traobite riooprirebbe, secondo il Tittoni, ghiaie appartenenti al 
PostpUocene inferiore: io però non ho esaminato questo luogo. 

La trachìte in posto, ne' suoi estremi limiti, ò un poco meno 
estesa che non appaia in tutte le Carte pubblicate, anche uelle 
ultime. La massa principale è intorno alla Tolfa ed alle Allu- 
miere ; parecchie altre masse secondarie isolate ed interrotte dalla 
denudazione si vedono tutto intorno. 

La massa intorno alla Tolfa forma il vertice della montagna 
e a sud ricopre i calcari cretacei dall'altezza di circa 520 m. in poi: 
fra Gibooa, l'Eleeto e le Allumiere si può dire eh' essa è confinata 
dalla strada rotabile la qaale appunto, quasi a livello costante, se- 
guita la ripida scarpata formata dalla trachite posando sul de- 



>dbyGoogIe 



490 e. DB STEFANI 

elìyìo mmo ripido cai sottosuolo è il teiteno cretaceo coperto da 
frane di trachite. 

Par dove non sì vedono i terroni miocenici la sua soviappo- 
sizione diretta ai terreni cretacei non è da mettersi menomamento 
in dubbio, giacché al Poggio dell'Elceto e Inngo il confine end gli 
strati calcarei ed arenacei s'immergono sotto alla trachite, come 
vi passano - sotto e gli strati alle miniere del ferro e gli etessi 
bancbi ferrei. Inoltre la superficie più o meno irregolare secondo 
la quale la trachite si sovrappone alla creta taglia con molta di- 
scordanza ed irregolarità gli strati dì questa, ed è una superficie 
evidentemente prodotta dalla denudazione. Il Ponzi aveva già notato 
qneeta sovapposìzione al Gampaccio (Tuscia rom. p. 907) ed il fatto è 
generale. Lo si pud verificare poi con evidenza ancor madore 
nei lembi assai numerosi, contro ciò che comunemente si ritiene. ì 
quali, interrotti ed isolati dalla denudazione, si trovano tatto in- 
tomo alla massa principale. Il poggio della Tolficciola a sud di 
Tolfa è completamente isolato sopra la roccia cretacea; il F<^o 
Pipano a est lo é sopra gli strati orizzontali del Miocene superiore; 
così lo è in massima parte il p<^^o trachitico poco più a nord. 
Il confine della massa tracbitica principale da questo lato orien- 
tale è assai meno distinto perchè una grande massa di detrito tra- 
chitico, che seguita a formarsi tuttora pel fìwiate della roccia, 
ricopre gli strati miocenici sulla sinistra del torrentello che vien 
dalle Cave dell'Aliarne; però la sovrapposizione al Miocene si ri- 
vede ben chiara nel Monte Pian d'Angeli e lungo tutti i confini 
settentrionali, in ispece lungo i pochi torrentelli più profondi, o 
lungo il Fosso della Botte anco nell'interno, al Campacoio. Iso- 
lati sullo stesso piano sono, a ponente, il poggio bachitieo di 
GeneeUe che però è circondato da molte &ane, quelli del Sassetto, 
a quanto sembra on piccolo poggetto a sud di Bìpa Maiale, 
e finalmente un lembo alla Montagnola presso