(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Biodiversity Heritage Library | Children's Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Bollettino della Società entomologica italiana"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 






fìfararg trf tfefi Pustuin 



OF 



COMPARATIVE ZOÒLOGY, 

AT HAEVARU COILKJR. CAHBRIIKJE, HASS. 



No.^f^J. 




Digitized by VjOOQIC 




Digiti: 



oogle 



Digitized by VjOOQIC 



BULLETTINO 



SOCIETÀ ENTOMOLOGICA 



ITALIANA 



ANNO DECIMO 



TIPOtìRAFIA CENNINIANA 

FIEBNZE i ROUÀ 

Via Obibellina, 8. ) Vìa Torino, 183. 

1878. 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



VITTORIO EMANUELE 11 Primo Re d' Italia è 

MORTO I 

Lo accompagna alla tomba V universale com- 
pianto degli Italiani, che non avevano Patria, a LUI 

la domandarono, con LUI la vollero e la ebbero 
Una, Indipendente e retta da quelle Libere Istituzioni 
che devono guidarla al compimento de' suoi destini. 
In queste pagine, nelle quali il nome augusto 
del PRIMO RE DITALIA vedevasi scritto, insieme a 
quello del suo successore UMOERTO 1, vogliamo 
stieno queste parole, a pubblica testimonianza del 
nostro dolore e della nostra devozione, 

Firenze, 15 gennaio 1878, 



PER Là SOCIETÀ 
IL O0im?AT0 DIEEfKTO. 



i 



Digitized by VjOOQIC 



5 — 



NUOVE AGGIUNTE 



8A66I0 DI DS CATAL060 DEI LEPIDOTTERI ITALM 

dell* Inieegnere ANTONIO CURÒ 



Nota. — Le specie e varietà che seguono — • salvo pochissime ecce*- 
zioni — non sono nuove per la nostra fauna, ma Io sono per la Zona centrale^, 
almeno per la parte occidentale di questa. I dati provvengono in maggir 
parte da un recente lavoro del Sig. Millière (1) e si riferiscono al Nizzardo, 
regione che, sebbene attualmente non si trovi più far parte del nostro paese, 
pure geograficamente non ne va disgiunta. (Vedasi l'introduzione al Saggio 
di un Catalogo ec. — Bull.^ voi VI). 

L RHOPALOCERA. 



Pieris Gallidice Esp, — Luglio — Praterie alpine elevate. — Alpi maritt. 
Bruco snW Arabis alpina. 

Golias Palaeno L., e v. EuropomeneO. — Prat. alp. elev. (1800-2000 m.). 
Alpi marìltime. 

Golias Phicomone Esp. — Agosto — Praterie alpine elevate. — Più fre- 
quente delle precedenti. — Alpi marittime. 

Thecla Roboris Esp, — Luglio — Alto Nizzardo, rara. (A. Risso). 

Polyommatas Alciphron Roti. — Giugno, luglio — (Valle di Tborenc ec.) — 
Sui fiori dei Rubus ; bruco adulto in maggio sul Rumex acetosa. 

Polyom. Thersamon Esp., var. m p h a I e Klug. — Luglio — Non rara a 
S. Martino Lanlosca, ove sembra sostituirsi al tipo. 

Nota. — È questapjobabilmente la forma (caudata), della 2* apparizicme. 

Lycaena Donzelli B. — Giugno — Valle del Borréon, presso S. Martino 
Lantosca; piuttosto rara. 



(1) Minière. Catal. raisonné des Lepidoptères des Àlpes maritimes. -« Sapplément. 



Digitized by VjOOQIC 



— 6 — 



n 



liSrcaena Goelestina Ev. (2) — Loglio — Loogo le sponde del Borréon e 

deiralta Yesubia. 
Melitaea Parthenie Bkh,j var. Varia M, DUr. — Si sostituisce al tipo 

nelle alti valli di Thorenc, S. Martino ec. 
Melit. Didyma 0., ab. M e r i d i o n a 1 i s Stg, ^ Secondo Milliére senabre- 

rebbe sostituirsi parimenti al tipo, in quelle regioni. 
(È la forma dominante in Sicilia). 
Sorge quasi il dubbio che abbia ad intendersi invece la var. A 1 - 

pina Stgr,^ frequente nelle Alpi. 
Argyimis Amathasia Es^p, — Trovasi già notata nel Catalogo come appar- 
tenente alla Liguria. Aggiungasi come nutrimento del bruco il ?0' 

lygonum bistorta, 
Erebia Ligea L. — Frequente in luglio nei monti di circa 4000 m. di alt. 
Ereb. Manto £., P y r r b a S. F. — Luglio — Praterie elevate (4800-2000 m.) 

dell* Alta Vesubia. 
Ereb. Stygne 0. •— Luglio — Abbondante nelle praterie elevate di Finestre, 

S. Dalmas ec. 
Ereb. Ceto Hb. — Luglio — Qua e là, in siti erbosi, sulle alture rocciose 

di Berthemont, cascata del Borrèon ec. 
Ereb. Tjmdaras Esp, — Luglio — Thorenc ec. 
Cyclopides Morpheus Pali,, SteropeSiS^. F. — Loglio — Alture di Ber- 

tbemont-les-Bains ; non frequente. 
Garterocephalus Palaemon PalL, Paniscus F. — Giugno — Non raro 
in luoghi erbosi (Valle di Lantosca). 

IL HETEROCERA. 
Sphinges 

Sesia Scoliaeformis Bkh. — Probabilmente anche nel Nizzardo. Il bruco vìve 
sotto la corteccia dei ciliegi, e non si trasforma in crisalide che 
dopo il secondo o terzo anno. 

S. Annellata Z. — Giugno ^ Valle della Vesubia, rara. 

Ino Tenaicomis Z. — Luglio. Falde erbose nei dintorni di Thorenc, Berthe- 
mont-les-Bains ec, non rara. 



(2) Specie della Russia mer.-orient., nuova p«r la nostra fauna. 



Digitized by VjOOQIC 



— 7 — 

Zygaena Ephialtes L,, ab. Medusa Pali, — Luglio — S. Martino, Tho- 
rene ec. ; non rara nei luoghi incolli. 

Zyg. Gamiolica Se, ab. D ì n i e n s i s H, S. (macul. rubrìs permagnis, an- 
guste flavo-cinctis). — Luglio, agosto; sulle lavande in fiori, allure 
di Thorenc ec. (Secondo Milliére dovrebbe ritenersi quale specie 
distinta). 

Nadia Punctata F., var. Ochrea MilL — Varietà costante caratterizzata 
da una tinta genepale ocraceo-rossastra, vivacissima. — Frequente a 
S. Martino, Venangon ec. 

MBoÈnbyees, 

Setina Irrorella L., var. F r e y e r i Nick, — Luglio — S. Dalmas, S. Martino; 
rara; mentre é frequenle il tipo. 

Lithosia Unita Hb,, v. Pali eoi a Hb. — Luglio — Berthemont, rara. 

Bmydia Gribrom L., v. Punctigera Frr, — Agosto — Luoghi rocciosi 
ed erbosi dell* alta Yesubia. 

Emydia Gribrum L., v. Chrysocephala Hb. (v. Cosci n ia 0.). — 
Come la precedente. — È forse specie distìnta dalla Cribrum. 

Psyche Turati Stgr- — Giugno, luglio — Scoperta di recente dai Sigg. Conti 
Turati in Brianza, ove non sembra essere rara. 

Il bruco vive su varie Umbellifere ed altre piante erbe. 
(Forma prossima alla P. V i a d r i n a e P. V i e i e 1 1 a}. 

Hyp<H[ita Gaestrum Hb, — Probabilmente anche nel Nizzardo, essendo stata 
osservata dal Milliére presso Cannes. — Il bruco, luti* ora ignoto, 
verosimilmente vive nelle radici di diverse piante erbacee. 

Bombyx Gastrensis L. — Anche nelle Valli dell' Alto Nizzardo. 

? Bomb. Ganensis MilL — (n. sp. Cat. rais. p. 393). — Scoperto dai Mil- 
liére a Cannes, ove apparisce in dicembre; quindi probabilmente 
anche nel Nizzardo e Liguria occid. Appartiene al gruppo Cra- 
taegi-Populi; ha dimensioni maggiori e colori più vividi. 

Pygaera Anastomosis L. — Luglio •* Anche n. Z. cent. (Valle di Tho- 
renc; rara). 

Acronycta Ligustri 5. F. — Probabilmente anche nel Nizzardo, apparendo 
a Cannes nel maggio, poi in agosto. 



Digitized by VjOOQIC 



%. 



— 8 — 

BrTophUa Galathea Mill. — (Aqd. Soc. Ent. 4875). — Loglio — Alla Ve- 
subia ; coniro alle rupi. 

? Bryoph. OxyMensis Mill. (1. e.) -^ Probabilmente anche nel Nizzardo, ap- 
parendo a Cannes nel maggio, poi* in settembre. 

Asrotis speciosa Hb, — Luglio — Un <f a S. Martino Lantosca. 

Agr. Forcipula S, V, — Luglio — Di ^era sulle lavande in fiori — Ber> 
themont-les-Bains. 

? Agv. Slblrica B, — Sarebbe slata presa in luglio a Bertbemont-les-Bains. 
(Questa specie, ancora male determinata, era attribuita pare, 
alla Siberia). 

? Dianthoecia Barrettil Dld, *-^ Specie irtandese. Milliére ne catturò una ? 
a Cannes ; non è quindi improbabile che possa osservarsi anche nel 
Nizzardo. 

Mamestra Leineri Frr. — Luglio — Berthemonl-les-Bains. 

(Specie dell* Ungheria e Austria, nuova per la nostra fauna). 

Mam. Dentina S. F. — Luglio — Contro ai tronchi ed alle rupi. ^ Thoreac, 
S. Martino. 

? Episema Glaucina Esp,^ ab. G r u n e r i B. (le. 73. 4 . 2). — Forma me- 
ridionale, quasi interamente bianca, con due sole macchiette scure, 
rettangolari, osservata dal Milliére in settembre presso Cannes, e 
quindi propria, verosimilmente, anche del Nizzardo ec. 

liuperina Virens L. — Fine luglio — Un esemplare a Berthemont. 

Hadena Literosa Hw. — Agosto — Berthemont, non rarissima. 

Hydroeoia Xanthenes Germ. — Specie della Sicilia e Andalusia, osservata 
dal Milliére anche a Cannes ; appartiene quindi probabilmente anche 
al Nizzardo. — Il bruco vive nelle radici dei carciofi e cardi. 

Tapinostola Fulva Hb. — Osservala dal suddetto, a Cannes^ in maggio, 
quindi vive probabilmente anche nel Nizzardo. 

Garadrina Noctivaga Bell,, v. Infusca Const, — Come la precedente. 

? Gar. Lepigone Moesch. -^ Maggio, poi agosto — Come le due precedenti. 

Pacnobia Rubricosa S. F. — Fine febbraio. — Come le precedenti. 

Bruco adulto in giugno s. Erica arborea, Tamus cwnmunis e a. 
p^'^ Orthosia Rnticilla Esp. — Fine gennaio e febbraio — Certamente anche 

*^ nella Liguria occidentale e Nizzardo — Bruco s. Quercus ilex, e a. 

? Orth. Humilis S. F. — Milliére ne raccolse un <f a Cannes, in dicembre ; 
. potrà forse rinvenirsi anche n. Nizz. — Bruco sul Triticum repens, 

Uthocampa Ramosa Esp, — Agosto — Allo Nizzardo; piuttosto rara< 






Digitized by VjOOQIC 



— 9 — 

REPERTORIO 

DBOU 

INSETTI PARASSITI E DELLE LORO VITTIME 

CON NOTE ED OSSEEVAZIONI 
del Pro£ CAMILLO RONDANI 



SUPPLEMENTO 
Alla Seconda Farte 

VITTIME 



Ord. PAPILIONARII — LEPIDOPTERA. 

6. AcHERONTiA Hbn, V. Rep. p. 2. (•) 

sp. — atropos Lin. 

Il suo braco oltre ai diversi nemici Muscarii, 

è ucciso anche dal Trogus lutorius Grv. Vespiti 



6. AcROBASis Zeli. — V. Phycis Fab. 



6. AcRONiCTA Ochs. — V. Rep. p. 3. 

sp. — leporina Lin. 

Altro uccisore de' suoi bruchi è il M i eroga- 

ster globatus Pnz. = afl3nis Nees. Vespiti 



G. AcYDALiA Hbn. — V. Rep. p. 4. 
sp. — aver saria Hbn — aver sala Lin. 

Vive il suo bruco sopra varie specie di Spar- 



(*} Ballettino Società Entom- Ital : 18^ Fase. II. 1873, Fase. L 



I 



Digitized by VjOOQIC 



'^V:. 



~ 10 — 

tium, e più spesso sullo Sp. scopar! um, ed 
è ucciso dallo Tetrastichus Agatho- 
c 1 e s Wlk, Vespiti 

sp. — brumaria Esp. 

Si aggiungano a suoi nemici, il Campoplex 
crassiusculus Grav, e TEulophus dives 
Gour. Vespiti 



G. Agriopis Bsdv. •— Pam. Noctuidae. 

sp. — aprilina Lin. 

Il suo bruco predilige per cibo le foglie di quer- 
cia, e si trovano uccise le sue pupe dall' A n- 
thrax flava Mgn. Musei ti 



G. Agrotis Ochs. — V. Rep. p. 4. 

sp. — aquilina Hbn. 

I suoi bruchi furono trovati da me sulle foglie 
delle viti di cui si nutrivano, e sono uccisi dal- 
richneumon infractorius L, (oss. n.) Vespiti 

sp. — ìyrunnea F: V. G. Noctua. 

sp. — triangulum Ochs. 

Allo stato di bruco mangia le foglie dei Bel li s 
e piante affini, ed ha per nemico l'Apanteles 
Frst reconditus Nees. Vespiti 

sp. — valligera Fab. 

Oltre la Gonia capitata De G. (Muscar io), 
ha per nemici il Banchus nigripes Grv. 
ed il Metopius sponsor Fai). Vespiti 



G. Amphidasis Cr. — V. Rep. p. 6. 

sp. — pilosaria Hbn. 1 

Bruco polifago, che rode le foglie di varii alberi 
latifolii, ed è ucciso dal Paniscus testaceus 
Grv. Vespiti ^ 



i 



Digitized by VjOOQIC 



— 11 — 

G. Amphipyra Ochs, — Fam. Noctuidae. 

sp. — pyramidea. L. 

Mangia il suo bruco le foglie delle querele, dei 
pruni, e di altre piante legnose; dalle sue pupe 
sorti l'Eulophus abdominalis Nees. Vespiti 



6. Anacampsis. Curt. — V. Rep. p. 5. 

sp. — temerella Hbn. 

Vive di faglie di diverse piante legnose : ed ha 
per nemici il Campoplex xanthomelas 
GouTy e la Glypta teres Grv. Vespiti 

sp. — tremudella Dup. Var. popvlella? Lin. 

Sono i suoi bruchi non rari nelle foglie dei 
Pioppi, e vengono uccisi dai Cirrospilus 
font eri US Gour, e Halidayus Gour. Vespiti 



G. Anaitis Dup. — Fam. Geometridae. 

sp. — plagiala Bsdv. = plagiata Lin. 

I suoi bruchi vivono sugli Hi peri cu m, e sono 

uccisi dal Microgaster candidatus Wlh. Vespiti 



G. Antispila Hbn. — Fam. Tineidae. 

sp. — Rimllella Rndn. = Rivillei Stnt. 

La sua larva è minatrice delle foglie di vite, 
ed ha diversi nemici parassiti, cioè T m p h a 1 e 
viticola Rndn ; Entedon antispilae, ed 
Entedon rivillellae Rndn. Vespiti 



G. Arctia Schr. — V. Rep. p. 6. 
sp. — fvUiginosa Lin. 

Si aggiungano a suoi nemici, i seguenti 

Exorista confundens Rndn. 

Cryptus cyanator Grv. 

Ichneumon examinator Faib. 
— salicatorius Grav. 

Microgaster connexus Nees. 



Muscitì 
Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



'fii^" 



w, 

^^>' 






sp. — 



— 12 — 

lubricipeda Fab. 
Altro suo uccisore è il Microgaster con- 
gestus Nees. = globatus Bè. Vespiti 



G. Arotrolepia Stpìi. — V. G. Cochylis. Dup. 



G. Argus Scop, — V. G. LicAENA Bsdv, 



G. BoARMiA TV. — Fam. Geometridae. 

sp. — rhornboidaria Hbn. 

I suoi bruchi rodono le foglie di Prunus, Cerasus 
e di parecchie altre piante legnose. Suoi uccisori 
sono il Microgaster alvearius Spin. ed 
il Microgaster annularis Wlbrg. Vespiti 



G. BoMBYx Lin. Bsdv. — V. Rep. p. 7. 
sp. — guercus. L. 

Altri suoi nemici sono il Paniscus testa- 

ceus Grv.; 

la Echinomyia grossa Lin. ed un 

Anthrax sp. Palumbii mihi (interim), 
sp. — trifola Lin. 

Altri suoi nemici sono i seguenti 

Anomalon gygantheum Grv. 

Ophion undulatus Grv. 

Echinomyia abdominalis Macq. (oss. 

Mina-Palumbo). 

Phorocera gramma Mgn. (oss. n.) 



Vespiti 
Musciti 

Vespiti 
Musciti 



G. BoTYS Latr. — V. Rep. p. 9. 

sp! — silacealis Hbn. 

La sua larva vive nel caule della Zea mays, 
della Canabis sativa, e d'altre piante: è uccisa 
dairichneumon celeràtor Grv. (oss. n.) Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 13 — 

sp. — veriicalis Fab. 

La sua larva rode diverse piante, ma anche come 
la precedente, il caule de! mays e della canapa: 
suo nemico è il Rogas pallipes Nees. Vespiti 



G. Bryophila tv. — Fam. Noctuidae. 

sp. — glandifera Hbn. 

I suoi bruchi vivono di alcuni licheni, sui muri 
e sui tronchi di alberi: sono uccisi dall' le h- 
neumon restaurator Grv. Vespiti 



G. Calocampa Stph., solidaginis flbw., V. G. Xylina Ochs. 



G. Cheimatobia Siph, — V. G. Acydalia. 



G. Chelonia Bsdv, — V. Rep. p. 10. 

sp. — caja Lin. 

Fra gli altri nemici dei bruchi polifagi di que- 
sta specie, è il Microgaster difficilis Nees. 
= cajae Bè, forse lo stesso del Campoplex 
cajae FnscL Vespiti 

sp. — villica Lin. 

Si aggiunga a suoi nemici allo stato di bruco, 

la Exorista cheloìiiae Rndn. (oss. n.) Musciti 



G. CiDARiA Tr. — V. Rep. p. 11. 

sp. — chenopodiaria Lin. 

Vive il suo bruco di varie piante erbacee, e 
spesso dei Chenopodium: ed ha un nemico 
neirlchneumon iridipennis Grv. Vespiti 

sp. — psyttacaria. — V. G. Phesile Dup. 



G. Clisiocampa Crts, — V. Rep. p. 11. 

sp. — castrensis Fab. 

Le sue uova sono divorate dal Teleas pha- 
laenarum Lin. Vespiti 



Digitized by 



Google j 



— 14 — 

sp. — neustria Lin. 

Si aggiungano a suoi uccisori la Exorista 
gnava Mgn., Musciti 

ed il Cryptus ornatus Grav,: più il Meto- 
pius necatorius Rossi. Vespiti 



G. Clostera Stph. — Fam. Bombycidae. 

sp. — anachoreta Lin. 

Il suo bruco mangia le foglie dei Salici ed anche 
dei Pioppi. É ucciso dairichneumon mon- 
ti cola Grv. Vespiti 



G. Cnetocampa Stph. — V. Rep. p. 12. 

sp. — pithiocampa Lin. 

Altri suoi nemici sono, il Tetrasticus at- 
talus Wlh, (nelle uova). Vespiti 

e la Masicera bercella Besv. Musciti 

sp. — popvZi Hbn. — V. G. Poecil ocampus Stph. 

sp. — processionea L. 

Ai molti suoi nemici sono da aggiungere le 
Exorista gnavail/^w.ed Exorista libatrix 
Pw^., piùlàTricolyga caudata JRwc^w. (oss.n.) Musciti 



G. CoccYx Tr. — . V. Rep. p. 12. 

sp. — Buoliana Lin. 

Ai molti nemici de'suoi bruchi aggiungi anche la 
Lissonota nigra Grv. ed il Perilampus 
laevifrons Dlm. Vespiti 

sp, — resinana Fb. 

Altro uccisore de'suoi bruchi è TEphialtes 
mesocentrus Grv. Vespiti 

sp. — siróbilai\a Hbn. 

Ai numerosi suoi nemici si aggiunga l'Eupel- 

mus urozonius Dlm. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



-vl'^*''"'-"^'"'^'0-'. '" ' 



— 15 — 

G. CocHYLis Tr. — V. Rep. p. 15. 

sp. — flagellana Dup. — (G. Argyrolepia Stpfi.) 

Nelle foglie di varie piante legnose; è suo uc- 
cisore il Campoplex multicinctus Grv, Vespiti 

sp. — Roserana Fri. 

Altro suo parassito è il Campoplex dif for- 
ni is Gr, Vespiti 



G. CoLEOPHORA Hhn. — V. Rep. p. 15. 

sp. — auroguttella RssL 

Vive il suo bruco nelle varie specie di Atri- 
plex, e piante afl3ni, ed è ucciso dal Microga- 
ster sessilis Spin. Vespiti 

sp. — ì)dllotella Fisch. 

Sulla Ballotta nigra ed altre, ed ha per nemico 

il Microgaster sessilis Spin. Vespiti 

sp. — coradpennella Hbn. 

Altro suo nemico è l'Hemiteles areator 

Pnz. Vespiti 

sp. — hemeróbiella Scop. Zeli. 

Vive sulle foglie dei Peri e piante affini, ed è 
vittima allo stato di bruco degli 
Hemiteles melanarius Grv. ed Vespiti 

— simili s Pnz. Vespiti 

sp. — lutipennella Zeli. 

Vive il suo bruco nelle foglie delle querele, ed 

ha un nemico nell'Entedon lucidulus Oùur Vespiti 

sp. — pcdliatella Znk. — C uh nella Goez. 

Nelle foglie di piante legnose Quercus, Betula, 
Corylus ec, ed i suoi bruchi sono uccisi dal 
Microdus mediator Gour. Vespiti 

sp. — serenella Tchr. 

I suoi bruchi vivono nelle foglie di Citisus, 
Astragalus, ecc.; sono decimati dall' Opius 
brennus Gour. Vespiti 



Digitized by VjOOQm 



V 



— 16 — 

sp. — vibicella Hbn. = vibicipejinella Dup. 

Vive allo stato di bruco nelle foglie della Ge- 
nista tinctoria, Vicia cracca ec, e sono suoi 
persecutori i Bracon osculator Nees. ^ 
Campoplex rufipes Cfrv., Encyrtus ge- 
Ti i s t a 1 i s Gour. Vespiti 



G. CoLus Fab, — Fam. Papilionidae. 

sp- — hì/aie Ochs. 

Vivono i suoi bruchi a preferenza delle Coro- 
nille, e sono uccisi dallo Pteromalus omni- 
vorus Wlh. (oss. Dei). Vespiti 



G, OucuLLu Schr. — V. Rep. p. 16. 

sp. — artemisiae Lin. 

Sì aggiungano a suoi nemici iPaniscustesta- 

ceus G^n?. « Pimpla examinator i^a6. Vespiti 

sp, — artemisiae Lin. 

Altro suo uccisore è il Microgaster dep ri- 
mato r Nees, Vespiti 



G. Deilkphila Ochs. — V. Rep. p. 17. 

sp. — eupìiorUae Lin. 

Si aggiunga a suoi nemici il Microgaster 
nigriventris Nees. = Euphorbiae Bè. Vespiti 



G. Depressaria Hwrt. — Fam. Ti nei da e. 

sp- — atomella Hbn. 

I suoi bruchi vivono nelle foglie specialmente 
di Betula, e sono uccisi dal Microgaster 
tibia li s Nees. Vespiti 



G, DicRANURA Latr. — V. Rep. p. 18. 
sp. — Uftiia Hbn. 

Vive delle foglie di alcune piante boschive, ed ha 



Digitized by VjOOQIC 



:''-'jf:yr-:X'' 



r" 



.... 

per nemici TAnomalon tenuicorne Grv, > ! 

ed il Paniscus virgatus Frcr, . Vespiti " 

sp. — herminea Esp. ;. ] 

Altro suo uccisore è la Pimpla instigator i 

6rv. Vespiti ì 

sp. — vintela Lin. / i 

Si aggiungano ai suoi persecutori il Micro- Vi 

gaster globatus Pnz. = affinis Nees. e 

Pimpla instigator Grv. Vespiti 



G. Elachista tv. — V. Rep. p. 19. 

sp. — populifoliella Tr. 

Porta qui dal G. Lithocòlletis pei suoi ne- 
mici non pochi. — V. Rep. p. 33. 

sp. — Roesella Lin. = Lithocòlletis Blanchar- 
delia Fl>.& — t pomonella Zeli. — V. Rep. 
pag. 32. 

Vive nelle foglie dei meli, ed i suoi bruchi 
hanno parecchi nemici, e a quelli indicati per 
la Lith. pomonella, si aggiungano l'Ela- 
chistus pallipes ^e (?., rEulophus Blan- 
chardellae £^. e TEulophus Roesellae 
De G. Vespiti 

sp. — Saportella Hhn. = V. Lithocòlletis Kuhl- -ì% 

weniella Z. / 

Uccisa dagli Entedon cavicornis Rtz. Vespiti 

e nubeculatus Kltb. Vespiti 



6. Ephyra Dup. — Pam. Geometridae. 

sp^ — pupillaria Hbn. = gyraria Tr. 

Il suo bruco vive di foglie arboree ed arbustive di- 
verse, Quercus ilex, Mirtus, Arbutus, Cistus ec. 
ed ha un nemico nel Microgaster intrica- p 



tus HcUid. 



Digitized by 



Google 






Vespiti ^ 



Ann. X. 2 " -%'sa 




..(^ 



— 18 — 

G. Erastria Ochs, — Fam. Noctuidae. 

sp. — fuscula Brk. •— Fasciana Lin. Fàb. 

Vivono i suoi bruchi sulle diverse specie di 
Rubus, e sono uccisi dal Pteromalus lati- 
fer Wlk. Vespiti 



G. Eriogaster Grm. — V. Rep. p. 21. 

sp. — lanestris Lin. 

Oltre ai nemici delle sue larve, una piccola 
specie distrugge le sue uova, ed è il Chryso- 
lampus tristis Nees. Vespiti 

sp. -— populi Lin. — V. G. Poecilocampus Stph. 



G. EucHELiA Bsdv. — Fam. Chelonidae. 

sp. — jacóbeae Lin. 

Bruco polifago di piante erbacee, fra le quali i 
Senecio a preferenza: è ucciso dalla Frontina 
instabilis Rndn. (G. Vibrissina Rndn.) 
e dalla Tachina nympharum Rndn. Musciti 



G. EupiTEoiA Crts. — Fam. Geometridae. 

sp. — scoparia Bsdv. 

Rode allo stato di bruco, le Eriche scoparia 
ed arborea, ed è vittima di due nemici, l'En- 
cyrtus tentus Wlk. ed il Tetrastichus 
agathocles Wlh. Vespiti 



G. EuPLOCAMUs Latr. Fam. Ti nei da e. 

sp. — parassitellus Hbn. 

I suoi bruchi rodono i funghi legnosi, e fra gli 
altri il Boletus igniarius. Ha un nemico nel 
Microgaster lacteus Nees. = parassi- 
telli Bè. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 19 — 

G. FiDONiA Tr. — V. Rep. p. 21. 

sp. — piniaria. Lin. 

Si aggiungano agli altri suoi nemici le Trì- 
cholyga Rndn. (Tachina) piniaria Desv, 
e Tricolyga fidoniae Desv. Musciti 

Più gli Ichneumon nigrocyaneus Grv. ed 
Ichneumon pseudonimus Wsml. Vespiti 



G. Galleria Fab. — Fam. Tortricidae. 

sp. — cereana Lìn, ^= ce r ella Fai). (Fam. Tineidae). 
Che infesta gli alveari, ne rode la cera, e guasta 
i favi, per cui talora ne resta distrutta }a 
famiglia delle api, se le larve di questo dan- 
noso Papilionario non vengono decimate da un 
piccolo Chalcidide che credo non osservato 
prima d'ora, e che nomino Eupelmus Dlbm. 
cereànus Rndn, (oss. n.) Vespiti 



G. Gelechia Hbn, — V. Rep. p. 22. 

sp. — antìiyllidella Hbn. — Lita TV.) 

Vive nell'Anthyllis vulneraria, ed i suoi bruchi 
sono uccisi dal Microdus obscurator Nees. 
(Ischnus Gr.) Vespiti 

sp. — carlinella Dougl. 

Rodono i suoi bruchi il ricettacolo delle Carlina 
acaulis e vulgaris, ed è un suo nemico TAga- 
this malvacearum Latr, Vespiti 



G. Geometra ifn. — V. Rep. p. '-^3. 

sp. — mensuraria Lin. — (G. Embolia Dup.) 

A suoi nemici sono da aggiungere i due Ichneu- 
mon motatorius Grv. ed arctiv.entris 
Boj. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 20 - 

G. GoNOPTERA Lat. — V. Rep. p. 23. 

sp. — Ubalrix Lin. 

Altro suo uccisore è la Pimpla varicornis 

Fab, Vespiti 



G. GoNOPTERix Bsdw — V. G. Rhodocera Bsdv. 



G. Gracillaria Haw, — V. Rep. p. 23. 

sp. — syriììgellaFaih. =Ornix ardeaepennella Tr. 
I suoi bruchi vivono dentro le foglie della Si- 
ringa vulgaris, ed hanno per nemici il Micro- 
gaster ruficornis Nees. = ardeaepen- 
nellae, e Pimpla stercorator Fab. Vespiti 



G. Hadena Schr. — V. Rep. p. 24. 

sp. — ìyrassicae Lin. 

Aggiungi agli altri suoi uccisori la Pimpla 
varicornis Fab. Vespiti 

sp. — oleracea Lin. 

Oltre al Blacus Nees, (Bracon Fab.) humi- 
lis Nees. è uccisa anche dal Microgaster 
Spinolae Nees. Vespiti 

sp. — pisi Lin. 

Altro suo nemico è rOphion ramidulus L/w. Vespiti 



G. Harpyia Ochs, — V. Rep. p. 26. 

sp. — Milhauseri Fab. 

Il suo bruco rode le foglie di alberi ed arbusti 
fruttiferi, ed è ucciso dalPaniscus testa- 
ceus. Lin. Vespiti 



G. Ilithya Latr. (part.) — V. G. Pempelìa Hbn. 



G. Lasiocampa. Schr. V. Rep. p. 27. 
sp. pini Lin. 

Ai numerosi suoi nemici, si aggiungano T p h i o n 



Digitized by VjOOQIC 



— 21 — 

circumflexum Ze'w., ed il Perilitus seca- 
li s Lin. Vespiti 



6. Laverna Crts. — Fam. Tineidae. 

sp. epiloUella Hbn. 

Vive il suo bruco nelle foglie degli Epilobium 
e piante affini, ed è ucciso dal Cam pò pi ex 
difformis Grv, e dal Eulophus subcaeru- 
leus Gour. Vespiti 



6. Leuconea BnzL — V. Rep. p. 29. (Aporia Hb.) 

sp. — crataegi Lin. 

I suoi bruchi fra gli altri nemici hanno pure i 
seguenti: Tricholyga JRwrfw. (Tachina) vul- 
garis FalL, Tricolyga ,confinis Fall, (oss. 
Dei). Boria concinnata (aut.) non Mgn, Musciti 



6. LiMAcoDES Lat, — Fam. Bombycidae. 

sp. — testudo God. 

Il suo bruco rode le parti sotterranee dei Noc- 
ciuoli, e di qualche altra pianta: è ucciso dal 
. Rogasluteus Nees. = Bassus testaceus 
-F.^ e Rogas tricolor T^5m^ = Exotechus 
discolor Rth. Vespiti 



6. LiPARis. Ochs. — V. Rep. p. 29. 

sp. — . chrysorrhoea Lin. (G. Porthesia Stph.) 

Ai molti suoi nemici si devono aggiungere la 

Echinomyia praeceps 3f|^. (oss.n.)Exo- 

rista fauna Mgn. (oss. Dei.) Exori^ta fu- 

gax Rndn (oss. n.) Musciti 

ed il Mesoch.orus dilutus Nees.^ più i Mi- 

crogaster lateralis Halid., e Microga- 

ster glomeratus Lin. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 22 — 

sp. — dispar Ldn. — (G. Ochneria H. S.) — V. Bul- 
let. Soc. Ent. Ital. 1873. Fase. III. 
Oltre a quelli già indicati nel Repertorio, sono 
. suoi nemici la Echinomyìa coniugata 
Rndn., e la Exorista sussurràns Rndn. 
(oss. n.) Musei ti 

sp. — Monacha Lin. — (G. P silura Stph.) 

Si aggiungano a suoi molti uccisori i seguenti : 
Ephialtes tuberculatus jPa&. Helcon ru- 
spator Nees. Microgaster glomeratus 
Lin., Odontomerus dentipes Lin. Vespiti 

sp. — scUicis Lin. — (G. Leucoma Stph.) 

Altro suo nemico è il Pteromalus Bouche- 
anus Rtz. 



G. LiTHOcoLLETis Hbn. — V. Rep. p. 21. 

sp. — alniella Tr. — V. rajella Lin. 

sp: — celtidella Rndn. == millierella Stngr. 

I suoi bruchi vivono dentro le foglie del Celtis 
australis, ed hanno un nemico nel Microga- 
ster hìGoìov Nees. (oss. n.) Vespiti 

sp. — corylella m. — Coryli Nicelli. 

Vive nelle foglie dei Nocciuoli, ed è ucciso allo 
stato di bruco dall'Entedon nigrovirens 
Gour. Vespiti 

sp. — corylifoliella Hbn. — Var. betulae Zeli. 

I suoi bruchi si trovano a preferenza nelle fo- 
glie delle Betule, e sono perseguitati dagli 
Ente^on nigrovirens Grav. ed Entedon 
punetatus Rtz. Vespiti 

sp. — Cramnierella Fab. 1 

Altro uccisore de* suoi bruchi èl'Entedonni- ' 

grovirens Gour. Vespiti 

sp. — • Froelichiella Zeli. 

Vive allo stato di bruco nelle foglie dei Rha- 



Digitized by VjOOQIC 



— 23 — 

mnus, ed il suo uccisore è PEntedon lati- 
cornis Rtz. Vesplti 

sp. — KiMweniella Zeli. — V. Elachistasapor- 
tella Hbn, 

sp. — Millierella Stgr. = e e 1 tid e 1 1 a Rndn. (V. sopra). 
Forse da adottare questo ultimo nome, essendovi 
già altro Microlepidottero col nome di Millie- 
rella, nel Gen. Oraci Ilari a, dato da Blchrd, 

sp. -^pomonella Zeli. — V. Elachista Roesella Liii. 

sp. — popiUifoliella Tr. —■ V. G. Elachista. 
Pei suoi nemici — V. Rep. p. 33. 

sp. — rajella Lin. = aln iella Tr. 

Agli altri uccisori de' suoi bruchi, nominati per 
la sp. a Ini e 11 a pag. 33., devono aggiungersi i 
seguenti: Entedon luteipes Rtz, Ephial- 
tes inanis Schr.^ Microgaster sessilis 
Spin. Vespiti 

sp. — róborella m. — roboris Zeli. 

Nelle foglie dei Quercus, ed in particolare della 
sp. pedunculata: ha per nemici il Cirrospilus 
stigmaticus Gour, e TEncj^rtus pusil- 
lus Gour. Vespiti 

sp. — saportella Hbn. = Kuhlweniella Z. — V. G. 
Elachista. 

sp. — tremulella Dp. = tremulae Zeli. 

Bruco vivente entro le foglie del Populus tre- 
mula; ucciso dai Cirrospilus font erius 
Gour. e Cirrospilus Halidayanus Gour. Vespiti 



1 



G. LicAENA Bsdv. Fai). -— Pam. Papilionidae. -* Ar- 
Gus Scop. 

sp. — cyllarus Fab. 

Il suo bruco mangia le foglie degli Hedysarum, 
Melilotus, Genista, Astragalus ec. ed è ucciso 
dairichneumnn extensorius Grv. 



Vespiti 



Digitized by 



Google 






— 24 — 

G. Macroglossa Ochs. — Rep. p. 35. 

sp. — stellatarum Lin. 

I suoi bruchi sono decimati dai seguenti ne- 
mici : Alisia breviventris Gour,, Micro- 
gaster glomeratus Lin., Microgaster 
stellatarum Bé , Trogus lutorius Grv. Vespiti 



G. Melitaea Fab, — V. Rep. p. 35. 

sp. — athalia Lin. — maturna Hbn. 

I suoi bruchi polifagi sono perseguitati dal- 
richneumon culpatorius Grv. Vespiti 



G. Myelois Hhn. — Fam. Pyralidae. 

sp. — suavella Grm. — Phycis Fab. 

Allo stato di bruco rode le foglie dei Prunus spe- 
cialmente selvatici, ed è ucciso dai Perilithus 
chrysophthalmus Nees., e Perilithus 
xanthomelas Wsml. Vespiti 



G. MiELOPHiLA Tri. — Fam. Pyralidae. 

sp. — cribrella Hbn. — (Myelois Hbn.) 

I suoi bruchi rodono le foglie degli Evonimus 
e di qualche altra pianta, ed ha per nemico 
TEulophus cribrellae Rndn. (oss. n.) Vespiti 



G. Nepticula. Heyden. — Fam. Tineidae. 

sp. — acerella m. — aceris Frey. 

Minatrice allo stato di bruco nelle foglie del- 
TAcer campestris; suo uccisore è il Microga- 
ster erythrothorax Gour. Vespiti 
pygmeella Hwrt. — G, Gracillaria Frey, 
Il suo bruco vive entro le foglie del Cra- 
taegus oxyacantha, ed è ucciso dairEury- 
toma coUaris Wlh. Vespiti 



sp 



Digitized by VjOOQIC 



— 25 - 

6. NoNAGRiA Ochs, — V. Rep. p. 36. 

sp. typhae Esp. 

Vive allo stato di bruco entro il caule dei Ca- 
rex, ed ha diversi nemici, che sono i seguenti 
Ichneumon hilaris WsmL Ichneumon 
motatorius Fàb. (G. Chasmodes Wsm,) 
Ichneumon occupator Wsml (G. Exe* 
phanes Wsm.) Vespiti 



G. NoTODONTHA Ocfis. — V. Rep. p. 36. (*). 
sp. — Zigzag Lin. 

Altri suoi uccisori sono, il C a m p op 1 e x m i x t u s 
Sc^r. ed ilMicrogaster glomeratus Luì, Vespiti 



6. Oecophora Lalr. — Fam. T i n e i d a e. 

sp. — oleaella Fab. 

Allo stato di bruco vive in due epoche diverse 
nelle foglie, e nel frutto dell'Olea europea, in- 
taccando di quest'ultimo anche il nocciolo ed il 
mandorlo: è uccisa dal Trigonogaster be- 
ni gnu s Guer. Vespiti 



6. Orneodes Latr, — Fam. Pterophoridae, 

sp. — hexadactylus Latr. 

Rode il suo bruco gli ovarii della Lonicera xy- 
losteon : ha un nemico nel Chelonus retu- 
sus Nees, Veapiti 



G. ORNrx Trt — V. Rep. p. 38. 

sp. — ardeaepennella Tr. — V. Gracillaria syrin- 

gellaF. 
sp. — stigmatella Fab. = upupaepennella llhn. 

Vive allo stato di bruco nelle foglie dei Salix 



(l) E le correzioni nel BuUettino della Società Entomologica Italiana 1673^ fase:. TU. 



Digitized by VjOOQIC 



— 26 - 

caprea, viminalis, haelix ec. ed è uccisa dal- 
l'Enlophus upupaepennella Bè. Vespiti 



G. Palcmhu^a Rndn. — Fam. Tìneìdae. 

sp. — terehiìUeUa Rndn. — V. G. Argyrestia Rep. 



G. Papilio Lin. — V. Rep. p. 38. 

sp. — podalirius Lin. 

Aggiungi a suoi uccisori Tlchneumon luc- 
tatorius Lin. Vespiti 



G. Pempelia Hbn. — Fam. Crambidae. 

sp, — PalumUeUa Rndn. gallico la Stgr. Var. 

Rode allo stato di bruco, l'ntemo delle galle si- 
liquìformi del Pistacia terebinthus, insieme con 
altri Papilionarii microsomi^ ed è vittima della 
Fischeria bicolor Desv. Musciti 

sp, — spartiella Rndn. — (G. Ilithya (prt.) LaJtr.) 

I suoi bruchi divorano i semi dello Spartium 
junceum entro i legumi, e sono decimati dai 
seguenti nemici. Bracon spartiellae Rndn. 
Cardiochiles brachialis Rndn., Ephial- 
tes albicrus Rndn., Perilitus pallidus 
Nees. Vespiti 



G. Penthina Tr. — V. Rep. p. 39. 

sp. — ocìtroleiLcana Hbn. 

Il suo bruco rode i fiori ed i giovani rampolli 
dei Rosai, ed è ucciso dalla GÌ ypta perisse- 
lida Gour, e dal Microgaster sessilis 
Spin. Vespiti 



G. Phesilk J)up. — Fam. Geometridae. 
sp, — psUtaoaria Hbn. — (G. Cidaria Tr,) 

Vive allo stato di bruco delle foglie di varii al- 



Digitized by VjOOQIC 



— 27 — 

beri ed arbusti, ed è ucciso dalMicrogaster 
emarginatus Nees. = scapularis Bè, Vespiti 



G. Phigalia Dup. — V. Amphidasis Trt. 



G. Pnicys Fab. — Fam. Crambidae — Rep. p. 40, 
sp. — consociella Hbn. — (G. Acrobasis Zeli.) 

Il suo bruco vive nelle foglie piegate e riunite 
delle Quercie, ed è suo nemico TAnomalon 
flaveolatum Grv. 



G, PioNEA Guen. — Fam. Piralidae. 

sp. — forficalis Lin. 

Vive specialmente nelle Crucifere, ed è il suo 
bruco dannoso agli orti rodendo internamente 
leBrassiche: è ucciso dal Microgas ter pici- 
pes Bè, Vespiti 



G. Plusia Oc/iir. — V. Rep. p. 42. 

sp> — gamma Lin. 

Aggiungasi a suoi nemici i due seguenti: En- 
cyrtus truncatellus Dlbm.^ Ichneumon 
comitator Lin, Vespiti 



G. PoECiLocAMPUS StpJi. — Fam. Bombycidae. 

sp. — populi. Lin. — V. G. Cnetocampa. — Rep. p. 12. 

Oltre all'Entedon flavomaculatus Rtz. 
ed al Metopius nasutus Fab., il suo bruco 
ha per nemici i seguenti: Ephialtes media- 
tor Faib.^ Metopius necatorius Fab., 
Ophion ramidulus Lin. Vespiti 



G. PsYCHE Schr. — V. Rep. p. 43. 

sp. — helix Siebld. = ? helicinella Schffr. 

Sulle foglie dì varie piante, o steli diversi : é 



Digitized by VjOOQIC 






sp. — 



— 28 — 

ucciso dall'Heptocondyla Rndn, unicolor 
Koll. Vespiti 

viciella Fab. 
Sulle Veccie ed altre leguminose, ma anche sulle 
foglie di Prunus e di altre piante erbacee e le- 
gnose : suo nemico è il Microdus rubra- 
tor Rtz. Vespiti 



G. Pterophorus Gffr, — Fam. Pterophoridae. 

sp, — rhododactylus Fab. 

Il suo bruco vive nei bottoni delle Rose spon- 
tanee e coltivate, ed ha per nemici i Micro- 
gaster gagates Nees, e Microgaster per- 
spicuus Nees. Yespiti 



G. Rhinosu Tr. — V. Rep. p. 44. 

Altri due uccisori de' suoi bruchi sono i Mi- 
crogaster longicauda WsmL e l'Ophion 
ambiguus Gour. Vespiti 



G. Rhodocera Bsdv, — Fam Papilionidae. 

sp. — rìiamrd Lin. 

Il suo bruco mangia le foglie di Prunus e di 
Rhamnus, ed è ucciso dal Tryphon rhodo- 
docerae Rndn, Vespiti 




G. RuMiA Bup, — Fam. Geometridae. 

sp. — crataegaria Fab. 

Vive allo stato di bruco sui Crataegus e piante 
affini, ed ha per nemico il Microgaster al- 
veari us Spin. Vespiti 



G. Saturnia Schr. — V. Rep. p. 44. 
sp. — pyri Lin. 

Altri suoi nemici sono i seguenti: Cynips 



Digitized by VjOOQIC 



— 29 — 

homhycìnus Rnd., Heiniteles pavoniae/?nrf., 
Pteromalus larvarum Sp/w., P ter ornai us 
puparum Lin., Pteromalus varians5^n. Vespiti 
Masicera sylvatica Fall. Musciti 



G. Seriooris Tri» — Fara. Tortricidae. 

sp. — micana Ehn. 

I suoi bruchi rodono le foglie di diverse coni- 
fere, e sono uccisi dall' E phialtes ìnsLiììs Schr. Vespiti 



G. Smerinthus Latr. — V. Rep. p. 45. 

ì sp. — ocellatus Lin. 

I Si aggiungano a suoi nemici, i seguenti: Sco- 

lobates crassitarsis Grv., Trogus luto- 
ri us Fàb. Vespiti 



G. SoLENOBiA Dup. — V. G. Talaeporia Zeli, 



G. SoLENOPTERA Dup, — Pam. Noctuidae, 
sp. — meticulosa Lin. (G. Phlogophora Trt.) Bro- 
tolomyae Ld. 
Il suo bruco polifago, vive nelle Artemisie, Ur- 
tica, Mercurialis ecc., ed ha per nemico V A m- 
blyteles (Ichneuraon) fasciatorius Fab. Vespiti 



G. Sphinx Lin. — V. Rep. p. 46. 

sp. — ligustri Lin. 

Si aggiunga a suoi uccisori TAnomalon cir- 
cumflexum Rossi. Vespiti 

sp. — pinastri Lin. 

Altro nemico è la Exorista erythrosto- 

ma Hrtg. Musciti 



Digitizedby VjOOQIC ; 




"-^ 



— 30 — 

G. Stenoptera Bsdv. — Fara. P y r a 1 i d a e. 

sp. — hyhridalis Hbn. 

Il suo bruco rode internamente il culmo di varie 
graminee, e talora anche del Maide, e viene 
ucciso dal Perilitus Dejanus Rndn. Vespiti 



G. Talaeporia ZelL — Fam. Tineidae. 

sp. — lichenella Lin. 

Vive allo stato di bruco nei Licheni arborei 
e murali, ed è suo nemico il Microgaster 
longicauda Wsml. Vespiti 



G. TiNEA Lin. — V. Rep. p. 47. 

sp. — granella Lin, 

E uccisa allo stato di bruco da una specie di 
Ichneumonide, ilCampoplex frumentarius 
Rndn. (oss. Palumbo) Vespiti 



G. TisGHERiA ZelL — V. Rep. p. 48. 

sp. — compla7ìella Hbn. 

Ai suoi nemici già notati nel Repertorio, devono 
essere aggiunti i seguenti : Entedon bifa- 
sciatus Gour., Entedon dimidiatus Gour., 
Entedon pallidus Gour,, Entedon pun- 
ctulatus Gour., Entedon violaceus Govr., 
Pimpla scanica Grv. Vespiti 



!^^- V 



G. ToRTRix Lin. — V. Rep. p. 48. 

sp. — crataegana Hbn. 

Allo stato di bruco rode le foglie dei Crataegus 
e piante aflani; ed è perseguitata dai seguenti 
nemici : Elachistus plagiatus FrsL, 
Ichneumon lineator G^rr./Microgaster 
globatus Pnz, T= z,f^n\^ Nees., Pimpla sca- 
nica Grv.y Rogas linearis WsmL Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 31 — 

sp. — heparana Tr. 

Altro suo uccisore è il Microgaster perspi- 

cuus Nees, Vespiti 

sp. — holmiana Lin. — V. G. Argyrotoza Crts, 

sp. — laevigana W. 

Ai molti suoi nemici si aggiungano anche i se- 
guenti: Campoplex rufipes Grv. 
Microgaster globatus (?m. = afl3nis iVi^es, 
— rufipes Nees, = tuberculatus Bè. 
Perilitus pallidus Nees., Rogas testa- 
ceus Spin. Vespiti 



G. Trachea Hì)n. — V. Rep. p. 51. 

sp. — piniperda Lin. — G. Panolis Hbn. 

Ai molti suoi nemici indicati nel Repertorio 
vanno aggiunti i seguenti: Ichneumon ni- 
grocyaneus Grv,, Ichneumon pseudoni- 
mus WsmL, Pimpla alternans Orv. Vespiti 



I G. Trichiura Stph. — V. Rep. p. 51. 

I sp. — crataegi Fab. 

I Sono suoi uccisori i due Ichneumonidi seguenti: 

Ichneumon culpatorius Fàb., Ichneu- 
I mon nitens Grv, Vespiti 



G. Triphena Ocns, — V. Rep. p. 52. 

sp. — fimbria Lin. 

Altro suo nemico è il Microgaster incom- 

pi e tu s Gour. Vespiti 



G. Vanessa Fab. — V. Rep. p, 52. 

sp. — atalantha Lin. 

I suoi bruchi sono uccisi anche dalla Pimpla 
flavicans Fab, Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 32 — 

sp. — cardai Lin. 

È nemico de' suoi bruchi Tlchneumon ca- 
st i|,^ a t or Fab. Vespiti 

sp. — iris P, — G. Apatura Fab. 

, Il suo bruco si nutre a preferenza delle foglie 
dei Salici, ed ha per nemico Tlchneumon 
castigai or Fàb, • Vespiti 

sp. — L, album, Lin. 

Vive nei Salici allo stato di bruco, ed è uccisa 

dalla Masicera pupiphaga Rndn, Musciti 

sp^ — poiychloros Lin. 

I suoi bruchi sono perseguitati dalla Pi m pi a 
Taricornis Fai). Vespiti 

sp. — uriicae Lin. 

Altro suo uccisore è il Campoplex tran- 
sfuga Grv. Vespiti 



G. Xtlina Ochs, — Fam. Noctuidae. 

sp. — soUdaginis Hbn. — G. Callocampa Stpfi. 

Vive il suo bruco nelle Solidagini, nei Vacci- 
nium ec, ed è un suo nemico il Rogas ni- 
gricornis WsmL (G, Alejodes Wsm.). Vespiti 



G, Zereke Tv. — V. Rep. p. 54. 

sp. — grossulariae Lin. 

Si aggiungano a' suoi nemici il Microgaster 
gagates Nees, e la Pirapla flavicans Fab. Vespiti 

G, Zyoaena Fab, — V. Rep. p. 54, 

sp, — fiUpeììdaìae Lin. 

Altri suoi nemici sono i seguenti : Campoplex 
pugillator Lin,, Monodonthomerus den- 
ti pes Bhm,, Rogas zygaenae Nees. Vespiti 

sp. — tHfolU Esp. 

Il suo bruco è molto polifago, mangia spesso le 



Digitized by VjOOQIC 



— 33 — 

foglie di leguminose ed in particolare dei Tri- 
folii : il suo nemico conosciuto è il Cryptus 
zygaenarum Rtz. Vespiti 



G- Yponomeuta Latr. — V. Rep. p. 54. 

sp. — cognatella Lin. 

Fra gii altri nemici trovansi anche i seguenti : 
Anomalon canaliculatum Ghrv., Ephial- 
tes tuberculatus Frcr. Mezochorus 
areolaris Rtz. Vespiti 

sp. — evonimella Lin. 

Si aggiungano ai suoi uccisori i seguenti : Ano- 
malon tenuicornis Grt;., Anomalon xan- 
thopus Orv., Campoplex albidus Orv., 
Encyrtus cyanoeephalus Dlm,, Mezo- 
chorus areolaris Rtz,, Mezochorus bre- 
vipetiolatus 12^^., Pteromalus fuscicol- 
lis Dlm. Vespiti 

sp. — malinella Dup. 

È uccisa dai qui notati nemici, oltre gli altri 
indicati nel Repertorio: Anomalon tenui- 
corne Grv.^ Anomalon xanthopus Grv., 
Mesochorus areolaris Rtz, Vespiti 

sp. — padella Fab. 

Ai molti suoi uccisori si aggiungano i qui no- 
tati : Anomalon tenuicorne Grv^, Encyr- 
tus benignus Nees.^ Encyrtus fuscicol- 
lis Dlm., = Pteromalus cyanoeephalus Bé., 
Eulophus cervnsNees,, Mesochorus areo- 
laris Rtz., Pteromalus fuscicollis Dlm. Vespiti 

(continua) 



Ann. X. 



Digitized by VjOOQIC 



— 34 — 

NOTE EMITTEROLOGICHE 

del Socio FRANCESCO VISMARA. 

Nota III. (1) 
SOPRA I GENERI DELTOCEPHALUSBukììl. ED AGALLIA Cubi. 



Tav. I. 

Puìjblicattdo ciuesta tomi memoria avrei voluto, come era mio desiderio, 
descrivere Tin maggior numero di specie; mi sono però limitato ad esaminare 
q nel le die sono passate sotto ai miei occhi. 

In quanto alle altre che Autori citano come specie italiane, ne farò una 
aggiunta allorcliè io od altri più abili di me le avranno trovate. 

Mi Insinuo che qat.?ti piccoli saggi possano propagare lo studio degli 
Omott^iri por tons'>guonza facilitarne la determinazione e le investigazioni 
dei loro costumi. 

MiltiDD, fel3Ì)rDÌo 1878. 

Genero Mteiiocephatus Burmeister. 

Testa ampia in triaiigolo curvilineo, bordo posteriore arcuato. Occhi 
grossi seguenti la curva della testa. Antenne situate in una cavità posta fra 
gli occhi e la fronte. Primo articolo ovoidale, il secondo lungo due volte il 
primo. Setola terminale lunga e robusta. Eostro corto, terminante all' inser- 
zione df^lle Zfimpe anteriori. 

Fìonoto piccolo, generalmente lungo quanto la testa. Omoeìitre di forma 
romboidale, nervatura eBtrrna arcuata, l'interna sinuata. Tibie posteriori 
lunghe quanto i due terzi dell'addome, dolcemente arcuate e munite, ester- 
namente da due file dì spine grosse e curvate verso la tibia stessa, interna- 
mente da ana sola serio ed assai piccole. 



(1) Tedi per le due precedenti il voi. IX, a pag. 217 e 297. 



Digitized by VjOOQIC 



— 35 — 

Omoelitre lunghe quanto Taddome, cellule colorate di bruno all'ingiro. 

Deltocephalus ocellatus Scop. Di un colore grigiastro macchiettato di 
bianco, omoelitre a nervature bianche e cellule colorate. Lung. 0.003«>, lar- 
ghezza 0. 001"*. 

Scopoli, Erd, Cam. pag. 116, num. 343. (Cicada) — Am. Mei, Monom. 
num, 506. (Deltocephalus) nec sabuliculus Curtis. — (ìerm. Faun, Eurqp. 
fase, 17, num. 18. — Fallen. Mon, dead, 8, pag, 33, num, 13 (ocellaris) — 
E S. Faun, Germa. fas, 139, num, 11. — Fieber Verhandl, der zoól, hot, gè- 
sei in Wienpag, 205, num, 9. Kirschbaum Cicadinen der gegend Wiesbaden 
pag. 141, num, 115. • 

Testa grigiastra leggermente ferruginea con una impressione mediana, 
notata da qualche macchia biancastra. Occhi ovalari ferruginei, grossi e toc- 
canti il bordo anteriore del pronoto. Fronte grigiastra canaliculata legger- 
mente nella sua linea mediana longitudinale, striata di bianco trasversalmente. 
Clipeo giallastro. Antenne del colore della fronte con le estremità degli articoli 
bianche. Setola terminale ferruginea, lunga quanto la fronte. (Qualche volta 
anche piìi lunga). Secondo articolo del rostro ferrugineo, terzo biancastro con 
Testremità nera. Pronoto grigiastro macchiettato di bianco, quasi falciforme. 
Scudetto del colore del pronoto, lungo i due terzi del medesimo leggermente 
sinuato ai lati. (In qualche individuo la punta è nera). Omoelitre leggermente 
coriacee con le nervature lattescenti. Cellule grigio giallastre contornate di 
bruno; le basilari allungate e sinuate al mèzzo, le discoidali piccole, di forma 
quadrilatera. Nervatura intema, esterna e quella del mesocorio di un giallo 
carico. Femori, tibie e tarsi del colore del clipeo. Femori anteriori e inter- 
mediari due volte anellati di bruno, l'anello più prossimo al petto più largo 
dell'altro, tibie dei medesimi con grossi punti bruni. Base delle spine delle 
tibie posteriori, nera. Addome bruno oscuro, i due ultimi segmenti giallastri. 
Armatura genitale ciliata di peli cf 9. 

Questa specie è assai comune in diverse località della Lombardia. Uboldo 
(Ch-cond. di Gallarate), Senago, Traversagna, Redecesio (coni di Milano). 
Domodossola (Alto Novarese). Monte Ceceri (cont. di Firenze ma assai raro). 
Comparisce in giugno e persiste fino in ottobre; in settembre è l'epoca che 
esso è più comune; varia assai sensibilmente. 

Varietà a. Testa più acuminata (1) del tipo, con quattro macchie 



(Ij Per la forma deHa testa somig-lierebbe molto al Frauenfeldi Fieber {Fig". 11) ma 
il prenoto è un poco differente, mentre nella varietà da me descritta eccetto la testa 
più acuminata, tutte le altre parti sono uguali all' ocellatus. 



Digitized by VjOOQIC 



— 36 — 

qaasi qaadilatere di an rosso ciliegia pallido; due disposte sulla medesima 
linea fra gli occhi e le altro dne più piccole, al disopra ed in corrispondenza 
delle prime. Pronoto e scudetto macchiettati di ferrugineo senza regolarità. 
Omoelìtre grigiastre affumicate, nervature di un bianco giallognolo. Fronte 
petto e addome di un bruno ferrugìneo notato irregolarmente di giallo. Tibie 
anteriori e intermediarie metà gialle e metà nere 9 cf. Contomi di Monte 
Amiata, giugno 1874. Sesto S. Giovanni (Monza). 

OmoelUre colle cellule posteriori non colorate di bruno all' ingiro. 

Deltocephalus striatus Lin. Di un giallo sporco pallido; pronoto con tre 
strie longitudinali lattescenti. Lung. 0. 004 Vi", a 0. 005". 

Lin. F. S. 887. Fieber Verhand. der zoól. hot ges, pag, 213 num. 32. — 
Erschbaum. Cicad. pag, 132 num. 96. 

Testa larga quanto il pronoto rotondata al vertice e molto arcuata poste- 
riormente, di un giallo sporco macchiata poco regolarmente di bruno. Due 
piccole macchie (qualche volta unite in una sola) sono situate in prossimità 
di ciascun occhio. Occhi ovalari assai allungati verso il bordo laterale del 
pronoto. Fronte quasi non carenata, brunastra nella 9 e gialla chiara nel d", 
notata nella femmina da una linea biancastra tortuosa. Clipeo del colore 
della fronte. Antenne piccole, secondo articolo corto e globulare all'estremità; 
setola terminale corta e gracile. Rostro terminante all'inserzione delle zampe 
anteriori. Pronoto del colore della testa, arcuato anteriormente, lungo una volta 
e un terzo la testa, terminato posteriormente da una linea debolmente si- 
nuata al centro: tre strie lattescenti longitudinali poste sul disco, una me- 
diana e le altre due in corrispondenza del profilo interno di ciascun occhio. 
Scudetto in triangolo equilatero terminato in punta cilindrica acuta, notato 
(generalmente) alla base da tre macchie semicircolari bruno rossastre, e da 
due altre piccole e rotonde poste sull'impressione trasversale. Omoelitre pel- 
lucide con le nervature gialle, cellula costale interna lunga la metà di tutta 
l'omoelitra; le intermediarie ampie. Ali biancastre, lunghe quanto le omoelitre. 
Addome giallo, macchiato poco regolarmente di bruno rossastro, dorso del 
medesimo di un bruno pece lucente. 

Zampe di un giallo d'oro uniforme senza macchie 9. Comune nelle stesse 
località àeWocellatus. Qualche volta il prono!» della 9 è notato da quattro 
punti rotondi in prossimità del bordo anteriore. 

Il maschio, comune quanto la 9, differisce poco: esso ha generalmente 



Digitized by VjOOQIC 



— 37 — 

una larga macchia di un bruno affumicato sopra il disco del pronoto. Gli in- 
dividui dei contorni di Firenze sono i meglio caratterizzati. 

OmoelUre che passano l'addome di un quarto. 

Delfocephalus Amyoti, mihi. Testa pronoto e scudetto di un giallo chiaro 
imiforme, omoelitre trasparenti senza macchie. Lung. (omoelitre comprese) 
O.OOé"». larg. 0.00V4*°. 

Testa più grossa e più convessa delle specie precedenti. Occhi grossi ar- 
rivanti fino alla metà della lunghezza del pronoto. Occelli piccolissimi, ma assai 
distinti. Fronte e clipeo del colore della testa; la prima debolmente striata 
per traverso. Secondo articolo delle antenne lungo quanto il primo, setola 
terminale lunga e robusta. Rostro terminante air inserzione delle zampe in- 
termediarie, estremità dell'ultimo articolo, nera. Pronoto distintamente esa- 
gonale, largo due volte la lunghezza, con una macchia bruna affumicata sul 
disco. Scudetto in triangolo equilatero, notato da una macchia trasversale nera. 
Offloelitre trasparenti, con le nervature cilindriche gialle, sinuate leggermente 
nel bordo interno. Le nervature formano cinque cellule posteriori di forma 
quadrilatera: cellule intermediarie allungate, la costola interna ampia e trian- 
golare, resterna molto allungata. Ali pellucide iridescenti, con le nervature 
bianche, gracilissime. Petto e addome del colore della testa. Femori di un 
grigio giallastro uniforme con qualche punto bruno sparso senza regolarità. 
Spine delle tibie posteriori biancastre con un anello bruno alla base. Dorso 
dell'addome nero, bordo laterale giallo vivo ? cf. 

Molto più raro della specie precedente. Vincigliata, Pratolino (cont. di 
Firenze) Castiglioni d'Orcia (Prov. di Siena). 

Fronte non carenata. Petto e addome neri nei due sessL 

Deltocephalus penthopittus Am. Di un giallo verdastro uniforme, omoe- 
litre macchiate di bruno. Lung. 0. 003 */,"*. 

Am. Met. Monom, num. 474 (penthopitta) — Fieber Yerhand. der eoo, 
hot ges. pag. 221. num, 60. 

Testa giallastra col vertice arrotondato, notata con poca regolarità da 
macchie brune. Occhi ovalari bruni, neri posteriormente. Fronte nera non ca- 
renata, con una stria mediana testacea appena percettibile. Clipeo del colore 
della fronte, il più delle volte notato da macchie gialle tortuose. Cavità delle 
antenne profonda. Primo articolo delle medeame piriforme e testaceo all'estre- 



Digitized by VjOOQIC 



— 38 — 

mità, il secondo testaceo, lungo quanto il primo e bianco all'apice. Setola 
terminale rossastra, assai grossa alla base e nn poco più lunga della fronte. 
Bostro giallastro, terminante ali* inserzione delle zampe anteriori, ultimo ar- 
ticolo nero. Pronoto giallo verdastro uniforme, largo due volte la lunghezza: 
due macchie rettangolari di un bruno pece quasi del tutto scancellate spe- 
cialmente nella ? in corrispondenza degli occhi. Scudetto del colore del pro- 
noto, in triangolo equilatero terminante in punta lunga e acutissima. Due 
macchie quadrate nere ma poco distinte sono poste sulla base. Omoelitre 
trasparenti, arrotondate posteriormente, con la costa interna paraHela alla 
esterna; costa interna leggermente sinuata vicino all'estremità. Nervature 
robuste, giallastre, formanti cinque cellule posteriori quadrilatere. Ali diafane 
iridescenti, un poco più corte delle omoelitre. Petto e addome neri senza lu- 
centezza. Femori neri, tibie anteriori e intermediarie giallastre notate da 
qualche punto nero. Metà basilare della tibia posteriore gialla, l'altra metà 
nera : le spine adunche e robuste in forma di aculeo. Ultimo segmento dell'ad- 
dome ciliato di grossi peli ?. Il maschio differisce dalla femmina per il 
pronoto nero con sette strie longitudinali gialle ; la mediana sola tocca il 
bordo posteriore. Scudetto nero con i bordi laterali e una stria mediana di 
un giallo vivo. Testa striata di giallo all' ingiro. Nelle altre parti è identico 
alla ?. 

Trovato il 18 agosto 1877 in Val Formazza. 

Genere Agaitia Curtis. 

Testa, vista al disopra è di forma quasi semicircolare, larga quanto il pro- 
noto. Occhi romboidali rotondati esternamente, toccanti il bordo anteriore del 
pronoto oltrepassandolo lateralmente. Occclli piccolissimi, appena distinti, 
posti sui vertici in prossimità degli occhi. Fronte ovoidale convessa al centro. 
Antenne situate in una cavità posta fra gli occhi e la fronte: primo articolo 
brevissimo, secondo lungo tre volte il primo; setola terminale generalmente 
lunga e assai grossa alla base. Pronoto arcuato anteriormente, largo due volte 
la lunghezza. Scudetto piano, in forma di triangolo equilatero, leggermente 
sinuato ai lati. Omoelitre in forma di rombo, posteriormente rotonde, con la 
nervatura che divide il mesocorio, grossa. Femori robusti e corti, tibie ester- 
namente e internamente armate di spine. 

Testa falciforme con due grossi punti neri sui vertici. Bordo anteriore 
del pronoto nan sinuato. 



Digitized by VjOOQIC 



— 39 - 

Agallia venosa Germ. Di un testaceo grigia uniforme: testa con due 
punti neri sui vertici e due altri sul bordo anteriore del pronoto. 

Germ. Mag, der Ent.pag, 86 num. 18. — F. E. fas, 5 num. 20 (figura poco 
rassomigliante). — Am. MeL Monom, num, 453 (prostigmoderus). — Her. 
Sch. F. Germ, fas. 143 num. 5. — Kirschbaum Cicad. pag. 151 num. 4. 

Testa falciforme, di un giallo grigiastro, con due grossi punti neri rotondi 
posti sui vertici, ad e guai distanza fra loro e gli occhi : una macchia grigia 
oscura posta fra i due punti neri. Occhi testacei, di grossezza media, rotondati 
lateralmente. Pronte liscia, leggermente convessa, notata lateralmente da grossi 
pnnti neri rotondi. Antenne e fossetta nella quale stanno di un rosso cupo. 
Setola terminale nerastra. Clipeo giallastro, bordi interni bruni. Rostro ter- 
minante all'inserzione delle zampe posteriori, con tre articoli apparenti di un 
testaceo giallastro^ Pronoto del colore della testa, striato trasversalmente sul 
mezzo e punteggiato raramente ai lati: due grossi punti neri rotondi posti 
snl bordo anteriore in corrispondenza di quelli della testa e per un terzo co- 
perti dal bordo della medesima. Una macchia allungata bruna pallida sul 
mezzo e altre due del medesimo colore rotonde, toccanti il bordo posteriore e 
immediatamente sotto i punti neri. Scudetto triangolare, lungo la metà del 
pronoto un poco sinuato lateralmente, con la punta acuta: una incisione tra- 
sversa sulla metà notabilmente profonda. Due piccoli punti neri, uno vicino 
all'altro, sono situati sulla base e coperti per un quarto dal bordo del pronoto. 
Spigoli basilari neri. Omoelitre romboidali, rotondate posteriormente, con le 
nervature robuste, striate di giallo rossastro, punteggiate fittamente. Cellula 
costale interna triangolare, lunga i due terzi dell'omoelitra, le posteriori in 
numero di quattro, piccole e quasi pentagonali. Ali lattescenti, più strette e più 
córte delle omoelitre, con le nervature principali di un nero rossastro. Addome 
al disopra nero lucente, al disotto giallo con qualche macchia bruna sul disco 
e in prossimità del petto. Quest'ultimo bruno. Femori e tibie di media lun- 
ghezza, notati irregolarmente da qualche macchia biancastra. Tibie posteriori 
robuste con la base delle spine nera. Tarsi ciliati da piccoli peli. ? 

È comune, e d'inverno si trova frequentemente nei muschi, d'estate ab- 
bonda nei luoghi asciutti. Nel mese di settembre è l'epoca che è più comune. 
Settignano maggio 1874 (nei muschi). Pratolino, Vincigliata (cont. di Firenze). 
Senago, Sesto S. Giovanni, Lambrate (cont. di Milano). Uboldo (circ. di Gal- 
larate). Monte Calvario aprile 1874, sotto i sassi (cont. di Domodossola). 

Il maschio differisce assai dalla femmina. Più piccolo di un quarto circa, 
ha una colorazione più intensa. Le due macchie laterali e la macchia allun- 
gata del pronoto che nella ? sono di un bruno pallido, nel cf sono di un 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



— 40 — 

Bdro capo. (Qnalche volta il pronoto è nero posteriormente.) Scudetto nero, 
wn due macchie gialle rotonde poste sul mezzo. Nervature delle omoelitre 
striate senza interruzione, di un bruno nerastro. Fronte, petto e addome neri 
lucenti, fronte con delle macchie giallastre disposte con poca regolarità. Ad- 
domo più corto di un sesto delle omoelitre. Femori e tibie di un nero fuligine, 
ginocchi gialli, primo articolo dei tarsi biancastro, ultimo nero. 
Trovasi frequente quanto la femmina. 

Tarietà eìogantus mihi. Testa e pronoto proporzionamente più corti del 
tipo. Punti neri rotondi piccoli, ma ben distinti. Omoelitre molto allungate 
e strette; nervature non striate, ma di un bruno deciso. Petto e addome neri 
n&i due sessi. 

Vinciglìata e Castellina luglio 1875. (Cont. dì Firenze). 

Omoelitre che cuoprono l'addome; nervatura interna diritta, V esterna 
etirva egualmente. Due soli punti neri sulla testa. 

Agallia punticeps Germ. Di un colore biancastro uniforme maculato di 
testaceo pallido. Lung. 0. 004°», larg. 0. 001 %". 

Germ. F E fase. 17 num. 12 (Jassus) (L). — Am. Met, Monom, num 455 
(EesQmus). 

Testa gialliccia pallida, marcata da due grossi punti neri di forma poli- 
g^onale e da due macchie di un testaceo pallido situate fra i punti neri e gli 
occhi. Vertice il più delle volte notato da due linee ravvicinate di un giallo 
sporco. Occhi rossastri. Antenne biancastre, con articoli cortissimi, setola ter- 
minale colla base conica, lunga quanto la fronte e il rostro presi insieme. 
Fronte giallastra, notata lateralmente da grossi punti bruni rotondi. Pronoto del 
coloro della testa, con tre linee longitudinali brune delle quali una mediana; 
due piccole macchie nere o brune più ravvicinate dei due punti della testa 
ptìste in prossimità del bordo anteriore, quest'ultimo di un colore più carico 
della parte posteriore. Scudetto piccolo, terminante in punta acutissima, si- 
nuata lateralmente, con l'impressione profonda; due piccole macchie rotonde 
brune situate sulla base e per un terzo coperte dal bordo posteriore del pro- 
noto. Omoelitre gialliccie, cellula costale interna ampia e maculata nel senso 
della larghezza di macchie brune, la costale interna lunga quasi quanto la 



fi) La flg-ura è poco fedele, ha gli occhi troppo piccoli e la curva anteriore del pro- 
noto non sufficientemente arcuata. 



Digitized by VjOOQIC 



— 41 — 

omoelitra. Cellule intermediarie piccole e allungate. Ali lattescenti, pellucide 
posteriormente con nervature di un bruno nero, robuste e assai elevate. Zampe 
biancastre notate irregolarmente da macchie brune: le anteriori molto corte. 
Addome bruno nerastro, ultimi due segmenti di un giallo d*oro. <f. 

Di questa specie più settentrionale delle altre ne avrei un solo esemplare 
in cosi cattivo stato che dubito che sia veramente il punticeps; però cercando 
con più diligenza credo che potrò trovarla. La descrizione l'ho fatta con in- 
dividui di Lilla comunicatimi dal sig. Lethierry. 

Curva anteriore del pronoto rientrante internamente ai lati. 

Agallia Fiéberi mihi. Grigiastro uniforme, pronoto con tre macchie qua- 
drangolari nere poste vicino al bordo posteriore. Lung. 0. 004°", larg. 0. 001 %"* 
<fra le omoelitte). 

Testa, vista al disopra, falciforme leggermente rientrante ai lati; larga 
quanto il pronoto e lunga un quarto circa del medesimo. Due punti neri di 
media grossezza sono posti sui vertici ad egual distanza fra loro e gli occhi. 
Due piccole macchie brune sono situate fra i due punti neri dei vertici. Occhi 
ovalari, bruni sul loro disco e di un giallo pallido in prossimità del pronoto. 
Antenne biancastre, primo articolo ovoidale cortissimo e più grosso di un 
terzo del primo. Secondo lungo due volte il primo, quasi cilindrico. Setola ter- 
minale piccola, lunga tre volte circa il secondo articolo. Fronte biancastra, 
dilatata anteriormente, pochissimo convessa; parte laterale della medesima 
notata longitudinalmente di una serie di punti rotondi ravvicinati, testacei. 
Clipeo del colore della fronte. Kostro terminante all'inserzione delle zampe 
posteriori, robusto alla base, con l'ultimo articolo nero e terminato in punta 
acuta. Pronoto liscio grigiastro pallido; tre macchie quadrangolari brune poste 
vicino al bordo posteriore ad egual distanza fra loro, la più piccola e la meno 
colorata è la mediana. Scudetto giallastro in forma di triangolo equilatero 
pon l'impressione trasversale posta sul mezzo: due punti rotondi di un bruno 
pallido notabilmente profondi sono situati sulla parte basilare. Omoelitre leg- 
germente coriacee, assai allungate, terminanti quasi in punta, lunghe quattro 
volte il pronoto. Nervature dell'esocorio robuste e ben distinte. Cellula costale 
interna in forma di triangolo isoscele, lunga due volte lo scudetto. Femori 
biancastri rotondi, leggermente ingrossati nella metà: faccia anteriore e po- 
steriore notate da macchie lineari testacee. Tibie giallastre, anteriori e inter- 
mediarie quasi cilindriche, le posteriori lunghe due volte le intermediarie. 



Digitized by VjOOQIC 



— 42 — 

armate da piccole spine bianche. Tarsi grossi coir ultimo articolo nero. Petto 
bruno* Addome nero colla base dei segmenti di un giallo vivo. 

Monte Ceceri (coni di Firenze). Raro. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA I. 

Agaìlia venosa. ? , 

Testa e pronoto del Deltocephalus océllatus. 

Omoelitre del Deltocephalus AmyotL 

Tibia posteriore del Deltocephalus ocellatus. 

Testa e pronoto deìVAgallia venosa, cf. 

Testa e pronoto MVAgalUa Fiéberì. 

Testa e pronoto del Deltocephalus penthopius. 

Estremità dell'addome cf del Deltocephalus penthopius. 



^ig- 


1. 


» 


2. 


^ 


3. 


Ji> 


4 


» 


5. 


^ 


6. 


)^ 


7. 


^ 


8. 



I Digitizedby VjOOQIC 



— 43 — 

LA FLORA DELLE ALTIOHE 

IN 

EUROPA 

di PIERO BARGAGLI 



Parte L* 



La ricerca del modo di vivere degli insetti estesa non solo a 
quelli nocivi all' economia campestre, ma pur anco alle specie pa- 
rassite di piante spontanee può, a mio credere, riunire V interesse 
puramente scientifico e la pratica utilità che viene tanto spesso 
richiesta agli studi d'Entomologia. Infatti, se non attualmente, 
certo in epoca in cui i dati che potranno riunirsi siano più nu- 
merosi, non mancheranno di emergere, da efl3caci confronti, utili 
analogie biologiche, le quali opportunamente indicheranno il luogo, 
il tempo ed il modo in cui l' azione dell' uomo potrà raggiungere 
maggiormente lo scopo di allontanare o distruggere gli insetti 
nocivi alle sue culture. 

Tale fu l'intento al quale cercai di avviarmi col radunare un 
insieme di notizie sul modo di vivere degli Alticiti d' Europa, le 
quali notizie, avendo per base la conoscenza delle piante di cui 
son parassite le singole specie di Altiche, ardisco presentare sotto 
il titolo di Flora delle Altiche d'Europa e constano per la mas- 
sima parte di osservazioni che trovai sparse in numerose opere 
e delle quali mi proposi far tesoro, coordinandole insieme al frutto 
delle mie indagini sotto un medesimo punto di vista speciale. 
Debbo inoltre far noto come nel radunare fatti e notizie relative 
a questo scopo io non mi sia tenuto strettamente ai confini del- 
l' Europa, ma abbia profittato anco di osservazioni che, sebbene 



Digitized by VjOOQIC 



— 44 — 

fatte ÌQ altri Itioghi, pure avevano grandissime analogìe con 
quanto si verifìca per insetti del nostro continente. 

Il gruppo degli Alticiti (formato essenzialmente da un gran 
numero di quef^H Ìd setti che^ per la facoltà di saltare^ sono vol- 
garmente cbìaoiati Pulci delle piante) appartenendo ai Coleotteri 
fitofagì per eccellenza, racchiude varie specie dannose ai campi 
ed agi] orti; e, conseguentemente al fatto, che pud dirsi quasi 
generale nello studio degli insetti, la conoscenza del loro modo 
di vivere e delle Joro diverse fasi di sviluppo è in ragione diretta 
dell'importanza dei danni loro, come per altri insetti lo è in ra- 
gione delia loro utilità. 

Delle Altiche più dannose può dirsi ormai in gran parte cono- 
sciuta la biologia per gli studi di insigni entomologi ; e le poche 
larve che di questa famiglia si conoscono furono scoperte per lo più 
a cagione dei danni che arrecano. Cosi a mò d' esempio è noto il 
modo di vivere óeW Baltica oleracea Linn. nociva alla Vite, al Noc- 
ciuolo e ad altre piante, quello dell' fl. ampelophaga Guer. che 
pure arreca danni alla Vite, quello della Phyllolrela nemorum 
Lìnn chtì é infesta alle culture del Colza, delle Rape e di quasi 
tutte le Crucifere da ortaggio, del pari che la Psyllyodes chry- 
socepMla Linn. la P. rapae Illig. e quello di altre specie simil- 
mente dannose. 

Ma le nozioni che, sebbene non molto numerose né complete, 
ai hanno di queste e delle altre specie di Altiche non furono, 
eh' io mi sappia, Ha qui raccolte ed ordinate in un insieme e le 
eccellenti monografìe di questo gruppo d'insetti del Foudras, di 
Allard e di Kutschera, ed i lavori del Bretz, del Kaltenbach, di 
Westwood^ dì Curtis, di Taschenberg, di Audouin, di Dubois, di 
Guerin-Meneville, di Boisduval, di Goureau, di Perris e di altri 
ancora, o ebbero uno scopo solamente analitico e descrittivo o 
non furono dc'stinati ad istituire dei confronti sul modo di vivere 
né del ravvicinamenti fondati sul valore dei rapporti biologici 
comuni. 

E qui mi giova il far noto come il genere delle ricerche che 
mi preoccupano per questa, e forse in avvenire per qualche altra 



Digitized by VjOOQIC 



— 45 — 

famiglia ancora, si aggirino in quel vasto campo nel quale il ce- 
lebre entomologo francese Perris vide chiaro colle sue numerosis- 
sime scoperte sui primi stadi di vita di tanti insetti « un instinct 
Monique des insectes » cioè una certa corrispondenza tra V or- 
dine naturale degli insetti e quello delle piante delle quali sono 
parassiti, talché dall' esame dei caratteri riscontrati in un insetto 
parassito di un vegetale sconosciuto talvolta egli giunse per in- 
duzione ad indicare perfino la famiglia a cui il vegetale avrebbe 
appartenuto. 

Ma, nonostante che cotali ammirabili coincidenze ci colpiscano 
e che esse più o meno chiare possano pure intravedersi in altri 
casi, come ancora nel parassitismo tra insetti ed insetti, pure sa- 
rebbe assai prematuro il volere accennare fin d'ora a qualche 
legge sistema, né sarebbe prudente per colmare certe lacune o 
spiegare certi fatti isolati e singolari correr colla mente nel facile 
pendio delle ipotesi, chiedendo alla successione delle faune e delle 
flore, forme estinte o possibili rapporti di aflinità piuttosto desi- 
derati che facili a constatare. 

Nel caso nostro trattasi di quasi metà delle Altiche Euro- 
pee di cui ho potuto raccogliere dati biologici, ora più ora 
meno completi, sicché sarebbe forse illusorio anco il credere che 
quanto pud oggi affermarsi dei fatti che passiamo in rassegna sia 
cosa immutabile, potendo avverarsi che la conoscenza futura di 
quanto si riferisce air altra metà di Altiche d'Europa, come, a più 
forte ragione, gli studi che potranno esser fatti sulla biologia degli 
Alticiti di altre parti del mondo (immersa ancora nella più profonda 
oscurità), possano recare notevoli variazioni a queir insieme che 
cerchiamo oggi di concretare per questa famiglia d'insetti. 

Il presente lavoro consta di cinque parti coordinate al mede- 
simo scopo di far conoscere cioè, oltre i maggiori dettagli sul modo 
di vivere delle Altiche d' Europa, quali siano le piante che esse 
abitano e quali i rapporti con quelle specialmente abitate e colle 
altre piante in generale. 

Nella L* parte, a cui si riferisce anche la presente prefa- 
zione, ebbi cura di indicare le generalità sul modo di vivere delle 



Digitized by VjOOQIC 



r 



_. 46 — 

Alt ielle e, neir ordine del Catalogo di Gemminger e Harold, di 
raccogliere ed ordinare quanti maggiori dati biologici potei, riu- 
nendovi pure le descrizioni delle larve conosciute e tralasciando 
ogni questione tassonomica, per il che ebbi cura di richiamare 
con apposita citazione la relativa pagina di una delle migliori 
monografie, quella di Allard, occupandomi bensì di accennare una 
opportuna sinonimia. Con qualche cenno di stazione della specie, 
cercai pure dì indicare la distribuzione geografica che tanto do- 
vrebbe colle gar si coi dati precedenti. Per ogni osservazione ebbi 
cura di riferirò il respettivo nome d'autore. 

Nella II/' mi fu facile compilare coi dati della prima un elenco 
nel quale, disposti i nomi delle Altiche in una colonna, trovansi in 
altra colonna contigua 1 nomi corrispondenti delle piante ospitanti. 
Quivi con un I notai quei casi dove le mie osservazioni furon 
analoghe a quelle degli altri e con un • i fatti che per primo 
potei osservare. 

Nella II I.*^ disposte in ordine naturale le famiglie delle piante 
d' Europa, trovansi al respettivo posto indicate quelle piante che 
hanno qualch*^ specie di Altica parassita, il nome della quale fi- 
gura in posto corrispondente. 

Questa parte non ha soltanto r*oggetto di formare l'inversa 
della parte II. ^, ma di raggiungere, per quanto è possibile, T intento 
di mostrare il posto che occupano nella scala dei vegetali quelli 
dalle Altiche preferiti e di far risaltare certi singolari raggrup- 
pamenti di specie dei detti insetti intorno a specie vegetali, e come 
spesso avvenga che quando una specie di Altiche si discosta dalle 
sue affluì riguardo alla pianta abitata, scelga nella nuova pianta 
una specie che abbia maggior grado di afl3nità con quelle che le 
Attiche congeneri sogliono abitare. 

Nella IV.*, combinando per mezzo di colonne verticali e di 
linee orizzontali i nomi dei generi delle Altiche e quelli delle 
famìglie delle piante, potei registrare il numero delle specie che 
un dato genere di simili insetti annovera parassiti di una data 
famiglia vegetale. 

Nella V.^ parte, che contiene come la III.* la serie naturale 



Digitized by VjOOQIC 



— 47 — 

delle famiglie di piante, per mezzo di linee di varie lunghezze che 
stiano tra loro in rapporti proporzionali ai numeri indicati nella 
parte IV.* segnati a fianco di ciascuna famiglia, ho cercato di mo- 
strare graficamente non solo il vario grado di preponderanza che 
pel numero di specie hanno le Altiche nelle varie famiglie di piante, 
ma anche i diversi ravvicinamenti di certi gruppi di Altiche cor- 
rispondenti ai rapporti dell' ordine naturale delle piante. 

Nel compimento di questo mio lavoro fui lieto di trovare 
validi appoggi in generosi corrispondenti che mi furono prodighi 
di notizie e di aiuti come i Sig. Cav. Ing. Pirazzoli, M/ Léoii 
Fairmaire, Mina Palumbo e Dott. Bertolini ai quali* mi è grato il 
professare la mia sincera gratitudine del pari che alle Direzioni dei 
Gabinetti di Botanica e di Zoologia degli Invertebrati del R. Museo 
di Firenze per la cortesia massima con cui mi fu concesso di usu- 
fruire delle biblioteche e delle collezioni da quelli dipendenti. 



GENERALITÀ SULLA BIOLOGIA DELLE ALTICHE. 

Dall'insieme di notizie che trovansi riunite nel presente lavoro 
sul modo di vivere degli Alticiti europei, può dedursi che la vita 
di tali insetti si compendia ordinariamente nel periodo vegetativo 
delle piante cioè dalla primavera all'autunno, potendosi contare 
in non pochi casi più d'una generazione all'anno. 

L'ibernazione per quanto è dato conoscere, come in molti altri 
insetti, è propria di pochi individui allo stato d'insetto perfetto, 
i quali si riparano dai geli tra le foglie cadute sul suolo, tra i 
muschi, sotto le pietre che riposano sui terricci, nelle zolle erbose 
che circondano il piede dei grossi alberi e sotto le scorze dei 
medesimi, rimanendo le Altiche ibernanti in perfetta immobilità 
ed in tale stato che può paragonarsi al sonno od al letargo. Non 
si conosce finora nessun caso in cui l'ibernazione abbia luogo 
allo stato di larva, essendo le larve nella quasi totalità abitatrici 
di piante annue o bienni o di parti caduche di piante perenni. 
Né si sa di alcuna specie che sverni nello stato di ninfa, per il 



Digitized by VjOOQIC 



— 48 — 

quale le dimore sono bene spesso le medesime di quelle delle larve 
sebbene in alcuni casi subiscano la prima trasformazione nel 
terreno. 

Nelle più tepide giornate d'inverno le Altiche ibernanti so- 
gliono uscire dai loro nascondigli per andare a riscaldarsi ai 
raggi del sole, sia sulle pietre più Manche, sia sui tronchi di 
alberi di colore analogo, sia sui muri imbiancati o di recente 
costruzione; singolare istinto che hanno comune con molti altri 
insetti, per il quale ad essi è dato godere non solo il benefizio 
dei raggi solari diretti, ma anco di quelli riflessi dalle superflci 
bianche. 

Al risvegliarsi dei viventi, quando le basse temperature ce- 
dono al tepore primaverile, le Altiche si destano completamente 
dal sonno d'inverno; e quel piccol numero di individui scampati 
alle stragi che la fredda stagione aveva menato su tanti altri^ 
dei quali o fu tardiva la nascita o non seppero o non poterono 
ripararsi dai rigori del verno, adempie con sollecita cura alla 
missione di propagare la specie ; ed allo scarso numero di questi 
supplì natura con opportuna fecondità che rende ben tosto a cia- 
scuna specie il numero d'individui ordinario. 

Ma l'istinto più ammirabile é quello col quale le femmine- 
appena fecondate, seguendo quel concorso di opportune circo- 
stanze e di ammirabili istinti che legano l'esistenza di certe specie 
d'insetti* a determinati vegetali, si recano sulle piante speciali 
che dovran servire di stanza e di nutrimento alla prole nasci- 
tura e scelgon secondo i casi le gemme, le foglie, gli angoli 
formati dalle nervature, l' ascella dei picciuoli ed in generale 
le parti verdi, per depositarvi le loro uova sia isolatamente^ 
sia in piccoli gruppi. Le femmine sono sprovviste di quei parti- 
colari apparecchi che servono a moltissimi insetti per incidere o 
perforare le sostanze nelle quali dovrà essere inserito l'uovo; di- 
modoché le uova delle Altiche aderiscono semplicemente alle su- 
perflci dei vegetali forse per effetto di qualche liquido agglutinante 
come nel caso di molti Lepidotteri. Minutissime sono le uova di 
Altica ed ora ovali e di colore giallo come quelle della Podagrica 



Digitized by VjOOQIC 



— 49 — 

fuscipes Fab., ora oblunghe e giallo-chiare come quelle dell' Bal- 
tica oleracea Linn., o giallo verdastre come quelle della Phyllotreta 
nemorum Linn. 

Sembrano derogare dal modo ordinario di deporre le uova 
le specie del genere Podagrica una delle quali, la P% fuscipes Fab.,» 
le abbandona fra i terricci nei quali nascono e vivono le larve 
fuggendo la luce del giorno al dire di Foudras; ed un'altra la 
P. fuscicomis Linn. che abita nei suoi primi stadi di vita il 
colletto e le prime ramificazioni radicali di alcune Malvacee 
secondo dice Heeger. Non è da credere impossibile che ulte- 
riori indagini facciano risultare maggior somiglianza e forse 
identità nelle abitudini di queste due specie e nelle dimore dei 
primi stadi della loro vita, assai differenti pertanto da quelle delle 
altre Altiche e probabilmente particolari al solo genere Podagrica. 

Lo sQhiudersi delle uova è cosa di pochi giorni dopo la loro 
deposizione, e le piccole larve si danno subito a perforare le parti 
parenchimatose intromettendosi fra queste e l'epidermide, scavan- 
dosi cosi il ricovero nel tempo che si procacciano il nutrimento; 
talune invece vivono allo scoperto sui vegetali sempre nutrendosi 
delle parti verdi. 

Le larve delle Altiche, sebbene note in pochissime specie, si 
riconoscono per i medesimi caratteri di quelle dei Chrisomelini 
e portano inoltre delle placche chitinose più o meno oscure su cia- 
scuno dei tre segmenti toracici e sono di vari colori piùt) meno 
carichi secondo che appartengono alla categoria di quelle viventi 
allo scoperto o nell'interno dei vegetali. Allard ne riassume i 
caratteri generali nella seguente diagnosi: 

« Le larve delle Altiche, tutte di forma allungata, lineare 
4C subcilindrica, son coperte di setole o di peli più o meno fitti; il 
4C loro colore è variabile. Le antenne sono composte di tre articoli 
4C il primo dei quali è corto e grosso, il secondo piccolissimo ed 
4C anulare, il terzo sottile e più allungato. Le mandibole sono 
« assai larghe e divise in più denti acuti ; i palpi mascellari sono 
« di quattro articoli ed i labiali di due. Il protorace conta tre 
4k segmenti ciascuno dei quali ha al disopra un paio di zampe 

Ann. X. 4 



Digitized by VjOOQIC 



— so- 
ft assai corte; queste zampe sono composte d'una coscia e d'una 
€ gamba presso a poco d'egual lunghezza, e d'un tarso formato 
« da un solo articolo che è terminato da un'unghia sottile. L'ad- 
« dome è composto di nove segmenti ornati generalmente di 
i € placche scagliose setigere e l'ultimo dei quali presenta di sotto 
€ un prolungamento membranoso e retrattile che serve alla pro- 
€ gressione. Gli otto primi segmenti hanno ciascuno lateralmente 
€ un paio di. stigmi; ve ne ha un nono paio sul mesotorace. » 

Le dette larve vivono per lo più sulle foglie sia all'esterno, 
divorandole in larghe plaghe superficiali irregolari o nei margini, 
sia air interno penetrando sotto l'epidermide, distruggendo il pa- 
renchima, e lasciando disegnate sulle pagine delle foglie, talvolta 
delle stri scie serpeggianti che aumentano sempre in larghezza 
finché terminano in una celletta dove ha luogo l' incrisalidamento, 
taValtra invece degli spazi irregolari scavati sotto la cuticola nei 
quali egualmente riscontrasi in qualche parte la celletta per la 
metamorfosi. La durata dello stato larvale è breve e concorda colle 
numerose generazioni che hanno luogo in pochi mesi. 

L' incrisalidamento avviene ora nell' interno delle parti scavate 
dalle larve, ora nel terreno e non si cita che un solo caso differente, 
quello deìVHaltica oleracea, sul quale però vi ha contrarietà di 
asserzioni, nel quale secondo alcuni la larva si fisserebbe infe- 
riormente alle foglie per l'estremità anale ed in tal posizione subi- 
rebbe la sua metamorfosi, come gran parte 'dei Coccinellidi, e se- 
condo altri invece la larva anderebbe a trasformarsi nel terreno. 

Le ninfe hanno ordinariamente il colore che aveva la larva 
e lasciano perfettamente scorgere la forma dell'insetto perfetto 
colle elitre rudimentali come le ninfe di altri insetti. 

In pochi giorni si compie l'ultima metamorfosi e l'insetto 
perfetto rimane quasi sempre sulla pianta che lo aveva nutrito 
ed ospitato nei suoi primi stadi. Esso pure continua a nutrirsi 
delle parti più tenere della pianta che comparisce sparsa di punti 
giallastri nei luoghi delle sue morsicature, non essendo in parti- 
colari casi risparmiate né le foglie seminali, né quelle del tronco 
6 dei rami e neanche le gemme né i fiori. 



L. 



Digitized by VjOOQIC 



— 51 — 

Sebbene dotate di vari mezzi di locomobilità, quali la deam- 
bulazione, il salto ed il volo, le Altiche non amano di allontanarsi 
dalla loro pianta di stazione se non inquietate da cause straor- 
dinarie, ed in questo caso procurano liberarsi col salto, che esse 
sembrano fare senza direzione prestabilita, avendo solo per scopo 
di sottrarsi al pericolo che le minaccia coll'andare a cader lon- 
tano dalle piante su cui trovavansi e poi nascondersi tra le erbe 
confondendosi tra le più minute quisquilie od anche più frequen- 
temente col fingersi morte appena cadute. 

Per effettuare il salto l'insetto ripiega la tibia sulla coscia, 
che ha una speciale scanalatura per riceverla, ed il tarso sulla 
tibia; e poi, con una istantanea contrazione delle potenti masse 
muscolari della coscia, distende le tre parti in modo che la gamba 
riprendendo immediatamente la sua totale lunghezza ed appog* 
giando colla sua estremità alla superfìcie su cui posava l'insetto, 
questo viene ad essere violentemente sospinto in alto ed in avanti. 
Il saltp sembra spossare grandemente le Altiche ; dimodoché quelli 
che succedono al primo sono gradatamente più corti. L'effetto del 
salto è tanto più grande quanto è maggiore il calorico che i raggi 
solari hanno accumulato sopra l'insetto. 

Del volo non si servono le Altiche frequentemente; ma oltre 
a servire alla fuga è questo anche un mezzo di emigrazione usato 
da quegli individui che nelle ore più calde e probabilmente col fa- 
vore dei venti, vanno in cerca di nuove piante del genere e della 
specie necessari alla prole che dovrà nascere. Ciò spiega la presenza 
di molte Altiche di varia specie, in luoghi privi affatto di vege- 
tazione come su certi muri e perfino nell'interno delle città, ove 
talvolta riscontransi con altri insetti emigranti. Del resto, salvo 
nei maggiori calori, non è cosa comune di veder volare le Altiche 
e si sa anche di alcune specie nelle quali abbondano gli individui 
con ali rudimentarie come nel genere Podagrica. 

In quanto ai rapporti colle piante che esse abitano basta os- 
servare gli elenchi ed i prospetti che fan corredo al presente la- 
voro per accorgersi come pochissime siano le specie polifaghe ed 



Digitized by VjOOQIC 



— 52 — 

in tal caso gli insetti perfetti sono di gusto più svariato che le 
larve. 

I resultati fin qui ottenuti non possono esser certamente 
considerati come l'ultima parola pronunziata su tali rapporti, 
troppo rimanendo ancora a conoscere della biologia degli Alticiti 
come già ho detto; ma da quanto ci è noto indubitatamente ri- 
sulta che la serie delle piante delle quali le Al ciche sono parassite 
abbraccia le Fanerogame per la massima parte ed in piccol 
numero anco le Crittogame; e tra le Fanerogame, le Di- 
cotiledoni sono quelle maggiormente preferite, essendo in esse 
le Crucifere, le Composte, le Borraginee, le Scrofa- 
larinee, le Labiate e molte altre famiglie ancora quelle che 
son più ricercate ed abitate dalle Altiche; mentre poche specie 
soltanto di Monocotiledoni offrono cibo ad un piccol numero 
di esse e meno ancora le Crittogame. 

In quanto alle Altiche vediamo il genere Podagrica proprio 
quasi esclusivamente delle Malvacee potendosi citare solo qual- 
che eccezione come quella di una delle sue specie parassita e di 
una delle Tigliacee, che d'altronde formano una famiglia im- 
mediatamente vicina alla precedente, tantoché alcuni botanici 
le riuniscono in una sola, e di una Borraginea. 

II genere Haltica lo troviamo disseminato tra le Dicotile- 
doni, e le poche specie di Mantura, nelle Composte e nelle 
Poligonacee. Le Crepidodera sono sparse per moltissime fa- 
miglie fino alle Equisetacee ed in questo genere vi ha di no- 
tevole la particolar preferenza per le Salicinee di un gruppo 
delle sue specie distinte dalle altre per i colori metallici brillanti 
e son precisamente quelle chiamate da Foudras Chaicoides. Le 
Epitrix sono esclusive delle Solanacee come le Hermeophaga, 
seguaci del genere Mercurialis, lo sono delle Euforbiacee. 
I Longitarsus abbondano sulle Composte, sulle Borraginee 
massimamente ed anche sulle Scrofularinee e sulle Labiate, 
e si arrestano nella scala dei vegetali alle Cupulifere. Le 
ApfUhona preferiscono le Euforbiacee ma si ritrovano anche in 



Digitized by VjOOQIC 



— 53 -T- 

altre famiglie, e le Phyllotreta, segnatamente quelle specie ad elitre 
con macchie longitudinali gialle, abbondano sulle Crucifere. 
Mancano nelle Talamiflore, nelle Corolliflore e nelle Ca- 
lici fi ore le specie di Chaetocnema le quali sembrano confinate 
tra le famiglie delle Monoclamide e. Le due sole specie di 
BaJtophila non si rinvengono che nei soli Rubus e Fragaria 
delle Rosacee. Nelle Afm'op7^^/a si riscontra il caso in cui la larva 
vive su pianta diversa da quella abitata dall'insetto perfetto, 
trovandosi la prima nelle Scrofularinee, nelle Labiate e 
nelle Piantaginee e l'insetto nei Muschi, e. potendosi per 
questo escludere l'ipotesi di un caso di ibernazione, giacché io 
ebbi luogo di riscontrare la presenza della M. muscorum allo 
stato perfetto in luglio nei Muschi sull'Appennino. Delle Hypno- 
phila, sebbene non si conosca la larva, sappiamo che trovansi 
sempre in compagnia delle specie del genere precedente. Una specie 
di Apteropeda si indica come seguace delle Graminacee ed 
un'altra delle Crucifere. Le Dibolìa si nutrono a spese di piante 
appartenenti a poche famiglie ma a preferenza alle Labiate. 
Tra gli Sphaeroderma e gli Argopus, nei quali è grandissima 
l'analogia morfologica, vi ha invece singolare diversità di piante 
di stazione, giacché, mentre i primi abitano alcune specie di 
Composte cinarocefale. Tunica specie di Argopus si è scelta 
stanza incerte particolari specie di Clematis tra le Ranuncu- 
lacee. Per ultimo le numerose Pshylliodes si ritrovano in parec- 
chie piante di varie famiglie partendo dalle Ranunculacee fino 
alle Gramigne, ma sopra a tutto abbondano nelle Crucifere. 
Uno sguardo gettato ancora sull'ultimo dei prospetti ci farà 
rilevare facilmente alcuni raggruppamenti naturali, come nel ge- 
nere Haltica dove molte specie si trovan riunite nelle famiglie delle 
Caliciflore, come nei Longitarsus che dalle Linacee vanno 
aumentando di numero fino alle Borra ginee per poi gradata- 
mente decrescere fino alle Cupulifere, come nelle FfiyUotreta 
che incominciano bruscamente con le Crucifere per poi in modo 
analogo diminuire in altre famiglie e come nelle Psylliodes che 



Digitized by VjOOQIC 



r 



— 54 — 

tendono a raccogliersi più o meno in tali famiglie e più partico- 
larmente nelle Cruci fere. 

Il prospetto in questione è destinato semplicemente a dare 
una idea dal modo con cui si possono graficamente indicare ì rap- 
porti tanto degli Alticiti che di qualunque altro gruppo d'insetti 
fitofagi con le piante da essi abitate, avvertendo che trattandosi 
nel caso nostro di studi biologi lontani ancora dall'esser completi 
io non curai dì porre in campo un dato sommamente essenziale, 
cioè il numero delle specie vegetali il quale sarebbe necessario 
affinchè T espressione dei rapporti che ci occupano possa essere 
esatta e che dovrebbe essere indicato dalle distanze dei punti di 
separazione delle famiglie dei vegetali espresse con lunghezze pro- 
porzionali ai numeri delle specie di piante. 



Digitized by VjOOQIC 



55 — 



DATI BIOLOGICI 



ALTIGITI EUROPEI 



^OOAantCA FouDBAS. 

P. fuscipes Fàb, Allard, Abeille 1866, T. Ili, monog. dea Alticides, p. 09. 

Vìve sulla Malva sylvestris Lino, e meno frequentemente sulle altre Mal- 
vacee (Fondras). Comnnissima sulla M, sylvestris Lìnn. ed in autunno sul- 
VAUhea rosea De C. (Bose trémière). Abita tutta V Europa (Allard). Trovasi 
anche nella Lombardia e nei Veneto (JBertolini). 

LARVA. — Foudras, mon. p. 844. — Allard Abeille 1866, monogr., p. 4. 

Sta nascosta durante il giorno nel terreno o sotto 1 frammenti dei ve- 
getali diversi dei quali essa si nutre. 

« La larva ha dodici anelli trasversalmente piegati di sotto e con dei ri- 
€ gonfiamenti sui lati. Ciascuno dei tre primi anelli ha un paio di zampe che 
« sembrano divise in quattro articoli con un uncinetto terminale ; ogni articolo 

< è munito alla sua base di uno o due peli rigidi ; V ultimo anello ò terminato 
€ da un prolungamento arrotondato, compresso di sopra e grossolanamente 
« punteggiato. Questo ha nella sua parte inferiore un grosso tubercolo di cui 
€ la larva si serve per fare avanzare il suo corpo. Gli anelli sono gialli, molto 
€ levigati e lucenti; hanno un pelo rigido da ciascun lato ed alcuni altri al 
« disotto ; r ultimo anello ò ornato di sei peli simili intorno al suo prolunga- 

< monto. La testa ò oblunga, il vertice ò bifido in addietro o meglio la sua 

< parte posteriore ò divisa da una smarginatura triangolare circondata di color 
€ bruno ; la testa ò di un giallo un poco più scuro di quello del corpo. Le an- 
« tennule sono cortissime e trasparenti del pari che i palpi. Le mascelle sono 
€ brune. Non sono visibìli gli occhi » 

La larva subisce probabilmente parecchie mute. Foudras ne ha allevate 
ed hanno vissuto un mese prima di passare allo stato di ninfa (Foudras). 



Digitized by 



Goog]f 



— 56 — 

NINFA. — Foudras, mon. p. 345. 

« È dello stesso colore della larva; vi si riconoscono tutte le parti dell* in- 
« setto perfetto. La testa è ricurva per di sotto; gli occhi sono bruni come pure 

< le mandibole ; si scorge un pelo bruno al lato interno di ogni occhio e due 
« nel mezzo della fronte. Le antenne sono più bianche e più trasparenti del 
« resto del corpo. Esse circondano le due prime paia di zampe. Il corsaletto è 

< ornato di alcuni peli. Le elitre, ridotte allo stato rudimentario, sono curve per 
« di sotto ed applicate suir addome. Il mesotorace ed il metatorace presentano 
€ una fossetta profonda da ciascun lato del primo ed un solco longitudinale sul 
« secondo. I segmenti dell' addome, assai rigonfi per disotto, hanno in comune 
« una forte impressione per ogni lato ed un' altra meno profonda nel mezzo. 
4i V ultimo ò terminato da due appendici allungate, un poco coniche e terminate 
« in spina; ha nella parte inferiore due piccoli tubercoli trasparenti. » 

L'insetto compie l'ultimo sviluppo nel suolo; ne esce perfettamente co- 
lorato, ma in uno stato di mollezza che cessa dopo qualche giorno. 

uovo. — Foudras, mon. p. 844. 

Le uova sono ovali, gialle, assai più corte di quelle dell' Baltica oleracea. 
La ? le depone nel terriccio (Foudras). 

P. malvae Illig, AUard, mon. p. 100. 

Foudras raccolse questa specie nel mezzogiorno della Francia sulla Malva 
nicaeensis AH., è sulla J3f. sylvestris Linn. o nei dintorni dì Lione sulla 3f. 
moscata Linn. Il Jacquelin du Val la indica particolare alle M. rotundi- 
folla Linn., alVAlthea sinensis Cav. ed all' -4. rosea De Cand. In Baviera 
ed in Prussia vive pure sulla M. rotundifoUa Linn. al dire di Kaltenbach. 
Trovasi in Spagna, in Austria e^ in Algeria (Allard). Nel Trentino, in Lom- 
bardia e nel Veneto (Bertolini). 

P. semirufa Kust. - italica Allard. mon. p. lOi. 

È la specie più comune sopra tutte le Malvacee deir Italia centrale. Fa 
osservata su varie specie del genere Malva ed Alihea e nel giardino botanico 
del Museo di Firenze dove si nutriva perfino delle foglie dei germogli che 
crescevano sul tronco di Tilia puhescens Ait. (Bargagli). È propria del mez- 
zogiorno della Francia, di Corsica e d'Algeria (Allard). Comunissima in Si- 
cilia sulla Lavatera olbia Linn., sulla Malva sylvestris Linn. e sxiìVEcMum 
plantagineum Linn. (Mina-Palumbo). 




Digitized by VjOOQIC 



— 57 — 

P. disoedens Boìéld. -» rudicolUs Fond. Aiiard, mon. p. lOi. 

Foadras la prese a Hyères in maggio e giugno, sulla Malva nivaeen- 
sis AH. e sulla M, parviflora Linn. e presso Montpellier nelle pendici aride 
sulla Lavatera olbia Linn. Francia Merid., Dalmazia (Allard). Corsica e Sar- 
degna (Beriolini). 

P. foscicornis lAnn. - malvae Fourcr. - rufipes Fabr. - fulvipes Fabr. 
Allard, mou. p. 102. 

Trovasi sulla AUhea offlcinalis Linn. e suU' A. rosea AH., che coltivasi 
nei giardini e spesso in compagnia della P. fuscipes. In tutta V Europa e nel 
Nord deir Africa (Allard). Eossi la cita tra quelle di Toscana. In tutta V Italia 
(Bertolini). L'insetto comincia a vedersi ai primi di maggio e mangia le foglie 
della Malva sylvestris Linn. e della M, rotundifolia Linn. 

Var. a Foudras. Coi punti delle elitre più profondi e cogli ultimi articoli 
delle antenne infuscati ali* apice: fu riscontrata presso Nimes sulla M. sylve- 
stris Linn. (Foudras). 

LARVA. — Heegrer, Sitzungsb. Ak. WieD 1858, p. 100. Kaltenbach Pflanzenf einde p. 68. 

Abita il colletto della radice di alcune specie di Malva, secondo Heeger 
e mangiandone la parte bianca della scorza penetrano nelle parti legnose 
fino al midollo per nutrirsi fino air epoca di trasformarsi in ninfa. Se ne ra- 
dunano generalmente un certo numero e penetrano nelle ramificazioni della 
radice e vi passano 1* inverno. Alla fine di marzo ed ai primi d' aprile del- 
l' anno seguente raggiungono la completa grandezza e vanno a trasformarsi 
in ninfa nel terreno. L' insetto comincia a comparire al principio di maggio 
come fu già indicato. 

uovo. - Heegrer, id. id. Kaltenbach, id. id. 

La 9 secondo Heeger depone le uova nelle gemme alla base del caule 
(Kaltenbach). 

MAMjTMCjè Geoff. 

€hrapiodewa Chev. 

H. qnercetopum Foud, Allard, Abeiiie 1866, mon. p. 211. - erucae Oliv. 

L' insetto perfetto vive sulla Quercus pedunculata Pers. Olivier per primo 
osservò su qual pianta questa specie vive. Aubé Tha raccolta sulle Querci 
del Bois de Boulogne e si sa che anche in Germania vive nelle medesime 
condizioni. Foudras la raccolse in maggio sulla Q. pedunculata presso Lione. 



Digitized by VjOOQIC 



— 58 — 

Vive in Francia, in Germania, in Austria ed in Siria (Allard), In tutta 
l'Italia (Bertolini). 

LARVA. — Bouché, Stett Ent. Zeit. 1847, p. 165. — Westwood. Intr. to mod. 
class. I, p. 383, f. 4*7. — Chapuis et CaDdèz. Cat. dea larves dea 
Col., p. 607. 

La larva allungata, posteriormente attenuata, è di un nero molto carico. 
É provvista nel dorso di varici setolose; petto e zampe sono color di oliva. 
Lunghezza 3 lin. Essa rode in luglio la pagina inferiore delle foglie di Quercia 
(Bouché). Le giovani larve di questa specie mangiano, secondo Foudras, le 
foglie di molte specie di piante. Nutrite in apposito recipiente, raggiunsero 
le loro maggiori dimensioni; indi si nascosero in terra dove passarono allo 
stato di ninfa ed in fine si svilupparono gli insetti perfetti coi medesimi ca- 
ratteri di quelli raccolti nei boschi. Essi fecero una notevole quantità d'uova 
che Foudras giunse a far nascere, e V allevamento di questa seconda gene- 
razione riusci a buon porto ed i prodotti furono conformi ai generatori (Foudras). 
Secondo Ealtenbach vive anche sulla Betula (Ealtenbach). 

H. ericeti AH, - c^ longicoUis Ali. AUard, mon. p. 44, e p. 49. 

Vive esclusivamente sopra V Urica tetralix Linn. nelle Lande ed in Bre- 
tagna come riferiscono Perris, Aubé, Eemquet, Allard. 

Nel descrìvere la E. longicollis Allard dice che è stata presa sopra una 
piccola Erica a Sorèze nel mezzogiorno della Francia (Allard). 

H. ampelopliaga Guer, - consohrina Duft. Aiiard, mon. p. 45. 

È dannosa alla Vite, ma vive anche su tutte le specie di Salix special- 
mente su quelle nane. Sta spesso nei prati paludosi e sulle piante che costeg- 
giano i fossi e gli stagni (Foudras) (Allard). Trovasi comunemente nel mez- 
zogiorno della Francia nelle vigne, ed anche in Inghilterra ed in Algeria 
(Allard). Si conosce pure del Tirolo meridionale, di Sicilia e di Sardegna 
(Bertolini). 

LARVA. — Querin Mén#vUle Rev. Zool. 1868, p. 415. — AUard, Abeille 1866, 
mou. p. 4. 

É di color nero e divora le foglie ed i piccoli grappoli e verso la metà 
di giugno va in terra al piede delle piante per trasformarsi. La larva di 
questa specie si distingue da quella dell' H. oleracea dalla direzione delle 
placche squamose, dalla loro grandezza relativa, dai loro color più scuro e 
qvasi nero e dalla brevità dei peli o setole (Guerin) (Allard). 



ÉtL' 



Digitized by VjOOQIC ' 



— 59 — 

uovo. — Guerin Ménéville id. id. — AUard, id. id. 

Dopo r accoppiamento dell' insetto, in aprile, quando le gemme della Vite 
vegetano la ? depone le uova in mezzo ad esse. 

H. coryli Ali. - brevicollis Foud. Allard, mon. pag. 45. 

Vive nel Corylus avellana Linn. in Francia ed in Spagna (Allard) ed 
è stata anche trovata nelle Qnerci in giugno. Trovasi pure nelle Alpi e nei 
pascoli della Grande Chartreuse (Foudras). El propria anco dell' Italia supe- 
riore, di Sardegna e di Sicilia (Bertolini). 

H. lythri Auhè. - consohrina Allard. mon. pag. 46. 

Trovasi in riva ai ruscelli sul Lythrum salicaria Linn. e sugli Epi- 
lóbium (Allard). Suole abitar^ ancora VEpilóbium hirsutum Linn., V Oeno- 
thera biennis Linn., la Circea lutetiana Linn., il Poligonum mite Scb., ed il 
P.persicaria Linn. (Kaltembach). Vive in Francia, in Germania, in Spagna, 
in Algeria (Allard) e neir Italia superiore ed in Sicilia (Bertolini). 

LARVA. — Foudras, mon. p 295. 

É somigliantissima a quella delFH. hyppophaes e dell' H. quercetorum; 
vivono in società per qualche tempo e poi si separano (Foudras). 

H. tamaricis SchranJc. - hyppophaes Aubè. Allard, mon. pag. 48 

Foudras la dice propria deW Hyppophae rhamnoides Linn. e del Ta- 
marix germanica Linn. Francia, Germania, Savoia, Corsica, Sicilia; individui 
presi in Austria erano costantemente verdi mentre sono turchini quelli di 
Francia (Allard). 

LARVA. — Foudras, mon. p. 293. — Allard, Albeille 1866, mon. p. 4. 

Non differisce da quella delFH. oleracea che per la statura più grande 
e per il color nero. In agosto ed in settembre trovasi sugli arbusti suddetti. 
Vivono le larve in società per qualche tempo; poi si separano (Foudras). 

uovo. ^ Foudras, id. id. 

La ? depone le uova sulle foglie e le riunisce talvolta in numero varia- 
bile le dissemina. 

B. heliantbemi Ali Allard, mon. p. 49. 

Fu scoperta da Perris a Mont-de-Marsan saìY Helianthemum gttitaium 
MilL Bemquet la prese nel Finisterre sul Poterium muricatum (?) Gli individui 
presi su queste piante sono un poco più grossi di quelli MV HeUanthemum 



Digitized by VjOOQIC 



— 60 — 

e la pnnteggiatara delle elitre sembra più confusa (Allard). Bertolini la ìn- 
dica come trovata a Napoli. 

H. oleracea Linn. Aiiard, mon. p. 50. 

Audouìn crede riconoscere in questa specie nn insetto che arrecò gravi 
danni nell'Andalusia nel Medio Evo, e Dubois riferisce che al principio del 
secolo fu assai nociva alla Vite. Sembra al dire del primo di questi autori, 
le cui osservazioni datano dal 1838, che in Francia rechi danni di qualche 
importanza solo presso ai Pirenei a Perpignan, ma egli crede che questa 
specie vada inoltrandosi dall'ovest all'est invadendo le vigne del mezzogiorno 
della Francia. L' insetto perfetto è nocivo quanto la larva e fa la sua comparsa 
in maggio benché si trovi anche in aprile. Sembra prescegliere un gran 
numero di vegetali. Chapuis e Candèze indicano il Coryìus avellana Linn. 
n Boisduval dice essere stata raccolta a Parigi nel Giardino botanico del 
Museo sopra varie piante coltivate come Oenothera^ ClarMa, Baisduvalia, 
Eucharidium, Epilobium, Fuchsia etc. Fu osservata su piante di quest'ul- 
timo genere in un giardino di Firenze (Bargagli). Brehm ha trovato per 
pianta ospitante la detta specie VEpilohium angustifolium Roth. Foudras 
afferma trovarsi nei boschi, nei prati, nei campi e nei giardini corrodendo 
le foglie di un gran numero di piante ed allo stato di larva spesso sul Póly- 
gonum aviculare Linn. Il medesimo indica la Mentha come ospitante una 
varietà colle elitre punteggiato a serie confuse. Chevrolat ha trovato una 
varietà madreperlacea sopra una Camomilla in agosto e settembre a Dra- 
guignan. Infine è stata trovata varie volte in Firenze sulla Phlomis fruti- 
cosa Linn., nel giardino botanico del R. Museo di Storia Naturale, a Via- 
reggio in luglio comunissima sulle foglie di Oenothera hiennis Linn. e su 
questa stessa pianta e sul Lythrum salicaria Linn., in agosto nelle isole 
della Laguna Veneta (Bargagli). Vive anche in Piemonte ed in Lombardia 
(Bertolini). 

LARVA. — Chapuis e Candèze Catalogfue aes larves aes Col. p. 607. — Cornelius 
Stett. Ent. Zeit. XXV, 1864. — Guerin Ménéville Rev. Zool. 1858, 
p. 415. — Audouin, Hist. des Ins. nuisibles à la Vig-ne 317. — Du- 
bois Ent. Horticole. — Brehm, la vita degli animali, traduz. it. — 
Kaltenbach Pflanzenfeinde p. 251 — AUard, Abeille 1866, mon. p. 3. 

« Testa mediocre, aiTotondata, cornea; bocca diretta obliquamente in avanti; 
€ ocelli non visibili ; antenne inserite alla parte anteriore ed estema della testa, 
« formate di tre articoli, 1° corto assai grosso, 29 piccolissimo anulare con una 
<c piccola appendice al lato interno terminata da una setola, 3^ sottile e più 



Digitized by VjOOQIC 



— 61 — 

i allangato. Labro grande carnoso arrotondato in avanti, mandibole mediocri 

< poco arenate larghe, alla loro estremità divise in più denti acnti; mascelle 

< terminate davanti da nn lobo piccolo dal qnale partono i palpi lunghi, co- 
€ nici, formati da quattro articoli, rnltimo dei qnali pia lungo, acuminato; 
« labro inferiore formato da un mento assai grande ristretto in avanti, di pezzi 
€ palpigeri confusi alla loro base, di palpi labiali di due articoli, tra i quali 
€ trovasi un rigonfiamento carnoso rappresentante la linguetta. — Torace com- 
€ posto di segmenti presso a poco simili ai segmenti addominali; protorace che 
« presenta superiormente una placca scagliosa variamente impressa; zampe di 
€ mediocre lunghezza terminate da un'unghia sottile. — Segmenti addominali 
€ in numero di nove, simili tra loro, ricoperti del pari che i due segmenti to- 
i racici posteriori, di piccole placche scagliose, setigere, lucenti, diversamente 
€ disposte tanto alla superfìcie dorsale che sulla faccia opposta; segmento 
« anale stretto, arrotondato, uniformemente colorito, che presenta al disopra un 
€ prolungamento bifido che serve alla progressione. — Stigmi in numero di 
€ nove paia, otto dei quali sugli otto primi segmenti addominali al margine 
€ esterno degli archi dorsali, il nono sul mesotorace all' angolo anteriore 
€ esterno. — Queste larve sono di forma allungata, liiieare, subcilindrlca, coperte 

< .di setole e di peli più o meno fìtti, ordinariamente di color giallo sporco, e 
« segnato da punti e placche di tinta più scura » (Lacordaire e Chapuis). Ap- 
pena nate sono trasparentissime, come dice Dubois, ma poi divengono opache. 
Qoando si trovano sui fiori del Raphanus sativus Linn., divorano da primo 
i petali del fiore, poi gli stami, l'ovario ed i giovani semi. 

Audouin dice che esse subiscono varie mute fino a raggiungere il mas- 
tino sviluppo dai 7 mill. agli 8 mill. Dubois aggiunge che esse crescono in 
8 10 giorni. Audouin assegna a questo periodo una ventina di giorni. 

NINFA. — Cbapuis et Candèze, id. id. — AUard, id. id. — Brehm, id. id. — Du- 
bois, id. id. — Kaltenbacb, id. id. 

Regna grande disparità di opinione circa al modo di passare a questo 
stato della specie in questione. 

Chapuis et Candèze affermano che essa si trasforma in ninfa in estate 
fissandosi per l'estremità anale, il che è pure copfermato da Lacordaire pa- 
ragonando questo fatto alle metamorfosi delle Coccinelle. AUard dice invece 
che la trasformazione ha luogo entro terra. Brehm raccolse le larve il 21 
di luglio, ed il 10 dì agosto ottenne i primi insetti perfetti che avevano 
sabito le loro metamorfosi in terra entro un morbido bozzolo. Dubois riferisce 
che quando le larve hanno vissuto nel fiore del Raphanus sativus si ritirano 



Digitized by VjOOQIC 



— 62 — 

in una delle fogliole del calice per cambiarsi in ninfa e, caduta la foglietta, 
la larva si trasforma dentro al terreno. Anche il Kaltenbach emette tale opi- 
nione. La ninfa è gialla in principio ma poi scurisce ed in sette od otto giorni 
gli insetti si sviluppano. 

uovo. — Audouin, id. id. - Dubois, id. id. 

Àtidonin lo dice di forma oblunga e d'un giallo chiaro e che viene de* 
poBto nella pagina inferiore presso qualche nervatura della fpglia di Vite in 
marino, e Dubois accenna che la ? lo depone nei fiori del Eaphanus soUivus, 

Yar. cardnornm Gaér, 

L'autore che ne fece una specie a parte riferisce che essa vive su varie 
specie di Cardi specialmente nel Carduus tenuiflorus Smith, nel mezzo^omo 
della Francia. 

LAltVA, — Guérin MénévHle, Rev. Zool. 1858 p. 415, ed Encyclop. d'Agric. (Altise). 
Allard, Abeille 1866, mon. p. 4. 

-:< È di un bruno verdastro sporco; rassomiglia più alla larva della H. am- 
« pelophaga a cagione della brevità dei peli dei suoi tubercoli; ma se ne di- 
€ stingae dalla forma e colore delle sue placche le quali sono pallide e circon- 
« dattì da un cerchio più scuro; dai suoi segmenti un pò* piegati o rigati tra- 
« sversalmente; dal primo segmento del torace che è ineguale e non lìscio come 
« nelle H. ampelophaga e nel H. oleracea (Guerin), (Allard). » 

H. pufiilla Duft, - potentillae Allard. mon. p. 51. 

Yi^e sulla Pofentilla verna Linn. dove fu trovata da Brisout de Barne- 
ville a Sait Germain en Laye dove sembra esser comune su questa pianta 
in loglio (Allard). 

Bertolini la indica pure come specie d'Italia. 

MAIVTWJRA Stephens. 
BaManownowpHn Ghev. 

M- rustica Linn, - semiaenea Fab. Allard, mon. p. 120. 

Secondo Kaltenbach vive sui BJiumex (Ampfer). In tutta l'Europa, ma 
vuoisi non comune. Si rifugia ordinariamente sotto i detriti vegetali. La 
var, a col torace verde-bronzino, colle elitre rosso testacee, col margine su- 
turale più meno bronzino scuro, fu trovata da Foudras nei prati umidi e 



i 



Digitized by VjOOQIC 



— 63 — 

sai giunchi. Bertolini la annovera tra le specie italiane dicendola della Lom- 
bardia e forse anco del Trentino. 

M. chxysanthemi Koch, Allard, AbeiUe 1866, p. 120. 

E propria dei pascoli aridi e vedesi talvolta sni fiori di varie specie di 
Chrysanthemum Linn. (Leucanthemum vulgate Lam.) in luglio (Foudras, 
Allard, Bosh, Kaltenbach). Dal Nord d' Europa fino in Algeria (Allard), Tirolo 
meridionale e JPiemonte (Bertolini). 



cnEM^inonEnA chev. 

G. lineata Bossi. - geminata Fab. Aiiard, mon. p. 18. 

11 Rossi che pel primo la descrisse come specie di Toscana non ne dice 
altro che « habitat in Sylvis ». In Francia nelle Lande a Mont-de-Marsan 
vìve neir Erica scoparia Linn. (Perris). Si conosce pure di Corsica (Bertolini). 

LARVA. — Perris, Soc. Ent. Fr. 1868, p. 88. 

« É di un bianco giallastro e quasi parallela, quasi glabra ed ha delle 
« pieghe in traverso. La testa è nera, il protorace è bruno sui due terzi anteriori 
« ed i segmenti addominali hanno una striscia trasversa rossastra con alcuni 
« piccoli peli neri. Le zampe son terminate da due unghie divaricate tra le quali 
« trovasi un tubercolo carnoso, livido, specie di ventosa che permette alla larva 
< di camminare sui corpi più levigati. Le metamorfosi hanno luogo in terra. > 

La larva trovasi in maggio sulla pianta nutrice (Perris). 

C. ventralls IlUg. - nigriventris Bach. Allard, Abenie 1866, p. 14. 

Vive sopra WSolanum dulcamara Linn. ed abita tutta T Europa centrale 
e particolarmente a Calais, a Parigi, a Bordeaux, a Londra, in Algeri ed a 
Madera (Allard). Foudras V ha raccolta nella Francia meridionale e sulle Alpi. 
Bertolini la dice propria del Veneto, di Lombardia e di Sardegna. In Sicilia 
danneggia alquanto le foglie di Citrus aurantium Linn. od Arancio dolce. 
(Mina-Palumbo). 

C. Pisana Allard. Abeine 1866, p. 16. 

L' autore della specie la dice propria di Pisa. A Livorno in luglio sul- 
VHyoscyamus albus Linn. (Bargagli). 



Digitized by VjOOQIC 



— 64 — 

G. salicarlae Paylc, Allard, mon. p. 183. 

Yivo neir Europa centrale sul Lytkrum salicaria Linn. e sulla Lysir 
machia vulgaris Linn. (Allard). Foudras dice che trovasi nei prati umidi 
Éiopra yarle piante palustri neir Europa centrale e specialmente sul Lythrum 
salicaria Linn, e sulla Lysimachia vulgaris Linn. (Foudras, Gyllenhal, 
Kaltenbach), Tirolo meridionale (Bertolini). 

G» Impressa Fai). Allard, mon. p. 16. 

Iti giugno sul ' Monte Amiata tra S. Fiora ed Arcidosso sui Carduus 
mdans Linn. e C. pycnocephalus Linn. (Bargagli). Foudras la dice comune 
nella Francia meridionale specialmente nei pascoli Ticino al mare ; egli la 
raccolse in maggio presso Cannes e Fréjus, in giugno presso Montpellier e 
Cett^. Algeria, Spagna, Siria, Grecia e Francia meridionale (Allard). Tutta 
Italia (Bertolini). In Sicilia danneggia l'Arancio dolce, Citrus aurantium Linn. 
e più ancora il Pesco, Amygdalus persica Linn. 

G, transversa Marsh, - exoleta 01. Aiiard, mon. p. il. 

Sui fiori di Echium (Olivier). In Austria sopra varie specie di Cardi 
specialmente sul Cirsium canum De Cand. e sul C, rivuìare Pollin. Vive 
anche in Francia; in Inghilterra nei prati umidi (Allard). Lombardia, Pie- 
monte, Sardegna (Bertolini). 

C, ferruginea Scop. - exoleta Linn. Allard, mon. p. 18. 

Kou rara sui Cardi secondo Gyllenhal in Svezia. Vive in varie parti di 
Europa. In Austria trovasi sopra VUrtica dioica Linn. Vive anche in Scozia 
e nel Dóvonabire ed a Londra, a Parigi, a Lilla, a Marsiglia. (Allard). Letzner 
la dice propria della medesima pianta, Kaltenbach di qualche specie di Carex. 
Sul Monte Amiata presso Castel del Piano era comunissima in giugno sulla . 
Canape ed in agosto nelle isole della Laguna Veneta trovavasi frequentemente 
Bulla arena sotto le foglie di Atriplex hastata Linn. Var. triangularis Moq- 
Tand. È comune anche nei dintorni di Firenze (Bargagli). 

G. niflpes Linn. - ruficornis Fab. Allard, mon. p. 19. 

In Austria vive sopra VOróhus vernus Linn. e sulla Vida sepium Linn. 
(Allard). Kaltenbach la dice nociva alla F. faba Linn. ed al Pisum sativum 
Linn. Trovasi anche in Francia, in Inghilterra, in Svizzera, in Italia ed in 
Dalmazia (Allard), Trentino, Lombardia e Piemonte (Bertolini). 



Digitized by VjOOQIC 



— 65 — 

G. cyanescens Duft, - dlpicola Schmidt. Allard, mon. p 19. 

Snlle Alpi in Anstria, in Italia ed in Illiria vìve ^xxW Aconitum napel- 
lus LinD. e sul Veratrum album Linn. (Allard). Schmidt la trovò snlla prim« 
di qneste piante. Bertolini la nomina come propria del Trentino, del Piemonte, 
e della Liguria. 

G. nitidula Linn. AlIard, mon. p. 26. 

Sui A^aZio; 'secondo Olivier. Kaltenbach inaici, il Populus m^ra Linn., P. 
dilatata (Reich. t), P. can^^cens (Schmith.?) e varie specie di Salix come nutrici 
di questo insetto. Trovasi in Svezia, in Germania, nel nord della Francia e 
nelle alte Alpi (Foudras). Nel Trentino in Lombardia ed in Gorizia (Bertolini). 

G. hebdnes Linn. - fulvicornis Fab. Allard, mon* p. 27. 

Sulla medesima specie della precedente secondo Allard e Xaltenbacb. Sul 
Salix alba Linn. var. vitellina Ser. in giugno nei dintorni di Firenze (Bar- 
gagli). Il suo nome specifico significherebbe parietaria forse perché Linneo 
credette che vivesse sulla Parietaria officinalis Linn. il che non si verifica. 
Trovasi in tutta l'Europa (Allard). 

C. aurata Marsh, - versicolor Kutsch. AUard, mon. p. 28, 

Vive in tutta Europa sopra le varie specie di Populus (Foudras) (Allard). 
Neir Emilia ed in Sicilia (Bertolini). 

C. ChloriS Foud. Allard. mon, p. 196. - helxineS Panz. AUard. mon. p. 28. 

In Francia ed in Italia trovasi sopra varie specie di Salix (Foudras) 
(Allard). Tirolo meridionale, Lombardia e Sardegna (Bertolini). 

G. smaragdinà Foud. Anard, mon. p. 29. 

Comune in Francia sul Populus tremula Linn. (Foudras) (Allard). Tro- 
vasi anche in Italia (Bertolini). 

G. Modeeri lAnn. Allard, mon. p. ao. 

In tutta r Europa trovasi nei luoghi paludosi sopra varie specie di Equi- 
seti e specialmente suirJEJgwìse^um arvenseJÀrm. (Allard) (Foudras). Nel 
Trentino ed in Lombardia (Bertolini). 

Ann. X. 5 



Digitized by VjOOQIC 






66 



E. Intermedia Foud. Allard, Abeille, mon. p. 31. 

Raccolta in settembre nel Delfinato presso le paludi di Bonrgoin sai 
Solanum nigrum Linn. (Foudras) (Allard). Sul 5', dulcamara (Perris). 

E. pnbescens Heft, Allard. mon. p. 30. 

Comune sul Solanum dulcamara Linn., 8. nigrum Linn. e sopra altre 
specie affini in Francia (Allard) (Foudras) (Perris). Kutschera in Austria la 
osservò sul 8. dulcamara Linn. e vive anche sopra altri 8otanum, Hyoscyamus 
e snWAtrapa Bclladona Linn. dei quali mangia le foglie crivellandole di mi- 
nuti fori. Parecchie settimane dopo la fioritura à^W Atropa Belladona Linn. 
Eiiltenbach la osservò sulle grandi foglie basse specialmente sulla pagina in- 
feriore (Kaltenbach). Trentino e Lombardia (Bertolini). 

E. atropae Foud, AUard, mon. p. 31. 

Trovasi in luglio, agosto e settembre sxAV Atropa Bclladona Linn. in 
varie parti ^'Europa come in Svizzera ed in Francia (Foudras) (Allard). Se- 
condo Kutschera vive anche mW Hyoscyamus niger Linn. Ne furon trovati 
moltissimi individui alla fine di luglio m\V Atropa Belladona lÀrm.'mfLQtQ, 
di cui mangiava le foglie, sulFApennino casentinese presso Penna della Lama 
(Bargagli). Istria (Bertolini). 

E. Allardi (1) Woll. Allard, mon. p. 82 

Presa da WoUaston a Tenerififa sul Physalis aristata Ait. (Wollaston). 

MERMAEOlPnAGA Foudras. 

H. mercarialis Fàb, Allard, Abeille 1866, pag. 39. 

LMnsetto perfetto vive sulla Mercurialis pcrennis Linn. Trovasi ordina- 
riamente questa specie nei luoghi ombrosi esposti al nord. Alla fine d'autunno 
si rifugia tra i muschi (Foudras). Fabricio dice di questa specie < habitat 
in Germania Mercuriali annua, » Presso Parigi vive sulla Mercurialis 



fi) Allard non avendo separato il genere Epitrìx dal gen. Crepidodera formò un 
gruppo per caratteri ben distinti che equivale al primo di questi generi ed in esso 
pose la Crepidodera Allardi, Woll. Non saprei dire per qual motivo nel Cat. di Gemm. 
e Harold questa specie non figuri nel genere Epitrix a cui certamente appartiene, 
ma fra le Crepidodera. 



Digitized by VjOOQIC 



— 67 — 

annua Linn. Secondo Chevrolat, Gyllenlial, Bach ed altri osservatori vive 
in primavera sulla M. perennis (Kaltenbach). Nel bosco di S. Trinità presso 
il Monte Amiata (Bargagli). Lombardia, Piemonte e Sardegna (Bertolini). 

H. Cicatrix BUg. Allard, mon. p. 208. 

L'insetto perfetto vive in Europa su tutte le specie di Mercunalis; è 
comune in autunno sulla M. annua Linn. e sulla M. ambigua Linn. Trovasi 
talvolta sulla M. perennis Linn. in compagnia della sua congenere. Si nu- 
tre parimente delle foglie di M. tomentosa Linn. che in Francia non vegeta 
altro che nelle provinole meridionali e sulla qual pianta è stata probabilmente 
raccolta in Spagna ed in Portogallo da Hofifmansegg (Foudras). Vive in Si- 
cilia (Bertolini). 

MjOJ¥fiMTMnSW/S Latbeille. 

TeinodaeiyMn Chev. 
ThyaÈnÌ9 Stph. 

L. tabidus Fàb. - verbasci Panz. Allard, Abeille 1866, mon. p. 141. 

Vive insieme ad altre specie congeneri sui Verbascum come dicono con- 
cordemente vari autori. Bossi cosi si esprime dopo averla descritta « Habitat 
frequens in floribus Verbasci thapsi » Kaltenbach conferma che trovasi co- 
munemente sui Verbascum (Kònigskerzen) dei quali perfora le foglie radi- 
cali. Durante la stagione fredda essa dimora in terra sotto le larghe foglie 
della delta pianta (Xaltenbach). Trovasi nei dintorni di Firenze in giugno 
sul Verbasci4m sinuatum Linn. e sulla medesima pianta in luglio a Via- 
reggio ed a Livorno (Bargagli). Si conosce di tutta l'Europa e d'Algeria 
(Allard). Li Lombardia ed in altre parti d'Italia (Bertolini). Sull'Arancio e 
sopra altre piante in Sicilia (Mina-Palumbo). 

Var. dorsaìis Rossi. - Di questa pure, che il Rossi faceva una specie a 
parte, è detto nella Mantissa I. Insectorum < Habitat in Verbasco non rara > 
(Rossi). 

Var. b, Foudras. - Queste varietà colla sutura delle elitre rosso-bruna è 
particolare alla Scrophularia canina Linn. (Foudras) (Allard). «^ 

L. Linnaei Dufl. Allard, mon. p. 142. 

Presso Draguignan nel Var in Francia. Foudras la raccolse sul Symphy- 



Digitized by LjOC^QIC 

i 



mm^: 



— 6S — 

tum tuberosum Linn. Trovasi anche in Anstria (Allard). Neir Italia supe- 
riore (Bertolinì). Dintorni di Firenze in giugno (Bargagli). 

I«. niger Eoch. AHard, mon. p. 14^ 

Trovasi secondo Bach bxìW Arfhemma aòsinikium Linn. (Vermouth) 
(Kaltenbach). È sparsa in tutta V Europa (Allard). Trentino e Lombardia 
(Bertolini). 

Is. pallens Steph. AUard, mon. p. 150. 

É comune in tutta la Francia sulla Scrophuìaria canina Linn. e sui 
Verhascum (Foudras). In Francia in Algeria ed a Nizza vive sulla Scrophu- 
ìaria canina Linn. (Allard) (Perris). 

I-. pectoralis Foud. Allard, mon. p. 151. 

In maggio e giugno nei pascoli della Francia meridionale e specialmente 
presso Draguignan. In Austria suir Echium vulgare Linn. in maggio e 
giugno (Foudras) (Kutschera) (Allard) (Kaltenbach). 

II. holsaticns lÀnn. Allard, mon. p. 152. 

In tutta Europa ò stato trovato su varie specie di Eguisetum (Foudras) 
(Allard). Tirolo, Lombardia, Piemonte e Gorizia (Bertolini). 

!«. ballotae March. Aiiard, mon. p. 155. 

É propria della Ballotta nigra Linn. e del Marrubium vulgare Linn. 
(Foudras). Francia, Germania, Austria, (Allard). Dintorni di Firenze in giugno 
e sul Monte Amiata presso Arcidosso in giugno (Bargagli). 

If pnlez SchranJc. - oblUeratus Eosenh. Aiiard, mon. p. 197. 

Trovasi in Inghilterra, in Francia, in Austria e in Germania. In Frau- 
da vìve sul Thymus serpyllum Linn., sulla Salvia offlcinalis Linn. Gli esem- 
plari di Austria e di Germania son più piccoli (Allard). 

It. absinthii Kutsch, Allard, mon. p. 15S. 

A Boppard in Germania sta mVÌ Arhtemisia absinthium Linn. e trovasi 
anche in Inghilterra (Allard). 

la. echli Loch. Allard, mon. p. 160. 

Esiste in tutta T Europa specialmente in quella meridionale, nel N. del- 
TAffrica ed anche alle Canarie. A Parigi è comune BnWEchium vulgare 
Linn. e sul Lycopis arvensis Lina. (Foudras). Allard la dice propria delle 



Digitized by VjOOQIC 



— 69 — 

Borraginee e specialmente di qnelle sopra indicate (Allard). KaHenback af* 
ferma averla trovata in maggio e giugno snll'^^iuw {NaUemhopf) di cui 
mangia le foglie. Bertolini l'annovera tra quelle di Lombardia e di Sicilia. 

L. brunnens Bufi. Allard, mon. p. 165. 

In agosto fu raccolta a Chioggia BxxXYAtripìex pcdula Linn. di cui 
mangia le foglie e le parti verdi dei rami (Bargagli). Sembra assai comune 
in Francia ed in Inghilterra, più rara in Austria. Bertolini la cita delP Emilia. 
Snir Arancio dolce, dtrus aurantiumj in Sicilia (Mina-Palumbo). 

L. cineraidae Woll. Allard, mon. p. n4. 

Wollaston la scoperse nell'isola di Madera sul Senecio Maderensis De C. 

Var. consanguinea Woll. id. id. 

L. mlnuscnlas Foud. AUard, mon. p. 177. 

Xutscbera ci informa che presso Vienna questa specie abita la Turrìtis^ 
glabra Linn. Presso Parigi è comune sul Teuchrium scorodonia Linn. 
(Kaltenbach). 

L. membranaceua Foud. - teucrU Allard. mon. p. VB, 

Comunissima nei boschi presso Parigi sul Teucrium scorodonia Limt 
Si trova pure molto frequente in Inghilterra (Allard) (Kaltenbach). 

L. flavicomis Steph. - mhiginosus Foud. AUard, mon. p. 182. 

Abbonda nei luoghi paludosi svìVEupatorium cannabinum Linn. (Fou- 
dras) (Kaltenbach). Vive in Francia ed in Inghilterra (Allard). 

L. aernginosas Foud. - laevis Allard. mon. p. 185. 

Secondo Foudras trovasi questa specie nelle paludi, in riva ai fossi, sopra 
diverse piante e specialmente sopra VEupatoriun^ cannabinum Linn. Vive 
in Francia ed in Algeria (Allard). Nel Tirolo merid. (Bertolini). 

L. quadriguttatus Pontopp. - quadripustulatus Fab. - cynoglossi Marsh. - 
quadrimaculatus Koch. Aiiard, mon. p. 187. 
Presso Lione sta sul Cynoglossum officinale Linn. e durante il giorno 
ordinariamente si nasconde alla base delje foglie (Foudras). Allard dice che 
questa specie è comune nel centro ed al sud dell'Europa sulla medesima 
pianta. Bertolini l'indica di Lombardia. 



Digitized by VjOOQIC 



— 70 — 

1». ezoletus Linn. - femoralis Marsh, -pratensis Foudr. Aiiard, mon. p I4a - 
Boppardensis Bach. Aiiard, mon. p. 188. 
In tutta l'Europa dalla Svezia alla Spagna trovasi svlVEchium vul- 
gare Linn. e sul Convolvulus sepium Linn. (AUard) (Kaltenbach). Trovasi 
anche in Italia (Bertolini). 

I*. isoplexidis Woll. - Masonii Woll. AUard, mon. p. 191. 

L' autore di questa specie fu pure quello che la trovò a Madera nelle 
montagne come abitatrice àeìVIsoplexis sceptrum Lindi. (Wollaston) (Allard). 

L. persimilis Woll. Allard, mon. p, 192. 

A Teneriffa fu trovata dal descrittore della specie suU* Echium simplex 
(Wollaston) (Allard). 

Var. Messerschmidtiae Woll. - A Teneriffa vive sulla Messerchmidia 
fruticosa Ker. (Wollaston) (Allard). 

Tu saltator Allard, mon. p. 193. - hrevipennis Woll. 

Trovato da Wollaston in gennaio, febbraio e marzo nelle medie elevazioni 
di Madera sopra una Scrofularia (Wollaston) (Allard). 

L. aeneus KutSCh. AUard, mon. p. 363. - (nec fusCOaeneUS Foud.) AUard, 
mon. p. 195, 

Trovasi in aprile nell' Echium vulgare Linn. {viperine) (Foudras). Europa 
centrale e meridionale ed al Nord dell'Africa (Allard). E tra le specie d'Italia 
(Bertolini). 

If fnscoaeneus Bedt, Aiiard, mon. 365. - metallescens Foud. - Corynthia 
Reiche. Allard, mon. p. 197. 
Vive in Francia sul Lithospermum arvensis Linn. e buW Echium vuU 
gare Linn. (Foudras) Francia, Grecia (Allard). Trovasi in Italia (Bertolini). 

L. medicaginis Ali. Allard, mon. p. 198. 

Presso Parigi trovasi su varie specie di Medicago e sulla Ballota ni- 
gra Linn. (Allard) (Kaltenbach). É anche specie italiana secondo Bertolini. 
Nei luoghi erbosi nelle Isole Venete (Bargagli). 

I*. pusiUllS Gylh AUard, mon. p. 201. 

Nelle Isole Venete in agosto stava sopra VAtripìex patula Linn. e sul- 
VA. hastata Linn. var. triangularis (Bargagli). Frajicia, Inghilterra, Ger- 
mania (Allard) Trentino, Lombardia, Piemonte (Bertolini). 



Digitized by VjOOQIC 



I 



— 71 — 

L. anchnsae PayTc. Allard, mon. p, 374. 

Comune in Europa su varie Borraginee come sr.l Symphytum offici' 
naie Linn., sul Cynoglossum officinale Lìnn., e svìVAnchusa italica Linn. 
Trentino e Piemonte (Bertolini, Eoudras, AUard, Lucas, Kaltenbach). Fu tro- 
vata sugli Echium e sulle Anchusa nel Monte Àmiata in giugno tra S. Fiora 
ed Arcidosso (Bargagli). 

LARVA. — Lucae, Soc. Ent. Fr. 1858» LXXX. 

Fu osservata da Lucas a Parigi nel Jardin des Plantes minatrice delle 
foglie di Symphytum officinale Linn. Lo stesso autore dice che questa specie 
dopo la pianta suddetta attaccò il Cynoglossum officinale Linn. e V Anchusa 
italica Linn. 

L. dorsalis Fdb. Allard, mon. pag. 207. 

In Baviera abbonda sul Senecio erucaefolius Linn. (Bach). In Francia 
fa trovata tra i frammenti vegetali e sotto le piet|;e da M. Arias (1); e da Hey 
sul Pistacia lentiscus Linn. a Hyères (Foudras). Inghilterra, Francia, 
Europa centrale ed Algeria (Allard) Lombardia, Veneto (Bertolini). 

L. Sencierl Ali, Allard, mon. p. 209. 

In Algeria a Mers-el-Kebir sui Carduus in agosto (Allard). 

L. Inridas 8cop, Allard, mon. p. 21?. 

È una delle specie comunissimo in Francia ed in quasi tutta Europa ; 
trovasi in tutto 1* anno nei pascoli e sui lati delle strade sopra varie piante 
della famiglia delle Borraginee (Foudras). 

Var. a, e var. b Foudras. — La prima si distingue per il suo colore 
fosco-ferrugineo e la seconda per la statura più piccola e il colore pallido; 
sono proprie del Symphiium tuberosum Linn. e del S. officinale Linn. (Foudras). 
Dintorni di Firenze (Bargagli). Trentino e Gorizia (Bertolini). 

LARVA. ^ Kaltenbach, Pflanzenfeinde, p. 789. 

Ruppertsberger scopri la larva che vive negli steli del Bhinanthus 
major Ehr. e si nutre della midolla e delle parti tenere inteme. Essa 
abita ordinariamente la parte media del caule, da 0°^,02 sopra il terreno 
fino alle prime diramazioni ; tuttavia si tiene talvolta in prossimità degli 
ìntemodi in riunioni di quattro o sei individui per ogni gambo. Le larve 



(1) È assai probabile che in tali condizioni compisse la sua ibernazione (Bargagrlij. 



Digitized by VjOOQIC 



— 12 — 

vanno a trasformarsi in terra donde esce V insetto perfetto dopo dieci o quindici 
giorni dì stato di ninfa ai primi di agosto (Enppertsberger) (Kaltenbach). 

L. plcioepa Steph. - picipes Foud. AUard, mon. p. 217. 

In Francia trovasi sul Senecio viscosus Linn. Vive anche in Inghilterra 
in Austria ed a Madera (Allard) (Kaltenbach). 

L. brevlpennit WoU. AUard, mon. p. 218. 

Nolle Isole Canarie a Lanzarate ha per pianta ospitante 1* Heliophytum 
erosmn De Cand. (WoUaston) (Allard). 

L. lycopi Foiid. - (prò parte) àbdominalis Allard. mon. p. 219. 

Il Lycopm europaeus Linn. e varie specie di Mentha sono prescelte da 
questa specie presso Vienna (Kaltenbach). È indigena anche dell'Inghilterra, 
della Franck e della Germania (Allard). 

L. albineus Foud, (1) AUard, mon. p. 220. 

In tutta la Francia si trova questa specie in luglio snlV Heliotropium 
europaeum Linn. (Foudras) (Allard). Fu osservata in quantità sulle foglie 
della medesima pianta in novembre a Stigliano in Val di Marse (Bargagli). 
Corsica (Bertolìnì). 

L. nasturtU Fab, - cirCUmSCriptuS Bach. Allard, mon. p. 222. 

Ili ottobre nei dintorni di Lione e nel Bugey. Foudras l'osservò sopra 
VEchmm vulgare Linn. Germania, Inghilterra, Francia (Allard). Trentino, 
Trieste (Bcrtolinl). , v 

L. laterali^ Ulig. - sisymbrii Allard mon. p. 227. 

In primavera vive nel sud della Francia su varie specie di Verbascum 
(AUard) (Kaltenbach). Trentino, Lombardia, Piemonte (Bertolini). 

L> slsymlirii Fab. - suturatus Aubè. Allard, mon. p. 229. 

Foudras la raccolse in autunno presso Lione sul Verbascum thapsus 
Linn. Vìve anche nella Spagna meridionale ed in Algeria (Foudras, Allard). 
Lombardia' (Bertolini). 



fi) L'esame ili questa specie che io potei trovare sulla stessa specie di veg-etale su 
cui U raccolse Foudras mi fa certo dell'errore incorso nel Catalogo di Gemmingrer e 
Il&rold riferentlola al genere Aphthona ed indicando come suo sinonimo la A. àbdomi- 
nalis Ali. Devo h\ Dott. Eppelsteim di Griinstadt l'accertamento del genere e della specie 
con Tosser saziano sull'errore del detto Catalogo. 



Digitized by VjOOQIC 



— 73 — 

L. patraells Allard. - lateralis Allard. (1) mon. p. 230. 

Vive nel Verbascum thapsus Linn. (bouillon blanc) presso Parigi 
(Allard). Trentino, Piemonte (Bertolini). 

L. Kleinilperda WoìL AUard, mon. p. 238. 

n descrittore fece la scoperta di questa specie nelF Isole Canarie <^al]a 
Kleinia neriifolia De Cand. (Wollaston) (Allard). 

L. Jacobeae Waterh, - tabidus 01. Allard, mon. p. 234. 

In quasi tutta l'Europa ed in Algeria è propia del Senecio jacobava Linn. 
(Allard) (Kaltenbach). 

L. ratilus Ulig. Allard, mon. p. 236 

Nei dintorni di Lione si trova tutto Tanno sulla Scrophularia aquatica 
Linn. (Foudras). Francia e Spagna (Allard). Italia (Bertolini). 

L. pellacidos Foud. - testaceus Ali. AUard, mon. p. 235. 

Presso Parigi è stata presa sulla Mentha rotundifoUa Linn. e siù Tri- 
foUum di varie specie. Francia, Italia, Inghilterra, Spagna, Grecia^ Algeria, 
(Allard). Sverna sotto le scorze degli alberi e trovasi frequentemente sotto 
le scorze dei Platanus orientalis alle Cascine presso Firenze in inverno 
(Bargagli). In tutta Italia (Bertolini). 

L. cnrtus Allard. - pratensìs Allard. mon- p. 242. 

In Francia, in Austria ed in Algeria ò comune. Presso Parigi fu osser- 
vata sviìVEcMum vulgare Linn. Francia, Austria, Algeria (Allard). 

L. abdominalis Duft, - abdominalis Allard mon. p. 243. 

Vive in Francia sulla Nepeèa glecoma Benth (Lierre terrestre). (AUard)i 

L. ater Fab. - parvula Payk. - pumilà Ulìg. Allard, mon. p. 245. 

Comune in tutta V Europa. Allard la prese comunemente sul Carpinm 
hetulus Linn. Danneggia il Lino in Irlanda al dire di Janson (Traiis. Eni 
Soc. 1869, XV). Trentino, Lombardia, Piemonte (Bertolini). (continua) 



(1) Nel Catalogro di Qemminger e Harold è indicata la pag. HO invece d&lla psg. 
230 a lato del sinonimo. 



^ 



Digitized by 



Google 



o|i 



— 74 — 



RASSEGNA ENTOMOLOGICA 



Anaali tM Museo Civico di Storia naturale di Genova, pubblicati per cura di 
G, Doria e R. Gestro. Voi. IX (1876-77), voi. X (1877), voi. XI (1877-78). 
Genova, Tipografìa del R. Istituto Sordo-Muti. 

La Soi^ìetà ha ricevuto recentemente questi tre grossi volumi, i quali ag- 
giungono nuovo splendore alla serie che incominciata neirannd 1870 crebbe 
gradata mente d'importanza pel numero di lavori che contiene, dovuti tutti a 
naturalisti distinti, ed illustranti per la massima parte collezioni fatte da viag- 
giatori italiani in paesi sconosciuti o poco noti. Nelle passate Rassegne e Bi- 
bliogra/ìc entomologiche trovansi indicati alcuni dei lavori contenuti in due 
dei volumi dei quali parliamo; daremo qui alcune indicazioni relative ad altri; 
s'intende sempre di Entomologia, lasciando che altre Riviste parlino dei lavori 
di Ornitologia, Malacologìa ec, dovuti al Salvadori, Pavesi, Peters, Doria, 
laselj Taparone-Canefri, Beccari, Monterosato e L. M. D'Albertis. 

Gestro R. - Enumerazione dei Longicorni della tribù dei Tmesisternini, rac- 
colti nella regione Austro-Malese dai sigg. 0. Beccari, L. M. D'Albertis 
fi A. A. Bruyn (voi. IX). 

Le specie enumerate da Pascoe (Longicornia Malayana ec. ec, in Trans. 
Ent. Sov. 3. ser. Ili, 1864-69) sono 87; aggiungendone 14 descritte posterior- 
manta da altri autori e 20 nuove, il dott. Gestro porta a 121 il numero totale 
degli Tmesisternini, i quali vengono da lui distribuiti nei seguenti generi: 

Arsysia 11. Atelai s 6. 

Bestima 5. Pascoea 2. 

Orinoeme 7. Tmesistemus 60. 

Hhadia 1. Sphingnotus 5. 

Trachelophora 7. Polyxo 8. 

Anapausa 1. Arrhenotus 3. 

Mulciber 3. Mneside 1. 

Amblymora 2. Elais 2. 

II lavoro termina con un quadro dimostrante la distribuzione degli Tme- 
sisternini del r Arci pelago Malese e della Papuasia. 



Digitized by VjOOQIC 



— 75 — 

Gbstro R. - Descrizione di una nuova specie di Lucanide del genere Cyclom^ 

matusy raccolto nella Nuova Guinea dal sig. L. M. D' Albertis (voi. IX). 

Con questa nuova specie chiamata C. Margaritae, il numero delle specie 

del genere da 10 (Maggiore Parry, Catalogus Coleop. Lucanoidum etc. Edit. III. 

London 1875) vien portato ad 11. La nuova specie è stata trovata presso la 

Fly River in dicembre 1875, ed è descritta con la seguente ft*a8e. 

C. Kaupii afftnisy a quo differt praecipue : mandibulis dente longo spi- 
niformi omnino destitutis, et capitis lateribus pone oculos fovea magna ovali^ 
profunda, ornatis. Long. corp. 28, mand. 12 millim. 

Gestro R. - Àliquot Bupreetldarum novarum diagnoses (voi. IX).. 

Riservandosi di pubblicarle poi con maggior estensione, V autore dà intanto 
la diagnosi di ben 28 nuove specie di Buprestidi raccolte a Bomeo, nella Pa- 
puasia e nella Nuova Guinea da Doria, Beccari e L. M. D' Albertis. 

Thorell T. - Descrizione di alcune specie di Opilìoni dell' Arcipelago Malese 
appartenenti al Museo civico di Genova (voi. IX). 

Dopo aver rilevato quanto sia scarso il numero degli Opilioni conosciuti 
come viventi nel suo dell'Asia ed in Australia, il Thorell ne descrive otto 
nuove specie appartenenti alle raccolte di Genova. Alcune di esse costituiscono 
generi nuovi. 

Ecco il quadro delle specie conosciute nel sud dell'Asia ed in Australia; 

Ordo ORMJLiOIVES, Sund. 1833. 

Sectio PALPATORES, Thor. 1876. 

Fam. PhAlABgUldAe^ (Me ade) 1855. 

Gen. Stleus, n. (1). 

1. S. niger (C. L. Koch) 1839. — india (Bombay). 

Gen. Zaleptus, n. 

2. Z, trichopus, n. — Bomeo. 

Gen. Gagrella (StoL) 1869. 

3. G, Amboinensis (DoL.) 1857. -- Amboina. 

4. » Albertisiiy n. — Nuova Guinea. 

5. » Doleschalliiy n. — Nuova Guinea. 



(1) Oen. Aoanthonótus C. L. Koch. Il Thorell sostituisce Syleut (mitol.) perche il 
nome del Koch è stato già adoperato prima dall' Owen per una specie di crostacei. 



•f ' 



6. » atrata, Stol. 1869. — Dintorni di Calcutta. >^ 



Digitized by 



Google 



— 76 — 

7. G. signata, Stol. 1869. — Sibsaugur in Asaam. 

8. > viridis (DoL.) 1858. — Giava. 

9. > monacantha (Herbst) 1798. — India Orientale. 

10. » testacea (Dol.) 1858. — Giava. 

11. » variegata (DpL.) 1858. — Giava. 

Gen. Hexomma, n. 

12. ff, vulcanicum (Dol.) 1858. — Giava. 

Sectio LANIATORES, Thor. 1876. 

Fam. G«B7leptold«e. C. L. Koch. 1839. 

Gen. Phalangodus, Gerv. 1842. 

13. Ph, anacosmetus, Gerv. 1842. — Nuova Olanda. . 

14. » (?) quadrioculatus, L. Koch. 1865. — Upolu. 

Gen. Mermerus, n. 

15. M. Beccarti n. — Giava. 

Gen. Epedanus, n. 

16. E. pictus<^ n. — Borneo. 

17. » Javanus^ n. — Giava, 

18. » lutescens, n. — Borneo. 

Fam. Cosmetolilae, C. L. Koch. 1839. 
Subfam. OxcopooiifAii) n. 

Gen. Oncopus, n. 

19. 0, Doriae^ n. — Borneo. 

Come si rileva dal quadro, sono nuovi i seguenti generi: 

Zfxleptus (sa, valde; XfTrròs, gracilis). 

Mermerus (nom. prop. mit). 

Epedanus (>]7r£SauÒ5, inflrmus, imbecillus). 

Oncopus (oyjcos tumidus; ttoOs, pes). 

Quest' ultimo è fatto dal Thorell tipo della nuova sotto famiglia Oncoppdinae. 

Thorell T. - Descrizione di due ragni esotici (voi. IX). 

Uno di questi ragni è un epeirideo della Caffreria, che vien fatto tipo del 
&UOYO genere Baturina e prende il nome di Daturina hystrix; T altro è un 
tomlsoide trovato da A. A. Bruìjn nell'isola Jobi (Nuova Guinea) che è tipo 
del nuovo genere Cladonotus (y^àSog, ramus; vóStos, dorsum) col nome di 
Cladonotus Jobiensis, 



Digitized by VjOOQIC 



— 77 — 

ScHARp D. - Descriptions of some new forms of aberrant Melolonthini from 
Australia, forming a distinct subtribe (Systellopides) (voi. IX). 
L* autore descrive parecchie nuove specie, che considera come formanti una 
distinta sottotribù, da porsi al principio dei Melolonthini vicino ai Glaphiridi. 

SCHARP D. — Description of a new species, indicating a new genus, of Co- 
leoptera. (voi. IX). 

È una forma particolare di Dynastini che Scharp fa tipo del n. gen. jEa- 
tamus col nome di H. tarsalis. È di Hatam (N. Guinea), e venne colà raccolto 
nel 1872^ dal sig. L. M. D'Albertis. 

Chapuis F. - Cyrtocéphalides inédits du Musée Civique de Génes (voi. IX). 

Sono parecchie specie nuove delle collezioni di Genova e provenienti dal- 
l'Australia, Al;)issinia, Zanzibar, paese dei Bogos etc. che il dott. Chapuis de- 
scrive. Tutte appartengono a generi già noti. 

Emery G. - Catalogo delle formiche esistenti nelle collezioni del Museo civico 

di Genova. — Parte 1«. Formiche provenienti dal viaggio dei sigg. Antinori, 

Beccar! ed Issel nel Mar Rosso e nel paese dei Bogos (voi. IX). 

La fauna mirmecologica deirAfrica tropicale ci era, dice TA., quasi ignota 

e la collezione della quale si tratta è la più importante che sia stata finora 

riportata dall'interno del continente africano. 

Le forme descritte nel lavoro del quale parliamo, sono per un terzo nuove, 
le altre sono per la maggior parte note come proprie all'Africa ; tre specie 
appartengono alla fauna mediterranea. 

Dk-Harold e. - Enumération des Lamellicornes Coprophages rapportés de 

TArchipel Malais, de la Nouvelle Guinee et de l'Australie boreale par 

m. na. J. Doria, 0. Beccari et L. M. D'Albertis (voi. X). 

È un elenco di 89 specie. Al nome di ognuna di esse corrispondono delle 

note ed osservazioni ; parecchie poi sono nuove per la scienza. Sono creati i 

nuovi generi Paraphytus, Odochilus, Perignomptus. 

Fauvel A. - Les Staphylinides de TAustralie et de la Polynésie (voi. X). 

È un lavoro importante, dove è considerabilissimo il numero delle specie 
nuove. L'autore pur dichiarando che le conoscenze sugli Staphilinidi Austra- 
liani e Polinesiani sono ancora molto imperfette, deduce dal suo lavoro alcuni 
corollari intorno alla distribuzione geografica, i più importanti dei quali 
noi riportiamo con le parole stesse del sig. Fauvel. 

< Le grand traìt qui nous frappe au premier abord, c'est le nombre con- 
sidérable des genres (50) par rapport à celui des espèces (207) et sourtout ce 
fait que trois seulement de ces genres sont propres à la faune qui nous oc- 
cupe, l'un au continent australien (Sartallus)^ les deux autres à la Nouvelle 



Digitized by VjOOQIC 



r 



— 78 — 

Caledonie {Noumea, Biplostictus) ', toufes les autres terres, pas méme la 
NouTelle Zelande, ne possedent aucun genre en propre, et la Noavelle HoUande 
n en a qu*an sur 43 I Ce point est trop en contradiction ayec le caractère de 
ipacìalité qui domine en Australie dans un grand nombre de familles animales 
et Tégétales pour ne pas mériter d*étre mis en lumière. » 

« Un autre caractère que nous retrouverons en parlant de la Nouvelle 
Guinee, consiste dans la diyersité et le nombre des types sur le continent 
auat L'alien, par rapport à leur pauyreté dans les archipels polynesiens, méme 
Im plus grands et le plus anciens d^origine, comme la Nouvelle Zelande et la 
NoUTelle Calédonie ». 

Quanto alla proporzione con la quale sono rappresentate le diverse tribù, 
notiamo che solo i Micropepli dae^ i Phloeocharini^ ed i Protinini non sono 
n^ppresentati; dominano gli Staphylinini ed i Paederini che comprendono da 
£oU più della metà delle specie. I Piestini sono, cosa notevole, in piccolis- 
simo numero. 

Thorell T. - Studi sui ragni malesi e papuani. 1<» I ragni di Selebes raccolti 
nel 1874 da 0. Beccari (voi. X). 

Questo lavoro riguarda i ragni di Selebes raccolti nel 1874 da Beccari. 

Sopra 107 specie 6 sole erano note, e si vede da queste cifre di quale importanza 

aieno le raccolte del Beccari e le descrizioni ora pubblicate dal prof. Thorell. 

Gli Araneidi ora conosciuti come selebensi vanno nelle diverse famiglie 

diitribuiti nel modo seguente: 

Orbitelariae 45. Retitelariae 9. 

Tubitelariae 4. Territelariae 1. 

Laterigradae 16. Citigradae 5. 

Saltigradae 31. {Totale IH). 

Come con eccellenti ragioni giudica V autore, ogni conclusione di zoologia 
geografica sarebbe affatto prematura. Certamente la differenza grande che esiste 
tra il numero delle specie di alcune famiglie e quello delle altre, dipende da 
un fatto generale, da quello cioè della reale preponderanza numerica; ma di- 
pende ancora dalla maggior facilità con la quale le specie delle famiglie più 
largamente rappresentate nella raccolta del Beccari, cadono sott* occhio del 
ni^turalista. 

Il Thorell crea in questo lavoro alcuni nuovi generi e nota che nessuno 
dt essi presenta differenze altamente rimarchevoli dai generi già noti. 

Nel complesso, dice V autore, la raccolta di Beccari sembra avere tipo più 
asiatico che australiano e la maggior parte dei generi nuovi proposti dal 
dott. L. Koch (1) sono finora senza rappresentanti in Selebes. 



[l] Die ArachDiden Australiens. 



Digitized by VjOOQIC 



I 



— 79 — 

Gestro R. - Descrizioni di alcuni Coleotteri e diagnosi di quattro specie nuove 

esistenti nel Museo civico di Genova. (Voi. X.) 

Stabilita r identità éeW Oryctoderus Gestroi Fair, e dell' 0. Albertisii Gestro, 

e la priorità di quest'ultimo nome per un coleottero raccolto a Goram dal signor 

L. M. D'Albertis, l'autore descrive nuovamente (1) il detto Oryctodems ed 

altre specie, quattro delle quali sono affatto nuove. 

DuBBONY A. - Catalogo degli Ortotteri raccolti dal < Violante » (Voi. XI.) 

L'undecimo volume degli Annali del Museo civico di Genova ò interameuie 
dedicato alla crociera fatta dal € Violante » pel Mediterraneo, neirArcìpelago 
e nel Bosforo, dal 7 luglio 1876 al 7 ottobre dello stesso anno, percorrendo in 50 
giorni 3500 miglia e toccando 36 località diverse. • 

La narrazione, semplice ed erudita, è dovuta ad un uomo di mare, quali na 
desideriamo molti airitalia nostra, il capitano Enrico D'Albertis, fratello del 
viaggiatore Luigi Maria, proprietario e comandante del rapido cutter sul quale ^ 

erano imbarcati il dott. Gestro vice direttore del Museo di Genova, ed il si- 
gnor Alberto Giusti. Dopo la narrazione, illustrata con belle figure in legno dal i 
sig. Fea, trovasi la parte zoologica dovuta al Dubrony, al Pavesi, al Pirotta ^ 
ed air Issel. Il Dubrony, dà il catalogo con note delle 28 specie di Ortotteri * 
raccolte, T Issel quello dei Molluschi, Pavesi quello degli Aracnidi e Pirotta 
quello dei Miriapodi ; dei lavori di questi due ultimi diremo qualche parola : 

Pavesi P. - Aracnidi raccolti dal € Violante » nel 1876, aggiunto un catalogo 
delle specie della Grecia. (Voi. XI.) 

Il Pavesi neirvm volume ci ha già dato i risultati aracnologici delle 
precedenti crociere del « Violante » raccontando nello stesso tempo le vicend© 
del grazioso veliero; ora ritorna con nuovo materiale sull'argomento e ci aom- 
ministra nel 1» capitolo un elenco critico delle specie raccolte le quali sono 47, 
ed alcun» nuove per la scienza o nuove per la fauna italiana. Nel capitolo li 
dà l'elenco degli ora noti 191 aracnidi greci, preceduto da alcune consiflera- 
zioni sulla distribuzione geografica. La faunula aracnologica della Grecia sem- 
bra meridionale, mediterranea ed orientale ; la Grecia ci presenta più che ogni 
altro paese, fecondo l'autore, riunite in piccolo spazio delle forme proprie ed 
esclusive e precisamente nella misura di circa 35 sopra ogni 100. 

Pirotta R. - Miriapodi raccolti dal « Violante » ec. (Voi. XI.) 

É un elenco con note delle poche specie di miriapodi raccolte, alcune dett^ 
quali però sono nuove, e tutte costituiscono un piccolo ma pur sempre impor- 
tante contributo alla poco nota fauna di alcune delle isole mediterranee. 



(1) Ne aveva data la diagnosi nelle Pet. Nouv. Eut. Voi. II. 8™*^ Année, N. 149, i> 41, 
1 Juiu 1876. 



Digitized by VjOOQIC 



— 80 — 

Plateau F. - LMnstinct dee insectes peut il étre mìa en défaut par des fleurs 
artificielles f - Àssociation ft-angaise pour rayancement des Sciences. 
Ck)ngrès de Clermont-Ferrand 1876. 

In una adunanza della Società Entomologica del Belgio il sig. R. Vallette 
rifema ayer osserrato una Macroglossa stellatarum ricercare i fiori dipinti 
sulla carta di Francia che ricuopriva le pareti di una stanza. Questo fatto 
renne accolto dagli adunati con molta incredulità; ma il Plateau che a priori 
non trovava ragione per escludere la possibilità di quel fenomeno, con animo 
non prevenuto iniziò nel mese d'aprile e prosegui fino alla metà del luglio, una 
serie di sperienze sopra insetti diurni e con fiori finti di grande perfezione, 
messi da soli, o mescolati a fiori veri in molti modi. Il resultato ultimo di 
queste esperienze ò racchiuso nelle seguenti conclusioni, che per altro Fautore 
non considera come definitive. 

I. Il colore più o meno vivace dei fiori non attira che pochi insetti, tra i 
lepidotteri diurni che hanno istinto debolmente sviluppato; 

II. Olì insetti scoprono tra i fiori naturali ed i fiori artificiali della stessa 
forma e dello stesso colore, delle differenze che sfuggono ad un osservatore non 
prevenuto; differenze grandi abbastanza non solamente da non permettere al- 
cun errore, ma ancora tali da determinare in certi casi della diffidenza. 

III. Se gli insetti si dirigono a distanza^ quasi senza esitazione, verso i 
fiori naturali che devono somministrar loro il nutrimento, sono probabilmente 
guidati oltfe la vista anche da un altro senso. 

HoEK P. - Over Pycnogoniden en hun plaats in het systeem. — Verslag van 
de Vergandering der Nederlandsche Dierkundige Vereeniging gehoudea, 
te Amsterdam, 25 november 1877. 

Il dott. Hoek di Leida non può ancora pronunciarsi sul posto dei Pieno- 
gonidi; egli aspetta da studi che potrà fare sul materiale raccolto dallo € Chal- 
lenger » nuovi elementi di giudizio. Studi precedentemente fatti dal dottor 
Hoek prima di conoscere quanto lo scrivente aveva dichiarato alla Società 
Entomologica Italiana (1) e pubblicato poi (2), ed altre ricerche eseguite dopo, 
lo conducono a affermare che veramente nei Picnogonidi non le femmine ma 
i maschi portano le uova. C. 



(1) Vedi Soc. Ent. ItaL Adunanza tenuta in Firenze il 25 aprile e 2 maggio 1875 
pag. 5. — Tipografia CenDiDiana, Firenze. 

(2) Bull. Soc. Ent. Ital. Anno VIIP 1876, pag. 294 e seg., e Pubblicazioni del Regio 
Istituto di Studi sup. prat. e di perf. di Firenze. — Firenze, Lemonnier 1877. 



Digitized by VjOOQIC 



— SI- 
LA HELICOPSYGHE AGGLUTINANS 

IN ITALIA 

LETTERA SECONDA AGLI ENTOMOLOGI ITALIANI 

DI 

CARLO DE SIEBOLD 



Sebbene alla mia prima lettera pubblicata in questo Bullettino^ 
(anno VIIL 1876, pag. 73), e concernente le Elicopsiche, non sia stata 
rivolta attenzione di sorta da parte degli Entomologi Italiani, mi 
sono tuttavia pervenute d'Italia, da tutt'altra parte, delle comuni- 
cazioni su quegli insetti, le quali sono state per me di somma im- 
portanza, e che voglio qui portare a cognizione dei lettori di questo 
Ballettino, acciò forse qualche amico della storia naturale degli 
insetti in Italia, prenda la seria risoluzione di indagare più esatta- 
mente non tanto le fasi di evoluzione e le metamorfosi di questa 
rimarcabilissima Friganide, quanto la definizione dell'ultimo stadio 
di vita della medesima. 

Non è egli da deplorare in sommo grado, che l'autore dell'eccel- 
lente Monografia delle Friganidi, Roberto Mac Lachlan in Londra, 
abbia dovuto contentarsi di un unico e per di più assai danneggiato 
esemplare maschio d'un Elicopsiche, onde fondare con questa di- 
fettosa imago la specie (1): Helicopsyche sperata? 

Le attre specie di questo genere, V Helicopsyche Shuttleworthi 
(Eremi), Helicopsyche agglutinans (Tassinari) ed Helicopsyche 
crispata (Benoit) non furono da Mac Lachlan enumerate nella sua 



(1) Vedi: Mac Lachlam A Monofifraphlc Revision and Synopsis of the Trichoptera 
of the European Fauna : London. Part. I-VI, 1874-77, pag. 269. 

Ann. X. 6 



Digitized by 



Googk 



— 82 — 

Monografìa come specie sicure (1), essendo di esse conosciuti finora 
soltanto gli astucci. 

Del resto Mac Lachlan nel suo elaborato lavoro sui Trichopteri 
si è limitato unicamente alla parte sistematica, e, come egli stesso 
confessa (2), ha lasciato inosservati tanto l'interna organizzazione 
quanto i precedenti stadi di vita di questi insetti: a questo ri- 
guardo egli non si è riferito che ai lavori di Dégeer, Réaumur 
e Plctet Qui non posso sopprimere Tosservazione, che al signor 
Mac Lachlan è da computarsi come cosa pregevolissima, che col 
titolo da lui dato a questa penosa sua opera non abbia promesso 
niente più di quello che ha date poi nel testo, cioè una revisione 
e sinossi dei Trichopteri europei (3). 

Quando del resto il signor Mac Lachlan nella sua eccellente- 
mente corredata « Synopsis of the Trichoptera » dice (4) : che il 
nome di Helicopsyche non è adatto, perchè esso si riferisce ad un 
passeggero stadio di evoluzione, e perciò desidererebbe dato a questo 
animale un altro nome, io son d'avviso che egli in questo abbia 
torto. Perchè non s'ha da dare ad un animale un nome, che si ri- 
ferisca a qualche proprietà, a qualche attività che si mostra du- 
rante ì vari suoi precedenti stadi di vita? Il nome di Helicopsyche 
io credo non sia peggiore di molti altri; è anzi migliore di centinaia 
d'altri nomi di animali, che non puossi pensare niente affatto 
a cangiare. Io rendo solamente attenti agl'innumerevoli nomi di 
generi presi da persone alle quali si vorrebbe addimostrare con 
ciò dell'attenzione. Quanti eccellenti ed assai espressivi nonai do- 
vrebbersi secondo Popinione di Mac Lachlan biasimare, p. e. Myr* 



[IJ loc. cit., pag. 267. 

jg) loc. cit., pagr. 10. 

(3) Quanto diversamente e quanto più promettenti suonano sovente i titoli di tali 
acTitti tli contenuto entomologico! Vog-lio citare qui solamente la nota opera: Eri- 
t?ftsoTi: Storia naturale deg-l'Insetti» continuata da Schocam^ Kraitz^ e Kiesenwetter [B^t- 
Un. 1&ÌSM868). Chi credesse di trovare dietro il titolo assai prò niettente di queste 
operfi qualche cosa sopra la storia naturale degl' insetti, rimarrebbe del tutto deluso, non , 
CBaenflo nei quattro volumi finora pubblicati da trovare altro che le più diffuse e grette 
descfiiioui delle forme esterne dei coleotteri e dei luoghi d'invenzione di essi: di una 
storia n:itarale dei Coleotteri in questi volumi non c'è nemmeno una sillaba. 

(4] loc. cit. pag. 267 . 



ì 



Digitized by VjOOQIC 



— 83 — 

meleon, Tortrix, Geometra, Vermileo e cento altri, che si riferi- 
scono tutti a stadi larvali f 

Tentando io ora una seconda volta d'invocare come già feci 
la prima (1), l'assistenza dei signori Entomologi d'Italia, per veder 
riempita la grande lacuna esistente nelle nostre cognizioni sulle 
Friganidi, cui dovette lasciar vuota anche il sìg. Mac Lachlan 
nell'eccellente sua Monografia già citata, questa volta mi veggo 
indotto in modo particolarissimo a questo passo da una circostanza 
favorevole, essendomisi da parte del tutto inaspettata, offerta l'oc- 
casione di poter dirigere quei Signori Entomologi che volessero 
rivolgere la loro attenzione alla questione dell'Elicopsiche, ad un 
luogo precisissimo di dimora di larve d'Elicopsiche in Italia. Come 
io sia venuto in cognizione d'un tal luogo di dimora di queste larve, 
giova subito comunicare. 

Già ad epoche assai diverse furono trovati, non da Entomo- 
logi ma sempre da Conchigliologi, i piccoli astucci eliciformi di 
Elicopsiche, che osservati più davvicino furono messi da banda 
quali oggetti estranei; solo per accidente vennero tali astucci 
nelle mani di Entomologi. Fra i molti e vari Entomologi pur 
troppo quasi soli i Signori Lepidotterologi raccolgono le larve e 
le ninfe delle farfalle, il che però non puossi calcolare loro a gran 
merito, poiché essi non raccolgono già gli stadi larvali dei lepi- 
dotteri per impulso scientifico, ma unicamente per poter più tardi 
ottenere dall'allevamento dei bruchi degli esemplari possibilmente 
splendidi e ben conservati di tali insetti esposti cosi di leggieri a 
qualche lesione. 

Anche l'anno scorso ebbe di bel nuovo un Conchigliologo d'Italia 
la sorte di raccogliere un gran numero di astucci eliciformi, che 
gli apparvero ignoti, e che dal medesimo furono spediti a Ratisbona 
al distinto conoscitore di conchiglie sig. Clessin per un più minuto 
esame. Il sig. Clessin riconobbe bentosto che questi astucci ri- 
volti a spira non appartenevano ad un mollusco, ma che erano fab- 
*bricati da quella larva d' insetti, la quale appartiene alla famiglia 



(1) Vedi questo Bulléttino : Anno Vili, 1876, pagr. 73. 



Digitized by VjOOQIC 



— 84 — 

«ielle Friganìdi, che é nota già da lungo come larva sotto il nome 
di Helicopsyche. 

Il sig. Clessin ebbe la bontà di mandarmi quegli astucci, ch'io 
tosto riconobbi per quelli già da lungo tempo conosciuti della Heli- 
copsyche aggliUinans. 

Naturalmente questo ritrovato m'interessò straordinariamente, 
dì modo che dopo d'aver pregato il sig. Clessin dell' indirizzo dello 
scopritore di queste larve d'Elicopsiche, non tardai a rivolgermi a 
quell'attento osservatore delia natura, per farmi dal medesimo par- 
tecipare i dettagli più precisi sul soggiorno e sui fenomeni di vita 
delle larve di questa Friganide. Il sig. Gio, Batta Adami, capitano 
delia 13* Comp. alpina ad Edolo (prov. di Brescia) fu il da me tanto 
invidiato fortunatissimo scopritore di una nuova abitazione dell'jEfe- 
iicopspche agglutinans. 

Come é ben naturale io non tardai a rivolgermi il 5 Maggio 
1877 epistolarmente al sig. Adami, pregandolo di fornirmi notizie 
più precise intorno al ritrovamento delle Elicopsyche, ed aggiun- 
(^endo al tempo stesso il desiderio, che volesse fare la prova di 
mandarmi qui una porzione di queste larve vive, e già il 18 maggio 
ricevetti dalla gentile prontezza del sig. Adami, unitamente ad una 
lettera diffusa in data 15 maggio da Edolo, la spedizione d'una sca- 
tola di latta, nella quale fra muschio umido e particelle di piante, 
trovavasi un gran numero di larve d'Elicopsyche, fra le quali con 
mio sommo piacere molte erano realmente vive, e delle quali, dopo 
d'averle collocate in un recipiente aperto con diverse piante aqua- 
tiche inumidite con acqua, parecchie serpeggiarono allegramente 
intorno col loro astuccio. Non è qui fuor di luogo il riportare te- 
stualmente alcunché della lettera del sig. Adami; ecco come egli 
si esprime: 

*> Sono ben lieto, che il caso mi abbia procurato l'onore d'una sua 
lettera, ed io m'affretto a soddisfare il di Lei desiderio come meuliq 
posso. Assieme alla presente le invio un bossolo di latta con entro ' 
25 (conslalate viventi) larve di Helicopsyche, ed altro s^va chiuse, un, 
boccettino con entro alcuni animali nell'cilcool, sia delle Fri.2;anidi come 
ctltri viventi assieme ad esse, ed un tubo con entro alcune Heli co- 
psyche^ che si sono per mezzo d'una lucente membrana chiuse nel 



Digitized by VjOOQIC 



— 85 — 

loro astuccio, a guisa di un opercolo saldato ai lembi delPapertura. 
Vi SODO dentro ìnGne alcune foglie morte di castagno, un pezzo di 
legno di salice, un poco di terra e di pietruzze del luogo ove le rac- 
colsi, un'alga, del muschio^ una foglia di una specie di rannuncolo, di 
uoa menta, ed altre erbe cbe vivono attorno alla sorgente in cui rac- 
colsi le Helicopsyche. » 

a La sorgente ove si trovano è poco sopra il villaggio di Edolo, 
ad un* altezza di circa 820 metri sul mare^ sul fianco sinistro d*uh 
piccolo vallone pel quale scorre uno stretto e povero torrente. Il ver- 
sante ove si trova è ripidissimo^ e la sorgente si trova in un piccolo 
seno di esso, la sua superficie non è più grande di un mezzo metro 
quadrato, essendo formata da due permanenti filtrazioni del suolo. Solo 
nei tempi di lunghe pioggie^ come ora, la sorgente forma un esilissimo 
rigagnolo, del resto V acqua si perde nel terreno e nella ghiaja del 
Ietto del rigagnolo, largo appena due decimetri e lungo 10 metri. 
Le acque filtrando hanno esportato la terra, ed il suo letto è for- 
mato da minuti frammenti della roccia sottostante, che formano un 
piccolo ammasso di ghiaja. Nel letto del torrente e della sorgente 
si trovano foglie di castagno, essendo il vallone sparso di molti di 
questi alberi, pezzi di salice caduti da quelli che stanno attorno alla 
sorgente, e delle erbe marcite, che vivono attorno ai lembi della sor- 
gente e del rigagnolo. — La roccia sottostante è una specie di schisto 
argilloso e quarzoso, affatto simile litologicamente al cosidetto Gasan- 
naschiefer di Theobald. » 

« Le Helicopsyche vivono assai numerose nella sorgente e nel primo 
tratto del rigagnoletto, ma solo nei primi due metri e non al di sotto; 
anzi ho ricercato, in un ingorgo che forma presso la sua foce ove 
trovansi le stesse erbe e molte foglie di castagno, se altre ve ne fossero 
e non ne trovai alcuna vivente, e solo due o tre astucci vuoti ivi con- 
dotti dalla corrente del rigagnolo, che attualmente è alquanto conside- 
revole per cagione delle lunghe pioggie. Ciò conferma la di Lei osserva- 
zione. Ho raccolte alcune Helicopsyche fuori dell'acqua in mezzo alle erbe 
dei lembi della sorgente, ma non più lontano di pochi decimetri. La 
noaggior parte vive aggruppata nelle foglie morte di castagno, e nelle 
erbe marcescenti, e sopratutto nei ciufiB del muschio reciso e marce- 
scente. Poche stanno sui sassi a fior d^acqua o sommerse. — Molte 
stanno pure sopra i pezzi di legno, e sopratutto sulle cortecce rugose 
di castagno che io soglio mettere nel rigagnolo e nella sorgente per 
cacciare la piccola Paludinella Schmidtii che ivi vive. Quelle Helico- 
psyche che hanno chiusa l'apertura, per disporsi pare alla loro meta- 
morfosi, si trovano generalmente fuori dell'acqua, e quasi sempre sui 



Digitized by VjOOQIC 



— 86 — 

piccoli sassi a superficie levigata o no, e spesso completamente asciutti. 
Troverà nel bossolo un piccolo sasso con sopra degli astucci saldati, 
che trovai tale e quale a circa mezzo metro dalla sorgente. Essendo 
da molti giorni piovosa la stagione, il suolo attorno è assai umido, e 
ciò potrà aver favorito queste migrazioni dalla sorgente; verificherò 
nella stagione asciutta se questo succeda ancora. Pare che questa sia 
la stagione nella quale le larve si chiudono negli astucci, avendone tro- 
vati di quelli nei quali Topercolo è appena cominciato: quello che os- 
servo si è che gli astucci opercolati hanno quasi tutti le stesse dimen- 
sioni; per cui si può concludere, che i piii piccoli non hanno ancora 
raggiunto il loro completo sviluppo. Nella sorgente e nel rigagnolo tro- 
vansi conviventi altre Friganidi, delle quali troverà nel bossolo qualche 
astuccio. x> 

« Prima di chiudere il bossolo ho fatto un'altra escursione alla sor- 
gente per prendere del muschio fresco, ed ho trovato una cosa assai 
importante e che mi era sfuggita in tutte le precedenti osservazioni. 
Al di sopra della sorgente trovasi un grosso ceppo di castagno, e la 
sorgente nasce "quasi al suo piede che è coperto da folta vegetazione 
di erbe palustri e da graminacee : avendo questa mattina guardato 
fra quelle erbe, osservai un sasso sporgente probabilmente dalla 
roccia e sotto le radici del tronco e che ha due facce, una verso Nord 
e l'altra verso Ovest, ambedue quasi liscie e della superficie di circa 
2 decimetri quadrati. La faccia Verso Nord trovasi gremita alla lettera 
dì astucci di Elìcopsiche, che hanno tutti l'apertura chiusa; ne staccai 
alcuni e qualcuno ne posi nel boccettino. Ora questo sasso è intera- 
mente fuori del raggio della sorgente, della quale è più alto circa 80 
centimetri; attualmente la sua superficie è inumidita per le continue 
pioggie che lasciano filtrare l'acqua, ma del resto deve asciugarsi com- 
pletamente durante il tempo secco. Ho esplorato attentamente i din- 
torni di questo sasso, e trovai altre Elicopsiche sopra una radice spor- 
gente ancor più in alto di quello, ed altre sopra piccoli sassi ivi esistenti. 
Pare quindi che allorché l'astuccio è completo, l'animale cerchi un 
luogo asciutto ed ombroso per compiere la sua metamorfosi. » 

« Questa specie di astucci mi era nota da molti anni, non potendo 
sfuggire a nessun malacologo, ma non sapeva nulla sul suo vero essere. 
La trovai in Sardegna nel 1870, e nel 1872 in Calabria convivente 
col Planorbis laevis e ne ho fatta menzione nel mio catalogo dei Mol- 
luschi di quella provincia. » 

« Qui nella valle delPOglio, posso citare con sicurezza due altre 
località, nelle quali vive, afiatto simili alla precedente: — una trovasi 
pure presso Edolo ma sul versante opposto della valle, a mezz'ora ài 



Digitized by VjOOQIC 



— 87 — 

distanza, Taltra a Borno (4000"), paese presso BrenOj ove pure convive 
coHa Paludinella Schmidtii e Lacheineri. » 

In seguito di questo invio si felicemente riuscito, di larve di 
Elicopsiche, io interessai il sig. Adami di far seguire una seconda 
spedizione, la quale capitò qui in giugno, precisamente collo stesso 
felice successo; ma nessuna delle larve qui giunte viventi volle 
©percolarsi, per prepararsi all' incrisalidazione,. poiché tutte a poco 
a poco perirono. Anche il sig. Adami^ il quale fece parimente in 
Edolo dei tentativi di allevamento, non fu più fortunato. Del resto 
io non posso vantare abbastanza, con quale perspicacia e con qual 
giusto tatto il sig. Adami si sia interessato di corrispondere ai 
miei desiderii relativi dXVHelicopsyche aggliUinans, Continuando 
le prove di allevamento delle dette larve, onde arrivare ad otte- 
nere l'insetto perfetto, m'accorsi tuttavia essere impossibile di al- 
levarle lungi dal loro naturale soggiorno. Io riponeva una fiducia 
particolare sul verde straterello di piante crittogame, di cui erano 
ricoperte le foglie di acero cadute e tuffate nell'acqua stagnante, 
ma le larve di Elicopsiche girovaganti rifiutarono di prendere come 
cibo anche queste materie vegetabili. Quest'intrapresa fallita mi 
abbatté, com'è naturale, assai. 

Richiedendo il mio corpo sofferente di gotta d'intraprendere 
il viaggio ad un bagno divenuto necessario da sei anni, mi vidi 
costretto ad interrompere i tentativi dell'allevamento dell'Elico- 
psiche incominciato con tante speranze di successo, onde fare la 
mia cura balneare a Wildbad nella Selva Nera. Io resi al sig. 
Adami le debite grazie pei tanti servigi e premure da lui cosi vo- 
lenterosamente a me dedicate, e già cominciava a formarsi in 
me il pensiero di recarmi nel venturo anno 1878 ad Edolo, onde 
ottenere sul luogo di ritrovo di quella specie di Elicopsiche ciò 
che non volle riuscirmi qui a Monaco. Tutto l'inverno nutrii 
questo progetto; ma quanto più io rifletteva com'io sofferente di 
gotta, sulle alture delle Alpi, lungi da ogni cura medica, di cui 
tanto abbisogna un paziente tormentato da acuti accessi di gotta, 
supererei un tal patimento, mi chiarii che io, nell'età di 74 anni 
non dovrei più mettere in tal guisa alla prova il corpo mio. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



— sa- 
per questo motivo mi sono risolto di abbandonare, per quanto 
ciò doloroso mi sia, il pensiero di continuare le prove di allevamento 
per poter tramandare alla scienza VHelicopsyche agglutinans come 
imago. Io ho avuto tanta forza di soffocare quest'ambizione, ed 
ora esorto invece i sigg. indagatori Italiani a subentrare in luogo 
mio, e a riempire quella lacuna già da tanto tempo lamentata nelle 
nostre cognizioni entomologiche. Il sig. Adami dimostrerà certa- 
mente la stessa premura nel rivolgere i suoi servigi ad altri En- 
tomologi in questi tentativi, come li ha prestati cosi volonterosa- 
mente a me. 

In nessun caso dovrebbesi trascurare la pratica procac- 
ciatasi dal sig. Adami mediante le indagini conchigliologiche 
fatte da lui in Italia, da quelli Entomologi che volessero pren- 
dersi a petto lo studio della storia naturale deirElicopsiche. Come 
risulta dalle corrispondenze epistolari a me dirette sulla presenza 
àeXV Helicopsyche agglutinans, oltre che in Edolo essa trovasi in 
altre regioni ; p. e. in Calabria, in Sardegna, (1) ec. 

Io pure vorrei rendere attenti i Sigg. Entomologi, che vo- 
lessero occuparsi àeWHelicopsyche agglutinans sugli ultimi acci- 
denti della vita di questa friganide, che sarebbero da prendersi 
in considerazione. 

Se, cioè, nei suaccennati luoghi di ritrovamento deWEelico- 
psyaìie agglutinans si trovassero nuovamente di tali posti descritti 
dal sig. Adami nella sua lettera, vale a dire tronchi d'alberi o 
rupi, coperti dappertutto di astucci di*Elicopsiche fìssi ed opercolati; 
io consiglierei di rinchiudere tali posti con un velo, e in pari tempo 
custodirli nel miglior modo possibile onde impadronirsi con si- 
curezza delle imagini, che per avventura sbucassero. 



{Ij Mi riferisco al « Catalogo dei MoHuscbi terrestri e fluviatili della provincia 
óì CaUnzaro in Calabria di G. B. Adami (ved. Atti della Soc. Veneto-Trentina di Se. 
Natn resid. In Padova, Voi. II, Fase. I.J dove egli parlando del Genere XIV, nr. 57, 
Pifìnfìtbif (jtaber Jeffr. flaeois Alder) dice: « Vive sotto i sassi semisommersi nelle acque 
Bt^g-nantl e pantanose vicino a rigagnoli e canali. Sulle stesse pietre trovansi molto 
frequ^ti ed abbondanti gli astucci o foderi di una larva cbe simili per forma ad una 
Yaliìdia ftjcinalis, credo sieno la medesima cosa cbe il Tassinari pubblicò col nome di 
raJi^afa agglutinans. Questi astucci sono formati di minutissime lamelle di talco e mica 
dei di^ciolti scbisti e graniti, e saldati assieme da una specie di membrana interna 
molto flottile. » 



Digitized by VjOOQIC 



— 89 — 

Sarà poi assolutamente necessaria una ripetuta ispezione 
dì queste colonie di Elicopsiche fisse e opercolate^ onde possibil- 
mente sorprenderne alcune o parecchie nell'atto dello sbucamento 
dallo astuccio allo stadio di pseudoninfe, poiché in tal guisa può 
riuscire all'osservatore di scorgere codesto stato del tutto passeg- 
gero di questa Friganide (1), la quale come tutte le altre Friganidi 
abbandona l'astuccio opercolato, dopo averlo aperto colle sue man- 
dibole, onde raggiungere strisciando un luogo adatto, ove poter 
deporre pacificamente la sua pelle di pseudoninfa, per poi svolgere 
i suoi mozziconi di ali ad ali perfette divenendo imago. 



(1) Il Big. Packard ha U inerito di aver rappresentato neirecceUente sua « Guide 
to the study of Insects » (Salem. 1870, pagr< 618-690, Fìg, 612, 618, 614) oltre la larva 
e rastoccio €ÌeìV Helicopsyche glabra (Hagen) del lago Wenham ( Wenkam lake) nel Mas- 
sachusetts anche la pseudoninfa di una Elicopsiche di Nicaragua. 

Le notizie piti diffuse però sul meraviglioso essere delle pseudoninfe delle Fri- 
ganidi le dobbiamo a De-Geer (Mémoires pour servir à THistoire des Insectee, Tom. II, 
Part I, pag. 518-525). Quel distinto indagatore, il quale ha arricchito la nostra scienza 
relativa alla storia naturale degV insetti di tante dottrine, ha descritto le singolarità 
che si scorgono nella pseudoninfa semovente delle Friganidi. 

Avendo gli Entomologi posteriori trascurato totalmente le importanti osservazioni 
fatte da Dt-Gter^ mi prendo qui la libertà di rivolgere brevemente Tattenzione all' im- 
portanza loro notevolissima. Anzitutto Le-Geer fa risaltare nelle pa^udoninfe delle 
Friganidi le mandibole (ved. Planche XII, flg. 15, e), le quali dalla pseudoninfa ven- 
gono impiegate, allorché è giunto il tempo del suo sbucamento, ad aprire l'astuccio 
chiuso dàlia larva. Ad uscire dairastuccio aperto viene poi impiegato il primo paio 
di piedi mobili (ved. PI. XII, fig. 17, a. a. ), nel che la pseudoninfa cerca di raggiun- 
gere un luogo asciutto. Che se la pseudoninfa dopo aver abbandonato l'astuccio lar- 
vale, arriva immediatamente nell'acqua, allora essa impiega il secondo paio di piedi 
mobili come remi, per arrivare alla superfìcie dell'acqua stessa. Per questi movimenti 
natatorii sono organizzati assai bene questi due piedi mediani, offrendo 1 loro 
cinque tarsi una superficie remiforme adattata, mediante un orlo unilaterale di lunghi 
peli setolosi stretti gli uni agli altri (ved. />e Geer loc. cit. PI. XII, fig. 18, a. b.). 
Su questi stromenti remiformi ha richiamato piti tardi V attenzione dei naturalisti 
anche Pictet (Recherches pour servir à l'histoire et à l'anatomie des Phryganides. 
Genève 1834, pag. 127, PI. IV, flg. 28). 

Quando le pseudoninfe hanno raggiunto un luogo asciutto si spogliano, come fu 
già sopra mentovato dell'Elicopsiche, della loro pelle di pseudoninfa e si trasformano 
in imago. Durante questa mobilita dei quattro piedi anteriori, il terzo paio rimane 
continuamente in rigida immobilità. Contemporaneamente questi due piedi posteriori 
giacciono applicati strettamente al tronco, i loro tarsi si toccano nella linea mediana 
della superficie addominale e sporgono stretti insieme dall'estremità dell'addome, 
mettendosi in moto allora soltanto che è rimossa la pelle di pseudoninfa. 

È singolare, che Lamarck (Histoire naturelle des animaux sans vertèbres. Tom. Ili 
1816, pag. 288, o. II édlt. Tome li, 1840, pag. 729) riferendosi alle Friganidi descrive 
esattamente la forma esterna della Mumia pseudonympha^ e del suo contegno dice: 
« elle est inactive et ne prend plus de nourriture »; di quest'asserto non è vera che 
la seconda metà, ma la prima è falsa, poiché le pseudoninfe da principio riposanti, 
verso la fine dei loro stadio di pseudoninfa si muovono in maniera assai varia conie 
sopra fu detto. 



Digitized by VjOOQIC 



— 90 — 

Nella lettera succitata del sig. Adami trovasi parecchie 
volte fatta menzione di astucci opercolati deWHelicopsyche agglu- 
tinans. Fra gli astucci a me spediti se ne trovarono parecchi la 
cui apertura era parimente chiusa con una specie di opercolo. Qui 
devo notare che questa chiusura dell'apertura rotonda dell'astuccio 
viene effettuata dalla larva deWHelicopsyche agglutinans non per 
Tia di corpi estranei, come è il caso di molte altre Friganidi, ma 
che l'opercolo viene eseguito esclusivamente colla materia filamen- 
tosa della larva e precisamente in forma d'una membrana solida, 
nella quale mediante il microscopio si possono distinguere i fili, 
in anelli concentrici, agglutinati strettamente insieme. Da un 
esame più accurato di quest'opercolo si può riconoscere, che la 
larva comincia il suo lavoro all' ingiro dell'orlo della bocca 
iJeirastuccio, nei che il filo viene tratto fuori dalla papilla flla- 
toria probabilmente senza interruzione, come nelle larve delle 
farfalle, nella quale operazione il filo a poco a poco dalla forma 
circolare va passando sempre più alla forma ellittica, di modo che 
mano mano rimane nel centro dell'opercolo una stretta fessura 
traversale, 1 cui due orli diritti si toccano immediatamente. Al- 
lora ha luogo dietro di questo opercolo la trasformazione della 
larva in pseudoninfa, la quale è armata di due semplici ed acu- 
tissimo mandibole ricurve. Queste due mandibole, che in riposo 
s'incrociano, al termine della vita pseudoninfale saranno certa- 
mente capaci di penetrare nella detta fessura, di dilatarla, e po- 
scia di lacerare intieramente l'opercolo. È superfluo l'aggiungere 
che dopo questi processi la pseudoninfa si trasforma in imago 
ossia in insetto perfetto. 

A conclusione di questa lettera vorrei esprimere ancora il 
desiderio, che mediante questi cenni mi riuscisse di eccitare gli 
Entomologi d' Italia a compiere mediante l' occasione che la 
madre Natura ha offerto ad essi nel magnifico loro paese, la 
storia dello svolgimento dell'Elicopsiche rimasta finora sempre 
occulta. 

Monaco, 14 aprile 1878. 



Digitized by VjOOQIC 



— 91 - 

REPERTORIO 

DEGLI 

INSETTI PARASSITI E DELLE LORO VITTIME 

CON NOTE ED OSSERVAZIONI 
del Prof. CAMILLO RONDANI 



SUPPLEMENTO 
Alla Seconda. Parte 

VITTIME 



{Contin. — V. voi. X, pagf. 9 e seg".) 

Ord. SCARABEARII - COLEOPTERA. 

G. Agelastica. Chvr. — Fam. Chrysomelidae. 

sp. — alni Fab. 

Comune sugli Alni, di cui rode le foglie, allo 
stato di larva e completa. Suoi nemici sono : 
ilMesochorus toracicus Grv., Vespiti 

e la Masicera proxima Egg. Musciti 



G. Amalus Schnr. — V. Ceuthorhynchus Schnr. 



G. Anaspis Gffr. — Fam. Mordellidae. 

sp. — maculata Latr. 

Trovasi nei sarmenti delle viti, entro i quali 
vive allo stato di larva, ed è uccisa dal Till us 
unifasciatus Fbr. Scarabeiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 92 — 

G. Anobium Fàb. — V. Rep. p. 2. (•) 

sp. — hirtum IH. — VUlosum Brìi. 

Vive la sua larva in alcuni legni che rode, ed 

ha per nemico il Pteromalus gonathus Wlh, Vespitì 

sp. — morto Villa. = ? fulvicome Strm. 

Rode allo stato di larva i tralci delle viti inter- 
namente, ed è perseguitato dal Tillus uni fa- 
sci atus Fàb. Scarabeiti 

sp. — pertinax Fab. 

Rode la sua Is^rva i legni e le mobiglie, ed è 
ucciso dal Cryptus clavatus Pnz. e dal 
Theocolax cornigera TTu?. = formici- 
formis Ww. Vespiti 



G. Anthaxia Esch, — Fam. Buprestidae. V. Rep. p. 4. 

sp. — morio Fab. 

Come le sp. congeneri rode allo stato di larva 
il tronco e rami di alcune piante legnose: suo 
nemico è il Bracon denigrator Nees. (Gen. 
Analycolus Frst.) Vespiti 



G. Anthonomus Gfrm. — V. Rep. p. 4. 

sp. — sorbi Grni. = mespyli Gour. 

La sua larva come le specie congeneri è corti- 
civora, specialmente di piante fruttifere: sono 
conosciuti come suoi uccisori i qui citati: Bracon 
intercessor Nees., Opìxxs pigmeator iVl^e^., 
Sigalphus pallipes Nees. Vespiti 



G. Apion Hrbst. — V. Rep. p. 5. 

sp. — aeneum Fab- 

Larva vivente di varie piante erbacee special- 
mente leguminose: sono suoi nemici il Ptero- 



(*} BuUettiDo della Società Entomol. Italiana. Anno 1873, fase. III. 



Digitized by VjOOQIC 



— 93 — 

malus larvarum Nees. ed il Sigalphus 
pallipes Nees. Vespiti 

sp. — gerdstae Krb. 

Altro suo uccisore è il Tetrasticus spar- 
tii Fr^^. Vespiti 

sp. — Icevigatum Krb. 

Sulle foglie e giovani germogli dei Peri, Sorbi 
e simili piante, allo stato completo e di larva: 
questa ha per nemici la Belyta rufo^petio- 
lataiVee5.,il Platygaster chrysippus WKft., 
ed il Pteromalus viridulus Wtk. Vespiti 

sp. — loti Krb. 

Sulle leguminose specialmente erbacee; e la sua 

larva è uccisa dal Pteromalus tennis Wlk. Vespiti 

sp. — marchicum Hrbst. = virens Hrbst. <^. 

Vive sulle foglie e giovani germogli di vege- 
tali, a preferenza leguminosi, ed ha per nemico 
TEntedon pharnus Wlh' Vespiti 

sp. — salicis Gyll. 

Larve ed insetti completi rodono le foglie dei 
Salici, e sono decimati dagli Eulophus ala- 
purus Wlh. ed Eupelmus urozonius Dlm. Vespiti 

sp. — scutellaris Krb. = vlicicola Prrs. 

Vive nelle capsule degli Ulex, ed è ucciso dal- 
l' Entedon buziri Wlk, Vespiti 

sp. — uliais Frst. 

Come il precedente rode i semi deirUlex euro- 
peus, ed agli altri suoi nemici si deve aggiun- 
gere TEntedon ulicis Gour. Vespiti 

sp. — virens Hrbst. — V. marcMcum Hrbst. 



G. Aromia SrvL — Pam. Ceranrbycidae. 
sp. — moschàta Lin. 

La sua larva rode i tronchi ed i rami di varie 



Digitized by VjÒOQIC 



— 94 — 

specie di salici, ed è suo speciale nemico la Po- 
lysphincta Ugnicela Rtz. Vespiti 



G. Attagenus Latr, — Dermestidae. 

sp. — pellio Lin- 

Allo stato di larva rode le pelli preparate, ed 
altre sostanze animali nelle case e nei magaz- 
zini, recando talora danni non lievi: è perse- 
guitato però ed ucciso dairOdonthomerus 
dentipes Lin. Vespiti 



G. Balaninus Grm. — V. Rep. 

sp. — elephas Gyll. 

Allo stato di larva vive nei frutti di alcune quer- 
ele, ove è ucciso dairOdonthomerus glan- 
darius Rndn. e dairOrtocantrus nigri- 
sternus Rnd- Vespiti 



Nota. — La supposta vittima del Trogocarpus Ballestjrerii Rndn., cMa- 
mata transitoriamente, Balaninus f o Dorytomusf pistaciperda, per quante 
indagini si siano fatte non si potè mai ritrovare, nemmeno allo stato incom- 
pleto; mì?ì per recenti e molte osservazioni, si deve ritenere che i frutti 
della Fistacia vera siano divorati dalle larve del Trogocarpus {Torymus 
Olim.) che ragionevolmente si credeva prima fosse entomofago parassito, come 
tutta le specie della intera famiglia cui appartiene; per cui ei ha in questo 
caso una straordinaria eccezione alla regola generale. 



G. Eaeidius Grm, — V. Rep. 

sp. — picinus Grm. 

È un altro suo speciale nemico TEntedon 
pharnus Wlh. Vespiti 



G. EosTRYCHUs Faà. — V. Rep. 

sp- — bicolor Hrbst. 

Oltre ai due citati nel Repertorio, ha parecchi 
altri uccisori, e sono i seguenti: Cali imo me 



Digitized by VjOOQIC 



— 95 — 

nobilis Bhm., Encyrtus megacephalus 
Wlk.^ Pteromalus eulophoides Wlh.y Pte- 
r ornai US pyrusW/ft., Pteroraalussemioto- 
ides TF/A./Schleroderma fuscicornis Ww. Vespiti 
sp. — laricis Fbr. 

Si aggiungano a suoi uccisori, il Bracon hy- 
lesini Rtz., ed i due Pteromalus, aemulus 
Rtz. e mirus Wlh.: V. per questa specie il 
Gen. Amblimerus Wlh. Vespiti 

sp. — typographus Lin. 

Anche questa specie, come altre, è divorata dal 
Thanasimus formicarius F. allo stato di 
larva e completo. Scarabei ti 



G. Bruchds Lin. — V. Rep. p. 9. 

sp. — ciceri Rndn. — V. Bui. Soc. Ent. It. 1877, fas. IL 
Rode allo stato di larva i semi di Cicer arie- 
tinum in Egitto; e diversi esemplari completi 
sono nati fra noi da Ceci provenienti dalla sud- 
detta regione; come anche alcuni individui di 
un suo uccisore che chiamo Chrysolampus 
basalis Rndn. (oss. Bargagli, e n.) Vespiti 

sp. — granarius F. — V. seminarius Lin. 

sp. — lentis Koy. 

La sua larva vive entro i semi degli Ervum, e 
specialmente in quelli della lente coltivata, e ne 
ho scoperto un nemico che chiamo Sigalphus 
brucivorus Rndn. (oss. n.) Vespiti 

sp. — marginellus Fab. 

Larva vivente nei semi di alcune leguminose 
spontanee; sono conosciuti come suoi nemici i 
qui notati: E upelmusGeeriD^m.jEury toma 
rufipes Wlk.^ Pteromalus affinis Wlh.^ 
Pteromalus varius Wlh. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC ' 



— 96 — 

sp. — nìXbilus Bhra. 

Altri due uccisori di questa specie, oltre a quello 
indicato nel Repertorio, sono; TEntedon pen- 
theus Wlk. e TEulophus caecilius Wlk. Vespiti 

sp. — pallidicorms Bhm. 

Nei semi di Lathyrus spontanei, ed alcuna altra 
leguminosa: sono uccise le sue larve dal P ba- 
co stomus Nees., (Pachylarthrus Ww.,) 
breviventris FrsL, Vespiti 

sp. — pubescens Grm. — V. Spartii Scbn. Repert. 

Si aggiungano a suoi nemici i seguenti: Bra- 
con colpophorus WsmL, Eurytoma jun- 
cea Rndn. (oss. n.), Pteromalus latipes 
Rndn. (oss. n.). Vespiti 

sp. — seminariùs Lin. = granarius Fab. 

Le sue larve sono molto dannose, divorando in- 
ternamente i semi delle fave, delle veccie e di 
altre Leguminose raccolti nei granai: sono de- 
cimate dairHormius rubiginosus Nees. e 
dal Sigalphus brucivorus Rndn. (oss. Pa- 
lumbo, e n.) Vespiti 

sp. -— spartii Schn. — V. pubescens Grm. 



G. Cassida Lin, — V. Rep p. 11. 

sp. — equestris Fab. 

Rode le foglie di varie piante erbacee; è uccisa 
dall'Elachistus dimidiatus Wlh. Vespiti 

sp* — filagims Prrs. 

Sulle Filago ed altre piante affini : le sue larve 
sono attaccate dalla Macroneura maculi- 
pes W?ft. e dal Tetrasticus orsidice Wlk. Y espiti 



G. Ceutorhynchds Grm. — V- Rep. p. 12. 
sp. — asperulus Bbm. — V. pumilio Gyll. — G. Ama- 
lus Schn. 



Digitized by VjOOQIC 



— 97 — 

sp. — glaucus Bhm. = melanarius Stph. — G. Ama- 
lus Schn. 

Vive su diverse piante erbacee. I suoi parassiti 
sono: Eulophus viridarius Gour., Ptero- 
malus fulgidus Bhm. Vespiti 

sp. — melanarius Stph. — V. sp. glaucus Bhm. — (Gen. 
Amai US Schn). 

sp. — napi Gyll. 

Le sue larve rodono varie crucifere, ed è ucciso 

dal Porizon moderator Lin. Vespiti 

sp. — pumilio Gyll. =z asperulus Bhm. — (G. Ama- 
lus Schn), 

Come i congeneri vive in varie piante erbacee, 
e sono suoi uccisori i seguenti: Entedon hyp- 
pia TTZft., Eulophus haegemon Wlh.,Pte' 
romalus deplanatus Wlh. Vespiti 

sp. — sulcicollis Gyll. 

Altro suo nemico è il Braconide Alysia 
truncator Nees. Vespiti 



G. Cis Lalr. — V. Rep. pag. 13. 

sp. — boleti Fab. 

Aggiungi a suoi uccisori TEntedon aritme- 
ticus Frst. e correggi il Bracon cis di Bè 
cheèsinonimodiPerilitus ^ìmì\ dito t Nees. Vespiti 



G. Cyonus Clrv. — Fam. Curculionidae. 

sp. — scrophulariae Linn. 

Vive nei Verbascum e Scrophularia, ed è ucciso 
dall'Entedon variolosus Gour. Vespiti 



G. Dendroctonus Erchs. — V* Rep. p. 15. 
sp. — tuhiae Prrs. (Gen. hilesinu^s). 

Rode il legno delle Tuhie, Ginepri e piante af- 

Ànn, 2. 



Digitized by VjOOQIC 



— 98 — 

fini, ed è ucciso dal Tetrasticus deipyrus 

Wlk. (Gen. Phloesinus Chp.) Vespiti 



G, DoRCATOMiA. Hrbst, — Fam. Anobiidae. 

sp, — dresdensis Fab. 

Le sue larve rodono i funghi legnosi^ incluso il 
Boletus igniarius, e sono uccise dai Bracon 
dispar Nees., Bracon ephippium Nees,, 
Bracon melanoschelus Nees. Vespiti 



G. DoRYPHORA Illg. — Fam. Chrysomelidae. 

sp, — decemlineata Dej. (Exot. americana). 

Nel paese nativo reca danno gravissimo alle 
piante di Solanum; e vi è decimata da varii 
nemici, fra i quali Arma spinosa Say. Ar- 
pactor solanophilus m. (Interim). Cimiciti 

Tachina? doryphorae m. [Intr.) Musciti 

Coccinella doriphorina m. (Iritr.) Scarabeiti 

Acarus Planchonii m. (Intr.) Acariditi 



G. Gracilia Srvl. — Fam. Cerambicidae 

sp. — pygmea Fab. 

Larva lignivora, come altri longicòrni, uccisa 
dall'Entedon confectus Wth., e Tetrasti- 
cus deipyrus Wlh. Vespiti 



G. Gymnbtron Schn. — V. Rep. p. 16. 

sp. — anihirrhini Grm. 

Nello stelo ingrossato degli Anthirrhinum, ed 

ha un nemico nell'Eurytoma piumata J?055^. Vespiti 

sp, — campanulae Schn. 

Larva vivente negli ovarii della Phyteuma Mi- 
chelii, ed è uccisa dal Bracon anthracinus 
Nees. (oss, n.) Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



I 



— 99 — 

ap, -^ lychnidUs Mihi. 

Le sue larve rodono gli ovarii della Lychnis 
dioica, internamente, e sono uccise dal Ptero- 
malus transiens Rndn, = alla Var. B. del 
Pter, deplanatus Nees. Vespiti 

sp. — vitlosulum Gyll. 

Vive di alcune Scrophulariacee ; le sue larve 
hanno un nemico nel Bracon atrator Nees. Vespiti 



G- HiLTicA atra Fi — V. G. Phyllotreta Fdr. 



G- Helodes Phl. — V. G. Prasocuris Latr. 



G. Hylesinus Fab. V, Rep. p. 17. 

sp, — fraxini Fab. 

Aggiungasi a suoi uccisori TEurytoma ful- 
vipes Gour, = ? rufipes Wlh. Vespiti 

sp. — sparili Nrdl. = tarsalis Frst. porta al Gen. Po- 
lygjc^aphus Erchs. 



G. Larinus Grm. — Pam. Curculionidae 

ap. — cardui Rossi. = onopordi Fab. 

La sua larva vive nel caule di alcuni Carduus 
e piante afl3ni; è uccisa dal Pteromalus pe- 
rilampoides Wlh. Vespiti 



G, Lema Fab. — Fam. Chrisomelidae 

sp. — merdigera Lin. (G. Crioceris Gffr.) 

Vive in tutte le fasi del suo sviluppo sulle fo- 
glie del Lilium candidum ed affini, delle quali 
ai nutre; è perseguitata da un nemico che è 
il Campoplex errabundus (7re?. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 100 — 

G. Lina Mffrl. — V. Rep. p. 20. 

sp. — populi Linn. 

Oltre al Vespario indicato nel Repert. ha un altro 
nemico nella Exorista dubia Fall. {Gour.) Musciti 



G. Nanopkyes Schn. — Fam. Curculionidae. 

sp. — siculus Bhm. 

Come quella delle altre specie di sua famiglia 
la sua larva è fitofaga; ed ha un nemico nel 
Cyrrospilus chabrias Wlh. Vespiti 



a OcmNA Zglr. V. Rep. p. 22. 

sp. — hederae Grm. 

Ha fra gli altri un uccisore nel Sigalphus 
caudatus Nees. Vespiti 



G. Orche STES Illg. — V. Rep. p. 22. 

sp, — Cini Lìn. 

Oltre a quello già indicato nel Repertorio sono 
conosciuti altri suoi nemici, cioè: l'Ente don 
nigro-pictus G^owr., l'Eulophus teutoma- 
tus Gour.y il Pteromalus dacmenes Wlh. 
ed il Pteromalus dumnacus Gour. Vespiti 

sp. — fagi Lin. 

Si aggiungano agli altri numerosi nemici delle 
sue larve, accennati nel Repertorio, i seguenti: 
Cirrospilus Ww. lineatus Rtz, (fi. Ente- 
don) == vittatus Wlh. Entedon flavo- 
maculatus Rtz., Entedon luteipes Rlz., 
Entedon orchestis Rtz., Entedon xan- 
thopus Rlz., Entedon xantostoma Rtz., 
Opius straminator Gour., Sigalphus 
caudatus Nees. Vespiti 

tp. — Quercus Lin. 

Aggiungo un altro a suoi molti uccisori, da me 



Digitized by VjOOQIC 



- ' J/' . = --7, w ?»-;; : ,' ; 



— 101 — 

osservato, che nomino Eubadrzon orche- 

stis m. (oss, n.) Vespiti 



G. Phloeophtorus WUst — V. Polygraphus. Erchs. 



6. Phloeotribus Latr. — Fam. Scolytidae. 
sp. — oleae Fab. 

Le sue larve danneggiano il tronco ed i rami degli 

Ulivi, nei quali vivono. Dalle larve e ninfe 

uccise sortirono lo Spathius rubidus Rossi ^ | 

(oss. Bargagli) e la Eurytoma Bar ga gli 

mih. (oss. n.) Vespiti 



G. Phytonomus Schn. — V. Rep. p. 24. — Hypera Grm. 

sp. — plantagirds De G. 

Allo stato di larva e completo rode le foglie e 
giovani rami di varie piantagini : si conosce un 
suo uccisore, il Pezomachus pedestris JFVi&, Vespiti 

sp. — poligoni Fab. 

Vive nei rami di alcune specie di Polygonum, 
ed è uccisa la sua larva dalBassus festi- 
vus Fab. Vespiti 



PissoDEs Grm. — V, Rep. p. 24. 

sp. — notatits Fab. 

Si aggiungano ai suoi numerosi uccisori anche 
i qui notati: Brachistes labrator Wsml., 



Digitized by 



Goo^ 



'.'■? 



6, Phylotreta Fdr. — Chrysomelidae. 

sp. — atra Fab. "^ 

Attacca in modo speciale le piante crucifere ed 

è molto dannosa qualche volta alle semine del 

ravettone o colza. Le sue larve sono uccise dal -^ 

Misaphidus halticae Rndn. Vespiti 




— 102 — 

Bracon multiarticulatus Rtz., Cheiro- 
paclius tutela Wlh. Vespiti 



6. Peasocdris Lair. — Fam. Chrysomelidae. — Hb- 

LODES Phl. 

8p, — òeccabungae 111. = violacea Fab. 

Le sue larve vivono nelle foglie di alcuni Sa- 
lici, ed Ontani: e sono uccise dal Microga- 
ster tìbialìs Nees. Vespiti 



6- PsYLLioDEs Latr. — Fam. Chrysomelidae. 

«p- — dulcamarae Gyll. 

Vive nelle piante di alcune Solanacee, e special- 
mente sulla Dulcamara: sono suoi uccisori i se- 
guenti; Alysia nitidulator Gowr., Platy- 
gaster caudatus Gour., Pteromalus com- 
munì s Nees. Vespiti 



G- Rhjnoctllus Grm. — V. Rep. p. 28. 

sp, — laiirosiris Latr. 

Altro suo uccisore è il Bracon gastera- 

iOT Gour. Vespiti 



G. RHtNcHiTES Hrbst V. Rep. p. 28. 

sp. — betìAletì Lia. 

Sì aggiuga a suoi nemici il Sigalphus cau- 

dutus Nees. (Gour.) Vespiti 



6. Rhtncolus Ortz. — Fam. CurculJonidae. 

sp. — puncCatulus Bhm. 

Vive nei tronchi di alberi ed arbusti boschivi, 
e le sue larve sono uccise dal Teleas turisii 
Wlh, (G. Thelenomus HcU.) Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



- 103 — 

G. Saperda Fàb. — V. Rep. p. 29. 

sp. — populnea Lin. 

Altri suoi uccisori, da aggiungersi a quelli del 
Repertorio, sono il Cryptus brachicentrus 
Grav., Vespiti 

% la Tachina? tremulina Oour. Muscìti 



G. ScoLYTDS Offr, — V. Rep, p. 29. 

sp. — destructor Oliv. 

A suoi molti nemici, si aggiungano gli Hemì- 
teles melanarius &rt;., edHemiteles mo* 
destus Grv. Ve spiti 

sp, — Ratzéburgii Insh. 

Vive nei tronchi e rami delle betule, di cui rode 
la corteccia e Talburno. Le sue larve sono uc- 
cise dal Pteromalus lunula Rtz. Vespitì 

sp. — rugulosus Rtz. 

Agli altri suoi uccisori si aggiungano il Chei- 
rophachus quadrum Wft., e rEurytoma 
rufipes Wlh. Vespitl 



G. SiNoxYLON Dftsch. — V. Apate F. (Rep.) 



6. SiTOPHiLus Schn. — V. Rep. p. 31. CaLandra Clrv. 

sp. — oryzae Lin. 

La sua larva e molto dannosa rodendo i semi 
di varie biade nei magazzini, e specialmente 
quelli di riso: ha un nemico nel Pteromalus 
oryzinus Rndn. (oss. Celi.) Vespiti 



G. Strangalia Srvl — Fam. Cerambycidae. 

sp. — Mfasciata Mllr, — cntciata Oliv, 

La sua larva rode il legno di varii alberi, ed 

è uccisa dal Ephialtes gracilis Grv. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 104 — 

G* Tracbts Fab. Fam. Buprestidae. 

sp. — minutus Lin. 

Rode allo stato di larva la corteccia di varie 
piante^ e sono suoi uccisori l'Ente don cele- 
sti s Gour., l'Entedon cervicornis FrsL, 
ed il Microgaster albipennis Nees. Vespiti 



G. Xylopertha Guer. — V. G. Apate Fab. (Rep.) 



Ord. VESPARir ^ HYMENOPTERA, 
G* Allantiius lur.y Gingulathus F. porta al G. Stron- 

GYLOGASTER Dlhm. 



G, 'Andriogs HrL — V. Rep. p. 2. (*) 

sp. -' ameìUhorum Hrtg. — V. ramuli Lin. 

sp. — curvator Hrt. 

Si aggiungano a suoi uccisori TEurytoma 
stìrratulae Latr., ed il Pteromalus citri- 
pes Gour. Vespiti 

sp» — grossularia Gir. — Spalthegaster baccarum Gour. 
(non L,) 
Forma gallozzole globulari, piccole, nelle infio- 
rescenze maschili di alcune quercie. Sono suoi 
nemici la Decatoma Spn. triguttata Wlh. 
ed il Platymezopus tibialis Ww. Vespiti 

sp» — peiioii Hrtg. 

Altri suoi uccisori sono il Callimome coniun- 
ctus Gour,, il Semiotus citripes Gour., 
ed il Torymus pellucidiventris Kll. Vespiti 

sp. — ramuli Lin. — amenthorum Hrtg. 

Forma piccole galle pelose negli amenti di al- 



{*) Eitratto dui Bullettino deUa Società Entomol. ItaUana, 1873. Fase. IV. 



Digitized by VjOOQIC 



— 105 — 

cune Querciet è ucciso dall'Ent ed on semifa- 
sci atus Rtz. Vespiti 
sp. — termincUis Hrtg. 

Ai numerosi suoi persecutori si aggiungano an- 
che i molti seguenti : Callimome cynipedis 
Wlh,, Decatoma quercicola Gir., Ente- 
don maculipennis Gour,, Eulophus gal- 
larum Lin», Nees., Pteromalus fascicu- 
latus Frst., Pteromalus fungosus En- 
cicl.{*), Torymuslongicauda Spin., (oss. n.) 
= longicaudis jR^z., Torymus muscarum 
Lin. (*), = Cynips aurata Encicl. = Cal- 
limome aurata Oliv. Vespiti 



G. Aphilotrix Hrtg. — Fam. C y n i p i d a e. 

sp, — corticis Lin. 

Nelle galle allungate, mediocri, avvicinate, che, 
produce sulla corteccia giovane delle Querele: 
sono suoi nemici, la Callimome conjuncta 
Gour., il Megastigmus dorsalis Gour.,ed 
il Semiotus varians Gour. Vespiti 

sp- — glóbiUi Hrtg. 

Forma piccole* galle nelle gemme, specialmente 
terminali dei i'amoscelli di Quercia, ed è uccisa 
la sua larva dal Pteromalus cabarnus Gour. Vespiti 

sp. — ferruginea Hrtg. — V. solitaria Fnscl. 

sp. — radicis Fab. 

Vive la sua larva entro galle mediocri, irrego- 
lari, accumulate, nelle radici delle Querele: il 
suo nemico è la Callimome cynipedis Wlk, Vespiti 

sp. — solitaria Fnscl. = ferruginea Hrt. — V. Rep. p. 8. 



{*) Porse alcune specie deg^li Entomologi moderni devono riferirsi a qaeUe srià 
nominate da precedenti Autori^ 



Digitized by VjOOQIC 



— 106 — 

G, AoLAX Hrtg. — Rep. p. 4. 

sp. — ì^upleuri Mihi. 

Forma delle galle nel Bupheurum falcatum, ed 
è ucciso allo stato di larva dairEupelmus fu- 
se i panni s Frst. Vesplti 

sp. — glecomae Fab. = V. G. Diastrophus Hrtg. 

sp. — hieracii Bè. 

Si aggiungano agli altri suoi nemici i seguenti; 
Callimome minuta Frsi., Euryt orna ma- 
culata Gour. Pteromalus cabarnus Goiu^. Vespiti 

sp, -^ poientillae Fab. 

Altro suo uccisore è la Eurytoma annuli- 

pes Wlh. Vespiti 

sp. — rìiaeadis Kit.. 

Si aggiungano a suoi nemici TE u p e 1 m u s G e e- 

rìi Dlm. e l'Ormyrus Frst. punctiger Ww. Vespiti 



G. Bembex Faò. — V. Rep. p. 5. 

sp. — oHvacea Fab. 

Come altre specie congeneri, uccide e trasporta 
ai suoi nidi diverse Apidae, fraie quali anche 
TApis mellifica Lin. Suo nemico abitante nei 
nidi è il Parnopes Doursii Schl. Vespiti 



G. Cemonus lur. — Fam. Crabronidae. 

sp. — unicolor lur., 

Fora i rami di varie piante legnose per nidi- 
carvi: suo uccisore è l'Ephialtes divinator 
Rossi, e ne' suoi nidi abita un parassito che è 
l'Omalus auratus Dlbm, Vespiti 



G* CiMBEX Oliv. — V. Rep. p. 6. 

sp. — axillaris lur. 

Le sue larve sono uccise dai seguenti nemici: 
il Mezochorus cimbicisi2^^., eMezocho- 



Digitized by VjOOQIC 



— 107 — 

rus splendidulus Grv., ed il Panìscus 
glaucopterus L. (G. Opheletes Hlmrg, Vespiti 
sp. — variàbilis Klg. 

Aggiungi a suoi uccisori i Mezoleptus rufus 

Grv. Paniscus glaucopterus Lin. Vespiti 



G. Cladids Illg. — V. Rep. p. 7. 

sp. — mono Lep. = Priopfiorus alUpes Hrlg, 

Nelle foglie di vari alberi. Il suo parassito è il > 
Triphon lucidulus Ertg. > Vespiti 



G. Crabro Fab. — V. G. Solenius Lpll. 



G. Cynips Lin. — V. Rep p. 8. 

sp. — argentea Hrtg. 

Vive nelle grandi galle nespoliformi delle querce, 
ed i suoi nemici conosciuti sono l'Or my rus 
tubulosus TF/À. ed il Cleonimus quadrum 
Fbr. . Vespiti 

sp. — calicis Lin. 

Nelle galle irregolari dei frutti di Quercia. Ha 
due parassiti conosciuti, cioè Pteromalus 
crassipes/?^z. e Pteromalus crater Gour. 
t= glandium? Rndn. Vespiti 

sp. conglomerata Gir. 

Nelle piccole galle avvicinate dei rami giovani 
di quercia; è ucciso dall'Ormyrus aeneicin- 
et US Rndn. Vespiti 

sp. — ferrugineus Hrtg. — V. Aphilotrix solitaria Fnscl. 

sp. — glutinosa Gir. 

Forma piccole galle di forma variabile, più o 
meno caliciformi, nella corteccia giovane di quer- 
cia. Suo parassito è il Torymus dorsalis 
Fnscl. 



Digitized by VjOOQIC 



— 108 — 

sp, — lignicola Hrtg. 

Produce piccole e mediocri galle sub-globulari, 
nelle gemme laterali di giovani rami nelle guer- 
cie, ed è ucciso dai seguenti nemici: Eury- 
toma signata Nees., Eurytoma istriana 
KolL^ Pteromalus dilatatus KoU^ Syner- 
gus Heineanus Rtz., Ormyrus (Sipho- 
nura) Schmidtii Nees., Torymus pupa- 
rum Nees, Vespiti 

sp. — solitaria Fuse. — V. G. Aphilotrix. 

sp, — tinctorfa Lin. 

Nelle galle tintorie orientali, è ucciso dal To- 
rymus obsoletus jPa&r., e dairOrmyrus 
Miotii Rndn. Vespiti 




Gr. Dkyophantha Hrtff. — V. Rep. p. 9. 

sp, — agama Hrtg. 

Nelle piccole galle bernoccolute delle foglie di 
Quercia, e sono probabilmente uccisi dai coabi- 
tanti Synergus nigricornis Gir,, Syner- 
gus nigripes Gir. Vespiti 

sp. — MsticJia Hrtg. 

Altro nemico delle sue larve è T Ormyrus 
(Siphonura) Schmidtii Nees. Vespiti 

sp. — divisa Hrtg. 

Sono suoi uccisori anche i seguenti: Eury- 
toma abrotani Pnz., Eurytoma serra- 
tulae Lair., Megastigmus stigmatizans 
Fai). Vespiti 

sp* — fotti Lin. (non Hrtg.) = quercus folti Lin. 

' Altri suoi nemici sono i due seguenti: Calli- 
mome quercina Rndn. = cynipedis Gour. 
(non Wlh.) Semiotus varians Wlh. Vespiti 

sp. — longiventris Hrtg, 

Aggiungi a suoi uccisori i Callimomequer- 



Digitized by VjOOQIC 






— 109 — 

cìnei Rndn., Eurytoma abrotani Pnz., Eu- 
rytoma verticillata lUg.^ Eurytoma va- 
riegata Gour.y Megastigmus dorsalis 
Gour,, Platymezopus tibialis Wvo.^ Pte- 
roraalus dispar Gour., Semiotus citri- 
pes Gour. Vespiti 



G. Emphytus Klg, — V. Rep. p. 10. 

— sp. melanarius Klg. (Gen. Dolerus lur) 

Vive nelle foglie di varii alberi, ed è ucciso dal 
Campoplex cerophagus Grv. Vespiti 

— sp. pavidus St. Frg. = rufo-dnctus De 6. 

— sp, rufO'Cinctus De 6. 

Le sue larve rodono le foglie dei salici, e sono 
suoiparassitiilTryphon extirpatorius G^re?. Vespiti 
e la Masicera media Gour. Musciti 



G. Hylotoma Latr. V, Rep. p. 10. 

sp. — pagana Pnz. 

Le sue larve vivono nelle foglie e giovani ger- 
mogli delle Rose, ed hanno un nemico che le 
uccide, il Colobates crassi tarsis Goar. Vespiti 



G. LoPHYRDs Latr. — V. Rep. p. 10. 

sp. — abietis Fab. 

Altro uccisore delle sue larve è il Paniscus 

te s tace US Grv. Vespiti 

sp. — pini Lin 

Aggiungi ai numerosissimi suoi nemici il Me- 
topius fuscipennis Wsml. Vespiti 



G. Lyda Fai). — V. Rep. p. 15. 
sp. — erythrocephala Lin. 

Le sue larve rodono le foglie di varii alberi 



Digitizedby VjOOQIC - 



— 110 — 

resiaosi, e sono uccisi dal Paniscus tes ta- 
ce us Grn. Vespiti 
sp. — pyri Schr. = cUypeata Klg. 

Altro suo nemico è il Tryphon armilla to- 
ri us Grì), Vespiti 



G. Macrophya Dhlh. — Fam. Tenthredinidae. 

sp. — ribis Sehr. — V. Rep. p. 22. 

Porta qui la nota de'suoi nemici, t5ui si ag- 
giunga il Pygostolus sticticus Hcdid. Vespiti 



G. Nematus lur. V. Rep. p. 15. 

3p- — gallicola De G. = intercus Pnz. = gallarum Hrtg. 
Ai suoi uccisori già notati nel Repertorio si 
aggiungano i non pochi seguenti: Encyrtus 
clavellatus jD/m., Eupelmus urozonius 
Dlm., Ichn eutes reunitor Nees., Mesoste- 
nus drapes Gour., Opius graccus WsmL, 
Plinpla roborator Grv., Semiotus vimi- 
nalis Gour. Vespiti 

sp. — pavidus Lepl. — V. G. Emphytus. 

sp. — ribis Schr- — V. G. Macrophya. 

sp. — salicis Lin. 

Si aggiunga ai molti suoi nemici il Campo- 
pi ex cbrysostictus Grv, Vespiti 



G. Poliste s Lair. V. Rep. p. 19. 

sp, — gallicus L. 

Le sue larve sono uccise da quelle del Cryptu- 
rus (Endurus Rndn) argiolus Rossi {p^^, Bo- 
nelli)^ e del Trichodes alveari us FaJb. Scarabeiti 



G, Priophorcs Latr, — V. G. Cladius. 



Digitized by VjOOQIC 



— Ili — 

G. Pristiphora Latr. — Fam. Tenthredinidae. 

sp. — guercìis Klg. 

Le sue larve vivono delle foglie di querele, e 

sono uccise dairOpi US graecus WsrrU, VespHi 



G. Rhodites Hrtg. — V. Rep. p. 19, 

sp. — eglantheriae Hrtg. 

Si aggiungano a suoi nemici il Mono don t ho- 
merus Ww. stigma Fab.y e Torymas sa- 
phirinus Fnscl. Vespiti 

sp. — rosae Lin. 

.Anche altro nemico oltre i molti già notati nel 
Repertorio, è il Monodonthomerus stigma 
Fàb. Wlh. Vespiti 



6. Selandria Latr. — V. Rep. p. 11. 

sp. — fraocini Hrtg. 

Le sue larve rodono le foglie dei Frassini, e 
sono uccise dal Cryptus perspicillator 
Grav. = bicolor Gour. Vespiti 



G. SoLENius LpllL — Fam. Crabronidae.. 

sp. — ruUcola Dfr. 

Fora i rami di alcune piante, e specialmente dei 
Rubus, per nidicarvi: suoi nemici sono il Cry- 
ptus guttatus Gre?., e THemiteles mandi- 
bulator jD/r. Vespiti 



G. Strongylogaster jD^&m. — Fam. Tenthredinidae 
sp. — cìngulatus lur. — V. Rep. Gen. Allanthus, 

Rodono le sue larve le frondi delle felci. — V. Re* 

pertorio pag. 1. i suoi uccisori. 



G. Tripoxylon Latr, ~ Fam. Crabronidae. 
sp- — figulum Lin. 

Fora diversi legni per nidificare. Sono suoi ne- 



Digitized by 



GooqU 



— 112 — 

mici il Cryptus gyrator D/V. eTEphialtes 
àìvìn^t or Rossi = histrioPmr., Ichneu- 
mon odoriferator D/Y,, Pimpla ephip- 
piatoria Duf. = marginellatoria Duf. Vespiti 



G. Vespa Un. — V. Rep. p. 23. 

rp. — cra^o Lin, 

Abita ne'suoi alveari, e si ritiene uccisore delle 

sue larve il Vellejus Lch. dilatatus Fab. Scarabeiti 



Q, Xyela Dlbm. — Fam, Tenthredinidae. 

sp. — pusilla Dlbm. 

Vive negli amenti delle Betule, e le sue larve 
sono uccise dai seguenti nemici, TAulacus 
exaratus Rtz., il Bracon obliteratus Nees., e la 
Rhyssa curvipes Grv. Vespiti i 



G. Xylocopa Latr, — V. Rep. p. 23. 

sp. — ramulorum Rndn. 

Nidifica nei rami disseccati dei Castagni, e forse 
di altre piante, in cui forma lunghe gallerie; 
le sue larve sono uccise dal Cryptus xylo- 
copae Rndn. Vespiti 

{continua) 



Digitized by VjOOQIC 



— 113 — 



SAGGIO DI UN CATALOGO 

DEI LEPIDOTTERI D'ITALIA 



COMPILATO 

dairing. ANTONIO CURÒ 



GEOMETRAE (1) 

Geo. J*«etf€folèrj»fta H, S. 

Nota. — Le specie appartenenti a questo genere volano di giorno nei 
luoghi erbosi asciutti. 

Pruinata Buf. — Cythisaria Sch. S, V. — Eslate — Siepi, cespugli, 
luoghi erbosi. — Colli, valli. 

Z. seti. 2. Z. cenU 2. 

Bruco s. Spari, scoparium e Cythis, spinosus. 

Eur. ceiitr., mer. or., Catalogna, Asia min., Armenia? 

Ignoro se la var. Agrestaria Dup. (minor, al. unicolor. viridibus, 
tantum antico albo-strigatis), sia stata osservata in Italia. 



(1) Le « Geometrae » si trovano classificate nel Catalogo di Stauding-er secondo 
il lavoro di Lederer « Die Spanner » (Verhandl. Wien. Zool. Boi. Ver. 1853). Anche 
per questa ricca e Interessantissima famiglia, l'entomologo viennese non ha stabilite 
divisioni in sotto-famiglie e tribù, e l' ha sola distribuita, come fece per le « Noctuae, » 
in tm gran numero di generi. In generale, le Geometre volano ai crepuscoli o a notte 
fatta; moltissime specie si mostrano però anche di giorno e parecchie sono eminente- 
mente eliofile. Talune tengono nel riposo le ali rialzate a guisa dei Ropaloceri. Le larve 
sono caratterizzate da quel singolare modo di procedere, da cui la famiglia, come è 
noto, trasse il nome, dipendente dalla mancanza delle tre prime paia di gamba addomi- 
naìi. Salvo le seguenti pochissime eccezioni, i bruchi delle Geometre sodo forniti di 
sole dieci gambe; sei toraciche cornee, e quattro progambe analo-addominali, mem- 
branose. Ne ha quattordici quello del genere Rumia (rappresentato da una sola specie); 
dodici le larve del genere JHetrocampa (composto di due specie); dieci, più due rudi- 
mentarie, quelle del genere Ellopia (pure con due sole specie europee); finalmente, 
l^'unica specie del genere Odontopera^ ha la propria larva munita di quattordici gambe 
di cui due paia sono cortissime e improprie alla locomozione. 

Ann, X, 8 



Digitized by VjOOQIC 



— 114 — 

Goronillaria Hb. — Mag. poi ag. sett. — Luoghi erbosi, contro ai muri, 
rupi ec. — Colli. 

Z. cent 4 (Nizzardo), Z. mer. 4 (Nap. Otranto ec.) Z. ins. 4 
(Cors., Sard. ?) 

Europa mer. occ, Francia mer., Siria. 
Larva s. Cythis. lanigera e spinosus. 
Gorsicaria Rbr. — Apr. poi luglio — Scoperta da Rambur in Corsica ; stata 
osservata auche in Sardegna. È specie propria d. nostra zona insolare. 
Il bruco vive sulla Genista corsicaria. 



Gen. CTeotitefra B. 

Papilionaria L. — Estate — Boschetti, praterie ombreggiate — Colli, monti. 

Z. sett, 3, Z. cent. 3, (Alpi mar. Tose. ?), Z. mer. 4, (Dint. Nap.) 

Europa centr. e-sett. (ecc. reg. poi.), Siber., Amur. 

^ruco s. Alni betulle e a. 
Vernarla L. — Prim. est. (due o tre appariz.) — Siepi, boschi — Piano, colli. 

Z, sett. 3, Z. cent. 3, Z. mer. (Tj, Z. ins. 3. 

Europa cent, e sett. (ecc. reg, poi.), Eur. mer. or., Asia min., 
Aitai, Amur. 

Larva s. Clematis vitalba e guercie. 

Nota. — Le specie appartenenti al presente genere ed al seguente, di 
giorno stanno celate fra i cespugli ec. 



Gen. M^hOÈ*odesnèa B. 

\. 

Pustulata Huf. — B a j u 1 a r i a S. V. — Primav. poi estate — Luoghi ster- 
posi in vicinanza di querele e pioppi ; Colli, valli. \ 

Bruco sulle Quercie e pioppi. 

Z. sett. 4, Z. cent. 4 (Alpi mar., Tose?) Z. mer. 4 (CalabHe). 

Eur. cent., Livonia, Balcan sett., Russ. mer., Andalusia (var\ 
Smaragdaria F. — Estate — Cespugli, contro ai tronchi — Colli, valli. . 

Z. sett. 4, Z. cent. 4, Z. mer. 4 (Calabrie). \ 

Europa centr. Castiglia, Eur. orient., Asia min. ec, Amur. é 

Larva s. Achillea mille folium. 



Digitized by VjOOQIC 



— 115 — 

Gen. Eucifosiis Hb. 

(Vola talvolta atiche di giorod). 

Hèrbaria Bb, — Maggio, già. — Campi, luoghi erbosi asciulti. — Colli, valli. 
Z. cent. & (Toscana, Alpi mar.?), Z, mer, 4 (Sicilia), Z. im. 3. 
Frane, mer., Àndalus., Dalmaz., Bdlc. mer., Asia min., Cipro. 
Bruco in loglio s. Tewcrum polìÀum e Mentha sytvestris (?), 
La var. Advolata Ev. (al. strigis albis multo latìorjbo&> é stata osser- 
vata anche nei dint. di Nizza. Essa é propria della Russ. merid, 
(Olympiaria iT. S. — Il tipo incontrasi nell'Asia minore occidentale (Ryss. ec] 
Var. Beryllaria Mn.y A urei lari a Nili, (le. 55, 4, % più grande 
con strie bianche più distìnte ; appare anche nel Nizzarda* Vola nei 
boschi di ulivi nelle sere placide e calme. 
Frane, mer. or., Dalmazia, Grecia, Siria. 
Bruco sulle Phillyrea angustifoUa e media. 
Indlgenata Vili — Princ. e fine d*est. (due appariz.) — Cespugli in sili 
erbosi. — Colli. 

Z. cent, 4 (Nizzardo), Z, mer. 4 (Lecce, Siracusa ec) Z. ins^ L 
Spagna, Frane, mer., Dalmazia, -Grecia, As. min. Siria. 
Bruco suir ^tip^oròia spinosa. 

Gen. ifétftorte Hb. 

Nota. — Le specie appartenenti a questo genere ed ai cinque tegnenti, 
non hanno volo diurno. 

Viridata L. — dorarla Eh. 352, — Come la sp. preced. — Siepi folli, 
boschi. — Piano, colli. 

Z. seti. 3, Z. cent. 3, Z. mer. 3, Z. ins. 3. 
Tutta r Eur. ecc. la boreale e la Spagna ; Asia min. Arm., Aitai* 
Larva s. Ononis spinosa^ Calluna vulgaris, bianco spino, 
Porrinata Z. — Magg. giù. — Cespugli in siti erbosi. — Colli, valli. 

Se non vi fu confusione colla precedente, sarebbe stata osservata 
nella Valle di Wippacco e nel Tirolo meridionale. 

È propria d. Germ. cent, e mer,, Svizz., Frane, cent* e Ross, mer. 
Bruco s. AvellanOj Rubus, bianco spino, ec. 
Pnlmentarla Gn. — Primav. poi estate (due o tre appariz.) — Gesrpugti^ 
boschi. — Colli, valli. 



Digitized by VjOOQIC 



— 116 — 

? Z. sett, , Z, cent 3, (Nizzardo, Tose. ?), ? Z, tner. , Z. ins. 3. 

Probab. in tutta T Italia. — Eur. mer., Asia min., Arm., Sina. 

Larva sui Buplurum^ Seseli e a. 
La var. Et rosea ria Z. (al. ant. costa fere tota viridi, alis mioos 
Iransverse albido undolatis), appare in Tose. ec. — Frane, mer. ecc. 
Strigata MuelL — Aestìvaria Hb. — Estate (due appar.) — Gespagli 
di quercie. — Valli, monti. 

Z. sett. 4, Z. cent. 4, (Nizz.), Z. mer. I (Sicilia), Z. in$. 5 (Cors.) 

Eur. cent., Svez. mer. ec. Catalogna, Dalmazia, Asia min. 

Bruco s. Mespilus germanica, quercie ec. 

Gen. THaMera Hb. 

Fimbrialis Se. — B u p l e u r a r i a S. V. — Estale — Luoghi sterposi. — 
Colli, monti. 

Z, sett. 3, Z. cent. 3, Z. mer. i. 

Eur. cent, e mer. or., Asia min., Armenia. 

Larva s. Bupleuro falcata, quercie e a. 

Gen. Modis Hb. 

Patata L. — Primav. est. — Siepi, boschetti. — Colli, monti. 

Z. sett. 3. — Eur. cent, e sett., (ecc. Ingh.), Russ. mer. 
Bruco s. Vaccinium myrtillusy alno, carpino. 
Lactoaria L. — Aeruginaria Hb. — Come la precedente — Boschetti 
in siti umidi. — Colli, monti. 

Z, sett. 2, Z. cent. 3, Z. mer. 3. 

Eur. cent, e sett, (ecc. reg. bor.), Balcan sett., Russia mer,, 
Asia min., Amur. 

Larva s. Quercie e betulle. 

Gen. .écidafia Tr. 

Nota. — Le specie appartenenti a questo genere, uno dei più ricchi 
della famiglia, stanno celate fra le erbe, sotto le foglie o applicate contro ai 
tronchi ec, e non volano di giorno se non disturbate. Pochissime sono abi- 
tatrici delle regioni alpine elevate. Di dimensioni piccole, lo studio ne è reso 
più difficile da differenze talvolta appena percettibili che presentano fra di 
loro buon numero di specie. 



Digitized by VjOOQIC 



— 117 — 

A. a. 
Pygmaeria Hb. » Parvularia Gn, — Apr. mag. — Praterìe, siti boscosi 
caldi. — Piano, falde dei monti. 
Z. setL 2, Z. cent. 2. 

Germ. mer., Daino, ec. — Credo non se ne conosca il braco. 
Vittarià Hb. — È stata raccolta da Mann a Riparbella n. Livornese e da 
StaodÌDger, in Sardegna. — Propria dell'Andalusia e Algeria. 
6. 4 . 0. 
Trilineata Se, — Aureolaria S. V — Estate — Praterie cespugli. — 
Colli, Alpi. 

Z. sett, 2, Z. cent. t. — Bruco ignoto (?) 
Germ. occ, Frane, cent., Ungh., Balcan., Asia min., Siber. or. 
Flaveolarla Hb. — Estate — Praterie asciutte, cespugli. — Monti, Alpi. 
Z. sett. 2, Z. cent. 3. 
Germania, Alpi quasi tutte, Ural? 
La larva s'incontra su molte piante erbacee. 
Perochrearia F. R. — Apr. mag. — • Praterie umide ec. — Colli, valli, monti. 
Z. sett. 3, Z. cent. 3, ? Z. mer. Z. ins. 3. 
Gran parte d. Eur. sett. e cent.. Baie, sett., Russ. mer. ec.,Sib. 
Bruco s. Festuca duriuscula e m. a. erbe. 
Ochrata Se. — Estate — Praterie e boschetti. — Colli, monti. 
Bruco come il precedente. 

Frequente in tutta Italia. — Eur. cent, e mer., Asia min. ec. 
Persia. 

0. 0. 

Ro&ria Hb. — Estate — Praterie e boschetti. — Colli, Alpi. 

Z. sett. 3, Z. cent. 3. 

Bruco polifago. 

Germ. mer. ec. Frane, Eur. mer. or., Asia min., Siria, Amur. 
Lttigiosaria B. — Giugno — Praterie, contro alle rupi. — Colli, monti. 

Z. sett. 4 (Piem.), Z. cent. 3, Z. mer. i (Sicilia), Z. ins. 2. 

Frane, mer.. Spagna, Africa sett.. Svizzera mer. ? 

Larva ignota (?) 
Mediarla Hb. — Giugno poi sett. — Non rara sui monti e colli della Liguria, 
Frane, mer.. Spagna, Russ. mer. (?), Asia min. (?) 

Bruco s. Euphorbia spinosa. 
Sericeata Hb. — Giugno — Praterie, siti sterposi, (vola talvolta anche di 
giorno). — Piano, colli» monti. 



Digitized by VjOOQIC 



; _ 118 — 

Z. sett. i, Z. cent. 3, Z. mer. (?), Z. ins, 3. 
Bruco ignoto ? 

Frane, e Svizz. mer.^ Spagna, Ungh. ec, Ross, mer., Armen., 
Africa sett. 
. Moniliata S, F. — Estate — Siepi, boschetti, praterie alpine. — Colli, meati. 

Z. sett, a, Z. cent. i. 
Larva s. Leontodon^ Vida e m. a. 

Germ. mer. ec, Ungber., Francia mer., Catal., Baie, Russ. mer., 
Asia minore. 
Mutilata Stgr. — Stett. Ent. Zeìt. 4876. — Propria della Sicilia, ove venne 
scoperta dal sig. barone Kalchberg, nei dintorni di Palermo in ot- 
tobre, rara. 
Determinata Stgr. — Come la precedente, sett., ott. rara. 

2. 0. 
Mnricata Hfn. — Auroraria Hb. — Estate — Macchie e praterìe attigue 
ai boschi. — Piano, colli. 

Bruco s. Plantago lanceolata e a. 
Z. sett. 3, Z. cent. 5, Z. mer. (?), Z. ins. 3. 
[ Enr: cent., Finland., Dalmaz., Armenia, Amur. 

Dimidiata Hfn. — Scutulata S. F. — Estate — Siepi, prati umidi. — 
Piano, valli. 

Z. sett. 3, Z. cent. 4, Z. mer. (?), Z. ins. 3. 
Eur. cent., Finland., Baie, sett, Rass. mer., Asia min., Slr., Persia. 
Larva, probabilmente sui Polyporus. 
Fractilineata Z. — Isis 1847. — Giugno — Scoperta da Zeller nei dintorni 

di Catania (Sicilia], in luogo erboso; rara. 
Ciontignaria Hb. — Estate — Boschi e praterie attigue. — Monti, Alpi. 
Z. sett. 3, Z. cent. 3, Z. ins. 3 (Corsica, Sard. ?j. 
Parte d. Germ. cent., Dalmaz. 
Bruco sui Polygonum, Plantago e a. 
? Gervantaria MUl. — le, 403. 4-3. — Osservata da Millière a Cannes, ove 
ha due appariz., quindi probab. anche nel Nizzardo. — Catalogna. 
> Il bruco vive saW Alyssum maritimum. 

Asellaria H. S. 342-8. — Raccolta da Mann sui monti di Bolzano; secondo 

H. S. in Corsica. Millière l'osservò presso Cannes* 
Gamparia H. S. — Giugno — Siepi e contro ai muri e sassi.. — Sicilia e 
Corsica, rara. — Francia mer., Dalmaz.» Grecia, Asia min., Siria» 
Larva ignota? 

Digitized by VjOOQ le 



— 119 - 

Sodaliaria H, S. 466. (? Variegata Se. var.) — Giugno — Suir ellera 
dei muri e siepi. — Raccolta da Mann a Gorizia e in Corsica, non 
rarissima. — Dairnaz., Grecia, Catalogna (?) 
Bruco suìV Ellera, 
Virg^aria Hb. — Incanaria Hb, — Primav. est. — Interno delle abita- 
zioni, cespugli. — Piano, nnonti. 

Z. seti, 1, Z. cent. 4, Z. mer. 2, Z. ins. 3. 
Eur. cent, e mer. (var.), Asia min., Siria. — Bruco polifago. 
La var. Paleaceiata Gn. I. 478 (? Calvaria Lab. Contribut. p. S9; 
dint. di Palermo del sig. Reyna), più chiara, venne osserv. nella Fr. 
mer. e Sicilia ? 
La var. Canteneraria B. Calcearia Z.), biancastra, incontrasi 
in tutta r Italia. — Essa è propria d. Eur. mer. e Algeria. 
? Bischoffaria H. G. 586. 8. (Forse var. scura d. Incanaria). — Piem. ?, Svizz. 
Longavia, H, S. — Prolongata Rbr, — Citata da Staudinger, come 

propria della Sardegna. — Spagna roer., Siria. —- Larva ignota. 
Straminata Tr. —- Giugno — Siti erbosi — Colli, monti. — Bruco ignoto. 
Z. sett. 4 (V. di Wippacco Mn.) 

Probab. anche in a. parti d. Iial. sett. — Eur. cent, ec., Dalmazia. 
Graduata Mn, — (Zool. Bot. Yer. 4867). — Un solo cf preso da Mann di 

sera in una prateria dei dintorni di Bolzano. 
Paludata 5. F. •— Estate — Boschetti e praterie ^ Colli, valli. 
Z. sett, 2, Z. cent, % Z, ins, 3. Larva ignota. 
Parte d. Enr. cent., Ungb., Baie, roer., Ural. ? Aliai. 
Snbsericata Hw, — Pinguedinata Z. ~ Estate — Luoghi erbosi aridi ^ 
Colli, monti. 

Z. sett, 4, Z. cent, 3, Z. mer, 4, Z, ins, 3. 
Bruco ignoto ? 

Inghilt., Frane, Germ. cent, e mer. or., Baie, Asia min. 
La Àsbestaria Z, non differisce dal tipo che per maggior grandezza. 

0. 0. 

Laevigaria Hb. — Giugno — • Praterie e contro ai muri delle abitazioni — 
Colli, monti. 

Z. sett. 3, Z. cent, 4 (Tose. Mn., Nizz. Mill.), Z. ins. 5 (Cors. Mn.) 
Parte d. Eur. cent., Spagna, Dalm., Grecia, Asia mia. 
Larva sui Galium, lattuca e a. erbe. 
Bztarsaria E, S. — Efflorata Z. — Estate — Cespugli, troncai. — 
Monti, Alpi. 



Digitized by VjOOQIC 



— 120 — 

Z. 5eW. 4, Z. cent. 3, Z. mer. 5, Z. ins. 4. 
Asia mio. — Bruco ignoto, 
Atromarginata Mah. — Scoperta dal Sig. Mabille in princ. d*est. a Bastia, rara. 
A.ttenaaria Rhr. — Estate — Praterie e boschetti aridi. — Corsica e Sar- 
degna, non rara. 
Infirmarla Rhr, — Non rara in Corsica e Sardegna, e prob. anche nel Nizzardo. 
Francia meridionale, e Andalusia. 
La larva deve vivere sui Ci$tur, 
Gamearia Mn, ~ Forse solo var. d. preced., venne race, in Cors. — Asia min. 
Obsoletaria Rhr, — Bufularia F. S, ~ Luglio — Praterie e boschetti 
aridi. — Piano, monti. 

Z. sett, 4 (Gradisca ec), Z. cent. 3 (Lig. ec), É. mer. 4 (Sic), Z. ins, t. 
Frane, mer., Spagna, Germ. m. or., Ungh., Grecia, Asia m., Siria ec. 
. Bruco a. Rumex e moltissime altre erbe. 
? Helianthemata Mill. le. 443. 6-9. — Scoperta da Milliére in luglio presso 
Cannes, potrà quindi forse rinvenirsi anche nel Nizzardo. 
Larva s. Helianthem, tuberaria. 
Inoamaria H. s. 436. — Primav. est. — Cespugli, siepi sempre verdi. — 
Colli, valli. 

Z, seti. 4, Z. cent, 4, Z. mer. 4, Z. ins, 4. 
Francia merid., Dalmazia, Grecia, Asia minore. 
Il bruco divora un gran numero di piante erbacee* 
Ostrinaria Hb. — Estate — Luoghi cespugliosi. — Colli, monti. 

? Z. cent. (Nizzardo ?), Z. mer. 4 (Sicilia), Z. ins, 4 (Corsica). 
Frane, mer.. Spagna, Balcan., Asia min., Armenia. 
La larva divora i Bori d. Eriche^ Eliotrope^ Convolvulacee e a» 
Gircuitaria Hb. — Gin. poi agosto — Siti erbosi caldi e aridi. — Colli, monti. 
Z. setL 4, Z. cent. 4, Z. mer. 3, Z. ins, 3. 
Europa merid. occid. — Bruco sulle Quercie ? 
Herbariata F, — Pus ili a ria Hb. — Estate — Interno d. abitazioni. — 
Piano, monti. 

Z. sett, 3, Z. cent. 3, Z. mer, 3. Z. ins. 3. 
Parte d. Eur. cent., Castiglia, Baie, Asia min. 
Larva ignota ? 
? Galniìotaria Stgr. — Dorycniata Boll. — Specie d. Spagna, raccolta 
da Milliére a Cannes, che forse potrà rinvenirsi anche nel Nizzardo* 
Elongaria Bbr. — Aridata Z. — Mag. gin. poi agosto. — Luoghi aridi. — 
Colli, monti. 



Digitized by VjOOQIC 



■ '^^^^^l^f'}%^ 



— 121 — 

Z. cent, 4, Z. mer. i, (Sicilia), Z. ins. 4. 

Larva ignota. 

Spagna, Dalmaz., Russ. mer., Asia min., Siria. 
Bisetata Hfn. — Reversaria Dup, — Est. — Siepi, boschetti. — Colli, m. 

Z. sett. 3 (Piemonte), Z. cenL i (Toscana Mn.j 

Eur. cent., Dalmaz., Russ. mer. or., Asia min. ec, Siberia or. 

Bruco su molte piante erbacee, 
Trigeminata Hfn, — Reversata Tr. — Come la precedente. 

Bruco parimente. 

Z. sett, 3, Z. cent, 3, Z. ins, 3. 

Probab. anche n. ìlal. mer.; Eur. cent. (?), Ftanc. mer., Asia 
min., Cipro, Persia, Amur. 
Politata Hb. — Primav. est. — Boschetti, luoghi erbosi, tronchi. — Piano, valli. 

Z. sett, 3, Z, cent, 3, Z. mer, (?), Z. ins. 3. 

Frane, mer.. Spagna, Balcen, Asia min., Siria, Persia. 

Bruco su moltissime piante erbacee. 
Vesabiata Mill. le. 443. 9. 4 4. — Scoperta recentemente da Millière nel- 
l'Alto Nizzardo, (S. Martino Lantosca ec), in luglio, lungo le sponde 
dei torrenti. 

Il bruco è polifago e divora di preferenza le foglie appassite. 
Fincata Hb, — Da mag. a t. agosto. — Luoghi erbosi arìdi. — Piano, monti. 

Z. sett, 3, Z, cent. SI, Z. mer, 2, Z. ins, 2. 

Germ. mer. or., Ungher., gran parte d. Eur. mer., Asia min., Sìria. 

Bruco s. Lattuca e m. a. piante erbacee, 
Rusticata 5. F. — Come la precedente. 

Larva s. Veroniche e m. a. erbe. 

Z. sett. 3, Z, cent. 3, Z. m^r, 4, Z, ins, 2 

Eur. cent. occ. e merid. (var.) 
var. (ab.) Vulpinaria H, 8. (pallìdìora, al. ant. fascia media rufe- 
scente), è la forma dominante nell' Eur. merid. — Tirolo mer. (Mann.), 
Palermo (sig. Reyna), Sardegna (Staudinger), non frequente. 
Hmniliata Hfn. — Osseata 5. F. — Est. — Siepi e boschetti. — Piano, m. 

Z, sett. 2, Z. cent. 2, 

Gran parte d. Eur., Asia min., Algeria. 

11 bruco vive sui Rumex e ra. a. erbe. 
DUutaiia Hb. — Intersectaria^. -* Est. ~ Cespugli, prat. — - Colli, m. 

Z, sett, 3, Z. cent. 2, Z, ins, 3. 

Larva s. Anagallis arvensis e a. 



Digitized by VjOOQIC 



— 12i2 — 



~ 



Parte d. Earopa cent., Spagna, Baie, Asia mio., Amar. 
Holosericata Dup. — Estate — Siepi, boschi, pascoli umidi. — Piano, monti. 
Z. seti. 3, Z, cent. 2, Z. ins. 3. (Corsica). 
Bruco s. m. piante erbacee. 
. Distribuzione geogra6ca, come la precedente. 
Praenstaria Mn, — Scoperta da Mann nei dint. di Bolzano e in Dalmazia. 
Degenerarla Hb. 57. — Da mag. a sett. — Cespugli, siepi, boschi. — 
Piano, colli, monti. 

Z, sett. 3, Z. cent, 2, Z, mer. 4, Z, ins, t. 
Gran parte d. Eur. cent, e mer., Asia min., Armenia, Cipro. 
Larva s. Rhamnus frangula e m. a. 

Minière (le. 400. 42-45), descrive una sua var. Meridiaria, di- 
stinta essenzialmente per la tinta bruno-rossastra, più o meno pro- 
nunciata, dello spazio mediano, da lui osservata in maggio e agosto 
pr. Cannes ec. 
La ab, $ Rubra ri a Stg, (fere tota rubra, al. strigis puntìsque nigri- 
cantibus), certamente s* incontrerà anche in Italia. 
Inornata Ew. — Suffusata Tr, — Estate — Cespugli, erbe ec. — Colli, m. 
Z, sett, 4 (Monte Nanos Mn.), Z. cent, 3 (Tose. Mn., Lantosca Mill.) 
Eur. cent. ec. — Larva su molte piante erbacee, 
Var. Deversaria H. S, (Alis multo distinctius strigatis et saepiua 
fasciatis). Cespugli di quercie (Wippacco, Tirolo mer. e Corsica, da 
Mann)". — Eur. mer. ec. 
Aversata L., iTò. 56. — L i v i d a t a Gn, — Da mag. a sett. — In tutta 
r Italia, piano, monti. 

Il tipo presenta una larga fascia media scura. 
La var. S p o 1 i a t a Stg, (A v e r s à r i a Hb, 38^) è da noi più comune 
del tipo. — Tutta l'Eur. (ec. reg. poi. e Andalus.), Asia min. 
Bruco s. Spart, scoparium, 
Gassandrata Mill. le. IIL 448. ~ Scoperta di recente da Millière a S. Mar- 
tino Lantosca. 
Emiirginata L, — Mag. giù. — Siepi, cespugli, boschi. — Piano, manti. 
Z, sett, 2, Z, cent, 3. — Bruco sui Galium Plantago e a. 
Eur. cent, e sett. (ecc. reg. poi.), Andalus., Corfù, Russ. mer. or., 
Aitai, Siberia. 
B. a. 
Immorata L. — Contaminata Se, — Luglio — Erbe folte, boschetti. — 
Monti, Alpi. 



Digitized by VjOOQIC 



— 123 — 

Z, sett f,y Z. cent. 3 (A. mar., A pennino]. 
Larva s. Calluna vulgaris e m. a. 

Eur. cent, e sett. (ecc. reg. poi. e Inghilt.], Russ. m. or., Asia 
min., Si ber. or. sett» 
Tessellaria B. — (Forse var. d. preced.) — Estate — Colline di Brà, rara. 
[Ghìliani). — Parte d. Germ. sett., Frane, m. or., Illìria, Russ. m. or. 
Bruco ignoto. 
Rubiginata Hfn. — Rubricata S, F. — Da «aggio a sett — Praterie, bo- 
schetti. — Piano, monti. 

Z. sett. 2, Z. cent. 2, Z. mer, 3, Z. ins. 3. 
Tutta TEur. (ecc. reg. bor. e Spagna], Asia ecc., Siberia. 
Bruco sui ConvolvuluSf timo e a. 
Turbidaria H. 8. — Italia (Duponcbel), Sardegna (Staudinger). 

Andalusia, Grecia, Asia occid. — Larva ignota ? 
Adjanetaria B. — - Lombardia (Dup.; Villa), Alto Nizzardo, fra erbe folte (MiH.) 
Marginepunctata Goze, — Immutata S, F. — r Da mag. a sett. — Boschi, 
pratiy rupi, piano, colli, monti. 

Frequente in quasi tutta l'Italia. — Eur. cent, e mer., Asia occid. 
Bruco 8. Artemisie e m. a. erbe. 
Luridata Z. — Falsarla H. S. 463. — • Prioc. e 6oe di estate — Tiroio merid.; 
lago di Garda — Contro alle rupi e mari; non rara. 

Il tipo incontrasi specialmente a Sarepta, Rodi, Siria e Armenia 
Var. ConBnaria H. 8. 315.-7 (pallidior, cinarescens), propria d ella 
Dalmazia e Grecia, si osserva anche lungo le rive del lago di Garda 
e in Sicilia, con forme transitorie alla : 
Var. Roman ari a MilL le. 406. 4-11, più piccola, con tinta più o 
meno rosee, raccolta da Milliére a Roma, ove ha tre apparizioni e 
la larva s'incontra s* Linaria cymbalaria. 

In Sicilia vennero pure catturati esemplari prossimi alla: A. 
Coenosaria Led, specie (o forse solo varietà d. Luridata) 
propria d. Grecia, Siria e Isola di Cipro. 
Snbmntata Tr. — Da mag. a sett. — Boschi, praterie, rupi. — Colli, monti. 
Z. sett. 3, Z. cent. 2, Z. mer. 3. — Bruco sui Dorycnium, timo e a. 
Frane, mer.. Spagna, Dalmazia, Grecia, Asia occid. 
Incanata L. — M u t a t a Jr. — Estate — Come la preced. — Piano, Alpi. 
Z, sett. 2, Z. cent. 3, Z. ins. 3. 
Parte d. Eur. cent., Ungh., Baie, Asia min. ec, Aitai. 
Bruco s. Dianthusy Leontodon e a. 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



124 — 



Fumata Stph. — Commutata Por, — - Estate — Praterie ec, Talli, Alpi. 

Z. seti. 4, Z. cent. 3 (Alpi mar. Mill.). 

Eur. sett. e parte d. cent., monti d. Frac, mer., Dalm., Ural., Aitai. 

La larva s'incontra sul Vacdnium myrtUlus, 
Rematazia Hb. 98, (? S p a t a e e a t a Se.) — Da mag. a agosto. — Praterie, 
cespugli. — Colli, Alpi. 

Z, sett, 3, Z, cent. 3 (Alpi mar.). 

Bruco s. Vida, Leontodon e m. a. 

Eur. cent, e sett. (ecc. reg. bor.), Ural. 
Pnnetata Tr. — Estale — Siepi, boschi, siti erbosi umidì. — Piano, Alpi. 

Z. sett. 3, Z. cent. 4. 

Larva s. Artemisie, Melilotus e a. 

Gorra, mer. or.. Frane, mer., Ungh. or., Ural., Asia min. 
Garicaria Reutti. — Nel Titolo merid., secondo Staudinger. — Bruco ignoto f 

Germ. mer, occ, Svizzera, Frane, mer. occ, Ungher., Russ. occ. 
Immutata I. — Sylvestraria Hh. 97. — Estate — Siepi, boschetti. — 
Piano, monti. 

Larva s. Achillee, Plantago e m. a. 

Eur. cent, e sett. (ecc, reg. poi.), Dalm., Ural, Asia min. T 
Strigarla Hb. 95. — Estale — Siepi, praterie ec. — Colli, Alpi. 

Z. sett. 3, ? Z. cent. (? Alpi mar.). 

Bruco s. Betulle. 

Eur. cent, e parte d. merid., Russia, Asia min. 
? Umbellaria Hb. — Sarebbe stata osservata n. Alpi d. Lombardia. 

È propria di parte d. Eur. cent., Turch. sett. or., Aitai, Amur. 

La larva divora le Vida, Polygonum e a. 
Strigilaria Hb. — Prataria B. — Da mag. a tutto sett. — Cespugli pra* 
terie. — Colli, monti. 

Z. sett. 2, Z. cent. 2, Z. mer. 4. 

Bruco s. moltissime piante erbacee. 

Eur. cent, ec. Frane, mer., Dalm., Russ. mer., Asia min. ec, Amur. 
Emutaria Hb. — Giugno poi agosto ^ Luoghi erbosi e contro alle rupi. — 
Colli, monti. 

Z. sett. 3, Z. cent. 3, Z. mer. 4, Z. ins. 4. 

Ingh., Frane mer.. Spagna, (Ungh., Dalm., Grecia, var. ?), Algeria. 

Bruco come il precedente. 
Imitarla Hb. — Da mag. a ott. -^ Siepi, boschi. — > Colli, monti. 

Z. sett. 3, Z. cent. 2, Z. mer. 2, Z. ins. 2. 



Digitized by VjOOQIC 



— 125 — 

Braco come il precedente. 

Germ. roer. occ, Eur. mer. oc, Asia min., Siria, Àrtneoìa, Aitai, 
b. 
Ornata Se. — Paludata L. — Primav. est. aot. — Siepi folti. — Piano, m. 
Gomunissima in totta l'Italia. 
Bruco s. Thym, serpillum. e m. a. 

Quasi tutta TEur. cent, e mer., Svezia, Livonia, Asia occ, Algeria. 
CSongmata Z. Isis 4847. ~ Scoperta da Zeller in siti erbosi e caldi n. dìnL 
di Siracusa. — (Palermo). — È forse solo var. più picc. d. seguente. 
Decorata S. V. — Primav. est. aut. — Siepi folte, pascoli. — Piano, monti. 
Z. seti. 2, Z. cent 2, Z. mer. (?), Z. ins, 2. 
Gran parte dell'Europa cent, e mer., Asia occid., Africa sett 
La larva vive sul Timo e m. a. erbe. 
La var. Ho n estata Mab. An. S. E. F. 4869. (flavescens}, è propria 
della Sardegna e Corsica. 



l 



Digitized by VjOOQIC 



— 126 — 

LA FLORA DELLE ALTICHE IN EUROPA 

di PIERO BA.RGAGLI 



[Continuaziane. — V. voi. X, pag. 43 e segr.J 

A]PHTaO]¥A Ghevbolat. 

A. GTparissiae Hoff. - nigirisctUis Fond. - nigriveniris AlL Aiiard, mon. p. 56. 

É la più grande delle specie di qnesto genere ed è comune sa varie specie 
dì Euphorhia specialmente mlVEupJiorbia cyparissias Linn. (Foudras). Kal- 
tenbach pnre afferma esser questa specie frequente sulla j&. ct/paWssfas Linn. 
in giugno, nei luoghi esposti al sole. Comune in tutta V Europa ed in Algeria 
(Mard). Trentino, Lombardia, Piemonte (Bertolini). 

A. laevigata IlUg, AUard, moD. p. 58. 

In luglio ed in agosto non è rara in Francia sulF Euphorbia gerar- 
diana Linn. (Foudras, Kaltenbach). Francia, Portogallo, Italia, Algeria, 
(^yiard). Corsica (Bertolini). 

A- latescens G^ll. AUard, mon. p. 59. 

Sembra comune a tutta Y Europa temperata. Kutschera Y ha presa sul 
Lì/fJirum saìicaria Linn. (Allard). Trentino, Lombardia (Bertolini). 

A. nlgrioeps Bedt. - Skula Foud. AUard, mon. p. 60. 

Piuttosto rara, ma trovasi sempre sull'Arancio, CUrus aurardium Linn., in 
Sicilia (Mina-Palumbo). Austria, Francia merid. Algeria (Allard, Foudras). 

A, uonstriata G-oe^e. - coeruìea Payk. AUard, mon. p. 6i. 

Kaltenbach riferisce le osservazioni di Bach e di Nordlinger. Questi la 
(lice propria dell' Jm pseudacorus Linn. e l' altro dei Pini di cui mangia le fo- 
glio. Bach nella sua Kàferfawna la indica come abitatrice della Germania del 
Noid e del centro e trovasi suU' Jm pseudacorus Linn. (Vasser-Schwert" 
Lille) (Kaltenbach). Dintorni di Livorno in luglio (Bargagli). In tutta l'Europa 
centrale (Allard). Trentino, Lombardia, Piemonte (Bertolini). 



Digitized by VjOOQIC 



~ 127 — 

A. eaphorbiae Schrank, - ovata Fond. Aiiard, mon. p. 63. « 

È solita abitare presso ai ruscelli specialmente svlV Eu^^Jiorhia selva- 
tica Linn. (Poudras). È anche comnnìssima sulF Euphorbia cì^panssias Lhuu 
e sopra altre specie affini (Kutschera). Fu trovata pure in luglio od in agosto 
sol Lino (Flachs) in tanta quantità che le capsule ne erano lettoralmento 
ricoperte. Essa produce danni col mangiare steli, foglie e frutti (Kaltenbach). 
Nel 1877 la raccolta del lino fu gravemente compromessa in alcuni luoghi 
della Sicilia a cagione dei danni di questa specie sviluppatasi in modo straor- 
dinario (Mina-Palumbo). 

Èu lierbigrada Cuti. - campanulae Bedt. AUard, mon. p. 67. 

Vive a spese della Campanula rotundifolia Linn. (Eedtembacher). Co- 
mune in tutta Europa (Allard). Trentino (Bertolini). 

A. violacea Koch, - pseudacori Poud. Aiiard, mon. p. 70. 

Abita i prati paludosi ed il margine dei fossi su varie piante, special- 
mente svlY Iris pseiidacorus Linn. in compagnia dell' -4. nonstriata Goe?je* 
(Poudras, Redtembacher). Oltre alle dette piante viene indicata anche V Eu- 
phorbia pàlustris Linn. come pianta nutrice di questa specie, cho sì conosce 
di Francia, di Inghilterra, di Germania e d'Austria (Allard). Tra gli autori 
che la indicano propria dell' Iris pseudacorus Linn. vi è pure il Kaltenbaeh 
che la trovò ai primi di giugno su questa pianta di cui stava maugiando le 
foglie, sulle quali produce delle solcature longitudinali e dritte i Kaltenbach). 
Nei dintorni di Firenze trovasi comunissima suU' Iris germanica Linn. Tra- 
sportata sulle foglie di Iris foetidissima Linn. non vi si propagò. E comune 
allo stato perfetto da marzo a novembre e talvolta anche pi^r tutto V anno 
(Bargagli). 

A. Paivana. Woll. Allard, mon. p. TS. 

Vive nelle Isole Canarie sulle foglie di diverse specie di Bfiphorbia spe- 
cialmente sopra la E. piscatoria Ait. e sull'^. Begis-Juhac Wobb. (Wol- 
laston, Allard). 

A. hilarls Steph. AUard, mon. p. 74. 

Vive in Francia in Germania ed in Austria, ed una varietà verde è stata 
trovata sulla Beta maritima Linn. (Beta vulgaris Moq. var. maritima Linn.) 
Inghilterra, Francia, Germania, Austria (Allard), Napoli (Bertolini)* 

A. Poupilleri Ali, Allard, mon. p. T5. 

In Algeria è stata osservata sopra V Euphorbia pubescms Vahl (Allard), 



1 






Digitized by VjOOQIC 



— 128 



IPaWMéEéOTHBTA Foudras. 



P. nodioomls Marsh. - antennata Eoch. - Aiiard, Abeiiie, 1866, p. 84. 

Forster, Allard, Kaltenbach confermano essere questa specie comune in 
estate sulla Reseda odorata Linn. coltivata, sulla^ual pianta io pure più volte 
la raccolsi fino dal marzo nei dintorni di Firenze (Bargagli). Europa centrale 
e meridionale, Algeria (Allard). Trentino, Lombardia, Sardegna (Bertolini). 

P, corrugata Beiche. - AUard, mon. p. 84. 

Alla fine di marzo presso Tolone sulla Beseda luteola Linn. (Grenier). 

P. aterrima Schrank. - atra Payk. - obscurella Ulig. - AHard, mon. p. 85. 
É comune per tutta V Europa. Si suol trovare nei prati e nei pascoli umidi 
su varie Crucifere (Foudras). In Inghilterra è comune e dannosa alla cultura 
delle Brassica (Curtis). Danneggia i Cavoli e le Radici degli orti (Goureau). 
Sulla Cochlearia armoracia Linn. in aprile e sui Cavoli in marzo nei din- 
torni di Firenze (Bargagli). In tutta V Italia (Bertolini). 

P. craciferae Goege, - poeciìoceras Comolli. - colorea Foudras. - brassi- 

Cae Fourcr. - Allard, mon. p. 85. 

Neir Europa centrale ò comune sulla Brassica oleracea Linn. (Allard). 
Comolli la dice propria della Cochlearia armoracia Linn. in Lombardia. Goureau 
indica, parlando di essa, la medesima pianta. Foudras afferma che ò comune 
nei giardini e lungo le strade sopra varie Crucifere e specialmente sul Sisyn^ 
brium murale Linn. e Redtembacher riferisce che Turk la trovò sulla Plantago 
major; Curtis, la dichiara di abitudini eguali alla P. nemorum; Bertolini 
la indica di Napoli e di Sicilia. 

P. punctulata Marsh. - aerea Ali. - AUard, mon. p. 86. 

In primavera sta sopra varie Crucifere dei campi e nel seguito dell'anno 
nei prati umidi (Foudras). La trovai a Livorno in luglio sopra varie Crucifere 
fra le quali il Baphanus landra Linn. (Bargagli). Europa centrale e meri- 
dionale (Allard). Gorizia, Napoli (Bertolini). 

P. nigripes Fab. - lepidii Koch. - Allard, mon. p. 88. 

Nei campi e nei giardini suol vivere a spese di varie Crucifere (Foudras). 



Digitized by VjOOQIC 



— 129 — 

Oonreau la annovera tra le specie nocive alle Brassica napus Linn. (navets) 
Raphanus sativus Linn. (radis) ed ai Tropeolum majus Linn. (capucine). 
Danneggia frequentemente in Sicilia anche la Maithiola incana B. Br. 
(Mina-Palumbo). Comune in tutta V Europa (Allard). Trentino, Lombardia, 
Piemonte (Bertolini). 

P. melaena Ulig, Allard, mon. p. 88. 

É un* altra delle specie particolari alle Crudfere e si conosce di Francia, 
di Inghilterra e di Spagna (Foudras, Allard). Danneggia la Brassica rapa 
Linn. secondo Curtis, e secondo Goureau molte delle Crucifere degli orti e dei 
giardini. Lombardia (Bertolini). 

P. armoraciae Koch, AUard, mon. p. 89. 

É indigena della maggior parte dell' Europa ed anche della Finlandia, ed 
è parasita della Cochlearia armoracia Linn. (Foudras, Allard). Trentino Lom- 
bardia, Piemonte (Bertolini, Letzner, Ealtenbach). 

P. ochripes Curt. - excisa Redt. - ftexuosa Oliv. Allard, mon. p. 91. 

Il Nasturtium amphibium Linn. delle paludi ò la sua pianta ospitante 
(Foudras). Io la trovai in stato di ibernazione sotto le scorze dei Platani alle 
Cascine di Firenze presso al torrente Mugnone dove è abbondante il N. offldr 
naie Linn. (Bargagli). Comune in Europa (Allard). Bertolini la annovera tra 
le specie d' Italia. 

P. bimaculata Allard, Aiiard, mon. p. 92. 

La larva secondo Perrìs è minatrice delle foglie di Nasturtium offici- 
nale Linn. Francia, nelle Lande, Sicilia, Algeria (Allard). 

P. nemorum Linn. AUard, mon. p. 92. 

È molto comune in quasi tutta T Europa, e gli autori concordano nel- 
r indicarla come propria a varie specie di Crucifere come Bapkanus, Bras- 
sica rapa Linn. Sinapis arvensis Linn. S. alba Linn. Capsella bursa pa- 
storis Linn. È sommamente nociva alle culture di Rape e talvolta anche a 
quelle di Barbabietole. Dai primi di aprile si veggono passeggiare sui cotile- 
doni e sulle prime foglif^ delle Radici e dei Cavoli che esse mangiano, (Foudras). 
Passa r inverno in torpore allo stato d' insetto perfetto sotto le scorze, sotto 
le foglie cadute, nei cespugli e negli steli vuoti. Esce talvolta nei giorni più 
caldi. In primavera lascia definitivamente i su^l nascondigli contentandosi di 
starsene in luoghi caldi a soleggiare. In maggio incomincia i suoi danni. Sì 
hanno esem pi nei quali, dopo di aver distrutto le culture di Brassica oleracea Linn., 

Ann. X. 9 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



— 130 - 



si gettò sa quelle di Humulus luppuìus Lino. Qaando la Brassica rapa Linn. 
è già completamente cresciuta sembra che sìa abbandonata da questa specie 
che sceglie altre piante affini. I principali danni sono prodotti dair insetto 
perfetto che divora i cotiledoni e poi le giovani foglie nelle quali fa dei pic- 
coli fori che divengono sempre più larghi col crescere della foglia. Il suo 
salto è 216 volte la propria lunghezza (Curtis). Si suggeriscono diversi rimedi 
contro ai suoi danni, come il preparare il concime con sostanze ad essa nocive 
ovvero V arare il terreno una quindicina di giorni prima della sementa delle 
rape. Il seminar fitto e concimare molto, producondo il rapido accrescersi delle 
pianticelle, sono suggeribili ottenendo inoltre con questo che V ammoniaca e le 
fermentazioni del concime nuocciano air insetto. Yien consigliato pure di spar- 
gere la calce in tempo asciutto non risentendone danno le piante. Si suggerisce 
inoltre di far guerra alla Erysimum alliaria (Sysimbrium alliaria Scop.) 
ed alla Cardamine pratensis Linn. le quali essendo più precoci delle Rape 
nutriscono i progenitori del detto insetto. Collo zappare e rullare la terra se 
ne uccideranno pure molti. È stato anche indicato il nitrato di soda misto a 
cenere e sparso due o tre giorni dopo la sementa. In Hannover si è osservato 
che la polvere di strada sparsa sulle Rape, di notte, prima che cada la rugiada 
mette in fuga V insetto. M'. Dickson riuscì neir intento col mescolare polvere 
di strada, fuliggine e guano e spargerli nei filari. Si può sostituire zolfo al 
guano (Curtis). Per liberarsi dalle Altiche Goureau propone la segatura im- 
pregnata di catrame (goudron) in proporzione di 100 kilog. di segatura e 
2 kilog. di catrame ben mischiati e sparsi nelle semente (Goureau). Si conosce 
di Inghilterra, Svezia, Francia, Germania, Tirolo, Spagna, Portogallo, Russia 
meridionale (AUard). Trentino, Lombardia, Piemonte (Bertolini). 

LARVA. — Curtis, Farm insecte, Poudras mon. p. tMO. — Kaltenbach, Fflanzenreinde 
p. 24. — ChHpuis et Candez. Cat. des larves des Col. p. 607. — 
Lekeux, Trans, of. Ent. Soc. 1837, t. II, p. 24, f. 2. — Westwood, 
lotr. to mod. Class. 1839, t. 1, p. 383, f. 47. — AUard, Abeille 1866, 
mon. p. 3. 

Appena nate mangiano il parenchima sotto Y epidermide della pagina in- 
feriore (Curtis). Esse vivono nel!' interno delle foglie delle piante Cruci fere 
{Tetradynamiae Linn.) che esse scavano al modo di quei Microlepidotteri che 
Reamur ha chiamato minatori di foglie. (Foudras). In sei giorni sono ben 
nutrite e si incrisalidano a due o tre pollici dentro terra presso alla radice 
(Curtis). Eestano in questo stato per una quindicina di giorni, dopo di che 
r insetto perfetto esce e si affretta a rampicare o volare su quelle piante 
che più gli convengano. « Le larve hanno dodici anelli ornati di tubercoli di 
< sopra e di sotto, poco elevati e che a prima vista iyoro colore bruno può far 



Digitized by VjOOQIC 



■ 1 ■ "'"■ V:-'^'.'v 



— 131 — 

i considerare come semplici macchie. Il primo anello non ha tubercoli, è più 
« stretto degli altri, bruno di sopra, coi lati o la parte anteriore marginata più 
« meno di giallo verdastro; è diviso da una linea piccola, longitudinale, traspa- 
« rente. Gli altri anelli sono egualmente di un giallo verdastro; il decimo ed 
« il terzo portano al di sopra dieci tubercoli, dei quali due trasversali, allungati, 
« due laterali, semilunati e due intermedi, piccoli ed arrotondati. L'ultimo anello 
« è di un color bruno pallido, liscio, ed ha di sotto un tubercolo che serve 
« d' appoggio. Tutti gli altri hanno di sopra due linee trasversali ed assai re- 
« golari di piccoli tubercoli bruni dei quali quello centrale è il più allungato. Di 
« sotto i tre primi anelli si distinguono con una macchia tubercolosa assai grande. 

< Gli altri hanno sul davanti un tubercolo allungato ed una linea posteriore di 
« quattro tubercoli arrotondati. La tosta è orbiculare, compressa di sopra, tutta 
« nera e divisa da un solco longitudinale (il rimanento della descrizione è con- 

< forme a quella delF Baltica oleracea\ (Foudras). > Ealtonbach fa conoscere 
che questa larva ò minatrice delle foglie di Capsella bursa pastoris Linn. ed 
anche di quelle di JBrassica rapa Linn., vivendo da cinque ad otto larve 
in una foglia. Furon trovati anche nella Lyeopis arvensis Linn. Per tra- 
sformarsi, la larva abbandona la sua gallerìa ed entra in torra. Lo sviluppo 
degli insetti ha luogo in luglio (Ealtonbach). 

uovo. — Curtia, Farm Insects. 

Dopo r accoppiamento, che ha luogo in tutto T intervallo dalF aprile al 
settembre, la ? depone giornalmente un uovo nella pagina inferiore delle Rape, 
e questo ò del colore della foglia medesima. Le uova si schiudono dopo dieci 
dodici giorni (Curtis). 

P. vittnla Redt, - flexuosa Var. 1 Illìg. - nasturtii Panz. Aiiard, mon. p. 93. 

In tutta r Europa è comune nei luoghi umidi. In maggio è copiosa sul 

Nasturtium amphibium R. Br. (Foudras). Sulle medesime piante della precedente 

e insieme ad essa. Francia, Austria, Germania (Àllard). Trentino (Bertolini). 

P. andulata Kutsch. Allard, mon. p. 93. 

Comune a Parigi sulla Brassica Chinensis Linn. (Allard). Io la trovai sul 
Lepidium dràba Linn. e sul L, graminifolium Linn. in fiore nei dintorni di 
Firenze in giugno. In giugno la raccolsi pure sulle erbe presso Arcidosso sul 
Monte Amiata. Sta pure spesso ibernante sotto le scorze dei Platanus orien- 
taìis Linn. a Firenze alle Cascine (Bargagli). Trentino (Bertolini). 

P. flexuosa Ulig, - tetrastigma Comolli. AUard, mon. p. 95. 

In Svizzera, secondo narra Foudras, fu osservata da Guillebeau su piante 



Digitized by 



Goo 



f 



— 132 — 

a^natiche e presso Lione nei prati nmidi e Kaltenbach la dice parassita della 
Car damine amara Linn. e della Cochlearia armoracia Linn. Francia, Italia, 
Dalmazia, Austria, Svizzera (Allard). Trentino, Gorizia, Piemonte (Bertolini). 

P. e^clamatioiiis Thuwb. - brassicae Fab. - Ar-pustulata GjlL AUard, 

mou. p* 96« 

Secondo Panzer e Kaltenbach vive sai Cynoglossum officinale Linn. 
Francia, Inghilterra, Germania, Austria (Allard). Tirolo merid. Piemonte e 
Iiotnbardia (Bertolini). 

p. variipeniiiB Boield. - variane. Fond. Allard, mon. p. 96. • 

In maggio e giugno Mnlsant la osservò in Provenza ed in Lingnadoca. 
£ comune a Hjòres sul Dìplotaxis muralis De Cand. e sul 1), tenuifolia De 
Cand. (Foadras). Francia merid., Nizza (Allard). Toscana, Sardegna (Bertolini). 



CMAETOCIVEMA 

^Meeir99eeMi9 Eedtemb. 

C* semicoerulea KlUsch. Allard^ mon. p. 109. 

Nella Francia meridionale ed in Germania vive sui Salix (Foudras). 
Trentino, Lombardia, Gorizia (Bertolini). 

C. concinna Marsh, Allard, mon. p. 109. 

Inftista il Luppolo, le Ortiche e le Rape in Inghilterra e nel Sud della 
Scozia in primavera ed estate (Cortis, Taschenberg, Kaltenbach). In tutta 
V Europa ed in Algeria (Allard). Trentino, Lombardia, Gorizia (Berto^Jni). 

C tibia! La lllig. Allard, mon. p. 110. 

Nuoce alle culture di Beta vulgaris Linn. verso la fine d' aprile distrug- 
gendone i cotiledoni (Perris). Vive anche snW Atriplex potuta Linn. dove io 
la trovai m agosto nelle isole della Laguna veneta. In luglio presso Livorno 
(Bargagll), Francia meridionale, Italia, Sicilia, Spagna (Allard). Istria, Veneto, 
Sicilia (JtSi^rtolini). 

C. Sahlbergii Gytl Allard, mon. p. 116. 

Abita ì luoghi paludosi e trovasi tutto l'anno su varie specie di Juncus 
(Foudras). Tutta V Europa (Allard). Trentino, Lombardia (Bertolini). 



Digitized by VjOOQIC 



— 133 — 

BATOM^aMMéA Foudsàs. 

B. aerata Marsh. Aiiard, moD. p. 103. 

In Inghilterra, al nord della Francia ed in Svizzera è specie indigena; 
Bey la raccolse nei monti del Beanjoleais in quantità snl Bubus tomentosus 
Willd. (Fondras). Europa centrale, meridionale, Algeria, (Allard), Sardegna 
(Bertolini). 

B. pubi Payk. Allard, mon. p. 104. 

Trovasi nel nord della Francia e della Germania sulle foglie dei Buòne 
idaeus Linn., B. caesius Linn., B. frutkoms Linn., Fragaria vesca Linn. 
ed altre (Foudras). Nord d' Europa, Francia, Inghilterra, Germania (Allard). 
Trentino (Bertolini). 

MNEO^UMMéA Stephens. 

M. mnscomm Koch, Allard, mon. p. 127. 

Per tutta T estate e parte delF autunno trovasi nel monti e specialmente 
nei boschi esposti al Nord e sta sempre nascosta nei muschi specialmente nei 
ciuffi di JSypnum loreum Linn. e K triquetrum Linn. Io pure la trovai in 
luglio suU'Apennino casentinese nei muschi (Bargagli). Trentino, Gorizia 
(Bertolini). 

LARVA. — Kaltenbacb, Fflanzenfeinde p. 479. 

É minatrice delle foglie di Plantago lanceolata Linn. P. media Linn. 
Teucrium scorodonia Linn. e Digitalis purpurea Linn. in giugno. Le gallerie 
nella pagina superiore sono larghe, nn poco tortuose e proporzionatamente corte. 

La larva è lunga 1°»" - 1 Vx""» giallo ranciata; la testa, il primo segmento 
toracico e le sei zampe toraciche neri. Di sopra è pianeggiante, glabra, rugosa, 
ed ha i lati in forma di varice. Le metamorfosi hanno luogo in terra e lo svi- 
luppo degli insetti circa a tre settimane dopo (Kaltenbach). 

nVPJVOPHMMéA FouDBÀS. 

H. impuncticollis AlL - Caricis Foud. Allard, mon. p. 126. 

Trovasi nei boschi di montagna nei muschi e specialmente negli JSypnum 
loreum Linn. e H, triquetrum Linn. e quasi sempre in compagnia della pre- 
cedente (Fondras). Francia, Alti Pirenei, Mont Pilat, Monti d'Alvemia (Allard). 
Piemonte (Bertolini). 



Digitized by VjOOQIC 



— 134 — 

AM^TEnOFE^A Ohsyu. 

A. QTbfcalata Marsh. - dlialta Oliv. - grammis Koch. Aiiard, mon. p. 123. 

Trovasi in tatto V anno nei boschi e nei pascoli ombrosi, tra le erbe e 
sempre salk Graminacee (Allard). Lombardia, Gorizia (Bertolini). 

A. globosa Xlìig. - majuscula Fond. Aiiard, mon. p. 124. 

È dannosa alle culture del Colza secondo Laboulbène. Francia, Svizzera, 
Germania (Allard). Lombardia (Bertolini). 

mEOMéMA Latbeille. 

D« femoralis Bedt. Allard, mon. p. 252. 

Allard cita la Salvia pratensis Linn. come pianta ospitante a Parigi. 

Kutacliera ed Heeger indicano inoltre la S. sylvestris Linn. e la S. austriaca 

Linn. i:x Austria. Vive pure in tutta la Germania, in Spagna, in Portogallo 

ed in Algeria (Allard). Trentino, Gorizia, Piemonte, Toscana (Bertolini). 

LARVA. — Heeger, Sitzungsb. Ak. Wlen. 1858, p. 100. Frauenfeld, Ver. Zool. Bot. 
Ver. Wien. XIV, p. 692. 

Heeger, nel dare maggiori dettagli, aggiunge che tanto la larva quanto 
r insetto perfetto vivono sulla S. pratensis Linn. {Wicsen-Salbei) e sulla 
S, austriaca Linn. {Dracocephalum austriacum Linn.) ? La prima è minatrice 
ddlG foglie, r altro mangia la pagina superiore delle medesime. 

In agosto le larve della seconda generazione entrano nel terreno dove 
rimangono fino all' aprile del venturo anno e si sviluppano nel seguente mag- 
gio. Pia larve insieme scavano gallerie dentro la medesima foglia, che ordi- 
nariamente vuotano nella metà superiore e che fanno seccare. Ai primi di 
luglio compariscono gli insetti della prima generazione (Heeger, Kaltenbach). 

D. rogulosa Bedt Allard, mon. p. 253. 

È propria della Salvia sylvestris Linn. e trovasi in Francia e più co- 
munemente in Germania ed in Russia. (Allard). 

LARVA. — Frauenfeld, Verh. Zool. Bot. Ver. Vien XIV, p. 692. 

i< È minatrice delle foglie di Salvia sylvestris Linn. la cui ispida e grossa 
« cuticola e ì' irregolare distruzione del parenchima rendono difficile il trovare 
« nella foglia la dimora della larva. A mezzo luglio la larva che ha raggiunto 
« il suo accrescimento normale, è piuttosto di larghezza uniforme, ha 5."" di 
« lunghezza ed 1."™ 3 di larghezza, meno piatta che quella di Argopus, e di un 



Digitized by VjOOQIC 



— 135 — 

€ bianco sporco. I segmenti del corpo sono, per la presenza di nna specie di 
« appendice ai lati come negli Argopus, egualmente molto distinti Tono dal- 
« r altro e con poca strozzatura. La testa piccola ha palpi ed organi della bocc^ 
« di nn bruno marcato ed il primo anello porta sul dorso uno scudo bruno in- 
€ tersecato da una linea chiara longitudinale. Nel disotto una macchia nerastra 

< della larghezza della testa scorre dal margine anteriore delP anello fino al 

< margine posteriore. I sei piedi ad uncino, molto neri in causa della lineetta 

< nera che trovasi al disopra di essi, mostrano la stessa figura a forma di > 
« come la larva di Argopus, Il segmento anale ò a cono ottuso-rotondato senza 
« segni particolari. » Dopo 14 giorni Frauenfeld ottenne gli insetti perfetti 
(Frauenfeld). 

D. cryptocephala Koch. Aiiard, mou. p. 255. 

Vive sulla Salvia pratensis Linn. secondo Letzner (Kaltenbach). Secondo 
Kutschera suU' Adonis vernalìs Linn. Trovasi comune in Francia ed in Ger- 
mania (AUard). Trentino (Bertolini). 

D. Schillingii Letzn, - punctillata Foud. AUard, mon. p. 256. 

È comune secondo Kutschera a Vienna sulla Salvia pratensis Linn. Tro- 
vasi anche in Silesia e nella Kussia meridionale (Schilling, Allard). 

D. timida Ulig. - eryngii Bach. Anard, mon. p. 257. 

È propria dei pascoli aridi ; sui margini delle strade rurali esposte al sole 
sembra ricercare V Agrimonia eupatorium Linn. sulla quale Foudras dice di 
averla sempre trovata. Presso Parigi vive anche sopra V Eryngium campe- 
nte Linn. Trovasi in Germania, Austria, in Spagna, ed in Algeria (Allard). 
H dott. Bach osservò il medesimo insetto sulV Eryngium alla fine di giugno 
presso Boppard. In Turingia i signori Kelhner, Strùbing e Mùller la tro- 
varono sulla medesima pianta (Kaltenbach). 

D. Cynoglossi Koch, Allard, mon. p. 259. 

Questa specie secondo Foudras vive sul Cynoglossum officinale Linn., e 
in Austria secondo Kutschera, sulla Stachys recta Linn. Trovasi in Francia, 
in Svizzera ed in Germania (Foudras). Trentino e Lombardia (Bertolini). 

SPaAEHOnWinMA Stephens. 

S. cardai Gyll, Allard, mon. p. 79. 

Gyllenhal, al dire di Kaltenbach, trovò che questa specie in Svezia vive 
sul Cirsium lanceolatum Scop. e dice che in Germania probabilmente mangia 



Digitized by VjOOQIC 




mM ' 






— iso- 
la medesima pianta. Secondo Fondras essa mangia varie specie di Cardi 
specialmente il Carduus nutans Linn. Io ne osservai gli insetti perfetti fre- 
quentissimi sopra le foglie dei Carciofi delle qnali si nutrono e per mangiarle 
più facilmente incominciano dal denudarle dalla loro lanugine che rac- 
colgono tutta da un solo lato delle piccole areiche essi cosi yì determinano 
e che hanno per lo più la forma di strisce longitudinali od oblique di un verde 
più scuro. Le osservai pure nei dintorni di Arcidosso sul Monte Amiata in 
giugno ed a Viareggio in luglio sui Cardi (Bargagli). Francia, Inghilterra, 
Germania (AUard). Tutta Italia (Bertolini). 

LARVA. — Perris, Soc. Ent. Fr. IffTS, 

Perris le indica come minatrici delle foglie di Carciofi e di Cirsium 
arvense Scop. 

S. testacea Fab. Allard, mon. p. 80. 

È Comune sopra varie specie di Carduus e di Centaurea (Foudras). In 
primavera ed in estate vive sui Carduus nuians Linn., Cirsium lan^eoìa- 
tum Scop., C. oìeraceum Scop., C, arvense Scop. e Centaurea jacea Linn. le 
cui foglie radicali essa mangia superiormente (Kaltenbach). Io la osservai in 
agosto sotto le foglie radicali che riposavano sul terreno sabbioso presso varie 
specie di piante come Verhascum^ Atriplex oc. nelle Isole Venete (Bargagli). 
Francia, Germania, Austria, Spagna, Sicilia, Caucaso (AUard). Tutta Italia 
(Bertolini). 

LARVA. — Kaltenbach, Fflanzenfeinde p. 973. 

Kaltenbach la scoprì dentro gallerie da essa scavate nelle foglie delle 
piante suddette, ma non giunse ad ottenerne T allevamento. Essa rasso- 
miglia alla larva gialla dell' Apteropeda ciliata 01. (1) trovata da Ini nelle 
Pianfago e nei Theucrium, « È lunga 2™™, giallastra, glabra, quasi cilindrica; la 

< testa piccola è piatta, bruna, lucente. Il primo segmento toracico ha sfumatura 
€ brunastra, ed il secondo ed il terzo hanno al disopra otto macchio brune, due 
« sul margine anteriore, sei un poco più vicine al margine posteriore, e formano 
« serie trasversali ravvicinate tra loro a tre. I segmenti dell' addome sono del 
« tutto lisci ed un po' appianati; sopra ciascun segmento si notano due fossette 

< laterali. Le sei zampe toraciche sono corte e bruniccie, i piedi addominali man- 
« cano. La metamorfosi avviene nel terreno (Kaltenbach). » 



(1) Credo abbia volato dire della Mniophila muicorum non trovandosi descritta la 
larva di quella specie. 



Digitized by VjOOQIC 



— 137 — 

Ane^OM^WJS FiscHEfi. 
MMichearo9Ì9 Foadras. 

A. Ahrensi Germ. - hemisphaericus Eedt. 

L' insetto perfetto trovasi nei giardini sulla Clematis maritima Linn. {C, 
flammula Linn. Var. maritima De Cand.), e sulla Clematis recta Linn. spon- 
tanea, che è la pianta del suo naturale nutrimento. Merita di essere ricordato 
che questo insetto non attacca punto la C, vitalba Linn. poiché Prauenfeld 
ebbe luogo di osservare che, mentre le foglie della Clematis recta Linn. erano 
già corrose da una gran quantità di larve, delle quali molte avevano appena 
raggiunto la metà dello sviluppo e non trovavano altro cibo, le foglie della 
C. vitalba Linn. che erano frammiste air altra pianta non erano punto lese 
(Prauenfeld). 

LARVA. — Frauenfeld, Verh. Zool. Bot. Ver. Wien XIV, p. 686. - Kaltenbach, 
PflanzeQfeinde, p. 1. — Heeger, Hammerschmidt De gallarum ortu. 

« A ciascuno dei sei piedi ad uncino si trova una carena orlata di giallo 
« e siccome anche Y articolo basale dei piedi ha una simile linea fissa, si forma 
« così a ciascuno di questi un disegno a forma di > coir apertura all' infuori. 
« I segmenti, dal 4° fino all' ultimo, portano ai lati un' appendice ben più 
« grande di quella segnata nella figura data da Heeger e su quella non si ri- 
« scontra alcun pelo. Frauenfeld narra inoltre che alcune di queste larve si 
nascosero in terra in luglio e nel settembre non eransi ancora sviluppate. 
Heeger afferma essere anche questa larva minatrice di foglie e che quando 
tre quattro di esse abitano insieme la stessa foglia la fanno cadere. Anche 
Hammerschmidt diceva che la larva vive subcutanea nella foglia di Cle- 
matis maritima Linn. e che s' incrisalida dentro un bozzoletto di terra. Li 
tre settimane diviene insetto perfetto. 

FSVE,MéMODES Latreille. 

P. chrysocephala Linn, - napi Fab. Aiiard, mon. p. 273. 

É infesta a molte specie di Crucifere in tutta l'Europa segnatamente 
alle Crucifere invernali, allo Brassica napus Linn., JB, oleracea Linn., B, 
rapa Linn., al Baphanus sativus ed anche ad alcune appartenenti ad altre 
famiglie come al Thalictrum majus Linn. ed a qualche Chrysanthemum 
al dire di Gyllenhal, Panzer, Helwig, Kunze, Taschenberg, Laboulbène* 



Digitized by VjOOQIC 



— 138 ~ 

Foudras, Allard, Brehm, ec. Dintorni di Firenze in maggio (Bargagli). Tntta 
Italia (Bertolini). 

LARVA. — Kollar, Verh. Zool. Bot. Wien. 1^, p. 29. — Taschenbergr, aekrónte 
preisschrift. 1865-69. — Brehm, La vita degli animali, traduz. ita- 
liana p. 1*70. 

Al principio della primavera, quando le piante di Brassica oleracea Linn. 
cominciano a dare indizio di vita, se ne osservano alcune il cai stelo ancora 
corto e le foglie sono di un color bruno invece che verde; oppure laddove 
lo stelo principale viene suddiviso in diramazioni rudimentali, il mazzetto 
delle foglioline appare ugualmente di color bruno. Un' ispezione più accurata 
permette di vedere nello stelo o neir intemo della radice, delle larve che va- 
riano da un millimetro e mezzo in lunghezza sino a cinque circa, e che stanno 
riunite in numero di sei al piò. Alcune settimane dopo, quando i fiorì sono 
caduti e le sìlique promettono un abbondante raccolta, si trovano le medesime 
larve, più grosse, salite in su negli steli ricurvi i quali si aumentano per 
tal modo da dare al campo Y aspetto melanconico che avrebbe se fosse stato 
senza riguardo calpestato da uomini o da bestiame. Le larve divorando il 
midollo di tali steli li rendono incapaci di resistere al vento. In certi luoghi, 
specialmente sotto i rami, si vedono anche dei buchi dai quali sono uscite per 
trasformarsi in ninfa. < La larva è di un bianco sudicio, debolmente depressa, 

< con sei zampe, corneo il capo ed il clipeo i quali sono bruni come V articolo 

< anale armato di due spine, obliquamente abbassato e tondeggiante sul margine 
« posteriore. Un color bruno chiaro si presenta sulle macchie cornee che sono 

< sparse in fila sugli articoli intermedi del corpo. Si distinguono chiaramente 
« sulla testa brevi antenne coniche e talora un occhio. Adulta la larva misura 
« circa 7 millimetri; lascia allora lo stelo e si reca in terra ove si trasforma 
« senza allestirsi un bozzolo. Verso la metà di maggio appare il coleottero che 
« trovasi sulle più diverse piante e non soltanto su quelle che producono silique. » 

uovo. — Brehm, La vita degli animali, traduz. it. p. ITO. 

Quando il seme delle piante oleose è germogliato, i coleotteri sud- 
detti vi si adagiano per mangiarlo e per deporvi le uova, la qual faccenda 
dura intiere settimane poiché le differenze di mole della larva dopo lo sver- 
namento provano il grande intervallo corso dall' uno all' altro giorno di na- 
scita. Dopo circa 14 giorni sbuca la larva che rosica la costola centrale e si 
introduce di li più addentro nella giovine pianta. H coleottero, compiuto il 
suo ufficio muore prima deir inverno e non se ne trova uno solo nei ripostigli 
soliti. 



Digitized by VjOOQIC 



— 139 — 

P. rapae Illig. - nqpi Hoffm. Aiiard, mon. p. 277. 

Yiye in tutta l' Europa e sta nei prati paludosi e nel luoghi ombreggiati 

sulle varie specie di Sinapis, di Brasska e sulla Barharea vulgaris B. Una 

varietà bronzina e rameata è stata raccolta in agosto in Francia, alla Grande 

Chartreuse, sulla Lunaria rediviva Linn. (Foudras, Allard, Kutschera). Io la 

trovai sul Monte Amìata in giugno presso Arcidosso sul Nasturtium offlcir 

naie B. Br. in fiore (Bargagli). In tutta V Italia (Bertolini). 

LARVA. — Goureau, Soc. Ent. Fr. Ber. IV. 668. Guerin MenevIUe, Encyclopedie 
d'Agriculture (Altise). 

Goureau descrive in questo modo la maniera di vivere di certe larve che 
trovò nel Crescione e che egli riferisce a questa stessa specie. 

« La larva, egli dice, è filiforme, cilindrica, lunga 6 mill. por % o ^ di 

< mill. di diametro quando ha raggiunto le sue massime dimensioni. La testa ò 
« nera, lucente, colla faccia depressa ed un poco rientrante nel mezzo; è armata 

< di due mandibule nere e provveduta di due piccole antenne coniche di 3 ar- 
« ticoli. Il primo segmento del corpo ha uno scudo nerastro, quasi cancellato, 
« e r ultimo, più lungo dei precedenti, è terminato da due uncinetti squamosi, 
« curvi di sopra; di sotto vi si scorge un tubercolo retrattile che fa V uflScio di 
« zampa. Le sei zampe toraciche sono bianche, con una tinta nerastra airestre- 

< mìtà. Questa larva dopo che ha terminato di crescere, nei primi giorni di 
« luglio, esce dai gambi di crescione e cerca di raggiungere la terra per cam- 
« biarvisi in ninfa, ciò che essa fa col passare da una pianta air altra col suo 

< modo di camminare ordinario. Ma se una pianta è separata dalla sua vicina 
« da un piccolo spazio d'acqua essa si drizza sulla sua parte posteriore, ap- 
« poggiandosi sul tubercolo anale e sugli uncinetti, poi, rendendo rigido tutto 
« il suo corpo, si slancia per cadere sulla pianta vicina. Sembra che il tu- 
« bercelo anale compia V ufficio di coppetta o ventosa e che gli uncinetti del- 
« r ultimo segmento servano ad eseguire il salto. Le larve essendo entrate in 
« terra vi si cambiano in ninfe e gli insetti perfetti cominciano a svilupparsi 
« verso il 9 di luglio (Goureau). » 

P, thlaspis Foudr. - fusiformis Eedt. Aiiard, mon. p. 281. 

Intorno a Lione vive sul Thlaspi campestre Linn., ed in Austria pure è 

ospitata dalle medesima specie vegetale (Foudras, Allard). Sicilia, Sardegna 

(Bertolini). 

P. capronitens Fóors. - var. herhacea Foud. AUard, mon. p. 283. 

Dintorni di Firenze in giugno ; in agosto nelle isole venete viveva sulle 
foglie di Atriplex patula Linn. (Bargagli). Italia superiore (Bertolini). 



Digitized by VjOOQIC 



— 140 — 

F. Instabilis Foud, Allard, mon. p. 288. 

In primavera nel mezzogiorno della Francia vive snir Iberis pinnata Lino. 
(Foadras). In Austria salF Erysimum ckeirantkus Linn. {KtUschertiy Allard). 
Napoli (Bertolini). 

P- attenuata Koch. AUard, mon. p. 290. 

In ogni stagione è comune sulla Cannabis saliva Linn. e suir Humulus 
luppulus Linn. (Foudras). Ai primi di maggio, quando la canapa è alta da 
Q.'^OS a 0,"10, le foglie vengono forate da quest' insetto e, se V accrescimento 
della pianta non ò sollecito, questa facilmente perisce. L* insetto vi dimora fino 
al tempo della raccolta ma non è dannoso che in principio (Goureau). Io la 
trovai pure nella canapa sul Monte Amiata presso Castel del Piano dove era 
abbondantissima e le foglie portavano le traccio dei danni suoi (Bargaglì). 
Francia, Inghilterra, Germania, Austria (Allard). Trentino, Piemonte (Bertolini). 

T. nacea Illig, Allard, mon. p. 291. 

Fu da Foudras osservata presso Lione e nelle Isole del Bedano sopra 
varie specie di Thalidrum, Francia, Spagna, Portogallo (Allard). Sicilia 
(Bertolini). 

P. marcida Illig, - operosa Foud. Allard, mon. p. 293. 

Sulle coste marittime in Francia vive sulla KaTcile marittima Scop. come 
pure in Algeria (Allard, Aubé e Leprieur). Io la osservai comunissima a 
Viareggio sulla medesima pianta e forse eventualmente anche sulla EuphorUa 
ckaracias Linn. (Bargagli) Francia, Inghilterra, Portogallo, Algeria (Allard). 
Sicilia (Bertolini). 

Yar. cyanoptera BedL - Da me fu trovata una sola volta in giugno sn 
piante palustri presso Firenze (Bargagli). 

P. afUnis PayJc, - atridlla Panz. Allard, mon. p. 294. 

È notevole come molti autori concordino nel dir propria delle Sola- 
nacee in tutta T Europa questa specie, come del Solarium dulcamara Linn. 
% d* altre secondo Foudras; del S, dulcamara e del S. tuberosum Linn. se- 
condo Curtis e del S. dulcamara Linn. e raramente del S, nigrum Linn. 
secondo Kaltenbach. Il sig. Bandi di Selve la riscontrò nelle Alpi Piemontesi 
dannosa al Solanum tuberosum massime in esposizioni non molto soleggiate 
ed in prossimità dei boschi. Né osservò le larve e gli insetti perfetti, per i cui 
danni le piante non sviluppavano tuberi o questi rimanevano piccolissimi. 
Gyllenhal dice averla trovata sul* Lathyrus heterophyllus Linn. Il Curtis 



Digitized by VjOOQIC 



— 141 — 

riferisce come questa specie comparve verso la metà di giugno salle foglie di 
Patate e per tutto V agosto su quelle del Solanum nigrum Linn. Tutta Italia 
(Bertolini). 

P. circnmdata Bedt. Allard, mon. p. 299. 

Danneggiava i fiori e le foglie di Cochlearia armoracìc^ Linn. coltivata 
in Firenze di maggio, crivellandoli di minutissimi fori (Bargagli). Francia 
meridionale, Germania, Dalmazia, Grecia (AUard). Tirolo meridionale, Corsica 
(Bertolini). 

P. mfilabris JSoffm, - picipes Redt. Aliard, mon. p. 297. 

Comune nelle pendici aride di Nimes in maggio e giugno sulla Biscth 
iella ambigua Linn. (Foudras). Letzner la osservò sull' Echium vulgate Linn. 
(Natterkopi) in Silesia. (Kaltenbach). Nimes, Brest, Berlino (AUard). Tirolo 
merid. (Bertolini). 

P. pallidipennis Bosenh. - marcida Foud. AUard, mon. p. doi. 

Nel mezzogiorno della Francia trovasi in maggio ed in giugno sulla 
Anthemis maritima Linn. (Foudras). 

P. dulcamaraé Koch. AUard, mon. p. S08. 

Vive sul Solanum dulcamara Linn., al dire di Foudras, di Goureau e di 
Laboulbène. A me avvenne di osservarne un solo individuo sulla Parietaria 
officinans Linn. dove forse trovavasi eventualmente (Bargagli). Andalusia, 
Algeria (Aliard). Trentino, Lombardia (Bertolini). 

LARVA. — Gòurcau, Soc, Ent. Fr. 1866, p. 169. 

€ È bianca, cilindrica, filiforme, lunga 5 millimetri circa, nn poco meno 
« anrora di quella della P. napi La testa è arrotondata, un poco depressa, leg- 
€ gormf-nte biloba di sopra, di un color fulvo pallido, fornita di due mandibole 
« nerastre, tridentate, e di due picc(»le antenne coniche, minute, cortissime. Il 
« primo segmonto del corpo è debolmente fulvo di sopra. Le sei zampe toraciche 
€ sono bianche, macchiate di bruno. Ciò che ha di notevole questa larva, è il 
€ suo ultimo sf^gmento, che ha di sopra uno scudo o disco squamoso, nero come 
« goccia d* inchiostro, di cui i margini laterali e posteriori son rilevati. Il di 
« sotto di questo ultimo spgmento è fornito di un tubercolo anale, retrattile. 
€ Qnpsta larva non rimane a lungo in terra, giacché da dei rami di Dulcamara 
« raccolti il 23 di giugno si sono sviluppate le Altiche il 14 luglio; subisce le 
« metamorfosi in terra (Goureau). » 



Digitized by VjOOQIC 



pfs^pp^' 



H^i 



— 142 — 

P. chalcomera HUg, Aiiard, mon. p. d04. 

Ha per pianta natrice il Carduus nutans Linn. e specie affini di In- 
gilterra, in Germania, in Svizzera, nel centro della Francia e nel Bugej, nel 
Lionese, da Inglia a settembre (Foudras, Allard). Sicilia (Bertolini). 

P. hyoscyami Linn. Allard, mon. p. 805. 

In Frància e neir Europa centrale è comune sai Hyoscyamus niger Lina. 
(Foudras, Allard, Panzer, Kaltenbach). In tatta Italia (Bertolini). 

P. picina Marsh, - picea Bedt. Allard, mon. p. 907. 

Foadras, Allard e Katschera indicano il Lythrum salicaria Linn. come 
la pianta sa cai trovasi qaesta specie. É indicata pare sotto la scorza dei 
Faggi presso Parigi (forse ibernante). Vienna, Inghilterra, Germania (Allard). 
Italia (Bertolini). Dintorni di Firenze in maggio (Bargaglì). 

P. luteola Muller. AììSiTà, mon. p. 806. 

Vive sagli steli e salle foglie del Solanum tuberosum Linn. e di altre So- 
lanacee affini in Francia, Inghilterra, Austria (Foudras, Allard). In tutta 
Italia (Bertolini). 

P. puncticollis Rosenh. - dilatata Foud. Allard, mon. p. 809. 

Trovasi nella Francia meridionale, a Hjères ed a Montpellier in aprile 
e maggio sul Calamagrostis arenaria De Cand. {Ammophila arundinacea 
Host.) (Kutschera, Allard). Al Lido nelle Isole venete (Bertolini). 

P. cuculiata Ulig. Allard, mon. p. 312. 

Sulla Spergula arvensis Linn. in tutta Europii (Gyllenhal, Foudras, Kal- 
tenbach, Allard). 

P. stolida Woll. Allard, mon. p, 813. 

Nelle Isole Canarie, a Lanzarote e Fuerteventura da gennaio a marzo; 
r autore della specie la osservò sulla Mercurialis annua Linn. (WoUaston, 
AUard). 



Digitizedby VjOOQIC • 1 



— 143 — 

ELENCO DI ALTICHE IN RAPPORTO 
COI VEGETALI CHE LE OSPITANO 

Parte II. 



ALTICHE 



PIANTE 



Podagrica Foudras. 



Podagrica fuscipes Fab. 


Malva sylvestris lAnn. 


(Malvacee) 


» 


Althea rosea De Cand. 


id. 


P. malvae Hllg. 


Malva moschata Linn» 


id. 


» 


M. sylvestris Linn» 


id. 


» 


M. rotundifolia imn. 


id. 


» 


Althea rosea Cav. 


id. 


» 


A. sinensis Cav» 


id. 


» 


Malva Nicaeensis ^W. 


id. 


P. semirafa Kust. 


M. sylvestris Link, 


id. 


> 


Lavatera olbia Linn. 


id. 


^ 


! Malva 


id. 


» 


! Althea 


id. 


» 


• Tilia pnbescens Both» 
(Coltivata) 


(Tigliacee) 


» 


Echinm plantagineum Linn. 


(Borraginee) 


P. discedens Boiéld. 


Malva Nicaeensis Ali 


(Malvacee) 


» 


M. parviflora Linn. 


id. 


» 


Lavathera olbia Linn, 


id. 


P. fuscicornis Linn, 


Malva sylvestris Linn, 


id. 


» 


Althea offlcinalis Linn, 


id. 


» 


A. rosea De Cand, 


id. 



Haltica quercetornm Foud, 



Haltica 

Quercus pedunculata Pers. 
e specie affini. 



(Cupulifere) 



Digitized by VjOOQIC 




W' 



— 144 



H. 


ericeti Ali. 


Erica tetralìx Zinn. 


(Ericacee) 


H. 


ampelopbaga Guèr. 


Vitis vinifera Linn. 


(Ampelidee) 




» 


Salix 


(Salicinee) 


H. 


coryli Ali 


Corjlus avellana Linn. 


(Cupulifere) 




» 


Quercns 


id. 


H. 


lythri Auhé. 


Epilobìnm pnbescens Both. 


(Onagrarie) 




» 


E. hirsntam Linn. 


id. 




» 


Oenothera biennis Linn. 


id. 




> 


Oìrcea lutetiana Linn. 


id. 




> 


Polygonum mite Sckr. 


[Poligonacee) 




» 


P. persicaria Linn. 


id. 


H. 


tamaricis Schrank. 


Myricaria germanica Desv. (Tamariscinee) 




» 


Hyppopbae rbamnoides Linn. (Eleagnacee) 


H. 


helianthemi Ali, 


Helianthemnm gattatnm ìlill. (Gisti nee) 




> 


Foteriam marìcatnm Spoch. 


(Rosacee) 


H. 


oleracea Linn. 


Bapbanns sativns Linn. 


(Crucifere) 




» / 


Yitis vinifera Linn. 


(Ampelidee) 




» 


Pblomis fruticosa Linn. 


(Labiate) 




» 


Polygonum aviculare Linn. 


(Poligonacee) 




» 


Corylus avellana Linn. 


(Cupulifere) 




» 


Epilobium angustifolium Linn. (0 n a g r ari e) 




» 


! Oenotbera biennis Linn. 


id. 




» 


Boisdnvalia \ 


id. 






Clarckia f ,^. ^ 
_ , _. > coltivate 
Encbandium 1 


id. 
id. 




» 


! Fuchsia / 


id. 




» 


! Lytbrum salicaria Linn. 


(Litrarie) 




» 


Matricaria 


(Composte) 


a 


pusilla 2>2^/l^. 


Potentina verna Linn. 


(Rosacee) 




> 


Matricaria 


(Composte) 




» 


Cardaus 


M. 




» 


Mentha 


(Labiate) 




» 


• Phloinis fruticosa Linn. (coltivata) id. 




> 


Polygonum aviculare Linn. 


Poligonacee) 




> 


Corylus avellana Linn. 


(Cupulifere) 




» 


Potentina verna Linn. 


(Rosacee) 



Digitized by VjOOQIC 



— 145 ~ 



Mantora mstìca Linn. 
M. chrjsanthemi Koch. 



Mantnra Steph. 

Ehumex (Pdligonacfie) 

Chrysanthemnm lencanthemntn Idnn. 

(Composte) 



Grepido4era C?iev. 



Crepìdodera lineata Eossi. 
C. ventralis Blig, 



C. Pisana Allard. 
0. salicariae Payk. 


» 


C. impressa Fàb. 


» 


» 


C. transversa Marsh 


> 


» 


C. ferruginea Scqp. 


» 


» 


» 


C. mfipes Xm». 


» 


» 


C. cyanescens Dw/^. 


C. nitidula Xi«w; 


» 
> 


» 


ilnn. X. 



Erica scoparla Linn. (Erica e e e) 

Solannm dulcamara Linn. (Sol anace e) 
Gitrns anrantiam Linn. (Anrantiacee) 

* Hyoscyamns albns Linn. (Solanacee) 
Lythmm salicaria Linn. (Litrarie) 
LysimacMa vnlgaris Linn. (Primn Iacee) 

* Garduns nntans Imn. Composte) 

* C. pycnocephalus Linn. id. 
Cìtrns anrailtinm Linn. (Anrantiacee) 
AmygdUlns persica Idnn. (Rosacee) 
Echinm (Borraginee) 
Cirsium cannm De Cand. (Composte) 
C. riynlae PùìUh. id. 
Cardnns id. 

* Cannabis sativa Idnn. (Cannabinee) 

* Atriplex bastata Linn. (Chenopodiacee) 

Var. triangularis Moq. Tand. 
Carex (Ciperoidee) 

Urtica dioica Linn. (Orticacee) 

Pisnm sativnm lAnn. (Papiglionacee) 
Vicia faba Linn. id. 

V. sepium Linn. id. 

Orobns vemns Linn. id. 

Aconitnm napellns lAnn. (Bannn<;nlac6e) 
Yeratnim album Linn. (Melantacee) 



Salix 


(Salicinee) 


Populus nigra Linn. 


id. 


? Populus dilatata Beich^ 


ii 


? P. canescens Smith. 


id. 




10 



Digitized by VjOOQIC 



r 





146 




C, helnnos Linn. 


• Salix alba Linn. 


id. 


^ 


Var. vitellina Seh.j e specie a|fini. id. 


• 

» 


Populns varie specie 


id. 


C, aurata Marsh. 


Populns, varie specie 


id. 


C. cbloris Fotid. 


Salix, varie specie 


id. 


0, ^mara^dìna Food. 


Populns tremula Linn. 


id. 


C, Modeeri Linn, 


Equisetum arvense Linn. 
e specie affini 

Epitrix Fcyud. 


(Equisetaceo) 


Epitrìr intennedia Foud. 


Solanum Dulcamara Linn. 


(Solanacee) 


> 


S. nigrum Linn. 


id. 


E. pnbescens Koch» 


S. Dulcamara Linn. 


id. 


» 


S. nigrum Idnn., e specie 


affini id. 


» 


Atropa Belladona Linn. 


id. 


» 


Hyoscyamus 


id. 


E, atropae Foicd. 


! Atropa Belladona Linn. 


id. 


E. AUardi FFo?Z. 


Withania aristata Pauquy. 
(Physalides aristata) 


id. 



Hermeophaga Foud. 



Hermeophaga mercurialis Fab. 
H, cìcatrix Elig. 



Mercurialis perennis l^ww. (Euforbiacee) 
M. annua Linn. id. 

M. perennis Linn. id. 

M. annua Linn. id. 

M. ambigua Linn. id. 

M. tomentosa Linn. id. 



Longitarsus Latreille. 



Longitarsus tabidus Fàb. 

Var- dorsalis Bossi. 
Van b, Foiùdras. 
L. Linnael IMft. 



Citrus auran tium Linn. (Aurantiacee) 
Verbascum thapsus Linn. (S ero fui arine e) 
• V. sinuatum Linn. e specie affini id. 
Verbascum id. 

Scrophularia canina Linn. id. 

Symphytum tuberosum lAnn. (Borr aginee) 



Digitized by VjOOQIC 



147 — 



L. niger Koch. 
L. pallens Steph. 

» 
L pectoralis Foud, 
L. holsaticns Linn, 
L. ballotae Marsh. 

> 
L pulex Schrank. 

L ochii Koch. 

» 
L. branneus Duft. 
L. cinerariae Wolh 

Var. consaguinea Woll. 
L. minuscnlus Foiùd. 

» 
L. membranacens Foud. 
L. flavicornis Steph, 
L. aeniginosus Fowe?. 
L. quadriguttatus Pontop. 
L. exoletns jDt/}92. 

L. isoplexidis WoZZ. 
L persimilis Woll. 

Var. Messerschmidtiae TToZZ. 
L. saltator Woll. 
L. aeneus Kustch. 
L. fdscoaeneus i^c?#. 

» 
L. medicagìnis Ali. 

» 
L. pusillns (jyll. 



I. anchusae Pa^^. 



Arthemisia absinthium lAnn. (Composte) 
Verbascum (Scrofularinee) 

Scropbnlaria canina lAnn. id. 

Echiam vnlgare Linn. (Borraginee) 

Eqnisetnm (Eqnìsetacee) 

Marrubium vulgare lÀnn. (Labiate) 

Ballota nigra Linn. id. 

Thymus serpyllum Linn. id. 

Salvia officìnalis Linn. id. 

Echium vulgare lAnn. (Borraginee) 

Lycopis arvensis Linn. id. 

• Atriplex patula Linn. (Chenopodiacee) 
Senecio Maderensis De Cand. (Composte) 

Idem. id. 

Tùrritis glabra Linn. (Crncifere) 

Tencrinm scorodonia Lmn. (Labiate) 

Idem. id. 

Enpatorinm cannabinnm Linn. (Composte) 

Idem. id. 

Cynoglossnm ofiBcinale Linn. (Borraginee) 
Convolvnlus sepium L. (Convolvolacee) 
Echium vnlgare Linn. (Borraginee) 

Isoplexis sceptmm Lindi. (Scrofularinee) 
Echium simplex De Cand. (Borraginee) 
MesserschmidiafruticosaJKer. (Borraginee) 

Idem. id. 

Echium vulgare Linn. id. 

Idem. id, 

Lithospermum arvense Linn. id. 

Medicago (Papiglionacee) 

Ballota nigra lmn. (Labiate) 

• Atriplex patula Linn. (Chenopodiacee) 
. • Atriplex bastata Linn. id. 

Var. triangularis Moq. Tand. id. 
! Echium (Borraginee) 

Symphytum officinale Linn. id. 

! Anchusa italica Eetis. id. 

Cynoglossnm officinale Linn. id. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



II. dorsalis Linn. 
» 

L. Senderì Alli 
L. luridns 8cqp. 
Var. 2L.Foudr.ey2Lr. b. Fotidr. 
» 
Larva 
L. piclceps Steph. 
31 brevipennis Wall. 
L. Ijcopi Foud. 

L. albìnens JPoud. 
L. lateralis 17%. 
L. naatartii Fab. 
L, sisymbrii I?^a&. 
L. patraelis Ali. 
L. klomiiperda Wall. 
L. jacobaee WcUerh. 
lu pellncidns Fotid. 

» 
L. cnrtas Allard, 
li. abdominalis Buft. 
L. ater Fc^. 



— 148 — 

Senecìo emcifolins lAnn. (Composte) 
Pistacia lentiscus lAnn. (Anacardiacee) 
Cardane (Composte) 

Borraginee 

Symphytum tuberosum ii««. (Borraginee) 
S. officinale lAnn. id. 

BhinantbQs major Eh. (Scrofnlarinee) 
Senecio viscosns lÀnn. (Composte) 

Heliopbytmn erosnm BeC. (Borraginee) 
Mentha (Labiate) 

Lycopns earopaens Linn. id. 

I Heliotropium europaeum L. (Borraginee) 
Verbascum (Scrofnlarinee) 

Ecbium vulgare Lvnn. (Borraginee) 

Verbascum thapsns lAnn. (Scrofnlarinee) 

Idem. id. 

Kleinia neriifolia -Hatrorf^. (Composte) 
Senecio jacobaea lAnn, id. 

Trifolinm (Papiglionacee) 

Mentba rotnndifolia lÀnn. (Labiate) 

Echinm vnlgare lAnn. (Borraginee) 

Nepeta glecboma Benth. (Labiate) 

Linnm nsitatissimnm lAnn. (Linacee) 
Carpinns betnlns lÀnn. (Cnpnlifere) 



Aphthona Chevrolat. 



Aphthona cyparissiae Hoff. Enphorbia ciparissias Linn. (Enforbiacee) 



A, laaTigata Ulig. 
A. Intescens Oyll. 
A, nigriceps Bedi. 


e specie affini 
E. Gerardiana lacq. 
Lythmm salicaria Linn. 
Citrns anrantinm Linn. 


id. 
(Litrarie) 
(Anrantiacee) 


A. nonstriata GoeffC. 


Iris psendoacorns lAnn. 
Pinns?? 


(Iridee) 
(Conifere) 


A. euphorbiae SchranJc. 
> 


Enphorbia sylvatica Linn. 
E. cyparissias Linn. 
Linnm nsitatissimnm Linn. 


(Enforbiacee) 
id. 
(Linacee) 


A. herbìgrada Curt. 


Campanula rotnndifolia (C 


ampanulacee) 



Digitized by VjOOQIC 



149 



À. violacea Koch. 

À. PaÌTana WoìL 
À. Mlaris Ste^h. 
A. Ponpilleri Allard. 



Euphorbia palnstris I4nn. (Buforbiacee) 
Iris psendacorns Idnn. (Iridee) 

* I. Grermanìca Lifm. id. 

Enphorbia piscatoria AUon, (E a f o r b i a e e e) 
E. Kegis-Jubae Web. id. 

Beta vulgaris Moq. (Chenopodiacee) 
Var. maritima Linn. id. 

Enphorbia pnbescens Fa^?.<Ea forbì acee) 



Phyllotreta Faudras. 



Phyllotreta nodicomis Marsh. 


! Reseda odorata Limi. 
(coltivata) 


(Resedacee) 


P. cornigata Beiche. 


B. Inteola Linn. 


id. 


P. aterrima Schrahk. 


Cochlearia armoracia Linn. 


(Crucifere) 


> 


I Brassica oleracea Idnn. 


id. 


» 


B. rapa Linn. 


id. 


» 


Raphanns sativns Linn. e specie affini id. 


P. cruciferae Goeze. 


Cochlearia armoracia Linn. 


id. 


» 


Brassica oleracea Linn. 


id. 


» 


Diplotaxis muralis De Cand. 
e specie affini. 


id. 


» 


Plantago major Linn. 


id. 


P. punctalata Marsh. 


• Kaphanns landra Mord. 


id. 




ed altre specie della med. famiglia 


P. nigripes Faib. 


Brassica napns Linn. 


id. 


» 


Raphanus sativus Linn. 


id. 


> 


Tropeolnm majos Linn. 
(coltivato). 


(Tropeolee) 


> 


Matthiola incana B. Br. 


(Crucifere) 


P. procera Bedt. 


Crucifere di varie specie. 


id. 


> 


• Reseda lutea lAwn. 


(Resedacee) 


» 


R. Inteola Linn. 


id. 


E melaena i7?i^. 


Brassica rapa lAnn. 


(Crucifere) 




ed altre specie della med. famiglia 


P. ochripes Curt. 


Nasturtium amphibium B. Br. id. 


> 


? N. officinale Linn. 


id. 


P. armoraciae Koch. 


Cochlearia armoracia Imn. 


id. 



Digitized by VjOOQIC 





- 150 - 




P. bimacnlata Alìard. 


Nastartiam officinale Linn. 


id. 


P. nemorum Idnn. 


Capsella bnrsa-pastoris Lmn. 


id. 


» 


Brassica rapa lÀnn. 


id. 


» 


Sinapis arvensis Linn. 


id. 


» 


S. alba Linn. 


id. 


> 


Baphanns. 


id. 


> 


Beta vnlgaris Linn. (Che e 


lopodiacee) 


» 


Humulus luppulus Linn. (C 


annabinee) 


> 


Sysimbrinm alliaria Scop. 


(Gru ci fere) 


» 


Cardamine prateDsis *ìZ^nn. 


id. 


P. vittula Bedt. 


Nasturtium amphibium B. Br 


id. 


P. nndnlata Kutsch. 


• Lepidium draba Linn. 


id. 


» 


• L. graminifolimn Linn. 


id. 


» 


Brassica Chinensis Limh. 
(coltivata) 


id. 


» 


Cochlearia armoracla L. 


id. 


P. exclamationis Thumb. 


Cynoglossum' officinale Linn. (Borraginee) 


P. Yariipennis Boiéld. 


Diplotaxis mnralis De Cand. 


(Crucifere) 


» 


D. tennifolia De Cand. 


id. 



Ghaetocnema Stephens. 



Chaetocnema semicoemlea Kust. Salix 



(Salicinee) 



C. concinna Marsh. 

C. tibialis Illig. 
C. Sahlbergii Gyll. 



Brassica rapa Linn. (Crucifere) 

Urtica (Orticacee) 

Humulus luppulus Linn. (Cannabinee) 
• Atriplex patula Linn. (Chenopodiacee) 
Beta vulgaris lAnn. id. 

luncus (Giuncacee) 



Batophila Foudras 



Batopbila aerata Marsh. 


Eubus tomentosus Wdh. 


Rosacee) 


B. rubi PayJc. 


E. idaeus Linn. 


id. 


» 


E. caesius Linn. 


id. 


» 


E. fruticosus Linn. 


id. 


» 


Pragaria vesca Linn. 


id. 



Digitized by VjOOQIC 



— 151 - 



Mniophila 



Mniophila mascoram Koch. 

Larva nelle 
> 



Hypnum loreum lÀnn, (Muschi) 

H. triqnetnim 24nn. le specie afSni, id, 
Digitalis purpurea lAnn, (Scrofularinee) 
Plantago lanceolata Lmn, (Piantagìnee) 
P. media Lìnn. id. 

Teucrium scorodonia lAnn. (Labiate) 



Hsrpnophila Fondras, 



flypnophila impuncticollis Ali. Hypnum loreum Linn. 

» H. triquetrum lAnn, 

Larva come nel gen. Mniophila 



Apteropeda orbiculata Marsh, 
A. globosa Illig. 



Dibolia femoralis Bedt. 



D. rngulosa Bedt 

D. cryptocephala Koch. 

D. Schillingii Letzn, 
D. timida IlUg. 

D. cynoglossi Koch. 



Apteropeda 

Gramigne 

Brassica napus Linn. 

DiboUa 



(Muschi) 
id. 



(Crucifere) 



Salvia pratensis Linn. (Labiate) 

S. sylvestris Linn. id, 

S. (Dracocephalum) austrìaca Linn. id. 
S. sylvestris Linn. id* 

Adonis vernalis lAnn. (Banunculac^e) 
Salvia pratensis Linn. (Labiate) 

S. pratensis Linn. ìd. 

Agrimonia eupatoria Linn. (Rosacee) 
Eryngium campestre lAnn. (0 m b r e 1 1 i f e r e) 
Cynoglossum officinale Linn. (Boiraginee) 
Stachys recta Linn. (Labiate) 



Digitized by VjOOQ IC 



i 
I 



— 152 



Sphaeroderma Stephens 



Sphaeroderma cardai GylL 


! Cynara scolymus Linn. 


(Composte) 


» 


! Cardans nntans Linn, 


id. 




! Cirsium arvense Scqp. 


id. 


S* testacea Fab, 


Centaurea jacea Linn. 


id. 


» 


Gardos nntans Linn. 


id. 


i 


Cirsium lanceolatnm Scop. 


id. 


» 


C. oleraceum Scop. 


id. 


» 


C. arvense Scop. 
Argopos Fischer 


id. 


Argopns Arrenai Oertn. 


Clematis erecta Limt. (Ranuncnlacee) 


»' 


C. maritima Linn. 


id. 



PsyUlpdes Latreille. 



Psylliodes chrysoeephala Linn. 


Brassica oleracea Linn. 


(Crucifere) 


> 


B. oleracea Linn. 


id. 


> 


B. napus Linn. 


id. 


» 


B. rapa Linn. 


id. 


» 


ì Diplotaxis murale De Cand. 


id. 


> 


Baphanos sativns Linn. 


id. 


> 


Thalictrum majusXinw. (Ranuncnlacee) 


» 


Chrysanthemum 


(Composte) 


P, rapae BUg. 


Barbarea vulgarìs B. 


(Crucifere) 


j& 


Lunaria rediviva Ljnn. 


id. 


> 


Brassica 


id. 


p 


Sinapis 


id. 


» 


• Nasturtium officinale B. Br 


id. 


P. thalaspia Foud. 


Thlaspi campestre lAnn. 


(Crucifere) 


V. cnpronitens Fórst. 


• Atriplex patula Linn. (Chenopodiacee) 


P. instabilia Foud. 


Iberis pinnata Grouan. 


(Crucifere) 


» 


Erysimum cheiranthus Pera. 


id. 



Digitized by VjOOQIC 



153 — 



P. attenuata Koch, 

P. nncea Ulig. 
P. marcida lUig, 

P. afifinis Payk. 

P. circtindata JRecU. 
P. rufilabris Redi. 

P. pallidipennis Bosenh. 
P. dnlcamarae Zòc^. 

» 
P. chalcomera Ulig. 
P. hyoscyami Xìmm. 
P. picìna Marsh. 
P. luteola Muller. 

> 
P. pnncticollis Rosenh. 
P. cuculiata JWt^. 
P. stolida TFoW. 



Cannabis sativa Linn. (Cannabìnee) 
Humulus luppulos Linn. ìà, 

Thalictrum (RannD cu Iacee) 

! KaMle maritima Scop. (Craciftìre) 

• ? Euphorbia characias Linn. (Eu f o r b i a e e e) 
Solanum tnberosum Linn* (S o 1 an a e e e) 
S. dulcamara lAnn. ìà. 

S. nìgrum lAnn. ìà. 

Lathyrus hetorophyllus (Fapiglionacee) 
! Cochlearia armoracia Linn. (Crncifere) 
Biscutella ambigua De Carni ià, 

Echium vulgare LAnn. (Borraginee) 

Anthemis maritima Linn. (Composte) 
Solanum dulcamara Linn. (Salanacee) 
•? Parietaria officinalis Linn. (Orticac(?&) 
Carduus nutans Linn. (Compoite) 

Hyoscyamus niger Linn. (Solanacea) 
Lythrum salicaria Linn. (LitrarÌH) 

Solanum tnberosum Limi. (Solanacee) 

e specie affini. ìd. 

Ammophila arundinacea Host (Gramigne) 

Spergula arvensis Linn. (Cariofillee) 

Mercurialis annua Linn. (Eaforbiacee) 

(ConHnua) 



Digitized by 



Google/ 




— 154 — 



RASSEGNA ENTOMOLOGICA 



I 



ScuDDER S. H. " Oh the classiflcation of Butterflies with special Reference 
io the PositioQ of the Equites or Swallow-tails. — Transactions of the 
Amoricaa Entomological Societies. Philadelphia 1877. 

L'autor© divìde i Lepidotteri in Nymphales (= Nymphalidae di Bates), 
Rurales (= Erycinidae e Licaenides di Bates), Papilionides (= Papilionidae di 
Bates), ed Tlrbicoiae (= Hesperidae di Bates). 

PrendeDdo il diagramma eh* egli ci da, e considerandolo come un albero fi- 
logenetico, vediamo che prima sarebbersi staccate le Urbicolae, poi, e dallo 
stesso punto, le Rurales ed 1 Papilionidi, in ultimo i Nimfalidi. 

Baubi di Selve F. - Coleotteri Eteromeri esistenti nelle collezioni del R. Museo 
Zoologico di Torino ed in altre italiane. — Atti della Reale Accademia 
delle Scienze di Torino, voi. XII. Torino 1877. 

In questa parte del suo lavoro TA. esamina i coleotteri eteromeri appar- 
teDenti alte famiglie dei Cistelidi, Pitidi, Melandridi, Lagriani, Pedilidi, Anticìti 
e Pirochrùìdì di Lacordaire, appartenenti alla fauna europea e circummediter- 
ranea, deacrivendo parecchie specie nuove e alcune varietà. 

R0Ni>ANi G. - Species italicae ordinis Dipteporum ordinatim dispositae, me- 
tJiodo analitica distinctae, et novis vel minus cognitis etc. Pars V. Stirps 
XVÌI, Antlmmyinae. Parmae, Tipis Societatis Typographorum 1877. 

Con lo stesso m&todo usato nelle precedenti parti della sua opera, il prof. 
Rondarli espone in {questa, di circa 300 pagine, le specie italiane della stirpe XVII 
(Anthomyiuae) descrivendone parecchie nuove. 

Rondami C. - Specìes italicae ordinis dipterorum (Muscaria Rndn.), Stirpis XIX 
Soìomyziuarum re Visio etc. — Annuario della Società dei naturalisti di 
Modena, anno XI. Modena 1877. 

In questo nuovo lavoro TA. rivede le specie italiane della stirpe XIX 
(Sciomyzinae) con lo etesso metodo seguito nelle altre sue opere ditterologiche. I 
lìmiti della nostra rassegna e la natura del lavoro c'impediscono di entrare 
in parti eoi ari. 



Digitized by VjOOQIC 




— 155 — , v" 

Haag Rutembbrg. - Diagnosen neuer Heteromeren auf dem Museum Go- q^ 

deffroy. -^ Verhandlungen des Vereins fur naturwissenschaftliche Un- , j 

terhaltungen in Hamburg (1876). Bd. III. Hamburg, marz, aprii 1878. l'''- 

'A 

L' Autore descrive in questa nota 33 nuove specie di Coleotteri Eteromeri v^ 

provenienti da Gayndah, Quensland, Endeavour River, Peak Downs, Port De- ,| 

nison, Rokhampton, Gap Yorck, Brisbane, Sydney, Viti Levu, Samoa. '^':^'4 

Sono nuovi i generi' Adelodemus (Heleidium), Laonicus (Cyphaleidium), ^ ^ 

Trisilus (Cyphaleidium), Thesilea (Helopidium), Mefiandris (Misolampidium), :y- 

Àsopis (Misolampidium), Ismarus (Cistelidium). ^y.^ 

Al rarissimo genere Onosterrhus è aggiunta una chiave sinottica per la ^ 

ricognizione delle 7 specie che oggidì comprende. ^| 

Berq C. - Beitrage zu den Pyralidinen Sùdamerika's etc. in ? e Contribucion t 
a restudio de las Pìralidìnas de la fauna Sud-Americana. — Anales de la 
Sociedad Cientiflca Argentina, (con tavole Ut.). Buenos Aires 1877. 

L'Autore che in Deutsche Entom. Zeitschrift (Berlin 1875) ci ha date sotto ^' 

il titolo Pyralididae Argentini e con altri lavori, importantissime contribuzioni ^j 

alla storia naturale dei Lepidotteri dell'America del sud, aggiunge ora alcune | 

nuove specie di Piralidi delle stesse regioni e fa alcune osservazioni sopra ^;^ 
specie già note. 

Berg. C. - La imàgen de las orugas acuaticas etc, (con tav. Ut.) — Anales e. s. 

Abbiamo già riferito in una delle rassegne precedenti (anno IX, pag. 346) , ^ 

sugli studi del prof. Berg intorno a Bombicidi le cui larve sono acquatiche. ^^; 

Con la nota che abbiamo ora innanzi a noi TA. ci dice aver ottenuto, dopo ^ ^ 

molti inutili tentativi, l'insetto perfetto della nuova Palustra Burmeisteri, '^'' 

eh' egli descrive e figura, come parimenti descrive V insetto perfetto d'un' altra , | 

nuova Palustra, la P. argentina. 'Q 



Berg C. - Un nuevo gènero de las Phycideae, Ceddipta Excoecariae. — 
Anales e. s. 

Questo nuovo genere, rappresentato dalla nuova specie che il Berg descrive, 
è notevole per i costumi della sua larva. 

La farfalla depone le uova ad uno ad uno presso le galle più grandi pro- 
dotte da un Khermes sopra nna Euforbìacea, la Excoecaria biglandulosa Muli. 
Il piccolo bruco penetra nella galla e si nutre a spese di quella e del proprie- 
tario. Quando tale abitazione e tale nutrimento non sono più sufficienti, la larva 
aumenta la grandezza dell'abitazione costruendo un tubo o cambia residenza, 
perforando il legno all' ascella di un ramo. Il fatto più singolare è che non mangia 
fuori di residenza, ma in essa reca per nutrirsene le foglie dell'albero. 

La vita di queste larve è molto lunga. 






Digitized by VjOOQIS 




I 



— 156 — 

Bertoloni G. - DeBcrizione di quattro specie novelle di Coleotteri Mosambicesi 
6 notizie intorno alla Acidalia herbariata Fab. — Memorie deirÀccademia 
detle Scienze dell' Istituto di Bologna, serie III, tomo VII (con una tavola). 
Bologna 1877. 

Queste quattro nuove specie sono: 

Stsnocara Livingstonii Phymasterna inhamhamensis 

Apate bicolor Aspidomorpha fenestrata. 

Il prof. Bertoloni segnala poi come vivente nel suo erbario e dannosa alle 
piante non avvelenate col bicloruro di mercurio, V Acidalia herbariata Fab. 
nuova per ta fauna bolognese. 

ScuuDEit S, H. - Entomological notes. V. — Proceedings of the Bòston Society 
of Naturai History, voi. XVIII. Boston. 

Questo V fascicolo delle note dell'operoso entomologo americano contiene: 

1^ Osaervazìoni su alcuni avanzi di insetti fossili del carbonìfero di Cape 
BretoQ, 

2» Notizie sopra una piccola collezione di farfalle prese dal sig. Roland 
Tnaxter air ìsola di Cape Breton. 

S"^ Decafle quinta della Centuria di Ortotteri (Ortotteri non americani). 
Forfloixìariae. 

4* Decade sesta della Centuria di Ortotteri (Ortotteri dell'America del 
Nord} ForilGuJariae. 

5'' Descrizione di tre specie di Labia del sud degli Stati Uniti. 

6» Quattro nuovi Ortotteri della Guadalupa. 

7" Note istori co-critiche sui Foi^cularidi, con descrizioni di nuovi generi 
6 con r aggiunta di un elenco alfabetico sinonimico delle specie finora descritte. 

Secondo Scudder sarebbero circa 150 le specie dì Labìduri oggi conosciute. 

GiBARD M, - Les Abeilles. Organes et fonctions, éducation et produits. Un 
TOl, in S'' di pag. 280 con una tavola incisa e molte figure intercalate nel 
testo. L B. Baillière et Fils, Paris 1878. 

Tra noi V Apicultura ò ben poco sviluppata e ben lontana dall'essere, come 
in altri paesi, una sorgente dilettevole e sicura di larghi benefizi. In Francia, 
in Svuzara, la Germania, Tape è l'amica costante del colono ed un elemento 
di molta importanza nella economia domestica ed in quella generale. 

Molti SODO in quei paesi i giornali e molti i libri che vengono alla luce e che 
seguono con interesse le ricerche apistiche o queste condensano ed ordinano, 
ed abbiamo creduto opportuno l'indicare questo manuale dell'egregio dott. 
Girard^ naturalista ben noto per opere di molto valore entomologico, col quale 
Fautore ha voluto dare agli Apicultori un riassunto chiaro e preciso dei fatti 



Digitized by VjOOQIC 



— 157 — 

di storia naturale e delle operazioni tecniche che si riferiscono alla raccolta 
dei prodotti, agli scienziati una monografia completa dell'Ape dal punto di vista 
entomologico, ed agli amici della natura una storia semplice e vera di queir in- 
dustrioso insetto, che « costituisce una curiosità degna della loro paziente os- 
servazione, e deve considerarsi nel medesimo tempo come una sorgente di 
guadagni per intere popolazioni ». 

Il doti Girard ha perfettamente e con abile sobrietà nei particolari rag- 
giunto il suo compito: il Manuale, di comoda forma, è accompagnato da una 
bella tavola incisa in rame e da molte figure intercalate nel testo. 

Plateau F. - Recherches sur la structure de Tappareil digestif et sur les 
pbénomènes de la digestion chez les Aranéides dipneumones. — Bulletins 
de TAcadémie Royale de Belgi que 2"»« Serie, t. XLIV. Bruxelles 18T7. 

Premesso un sunto storico dell'argomento, l'autore descrive nelle due 
prime parti l'apparecchio digerente delle Tegenarie (T. cimlis^ domestica)^ 
Agelene (A, lahirinthica)^ Licose {L, saccata)^ Argyronete (A, aquatica)^ Aman- 
robi [A. atrox, ferox)^ Clubioni {C, holosericea) ed Epeire (E. diadema^ um- 
bratiea^ apoclisa): in una terza parte riferisce osservazioni ed esperienze 
sulla fisiologia della digestione. 

Non abbiamo spazio sufficiente per riportare nella loro integrità le con- 
clusioni formulate dall* autore e che ci mostrano quale grande contributo egli 
abbia recato col suo lavoro alla conoscenza dell'anatomia e della fisiologia 
degli araneidi esaminati. Uno dei punti di maggior importanza elucidato dalle 
ricerche di Plateau è la struttura dell'organo di succiamento, il quale riposa 
sul diaframma orizzontale chitinoso del cefalotorace, ed è un rigonfiamento 
terminale dell' intestino buccale, a pareti membranose e senza tunica musco- 
lare propriamente detta. L'alterna dilatazione e compressione del rigonfiamento 
in parola non è dunque prodotta, come prima si riteneva, dall'azione di una 
tunica muscolare, ma è l'effetto di speciali muscoli dilatatori e compres- 
sorì. l due muscoli dilatatori che s'inseriscono sopra l'organo di succiamento, 
e ad un rilievo interno della lamina chitinosa del cefalotorace, erano considerati 
come un unico muscolo. I compressori risultano di numerosissime fibre mu- 
scolari striate che nascono al contorno dello scudetto alle facce dorso-laterali 
dell' organo, discendono obliquamente e si inseriscono, irradiando, sul tramezzo 
chitinoso del cefalotorace. 

Come nei Falangidi V intestino degli Araneidi bipulmonati si può dividere 
in tre parti: buccale, medio e terminale; ma le differenze sono notevoli assai e 
tra le altre notiamo la mancanza nei primi dell' organo di succiamento, dello 
stomaco e dei cicchi nell'intestino buccale, e la mancanza anche del serbatoio 
delle feci all'intestino terminale. 

Le glandule che versano il loro prodotto nel tubo digerente degli araneidi 



Digitized by VjOOQIC 



_ 158 — 

bipulmonati sono la faringea^ V addominale (il preteso fegato degli Àraneidi), 
ed i tubi malpighiani. Il prodotto della prima ha forse le qualità della salìya 
degli insetti, quello della seconda, dissolve attivamente le sostanze albuminoidì 
e trasforma rapidamente la fecukt in glucosio, ma malgrado la presenza di so- 
stanze glicogeuiche non può essere paragonato a quello del fegato ma sibbene 
a quello del pancreas dei vertebrati. I tubi di Malpighi sono qui come negli 
Insetti, nei Miriapodi e nei Falangidi, organi esclusivamente urinari. Anche i 
ciechi dell'intestino medio cefalo-toracico sono organi glandulari; il prodotto 
della loro secrezione non è acido e non ha nessuna analogia col succo gastrico 
dei vertebrati. 

Plateau F. - Note additionelle au mémoire sur les phénomènes de la digestion 
chez les insectes. — Bulletins de TAcadómie Royale de Belgique 2"'« Serie 
t. XLIV. BruxeUes 1877. 

Nella memoria pubblicata nel 1876, Plateau, che apriva con essa un ricco 
campo alle ricerche fisiologiche, si era espresso in modo assoluto sopra i succhi 
digestivi degli insetti, dichiarandoli alcalini o neutri, acidi mai. Questa affer- 
mazione aveva sollevato, specialmente per gl'insetti carnivori, delle gravi 
obbiezioni ; perciò il Plateau riferisce in questa nota V esito di molte osserva- 
zioni fatte su parecchie specie d'insetti, servendosi dei seguenti reattivi: tin- 
tura di tornasole blu ordinaria sensibile a Vsooo d'acido cloridrico disciolto ; tin- 
tura di tornasole blu, sensibilissima O/20000 ac. clor.); tintura di giorgina 
(DaJilia) rossa sensibile a Vioooo ^ soda caustica in soluzione ; carte di tornasole 
blu e di tornasole arrossate preparate con cura. 

Gl'insetti masticatori possono essere divisi naturalmente in due gruppi. 

1© I carnivori ed omnivori, vale a dire quelli che si nutrono totalmente 
parzialmente di materie animali, hanno il succo digestivo leggermente acido, 
ma d'un' acidità che è rivelata soltanto dalla tintura di tornasole sensibile a 
1/20000 <^i acido cloridrico disciolto. 

2° I fltofagi hanno succo alcalino; ed anzi perfino la naturale acidità del- 
l'alimento viene neutralizzata. 

L' autore perciò dichiara : che s' egli ha avuto torto nel ritenere costante- 
mente alcalini o neutri i succhi digerenti degli insetti, è però vero che in un 
gran numero d' insetti e forse in tutti i fitofagi, la secrezione digestiva è alcalina. 

Al rimprovero mosso all' autore di essere in disaccordo col principio del- 
l' unità di piano delle funzioni organiche, negando l' analogia tra il succo ga- 
strico dei vertebrati ed i succhi digerenti degli insetti, l'A. risponde che ormai 
i propri studi e quelli di Hoppe-Seyler mettono fuori di dubbio che l' analogia 
non esiste. Il succo digerente degli Artropodi può essere meglio paragonato al 
succo pancreatico degli animali superiori. 

Comunque sia, le idee dell'analogia son combattute non vinte, aspettiamo 



Digitized by VjOOQIC 



— 159 — 

il responso che darà a suo tempo lo studio assai meno difficile, dei grandi 
Artropodi esotici. 

LiCHTENSTEiN J. (de Moupellier). - Considera tions nouvelles sur la generation 
des pucerons (Homoptères monoiques). Paris, Baillière 1878 (con due tavole) 
é Nuevas consideraciones sobre, la evolucion biològica de les pulgones. — 
Analesde la Sociedad Espanola de Historia naturai T. VII, Cuad. 1<* Madrid, 
1» mayo 1878. 

L'autore nega che negli afidi avvenga la partenogenesi. Egli parto dal 
punto di vista che si possono soltanto chiamare femmine gli insetti atti ad es- 
sere fecondati da una forma maschile corrispondente, sviluppantesi parallella'- 
mente alla forma femmina. Tutte le forme del ciclo di sviluppo degli Afidi 
sono agame air infuori di una; la moltiplicazione avviene per gemmazione 
(bourgeonnement) che distinguesi in omgemmazione ed in vi'oigemmaziùne. 
La partenogenesi avv^errebbe se le femmine che nascono assieme a maschi e 
che danno origine allo stipite monoico {Stammutter dei tedeschi) anche iso- 
late producessero un uovo fecondo. 

Il ciclo di sviluppo degli afidi sarebbe costituito delle seguenti fasi: 

Individui sessuati che danno luogo all'uovo monoico. 

Gli emigranti, 

I germoglianti (bourgeonnants). 

I pupiferi che partoriscono le forme sessuate. 

Bergenstamm e Lòw. P. - Cecidomidi etc. — Societ. Zool. Bot. di Vienna: 
Band XXVI. 

Questo lavoro sulle Cecidomie è divìso in quattro parti. La prima contiene 
una ricca bibliografia , la seconda l'elenco delle specie ora conosciute, la ter^a 
l'elenco di quelle le cui larve soltanto sono note; la quarta poi è un indice 
clelle piante sulle quali le Cecidomie producono le loro larve. 

Canestrini G. e Panzago P. - Studi intorno agli Acari italiani. — Atti del 
R. Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. T. IV, serie V. 1877-78. 

Dopo avere riassunta la storia degli studi finora fatti sugli Acaridi, gli 
autori danno brevi descrizioni di ben 150 specie di Acari italiani apparteneoti 
alle famiglie degli Oplopini, Oribatini, Gamasini, Trombidini, Rhincolopini, Ta~ 
tranichini, Eupodini, Alichini, Bdellini, Ixodini, Argasini, Tarsonemini, Acarìni. 

Moltissime delle specie descritte sono nuove, e di parecchie trovansi figuro 
d'insieme nelle tavole che accompagnano il lavoro. ^. 



Digitized by VjOOQIC 



— 160 — 

Berte. - Contribuzione ali* anatomia e fisiologia delle antenne degli Afanit- 
ieri. — R. Acc. dei Lincei. Anno CCLXXV, Roma 1878. 

Il doti. Berte studiando le antenne della PuUm irritans è giunto ai se- 
guenti resultati che togliamo dal rapporto che sulla memoria del dott. Berte 
hanno presentato all'Accademia i relatori appositamente nominati. 

1. Nel segmento terminale si trova la vescicola laberintica circondata da 
sette anelli di chitina, ciascuno dei quali risulta di un semicerchio anteriore 
ed uno posteriore. 

2. Nel primo anello si trova l'apertura della vescicola laberintica o finestra 
ovale sulla quale stanno due alette mobili, che servono ad agitare Tarla. 

3. Nelle fissure dei semicerchi posteriori si trovano cellule fusiformi simili 
alle cellule fusiformi dell'organo di Corti nei Mammiferi. 

4. Verso V estremità libera dell' antenna il nervo antennale forma un ri' 
gonfiamento ganglionare, posto tra la vescicola laberintica e gli ultioai anelli 
di chitina. 

n dott. Berto basandosi su questi fatti ritiene che le antenne delle pulci 
siano organi acustici. C. 



ANNUNZIO NECROLOGICO 



Si annunzia con rammarico la perdita improvvisa 
del nostro consocio sig. dott. Carlo Desideri di Pascià, 
avvenuta il dì 11 giugno decorso. 



Digitized by VjOOQIC 



— 161 — 

REPERTORIO 

DBQLI 

INSETTI PARASSITI E DELLE LORO VITTIME 

CON NOTE ED OSSERVAZIONI 
del Prof: CAMILLO RONDANI 



SUPPLEMENTO 
Alla Seoouda Parte 

VITTIME 



{Contin. e /Ifw — V. voi. X, pag. 91 e Mg.) 

Ord. MUSCARII - DIPTERA. 

G. Agromiza Fall. — V. Rep. p. 1. (*). 

sp. — altemans Hld. 

Minatrice di foglie erbacee, come altre conge- 
neri: le sue larve hanno per nemico l'Opius 
p a 1 1 i d u s Halid. Vespiti 

sp. — IcUeralis Gour. = ? laterella Fall. 

Larva minatrice di foglie erbacee, che è uccisa 
dalla Dacnusa flavipes Frst., e dall'E.nte- 
don gracilis Gour. Vespiti 

sp. — rnacquartìi Desv. 

Entro le foglie di varie specie di Verbascum. 
Sono suoi nemici TE n t e d o n a u r i f r o n s Gour. 
e rOpius pallipes Wml. (G. Hypolabis 
Frst). Vespiti 



(*) EBtratto dal Ballettino della Società Bntomologrica Italiana, 1874. Fase. I. 
Ann. X. 11 



Digitized by VjOOQIC 



— 162 — 

sp. — nana Mgn. 

Come le congeneri, minatrice di foglie erbacee, 
la sua larva è uccisa dalBlacusfloreus Gour., 
dalla Dacnusa flavipes Fr5^., dall'Elachi- 
stus petiolatus iVèe^., e dairEntedon pa- 
lustri s Ww. Vespiti 

sp. — pusilla Mgn. 

Larva minatrice delle foglie di alcuni Euphor- 
bium; suo uccisore é la Dacnusa incerta 
Gour. 



G. Anthomyia Mgn. — V. Rep. p. 2. 

sp. — brassicae Ww. — V. radicum Lin. 

sp. — caeparum Gir. — V. platura Mgn. 

sp. — platura Mgn. = caeparum Gir. 

Oltre TAlysia, e l'Encyrtus indicati nel 
Repertorio, ha un altro nemico ed è il Mi- 
crogaster rugulosus Nees. = antho- 
myiarum Bé. Vespiti 

sp. — radicum Lin. 

Le sue larve rodono Tasse vegetale delle Bras- 
siche producendovi alterazioni, per cui le piante 
ne soffrono: sono uccise dalle Alysia ruficeps 
Bé, ed Alysia truncator Nees. = luci- 
dui a Gour, Vespiti 



G. AsPHONDYLiA Lw. — V. Rep. p. 2. 

sp. = genistae Lw. 

Forma piccole galle nella Genista germanica: 

suo nemico è laPimpla alternans Grv. Vespiti 

sp. — verbasci Vali. 

Altro suo uccisore è la Oxymorpha ve r ba- 
se i Gour. 



Digitized by VjOOQIC 



! 

— Ì6S — ^ 

6. Cecidomyia Latr. — V. Rep. p. 3. J 

sp. — artemisiae Fab. ^ 

Si aggiunga a suoi uccisori la Callimonie t 

exilis Wlk. Vespitì 

sp. — capreae Wrtz. 

Forma piccole gallozzole nelle foglie di alcune 
specie di salix, e la sua larva è uccisa da varii 
nemici, e sono Bothriothorax clavicornis 
D/m., Encyrtus nigripes Govr., Entedon 
demetrias Gour,, Platygaster salicis FrsL 
Semiotus mundus WlK Vespiti 

sp. — drcinans Gir. 

Sono altri suoi nemici gli Eupelmus circi- 
nantis Rndn^eà. Eupelmus cecidomyinus 
Rndn. Vespiti 

sp. — corrd Kch. 

Si aggiungano a suoi nemici uccisori i due se. 
guenti. Callimome nigricornis Wlh., Cìv- 
rospilus pallidicornis Gour. Vespiti 

sp. — ericae Dufr. 

Le sue larve viventi alla sommità dei ramoscelli 
di Erica arborea ed altre, riuniscono le foglie 
in forma di piccola gallozzola; sono uccise dal 
Platygaster criceti Rndn, Vespiti 

sp. — grandis Mgn. 

Le sue larve viventi in alcune erbe pratensi 
hanno per nemico l'Entedon nigripes Gour. Vespiti 

sp. — medicaginis Prrs. 

Vive nelle Mediche, e forse in qualche altra legu- 
minosa; sono suoi uccisori Callimome nigri- 
cornis Wlk., Tetrasticus armeus Wlìi. Vespiti 

sp. — pictipennis Mgn. 

Le sue larve vivono nel Chrysanthemum leu- 
canthemum, ed è suo nemico l'Entedon albi- 
tarsis Rtz, Vespiti 



Digitized by 



Goocle 



— 164 — 

sp. — pimpìnellae Prrs. 

Vive allo stato di larva nelle foglie della Pim- 
pinella major ed afflai; è uccisa dalla Calli- 
mome rautabilis Wlk. Vespiti 

sp. — pisi Wrtz- 

La sua larva vive nelle foglie di Pisum: suo 
nemico è il Platygaster pisi FrsL (G. Sac- 
to gas ter FrsL) Vespiti 

sp* - rosaria Lw, 

Vive airestreraità dei rami di vari salici, ove 
fa prendere alle foglie un aspetto petaliforme: 
suo uccisore è il Torimus impar Rndn. Vespiti 

sp* — sonchi Brami, 

Le sue larve vivono entro le foglie del Sonchus 
asper edaltri^ suo nemico è la Myiomisa mi- 
croscopica Rndn. Vespiti 

sp. — ianaceii Gour. 

Nelle foglie del Tanacetum vulgare. Le sue 
larve sono uccise dai seguenti nemici: Calli- 
mome chloromerus Gour., Platygaster 
armatus Gour., Platygaster punctiger 
Nees. (G. Isostasius Frst) ' Vespiti 

sp. — irltiùi Latr, 

Altro suo nemico è il Platygaster pisiJ?V5^. Vespiti 

sp — urUeae Prrs. 

Si aggiunga a suoi uccisori il Tetrasticus 
caudatus Wlh. Vespiti 



G* Chlorops M^n, ~ V. Rep. p. 7. 

sp, _ lineatm Fab. = taeniopus Mgn. Var. 

Altro suo uccisore è il Blacus brachialis 

Rìvin. Vespiti 



I 

\ 



Digitized by VjOOQIC 



; 



— 165 — 

G. Chortophila Macq^. — V, Rep. p. 7. 

sp. — chenopodii Rndn. = atriplicis Gour. 

Le sue larve sono uccise anche dal Bracon 
nitidulator Nees. Vespiti 

sp. — mitis Macq. = rumicis Desv. (G. Pegomyia Mcq), 
Vive la sua larva entro le foglie del Rumex ace- 
tosa ed altre: suo nemico è il Synergus fla- 
vus Gour, Vespiti 



G. Dasiops Rndn, — Fam. Anthomyidae, Lonchea 
(prt.) Mgn, 

sp. — loncheus Rndn. = parvicomis ed altre, Mgn. 

La sua larva vive dentro gli stoloni del Cynodon 
dactylus: è uccisa dal Tetrasticus grandi a 
Wlk. Vespiti 



I G. Drosophila Fall. — Fam. Agromyzidae. 
sp. — uvarum Rndn. 

Vive allo stato di larva nelle uve guaste od am- 
mostate; nelle case in tempo della vendemmia 
^ si sviluppa in quantità enormi: è ucciso dai 

l Pteromalus vindemmiae J?ntfw. eXystus 

\ musti Rndn. Vespiti 



6. Ensina Dsv. — Fam. Anthomyidae. 

sp. — sonchi Lin. 

La sua larva vive entro le infiorescenze di va- 
rie Cicoriacee, ed è uccisa dal Pteromalus 
albipennis Wlk. Vespiti 



G. EuPHRANTA Lw. — V. MosiNA. Desv. 



G. Hydrotaea Desv. — Fam. Anthomyidae. 
sp. — dentipes Mgn. 

Molesto Diptero, che punge gli animali mag- 



Digitized by VjOOQIC 



— 166 — 

glori, incluso l'uomo, ne' luoghi ombrosi ed umidi. 
Le sue larve vivono in vegetali erbacei, e sono 
uccise dall'Alysia manducartor Latr. Vespiti 



G- Lasioptera Mgn. — V. Rep. p. 7. 

ap. — albipenms Mgn. 

Le sue larve vivono nelle foglie dei salici, e 

sono uccise dal Platygaster salicis Frst, Vespiti 

sp, — asperulae Prrs 

Vive nei ramoscelli e foglie delle Asperule, ed 
ha i seguenti nemici; Calli mo me exilis Wlh,, 
Cirrospilus lincus Wlh,, Tetrasticus 
xyxutrus Wlh. Vespiti 

sp. — cralaegi Wrtz. 

Vive nelle foglie dei Crataegus, e le sue larve 

sono uccise dal Pteromalus acco Wlh. Vespiti 

sp. — faMe Radn. 

Le sue larve vivono in gruppi dentro il caule 
delle fave, ed in caso di molto numero le piante 
sono danneggiate e compiono male le loro frut- 
tificazioni. Ha tre nemici e sono i seguenti : 
Entedon fabicola Rndn., Entedon lasio- 
pterinus Rndn., Mymar fabarius Rndn., 
(G. Flabrinus Mihi.)^ Pteromalus faba- 
ceus Rndn. (oss. n.) Vespiti 

spp — heryngìi Bé. 

Vive allo stato di larva nei rami, o picciuoli 
deir Heryngium campestre, in cui forma ingros- 
samenti: suo nemico è il Torymus saphi- 
rìnus Fnscl. Vespiti 

sp. ~ juniperina Lin. — V. Rep. Gen. Cecidomyia 
Porta qui la specie col suo nemico, che è il 
Torymus juniperi Lin. Vespiti 

sp. — rubi Schr. 

Nelle foglie e teneri rami dei Rubus; le sue 



ift 



Digitized by VjOOQIC 



— 167 — 

larve sono uccise dal PJatygaster hyllus 

Wlh. Vespiti 

sp. — ulmariae Eremi. • 

Vive nelle foglie della Spirea ulmaria, ed è suo 
uccisore il Cirrospilus nudicornis Oour Vespiti 

sp. — veronicae Eremi 

Nelle foglie della Veronica chamedrys ed altre : * 

le sue larve sono uccise dal Cirrospilus am- 
monius uour, Vespiti 



G. LiPARA Mgn. — Fam. Agromyzidae Rndn. 

sp. — liccens Mgn. = ? tomentosa Lw. 

Le sue larve vivono dentro il culmo delle Arundo, 
ed hanno diversi nemici, cioè la P i m p 1 a g r a- 
minella Gre?., il Polemon liparae Gir, 
ed il Polemon melas Gir. Vespiti 



G. LoNCHAEA Fall. — Fam. Anthomyidae Rrhdn. 

sp. — nigra Mgn. 

Vive allo stato di larva entro il caule di varie 
piante erbacee: Carduus, Verbascum, Ange- 
lica ecc. Sono suoi uccisori i seguenti: Ente- 
don robustus Wlk,, Opius rufipes Wsml,, 
Sigalphus striatulus Nees. Vespiti 

sp. — parvicornis Mgn. — V. G. Dasiops Rndn. 



G. Madiza Fall. — Agromyzidae Rndn. 

sp. — fabaria Rndn. — Siphonella ruflcornis'ì (prt.) Macq. 
Vive la sua larva nel caule delle fave, ed è uccisa 
dal Chrysolampus madizae Rndn.{oss. n.) Vespiti 



G. MosiNA Desv. — Fam. Anthomydae Rndn. 
sp, — connexa Fabr. 

Allo stato di larva vive entro il caule del Vi- 



Digitized by VjOOQIC 



— 168 — 

cetoxium officinale: suo uccisore è l'Exothe- 

cus ruficeps Wsml. Vespiti 



G. Mosca Lùl — V. Rep. p. 8. 

sp. — domestica Lin. 

Altro uccisore delle sue larve è il Figites 
siriolatus Hrtg. Vespiti 



G, Mycetophila Mgn. — Fam. Tipulidae. ' 

sp, — striala Fab. ed altre. 

Le sue larve guastano i Funghì ed Agarici 
anche mangerecci, e sono uccise da varii ne- 
mici, tra 1 quali i seguenti: Belyta fungi- 
cela Rndn.^ Cinetus fungo r u m i?wcfn.. Co- 
ri rus mycetophilusiìwdw., Proctotrupes 
parvulus Nees. Vespiti 



G, Pegomyia McqrL — V. G. Chortophila. 



G, PHiLOPirrLLA Endn. V. Rep. p. 9. 

sp. — aenthaureae Fab. = cardili Thnb. 

Larva mi natrice di foglie di alcune Cinarae. 
Carduus, Ceataurea, ec, suo nemico è TAlysia 
loripes ffalid. Vespiti 

sp. — onopordi Fab. — Rep. p. 9. = heraclei Lin. 



H. PHYTOMyzA FaU. — V. Rep. p. 9. 

sp. — affinis FalL 

Larva minatrice di foglie in diverse piante er- 
bacee, Hesperis, Valerianella, ec. : è uccisa 
dairHeptomerus caeruleo-nitens Rndn. 
e dairOrthostigma fulvipes n? flavi- 
pes? Rtz, Vespiti 

sp. — anohoUae Dav. = minuscula Gour. 

Si aggiiiDgono a suoi uccisori l'Entedon ca- 



Digitized by VjOOQIC 



— 169 — 

pronius Gour. ed il Perilitus ambiguus 
Rtz. (G. Me te or US Hald.) 

sp. — cinerella Mgn. — pMmulde Dsv. 

Le sue larve minatrici prediligono le foglie di 
Primula, e sono uccise dall'Aphidius rufus 
Gour. e dal Coelinius festus Qour. Vespiti 

sp. — elegans Mgn. 

Larve come quelle congeneri, minatrici di foglie 
in piante erbacee, e sono suoi nemici la Dac- 
nusa punctum G^owr. e TEntedon lepidus 
Gour. Vespiti 

sp. — flava Mgn. 

Come nelle altre specie, le sue larve sono miùa- 
trici di foglie diverse, Arctium lappa, Ranun- 
culus acris, ec, e sono uccise dall'E ntedon cy- 
r i n u s Gour., * Vespiti 

sp. — geniculata Mgn. == fiorticola Gour. 

Altri nemici sono da aggiungere a quelli già 
notati nel Repertorio, e sono i seguenti: En- 
tedon cyanops G^owr. Entedon sima (jowr., 
Entedon stigma Gour.{G. Omphale Hld.) 
Eulophus myiodes TF/ft. Microgaster ru- 
fipes Nees. Vespiti. 

sp. — fiorticola Gour. — V. genicuiata Mgn. 

sp. — lateralis Macq. = ? sonchi Desv. 

Nelle foglie di piante erbacee, come le conge- 
neri; suoi nemici sono la Dacnusa flavipes 
Gour. e l'Ente don gracilis Ww. Vespiti 

sp. — lonicerae Gour. — Y. xylostei Desv. 

sp. — minuscula Gour. — V. ancholiae Desv. 

sp. = obscurella Falln. 

Minataice di foglie in varie piante erbacee : le 
sue larve sono uccise dall'Heptomerus vi- 
ri dulus Rndn. (oss. n.) Vespiti 

sp. — primulae Gour. — V. cineretla Mgn. 



Digitized by VjOOQIC 



— 170 — 

sp» — scolopendra Desv. 

Nelle foglie di Scolopendrium officinale; ucciso 
dalla Dacnusa punctum Gour, Vespiti 

sp. — xylostei Desv. = lonicerae Gour. 

Minatrice nelle foglie di Lonicera. Si aggiun- 
gano a suoi uccisori i seguenti: Entedon cae- 
ruleifrons Gour., Opius reconditor WsmL 
Perilitus ambiguus Rth. (G. Meteorus 
Halid.) Pteromalus corbulae Gour. Vespiti 



G. Phoka Latr. — Fam. Phoridae Rndn. 

sp. — rufipennis Macq. 

Le sue larve vivono nelle sostanze organiche 
animali in putrefazione: sono uccise dall'Opius 
nìtidus WsmL Vespiti 

sp, -* luberorum mihi. 

Nei tartufi commestibili in decomposizione: le 
sue larve hanno un nemico neir Opius lep to- 
sti g ma WsmL Vespiti 



G. PiopEiLA. FcUL — Fam. Anthomyidae Rndn. 

sp. — casei Lin. 

Le sue larve mangiano e guastano le sostanze 
organiche animali butirrose e lardacee, ed an- 
che le carni: il loro uccisore è TAlysia ru- 
ficeps Bé. Vespiti 



G. ScioPHiLA Mgn. — Fam. Mycetophilidae. 

sp. — striata Mgn. 

Le sue larve invadono e sollecitano la putrefa- 
zione dei funghi anche mangiabili, e sono uc- 
cise dal Ghelonus sulcatus Jur. Vespiti 



G. SiPHONELLA Macq. — V. Madiza FalL 



■> 



Digitized by VjOOQIC 



— 171 — 

G. Tefhritis Latr. — Fam. Anthomyidae. 

sp. — conjuncta Lw. 

Vive nei ricettacoli" di alcune composte : sono 
suoi nemici l'Amblimerus dubius Wlh, ed il 
Bracon atrator Nees. Vespiti 



G. Urophora Desv, — V. Rep. p. 11. 

sp. — cardai Lin. Rossi. 

Nei ricettacoli dei Cardi e piante affini : suo ne- 
mico è la Callimome chlorinus i^r^^. Vespiti 

sp. — cuspidata Mgn. 

Aggiungi a suoi nemici il Bracon anthra- 
cinus Nees ed il Torymus subterraneus 
Rtz. Vespiti 

sp. — stylata Fab- 

Le sue larve, come altre congeneri, vivono nelle 
infiorescenze dei cardi ed altre piante affini; 
hanno un uccisore nella Eurytoma piumata 
Illg. Vespiti 



Ord. CICADARII — HEMIPTERA L. prt. 

G. Aphis Lin. — V. Rep. p. 12. (*). 

sp. — atriplicis Lin. = chenopodii Schr. 

Si annida sui Chenopodii e le Atriplici. Un suo 
uccisore è il Xystùs testaceus Hrtg. Vespiti 

sp. — betae Kch. 

Trovasi sulle varie specie di Beta : è suo nemico 

il Tetrasticus diaphuntus Wlh. Vespiti 

sp. — betulae Fab. 

Sui giovani rami delle Betule; è ucciso dall' A n o- 
malon cruentatum Pnz. Vespiti 



(•J BuUet. Soc. Ent. Ital. : 1874, fase. I. 



Digitized by VjOOQIC 



— 172 — 

sp, — brassicae Lia. = raphani (prt.) Schr. 

Sono suoi Eemiciil Xystus circumscriptus 

El0. e TAphidius vulgaris Bè. Vespiti 

sp. — carthami Kcli. 

Vive sul Carthamus tinctorius; è ucciso dal 
Xystus flavicornis Hrtg. Vespiti 

sp, — chenopodii Schr. = atriplicis Lin. 

sp. — ckloris K/t. 

Si annida sui ramoscelli della Gratiola oflS- 
cìnalis ed intorno ai fiori delle Fragarie ec. 
Suo nemico è il Mizaphidus aphidiperda 
Rndn. Vespiti 

sp, — consolidae Pass. 

Vive in famiglie numerose sul Symphitum ofl3ci- 

Bale, ed è ucciso dall'Aphidius ci r sii Halid. Vespiti 

sp. — craccae Schr. = vicciae Lin. 

sp. — dimUhi Schr. — V. Rhopalosiphum persicae Zlz. 

sp. — eringii Kit 

Sui rami e le infiorescenze degli Eryngium: suo 
nemico è il Xystus minutus Hrtg. Vespiti 

sp. — evonimi Fab- 

Nelle foglie contorte dell'Evonimus europeus; 

è ucciso dal Miscogaster nitidus Wlh. Vespiti 

sp. — frangulae Kch. = rìiamni Kit. 

Si annida nei giovani rami di varie specie di 

Rhatìinus: suo uccisore è TAphidius varius 

* 

Nees. Vespiti 

sp, — heraolei Gour. = Phorodon galeopsidis Pass, 
sp- — ìmmuli Schr. V. G. Phorodon 
sp. — laciucae Fnscl. 

Vive sopra diverse cicoriacee, ed è ucciso dal 

Mymar pulchellus Cr^^. 
sp. — mali Fab. 

Aggiungi a suoi uccisori TElassus parci- 

cornis Nees. Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



— 173 — 

sp. — persicae Lin. 

Si aggiunga a' suoi nemici la Leucopis gri- 
seola Fall. Musciti 

sp. — pini pumilionis Gir. — V. G. Lachnus. 

sp. — primulae Fnscl. — V. Siphonophora malvae 
Pass, 

sp. — rahmni Kit. — V. sp. frangulae Kch. 

sp. — rosae Lin. — G. Siphonophora Kch, 

sp. — rumicis Lin. 

Sui rami e le foglie di varie specie di Rumex: 

è suo nemico l'Aphidius obsoletus WsmL Vespiti 

sp. — vicciae L. — vicciae craccae L. = craccae Schr. 
Sopra varie leguminose erbacee: suo uccisore 
è il Xystus melanogaster Hrtg. Vespiti 



6. AsPiDiOTUS Bè, — V. Rep. p. 14. 
sp. — pini Lin. 

Vive nelle foglie e ramoscelli di varie conifere : 
sono suoi uccisori la Meoneura Rndn. obscu- 
rei la Fall. (G. Agromyza Fall.) (oss. n.) Musciti 
ed il Tetrasticus archiope Wstw. Vespiti 

sp. — salicis Bè. 
■ Sulle foglie e giovani rami di alcuni salici. Suo 

I nemico è il l'Encyrtus Zetterstedtii Ww, Vespiti 

f sp. — tiliae Fab. 

Si aggiunga a suoi uccisori anche l'Encyrtus 
Zetterstedtii Ww. Vespiti 



G. Chaitophorus Kch. — V. Rep. p. 15. 
I sp. — popvli Fab. 

L Altro suo nemico è la Leucopis palliditar- 

■ si 8 Rndn. Husciti 



Digitized by VjOOQIC 



— 174 — 

G. EtJRiDEMA LplL — V. Rep. p. 16. 

sp, — oleracea Lin. 

Succhia, imbratta ed offende le piante crucifere, 
e specialmente le Brassiche. Entro le sue uova 
si annida la larva del Misochoris oophagus 
Rndn. Vespiti 



G. Hyalopterus KtL — V. Rep. p. 16. 

sp. — pruni Fab. 

Si aggiungano a suoi uccisori anche i seguenti : 
Leucopis griseola Fall., Leucopis tala- 
ri a i?w6?w. Musciti 
Xystus erythrothorax Hrtg. Vespiti 



G. Lachnus Illg. V. — Rep. p. 17. 

spp — Giraudi Mihi. = pini-pumilionis Gir. 

Vive nel Pinus silvestris, preferendo la varietà 
nana: suo uccisore è il Xystus forticor- 
nis Gir, Vespiti 

sp, — juniperi Kit. 

Si trova sopra varie piante resinose, e più spesso 
nei Ginepri: suo nemico è TAphidfus pici- 
pes Gour. Vespiti 

sp- " pinicola Kit. 

Sono altri suoi uccisori i seguenti; Anomalon 
aphidum i2^^., Aphidius varius Nees.,ÌÌ0' 
tanisus versicolor W/^., Xystus circum- 
mscriptus Klg. Vespiti 



G. Lecanium Illg, — V. Rep, p. 17. 

Sp, — luzulae Prrs. 

Si annida sui rami delle Luzule. Sono suoi 
nemici i seguenti: Callimome nigricornis 
Wlk., Pteromalus haemipterus Wlk, Vespiti 



Digitized by VjOOQIC 



' — 175 — 

sp. — pineti Schr. 

Altri suoi uccisori sono gliEncyrtus luteus 

Rtz. e Encyrtus circumscriptus Rtz. Vespiti 

sp. — vitis Lin. 

Si aggiungano a suoi nemici i seguenti: Coc- 
cophagus impeditus Nees.= (Eupelmus 
obscurus Ww.), Encyrtus hirticornis 
Dlm,, Pteromalus cretaceus FrsL (G. Me- 
gapelte FrsL), , Vespiti 

Micromus Rmì). variegatus Fab. (obs. n.) Libelluliti 



6. Myzus Pass. — V. Rep. p. 20. 

sp. — cerasi Fab. 

Serve di pasto alle larve dello Stigmus ater 

Jur. Vespiti 

sp. — ribis Lin. 

Si aggiunga agli altri suoi uccisori il Xystus 
circumscriptus Hrtg. Vespiti 



6. Orthesia SrvL — Pam. Coccidae. 

sp. — urticae Bsc. 

Vive sulle ortiche ed altre pianle erbacee: è 
uccisa dal Torymus difficilis Nees. Vespiti 



6. Pemphigus Hrtg. — V. Rep. p. 20. 

sp. — bursarius Kch. 

Produce gallozzole nei picciuoli e nervature delle 
foglie di Populus nigra ed italica; è ucciso dalla 
Leucopis bursaria Rndn. Musciti 

sp. — cornicularius Pass. 

Altra specie parassita di questo Afldino é la 
Leucopis Ballestrerii Rndn. Musciti 



Digitized by VjOOQIC 



— 176 — 

G, Phorodon Pass. — Fara. Aphididae. 

sp. — galeopsìdis Kit. = Aphis spondylii Gour. 

Specie polifaga, che vive sui Polygonum, Tussi- 
lago, Stachis, Herachleum, ec. : sono suoi ne- 
mici TAphidius obsoletus WsmL e TEn- 
cyrtus cotuatus Gour. Vespiti 

sp. — humuli Schr. 

Si moltiplica sulle foglie e giovani steli del- 
THuniulus lupulus, ed è ucciso dall'Aphidius 
picipes Gour, Vespiti 



G, Rhopalosiphum Kch, — Fam. Aphididae. 

sp, — berberidis Kch. 

Vive sull'estremità dei ramoscelli e sotto le fo- 
glie del Barberis vulgaris: suo uccisore è il 
Miscogaster pedunculiventris Nees. Vespiti 

sp, — diaMhi Schr. = persicae Zlzr. (non Fab.) 

sp» — nimpheae Kch. 

Vive nelle foglie di piante acquatiche, e special- 
mente delle Nimphée: sono suoi parassiti le 
Alysia affinis Nees,, e l'Alysia limnicola 
Nees. Vespiti 

sp, — persicae Zlz. = dianthi Schr. 

Specie molto polifaga, che vive sopra molte piante 
tanto erbacee come legnose : fra gli altri uccisori 
di questa specie è pure il Xystus posticus 



G. ScHfzoHETjRA Hrtg. — Rep. p. 22. 

sp- — vUmi Lin. (par.) 

Nelle galle maggiori, irregolari, degli Olmi, (*) 
costituite di foglie deformate : sono suoi nemici i 
seguenti: Leucopis bursaria Rndn. Musciti 



{*] È da ritenersi che anche la Schizoneora lanug-inosa deUe gaUe maggiori 
dell'olmo avrà |^u stessi nemici. 



Digitized by VjOOQIC 



— 177 — 

Encyrtus celtillus Gour., Eurytoma bi- 
guttata Swdr. = signata Nees. Vespiti 



G. SiPHOcoRiNE Pass. — Fara. Aphididae. 

sp. — faeniciUi Pass. 

Si annida sulle piante ombrellìfere. Suoi uccci- 
sori conosciuti sono i seguenti: Syrphus vi- 
tripennis Mgn, Musciti 

Coccinella 7 punctata Lin., Coccinella 
mutabilis Schr., Scymnus 4 pustulatus Scarabeiti 

sp. — xylostei Schr. = lonicerae FnscL 

Succhia le foglie, i giovani rami e le infiore- 
scenze delle Lonicere e delle Bignonie; è uc- 
cisa dal Ceraphron Carpente ri Crtz. Vespiti 
e dalla Leucopis myzaphida Rndn, Musciti 



G. SiPHONOPHORA Kch. V. Rep. p. 23. 

sp. — absynthii Kch. 

Vive sopra diverse specie di Artemisiae: suo 
nemico noto è TEncyrtus cotuatus Gour. Vespiti 

sp. — malvae Pass. «= primulae Gour. 

Polifaga : vive sulle Malvacee, le Viole, i Pelar- 
gonii, le Primule ec: è uccisa dall'Aphidius 
rufus FnscL, Gour. Vespiti 

sp. — rosae Lin. — Rep. p. 14. G. Aphis. 

Agli altri suoi uccisori, si aggiungano i se- 
guenti: Aphidius exoletus Nees., Aphi- 
dius obscurator jBe\, Aphidius rosarum 
Nees , Aphidius xanthostoma Bè., Sphe- 
gigaster rufipes Wlh., Xystus victrix 
Wio. Vespiti 



Ann. X. 



12 



Digitized by VjOOQIC 



178 



Gens. ACARI DI TI, 



G. GLTCTPHAaus Hrng. -r- Fam. Acaridae. 

sp. — destructor Schr. 

Infesto alle collezioni zoologiche, e specialmente 
dì insetti. Par, Muse. Gecydomya entho- 
mophila Prrs. Musciti 



G, Phytoptus DuJ. — Fam. Acaridae. 

sp. — mUs Lndl. 

Vive nella pagina inferiore delle foglie di vite, 
e 9i crede produttore della malattia detta Heri- 
neum vitis. È divorato insieme coi peli delle 
foglie dalla Coccinella L. (Thea) 20 punc- 
tata L. (oss. n.) Scarabeiti 



G. Tetranichus Dfr. — Fam. Acaridae. 

sp. — passerina Trev. 

Vive sui tralci e le foglie delle viti, ed è divo- 
rato colle sue uova e coi peli delle foglie dalla 
Thea 20 punctata L. (oss. n.) Scarabeiti 

sp. — telarius Lin. — V. Rep. 

Oltre al Scymnus già indicato, viene ucciso 
dairOribates geniculatus Lat. e dal Trom- 
bidium holosericeum L. Acariditi 



G. Tyrogltphus Latr. — Fam. Acaridae. 

gp. — eniomophagus Lblb. 

-AJtro distruggitore delle collezioni, specialmente 
entomologiche, che viene ucciso dalla Ceci- 
domya entomophila Prrs. Musciti 



Digitized by VjOOQIC 



-«. 179 ~ 

CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA ENTOMOLOGICA ITALIANA. - Cata- 
logo metodico dei Coleotteri raccolti nella provincia Modenese, nél- 
r estate degU anni 1875-76» dal Dott. VINCENZO RA.GAZZL 



Non avendo probabilmente in segnito occasione di raccogliere insetti nella 
Provincia Modenese, mi sono deciso a pubblicare questa enumerazione dei co- 
leotteri raccolti in questa provincia. Lo scarso numero di gite ed il tempo 
poco favorevole (runico concessomi da'miei scolastici studi) in cui queste sono 
state fatte, sono la causa del limitato numero di specie che in questo Catalogo 
figurano. Altri spero potrà presto compilare un completo catalogo dei Coleotteri 
di questa provìncia, di cui questo mio non è che un meschino principio. Pure 
essendo questa la prima volta che viene in luce una nota di specie modenesi 
diligentemente studiate, ed oltrepassando le medesime il numero di trecento, 
mi auguro che altri giovani miei compatnotti continuino lo studio iniziato 
anche per questa parte della Fauna entomologica della provincia, pel quale 
l'attuale Direttore del nostro Museo zoologico ha dato ogni maggiore impulso. 

Non ho creduto conveniente il notare per ogni singola specie la maggiore 
minor frequenza, non potendo per la scarsità delle gite fondatamente deter- 
minarla. Per rapporto alla località, tutte furono da me raccolte nelle campa- 
gne che pel raggio di pochi chilometri circondano la città. Alcune specie mi 
furono date dai miei amici Francesco Testi ed Andrea Fiori, ai quali rendo 
sentiti ringraziamenti 

Tutti i Coleotteri che figurano in questa nota, fanno ora parte della colle- 
zione entomologica modenese del Museo di zoologìa ed anatomia comparata 
della Regia Università di Modena. Tale collezione venne fondata nel 1872 dal 
cav. Prof. Antonio Carruccio, che mi fa guida e maestro negli studi zoologici, 
ed al quale professo stima e riconoscenza pei consigli, insegnamenti e mezà * 
che con squisita gentilezza volle mettere a mia disposizione. 



Fam. - CARABIDAE. 

Tribù. - ClCINDELINI. 

Gen. Cicindela Lin. 

Sp. » campestris L. 

» hybrida L. 

» Uterata Sulz. 

)► germcmica L. 



Tribù. - Cababini. 

Geb. Procerus Dejean. 
Sp. » coriacem Lin. 
Gen. Carabus Lin. 
Sp. > violaceus Lin. 
Gen. Calosoma Weber. 
Sp. » sycophanta Lin. 



Digitized by VjOOQIC 



180 — 



Gén. Nebria LatreillB. 
Sp, > hvevicollis Fab. 
» ? 

Tribù. - BRAcniNiNi. 

Gùn. Braclilncis Weber. 

Sp. > *m»wia/7it:orw7*s? DeJean. 

> explodeìis Dufts. 

> bombarda Dejean. 

Tribù. - Dryptini. 

Oen. Polystichns Qonelli. 
Sp. 30 mUatus Bruii. 

Tribò. - Leshni. 

Gen. Demetrìas Bonelli. 

Sp. > atricapiUus Lin. 

Gen. Dromius Bonelli. 

Sp. > quadrimaculatus Lin. 

Gen* I^ebla Latreille. 

Sp. » cj/anocephala Lin. 

ì^ erwx-wmor Lin. 

» iurcica Fab. 

ìs^ y_(?«a(?rimacw?flrfaL. 

Tribù, - Pasagaeini. 

OeB. Panagaeus Latreille. 
Sp. > crux-major Linn. 

Tribù* - Chlaenini. 

Gen. CaJIistos Bonelli. 
Sp. » Zu«ctótt5 Fab. 
Gen. ChJaenius BonoUi. 
Sp, » cif'c:u»ts^rijp^W5 Duffc. 
» Schranckii Dnft. 

Tribù. - Broscini. 

Gen. Broscus Paus. 

Sp. ^ ccphalotes Lin. 

Tribù. - Pterostichini. 

G^n* Calathus Bonelli, 

Sp. » cisteloides lUig. 

> melanoc^^hdlus Linn. 



Gen. Taphria Bonelli. 
Sp. » nivalis Panz. 
Gen Anchomenos Erichson. 
Sp. » prasinus Thunb. 
Gen. Feronia Latreille. 
Sp. » cuprea ? Linn. 

» koyi ? Germ. 
Gen. Platysma Bonelli. 
Sp. » Meìas Creutz. 

» òicolor Heer. 
Gen. Amara Bonelli. 
Sp. » rufipes Des. 

» trivialis Gyll. 
Gen. Zabrus Clairville. 
Sp. » G^i&òws Fab. 

Tribù. - Harpalini. 



Gen. Biachromus Ericbson. 


Sp. » 


Germanus Linn. 


Gen. Harpalus Latreille. 


Sp. » 


ohscurus Fab. 


> 


incisus Dej. 


» 


cordatus Duft. 


» 


macuìicornis Dui 


» 


mendax Des. 


> 


griseus Panz. 


» 


oonsentaneus Des. 


» 


dìstmgusndus Duft. 


» 


tenébrosus Des. 


» 


serrìpes ? Sch. 


Gen. Henelophus Dejearo. 


Sp. » 


Teutonus Clairville. 


» 


meridianus Linn. 


Tribù. - Trechini. 


Gen. Trechus Clairville. 


Sp. » 


minutus Fab. 



Tribù. - BeMBiDiiNi, 

Gen. Tachys Schaum. 
Sp. » quadristriatus DufL 
Gen. Bembidium Latreille. 
Sp. » lampros Herbst. 
» caraboides Scbran. 



Digitizedby VjOOQIC J 



181 — 



Sp. 



decorum Panz. 
flavipes Linn. 



Pam. - DTTISCIDAE. 
Tribù. - Hàliplini. 

Gen. Gnemidotus Illiger. 
Sp. » caesus Duffc. 
Gen. Haliplus Latreìlle. 
Sp. » óbìiquus ? Fab. 

» /wZvws Fab. 

» flavicoUls Sturm. 

» ruficollis De Geer. 

» lineato-Collis Mars. 

Tribù. - Hydropoeiot. 

Gen. Hydropoms Clairville. 
Sp. » hicarinatus 6ab. 

» geminus Fab. 

» halensis Fab. 

Tribù. - COLYMBETINI. 

Gen. Notenis Clairville. 
Sp. » sparsus Marsh. 
Gen. Laccophilns Leach. 
Sp. » variegatus Sturm. 

» ohscurus Panz. 
Gen. Golymbetes Clairville. 
Sp. » /w5Ctt5 Linn. 

» pulverosus Sturm. 

» fuliginosus Fab. 

» fenestratus ? Fab. 
Sp. » penetratus ? Fab. 
Gen. Agabus Leak. 
Sp. » Bydimus ? 01, 

» bipuncfatus Fab. 

» hipunctulatus Lin. 

Tribù. - Dytiscini. 

Gen. Gybister Curtis. 
Sp. » Boeselii Linn. 
Gen. Dsrtisciis Linneus. 
Sp. » marginalis Aubé. 
> dimidicUus Bergst. 



Gen. 

Sp. 

Gon. 

Sp. 

Gen. 

Sp. 



Eanectes Erichson. 

» sticticus Lin. 
Acillus Leak. 

» sulcatus Linn. 
Hydaticus Leak. 

» Austriacus Sturm. 

» transversalis Fab. 

» grammicus GernL 



Fam. - GYEINIDAE. 

Gen. Cyrinus Geoffroy. 
Sp. » natator Scopoli. 

» bicolor V. eZow^o^ws? Anbé- 



Fam. - HYDROPHILIDAE. 

Tribù. - Hydeophilini. 

Gen. Hydrophilus Geoffroy. 
Sp. » piceus Linn. 
Gen. Hydrous Brulle. 
Sp. » caràboides Linn. 
Gen. Hydrobias Leatz. 
Sp. » gloholus ? Payh. 
Gen. Phylhydrus Solier. 
Sp. » marginellus Fab. 
Gen. Helochares Mulsant. 
Sp. » lividus L. 
Gen. Berosus Leak. 
Sp. » spinosus Stev. 

» aericeps Curtis. 

» a^ww Brulle. 

Tribù. - Speecheiki. 

Gen. Spercheus Kugelann. 
Sp. » emarginatus SchalL 

Tribù. - Helophoeini. 

Gen. Helophorus Fab. 
Sp. » acquaticus Lin. 
» granularis Lin. 



Digitized by VjOOQIC 



182 — 



Tribù. " SpHAEBiDrrai. 

G«iii Sphaerìdlum Fab. 

Sp. > bijnistulatum Fab. 



Fam- - STAPHYLINIDAE. 
Tribt. - Aleocharini. 

Qen. Faiagria Stephens. 
Sp, )? sttlcata Paikul. 
Gon. Myrmedonla Erichson. 
Sp. }» eanaliculata Fab. 

Tribiì. - TACHYPORiin. 

Gen. Tacbypoms Grav. 
Sp. » ipnorum Fab. 

Tribù* - QUEDIIFORMES. 

Gen* Quedlus Slepbens. 
Sp. » Impressus Pans. 
Gen. Astrapeus Grav. 
Sp. » Ulmi Rossi. 

Tribù, - Staphyunini. 

Gen. Oclpus Stephens. 
Sp, > oìens Muli. 

;^ mar io Grav. 
Gren, Philonthus Curtis. 
Sp, » spìendens Fab. 

3i> laevicollis Lac. 

> poiiim Fab. 

Tribù. - XANTHOLiNnii. 

eGn, XanthoHaus Servill6« 
Sp. !^ degans ? Oliv. 

» ? 

Tribii. - Paedebini. 
Gon. Sunlus Stephens. 
Sp- -p ? 

^ ? 

> ? 



Gen. 


Paederus Graven. 


Sp. 


» riparius Linn. 




Fam. - SYLPHIDAE. 




Tribù. - Sylphini. 


Gen. 


Sylpha Lin. 


Sp. 


» rugosa Lin. 




» siuuata Fab. 




» obscura Linn. 




» laevigata Fab. 


Gen. 


Necrophorus Fab. 


Sp. 


» humator Fab. 




> vespillo Linn. 




Fam. - HISTERIDAE. 


Gen. 


Hister Linn. 


Sp. 


» quadrimaculatus Linn. 




» cadaverinus Eni, Hifte, 


Gen. 


Saprinus Erichson. 


Sp. 


» nUidulus Paik. 



Fam. - TltOGOSITlDAE. 

Gen. Trogoslta Oliv. 

Sp. » Mauritaniea Lin. 



Fam. - DERMESTIDAE. 

Gen. Dermestes Linn. 
Sp, » murlnus Limi. 

» lardarius Linn. 

» tesselatus Fab- 

» flrfer ? Oliv. 
Cren. Attagenus Latreillei 
Sp, » pelHo Linn. 
Gen. AntrenuB Geoffroy. 
Sp. > mt^seorum Linn. 



Digitized by VjOOQIC 



— 183 — 



Fam. - LUCANIDAE. 

Gen. - Lncanus Linn. 

Sp. » eervus Linn. 

Geo. Dorcvs Mac. Leay. 

Sp. » parallelopipedus Lin. 



Gen. 



Fam. - SCAEABEIDAE. 
Tribù. - CoPEiNi. 

I. Ateachus Weber. 

» . sacer Linn. 
Slsyphas Latreille. 
Sp. » Schaefferi Linn. 
Gen. Gymnopleurus lUiger. 
Sp. » mopsus Pallas. 
Gen. Gaccobius Thomson. 
Sp. > Schréberi Linn. 
Gen. Gopris Geoffroy. 
Sp. » lunaris Linn. 
Gen. Bobas Mnlsant. 
Sp. » Bison Linn. 
Gen. Onthophagus Latreille. 
Sp. » Hubneri V. a. Mnlsant. 

» Taurus tipo. Mnlsant 

» Vacca Linn. 

» coenobUa Herbst. 

» Zeme*r Fab. 

» furcatus Fab. 

» ovatus Linn. 
Gen. OniticeUas Lepll. et Serville. 
Sp. » flavipes Fab. 

Tribù, - Aphodiini. 

Gen. Aphodius lUig. 
Sp. » fimetarius Linn. 
» varians Dnft. 

> guadrigtUtatus Lin. 

> merdarius ? Fab. 
» o^cr De Geer. 

» scrutator Herbsi 
» prodromus Brbam. 



Gen. Psammodius Gyllenhal. 
Sp. » caesus Panz. 

Tribù. - Geotrypini. 



Gen. 


Geotrsrpes Latreille. 


Sp. 


» 


thyphoeus Lin. 




> 


stcrcorarius Lin. 




» 


putridarius ì EÌ^u 




» 


mutator Marsit. 




» 


vernaiia Lin. 




Tribù. - Trogidae. 


Gen. 


Tpox Fab. 


Sp. 


> 


Ai5pi6lws L. 



Tribù. - Melolonthiiil 

Gen. HopUa lUiger. 
Sp. » farinosa Linn. 
Gen. Homaloplia Stephens. 
Sp. » ruricola Fab, 
Gen. Melolontha Fabr. 
Sp. » vulgaris Linn. 
Gen. Ryzotrogus Latreille. 
Sp. » solstitialis Lin. 
Gen. Anomala Xeeppe. 
Sp. » vi^ts Fab. 

» det;o^a l^ossi. 

Tribù. - Dynastini. 

Gen. Oryctes L. 

Sp. » nasicomis Linn. 

Tribù. - CETONmw. 

Gen. Oxythjrrea Malsani 
Sp. » stictica Lin. 
Gen. Cetonia Fabr. 
Sp. » hirtella Linn. 

» speciosissima Scop. 

» floricola Werbst. 

> aurata Linn. 
Gen. Trichias Fab. 
Sp. » fasciatus Lin. 



Digitized by VjOOQIC 



— 184 — 



6en. Valgus Scriba. 

Sp, ^ hemipkrus Lin. 



Pam. - BUrKKSTlDAE. 

Tribù, - BUFRESTINL 

Qeìl. Capnodìs EsGhscholtz* 
Sp. > fmebrìonis Lin, 
Gon, Ancylochyra Esch. 
Sp. > flavo-macuìata Fab. 

Tribù. - A-GSTLINU, 

Oen» Goraebus Laport. 
Sp, Js» rubi LluQ. 

Gon. Agrllu3 Solier, 
Sp. > viridis Liiii 

Tribù. - TRAcnLJiHi. 

Ggil Trachys Pab, 

Sp- » minuius LÌB. 



Fam. - ELATERIDAE. 

Tribii. - EiATEfìDin, 

Cren. Drastarlus Esch. 
Sp, » btmacidatus Fab. 
Gen. Eiater Fabr. 
Sp. > obsaims ì L, 
ìs? mftcorms K 



Fam. - HALACODEEMATA. 
Tribù. - Lampyeini. 

Gen. LampyrlB Lin. 
Sp, » nodihica Lm. 
Gen. X«ucl0la Laporte. 
Sp. ^ /ftalica Lìn, 



Tribù. - Telephoeini. 

Gen. Cantharis Linn. 
Sp. » óbscura Linn. 
» pellucida Fab. 

Tribù. - Driuni. 

Gen. Drilus Oliv. 

Sp. » flavscens Fab. 

Tribù. - Melyrini. 

Gen. Malachias Fab. 
Sp. » aeneus Lin. 
» elegans Oliv. 
Gen. Henicopus Stepbens. 
Sp, » pilosus Scop. 



Fam. - CLERIDAE. 
Tribù. - Cleeini. 

Gen. Clerus Geoffroy. 
Sp. » formicarius Lin. 
Gen. Trichodes Herbst. 
Sp. » apiarius Lin. 



Fam. - PTINIDAE. 

Gen. Ptinus Linn. 

Sp. » sex-punctatus Panz. 



Fam. - Al^OBIIDAE. 
Tribù. - Apatini. 

Gen. Sinoxylon Dnft. 

Sp. » sex-dentatum Oliv. 



Digitized by VjOOQIC 



ippfw't'^ 



— 185 — 
Fam. - TENEBRIONIDAE. Fam. - MELOIDAE. 



Tribù. - Blaptini. 

Gen. Blaps Fab. 
Sp. » mortisaga Linn. 
» ? 

Tribù. - Pedinini. 

Gen. Dendarus Latreille. 
Sp. » coarcticoìUs Muls. 

Tribù. - DiASPEEiNi. 

G«n. Diasperis Geoffroy. 
Sp. > boleti Linn. 

Tribù. - Tenebeionini. 

€ren. Tenebrio Linn. 
Sp. » molitor L. 

Tribù. - Heloplini. 

Gen. Helops Fab. 

Sp. » striatus Four. 



FAm. - CISTELIDAE. 

Gen. Omoplus Solier. 

Sp. » lepturoides Fab. 



Fam. - ANTHICIDAE. 

Gen. Formicomus Lafertè. 
Sd. » pedestris Eossi. 



Fam. -MOEDELLONAE. 

Gen. Mordella Linn. 
Sp. > aculeata Lin. 
» fasciata Fabr. 



Gen. Meloe Lin. 
Sp. » proscarabeus Lin. 
» violacea Marscb. 



Fam. - CURCULIONES 

Tribù. - Otioehynchini. 

Gen. Otiorhynchus Germar. 
Sp. » ? 

Tribù. - Beachyderini. 

Gen. Sitones Sch. 

Sp. » ? 

Gen. Polydrosus Germ. 
Sp. » argentatus L. 

Tribù. - Beachiceeini. 

Gen. Brachicems L. 

Sp. » algirus ? ? Fab. 

Tribù. - Hypbeini. 

Gen. Hypera Germ. 
Sp. » tesselata Herbst. 
» murina Fab. 

Tribù. - Cleonini. 

Gen. Cleonus Scb. 

Sp. > ophtalmicus Rossi. 

» sulcirostris Lin. 
Gen. Lixus L. 
Sp. » .... ? 

» .... ? 

» .... ? 

Tribù. - TiCHiiNi. 

Gen. Tychius Germar. 
Sp. > quinque-punctatt^ L. 
» ? 



Digitized by VjOOQIC 



— 186 — 



Tribù. - Apionini. 

G«n. Aplon Herbst. 

Sp. ^ molaceum Lin. 

■> flavipes Pab. 

^ frumenéarium L. 

Tribù» - Attelabidae. 

Oen. Attelabus L. 

Sp, » curculionoides Lin. 

Tribù, - RfflNOMXCERIDAE. 



Gen. 


Rhyncliites Lin. 


Sp, 


» aequatus Lin. 




> alliariae Paik. 




]^ betulae Lin. 




» ? 




Tribù. - Balanini. 


Gen. 


BaUtnlnus Germ. 


Sp. 


» WMCww Lin. 




» Irassicae Pab. 



Tribù. - Anthonomini. 

Gen. Orche stes Illìger. 
Sp. » quercus Lin. 

^ aZm Lin. 

:^ salicis Lin. 

Tribù. - Gymnetkini. 

Gen. Meclnus Germ. 

Sp. > drculcUus Marset. 

Tribù. - Cbutorhynchini. 

Gen. Ceutorliynchiis Schor. 

Sp. » ? 

^ ? 

Tribù. - Baeidhni. 

GeB, Barìs Germ. 

Sp, 3^ chloris Panz. 



Tribù. - Calandbini. 

Gen. Calandra Clairville. 
Sp. » granaria Lin. 

Tribù. - ScoLTTiNi. 

Gen. Scolytus Geof. 
Sp. » ulmi ? L. 

Tribù. - Beuchidae. 

Gen. Bruchns Lin. 
Sp. > pisi Linn. 



Pam. -CEEAMBICIDAE. 
Tribù. - Pbionini. 

Gen. Aegosoma Serville. 

Sp. » scabricorne Scopoli. 

Tribù. - Cebambicini. 

Gen. Gerambyx Lin. 
Sp. » miles Lin. 
Gen. Purparicenus Serville. 
Sp. » KóhTcleri Lin. 
Gen. Aromia Serville. 
Sp. » moschata L. 
Gen. GalUdium Pab. 
Sp. » sanguineum Lin. 

» variabile Lin. 
Gen. GUtus Pab. 
Sp. » arcuatus Lin. 

» floralis PalL 

Tribù. - Lamini. 

Gen. Dorcadion Dalman. 
Sp. » pedestre Lin. 
Gen. Morlmus Serville. 
Sp. » tristis Linn. 
Gen. Lamia Pab. 
Sp. ^ » textor Serville. 



Digitized by VjOOQIC 



— 187 



Tribù. - Lepturini. 

Geo. - Vesperus Latreille. 
Sp. » luridus Bossi. 



Fam. - CHRYSOMELIDAE. 

Tribù. - DoNACiNi, 

Gen. Donacia Fab. 

Sp. » menyanthidis Fab. 

Tribù. - Criocebinl 

Gen. Lema Fab. 

Sp. » pundicoUis Curt. 

> melanqpa Lin. 
Gen. Crioceris Geof. 

Sp. » duodeeim-pundata Lin. 
» asparagi Lin. 

Tribù. - Clithrini. 

Gen. Glythra Laici. 

Sp. » longtipes Fab. 

» 4r-pundata Lin. 

» a^wi5 L. 

Tribù. - Crtptqcephalini. 

Cren. Gryptocephalus Geoft. 
Sp. » 5ea:-macwZa<ws Oliv. 

» variegatus Fab. 

» sericeus Lin. 

> tnoraei Lin. 
» flavipes Fab. 

» tnar^ina^us Fab. 

» viUatus Fab. 

» sex-pustulatus Bossi. 

» gwmgt«e-jpuwda<w5 L. 
Gen. Pacbytradiys Lnft. 
Sp. » maculatus Geoffroy. 
Gen. Timarcha Latreille. 
Sp. > tenebricosa Fab. 



Gen. Ghrysomela Linn. 
Sp. » staphilea Linn. 

> Godtingensis Lis. 

» Bossia IH. 

» aemoptera Lin. 
Gen. Lina Bedtem. 
Sp. » populi Lin. 
Gen. Gastrophisa Bedt. 
Sp. » poìygoni Lin. 
Gen. Plaglodera Bed. 
Sp. » armoraciae Sturm. 
Gen. Phaedon Latreille. 
Sp. » pyritosus Bossi. 

Tribù. Gallerucini. 

Gen. Adimonia Laich. 



Sp. 



Gen, 
Sp. 
Gen. 
Sp. 



» tanaceti Lin. 
» rustica Sellali. 
» rufa Duft. 
» caprae Linn. 
Malacosoma Bosenh. 

> lusitanica Linn. 
Agelastica Bedt. 

> aZm Lin. 

Tribù. - Halticini. 



Gen. Grepidodera Allard. 
Sp. » chloris Foud. 

» transversa Marsch. 

» ferruginea Foud. 
Gen. Graptodera Allard. 
Sp. » erucae Oliv. 

» ampelofaga Geer. 

» consobrina Duf. 

» oleracea Linn. 
Gen. Pbyllothreta Foud. 
Sp. » hrassicae Fab. 

» vittula Bedtem. 
Gen. Podagrica Allard. 
Sp. » fuscicornis Linn. 
Gen. Plectroscelis L. 
Sp. » semicoerulea Hefle. 

> conduda Mots. 

» aridella Paik. 



Digitized by VjOOQIC 



— 188 — 



Gen. DlboUa Latreille. 
Sp. » femoralis Redt. 
Ggd. Pisjlliodes Latreille. 
Sp. » crysocephalus Linn. 
» attenuatus Ent. Hfte. 

Tribù. - HispiNi. 

0^11, Hl&pa L]nn. 
Sp. » atra Linn. 

Tribù. - Cassidini 

Oen. Cassida Linn. 

Sp. 3^ margaritacea Schall. 

» inridis Linn. 

> ferrugìnea Scopoli. 



Fam. - COCCINELLIDAE. 

Gon. Coccinella Linn. 
Sp. » mutahilis Scriba. 

òipunctata Linn, 

margine-punctata Mar. 

impustulata Linn. 

quatuordecim-pustulata F. 

quatuordecimr-puindata L. 

gum^^e-jjwwc^a^a Lin. 

septem-pundata Lin. 

sedecim-guttata Lin. 

vigintiduo-pundata Lin. 

his-septem guMaia Lin. 
Gen. Chiloconis Leack. 
Sp. » renipustulatus Scriba. 
Gen. Exochomus Bedt. 
Sp. » gt«a(7npus/uZa^t«s Lin. 
Gen. Epilacna Chevrolat. 
Sp. > globosa Schneid. 



» 



» 
» 



1 



Digitized by VjOOQIC 



^W!'-'- 



— 189 — 



SAGGIO DI UN CATALOGO 

DEI LEPIDOTTERI D'ITALIA 



COMPILATO 



dairing. ANTONIO CURÒ 



{Contin. — Vedi voi. X, pagr 113 e seguenti) 



Gen. Mo»%090tna Led, 

Nota. — Tutte le specie appartenenti a questo genere hanno per lo meno 
due apparizioni annuali.. 

Pendolarla CI, — Estate — Boschi, siepi, cespugli. — Piano, Alpi. 

Z, sett. 3. — Larva sulle Betulle, alno, acero. 

Eur. cent, e sett. (ecc. reg. poi.), Russ. mar. or., Siberia or. 
Orbicnlaria Hb. — Estate — Siepi, boschetti in siti umidi. — Piano, colli. 

Z. sett, 3. — Bruco sui Salici e alni. 

Irlanda, Europa centrale, Russia meridionale. 
Annnlata Sohulze. — Omichronaria S, V, — Estate — Boschi, 
siepi ec. — Piano, colli. 

Z. sett, 3, Z, cent, 3. — Bruco sulle Betulle e acero. 

Gran parte dell* Eur. cent., Russ. mer., Dalraaz., Asia minore. 
AIMoocellarla Hb, — Mag. Giù. — Siepi, boschetti. — Colli, valli. 

Z, sett. 4, (Valli di Pesio e di Wippaco), Z. ins. 5, (Corsica). 

Germ. mer. or., Ungh., Frane, mer. or., Russ. mar., Balcan, 
Asia min., Siberia or. 

Larva ignota (?). 
Papillarla Hb, — Prim., est. — Siepi, boschi ec. — Colli, monti. 

Z. sett, 3, Z, cent, 3, Z. mer. 3, Z. ms, 3. 

Garm. mer. or. ec, Europa merid., Asia occid., Algeria. 

Bruco s. Phyllirea angusti folia, Cistus, mirto e a. 



Digitized by VjOOQIC 



— 190 — 

La ab, Gyrata Hb, 434 (al. medio ocellatis fasciatisque, saepius striga 
punctata basali et exteriore), accompagna il tipo, più o meno di fre- 
quente, in latta l'Italia. 
Forata F. — Prim. est. aut. — Boschi, siepi ec. — Piano, monti. 
Z. sett, 2, Z, cent, 2, Z. mer, 3, Z. ins, 2. 
Eur. cent, e mer. (ec. Andai, e Grecia), Asia min. Armenia. 
Bruco sulle Querce e betulle. 
Punctarla L. — Prim. est. — Come la precedente. 

Z, sett. 2, Z. cent. 3, Z. mer. 4, Z. ins. 4. 
Larva s. Querce ec. 

Eur. cent, e mer. (var.), Finlandia, Livonia, Asia min. ec. 
Y. (ab.) Suppunctaria Z. (Isis 4847). (Minor, dilut. al. in medio 
anguste strigatis, exterius plerumque non punclatis), — Incontrasi 
in lug. e agosto in Sardegna [Staui.], nei dintorni di Roma ec. (Zeller). 
Eur. merìd., Asia min. 
V. {ab.) Ruficiliaria jy. S. — Pupilla ri a Z. (Isis 1 847, p. 498). 
(Major, al. densis punclul. magis unicolorib., rubro ciliatis, non rubro 
fasciatis ec.) — Qua e là col tipo in tutta V Italia. — Svizzera, 
Europa, mer. ec. 
LiBearia Hb. — Trilinearia Bkh. — Estate — Boschi siepi, ec. — 
Valli, monti. 

Z. sett. 3, Z. cent. (Alpi mar. ?). 

Eur. cent., Livonia, Russ. mer. 

Bruco sulle Querce, faggio, mirtillo e a. 

Gen. Titnandira B. 

Amata £.. (aria) — Prim. est. aut. — Siepi, boschi, luoghi erbosi umidi. — 
Piano, monti. 

Z. sett. 2, Z. cent. 2, Z. mer. 3, Z. ins. 3. 

Quasi tutta 1' Europa, Asia min., Armenia, Siberia, Amur. 

Bruco sul Polygonum persicaria, Rumex e a. 

Gen. JPeiionia Dup. 
(volo diurno — due apparizioni annuali). 

Vilsicaria CI. — Cruenta la Se. — Prim., est. — Margini dei boschi ìd 
luoghi aridi. — Piano, monti. 



Digitized by VjOOQIC 



— 191 -. 

Z. seti. 2, Z. cent. 3, Z, mer. (?). 
Gran parte dell* Europa. Asia mioore (var.). 
Larva s. Àira montana, Spart. scoparium e a. 
Sicanaria Z. — Calabraria Hb, 547. — Osservala sin qui, da noi sob 
in Sicilia, non rara. Inollre nell* Andalusia. 

Bruco probabilmente suW Aspirula calabrica. 
Calabraria Z. (Gn. II. 8). — Prim. est. — Margini d. boschi in luoghi 
aridi. — Piano, monti. 

Z. sett, 2, Z. cent, 2, Z, mer, 2. 
Larva s. Asper, caìabrica e timo (?). 
Europa meridionale, Armenia, Africa sett. (?J. 
È questa, probabilissimamente, la forma descriLto dal Petagna 
p. 38, fig. 32. 

Gen. nhypatria Hb. 

(volo diurno). 

Melanaria L, — Citata da Herrich, Schaeffer e da Duponchel, come specie 
d' Italia. (Dovrebbe incontrarsi in luoghi boscosi, ore cresce il Vgg- 
dnium uliginosus, di cui sì pasce la larva). 

Parte delPEur. sett. e centr.. Frane, mer., Svizzera, Russia. 
Siberia orient. 

Gen. Mbi^ajpag Leach, (1) 

Grossulariata L, — Estate — Siepi, boschi. — Piano, vaUì, monti, 

Z, sett. 2, Z. cent. 3. 

Larva s. Uva spina, Ribes e a. 

Eur. cent, e sett. (ecc. reg. poi.) ; Dalm., Turchia, Russ. raer. 
Armenia, Siberia, Amur. 
Pantaria L. — Estale — Siepi, boschi umidi. — Piano, colli, monti. 

Z' sett. 4, Z, cent. 3, Z, mer, A (Sicilia). 

Bruco s. Frassino e a. (?). 

Inghilt., Frane. Svi'zz., Spagna, Dalmazia. 



(Ij Salvo due o tre eccezioni, nessuna delle specie dei numerosi genieri dal- 
VAbraxas. al P$odos, vola di giorno. 



Digitized by 



Google 



— 192 — 

Salvata Se. — Cimata F. — Primavera — Boschi — Colli, valli. 

Z. selL 4. — Larva s. Prunus padus, olmo e platano (?). 

Eur, ceni., Svezia, Livonia, Russ. mer.. Armenia, Aitai, Amor. 
Adnstata S. V, — Magg. giù. — Siepi e boschi umidi. — Piano, monti. 

Z. s€lL 3. (Probabilmente anche n. altre zone). 

Eiir. cent, e mer., Svezia, Livonia, Asia min., Armenia. 

Larvi! ^{ì\V Evonymus europaeus. 
Marginata L. — [Staphyleata Scop,) — Prim. est. — Siepi, cespugli, 
boschi. — Piano, valli. 

Z- sHt. 2, Z. cent. 3. (Toscana ec.) 

Bruco s, faggio, avellano, pioppo. 

Ho rarcollo la ab. Poi Iuta ria Hb. 77 (con poche macchie 
nerej in Andoroo (Piemonte); cosi pure la forma più scura, N ae va- 
ri a i/&. 79. 

Eun ceDt. e sett., Ural, Siberia, Amur. 

Gen. Bapia Stph. 

Bìmaculata F. — T a m i n a t a S. V, — Giugno — Siepi, boschi. — 
Piano, colli. 

Z. seiL 3, Z. cent. 3. 

Eur. cenL, Livonia, Russ. mer. or., Asia min., Aliai. 

Bruco 8. Querce e betulle (?). 
Temerata S. V. — Mag. giù. — Come la precedente. — Piano, monti. 

Z. sett. 4, Z. cent. 5. (Toscana). 

Europa cent., ec, Ural-, Amur. 

Bruco s. Betulle e salici» 

Gen. Sieganin Dup. 

Trimaouìata Vid — Permutataria Hb. — Prim. est. (da due a tre ap- 
parizioni), — Luoghi erbosi, cespugli, contro il tronco dei pioppi. — 
Piano, colli. 

Z, .%€fL 2, Z. cent. 2, Z. mer. 3, Z. in$. 2. 
Gran parie dell' Eur. merid., Asia min. 
Larva sul Papulus alba e a. 
La Tsr. (a6.^ Cagna la ria Hb. 504 (Al. plus minusve fusco irroratis) 
è filata tiàccoUa da Mann a Morreale in Sicilia e da Slaudinger in Sard. 



^ 



Digitized by VjOOQ le 



— 193 — 

Gararia Hb. — Loglio — Luoghi erbosi e cespugliosi, tronchi* — Colli ec. 
Z. seti, 5. (Boschi di Stupinigi, Ghìt.). 
Frane, sett., Sassonia, Austria, Russ. mer. 
Larva ignota (?). 

Gen. Cahera Tr. 

Pnsaria L. — (Strigata Se.) — Prim. est. — Siepi folte, boschi — 
Piano, monti. 

Z. seti, % Z. cent. 2, Z. mer. (?), Z. ins, 2. 
Eur. selt. e cent., Balcan sett., Russ. mer., Siberia or. 
Bruco s. Betulle e alni. 
La db. R 1 u n d a r i a Ew. (Gn. IL 54) é stata raccolta dal Blillière 
neir allo Nizzardo. 
Exanthemata Se. — Prim. est. — Come la precedente. — Piano, monti* 
Z. sett. 2, Z. cent. 2, Z. ins. 3. (Corsica). 
Eur. sett. e cent., Castiglia, Asia min., Arm., Urat^ Amur. 
Larva s. Betulle e avellano^ 

Gen. IVun%eria Dup. 

Pulveraria L. — Prim. est. — Boschi. — Piano, colli, valli. 

Z. sett. 4. — Bruco sui Salici e betulle (?). 

Eur. sett. (ecc. reg. poi.) e cent., Bulgar., Ural, Aitai, Amor. 
Gapreolaria S. V. — Estate — Regione delle conifere. — Moati^ Alpi. 

Z. sett. i, Z. cent. 4. (Alpi mar. sui due versanti). 

Germania, Svizz., Francia cent., Grecia. 

Il bruco vive sulle Conifere. 

Gen. Eììopin Tr. 

Prosapiaria L. — Fasciarla Sch. S. V. — Giù. lug. seti, (?) — Sui 
rami d. conifere. — Alpi, monti. 

Z. sett. 4. — Larva sul Pynus sylvestre, e a. conifere (?) 
Eur. cent, e sett. (ecc. reg. polare), Ural, Aitai, Siberia orient. 
È questa la forma tipo, di color carneo, da noi rarissima. 
v. (et ab.) P r a s i n a r i a H6. 4, col fondo delle ali verde, appare piat* 
tosto nella regione subalpina. 
Ann. X. 3É 



Digitized by VjOOQ IC 



r 



1 



194 — 



Z. seti, 3, Z, cent. 3. (Yers. mer. d. Alpi mar.) 
£ la forma dominante Dell' Europa meridionale ; e vi ha proba- 
bilmente due apparizioni annuali. 

Il bruco sMncontra pure sul PintAS sylvestre. 
Plnlcolaria BelL — (An. S. Fr. 4861, p. 29). — Scoperta da Bellier nelle 
foreste dì larici dell* interno della Corsica, rara. 

Gen. Meiraeawnpm Lai. (4) 

Marsarltaria L. (Y i t r i 1 a t a Cyrillo). — Prim. est. (due appariz.)^ — 
Siepi, boschi. — Colli, monti. 

Z, sett. 3, Z. cenL 3, Z. mer. 3. Z. ins. 3. 

Eur. cent., Svezia, Turchia sett. or. 

Larva s. Querce , faggio, carpino e tremolo. 
Hooorarìa Sch. S. V. — Mag. giù. poi sett. — Siepi, boschi. — Valli, monti. 

Z. sett. 4, Z. cent. 4 (Liguria), Z. mer. 4 (Calab.), Z. ins. k (Sard.) 

Gran parte deirEur. cent., Catalogna, Dalmazia. 

Bruco sugli Ulivi e querce* 

Gen. Eugonia Bh. [%) 

Querclnaria Bfn. — Angularia S. V. — Fine marzo, apr., poi fine di 
estate. — Sui tronchi, rami, foglie. — Piano, valli. 

Z. selt. 3, Z. cent. 3. (Alto Nizz., Bolognese ec), Z. ins. 4. (Corsica). 

Eur. cent., Svezia, Livònia, Dalmazia. 

Larva sul Tiglio, querce, faggio e a. 
Autnmaaria Wernb., — Alniaria S. V. ^ Aprile, agosto (ha pure due 

apparizioni). — Come la precedente. — Colli, montL 

Z. sett. 4, Z. cent. (Alto Nizzardo (?) ). 

Eur. cent, e sett. (ecc. reg. bor.), Ural. 

Bruco s. Alno, avellano, betulle. 
Miniarla £. — T i I i a r i a H&. 23. — Est., poi aut. — Come le preced. -- 
Colli» nìonti. 

Z. sett. 3, Z. cent. (Alto Nizzardo (?)), 



I 



(!) Le Urve del fifenere Metrocampa, fanno eccezione alla regfola, essendo manite 
di 9cl gambe membranose, analo-abodoniinali, invece che di sole quattro. 

[2] Le specie appartenenti a questo genere e ai dae segruenti, al riposo tengono 
la ali erette, a guisa del diurni. 



Digitized by VjOOQIC 



— 195 — 

Larva, come la precedente. 
Europa centrale, Svezia, Livonia. 
Fnscantaria Hw. — Millière la dice frequente in luglio, lungo le sponde dd 
Varo, in prossimità delle piantagioni di alni, sui quali vive il bruco- 
Parte dell'Europa centrale-occidentale. 
Erosarla S. V. — Eslate, aut. (?). — Luoghi boscosi ec. — Colli, monti. 
Z. seti, i, Z. cent, 4. (Liguria ec), Z, mer. (Lecce, rara. Costa )_ 
Eur. cent., Svezia m., Livonia, Spagna, Russ. mer. or., ? Siberìt. 
La larva vive sulle Querce, 
ab. TiliariaHò. (Btr. H. 4. 4. X.), Quercinaria Bkh., (Hb. 24). 
Secondo Millière, non rara nel luglio, neirAlto Nizzardo. 
Qaercaxia Hb. (414. 2). — Estate — Come la precedente. — Valli. 

Z. sett 5, (V. di Wippaèco, 4 ? da Mann.), Z. cent. 3, (Alto 
Nizzardo, freq. sec. MilHére). 

Ungheria, Dalmazia, Spagna, German. mer. occ. (?}. 
Bruco s. Querce. 

Gen. Seìenia Bh. 

Bilanaria Esp. — 1 1 1 u n a r i a Eh. ,— Fine apr. mag., poi fine eslale. ~ 
Sui rami, tronchi ec. -* Piano, vali». 

Z. sett. 3, Z. cent. 3. (Alto Nizzardo, Tose. ?), Z. mer. (Napo- 
letano, rara. Costa). 

Eur. sett. e centr., Russ. mer. or., Amur^ 
Larva s. TigliOy prugno, avellano, pioppo, salici ec. 
La var. Julia ri a Haw., più piccola e più pallida, pare sia la forma 
della seconda apparizione. 
Lunaria Sch. S. V. — Apr., mag., poi ag. sett. — Sui tronchi, rami ec. 
(olmi e a.) — Piano, colli, valli. 

Z. sett. %, Z. cent. 3, Z. mer. 4. (Napoletano (?), Sìcife), 
Eur. cent, ec, Balcan sett., Russ. mer. 
Il bruco vive s. Betulle, querce, sambuco e a. 
I La var. {ab. ?) Delunaria Hb. 54, più piccola e più chiara, è proba- 

bilmente la forma della seconda apparizione. 
Tetralnnaria Bfh, — Illustrarla Hb. 35. ^ Prim. est. «^ Sui tronchi^ 
muri, ec. — Piano, valli, monti. 
i Z. sett. 4, Z. cent. 4. (Alpi mar.. Tose. (?) ), Z. mer. 4. (NapoleLj 

I Europa centr. ec, Dalmazia, Russia mer. or. 

I 



Digitized by VjOOQIC 



— 196 — 

La larva s* incoDtra sulle Querce, olmo, faggio e a. 
La var. (ab.) A e s t i v a (var. A. Gn,), più pìccola e più chiara, sarebbe, 
analoga mente alle varietà delle congeDeri, la forma della seconda 
generazione. 

Geo. M^erieaiiia Stph. 

Syi^uigarla L. — Prim. est. — Siepi, giard. ec, sui tronchi ec. — Piano, colli. 
Z. seti. 3, Z, cent, 3, Z. mer. 4. (Dint. di Napoli). 
Gran parte dell* Eur. sett. e cent., Russ. mer. or., Aitai, Amar. 
11 bruco, sulla Syringa vulgaris, gelsomino, caprifolio e a. 

Gen. Odoniopem Stph, 

Bldentata Cf, ^ D e n t a r i a Hb. -^ Mag. giù. sett. — Come il prece- 
dente. — Valli, monti. 

Z. sett, 3, Z. cent, i, (Alpi mar.). 

Bur. sett. (ecc. reg. bor.) e cent., Russ. mer.. Aitai, Siber., Amur. 

Bruco snW Abies excelsa e a. 

Gen. JBitnera Dup. 

Feimaria L. — Fine est., aut. — Come le precedenti. — Valli, Alpi, 
2, sett, i, (Valle di Locana, ec. Ghil.). 
Larva s. Querce e betulle, 
Eur. cent, ec, Andalus. (Granada), Armenia, Amur. 

Gen. €roeeaU9 Tr, 

Tusclaria Bkh* — Extimaria Hb, — Fine estate. — Alto Nizzardo, rara 
(Minière); (Toscana ?). — Italia ceolr. (Staudinger), Italia (Duponchel). 
Parte della Germ. centr. e mer., Ungher., Frane, mer., Castiglia. 
Bruco sul Prunus spinosa, 
Eliaqaarla Z. — Prim. est. — * Al calcio degli olmi ec. — Colli, monti. 

Z. sett, 3, Z, cent. 3. (Alto Nizzardo, Toscana?) Z, mer, 3. (Ca- 
m aldo li, Costa). 

Eur, sett. (ecc. reg. bor.) e cent., Dalm., Armenia, Aitai, Sib. or. 
Braco sul Caprifolio, prugno, querce ec. 



Digitized by VjOOQIC 



J 



— 197 — 

Ignoro se la var. T r a p e z a r i a ^., più piccola e più pallida ec. 
sia slata osservata in Italia. 
I>ardoinaria Donz. — Estate. — È stata osservata nel Nizzardo dal sig. Teis- 
sei re. — Francia cent. occ. e mer., Catalogna. 
Larva s. Cistus, Ulex e m. a. 

Gen. Eurywnene Dup. 

I>olobraria L. — Mag. poi log. agosto. — Siepi, boschi, sui rami e tronchi. — 
Piano, monti. 

Z. sett. 4, Z. cent. 4, Z. mer, 4. (Sicilia). 

Larva s. Querce e tiglio. 

Eur. sett. (ec. reg. poi.) e centr., Bulgaria, Russia mer. 

Gen. Angeroma Dup, 

Pranaria L. — (C o r t i e a 1 i s Se.) — Mag. giù. poi lug. (?) — Come la 
precedente. — Piano, monti. 

Z. sett. 2, Z. cent. 3. — Bruco s. Prunus, geniste, olmo (?) e a. 
Eur. sett. (ecc. reg. poi.), e cent., Russia mer. or., Asia min.. 
Aitai, Amur. 
ab. S r d i a t a Fss., C o r y 1 a r i a Thnb. — Più scura, con larga fascia 
mediana chiara della medesima tinta del tipo. — Non rarissima. 

Gen. Urapiew^oD Leach. 

Sambacaria L. — Est. — Siepi, cespugli, sui rami e tronchi. — Valli, monti. 
Z. sett. 3, Z. cent. 4, Z. ins. 5. (Corsica). 
Bruco sul Sambuco, pero, melo, tiglio. 
Eur. cent., Livonia, Svezia mer., Dalm., Rnss. mer. or., Asia min. 

Gen. Jtifmia Dup. 

liUteolata L. — Crataegata L. — Prira. est. aut. — Cespugli, siepi. — 
Piano, monti. 

Z. sett. 2, Z. cent. 2, Z. mer. 3, Z. ins. 2. 

Quasi tutta l'Eur., Asia min., Armen., Sib. or., Africa sett. 

Larva sul Biancospino e diberi da frutta ; essa é munita di qaat- 



Digitized by VjOOQIC 



— 198 — ^ 

lordici gambe, invece che di sole dieci ; quattro delle ventrali sodo 
però improprie alla locomozione. 

Gen. Epiotuf Dup. 

Aplciaria Sch. 8. V, — Est. aut. — Cespugli, boschetti. — Colli, valli, monti. 

Z. selt, 3, Z. cent. 4. (Monti Liguri). 

Larva s. Salici, alno ec. 

Ear. cent, e sett., Dalmaz., Russ. mer., Aitai, Amar. 
ParaleUarla Sch. 8. V, — Vespertaria Stph. — Estate. — Luoghi 
sterposi ec. — Monti, Alpi. 

Z. seti, 4, Z. cent. L (Monti Liguri). — Bruco s. Tremolo, betulle ec. 

Ear. cent, e parte della sett., Russ. mer. or., Aitai, Amur. 
Adirenarla Hh^ — Estate. — Luoghi sterposi ec. — Monti, Alpi. 

Z. sett. 4, Z. cent. 4, (Alpi maritt.) ? Z. mer, (Camaldoli, Costa). 

Europa centrale ec, Armenia, Aitai, Amur. 

Braco sul Vaccinium myrtillus e a. (?) 

Gen. MMypop9eeiÌ9 Hb. 

? AdBpersarla Hb, — Sarebbe stata osservata n. parte più or. d. Z. seti. 
È specie propria di gran parte d. Eur. cent., Ungh. or. ec, Asia 
min. e Siberia or. 

La larva è da cercarsi sui Sarothamnus, geniste ec. 

Gen. Veniiia Dup. 

Macularla Li — Mag. gin. — Boschetti, macchie. — Piano, monti. 
K sett. 3, Z, cent. 3, Z. mer, {?), Z. ins. 2. 
Vola talvolta spontaneamente anche di giorno. 
Quasi tutta l'Europa, Asia minore. 
Bruco sui Melampyrum, ortiche e m. a. piante erbacee. 
% 

Gen. Macaria Curt. (1) 

Notata L. ^~ Prim., poi estate. — Siepi, boschi. — Piano, valli. 
Z. sett. 2, Z. cent. (?), Z. mer. (Napoletano (?) ). 



(1) Anche 1« specie del genere Macaria sogrliono, riposando, tenere le ali rialzate. 



Digitized by VjOOQIC 



— 199 — 

Gran parte d. Eur. cent, e sett., Grecia, Russ. m., Aliai ec. 

Larva sui Salici, quercie, alno e a. 
Alternarla Hb, — Prim. est. aat. — Siepi, boschi ec. — Piano, monti. 

Z. seti. 3, Z, cent 3. (Liguria, Apennino (?) ). 

Bruco sui Pini (?). 

Eur. ceut. eC, Dalmaz., Russ. mer. or., Asia min. ec, Amur. 
SIgnaria Hb. — Raccolta da Millière in luglio al colle di S. Dalotas (AVpi mar.}, 
in un bosco di larici. 

Larva sulle Conifere. 

Specie propria di parte d. Eur. cent., Russ. mer. or. e Aitai. 
Aesttmaria Hb. — Mag. poi seti. — Luoghi cespugliosi. — Piano, moE^ti. 

Z. seti. (?), Z. cent. 3, (Ligur., Tose), Z. mer. 4, (Sic, Millière). 

Eur. merid., Asia min., Siria, Amur. 

Bruco sui Tamarix. 
Litnrata C/. — Mag. poi est. — Regione delle conifere. — Monti, Alpi. 

Z. seti. 3, Z. cent. 3. (Liguria). 

Larva sulle Conifere. 

Eur. cent, e seti., Castiglia, Russ. mer. or., Armenia. 

Gen. CheÈnerina B. 

Galig^earia Rbr. Dicembre, gen., febb. — Cespugli di cisti e elian- 
temi. — Colli, monti. 

Z. ceni. 4, (Nizzardo), Z. mer. (?), Z. in*, i, (Corsica). 
Frane, mer., Catal., Africa sett., Canarie. 
Larva s. Cistus monspeliensis, Helianthemum folyfolium e a., 
divorandone di preferenza le gemme. 

La ? ha le ali quasi improprie al volo. 

Qen. Uihernim Latr. (I) 

I Rnpicaprarla S. F. — Prim. (?), aut. — (ha probab. due appariz.) — Ce- 
spugli, tronchi, muri. — Sin qui, da noi solo n. valle di Fenestrelle, 



(1) Le femmine delle specie appartenenti ai greneri Hibemia, AnisopteryXy Phigalia 
e parte di quelle del g-enere Bi»ton^ possegg^ono solo ali piti o meno radtmentart, o toso- 
aptere. I maschi volano di notte e stanno di giorno celati fra cespugli secchi, sui rami, 
tronchi ec. 



Digitized by VjOOQIC 




^^■^ 




— 200 — 

(? con ali rudiment.). Gran parte d. Eur. cent., Armenia. 

Larva. Prunus spinosa e a. (?). 
Bajaida Sch, S. V, — Prim. (?), aul. — Come la precedente. — Collina di 
Pinerolo, rara. (? con ali rudimentari). 

Bruco sugli alberi da frutta ec. 

Gran parte d. Eur. cent., Ungber., Russia, Asia minore. 
Lencophaearia Sch, S. F. — Marzo, aut. (?) — Come le congeneri. — Colli, 
monti, (? con ali rudimentari). 

Z. sett. 3, (Piemonte, Lombardia (?) ), Z. cent. 4, (Tose. Mann.). 

Eur. ceutr. — Larva, sulle Querce, e alberi da frutta. 
Aorantiaria Esp, — Prim. (?), olt., nov. — Come le congeneri. — Colli, monti. 

Z. sett, 4, (Piemonte, Valtellina (?) ). — (? con ali rudimentari). 

Europa centrale, Russia. — Bruco s. Faggi, querce, tiglio. 
Marginarla Bkh. — Progemmaria Hb. — Febb. marzo, aut. (!). — 
Come le congeneri. 

Z, sett, 3, Z. cent. 3. (Toscana, Liguria). — (? con ali rudimentari). 

Enr. cent., Livonia, Ural. — Larva s. Querce, betulle e a. 
Defoliaria CI, — Prim. (?), nov., die. — Come le preced. — Colli, monti. 

Z. sett, 3, Z, cent, 3, (Liguria), Z, ins. 3, (Sardegna), (? aptera). 

Eur. cent, e sett. (ecc. reg. bor.). 

Bruco s. alberi da frutta e molti altri. 

Giorna cita una sua var. c/'Bistrigaria, raccolta in Piemonte. 

Gen. JkniBopieryoD Stph. 

Acerarla Sch. S, V. — Nov. die. — Sui tronchi, muri ec. — Colli. 

Z, sett, 3, (Piemonte, Carso), (? con ali rudimentari). 

Europa cent, occid. (ecc. Ingli.), Castiglia. — Larva sull'acero. 
Aescularla Sch, S, Y, — Febbraio, marzo. — Sui tronchi (spec. d. olmi), 
muri ec. — Piano, colli. (? con ali rudimentari). 

Z. sett, 3, Z, cent, 3, (Liguria, Toscana), 

Gran parte dell'Europa centrale. 

Bruco s. Prugno, ligustro, ippocastano, 

Gen. ^Mgaìia Dup, 

Pedarla F, — P i 1 o s a r i a S, F. — Primavera. — Sui tronchi, legni ec. — 
Monti, Alpi. 



Digitized by VjOOQIC 



— 201 — • 

Z, sett. 4, (Regione alpina). — (? aptera). 

Larva s. Querce e faggio. 

Eur. centr., Svezia, Livonia, Frane, mer. occ. Ural 



Gen. BÌ9Ìon Leach, 

A. 
Hispidarius (ria) S. F. — Marzo. — Sui tronchi, muri ec. — Piano, monti. 
Z, sett. 3, Z, cent. 5, (Toscana). 
Quasi tutta V Europa centrale. (? aptera). 
Bruco sulle Querce, faggio e a. 
Pomonarins (ria) Hb, — Marzo. •— (Valle di Exilles in Piemonte, rarissima). 
Parte dell'Europa cent, e sett., Lapponia, Asia minore (?). 
Larva sul Melo, pero, faggio, quercia e a", (? aptera). 
Alpinus (na) Sulz. — Bombycaria B. (p. 459). — Primavera, — 
(? aptera). — Alpi. 
(Alpinaria E. 8. 12. 438, Mill.) 

Z. sett. 3, (Alpi a. Bernina e Stelvio), Z. cent, 5, (Alpi mar. MìlL). 
Alpi del Grigione merid. — Bruco s. Scabiose e m. a. erbe, fre- 
quente in certi anni nell'agosto allo Slelvio ec. — Lo stato di cri- 
salide (come ho potuto convincermi) dura quasi due anni. 
Graecarius Stgr, — Alpinaria Hb, 178. — Primavera. — (? aptera). 
Z. sett. 5, (Camicia, Lombard. (?) ), Z. cent. 5, (Bologna, \ ^ àa 
Bertoloni,. Toscana, Mn.). — Monti della Carnia, Balcan. 
Bruco s. Achillea millefolia e a. 
É forse varietà, più scura, della precedente. 
B. 
Hirtarius (pia) CU — Prim. — Al calcio degli olmi, tigli ec. — Piano, colli, 
Z. sett. 2, Z. cent, 3, Z. mer. 3, (Gal., Sic. (?) ), Z, ins. 3, (Cors.) 
Quasi tutta T Europa, Asia min. — (? con ali regolari). 
Bruco suWAlno, tiglio, olmo, pioppo. 
Stratarius (ria) Hfn. — Prodromaria S. V. — Come la precedente. — 
Colli, monti. 

Z, sett. 3, Z. cent. 3, (Liguria, Tose. ?). — (? con ali regolari). 
Eur. cent.. Catalogna f?), Russ. mer. or. 
Larva sulle Betulle, tiglio, pioppi ec. 



Digitized by VjOOQIC 



— 202 — 



Geo. AwnpMda9Ì9 Tr. 

B«tiilarlii3 (ria) L. *- Mag., gin. — Contro ai tronchi e muri. — » Colli, 
monti; Àlpi^ 

Z, SÈti. 3, Z. cent. 3, — (La 9 ha dimensioni alq. maggiori del <f ). 
Gran ^arte d. Eur. sett. e cent., Russ. mer. or.. Aitai, Sib. or. 
Bruco 5. Betulle, olmi, alno ec. 

Gen. iiporiielffta H. S. 

FlabeUarja Ileeg, — Estate (?) — Incontrasi in Sardegna e Sicilia, rara. — 
Asia min,, Costantinopoli, Algeria. 

Braco s. Fiorrancio ossia Calendula offidnalis. 

Gen. UenneropMla Stph. 

Abraptaria Thb, — PetriQcata Hb. — Apr., mag., poi sett. — Contro 
ai muri, troncbi ec. — Piano, monti. 

Z^ sett. 3, Z. cent. 3, Z. mer. 3, Z, ins. 3 

Germ. mer. oc, Frane, mer.. Spagna, Balcan, Asia min. 

Larva sui CytisuSy geniste e a. 
Nyctlieineraria //. G. S64-6. — Mag., giù., poi agosto. — Tronchi, muri 

vecchi ec. — Colli, valli. 

Z. cent. 4, (Alto Nizzardo), Z. mer. (Sicilia, Millière). 

Scoperta m Sicilia da Lefèbre (4824).— Frane, mer., Yallese. 

Bruco È. Cystus, geniste e luniperus opcycedrus. 

Gen. J¥yeM€HÌte9 Ld. 

lividaria Uh. — Gin., lug. — Luoghi sterposi, cespugli. — Colli, valli. 
Z. Séti. 4, (Piera., Lomb.), Z. cent. 4, (Alto Nizzardo). 
Svizzera, Frane, cent, e mer.. Andai., Balcan, Asia occid. 
La larva vive sul Prunus spinosa. 



Digitized by VjOOQIC 



203 — 



Geo. SynopBia Hb. . 

Sodarla Hb. — Apr., mag., poi sett. — Tronchi, rupi ec. — Colli, valli. 

Z. sett. 4, (Gradisca, Mann., Piem. ?), Z, cent. 3, (Nizz., Mill.), 
Z. ins. 4, (Corsica, Sardegna ?). 
Larva s. CyHsus, geniste ec. 

Parte dell'Eur. cent., Catalogna, Balqan, Ungh., Armenia. 
La V. (ab.) Propinquaria (dìlatior, al. strigis distinctissimis , larva 
valde diversa), probabilmente anche nel Nizzardo, certamente a 
Pompei, ove la raccolse Milliére. 

È probabilmente identica alla lapygiaria del Costa, IX, 5, 
di cui raccolse un (^ nei dintorni di Lecce. 

Anche la Boarmia Ichuusaria del Ghiliani. Elenco p. 87, 
da lui trovata in un esempi. 9, nei monti selvosi deir interno delia 
Sardegna, è forse da ascriversi alla Sociaria. 

{continua) 



Digitized by VjOOQIC 



r 



204 



LA FLORA DELLE ALTICHE IN EUROPA 

di PIERO BARGAGLI 



{ConUnuazione e Une, — V. voi. X, pag. 126 e seg.J 

ELENCO DI VEGETALI IN RAPPOETO COLLE ALTICHE OSPITATE 

Parte III. 



FANEROGAME. 
I. nicoTiiiED^ni. 

Ranunculacee. 

Clematis rtìcta Linn. 
C, flammttla Linn. 

Yar. maritima De Cand, 
Thalictrum. 
T, majns Linn. 
Adonia vcmalis Linn. 
Acanitnm liapellus Linn. 

Grucifere. 

Matthiola iucana B. JBr. 
INastnrtimy officinale B. Br. 

N. ampliibìum B. Br. 

X. officinale B. Br. 
Barbarea Yul^aris B. Br. 
Tnrritis glabra Linn. 



Altiche. 

Argopus Ahrensi Germ. 
Idem. 

Psylliodes nucea lllig. 
P. chrysocephala Linn. 
Dibolia cryptocephala Koch. 
Crepidodera cyanescens Duft. 



Phyllotreta nigripes Fab. 

Psylliodes thlaspis Foud. 

Phyllotreta oehripes Curt. 

P. bimacalata Ali. 

P. vittula Bedt. 

P. ocpripes Curt. 

• Psylliodes rapae lllig. 

Idem. 
Phyllotreta bimaculata Ali. 
Longitarsns minnscnlns Foud. 



i 



Digitized by VjOOQIC 



— 205 — 



Cardamine pratensis Linn. 


P. nemorum Lhin. 


a amara Linn. 


I Phyllotreta fiexnosa mig: 


Lunaria rediviva Linn. 


Psylliodes rapac Illig. 


Cochlearia armoracia Linn. 


I P. circumdata Etdt 


» 


Phyllotreta undulata Kutsck 


Cochlekiria armoracia Linn. 


P. aterrima Schr. 


» 


P. cruciferae Goeze. 


» 


P. armoraciae Koch. 


Thlaspi campestre Linn. 


Psylliodes thkspis Foud. 


Iberis pinnata Gouan. 


P. instabilis Foud. 


Biscntella ambigua De Cand. 


P. rufilabris I^adL 


Kakile maritima Scop. 


I P. marcida lUig, 


Sisymbrium alliaria Scop. 


Phyllotreta nenioruni Linn. 


Erysimum cheiranthus Pers. 


Psylliodes instabiliii Foud, 


Capsella bursa pastoris Moenh. 


Phyllotreta nemorum Linn. 


> 


Phyllotreta atorrlma Schì\ 


> 


P. nigripes Fab. 


^ » 


Haltica oleracea LIhìl 


Lepidium draba Linn. 


• Phyllotreta njiclulata Kutsck 


L. grammifolium Linn. 


Idem, 


Brassica 


Psylliodes rapae Ilìi^. 


B. oleracea Linn. 


P. chrysocephida Linn. 


f 


! Phyllotreta atorrima SchranJc 


^ 


P. cruciferae Goe^e. 


B. rapa Linn. 


Psylliodes chrysucophala Linn, 




Phyllotreta nemorum Linn. 


» 


Caetochnema concinna Marsìi. 


» 


Phyllotreta aterrima Sckn 


» 


P. melaena lUiff. 


B. napus Linn. 


Psylliodes chrysocephala Linn. 


» 


Apteropeda globosa lìUff. 


> 


Phyllotreta nigripes Faà. 


B. Chinensis Linn. 


P. undulata Kutsch. 


Sinapis 


Psylliodes rapae IlUf^. 


S. arvensis Linn. 


Phyllotreta nemornm Linn. 


S. alba Linn. 


Idem. 


Diplotaxis tenuifolia De Cand. 


P. variipennis Bokìd. 


» 


Idem. 



Digitized by 



Google 



206 — 



D. murai is Zfe Cand. 

1» 
Eaphanna 
R. aativna Linn. 

E. landra Moniti 
Yarie specie di Cmcifere* 

Resedacee. 

Reseda odorata Linìi, (coltivata). 
E. lotea Linn. 
£, luteola Linn. 



Psylliodes chrysocepliala Linn. 
Phyllotreta yarìipennis Boield. 
P. crnciferae Croeze. 
Phyllotreta nemornm Linn. 
Psylliodes chrysocephala Linn. 
• Phyllotreta pnnctnlata Marsh. 
P. procera Bedt. 



! Phyllotreta nodicomis Marsh. 
• P. procera BecU. 

Idem. 
P. corrugata Beiche. 



Cistmee. 

Heliaiithemnm i^ttatnm Mill. 

Garioflllee. 

SpergTila arvensis Linn. 



Baltica helianthemi Allard. 



Psylliodes cncullata Ulig. 



liinacee* 

Liniim tisitatìSÈsimnm Linn. 



Longitarsus ater Fàb. 
Aphthona enphorbiae Linn. 



Malvacee. 

Malva 

M. moscbata Linn, 

M. sylvestria Linn. 

M, nicaeensis Ali, 

M, rotnndifolia Linn. 
M. parviflora Linn, 
Aitile a. 
A, officinali^ Linn, 



! Podagrica semimfa KusL 
P. malvae Ulig. 

Idem. 
P. fùscìcornis Linn. 
P. fnscipes Fàb. 
P. semimfa Kusf. 
P. malvae Blig. 
P. discedens Boield. 
P. malvae Blig. 
P. discedens Boield. 
! P. semimfa Kust. 
P. fascicornis Linn. 



^ 



Digitized by VjOOQIC 



— 207 



A. rosea Cav. (coltivata). 

Althea Sinensis Cai). 

Layathera Olbia Lìnn. 

» 


P. fuscicornis lA/nn, 
P. malvae Blig, 
P. fuscipes Fàb, 
P. malvae Illig. 
P. discedens Boield, 
P. semirufa Kust, 


TigUacee. 




Tilia pnbescens AUon, (coltivata) 


* P. semirnfa JSTus^. 


Auranzlacee. , 




Citras anrantinm Unn. 

> 


Crepidodera ventralis Blig. 
C. impressa Faò. 
Longitarsus tabidns Fdb, 
Aphthona nigriceps Bedt 


Ampelidee. 




Titis vinifera Linn, 


Baltica ampelophaga Quer, 
H. oleracea Linn. 



Tropeolee. 

Tropeolnm majns Linn. (coltivata). 



Phyllotreta nigripes Fab, 



2. Cnìieiflore. 

Anacardiacee. 

Fistacia lentiscns Linn. 

Papiglionaoee. 

Medicago. 

Trifolium. 

Pisam sativum Linn. 

Yicia faba Linn. 

V. sepium Linn, 

Latbyms heterophyllas Linfi. 

L. vernos Linn. 



Longitarsus dorsalis Linn. 



L. medicaginis Ali. 
L. pellucidus Foud. 
Crepidodera mfipes Linn. 

Idem. 

Idem. 
Psylliodes affinis Payh. 
Crepidodera mfipes Unn. 



Digitized by VjOOQIC 



— 208 — 



Rosacee. 



Amigdaìns persica Linn. 


Crepidodera impressa Fab. 


Rabus idapus Linn. 


Batophila rubi PayJc. 


R, caesias Limi. 


Idem. 


a, iraticDtiUS Limh 


Idem. 


K, tomentose a WeìÌL 


B. aerata Marsh. 


Franarla ve se a Limi. 


B. rnbi Payk. 


Potentina verna Llnn. 


Baltica pusilla Duft. 


Ag^rimonia eupatori a Linn. 


Dibolia timida EUg. 


Potè ri a m mnricatnin Sjmch, 


H. heliantliemi Ali 


Onagrarle. 




Epilobiuni 


H. oleracea Linn. 


E, hirsntum Linn. 


H. lythri Auhé. 


E, pubescens Iioth. 


Idem. 


Clark] a t coltivata). 


Idem. 


Oonotliera biennis Linn. 


H. lythri Aubé. 


:^ 


I H. oleracea Linn. 


Boisduvalia j 


Idem. 


Eucharidiam ) coltivate. 


Idem. 


Fnclisia I 


I Idem. 


Circaea lutetiana Linn. 


H. lythri Aubé. 


LitraFie. 




Lytbrnm salicaria Lhm. 


H. oleracea Linn. 


s> 


. Apthona lutescens Gyll. 


» 


Psylliodes picina Marsh. 


> 


Crepidodera salicariae PayJc. 


Tamar tscinee. 




Myricaria gerraanica Desv. 


Baltica tamariscis Schr. 



~^ 



OnLbrellifere. 

EiTngium campestre Linn. 



Dibolia timida Illig. 



Digitized by VjOOQIC 



— 209 



Composte. 



Eopatorìnm cannabinam Linn. 


Longitarsns flavicornis Sfteph. 


Anthemis maritima Linn. 


Psylliodes pallidipennis Bosenh. 


Leacanthemam ynlgare Lam, 


Mantnra chrysanthemi Koch. 


Matricaria. 


Haltica oleracea Linn. 


Chrysanthemnm. 


Psylliodes chrysocephala Linn. 


Arthemisia absinthinm Linn. 


Longitarsns niger Koch. 


Senecio viscosns Linn. 


L. piciceps Steph. 


S. jacobaea Linn. 


L. jacobae Waterh. 


S. emcifolius Linn. 


L. dorsalis Linn. 


S. maderensìs De Cand. 


L. cinerariae WoU. 




Var. consanguineus WoU. 


Kleinia neriifolia Haworth. 


L. kleiniiperda WoU. 


Centanrea jacea Linn. 


Sphaeroderma testacea Faò- 


Cynara scolymus Linn. 


! S. cardai GyU. 


Cardnufl. 


Crepidodera ferruginea Scop. 


» 


Longitarsns Sencieri AU. 


> 


Haltica oleracea Linn. 


C. nntans Linn. 


• Crepidodera impressa Fah. 


> 


! Sphaeroderma cardni QyU. 


» 


S. testacea. Fab. 


» 


Psylliodes clialcomera lUig. 


C. pycnocephalus Linn. 


• Crepidodera impressa Faò. 


Cirsinm lanceolatum Scop. 


Sphaeroderma testacea Fab. 


C. oleraceum Scop. 


Idem. 


C. arvense Scop. 


! S. cardni GyU. 


» 


S. testacea Fab. 


C. canum De Cand. 


Crepidodera transversa Marsh. 


C. rivulare PóUin. 


Idem. 



Gampanalacee. 

Campanula rotnndifolia Linn. 

Erlcacee. 

Erica tetralix Linn. 
E. scoparia Linn. 

Ann. X. 



Aphthona herbigrada Curi. 



Haltica ericeti Ali. 
Crepidodera lineata Bossi. 

14 



Digitized by VjOOQIC 



— 210 — 



3, Coi*olllAot*e. 

Primolacee. 

Lysimacliia Tulgaris Linn. 



Crepidodera salicariae Payk. 



Gonvolimlacee. 

ConvolvQlns sopiam Liww. 



L. exoletus Linn. 



i 



Borraginee. 

Messerachmidia fmticosa Ker. 

Héliotropium enropaeum Linn. 
Heliophytuni ero3Qm De Cand. 
Echiom. 

» 
E, Ynlgare Linn- 

K simplex De Cand. 
E. plantagineum Linn. 
Symphytam officinale Linn. 

S. tuberoimm Linn. 

Anchusa italica Eet0. 
Lycopis arveiiisis Imw. 
Litliospermum arvense Linn. 
Cynoglosaum officinale Linn. 



Longitarsus persimilis P^óf/. 

Var. Messerschmidtiae Woll 
! L. albineus Foud. 
L. brevipennis. 

Crepidodera transversa Marsh. 
! Longitarsus anchusae Payk. 
L. pectoralis Foud. 
L. echii Koch. 
L. exoletus Lm«. 
L. aeneus Linn. 
L. nasturtii Fàb. 
L. curtus ^Z^. 
Psylliodes rufilabris BedL 
Longitarsus persimilis Woll 
Podagrica semirufa Kust. 
L. ancbusae PayJc. 
L. luridus Scop. 

Var. a. Foud.^ Var. 6. JPbwti. 
L. Linnaei Duft. 
L. luridus Scop. 

Var. «. e Var. è. JPbwd 
! L. ancliusae Payk. 
L. echii Koch. 
L. fuscoaeneus i?6c?^. 
L. quadriguttatus Pontop. 
Phyllotreta exclamatiónis ThmA. 
Longitarsus ancliusae Payk. 



Digitized by VjOOQIC 



— 211 — 



Solanacee. 



Solannin tnberosam Linn. 


Psyllioiies affinis Payk. 


» 


P. luteola Marsh. 


S. dulcamara Linn. 


Crepidodera ventniliB lìUg. 


» 


Epitrix intermedia Foud. 


> 


E. pubesoens Koch, 


» 


Psyllìodea dulcamarae Eoch 


S. nigrùm Linn. 


Epitrix intermedia Foìtd. 


> 


E. pubescenfi Ebch. 


» 


Psylliodes affinis Pa^ft. 


Withania aristata Patiquy. 


Epitrix Allardi Woll 


Atropa belladona Linn. 


E. pubescens KocH, 


» 


! E. atropa^ Foud, 


Hyoscyamus. 


E. pnbeseens Koch. 


H. niger Linn. 


Psylliodtìs hyoBcyami. linn. 


H. albus Linn. 


* Crepidodera pìssma AÌL 


Scroftalarinee. 




Verbascran. 


Longitarsns pallens JSteph. 


» 


L. tabidns Fab. 


» 


Var. dorsalia Boss*. 


» 


L. lateralis lUig. 


Y. thapsns Linn. 


L. tabidus Fah. 


» 


L. syf?imbrii Fab. 


» 


L. patmolis Ali. 


V. sìnuatum Linn. 


• L. tabidtis Fab. 


Scrophnlaria canina Linn. 


Idem. 


» 


Var. b, Foud. 


» 


L. pallena Sieph. 



Digitalis purpurea Linn. 
Isoplexis sceptrum Lindley. 
Bhinantbus major Fhr. 



Labiate. 



Mentha. 



Larva di Mniophila muscorum Moffi 

L. palkDs Sieph. 

Larva di Longitarsua lundna Scop. 



Haltica oloracea Linn, 
Longitarsos lycopi Foud. 



Digitized by VjOOQIC 



— 212 — 



Mp rotandifolia Linn, 
Lycopus GQropaeus Linn, 
Thyraas serpìllum Linn. 
Salm oflìàiLalis Linn, 
S. pratensis Linn, 
t 

B, sylvestris Linn, 

S. ani^triaca Lhm, 
Kepeta g^lochoma Benth, 
Marra bìum vnlg-are Linn. 
Phlomis frnticosa Linn, (coltivata) 
Stachjtì recta 
Ballota BÌgra Linn, 

Theacriam scoto donia Linn, 



L. pellncidas Foud, 
L, lycopi Foud, 
L, pnlex Schrank, 

Idem. 
Dibolia femoralis Ì2ee2^. 
D, cryptocephala EòcA. 
D. Schillingi Letm, 
D. femoralis Ì2ee2^. 
D. rugulosa Bedt, 
D. femoralis i?e(?f. 
Longitarsus abdominalis Duft 
L, ballotae Marsh, 
* Haltica oleracea Linn. 
Dibolia cynoglossi Koch, 
L. ballotae Marsh, 
L. medicaginis Ali. 
L. minnscnlns Foud. 
Larva di'Mniophila moscoram Koch. 



Piantaginee. 

Piantalo major Linn. 
P, media Linn. 
P, lanceolata Linn. 



Phyllotreta crociferae Goe^. 
Larva di Mniophila mnscomm Koch, 
Idem. 



4, MfanoctawèMee» 

Chanopodiacee. 

Atriplex bastata Linn, 

Var, triangnlaris Moq, T, 

A. patnla Linn. 
» 

Beta vulgaris Linn. 
Yar, marifcima Linn, 



L 



• Crepidodera ferruginea Scqp, 

• Longitarsus pusillus Gyll, 

• Crepidodera tibialis Elig. 

• Psylliodes cupronitens Forst. 

• Longitarsus brunneus Duft. 

• L. pusillus Gyll, 
Chaetocnema tibialis lllig, 
Phyllotreta nemorum Linn, 
Aphthona bilaris St^h, 



Digitized by VjOOQIC 



— 213 — 



Amarantacee. 

Polygonacee. 

Polygonum mite Schr. 
F. persicaria Linn, 
F. avìcnlare Linn. 
Bhnmex. 



Haltica lythri Auhé. 

Idem. 
H. oleracea Linn» 
Mantara mstdca Linn. 



Eleagnacee. 

Hjppophae rhamnoides Limi, 

Enforbiacee. 

Mercnrialis perennìs Lvnn. 



Haltica tamariscjs Schr. 



Hermeophaga mercmialìs Fab, 
H. cicatrix Ulig. 



? M. annua Linn. 


H. mercnrialis Fah. 


\ 


H. cicatrix Illig. 


» 


Psylliodes stolida Wall. 


M. ambigua Linn. 


Hermeophaga cicatrix Illig. 


M. tomentosa Linn. 


Idem. 


Enphorbia cyparissias Linn. 


Aphthona cyparissiae Hoif. 


\ * 


A. euphorbiae Schr. 


K Gerardiana Jacq^. 


A. laevigata Blig. 


K sylvatica Linn. 


A. euphorbiae Schr. 


\ R palustris Linn. 


A. violacea Koch. 


\ E. piscatoria Aiton. 


A. Paivana Woll. 


E. Eegis-Jubae Web. 


Idem. 


E. pnbescens Tahl. 


A. Poupilleri Allard. 


E. characias Linn. 


• ? Psylliodes marcida Blig. 






Camiabis sativa Linn. 


• Crepidodera ferrugmea Scop. 


> 


Psylliodes attenuata Kosh. 


Humnlus luppulns Linn. 


Chaetocnema concinna Marsh. 


» 


PhyUotreta nemorum Linn. 


» 


Psylliodes attenuata Kost. 



Digitized by VjOOQI^ 



— 214 — 



Orticacee. 




Urtica. 


Chaetocnema concinna Marsh. 


U. dioica Linn. 


Crepidodera ferruginea Scop. 


Parìetaria officinalis Linn. 


• ? Psylliodes dulcamarae Koch. 


GapoUlére. 




Qaercos. 


Baltica coryli Ali. 


Q. pedunculata Pers. 


E. quercetorum Foud. 


Corylus avellana Linn. 


H. coryli Ali 


> 


H. oleracea Linn. 


Carpinns betulus Linn. 


Longitarsus afer Faò. 


Salicinee. 




Salii. 


Haltica ampelophaga Guer. 


» 


Crepidodera chloris Foud. 


» 


Chaetocnema semicoerulea Kust 


S. alba Linn. 


Idem. 


Var. vitellina Ser. 


• Crepidodera helxines Linn. 


Populus. 


C. helxines Linn. 


» 


C. aurata Marsh. 


P. tremula Linn. 


C. smaragdina Fotid. 


P. nigra Linn. 


C. nitidula Linn. 


? P. dilatata Beich. 


Idem, 


? P. canescens Smith. 


Idem. 


Conlfere. 





? Pinus. 



Aphthona nonstriata Goeg. 



II. MOMOCOTILEDOIWI. 

Iridee. 

Iris pseudaoorus Linn. 

L Oermanica Linn. 



Aphthona nonstriata Qoes^e. 
A. violacea Koch. 
Idem. 



Digitized by VjOOQIC 



— 215 



Mdlfuitacee. 

Veratrum album Linn. 



Crepidodera cyanescens Duft 



Glimcacee. 



Iincns. 



Chaeiocnema Sahlbcrgiì GyìL 



Giperoidee. 



Carex. 



Crepidodera ferrn^nnea Scop. 



Gramigne. 

Varie specie. 

Àmmophila anmdinacea Host. 



Apteropeda orbiculata Man 
Psylliodes pnncticollis Eosenh. 



PROTALLOGÀME. 
Eqoisetacee. 

Eqnisetam arvense Linn. 
e specie affini. 



Crepidodera Mod&erì Alt 



NOTEROGAME. 
Maschi. 

Hypntiin loreum Linn. 

e specie affini 
Hypnum triquetrum Linn, 

MISOGAME. 



Mniophila mnscorom Koch. 
Hypnophila impuncticollis AlL 
Mniophila mnscorum Kock 
Hypnophila impnnticollis Ali 



1 



Digitized by 



Google 



1 



— 216 — 



dimostrante la relazione nnierica tra le faiiglie ilei Teget] 
e le sgecie ili Alticlie. — Pabte iv. 



ORDIHI 

BBLLB PIAMTB 



^ 



s 



i 



BannncQlaoee. 
Cracifere 



Gistìnee 

Cariofillee.... 

Lìnacee 

Malvacee 

Tigliacee 

Anranziacee . . 
Ampelidee ... 
Tropeolee .... 
Anacardiacee . . 
Papiglionacee 



Onagrarie 

Litrarìe 

Tamarlscinee . . 
Ombrellifere. . . 
Composte .... 
Campanalaoee . 

Erìcacee 

Primnlacee.... 
Convolvnlacee . 
Borraginee . . . . 

Solanacee 

Scrofalarinee . , 

Labiate 

Piantaginee . . . 
Chenopodiacee . 
Poligonacee . . . 
Eleagnacee.... 
Eaforbiacee . . . 
Cannabinee. . . . 

Orticacee 

Cupulifere 

Saiicinee 

Conifere , 

Iridee 

Melantacee . . . . 

Giuncacee 

Ciperoideo ... 
Graminacee . . . 

Equisetacee 

Muschi 



m^ 



id^o 



ce 
§ 









Digitized by VjOOQIC 



n 



n^ 



Im^M 



ir^Ht) 



»iiwni 



w*>i'^ 



I « 
^m^ fi 

II 



-c3 

ì\ 



Ciò 












I 



t3 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



— 217 - 

FAUNA ENTOMOLOGICA SICDLA 

LEPIDOTTERI DELLE MADONIE 

DI 

LUIGI FAILLA-TEDALDI 



Le fanne locali sono gli elementi delle faune generali. Gli amatori si 
trovano in condizioni favorevoli per cercare e studiare gli animali di nna lo- 
calità, mentre un entomologo rapidamente percon-endo una regione e in una 
sola stagione, non può formarsi della fauna che una idea superficiale ed in- 
completa, e tavolta anche erronea. 

Io nato sul luogo, invogliato a studiare le ricche produzioni entomologi- 
che che la natura sparse con tanta profusione in questa regione delle Ma- 
donie, dopo ripetute escursioni, erborizzando e raccogliendo sempre insetti, s{}no 
in grado di far conoscere i lepidotteri di questa località, per servire di guida 
e di sprone agli stranieri a visitare la nostra bell'isola ricca di piante e di 
animali. 

Non sono però il primo a far conoscere i lepidotteri delle Madonie. Nel 
1840 il Ghiliani (1), nel 1859 il Mina Palumbo (2) e il Bellier de la Chavigne- 
! rie (3), e recentemente il barone di Kalchberg (4) e il Ragusa (5) si occnpa- 
i rono delle ricerche di quest'ordine. Taluni di questi lavori, utili neir epoca, 
non trovansi più in armonia cogli attuali sistemi tassonomici e col progresso 
dell'entomologia in generale, donde ne risulta necessario un ordinamento al 
corrente della scienza. 



(1) y. Ghiliani. - Insetti della Sicilia. Atti deUa Acc. Gioenia 1842. 

(2) P. Miuà-Palumbo. — Catalogo con appendice di Lepid. diurni delle Madonie. 
Palermo 1859. 

(3) Bellier de la Chavignerie. — Remarques sur les chasses entomologiqius faites 
In Sicile. Ann. Soc. ent. frane. 1859 ed — Observations sur la fanne de Sicile. Idem, ÌSGO^ 

(4) A. Ealchberg. — Vari articoli pubblicati nello « Stettiner entomologiscbe Zei- 
tnng ; e nel BuUettino della Soc. Ent italiana. » 

(5) Qualche articolo nel Bull, della Soc. Ent. italiana. 

14' 






4 



Digitized by VjOOQIC 



— 218 - 

L'elenco che presento è più ricco de' precedenti vi sono nominate specie 
nnovo non solo per le Madonie, ma anche per la Sicilia, e tutte si possono 
vedere nella mia raccolta. Per le specie riportate da' saddetti monti, che non 
ho ancora trovate ad onta delle mie assidue ricerche, citetò l'autore, la- 
sciando interamente a lui la responsabilità sull' identità della specie. Oltrac- 
ciò il mio catalogo conterrà delle indicazioni esattissime sull'epoca d'appa- 
rizione (1), suir esposizione delle località od abitato d' ogni singola specie, e 
spesse volte citerò l'altezza in cui si trova confinata: questi ultimi detta- 
gli gioveranno per istudi e confronti sulla distribuzione de' lepidotteri nel 
senso verticale. 

La Sicilia per la sua particolare posizione geografica,- posta nel centro 
del bacino del Mediterraneo, per la ricchezza della flora, e particolarmente 
per il clima quasi tropicale, presenta delle condizioni favorevoli allo sviluppo 
e alla vita degli insetti. Infatti la nostra terra dà vita a piante che vege- 
tano in due zone, temperata e calda, e ad insetti che vivono nella Spagna, 
nell'Egitto ed in Barberia, come anche a piante ed insetti del centro del- 
l'Europa. La fauna nostra ha molti rapporti colle faune accennate: è perciò 
utile, anzi necessario per conoscerne i rapporti, di studiare tutte le particola- 
rità biologiche. Alcuni lepidotteri hanno qui da noi una doppia generazione, 
altri si ripetono sino alla terza, o per lo meno si riferiscono ad altrettante 
distinte epoche d'apparizione, separate fra loro da intervalli di tempo più o 
meno lungo; rare volte questo intervallo manca, ed allora si osservano 
tutto l'anno: per questi si deve ammettere una quarta generazione, che si 
confonde con la primaverile. Qualche specie non ha che una sola generazione, 
mentre ne ha due altrove; e ciò perchè il bruco si nutre di una sola pianta, 
e la sua vita è legata al corso vegetativo della medesima: il qual fatto 
si osserva pure nelle altre regioni circummediterranee. Le specie ibernanti 
son poche. 

Ove occorrerà, farò conoscere la facies de' nostri lepidotteri, l'influenza 
del clima e dell'elevazione sulla colorazione, grandezza e costante carattere 



(1) Sotto questo rapporto il suddetto elenco poco lascia a desiderare, e si potrà 
consultare come un calendario. A tal proposito dirò che diverse cause ben note, come 
l'elevazione, T esposizione, e soprattutto T andamento delle stagioni, influiscono gran- 
demente sulla comparsa più o meno precoce degli insetti: da. ciò ne deriva che i limiti 
di apparizione e di estinzione (vita e morte] di ogni specie si prolungano alquanto 
dietro osservazioni replicate per più anni, perchè in questo spazio di tempo si osser- 
vano dei massimi e minimi di calore, e quindi la comparsa più o meno ritardata. Te- 
nendo presente queste circostanze, V epoca migliore per far la caccia sta nella scelta 
del termine medio, o il terzo a partire dalle estremità che abbiamo contraddistinte 
con la vita e la morte. 



Digitized by VjOOQIC 



— 219 — 

de'tipi meridionali Sotto qnesto aspetto le mìe conoscenze son limitata per 
mancanza di confronti, e non si estendono che a poche specie. 

I Ropaloceri, come si è visto, formano l'argomento di questo lavoro, clis 
sarà, spero, seguito da altri. Quindi credo di somma necessità il far precf^dere 
un cenno sulla topografia, geologia, climatologia, flora e fauna dei monti di 
cui ci occupiamo. 

LE MADONIE-NEBRODES. 

Sulla parte settentrionale della Sicilia, poco discosta dal littorale bagnato 
dal mar Tirreno, che scorre dal Finale al ponte di Malpertugio sino a Cefalo, 
s'estollono, prima con dolce pendio indi piii ripido, le Madonie, cho sono una 
continuazione degli Appennini insulari ed il nucleo donde si partono variai 
ramificazioni, che formano le altre catene secondarie dell'Isola. La toro po- 
sizione è fra il grad. di long. 30, 32' al 31, 51,' e di latitudine fra il grad. 
37, 54', e il gr.° 37, 42'. I confini topografici, per la irregolarità di qnesto gruppo 
di monti, non possono esattamente definirsi; nuUadimeno si possono rit^mere 
come i pili naturali quelli tracciati dal Minà-Palumbo (Introduzione alla 
Stor. nat. delle Madonie) e da Calcara (Ricerche geognostiche sulle Mado- 
nie). A nord la fiumara di Castelbuono sino al Miliuni da un lato, e dal- 
l'altro Isnello, Collesano sino ad incontrare il fiume Grande. A^ì ovest il 
fiume Grande, che attraversa il piano di Gafunia, scorre poi pel passo della 
Batìa, per il Bosco S. Margherita, Scanali, Nuciddito e i giardini di Voììm 
sino alla Pietà. Al sud Polizzi con le contrade Timpe rosse, S. Domenica, 
Ciravuli, Margi, Carcarelli e le due Petralie Soprana o Sottana. Ad est 
scendendo dall' ex-feudo Fegotti a Geraci, e da questo paese lungo il fiume, 
che poi prende il nome de' mulini e di Dula, e piii sotto fiume di Pollina, 
l'antico Monalo, che è nell'inverno un disastroso torrente. 

Volgendo lo sguardo su questi punti, il maggiore orizzonte ravvisasi dal 
lato di ovest, minore rimanendo quello opposto. Ne deriva una figura irr^* 
gelare, la cui forma si può avvicinare ad un triangolo isoscele con un peri* 
metro di circa 90 chilometri, dove si trovano sette centri di popolazioni ru- 
rali ed alcuni villaggi, o borgate. Il lato settentrionale è un terreno adatto 
all'alberìcoltura, il meridionale alla granicoltura, le parti alpestri danno uber- 
tosi pascoli utili alla pastorizia. 

I punti più alti delle Madonie sono il Pizzo dell'Antenna, di li Casi e 
il pizzo di Palermo, che s' innalzano a duemila metri circa, occupando la 
regione centrale. Questi tre vertici, insieme al pizzo della Murga, formano al 



Digitized by 



Googlej 




w- 



w 

Refi. 




— 220 — 

fondo nna vasta convalle, denominata Piano della Battaglia e della Batta 
gl'iella, che sarebbe nn gran lago, se mancasse la grotta delF Asino, la quale 
internandosi nelle viscere della montagna, ingoia tntta V acqna che cade so- 
pra quella superficie. Varie sorgenti hanno orìgine in qnesti luoghi; le più 
abbondanti sono quelle dette le Favare, quelle del passo della Botte, e della 
Pietà vicino Polizzi, da cui derivano alcuni torrenti. 

La massa principale di questi monti viene formata dal calcare compatto 
fetido, qualche volta magnesiaco, con caverne e pozzi ricoperti da stalattiti 
e stalagmiti Questa roccia forma dei dossi tondeggianti, nudi dalia parte di 
occidente e settentrione con balze e burroni, ed al nord con delle salite mu- 
rali, calcare a nerinee e colline marnose. Ad ovest vi sono schisti bitumini- 
feri, e diaspri vicino a Collesano; nella Pietà il calcare ò fatiscente, ma poi nel 
basso, nelle lavanche di S. Gandolfo vi sono schisti bituminiferi ed un depo- 
sito argilloso con ostree. Al sud abbondano le marne bianche mioceniche, che 
si prolungano nelle Petralie; ad est estese stratificazioni di grò formano balzi 
pericolosi, e nel basso, a confinare colla prima linea, abbondano le marne ce- 
nerine a nemertiliti, forse appartenenti air eocenico. Queste varie stratifica- 
zioni han dato luogo a varie classificazioni, che han complicato la geologia 
delle Nebrodi, e rimangono tuttora incerte, mancando lo accurato studio dei 
fossili. Il GemmeUaro Carlo, Prevost, Hofman le riferirono al gruppo giu- 
rassico; Agatino Longo al secondario; Calcara al periodo cretaceo; Villanova 
airippuritico; Seguenza al titoniano. Secondo questo geologo l'eocenico è co- 
stituito dalle arenarie, argille variegate, calcare a nummuliti ed alveoline; 
nelle Petralie il miocene e forse il pliocene antico è costituito da marne ric- 
che di coraUari, e riferisce all' oligocene una formazione estesissima in Sici- 
lia, rappresentata dalle argille scagliose ed arenarie, che mostrasi ampiamente 
sul lato N. 0. delle Madonie. Il più antico terreno si è, secondo Calcara, un 
lembo del Liasico; secondo Seguenza il cenomaniano d'alcune colline de' din- 
tomi di Polizzi. 

Per determinare la serie è d'uopo un attento esame stratigrafico, uno 
studio profondo de' fossili, ed esaminare i rapporti colle serie prossime: solo 
questi elementi potranno somministrare il criterio per la determinazione di 
tutto il gruppo nebrodense. 

La climatologia è l'elemento principale che in una contrada dà carattere 
proprio alla flora ed alla fauna. La temperatura al tramonto del sole ò più 
elevata di quella della mattina da uno a tre gradi; la massima è all'una della 
sera nell'inverno, e dopo le due nell'estate; la minima un'ora prima dell'alba; 
la temperatura media dell'inverno G. 13, 6. C, dell'estate G. 20; quella del- 



Digitized by VjOOQIC 



— 221 — 

Tanno G. 16 nelle basse regioni pedemontane; nelle alture è molto minore, 
come è provato dalla neve, che nelle alte giogaie si osserva dalla fine di Ot- 
tobre a' primi di Giugno. Quando nelF inverno a Mt. 490 il termometro se- 
gna gr. 14, 6 a Mt. 1000 si può trovare il gelo o G. 5, e secondo le esposizioni 
talvolta succede il contrario: cosi in una osservazione fatta dal Minà-Palumbo 
nel 26 di Aprile, il termom. a Castflbuono (Mt. 490) segnava G. 15; al 
Ferro (Mt. 1000, in una valle a solatio) G. 22, al Pizzo delle Case (Mt. 2000) 
G. 3. Lo Scinà osservò che le montagne scoscese ritengono un grado mag- 
giore di freddo. 

Massime eccezionali sono state osservato in Castelbuono con venti di S. E. 
di S. in estate (-+- 40 all'ombra e nel 1877 al sole h- 60); le minime in 
Marzo (-H 2, ed in alcune ore del mattino — 1 V, con venti nordici). Si 
può stabilire il clima della regione pedemontana esser temperato, ma quello 
delle alte giogaie ha il freddo degli Apenninì insulari. 

I venti dominanti sono il N. 0. 0. nelF inverno, il K in primavera ed il 
NO., in estate il Nord. — Neil* inverno sono apportatori di neve TE., il SO. 
NO.; nell'estate il N. rende l'atmosfera freddo-umida e nell'inverno nebbiosa; 
il NO. burrascoso neir inverno, secco e fresco in estate; il S. e il SE. nell'in- 
verno elevano la temperatura (in Gennajo si è osservato un massimo di 
G. 18) ma in estate per la violenza e pel calore sono disastrosi per gli ani- 
mali e per le coltivazioni. In tutte le valli osservansi i venti periodici prove- 
nienti dal variar della temperatura diurna, costituendo la córrente ascendente 
il mattino e discendente la sera, — causa di rapide e marcate alternative. 

La rugiada é frequentissima dopo le notti serene, molto utile in fino delia 
primavera e benefica alle coltivazioni erbacee, come la gelata è spesso no- 
civa nell'inverno e molto più in primavera. La nebbia frequente ne' monti, 
rara nelle valli; le nuvole comunissimo nell'inverno. Si han circa 120 giorni 
oscuri, coperti e nuvolosi, e da 132 a 152 giorni lucidi e sereni. 

La quantità della pioggia varia, ma da noi sempre è maggiore delle al- 
tre località di Sicilia, sia per la proprietà igroscopica de' nostri boschi^ sia 
perchè i venti nordici per la prossimità del mare sono apportatori di conti- 
nuate ed abbondanti pioggie. Nella reg. pedemontana si hanno 38 giorni pio- 
vosi semplici, 15 di pioggia e vento, 4 di pioggia con tuoni, e due uragani 
in media: fanno eccezione le pioggie torrenziali del Marzo 1851. 

H Minà-Palumbo, che per più anni ha continuato le osservazioni meteoro- 
logiche sulle Madonie, e da cui ho tratto queste notizie (1), ha conosciuto 



{1} Topografìa medica di Castelbuono, e cenno suir agricoltura di Castelbuono. 



Digitized by VjOOQIC 



— 222 — 

cbe la Tiiaggior quantità di pioggia coincide dal Novilunio al primo quarto; 
meno no cade nel Plenilunio, meno nel primo quarto, e la minor quantità 
corrisponde all'ultimo quarto. Si osserva pure una quantità maggiore di 
pioggia nel giorno durante il Novilunio, V ultimo quarto e il Plenilunio ; ed 
in vece una minore nel primo quarto. Vicevèrsa poi per la notte. 

Sono la temperatura e le meteore acquose che più influiscono a modifi- 
care il clima, e dannd il carattere proprio alla flora da cui dipende la fauna. 

La gelata sui monti comincia in Settembre, e si osserva sino in Giugno; 
nella regione pedemontana è più frequente in primavera, ed allora è anco 
pia nociva; ne' sommi gioghi spesso si mantiene giornate intere. La neve cade 
sulle Madonie dai primi di Ottobre sino ad Aprile, e vi rimane sino a Giu- 
gno : nelle basse regioni si osserva da Dicembre a Marzo. La media caduta ò 
4 giorni, e per eccezione 22 giorni in un^anno; la massima spessezza settanta 
centimetri a Mt. 455 sul mare, e Mt. 2 a Mt. 1000 (Petralia e Gerace, ove 
è durata più di 40 giorni). 

La grandine cade in autunno ed alla fine dell' inverno; vi sono in media 
otto giorni di grandine, seguita da burrasche: la caduta di ghiaccinoli, o 
groa&a ed irregolare grandine, avviene una volta ogni decennio ; la neve a 
fiocchi e larghe falde cade ogni anno nelle alture. 

I fenomeni elettrici sono puro d'importanza: i baleni semplici sono feno- 
meni ordinari, quelli seguiti da tuoni precedono le burrasche, la caduta dei 
fulmini è rara. I tuoni clamorosi e rimbombanti sono funesti pei bruchi : le 
osservazioni del Marchese Lafitole, Bellier, Minà-Palumbo e di Sparti sem- 
brano confermarlo (1). 

La flora ha un aspetto proprio ed è ricchissima nel suo sviluppo: essa mo- 
diiìca Tuolto l tipi conosciuti, da potere stabilire varietà ed anco specie nuove 
nella stataraj sviluppo delle frondi, pelurie ec, o secondo le vedute moderne, 
se ne formano vari gruppi, che riuniscono diversi tipi. Questa ricchezza della 
flora ha richiamato in ogni tempo l'attenzione di vari cultori, che son venuti da 
lontane parti a raccogliere piante di questi luoghi pria per iscopo utilitario 
(per alleviare i mali dell'umanità sofferente) poi pel progresso della scienza. 



(1) OUre che V elettricità è cagione di morte pei bruchi, è pure la causa di alcune 
varietà flccirkotali negli insetti perfetti. Ved. il num. 154 delle Petitea Nouv, Ent. dove 
eoDo ripartirti vari esperimenti ed osservazioni del Marchese Lefltole e la ^ Mémoire sur 
les viàrlétes accidentelles chez les Lépidoptères di Bellier, pubblicata negli annali Soc. 
Ent. di Francia anno 1853 pag. 299. — Secondo Minà-Palumbo e Sparti i bruchi della 
P. bra^sicat e iti un'altra specie (Hadeua brassicaeì) muoiono in seguito a temporale ac- 
DOujpagn.ito da fulmini. Nel maggio di quest'anno (1878) 1 numerosi bruchi che nutri- 
vansi delie fronde di Frvxinut oxyphilla dopo una burrasca restarono penzoloni, lividi 
e roottii 



k 



Digitized by VjOOQIC 



— 223 — 

Giova rammentare pria di ogni altro i miei concittadini Leonardo e Giu- 
seppe Piraino del sec. XVI, lodati dal Mongitore, dal D'Amico, Cupani e Ger- 
yasi: questi lasciò ne'saoi manoscritti molte descrizioni di piante dai mede- 
simi raccolte (1). H Cupani continuò le ricerche, figurò molte piante nel suo 
Pamphithon, e descrisse nel suo Hortus Catholicus, dando alla maggior parte 
di esse il soprannome di Nebrodensia, specie che la scienza ha oggi convali- 
date (2). Bernardino d'Ucria, il primo che adottò fra noi il sistema linneano, 
pubblicò varie specie delle Madonie, additandone i luoghi dove furono rac- 
colte (3). n Bivona padre descrisse alcune specie inedite (4). Il Gasparini (5) 
viisitando k Madonie, specialmente dalla parte occidentale, fece ampia raccolta 
di piante, ohe contribuirono molto alla compilazione della Synopsis del' Gus- 
sone, che fu poi molto arricchita per nuove investigazioni nella Flora Sicula 
del medesimo (6). Il prof. Agostino Todaro riporta alcune specie d'orchidee 
ed altre piante delle Madonie (7). Cosson ed Heldreih vi fecero ripetute escur- 
sioBi e raccolsero molte piante, di cui il secondo ne descrisse due nuove. Il Prof. 
Parlatore, dà poco tolto alla scienza, descrive nella sua grande opera della 
Flora italiana molte piante della nostra flora, di cui talune nuove, profittando 
delle sue erborizzazioni e delle piante nebrodensi che trovansi depositate presso 
r Erbario centrale (8). Anche l'altra opera in corso di stampa di Cesati, Gi- 
belli e Passerini sulla Flora italiana rammenta spesso questi luoghi oome 
ospitanti talune piante rare (9). Ciò mostra quanto interesse muove la nostra 
flora, che maggior lustro trarrà dalla Flora nehrodense in via di stampa e 
pubblicata da Gabriele Strobl, che per tre anni di seguito qua fece prolungate 
escursioni, visitando tutte le località e ricavandone un sufficiente materiale (10). 

La fauna è anco di un grande interesse. Il Minà-Palumbo ha descritto 
i mammiferi (11), tra i quali si nota una varietà del Vespertilio noctula Sch. 




(1) Questi manoscritti trovansi depositati nella biblioteca comunale di Palermo. 

(2) Cupani. — Hortus Catholicus. Neapoli 1696. 

(3) Bernardino d'Ucria. — Hortus Regius Panormitanus. Panormi 1799. 

(4) Bivona. — Stirpium, rariorum minusque cognitarum in Sicilia sponte prove- 
nientami etc. Panormi 1813. * 

(5) Yed. Effemeridi scientifiche e letterarie per la Sicilia n. 33, 1834. 

(6) Gussone — Florae Siculae sinopsis ; e — Prodromus Florae Si'culae 1842, 44. 

(7) Agostino Todaro. — Enumeratio orchi dearum huc usque detectarum. Pa- 
nor. 1842. 

(8) Filippo Parlatore — Plora Italiana. Firenze 1850. 

(9) Flora Italiana per Cesati, Gibelli e Passerini. Milano. 

(10) Questo botanico diede alla luce un lavoro sopra gli « Schleranthus dell' Etna 
e delle Madonie. Yed. Oesterreichische Botanische Zeitschrift, Qeneinniitziges Organ. 
Wien n. 3 Marz. 1874. 

(11) F. Mina Palumbo. — Catalogt) dei mammiferi delle Madonie 1858. Scienza e 
Letteratura ed — Osservazioni sopra i mammiferi delle Madonie. Ambedue queste 
opere sono poi riportate nel « Catalogo dei mammiferi della Sicilia. Palermo 1866. 



■ M 



M 



1 



■a 



Digitized by 



Google 



— 224 — 

Y. Stenla Min.; Yesp. Nebrodensis Min. e T Arvicola Nebrodensis Min. (questa 
specie^ pasta in dnbbio da talani, è stata convalidata dalla esatta descrizione 
(li Forsyth Mayor (1)). Alcune memorie sono state dal medesimo pubblicate 
sopra i rettili, dei quali è inedito il catalogo completo (2). Abbiamo pure 
di lui il catalogo degli uccelli delle Madonie (3), alcune osservazioni ornito- 
logiche ed un articolo sulP albinismo. I pesci che si trovano ne' nostri fiumi 
sono qaattro specie, ma non possediamo alcuna descrizione intorno ad essi 

È r entomologia che ha più materiali: tutti gli ordini vi sono riccamente 
rappresentati. Il tìhiliani e il Bellier de la Chavignerie restarono sorpresi dalla 
molteplicità delle specie, ma tuttora non possediamo un allistamento, un ca- 
talogo, nonché on* opera che faccia conoscere Y Entomologia nebrodense. Le 
pf}che notizie sparsa in giornali, e le brevi descrizioni date per ispecie nuove 
sono ben poca cosa. Auguriamoci frattanto che tanti materiali sparsi sìeno 
raccolti da qualcuno, collocato meglio di me in condizioni favorevoli, per 
avere anche noi una fauna entomologica della Sicilia, come V hanno le altre 
nazioni incivilite. 



(IJ Fortìytli Miiyop. — Vertebrati Italiani nuovi o poco noti. Novembre 1876. 

[1} F. Minii'Palumbo. — Degli amori dei rettili 1864; il Fascino ed n letargo dei 
rettili^ eù 11 Prospetto di studi di erpetologia in Sicilia. Palermo 1863. 

{3; Mìii^-P.iluml:D. — Catalogo degli uccelli delle Madonie. Palermo 1859. Questo 
catalogo é accooap [igeato da una splendida iconografia. 



Digitized by VjOOQIC 



— 225 — 
LEPIDOTTERI DELLE MADONIE 

Pabte Prima. — EOPALOCERI 



G. PapiUo L, 



1. Pódalirius Linn. — Aprile, maggio e giugno. L' ab. gen. IL Zanclaeus Z. 

in loglio ed agosto. — Milioni, Fiumara, Molini, Dola, S. Guglielmo, 
Monticelli. — Forma de' passaggi dalla var. al tipo secondo la sta- 
gione e r altezza. La crisalide iberna. 

2. Machaon L. — Ha più di due gener. d'aprile sino ad ottobre. L'ab. Sphyrus 

insieme al tipo. Brucbi in luglio, settembre ed ottobre sulla Ruta gra- 
veolens e sul finocchio. Le crisalidi provenienti dalle ultime generazioni 
(seconda metà di settembre ed ottobre) svernano per isvilupparsi nella 
successiva primavera. Comune in tutti i luoghi sino alle più eccelse 
cime delle Madonie. Gì' individui primaverili differiscono sensibilmente 
da quelli delle ultime generazioni. 



G. Thais F. 

3. Polyxena Schiff, v. Cassandra Hb. — Marzo (31) (1) sino alla metà di 
giugno. I bruchi si trovano nel maggio (28) e nel giugno (9), e le 
crisalidi alla fine di maggio e nel giugno. Questa specie, contraria- 
mente a quanto è stato asserito, è piuttosto comune ed occupa una 
zona estesa e continua. Si rinviene al Miliani, giardini di Buia, din- 
tomi di Castelbuono dal lato orientale, a S. Guglielmo nelle radure 
dei castagneti, ed ai Monticelli. Nelle ore mattutine, ne' giorni coperti 
e di rugiada, si lascia prendere assai facilmente senza la rete, posata 
sugli steli delle erbette e del lino. 

Nota. — Questa forma della Sicilia si discosta alquanto da quella di 
Francia (vedi il 1« volume della Fanna Ent. francese del Berce, tav. 1, p. 107) 
e fra alcuni esemplari da me raccolti vi noto delle aberrazioni molto spiccate. 
Differisce dalla francese per una macchietta rossa che esiste quasi constante- 



' (1) La data posta a destra di ogni mese indica V estremo d^ apparizione, quale ó 
stata da me osservata. . 



Digitized by VjOOQIC 



— 226 — 

mente lungo la costa ad un terzo delle ali superiori, e per tutte le macchie 
oscure che sono nella nostra del più nero cupa Nel disotto la differenza è più 
marcata. Vi si osservano tre macchiette rosse, la prima alla base del disco 
(mancante nella var. francese) la seconda si prolunga sin quasi a toccare la 
nervatura mediana, la terza od ultima è pure tutta rossa, mentre neir altra si 
presenta bruna, eccetto Testremità superiore che tocca la costa. Il bordo estemo 
delle ali ed il contorno della cellula discoidale (sempre nel disotto delle seconde 
ali) presentano un tuono assai più pallido. Conseryo un individuo che si avvicina 
molto alla Cassandra francese: vi manca la macchietta costale del disopra, e le 
due macchiette del disotto sono identiche a queste ; ne differisce soltanto per 
gli altri surriferiti caratteri. Il prof. Stefanelli, esaminandone alcuni di questi 
luoghi, vi notò Tab. Ochracea Stgr., che forse corrisponde ad una delle descritte 



G. Pamasslns Lai. 



4. Apollo L. — Laglio. Comune nelle regioni alpine; il limite inferiore non 

scende più di 1400 metri, raramente a met. 1125, come ò stata tro- 
vata in alcani anni air acqna della Ximbrìa ed a Miloeco (1). 

Nota. — Anche questa specie si discosta da quella di Francia, (Vedi op. 
cit. voi. l^*, tav. 2, pag. 112). Le macchie nere del disopra delle prime ali sono 
cinque e le ultime due assai pìccole; quella che si avvicina al bordo interno è 
nel disotto pupillata di rosso. Nel disotto delle seconde ali all' angolo anale ri 
sono due piccoli occhi, il primo circolare, il secondo un po' allungato, separati 
dalle nervature, mentre sono fusi insieme o geminati nel disegno citato. 

5. Mnemosyne L. — Maggio (22) giugno, luglio (6). — Ximbrìa, Ferro, Man- 

darini, Pitmsa, Commiello, Favore e gorgo di CacacidebbL II limite 
inferiore, secondo ho osservato, non scende più basso di m. 1000; il 
più alto è di m. 1500. Il doti Mina mi assicura d* averla veduta a 
S. Ippolito a mt. 550. Manca la 2^ gener., che, secondo il prof. Costa, 
appare in Calabria in luglio ed agosto. 



(1) Dopo un fortissimo vento meridionale che inforiava nelle alte giof^ie nebrodensi, 
molte foglie e steli di Lctterpttium Siculum Spr., fronde di Fagut tyhaHea -e di querce fu- 
rono spinte al Nord, e nella convalle di Castelbuono a met. 480 cadevano questi resti 
vegetabili insieme a saggi isolati di Parnassius Apollo, che furono presi in paese.. Per la 
stessa causa delle correnti, Humboldt vide farfalle sulP oceano Pacifico a grande di- 
stanza dalle coste, e viceversa insetti e vesretabili del piano insieme ad infusorii silicei 
trascinati negli str^i superiori delV atmosfera e filettati nelle nevi pierpetue del <;hiin- 
borazo ad un' altezza di 15000 a 18000 piedi sopra le pianure (altezza che supera di 2400 
piedi quella del monte Bianco). Il chimico Boussingault insieme a Don Mariano de Rivero 
fu pure testimone dello stesso fatto trovandosi sulla cima del monte Siila alta 5400 piedi : 
Saussure ne trovò sul monte Bianco, e Ramond nelle solitudini che attorniano la cima 
del monte Perduto. Humboldt spiega questo ultimo fatto attribuendolo a correnti d'aria 
spinte verticalmente di basso in alto, come nelle trombe, determinate dal calore solare 
che riscalda la superficie terrestre. Vedi Humboldt: Tableaux de la nature, p.229eaeg. 



Digitized by VjOOQIC 



— 227 — 



a. Aporia Hb. 

6. Crataegi L. — Aprile (29) maggio e tutto giugno. Bruchi in aprile sul 

Prunus spinosa e sul pero domestico. Eara nelle basse colline, comune 
nelle praterie. Barraca, S. Guglielmo, Xìmbria, Ferro, Canna, Man- 
darini, Gonato ec, sino a 1500 metri. 

Gen. Pleris Schrh. 

7. Brassicae L. — Vola tutto V anno; più frequente nella primavera ed estate. 

In tutti i luoghi delle Madonie sino a 2000 metri. Comunissima. Ho 
trovato bruchi in febbraio, che sono schiusi in aprile. Riporto qui la 
stessa osservazione che Zeller fece sopra soggetti di Messina: quelli 
della apparizione primaverile sono di solito più piccoli di quelli catturati 
in estate (questo carattere si osserva maggiormente in taluni di pro- 
venienza alpina) colla macchia nera alV apice delle ali anteriori 
alquanto piii pallida e col disotto delle posteriori pili velato di 
scuro (1). 

8. Rapae Linn. — Nello stesso tempo e luoghi che la precedente. 

Nota. — Questa specie varia molto, e posseggo alcune delle forme sin 
oggi descritte sotto varii nomi. La generazione estiva (da giugno ad agosto) dà 
per lo più individui di una piccola dimensione, contrariamente a quanto osservò 
in Lombardia il sig. Curò, che dice di forme più grandi quelli raccolti in estate 
e più pìccoli quelli di primavera (2). Questa piccolezza deve riferirsi alla 
Minor Costa, o &\V Ergane Hb. 

9. JSTapi Linn. — Ha tre generazioni, V ultima delle quali (a quanto io mi 

sappia) non la trovo menzionata dagli autori. Nella primavera appare 
il tipo, cioè in tutto il mese di aprile e maggio; nella seconda la 
var. Napaeae Esp., che comincia dalla prima metà di giugno e seguita 
a tutto agosto ; nella terza, che è in ottobre, riappare il tipo. Campi, 
prati; a S. Guglielmo, Barraca, , Monticelli ec. In agosto ne ho prese 
parecchie accoppiate che sembrano dello stesso sesso pel carattere delle 
ali, cioò i d* d* con due punti neri nella pagina superiore delle prime 
ali, come le comuni 9 9. Egual fatto è stato da altri notato per le 
congeneri Brassicae e Bapae. 

10. Daplidice Linn. — Due generazioni ; da maggio ad ottobre. La var. Bel- 

lidice Och. in principio dell' apparizione. Luoghi aridi. Monticelli, 
Ferro, Gonato. Mulini. Elev. met. 1000. (continua) 



(1) Vedi Saggrio dì un Catalogo di Lepidotteri d' Italia per l' Ing. Antonio Curò. 
Bollettino della Soc. Ent. Italiana. 

(2) Vedi Curò. Saggio di un catalogo ec, pag. 22. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



228 — 



CENNO NECROLOGiCO. 



La sera del 27 maggio decorso cessò di vivere in Torino, dopo 
breve malattia, il cav. VITTORE GHILIANI Assistente al Museo 
Zoologico di quella città e Vice-Presidente della nostra Società 
Entomologica, di cui fu pure uno dei fondatori. 

Noi siamo sicuri che V annunzio di tale perdita riuscirà ben 
doloroso ai cultori dell'Entomologia in Italia non solo, ma ancora 
al di là delle Alpi, imperocché grande e meritata stima erasi 
acquistata it GHILIANI come zelantissimo ed abile collettore, come 
erudito e paziente illustratore delle cose raccolte, come persona 
squisitamente gentile e premurosa verso tutti coloro che a Lui 
si volgevano per aver notizie scientifiche, per ottenere coopera- 
zione in qualche lavoro, o per chieder consigli. 

Sarebbe stata nostra intenzione di dare oggi un largo rag- 
guaglio della operosa vita e degli scritti dell' uomo egregio, che 
[a inesorabile morte troppo presto ci tolse. Ma poiché varie cir- 
costanze, che qui non occorre notare, validamente si opposero a 
ciò, non senza buon fondamento speriamo che il nostro desiderio 
sia per essere appagato in uno dei prossimi fascicoli di questo 
giornale. 

Frattanto ci è di qualche conforto il deporre con riverente 
affetto e con sincera ammirazione un modesto flore sulla tomba 
del carissimo amico e collega, la cui immagine giammai si can- 
cellerà dalla nostra memoria. 

P. S. 



i 

Digitizedby VjOOQIC \ 



— 229 — 



SAGGIO DI UN CATALOGO 

DEI LEPIDOTTERI D'ITALIA 



COMPILATO 



dairing. ANTONIO CURÒ 



{Contin. — Vedi voi. X, pagf 189 e seguenti) 



Gen. BoawÈnin Tr, 

A. 
Occitanaria Dup. — Ottobre. — Certamente anche nel Nizzardo. — Siti 
aridi, colli. 

Propria della Spagna e Francia mer. 
Larva s. Thymus vulgaris, 
Bastelicaria Bell. An. S. Ent. Fr. 4862. — Un d* scoperto da Bellier in 

Corsica nel luglio, in regione montuosa. 
Sobflavaria Mill. (Cat. rais. p. 404). — Ha molta affinità eolla specie seguente, 
avendo il fondo delle ali biondastro invece che brunastro, a le righe 
transversali meno accentuate — Scoperta] da Millière nell' Alto^ 
Nizzardo. — Tronchi, rupi. 
Bruco su diverse Geniste. 
Perversarla B. — Estate — Contro ai tronchi, muri ec. — Piano, valli. 
Z. seti, 4, (V. d* Ossola ec. V. di Wippacco). 
Yallese, Cdrnia, Dalmazia, Asia min. 
Larva sulle Geniste (?), cipressi (?), Psolarea bituminosa (?). 
Lav. CorreptariaZ. (Isis 4847, p. 18), (rufo-cinerea, stnges di- 
stinctioribus) propria d. Dalmazia, Asia min. ec, non è stata ancora 
osservata in Italia. 
Ginctaria Sch. S. V, — Prim. est (due appar.) — Tronchi, mura, raccie, 
siepi. — Colli, Alpi. 
Ann,X. IS 



Digitized by VjOOQIC 



— 230 — 

Z. mi. 3, Z. cent. 3. (Ligur. Tose.) 
Larva s. Galium^ Hypericum e a. 

Eur, sett. ecc. reg. poi. e centr., Baie, seti., Russ. mer., Asia 
minore ec, Siberia. 
abt {v.) Consimilaria Dup. — (al. in medio non luDolatìs, anter. 
slrigiR lìicigìs distaDtibus}. Incontrasi, non frequente, in Piemonte e 
nella Liguria occidentale. 

Il bruco sembra pascersi di preferenza d. Psolarea bituminosa [ìlLìW,) 
Gezmnaite Brhm. — Rhomboìdarìa S. V. — Estate, aut. (due appari- 
7.Ì0IIÌ {?). — Contro ai tronchi, muri ec. — PianO; monti. 
Z. stit. 4, Z, cent. 2, Z. mer. 3, Z. ins. % 
Europa centr. e mer., Asia occidentale, Amur. 
Larva Sp alberi da frutta, Rubus ec. 
Secundaria 5, F. — Estate — Contro alle rupi e tronchi. — Valli, Alpi. 
Z. sett^ i, (Alpi occ. e sett.), Z, cent. 4, (Alpi mar., v. Lantosca). 
Germania, Svizzera, Grecia. 
Bruco s. Pinus sylvestris e larici (?). 
Abietaria S. K ^~ Come la precedente. — Alpi. 

Z, sett. 4, (Alpi occid. e sett. (?)). — Larva sugli abeti. 
Parto deir Europa centrale, Ural (?). 
Umbrai'la Uh . -^ ftfag. giù., poi ag. sett. — Tronchi ec., cespugli. — Piano, colli. 
Z^sett. 5, (Bergamo), Z. cent. 4, (Nizzardo ec.), Z. ins, 4, (Corsica). 
Pranc^ roer., Andai., ? Ungh., Sarepta, Asia minore. 
Bruco sugli ulivi, Quercus ilex e a. 
Hepandata L. — Estate — Come le precedenti. — Colli, monti, Alpi. 
Z. sett. %. Z. cent. 3. 

Larva g. Geum montanum, Vaccinium, salici e a. 
Eur, sett. (ecc. reg. poi.) e cent., Turchia sett., Russ. mierìd., 
Asia mio. ec,, Siberia or. 
La ab. Conversarla Hb, (al. fascia media nigra), é stata raccolta al 
colle di Fenestre (Alpi mar.) dal Milliére. 
Roborarla Sch.j S. F. — Estate — Siepi, tronchi, rupi. — Colli, Alpi. 
Z. setL 3, Z. cent. 4, (Alto Nizzardo). 
Eur- centr. ec, ? Catalogna, Russ. mer. or., Amur. 
Larva §. querce, betulle, faggio. 

La ? della Roborarìa raggiunge talvolta dimensioni considerevoli, 
sino a 65 mm., colle ali distese, onde si può dire essere questa la 
specie più grande delle Geometre europee. 



Digitized by VjOOQIC 



— 231 — 

Ignoro se sia slata fra noi osservata la ab, I n f ii s e a t a Sig. 
scurissi ma. 
Gonsortaria F. — Mag. giù. — Come la precedente — Colli, monti. 
(? Punctinalis Se.) 

Z. seti, 3, Z. cent 3, Z. mer. 4, Z. ins. 5, (Corsica). 
Ear. centr., Balcan seti., ? Catal, Russ. m. or., Asia min. 
Bruco come il precedente. 

Ha una ab, Consobrinaria Bkh., di tìnta più grìgia ec. 
che probabilmente sMncontrerà anche in Italia. 
Angnlaria Thnb, — ViduariaS. F. — Estate — Come le precedenti — 
Monti, Alpi. 

Z, seti, 3, Z, cent, 4, Z. mer. 4, (Calabrie). 
Eur. centr., Svezia. — Larva sui licheni delle querele (?}. 
Lichenarla Hfn, — Estate — Come le precedenti. — Monti, Alpi, 

Z. seti, 3, Z, cent, 4, (Alpi mar. ? Toscana), Z, ins. 3, (Cors. e Sard.) 
Eur. cent., Svezia, Livon. Macedonia. 
Larva s. Lichen omphalodes e a. 
Glabraria Hb, — Estate — Sui tronchi ec, boschi di larici ec. — Valli, Alpi. 
Z, sett, 5, (Alpi Sabaude, Ghil.) Z, cent, 4, (Colle di Finestre, 
Alpi mar., Mill.) 

Parte dell'Europa centrale, Russia mer. or. 
Bruco s. Osnea barbata, lungermannia complanata e a. 
B. 
Selenarla 8, V. — Prim. eslate — Contro alle roccie ec, tronchi (special- 
mente degli olmi). — Piano, colli. 

Z, sett, 3, Z, cent. 3, Z. mer. 3, Z. ins, 3. 
Frane, cent., Germ. mer. or., ec, Ungh., Baie. ec. Asia min., Amor. 
Larva s. Pimpinella nigra. Artemisie e a. 
La ? di questa specie è di una fecondità straordinaria^ parto- 
rendo sino a 600 ova. (Milliére). 
C. 
Crepnscnlaria S. V. — Prim. — Come la prec, spec sui faggi. — Piano, monti r 
Z. sett. 8, Z. cent. 3, Z, ins. 3, (Corsica). 
Eur. centr. e parte della seti., Russ. mer., Asia min,, Amur, 
Bruco sulle guercie e Rubus. 
CSonsoiiarla Bb, — Estate — Contro aile roccie e tronchi. — Alpi mar. 
Z. cent. 4, (Alpi mar.). — Larva s. BettUle e iiglio. 
Parte dell* Eur. centr., Sarepta, Amar. 



1 



Digitized by VjOOQIC 




1^-. 




— 232 — 

lioridata Bkh. — Extersarìa Hb, — Estate — Come la prec. — Alpi. 

Z, seti, 5, (Regione alpina). 

Larva s. avellano e betulle. 

Parte dell' Eur. cent., Russia merid. 
Pimctularia Hh. — Primavera — Come la precedente. — Colli, Alpi. 

Z, seti. 3, Z, cent 3, (Toscana, Alpi mar. (?) ). 

Eur. centr. e sett., (ecc. reg. poi.), Siberia or. 

Bruco s. betulle e alno. 

Gen. VeplHfonia Hb. 

Sepiaria fl/w. — Cineraria S. V, — Giù., lug., poi sett. (?). — Come 
le precedenti. — Monti, Alpi. 

Z. sett. 3, Z. cent. 4, (Alpi mar., Mill.), Z. ins. 4, (Corsica), 
Z. mer. ?, (Abruzzi, Costa). 

Germ., Svizz., Frane, Ungh., Andai. 
Bruco sui Licheni, 
CSremiaria Trr. — Corti e aria Dup, — Come le preced. — Colli, monti. 
Z. sett. 3, (Piemonte, Ghil.. Tirolo mer. Std.),^. cent. 3, (Monti 
Liguri, Ghil.). •«— Francia. 

Larva, probabilmente sui licheni. 
Fingalaria M//., le. Ili, Pi. 149, 4. — Lug., ag. — Scoperta da Millière a 
S. Martino Lantosca ec. (vers. mer. d. Alpi marit.). 
Il bruco vive sui licheni dei muri. 

Gen. JRachycneÈnin Stph. 

Hippocastanarla Hb. — Prim., poi fine estate, (due o tre appar.). — Siepi, 
boschetti. — Colli. 

Z. sett. 3, Z. cent. 3, Z. mer. 4, Z. ins. 3. 

Eur. occ. e mer., Germ. cent, e mer.. Svizzera, Asia min., Algeria. 

Larva sulla Calluna vulgaris, eriche e a. 

Gen. €fnopho& Tr. 

A. b. 

Forvata S. V. — Estate — Contro ai tronchi, muri, rupi. — Colli, monti. 
Z. sett. 3, Z. cent. 3, (Alto Nizzardo, Mill.), Z. mer. 6, (1 d», monti 
di S. Severino, Costa). 



Digitized by VjOOQIC 



— 233 — 

Parte d. Europa cent., Russia mer. occ. 
Bruco s. Vibumum, Crataegus ec. 
B. a. 
? Respersaria Hb. — Citata da Ghìliani come specie delle Alpi Gozìe e ma- 
rittime ; (intese forse la seguente ?). Costa V avrebbe osservala sei 
monti di S. Severino. — Dalmazia, Spagna, Russ. mer. oc. {% 
Bruco sul Rhamnus elatemus. 
Sartata Tr, — Estale — Siepi, tronchi, muri ec. — Valli, monti. 

Z. seU. 4, (Camicia, Mn.], Z. mer. 4, (Sicilia), Z. ìns. 5, (Corsica). 
Dal maz., Grecia, Russ. mer. occ, Asia min., Siria. — Larva ignota. 
Obscnraria Hb, — Estate — Come la precedente. — Colli, valli. 

Z. sett, (?J, Z. cent, 3, (Ligur., Tose), Z. ins. 4, (Corsica). 
Gran parte d. Eur. cent., Catal. ?, Dalmaz., Asia min. 
Il bruco vive snW Artemisia campestris e a. piante erbacee, 
Q uesta specie varia moltissimo per la tinta, che ora appare bcu- 
rìssima, ora pallidissima e per cosi dire bianca (ab, C a 1 e e a t a Stgr,}. 
Onustarla H, S. — Il tipo è proprio dell'Asia min., Armenia, Persia. 

V. S e r r a r i a B.^ più piccola e più chiara. Stata raccolta da Rambur 
e Mabille in Corsica. — Propria dell'Andalusia. 
Ambiguata Dup, ^ Estate — Siepi, boschi, roccie. — Monti, Alpi. 
Ophtalmicata Ld, 

Z. sett. 5, (Bolzano, Mann.), Z. cent. 3, (Colledi Tenda, Alpi mar.) 
Alpi delPAustr. Svizz. e Frane, Armen., Aitai. 
Larva, probab. sììW Artemisia absynthium e m. a. 
Pallata S. V. — Come la precedente. — Colli, Alpi. 

Z. sett. 3, (Piemonte), Z. cent. 4, (Alto Nizzardo, Aquila). 
Germ. mer. e cent., Francia centr., Russia mer. (?). 
Larva adulta in maggio s. Plantago lanceolata e m. a. 
Ha una ab. Impectinata Gn., molto chiara, che incontrasi 
qua e là col tipo, e altra var. Confortata Gn., scurìssima. 
Glaacinaria Hb. — Prim. est aut. — Come le precedenti. — Colli, Alpi- 
Z. sett. 2, Z. cent. 3, Z. mer. 4, (Camaldoli ec. Costa). 
Parte d. Eur. cent.. Frane mer., Pirenei, Aitai ? 
Bruco su molte leguminose e licheni (?). 
Offre parecchie varietà, di cui la Falconarla Frr. (violaceo 
cinerea) e la Supinaria Mn. (cinerea, fere unicolor), s' incontrano 
anche neir Italia settentrionale. 

LaGlaucinariae l'Aspersaria Hb. e la Mucida- 




Digitized by VjOOQIC 



— 234 — 

r ) a Hb. sono forse le anìche specie del genere che hanno più di 
una apparizione annuale. 
Variegata Dup. — Princ. d' estate. — Specialm. sui muri. — Piano, colli. 
Z. seti. 3, Z. cent. 3, Z. mer. 3, Z. ins, 3, (Corsica). 
Germ. raer, Ungh., Svìzz., Frane, mer. or., Dalm., Grecia, Asia occ. 
firuco sui Rumex e m. a. piante erbacee. 
La vafp (et ab.) Gymbalariata MUL (le. P. 406. 42-45), (magis ani- 
ùoior, caerulescens), sembra essere la forma dominante a Roma ec. 
& in Dalmazia, ove la larva s'incontra s. Linaria cymbalaria, 
MocCdaria Hb. — Marzo, apr., poi ag. selt. — Muri, roccie, siepi. — Valli, Alpi. 
Z. seti. 3, Z. cent. 3, (Alpi mariti.), Z. mer. (Apennino ?), 
Z, ins. i, (Corsica). 

Frane, cent, e merid., Spagna. 
Bruco s. Polygonum, Asplenium e a. 

Gli esemplari variano alquanto per la tinta gialla più o meno 
grigiastra. — La specie ha due apparìz. annuali. 
Àsperaria Hb. — Celiala Hb. — Dall* aprile al sett. (due o tre appari- 
zioni). — Sui tronchi, rupi, muri. — Falde dei monti. 

Z. sett. 5, (4 9 a Gradisca, Mn.), Z. cent. 4, (Alpi maritt.), 
Z. ins. 4, (Corsica). 

Vola talvolta spontaneamente anche di giorno. 
Larva sul Cistus monspeliensis e a. 

Germ. mer. or.. Frane, mer., Spagna, Dalm. Grecia, Asia min. 
La forma più scura : P ì t y a t a Rbr. (C o 1 1 a r i a H. S.), credo 
sia stata osservata anche in Italia. 
b. 
Serotiiiarta S. V. — Estate — Contro alle rupi ec. — Alpi. 
Z. sett. 3, (Reg. alpina), Z. cent. 3. (Alpi mar.) 
Alpi d. Francia, Austria e Svizzera, Ural ? — Bruco ignoto. 
Sordarla Thnb. — t;. Mendicarla H. S. 491. 3. — Rinvenuta da Mann 
n. Alpi del Tirolo merid., è stata osservata anche neir aUa Y. Bregagl ia. 
Il tipo s* incontra in Lapponia e Norvegia, la presente varietà 
fpiù grande, più scura, con strie più accentuate), oltreché n. Alpi si 
trova anche sui monti della Slesia e n. Aitai — Larva ignota (7). 
DUucldaria 5. V. — Estate — Specialmente contro alle rupi. — Monti Alpi. 
Z. sett. 2, Z. cent. S, (Liguria, Apennino ?). 
Larva s. Leottt. taraxacum e m. a. 
Monti d. Germ. mer. e cent., Svezia ec, Alpi tutte, Ural. 



Digitized by LjOOQIC 



— 235 — 

C. a. 
Obfnscaria Hb, — Est. — Sulle rupi, sassi e fogli e di piante basse. — Monti, Alpi, 
Z. setL 2, (Rag. alp.), Z. cent. 3, (Alpi mar.), Z. mer. ;Miijella^ Costa). 
Svezia, Livonia, logbìlt. Alpi tutte, Aitai. — Bruco polìTago. 
La var. {ah, ?) Canaria Hb. 344 (obscurior, fusco gr L^ea), s' iocontra 
non infrequente col tipo nelle nostre Alpi. 
b. 
Zelleraria Frr, — Lug. agosto — Sotto ai sassi in siti franosi. — Alpi elevate, 
Z. sett. 4, (Stelvio, Alpi di Livigno). 

La ? è più piccola del <f ed ha ali più arrotondate. — Alpi 
austr. e del Grigione. 

La larva vive, credo, sulle Pimpinella e Campan^h alpine, 
Andereggaiia Lah. — Lug. ag. — Come la precedente, rupi. ^ Alpi. 

Z, sett, 5, (Alpi del Piemonte), Z. cent, 5, (Alpi mar*, La Dioica]. 
Bruco ignoto ? 

È forse varietà scura della preced. — Alpi occid* (Vallese ec.). 
Gaellbaria H, S. — Estate — (? con ali rudim.; rarissima). — Bfonti, Alpi. 
Z. sett, 5, (Tir. mer., e Monte Nanos da Mann). 
Austria, Alpi d. Garinzia e Stiria. 
V. Sporcaria Lah., Scalettarla Mill, più scura, incontrasi neUe 
nostre Alpi elevatissime. Il (f vola talvolta di giorno in luoghi 
franosi e incontrasi sino a 3000 m. di altitudine, la ? non ba che 
ali rudimentari. — Bruco s. Campanula rotundifolia, C Unifolia (?J, 
licheni (?). — Alpi d. Grigione e Vallese. 
La congenere Operarla J7&. (la di cui ? ha parimente ali rudim.), 
non credo che sia stata ancora osservata n. nostre Alp), potrà però 
forse rinvenirsi nella parte orientale della catena, essendo propria 
di quelle dell* Austria. 

Gen. MH9»yMn Gn. 
(Volo diuruo, nelle ore più calde). 

Tenebrarla Esp. — Estate — Pascoli alpini elevatissimi e luoghi franosi 
(1800-2800 m.). 

Il tipo ha il disopra delle ali nero ; al disotto mostra larga fascia 

bianca. S'incontra in regioni un po' meno elevate delle sue varietà; raro^ 

La ab. Torvaria Hb,, 366. 9, Horridaria Hb. ^39 (al. aupra 




Digitized by VjOOQIC 



— 236 — 

Bubtusqufi rascìatìs) appare pure in alcuna parte delle nostre Alpi 
centrali - 
La V. Wockearia Stg., (al. sapra ut in Torvaria, subtus fascia ante- 
marginali distintissima alba, al. ant. (fascia) strigala apicali alba), 
abita rtìgioni elevatissime (sino 2800 m.) — Giogo di Stelvio, Piz 
Umbra il eo- 
li bruco s' incontra sotto ai sassi come quelli di quasi tutte le 
specie proprie delle regioni elevatissime. Sembra nutrirsi di licheni 
e sassifraghe, 

(zen. JP«o<fo# 7r. 

[Volo diurno, nelle ore più calde). 

Altioolarla Mn. — Eslate — Vola di giorno, rapidissima, in vicinanza di luoghi 
franosi ec. — Alpi settentrionali. 

Z* selL 4, (Reg. elevatissime, 2600-2800 m.). — Stelvio ecc. 
La 9 è più Pigra al volo. — Alpi austr. e elvetiche. 
Bruco sulle Crittogame dei sassi e sul LeorUodon. 
Goracina E$p, — Cbaonaria Fru — Estate — Pascoli alpini elevati 
(1800-S60tì m.). 

Z. $e£^ 4, (Alpi della Valtellina e probabilmente anche in altre 
parti delle Alpi setu)- 

Moni] d. Eur. boreale, Pirenei ec, Alpi elevatissime, ? Sib. or. 
Bruco su varie ^piante erbacee alpine e crittogame ?. 
Trepidarla Hb. 343. — (Sp. virescens, flavo conspersa). — Come la preced. 
Z. seit. (Reg. alpina elevata), Z, cent. 3, (Alpi mar.). 
Alpi elevate, ? Lappon., Cauc. ? — Larva come la precedente. 
Àlpinata Su. — H o r r i d a r i a S. F. — Estale — Come la precedente 
[sino a oltre 2600 m.) 

Frequente nelle nostre Alpi tutte. — Bruco come i precedenti. 
Monti dfìUa Germania, Pirenei, Alpi tutte. 
Quadrimrla Suh. — Equestrata BTch, — Estate — (Forse due appar.) — 
Praterie elevate (1700-2200 m.). 

Z, sEtL 3, Z, cent, 3, (Alpi mar.) 

Monti della Germania, Alpi tutte. 

Larva s. Leontodon e m. a. 

Al riposo, la farfalla tiene le ali rialzate, come i Ropaloceri. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



— 237 — 

Gen. JRygnèaena B. 

(volo diurno). 

Fasca Thnb. — Venetaria Hb, — Estate — Il <f vola di giorno ; ? con 
ali imperfette. Praterie e pascoli elevatissimi (2000-2600 m.). 
Z. sett. 2, (Alpi, ? rara). 
Alpi, monti della Norvegia, Lapponìa. 
Bruco s. Draba verna, Uva ursi e a. 

Gen. AwèihOÈneim B. 

Homochromata Mab, (Ann. S. E. Fr. 4869). — Un cf scoperto da Mabille, 
in maggio presso Bastia. 

La larva vive probabilmente s. Genista Corsica, 

Gen. Mi'Monia Tr. 

(Volo diurno e ali rialzate al riposo). 

Fasciolaria Hfn. — Cebraria Hb. — Giugno — Siepi — Osservata da 
Mann sul Monte Nanos e n. Valle di Wippacco, rara. 

Lìvonia,Gerro. or., Ungh., Dalm., Turch. sett. ec, Asia min., Aitai. 
Bruco s. Artemisia campestris, 
Famula Esp. — Concordaria Hb. — Apr. mag. poi ag. — Siepi ec — 
Colli, monti. 

Z- seti, 4, (Astigiano), Z. cent, 3, (Monti Liguri). 
Larva sulle Geniste, 
Parte d. Grermania, Francia, Spagna. 
Limbaria F, — Conspicuata Sch, S, V, — Giugno lug. — Cespugli, 
boschi. — Monti Alpi. 

Z, sett, 3, Z. cent, 3, (Alpi mar.). 
Eur. centr. occid. — Bruco sulle Geniste, 
? Roraria F. — Ghiliani la cita come propria delle foreste dell* Alta Savoia, 
forse si potrà incontrare anche in altre parti delle nostre Alpi. — 
Essa appartiene alla Germ. cent, mer.. Svizzera, Belgio ec, Turchia 
sett. or., e Russ. mer. 

Il bruco vive sulla Genista scoparia e a. 



Digitized by VjOOQIC 



— 238 - 

GeD. ilfliiroofopliia Ld, 

(Volo diurno ?). 

P«ii]iie«FaFlA Bb, 363. — Marzo, aprile. — Terreni incolti, luoghi erbosi. — 
Cotti, monti. 

Z. cent. 4, (Contado di Nizza, Ghil.), Z, mer. 4, (Sicilia). 

Francia mer. or. (Grasse), Andai. 

Bruco s. Santolina chamaecyparissa, 
Chrysltarla Hb. — Marzo — Terreni incolti ec. — Falde dei monti. 

Z. mer. 3, (Sicilia). 

Andalusia, Algeria. — Larva s. Erica arborea. 

Gen. EurmniM» Hb. 

Plumiataria Bkh. — Prim. poi sett. — Vola rapidissimamente di giorno fra 
le 8 e le 42 sui Dorycnium, — Colli, monti. 

Z. sett. 3, (Astigiano], Z. mer. i, (Ligur. occ.) 

Frane- mer., Spagna. — Bruco in luglio s. Dorycnium suffruticos. 

Gen. Ewnaturga Ld. 

(Volo diurno). 

Atom&rla L. — (Pennata Se.) — Prim. est. — Vola di giorno in luoghi 
sterposi e erbosi. — Piano, monti. Alpi. 

Z. sett. 1, Z. cent. 4, Z. mer. 2, Z. ins. t. 

Quasi tutta Y Eur., Aitai, Amur. 

Bruco s. Centaurea scabiosa, Artem campestre e a. 

Gen. 10uptiMMM9 Leach. 
(Volo diurno). 

Pinlarlus (lia) L. — Prim. est. — Regione d. conifere. — Monti, Alpi. 
Z. sett. 3, Z. cent. 3 (Alpi mar.). 
Volo diurno, ? più pigra al volo. 



Digitized by VjOOQIC 



— 239 — 

Gran parte dell* Europa cent, e seti., Gastiglia, Aitai, Siber. or. 

Larva sul Pinus sylvestris e altre conifere (?). 

Anche qnesta specie tiene le ali erette durante il riposo. 

Gen. SeìMo9ewnn Eh. 

(Volo diurno). 

Ericetaria Vili, — Plumaria S. V, — Estate — Luoghi erbosi d< regioni 
selvose — Colli, monti. 

Z. seti. 3, Z. cent 3, (Ligur. Tose. ?), Z. mer, (?). 
Bruco s. 'Trifoglio aromatico. 

Eur. oc. e parte d. centr, Ungher., Sarepta, Armenia. 
Ambnstaria Hb. — Luglio (?) — Propria delia Sicilia e dell' Italia meri- 
dionale. — Non frequente. — Larva ignota. 

Gen. Jfafto Dup. 

Semicanaria Frr. -* Fine di prim., est. — Luòghi erbosi, cespugli mac- 
chie. — Monti. 

Z. mer. 4, (Calabria, Sicilia). 
Spagna mer., Afr. sett. (Frane, mer. ?). 
Acq[aiaria Mill. (An. Soc. E. Fr. 4875 PI. I, f. U 45) — Scoperta da MilUéra 
in Acqui nel giugno; un solo esemplare. La dice prossima della con- 
genere Gesticnlaria Hb., specie spagnuola. 
Gontaminaria Hb. — Mag. giù. ^ Siepi, boschi. — Colli, monti, (Alpi). 
Z. sett, 3, (Piemonte), Z. cent, i, (Toscana). — Francia. 
Larva ignota, come pure quelle delle due precedenti. 
Wanaria L. — Estate — Contro ai muri, roccie ec. — Alpi tutte. 
Z. sett. 2, Z. cent. 3 (Alpi mar.). 
Bruco suir uva spina, ribes ec. 

Eur. sett. (ecc. reg. poi.) e cent., monti d. Dalmaz. Grecia ec, 
Siberia orient. ? 
Bmimeata Thnb, — Quinquaria Hb. — Estate — Regione selvosa. — 
Alpi tutte. 

Z. sett. 3. — Eur. cent, e sett., Pirenei, Russ. mer., Allai^ Amun 
La larva s* incontra sul Vaccinium myrtillus. 



Digitized by VjOOQ IC 



^ — 240 — 

>v lì Sig. Bertolonì (Hisl, Lepìd. agri Bod. p. 46i)]adice frequen- 

-^' \ tìssìma nei querceti cedui dei colli bolognesi. Ciò è improbabilis- 

: ^ Simo; egli intese forse la Cìdaria Obliterata Bfn, (Hepa- 

f rata S. F.), che, ha infatti, qualche somiglianza apparente colla 

,/' Quinquarìa J75., ed è abitatrice della regione collina. 

iii Arteslaria S. F. — Princ. d'est., aut — Siepi, boschi. — Piano, monti. 

'^ Z. sett. 3, (Piemonte, Ghil), Z. cent. 4, (Livorno, Mn.), Z. mer. 4, 

'C (Calabrie C.) 

^ ^ Parte d. Eur. cent, Ungher., Russ. mer* or., Armenia. 

Il bruco vive specialmente aui salici, 

^'' Gen. JPhméiame Dup. 

^^ (Volo diurno). 

Petrarla ir&. — (Ghlorosata Se). — Aprile, maggio. — Siti erbosi, 
brughiere, cespugli. — Colli, monti. 

* Z. seti. 3, Z> cent. 3, Z. ins. 3, (Sardegna). 

; . Eur. cent., Pirenei, Russia m. or., Armen. Amur. 

^ Larva nel luglio s. Pteris aquilinay timo ee. 

^, ? Partitaria Hb. — Probabilmente anche n. Nizzardo, apparendo a Cannes, 

■°: Hyères ec. in primav., poi in sett. 

k Bruco s. Teucrum chamaedris. 

t s^ E propria della Francia mer. e della Spagna. 

|^< Scntnlaria Dup, — PeltariaJJ. — Prim. ?, sett. ott. — Colli, falde d. monti. 

> ? Z. sett. (Lombard. ?), Z. cent, 5, (Oneglia ec, barone Peyroleri). 

I Frane, mer.. Spagna. — Larva sul timo, lavandula ec. 

U' Binaevata Mab. (An. Soc. Ent. Fr. 4869, p. 56). —.Scoperta da Mabille in 

f^f Corsica (dint. di Bastia ec. rara), forse var. della Scutularia. 

[i _ La larva si nutre dei fiori del rosmarino. 

^/ Rippertaria Dup. — Mag., poi ag. — Luoghi sterposi e caldi. — Colli, monti. 

i ^ Z. sett, 6, (Colli di Torino, Ghil), Z. cent. 5, (Monti del Nizz.). 

^: Frane, merid. — Bruco sul Salix viminalis. 

er Presenta una ab. P a 1 1 i d a r i a Gn., senza fascio scure (Mill. Io. 

I; P- 92, ì: 8). 




Digitized by VjOOQIC 



— 241 — 

Glarearla S. F. — Prim. est. — Luoghi sterposi, boschi ^ Piano, monti. 

Z. sett. % Z. cent. 2, Z, mer. 3, (Sicilia}, Z, ins, 3, (Corsica). 

Parte deirEur. cent, e mer. orient., Asia min., Armenia. 

Larva specialmente sul Lathyrus pratensis. 
datbrata L — (Retìaiis Se). — Prim., est. — Luoghi incolti, prati, 
macchie. — Piano, monti. 

Z. sett. 1, Z. cent. 4, Z. mer. 2, Z. ins. 2. 

Quasi tutta T Europa, Asia min., Aitai, Amur. 

Bruco sul trifoglio e molte altre erbe. 

Gen. BuhoMia B. 
(Volo diurno). 

Arenacearla 5. V. — Estate ^ Boschetti, luoghi erbosi. — Alpi, monti. 

Z. sett. 4, (Alpi orient. e sett.. Alpi d. Monviso, Ghil.). 

Bruco 8. Coronilla varia. 

Austr.,Ungh., Galizia, Dalm.,Russ. mer or., Fr. mer. or. ? Asia min. 
Morinaria 5. F. — Mag., poi lug. — Luoghi erbosi. — Colli, monti, Alpi. 

Z. sett. 2, Z. cent. 2, (Ligur. Tose). 

Larva s. Medicago sativa, trifoglio ec. 

Parte delFEur. cent., Ungh., Balcan, Russ. m., Asia min., Alt., Amur. 
Assimilarla Bbr. — Marzo apr., poi ag* — Luoghi arìdi e montuosi. 

Z. ins. 2. — È propria della Sardegna e Corsica. 

Bruco s. Genista Corsica. 

Gen. EneoniBia Ld. 

Minlosarla Dup — var. Perspersaria D. — Lug. ?, sett. — • Siti cespu- 
gliosi aridi. — Alpi mar. 

Z. cent. 5, (Vers. mer. d. A. mar.) ; 

(Al. ant. unicolorib. vel maculatis, valde aberrantib.) Spagna 
e Francia mer. 

Larva in apr. s. Genista scorpius e Ulice europaeo. 

Gen. Seodio9$n B. 

Gonspersarla S. F. — Princ. dì giù. — Al calcio d. querele ec, muri, sassi 
in luoghi erbosi aridi. — Colli, monti. 



Digitized by VjOOQIC 



— 242 — 

Z. sett, 4, Z. cent. 4, (Toscana, Bolognese), Z. mer, 4, (Calabria, 

forse la seguente varietà). 

Eur. mer. or., Austr., Uogh. ec, Asia min. ec. 
Bruco s. Salvia pratensis, 
La var. (et ab.) C u n i e u I i n a Hb, (al fere totis albìs, non conspersis, 

tantum fusco strìgatis vel punctatis), è stata osservata anche in Sicilia. 
La var. Turturaria B, (Cons persaria D. VII, 168,4), più scora 

grigiastra sMncontra, , qua e là, neiritalia sett. e centr. (?). È 

da riferirsi molto probabilmente a questa stessa specie la : R a u n a- 

ria Frr, 582, 3, 4, VI, p. 460, stata raccolta in due esemplari 

al calcio delle querele nel Carso da Schmidt. — (an. prec. var. 

min., gen. II ?). 
La Arenaria Hb. 437, secondo Dup. specie italiana (Cat. p. 272), 

pare sia invece specie esotica. 
La Lentiscaria Donz,, Mill. PI. 5, fig. 4-9, potrà forse incontrarsi 

anche nel Nizzardo, essendo propria, oltreché della Spagna, anche 

della Francia meridionale. 

Gen. C teogene B. 
(Volo diurno). 

Lutearìa F. — Tinctaria Hb. — Est. — Praterie elevate. — Monti, Alpi. 
Z. sett. 4, Z. cent. 2, (Apennìno). 
La ? è più piccola e pigra al volo. 
Alpi tutte, Galizia, Ural., ? Scozia. 

Il bruco vive in maggio s. PlantagOf Leontodon e m. a., prefe- 
rendo le foglie appassite. 
Niveata Se. — 1 1 1 i b a r i a Hb. — Estate — Praterie alpine^ — Alpi della 
Carnia, Alpi della Carinzia e Svizzera meridionale. 
Larva polifaga ? 

Gen. Scoria Stph. 
(Volo diurno). 

Lineata Se. — D ealbata L. — Mag. giù. — Praterìe, siti cespugliosi — 
Valli, monti, Alpi. 

Z. sett. 2, Z. cent. 2, Z, mer. 3, Z. ins, 4. 



\ 



Digitized by VjOOQIC 



— 243 — 



Gran parte d' Europa, Asia min., Amur. 
Bruco s. Spart. scopaHum, Hypericum e a. 



Gen. AspiMaies Tr. 

Gilvaria 5. F. — Prim., poi est. inoltrala. — Luoghi erbosi, boschetti. — 
Monti, Alpi. 

Z. sett 3, Z, cent, 3. 

Larva s. Achillea mille foì. Spart, scoparium. 

Eur. occ. e parte d. centrale, Ungher. ec, Asia occid., Aitai Amur. 
Ochrearia Rossi. — Ci trarla Hb, — Prim. poi est. inoltrata. — Luoghi 
sterposi aridi ec. — Piano, monti. 

Z. sett. 3, Z. cent. 2, Z. mer. 2, Z. ins. 4. 

Frane, cent., Eur. mer., Asia min., Siria, Cipro, Africa sett. 

Bruco sulle scabiosej loto e m. a. 
Strigillaria Hb. — Dalla prim. all'aut. — Siepi, luoghi erbosi, boschi. — 
Piano, monti. 

Z. sett. 2, Z. cent. 4, (Pratolino, Mn.). 

Bruco s. Geniste e a. 

Eur. cent., Livonia, Balcan, Russ. m. occ, Asia mio., Aitai 

Costa nella sua Fauna del Regno di Napoli (Geometre pag. 52, 
n.® 7, tab. V, fig. 2), cita una sua L i v i d a r i a, raccolta presso 
Lecce, in luogo incolto, che egli è disposto a ritenere identica alla 
A. Baeticaria Rbr. (Cat. 5, and. 19, 4}. 

Gen. Eu9€»trea E. 5. 

Interpunctaria H. S. 390, III, p. 3i. — Specie propria della Sicilia. — Ra- 
rissima. — Anche la ? di questa specie, come quelle del genere 
precedente e del seguente, sono più pigre al volo. 



Digitized by VjOOQIC 



^,f \','t< -f-f'^ n^"V:-7', - 



— 244 — 



6. GAVANNA. Alcune osservazioni intorno ad un recente lavoro del 
dott. A. DOHRN, 9ui M^ienogoniM. 

Il dott. Anton Dohrn, nelle Miitheilungen (4) della Stazione Zoologica 
di Napoli, ch'egli con cuore di mecenate ed intelletto di scienziato ha 
creata e dirige, ci dà i resultati di nuove ricerche da lui medesimo 
fatte sui Picnogonidi o Pantopodi. 

In parecchi punti tali resultati non concordano con quelli ottenuti 
dal prof. Semper (2), dal dott. Hoek (3) e da me (4). 

Dohrn ammette che veramente siano i maschi dei Picnogonidi e non 
le femmine, quelli che, attaccate in glomeruli alle appendici sessuali o 
piedi oviferi, portano le uova (5). Egli conferma così le mie osservazioni, 
che già il dott. Hoek aveva trovato esatte (6) ; soggiunge però che 
Semper ha confuso gli ovari con i testicoli, e che io, sulle sue tracce, 
sono caduto nelF identico errore. Gli equivoci nei quali è caduto il pro- 
fessor Semper in quest'ordine di idee, si spiegano facilmente perchè 
sono la conseguenza necessaria del preconcetto in cui egli era che le 
femmine fossero le portatrici delle uova ; ma giova notare che il pro- 
fessore di Wurzburgo, osservando un Picnogonide (7) senza piedi oviferi 
si maraviglia del fatto grandemente, lo suppone transitorio, e dichiara 
che queir individuo è certamente una femmina, perchè nei segmenti fe- 
morali di tutte le zampe si riconoscono gli ovari, E femmina era quel 
Picnogonide, ed appartenente ad una delle specie nelle quali le femmine 



(1) Neue Untersuchnngen ùber Pycnogouiden — Mittheilungen der Zoalogischen Station 
zu Neapel, I Band, 1 Heft. Leipzig, 1878. 

(2) Ueber Pycnogoniden und ihre in Hydrolden schmarotzenden Larvenformen. — 
Arbeiten aus dem Zoolog. Zoot. Institut in Wàrzburg. I, pag. 264, Tav. 16 e 17. 1874. 

(3) Ueber Pycnogroniden. — Niederlàndisch. Archiv fùr Zoologie. Ili Band. 1877. e: 
Over Pycnogfoniden en hun plaats in het systeem. — Ooerdruk uit het Verslag vati 

de Vergandering der Nederlandsche Dierkundige Vereeniging^ gehouden te Amsterdam 25 no- 
vember 1877. 

(4) Sui Picnogronidi. — Società Entomologica Italiana^ Adunanza del 2 maggio 1875, 
pag. 5. Firenze 1875. e : 

Riassunto di una Memoria sui Picnogonidi. — Bullettino della Società Entomologica 
Italiana. Anno Vili, trim. 4. (per errore nelle copie a parte si legge anno IXJ- 
Firenze 1876. 

Studi e Ricerclie sui Picnogonidi. Parte P. Anatomia e Biologia. — Pubblicazioni 
del R, Istituto di Studi Superiori pratici e di perfezionamento in Firenze, Sezione di 
Scienze Fisiche e Naturali. Firenze, Successori Le Mounier, 1877. 

(5) Dohrn. 1. e, pag. 85. 

(6) Hoek. Over ec. 
(7J Semper. 1. e. 



Digitized by VjOOQIC 



245 — 



sono affatto sprovviste di piedi oviferi. Questo prova che il Semper ha 
saputo distinguere gli ovari da altri organi. Io poi, non ho seguito, 
come vuole Dohrn^ il Semper; ma essendomi posto nei vero quanto ai 
sessi, ho potuto molte e molte volte osservare gli organi esistenti nei 
quarti articoli delle zampe tanto dei maschi che delle femmine, e scor- 
gere essere facilissimo, anche con un esame molto sommario, il distin- 
guere gli uni dagli altri: e notisi poi che ben spesso le osservazioni 
cadevano sopra individui portanti uova, quindi, per quanto sappiamo, 
maschi senza dubbio. (1j Ho figurato questi organi tali quali mi si presen- 
tavano neir interno dei quarti segmenti degli arti rispettivamente nelle 
femmine e nei maschi; e Tequivoco non è possibile in questo caso, 
trattandosi di specie nella quale i soli maschi posseggono piedi oviferi. 

Nei miei Stiuii ec. (2) feci cenno dì un piccolo canale scavato nel- 
l'interno delle estremità dei 4' articoli delle zampe tanto dei maschi 
che delle femmine di certe specie. Il Dohrn nega (3) alle femmine que- 
st'organo che vuol posseduto dai soli maschi, nei quali avrebbe il si- 
gnificato di canale per l'uscita di una sostanza muccosa, destinata a 
conglutinare le uova, e secreta da glandule esistenti nell'interno dei 
quarti articoli. 

Nei citati Studi ec. (4) descrissi le glandule sessuali maschili, di- 
cendole costituite da grosse cellule, poligonali, biancastre, opalescenti, 
contenute nel quarto segmento di tutte le vere zampe, ed il cui pro- 
dotto si fa strada all'esterno attraverso dei fori esistenti in tutti i secondi 
segmenti (5). Dohrn, che tace intorno alle cellule da me descritte, di- 
chiara che dei testicoli (6j io ho trovato il solo punto di sbocco airesterno. 
l veri testicoli, secondo il dott. Dohrn, si trovano nel corpo dei Pieno- 
gonidi e non nelle zampe; nel corpo formano da ogni lato un otrìcolo 
che manda poi nelle singole estremità (Estremitdt) un otricolo più pic- 
colo, il quale finisce appunto nel luogo da me indicato, cioè nei secondo 
segmento. Non so precisamente qual valore si debba dare alla parola 
Estremitdt: ma dal contesto parmi intendere che gli otricoli secondari 
non si spingono nelle zampe, più in là del secondo segmento. 

Quanto agli ovari il Dohrn vuole sieno soltanto due, come i 
testicoli, che trovinsi nello interno del corpo, e che si prolunghino 



(1) Cavanna. Studi ec, Tav. I. Fìg. 5 e 7. 

(2) Pagf. 11 delle copie a parf^. 

(3) 1. e, pag. 36. 

(4) pagr. 11. 

(5) Giova qui notare che in un grosso Nymphon del Settentrione non lio potato 
scoprire queste aperture. 

(6J 1. e, pag. 36. 



Ann. X. 



16 



Digitized by VjOOQIC 




f^." 



— 246 — 

nelle zampe anche fino al penultimo articolo : nella maggior parte delle 
specie però (aggiunge Dohrn) (4) solo gli otricoli secondari, cioè quelli 
che trovansì neir interno delle zampe, sviluppano uova mature. 

Da quanto abbiamo esposto consegue che quei corpi glandulari da 
me trovati neir interno del quarto segmento delle zampe nei maschi, ed 
osservati anche dal Semper, e da noi ritenuti come organi testicolari 
specialmente pel posto che occupano, analogo a quello degli ovari nelle 
zampe delle femmine, sono invece, secondo Dohrn, glandole destinate 
ad una peculiare secrezione probabilmente mucosa. Il dott. Dohra 
non identifica le glandule descritte come testicolari con le sue glandole 
mucose; ma tale identificazione, se egli ha ragione, (ciò che risulterà 
meglio dal lavoro particolareggiato da lui promesso che dalle odierne 
brevi Neue Untersuchungen ec), è evidentissima, e quindi noi non ab- 
biamo, come egli scrive, confuso l'ovario col testicolo, ma abbiamo ri- 
tenuto come testicolari delle glandule speciali che nei maschi occupano 
posizione identica a quella occupata dagli ovari nelle femmine. Quanto 
a questi ultimi aspettiamo di veder descritti e figurati gli otricoli cen- 
trali trovati dal Dohrn neir interno del corpo, i quali nella più parte delle 
specie, secondo le sue stesse osservazioni, non sviluppano uova. Rimanendo 
essi atrofici e non sviluppandosi che le parti degli ovari racchiuse nei 
quarti segmenti, non furono osservati finora né da altri né da me^ il che 
ha fatto attribuire ai Pantopodi otto ovari invece di due con otto prò- 
lungamentù 

Il Dohrn scrive che non è riuscito a me, come non riusci ai 
miei predecessori nello studio dei Pantopodi, di trovare il cuore in 
tutti ì Picnogonidi. Ciò non è esatto. Ho trovato il cuore in tutti i 
Picnogonidi da me studiati; ma, come ho detto nei miei Studi {% in 
due sole specie del Golfo di Napoli ho potuto vederlo chiaramente 
e studiarne le funzioni. Quanto ai globuli del sangue, mentre io li ho 
descritti, dopo una osservazione superficiale, come ellittici o subellittici 
e piccolissimi, il Dohrn scrive »:h' essi sono di straordinaria grandezza, 
(il che può essere un fatto del tutto relativo), e complicatissimi (3). 
Alcuni hanno la forma di una sfera e vanno provveduti di nucleo un 
po' più refrangente e lenticolare assieme a 3 o 4 vacuoli: 1 secondi si 
presentano come Amoebe, si muovono con moti ameboidi, ed hanno 
nel loro interno un numero abbastanza grande di goccioline lucenti. 



^fc (1) 1. e, pagr. 86. 

(2)pagr. 10. 
^¥' (8) Dohrn 1. e, pagr. 88. 



Digitized by VjOOQIC 



I 



— 247 — 

I corpuscoli cellulari spesso colorati in verde che trova nsi nello 
intestino sembrarono a me corpuscoli d'indole vegetale. Perche infatti 
avendo, tra le altre cose, trovato dei Picnogonidi del tutto priv i di tali 
corpuscoli ed avevo osservato che questi erano spesso fluitali dalie cor- 
renti deir intestino; tenendo Picnogonidi lungo tempo in acqua morina 
filtrata, ho veduto sparire ogni traccia di corpuscoli dal tubo dige- 
rente e dalle sue appendici. Il dott. Dohrn ammette che, per cause 
tuttora ignote, si vedano quei corpuscoli sospesi nelle correnti inte- 
stinali; ma vuole erronei i miei esperimenti perchè a lui m mostrò 
sempre il contrario, quantunque soggiunga immediatamente^ e pare 
dunque a priori non essendo tale il responso degli esperimenti suoi, 
che un Picnogonìdc può lentamente soffrire una diminuzione dì cellule 
intestinali quando ogni nutrimento gli manchi (4). Sono pronto a ri- 
credermi tanto più che non dovrebbe essere sfuggito al Dohrn avere io 
scritto (2): È con qiuilch^ esitazione che esprimo le mie idee in pro- 
posito malgrado resperimento mi abbia costantemente corrispusfo. Ed 
intendevo parlare degli esperimenti fatti tenendo i Picnogonidi in acqua 
filtrata e spesso rinnovata, vale a dire in quelle condizioni nelle quali 
Dohrn stesso ammette che essi possano soffrire diminuzione di cellule: 
in quelle condizioqi cioè nelle quali io ho osservato, in specie molto 
trasparenti, la totale loro disparizione. 

Dal R. Museo di Storia naturale di Firenze, 20 novembre 187S. 



(1) 1. e, pagr. 39. 

(2) Studi fc, pag. 7. 



Digitized by VjOOQIC 



'^:::'r-mn_ 



— 248 — 



FAUNA ENTOMOLOGICA SICDLA 



LEPIDOTTERI DELLE MADONIE 



LUIGI FAILLA-TEDALDI 



{Contin. e fine ^ Vedi voi. X, pag. 217 e segr.) 

G. Anthocharis B. 

C: 11. Bella Cr. var. Ausonia Hb. — Aprile e maggio. Manca la seconda ge- 

'^ nerazione. S. Guglielmo, Miliuni, Barraca. Rara. 

:' 12. Tagis Hb., var. Béllezina B. — Si cita delle Madonie: io non 1' ho mai 

raccolta, ma può darsi che si trovi in qualche località non ancora 
> da me visitata. 

;- 13. Cardamines L., ab. Turritis 0. — Marzo (13) aprile e maggio; giugno 

;^ • e luglio nelle alture. Comune in tutti i luoghi, praterie e boschi sino 

p . a 1700 metri. Sembra rimpiazzare il tipo, il <f precedendo la ? nel- 

r apparizione. 
'^. ■ ■ 

% G. Leacophasia Stph. 

v 14. Sinapis L. — Da aprile a luglio, poscia in settembre. Si trovano qui tutte 

f;\ le varietà, eccetto VAmurensis Schrk. La Lathyri Hb. vola nell'aprile 

I e nel maggio, ed è la forma più frequente ; Tab. Erysimì è molto rara 

r e r ho trovata in maggio: la Diniensis B. nella seconda generazione. 

jv Campi attorno Castelbuono, Barraca, ruscello di Passo-Scuro, e Passo 

p^ della Botte. Non comune, a mt. 1400. 
/^; 






G. Golias F. 

15. Edusa Fab. — Vola tutto V anno: comunissima nella primavera ed estate. 
V ab. Heìice Hb. è rara; V ho raccolta in maggio e giugno. In tutti 



Digitized by VjOOQIC 



— 249 — 

i luoghi sino a mi 2000. In estate si rinvengono individui nani, 
mentre son di pia grande statara quelli di primavera. 



G. Rhodocera B. 



16. Cleopatra L. — Ha tre apparizioni; la prima in gennaio (nn poco rara) 
sino a maggio (7); la seconda da giugno (8) sino a Inglio (21); la 
terza in settembre ed ottobre. Confrontando gli individui delle diverse 
apparizioni, non presentano notevoli differenze. Comune in molti luoghi 
sino a mi 2000. Più abbondante alla Pietà vicino a PolizzL 



G. Thecla JP. 

17. Ilicis Esp. et ab. ? Cerri Hb. — Giugno e luglio. S. Guglielmo, Barraca, 

Monticelli e Gonato. 

18. JPruni L. — Viene citata come abitatrice delle Madonie, ma io non V ho 

trovata. (Vedi Mina Palumbo : Cai dei Lep. delle Madonie). 

19. Quercus L. — Luglio, agosto (rara), settembre ed ottobre. — Luoghi ce- 

spugliosi e boschivi sottostanti al bosco di Castelbuono, Piano della 
Noce e Pilati di 'mmiensu, L' ho vista posare in questo ultimo luogo 
suiralte cime dei faggi e delle quercie, in modo che era dif&cile 
il prenderla. Elev. mi 1500. 

20. B,ubi L. — Marzo (20), aprile, maggio: in giugno se ne trova qualcuna 

ne' luoghi elevati. Comune: a misura che si sale diviene più rara. Posa 
suirjEJnca arborea, sui cespugli di Ilex aquifolium ed altri arbusti. 
Nelle campagne e bosco di Castelbuono, Ferro, Gonato, Piano della 
Battaglia, e Comunelle. Da mt. 400 a 1700. 



G. Polyommatos Latr. 

21. Aìciphron Boti, var. Gordius Sutz. — Maggio e giugno sino alla prima 

metà di luglio. Comune nelle alte regioni : il limite inferiore comincia 
dalla Ximbria (1000 mt.) fino a mt. 2000. Varia molto nella gran- 
dezza, nel colorito e ne' punti ocellari di sopra e di sotto. 

22. Phlaeas L. — Da marzo a luglio (6) ; poi nel settembre, nell'ottobre e nel 

novembre. La var. Eleus P. si trova in giugno e luglio (dal piano 
a mi 1400), ed è comune in molti luoghi. Ha tre generazioni, e si tro- 
vano delle forme intermedie tra il tipo e la var. Eleus. GÌ' individui 
smunti che si cacciano al principio della stagione ed in autunno 
devono riportarsi ali* ab. Schmidtii Gerh. 



Digitized by VjOOQIC 



— 250 — 



G. Lycaena F. 



23. Boetka L. — Agosto, settembre ed ottobre. Rara. Posa sul rovo e sui 

pampani delle viti, in aatanno snlla nnda terra, e disturbata ritoma 
pin volte nello stesso luogo. Ervi bianchi, Fiumara e ne' vigneti at- 
toruo Castelbuono. 

24, IWicanus Lang. — Giugno, settembre e novembre. NegH stessi luoghi» 

Ha le stesse abitudini della specie precedente. Bellier de la Chavignerie 
dico di aver preso questa specie il 31 marzo: ciò corrisponderebbe a più 
di due generazioni. {Vedi: Observations sur la faune entomologique de 
la Sicile). 

2&. Baton Berg., Hilas Sb. — Maggio, giugno ed agosto. — Ximbria, Ca- 
cacidebbi, acqua delle Fontanelle, valle Atrigna. Elev. 1400 mt.: ra- 
ramente scende a mt. 500, posandosi sopra Y Artemisia àbrotanum e 
sai fiori di rovo. 

26- Astrarclìe Bgstr. — Aprile sino ad agosto. Praterie, campi : comune dap- 
pertutto. Questa forma subisce profonde modificazioni, che costituiscono 
talune delle aberrazioni descritte. GF individui primaverili differiscono 
notabilmente da quelli delle generazioni estive per magnifici riflessi 
azzurri assai pronunciati. 

27* Icarus Roti — Da marzo sino ad ottobre. Comunissima ovunque sino a 
mt. 1700. Vola in abbondanza come la precedente sulle spighe, e forse 
da qualche connubio incestuoso fra queste due specie nasce T ab. ica- 
Tìnm Scriba, che ho trovato in questi luoghi, come pure la melano- 
toxa de] sig. Marott, che ho raccolto in agosto. In primavera presenta 
gli stessi riflessi azzurri dio^VAstrarche e le stesse variazioni. 

28. Eumedon Esp. — Maggio e giugno. Praterie alpine non più basse di 

mt. 1000. Vuscigliara, Piano del Riposo (vicino il famoso pozzo di 
Mcniionica), Piano della Battaglia, Comunelle e Pizzo dell'Antenna 
(mt. 2000). 

29. MeUaijer Esp., Daphnis Bgstr. — Giugno e luglio. Rara. Luoghi so- 

vrastanti al Piano della Battaglia. Presentemente questa specie mi 
manca, trovasi figurata nella bella iconografia delle farfalle nebrodensi 
del dottore Mina. 

30. Argiohis L. — Seconda metà di maggio, giugno e luglio (15). S. Guglielmo, 

Barraca e giardini di Polizà. Un pò* rara. 

31. Semiargus Rott. — Maggio e giugno (15). Comune in tutti i luoghi sino 

alla regione scoperta a più di 1700 metri. Ho trovato una bellissima 
aberrazione di questa Ljcaena in un castagneto (Russelli) ed alle 
Fontanelle, e sembra particolare di questi luoghi, non avendola rin- 
venuta altrove. Si scosta dal tipo per taluni tratti che esistono vicmo 
ai puntini neri nella pag. inferiore delle prime ali. Quando avrò buoni 
esemplari, dirò più estesamente di questa aberrasuone. 



Digitized by VjOOQIC 



— 251 — 

32. Cyllarus Eott. — Marzo (20), aprile e maggio (22). Fiumara, Miliani, 
Barraca, S. Guglielmo, Monticelli. — Questa specie varia, particolar- 
mente ne* maschi, pel numero de* puntini neri del disotto delle prime 
ali, che oscillano da 4 a 6, ed anche per la piccolezza. Conservo in 
saggio della v. A. Costa benissimo caratterizzata (assoluta mancanza di 
punti nel disotto delle ali posteriori, e quattro punti nelle ali anteriori) 
come pure la var. Yàlenzae del sig. P. Marott (1). 



G. Lybythea F. 

33. Geltis Esp. — I gen., marzo (1), aprile (9) ; II gen,, giugno e luglio (16); 

Ili gen., settembre ed ottobre. Miliuni, S. Guglielmo, Passo-Scuro, 
Ferro e Comunello. Eievaz. mt. 1240. Allo stato di bruco ^i nntre di 
altre piante, forse delle querele, perchè il Celtis australis mant^a affatto 
nelle suddette località. É stata presa nel piano del Biposo ove vegeta 
il Bhamnus ccUharticus. 

G. Gharaxes 0, 

34. Jasius L. — Trovai questa specie il p. p. anno in settembre al Miliuni^ 

ed a S. Ippolito. Nuova per le Madonie : in Sicilia è stata trovata so- 
lamente a Taormina, credo, dal sig. Lefevre. "Non V ho riscontrata inai 
in maggio: certo manca la prima generazione. Rara, e difficile a pren* 
dersì. Nella prima località menzionata si trova raramente qualche ar- 
busto di corbezzolo {Arbutus unedo) pianta, che come ben si sa, serve 
di nutrimento al bruco: forse si nutrirà di qualche altra pianta. (Vedi 
la notizia data di questa specie nel giornale francese delle Petites 
Nouv. Eni n. 184, 1877). 

G. liimenitis F. 

35. Camilla Schiflf. — Maggio e giugno; seconda apparizione nell'agosto, 

settembre ed ottobre. Ruscello di Passo-Scuro, S. Guglielmo, Stretto 
della Canna, Vadduni di 'nfiernu, Fontana Savuca, Passo della Ilotte, 
Vicaretto, Gonato e Fridda. In quest'ultima località in alcuoo annate 
è abbondante. Elev. 1200 metri. 

Nota. — La gen. autunnale e di solito più piccola e più sbiadita d&ir altra. 
Confrontandola con la figura della Faime Entomologique Frangaise^ pag. 152, 



(1) Nel Catalogo più volte citato del Dott. Mina si notano due altre Lkeite, sotto J 
nomi di Argus alsus e melanops. Non saprei dire nulla di certo sul!' identità di qyefite due 
specie. 



Digitized by 



Googk 



— 252 — 

pi. 8, vi si notano delle differenze. La fascia bianca composta di cinque mac» 
chiette nella pag. superiore delle prime ali è interrotta nella nostra specie, 
mancandovi la quarta, che viene occupata dal fondo; la prima è quasi nulla. 
La fascia delle seconde ali varia nel numero delle macchie, come nel colore 
spesso bruniccio delle prime due ; quella che corrisponde alla quinta è nella 
nostrale pressoché invisibile e separata dalle attigue. Anco il colore del disotto 
si scosta un poco. 



G. Vanessa F. 

36. Egea Cr., Triangulum F. — Criugno, luglio, agosto, ottobre. S. Guglielmo, 

Lavinaru di lu Murgiazzu, Passo Scuro, valle Atrigna, e nelle strade 
e muri ben soleggiati di Oastelbuono, a più di mt. 1000. Nella prima 
metà di ottobre ne presi un individuo in una stanza del mio amico 
dott Mina, ove era attaccato alla volta per passarvi V inverno. Esa- 
minato presentava il disotto affatto oscuro; apparteneva dunque alla 
V. autumnalis del prof. Stefanelli. 

37. C. àlbum. L. — Marzo (1), aprile, maggio, giugno, luglio ed agosto (25). 

Campi attorno Oastelbuono, e giardini di Polizzi. Comune. 

Nota. — Questa Vanessa subisce come la precedente le stesse modifica- 
zioni di colorito nel disotto delle ali. Quelle prese in aprile e maggio sono 
della tinta oscura caratteristica; quelle catturate in altre stagioxii sono del 
colore normale. Siccome della prima specie se n'è fatta una var., a buon 
dritto anche per questa dovrebbe farsi lo stesso, e distinguerla con un nome. 
Nessuno in Sicilia ha segnalato il dimorfismo di queste due specie. — Con- 
servo poi nella mia collezione un individuo con le estremità del C. unite ia 
modo da formare una figura subcircolare (1). 

38. Polychloros L. — Ha tre apparizioni; la prima data da gennaio (19) 

ad aprile (22) ; la seconda nel maggio (13), giugno e luglio ; la terza m 
settembre ed ottobre. E un pò* rara nell* ultima apparizione, mentre ò 
comunlssima nelle altre. Bruchi in società durante l'aprile sul susino 
e sul pero domestico, ove cagionano qualche danno alle fronde appena 
sbocciate. Crisalidi in maggio. La farfalla iberna. — Boschi e campi di 
Oastelbuono a non più di mt 1400. 

39. Urticae L. — Aprile (30), maggio e giugno. Bruchi abbondantissimi 

in maggio sulle ortiche a mt. 1800 d' elev. (nel IV cantone dello 
Stelvio a mt. 2500 1). Comune dappertutto. 



(1) Auguriamoci che il lavoro del Weismau sul dimorfismo dei. Lepidotteri Ropa- 
locerì, dietro 1 voti espressi dal prof- Stefanelli, venga presto tradotto e pubblicato nel 
Bullettlno Ent. It. per servirci di guida in questi studi, essendo mefiti i Ropaloceri in 
Sicilia che presentano questo carattere. Sarebbe pure utile riconoscere le opinioni di 
Kramer sul Dimorphismus bei den Schmetterlingen, pubblicate nell'Archiv fUr Naturges- 
chichte, Jahrg. 44, heft 3. 



Digitized by VjOOQIC 



— 253 — 

40. Io L. — Dae generazioni ; la prima in marzo ed aprile, la seconda in 

giugno (1) e luglio (8). — Campi attorno Castelbuono, non comune. 
Posa sul rovo fiorito e sulle felci. 

41. Atalanta L. ^ Vola in tutti i mesi, più abbondante in estate ed autunno. 

Campi e giardini; rara nelle praterie a mt 1700. Posa comunemente 
sulla nuda terra, sui tronchi degli alberi e sugli articoli dei fìcM 
d' India. Allo avvicinarsi sparisce in un baleno, ma si restituisce presto 
sul luogo ove si trovava. 

V 42. Cardui L. — Marzo (31) sino a settembre. Comunissima in certe annate^ 
in altre assai rara. Come annata eccezionale noto quella del 1873, in 

^ ' cui volava a centinaia sulla Fedia comu>copia. Elev. 1400 mt. 

Nota. — Fu detto che questa specie per effetto d'emigrazione da' desarti 
deir Affrica arriva talvolta fra noi ne' paesi meridionali; ma dopo le osservazioni 
pubblicate dal prof. A. Costa intorno a questo lepidottero, comune a quasi tutto 
il mondo, non si deve più credere a tal provenienza. 01* individui che il »ii1- 
lodato prof, osservò e raccolse in Affrica, si scostano tanto dalla comune forma 
d'Europa, che all'autore sembrava un' altra specie affine (1). Dopo ciò toi na in 
campo la questione se il prodigioso numero sia dovuto a sviluppo locale, o se 
realmente derivi da emigrazioni, non d'Affrica, ma d'altri luoghi. 



G. Melitaea F. 



43. Cinxia L. — Aprile (29), maggio, giugno (15). Ruccazzu, Pedagni^ Mon- 

ticelli e Piano della Canna. Elev. mt. 1000. 

44. Phoehe P. — Aprile (29), maggio, giugno, rarissima in agosto. Comune, 

Cacacidebbi S. Guglielmo, Sconnito, Pizzo Castellana e gli altri ìnoghi 
sopra nominati della Cinxia. Elev. mt. 1500. Varia molto: vi si può 
riferire la melanina Bonap. e VoccUanica. 

45. Didyma Och., var. meridionalis Stgr. — maggio (10) e giugno: rara nolle 

alture durante il luglio. — Comune ne' prati, campi e radure di boschi. 
Castagneti e Bosco di Castelbuono, Piano del Riposo e della Princi- 
pessa, Canna, Piano della Battaglia, Comunello e Pizzo della Mur^a 
a mi 1800. Ne ho raccolta qualcheduna con le ali anteriori verdastre 
e rossastre le posteriori. 

46. Athalia Rott. — Maggio (12) giugno e luglio. — Luoghi ed elevazione 

della precedente. É la più comune del genere (2). 



(1) Relazione di un yiaggrio per V Egitto, la Palestina e le coste della Tarchia asia- 
tica per ricerche zoologiche, di A. Costa. Atti della Reggia Accad. delle Scienze fia. ma- 
temat. di Napoli. Tom. 7. 

(2] Erroneamente è stata citata la Cynthia come propria di questi luoghi. 



Digitized by 



Google 



ii;-' ' — 254 — 

i G. Argynnis JFl 

V 47. Euphrosyne L. — Aprile (29), maggio e giugno (7). — Ruscello di 

Passo-Scuro, Canalicchio, Vadduni di 'nfiernu, Passo della Botte e 

j lungo i corsi d'acqua. Mediocremente comune. Elev. mt. 1000. 

' V 48. Daphne Schiflf. — Giugno (12) e luglio. Sinora Tho trovata in due sole 

/ località, cioè a S. Guglielmo e a Cacacidebbi. Quest'ultima ha una ele- 

A vazione di mt. 1400. 

' . 49. Lathonia L. — Da marzo (28) ad ottobre. Molini, Mandraccia (rara), Mon- 

ticelli, Canalicchio, Cuprania, Ferro, Pizzo della Murga, Quacedda. 
' Sembra che abbia più di due generazioni. Altezza mt. 2000. 

50. Aglaja L. — Giugno e luglio (6). — Barraca, Monticelli, Milocca, S, Foca. 

Non frequente. 

51. Adippe L., ab. Cleodoxa 0. — Giugno (8), luglio, raramente in agosto. 

Castagneti attorno S. Guglielmo, Russelli, Piano della Noce, Gonato, 
Canna, Liccia, Pomieri. Comune. Sostituisce il tipo. 

52. Paphia L.'— Da maggio ad agosto, raramente in ottobre. Comune negli 
; ^ stessi luoghi deir Adippe, posandosi come questa sul rovo e sull'origano. 
ì Varia nel colore del disopra e nelle fascio argentate del disotto. 

' 53. Pandora SchifiP. — Maggio e giugno; nelle alture luglio ed agosto; rare 

volte in settembre. — Molini, Dula, S. Guglielmo, Xìmbria, Acqua 

: delle Fontanelle, Croci, Valle Atrigni, Mandarini ec. È comune nelle 

■ alture, ma non si lascia avvicinare tanto facilmente. Altez. mt. 160O (1). 

G. Melanargia Meig, 

: V 54. Galathea L. — Giugno e luglio (6). Comunissima ne' castagneti. Gonato, 

; Monticelli, Bosco, Cuprania, Lapazza, Timpe Eosse vicino a Polizzi ec. 

^ ! ' L' ab. ? Leucomeìas Esp. — insieme al tipo — si trova facilmente 
nell'ultima quindicina di giugno, massime fn certe annate calde. Si 

j^, trova pure la var. Prodda Herbsi e l'ab. Gralene 0., e conservo di 

( queste abberrazioni una serie graduale di forme, cominciando dal tipo 

■^; all' ab. Leucomeìas, ed una singolare mostruosità chQ farò conoscere 

J/ in seguito. Elev. mass. mt. 1800. 

^jf 55. Japygia Cyr. — Giugno e luglio; nelle alture in agosto. Luoghi aridi. 

f " Il limite inferiore è marcato dal Roccazzo e dai Pedagni (mt. 600). 

%^- In luglio scompare da questi luoghi, e si riscontra in alto. Acqua delle 

^< Fontanelle, Croci e Timpe Rosse vicino a Polizzi. 



(1} Nel citato catalogo del dott Mina si trova riportata la Niobe, 



in^i^^ 



Digitized by VjOOQIC 



- 255 — 



G. Satynis F. 

56. Hermione L. — Luglio (1°), agosto e settembre. S. Guglielmo, BaiTaca 

Liccia, Vitidda, Piano della Noce ec. Elev. mt. 1000. 

57. Circe F. — Giugno (29), luglio, agosto, settembre e prima metà tf ottobre. 

Più abbondante della prima. Si posa come questa sui tronchi del 
pero, ciliegio, pomo ed altri alberi. 

58. Briseis L. — Giugno (12) e luglio. Luoghi aridi. Eara in basso, tionmne 

in alto. Posa sui detriti dello roccie calcaree insieme all' ah. ? Pi- 
rata Esp. — Ruccazzu, Pedagni, Gonato, Piano di Calacinnl piaìmra 
di Quacedda, e tutto il versante meridionale delle Madonie che guarda 
Polizzi, dove trovasi in maggiore abbondanza. Elev. 1700 metri, 

59. Semele L., v. Aristaeus Bon. — Da maggio sino ad ottobre. Coi nnn Issi ni a 

in tutti i luoghi. A misura che si sale, si rende più rara ed assume 
un tuono più cupo, tanto da crederla una specie affine. Varia pure al- 
quanto nella disposizione delle macchie, e sembra rimpiazzare il tipo. 
Pizzo della Murga, Serre-Cavalli, Pizzo deir Antenna. Elev, int, 20Ó0. 

60. Statilinus Hufn., v. Allionia F. — Luglio, agosto, settembre od Dttohre, 

Comunissima in tutta la regione che sovrasta Castelbuono sino alle Croci 
e negli alti gioghi (1). 



G. Pararge Hb. 

61. Maera L. v. Sicula Stgr. —Maggio e giugno. Nelle alture in loglio ed 

in ottobre. Rarissima. S. Guglielmo, Barraca, Bocca della Cava, Ximbria, 
Canalicchio, Passo della Botte, piano e pizzo della Murga, piano del 
Riposo, della Principessa e Serre-Cavalli. Elev. mt. 2000. 

Nota. — Questa varietà è stata recentemente descritta, insiemo a trodiei 
specie nuove di eteroceri, raccolte dal Kalchberg in Sicilia, dal dott. StaudiDger. 
Vedi: Beitràge zur Le pidopteren- fauna Sicilìen*s von Adolf von Kalcìiberg. 
Gennaio 1877. I nomi di tali nuove specie trovansi nel Bullettino della Soc. Ent. 
Italiana, trim. Ili, anno Vili 1876, pag. ultima. 

62. Megaera L. — Comune tutto Tanno, rara in dicembre, gennaio e feb- 

braio. Campi, luoghi incolti sino a piìi di mt. 1700. 

63. Aegeria L. — Nello stesso tempo della precedente. Campi attorno Castel- 

buono. Posseggo la var. Meone Hb. e molto forme transitorie. 



(1) Nel catalogno del dott. Minà-Palumbo trovasi registrato un altro satlrliJe^ ciofe la 
fidia P» 



Digitized by VjOOQIC 




— 256 — 



G. Epinephele Hb, 

64. Lycaon Rott. — Giugno (25), luglio e tutto agosto. Comune. Piano di 

Cicaliuni, Valle Atrignì, Croci, Balze dì Cacacidebbì, Piano della Batta- 
glia, e tutti i sommi gioghi delle Madonie. Varia molto. Tra quelle prese 
in luglio ed agosto se ne trovano talora alcune d'una pallidezza estrema 
e di una grande statura, misurando millm. 50 d' apertura. Queste ul- 
time appartengono alla var. Lapinus del Costa. Elev. da 600 a mi 2000. 

65. Janira L. var. Hispulla Hb. — Da maggio ad ottobre. Campi e boschi. 

Comune. Si rinviene un po' raramente al Pizzo di Palermo e dell' An- 
tenna, luoghi alti mt. 2000 circa. 

66. Ida Esp. — Giugno (15) sino ad ottobre. Comune in tutto il territono di 

Castelbuono. Siepi e praterie. Elev. mt. 1500. 



G. Gaenonympha Hh, 



67. Corinna Hb. — Si cita di questi luoghi, ma io non l' ho mai raccolta: 

dubito che sia stata confusa con qualche specie affine. 

68. PampMlua L. — Marzo (30) sino a settembre. La var. Lyllus Esp. in 

luglio ed agosto. Comune. Campi e luoghi aridi. Si trovano molte forme 
intermedio. li tipo l'ho trovato sino al Piano della Battaglia, alto 
metri 1700. 



G. Spilothsrros Dup, 



69. Alceae Esp. — Aprile (10), maggio, giugno e luglio. La var. australis Z. 

nel maggio. Campi e boschetti. 

70. AUheae Hb. — Maggio, giugno, luglio; poscia in settembre ed' ottobre. 

Luoghi della specie di sopra. 



G. Syrichthus B. 



71. Alveus Hb. — Aprile, maggio e giugno. Terreni incolti. Barraca, Mon- 

ticelli. Cuprania ec. Ho delle varietà che appartengono al Fritillum Hb. 

72. Malvae L. — Tempo e luoghi della precedente, sino a mt. 1400. 

73. Orbifer Hb. — Nuova per le Madonie. In Sicilia è stata trovata dal solo 

Keferstein; manca nel resto d'Italia. La raccolsi durante il luglio 
nella pianura di Quacedda, che si eleva a mt 1240. Rarissima. 




Digitized by VjOOQIC 



— 257 — 



G. Hesperia B. 

74. Thaumas Hufn. — Maggio, giugno, luglio. Comune nelle siepi e nei campi 

attorno Casteibuono. 

75. lÀneola Och. — Maggio e giugno. Luoghi della precedente. 

76. Acteon Esp. — Tempo e luoghi come sopra. 

77. Silvanus Esp. — Maggio (13), giugno e luglio. Comunissima. Luoghi ci- 

tati di sopra, sino a mt. 1400 d'elevazione. 

78. Comma L. — Agosto. Eegione del faggio. Acqua delle Fontanelle, Piano 

di Calaciuni, Filati di 'mienzu a mt. 1600. 

79. Nostradamiùs P. — In luglio vicino la Ximbria. — Rarissima. — Non 

ne posseggo che un solo esemplare (1). 



(1) Un'altra specie [Aetna B) viene citata come appartenente aUa Sicilia (vedi Cata- 
logo dei Lepidott. della Panna Europea del dott. Staudingferfpagr. 851, ma probabilmente 
non sarà che una legrgiera varietà della Nostradamus o di qualche altra delle specie citate. 
Di piti nel Oatalog-o del dott. Mina trovasi notata la NUoniades tages L., sulla quale nulla 
potrei affermare positivamente. 



Digitized by VjOOQIC 



258 — 



INDICE 



delle specie e delle varietà citate in questo catalogo 



Papilio Podalirins 

^ » ab., gen. II, Zanclaeas 

» Machaon 

» » ab. Sphyrns 

Thais Polyxena v. Cassandra 
Parnassins Apollo 

^ Mnemosyne 
Aporia Crataegi 
Fioiis Brassicae 



> » V. Minor 
)^ Napi 

1^ » V. Napaeae 

> Daplidice 

» » V. Bellidice 

Antbocharis Belia v. Ausonia 
» ??Tagis V. Bellezina 
» Cardamines v. Turritis 

Lcmcophasia Sinapis 
* » var. Lathyri 

)» » var. Diniensis 

-» > ab. Erysimi 

Colias Ednsa 
» » var. ? Helice 

Khoilocera Cleopatra . 

Tli&cla Ilicis 

> » var. ? Cerri 
ìs> ? Pruni 

;^ Rubi 
Polyommatus Alciphron var. Qordius 

> Phlaeas 

» » var. Schmidtìi 

> » var. Eleus 



Lycaena Boetica 
» Telicanus 
» Baton 
» Astrarche 
» Icarus 
» » ab. Icarinus 

» » ab. Melanotoxa 

» Eumedon 
» Meleager 
» Argiolus 
» ? Alsus 
» Semiargns 
» Cyllarus 
» » var. Costa 

> » var. Valenzae 
» ? Melanops 

Libythea Celtis 
Charaxes Jasius 
Lìmenitis Camilla 
Vanessa Egea 

» var. Autumnalis 
C. Album 
Polychloros 
Urticae 
Io 

Atalanta 
» Cardui 
Melitaea Cinxia 
» Phoebe 

> » ab. Melanina 
» var. Occitanica 

Didyma var. Meridionalis 
» Athalia 






» 



L 



Digitized by VjOOQIC 



259 



Argynnis Eupbrosyne 


Epinepliele Lycaon 


» Daphne 


» » V. Ltipinns 


» Lathonia 


» Janira v, HispuUa 


» Aglaja • 


» Ida 


» ? Niobe 


Caenonympha Conniia ? 


» Adippe ab. Cleodoxa 


» Pamphiliis 


> Paphia 


» » T. Ljllna 


» Pandora 


Spilothyriis Alceae 


Melanargia Galathea 


» » V. Australia 


» )^ ab. ? Lencomelas 


» Altheae 


» » ab Galene 


Syrichthns Alveua 


» » var. Precida 


» » V. Fritillnm 


» Japygia 


» Malvae 


Satyms Hermione 


» Orbifer 


» Circe 


Nisoniades Tages? 


» Brìseis 


Hesperia Thaumas 


» » ab. ? Pii-ata 


» Lineola 


» Semele v. Aristaeus 


» Acteon 


» Statilinns v. Allionia 


» Silvanus 


» ?? Fidia 


» Comma 


Pararge Maera v. Sicula 


» Aetna ? 


» Megaera 


» NostradamuB 


» Egeria v. Meone 





N. B. Il segno ? indica dubbio, il ?? molto dubbio. 



Digitized by 



Google 



r 



1 



— 260 — 

O. CAVANNA. 

NOTE SOPRA EMITTERI ITALIANI 



In queste Note verrò pubblicando i resultati dello studio 
degli Emitteri italiani del R. Museo di Firenze, in 
gran parte raccolti durante le mie escursioni, ed a 
me poi tutti affidati dal prof. Adolfo Targioni Tozzetti, 
al quale rivolgo i più caldi ringraziamenti. 



EMITTERI ETEROTTERI dei dintorni di Pozzuolo (Umbria) 

È una piccola contribuzione alla conoscenza degli Emitteri dell' Umbria, 
sai quali, per quanto io so, non si hanno notizie speciali. La raccolta fatta 
nel settombro dólPanno corrente dal sig. Oreste Mancini a Pozzuolo, piccolo 
paose situato sopra un poggio ricco di oliveti e circondato in parte da boschi 
e scopeti, tra Cliiusi e Cortona, si compone di 107 individui. Di essi 96 
sono Etcrotteri e rappresentano le 18 specie seguenti: 

1. AncyroBoma aìholineata Fabr. — 2 ind. 

2. Grapltosoma lineata Linn. — 2 ind. 

3. Oarpocoris nigricornis Fab. — 7 ind. adulti ed 1 giov. 

4. » baccarum Linn. — 2 ind. 

5. Ne^ara prasina Linn. — 1 ind. 

6. jPìeeodorus incarnatus var. alliaceus Germ. — 1 ind. 

7. Stracìùa ornata Linn. — 9 ind. adulti e 3 giov. 

8. s> pietà H. S. — 24 ind. adulti e 22 giov. 

9. Spromasies marginatus Linn. — 1 ind. adulto e 2 giov. 



Digitized by VjOOQIC 



— 261 ~ 

10. Gonocerus venator Fabr. — 1 ind. 

11. Centrocarenus spiniger Fabr. — 1 ind. 

12. Camj^topus lateralis Germ. — 2 ind. adulti ed 1 giov. 

13. Gorisus jparunvpìmdatus Schill. — 2 ind. 

14. Lygaeus equestris Linn. — 1 ind. 

15. Galocoris chenopodi Fall. — 2 ind. adulti e 3 giov. . 

16. NaUs lativentris Bob. — 1 ind. 

17. Goranus aegyptius Fabr. — 1 ind. 

18. Firates hybridus Scop. — 1 ind. 



n. 



E MIT IERI ETEROTTERI del Poggio de* Balzi e della esima dì Moote 
Morello. 

Dalle due escursioni fatte nel gennaio e nel maggio del 1877 a Monte 
Morello ed al Poggio de' Balzi, punti più elevati dei colli che circondano 
Firenze, il sig. Ferdinando Piccioli, nostro collega e consigliere della Società 
Entomologica, raccolse parecchie specie di Emitteri, che gentilmente ToUe 
affidarmi. Delle poche specie di Omotteri trovate negli stessi Inoghl mi ri- 
serbo dare i nomi quando studierò V amplissimo materiale raccolto dal no- 
minato nostro collega nel territorio di Fbrenze; materiale che ora trovasi nel 
Gabinetto d' anatomia e zoologia degli Invertebrati : delle specio di Eterotlori 
segue qui sotto l'elenco. 

(Con r abbreviazione M. M. ho indicato Monte Morello, con quella P. B. 
il Poggio dei Balzi). 

1. Eurygaster hottentotus Fabr. — M. M. 16 genn. 1 ind. 

2. Sdocoris macrocephalus Fieb. — P. B. 17 magg. 2 ind. 

3. Eysarcoris incospicuum H. S. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

4. Palomena dissimilis Fabr. — M. M. 16 genn. 1 ind. 

5. Carpocoris verbasci De Geer. — P. B. 17 magg. 2 ind. 

6. Piezodorus incarnatus var. alliaceus Germ. — P. B. 17 magtj;, 3 iùd* 

7. Strachia oleracea Linn. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

8. Goreus hirticornis Fabr. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

9. Stenocephalus negledus H. S. — P. B. 17 magg. 7 ind. 

10. Corims àbutilon Rossi. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

11. Lygaeus saxatilis Scop. — P. B. 17 magg. 3 ind. 

12. Bhyparochromus pini Linn. — M. M. 16 genn. 9 ind. 

13. » chiragra. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

14. Plinthisus brevipennis Latr. — M. M. 17 magg. 7 ind. 

15. PerUrechus luniger Schill. — M. M. 17 magg. 1 ind. 

Ann, X. n 



Digitized by 



Googlq' 



— 262 — 

16. ScùÌQpùstdhus affinis Schill. — M. M. 17 magg. 1 ind. 

17. Beosus luscua Pabr. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

18. Gonianotìms marginepundatus Wlf. — M. M. 16 genti. 1 ind. 

19. Monantìda alhida H. S. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

20. Miris laevigatus Linn. — P. B. 17 magg. 2 ind. 

21. MegalQceraea erratica Linn. — M. M. 16 genn. 1 ind. 

23, Lopus Uneolatus Bruì. — P. B. 17 magg. 3 ind. e M. M. 17 magg. 5 ind. 

23. Caìocoris bìpundatus Pabr. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

24. N€^is suòaj^tera De Geer. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

25. > ferus Uà. — P. B. 17 magg. 1 ind. 

26. Pirales hibrìdtts Scop. — P. B. 16 genn. 1 ind. 

27. Velia rimlorum Fabr. — P. B. 17 magg. 3 ind. 



HL 

EMITTEEI ETEBOTTERI deUa Liguria. 

In più TOltej datante questi ultimi anni, il sig. Gentile, chimico a Porto 
Maurizio, donava al nostro presidente prof. A. Targioni Tozzetti, pel Gabinetto 
di zoologia ed anatomia degli invertebrati, degli Emittori raccolti in Liguria, 
^el xn volume degli Annali del Museo Civico di Storia naturale di Genova, 
il sig. dottor P, M. Ferrari ha ripubblicato (1), con correzioni, note ed 
aggiunte, il suo Catalogo degli Emitteri eterotteri liguri, dal quale rilevo 
che tre delle 51 spocie raccolte dal sig. Gentile e qui sotto nominate, e pre- 
dBamente Anet^rosoma albolineata Fabr. Perihalus distindus Mey Dur. e 
GrapkoBoma smniìmndata Fabr. non erano ancora state ritrovate in Liguria 
fì vanno perciò aggiunte al Catalogo del sig. dott. Ferrari. Così le specie di 
Ettìrotteri attualmonte note come viventi in Liguria sono 389, se si vuole 
separato il Fmhalus distindus Mey. Dùr. dal Periòalus vernalis Wlf. 

Fam- M^enia§o»nidi. 

1. Ancijrasoma albolineata Fabr. — Porto Maurizio. 

2. Graphosonui lineata Linn. — Porto Maurizio, Spezia, Monte Grande, 

Alpi di Ormea. 

3. ^ semipundata Fabr. — Porto Maurizio, Alpi di Ormea. 

4. MacroBCì/ius hrunneus Fabr. — Oneglia, Alpi di Ormea. 
h. Balìena pusilla H. S. — Alpi di Ormea. 

6. Palomena dlssimilis Fabr. — - Porto Maurizio. 



I 



fi] Hemipt era Liguttica adjecta et emendata, — Annali del Museo Civico di Storia 
Nata? ale di GenoTB pubblicati per cura di G. Doria e R. Gestro. Voi. XII, pag. 00-96. 
Genova 1^. 






Digitized by VjOOQIC 



— 263 - 

7. Holcostethus sphacelatus Fabr. — Porto Maurizio, Monte Gioie, Monte 

Grande, Alpi di Ormea. 

8. Peribalus distindus Mey. Diir. — Monte Grande. 

9. Carpocoris nigricomis Fabr. — Porto Maurizio, Monte Grande, Sp<5zìa, 

10. » verbasd De Geer. — Monte Grande, Porto Maurizio, Alpi 

di Ormea. 

11. Nezara pr asina Linn. — Porto Maurizio, Alpi di Ormea. 

12. Piezodorus incarnatus Germ. — Porto Maurizio. 
18. Baphigaster griseus Fabr. — Alpi di Ormea. 

14. Strachia ornata Linn. — Porto Maurizio, Monte Grande, Alpi di Ormoa. 

15. Strachia pietà H. S. — Porto Maurizio, Alpi di Ormea. 

16. » oleracea Linn. — Spezia. 

17. Cyphostethus tristriatus Fabr. — Monte Grande. 

Fam. CareMi. 

18. Centrocarenus spiniger Fabr. -- Porto Maurizio, Oneglia, Alpi di Ormea. 

19. Enoplops scapha Fabr. — Monte Grande, Porto Maurizio, Alpi di Ormoa, 

20. StroUlotoma tiphaecornis Fabr. — Porto Maurizio. 

21. Coreus hirticornis Fabr. — Monte Grande. 

22. Syromastes marginaius Linn. — Monte Gioje. 

Fam. SienoeefaMiM. 

23. Stenocephalus agilis Scop. — Porto Maurizio, Alpi di Ormea. 

24. » negledus H. S. — Porto Maurizio. 

Fam. Cowizidi. 

25. Therapha hyosciami Linn. — Spezia, Porto Maurizio. 

26. Corims capUatus Fabr. — Valle del Roja. 

27. Idorhyssus hyalinus Fabr. — Alpi di Ormea. 

Fam. MéigeiM, 

28. Lygaeus militaris Fabr. — Porto Maurizio. 

29. » equestris Linn. — Monte Gioje, Porto Maurizio. 

30. » saxatiìis Scop. — Monte Grande, Porto Maurizio, Alpi di Ormoa* 

31. Pachymerus rolandri Linn. — Oneglia, Alpi di Ormea. 

32. Beosus luscus Fabr. — Alpi di Ormea. 

33. Lasiocoris anomalus Kali — Porto Maurizio. 

34. Pyrrhocoris apterus Linn. — Spezia, Porto Maurizio. 

35. » aegyptius Linn. — Porto Maurizio. 

Fam. Cap9ÌM. 

36. Lqpus gothicus Linn. — Porto Maurizio. 

37. Calocoris chenopodii Fall. — Liguria. 

38. » marginéllm Fabr. — Monte Gioje. 

39. lÀocork tripustulatus Fabr. — Alpi di Ormea. 

40. Capsus laniarius Linn. — Porto Maurizio, Alpi di Ormea. 



Digitized by LjOOQIC 



— 264 — 

41. Halticus ertfthrocephalus H. S. — Alpi di Ormea. 

Fam. JXeduridi. 

42. Nàbis ericetorum Schltz. — Liguria. 

43» » lativentris Boh. — Porto Maurizio. 

44. Harpactor erythropus L. — Porto Maur., Monte Grande, Alpi di Ormea. 

45. JPirates hybridus Scop. — Spezia. 

46. Bedmius personatus Linn. -r- Alpi di Ormea. 

Fam. Mdw^o»neitriM. 

47. Hygrotrechus najus De Geer. — Spezia. 

48. Limnotrechus gihbifer Schm. — Alpi di Ormea. 

49. Velia currens Fabr. — Alpi di Ormea. 

Fam. JWepiM. 
50* N^a cinerea Linn. — Porto Maurizio. 
Fam. I¥oioneciidh 

51. Notonecta glauca Linn. — Spezia. 



IV. 



EMITTERI ETEROTTERI di Taormina. 

Tra la raccolta di Artropodi fatta a Taormina del sig. capitano barone 
Federico von Zwierlein, e da lui donata al Gabinetto degli Invertebrati del 
Museo di Firenze, ho rinvenuto le seguenti poche specie di Emittori eterotteri. 

1. Graphosoma lineata Linn. 4. Pyrrhocoris aegyptius Linn. 

2. » semipundata Fabr. 5. Harpactor erythropus Linn. 

3. Lygaeus milUaris Fabr. 6. Velia rivulorum Fabr. 



■^ 



EMITTERI ETEROTTERI del Monferrato. 

Tra le ricche raccolte zoologiche fatte nelle vicinanze di Casal Monferrato 

dal sig. prof. Mens, e da lui gentilmente donate al nostro Museo, ho trovato 

qnalche centinaio di Emittori eterotteri, rappresentanti le sessantuna specie 

sDg;iienti. 

T^ wm M ^ ^^^ 3- Eurygaster maurus Linn. 

Pam. PentaUmtiM. 4 Oraphosoma lineata Linn. 

1. Coptosoma globus Fabr. 5. Cydnus nigrita Fabr. 

2. Eurygaster hottentotus Fabr. 6. Tritomegas sexmaculatus Ramb. 



Digitized by VjOOQIC 



— 265 — 



7. Aelia acuminata Lìud. 

8. Eysarcoris incospicuum H. S. 

9. Falomena dissimilis Fabr. 

10. Carpocoris nigricornis Fabr. 

11. » verbosa De Géer. 

12. Piezodorus incarnatus Germar. 

13. Baphigaster griseus Fabr. 

14. Strackia ornata Linn. 

15. Strackia oleracea Linn. 

16. Zicrona coerulea Linn. 

Fam. CareiM. 

17. Coreus hirticornis Fabr. 

18. Syromastes marginatus Linn. 

Fam. AMidiM, 

19. il^i^MS caZcara^2/5 Linn. 

Fam. StenoeefaUM. 

20. Stenocephalus neglectus H. S. 

Fam. CoriziM. 

21. Terapia hyosciami Linn. 

22. Bhopalus abutilon Eossi. 

23. Gorieus capitatus Fabr. 

24. » ^arwmpwMc^o^ws Schill. 

Fam. JLigeidi. 

25. Lygaeus saxatilis Scop. 

26. Lygaesoma reticulata H. S. 

27. Bhyparochromus chiragra Fabr. 

28. Pachymerus pedestris Panz. 

29. Beosus pulcher H. S. 
30 » Zwsc«<s Fabr. 

31. Pyrrhocoris apterus Linit 

Fam. TingiM. 

32. itfo;2a>2^^ia aZòit^a H. S. 

33. Tiw^is p^ri GeoflF.* 

Fam. CapsiM. 

34. Megaloceraea rufècornis Fall. 



35. Megaloceraea erratica Linn. 

36. Brachytrqpis calcarata Fall. 

37. Xopt^s sulcatus Pict. Mey. 

38. Calocoris chenopodi Fall. 

39. Calocoris bipunctatus Fabr. 

40. » seticornis Fabr. 

41. i^^s campestris Fab. 

42. Poeciloscytus cognatus Fieb. 

43. Liocoris tripustulatus Fabr. 

44. Capsus laniarius Linn. 

45. Stiphrosoma luridum Fall. 

46. HaUicus apterus Linn. 

Fam. iinfoeorMI. 

47. Lyctocoris campestris Fabr. 

Fam. SaMdiM. 

48. iS^aZdfa geminata Costa. 

Fam. HeduriM. 

49. JVa6i5 /(?rtts Linn. 

50. » subaptera De Geer. 

51. Coranus aegyptius Fabr. 

52. Harpador iracundus Poda. 

53. Pirates hybridus Scop. 

54. Reduvius personatus Linn. 

Fam. MdrowneiriM. 

55. lAmnobates stagnorum Linn. 

56. Hydrometra rufoscutellata Latr. 

57. » lacustris Linn. 

Fam. IVaucariM. 

58. Naucoris dmicoides Linn. 

Fam. IWepiM. 

59. ^epa cinerea Linn. 

60. Banatra linearis Linn. 

Fam. I¥oioneeiMi. 

61. Notonecta glauca Linn. 



IT 



Digitized by VjOOQIC 



— 266 



Lettera del dott- G. PAPASOGLI al prof. A. TARGIONI TOZZETTI, 
intorno all'uso della nitrobenzlna nella conservazione delle 
Golleàsioni entomologiche. 



Illustrissimo Signor Professore, 

Ho letto nel resoconto dell'Adunanza tenuta il 24 dello scorso 
mese dalla Società Entomologica Italiana, che Ella, in seguito a 
quanto le avevo riferito molti mesi prima, si è servito della ni- 
trobenzina per preservare dagli insetti dannosi {Antrenus ec.) le 
cassette delle Collezioni entomologiche. I buoni resultati non po- 
tevano e non potranno mancare, giacché ripetute esperienze mi 
hanno costantemente dimostrato che i vapori della nitrobenzina 
hanno energica azione deleteria sopra gli insetti e sulle loro uova. 

Un corpo imbevuto di codesto liquido, com'ella ha verifi- 
catOj conserva per lungo tempo l'odore caratteristico di man- 
dorle amare: varie cassette sul cui fondo fu gettata qualche goc- 
cia di essenza, conservano quell'odore già da più mesi, sebbene 
siano spesso aperte. Credo poi che la nitrobenzina potrebbe anco 
giovare a preservare le preparazioni tassidermiche ; basterebbe 
per ciò mescolarne una piccola quantità con la pasta arsenicale. 

Le interessanti proprietà della nitrobenzina mi spinsero, fino 
dall'aprile 1877, a verificare se essa potesse essere applicata alla 
distruzione lìella Fillossera; spero di poter fra non molto pub- 
blicare i resultati delle mie esperienze. 

Salutandola distintamente mi dico 
Firenze, 2 Dicembre 1878. 

Suo Devotissimo 
Giorgio Papasogli. 



Digitized by VjOOQIC 



— 267 



RASSEGNA ENTOMOLOGICA 



Thorell T. - Studi sui ragni malesi e papuani. II. Ragni di Amboina racoaìtì 
dal Prof. 0. Bsccari. - Annali del Museo civico di Storia naturate di 
Genova, pubblicati per cura di G. Doria e R. Gestro. - Voi. XIII p, 5-31T. 

Pei lavori di Doleschall e per gli studi precedenti di Thorell si conoscevano 
come viventi in Amboina 91 specie di Aracnidi; questo numero è ora, in se- 
guito ad un grosso volume pubblicato dal Thorell medesimo sopra materiali 
raccolti dal Beccari, portato a 134, cioè quasi al doppio. Queste 134 specie sem- 
brano divise nel modo seguente: Orbitelariae 58, Retitelariae 17, Tubi Ida- 
riae 9, Territelariae 1, Laterigradae 12, Citigradae 9, Saltigradae 28. 

Alla preponderanza in numero degli Orbitelariae e Saltigradae assegna il 
Thorell per causa il fatto che codesti gruppi sono, in generale, nelle regioni 
tropicali, molto più riccamente rappresentati degli altri ; però aggiunga nnchtì 
che tale preponderanza deve, in parte almeno senza dubbio dipendere tlalla 
maggior facilità con la quale cadono sott*occhìo le specie di quelle due nezìoni; 
ovvia spiegazione che noi pure demmo al fatto della preponderanza delle Or- 
bitelariae sulle specie delle altre sezioni nel render conto (Bull, della Soc- Ent, 
It. anno X, pag. 78) di un precedente studio dello stesso Thorell sui ragni di 
Selebes. 

Thorell crede che le varie isole dell'Arcipelago Malese e della Papnaaia 
sieno abitate da specie in gran parte differenti < ma probabilmente sposso 
molto affini fra di loro e non sempre distinguibili con facilità. » NonoBtnnte 
alcune cifre dedotte da certi confronti istituiti tra la fauna aracnologica 
d' Amboina e quella delle limitrofe regioni, considerando che parecchie specie 
date dagli osservatori precedenti come comuni ad Amboina ed a Giava non 
sono state correttamente determinate, TA. ritiene come molto probabile che 
la fauna aracnologica di Amboina appartenga piuttosto al tipo Australiano 
(Papuano od Austro-Malese), che all' Asiatico (Indo-Malese). 

Fauvel a. - Les Staphylinides de T Australie et de la Polynósie: 2«mémo[re. — 
Annali del Museo civico di Storia naturale di Genova, pubblicati per cura 
di G. Doria e R. Gestro. Voi. XIII, pag. 465-598. 

Ad una prima memoria, della quale abbiamo parlato nel nostro Bullettino 
(Anno X. pag. 77), il sig. Fauvel ha fatto seguire questa seconda, che riguarda 



Digitized by 



GooqIc 




— 268 — 

materiali provenienti soltanto dalP Australia e dalla Nuova Caledonia, molti 
dei quali affatto inediti. 

Il numero totale degli Stafilinidi Australiani e Polinesiani oggi conosciuto 
è di 351, ripartiti in 76 generi. Di questi generi 7 vengono istituiti nella me- 
moria della quale parliamo, e sono: Sharpia^ Dicax, Byperomma, Suniopsis^ 
5>^ Antimerus, Quediopsis e Correa^ tutti propri della Nuova Olanda. 

|j!r| . Alle 9 specie probabilmente cosmopolite nominate nella prima memoria, il 

r Fauvel altre 9 ne aggiunge, ed annovera anche come viventi nelle regioni og- 

^'l getto del suo studio parecchie altre specie rinvenute altrove, e tra di esse il 

fr/> ' Philontus hepaticus, coleottero americano che rappresenta l'unico legame spe- 

^- cifico, ora noto, quanto ai Coleotteri, come esistente tra il Nuovo Mondo e 

li l'Australia. 

^^^ Le tribù dominanti restano sempre quelle indicate nella prima memoria, 

;^i ' cioè gli Staphylinini ed i Pederini^ che insieme rappresentano 191 specie ; 

f^' . anche gli Aleocharini si mostrano più numerosi; ed una tribù, quella dei Phloe- 

^.y ocariniy che assieme ai Micropeplidae ed ai Protinini era indicata come as- 

^ j ' sente dalla Australia e dalla Polinesia, vedesi oggi rappresentata appunto in 

fff Australia da una specie di Phloeocaris. 

^ I generi dominanti sono: Quedius (solo in Australia), Oxitelus, Xantholi- 

f ntis, Stenus^ Cafius^ Lathrobium ed Bomalota, 

é- ' Quanto alle forme anomale, scrive l'Autore che ai Sartallus e Megalops già 

f[ conosciuti si aggiungono in prima linea i curiosi gèneri Hyperomma e Sur 

niopsis, i quali per i loro occhi situati al disopra della testa costituiscono una 
aberrazione straordinaria assai e di cui l'analoga nella famiglia si trova sol- 
tanto nella Noumea serpens della Nuova Caledonìa, che insieme ai nuovi ge- 
neri ci rappresenta le forme finora più caratteristiche della fauna Austro-po- 
linesiana. I Megalops^ i Palaminus ed i Polilobus rammentano sempre più la 
* fauna del Sud-America ; gli Ancylophorus, Actobius^ Amphicroum^ Binopsis^ 

■/"h Domene^ Myllaena, Oedichirus^ Phloeocaris^ Procirrus^ Scimbalium e Tany- 

■^ gnatus rappresentano sopratutto tipi europei o nord americani ; i ChycorinuSy 

^^ Leucocraspedum e Tachinoderus, quelli delle Indie e delle isole della Sonda. 

^^ Non ancora si sono trovate in Australia ed in Polinesia specie cieche o 

> sottomarine. 

;i / . Gestro R. - Diagnosi di alcune specie nuove di Coleotteri dell' Abissinia e 

tj : / del paese dei Somali. - Annali del Museo civico di Storia naturale di Ge- 

^ - nova, pubblicati ec. Voi. XIII, pag. 318-322. 

!^ " Il Gestro, riservandosi di pubblicare un Catalogo generale dei Coleotteri 

f-", raccolti in Africa dal marchese Orazio Antinori, ci dà la diagnosi di 10 nuove 

ii^'V specie alle quali egli ha impartito i nomi seguenti: 

l'r Calosoma Antinorii, Heliocopris Menelihii, Drilus pulchellus, RhytidO' 

^^; 

I 






m 



Digitized by VjOOQIC 



— 269 — 

nota Cecchii, Rhytidonota Martinii, Sepidium crassicaudatum, Euiochia 
amaroidest Micrantereus rugulosus^ Praeugena abyssinica, Cantharis albO' 
vittata. 

Secondo una rettificazione sinonimica dello stesso Autore (ibid p. 464), 
VEeliocopris Menelikii è identico all' H. Bilioni di Guérin, specie assai rara. 

RiLEY, Packard e Thomas. - First annual Report of the United States Ento- 
mologica! Commvssion for the year 1877 relating to the Rocky Mountain 
Locust and the best methods of preventing its injuries and of guarding 
against its inyasions in pursuance of an appropriation made by Congress 
for this purpose. with Maps and lUustrations. Washington: Government 
Printing Office, 1878. 

Sono noti gli enormi danni cagionati in questi ultimi anni dalle Locuste n 

alPagricoltura di parecchie regioni della grande Repubblica nord-americana. 
Governo e privati nulla lasciarono e lasciano d* intentato per allontanare quel 
male che costituisce un ostacolo serissimo allo sviluppo agricolo di parecchi 
Stati dell* Unione. L* energia adoperata è veramente impossibile ad immaginarsi 
quando non si legga il Rapporto di recente pubblicato dai componenti la Com- 
missione Entomologica nominata dal governo: signori Riley, Packard e Tho- 
mas. È un volume di 800 pagine, accompagnato da carte geografiche, da in- 
cisioni in legno e tavole litografiche; tanto dal lato della scienza pura, quanto 
da quello delle applicazioni può esser preso a modello. La storia, la classifi- 
cazione, la distribuzione geografica, le emigrazioni, le abitudini, Tanatomìa, j 
l'embriologia, le metamorfosi ed i nemici delle Locuste dannose ai territori del- i 
rUnione ; 1 rimedii finora conosciuti adoperati contro dì esse, la statistica dei 
danni recati, le disposizioni legislative invocate o già emanate, ed una quan- 
tità di altre simili utili indicazioni ò condensata nel Rapporto. j 

È il Caloptenus spretus la locusta che reca maggiori danni ; altri due j 

Caloptenus, il femur rubrum e Vatlanis^ vengono in seconda linea; i danni 
recati da altre specie sono poco sensibili. I nemici, tanto quelli che distrug- ^< 

gono le uova quanto quelli che predano le locuste giovani od adulte o vivono x ^ì 

sovr'esse parassiti, sono parecchi. ;' 

Tra gli Invertebrati che divorano le uova annoveriamo ì&Anthomyia an- -j 

gustifrons^ la radicum e la Sarcophaga carnaria (Ditteri) ; YAgonoderes dor- Ì 

salis, V Amara obesa, le larve di alcuni Harpalus, le Epicauta^ Sitaris, Meloe^ >rj 

Bornia, Telephorus bilineatus (Ck)leotteri), ed un calcidide, la Caloptenobia J 

ovivora di Riley. Tra gli animali che vivono parassiti sulle locuste ha molta "Ì 

importanza un acaro, il Trombidiunlocustarum. Divorano le locuste alcuni Co- '^^ 

leotteri dei generi CcUosoma, Pasimachus, Harpalus, Cicindela, Amblychila; A^ 

pochi Ditteri ed Imenotteri, tra i quali Proctocanthus Milberti, Larrada se- ^\^ 



L_ 



Digitized by VjOOQIC 




270 — 



^>^~ 



mirufa, Sphex ichneumonea^ Chlorion coeruleum, Sarcophaga carnaria. I 
Gordius^ tra i Vermi, non sono ultimi nemici dei Caloptenm, I Commissarii 
dichiarano che l'azione degli Uccelli insettivori è stata giudicata finora mi- 
nore del vero. L'opinione pubblica nei luoghi devastati si è già chiaramente 
manifestata, e gli agricoltori, durante le invasioni, proteggevano severamente 
gli Uccelli. Nel Nebraska, il professore Samuele Aughey ha raccolto dei dati 
numerosi e preziosissimi esaminando lo stomaco di móLii Uccelli. Per esempio, 
nel Turdus migratorius ha trovato sempre da 17 a 54 locuste, in Lohpophanes 
da 60 a 67. Nello stomaco di Icteridi fino a 58, e fino a 70 in Circus ed altri 
Palconidi; circa 80 in una Grus e 70 in un anatra del Canada {Branta), 

Il capitolo dei rimedii è ricchissimo. I Commissarii vogliono anzitutto che 
l'uomo venga in aiuto dei naturali agenti benefici e protegga con leggi seve- 
rissime i piccoli uccelli promettendo anche ricompense per l'uccisione dei Rapaci. 

La distruzione delle uova si effettua coU'erpice, coir aratro, con la vanga, 
coir irrigazione, la percussione, o raccogliendole con speciali strumenti. 

La distruzione dei giovani e degli adulti può essere fatta con strumenti 
più meno complicati. I Commissarii ne descrivono e figurano molti, che mo- 
strano tutti quanto l'ingegno meccanico dei Jankee sia ricco d'espedienti. Tra 
gli altri, il signor King, ha posto in uso una macchina nei cui serbatoi, attra- 
versando larghi tubi le Locuste sono costrette ad entrare, per il vuoto che in 
essa si forma. 

Riley enumera i paesi nei quali le locuste hanno servito un tempo e ser- 
vono tuttora come cibo. Per l'Asia, l'Aft'ica e l'America i fotti adotti sono nu- 
merosi assai. 

Il liquido ottenuto allo strettoio da individui del Caloptenus spretus con- 
teneva tracce di rame, e tra le altre materie fu trovato dell' acido formico 
ed un olio rosso bruno di odore assai penetrante. 






Sartori e De-Rauschbnfels. - L'Apicultura in Italia. Manuale teorico-pra- 
tico-industriale per la coltivazione razionale dell'Ape, riveduto dal conte 
cav. Gaetano Barbò, presidente dell'Associazione centrale d'incoraggia- 
mento per r Apicultura in Italia. Un voi. in 8» grande di 530 pag. con 114 
figure intercalate nel testo. Milano 1878 (1). 






Due ben noti nostri apicultori, il Sartori ed il Rauschenfels, hanno di re- 
cente pubblicato un Manuale di apicultura che caldamente raccomandiamo. 
Pur troppo, in Italia, se ne eccettui forse la regione settentrionale, l'Apicul- 
tura è ben poco sviluppata e ben lontana dall' essere, come in altri paesi, una 
sorgente dilettevole e sicura di larghi benefizi: l'Ape, sebbene tra noi non 



(1) PreBio il prof. L. Sartori, Milano. Prezzo L. 5. 



Digitized by VjOOQIC 



— 271 — 

manchino operosi e sapienti apostoli dell'apicultura, non è come in Francia, 
in Svizzera ed in Germania, V amica costante del colono ed un elemento di molta 
importanza nella economìa domestica ed in quella generale. Di rado girando 
per le nostre belle campagne vien fatto di vedere qualche rozza arnia addos- 
sata ad una casa colonica ; raramente in qualche ben condotta azienda rurale 
è dato di vedere poche arnie costrutte secondo i dettami della scienza, qui 
come sempre inseparabile compagna della vera arte, quando invece attorno a 
tutte le capanne, alle case, alle ville dei ricchi, dovrebbe udirsi il dcdce ronzio 
degli alveari, sicuro indizio dell'operosità, della intelligenza e del ben essere 
dei proprietarii e dei coloni. 

E intanto, benché il consumo del miele sia nelle nostre case quasi insigni- 
ficante, r Italia paga allo straniero non pochi milioni annui in cambio del miele 
stesso e degli altri prodotti dell'Ape, i quali noi potremmo ottenere con poca 
spesa e con pochissima fatica. 

Il Manuale è assai voluminoso ed è diviso in tre parti nelle quali sono 
diffusamente trattati i vari argomenti relativi alla teorica ed alla pratica del- 
l' apicultura, ed al modo di raccogliere, conservare, mettere in commercio ed 
usare i vari! prodotti dell' utilissimo insetto. Moltissime figure incise in legno 
trovansi sparse nelle pagine del Manuale e sono ottimo sussidio alle spiega- 
zioni, le quali sempre scritte in modo assai chiaro ed efficace, mostrano poi 
sempre quale affetto gli autori nutrano per l'Apicultura e quanto desiderino 
ella si estenda nel nostro paese. 



Perez e Girard. - Prodotti di incrociamenti nelle api. — Comptes rendus etc. 
1878 e Bull, des Sóances de la Soc. Ent. de France. 1878. 

Le osservazioni del signor Perez modificano in parte le idee che si hanno 
sulla deposizione delle uova dell'ape regina. Negli incrociamenti operati tra 
maschi e regine di razza diversa, francese, tedesca o italiana, tutti erano d'ac- 
cordo nel ritenere che i maschi nascituri avrebbero avuto i caratteri delia 
madre. In una cassetta del suo apiario il signor Perez ha osservato certe dif- 
ferenze, perle quali, studiata la questione più davvicino, s'è dovuto convincere 
non essere vera la teoria sopracitata oggi ammessa. Sopra trecento maschi 
prodotti dallo incrociamento di una regina italiana con un maschio ft*ancese, 
161 erano italiani puri, 66 meticci a gradi diversi, ed 83 francesi. Da ciò ne 
consegue che le uova dei fuchi, ricevono, al pari di quelle delle femmine, lo 
sperma al loro passaggio nell'ovidutto, e che la teoria di Dzierzon, ammessa 
per spiegare un fatto inesattamente osservato, non ha più ragion d' essere. 

Girard però, assai competente in fatto di api, non crede che quella 
data dal Perez sia la sola spiegazione del fenomeno osservato. É noto che una 
madre italiana gialla, (Apis ligustica Spin.) fecondata come suol succedere in 



Digitized by VjOOQIC 





— 272 — 

Francia, da fuchi deìVApis mellifica, produce delle operaie gialle, delle nere, 
ed anco delle meticcie che possiedono caratteri e del padre e della madre. Tutte 
e tre queste sorta di operaie vivono confuse nell'alveare. Sì conosce d'altro 
lato, in specie per i lavori di Siebold sulle Polistes e su altri Imenotteri sociali, 
che sonvi operaie feconde partenogeneticamente le quali depongono solo uova 
di maschi. Il fatto dei fuchi meticci osservato da Perez potrebbe appunto essere 
dovuto a fuchi nati da api operaie, ed il sistema di Dzierzon rimarrebbe intatto. 
Le operaie feconde lo sono esse veramente senza accoppiamento f E questo un 
problema ancora da risolversi, e pel quale occorre istituire lunghe, difficili e 
minuziose esperienze. 



Famzago F. - Sui caratteri specifici dei Miriapodi. Lettera al dott. Giacinto 
Fedrizzi — Annuario dei Naturalisti di Modena. Serie II, dispensa III. 

L* A. insiste nuovamente sulla ninna importanza specifica che ha il numero 
dei segmenti, il quale varia neir ambito della stessa specie non solo, ma anco in 
quello di ciascun sesso della specie medesima. La separazione dei Cordeumidi 
dai Polidesmidi non sembra al Fanzago istituita sopra fondamento assai solido. 
L'unico carattere serio su cui si può basare una divisione in famiglie è quello 
dello sbocco dei genitali, che avviene nei Julidi tra il secondo ed il terzo seg- 
mento, e nei Polidesmidi, compresi naturalmente i Cordeumidi, nel segmento 
ottavo. Julidi e Polidesmidi, assieme a Polyxenidi e Glomeridi, sarebbero le 
famiglie nelle quali è possibile dividere i Chilognati. 

Né il Fanzago accorda gran valore al numero dei denti e degli ocelli nei 
Litobi ; ma di questo argomento si riserba occuparsi in seguito. Certo si è però 
che nelle mute si vedono cambiare caratteri creduti specifici. Tra i Chilo- 
gnati il Fanzago ha osservato tali variazioni neir Julus flavipes di Koch cam- 
biatosi nel nigripes dello stesso autore, ed in un Polydesmus, forse il pensyl- 
vanicus, che mutò aspetto, col cambiare, tra le altre, la disposizione dei tu- 
bercoli dorsali. 

C. 



Digitized by VjOOQIC 



— 273 



INDICE ALFABETICO (i> 



MATERIE CONTENUTE NEL DECIMO VOLUME 



BULLEniNO DELLA SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 



Abraxas adustata, S, V. pag. 192. 

— grossulariata, Lin. 191. 

— marginata, Lin. 192. 

— pantana, Lin. 191. 

— sylvata, Se. 192. 
Acari, V. 

Acariditi, Rndn. 178. 
Acarus Planchonii, Rndn. 98. 
Acherontia atropos, L. 9. 
Acidalia a^unctaria, B. 123. 

— asellaria, B. S. 118. 

— atromarginata, Mab. 120. 

— attenuaria, Rhr. 120. 

— aversaria, Hbn. 9. 

— aversata, L, Eh. 122. 

— ? Bischoffaria, E. G, 119. 

— bisetata, Efn. 121. 

— bmmaria, Esp. 10. 

— ? calunctaria, Stgr. 120. 

— campana, H. S. 118. 

— caricarla, Retti. 124. 

— carnearia, Mn. 120. 

— cassandrata, Mill. 122. 

— ? cervantaria, Mill, 118. 

— circuitaria, Hb. 120. 

— congruata, Z. 125. 

— contiguaria, ffb. 118. 

— decorata, 5f. V. 125. 

— degenerarla, Hb. 122. 

— determinata, Stgr, 118. 

— dilutaria, Hb. 121. 



Acidalia dimidiata, Hfn. pag. 118. 

— elongaria, Rbr. 120. 

— emarginata, L. 122. 

— emutaria, Èfb. 124. 

— extarsaria, H. S. 113. 

— fincata, Hb. 121. 

— flaveolaria, J76. 117. 

— fractilineata, Z. Ufi. 

— fumata, Steph. 124. 

— graciliata, Mn. 119. 

— ? helianthemata, Mìit. Ì20. 

— herbariata, F. 120, 156, 

— holosericata, Dup. 122. 

— liumiliata, jHj^n. 12h 

— imitaria, iSTò. 124. 

— immorata, L, 122. 

— immutata, L, 124. 

— incanata, L. 123. 

— incarnaria, jET. S. 120. 

— infirmaria, R6r. 120. 

— inornata, Hw. 122. 

— laevigaria, Hb, 1Ì9, 

— litìgiosaria, B. 117. 

— longaria, H. S. 119. 

— luridata, Z, 123. 

— marginepunctata, CòV^j. 123. 

— mediaria, Jfft. 117. 

— moniliata, S, V. 118. 

— muricata, Hfn, 118. 

— mutilata, Stgr. 118. 

— obsoletaria, Rbr. 120. 



(1) Compilato dal socio Ferdinando Piccioli. 
Ann. X, 



IB 




Digitized by VjOOQIC 




274 



mi 









gm." '.' 


m^' 


^V-- 






a^f:;'' ■ 


^^ 




gwf.fi '■'-' 




kI/ 


ll^(\ 


K^ì: 


^-^ . 



Acidalia ochrata, Se. pag. 117. 

— ornata, Se, 125. 

— ostrinaria, jETd. 120. 

— paludata, S. V. 119. 

— politata, m. 121. 

— praeustaria, Mn. 122. 

— prochrearia, F, R. 117. 

— punctata, Tr, 124. 

— pygmaearia, ffb, 117. 

— remutaria, ^. 124. 

— rubiginata, Hfn. 123. 

— rufaria, Hb, 117. 

— rusticata, S, V. 121. 

— sericeata, Hb. 117. 

— sodaliaria, H, S, 119. 

— straminata, Tr, 119. 

— strigarla, J^ft. 124. 

— strigilaria, Hb. 124. 

— submutata, Tr, 123. 

— subsericata, Hw, 119. 

— tessellaria, B. 123. 

— trigeminata, -H/n. 121. 

— trilineata. Se, 117. 

— tubidaria, B, S. 123. 

— ? umbellaria, Hb, 124. 

— vesubiata, Mill. 121. 

— virgularia, Hb, 119. 

— vittaria, Hb, 117. 
Acilius, Leaeh. 181. 
Acrobasis, Ze?Z. 9. 
Acronycta leporina, L. 9. 

— ligustri, r. S. 7. 
Actobius. 288. 

Adelodemus, (Heleidium), Haag. 155. 

Adimonia, Laieh, 187. 

Adonìs vernalis, X. 135. 

Aegosoma, Servii. 186. 

Aelia acuminata, Lin. 265. 

Agabus, Leaeh^ 181. 

Agallia Fieberi, Fiumara. 41. 

— puncticeps, Germ, 40. 

— venosa, Germ. 39. 
Agathis malvacearum, iafr. 19. 
Agelastica, Redt, 187. 

— alni, Fab, 91. 
Agelene labirinthica. 157. 
Aggiunte al saggio di un catalago 

dei Lepidotteri italiani, Curò,b. 
Agonoderes dorsalis. 269. 
Agrilus, Solier. 184. 



Agrimonia eupatorium, L, pag. 135. 
Agrion mercurialis, Charp. vi. 
Agriopis aprilina, L. 10. 
Agromyza alternans. Fall, 161. 

— lateralis, Gour, 161. 

— Macquarti, Desv. 161. 
~ nana, Mgn, 162. 

— pusilla, Mgn. 162. 
Agrotis aquilina, Hbn, 10. 

— brunnea, F. 10. 

— forcipula, S' V. 8. 

— ? sibirica, B. 8. 

— speciosa, JSTò. 8. 

— triangulum, Oehs, 10. 

— valligera, Fab, 10. 
Akis punctata. iii. 

— punctata mostruosa, vi. 
Aleocharini. 268. 

Alidus calcaratus, Lin. 265. 
AUanthus cingulatus, Fab, 104. 
Altiche in Europa, (Flora delle). Bar- 

gagli, 126. 
Alysia breviventris, Gour. 24. 

— limnicola, Nees. 176. 

— loripes, Halid. 168. 

— manducator, Lalr. 166. 

— nitidulator, Gour. 102. 

— ruflceps, Bè. 162, 170. 

— truncator, Nees, 97, 162. 
Amai US, V. Ceuthorhynchus, 91. 
Amara, BoneU 180. 

— obesa. 269. 
Amarantacee. 213. 
Amaurobius atrox. 157. 

— ferox. 157. 

Amblimerus dubius, Wlk, 171. 
Amblychila, 269. 

Amblyteles fasciatorius, Fab, 29. 

Ammophila arundinacea, Host, 14*2. 

Ampelidee. 207. 

Amphicroum. 268. 

Amphidasis betularia, Lin. 202. 

— pilosaria, Hbn. 10 
Amphipyra pyramidea, L. 11. 
Anacampsis temerella, Hbn. 11. 

— tremulella, Dup, var. populella? 

Lin. 11. 
Anacardìacee. 207. 
Anaitis plagiaria, Bsdv, 11. 
Anaspis maculata^ Latr. 91. 



Digitizedby VjOOQIC | 



— 275 — 



Anchomenus, Erichs. pag. 180. 
Ancylochyra, Eschsc, 184. 
Ancylophorus. 268. 
Ancyrosoma albolineata, Fab, 202,260. 
Andricus amenthorum, Hrtg, 104. 

— curvator, Ertg. 104. 

— grossulariae, Gir, 104. 

— petioli, ITrtg, 104. 

— ramuli, Lin. 104. 
Angerona prunaria, Lin. 197. 
Anysopteryx aceraria, Sch. S. V. 200. 

— aescularia, Sch, S. V. 200. 
Annali del Museo civico di Genova, 

Doria e Gestro. 74, 267. 
Anobium hirtum, III. 92. 

— morio, Villa. 92. 

— pertinax, Fab. 92. 
Anomala, Keeppe. 183. 
Anomalon aphidum, Rtz. 174. 

— canaliculatum, Grv. 33. 

— circumflexum, Rossi. 29. 

— cruentatum, Pnz. 171. 

— flaveolatum, Grv. 27. 

— giganteum, Grv. 12. 

— tenuicorne, Grv. 17, 33. 

— xanthopus, Grv. 33. 
Anthemis naaritima, L. 141. 
Anthocharis Bella, Cr. 248. 

— cardamines, L. 248. 

— Tagis, Hb. 248. 
Anthometra homocromata, Mab, 237. 
Anthomyia angustifrons. 269. 

— brassicae, Ww. 162. 

— caeparum, Gir. 162. 

— platura, Mgn. 162. 

— radicum, Lin. 162, 269. 
Anthaxia morio, Fab. 92. 
Antimerus, Fauvel. 268. 
Antispila Rivillella Rndn. 11. 
Anthonomus sorbi, G^rm. 92. 
Anthrenus, Geoffr. 182. 
Anthrax flava, Mgn. 10. 

— Palumbii, Rndn. 12. 
Apanteles reconditus, iV^se*. 10. 
Apate bicolor, Bertoloni. 156. 
Aphidius cirsii, Ealid. 172. 

— exoletus, Nees. 177. 

— obscurator, Be. 177. 

— obsoletus TF^mL 173, 176. 

— picipes; Gour. 174, 176. 



Aphidius rosarum, Nees. pag. 177, 

— rufus, 2^'ncL 169, 177. 

— varius, Nees. 172, 174. 

— vulgaris, Be. 172, 

— xanthostoma, Bè. 177. 
Aphilotrix corticis, Lin. 105. 

— ferruginea, Hrtg. 105. 

— globuli, Hrtg. 105. 

— radici s, 2?'a6. 105. 

— solitaria, Fnscl. 105. 
Aphis atriplicis, Lin. 171. 

— betae, Kch. 171. 

— betulae, Fab. 171. 

— brassicae, itn. 172. 

— carthami, Kch. 172. 

— chenopodii, Schr. 172. 

— chloris. Kit. 172. 

— consolidae, Pass. 172. 

— craccae, -Sc/ir. 172. 

— dianthi, Schr. 172. 

— eryngii. Kit. 172. 

— evonimi, Fab. 172. 
— - frangulae, Kch. 172. 

— heraclei, ffowr. 172. 

— humuli, Schr. 172. 

— lactucae, Fnscl. 172. 

— mali, Fab. 172. 

— persica©, Lin. 173. 

— pini pumilionis. Gir. 173. 

— primulae, i^n^cZ. 173. 

— rahmni. Kit. 173. 

— rosae, Lin. 173. 

— rumicis, Lin. 173. 
Aphodius, JZ^i^r. 183. 
Aphrophora. v. 

Aphthona cyparissiae, Hoff. 12tì. 

— euphorbiae, Schrank. 127. 

— herbigrada, Curt. 127. 

— hilaris, Steph. 127. 

— laevigata, Illig. 126. 

— lutescens, Gyll. 126. 

— nigriceps, i^edt. 126. 

— nonstriata, Goeze, 126. 

— Paivana, Woil. 127. 

— Poupillieri, Ali. 127. 

— violacea, Koch. 127. 
Apicoltura in Italia, Sartori e Uè 

Rauschenfels, 270. 
Apion, Herbst. 186. 

— aeneum, JPa&. 92. 



Digitized by VjOOQIC 




— 276 — 




Apion genistae, Krb, pag. 93. 

— laevigatum, Krh. 93. 

— loti, Krb. 93. 

— marchicum, Hrhst. 93. 

— salicis, GylL 93. 

— scutellaris, Krh. 93. 

— uliciSy Frst, 93. 

— virens, Hrhst, 93. 
Apocheima flabellaria, Heeg. 202. 
Aporia Crataegi, L, 227. 
Apteropeda globosa, Ulig. 134. 

— orbiculata, Marsh, 134. 
Araenidi raccolti dal « Violante » 

nel 1876; aggiunto un catalogo 
delle specie della Grecia, Pa- 
vesù 79. 
Arctia fnliginosa, Lin. 11. 

— lubricipeda, Fah. 12. 
Argopus Ahrensi, Germ. 137. 
Argus, Scop, 12. 

Argynnis Amathusia, Esp. 6. 
Argyrolepia, Steph, 12. 
Argyroneta aquatica, 157. 
Arma spinosa, Say. 98. 
Aromia, Servii, 186. 

— moschata, Lin. 93. 
Arpactor solanophilus, Rndn, 98. 
Asopis (Misolampidium), Haag - Ru- 

temh, 155. 
Asphondylia genistae, Lio. 162, 

— verbasci, Vali. 162. 
Aspidiotus pini, Lin. 173. 

— salicis, Bè 173. 

— tiliae, Fah. 173. 
Aspidomorpha fenestrata, Bertolonif 

156. 
Aspilates gilvaria, S. V, 243. 

— ochrearia. Rossi. 243. 

— strigillaria, Hh. 243. 
Astrapaeus, Grav. 182. 
Ateuchus, TFe&«r. 183. 
Athrolopha chrysitaria, Hh. 238. 

— pennigeraria, Hh. 238. 
Atriplex patula L. 132, 139. 
Attagenus, Xatr. lS2. 

— pelilo, Lin. 94. 
Attelabus, Lin. 186. 

Atti della Società Entomologica 

italiana. i. 
Aulacus exaratus, Rtz. 112. 



Aulax bupleuri, Rndn. pag. 106. 
-- glecomae, Fah, 106. 

— hieracii, Bè. 106. 

— potentillae, Fah. 106. 

— rhaeadis, Kit. 106. 
Auranziacee. 207. 



B 



Balaninus, Germ. 186. 

— elephas, Gyll. 94. 

— ? pistaciperda, 94. 
Banchus nigripes, Grv. 10. 
Bapta bimaculata, F. 192. 

— temerata, S. V. 192. 
Barbarea vulgaris, R. 139. 
Baridius pìcinus, Grm. 94. 
Baris, Germ. 186. 
BaHsus festivus, J^'at. 101. 
Batophila aerata, Marsh. 133 

— rubi, Payh. 133 

Bel]^a fungicola, Rndn. 168. 

— rufopetiolata, Nees. 93. 
Bembex olivacea, JFVz&. 106. 
Bembidium, Latr. 180. 
Beosus luscus, Fah. 262, 265. 
Berosus, Leach. 181. 

Beta maritima, £. 127. 

— vulgaris, L. 132. 

— vulgaris, Moq. var. maritima, L. 

127. 
Bilancio consuntivo dell'anno 1877, 

Vimercati. xv. 
Bilancio preventivo per Tanno 1878, 

Vimercati. xvii. 
Biologia delle Altiche in Europa, Bar- 

gagli. vi. 
Biscutella ambigua, L. 141. 
Biston alpinus, Sulz. 201. 

— graecarius, Stgr. 201. 

— hirtarius, CI. 201. 

— hispidarius, S. V. 201. 

— pomonarius, Hh. 201. 

— stratarius, Hfn. 201. 
Blacus brachialis, JRncfn. 164. 

— floreus, Gour. 162. 

— humilis, Nees. 20. 



Digitized by VjOOQIC 



— 277 



Blaps, Fab, pag. 185. 
Boarmia abìetaria, S. V. 230. 

— angularia, Thnb. 231. 

— Bastelicaria, Bell. 229. 

— cinctaria, Sch. 229. 

— consonaria, Hb. 231. 

— consortaria, F, 231. 

— crepuscularia, S, V. 231. 

— gemmaria, Brhm, 230. 

— glabraria, Eb, 231. 

— lichenaria, Sfn, 231. 

— luridata, Bkh. 232. 

— occitanaria, Dup, 229. 

— peryersaria, B. 229. 

— punctularia, Hbn. 232. 

— repandata, X. 230. 

— rhomboidaria, Hbn. 12. 

— roboraria, Sch., S. V. 230. 

— secundaria, S. V. 230. 

— selenaria, S, T. 231. 

— subflayaria, Mill. 229. 
— - Timbrarla, Hb. 230. 

t Bombyx canensis, 3ft7^ 7. 

— castrensis, L. 7. 

— quercus, Lin. 12. 

— trifolii, Lin. 12. 
Borraginee. 210. 
Bostrychus bicolor, JSrbst. 94. 

— laricis, Fbr. 95. 

— typographus, Lin. 95. 
Bothriothorax clavicomis, JDZm. 163. 
Botys silacealis, Hbn. 12. 

— Terticalis, Fab. 13. 
Brachicerus, Lin. 185. 
Brachinus, Weber. 180. 
Brachistes labrator, TT^m^. 101. 
Brachytropis calcarata, Fall. 265. 
Bracon anthracinus, Nees. 98, 171. 

— atrator, Nees. 171. 

— cis, JB^. 97. 

— colpophorus, Wsml. 96. 

— denigrator, Nees. 92. 

— dispar, Nees. 98. 

— ephippium, Nees 98. 

— hylesini, iJ^^*. 95. 

— intereessor, Nees. 92. 

— melanoschelus, Nees. 98. 

— multiarticulatus, Rtz. 102. 

— nitidulator, Nees. 165. 

— obliteratus, Ji/e«5. 112. 



Bracon osculator, Nees. pag. 16. 

— spartiellae, Rndn. 2tì. 
Branta, 270. 

Brassica chinensis, X, 131, 

— napus, L. 137. 

— oleracea, L. 128, 129, 137, 133. 

— rapa, L. 129, 130, 13ì, 
Broscus, Pan^. 180, 
Bmchus, Lin. 18S. 

— granarius, F. 95. 

— ciceri, Rndn. 95. 

— lentis, ^oy. 95. 

— marginellus, Fab. 95. 

— nubilus, Bhm. 0tì. 

— pallidicomis, Bhm, 96. 

— pubescens, Gertn. 96, 

— seminarius, iitr. DG. 

— spartii, /ScTin. 9fj, 
Bryophila Galathea, MilL 8. 

— glandifera, Hhn IZ. 
? — oxybiensis, MllL 8. 
Biibas, 3fteZ^. 183. 
Bupalus piniarius, L, 238. 
Buprestidarum aliquot novarum dìa- 

gnoses, Gestro, ''5. 



Cabera exanthemata. Se. 193, 

— pusaria, Lin. 193, 
Caccobius, Thoms. JS3. 
Cafius, 268. 

Calamagrostis arenaria» De Cand. 142, 
Calandra, Clairv. ÌB.6. 
Calathus, Bonelli. ISO. 
Caliciflore. 207. |- 

Callidium, Fab. 186, 
Callimome chiorinus, Frst, ITI. 

— chloromerus, Gmir. 164. 

— coniunctus, Gour. 304, 105. 

— cynipedis, Wlk. 105, 

— exilis, TTZA. 163, J66. 

— mutabilis, Wlk. 164. 

— nigri corni s, Wlk. Ì6$. 

— nobilis, Bhm. 9^. 

— quercina, Rndn. WS 
Callistas, Bonelli. ÌEO. 



Digitized by VjOOQIC 




— 278 







Calocampa, Steph. pag. 13. 
Càlocoris bipunctatus, Fab. 262, 265. 

— chenopodii, Fall. 261, 263, 265. 

— marginellua, Fab, 263. 

— seticornis, Fab. 265. 
Caloptenobia ovivora, Riley, 269, 
Caloptenus atlanis. 269. 

— femor rubrum. 269. 

— spretus. 269, 270. 
Calosoma, Weber. 179, 269. 

— Antinorii, Gestro. 268. 
Campanula rotundifolia, L. 127. 
Campanulacee. 209. 
Campoplex albidus, Grv. 33. 

— cajaé, Fncl. 13. 

— cerophagus, Grv. 109. 

— chrysostictus, Grv. 110. 

— crassiusculus, Grv. 10. 

— difformis, Grv. 15, 21. 

— errabundus, Grv. 99. 

— frumentarius, Rndn. 30. 

— mixtus. Sdir, 25. 

— multicinctus, Grv. 15. 

— pugillator, Lin. 32. 

— ruflpes, Grv. 31. 

— transfuga, Grv. 32. 

— xanthomelas, Gour. 11. 
Camptopus lateralis, Germ- 261. 
Cannabinee. 213. 

Cannabis sativa, L. 140. 
Cantharis, Xin. 184. 

— albovittata, Gestro. 265. 
Capnodis, Eschsc. 184. 
Capsella bursa pastorìs, L. 129. 
Capsus laniarius, Lin. 263, 265. 
Carabus, Xin. 179. 
f Caradrina Lepigone, Moesch. 8. 

— noctivaga, Bell. 8. 
Caratteri specifici dei miriapodi. Fan- 

zago. 272. 
Cardamine amara, L. 132. 

— pratensis, L. 130. 
Cardiochiles brachialis, Rndn. 26. 
Carduus nutans, L. 136, 142. 
Carioflllee, 206. 
Carpocoris baccarum, Lin. 260. 

— nìgricornis, Fab. 260, 263, 265. 

— verbasci, De Geer. 261, 263, 565. 
Cartallus. 268. 
Carteraephalus Palaemon, Pali. 6. 



Cassida, Lin. pag. 188. 

— equestris, Fab. 96. 

— filaginis, Prrs. 96. 

Catalogo degli Ortotteri italiani, Tar- 
gioni. 6. 

— degli Ortotteri raccolti dal Vio- 

lante. Bubrony. 79. 

— dei Lepidotteri d* Italia compilato 

dairing. A. Curò. 113, 229. 

— delle Formiche esistenti nelle col- 

lezioni del Museo civico di Ge- 
nova, Emery. TI. 

Cecidipta Excoecariae, Berg. 155. 

Cecidomyia artemisiae, Fab. 163. 

— capreae, Wrtz. 163. 

— circinans, Gir. 163. 

— corni, KcK 163. 

— enthomophila, Prrs. 178. 

— ericae, Dufr. 163. 

— grandis, Mgn. 163. 

— medicaginis, Perris. 163. 

— pictipennis, Mgn. 163. 

— pìmpinellae, Prrs. 164. 

— pisi, Wrtz. 164. 

— rosaria, Lvo. 164. 

— sonchi, Eremi. 164. 

— tanaceti, Gour. 164. 

— tritici, Latr. 164. 

— urticae, Prrs. 164. 
Cemonus unicolor, Jur. 105. 
Cenno necrologico. 228. 
Centaurea jacea, L. 136. 
Centrocarenus spiniger, Fab. 261, 263. 
Cerambyx, Lin. 186. 

Ceraphron Carpenteri, Crtz. 177. 
Cetonia, Fab. 183. 
Ceutorhynchus, Schnr. 186. 

— asperulus, Bhm. 96. 

— glaucus, Bhm. 97. 

— melanarius, Steph. 97. 

— napi, Gyll. 97. 

— pumilio, Gyll. 97. 

— sulcicollis, Gpll. 97. 
Chaetocnema concinna, Marsh. 132. 

— Sahlbergii, (rj/Z?. 132. 

— semicoerulea, Kutsch. 132. 

— tibialis, Illig. 132. 
Chaitophorus populi, Fctb. 173. 
Cbaraxes lasius. L. 251. 
Cheimatobia, Steph. 13. 



Digitized by VjOOQIC 



— 279 — 



Cheiropachus quadmm, Wlk. pag. 103. 

— tutela, Wlh, 10?. 
Chelonìa caja, Lin, 13. 

— villica, Lin, 13. 
Chelonus retusus, Nees, 25. 

— sulcatus, Jur. 170. 
Chemerina caliginearia, Rbr. 199. 
Chenopodiacee. 212, 
Chilocorus\ Leach. 188. 
Chlaenius, Bonelli. 180. 
Chlorion coeruleum. 270. 
Chlorops lineatus, Fab. 164. 
Chortophila chenopodi!, Rndn, 165. 

— mitis, Macq. 165. 
Chrysanthemum. 137. 
Chrysolampus basalis, Rndn, 95. 

— madìzae, Rndn. 167. 

— tristis, Nees. 18. 
Chrysomela, Lin. 187. 

ClCADARII (HEMIPTERA). 170. 

Cicindela, Lin, 179, 269. 
Cìdarìa chenopodiaria, Lin. 13. 

— psytt acaria. 13. 
Cimbex axiliaris, Jur, 106. 

— variabilis, Klg. 107. 
Cinetus fungorum, Rndn. 168. 
Ciperoidee. 215. 

Circns. 270. 

Cirrospilus ammonius, Gour, 167. 

— chabrias, Wlk. 100. 

— fonterius, Gour. 11, 23. 

— Halidayanus, Gour, 23. 

— Halidayus, Gour. 11. 

— lincus, Wlk. 166. 

— lineatus, Retz. 100. 

— nudicomis, Gour. 167. 

— pallidicornis, Gour, 163. 

— stigmaticus, Gour, 23. 
Cirsium arvense, Scop, 136. 

— lanceolatum, Scop. 135, 136. 

— oleraceum, Scop, 136. 
Cis boleti, Fab. 97. 
Cistinee, 206. 
Citigradae, 267. 
Cladius morio, Lep. 107. 
Cladonotus Jobiensis, Thor, 76. 
Glematis flammula, L, var. maritima, 

De Cad, 137. 
Clematis maritima, L, 137; 

— recta, L. 137. 



Clematis vitalba, L, pag. 137. 
Cleogene lutearia, F. 242. 

— niveata, 5c. 242. 
Cleonimus quadrum, Fabr. 107. 
Cleonus, Sch, 185. 

Clerus, Geoffr. 184. 
Clisiocampa castrensis, JPa&. 13. 

— neustria, Lin, 14. 
Clitus, Fab. 186. 

Clostera anachoreta, Lin. 14. 
Clubiona holosericea. 157. 
Clythra, Laich. 187. 
Cnemi.dotus, Illig. 181. 
Cnetocampa pithiocampa, Lin. 14. 

— populi, Hbn, 14. 

— processionea, Lin. 14. 
Coccinella, Xm. 188. 

— doryphorina, Rndn. 98. 

— mutabili s, Schr. 177. 

— 7-punctata, Lin. 177. 

— (Thea) vigintipunctata, L. 178. 
Coccophagus impeditus, i^ee^. 175. 
Coccyx Buoliana, Lin. 14. 

— strobilana, Ebn. 14. 

— resinana, Fab. 14. 

Cochlearia armo racla, L. 128, 129, 

132, 141. 
Cochylis flagellana, Tr, 15. 

— roserana. Fri. 15. 

Codrus micetopbilus, Rndn. 168. 
Coelinius festus, 6rottr. 169. 
Coleophora auroguttella. Rssl. 15. 

— ballotella, Fisch, 15. 

— coracipennella, Hbn, 15. 

— hemerobiella, Scop. 15. 

— lutipennella, ZeZ?. 15. 

— palliatella, Znh. 15. 

— serenella, Trch. 15. 

— vibicella, Hbn. 16. 

Coleotteri dell' Abissinia e del paese 

dei Somali, Gestro. 268. 
Colias Edusa, Fab. 248. 

— hyale, Ochs. 16. 

— Palaeno, L. 5. 

— Phicomone, Esp. 5. 

Collezioni entomologiche. Mezzi per 
conservarle dai danni degli an- 
threnus. vi. 

Colobates crassi tarsis, Gour. 109. 

Colymbetes, Clairv. 181. 



Digitized by VjOOQIC 



— 280 



Composte, pag. 209. 

Conifere. 214. 

Consiglio generale, xix. 

Contribuzione alla Fauna Entomolo- 
gica italiana (Coleotteri del Mode- 
nese), F» Ragazjii. 179. 

Convolvulacee. 210. 

Coraebus, Lap. 184. 

Coranus aegyptius, Fab, 261, 265. 

Coreus hirticornis, Fab, 261, 263, 265. 

Corizus abutilon, Rossi, 261. 

— capitatus, Fab. 263, 265. 

— parumpunctatus, Schill. 261, 265. 
Corolliflore, 210. 

Correa, Fauvel. 268. 
Copris, Geoffr, 183. 
Coptosoma globus, Fab. 264. 
Crabro, Fab. 107. 
Crepidodera, Aliar d. 187. 

— aurata, Marsh. 65. 

— chloris, Foudr. 65. 

— cyanescens, Duft. 65. 

— .ferruginea, Scop. 64. 

— helxines, Lin. 65. 

— impressa, Fab. 64. 

— lineata. Rossi. 63. 

— Modeeri. Lin. 65. 

— nitìdula, Lin. 65. 

— pisana, Allard. 63. 

— ruflpes, Lin. 64. 

— • salicariae, Payk. 63. 

— smaragdina, Foudr. 65. 

— transversa, Marsh. 64. 

— ventralis, Blig. 63. 
Crioceris, Geoffr. 187. 
Croccalis dordoinaria, Bonz. 197. 

— elinguaria, Xin. 196. 

— tusciaria, Bkh. 196. 
Crostacei della Magenta, v. 
Crucifere. 204. 

Crypturus (Endurus) argiolus. Rossi, 

110. 
Cryptocephalides inédits du Musée 
Civique de Gènes, Chapuis. 77. 
Cryptocephalus, Geoffr. 187. 
Cryptus brachicentrus, Gra^. 103. 

— elevatus, Pnz. 92. 

— cyanator, Grvf. 11. 

— guttatus, 6rrt?. 111. 

— gyrator, Dfr. 112. 



Cryptus ornatus, 6rrt?. pag. 14. 

— perspicillator, Grv. 111. 

— xylocopae, Rndn. 112. 

— zygaenarum, Rtz. 33. 
Cybister, Ct*rtt>. 181. 
Cyclommatus Margaritae, Gestro. 75. 
Cyclopides Mprpheus, Pali, 6. 
Cydnus nigrita, Fab. 264. 

Cynips argentea. Hrtg. 107. 

— aurata, Encicl. 105. 

— bombycinus, Rndn. 28. 

— calicis, Xtn. 107. 

— conglomerata, Gir, 107. 

— ferrugineus, Hrtg. 107. 

— glutinosa, 6rt>. 107. 

— lignicola, Hrtg. 108. 

— solitaria, Fnsc. 208. 

— tintoria, Lin. 108. 
Cynoglossum officinale, L. 132, 135. 
Cyphaleidium, JTaa^ Rutemb. 155. 
Cyphosthetus tristriatus, i^Vift. 263. 
Cuculila artemisiae, Lin. 16. 
Cupolifere. 214. 



Dacnusa flavipes, Frst, 161, 162, 169. 

— incerta, Gour. 162. 

— punctum, Gour, 169, 170. 
Dalleria pusilla, H S. 262. 
Dasiops loncheus, Rndn. 165. 
Dasydia tenebrarla, Esp. 235. 

Dati biologici degli Àlticiti europei, 

Bargagli. 55. 
Daturina hystrix, Thop. 76. 
Decatoma quercicola, Gir. 105. 

— triguttata, Wlk, 104. 
Deilephila euphorbìae, X. 16. 
Deltocephalus Amyoti, Vismara. 37. 

— penthopìus, Am, 37. 

— ocellatus, Scop. 35. 

— striatus, Lin. 36, 
Dem etrias, J5oneZZt. 180. 
Dendarus, Latr. 185. 
Dendroctonus tuhiae, Prrs, 97. 
Depressaria atomella, Hbn, 16. 
Dermestes, Xin. 182. 




Digitized by VjOOQIC 



— 281 — 



Descrizione di alcune specie di Opi- 
lionidi dell'Arcipelago Malese, 
Thorell. pag. 75. 

— di due ragni esotici, Thorell. 76. 

— di una nuova specie di Lucanide 

del genere Cyclommatus ec, 
Gestro. 75. 

— di alcuni Coleotteri e diagnosi di 

quattro specie nuove esistenti 
nel Museo Civico di Genova, 
Gestro. 79. 
Description ofanew species, indica- 
ting a new genus of Coleoptera, 
Sharp. 77. 

— of some new forms of aberrant Me- 

lolonthini from Australia, for- 
ming a distinct subtribe (Systel- 
lopides), Sharp. 77. 

Diachromus, Erichs. 180. 

? Dianthoecia Barretii, Dld, 8. 

Diaperis, Geoffr. 185. 

Diastictis artesiana, S. Y. 240. 

Dibolia, Latr. 188. 

— cryptocephala, Koch. 135. 

— cynoglossi, Koch. 135. 

— femoralis, Redt. 134. 

— rugulosa, Redt. 134. 

— Schillingii, Letzn. 135. 

— timida, niig. 135. 
Dicax, Fauvel. 268, 
Dicotiledoni. 204. 
Dicranura bifida, ffbn. 16. 

— herminea, Esp, 17. 

— vinula, L. 17. 
Digitalis purpurea, L. 133. 
Dinopsis. 268. 

Diplostictus, De Harold. 78. 
Diplotaxis muralis. De Cand. 132. 

— tenuifolia, De Cand. 132. 
Domene. 268. 

Donacia, Fab. 187. 
Dorcadion, Dalmati . 186. 
Dorcatoma dresdensis, Fab. 98. 
Dorcus, Mac-Leay. 183. 
Doria concinnata, au^t. 21. 
Doryphora decemlineata, Dej. 98. 
Dracocephalum austriacum, L. 134. 
Drasterius, Eschsc. 184. 
Drilus, Oliv. 184. 

— pulchellus, Gestro. 268. 



Dromius, Bonelli. pag. ISO. 
Drosophila uvarum, Rndn. 365. 
Dryophantha agama, Brtg. lOS. 

— disticha, Hrtg. 108, 

— divisa, Hrtg. 108. 

— folli, Xtn. 108. 

— longiventris, Hrtg. 103. 
Dytiscus, Linn. 181. 

E 

■^chinomyia abdominalis, Mat^q. 12. 

— conjugata, Rndn. 22. 

— grossa, L. 12. 
Echium vulgare, L. 141. 
Elachìsta populifoliella* Tr- 17. 
— • Roesella, Lin. 17. 

— Saportella, Hbn. 17, 23. 
Elachistus dimidiatus, XV tk. 96. 

— pallipes. De G. 17. 

— petiolatus, Nees. 362. 

— plagiatus, Frst. 30. 
Elater, Fab. 184. 

Elassus parcicornis, Nees^ 172. 
Eleagnacee. 213. 
Elenco dei Soci. xx. 

— dei vegetali in rapporta colle AU 

tiche ospitate, Bargaglù 204, 

— DEGLI ASSOCIATI. XXVHI. 

— DELLE SOCIETÀ SCIENTI FICEE COtl 

le quali la Società entomolo- 
gica fa cambio delle sue pub- 
blicazioni. XXIX. 

— di Al tiche in rapporto col vegetali 

che le ospitano, Bargagìi. 143 
a 153 incl. 
Ellopia pinicolaria, BelL 1P4. 

— prosapiaria, Lin. 193. 
Ematurga atomaria, X. 23S. 
Emitteri eterotteri dei dintorni dì 

Pozzuolo (Umbrla)j Cavanna. 
260. 

— Eterotteri del Monferrato, Oavan' 

na. 264. 

— Eterotteri del Poggio dai Balzi e 

della cima di Monte Morello, 
Cavanna. 261. 

— Eterotteri della Ligtiria, Cavanna ^ 

262. 



Digitized by VjOOQIC 



282 — 



Etnitterì eterotteri di Taormina, Ca- 
panna, pag. 264. 

— danni che recano ai frutti dei peri 

e dai meli, Bei, vi. 

— italiani, Cavanna. 260. 
Kmphytus pavidus, St, Frg. 109. 

— meìanarius, Klg, 109. 

— rufocinctus, De G, 109. 
Era y dia cribrum, X. 7. 
Encooiat'i rainiosaria, Dup. 241. 
Encyrttis benignus, Nees, 33. 

-^ celtnius, Gour, 177. 

— circumacriptus, RtJg. 175. 

— daTùltatus, Dlm. 110. 

^ coluatuB, 6rowr. 176, 177. 

— cyanocephalus, Dlm. 33. 

— fUaeicoUis, Dlm. 33. 

— irticornis, Dlm. 175. 
^ Inteus, /Jf-3'. 175. 

— megacephalus, Wlk. 95. 

— nigripes, Gour, 163. 

— pusillus, Gour. 23. 

— tentuK, Wlk, 18. 

— tniijcatellus, DZ&m. 27. 

— Zetterstedtii, Ww. 173. 
Enoplop.? scapha, Fab. 263. 
Ecsina soachi, Lin. 165. 
EntedoQ albìtarsis, Rtja^. 163. 

— antispììae, i2ndn. 11. 

— arìtmeticus, jPr^f. 97. 

— aiirifrons, Gour. 161. 
— ' bifascìatus, Gour. 30. 

— buzirì, Wlk. 193. 

— caproni US, 6roi6r. 169. 

— cavicornls, Retz. 17. 

-* coeniieifrons, Gour. 170. 

— cele stia, Gour. 104. 

— cervi cornis, Forst. 114. 

— confectus, TTift. 98. 
-^ cianopa, Gour, 169. 
^ eyrmita, 6rowr' 169. 

— demetrìas, Gour. 163. 
^ dimìdìatus, Gour, 30. 

— fabicola, Undn. 166. 

— tìaTomaculatus, RU. 27, 100. 

— gracUis, Gour. 161, 169. 

— hyppift, Wlk. 97. 

— lB.aiopterinus, Rndn. 166. 

— lati cornis, Rtjg, 23. 

— lepidus, Gour. 169. 



Entedon Inciduins, (rour. pag. 

— luteipes, Rtz, 23, 100. 

— maculipennis, Gour, 105. 

— nigripes, Gour, 163. 

— nigropictus, Gour, 100. 

— nigrovirens, Gour, 22. 

— nubeculatus, X'^tft. 17. 

— orchestis, Rtz, 100. 

— palustri s, Ww. 162. 

— penthesy, Wlk, 96. 

— pharnus, Wlk, 93, 94. 

— punctatus, Rtz. 22. 

— Rivillellae, Undn. 11. 

— robustus, Wlk. 167. 

— semifasciatus, Rtz, 105. 

— sima, Gour. 169. 

— stigma, Gour. 169. 

— violaceus, 6rowr. 30. 

— xanthopus, Rtz, 100. 

— xanthostoma, Rtz, 100. 
Epedanus javanus, Thor. 76. 

— lutescens, Thor. 76. 

— pictus, 27i or. 76. 
Epeira apoclisa. 157. 

— diadema. 157. 

— umbratica. 157. 
Ephialtes albicrus, Rndn, 26. 

— divinator, Rossi. 106, 112 
— • gracilis, Grv, 103. 

— inanis, Schr. 23, 29. 
•— mediator, Fab. 27. 

— mesocentrus, Grv, 14. 

— tuberculatus, Fab, 22, 33. 
Ephyra pupillaria, ffbn, 17. 
Epicauta, 269. 

Epilacna, Chevrol. 188. 
Epione, advenaria, ffb, 198. 

— apiciaria, Sch, 198. 

— paralellaria, Sch. 198. 

? Episema glaucina, Esp. 8. 
Epitrix Allardì, Woll, 66. 

— atropae, Foudr. 66, 

— intermedia, Foudr, 66. 

— pubescens, Heft, 66. 
Equisetacee. 215. 
Erastria fuscula, Brk, 18. 
Erebia Ceto, ffb. 6, 

— Ligea, L. 6, 

— Manto, E. 6, 

— Stygne, 0. 6, 



Digitized by VjOOQIC 



— 283 — 



Erebia Tyndarus, Esp, pag. 6. 

Ericacee. 209. 

Eriogaster lanestris, L. 18. 

— populi, Lin. 18. 
Eryngium campestre, L. 135. 
Erysimum alliarìa, X. 130. 

— cheiranthus, L, 140. 
Escursione nella Calabria Ulteriore, 

Cavanna. . vi. 
Eubadizon orchestis, RndA^ 101. 
Eubolia arenacearia, S. V. 241. 

— assimilaria, Rbr, 241. 

— murinaria, 8, V. 241. 
Eucrostìs herbaria, Hh. 115. 

— indigenata, Vili, 115. 
Enchelìa Jacobeae, Lin, 18. 
Eucrostis olympiaria, H, S, 115. 
Engonia alniaiia, Lin. 194. 

— autnmnaria, Wmb. 194. 

— erosaria, S. V. 195. 

— fuscantaria, Ww. 195. 

— quercaria, ffb. 195. 

— quercinaria, S^n. 194. 
Enlophus abdominalis, Nees. 11. 

— alopurus, Wlk, 93. 

— Blanchardellae, Bé. 17. 

— caecilius, TTZft. 96. 

— cervus, N^e^. 33. 

— cribrellae, Rndn. 24. 

— dives, Gour. 10. 

— gallarum, Lin, 105. 

— haegemon, TF?A. 97. 

— myiodes, Wlk, 169. 

— Roesellae, De G. 17. 

— subcaérnleus, Gour. 21. 

— tipupaepennellae, Bé, 26. 

— viridarius, Gour. 97. 
Eunectes, Erichs. 181. 
Euforbiacee. 213. 

Enpelmus eecidomyìnus, i^ndn. 163. 

— cereanus, Rndn, 19. 

— circinantis, Rndn, 163. 

— fncipennis, Frst. 106. 

— Geeri, Dlm, 95, 106. 

— tirozonius, Dlm, 14, 93, 100. 
Euphorbia characias, L, 140. 

— cyparissias, L, 126, 127. 

— gerardiana, L, 126. 

— palustris, X. 127. 

— piscatoria. 127. 



Enphorbia pubescens, Wàhl, pag. 127. 

— Regis-Jubae, Webh, 127. 

— sylvatica, X. 127. 
Euphranta, Xto. 165. 
Enpitecia scoparia, Bsdio. 18. 
Euplocamus parassitellus, Hhn. 18. 
Eulophus teutomatus, Gour. 100. 
Euridema oleracea, Xtn. 174. 
Eurranthis plumistaria, Bkh. 238. 
Eurygaster hottentotus, Fàb. 261, 2Gi. 

— maurus, Xtn. 264. 
Eurymene dolabraria, Lin. 197. 
Eurytoma abrotani, Pn^. 108, 101^ 

— annulipes, TFZA. 106, 

— Bargaglii, Rond. 101. 

— biguttata, Swdr. 177. 

— coUaris, Wlk. 24. 
-- fulvi pes, Gour. 99. 

— istriana, ^oZ^ 108. 

— juncea, Rndn. 96. 

— maculata, Gour. 106. 

— piumata, Rossi, 98, 171. 

— ruflpes, Wlk. 95, 103. • 

— serratulae, Latr, 104, 108. 

— signata, Nees. 108. 
-T variegata, Gour, 109. 

— verticillata, Illig. 109. 
Eusarca interpunctaria, J?. S, 243, 
Eutochia amaroides. Gestro. 269. 
Exochomus, Udt. 188. 
Exocoecaria biglandulosa, Muli. 155. 
Exorista cheloniae, Rndn. 13, 

-— confundens, Rndn. 11. 

— dubia, JPaZL 100. 

— erythrostoma, Hrtg. 29. 

— fauna, Mgn. 21. 

— fugax, Rndn. 21. 

— gnava, JW^n. 14. 

— libatrix, Pn:i. 14. 
Exothecus ruflpes, Wsml. 168. 
Exorista sussurans, Rndn. 22. 
Eysarcoris incospicuum, H. S- ^tìlj 

265. 



Falagria, Steph, 182. 
Fanerogame. 204. 



1 



Digitized by 



Googl^ 




— 284 — 



Fauna entomologica Sicula. Lepi- 
dotteri delle Madonie, Luigi 
Failla-Tedaldi. pag. 217. 248. 

— Pelagica, o d'alto lago, in parecchi 

laghi di Lombardia, Pavesi, vi. 
Feronia, Latreille. 180. 
Fidonia famula, Esp. 237. 

— fesciolaria, Hfn, 237. 

— limbaria, F. 237. 

— piniaria, L. 19. 

— ? roraria, F. 237. 
Figites striolatus, Hrtg, 168. 
Fillossera del Leccio, v. 
Fischeria bicolor, Des^. 26. 

Flora delle Altiche in Europa, P, 

Bargagli. 126, 204. 
Formicomus, Lafertè. 185. 
Fragaria vesca, L. 133. 
Frontina instabilis, Rndn, 18. 



G 



Gagrella Albertisii, Thor, 75. 

— amboinensis, Dol. 75. 

— atrata, Stol. 75. 

— Doleschallii, Thor. 75. 

— monacantha, Herb. 76. 

— signata, Stol, 76. 

— testacea. Boi, 76. 

— variegata, Dol, 76. 

— viridis, Stol, 76. 
Galleria cereana, Lin, 19. 
Gastrophysa, Redt. 187. 
Gelechia anthyllidella^ Hhn, 19. 
Generalità sulla biologia delle Alti- 
che, Bargagli. 47. 

Geometra mensuraria, L. 19. 

— papilionaria, L. 114. 

— vernarla, L, 114. 
Geotrypes, Latr, 183. 
Giuncacee. 215. 

Glyciphagus destructor, Schr. 178. 
Glypta perisselida, Gour, 26. 
— • teres, Grv. 11. 
Gnophos ambiguata, Dup. 233. 

— Andereggaria, Lah, 235. 

— asperaria, Hh, 234. 



Gnophos coelibaria, JET. S. pag. 235. 

— dilucidaria, S. V, 234. 

— furvata, S. V, 232. 

— glaucinaria. Eh. 233. 

— mucidaria, Bh. 234. 

— obscuraria, Eh. 233, 235. 

— onustaria. E, S, 233. 

— puUata, S. V. 233. 

— ? respersaria, Eh. 233. 

— sartata, Tr. 233. 

— serotinaria, S. V, 234. 

— sordaria, Thunh, 234. 

— variegata, Dup. 2^. 

— Zelleraria, Frr, 235. 
Gonia capitata, De G. 10. 
Gonianothus marginepunctatus, Wìf. 

262. 
Gonocerus venator, jPa&. 261. 
Gonoptera libatrix, L. 20. 
Gonopterix, Bsdv, 20. 
Gordius. 270. 

Gracilia pygmaea, Fab. 98. 
Gracillaria syringella, Fab, 20. 
Gramigne. 215. 
Graminacee. 134. 
Graphosoma lineata, Lin- 260, 262, 

264. 

— semipunctata, Fab. 262, 264. 
Graptodera, Allard. 57. 
Gymnaetron anthirrhini, Grv, 98. 

— campanulae, Schn. 98. 

— lychnidis, Rndn, 99. 

— villosulum, Gyll. 99. 
Gymnopleurus, 7«t^. 183. 
Gyrinus, Geoffr. 181. 



H 



Halia acquiaria, Mill, 139. 

— brunneata, Thnb, 239. 

— contaminarla, ffò. 239. 

— semicanaria, Frr, 239. 

— Wauaria, L, 239. 
Haliplus, Latr, 181. 

Baltica ampelophaga, érwér. 44, 58. 
— . atra, Fab. 99. 

— coryli, Ali, 59. 



Digitized by VjOOQIC 



— 285 



Baltica ericeti, Ali, pag. 58. 
' helianthemi, Ali. 59. 

— lythri, Aubè. 59.' 

— oleracea, Lin, 44, 50, 60. 

— pusilla, Ali, 62. 

— querce torum, Foudr. 57. 

— tamaricis, Schranh, 59. 
Halticus apterus, Lin, 265. 

— erythrocephalus, H. S. 264. 
Hadena brassicae, Xin. 20. 

— holeracea, Lin, 20. 

— li teresa, Hw, 8. 

— pisi, Lin. 20. 
Harpacftor erythropus, Lin, 264. 

— iracundus, Poeia. 265. 
Harpalus, Latr. 185, 269. 
Harpyia Milhauseri, Fàb, 20. 
Hatamus tarsalis, Scharp. 77. 
Helcon ruspator, Nees, 22. 
Heleidium, i?aa^ i{t»^ém&. 155. 
Helicopsyche agglutinans in Italia, 

C. De Siebold, 81. 

— glabra Hagen^ 89 (in nota). 

— Shuttleworthi, Bremi^ 81. 
~ sperata, Mac Lac. 81. 
Heliocopris Menelikii, Gestro, 268. 
Helocharès, Muls, 181. 
Helodes. V. Prasocuris. 99. 
Helophorus, Fabr. 181. 
Helopidium, Haag Rutemb, 155. 
Helops, Fab, 185. 
Hemerophila abruptaria, Thb, 202. 

— nyctemeraria, H, G, 202. 
Hemiteles areator, Pnz. 15. 

— mandibulator, Dfr, 111. 

! — melanarius, Grv, 15, 103. 
! — modestus, Grv, 103. 
1 — pavoniae, Rndn, 29. 
: — similis, Pnz. 15. 
I Henicopus, Steph. 184. 
I Heptocondyla, iìndn. 28. 
' Heptomerus caeruleo-nitens, Rndn, 
168. 

— viridulus, Rnd, 169. 
Hermaeophaga cicatrix, Rlig. 67. 

— mercurialis, Fab. 66. 
Hexomma vulcanicum, Dol. 76. 

. Himera pennarìa, Lin. 196. 
Hispa, Lin. 188. 
Hister, Xin. 182. 



Holcostethus sphacelatus, 17Vz&. p. 263. 
Homaloplia, Steph, 183. 
Homalota. 26S. 
Hoplia, niig, 183. 
Bornia. 269. 

Hormius rubiginosus, Nees. 96. 
Humulus luppulus, L. 135, 140. 
Hyalopterus pruni, Fab, 174. 
Hibernia aurantiaria, Esp. 200. 

— bajaria, Sch., S. V, 200. 

— defoliaria, CI. 200. 

— leucophaearia, Sch.^ S, V, 200. 

— marginarla, Bkh. 200. 

— rupicapraria, S. V. 199. 
Hydaticus, Leach, 181. 
Hydroecia Xanthenes, 6r^rm. 8. 
Hydrobius, Leach. 181. 
Hydrometra lacustri s, Lin, 265. 

— rufoscutellata, Latr. 265. 
Hydrophilus, Geoffr. 181. 
Hydroporus, Clairv. 181. 
Hydrotaea dontipes, M^n. 165. 
Hydrous, Brulle. 181. 
Hygrotrechus naius, D^ 6^. 264. 
Hylesinus fraxini, Fab. 99. 

— spartii, Nrdl. 99. 
Hylotoma pagana, Pnz. 109. 
Hypera, Germ. 185. 
Hyperomma, Fauvel. 268. 
Hypolabis, Pr^f. 161. 
Hipopleclis ? adspersaria, ^5^6. 198. 
Hypnophila impuncticollis, Ali, 133. 
Hypnum loreum, L, 133. 

— triquetrum, L, 133. 
Hypopta caestrum, Hb, 7. 
Hyoscyamus niger, i. 142. 



Iberis pinnata, L. 140. 
Ichneumon artiventris, BoJ, 19. 

— castigator, Fab. 32. 

— celerà tor, Grv, 12. 

— comitator, Xin. 27. 

— culpatorius, Grv. 24, 31. 

— examìnator, Fab. 11. 

— extensorius, Grv, 23. 



Digitized by VjOOQIC 



— 286 



Ichneumon hilaris, Wsml. pag. 25. 

— infpactorius, X. 10. 

— iridìpennis, Grv. 13. 

— lineator, Grv, 30. 

— luctatorius, Lin, 26. 

— monticola, Grv. 14. 

— motatorius, Grv. 19, 25. 

— nigrocyaneus, Grv, 19, 31. 

— nitens, Grv, 31. 

-— occupator, Wsml. 25. 

— odoriferator, Dfr. 112. 

— pseudonimus, Wsml, 19, 31. 

— restaurator, Grv, 13. 

— salicatorius, Grv. 11. 
Ichneutes reunitor, 2»^ee5. 110. 
lUthya, Latr. 20. 

Ino tenuicornis, Z. 6. 

Insetti parassiti e loro vittime, C. 

Rondani. 91, 161. 
lodis lactdaria, L. 116. 
— . putata, L, 116. 
Iridee. 214. 
Iris foetidissima, L. 127. 

— germanica, L, 127. 

— pseudacorus, L, 126, 127. 
Ismarus (Cistelidium),£raa5r Rutemb. 

155. 




Julus flavipes, Koch. 272. 
Juncus. 132. 



K 



Kakile marittima, Scop. 140. 



Labia. Scudder, 156. 
Labiatae. 211. 
Laccophilus, Leach, 181. 



Lachnus Giraudi, Rndn. pag. 174. 

— juniperi. Kit, 174. 

— pinicola, JTXt. 174. 

La Flora delle Altiche, .in Europa. 
P. Bargagli, 43. 

Lamellicornes Coprophages rapportés 
de TArchipel Malais, de la Nou- 
velle Guinee et de l'Australie 
boreale, par Doria, Beccari et 
de Albertis, De Harold, TI. 

Lamia, Fab, 186. 

Lampyris, Lin, 184. 

Laonicus (Cyphaleidium), Haag Ru- 
temb, 155. 

Larrada semirufa, 269. 

Larinus cardui, Rossi, 99. 

Lasiocampa pini, Lin. 20. 

Lasiocoris anomalus, Kalt. 263. 

Lasioptera albipennis, Mgn, 166. 

— asperulae, Prrs. 166. 

— crataegi, Wrtz. 166. 
■— fabae, Rndn, 166. 

— heryngii, Bè. 166. 

— juniperina, Lin. 166. 

— rubi, Schr. 166. 

— ulmariae, Eremi, 167. 

— veronicae. Eremi. 167. 
Laterigradae, 267^ 
Lathrobium, 268. 

Lathyrus heterophyllus, L. 140. 
Laverna epilobiella, Hbn, 21. 
Lebia, Latreille. 180. 
Lecanium luzulae, Prrs. 174. 
~ pineti, Schr. 175. 

— vitis, Lin. 175. 
Lema, Fab, 187. 

— merdigera, Lin. 99. 
Lepidium draba, L, 131. 

— graminifolium, L, 131. 

' Lepidotteri delle Madonie, L, Failla- 
Tedaldi, 217, 248. 

— d'Italia, Curò, 229. 

Lettera intorno all'uso della nitroben- 
zina nella conservazione delle 
collezioni entomologiche , Q. 
Papasogli^ 266. 

Leucocraspedum, 268. 

Leuconea crataegi, Lin. 21. 

Leucophasia sinapis, L. 248. 

Leucopis Ballestrerii, Rndn. 175. 



Digitized by VjOOQIC 



— 287 



ì 



Leucopis bursaria, Rndn. p. 175, 176. 

— griseola, Fall, 173. 

— myzaphida, Rndn. Ili, 

— palliditarsis, Rndn, 173. 

— talaria, Rndn, 174. 

Libellule di Costantinopoli, Spagno- 
lini. VI. 
Licosa saccata, 157. 
Limacodes testudo, God. 21. 
Limenitis Camilla, Schiff, 251. 
Limnobates stagnorum, Lin, 265. 
Limnotrechus gibbifer, Schm. 264. 
Lina, Redi, 187. 

— populi, Lin, 100. 
Linacee. 206. 

L'instinct des ìnsectes peut il étre 
mis en défaut par des fleurs 
artìflcielles ? Plateau, 80. 

Liocoris tripustulatus, Fah. 263, 265. 

Liorhyssus hyalinus, Fah. 263. 

Lipara lucens, Mgn. 167. 

— tomentosa, Lvo. 167. 
Liparis dispar, Lin, 22. 

— chrysorrhoea, Lin, 21. 

— monacha, Lin. 22. 

— salici s, Lin, 22. 
Lissonota nigra, Grv>, 14. 
LithocoUetis alniella, Tr. 22. 

— Blanchardella, Fah. 17. 

— certidella, Rndn. 22. 

— corylifoliella, Hhn. 22. 

— cory Iella, Rndn, 22. 
~ Crammerella, Fah, 22. 

— Froelichiella, Zeli. 22. 

— Kuhlveniella, Z. 17, 23. 

— Millierella, Stgr, 23. 

— pomonella. Zeli, 23. 

— populifoliella, Tr. 23. 

— rajella, Lin. 23. 

— roborella, Rndn. 23. 

— saportella, Hhn. 23. 

— tremulella, Dp, 23. 
Lithocampa ramosa, Esp. 8. 
Lithosia caniola. v. 

— unita, Hh. 7. 
Litrarie. 208. 
Lixus, Lin, 185. 

Longicorni della tribù dei Tmesister- 
nini, raccolti nella regione Au- 
stro-Malese dai Signori Bec- 



cari, D' Alberti» e BruijD^ Gc* 
Siro, pag. 74. 
Longitarsus abdominalis, Buft. 73. 

— absinthi, Kutsch, 68. 

— aeneus, Kustch, 70, 

— aeruginosus, Foudr. (j9, 

— albine US, Foudr, 12. 

— anchusae. Payk. 70. 

— ater, Fah. 73. 

— ballotae, March, 68. 

— brevipennis, Woll. 72. 

— brunneus, Duft, 69, 
-^ cinerariae, Woll. 60. 

— curtus, Ali. 73. 

— dorsalis, Fah. 70. 

— echii, Lech. 68. 

— exoletus, Lin. 70. 

— flavicornis, Steph. 6&. 

— fuscoaeneus, Redt. 70, 

— holsaticus, Lin, 63. 

— isoplexidis, WolL 70. 

— jacobeae, Waterh. 73. 

— Kleiniiperda, WolL 73, 

— lateralis, lllig. 72. 
-— Linnaei, Duft. 67, 

— luridus, Scop. 71. 

— lycopi, Foudr. 72. 

— medicaginis, Ali, 70. 

— membranaceus, Foudr. 09. 

— minusculus, Foudr. 09, 

— nasturtii, i^a6. 72. 

— niger, Koch. 67. 

— pallens, Steph. 68. 

—• patruelis, J.2Zarc?. 72. 

— pectoralis, Foudr, 6S, 

— pellucidus, Foudr. 73. 

— persimilis, TToZ^ 70. 

— picipes, Steph. 72* 

— pulex, Schrank. 68, 

— pusillus, 6r1/?2. 70. 

— quadriguttatus, Pontopp* €^* 

— rutilus, lllig. 73. 

— saltator, Ali. 70. 

— Sencieri, J.??. 71. • 

— sisymbrii, Fah, 72. 

— tabidus, Fah. 61, 

Locuste. Loro danni cagiona ti all'asn- 
coltura nella Repubblica nord- 
americana, Riley^ Packard q 
Thomas, 269. 




Digitized by VjOOQIC 



,v ^l'i'^y^^'^i^] 



— 288 — 



Lonchaea nigra, Mgn, pag. 167. 

— parvicornis, Mgn. 167. 
Lophophanes, 270. 
Lophyrus abietis, Fab, 109. 

— pini, Lin. 109. 
Lopus gothicus, Lin. 263. 

— lineolatus, Bruì, 262. 

— sulcatus. 265. 
Lucanus, Lin. 183. 
Luciola, Laporte. 184. 
Lunaria rediviva, X. 139. 
Luperina virens, L. 8. 
Lybythea Celtis, Esp. 251. 
Lycaena argiolus, L, 250. 

— Astrarche, Bgstr. 250. 

— Baton, Berg. 250. 

— Boetica, i. 250. 

— Coelestina, J&i?. 6. 

— Cyllarus, iJoet. 23, 250. 

— Donzelii, B. 5. 

— Eumedon, Esp, 250. 

— Icarus, Rott. 250. 

— Meleager, Esp. 250. 

— Semiargus, i?o«. 250. 

— Telicanus, Lang. 250. 
Lycopis arvensis, L. 131. 
Lyctocoris campestris, Fab. 265. 
Lyda erythrocephala, Lin- 109. 

— pyri, 5c7ir. 110. 
Lygaesoma reticnlata, H. S. 265. 
Lygaeus equestris, Lin. 261, 263. 

— militaris, Fab. 263, 264. 

— saxatilis, Scop. 261, 263, 265. 
Lygus campestris, Fab. 265. 
Lythrum salicaria, L. 126, 142^ 



M 



Macaria aestimaria, ffb. 199. 

— altemaria, Hb. 199. 

— liturata, CI. 199. 

— notata, Lin. 198. 

— signaria, ffb. 199. 
Macroglossa faciformis, Z. ti. 

— stellatarum, Ochs. 24, 80. 
Macroneura macnlipes, Wlk. 96, 
Macrophya ribis, Schn. 110. 



Macroscytus brunneus, Fab. pag. 262. 
Madiza fabaria, Rndn. 167. 
Malachius, i^Viò. 184. 
Malacosoma, Rosenh. 187. 
Malvacee. 206. 

Manna, melatica o mielatlca. v. 
Mantura chrysanthemi, Koch. 63. 

— rustica, Lin. 63. 
Mamestra Dentina, S. V. 8. 

— Leineri, Frr. 8. 
Masicera Bercella^ Desv. 14. 

— media, 6^our. 109. 

— proxima, Egg. 91. 

— pupiphaga, Rndn. 32. 

— sylvatica. Fall. 29. 
Matthiola incana, R. Br. 129. 
Mecinus, ^erni. 186. 
Megaloceraea erratica, Lin. 262, 265. 

— ruflcomis, Fall. 265. 
Megalops. 268. 

Megastigma dorsalis, Gour. 105, 109. 
Megastigmus stigmatizans, Fab. 108. 
Melantacee. 215. 
Melitaea athalia, Lin, 24. 

— Didyma, 0. 6. 

— Parthenie, Bkh. 6. 
Meloe, Lin. 185, 269. 
Melolontha, Fabr. 183. 
Menandris (Misolampidium), ^aa^ 

Rutemb. 155. 
Meoneura obscurella, jyVzZ2. 173. 
Mercurialis annua, L. 142. 
Mermerus Beccarii, Thor. 76. 
Mesocliorus areolaris, Ru. 33. 

— cimbicis, Rtz. 106. 

— dilutus, ^^«5. 21. 

— splendidulus, Grv. 107. 

— thoracicus, Grv. 91. 
Mesoleptus rufus, Grv. 107. 
Mesostenus drapes, Gour. 110. 
Metopius fuscipennis, W^ml. 109. 

— nasutus, Fab. 27. 

— necatorius. Rossi. 14. 

— sponsor, Fab. 10. 
Metrocampa honoraria, Sch. 194. 

— margaritaria, iin. 194. 
Micrantereus rugulosus, Gestro, 269. 
Microdus mediator, Gour. 15. 

— obscurator, Nees. 19, 28. 
Microgaster albipennìs, Nees. 104. 



Digitized by VjOOQIC 



— 289 — 



Microgaster alvearius, Spin. pag. 12, 
28. 

— annularis, Wlbrg, 12. 

— bicolor, Nees. 22. 

— candidatus, Wlk. 11. 

— congestus, Nees. 12. 

— connexus, Nees. 11. 

— deprimator, Nees. Ì6. 

— diflacilis, Nees. 13. 

— emarginatus, Nees. 27. 

— erythrothorax, Gour. 24. 

— gagates, Nees. 28, 32. 

— globatus, Pnjar. 9, 12, 17, 30, 31. 

— glomeratus, Lin. 21, 22, 24, 25. 

— incompletus, Gour. 31. 

— intricatus, Halid. 17. 

— lactetis, Nees. 18. 

— lateralis, Halid. 21. 

— longicauda, Wsml. 58, 30. 

— nigriventris, Nees. 16. 

— perspicuus, Nees. 28, 31. 
~ ruficornis, Nees. 20. 

— rufipes. Nees. 31, 169. 

— rugulosus, Nees. 162. 

— sessilis, Spin. 15, 23, 26. 

— Spinolae, Nees. 20. 
~ stellatarum, Bé. 24. 

— tibialis, Nees. 16, 102. 
Micromus variegatus, Fah. 175. 
Micropeplidae. 268. 
Mielophila cribrella, Hhn. 24. 
Miriapodi raccolti dal « Violante » ec. 

PiroUa. 79 
Miris laevigatus, Bruì. ^62. 
Mizaphidus aphidiperda, Rndn. 172. 
Misaphidus halticae, Rndn^ 101. 
Miscogaster nitidus, Wlk. 172. 

— pedunculiventris, Nees. 176. 
Misochoris oophagus, Rndn. 174. 
Misogame. 215. 

Misolampidium, Haag Rutemb. 155. 
Mniophila muscorum, Kock. 133. 
Modo di preparare le Libellule, Ste- 

fanelli, vi. 
Monanthia albida, H. S. 262, 265. 
Monoclamidee. 212. 
Monocotiledoni. 214. 
Monodonthomerus dentipes, Bhm. 32. 

— stigma, Fab. 111. 
Mordella, Lin. 185. 

Ann, X, 



Morimus, Serville. pag. lS(i. 

Mosina connexa, Fabr. 167. 

Musca domestica, Lin. 168. 

Muschi. 215. 

Mycetophila striata, Fabr. Ì6B. 

Myelois suavella, Grm. 24 

Myiomisa microscopica, Rndn. 164. 

Myllaena. 268. 

Mymar fabarius, Rndn. 166, 

— pulchellus, Crts. 172. 
Myrmedonia, Erichs. 182, 
Myzus cerasi, Fab. 175. 

— ribis, Lin. 175. 



N 



Nabis erycetorum, Schlu. 264. 

— ferus, im. 262, 265. 

— subaptera, De Geer. 26S, 265. 

— lativentris, Bqh. 261, 26 (. 
Nadia punctata, F. 7. 
Nanophyes siculus, J3?im. 100. 
Nasturtium amphibium, R. Br. 12ì>, 

131. 

— officinale, L. 129, 139. 
Naucoris cimicoides, Lin. 265. 
Nebria, Latr. 180. 
Necrophorus, Fab. 182. 
Nematus gallicela, i>5 G. 110. 

— pavidus, Lepel. 110. 

— ribis, 5^c/ir. HO. 

— salicis, Lin. 110. 
Nemoria porrinata, Z. 115. 

— pulmentaria, Gn. 115. 

— strigata, JlfweZZ. 116. 

— viridata, L. 115. 

Nepa cinerea, Lin. 264, 26'). 
Nepticula acerella, Rndn. 24. 

— pygmaeella, Hwrt. 24, 
Nezara prasina, Lin. 260, 263. 
Nitrobenzina : suo uso neila coaser- 

yazione delle colleziotn ento- 
mologiche, Papasogli. 366. 

Nonagria typhae, Esp. 25. 

Note -sopra Emitteri italiani, Ca- 
vanna. 260. 

10 



Digitized by VjOOQIC 



— 290 — 



Notanisus versicolor, Wlk. pag. 174. 
Note emitterologìche, Vismara. 34. 

NOTEROGAME. 215. 

Noterus, Clairv. 181. 
Notodontha zigzag, Lin. 25. 
Notonecta glauca, Lin. 264, 265. 
Noumea, De Harold, 78. 

— serpens. 268. 

Numeria capreolaria, S. V. 193. 

— pulveraria, Lin, 193. 
Nychiodes lividaria, Hb. 202. 



Ochina hederae, Grm, 100. 
Ocypus, Steph, 182. 
Odochilus, De Harold, 77. 
Odontomerus dentipes, Lin. 22, 94. 

— glandarius, Rndn. 94. 
Odontoptera bidentata, CI. 196. 
Oecophora oleaella, Fab. 25. 
Oedichirus. 268. 

Omalus auratus, Dlbm. 106. 
Ombrellifere. 208. 
Omophlus, Solier. 185. 
Omphale viticola, Rndn. 11. 
Onagrarie. 207. 
Oncopus Doriae, Thor. 76. 
Oniticellus, Lepell. et Servii. 183. 
Onosterrhus, Haag Rutemb. 155. 
Onthophagus, Latr. 183. 
Ophion ambiguus, Gour. 28. 

— circumflexum, Lin. 21. 

— ramidulus, Lin. 20, 27. 

— undulatus, Grv. 12. 
Opius brennus, 6four. 15. 

— graecus, Wsml. 110, 111. 

— leptostigma, Wsml. 170. 

— nitidus, Wsml. 170. 

— pallidus, Halid 161. 

— pallipes, Wml. 161. 

— pygmaeator, 2^ee5. 92. 

— Fecondi tor, Wsml. 170. 

— ruflpes, Wsml. 167. 

— straminator, Gour. 100. 
Opiliones, -Swnei. 75. 
Orbitelariae. 267. 



Orchestes, Illig. pag. 186. 

— alni, Lin. 100. 

— fagi, Lin. 100. 

— quercus, Lin. 100. 
Ormyrus aeneicinctus, Rnd. 107. 

— Miotìi, Rnd. 108. 

— punctiger, TFio. 106. 

— (Siphonura) Schmidtii, Nees. 108. 

— tubulosus, Wlk. 107. 
Orneodes hexadactylus, Latr. 25. 
Ornix ardeaepennella, Tr. 25. 

— stigmatella, Fab. 25 
Orthocentrus nigristernus, Rndn. 94. 
? Orthosia humilis, iSf. V. 8. 

— ruticilla, JSJsp. 8. 

— urtìcae, Bsc. 175. 
Orthostigma flavipes, Rtz. 168. 

— fulvipes, Rndn. 168. 
Orticacee. 214. 

Ortotteri della Calabria, vi. 

— italiani, Targioni. vi. 
Orycterus Gestroi, Fairm. 79. 
Oryctes, Lin. 183. 
Oryctoderus Albertisii, Gestro. 79. 
Osservazioni intorno ad un recente 

lavoro del Dott. Dohrn sui Pic- 
nogonidi, G. Capanna. 244. 

Otiorhynchus, Germ. 185. 

Oxymorpha verbasci, Gour. 162. 

Oxitelus. 268. 

Oxythyrea, Muls. 183. 



Pachybrachys, Duft. 187. 
Pachycnemia hippocastanaria, H^&.232. 
Pachymerus pedestris, Pnz. 265. 

— rolandri, Lin. 263. 
Pacnobia rubricosa, S. V. 8. 
Paederini. 268. 
Paederus, Graven. 182. 
Palonema dissimilis, Fab. 261, 262, 

265. 
Paludinella Lacheìneiri. 87. 

— Schmidtii. 85. 

Palumbiina terebintella, Rndn. 26. 
Palustra argentina, Berg. 155. 



Digitized by VjOOQIC 



— 291 — 



Palustra Burmeisteri, Berg. pag. 155. 
Panagaeus, Latreille. 180. 
Panìscus glaucopterus, Lin, 107. 

— testaceus, Grv. 10, 20, 109, 110. 
Papiglionacee. 207. 

Papilio Machaon, L, 225. 

— Podalirius, Lin. 26, 225. 
Paraphytus, De Harold. TI. 
Parietaria officinali s, X. 141. 
Pamassius Apollo, Lat. 226. 

— Mnemosine, L. 226. 
Parnopes Doursii, Schl. 106. 
Pasimachus. 269. 
Pegomyia, Macq. 168. 

Pel Ionia Calabraria, Z. 191. 
^ sicanaria, Z. 191. 

— vibicaria, CL 190. 
Pemphigus bursarius, Kch, 175. 

— cornicularius, Pass» 175. 
Pempelia palumbiella, Rndn. 26. 

— spartiella, Rndn. 26. 
Penthina ocroleucana, Hbn. 26. 
Peribalusdistinctus, Mey.-Dur. 263. 
Pericallia syringaria, Lin. 196. 
Perignomptus, De Harold. 77. 
Perilampus laevifrons, Dlm. 14. 
Perilitus ambiguus, Rtz. 169, 170. 

— chrysophthalmus, Nees. 24. 

— Dejeanus, Rndn. 30. 

— pallidus, Nees. 26, 31. 

— secalis, Lin. 21. 

— similator, J»^ee5. 97. 

— xanthomelas, Wsinl- 24. 
Peritrechus luniger, Schill. 261. 
Pezomachus pedestris, Fab. 101. 
Phacostomus breviventris, Forst. 96. 
Phaedon, Latr. 187. 
Phalangodus anacosmetus, Gero. 76. 

— ? quadrioculatus, Koch, 76. 
Phasiane binaevata, Mah. 240. 

— clathrata, L. 241. 

— glarearia, S. V. 241. 

— ? partitaria, Hb. 240. 

— petraria, jgf&. 240. 

— Rippertaria, Dup. 240. 

— scutularia, Dup. 240. 
Phesile psittacaria, Hbn. 26. 
Phigalia, Dieip. 27. 

— pedaria, F. 200. 
Philonthus, Curtis. 182, 



Philonthus epati cu s. pag. 268. 
Philophylla centhaureae, Fab. 168. 

— onopordi, Fab. 168. 
Phloeocarini. 268. 
Phloeocaris. 268. 
Phloeophtorus, Wllst. V. Polygra- 

phus, Erchs. 101. 
Phloeotribus oleae, Fab. 101. 
Phora rufipennis, Macq. 170. 

— tuberum, Rndn. 170. 
Phorocera gramma, Mgn. 12. 
Phorodesma pustulata, jgfif^ 114. 

— smaragdaria, F. 114. 
Phorodon galeopsidis, Kit. 176. 

— humuli, Schr. 176. 
Platymezopus tibialis, Ww. 109. 
Phycis consociella, jffòn. 27. 
Phylhydrus, Solier. 181. 
Phyllothreta, Foudr. 187. 

— armoraciae, Xoc/i. 129. 

— aterrima, Schrank. 128. 

— atra, Fab. 101. 

— bimaculata, Allard. 129. 

— corrugata, Reiche. 128. 

— cruciferae, Goeze. 128. 

— exclamationis, r7^t«m&. 132. 

— flexuosa, Illig. 131. 

— melaena, Illig. 129. 

— nemorum, Lin. 44, 49, 129. 

— nigripes, Fab. 128. 

— nodicornis, Marsh. 128. 

— ochripes, Ctérf. 129. 

— punctulata, Marsh. 128. 

— undulata, Kutsch. 131. 

— variipennis, Boield. 132. 

— vittula, Redt. 131. 
Phimasterna inhambamensis, Berto- 
Ioni. 156. 

Phytomyza affinis, i?*aW. 168. 

— ancholiae, Dsv. 168. 

— cinérella, Mgn. 169. 

— elegans, Mgn. 169. 

— flava, Mgn. 169. 

— geniculata, M^n. 169. 

— horticola, Gour. 169. 

— lateralis, Gour. 169. 

— lonicerae, Gour» 169. 

— minuscula, Gour. 169. 

— obscurelia, i?'aHw. 169. 

— primulae, Desti. 169. 



Digitized by VjOOQIC 



— 292 



Phytomyza scolopendrii, Dsv, pag. 170. 

— sonchi, Dsv. 169. 

— xylostei, Desv, 170. 
Phytonomus plantaginis, De (?. 101. 

— poligoni, Fab. 101. 

Phytoptus vitis, Lndl. 178. 

PiCNOGONiDi. Alcune osservazioni so- 
pra un recente lavoro del Dott. 
Dohrn, su questi animali, Ca- 
Vanna, 244. 

Pieris Brassicae, L, 227. 

— Callidice, Esp. 5. 

— Daplidice, L. 227. 

— Rapi, X. 227. 

— Rapae, L. 227. 

Piezodorus incarnatus, Germar, 260, 

261, 263, 265. 
Pimpla alternans. Grv. 31, 162. 
- ephippiatoria, Duf. 112. 

— examinator, Fàb. 16. 

— flavicans, Fàb, 31, 32. 

— graminella, Grv. 167. 

— instigator, Grv. 17. 

— roborator, Grv, 110. 

— scanica, Grv, 30. 

— stercorator, Fab, 20. 
r— varicornis, Fàb. 20, 32. 
Pionea forflcalis, Lin. 27. 
Piophila casei, Lin, 170. 

Pirates hybridus, Scop, 261, 262, 264, 

265. 
Pissodes notatus, Fab, 101. 
Plagiodera, Rdt. 187. 
Planorbis glaber, Jeffr, 88 (in nota). 
Plantagìnee. 212. 
Plantago lanceolata, L, 133. 

— major, L. 128. 

— media, L. 133. 
.— nemorum, L. 128. 
Platanus orientalis, L, 131. 
Platygaster caudatus, Gour. 102. 

— ohrysippus, Wlk. 93. 

— ericeti, Rndn, 163. 

— hyllus, Wlk. 167. 

— pisi, Forst. 164. 

— punctiger, Nees. 164. 

— salicis, Frst. 163, 166. 
Platymezopus tibialis, Ww. 104. 
Platysma, Bonel. ISO. 
Plectroscelis, Lin. 187. 



Plinthistts brevi pen ni s, Latr, pag. 261. 
Plusia gamma, Lin. 27. 
Podabrus Majori, Piccioli, iv. 
Podagrica, Allard. 187. 
Podagrica discendens, Boield. 57. 

— ftiscicornis, JLin. 49, 57. 

— fuscipes, Fab. 49, 55, 

— malvae, Illig. 56. 

— semirufa, Kiìst 56. 
Poecilocaropus populi, Lin. 27. 
Poecìloscytus cognatus, Fieb, 265. 
Polilobus. 268. 

Polistes gallica, L. 110. 
Polemon liparae. Gir. 167. 

— melas, 6rir. 167. 
Polydesmus pensylvanicus. 272. 
Polydrosus, Germ. 185. 
Polygonacee. 213. 
Polygraphus, Erichs. 101. 
Polyommatus alciphron, Rott. 5, 249. 

— Phlaeas, L. 249. 

— Thersamon, Esp. 5. 
Polysphincta lignicola, Rtz. 94- 
Polystichus, Bonelli. 180. 
Porizon moderator, iin. 97. 
Potaminus. 268. 

Praeugena abyssinica, Gestro. 269. 

Prasocuris beccabungae, 111. 102. 

Primulacee. 210. 

Priophorus, Latr. 110. 

Pristiphora quercus, Klg. 111. 

Procerus, Bej. 179. 

Processi verbali delle adunanze te- 
nute neiranno 1877. in. 

Procirrus. 268. 

Proctocanthus Milberti, 269. 

Proctotrupes parvulus, Nees. 168. 

Prodotti dMncrocìamento nelle api, 
Perez e Girard. 271. 

Prospetto grafico dimostrante la re- 
lazione fra le Alticbe e le fa- 
miglie dei vegetali, Bargagli. 
Parte v. 216. 

Prospetto dimostrante la relazione nu- 
merica fra le famiglie dei vege- 
tali e le specie di Altiche. Par- 
te IV, Bargagli. 216. 

Protinini. 268. 

Protallogame. 215. 

Psammodius, Gyll. 183. 



Digitized by VjOOQIC 



— 293 — 



Pseudopterna coronillaria, Hh. p. 114. 

— corsicaria, Rhr. 114. 

— pruinata, Huf, 113. 
Psodos alpinata, Se. 236. 

— alticolaria, Mn. 236. 
— • coracina, Esp. 236. 

— quadri faria, SuU. 236. 

— trepidaria, Hh. 236. 
Psyche helix, Siebold, 27. 

— Turati, Stgr. 7. 

— viciella, Fab. 28. 
Psylliodes, Latr. 188. 
^ affinìs, Payk. 140. 

— attenuata, Koch. 140. 

— chalcomera, /Higf. 142. 

— circumdata, Redt. 141. 

— chrysocephala, Lin. 44, 137. 

— cuculiata, lllig. 142. 

— cupronitens, Fóors. 139. 
Pysilliodes dulcamarae, Gryll. 102, 

141. 

— hyoscyami, Lin. 142. 

— instabili s, Fot**^. 140. 

— luteola. Muli. 142. 
-• marcida, lllig. 140. 

— nucea, lllig. 140. 

— pallìdipennis, Rosenh, 141. 

— picina, Marsh. 142. 

— puncticoUis, Rosenh. 142. 

— rapae, JiW^. 44, 139. 

— rufilabris, Ho/fn. 141. 

— stolida, Woll. 142. 

— thlaspis, Foudr. 139. 
Pteromalus acco, TTiA. 166. 

— aemulus, Rtz. 95. 

— affinis, Wlk. 95. 

— albipennis, Wlk. 165. 

— Boucheanus, Rtz. 22. 

— cabarnus, 6rowr. 105, 106. 

— citripes, Gour, 104. 

— communis, Nees. 102. 

— corbulae, Gour. 170. 

— crassipes; Rtjj, 107. 

— crater, Gour. 107. 

— cretaceus, i?*r5f. 175. 

— cyanocephalus, Bè. 33. 

— daacmenes, Wlk. 100. 

— deplanatus, Wlk. 97. 

— dilatatus, Koll. 108. 

— dispar, Cfowr 109. 



Pteromalus dumnacus, Gour. pag. 100- 

— eulophoides, Wlk, 95, 

— fabaceus, Rndn. 166. 

— fasciculatus, Frst 1D5. 

— fulgidus, Ehm. 97. 

— fungosus. 105. 

— ftiscicollis, Dlm. 33. 

— gonathus, Wlk, 92. 

— larvarum, Nees, 29, 02, 93, 

— latipes, Rndn. 96. 

— letifer, Wlk. 18. 

— lunula, i?f4'. 103. 

— mirus, Wlk, 95. 

— omnivorus, Wlk. 16. 

— oryzinus, Rndn. 103. 

— perilampoides, Wlk. 09. 

— puparum, Xin. 29. 

— pyrus, Wlk, 95. 

— semiotoides, Wlk. 95. 

— tenuis, Wlk. 93. 

— transiens, Rndn, 99. 

— varians, ^pin. 29. 

— varius, Wlk. 95. 

— vindimmiae, Rndn. 1G5, 

— viridulus, Wlk. 93. 
Pterophorus rhododactylua, Fab. £8. 
Ptinus, Xm. 184. 

Pulci delle piante. 44. 
Pulex irritans. 160. 
Purpuricenus, Servii. 186, 
Pycnogoniden en hun plauts in Jiòt 

systeem. ec. Hoek. SO. 
Pygaera anastomosis, L. 7. 
Pygmaena fusca, Thunb, 237. 
Pygostolus sticticus, Halxd, 110. 
Pyrrhocoris aegyptius, Lin. 263^ S64. 

— apterus, Lin, 263. 265. 



Q 

Quediopsis, Fauvel. 268* 
Quedius, Steph. 182. 



Ragni di Amboina raccolti dal Prof. 
Beccaria 267. 



Digitized by 



Googlej 



— 294 — 



Ragni malesi e papuani, Thorell. p. 267. 
Rana tra lineari s, Lin, 265. 
Ranunculacee. 204. 
Raphanus landra, L. 128. 

— sativus, X. 129, 137. 
Raphigaster griseus, Fab, 263, 265. 
Rassegna entomologica, Cavanna^ 

74, 154, 267. 
RedUYius personatus, Lin, 264, 265. 
Relazione degli Atti compiuti dalla 

Società Entomologica Italiana, 

durante Y anno 1877, Caioanna, 

vili. 
-— del Tesoriere, Vimercati, xiii. 

— sulle Corrispondenze della Società 

Entomologica Italiana, Marchi^ 

XII. 

Repertorio degli insetti parassiti e 
delle loro vittime, con note 
ed osservazioni « Supplemento 
alla 2* parte », C Rondani^ 
91, 161. 

Reseda luteola, L. 128. 

— odorata, X. 128. 
Resedacee. 206. 
Retitelariae. 267. 
Rhinocyllus latirostris, Latr. 102. 
Rhinosia, Tr, 28. 
Rhizotrogus marginipes. in. 
Rhodites eglantheriae, Hrtg, 111. 

— rosae, Lin. 111. 
Rhodocera Cleopatra, X. 249. 

— rhamni, Lin. 28. 
Rhopalosiphum nimphaeae, Kch, 176. 

— persi cae, Zlz. 176. 

— berberidis, Kch, 176. 

— dianthi, Sdir. 176. 
Rhopalus abutilon, Rossi. 265. 
Rhynchites, Lin, 186. 

— betuleti, Lin. 102. 
Rhyncolus punctatulus, Bhm. 120. 
Rhyparia melanaria, Lin, 191. 
Rhyparochromus chiragra 261, 265. 

— pini, Lin, 261. 
Rhytidonota Cecchii, Gestro. 269. 

— Martinii, Gestro 269. 
Rhyssa curvipes, Grx>, 112. 
Rogas linearis, Wsml, 30. 

— luteùs, Nees. 21. 

— nigricornis, Wsml, 32. 



Rogas pallipes, Nees. pag. 13. 

— testaceus, Spin, 31. 

— zygaenae, Nees, 32. 
Rosacee. 208. 

Rubus caesius, X. 133. 

— ft*uticosus, X. 133. 

— idaeus, X. 133. 

— tomentoBUS, Wild, 133. 
Rumia crataegaria, Fab. 28. 

— luteolata, Lin. 197. 
Ryzotrogus, Latr. 183. 



s 



Saggio di un Catalogo dei Lepidot- 
teri d'Italia, Curò. 113, 189. 
Salda geminata, Costa, 265. 
Salicinee. 214. 
Salix. 132. 
Saltigradae. 267. 
Salvia austriaca, X. 134. 

— pratensis, X. 134, 135. 

— silvestris, X. 134. 
Saperda populnea, Lin, 103. 
Saprinus, Erichs, 182. 
Sarcophaga carnaria. 269, 270. 
Saturnia pyri, Lin. 28. 
Schizoneura ulmi, Lin, 176. 
Schleroderma fuscicornis, Ww, 95. 
Scimbalium. 268. 

Scìocoris macrocephalus, Fieb, 261. 
Sciophila striata, Mgn, 170. 
Scodiona conspersaria, S. V. 241. 
Scolobates crassitarsis, Grv. 29. 
Scolopostethus affini s, Schill, 262. 
Scolytus, Geoffr, 186. 

— destructor, Oliv. 103. 
^ Ratzburgii, Insh. 103. 

— rugulosus, Rtz. 103. ' 
Scoria lineata. Se, 242. 
Scrofularinee. 211. 
Scymnus 4-pustulatus. 177. 
Selandria fraxini, Hrtg, 111. 
Selenia bilunaria, Esp. 195. 

— lunaria, Sch, 195. 

— tetralunaria, Efn. 195. 



Digitized by VjOOQIC 



295 — 



Selidosema ambustaria, Eh. pag. 239. 

— ericetaria, Vili. 239. 
Semiotus citripes, Gour. 104, 109. 

— mundus, Wlk. 163. 

— varians, Gour, 105. 

— viminalis, Gour, HO. 

Sepidium crassicaudatum, Gestro, 

269. 
Sericoris micana, Hhn, 29. 
Sesia anellata, Z. 6. 

— scoliaeformìs, BKh, 6. 
ISetina irrorella, L. 7. 
Sharpia, Fauvel. 268. 

Sigalphus brucivorus, Rn,dn. 95, 96. 

— caudatus, Nees. 100, 102. 

— pallipes, Nees. 92, 93. 

— striatulus, Nees. 167. 
Sìlpha, Lin. 182 
Sinapis. 139. 

— alba, L, 129. 

— arvensis, L. 129. 
Sinoxylon, Dufts. 103, 184. 
Siphocorine faeniculi, Pass. 177. 

— xylostei, Schr, 177. 
Siphonella, Macq. 170. 

— ruflcornis, Macq. 167. 
Siphonophora absynthii, X^c^. 177. 

— malvae, Pass. 177. 

— rosae, Lm. 177. 
Sysimbrium murale, L. 128. 
Sisyphus, Xatr. 183. 
Sitaris. 269. 

Sitones, Sch, 185. 

Sitophilus oryzae, Lin. 103. 

Smerinthus ocellatus, Lin. 29. 

Solanacee. 211. 

Solanum dulcamara, L. 140, 141. 

— nigrum, L. 140. 

— tuberosum, L. 140, 142. 
Solenius rubicela, Dfr. 111. 
Solenobia, Dup. 29. 
Solenoptera meticulosa, Xin. 29. 
Spathius rubidus. Rossi, 101 
Spercheus, Kugelann, 181. 
Spergula arvensis, L. 142. 
Sphegìgaster ruflpes, Wift. 177. 
Sphaeridium, Fahr. 182. 
Sphaeroderma cardui, Gyll. 135. 

— testacea, Fah, 136. 
Sphex icneumonea, 270. 



Sphinx ligustri, Lin, pag. ^D. 

— pinastri, Lin. 29, 
Stachys recta, L. 135. 
Staphylinides de TAustralie et de lu 

Polynósie. Fauv^^J. 17, 267. 
Staphylinini. 268. 
Stegania cararia, Hb, 193. 

— trimaculata, Vili. 192, 
Stenocephalus agilis, Scop, 263. 

— neglectus, ^. S. 261, 2^3, 26^. 
Stenochara LiyingstanhV, Bertoloni. 

156. 
Stenolophus, D«i. 180. 
Stenoptera hybridaliSj Hbn. 30. 
Stenus. 268. 
Stigmus ater, Jur. 175. 
Stiphrosoma luridum, FalL 265, 
Strachia oleracea, Lin. 26 J, 2^3,265, 

— ornata, Lin. 260, 263, 265. 

— pietà, H. S. 260. 
Strangalia bi fasciata, MUr. 103, 
Strobilotoma tiphaecoi dìs, Fab. 263. 
Strongylogaster cingitlatu^* Jur. 111. 
Struttura delle elitre in certi Coleot- 
teri, Camerano. \i. 

Studi sui ragni malesi e papuani ^ 
1** I ragni di Selebes riiccolti 
nel 1874 da 0. Beecarì» I7to- 
rell. 78. 

Suniopsis, Fauvel. 268, 

Sunius, Stephens. 182. 

Supplemento alla seconda i^arte del 
Repertorio degli insetti pa- 
rassiti e delle loro vittime , 
Rondani. 9. 

Syleus niger, KocK 75. 

Synergus flavus, Gour. 165. 

— Heineanus, RU. IDS. 

— nigricornis, Gir. 108. 

— nigripes, Gir, 108. 
Synopsia sociaria, Hb. 203. 
Syromastes marginato s, Lin, 260^263, 

265. 
Syrphus vitripennis, Mgn. 177. 
Sysimbrium alliaria, Scop. VìO. 



T achina ? dorypliorae^ Endn. 98. 



Digitized by VjOOQIC 



— 296 — 



Tacchina nympharum, Rndn. pag. 18. 
" ? tremulina, Gour. 103. 
Taehinoderus, 268. 
Tachyporus, Grav, 182, 
Tachjfl, Schaum. 180. 
T&egenaria civilis. 157. 

— domestica. 157. 
Talaeporia lich§nella, Xtn. 30. 
Talaaiiflore, 204. 
Taniariscinee, 208. 
TaDvgQatus, 268. 

Tapi! ria, Bonelli. 180. 
Tapinostola fulva, Hb, 8. 
Telephorus bilineatus. 269. 
ToIl-ì; phalaenarum, i. 13. 
Teloiia Turisii, Wlk. 102. 
TtìUL^brio, Lin, 185. 
Tephritis conjuncta, Lvo. 171. 
Tepliixjjaia cremieria, Fr, 232. 

— lliigalaria, Mill. 232. 

— sepiaria, Hfn, 232. 
Terapha hyosciami, Lin. 265. 
Teiritelariae. 267. 
Tetianichus Passerinii, Tret?. 178. 

— teìarius, Lin. 178. 

Tetra ni ci. Loro organi buccali. Tar- 

gioni. VI. 
Ttìtrastichus Agathocles, Wlk. 10, 18. 

— arahiope, Westw. 173. 

— attalus, Wlk. 14. 

— ai-meus, TTZft. 163. 

— candatus, Wlk. 164. 

— deipyrus, Wlk. 98. 

— diaphuntus, Wlk. 171. 

— grandis, Wlk. 165. 

— orsidice, TT/ft. 96. 

— spartii, Frst. 93. 

— sviuthrus, Wlk. 166: 
Tettìgometra. v. 
Teuerium scorodonia, L. 133. 
Thai.s Polyxena, Schiff. var. Cassan- 
dra, Hb. 225. 

T hai ora iìmbrialis, Se. 116. 
Thalictrum. 140. 

— majus, L. 137. 
Thecia Ilicis, Esp. 249. 

— pruni, I». 249. 

— quercus, L. 249. 
^ roboris, Esp. 5. 

— rubi, Ir. 249. 



Theocolax cornigera, W\jo. pag. 92. 
Therapha hyosciami, Lin. 263. 
Thesilea (Helopidium), fTaap jBw- 

tem&. 155. 
Thiaspi campestre, X. 139. 
Tigliacee, 207. 

Tillus unifasciatus, Fàb. 91, 92. 
Timandra amata, Lin. 190. 
Timarcha, Latr. 187. 
Tinea granella, Lin. 30. 
Tingis pyri, Geoffr. 265. 
Tischeria complanella, Hbn. 30. 
Tortrix crataegana, ITfen. 30. 

— heparana, Tr. 31. 

— holmiana, Lin. 3). 

— laevigana, W. 31. 
Torymus dififtcilis, Nees. 175. 
^ dorsalis, l^'n^cZ. 107. 

— impar, Rndn. 164. 

— j unipari, Lin. 166 

— longicauda, Spin. 105. 

— muscarum, Lin. 105. 

— obsoletus, JPaftr. 108. 

— pellucidiventris. 104. 

— puparum, Nees. 108. 

— saphirinus, Fhscl. Ili, 166. 

— subterraneus, Rtz. 171. 
Trachea piniperda, Lin. 31. 
Trachys, Fab. 183. 

— minutus, Lin. 104. 
Trechus, Clairv. 180. 
Trichodes, Herbst. 184. 

— alvearius, jPa&. 110. 
Tryphon armillatorius, Grv. 110. 

— extirpatorius, (rrt?. 109. 

— lucidulus, Hrtg. 107. 

— rhodocerae, Rndn. 28. 
Tricolyga caudata, Rndn. 14. 

— conflnis, Fall. 21. 

— fidoniae, De^t?. 19. 

— piniaria. Desv. 19. 

— vulgaris. Fall. 21. 
Trichiura crataegi, Fab. 31. 
Trichius, Faft. 183. 
Trigonogaster benignus, Guér. 25. 
Triphaena. fìmbria, Lin. 31. 
Tripoxylon flgulum, Xin. 111. 
Trisilus (Cyphaleidium), Haag R^fr 

temb. 155. 
Tritomegas sexmaculatus, Ramb. 264. 



Digitized by VjOOQIC 



— 297 — 



Trogocarpus Ballestrerii, Rondani, 

pag. 94. 
Trogosita, Oliv, 182. 
Trogus lutorius, Grav. 9, 24, 29. 
Trombidium locustarum. 269. 
Tropeolee. 2Ò7. 
Tropeolum majus, L. 129. 
Trox, Fab. 183. 
Tubitelariae. 267. 
Turdus migratorius. 270. 
Tychius, Germ. 185. 
Tyroglyphus entomophagus. 178. 



u 



Urapteryx sambucaria, Lin, 197. 
Urophora cardui, Lin. 171. 

— cuspidata, Mgn. 171. 

— stylata, Fab, 171. 



V 



Valgus. 184. 

Vanessa atalantha, Lin. 31, 232. 

— C. album, L. 252. 

— Cardui, L. 32, 253. 

— Egea, Cr, 252. 

— Io, X. 253. . 

— iris, P. 32. 

— L. album, Lin. 32. 

— polychloros, L. 32, 252. 

— urticae, L. 32, 252. 
Velia currens, Fab. 264. 

— rivulorum, Fab. 262, 264. 
Velleius dilatatus, Fab. 112. 
Venilia macularla, Lin. 198. 
Vespa crabro, Lin. 112. 
Vesparia parasita observata et de- 

scripta, Rondani. v. 
Vesperus Latr. 187. 



Xantholinus, Serville. pag. 1&?, 263, 
Xyela pusilla, Dhlb. 112. 
Xylina solidaginis, ffbn. 32* 
Xylocopa ramulorum, Rndn. 112. 
Xylopertha, Gour. 104. 
Xystus circumscriptus, Ktg^ Hg, 174 
175. 

— erythrothorax, Hrtg. 174. 

— flavicornis, Hrtg. 172. 

— forticornis, Gir. 174. 

— melanogaster, Hrtg, 173. 

— mioutus, ffrtg. 172. 

— musti, Rndn. 165. 

— posticus, ffrtg. 176. 

— testaceus, Hrtg. 171. 

— victrix, Ww. 177. 



Yponomeuta cognatella, Xi>t. 33. 

— evonimella, Lin. 33. 

— padella, Fab^ 33. 



Zabrus, Clairv. 180. 
Zaleptus trichopus, T/ior, 75. 
Zerene grossulariae, Lin. 3^. 
Zicrona coerulea, Lin. 265. 
Zonosoma albiocellaria, Ho. 1S9. 

— annulata, Schulz. 189. 

— linearia, fi7>. 190. 

■— orbicularia, Hb. 189. 

— pendularia, CI. 189. 

— porata, F. 190, 

— punctaria, Lin. 190. 

— pupillaria, .ff&. 189. 
Zygaena Ephialtes, X. 7. 

— carniolica, Se. 7. 

— filipendulae, Lin. 32. 

— trifolii, .B^p. 32. 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



INDICE 

DEI LAVORI CONTENUTI NEI PRIMI DIECI VOLUMI (1869-1878) 
DEL BULLETTINO DELLA SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 



Parte Prima. 

(Per nomi d' Autori). 

Arbobio Mblla C. - Di un nuovo genere e di una nuova specie di Fitocorìde. 
(con una tav.) I. pag. 202-204. 

Anon. - Specie nuo^e di artropodi appartenenti alla Fauna italiana ed illu- 
strati da vari autori. — Coleotteri. — Ditteri. — Lepidotteri. — Aracnidi. 
II. p. 56-67. 

Babgagli P. - Escursioni entomologiche sulla montagna di Cetona. Coleo ttarL 
IL p. 169-176. 

— Materiali per la Fauna entomologica deir isola di Sardegna. Coleotteri. 

II. p. 262-279. — III. p. 47-54, 189-194, 352-359. — IV. p. 97-104, 279-2S0. — 
V. p. 34-49, 88-97, 198-207, 244-256. 

— Descrizione di nuove specie di Coleotteri deir Italia Centrale, (con tav.) 

III. p. 36-40. 

— Di alcune escursioni fatte in Italia nel 1872. IV. p. 361-380. 

— Cenni biologici su due specie di Percus, (con tav.) VI. p. 27-30. 

— Ricordi di una escursione entomologica al Monte Amiata. Coleotteri. 

VII. p. 122-133, 257-265. 

— La Flora delle Altiche in Europa. X. p. 43-73, 126-153, 204-216. 
Batelli a. - Di alcune speciali produzioni dermiche in certi crostacei bra- 

chiuri. (con tav.) IX. p. 84-91. 
Baudi DI SELVE F. - Sulle specie italiane di Scotodipnus. III. p. 25-35. 

— Osservazioni sulle specie italiane del genere Limnebius Leach. IV. p. 35-40. 

— Coleotteri tenebrioniti delle collezioni italiane. VI. p. 183-200, 275-301. — 

VII. p. 3-^7, 91-JL06, 137-165, 209-237. — Vili. 98-119, 199-207, 259-268. -^ 
IX. p. 25-54, 93-142. 

— Lamprorhiza morio. Descrizione di una nuova specie italiana di Lampiridi. 

VII. p. 37. 
Bbbtolini (Db) S. - Agabus Venturii Bert. nuova specie di coleottero del Tren- 
tino. II. p. 242-243. 



Digitized by VjOOQIC 



II 

Bbbtolini (Db) S. - Una inondazione dell'Adige: notizie entomologiche. III. 
p. 41-46. 

— Cenni sui Coleotteri della vaile di Sole nel Trentino. IV. p 109-118. 

— Escursioni entomologiche nelle Calabrie. Vili. p. 48-53. 

— Contribuzione alla Fauna degli Emitteri eterotteri. VII. 38-60. 
Bertoloni a. Intorno al danno arrecato alla canapa, al formentone ec. dal- 

VAgrotis suffusa Ochsm. var. Pepali Bertol. nep., nelle terre inondate 
del comune di Bondeno nella primavera 1873. (con tav.) VI. p. 139-146. 

— Dei danni che ha recato ai frutti ed alle foglie del Fico (Ficus carica) il 

bruco della Xylojpoda nemorana Dup. fra il luglio e T agosto del 1860 nel 

bolognese e nelle Provincie attigue. I. p. 286-294. 
Canestrini G. - Nuove specie di Opilionidi italiani. III. p. 381-385. 
Cabruccio a. - Sulla più esatta determinazione dei caratteri della Nemesia 

fodiens Th. (con tav.) III. p. 55-66. 

— Diagnosi di una nuova specie di Pelopoeus. IV. 273-275. 

— Contribuzione allo studio degli insetti del Modenese. VI. p. 69-82. 
Cavanna G. - Studi e ricerche d' Aracnologia : I® Mancanza degli occhi mediani 

in una Segestria fiorentina Rossi. IP Sclerogaster^ nuovo genere d'epeire 
e descrizione dello S, pusillus n. sp. Ili» Dimorfismo in alcune specie 
d'Araneidi. IV» Epeiridei della Calabria. V» Sulla nidificazione degli Ara- 
neidi d'Europa. VP Osservazioni sugli Episinus europei e descrizione 
dell Episinus maculipes n. sp. (con. tav.) VIII. p. 87-97,208-221, 271-291. 

— Riassunto di una memoria sui Picnogonidi. Vili. p. 292-297. 

— Alcune osservazioni intorno ad un recente lavoro del dott. A. Dohrn sui 

Picnogonidi. X. 244-247. 

— Note sopra Emitteri italiani. X. 260-265. 

CoRNALiA E. - L' Ugi, o il parassita del filugello al Giappone, (con tav.) II. 
p. 217-227. 

Costa A. - Poche notizie riguardanti la Fauna entomologica italiana. (Coleot- 
teri). Vili, p 222-224. 

— Lettera intomo alla sinonimia di alcuni Coleotteri. IX. p. 242. 

Curò A. - Nuove varietà accidentali di due specie di Lepidotteri ropaloceri 
appartenenti alla Fauna italiana. II. p. 32-34, 

— Di una nuova forma di Erebia prossima alla Nerine Freyer, proveniente 

dalle Alpi dello Stelvio, e della Gastropacha arbusculae Freyer. III. 
p. 347-351. 

— Ancora della partenogenesi del Bombyx mori, IV. p. 276-278. 

— Elenco dei Lepidotteri raccolti nei dintorni della 4« Cantoniera dello Stelvio. 

V. p. 267-270. 

— Saggio di un catalogo dei Lepidotteri d'Italia. VI. p. 3-26, 106-123, 201-218, 

315-316. — VII p. 107-121, 192-201. - Vili. p. 25-40, 269-270, 139-162. - 
IX. p. 3-24, 143-165, 252-286, 321-332. - X. p. 5-8, 113-125, 189-203, 229-243. 



Digitized by VjOOQIC 



in 

Dei a. - La Tingide, o cimice tigrata del pero, Tingis pyri Pab. (con flg. in 
legno.) IL p. 363-368. 

— Presunto ibridismo delle Coccinelle. IIL p. 197-199. 

— Relazione sui danni degli insetti nelle campagne Senesi durante Tanno 1S71. 

IIL p. 360-365. 

— Utilità dell'Entomologia applicata all'Agricoltura. IIL p. 67-80, 
Delfino F. - Sui rapporti delle Formiche con le Tettigometre e sulla genea- 
logia degli Afidi e dei Coccidi. IV. p. 343-351. 

— Altre osservazioni sui rapporti tra Cicadelle e Formiche. VII. p. fJl-65. 

— Rapporti tra insetti e tra nettarli estranuziali in alcune piante. Yll. p. 69-90. 
Db Saulcy F. - Diagnosi di alcune specie nuove di Coleotteri ipogei e deaeri- 

zione di una nuova specie di Reicheia. (con tav.) IL 164-165. 
Desbrochers DEs LoGBS. - Critica entomologica (Coleotteri). VI. p, 225-326. 
De Siebold C. - Lettera alla Società entomologica italiana sulla partenogenesi 

del Bombyx mori. HI. p. 411-412. 

— Intorno alla partenogenesi riconosciuta nelle farfalle da antichi italiani. 

IV. p. 384-388. 

— Nuove osservazioni sulla partenogenesi del Bomhyx mori Lin. V. p. 271-273. 

— Novella lettera sulla partenogenesi del Bomhyx mori Lin. VI. p. 219-224. 

— Le Helicopsyche in Italia. Vili. p. 73-82. 

— La Helicopsyche agglutinans in Italia. Lettera seconda agli eiitomoIog:i 

italiani. X. p. 81-90. 
Dohrn'C. a. - Diagnosi di coleotteri nuovi italiani. V. p. 127-129. 
Emery C. - Formicidarum italic. species duae novae. (con incisioni in legno)^ 

I. p. 135-137. 

— Studii mirmecologici. (con tav.). II. p. 193-201. 

— Descrizione di una nuova specie italiana del genere Cychrus, IV. p. 16tì-168. 

— Sopra un nuovo metodo per preservare le collezioni entomologiche dai danni 

degli Antreni. IV. p. 357-360. 

— Saggio di un ordinamento naturale dei Mirmicidei, e considerazioul sulla 

filogenesi delle Formiche, (con tav.). IX. p. 67-83. 
Failla-Tedaldi L. - Fauna entomologica sicula. Lepidotteri delle Madonle^ 

X. p. 217-227, 248-259. 
Garbiglietti a. - Catalogus methodicus et synonymicus Hemipterorum h©- 

teropterorum {Rhynghota Fabr.) Italiae indigenarum. Accedit <ltìscrìptio 

aliquot specierum vel minus vel nondum cognitarum. I. p. 41^2, 1 05-124, 

181-198, 271-281. 

— Àiòlditamenta et emendationes ad catalogum methodicum et synonym&cum 

Hemipterorum heteropterorum Italiae indigenarum. IL p. 160-163* 
Ghiliani V. - Razza o specie nuova di Acridite. I. p.* 177-180. 

— Nota sulla Phaneroptera liliifolia Fabr. L p. 53-55. 

— Acclimazione spontanea ùqW Anax mediterraneus De Selys. L p. 26S-270. 



Digitized by VjOOQIC 



IV 

Ghiliani V. - Sulla Opomala sicula. II. p. 138-139. 

— Un consìglio agli agricoltori. (Lepidotteri e Coleotteri). IV. p. 32-34. 

— Note relative alla Thalessa clavata. IV. p. 352-356. 

— Influenza del calore asciutto sullo sviluppo di alcune crisalidi. (Lepidot- 

teri). V. p. 69-72. 

— Ancora della thalessa clavata e di un altro imenottero nuovo per la Fauna 

entomologica del Piemonte. V. p. 237-243. 

— Sopra alcune invasioni di Libelluline neir Italia superiore. VI. p. 227-228. 

— Ermafrodismo e dimorfismo riuniti in un medesimo lepidottero. IX. p. 245-248. 
GiGLioLi H. E. - Breve cenno sulla distribuzione geografica dell' emittero 

Halobates. II. p. 260-261. 
Gribodo G. - Contribuzioni alla Fauna imenotterplogica italiana. V. p. 73-87. 
Haliday a. e. - Note sulla memoria del Prof. Loew, intorno alla famiglia dei 

Blefaroceridi. I. 99-101. 
Kalchberg a. - Lepidotteri nuovi per la Sicilia o per l'Europa. V. p. 51. 

— Rettificazione. (Vedi Ragusa III, Caronie). IV. 119. 

Lepori C. - Nuove ricerche anatomiche e fisiologiche sopra l'organo sonoro 
delle Cicale, (con tav.). I. p. 221-235. 

LoEw E. - La famiglia dei Blefaroceridi — I. (con upa tav.) p. 85-98. 

Mac-Lachlan R. - Sopra alcuni Friganidi italiani. VII. p. 320. 

MuLLER E. - Applicazione della Teoria darwiniana ai fiori ed agl'insetti vi- 
sitatori dei fiori. Versione e annotazioni di Federico Del pi no. (con tav.). 
II. p. 140-159, 228-241. 

Papasogli G. - Lettera sull'uso della nitrobenzina. X. 266. 

Passerini G. - Flora degli Afidi italiani finora osservati. III. p. 144-160, 244-260, 
333-346. 

— Aggiunta agli Afidi italiani. VI. p. 137-138. 

Pavesi P. - Intorno all'esistenza d'una Fauna pelagica o d'alto lago anche 
in Italia. IX. p. 293-296. 

Piccioli F. - Descrizione di una nuova specie d' imenottero della famiglia de- 
gli Sfecidei, e ^appartenente alla Fauna toscana- (con tav.). I. p. 38-40. 

— Catalogo sinonimico e topografico dei Coleotteri della Toscana. I. p. 56-66, 

205-220. - IL p, 35-55, 244-259. - III. p. 284-297. - IV. p. 259-272. 

— Descrizione di un nuovo genere d' Imenotteri della famiglia degli Sfecidei, 

spettante alla Fauna toscana. I. p. 282-285. 

— Rivista dei coleotteri spettanti alla Fauna sotterranea, recentemente sco- 

perti in Italia. IL p. 301-305. ^ 

— Descrizione di due nuove specie di coleotteri italiani. IL p. 306-314. 

— Microcoleotteri dei dintorni di Firenze. V. p. 52. 

— Nuovo coleottero italiano della famiglia degli Antribidi. (con tav.) IX. p. 214-216. 

— Elenco delle specie di Coleotteri raccolti suir Appennino di Pistoia e de- 

scrizione di una nuova specie, (con tav.). IX. p. 223-231.'^ 



Digitized by VjOOQIC 



PiNCiTORE Marott G. - Speci9 nuove per la Lepìdottero-fauna della Sicilia. 
IV. p. 105-106. 

— Escursioni entomologiche al Bosco della Ficuzza e nei prossimi ex-feudi 

Marraccia, Gatagnano e Rao (Sicilia). V. p. 180-197. 
PiRAzzoLi G. - I Carabi italiani. III. p. 261-281, 305-332. 

— Cicindele italiane. IV. p. 3-28. 

Ragazzi V. - Contribuzione alla Fauna* entomologica italiana. — Catalogo 
metodico dei Coleotteri raccolti nella provincia Modenese, neir estate degii 
anni 1875-76. X. p. 179-188. 

Ragusa E. - Descrizione di due nuove specie di coleotteri trovate in Sicilia. 
II. p. 315-316. 

— Altre due nuove specie di coleotteri trovate in Sicilia. III. p. 195-196. 

— Descrizione di una nuova specie di Attalus della Sicilia. III. p. 282-283 

— Breve escursione entomologica fatta sulle Madonie e ne' boschi di Carg- 

nia. III. p. 366-380. 

— ffaplocnemus trinacriensis. (con tav.). IV. p. 83. 

— Notizie sulla Fauna lepidotterologica della Sicilia. V. p. 31-33. 

— Rhodocera Cleopatra L. ermafrodita. V. p. 50. 

— Escursioni fatte sul Monte Pellegrino presso Palermo. V. p. 170-179. 

— Di un nuovo Georyssus e Calomicrus trovati in Sicilia. V. p. 233-234. 

— Note sinonimiche (Coleotteri). V. p. 235-236. 

— Sul Trimium Siculum nov. sp. di De Saulcy. V. p. 264-266. 

— Calendario coleotterologico per Palermo e dintorni. VI. p. 302-312. 

— Sulla sinonimia deWOmophlus fallaciosus Rottemberg, e dell' -flTapXocnemujr 

Koziorovoiczi Desbrochers. VI. p. 313-314. 

— Gita entomologica all'isola Pantelleria. VII. p. 238-256. 

Rondani C. - Grtalidinae italicae, coUectae, distìnctae et in ordinem dl^^po- 
sitae. I. p. 5-37. — II. p. 5-31, 105-133. — III. p. 3-24, 161-188. 

— Sul genere Chetostoma; Nota XVI per la Ditterologia italiana (con fig. in 

legno). I. p. 199-201. 

— Sul genere Trigonometopus degli insetti Dìpteri. I. p. 102-104. 

— Nota sulle specie del genere Oedaspis Lw. I. p. 161-164. 

— L'acaro del baco da seta e l'acaro del gelso, (con tav.). II. 166-168. 

— Sull'insetto Ugù II. p. 134-137. 

— Diptera italica non vel minus cognita ec. Addenda Anthomyinis. II. p. 317-338. 

— Repertorio degli insetti parassiti e delle loro vittime, con note ed osserva- 

zioni. III. p. 121-143, 217-243. - IV. p. 41-78, 229-258, 321-342. — Vili- 
p. 54-70, 120-138, 237-258. — IX. p. 55-66. — X. p. 9-33, 91-112, 161-178, 

— Degli insetti nocivi e dei loro parassiti. IV. p. 137-165. — V. p. 3-30, 133-165, 

209-232. — VI. p. 43-68. 

— Nuova specie del genere Phytomyptera Rndn. IV. p. 107-108. 

— Sopra alcuni vesparii parassiti. IV. 201-208. 



Digitized by VjOOQIC 



VI 

RoNDANi C. - Sopra alcuni muscarii parassiti. IV. p. 209-214. 

— Sulle specie italiane del genere Cùlex Lin. IV. p. 29-31. 

— Nota sulle specie italiane del genere Xylocopa Latr. VI. p. 103-106. 

— Nuove osservazioni sugli insetti fltofagi e sui loro parassiti fatte nel 1873. 

VI. p. 130-136. 

— Species ìtalicae ordinis Dipterorum (Muscaria Rndn.). Stirps. XXI. Tanipezi- 

nae Rndn. VI. p. 167-182. — Stirps. XXII. Loncheinae Rndn. VI. p. 243-274. 
Stirps. XXIII. Agromyzinae Rndn. VII. p. 166-191. — Stirps. XXIV. 
Chylizinae Rndn. Vili. p. 187-198. 

— Papilionaria aliqua microsoma, (con tay.). Vili. p. 19-24. 

— Diagnosi di tre vesparii microsomi insetticidi. Vili. p. 83-86. 

— Vesparia parassita non vel minus cognita, (con tav.). IX. p. 166-213. 

— Antispila Rivillella et ejusdem parassita, (con tav.). IX. p. 287-291. 
RoSTER O. - Di alcuni mezzi ed apparati destinati a riprodurre in disegno le 

immagini microscopiche, applicabili in special modo alle minute investi- 
gazioni entomologiche. I. p. 306-315. 

— Sopra un acaro dell'allodola, (con tav.). IV. p. .169-174. 

ScHABP. - Espèces nouvelles de coléoptères des Alpes Piòmontaises. VI. 

p. 317-319. 
Sblla e . - Escursioni entomologiche fatte nella Valle di Pesio neir anno 1873 

e scoperta di due specie nuove di coleotteri, (con tav.). VI. p. 82M2^ 
SiBMONi G. C. - Doryphora decemlineata Say. Vili. p. 41-47. 
SONSINO P. - Sopra una Mylahris (Mylabris fulgurita Reiche) adoperata in 

Egitto per prevenire T idrofobia. Vili. p. 229-233. 
Spagnouni à. - Comunicazione preventiva sopra i Neurotteri (Odonati) del 

Modenese. V. p. 166-169. 

— Contribuzioni alla conoscenza della Fauna entomologica d* Italia (Neurot- 

teri). VI. p. 31-42. 

— Di alcune libellule raccolte nei dintorni di Costantinopoli. IX. p. 302-310. 
Stefanelli P. - Catalogo illustrativo dei Lepidotteri toscani. Parte prima 

(Rhopalocera), I. p. 138-1610, 236-245, 295-305. — II. p. 339-357. 

— Catalogo illustrativo dei Lepidotteri toscani. Parte seconda (Sflngidi). II. 

p. 339-357. 

— Il disastro delle cavallette nella China. II. p. 77-82. 

— Frammenti di una comunicazione intorno a vari lepidotteri toscani fatta 

nella prima adunanza pubblica della Soc. ent. ital. II. p. 190-192. 

— Sull'odore di ambra o muschio che tramanda la Sphinx convolvuli Lin. 

II. p. 280-282. 

— Nuovo esame comparativo su varie specie di lepidotteri d' Italia e più par- 

ticolarmente della Toscana. IV. p. 79-82. 

— Notizie intorno alla conservazione delle collezioni entomologiche, (con fig. 

in legno.). V. p. 53-56. 



Digitized by VjOOQIC 



VII 
Stefanelli P. - Di una forma poco nota del Polyommatus Alciphron Rott. 
(con tav.). VI. p. 83-85. . 

— Nuove osservazioni intorno alla biologia di alcune specie del genere Brur 

chus, VI. p. 124-129. ^ 

— Correzioni ed aggiunte al Catalogo degli Sphingidae (Lepidotteri eteroceri) 

della Toscana. Vili. p. 163-167. 

— Sui Libellulini (Odonati) dei dintorni di Firenze. IX. p. 249-251. 

— Nuove indagini sulla conservazione delle libellule a colori fugaci. IX. 

p. 311-316. 
Tacchetti C. - Sopra un eterottero del genere Lygaeus osservato in Bologna. 
I. p, 165-166. 

— Suirallevamento dei bachi della quercia (Saturnia Yama-mai), IV. p. 381-383. 

— Di alcuni Neurotteri {Libellula Lin. et auct., Odonati Fab.) dei dintorni 

di Padova. V. p. 257-263. 
Targioni-Tozzetti a. - Nota sulla composizione delle zampe del Gyrinus 

natator. I. p. 125-133. 
^ Di i^cuni organi degli Emitteri. (con tav.). I. p. 133-134. 

— Sopra due generi di Cocciniglie (Coccidae) e sui criteri della loro defini- 

zione, (con tav.). I. p. 257-267. 

— Sulla Phylloxera vastatrix. (con fig. in legno). II. p. 68-76. 

— Sull'organo che fa lume nelle lucciole volanti d'Italia {Luciola italica). 

Nuove osservazioni, (con tav.). II. p. 177-189. 

— La Erinosi della vite e suoi acari (Phytoptus vitis Landois). II. p. 283-287. 

— Sull'apparecchio che separa ed esala l'odore di muschio nel maschio della 

Sphinx convolvuli. (con tav.). II. p. 358-362. 

— Note anatomiche intorno agli insetti : 1° Sulla disposizione e sulla struttura 

del tessuto adiposo di alcune larve. 11^ Struttura e composizione intima 
del tessuto adiposo. IH® Sopra una forma di cellule epiteliali nel ventri- 
colo delle larve delle Api (con tav.). III. p. 386-410. — IV. p. 175-187. 

— Di una specie nuova in un nuovo genere di Cirripedi lepadidei ospitante 

sulle penne addominali del Priofinus cinereus. (con tav.). IV. p. 84-96. 

— Allevamento dei bachi da seta in Italia nella primavera del 1872. IV. p. 291-298. 

— Catalogo di Crostacei podottalmi brachiuri e anomouri, raccolti nel viaggio 

di circumnavigazione della fregata italiana Magenta, IV. p. 389-399. 

— Sopra una nuova specie di lepidotteri dannosa alla coltivazione del cotone 

in Egitto. V. p. 130-132. 
~ Gli uccelli, gli insetti parassiti e le trattative per gli accordi internazio- 
nali intomo alle leggi di caccia. VI. p. 86-90. 

— Del pidocchio o della Fillossera della vite, e delle specie del genere Phyl- 

loxera in Europa e in America, (con tav.). VII. p. 266-319. 

— Sulla Stazione di entomologia agraria fondata dal R. Ministero di Agri- 

coltura, Industria e Commercio. Vili. p. 3-18. 

Ann. X, 20 



Digitized by VjOOQIC 



vili 

Targioni-Tozzbtti a. - Nota sulla biologia della Fillossera del leccio. Vili, 
p. 185-186. 

— Sommario di nuove osservazioni sulla Fillossera del Leccio e della Querce. 

IX. p. 236-239. 

— Ancora sulla Manna. IX. p. 240-241. 

— Il Myxolecanium hiharae Beccari. (Lecaniti), (con tav). IX. p. 317-320. 
-* La bocca ed i piedi dei Tetranychus (con tav.). IX. p. 333-340. 
Ulivi G. - La Manna, mielata o melatica. IX. p. 232-235. 

Vari, — Notizie di escursioni e di caccie entomologiche. VI. p. 91-102. 147-153. 

320-328. 
Verdiani-Bandi L. - Alcune osservazioni sui costumi della Tentyria grossa 

Besser. VII. p. 202-204. 

— Lettera sopra due coleotteri mostruosi, (con ine. in legno). JX. p. 220-222. 
Villa A. - Confronto di apparizioni entomologiche negli anni 1875 e 1876. 

VIII. p. 225-228. 
ViMERCATi G. - Sulla posizione del centro di gravità negF insetti. IV. p. 188-200. 
Vi SMARA F. - Note emitterologiche. 1° Sopra il genere Tettigometra Latr. IX. 

p. 217-219. — II» Sopra il genere Aphrophora Germ. IX. p. 297-301. - 

IW Sopra i generi Deltocephalus Burm. ed Agallia Curt. (con tav.). X. 

p. 34-42. 



Parte Seconda. 

(Per argomenti). 

CruBiacea — ALraehnoiaea — Myrimpadm. 

Batelli a. - Di alcune speciali produzioni dermiche in certi crostacei bra- 
chiuri, (con tav.). IX. p. 84r-91. 

Pavesi P. - Intorno all' esistenza d* una Fauna pelagica o d' alto lago anche 
in Italia. IX. p. 293-296. 

Canestrini G. - Nuove specie di Opilionidi italiani. III. p. 381-385. 

Carruggio A. - Sulla più esatta determinazione dei caratteri della Nemesia 
fodiens Th., (con tav.). III. p. 55-66. 

Cavanna G. - Studi e ricerche d'Aracnologia : I® Mancanza degli occhi me- 
diani in una Segestria fiorentina Rossi. IP Sclerogaster nuovo genere 
d' epeira e descrizione dello S. pusilltis n. sp. HI» Dimorfismo in alcune 
specie d'Araneidi. IV<> Epeiridei della Calabria. V° Sulla nidificazione degli 
Araneidi d' Europa. VI*» Osservazioni sugli Episinus europei e descrizione 
deìV Episinus maculipes n. sp. (con tav.ì. Vili. p. 87-97, 208-221, 271-291. 



Digitized by VjOOQIC 



IX 
Cavanna G. - Riassunto di una memoria sui Pignogonidi. Vili. p. 292-297, 

— Alcune osservazioni intorno ad un recente lavoro del dolt. A. Dohrn sui 

Picnogonidi. X. p. 244-247. 
RoNDANi C. - L'acaro del baco da seta e l'acaro del gelso, (con tav.). II. p. 166-168. 
RosTER G. - Sopra un acaro dell'allodola, (con tav.). IV. p. 169-174. 
Simon E. - Nuovi Attidi italiani. II. p. 64-67. 
Targioni-Tozzetti a. - La Brinosi della vite e suoi acari {Phytoptus vitis 

Landois). II. p. 283-287. 

— Di una specie nuova in un nuovo genere di Cirripedi lepadidei ospitante 

sulle penne addominali del Priofinus cinereus, (con tav.). IV. p. 84-96. 

— Catalogo dei Crostacei podottalmi brachiuri e anomouri, raccolti nel viaggio 

di circumnavigazione della fregata italiana Magenta e riportati dal Prof. 
Enrico Giglioli. IV. p. 389^399. 

— La bocca ed 1 piedi dei Tetranychus, (con tav.). IX. p. 333-340. 

RhynehoiiB. 

Arbobio Mella C. - Di un nuovo genere e di una nuova specie di Fitocoride. 

(con tav.). I. p. 202-204. 
Lepori C. - Nuove ricerche anatomiche e fisiologiche sopra l'organo sonoro 

delle Cicale, (con tav.). I. 221-235. 
Passerini G. - Flora degli Afidi italiani finora osservati. III. p. 144-160, 244-260. 

333-346. 

— Aggiunta agli Afidi italiani. VI. p. 137-138. 

Bertolini (De) S. - Contribuzionealla Fauna degli Emitterieterotteri. VII. p. 38-60. 

Cavanna G. - Note sopra Emitteri italiani. X. p. 260-265. 

Dei a. - La Tingide, o cimice tigrata del pero (Tingis pyri Fab.), (con ine. 

in legno). II. p. 363-368. 
Gabbiglietti a. - Catalogus methodicus et synonymicus Hemipterorum he- 

teropterorum {Rhynghota Fabr.) Italiae indigenarum. Accedit descriptio 

aliquot specierum vel minus vel nondum cognitarum. I. p. 41-52, 105-124, 

181-198, 271-281. 

— Additamenta et emendationes ad Catalogum methodicum et synonymicum 

Hemipterorum heteropterorum Italiae indigenarum. II. p. 160-163. 
GioLioLi H. E. - Breve cenno sulla distribuzione geografica deiremittero jffa- 

lobates Eschs. II. p. 260-261. 
Tacchetti C. - Sopra un eterottero del genere Lygaeus osservato in Bologna. 

I. p. 165-166. 
Targioni-Tozzetti A. - Di alcuni organi degli Emitteri, (con tav,). I. p. 133-134. 

— Sopra due generi di Cocciniglie (Coccidae) e sui criteri della loro defini- 

zione, (con tav.). I. 257-267. 
^ Sulla Phylloocera vastatrix Planch. (con ine. in legno) II. p. 68-76. 



Digitized by VjOOQ Ijfe 



Targioni-Tozzetti a. - Del pidocchio o della Fillossera della vite, e delle specie 
del genere PhyÙoxera in Europa e in America, (con tav). VII. p. 266-319. 
•— Nota sulla biologia della Fillossera del leccio. Vili. p. 185-186. 

— Sommario di nuove osservazioni sulla Fillossera del leccio e della querce. 

IX. p. 236-239. 

— Il Myxolecanium kiharae Beccari. (Lecaniti) (con tav.). IX. p. 317-320. 
ViSHARA F. - Note emitterologiche: I. sopra il genere Tettigometra Latr. 

IX. p. 217-219. — II. Sopra il genere Aphrophora Germ. IX. 297-301. - 
III. Sopra i generi Deltocephalus Bnrm. ed AgalliaCvLrt{, con tav.) X. p. 34-42. 



Owihopiera — I¥eu9^opierm. 



Db Siebold C. - Le Helicopsyche in Italia. Vili. p. 73-82. 

» La Helicopsyche agglutinans in Italia. Lettera seconda agli entomologi 

italiani. X. p. 81-90. 
Ohi LI ANI V. - Razza o specie nuova di Acridite. I. p. 177-180. 

— Nota sulla Phaneroptera liliifolia Fabr. I. p. 53-55. 

— Acclimazione spontanea {Anax mediterraneus De Selys.). I. p. 268-270. 

— Sulla Opomala sicula. IL p. 138-139. 

— Sopra alcune invasioni di Libelluline nell* Italia superiore. VI. p. 227-228. 
Mac-Lachlan R. - Sopra alcuni Friganidi italiani. VII. p. 320. 
Spaonolini a. - Comunicazione preventiva sopra i Neurotteri {Odonati) del 

Modenese. V. p. 166-169. 

— Contribuzioni alla conoscenza della Fauna entomologica d'Italia. Nevrotteri. 

VI. p. 31-42. 

— Di alcune Libellule raccolte nei dintorni di Costantinopoli. IX. p. 302-310. 
Stefanelli P. - Il disastro delle cavallette nella China. II. p. 77-82. 

— Sui Libellulini (Odonati) dei dintorni di Firenze. IX. p. 249-251. 

~ Nuove indagini sulla conservazione delle Libellule a colori fugaci. IX. 

p. 311-316. 
Tacchetti C. - Di alcuni Neurotteri (Libellula Lin. et auct., Odonati Fab.) 

dei dintorni di Padova. V. p. 257-263. 



MHpietfa. 

Haliday a. e. - Note sulla memoria del Prof. Loew intorno alla famiglia dei 

Blepharoceridae. I. p. 99-101. 
Loew E. - La famiglia dei Blefaroceridi (Blepharoceridae), (con tav.). I. p. 85-98. 



Digitized by VjOOQIC 



XI 

CoRNAUA E. - L* Ugi^ il parassita del filugello al Giappone, (con tav.)- 

II. p. 217-227. 
RoNDANi C. - Ortalidinae italicae, coUectae, distinctae et in ordinem dispo- 

sitae. I. p. 5-39. II. p. 5-31, 105-133. III. p. 3-24, 161-188. 

— Sul genere Chetostoma. (con flg.). I. p. 199-201. 

— Sul genere Trigonometopus degli insetti dipteri. I. p. 102-104. 

— Nota sulle specie del genere Oedaspis Lw. I. p. 161-164. 

— Suir insetto Ugi. II. p. 134-137. 

— Diptera italica nonvel minus cognita ecc. Addenda Anthomyinis. II. p. 317-338. 

— Nuova specie del genere Phytomyptera Rndn. IV. p. 107-108. 

— Sopra alcuni Muscarii parassiti. IV. p. 209-214. 

— Sulle specie italiane del genere Culeso Lin. IV. p. 29-31. 

— Species italicae ordinis Dipterorum (Muscaria Rndn.). Stirps. XXI. Tani- 

pezinae Rndn. VI. p. 167-182. — Stirps. XXII. Loncheinae Rndn. 
VI. p. 243-274. — Stirps. XXIII. Agromyzinae Rndn. VII. p. 166-J91. — 
Stirps. XXIV. Chylizinae Rndn. Vili, p. 187-198. 

— Nuovi microditteri. II. p. 58-59. 



Méepidop9efn^ 



Bbrtoloni a. - Intorno ai danno arrecato alla canapa, al formentone ec. dal- 
VAgroHs su/fusa Ochsm. var. Pepali Bertol. nep., nelle terre inondate 
nel comune di Bondeno nella primavera 1873, (con tav.). VI. p. 139-146. 

^ Dei danni che ha recato ai frutti ed alle foglie del Fico (Ficus carica) il 
bruco della Xylopoda nemorana Dup. fra il luglio e l'agosto del 1860 
nel bolognese e nelle Provincie attigue. I. p. 286-294. 

Carbuccio a. -Ck)ntribuzione allo studio 4egli insetti nel Modenese. VI. p. 69-82. 

Curò A. - Nuove varietà accidentali di due specie di lepidotteri ropaloceri 
appartenenti alla Fauna italiana. II. p. 32-34. 

— Di una nuova forma di Erebia prossima alla Nerine Freyer, proveniente 

dalle Alpi dello Stelvio, e della Qastropacha arbusculae Freyer- IH. 
p. 347-351. 

— Ancora della Partenogenesi del Bombyao mori. IV. p. 276-278. 

— Blonco dei Lepidotteri raccolti nei dintorni della IV Cantoniera dello StelvìQ. 

V. p. 267-270. 

— Saggio di un catalogo dei Lepidotteri d' Italia. VI. p. 3-26, 106-123, 201-218, 

315-316. VII. p. 107-121, 192-201. Vili. p. 25-40, 269-270, 139-162. IX. p. 3-24, 
143-165, 252-286, 321-332. X. p. 5-8, 113-125, 189-203, 229-243. 
De Siebold C. -Lettera alla Società entomologica italiana sulla partenoge- 
nesi del Bombyx mori. III. p. 411-412. 



Digitized by 



Google 



XII 

De Siebold C. - Intorno alla partenogenesi riconosciuta nelle feurfolle da 
antichi italiani. IV. p. 384-388. 

— Nuove osservazioni sulla partenogenesi del Bomhyx mori Lin. V. p. 271-273. 

— Novella lettera sulla partenogenesi del Bomhyx mori Lin. VI. p. 219-224. 
Failla-Tedaldi L. - Fauna entomologica sicula. — Lepidotteri delle Madonie. 

X. p. 217-227, 248-259. 
Ghiliani V. - Influenza del calore asciutto sullo sviluppo di alcune crisalidi. 
V. p. 69-72. 

— Ermafrodismo e dimorfismo riuniti in un medesimo lepidottero. IX. p. 245-^48. 
Kalchberg a. - Lepidotteri nuovi per la Sicilia o per l'Europa. V. p. 51. 

— Rettificazione. (Vedi art. Ragusa, Caronie). IV. p. 119. 
Mabille P. - Nuovi lepidotteri di Corsica. II. p. 60-63. 

Pincitore Marott G. - Specie nuove per la Lepidottero- fauna della Sicilia. 

IV. p. 105^106. 
Ragusa E. - Notizie sulla Fauna lepidotterologica della Sicilia. V. p. 31-33. 

— Rhodocera Cleopatra L. ermafrodita V. p. 50. 

RoNDANi C. - Papilionaria aliqua microsoma, [con tav.). Vili. p. 19-24. 

— Antispila Rivillella et ejusdem parassita (con tav.). IX. p. 287-291. 
Stefanelli P. - Catalogo illustrativo dei Lepidotteri toscani. Parte prima 

{Rhopalocerà). I. p. 138-160, 236-245, 295-305. II. p. 339-357. 

— Catalogo illustrativo dei lepidotteri toscani. Parte seconda. Sfingidi. II. 

p. 339-357. 

— Frammenti di una comunicazione intomo a vari lepidotteri toscani fatta 

nella prima adunanza pubblica della Soc. ent. ital. II. p. 190-192. 

— Sull'odore di ambra o muschio che tramanda la Sphinx convolvuli Lin. 

II. p. 280-282. 

— Nuovo esame comparativo su varie specie di Lepidotteri d' Italia e più par- 

ticolarmente della Toscana. IV. p. 79-82. 

— Di una forma poco nota del Polyommatus Alciphron Rott. (con tav.). VI. p. 83-85. 

— Correzioni ed aggiunte al Catalogo degli Sfini^idi (Lepidotteri eteroceri) 

della Toscana. VIII. p. 163-167. 

Tacchetti C. - SuU* allevamento dei bachi della quercia {Saturnia Yama- 
mai), IV. p. 381-383. 

Targioni-Tozzetti a. - Sull'apparecchio che separa ed esala l'odore di mu- 
schio nel maschio della Sphinx convolvuli^ (con tav.). II. p. 358-362. 

— Allevamento dei bachi da seta in Italia nella primavera del 1872. IV. p. 291-298. 

— Sopra una nuova specie di Lepidotteri dannosa alla coltivazione del cotone 

in Egitto. V. p. 130-132. 



Digitized by VjOOQIC 



XIII 



Coìeopiera. 

BAR6A6LI P. - Escursioni entomologiche sulla montagna di Cotona. II. p. 169-176. 

— Materiali per la Fauna entomologica dell' Isola di Sardegna. Coleotteri. 

II. p. 262-279. III. p. 47-54, 189-194, 352-359. IV. 97-104, 279-290. V. 34-49, 
88-97, 198-207, 244-256. 

— Descrizione di nuore specie di Coleotteri dell' Italia centrale, (con tav.). III. 

p. 36-40. 

— Di alcune escursioni fatte in Italia nel 1872. IV. p. 361-380. 

— Cenni biologici su due specie di Percus^ (con tav.). VI. p. 27-30. 

— Ricordi di una escursione entomologica al Monte Amiata. Coleotteri. VII 

p. 122-133, 257-265. 

— La Flora delle Altiche in Europa. X. p. 43-73, 126-153, 204-216. 
Baudi F. - Sulle specie italiane di Scotodipnus, III. p. 25-35. 

— 'Osservazioni sulle specie italiane del genere Limnebius Leach. IV. p. 35-40. 

— Coleotteri tenebrioniti delle collezioni italiane. VI. p. 183-200, 275-301. 

VII. p. 3-37, 91-106, 137-165, 209-237. Vili. p. 98-119, 199-207, 259-^68. 
IX. p. 25-54, 93-142. 

— Lamprorhiza morto. Descrizione di una nuova specie italiana di Lampiridae, 

VII. p. 37. 
Bertolini (De) S. - Agabus Venturii Bert., nuova specie di coleotteri del Tren- 
tino. II. p. 242-243. 

— Una inondazione dell'Adige. III. p. 41-46. 

— Cenni sui Coleotteri della valle di Sole nel Trentino. IV. p. 109-118. 
Costa A. - Poche notizie riguardanti la Fauna entomologica italiana. Coleotteri. 

Vili. p. 222-224. 

— Lettera riguardante la sinonimia e V habitat di alcuni coleotteri. IX. p. 242. 
Desbrochers des Loges. - Critica entomologica. VI. p. 225-226. 

De Saulct. - Diagnosi di alcune specie nuove di coleotteri ipogei e descri- 
zione di una nuova specie di Reicheia^ (con tav.). II. p. 164-165. 

Dei a. - Presunto ibridismo delle Coccinelle. III. p. 197-199. 

Dieck G. - Nuovi coleotteri italiani. II. p. 5d-57. 

DoHRN C. A. - Diagnosi di Coleotteri nuovi italiani. V. p. 127-129. 

Emery C. - Descrizione di una nuova specie italiana del genere Cychrus. 
IV. p. 166-168. 

Piccioli F. -^ Catalogo sinonimico e topografico dei Coleotteri della Toscana. 
I. p. 56-^, 205-220. II. p. 35-55, 244-259. III. p. 284-297. IV. p. 259-272. 

— Rivista dei Coleotteri spettanti alla Fauna sotterranea, recentemente sco- 

perti in Italia. II. p. 301-305. 

— Descrizione di due nuove specie di coleotteri italiani II. p. 306-314. 



Digitized by VjOOQIC 



XIV 

Piccioli F. - Microcoleotteri dei dintorni di Firenze. V. p. 52. 

— Nuoto coleottero italiano della famiglia degli Antribidi, (con tar.) IX. p. 214-216. 

— Elenco delle specie di Coleotteri raccolte suir Appennino di Pistoia e descri- 

zione di una nuora specie, (con tav.) IX. p. 223-231. 
PiBAZZOLi 0. - I Carabi italiani. III. p. 261-281, 305-332. 

— Cicindele italiane. IV. p. 3-28. 

Ragazzi V. - Contribuzione alla Fauna entomologica italiana. — Catalogo 
metodico dei Coleotteri raccolti nella provincia Modenese, nell'estate degli 
anni 1875-76. X. p. 179-188. 

Ragusa E. - Descrizione di due nuove specie di coleotteri trovate in Sicilia. 
II. p. 315-316. 

— Altre due nuove specie di coleotteri trovate in Sicilia. III. p. 195-196. 

— Descrizione di una nuova specie d'Attàlus della Sicilia. III. p. 282-283. 

— Haplocnemus trinacriensis, (con tav.)- IV. p. 83. 

— Escursioni fatte sul Monte Pellegrino presso Palermo. V. p. 170-179. 

— Di un nuovo Georyssus e Calomicrus trovati in Sicilia. V. p. 233-234. 

— Note sinonimiche. V. p. 235-236. 

— Sul Trimium siculum nov. sp. di De Saulcy. V. p. 264-266. 

— Calendario coleotterologico per Palermo e dintorni. VI. p. 302-312. 

— Sulla sinonimia délV Omophlus fallaciosus Rottemberg e déiV Eaplocnemus 

Koziorowiczi Desbrochers. VI. p. 313-314. 
ScHARp. - Espèces nouvelles de coléoptères des Alpes Piémontaises. VI. 

p. 317-319. 
Sella E. - Escursioni entomologiche fatte nella Valle del Pesio nell*anno 1873^ 

e scoperta di due specie nuove di coleotteri, (con tav.). VI. p. 82*-82'. 
SiBMONi G. C. - Doryphora decemlineata Say. Vili. p. 41-47. 
SoNsiNO P. - Sopra una Mylàbris {Mylahris fulgurita Reiche) adoperata in 

Egitto per prevenire l'idrofobia. Vili. p. 229-233. 
Stefanelli P. - Nuove osservazioni intorno alla biologia di alcune specie del 

genere Bruchus. VI. p. 124-129. 
Tabgioni-Tozzetti a. - Nota sulla composizione delle zampe del Gyrinus 

natator, I. p. 125-133. 

— Suir organo che fa lume nelle lucciole volanti d* Italia (Litciola italica)y 

nuove osservazioni, (con tav.). II. p. 177-189. 
Vbrdiani-Bandi L. - Alcune osservazioni sui costumi della Tentyria grossa 

Besser. VII. p. 202-204. 
^ Lettera sopra due coleotteri mostruosi, (con ine. in legno). IX. p. 220-222. 



Digitized by VjOOQIC 



XV 



Piccioli F. - Descrizione di una nuora specie d'imenottero della famiglia degli 
Sfecidei, e appartenente alla fauna della Toscana, (con tav.). I. p. 3S-40. 

— Descrizione di un nuovo genere d* imenotteri della famiglia degli Sfecidei, 

spettante alla Fauna toscana. I. p. 282-285. 

Cabruccio a. - Diagnosi di una nuova specie di Pelopoeus, IV. p. 273-275. 

Delfino F. - Sui rapporti delle Formiche colle Tettigometre e sulla genea- 
logia degli Afidi e dei Coccidi. IV. p. 343-351. 

— Altre osservazioni sui rapporti tra Gicadelle e Formiche. VII. p. 61-65. 
Emery C. - Formìcìdarum Italie, species duae novae, (con ine. in legno). 

I. p. 135-137. 

— Studii mirmecologici, (con tav.). l[. p. 193-201. 

— Saggio di un ordinamento naturale dei Mirmicidei, e considerazioni sulla 

filogenesi delle Formiche, (con tav.). IX. p. 67-83. 
Ohiliani V. - Note relative alla Thalessa clavata. IV. p. 352-356. 

— Ancora della Thalessa clavata e di un altro imenottero nuovo per la Fauna 

entomologica del Piemonte. V. p. 237-243. 
Gribodo G. - Contribuzioni alla Fauna imenotterologica italiana. V. p. 73-87. 
RoNBiANi C. - Sopra alcuni Vesparii parassiti. IV. p. 201-208. 

— Nota sulle specie italiane del genere Xylocopa Latr. VI. p. 103-106. 

— Diagnosi di tre Vespari microsomi insetticidi. Vin. p. 83-86. 

— Vesparia parasita non vel minus cognita, (con tav.). IX. p. 166-213. 



Entomologia applicata. 

BsRTOLONi A* - Intorno al danno arrecato alla canapa, al formentone ecc. 
dall'il^oti^ su/fusa Ochsm., nelle terre inondate del Comune di Bondeno 
nella primavera del 1873 (con tav.). VI. p. 139-146. 

— Dei danni che ha recato ai frutti ed alle foglie del fico (Ficus carica) il bruco 

della Xylapoda nemorana Dup. tn il luglio e l'agosto del 1860 nel Bolognese 

e nelle provincie attigue. I. p. 286-294. 
CoRNALiA E. - L* Ugi o il parassita del filugello al Giappone (con tav.). II. 

p. 217-227. 
Dei a. - Relazione sui danni degli insetti nelle campagne Senesi durante 

l'anno 1871. III. p. 360-365. 

— La Tingide o cimice tigrata del pero (Tyngis pyri Fab.) II. p. 363-368. 

— Utilità deir Entomologia applicata all' Agricoltura. III. p. 67-80. 
Qhiliani V. - Un consiglio agli agricoltori. IV. p. 32-34. 



Digitized by VjOOQIC 



XVI 

RoNDANi G. - Repertorio degli insetti parassiti e delle loro vittime, con note 
ed osservazioni. III. p. 121-143, 217-243. IV. p. 41-78, 229-258, 331-342. 
Vili. p. 54-70, 120-138, 237-258. IX.. p. 55-66. X. p. 9-33, 91-112, 161-178. 

— Degli insetti nocivi e dei loro parassiti. IV. p. 137-165. V. p. 3-30, 133-165, 

209-232. VI. p. 43-68. 

— Nuove osservazioni sugli insetti fitofagi e sui loro parassiti fotte nel 1873. 

VI. p. 130-136. 

— L'acaro del baco da seta e Tacaro del gelso (con tav). IL 166-168. 

— Suirinsetto Ugi, IL p. 134-137. 

SiBMONi G. C. - Doryphora decenUineata Say. Vili. p. 41-47. 

SoNSiNO P. - Sopra la Mylabris fulgurita Reiche, adoperata in Egitto contro la 

idrofobia. Vili. p. 229-233. 
Stefanelli P. - Il disastro delle cavallette nella China. IL p. 77-82. 
Tacchetti C. - Suirallevamento dei bachi della Saturnia Yama-mai, IV. 

p. 381-383. 
Taroioni-Tozzetti a. - Oli uccelli, gli insetti parassiti e le trattative per gli 

accordi intemazionali intorno alle leggi di caccia. VI. p. 86-90. 

— Sulla Stazione di entomologia agraria fondata dal R. Ministeit) di Agricoltura, 

Industria e Commercio. Vili. p. 3-18. 

— Sulla Phylloxera vastatrix Planch. (ine. in legno). IL p. 68-76. 

— La erinosi della vite e suoi acari (Phytoptus vitis Landois). IL p. 283-287. 

— Allevamento dei bachi da seta in Italia nella primavera del 1872. IV. 

p. 291-298. 

« Sopra una nuova specie di Lepidotteri dannosa alla coltivazione del cotone 
in Egitto. V. p. 130-132. 

^ Del pidocchio o della Fillossera della vite e delle specie del genere Phyllo- 
xera in Europa e in America (con tav.). VII, p. 266-319. 

-^ Nota sulla biologia della Fillossera del leccio. Vili. p. 185-186 

— Sommario di nuove osservazioni sulla Filossera del leccio e della querce. 

IX. p. 236-239. 

Escursioni etc. 

Bertolini (De) S. - Escursioni entomologiche nelle Calabrie. Vili. p. 48-53. 
PiNCiTORE Marott G. - Escursioui entomologiche al Bosco della Ficuzza e nei 

prossimi ex-feudi Marraccia, Catagnano e Rao (Sicilia). V. p. 180-197. 
Ragusa E. - Breve escursione entomologica fatta sulle Madonie e ne* boschi 

di Caronia. III. p. 366-380. 

— Gita entomologica all' isola Pantelleria. VH. p. 238-256. 

Vari. - Notizie dì escursioni e di caccie entomologiche. VI. p. 91-102,147^153, 
320-328. 



Digitized by VjOOQIC 



XVII 



Praxis. 

Emery C. - Sopra un nuovo metodo per preservare le collezìbni entomologiche 
dai danni degli Antreni. IV. p. 357>360. 

Papasogli G. - Lettera sul!' uso della Nitrobenzina. "X. p. 266. 

RoSTBR. O. - Di alcuni mezzi ed apparati destinati a riprodurre in disegno le 
immagini microscjppiche, applicabili in special modo alle minute investi- 
gazioni entomologiche. I. p. 306-315. 

Stefanelli P. - Notizie intorno alla conservazione delle collezioni entomolo- 
giche (con ine. in legno). V. p. 53-56. 

— Nuove indagini sulla conservazione delle Libellule a colori fugaci. IX. p. 311-316. 



Varia. 



Delfino F. - Rapporti tra insetti e tra nettarli estranuziali in alcune piante. 

VII. p. 69-90. 

MuLLER E. - Applicazione della Teoria darwiniana ai fiori ed agi* insetti visi- 
tatori dei fiori. Versione e annotazioni di Federigo Delplno. (con tav.). 
II. p. 140-159, 228-241. 

Tabgioni-Tozzetti a. - Note anatomiche intorno agli insetti, (con tav.) III. 
p. 386-410. IV. p. 175-187. 

— Ancora sulla Manna. IX. p. 240-241. 

Ulivi P. - La Manna, mielata o melatica. IX. p. 232-235. 

Villa A. - Confronto di apparizioni entomologiche negli anni 1875 e 1876. 

VIII. p. 225-228. 

ViMERCATi G. - Sulla posizione del centro di gravità negl* insetti. IV. p. 188-200. 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



237 



STEFANO DE BERTOLINO Supplemento contenente le epecie sco- 
perte o descritte di recente od ommesse nel < Catalogo sinoni- 
mico e topografico dei Coleotteri d'Italia. > (1) 



Cicindela Lin, 

16 Dilacerata Dej\ - Angalosa Oliv.j 
Calabria. 

Cychrus Fàbr, 

10 Angnlicollìs Sella, Valle del Fesio. 

Carabus lAn. 
47 Yariolatas Costd, Gran Sasso. 

Nebria Latr, 

29 Vuillefroyi Chaud., M. Rosa. 

30 Pedemontana Vuillef., Piemonte. 

Leistus Fròhl. 

11 Ovìpennis Chaud,, Al. pen. 

12 Koziorowiczi Bruì., Cor. Sar. 

Clivina Latr, 
5 Sacra Putz,, Sardegna. 

Dyschirins Bon,> 

40 Lignrìensis Tutz,, Spezia. 

41 Glypeatns Putz., Sicilia. 

42 Similatos Betta, Pò. 

Brachynus We'ber. 

18 Bajardi Dej., Calabria. 

14 Elongatns Tourn,, Piemonte. 



(1) BuU. Soc. Ent. Ital. 1972 e seip. 
B. 



Cymindis Lair^ 

12 Chaudoiri Fairm., Sicilia. 
15 Lencophthalma Lue, - Obtnsìcol- 
lis Motsch^y Corsica. 

14 Discoidea i)^'., Italia. 

15 Acatangala Chaud,, Alpi. 

16 Alpina Chaud, - sicelìdìs Eeickj 

Siena. 

17 Leachìi Reiche, Napoli- 

Sphodrus Clairv. 

24 Conspicuus Waltl. - (ÀGcìimites 
Schauf.) Grandis Motsck, Siena. 

Calathns Bon. 

16 Pirazzolii Putz., Umbria, 

17 Montivagns D^,, Sicilia. 

18 Signaticornis Walt,, Siena. 

Anchomenus Er. 

31 Krynichii Sperk. - uliginosus !>., 

Ticino. 

32 Numidicns Lue,, Siena, 

33 FnlgidicoUis Er,, Italia. 

34 Curvipes Tourn,, Siena. 

35 Thoreyi Dej,, Toscana. 

36 Qaadripnnctatns De Geer^ Francia. 

Platydems Siepk 
6 Varians Schauf,, Skmu 



U 



Digitized by VjOOQ IC 



— 238 — 



Feronia Latr, 

130 Varimi Gaut^ (Orthomus) Sicilia, 

Sardegna. 

131 Platyptera Fairm., (Pterostichas) 

Italia. 

132 Nobilis Sfierl, (Pterostichus) It. 

Monte Rosa. 

133 Ovata Motsch., (Percus) Sard. 

134 Oblonga Motsch,, (Percns) Cors. 

135 Cylindrica Chaud., (Percus) Sard. 

Amara Bon. 

47 Refulgens Beiche, Sicilia. 

48 Sabnlosa Ikj., (Acrodon) Planiu- 

scnla Bos. - Polita Chaud. - 
BarnevUlei Fairm. 

49 Brevis Dej,, (Leiocnemis) M. Rosa. 

50 Helleri GredL (Cirtonotns) Tir. 

mer. ? 

Zabms Cìairv. 
10 Seidlitzì Schaum., Corsica. 
Ditomus Bon. 

10 Gilvipes Pioch,, Siena. 

11 Gracilis Bamb. - Rnfìcomis Lue, 

Siena. 

Acinopns JDej, 
5 Elongatns Lucas., Siena. 
Harpalus LcUr. 

75 Violaceus Beiche^ - Episcopalis 

Beiche, Siena. 

76 Punctipennis Muls. - Anthraci- 

nns Fairm, - Mulsanti Marsh, 

77 Melancholicus Dej, - Piciventris 

Parr., Piemonte, Toscana. 

Bradycellus Er. 

8 Placidus Gyll - AfBnis Sahlb., 
Piemonte. 



Trechus Clairv, 

32 Artemisiae Pute.^ Oropa. 

33 Ovatus Putz. - Macilentus Ha- 

rold. - Pallescens BedL - 0- 
chreatns Bedt,, Alpi. 

34 Glacialis Put0., Piemonte. 

35 Modestus Putz,, Piemonte. 

36 Aubei Pand,, Piemonte. 

37 Patzeissii Pand,, Alpi marittime. 

37 Fairmairei Pand,y Alpi marittime. 

38 Binotatus Putz,, Appennino. 

39 Chandoiri Levrat, Siena. 

Anophthalmns Sturm, 

8 Garantii Sella, Piemonte. 

9 Hirtns Sturm., Grotta S. Servolo. 

Tachys Schaum. 

17 Insularis Bagusa, Sicilia. 

18 Inustum Dur, - Biasiolii Qredl^ 

Piemonte, Tirolo. 

19 Praeustnm Duv,, Sicilia. 

20 Dalmatlnnm Schaum,, Sicilia. 

Tachypos Lacord. 

5 FestivusZ)Mt;.-CyanicornisPa«(i., 
Piemonte, Corsica. 

Hydroporus Clairv, 

82 Thermalis Germ,, Pantelleria. 

83 Baeticns Schaum,, Siena. 

84 Bonnairei Fairm,, Corsica. 

85 Nigricollis Fairm,, Corsica. 

86 Nenter Fairm., Piemonte. 

87 Sabandus Fauv,, Alpi. 

88 12-macnlatiis Begimb,, Sardegna. 

Hydrocanthns Say. 
(dopo Noterus) 

1 Notula Er, - Diophthalmus E&r 
che, Sicilia. 

Hydrobius Leach, 

10 Grandis Motsch, Siena. 

11 Bipustulatus Mars,, Italia. 



Digitized by VjOOQIC 



— 239 — 



12 Limbatus J^a5r.-MinutusJ3(?r65^. 

13 Globulns BL - Carinatns Thoms. 

- Variabilis Sharp., Italia, 

Philhydros SoUer. 
6 Politus Kust, Pantelleria. 
Laccobius J&. 

11 SmusLtnsMotsch.-AlbeBCBJìsBoU.y 

Siena. 

12 Emeryi Botto., Italia meridionale. 

13 Bipnnctatus Thoms., Piemonte. 

14 Sellae Sharp., Valdieri. 

Berosos Leach, 

6 Corsicns Beshr., Corsica. 

Holophorus Fàbr. 

18 Villosns Bufi., Italia. 

19 Pallidnlus Thoms., Piemonte. 

Hydrochus Germ, 

7 Grandicollis Kiesw., Corsica. 

Ochthebius Leach. 

21 Lannginosns Ileiche. - ? Pilo- 

sus Waltl, Appennino. 

22 Maculatus Reiche, Sicilia. 

23 Submersus Chevr., Bari. 

Gercyon Leach,, 
22 Ehomboidale Perris, Corsica. 
Antalia Steph. 

3 Conura lekel, Sicilia. 

4 PuncticoUis Sharp., Alpi. 

V. AUa Gredlj Tir. ? merid. 

Borboropora Kraatz. 

(dopo AutaliaJ 

1 Kraatzi Fuss., Trentino. 



Falagria Steph, 

6 Sieda leTcelj Sicilia, 

7 Picicornis Bey., Corsica. 

Echidnoglossa WoUaston. 
(dopo Falagria) 

1 Corsica Bey., Corsica. 
Ocalea Er. 

8 PuncticoUis Bey., Corsica. 

Leptusa Kraatz, 

14 Pulchra Epp., Corsica. 

15 Piceata Muls. et Bey, Stelvio. 

16 Laevata Bey, Corsica. 

17 Pnnctulata Bey, Corsica. 

18 Scabripennis Bey, Corsica. 

19 Cavipennis Bey, Corsica. 

20 Sablaevis Bey, Corsica. 

21 Eevelieri Bey, Corsica. 

Aleochara Grav, 

86 Anrovillosa leTcel, Malta. 

37 Milleri Kraatz, Tir. meridionale. 

38 Erectesetosa lelcel, Sicilia. 

Ilyobates Kraatz. 

5 Cribripennis Bey, Corsica. 

Galodera Marm, 

6 Occulta Heer, Piemonte. 

7 Subnitida Bey, Corsica. 

Tachyasa Er., 

16 Cingulata leTcel, Sicilia. 

17 Nitidula Bey, Corsica. 

Ozypoda Mann, 

36 Punebris Kraatz, 

37 Quadricuspidata leTcél, 

38 Pusina Bey, Corsica. 

39 Breviuscula Bey, Corsica. 



Digitized by VjOOQIC 




|fev 



I 



)^^C 



h-\ 



240 — 



40 
41 
42 
43 
44 



138 
139 

140 
141 



141 
142 

148 
144 

145 
146 
147 
148 
149 
150 
151 

152 
153 
154 
155 



156 
157 
158 
159 






Recondita Kraatey Sicilia. 
Pietà Bey, Corsica. 
Montana Kraatgy Alpi. 
Beferens Bey, Corsica. 
Damryi Bey, Corsica. 

Homalota Mann. 

Insecta Thoms., Piemonte. 
Marina i^. - ImbeciUa Waterh. 

- Cyrtonota Thoms., Italia. 
Cava Fauv,, Sicilia. 

Vicina Kraate, - Zosterae Thoms. 

- Nigra KraaJtz, - Celata Thoms, 

- Hodiema Sharp, Piemonte. 
Minor Auhé, Corsica. 
Mortnorum Thoms. - Atricolor 

Sharp, Italia. 
Indnbìa Sharp, Piemonte. 
Macrocera Thoms. - Nudicomis 

Bey, Stelvio. 

Delicatnla Sharp, Trentino. 
Velata Er., Italia. 
Fnngivora Thoms., Tir. merid. 
Forticornis Kraatg, Sicilia. 
Procedens Epp„ Tir. meridionale. 
Cinnamoptera Epp,, Stelvio. 
Putrida Xraa/jer, - Assimilis J^^)., 

Tirolo meridionale. 
Inliata Fauv,, Siena. 
Qnadricollis Fauv., Corsica. 
Filaria Fauv., Corsica. 
Pumil a Kraatg, - Laticeps Thoms. 

- DifiScilis Bris. - Nana Bey, 
Corsica. 

Villosula Kraatg, Alpi. 
Putrida Kraatz, Alpi. 
Assimilis Fpp., Alpi. 
Villosula Kraatz, Alpi. 

Oligota Mann. 

Punctulata Heer. - ruficomis Sharp. 

- Pilosa Bey, Italia. 
Apicata Er., - Abdominalis Scriba. 

- Xanthopyga Kraatz, Italia. 



Agaricochara Kraatz. 
2 Aspera Fauv., Corsica. 
MyUaena Er. 

6 Paradoxa Scriba, Italia. 

7 Gracilicomis Fairm. - Elongata 

Kraatz. - Incisa Bey. - glauca 
Bey. - Kraatzi Sharp, Italia. 

8 Infuscata Bj-aatz. - Minima &., 

Trentino. 

Tachinus Ch'av. 

19 Manueli Sharp., Pesio. 

20 Flavolimbatus P., Sicilia. 

Lamprinus Heer. 

2 Pictus Fairm. - Pairmairei I^j)r. 

- Luctuosus Fairm., Sicilia. 

Gonosoma Kraatz, 

8 MonticolaTFbW.-Lethien7ÌPa»Ml., 
Piemonte. 

Mycetoporus Mann. 

18 Bruchii Pand., Stelvio. 

19 Punctatus ChflL - Bicolor Màklin. 

- Semirufus Heer, Toscana. 

20 Punctipennis Scriba, Italia. 

21 Pachygraphis Pand., Alpi. 

Quedius Steph. 

46 Longicomis Kraatz, Appennino. 

47 Mesomelinns Marsh. - Puchsii 

Scriba. - Temporalis Toms, - 
Variabilis GyZZ., Italia. 

48 Robustus Scriba, Alpi. 

49 Coxalis Kraatz, Italia. 

Staphylinus 2^'^. 

11 Chloropterus Panz., Tir. merid. 

12 Meridionalis J^os.-Mulsanti Qod., 

Tirolo meridionale. ? 



Digitized by VjOOQIC 






— 241 — 



Ooypus Steph, 

24 Ehaeticas Epp.^ Bormio. 

25 Megacephalus Grav.^ Trentino. 

Philonthus Curi. 

84 Asphaltinns JSr., Italia. 

85 Nimbicola Fauv., Monte Bosa. 

86 Immnndas Chfll - Fumigatus JSr., 

Tatta Italia. 

87 Nigrita Grav., Trentino. 

88 Biseriatns Stierl, S. Bernardo. 

89 Semipunctatus Fairm.^ (Actobius) 

Trieste. 

Vulda Duv. 

2 Angnsticollis Fauv. - Gracilipes 
Fauv.^ Italia. 

Xantholimis Serv. 

19 Myops Fauv., Alpi marittime. 

20 Cribripennis Fauv,, Italia. 

21 Eufipes Lue. - Cordieri Boield., 

Sicilia. 

Othius Steph. 
7 Grandis Hoch., Trieste (?) 

Gylindrogaster Perris. 
2 Corsicns Fauv. 

Stiliciis Latr. 
9 Pestivus Bey, Corsica. 

Scopaeus Er. 
13 Microptems Fauvel, Toscana. 
Litocharis Er. 

16 Dilnta Er., Cor. 

17 Graeca Kraate, Italia. 

Sunius Steph. 

16 Latos Bosenh., Corsica. 

17 Curtulus Er., Corsica, Sardegna. 



18 Thoracicns Baudi. - Sabnitìdos 
Kraatz, Siena. 

Paedems Grav. 

13 Merìdionalìs Fauv., Siena. 

Stenus Steph. 

86 Alpicola Fauv., Piemonte. 

87 Oreophilus Fairm., Corsica, Sic. 

88 Strigosns Fauv., Corsica. 

89 Longitarsis Thoms. - <f Bame- 

villei Bedel, Trieste. 

90 Canescens Bosenh. - Major Bey. - 

Arabicns Saul., Corsica. 

91 Crassns St^h. - Nigritulns Er. - 

Crassiventris Thoms., Italia. 

Leptotyphliis Fauvel. 

(dopo Stenns) 

1 SablaeYÌs Fauv. - Exilis Bey^ 
Corsica. 

Octavius Fauvel. 

(dopo Euastbetus) 

1 Insalaris Fauv., Corsica, Sard. 

Edaphns Leconte. 
(dopo il precedente) 

1 Dissimilis Aubè, Corsica. 
Bledius Mann. 

34 DenticoUis JPaur. -ObscurusJB^, 

Piemonte. 

35 Bandii Fauv. - ? Agricnltor ? 

Kraatz, Piemonte. 

36 Erythroptems Kraatz, Alpi 

37 Atratus Fauv., Sardegna. 

38 Strictus Fauv., Piemonte. 

Trogophloeus Mann. 

22 Eivularisilf(?^scA.-BilineatusJE^. 
- Erichsoni Sharp, Italia. 

23 Niloticns Er., Piemonte. 

24 Exiguns Er. - Aberrans Bo8. - 
Discolor Baudi. - ? Atomns5ati7(^. 



Digitized by VjOOQIC 



— 242 



Thinobius Kiesw. 

7 Micros Fauv.f Freyus. 

Ancyrophoms Kraate, 
5 Àorens Fauv,,, Corsica. 

Actocharis Fauvél. 

(dopo Thinobius) 

1 Marina Fauv, - Eeadingii Sharp., 
Messina. 

CSompsochilus Kraate. 
3 Cephalotes JE7r., Italia. 

Lesteva Latr, 
10 Corsica Perris^ Corsica. 

Lathrimaeum Er. 

3 Pusculam Er., S. Gottardo. 

DeUphmm Er. 

4 Arcticum Er., Stelvio. 

Arpedium Er. 

3 Macrocephalam Epp., Tir. mer. 

Omalium Grav. 

25 Porosum Scriba. - Foraminosum 

Scriba. 

26 Scabriuscnlum Kraatz, Trentino. 

27 Melanocephalum Fabr. - Brun- 

neum Payh., Piemonte. 

28 Salculam/S'^ei?A.' Striatimi ^ois(l., 

Corsica. 

Anthobium StepJi. 

34 Octavii Fauv., Monte Viso. 

35 Oblitnm Fairm., Italia. 

36 Nigriceps Fauv., Corsica. 
87 Pruinosnm Fauv., Corsica. 

38 Angnsticolle Fauv., Alpi mar. 

39 Aetolicam Kraatz, Sicilia. 



40 Sparsnm Fauv., Italia. 

41 Umbellatarum Kiesv., Italia. 

42 Sinnatam Fauv., Alpi. 

Proteinus Latr. 

5 LongicoUis Gredl., Trentino. 

6 Limbatus MacM. - Màcklini Fauv. 

- Crenulatus Pand., Piem., Cors. 

Phloeocharis Mann. 

2 LaticoUis Fauv., Piemonte. 

3 Corsica Fauv., Corsica. 

4 Paradoxa Saulcy. - Coeca Fauv.j 

Corsica. 

Trigonurus Muls. 
(dopo Phloeocharis] 

1 Mellyi Muls., Alpi Piem. ? 

Micropeplus LaJtr. 

5 Longipennis Kraatz, - Staphyli- 

noides Kraatz, Alpi. 

Ghennimn Latr. 

2 Insulare Saulcy, Corsica. 

Trogaster Sharp. 

(dopo Trichonyx) 

1 Heterocerus Saulcy, Corsica. 

2 Aberrans Sharp, Corsica. 

Mirus Saulcy. 
(dopo Tyrus) 

1 Permirus Saulcy, Corsica. 
Batrisus Atibè. 

6 Insnlaris Baudì, Corsica. 

7 Adnexus Hampe, Toscana. 

Amaurops Fairm. 

6 Revelieri Saulc, Corsica. 

7 Koziorowiczi Saulc, Corsica. 

8 Exaratns Baudi, Abruzzo. 

9 Carinatus Baudi, AL Graje. 
10 Pirazzolii Saulcy, Al. Lepon. 



Digitized by VjOOQIC 



— 243 — 



^ Bryaxis Leach, 

32 Dentìventris Saulcy, Italia. 

33 Corsica Saulcy, Sard., Corsica. 
34: Eagusae Saulcy, Sicilia. 

35 Galathea Saulcy^ Sicilia. 

36 Guillemardi Saulcy, Toscana. 

Bythinus Leach. 

25 Procerns Gredl (Machaerites) Tr. 

26 Doriae Sckauf,, Italia. 

27 Clavicomis Panz, - Nigrìnus Bey. 

- LaevicoUis Fairm,^ Italia. 

Euplectus Leach. 

13 Kunzei At4ò., Alpi. 

14 Spinolae ^w&., Alpi. 

Trimium Aube. 
5 Riedeli Fairm.^ Sicilia. 

Philus Saulcy. 
(dopo il precedente) 

1 Aubei Saulcyy Corsica. 
Paussus Linne. (Paussidae). 

(dopo Clavigrer). 
1 Favieri Fairm., Sicilia, 

Gephennium MilUer. 

11 Minimum Saulcy, (?) Sardegna. 

Scydmaenus Latr. 

42 Proximus Saulcy, Sardegna. 

43 Similaris Saulcy, Sardegna. 

44 Dubius Saulcy, Italia. 

45 Damryi Saulcy, Corsica. 

46 Microglenes Saulcy, Corsica. 

47 Eevelieri Saulcy, Corsica. 

48 Aglena Saulcy, Sardegna. 

49 Tentricosns RoU. (Eumicrus), Sic. 

Mastigus Latr. 
4 Bnficoruis Motsch., Italia. 



Adelops Tellk. 

16 Corsicus Perris, Corsica. 

Gholeva Latr. 

9 Spadicea Sturm., Toscana. 
10 Wilkini Speme, Toscana. 

Gatops Payk. 
20 Anisotomoides Spence, Trieste. 

Colon Herhst. 
7 Brnnneum Latr., Toscana. 

Anisotoma 111. 

17 Cnrvipes Schmidt, Italia. 

18 Litura Steph., Toscana. 

Agathidium III. 

16 Siculum Bri$., Sicilia. 

17 Pisanum Bxis., Toscana. 

18 Discoidenm Er., Alpi. 

Nossidium Erich. (Trychopierygìae), 
(dopo Spbaerius] 
1 Pilosellum - (Ptilinm) Schilpp., It. 

Ptilium Er. 

9 Marginatura Aubè, Corsica, 

Trichopteryx Kirhy. 
10 LataJtfb^sc^.-6igas AUib., Cors, 

Actinopteryx MattewB^ 

(dopo il precedente) 

1 Pucicola Allib. - Mollis Halid. - 
Dilaticollis Motsch. - Marina 
Motsch., Italia. 

Astatopteryx Perris. 

(segue al precedente] 

1 Laticollis Perris. Perrbii Matt,, 
Toscana. 



Digitized by 



Google 



— 244 — 



Saprlnns Er. 

36 Perrisi Marsh., Corsica. 
Plegadems Er. 

6 Baraai Mars., Corsica. 

Àcrltns Lee. 
6 Llttoralis Ferrari, Italia. 

Murmtdins Laech. 
Ceutocerus Germ. 

(dopo Acritus). 

X 0?ali9 Beck. (Elster) Ferrngi- 
nfius Lcach. - Advena Oerm., 
Italia. 

Olibras JEr. 

14 Helveticna Toum., Toscana. 

Mlcroctilodes ReUter. 

(dopa BrachypteruB). 

1 SagGsat^ Beiti., Sicilia. 

Epuraea Er. 

21 Marsei^li Beiit, Sicilia. 

22 Serica Edtt, Tiroio merìd. 

Mellgethes Steph. 

57 Prioides lìeitt., Sicilia. 

58 Gftìdleri Beitter, Tiroio ? mer. 

59 Fuscus OUv., Corsica. 

XetiosfcFOngylus Wóll. 

3 D^yralleì i>Mt;aL -HirsutusJPairm. 

Obi^oletus Chevr. 

Gyciiramiis Kugel. 

4 Aiutacene Bevtt., Alpi. 

Nemosoma Latr. 

2 Corsìcum Beìtt., Corsica. 



Trogoslta Oliv. 
2 Tristis Muls., Sicilia. 

Bothrideres Er. 

2 Angusticollis Bris., ? Toscana. 

Laemophloeus Er. 

14 Perrisi Grouv., Corsica. 

Aeraphilas Bedt. 
8 Corsicas Grouv., Corsica. 

Astilpnos Perris. 

Derotoma Beitter. 

(dopo Catbartus] 

1 Mnltistriolatns Perris. - Sericel- 
Ins Battb., Sicilia. 

Gryptophagus Herbst. 
26 Gracilis Beitter, Alpi. 

Atomaria Steph. 

34 Prolixa Er., Trentino. 

35 Momla Beitt., Tiroio ? mer. 

36 EnbricoUis Bris., Tiroio ? mer. 

37 Parvula Beitt. - Paucula BeUt., 

Italia. 

38 Thorictoides Beilt., Italia. 

Stemodea Beitter. 
(dopo 11 g. precedente] 

1 Bandii. Beitt., Italia. 

Derodontus Leeonte. (Derodontidae). 

Micetomychns Friv. 

(dopo Ephistemus) 

1 Macnlaris Fusg., Tiroio ? mer. 

Anommatos Westto. 

2 Djecki Beitter, Corsica. 

3 Bandii Beitter, Toscana. 



k 



Digitized by VjOOQIC 



— 245 — 



Langelandia Atibè. 
Major Baudiy Calabria. 

Metophfhalmus Wollaston, 

Bonvouloiria Duv. 

1 Bagusae EeUt. - Obesns Kiesv,y 
Sicilia. 

Merophysia Lue, 
4 Foveolata Baudiy Italia. 

Holoparamecus Curtis. 

6 Lowei Woll. - occnltus Leder., 

Corsica. 

7 Bagasae EeUt, Siena. 

Lathiidiiis Herbst, 
33 Nodifer Westw,j Corsica. 

Gartodere Thoms, 

(dopo LatbridìusJ. 

1 Pilifera Eeitt,, Siena. 

2 Bnficollis Marsh. - Lilipntiana 

Villa - CoUaris Jtfan». - Exi- 
lis Mann, Corsica. 

Dasycerns Brongmart. 
2 Echinatas Arrag., Sardegna. 

Gorticaria III. 

27 Angusta Aub., Sardegna. 

28 Fenestralis lAn. - Ferruginea 

Marsh. - Nigricollis Zett. - Ni- 
griceps Waltl - Rufula Zett., 
Feltrino. 

29 Crocata Mann. - Suturalis ilfa«n. 

- CurticolJis Mann. Tutta Ital. 

Attagenus Latr. 
18 MarginicoUis ffils^., Sardegna. 



Syncalypta Dillw. 
7 Hirsuta SJiarp, Italia. 
Morsrchus Er. 
4 Modestus Kiesw., Monte Bosa. 

Simplocaria ilfars^. 
2.Maculosa Er., Italia. 

liinmlchus Zofr. 

4 Angustulus Weise, Sardegna. 

Heterocerus Faòr. 
24 Pictus Muls., Sicilia. 

Oniticellas Serv. 

4 Concinnus 6rcwe. - Bevelieriafwfe., 
Corsica. 

Aphodius ni. 

86 Sedulus Harold. - putridus Sturm., 

Alpi. 

87 Cinereus Muls., Sicilia. 

88 Praecox Er., Toscana. 

89 Siculus Harold., Sicilia. 

90 Laticollis Bandi, Alpi mar. 

Hybalos Bruii. 

4 Benoiti Toum., Sicilia. 

Melolonta Fahr. 

4 Nigripes Com., Italia. 

Rhizotrogns Lair. 

35 laveti Stierl, Sicilia. 
86 Logesi Muls., Italia mer. 

37 Discicollis Beiche, Corsica 

38 Gerardi Buquet, PantelL 

Anomala Koeppe. 
11 Praticola Fabr. - ErransJR?., li 



Digitized by VjOOQIC 



246 — 



12 Pedomontana Tourn,, Piemonte. 

Dicerca Eschs. 
6 Herbstii Kiestv.y Alpi. 

Anthazla Esch. 

38 Tenella Kiesw.^ Toscana. 

29 Panciata Ponza. - Quadriim- 

pressa Motsch., Italia sett 

Agrilus Sol, 
26 Asperrimus Marsh.^ Italia. 

Throscas Latr, 
9 Al^ricus Bonv., Corsica. 

Ischnodes Germ. 

(dopo Elater) 

1 Sanguinicollis Paw^., Italia. 

Cryptohypnos Esch, 
17 Propinquus Desbr,, Corsica. 

Gardiophorus Esch, 

30 Yillosulus Deshr,^ Corèica. 
SI Maculicrus Desbr,, Corsica. 
32 Pasillus Desbr,, Corsica. 

Melanotus Esch, 
10 Candezei StierL, Sicilia. 

Athous Esch. 

38 LaTergnei Eeiche, Italia. 

39 Lìmoniiformis Cand., Italia. 

40 EeTslieri Rey,y Corsica. 

41 Florentinus Beshr,, Italia. 

42 Nigerrimus Deshr,, Alpi. 

43 Dtpressifrons Desbr., Corsica. 
4i Perrisi Desbr,, Corsica. 

45 Somirufns Desbr,, Alpi. 

46 Yillosns Desbr., Corsica. 



14 



9 
10 
11 



45 
46 
47 



13 
14 



31 
32 



24 



42 



Isidus Bei/, 

(dopo Atbous). 

Moreli Bey, Corsica. 

Gebrlo OUv. 
Fossulalus Perris, Corsica. 

Gjrphon Payk. 

Kùnkelii Muls,, Monte Eosa. 
Hydrocyphonoides Tourn,, Italia. 
Siculus Tourn,, Sicilia. 

Gantharis Schaef, 

Majori Pi'cc. (Podabrus), Toscana 
Rufidens Mars., Corsica. 
Angnlatocollis Costa (Rhagony- 
cha), Italia. 

Malthinus L(ttr, 

Dryocetes Boti., Sicilia. 
Sicanus Kiesw,, Sicilia. 

Malachios Fabr. 

Apicalis Villa, Italia. 
Fallaciosns Bandi, Roma. 

Axinotarsus Mofsch, 

Ragusae Schauff., Italia mer. 

Attalus Er, 

PosticiyB Muls,, Italia. 

Dasytes Payk. 

Variegatus Lue, Sardegna. 

Acanthocnemus Perris. 

(dopo Dasytes). 

Ciliatus Perris, Corsica. 

Haplocnemas Sùeph, 
Duplicatus Kiesw., Sardegna. 



Digitized by VjOOQIC 



— 247 — 



TiUus 01. 

3 Unifasciatus Fàbr,^ Trentino. 

Glenis Geoffr. 

5 Qnadrimacnlains Schall, Corsica, 

Tirolo meridionale. 

Trichodes Herhst. 
8 Flavicornis Germ., Siena. 
Ptlnus Lin, 

41 Brevipilis Desbr,, Corsica. 

42 Brevicrinitus Desbr,, Corsica. 

Anobiam Fabr. 
14 Costatnm Arrag., Italia. 

Ernobiiis Thoms. 
11 Parens Muls. et Bey, Corsica. 

Xyletinas Latr. 

6 Ruficollis Gebl. - Rafithorax. - 

Thoracicus Friv. - Discicollis 
Morato,, Trieste. 

Xylopertha Gner. 

5 PoveicoUis Allard, Sicilia. 

Dinodems Steph. 

2 Elongatus Pa^/A?., Corsica. 

Gis LcUr. 
26 Qnadridens Meli,, Alpi. 
Zophosis Zo^r. 

3 Sicula Motsch., Sicilia. 

Pachychila JEJsc^. 

7 Cossjrrensis 2?a^., Pantelleria. 



Tentyrla Latr, 

13 LaevicolUs 5o?.n Corsica. Sard, 

14 InterruptaXa^r. - Orbiculata B^.^ 

Sardegna. 

Blaps Fabr. 

11 SulcataFaòr.-PolychrostaForsft,, 
Sardegna. 

Asida J.air. 

31 Lepidoptera Ali., Corstra. 

32 Opatroides AÌL - Snlclpencis 

Fairm,, Siena. 

33 Tonrnieri All^ Sicilia. 

Dendams Lair. 

10 Tenellus JtfttZs. (Pandariiias), Otr. 

11 Corsicus Perr, (Pandarinns), Cora. 

Pedinus Latr. 

10 Pallax JMwZs., Sicilia. 

11 Ragusae JBatidij Sicilia. 

Heliopates Wuìs. 

4 Abbreviatus 0/. - Hybridas La&r.^ 

Toscana, Sardegna, Sicilia* 
Var. Dubius Hossi^ Toscana, 

PfaUaz Brulle. 

5 Tngratns Muls., Malta. 

6 Sardous Baudly Sardegna. 

7 BrevicoUis Baudl^ Sardegna. 

8 Pnnctulatns Luc,^ Sicilia. 

Opatrum Fabr, 

29 Geminatum Bndl. - Var. Verni- 

ciferum Mul$.^ Sard., Corsica, 

30 Obesum OZit;. - Elevatum ^r«ii«, 

Sardegna. 

31 Terrosnm KUsLy SarJe^a. 

32 Grenieri Perris, Carsica, 



Digitized by 



Googl 



— 248 — 



Ammophthonis Lacord. 

4 Rugomia Eoscn^j Sard., Sicilia. 
PhaleHa Laér. 

7 Nigriceps Mula,, Rimini. 

8 Oblonga Kiisty Napoli, Sicilia. 

I^jrpMa Muls. 

2 TetraphyUa Fairm., Toscana. 

HypopUoeiiB Hellw. 

9 Yeraipellis Baudi, Italia centr. 

Halonomns Wolh 

[dopo AlpbitobiuB). 

1 Ovatns Er. - Grayi Woll, Sic. 
ITIomiiia Baudù 

{ùQ\m Uloma). 

1 Carinata Baudi, Toscana. 

Gossypliiis Oliv. 

4 Taurica.^ Steih^ Sicilia. 

Gerandryus BoUeflò, 

2 Oculatus Bandi, Sicilia. 

Helops Fcibr. 

46 Meridianus 3[uls., Appennini. 

47 PleboJDs Kust - Distinguendus 

Kìlst., Calabria. 

48 Tomldicallìs Kust,, Monte Baldo. 

Gistala Fàbr, 

18 rf' Scutellaria Baudi, Piemonte. 
Ctenlopns Sol, 

5 Keapolitanns Bandi., Napoli. 

6 Oblongus Oìiv,, Trentino. 

7 Italicus Baudi, Italia centr. e mer. 



Omophlns Sol, 

14 Fallaciosns EotL, Sicilia. 

15 Melitensis Baudi, Malta. 

16 Infirmns Kirsch., Sicilia. 

Boros Herbst. 

(dopo Pytho). 

1 Schneideri Panz,, Spezia. 

Salptngns HI, 
4 Exangnis Aheille., Corsica. 

Rhinosimos Latr. 
4 Aeneus Oliv., Appennini. 

Tetratoma Faòr. 
.3 Bandneri Perris, Toscana. 

Mycetoma Muls, 

(dopo Tetratoma) 

1 Satnralis Panjs,, Alpi. 

Orchesia Latr. 

6 Undniata Kraatz. - Fasciata 
Thoms^j Corsica, Sardegna, lig. 

Hypnlus Payìc, 

2 BifasciatusPaj^A;., Piemonte, Tose. 

? ZUora Muls. 

(dopo il precedente] 

1 ? Ferruginea PayA?.- Sericea Sft<r. 

- Obscnra Faòr., Trentino. 

Gonopalpus Gryll. 

2 Testacens Oh, Piemonte. 

Xylophilus Latr. 

10 Pnnctiger Muls., Sardegna. 

11 Nigripennis Yilla^ - Neglectns 

Buv,, Trentino, Piemonte. 

12 Brevicornis Perris., Lombardia. 

13 Minor Baudi, Piemonte. 

14 Sangninolentusffiest;.,Piem.,To8C 



Digitized by VjOOQIC 



— 249 



Motozos Grtoffr. 
6 Miles SchmicU.y li med. e mer. 

Tomoderus Laf, 
2 Piochardi Heyd., Toscana. 

Anthicus Fayk. 

48 Bremei Laf,, Sardegna. 

49 Debilis ia/I, Sicilia. 

50 Qaisqnilins Thoms., Tutta Italia. 

51 Laeviceps Baudl, Istria, It. centr. 

52 Fuscicornis ia/l, Corsica, Sicilia • 

Mordella Lin. 

13 Salcicanda Muls., Italia. 

14 Palmae Emery, Italia mer. 

15 Aradasiana Patt% Sicilia. 

Mordellistena Costa. 

16 Beichei Emery, Italia mer. 

17 Tarsata Muìs,, Italia. 

18 Ferrisi Muls,, Italia. 

19 Polchella Muls,, Italia. 

Anaspls Gteoffr, 

16 Nigripes J?m., Italia. 

17 Melanostoma Costa, - Monilicor- 

nis Muls,, Italia. 

18 Costae Emery, - Thoracica Costa, 

Italia. 

19 Revelìeri Emery, Il alia. 

20 Dichroa Emery, Italia. 

21 Chevrolati Muls., Sicilia. 

22 Sntaralis Emery, Corsica, Sard. 

Lydus Latr. 

2 Trimacnlatus Fabr. - 4. macula- 
tus Tausch. - 4. sigiiatus Fisch,, 
ItaUa. 

Lytta Xm. 
4 Bassi! Zop., Sicilia. 



Xanthocliroa Schmidt. 

4 Italica CheiT., Piaa. 

Asolerà jS'cAm, 

5 Cinerascciis Pand.^ Sicilia, 

Oedemera 0?, 
24 Pusilla Costa, Sicilia. 

Anoncodes Sckmidt, 
12 Sardea Sckmidtj Sardegna. 

Mylacus j5cM?i. 
5 Murinua ^oA,, Sardegna. 
Otiorhynchus Germ, 

181 Obsoletos ^fierZ., Toscana, 

182 Coryli CheiT., Alpi mar. 

183 Necessarius Sti^rì., Sicilia, 

184 Scabrosoides Slierl^ Sicilia. 

185 Rugulipenni^ Costa^ Italia. 

. 186 Turbatus Scliónh, ~ Nigrita 01, 
Italia. 

Gaèiiops!s BatÌL 
(dopo Stomod^t^]. 

1 Waltoni Boh,, Sardegna. 

Perite! US Genn. 

28 Kraatzi Toum., Sicilia. 

29 Foveithorax Dtsbr.f Corsica. 
. 30 Curticollis Mars,, Corsica. 

81 Squamans Seidl.^ Corsi ca* 
32 Damryi Toiirn.j Corsica, 

Dichotraehelus Sttcrh 

5 Manueli Mars., Monte Ceni alo, 

6 Knechti StkrLi Piemonte. 

Trachelomorplius Seidlits, 

(dopo il prececleote). 

1 Bandii SeidlU^j Monte Bosa* 



Digitized by 



Goog 



f 



— 250 



Ptochiis Schón. 
2 Qaadrisìgnatus JBach.^ Toscana. 

Barypelthes Du Val. 

7 Virgancala SeidL, HI. 

Trachyphloeiis Germ. 

16 Latirostris (auct. ?) var. Fuscisca- 
pus JDesbr.j Corsica. 

Cathormiocerns Schón. 

2 Cnrvipes WoUast^ Corsica. 

3 Discors Desbr.y Corsica. 

PhyUoblus Schon. 

24 Filipes Beshr,, Sardegna. 

25 Eeichei Deshr,^ Sicilia. 

26 Etruscus Besbr., Toscana. 

27 Falvipilis Desbr,, Toscana. 
Var. Emeryi Desbr,, Italia. 

28 Incanus Gyll. - Euficornis Bedt, 

Toscana. 

Liophloena Germ. 

7 Qaadricollis Tourn., Piemonte. 

8 Alpestris Tourn.j Alpi. 

Barynotos Germ. 

6 Squalidos Schn., Toscana. 

7 Fairmairei Tourn.^ Piemonte. 

Sciaphilus Schón. 
14 Vittatus GylLy Toscana. 

Polydrosos G^rm. 

31 Florentinus Chevr., Toscana. 

32 Nodulosus Chevr. - Peragalloi 

Desbr,, Alpi. 

33 Jnniperi Besbr., Corsica. 



Thylacltes Germ. 

10 Depilis Fairm., Corsica. 

11 Sicnlas Desbr., Sicilia. 

Orthochaetes Germar. 

2 Rubricatus Fairm. - Insignis 
Aubéy Corsica. 

Hypera Germ. 

43 Scolymi Capiom., Sicilia. 

44 Jncunda Capiom,, Sicilia. 

Procas Stephens. 
(dopo il precedente). 

1 Picipes Marsh. -SteYem Gytl." 

Moestus Bach. - Grannlicollis 
WaltL, Corsica. 

Gleonus Schónh. 

47 MaculicoUis Chevr., Malta. (Bo- 

thynoderes). 

48 Genei Chevr., Sardegna. (Bothy- 

noderes). 

49 Mus Chevr., Sard. (Bothynoderes). 

50 Pruinosus Gyll., ? Sicilia. (Stepha- 

nocleonus). 

51 Albarius G^ll. - Echii Chevr. (Fa- 

chycerus), Sicilia. 

52 Abeillei Chevr. (Pachycems), Sic. 

53 Senilis Rosenh. - Var. Fimbria- 

tus Chevr. (Psendocleonus), Cora. 

Goelosthetiis Capiom, 

2 Provincialis Fairm., Italia. 

Lariniis Germ. 

36 Anstralis Capiom., Italia. 

37 Longirostris Stierl., Sicilia. 

Lixiis Fabr. 

47 Bidens Capiom., Sicilia. 

48 Brevipes Bris., Italia. 



\ 



Digitized by VjOOQIC 



— 8bl — 



49 Cnrvirostris Capiom,^ Sardegna. 

50 RosenscliSldi Boh., Italia. 

51 Aeruginosus Capiom. - Sangni- 

nens Boh.^ Italia. 

52 Insnlaris Capiom.^ Sicilia. 

53 Punctivontris Boh, - Angusticol- 

lis Boh, - Abdominalis Boh. - 
Bimacnlatas Lucas, Sicilia. 

54 Lntescens Capiom,, Sicilia. 

AabeoDjrmus Duv» 
2 Notatus Muls,, Italia sett. 

Bagous Schon, 

15 Petro Herhst, - Limosns Gyll. - 

Chorinaceus Tahrs, - LaticoUis 
HerbsL - Petrosus Herbst. 

Anoplus Schónh. 

2 Setnlosns Kirsch.^ Corsica. 

Barytychius Jékeh 

3 Pygmaens Waterh,^ Trento. 

Sibinia Germ. 

16 Sellata Lucas, Siena. 

Apion Herhst. 

108 Obtnsum Desbr.^ Piemonte. 

109 Consors Desbr,, Piemonte. 

110 Dentirostre Gerst, Toscana. 
Ili Uliciperda Pandel,, Toscana. 

112 Amethystinnm Mill, Toscana. 

113 Betulae Chevr,, Toscana. 

114 Distincticornis Besbr.^ Corsica. 

Rhynchites Herbst, 
28 Caligatus HaUd.y Toscana. 
Balaninus Germ, 

11 Reichei Besbr., Sicilia. 

12 Crucifer Fuchs,, Tirolo ? mer. 



14 



22 



25 



32 
33 



54 
55 



14 



13 



12 



Anthonomus Germ, 

Bonvouloiri Besbr., Italia. 

Orchestes III. 
Montanns Chevr,, Monte Rosa. 

Nanophyes Schonìu 
Doriae Bris,^ Italia. 

Gymnetron Schónh. 

Biarcnatum Desbr., Corsica» 
Pirazzolii Stierl., Italia, 

Meciniis Germ. 
Nasntus Tourn,, Italia mmd, 

Geatorhynchus G-erm. 

Smaragdinns Bris., Italia, 
Algiricus Bris,, Sicilia. 
Italicns Bris.y Italia. 

Amalus Schónh. 
Alpinns Hampe, Alpi. 

Tsrphlopoms Hampe, 
Damryi Perris, Corsica* 

Sphenophoms Schónii. 
Sicnlns StierLy Sicilia. 

Amaiirorhlims Fairm. 

Crassinsculus Fairm., Italia. 

Rhsmcolus Creutz> 
Grandicollis Bris., Corsica, 

Hylastes Er. 

Helferi Villa, Italia. 



\ 



Digitized by 



Gocwle 



— 252 



P 



B^iesinoB Fcìbr. 
9 Perriei Cliapuis^ Corsica. 
Scolytiis Oeoffr. 

10 Flavicornis Chevr.y Italia. 

Crypturgus Er. 
4 Mediterranens Eichh,^ Corsica. 

Liparthriun WoìL 

[dopo Crypturgus). 

1 GoDistae Auòè^ Corsica. 

2 Mori Auhè, Corsica. 

3 Coraicum Eìchh^ Corsica. 

Bostrychus Fabr, 

11 Proximos Ekhh., Alpi 

Ktyophthoms Eich. 

3 Lichteus^teini Matzéb.^ Corsica. 

Troplderes Schónh. 

8 Cartìrostrife Muls. et Bey, Cors. 

GratoparJs Schónh. 
2 TargxonU FkcioU, Toscana, 
Bruclitts Lin. 

86 Misellns Bohsm., Italia. 

87 Perezii Kraats. - Meridionalis 

Alt, Corsica. 

Cerambyx lÀn. 

9 Pfìsteri SiierU Siena, Cors., Sic. 

Anopllstes Serville, 

(dopo Purpuricenus). 

1 Haìodendri Fall - Var. EpMp- 
piam Stev*y Italia. 



Hylotrypes iS^ert;. 

2 Koziorowiczii Besbr.j Corsica. 

Oxypleuras ilfti^sa^^. 
(dopo il precedente]. 

1 Scntellaris Co^a, Italia. 

Notorhina BecUenbacher. 
(dopo Tetropium). 

1 Muricata Schh., Col. di Tenda. 
Exocentms Muls. 

3 Pnnctipennis Muls,j Vénez., Cors. 

4 Bevelieri Muls,,, Corsica. 

Pogonocheros LcUr. 
6 Perrondi Muls,, Cpr^ioa.' 

Tetrops iS^epi^. 
3 Starkii Chevr,, Alpi. 

Phytoecla Muls, 

20 Schreiberi KraatSy HI. 

21 Kubricollis X««c., Sicilia. 

Strangalia Serv, 

13 Nigripes 2>e G^., Alpi. 

14 Verticalis Germ,, 111. 

Glythra Lakh, 

50 Quadrinotata JPaftr. - Bigemina 

Suffr, - 4.-macnlata Motsck, 
Sardegna (Labidostomis). 

51 OctopnnctataJPa6r.,It.{Titiibaea). 

52 Pnnctìcollis CA«T.,Ill.(Lachnaea). 

53 Kaffray Deshr,, Corsica. (Gynan- 

drophthalma). 

54 Fossulata Lefébvr., Sicilia (Copto- 

cephala). 

55 Qainquepunctata2^/è6t?r., Corsica 

(Ceptocephala). 



Digitized by VjOOQIC 



— 253 - 



56 Tridentata Lin,, latta Italia. 

57 distinguenda Bos., Trentino. 

Gryptocephalus Geoffr, 

92 Bischoffi Tapp,, Tirolo. ? mer. 

93 Cicatricosns Lue, Sicilia. 

94 Zambanellus Marsh,, Italia. 

95 Androgyne Marsh., Alpi. 

96 Plantaris Su/fr., Sicilia. 

Stylosomas Suffr. 
4 Depilis Aubè, Corsica. 

Timarcha Latr. 

13 Gibbaira^CM^.-corinthiaFairtn., 
Istria. 

Chrysomela Lin, 

84 Peregrina K Schdff,, Italia. 

85 Meridionalis H. Schdff,, Sicilia. 

86 Dahlii H. Schdff'., Latr. 

87 Islandica Germ., Alpi. 

88 Laevicollis OUv., Italia. 

89 Peiroleri ^assi.-nigricops Suffr, 

(Oreina), Monte Rosa. 

Gonloctena Redi. 

9 Plavicornis Suffr., Tir. (?) mer. 
10 Olivacea Forst. - litura Fabr., 
Trentino. 

Adimonla Laich, 

24 Reichei Joann., Sicilia. 

25 Abbreviata Joann,, Piemonte. 

Galenica Fahr. 

.8»Grìsoscens Joann., Sicilia. 
9 Sagittariae Gyll Tren. Gor. 

Rhaphidopalpos Rosenh, 

2 Signatus Kirsch, Sicilia. 



Grepidodera Ali. 

27 Peregrina Harold, - laevigata 

Foudr., Sicilia. 

28 Pisana Ali., Toscana. 

29 Striatella III. Italia. 

Aphthona Allard. 

23 Sardea Ali., Sardegna. 

24 Pancticollis Ali., Italia. 

Thyamis Steph. 

51 Bonnairei Ali., Corsica. 

52 Nebulosa Ali., Corsica. 

53 Gracilicornis Muls., Sicilia. 

54 Rudipennis Ali., Corsica 

55 Seriata KiUsch., Alpi. 

Psylliodes Latr. 

36 Sicanns Muls., Sicilia. 

37 LauticoUis Ali, Sicilia. 

38 Siculus RoU., Sicilia. 

Symbiotes Redi. 
3 Latns Redt, Italia. 

Coccinella Lin. 

25 Revelieri Muls., Corsica (Adalia). 

Halyzia Muls. 

11 Duodecimguttata Poda. - bis- 

sexguttata F. (Vibidia), Tutta It. 

12 Conglobata Lin., (Propylea) Tutta 

Italia. 

Scymnus Kugel. 
24 Nanus Muls., Corsica. 



17 






Digitized by VjOOQIC 



- 254 



AJexla Steph, 
8 Globosa Sturm., Alpi. 

ArthroUps Woll 
3 Perrugatus Beitt., Corsica. 



Serlcoderus Steph. 
2 Kevelieri Reitt^y Corsica. 

Peltinus Mulsant. 

(dopo Sericoderus). 

1 Velatus Muls,y Corsica, 



Digitized by VjOOQIC 



''.''i??"-'*^'''.!' 



^ 255 



INDICE DEI GENERICI» 



Abacetas, 20. 

Abax, 23. 

Abclera, 155. 

Abraeus, 85. 

Absidja, 129. 

Acalles, JL93. 

Acalyptu^ 190. 

Acanthocinus, 209. 

Acanthocnemns, 246. 

Acanthoderes, 209. 

Acanthogetbes, 89. 

Acanthopus, 152. 

Acèntrus, 193. 

Acheniam, 63. 

Acidota, 71. 

Acilius, 40. 

Acinopus, 26, 238. 

Acis, 145. 

Acmaeodera, 118. 

Acmaeops, 212. 

Acorius, 25. 

Acrisius, 180. 

AcritQS, 85, 244. 

Acrodon, 24. 

Acrodrya, 181. 

Acrognathus, 70. 

Acrossus, 107. 

Actinopteryx, 243. 

Actocharis, 242. 

Acupalpus, 30. 

AcyJophorus, 56. 

Adalia, 232. 

Adelocera, 121. 
' Adelops, 78, 243. 
! Adelosia, 20. 
i Adelostoma, 145. 

Adenophorus, 133. 

Adexius, 175. 

AdimoDÌa, 223. 



Adonia, 232. 
Adrastus, 126. 
Aegiali^, 108. 
Aegospma, 205. 
Aes^lus, 103. 
Aetophprus, 13. 
Agabus, 39. ' 
Agapanthia, 210. 
Agaricochara, 53, 240. 
Agaricophagùs, 80. 
Agathidium, 81, 243. 
Agelaea;, 2Ò. 
Agelastica, 224. 
Aglenus, 91. 
Agjjathus, 155. 
Agonum, 19. 
Agrilus,119, 246. 
Agriotes, 125. 
Agyrtes; 80. 
Air^pbilus, 93, 244. 
Alaocyba, J98. 
Aleochara, 46, 239. 
Alexia, 235, 254. 
Allecola, 153. 
Aloconota, 49. 
Alophus, 176. 
Alosimus, 161. 
Alpbìtobins, 151. 
Alpbitopbagus, 150. 
Amalus, 196, 251. 
Amara, 23, 238. 
Amauronia, 137. 
Amaurops, 75, 242. 
Amaurorrhinns, 198, 251. 
Amblyderus, 157. 
Amblystomus, 14. 
Amblytoma, 142. 
Ammobius, 150. 
Ammoecins, 107. 



AmiTiophUionia, 150, 348. 
Amorpbocephalus, 302. 
Anipedu^T 1SS2, 
AmphibolDS, 141. 
Ampblchroum, 71 
Aniphicoma, 110/ 
AniphicjHH Bl. 
AnipluaiaUiis, 111. 
Ampliatisi 87. 
Anaestethis, 210. 
Aiiaglyptus, 208. 
Anaspia, 159, 249, 
Aìiatis, 23:3. 
Anchaàtus, 121, 
Ancliom^naa, 18, 237. 
Aucistrouycha, 129. ' 
Ancyloclieira. IIG. 
Anc'ylopus, 231. 
Ancyropbórus,' 69, 242. 
Anemia, 149. ' 
Anillosthètus, 63. 
Anillus, 31.' 
Anisarthron, 208. 
Anisodactylus, 27. 
Anisoplia, 112. 
Anisorrhynchus, 175. 
Anisosticta, 232. 
Anisotoma, 80, 243. 
Anisoxya, 155. 
Anobium, 140, 247. 
Aaodus, 58. 
Anomala, 113, 245. 
Anommatus, 96, 244. 
Anoncodes, 163, 249. 
Aoophthalmns, 31, 238. 
Anoplistes, 252. 
Anoplodera, 213. 
Anoplus, 182, 251. 
Anoxia, 111. 



(1) L' indice serve anche a rettificare 1 nomi dei generi, errati nel catalogo. 



Digitized by VjOOQIC 



~ 256 



Anthaxia, 117, 246. 
Antherophagus, 94. 
Anthicus, 157, 249. 
Anthobium, 72, 242. 
Anthocomns, 133. 
Anthonomus,, 189, 251. 
Anthophagas, 70. 
Anthreims, 99. 
Anthribus, 202. 
Anthypna, 110. 
Antidìpnis, 134. 
Aparopìon, 176. 
Apate, Fàbr,, 143. 
Apatehis, 26. 
Aphanisticus, 120. 
Aphodius, 105, 245. 
Aphtbona, 226, 253. 
Apion, 184, 251. 
Apistus, 91. 
Aplidia, 112. 
Apoderug, 187. 
Apotoraus, 26. 
Apristus, 13. 
Apteropeda, 228. 
Aptinus, 11. 
Araeocerns, 203. 
Argante, 116 
Argopus, 226. 
Arptor, 21. 
Anstus, 25. 
Aromia, 206. 
Arpedium, 71, 242. 
Arrhenodes, 202. 
Arthrolips, 236, 254 
Asolerà, 162, 249, 
Asemum, 206. 
Asida, 146, 247. 
Aspidìphoms, 142. 
Astatopteryx, 243. 
Astenus, 65. 
Astigis, 20. 
Astì]pnns, 244. 
Astrapaeus, 57. 
Astycops, 67. 
Astynomus, 209. 
Ateiestus, 135. 
Atemeles, 47. 
Ateuchus, 103. 
Athons, 124, 246. 
Atomaria, 95, 244. 
Atopa, 127. 
Atranus, 15. 
Attagenas, 99, 245. 
Attalus, 134, 246. 
Attelabus, 187. 
Aubeonymns, 181, 251. 
Aalacochilas, 231. 



Auletes, 188. 
Auloniom, 91. 
Autalia, 45, 239. 
Autocera, 149. 
Axinotarsus, 133, 246. 
Axyraens, 169. 



Bacanias, 85. 
Badister, 16. 
Bagons, 182, 251. 
Balaninns, 189, 251. 
Balanomorpha, 227. 
Balius, 30. 
Baptolinns, 62. 
Baridius, 197. 
Baris, 197. 
Barynotus, 170, 250. 
Barypithes, 168, 250. 
Barytychms, 183, 251. 
Batophila, 227. 
Batrisus, 74, 242. 
Bembidium, 32. 
Berginus, 98. 
Berosus, 42, 239. 
Betarmon, 122. 
Bioplanes, 148. 
Bius, 152. 
Blabinotus, 210. 
Blaps, 146, 247. 
Blastophagna, 200. 
Blechrus, 13. 
Blediu% 67, 241. 
Blemus, 30. 
Blethisa, 6. 
Bolboceras, 108. 
Bolitobius, 55. 
Bolitocbara, 45. 
Bolitophagns, 150. 
Bonvouloiria, 245. 
Borboropora, 239. 
Boreapbilus, 71. 
Boros, 248. 

Bostrychus, Geoffr. 143. 
Bostrychu8,Fa&. 201,252. 
Botbrideres, 91, 244. 
Botbriopborus, 101. 
Botbynodores, 178. 
Bracbonyx, 182. 
BrachycerDS, 174. 
Bracbycrepis, 121. 
Brachyderes, 171. 
Brachynus, 11, 237. 
Bracbypteroma, 212. 
Bracbyptems, 86. 
Bracbytarsus, 202. 
Bradybatus, 190. 



Bradycellus, 30, 238, 
Bradytus, 25. 
Brontes, 92. 
Broscosoma, 16. 
Broscus, 16. 
Bruchus, 203, 252. 
Brumns, 234. 
Bryaxis, 75, 242. 
Brychius, 35. 
Bryoporus, 55. . 
Bubas, 104. 
Buprestis, 115. 
Byrrhus, 100. 
Bythinus, 75, 242. 
Byturns, 137. 



Caccobius, 104. 
.Caccoporus, 68. 
Caeculos, 115. 
CaeDopsis, 249. 
Calamobius, 211. 
Calandra, 198. 
Calatbus, 18, 237. 
Calcar, 152. 
Callicerus, 47. 
Callicnemis, 113. 
Callidinm, 206. 
Callimoxys, 208. 
Callimns, 208. 
Callistns, 15. 
Calobius, 43. 
Calodera, 47, 239. 
Calomicms, 224. 
Calopus, 162. 
Calosoma, 7. 
Calvia, 233. 
Calypterus, 141. 
Calyptobium, 96. 
Calyptorrhina, 216. 
Calyptorrhinns, 193. 
Campylomorphns, 126. 
Campylus, 126. 
Cantharis, 129, 246. 
Capnodis, 115. 
Carabus, 7, 237. 
Carcinops, 83. 
Cardiaderus, 17. 
Cardiomera, 18. 
Cardiopborus, 123, 246. 
Cardona, 211. 
Carida, 155. 
Carpophilus, 86. 
Cartallum, 208. 
Gartodera, 245. 
Caryoborns, 203. 
Cassida, 230. 



"^ 



Digitized by VjOOQIC 



— 257 — 



Catalasis, 111. 
Cataphronetìs, 151. 
Cathartus, 93. 
Cathormioceras, 169, 250. 
Catopomorphns, 78. 
Catops, 78, 243. 
Canlostrophus, 171. 
Cebrio, 127, 246. 
Celia, 24. 
Centorus, 152. 
Centrotoma, 74. 
CepheDuium, 76, 243. 
Cerambyx, 205, 252. 
Ceratopnyus, 120. 
Cercus, »5. 
Cercyon, 44, 239. 
Cerocoma, 161. 
Cerophytnm, 120. 
Cernchus, 103. 
Cerylon, 92. 
Cetonia, 114. 
Centocerns, 244. 
Centoirhynchus. 194, 251. 
Chaetarthria, 42. 
Chaetocnema, 227. 
Chalcophora, 115. 
Charopus, 134. 
Chasmatopterus 111. 
Chennium, 74, 242. 
Chevrieria, 71. 
Chevrolatia, 77. 
Chilocoros, 233. 
Chiloneus, 171. 
Chilopora, 48. 
Chiron, 108. 
Chilotoma, 217. 
Chitona, 163. 
Chlaenius, 15. 
Chlorophanus, 173. 
Choerorrhinns, 198. 
Choleva, 78, 243. 
Choragus, 203. 
Chrysanthia, 163. 
Cbrysobothrys, 118. 
Chrysuchus, 217. 
Chrysomela, 220, 253. 
Cicindela, 5, 237. 
Cicones, 91. 
Cilea, 53. 
Cionus, 191. 
Cis, 143, 247. 
Cistela, 153, 248. 
Clambus, 81. 
Claviger, 76. 
Clemnus, 232. 
Cleonas, 177, 250. 
Cleopus, 192. 



Clerns, 138, 247. 
divina, 10, 237. 
Clypeaster, 236. 
Clytra, 216, 252. 
Clytns, 207. 
Cnemeplatia, 149. 
Cnemiaotus, 35. 
Cneorrhinus, 170. 
Coccidnla, 235. 
Coccinella, 232, 253. 
Coeliodes, 193. 
Coeloptems, 235. 
Coelosthetas, 178, 250. 
Colaspidea. 217. 
Colaspidema, 218. 
Colenis, 80. 
Colobicus, 91. 
Colobopterns, 105. 
Colon, 79, 243. 
Colophotia, 129. 
Colotes, 135. 
Colpotns, 148. 
Coluocera, 96. 
Colydium, 91. 
Colymbetes, 38. 
Comazus, 81. 
Compsochilus, 70, 242. 
Coniatus, 177. 
Conopalpus, 156, 248. 
Conosoma, 54, 240. 
Conurus, 54. 
Coprii, 104. 
Copropbilns, 69. 
Coptocephala, 217. 
Coraebns, 118. 
Corticaria, 97, 245. 
Corticus, 90. 
Cortodera, 213. 
Corylophus, 236. 
Corymbites, 124. 
Coiynetes, 138. 
Coryphium, 71. 
Coryssomerus, 191. 
Cosmiocomns, 137. 
Cossonns, 198. 
Cossyphus, 151, 248. 
Cataster, 198. 
Coxelus, 90. 
Crataraea, 46. 
Cratomerus, 117. 
Cratonychns, 123. 
Cratoparis, 202, 252. 
Credpnilus, 57. 
Crepidodera, 225, 253. 
Criocephalns, 207. 
Crioceris, 215. 
Criomorpbus, 206. 



Crypha]us, 201. 
CrypharisT 198. 
Cryptarcha, 89. 
Cryptìcns, 147. 
Cryptobinm, 63. 
CryptocepbalQs, 218, 253. 
Cryptobvpni]3, 122, 246. 
Cryptopliai^us, 94, 244. 
Cryptiipleurum, 44. 
Cr Y pttì rr h vnc hm^ 193. 
Cryptnrgcs, 2(}0j 252. 
Cteniopns, 154. 
Ctenìstes, 74. 
Ct'^nonvchns, 126. 
Ctonopiis, 162, 248. 
Cncnjns, 92. 
Cnrimns, 100. 
Cybister, 39. 
Cybocepbalns, 89. 
Cychramus, 89, 244. 
Cychrns, 6, 237. 
Cyclonotnm, 44. 
Cylidrus, 137. 
Cylindrogaster, 63, 241. 
Cylindromorphus, 120. 
CylUdium, 42. 
Cyllodes, 88. 
Cymindis, 14, 237. 
Cynegetis, 234. 
Cyphon, 127, 246. 
Cyphonotus, 111. 
Cypbosoma, 115. 
Cyrtonotns, 25. 
Cyrtognatbus, 205. 
Cyrtusa, 80. 
Cytilns, 101. 



Dacne, 231. 
Dactvlosternum, 44. 
Daedycorrhynchns, 188. 
Danacaea, 137. 
Dapsa, 231. 
Daptus 26. 
Dascillns, 127. 
Dasycerus, 97, 245. 
Dasysterna, 112. 
Dasytes, 135, 246. 
Dasytiscus,' 137. 
Decamera, 110. 
Deilus, 208. 
Deleaster, 70. 
Doliphrum, 71, 242. 
Demetrias, 13. 
Dendarns, 148, 247. 
Dendrobium, 140. 
Dendroctonus, 200. 



--J 



Digitized by VjOOQIC 



— 258 



Dendrophàgua, 92. 
Dendrophiliis, 84. 
Denops, 137. 
Dtìrelomus, 192, 

Derodontns, 244. 
Deroplia, 210, 
Derotoma, 244. 
Dia, 217. 
Diacantlms, 125, 
Diachromus^ 26. 
Dianausj, 65- 
Diapéris, ]50. 
Dìbolia, 229, 
Dicprca, 115. 246. 
Dichillus, M5. 
Dichtmstrichns^ 26. 
Dichotrachekf>, 168, 249. 
Dictyalùtns, 143, 
Dictyoptera, 128. 
Dilainus, 149. 
Dilus, 208, 
Dima^ 125. 
BÌDariia, 47. 
I>iiiodern;ì, 14:3, 207. 
Dinodes, 15. 
Diodesuiat 90. 
DiodvriLynchns, 188. 
Diphyllas, 98. 
Diplocoelus, 9B. 
Dircatta. 15;>, 
Dirrbagua, 121. 
Disopns, 218. 
Di toma, 91. 
Ditomna, 20, 2B8. 
Dodecatìtichus, 164. 
Dolicaon, 63, 
Dolichosoma, 1B6. 
DoUcbus, 18. 
Dolo ce ras, 212. 
DolùpiDS, 126. 
Donacia, 214, 
Dorcadion, 209. 
Dorcatoma, 142. 
D or CHS, 103. 
Dorytomijs, ISL 
Drapetes, 120, 
Drasterius, 121. 
DriluB, 132. ■ 
DrimeotDS, 78. 
Dromaoolua, 121, 
Bromi Gs^ 13. 
DrymORhares, 206. 
DryocfjeteSj 20L 
DryophilD^ 140, 
Dryops, Olm 101. 
Dryops, Fabf\ 162. 



Dryophtliorus, 198. 
Drypta, 12. 
Dyschirius, 10, 237. 
DytiscQS, 39. 



Ebaeus, 134. 
Eccoptogaster, 200. 
Echidnoglossa, 239. 
Ectatotycbius, 183. 
Ectinus, 126. 
Edaphas, 241. 
Elapbocera, 112. 
Elaphrus, 6. 
Elater, 122. 
Elodona, 150. 
Ellescbns, 183. 
Elmis, 102. 
Eraenadia, 160. 
EmuSj 57. 
Endomychus, 232. 
Endopfiloeus, 90. 
Enedreutes, 202. 
Engis, 231. 
Ennearthron, 144. 
Enneatoma, 142. 
Enoplium, 138. 
Enoplopus, 152. 
Entomoscelìs, 222. 
Epaphius, 31. 
Epbistemus, 95. 
Epicauta, 161. 
Epicometis, 114. 
Epierus, 83. 
Epilacbna, 234. 
Epomis, 15. 
Epuraea, 86, 244. 
Erelus, 151. 
Er.^ates, 205. 
Erirhinus, 181. 
Ernobius, 141, 247. 
Erodius, 144. 
Eros, 128. 
Erycus, 181. 
Eaasthetus, 65. 
Eubria, 128. 
Eucinetes, 127. 
Eacnemis, 120. 
Euglenes, 156. 
Eomicrus, 77. 
Eumolpus, 217. 
Eonectes, 40. 
Euplectus, 76, 242. 
Eurycbirus, 167. 
Eurytbyrea, 116. 
Euryporns, 56. 
Euryusa, 46. 



ì 



Eusomus, 171. 
Euspbaierum, 72. 
Eustropbns, 155. 
Euthia, 76. 
Evaniocera, 160. 
Exilia, 208. 
Exocentnis, 209, 252. 
Exochomns, 233. 



Palagria, 45, 239. 
Faronus, 74. 
Farsus, 121. 
Feronia, 20, 238. 
Formicomus, 157. 
Foncartia, 171. 



Galeruca, 224, 253. 
Gastrallus, 141. 
Gastrophysa, 223. 
Geobius, 70. 
Geodromicus, 70. 
Geodytes, 76. 
GeoDemus, 174. 
Georyssus, 101. 
Geotrogus, 112. 
Geotrypes, 109. 
Gerandryus, 153, 248. 
Gibbium, 140. 
Glyptoma, 73. 
Glyptomerns, 62. 
Gnaptor, 146. 
GnathocerDS, 151. 
Gnathoncos, 84. 
Gnorimus, 115. 
Gonioctena, 222, 253. 
Gonocephalum, 149. 
Gradila, 208. 
Grammoptera, 214. 
Graphoderes, 40. 
Graptodera, 226. 
Gronops, 174. 
Grypbinus, 236. 
Grypidius, 181. 
Gymnetron, 192, 251. 
Gymnopleurus, 104. 
Gymnusa, 53. 
Gynandromorphns, 26. 
Gynandrophthalma, 217. 
Gyrinus, 40. 
Gyrohvpnus, 61. 
Gyropnaena, 52. 



Habrocerus, 53. 
Hadrotoma, 99. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



"!W^W^^'^^^r^^- '■ 



Hadms, 148. 

H^iiioiiia, 215. 

Halipl^s, 35. 
I Hallomenus, 155. 
1 Halonomus, 248. 
' Halosimns, 161. 

Haltica, 225. 

Halyzia, 233, 253. 

Hammaticherus, 205. 

Hapalus, 162. 

Hapalochros, 133. 

Haplidia, 112. 

Haplocnemus, 136, 246. 

Haplodertis, 69. 

Haploglossa, 46. 

Haptoderus, 23. 

Harmonia, 232. 

Harpalus, 27, 238. 

Hedobia, 139. 

Hedyphanes, 153. 

Heledona* 150. 

Helenophoros, 145. 

Heliopathes, 148, 247. 

Helocnares, 41. 

Helodes, Latr. 127. 

Helodes, Payk. 223. 

HelophoFDS, 42, 239. 

Helops, 152, 248. 

Hendecatomns, 143. 

HenicopDS, 135. 

Heptaulacus, 107. 

Hermaeophaga, 225. 

Herophila, 209. 

Hesperophanes, 207. 

Hetaerius, 84. 

Heterhelus, 86. 

Heterocerus, 102, 245. 

Heteroderes, 121. 

Heteronyx, 249. 

Heterophaga, 151. 

Heterothops, 56. 

Hippodamia, 232. 

Hister, 83. 

Hispa, 230. 

Hispalis, 14. 

Holcorrhinus, 164. 

Hololepta, 82. 

Holoparamecns, 96, 245. 

HomalisDS, 128. 

Homalinm, 71. 

Homaloplia, 110. 

Homalota, 49, 240. 

Homaeodipnis, 134. 

Homoeusa, 46. 

Hoplia, 110. 

Hoplocephala, 150. 

Hoplosia, 209. 



— 259 — 

Hybalns, 108, 245. 
Hybosorus, 108. 
Hydaticus, 40. 
Hydnobius, 80. 
Hydraena, 43. 
Hydrobius, 41, 238. 
Hydrocanthus, 238. 
Hydrochns, 43, 239. 
Hydrocyphon, 128. 
Hydronomns, 182. 
Hydrophilus, 41. 
Hydroporus, 35, 238. 
Hydrous, 41. 
Hygronoma, 52. 
Hylastes, 199, 251. 
Hylecoetus, 139. 
Hylesinus, 200, 252. 
Hylobios, 180. 
mlochares, 121. 
Hylotrypes, 206, 252. 
Hylurgos, 199. 
Hymenalia, 153. 
Hymenoplia, 110. 
Hymenorns, 154. 
Hypebaens, 134. 
Hypera, 176, 250. 
Hyperaspis, 234. 
Hypbydrus, 35. 
Hypnophila, 228. 
Hypoborws, 200. 
HypocoelDS,. 121. 
HypocyptDs, 53. 
Hypoglyptus, 182. 
Hypophloeus, 151, 248. 
Hypulus, 156, 248. 



Icaris, 181. 
Icosium, 208. 
Ilybius, 38. 
Jlyobates, 47, 239. 
Ipbthimus, 151. 
Ipidia, 87. 
Ips, 89. 

Tschnodes, 246. 
Ischnoglossa, 45. 
Ischnomera, 162. 
Isidus, 246. 
lolistus, 136. 



Labidostomis, 216. 
Laccobius, 41, 239. 
Laccophilus, 38. 
Lacbnaea, 216. 
Lacon, 121. 
Laemophloeus, 92, 244. 



Laena, 152. 
Laganis, 20. 
Lagria, 156. 
Lamia, 209. , 
Lampra, 116. 
Lamprinus, 54, 240. 
Lamprorrhiza, 129. 
Lamprosoma, 217. 
Lampyris, 128. 
Langelandia, 96, 245. 
Laricobius, 139. 
Larinus, 178, 250. 
Lasia, 234. 
Lasioderma, 142. 
Latbridios, 96, 245. 
Latbrimaeum, 71, 242. 
Lathrobium, 62. 
Lathropus, 92. 
Latipalpis, 115. 
Lebia, 14. 
Leja, 33. 
Leiocbiton, 16. 
Leiocnemis, 25. 
Leiosomus, 175. 
Leirides, 25. 
Leistotrophus, 57. 
LeistDS, 10, 237. 
Lema, 215.* 
Leptacinus, 62. 
LeptaleDS, 157. 
Leptidia, 208. 
Leptinus, 78. 
Leptispa, 230. 
Leptoderus, 78. 
Leptolinns, 61. 
Leptomastax, 77. 
Leptomorpba, 230. 
Leptopalpus, 162. 
Leptotypnlus, 63. 
Leptura, 213. 
Leptusa, 45, 239. 
Lepyrns, 180. 
T^esteva, 70, 242. 
Letbrus, 1Ó9. 
Leucoscelis, 114. 
Leucohimatinm, 95. 
Leucoparyphus, 53. 
Lichennm, 149. 
Licinus, 16. 
Lignyodes, 183. 
Limnebius, 42. 
Liranichus, 101, 245. 
Lìmnius, 102. 
Limobius, 177. 
Limonins, 123. 
Lina, 222. 
Linozosta, 225. 



Digitized by VjOOQIC 



260 



Lioderes, 206. 
Liodes, 81. 
Lionychus, 13. 
Lìophloeus, 170, 250. 
Liopterns, 38. 
Liopus, 209. 
Liosoma, 175. 
liiosomus, 175. 
Liparthram, 252. 
Liparus, 175. 
Lissodema, 154. 
Litargus, 98. 
Litocharis, 64, 241. 
Litophilns, 235. 
Litoborus, 148. 
Litodactylus, 196. 
Lixus, 179, 250. 
Lobonyx, 136. 
liOmecDosa, 47. 
Longitarsns, 228. 
Loricera, 15. 
Lncanns, 103. 
Lucida, 129. 
Lndins, 125. 
Lnperns, 221 
Ljcoperdina, 231. 
Lyctus, 143. 
Lydus, 161, 249. 
LygistopterDS, 128. 
Lymexylon, 139. 
Lyphia, 151, 248. 
Lyperus, 21., 
Lyprus, 182.' 
Lytta, 161, 249. 



Machaerites, 243. 
Macrolenes, 216. 
Macronychus, 102. 
Macrotoma, 205. 
Magdalinus, 188. 
Magdalis, 188. 
Malachius, 1^, 246. 
Malacogaster, 132. 
Malacosoma, 224. 
Malchinos, 133. 
Malthinus, 131, 246. 
Malthodes, 131. 
Marolia, 156. 
Masorens, 14. 
Mastigus, 77, 243. 
Mecaspis, 178. 
Mecinus, 192, 251. 
Mecynotarsus, 157. 
Megapenthes, 122. 
Megarthras, 73. 
Megasternnm, 44. 



Megatoma, 99. 
Megischia, 162. 
Meira, 168. 
Melambins, 148. 
Melandira, 156. 
Melanopbila, 116. 
Melanotns, 123, 246. 
Melasia, 151. 
Melasis, 120. 
Melasoma, 222. 
Meligethes, 88, 244. 
Meloe, 160. 
Melolontha, 111, 245. 
Melyris, 137. 
Menephilns, 152. 
Menesia, 211. 
Merophysia, 96, 245. 
Mesagroicns, 171. 
Mesites, 199. 
Mesocoelopns, 142. 
Mesosa, 210. 
Mesothes, 142. 
Metabletns, 13. 
Metallites, 172. 
Metholcus, 141. 
Metoecus, 160. 
Metophthalmns, 245. 
Mezium, 140. 
Miarus, 192. 
Miccotrogus, 184. 
Micraspis, 233. 
Microcara, 127. 
Microctilodes, 244 
Microglossa, 46. 
Micropeplns, 73, 242. 
Microrhagus, 121. 
Microtyphlus, 31. 
Microzonm, 149. 
Minota, 228. 
Minotaurus, 109. 
Minyops, 174. 
Mirus, 242. 
Miscodera, 16. 
Mniophila, 228. 
Molops, 23. 
Molorchns, 212. 
Molytes, 175. 
Monohammns, 209. 
Mononychus, 193. 
Monotoma, 93. 
Mordella, 159, 249. 
Mordellistena, 159, 249. 
Morimus, 209. 
Moronillos, 236. 
Morychus, 101, 245. 
Marmidins, 244. 
Myas, 23. 



Mycetaea, 232. 
Mycetina, 232. 
Mycetochares, 154. 
Mycetoma, 248. 
Mycetomychns, 244. 
Mycetophagus, 98. 
Mycetophila, 154. 
Mycetoporos, 55, 240. 
Mycterus, 464. 
Mylabris, 161. 
Mylacns, 164, 249. 
Myllaena, 53, 240. 
Myodites, 160. 
Myorrhinus, 170. 
Myrmecoxenns, 96. 
Myrmedonia, 47. 
Myrmetes, 85. 
Myrrha, 233. 



Nacerdes, 162. 
Nanodiscns, 191. 
Nanophyes, 191, 25L 
Nausibius, 93. 
Nebria, 9, 237. 
Necrobia, 138. 
Necrodes, 79. 
Necrophiins, 79. 
Necrophonis, 80. 
Necydalis, 211. 
Nemognatha, 162. 
Nemonyx 188. 
Nemosoma, 90, 244. 
Nephodes, 153. 
Niphona, 210. 
Niptns, 140. 
Nitidula, 87. 
Nivellia, 213. 
Nosodendron, 100. 
Nossidìnm, 243. 
Notaphus, 34. 
Notaris, 181. 
Notenis, 38. 
Nothus, 156. 
Notiophilus, 6. 
Notorrhina, 252. 
Notoxus, 156, 249. 
Novius, 234. 
Nundina, 235. 



Oberea, 211. 
Obrium, 208. 
Ocalea, 45, 239. 
Ochina, 141. 
Ochodaens, 108. 
Ochthebius, 43, 239. 



Digitized by VjOOQIC 



^ 261 ~ 



Ochthenomns, 158. 
Ochthephilus, 69. 
Ocladius, 241. 
Genera, 147. 
Octavins, 241. 
Octotemnns, 144. 
Ocypus, 57, 241. 
Ocys, 32. 
Ocyusa, 48. . 
Odacantha, 12. 
Odontaeus, 108. 
Odontogetes, 89. 
Oedemera, 162, 249. 
Oedichirns, 65. 
Oenas, 161. 
Oìceoptoma, 79. 
Olibrns, 85, 244. 
Oligomerus, 141. 
Oligota, 52, 240. 
Olisthopus, 19. 
Olocrates, 148. 
Olophrum, 71. 
Omalium, 71, 242. 
Omaseus, 21. 
Omias, 168. 
Omophlus, 154, 248. 
Omophron, 6. 
Omosita, 87. 
•ODiticellus, 105, 245. 
Onitis, 104. 
Onthophagus, 104. 
Onthophilus, 85. 
Oochrotus, 148. 
Oodes, 15. 
Oomorphas, 217. 
Opatroides, 149. 
Opatrum, 149, 247. 
OpetiopalpDs, 139. 
Opilo, 138. 
Ophonus, 27. 
Oplosia, 209. 
Opsilia, 211. 
Orchesia, 155, 248. 
Orchestes, 190, 251. 
Orectochilus, 41. 
Oreina, 222. 
Orestia, 225. ' 

Orobitis, 193. 
Orochares, 71. 
Orodvtes, 76. 
Oropnìus, 144. 
Orphilns, 100. 
Orsodacna, 214. 
Orthochaetes, 175, 250. 
OrthomDS, 21. 
Orthoperus, 236. 
Orthopleura, 138. 



Oryctes, 113. 
Oryotus, 78. 
Oryx, 181. 
Osmoderma, 115. 
Osphya, 156. 
Othius, 62, 241. 
Otiorhynchus, 164, 249. 
Otophorus, 105. 
Oxylaemus, 91. 
Oxynoptìlus, 35. 
Oxyomus, 107. 
Oxypleurns, 252. 
Oxypoda, 48, 239. 
Oxyporns, 67. 
Oxytelns, 68. 
Oxythyrea, 114. 

Pachnephorus, 117. 
Pachybrachys, 220. 
Pachycerus, 178. 
Pachychìla, 144, 247. 
Pachydema, 112. 
Pachypterus, 149. 
Pachypus, 112. 
Pachyscetìs, 147. 
Pachyta, 212. 
Pachytychius, 183. 
Paederas, 64, 241. 
Panaphantus, 76. 
Panagaeus, 15. 
Pandarus, 148. 
Pangus, 26. 
Parablops, 153. 
Paramecosoma, 94. 
Parmena, 208. 
Parnus, 101. 
ParomalDS. 83. 
Patrobus, 17. 
Paussus, 243. 
Pediacus, 93. 
Pedinus, 148, 247. 
Pelobius, 35. 
Pelor, 25. 
Pelosoma, 44. 
Peltinus 254. 
Peltis, 90. 
Pentaphyllus, 150. 
Penthicus, 149. 
Penthus, 26. 
Pentodon, 113. 
Percosia, 25. 
Percus, 23. 
Perileptns, 31. 
Peritelus, 168, 249. 
Perotis, 115. 
Peryphus, 33. 



Pezophrys, 170. 
Phaedon, 223. 
Phalacrus, 85. 
Phaleria, 150, 248. 
Pharus, 234. 
Phelister, 83. 
Philhydnis, 41, 239. 
Philochthns, 32. 
Philonthus, 59, 241. 
Philorinum, 71. 
Philus, 243. 
Phloeobium, 73. 
Phloeocharis, 73, 242, 
Phloeoneus, 69. 
Phloeophagus, 199. - 
Phloeophthorus, 200. 
Phloeopora, 52. 
PhloGostichDS, 93. 
Phloeotribus, 200. 
Phosphaenus, 129- 
Phosphuga, 79. 
Phratora, 223. 
Phthora, 151. 
Phylax, 148, 247. 
Phyllobìns, 169, 240. . 
Phyllobrotica, 224. 
Phyllocerns, 121. 
Phyllognathus, 113. 
Phyllopertha, 113. 
Phyllotreta, 226. 
Phymatodes, 206. 
Phytobius, 196. 
Phytoecia, 211, 252. 
Phytonomus, 176. 
Phytosus, 45. 
Pimelia. 147. 
Pinophilus, 65. 
Pissodes, 180. 
Pityophagns, 89. 
Pityophthorus, 201, 252. 
Placnsa, 52. 
Plagiodera, 223. 
Plagionotns, 207. 
Platycenis, 103. 
Platydema, 150. 
Platyderns, 20, 237. 
Platynaspis, ^4. 
Plalynus, 18. 
Plaiypus, 202. 
Platyrrhinus, 202. 
Platysma, 21. 
Platystethos, 68. 
Platysoma, 82. 
Platytarsus, 169. 
Platytarus, 14. 
Plectroscelis, 227. 
Plegaderus, 85, 244. 



Digitized by VjOOQIC 



— 262 — 



Plinthusj 175. 
Plocliiomis, 14- 
Poe adi US, 89. 
Podabrns, 129, 
Podagrica, 227, 
Podonta, 154. 
Pediatra, UBI. 
Poecilotiota, 116. 
Poecilus, 20, 
Pogonocbaeras, 210, 252* 
Pogotiusj 16. 
Poljdrosns, 173, 250. 
PolvgrapbuB, 200. 
Poljopia, 211. 
Foljphylla, IIL 
Polysticlias, 12. 
Poophapus, 19l>, 
Porthraidius, 121. 
PotamiiitLSv 102, 
PotaiDophiluiJ, 102. 
Praso€urìs7 223. 
Pria, 87. 
PrinQbius, 205. 
Priobium 140. 
Prionocypbon, 128. 
PriùDUs, 205. 
Prionycbus, 153. 
Pristouyclms, 17. 
Probosca, 163, 
Prot'as, 250, 
Procerus, 7. 
Proci rrns, 65. 
Procrastes, 7. 
Prùgnatba, 73. 
Proiiùmaea, 53. 
Propylea, 2:^3, 253. 
Presto mi 3, 92. 
Protinus, 73, 242. 
Psalidium, 174. 
Psammodias, 108. 
PsaDinioecns, 93. 
Paelaphus, 74. 
Pseudoehina, 142. 
Paeadodactvlus, 127. 
Psilotbrix,*136. 
Psoa, 143. 
Psychidium, 95. 
Psylliodes, 229, 253. 
Ptenidium, Sì, 
P te roditi chus, 20* 
PtervK, 82, 
Ptilinus, 141. 
Ptilium, SI, 243. 
Ptilophoras, 160. 
Ptinella, 82. 
Ptintis, 139, 247. 
Ptocbas, 168, 250. 



Ptosima, 117. 
Purpuricenus, 205. 
Pycnomerns, 91. 
Pygidia, 131. 
Ì7rochroa, 158. 
Pytho, 154. 



QnediuSj 56, 240. 



Ramphns, 193. 
Rantns, 38. 
Raymondia, 198. 
Reicheia, 10. 
Revelieria, 97. 
Rhagium, 212. 
Rhagonycha, 130. 
Rhamnusium, 212. 
Rhaphidopalpus, 224, 253, 
Rhinocyllus, 178. 
Rhinomacer, 188. 
Rhinoncus, 196. 
Rhinosimus, 155, 248. 
Rhipiphorus, 160. 
Rbizobias, 235. 
Rhizopertha, 143. 
Rbizophagus, 89. 
Rbizotrogus, 111, 245. 
Rhopalocenis, 91. 
Rbopalodontns, 143 
Rhopalopus, 206. 
Rbynchites, 187, 251. 
Rhyncolns, 199, 251. 
Rbysodes, 92. 
Rhyssemus, 108. 
Rhytidosomus, 196. 
Rhytirrhinus, 174.* 
Rosalia, 205. 
Rugaus, 63. 



Sacium, 236. 
Salpingus, 154, 248. 
Saperda, 210. 
Saphanns, 206. 
Saprinus, 84, 244. 
Sarrotrium, 90. 
Scapbidema, 150. 
Scapbidium, 82. 
Scaphisoma, 82. 
Scaphium, 82. 
Scarites, 10. 
Scaurus, 146. 
Sciaphilus, 171, 250. 
Scimbaliam, 63. 
Scirtes, 128. 



ì 



Scleron, 149. 
Scolytus, 200, 252. 
Scopaens, 64, 241* 
Scotodipntitì, 31. 
Scotonomus^ 63. 
Scraptia^ 156; 
Scntopterus, 38. 
Scybalicns, 26; 
Scydmaenus, 77, 243; 
Scymnus, 234, 253; 
Semanotns, 206. 
Sepidinm, 147. 
Serica, 111. 
Sericoderas, 236, 254. 
Sericosomos, 126. 
Serropalpns, 155. 
Setaria, 94. 
Sbarpia, 181. 
Siagona, 11. 
SiagonDm, 73. 
Sibinia, 184, 251. 
Sibynes, 184. 
Silaria, 159. 
Siiesis, 126. 
SiUs, 131. 
Silpha, 79. 
Silusa, 45. 
Silvanus, 93. 
Simplocaria, 101, 245. 
Sinodendron, 103. 
Sìnorus, 148. 
Sinoxvlon, 142. 
Sisypnus, 103. 
Sitaris, 162. 
Sitones, 171. 
Sitopbagus, 152. 
Sitophilns, 198. 
Smicronyx, 181. 
Solenopnorus, 207. 
Soronia, 87. 
Sospita, 233. 
Sparedrus, 162. 
Spercbeus, 42. 
Spermopbagas, 203* 
Spbaericns. 140. 
Sphaeridium, 44. 
Spbaerites, 80. 
Spbaerius, 81. 
Sphaeroderma, 226. 
Spbenopboms, 198, 251. 
Spbenoptera, 118. 
Sphindns, 142. 
Sphodrus, 17, 237. 
Spondylis, 205. 
Stagetus, 142. 
Staphylinus, 57, 240. 
Stenalia, 159. 



Digitized by VjOOQIC 



— 263 — 



Stenaxìs, 163. 
Sfcenelmis, 102. 
Stenidea, 210. 
Stenoglossa, 45. 
Stenolophus, 29. 
Stenopterus, 208. 
Stenoria, 162. 
Stenosis, 145. 
Stenosoma, 163. 
Stenostola, 211. 
Stenostoma, 163. 
Stenns, 65, 241. 
Stennsa, 45. 
Stephanocleonus, 177. 
Stemodea, 244. 
Steropus, 21. 
Stichoglossa, 45. 
Stilicus, 63, 241. 
Stomis, 20. 
Stomodes, 168. 
Strangalia, 213, 252. 
Stromatium, 207. 
Strongylus, 88. 
Stropnosomus, 171. 
Stylosomus, 220, 253. 
Snnius, 64, 241. 
Symbiotes, 232, 253. 
Synaptus, 126. 
Syncalypta, 100, 245. 
Synchita, 91. 
Syntomium, 69. 



Tachinus, 53, 240. 
Tachyporus,, 53. 
Tachypus, 34, 238. 
Tachys, 32, 238. 
Tachyta, 32. 
Tachyusa, 48, 239. 
Tagenia, 145. 
TanymecDS, 173. 
Tanysphyrns, 182. 
Tanythrix, 23. 
Taphria, 18. 
Tapinoptftrus, 20. 
Tapinotus, 196. 
Tarphius, 91. 
Tarsostenus, 138. 
Teinodaotyla, 228. 
Telephoms, 129. 
Telmatophilns, 94. 
Temnochila, 90. 
Tenebrie, 152. 
Tentyria, 145, 247. 
Teredus, 91. 



Teretrius, 85. 
Tetratoma, 155, 248. 
Tetropiura, 206. 
Tetrops, 211, 252. 
Thalycra, 87. 
Thamnurgus, 201. 
Thanasimus, 138. 
Tharops, 120. 
Thea, 233. 
Thiasophila, 46. 
Thilmanus, 128. 
Thinobius 69, 242. 
Thinodromus, 69. 
Thorectes, 109. 
Thorictus, 96. 
Throscus, 120, 246. 
Thyamis, 228, 253. 
Thylacites, 173, 250. 
Thymalus, 90. 
Tillus, 138, 247. 
Timarcha, 220, 253. 
Tiresias, 99. 
Tituboea, 216. 
Tolyphus, 85. 
Tomoderus, 157, 249. * 
Tomoxia, 158. 
Tournieria, 167. 
Toxotus, 212. 
Trachelomorphus, 249. 
Trachodes, 175. 
Trachyphloeus, 169, 250. 
Trachys, 120. 
Trachyscelis, 150. 
Tragosoma, 205. 
Trechus, 30, 238. 
Tribalus, 84. 
Triboliam, 150. 
TrichiDS, 115. 
Trichodes, 138, 247. 
Trichonyx, 74. 
Trichophya, 53. 
Trichopteryx, 82, 243. 
Trigonurus, 70. 
Trimium, 76, 242. 4 
Trìnodes, 100. 
Triodonta 110. 
Triphyllus, 98. 
Triplax, 231. 
Tritoma, 231. 
Trixagus, 120. 
Trogaster, 242. 
Troglops, 135. 
Troglorrhynchus, 167. 
Trogoderma, 99. 
Trogophloeus, 69, 241. 



Trogosita, 90, 244. 
Tropideres, 202, 252. 
Tropiphorus, 170. 
Trotomma, 156. 
Trox, 109. 
Tripopltys, 141. 
Tychius, 183. 
Tychus, 74. • 

Tyloderes, 167. 
T^rphaea, 98. 
Typhlobium, 62. 
Typhlodes, 61. 
Typhloporns, 198, 251. 
Tyrus, 74. 



Ulomina, 248. 
Uloma, 151. 
Upinella, 153. 
Urodon, 203. 



Vadonia, 213. 
Valgus, 115. 
Vellejus, 56. 
Vesperus, 212. 
Vibidia, 233, 253. 
Vulda, 61, 241. 



Xantochroa, 162, 249. 
Xantholinus, 61, 241. 
Xenostrongylns, 89, 244. 
Xestobium, 141. 
Xyleborus, 201. 
Xyletinus, 141, 247. 
Xylita, 155. 
Xylobius, 121. 
Xylocleptes, 201. 
Xylographus, 143. 
Xyloportha, 143, 247. 
Xylophilus, Mann, 121. 
Xylopliilus,ia<r. 156, 248. 
Xylosteus, 212. 
Xyloterus, 202. 



Zabrus, 25, 238. 
Zeugophora, 215. 
Zilora, 248. 
Zonitis, 161. 
Zophosis, 144, 247, 
Zuphium, 12, 
Zygift, 137, 



Digitized by LjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



ATTI 



DELLA 



SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



PEOCESSI VERBALI DELLe ADUNANZE 

TENUTE NELL'ANNO 1877 



Adunanza del 7 marzo. 
Presidema Targioni. 

Il presidente prof. Targioni, dopo aver ringraziato S. M. V Impera- 
tore del Brasile Don Fedro d'Alcantara, membro della Società, e le molte 
distinte persone di Firenze intervenute all'adunanza, proclama eletti 
come soci il prof. Thorell di Upsala, il cav. Roberto Lawley di Pisa, 
il sig. Carlo Palau di Livorno, il sìg. conte Luigi Rasponi delle Teste 
dì Ravenna, ed il march. Angiolo Lorenzo De Giudici Albergotli di 
Arezzo. 

Prende poscia a discorrere di nuovi studi sulla Fillossera della 
vite, e dei suoi studii speciali sulle emigrazioni della Fillossera del 
Leccio da quest'albero alla Querce, e si estende nell'esposizione dei 
particolari anatomici relativi specialmente agli ovari : termina con alcune 
considerazioni sulla Filogenia degli insetti. 

Il socio ing. Vimercati, mostrando un ingegnoso apparecchio per 
misurare la forza di trazione che possono sviluppare certi insetti, parlò 
delle esperienze proprie e di quelle fatte dal Plateau sull'argo- 
mento. 

11 socio Piero Bargagli lesse alcune pagine risguardanti gl'insetti 
commestibili. 

Il socio dott. Verdiani Bandi di Siena mostra e descrive due 
Coleotteri mostruosi ; un Rhizotrogus marginipes ed una Akis punctata. 

Il socio Piccioli essendo assente perchè indisposto, il Segretario 
•riassume in brevi parole quanto il Piccioli stesso scrive circa i Coleot- 
teri raccolti all'Abetone nel luglio 1876 dal prof. Targioni, dal segre- 
tario dott. Cavanna, dal socio Rateili, dal sig. Oreste Battaglini-Maocìni 
e su quelli catturati nello stesso luogo dal dott. Forsyth Major, Tra 
quei Coleotteri, che appartengono a 184 specie, trovasi un nuovo Po- 



Digitized by VjOOQIC 



IV 

dabrus a cui il Piccioli impone il nome di P. Majori; ed è forse nuova 
anchQ una specie di Omophlus, 

Il prof. Marchi legge una nota sulla opportunità di adoperare come 
oggetti di prova le squame di alcuni insetti, quando vogliansi esaminare 
obiettivi di studio che abbiano buona definizione e buona penetrazione. 

Il vice- presidente prof. Stefanelli espone alla Società il resultato 
delle prime indagini fatte sugli Odonati dei dintorni di Firenze. 

L'ora essendo tarda^ viene rimandata ad altra adunanza la lettura 
dei rimanenti lavori, ed il presidente, pronunziate parole di ringrazia- 
mento, scioglie radunanza. 

Dopo aver esaminato alcune fotografie della Phylloxera presentate 
dal socio doLt. Billi, S. M. T Imperatore appone di moto proprio la sua 
firma at verbale dell* adunanza del 31 dicembre, ed accompagnato dai 
connponenti il seggio, ai quali esprime il proprio gradimento, abbandona 
il Museo alle ore 1 ! pomeridiane. Gli altri adunati si trattengono an- 
cora fìno alla mezzanotie ad esaminare gli oggetti e le preparazioni 
relative agli argomenti ti'attati. 



Adunanza del 29 aprile. 
Presidenza Targioni. 

I! segretario della Corrispondenza, in assenza del segretario degli 
Atti^ legge il verbale della precedente adunanza 7 marzo che viene 
approvato* 

Legge successivamente il rapporto del segretario stesso dott. Ca- 
vanna sugli Atti compiuti dalla Società durante Tanno 4876, ed il rap- 
porto proprio sulla Corrispondenza della Società durante il detto anno. 

11 tesoriere rende conto dello stato economico della Società, mo- 
etrandoQe le buone condizioni. 

Si procede alle elezioni e vengono eletti i signori 

Rondani a Vice Presidente 
Pi razzoli 
Dei 

Spagnolini \ a Consiglieri 
, Piccioli 
Delpino 



> 



Digitized by VjOOQIC 



Il prof. Marchi risulta poscia incaricato di compiere il triennio del- ^ 
r archivista-bibliotecario che ha dato le sue dimissioni. 

11 presidente presenta una nota del vice-presidente Rondani dal 
titolo a Vesparia parasita observata et descripta ec. )» 

Il segretario legge altre due note, una del socio Giotto Ulivi SuUa 
manna^ melatica o mielatica, e T altra del socio Yismara sopra il gen. 
Tettigometra. 

11 presidente offre in dono una copia del suo volume sui Crostacei 
della Magenta^ inserito nelle Pubblicazioni delP Istituto di studi supe* 
riori, e parla poi dei suoi studi sulla Fillossera del Leccio e sopra 
certi Acari. 

II prof. Marchi, a titolo di attualità, parla della Lithosia vaniola 
che in quest'anno si è tanto straordinariamente moltiplicata in Fi- 
renze. 

L'adunanza è sciolta alle ore 8 e mezzo pom. 



Adunanza del 2 dicembre. 
Presidenza Targioni, 



Previa lettura, viene approvato il verbale della precedente adunanza 
tenuta il 29 aprile. 

Il presidente annunzia T ammissione di tre nuovi soci: i sigg» Ca- 
merano Lorenzo di Torino, Molfino prof. Gian Maria di Genova e Chio- 
venda Umberto di Domodossola, tesse poscia brevemente V elogio del 
defunto socio prof. Parlatore. 

Presenta per la pubblicazione nel Bullettino i seguenti lavori : 

F. Vismara, Sul genere Aphrophora Germ. 

S. De Bertolinij Supplemento al già pubblicato Catalogo dei Co- 
leotteri. 

A. Curòj Nuove aggiunte al Saggio di un Catalogo dei Lepidotteri 
italiani. 

C. Rondani^ Supplemento alla 2* parte del Repertorio degli insetti 
parassiti e delle loro vittime. 



Digitized by GoOQIcJ 




11 segretario degli Atti legge una nota del nuovo socio sig. Lorenzo 
Camerano di Torino, nella quale vengono riferite alcune osservazioni 
sulla struttura delle elitre in certi Coleotteri. 

Il socio Piero Bargagli legge la introduzione di un suo lavoro, che 
sarà pubblicato nel Bullettino, sulla biologia delle Àltiche di Europa. 

Il prof. Stefanelli, vice-presidente, legge una prima memoria sul 
modo di preparare le Libellule a colori fugaci, per la cui conservazione 
propone la disseccazione rapida air ordinaria temperatura per mezzo 
del vuoto pneumatico e dell'azione assorbente dell'acido solforico 
concentrato. 

Il prof. Spagnolini presenta una nota su alcune Libellule da lui 
raccolte nei dintorni di Costantinopoli. 

Il segretario degli Atti legge una lettera con la quale il socio 
Pavesi, dell' Università di Pavia; comunica la scoperta della Fauna pe- 
lagica, d'alto lago, in parecchi laghi della Lombardia. 

11 segretario medesimo annunzia aver distribufto a competenti na- 
turalisti il materiale raccolto durante una escursione nella Calabria ul- 
teriore. 

.11 sig. Apelle Dei, consigliere della Società, rende conto di alcune 
sue osservazioni sui danni che certi Emittori recano ai frutti dei peri 
e dei meli ; descrive poi una Akis pimctata mostruosa, e propone 
finalmente un nuovo mezzo per preservare le Collezioni entomologiche 
dai danni degli Antrenus. Qnesto mezzo consiste principalmente nello 
isolare gli armadi, tenendone poi i piedi entro a recipienti circolari 
anulari, ripieni nella loro parte periferica di acqua fortemente acidulata 
con acido solforico. 

Stefanelli e Targioni rammentano altri provvedimenti in altro 
tempo ed allo stesso scopo proposti, e che potrebbero esser uniti al 
sistema del socio Dei. 

Il prof. Stefanelli annunzia aver trovato per la prima volta in 
Toscana la Macroglossa fudformis L. 

Il prof. Spagnolini mostra alcuni disegni del socio Ragazzi di Modena 
i quali mettono in evidenza le notevoli differenze che può presentare 
Ja colorazione degli anelli addominali neW Agrion mercurialis Charp. 

Il presidente Targioni annunzia aver compiuto il Catalogo degli 
Ortotteri italiani, e di aver studiato quelli portati dalla Calabria dal 
segretario Cavanna; su alcune forme trovate tra quest'ultimi intrat- 
tiene alquanto gli adunati. 

Mostrando per ultimo alcuni disegni relativi alla struttura degli 
organi buccali nei Tetranici, il presidente prof. Targioni dichiara essere 
stato condotto da ripetute ricerche a professare sull' argomento opi- 



Digitized by VjOOQIC 






VII 

nioni diverse da quelle manifestate da precedenti osservatori, e si ri- 
serba tenerne parola nel Bullettino. 

I soci osservano le Libellule ottimamente conservate col sistema 
del prof. Stefanelli, e gli altri oggetti ai quali si riferivano le osser- 
vazioni e le comunicazioni fatte neir adunanza, che il presidente in- 
tanto dichiara sciolta. 



V. il Presidente 

A. TaRGIONI TÓZZETTl. 



Il Segretario 

G. C A V A N N A. 



Digitized by 



GooàJe 



vili 



RELAZIONE 

SUGLI ATTI COMPIUTI DALLA SOCIETÀ. ENTOMOLOGICA ITALIANA 
DORANTE L'ANNO 1877 



Signori 1 

La Qostra Società compie oggi il decimo anno della sua tranquilla 
B laboriosa esistenza. 

Le istituzioni giovani, quelle specialmente che al pari della nostra 
trovano nella scienza la loro ragion d'essere, seguono i tempi, e sono 
tenute insieme unicamente dalle libere volontà che spontanee con- 
corrono unite verso uno scopo elevato al di sopra delle ordinarie preoc- 
cupazioni degli uomini, veggono volentieri passare gli anni, e nel cumulo 
del lavoro, delle personali relazioni, delle tradizioni insomma ch'essi 
accrescono successivamente, si compiacciono, esse di stendere meglio 
le loro radici. 

Gettando uno sguardo retrospettivo sulla nostra esistenza, ci sia 
permesso rallegrarci un istante, che il cammino percorso non è breve 
certo^ e non fu impari ai tempi ed alle condizioni dell'ambiente nel 
quale viviamo, l'opera della Società. 

Non segnerei» in modo particolareggiato la traccia da noi lasciata; 
voi la troverei te descritta nelle Relazioni annue dei segretari che eb- 
bero prima di me Tonore di occupare questo posto, e nelle mie. Quella 
traccia^ specialmente per ciò che riguarda la Fauna della nostra patria, 
h abbastanza profonda, e se i grandi lavori monografici mancano com- 
pletamente r^ei volumi del Bullettino, non mancano però i Cataloghi 
ricchi di note, le descrizioni di nuove specie e gli altri minori scritti, 
che ai futuri studi monografici e generali oflTrpno già fin d'ora, almeno 
per certi ordini d'animali, una base sicura. 

Nel campo della Entomologia generale i nostri volumi dovevano 
necessariamente riuscire poverissimi. Nata da poco, l'Italia nuova non 
estende, come le altre grandi nazioni civili, il suo dominio sopra remote 
contrade; moltissimi dei suoi figli, è vero, sono sparsi pel mondo, ma 
da pochi di essi la scienza italiana ha ritratto qualche utile, e solo si 



Digitized by VjOOQIC 



può dai moltissimi riprometterci utile maggiore in un non lontano fu- 
turo, che già i fatti mostrano non infondate tali speranze. 

Non mancano nei nostri volumi degli scritti di Morfologia, di Ana- 
tomia, di Biologia; ma purtroppo essi vi sono scarsi, e lasciatemi, 
come altra volta, lamentare codesta scarsità, che del resto si, deplora 
anche in analoghe istituzioni d'altri paesi, ed alla quale l'odierno in- 
dirizzo degli studi accenna ovunque a rimediare sollecitamente. Anzi, le 
pubblicazioni sociali, come giustamente osservava in nuò recente adu- 
nanza il nostro Presidente, sono, quanto agli argomenta, assai variate; 
non ci siamo, come altre Società entomologiche, ristretti allo studio 
dei soli Esapodi, ma gli altri gruppi degli Artropodi sono stati bene 
spesso r argomento delle nostre ricerche. 

Indicata cosi con brevi parole e con pochi dei principali suoi tratti, 
l'operosità sociale del primo decennio di nostra vita, debbo ora sodi- 
sfare al mio annuo compito, debbo cioè più specialmente intrattenervi 
sui lavori sociali del 1877, i quali sono racchiusi nel nono volume del 
Bulkttino di quasi 400 pagine con 8 tavole litografiche, e nei Resoconti 
delle adunanze, da me compilati. 

Larga parte del volume è occupata dagli studi dei soci ìng. Gur6, 
Prof. Rondani, e Cav. Flaminio Raudi di Selve; quelli del primo e del 
secondo sono in continuazione, respettivamente, del Saggìo di un Caia* 
LOGO DEI Lepidotteri italiani e del « Repertorio degli Insetti pahas- ' 
SITI E DELLE LORO VITTIME; » quelli del terzo sono a compimento del 
suo lavoro sui a Coleotteri Tenebrioniti delle Gollez['jhi italune. » 

Dello stesso Prof. Rondani ora citato, sono poi due altri lavori de- 
scrittivi. Uno di essi, accompagnato da quattro tavole, riguarda circa ot- 
tanta specie di Vespari parassiti nuovi o poco noti, (Vesparia parasita 
NON VEL MiNUS COGNITA); l'altro, accompagnato da una tavola, ci dà la 
descrizione di una Tineina, VAntispila Rivilelkij e dei suoi parassiti, i 
quali sono Galcididi del gen. Entedon. Lavori di ugual indole, descrit- 
tivi cioè tassonomici, sono le Note emitterologiche del socio Vlsmara, 
nelle quali trattasi di una nuova specie e di parecchie varietà di Omot* 
teri italiani dei generi i4pAropAora Germ. e Tettigometra Latr.; l'elenco 
di alcune Libellule dei dintorni di Gostantinopoli datoci dai Prof. Spa- 
gnolini e che riguarda materiali dall'Autore medesimo raccolti; Teìenco 
dei Libellulini finora ritrovati nei dintorni di Firenze datoci dal Prof. 
Stefanelli; una lettera del Prof. Gesta relativa a GoleoUeri delT Italia 
meridionale; la descrizione, con figure, di un nuovo Cratoparis trovato 
nelle vicinanze di Firenze e dedicato dal socio Piccioli a) nostro Pre- 
sidente Prof. Targioni (C. Targionii}\ ed un. catalogo di Coleotteri del- 



Digitized by VjOOQIC 



r Appennino di Pistoia, tra i quali è annoverata dallo stesso Piccioli, 
una nuova specie, il Podabrus Majori, 

Chiuderò T elenco già lungo, menzionando una nota del Prof. Tar- 
gìofii sopra un nuovo Lecanite, il Mixolecamum Kibarae, trovato dal 
Beccari .sopra una Monimiacea della Nuova Guinea, e che ha con la 
pian La che lo ospita e con certe specie di formiche, rapporti assai sin- 
golari; e non dimenticherò lo studio del Dott. Emery sopra T ordina- 
rne nlo naturale dei Mirmicidei, a proposito del quale TA. espone le sue 
idee sulla filogenesi delle formiche, insetti ch'egli vuole probabilmente 
discesi da qualche tipo della famiglia degli scavatori afiQne agli attuali 
ScolidcL 

Passando ora ad altro genere di ricerche troviamo nel IX volume 
non scarsa messe. 

Il Prof. Pavesi navigando pei laghi deirAlta Italia, vi scopre una 
fauna pelagica che ha grandi analogie con quella esistente, secondo le 
osservazioni di Sars, di MUller e di Lilljeborg, nei laghi dell' Europa cen- 
trale e settentrionale, e sulla sua scoperta scrive un cenno partico- 
lareggiato. 

Il socio Ulivi ed il Prof. Targioni, combattendo le idee da altri 
espresse, vogliono di natura vegetale quella cosidetta manna o mielatica 
che si osserva di sovente su certe piante. Lo stesso Targioni indica i 
resuluti biologici ed anatomici delle quasi diuturne osservazioni sue sulla 
Fillossera della quercia e del leccio, ed in altro lavoro descrive la bocca 
complicata e la struttura dei piedi nei Tetranici, mostrando erronee 
alcune delle idee esposte da altri zoologi suir argomento; mentre poi 
il socio Batelli completa le indicazioni del Lavalle sulla struttura di 
certe squame e peli singolari che rinvengonsi in Crostacei brachiuri. 

Di ermafrodismo e dimorfismo riuniti in uno stesso . individuo di 
Argynnis paphia L. ci parla il Ghiliani; ed il Dott. Luigi Verdiani 
Bandi j descrive, in una lettera diretta al nostro Presidente, due Coleot- 
teri mostruosi. 

Né talune delle più importanti questioni relative alla miglior prepa- 
razione degli Insetti ed alla conservazione delle Collezioni, vennero in que- 
st'anno trascurate. Voi rammenterete senza dubbio gli splendidi esem- 
plari di Odonati che ci mostrava in una delle nostre adunanze il Prof. 
Stefanelli, che ha indicato poi nel Bullettino il processo adoperato; né 
avrete dimenticato il mezzo consigliato dal socio Dei per tener lontani 
gli Àntrenus dalle raccolte entomologiche. 

E qui finirò accennando a note sulla Lithosia caniolttj farfallina che 
si vide per qualche tempo abbondantissima, allo stato di larva, nel- 



Digitized by VjOOQIC 



XI 

l'interno della città; sulla struttura delle squamme delle elitre in certi 
Coleotteri, sui danni che alcuni Pentatomidi arrecano al frutto dei peri; 
sulle variazioni individuali dell' i4^non mercurialis Charp., note dovute 
rispettivamente ai soci Marchi, Camerano, Dei e Spagnolini, e che ri- 
troverete nei Resoconti delle Adunanze. 

Dieci sole pagine del IX volume sono occupate da Rassegne en- 
tomologiche, àiflettendo che per molti soci, intendo parlare di quelli 
che risiedono lontano dai centri,' nel fondo delle provincie, il Bullettino 
è forse l'unico legame col mondo scientifico, parmi debba desiderarsi 
che alle riviste sia accordato un posto più ampio : è questa, una idea 
che mi sono permesso di esprimere nella mia Relazione sui lavori del 
4876, che ha trovato unanime benevola accoglienza nel seno del Co- 
mitato, e verrà, nella misura del possibile, messa in esecuzione. 

Poiché ho nominato il Comitato, aggiungerò subito che oltre al- 
l'aver provveduto, come si conveniva, nelle diverse adunanze tenute 
nell'anno, al disbrigo degli affari correnti, prendeva deliberazioni che 
estendevano il cerchio delle corrispondenze della Società, e radiava 
dall'albo sociale alcuni soci, i quali non avendo da lungo tempo adem- 
piuto i loro obblighi, non meritavano più alcun riguardo. 

Neppure in quest'anno la mia Relazione può finire lietamente, 
senza una nota di dolore; che se al principiar dell'anno fummo fu- 
nestati dalla morte del Prof. Panceri, alla quale già accennai nella mia 
Relazione pel 4876, alla fine la morte ci colpiva in uno dei nostri più 
illustri colleghi, il Prof. Filippo Parlatore, della cui vita operosa e delle 
cui opere, insigni specialmente nel campo della Botanica, non è qui da 
discorrere. Di lui scrisse a conforto del rammarico generale e ad 
espressione dei sentimenti nostri, poche ma sentite parole il Presidente 
Prof. Targìoni nel IV fascicolo del Bullettino. 

Il Segretario degli Atti 

G. C A VANNA. 



Digitized by VjOOQIC 



su 



RELAZIONE 

SULLE CORRISPONDENZE DELLA SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 
DURANTE L'ANNO 1877 



Poche parole ho da dirvi a proposito dei rapporti della nostra 
Società con altre associazioni scientifiche o con i privati cultori delle 
Scienze naturali e dell' Entomologia in specie, e queste parole si com- 
pendiano nella conferma della stima la.pid perfetta e dell'interesse 
degli studiosi per V incremento e la prosperità della nostra Istituzione. 

11 cambio del Bullettìno Entomologico si continua regolare con gli 
atti delle Società scientifiche a Voi indicate in precedenti rapporti an- 
nuali e pubblicate in apposito Elenco nel Bullettino stesso. 

Le Opere e Memorie venute in dono alla Società nel decorso anno 
furono parecchie ed io ve le presento (4). 

// Segretario del Carteggio 
P. Marchi. 



[]} Si pensa dal Comitato a compilare, il Catalogo della Biblioteca sociale: per 
ra^oiìi di ecauamia e di brevità si omettono i titoli delle opere presentate dal Segre- 
tario del curte^giOf della maggior parte delle quali si è parlato già nelle Rassegne 
bibliografìe; he. 



Digitized by VjOOQIC 



un 



RELAZIONE DEL TESORIERE 



Firenze, Il 17 aprile 1378. 



Onorevoli Signori Sindaci 
DELLA Società Entomologica Italiana. 



Còm'ebbi T onore di fare negli anni decorsi^ trasmetto anche in 
questo alle Signorie Loro, i Bilanci sociali, corredati dei relativi do- 
cumenti in Allegato. 

Rimarcheranno senza dubbio le SS. LL. che anche pel 4877 jl 
consuntivo è ben lungi dall' aver dato quell'avanzo che avevamo pre- 
veduto nel preventivo. Purtroppo in Società come la nostra^ T esazione 
delle quote lascia sempre molto a desiderare, ed in verità non si com- 
prende la trascuratezza colla quale molti soci compiono questo loro 
dovere. 

È cosa dispiacevole e disgustosa quella che^ per debito d^ufflcfo^ 
incombe al Tesoriere in simili casi; lo scrivere a coUeghi per ram- 
mentar loro che sono morosi è cosa che si fa sempre con animo re- 
nitente. 

Sarebbe sommamente desiderabile che T autorevole parola dei 
ngnori Sindaci intorno a questo argomento fosse ascoltata ed osservata. 

Vogliano le SS. LL. sostenermi colla loro voce in questa, che è 
la più difficile e delicata parte della mia missione di Tesoriere. 

Gradiscano^ egregi Signori, gli attestati della mia servitù. 



n Tesoriere 
Ing. G< YiMERCATL 



Digitized by 



Godgle 



p 



XIV 



SOCIETÀ ENTOIOLO&ICÀ ITI 



AXXIVO 

I. Avanzo effettivo in cassa al 1» gennaio 1877 L. 

II. Tasse di N* 102 Soci nazionali, pel 1877 » 

HI. Tasse di N^ 10 Soci esteri, pel 1877 » 

IV. Tasse arretrate di Soci nazionali ed esteri » 

V. Dal Ministero di Agricoltura e Commercio » 

VI. Vendita di Pubblicazioni Sociali e straordinarie » 

VII. Da Deyrolle in conto corrente » 

Vili. Eimborsi di spese per tavole » 

IX. Crediti diversi verso Bocca, Deyrolle, Friedlander e rimborsi 

copie a parte » 

X. In tre azioni Società Editrice » 

Totale Attivo L. 



617 
1,020 
120 
142 
250 

21 
197 

35 



m, 



mi il 



V. Il Presidente 
A. TABGIONI TOZZETTI. 



Digitized by VjOOQIC 



HO CONSUNTIVO DELL'ANNO 1877. 



m 



I^ASSIVO 

stampa del Ballettino {Allegato A) L, 

. Stampa delle copie a parte {Allegato A) i> 

, Stampa dei Eesoconti e Circolari {Allegato A) > 

. Incisioni e tavole {Allegato B) ^ 

. Spese di posta, spedizioni e archivio {Allegato C) » 

Esazione di tasse e spese di tesoreria {Allegato D) > 

)ese di adunanze e diverse {Allegato E) » 

Gratij&cazione al Bibliotecario {Allegato P) s> 

Totale Passivo L. 



1,259 
209 
177 
202 
221 
52 
113 
100 



2,3S4 



BILANCIO 



I^Wvo L. 8,001.15 

Mvo » 2,334.27 

ivanao al 31 dicembre 1876 L. 666. 88 



25 

62 
30 
10 



27 



ElPABTITE COME SEGUE: 

Effettive in cassa ....,..,, L. 68. 88 
In azioni Società Editrice.,» 300.00 
In crediti diversi ^ 298. 00 



ToTAu; L, 666* 88 



Il Tesobiebe 
G. VIMERCATL 



Digitized by VjOOQIC 



XVI 



SOCIETÀ ENTOHOLOU ITÀUAll 



ATTIVO 

L Avanzo effettivo in cassa al 1<> gennaio 1878 L. 

IL Tasse di Soci Nazionali, pel 1878 » 

in. Tasse di Soci Esteri, pel 1878 » 

IV. Tasse arretrate di Soci Nazionali ed Esteri. » 

Y* Dal Ministero per 25 copie » 

VI. Vendita di Pubblicazioni Sociali » 

VII. Eimborso di copie a parte » 

vnr. Eimborso metà spese per tavole » 

IX. Esazione dei crediti del Bilancio consuntivo 1877 » 

X. In tre azioni della Società Editrice » 

Totale Attivo L. 



1,300 
300 
400 
250 
150 
30 
75 
298 
300 



3,771 



Y. Il Presidente 
A. TARGIONI TOZZETTI. 



Digitized by VjOOQIC 



ta 



XVII 



PREYENTIVO PER L'ANNO 1878. 



I^ASSIVO 

I. Stampa del Bullettino L. 

n. Stampa delle copie a parte » 

lin. Stampa del Resoconti e Circolari » 

^ IV. Incisioni e Tavole » 

V. Spese di porto e spedizioni » 

VI. Esazione di tasse e spese di tesoreria » 

Vn. Spese di adunanze e diverse » 

HL Spese d' Archivio, Biblioteca e gratificazione al Bibliotecario. . > 

Totale Passivo L. 



BILANCIO 



1,400 
180 
200 
150 
250 
80 
60 
150 



2,470 



ttvo presunto nelP anno 1878 L. 3,771. 88 (L. 800 in azioni Soc. Editr.) 

ssivo presunto neir anno 1878 » 2,470. 00 



anzo presunto al 31 dicembre 1878 L. 1,301. 88 



Il Tesobiebb 
G. VIMERCATL 



Digitized by VjOOQIC 



XVIII 



Firenze, 24 aprile 1878. 



Al Signor Comni- Prof. Targioui Tozzetti, 
Presidente della Società Entomologica Italiana, 

IH."' Signore 

Ilo esaminato 1 documenti ed i conti relativi alla gestione del- 
l' anno sociale 1877 e li ho trovati in perfetta regola. 

È necessario che lo Società tutta quanta unisca la sua azione a 
quella del benemerito Tesoriere conte Vimercati, per indurre i Soci ad 
una maggior puntualìtìi nel pagamento" delle loro quote. 

Accolga HL"'" Sig. Presidente le assicurazioni della mia più per- 
fetta consideraiiooe- 

A. 6. Archbald. 



N.3T\. — r/ altro Sindaco, il socio March. Nicolò Ridolfl, non potè, per 
mancanza di torapo, eaaminare i bilanci ed i documenti ad essi relativi. Affin- 
chè il servìzio dì Tesoreriii non rimanesse sospeso, la Società, interrogata dal 
Proaidente, deliberava s[ procedesse ciò non ostante alia discussione dei Bi- 
lanci, che vennero approvati. 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



xrx 



CONSIGLIO GENERALE 



SECONDO LE ELEZIONI AVVENUTE NELL'ADUNANZA SOCIALE DEL 28 APRILE 1878 
E CON I CAMBIAMENTI SOPRAVVENUTI FINO AL 1<> GENNAIO 1879, 

Presidente 

Comm. Prof. Adolfo Targioni-Tozzetti, rieletto nel 1876. 

Vice-Presidenti 

N. N. (vacante per la morte del Cav. Vittore Ghiliani). 
Cav. Prof. Pietro Stefanelli, rieletto nel 1876. 
Cav. Prof. Camillo Rondani, rieletto nel 1877. 

Segretari 

Cav. Prof. Pietro Marchi, rieletto nel 1876 (per la corrispondenza). 
Doti Guelfo Cavanna, rieletto nel 1876 (per gli atti). 

Tesoriere 

Ing. Conte Guido Vimercati, rieletto nel 1876. 

Bibliotecario-Archivista 

Prof. Alessandro Spagnolini, eletto nel 1878. 

Consiglieri 

Comm. March. Giacomo Doria, eletto nel 1876. 

Cav. Prof. Enrico Giglioli, eletto nel 1876. 

Prof. Federigo Delfino, eletto nel 1877. 

Sig. Ferdinando Piccioli, eletto nel 1877. 

Sig. Apelle Dei, eletto nel 1877. 

Ing. Cav. Dott. Odoardo Pirazzoli, eletto nel 1877. 

Dott. Prof. Alessandro Spagnolini, eletto nel 1877. 

Ing. Antonio Curò, eletto nel 1878. 

Cav. Prof. Emilio Cornalia, eletto nel 1878. 

Prof. Cav. Antonio Carruccio, eletto nel 1878. 

Cav. Flaminio Baudi di Selve, eletto nel 1878. 

^if. N. (vaca per la morte del Dott. Carlo Desideri). 

Sindaci dei conti sociali 

March. Luigi Tanari, Senatore del Regno, eletto nel 1878. 
Nob. Piero Bargagli, eletto nel 1878. 

Compilatori del Bullettino 

Comm. Prof. Adolfo Targioni-Tozzetti. 
Prof. Cav. Pietro Stefanelli. 
Dott Guelfo Cavanna, 



1 



„cV 



XX 



ELENCO DEI SOCJ 

DELLi Società Entomologica Itàuanà al 1^ gennaio 1879, 

ttm U indioazione delUi loro residenza, degli stadj da essi particolarmente ooltiyatiy 
e della data della respettiya elezione 



l,SuA Maestà Umbebto L Re d'Italia. - Roma. 1873. 
2.A2JCONA (D') Cav. Dott. Cesare, Piazza d'Azeglio, n^ 14, Firenze. - 1869. 
3. AECimAiD A. B., Via Magenta, n* 19, 2^ po, Firenze. - 1872. 
4.BAEBÒ CoDto Gaetano, Presidente dell' Associazione centrale d'incoraggia- 
mento all'apicoltura in Italia, Via San Damiano, n» 24, Milano. - 1874. 
5.Bak(}agli Nobile Piero, Piazza dei Tempi, n® 1, Firenze. - Coleotteri. - 1869. 

6. Baroni Oio?., Borgo la Croce, n<> 53, Firenze. - Coleotteri e Lepidotteri. - 1869. 

7. Baudi m Selve Cav. Flaminio, Via Carlo Alberto, n<> 44, Torino. - Coleot- 

teri - 1869. 

8. Batelu Doti Andrea. Piazza S. Felice, n® 6, Firenze. - 1876. 

9. BKccAaiA-IscisA di S. Stefano Cav. Generale Luigi, Via Giannone, n? 5. 

Torino. - 1870. 
10.B£cm Cav. Prof. Emilio, R. Istituto Tecnico, Firenze. 1869. 
11- Bellardi Prof. Luigi, R. Museo Zoologico, Torino. - Entomologia generale, 

Bitterl - 1869. 
12.BfiLLiEa DE la Chavignebie, Rue Saint Louis, 26, Evreux (Bure - Francia). - 

Lepuìoiteri e Coleotteri d'Europa. - 1870. 
13,Berengee Cav. Adolfo (De), Paterno presso Vallombrosa. - Entomologia ap • 

pìiccda, - 1869. 

14, Beegamasoo Camillo, Casal Beltrame (Provincia di Novara). - 1869. 

15. Beetoum (De) Dott Stefano, Piazza del Duomo, Trento. - Coleotteri. - 1869. 
16* Betta Antonio, Via S. Bartolommeo, n<> 228, Pavia. - Coleotteri. - 1871. 

17, BiLLi Dott Luigi, Via de' Servi, n* 15 p.^ t,^ Firenze. - Acari. - 1870. 

18, Biondi Antonio, Castelfalfl in Val d'Era, ovvero Via dei Serragli, n** 115, 

Firenze. - 1872. 

19, BoLDEijri Dott Luigi, Castel d'Ario (Mantovano). - 1872. 



I 



Digitized by VjOOQIC 



XXI 

20. BoNVOTJLOiE (De) Visconte Enrico, Bue de l'Universìté, n^ 15, Parigi. - Co 

leoUeri, - 1869. 

21. BoBzi Antonino, Prof, di botanica e ufficiale forestale nel R. Istituto fo- 

restale di Vallombrosa. - Entomologia applicata. - 1873. 

22. Bracciforti Prof. Alberto, Via Diritta, n^ 130, Piacenza. - 1873, 

23. Broqi Sigismondo, Preparatore al R. Museo di Storia Naturale dei Pisiocri- 

tici di Siena. - 1873. 

24. Beuck (Vom) Emilio, Crefeld (Prussia Renana). - Coleotteri, - 1869. 

25. Bruschi Prof. Alessandro, Perugia. - 1869. 

26. Calderini Cav. Prof. Pietro, Varallo (Sesia). - Entomologia generale. - 1869. 
27.CALTJRI Olivo, Chimico-farm., Sotto Borgo, Farmacia Ottaviani, Pisa.- 1870. 

28. Callegari Ferdinando, Campo della Guerra, Venezia. - 1871. 

29. Cammaròta Comm. Gaetano, Regio provveditore agli studj di prima classe. 

Piazza d'Azeglio, n^ 22, Firenze. - 1870. 

30. Camerano Dott. Lorenzo, Assistente al R. Museo zoologico di Torino. - 1878. 

31. Carpegna Conte Guido, Assessore Municipale, Roma. - 1872. 

32. Carrara Guido Luigi, Lucca. - Coleotteri. - 1869. 

33. Carruggio Prof. Antonio, R. Università di Modena. - Entomologia gene- 

rale, - 1869. 

34. Castragane degli Antelminelli Conte Alessandro, Rimini. - 1875. - Seri- 

cultura. 
,35. Cavanna Dott. Guelfo, Aggregato alla Cattedra di Zoologia dei Vertebrati nel 
R. Istituto di Studi superiori. Via Romana, n<^ 19, Firenze. - 1875. 

36. CoGCHi Cav. Prof. Igino, Via Michelangiolo Buonarroti, n® 13, Firenze, - 1869. 

37. CoGOLLO Nobile Girolamo, Corso Principe Umberto, Vicenza. - 1869. 

38. CoRNALU Cav. Prof. Emilio, Direttore del Museo Civico dì Milano. - Entomo- 

logia generale. - 1869. 

39. Corsini Principe Tommaso, Firenze. - 1869. 

40. Costa Cav. Prof. Achille, Direttore del R. Museo zoologico di Napoli - 

Entomologia generale. - 1869. 

41. Costa Prof. Venanzio, R. Università di Modena. - 1872. 

42. Chiovenda Umberto, Collegio Rosmini a Domodossola. - 1878. 

43. Cugini Cav. Prof. Cario, Parma. - 1872. 

44. Curò Ingegnere Antonio, Bergamo. - Lepidotteri. - 1869. 

45. Dei Apelle, Via dei Tufi, n^ 1, Siena. - Entomologia generale. - 1869. 

46. Dblmas H. Dott. Luigi, Rue Oreilly n<* 31. all'Avana (Isola di Cuba) - 1879. 

47. Delfino Cav. Federigo, Prof, di Botanica nella R. Università di Ge- 

nova. -' : 



Digitizedby Google 



48* Desesochebs Des Loges, Vitry-aux. Loges (Loiret, France). - Coleotteri 
d' Europa e paesiUmitrofi; Elateridi e Curculionidi del Globo; co- 
stumi degli insetti. - 1872. 

49. Devtncenzi Comm. Giuseppe, Senatore del Regno, Eoma. - 1869. 

50.DEIROLLE Emilio, naturalista, Bue de la Monnaie, près le Pont Neuf; n« 19. 
Parigi - Entomologia generale, - 1869. 

Sl-DiECK Dott. Giorgio, Merseburgo (Prussia). - Coleotteri d'Europa. - 1870. 

52, DoaiA Marchese Giacomo, Via Peschiera, n® 28, Genova. - Coleotteri. - 1869. 

53. Douglas Giovanni Guglielmo, antico Presidente della Società Entomologica 

di Londra, Beaufort Gardens 8, Lewisham. - 1871. 
54 Emery Prof. Carlo, alla R. Università di Sassari - Coleotteri europei e 
meMterranei; Formiddi. - 1869. 

55, Emcn di Emoeke (D') Cav. Gustavo, Segretario aggiunto al Ministero del 

Commercio a Pesth (Ungheria). - Lepidotteri. - 1870. 

56, Failla-Tbdaldi Luigi, Castelbuono, Prov. di Palermo in Sicilia. - 1874. 

57, Faselli Nob. Ing. Brandimarte, Sarteano (Prov. di Siena). - 1873. 

58, Fai^zago Nob. Prof. I^ippo, alla R. Università di Sassari. - 1873. 

59, Fenzi Dott. Orazio Emanuele, Via S. Gallo, up 10, Firenze. - L^idotteri. - 1869. 

60, Fiume (Dal) Camillo, Badia Polesine (Veneto). - 1878. 

61, Fea>ohi Aw. Tito, Ricevitore del Demanio, Genova. - 1870. 

62, Feancolini Ing. Massimiliano, Rimini. - 1875. 

63, Gajìbiglietti Cav. Dott Antonio, Via dell'Accademia Albertina, n» 5, Torino. - 

Coleotteri, Imenotteri ed Emittèri. - 1869, 

64, Gabzoih Comm. March. Giuseppe, Via dei Ginori, n^ 17, Firenze. - 1869. 

65, Gestro Dott Raffaello, Via S. Giacomo, n» 18, Genova. - 1871. 

66, Gtanelli Giacinto, Via Barbaroux, n^ 13, 2^ po, Torino. -Lepidotteri. - 1869. 

67, GiGLioii Cav. Prof. Enrico, Villino Belvedere, Firenze. - 1869. 

68, Ginori Comm. March. Carlo Via dei Ginori, n® 11. Firenze. - 1878. 

69, Giudici Albergotti (De) March. Angiolo Lorenzo, Arezzo. - 1877. 

70, GrOBERT Dott. Emilio, Rue de la Prefecture n® 2. Montde Marsan (Landes. 

Francia). - 1878. 

71, Gonzaga Principe Ferrante, Palazzo Gonzaga, Mantova. - 1874. 

72, Geeisier Dott Alfredo, Rue de Vaugirard, n» 55, Parigi. - 1869. 
73.G111BODO Ingegnere Giovanni, Via dell'Accademia Albertina, n*> 5, 2« p<>, 

Torino. - 1872. 
IL GmcciABDiNi Conte Piero, Via dei Guicdardini, n<> 17, Firenze. - 1869. 

75. Guidi Prof. Luigi, Preside del R. Istituto Tecnico di Pesaro. - 1871. 

76, Helluuth von Bjesenwettee Emesto Augusto, Dresda. - Coleotteri "1873. 



Digitized by VjOOQIC 



XXIII 

77. Heyden (Von) Capitano Luca, Bokenheim, Schlosstrasse, n^ 14 presso Pran' 

coforte sul Meno. - Insetti di tutti gli ordini, principalmente Coleot- 
teri. - 1870. 

78. Heylaeets Dott. Giacomo Martino, Ene Saint Jean n<> 503 A, Broda 

(Olanda). - LepidotterL - 1870. 

79. Jekel Enrico, Eue Letort m 2, Parigi. - Coleotteri rincofori, - 1872. 
80.KALCHBERG Barono Adolfo, StSyr (Austria).- 1871. 

81. Làncu di Brolo, Duca Federigo, Palermo. - 1872. 

82. Lawlet Cav. Roberto, Montecchio presso Pontedera (Prov. di Pisa). - 1877. 

83. Lepori Dott. Cesare, Prof, nella R. Università di Cagliari. - Entomologia 

generale. - 1869. 

84. LiCHTENSTEiN GìuIìo, Cours des Casemes, n» 29, Montpellier (Herault). 

85. Lorena (Di) Arciduca Luigi Salvatore, palazzo Kinscki, Praga. - Entom^olo 

già generale. - 1869. 

86. Loeenzini Demetrio, farmacista alla Porretta. - Coleotteri. - 1871. 

87. Mac-Lachlan Roberto, Limes Greve North Lewisbam, S. E. Londra. - 

Neorotteri. - 1869. 

88. Maestri Ulisse, Capitano del 25*» Fanteria, Napoli. - 1874. 
89.MALM Prof. A. W., Gottemburgo (Svezia). - 1873. 

90. Manuel (De) Alfredo, Albertville (Savoia). - Coleotteri. - 1873. 

91. Marchi Cav. Prof. Pietro, Via degli Alfanl n» 50, Firenze. - 1869. 

92. Marconi Prof. Francesco, Bologna. - 1869. 

93. Marconi Dott. Scipione, Via Santa AppoUonia n® 18, Firenze. - 1870. 

94. Marshall Rev. T. A., Bamstaple (Inghilterra). - 1869. 

95. Masè Arciprete Dott. Francesco, Castel d*Ario (Mantovano). 1869. 

96. Meda Enrico, Capostazione a Oneglia (Liguria). - 1869. 
97.MELLA Conte Gabrio Arborio, Vercelli (Piemonte). - 1869. •» • 

98. Metelli Dott. Giovanni, Capitano Medico nel 63o fanteiia, Messina. -1871. 

99. Michelacci Cav. Prof. Augusto, (R. Arcispedale di S. ICaria Nuova) Via 

Pandolfini, n» 18, 2^ piano, Firenze. - 1870. 
lOO.MoLPiNO Prof. Giovan Maria, R. Istituto Tecnico di Genova. - 1878. 

101. Moni Cav. Avv. Olinto, Bagni di Lucca. - Coleotteri. - 1869. 

102. Ninni Conte Dott. Alessandro, SS. Giovanni e Paolo, Ponte Erbe, n^ 6120 

Venezia. - 1870. 

103. Nobili Cav. Avv. Niccolò, Via dei Ginori, n<> 6, Firenze. - 1869. 

104. Oberthijr Carlo, tipografo, Faubourg de Paris, 20, Rennes (He et Vilaine) 

Francia. - Lepidotteri e Coleotteri d'Europa. - 1871. 

105. Occhini Dott. Francesco, Medico Chirurgo, Via del Corso, ri<> 499, Roma. - 1870. 



Digitized by VjOOQIC 



XXIV 

lOa, PàciNi Cav. Prof. Filippo, Via di Mezzo n» 25, Firenze. - 1871. 
107.PALUMBO Prof. Angusto, Castelvetrano (Sicilia). - 1876. 

108. Fassubini Cav. Prof. Giovanni, Direttore dell'Orto botanico di Parma. - 1869. 

109. Pave?it Prof. Pietro, all' Università di Pavia. - 1878. 

110. Peeez-Arcas Don Laureano, Prof, di Zoologia alla facoltà delle Scienze. CaDe 

àii la Huertas, n» 14, Madrid. - Coleotteri d'Europa. - 1869. 
Ili, Pescetto Federigo, Capitano del Genio militare, Torino. - Lepidot- 
teri. - 1869. 

112. Piccioli! Ferdinando, Aggregato alla Cattedra di Zoologia degli Inverte- 

brati nel R. Istituto di Studi superiori, Via Romana, n» 19, Firenze. - 
Entomologia generale; Coleotteri e Imenotteri. - 1869. 

113. PiciiAEDO y. P. Dott. Gabriel, Bue Oreilly n^ 31, all'Avana (Isola di 

Caba). - 1879. 

114. PiEEi Conte Antonio dei Marchesi Nerli, Taverne d'Arbia, Siena. - 1878. 

115. Pencitore-Maeott Giacomo, Via Macqueda, n<> 129, Palermo. - Coleotteri 

e Lepidotteri. - 1871. 

116.PCÌT Napoleone, Ragioniere, Via del Crocifisso, n® 6, Milano. - Coleot- 
teri - 1872. 

117.PI0LTI Giuseppe, Via Arsenale n^ 6, p^ S^, Torino. - 1878. « 

llS.PiEASszoLi Cav. Ingegner Dott. Odoardo, Imola. - Coleotteri d^ Eu- 
ropa. - 1869., 

119- Pozzi Giuseppe Ernesto, Via Pò, no 25, Torino. - 1876. 

120. FozzoLiNi Enrico, Via dei Pilastri, n® 31, piano terreno, Firenze. - 1870. 

12LPfìAiJA Dott. Prof. Teodoro, Preside dell'Istituto Tecnico di Pavia. - Ento- 
mologia generale; Coleotteri. - 1870. 

122,PuLtì Carlo, Farmacista a Gand (Belgio). - Imenotteri e Ditteri. - 1870. 

123. PoTosT Pott, Augusto, Remifemont (Vosgi). - Coleotteri, Imenotteri ed Emii- 

ieri d'Europa. - 1869. 

124, QuADKi Dott. Achille, Prof, di Zoologia e Anatomia comparata nella R. 

Università di Siena. - Entomologia generale. - 1869. 

125* Ragazzi Dott. Vincenzo, alla R. Università di Modena. - 1873. 

126. Ragusa Enrico, Albergo Trinacria, Palermo. - Coleotteri e Lepidot- 
teri. - 1870. 

127, Kasponi Dalle Teste Conte Luigi, Via del Mandorlo n^ 12, Firenze. - 1877. 

128, Ricasoli Barone Bettino, Senatore del Regno, Firenze. - 1869. 

129, RiDOLn Comm. Marchese Luigi, Via Maggio, n^ 13, Firenze. - 1869. 

130, Ejdolpi Cav. Marchese Niccolò, Via dei Bencì, n^ 22, Firenze. - 1869. 

131, RofiDEfi (Di), Hoym principato di Anhalt Dessau (Germania). - 1870. 



Digitized by VjOOQIC 



XXV 

132.R0NDANI Cav. Prof. Camillo, Preside del E. Istituto Tecnico di Paima, - 

Entomologia generale; Ditteri. - 1869. 
I33.E0SS Alessandro Milton, Toronto (Canada). - 1874. 

134. Savi Dott. Adolfoj E. Museo di Storia Naturale, Pisa. - 1869. 

135. Saulct (Caignart de) Feliciano Enrico, Eue Chatillon n® 3 (Lorena) - 1870. 

136. ScHiFF Cav. Prof. Maurizio, all' Istituto di Ginevra (Svizzera) - Entomo- 

logia generale. - 1869. 

137. Sella Eugenio, Piazza Lagrange, n<> 2, Torino. - Coleotteri. - 1869, 

138. Selys-Longchamps (De) Cav. Senator Barone Edmondo, Boulevard do la Sau- 

vemière, n^ 34, Liegi (Belgio). - Entomologia generale; NevroUeri. -1869. 

139. SiEBOLD (Von) Prof. Teodoro Carlo, Monaco (Baviera). - Entoìmlogia 

generale. - 1871. 

140. SiEMONi Comm. Gio. Carlo, Prato vecchio (Casentino). - 1870. 

141. SiGNOBET Dott. Vittorio, Eue de Eennes Place S* Germain des prés 

no 46 Parigi. - Emitteri. - 1869. 

142. Smith-Satjndebs, Sir Sidney, C M. 6., Gatestone C. X. U. N., Londra. - 1874. 

143. Spagnolini Dott. Alessandro, Professore di Storia Naturale al Collegio 

militare di Firenze. - 1872. 

144. Spenge Cav. Guglielmo, Via degli Strozzi Palazzo Corsi, n® 2, Firenze* - 

Lepidotteri. - 1869. 

145. Stainton H. T. Mountsfield, Lewisham near London. - Lepidotteri^ special- 

mente Tineiti. - 1869. 

146. Staudinger Dott. Otto, Dresda (Sassonia). - Lepidotteri. - 1870. 

147. Stefanelli Cav. Prof. Pietro, Via Pinti, n«» 57, Firenze. - Lepidotteri. - 1869. 

148. Strobel Cav. Prof. Pellegrino, Parma. - 1872. 

149. Tanabi March. Luigi, Senatore del Eegno, Via Palestro, n^ 3, Firenze. - 1869 

150. Tabgioni-Tozzetti Comm. Dott. Adolfo, Prof, di Zoologia e Anatomia compa- 

rata nel E. Istituto di Studi Superiori, Via Eomana, n^ 19, Firenze. - Efi- 
tomologia generale. - 1869. 

151. Tendebini Dott. Giuseppe, Prof di Anatomia pittorica a Carrara. - 1S7L 

152. Terreni Maggior Fortunato, Via dèirOrivolo, n» 35, Firenze. - 1869. 

153. Testi Francesco, Studente in Medicina nella E. Università di Modena. - 1875. 

154. Thorell Prof Tamerlano, presso il Marchese Giacomo Doria a Genova. - 1877* 

155. Torre (Della) Carlo, Via Fra Bartolommeo, n*» 2, Firenze. - 1878. 

156. Turati Conte Emilio, Via Meravigli, n^ 13, Milano. - 1874. 

157. Ulivi Sacerdote Don Giotto, Parroco a Campi Bisenzio. - Apistica. - 1870. 

158. Vegni Comm. Professore Angelo, Via S. Niccolò, n<> 131, Palazzo Tcgni, Fi- 

renze. - 1869. 



Digitized by VjOOQ IC 



r 



XXVI 

159, Yerdum Boti, Grinseppe, Medico Chirurgo Condotto a Volterra. - 1869. 

160. VEfiDiANt-BAKin Arnaldo, San Quirico d'Orda, (Provincia di Siena). - 1874. 
161* Yerdìaki-Ba>;di Luigi, Via Eicasoli, n? 52. Siena. - Coleotteri europei. - 1871. 

162. Villa Antonio, Via Sala, n°6, MAsLUO-Entomologiageneràle; Cb^eo^m. -1869. 

163. VniKRC'ATi Conte Dott, Ing, Guido, Via dei Tintori, Piazzetta Cavalleggieri 

n« 1, Firenze. - 1870. 
IM. VisMA^A Francesco, Via Lanzone n® 11, Milano - EmUteri. - 1873. 
165, ZANNETn Doti Arturo, Prof, di Storia Naturale nella Scuola Tecnica Leon 

BatÉiata Alberti, Via de' Conti. Firenze. - 1869. 



Digitized by VjOOQIC 



XXVII 



GIORNALI 

COI QUALI SI FA CAMBIO DEL BULLETTINO ENTOMOLOGICO ITALIANO. 



1. Giornale di Agricoltura, Industria e Commercio del Regno d'Italia, diretto 

dal Sig. Cav. Prof. Luigi Botter a Bologna, 

2. Giornale Botanico italiano diretto dal Prof. Teodoro Carnei a Pisa. 

3. La Sardegna agricola, giornale agricolo e scientifico, a Sassari. 

4. L'Agricoltura italiana, periodico mensile diretto dal signor Prof. Caruso, 

a Fisa. 



IL BULLETTINO ENTOMOLOGICO ITALIANO 

VIENE OFFERTO IN DONO 



Al Sig. Cav. Adolfo Senoner, Bibliotecario dell'L e R. Istituto Greologico 

di Vienna Copie 1 



Digitized by VjOOQIC 



XXVIII 



ELENCO DEGLI ASSOCIATI 

AL BULLETTINO ENTOMOLOGICO ITALIANO, 



Biblioteca Comnnale di Forlì \ . . , Copie 1 

» Del R. Liceo Dante in Firenze - , _ . ]fr 1 

» Del E. latitato Tecnico in Firenze > I 

» Della E. Accademia delle Arti del Disegno in Fìrenae . , . > 1 

» Della R. Università di Genova > 1 

» Della R. Università di Torino > l 

> Mamcelliana in Firenze ^ 1 

» Nazionale di Parma , < , » 1 

Comizio agrario di Forlì » 1 

DeyroUe, Libraio naturalista a Parigi — ]^ 2 

Damolard, Fratelli, Librai a Milano > 1 

Friedlànder, Libraio a Berlino > 2 

Gabinetto di zoologia e anatomia comparata degli animali invertebrati 

del R. Museo di Firenze » 1 

Gabinetto d'Anatomia Comparata della R. Università di Napoli * , - > 1 

Istituto Tecnico di Reggio di Calabria » 1 

Museo di Storia Naturale del Comune di Cremona >^ 1 

» di Storia Naturale della R. Università di Modena .3^ 1 

Ongania Ferdinando, Libraio a Venezia )^ 1 

R.^ Ministero della Pubblica Istruzione a Roma > 1 

R. Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. Roma > 20 

Wurtemberger Augusto succ. Loescher, Libraio a Firenze. _,....> 2 



Digitized by VjOOQIC 



XXIX 



ELENCO DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE 

CON LE QUALI LA SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALTAHA 
FA CAMBIO DELLE SUE PUBBLICAZIONI 



i: Società Entomologica di Francia, a Parigi. 

2. Società Entomologica di Londra (Inghilterra). 

3. Società Entomologica del Belgio, a Bruxelles. 

4. Società Entomologica Svizzera, a Berna. 

5. Società Entomologica Olandese, a Leida. 

6. Società Entomologica di Berlino (Germania), 

7. Società Entomologica di Stetti/no {(xeYmB.m2L). 

8. Società Entomologica di Russia, a Pietroburgo. 

9. Società di Storia Naturale di Boston, a Boston (Stati Uniti). 

10. L e E. Società botanico-zoologica di Vienna (Austro-Ungheria)* 

11. Società di Scienze Naturali e Mediche, a Giessen (Gtermani;i). 

12. Società di Scienze naturali di Ausburgo (Austro-Ungheria). 

13. Società di Scienze Naturali di Norimberga (Baviera). 

14. Società Linneana di Lione (Francia). 

15. Società di Storia Naturale della Stiria, a Grag (Austro-Ungheria). 

16. Società Malacologica del Belgio, a Bruxelles. 

17. Società dei Naturalisti di Brwnn (Austro-Ungheria). 

18. Società Imperiale dei Naturalisti di Mosca (Russia). 

19. Società di letture e conversazioni scientifiche in Genova. 

20. Istituto Smithsoniano a Washington (Stati Uniti). 

21. Società di Storia Naturale e di Medicina à'Innsbruck (Austro-Ungheria), 

22. Società di Scienze Naturali di Nassau, a Wiesbaden. (Prussia), 

23. Società degli Amici delle Scienze Naturali di Rouen (Francia). 

24. Società delle Scienze di Copenaga (Danimarca). 

25. Società delle Scienze naturali di Cherburgo (Francia). 

26. Museo Civico di Genova, i 

27. Società Veneto-Trentina residente in Padova. 



Digitized by VjOOQ ICj 



XXX 

28, Società tinnoana di Normandia, residente in Coen (Francia). 

29, Società di Storia Naturale di Madrid (Spagna). 

30, Società di Acrlim adone e di Agricoltura in Sicilia, a Palermo. 
3L Acadcmia delle Scienze dell'Istituto di Bologna, 

32. Keale Istituto d' incoraggiamento alle Scienze naturali e tecnologiche di 

I^apolL 

33. Accademia Peabody di Scienze, a Salem (Stati Uniti). 

34, Accademia Gioonia di Scienze Naturali di Catania. 

35, Accadeinia Reale delle Scienze, Lettere e Belle Arti del Belgio a Brur 

xelìes, 
S6. E, Accademia dei Fisiocritici di Siena. 

37. Società degli Amici della Storia Naturale a Meclenburgo (Grermania). 

38. I. E. Istituti Bacologico Sperimentale di Gorizia (Austro-Ungheria). 

39. Società LÌDDuaiia del Nord della Francia residente ad Amiens. 

40. Società Adriatica di Storia Naturale a Trieste (Austro-Ungheria). 

41. Società Italiana di Scienze Naturali a Milano. 

42. Società per la ditfasione delle cognizioni di Storia Naturale in Vienna. 

43. Società Entomologica americana a Filadelfia (Stati Uniti). 

44. Società delle Scienze Naturali di Buffalo (Stati Uniti). 

45. Società delle Scienze Naturali di Hamburg (Germania). 

46. Società dei Naturalisti di Zwickau (Sassonia). 

47. K.^ Comitato Geologico Italiano presso il Ministero di Agricoltura, Indu- 

stria e Commercio a Boma. 

48. Società delle Scienze Storico Naturali di Sémur (Francia). 

49. Società dei Naturalisti di Modena. 

50. Società Zoofila Napoletana, a Napoli. 

51. Accademia Reale delle Scienze di Stoccolma (Svezia). 

52. Società di Medicina e Storia Naturale di Heidelberg (Germania). 

53. Società di Storia Naturale di Stuttgart (Germania). 

54. E. Accademia dei Lincei, a Boma 

55. Società Zoologica e Botanica di Finlandia, a Helsingfors. 

56. Società Eeale Ungherese di Scienze Naturali in Buda-Pest. 

57. Società di Storia Naturale nella Università di Glascow (Inghilterra). 



V 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



i 

t - Digitizedby VjOOQIC 



r^T'^^::?' 



I 



Digitized by LjOOQIC 



'j=i- j 



.■'^.^■•>fìWLTc^' 



^^^,'£1^ 



SOCIETÀ ENTOMOLOOIOA ITALIANA 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 



COMPILATI 



/xtìAL Segretario G. C A VANNA 



/ 

/ 
> 

I 

) 



jk.nno isre 



FIRENZE 

TIPOGRAFIA CENNINIANA 
Via Ohlbellina no 8. 

1878 • 



Digitized by VjOOQIC 



^ 



Digitized by VjOOQIC 



V..,,. i 



SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA * 

RESOCONTI DELLE ADUNANZE 
tenute nell'anno 1878 



ADUNANZA DEL 3 MARZO. 

Presidenza Targioni. 

Dopo lettura ed approvazioDe del verbale della precedente adu-- 
nanza 2 dicembre 4877, il presidente prof. Targioni proclama il nome 
dei nuovi soci: 

sigg. Giuseppe Pio) ti, di Torino. 
Carlo Della Torre, di Firenze. 
Pietro prof. Pavesi, della Università di Pavia. 
Gobert dott. Emilio di Mont de Marsan» (Landes, Francia). 

Deplora la recente perdita che la Società ha fatto nella persona 
del socio marchese Lorenzo Ginori Lisci, Senatore del Regno, del quale 
tutti rammentano la nobile operosità in prò d' una industria italiana, e 
r affetto alle istituzioni scientifiche ed artistiche del paese. 

Presenta poi i seguenti lavori per la pubblicazione nel Bullettino. 

Targioni — Sul gen. Parlatoria Targ. e sul Kermes aurantiiBoìsdur 

vai (Coccidi). 
Vismara — Sul gen. DeltocephabiS Burm. ed Agallia Curt. 
Rondani — Hippoboscjta italica, in familias et genera distributa. 
Curò — Geometrae etc. 
Ragazzi — Catalogo di Coleotteri raccolti nella provincia di Modena. 

Il socio prof. Achille Costa, della R. Università di Napoli, che 
assiste air adunanza ed invitato prende posto al banco della presidenza, 
a proposito dei mezzi proposti dal socio Dei e da altri per proteggere 
le collezioni entomologiche dagli Antreni, osserva come tutti quanti 
sieno insufficienti allo scopo, perchè ben spesso gli insetti delle colle- 






Digitized by LjOOQICj" 




4 SOCIETÀ BMTOMOLOaiCA ITALIANA 

zioni portaDO in loro stessi i germi degli Antreni. Tutti però quei mezzi 
devono considerarsi come ausiliari di una diligente cura e frequente 
revisione delle collezioni^ e dellMmpiegp di sostanze insetticide. 

Il presidente Targioni fa alcune osservazioni nello stesso senso, ed 
il socio Piccioli aggiunge aver trovato utile come insetticida Folio di 
lauro ceraso. 

A nome del prof. Spagnolini assente, il segretario Cavanna legge 
alcuni brani di una lettera del sig. B. Malfatti di Milano. 

In uno di questi brani è dichiarato un metodo facile per rilevare 
il disegno esatto delle ali di alcuni Arti'opodi e particolarmente degli 
Ortotteri e dei NeurotterL Consiste nella applicazione della già nota 
carta sensibile al prussiato di ferro, sull'uso della quale per oggetti 
di qualche grandezza, il sig. Malfatti, dopo aver annunziato ^he sta 
ricercando il modo di raggiungere l'intento anche per oggetti piccoli, 
così si esprime: 

ff Esponendo questa carta alla luce la trasformazione raggiunge il 
grado voluto d' intensità in capo ad un tempo diverso secondo l' energia 
dei raggi luminosi ; ma 8 o IO minuti bastano d' ordinario per ottenere 
un risultato abbastanza sodisfacente. Tutti i punti dove la carta non 
riceve o riceve solo incompletamente la luce, in causa di un oggetto 
nel quale si trovano elementi opachi e trasparenti, spiccano in bianco 
sul fondo scuro, perchè in essi la sostanza sensibile alla luce rimase 
punto poco alterata. » ' 

« Pertanto la formazione della immagine si effettua precisamente 
nella maniera stessa che i fotografi impiegano per trasformare in una 
prova positiva sulla carta la prova negativa sul vetro, con questo di 
particolare che al posto del vetro si mette l'oggetto stesso di cui si 
vuole riprodurre il disegno. Questo risulta adunque nelle condizioni di 
una prova negativa, per cui le parti più chiare dell'oggetto sono le 
più scure e reciprocamente. » 

ff Per fissare Y immagine si lava neir acqua comune la carta che fu 
esposta alla luce, onde ottenere F eliminazione della sostanza che non 
è stata chimicamente alterata. In questa operazione l'acqua non agisce 
come solvente soltanto^ ma esercita altresì una azione meccanica, per 
cui deve essere adoperata sotto forma di corrente o di getto, soste- 
nendo convenientemente colle dita la carta, onde possa ricevere l' ef- 
fetto efficace dell'urto, senza esseme però lacerata. j> 

ff II disegno riprodotto in tal modo è fedele quanto una prova foto- 
grafica, e non costa nulla perchè la carta al prussiato di ferro si vende 
per pochi centesimi al foglio. Io ho fatto le prime esperienze con questa 
carta neir agosto passato e ne ho mostrato dei saggi al Cornalia e al 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 5 

GhilianL Ora seppi che altri se ne sod serviti^ ma credo che V abbiano 
fatto dietro il mio èseippio. » 

Gli adunati osservano un esempio di riproduzione delFala e del- 
l' elitra destra in un Acridium tartaricum, e convengono che il sistema 
del sig. Malfatti può, per la sua semplicità, essere in parecchi casi 
utile e di facile applicazione. 

Nella stessa lettera altro brano riguarda una mostruosità presen- 
tata da un Cofwcephalus mandibularis Charp. c^ così descritta. 

1 (c L' anomalia consiste, come si vede dalla qui unita figura, nella 
ripetizione d'una gran parte dell'arto sinistro posteriore in un indivi- 
duo (^ che in tutto ìì resto presenta uno sviluppo normale. Il femore 
deir arto anomalo non ha che i '/« ^^^^^ voluta lunghezza, e ad esso 
si attaccano due tibie, una di forma e dimensioni quasi ordinarie e 
P altra rudimentale, con tarsi piccoli ma sufficientemente distinti. La 
tibia più sviluppata presenta inoltre una spina lunga e. sporgente al 
livello dove finisce la tibia rudimentale. L* arto corrispondente di destra 
é regolarissimo nella sua forma, ma breve quasi come iK sinistro, se 
Io si confronta con quelli d' altri individui che hanno raggiunto le 
stesse dimensioni e che furono raccolti nelle stesse località. » 




Il segretario Cavanna mostra alcune mostruosità delle antenne di / 
alcuni Emittori da lui raccolti nel Pinete di Ravenna, nell'estate del- 
l' anno decorso, e che si riserva descrivere. 

Il socio Pietro Bargagli, mostrando una bella serie di larve, di 
insetti perfetti, e di legni danneggiati, fa le seguenti comunicazioni 
sopra alcuni insetti nocivi ai rami di querce^ di corro e^ di leccio. 



Digitized by VjOOQIC 



6 SOCIBTÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 

« Nella stagione in cui le nostre guerci si rivestono di verdi fronde 
osservansi assai di frequente alcuni rami o éime di rami del dia- 
metro Piassimo di 3 a 6 centimetri che non parteciparono del ritorno 
della vita primaverile e che sono privi di foglie o non ne hanno che 
pochissima e malaticcie, e talvolta in tal proporzione* da far conoscere 
che intiere piante son prossime al loro fine. Ciò non avviene nei bo- 
schi cedui nei quali^ per causa dei tagli regolari che vi si praticano, 
non si trovano piante più adulte di 40 o 42 anni, o se qui pure se ne 
veggono alcune danneggiate nel modo suddetto, si può a prima vista 
conoscere che le piante seccaginose si riscontrano tra quelle soltanto 
che rimasero in piedi in un taglio precedente. Talché è manifesto che - 
simile danno ha luogo nelle querci che hanno oltrepassato la prima 
diecina o quindicina d'anni e nelle specie di querci che sono le nostre 
più comuni, cioè nella Q. sessiliflora sopra ogni altra, nella Q. cerris Sai. 
Cerro in grado minore, poi nella Q. pedunculaia Ehrh. o farnia forse 
perchè più rara, e meno che in tutte nella Q. ilex Linn. o leccio. 
Non ebbi agio di fare analoghe osservazioni nella Q. suber Linn. e 
nella Q. pseudosuber San. ma è assai probabile che esse pure non 
ne vadano immuni. Volli conoscere quale fosse la causa che produce 
la morte di quei rami coi quali periscono pure Yina grande quantità 
di minori ramosòelli che avrebbero portato il loro frutto, con <;he 
inoltre F intiera pianta perdendo porzione delle sue frondi, e talvolta 
in non piccole proporzioni, deperisce e diviene più facile preda 
d'altri agenti di distruzione, se pure non muore per tal causa. 
Perciò, presi in esame alcuni di quei rami nel luglio decorso, 
trovai che nell'interno di alcuni rami di leccio erano racchiuse delle 
larve, .delle ninfe, e degli insetti già sviluppati di Apate sexdentata i 
quali avevan forato in molte parti il legno. Però le piante di leccio erao 
vegete e non avevano che pochissimi rami morti. • 

a Portando le mie ricerche alla querce, dove assai frequenti erano 
i rami danneggiati, vidi che a due specie d'insetti poteva attribuir- 
sene la cagione. Alcuni rami contenevano neir interno larve e ninfe 
somiglianti a quelle del leccio, dai quali ottenni per allevamento nu- 
merosi individui di Apate muricata Fab. in fine di luglio insieme a due 
specie di parassiti delle sue larve. » 

ff La vita dì queste due specie di Apate doveva essersi compiuta 
probabilmente in un anno, forse anche in due, dopo che una femmina 
ebbe deposte le uova §otto la scorza del ramo nei quale le larve erano 
nate e cresciute discendendo dalle parti più sottili alle più ^osse del 
ramo, solcando il legno con tortuose gallerie in mille guise intrecciate 
tra loro, e vi avevan subito tutte le loro metamorfosi. L' ibernazbne, 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 7 

a "mio credere, ha luogo allo stato di larva dentro il legno, non avendo 
mai trovato in inverno insetti perfetti di questa specie nelle solite sta- 
zioni d'inverno degli altri insetti come sotto le scorze, tra le foglie 
cadute, tra' le erbe, tra i muschi, al piede degli alberi, ec. L'incrisa- 
lidamento ha luogo nel legno stesso. 

«1 danni delle due specie indicate di i4ya/e si effettuano* secondo 
diversi autori anche sopra altre piante. Il Kollar indicava YApate mth 
ricetta come nociva alle viti nel Titolo. Il prof. Passerini rilevava i 
danpi prodotti ai gelsi àdiVApate sexdentata Oliv. la quale pure nuòce 
alle vitalbe, alle robinie, all' olivo ed al fico. Né del genere Apate sono 
queste sole le specie che attaccano le quercie. » cr V Apate capudna Linn. 
più grande e ad elitre di un bel rosso e la sua var. lucttwsa tutta nera, 
vivono pyre a spese del legname di querce; ma le sue stanze trovaosi 
nel tronco e jìeì grossi rami, in quello insomma che chiamasi legname 
da squarto. Di questa specie non avendo io osservazioni in proposito 
debbo limitarmi ad affermare di averne trovato gli insetti perfetti 
frequentemente in giugno sulle cataste di legna grosse dal lato esposto 
ai raggi del sole. La completa cognizione dèlia vita evolutiva di questo 
inseitto si deve al celebre Perris, del quale gli entomologi compiangono 
la recentissima, perdita. » 

« Altri rami morti di querce delle solite dimensioni, presentavano 
un rigonfiamento lineare della scorza, che girando il ramo secondo una 
spirale, compieva poco meno che due evoluzioni. Non riuscii a fare 
sviluppare l'insetto perfetto in voliera; ma quando, or son pochi giorni, 
tolsi la scorza ad uno di codesti rami per scoprire l'intiero anda- , 
mento della galleria, trovai pressò all'estremità superiore della mede- 
Sima un foro ellittico nel quale si scorgeva la testa di un bel coleot- 
tero che non avendo avuto la forza, (probabilmente per mancanza di 
calore), di perforare la corteccia vi era morto dentro. Estrassi l'insetto 
ed era VAgrilus bifasciatus Oliv. Però ebbi a dubitare fortemente che 
la sua larva fosse stata l'autrice della galleria spirale perchè l'estre- 
miti superiore della galleria, e l'orlo del foro ellittico che s'internava 
nel legno distavano tra loro' di alcuni millimetri nei quali non vede- 
vasi né sul legno, né nella scorza la minima traccia del passaggio della 
larva. Inoltre la presenza dell'insetto nel foro con la testa volta allo 
esterno, non poteva spiegarsi senza immaginare un intiero capovolgi- 
mento della larva, supposto che "essa avesse scavato il foro medesimo. 
Decisi di asportare un po' di legno per scoprire rìntèrno di detto 
foro, 6 trovai tosto la conferma e la spiegazione del fatto. Il taglio, 
cadendo tra il foro e la galleria, mise allo scoperto l'interno prosegui- 
mento della medesima, la quale penetrando nel legno e retroflettendosi 



Digitized by LjOOQIC 



8 sooibtJL entomologica italiana 

poi à guisa di U, veniva ad allargarsi in forma di celletta che si apriva 
all'esterno col foro dove avevo trovato F insetto perfetto ohe vi aveva 
con^piuta r ultima metamorfosi. Come il ramo avesse dovuto perire 
avvinto dalle spire fatali del benché piccolo angue si vede facilmente 
osservando comO; mentre nel giro inferiore^ quando la galleria era di 
piccole dimensioni, il cambium aveva potuto incominciare la formazione 
del nuovo strato di legno sorpassando la gallerìa stessa e discendendo 
lungo il ramo, ciò non si era verificato superiormente quando il pas- 
saggio della^tarva, fatta più adulta, diveniva più largo a scapito sempre 
maggiore delle parti vitali del ramo. Inoltre quasi l'opera di sì insi- 
dioso danneggiatore non avesse abbastanza compromessa la vitalità 
della parte del vegetale attaccato, ecco superiormente i fori donde svi- 
luppansi numerosi individui della ^lita Apate muricdta. Forse non era 
eventuale la presenza delle due specie sullo stesso ramo; forse i danni 
di una delle due specie erano condizione favorevoTe se non necessaria 
alla vita dell'altra. » 

cr In assai peggiori condizioni io vi presento dei rami di cerro così 
malconci internamente dalle*larve di Hesperophanes cinereus Villers., del 
quale egualmente potei ottenere il completo sviluppo alla fine di estate 
essendosi cambiate in ninfe dentro il legno stesso. Nondimeno non potrei 
afibrmare assolutamente che simile insetto fosse stato la causa della 
morte di questi rami di cerro, ì quali avrei ragione df supporre che 
già fossero stati secchi per qualche altra cagione. E ciò perchè molte 
altre volte ho osservato V Hesperophanes nei legni già morti sia di re- 
cente che da molto tempo, e su molte qualità di legnami come nel- 
l'acacia [Robinia pseiulo-acacia) nel castagno, nel faggio ec. In ogni modo 
è questo un insetto dannosissimo ai legnami, specialmente a quelli 
delle impalcature dei tetti e può essere, del pari che vari altri insetti, 
causa di sventure perchè sa benissimo simulare i suoi danni escavando 
il legname quasi completamente all'interno e lasciandone intatta la 
superficie esterna, anco se priva di scorza, in modo ammirabile. x> 

« Quale sia il rimedio più facile da applicarsi alle piante danneggiate 
dagli insetti dei quali ho parlato è facile il vederlo a prima vista. 
L' asportazione dei rami che si veggono deperire. È un rimedio da 
usarsi forse in modo più preventivo che curativo. All'epoca delle nuove 
foglie gli insetti in questione sono tutt'ora allo stato di larva; allora 
si distinguono bene i rami dove hanifo sede le dette larve ; per cui il 
tagliare allora quei rami e l'asportarli od abbruciarli impedirebbe la 
finale trasformazione di dette larve in insetti perfetti durante F estate, 
i quali insetti perfetti volando, non mancherebbero di andare- a sce- 
gliere nuovi rami per deporvi le uova nella tenera scorza. Le varie 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 9 

circostanze e la maggiore o miDore importanza di detti danni sumeri- 
ranno ai silvicultori la .convenienza economie^ del rimedio indicato. 9 

« Per ultimo tra i moltissimi insetti che vivono a spese della querce 
riferisco qui un notevole esempio dell'opera di distruzione di un in- 
setto, già conosciuto peraltro sotto questo aspetto, cioè del Cerambix 
cerdo Linn. Fu la sua larva che scavò i larghi fori e che solcd^così pro- 
fondamente questo pezzo del tronco di una querce andando poi ad incri- 
salidarsi in una cella appositamente scavata e nella quale trovasi fino 
dal passato autunno aspettando forse il ritorno della stagione estiva. » 

Il prof. Costa ed il prof. Targioni osservano che per loro propria 
osservazione VApate mimcata attacca i tralci secchi della vite a pre- 
ferenza di quelli vegeti, ed il primo rammenta lo studio biologico da 
lui fatto su quegli insetti e che trovasi nella opera, a Degli insetti che 
attaccano Talbero ed il frutto dell' Olivo, del Ciliegio, del Pero ec. » della 
quale è uscita di recente una ntiova edizione. / 

Il segretario Cavanna annuncia avere riavuto dal socio Flaminio 
Bandi di Selve alcune famiglie di Coleotteri (Malacodermi, Tenebrio- 
nidi ec.) dal segretario medesimo raccolte in Calabria e spedite al 
distinto entomologo piemontese per essere da lui studiate, Il mano- 
scritto che accompagna la raccolta sarà a suo tempo pubblicato; intanto 
il segretario comunica alla Società che in quella raccolta non conte- 
nevasi alcuna forma nuova, ma bensì alcune specie che non eransi an- 
cora ritrovat^e sul continente italiano. 

Lo stesso segretàrio partecipa che il dott. Hook, neir adunanza 
tenuta il 25 novembre 4877 ad Amsterdam dajla Società zoologica 
olandese, confermava quanto dal segretario medesimo nell'adunanza 
della Società Entomologica Italiana del 2 maggio 4875 veniva esposto 
sui sessi dei Picnogonidi, ed altrove pubblicato poi. Nei Picnogonidi sono 
veramente i maschi e non le femmine quelli che portano con i loro 
piedi accessorii le masse d' uova. 

Il prof. Targioni presenta le stampe del Catalogo degli Ortotteri 
italiani da lui pubblicato negli Atti della R. Stazione di Entomologia 
agraria, Catalogo che con maggior corredò di osservazioni e notizie potrà 
poi essere inserito nel Bullettino sociale. Mostra una nuova specie di 
coccide da lui trovato su rami di robinia provenienti da Trani, ed 
espone alcune osservazioni critiche riguardanti Coccidi appartenenti al 
suo genere Parlatoria. Queste osservazioùi sono raccolte nel manoscritto 
presentato per la stampa nel Bullettino. ^ 

Presenta poscia alla Società un nuovo, compressore da lui inventato, 
del quale espone i vantaggi su alcuni dei compressori già noti, e che 
si riserva di far meglio conoscere, con una nota nel Bullettino. 



Digitized by LjOOQIC 



10 SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 

Il scoio Piccioli a compimento di osservazioni esposte in altra 
adunanza fa le seguenti comunicazioni. 

<^ Nell'adunanza del 34 dicembre 4876 ebbi il piacere di pre- 
sentare agli onorevoli poUeghi la descrizione di alcune larve di un le- 
pidottero di cui trovai quattro esemplari iH8 ottobre di detto anno, presso 
il viale dei colli sotto una pianta di Rutnex Friesi. Queste larve, glabre 
e di color verde chiaro, stavano insieme ad altri bruci pelosi apparte- 
nenti alla Chelonia mendica. Le posi in adattata voliera^ onde ottenerne 
r insetto perfetto, e vi si cibarono fino ai primi di novembre. Io capo 
a pochi giorni due di esse perirono senza cfie io abbia potuto indovi- 
narne la causa, non essendosi sviluppato dai loro cadaveri alcun pa- 
rassito. Le altre due cessarono di cibarsi e si nascosero sotto le foglie 
che aveva loro apprestate, e passarono, così assiderate, V inverno ; ma 
sul principiare della primavera si risvegliarono e tornarono a cibarsi 
per alcuni giorni della stessa pianta, dopo di che s'incrisalidarono; ed 
il S7 maggio deiranno seguente ottenni da una di esse una freschis- 
sima Mamestra oleracea Linz che attualmente figura nella collezione 
dei lepidotteri italiani del R. Museo. Dalla seconda crisalide ebbi dopo 
vari altri giorni non il lepidottero sopra menzionato, ma tre esemplari 
di un dittero parassito precisamente la Tachina puparum, » 

< IH7 maggio dell'anno decorso essendo salito per la sesta volta 
sulla terza punta del Monte .Morello, chiamata l'Aia, su quei prati 
smaltati dai fiori àeìVOrchis tridentata e mono, del Narcissus poeticus, 
àeWAjuga reptanSj AeìVArabis hirsuta^ della Sanguisorba offidnalis, 
della Veronica serpillifolia, dell' Alyssum campestre e di tante altre 
piante che per brevità tralascio di citare; ove feci ampia raccolta di 
Coleotteri, di Imenotteri ed Emittori, trovai sotto una pietra una crisa- 
lide dalla quale si sviluppò dopo pochi giorni un bellissimo esemplare 
di Mamestra nebulósa, Huf. che esso pure figura nella collezione sud- 
detta. Sollevata un'altra pietra vi trovai un bozzolo ov^le, grande 
quanto una grossa oliva, di aspetto resinoso e scuro, da cui ottenni 
nel mese di giugno un maschio della Cimbex axiUaris Spin. jo 

Il segretario Cavanna annunzia aver determinato alcune piccole 
collezioni di Emittori eterotteri e di aver già redatto alcune note ad 
esse relative. 

t)opo di che il presidente dichiara sciolta V adunanza, invitando i 
soci presenti, e per mezzo loro gli assenti, a rammentare che alla fine 
d' aprile deve aver luqgo V adunanza solenne generale della Società ; 
adunanza che sarà poi a suo tempo e con apposita circolare provocata. 



Digitizedby VjOOQIC- ^ i 



■ ' RESOCONTI DELLE. ADUNANZE 11 

ADUNANZA DEL 28 APRILE. 

Presidenjsa TargionL 
{Seduta privata.) 

Il segretàrio legge il seguente ordine del giorno della seduta privata. 

i. Elezioni parziali delFanno 4878. 

2. Approvazione del bilancio consuntivo 4877 e preventivo 4878. 
. 3. Discussione della modificazione alFart. 34, e della soppressione 
dell'art. 33 dello Statuto approvato il di 6 aprile 1873, proposte dal 
Comitato residente. 

Il presidente, chiamali airuflBcio di. scrutinatori i soci Spagnolini e 
Borzj, procede allo spoglio delle schede pervenute alla presidenza dai 
soci assenti e di quelle depositate dai presenti. Compiuto lo spoglio, 
dopo prova e controprova, sono proclamati rieletti, nelle loro rispettive 
cariche, tutti i soci che a norma delFart. 45 ne uscivano; e precisa- 
mente i signori: 

cav. Vittore Ghiliani vice presidente 

ing. Antonio Curò \ 

prof. Emilio Cornalia / . ,. . 

e k * • n } consiglieri 

prof. Antonio. Carrucolo ( ® 

cav. Flaminio Bandi di Selve . . . . ) 

Si procede quindi alla nomina dei due sindaci per i conti sociali 
delFanno in corso, e risultano eletti i soci march. Tanari e Piero 
nob. Bargagli. 

Il presidente annunzia che in. via provvisoria il Comitato aveva 
incaricato di funzionare come bibliotecario-arch'i vista, il segretario degli 
atti prof. Marchi, ma che devesi provvedere definitivamente alla sistema- 
zione di quest'ufficio, il quale va affidato (art. 4 4 ) ad uno dei consiglieri. 

Fatta la votazione resulta eletto all'unanimità bibliotecario-archi- 
vista il consigliere prof. Spagnolini. 

In seguito a questa elezione il presidente propone un voto di rin- 
graziamento al prof. Marchi, per quanto egli ha fatto in prò della Bi- 
blioteca sociale e nel. disimpegno dell'ufficio a lui provvisoriamente 
affidato. Gli adunati vivamente approvano tale proposta. 

Il presidente annunzia che uno dei sigg. sindaci non ha potuto, 
py mancanza di tempo, esaminare i bilanci, e che Taltro ha in- 
vialo una lettera di approvazione. Al presidente, il quale domanda se la 
Società intenda ciononostante discutere i bilanci, gli adunati rispondono 
affermativamente. 



Ljììé». 



Digitized by VjOOQICJ --^ 



12 SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 

Il tesoriere Vimercati legge e commenta i bilanci, consuntivo 4877 
e preventivo 1878, da lui presentati. Egli fa notare d'aver messo in 
attivo una somma d'alquanto minore di quella che si ottiene moltipli- 
cando per 40 per 42 il numero dei soci, affinchè il bilancio, anche 
nel preventivo, si avvicini il più possibile alla realtà. 

^ 11 presidente osserva non sembrargli opportuna tale modiGcazione; 
'il tesoriere non insiste sovra di essa, e si dichiara pronto a correggere 
il bilancio presentato, nel senso indicato dal presidente. 

Yien quindi approvato il seguente ordine del giorno. 

« La Società, esaminati i bilanci e la lettera del sindaco Àrchbald 
che li accompagna ; udita la esposizione finanziaria del tesoriere signor 
Vimercati e la discussione ad essa relativa: 

4* Approva il bilanciò consuntivo del 4877 e quello preventivo del 
4878, con le correzioni proposte dal presidente ed accettate dal tesoriere : 

2"* Intende sieno assolutamente radiati dalFalbo sociale tutti i soci 
che a tutt'oggi non avessero ancora pagato la tassa delFanno 4874: 

3" Ringrazia il tesoriere medesimo per lo zelo col quale si adopra 
nella tutela degli interessi della Società. 

4* Fa vive istanze al tesoriere ed alla presidenza affinchè con- 
tinuino a provvedere con la massima energia alla riscossione delle tasse^ 
dovute dai soci morosi, e riferiscano poi i resultamenli delle loro pra- 
tiche al Gomitato, ì> 

Prima di procedere allo spoglio delle schede relative alle modifi- 
cazioni proposte allo Statuto, ^1 presidente invita il segretario a leggere 
}e. osservazioni che intorno ad esse sono pervenute alla presidenza 
della Società. 

Il segretario Gavanna espone ch^ intorno alla modificazione proposta 
aH'art. S4 niua socio ha fatto osservazioni. Quanto all'art. ^3, si hanno 
tre proposte diverse. La prima è del socio march. Nicolò Ridolfi il 
quale vorrebbe che ipvece di sopprimere Farticolo Io si modificasse 
Bel modo seguente : 

a Art. 33. I lavori destinati al BuUeUino Entomologico éevom es- 
sere composti di preferenza in italiano o in latino, o in francese. > 

La seconda è del socio prof. Strobel che propone il detto ^ticola 
sia così C4>ncepLto: 

c( Art. 33. I lavori destinati al BuUetUno devono essere comporti 
in una, delie lingue latine. » 

La leraa è del socio march. De^Giudici Albergotti il q^le aocQn^ 
sente che possano essere pubblicati n^l Bullettino lavori in qualun^iie 
lingua, quando però contemporaneamente dlH originale venga pobblicatat 
la traduzione italiana o latina. 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE ^ 13 

Lo stesso segretario aggiunge che il socio prof. Palesi scrive es- 
sere favorevole alla soppressione deirarticolo, benché di solito le società 
straniere non ammettano memorie in italiano nei loro atti, considerato 
che per Tart. 3 dello statuto possono appartenére alla Società, come 
soci ordinari, anche gli stranieri. i 

11 presidente fa osservare che la soppressione, dell' articolo toglie 
è vero ai redattori dèi Bullettino un vincolo, ma che necessariamente 
della /libertà loro concessa i redattori stessi non si serviranno che con 
molta parsimonia, e solo in quei casi in' cui T interesse della Società 
evidentemente lo consigli. Altri soci presenti fanno osservazioni nello 
stesso senso. 

Si procede ^quindi alia votazione ed allo spoglio delle schede, 
del quale il presidente annunzia il resultato, proclamando soppresso a 
grande maggioranza l'art. 33 dello statuto e modificato nel modo se- 
guente r articolo 24. 

Art. ik II Comitato residente elegge nel suo seno ogni anno t 
compilatori del Bullettino. 

E con questo ha termine la seduta privata. 

(Seduta pubblica.) 

La Società compie ora il decimo anno di sua vita ; il presidente 
pronunzia alcune parole adatte alla circostanza, il segretario degli atti 
legge quindi il verbale della precedente adunanza, che viene approvato. 

Il segretario delle corrispondenze prof. Marchi, legge una breve 
relazione intorno ai rapporti della nostra Società con le altre Società 
scientifiche italiane e straniere, e presenta le pubblicazioni pervenute 
in dono fino ad oggi. 

Il segretario degli atti, passata prima in rapida' rassegna Fattività 
sociale del decennio che oggi si compie, riferisce poi dettagliatamente 
intorno ai lavori pubblicati neir anno 1877, analizzando il nono volume ^ 
del Bullettino che li contiene, e riferisce ancora sulle decisioni piti im- 
portanti prese dalla Società e dal Comitato residente. . 

Il tesoriere Vimercati espone brevemente le condizioni finpinziarie 
delia Società. ' 

Le relazioni dei segretari e del tesoriere saranno, come al solito, 
pubblicate nel Bullettino sotto la rubrica Atti della Società, 

Il presidente proclama il nome di un nuovo socio, il sig. march. 
Pieri Nerli di Siena. / 

Dopo la lettura di alcune lettere inviate dai^ soci Garruccio, Dei 
e Pavesi, i quali fanno voti per la prosperità della nostra istituzione 
. e si dichiaraifb dispiacenti di non aver potuto intervenire all'odieFfìa t:ff 



rmi 



■% A\% 



Digitized by VjOOQI 




14 ' societI entomologica italui^a 

adunanza, il presidente presenta un lavoro del socio Failla Tedaldi, sui 
Lepidotteri Ropaloceri delle Madonie, una lettera del socio prof. De- 
Siebold sulla Helicopsyche agglutìnans in Italia, e la seguente nota del 
socio Caoìerano sopra due Coleotteri nuovi pel Piemonte. 

t Non torneranno spero discari agli entomologi i seguenti cenni 
sopra due coleotteri longicorni che a me venne fatto di trovare in 
questi ultimi tempi in Torino e nei suoi contorni. » 

a Tra un grande numero di individui di Aromia moschataLìan., che 
io raccolsi or non è gran tempo in Vanchiglia (dintorni di Torino) per 
certi miei sludi, ne trovai due che appartengono alla varietà A del 
Mulsant (4). Essi presentano cioè da ciascuna parte del protorace una 
macchia rossa di grandezza variabile. » 

« Dei due individui da me trovati (che ora si conservano nella col- 
lezione entomologica del R. Museo zoologico di Torino] uno, maschio, 
ha le macchie rosse sopradette grandi e ben spiccate^ l'altro, femmina, 
le ha piccole e poco appariscenti. » 

« La cattura da me fatta di questa varietà non è priva di. qualche 
importanza inquantochè i miei individui hanno molta affinità con quelli 
della var. rosarum Lucas. che, fino ad oggi non è stata trovata che 
nei Pirenei orientali, nella Francia meridionale, in Sicilia ed in Algeria. » 

« Fino ad ora, per quanto io so, questa varietà non era mai stata 
presa in Piemonte e probabilmente anche mai neir Italia continentale. » 

« Nei dintorni di Torino questa varietà è assai rara. Può darsi 
che in altre località italiane sia più frequente ; ad ogni modo, a quanto 
pare, essa è una varietà^ simile a quella precedentemente citata, che 
va costituendosi fra noi, sotto V azione di cause a noi ignote, analoghe 
a quelle che T hanno prodotta nelle località sopramenzionate. » 

« L' altra specie di longicorni di cui intendo far menzione è la 
Exilia timida Ménét. » 

« Di questa specie io ho trovato buon numero di esemplari (oltre 
ad una ventina) negli vscaffali contenenti le scimie nel R. Museo zoolo- 
gico di Torino. Questi individui uscivano dai rami, provenienti dalla 
vallata di Susa, che servono di sostegno ad alcune delle scimie stesse. 

et Anche questa specie non era fino ad ora, almeno cosi credo, 
mai stata trovata in Piemonte. » 

« Si trovò, sempre tuttavia in piccolo numero, in varie ^ar ti della 
Francia, in Sardegna, in Sicilia, nei contorni di Aran e di Bona in Africa 
e nella Russia meridionale. » 

« Gli individui da me trovati provengono certamente dalla vallata 
di Susa. codesto fatto tuttavia, per quanto riguarda questa vallata, non . 

(1) Histoire nattireUe dea Colóoptères de Franco. Longicornes. Paris 186!2-63, p. 76. 



- Digitized by LjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 15 

è COSÌ Straordinario come a primo aspetto potrebbe sembrare impe- 
rocché la vallata di Susa presenta, come si sa, qua e là alcuni tratti 
od oasi in cui la vegetazione e la vita animale hanno una impronta 
meridionale, e non è raro trovarvi piante, molluschi ed insetti proprii 
della Liguria e delle spiaggia* circummediterranee. » 

II segretario legge la lettera del socio prof. De Siebold, che sarà poi 
pubblicata, al pari del lavoro del Failla Tedaldi, nel nostro Bulleltino. 

A proposito dei ritrovamenti di Belicopsyche in Italia, il presidente 
prof. Targioni osserva che essi sono ormai abbastanza numerosi per 
ritenere' che quella friganide sia abbastanza comune fra di noi; ram- 
menta averla ritrovata ai bagni dì Lucca, e di aver colà inutilmente 
tentato d' ottenerne V insetto perfetto. 

II segretario Cavanna nota che a Pazzano, presso Stilo, sull' Ionio, 
nel giugno dell' anno scorso, trovò egli pure delle larve di Helicopsyche 
che si muovevano coi loro astucci sopra sassi, nel fondo dell'acqua che 
s'impaludava, dopo essere uscita dalla pubblica fontana. 

Il socio Spagnolini riferisce nel modo seguente siiWAeschna affinis 
(Vanderl.) nf3i dintorni di Livorno. 

a Fu terso la metà del mese d'agosto dell' «inno 1876 che presi 
per la prilla volta nella tenuta di Suese (dintorni di Livorno) parecchi 
individui e)' ? àeWAeschna affinis (1). La località dove la trovai ha 
nome di Fonte dei poggetti : ivi una sorgente d' acqua scaturisce al 
margine dei poggi boscosi che da un lato cingono il vasto prato pa- 
lustre chiamata La Contessa. Le acque della sorgente vengono raccolte 
in una specie di pila in muratura per servire» d' abbeveraggio nei tempi 
di siccità, e neir escìre che fanno dalla pila si impaludano in un fosso 
vicino, formando un piccolo stagno che resiste ai più grandi calori del- 
l' estate ; in questo stagno s' è stabilita un assai fiorente vegetazione 
palustre. Presso i giunchi e le canne e sulle acque volavano gP indi- 
vidui àéìV A. affinis, né era molto diflfìcile il prenderlij poiché spesso 
si posavano sulle piante acquatiche o sui cespugli del margine del 
bosco, pure, mentre volavano, di quando a quando rimanevano fisse 
in un punto, librandosi sulle ali che facevano oscillare eoa grandissima 
rapidità. Da quanto mi sembrò, passavano la notte sopra gli alberi del 
bosco vicino e venivano a volare sullp stagno assai tardi, quando il 
sole era già ben alto suir orizzonte. » 



(1) Sino: Aeschna affinis (Charp). 

— ornata (Hoffmsj. 

— marmorata (id.). , 
Vedi: De Sèlys. Mopogr. p. 104. 

Idem Bey. dea Odonates, p. 124. 



.j^^j^ 



L;....v 



Digitized by VjOOQIC ^ ^'^ 



16 SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 

« Sodo entrato in qualche dettaglio nel descrivere la località 
dove presi questa specie, perchè ivi e non altrove da me fu trovata 
nei dintorni di Livorno, che percorro e visito in ceróa di Libellule da 
parecchi anni; mentre trovo' da per ogni dove e nelle paludi di Col- 
tane e nella foresta di Tombolo, nei poggi boscosi di Limone e Valle 
Benedetta e nei giardini della città e del passeggio deir Ardenza, 
VAeschna tnixtd e VAnaw formosus ed altre specie a questa pros- 
sime. » ' 

« Ora quale è il perchè di una così angusta localizzazione? ì> 

<c puale è il motivo di un contegno così differente in specie cosi 
affini che dovrebbero essere dotate d^ abitudini identiche? b 

€ Io da vero non saprei rispondere a simili dimando; mi 'sembra 
però il fatto degno di considei'azione e studio e tanto più poiché ve- 
rificasi per altre specie: p. e. nei dintorni di Modena la Libellula qua- 
drimaculala L. (var. L. pruenubila Newm, Steph.) (1) fu trovata dal 
sig. Andrea Fiori di Casinalbo (Modena) e dal nostro consocio Vincenzo 
Ragazzi nei mesi di primavera nella valle di Sant' Anna presso il Pa* 
naro e non altrove che io sappia (2). i> 

« Riguardo alla distribuzione dei colori negli individui da me presi, 
posso notare quanto segue. i> 

« Nel e/'. Addome nero con macchie turchine come è indicato nella 
varietà a di De Selys (3) » 

« Nella $ * Addome rugginoso con macchie verdognole. Dal terzo 
segmento addominale cominciava a manifestarsi la linea dorsale nera 
e Je due mediaae traverse dello stesso colore, ed andavano aumen- 
tando in grandezza al punto che suir 8**, 9° e 10° segmento nafscondevano 
quasi* il fondo rossastro dell' addome ; in fine gli individui fémmine 
avevano presso a poco i caratteri indicaci nella var. jS rossastra dal De 
Sèlys (1. e). Noto però che V ampiezza delle macchie nere variava da 
individuo ad individuo ». 

« Avendo trovato il o^ con addome neto e macchie turchine e 
la $ presa con lui accoppiata, con addome rugginoso e macchie verdo- 
gnole, la varietà ^ rossastra non può ritenersi come specie distinjta, come 
del resto già dubitava il De Sèlys : io confermo il suo dubbio (4) ». 



(1) De Sèlys. Rev. des Odon. p. 7. 

[^) La Libellula quads'imaculatal.ixvci. io non T ho presa che nelle valli di S. Anna$ 
ma so che è stata presa dal Togrnoli in altra località limitatissima (Ragazzi, tn Wterit, 
Modena 15 aprile 1878). ' 

(8) De Sèlys. Monogr. p. 104. 

(4) Il De Sèlys ohe ha presa questa specie nei boschi del Belgio dice 5 non vi ho 
trovata che la varietà rossastra che potrei chiam«ire. Aeachna confnitf'&Q per caso ne 
fosse distinta, ma non lo credo » (Monogr. pè 106)* 



Digitized by LjOOQIC 



RESOCONTI DELLE AmJNANZB 17 

« Questa specie è slata per .molto tempo confusa coìVAeschna 
mixta di lei somigliantissima^ ma è facile distinguerle quando si con^^ 
siderino i seguenti caratteri : 

« 4<> NellM. ufflhis le appendici anali superiori del <^ sono lan- 
ceolate, puntute, quasi senza peli (glabre) internamente, e la loro base 
è foìTiita al di sotto di un dente, mentre nell'i4. mixta le appendici anali 
superiori del (^ sono pelose internamente e mancano di dente alla base, n 

« 2*" Neir A. affinis, i lati del torace sono gialli con tre linee nere, 
mentre che nell' A. mixta i lati del torace sono bruni con due fasce 
larghe traverse gialle. » 

(I II De Sèlys (4) dice che questa specie trovasi nei paesi meri- 
dionali specialmente lungo le coste marittime p, e. in Provenza, in 
Italia^ in Spagna, in Portogallo, in Algeria mentre non trovasi più, 
sembra^ al nord del Belgio e della Silesia. d 

a Spingesi anche ad oriente dei paesi meridionali ; infatti fu presa 
anche in Ungheria e nella Russia meridionale fra il Volga e TOural ». 

Il socio Piero Bargagli fa la seguente osservazione; 

« Il sìg. Mégnin nell'adunanza della Società Entomologica di Francia 
del 28. novembre 1877, descrive un Acaro trovato in gran copia in un 
tumore cutaneo di un'ala di Allodola e Io descrive imponendogli il nome 
di Harpirhynchus nidukins. Le condizioni di vita e più i caratteri che 
egli brevemente accenna, mi sembra che concordino con quelli dell'Acaro 
deir Allodola trovato in analoghe condizioni dal nostro consocio profes- 
sor Roster e da lui descritto ampiamente allo stato di larva, di ninfa 
e di adulto con belle figure nel Bullett. S. E. IL i872, p. 469, tav. 3, 
fig. 4-10. I due autori non si troverebbero d'accordo nel colore cho 
il sig. Mégnin dice rutilante, ed il prof. Roster grigio^-biancastro. Ciò 
troverebbe probabile spiegazione nell'aver il prof. Roster descritto degli 
individui conservati nell'alcool, u 

a II sig. Mégnin peraltro classifica questa specie tra i Trombididi^ 
mentre i| prof. Roster dice che il suo Acaro potrebbe appartenere al 
genere Sarcoptes e più specialmente forse alla specie Sarcoptes ana^ 
chantes. » 

All'osservazione del socio Bargagli il presidente prof. Targioni 
aggiunge che certamente l'identico hc^bitat dell'Acaro in questione, e 
più ancora, pare, la descrizione del Mégnin ch'egli non peranco conosce 
potranno condurre ad identificare la spe(5ie trovata dal nostro consocio 
Roster con quella trovata dal Mégnin; ma però siccome tra i Trom- 
bididi ed i Sarcoptidi le diSerenze sono assai rilevanti, così egli esita 



(1) De Sèlys. Rev. des Odon. p. 124. ^ '"-'-^--^^^ 






)L_Lk^^ò. 



Digitized by VjOOQIC 



18 SOCIETÀ ENTOMOLOaiCA ITALIANA 

e si riserva ritornare sulla questione, con cognizione di causa, nella 
futura adunanza. 

Intanto mostra alcune speciali forme di Acari ch'egli studia, ed 
alcuni insetti di Ceylan raccolti dal sig. Staniford Green e comunicati 
dal sig. comm. Sebastiano Fenzi, i quali vivono in quel paese sulle varie 
specie di fichi di cui sono pronubi. Avendo ricevuto quegli insetti da 
pochi giorni non ha potuto ancora studiarli. 

A proposito dei fatti della caprificazione il socio Borzj assicura che 
in Sicilia la si effettua per i comuni nostri fichi, ed il dotL Cavanna 
assicura che tal pratica è in uso anco in Calabria. Si staccano dai capri- 
fichi fichi selvatici i fiori, che legati a mazzetto si collocano qua e 
là sulle piante domestiche, e si ritiepe da quei paesani in modo positivo, 
che senza questo procedimento i fruiti vadano perduti, si secchino e 
cadano. 

11 prof. Targioni ricorda in proposito che secondo il Gasparini, il 
solo fico salvatico o caprifico, è sottoposto alla necessità dell' opera 
deir insetto (Cynips Psenes L.) per dare frutto fecondo ; mentre nel 
fico domestico, come d' altronde è chiaro fra noi dove la caprificazione 
non è praticata, la fecondazione è indipendente dall' opera del pr.onubo. 

Il segretario Cavanna presenta alcuni appunti su certe specie di 
Scorpioni italiani, ed espone le sue idee intorno al poco valore dei 
caratteri desunti dalle fossette o punti ocelliformi esistenti nel palmo 
della mano e nel quarto articolo d^Ue chele di quegli aracnidi. Gli 
appunti del segretario Cavanna saranno pubblicati nel Bullettino, 

Comunica poi che lo studio degli Araneidi raccolti dai sigg. To- 
scanelli e dal prof. Giglioli nell'Arcipelago Toscano, gli permette di 
aggiungere fin d'ora alla faunula Aracnologica dell'isola di Montecristo 
data dal prof. Pavesi (1) le specie seguenti: 

Argiope lobata (Pali.) - Epeira regia C. L. Koch. 
Segestria fiorentina (Rossi) - Dysdera crocota C. L. Koch. 

Con quest' aggiunta ascendono a 12 le specie di Araneidi ora note 
come viventi nell'isola di Montecrislo. 

Dopo questa comunicazione l'adunanza è sciolta. 



(I) Vedi Le prime crociere del « Vielante » comandato dal Capitano Enrico 
d'Albertis. Resultati aracnolog>ici in Annali del Museo Civico di Storia nat. di Ge- 
nova, voi. vili, 19^6. Le specie enumerate dal prof. Pavesi sono le seguenti : Argiope 
Briinnichii (Scop.)» Epeira diademata fClérck), E. acalipha Valck., 3kta Merianae (Scop.), 
Argyrodes gibbosa (Lue), Textrix denticulata (Oliv.), Tarentula radiata {t^iT.)^ Ocyale mt- 
rabilis (Clerck.J 



Digitizedby VjOOQIC « 






19 



Adunanza del 24 Novembre. 
* Presidenza ^Targioni. 

Previa lettura, è approvato il processo verbale della precedente 
adunanza tenuta il 28 aprile. 

Il Presidente rammenta la gravissima perdita dubita dalla Società 
per la morte di uno dei suoi Vice-presidenti, ilcav. Vittore Ghiliani 
di Torino; perdita già annunziata e deplorata dal Vice-presidente prof. 
Stefanelli nel Bullettino. 

Proclama quindi membri della Società il signor Camillo dal Fiume 
di Badia Polesine, ed i dottori Louis H. Delmas e Gabriel Pichardo y, P. 
deir Avana (Cuba); presenta, perchè siano stampate nel Bullettino, al- 
cune brevi note su Emittori italiani, ed alcune osservazioni ad un re- 
cente lavoro del dott. Dohrn sui Picnogonidi, scritte dal dott. Cavanna. 

Il socio Lichtenstein, in una lettera diretta al Presidente, annunzia 
aver scoperto le emigrazioni iéiV Aploneura lentisci Passer. Tali emi- 
grazioni si effettuerebbero nel modo seguente: r 

<( En mai-juin de petits oeufs déposés sur les tiges du Pistacia lentiscus 
donnent naìssance à un petit puceron apjtère qui se rend sur les feuilles 
et occasione par sa piqùre une galle ; c'est la forme des individus que 
j'appelle : 

Les Fundatora, première forme larvaire à 4 mues. Après avoir 
acquis tout son dévelopement et étre devenue Pseudogyne vivigemmej 
elle depose de jeunes pucerons qui grossissent, changent aussi 4 fois 
de peau et deviennent nymphes et ailés : ce sont 

Les Migrantìa (seconde forme larvaire) ; ils s'échappent de la galle 
et volent sur les graminées [Bromus steriliSy Hordeum vulgare)^ et la, 
corame Pseudogyne ailée vivigemmej ils deposent des petits pucerons, 
qui se rendent aux racines de ces graminées. C'est la phase que j'appelle: 

Les Gemmantia (trolsième forme larvaire aussi à 4 mues) qui se 
reproduisent alors comme le Phylloxera vastatrix pendant plusieurs 
générations sans changements; ce sont des Pseudogynes aplères 
iouterraines ». 

« Mais le printemps arrive et avec lui le developpement de quel- 
ques nymphes, qui bientót sortent de terre prennent des ailes et ap- 
paraissent comme: 

Les Pupifera qui s'envolent pour retourner au Lentisque et y 



Digitized by VjOOQIC 



■'■■■■'T: 



20 societI entomologica italiana 

déposer leurs pupes, d'où sortent très rapìdement ìes màles et les fé- 
melles. IIs sont trés petits, aptères et sans rostre. IIs s^accouplent et 
la femelle pond son oeuf unique (/ju)vóv wov) d'où sort le petit puceron 
Fundator^ pour recommencer le cycle que je viens de tracer ». 

II segretario Gavanna legge uo brano di lettera direttagli, in data 
S2 novembre, dal socio prof. Pavesi, della Università di Pavia, nella 
quale sono esposti gli importanti resultati ottenuti in escursioni fatte 
nel Varesino. 

a Allorché fu stabilita Varese a sede del VII Congresso della So- 
cietà italiana di scienze naturali, mi proposi di perlustrarne il ter- 
ritorio dal punto di vista entomologico ; infatti lo percorsi in ogni verso» 
facendo un'accanita guerra ad Aracnidi, Miriapodi, Ortotteri e Libellule, 
perchè i più trascurati fra gli Artropodi, e condannando tutti quelli che 
trovai alla morte alcoolìca. Io stesso mi sono occupato dello studio dei 
primi ed ho incaricato di determinare gli altri il mio distinto Assistente 
e buon amico dott. Pirotta< I risultati vedranno la luce fra breve n^K 
Atti del Congresso ; però tu puoi annunziare neir adunanza del 28, alla 
Società nostra, queste notizie^ che t* invio giudicandole abbastanza im- 
portanti per la conoscenza della fauna patria. » 

a Di Aracnidi varesini non si contavano che quattro o cinque specie 
nel Catalogo del Bordelli ; ora io le porto a 4 50 e, ad onta degli studi 
dell' egregio collega di Milano e de' miei sulla fauna lombarda, una 
trentina sono come di nuova scoperta: 

Epeira dalmatica Dol. Lycosa bifasciata C. L. K. 

Singa pygmaea Sund. Trochosa ruricola De Géer. 

Zilla Stroemii Thor. Heliophanus Kochii Sim. 

Linyphia tenebricela Wid. H. rufithorax Simon. 

Erigone cuculiata C. L. K. Marpessa nitelina Sim. 

Theridium bimaculatum L. Attus pubescens Fabr. 

Amaurobius jugorum L. Koch. A. terrestri^ Siro. 

Clubiona frutetorum L. Koch. Phalangium Canestrinii Thor. 

Drassus scutulatus L. Koch. Liobunum Doriae Canestr. 

Prosthesima pedestris C. L. Koch. Nemastoma quadricome L. K. 

Gnaphosa bicolor Hahn. i Chtlionius Bayi L. Koch. 

G. nocturna L. Gamasus crassipes L. 

G. éxornata C. L. K. Bhyncholophus cardinalis Pali. 

Dysdera laevigata Thor. * B. trimaculatus I. F. Hermann. 

p. Pavesa Thor. Actineda cornigera I. F, Herm. 

a V Heliophanus rufithorax e la Prosthesima pedestris sono poi 
nuovi anche per lìtalia continentale ». 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 21 

a In numero di 52 specie furono gli Ortotteri da me presi nel 
Varesotto e, secondo Pirotta, più di un quinto sono pure nuovi per 
la Lombardia : 

Copiscelis minor L. P. bicolor Phil. 

Nemobius sylvestrh Fabr. Arcyoptera variegata Sulz. 

Ephippigera vitium Serv. A. grossa L. 

Pteroiepis aptérus Fabr. Stenobothrus decUvus Bris. 

P. fallax Fr. Fisch. S. rufus L. 

Platycleis montanus Koll. S. rufipes Zett. 

Il Pteroiepis fallax ed i Platycleis montanus e bicolor non furono per 
anco indicati d' Italia ». 

« Infine 40 i Miriapodi, circa tre quarti nuovi per la Lombardia : 

Glomeris porphyrea Koch. Lithobius grossipes C. L. Koch. ■ 

G. undulata K. L. terreus Fedr. 

G. conspersa K. L. impressus C. K. . 

G. quadrifasciata K. Z. Targionii Fanz. 

Craspedosoma Rawlinsii Leach. L. inaequidens Fedr. 

C. levicanum Fedrizzi. Z. macilentus L. Koch. 

Chordeuma sylvestre Koch. Z. eximius Mein. 

Polydesmus edentulus K. Z. commwww C. L. Koch. 

P. pilidens K. Z. feptdtcoZa Mein.^ 

JwZws ferreus K. Geophilus linearis C. L. K. 

/. fuscipes K. fi. ^at?ti5 De Géer. 

/. rtiftTittfW K. G. ferrugineus C. L. K. 

/. serpentinus K. G. laevipes C. L. K. 

« Anche le quattro Glomeris sopracitate, ed il Julus rutilans, figu- 
rano per la prima volta nel consorzio degli animali italiani; cioè non 
trovansi menzionati nei recentissimi cataloghi si>i Miriapodi italiani pub- 
blicati dal dott. Fanzago e dal compianto prof. Fedrizzi ». 

11 segretario legge le seguenti osservazióni intorno alle specie 
piemontesi del genere Oryctes Illig. ed intorno ad un caso dubbioso 
di parassitismo, inviate dal socio dott. Camerano di Torino. 

a II genere Oryctes Illig. è rappresentato in Europa da due specie : 
O. grypus Illig. ed 0. nasicomis Linn. 

a Queste due specie sono molto afi&ni fra loro, e molte volte riesce 
difficile di poter dire con sicurezza a quale delle due appartengono 
certi individui ». 

« L' 0. nasicornis, si dice in generale, abita specialmente le parti 
settentrionali e centrali d' Europa, YO. grypus iavece ne occupa le parti 
meridionali. Questa asserzione richiede qualche schiarimento ». 



Digitized by VjOOQIC 



SOCIETÌ ENTOMOLOatCi ITALIANA 



1 



f Per ci6 che riguarda V Italia ed trovo nella traduzioDe italiana 
ielV Illmtrirtes Thierìehm dei Brehm, che nella parte entomologica venne 
riveduta^ nella traduzione italiana, dal compianto cav. Vittore Ghitiani, 
là dove si parìa dell' 0. nasicorni^ ({) la seguente nota; « In Italia 
questa specie manca ed è rappresentata dalla specie afflnissima Oryctes 
grypus Illig. x. La stessa osservazione si legge pure nella traduzione 
deir illustrirte Naturgeschkhte der drei Reicfies del Pokorny (2) « Io 
Italia yOryctes nqsicorms manca ed è rappresentato dairOrt/ctes grypus ». 

« Nei Catalogo sinonimico e topografico dei coleotteri d' Italia del 
dott. S. de BertoJtni invece (3) si trovano registrate tutte due le specie 
senza ìadicazioDe di località precisa, il che, secondo la nota che si 
legge a pag. 6 dello stesso lavoro, vuol dire che le due specie in que- 
stione ti sì intendono diffuse pressoché in tutta T Italia almeno con- 
tinentale ». 

s Come si vede da quanto precede il cav. Ghiliani nega la pre- 
senza in Italia dell' 0. nasicornis, mentre il de Bertolini ammette che 
quel coleottero si trovi sparso per tutta la penisola ». 

4 Questa discrepanza di opinioni, mi ha spinto a fare qualche 
ricerca in proposito. Ho studiato perciò, il più diligentemente che mi 
venne fatto, e la bella serie di esemplari provenienti dalla Francia me- 
ridionale, dalla Dalmazia, dalla Spagna, dalla Sardegna e dalla Sicilia, 
esistente nella raccolta entomologica del R. Museo di Torino, e un gran 
numero di individui che io stesso raccolsi in varie località del Piemonte ». 

« Ho pure studiato una serie di indivìdui provenienti parte dalla 
Francia e parte dal Piemonte, gentilmente comunicatami dal sig. Piolti. 

« I caratteri differenmii più importanti che gli Autori citano per 
la separazione delle due specie sopracitate sono i seguenti : 

0» grypus 0. nasicornis 

1. Epistema tronco leggermente in- 1. Epistema tronco anteriormente sen- 

taccato anterìormezite ed alquanto za intaccatura e leggermente rial- 

rialzato. zatò. 

2. Elitri con una fitria suturale poco 2. Elitri con una stria 9uturale; nel 

spiccata 1 liscie impercettìbil- rimanente punteggiate in modo 

mente punteggiate, molto appariscente. 

3. Scudetto punteggiato^ eoi Iati e la 3. Scudetto punteggiato, liscio per 

parte poste fiore li sci solo per li re ve largo tratto ai lati e nella parte 

tratto, posteriore. 



(IJ Voi, YI, p, 88. TorÌDO^ Unione Tipograaco editrice 1873. 
fa) Zoologia, p. 17U Torino : Ermanno Loescher 1876. 
(3) pag, 113-114, 



Digitizedby VjOOQIC ^ 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 



23 



e Perciò che è deirepistoma osserverò che la sua forma varia al- 
quanto nei due sessi. NelFO. grypus^ ad esempio, Tepistoma del ma- 
schio è quasi sempre evidentemente intaccato anteriormente, quello 
della femmina invece molto spesso non è intaccato, ed è simile in tutto 
a quello delFO. nasicomis. Questo fatto Tho osservato non solo negli 
individui piemontesi; ma eziandio in quelli provenienti dalle località 
sopracitate (4). La forma deirepistoma quindi può essere carattere poco 
sicuro per la separazione delle due specie in questione. Bisognerà ad 
ogni modo tener sempre conto* del sesso ». 

€ Meno variabile nei due sessi è il secondo carattere, quello cioè 
della punteggiatura delle elitri, quantunque anche qui si possa dire che 
in generale la femmina deirO. grypus ha le elitri più rugose e più in- 
tensamente punteggiate dei maschi. 

« 11 terzo carattere, quello cioè della punteggiatura dello scudetto, 
è poco costante e di poca importanza ». 

a Ciò premesso io credo di poter giungere alle seguenti conclusioni : 

V L^O. nasicomis e FO. jry;)us sono forme fra loro tanto vicine, 
e in qualche località fra loro così poco separate, che se ne potrebbe, 
(tanto più che non son rari gli individui di passaggio fra Tuna e Taltra), 
dai seguaci delle idee cuvieriane sulla specie farne una specie sola. 

2® Nella Francia settentrionale e nella Germania ad esempio; si 
trova solamente TO. nasicomis. In Italia ed in altre località dell'Eu- 
ropa meridionale airO. nasicomis tende a sostituirsi VO. grypus. Questo 
ultimo anzi in alcune località si trova solo. È in questo caso la Sarde- 
gna (per quanto posso giudicare dalle raccolte del Museo di Torino]. 
In Sicilia invece si trova ancora il vero 0. nasicomis. (Il Museo di 
Torino possiede un maschio proveniente da questa ultima località). Si 
può ad ogni modo affermare che in Sicilia VO. nasicomis è molto più 
raro deirO. grypus. 

In Piemonte, oltre al vero 0, grypus abbiamo una serie di forme, 
(abbastanza frequenti e non localizzate], che ci conduce con graduati pas- 
saggi airo. nasicomis. La lotta, per dir cosi, fra le due specie sopra- 



(J) Ricorderò a questo proposito un carattere sessuale secondario molto spiccato 
e facile che venne osservato per la prima volta, almeno cosi credo, dal Darwin. Rife- 
risco la traduzione delle parole stesse del Darwin. « Nelle femmine dell' 0. gripu* e 
del nasicomis le costole della raspa del pro-pigidio sono meno continue e meno distinte 
che non nei maschi; ma la diffejrenza principale è che tutta la superficie superiore di 
questo segmento quando si tiene ad una acconcia luce, si vede coperta di peli, che nei 
maschi sono assenti o rappresentati da una finissima calugine. (L'Origine dell'uomo; 
traduzione di Michele Lessona, pag. 275). 



Digitized by VjOOQIC 



24 sogietì entomologica italiana 

dette è in Piemonte ancora attiva, ma si può affermare la' prevalenza 
deJrO, grypus- 

3** I passaggi fra le due specie de[ genere Oryctes sono in Pie- 
monte molto più frequenti nelle femmine che nei maschi n. 

a Risulterebbe dunque dalle mie ricerclie che non si può dire che 
VO, nasicornis manchi airitalia. Credo tuttavìa che non si possa dire 
nemraenoj col Berteli ni, che esso sia diffuso in tutta V Italia, Sono, a 
mio avviso, necassarii ulteriori studi per poter dire con sicurezza in 
quali località italiane YO. nasicornis sì trovi realmente ». 

L^ altra comunicaziope del socio Camerano h la seguente, 

« Il giorno %7 agosto i876 raccolsi fra le erbe^ ai piedi dì un muro 
della villa della Regina (uella collina di Torino) j un esemplare della comune 
chiocciola, Helix pomatia^ col diaframma perfettamente intatto. Questo 
fatto, vista la stagione^ mi stupì non poco; tanto più che tutte le altre 
parti dell'animale erano pure perfettamente intatte. Portai ad ogni uiodo il 
mollusco nello studio^ lo posi sul mio tavolo di lavoro e non ci pensai piiL a 

« Qualche giorno dopo (29 agosto), da un foro situato presso alla som- 
mità della conchiglia vidi uscire una larva giallognola facilmente ricono- 
scibile per una larva di dittero* Questa larva al mattino seguente sì 
era nascosta nella terra umidiccia che io avevo avuto cura di porre 
sotto alla conchiglia n, 

a 11 giorno 6 settembre la larva uscita aveva compiuto la sua me- 
tamorfosi e si era trasformata in una Sarcopliàga intricarla », 

a Nel giorno 10 settembre vidi uscire dallo stesso foro un piccolo 
dittero, che sventuratamente mi sfuggi. Qualche tèmpo dopo (20 set- 
tembre) ruppi la conchiglia, e vi trovai : un individuo di Sarcophaga 
intricaria già trasformato e presso al foro di uscita ; una larva quasi com- 
piutamente sviluppata, molto probabilmente della stessa specie ; un boz- 
zolo da cui erano usciti i piccoli ditteri che'mi sfuggirono. Il corpo della 
ffe/fir, quasi secco, era addossato al diaframma. La spiegazione dei fatti 
sopra esposti non è punto facile ». 

« È fuor di dubbio, secondò me, che le larve della Sarcophaga 
intricaria e le uova degli altri piccoli dttteri vennero deposte quando it 
mollusco era ancora in vita e prima che egli costruisse il diaframma ** 

« E incerto invece se il moUuscOj una volta rinchiuso nel suo nic- 
chio colle piccole larve della Sarcophaga iwiricaria e colle uova degli 
altri ditteri, sia morto in causa dello sviluppo dei suoi ospiti, o per 
altre cagioni &. 

< Si tratta qui di vero parassitismo ovvero di un fatto puramente 
accidentale? L'animale aveva forse, mentre era vivo, qualche parte am- 
malata puzzolente che attirò i ditteri? Non posso rispondere con cer- 



Digitized by V^OOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE* 



25 



tezza a queste domande; ho tuttavia creduto bene di far noto questo 
fatto affinchè si moltiplichino le osservazioni in proposito ». 

a Degno di menzione, quantunque già conosciuto è pure il fatto della 
larva della Sarcophaga che fora la parte relativamente dura e resistente 
della conchiglia. Il foro eseguito dalla larva è oblungo, ha il diametro 
massimo di m. 0,003 ed il minimo di m. 0,00i5: i suoi margini sem- 
brano corrosi da un qualche liquido; essi sono alquanto anneriti ». 

Il dott. Cavannà presenta alla Società 28 specie (J) di formiche da 
lui raccolte in Calabria e studiate dal prof. Carlo Emery, delT Univer- 
sità di Cagliari. Le specie ritrovate più sparse nella regióne visitata sono : 



Camponotus lateralis 
C. aeihiops 
C. sylvaiicus 



Tapinoma nigerrimum 
Cremastogaster scutellarisi 
Aphaenogaster barbara 

Nella raccolta trovasi il Leptothorax exilis Em. Onora ritrovato 
soltanto nelle vicinanze di Napoli, e V Acantholepis Frauenfeldii May. 
var. chiara, rinvenuta soltanto in Sicilia ed in Grecia. 

Lo stesso segretario presenta anche i Coleotteri clavicorni ed Ete- 
romeri, i Crisomèlini ed i Coccinellidi da lui raocolti in Calabria e de- 
terminati, i primi, (Clavicorni ed Eteromeri), dal prof. Carlo Emery, gli 
altri dallMng. Giulio Emery. Quando tutti i Coleotteri raccolti du- 
rante r escursione scientifica in Calabria saranno stati studiati, ne verrà 
pubblicato il Catalogo. 

11 socio Apelle Dei comunica alla Società che il mezzo da lui pro- 
proposto neir adunanza del 2 dicembre i 877, e messo in pratica nelle 
sue collezioni, per impedire agli Antrenus V entrata negli armadi degli 
insetti, ha corrisposto anche in quest' anno. Assicura poi che un buon 
mezzo per uccidere gli Antrenus eventualmente penetrati nelle cassette, 
è quello di umettare con benzina un foglio di carta, stenderlo sul vetro 
del coperchio della eassetta dalla parte interna, e chiudere la cassetta 
stessa tenendola capovolta. Gli Antrenus cadono morti sulla carta io 
brevissimo tempo, e si eVita V inconveniente, solito a verificarsi quando 
in altro mòdo si adopera la benzina, e che consiste neirazione dissolvente 
che il liquido esercita sul corpo degli insetti salendo, per capillarità, 
su per gli, spilli. Il vapore di benzina non produce quest' effetto. 

Il prof. Targioni aggiunge che le cassette ben costruite, ben fo- 
derate, ben chiuse, esenti da uova o larve quando vi si mettono gli 



(1) Numero non insifirnifloante, quando si consideri che le specie italiane sodo 
circa poco più di 80, come rilev^^i da una nota manoscritta del prof. Emery, trasmessa 
al segretario Cavanna alcuni gliomi dopo Y adunanza. 



Digitized by VjOOQIC 



26 SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIAISA 

ioseltì, questi pure ben puliti e ben netti, sono le coodizion! essenziali 
di ogni buona conservazione, ^ 

Per assicurare meglio la seconda delle tre condizioni e dovendo 
apparecchiare delle cassette fatte costruire in modo da soddisfare alla 
prima, col fondo di torba, cioè mortificare ogni insello o germe d' insetto 
che potesse trovarsi nella torba medesima, come talvolta si trova, ha 
avuto cura di chiudere nelle cassette non ancor foderate poco cotone 
intrìso dì essenza di mirbano, le cui esalazioni sono deleterie agli in- 
setti» come ha mostrato con prove molto concludenti il dott. Giorgio 
Papasogli, mentre i vapori gravi, penetranti, si disperdono diSìciImt*nte, 
tanto che T odore si sente ancora nelle cassette medesime, benché dopo 
essere state profumate nel modo indicato, siano rimaste esposte air aria 
anche aperte. 

Egli crede che l'essenza di mirbano abbia molte eccellenti qualità 
per corrispondere all' oggetto di conservare le collezioni, e sia di gran 
lunga preferibile alla benzina e ad altre sostanze molto volatili. 

^11 socio Ca Vanna espone che dietro invito del dott, Papasogli, du- 
rante le escursioni fatte nell'anno passato e nel presente, adoperò dei 
pezzetti di pomice insevala di essenza di mirbano, nel modo col quale 
si suole usare il cianuro dì potassio» ed allo stesso scopo. Tutti gli in- 
setti introdotti nei tubi nel cui fondo, fissata con un po' di cotone, tro- 
vttvasi la pomice, morivano ; però alcuni pochi assai lentamente, e len- 
tissimi a morire ha trovato i Rincoforj. 

Lo stesso segretario Cavanna riferisce che nel Bulktin mensueì 
de la Société Linéenm du Nord de la France^ 7"*" aonée, l^ entomologo 
ungherese Htlrvath, trattando del modo di raccogliere e conservare gli 
Emittori dice, che ad evitare T inconveniente gravissimo della forma- 
zione deir oleato o dello stearato di rame sugli spilli, basta impiegare 
degli spilli verniciati a nero, che trovansf oggidì facilmente in com- 
mercio. Dalle osservazioni fatte nelle Collezioni entcKnologiche del Museo 
dal referente, risulta che spesso codesta precauzione non è da sola 
suSlciente a rimediare, poiché basta la più piccola soluzione di conti- 
nuità nella vernice per renderla del tutto inutile. Non si intende con 
ciò di combattere Tuso degli spilli verniciati: soltanto si vuol aggiungere 
che buona precauzione diretta a raggiungere lo stesso scopo, è quella 
di introdurre, appena raccolti, gli Emìtteri neir alcool a 35", lascian- 
do veli stare per parecchie settimane, e lavandoli poi con alcool limpido 
prima di infilarli. 

È raro che sopra animali rimasti nelT alcool per qualche tempo, 
anche se infilati con spilli ordinari^ si formino quei composti che tanto 
deturpano le collezioni, senza contare che riesce più facile e piti 



Digitized by VjOOQIC 



BESOCOKTI DELLE ADUNANZE 27 

spedito il raccogliere, e qoq occorre adoperare speciali mezzi per uc- 
cidere gli animali. 

Il vice-presidente prof. Stefanelli espone di aver trovato VAeschna 
a/finis Vanderl molto numerosa in un luogo assai ristretto e palustre 
sul torrente Mugnonè, dietro il colle di Fiesole. Questa specie percorre 
infinite volte con un va e vieni continuo, uno spazio breve, ed è fa- 
cile catturarla adoperando il retino verticalmente dal basso all' alto. 
L' habitat assai ristretto dell' il. affinis anche in questo caso, si ag- 
giunge all'altro fatto simile riferito dal prof. Spagnolini nella adunanza 
del 88 a. e. 

Il prof. Spagnolini accenna alla* rapida dlsparizione della Aeschna 
sopra ricordata dalla ghiacciaia di Suese presso Livorno, luogo ove egli 
tre giorni prima della sparizione medesima, l' aveva osservata in gran 
copia. Accenna parimente a due fatti relativi alle migrazioni dei Li- 
bellulidi. Alla Heloria furono osservati sciami enormi di Libellule che 
si dirigevano verso la costa di Tombolo, e, dopa una forte libecciata, 
il sig. . Giovanni lago vìdde gli scoglietti sui quali si appoggia lo sta- 
bilimento balneario Ferrari^ alla spiaggia di Livorno, pieni di Libellule. 
Nel secondo caso pare si trattasse della Libellula striolata Charp. 

Studiando i costumi delle Aeschna, Stefanelli ne ha veduto alcune 
adoperare le appendici anali, a mo'di pinzette e ripiegando il corpo 
per disotto, per meglio adattarsi la preda tra le mandibule. 

Il dott. Cavanna mostra agli adunati parecchi esemplari di un 
Poduride scoperto per la prima volta da Desor sui ghiaccia] nelle Alpi, 
e da Agassiz descritto e chiamato Desoria saltans; denominazione 
cambiata poi dal Nicolet in quella di gladalis. Questi esemplari sono 
stati da lui trovati il giorno 6 agosto dell'anno corrente sui piccoli 
ammassi di neve ancora esistenti nelle valiecole prossime alla cima 
del monte Amaro (il punto culminante della Majella), cioè a circa S700 
metri di altezza sul livello del mare. La superficie di taluni tra quegli 
ammassi di neve, che a cagione della loro posizione ancora esistevano 
in quell'epoca, era nereggiante per la quantità di Desorie che vi abi- 
tavano. Sopra altra neve, sempre in vicinanza della cima di Monte 
Amaro, il segretario ha trovato anche dei piccoli coleotteri. Non ha 
però potuto capire se erano vivi e soltanto assiderati, o se erano morti. 
Certo è che molti di essi si trovavano in stato di decomposizione e che 
uno solo egli ha potuto raccoglierne di integro*, il quale sottopone alla 
attenzione degli adunati. 

11 segretario Cavanna ha proseguito anche in quest'anno le sue 
esperienze sull'efietto del veleno di certi aracnidi. Pubblicherà poi i 
resultati ottenuti ; intanto annunzia 'che operando sopra giovani passe- 



Digitized by VjOOQIC 





Ss SOCIETÀ ETSTOMOLOarCA ITALIANA 

raceì col veleno dì scorpioni inviatigli il 39 maggio da RimiDÌ dal socio 
conte Alessandro Castracane, non ha prodotto alcun effetto, oè iniettando 
sotto la cute il liquido ottenuto dalla gianduia, né facendo punger© di- 
rettamente l'uccello dallo scorpione acconciamente disposto a ciò. In 
questo ultimo caso ha osservalo che lo scorpione introduceva T aculeo 
Delle carni della vittima con rapidi movimenti terebranti effettuati dal- 
Tultimo artìcolo caudale sopra i rimanenti. Con individui della Lycosa 
tarentula di Monte Morello non ha ottenuto che resultati negativi, i 
quali confermano sempre più le idee espresse dal compianto prof. Pan- 
ceri. Quanto ai Laihrodecim di Volterra, sui quali già ebbe a trat- 
tenere la Società, nuove esperienze fatte con individui gentilmente 
procuratigli dai signori Michelangelo Inghirami e Riccardo Magnelli, 
confermarono quelle fatte negli anni decorsi^ e mostrarono anche 
altri fatti sui quali però per ora sarebbe prematuro lo arrestarsi- 11 
prof. Mantegazza^ sapendo che il referente sperimentava cogli scorpioni, 
gli indirizzava una lettera, che vien Ietta agli adunati, nella quale si 
espongono prima molti fatti relativi alla parte storica deir argomento, 
poscia gli esperimenti eseguiti molti anni addietro dal prof. Mantegazza 
medesimo in Lombardia, operando sopra parecchie specie di animali 
tanto Vertebrati cho Invertebrati. Il dott. Cavana a si riserva pubbli- 
care in seguito anche questa lettera molto importante. 

Jl prof. Targionì comunica poi una lettera ricevuta dal sig. Gia- 
como Tassinari di Imola ; ti quale fece conoscere molti anni addietro 
come conchiglia di una Hdix (//* agglutinans)^ l'astuccio e liei forme di 
quella friganide che il Mac Lachlan, dietro una osservazione incompleta,, 
ha chiamato Hdycopsyche sperata^ e sulla quale il prof- Siebold ha con 
tanta autorità richiamato rallenzione degli entomologi, specialmente 
italiani (<), nell'intento di ottenere e definire lo insètto perfetto com- 
pletamente. 

Il sig. Tassinari, mosso appunto dagli eccitamenti del prof. Siebold, 
nella estate decorsa ha cercato di nuovo e trovato gli astucci nella 
località dove la prima volta gli aveva osservati ," e sequestrati alcuni 
dì essi, già chiusi dalV opere ulo e includenti quindi la ninfa, ha ottenuto 
da uno V insetto desiderato, essendo poi riuscito a procurarsi altri 
due individui intorno al luogo nel quale gli astucci medesimi erano 
stati raccolti. , 

Astucci ed insetti il sig* Tassinari volle rimettere, colla lettera 
sopra indicata, al prof- Targioni, per gli studi opportuni, e il Targioni, ope- 



I 



[1] Vedi SttUeUino dena Società Entomologica ItiiLlìaDa, Anno YIII ed Aimo X. 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 29 

rande con ogni cautela, ha fatto disegnare T insetto alato, ne ha fatto 
l'analisi più precisa e minuta che si potesse, ed è riuscito a convin- 
cersi che se pure V insetto stesso può stare nella tribù dei Sericostomi^ 
dove il Mac Lachlan ha posto il genere Helicopsyche^ esso è asàai diverso 
dairaltro studiatp dal Mac Lachlan medesimo in parte, e senza tròppa 
certezza della sua vera origine e provenienza. Basta a distinguerlo da 
cotesto, e forse da tutti i Frìganidì, l'armatura genitale della femmina, 
convertita in assai lungo ovipositore. 

Del resto il Targioni assegna airinsetto da esso studiato e qui fi- 
gurato i caratteri essenziali seguenti: 




«rPalpus maxillaris 4 artiéulatus, art. basilari elliptico crassiore» 
2** àpice inferno inflato asimmetrico, 3* omnium longìore; flagello incom- 
plete irregularitér i 2-4 3 articulato, art. basàlibus 2* 4- 3' -h 4* subaequali. 

Palpus labialis, maxillaris minor, ^ articolatus, flagello, basì subae- 
quali, maxillari persimili. 

Pedes anticì breviores; tibia apice bibracteata. Pedes 2* 3* anticor. 
longiores, tibia medio et apice bibracteata s orde longitudinìs 2. 3. 4. 
(oece 2. 2. 4). Tarso biunguiculato, arolio parvulo inferno. 

Àlae anticae abdominls dioiidio longiores, posticàrum latiores, nervi- 
bus nervttlisque liberis, areolis que apertis, retinaculis in margine costali 
alurum posticàrum nullis. Foem. abdòm. 7. anulatum, ovipositori 
styliformi complexo dimidio breviorì termioatum. Mas adhuc caret. o 



Digitized by VjOOQIC 



30 SOCIETÀ ENTOMOLOGICA ITALIANA 

Rilevando i caratteri delle gambe e delle nervature delle ali e del- 
i-armatura addominale diversa, la forma noa rientra nemmeno nel 
gen. Helicopsyche quaPè definito^ e la stessa forma specifica riesce di- 
versa da quella della H. sperata Mac Lach, 

Il prof. Targloni crede però che gioverà ancora tornare con materiali 
nuovi e piii copiosi allo studio per la riforma del genere; ma fratlaoto, 
senza pregiudicare gli studi di Mac Lachlan e senza costiiuire un genere 
nuovo, propone di chiamare la specie del sìg, Tas^nari col nome pri- 
mitivo di Helicopsyche agglutinans. 

Contentandosi per ora di questo cenno, il prof. Targiont mostra i 
disegni e il lavoro più esteso preparato suir argomento, per farne sog* 
getto di altra pubblicazione; per la quale fraltanto vorrebbe comu- 
nicati da chi ne avesse, materiali opportuni, augurandosi ancora di 
potere ottenere quei Friganidi italiani che gli entomologi conservassero 
nelle loro raccolte, nominati o no, per rimetterlJj dopo averli passati in 
rassegna, e preparato così uno studio sopra una parie non troppo cu- 
rata della nostra entomologia. , 

11 Segretario delle corrispondenze^ prof. Pietro Marchi, presenta le 
pubblicazioni venute in cambio od in dono alla Società. 

Il Presidente prof. Targioni presenta una copia della Rdazione in- 
torno ai lavori della Stazione di Entomologia agraria di Firmzdj da 
lui pubblicata negli Annali di Agricoltura del R. Ministero, alcune tavole 
appartenenti ad un lavoro in corso sui Crostacei papuani, malesi j ec-, 
eseguite dal sig. Eduardo Ximenes, ed ud lavoro istologico ed anatomico 
sopra la larva di un dittero, [Erystalis tenax¥Bh.\ del socio dott, Andrea 
Batelii; accompagnato da tavole parimente disegnate dal sig. Ximenes. 

Coglieva occasione dalle cose dette neir odierna seduta per pregare 
a voce i soci presenti, e per mezzo del Resoconto g!i assentii a voler fa- 
cilitare i suoi studi sugli Ortotteri, inviandogli, come pei Friganidi, in 
comunicazione od in dono, le specie delle quali fossero ricche le col- 
lezioni loro. 

Annunziava poi lo stesso Presidente di avere pressoché condotta 
a termine la sistemazione degli Ortotteri italiani del R. Museo; collezione 
costituita dalle copiose raccolte fatte dal Segretario Cavaonain Calabria^ 
nelle Romagne, nelle Marche e negli Abruzzi, da quelle fatte dal consi- 
gliere Piccioli nei dintorni di Firenze, al Monte Amìata ed altrove, e da 
altre fatte da lui medesimo, o provenienti da differenti luoghi ed inviate 
da persone od istituzioni che saranno a suo tempo rammentate; tra le 
quali intanto deve ricordare subito Tlspettore forestale di Belluno, dal 
quale la Stazione di entomologia agraria ebbe recentemente bellissimo 
materiale. 



Digitized'by VjOOQIC 



-_nB Clnfl AMJSfL -jnEt-T.a ànTTNàNffg 



JL 



{Da sostituirsi alla diagnosi che trovasi a pag, 29 ^ la 
quale contiene alcvmi errori di stampa), « 



<r <** Palpus maxillaris i articulalus, art bagllari elììptico crassiore, 
S"" apice inferne inflato asimmetrico, 3* omoiiim longiore ; flagello incom- 
plete, irregulariter 12-13 articolato^ art. basali 2' + 3" ^- V* subaequalì. 

Pai pus labìalls, maxi Ita ria minor, 3 articulatus, Qagello basi sabae- 
quali, maxillarl persimìli" 

Pedes aoticì breviores; tibia apice bibraeteata. Pedes ì* 3> anlicor, 
longjores, tibia medio et apice bibracteata: ordo longitudinìs 2. 3. 4, 
(nec 2. 2. 4). Tarsus biunguiculatus, arolio parvulo inferno, 

Alae anticae abdominis dimidiolongiores, poslicarum latiores, nervi- 
bus nervulisqus liberis, areolisque aperti^, retinaculis in margine costali 
alarum posticarum nullis. Foem. abdom. 7. anulatum, ovipositore 
siylLformi completo, dimidto breviorii terminatum. Mas adbuc careL » 



Digitized by VjOOQIC 



JUL. 



lO.^ 



Digitized by VjOOQIC 



. RESOCONTI DELLE ADUNANZE 31 

Ecco intaDto, senza le osservazioni da pubblicare nel loro com- 
plesso ed altrove, il catalogo delle specie delle famiglie dei Forficuloidei 
e dei Blattoidei che fanno parte della collezione studiata. 

ForflcaloideL 

Labidura riparia Dohrn. {Porficula riparia Pallas., F. gigantea Fab.) 
Brachylabis maestà Dohrn. - (F. moesta Gene.) id. var. ferruginea, 
antenn. art. quibusdam sub extremis dealbatis, pedibus fusco 
anulatis {Porficula annidipes Lucas., Forcmella annulipes Dohrn.) 
Labia minor BoUv., (F. minof* L.) 
Forficula auricularia L. # 

A decipiens Gene. 

» otbipennis Meg de Muhif. 

» ? biguttata Fabr. var. ? aptera (F. OrsitUi Gene.) 

A ptAescens Gene. 

BlaUoideL 

Èctobia lapponica Brunn., .{Blatta lapponica L.) 

» vittiventris Costa. 

» livida Brunn. {B. livida Fab.) 
Lobòptera Umbata Brunn. {B. limbata Gharp.) 
Phyllodromia marginata Brunn. (B. marginata Schreb.) 
Periphneta orientalìs L. 

» * americana L. 

Heterogamia aegyptiaca Burm., {B. aegyptiaca L.) 

• 

Gli adunati, esaminano alcune cassette contenenti gli Àrtropte- 
ridi, i Tetiridi ed i Cidnìdi delle collezioni italiane del R. Museo, studiati 
dal dott. Gavanna, e disposti secondo il metodo tenuto pei Coleotteri 
delle' stesse collezioni, fissato dal prof. Targioni, e si recano poscia à 
vedere gli Ortotteri italiani, da quest'ultimo pressoché completamente 
sistemati. 

L' adunanza è sciolta alle ore 4 pom. 



Digitized by VjOOQIC 



m 



SOCIE Ti ENTOMOLOGICA ITALUHÀ 



INDICE DEI RESOCONTI 



AUi della Società, 



Annunzi deU* ammissione di uuotì Soci. * , - 

AnitDiizi delU morte di Soci. 

Esame dei bilanci consuntivo ISÌI e preventivo 1878. 

Elezioni degli Ulficiali della Società. 

Modi Acazio ai recate allo Statuto della Società. 

Presentazione di lavori pel BuUettino* 



pag- 


3, 


13, 


19. 






3. 


19. 

11. 
12. 




3. 


H, 


19. 



Fraxis. 



Conservazione delle collezioni entomologicho. 3, 25, 26, 

Metodo per rilevare disegno esatto delle ali di alcuni Artropodi, 4. 

Ifuovo compressore pel mioroscopio* 9. 



Varia. 



Capriiicazione in Sicilia ed in Calabria, 

Insetti pronubi di alcune specie di Ficus a Celiali. 



18. 



CttUSTACEA - ArACHNIDA - MyBIOPODA. 



Aracnidi nuovi pel territorio di Varese* # 

Araneidi nuovi per la Fauna dell'isola di Montecrìsto (Argiope 

lobata (Pali.) — Epeira regia C. L. Koch. — Sege&tria fìO' 

rentina (Rosai) — J}ysdera croco fa C, fj, Kocli.) 
Glomeris porphyrea Koch* — G, undulata Koch» — G. con~ 

spersa Koch. — &. quadrifasciata Koch., nuove per V Italia. 
Marpirhynchus nidttlans Mégnin., identico forse al Sarcoptes 

anachantes, 
Heliophanus rufithoracG Sim.j nuovo per l'Italia continentale. 
Julus rutilans Koch,, nuovo per V Italia. 
Zàthrodectu$ iS-guttatus Rossi- Effetti del ano veltìno. 



20, 



18. 
21, 

17. 

20. 

23. 



Digitized by VjOOQIC 



4 



i:^s^^'- 



RESOCONTI DELLE ADUNANZE 

Lycosa tarentula L. Effetti del suo yeleno. 

Miriapodi nuori per la Lombardia. . 

Picnogonidi (maschi portatori d'uova nei). 

Prosthesima pedestris C. L. Koch. Nuova per l'Italia continentale- 

Scorpioni (effetti del veleno degli). 

Scorpioni italiani (valore delle fossette o punti occelliformi negli). 



pa^. 



2S. 
21. 

18. 



Thysanoura - Neuroptera - Ortoptera 

AescTma a/finis, Vanderl. suoi costumi, suoi caratteri, sue dif- 
ferenze con VA. mixta. 15, 16, 17» 27. 

Blattidi delle Collezioni italiane del Museo di Firenze. 31. 

Oonocephalus mandibularis Charp. (Anomalia in un). , 5. 

Desoria saltans Agas. Trovata sulla Majella. ^. 

Forficulidi delle Collezioni italiane del Museo di Firenze. 31. 

Helicopsyche a^pZi^ttnan^ J'assinari. (Descrizione deir insetto per- 
fetto della). 28. 

Helicopsyche ai Bagni di Lucca ed a Pazzano di Calabria. 15, 

Libellulidi (migrazioni dei). 27. 

Libellula quadrimaculata Linn. var. praenubila Newm. nei din- 
torni di Modena. 16. 

Ortotteri. Specie nuove per la Lombardia. 21, 

Ortotteri italiani (presentazione delle stampe del Catalogo degli). 9. 

Platycleis montanus KoU. nuovo per Tltalia. 21. 

Platycleis bicolor Phil. nuovo per V Italia. 31, 

Pterolepis fallax Fr. Fisch. nuovo per V Italia. gì. 



Coleoptera. 

Apate muricata Fab. dannosa alle Querci 6. 

— dannosa ai tralci secchi delle viti. 9. 

Apate sexdentata Oliv. dannosa alle Querci. 6- 

Apate eapucina Linn. var. luctuosa. dannosa alle Querci. 7. 

Agrilus bifasciatus Oliv. dannoso alle Querci. 7. 
Aromia moschatd Linn. var. rosarum Lue. nei dintorni di Torino. 14. 

Cerambix cerdo Linn. dannoso alle Querci. 9, 
Coleotteri. Modo di rimediare ai danni che certe specie recano 

ad alcune piante. 8. 

Hesperophanes cinereus Villers. dannoso a parecchi alberi. S. 

Exilia timida Ménét. delle vallate di Susa. 14. 

Oryctes gripus lUig. suoi caratteri, suo habitat. SI. 

Oryctes nasicornis Linn. suoi caratteri, suo habitat, ' SL 

Hemiptera. 



Coccide trovato su rami di Robinia. 
Coccidi del gen. Parlatoria. 



19 
9. 



Digitized by VjOOQIC 



-^- 



81 SOCIETÌ ENTOMOLOaiCi ITALIANA - 

Emitteri {Antenne anomale in alcutii). 
Aploneura Untisci PaBser* (Emigrazioni della). 



19- 



DlPTEai - HlMENOPTERA. 



Ac(inthot€pi$ *Frau€nfeìdii Mayr- var. chiara, nuova per V Italia 

contioentale. 25, 

Cimbeù> accillaris Spin. . <1Q^. 

Ditteri parassiti di Belix pomatta, ÌL 

Formicidei trovati più comuoi in Calaìjnap 25, 

SarcQphaga intricaria perforatrioe del gns<iìo dì B^elix pò matta* 24- 

Taehina p^tpairum parassita di larve della Mamestra (^leracea L, 10* 



Lepidopteka. 



MameHru neb-ulam Huf, In Firenze. 
Mamestra oUracea Lina, in Firenze. 






Digitized by VjOOQIC 



BULL ^(SCEMT.l'mL. Al 




^ ÌXcdfficcxa^ ^cdòjf Juruo 



Digitized by VjOOQIC 



^ 
^ 






\ 

i 



. Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Googlei 



Digitized by VjOOQIC 



«Sii 




vGdSlle 



,^':M/^ ' 






'M 



>v^^^* 



A <ry 



\fP '/ 



UN^VN^: 



s^;-. 



^^ 



^'^<f. 



YM^I 



^/O^