(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Cariche del Piemonte e paesi uniti colla serie cronologica delle persone che le hanno occupate ..."

Google 



This is a digitai copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scannod by Google as pari of a project 

to make the world's books discoverablc online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legai copyright terni has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journcy from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with librarìes to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prcvcnt abuse by commercial parties, including placing lechnical restrictions on automated querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-C ommercial use ofthefiles We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commerci al purposes. 

+ Refrain fivm automated querying Do noi send aulomated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of text is helpful, please contact us. We encouragc the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogX'S "watermark" you see on each file is essential for informingpcoplcabout this project and helping them lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countiies. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we cani offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps rcaders 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full icxi of this book on the web 

at |http: //books. google .com/l 



m^^l^^t^ 



HHHBM 



000062699 



\ 



» . 



C^WCHE DE.L PIEMONTE 
PAESI UNITI 

C O L X. A 

SERIE CRONOLOGICA 

DELLE PERSONE 

CHE LE HANNO OCCUPATE 

ED 

ALTRE NOTIZIE DI NUDA ISTORIA 

DAI. FINE 

DE.L SECOLO DECIMO 

SINO 

AL DICEMBRE I798 

COS QUALCHE AGGIUNTA RELATIVA ANCHB ' ' ^ 

AL TEMPO POSTERIORE '.:<!' 



TOM. IL 









.r 






TORINO MDCCXCVIIL 



A spese di Onorato Derossi Stampatore e Llbrajo 

in princìpio della contrada di Po 

ove si vende. 



^4^^^, '^^. 



/. 





CE 



DE» TITOLI 

DEL TOMO SSCQtqjQ. 
Tm j j Pag^ 

I L/niverfii^ i^ Scolati ^ ^itudio 
in Torini, ^ p MagifimtQ . ìtUa 
Riforma • • . . \ 

n Confolato • . Y «^ * 1^7 

III SovraimHndenii Generati , Cajoi ^ 
€ Predienti Capi d,el Omjiglio 
del Commercio , e ConfigU^ri in 
effe. . • • • • 132 

{? Auditori GptHri^li di Querra^j e 
Riunione delle incumi^ngt della 
Primaria Ifp^pon€ aW ^ffi- 
ciò deir Uditorato Generale di 
Guerra , con altre co/e relative 
al feguito Jlaiilimento di alqttni 
Corpi militari N agonali . l^S 

V Auditori Generali di Corte • 183 

\ I Giudici , Confervatqri , e. Gf- ] 

nerali Conjervatori itllt (ac- I 

eie j e Pefcagiom. > Ì94 

Conjervatori Generali i^lU^ B^tr 1 

gie Cacete '. ♦ .jj 

Tll Vicar) , Intendenti , e Sovrainten^ 

denti Generali delì^ Politica , 

e Pulipa della Città di Torino ^ 

e fuo Marcamento , Juqi J^or* 

ghi ^ e Territorio . n • 2|« 




Xlir Artiglieria , 

^ Fabbriche , e • f unite* 



trt. Pa 

Vili Congfejfo d' Arctiitettufa , e degli 

Edili ..•!.•; . .2; 

IX Ingegneri , e 1 

Atchitetti civili: I ^ 

Primi Ingegneri, e j • 

PnVwi Architetti -civilii J 
Magiftrati Provinciali ^ 

o fia 
Conjiglj di Giu/li^iat 

XI ' Artiglieria IS04 ad ijòt , • ^i 

XII Fabbriche , e Fortijicaponi \ a< 

Fortijtcaponi 170$ ^ • T ^^ 

tfi 1733 

XIV Azienda dell' Artiglieria ^^tó y^- 

parata nel 1733 Ja ;//e///i Je//e 
Fabbriche , e Fortificazioni. 3 

XV -Azienda delle Fabbriche > e For- 

tificazioni ^«^a feparata nel 

* * 17 a da quella i/^//' Artiglieria. 3 

XVI Aperta delle Fortificazioni , e 

• J'abbriche fopprejja , e riunita 
*< •: .a j'tte/Za Je/r Artiglieria [a] • 3 

-XVII J?^/e Gabelle i • 4.3 

XVllI Configlieri , t Te- 
forieri , 
Controllori Gene-* 
rali , e 
' ' Intendenti Gene- 

* " tali J J 

(a) Con R. Patenti degli 8 dicembre 1797< 



^dellaR.Cafa. y 3 



(T. 



(n 



Pag. 



Xt 

xn 
xm 



fàmtmatari dt* Rtali Pala^p in 

Tanno • • . - • • 367 
Gran Mafiri dtlU Cirimonie^ ì 
Mo/Itì di Cerimonie , e Intra* I 

iuitori degli Amiajciatori. ì ^'^ 
Segretarj de^ Ceremoniali • J 
Cariche di Corte • • • 384 
Impieghi militari • • • S^S 

Teforìeri 
Della Red Cafa. 
Della Milipa^ e Genti da Guerra. * 
Deir Artiglieria , : e. delle^ Forti- 

Jlcaponi , e Fàthiehf. .. \ >^1 
Della Città , e Provincia ai 

Novara. . 
Della Provincia di Torino. 
Delle Regie Finanze. 
Teforieri Generali . . • 6gi 

Alcune co/e relative air Ufficio del 

Controllo Generale , e alle Regie 

finanze . • • • 999 

Regie Zecche . . • • 707 



appendice parte prima. Viceré, e Capitani 
Generali, Generali Comandanti delle ar-- 
mi ec , e altri impieghi del Regno di 
Sardegna. 

ppendice parte feconda. Di alcune notipe 

fioriche relative alla Sicilia , alla Città 

di Piacenza , e parte del Piacentino . 

infieme ad altre cofe tratte dal Màbly 9 

Droit public de T Europe. 



XIV 
XV 



(vt) 



^ . 



iatt 



Abfentem qui rodit amicum» -^ 

Qui non defendit ^ alio culpante ^ 

IBic niger eft ^ hunc tu , Romane ^ cavett 

Horat. Uh. i , Sat. ir, ver/, i 



% 
% 



T I T. I. 

UNnrEi.sirA* de'Scolau» 
Studio in Toiumo (a)^ 

1 
Magistbato p&lla Rik>jlica* 

{0$ 'Kf^ Piiigoii^, Augufta Tauf inonuD^pag* 
obc0 -^^ j 2. > troviaiì)o a' tempi di Ludovico 
Phncipe <f Acajs^ e alU data di ouotrt 
140J , la fondaziooe i>i Tonno dell' 
AccoÀtmia » o lìa Jri/' Unive^fità om- 
nium fcieotiarum » qu« prius in AVr- 
cclUnf civitafc^ muitts retroaftis fae- 
culis, viguerat» fed jam feaefcebat» 
jacebaqoe ob bella flagrantìa j & ci- 
▼ium faftiones y ut alia: fere omaes 
italicx» hoc exctpta Taurinenfi , qum 
ùxh didone Sabauda ^ pact frucba^ 

tur , civltatis Epifcopo Aca* 

dimia Canccllario declarato (/»)• 

405 Narra il Guichenon, tom. i^pag f 44 » 
che ìq quell'anno 1405 Ludovico di 
Savoja (e) fondò in Toriso une Uni» 

^Tcdi la néta, a > di cui nel titùlo VI ^ tomo primo della pie- 
i«nte opera, fsg. ijj. 

^1 Accenneremo qui di paffaggio, che, fra le carte del 
/b signor Tommafo Filipponi {i) flato, moUiffimi 
anm, Segr etaro di que/la Univerfitd, una fé ne ri* 
trovò , la quale ci dà per mitiixxiott degli fi i^- 
dj generali negli Stati del Duca di Savojà 
neW anno 1404 certo Ba(ìlio Poaipe)0, 

) Fifj^o di Amedeo Vili, Duca di Savoja. 

) Padre del vivente signor Mafiro Ceditore, Conte 
Luigi Fìlipponi di Mombello» 
Tom. Il A 



Y^fiti en toutes fortos de (cieoces i & 4^* tq 
iiberàux^ dont r£v^ff<« de Turia fut declari ] 
ChanceUitr : ce que le Pape Bcnòit XIU (tf) cci 
firma ^ar Bulle datée à MarfeiìU V oozìemel 
novembre de la dite aonée (A)« 

X411 Narra pure ivi lo fteflb Guìchinen^A 

t l'Empereur Sìpfm^nd (e) doiin'W|Ì 

luglio» ibn conientemeot parpatentes itSi 

à £tti« le I de ]uUlet 1 41 x (i)^ al qua! 
oggetto eranii appunto inviati a Bi 
da da Ludovico di S&voja Ouhoti 
di Belluno Réfarendaìre Apoftoliqu 
& Pierre Bcggii^mo Gfentil-homme i 
Savillan Jcs Ambajjadturs* 

Uoircafi il fudde t to Pi/igom nel 
precitata pag. j 1 : Hi i Ao&o Chrii 
(a) Bineìt Xltl Antipapc , dit Pierre de luna« < 
de là lune, rn JEJpagne. Cefi de iui y que 
CjtUhe Jean Ger(bn Chancelief de t C/niverf 
de Paris dit kautement, qu'ilny avoity q 
t ecUpfe de atte lune fatate, qui put dlfinn 
la paix à t Eglife. Cosi nel Morcri. 
A)) Vedila ;3^/ Borellis pag. $l^y ^ 555i ìi^da 
VI cai ^rhbris {i) del d.^ anno 1405., e Vi 
anche W topio i delle memòrie fioriche de* 
Chiija Vefcoyile di Monteregale> pag. Ì 
come pure il tomo 3 di quejl' opera , Apcm 
ce, parte 4 4 articolo Afpnaovì, Uoiveifità ( 
(e) Sig fmond/Empereur, ifjudela maijhn deLuia 
bourg, ;/7oi/7i/i UT,le%j ou le 9 dicembre' 143 
laijfunt fa filleunique EUfabeth, qui fu$ k 
riée i Albert //, DucifAutriche. Moxex'u 
(d) Vedanfi mi BoreUi ^^g. 535 ad nj. 

(1) che è quanto dire li 27 ottobre » e non li 24 aavcmb 

come ù Icgj^e tlU fa$. s 14 dello ilelTo M$mIIL 

(2) Uaifcafi il Tifmhfihi , lom. V , pane piiina , lib. i > cap* 
4. ZZX^fMf, t$9C86y feconda edizione di Moditut, ijt 
tkii Tutte Te Univeifit^ . . . doTeccero la loio origine, < 
Ttincipiy o a Magiftrati delle Città, in cui furono apeit 
e rantoliti de' Pontefici, e degli Impcradori fiaggiwilc 

Io a con/exjBaxk % ed onoxaik di |[\V«iUi\% 



14^ 1, nmie jiiGo» Sigirmundus Imperato^ PomiQ^ 

1M Siudìbì exemplo^ piivilegium conceific LtidQt 

noQ Cìrnicipi erigeadae Accademie > & Uaìvaffi* 

IfBi Taiirinorum (a) ad infiar Parìfienfis » Aurelia^ 

' » Qooonienfis » MoQnfpeirulaiii (^). 



14*4 ABBATE DI $• MICHELE ^ « .^ 
if DtLLA CHIUSA (ci l^/^^4- 

flfink DE ALBANO i^) Qiorgio J '^^^ • 

Vedi il Dqcal privilegio di jime^' 
J^o Vili delii 29 fettembre 1414J, 
dato da Ciambcrìy ed efiftente nella 
f accolta del Bonlli, pag. 5 }7 ad 5 j^» 
e fegnatamente al num i , i^i : 3, t^ 
I „ isorr frafentium commirtimus , & 

,, deputamus ipiius Univerfitatis Re- 
3, formatores Generales> videlicet ia 
„ Chrifto Patrem Abbattm Sandì Mi- 

[4 Vnfiafi qiunio ne fcri0èco anche e il TiraBofihi 9 Sfocia 
édU Ictt^ratara iuliana» tom, VI, parte i > //>.' 1 %' cap» 3 
}. ivit » 94^- loi 9 e 102, edizione di Mo(/«a4 $ 1790» 
e il Conte Or fini nel Tao elogio . dorico di Emanuel Fili" 
kno y parte feconda » pa^. 5 5 ad s 7 > de' qaali due Autori 
■e ripoctcremo le precife parole i^l ^e del pcefente titolo; 

(b) MonpeUer 5 o ha in latino Móns Peflulus^ Aga- 
thopolis. 

(c) Del Tempio y e Bad^a di San Michele della, 
Chiufa abbiamo uà breve racconto di P.G.G. 
ftampatofì ia Tori.n^ da Gio. Battifta Zappata, 
nel 1699: Si legge ivi dalla pag. 47 ad 51 
la ferie degli Abbati prò tempore , ma non 
vi è detto erpr^iTamente chi fbiSe ^^^r^ nel 
1414: bensì occorre oflfervarfì , che nel 1418 
era Abbate un Gioanni Saiturier d^ Refort, 

jÀ P nel I44(^ lo èra un Quglitlmo di Varax 
I Sa^ojardo , knzà che appa'ja di altro Abbate 
[*J| tra U 1418, e il 1446. 

4I V)Te4i il turno primù della prcfente opera, pag. Sii. 

(Iti tt ^«£ U fmù primo déUs prefint^ opcra^ pag. is7i rst) UP- 



k 



>• fi' ■m hci ,J^f r-T' 

«d'iione di Torino ^ ?" 

.^^. non fJZ'l^r''''^''' 



J 

B ade puf <qut in acconcio il Pinfom^Axmk^ 
ftiTMrmorum^ pag. 54 ^ ove troviamo fenico 
mmÌMfrmz ,3 Eo anno 1414Ì menfe feptcttbi^ 
Mjtmideus DMX'{a) Unìverfitati ^ Se Academic 
Il Tanhaenfi » quam al'nam filiam fuam voeal-j 
» pleiaque confcn privilegia* 



^••« 



3> 

33 



39 



14I6 Tranfinutatio Studii 4 Saviliano Taurinw9à, 

^ >> Lu Jovicus de Sabaadia^Princeps Pe« 

ttiobte. ,, demootìum ^ Primogenitus ^ lociun* 

j> tcDenfque Generalis lilultriffimi Gè-. 

,y nitoris mei Do. Amedei Ducis Sa? 

baudix • • • • (i). 

Przterea concedimus» 8c largì- 
5, muT, quod in didla civitate noftra 
3^ Taurini noftrum Confilium ultrai 
montannfb^ una cum ipfo Studio 
refidentiam ordinaiiam faciat^ Cint^ 
f W Di qiufio Principe Amedeo Vili , più coft 
[. tjfeniiali fi fon dette nel tomo primo, alle 

pagine 15 , 22 , 45 , 5,9 , 101, 104, 
112, ii6>iiS,i543'i^i, 16} 9 e 
212. E di effo fi parla anche diffìifamenu in 
un libro y in foglio , intitolato : Chronique de 
Savoye, extraite pour la plus part de r/ufioi^ 
re de M. Guillaume Paradin : troifieme édi* 
ùony enrichié , & augmcméc en divers endroits, 
& coruinuie jufqu d la paix de V an 160 im 
De t imprimerle 'de Jean De Touines 1602. 

(I) Si picmctte ivi , che GéncrmU Stitdium a civitate léurini pri* 
mo ad locum Cktrii , & poftremo ad villani SavilUni uanf* 
macatnm eztitcric (i) , cxpciicncia tamea dcmonftxaverit ha- 
ja£caodt Gymnaiimn qoadam incapocitatc» ac inhabiliutc 
dicb loci SavilUni ... ad anaichilationem dcvcnire -, quo 
Bade ' . . ioccrpellati fuerimus > quateuus aaemotataiD Stu* 
dmni ad ipfam Taurini civitatcxn . . . iierum reducete digna* 
xeiaar . . . «idciico ipfum GenermU Studium .... de Univetfì- 
tacem ab eodem loco Savìliani ad ipfam civiutem Taurini 
dazimos rcvcneudum paiiter9 & uanfmutanduiki ..... 

{t)Z ciò per cauià di ptjie negli anni 142»^ e l^'ìS» V^di il 
lOibo pximo di ^ucH' o pexa ^ ^ag* %i%. 



f-t^' }^^ 



H)5^ Nel Bercili Y>^g,u^y 

mLL '^"^'^ ^^^^'^^i dau 

""20- marzo 145 9 (^), ov( 

leggiamo io;w« iVi/^^ 

Sabaudi^. ...,,( 

JI3 ConljLum noftri 

il jamdùduin cooftiti 

li ejufquò ibdeùi^ ^ 

11 A^r /zoy?ra Cima 

s> locum noftrum il4 

il ducendum duxeri 

11 per quindicim ànnc 

il certis fua/ivìs occ 

11 tùnc coDfpetìui de 

*j ftris ia iitceris exp 

11 MontecaUrio prop 

^i W 1 cumque , & 

i^ per iJlos de Taur^ 

demonftratum fuerit 

hujufmodi per Nos 



11 
11 



(•; Xa r« *^i^.,/,^^ ,Vi come fc 



i»W^ & pzÓM initjs per sos cum ipfis.il 
^^ TfKTMo , cufn Siudium nofirum ex loco «$*«• 
W wfim ad haoc Civitatem Taurini ul(imo ledu- 
«xnuis^ quo tuac per noftras litteras» 8c pà- 
aftioiies prxdiAas ìpfa.dvo^ Studiùm vidQ|ieetj 
19 & (onfìmm {a) uniudecreyimusj &l voluinùs u- 
Al miti perpetuo jS« divortio refidere {tj. 

f, Fueric^ de 4tém, paitò totiu5« feu maìoris 
ji ptnis oollrx cifaontanx ditioius> evideatiìQ&iius 
ji boIns decl^racuui ratioaibus banc ipiàm (^ivita^ 
u tèo , Taurini Doftrs 4igDÌtati looge magia ho^ 
il oodficam , propitiamque > & capacem » ac ipu 
» toci Patris comodam , 8c utilem eSc prò ffide^ 
« Qibiinali 3 & a^ditorip ìptìus poftrì Confilii , 
tt Quàqa locum Montifc^Urii antediftum » tapi re^ 
» ipedu Sttédii > DodorumqUe i Caufidìcòjiiai ^ 
li Aitificum i Horpitum ^ mercimoDiorutti » Se v^*- 
» ftinilnim » viAuìque hiimaao jaeceflariorum». & 
« aiionun ibidem. , quam ìa Monùcalerio, abua-^ 
» daacius exiftenàum ^ & jugiter .aflEluenùumi 
fi quam etiam difficultacìs tranmus P^di p tempo^ 
» re iaundationis aquaruoi , quo & hoqii)ies » Sc 
j, naves pierumqu^; dicuntur fubmerfi {e) ..• •» 

(•} fozCt a qaefte parole incefè «ncde di alludere il Hdffti » 
qoaaio alla pag. IX di una Tua dedica ail Re Vhwiù Amé» 
ito XI (*") ebbe a dir comt fcgue. Io ben fo 9 the fin da 
treccnt* anni ^PUniveriità fa in Torino $ an£i fé crediamo 
al Pimgottt ^^^), nel 1459 il Daca Lodovico l'innalzò al 
fegno d' eflér cribanile definitivo » e di rapprefentar eflà U 
Coniìglio Sapremo: unìfcmnfi le Patemi delli i| novembre 
14.S I > di cui infra , a pag. 1 4 » e fegdatamente nella nots a. 

(b) t^cM anche la nota a , di cui nella pag. 155 
del tomo primo. 

(^ Diverfamtnti dalT anno it\6 , nel quale 
gelò talmente dVo , che per ten due mefi conti^ 
md pijfàronvifopra francamente i carri: StoriaL 
della LomelUoa, e del Principato di Pavia^ 
adizione di Lugano^ 17 f 6, pzg* zfo. In oidìoe 
al nume Po vedi quel di più, cbefenedice 
nel tom.3 della prerenteopera,^ /rj^.i i ) ad ii 9. 

^ Ci9è nella dedica della fua iftocia diplomatica ftampata in 

Mantova nel 1727. 
^) K«d!i il Xtmio primo di qufà'optt^^fag. i|5« 



f 

^ ideo • • •' • ex ooftn'certalaemia • » • • « • 

,, ipfiuh noBrum Confihum Cifm&ntanum » fiium» 

^, qu€, iriiunal, & Auditérimm sii hanc 

,^ noftraiD TaunncnfeiD civitatcm Teducesdufli » ae 
^9 denuo ibidem ioftitueodiiBi » & conttituendua 
99 duxìmusj reducimuique » inftìniimus , &'€Ob- 
99 fticuimus , ac ibi perpetuo lefidere » & unicua 
jt, neiu indiffolubilr cuoi^ ii^e Studio vohimus » 
,9 & decernimus (a) per prsfeates lineras/ 

9^ Et praeterea in augisentujn poteftatisj pra> 
99 rogativdt, & autheritatts -ipfius noftri Cilmom^ 
99 taai Ccnfitiii militateBique 9 coiKiDodum» de 
99 revelatiooem totius noArac prcdfiftc Gifmont»' 
99 ne ditioais9 ipfum Doftnim Cifmoncanum Cobt- 
99 ftlìum, e)ufqHe • • • • fuceeiTores, eorumque 
,9 fedeon » tribunal 9 & auditorium authdrhate of« 
99 fidi PrmftQi praiorio decorandum duxìmus*» 
99 decoramurquej & infignimus • . • • ; D€c§r^ 
99 nenus q«od fententiac per ipfum noftrum Cìf- 
99 montanum Coofìlium . • • • proferendo 9 dein- 
99 ceps9 feu etiam promulgando integre valeant 
99 • • • • executiotti demandari juxta formam2XX-^ 
99 thentics qua fuppUcatio , proutque > & quem- 
99 admodum exequi confueverunt renteDtiar9 quac 
99 per noftrum > Chamberiacique refidens Confi- 
99 liuffi profernntur • . • • Et quod ab ipfis per 
99 ipfum noftrum Ciftnoncanum Confilium • • • • 
99 proferendis fententiis appellali non debeat^ne- 
99 que poffit 9 fed ad nos 9 & fucceftbrcs noftros 

99 ducntaxat liceat fupplìcari Quo prò- 

99 mifta egimus , & conceftimus^ tam pratmiiTorum 
99 coniideratione 9 & intuitU9 quam pro9 & nae* 

(a) Vedi Unot^a^dicui quìfograpag.j* 



^ diantibos ^uiique millìbus florenìs pirti fow^ 
,9 deris ab etidem fidelibiu Pauiae nollrx CifìsOB^ 
,9 tue ftipplicaBubus habitìa » & feceptis, mani* 
^, bus dileÀi fidelis Confiliatii » & Theiaiiiam 
j> noftri Sabaudix Gencialis Humteni Patri , qui 
j, de eis oobis tencbìtur lecitine ccntputare^ 
„ promiccentes ideo . • • . hujuiìsodi noftras re- 
^, duAionis^ largitionis^ & coaceflioois litteias 
jj di^s fidelibus noltris Aipplicantibus» & (ux pofte« 
„ ritati iUatfas perpetuo obfervare^ ac in ullo unquam 
39 contrafacere^ vel yenire> nec a dida Civitate, ullo 
j> unquam tempore» iedeni> tribunal» & <iudìtorium 

j» amoyere » nec alio tranfducere , infti- 

13 tuere» aut transferie> aut ab eis authorìtatem» 
M ut prxmittitur , coUatam , & conceflam , in to- 
yt tOj vel in parte auferre» diminueieve , autat- 
39 teauare quovis modo • • • . • Mandantefque 
ipfi noftro Cirmontano Coniilio j & fuis pra> 
didis fucceiTorìbus , quatenus eorum fedem » 
tiibunal^ & auditorium in difta Civitate» & 
non alibi tenere debeant» & ibidem perpetuo 
33 permanere • • • • Taurini die ij maitii 1459* 
UìiììZìdtttoGeneraUStuJio{a)j a preferenza di 
Morualieri^&SLVZ aliai bene in rorino3anche per elTere 
quefta Città J4 antiquioribus totius Italia {h), come fi 
acceniu nello fteMo diploma Pontificio 1 1 kal. no- 
vembre 14053 di cui preiTo il Borelli, pzg. 5 54 3 e 
53 5» Di fatti 3 fecondo gli Storici^ noo è dub- 
bio , eh' ella fia più antica ancora di Milano (c)^ 

(a) Di cai f{wì (opra > pag. 6 ad S. 

(b) Vtdi il tomo fecondo t pag. 37 > e il tomo ter^o della pre* 

fente opcia, pag, 117. 

(c) Che fu fondata da Bellovefo Condottiere ^ e 

Dtuc de* Galli 3 il quale viveva circa t anno 
164 di Roma*. Moreri Dizionario ^ e VerrT» 
Storia di Milano , tom. 1 , pag^ 23 e }• In- 
tomo all' antichità di Torino vedi pure qu2 
infra la pag. 37 3 e vedi altresì il tomo ter{0 
della pre fente opera ^ pag. 117. 







*i^ Il •••'••■ ■ - . " J 

il di Roniéu Ne parlano Tito Livio {a) , Plinio ( j) » i 

Strahone (e) » e prima di eiH oe parlò Polibio (d) ià^ 
^uefti termini ,, Ùux Cbartagipenfium Annièal cum'-^ 
^» exerclcu pxoft&ixsTaurinos • • . primo in ami; - 
(a) Decada j Ut. 24 $. 59, tom.7^ pag. 547>«^'l»* 
Venetiis. 17 14. /^'T' ^x (iativis moverai An«< 
tubai 9 Taurinorùmquc unàm urhem^capuigen^ 
tis ijus . . . • vi ixpugnarat. Mori Tito Li- 
vio /* tf n/zo mcdefimo , in cui fappia/no ejferé 
morto Qyìd|o, e morì l'anno 11 di Gesù Cri: 
fio (^).U'nifcafih pag. 62^ col. i. delle anno- 
tazioni del Giroldi,d\ cui fi parlerà nella feguen* 
, te pagina ii, 

(pj Lib. i natùraL hifl. ^pi> 17 ^ pag. 58, edic ^i«- 
rclia AUobrpgum 1606: ibi: Ab alpium radi* 
cibus Aifgufla Taurinorum ^ antiqua Ligurum 
fiirpc Uoifcaofi /^. dette annotazìoDÌ pag. 6i. 
Nacque WìUìO' in Verona, è mori l* anno 76 
,ii Gesù Criftoé 

(c) Giograph. lib. 4 y pag. 141, edii. 1577» iHi 

in altera parte Montanorum , quab ad Italiani 
vcrgit, Taxfrim h2L\)\i2LXii ^ Lìgufìica gens [i) y tc 
alii ^Ligures (1) : Mori Stratone circa l'anno i$ 
di Gesù Crìfto. . 

(d) Lib 3, pag. 94j «i^'/.BafiIe2 i$j^9. yivevaPo* 

libio yerfo t an/io 190 avanti Gesù Criftdé 
Dizionario de Ladvòcat. Unifcanfi le detti 
annotazioni pag. dz col. z. 

(1) jLig«ri> Tempre cosi appellati , giufta Varroné y 
dalla cultura dei legumi i alla quale ftudio^ 
famente applicavanfi. Storia della Lomellina; 
e del Principato di Payisi, pag. 11 » e xx^ 
edizione di Lugano ij$6. 

(1) Vedi Ludovico Delta Chiefa ^ StoaiK del Pio- 
monte» pag. i5> e 16. 

(*) Così mi Dizionaiio del signor Abau Ladroatt 






tìdim » ibdètitenKiuò provocare tónti vir» bcft! 
i, CBD id panun Taurinos moveret » validiflìmam 
l coniai Civita tem adgreflus > trìduo ezpugnavit* 
Si pu2> calcolare^ cht qtafa Città di Torino 
fé fatét fondata molti ftcoli avanti la fondazione 
éH Roma 1 €t è^iandib altuH ficolo avanti la guerrpt 
Trojamu Cosi /itf/Te(auto> ifioria di Toxìno Ub. i^ 
fég. 1 j e tutu annotazioni (a)nbm. 14^ pag. 6^, 

Ed alla fecónda còìonnsi d€tla fieffa pag. 6 $ 

kggtfi pur come (egiie : Giufeppt Scaligero^ 

che ittpemc profcfiò le àrmly e le lettere ^ e mi» 

(a) Lafuddetta ifioria eom pila ta dal Cotxte ^ rCaipS- 

licre Gran Croce D. Emanuel Tefàuro fu prò* 

feguitUy ed itlufirata eon annotazioni da Gioanift 

Pietro Giioldi Protònotario Apofiolieo. 

Scrive il Denina (1) ^ che a' tempi di JLn^ 
gi Xlli «. e Luigi XIV ^ Emanuel Te f auro era 
qui il folo autore ^ che avefTe nome ^ e noà 

Eotea Deppur eiTer Dominato con molta lode> 
enchè iugegnofoì e dottiflimoi per eflerfi 
immoderacamente abbandonato al genio allora 
dominante delle figure ^ e delle argtizie. 

Però un autore non Piemontefe (z) ne & 
onorevol menzione j feri vendo, (j) ^ che lo 
ftìle lapidario^ che era perduto ^ infieùie co- 
gli antichi monumenti ^ e ftato rintracciato ^ 
e limeflb^ fui principio di quello fecolo^ dal 
Conte Emanuele Tefaìiro. Chambers^ Dizionario 
delU arti, e delle Jcien[e fotto la parola lapidario. 

(i) VoL 6 delle Rivoluzioni d' Italia , edizione 
di Torino in 12^ capo vi Dell'Italia mo- 
derna > page 6$. 

(1) Cioè E^raimo Chambers; 

Ò) /fel Visionario univerfaU delle arti^ edelM 
fci€hi€^ alla parola lapidane. 



It 

Utè nel FUmomc (a) » avendo ojfcrvato il genio 
de n90ri Cittadini populari ( primachi . la Cuti 
foffe eletta per fermo foggiorno della Corte , et ac 
crejciuta eùl concorjo di molte famiglie forefliere ^ 
numerate dal Piogene per occafon degli Officj Curiali, 
eSenatorj ) lo dipinge al vivo (^) con due foli ver^i 
Tetra ferax^ gens latta , hìlaiis ^ adiida cberéis^ 
Nil curans quicquid craftlna luna feiat {è). 
Rifui ta poi da due Omelie (e) di S. Mai&mo (^ 
de defeUione luna eflecfi da lui fgtidati i Tori* 
nefiy co Q^oà y- conforme dice il M^y rane fio (e)., 
cum. luna eclypfim paiTa elTet , fuis cla^jaoribus 
eidem fé fubvenìre crcdebant; anii lo Heffo ai- 
tare dopo «riportate le parole di San Maulino/o^^- 
giunge ex quibus vcrbis conftat non tauium de- 
feAum paiTam ciTe lunaai ^ fed &>: a Taurincnfius 
(di) Era Giufeppe Sc^lìgero^ nativo di Àgcn nella 
Francia y e mnrì a Lcyde nel i6o^j. 

(b) Pare , che non fia più tale in o^gi il genio > 

e t indole loro* 

(c) Che fono la ccntefìma» e ceatefìmapri'aìa por* 

tate ad cxtenfum nelle pag. 33^ ad^^*)dcW 
infracitata edi;{ione. 

(d) Che fu il fecondo Vefcovo Hi Torino circa V anno 
' J73. Nel 1764. ujcì di /toma una bclliffima edi-- 

{icme in foglio, col fegucnte titolo. SanSi Ma- 
ximi EpiJcapiTaurinenJis opera» jujfu Pii Sextl 
P. M. au3a , atque adnotationibus illufirata j 
& Viftorio Amedeo Sardinia Regi D. D. 

Anzi mfronu del libro vi ha il Breve Pontifi- 
cio a lui diretto in data si idusjulii(i) Ì784: 
ihii Pius Papa Sextus cariflimo in Chri(ìo 
iilio noftro PiUorio Amedeo Sardinia^ Regi 
ilUifiri falutem» oc Apoiloiicam benedidionem* 

^) Hélfi^lihrot Pedemomittm facnuni Angai^c TaarincPriuù, 17 s 4» 
pap6J.' Pedemontana i6gio CumGatlut Ci/alpina ^2Ìs ^(ki^ 
nonamplittfl* Q«am « qaadr ingeotis annt8> quod adxadlces 
alpiiim poUca fit» ejafoiodi nomea coafecnued. CosìVA^ 
Ecelefiot pa&> |o dell' ilioria > di cui qui fopza aUa pag, 4. 
(t) Cioè dicci di luglio. 

Nel Aio libto d€ morih. Taùr. : Unifcafi Ia Guida dt^forafiitrì 
f4r la R, Città di J^rmoi cdi£ioi.c 1753 > ps^g- i^9n 



(♦) 



eciam ululatain fuifie » prout tunc in mort ^nt 

€fui flurimos • 

Ma fia piire amica k Città dì Torina quamfo 
effer Rivoglia» non poQiamo a meDO d'i confeffiire» 
che niun monumeoto ci li paia inoansi di vefuftà 
ri^ardevole » in lìnea anche di leniplice architet* 
tuia Gottica (a), voglio dire con quefto , che non 
folo non vi fi vede cofa , che tenta l' età più re0O« 
taj ma niun avanzo neppure di mezzana antichità. 
£ febbene fi pretenda , che le carceri del 
Vicariato fieno il relto della più antica fabbrica 
di Tonno » nulla però vi fi icorge di veramente 
antico » aiicorchè le due torri , che fiancheggiano 
r edificio fuddetto fienfi> un tempo ^ chiamata 
dai volgo torrida Ovidio. 

Quefto errore forfè è proceduti) da che vi 
fa Ha i Re d' Italia {b) un WiJo (r): Farmi bensi 
pia plaufibUe V altra volgar tradizione » che nelle due 
toni fuddette poiTa eflervi ftato Pilato ^ s'egli è 
vero, che rimperadorCj/z^^o/^ lo abbia relegato in 
Vienna dì Francia (<i), che alcuni differo fua patrla(0. 
W Ojfcrva ottimamente \ì Verri (i), che fra^li 
errori voìgari debbono riporji i nomi ^iarcni- 
tettura Gottica ^ e di fcrittura Gottica , giac" 
ehi le cófe ^ ch^ portano queftinomi, vennero 
inventate più di feicem* anni dopo che terminò 
la dom'maiione de* Goti (2) , € ci vennero 
dalla Germania. 
(b) Nuova guida per la Città di Torino 1 1781 ^pag, 8 9. 
(e) O fia Guido, yedi il Tefauro , regno d* Italia^ 

pag. 16C ad 161. 
(e) Pojia ejfa Città di Vienna nel Delfinato. 
(e; Moreri folto la parola Filate ^ e folto T altra 

Vienneyédition de Baile 17 }i* 

(i) Storia di Milano» ro/7z i^ pag. 50»4Zij^ 4.ii. 

(1) Nel 551 mori Totila Re de* Goti y cui fu 

fucctffore Teja morto nel $ )} » e come dice il 

Tefauro (*) ^ ultima vampa del regno Goto. 

(^ R^g^o £ Italia^ pag. 43 . 



*4 

lioveiiib. 



4 

ièttemb. 



ottobre 



Patemi del Duca Carlo 1 deiii i j BQt 
veisbre 1483 » intitolate ConfirmatiQ 
imionis Univerfitatis > £* Studii cuoi 
Confili o Ducali » e di cui preATo il 
Bordili pag. 546 ad 548 [a). 

Della quale unione parlano anche 
le antecedenti lettere del Duca Lu- 
dovico 15 martii 1459, di cui nel 
Sorelli, pag. 544 ad 545. yediU p\x^ 
re qui fopra pag. 6 ad 9. 

ERASMUS Rothecodamu^^ tunc cathor 
licus> ordinis fanali Auguftini^ Mona^ 
Jierii (t) vulgo dióiiì iSteyen trajeólen- 
(is in Holandia» Taurini poft aflidua 
ftudia lauream fufgepit in fummisTheo- 
iogiae fdcultatìbus lìcentiofius erudi- 
tione ( ut judicarunt fummi religio- 
nis Antiftites ) poflmoJutn ufus. Pin^ 
gon Augufta Taurinorum^/'tf^. 66, e 6j* 

Sentenza tri la CittX di Torino « e 1* Uaiverfitì del 
Mondovì per la reintegrazione» e manutenzione 
dello Stadio. K^^i il tomo i^ Appendice^ futcIF, 
trticolo Mondavi Uniptrfitàt gag, 4} » e 44. 



ì 



(a) In dette lettere i^ novembre 148^ pag. 547 

abbiamo come fegue : >> Decernentes inj'uper ••.. 
39 non licere ipfum Contìdium etiam nobis , & 
,, Confilio noflro nobijcum refidenti in ìpfa Ci* 
y, vitate , vel in Patria Ci/montana exiftentc 
*a fuf pendere , removere , alibi tranfmutare, ipjk 
3j CónfiUo rejidenti unire ^fic quodfitunum tribù* 
j^f nal, oc nec quo^umque modo tpfum Confilium 
ab Unive filate Studii ibi ad dectis no (tri, & 
diUa Civitatis ordinata /epurare , ncque dif* 
membrare , fed pQtpetuó in eadem Civijtaia 
(Int , & itent unita ipjum Confiltum, & Urù* 
verfitas Carignani i^novembris 14^1» 

(b) Morutfierium, o iia Munfier: vtd'i il tomo III^ 
Appendice, parte quarta, pag. tfj. 



9f 






f"> 



QCLtA ROVERE Rieronimo». Jni^fiofé ^^ 

- dì Toria^t e Cancelliere i<^'t^ixi>«r/S<i(i0) \ 
de' Scobri » e Studio in efla Cittì. { 1 
LAUGOSCoGio.TommzCxiiConte'diStrof' l 
' pUma > Gian Cancelliere degtr Suri. I 
DAL- POZZO Calfiano» Primo frefidtati del/ 
Senato di qua dà' monti. r 

OSASCO Otuviano, Stcèndo PrtJU^nts dil Réformsiork 
detto Scnatq. V delli dcM 

flNGCIH Filibeito ^mrom di Cufy^ Refc-/^ Sndio ^ tft 
rcndarto' di Savoja. ' ( Univtrftà* 

CAPRA I4axc' A ^ 

Duia Emanuel 
DI MOLIN es 
NaCETtO Gìo.Ix^iccUo^ Vottort di Ug* 

gi * de'Coixligli^i della Citt^ di Torino. I 
BELLACQM^A Gì'q. Antonio, Dottore di J 

Ugfi, de'Coftfigli^ri della (addetta Cittì. 

yeàaìi meglio il tutto, nelle Patenti q\iì apprcflb xipoc* 

tate del mefe di aprile X5^x. 

yedi qui infra la Còftitazione ' di S^. 25 ottobre 1720 

per il nftabiliinento dzll' C/niverfiték degli Studj , ove fi parla 

anche àt}y AfeìvefuQvo di Torino^ come Cancelliere di effa^ 

Così pure vèdaJd il titolo VI delle aiue RXoltituzioniperU 

ftei& Univerfità 20 agollò i729,'pag.46, ove fi dice, che i gra^ 

di di licenza , e di laurea dovranno confccirfi dall' ArUve'- 

' fioro y o fuo Vicario in pien collegio di quella facoltà, nel« 

la quale vorrìk Io (Rudente edere graduato. Lo fleffo nelle 

altime Coftitùzioai 9 novembre 1771, tit. tf, pag. 12, e sj. 

E nei Regolamenti annedì ad amendue le Coiiitu:^ioni , 

cioè a pag. 76 , e 77 di qudli del 1729 » e a pag. 6^ » e 

é4 di quelli del 177 1 fi parla dell' intervento de\V Arcive" 

fioro , o del fuo Vicario alla collazione de* gradi. 

Egli è inoltre difpol^o dal cap. io § 22, pag. 56 di detti 
Regolamenti del lyjiy^ che Ìo ftudente prima di elporfi ali* 
eiàme pubblico pel gra4o <li licenza , e laurea fi porterà a 
caGi del signor Arcitefiovo ^ o Cvlo' Vicario 2^t fare la prò* 
feifiooc di fede. 

Ritengafi poi quanto fi dice al § i tit. 1, cap. x delle R. 
Coftitttzioni per 1' UniVerfiià, tanto del 1729 , che del 1771» 
cioè che il Magiftrato della fi^iforma , al qujle vogliamo: 
afidato il grave» e importante go/erno della nodra Uni- 
feifità, farà compofto del nofiro Gran Cancelliere^ di quat* 
no Riformatori^ che faranno 'anche Ccnfiglieri notUi , e 
del Cenfore t e avrà uu Ajfejfore ^ e an Segre. arto. 

£ perchè pienamente s' intenda il. pregio, e l* ai^torità 
angolare, che conferiamo (i) a un Magidr;ito sì riguarde- 
vole, voglianu), che il Gran Cancelliere Capo Ut cÙo deb- 
ba repatarfi, come vicegerento, e rapprefentantQ notlro , e 
che io ule qualità abbia nelle funzioni dell' Univeifità la 
pK^denxa (opra tutti. 
(>) R. C. dei X7Z9 pag. xa, e del 1771» /<>|< >» txt. i> cap. i*. 



t6 

1 5 7 1 EM ANy EL FILIBERTO ic 

aprile j» Avendo reftituìta , e riftorata la di« 
^ lettiffima Vniverftà de' Scolari ^ 
j^ e Studio nella Città noftra di Tori- 
ni no , al cui governo conviene ^ cho 
j9 vi fiano huooìini di prudenza, au- 
9, forìtà» erperienza, e buon confi- 
si g^'O per confervare la numeròfa gio- 
j, -vestii io tranquillità , e coocordia» 
^ e metter ordine , e modo alleLet* 
3j ture, LettQri , et alrelto concernen- 
,, te la detta Univerfità ; conofcen- 
,, do la virtù^ifperieoza , et defterità 
,, nei maneggi publici, et privati detti 
,, ben amati y e fediti Configlien nofiri 
,» li llluftriffiimi, et Reverendilfimo 
^ Sìgnot ffierónimo della Rovere^ Axà" 
„ vcfcovo di Torino (a), Cancelliere di 

(t) Il Duca dì 5a¥oja. Al magnifico Configltere* et Theforiere 
noftco Genecale M. Antonio Solaro pcefente « o altro» che 
lo folTe per V avvenire Sélute. Volendo » che V illuftriflirao 
aignox Cardinile Hicronimo della Rovere godi da noi U 
tendone ^ che habbiamo (labilità « et con le prefcnti (labi- 
lianio a Sua Signoria illuftiìffìma della fomma di feudi due 
mllla d' oro % ogni anno» da pagarti per le mani voftre. Per 
quell' ifteflb vi ordniamo « et mandiamo» che dobbiate pa- 

f;are al fuddetto signor Cardinale della Rovere t ovvero a* 
noi legitimi agenti » la predetta fomma di feudi due milia 
d'oroy ogni anno, pagibili per qiurtieri .... In Torino 
li 15 di febrajo isfts. 

Carlo EmanueL 
La Camera Ducale. A tutti ila manifeilo • t,he fopra Ut 
fupplìca prefentataci per parte dell' Uluftriffimo» e Revereo* 

diilìmo signor Cardinale Hieronimo della Rovere 

Veduta per noi la fupplica prefentataci » il predetto ordine ' 
di mano di Sua Altera firmato % e in debita forma figillatot 
e fottofcriito > dato ia Torino li 1 5 fehhrajo projfimo p affato^ 
le conclufioni ...... hahbiamo interinato » et interiniamo 

U predate lettere di fiahilimeruo della già detta penfioMe .... 

Vat' in Torino li 17 mar^o i>tS. 
Per la detta Cameta 

lAsbianca* 



'7 
à\3niver(ità » et dell! signori Gio. Tomimafo 

^ofcs Coate di ScToppìàoa Gran Caocdliere 
t aokfcci Stali » Cacano DalPo^^o Primo 
ideate del Senato nollro di qua da'Moati» 
iviano OJaJco Secondo Prefidence di detto 
ato y Filiberto Pingoa Barone di Cufy Re* 
indaio noftio di Savoja» ejt li Magnifici 
re Antonio Capr^ Protomedico noùxo^Aloi* 
il Molines Signore di Rochefort » M.r Già* 
Mcefco Ifucettó ^ e Gio. Antonio BcUacombd 
tiori di leggi > e de' Configlieri deila detta 
tà di Torino, di noitra certa fcienza, e pro- 
naoro , W aveoio eletti ^ creati , et depu- 
ra e ^vtfT tenor JeUeprcfemi, li eUggiamo, crca^ 
9 t doputamo Reformatori dtlli deti Studio^ 
Um9€rjt,tAy con tutte le preeminenze ^ pre- 
gjUivej dignità» grado» ftato^ et autorità ^ 
le a tal grado» et officio pertengono» dan- 
»Ii tutta quella autorità» che è neceflaria» e 
e (i contiene neir inllrutione » quale gii ab- 
imo data a parte ; colendo » che tutto ciò » 
le per loro » o la maggior parte di e(& farà 
ibiLto « ordinato > conformato » o reformato > 
il concernente detti Studio » et l/niverfitd, con- 
rme alla prima inftruz one» abbia la mede'» 
na forza » et valore » et fortiica ilmedefìmo 
Petto » come (e per Noi fteffi foffe ordinato» 
abilito, e riformato » comandando a tutti li 
Ldgiilrati » Senati» Camera de'CoQti» Gene- 
le d 'He Finanze noitre • • • » Rettore » Let« 
Iti , Scolari . • • • ^ et ad ogni altra perfooa 
A Corpo , e dipendenza di detta Univerfità » 
lid abbino da ubbidirli > et inviolabilmente 
Servare i loro ordini » come li noftri propr) » 
Tom. IL B 



^ {otto la. pnft. di dncanto finuii per » 0{ 
^ cU apptìórii ai Elico ooftro, ogni vola cfae J 
^ cooicswciiaoiio 9 et aàtxa all' aibitxio ooftio à 
^ iisrvaca» potcbe tal è la meB» iKiiha» JOmu k 
^ Tanmm }k . ^ ^ . a^nJc 1571 (m^. 
EméMBii FdUm-ia. 

V. Siroppiana. FsirL 

tfli COACiO GIACOMO. Qui appmnm 
cicca (fjm ùa opportuno di nocace^che a^eaipi i 

J^méOUuLFdiberta oionopci li 50 agoAo 

ij^loyta Pror&iTore dì giuriipnuieiiia 

BeirUmvci(itàdiToxÌB0 il c£Ì£àr9.(U\ 

yuM di Toloia in r.ingnadocia mora 

iodi a Boarges il 4 ottobce \%^z,J^tik\ 

Fatica legale pac x, conu , pag» 195 

ìb fine» e vedi aache dJlarmiz ibi; 

€j^ ajaac esfei gné qoeLfiie tsai 4 

Toolouié^&u appdié daul* UaivofilJ 

deCahcrs» puis dans r^^^ de Botf- 

ges, «ifuicc à ValcBce en Dau^il' 

oé y à TirÀi , Se exrrore à Bourgcii 

A0xi r^ f^iutrwU de dar» lefiisi iiucrptehiMis^^ Stt4 4i(i( 






l0Mitteiis Yhil»eni WfcMdiy Ducis asarc , e xmèSIx 
I» froBse del fraam coso dtUe éi lai •pcxcftaapaie in Hàfd 
ael 175K tr9>9ism^ ftr'uto^ cht ciun TAlemdx docnet , 5 > «—■!*■ 
C«lM««»taM> ivc GranaoopoiìEuù bsbczc, «qve oftcio ffl 
|uiA«s «fi 9 ?»*i tuam iBgxnuic Tarùi ci a f nneìfc éeUta. 



««# 



l>cl Cmisiim ne farla fvse U C«ut Owpmi acl fio cio^if 
B# ék tmémmtl fìlsh^nm^ pane feconda, fm^. s#. 



1574 11 prefato Duca Emamul FiUttno eoa 

X4 cede agli ìa^EaTcricti Confluì ^ejtj 

agofto. formauni dilla Utmerfità fuddUtUL 1 



t 



a) Cosi picciijflieiite negli Aicki^i di Cene. 

11 Coiicio fa qaì froteiTore pfobabitmcme mtomo al if9 
fercke lo eia cifca io 9uc^ tempo del Pmmùrmii^ o qad 
Tenne a T^rium appanto nel is?'* ^^ U tìo di ciò Po 
effff/i in ffoote delle fae opete» e redi ti libxo iniitolil 
FrhUegU Ttartoentos VnìTerfitatis , Am^^ Tmmm, 1^ 
fégs IO) 9 e loé. ^ 

(^ M«ff tlU in Torino £1 14 fittimkrt is74> ed cu Vxaaodi 
f iti iglia di Fféiuiftù Frim0 » Ae di Fnam» 



Ad li pnrowodefe it medefiou de* Rettori,^ 

Lmoò, li ^uali Rif0rniaton fuao 

GIO. ANrONlO BELL\OOMBA liù, 
GIO ANrOiNflO BOCHO- 

"j^^ Stasata Feméfandit Sscrlfue CólUgli JatiCc^aCaU^* 
ram Atguftm Tstirintrum: A vegffon^ llampati it^ 
Torim» V «aao roddecto : e qiie^f è Ip pia aAti« 
ca cdixioas f cke iìa pervenuta a mie mzn\,V§dÌ 
la Gai di per la Cittì ^* T^riii», edizione dU 
^tr^Jfiàti 17I1, pag. lao. 

79 GUERRA Annibale. AT^^/Z^ Patenti di 
Senatore a favore ài AnniiétU Guerra 
date da Torìno il pruno di luglio 
A$79i ^ firnate Emanuel FiUherto^ fi 
enuncia ^ che era egli Confervator 
Generale della Univerfità in Torino re - 
fidente. Le (oddette Patenti fono re- 
giftrate ne'regiftci del Senato diPie^ 
monte (e). 

Sf GUERILLO Aleffdndro Confirvator Gè- 

a rurale dello Studiose l/niverfitd di Torino. 

unb. CARLO EMANUELE 

Per Iddio grazia Ouca di Savoja ec 



J9 



„ Volendo noi, quanto fia poflibi- 
le, accrefcere » et favorire li privi- 
leg] della Unìverfità, ec provvede- 
re alli inconvenienti ^ che alla gior- 
nata occorrono, oiaflime de' tumulti 
dntomio Bellacomba, celeberrimo Dottor diUg^ 
gi di Torino , e Senator nella Patria , fcrilJe 
addizioni alle comuni opinioni dei /dottori, 
ftampate in detta Città ^i 154.^, ^i aggiunte 
illi Commentar) di Giafone^ftampati pur ivi del 
ij^a.Cosi nei Scrittori Piemonte^ QC.,pag.i}. 

loù aeglt Archivi di Corte. 

giftx» 2»iatetinaxiont.Nel libro degli anzi detti ftatuti del isji 
leggo a pag. )S eomefiguti D. Annibil Guerra Bccchiat» 
|met au. ^ MM<««aZ«rÌ9t ì^^m K^aosUnitcìilutia Taai. 






•9 



91 



9> 
9> 



per le eottcoreose de' Lettori ', acciò fi Sca^ 
lari con comiDodità > e quiete attendino alU 
^ ftud) , reftando fempre la cognitione dellf 
caufe civili $ et criminali al Confervatore dell' 
Uoiverfità • • • •> fenza che il Capuano di 
^ giuftiiia, €t altri affiliali nofiri n fi intra* 
metano contra la forma de' privilegf , et 
perciò fii neceflario ^ che V ufficio di Ca^ 
fervatore fii collocato in perfona ^ che di 
^j concÌDuo facla refidenza in quella C\vìk^ tq- 
3» dendo , che per la maggior parte del tempo 
^ il Confervatore M^rAnmMGuirra dalnoftap So- 
jj reniflimo Padre > indi da Noi deputato» ^ ab- 
jf fente , per il che fiamo aftretti contra il voler so* 
ftro commettere al C^U'irtfiio di Gmfii^ia alti ru^ 
morì, e tumulti dc*fcoiari meti lamano^ per queflo 
j> donche » et molti altri degni rìfpetti » et caule 
3> ranicro noftro mouentì > ci è parib di mutare 
^^ il fuddetto Confervatore , et informati de' pri- 
31 vilegi , et conceffiooi della Cuti di Torino in* 
9, torno la nomtnatione del Conlervatore » ncn 
3» volendo noi ad effi derrogare » ricordevoli » et 
A» informati d':lla nominatione altre volte a efla 
9, Città fatta fotto li diece otto di dicembre deli' 
jj anno 1,78 (tf>, fra quali vi è il magnifico » et 
jj molto diletto Consigliere, et Senatore noftro 
>, M.r Alejfandro GueriUo , ci è parfi) di elleger» 
3j conftituir^ et deputar» ficome per le prefenti, 
jt di noftra certa fciensa» et fuprema aucorità^ 
», elleggiamo , conftituiamo > et deputiamo il fud- 
3, detto M.r Alejfandro GueriUo Confervatore Gif^ 
jl nerale dello Studio, et Univerfità noftra xtCìden' 
»> te in quefta Città di Turino per dover cogno- 
j» fcere» giudicar per prima initanza in tuttp le 
(a) Così precifamgme 1^ regifiri del Senato. 



ir 

9b tHb ovili j et crìmiuli de' Lettori j et Scolai 
H ti • • • * j et per provvedere alti ciunulti » et 
t» nuBOii» che per le conconeoze, o alcrimeiite 
m eoa poca dignità de* Lettori occorono , dandoli 
à» ogài gidrifditione , autorità , poflanza » dritti ^ 
» et emolumeiiti ^ che al Rettor dello Studio 
9» ^iettino j si dalla ngioù comune ^ come anche 
^ in viltà delli privilegi concefli ad eflo Studio^ 
j» et Uaiverfità dalli anteceflbri noftri j et ciò , 
u mentie non vi (ara- Rettore , et quando vi fia ^> 
i^ vodiamo > che il predetto Confirvatore &i , et- 
M rem ^ffifforé fu& , et co£i habbia a continuare 
t» all' avenire » 6nito T ufficio di rettorato ^ con 
^9 tutta 1^ autorità > honoranze > dignità ^ preémi- 
^ nenie » prerogative, commodità, immunità ^ 
^ emolumenti , ftipendj , dritti , et carrighi , che 
»t a tal grado » si in virtù de' privilegio che di 
>> detto Studio» et Univerfità altrimenti fpettano» 
^, et (bgliono havere altri fimili Conftrvatori Gc" 
^ nerali • • • • Pertanto mandiamo » ecomandia« 
», mo a tutd • • • • , che leprefenti lettere no- 
A» ftre oflervino, et faci; 
«» tà, et in offervanza accettino, ricognofchino » 
^ ìfiimino , et reputino il detto Senator Gutriìlo 
», per Conj€rv€iùrt Gitutélt di detto Studio » et 
», Univerutà , con farlo golder degli honori , pri* 
M ▼ilog» autorità, dritti, et emolumenti fuddet* 
», tij et in quello concernente il fuo ufficio ub« 
», bìdiicano alli ordini foi per quanto (limano la 
», grazia noftra, che tal è noftra mente. Dau 
^^in Torimo li vintidue di decembre mille cin- 
», quecento ottantatre. Cosi negli Archiv] iti Se^ 
mnio di Pi€monu, Regtftro ìnterinazioni, catte- 
gorìa prima» nuou | dal IJ84 al 15S7, foL 14 
recso^ r icg* 



X^ TjaiDD 




T^5 








lofi b CwvA l.filr,r«r«r pffwa,^«^ ^él^ 

^) Pi^ fi^/^ Cario Olccìo JMS « ^ rimpdiomà 
M fregar U Pstsmi , Mnccr€kè £ mUiétièù i 
CéMura i cofiti Jidi TtforUri i tSmVnhttfk 
tà p cems fi héinno pan qucUì éeujtecéiéemU 
Studio, ti Umrerfià del MoadevicO (i)* 
ihé v$ fondò Eouuiuel FUibetto gli otto dà 
$$mbf$ • > 6o. 

Lì) C*^^ i quamto dire della Cittì del Mondoir! 
fia del Mofiteregale. Ditta qàsk t/kherf 
li, § Studio fi farla anclu nel BoreUi » féH 



LBf€n^ GurUU figtio del fuddetr^ AUfandro (a)^ 
dà caqil ibpra alla data 1585 22 dicembre 

9éì» GUERILLO Lorento , Conferrator Gè' 

^ V. ^ - ''^'^ ^^ Umverfità, e come meglio 
mbf^ <Uk: infirafiuritte Patenti. 

CARXO EMANUEL, 
j» L' Univerfità de' Stu Jj madre dell» 
^ fcienxe divine » ebamane> feggiò 
\ ^9 di tutte le arti » e profeflioni )1^ 

. M berali ci è Tempre ftata molto a 
j^ caore > e protezione fingolari, co« 
j9 me uno de' primi oraamenti dei 
^^ Stad noftrì , e mafSme della pre« 
^ fente Città noftra di Torino ^ oro 
JJ da mcAti centinaja d'anni è ftata 
j, da' Sereni(fiiDÌ noftrì Anteceflbri 
JJ fondata j mantenuta > aggrandita j o 

1) /)# unéi ^uìtan^ain data delti X giugno itfli (1) 
appari/ce, che TAleflandro Gueiìlio non era pia 
in vita nel giorno anzidetto dilli i giugno i6izi 
Era egli flato nominato Senatore del Senato di 
PU/honte da Emanuel Filiberto con Patenti 
date da Torino gli undici luglio 1578. Ir di 
nel 1607 alliiy novembre etnanò ordine di 
Carlo Emamuele alla Camera d^ Conti di ri^ 
ceverlo j come fu ricevuto j nella qualità di 
Senatore Camerlengo (i)« . 

t) Jrefu Cam. , Reg/ Declaratòrie per erediti 
1609 in 11, f* 157. 

i) ArckiT) Camerali j ngijlro Seflioni. 



«55$ 



ì 



Ui| 



VAUDO JeiB« Suuitmt u premìtr JUg^t 
en rUoiverfiié de Turin. Guiclutum^ 

OLERIO Carlo (^), Cm^tv^ìw Gétu^ 

raU dilt UnivtrfU , come daireoiim- 
elativa dello qui infra riportato Pa-> 
tenti de*j febbrajo i6ao a favore di 



fy) Per àttr9 mei catalogo ic* Scrineri ^lemoatefi» 
Savo)aidi»Nizzardi,ri{'{/ois«diTorino 1 799^ag. 
fu non leggo fomighante titolo^ m£ johmnto co- 
me fegue: Giranni yaudo di CercenafcoJe* 
naton deW Altt^^a di Savojm mi Senato di 
Torino 2 primo Lettore dellm fera neW l/ni<* 
verjiìi di f nella Città ^ il quale fu in Roma 
mandato col Prendente Ludovico Moro[\o a 
difputare la cauja del Marchtjato di SalLzzo 
manti la Santità di N S. Clemente ottavo : 
fcriffe un libro df varie queftiofii in ragion 
civile > che fi fiampò in . Tonno del 15^9. Uni- 
icafi h Corona KcsAe, parte prima, /^«/^ 2^1, 

lésmnts Véudut a Cerfenafco mtrìio p^rtcatnm dit€ndu$% 

J[iii cofpoiit tBipitodine pnlchnun snimiiBi % ac ia legali 
cieiltia eieeJkbtiir. tr|eiiM Cù$k ael libre iatitolai» pei» 
vilègii alms Taarinenhi Vnheifitati» . • . àMp^Jtm Tmri» 
nprum i47f»rag. 107. 

(b) Di^ quifto Carlo Olerio non mi è riufciio mai 
di trovar le Patenti , ancorché fi aitiamo in 
Camera i conti dilli Teforitri a efja Unherfi* 
tà , come fi hanno pure quelli éelf Accademia^ 
Sttidio , et Umrerfità del Mondevicò (i)*, 
ehe VI fond^ Emanuel Filiberto gli otto de* 
eemhre ' s 60. 

(1) Che è quanto dire della Cittì del Mondovl» 

, o fia del Monteregale. Villa qàale VntPerfi* 

tà^ e Studio fi parla anche nel Borelli , pag. 



*«^ fcptm 







iBi dita 15S1 u dkcnhm 







GUERILLO 
MirsU J€rUi 
dille M > fi^ * * w g 

CARIO EMANUEL. 
m L^Uahreifiui de* Sta J} oiidce deU# 
j9 fciense dUtne» ehoauiie» fillio 
M di tutte le ani » e piofeffioai li* 
j, bendi d è (empie ftiti aiolto a 
M caoie » e piotexione fingohM, co- 
j9 me uno de' primi oraimeati dei 
^ Stari noftrì , e maffime della pre* 
^ feote Città noftra di Torino ^ oro 
jj da mcdti centinaia d*inni è Aita 
j, da' Sereni (fimi noftrì Anteceflbri 
yj fondata » mantenuta » aggrandita ^ o 



(a) 2>a imtf ^taniaindata (Ulti 1 giugno 16 ix {i) 
appari/ce^ che l'Aleffandro Guetìllo non ita pia 
in vita rul giorno anzidetto dilli i giugno idi; 
Ers égli fiato nominato Senatore del Senato dà 
Pie/honte da Emanuel Filiberto eon Patenti 
Jau da Torino gli undici luglio 1578. Indi 
nel 1 607 alU 2 } novembre emanò ordine di 
Carlo Emamuele alla Camera d/ Conti di ri' 
ceverlo ^ come fu ricevuto j nella qualità di 
Seiutore Camerlengo (i)« • 

(t) Arcfu Cam., ^^g- Declaratorie per erediti 
1609 m xij f* 157. 

(i) ArckiT) Camerali» ngifiro Seflioni* 




t 



té 

,1 denti per priiht cognicioBet fotiù jféMUmì* 
^g lità di tatti gli atti ^ decreti , giudicati j quali 
^ un dal piefeate per aUora It dicbiariatno in 
j5 calò contrario di siun . valore ^ ed effetto ^ i^^ 
^ tendo y che fiauo iuviolabilnDente cflervatì» o 
^ fìELtti ciletvare tutti i pnvileggì 3 firnui^ià , e 
^ prerogative , tanto dalla ragion comune ^ che 
j, da' Serenifliflii noftri Antecefibrìi e da Noi 
j9 conceiTe, o crnfitn^ate* £« €Ogni{ictu di fumi 
jf vogUamoy thè fa Jf tffo' Confervatort delt Uni» 
^ yerfià^ sii che eziandio, che avanti ^li alui 
j, Magiftrati foflero cooteftate le lìti ^ 10 quafi 
^ eiE Lettori , Scolari j ed Ufficiali /f^m ù at^ 
99 tori, o ni, tutte debbano effere rimeffe al 
94 detto Confcrvatore loro Giudice cotnpetentej 
j9 dandogli ogni autorità , t giuri/dizione ntaffi^m 
,g por conofcerej giudicare ^ e definire foinflia^ 
^ riamente , e fenaa formalità di proceffo tutto 
j, dette caufe, ed altre dependenti j 4 ciò com 
,9 tutti gli onori , privileg] > preemineoze , prero- 
j, gatiue j comodità 3 dignità j autorità , dritti , 
jt utili , e carichi , regaglie > emoluirentì , ftipea- 
jf dio, ed altri trattenimenti foliti a quefto ca^ 
99 rico , come aveva , e godeva il fopradetto fm 
»> Confervatore OUrio , ed altri fuoi antecrffori im 
9^ detto Officio j ed hanno , e ' godono i Rettori g 
%$ Conieivatoii in qualunque altra Univetfità ben 
M governata» dalla ragion comune, o per privi- 
»> legg] concefli , si che, prefente il Rettore delf 
^ Vniverfità, fia fuo Acceffore (4), e Giudice 
^ ordinario perpetuo, con li medefimi dritti , 
j, onori , emolumenti , compromozione , ed altre 

1* prt- 
(a) Acejfore, Tedi il tomo primo, fag. 1 4 j # # i j k 



<7 

tt fumptiTe » ed, abfèfit é il Rettorej dell' iftefb 

n faccia r Ufficio. Mandiamo pertanto a tutti i 
9 iMori 5 Scolari » e ferTieati ad t£Gi Unircifità, 
u MIO Legifti s che Artidi j e di qualunque al« 
» tia profeSioDe> d' ubbidire agli ordini d' effo 
» Comfec^atore , coise ai ooftri propr) ^ yo//r /wiiS 
di cesto luafcbi d'argento al fiico uofiro ap- 
I» ^icattdi » ed altra a Noi arbitraria , ed inoltre 
n a tvm i Magiftraii, Miniftii^ ed U£Sciali no- 
M ftrij e ad ogni altro» come farà fpediente^ 
„ A' onorare , ftimare , e riputare detto Guerillo 
B per C^nférvat^e Senatòr Ducale , e Giudi ee or^ 
19 Hmmìo £ efa Univerftà y facendo goder snde« 
9 lanente degli onori , dritti , privilegg) , ftjpen- 
» dio j ed altre cofe predette, per quanto ognuno 
lina cara la grazia noflra , perchè cosi d pie- 
^ KMm DéU. ìm Torino U f di fettrojo i6io» 
ۥ EmnnueL 

iCio CARLO EMANUEL 

la Per grazia di Dio Ducn di Sarcja ee» 

,, Desiderando Noi» che quefta noftra 
j» Univerfità ritorni nell'edere» e 
3, ftato» che ù trovava avanti che 
9» dalle pafiate guerre» e accidenti 
», occorh da molti anni in quàfial- 
»» terafle . • • • Mandiamo perciò a 
»» tutti li Magiflrati » Miniflri * • • j 
»» e paiticolaroiente alli Riformatori 
»» del detto Studio • • * • Torino U 
yt li novcnnbre i^io* 
C, EmanueL 
In Torino appreiTo Luigi Fizzanaig^'o» Stass^ 
tor Ducale, i6io (ii). 
(a) Efifte negli Archi vj di Camera. 



1(^7 GERMONIÒ Afiaftafio iU'MarcieJiiii 
Ceva^ Dottore di Uggì, leffe, molto , 
tempO) in ragion canonica ùell' Udì« , 
irerutà ir' Torino» Così negli Scckton 
Piemontefi pag* 6. 

Di cofitd , fono il noma di Ger« , 
OQOfiio Atanafio (a), Arcivefcòvo di \ 
TaraDtafia ^ e dotto giureconfulto « 
OQorto li 4 agofto 1617, paria il 
Dizionario ftorico dell' Abate Lad' 
votai g citando anche il fuo irai» \ 
tato de jurìfdiftione ecclefiaftica inf^ 

In quefti Archivj Senaiorj fé ne |ia 
3 di lui teftamencoj in cuij fra k 
altre cofe» leggefi come fcgue. 

^ L'anno del Signore 16x5 « etfi 
j» .19 d'pttobre in Torino , nella ca- 
j^ mera delle conferenze dell' Ecod* 
^9 lentilfimo Senato j et in colpetto 
^ d'eflb è comparfo 1' Uluftri&no, 
^ et Reverendifiimo Mon^ Anafiafio 
^ Germonio Arcivefcòvo di Taranta* 
^g (ia, qual ha prefeotato 1' indiift 
gg fcrittura ferrata j e figillata» come 
j^ ù vede a e di fua mano» come ha 
99 detto » fcrittdj e fottofcritta ^ afier- 
g, mando quella contenere la difpofi- 
,, zione di (uà ultima volontà. 
VivàUo P. 

Rotandone. 
91 Noi Anaflafio Germonio per la 
,j Dio grazia » e della S. Sede Apo- 

M ftolica 
ÌU £ non Anafiafio* 



1» 

^ ttSkÈJÌr€htJÌ0V0, % Conti idET TéBrmufU > (apoiH 
M doogiiìco& mtaeffer fixtopofta alla iiione...j 
I» cppeiò effendo coi deftinaco dal Sereniffimo 
j9 s^aor Duca Carlo Emanuele^ Duca di Savqa» 
« Mncipe di Pìemontcì noftro legicimo Signore ^ 
1, e PiKlioiie per Amtafciatort appreffo la Maefià 
t» del Jl« CmuoIìco abbiamo penfato ^ e rifoluco 

j» E Tfsleiido > che auefto fia il noftro teda- 
^ mento j e dopo la noftra morte babbi il fuo 
^ dovoto eflEettOj perciò ' faimlichiamo il Sereni^ 
^ fimo «gnor f ordinale di M?oja noftro Signor » 
^ e Padr^ie ^ che refti (ervito di yoleme eflere 
^ efecmore ; com^ anco li signori Conte di Verrua^ 
^ e Prefidente Vivaldo ^ e prò tempofe il primo 
^ VnfdoHto <fi queito Eccellentiffimo Senato ^ o 
jp di li dm* Monti il signor Antonio Faho, primo 
^ Pkefideue del Supremo j$enato di Savoja. 

„ E di pia ordiniamo» che i dnoi volumi 
^ a l^ofle 9 che d^ ordine della fimta memoria di 
,, CUmento Vili habbiamo fatto » e ibno appreflb 
,t del fiiddetto Gioaani Antonio (a) i^ Roma (ìe- 
;, no legati bene > con le fue coperte, e dati, e 
„ confignati al Bibliotechario Apofiolico pio tem- 
^, pore j acciò fieno ad perptiuam rei memoriam 
„ confervati nella Biblioteca yaticana , con farli 
„ la fua infcrizione di quefta maniera. 

f> Glojpg ad £sptimum librum Decretalium 
n )am concìnnatum , non tamen revìfi^ , Se pu- 
„ blicatum de mandato ùn&x memorix Clemea^ 
», xù Vili a^ Anafiafio Germonio tunc Archidia- 

,, cono 
(fO Faglio naturaU del fu signor Rodomonte nofiro 

fratello. 



• 



^ eoa-y Tauri^oqfi » 8c uttìurqM Stgutiirs Saa 
tf dkt<fiiii O N* pApae Referead^rìo» mot Ar« 
t, ciiiOpirc9pQ » Sq Coaiicc Taraacafieiifi elucabrà* 
tf tCj & cWcripue 



F^tto» fcrittOt e foftqfcriua di aoitramano 
propria ( e fari^ » conie da iemjj^ ia qua è ftato 
lacrodotto , dato , o coafigaaco in Senato ) qua 
in Torino , ia cafa del fuddetto stgaor Rdferan- 
dariQ Qtrmorùp tioftro Qipou, ec etede, foprala 
Dora groffa, verfo ia piasza del Gattello , quete 
4Ì ai di otti^re i6%i. 

^ Aaaft. Germoato {a) Arcivefcovo» 
e Coftte di Tarantafia* 

(a) Fu igU amhafciadore di Carlo Emanuele pri- 
mo in Ifpagna ^ dove mori , cioè in Ma* 
drid. (i)\ Scrittori Fumonteji ec. pag. ^. 
l/nifcafi la pag. J ^ ove fi ha il di lui elo* 
gio y che principia in quijio modo: Aaaftafiuf 
Gcrmonius ex Jo. Baptifta » ic Catbarlaa et 

Cevas Mirchtonibus, Sdlìs ortus 

// di lui fratello Rodomonte Germanio di Salle^ 
terra dil Afa'ckefato di Ce fa fu mèdico, e 
poetJ , fcrijfe molti verfi iacioi io lode di di- 
▼erlt pe f naggi 9 che fi flamparono in Tori- 
ao. Cosi ne' Scrittori Piemontefi, pag. loi. 

{%) la quelli ultimi anni^ yale a dire nel i-jtS 
vi mori anche Amhafciadore del noftro So* 
"vrano il signor Cavaliere £\ra(io Moffo di 
Molano , già Cotto Governatore del Principe di 
Piemonte, ora Carlo EmanueUViiQÌxQzakefak 
te regnante* 




Ì9 

y CACHEUANO Filibeito, Confenaton 

GentraU dcif (fniverfitÀ , fi coUMpaff 

CARLO EMANUEL. 
M L'Uoiverficii degli Scud) da' noftiri 
,» Serenifliaii PiedecciTori aodcimeii* 
M te eretta, ora^menio, e fpleiidoird 
j^ della piefeoie Citù di Torino , 
^ di tutti li Stati noftrii e fecoo^ 
^, madre di Soggetti ia ogni d\(q\^ 
^, plina, et icienza addottiioati :Iiq9 
,, può coofervare il Aio ^ome, ^ 
,, non ha l'adifteozi di chiconofcat 
^^ et invig li fovra le diÀ^renxe , cb# 
t> nafcono^ non iblo tra i L^^ttori , et 
,, li Scolari ^ ma tra i Mìniftri^ • 
gì' Officiali a quella fertrienti a $• 
ne di fedare i rumori ^ afllftere 
cofn^ Ordinario Compromotton a 
2% tutti i douoramenti » e procurar 
^s l'oflervanza de' privilegi » che da 
^> detti Serenìifimi le fono ftati cour 
ceduti. E ptrchi pir la morte del 
fu Senatore Lorenzo Gueriglio ri« 
mane qutfio carico vacante^ ci fìa« 
mo dìfpofti di conferirlo nel ma* 
gnifico Configlicr Sena ore , et Av- 



•a 



11 
t> 
#> 

^ vacato Generale il Con'e Ft-ltherto 
,, Cacherano {a)y unodc'noinina:i;w//4 

•1 

9» 



rcfa , che la detta Città ce ne hapre 
fintata i e co-i teftificargli la me- 
moria, che conferviamo della fer- 
vita di venti e più anni da lui 

,, rcfa 

dì le pag« i6t , s^9i e 6i6 del tomo fritif ddUj^o* 
ote «pesa. 



«k- 



V^ fi: 



3» 

refa a quefta Cotona ne' Supremi aoftri Mi« 
giftrati del Senato g ec Camem de' Conti di 
Piemonte > la quale tuttavia con inaerà noAia 
foddis fazione - egli ya continuando» e dargli 
iofiome caparra di riconofcer con grado mag- 
giore il molto fuo merito» ne cornlponderpiù 
adequatamente al Aio. non ordinario valore » et 
fingular prudenza. Per U prtftnU dtmqui, di 
Doitra certa icienza» piena poflanza» et auto- 
rità aflbluta» et col parere del noftro Con(e- 
glio » hdbkUmo eletto » ereato , et confiituitp » 
si come con quefte d' autorità propria» et af- 
foluta, eleggiamo » ereetmo , concimiamo » e défu* 
ttamo Confervatore generale cieli* Uaiverfità d^ 
Studj di tu'te le fcienze, arti» et profelfioni 
liberali della prefente Città di Torino» eom 
grado dì Conigliere» et S^^narore Ducale il 
predetto Conte y et Avvocato noftro Filiberto Ca* 
cherano^ al quale concediamo la prima cogni* 
,3 zione» et giurifiìzione ordinaria in tutte le ^ 
3, caufe civili» et criminafì in tutt'il Stato no- 
Aro fra' («etrori ^ Scolari^ Utfioiali» et fervienti 
alla detta Uaiverfità» hano attori» o rei» ini^ 
tendo al Senato » Capitano generale , et Àflef- 
fori di giuftizia, et a qualunque altri Ufficia- 
li » Miniftrì » et Delegati noftri d' intrometterfi 
in modo alcuno» et fotto qualunque pretefto 
in effe caufe» et dependenti yoit^ pena deU«. 
nullità di tutti gli atti» decreti» et giudicati» 
f^olendoy che fiano inviolabilmen^ ofiervati» et 
fatti offervare tutti li privilegi , immunità» pre- 
rogative» tanto dalla ragione comune» che da 
noi » et da' nollri Sereniflimi Anteceflbri con- 
cefli» et confirmate*, et quefto non oftante 

M qua- 



»9 

M 
• • 

99 
39 
99 
Jf 
9i 

99 

» 
9? 
99 



9% 

3» 
9* 
9% 

91 
99 
9% 
99 



[juiUb^ ufo » flile » et eoafuotudiAt In con* 
txano , a' quali^ d' autocità afloluu^ deroghiamo^ 
podiè vogliamo j che tutte le caufe deXetto- 
n^ e Sjolarij civili » et criminali, attive; e 
^▼a in frima infian^a fi faccino avanti detto 
[lÒDièrvaiore j et ciò con tutti gli onori 9 pree* 
niacnse, prerogative, commoditi'^ dignità, 
iiitoritìj dìrHti, utili, emolumenti, Aipendj, 
:t altri trattenimenti foliti,a auefto carico ap« 
)arteDeiiti ^ tt eom$ hétvcvf. , et godeva il pre* 
ietto fu Lorenro Gnerielio antec^ore , hanno , 
u goldoDO li Kettorì , et Confervatori in qua- 
lunque alaa Univerfità ben governata, etfono 
I quelli dalla ragion comune, o per privilegi 
DonceflL Mandiamo pertanto, et comandiamo 
t tutti li Lettori , Scolaci , e forvienti ad efla 
Uttverfità, canto Legifti, che Artidi, et di 
qualunque altra profelfione, di obbedire agli 
oidini d'eiTo Confervatore , come alli noftri 
propri »y^tro pena di cento feudi d*oco al fi- 
fco noftxo applicanda , et altra a Noi arbitra- 
ria, et innoltre a tutti li Magiftrati, Mioidri, 
Ufficiali noftrì, et ad ogn'altrd^ come farà fpe* 
diente, di honorare, filmare, e reputare i7 d^i/a 
Cécherano p^t Configliere , Senatore Ducale^ Con^ 
fervoiore, e Giudice ordinario d* ejja l/nivirfità, 

facendolo ^oder intieramente degli onori,drit' 
n , privileg) , Aipendio » et altre cofe predette 
(enz' alcuna difficoltà, ne contraddizione per 
quanto ciafcuno ftima cara la grazia noftra Che 
cosi vogliamo. Dot» in Torino li i8 giugno 

1659 W- ^ , ^ 

Carìo Emanuel* 

Arckm Cam. 

Tom. Il C 



1* 

ié6j CACHERANO DomenicOj ConfimudiF 

30 Generale diti* UnivirStà degli Studj^ 

WftAc e come megUo deMe infrejcfitie Pài 

tenti. 



^^ Ayeftdoci il Conte , e Prefidente nelli 
«» Camera ooftra de* Conti FUiterto 
M Cseherano htto (àpere» hccomo 



iettando lui provvifto deltÓffieio 
^9 di Cànfirvatore dctC Univerptà deffi 
9» StMd]^ dlefidèrofo di provveder di 
^ qualche impiego li fuoi figlinoti» 
M avrebbe volentieri rinunciato tale 
^ Qflicio 9 mentre ci compiàceffimo 
j» quello conftm nella per fona di Do* 
^ menieo fuo figUuoln , e di tale cdl« 
^ Iasione fuppUcatone , ed eflendod 
^ Noi» acoouderazionedellafualuM- 
I» ga» e a Noi grata forvitù • • • » 
^ contentati di compiacergli» con- 
»» conendo in *quefto y come appare 
j^ per ordinamento del Configiio Ge« 
^ nerale tenuto fotto T ultimo dide« 
»» cemfare i«4» il confenfo della 
j» Città noftra di Torino^ quale» me* 
^ dianu la rofa tà tre^ ne ha laiio« 
»» mina^ione per eontratto figaiio ttf 
»» Sereniffimi nofiri Predecej/ori fotte 
»» li 4 ottobre i^yS» informati ap* 
»» pieno della fu£5cienaa» ed aUliri 
»» di detto Domenieo fuo figliuolo^ per 
»» le prefenti • • • • deputiamo Con* 
-»» fervatore Gerurak delt Unherftàdo» 
»» gli Studi di ernie le feienie, arti. 




^ € frófifiùni Dtersli iitU fnfmu Città it J^é 
^ rino» e per Com^motore Ordinario a tucd 
j0 gli addoctorameoti » con grsdò di Coaàgliere l 
I» e Senatore Ducale^ il prtittto Vkffallo » €Ì 4^m 
^j ifùcéuo DaminUo Céuheranop al i^uale concédU* 
^ mo ìat piena cognizione » e ^nnfHIaione ordi* 
it» Msia (ti nitte le caufe civili j e criminali in 
^ tutto lo Stato noftro fra' Lettori , Scolari ^ Of- 
t» ficìadi » e ferrìenri aUa detta Uaiverfità , fiano 
i» attori 9 o rei» initcndo al^ Senato » Capitano 

99 Generale» ed Aflefforì digiuftixìa • 

9» f mtromttterfi in modo alcuno • • . • in effe 
99 canfe» e dependenti . . . . .^ t ciò con tutti 
9» f li onùfi » ftipend) » ed altri trattenimenti foli« 
99 ti • • • • j # come avevano^ é goUcvano li fuol 

9, antcceffori 

Tcrìno 30 aprile 166 ^^ Corto Emonucl (a). 

1^74 Neil' Editto di Cario Emanuel II delli % 

z ottobre 1674 » tràttandòfi delT Umvcr^ 

Mfeobre» fità di Torino, fi pflery a» che era?i pure 

allora un Capo della Riforma ^ e che 
vi eran pure ifuoi Riformatori. Tdì^ 
editto fi trova ftampato negUArchivj 
Camerali. 



{/) pdfuddetto Conti DominUo Cacherano^nf/Ii 
fitalità di donfervatore» còme fdftai fi sparla 

' . ,mcl Memoriate # capi dilli ifttpvemhe 16749 
di €Mi gfifo il Boxdìifpag. ff4, è j$s^ 







ii 

fiUtf»0» 



f ■ 



Re^é Fatanti di Madama fi4aiifoi^ 
taoci Ja preftrrizioiio di nuove regole 
cu» io ftàbiiimcmto délT Um¥€tjiià 
di Tvnno » nelle ^uali fi fa appuatd 
. mcoaùdno del ùffkot Grsn Càfueltìerfl 
cpme .Cjf della Riforma '^a)» Boitili^ 
PK* 5 SS» ^5^^* e con quefte Pa* 
tenti u termina ivi il tiiolo 15 dellp 
Studio^ o fia l/nivirfiià de Studinù 
di Torino^ dì cui a pag. 554. " 
Al che fuccede il titoh }é 
lielli ScuoUri dtìU ScuoU de* Padr\ 
dilla Compagnia di Gìiià, pag. $6^ 

td j<|. 

Al t^uinto di quefta.Oniverfità pTil^ 

fodx^e ^flbno cavatfi d« un lihio 

flampato in Torino preflb il Zappata 

nel itfSo» ed intitolato aomcjpfgiui 

' Statata antiqua^ ^ nova venerandi ^ £i« 

: cnque CoUegii Jujriiconfultoruoi Ait% 

gu/lm 



(a) jt pfóp^o iUt Cancelliere SUf Univerfià^n- 
^ di pure fai fcprs alla data / oitotn J1405 » 



jNJvfe 



^:a 



«« 



fk^ Tdurinontm (tf), ima com declaiitioblbui» oc ^ 
firmatiooibus » additioiubuij & {^riviiegiìs» aliiC- 
quo id UniTerficatam Taurioefifem fpediuitibui» 
E (orvono tncho al meddimo oggetto- gli 
altri libri indicati dalla pojg. 119 alia pag. 1 a t 
della fiii#vtf Guida. ^^ la Città iti Tarmo» odi- 
aiom del i7Si. 



(1) fif/Sir OBa^lut fùfi Au^afti tógHùm^à ^ffMium • « « t AjM 
Ciwitatem itutr eéurds AttgulhB tiralo infiniyU^ qué immé 
9» Xil Uiumtritii CiritatUmt Cotti Allobiogmiì (i) ile* 
gis » RomAmommqutt & Augujtl ruem fstU 4imicì » Unm erat 9 

itfnAtf Chrifti XLVl Clamédus Imoerdiwr £ lulio Cmfété 
fkaftm, M. Imtìum Cottium^ Coati fiiiim% iUgim faUuarii^ 
vaiifnum^ttePrintipatnwi^ auitn nd Alftipù nominUt & pif 
Taurinos fùjfldehatf aJaiuttt. Ping< Au^, Téutrin,', pdg. $• 

ti) AlMroge*9 uttìttìÈ pemf\e$ de la Gante Nar^onòilc » ficVieil* 
jBoìTe habitoient U DàupkìiU & U Sm^ùfé entte Ut Alpei 
Gtccqneifìc LacLeman« le Rhòne» ^Fiferei miit deputi 
\ìs s* ctcndirent plus loin : l?t Grcct Ict nommotent ÀIU» 

t hrtfu. L'opinion U plat commane eft« qoe c^ font lésSé* 
9ùj€rdSt ceux de Daufhimé% & Us PUmantoii(^) ...Lei pria* 
cipales vllles dei AUobrogcs font Chambery « Genève 9 Gre« 
M>ble« S.Jean de Maorteone» H<Hit\én^ Vienne. Comì tul 
Mcreri^ diicton d« Baale 17 si* iil vttb't ÀlUhro^a. 

{*) Tenfo « che la menEione % che vi ^ fa de' PUmontt/l 
podà eflèie nn mero errore « ed ofovo in fitti » die t* a le 
principali Città degli Allohfogi ivi indicate, <)iiella di f^ 
rìfio non vi il trova tfompteu « e iielPedisioile del Moreta 
di AmfienUmf & U Hayt i69t vi leggiamo precifaments 
al punto» di cai fi tratta» nulla pia di qaauto (égue: Al* 
• hhogit ancieVispeoplet de 4t -Cwdi' Trmifitlpiiti * ott |^ottC 
le prendte plns dans le patticaUe r * de la tfigréónnotfg 9 
COiBprrnoient Ì€ DamphiniU U^iuv^fé w« . » mali 4ef«|i 
•ih ^*cfenditem davantage dlns ia FtovlAcedM B amà ìn t^»'* 



. • ^ i * K 



é 



t t 



t49$. DENTIS Coote Glufippt BonavifinlrM^^ 

ConftrvMton Generale di dati Sm^ r^ 

come rifulta dal corno remlofa aUiìi '-. 

Regia Camera de' Coiti dalProcp»' 

toie CoUegiato Gallo per gli nùsà^ 

jéyj in i7oi» nella qualità di T§*^\ 

foriere degli Stud) ^ ed Uxavufiti > 

delia prefente Città. ;• 

In un libro ftampatofi m Toijm 

preflb Gio. Batiifta Fonuna^ e ino* 

tolato Aiditamentum ad Statuta, é 

Determtnationes venerandi» (kcriqiii: 

Collegi! Jurifconfultorum AuguJlmM^ • 

iropolts Taurinorum fi legge » al^i 

data I7c8 15 judii » pag, 5 » €•- 

me infra X Comes )ofeph Bonavontim 

Dentis dX€ix Alnut Univerfitatis Co»» 

fenrator {a). 

j(4i) Sotto li 14 tfp^à 1700 compare TinTeflatifli 

del feudo di Bollendo ad eflo Conte Giupfft 

Bonaveiuura Dentisti) Conigliere » eSenatoii 

ordinario fedente nel Senato di Piemome. 

£ fotto li 50 giugno 17^1 abbiamo Ti»» 
?eftitura di detto Feudo al Conte Frmmeefo§ 
Ignazio Dentis, 'ìU cui fi enunciano le tefti^ 
nioniali di atteftazione delli 6 fettembre i7)i» 
comprovanti la mone del prenominato Conti 
Giufeppe Bonaventura fuo padre (a). 

1^) niiU« fttmpe di Toeìbo afcì Del 1709 vn Ubro indwliii 
—m§j€§ux Oompeadio iftoiico étW wigin* ile'Maickel 
ìa IndU^ e Mtzchcii di 8a]iizso» m» lof pM$mUpàt 
nocolto iàl CMTsliifgt « Cùmm i m dm ofé della Sacri Beli» 
^onc de'Sami MinriBib» € Liasato D. Cm^U 4— iw^ 

a|i) Tn cife 6imf$wfé Éùmnfmnrd D$mtUt e 11 lililiiMiMi 
4ilP VaiYctitaicgttftot coibc infia» nel 1720 » non mi vm* 
m htto ài tiQTare Vena tltro Comfcmtùr G$Mind$9 tMi* 
«•che dilk coit U^rìfeiiMmi gio?a ciederc, dw Paa» 

Bidctt» I>«M«f Mt «filate MU SSI «a t ita Inipnie eìf 
S7«t» 



$9 

nj AOUIRRE ^ Francefco» Regio Avyocmto 

i& /ifc0U dell* Uaiveiiità di Torino. 

§gOm M Aveado Noi imeozione di re- 

M ftittijf e 1^ Unrverfità di Torino nel 
.^ (ìio antico fplendore ^ abbiamo fti*^ 
j» mato ftaUliifi gì' inpieghi necef- 
if iàrì per mantenerla in quel florido 
M ftato» in cui fperiamo climettecUu 
j, tra^qualiificcome è eflenziale quel* 
j» lo Jt Ayyocéto fi/col Regio ^ non 
^ folo affine d' invigilare all' oilef* 
^ vanta delle Coftituzioni^ e Statua* 
jj tij acciò lo Stato » eci il Pubblico 
^ ne . fperimentino i vanuggi , che 
^ Ci fiamo propofti, ma anche ad 
^ effetto 9 che non s'accordi laLau- 
j9 lea 9 fé noe a quelli , che vera- 
,, mente (è ne laranno refi mente* 
j9 voli> abbiamo perciò eletto pe^^ 
riempiere tal pofto r Avvocato fU 
fcal Regio del Noftro Supremo 
99 Coofiglio di Sicilia Franeefco Aguir^ 
^ re, della di cui capacità, vigilan- 
j, zai applicazione 9 e zelo fiamo pie- 
^ oamente informati ; che pertanto 
j9 con le prefenti di noftra manofir^ 
^ mau^ certa fciettzaj piena podlan- 
g9 Zi 9 ed autorità Regia 9 avuto il 
9j parere del noftro Con figlio 9 ab- 
^9 biamo tletto 9 collìtuito 9 e depu- 
,9 tato 9 eleggiamo 9 co ^Uniamo 9 a 
^ deputiamo il fuddetto Avvocato fi- 
99 fcal Regio del Supremo Configlio 
,M di Sicilia Franeefco Aguirre per 

j9 R^io 






^ Regio Aw9ێi0 ffcdU di detta tUverlttk' 'il 
^, Torino {a) con tutti gli onoii» procinineiise» 
^ immunità» efeszioni» utili» dritti ^ ed , litro 
il prerogative a- detta carica fpettanM» e colto fii^ 
^ pendìo di lire due mila cinqnecanio novanta* 
,» Quatao d' orgemo da fs* io cadiuia » quali man- 
^, diamo ai TeToriere noftro Fontana , e fuoi fuc- 
I» ceiTori di pagargli > ogni anso > feoza alcuni 
9» drfficolrà riparot amento a qtiartieri matuntiida 
^ comiflciare dalla data delie prefentij e cond« 
», nuare in avvenire » durame il noftro héneplaei^ 
u to^ è U fiid fervila , che , tnediante copia an-» 
»» tentica delle prefenti » e la quitaoza di detto 
j, Ay\ocato fifcai Regio AgtUrre al primo ptgM 
i, mento ^ o ne' feguenti le foie lue ricevute» vo« 
y, glìamo » che tutto quello gli farà fiato pagato 
»^ in tal conformità » ha entrato » jb fatto buono 
j» al predetto Teforiere ne' fuoi conti dalla Ca* 
^ mera Doftra d'elfi, alla quale mandiamo idi 
j» cosi efeguire» ed interinare le prefenti fcoia 
»» alcuna difiiccltà, nh reflrzirne» mandando ol* 
»» tresì alli Cancelliere, Vice Oncelliere» Con» 
j» fervatrri , Rettore , R7crnratori , Sindaci , Pro» 
^ feflbri , Uffiz'ali , e Studenti della detta Regia 
9, Uìùverfuà» ed a chiunque altro fia fpedicnte 

{a} Succejjlivamente nella R. C. per il rìflaUlimento 
deli' Vniverfità de* Studj delli 1$ otto f re 1710 
preferi fé la Mae flÀ Sua (1), che vi fojfe t Uf* 
Ji^io i^ Avvocato fifcale» e Cenfore di detto 
t/niverfità. 

|k) Pag. 5 3 e j^ di detta R. C. ^ che vedefi ftam* 
pata nello fieffo a^o 1720 preffo il Yaictta» 
II» Torino* 



à 



4* 
£ nooMfeen Hfiddeito Avvocato fifcde Re- 

, ^ jigmirre per jtvvocMo fifcal Regio JtUg 

^ éttm E/kirtrfii » t di farlo » e lafctarlo godere 

9 di mm ^i onori ^ preemi&enze , prerogative > 

p «ili 9 anni 9 privil^g] ^ ed altre cofe fimdett^ 

, me r&r /r«|^' i/ ia^uw giursmemo , tale -cflea^ 

do la noftrm mente* Dat. in Torino li la ni8g« 

Nella miovat Guida per la Città di Turine 
MDpm dal Derojfi nel 178 r (tf) leggo allapag. 
ft4 ^ Avvocato fifcale « e Ceofore 1' Av?o«! 
tto» pc^ Conte Francefco DeAguirrc. 

Dalle carte efiftenti nella Segretaria delT 
Mrierfità altro non c<Aifta del signor Aguìrre^ 
a non fé # ch'egli era Cenfore, ed Avvocato fi» 
Uc della medehma ^ fessa che fi leggano ivi le 
WS Patenti di Règio Avvocato fifcàU dell' Unì» 

Quelle poi di Cenfon^ per quanta diUgensa 
iafi da ne u&ta 1 non fi fono rinvenute. 

I7ib Cojtitu[ìone di S Modelli 1; ottobre 1720 
a5 per lo rìftabilimento ielV t/ni^effiià 

rttobre» degli Studj generali^ oiaodata regi* 
ftrarfi ne'regiftrì de' rifpettivi Senati, 
e Camera {b). 
Si) Già fui 17 Si eràm ufeita un altra da* torchi 
della Stamperia Reale» Opera di Gafpare Cra^ 
Yeri. 
^) Già avvertimmo qui fofra , che quejla Coflitu^ 
^iotte di S, M. fu ftà^pata di quello fleffo 
anno 17x0 preyc il Yaletta in Torino» 



4^ 

In qoefb C(^tnxioiie detti if octòhtft tyia 

S«M.>aireremp'0 di quamo fu (amneme ordiiuta 
da'fuoi Predeceflbri» &db\ììììuConf€ryaiùfiJidetis 
t/mverfità (a)^ il qiudo (otto Capo Jc RiJormaM^^ 
chd farebbero dalla medefiina Maeftà Sua eletti^ 
è ftabili pure (t) « che n foffe V Uflizio fJÌYra^ 
tato fifcaU, € Cenfore delF Uniytrfità^ al oualè 
tDcacicò di fare avanti il Confervatoro » Coouglip* 
della Kiforma» ed ovunque (aiebbe di bifogno^ le 
opportune inftanze« 

E fotco li 9 del fucceffivo novembre ufci 
«m Manifefto del Magiftrato di dtua l/niperfit4 

(a) £ appunto fuefis carica di G)nfervalOfe fi i 

data al PenJUbenejiZ^o indi pia ampiamente 
rimunerato coUé injraefpnjft Patena: 

^ Il compiadmento » die ptoviaoio leni» 
y» pre maggiore i a^tf appreso di noi ts 
t^ ptrfona di D^ Nicolò Peofàbene noftiò 
«^ Mmritro di StSLto^accrefccnda 'vieppiù ut noi 
^ la ptopenfione^ con età lo rimiriamo , d 
j» muove ancora a dargli nuovi fcgni* delU 
noftra munificenza ••••••« /quindi è ^ 

che in vitti! delle prefenti ahUamocomfi^ 
rito, come conferiamo i/ liio/p di Matchefe 
al predetto D. Nicolò Pen(abette noftro 
MinìKio di Stato » ed atti fuoi figliuoU 
,^ mafchj legittimi, e naturali, e diUgittimm 
,t matrimonio najcituri, pe^ ordine de primo- 
», genitura come (opra , con facoltà dt ufarB 
»j le armi marchionali , e con tutti gli on9^. 
,, ri . . . Torino li i$ mar{p X729* 

y. Amedeo. 

(b) Pag. 4. 






41 

Miooti ¥ apemn della medefima , da hìG , 
jppmuo fi è fatu li 17 dello fteflbmefeCii)» 



1710 JZ iUbfi/Frifi» dell' Uiu?erfità dc([li Scvk 

4 generali j Confervatore ^ Rifono»* 

core» Avvocato fifcal Regio j eCeap 

foie della ftefla Univerfità» in Tori» 

* no iedente. 

9t Avendo S. S. R. M. » a comune 

^ benefizio^ riftabilito in Torino Tan* 

»j fico Studio generale delle Scienze» 

,9 e buone arti» e quello prouvedu* 

M to d'infigni Profeflbri • • • • » e 

^ nulla più mancando» fé non dar 

^» opera air incominciamento de'nuo- 

^ vi Scud); notifica pertanto» Io fteflb 

9j Mafi[iftraco» e Configlio dell' Uni« 

^ verutà a tutti i fudditi di dette 

»9 Sua Maeftà» ed a tutti gli altri 

i|) Immnm nd ijfa Univerfità di Torino» prr quan» 

io riJUu$ i tunpi anteriori, fi veda U Borelli 

fsr. 3» Hi. 4, iii. J5, pag. 534 ad 5^0» 

# vedi furi U medipmo titolo 35 alla pagm 

548» ^e/^ a» <^vr j£ accenna il privilegio 

concèduto da Emanuel Filiberto gU otto di 

dcccmhe ijéo alla Città ir/ Monteregale di 

antere lo Studio» o fia Unìverfità in tutte U 

fcicn{c: unifcafi il tomo 3» Appendice» p^ru 

quarta» MjT. 45, r 44. 

Nd Jucciffivo titolo )6 preffò il Borelli» 
fog. ^61 ad 5^3 atbiamo anche due Regola^ 
menti per lifcuolari de' Padri della Compagnia 
di Giesà. ec 



,9 Siraoìen ài qualunque Domifiio « ch«* 4* i^^/tf^t 
99j€tt€ del corrtnu mefi di nwemhi s'aprirà (o» 
j9 leooemente detto Studio nel luogo a tal effetto 
»» deftiiiato» in cui. cadauno de'i^eciori-bcaìduii* 
^ cicrà le lezioni nioprie della fua fttccfltà> n 
^ quegli eferciz)> che ripnteià più neceflaiì« ed nò- 
^ li , .affinchè la ftudtoia gioTentò confeguirca il 
9j pieno conofcimento deue fcienre^'e buone 
»» arti , che ivi sT inregnaranno , con i privilegi > 
^ prerogative , regole » ftabilimenti d* uffiz) » ed 
9» altre cofe efprefle nella Coftintzione fatta dalla 
^ M. S fotto li 25. ottobre ora fcaduto per lo 
^9 riftrbiliaiento dell' Univerfità » che ha pofio 
o con tutti i fuoi ftofedcri > e Studenti fotto la 
^» fpeziale » ed immediata fua -Real protezione. 
K Tmno lì 9 novembre 1710» 

;: Per detto lUuftrifs. , ed Eccelleatils. 
> Magi ft rato (a) 

T. A (♦) Daèffi. 

1710 PENSASENE Prefidente Nicolò, Ce/i- 
if ferraion dell' Univecfità come infn^ 

«ovemb* ,» Quanto ci fta a cuore t Uniytf^ 

9» fità degli Siudj , che a comun be- 
^» neficio abbiamo riftabilita nettd 
j> nofira Metropoli » dtrettanto ci 
»t preme di deputare per efla un 

{a) Quefio Manifefló fi ^ede fiampatò nello fiej/ó 
anno lytQ in Torino^ fnffoil^ùenK. 

(*) Cioè Tomafo AleJJio , conre f irf m/m , alla 
data 1710 Aj novembre^ tirttcolo Derofli. 



'^nfinéiore diconoftiuta uUegcitàjO dòttmui>A 
li ijpefiifiemato 26k> por il fortìs^o noftro^ • 
pobfaCcOj il qualf oe A>fteAga le ngiooi» % 
iiaog9tivc« Ila Giuciica ddle cauie concer? 
jaoti le perfidile j ^ bmi ddla medefioia, e^ 
iempifca quell» ^itro. parti» che ia viftàdelU 
oftra Confiiiuzione delli 15 ottobre ora fcoifo» 
ì aloimenti appa^wgpno a cale Ufficio » e (à« 
«odo Noi» che tutte le qualità necei&rie ad 
ifeicitarlo epa. decoro » e loddis&zione noftca 
loacorroBO nella periboa dei Pnfdinu Reggwn» 
u (a) Nicolò Ptnfukifu per TerperieDa» dw 
ibbiaooo del di lui zelo» prudenca» e capacità 
Dell' :eiÌ9fdeio^ d^gl) iipportanti impieghi cb Moi 
cammeffigli * Ci tomo ji€tgrmiasti di dargli un 
MOVO atM(bto*del particolac giradi mento , eoa 
ad lo rimiiiaino » eleggendolo Confirvaiore di 
datg Univ$rftài che peto» in virtù dellppre* 
feoti» di noftra mano firmate» certa fcienza» 
lotaiità Regia» e col parere del Configlio, 
tUggiamo ^ cùfiituiamo^ e depuiiamp il fud detto 
Prendente Reggente Penlàbene Confcrvaiore di 
é€tu l/nivtrfifà^ con tutti gli onQri» privilegi» 
autorità» utili» dritti» prerogative al predetto 
Uffizio artiibtùte in detta Coftituzione» e /fit« 
loUrmtnu d'effer (/ìia&< nelle caufe di detta 
Univecfità» e Cafù d^' Kifbrmatori della mede- 
fima » e gauralmtnu qualunque altra cofa a tal 
carico appartenente» mandando alli noftri Ma-» 
glftrati » Miniftri » ed Uffiziali » e panicolarmen- 
te a quelli di detta Univerfità» e chiunque 
) Cioè Rgggenu del Supremo Configlso di Si^ 
dlin f elidente appretto- di S. M. Vidi, pure 



4.8 
^ e di fiwlq, lù-htófjiq gD4er# dèh- c^ib >f«* 

^ dette» f0is ^ik{ prfj^i 4 doyuco ^{ìiinmeBto, 

^ che ulec.fio^a ineace^ péusitac;, Ftimié li 

« I7^a FEBLjE^RO di Lnyritiio Abtt^Fmicefco 

15 MgrU» Jti^iiitfi^ (#>. . 

Iioveml). 

I. I ■•»■■. 

17 10 DEÒbOSSI rAhatiLTomioiib AleiEo , Na« 
15 ^VìiBnOf Riformatori fovrMnumerarioi 

nùww\}. fu ii)(ÌQi0e Segretario 9 ed ArchÌYiftsu 

FféU la Guida per laCiftà-diJoriiiòt 
édiiiom del 1771 > pag. 1 1x^01x41 
e vedi ^ iitAa» articolo Segrecaq. 

1711 PENSASENE D. Nicolò» Pn/Uetue, o 
x6 Reggente^ Confcrvatòre ^ e Capo del 

mnzOf Magi ft rato della Riforma degli Siw 

dj generali della Città di Toriàom 
Cosi leggefi in fironte del Manifefto 
o (la Regolamento delli 16 marzo 
1711 (t) ^ da oflervarfi dalli signori 
Studenti » e Scuolari dell' Uèiverfità 
degli Stud) generali della Città di Te* 
tino (e). 

• (a) E Regio Ècinomp^ Vedi la nuova Guida per la 

Citta d^ Tonno ^ 17S1 > pag. iti. 
(b) f^edilo Rampato nelt ifiejs' anno 1711 preffo U 

Valetta^ in Torino* 
(e) Del che » d' ordine efpreffo , a comandamento 

di S. M. % ne fu ordinala lapromulga{ÌQnc nel 

f^^iùfefifi mwfima. 



\ 



4f. 
7X1 additerai, o /ftf no Aggiunte fatte li i9ot« 

19 tobrc ifi* (tf)aile R.gic Cofiiruzioni 

toboL dell'Uai veifità d :gli Studj gdQcrali delli 

X5 ottobre deli' Aimo ^r€trÌMf« i72«« 

1711 COARDI ^< Qc^^/o CoDte^ e Cavalie« 

re« Riformatort [b,. 
[711 CAUDA Gio. FraDCe(c:o, Conu di Cft» 

1715 Nelle generali Coftituz'oni delli Tenti 

xo febbraio 171^ dalia pag. zor alb pag. 

jbb^O. 2 I (ì ha il t'itolo XXII diirUnivtr-^ 

fità degli Studj ^ che poi fi oiinDife 
nelle fucccffive generali CoiUtuzioni 
dpi 17^*9 1 *77lf 



i) E fsmpau in Torino nello ftijfò anno 17 it 
preffo il Valetta. 

') Abbiamo di lui la tradu[ion€ in Francefe del 

Panefirico di Plinio a Traiano dedicata nel 

1714 a S» A. A. il Pnncip di Piemonte (1)^ 

mentre er^ egli appunto Riformatore come 

/opra» 

) E pampa tafi in foglio nella prefente Città pref- 
fo il Maireffe* 

Tem. IL D 



5® 

17^4 FROVANA a Colkgiù (a)^o fia Ccl^ 

Ugno {h) » Come . Giufeppe Gioanni j 
Riformatore* 



Ordine^ ofia Editto dì S. S R. M. con^ 
cernente l' Uoiverfiià de' Siud) {e). 



t7i4 

i7 
giugno. 

17^8 PENSASENE PrefiUnu Nicolò^ ilf im/ro 

diceuib. 19 Sono cosi ferme le prove dat' ci 

,f dal l^n fidente D. Nicolò P^nfateru 
,9 PalermiUfiO » non meno d' un zelo 
9, del pari fervorofo j • fedele in 
9» ogni occafione di noli ro fer?izio^ 
«, che d' una fingolare prudenza , ed 

(a) Cesi ne* regifiri dell' Unìverfità: lefftfi anche 

Colltgium nel Pingone» AugufiaT^^unnorum, 
all'anno 1157» fag. 40^ e così io ftejfo Aur 
eore » Aibor gcDtili(ia,pjg. 35 , e J6 > artico^ 
lo PhilippuSi Thoma tértii Principis Pedemou" 
tium filius : ibi : Coilcgìum municfium ( vuU 
go colla ) 3 • • • • tf quo hodierni Collcgii 6V" 
mite* prodierunt. 

(b) Chiamato anticamente Quinto (^) per ejfere cinque 

migla difcofio da Torino. Cosi la Corona 
Reale , par. 1 > pag. 1 41 > e co* i le Notizie 
coro^ranche ec, lom. 3 , pag 113. Riten* 
gafi » che il nii^/io è dì ellcnficne o.agfiiore, 
minore feeoodo 1 tempi, ed i path. E di- 
fatti . confìderato il migl.o fecondo la niifura 
pre tener , ColUgno (^ trova diicofto da Torino» 
ojeoo ailai di cinque miglia. 
(e) Stampato effe ordine di S. A. R. M, nello fieffo 
anno 1714 m Torino preffo il Valeua. 

(*} In ordio ColUgmo vedi tacile il tom» fcr{«» ftfpcadicCi 



5< 

ite tccoiiipi^iiata<la un'intiera probità ncir 

imeftto delie diverfe gravi incucnbwn^.^cbo 
biaiBo coaimefle » tanto nel r^gno, di Si^ 
che dopo d' averlo cbumato app:eflb di 
io quefti noftri Staci , e fpecialaicntc pri- 
1 carico di Reggente del Supiemo Con- 
di detto Regno » e poi in ijucilo di Con^ 
ire della nofirm Vniveìfti yat » che ben co- 
ido Noi trovaifi unite neUa fua perfooa 
le qualità, che puonno fax ci deuderare 
occorrenze il Aio coniglio ^ abbiamo de« 
o di coftitoirlo in grado di poterne far 
ror aio , con onorarlo della dignità^ quan* 
rrance » altrettanto cofp cua di noftro Mi^ 

di Stato » perfuaii , che come da Noi è 
imeneo collocata in lui quefta parte della 

confidenza , cosi firà anche da ciTo de* 
ente ibflenu:a» Quindi è, che per le pre« 
. . j . • eleitgiamo» ftabiliamo» e coiti- 
o il /addetto Pnfidentc Rtggente D.Hxcolò 
kene per noflro Minifiro di j'^ro^ con tutti 
Kiorì 3 privilegi 9 autorità » preminenze , e 
gacive» de' quali godono gli altri noftri 
bri di Stato » con ciò che pretti nelle ma« 
»ftre il dovuto giuramento. Mandiamo per^- 

a tutti li noftri Miniftri di Stato, Ma^« 
, Uffiziali » si di giuftlzia j che di guerra j 

chiunque altro apparterrà» dì liconofcere, 
re 9 e riputare il Cuddetto l^refidente Rc-g- 
\ D. Nicolò Penfabene per noftro Mmiftro 
ato come ibvra coftituito, con farlo » e 
irlo godere degli onori » privilegi » premi- 
er ed altre colè fuddette. Che tale è noftra 
Iti. Dat. alla Vinaria li ^i dicembre nx%. 

Vittorio ' Amedeo, 
i qui fofra le pag. 44, e 45. 



X- - -^ -. 



tyiS DI COIXEGNO CoBto fi); < 

diccinb* // JU di SéfJigna » di Cifro ^ 

€ di GtrufùUmmé. 

^ Conte di Ccllegno. Mentre €Ì 
^ rfcrvv mp di fuiblu0re quanto fri* 
^1 ma le nuove regole » che li devo- 
,^ DO ftabilire per codella DoftraUnU 
^ vetfità per a^pggior decoro di efla^. 
^ e benefizio di tutto lo Stato (b)^ 
fj yo^hatféO frattanto j che non fidif- 
^3 fcuùa Disgg'oro^ente V apettun 
,, dello Studio 2 che dovrà principiare 
9j il terzo giorno dell'anno venturo» 
»^ € che voi vi inttrvtniatt per far le 
^> veci del Magifirato della Riforma ^ 
,j e Filippo ni ver far quelle di Segre* 
torio 3 e co.'i riceviate ilgiuraoien- 
to de' Profeflbri , e fi offerii in ta« 
le occafione » e fino a nuovo or- 
dine lo fléffoy che li è praticato 
fin orai ricetto poi all'efercizio 
della giurifdizlone j che fpetca al 



99 

M 
99 
99 



(a) Ctoi Giufeppe Gioanni Provana ^ Confignore 

di Biiffolino. 

(b) Quifie nuove regole, o fia Cofiì turioni di S M. fer 

(Vnneifi.àAxTox no fono in data delliioagoflo 
I7^V 9 ^ furono di quello fieffo anno fiammate 
ntlC Actadimia Reale» prejo il Chaiy. 

A le quali Regie Cofiitu[ioni fuceedetUro li 
altri dilli 9 novembre 1771, ftampatefi pm 
mi 177X mila Stamferia Reale, 



ietto lligifttato t tftdUìnò » ctis bon accaierà 
in qiKftv> bre?e iatervalto di cempo cofa^ che 
efiga quadche provveiimen o^ ed oc^cotreodo^ 
ce oe inforinerete. Taoto eC-guite^ e ooftto 
Signore vi confervi. Dalla l^gruria li 18 dicemr 
hro 172S. 

Lanfratukk 

719 CAISSOTTI Carlo Luigi {a). 

18 

joftob ^j Magnifico > /«^/^ » r^ tf Ji7tf ro Ho^ 

3, )2ro. Avendo Noi tiimate le Patenti 
3, dcUi quattra Prtfidi^ che devono 
»^ intervenire nel Magiftrato della Bi»- 
9» forma della noftra Univerfitàj • 
3> nel penfiercj che abbiamo di dare 
yy le ooftre maggiori difpofiziooi in 
d> riguardo al Capo , che vi dovrà 
>j prefiedere » volendo » che le di lui 
3, incumbcnze fieno efeguite in mo«. 
3, do> che derto Magiftrato pofla» 
^ fenza intermìflion di tempo , dar 
9^ principio all^ proprie j vinotif^chia* 
M mo di avervi deputato prow/Jf^/io/- 
^ mente per erercitarle fino a nuovn 

) Àthra ÌProcurator Generale di S. M», ^ f^c^^ 
ctffivamentt Primo Prefideote del Senato di 
Piemonte 3 pofcia Miniftrp di Stato ^ € indi 
Gran Cancelliere i comi dalU ri/paùve Pn-t 
tinti. 



kl. 



1719 



„ crdim i ondo pdrTuan » che ùttìÉ pti adenH 
ji piede con quell' integrità » che ci proiBecte^ 
j, BOQ mtno la voftra capacità ^ che il Toftroze» 
» lo, preghiamo fensa più il Signore » che ti 
u confervi. Torino li i)(ago(to 1719. K Amedea^ 

McUaride. 
^BERTOLINO Mìmu ìAàtteo, Prifide ài 

Teologia. 
SEVALLE AitéU Carlo Amedeo,Pr«* 
^ I fide di Legge« 

colto r FANTONE Porrtr* Gìoanni, Pre/uU dì 
^ * Medicina. 

BADIA AUate Carlo Francefco^ Pr<)Up 
l delle Arti. 
Ritenga fi ^ che li fuddetti Bertolino ^ SevalU^ 
Puntone ^ e Ba^a Tono flati nominati Ptefidi come 
ibpra con Regie Patenti per un triennio (a). 

Co(Htu2Ìoni di S. M. per V Univerfità 

di Torino , firmate Vittorio Amedeo 

li venti d' agofto 1729 ^ e flampate (Jf) 

di quello ileflb anno o eli' Accademia 

Reale appretTo Gio. Battifta Chais^ 

Statnp;ti>re di S. S. R« M.: iti: 

99 II Magiitrato della Riforma « al quale appog* 

giamo il grave t ed importante governo della 

99 noftra Unìveifi(à9 farà compofto dal noftro 

Gran Cancelliere 9 e da quattro Riformatori 9 che 

Ommno i Prefidi delle facoltà ; avrà di più uà 

Afleflbre9 ed un Segretario, pag. 7 dette Co» 

^i fittu{ioru juddtttt ^ tit. I9 cap. I9 $. i. 

(a) Vedi la pag. feguente 5 5>v#r/?c. Giureranno eCt 

(b) Come già di fimo qui /opra 9 pag« 5 1 9 nota k 



1719 
10 

ligofto 



91 



9> 



93 
9> 




^ Qmmo finniio t PrefiM iglU féuoUà^ uno 
di reologia • l' altro di Legge » il terzo di Me* 
dcJmM^ e Chtnifgia, ed il {uarto delle Arti» 
fi»f. i^ di detu Cofiitu{ioni , tit. i , cap« x ^ 

». NoA fi promoreniniio da Ni>i ad un impio* 
go d ngu^devole , a cui va unico il nobile ^ 
e d e jcufo carattere di Rifof maiort , fc no»^ 
peiijttafKgi» li qu^li, oltre cfler bto veriàti m 
quelb facoltà » a cui verranno propofti ^ fieno 
.'•che df coDofciuta probità. Zelanti del pub« 
bl co bene , ed alcrenanto vig lauti per ifco- 

rriie gli abufi ^ ch^ poteflero inr>rgere nelle 
irò cul& » quanto pronti» e rir)luti p^r ini* 
pcdidi , e fupprimedu pag. 1 4 di dette CofU 
tt^iofli » tic I » cap. a » $• a. 
„ Giureranno nelle mani del noftro Gran Can- 
celliere di fedeloiwnte oflcrvare » e far oflervare^ 
pÀdente il triennio, che durerà il loro im* 
piego, le prefenti noftre Coftituzions e quanto 
da efle » e da' regolamenti dell' Uni veilìtà farà 
prefcritto a ciaf^ih^duna facoltà» e perciaf.he- 
duno de' gradi fcolailici» e degli ef rcizj let- 
cerar] , ed in tutte le fjnzioni dòli' Univerfità 
avranno la precedenza a' Profeflbri. pag. i > di 
ittte Cofiitu[iom » tit. i « cap. i » $ ; . 
n Li nomina ielt Affcfforc fi faià da Noi fuUa 
ro/àj che ci verrà prelentata dal Magiftrato 
della Riforma , il quale dovrà fctet^liere nel 
Collegio de'Leggifti tre foggetti» che filmerà 
effere i più capaci per tal ìm piego. Così al $• 
I > cap. ) , tit. 1 deiU R- Coftituzioai tudr 
dette» fég. 18. 



j6 ' 

^3 Prederà qiiefti f»ello mani del Gran Gancel* 
^ liere il giuramento d' efeicitare nel fùo tiién*» 
,9 nio con tutta integrità, e fede T ufficio coil« 
^y fertogli, fa^. 18 fuddecta. 

j; Non fi ammetterà ali- impiego di Segretario 
yy della Riforma Te non un foggetto» che fia di 
^ fede incorrotta, di nota probità, ed abilità , 
j, dovrà quefto eleggerG dal Magiftrato della Ri- 
ì, toroja , ed approv<ir(i da Noi. Così al capo i V^ 
^, tit. I , ^. 1 delle R. C. fuddette delli zo agofto 
„ 1729, pag. 11 ^ e ij. 

9, Saia al di lui lìfEzio unito anche quello d! 
,> Segretario deli* Uoiverfità, fiijf 23 (uddetta. 

yy 11 Pretetto della bibUoucay che iarà da iSloi 
3, Dooiioato, dovrà avere una cognizione perfeN 
3, tiflima de' migliori Scrittori • . . • Avrà detto 
„ Prefetto un Ajutante y il quóle dipenderà in- 
j, terameiite dal n edefìmo in ciò, cherifguarda 
yy il privilegio della libreria. Co^ì aliì §$. i ^ e S 
yy tit. 9 , cap« I di dette R. C. , pag. 7 1 j e 74. 
o y^dafi pure qui infra all'articolo Biblioucarj y 
•, ed all'altro Scgretarj. 

17 il U Re di Sardegna, di Cipro j 

14 e di Gerufalemme. 

gennajo „ Magnìfico , fedtU ycd amato no* 

yy firo (a). Vi ordiniamo di deputa^ 

yy re uno de' Majiri Auditori per 

yy efaminare i conti del Teforiere 

della noftra Univerfità de'Stud)» 

ed efamin ti che fiano , farne la 

relazione al Cor figlio dilla Rtformay 

(a) Regio bìglie tio diretto al PiìfìiPiQfìdGrìic dilla 

Canera de* Conti col (o^x^kiittoalrhagnificOy 

fedele y ed amato nvfiro il Conte Coiti di 

firufalco fnmo t refluente della Camera no/irm 

de* Conti» 



$9 



S7 

n e peib darete le voftre difpofizioni in qucfta 

M coofonnuà^ indirizzando 1' accennato Majiro 
n Jaàtorc a quello » che efercifce le veci di 

'«Capo di detta Riforma per Tiffcuo predetto, 
n r^aio efeguite » e noitro Signore vi confcrvi. 
jf Temo li A 4 gtnnajo 1731. €• Emanuele» 

D' Ormea* 

li Mmn0rsm • festlu la Icttaxt ^1 xneicfiizio « lu msmig» 
• Rgiisumt ed vSctv%tù yttt in faa dccuiionc ks éepuimtm il 
iÌ|Mf iflf0BC« e M-ftro Auditore M^tifort per cUminvc li 
«Ri 4d Tcforicrc 4tUa Rcfu tJnif€iiìtà intB't0 9 « pcrintte^ 
Imi ia émm Vi^lietto Regio xcfta difpofto: Cgsì mIIs fiJJtoMe 
CtmtrsU éUli 16 gfVBsjo 1731. 

P BERTOLINO Abbate Matteo^ Prefie 

I di Teologia. 

■J** ^ SEVALLE Ji/**tfir Carlo Amedeo, Pr«- 
I* * fide di Legge. 

71». t fANTONE Gioanni,PrejMe di Medicina. 

Ritengafi y che li fuddetti Bertolino, 
Seguile y e Fahione furono confermati 
Prefidi come fopra, per i^/i triennio (a). 

I7J 2 BENCINl Franccfco Domenico (♦) , /^rc- 
25 fide delle Arti ^«t- i</2 triennio. 

Tbre. 

1751 COLOMBARDI Giufeppe Gioanni Luca, 
I PrefiÀe di Teologia (/»)• 

aaggio. 

1 7 j 5 COLOMBARDI fuddetto, Pr^i/<f di Teor 
29 logia conjtrmato. 

Ottobre. 



(a) ^rif fili yZ^/^rtf la paf. 5 4 /zoftf a. 

(b) In furrogaiioae aLT Abate Ben olino fatto A^f 
yrovo d' Alghero io Sardegna. 

Maltefe y già da trent'anni Profcflbre dìTeo^ 
logia nel Collegio U'bano de propaganda fide. 
Nuova Guida per la Città di Tonno k^il 9 
rag. 128, 



58 
1 7 5 ; CAMPI ANI (tf). Avvocato Mario Agofti^ 

.29 no (^y , Frefiàt di Legge^ (lato gìuBilato 

ottobre. con lire uaiile li 10 ottobre ^73^* 

rtANTONE Gioanni,Pr/jFir 
'7} 5 J di Medicina l coùtcx* 

^ ^l i BENC»Nl Francefco Domeni f aulu 
ottobre. [ co,Pr./ir deUc Arti 

17)6 SEVALLE fuddetto^ PrefiJc dì Logge 
al pollo del Camfimni ftaco come 
fovra giubilato. 

1737 GABALEONE di Satmor, Conte Fran* 
29 ceico Giacinto, Riformatort. 

agoftp* 9, Alle inculi ^euzjj delie ^ualìfi 

,3 ritirova già da Noi on- levoimente in« 
39 caricalo il Contt Francefo G-acinio 
j^ Gahaleonc diSalmor di Governatore 
j, dclL iioftia Accac^emìf^ e di Pfotet- 
3, ti re del Collegio d^•llc Ptovincie, o/* 
3, /r^ a quella di Prendente , e Capo del 
CoDflglio del Commeiz'O , voglia- 
mo anche aggiiigoere Y al^ra di 
R' formatori mi Magifiraio dcUa Ri^ 
^, jo/ma ac Study itUa nojra Uni^ 
vcrpià. Peifuali , che farà per con- 
tiDuarci aoche in tal tiuova dignità, 
le riprove delle lodevoli Aie pre- 
rogaiìve d dottrioa, zelo^ ed at- 
tenzioDe • Quindi i ^ che per le 
prcfeoii, di ooftra cerca fcicaza» 
Regia autorità > avuto il parere del 
(^) Di Priverno, o fia P perno , ciuà nel L zio detto 
oggidì Ca iipagoa di Roma. Privcrnum, ville 
ancienne dcs Voi fcjuesen Italie. DcPipcrnok 
Tcrracine il y a douzc milieu. Morcri. 
(^) Già Pioftfiorc d'm// can. e pofcia di can. Nuova 
Guida per la Citta di Torino j ly^i^pag.iiy. 



9> 

1> 






59 
«oftlo Gcm^glio» elèggiamo y tofiiiUiamo, 9 

ie^vÌMBo il fuddetto Conte Fraace^co Giacinto 
I GaMeone éi S9ÌmOT R» formatore nel Magi fir aio 
f della Riforma di quefta noftra Univerfià de' StuJj, 
y ed anche nofiro Conigliere per un Biennio avverare^ 
conciwi gli onorì^privilegj* prerogative» autori- 
tà 3 utili > ed ogni altra cofa a caie uflizio fpet** 
tante j < €on lo fiipendio , ehe noi gUjifjeremo 
a forta , con ciò che prefti il dovuto giun- 
mento* Mandiamo pertanto a tutti ì noftriMi- 
, niftri, Uffizialij Magiftrati » principalireme al 
fuddetto della Riforma > ed agli Uffiziali d'eflii 
Unlverfiti » e generalmente a chiunque fia fpe- 
diente» di riconòfcere» (limare > e riputare il 
. freJetio Conte di Salmor per Riformatore 3 ó 
» Comfgliero nofiro come fovra da Noi deputato^ 
> con tarlo » e lafciarlo godere delle cofe fud« 
I dette. Che tale è noftra mente. Dat. in Torino 
, li 19 agofto 1757» Carlo Emanuele. 

I7}7 DELLA CHIESA di Rodi Abate Igna* 
19 2io (a)^ Riformatore (b). 

pfto. 

t757 MELLAREDE Abate Amedeo Filiberto» 
19 Riformatore (e). 

{oAo* 

t7?7 FAVETTI di Bofles Ignazio Gaetano^ 
29 Riformatore. 

;ofto. ^, Per dimoftrare al Vaflallo Igna- 

,^ zio Gaetano Favetti di BoìTjs il 
ì Etemofniere di 5. Af. ^ e indi Vcfcovo di Cafakt 
>) Anehe eolia Umiu{ione a un biennio. 
:} Ancht colla hmita^ione a un bigmiio* 



i» concetto^ in cui abbiamo ìt di lui taìeiitòi é 
«^ capacìràj e dai gli campo onorevole d' eferci- 
>* tarli ^ Ci fiaoro detcìutìnati di prefcieglierlo al 
^* pedo di Rifnrmdtort nel Mdgifiruto dilla Rifor* 
9* ma de Studj aellm n' flra Uni%crpià ^ pexfuafij 
^ che fa à pei dare nell cfwjiczo del medefiiiio 
«> ben chiare prove » non meno della ftiaiervitù, 
^ che del Aio zelo in vantaggio > fidelnoliro fer- 
^ v'zìt j che del ben put blico* Quindi è » che 
>» per le piefenti, di noftra cetta icieoza^ eRe- 
99 già aucoritàj col parere del noftro Coniiglio^ 
'j eleggiamo i copiiuiamo^^ e dtfutiamo il fuddettQ 
'j VaiLllo [gnazio Favettì di Bofles fcr Riforma^ 
»j tore nel Magifirato della Riforma di ^utfia ne* 
'> pra U'ivcrfità de' Studj , ed anche noftro Con^ 
i» Jigiiere per un iter.n o avvenire, con tutti gli 
j> onori, pnvihg'tj preroga ive^ autorità, ed ogni 
»j altra coÌa a tale Uffiz:o Tpettaote , e con lo fti' 
3> pendio • che gli Jijferemo a pwie , con ciò che 
j3 predi il dovuto gìiirauiearc . Mandiamo penando 
a tutù li noitri Mnift.i, Ufficiali > Magiftrafì^ 
e principalmeote al fuddletto d ila Riforma, ed 
33 agli Uihz'ali d' efla Uaiveifità, e generalmeiH 
33 te a chiunque iìa fpedieute» dì ricooofcere 3 fti«^ 
33 mare 3^ e riputare il predetto Vaffailo FavettÌ3 
33 per Riformatore » e Confìgliere noftro come 
33 fopra da Noi deputati 3 con fai Io » e lafciarlo 
3, gioire delle cofr fuddeae. Che tale e noltra 
33 mente. Dai. in Tonno li 29 agofto 1757 (tf)« 

Ciarlo EmanueU. 

(a) Quelle Patenti non fi trovano regìftrate ne* re* 
giftri dell' UDÌverhtà3 bensì la prejente copia 
fi è eftratta da quelli del Controllo Generale- 






i9 CAISSOTTI di Chiuiano Conte Fran** 
1.6 coleo Aniomo^Riformaiort. 



icak 



11 

9» 



jj Le imponaoti incumbeoze ap^ 

A» poggiate al Conte Francefco Anta* 

y, nio Caiffotti di Chiufano, e da lui 

93 siudizioiàmente efeguite lo haano 

ntto conoCrere per fc ggetto di paf^ 

ticolare abilità > e prudenza , e for« 

^ airo d'altre ben lodevoli qualità ^ 

,9 ne veniamo perciò invitati a nomi- 

9, natio Riformatore nella noftraUni« 

j^ verfi tà <^* Jitti;^ perfuafi della fut 

^ attenzione ad incontrare vieppiù la 

A, noftxa foddisfazione. Quindi è > che 

9, per le prefenti , di noftra certa 

j9 iicienza» e Regia autorità, avuto il 

^ parere del noftro Configlio, ri/i'g^/tf* 

j^ mo j coftituiamo» e deputiamo \i iud* 

^3 detto Conte Francefco Antonio 

99 Caiffotti di Chiufano ptr Rtfirma* 

99 tore nel Magiftrato della Riforma 

9, li/ qtiefia noftra Univerfità de' StuJj^ 

p, ed zncì^Q noftroConfiglùre con tutti 

99 gli onori 9 privilegi, prerogative9 

99 autorità 9 utili, ed altre cofe , che 

9^ ne dipendono , da aurora pendente 

99 il noftro beneplacito, eon ciò, che 

99 prefti il dovu'^o giuramento • Man^ 

9, diamo pertanto a tutti i noftri 

99 Miniflri 9 Magillrati 9 e princpl- 

99 mente al fuddetto della R'foiuia, 

99 ed «gli Uffizìali d' effa Uuiver- 

^ fità9 e generalmente a chiunque fia 



6% 

p, fpedientes di lìconofcerei ftimare » e riputare ì/ 
j, detto Conte di Cktujano per Riformatore, e Cori' 
>> figl^ €re noftro come fovra da Noi deputato^con 
M tarlo, e hCcmìo gioire deUe cofe fuddectej 
,9 volendo » che le prefenti fieno fpcdite lecza pa- 
y. gamento d'alcun drirto, od emolumento ^ che 
^, tale è noftra mente. Dat.«//4f Veneria li zòna- 
j^ vembre I7J9« 

C. EmanueL 
i7ip MOROZZO Marcheie Giufeppe Fran- 
16 ceico» Rijarmaiore. 

Iiovemb. 

^y • • » • • eleggiamo^ coftituìamo^ 
5, e deputiamo il predetto Marche/e 
3j Giufeppe Fnoceico Morono per 
,^ Riformétiore nel Magifirato delU Ri* 
j, forma di quefla nrjira Um^erjità de* 
3^ StuJj , ed anche noJFro Conjiglierey 
3> con tutti gli onori j Ja durare, 

3» pendente il noftro beneplacito, 

5, Dal* alla f^eneria Reale li i6 nor 
tj vembre del 1739. 

Carlo Emanuele. 



1759 MOROZZO Cavaliere Carlo Filippo, 

26 ' Riformatore. 
novemb. 

2719 ALFIERI dì Sammartino Conte Celare 

26 Giuftiniano, Riformatore. 
novemb* 




99 
9» 



^% MORELLO Domenico Antonio» Awo» 

7 €aio fifcalc » € Ctnfort dclt UniverfitéL 

,, Abbiamo fatto ri A.-iTo all' oppor< 
tuoità di riftabilire neUanofiraUni^ 
vcrfità deStudj l'impiego iiU Av- 
vocato fifcaU, € Cenfore , onde il 
buon reggime d' efla ne (ia Tempre 
più accertato 3 ora malli mamen te ^ 
y, cb« al Ma^ìltrato della Riforma ne 
3» fono vieppiù accrefciute leincum- 
benM> ed avendone rifolta la de- 
terminazione j confiderando , che 
a compiere gli obblighi d'untale, 
e cosi importante poito richiede^ 
un foggetto di letteratura , di dot* 
trina, e di prudenza, e cheque le, 
e molte alcre prerogative, e viitùi 
fi mcontrano nella perfona delDot^ 
tor ColUgiaèo Domenico Antonio 
Morello^ che già foilcnne con lo- 
de fua , e foddisfazìone noftra , e 
del pubblico la Cattedra de'Canoni 
nella fiejfa n ftra Univerfità y Ci 
fiamo compiacciuti di preicieglier- 
lo a n'empirlo , perfuafi di tutto 
l'impegno Tuo a corrilponder pie- 
namente alla noftra afpettativa » ed 
a rimeritarti in conieguenza col 
gradimento noftro, i maggiori ef- 
fetti della noftra beoeficenza; ^v/Vz- 
^, il i, che per le prefentiy di noftra 
certafcienza, edautorità Regia» avu- 
to il parere del noUro^Coofigiio, 



59 

J» 
99 

$9 
99 
99 
99 
99 

» 

SI 

99 

ai 

99 
99 
9> 
99 
99 



99 
99 



# 



64 ^ . . 

^M crearto^ eleggiamo ^ e deputiamo il Aiddetco 
«> D.'ttor Co log'ato Domenico Antonio Morello 
»> //'-' acato fi/cale > e Cenjort dcila noflra Univtr^ 
i> ptà de Siuf) per sdcinoirne le incumbenuj 
yy chd gli venanno dal Ma:,ifl*ato della Rifwma 
>» fpiegate a feconda degli ordini^ ih:, da Mot n$ 
j9 tiene, e con tutti glt onori, privihg]» pr&ro* 
j» gative, autorità, preeminenz;: , utili, e dricti'i 
>« ed ogni aUra cofa a tal U£z o Tpettante^e ' 
j> coli* annuo flipendio di lire D*ille cinquecento, 
j» che mandiamo al detto Magìfir^'to di fargli pa- ; 
5» gare dall' erario di effa Univerp,tà r'pariitaisea" , 
99 te, a quartieri matura* i, comi ciando dal pii* 
3j nio del profliTO novembre , e continuando in av« 
^9 venire, durante la fila fervitù , ed il noflro tene» 
39 placito 9 con ciò « che pi. (li il dovuto ffìun» • 
yé mento; mandiamo pertanto a tutti i noftri Mi« 
9. niftri , Magidrati, e parMColarmence al luddef- 
19 co della Riforma ^ agli Uffiz'ali > Studenti « § 
3, Servienti di d;2tta Univerfi'à, e generi Imeote '• 
19 a chiunque al-ro fpetti, di riconofcere ^ ftatare^ 
>9 e riputare eiTo Avvocato Morello per Avvocato 
3* fifcale , e Cenfore della medefima Ùni\e Jità,Qoti 
99 farlo , e lafciarlo gioire delle cofe iuddette. 
j> Che tnl è noftra mente. Dat. alla f^enena li 17 

j9 d* Otti, ire 174O. 

Curio Emanuele. 

Crede taluno, che nel darfi il titolo di Jv^ 
vocatofijcale al Cenfore, fiafì avuta intenzione , che 
quvifti dovcffo fare le conclufioni fopra tutte le con- 
travvenzioni alle leggi deltUnverjfi à in tutti gli 
Siati di S. M. di terraferma, e che perciò doYub 



a ffocmMùt Itfcali » ed mi Stgreurio ia 
o« e aieiic Citta di Pro?ÌDCta uo I^ic9 PrB^ 
wfifcmU^ U cùe noa eflendofi pofcia efeguicQ^ 
avTcsmo » che mai Cenfore aUuno abbia efei* 
l'iiffibno ài Arw^céoo fifcdU» 



\ CORTE Giofeppe Ignazio > Jv^0c€m 

ffcéU, # (Unfaf€. (a) 
jo. 

I MARTINI (U Cocoaato Coste Vittorio^ 

Avocato fifcaU , é Cuifrfu 
io. 

t SCARAMPI i/i Prmfi Abbate Giufeppt^ 

AiforthoSQU (b)« 

« RIPA BUSCHETTI di Cia^Uoru Mar- 
chefe D. Veipafiaoo, Riformaiort. 

iib» 9» yoUndo Noi riempire il pofto^ 

jy che da alcuai anni ritrovafi vacaQ- 
19 te , di Riformatore nella noftra 
^ UtwerfUà d/ Studi , abbiamo avu*t 
j9 prefeati le ?irtuoie doti^ delle ^uali 
M ira adonto il Marchefe D. f^efpa- 
M (Uno Ripa Bnfchetti di GiagHone^ 
j» e che CI modero a deft'marlo, e 
3t confermarlo per due volte Kicario , 
,, e Sovr* Inundenu generale della po^ 
j» litica 9 e pulizia della nofira Me* 
^ tropoU : quindi è , che per le pre<^ 
t» fenti .•.••• eleggiamo» cofti- 

V£ il tomo piimo della prefente opera, p9g.6$. 

iitualmente YefcOfO di Vigevano. 

7eai« IL E 



^tuiamo^ e deputiamo il (h^edetta Marchefe D». 
^, Vefpdfiaoo Ripa Bufcbetti di Giatfrione per Ri- 
^formatore rul Magifirato dilU Riforma iiquefia* 
^nofira l/niyerfità dc^fiadj, edafiche noflro Con-'. 
9» figliare con tutti gli onori ^ pnvilegg) , preioga*^ 
^ ti ve , autori tàj mUi , ed altre cofc j che ne di* 
^ pendono » da durare fendente il rioftro beneflacu 
^ to, con ciò che prefti il dovuto giuramento. 
9» Mandiamo pertanto a tutti • • « • . Dai. alta 
1^^ Veneria li 5 di novembre 1756. 
• Carlo EmaueUm 

Malli. 

17 j^ PRO VANA di Colegno Conte Giufep* 
5 pe Gio. Maria {a) » Riformatore. « 

ttovemb. 

)» Avendo Noi aderito alla difmef- 
)» fioce dimandata dal Marchefe Mo^ 
>3 ^o[io deir impiego 'da lui finora 
^% lodevolmente Tofteouto di Riforma- 
^» tore nella nojlra UniverfitàdeStudj^ 
j« abbiamo (limato di furrogargli il 
», Conte Giufippe Gio. Maria Prova- 
^ na di Colegno attuale Vicario ^ e 
^ Sovr' Intendente Generale di poli- 

^j tica j e pulizia di Torino 

», Quindi èy che perle prefenti eleg- 
», giamo» coilituiamo» e deputiamo 
„ il predetto Conte Giujeppe Gio Ma- 
„ ria Provana di Colegno per Rifar-' 
», motore nel Magiftrato della Rifor- 

„ ma 
(a) figlio del Conte Giufeppe Gioanni ^ di cui qui 
Jopra alle fag. $0, $ a, e 53. 



^ «u di qneftt. softì» Uoiverftà d;:*^md)^ ed 
»9 macke Ao/rro Omjcgltr^ con tutù gli onori » 
M pciTÌlegf» pre:0|jptiv< » au(.*iità, aìli» ed «dtm 
oofe » che ns dipeodooo » ^ dutéirt peodeni^ 
d ooltro bcnepUu:i{0 9 coii cih^ che pieftì il 
dovuto giuraoicnto • • • • . DoumIU ytturim 
li 5 Dovembce 175^ 



9» 



99 



»» 



1761 
ottobre* 

17^1 
Ottobre* 



VAGNONE Atiau G'iadftto Amedeo^ 

A formatore \ja). 



S. MARTINO d'Agile Conte Franco- 

fco Fianioio^ Rjormatore nel Magi* 
ftrato fuddetto ^ e Coniigliere di 

S. M. con (Ulti gli onori ^ 

da durare , pen lente il beneplacito di 

S. M » e come più ampiamen* 

te dille Regie Patenti di Carlo £ma« 
nuele III date da Toiiau li 30 otto- 
bre 1761* 



fi) Fatto Vefcovo Jt Atta nel 1769^ al quali yé^ 
Jeovado rinunciò egli poi nel 1777. Abbate 
in oggi dell' Abbazia di S. Mauro Tormeje^ 
ài Aiuaa Dioceli. 




et 

ottobre^ 



DIDIER Vittorio Amadio» Cenfin^ ti 

Avvocate FifiaU («) ideputato prowi* 

fiofudawiu con IL Viglictto diretto al 

J^agiftrtto della Riforma ili data delli 

30 ottobre 17^1. 



1761 DIDIER fuddetto j Cénfon^ ti Avvocato 




I a Fifcaiè fiflb* con Paunti 1 1 novembri 

ttovemb. ijéx. 

Con altre delli 6 del mefe d' ot- 
tobre 17(8 (4 ebbe egli poi il tiro* 
lo > grado , ed ansiaoità di Senatore » 
e colle ulteriori defili 1 1 aprile 1777 
ebbe il titolo di R^ormatore, -e Con^ 
figliere Regio (c)« 
(a) In ordine a tale impiego di Cenfore » e di Av* 
Yocato Fifcale è da avverdrfi ^ che eflendofi 
prefcritto colle ultime Regie Coftituzioni del 
j 77 1 per r Uniyerfità , che V Avvocato Fifcale 
della provincia di Torino dia le conclufioni » 
che faranno neceflàrie in materia di contrav- 
venzione alle leggi dell' Uni veri! tà , (arebbefi 
con ciò implicitamente foppreflfo ^ riipetto al 
Cenfore y il titolo d' Avvocato Fifcale. Sconci 
a quefto propofìto il capo III del Cenfore ^ e 
il capo IV deÙ Ajfeffore j di cui nelle precitate 
R. Coftituzioni del 1771» pag* 13, eio^e 
vedafi particolarmente il ^. 1 1 , di cui a 
pag. 14 , ritenuto altresì , che nelle Regie 
Codituzioni del 171$ per V Univerfità non vi 
ha titolo a parte , che rifletta il Cenfore. 

Unifcafi il vtrf. Crede taluno &c* > di cui 
qui avanti alle pag. 64^ e 6$. ^ 

(^ Clit fi nuftiè tt State» ài Picmoatc di rcfiftiatc # cernie ?i 
facon naiftittc. 

(<) K qatfto ilf. Commtftlatotf t « Scnttoce Vittori* AmMleo 
Diésct facoao tccordttt li 14 gennaio 1791 A.eg^e Ptitotl 
# iafcm4astooc 4eì ftado» t giaufdUioot dtlU Jtf«tM atUa 
fiofìacia di ìf49mrM% col titolo» « digoitì Comittlc* 



9» 
J9 



fU FERRERÒ di Lavriano Conti GiDftppe 

7 Malia > Riformatone Abbiamo di lui 

teagA» una traduzione in ver fi italiani , fui 

tBfto ingUft 9 iacitolata t uomo : Saggi 

di filofou movslt di jileffàndro Pofs. 

ToiioOj Stamperia Reale lyóS» 

n LANF RANCHI Francefco Antonio CVni» 
dU Ronfecco » Riggenu del Magiftxato 

bre. della Riforma come infra. j> magni^ 
^ fico > /«/«/r j ce/ amato nofiro. La 
9^ carica di 6r«is Cancilligre, cui ab* 
^ biamo promoflb il Conte Oùflctn 
dì Santa Vittoria importando gravi 
cure y ed occupazioni^ che non gii 
^ permeuono dt attendere anche a qniUc 
^ che riguardano il Magifirato della 
,, Riforma degli Studj, e (pettereb- 
9^ bero a tale fua dignità » ci fiamo 
,, determinati di difpenfarnelo , e di 
99 appoggiare a voi T ÌDCarico di fare 
^9 le funzioni di Reggente dieJfoMa^ 
9> gifirato j ed agire in tale qualità 
i^Jotto il di lui nome, nel tempo 
,» fteflb j che continuate ad efercitare 
j, le cariche di primo nofìro Confi* 
99 gliere di Stato ^ e primo Referen- 
99 dario de' Memoriali {a) » perfuafi 

j9 della 

Vedi inoltre le Patenti io aprile I779» giunu 
U altre delU 5 luglio 1774 a favore dello fleffo 
Conte Lanfranchi allepag.%6^ e 87 del tornò 
primo della prefeme Opera. 



^ 



51 della voffra efiittena^ e téfe a t>eij còili)tTttd 
^, gli uni « e gli alui doveri ; eppeiò col prefeiita 
|j VI ftabilióipo Riggenu del Magrfirato dàU Ri* 
^ forma , eoo gli onori , ed unii , che ne dipcn* 
^, ddho , € con otòligo di comunicare ài Gran 
,, Cancellière quelle rijolu[iùni prù importami^ che 
$f fi pr<nderanno a riguardo di effo Magifirato^ Vi 
^ uniforiDeréte' pertanto 'a cfueite nollre detenni- 
^, nazioni , mentre ne teniamo pure intefo lo 
^, fteflb Gran Cancelliere. E fenza più preghiamo 
^ il signore» che vi confervi* Torino li x otto* 
^ bre 1.^6 8« C. Emanuele. 

' 1 7<(9 DEL C ARETTO di Cametano Filippo («) 
' £0 Rijortiutort. 

^licemb. 



1769 
dìcemb. 

9 
liovembk 



TURTNETTI dì Pertengo Conte Giù- 
icppe Morizio^ Rformatore. 



Coftìtuzìoni di S. M. per TUniverfirà 
di Torino j firmate Cai lo Emanuel xìtX 
dì 9 novembre 4771. ,, li Magittrato 
9, della Riforma » al quale vogliamo 
^y aftidato il grave, e 'Diportante go« 
^ verno della noftra Univerfità> utrè 

j, computo 



(a) Abbati di s. Genuario» Cavaliere Gran Croca 
detla Sacra Religione , ed Ordirse Militare de* 
Santi Maurizio » e Lazzaro, e Mafiro di Ce* 
rmonic d«l Supitmo Oliane dell' Annun{iatM. 



7M 
a coBpofto del Boftro Grain Cancelliere ^ di ^uat- 

,» no Sifonnatofi » che iàranno anche Configlieli 

' 1» aoftri , e del Cenfore : e am un AfleiTore > « 

4 ji M Segretario. CWi nel titolo I ^ capo primo. ^ 

/ 4 '• f^g* 1 ^^ ^^<< Co/tìtuiioni fuddctH del 

''yi- ... 

»» E perchè pienamente s'Intenda il pregio, 
jp e r autorità (ingoiare» che conferiamo a im 
^ Magiltrato si riguardevole » vogliamo » che il 
^ Gan Cancelliere Capo di eflb debba riputaxfi 
^ come Yicegeieme» e Rapprefenrante noftro^ 
,» e che in tale qualità abbia nelle funzioni dell' 
,, Univerfità la precedenza fopra tutti. Così nd 
moto /, capo primo » $• 17 > f^JT* 8 JclU an{i^ 
iouo Rjtgii Ccfiitu^ioni. 

,» Si promuoveranno da Noi al riguardevole 
M impiego Ji Riformatore perfonaggi 3 che alle 
a» aozicmi con un qualche corto di ftud) acqui- 
M ftite accoppino quella faviezza » probiràj é 
ji prudenza , che fi richieggono pel vantaggio 
jj della noftra Univerfità , delle Scuole , e de* 
M Collegi* Così nel titolo I ^ cap. x de Riforma^ 
fori s $• I 3 pag. II , < Il delle R. C. /addette. 

,, Le gravi , e molte incumbenze del Ma- 
9» gilbrato della Riforma efigono , che vi fia un 
9 Cenfore , che fi adoperi a promuovere i van- 
«, taggi dell' Univeifità , e che in ogni parte del 
n governo della medefima abbia una fpeziale in« 
M gerenza. Cosi nel titolo I, cap. 3 del Cenfore, 
i 1 , pag. 1 5 3 « 1 4 delle preaccennaie Regie Cojii^. 
m^ionL 



i 



», ti fttmmi itlSl^ Atttthm (m) ' h wk éà 
'^ Noi di tic in cte anni JuIU rifu » che ci vena 
^ prefentatt dal *MagifttMO dtm Ritonna , Il 
j» quale dovrà fceglìere nel Collegio de* Leggiti 
t» tfe fog^etci » CM ftioief à ttt^tù i pia capaci e 
^ tal ioipiegó. Cai mt titola /, cmp. 4 àiU A^ 
^t§oté del Mmgifrmt0 JeiU Hijortr.é. » $* i » f nf • xp 
dctU Rfgie Ccàauiicmi fUdetu del ijji. 

,, '^^^^f ^^ ^^'* ediffiereozei le quali fi eoo- 
ti veraono in vateiu civile» o tra le pecfonv 
^ deir Univerfità » dèUe Scuole , e de' Collegi 
^ di queiEa Città » e pioviàcia » o ^la altre coar 
^ tio di effe , o anche da efle contro altri» che 
^ foflero locandieri » librai » o mercatanti ^ fiuan^ 
9» no di cognizione privativa dell' Afleflore » cor 
ji cetfuate quelle » nelle ouali fi trattaffe di n* 
9» g!ODÌ Regali» Demaniali » feudali» o di Gn^ 
M nelle. Ceti nd ^ i di detto taf. 4 » f^. io» 
« ar. 

(a) DM Jfejfort del Magiftrato della R'ifoma / 
aveva pure nelle precedenti CofHtu[Ì0ni del 
2719 un Capo a parte 9 cioè i////» pag. \% 
ad 11* ilftf non vedo i che del titolo di Aflef^ 
ibre fiafi parlato nella Ce finizione detli 25 
ottobre 1710. 

^Atf ehi efferva molto opportttnameme (i)^ 
ohe rAffeflbre è fiato furrogato alt antico 
ConfervatOf e dello ftudio (a)» cttandofi anche a 
tale prepefito il Memoriale a capi àeUi 13 
novemhe 1674. 
(r) AUa pag. 6} del hhro bititelate de' Tribunali 
efercenti giurirdizione negli Stati di S. M* • • • 
Torino 11 $6 pfe£o il Derolfi* 
(a) yedi quìjepra le pag. 19» za, zj» 51, 34» 




7^' 
^ ftoe^ink (bflunaiiineme feoza fermalitl 

^ d' atd , QV9 noa (ia coftretto dalla gravità della 

M cau(a a fan diveriamente. Cesi /u/ $# 4 A i&ii# 

», Dalie fentenze » che fi prcrferiiamio dal 
M medefimo nelle caufe fuddette do& fi darà al* 
^ cun appello al Senato, falTO che eccedano la 
^ fommas o il valore di lire quatcroceniOb Ced 
nd i. $ di detto eof. 4, fOf^. ^' ' f ^^* 

,9 Avrà la cognizione anche priTativa di tutti 
^ i delitti comuni 3 che faranno leggieri , e fi 
^^ commetteranno dalle perfbne dell' Ùniveifità» 
M delle Scuole, e de'Colleg) di quefta Città, a 
„ provincia : ma ne' delitti gravi , ne* quali^ dee 
„ il Fifco procedere €x officio y potrà folo far 
M catturare ti delinquente, informandone il Ma« 
M giftrato , acciocché, cancellato dal ruolo degli 
,, Studenti, lo faccia rimettere al Giudice, al 
„ quale appartiene la cognizione del delitto» 
Coà nd §• 6 di deuo taf. 4 , fof^. 22. 



1771 Notìfi, che quantunque nelle Regia 

9 Coftituzioni per T Univerfità deUi la 

aovemb. agofto 1729 , fegnate V. Amedeo^ 

e ftampate lo flefio anno in Torino^ 
nell'Accademia Reale prefloi/C/r^ù, 
non vi fia alcun titolo del Cenfo» 
r/, e cosi nemmeno dt* Riformatori , 
come a colpo d' occhio fi può ve- 
dere neir indice de' titoli , e de* 
capi efiftente dopo la pag. 92. 

Troviamo però fatta menzioae dt^ 
Riformatori t e dtW Avvocato Fifcale, 
a Ccnforé alle pag« 3,04 della Co- 

(tìtuaione 




74 

ftituziofie per V Univerfiti delK Ì5 ottobre lyxm^ 

E Delle Regie Coftltuzioni per rUoivec- 
fità .ftefla, regnate CarU EmantuU delli 9,iiq« 
venibre 1771 » date da Torino 9 e ivi ftampate 
«el i77i nella Stamperia Reale» abUamouncapo 
particolare (a) dt Riformatori ^ pag. ii «d i}« 

Avendofene pure un altro, anche pardoo» 
hro C'jj M Cen/orc, alla pag. if. 

* r 

I77a DELLA TORRE AbbéLtt Giambattifta, 

25 Riformatore. Era egli fratello dell' at* 

Biarzo* tuale Grart Atafiro dcUa Cafa di S. IL 

D. Vittorio Amedeo SaUet Conte dtlk 
Torre ^ e Marchefe di Cordcm* 



177 a F ALLETTI Conu Ignazio Angelo, Xh 

I formatore. 

aprile. 

m 

1777 DIDIER (e) Cavaliere Vittorio Amedea, 

I I decorato del titolo di Riformatore , i 
ipdlOA Conigliere Regio con Patenti degli 11 

aprile 1777 (i). 



(a) Cké è il fecondo. 

(b) Che è A terzo. 

(e) Dottore CoUegiato di Ugge. 
(d) Mentre copriva, ^ come copre ancor in oggi là 
carica di Canfore.! vedi qui fopra lapag.ét. 



:^ 



il 

T7 - èKCkSHO Glòamn FmiceiGO > Trofif^ 
I /mv a kgi^' civile i 4^cofiito del li- 

ÌBb idIOj c gndo^di 5fiitfior«. ^ Al fo» 
^ guatato ircrìto, che i/ Proftffwé 
^ a&Mnài FrMnctfcq Arcapo fi è acqui- 
9» fiato od cono if iiiim ir^niii , da 
M che fofthme con fomma lode, a 
^- pùbblica eftifDaziooe hi cattedra di 
legge ovile nulla ncftra Uoivéf- 
deglr Stud) » con aver dati ia 
^ ogni tèmpo diftind faggi di fcelta 
^ enidizione^ Ibdezza di dottrina » 
^ non oieìnb che di vero zelo nello 
-g» particobii racumbenze appoggiai 
t9 teli , corrifpondendo in Noi la pron 
^ rnnca di contraflegfaargliene il non 
«, ftro gradimento » e la £ngolatii 
9, ftima» che di* lui acciaino, cifia- 
,9 mo compiaciuti di decorarlo iel 
^ iitolo'^ é grado di Senatore y e di 
M accompapiare quefto tratto dello 
9, noffre grazie» tom un* annua pen^ 
j» fime di lire feicento ; epperò colle 
»» prejemi . . • • accordiamo al fud« 
»j detto Profejpfre Gioanni Francefco 
^ Arcafio il titolo, e grado di Se^ 
n natore, coll'annua penfione di lire 
n fiieenw , le quali mandiamo ni r<- 
^f foriere delle nofire Finanze • • • .» 
»3 e con tutti gli onori » privilègi > e 
^9 prerogative » che ne dipendooo»* 
jt Mandiamo pertanto a tutti li np- 

p» ftri Mintftri , Magiftrati » 

t9 eà al Senato noftro di Piemonte 
4, di regi(trare le prefentì •.•••• 
j, Dau in Torino gli i x aprile X777« 
i» Kf Amedeo. 



7* 
Non è coik nuora T unione ael Aiolo di Si' 

natoré còlia carica Ji Profe^ore nella fte0k per- 

fona, e nel n)edè(im9 tempo. ì^cdi in&ttì qpk 

iopra aUk data 1698,0 1699 ^ aiticelo Dentis, e 

unifcanfi le Patenti di Carlo Emanuele II delli 17 

maggio 1651 3 in vigor delle quali fi vede ioi» 

feudato il luogo di Cigola nel Contado di I^{é 

al molto Magnifico Configlier di Stato Senaten 

ordinario nelli Senati di Piemonte» e di Nizta» 

e primo Lettore ordinario ieggifia della fitta in 

quella Univerfirà di Torino Gio. Battiffa BkvuardL 

DtlV Jrca/io» e di altri valentii&mi uomini 

cosi parla il sig. Deninaia). ,, L'u(anza poi vo- 

j, fiutaci àia fecoli fcolaftici nelle Univemtàf t 

^ nei Colleg) d* Italia » di dettare in vece di n« 

^^ petere, e chiofare commentar) ftampati, ci 

^ privò lungo tempo di buoni libn in materìi 

legale. Quefti » che ora abbiamo di Gian Frath 



j, eejleo Areafio avrebbero avuto un fucceflb gran* 
M didimo , fé Y autore fi fioflfo più prefto rifo- 
9, luto a farli (lampare, ed avefle ^nlto il dritto 
9, patrio 3 e municipale al jus Romano. 

,» Prima però , che quefto Profeflbre f>ttb* 
,3 blioiffe con le ftampe i fuoi fcritti » t Avvo* 
^ ^tfio Maurilio Richeri uomo totalmente privato 
^ diede fuori un Corpo di Giuri/prudenza , che è 
99 per gli Stati Savoiardi ciò, che fono i libri 
j» delVoet per le provincie unite de'paefi baffi» 



(a) Contirmaiione delle Rivoluzioni d'Italia dd 
17 ij juto al 1791 fotto il titolo d'Italia mo- 
derna. Torino dalla Stamperia Soffietti, pa^ 
(8> e 69. 



'S 



77 

1^ ed è 10 genetile ma delle opere più compite» 

^, die dal tempo ^ Andr$m jtldato £oqui (i 
^ fmo conpofte da' Giureconfulci italiana 

jy 1 trattaci dì gius canonico di SttafUano 
„ BamM mono PxoFeflbre alla medefima Univer* 
j» ixk , bcacbè malamente digeriti , hanno avuto 
a ff^àtì cocfo in Italia j e nelu Germania cattoli« 
jp ca» e io il filo fuccetExe 2>. Jgofiino Bono 
M pubblicaflc i fnoi» noi avremmo tone i primi 
^ tiittatt di ragion canonica » ehe fieno ftau det- 
tati de nna mente' filofofica» e quei pochi 
^ eftcatti 9 che per modo . di tefi andaronp alle 
n ftampe » fi>no avidamente letti \ e ciuti con 
^ moltia lode anche da quelli fteffi , le cui opi» 
quefto Canonifta oombatce iSù fyetb. 



I77t RpBBIO (a) di S. Ra&èle (j) CoMté 
i| Benvenuto (^)j SUforméU^é. 

geanaja 



(a) 0/ ile^ì di Chieri /? parla, nella Corona R.» 

ptfr/< prima ^ pag. t6 , e 91. 

(b) S. RaffatU » cinico /èziio de Provana » A/ft 

Ì€ Raio. Corona R.» ^nri^ prima ^ pag. t6» 
fc) Benemerito della r-epubbliea letteraria per la 
moke fue opere da lui puhUieau in tempi di^ 
verf. 



7« 

1780 

1 
giugno» 

1789 
maggio. 



GRISELLA (n) di Cimico Come Pio» 
Riformatorcm 



CORTE G'ufeppe Ignazio Cònu di 
Bonvuino t) ^ Groo CaDcellicre » e 
Capo del Magiltraco della Krforiiia 
dwUa Regia Uaivc«fità degli Scud). 

j, • • VolcoJo ora perciò 

u reodeia vieppiù p^lcfe al Pubblico 






(a) In propojito di quépa Famìglia Grìfella vgdap, 
la Corona Reale, p^ite p^io^a, pag. ^6 » 
come pure la parte 1 » capitolo XI dtl Con* 
iado d' Adì , p/jg 57 , ibi : „ Moncuccn , che 
f, etti Signori di Juo non.e y e ora è dcUi 
Grìfella Signori parimente dt Poglfa/.o , di 
Vergnano , di parie di Sala , <« rui di Cu- 
9, nico ^ e £ altri luoghi pafii in queflt me^ 
^y dcfime colline, e eh* har.no a\uto Aie (f andrò 
3, PripJenu del Senato di Calale: , e attn per* 
,, foru illuflri nella Corte di M^intova. 

(jb) Provincia del Moudovì, e -O/of/? di Saluzzo. 
Due Gran Caruelluri- vanta quejta urrà di 
Bonvicino ^ uno i il Come Cor' e anzidetto ^ 
di cui rul tomo primo > pag. 6$ ad 67 , e 
l'altro è il Domenico Belli pag. jx ad {4, 
dello fiejjò tomo. 




S* 
3» 
JJ 
M 
•» 

fi 

3> 

9> 

» 

J9 

9* 

9» 

99 

99 

9> 

9> 

99 

99 

99 

9> 

99 

99 

99 

99^ 



ti conto» £be tacciaàìo del veto memo» -e 
deir importanza de' ferviz] « che ci ha eiTo refi 
con tanta fedeltà^ e corrifpoadeote attenzioni^ 
ci fiamo di buon grado dirpofti ad elc^varlQ 
alia fuprema Dignità (à) di Gran CanceUiire j 
ben perfuafi » che nel compiere ;Jle importane 
tilfime incumbenze di quefta fublime carica » 
alla quale va pur anche annega queUa di Capo 
del Magìfirato della Riforma della nofira Uni* 
ve fità degli Siudj^ farà per rinnovarci le bea 
gradite prove delle commendevoliflime Tue 
qualità , ed impegnare maggiormfcnte i favo- 
revoli fentimenti , con cui rimiriamo la bene* 
merita di lui perfona^ e famiglia. Eppérciò in 
vigore delle preftnti eleggiamo » cottituiamo , e 
deputiamo il predetto Conte , e Commenda- 
tore Giufeppe Ignazio Corte di Bonvicioo no- 
ftro Gran cancelliere in tutti li noftri Stati di 
qua dal mare , con tutti gli onori , autorità • • . • 
Vogliamo intanto , che « oltre alla Sovrinten* 
den{a alla Riforma degli Stu^ , al Magìftrato 
di Sanità^ ed all'Albergo di virtà, debba ve- 
gliare al buon regolamento» e governo dello 
Spedale di Carità eretto nella Città noftra di 
Torino » eppérciò fia in facoltà d' intervenire » 
e prefiedere nelle Congregazioni di eflb • • • • 

Mandando a tutti li noilri Mini Ari 

AUa Veneria lì za maggio xySp. V. Amedeo. 



(a) Vedi il tom. /, pa%. ^4» nota e*. 




179 1 COSTA di AtìgMtM» Tittorio Mtfii 

iS Bakhflifra. Ayi^ ViglUtt» iK giugno 

l^ugiOt i79t èfpfcflo eom9 infra (a)..»» ^b* 

^ ^i§M0 » « Rg^^mdiffimo Signore. 
M Mentfe per gli incoDiodì di laluca 
^ dd mofiróGféMCéincettw'gCuyulitté 
j0 Ona Crt^ce Coai» iTorif ir Bómvì^ 
^. 9» «ino M^lh»' Minifiro di Stai» noa 
^ crovafi egli in grido di compiew 
/ g, alla incnrnbdnzd ,di Cèfo iti M0» 

$9 gifirmiù ddU Riformm^ k pmf^ 
^ mmop eoa cninnìriàmo lanofim 
■^ Uaherftàéc^ Sttidf d^, invita ad 
,9 aflbiara i lei F incarico di Tupplirne 
t> pf^^ifMnimenu ' le teci » ^m /£> 
9» rari 9 cosi dello fperimeotato di 
^ lei selo a (econdare anche io qnefta 
a> parte le prorvide noftre vifte , co- 
9» me de* vantaggi , che dalli dì lei 
^ lumi ^ direzioni , e cooiigi) non 
^ poflbno a meno di riiultare pel de*» 
g» fiderato buon ordine ^ e progreflfo 
a» degli Studi nell' anzidetta Univef* 
^ fità ; ip^rò per il prefeme la tUg^ 
9» giamo , ^ Jepuiiamo per fupplire 
^ pro¥vifiùnalmenta % e pender re la 
a» malattia del noffao Gian Caocel* 
^ liete t alle di lui veci M Capo dd 

^ Magifiraio 

(a) M SfiUù ne* feguenti termini t Alt fUufiriffl^ 
me» • Rivi^tiUiffimù Signor^ il Signor Cardia 
naU Coda di Arignaoo» Ar€Ì¥€fcovo di 7#f 
fiwj nofiro GrarSa J^UmopniéN» 





«7* A. ^^ 






17M 







mi 

j» la drocéaDa dcÙa teàè fq paiilt 
^ Tacanx» idU carica dì aodio Gaun 
M Canceiriere abbooio eoa PateM 
j» noiixe del giorno di ieri U) ow« 
t» ferta U Reg^enn dclUGnaOft* 
,» celUrìa W ttiwf Pn/UtMtt Mir* 
M chefe» e Cavaliere Gian Cioce 
^ Celare Lóvers Di èUris » ci ùim > 
M ad un ceoipo deieraiioati di ai& 
M dare alla conofouta voftra capaci* 
j» tà, e zelante ìntereflainento per il 
M pubblico bene , uno de* principali» 
09 e più rilevanti carichi inerenti ed 
j» /ttJékiio fofto a Grmn CéncdU^€^ 

•ì cioè 

(a) CoA preciGioiratn m^rtgiflri MSimaio. Vedi 
fero le pag. 89 » # $• del toiao ptìmo di 

^eft* Operju 

Tom. IL F 




t 



^ itt Copo idU MagifiraiQ della Kifbnna» .^m f ut» 
^j/ìm^ lidUt voftift-pAtmium .ÌB.IeG€>n^ aacho 
gt»pw: qiMiAt; pine le petcme aoftce cufe^dìiecte 
^ 4 pnnniKHMe-Jl magj|ÌMliiftio,:«decotDdbUe 
^ Boftra .Uoiverfità degli &tudì^ ed* iL bunafi^ 
ii.giefliBi delk^gioxemA «elle Ibe&Ee^ yiéiftuué^ 
^ mo peimito €^1 frdimé. à >fupptin aUe. veci 
^ ìA . pÉJkt» Gran CaiictUmrM nell' mctfìco di 
Cjm del Migiftcìto delle Rifemia, e^cetmìitt 
del |. if » tit. I t ap. I delle Co^usioiii pa 
g» / UiùvvfitJL £ flftentre pertecipiamò quelle no* 
I» ttra deteroùflAziofie aUo Aefii Magiftfaui ^fi^ 
i^ ghtemo il Sigmfe».clie vi.eòeierti* Torim^ li 
Ib if dicembte i}r94* A^« Amadio. 

Grantru 

ty9| AVOGADRO Filippo. »» // /te di Sar- 

1 «» degea dee Magmfi^ , ftitU , €Ì 

■MOKK 19 «nMtip »0/l!ro. . Dopo d*avexvi con 

^ Fatenti noftie del gioroo di )eii 
^ deftioato* alia carica diRtggtme la 
^ Gran* Cancellerìa («) , ri ^««izo ir* 
^» tirmìMsti di affidare alla conofciuta 
,9 voAia capacità, e eifo zelo pel 
^ pebblioo bont k imcuméeni€ di Capo 
^dti Mmgiftféito. dilla Riforma^ bea 
; 99 periaafi delle .iN>ftra premuia di fe- 
»» condafe anche in quella parte le 

^ paterne 
ih) #%^ U leeie praw » p4^» 9# » ei'tf il Conte 
Filippo AvogadsD di Qnaregna , e Cerretto» 
itggefi appuntò nùminoio fu Reggente delle 
Gmuie Cancellana» 



j^ fstefM -Boftn covo difcitc ' il pBtMmMWO l| 
^ WMgffOi luftro» e dccoio delli noftft Univcc^ 
^ fila degli Scud} » ed U biioa progceffi» ddk 
«» giovcnsà nelle fcieose. #^ Jd^àniMmo peitaftio 
^ t9l fr€fau€ a leggere d Mag^mi^ dtlU Bm 
M forma a' cenDiiu del $. z|, tic i » cap« i delle 
j^ CoftituzioDÌ pu t UnivtrEtà , .e oMintre pane» 
^ cipiamo alla fteflb Ma^ittrato qnefta ooftia de^ 
ji» ftiuzione» preghiamo il Signore » che^viocNi^ 
ji iervL Tigrw il primo di marao I7f J# #^> AwììÌé^ 



Crémm» 
Al Conte Atogadro 
Sjeggen<< 1a Gran Cancelleria» 

i79(; INCISA BECCARIA di s. Sterno GtOt 

2 fiauiiU» Riformatcrg (a)« 

febbrajo. 



Al prefente titolo fi appaniene 
che la feguente eflenziale avverten- 
za » ed è , che quantunque alla cap 
rica di Gran Cancelliere quella pure 
vada anncfla dì Capo del Magiflrato 
della Riforma della l/aìverfità degli 
Suidj , come appunto fi legge nel* 
le Patenti di Gran Cancelliere a fa^ 
vore del Conte Coru delli iz mag« 

£10 



(a) E Govefnatore del Real Collegio delle Prorim^^ 
eie 9 già deputato con altre Regie Paterni 
delli 17 ottobre i8S. 




gio 17 S9 (a)\ qaefto per& non impedifct» clit 
sei medefimo tempo pofla eflervì anche unjttg" 
genu di effa Univirfità^ come appunto abbiamo 
vifto accadere in ordine di Conte Lamfranchi^ il 
quale » tuttoccbè la carica di Gran Cancelliere fofle 
attualmente occupata dal Conu Cmiffoui in vigor 
di Regie Patenti 16 fettembre 176S (^), fu da* 
bilito Riggint/ dilla Riforma per Reale VigUetto 
dell'i 1 Cucceifivo, ottobre (e) , con gli onori , ed 
utili ^ chi ni dipindcno^ $ con o^kligo di comuni* 
care al Gran Cancilliirc quelli rijolu^ioni pia im* 
portanti, chi fi pnndiranno a riguardo di tffo 
Ma^ijlrato. 

Quanto alli Prefitti di Biblioteca , ed ai Se^ 
gritarj cccone la ferie, come fi legge nella fo» 
vracitata Ouida» pag. 1x4, e 155. j 



Pnfetti di BiUiotica , o fia BiHioticarj 
dell* (/nivirfità degli Studj» 



T » . *■• 1 



1720 PICCONO Avvocato, già Segretaro dì 
I ( Stato preffo il Viceré di Sicilia, 

novemb. 

1719 BENCINI di Malta Francefco Doma- 
8 nico. Abbati di s. Ponzio, già Pro» 

Dovemb. feffore di tiologia dogmatica. 



173* 
fettemb. 



ROMA Giufeppe , delT Ordine de'Mini. 
mi , Bear nifi, già Profeflòre di fi fica 
fperimintaUm 



{i) Vidtli mi tomo primo, pag. 6$. 

(b) Fidile mi tomo primo alla pag. 64^ e iyà 

{t^ ledilo qui Jòpea pag. é^ 




S9 
99 



tjil fALAZZI Saardùti Gioanai Antooio» 
it 

1745 PASINI Aiidu Giufeppe» Prevofto di 
f^ Mcnctmpo^ già Profeflore di facré^ 

'luglio. Jcruturéu 

177# BERTA Sactriott Francefco Liidovico(tf}, 

li 99 Per la morte delt Abbau P^pni (b)^ 

agofto. j9 efleadoii refo vacante T impiego « 

n che aveva di Bibliotecario (e) d$lU 
jj nofiréi Univtrjltà degli Studj ^ ab* 
ft biamo avuto preientì i luoghi fer« 
vizj preftati nella Biblioteca d'effii 
dal Sacerdote Francefco Lodovico ^ 

j5 Berta, prima in qualità di Aju» 
j9 lame infecondo^ e pofcia^i/^ri/Tio 

f> Affiliente 

(a) Z?o;fo /tf .^' &[fi i9io/t« fig^ta nel dì 7 di aprila 
r787 il Conte Orfìm d'Orbditano ne fcrtffi 
un^ elogio accademico , cA/ lo/2o /ì<' pubbli» , 
rtf ro ro/^ (lampe del Softietti » « cAr termina 
colle feguenti parole : perdemmo nel Berta 
2I0ÌVIO j ci^x non ecei pojjibile il fopperìre. 
^) Padovano , già ProfeUore di facr/i fcrittura, 
(e) O fia Ptektio della Bibliouca , gìu^SL V QfprtC^ 
fione» <(i cui al $• i « cap. 1 » tir. IX dello 
R. C. per rUniverfità delli loagofto 1719^ 
pag. 71. Unifcanfi quelle delli 9 novembre 
1771 9 pag. 107: i^i: Prefetto della libre- 
ria j € nel francefe di ambe le Coftitusioai 
1719 » € 1771 fi légge liiblioth6caue« 



À 



Il 

^ AJfifitnié iéU m^JUfma («) « t It coólAiua 
M prove da lui date della fui lettetamni» e non 
j» ordinaria erudizione anche oell* adempimento 
19 di particolari iocumbenze ftategii da Noi ap«> 
u poggiate j cnde ci fiamo di buon grado- nooiE 
i^ a conferirgli lo fteffo carico , perfuafi , che 
^ coir e fatto adempimento de' doveri ^ che ne 
t» dipendono 9 farà per corrifpondere pienamentt 
u alla noftra afpettazione i e rìméritarfi -gì' ulte» 
p liori effetti delle noftre grazie ; quittdi è » ek$ 
^ per le prefeoti • • • deputiamo il fuddetto- Sacer- 
^ dcte Francefco hoAoinco Berrà ^tt BUlwtecario 
^ dell' Univeriità no&n Ji^li Studj^ con tutti gli 
^ onori, privilegjt prerogative ,preecQÌnenze , auto- 
^t t\ik , efenzioni j utili j drtti » ed ogni altra cofa 
^ a tal carico fpettante , t tolF annuo fiipgndio 
^ di U. UGO» che mandiamo al Teforiere di 
99 efla di pagargli ripartitamente j a quartieri ma» 

9, turati ^ 

m 

^ Tmalmente avrà detto Prefetta ieUa Bibltottea 
un Aiutante , il quale dipenderà interamenu 
dal medefimo per ciò » che ri/guarda il fervi» 
liù deUa Libreria. Così al $. S dei tit. IX ^ 
cap. I delle R. C. per t Vniverjità delli 26 
agofto 17299 pag. 74. Vedap pure qui /opra 
la pag* $6» 

Finalmente avrà detto Prefetto delU^ £i« 
hreria due AflSftenti nominati da Noi, i 
quali dipenderanno dal medefimo per ciò^ che 
riguarda il fervigio della Libreria. Cosi al 
%. 8 del tir. XII , cap. I delle IL C. per 
tUniverfità delU 9 ottobre 1771 » ptg« le^s 

e 119» 



^ toikti t coniociarido daUt data delle preitnn^ 
^ « GOodimaDdo in avvenire » dnrante la Itia ibf» 
^ vita » ed il noftro benepiacitOt ma ciift» <Af 
» pceftt il dovuto giiuamento » e gli cel& lo (ti* 
9» pendìo» che godeva. MamUéuno perd^ a lut|i 
^, li noftri Minifaì » Magìftmti » pnnapaloiente 4 
1^ quello delta Riioroaa» e generalmente a chiuiif 
^ i|ue fia ipedienie» di riconofi;ere» binare» f 
^ nputare il detto Sacerdote Sgna per BMmt^ 
^ Mfi# della noftia Univerfità» e wpftraifi lì 
» prefilati nella Segreteria di quefta, che tale k 
^ noftre mente* Dsh m Ti9rmQlik$Mff»Sovr7% 

t79& ROFFREDO di S^rgh , Abbate Ma«r 

4 rizio» M JV!r/ dturmindrci a rionpierf 

iuggio» »j la vacante carica di BiUioU€éirÌ0 

M della noftra Univerficà dggU Stadia 
^9 abbiamo fiflata la noftra (celta fulln 
^ perfona ddIC AbbM$ Maurjiio Ae/- 
^ y^€^ df Sacrffio. Sono cosi noti 
,9 nella repubblica kttdraiia i diAinta 
g, di lui meriti» e le eftefe cogni« 
0» sioni» cbé coli* indeTefla fuaappli* 
»» cazione agli ftudj fi è e^ aoqw» 
»» fate nelle fcienie » che incontrine 
f, mo con piacere ropponunità di 
0» dargli un pubblico atteftato delle 
jt noftra ftima^ ben pcrfuafi» dm 
t» fata per compiere degnamente In 
»» incumbenze dell'accennata carica » 
i» e conciliaffi vieppiù la Sovrana n» 
f» ftra beneficenza » tfpirò ttdU pr^ 




'i> fi^^i •••••» depiitiaino ttfuiietf AUmu 
^ Mauri{io Roffrgio di Smorgio per BMcitcéwio 
j, dell' Univerbià noftra dqili Siudj^ coa.tum 
j^ gli onori j privile^ t prerogative ^ preminenze^ 
j» autorità , erenzioni , utili » dritti » od' ogni altra 
if cola a tale carica (pettante » i colf annuo jU* 
,^ penilo di U. laoof che oiandiamo al Teforiere 
•p^ di efla di pagarsK ripartitamente » a quanieri 
^^ maturati^ cominciando dal primo delcorrente» 
^ % conrinuandoìn avvenire , durante lafua fer- 
^^ vitù » ed il ttoftro beneplacito » €on ciò > du 
^t predi il dovuto giuramento. Mtf/iiftfjvio pertanto 
^ a tutri li noibi Miniftri ^ Magiftrati » frìncipaU 
^ mgnté à ijUiOò delU Riforma , e generalmente 
^^ a chiunque fia fpediente di riconofcerlo ^ e ri« 
^ putario nella qualità fovtìi e(prefla » 4 regiftrarfi 
^ le prefenri nella Segreterìa dell' Unì verfità pie-; 
^ detta t che tal è noftra mente. Torino li ^4 
#» OUIggio 1791* ^* Amedeo. 



Segretari eome infra. 

1710 DEROSSI Aitate Tommafo Aleflio» 
^ 1 5 Népolitano {n) , Dottor di leggi ^ e 

ttòvemh» Profeflòre di teologìa , Segretario , ed 

Archivila j e Riformatore fovianumt <9 
lario. 



f^ f^eJi la nuovi Guidi » di cui ftd infra , fog, 
114* 



y%9 FIL1PP0NT (éì) TommaTo (i) , SigritarÌ0 
4 dell'Uaiverlità li 6 novembre 1729^ 

e Segretario del Maxìftimto dell'Uni* 
Tcrfità , e de'CoilegjTi 17 aprile 1738» 
M Non s'ammetterà ali' impiego di 
^ Stgreiéuio della Riforma, fé non 
jf, un foggetto » che fia dì fede in- 
^ corrotta 9. di nota . probità » ed abir 
^ lità , dovrà quefto eleggerfi dal Ma- 
^ giftrato della Riforma» ed appro- 
j« . varfi da Noi. Casi nel tìtolo i , 
capo 4» $. I delle Refurie Coftitu- 
siont per V Univerfità di Torino delli 
ao agofto 1729» pag. 11 » e ij» 

M Sarà al di lui uffizio unito an« 
» che quello di Segretario dell'Uni* 
jt» verfità. Così nel fucceflivo $• 1. 

E nelle Regie Coftituzi( ni per la 
detta Univerfità delli 9 novembre 
177 1 , tìt. ly cap. 5 del S egri tarlo 
del Magiftraio della Riforma^ $• i., 
pag. 2,6 : iH : ^, Sarà al Tuo uffizio 
»t unito anche quello di Segretario 

delT C/nivcrpià , de* Collegj delle fa* 

colti, € del Protomedicato 






i) yedi pure qui fopra alla data 17 18 i3 dicem^ 

tre, articolo Di ColUgno Conte. 
Kedi la nuova Guida per la Città di Torino ^ 

jég. 114» edizione di Onorato Deroiii 1781* 



^: pai librò fiiiii|iM> itt Torino ftél ijTy 
àùl tìtolo Siamm' Vtmrsmdi y Sa^nque ColUgii 
jMrifc0nfuk$rmn Auguftm Taurinorum , fi nc«M(: 
•ile pagifle 17 ^' # x% y clie alttt af era il ticolo 
éLSwconfervdtor fiéviUp:òrum Unàverftatis^ coma 
AmUardo de fau[cmUyy è Jtmtàtp Soni^ardi^ • 
litri ' aveva quello^ di CoijfèrvaMre degli Statuti alm 
Univ€rf,imtt$ ^ comi: Umhum fèyrokriì^ 



fi 



t •■ 



tt7> BERTOLOTtl Cario £iiiaiiueL 

%y ....... 

ttoremb. 



-s . . ' ^7 



Oflervt i/ Ar4^^ ftofkdì|iIoiB^ pag. f 
della dedica a Vittorio Afnedeo II » che delPUnim 
vtrfiià di Torino ne parlò già onorevolmente il 
Jmdendorpio («)• 

NeU' Almanacco Rede dgi Dtrojffl per 1' an« 
so 178^ dalla pag. 189 fino alla pag. 107 fi 
hanno pia cofe ettenziali intorno a qtufia Uni^ 
imfità degli Studf. 

E aUre egualmente importami in ordine alla 
Oiedefima fé ne iianno pure dalla pag f 1 9 alU 
pàg« 1)8 della fnddetti nuova Guida per la 
Città di Torioa» 

NelU 

(a) Middendarf natif dfOlden^ul^ dans la fr^ 
fifUi d Over-Ifftly enfeigna à Cotogne , oà 
il fia Chanoine de la Metrcpole » t^ice Ckatà-» 
edUer , puu ReSeur de f Vniverfiti. Mcnrerì ^ 
DiftiOnnairej ei^r, fra le altre di lui Oper0 
fi àia fuaUa de Academiis oibia univecUii 



Mdb m. I dol prcfcate tomo /nota « ab- 
10 fnomefi» dt ripoittie le precife paiole del 
Akmu Tirét0f<hi, e del Conu Orjmi^ 
ppflè CQonciflido da qeefto y come Amor N»» 
amie, cos2 dice egli nella parte feconde dell* 
Qffù di Mmmmwtl Fiàieno, pag* 5 5*' ad 57. 
jt IJC» E perchè Dalla meglio fuole dilpone 
gfi «rimi dei fnddtti all' oflervanza delle leg^ 
p« die le ottime di feipline , e' aumentò gli fti» 
P^^dj » e gli onori alli pubblici Lettori già xi« 
cbianuiri in Turino » e conducendo in Inogo 
dei mancano altri uomini preclari (tf) » tra quali 
degno è di particolare ricordasione il Cujacia. 
PMfok atte Riforma degli Stud) noouni pari- 
amui del maggiore {rado , e dottrina (^> > • 

,» vietò 
1) „ Ambrogio Mario di Cafale» il f^andùp 
jiamfimfo Gtrmonio ^ Teféutro^ Argenterò^ 
ymUrioUy Céumvera^ Filalièo^ Bérbavarim^ 
Remdio di Chio Uuore in Grtco^ Quefit 
eoft fpeitanti alle Umvtrftà di Turino» 
e di Monteregale fi vtdrmrmo pia cmpia^ 
menu defcritu mlU dejuUraia dopo lungo 
umpo Storia delU Letterature Piemontefe 
dàUa penna culia^ e giudi^iofs del signor 
Conte Felice Nicolò Durando di Villa 
ji Turinifi» 

ì) „ Gerolamo Della Rovere Arcivefcovo y Lan^ 
•» go/co Gran Cancelliere » Caffiano D4d Po[* 
» ZOy Ottaviano Ofafco Prendenti, Filiberto 
f 9 fittone illuftre Iflx>rico ^ Marcantonio Ca^ 
it pray Jl^'^i Molinei y amendue Medici di 
«, Corte t GìMifranaefso Nttutm 9 Qian^Jinsa^ 
u tuo BeUa€omàa» 



99 

n 



99 

99 
19 



9^ 

f^ vietò a 1» leppo ai fudditi cB pij^ feeitfi i 
^, ftudìo altrove j che in Turino (tf)« 

^ A tanta munificersa ebbero eziandio pan 
t^ le. Arti Belle « e la Tipografia fopm tutte ci 
,j tenne grandiiEnio increiDcnto » per A^trn i 
)» Duca chiaoiati gli aitefici Diiglioti {b) » e oe&i 
j9 una Compagnia della Stanf.pa con ampfiftn 
j» privilegi \c). £ nel regno di lui fi acaebb 
j».non poco la laudevole ufanza degli anticli] 
»» rinnovellata nel fecoloXVl in Italia» dello eoe 
j9 rare con medaglia li perfonaggi più illuftii 
M eziandio privati » tra cui merita mi Piemcm 
^ fingolare menzione il Conte Afinari di Cam 
j» ratto ^ valoroiò egualmente in armi ^ ed inlel 
4tere {d^. / 



(a) »» Privilegio » ed inibitoria , eke niuno fòjj 
^ fiudiarc » ni adottorar fi altrove % che neli 
j» Studio^ ed Vniytrfità di Torino y i) li 
jf glio 1571. 

(b) », Il Torrentino da Firenze in MonteregaU 
j» e il Bevilacqua da Veneiia tf Turino» 

(c) »> Memoriale a capi 1^ luglio i$76. 

(d) »> £ qui -cade in acconcio di parlare del 
»» medaglie appartenenti adEiraouei Filiberti 
» Qttefte fono cinque» gii^fia la defcriiìoi 
^.iafctataci n$lla /uà Storia Metallica MSi 
»» della Regal Cafa di Savoja dallo Abbai 
j» Francefco Berta, Prefetto della Regia B 
j» blioteca nella t/niverf'd di Turino, la ci 
j» immatura morte non mai àbbafian^a piare 
0^ gong i buonÌ4 



H 
QuBto poi al Tirahofehi^ tool, tf, par i^ 

)• 1 9 cap. 3 1 $• 17 > pag- xot . o lot , ecoonej 
I le altre » le fae prectfe parole, j, Amedeo VTii, 
fórno Duca di Saircqa, e (ucceflore del Prin- 
qpe Lùdopico (à), le accrebbe nel 14^4 i pti^ 
fdegi a e gli .onoh (^) , nu quattro anni ap« 
fK&> U peftilenza » che menava gnande ftrage 
ia Tirino coftrinie 1' Univerfità a ricoverare 
IH Chieri^ ove fi ft\itte lo fpazio di circa otto 
inni» finché» Tanno 14J5 cacciata di là an« 
coca dalla forza del contagio » rifugìofli a Savù» 
fBMtio, donde (inalmente nel 1457 ritornò all' 
indca fede di Torino {e). Lodovico figlinolo » 
e fnccefforc Jhtmedeo {J)^ e il Pontefice Euge- 
nio IV le accrebÉì^rQ con nuovi privilegi nuof o 
ornamento. 

»» Filiberto Piirgone » a cui ia debbo tutte 
quefte notiz^e^ intomo alT Univerfità di To- 
rino {e) » ^(ccenaa un* altra traslazione j che 



I Ludevko d* Acaia » che mari lenza prole lesit* 
urna nel 141 8, inffituito erede uni vemle 
jtmedeo Fili Duca di Savojéi fuo cognato. 
Fedi il tomo primo della prefente Opera » 
pag. i04f ^ 105. 

) Fedi ^ul fopra pag, 5. 

;) Fidi qui Jcpra pag. $. 

1) Cioè del fuddetto Amedeo FlIL 

^^g^ Taurin. ad «n. 1405 » £» feq. 



9^ 

g^ per brare tempo G> («ce H ^ è MonaUmi (a\ 
(|i|) M ^^^^ Bi^péfia Piimonujt del TiiùveUi(i) 
j, tcm. t^ PH^i^ ^^* (^) fi èdimofirato coftau» 
^ tentici éÌ0€um€MÌi.p che non fiifific il trafpòrto 
^ 4M Umv$rftà di Torino n Moncah^ri juLC 
^ ammtà del Pbgone da me nffinto, 4 che 
^folò vi fu irafportato il DueaU Configlio» 
•» Vcggafi anche fu ciò la fopraUdata Optra 
M del Mabcaxne» f iir/< 1 ^pa^» 114 eftg. ())• 
(i) *» Q^^fio fi^ TinÌ¥tUi ìM efla aia Biogra- 
9, fia PtemonteTe » decade 2 ^ pag. 47 ad 5 x 
^ ^ ci dà la vita del Pieuo Beggìamo» dir tui 
^ fi parlò Old (opra pag. x ^ e nel mcdtfimo 
^ umpo ci fa offtrvarc alU pag. 49^ 5 o della fitjfa 
^^ Decade X ^ un errore del Chieia » ne* fe^uenti 
^ termini. ,, Ebbe priacipio F Univerfità di' 
^ Torino per opera di Pietro Beggiamo Sa-^ 
^ viglianet^t ^ e di Ottobon Bellooi di Va* 
^^ len^a » detto eironeatnente dal Ckitja , 
M iftoria del Piemonte ^ lib. 2 » pag* 121 » 
^ Onohono di Belluno , quafìchc fofle del Givi» 
^ dal di Belluno in urrà ferma de* Veneziani* 

^ Epptrò » fecondando il fenumento del Tini- 

^ velli , convien dire^ che mito fiefjo errore 

^ del Cbiefa fia pur caduto il GuicbcDOn » al 

^9 quale proposto vedafi qui fopra la pag. 2« 

(1) K;^ anche dalla pag. ff ad 6j del medefima 

tom. X di elfo Tinivelli. 
(1) Ibi: la città di Moncalierì fu puredetto effere 
fiata ricetto dell' Univerfità degli Stud) da 
FUHertù Fingane C^) . , • • ^ ma il fatto è , 
the a Moncalierì non v*è mai flato Univér* 
fità • • « Vedine in diflefo la éUmoftraiione 
di tffò Malacarne (^^) dalla pagi 114 ad 
1 1 S della parte i fuddetta. 

?) ABfoftt Ttvria. 14 timaai 140; & ftq^. 
*) Opere de* Medici « e de* Cernaci t che Mescerò « o iloiÌ« 
to«o prime del (ècolo XVI Degli Sied delle l«tl Caia di 
Hvoja. Iotìmo mIU Statufetle aeilca ijad. 



^ loodfi poi. VmBB 1459 fa ricliiifliiti t Torma 
H L*<raioiitt dì queiù Univerficà dee proba^- 
^ BCflce cacteie » come feoibn indicace lo fteflb 
I, Scriocre» quella eretta già in ytr celti ael fé- 
I, colo XIII « di . cui noe troviam più alcuna oiea* 
li lìuee. FiMqui il Tiiabofchi tu luoghi di fopré 
nàfotL 

Da quatta Univeiiità ji Torino fono ufciti 
fcmpremai uoniini grandi « paflku poi alle più loi- 
BÌDofe dignità 9 e cariche • Nctoiiao fra gli a! cri (tf) 
hi i7ao in. pcn i CarJinoU Jh'errero (i) » Nata^ 
Ccrdil » e Colhi (é) » gli Arcivtfcovi di Ori^ 
Uno lontana , di Torioo Lucerna , li yejccvi 
t dlghtro Benolifio , di Mondovì Cafati , di 
Tonano Peiretti , / /vtm Pochettìni , di Bob* 
Mo f abi 9 il Gran ConcelUert Corte » i Mi* 
afri di State Pejntu , Graneri , Laverà « 
f Adorni » il primo Prefidente Morello > il prìo^o 
freiìdenre del Senato di Piemonte Niger, il Pre* 
ii dente Capo del Senato di Nizza Mellaro* 
^ , il Reggente b Gran Caaceilarìa AvogO'* 
irò » il Cipo del Conlìglio di commercio » 
x Prefidente Capo del Confolato di Torino de 
ìod^ » il Prefidente Lombardi » li Prefidenti nel 



Ji) DÌ€0 fra gli altri » perehb non k odo affunto 

di nominarli inni. 
(bj Domenicano 9 nato in Niija^ Vtfcovo t AUf* 

fandria^ e pofcia di Vercelli nel 17) i* 
^ i gre primi flati Profeffon , ed il Cofta jDo$^ 

uro di dalUgio di teologia* 



9« 

FraBCu tr€^f€r: £a^« . i prso & eg ict a rio di 
5'2.'0 per gj «fiT. fVTasscn CUm€mu Dami^ 
%ù *c\ ^ ì! Cccuccre Gere&lc Jimtdtù Imt*, 
tofta '£, , i! Re^'gect= zjcìI. CaDCcJkua ÌB.S» 
deg**a Pmc'^u^ a Gssciu a=ik Regie Fiomi 

A z'r, clcre alle perone reftè accennale w 
latnnin^oie ai «cfrpo pciiexìoreal i7io, aloe aof 
andrò pure '^n^'c*^iQ di egoaie ripucasicne» f 
fema ocr v^uhiio «'tenp* dorerìoh aldenoaMf 
1710, fccocd >c^c mi e n*u!cato da due ftanpi 
del I j7 j 9 e 1079 conceccend Qucfte gli flaui 

dU 



(a) Melonia di CmflÌ£ri3 Jeputató quefii Cecnadf 

Prelidenre mi Senato di Piemonte con JL P# 
tenti delli i o tf^0/7o 1750, nelle quali , o/cn 
H folito (ìipenJio di lire tremila > furongti af 
fegnaee lire duemila di penjione. 

(b) Qtufio Prefidente Dani era avo paterno idi 

attuale s g. Conte Luigi di Magnanom 

(c) Reggente nello fi effo tempo la Segreteria Ji Stan 

per ^li affiori imerni. 

(d) Padre del t attuale sig. Marche/e di Cravan{am 

Oioanni fiatatila Lwgi Miaijtro di ^tam. 



9f 
L Collegio de' Giureconfultì («)^ ed i privilegi 

di 

) U ititi fiatati Veaerandi , Sacrìque CoUcgii 
Jurircoafultoruni AugufiaTaurinorumdel i /7{ 
fonano in fronte una dedica (t)dtl teufirfe* 
gueoce. Revereniiffimo Tautinenfiitm Archie* 
pifcopo , aimaque Univtrfitatis Cancellario j il* 
iafiri Hieronimo a Ruvere (z) Philib^cus Piu«! 
gonius Collega Prior. S. O. (i) 

Leggefi poi fra le altre cofe in effa dedica^ 
éu^ ex gente Ruverea Taurìnenfi clariffima 
Duces etiam Feltri! , (ìveUrbinates, quinunc 
ùm » prodìeraat ^ e che duo ilii Maximi Pon- 
cifices Sixtus quartm , Julìufque fecundus (j)« 
hide Academim tune nafctnti incrementa fin- 
((•Ilaria eontulerunt. 

b) ìfilla nuova Guida per la Città di Torino del 
1781» patf. 110 3 quefli Statuti vtggonfi ci* 
tati come infra. Statuta t^enerandiy Sacriqug 
Collegii Jurisconlultorum Augufls Taurìnorum. 
Taurini 1575 , (ine typograpfii nomine. In 4. 
Editor Phdibertus Pingonius. 

ìtn data delli 17 calen. decemb. 1574» che h 
quanto dire delU 15 novembre di effo anno. 

l) Di quefio Gerolamo della Rovere Arcivefcoi^o di 
Torino j e della i'ua promozione ài Cappello Car* 
iinali^io vedi quanto uq dice il sig.Collaterale 
Cavaliere Durandi nei motivi dellafentenia Ca* 
meraU 1 4 gennajo 1789 pronunciata tra il Mar^ 
ihefe Solato del Borgo , la Comunità di Mon^ 
^fi^f e li Marche fé ^ e Cavaliere fratelli Co fia. 

i) m quejli due Pontefici vedi il di pia nel tomo 
terzo di que fi' Opera, appendice , parte quarta^ 
pag. 101 , articolo Kirwvo &c. 
Tom. IL G 



9* 

^éi detta Uoiveifltà («). Qmméi »• cte lUk hA 

9^ loto dìronojclie in eSà furon Piofefibti di legge(^) 
a* rArcifefcovo di TohBO CUniw di Sei^tUc (^ j e 
^n TArcivefcovo £ Tawattlia A»^fiafiiG(trwt9mc{ii, 
il Vefcovo del MoDdovI Dpwunuo Tnuài , li 
M pfiai PwfideBti del Senato dì l'ieaioote. Già. 
9^ Franttfco Farf9rM90 (e) » Gi0^ FfAnctfco Cra^ 
jt wri4 1 Am§ii0 4 Pcnt§ » CUmtnig yiwmldo , 

(a) Ztf f recitata fiampm dd léj^ ^ctummu tali 

?rivUfgj ha ài figàsMe titolo i Privilegia alme 
aurincnfis Usitetfitatis Augttfim Tattrùtorttm 
1^79 t m fitte della quale» cM ialU pagina 
IO) ad 1X6 fi Ugge cose infra. Caualogtts 
DoSùntm^ ftti m almd (t) Taunnatifi Aca* 
dtmia ff^ tempere jura interfrtum fmuftcan- 
dtun cujufqttg promctionis ordìatm. 

(b) Cerne può vederfi nel Cacalogo » di cui tutU 

l^ag* IO) ad iif di detta ftaoipa del 1679. 
(1) Di SeìflfeUo. Intorni a quefia noUliffima Fa- 
miglia (a) vedi il Cbie(à nella Cotona Reale 
par. i, pag. ai. 

(d) yedi qui Jòpra U pag.ti ad ^o del prefenu tome 
(é) Desinato Cancelliere » come nel tomo primo 

della prefentt Opera ^ pag. 47 » ^ 149. 
(t) yedi qui fopra pag. 5 : ihi : Amedeus Dna. 
Efniverfitati ^ & Academiee Taarinenfi^ quam 
almam filiam fiiam vocat» pleraqàe confert 
pmUegUn 

(e) Altrimenti detta d' £s , ou Aia (^) da un grof- 

fo 9 e eivUe torgo della dioctfi di Grenoble » 
Corona Keale, par. 4, pag. 12 fuddeeia. 
(*) Aia in francefe s Acqui in italiano » e Ac]u« 
Gratiaos in latino da Graziano Imperatore^ 
che ne fece riparare i èagni. Corona , Reale» 
/tfr. X » pag. a a. 



> 



$9 

Citimi 4n$0m$ Bdlonfi fa) > GiMum $Ì4Uom0 

Ìtrrm$9 4 Gioanm Frmcefio BeUeiia, li p'n« 
01 PrcfiJwti xlella enuiera ^i Pìeoioiite £m^ 
wad Fihbato Qwe^no^ JLorcn^o Nomiti ^Cìo. 
Ff0ugfco Céutd^^ il primo Pjrcfidentp d^l Se* 
fitto di Niz^a Gioanm Antonio Capelli ^ il Re- 
gio PiiefidcoK^ Girolamo Porporato ijb)f e il 
eelebie Gtoanni Faudo 'f). 

,9 E furono Dottori CoUegt^tì ^ Uggf ia e^ 

Ue<TerÌÌ44 {d) Cn/ioforo della Rovtrf (é) creato 

Cardinale nel 1477 , lì Oocdlieri di Savoja 4f^ 

tornio^ té AmtiiO de" Mar^htfidt ^magnano {f)^ 

li Cancelliere Aotonio Campione , il Qr^n Caa- 

celliere Cachtrano £ Qfafco (g) » il primo Prp« 

tideote del Senato di Piemonte Caffianp Dal 

Po^ip^ il Prefidenre Sa^rarum Audiinti^r^m 

FriQ.efco de Thomatis (A) , i Prefidenti del Con* 

) Fedi la par. z, tom.^^ Pratica Ug.^pag* ( r 9, # (1 1« 

giunta la pag 1 09 della precitata fia^pa del ■ ^7^^ 

) Nel I > } 8. /^edi il tomo primo della prejé^e 

Opera, pag. x$m. 
) Vedi ^ui foprapag il delprcfentc tomo » giunta 

la pag. 107 deUa fuddeita fiampa del 1679; 

ibi : Joannes Faudus a Ccrfeoafco merito 

portentum dicendus j qui corporis turpitudine 

pulclurwn animum 9 ac in Ugalt fcicntia exc^ 

lenttff. ugeret. 
\ Coma può veder f, dalia pag. 9,6 ad if di dejtea 

fiamp0 del 157S. 
I Vedi gli fiéUuei an[idetti del 1575 , pag. ì^fm 

Di quefia Famiglia della Rovere fi parla mi 

iomoterio^ appendice, parte f9Uir$a , pag» 19X. 
Pag. 16 , e xj fuddette. 
I Fedi il tom. I deUa prefenu Opira^ f^g» 37 

^^ J9j * f^. SO ad ji. 
Tom» I fuddetto pag* i;8. 



f 00 

ji figlio Cifmontano De Ran^^^ e Canavfto ftf)^ 
^t i ' Prefidenti Patrimoniali Angtlino » e Giorgio 
j, I^ovAtta {b) ^ì\ Prefidetite del Configlio Ducale 
jj Gioanni de Manfredi Conte di Lucerna (e) j il 
M Prefidente d' Atti Francefco OJaJco (d) « e bea 
M altri ancora 9 che per brevità li nalafciano {e). 
Succede qui rinCrafcriita Serie di Profeflori 
na^ional: , e (iranien ^ che fi ebbtro negli anni 1 7 io 
id 1717 '^) 9 indipendenza del riftabtlimento fat* 
te fi di queft^ Univerfi^à da intono Amedeo II 
colla di lui Coftitutione delli 25 ottobre 17 io. 
DE ORESTIS Domenico Ottavio (/) di Nina : 

Teolc^ga. 
GIORDANO Fili.^po Antonio deUa Diocep d'AU 

hs : ìnfticuzioni lanoniche. 
BUGLIONI Stefano Rafaelo di Salunoi inftitu- 

zioff) mediche. 
DOUC^T Nicolao Francefo Savcjardo: filofofia. 
FASìNI Giufeppe di Padova: facia fcrittura. 
'CrALEA Onorato, ^^^i^^tf : legge civile. 
tlOMA Gìufepp;^ (jl) della Bearnia ìnLinguadceeai 

£taca. 
CORaZIA Ercole (h) Bolognefe: Datematica. 
' SALINO Gioanni Torintje : inllituzìoni civili. 
BIANCHI Gioanni BattilU Ivrintjei anatomia, 
fa) Vedi il tomo i diquefi'Operaypag. i6i ^ e lyx. 
(b) Unijcafi il tom. i Juddctto, pag.j^ó^ ^ 5J4« 
fc» Unijcùji il iom^ I fuddetto pag. 1^6 , e 147. 
(d) l/nijcafi il icm. ì fuddetto pag. 457 , e 458. 
1^) Umjcèf, A Malacarne ^ parte prima , pag- 111 
ad III. 

(f OomeiHeana» 
(g De^Mimmi. 

SI Aiate Qliv etano. 
) . r.mcifo refatto n4lfo di miti gli altri » che vi veoatf 
dopo , come cola luaga di uoppo « e foxic aacht ao» oppqx^ 
tuaa. 



2Ct 

BELLEGAKDE Fulgenzio (^} Savojardoi filolofia. 
Lama Sem^ido Atxdic^ Napoàtano : rectorica(c> 
BbMONl Fraxi^<ìfco Domenico Malujc : teokgi&t 
HOUHAULT Pietro Simone di Parigi : chinirgìa* 
IlEuOLOTTl Domenico Rommno: lìngua grcc; (J). 

C^i ntl CaUndano di detta C/nivtrfiid per il 1720 
MlRAPELLI Antonio {e) di ifi^j^ai logica. 
StVfcRAC Pietro (/) di Toloja: tede già. 
BOCCARDO Bartolommeo lorintfei ìnltituzioni 

civili. 
BOCCA Carlo Tommafo Torimfei matematica. 
CAlilPlANl Mario Ago{lioo(i) di Piperno nella 

Campagna di Roma: inlVuuzioni canoniche. 
FAN TONI Gio. Maria Torinefe: Medicina. 

Cosi nel Calendario dei 17x1 \ ove quefli fi trovano 
nominati fra gli altri , di cui ivi» 
RAINA Antonio Torinefc: ircdicìna. 

Cosi nel Calendario del 17ZZ, ove quefiiirovafi 
nominato fra gli altri « di cui in effo. 
EXTH.EKI Euicachio {g) di Cofenia , Città in Co» 

^tria : logica. 
FERMERÒ Carlo Vincenzo (A) di Nii^i^a : teologia. 

Con rul Calendario del 1715 , ove quelli fi UO'^ 
vano nominati fra gli altri ^ di cui ivi. 
fc> Barnalita. 

(ci /Wx qui infra la pag. to6. 
(i, fedi qui injra la pag. 107. 
(t) De* MirùmL 
(t) Domenicano. 
(^^ De' Minini. 
(h) Domenicano. 

• :; Scili dect5. Gain (^} 24 mavtìl 17^7 in canfa Athertì^ non I2« 
pcrlaaJofi di certa Ooexa intxa^rria dsl Campimi col titolo 
Cjdicià TtTK I judìcacaru'n Senatut raukilìenlls > Cai'alentis > 9c 
Nuieclls li 'tt Mlly^t fogffiuniiie come Jepity in Cane dolci* ciani) 
qaod tanta n opus ^aliquioat tanricn emcndatit « qus Patruni 
x«lpoaùs a«>ii bene congmebciot'^ publicam luccm non alpe» 
xrfit» fjciir: .nim, U, eiegintn istxnoois , bc teium ^xavi- 
UIC gloiian FjhrUni co.ifc't xmuia;': potaifl*w 

♦; F.C arrpiiituro «luondam '>*:«tor« ^caU- 



\ 



COLONNA Chenibmò ttomiiib (m) di Ì9 

legge canonica. 
CtfSANO Marcello Papìnotio iV^pòfiMnd i 

civile. 

Cèsi mi CalehdMrió dèi 171 j^» bvt quefi 

gonfi compre fi inSe^e agili aUri, di cui 

CRUST tonatnalo (t) à Thanniì in Ai 

teologia. 
SMitS Gióatoi tàxèmiurg€nfs(^)t fogge 

Cosi mi Célettdano del 17Ì7» ove àuefii 

g^fifi compie fi infieme mglt altri , di em 

Oltre poi a' Profeflbn di Siato atiifi» 

tel^è accexinaniino j altri pure, tèonpo a U 

re vediamo eletti ita apprefib, e.ibtioifef 

AtÈÉTT A Giulio {€) di Francuvilla , Bor 

Regno di I^apàli : Diarematica. 1^30 1$ gè 
ANSALDI Cario Innocenzo (d) di Ptat 

teologia. 17 $6 $ ottobre. 
BADIA Giuréppe Antonio ^JÈnctnàX ttiei 

1719 % nov^embrè. 
BARTOLI Giuieppe di Padova: elcqtient 
^ liana» e greca. 1745 19 ottobre (^). 
CARKURl Gio. Battiftà di Cefalcfiiàt tati 

i7fo 6 ottobre. 
CASATI Michele (/) Milamfe: filbfofià 

29 luglio. 
CATTANEO Giacinto 'g) di Rarefi, Si 

Milano: teologìa. 1770 17 agofto. 

(a) Monaco Oliveiano* 

(b) Domenicano* 

(e) Domenicano» 
(d) Ag^fiiniano. 

(è) Vedi qui infra là paf. Iò8t 

(f) Telano. 

(g) Domenicana. 

(*) lu»imlQiirt » VUlc , ft ììùfìnit de tVi^9» Me 



DONàtt ViriliiM S Padt^ i botauca. 17 jo 

UH Ctfio Nicoia (m) di MéuMpa: tc^gm. 

Ì7|# 18 asofto. 
IA«INl libaiMO {t) Gta0¥€f€i teologia. 1779 

Il HoAo, 
CAIRO IiMiMibo (e) di Cofifi{à^ Cixà in Ce* 

Uknmx €fica fpcciamitaie. 171» %% fenambre. 
(iIìfelGUUL Sebaftiatto diSUm. priaoCanifi^ 

ikiiìkM. la nano i7}a. 
GUCiAKDI Fi!ancefco Antonio Géhw€f€{dii teo* 
. lina* i7ao la fittcambio. 
|<ElLET Fiuceroo(^ RludatUBfs {[) x taologia. 

I7af I aofooibce. 
lALA. Giacinto (^) di Mtrgéuno: ttologia. 1751 

fi 0ttofaio. . 
TA6UAZUCCHI Giiolamo di ModéM 1 alò- 

QMsaa. 1729 7 dicembre. 
tUVISANI Carlo Pb {h) di Pad^s t taolomu 

i7<o té maggio. 
TACCA Pier Lorenio (i) diFinaUi logica. i7i9 

ai loglio. 
VASEUi Aniaao di Siinm : geometna. I7|i 

la aorembre. 

^) D€ÌU Scu^U Pii. 
(b) Dm' Minimi. 

(d) Citrico Bagolari di S. PmoIo. 

(e) Dàmtnicano* 

(0 Rhtdcfui 9 Redoni ^ popoli in Sratagna • dora 

oca è Rtnts o Rtntus. 
(g) Domenicanom 
(a) D^mcmciLmo. 
(i) Datfe JcaoZr FiV. 




di itt&ggio rcio|i0 «tal Mtal 

éLi^ Pnfig^fig ci iàcà ' 

• aniféiM 17I1 ìb s**i» 

pknm , e Scnltna dil Genie AgoftÌBa 3 

19 Meo mi ftTvtiBe Ali d'ìswaogtf 

j, fia di q«al £iadOt ciowt i iica c ^ « iiipe 4|^j 

M o i MI parcMÌ £ ioiìpio. Imcfi^ '^^. 41 

^ Biohi asBJ 9 a padafe del 

^ Be fi feci parlale degfi nciBiai wm^jtm 





„ e , cbe ha tiamaodaio a'feoi inccefibB ^wk 
9, me » eh' egli medefimo la lefò illnflreé i 
99 ^efto k^ vale per una godca filsa<4ll:-cciÉ 
,9 anàcbi ancciiatt ]X)biliDeste ignoiaiiti, e bni 
M taloieiite gueniefì. Cait ei!£fi /^. 4 m f&m^% 
fegtuMU. 

Ih propofito poi dell' elcioa infciMtà#j|fi 
Padie BucMrU fcrive il Coste Xanc Ji}» dN 
lielle orej cbe fitiovavafi folo» non oeflivaifiMi 
fcritti di rivedete 9 correggere , efamìiiare9 ecfac 
la ciaduzìone delle Tue opere fatta in Ingkilunajtù 
il libro, che con una fegreta, e naturai oonpia- 
cenza più fpefib degli altri folea volger fin maiali 

Inoltre fiuà pur bene di avvenire nel paefeati 
molo » che U prime fiampt ^ cbe (ienfi eicgnice in 
Torino , furono ie feguintié 

Dreviarium Romaovm. FoL per Johannaa 
Fabrij oc lohanninum de Petro. T^mini 1474* 

Decreta 



(a) Stampato in Torino preffo il Briolo Mi l7ftL 

(b) Pag. 15 , xi, € 19. 



fiicttte Sabaildix , Opera Friri Cére {a). Par 
lo. DM LiiigiMieiifcin. A/, ibid. 1477. 

*<lb} aUa pig« lyy del librò intitolalo Of»» 
p/^9*f^9gnffi MU (lampa dall' anno i^sifino 
rfram ifoOi in fina dal quale ieggefi come 

Sifaiioium penniifu opas fic effigiatum fuis 
fannlii efecit Snitum Conftaatimts PT/àrittSy ci- 
ia Bononumfa^ fandiffinis inquidtionis cotzitìi 
lamicasi piavitatem imprgjfor , ^ biòUopoU , Bo 
tOBÌae Itudicmiin s n/i/io dominicK incarnationis 
I7S2 ^ in ^fillio S. Pecronii s die 1 x i menfis oélo- 
Wi . . . . . 

Oflerva il Conte Orfni d'Orbaffano nelPelo^ 
fbc&EiHanuel Filibetro» par, I3 pag. 57, che 
wà Canaio di qtiefto Principe ia tipografia ot« 
tmm ^ndiffimo incremento t per avervi '/ Duca 
diiaDaiD j;li a]te6ci migliori (^) , e cosi il Tomntìno 
^ FiieBze in MonuregaU , e il BcvUaqua da Ve- 
nezia tf 7»f STO. 

Ed eziandio gioverà pure di qui richiamare 
ilA^ yigtititù delti r4 gennajoijii accennato 
^ fi^ alle pag. 5^ ^ e 57 , cui farà opportuno 
<ii iggiugnere quanto Ieggefi tugli Archivj Camer 
rat 1697 m 170} : Ui: 

t» Como 9 che alla Reeia Camera deXonti 
», rende il Procuratore Qout^\zto sig. Michel A n* 
^ ionio Gaiio in qualità di Teforìere degli Stud) » 
iy flr Univerfità de^ prejente Città per il Tuo nia- 
ji, seggio dall'anno iS^-j fino al 1703 incluliva- 
n mente. 

analmente chhideremo il pi efente titolo colle 
iifrariportate Patenti. 

fi) Ve^ il tomo I di quefP Opera ^ pag, 45. 

{*} E etesii una Compagnia della fiainpa con ampliami pìiTÌ- 
lcfj> MimorUlt m Cspi i| laglio 157^* 



M 



«710 LAMA Btmiido AadiMu ^ S&ikitf 
. i; . », molto ttaitaggiolbf cheli Pxofaflbii 
Mv«idIi» » d' Uo^urafft deftiaad all' «nmae- 

p, ftauDoan> delli ftiidio(k Giovcocù 

0, nella iioftra Univerfità » fiaao ¥cr&ti 
«9 noa folo nella .Ibgua latina^ ma 
u anche nella f r«c« » • fapendo Noi 
„ quanto tiuUm neli'uaap e nell'ai- 
u tra B€ntard0 ^ndreé Léunm Napo^ 
^ MtanùM come quello « che già per 

Patena noftre delli i x gennaio 1718 
eTevamo fiflato per Frofefofe fola- 
,9 mente di data lingua greca , e che 
i, ora fiamo ftati informati effere aoche 
u capace d* infegnare utilmente la nt^ 
M ioriea^ ed umane tetterei abbiamo 
t> perciò determinato di eleggerlo pgr 
M mie de'ProfBflbri d'eloquenza in 
S9 detta Uni¥erfiti ^ ad effetto d' infe- 
99 gnare in efla la rettarica ^0 la fre* 
^ deità lingua greca » fecondo che an- 
99 nualmente lo deftineremo. Chepperò 

1, per le prefenti • . . deputiamo ilprt' 
,y detto Bernardo Andrea Lama Pro- 
9, fe{Ibre dell' eloquenza carne fopra 
9, in detta Univeriìtà^ con iuiti gli 
,9 onori , e con lo ftipendio di IL 1 j 00 « 
^, di cui godeva» in virtù delle pre^ 
99 defignau Patenti, la qual fomma 
,, mandiamo al Ttjòriere della nofire 
^ Finanze di contìnuaxli a pagare» co* 
^ me prima » durante la fua fervitù , 
„ ed il noftro beneplacito • • • • • 

^,y Alla Fenariaìì ij novembre 17x0. 
9» y» Amedeo^ 

MeUartde. (a) 
(ft) S»ojarJlq. 



9» 
È» 



i« REGOtOTTt DMhetiitb. „ le vlrtuofe, 
I M e lodevcli quali :d 4 che sella per- 

ji fona ift D9m€nÌ€o Regolottì Romàna 
•> s'uDiicooo allt di lui dottrina, ed 
«» ìfperienia , non meno dclfó lìngua 
M grtta^ di cui è ftaioicrittc re nella 
9, iittìoteta yàticanài che della U' 
$9 tina^ e fcienta ddU umane Ut' 
M r«fe, ci muovono a fargli fentire 
gli effetti della noftra uìunificenza^ 
con tUggirlo per uno deTrofeiTori 
d* eloquenza ntUM nofim l/mverfitd, 
ad effetto d'infegnaie in efia la 
ititorica 9 o la predttta lingua grf 
ca^ fecondo che annualmente lo 
deftineremo ; rAr Però in virtù dtlU 

jTtfmii deputiamo il fiidm 

d^m Domenico Regoloiti per uno 
,, de' ProfefTori in detta Uni'^etjità^ 
,, con tutti gli onori a privilegi , au- 
^ tonta, urilij dritti, prerogative, 
V, e qualunque altra cofa a tal ufi* 
,» 1KTO appanenente, e ron lo fiipen^ 
„ dio di U» i7jO d'argento» da (oidi 
„ 1^ V una , quaU mandiamo al Te- 
„ foriere delle noftre Finanze • • • 
„ di pagargli^ ogni anno/ifartitamente^ 
,9 n quartieri maturati ^ da cominciare 
dalli 4. fcaduto ottobre , giorno del 
fia> univo , e continuare in avve* 
„ nire , durante il nopro beneplacito^ 
,, e la fua fetvitù • • • • » con che 
j, prefii il dovuto giuramento , tale 
9, ^endo noftra u ente, tenaria Reak 
99 f I «ovmhtt kf a#. K Amedeo. 

Meliarede. 



•I 



9» 



1751 BARTOU Giofefrpet h 1^ !• profend 

15 ,,•••• deputiamo il fudi§tio Do^ 

lamoib* M <orf Giuftpft Beinoli per Ami^m 

«a rio Hegio^ con tutti gli onori j prji» 
9» vilegì j prerogative ^ utili » vanta^ 
j9 gì, eiènsìoni» ed ogm altra ex?» 
99 a tal uffiao fpettante , con ciò ehé 
^y frefii il Ja¥ut0 giuramento. Mandia- 
„ ino penante a chiunque fia fpe- 
j, diente di riconofcere, ftiii.are.«.« 
^, Torino li 15 Settembre 175 1. 
„ Cm Eménudu 

Mali. 

t7f ) BARTOLl 6iu(eppeé »» Il merito fin- 

^} n golare s che il Dottore Giufeppe 

fettemb. jt Bartoli nofiro Antiquario fi è acqui « 

„ (lato nell'avere pel corfo di anni 
9^ li cosi lodevolmente promodo io 
^, vantaggi» delie lettere Tinfegna- 
M mento delt cloquenia italiana , e 
„ f rcM • • • . , ci ha moffi ■ • • ; 

^ epperò per le prefenti 

^ deputiamo 1/ Juidctio Dottore Bar^ 
^, io/< per Direttore del Mufeo nofiro 
^ ddUAntukità nella noftra Univer*- 
^, htà degli Studj » con tutti gli ono* 
^ ri • m • . , continuando a godere 
dello ftipendio di il. looo, e della 
penpone d'altrettanta fomma, fa« 
cicnti IL ini. annue folite pagar- 
legli dalla Teforetia di detta Unì^ 
verptàt come pure dell* altro fli* 
pendio di lire mille » che paritncnti 
già gode fui bilancio della nojirm 



9% 
9% 

19 



f09 
Rtd ft/3r , MB eie , che fre/li il dwuto gim^ 

ftjngmo • • • • Toriso li ij ratteinbre i76|. 

L. LméuutcUm 

Mali. 

7i BERTOLOTTI Carlo Emanuele ^Sign- 
l taro atu^ l/niver/ità (a). ,, Nella circo* 

m^m j9 itanza » che per la morte di Tommajk 
,9 Ftkpponi^ (i e reib vacante rim- 
99 piego di Sigrttaro della no/tra l/ni* 
P9 vtrfiid dtgh Studi , CI iiamo degnati 
99 di Jurrcgarvi il (uddetto Segretaro 
99 della mcduùuìSi Carlo Emantùdé Ber^ 
9, teloni i il quale 9 pendente reibr- 
9, e zìo avuto pel coriò d' anni aK dell* 
99 attuale iuo impiego 9 e preceden* 
99 temente anche di quello di Scgn^ 
99 taro del ColUgio no/iro delle Pro» 
«9 yineia per anni 1 4 i ha (empremai 
99 date coltami prove di probi tét^ in* 
99 tegrità^ e £ una fingolare abilità^ 
99 edindefejla attenzione ^ onde ci ri* 
99 promettiamo , che farà per corri* 
99 fpondere pienamente alla noftra 
99 afpeitativa coli' efatto adempimento 
99 de^ fuoi doveri j epperò per le pre* 
%%ftnti • . • • deputiamo il fuddctto 
9t Carlo Emanuele Bertolotti per Se» 
99 gretaro delCUaiverfità nopra degli 
99 Studj (^)» con tutti gli onori 9 privi- 
•9 ^gi • prerogative , utili » ed ogni 
99 altra cofa a tale uffizio fpettantc, 
99 e coir annuo Jiipendio di il. 1 000 9 
99 che mandiamo al Magifiraio della 
9» Riforma dì fargli psLgàXcJuli erano 
^edi ifuì (opra la pag. 90. 

ÌKagih il 4irpo$o dal {. x tic. i» cap. %% pag. z6 delle 
L C. /cr /• Vttiwerfità de! li 9 aoV'-!r>jt 1771» già da noi 



sijoiuio ^tti iiojpia «U« f <. j. 19 



tu 



ELENCO 



Degli Inftitutofìj Capi, Confervatorìs e Riformatori ^ 

qui fofrm jicminuti» 



Somptjo BafiUo • • • 

Abate di S. MicluU idU Chiufm 

De Albano Giorgio 

De Thomatis Francefeo 

Dilla Rovere Hieronimo 

Langofco Giom Tommafo 

Dal' Polio Cafflano 

Ofafeo Ottaviano 

Pingon Filiberto 

Capra Marc Antonio 

Di Molines Aloigi 

Nueetto Gio* Franeefeo 

Bellacomba Gio. Antonio 

Bellacomba Gio. Antonio 

Bocho Gio. Antonio 

Roccaforte Ludovico 

Guerra Annibale • 

Guerillo AUeJ/andro 

fraudo Jean 

Olerio Carlo • 

Guerillo Lorenzo • • 

Cacherano Filiberto 

Cacherano Domenico . 

Dentis Giufeppe Bonaventura 

Penfabene Nicolò • • 

Zoppi Criflofcro • • 

Orfno Franeefeo 



Pag. 



M 



«9 



• ■ 

IVI 

*J 

34 

3> 

44 

• • 

IVI 



ineefco Maria 
nmafo AUffii9 
Nicolò 

. Franc€fc0 
'iu/epp€ Gioanni 
Nicolò 
^o 

irU 
Matteo 
'lo jimedco 
ioanni 
b Franctfco 
)iaitco . 
'lo Amedeo 
ioanni • 
ancefco Domenico 
Giufcppe Gioanni Luca 
Matto Ago/lino 
iOanni « 

ancefco Domenico 
Ideiio . 

Frmncefco Giacinto 
^fa Ignavie 

Amedeo Filiterto 
i^^lìo Gaetano 
^^ncefco Antonio 

Y'^ppe Francefco 
,^^'^10 Filippo . 
^< G'ufimiano 

yu ^^fpafiano 
'^/'^ Ciò. Maria 




\ 

J 



} 



49 

• m 

m 

IVI 

5» 
15 

54 



ST 



58 



59 
6i 

ti 

• • 

IVI 

G6 



H 




f^0. ^,^^gr*csti /^og» 



i>€^U Xf^r Q-. 




fJUur 



} 



l LENCO 



Degli Ai^vocati Fìfcall» e Cenfim deli* Unirerf 

aui fopra nominaù. 



/Igulrn Francefcù . 

M oh Ilo Domenico Antonio 
Cott$ Gitéffppe Ignazio . 
Mtirimi httario . 
Pidi^r i^'^noTio A medio 



ELENCO 



"5 



l'Prefimì di 9iblìoteca» o fa Bibliotecas) 
dell' UniyecGità j qui fopra nommui. 



ino ' • I • 

lì Francefco Domenico 

Giufcfpe . 

[I Gio. Antonio • 

Giufepp^ 

Francefco Ludovico 
:do MamiiiQ 



ELENCO 



Pag. 

87 



Segretari iella Riforma ^ e dclf Vniverftà ^ 
qi4 fopra nqmìiiati. 



\ 



ojf Tommafo Alcfjio 

ont Tommafo 

^oiii Carlo Emanuel 



18. 
90 



B qui h'D voglio oirinettere di avvertir il 

e, che all' rquando fi ftaoipò la p*ig. 95 del 

Ite tìtolo, non mi (òvvenne di compren Jervis 

però fi doveva, MonHgnor Pietio Gero-' 

Caravadoffi, di Nizza {d) , Vefcovo di Cafate, 

i Profeflbre di teologia in quefta Univerutà 
17x7- 



%meni^ano.^ 



E in ordina a*:prefeflorì Strénìtri^ 4> ^Mi ^ 
parlò all^ f4fg. loo ad loj « come purè fui 
propoiito dU Profe^brv j^Mi« » di cui alle pa- 
gine loi > e xo6 piace qui di riportare due 
paiE del Doftro Tìpnmtuje signor Carlo Denina. 
9» Quando tra la pace di Utrecht , e la guerra 
,, del 173^ (i ri(bbìU t Universi fu d'uopo 
^ chiamar di NagóU , di Roma , di f^fur^ù » di 
^, Parigi^ e an^be da^la Fiandra quàfi tutti i 
9j PiofciTòrì : prefentemente non v*è pure uofol 
ii Profcflbre di queft' Università » chp non fia 
9» Pumontefe. Qo%\ il prelodato signor Delfina ^ 
fivlla continua^icne delle rivoluzioni d* Italia dèi 
i7if|, ilno al J|79a> pag. éSj Tqrino^ pretto^ 

Nelb bella letteratura (I è fatto più afiai » 
^3 Che non fi (arcbbeofato fperarevecfo il 1750. 
3, (.' eloquenza latina vi fi coltivò , e fiori coftan« 
33 temente neiia riforma» che fi fece deififtema 
^y fcolaftico fotto il Re Vittorio Amedeo II. Non 
^ folamtme i Profefibri di belle lettere handato 
,^ prove pubbliche dell'elefante latinità j ma in 
'4> tutte le cltie facoltà, come nella medicina» e nella 
j»', giurifprudenza fi fonpdiftintì il medico Fa/ifonij» 
,', 1* Avvocato^ ^rfr^tfjfo,^ e parecchi di quelli, che 
;, tu:ravia vivono pfcfenremcnie. Cc^ r anzidetto 
Denina ^ fag, 7 1 della precitata continuazione » ca^ 

f'o VI, cagioni di vcrfe de* progrefli, che fecero iii 
^Umonu Matematica» Chimica» Storiai Poefia* 



• ■• • ' 



fi7 

T 1 T. li; 

Consolato. 

iÌ7Ì iVlemorìaile a capi con le conceffioai 

ij di Madama Reali (a) per lo ftabili- 

meoib. mento d' una Piazza di Cambio > e dtt 

Confolato , qtial conofcsi, e decida 

fopra gli occorzenti d' ella {i). 

xtf 7^ G ASTALDÒ Conte Gioaiiil j Francefco (e) . 
^r fs yoUndo Noi ia feguito dlle rifpoftc 

é^véò. 4, date al Memoriale a capi prefcn- 
„ tatoci per parte dell* l/nivtrRtà de' 
^, Banchieri , Mercanti , è Negozianti 
j, di quejla O'rr^t eleggere ^ e depu- 
^t tare quei Officiali j eh' hsDDO com- 
jj poner il Confolato ^ dal quale « in 
,, coDfohnità delle nollre rifpolle » 
devono eflìsre ccnoìciute ^ è decifc 
tutte le caufe mercantili » e dipen- 
denti da' traffichi j e negozj loro , 
e principalmente da' cambj » copie 
anche proceder all' elezione ^ e de - 
ji putazione di quei Giudici , ai quali 
,, faranno dette cauìb devolute per 
4 M. J. Baptifie. 
b) BortUi pag' X014 ai itii, 
:} Avendo Madama Reale Gìoanna Ba^i(ta erètto 
il Confolato per la deci/zone di tutte lecaufei 
e negozi mercantili , è fiato il Gìo. Franceico 
Galtaldo Conte di Trana dalla medejima A. R. 
eonfiitiiito Capo di cocefto Confolato ^ cori 
r ufo dei glande figillo Reale. Co&i il Rufcet 



4> 



39 
3> 






appeUatloiie •••ì per U fre/aai depadimo pei 
Offiaali componeoci Jena ConfoUim il Conce Gii» 
Franufco G/fimldo Configliele di Scito » e Refe- 
rsrndóiio di ugnatura , & lì ben diletti iafiaicncdy 
aoi per li due Banchieri Gerolamo .•••••, 
e Giù. Litìgi • . • > per il mercante da panno 

3» Ctoanmi « & quello da feca Muid 

^, Angeio • . . » e per il dro^ ila Gerolamo • • • » 
,j coitfèrcndo al ConfoUto» che da'fuddecti ÙA 
3, coinpofio.lagiunlàiziotte» & autorità neceflaria 
^ per conofcsre, pcorìredere, e giudicare nelle 
j, caule fuddeue j bx efeguir le (entenze . e ginr 
dicati loro , e generalmente per e jtto ci& » dm 
reib eQuefib » e dichiaiato tìilU nfpofie noArc 
al fuddetto ^lenzonale fpediio yo»o U i$ cor^ 
reuu , al quale ConfcUro conce- 
diamo parimente Tuib ddfyulo^ €Ou tarma 
di S A. R. mio figliuolo amaiii&ojo, e per 
GiadUi i apfdUtionc di Otte » e ciafchedunt 
caufe , de' cuàii l'opra » nominiamo , e coftituia* 
mo li d:u pri'Tzi Prtf^tnti dil Senato ^ e Ca^ 
mera Ccxc yinarzna , € Barone Blajuarjg ^ & 
il òaistcre Ga^^^elu » volendo , che le appcUs- 
lìonì, che ad cih 6r^£no £ute dai giudicati 
del CcrzfcUtOf tcDghjio luogo d'ultime appel- 
latlo&i , e r corù j & che le loto feoterze iin* 
pc!:rl::ao éne alle lid ^ & che fecz'aluo ri* 
con: atbìco ic:cia ^ & «doluta ei'ectzJonc 

M Et ci r icrviacio di liabilire a parte 

al t1::!Jetto R^'crscdir.o uo ccoveniente (&^ 
ptci o , ::: xiguardo panìccIuzzLcnte deliaca- 
r.C£ , ^bf 2 lui iVlo reità kZz:Sii^ della dìie- 
; cri i-Li caiifs :udie::i circa la tcizzialiijr^ 
M k-ii'jrijzs «'prccciH z^lìc carne j e cai, 

V che 



M9 
29 






21 



hi 
che lo ri chiederanno. Mandando pertanto^ e 
comandando a tutti li • » • . di riconofcere • 
ttiflure y e riputare Ufuddttto Con folata (a) coni' 
poHo dell! fovranominati foggetti • « • Torino 
Il ij novèmbre 1676. M. J. Baftific. 

677 CASTALDO Gìo. Francefco. „ Dcjide^ 
ì jj rando di far vedere la fliuia^ che 

iimaio. j» facctaiùodel molto Magnifico Coa- 
,j figliere di Stato, e Referendario 
j> di ugnatura il Conte Già. France^ 
„ jho GafiaUOf Reggerne al prefente 
9> l* Officio di Auditore Generale di 
j, guerra y e di Confervatore delt Ar- 
i> tigliaria , -pet li fervitù da lui refa 
,, a queffa Corona da anni ventitré 
yi in qua, in tiittele.óccafioni d'im- 
j> pieghi havuti, tanto alle Armate, 
^, che altrove , con gradimento uni* 
,, verfale, e foddi sfazione noftra to- 
,, tale j r abbiamo per Patenti dei 1 f 
,, novembre paflkio nominato , e de* 
;, putaio primo Ufficiale &/ Confolato 
9, eretto per conofcere, e decidere 
j> tutte le caufe mercantili . • • . , 
„ e volendo ora provvedergli uno fii* 
j, pendio annuo conveniente • • • • , 
j, maifime che difmette a difpofizione 
j, noftra, e beneficio delle Finanze 
,, di S. A. R. mio figliuolo amatif- 
, t fimo rOf&cio, che ha di Luogotenente 

„ Generale 

4 /n ordine al quale vedi il Barelli > parte ter {a ; 
Uh. X . f itolo XIII y pag. lox A ad lOjo. 



j9 Generale dell' Àuditottaiù di guerra « • é • • i 
j^ per le preienti aceordiamo al medepmo Cottte ^ 
^, e Referendario Gaftaldo » cadim anoo» ptr l'Of- 
^ fido confeitoli come ibvra nel fuddctto Co&- 
9, folato Uure mille ouocento\ con piik tiure me* 
^, cento per T Officio di Referendario di. Staio ^ 
jt che in tutto fono livre ii*o • • • • , indire 
3, avendoci il medefimo Conte , e EUfiercndario 
j» Gaftaldo rappreientato 9 ch'attefe le continue 
^ occupazioni » a' quali é foctopofto per il fud- 
j» detto Officio del Oonfolato > defiderarebbe vc^ 
^ nir folaggiato nell' efercitio della carica di Con- 
3» figliercs di Stato j e Referendario di lignaturaj 
^ con l'aiuto 9 & applicatione del Conte Giufeppe 
^ Antonio fuo figliuolo Dottor in leggi , fufpli* 
3» candoci perciò a concedergliene laeòadjutoriai 
49 < fovravviven^a , con decorarlo del titolo , e 
33 digaità dì Configlitre di Stato 3 e Referendario 
33 di ugnatura luddetto 3 Noi votontieri conde» 
^^ fendendo alle di lui fupplicazioni •.•••• 3 
33 deputiamo effb Conte Giufeppe Antonio Gafialio 
j3 per Configliere di Stato 3 e Referendario or- 
33 dinar io di iìgnatura 3 ptr eferttre tal carica uni- 
33 tamente col detto fuo Padre 3 in modo 3 cbe 
^, tra aaibi due non conuituifchifio , che una fol 
33 piazza , e col flipertdio annuo di Uure trecento 3 
33 che per quella adiamo fovta ftabilito a detto 
33 fuo Padre , con dichiarazione 3 che in caio di 
33 morte, rinoncia^ o altra legittima vacanza 3 
3, refti intiert^mente confolidata la detta carica f 
33 & Ufficio di ConfigUere di Stato, e Referendario 
33 di fignatura nella per Iona di detto Conte Giù* 
33 frppe Aruonio fuo figliuolo » fenz' altra provi» 

^3 fionej con tutti gli onori ; regalie, 

3» efcoziofir3 



ì 



• 111 
o efeBsìoùi » (èdia * tè cgoi altra cofa » di cui 
u al peicfice per efla gode il fovraDOmìna'o fuo 
M Padre» & altri Referendar] ordinar) di figlia» 
.. tua, 6 con il luogo d' anzianità > e preferenza 
^ dll giorno» che gUene (àrà dato di queUa il 
,. fàSab 9 pon CIÒ , che preiiarà il .folito giura- 
li meato i candiamo pertanto ..•••• Torino 
Il } gemalo i<7/« M. J. Bapiifii. 

i6li DELESCHER AINE. ,y Effcndofi il Conte 

19 j, e Referendaro noftio di Stato, o 

£cemb. 91 di (ignatura Gio» Francefco GafialJo 

j, volontariamente dìfnjcUo in noftre 

3, mani della carica di Capo delCon^ 

^ folato de' Banchieri , Mercanti y e 

j« Negozianti di quefia Città ^ • • • % 

,1 perciò con le prefenti • • • > par- 

^ tecipaco il paiere di M. R. u^a 

j, rivcritifliuia &igoora Madre • • • » 

1 ,, deputiamo il fi'ddctto Kijjatlo , e 

f I, Prefi tntc Dekfchtraini {a) Capo del 

\ 5» Conjòlato de' Ban chicli , mercanti, 

», e negozianti di quefia Città , con 

^ tutti gli onori > & altre 

3, core a tal Uffizio fpettanci, s], e 
jj cotne ne gioiva detto Conte Ga* 
i, falde in conformità delle Patenti 
ji noftre d.Ui 15 novembre 1^76 , 
I, & altre indi feguite , ^ co/ ftipen- 
,^ rftó ^i iivrc feicento d'argento, le 
i]ùali parimenti devono cciTare dal 
principio dell'imminente anno i6i^ 
al detto Conte Gaflaldo in con- 
formità della fua demiflìone. Mon» 
calieri li I9 dicembre 1682. 
„ littorio Amedeo^ 

H Chi fa, che non iìa egli quel Frefidemc If/cA^rennf > a/ qiulc 
fi atuibuifcc la lettera, di cui licl tomo fr/ma della ptclcn- 
ti Opera, pm^, laa» nou «i e nel tomQ terzo, appendice? 



^1 

la 



ftii 

ìóìiy l^ Dopò di aver Noi deter minato ^e^ 
24 j. Editto noftro delli 17 dello fcoifò 

ìùglio. j, magg^io le regole daoflervaifi pei: 

^j ftabilue fodam^nte il commercio 
M ne' noftri. Staù ^ abbiamo filmato à 
M crear un Magifir/tto , Che habbi cura 
^> d' invigilare all' oiTervazioiie delle 
j, fuddette regole ^ e di caftigar ia- 
,y differentemente li contravventoii 
-ìj con le ^ené prefcrìtte ili dette n- 
j» gole j quindi è i che ^0/1 le frtr 
n finii • • . . habbiamo confthuiio j 
«I creato, e llabilito, creamoj coi^ 
9» ftituiamo, elegiamo, e fiabiliamQ 
i, un Confolato perpetuo , e irrevo- 
^ cabile. £i Deputati di detto Coti' 
,j yo^ro (kranno mutati di due in due 
j) anni comefegìu. Primo« Detto Con- 
i, folato faxa cooipofto di tre Dottori^ 
j, il primo de' quali farà la funzione 
,9 di Capo del medèmo ^ d'un Avvo- 
i^ cato > e d' un Procuratore Patrimo- 
jj niale Generale , oltre un Secretato 
^, • . • • Torino li 24 luglio r(^87« 
j) Vittorio Amedeo* 

t69x SALMATORIS , FAU2ZONE , PA- 
1 STORIS. 3> Volendo Noi, per quanto 

giugno* 3, ,è compatìbile con li tempi cor- 
renti , favorire il commercio . . • » 
crediamo poter meglio contribuire 
a quefto fine il ftabilimento fiflb 
degli Officiali del Confolato • • . > 
e ficcome li Conti, Senatore; 

^, Salmctoris- 



SI 

s> 



taKr£f» e Ref^rendati di SutoFoMi^ne; e 
•TV deputati Giudici umporanà h3Lnno cfcz* 
tal carico dall' erezione del Confolato fin 
•cefente per anni cinque , con paiticoJar lio- 
giydimemo, e fcdiisfazione delPubblico, 
'alcim emolumento j abbiamo nfolto di 
Unùdi Ordinai j con uo eoo veniente fti- 

iìO . m * . f perciò con U prejenti 

itianio li detti Conti , òenatore Sulmmions > 
Lefèrendar] di Stato Fau^one^ e Psfùris 
dici Ordinar) del ConJoUto^ con tatti gli 
dj prerogative^ preeminenze > dritti j giii- 
izione^ e autontà dipendenti da dette ca- 
e 9 si , e come è difpofto dagli Ordini no* 
deli' erezione del detto Confolato delli 24 
io i6%7 (a) » inftruzione de^^jui^l in eflb, 
liarazioni delli 9 marzo > e 23 ottobre i688^ 
itenti delli 24 i^ennajo 1689, ^ ^^^ il fii- 
Uo annuale di feudi d'oro cento caduno^ 
a liure Jtitecento cinquanta y per gioirne li 
lefimi 9 duiante la lor vita 3 fervitù , e no- 

beneplacito Torino 11 2 giugno 

2« y. Amedeo. 



RICHELMI Camillo Luigi ...... i 

„ dolendo Noi provvedere ci pofto di 
o. »» uno de' Giudici del Confolato» 
M che reità vacato per la promozione 
j» del Conte Salmatoris a quella di 
jj p/imo Prendente di Nizza • • • » 
^> abbiamo filmato di conferirlo al 



9> 



Conte 



ttf g'/d qid fopra riportammo, pag. 122, 



**4 
^ Conto SnPUOÈc CafldUo Luigi Richelmi • . U 5 

^ onde • • • • iefutimmo il fit£Uuo Cosut ^ t S^^ 

^ Bdion Camillo Luigi Richelini GiùJUet id Con^ 

^ foUm per ftnie le fuuEiont di Capo dei me£tr^ 

^ fmof con tutti gli onori • • • , ^ de autorìtii 

a» dipendente de detto Ufficio » sì ^ e come Tien 

is dilpofto da^li ordini noftri dell' erezione del 

5t detto Conflato j e angolarmente da quello 

^ deffi 24 luglio i4%'f.3 t eoi /olito ftiftndioàn'^ 

^ nmo di liure 7jo • • & • • Toritii ii gbnnaìa 

>f 1696. y. AmUtOw 

1754 BERAUDÒ Filipptf Domenico » • * • 

16 aa Defuùéuné il fuddetto Conte Fi- 

Ciarao, ^» lippe Domenico Beraudo di Pra- 

»j kùrmo Prefdenu Cupo delCònJoUtó 
i> i£ Terine » con tutte le autoritii 

ia y 8c ogn' altra cofa fpet- 

i> taotegli 9 e portata dal noftio Editto 
N 9» per il nuovo ftabilimento de* Con- 

ij Colati in data de* 15 ottobre 175 ;> 
3j e coir annuo fiipindió di IL jmUd 

d^ argento » cominciando 

dal giorno, in cui gli è ce0kto 

quelb» che godeva» come Reg* 

M gente la Cancelbria di Sardegna 

ji Torino 16 marzo 1734* 

Nel f. 1 dell'Editto 15 ottobre 
^7)5 p^ il nuovo ftabilimento de' 
Ctafotati» fu tra le altre cofedifpofto 
tome figui. j. Il Confolàtò di Torino 
i, farà cempofto di ire foggetti to- 
is gati , uno de' quali farà Capo ^ ed 






"5 

nà il titolo, a dignità A Pr$fUinu^ e.glj 

Ltri dm^ (aianno Senatori •■ 

Il prima pertanto, che dopo quefto Editto 
a eferotato Ja caiica di Pnfidgnu Cèfo déf 
foiéuo di Torino > fu tt detto Conte Bènudo 
^lalooDO. 

44 DEMORRA Cado Tommafo. ,, Sanno 
9 j» fi^prt faiio un fingoUf fpicco nella 

[no. j, perfona del Senatore Conte Carlo 

j, Tommafo JOemorra la 

a, ioflima di lui rettitudine , V eguale 

», ilio difinrereflamento ; 

„ quindi è, che ptr U frtfcnù de- 
M» putiamo ilfuddtttp Conte Carlo Torn- 
ai mnfo Dtmorra per Prejidcmc Cupo 
A, dil Confolato di Torino • . • • . , 
„ coli' annuo ftipendio di lire tre mila, 
j, quali mandiamo aLTeforiere delle 

j, noftre Finanze di pagarli 

«,••••• Torino 19 giugno 1744* 
M C. EmanueL 



»>•••• 



50 LAURENT! Pietro Antonio 

f M P^f' U prefinti deputiamo 

hie» M ii detto Senatore Pietro Antonio 
„ Lanrena per Prefidente Capo del 
„ Confolato di Torino, con tutte le 
M autorità « . • . , e colt annuo fii- 
„ pendio di lire tremila , oltre le lire 
,> mille portate da Vi gl'etto noftro 
1, delli 6 (ettembre 17483 da tenere 
„ luogo delle fportule Itate tolte dall' 
» Editto de' 16 agofto di detto anno, 

,, comiiw- ' 



1x6 
1779 VALPER6A ttefébuBO. n ••;••• < 
ti M IhpuiMama, il fuddetto Conte» e 

•ovttmb* M Commendatole Getolamo Vnlpeiga 

M ^ PrefiJémc Capo dtl Conf^Uta 
M m/'^o JU Tormo a) • . • Moncalieri 
»• ^> novfoibie I779« ^ Aoudio. 

1791 DE B A VOZ Ctfvtf(te/><r Giufeppe. » . . . . 

I st Dfuùamo il fuddetto Cavaliere 

V^gfi^* j» Giuieppe de fliafov f^ Frtfid^nte 

j» Ctff0 À/ ConJpUuk no^ù ài Tarino 
^ CoU'annao ffipeudio di IL 4'iiila, 
99 che mandianio al Toibiiere . • . ^ 
9» comprefc in effo ftìpendio ir iiL i eoo 
,» annue portate dal Reale Biglietto 
i, de' 6 fettenibie 174&» i« f/ner 
99 2«0f;e delU ffcnuU %'t 4i ogni altro 

j9 fualiM^uc dritto Toiìno 

99 i maggio 1791. y. Am^o. 



1794 BERZETTI di Burpo^o Gioanni ,> Nclt 
x8 99 eJere:{io de' varj impiaghi di Ma- 

no vemb. 99 giltj[atura\ a cui tu di tempo in 

9, tempo deiliaa?o il Conte 9 e Com- 
99 mcDdatore Gioan/ii Btr^atti di Bu' 
99 ritn^o ne' Senati di Savoia > e di 
99 Pieii onte » e fcgnatamcnte in quel- 
99 lo di Prefidente Capo delti Senato 9 
99 € ConfoUto di Ni^i^a , ha egli fem- 
99 preaiai date le più diftinte accer* 
9, tate ptove di confuitata dottrìoa 
,9 nelle materie legali» non meno 

,9 die 
{a) ti, reflante comt nelle precidenti alli Mafl^oiino^ 
« e l*iichigQono« 



1X9 
che ÌB quelle di commercio » accompagnata 
da una fomma iotegùtàj difintereflamento , e 
prudenza nel maneggio di pubblici affari , e da 
vivo zelo » ed attaccamento al noftro fervizio t 
■oa cosi commendevole fervitù nell' avergli con-< 
cUiaco li più parziali fentimenti della noftn 
lima, e corri fpondente gradimento j c'invita 
i dargliene in qucfta circoiianza un'onorevole 
wbblica dimoftrazione , ed a reader palefe il 
xmto 9 che facciamo de' fuoi fervizj j con de- 
gnarlo alla carica di Prcfiitntt Capo del Con* 
Colato di Torino, perfuafi , che farà per corri- 
fpondere a quefto graziofo tratto della noftra 
beneficenza» in modo a confermarci più da 
ricino nel giufto concetto » che abbiamo del 
lì Ini merito , ed a rimeritarli colle ulteriori 
piove delle virtuofe Aie prerog^itive li mag- 
pori effetti delle noftre grazie ^ opperò per le 
prefenti • • • • deputiamo il predetto Conte , 
5 Commendatore Gioanni BtrTctti di Buronip^ 
de' Conti di Buronzo per Preudente Capo del 
Confolato noftro di Torino» colle autorità a 
tale carica fpettanti , e con tutti gii onori , 
privilegi y prerogative j preeminenze » efenzìoni, 
ed altre cofe , che ne dipendono » ed inoltre 
con tutte quelle preeminenze, e prerogative ^ 
di cui prima godeva, come Prefidente Capo di 
uno de* nofiri Magifirati Supremi , e coU' annuo 
ftipendio di lire quattromila , comprefe le lire 
mille annue portate dal Regio Biglietto dei 6 
fettembre 1748, da tener luogo delle fpcr tuie , 
e di ogni altro qualunque diritto (a), le quali man- 
diamo al Teforiere delle nofire Finanze di pa- 
gargli ripartìtamente ^ con ciò, die 

^e/ff parofé da icner luQgo diflle rpoccule, e dì ogni alsr» 
oeilua«|ue diritto aon fi ie£gG'»o nclU Peg't Téitnv '-'i oi^ 
'?h^e 1797 » ^ì cui ne! té fé gu enti pgg. sjr», 

Tom. IL I 




^ predi il dovuto ffiurttaento (a) • e gii cefli 
,1 quanto prima gooeva ••••'• Torino x8 no* 
„ vembre 1754* K Amtdto. 

1797 Gì BELLINI Conu^É Commendatore Tom- 

3 1 mafo Gìuièppù^Prefiden r^ Capo del Co o* 

Oltobre* iòlato. ^ Carlo EmonueU. D^pmianio 

„ il mentovatu Prefideate Conte, e 
jj Commendatore Tommafo Giufeppe 
js QittUini p^r Prefdenu Capo del 
»« Confolato^ colle amoriià ataleca* 
^, rìca fpettanti j e eoa tutti gì' onori j 
9, privilegi j prerogative , preminenze , 
,) tfenzioni , ed altre cofej che ne 
,^ dipendono j « ^atC annuo ^if indio 
,, di 11 4m. , che mandiamo al Tcfo • 
3j ritte delle noftre Finanza di- pa-. 
31 g^gli ripartitameme , a quartieri 
y^ maturati j combciaodo dal primo 
,3 deir imminente novembre ^ e con- 
,, tinuando in avvenire durante la fiia 
i% fervitùf ed il nofiro beneplacito , 
j, comprefe in eflb ftipendio le lire 
j, mille annue ponate dal Regio Vi< 
,, glietto delli 6 fcctembre 1748(^)4 
jj con ciò ^ che prefii il dovuto giura- 
yy mento, e gli ctjji quanto prima gO' 
33 deva. Mandiamo pertanto a turti 
,3 li noftri Miniftri « • • • , ed alli nollri 
23 Senato , e Camera de Conti d' intc- 
3, rinate le prefenti 3 che tal è noftra 
33 mcnre. Torino li 51 ottobre 17^7. 
33 6\ EmanuiU. 

(a) Con altre Patenti del giorno dopo , 29 novembre^ 

i flato dijpenjato dalla prejlaiione del giura- 
mento prefcritta anche dal $. 1 tit. 1, cap. i 
della generale Tarila. • 

(b) Vtdi h 'iota aj d: cui /icU'ante::Jc/:te pag. 1 29. 



E L E N CO 



«;i 



; peifone nominato in quefto titolo II. 



Pag. 



do Gi9anni Franafco 




"7 


ì Gio. Franccfco 




lip 


eroine • • ... 




III 


friss FMM^ipnt ^ Pafioìis 




ixt 


ti Camillo Luigi • • 




"» 


f Filifpo Domenico • . 




1*4 


a Carlo Tommafo • « 




"J 


d Pietro Antonio • • 




• • 

IVI 


Francesco • • . • . . 




li6 


; Francefco Nicolao 


1 




'no Ceva Domenico CafiigU^ne 


> 


117 


tono Nicolò • • • 


J 




a Gerolamo • • , . 


;} 




vo[ Giufippe • • . • 


128 


i Gioanrù • • • ;«. 


■ 


li Tommafo Giufeppe « 




MO 



-TJ X. Jll. 

SOTILAINTEHDENTI GeKE&AU , CaH , B PaZCIDUITI 

Cah na CoMsiGuo obl Commekcio. , 

COIISIGLIMI m ESSO. 

JN eli' elogio ftorìco di Emanuel Ciliberto Duca 
di Savoja compilato dal COBte . Orfini S Orlaf» 
Jano , parte fccoDcia » pag. 7*1 e 7 j j fi legge j 
che ^, Emanuel Fdihertù nulla lafciò d* intentato 
>» ad ifcuotera gli allora ioìpigrìti animi dei Pie* 
DiODtefi (tf) ^ e a incalorire » ed ad accrefcere 
le arti , ed il traffico. Né ciò ^' oprò con leg- 
gi , deboli Tempre preiTo |;li uomini per gli 
étti liberi , e irolontar) , sì con incoraggimenti, 
>, e con lo efempio dev Ni^iardi in quel tempo 
t, ÌDduftrio(ì > e procaccevoli {t) ^ e più col dì- 
5, fciorne li malpofti ceppi , ed ingombri {e) 5 e 
», col preporrà li maggiori uomini di Stato {d) , 

M con 
(9) Relazione •àX GxioìzvPOÌSvf^m^tìO Amhafciator 

yencto ritornato dalla Corte di Savoja $• ^ue/ia 

gente. 
(b) Relazione L«ppomano $• ma perchè fono gli 

uomini di quella nazione. 
(e) Edif de la fufprejjlon de la traite foraine i e 

ìuillet i$6i. 
^d) // Gran Cancelliere » li Prefidenti del Senato^ 

e della Can>era» Ferrino fijli Co-ifigliere , # 

perfino l' ifteffo Arcivefcovo di Turino Giro^ 

Umo Disila Rovere > cofa non creduta ^liena 

in quelli tempi. 



9f 



^ 



B latòriìà cziàoZUo dì fenteitziare nelle prei 
iiedifecenxe dei mercatanti» e degli artefici (a). 

\j GARAGNO Conte Antonio » Sa^ràin* 
rendente Generale del commercio » ar-^ 
ijOi ti , e manifatture , e come meglio qu^ 
infra (t). 

j. Per render palefe ad ognuno la 
j, piena foddistazìone » che ci rifulta 
n dalla fedele, e grata ferviiù del Conte 
3) Antonie Cariano Configliero di 
j9 Stato netr amminiftraiione delle /i«- 
,9 fire Finanze in qualità di Generale 
99 ^^Ì[^9 abbiamo voluto promoverlo 
ìj al carico di PrepJénte effettivo AUe 
jÌ medefime ^ e di Sovraintendente Ge« 
94 nerale dei commercio ; arti , e ma^ 
j, nifatiure , licuri , che nell' invigi* 
ij lare al loro accrefcioDieDto col zelo 
i. Tuo proprio , e coirifperìenza accjul- 
j, (iata contribuiià non poco alnjag- 
»j giore vantaggio del noftro fcrv zio» 
5, e beneficio pubblico , al quale tdnto 
ji influifce la buooa regola jie He fud- 
5» dette ani , manifatture , e com- 
i» mercio : in -virtù dunque delle pre^ 
diploma in agofto 1^66(1). Ogffiqueflo Mae" 
irato divifo in due i* intitola CoDUglio di 
Commercio , e Confolato. Cosi il detto Conte 
Orfini nella citata pag. 7; , nota 206. 
eitf/f anche il tomo terzo di queft' Opera ^ 
pajf, 17 1 » alla data 1687 24 genniìjo t arti- 
colo Marcili Conte Gio. Pietro, 
'he non emmi riujcito di trovare negli Archi* 
>t di Camera i ne alirove^ 



éi6 

J729 LE PlAT Adriano Francéfcoj Cénf* 

is giiért nel Configlio dil Commercia. 

'^lennajo. »» Efliendoci determinati a ftaòilire il 

»> ConJigUo dil Commtrcio f quale in- 
^> vigili j e piovveda a quanto in 
„ propofico d*eflb ci è piakiuto di 
%9 prefcxiveie nelle noftxe Coftitu- 
M tU2Ìonii e pienamente infbnnati 
«t deli' intelligenìsa \ e capacità ^ 
j9 Adriano Franeefgo Le Piai nelle 
^, materie del commercio j 8c altre 
», buone parti , cbe conconono nella 
i, di lui perfona , onde fia per riem- 
^, pire perfettamente quelle ili Con- 
,, figUere nel Configlìo predetto : fet 
i, k prefinti •.•••• deputiamo it 
j> fitddetio Adriéutò francefio Le fiat 
* yy Conigliere nel Configlio nostro del 
,> Commercio 4 con tutù gli onori • . • . 
,> e cote annuo fiifcndio di lire mille 
., cinquecento dC argento ^ da foldi 
», 20 caduna^ quale mandiamo gli 
^, venghi, a quartieri maturati » pa- 
jj gato dalla cajfa del Commercio *• • , 
^ con ciò che prcfti il dovuto giù- 
^^ ramento \ mandiamo pertanto , e co- 
i» mandiamo a tutti li noftri • . • # 

i« Dat. alla frenarla lì i»^ 

jj gennajo 1719* V* Amedeo. 

1^19 AtfDlFREDI di Mortigliengo Conte 

16 Gio. Giacomo 9 Conjigliere nel Con- 

gcucBJo. liglio i/tf/ Commercio^ con tutti gli 

'dDori • • « « » e eoli' annuo ftipendìc 

d; 



fin aDc dB^uecento , cóme dalle Regie Pa* 
éM i6 gennaio 1729 » in tutto conformi 3 
loida dilpofidvaj chenell'enunciatÌTa, alle 
niptt in favore dell'Adriano Francefco U Fìat. 

if MIGLYNA y^fallo Gìo. Paolo , Con- 
7 fylUrt nel Configlio del Commercio» 
iqa con tutti gli onori « • • • . ^ t coli' 
mnnuo fiipenJio di lire mille cinque- 
cento » come dalle Regie Patenti 
delli 17 gennajo 17293 del tutto 
conformi, tanto nella difpofltiva j che 
nell' enunciativa « alle precedenti altre 
de' prenominati U Plai^ t Audifrtdi. 

Editto di S. M. concernente ilcommcr* 
li0 (4). 



GABALEONE Francefco Giacinto Conte 
di Salmour ^ Capo del Confìglio del 
la Commercio 3 coir annuo (lipendio di 
lire due miU^ da ioidi venti caduca» 
le quali mandiamo pagarfegli a quar- 
tieri maturati dalla cajfa del Com- 
mercio • . • • Così neUb Regie Pa- 
tenti della fuddetta data S genna]<» 

1731* 



Miicato e£o Editto in lingua italiaca » e 
rancefe , e /Umpato in Torino ntU* Accède- 
nia Reale prejfb il Chais. 



ut 

1749 

IO 

•gofto» 



iOKRB' Gmiéfpt, CoMte de U Cba^ 
Tanoe^ Sovrintendente Geneinie del 
Commercio» e Prefidente Ctpo djl 
Configiio di efib • • • • » eoiT annuo 
^iptndiù di lir€ tre mila di Piemonte» 
oltre It'penfione d'altre lire tre niila^ 
iacientt in tutto lite Tei mila Tanno, 
le* quali mandiamo al Teforiere delle 

noftre Finanae di pagargli ; 

Così nelle Regie Patenti della fud- 
dettt data io agofto 17^)9* 



1750 MIGLYNA^ Kifailó ^io. Paolo {a) , 

16 ft4mo Configiùre nel Configlio di 

genoajo. Commercio, yiidi qui infra il tit. X 

na &C.9 anicolo Migljna, 



1750 STORTIGLIONI Conte Carlo. „ Aft^ 

17 »> conda delle premure» che abbiamo 

maggio. 3» di far Tempre più fiorire ne'noftri 

'»» Stati il commerzio a benefizio del 

^ paefe 

(a) Sono lo flejfò giorno i^ gennajo 1750 fono 

emanate altre Regie Patenti» ntUa difpofitiva 

delle quali l^ggefi come fegue : »» accordiamo^ 

j» Jenra pagamento di finanza » al predetto 

Vaflallo Gio. Paolo Miglyna di Captiglio» 

ed afttoi difcendenti mafchi^ con ordine 

j» di primogenitura » ptr linea mafcolma^ il 

5» titolo» e dignità di Conte» con tutti gli 

M onori » privilegi » prerogative , preeminen^e » 

j» ed altre co/e ^ delle quali gioifcono » e pof- 

»> fono gioire tutti quelli y che hanno firn: fé 

»» titolo, e dignità nt Stati no/lri . , . 






pefajdibnodJetennifiati JP accnfare il numero 
^^Httij cho compofre devono il Confi- 
la « flcdefimo jC; é . Eppcrò per le pre- 
MO . • y deputiamo il Tuddetto Conte Carlo 
^^''jfi^ per ConfytUre del noftro Contìglio 
UCmmtr^io ^ • • • » con V annuo ttipendio 
i Sn mitU cìnqueeauo di Piemonte , le <juali 
ib'mbo ed àrforiirt dille noflre Finanze di 
^t^ • • • . Così ndU Regie Patenti deUi 27 

MOROZZO. Regio Biglietto diretro al 
Cavaliere Morc{{o Carlo Filippo Vit^ 
^ iorio. Controllore Generale delle Re- 
gie Finanze y eoa cui S« M, itabi- 
ìifce 9 che il Controllore Generale » ed 
il Generale dì Finanze » debbano 
intervenire nelle adunanze del Con- 
figlio di Commercio nella qualità di 
Conpg Iteri fjffi, ed incarica ejfò Ca- 
valiere Moroso di adunare » e reg- 
gere il Configlio» fÌDcbè fia da ettz 
S* M. nominato un Prefi dente Capo. 

PETITTl Commendatore Giufeppe ^ 
Conte di RorettOj Capo del Cooii* 
glio di Commercio 9 col tìtolo» grado, 
ed anzianità di Prefi dente » e coir 
aimuo Aipendio di lire tre mila, ol- 
tre lire mille , che gli aflegniamo d; 
penfione» facientì in tutto lire quat- 
tromila, che mandiamo al Tcforierc 
delle noftre Finanze di pagargli • • . • 
Cosi nelle Regie Patenti delli i^> 
aprile 1775. 



*4t> 

1775 
I 

«aggio, 



CAISSOTTI Carlo Giurept>è, Slarckéji 
di Verdun^ primo Cjsfigliero, e 
Capo in fllpodo del GonfigUo del 
Commercio j^«Da tutti gli onori , prì- 
ji ▼ilegj 9 pràro^ative i ed ogni altxa 
co(a a tale impie^ fpettaiite> e 
per darj^i nn contndSegno del Keale 
noftto gradimento gti aflegniamo 
l'annua pendone di Ure milk » ol« 
i, tre lo fiipendio di lire mUU cinque- 
J^ cerno 9 di cui' gode (a), compo-* 
>, nebti in tuffo la fomma di lire due 
i, mila einaueeento » quali mandiamo 
>, al Teibdere delle noftre . Finanze 
j, di pagargli . • ; • Mandando alla 
s. Camera de' Conti d' interinar le 
», prefentu Cosi nelle Regie Patenti 
i, della data fuddetta 1 maggio 1775. 






9* 



J> 



1790 

genHajo. 



SECHI di Burdignin (b), e della Scaletta^ 
Conte Francefco y primo Conigliere ^ 
e Capo in fecondo del Coniìglio del 
Commercio , colia facoltà di reggere 
il Configlio ne' cafi di aflenza > o di 
impedimento dei Capo di eflo (e) • • • » 
coir annuo ftipendio di lire tre mila 

, con che «gli ceffi lo ftir 

pendio di eguale fomma Ìe Ure tre 
mila > di cui prima godeva nella qua- 



(a) Èra egli già Conigliere nel medefimo ConJtgUo. 

(b) Burdignin nel FauJpgnK 

(e) Quefta facoltà di reggere non trovaji efprejfa 
nelle am^ideue Patenti i maggia iJTj* 



9» 



141 

liti à^lnundtnu GauraU ddU Mprt GahelU^ e 
prefti il dovuto giuraaieiito , e ciò oltre alli 
giaziofi tratti della noftra be]ie6cenza, cfaegliac* 
cordiamo a parte. Mandiamo pertanto a tutti • « • , 
ed all^ Camera neftra de' Conti di regiftrar le 
prefenti, che tal è noftra irente. Casi nelle 
Regie Pienti della data fuddetta 9 gennaio x/^e^ 

1791 DE BAVOZ Cwaluu Giufeppe ^ Cn/ie 

12 dil CoìifigUo M Commercio» j» La pto* 

iiovemb. ,, mozione del Pre fidente Conte , e 

jj Commtndatore r^iiifi di Rorena 
^f alla carica di ConfigUere^ e Con* 
j, troUore GeneraU delle noflre Finanze 
rendendo vacante quella di Capo 
onJigUo di Commercio , ne in* 
3^ contriamo ben volentieri Toppor- 
j, tunità di conferirla al Prefidente 
Capo del Magiftrato delConfolato 
di Tori no Cavaliere de Bavo[ , cosi 
nella vifta di promuovere , mercè 
r unione delle due ifpezioni, giu«- 
f^ ridica^ ed economica, i maggiori 
» progredì del commercio nazionale ^ 
^, come per dare allo ftefib Prendente 
3, un nuovo pregevole contraflegno 
del diftinto conto » che facdamp 
del di lui merito per le si&curate co- 
llanti prove j eh' egli ha dare fine ra 
di finge lare capacità > fommaretu- 
tudine» e di un vivo fincero zela^ 
ed intereiTamento pel noftroy e 
pubblico fcrvizio ; epperò per l^ 

» pnfenti 






9> 

>9 




141 
M prefenti « • • depndamo il fuddetto Prefidente 
j» Capo del Coofolato di Torino Cavaliere Giù* 
n fiffc i€ Bavoi per Capo del ConfyUo di corti- 
j, mcrcio'^ con tutù gl'onori • • . • j e eolT aa^ 
M nuo fiipendio di liffd tre mila » che. mandiamo al 
»» TtJorUre delle nofire Finanze di pagargli ripar- 
,, titamente > a quactieri maturati j comiyidando 
j^ dalia data delle prefenti > e continuando in zr- 
9^ venire , durante là fua fervità » ed il nofiro te- 
>^ neplacitOf con ciòj jche pretti il dovuto giu« 
9, ramento ^ e gli cdE il trattenimento di lire 
i, due mila ftatogli accordato con Biglietto noltro 
s, deili 3 ultimo fcaduto maggio \ mandiamo per- 
^ santo a tutti li noftri Mimitri « Magiftrati • • • • 
^ Moncalieri li la novecnbre 1791. K. Amedeo. 

La carica A Capo di qujlto Configlio è in 
oggi vacante, e vi fi trovano attualmente per 
Configlieri il sig. Cavaliere Ferraris di Celle ^ il 
sig. Conte Lunelli di Cortemiglia^ e ilsig.Ccote 
Ferraris di Torre d'Ifoia^ quefti fopranuiuerario. 

£ vi ha pure per Proeurator Generale del 
Commercio il sig. Conte GhiUoJJi diLemie^ depu- 
tato con Regie Patenti delli 1 5 marzo 1 7 9 1 : 
ilrii „ Nella premura di confervare, ed accre- 
95 fcere a benefizio umver(ale dello Stato il com- 
j^ mercio nazionale ,■ ci fiamo determinati a (labi- 
„ lire nel Configlio noftro di Commercio un 
„ Procuratore Generale $ il quale vegliando attcn- 
^ tamente • • • • ; epperi colie prefenti .... 
j, deputiamo il Giudice legale nelMagìilratodci 
jy Confolato Senatore Giiifeppe Igna[io GhìlioJfL 
jjì per Procuratore Generale nel Ccnfiglio noftro 
», di Commercio, con tutti gli onori ^ dritti, au- 
,, torità, ed ogni altra cofa a ta^le carica fpet- 

„ tante , 



9> 



» 



141 

tante » C0IC. ùHligo à' inleiveniie alle feflloDi ili 

detto Coniiglio» e eolt Mmuo iratttnimÉfUo dU 
lire ottocento j che mandiamo ni Tir/oricr^ dello 
j, noftre Finao^e di pagargli ripaicitamente a qiiar« 
M rieri matucad . » • • Torino li 15 nìateai79i« 
,» y. AmcdeOm 

Sì apparùene poi al prefente tit. Ili f Ediito 
dì Carlo fimaoueie I. dato da Rivoli li 1 9 agoito 
i(»27 » di cui prtriTo il Barelli^ pag» 1071, -e 
inccftato corno ftgue : ,, Come la Nobiltà non (aiÌ 
A> pregiudicata a' Negozianti noi fono franco. Al 
che aggìungafi l'altro Editto di Madama RcaU 
delli i aprile 1680. («)». che già fu da Noi al* 
trove riportato {b) , come importantilliino nella 
materia di nobiltà^ t commercio 

Vedati nel BorelU ,' p^g. 998 ad 1024, par. ), 
lib. Xj il tit. Xìì dei Bdtrcanti , Banchieri^ e Ne* 
goiianti di ogni forte &c« 

Fra le airre cofe vi fi trova (e) P Ordine della 
Camera Ducale delli 27 novembre 16 ji {J^ptr la 
taffa delle mercanzie > robbé ^ ed altre cofe ne- 
ceilarie all' ufo umano ^ come appunto fi vede 
ivi eflerfi formata > e mandata ofiervarfu 

(a) Stampato in queW anno prejfo il Sinìbaldo« e 

pubblicato a bencBcio di tutto il paefe di 
qua da' monti , e di là da' colli j ^071 ordine 
alli due Senati di Piemonte , e di Ni:^:^a , ed 
alla Camera de' Conti d'interinarlo, come J14 
interinato. 

(b) Cioè nulla parte 2 della Pratica legale , tom. 6, 

pag. i%7. 
(e) Cicè alla pag. loix ad ioi^« 
(d) Preceduto da altro Ordine di S» A. R. dilli 

26 (Itjp) mtje. 



/ 



« 



«44 

E vi fi uiora pun (^ il PrtcM^ CamiraU 
XI luglio i6)7 d'offervare ivi T efprefla taflk fo- 
pra le merci ^ efobbemcfltfpecificateC^), tanto 
nel patteggiare j che nel Y^odere , e comprare « 
e di non accederla., fotto pena della perdita delle 
robbe , e mercantie» e di feudi 

Più vedafi l'altra tafla fetta daUa Città di. 
Torino (e) in vinù dell'Ordine, di S.A. Barelli, 
pag. X004 ad loii. 

In quefti ultimi anni è ufcito da' torcb) dpgli 
eredi Avendo un libro col (eguente titolo: Sag" 
già di economia civile del Come Donaudi delh 
Mailer e alt Alitala ReeiU. del sig. Principe di P«c- 
monie» 

/ . ■ ' 

(a) Cioè alla pag. 1017 ad '014. 

(b) Di fóttaria .« panni » calzetti , fruftani , tele 1, 

faje, cappelli &c. 
(e) Pel' riguardo agli (lagni , arami , lottoni » fer«* 
rarie , corami , fcarpe , lane 9 legnami » bofco» 
carbone » mattoni , calcina &c. , e per riguardo 
^ftute alle rpere degli nrt&ó f de'ferrari, deTcr-» 
raglieri, peliffari &c. , come anche rifpctto 
agii opera] di campagna , carozzieri , fervU 
tori , e ferve di Città , fellari , latti , guan- 
tati ^ teffitori di tele, paftifleri &c^ 



ELENCO 



M& 



udenti Geoecafi» Capi, e Pfefideid 
1 Coofigllo del CoiDmerck> j 
e Configlierì m eflb ^. . . 
fui fopm nominati. 



• .» 


Pagi 


tonU • • • 


• MJ 


ino Franeefio ; 


• 136 


• Giacomo 


• ■ 


PmIo . . . 


» «J7 


inQtfco Giacinm 


• * 

iva 


e • ••.'•' i 


. i}« 


Paolo. • 


■ 

IVI 


orlo . • 


. ivi 


Filippa • ♦ '' * . 




pw . . . • , 


IVI 


» Gitijeppg • • 


# 140 


fco . . ^ 


. . IVt 


mfefft 


, 14» 



/. 



K 



T I T. IV. 

AnOITOlt GÌNÌAa&Ì di dOEKRA (a) , 

RibìnowE: pEUi iNcòmniik ofeilA PiiOf MIA tSfs* 

ZlOViE all' ìJifiKM DIU*' L'miOILATa G^JNSUAUl 
DI GUiilUEU > 

Altus Cose ubiultive al SBCotro Stabuxbomto 

tu ALCUNI CO&K MltlTAEl NAZIONAU. 

^Si9 dOLFO Gtofttei Jitomoj Auditor Gè^ 
mraU, & Giudice Sufftmo tUfUefir-^ 
<itii eccome meglio dall- ^mmmtita 
delle Patooti ijf 59 i5 ndvaoibfo, di 
cui /otto il titolo XÌIl de' ptifcii Offi- 
ciali j e Prefidcati PAtiimoAUli &g,» 
tam. I della profeti* Opeià^ f^g- 
J50 a 352. 

tS6i ODINETTO Luigi » Seigntur, ^ Ba- 
ron de Montfort , Audìteur Géoéral 
de QàOìp » puis CòU)te de Confians* 
Vedi il Capre, pag. 160 alla data 1562, 
e vedi anche il titolo de' primi Offi- 
ciali » e Prendenti Patrimoninli . . • 
alla data de' 29 novembre 15^5. 

1582 PIO VENA Guido, Conjtglieré , Colon- 

i nello , Mapro di Campo , e Giudice • 

fettemb. aome nell'Ordine ài Carlo Emanuel L 

del prirT?o di fettembre 1582, di cui 
predo il Borclli^ pag. 759. 

Ddl\Auditor Generale della milizia 

fi parla nel precitato Ordine ^ e come 

nel Sorelli pag. 759, ^e-o, e 761. 

(a) Si farla pure dell' Auditor Generale d' Ar« 

ffata alle date 17 il 21 ottobre, e 1735 

29 maraso, articolò Bogine* 



ij«5 



15S5 
21 

1586 
1 

gOQnaìo* 



1592 

7 

dicemb. 



^^47 
PONTE Ameaeo » Auàitwtt G^iuraU, 

della nuU[ia , come dall' enunditlva 

JetU due foglietti di Carlo Emanuel 

a favore dell' infìranomìnato Carlo Ca^^ 

chcrano 11 dicembro 158$» e primo 

geimajo 158^» già ftatt danoirtpor- 

taci nel tomo primo ^ (btto i7 lijf. . 1^4 

do' primi Prefidend della Camera de* 

Conti di Piemoact« articolo Cache** 

rano Cario» fog. ^6$ » e }66. 

(Scherano Carlp. » Auditor Gént^ 
rate di milìzia di qùà da* monti ^ come 
.dalli due V]gli6tti dt Carlo Eman$ul 
dati da Tormo 1Ì2X dicembre 1585 ^ 
e primo ^ennajo 158(3 di cui mei 
detto titolo 14 de' primi Prefi denti 
della. Camera di Piemotite. 

PROVANA Gio. Francefco , de'Signori 
di BuffoUno y Conu di Colegno, Aa- 
ditor Ginerale di milizia ^ come dalle 
Pacenti 1591 7 dl^cembre già rìpor* 
tate fotto il frecùatù titolo 14 de' 
primi Prefidenci della Camera » tom. i« 

U fuddecto Prorana è. quegli (ledo , 
che fu poi Gran Caacelliere. Fedi 
il titolo de' primi Prefideoti della Ca^ 
mera di Piemonte alla data 1601 
16 giugno» articolo Argenterò Fabio» 
pag. J7I. 



/ 



'^^ .... 

X'59Z ^ MESSERATI Già Giacomo. Auditore 
^595 J ^ Campo nella gaerra contro i Fian* 
cefi a* tempi della Dighiera (a). 

i60t ARGENTERÒ Fabio » jiuiUtor GeneraU 

i6 di milizia , & gtnte di guerra (Ji) in 

Ipugno. luogo -did fuddetto Provana » come 

dalle Partenti i6oa i^ giugno 3 già 
' / ripoitaie nel tomo primo ^ tit. 14 

de* primi Prefidenti della Camera de' 
Conti di Piemonte » pag. 371. Vedi 
anche U Borelli^ pag% 753 * e 768. 

teì€ . ZOELI.O Lodovico » Auditore Generate 

9 di mitiiia, & geriti da guerra, come 

aprile. dalle Patenu \6i6 f aprile» già ri*- 

portate fotco ii $ii. 14 de' primi Pre- 
fidenri della Camera di Piemonte. 



(a) Così nelC enunciativa delle Patenti 15 giugn0 

16 li a favore di BaidalTar Meffeiati» di cui 
nel tòmo i , tit. 14» pag. 414. 

Umfcafi la Corona Jleale 3 parte prima , 
pag. ija. 

(b) Intorno a quefii tempi vi fu anche un Rafaele 

Argenterò ai Chieri» f^iteudirore Generale 
delle miliiiey come rìfulta dall' enunciativa 
delle Regie Patenti delli 1^ fetcembre 1^19» 
di cui nel tomo i , rit. 17 degli Avvocati 
Generali del Fifco , e Patrimonio Ducale > 
pag. 6)1 , 6383 «58, e 659. 



£15 BRAIDA Gioaani AatooiOj Configfieid 

24 dì Stato j Tenenti, e Generale Amdi^ 

bbfajo. tote JUUe mìUiU , i gente di guerra» 

Così vedefi qualificato nelle Patenti 

di Carlo Emanuele I dell! 24febbra]« 

16 ij proflb // Ber eia pag. 789. 

(2é FERRERÒ Carlo ^ da^cui fu cttxcìtm 
il carico dì Auditor Generale, come 
nell' enuBciatiira delle Patenti x no- 
vembre 1616, di cui qui infra» tfr« 
iieolo Pellegrino. 

\t6 PELLEGRINO Giulio Ce£ire , de Si^ 
1 gnori di Cafielnovo, Auditor Gene- 

«mb. sale di milizia^ e gente di guerra 
9uUa Città , e Conuulo di Ni^^a. 
„ Carlo Emanuel. Convenendo al fer« 
^» vizio noftro mandar maggior nu- 
9> mero di Soldatefca nel Contado di 

Nizsa 1 & endo necefla- 

rio per mantenimento della giudi -^ 
,9 zia^ e ben pubblico di provvedere 
j, d* un Auditor Generale nella fud* 
„ detta Città y & Contado • • • . r» 
,, qual prò vedi agli abufi » che pof* 
^ fono giornalmente occorrer &a li 
», foldari» caftighi i delitti» Se mi-. 
,, niftii giuftizia» & injieme Jbprain* 
y, tenda generalmente a tutte le moni» 
,, [ioni da vivere , e da guerra » 8c 
,» informati per piova » che tune le 
^ fuddette» Se altre ^houorate qualità 
j» concorrono sella peiibna del ospito 

ji Magnifico 



»9 
39 



,i 



^ Magnifico Vaflillo Configliarò » & Rofereadavo 
jj di Stato il Sonatore Giulio C^are PciUgrino, 
j, de* Signori di Caficlnovo » il jqual aveiido efer- 
jy cito in quelle ukime guerre tuno^ e t altro 
39 conico ad intiera noftra (bddis6aione » ci fia- 
,9 mo moi&y avendo maffime deliberato // Sc^ 
j» natorc Carlo Ferrerò^ che finora ha efercito il 
jb fuiduto canicfif in altra oocafione di non minor 
^ importanza » dU eleggere » conftituire {a)^ e depu- 

9, tare , come p^ /« prcfcnti èlegiamo , 

^ conftituiamo 9 e deputiamo il fuddetto Referen- 
j9 dario , Se Senator Pellegrino Auditore nofiro 
^ Generale di milizia, e gente di guerra rulla detta 
,9 Città, e Contado di'Ni^ra^ eoa tutti gli ono- 

,9 ti 9 8c con li mpend] a pane ftabi- 

,3 liti j con autorità di conofcer» giudicar » 6c 
M terminar nelle caufe si.attive , che paffive , che 
«9 occorreranno fra Uffidali , Soldau , & gente 
,^ di guetra > come li pareri di giuftizta » e ra- 

^ gione 9 volendo , che le ordinanze , 

,> 8c fentenze fue abbino intera efecuztone fenz' 
39 altra cognazione j né revifione , eccettuate però 
j, auelle di morte , e di galera , quali vogliamo 
3, nano prima confin&ate dal Senato noftro di 

3, Ni{j(a Mandiamo pertanto, e co« 

3» mandiamo a tutti li noftri , che in 

3j oflervania di auefte riconofduno , repuuno , e 
3, (limino il fuodetto Refierendaro, Se Senator 
j> Pellegrino per Auditor nofiro, & Soyrainten^ 
3, dente Generale delle monizioni da vivere^ & da 

9> guerra, come fopra Torino i novem* 

33 bre i6i6. C* Emanuel» 

(a) Cosi pricifàmente in effe Patenti x novembre 



C 



)• CAMBIANO di Rufiuj Conti G'oaam, 
.1 Confìglier di Stato» Prefidence ordì* 

ria naito nel Senato di Piemcnte, Wj^- 
i/'/Of # GtntraU dilU inili^ie > « ginti 
di gutìTfis 9 Geoeraiiifiuio fopra le 
moDizioai j U da vivere j che da 
guerra. CSp^/ trovali egli qualificato 
neir Ordine di Carlo fmanuell delll 
Il marzo 1630, di cui picflò UBìh 
rtUi^ pag. 8po. 

■ 

^8 fUiPPA Maurizio 9 Auditor Generale 

l delle milizie 9 & genti di guerra, co- 

arcb me dall' eaupciMìVn deUe Patemi di 

frimo Pr$fid^^t$ dell^t Camera di Pie^^ 

mont0 in Tuo favore eipaoate 1! x6 

g^opajo I65A. (n), t come dalle Pa* 

t^nei 4* infeudf^ione delU feudi di San 

Michele 1 Pin9^9 ed Uflblo deW uU 

timo di ^ttokre 1648 j da ejfo Maurizio 

Filippa p^t^imfe, nelle quali appunto 

n^edef Égli qualificato Copfigliere di 

^tatc, it di finan{ej ter [o r re fidente 

dell^ Camera dfi Conti ^ & Auditore 

(Seperaie di Guerra. 

Di quefio Maurilio Filippa >^i<ir/<)r^ 
generale di Gu^ra & parla anche nel 



E gii fìportat$ nel loino prif9p sfotto il tit. 14 
de' Priqpi Prefideaii deiUa Camera de' Comi 



di Ktino9t«^ peit 187 



1» Siìc 
i. del 



néfi PISCINA Frascefcc ,^ É'fimvre fiat» 

%i 99 nofirc Jefiderio a appog- 

maiMb »9 gitre le cariche principali dello 
9t Stato noftro a quei Mioiftti , che 
99 per qualità di nafcita» iiice(|rìtà di 
5> viu, 6c efpennientata dottnaa fti- 
„ fluiamo pili riguaidevoli 9 e bene- 
9> meriti, oo&i dovendo Noi eleggere 
09 un Auditore^ e Stf^rainiendenu Gì* 
99 ruraU della milizia 9 genie nofira 
9» di guerra » Ufficio vacante per la 
59 promozione Citta del Preudente 
.9, Filippa a quello di primo Pre/Uente 
i9 della Camera nofira de*Conti^ ab- 
99 biamo giudicato non poter hx mi- 
glior elezione a quefto carico 9 che 
mollo Magnifico Configliere 
99 di Stato 9 Prefidente del Ducato di 
99 Monferrato 9 ic Secondo nel Se- 
^9 nato noftro di qui da* monti il 
^9 Conte Francefco Pifcina » il quale > 
99 feguendo le pedate del fu Gran 
99 Cancelliere Gio. Giacomo Pifcina 
99 fuo padre '• # • • 9 per le prefenù 
99 dunque • • • • deputiamo U detto 
99 Prefidente 9 e Conu Francejco Pi-' 
y^fciaa per Auditore^ & Sùvrainten^^ 
99 dente :GenetaU della mdiiia , e gente 
99 nofira di guerra y tanto di Cavalle^ 
99 ria, che d Infanteria y eiiandio delle 
^9 Guardie di Madama Reale mia Si* 
'^ gnora 9 e Madre 9 e noftre 9 con 
99 tutti gli onori .••••• 9 
«Si uulÌ9dri|ti9regaiic> é trattenimento 

9> anoMO 



vUi{{€ fei tf Ufficiale di Cavalleria > 

n€^ che gli ftabìlir«o)0 a parte > 

cofa a detto Officio fpettante» 

ha goduto il Joito Prefidinu 

.uteceiTore in detto Officio > eoa 

. predata il dovuto giuramento 3 al qual 

•o ordiaiamo alti Contaiore^ € Viaiore no 

generali d' aflfentarlo nella qualità ^ e paga 

tetta • Torino 11 marzo i(^ji. 

lauuuuL 

CASTALDO Gio. Francelco, ConpgJiere^ 
• Luoffotenente Generale d!f//!a carica 
A' AuaitoteGenetzie di Guerra y come 
infra. ,j Avendoci £itto conofcere V 
n e/perìeoza » e la pratica di tanti 
,^ anni pai&ti , ouanto fofTe ne cellario 
„ al fervitio noftroj ed al ben pub- 
„ Uico un Luogotenente Generale della 
jy carica d* j4 uditore Generale di Guer* 
^^ ruy e delle noflre Milizie » ed effen- 
,, do paflato da quella a miglior vita 
jy il molto magnifico Conigliere di 
,y Stato y Prefetto , e Senatore Filippa 
,j Cónte di Martignana, che poife* 
j5 deva detta carica, della quale vo* 
yy lendone Noi provvedere di perfona 
jj di dottrina 3 integrità 3 zelo^ e di' 
M vozione3 abbiamo fatto elezione del 
93 magnifico Gio. Francefco Gafialda 
93 Dottore ili leggi , io cui s* incon- 
93 trano tutte quefte pani 3 ed altre 
»» qualità requiiite per ben 3 e degna* 
»> meate eftrcirla ad intiera foddisfa- 

•« zione 



i}4 

j, xione nofini» cha fperìauno noli Àrà mlootes 

jj di quella » che ha ilbinpre data il fu Auditore 
>9 Gd/ialdo fuo Padre io tutte le conuniiiionì 9 ed 
^ impieghi ^^igli dalla gloriofa memgria di 
j» S. A. R. jiiio Signore » e Padre » efleodo egU 
j9 mono decano de' Maftri Auditori della nolba 
M Camera de' Costi ìè Piemonte • • • • • • > 

,9 Onde per le preftnti •••«•»• ^ 
M « col parere del noftro Configlio ^ e fiiecial- 
i9 mente del molto magnifico Confi^ere di Stata 
9> il Conte y e Precidente Pifcina Aitditore Generale 
» ^f^9 creamoj coftituiamo» e deputiamo 4/<rne 
^ Gio, Francefco Gafialdà per nofiro ConfigUeu^ 
j9 e Luogotenenu Generale della carica d* Ajiditorc 
j» Gcnende di Guerra » e dielle noftre Milizie y^f 
M ^^jfe» «. pÌ4{{tf del fti Senatore Filippa predetto « 
j> con tutti gli onori , preminenze » prerogative » 
M utili » dritti , ed altre cofe a tal carica fpettanti » 
,9 # ce/ tnedemo fiipendio jìi lire mille if argento , 
t» a foldi 10 r una » Aahilite per detto ofincio sì , 
99 e come ne ha godfuto ^ e poteva godere il detto 
,1 Senatore Filippa fuo anteceffore, ed andando in 
9% campagna , accordiamo di pia al detto Gafialdo 
t» fin adeflb per allora ra{ioni di pane fei al gior- 
j» no» e piazze due della qualità di quelle delt* 
99 Auditore Generale predetto 9 in'clufo in ciò ogni 

91 altra pretenzione9^e dritto Moncalìen 

99 ^4 dicembre 16 sS* ^* £manuele. 



;57 TRUCHI Gio. Giacomo. Ne' Rt^ifiri 
Camerali, e nei conto Tcfortria di 
miiiiia dell'aono tCsj fi leggo al 
capo 986 dello fcaricaoiento come fi* 
gue. ,, PIÙ di U. j.m pagate air£c- 
M ceilentiflimo sig. Coote» & Prefi- 
M dente Gio. Giacomo Trtuhi Audi* 
,9 iore Generale di Guerra per dona- 
n tivo fattogli da S. A« R. in ri- 
M raurdo ^ & a contempiatione delle 
n ntiche ftraotdìnarìe fatte in detta 
j» carica per ioevizio della medefima 

») BLANCARDI Carlo Antoiuo. s> C^m^- 
t nfieodo Noi quanto 'pofliamo prò- 

nb. M metterci dell' integrità ^ iàperej 8c 
„ altri rìguardevoli talend^ che uniti 
M con la nobiltà del (àngue abbon* 
9j dantemente conconono nel Cava- 
J9 liere» & Auditore Generale della 
M Sacra Religione de' Ss. Maurizio » 
j» e Lazzaro il Conte j e Senatore 
n D. Carlo Antonio Dlancardi , e vo- 
j9 lendo dare al làedefimo qualche 
9» &ggio della molta (tìma » che fac- 
9» ciamo della fua peribna» con ap« 
93 poggiarle il carico J^ Auditore^ e 
9j S^vraìntendente . Generale della mi* 
99 U[ia 9 r f^/zfi ;i0/?rr di guerra nella 
9j promozione del Ccnte , e fecondo 
99 Prefidente della Camera noftra de' 
99 Conti Truchi alla prima fedza di 
^9 eiTa • • • 9 per le prefenti • • . . depu* 

4, tiam» 



»» tiamo // detto CéVàliert BUncarii per Auditore , 
s» k Sovraintendenu Generale della milizia ^ e gente 
>j nofira di guerr4 (a) > tanto di. Cavalleria j che 
9, di Fanteria» eziandio delle Guardie di M. R. 
9^ miafignora Madre ^ e dellafignora Ducheffa Reale 
9» mia Conforte amatiMma » eoa tutti gU onori • • » » 
j^ utili » dritti > regalie ^ « trattenimento annuo di 
M P^^lt fti d' Officiali di Cavalleria j ra{ioni di 
jy ^tf/i^ 3 che gli UfbUiamò a parte » & ogn' altra 
cofa a detto Officio rpettante» si» e come ne 
ha goduto, detto >Conte > e Prefidente Gioan- 
Giacomo Truchi» e fuoi anteceiTori in detto 
Officio » cqn che prederà il dovuto giuramene 
»9 to, al cui effetto ordiniamo olii Fiedore» e 
»» Contaiore nofiri Generali d* aiTentarlp nella qua- 
lità ^ e paga Aiddetta . • . • • Torino i8 di- 
cembre i6^j. C* EmanueL 






M 
»> 



i6tG CASTALDO Gio. Francefco , Reggente 
2 j r Ofiicio d' Incendente j e Auditore 

maggio. Generale di Guerra y come dall' enun- 
ciativa delle Patenti di M. R. Gioanna 
fiattiftaij maggio 167^3 dicuipreffo 
il Sorelli , pag. 7 5 $ : iH : >» mandiaaio> 
j» e ordiniamo in prima al molto Ma* 
^y cnihco Configliere di Stato s Re- 
ferendario di (igoatura il Conte 
Gio. Francefco Gaftaldo Reggente 
V Officio d* Intendente » & Auditore 
^ Generale di Guerra di dover • • • • 
(a) yiedi anche l* Editto x novembre 16^4 nel Bo- 
relli 3 pag. 574. Pia vedànfi le Patenti di Carlo 
Emanuel 11 delli ly fettembre 1^73 > ove fi fa 
menzione dell* Auditor Generale di Guerra 
. Conte, e Prc/identehÌ9inc:ixàì , pag. ioi prejfo 
r aniidetto Sorelli. 






'57 

Dall' cnundatln poi delle alire Parenti delC 

3 geooajo 1 677 ^ lapponate qui fopra fono il f f- 
iolo ni Jd Con/òUto » pag. 1 1 9> rìfulta ooh folo 
della fuddetta qualità di Reggerne , ma di quella 
aocora di Luùgotcmenu Gemréde Jelt jtmJitarUiQ 
di (?jMrrtf 3 con quello dì piò , dì cui in effe Patenti, 
Del medeiimo troYiamo tanto nei Rmfea 
pig. 191 > e 193 eomt fegue.^ »• Aniu Rmfem, fia 
j;^ manata con Annibale GafiaUo » nato di fangue 
,9 nobile j e antico nella Cittì di Toilno » e| Au* 
99 ditore nella Ducale Camera a fmtello di Giu&ppo 
99 Gdfialdoy che fu Maggiordomo del Principe Fi- 
liberto » primogenito di Carlo Emanuele ì. Da 
quefti Anna itifj^if, e Annibale Ga^aldo (bn veouu 
Gio. Francefco 9 Giufeppe^ e Gio. Antonio. • • , ' 
Gio. Francelco primogenito è Conte di Tranai 
fotto Madama Reale Crifiina efercitò per lo fpa- 
zio di venticinque armi V Officio di Auditore di 
Guerra alle armate , e di Luogotenente Gene- 
rale delC Auditoriato Generale di Guerra* 






1^7^ PALLAVICINO Tommafo Adalberto. 

iS . ,9 Avendo Noi maturamente deliberato 

dicemb* 3, di provvedere per il carico d* Au^ 

ditore, e Sovraintendente Generale 

di Guerra « deputiamo 

detto Marchefe Tommafo Adalberto 
Pallavicino per Auditore 9 t Sovrain* 
tendènte Generale della milizia ^ e 
gente di guerra ^^ tanto di Cavalleria, 
che Fanteria dì S. A. R. mio figlio 
amatijjimo 9 eziandio delle no/Ire 
Guardie 9 con tutti gU onori • . .^ 

,9 utili. 



>9 
>9 

» 




ff utili > dritti 9 regalie j e trauenimento éuinuo di 
%% piA^e fei £ Oj^cialt di CavalUria > rM[ioni di 






j> pan$ , chi gli AgbUUmo a faru j Se ogn' altra 

co(a a detto ufficio fpettante » 

con che preftarà il dovuto giuramento , al cui 
effetto ordiniamo ùUi ytedore^ g ConiadoreGc* 
M nerali prefenti , e fucceffoii d* aflentarlo nella 
M quidità» e paga Suddetta • • • • Torino 18 di- 
«9 cembre 1676. M. Jeanne Bspufie» 

Nel libro inviolato Statuta antiqua ^ te nova 
venerandi» facrique .CoUegii juriiconfultorum Au- 
gu(be Taurinorum « una cum declatationibus » 
confirmationibus 3 additionibus 3 & privilegiis > 
aliifque ad Univerfitatem Taurinenfem fpeftanti- 
bus , ediiione di Torino prtffo il Zappata nel 
1^80 1 èà in un catalogo mferto ivi fui finire 
del libro leggo ^ eom^ infra ^ alla pag* i^ di ejfo 
catalogo. Thomas Adalbertus Palla^Uinus Taur. 
Marchio^ ConfiL Stat. , fecuadus Prxfes ia Ex- 
celi. Camera, auditor Gcn. Militiarum ^ necnon 
Armamentarìi (a) Generalis Coniervator» 

• 

1680 BOLGARO Conte Antonio Francefco, 

circa. Vercellefe » Auditore di Guerra , Con- 

figliere di Stato , e Referendario d 

fognatura per 5. A. R. Cosi mi Ro 

btrto Rufcay pag. 12} {b\ 

Abbiamo in Camera le Patenti dell 
14 febbrajp 1679 ^^^ l^/zor jegutnte 
yj Maria Giovanna Battila . » . . . 
», elegiamoy e eonjlituiamo \\(oddtttfì 
3, Vaflallo, & Auditore {e) Bolgaro 
(a). Armamentarium , arfenale , armeria* 
(b) Ediz. di Torino^ f^ereelÙ preflb il Marta neliSS^ 
(e) Antonio Francefco. 



,, CtaCdieie di Stato > e Referendario effettivo 
• ddb Dgflatura di S. A. K. mio figlio amatif- 
, tao I con tutti gli onori &c. 

Cnfien dire pertanto , che all' epoca fud« 
n dd 4^79 non fofle per^nche t Antonio 
WK^ Bolgaro Auiitou di Guerra ^ fé pure 
MOj d'egli abbia occupato tal carica > giac*^ 
I BOB ne ho potuto trovare rifcontro alcuno 
UArdùvj Camerali. 

y Belgari j Famiglia antica > ed illuftre di Ver^ 
B pana nella Cor. R. par. a , pag. 102» 1 10 ^ 
s e 1)9» e fegnatamente alla detta pag. 1 10 
ce j che Bernardino Bolgbero fu Podeftà di 
m nel 1361. 

1 BENZO Conte Giuleppe Antonio* 
,, Avendo il Marchefe^ e Prefidente 

Qé M Tommafo Adalberto Pallavicino in 
^ virtù della dilpoaibìlirà da Noi ot- 
^\ tenuta per Parenti delli 28 fettem- 
^, bre I6'82 difmeiTo a favore del 
Conte , e Prefidente Btn[o la ca- 
rica iC Auditore . GeneraU di Guerrfig 
., Auditore^ Sovrintendente^ e Con* 
y, ferva tot e Generale celi' Artiglieria , 
j^ precedente il noftro aiTenfo, che 
y, volentieri abbiamo predato, per le 
»3 frefenn * • • • deputiamo il detto 
3, Cor. te Giufppe Antonio Ben^o Coti' 
,^ figliere di Siato^ e Segretaro di 
,, Guerra , Auditore , e Soyrintendente 
^ Generale della milixìa^ & gente di 
99 guerra j tanto di CavalUna » che 
„ Fanteria , compre/c U Guardie del 

„ Corpo ^ 



3» 



J 



99 Corpo 9 & il Rjtggìminu noflro di 
j» comi anche ddC ArtigUcria > € Confervatare Gene-- 
3> raU dilla medefma, con tutti gli onori » • ^ 
»9 utili j dritti , regalie » « iraiunimimo annuo 
»» £ pialle fc't £ UjficiaU di Cavalleria • ragioni 
^ di pane , che gli ftatiliremo a parie > & ogni 
M altra coia a detto Ufficio fpettante , 8t appar^ 
M tenente » si » e come ne ha goduto ^ & poteva 
3» goder ier^o Marche/e^ e Pnpdinu Pallavicino, 
«» & anteceflfori in detto Ufficio ^ con che dovrà 
,j predare il dovuto giuramento } mandiaoui per- 

9» tanto ai MagiArati^'^Klinìftii Man- 

j, diamo inoltre all' Uffizio Generale del iSoldo 
,y d'aflentarlo nella predetta qualità ...«•• 
M Torino if giugno i69i. Vittorio Amedeo. 

1700 NICOLIS Fraocefco Antonio 3 Conte di 

14 Robilauc. • • . Per le prejenti - • •^ • 

luglio. j> deputiamo detto Conte dì Robilant 

j3 Fr ance/co Antonio Nicolìs per Au* 
99 ditore , e Sovrintendente Generale 
9j di tutte le noftre milizie ^ e genti 
f, da guerra , tanto di Cavalleria , che 
Fanteria » eziandio delle nofire Guar» 
die del Corpo , Reggimento di Guar- 
dia » & Artiglieria , con tutti gli 
9» onori 9 automa « preminenze , pie- 
^y rogative^ privilegio utili » e dritti 
jj a dette cariche fpettanti ^ 8c ap- 
^, partenenti^ slj e come ne hanno 
jo gioito y e potevano gioire li fuoi 
j3 anteceiTori in dette cariche , e coli' 
yy annuo trattenimento di pia[{e fei 
>f ^ Ojjiciale di Cavalleria > e raiiorii 

„ di 






i 

; m à me, eki gU fiaiiliéM^ n parti > eonferea<i' 
L » doli b giufìfdizione » e cognizione si ci vilo ^ 
I i^dwainiBab fovra tutte dette Truppe» Reg- 
m |WM di Guardia » Anigliena , e loro dipen« 
»deWiperò nell* ifteflo modo > e maniera ^ eh* 
jf^in conferu, & efercitata da'fuoi ante? 
m €ttà m dott' impiego (a) , con che preftarà 
m i dofuto giuramento ; ù che mbbiamo fMto > e 
it fmàm» di grazia noftra fpeciale , e medìanu 
» k fau{é dì liurt venti miUa ducali di argento^ 
M 8 6ldi 20 r una « pagabdi in mani , e eoa 
m 9MIIIU del Teibriere noftro Generate U Vaf- 
» allo Ajmo Ferrerò • • • • Vcnuria RcaU 14 
jf loglio 1700, K Amedeo^ 

17 if GAZZELLi Francefco Antonio t Conta 
( di Sdva. 9» // il€ di Sicilia^ di Gc 

Mteinb. j, rufaUmma^ e di Cipro &Cm „ Ma* 
>, gnihco fedele, & amato noftro» 
,» Havendo Noi deftinato il Conte 
t» Nìcolis di Robilant Configliere* di 
y^ Stato » Prefidente» & Auditore Gè *> 
nerale nolho di Guerra» per efer- 
ciré il carico di Regio Confultorc 
in Sicilia, e dovendo hora prove- 



S3 
Sf 

»» dere all' amminiftratione delt Au* 
j» ditorato Generale di Guerra, pen- 



dente la dì lui ablenza » perfua-. 

déndoci» che voi potrete colia co- 
la Pratica legale par. 2 » tom. i o» tit. 55» 
pag.^Q^, inficme al Regio biglietto io ago (io 
17 fi diretto al Senato di Piemonte, e rela- 
tivo al Placido Drofy Chirurgo maggiore dgf 
Reggimcnfo Hacbictb. 



^ fio&iuta voftsa captaità y TecJekà , e zelo *de« 
^9 gnamento xieinpixiie le parti» v'abbiamo elet- 
^, ta» -6 deputato t £ome €cl prefinu v' eìtggiBiùQ p 



^9 e deputiamo per efercire proyifiori4dmtnu , peo< 
^ dente i' abfenza del detto Conte > e Prefidente 
)» Aic9/!cs di .Robìlant I & finché fiafi da Noi ai* 
^9 trimenti proveduto » il carico ìF Auditpfi G€' 
9> nerale di Guerra di tutu te nafire Truppe y e ge^ 
j» ruralmenu Jf ogni alerà pirfima foggetta al foro 
^, militare^ di qualunque grado, fino, e eondi - 
5> itone fi jiéL% i:qii tutti gli honoris autorità, 
3» prerogative , preeminenze > utili , dritti > & ogni 
i^.altn cob al. detto carico (pettante» ^ appar- 
M tenente j e con fiureitè tti .affiinieie ^ e far af- 
9j fiimere da altre perfone da voi deputande le 
M bformattoni contro qualfifia perfi^na» o perfo* 
^ ne militari « formar pioceifi contro li delin- 
ei quenti » procedere , e éu proceder alle catture, 
99 ed efiimi de'medefimi » intervenire alli Confi- 
ci gì) di guerra 9 ricevere li giuramenti , e voti 
9j de' Giudici , e generalmente. conofcere» e prò* 
», vedere in tutte le caufe appartenenti al foro 
,9 della guerra » di qualunque genere , e qualità 
9, fifiaoo, conformemente agli Editti » Lejggì , Co- 
9^ ftituzioni , e i(egolamenti noftri militari , s) 
9» promulgati, che da promulgarti in avvenire, 
»> privativamente ad ogtii altro Tribunale , Gitt- 
i> dice , o Miniftro , e con la fiefla autorità , fa- 
„ colta 9 e giurifdizione , che per T efercìtio di 
%% tale carico, e come Condelegato per giudicare 
>f le contro vcrfie , che occorreranno fovra li par- 
ti liti, ed iroprefe dipendenti dall'Officio Gene- 
9, rale del Soldo, abbiamo conforta al predetto 
n Conte, e Prcfidente NicoUs diRobilant, cooc^ 



l6i 

m VR& oche quella d' interreiure nel Confeglio 
m ^^ni^iirui, fabbriche i € fortifica{ioni^ 0(U 
itFMden Belle caufe fpectsnti alla cognirione» 
M 4iÌBÌfiii(ioiie d'eflb Confeglio» alla mente 
m Mup uore Conftitutioni del medefimo. Man^ 
jt^Mp pounto j o comandiamo a cutti li no- 
à M llinAri . • • • Oat. in Annefiì li 6 (eccem- 
m ke 171 j. fT^ AmuUo. 
^Cmitj e Stnaiore Gai{€Ui dfi 5elva« 

i7^t GAZEIXI Francefco Antonio Conu di 
H Silva 9 Configliele» e Senatore c^el 
Senato di Piemonte, Auditore^ tSo* 
nainundente GemraU di Gaerra- Così 
nell' inveftitura 14 marzo 1716 del 
feudo» o (puriidizione di Selva (a)^ 
e porzione di giurifdixione di s. Se* 
bafiiaoù a favore del detto Conte Fran- 
cefco Antonio Gazelli (b). 



4 Qiiefio feudo di Selva (i) eef^ò di effere nella 
Famiglia GazelU dopo la Senun^a Camerale 
17 ^o^ I74a > eolla quale fi è dichiarato 
efere il detto feudo de comprefi rulla riunione 
portata dalt Editto 7 gennajo 1710. 

I Urufeafi il tomo primo delta prefente Optra » 
pag. 481, 676, r 677. 

I Della provuuia di Vercelli , e dipendenti dall' 
Abazia di Muleggio. Cor, R. parte feconda , 
capitolo Xy della Signoria di Vercelli , pag. 



no. 



I<4 

M yUiùrio jtmedio II Le frequenti 

«ft occafioaìf che la fa R. A. del Duca Carlo 
^ Emanuele 11^ mio Signor Padre d' im mortai 
M memorùt , ,e]»be d' impiegar il Fajpiilo , Cava^ 
$^ lier, e Senaiore D. Nicolò Ga{elU {a) fuori di 
M quefii Stati per negoz) impoitanrìflìnù della Co- 
9, rana, e maffiòic nelle Città» e Corti di Ro- 
9% ma, Napoli , e Ferrara » ote con lodi pari al 
9, Aio telo , non fenxa grave incomodo de' Tuoi 
M propq imeieffii foddi^ece per mold aimi alle 
^ parti del fiio Mlniftero » moflero la medefima 

j» R. A Noi » ch« • ab- 

9r biamo continuato a fperìmentare gli e£fetti della 
M (ila buona» e fedele fervitù in diverii non men 
t> gnvi a£Eu:i ddU Caroii# .conuneffigli da M. R» 
39 mia Riveritifluna Signora» e Madre» volgo- 
n dogliene teAìmoniare il noAio pienii&mo ^ra» 
t» dimento • - . » informati della qualità» &im- 
9» portare della terra » fioaggio » e luogo noftro di 

9» Silva nel VcrccUefe^ quella» e quello 

t» concediamo ol detto VaffaUo, Cavaliere^ e Se» 
I» natore i>. Nicolò Ga{tlli per lui » Tuoi eredi » 
j» e fucceflbri in perpetuo . • • {Jb). Moncalieri 
9» aj novembre i^Sz. ^. Amedeo. 

Succede TinveAitura a favor del medefimo 
in data delli 5 dicembre 168 a eoi titolo^ e di- 
gniii Comitale » e come meglio » e più ampiamente 

dalla medeiima apparìfco. 

f 

fa) Bifavo paterno dtlt attuale sig. Conte Gio. Battifia 
Luigi Maggiore della Cittadella di Torino. 

(b) A favor de' quali fu neUo fleffo tempo il detto 
ftudo di Selva eretto % e creato in vero^eU' 
giliimo titolo 9 e Dignità Comitale. 



\ 



16 f 
hi SOLARO Lniovico di Maretta. ^ 11 Rf 
Il » di Sicilia &c. Magnifico^ fideU^ 

Bujo. sy ed amato nofiro^ Non potendo il 
M Coote , e Senatore Gaxelli di Selva 
M più lungamente fupplire airaoimi^ 
f, niftracione del carico dinofiroAu* 
^ ditore Generale di Guerra ^ già da 
,, Noi provifionalmente oonfertoli » 
^ & dal oiedefimo (inqui efercitato 
,j con noftro gradimento f per tro* 
»j yatfi egli molto occupato in quello 
„ di Senatore ^ habbiamo rivolto l'ani* 
9, mo noftro a voi D. Ludovica SoUrù 
9j di Moretta , Cavaliere Gran Croco 
M della noftra Religione de* Ss. Mau- 
», rizioj o Lazzaro » e noftro Con- 
^t figliere j e Referendario di Stato ^ 
3» e di iignatura » ed habbiamo fti- 
M mato di commettervi l' efercitio di 
9s tal Uffizio per la cognitione» che 
j, habbiamo della voftra probità , ca-* 
M pacità, ed ifperienza» e dell'altra 
», nngolari qualità » che %* incontrano 
j, compitamente nella voftra perfonaj 
S5 le quali ci rendono perfuafi , eh 3 
3, farete per riempirne le funzioni a 
>, noftra mtiera fodisfatione* E però 
,9 in virtù del prefente vi elegiamo » 
>, e deputiamo a efercire , per lofpa" 
,j c/o ^ un anno, cominciando dalla 
j, data del prefente , & fin che (iafi 
^ altrimente da Noi preveduto^ // 
„ earieo d* Auditore Generale di Guerra 
^ di tutte le noftre Truppe , e gene- 

», ralment# 



r 



lite 

^ ralmente d'ogni altea petfòiit (bggena al foto 
^ militare » di qualunque giadOf &uo« e coiidi- 

^9 rione» con tutti li honori » o coU' 

»y iftefla autorità» ftcoltà» o ^urìfditione > che 
^ per r efercitio di tal carico • • • , habbiamo 
^ conforta al Conte » e Prefidente Nieotis di ite- 
^ Ulani . . A • • Dar. in Torino li ii geniujo 
^ lyii. K Amtiio* 

MtUanii. 
. f 

1721 BERTRAND Gio. Francefco» Conte 

X9 doiU Pgroufa. „ All'impiego di Aw 

ao?emb» »» iìror# GemrnU di Guerra Tolendofi 

» da Noi eleggere im (oggetto» in 
»» cui fi unifcano al zelo per il no« 
»» ftro fervizìo il fapere » la probità » 
»» e la coftanza» e iapendo» che 
»» quefte qualità concorrono nella 
»j perfona del Come Gio. Franetfco 
»» Bertrand della Peroufa per le pro« 
»» ve» ch'egli ce ne ha date nella 
»» carica di Cayaliire i honore con 
», voto» da lui foftenuta nel Senato 
»» noftro di Savoja» non meno che 
»» nell' efercizio provifionale della 
»» Segreteria di Guerra da lui avuto» 
»» in cui fi è anche reib prarico della 
»» ffiuftizia militare » fiamo perciò (lari 
»» mvitati di conferirgli il fuddetto 
,» impiego di Auditor Generale ' di 
»» Guerra^ e di decorarlo con la qua* 
»» liA » e dignità di PreSdenu m 
»» contraffisgno della foddis&zione » 
»i che ha incontrato appreflb di Noi 

•« la 



i fia ietfiA , fuimli è , che per U prefinti .. ^ . 
iBUio« e coftiiuiaiDO detto Conte della Pe^ 
Dofa Prefdtntt » e 1* elegiamo > e deputiamo 
laàtart GaunUe di guerra di. tutte le noflre 
u^H » ^ i^^^^ ^ gf^^ru , tanto di Cavallina, 
ig di Fanteria, e a Artiglieria , niuna eccet^ 
tata^ qóUm giunsdizione j e cogQizione^ sì 

TÌk» che ariminale , coW annuo fii^ 

\ndio di lire trt miUa i argenio, da foldi io 
una» quali mandiamo al Teforiere di miliiia 
. • • d[i pagargli a quartieri maturati riparti- 
maiCB j cominciando il primo del me fé di de - 
mire, e cominuando in avvenire > durante la 

a ftrràtùj ci il noftro beneplacito 

andiamo penanto a tutti li noftri Miniftri • . . • 
[ al Conte Fontana nofiro Conudore di fatlo 
&rivere Tcr^ra il bilancio militare . • . Dai. 
\a yenarim li 29 novembre i7i3« 

.6 MAINO Conu , Vicario , e Sovrainten- 
,r dente della Politica ^ e Polizia di 

Torino 5 efercente il carico di Audi* 

tore Generale di Guerra. 



Ne' Regolamenti di Sua Mae/là pel 
Godente economico delle Aziende delli 
aS giugno 1750 , mandati regiflrarfi 
nel Senato di Piemanu, e ftampati 
di quella fteflb anno 17 }• nell'Ac- 
cademia Heale preflb ilCkais fi parla 
della giurìfdizione dell'Auditore Gè-* 
setal» di Guena alle pag. $} , 5 4 > 
ti , lee, e loi. 

Vedi anche la Pratica legale , par. 
ftconda ., forno decime > pag. 703, efeg. 



47 1 j BOGINO Gio. Battiftt ^ Jvditan CbHóp 

XI rsU diiU Rigim AruuiM. ^^ Nditem* 

ottobre» «9 pò » che ttarà la notta Afoiau in 

^ campagna y dote àSotn in eflachi 
^ vt. amminiftrì la puftixia : fu di 
j» quefta confideiisiono d fiamo de- 
M tonninati di ftabiliie nella medenia 
t> un AndUoTÉ GentTdU^ ed appog- 
» giame le incunbenM al nùtàrofrÌF' 
^ me JUffrtniarò Giù. Bmitifis Bé^ 
9P fùlOj il quale nel tempo tteSo^ 
^ che feguicaià la noftia pedona nella 
^ qualità » che tiene » compirà all' 
j» albo impiego coli' e&tteaza ^ che 
_ nchiede» di che non a bfcian 
j» dubitare la fua capacità» zelo» fé- 
9» deità 9 ed altre lodevoli doti» che 
9» abbiamo Tempre in lui rìconof cinte» 
M & delle ^uali ci ha date tanto 
,9 contincenn riprove in tutte le mol* 
,» te » e rilevanti congiunture » che 
M l'abbiamo impiegato per il noftro 
J9 fervizioi qumdi è, clu per lepre- 
M Tenti • . • • deputtsmo il fuddetto 
i» jioftto primo Reffrendaro Gioaoni 
ft fiattifta BogittO per Auditore Gitu^ 
^ Tèdi ^della mfira Armau . con tutti 
^ gli onori . é • . i €oUm fiejfn giù* 
^ rifii{ioné » ei auioriti » che eompe^ 
9» ione «/ $iofiro Adtdion Generale di 
^ Guerra » e colla paga » che gli fta« 
jt» biliamo » due lo fiipendio ^ ed aU 
»» iri dritti^ de' quali gode, come 

^ primo lUiBrcndaiOj di lire venti 

^ al 



U9 

1^ il giorno, die mandiamo àltlnanàmu GeM- 

^, raU déit Armata di ^rgli pagare , pendente 
„ la Campagna 9 e fino al fuo ritcmo in qneflm 
^ Capitale» comintionéo dal giorno della Tua par- 
„ tenia t n comprefa l'andaa» eiitomo» eenpià 
^ laxioni cinque di pmru , ed altrettante di forag^ 
^ giù 9 dà principiar pure a goderne nel medo- 
3, fimo tempo » che della fuddetta paga » e da 
,, continoarfe^i queAe» anche pendente tutto l' an* 
,t no» eoo ciò che {Nrefti il dovuto giuramento} 
^ mandiamo peitanto ad eflb Intendente Generale 
39 • . • • Torùio li 21 ottobre 4753- C EmamngU. 

17)5 BOGINO Gio. Battifta Lorenzo. ,,Non 
^9 j» potindo il Conu Btnrand dilla Pe^ 

aoarzo* „ roufa a motivo d^lle fue indifpofi- 

,» zioni reftituirii a quefta Dominan- 
y» te per compire alle incumbenze 
^^ dell* impiego che aveva di Prtfi- 
^ dirne 9 & Auditor druraU di Guir^ 
9» ra • • • . j ci (iamo perciò molE 
j» di conferirlo al primo Configliene 
^ e Referendaro nel Confegho nofiro 
^ de* Memoriali , 6c Auditor della no- 
,» ftxa Armata Gio» Banifia Lorenzo 
. ,, Boginò . . • . » quindi è , che per 
%% ^ prefinti • . » . deputiamo il detto 
M primo Referendaro Gio^ Batti fia Lo^ 
s» re9t{o Bogino per Fref dente ^ e lo 
93 elegiamo j e. ftabiliamo Auditore 
99 Generate di Guerra di tutte le no^ 
9» fire milizie , e gtnti da guerra ^ 
99 tanto di Cavalleria t che di Fante» 
99 ria 9 ed Artigliiria » niuna eccet* 

} -9 tuata9 coUa giurifdì{ìone ^ e cofani" 






91 



^, ^cm, sì eiviU^ che erimnéU fivrs tutte JètU 
9, Truppe , Artiglieria , e loro difendente nello Jleifo 
9^ modo j che i fiate efacitsta da fuoi Anuttffon 
^^ in detto impiego % cx>nfeiendo^U inoltre la ftefla 
^ lutoriti 9 che in qualità di Primo Reftrendaro 
^ ha infin ad oca efercitau di fupplire in tutto 
jj alle veci del nofiro Gran Cancelliere ^ s) nel 
CoDfégliOj e Segreteria de* Memoriali nella 
Metropoli 4 in cafo d'impedimento» o d'af« 
fenza del medefimoj che nel tempo > in cui 
^ a?rà l'onore di feguitarci all'Armata» e ciò, 
con tutti gli onori , autorità» prerogative» pree« 
minenze» utili, dritti » ed ogni altra cofa a' 
M detti rirpettiyi impieghi fpettante ,^ e col quinto 
j, di tutti gli emolumenti » e dritti ftabiliti al 
fuddetto Gran Cancelliere, di cui ha finora 
gioito» e dovuto gioire» oltre lo fiìpendio fo* 
Uto i Auditore Generale di Guerra di IL 5 m« 

^, d'argento» da foldi venti Tuna : 

volendo di più» che» durante la campagna» 
continui a godere delle IL 10 al giorno» 
», de quali gioiva come Auditore Generale d* Ar^ 
^, mata^ che mandiamo all'Intendente Generale 
», d' efla di fargli pagare pendente la medefima» 
»» e fino al tuo ritomo in quefta Capitale» 
», cominciando dal giorno di fua panenza» e 
», comprefa 1' andata» e ritomo» come anche 
»» della ra{ioni cinque di pane al giorno» edaltret* 
^ tanu di foraggio » da conrinuaneli ^uefte come 
^, prima» anche pendente il fuo foggiomo in Cit- 
^ tà fino alla pace - • • • Torino 19 mar^Ko itj;* 
^ Ce Emanuele. 






99 

9» 



TAGLIANTI Cefiire Aotonio .... Dé^ 
,, putiamo il detto Vaffallo Cefare An- 
jo. M ionio Tagliuti per Frifideme^clo 
99 eleggiamo» e ftabiliamo jf uditore 
,9 GiiuruU di Guirrai il rtfto come 
nelle fudette 19 marzo 1795 ^' ^^ 
gino , e cosi anche collo ftipendio an- 
nuo di 11. 3m. ,j Torino 13 feb- 
j, biajo 1741* Cm EmmnuoU* 



PENSA Carlo Vincenzo. ^^ ... .Per 

M U morte dell'Uditore Generale di 

j9 Guena Vaflallo TugUanti nominia- 

ta mo fro¥Ìponulmente il Conte Car« 

lo YìnccnzoPemJkMMarfagtiétVte' 

fidente Uditore jÉfeierale dinoftra 

Corte 9 e ConMmtore Generale 

delle noftre Caccie > per adempire 

tutte le incumbenze delt Uditore 

Generale di Guerra • • • • Torino 

18 aprile 1750. C Emanai te. 



99 
99 

J9 

99 
99 
99 



GAGNIS Caftellamonte di Lozzolo 
Mauro Antonio Manfredo. »« • • • per 

b. ^% le prefenti • • • • conferendo i/ii- 
39 toh j e grado di Prtfidente al fud- 
3» detto Conte Mauro Antonio Man* 
M fredo Cagnis Caftellamonte di Lez« 
j9 zolo , lo deputiamo per Auditore Ge^ 
^ aerale di Guerra . • • (tf ) » col foli- 
„ to annuo ftipendio di 11. 5 m d'ar- 

,. gento, 

^^fifeme eome nelle precedenti dclli 13 /^^ 

^^99 iTAft al Tagliami. 



9> 
1» 



g<&0to » oltts la p6fiuoii« » che gli iflegniame t 
tenta tratto di confeguenxa , dì il. i ooos an- 
nue Scienti in tatto 11. ^m^ che mandiamo 
di Tejorigre noftro di miliiia di pagargli rìpar- 
titamente . • • • • Torino ^i fettembre 17 jo. 
C Emanitek 



1750 PENSA Carlo Viàcenzo. », TrovaniofL 

14 . j, 11110 vtfflMiife vacému la carica iUii* 

povenib. ,, forr Gmer^U nofiro di Gturra ftan« 

,, te la morte occoria al Conte Ca- 
3, gnii Caftellamome di Lezzolo... 
^ depiniamo nuoi^émenu il Conte Car^ 
», lo Vincenzo PrA/2i di MérfagUa 
jtfiM^dente Uditore Generale di no- 
ti l8b Corte f e Confervatore Geoe- 
9,iKo delle noftre Caccie per adtm^ 
99 P^^^ frcwifoiudmtntt ogni iocom- 
,, bonza dtlt Ultore GeneraU di 

,f Guerra Veneria Redo 

M 14 novembre 1750. C. EménutU. 

t7(o CORDARA Francefco Maria Ccnu di 

I f Calamandramu ,,•••• Per le :pre- 

geiuuqo* j, ienti . • • . conferendo il tiiolo, 

^ € grado di Prepdenti al fuddetto 
„ Conte Franctfco Maria Cordala di 
„ Calamandrana lo elogiamo, còfti- 
„ tuiamo , e deputiamo per Uditore 
yy Generale di Guerra , tanto di Ca^ 
„ valleria^ chi Fanteria 9 niuna ec* 
^ cettuata ,' eolla giurifdi^^ione , e co* 
„ gni[ione^ sì eivile, che criminale 
^^jovra tutte dette truppe, artiglieria p 

w t loro 



»7f 
r kr$ dipini tn^e^ nello fieffo modo^ cht è fiat0 

tfircùd da' firn anucij/ari in détto im f Ugo ^ con 

limi gli onori ^ auiptitì , preiogacive j preemi- 

Dcnzc , utili » dritti , ed ogni alua cofa al detto 

opi^ Spettante 9 t col folito annuo fiipendio 

a Un tre tn'da > oltre la penfione > che gU 

flégniamOt fensa tratto di confeguenza^ di 

Ure lire mille anntu, facienti in tutto lire 

uatfromila» che mandiamo al Teforiere noftro 

i Milizia di pagargli . • • Torino li 1 5 gen« 

qo 1760. C EmantuU. 

75 FERRI Scipione. », Colle prefenti • * . « 
9 M depllitiamo il predetto Avvocato Sci^ 

la» »» pione Ferri per Uditore Generale di 

„ Guerra, tanto di Cavalleria» che 
^ Fanteria » ninna eccettuata » colla 
^, ^urifdizione» e cognizione si ci« 
»t vile , che criminale lovra tutte dette 
», truppe» artiglieria» e loro dipen- 
»» denze nella ftefla maniera » che è 
»» ftata efercita da' Tuoi antecefforì in 
»» detto impiego» con tutti gli ono- 

», ri ^ e coir annuo fiìpendio 

»» di lire ire mila » oltre la pendone» 
»» che gli aflegniamo dì altre lire mille 
»» annue» facienti in rutto lire quat- 
», tromila» che mandiamo al Tefo- 
»» ri ere noftro di Milizia di pagargli 
»» riparti tament e » cominciando dal 
»» primo del proifimo maggio » e 
»» continuando in avvenire , durante 
»» la fua fervitù » ed il noftro bene- 
»» placito » con ciò » che prefti il do« 

MM VUtO 



^ vuto giuramento » • gli ceffi (juanto primi g»* 
^ deva. Kfandiamo penaato a tutti li noftiì Mi- 
^ niftri •.•.••• 

Con Regie Patenti delli ii ottobre 1779 
ebbe egli di poi il titolo » grodo j . t an^iattità di 
Prtfidentt^ e già (otto li Cinque maggio 1775 
aveva, egli ottenuto Regie Patenti di injcuda^iano 
a fuo favore del luopo» e gi|iri(ilizione di Sétla^ 
i^rtrand^ comprefo il cantone la Freniti col ti- 
tolo Comitale ^ e con altri dritUj e pertinenze» 

1791 CARLEVARIS Carlo Giufeppe Cont$ 
9 di S. Damìsno » • • . • Deputiamo 

marzo j» il fuddetto Conte Carlo Giufippe 
^ (^rkyaris di S. Damiano per Ùdi^ 
M tore GtiuraU di Gturra , tanto di 
^ Cavalleria » che di Fanteria, • • •• 
^ (oUo ftipcndio di lire tremilla^ e 
s* P^^fioju di lire mille ... * 

Con Regie Patenti delli 1 1 novem- 
bre 1791 ebbe egli in appreiTo il ti- 
tolo 9 grado , e aniianità di Prtfidcntt* 
Nana il Guichenon {a) la delibera* 
zione prefa daEmanutU Filiberto nel 
ij66 de lcv$r une milice de gens 
de pied en Piém§nt^ à la fa^on 
^ da Ugions Romaina . pour ètre pie* 
a, tea au premier comandement • • • . 
3j cet établiffement fé fit avec tant 
d' ordre , que Sciafiien Roi de Por^ 
4 9» ^^ en demanda à fon Alteffele 

y $9 projet ^ & le modelle pour en faire 

autant en fon Royaume. 
(a) Tontp i » pag. 160. 









«7f 

„ Les Chéfs furent Thomas JU Valptrgui 

^ Conte ir Maiin ^ le Comte it Arignan ^ Fiè- 
li deric Afinari Comte de Cameran , Thomas Ifnard 
n Coatte if Sanfri « Léonard is Ruvcrt , Foz- 
9 zaio ir Scaléngo » & Jofeph ir Canfana Pie* 
9 jBOBtftis » Caftxocaro » & Piovena Gentilshom- 
» aes luàUns. 

Indi nei 15^7 lo fteflb Principe Emanuel Fi' 
Uaio ^ ne jugeant pas , qu' il y eut afles de 
n fané poni fes états » d' avoir établi une milìce 
n i infanurU j en fit une de cavalerie , favoir de 
i»450 cheraux legers en Piémontj & de 300 en 
9 Smvoìì 9 avec 200 hommes d' armes » dont il 
9 donna le commandcment à Philippe d'Eft » Mar- 
.»quis de S. Martin. GuicL tom. 3 » pag. x6i. 

Il Foicarini neila nota fua relazione alla Re- 
pubblica il yenéija {a) , di cui alle pag. 6j , e 
(4 del tom. I i/«i!2a prefente Opera , parlando di 
Emanuel Filiberto ^ fcrive» fra le altre cofe» come 
^ar. „ A lui (ìmilinente appartiene la fondazione 
della Milizia del Contado » a ftabìlire la quale 
fu ammonito dalle calamità del Regno paterno^ 
arrivate per tnancamento di forze proprie ; dico* 
00 gli Storici^ che la formò a norma delle 
Intoni Romane , partendola in corpi , e con 
aflegnare a ciafcun di loro Capi diftinti , per- 
che fofle erudita del maneggio dell' armi » ed 
accordando mohlflìmi piivileggi alla gente ar- 
rolata. Comunque (la, toltone il variato de' no- 
mi , era quefta in foftanza una milìzia fui pie- 
de fteffb delle Cernide inflituite aflai prima da' 
Doftri Maggiori , d' onde forfè il Duca trafTo 
l'efempio della propria • . • • 
a) $. tal fu ^ SenniJJimo Principe j lapofituray&c. 



Ì7tf 
^y ViuorU Anuiio^ Fu effetto della noftra 
^y coQiuiua appHcaiione per tinveDire mezxi atti 
^ ad apportare foUìevo a'aoftri popoli la rìformat 
,, che abbiamo fatta feguite della tnaggior parte 
^, de'foldati» che furono (binminìftrati M/b Cii/i^ 
^y € Comunità per recluta de' Reggimenti nei 
^y corto della paflata guerra > mirando con ciò di 
^ contribuire una maggiore alBftenza per la col- 
,, tura de* terreni j foi^ntazìoDe de' luoghi , e per 
^ augumento del commercio. E poiché la man* 
,, canza di dette truppe congedate efige, che 
3, s' impieghi altro mezzo per mantenere la pub-* 
^y blica tranquillità t e Scurezza de' noftri Stati» 
y per la quale tutti i noftri Sudditi fono tenuti 
,» di concorrere con ogni efficacia, difidirando 
.99 Voi^ Valeri! d'alcuno 9 che non (ìa d'aggra- 
^y vio ai medemÌ9 abbiamo confiderato di non 
,, potere più adequatamente provvedervi , che col 
y, furoiare mlcuni Reggimenti di Pfovincia, com- 
,y podi d' uomini di caduna di dette Città » e 
99 Comunità, che, reftando alle loro cafe» go- 
3, dendo di parte della paga, veftiario , arma- 
,, mento , e di altre fovvcnzìoni a ccfto unica- 
,, mente del noftro erario, liaco Tempre armati 9 
9, e pronti per accorrere, ove lo richiederà la di- 
9, fcfa di qucfti noftri Stati , e volendo , che 
9, il riparto fegua lòvra V univerfale delle Pro* 
9, vincie con giufta proporzione , abbiamo dtttr- 
„ minato di far precedere un' efatta confegna di 
„ tutcc le famiglie abitanti in caduna d' fS^ù. 
„ Quindi è , che col prefente (a) , di noftra mano 
(a; Che p flampò in Tonno dal Gio. Battifta Valetta 
inficine alla formula , fecondo la quale dove- 
vano geaeralmeute formarfi le confegne de' 
mafchi de' Stati di S. M. in fcguito ad ejp) 
Ordine de' 14 fatembre 17 ij* 



177 

M'i di iioftn certa fcieiiza » piena poflaa« 
Il tmtmì aflòluta > partecipato il parere del 
Ad Confeglio j 

K (Mmamo alli Sindici » e Conibli di tuttd 
dà, Terre 9 e Luoshi de'aoftrì Stati ^ 
D di qdk 9 che di là da monti , e colli • • • • 
Mfi 24 fettembre 17 15* ^* Anniee. 

Lanfranchim 

ISNARDI Angelo Carlo Morizio do 
Gattello »Marchefe^*Ctfr4jf2fo 5 Conte 
il Sanfri, Cavaliere dell' Ordine della 
Sanriffima Annunziata, Generale d'Ar<- 
ttgli^rìa, Gcvtrnatore , e Luogotenente 
Generale della prefente Città , e fua 
Provincia per S. M. 3, Sempre mai 
M mtenia S. M. a ricercare i mezzi 
n pili valevoli per ftabilire la tran-. 
M quillitàj e la quiete ben defide- 
jj rata de' Cuoi popoli , & anche la 
„ difela in ogni evento della Corona 
s» di quefti fuoi Stati 3 avendo a tal 
99 effetto determinato 9 prima di par* 
M tire per il Regno della Sicilia , di 
3, far formare alcuni Battaglioni ^ o 
M fian Reggimenti Nazionali delle prò- 
33 vincie {a)i tanto di qua , che di là da' 
,3 monti 3 e colli , all' effettuazione de' 
33 quali non fendofi finora potuto de- 
33 venire attefo il ritardo di alcune 
33 Comunità in far le confegne de* 
33 mafchi 3 alla mente dell' ordine della 
,3 prefata S. M. deUi 14 fettembre 
33 deir armo /caduto > volendo per zitto 

7ure qui /opra le pag. 17 ^ , e 175. 

. //. M 



178 

^ S.A.R. che piik non fi dlffetìfca ; per il che defido* 
^ rofi Noi altres) d* ubbidire a' fuoi beoigniffimi 
^ comandi s eoo ì quali fi è degnala di farci 
9» fapero le (ue-tletennÌDazioDÌ<^iieÌ coDcenucDce 
^ il Aabilimealo - di detti ■• Corpi miUmn Na^io^ 
9» noli fovra la fiduoa « che poflano leuder alU 
,» MS» fecvig) ftoti meno rilevanti di quelli,che nelle 
,» paflate emergenze hanno reib gli uomini dì Co- 
^ munirà (a)i perciò doyendoG procedere alla levata 
^ degr uomini quattrocento trentotto » che le 
^ Città, Terre, e Luoghi di quefta noftra Pro- 
,^ vincia devono contribuire al Bétt^gUoM ^ o fii 
99 Reggimento di Torino ^ fecondò il ripano j che 
„ ne e ftato fatto > e per quel numero , che 
^9 refta acolato a caduna d'effe di provvedere. 
^ Cosi in vinù dell* autorità confettaci da S. M« 
^, & in efecuzione degU ordini di detta S.A.R» 
^9 delli 19 dell'or fcorfo aprile notifichamo a 
,9 tutti li Giudici » Podeftà , Caftellani > Ordinar] ^ 
99 Sindici 9 Confeglieri » Secretar') , & Agenti » 
„ uomini , & abitanti nelle Città » Terre » o 
,» Luoghi di quefta noftra Provìncia quanto in- 

»t fra , Torino li 3 maggio 1714^ 

9, Marchejt di Caraglio% 

Manohio^ 

1796 9» Carlo Emanuele. Allorché il Re Carlo 

I j, Emanuele mio Signore» ed Avo 

dicemb. „ di glorìofa memoria preicriiTe coli' 

9, Editto delli 4 marzo 1 7 j 7 un nuovo 
Il Regolamento per le levate, erim- 
>, piazzamenti ne' Reggimenti Provin** 
», ciali» ne aftfd6 la Primaria Ifpe- 
j, zione al Frtfiiente Conte Bcgino ^ 
(b) Fedi pure qui fopra le pag. 174^ e 17 j. 



^7J 

Ale di Gttifra^ il aitale offendo 

-▼42 prefcelto alla carica di 

Gturra, fi e defHnato per 

% d' impedimento alle di lui 

^-f ^ di delia Primaria Ifft{ion€^ 

./alieie» e Commendatore Ricca ^ 

jMta Felice Durando di VUla^ a cui 

« pofcia con Patena delli xj febbraio 

^71 W^P^'^ ^^ Reggenza del medefimo 

^Qfaio ). commilfiotte quefta, che fii in fer 

Bfaiio, o dall^'anno 1775 data all'Intendente 

■ CffiBtrfe Conte Guido Gafcki («) , e da lui efe^ 

|p|Ma fina al prefente con fingolaie merito di 

lirlodes adendo ora Noi per l'importante og- 

II-ÌMo ^ (bllevare per quanto fia poffibile Io 

jjfe^aQftie FinanM dal grave pefo dei debiti dello 

Sitili, lichiamare le cofe all'andco fiftema^ 

#iteÌBBÌn le incombenze della Primaria Ifpe* 

ei ^lell' Uffizio t cui da principio erano 
y CI £fflM compiaciuti di affidarle a 
dM Uditorato Generale di Guerra, il 
É-dhe tanto più iK^lentieri abbiamo fatto j in 
m qomo che fiamo perfuafi 1 che t attuale no- 
vpe Udiare Generale di Guena Prefiienu 
n Conte Carlo Ginfeppe Carlevaris di San Da* 
I» mioMo iarà colla conofciuta di lui fomma efat- 
td"Canes ed integrila per nempiere, e far rieoo- 
■Iriieie quefte nuove incombeoze a piena noftra 
li. .mfian«one s e del Pubblico; Epperò colle 
k^mjfiuti m ^ m m . 3 abbiamo riunito , e riuniamo 
lil^ incoKPbeaze ^/ia Primaria Ifpeiione per le 
'Tf „ levate , ^ 

^ygdafiil tomo terzo» tit. IX della Primaria 
HpczUme, pag» 214 ad 217. 



i8o 
^ levate » e riinpiazsaoiòiitS de* Reggimenti Pro^ 
,^ vÌDciali alF Ufficiò 3M Uditorati GimréU £ 
,^ Guerra 9 c(m tutte le autorità» pferofiatiw, • 
^ giurifdizioiii portate dal piedetto Edutto delli 
^ 4 marzo 1717» e fucceffivi Regolanienti , crdi^ 
,» niéuno a tutti U noftri Mìaiftn » Ma|;tfisati» Uf- 
^ fiziali» tasto di ^uffizia» che di_ guelfa» di 
^ ofliervare » e fitf cmervare le prefenti , le quali 
^ dovranno comindare ad avere il.fuo emtto 
^ dal primo del venturo gennajo» e mandiamo 
M al Senato » ed alla Camera noftta de' Conti di 
9» regiftrade» che tal è noftta mente. Dat. in 
•1» Torino li 1 dicembre 17 ;<• C. Emanala. 

m 

Granaria 

Unifcafi a quanto fepra U tomo urip^ ti- 
tolo IX iella Primaria Jfpe{ione » pag. aii ad xij. 

Come anche il titolo VII dello fteflb tomo 
terip ^ pag. aoi ad 104 « ove parlandofi di Cork- 
tadori Generali delle Milizie ^ fi h pur cmoodelt 
Intendenza Generale delle Regie Armate» e del 
Conte di Poniiglione Ferrerò Amedeo fungenu U 
veci d' Intendente Generale d' eib Regie Ai- 
mate (a). 

0^) JÌl quale propofaù» ^^f inoltre qui fo fra alle 

Cs» léé» e 169 la Regìa Patente ai otto* 
e 17)5 ^ Auditore Genera della Regia 
Armata al primo ReffiDcndaro Bogìno » dove 
fi legge anche fiitta menzione dell'impiego 
f Imendenu Generale deW Armata. 



ELENCO 



t(i 



De^ Auditori Generali di Guerra, 
Auditori Generali deU Armata^ 

e 
Intendenti Generali éUlF jtrmaia , 

^ o 
Fungenti le fed» 
qui. /opra nominaiL 



òolfo Gioéumi Jacomù 
Oduutto Luigi m « 
Fioretta Quido . . 
FottU Aauiio • » 
Cacheruno Carlo . • 
Frovéuia Gio. Francefco 
Mefferati Gio. Giacomo 
Argtnuro Fabio • 
Zoello Lodovico • • 
Braida Gioanni Antonio 
Ferrerò Carlo ; • 

Felief ritto Giulio Cefare 
Cambiano Gioattni . 

Filippa Maurilio • 

Fijcitta Frattcefco 
Gafialdo Gioattni Franafco 
Truchi Gio. Giacomo • 
Blaruardi Carlo Antonio 
Gafialdo Gio. Francefco 
Fallawieitto Tommafo Adalberto 
Bolgaro Antonio Francefco 
Bett{p Giufeppe Antonio 
JfkoUs Fraruefca Antonio 



v ' 




I4< 



I4t 



»4f 

MI 

vn 
«U 

IVI 

157 
1,8 

1*9 



Gs^^eUi trMELufem dminm^ iti. 

ÈUym 



Pmfk Csrlc Kmrrg^g 



f^€dm .... 
Cmdsra 'Frmmcefco 3lsrÌM 






i8| 
TIT. V. 

AtTOlTOM GsNfilUU:! DI CÙRTÈ. 



87 Fresia Conte Cefare Gmfeppe. Nel 
fommmrio unito alla Seatensa {a) pio- 
fertafi nella caufa Ranetti , ^Rigkini 
leggefi al num* 150 come infra. ,» Li 
•f 19 giugno 1687 in Torino avanti 
^ V lUuftrìiEmo sig. Conte Cefare Giù- 
feppe Frefia Configliere di Stato « 
Referendaro di iigoatura» è Audi^ 
iore (£) di Cene diS.A^ il. » • • • • 



»> 
j» 



[7 CEVERIS Marc' Antonio » Conte di Bi^ 
S rolo 9 e Marentino. „ Volendo N(n 

ile* » dimottrare il gradimento, che ha 
j^ incontrato appreflb di Noi il Conte 
^y di Barolo > e Marentino Marc* An- 
99 tonio Ceveris Maftro Auditore nella 
^, Camera nofira de* Conti di Piemon* 

^ u . m . 3 in virtik 

^, delie prefenti deputiamo il pre- 
„ detto Conu Ceveris Auditore della 

^ nofira 



Senatoria detti 16 agofio 17^6 ref. D. Patemi* 
Fedi il tomo terzo di luefi' Opera , appendice 
pane c[uarta» pag^ 63^ 



1*4 

3) nofira Corti (a) % con tutti gli onori • • • • • ^ 

^ e Colt annuo ftiveniìo di lirt due mitla £ oT' 
39 gemo 9 conipreu però in efla fcmma li feudi 
,3 quaiiroctnio £ oro da lire tre caduno9 offimno 
fire milk duanto » fotito ftipendio iti Mafiro 

9% duditon 



9»> 



(t) Si hu motivo di crtdin % che prima delfuddctto 
Conte Ceveris non fiori /tato alcun altro 
Uditore di Corte (i). 

Di fatti non ne rifulta di alcuno ante-- 
riore al Ceveris » ni dagli Archvi » e Regifiri 
dell Uditorato di Corte , né dai Regifiri dell 
Intcndenia Generale ddla R. Cafa. 

An{ife ru ha un rifcontro efclufivo da che , 
prima del 17 17 i creditori deet impiegati in 
Corti ricorre¥ano per il fiquefiro al ConfigUc 
dilla R. Cafa, da cui appunto fi lajciava 
Decreto di fefueRro. 

(1) Si però fi prefande da guanto fi difie nella 
pagina anteadente nUuiifaminti ai Conti Fnfia. 



Amiìtare^ quii lire duo milla ordiniamo alTt^ 
fioiìoe della noftrt Caia cti pagargli ogni anno 
. • i bAIU Fintria 16 apnle 1717. KAmdio^m). 

r 

iji9 M yiitario Amedeo per grazia di Dio 
iS j^ i^ di Sicilia 9 JS GerufaUmmt^ € 

prib. j» i/i Cf^ro &c. Sendo noftra mente» 
^ che U Coni^ Generis in qualità di 
jj Auduore nofiro di Corte goda di 
99 coeguaU ftipend) » ed emoTumend 
M di quelli avrebbe potuto godere» 
come Mafiro Auditore nBUtLCimeiz 
noftra if ' Conti , quando avefle in 
efla continuato j aUMamo perciò »tf 
litogo delle Itvre due milla di flì^ 
,,.peMÌo fiJfatofU per Patenti noftre 
^ delli x6 a^nle 1717S con obbligo 
n di péigare il Segretaro^ ftabilito» 

M come 

I fer riguardo a' tempi antichi abbiamo come 
fegue« n La eognirionc delle caufe di tutti ì 
„ Cortegiani noftn appartenerd ai noftrìRe- 
» feremuff) del nolho Configlio di Stato 
n • . • 9 il che haverà luogo faUunente quando 
^fi moverà la lite nel tempo ^ che fervono 
n in Corte • • • • Cod tuW Editto di Carlo 
Emanuel 1 ddt anno 1581* Borelii pag. 11 
eoL !• Più ve^ la pag. ^16 ^ col 1 : ibi: 
j. Che «' Referendar] [addetti apparterrà la 
„ cagjii{ioru delle caufe de' Configlieri di 
,9 S* A. R. sì attive^ cnepajpve ^ però ftando 
j» e(& in Corte 9 ficcome del re fio de' Corte* 
M |;iiai m' MRftì che fervono in Cone. 



3» 

99 
99 



^ come fer U prefcnu^ gU ftabiliaato Ìo filpetidìó 
^ in qualità di Auditore noftro di Corte ncUd 
^fomma di Itvr^; due ;milla fei cento » /2;i£r4 obr 
^ bligo di pia pagare // Segretaro » qua! vo^ 
^ giiamo venghi billanciato nel tnllancio della 
^^ noftia Caia in Ùvre quattrecemo annue » e dalla 
«^ medefima gli Tenghino pagate j di qual intiero 
^ ftipèndio di IL idoow oome -ibpra intendiamo 
^ ne debba gioire dal principio del corrente an- 
^ no j dal. quale gli ceflaiono tutti ^dU altri dritti , 
j, xegaUe^ ed:eniohimentt^ de' quali godeva, o 
fy poteva gioiievanche Aapo la data di noftrepa* 
^ teliti, d^itfi faprile 17 17» quali tutti gli fono 
'^ . ceSbÀ » rifemtogli .U folo interelle della quarta 
^ ^ medemo doveiiio. ìIIm^mo • pertanto al Co/i- 
w iV^ ^^^ noft/A^ Càfa di farlo deferi vere per £i^ 
^ ibit fomma nel BiUincio 0- come pure ilfuo Segre^^ 
«^ taro, ed al Teforierddi effi^e fuceiibrì di pagargli 
,> fu. tal piede nel modo » tempi » e forma » come 
19 vien eipreflb in dette Patenti , le quali mandia- 
j, mo alla Camera, noftra de\Conti d'interinare 
I, uditamente al prefente » non òftante la fuban- 
^t nalità d^ efle »- iendo a carico di detto Conte 
tt Ceverìs di far regiflzare il prefente alli rifpetti-» 
n vi Ufficia ove fi ritrovano legiftrate dette Pa- 
«t tenti. Tale iendo il noftro precifo volere. Tor 
u rìno li iS aprilo i7aot yU torio Jmedeo. 



3à 



M 
M 



I Di BRICHANTEAU Giorgio Giufeppa 
Maria {a). Auditore di Cone , « Confer-' 
fatare Generale della Caccia (b). 

Negli Archivj Camerali troviamo 
forìtto come Jigue. », 1687 5 sgotto 
il sig. Luigi de Campane Signar di 
Bricheantaus de* Signori Centi di 
M Villanova Solara» Se de* Signori dì 
j, Oqd» Mareehial di Campo, Ge- 
jj nerale dell'Armi di S. A. R. Gù» 
^ vematare di Vemia j Città 3 e Pro- 
vincia di Torino , Crefcencinò» 
mandamento per la medefima R. A., 
e già Commiflarìo di Cavalleria delle 
j9 medefime armi » (bddisfacendo &c. 
9, fa fede dell' Arma ffentilitia , an- 
^ richiffima , e nobilimma deUa Aia 
^ Cala » e famiglia » di qual lì Signori 
j9 fuoi Antenati n' hanno fempre ufiito 
»> liberamente 5 la qual' arma è un 
,9 feudo quadra apf amato femplice d^a^ 
93 ^ro a tre Torri £ ora ^ elmo ter* 
^ tiato in faccia , coronata di Corona 
J9 Comitale , ornato &c. > col motto il 
9, faut voire, in/landa &c» 
1) 1724 1 1 maggio. Inveflitura del feudo di Ala 
al Conte Giorgia Giufeppc Maria Compans 
di Brichanteau Auditore di Corte. 
)) 1654 14 ago fio. Fatemi del 2>j/ca Carlo Ema- 
nuel II di Sergente maggiore della Cavalleria 
a Ludovico di Compans Bequet, Signor ds 
Brichanteau » Gentiluomo Francefe della prò- 
yincia dell' Ifola di Francia , il quale fin dalT 

adoUJcen^a cinfe la fpada > e con- 

giunfe il valore alla nafcita, Co<i in dette 
Patenti 14 agofto 1^54. 



i8S 

Tn i Cifiliefi dflJl* Ordina Snpfemo della 
Santìflliiu Nunziata j^ di cui fii' ftampata in Torino 
la Serie cronologica V anno 1 786 » fi fii menzioni 
aUepag. 125 , e ix6 di un FratuéfiQ diBrichMn* 
uaihIuiiigisJSHudiO& dì Gurcj^Barone di Banegon, 
Capitano di cento cavalli deUe guardie» e Ma- 
veiciallo di Campo Generale per S. A. S. : por- 
tava i* aiiurro con fu biféuui t argano ^ trt^ 
Jmo, e uno. Cimiero» un griffono i* argento ^ fo- 
ftegni » diU griffoni del n^Ufuno. 

V antica » o nobil CaGi di BrUkanuau 
prefe il nome da una terra déUn Beauce^ detta 
BrUhanul^ o Brichanuau. Quefti » che fu lofli* 
pite sdel ramo de* Signori J^ Gwrcy » moi) » ie* 
condo il Padre BoccanU » nel dicembre , e (e- 
condo altri nel novembre dell'anno 1^55 («)• 

Nt RtgoUmmti di Sua Maeftà pel governo 
economico delle Aziende » mandati regiflmfi nel 
Senato di Piemonte , eftampati Tanno 1730 nell' 
Accademia Reale , preflò il Chaìs , fi parla deli' 
Auditore di Corte alle pagine 75 9 ti » 81 » 85 > 
84. Unifcafi la Pratica l^ale^ parte feconda » to- 
mo decimo^ pag. 701 » e Teg. 



(a) Coti nelle predtatt fiaffOM iz$ » • ii^ di 
detta Serie ^nologie^p 



». 



i89 

7)1 M6LIUZZO i#rroc«M Stefiuio Michele 
Angelo, efercente pravvifionalmemé 
il calicò di Auditor di Coru^ come 
iafta. 

Un ceno Giufeppa Antonio de 
Lmi{p ftabilico pei Patenti de* 1 7 gen- 
naio 1738, in qualità ^VJcicrc dei 
ConfigÙo di Finanze 1 € Vdiiorato di 
Carie in fovravvivenza ad Andrea Dm^ 
rènio ha preftato il giuramento in 
quaUtà iVJeiere dell'Uditore Gene- 
ttle di Corte z mani del sìg. Awoem^ 
to Stefano Michele Angelo Pagliu^ij^o 
Loùgotenente Prefetto della prefente 
Citta 9 ed efetcente provifionalmente il 
carico di Auditore di Corte. 



CEVERIS Marc' Antonio Conte di Bm* 
rolo^ (tf) Auditore M Cor/r j e Con- 
fervatore Onerale delle Caccie.f%* 
dime le Patenti fotto il titolo de' Giu- 
dici, e Confervarorì Generali delle 
Regie Caccio. 

PENSA Carlo Vincenzo » Conte di Mar- 
faglia ^ Auditor Generale di Corte ^ 
e Confervator Generale delle Cacete. 



li infra il titolo VII de' Vicar) &c. , alla 
Ita 17x5 14 diecmtre^ anicolo Ceyerii* 



177) FABAR AiiMidto CmnmiMàMre. fvi egli 

8 coftituito Amdiiore GtnmraU della Real 
Ottobre^ CofU^ # Confervaion Gefursle iUlU 

JUgu Cmccì$% col iifol^M ^ grmdo di 
Prefidemé^ e come fi vedrai più am-* 
piamente f(Mù il ùtolo de' Giudici. « 
e Coofenr^tori Genei^li dilU tiegU 
Caccia 

17S1 NOMIS Giuièppe Giacinto Conu di 

)i PolUm^ Auditor Geneiale di Ccru^ 

SMggiOt e Confòrvatoie Geneiale delle Caccie* 

Con Re^ie Patenti delii 1^4 otto- 
^^ 1783 gli Al accordato il ùwh^ 
grado^ ed én^iamià di Prefidente^ e 
fi è mandato al Senato di Piemonte 
di regiftnde^ 

1791 GARRONE Francefco Teodoro Contq^ 

9 di Brìanzone, Auditor Generale di 
08rao« Corte ^ e Confervatore Generale delle 

Caccie. 

Per Regie Patenti delli doéci no- 
Tembre 1791 gli fu pure accordata 
il titolo t grado , ed anzianità di Pre* 
fidente » con eflferfi inoltre mandato 
4/ Senato dì Piemonte di regiftrare 
le medefime* 

1796Ì M Carlo Emanuele. Sino da' tempi i più 
jo 1» remoti fu aflegnato alli Cavalieri ^ 

%• M Uffiziali , ed altri Impiegati rullo 
^ Reali mofire Cafe, e Coru un par- 
. at ticolare Tribunale per. tutte le lor# 

,j caufcs 



„ caufe i si civSr, clie crìminali , dipendenti pttik 
^ da' rifpettivi loio impieghi i ed vtttzj, fiate 
^ prima eommeib éUi Rtfenndarj^ € ConfigHfrì 
„ di Stato » ai quali fu poi furrogaro nel princi« 
9» pio di quefto (ibcolo F Auditore GeneraU di 
^ Cortei la giurifdizìone di quefto Tribunale-^ 
^ che riconoice una fpeciale forma dal RegoU^ 
1» wtgnto delli 28 giugno 1750 » fu poi ampliata 
99 colie Regie Patenti delli x (ettembre I79i<t 
,9 colle quali fu almedefimo anche commefla la 
, «f cognizione , e deciiìone fommaria j e colf amm 
»t torità del Prefitto Pretorio » dì tutte le diiFerenze % 
9, che foffero per eccitarfi contro li Cavalieri » 
I, Uffiziali» e ferventi della Real Cafa, purché 
9, r oggetto non eccedeiTe le 11. 5 00 ^ ed alt 
J9 Auditore Generale di Corte fpetta altresì da pia 
9» anni Ut Conferva toria delle Regie Caccie ^ oflia 
M la cognizione di tutte le eontrawen{icni y e de* 
M litti , che C\ commettono contro il dìfpotto de! 
j. Regi Editti riguardanti le medefime» e ipe« 
I9 cìalmente di quello delli 2) ottobre I7^9* Il 
99 fiftema come fovra adottato , febbene (iati ri- 
P3 conofciuto conveoieote j ed opportuno i non 
9» tralafcia tuttavia di eflere d' un fenfibile aggravio 
9, per le noftre Finanze, ond'è^ cho premurcfi 
9, Noi di procurare tutti li mezzi , con cui fol« 
f, levarle » fenza punto ritardare il corlb della 
p, Giuftizia j fiamo entrati nella determinazione di 
91 /opprimere il detto l/ffiiio , con affidare la Con* 
99 fervatoria delle Cacete all' Uditorato Generale 
9, di Guerra, e conferire la giurifdizìone dell' 
99 Uditorato Generale di Cone al Prefetto della 
99 Otta, e Provincia di Torino, con quelle mo- 
^9 di&cazioia9 e dichiarazioni 9 che ci parvero anche 

9» a tale 



/ 



a» a tale oggetto addattate ; epptri per U prifintl 
»,••••, volendo» che col primo delptolfimo 
t, mefe di gennajo nfli Joffreffo Y attuale Uffizio 
j» dell' Uditorato Geneiale di Corte » e Confer- 
ai Tatore Generale delle Regie Caccio » akkUma 
9» wùta% ed unimmo U Confervatoria GeneréU ddk 
^ wudepme alt Uditùrmio GefuraU di Guarà , con 
^ tutti i dritti» incombenze» autorità» o giurìfdi* 
^ zicme portati daf;H ftalulimend» ed Editti a talo 
,» riguardo emanati»' ed inifpede da quello dalli 
A» 15 ottobre 1749» e U giutifàifìoM ddt Uditùfg 
^ GerursU di Corte all'Uffizb delU Frtfttturm 
j» della Città 9 e pro¥Ìneiéi di Torino, con auto» 
,» fità di conofcere» provvedere» e decidere in 
^ tutte le caufe j si dvili » che criminali j a* ter^ 
^ mini di ragione» e giuìliziaj oflervato il dìf- 
^ pofto dal (uddetto regolamento delli 18 giugno 
•» 1730» e dalle citate Regìe Patenti delkifet* 
^ tembre 1791 : voelismo tensì^ che nelle caufe 
»» civili eccedenti il valore di IL 500» (ia lecito 
»» alle Parti di appellare al Senato, a cui po«« 
»» iranno medefimamente ricorrere in prima iftan- 
za» giuda il difpofto dalle generali noftreCo- 
ftituzioni » ftmpre che la cauta eccederà la fom- 
»» maj od il valore di U. 2000 ^.«^&^ nelle caufc 
»9 criminali le Sentente , che fi proferiranno dal 
^, Prefetto j fiano foggttte al giudizio di confer- 
j9 mazione» o riparazione avanti i rlfpettivi Ma- 
»» giftrati del Senato, o Camera» ogni<|ualvolta 
Il il titolo del delitto porterà pena afflittiva» ed 
y, in tutti gli altri cafi dalle (lefle Generali noftre 
^ Coftituzioni » o da' Regj Editti prefcritti » dero- 
,, gando per l'oggetto di quanto fovra ad ogni 
,, contrario ftabllimento» e mudando al Senato» 
3, ed alla Camera de' Comi di regiftrare le pre- 
,» fentij che tale è noftra mente. Torino li j# 
^ dicembre 1196. C. EmanutU. 



9% 
99 



ELENCO 

V^ Auditori Generali M CorUp 



«W 



trtfU Ctfgré Giufifpg 
CètwÌM Mmtc* Antonio 



Di Bruknmeo» Giorgio Giufippe Mmrin 

Fm^ìu[[o Siéfnno MickiU AngtU (jl) 

ùì^oris Marc* jtntonio • 

Fmfii CmHo Vinc€n{p . 

Fotmr Amidio p 

Nomis Gùtftpfe Giacinto 

Canana Franccfco Ttodoro 



• • 

ITI 



:} .., 




99 



(«) Si riianga , che il Pagliuzzo non fu Auiitora 
di Corte ^ hcmi ne occufb la carica provri» 
fonalmcmc» 



Tom. St. 



H 



i 



T 1 T. VI. 

GnrpiciiCoimaTATou» e Guieilau Co»§wwrm 

DELLE CaCCB , % PsaCACÌfONt 

ijS^ Rubino Gìo. Battifti. OnUnÉ di CarU 
Emanuele^ dato da Torino li 4gen« 
najo i5»4 al Magaifico Coofegliero , 
Senatore, & Avvocato f ìkzl , Giudi- 
€€i € Conferva tote Otturale delléL Caù* 
eia di qua da' monti ilf . Gio. BatUfim 
iiuUnp , e come meglio nel Bortm % 
pag xH% e a87« 

Unifcafi la pag, a 8} dello fteflii 
Boriili^ ove trovafi anche riportata 
ti Decreto Jf Amideo Vili 17 iunj 
1450 relativo alla caccia 9 e fcfca^ 
fipgolarmente- anche ai ceni &$• 

1594 SOLK AlelTandrOf Kcii II Borelli pag* 

^Sy 9 ove per Giudica delle centra 
ven{iom i leggeii qualificato da Carh 
Emanuele I nelle (ùe Patenti 2 luglio 
1 5 94 > il Gioito diletto Dottore Meffir 
jileffkndro Sola infiem^ al magnifico 
ConTgliero, Senatore, Giudice, 
Confervator Generale della caccia Mejje^ 
K Pattila Rotino (a). 



(a) In altri luoghi fta faltto Ruiino » cOBie qui 
ibpraj e a pag. ^84 del Barelli. 



•5f 

4 SOLDATI Giacomo » Gùvtrnaiorc di 

Mirafii^res. Vedi il Barelli pag. x87» 
coLi {• i6: i^i: »» Vogliamo ancora, cha 
M detto Govtrnatoré di Mirafiorcs id) 
M poflTa ntUe cofe coDccrnenti l'nffio 
^^ ciò fuo intoroo «//a conf€rva{ion€ 
^ dtUéL caccia^ p^fc^ggioncM ^ ^Jif^B 
M g^^^g^^ » P^^^IXP > ^ ragioni noflre^ 
jy cop Tuoi dipendenti , comandata 
9j eziandio con impofizione di pene , 
p^ cbe di cosi fare li doniamo tutta 
n l'autorità neceflaria, 

X CROMO Antonio Orazio Signore di Ter^ 
pengo t Senatore Ordinario , e Con^ 

0i fwvatort come infra. „ Perchè in 

j9 ^^j 9 * nì^ovi modi molti ardifconù 
,, di commettere abufi \ e coatrav- 
,y venzioni agli ordini da' Seranif&oit 
P9 PfogenitQri noftri^ e da Noi fatti 
M intorno U cacete j con temerità 
„ d'andare ad effe ^ eziandio ne' luo* 
,j ghi rìfervati per ricreazione » e 
^ gufto noftroj e de' Prencipi miei 
99 Hgiiuoli amatiifimi , ci e paruto con« 
,, veniente , non folo di ripigliare » o 
j» repetere li precedenti » ma di darò 

j, altri diverfi nuovi ordini 9 

^ al quale effetto in virtù delle prc 
9^ finti • . • ftabiliamo • * • • ^ ^'^di 
fi pafét « dire », eflendo non meno 

,y neceflario 

kgtgnuro Mefir GUcom Soldati, ^e^i 



t9^ 

gg neceflatlo V dfbtto , cbt lo ftabilIaneBCO 41 

^, qu^fti ordini ^ anpchè di niua rilievo iavebbo 
^ Tuno fecza i'altiOj giudichiamo co&v<:fìicui« 
^ imporle '4 qualche MimftrOj che con ùngolar 
^ cura j e vigilane attenda all' esecuzione d eili^ 
^ perciò abbiamo cooimeffo, t eoa. mettiamo 
^ la cognizione di tutte }e caufe delle cawe ^ 
^ € hro dipendimi nelle terre a. Noi immediate 
,9 al Munifico Conferv^toré 9 o Senator noftro 
^ crd nano Af.r Antonio Oraiìo Giorno , Signor 
^1 di Toiuenfro • • • . Arca* C'iun. Ordini 1619 
in 'ij6a4, num. i| , foj. 54. 

rItfU pi SANFRONT (^ Cmrr Euclide « 
Gemral Conjtrvaiort , # Giudice di 
taccia eietto Ài /7i<£tf C^r/^ £ira* 
nucl /» (ooae nel Boxelli pag. ^ei, 
col* a* 

1(17 GASTAU)0 Nicolò. ,» /^o/rnÀ iVbi 

^S ,t provedere d' un Capitano Guar- 

ictteipbv A9 ìmm « ^ tenditore dei filati no fin 

j» À ctfrcia in luogo di Nicola Aitr» 
^ Uno paflàto , pochi giorni fono , da 
», aue(la a miglior vita» che fii per- 
^ fona efperta in detto carico; & 
j, perchè già avanti cffo Merlino il 
^9 diletto noftro Nicolò Gafialdo di 
^ qtufta Città ^ duranti anni venti in 
M circa j ha fatto la fervitù Suddetta » 
,, & che per attendere ad altri fer* 

(a) Kitgr». Vedi il di jMà qui infra itUa dmm i^^t 
)j ìiovmtr4* 



k 



> V.t\ nofttì ìm^ tu liceteiato. Ortf « i farfo di 
^ ttU(.*?o repìgliailo , conAituirlo^ & deputarlo j 
^ fi corre prr // prefgnti , dì noftra certa fcienza, 
1» attcfa r affezione . qual ha Tempre dimoftrata» 
^ & dlmofba al tervizio óoftro « lo conftituiamo ^ 
t# ff iefutiamo Capitano > Guardiano j & Tenditor 
If it dirif' jf/aii nofiri da caccia ^ per aver cura 
M di efli 9 & tarli tender dove ^ & coiue gli farà 
l9 per fervÌKÌo nollro comandato ^ & ciò con gli 

m ènori • , e col flipendio a parte fta« 

^btiito, con che prederà il dovuto giuramento; 
M mandiamo pertanto , e comandiamo a tutti . . • • 
M r^rfai» li 18 fetteoibrc 1617. C* Emanuel. 

iCii ,, il Prcncìpt di Piemonte. ^/ MagnU 
10 ^5 ^co Conigliere , e Teroricre Gene« 

Ano. i, rale di S. A. d[i qua da' monti M.t 

^» Bernardino Data prefisnte , Se altri 
5j futuri fatutCé Avendo iVbi « con 
»f partecipazione di S. A. , coallituito» 
i, e deputato Nicolò Gàflaldo di To* 
if rino per Capitano , Guardiano , & 
„ Tenditore de* filati della caccia di 
f, S. ji., & noflra\ & cifendo mente 
i« di S. Ai ^ & noiha , eh' egli abbi 
i, il conveniente trattenimento 5 per 
j, le prejsnti i in virtù dell' autorità ^ 
9, che tenecto da S. A. , v ordinia- 
fy mOf & mandiamo^ che, di cuaUl- 
j» voglia denaro di voitra ricetta « 
9, dobbiate pagare, o afTignar, 82 
^ far pacare al detto Gàflaldo , ogni 
u mefe » /« fomma dì feudi dieci li 
9f fiorini dieci , e meno Y uno , di 

,, mefe 



^ mbfò ili mefe ^ o a ^uértUri j cht li ftab)li<0i* 

^ p^ y!io traitenimemo ordinario di dett* Ufficio « 
^1 come hanno li cacciatori di Torincty comm* 
j^ diodo dal giorno di fua conftituzjone . • • • • 
j» Torino li IO marso liiié V. Amedeo. 

\t%\ AMBERTI Antonio Maria » Capitano t, 

IO t CoHfcrvatort come infra. Ajtnto di 

ètfecbtè. pf ìndio : ibi : ^, Carlo Emanuel &Cé 

f, EflTendo flato il ben diletto» Ac 
9» fedel nòftro Antonio Maria Am* 
f, berti di Rivalta provvido dell' Uf- 
99 licio di Capitano > & Confervatora 
9j della taccia nel luogo di Rivalta ^ 
,9 come per Patenti del primo agofto 
99 1617 9 & volendo Noi « eh egli 
99 tferciti detto carico per rimediaM 
y^ agli abufì 9 che giornalmente arri- 
9, vano in detto luogo , & circonvicini^ 
9« & far olTervare gli ordini noftri 
9, fopra la caccia ^ per le prefenti di 
99 nodra certa fcieoza^ abbiamo di 
99 nuovo > ,& in quanto iia di bifognOj 
9^ etIeito> conftituito> e deputato 9 
99 conftituimo, e deputiamo detto An* 
9^ tonio Maria Amberti per Capitano^ 
99 €r Confervator della caccia in detto 
99 luogo di Rivalta , & contorno , co0 
99 gli onori 9 dignità 9 autorità , facoltà 
9, di tener duoi cani di caccia per 
»» fervi^io noflro 9 preeminenze , pre- 
9, rogati ve , avantaggì » dritti » e car- 
99 richi a tal Ufficio fpettanti ^ & ap- 
^ paittsenti 9 e aol fiipendio di feudi 

» dieci 



Ìf9 

I iiui da litirè il dieie (d) y come gli erano ftatt 

, ftabiliti per le fuddette Patenti • . • , Toriru^ 
9 ic CKobre itii* Carlo Emanuele. 

Ui| HUMOLIO (^} Giufeppe , Generale Con* 
!• fervatore come infra. Ordine delii im 

ntuLhé (erteuibre 1^23 del Principe dì Pie* 
tDontd yit torio Amedeo ^ fottofcritto 
Carrorti nel quale fi trova inenzio- 
nato il Prendente Humolio GeneraU 
Ccnfervaiore (A). Di qued' Ordine fo 
ne ha negli Archìv) Camerali una 
copia ftampata in Torino apprcifo lo 
Stampator Ducale Luigi PinumigUoé 

ùSij CASTALDO Giufeppe (e) , „ Maggior- 

aica. »3 domo del Principe Filiberto y a cui 

^9 accompagnò in tutti i fuoi viag« 

$9 gi,& avendo fatto ritorno alia patria^ 

ii il Streniffimo Genitore {d) , per be- 

,9 neficarlo della fedele fervitù pre<- 

^ Cosi precifamente ne^l' Atch. Cam.,/z^ più, né menOm 

?; yedi pure qui infra alla data iG^t i gennajom 

:; Era fratello di Annibale Gaftaldo^ nato di 

/angue nobile , e antico nella Città di Torino ^ 

e Auditore nella Ducale Cc-^ *ra Rulca pag. r pj. 

Hella Famiglia Gaftala. entrò il feudo di 

Trana in fegui$o alle Regie Patenti degli 8 

fettembre 1661 , « funne mvefiito l'Auditore 

Gio. Francefco Gaftaldi col titolo j e dignità 

Comitale li iS febbrajo 166^* 

i) Carlo Emanuele /. 

l^; Umogliù Famiglia antica orionda éi VirctUl « di cài fi dicfi 
che <ià ne i loo fotfe membro nobililCmo Enrico Vm*gll9 (i). 
toifdc qitcfta Famiglia da lungo tempo nelle vicinanze 4l 
MancaUérì un gran^iofo lenimento detto della Vernea. 

v) Con nel risorfo inneiTo alle R IVenti io agoHo 177"» pet 
formi dell* qaali (ì accotdo al rupplioanic Giufeppe UmogUé 
il Regio gradimento y e beftcplacito per i' ac^uiikt iM%9ié 

^ Co nuda éi Pcémh i>l Conte Bcaaoi 



,. : •.rT.i ^ r*r.-^ «irs.^ ..acj:.:^ a "Sim lu'i i 



4ft 






4 Cr'te. X. S'TsL-^'éztr^e 






_ ■ ^^^^^ • ^^ « 

,1 f€ta ci s: :-.:o ror 

-, ^cìl-ir:: , i= 

,, N^- dtl.ì -.irgenza, e '^igll 
„ ne/ icrvlz:': coltro, e del-a 
»> rrica > integrila , valere , e . 
i, honofàte, & lodevoij cuàita , 
>, (occirr^no nel M.gnihwO G 
», (^ leru Scoatcre , e Capitano e 
„ C\ giù tizia M r Giubilo Ctfa^e . 
.. ieri , rjudlo abbiamo cllctrc 
(;.; Cior al tUnu Hitberto morto ntl iHx/^, 
il tom. '. Ji qui/i' OftrM^ appendice 1 ] 



^ • 



tét 

5 ieffùtxtò ptx Giudice $ é General Cotifervatoti 
^ di data, Cmecis^ con revocattone d'ogn* altra 
3, fioora eletto in tal carico • • • • • i,volendo^^ 
j» che a luì folo Tpetiì la cognizione di tutte io 
31 caufii della caccia , e p^fcaggioni , e dependenti 
j9 • . . # • BotelH fag. 191 j e 2514. 

i6}S HUMOLIO Giufeppej Giudice, e Gena^ 

j rale Confervatore delle caccie j e pe^ 

gendajo* fcneioni. Ordine di Madama Reale 

Cri dina pri aio gennajo 1638 (a)i 
iài: 3.« Cap, 17» Perchè di poco gio« 
tj Tamento farebbero li prefenti Or^ 
M dini, quando nen vi foffe perfona, 
91 la quale at!endefle particolarmente 
>f airoflervanza loro, ic al conve- 
3» niente caf^igo de' contravventori» 
39 Habbiamò voluto confidar queflo 
S9 in Miniftro d' eminenza , e di qua- 
„ lità a Noi grate» quali ftìmando 
jt concorrer nella perfona delt Illuflre 
jj ConfigHcro noftro di Stato , e di Fi* 
j> nen{e il Pre fidente Giofeppe Hu^ 
j3 moUo y che già esercitò tal carica^ 
j, vivendo il Sereniilimo sig. Duca 
9> Carlo Emanuele mio Signore » • 
jj Suocero j e S. A. R. mio Signor, 
,9 e Conforte {b)^ pertanto in vinà della 
M prefenti • • • • l'eleggiamo, codi- 
JJ tuiamo j e deputiamo per Giudice , e 
JJ General Confervatore £ eQe Caccie^ 
j, e pefcaggtoni , con tutf gli onori j 
(t) yiedilo nel Sorelli pag, 198 ad }qi. - 
(b) yedi qui fopra alla data 1613 ìq fettemire, 

e vwi an€h€ il tono terzo j pag. ìì9, e 140. 



/ 



tot ^ 

Il preenmMBé. utili» dritti » che à iiì tiÀ9§ 
^ fpettano , e appaitengono « * • (n ) Torino i geo* 

i4 ChrefiiiMé 

• 

i(f4c> Di SANFKdNf (i) Coaie Euclide^ 

15 Prefideate nella Camera de' Conti 9 

ttOfeoibi GcnermU Cénférvéttòrè ^ é Giudice di 

tutte h cdufe delie eaèeie , i peféng- 
gionii deputato con Patenti di Ma* 
dama Reale Criftiaiia deìli ij no- 
vembre 164OÌ di cui preflb il Bù* 
felli » pag. }oi , e 305. Egli è il me- 
defimo s di cui qui fepra ^ alla data 
del itfi^i come fi rifcontra dalla 
ftefla precitata pagina del Barelli 3 e i. 
(à) Al capo 1 di quefiù Editto^ offid àrdine fi Ug' 
gè come fegue : Proiiiamo a chi fi Jia ti ti* 
rar a volo é qualfivoglia forte £ animali vo^ 
latici , eziandio nei luoghi ^ e tertitOf'j non ri* 
fervati » Jin^a particolar noftra licenza , del 
Generale delle Cacete » e Gran Falconieri il 
Conte di Druent i /otto pena di feudi venti- 
cinque £ oro appUeanda còme fopra g o altre 
corporale a Noi arbitraria. 
(b) Negro. Vedi j fra U altre , le due inufliture 
l6x% 17 maggio 9 e 1^53 27 giugno perii 
feudo di Sanfront a favole dell' Fuclide Ne-^ 
grò. E vedi pure la relazione del Piemonte 
di Ago fi ino della Chiefa ^ pag. 23 : ihi z 
S. Fronte , Contado dei Negri , fra' quali 
vi i Euclide Senatore ordinario , Confi' 
glicre di Stato , e Riferefidario di S. Rm A» 
^, con Bartolomnieo Signor della Motta f no 
fratello^ eh eibita ia Saviglialio. 



59 
»9 



Ì6§ 

i% RASINO Bartoloootnetf. j, JlUiamofli^ 

L5 jy mata i elleggirt ub Confervatot 

gBO» j» Generale in luogo dd PreRdtnté 
,, Sanfront refo ioabil« per la Aia 
j^ continua iodifpofizione » & cono- 
j> fcendo le ottime qualità , iìngolari 
M virtù 9 e dottrina j & honorevoli 
9> coftuoìi ^ che concorrono nella 
jy perfeaa del Magnifico Conigliere ^ 
„ i Senatore noflro ordinario m.r Bar» 
j, tolommeo Rafino ^ inclinata al fer- 
j9 vizio ììoftro 3 come pur furono i 
j5 fuoi anteceflbri ^ e particolarmente 
9, il Senatore fuo Padre» che nello 
fs fpazio di più anni ci ha ferviti con 
99 intiera noftra foddisfazione » per U 
99 prejenii diftique . • • • , attefo il 
99 confenfo pieftato da detto Prefi' 
99 4/rmr5ii/(/roixf 9 eleggiamo, creamo 9 
99 conftituiamo 9 e deputiamo il detto 
99 Seoator Ratino per Confervator Gè- 
j9 neraU delle no/Ire Cacete 9 con tutti 
9, gli onori •...«, utili , dritti 9 
99 regaglie, & ogni altra cofaa'detti 
99 Umzj fpettante, fi Se come ne 
j9 hanno gioito 9 & potuto gioire il 
99 detto Prefidente Sanfront, & altri 
99 Confervatori fuoi Antecefibri , e 
>9 fono coDcefli per l'ordine Gene- 
99 rale delli 13 interinato dal Senato 
9» li 13 novembre 16^X9 con che 
j, prefterà il dovuto giuramento 9 
9, mandando a' Magiftrati 3 Miniftrì 9 
9» Ufficiai? le a chi fpetterà, parti- 

9, colar- 



»*4 

^, ÈoUnneate dQj (Twiiaid ^infettatori d^ oSeiE^ 

,9 var, e £ur. Jnviglabìlinénté oflervar )è préfenti. 
^ e di riconofcer» ftimàr, e teputaCr il fuddetto 
^p ScMtòr Rajino pef Coyervdtoti GimrÀU;'h* 
^ cendolo^ e lafciandolo gioire di tutti gli ho* 

M tiòrì Tannò li 15 ^iugikO i6jt. 

^ Ctfr/b EmanusL 

Del fuddetto ÉMrlólomdtéo Aafino fi fa J^Tiura 
Èpenzione neir Ordme dì Cèrto JEmatliàel dell! fei t o 
ledici (U «aggio i ^69 : i^i : „ abbiamtf ftimato feoza 
j^ far in un nuovo Ordine la f epetitiotie del fuddetto 
A» delli 1^ aprile iSa , à cui tìienfe fi può ag« 
M giungere, di quello conérinare, come lo con- 

M firmiamo • j cozl dichiaìratione folo^ 

9» che in /tf^tf <lei fii Senatóre Èdfbens gii Con" 
^ ftrvéLtott ótntrait ieilc CàtcU in detto Ordine 
», nominato , refta oggidì da Noi alletto ^ e de* 
putato il Senatore Éartplómfhetì^ Rufino pef 
Conferv^toré CtneràU ddìe dttic nofire C accie 
_•«*;, per Capirano Generate d' efle abbia - 
^ mo elletto il Conti di S. Gilio (d) , e in luogo 
„ anche d^gli altri Officiali » e Cohfervatori de- 
^^ fonti vi rdlanò altri nominati » e' da Noi eletri, 
^, Guali tutti vogliamo, che fianca intieramente 
j, nconofciuti, e obbediti . • « • . Tonno fedici 
i» D^&ggì^ i^^9« C. Emanuel (ò)^ 

(a) Coti Patenii dilli ^ giugrò 1 6 if vediamo pure 

avife Carlo £maniielc I depurato Gio. Bat- 
ùAd^'Scgro per Capitano , Confef\atore ^ & Cu- 
ftode delU jut Concie , e del Principe , con 
il ibli^o ft''pend;o di ducatoni otto effettivi 
fopra la Generale Te/oreria ogdi mefe ... (i) 

(b) Sorelli pas;. 506 , e 507. 

(1) Ite* Refiiflri Camerali fid màrgine del foeliop 
ore fino regiflratè qùefie Patenii , leggep o^ 
me fegue ; non fi ritrova f interina^iione* 



Ma 



%^3 

itÌ4 DENTIS Gìuferaa Bonaveurura , Giu^ 

. IX Jicg ^ $ Confirvutor G entrali corno 

m^iUifif infra. •> Lejì^ cizio ielle Caeeie ef- 

^, fendo 4WQ Ae principali . e da' 
,, più vinuoii divcnimenti ftati ufati 
^ da^Ptencipi dopo le penofe curo 
^ del Governo > e parcicolarnientc 
^ da' Reali noftri Predeccffori , quefti 
^» perciò h^no fatti divelli Editii pec 
^ la confeiva^iooc deilt medeiimo 
^> caccie •...•••••» 
^^ fono pur anche ftati ftabiliti ^iu* 
M dici^ i Confcrvat ori Gì furali di' dett§ 
j» Cafcie, per accudire all' oflervanza 
^ de' fuddetti Editti ..•••. ^ la 
,, cui * carica rsdando oca vacante pei 
p, il decefib del fu Senatore Barto- 
^, lommeo Ra£ni ultimo prìrvcduto 
^ • • • . • > in vigore deìlm frefenti 
^, deputiamo il iyddotto Senàtoro 
M Giupppe Bonaventura Dcnii;f Giù* 
^1 dice, e Conjervatore Generale della 
f. Cacete » pec efercìme 1' Ufficio in 
^> luogo del defunto Senator Rafino^ 
^, con tutti ^li onori 9 autorità'^ pree- 
^9 minenze , prerogative , privilegi » 
^> ìmaipnità^ «fenxioni» utili ^ dritti» 
9» emolumenti, e ogni altra co(à a 
^» tal carico fpettaute^ come ne ba 
9» goduto 9 e poteva gioirne il dett» 
91 Sen^r Aafito » • • • «^ 
p9 Tocino Al gennajo i(8v 
^ yimrio 4med€Q. 



» 1 • f • 



*^4 

1711 DI BRICHANTAU «loigio Giuferpt 

t Maria («) » Audiiort di Corte , « Com^ 

iicGflabf firvéiiar4_GnuraU dilla Caccia. ^ U 

» grado di Senatore iinqui foftenuto 
^ dal ^affollo Giorgio Gi^feppc Ma* 
«, ria di Briclf0num . nel noltro Se« 
y, nato di Piemonte aYendoli dato 
j, campo di faxci conoicere colla fua 
jt capacità g prudenza ^ e rettitudine» 
p, aqìche il zelo, che nodrìfce, non 
i* 9, fneno per il noftro (eivzio » che 
•» per «quello della giuftiaia, ci ha 
dato^ motivo di coftìtuirlo ^udi-' 



M 



»» tòro detta hoftra Coru , e Conferva^ 
99 tart Generale della Caccia • • • » 
9, quindi èj che in vinà delle pre* 
sfinii . • • • deputiamo il predetto 
,, Vaflàllo di Brichantau Auditore 
^» della nofira Corte ^ e Conftrvatore 
M Generale della Caccia » con tutti 
«I gli onori • • • j e colT annuo fii' 
p, pendio di lire due milla » che man« 
j, diamo al Teforiere della noftra Ca(a 
P9 di pagargli ogni anno ripartitamentej 
^ a quanieri maturari, cominciando 
^ li i6 novembre fcorfo^ e conti' 
^9 naando in avvenire » durante la fua 
»9 ferviti^ , ed il noftro beneplacito 

9» Alla Feneria, z dicembre 

9f I7ii* tutorio Amedeo. 

(a) A^rdi /li MM ifi em a qmfia fieffa data i di^ 
eembre 17x3 fotto il titolo degU Auditori di 
Corto 9 articolo di Brichanuau^ 



t07 
17)1 CSVERIS Marc* Anmrie. ^ NtUm 
1$ 9» perfonéi, del Conte Mere Antonio 

fcbbrajp. «^ Cgvcrig di Burclo , (a) fi unifcono 

M con una fingolar probità ^ e difin- 
j9 tereflamento tutta T atteozione » e 
,» zelo per il noftro fervizio » e del 
^ Pubblico, qualità , che egli ha 
jf fatto apparire negli impieghi lo- 
^^ devoloiente erercitati di Maftro Au« 
«9 ditole nella Camera nollia de* 
pp Conti j </i Auditore nofirù di Corte \ 
,9 € di Prefetto , yicario j ^ Sovram" 
p^ tendente della politica y e poUi^ia di 
^» quefla noflra Metropoli \ ora però 
9» ritrovandoti vacante la flejfa car* 
^ rica di Atidttore nofiro di Corte 
^ con quella di Confervatorc Generale 

^, delle Caecie deputìuiiìo ii 

^9 fuddetto Conte Marc' Antonio Ce« 
9j veris di Burolo per Auditore della 
M nofira Corte ^ e Confer^atore Gene* 
j^ rale delle Cacete , con tutti gli ono- 
,, ri • • • . y e eoW annuo Jlipendio 
y, di lire due milia » le quak maodia- 
M mo al Teforiere della noftra Cafa 

I, di pagarli durante la fua 

p, fervitù, ed: il noftro beneplacito « 
^ con cio^ fhe pretti il dovuto giu- 
1^ ramento 9 e gli cejji la paga Jt Au^ 
^ ditore giubilato della prefata Ca- 
^, mera de' Conti •««••• Torino 
P^ aj febbiajo 1738. Carlo Emanuela^ 

j^) Faii infra il iitolo de'Vicar) 8cc. alla data 
174 j 14 dicembre^ articolo Ceverìs* 



i#8 

1750 PENSA Cariò Vmceoxo» ConudiMar^ 

i6 faglia * • • f> Per le prefemi ...» 

fCOMJO* » cònfgfwiù al fuddetto Conte Carlo 

3» Vincenzo Pensa di Marfagliai/ fi* 
^ info f f f r«io ài Pn fidente , lo eie« 
jj giamo» conftituiamu 9 «deputiaoio 
^ per Auditore Crrnerale di nuftra 
j» Iporte » e Conftryaiòre Centrali delU 
»f iu>/?re Cac€Ì€, con cutiì gli onori • . • ^ 
jt # ron f tfniftto fiiftndio di lire dm 
^, milia di Piemonte » oltre T annua 
^ pendone iaìt^t Un mille ^ facicnti 
^9 ÌA tutto la fomma di lire ire milla, 
u Guafi ftipendio» e penfione man- 
^9 diamo al Teforiere della noftra 
j9 Caia di pagargli riparritameme a 
f^ quartieci maturati ^ cominciaodo dal 
^ primo del prolfitno febbrajc/ , e con- 
j» tinuando in avvenire » duran'e tale 
«» fua ferviti j ed il noftro bcnepk- 
^, cito • • • ; mandiamo pertanto al Con- 
3» figlio ddla nofira Cafa di defcriverlo 
,i fui bilancio ai elTa nella fuddetta 
9^ qualità • • • • Torino \6 gennajo 
j> 175 •• C^lo MmanUeL 

m 

177} FABAR Amedeo Commendatore • . • 

8 M Colie prefinti . . . Conferendo al 

mtobre. j» fuidetto Commendatore Amedeo 

j9 Fabar // titolo ^ e grado di Pre fidente^ 
js lo eleggiamo » coftìtuìamo, e depu- 
j, tiamo per Auditore Generale di no- 
^ Ara Corte » e Confirvatort Generala 
^ dilla nofin Cocm > con tutti g)i 

^ onoci.*»! 



i^(nfimiao.ffipe&dio di UredtumiUa » oltr^- 
i'iwu poiioae di %ltre Ure mille, facienci 
iilMOjb fiHBma. di lifg pr€ miUa • • • , 

<• NOMIS GiuToppe Giacinto» Conit di 

f FdloMy »t • • • .C^lie prefeati . • • • 

pik ^ dsputiamo U ^ddctro CoQte G!u« 

M &ppe. Giadoto Noinis. di PoUoqo 

^ per Auditore Gaaeiale della noftra^ 

^ n •'^^'^' ^àonfcrvoiorc GcneraU ielle 

j» iia/Sr« Caecie » eoa rutti gli onv^ri 

j» « • . » # isoli' ^mip fiiptndio di lir€ 

M ^tf^ miZ^ ^ oltre la pen(i.>Q^ di lire 

j» mille > .racienti ia tutto lire tre milla^ 

s» che nutodiaoio al Tcfonerc della 

^ noftra Cala di pagargli • • • 

Con /Regie Patenti delli 24 octo« 

bre %7ìif gli fa accordato il titolo^ 

grado t^.e anzianità di Prefidente ^ e 

fi è mandato aL Senato di Fumante 

. ài reglftrade. 

■ 

GARRONE Francefco Teodoro» Conte 
dì Brigui{pne» .Nelle Pateatì <) mar- 
„ ZO V79i Uàtf, come ftguei „De- 
1» putiamo il (uddetto Conte Francefco 
^ Teodoro Cìrrqne di Brianipne^ per 
jtt Uditore Gisnerale della noltra Corte, 
9% e Confervatore Generale delle noftre 
9t Cacete, con tutti gli òar.rì • . . • 
M e coW annuo ftipendió di lire due 
,, milUf oltre la pcnfione di lire 
jj mille j facienti in luttolire tre mìUa^ 

„ che 

m. U. O 



( 



\ 



^ ^e oiandiaiiH) n/ Tefirigr^ dglU nofira^ Céja 
9$ d^ P^i^^gfi ripartitaaaente 

E gli fu indi accordate . U titolo > fp^ado » e 
mn{iamtà ai Prefidente con Regie Patenti- delli i x 
novembre 1791 » come già & avvetd fotte i] 
titolo dogli Àttditùri GeBcrali di Corte. 

E qui chiuderemo il preiento titolo con ri- 
chiamare alla memoria U Kegie Patenti delli 50 
dicenbre 1796 , per forma delle quali fi è unita 
la Confeivatoria Genairale delle Cacck ali' Udito- 
sato Generale di Gmerrs > al quale piopofito v«t 
i$& qui fopia h féf. if a, 

4 



I 



ELENCO 



air 



De' Giudici , Confenratori , ^ 

Confervatorì Generali » 1 dello tseeii « # |p#»: 

e f fcégìom. 

Capitani Generali j 

nomùuU in quifio tit. VI. 



RuUno Gh. Bstiifid 
Sola AUffandro • 
Soldati 5iat&mo 
Cromo Antonio Ora^iù 
Di Sanfront Euclide 
Cataldo Nicolò 
Ambcrti Antonio Maria 
Humolio Giufeppe 
Gafialdo Giufeppe 
Barberi Giulio Cefare • 
Humolio Giufeppe • 
Di Sanfront Euclide 
Rufino Bartolommeo 
S. Gillo Conte • 
Dentis Giufeppe Bonaventura 
Di Brichantau Giorgio Giufepp^ 
Ceveris Marc' Antonio • 
Penfa Carlo Vìncendo • 
Fatar Amedeo . • 

Nomis Giufeppe Giacinto 
Garroni Francefco Teodoro 



Maria 



■ • 
iva 

vn 

vn 

I9« 
199 

ivt 

!•# 
20£ 
lOZ 

20J 

105 
106 
207 
20S 

• m 

vn 

209 

• • 

IVI 



y 



\ T I tr.vii. 

VicARj» Intendenti, s SoYR.ATNTSHmNTi Genb^ 

JLAU DILLA J^OUTàCA, E PtLIZià DELLA CiTTA* 

Di Torino, e suo Mandamento « suoi fion- 

<3HIj fi TfiUJTOJLIO. 

ijoo Xl GuicheBon, tom. i » paf» ^ij, par- 
iando dì FtUgpo di Sayoja» Principe 
i jic^ja , e della Mana , dice , qu on 
^ irouv§ quelques Ordonnaaees faites eil 

matiere de por*ce a Turiti par ce 
Prìncej Tao 1300. Umfcap il Pbg. 
iii^ii^. Taurin. pag. i|.). 

f 475 DE STRATA Borbone , Vicario^ co- 

21 me dalle infrafcritte Patenti. ,> f^/(^ 

giugno* >j /tf/i/ primogenita» & foror Chii- 

,9 ftianonim Francis Regum {a) « Du- 
,, cifla» & Tutor , & tutolo nomine 
^ lUufhilIìmì^ filli noftri carii&mi Phi^ 
^ libtrti Ducis Sabaudiar. 

,» Univeriìs ferie prefentium fieri 
,9 volumus manifeftum. ... ex no 
,, ftra icitur certa fcieniia , maturaque 
9^ Conmii nobifcum refidentis fuper 
,^ bis deliberatiooe praehabita , tutorio 
,, nomine t & prò filio noftro pras- 

„ dìAo molendina, refliafj 

,» babtitorìa» 

(a) Ftii la nota ^, di cui a pag. 16$ del tpm^ 
primo. 



99 



^ babtitoria * 8c alia ingenui pntdidd (irtrfatìs Si«^ 
jj dias» hommibus» & comunltati Za^r. /ti Ubeif« 
^, gaiDus> & ia albergamentum » & cmphiceufin^^ 
j^ pcrpecuam damus • . • ^ oc remitia Uò per prae- 
fcntes» fub tamen iocfOgiis quatuor ccntum fio^ 
rcnorum péirvi pondtns per ipfos JoUendorum in 
manibus Bortoni de S irata Vicarii di3i lodi 
qui illos implicare babeoic in fabrica caftriXa)^ 
,, & coaftruft^oiie vireti \b) .fejufdem cafiri Tau» 
,9 rini , ac^ de eis prelibato nlio noftro legitime 
^3 compiitare» & ulietìus quinquaginui ftorenorum, 
quos folvere habebunt duabus pauperimis mu- 
liéribus • • • 1 nec noninjiiinualifervitio/niZfa^ 
sj 6 ccntum fiortnorum inonetae prò tunc curren* 
,» tis in di^ Civttate folvendorum anno quoUbtt 
39 • • , Datum in Monucalttio die ii junii 1475 
«I • • • 9 quos auum fiorcnos habui ^0 Bor bonus 
M i^ Strata {e). 

■ 

1^14 RUSC A. AleJfénJro » Cittadino i/i Torino^ 
e Vicario yi ir^ CiVf^, come dall' 
Iftoria della famiglia Rufca ,■ libri tre 
dcfcritti da De Roberto Rufca Cifter-p 
cienfe (d)^ pag. 4» e 196. 

(a) jÌ quefio proposto vedi anche il Guichcnon tom. 

1 9 pag* 51 » ove alla data del 1 416 ci narra^ 
ehe Amedeo Vili, jetta les fondemens da Chdr 
teau de Turin prochc la porte du Po. 

(b) yìretum ^ luogo di verdura. 

(e) Arch. Cam.' rcK- confegnam. I5<?4 in 1(92, 
n. 148, f. 380 retro: alle /addette Patenti 
unijcanfi U altre delli 14 maggio i^^j » ^ 17. 
mar{0 ijoéT. 

(d) Edizione di Vercelli (^84, 



' I 

é 



" i ' 



«4 

1614 
Z6 



t6i% 

12 

dicembt 



Ji*3« 



RANÒT Ottavio» f^turio.Vùài U numw 
155 del fomoiario imito alla Senten* 
za Senatoria 16 aK(>ft9^t6 • di cui 
«Ili infra;, oel <{ìm nuinèro del detto 
finainatio fi legge altresì eflere il fud- 
dbtto ftato noffiiiiato ia rofii per l'Of- 
ficio ib/ VuéwUw. Èra egli fratello 
dd FrMtuefco Rancia ftato anckt Vi-^ 
carie ^ di cui qui apprdflbj e come 
meslio dall*eibefo genealogico aiK 
netto a tale fonunario* 

RANOT Francefco. PtfMui di Vicarìa 

' Cod al num. 137 del Sommario unito 

alla fentenza Senatoria 16 agofto 178^ 

nella cau(ìi Ranotj e RJghinì^ r#^ 

. Z>. Paurin 

Quefto Francefco Ranot » Dot- 
tor di leggi» e Vicario della Città, 
fi vede pur nominato in tal qualità 
dal Fiackiito nel fuo trattato dilla 
pefte » ojfia omta^o di Torino dell* 
anno 1630» pag. iS» e 4S » edir 
sione preflò il Zappata 172,0. 

BELLONE («) Dcitor Gerolamo, Vicarie 
della Città. Fiochctto pag» 6e. 



Ka) Vedi il tomo primo > pag. 171 j e 377 . come 
si il tomo terzo , appendice ;» paru quarta y 



( MONGRANDI Vittorio Amedeo , Come 
di Mongrando (j) , Sargeote Maggiore 

yo^ Geperale dello niiKzie di Sé A. R. ^ 
Configliere» Sicario ^ Giudice di pri- 
me appellatioai d'eflà Città, Conferà 
votare digli Ordini folinci^ e Bandi 
campefiri della medefima t e fuo man^ 
damento per detta Altezza Reale» 
BiM'elli pag. 906 s e 908* 

77 GACHERANO Domenico , di Conti di 

I CavaltrUone ^ e MombeUo » Coniiglierej 

io» Senatore » e Confervatort dell'alma 

Univerfità dello Studio, Fumrio^ e 

Giudice delle prime appelUiioni della 

ISw Città di Torino, e Ètynafco ^ Con- 

fervatore deglt ordini poliuei , e Bandi 

campefiri della medeuma , e fuo man» 

damento per S. A. R* 

„ Dovendo Noi obbedire al precifo 
^ comando da M. R. fattoci di pro- 
„ vedere con noftri Editti nella pre- 
„ fente Città , in maniera , che tutto 
„ le ftrade , vicoli , piazze , e inte- 
,, gralmente tittto le partì d'eflEi re- 

,, ftino 



Mongrande , o Montegrande , dal quaU fono 
danominati i Mongrandi notili BielUfi. Cosi 
la Corona Reale , pane feconda > pag. ift» 



{ 



lltf 

%9 ftÌDO, e fi nuiteogdoo in tutti i Unvpi dell* 
>» anno dflFatto nette 3 e pulite da ogni fona d' ira* 
,^1 mondizie (a) • • ^ • • • .^^ • ^ • • 

M habbiam» 



(a) iVriT Editto 6 ottobre 143^ (i) Uggiamo fin 
U altre refe come fegue. »» Ludavicus^e Sabau-^ 
9» dia Prineeps Pedemontìum » Locumtentnfquc 
9j Gintralis lUufiriffimi Gcnitoris mei Z7» ì^jim* 
^3 ^«f /7ifc/i Sabaudim ^ • • ^ ut ipfa jUia no-* 
,9 /2rtf Vnivirtuas tidem Civitati Taurini de 
5> CMtro ligitimc , tf e iniijfclubilitir copulata 
99 vif/!ftfi* ak^mnos^parturire ^ redimitos morum 
99 venufiate^ oc ttiam apicitui confpicuos % il* 
» lojque uberiorihus la3arc ubcribus > ac opu* 
9j Untius educare eifitm hominibus ^ & comu* 
39 nitati Ciyitatis Tarn ini^eorumque perpetua pò* 
9> fieri tati 9 nec non memorata filia noftr a Uni" 
9, verptaii idterius concedimus qua fequuntur. 

5> • • • • • • • . * * 

,9 Item 9 111 Ciyitas tpradiSa facundior » ^ 

99 m^gù fana rtddatur , f uoi/ comunitas di3a 
93 Civitatis, infra quatuor annos proxime fc'- 
93 quenteSf teneatur ^ & debeat dectrner e paveri 
99 facete Civitatem de lapidibus per firatas ma^ 
9> g/ui5 publicas . ^ » , & hoc fub pana cen^ 
93 fxiJR hbrarum fortium per eamdem Comuni» 
93 ULttm s fi deficiant y committenda ^ &pr afato 
yy Domino meo irremiffibiliter applicando* 
<i) BoriUi pag. si9, 540, e 542. 



^ habbia^io • «»»; • fornaio; U Seguente &cgo|a^ 
»» mento (a) • • • • «. 



1^79 Editto di. Madame ReaU Gioanna Bat« 

15 tifta, in vigore di cui fli inftituito 

dìceailx T Officio dà Sofraintcndtnte Generala 

della politica^ e pot-iia della Capi- 
tale (t) , e quefto decorata col grado 

di 



(l) Chi vede fi nel Borelli infimi alF Editto di Ma- 
dama Reale Giovanna Battifia del primo di 
agofto 1 677 » pag. 9 1 5 ^i 9 1 8. In ejjo Editto» 
fia Lettere Patenti di Madama Reale del 
frimo £ ago fio 1677, fi legge frx le altre 
€ofe , come fegue. » Dichiariamo j ehe V Editto 
>» difiefo fiotto norme del Vicario in data del 
9% giorno d' hierif e tenori^{ato a pie di que» 
9>fioy è fiato fatto in eJecu[ione de* pTuifi 
»> nofiri commandamenti ••••••• BoieUi 

pag. 915 , col. I. 

(b) Fero Is Città di Torino aveva già prima il fuo 
Vicario > come fcgnatamente rijulta da qutfio 
fiefifio Editf 15 dicembre 1679 , al quali 
prvpojito vedi il Borelli pag. 9?.©. Unijctufi 
pure gli fiatilimenti /opra la polizia delle firade 
di Torino delli 15 luguo i6j6 ^ di cui prejfi) 

Io Ù^So Boielii pag. yi^* 



I 

jf 



di ConfiUtrt di Stato {d).. Vedafi il di pia nel 
BorcUi pag. 919 ad 9x5. 

^^79 BERTA Ottavio [h) ^ Kuarìo, Confi- 
tibo gUcre» G'udice delle prìilie appella^ 

zionif e Confervatorc degli ordini po^ 
litici, €. Bandi campcfiri della Città 
di Torino, BcinalcOt e fuo mandi- 
mento («)• 

i6to GALLINATI Franrefco Giacinto » Con- 
iasi figlierd di Stato » Soprainttndtntt Gè» 
16%^ mraU della politica , e pulizia di que- 
lla Città » e fuo mandamento i Maftro 
Auditore , a Controllore Generale 
delle Finanze di S. A. R, {d) 

(t) In fae/lo Editto i{ dicembre 1679, Borelli 
pof. 9x0 3 Icggeli", tra le altre cofe , come 
intra. ^, Habbiamo rifoluio d* inflituire detto 
^ Officio di Sovraintendente Generale della 
^, politica 9 e poli{ia di qtufla Città , decorare 
dolo col grado di Configliere di Stato ^ e 
fiabilirgli tmo fiiptruUo adequato, da pa^ 
$9 g^fi ^//r Regie Finanze, fi^[^ ^^^ ^ 
9^ CittA ^i habbi a concorrer in cofa alcuna , 
,, ma riflettendo 

(b) Feudatario di Giroletto ^ Conflgnore di Re* 

viglia/co f e de* Conti di Celle* 

(c) Così negli Ordini politici degli anni 167^, e 

l6io. 

(d) Così negli Ordini politici degli anni i6io, 

16&1 p 1681. Vedanfi anche lepag.9^9 9^, 
e <^6 del toma terzo della prefente Optra* 



99 
99 



119 

FAULT Ranuchio» eiuadino di Torino 3 
Conigliere > yicmrio^ e Giudice delle 
prime appellazicDi nelle caufe civili > 
e criminali» e di prime iftatze circa 
li contracci , e credici della prefente 
Cicrà» Confervatore delli Bandi cam» 
pèftri à* efla , di Stinafco » e pio man* 
damtnto per S. A. R. (n) 

\x FRANCO Pietro Gioanni. », Dovendo 

t ^ Noi provedere all'Ufficio di Vi- 

mb. 99 cario della Città noflra di Torino 

,^ per il biennio proifimo in perfona 

. ^ df integrità ^ dottrina » prudenza» e 

^ merito .«••»& accenati » che 

M Quelle concorrono nella perfoiu 

^^ deirAwocate^PietroGioanni Franco 

,» Dottor in ambe leggi Collegiato» 

,3 cittadino , & de' Decurioni di detta 

j. Città • • • • » quello , in confòr« 

j^ inità della rofa prefentataci da detta 

,» noftra Città di Torino » 

j, per U prijenti deputiamo 

39 per Conigliere noftro» e Vicario 
M di dau Cini per il biennio ven-* 
3» turo 9 Se immediatamente che avrà 
^ finita il frtfinte Vicario , con tutcì 

«j gli onori » come ne 

3» hanno 



1) Casi nigli Ordini politici degli anni 1^81 , 
a68i. vedi il tomo terio della prefente Opera, 

tìl /#^de* Controllori Crc. , pag. 94* 95 » < 9*- 



11# 

t) hanno goduto i fuoi nteceflbri^ e tie gode U 
^ freftnte Vuario , con ciò i ^cbe predi il dovuto 
t, g'uraaiento • • • . • Moifcaluri liix dicembre 
u i68z. yittono Awudctf. 



1^84 

4 
geoaajo. 



6 
dicemb» 



DELI^ CHIESA Marchefe D. Franco- 
ico Filippo (a), <[^onfi^itere » e So^ 
frainttndcnu GtneraU d$Ua politica » 
e polizia della Ciccà^di Torino ^ co- 
me dalla Patente di tutorio Anudt^ 
delti 4 gennaio 1684; 

CARAMELLI (I) Tommafo ^ Vicario 
come infra. 99 Fra U dtfcntti fopra 
U rofa prefenta'caci , dalla Città di 
Torino per 1* Officio di yicario • 
d'iefla» eflendo (laro nominato il 
Mafiro Auditor € nella noftra Ca- 
mera de' Conti Tommafo Caramelli 

, con le pre- 

Tenti • • . . deputiamo il fuddetto 
M<;ftro Auditore Caramelli Confi- 
gliere noftro » e Vicario di detta 
Città di Torino per il biennio ven« 

turo 9 con tu:ti gli onori 

Torino 6 dicembre ié84« 

Vittorio Amedeo. 






9> 



M 



(a) Conigliere > « Referendaro di Stato ^ e Serm^ 

torc nel Senato di Piemonte. 

(b) Dilla Famiglia Caramelli di Cavallermaggioro 

p parla nella Cor, IL» par. i, pag. 175. 




ut 

l€ NOMIO Conu^ é Cavaliere Fnncefco» 
6 yUano come infra. », Dovendo Noi 

fiifi* M el-gg^c un foggetro ^ 

M per ben efcrcire T Ufficio ^i 7^i« 
9» cario della prefente Città» e man-* 

j^ damento di Torino » 

^9 etrovandofi fra i defcritti fopra la 

^ lofa prefentatacì da efla Città per 

^9 deno Ufficio nominato il Conte» 

M e Cavaliere D. Francesco Nomio 

99 • • • 9 in virtù ielle p^ifcnti . • . • 

tj deputiamo T ifteiTo Coote » e Ca- 

,» valiere D. fx^nzeCco Confyliere no^ 

„ firo » e Vicario £ tffi Città di To* 

9» rino per il biennio venturo, co* 

j» minciando immediatamente dopo 

,» che huverà finito il fuo tempo il 

^ prefente Vicario^ con tutti gli ono- 

»» ri j autoiità» preiogfitive , privìlegj » 

»j preeminenze , immunità , comodità» 

9» emolumenti» dritti» & utili a tal 

», grado , e dignità fpettanti » come 

», ne hanno gioito i fuoi anteceff ri» 

»» e ne gode il prefente Vicaiio , con 

»» ciò , che predi il dovuto giura- 

»» mento* Mandiamo pertanto » e co- 

»» mandiamo a tutti li Magiftrati • • • (a) 

»» Torino li i6 aprile I6S6. 

»» /^. Amedeo. 

n fuddetto Conte Franctfco Nomio , o Jia No- 

inis figlio del fu Lorenzo Primo Prefidente della 

Camera de* Conti di Piemonte era Conte di 

Caftelletto rul Fer celle fé , come rifui ta dalt 

invefiitura xt maggio 167 6 di effo K onte Fran^» 

€efco. Vedi anche il tomo grimo di ^ueft 

Opera^ pag. 390» e ^91. 



11 



1^8^ ROLANDO Avvocato Carb Antonio*. 

50 5, Dàvendo Noi provedere al carico 

diceffih» j9 ^1 Scprainundenu Generale delU 

^^ politica, e polizia d^ quefta Città 
,, per il pròffiino biennio r abbiamo 
M fatta elesione dell' Avvocato Carlo 
,^ Antonio Rolando (n), de' Coniiglicri 
^^ di detta Città ^ uno de'nomiaad 
^, fopra la roia ' dalla medema fatta » 
e prefenrauci • • • • • ^ e perciò^ 
con le prefenti • . • • deputiamo 
détto Awocat# Rolando ^ Confi* 
j^ gli ero 9 e SofrMuendente Generale 
,, della politiQi , e polizia della detta 
j» Città nollra di Torino «, e fuo man- 
^i damento , con tutti gli onori • • • a 
,> Moncalieri, )o dicembre i6i6. 
^s Km Amedeo. 

i<gg D'ARCOUR Conte Carlo Francefco» 

13 yicàrio come infra. 3» // [clo^ capa- 

Ottobre. » cita , « rettitudine ^ che ha fatto 

9» apparir il Conte Francefco D'Ar- 
» cour (i) neir eferciaio degli im* 

„ pieghi, 

(a) Di una Famiglia RoUanda fi parla nella par. i 

della Corona Reale , capit. i del Ducato di 
Savoja y pag. t^ ^ e fi parla pure de* Rolandi 
di Pinarolo nella par. 1 , pag. 1 97. 

(b) Fedi C inveflitufa j giugno 1677 al Faffallo 

Carlo Francefco D' Arcour del feudo di San 
Didero nella traile di Sufa. 

Della Famiglia degli Arcori Signori di 
Piano fi fa menzione nella Cor. R. , par. 1 » 
pag. iiQ. 



>9 



11} 

pieghi ^ che ha poffedntì itt quefU Città, d 
iovitaibo in occauone che retta Dominato fulla 
loia prefentataci per V U$cio di Vicario , In» 
tendente della politica per quefta Cittì , e man- 
damento di conferirglielo • . , in viitik dunque 
delle prefenti • • • deputiamo TifteiTo Conto 
Carlo Francefco D'Arcour CoLÌìgli&re noftro» 
Sicario » Se Intendente della politica d* effii 
Città di Torino • • • Torino 13 ottobre i6%i. 
V. Amedeo. 



i<9o CAPRIS Giufeppe Ignazio, Conte di 

x6 Ligliero («) , e Rocca di Cigliero . • • ^ 

Ottobre» Vicario eome infra. 9, Dopo fatta ri- 

^ flei&one fop^a la roia prefentataci 

(a) Cigliero , ^he dopo ejfere fiato de* Borghefi , e 

indi dei Penta del Mondovi , oggidì è Con^ 

' tado dei Capris di Torino. Chicià Cor. K. ^ 

fur. I , fag. ic8, e far. 2, pag. ij^9. 

Uoifcaiì 1/ tomo f di queft Opera , pag. 1 2)» 
e il Rufca ivi citato ^ pag. 247 > ove jS dice t, 
che la medefima agnazione comprende li Gro« 
mi (])» Collocapra-, e Capris. 

£ fi vedapurt hCox.K. 9 par. if pag, 114; 
ibi : ,^ Ttrnengo , Contado delti Cromi di Biella » 
,, per acquifio fatto da Pietro Conpgnore di Que- 
j» regna ^ Cerato , e dì ViUdengo^ che vigeva 
9, Configiiére Ducale intorno al 1475 ^ e della 
9, qual Famiglia^ che prima dicendo fi à^CoWo 
p^ de Capra , dtffufamente rC ha trattato il Cre- 
^ fentio nella fua Corona della Nobiltà d'Italia. 
De' Cromi , ovvero CoUocapri fi parla dif 
fufamente nel Rufca, pag. 7 ^^7 ad 2^1. 
(ì) Ovvero Gromìs^ come neW ifiejffa pétgin§* 




^> dal Co&reifBo di jqvÉAi . Otta , adla quale fi 
\, trova dtifcriito . • • . '^àiéUtàk • « • • J^matù 
^ il fuddetto «Vafljitt»viaffuiiqi|ye Jgnazio Cafiris» 
,» Coore di Gi^iefo > a Rocca di Ogtieio » -Coii* 
%i fy^^^^ ^a^jtobv Vicar»-^€ "SoftMnunJUnu Gené^ 
^, ìnU d€UA^f9iiiUa\ .0^ ifoh^im di-ifuefia^ Città ^ 
^9 € fuo mmdéunuuù pit- il èidiiuo fmiuio , co- 
^ minciaDdo immadiatameiitc dopd che «vrà fi« 
9, nico il fuo tempo il prefeme Vicariò , eoo tutti 
^ gli onori • • •Torino i6 ottobre i6fo. V. Amtdio.. 

i<94 GOVEANO CofM Emanuel FUiberto» 
JL Vicmrio comaiofm. '^^ Dovendo Noi 

geaaajo, . t» elegg«» lui fi^^geno dotato ^ non 

M meno dfr^«apacia^y:Ghe d'ifpertenza 

^> « • ovper ,ben efcrcire 

,« r. Ufficio di Vieariò^^ .# iovrinten' 
9, ie«f« Generak ddULfoUtita^ € ^#« 
,, ili^^'a i£c//« prtftttit Città ^ t manda-' 
j, damento JiT'^ima» durante il cor* 
j» reme biennio , e trovandoli fra i de- 
,, fermi fovra la rofa prefentataci da 
9, detta Città per detto Ulficio nomina- 
j» co il Conte Emanuel Filiberto Go« 
3j veano ^ abbiamo tanto più volentieri 
^ rifoiuto di conferirglielo j quanto 
,, che nella di Jui perdona j giunte 
,, alla chiarezza del fangue (tf)»concor- 
„ rono abbon ianteinente le ruddctte» 
,, e altre degne qualità ^ che ci ren- 
2» dono perfuafi^ che refercirà ad intie- 
^ ra foddisfazione noftra » e del pub- 

y blico 

(a) y^éi il tomo primo » pag. }75« 



.;, # 



1 ' 



» • • • fiigiMub P*tiéoipi» di' Am» aacQ^ 
k • • • • 9 che pelò • • • • eoa le ptefeoti 
pdtfmiamo il luddetto Conte fimanael Fi-^ 
no GoYeano Ccmfylifr ncfiro , Vlcmrio » . # 
mtfmJMtÉ Getunàé Jilla F^^a 9 ^ poli{ùi 
k fndfttM Cuti noftrm di Torino per il Um* 
fmnmu degli anni 1^94» e 1695 » eoa 
K g^ onon • • • • ToTÌnio x geanijo 1694^ 



> D'ARCOUR CoiM Ctflo Francefco^ 
Ficmrio come i&fia. 9» Nt* varj im^ 

IO. ^ P'^hi9 che il Conte Carlo Fran- 
a» cetco ^ Ar^om ha efercitati in 
n qnefta Cittì ^ ha fempre dato si 
sj buon iaggio • • • •.•••> che 
j» ne veniamo invitati a porgergli mag- 
9» ^r campo di farli apparire, coi 
j9 conferirgli 1* Ufficio di Vicario ^ & 
,9 Imemdenu dcUa foliti^a per detta 

9» Ciità, € mand^mitito \ 

quindi ^è « che roAi prtfenti • • • • 
dopatiamo t ifieffo Conte Carlo Frati* 
^» ctjco t Arcow Conpgìitrt noftro » 
M Vicario % & Intendente della politica 9 
M ^ poli{ia di detta Città di Tonno 
9, per il corrente biennio • • .^. • • 
99 Manchamo pertanto , e comandiamo 
99 a tutti • • • d'offervar « * • • • le 
99 prefenii, & in loro oflervanza ac- 
99 cettar» ftimar, e repuure detto 
99 Conte £ ArcQur per Confi gli ere 
99 noftro 9 Vicario 9 .& Intendente z%^ 
99 me fovni • « • • & alli Sindaci 9 

Tom. IL P 



9* 



§9 Configfieti» «^VsrdmUti £ étm Gttk « • 
M méndamgmo d'ubbidiie agU ordini fuoi • • • • 
«9 Joriis^ 12 gwnajo lé^é. K Ambine. («) 

itffS ROLLANDO ^yf^oruM Carlo Antonie» 

I ^ VuMfiù comn infra* », Troféndoà fira 

genaajo» «» li dcfctitti fopra Ai rofr prefentai* 

9s tad da detta Città per detto Uffi- 
^ ao nominsto V A^fockio Carlo Jin'^ 
$9 tùniù RùlUnJk {k) • • • » in YÌrtù 

M 'dàlia prefenti deputiamo 

1» il fmeitù AwoeéUò Carlo Antonio 
tf Rollando Configliele noitrop Ficai' 

u ri^9 S^So^rinMMiuGimraUidtlU 
j^ politica» e polizia di detta Città 
9t èli Torino per V or prolfimo ▼entmo 
9, tiinniog con tutti gli (mori • • • • 
9$ Torino 1 geiuujoitfyS KAmgdio. 

tjmx CACHERANO VaffaUo Ciufeppa Con. 

aS figlieri di Stato 9 nominato Vicario , 

decemk e Somrinundentc della politica » e pu* 

Ulia colle procitau Paimti x% diccm^ 
hi I7#i. 



(a) Qit^ia Fé^into trovafi nfijlraia im Camera. 
^) VcJl ^nì fopra U pag. aia. 



"7 
i7«f SANZOZ CftM SpUio FeliM {mi, K- 

X9 Ai^w coma infra. ^ Ràtrmmi^ji Cek 

iUccoib. . 99 li deicrim fopa Im r^ •••»!• 

9» TÌnù dello profimri • • . doputia^ 

9, mo il fuddetto Game Spirico Fo» 

n lìce Smox (Mifglitre nofiro Jìi 

9j if MIO 9 Vicario 9 e Sorrintendeoc» 

M della polidca » e polisa d' efla Città 

M (U Torino per l'or prol&mo ven* 

» toR) tUmmio, con nitri gli onori 

,,•••• rercm «9 dicembcQ i7e|« 

i7o« FONTANELLA Già Batrifta 9 Cmu di 
Baldifleio (>)9 '"Zmtio &€. 

(a) f%ii & JC^^ Fmami di Cario Emanuele II 

dilli XX oièobrt i6$€ 9 ow , ffivim t efprtfftmé 
di PoUr grattare il M. Magnifico Confyligr 
di Staio 9 & nofrù Segntaro di Staio 9 €om» 
mamdamenti, finanze, € gabituHù Gio. Clau- 
dio Sanaoz 9 fi pafa a £r come fogne. ¥ac» 
ciamo dono a detto Segretaro Sanzoi f«r ilta^ 
faoi erèdi ^ € fiuctffon del Ifiogo di Borila 
Unifcafi V inytpiiura dilli 19 fiàtrajo 1^57* 

(b) yiedanfi li Regii Paonii dilli 16 UgUo 1699 : 

ib! : 9» infiudiamo • . • . il luogo • . • • • 
99 di Baldiflero . . . . a favon dit yaffallm 
j, (ri<KBtfm/a Fontanella (1)9 dil fu yajfalh 
9» Gio. Donato 9 per lui 9 fuoì eredi • • • • 
£ vi /? K/ii/c4 r inTeftitura digli 8 ir ggn^ 
najo 1700. 
( r ) DelT antica 9 r nohil Famiglia De Fooranellt 
/w&r il Ballarìni mlU Croniche di Como^ 
pag. 1189 ri/{. di CopiO; I<I9« 




1*1 

1707 MEnnER t Cwu Tdippo Iguyto » J#» 

A5 muori , e Omfiglure di Stato, nomi- 

pBigl^Of pato Vicérìo j # Soyfsintfndenig delU 

foUtiempr € pMtiiia con Patenti delli 

^S oiampo 1707 n^piftnte in Città. 

. Pmfco^ 1$ fém. 47» « 4I ^ <P^9 

1769 MAGUANO CMlf («) Pietn) FrancefM » 

30 yU^riofic* Pateari jo dicembre 1709^ 

j^GClBb» iimiU alle piecede&ti M Miynitw j e 

wche legiftoui i» Otti 



17 IJ 



CUlLTnTO Conte {h\ FigUitio (f) 

^ frindft di Piom^ftto littorio Amf^ 

Ìmo JUtofoimmti GmìtmU di S* M^ 

if Ri di SiàlÌM, in cui dice di ef- 

leio jnfbniaio dtdla intenmione di 

S. M. filo padie di pominado yica- 

fio, § SoffimuttdfHts fxemrak dilla 

poliika j e p9iti{ia , e gli ^gnifica ef- 

fyt^ aaente dìS.M«» che debba, pei 

(a) Covone a e Magliasoj dalli cui antìfhi 5^'- 

gncri £ dicono- dérhfati i Govoaì^ e Maglia- 

m di Fojptno. Così la Cor* IL 9 par. i,p^. iio. 

0)) Narra iiChieia, Corona Reale, parte prima ^ 

pag. 84 j e 85 j che 'a*fuoi tempi i Cur tetti 

di Torino parucipavano ne^ celebre Contado 

di OKConatOs e dice pure alla paf. 175 f 

che i medefimi furono anche feudatarj di Car- 

penetia , finaggio di Raccooiggi. 

Più redaji il Chiefa» fiori di tlafoneria, 
pag. 3 1 : ibi : Curutti di Torino » (ti origine 
Savo'iardL 
(e) Regifr^to m Citt^. 



iAoéò é\ provvìfionò ; prmdtcf e Ì' efercixio di fai 
carico il^rimo di gennajo aUon psoffimos fiù 
che veaifle altrimeiui da S. M. ordinato. 



«7if 

li 
dlicemb. 



1717 
dicemb. 



dicembi 



dicemb. 



RIPA BÙSCHETTI Qia ]^ .ttifta , Màf- ' 
^A{/& ir Giaglione 9 Configliera di 
Stato 9 DOmiaato Quarto colle con* 
troeitate Patonti unifonni allo . ibd« 
dette del 1707» e 17^9 1 o ucbé 
tegtftrate ià Città {a). 

ORSlNI^ishJdo i Conu Ì Órbàffnnò ^ 
nominato Sicario » e Sovrìntmientt 
GiiurAk della poliika^^ « putir U colli 
contiocitate Patenti delli i { dicembro 
i7i7> anche regiftrate in Città {b). 

FAUZONE M Beinafió , Cónte Mattili 
Ignazio > yieario con Paunii uniformi 
alle qui fopra accennate del 1707^ 
e iTCjf j anche regiftrate iti Città {f)4 

SCARAMPI il Mo/uj^g Conte Franco* 
fco Antopio > yìéétrio con Patenti uni* 
formi alle qui fopra accennate del 
1707 » e ^709 1 anche regiftrate iti 
Città. 



(a) Unifcafi la pag. f$ dèi totrtó f iella prefenta 

Opera. 

(b) Vedanfi pure le pagine ^6 ^ e jfi del prtfenu 

tomo* 

(c) Vedufi ^nche il tomo | » appena. > parte ter{0p 

pag. 7. 



•* 




99 



1725 CEVERIS Marc' Antonio, Céna dì !»• 

14 iole {0)9 yicarià cottiù infra. jjAven* 

£ceinb. ^ do. Noi ftabìlico .».*••• 

M di uoire t Ufficio di Vicafio , e So- 
M pniotendeme ddla pDlidcat e pò* 
9 lizìa a qt^Uo della PreftuurMÓcllz 
' «9 medefimif Città, n fua Pforincia 
M • • , striamo jlifnMto . d' eleggere 
n per ei& il Conte. Marc' Antonio 
M Ceveris di Burolo • • . > ond'è, 
,, che P€r ì$. pnfnni • • • deputiamo 
il fttddetto Contò Ceveris y icario , e 
„ Sofrainuamnu icUafcUdca ^ e poli" 
9, liaJi dctia Giti di Torino » con tutti 
„ gli onori . • • , utili , dritti , emolu- 
mend» ed ogni altra co(a ad am* 
be effe cariche fpettante • • • • , 
e coìr annuo fiipindio di IL 1^00 
it argtnto , di cui già godeva • • . , 
e ciò oltre lire fetucento vgmicin* 
99 qnc j valuta dei feudi cento i oro , 
j, da lire fette foldi cinque eaduno ^ 
,, che fuole pagare la predetta Città éii 
^ Kuario fuddciio , come eoa le man^ 
jt iwiio di contimiares da godere rim(i, 
^ e r altro d'affi dipendi , ^Kra/iir /^ 
99 fua fervitù , ed il nofiro àentplacito , 

M con che 
{a) Ceveris di Totino ,- originar j itlynt^» ne' quali, 
eome dice il Chieià (i) , ^ venuto il Cafiello 
di Buroglìo (2). 
(i) Corona Rtale^ pztte feconda , pag* in* 
j(i) Buroglio, o fia Burolo poffedmo in oggi da un 
ramo della Famiglia Lodij di cui nel i$mp 
Urio,fag. ijj. 



9* 
99 
99 
99 



*9* 

lo A.p£Bdjo di li 2£oc , Ji coi gt«dem 

» di Mdbo AvfiuB wLa Camm de*CcMt..« 
14 il k iM l ii i7»j- ^i 



17x4 E&fo dLS.M.: ile: » UaÌMO ildefto 
Il j9 Ufixio A' yiemm » « Siii<iim>/tmi 

» P)re faui i> clieabbìaiM>uicoSdU* 
M Ika adb Mjfrtf CxmI, « Frttitiiak 
„ il Toriw» di Diodo die» chi fiirè 
^ da Noi eletto Prtfitm^ s*i&teod« 
M anche effefe yìcmm^ e Spu^mimim 

m 

1718 Jlifir Pataui^ che conferìfcono W ^ 

16 ^jTfo U adizione prìvaQfi , inprioM 

giugndu ìftania» dì tutte le caufe tigutrdaati 

r OfftiéJt dr* PdiifutUi^ e comeme- 
glio in effe Pmumu 

1750 PETTENATI (a) Gioasmi Simone^^Ai^» 
^ il come daSU^ infréifcrUie Pmunù. j» Do- 

giugao. „ pò il lungo efercizio iti KUmUtù 

j> della Citu noftra di Toruio avuto 
1» con ncflra patticolar foddis&zio* 
M ne > e pubblico vantaggio dal Conu 
j, Marc* Antonio Ceveris di Burolo^ 
>9 volendo Noi eleggere in di lui 
9t luogo un foggetto, il quale uni» 
M fca in fé altrettanto di capacità » 
n quanto di fermezza , ed attività ...» 
j> abbiamo fiimato di eleggete a talo 
M Ufficio di Vicario » e Sovrainten* 
>» dente della politica» e polizìa di 

(a) Vittignè , eh' un tempo fptttò a' Pettenati nobili 
KémlUfi, QmÌ mlln Cor^ A* j pan a ^ pag. 151. 







t 
% 



f f» 



..I^Epfla Gtta B0ftra di Torino Gioéomi Simant 
j^ Fttténati •»'«•••> quincfi è»* cho fwr /!^ 

'«» prefenti deputiamo il faJJitto Giamiai 

^ Simoru Pitunati ^Icario » e Jovrémiendenie 
^ éUMa pcUiifM 9 € fùti{ÌM^ MU fr$ie$im Ciuà no^ 

y^ /rtf Ji Torino^ con tutti gU onori , 

^ utili » dilttì, eikiolumentij ed ogni altra cola 
^ a tale Ufficio fpettante» e coli amv^ fiifenr^ 
^ dio di U. 1775 , le quali mandiamo' #/ (rcné- 
,» rati dille Mófin Finan{§ di &rgH pagare » a 
^ quartieri maturati ^ cominciando (dalla data delle 
^ prefenti» • continuando in avvenire j durante 
99 il nofiro iemplaeiio, e ciò «oltre le IL 715 
j, folinr paoarfi dalla pretta Città , con du ceffi 
99 lo ftipendio » df^ cui godeva per avanti > e preffi 
I» il dovuto niuramento . • • Finarim \i giugno 
a» 1730. Vittorio AmediOé 

17)1 MÀYNO {a) éU pMtmngojCónte Giufeppe. 

II 39 Al c^co di Vicario , e Sovrainten^ 

luglio. ,> dente della politica ^ e pollila della 

j9 noftra Città di Torino da qualche 
* M mefe vacante per la morte dell' 
M Avvocato Pettenari» che n'erafta-* 
99 to piovvifto 9 e convenendo ora • • * 
99 di deftinar un ibggeuo9 in cui 
99 concorrìno tutte quelle qualità 9 

99 che fono neceflarie 9 ed 

99 incontrando Noi quelle nella per- 

99 fona del Conu Giufeppe Mayno di 

'• 99 PittinengOy il quale nelle varie 

99 incombenze 9 
(a) Vedi la Cor. Reale parte prima, pag. 8S (i^<« 

e parie feconda 9 p^g. 19^. 
(1) Ibi : Maina nobili mi T^ina. 



y» ifloombme» et impSegUr appofgiaiifi » ofings^ 
^ larmencc in quello di Coofigliercj e Refneii- 
j, darò de' memoriali ulcimamente confertoli » ha 
9» dad (àggi ...^ quindi è, che per le prefenti {d^ 
,/ depuriamo il faddettp Conu Giufeppe >ÌXffLO 
>t di Pettinengo yicario^ e Senrmmtendenu delU 
M ppliiUM $ € pcU[ia dellm predeiU dui di Tod' 

jf no» con tutti gli onori ••.•, 

9» utili » dntti , emolumenti « ed ogni altra Go(a 
99 a cale Ufficio spettante » o coltmnnuù ftipendi^ 
^ di lire mille feneeento fituineacinque ..•••• 
^9 • • • j con che pretti il dovuto giuramento» 
,, e ceifi lo ftipendio> di cui ha finora gioito 
j9 nella qualità di Configlitte j e Referendaro 
fnddetto, e dò oltre le UL 715 fblite pagarfi 
dalla predetta Città . • • Tmno 11 lugli» 
99 1731» Carlo Emanuele. 



99 



1715 Editto di S. M. ibu ,» Rimettiamo » e 
4 „ reftìtuiamo la predetta Città di TV- 

marzo. 9, rino nel poflefib > ufo , e ' preroga* 

t» riva di noìninarej odia di £are ik 
#j9 rofa di tre foggetti abili » e capaci 
j, del fno corpo, si e come era fo* 
9, lita di fare avanti Tanno 171} {b)i e 
», quella prefentarci , acciò venga uno 
»> d* effi da N(n eletto per efercire » 
M durante il corfo di un biennio» 
9» detto \)tàzio di Ficario » e Sovrain* 
»» tendente Generale della politica » « 
M polizia di efla Città « fuoi Borghi» 
»a e Terrìtoxio. 

(a) ^A^ trovanS regi/irate in Camera* 
(k) f^^r^i qui Jopra pag. i)%» 



«735 
|iugao« 



giugno, 
maggbi 



174» 
suggio^ 



D' ANGENNES Pietro fiugenlo (4) « 
Sicario 9 € Sofrìnt$ndtnu Gtmtrmli iMé^ 
politica f o polizia dtila pceiòato Città 
per S. ML 

FAUZONE Mattia Ignazio» OUrcktfy 
di Montaldo^ e CoMfignar^ di Bey- 
nafco» Sicario &c. 



FRrCHiGNONO Gio. Ettore .,^»...ww« 
Conu di GaftellengOt Cerretto» e 
Quaregna^ f7^^io &ۥ 



j^ dfJb EmanmU. Fra li giuochi » cho 
s> fi ioDo foppr^ ne* Stati noftri 
n dall' Editto de* 51 luglio 171 )» 
9, tutto che comprefo fi vegga ouella 
,, dèi Siminario di Torino, (u cui 
9, fEicevanfi due eftrazioni in ciafcun 
^, anno , e fimilmente vi fi iMga 
,, proibito a chichefia di poter nco* 
9, vere danari fopra le eftrazioni » che 
99 per fimile giuoco fi l^no nelle 
,9 Città di Milano , e di Genova 9 
9, eiTendoci non di meno ftato rap- 
99 prefenutOj che» ove nuovamente 
99 u permettere Teiereizio di detti 

9* giuochi 9 
{a) Umfcanfi le Regie Patenti detti 3 1 mar{o 1 77 2 : 
ibi : 99 faeeiétmo libera ceffione , vendita , e 
99 injeudazione ^Xy^Saìio Carlo Eugenio d^An^ 
^9 gennes di Villar di Bafle 9 del luogo 9 e giu^ 
99 rifusione di Gorrino 9 co/itf parte di Pez- 
j9 zoglio dal medejimo dipendente •••••» 

M col titolo 9 « J!ig/2/fà Marchionale • • » • » 





ds^ faida 

defe Badie Fìbmk Àa « iJno b 
mk xcuBn fi ilcCEi {[HHchi^ icnM 

^i dm , ÌB afe £ coMnTcmtMi^ 

pQBMc ed desio EdìmK Mmmiìmm «I 

BoAxo M F'cii II, ed ilh Cmmiìì* 

d'ìuemire k ptefead ^ file eicttdo U 

aeote. Ott. » Fdvwi K 9 maggio 174U 



f^. Léoifréuuhi pcf U Gim CaBcdlmrt. 

rm J99gr€gpru 

Coli' Editto delli )i luglio 17 1| emauto 
alla pnbblicaziono della pace / Utmht ^ ohie atli 
caiichi ivi aboliti » enfi pure fopprellò» e proibito 
x) giuoco dd Lòti0 1 ietto il Sfmimiri9* 



Udi 



Indi con Rem Patènti delli jimasgio 174^ 
dato da Parma » ni nuovamente penneflo in que* 
fti Stati il giuoco fuddetto- Così andu ndÌMrrs^ 
tica LigaU 9 par. 1 , amo jf • pag. 77^. 

Leffgefi nel precitato Editto |i luglio 17 1|# 
fra le altre cofe» tome ftgue. 

^ Vittorio Amedeo. Neil' o1)blÌ20 ftrettiffimo g 
jy in cui fiàmo» di rendere umilimme, edinceC- 
^^ (anti grasie, a Aia divina Maefià.» non (blamentcf 
^g per averci dato la pace si lungamente fofpirata, 
,^ ma ancora per efferfi degnata di proteggerci 
,^ in tanti rìfcontri dell' or (corfii guerra » con aflì- 
„ ftenza (ingoiare di quella mano' onnipotente ^ 
^ da cui fola dipendo la force de' Prenapi» e ìé 
,y confervaziono da' Stati; anvieno^cbe alla no- 
9^ (ha riconofcensa fi unifcano gli a(Fettt de' no* 
„ ftri fudditi, per celebrare con ogni maggiore 
,y pienezza le lodi dovute all' Alti(umO. E per* 
^, che la pubblica allegrezza » che nafce dalla 
M pace» fempre più di(pDne gli ankoi a ringra* 
^ ziare con fervore la Divina beneficenza , quan- 
>, do viene eccitata, ed accrefciuca dagli atd 
,^ della clemenza , dell' alleggiamento de' pe(i » e 
jj dell' eftirpamento degli abim ; ahtistno perciò fii^ 
,9 mato opportuno d' efercitarli in que(te si felice 
», congiuntura , preferendo V utilità de' fudditi a 
99 quella delle noftre Finanze 9 e dimoftrando gt* 
9, neralmente a tutti i noftri Popoli « quanto ab-* 
' t, biamo concepito d'aggradimento per gl'efem' 
ti P) gioì ioli , che quelli lafciano a' Pofterì del 
j, loro zelo, valore, e virtà militari praticato 
», nelle azioni , e pericoli della fcorfa guen:;i » 
», e per la fede » e còftanza , colla quale hanno 
,» fo(ìenuto i pefi indifpenfabilmente geceflàtj^allè' 
», difelia de' noftri Stati. 




M^ 



jp ed akn. 







d piAtfatoD tene , et wer dt- 

arnJTì eboM ^f ^o ift eilì beoeì 

<|9eAi ec<ftn&iiì^ 

Ohm <}«e «c4ie 

, die il ietto gMK>d 

« iao d*ar eend ibp^ieAe, ^ dbi>^ 

Noi ìcùffémmmo^ ed «bolÌMM^ 



j, ed ÌBohie per li nieJeiiau aotìYì» e beìpioì- 
a» bumo e chi £ £1 de' eoftii Sciti » tanto dì 
,^ qui , che di la da' Momì « e CoUì » ccwprcu 
^,'il Kfonfenato, Città» e Coatade d* Aleffandiia» 
»• e Pffoviocxa Lumellina , Valeeta » colle T. tre 
j> txi il Po, e Tanaio^ Terre fefiatate» e Valle 
jj.di Sefia di poter ricevere dinari fopia le eftra* 
,^ zioni , che fi fanno ftr fmiU gitu^o j tanto in 
jp Milano 9 che in Genova , e tutto ciò fotto pò- 

/# na Torino li 31 luglio 171}* 

99 yiiiorìo Aifudco. 

U SEKàTO dì S. M. in Torino fedente. 

^» Ad ogn'uno Ha o)anifcfto> che fendo in- 
^» foimata S. S. R. ^I. » qualmente molti trafgrer* 
ji fon all'Editto delli ji luglio 17 ij proibitivo il 
9, giuoco del Seminario di Gincva, MitaMf 
^ Vincaia vanno impupici per non ritrovarfi in eflo 

19 profcritta 



*4* 
1755 

!• 

giugno. 

175» 

i7 

maggio. 

1759 
i8 

iBcemb. 



1760 
luglio^ 



1761 
*4 

aprile. 



' 17«4 
giugno. 



PROVANA Giuieppe Gìo. Maria Cernè 
di Cole^ao, t Confignore di Buflb- 
liAO » Vuorio, &u 

ROBBIO Michfil'Asgob Cont$ di Va^ 
figlie («) » Vicario &c.. 



SAMMARTINO Fnmcefqo 
Conu S Agliè » delle Valli di Pont ^ 
e Caftelnuovo » Confiignort delle Valli 

. di Cly j e Romano » Vicàrio &c. 

Eiìno di S» M«f cbe dichiara diverfe 
incombcDxe » e facoltà fpettanri al 
Vicariata di politica » polizia di 
Torino. 

Editto di S. M. portante diverfe prov- 
videnze intorno agli affittamenti, t 
fuilloea{ioni dilU caft di quefta Me- 
uopoli > tanto riguardo a' proprietarj . 
che conduttori de' Corpi di effe, ef 
ftniofi per maggior pflervanza di tale 
Editto conferita al Vicario V autorità» 
di cui nel §• 7 del niedéfima 

NICOLIS Filippo Lodovico Vittorio, 
Conu di Fraflino (^}, Vicario &c. 



(a) Vnifèafi la pag. 77 Jcl prtfintc tomo, 
(h) l/mfcanfi U pag. il6, a97> ^ 597 dil tomo 
primo. 



IO 

CLagg;a 



net 

gingoo. 

1767 

9 
Ottobre. 



1770 
16 

giugno. 



Regie Piteab tàa&re m/fi ^j^% 
dicmaù &c* a e coU'uicirìco si Vum-^ 
rUUy di coi il $. IO. Quefte Patc^d 
eoa Mstdj^p Stn^torro delii 19 idC* 
tembre 177X fi fooo poi mudate ri- 
pubblicale. 

FRICHIGNONO Gio. Aotonio» Comm 
di Caftellengo . Cenecio , e Quuo« 

Editto di S. M. a riguido dcllt pela 
ne' fiumi , e toneotì » colla giurì fdi« 
aione conferitane mI Vìcm^ in ordine 
al territorio di Torino^ si e come 
lefta fpìegato al $• 5 di eflb Editto* 

SAMMARTINO Giufcppe Filippo, itf^f • 
chefe della Morra , € C^nu di Cer- 



agofta 



1771 Regio Viglietto al yìearìo di Torino « 
7 Marchefe dtUa Morra. ^ H Re di Sar- 

degna &c. Marclufe dcUa Morra. Per 
accrefcere il comodo dcirabitazione 
al numerofo popolo di qiiefta noftra 
Metropoli, ci fiamo difpodidiap* 
,, provare il progetto fintoci raiT?- 
gnato per V ailzamento delle cafe 
laterali alle contrade di Po, e di 
porta Nuova in cooformità Jc* qui 

(a) E figlio Jd/ Gio.Ettore 13 jnifaplo,^// cui apag.i^^. 

(b) Indi Gentiluomo di Camera di S, M. 



f> 



J9 



» 



Jl 



JJ 



JJ 



>9 



Tom» IL 



Q 



t4^ 

^ umti diffegni ^ttotcAtti Ti aÌ dello fcadufo 

^ mefe di luglio dall' Architetto noftro cìvìIq 

#> y^ffallo dell'Ala iiBtynafco^ e yi&ti dal noftio 

„ Mmiftro » e Primo Segretario di Stato per gU 

^B ^Sm interni; Vi diciamo pxh eflero mente 

^, noftra , che tutti colerò i i ^uali vorranno far 

j9 efeguire nelle proprie cafe .il propofto alxa^ 

^ mento d'un piano » ftranno tenud di prefen- 

^ tarvt una dichianuùone (òttofcritta da un Ar- 

^ chitetto , dalla quale rifulti ,- che le mura delia 

j> caia fono capaci di fofteoere tale alzamento» 

,f e. in difetto pafleranno avanti del voftì o Uffizio 

j» iitto di fottomeffiòne » col quale fi obbligheranno 

j» a pceventivanliente munirle ^ e rinforzarle a do* 

B» vere, ^lell' efeguire pofcia V ala^mento fudii» 

ji detto fi cfferveraimo gli accennati rifpettivi 

li disegni» 1 quali faranno perciò cuftoditi nel 

,t voftro Uffizio. Non fi potranno eccedere le 

^altezze ivi fegoace » ma fi avrà tuttavia ri* 

9» suardo alla livelletta delle cafe corrifpon- 

^ dente al fuolo delle contrade. Coloro» che 

ji imprenderaimo ad al^re V accennato piano nella 

>9 contrada Nuova dovranno farlo ftabilìre efte- 

t» riortàente in conformità degli ordini già ema- 

^ nati; permettiamo ben;)» che reiti per ora in 

91 ruftico r efteriore dell' alzamento > che faralK 

^ nella contrada di Po per auelle cafe » che ivi 

»» non fono per anco né arricciate efteriormentQ» 

t» né ftabilite. Sarà voAra cura» che quefte noftre 

$9 determinazioni vengano puntu&imente efeguite» 

•» e preghiamo il Signore» cheviconfervif Iprifie 

p 7 agofto 17 jt. C. Em^nufUf 



«7T4 
fhigno. 

«77» 
giugno* 

•78} 

IO 

giugno. 



PALLAVICINI Adaibaito Màrehtfi dtll« 
Fnbottfo» Kumi» &e. 



PROVANA Cmu Fnocdco AIoboiD; 



PALLAVICINI Adilb«no Mankefe delto 
Fnbonfe (i}« HtimQ &e. 



'78> 

I 

giugno 



Ì9 



>» 



9> 






}> 



39 



Jl 



» 



J» 



SAMMARTINO lAgUèCoatt Gwfim 
Gaeunó. „ Mentre » per bi difmiuio* 
ne , die abbìimo benìnumeme ac* 
cordata al Mardiefe PalutTicioo dell» 
Fraboufe noftro Gentiluomo di Ca« 
mera , viene a renderti vacante la 
carica di Vicario ^ g SovrainitmUmg 
Gcfuralè di potiùe^ , e foli{ÌM dilla 
Città nottra. di Tarino, ci fiamo 
,j tanto più volentieri difpofti a fur« 
rogarvi il Conte Gimjippe Gettano 
San Martino d*A!jliè, de' Decurioni 
della prima Clafle della medelima 
Città, fui rifleflb» che» unendo 
^y e^lì alle pregevoli fue doti di ptp- 
91 bitàj efattezza« e zelo pel fervim 

# n del 

a) Indi Gentiluomo di Camera di S. M. 
(b) Lo fitffo, di cui qui Jopra alla data 1774 14 
giugno. Vedi anche r appendice ( 1 ) , parte. 5 , 
pa|^. 21. 
•'i) M tornò terro^ 



^ 



99 
9» 

99 



•44 
«, del Pubblico le cognìs-oni proprio per V efer* 

cizio delle iojpoitauti iDconibepze di vjuefla 

caiica ftata già per due bienoj lodevolmente 

_ efercica dal fii di lui Genitore » fiamo peifuaiij 

9» che £irà per giuftificare pienamente la fcelta, 

99 che ne diacciamo , ed iiiipe|piare cosi vieppiù 

99 ì favorevoli noftri fentimenti a fuo riffuardo ^ 

99 epperò colle piefentì , di noftra certa Icienza» 

j9 deputiamo il fuddetto Conte Gìuftppe 

9» Gaetano San Martino Jt Aglik per Vicario ^ e 

M Sovramundenti Generale della pohtiea^ e pulizia 

99 drlla Ci tà nofira di Tonno , fuoi Borghi , e 

■19 territorio ^ con tutti gli onori • • . . ^ da dth 

M rare t e/eresiò di detto icopiego fina a nuovo 

9, noRro ordi/ie, non cftante il difpofto dal Regio 

i9 Editto 4 magg'O 17^5 9 e con ciò 9 che prefti 

99 ti dovuto giuramento • Vefieria 

99 I giugno 1787* V. Amedeo. 



«791 
II 

novemb. 



R^ie Patenti^ colle quali 5. M. confti* 
tuifce, ed ordina l'Uffizio ùt\ Vica- 
riato colla giurifdizic^ne » e colle re» 
gole ipiegate nell* anncffo Regola^ 
mento. 



X791 RADICATI {a) Cefare Leone Conte di 

9 Brofolo 9 Coccooato , e Marcorengo 9 

•Ovamb* Vicario come ÌD^ra. ., Vittorio Amedeo* 

99 Mestre ^ per fecondare le rappreLn- 
tj tanze del Conte S ^Martino d' Agliè 
39 noftio Gentiluomo di Camera » Ci 

«, fiamo 
(a) Io 9ricn« alla Famìglia Radicati i^edi quanto 
già fé ne diffe nel tomo primo 9 pag» |ti# 



i4r 

gy (iamo dlCpofti a difpenfiirlo dalle incumbenze di 
^, Sicario > e Sovrinundenu GemraU di politica , e 
^ e pulizia della Città di Torino » aitiamo, a 
,» feconda dtUa rofa raflegaataci dalla medefima^ 
, j préfcclto a tale carica U Conte Ctjart Leone Ra^ 
,9 dicati di Brofolo, ben perfuafi , che> unendofi 
,« in lui colle altrt lodevoli qualità la neceflària 
,, attività, e fermezza 9 farà per giuftificare la 
» fcelca » che ne facciamo , e conciliarfi la no- 
M Ara 3 e pubblica foddisfazione » e però eoIU 
'> f^fititig di noftra certa fcienza, ed autorità 
^, Regia , avuto il parere del noftro Configlio » 
j> eleggiamo, co/iituiamo, e depuìtamo il predétto 
^ Conte Ce/are Leone Radicati di Brofolo per 
3, Sicario, e Sovrintendente Generale di politica^ 
,, e pulizia della Città di Torino, fuoi Borghi, e 
„ territorio , con tutti gli onori , privilegi , pre- 
„ rogative , autorità , preemìnenze , utili j dritti , 
„ emolumenti , ed ogni altra cofa a tale carica 
,9 frettante , e di cui hanno gioito , e potuto. 
j, gioire li fuoi predeceiTori , da dnrare refer* 
„ cizio 'di detto impiego pel corfo di ttn biennio. 
„ principiando col primo del proifimo mefe di 
9j dicetrbre, con ciò, che prefti il dovuto giu- 
j, ramento. Mandiamo pertanto a tutti li noftri 
„ Miniftri , Magittrati , Uffiziali « ed a chiun^ 
„ que fia fpediente di riconofcerlo , e riputarlo 
„ per Sicario di Torino, come fovra, con hx\o^ 
„ e Ufciario godere delle cofe fuddette» tà al. 
„ Senato nbftro di Piemonte d'interinare le pre» 
„ fenti , che tal' è noftra mente» Dat. in Torinp 
M li 9 novembre 17 91^ 



r 



lUupriffitlii , td EceeUtnùj^i SigMrt. 

^ Efloodofi S. S. R. M« eoa Rem Patenti 
j, 9 conente de^t» di nominare il Some Céfmre 



9j L€on€ R4ÌU0U ii'Brofola- per FUèric^ €■ So- 
,; vrinandinte GiuuraU deÙa fliàcm , i puli{iét 
M della pre (ente Città dii Tcrimt fu(M Borghi « e 
9^ territorio > il medefimo ^nfede di dette Re* 
a» gie PttenU nccoire all'BE. VV. 

f » Supi^icandole fi degpin» mandar dette Re- 
'99 gie Patenti inurinarfi fecondo la loro forma > 
9> mente» e tenore. Il che ee. 
// fitppliea9U£ 

Sari oomnnicau al 8ig« Avvocato Generale 

Ctrrutu 

M Vedute le Regie Patenti delli 9 corrente 
M novembre» colle quali il sig. Conte ricorrente 
j, venne eletto» e deputato yUario, 4 Savrairt' 
j, undenit GmìtoU della politica» e polizia Ji 
^ qMftm Città , fuoi Bor^i , e Tenitorio. 

»» Avendo il medeumo preftato il giuramento 
j» dalle dette Rìegie Patenti prefaitto» non Jif 
9» finu F Ufficio ddt jiwocato GuuraU j che da 
9» quefto Supremo Magiftrato vengano le medefime 
at bteriaaie» mandanmle offervare» fecondo loro 
M foona » mente » e tenore » e regiftrare ne* foliti 
^ fiioi regiflri* Torino li 14 novembre 179^. 

Ntgft[ (bftituito Avvocato Generale. 

Secondo le condufioni. 

lì A4 novembre 1791. 



FifTitu P. P. Gtèilhm di vote 



91 



9» 
»1 



*47 
4 Rc^o VigUetto diretto alla Città di 

1 orino {a)» ,, Magnifici nofiri cariami» 

Db. ^, Per dare al Contt Cefare Leone 

Radati di Brofolo un diftioto con^ 

traflegno del (ingoiare gradimento^ 

99 che ha preflb di Noi incontrato Ift 

j» lodevole fervitù finqul da lui pre« 

jy ftatacì nell' efeguimento delle in* 

,, cumbenze dipendenti dall'impiego 

i> iU Vicario , e Sovrintendente Gene 

j« rale della, politica ^ e piili{ia della 

Città noftra di Torino , e le coftanti 

prove d9 lui date dì vigilanza, ed 

jj attenzione per il bene , e la tran- 

4j quillità del Pubblico , marinamente 

»j nelle attuali difficili cìrcoftaDze^ 

99 ci fiamo difpofti a confermarlo in 

9j detto impiego per un altro biennio i 

A, vi partecipiamo quefta noftra de* 

jj terminazione 

FRICHIGNONO di Caftellengo Conte 
Cciare» /^icario come infra« ,» Nel 
ib. » determinarci a prefciegliere alla im- 
j, portante carica di Vicario^ e So' 
^ vraintendente Generale della politica, 
M e ptdi{ia della Città nofira di Tp- 
99 rino uno de' fojggetti compreiì nella 
99 rofa fiataci raflegnata dalla mede-- 
,9 lima Città 9 abbiamo avuto pre- 

,9 fente 

)ioc alli MagrJfiii noftri carijjimi li Sindaci, 
e D$curioni dtVa Città nofira di Torino- 



14% 

^» feote la ben viotaggioia teftimoiiiasza i thn 

,^ quefta ha recata al merito del Conte Ce fare Fri- 
j, chignono di CajUlUngo , il quale , unendo ad 
jy una fiogolaie capacità , e perfpicacia j la ne- 
j^ ceflaria fermezza, e prudenza » ci dà giudo 
^ fondamento di credere j che farà per adempiere 
f, ì doveri di detto Uffizio con noftra, e pub«> 
^, blica foddisfazione ; e ci (iamo in confegueoza 
j, difpofti a deftioarlo all'anzidetta carica, non 
^ dubitando, che (ara per giuftìficare la noftra 
^, fcelta^ e conifpondere pienamente al favore* 
^ vole concetto, che abbiamo di lui formato; 

y, ipperò per le prefenti deputiamo il prt^ 

„ éUtto Conte Cefare Frichignono di Cajlellengo (a) 
9, per Vieéorioy e Sovraintendentt Generale JelU 
^^ politica, e polizia della Città di Torino ^fuoi 
f> Borghi, e Territorio , con tutti gli onori, privilegi, 
^ prerogative , autorità , preeminenze , utili , dritti^ 
„ emolumenti , ed ogni altra cefa a tale carica fpet- 
„ tante, e di cui hanno gioito, e potuto gioire li fuoi 
9> predeceflbri , da durare Veerci{io di Ietto impiego 
^ per il corfo di un òiennio priruipiando col primo 
9, deir imminente dicembre , conciò, che pretti il 
9, dovuto il giuramento. Mandiamo pertanto a tutti 
^ li nofiri Mini/lri , e Magiftraii • . • , ed al Se-» 
9, nato d'interinare le prefenti (^) . . . Torino li 
9,1$ novembre 1796. Carlo Emanuele. 



(a) Figlio del Conte Gio. Antonio, flato anche 

Vicario, come /opra. Della Famiglia de'Tti» 
chignon!, e del Contado di Caftellengo vedi 
quanto già fé ne djfe nel tomo i , psg% 67}^ 

(b) Fedi qui /opra pag^ ij^f ^ e i^ié 



ELENCO 



^4# 



Dei Yicaf) , Inteodenti , e Soviaintendeoti Gt- 
aerali della polìtica , e polixia della Cittì Ji 
Torino^ e tuo mandamento, fuoi Borghi ^ e 
Tclnlprio^ qui fo fra nomintui. ^ 

JL/t SirmtM Bertone • 
Rufia AUffaniro (tf) • 
Ranot Ottavio ' • • 
Ranoi Franetfco • • 
Bellone GeroUmo • 
Mongranii Vittorio Amedeo 
Cétekerano Domenico • 
Berta Ottavio . • 

Gallinati Francefco • 

Fault Ranuchio • • 
Franco Pietro Gioanni . 
Della Chicfa Franeefco Filippo 
Caramelli Tommafo • 

Nomio Francefco • • 
Rolando Carlo Antonio 
D' Arcour Carlo Francefco 
Capris Giufeppg Ignazio 
Goveano Emanuel Filiberto 
D* Atcour Carlo Francefco 
Rollando Carlo Antonio 
Cacherano Giufeppe • 

San[o[ Spirito Felice . 
Fontanella Gio. Batti/la 

(a) In ordine alla Famiglia Rufca , o fa Ve Ru- 
fchis vedi anche il tomo primo di queft* Opera, 
pag. 4JO. 



/ 



^Ir^Tiur FiÙTP^ Ignajvf • 

Magnano Fuvo Franc^jca • 
Curutto • • . . 

i^ivtf BuCzhctn GiOm Batt^M, . 

Or/£« RiflaUo 
Fasi{cn€ Mattis Ignito 
Scaramfi Frmr.c€jco • 

Ce^ais hlmrc Antnniù 
Fetunau Gicanni Sumome m 

òiayno Giufeppt . . • 

jy AmgenTUs Fieno Emgetùa 
Fau^oru Mstùa Ignavie • 

Fricìùgnono Gio* titcrt Bomf^ciù 
jIlfierL Lefart Giufiinimno • 

Rifa Bufchttù m m 

tfWvmnA Giuf'fft Gio. USaris 
Rùbkio Micktt Anzdo • 
Samméiriiio Franc/Jco FUmimi» 
Nuolis Filippo Lodovico f^itiorio 
Frichig/iono Giù- Antonio • 
Sammartino Gruftpfc Filippo • 
Fallavicini Adalttrto 
Fro\ana FrArafco Aleramo 
Palia> àcini A dèi leena . • 

Sammartino Giujtppc Gaetano 
Radicati Ctjare Leone 
Frichignono Cefare . 



I 



T I T. Vili. 

GONGHESSO D^ARCUnETTURA^ 
^ DIGLI EDILL 

1 j xC^gio Viglietco diretto alK^ommtniatore 
S Devìncenti : ivi : ,, Secondando Noi It 

io. j^ cure de'Reali noftrì Prcdeceflforì » e 

•1 Angolarmente del fii Re mio Signo* 
jy re , e Padre di Tempre glorìofa me« 
^p moria3 dirette a promuovere il mag« 
^9 giore ornamento della noftra Me- 
j, uopolì» e volendo che le Fabbri* 
,j che da coftnierfi in efia riefcano 
,j conformi alle regole di foda Ar« 
,9 chitettura » abbiamo determinato di 
3, ftabilire un Congrejfo^ il quale fia 
>,y compofto di voi {d^ , del Colon- 
jy nello del Reggimento noftro di 
,9 Torino Conu Nicolis di Robilant ^ 
9, del noflxo Architetto f^affallo dell' 
^ Ala di Bijns/co , del iffaeftro di 
,, Matematica nelle fcuole d'Artigiie- 
^ ria Rana , e dell' Architetto Marti'' 
^ ne[ 9 per efamiaare tutti iniìeDie , 
^, o almeno in numero di tre > nel 
j, cafo d' aflenza , od impedimemo 
s9 degli altri » le oiarerie > che^ a mlfura 
^9 de'noftri Ordini gli faranno cora- 
M meflbj e che poteflero ìntereffare 

j» l'eftericre 

roc del Commendatore Devmcenti, a cui ap- 
funio fi vede (Urtiti il prtftnu f^'iglictt^^ 



9> 
99 



9% 

99 
99 



^5* 
^» r ellcrìoic buoÀ orcHiie dlcile fabbriche » Ov- 
vero rallìDeameoto» e raaìpiezza delle cos^ 
trade^ o altre opei<3 pubbliche j e rolTc^naici 
quindi il Tuo fentimento » pnndtndo però Tem- 
pre date UJUiiio del l^icariaio tutte quelle Doti- 
zìe , e chianmebti , che farà ia cafo di dare i 
j^ € pcichi fono afllai pochi i proprietar) , che ab* 
,y biano finora Aiuiato di prevale! fi della permif-' 
j» fione > la quale » col Biglietto dei 7 agofto 1771 
indirizzato ai Vicario di Torino , è Hata ac - 
cordata rifpetto all'innalzamento delle cafe la- 
terali alle contrade di Po » e di pona Nuova ^ 
e fonofi pure eccitate parecchie difficoltà in 
tale propofito» vogliamo^ che da quefto affare 
,» incominci i'efecuzione dell' incumbeoza » che 
93 appoggiamo al Congnjfù , il quale dovrà pren- 
dere in matura confidjrazion'e> fé fiafpcdientè 
di permettere il profeguimento dell'anzidetta 
elevazione , ed io tal cafo quali riguardi ul- 
teriori debbano effcre prefcritti j oppure quale 
altro mezzo li creda più adattato per provve- 
9, dere il maggior comodo d'abitazione al nu- 
9» merofo popolo della Città fuddetta \ e fenza 
>^ più preghiamo il Signore, che vi confervi • < 
„ Torini ì6 luglio 177}. /littorio A medio. 

177 S Regio Viglietto diretto al Commendato' 

i| re Devincenti 3 a riguardo della com« 

Csttemb* meilione al Congreifo d'efaminare^ 

e dare il fuo fentimento fuUa rego- 
larità , (olidità , e convenienza delle 
opere, che verrebbero progettate , sì 
per le Regie fabbriche civili , che pei 
iiltre d' ordine di i. M, intrapicfc 



99 

9» 



Itggi IVI fra li alerg tùft ceni e fegue: Dopo 
me fiéibUito con yi2li4ti0 nopro dt' i6 luglio 
■r ) («) j il Congrejfo £ Archiutiura , cui prt* 

1779 Lettera della Segreteria di Stato del 
^ I primo maggio 2779 diretta al sig< 

||^po. Conte di Kobila jt del tenor fcgutnte, 

S. M. efleodon degnata d: dcfti- 
nare il ùg. Atchitetto Bar ber is per 
iDterveaire nelle feffioni del Cod- 
sreiTo degU Edili (Jb) y e dare il 
tuo fentimento nelle occorenze , 
in cui dovrà il CongreiTo efamioare 
qualche affare « ho f onore di te- 
nerne iDtefa V. S. Illudriffitra ^ pie- 
^» gaadola di partecipare quella Reale ' 
gy determinaziont: allo fteiToCongreiTo. 



n 
jt 

91 



11) Viiilo qui Jopra pag. 15 1 , ^ ^ui infra neirAp- 
f endice , parie quarta , pag* r 1 J. 

[b) Dq[^' Edili COSI anche in vu r; R Viglietti^ ^fg^^' 
Umente in quello de' i j novembre 1795 , nguar 
dante la pcrmi£ione della coftru^ione del Tea* 
tfù Ughetti , e diretto al CongrelTb : /vi : Con- 
gielb degli Edili, fra le condizioni 



*54 
17S8 

t 

gemxujo. 



9» 
99 
99 



99 



mggio. 



Jt^^fo FigHéiio Jiriit9 al Coat« J^mi^^ 
mcuìfiUggi 99 che per U mòno 
99 del michèlotti , mucando uno de^ 
jf foggetti da S. M. defttnati per coid« 
9, porre il Congrejfò Jt ArdtiutUirm ^ 
cui pnfeiiYa eib Conte Finto 
in <lipendena»*di Regio Viglietto. 
la q>rile 17SJ 9 ha S. 1^ gra* 
99 ditA '^ ffopop[ioti€^ .che fui fen- 
99 cimento unanime dello fteflb Con- 
9, greflb /ir ^yn^n r4^fnaia per la 
nirrogazìone iM jtrchvtuo CafitUi, 
ed ettcndofi degnata di prefcie- 
99 glierlo per uno de' membri dell^ 
^9 VkeSo Congreflb 9 fé gli difle di te* 
99 nerne inte&j tanto detto Architetto 
9^ CafielU, cjuanto il Congruo Oie- 
99' defimo. 

Regio Viglittto 9 diretto al signor Cava-' 
liere di RotiUnt , concepito ruftguenti 
ttrmini. ,, Fra gl'oggetti 9 cheilCon- 
99 grelTo if Architettura , cui prefie- 
9, date j ci ha fatti prefenti nel parere 
99 dellì 1 1 maggio fcorfo anno 9 rela- 
99 tivamente alla fabbricazione delle 
99 cafe in quefta Città 9 abbiamo ri- 
9 9 levato particolarmente quello de' 
9, gravi inconTenienti , che occorrono 
99 dal lafciarfi ben foventi i cortili 
3, delle cafe foverchiamente apgufti 
in proporzione dell* altezza dellq 
medefime» onde ne rifulta un' aria 
cattiviifima per gì' abitanti 9 ed 
ij inoltre dal collocarti i po^zi di 



» 



j> 



ji 



N 



3» 
93 



^ uqoaviva io tale vidninu de' pmi immondi» 
p, che di leggieri nftano infettate le acque di 
j, quelli in prcgindicio della pubblica falute. 

^, Abhuump ricoaofeìmiM l'importanza di prò- 
M Tederò alle pemiciofid confeguenae di affitti 
9, abufi , ifptrò , menu^diamo i noftrì ordini » af- 
finchè ne'diibgni delle fabbriche daconibuerii 
in quefta Città ^ che da' rifpettivi particolari 
Terranno prefisntati al Hcarìo, e Soìrainten^ 
^ denu -GMirmU dilla poliùca , e polizìa £ iffa 
^ Città 9 fieno defignate » oltre alle facciate , anclic 
,» le piante^ ed alzate ddL'intemo delle medefime; 
j9 vi diciamo effere mente noftra» che dal mtn* 
,i tavato Congreffù fi efiunìni efiucamente non nie- 
ii no r efterìore , che V intemo delle nuove 6tb« 
briche da conftiurfi » e fi preferivano quelle 
regolf» modificazioni, e cautele , che fi cre- 
deranno ali* uopo addattate > e proprie ; E pré* 
ghiamo &c. 

In propofito degli Edili, quali erano prcflb 
i Romani, ecco quanto fé ne legge nella nota 
178 (a) alla congiura di Catilioa ^ri/m da Salu- 
ftiOj e volgan[[ata da Francefco Antonio Gua- 
fco {b). ^ 

j, R^ma ebbe gli Edili plebei , gli Edili 
„ Curuli> e gli EJUU Cereali. 

(a) Pag. 82 j edizione di Napoli 1760. 

(b) Famiglia dille pia moiili , e ricchi d' Aleflan* 

dna (i). Dello fiejfo Guafco abbiamo a^chc 
un btUiffimo ragionamtnto (i) fopra la rinun^ 
{ia fatta da Lucio Cormlio Siila della Di^-* 
iatmra. 

(t) GkiUniy Annali, pag. 15» 

if^) Stampato in Roma nel né^^ 



J9 
9» 



9$ 



». (;^' £^i7i p/^£^' (it) enno Prefidenti degli iii- 
/F{j , e delle flrade , giudicavano ancora le di^ 
ferenàse , clie inforgevano tra vindiiori , e com- 
pratori » vegliavano per impedir gt incendj , ed 
avevano V autorità di reprimere la putàlka 
^, difantflà , e t ubhiacchc[{a » prefiedevano alla 
»> pompe funerali » e le meretrici erano foggette 
alla loro' giurifdizione. 

99 Gli Edili Cwruli (b) aveano Tincombensa degli 
y^JpctutoU pubbUci^ € teatrali, erano i Reviforì 
delle commedie 9 che doveano rapprefentarfi j^ 
perciò le commedie fi trovano notate col no- 
me degli Edili di quell'anno, 
j, Gli Edili CereéUi (e) erano qual' è b oggi i| 
Prefetto delF Annotta» 



9% 
9Ì 



(a) JEdiles duo primitus ix plebe creabantur » a Pa- 

tribus, qui adib^s prae£ent , (unde, & nomen 
€os habuijfe apparet ) » & incendiis arcendis in-* 
terveniriKt. Calvin lexicon juridicum. 

(b) JEdiles Curules eo di3i \iicntur , quod fclUs 

curuLibus ( curvos pedes habcatibk's ) * vel fellis 
ConfuUribus , {folio eburneo altivs ilato , qua fi'* 
curru fedsntes » ut nonnulli ) uterentur > jus di- 
cturi. Cosi il precitato Calvin. 
(e) Cesi detti a Cerere: Cerealium JEdilium ofK 
cium erat frumento , a/monaque praejfe > pro- 
curare co pi a m annona forenfis > cibar iorum ^ 
menfurarum , & finilium curam habere ^ ne 
qua fram fiera. Calvin fuddetto. 



ELENCO 

Deilt pcrfone comnrefe nel titolo Vni. 

ri iceti» di RohiUn$ . . . .. 
Dti: AU a »€Ùè»f€0 ... .[ 

lUna . r*^' 

Jl«rtliuc . . . . .J 

Sarbtr'n ■ ■ tf% 

Michdom 

fimo . . . 1 

C^««i . .' . . .f M4 

Di BfiUUnt («).... 

(a) Nicolis j frgtilU dil Nicolis di RobiUnt an^h 



Tom. 1t, 



R 




»5l TIT- IX. 

MCBlTSTTt emù. 

Pmio AnanTiTn Ovai* 

1 5 ^o Jr QNZE|lXO pomepico » Archktti^ del 

f Duca Emanuel Filiberto» da cui bi 

(Siccmb* diputatù per livellare un navilio id( 

Cicuta « Cafiilgralp>. Vedi i/ fo/yio i ' 
ddlapre(bmeP|£ra>/r4^.ii3 > ^114* 

1584 VITOZZI Afcanio» Architetto^ e In- 

1% gegnere come infìra. „ // Dtua di 

Wolire» 19 Savoja. Magnifico ConfigUere , & 

p, Teforiere noftro Generale M.iAn< 
i> tonio Solaro. Avendo iVbi deputato 
j, per npjlro Architetto 9 & Ingegnere 
9, il Capitano Afcanio fettoni da Or^ 
,, vieto {a) y & volendolo provvedere 
»i di conveniente trattenimento, gli 
1» abbiamo per le prefenti noftre (ta- 
9, bilito , & li ftabiliamo per fuo or- 
», dinar io fii pendio la Tom ma di fcuti 
j, trecento , l' anno , a libre tre • . • ; 
19 &aquefto effetto vi mandiamo 9 6* 
,1 ordiniamo di pagargli la detta fomma 
19 per quartieri .... Torino li li 
,» ottobre 1584. C Emanuel. 

^) Fu il VitoK} (i) 9 che diede il difcgno delle cafet le anali 
circondano U pM{{[4 Cs/UUo. Maova Guida per It Citta di 
Torinù i7ti , pag. letf. 

E fui difegno anche del ditoni fa fatto il p^l^ll^ » ^^^ 
fervi?a altre volte d'abitazione a* noftri Sanami ^ detto orm 
comanemente il vtfaftiV. Nuora Guida fuddetta» pag. io|. 

(1) ficatilaomo RoBuno. Cnk nella Nwov^ QuidsfiddeitSf pag. i94é 



.ttf|7 . CASTEiXAMONTE Can^ Cado Um 

Archiutto come infra* Vciafiiì funerale 
fatto nel Duomo di Torino alla me-* 
moria di Vittorio Amedeo I alli it 
di dicembre 1^37^ defcritto dal Pa« 
dre Giuglaris de)la Compagnia di 
Gesù 9 e ftampato in Torino nel itf 3^ 
appreflb gli eredi di Gio. Domenico 
Tarino: ibii », Per conto dell' Ar- 
^ chitettura» Madama Reale Criftin^ 
^ ne ingaricii^ il Conu Carlo Cafiel^ 
j» lamottfe oonofciuto per uno de'mag- 
^, giori Ingesoeri del noftro fecolo, 
Ve^ pure qiu infra la pag. lii. 

I66j VALPERCA Maurizio Antonio 9 Con^ 

10 glUre > e primo Ingegnere. ,» La fcieoza» 

imfsfo. «> & esperienza per tante prove con- 

^^ armanti V opinione comune del va« 
,, lor di Antonio Maurilio Falperga 
^3 neir Archiietiura civile ^ & nella For^ 
^ Mfica{iome ^ e T efatto fuo diporta- 
^y mento negli impieghi di Capitano 
99 d( Ordinanza 9 e Sargeote mag- 

^, gfore 9 ci rapprefentano 

49 u vivo la giuftizta di tutti li buoni 

j9 trattamenti da lui ricevuti infran^ 

99 eia per molti fegoalati fervig) rea- 

^9 duticl • • • 9 per le prefenti dunque 

9j « • •.. • deputiaoio il detto Antonio 

^ Maurilio Valperga nodro Confìgiie- 

,9 re» é primo Ingegnere y con tutti gli 

94 onori 9 e con lo fiipendio 4 parte 

99 fiatiliiogli 9 mediante che pretti il 

(^ Vedi il tomo i della preferite Opera, appendice 

parte^ 49 pag^ 68 9 nqti^ z^e vedi ^ui infra 

'le pag. 29^ ad 29^-9 tit. XII Faktrickc^ e 

fortificaitom* 



i6t 
^ jicàic primo Arduteeto dnk; fBÒi^ ^« cb 

„ per le pt£ÌÌ5ad depmùmmm il predetto 

^ D* Filippo lofaa di Mejmm per 09/Fr# 
j, frimp ArckiitUù mUt ( « ) » coft rotti gli 
3, osori • • • • 9 € col fiftmdm di lire tremiU 
j9 Iaf%cnto^ a & 20 cachnui» Tmuam^ eoo dò, 
9 che pretti il doroio ^ntaoieiito. ^-'■^^■^r 

^ pectasco a inttr li nottn Biagiftnai , 

e fingdariDeflte éi Coniglio deOa noftta Arti- 
glieria 1 Fabbdche » e Fortificazioni , ir ricone- 
y^&> , farlo riconofcere » ftimare » e riputare 

per JMT^f o frìmà jirckuetto ciriU 

Torì&o li 15 dicembre 1714. F. jtmtieo. 

LéUifranchL 



9» 
99 

99 



(é) Ebbe D. FlRff tutmra aaivcHìl grido d' iafigae Archhmo 
aeree i taati ediisf 9 cbe di lai fi binaci tatti macftofi » 
e grandi, checcbe fiafi da cenoni pmefo , cbe ne* fa oi 
d^'cgoi ioÙk egli BO pUgiaiio , come fé U Tua facciau dtl 
Céfiéllm di Mad'.ma Reale Gloamu Sattifia Bt la fiicciatt 
diti* Affinai di Berlino , la Chiclà di Sofirpi fia 5. Agnefc 
di Roma 9 e It facciata dtlU Carmellu na qnella di 5. Ai- 
^«/a da Tolentino di efn Città di Rom^ (i). 

Aiferirco fempllcemente il detto d'alcani (2)»e ben mi gnatd* 
dair entrar nei mcfiio di cotefta smpauzione : iia ella vera 9 
o no» noh è mio peoliero di ofcurar la gloria di sì cele* 
bre tfdao : anzi» ie non fuffifte il fatto * e fé fa voce fola 
à* impoftori i o ignoranti ^ tanto meglio per i' Antore » 
giacché V ingittftiaia Jelia cenfara dee fcmpre tomat in 
maggior tftimaaione t e lode di cbi malamente dovette 

' Ibfrirla. 

Fa egli anche provvifto dill* Ahniia di SeWe in Piemonte. 
Di fatti in va eltneo (i) degli ArcivcfcoTi » VeCovit ed 
Méii dello Stato di S. S. K. M. nominati nell'anno 1726 • 
e 1727 (4), / ¥ed4 il medcfimo qualificato eome ia/ra.Filipp« 
Jnvara» Siciliano» Cnvnlitre di Portogallo » Akstt di Selve. 
(1) Sono aichitettora di D. Filippo Jmyara la fabbtica di qoeiii Kegj 
Archivi , la Cicroniera , la Galleiia , e la Ciùeià della Ve- 
neffia Reti'. Su^vn Gu'dof pag. s?» i6| • e 164. 

1^ Sii m/Ai fat sudila ioeui. Virgil. JEneld, lib. 6 » riff, 266. 

i) Unito al Palmaverde del 1721. 
(4) Sono le pieeilc paiole del fuddetto Blenc«. 



n 



99 
9È 

à» 

9> 



'kfi§ AtFIEkl Conte BtùedhtM, primo Af* 
< IO thittito civile* ,4 Ha faputo il Conta 

giilgoOé ^ Benedetto Alfieri colla Tua applica- 

zione^ e coli* efcrcizio di quelù- 
lento s di cui i ftato particolarmentg 
dotato dalla satura, àcquiftarfiuiu 
diftinta capacità nelt Mrehltetturn cì^ 
vite (a)^ oiide dopo'li vzt\ rperimenti 
che già ne abbiamo fitti nelle di« 
1^ vetfe Opere « di cui da Noi è ftato 
ji» incaricato , ite fiamo invitati a dare 
^^ una pubblica dimoftraziona della 
^i ftima» che facciamo della di lui 
j9 pM^M» anche riguardevole per la 

ji nobiltà 

(a) // Remi Ktaneg^io ete^ ea^aìU (i) , t il Regio 
Teatro (i) firon fabbricati lui difegno di 
atufio valente Architettò : e f ebbene qtuUo della 
Yeneiìa (^) firn fiato dell' Architetto Conti 
Amedeo di Ca/lellamonte ^ il He Cario Èina- 
miele IH vi fece foi in apprejfo delle belliffime 
uggiunte fui difegno anche dell' anzidetto Conte 
^nerì» Nuòva Cuida » pag* 96 , 1 15 > « t6§^ 

(1) Edificio fonUiofo ^ e fermato a guifa di teatro^ 
di forma quadrilunga, con Vòlto in piano ^ 
alP ufo degù amichi f cofa veramenu forpret^* 
- dente. 

(^) S^curamenta de' pia belli, e gràndiof^ ehe Ji 
éiibianom Vedi C origine de' Teatri pincipali 
d' Europa nel nuovo Almanacco de' Teatri di 
.Torino per C anrtp 1780, vag. i ad ij^. 

(f) t^eM^ il tomo tQXto, appetwce parte quarta, 
pag. C^,e 6$. 



1*4 ^ 

9» nobiltà della di lui famiglia (4) » eoa eleggeflo 
,, nojiro prim0 jtrchitett^ €ÌyìU » ed a ciò tinto 

(m) f amitUB tppvmo delle pia «miclie » t illafixi » tlie «taci 
ia Città rf' j^ (I). 

X moia tSk pose uà Vittorio Alfi§ri celebre 'pale note 
fac ttsf edie^ delle quali e così 'bella la fetonim cdiftiose » 
clw Ir ae lui (t)« Um dal 4>tdof aH^ntari^ in Faxi|i, l'anno 
iytf,c \^%p. 

Poiu ella in fronte ana lettera di RanUri ilr* Cm/mUigi 
air Amore » in data di Nspéii delli i» agofto 17%$ (§) : tèi: 
„ Koa fo lo pia eoa lei » ÉìAOtifiMO %ì$. Conte , o ^ 
,, pia coir laUia noftm io debba coapatalarmi delle qnat* 
,9 UBO bellifimc tragedie » clie eUa iu noalmentc Éampaio - • 

,9 KJm bel tefoio «Ila ha meflb iafienc per noi Italiani^ 
^ cbe £anu» tei €m%ni taoio Tcraogpofameiitc poreri nella 
9» tragcdii : lo ba raccolto anche pei gli Ingleli , a noi 
,9 egnalménte* mcfchiiil » ft li eccettuino 9 non le tragedie 
,, lntcic> èU pie difiaiofb 4elleaoAic« «a tlcnni Inblimi 
Il pcAsi del celebre SkakfpiMrt . . . é • 

Mi dacie moltiffimo « che un Letterato Picaontefe ^ cM 
il Conte Orfini éPOrkaJfénm non abbia Ìltto onorevole ricor- 
éanaa di qnefto fna ilHiAre Maaiooale » <|aaado ae aveva 
comoda occafione » voelio dire» anorcha pnbblici>^{4) la 
fna Liflomt imormo il unto pngr^o ddU irsgi^M in /r** 
Ha <5). 

Delle tragediir M VUtono Alfièri éé Afi aon 6 egli 

dnnqoe motto alcuno nel lytf » quando però doveaqgli gii 

eHèr note» perchè ftampate Un dal 17)) (S) » nn fotte 9 

di' et f* iMeiè di avcde èndicKc inficiBDteaKnic , fkm dove 

dift (f ^t che dMIt Sariufi rivinti éi tré^ùlig iàrebbeio 

pmiice il iempc » ghScé fttgié% impéO^mU» fiptr^ 

M Se ne parla diftintaiDeme in ana "ÉAipt del tfla jaeflb il 

Ujfitni in Tofwo ^). tndtolau U FithjggiMmtÉ 4 C^rpa» 

netto per U none del Mirchefe Francefco Gaiptro Crmmrl 

della Kocchia coUn Damigella Valentina d^ifi diSoftegno* 

(2) In lc< tomi ia #iMeo fimde. il frnmo <li mi coaiime » Ira 

le altre, la tragedia di Jfrate da lai dedicaa al Oc* 

natale Waskiàpon. 

(1) A qaeta leiitra Tnccede im mcdlau pienie la THpafta della 

Mb AatoM yktPfi» Mféri data dà Sèms ttdldfittembtt 

(4) Nel i7Sf dalle ftampe dèi Saffiati In Tofiao. 
]s) Con ìndiriaao h^ Accademici PiaauBataigl i 
fi) In Siena per Finftmn f^^. 
M Fag. ai $. XIIII. 
^) Pag. aa, ai» e a4> 



AtFIElU Conte ÒtùedhttÓ^ primo Ar* 
tkittuo civili. ,» Ha faputo il Conta 
^ Benedetto Alfieri colla Tua applica- 
^4 zione^ e coìr efcrcizio di quelta- 
j» lento s ài cui i ftato particolarmento 
„ dotato dalla natura , acquiftarfi una 
M diftinta capacità ruÙ Mrehltettum cì^ 
^, viU{a% oiide dopo'li var) fperimenti 
^ che già ne abbiamo fitti nelle di* 
jy Tcrfe opere , di cui da Noi è ftato 
«» incaricato , ite fiamo invitati a dare 
^ una pubblica dimoftrazione della 
I ^ ftima» che facciamo della di lui 

» n peifima anche riguardevole per la 

I ji nobiltà 

f Ù Remi Manenlo de^cét^aiU (i) , t il Regio 

, Teano (i) firon fabbricati lui dijigno di 

^tteflo valente Architettò : e f ebbene queUo della 

Veneiia {j) fa fiato dell' Architetto Conte 

Amedeo di Caflellamonte ^ il Re Cario Etna- 

nuelo ili vi fece foi in afprejfo delle beUiJJlmc 

mgpunté fui difegno anche dell' anzidetto Conte 

^fieii» Nttova óuida , pag* 96 9 1 15 » « t6)^ 

y Edificio fontuòfo j e fermato a guifa di teatro j 

di f orina qttadrilunga , con Vòlto in piano 3, 

eJt mfo degù antichi, cofa veramente jorfren* 

dente. 

i) Siatramentà de' pia belli , e gràndiofi, che fi 

'. étàbiano. Vedi P origine de' Teaui p incipali 

d' Europa nel nuovo Almanacco de Teatri di 

.Torino per C anrtp 1780, pag. 7 nd ij^. 

) i^cdi^ il tomo tutto 9 appendice parte quarta^ 



266 

^ fovra da ùoi €k>ftitaito , coti £arlo ^ e tsScMflà 
^, gioire degli onori > ftipendìo^ ed alare còfe 
j9 fuddeue> che tal' è no(Ìra mcafei Torino li io 
j> giugno 1759* C, Emanuele» 

1771 DELÀLA (ir) di Beinafco F^ranoefco Yale* 

15 xiano» Archiutto civili di S.M. u^tt 

giugno^ M mafijfeftare. al ^affollo Francefco Va* 

o» Untano Dclala di Beinafco non me: 
^4 no la noltra foddisfexione per i'efat* 
5j tezza^ colla quale ha egli adeoì- 
^, piuto le ittcumbenxe» che gli ab- 
,9 biamo tempo a teppo appoggiate^ 
p, quani' anche il giufto concetto da 
9, Noi forn^iato della fua abilità » e 
,y perìzia nelle cofe riguardanti Far* 
,, chitetturAi ci fiamo volontieri di* 
^ fpofti a nominarlo nofira Architetto 
i, civiUf affinchè venga fcmpre più ani- 
M m^to d dai ci ulteriori prove d' ap- 
y, plicascione, e di zelo nelle opere» 
^, che ftimeremo d' affidare alla fua 
^^ direzione > e particolarmente in 
^^ quelle , che riguarderanno la Città 
j» noflra di Torino ^ dalla quale è già 
3^ (lato a tale oggetto, prefcielro coU(t 
u fiff^i^^^ ^' un annuo trattenimento. 

3> lapperò colle preferiti 

,, deputiamo il predetto yaffallo tran- 
,3 cefco VaUriano Delala di Beinafco 
j, per ncfiro Architetto civile , con 
j3 tutti gli onori » privilegi » preroga- 
3, ti ve » preeminena^e j ùtili > dritti « 
33 ed ogni altra cola a tale impiego 

(tf) Nel tomo terso della preleate Optiti <'<• 2» p«^. 39f e 4* 
abbUmo Lettere à^ cffcnto del Duca C^ir/o hmanuel J 9 in 
data delli iS novembre iS9ì > nelle quali fi vede conftitait* 
un Gioanni DelaU \>ct SarcisrU di cflb.Duca» e di C«a- 



i^ i|Mtilitei éettTahnno fiipifidiù di II. 1700 ^ 
M 1^ ^tamU tautnàièmo al TeforUre dclk noftrt ti^ 
^ nan\c di pacargli •......» durante la fua 

j^ fervifù ^ ed il noftro beneplacito > tori ciò^ the 
tf F^fii' ^ dovnto giuramento* Mandiamo pertanto 

t, a catti li noftri Miniftri • « Tarino 

5I li 15 giugno 177^* C Emantuk. 

ini PIACENZA Giufeppe Battifta ^ Archi^ 

il utto civile di S. M. >j La foddis£i- 

Inarto. >^ sione» che ci rìfulra dalla lodevole 

5» fcfvitùi che fta predando dal 1750 
j> t jtrMteiio Giufeppe Battifia Pià^ 
i, cen^a ^ con aver date prove di abU 
9» lità^ e fingdlate periata mlf archi» 
), tetiura civile nella efecuzione di 
j3 varie cooimìinoni , delle quali è 
^, ftato incaricato > riguardanti rim« 
,, mediato noftro fervizto, noumeno 
^ che quello del Pubblico » ci ha 
>» favorevolmente difpofti a compar* 
99 tirgli gli effetti della noftra bene- 
jl ficenxa^ con ftabilirlo noftro Ar* 
^^chìteìto civiltà affinchè venga fem- 
^5 pre più animato a darci ulteriori 
^, prove d' applicazione t e zelo nello 
5, opere » che verranno affidate alla 
j» fua (firefiiione \ epperò colle prefinti 

i^ deputiamo il fuddetto 

,, Giufeppe Battifta Piacen{a per no^ 
^, ftro Architetto civile^ con tutti gli 
3j onori , privilegi , prerogative , pree- 
», minente, utili 3 dritti, ed ogoial- 
„ tra cofa a tale impiego Spettante » 

„ e coir 



^ macidiaoio éU T^mw ielU ii^fifé FwMfi di 
» paorg^ « • . é . . • , cotjxmìàmé^ 4al miiiio 
» 4w altiM> Icadiifo g#Mtjo » ^ t # # Mwr^ 

m Ufiu^ firriià, 4d il H^0 hntfiéuitp^ concia 
tftCbo f^«/Zc il dormo ciMiinMf^f / ftf cy^ 

M guanto priaw %i^n* M^Hdwn^ ìwttfe atna 
M li Doffri Mjoiftri • « é è « « Tormo li it matz» 

17W mCENiSA Oiu^p^ ìartiftit, /tmiì 

^ . MdUut$0 ci¥di. j> A gCAÌo (ingoiare, 

dicooibu ^dS cili.èdlMiia GiMfipft Bauifis 

é0 PiéCMif i»dil' u» AirphiteOonica , 
j» i^ìn^^gMM gtMd^ » ed il guft» 
^ 'icffiiAlO éfi lui iMOÌfcAttO ne* di- 
àè (egfti * # li«gl' QCiMi » e le molte 
^ ecceU««ii i>pM^ da lui efeguìte per 
A^ &iBgìo 3 e (^uMticp (ervizio gli me- 
j» lÀtafqDO ^ciili &vQri ^ e tratti di 
M bM^ficMM dal ik Re f^ù/oria 
j> Amfi^wio SigAoTf , e Padre, ed 
M w «^CM9 di M(f ' ttpainato nel 
»> ^777 ^^ fit^ 4f^Mu$tp cmUx cor* 
M liJTpi^ .^g^ piMiiiMOt^ alle Sonano 
9i ^m^ , ^ Woiid^ ora Noi con- 
9J itfiafikigoaili il ppnM « che facciami 
„ difilla luag» Ami ferviti , ed abilità 
». f aifticcAar^ , in yUU iiùche della 
„ htgi dtftima xipitfnrt t che ne ha 
>, iUiH»aaiWte daU , d forno difpofii 
ai ^dt eli^ggerla /^/Zr^^ primo Arcki^ 
^ taso civile. £f^^ cpUc prefenti 
,, • • • • deputiamo U fttdtuo ^Giu^ 
iifcppe Batti/U Fiaania per nofiro 



9% 



primo Arthìutào civili (4, con tutti gli onori» 
privilegi y prerogative , preeoiinenze > urìli^ dritti» 
ed ogni «Itti Cdft A «1I0 impiego fpàttaof6j « 
iMHf tfUflM jlifendiù di lire oreinHa t h fitiU 
mandiamo si TiJóFiéfe éklk twfire Finatt{$ di 
pagargli ripartitamente» a quartieri maturati » co* 
M minciando dal primo del corrente » e conti» 
n iuando in avvenire , durante la iiui fefvìtù . ed 
Il il n#ftro beneplacito » ecm eibf thè |mfti II 
li dovuto giuramento j e gli ceffi guanto primi 
Il gode^ra* Mandiamo pertanto i tutti. »••*•! 
n id élla Camera nofira di^ Comi di ngìàtàio h 
I, prefeati , le quali Togliamo > che fiefio i^ili 
19 fenta pagamento d' emolumento* Che tal' i 
99 noftra mente. Torino li ^ dicembri 179^» 
^ C Emanude. 



(a) JS viffi er« htru il ricordar le t» Notiiit de 
M ProfcJJori del difegno da Cimabue in qua : 
9f Opera di Filippo Batdinucci Fiorentino ^ Ac^ 
u cademico della Crufca , nuovamente data tfi& 
»9^ /lampe con varie differtaiioni ^ note^ edag* 
9, giunte da Giufeppe Piacenza Architetto 
». Torinefe (i). 

(l) Pur iroppo non fé ne hanno ^ che due tomi in 
quarto j Rampati in quefla Stamperia Reale » 
ìuno nel 1^6% , e t altro rul 1770. 

E fpia(:emi affai , ^he un Opera cosi vafla, 
^fi àeUa , cosi util^ non fiafi continuata da 
chi pareva pourlo fare per lumi , per età , per 
falute, e per quelC o[io ancora^ che forfè ebbe 
negli anni andati » e più non ha al pnfent^ 



*7» 

•» ooftra afpdttativt» od alte provvide patene vi- 
19 fte 9 che abbiamo avute Bello ftab^lìinento del 
»> fuddetto Coniglio» con vegliate iòvraiutto aU* 
•t efaita oflervanza del R^golMmento da Noi éiffr^ 
ai vato colle Pmumi ncfbé Jelli iffcorfi ag^o* £p- 
»» pelò colk freftnti • • • > dipuùamo il luddetto 
9i Sena^re Conu Carlo Giufcppe Ctrruti di Cafii'^ 
to glUnu FédUuo per H^gàfu il Coafiglio di Già- 
$^ ftizia ditU Ciiià J^ AUJfsndria^ con tutti j^i 
^ ooori ^ • • 9 e €off annuo fiipemko dììU x$^Q^ 
^ che mànJismó • • • % con che gli cefli^ peadente 
^ effo teroBÌM, quanto prinia godeva» e predi 
^, il dovuto giuraniento. Ma&diamo pertanto «.« 
a, Torino li if ftttembte t7Ì6. V. Amedeo. 



«5 

fiMeinb* 



t> 



»* 



VODO Carlo Giufeppe Maria. ,, De- 
91 putiamo il fuddetto Senatore {a) 
9j Cur/o Giufeppe Maria Fodò per 
Reggente del Configlio di Giufiiiia 
diUa Città di Novara ^ con tutti 
99 gli onori • • • 9 e per il tempo 
99 prefiffo dal Regolamento da Noi 
99 approvato colle fuddefignate Patenti 
99 noftre dell! x$ fcorfo agofto, e 
,« cclC annuo fiipendio di 11. 1500 9 
99 che mandiilinb 



PALLAVICINI di Priola , Marchefe Igna. 

[io Maria. „ Effendo coirplto // quìn- 

3, quenniò della Reggenza del Confi 

glia di Giufiiiia dcUa Città d' AUJ^ 

fandria 9 che abbiamo nel 1 7 Ì6 

9> affidata 
(a) ^el Senato nojlro di piemoiitCt 



fettenib* 



» 



%3 



J> 



a» 



^75 
sfidata al Senatore Conte Cerruti di Cafiielicne 

Folletto 9 ci fiamo difpofti a furrogarvi il Sa- 

nacoro nel Senato noftro di Piemonte Marehefi 
„ Ignsiio Maria Pallavicini di Priola^ ben per- 

' H, che fornito » ficcome egli è» di capacità 
• £pperò colli prejenti • • • deputiamo -U 

fuddetto Senatore Marchefe Igna{io Maria Pai» 
u lavicini 4i Priola per Reggente del Cpnfylio di 
„ Giufiilia della Citti i Aìlejjandria /••,•• « 
M e coir annuo ftipendio di 11. ijpo • • • • « « 
a Torino li 2f fettembre 179 !• P* Amedeo. 

179 1 BUSCA Cavaliere Vincenzo Matìa. j» Ef- 

23 M fendo compito il. quinquennio della 

fettemb* ^ Reggenza del Concito diGiufli{ia 

u delia Città di Novara , che abbiamo 
99 nel 17 i6 affidata al Senatore Vodò^ 
», ci fiamo difpofti a furrogaivi i75<- 
j» natore n^X Senato noftro di Pie» 
M monte Cavaliere l^incenip Moria 
99 Bufca , in cui fappiamo concorrerò 
99 le qualità • • • Eppetò colle pre- 
jj fenti • • • deputiamo il fuddetto Cav. 
^ Vincen^^o Marta Bufca per Reggente 
9, del Configlio di Giufiilia dilla Città 
99 di Novara . . . , e coli' annuo fti- 
^9 pendio di IL 2500 « che mandiamo 
j» • . . Torino li 25 fettCDibre 1791* 
^^ K Amedeo» 



Tom. Ih 



*74 . ' 

ì7<ii Regie Patetiti» nelle <}nali poltre iva« 

i8 ne difpofizioni relative alla giurìfdi- 

Ottobre* zìom dt' Aiagifirati Provinciali fud^ 

detti ^ fi fiatili , che la deftinaxione 

de' foggetti pej comporre tali Coa- 

figi) non farebbe più limitata ad anni 

dn^ua. 

1797 MARENTINI Sebaffiano. ,» Avendo ie^ 

^9 99 urminato di richiamare nel Senato 

igofto. . jj il Cavaliere yincen[o Maria Bufca 

99 ^fgg^^^^ '' ConfigUo di Giufii^ia 
9» detta Città di Novara i abbiamo cTe- 
ij duto a proposto di affidare la Reg- 
19 g^^lft del medefimo Configlio al 
,9 Senatore Setaftiano Marentini , m 
,f cui Tappiamo concorrere le qualità 
j, necefliarie per ben corapieme le 
99 importanti incombenze con foddis- 
99 fazione noftra9 e del pubblico. Ep* 
99 però colle prefenti ... 9 deputia- 
99 mo il predetto Senatore Sebafiiano 
99 Marentini per /l^j^j^enr^ il Configlio 
99 di Giuftizia deUa Città di Novara^ 
99 con tutti gli onori 9 privilegi , utili» 
99 e prerogative 9 che ne dipendono, 
99 e cole annuo fiipendio di IL 1500» 
99 che mandiamo al Teforiere delle no- 
^, «Are Finanze di pagargli ripartita* 
99 mente» a quartieri coaturati » cemta- 
3» ciando dalia data delle prefenti . • . 
99 Mandiamo pertanto a tutti li • • > 
9» ed al Senato 9 ed alla Camera no- 
»i (Ira de' Conti di regi (bare le pre- 
99 fenti • • • Torino \\ xyagofto 1797* 
jt C. Emanuele. 

Cerruti. 



r^ 



ELENCO 



Ddle perfofie comprefe nel tit» X» 



•71 



tremiti Carlo Giujippg 
JKodò Corto Giufeppi Morie 
PédUvicini Ignaiio Maria 
Bmfca yìncinio Maria . 
MaramUù Stìaftiano . 



17» 

in 

*7I 
*74 



*7* 



TIT. XL 



15«4 
AD 

I70S 

1514. ChIEYA Gio..Maii» («) . CmifMttNw 
- ebrea. èelì' Aitigli^ mmm ù>^«. 

1585 RÙSC A ALeflandro (è) , Controllore dell* 

I Araglieria comt injfra^ „ Efiendo no- 

occokie. if ceflàrio di cooftituir» & deputar 

,9 »» Controller dell' Anellaria» & 
jj monitione ir' Suti nofiri di qua 
9, Jm monti per la morte del fu hLr 
,^ Giom Maria Chieua, qual fia per- 
,» (boa da bene > fedele , diligente » 
,9 ifperimentata 5 & fufficiente, acciò 
js che poffi attendere a tal carico in 
j» fervitio noftro * & eviur molti 
3j abufi » che attorno quello potreb- 
^ bero feguire^ Noi informati della 
99 fedeltà j lufficìenzaj & altre bone 
9j qualità, che concorrono nella per- 

,> fona 
(a) A favòft di quefio Gio. Maria Ghie va non ho 
trovato rugU Archiyj di Camera ni Patente, 
ni ajfento. 
(t>) Intorno alla Famiglia Rvfca vedi il libro infi* 
tolato il Rufco y ovvero dell' iltoria della Fa- 
miglia Rufca libri tre defcritti da D. Roberto 
Rufca Ciflercienfcy in Torino, & in Vercelli 
frejTo il Marta Stampatore E fife. 1684, e 
vedi fegnatamenu la pag. 14 j # le feguenti^ 






I» fofia del molto diletto iedel fioftro Jlefféuulr§ 
,i Rufca di Torino , àttefa la fiacera affezione ,' 
^, cìx egli ha fempre dimoftrato al noftro fervitio^ 
9» e' è parfo perciò , Se per altri degni rifpetti > di 
9, coftituirlo 9 & depuurlo ^ fi come per U prt»-, 
j^ finti . m . lo deputiamo per Controllore di tutta 
j> la detta Artellaria y tt monitione nofira dì detti 
j^ Stati noftri JU qua da monti ^ con tutti gli ono» 
ri • • . • » & con li fiipendj a parte fiaiiliù , 
a noftro beneplacito^ con che farà il debito 
j» giuramento 9 & oiTervarà gli orcUni^ & inftru* 
^, tionij che attorno ciò gli faranno date dalla 
^3 Camera noftra de' Conti ^ alla quale ordiniamo 
,y di cosi fare prontamente» mandando^ & co* 
», mandando a tutti i noftri Miniftri « . • Torino 
il primo di ottobre 1585. Carlo Emanuele. 

Il Duca di Savoja. Alli molto magnifico 
Coofigliero di Stato & Veedor Generale di no- 
ftra milìtia • • • » & magnifico Contador Gene-* 
rale d'efla • • • • falute. Avendo noi confti- 
», mito & deputato il molto diletto fedel noftro 
^ jileffandro Rufca per Controllore dell' Artellaria, 
»» & monitioni nofire di qua da monti ^ & volen- 
»» do, ch'egli fia provifto di conveniente tratte- 
», nimento, vi ordiniamo per le prefenti» che 
,1 abbiate d'aflentare il detto Aleffandro fopra il 
»» libro del Soldo di noftra militia , & nel Stato 
», degr Ufficiali d' efla Artellaria nella fomma di 
»» lire cinque cento quaranta , a ioidi venti Tuna» 
», ogni anno. • • Torino li 5 ottobre 1585. 
»» Carlo Emanuele. 



Ì9 

9» 



Di 



Di quefto Hufca Aleflaftdro CoUtr^Uóté dèll^ 
Artiglierìa di S. A. S. rìfulu anche dall' iftdrìa 
del Rujca > pag, %$6 ^ b dalle Patenti a favore 
del Già Vincenzo fuo fi^o in data del primo 
«l'agofto 1^19 j di cui infta (a). 



t6i j ALBR1&, Controllore dell' Artiglierìa di 
S. A.S. (*). 

NtlFmo feguitò U 9 felkràjo 161$ 
étyanti ì ' Delegati di S. A. S. » tè 
ififignu mgti Archivi CàMuraU (e) ^ 

(f^ An{i mila pMg. 4 i^l RufcafiuUkttò » T Aleflan* 
dro Rufca vi ti vedi qualificato Controllore 
Generale dell'Artiglieria. 

(b) Delt anzidetto Albrìé Controllore dell' Arti« 
glieria non ci danno menoma notizia i Regiflri 
Camerali» 

E nemmeno di duefla FatnigUa Albrìé alcuna 
co fa ci due Monugnor della ChitÙL nella Cor* 
Reale, come né anche ne' fiori di Blafoneria. 

(e) Malgrado però ogni più diligente ricerea non è 
riufcito- di trovare negli Archivj della Camera 
il furriferito atto del \6i$4 

E ficcome /lento io a perfuadermi $ che lo 
Scrittore con sì fatta ajfer^ione abbia voluto 
imporne alPubilico^converrammipiutto/lo il ere* 
derCi che tale atto fia indi pafiato iìT XJtàzìo 
del Regio Blafonatore » ftante la $ircoflan{à » 
che di cinoue volumi dille confegne delle armi 
gentilizie /atte in feguito alt EJutto 4 dicem* 
ire ì6if , tre foli fé ne hanno attualmente negli 
Archiv) di Cimerà, e due furon trafmcffi all' 
Ufficio predetto. 



.« 



kggefi j fra k mota altre cofe , . cone Teglie. 
3, £* eomparjb il signor Albrié cittadino di 
^ Torino, Controllore dell* Artiglieria di S.A. S.» 
,^ quaU in virtà delT Editto pubblicato^ preftnta 
3, La fua arma • • • • Più fi legge ivi la giurata 
actcftaziooe di certo Gio. Frana fco De Roffi ejfert 
déua Cafata De Albrié nobiliffima , effendo fati 
Signori in Morìana , Valtellina , e Valle d' Intel- 
TO , benché la Signoria di Moriana .la lafciajfe al 
degmffimo Beroldo dt' Duchi di Sajfonia , primo 
Conte di Savoja , e fiata pagata fedici mila fiorini 
d^ro^ Fanno 999 » così volendo t Imperatore Ot« 
tene j come così ha fentito a dire (tf). Sono le pre* 
afe parole, che Uggonfi alle pagine 58 ^ £1, e 
^l di un Ubriciuolo Rampato in Venezia prcjfo i 
Giunti Canno i6j7 , e intitolato Albrié , ovvero 
Storia delC antichi fflma Famiglia Albrié , defcritta 
da D. Ruberto Albrié Ciflcrcienfc ad Onorato Al- 
brié filo fratello Agente per D. Ferrante NoTat» 
alU Maefià Cefarea. Libri due. 



(a) Par fiibula fomnio» Scnec. Troad^ 



16 19 RUSCHIS Gio. Vincenzo (n)» Contrét' 

I lori dell'Artiglieria, come infra. ^ 

•gotta M Avendoci il fu mólto diletto fedele 

^» noftro AUjfandro Rufchis fervito rulC 
^ Ufficio di Controllore d'jirulUria, & 
j» monizioni di guerra per lo fpazio di 
, jj muuiTMCtfitf^ con quella fedele dili* 

9^ genui > che fi conviene » ci fa ere- 
^ aere» che non meno faremo fer- 
j, idti in detto Ufficio da Gioanni 
,> Kincen{0 fuo figliolo • • • » onde 
jj • • • per le prelenti • • • dcputia- 
^9 mo il detto Già Vincenzo i^ii/^&ù 
j> per CpiurciZfef^ dell' Artiglieria jmu* 
9> nizioni di guerra » Arfenalì » & Ar-* 
,9 marie noftre^ nelJì Stati noftri di 
j, qua da* monti » rois iir/ii g/t onori 
^ • • . , & con li ftipendj a parte 
j, ftabilitigli • • • 1 Se ciò abbiamo 
4» fatto , & facciamo , tanto in confide- 
y, razione delle cofe fuddette» che 
ii mediante la finanza ài ducatoni fct^ 
1» tecento cinquanta & sltxì Jettecenio 
39 cinquanta, di prellanza, da norini fe« 
^ dici l'uno, sborfati nelle mani del 
39 Teforiere noftro Generale Datta\ 
33 mandando perciò a tutti li noftri Ma- 

3, giftrati Torino il primo 

33 d' agofto 161 9. Carlo Emanuele. 
(a) Il Chiefa nella Corona Reale , parte prima 3 
pag. 139 parlando £ un Alcflandro Rufchis 
deli ordine de Predicatori foggìunge in quefti 
termini 3 la cui famiglia fu già padrona di 
ComOy e di molti altri luoghi dello Stato di 
Milano^ di dovcy non ancora eeat* anrùfono, 
in Tonno fi riduffe. 



11 
Aoveisb 



2lt 

BIANCO Capitanò Gio. StefFfflo («)» 
Controllore Generale dell' Artiglieiia^ 
€ome qui infra. », Principal cUra fu 
Tempre de 'Serenii&mi Predeceflbri ^ 
noftri di conferir il carico di Con* 
trolor Generate dell'Artiglieria, & 
moni{iom da guerra in perfona di 
p, integrità^ diligente^ pratica > & d' in-^ 
corrotta fede • • ; perciò deputia- 
mo ejfo Capitano Gio* Stcffano Bian* 
co per Controller Generale noftro 
di noftra Aniglieria » & monizioni 
j» da guerra > con tutti gli onori • • . > 
& col trattenimento > che a parte 
li ftabiUremo • • • , mandiamo per- 
tanto ^ & comandiamo a tutti li 
noftri Magi Arati • • . Torino li 21 
novembre i^ji. V. Amedeo. 



jj 



31 



91 



i» 



9» 



31 



M 



IJ 



9% 



1» 

3> 



1> 



1^37 

. 4 
dicemb. 



CASTELLAMONTE Coni^ Carlo, Primo 
j> Ingegnere , Sopraintendente delle 
y. Fortezze , e Luogotenente delC Ar* 
tiglieria di S. A. R. mio figliuolo 
amatiifimo. Cosi nella provviiioce 
di M. R. Cri/lina delli 4 dicembre 
1^37 9 di cui qui infra tit. XII ^ 
pag. 196. 



>i 



1» 



[1641 TOSI Gerolamo, Controllore Generale 

IO deir Artiglieria co/r?^ infra. ,> Conve* 

marzo. i> nendo per la morte del Capitano 

„ Gio. Stejfano Bianco proveder alla 

„ carica 
(i) Cittadino d'Afti/ 



\ 



^^ carica di Contfollore Genefalo deiUt ArtiglittUt 
3^ e munizioni da gu^a di S. A.R. mio figli- 
,, uolo amatiifimo • . • per U prcftmi deputiamo 
^y eflò Controllore Xà)' Girolamo Top, per Conpr" 
glierc, & Coniroliorc GémraU dclP ArtiglUna , 
e munizioni da guerra di S. A. R* in luogo 
del fu Capitan Bianco fiddeito con tuta gli 
onori • • • f regalie j- raxioni . . . ^ & col me- 
^^ defimo fiipenJUo » eh' aveva effo Bianco di liure 
j^ mille a argento > afoldiventi V unz ,og^i anno ^ 
^, non oftantechè lo llipendio del Rulchis Con* 

,^ uollor Generale di detta Artiglieria 

^ fofle inferiore del fuddetto , volendo » che 
^, quel foprg più eflb lo goldi in penfione » 
3^ la quale noi gli ftabiliamo a confideratione . di 
^3 detta fua buona , e fedele fcrvitù > e meriti . • • 
,» Torino li !• marzo i6^i. Chrefiienru. 



39 
99 
99 

9> 



1^45 TOSI G!o. Francefco, Controllore Gè* 

it^ aerale deW Artiglieria ^ e munizioni 

mario. da guerra. », Avendoci U magnifico 

,, noftro czi\{Simo Gerolamo Tofi^ de* 
,» fiderofo di fervire a Dio » m qua^ 
,, lità di nligiofo, rinonciata fponta- 
», neamente la carica da noi confer- 
tagli di Configliere^ & Controllore 
Generale dell'Artiglieria^ 'e mora» 
yy [ioni da guerra di S. A. R. mio 
figliolo amatiflimoj onde fia necef* 
iàrio provedore d'altro foggetto, 
in* cui poiliamo ripofare» certifi* 
cata perciò noi rcnderfene fra gii 

99 altri 
fa) Della Cittadella di Torino. 



99 

9ì 



99 

fi 
1> 



• • 



^1 

^ did nntOTofe ir Céfkmm Gk. Frmu^Jim Trf 

^ ficttello dd irfiyTiin C% mmi lìere > Bcn tristo per 
M il zelo , & afisito » chs ad Ì!LÌcaz:oce d' etto . 
M & de' (noi a&teaati fca isprc dìmcftfsto verta 
,» oiieAa Real Coicna, qoacto per U bucxuift S: 
9j fedele fecrità re(À in mete le occaficnì delle 
„ Campgnc fegnite appxcfib la peribca del sig. 
js' Maidieié di Pianezza eoe panicckie diligecza» 
»» & foddìsfazione del ferrigio delk detta R.A.» 
»» 8c che fia per eièrdre tal carica ccl decoro « 
M o irigilanza conTeniencej ci fiamo compiaciuti 
39 d' eleggere j conftìtuire ^ e deputare , ce me fer 

» Xr frehnti , con a(&ilenza de' STgnori 

99 Piiiiapi Maari^iù, & Franalo Tomafo mìei 

j9 cognati drpuiiamo il detto Opitano 

99 Giù. Francifco Top, Controllore Generale dell' 
«> Artiglieria , e mun?aoni da guerra di S. A* R.» 

5» ^0A ttffri ^li onori » £* col Jììfendio » 

j» che da Noi e ftato ibbilìto per quelli fttfla 
^ carica al fuddecto Controllore fuo fratello » di 
j5 tiare mille Jt argento » ogni anno » quale fiali* 
M /r'tfiivi» fimìlmehte ai ejfo Capuano , per goderoe« 
99 parte in ftipendto , e patte ia pennone , fenza 
9# però tratto di confeguenza ...••» con che 
M eflb 7oy? prefisrà il dovuto (jiuraoneDto • • • • 
39 Nel y (dentino li 19 marzo 1645. Chrcfiienne. 

1^55 CASTALDO Gio. Francefco, Conferà 
circa. yatore dtlC Artiglieria j cocforaie ri- 

fulta d^ill' enunciativa delle Patenti % 
gennaio 1677 , di cui nel titolo a 
del Confolato , articolo Gaflaldo , pa;}. 



16 j^ CASTALDO yapUo Tommaib, Cffì- 

xo tUuomo ordinario d* Aniglieria eomg 

marzo. infra. »» Le buone iDformazìoni , che 

j, abbiamo da' piincipali M mi ftri dell' 
M integrità j valor j & altre riguardo^ 
M voli parti > che concorrono nella 
9>.per(bna del Kajfalio Tommafo Ga^ 
ji fialdo di Barge > Confìgliere da 
^s Noi coftituito de* Forti, & monizioni 
^ da guerra della Provincia di Pina* 
j» roh per Patenti delti 15 mar^o 
$f 1^49, & della fedel fervitùdalui 
j, fenipre refa a quefta Corona j e 
9j maffime nell* hor paffata occafione 
j9 di Lucerna y ci movono a porgerli 
^> opportuna commodità di maggior* 
^, mente continuare T affetto j e fé- 
jj deità fua verfo il noftro fervitio , 
j, iicuri , che l'impiego 9 qual inten- 
diamo conferirgli , verrà da lui efer- 
citato, & foftenuto» come fi con- 
yy viene \ quindi è , che dovendo noi 
yy ftabilir nel Forte di S. Maria della 
Torre nella detta Valle di Liarcr/M^ 
un' Ufficiale dtW Artiglieria y habbia- 
y, mo voluto ellegere , creare y e con- 
„ ftituire^ come m virtù dtUe prefen- 
j, tiy di noilra certa fcieoza , ed au* 
yf torità aifoluta^ parcicìpato infìeme 
^^ il parere d::l noftro Cc^nfìglio , el- 
yt leggiamo , creamo 3 e coDilìtuìamo 
3, // detto f^^fjfallo Tema/o G a fi aldo 
yy per Gentiluomo ordinario d' effà nO' 
yy lira Artiglieria , pcrfervir , ovunque 

>, verrà 



91 
91 



1> 



,9 verrà da Noi còmmandato > e particolarmeot» 
t^ nel Jctt0 Forti , cel quale dovrà far tutte le 
j, parti j e fonzioni fpttunU mI carico di Capita- 
>» no JcUa medi finta Artiglieria 9 Sz ciò con tutti 
9» gli bonori» autorità j preminenze ^ prerogative » 
^9 privilegjj utili j dritti j regaslie^efentioni^ im- 
•« munita j rationi di pane » ed ogni altra cofa t 
9» coro' haUDO fcoipre avuto , Se fono foliti di gio- 
j» ire gli altri Gintiluomini £ effa nofira Artiglie^ 
99 ria 9 Se queflo feoza pregiudicare alle cotiftitu- 
zioni fatteli di ConèglUre cerne fovraj, con 
dichiara{ioru però» cne debba folamente gioirò 
,, ^ un fola flipendio » e che preAi il dovuto giù* 
,, ramento \ mandiamo pertanto j ed efpreflamente 
,, commandiamo a tutti i Magiftiatì, Miniftfi^ 
,9 Uffizìali noftri , & a chi altro fpetterà \ e par« 
,9 ticolarmente alli Generali della noftra Artiglie^ 
ria» Governatore di detto Forte» Ufficiali del 
foldo» Se altri» di riconofcere^ (limare» e re- 
»» putar // medefimo Qafialdo per Gintìluomo fui* 
»» ditto 9 facendolo» & lafciaodolo intieramente 
•> gioire delle bonoranze » preeoiincnze » prero- 
»» gative» privilegi» dritti» regalie » utili » cariche» 
efTenzioni». immunità» ftipendio» rationi» ed 
altre cofe fuddette » fenza difficoltà » nò con* 
tradizione alcuna » per quanto caduno dima cara 
la grazia noftra » & ciò non oftante qualfivo- 
»» glia conftituzione » o altra cofa a quefte contra« 
»^ riante, al che tutto efpreflaeientederroghiamo» 
»» eflendo tal il noftro volere. Dat. in Torino li 
»> venti marzo i5j^. Carlo Emanasi^* 



99 
9» 



99 

9> 



99 
99 
99 



it6 

• 

gennajo. 



9i 
9» 

99 

•I 



GALLINATO Prtncefco Giadnte^ Coif- 
troUore Generai dilF jirieUaria , ù m<h ' 
nizioni da guerra eome infra, j^ Ctm 
lo prefenti *• •.. deputiamo •••• Fian- 
cefco Giacinto Gallinato Camrol' 
lore GeneraU della noftta Artenaria» 
e monizioni da guerra in fòfravi* 
ven^ del fuddetto^ Tcfi , con itati 
9, gli onori ■'• • • j e col ftipendio di 
t, iiure mille , come ne gioifce il me- 
9, demo Tofi^ quali mandiamo al 
9>«»«*é«««^ cominciando dal 
t> giorno della morte di detto Tofi 
t> . • • 5 con condizione però , che 
t» debba fin d*ora prender il pofleflb 
9» di detta carica • > • • > con ehe ne 
9, predata (in d'ora il dovuto ^giura* 
j, mento I il che abbiamo fatto > e 
,» facciamo fen^ pagamento d^alcuna 
finanza » non tanto per provedtft 
all'indennità del noftro fervizio , ^ic 
»» a* confiderazione di per(bna aynoi 
9, grata ^ & purché ne efercifc^ la 
9» carica fenza ftipendio j durante la 
j, vita del Tofi • • • Torino IS }o(^cni^ 
jj najo i46i C. Efia^uele. 



99 



99 



>» 



De S. Thomas. 



i6jo 
circa» 



BURONZO Conte, Proveditore t e So- 
vraintendente Generale dell' armi ^ e . 
munizioni da guerra» come dalle in* t 



frafaitte Patenti in favore del MarellL 



MARELLI Gio. Pietro j Pr^vìeditorc ^ & 
Sovrainitnitntc GemraU dell' armi , e 
mMuù{ioni da giurra nello Stato Ge^ 
aerale dtlT Aneliaria » come infra^ 
„ Avendo nel corfo dì anni vinti im* 
j, piegati all' attuai noftro fervizio in 
,^ aflEEuri 9 & incombenze molto im- 
jj portanti , fperimeotato cosi fingo- 
j» lare l'abilità ^ come incorrotto , . 8c 
t» indeffe£b il zelo del patrimoniale 
t9 Doftro GeruraU Marcili \ e volendo 
M con gratteftati di ftima> che fac- 
^, Clamo delle Aie buone qualità ma- 
M nifeftarli la gratitudine noftra ...» 
j» abbiame per ora rìfolto di conferirli 
a^ la carica di Provveditore , e Sovrain* 
,p iendénu Generale dell'armi » e moni- 
9, «ioni da guerra • • • vacante per 
,, la morte del fu Conte, & Auditor e 
^9 nella Camera noftra de' conti Bu^ 
#s rori{o\ quindi è che per leprefen* 
j^ ti • . . deputiamo il Magnìfico Con- 
jj figliere , e patrimoniale noftro Gè* 
9» nerale Gio. Pietro Marcili Prove- 
j» ditore, & Sovraintendente Generale 
3, dell'armi, e munizioni da guerra 
jj nello Stato generale della noftra 
99 Artellaria » • • . con tutti gli onori 
,9 • . • > & col folìto ftipendio di li^ 
j9 ure fettecento ottanta ... & con 
j» ciò che prefti il dovuto giuramento 
99 • • • Torino V\ 17 aprile 1671. 
ji CarU Emanuele. 



itS 

1^75 RICCA y affatto Francefco^ Signor A 

iS. CafteWecchio di Brickcrafco^ Provve« 

aprile* ditore» & Sovraintendente Genecalo 

delle armij e munizioni da guerra nello 
Stato Generale deW Arullar ia come in- 
fra, s» Carlo Emanuele. Dovendo Noi 
39 provedere alla carica dì Froy«iiWrjt 
^ & Sovraintendente Generale delT or" 
mi 9 e munizioni da guerra neUo 
Stato generale della noftra ArtelU^ 
ria, di cui il magnifico ConfiglierCat 
,9 Se Patrimoniale noftro Generale Ma^ 
3^ reUi ci ha fetta volontaria demiC- 
,3 fione » abbiamo ftimata fommamento 
^, propria per quefto impiego la per- 
,, fona del Vaffallo Francefco Ricka^ 
Signor di Caftelveccbio di Briche'* 
rafcoy il quale nella fervitù refacl 
da'moltiflimi anni in diverti impie- 
ghi ci ha dato fufficienti prove 



99 



9> 

,, della fua abilità »' e zelo per ilno- 
3, ftro fervizioj & incontrato il no- 

9> 
9* 
5> 
3» 
» 



ftro non ordinario gradimenti \ con 
le prefenti dunque • • • j accettan- 
do ^ & approvando detta demii&o- 
ne 9 e renoncia . • . deputiamo il 
fuddetto Vaffallo Francefco Richa 
Signor di Caflclvecchio di Bricbe- 
rafco per Configliere noftro , Prove- 
ditore , e Sovraintepdente Gene* 
3, rale dell'armi » e munizioni da 
» guerra nello Stato generale della 
„ noftra Artellaria a luogo del fud- 
33 detto Patrimoniale noftro Generale 

3, Marcili 



99 ibfiifìcttìt coB tutti gli onori «•;••, q col 
M ftìpendio annuo di Uure'fgtuciMtq otumaà*9X^ 
^ ftOBXo^ a (s, IO Tunaj quali ordiniamct • • ..^ 
j» feoa dettrazione d* alcuna duodecima » comin« 
^ ciando dal primo giorno del corrente anno » ia 
s» cui è ceflato al fuddettQ Patrimoniale Gene- 

«, laie MarMlU , » con ciò però » eh* 

ji» piefti il dorato giuramento ; mandiamo per- 
M tanto a'nottri Magiftrati di rìconofcerej ftima- 
9» re» e reputare U fuidetto Vaffallo Richa dì 
^ CaJMvfcchio (a) per ConfyUirs^ Provveditore^ 
^ & Swrinwideiiu nofiro UimraU come fovea 

^ OMiftitittto Torii^ li iS aprila 

j, i<7}« C!» EmanuiL 

167 i ROLLA Giufeppe Antonio, », Dovendo 

z j, iVbi prevedere alla carica di Con» 

IgoftOt ^ troUore Generale deìt ArtegUerU ^ e 

j» mwùtioni da guerra reftaca vacante 
M per la promotiooe feguita del Con* 
M troUore Gallinati a maggior im« 
» piego •«•«••» abbiamo eletto 

9> • » e deputato , elegge* 

9, mo •••••,« A e deputiamo il 
(4 iVéty/ir Archiv) Camerali vi ha t inveftiiura delli 
r4 dieemire 1^57 ^^ porzione del feudo di 
Bricherafio a favore di Francefco Ricca. 

E nelfindiee de' Feudatarj ,, e loro ritoli 
€&mpiUtofi nel 1778 « ed efifiente in Camera 
fi legge come fegue. 

Ricca FiUppo Gìukppe per una quaria parte 
di Bricherafio fitto la denominazione ài Ca- 
ftel vecchio « provincia di Pinerolo , titolo Co- 
mitale. 
Tom. //• T 



^ fuM:9ià Sìttfippi Antonio Rolla per Confyliire ^ 
^ r CunttoUùrt Centrale deW Artiglieria^ e mani- 

^ /mar in guerra , con tutti gli onori , 

^ utili ^ dritti , ftf ridisi f iTtf fro //f pane al giorno , 
a, d altre tofò a tal carico fpettanti , & apparte- 
^ nentì » ^ cd/ fiipendio di li ore mille i/^ argento, 
„ a foidi venti j si e come ne gioiva il fuddetto 

,^ Gallinati Rivoli li i d*agofto 1675. 

^ C. Smanitele» 

itjS TARINO Giò. Antonio. », Nella va- 

6 j> ean^a fcguitm della carica di So- 

ftCCivb» M yrintendentt Generale delC armi , e 

jt monizioni da guerra nello Stato Ge- 
nerale deir Artigliar ia per la motte 
del Conte Franeejcù Ricka y che la 
reggeva , abbiamo (limato d' accer- 
tare in quefla parte il fervizìo di 
S. A. R. mio figliuolo amatìflimo, 
e l'efigenza dì queir OfHcio coir 
appoggiarla a Gio. Antonio figliuolo 
„ del Conte Domenico Francefco Ta-^ 

,y rinp di quefte Città . • -, 

„ e perciò con k prefenti 

,y conftituiamo il fuddetto Gio. An^ 

j, ionio Tarino per Conigliere , So^ 

rrintendente , e Proveditore Generale 

delTarmi, e monizioni da guerra 

nello Stato Generale dell* ArtegUa^ 

yy ria , con tutti gii onon , 

„ dritti , recaglie , e raUoni quatro 

„ di pane y al giorno, corife godeva 

detto fu Conte Richa, e colfolito 

fiipendÌ0 di lire fettecen^o ottanta 

M d'argento^ 



59 

è» 



9> 







'gcM#t aibUTTttttti runa • • • • » durante 

fos¥ttà « & il beneplacito di S« A. R. » le 

bo Torino li fi (ettembre i4j6. 



9 lA RIVIERA Gittftppe Bartolommeo » 
\ imenJUnié GencraU d€lt, Anigliméu 

■k f 9 L' attiviti j e seio » con cui T Au^ 
dit0r€ delle noftre fiabbriche» e 
li Giuf(^f€ Sdriolommio 
Lèi Ri¥Ì4r€ 



< 



u fudictf Giufiff$ Antonia Rótta f et Cm^Bin, 
i € C0H9tòUùr9 GimraU édt Arteglietià , t Mum- 
h, tioni iu gMirra^ tùù tutti gli òneri •••«•» 
9» Utili j tirìtti ^ ratiòÉd qtuiir0 di fom ftl gittlio , 
ij e altre cofò t tal «tficò fpettaDti » & apparto- 
9> fiefiti 9 e 4fil (Hftndìé di liore mille Jt argèntea 
M a foldi vMÌti j fi e come ne gioita il fuddetto 
M GalUfUni • . • • • Kjtoli U 1 if àgofto i<75. 

itjt TARINO eie. Antoni6. ^ ^rOi ra- 
tf »f wt^ fig^^ ^^^ earica ^' 5^^* 

Alttiri)» M minnnientc GtnwraU Mtarmi, # 

t» mom{ioni da guerra fidlo Stato Ge- 
M nerale if /T ArtegUmria per la motte 
^ iirZ Cónte Franttfcù Rìekà , che la 
u reggeva » abbiamo (limato d' accer- 
M tate in quella jparte il fervizio di 
M S. A. R. mio ngiiuolo amatìflimo» 
,1 e refi^nxa di quell'Officio coli' 
«j appoggiarla a (?ie. jfnie/tio figliuolo 
jj A;/ C^/sre Domenico Francefco Ta^ 

j, rme di quefta Città i 

^ t perciò cvn k prtfenti •••••• 

5t cOnftituiamo il fuddetto Già. An^ 
j9 loftio Tarino per Cbnfigliere^ So» 
,^ yrintendente f e Próveditóre Generale 
j^ dettarmi, e monizioni da guerra 
99 nello Stato Generale cfe/f Artiglia* 

,, ritf , con tutti gif o«ìn , 

99 dritti 9 reMglie 9 « r^tómi ^ i^arro 
99 if f aiir 9 ju giorno , conte godeva 
99 detto fu Conte Richa 9 e eoiJoUto 
99 ftpendia di lire iettecento ottanu 

99 ìT argento. 



di 



aftUvwtt rna «uau» 

» & il ^T^r^^^r11 ^ £ S. ÌL R. , Ic 
. . . . Tmtm lì C iittMBbn i«7<. 



»7oj 

SI 



à RIVIERA Gnfapfe SanolooaBM* 

M L'aimki» e scio» con coi r<^»- 
M iiimt delle aoftce fibbccfae » e 
iB femficaMiii Gia§Kgf€ B m r i é l w mm m 

Lm Khmm 



s» 

9* 



*9i 
j^ I.^ Riviera {a) ci ha fiiiqn! fervìu con femait 

(a) ,^ Vittoiio Amedeo. Artnio il Configliere j 
^» & Auditore dtlU noBre fabbriche ^ & fw^ 
iificazioni Gìacx>Bio Enrico la Rivieni • • • ^ 
dijpopo della medefima carica ver fcrittura 
atUi 1% gcnnajo Jcorfo 9 daefofotiàjcrnia, 
& nominato far liécèederU in effa Y Affo- 
cato Gittfeppe la Riviera fuo figliuolo » 
coU eferciiio intanto y fin di prefente » a tt- 
^ tolo di coadjutorìa ^ durante i^P^n vita ... , 
^9 et fendo a que^* effetto Y iftettb Auditore 
,» la Rii^iera ricorfo alla fuddeita Camera » la 
medefima per fuo Arre fio del pomo Jt oggi 
ha ainmeffo detto Avvocato la Riviera a 
detta carica j e mandato fpedirfeli le oppor^ 
tane Patenti^ con ftitti[ione\ in confeguen^a 
di che tutto fuppÙcatoci di concederli tali 
Patenti \ Noi pertanto . • • • , per le pre* 
fenti . . . . deputiamo il fuddetto Avyo^^ 
cato Giufeppe la Riviera per Cofingliere, 
3, 6c Auditore delle nofire fabbriche , e forti* 
fica{ioni > con tutti gii onori • . • ^fedia j < 
voto nel Configlio di dette fabbriche ^ & 
ogni altra cofa a tal Uffi{io fpettante , & 
appartencnu > come ne giotfce , & ha potuto 
^, godere detto Auditore la Riviera fuo pa- 
33 dre , da fucceder però al mede fimo % & con 
3j Y efercìzio intanto» fin dì prefente» d*effa ca- 
^ rica a titolo di coadiutoria» durante fua 
^ vita • • . • 9 & colftìpendio anouo i< /ii^tf 
^» mille d'argento > da cominciarne a godere ^ 
,3 come pure delle regaglie , utili » e dritti fud- 
^, detti, dai giorno del deceffo y orinonciadel 
predetto fuo padre, come nella foprariferita 
fcrittwa fi legge . . • Torino /i io m^r^o lé^i* 

Ter J> • d»R^a rda^ioru di d^tta Cnera» 



9» 
9% 









M moÙn (b<ldis(atioiie nell* eÌercid:io dì tal {u9 
«, iaipiegOj ci movono a conferirli pur quello 
,, £ IntiruUnU Generale della ffftra Artiglieria ^ 
•Il PC eièrcirJo congioatatneme al fuddetto d*j4u» 
^, Jitore y quindi è > che per te preienci « • . • , 
j, confticuiamo detto auditore Ciò. Bartolommeó 
9, la Riviera per Intendente Generale della nofira 
^, jirtiglieria , con tutti gli onori • # • • ^ e col 
1* filp^f^i^ annuo » di cui gode , comò Attiditofc 
^ delle fabbriche predetto , che dovrà continuar a 
jy godere alla mente delle Patenti di talTuacon^- 
j, ftituzione^ aggiungendo a tal ftipendio Aiyo/K/m^c 
^, di liure m/i/^ annue ducali , pagabili a quartieri 

^9 j con éhe ùrà tenuto mantenerti lAv^ 

j, Secretari a fine di poter con più facilità, & 
^j efattezza efercitare detto impiego unitamtnte a 
jj quello £ Auditore di dette fabbriche » e forti* 
j^ ficazioni , mentre vogliamo pure j che /^^ /noi/a 
99 ^' provifione eferciti » e facci le fonzioni di 

59 Controllore di detta Artiglieria • • « ; 

99 mandando anche all' Officio Generale del Soldo 
99 d'aflentarlo ...• Tori/io li 15 dicembre 1705. 
99 littorio Amedeo» 

1708 RECCALDINI Vittorio Amedeo, 7/f. 

t tendenu Generale dell'Artiglieria Ji 

marzo* tutti gli Stati. 99 Per le prefenti « • • • 

99 deputiamo il fuddetto Vittorio Ame- 
99 deo P^eccaldinl Intendente Generale 
9, delld nofira Artiglieria di tutti li 
9, noflri Stati 9 e cofe da eiTa dipen^ 
9, denti 9 con tutti gli onori • • • • 9 
99 e colla paga di liure tre milla tre« 
99 cento d* argento Y anno , con ok- 

iy litigo 




^94 
^ Uigo al medefimo dipr&yrtdirfi delle | 

^ oectilàrìe nel fuo Umcio 9 e di fnftsn 

j, vuto gìurimeiìto ; mandiamo pertanto » 

f 9 man diamo a tutti • • • • Torma il prixco 



ELENCO 



Hi% 



Delle perfone cooapiefe ael ut XI. 



CfkiiVM Giù* AUrU. 
Rujca AUffandro . 
Jilhrik . 

Rufihià Gio* yiimnió 

Bmnco Giù. Sujfanù 

CafitlUimonu Qnrh 

T§fi G^roUmù 

Tufi Giù* Francejcù 

GafiaU^ Giù. FrMn€i/cù 

GmfiaUù Tommafo 

GaUimfio fréutctfiù Giéuintù 

S¥rùn{ù « 

MsrMi Giù. PÌ4trù 

Miuù FfMncifiù 

Rolla Giufifpù Antqniù 

Térino Giù* Antwiù 

LéL RivUfA Giuftffc Bartà^miMù 

RiceMini Vittùriù Amii 



ni 
i8# 
xlt 

i8i 

x%6 

IVI 
187 

X91 
»>3 



x^f T I T. XIL 

fAXnaCUM^ E Fo&TfflCAZIOttU 



I6i7 CaSTELLAMONTE Conu Qrìo(s) ^ 

4 Primo It^tgntré^SopniattùéeatOéUk 

dUetmb» Farieiie « e LuogoceiieBCe dell' Am* 

glierift come infrs^ ^ Al Magnifico 
J^ Configliere» • Teiorìere aoftro Go- 
^t neols di qua da' monti M.r Gh» 
,A Matuo Selli prefento» de altri fii- 
9t ^ turi 'faluu. Avendoci il Gcmte Cérh 
^^' CmfiiUamome Primo Ityegmte^ So» 
piaimendente éUlk Forte^^e » e 
Luogotenente ddt ArùgUirim di 
S. A. R. mio figliuolo amatilEmOt 
fupplicato di voler conferire in 
peifona del Conte Amedeo Tuo fi- 
»y gliuolo il trattenimento dell! Icdd 
553 i/j d'oro 9 ch'egli tiene fo* 
pra il taflb di detto luogo di Ca- 
ftellamonte» & dare a lui fteflb 



ss 



^» 

^9 altro tiattenimento « si in confiderà- 
,^ zione della fua lunga » & fedel 
99 ferviti rela a quefta Real Cala» 
1^ che per dar animo si detto Conte 
»> figliuolo d'applicarti al fervizìo dell* 
9, A. S. R. > èc noftro ruW eferci[io 
delU fudetti carichi, & inclinando 
Noi a tal richieda per le fudette» 
& altre degne caufe beninformata 
delle buone qualità di detto Conte 
figliuolo f per le preferiti 






fi vt 

(a) VeJi qui [opra le pag. 1S9, e lii. 



à97 

I) a cDttUdiaiDO 9 cbe dobbiate pagare » o al£^ 

jp |iKtf e j Se far pagare ^ ogn' anno » & a quar- 
9^ fieri ÌL fiiddctto Conte Caftellamome la detta 
J9 ibiDiDa di y^vri cinquecento trentatre ^ ed tm ter{Q 

j, Jforo^ come fovea » & quefto fenza 

M piegiudicio d'altro trajttenimeiito , cbe affiena* 

,9 seme al detta ftio padre Torino u 4 

j9 dicembre Itfj?. Chrefiienne. 

1^4^ FURNO Carlo ^ ConfyUere di Suto^ù 
IX Sovnuntendente Generale del Confi- 

iplilc* glio delle Fortificazioni » Faitricke , & 
cafe di S. Jl.R.9 & no/Ire. Cosi nelle 
Patenti di Madama Reale Crifiina 
delti 11 aprile 1646. 

1649 PANSOYA Baldaflar» ConfigHere di 

17 Stato 9 e Sòrraintendente Generale delle 

apiÙe. Fortificazioni, e R. Fabbriche. „ Avendo 

Noi promoflb Af.r Carlo Fttrno al 

carico di Conigliere , & Maftro 

j» Auditore nella Camera nofira de 

,i Conti fedente in Piemonte , e re* 

^ ftando j in virtù di tal promozione, 

js vacante quello, ch'egli aveva di 

9» Configliele di Stato, & Intenderne 

59 Generale delle no/Ire Fabbriche, & 

j, Fortifiea[ioni, e defiderando Noi 

t» di rettificare al Magnifico Confi- 

gliere» e Teforìere della Cafa di 

M. R« mia Signora , e Madre , 

M.r Balda ffar Panfoya la ftìma, 

che facciamo delia fua perfona, 

^ efperienza» capacitale meriti, che 

j^ lo 



4j 



9 

19 

— «n 

9> 



,9 ]o rendono moko riguardcvoltt » e diiDofti^vla 
j» anche la softra partìcolar iodinazìone udii firn 
»• avanzamenti per la fedele > e grata feivitii teft 
99 a Noi» & alla detta Altezza Reale di mia Sì», 
99 gnora» e Madre in detto Offi^a, nello, ipazio 
9y di quattro aani circa, ad incera ibddisfiuMoe 
^ di detta. Reale . Altezza ^ e Noftra, abbiamo 
9, deliberato di promovetlo a |;fado maggiore y 
-9i laonde per le prefinti •••••• ^ « co/ patere 

99 del noftro Canfeglio •••••• deputiamo detto 

99 M.r Baldafétr P^nfoya per G>nfigliere di Stato^ 
M ^ Sovrintetidenu GenerétU delle Fortifica^iom 9 
^, & Fabbriche noftre (a) con tutti gì' onoti .. . 9 
M si come ne gioiva » & ne poterà gioire iljSc^ 
99 detto A/.r Carlo Forno fuo anteceibre, 6c eoo 
9^ il ftipendio annuo ^i liure due milla £ argento 9 
M da {%. 20 r una , & con dicbiaraziofie 9 che il 
fuddetto Coniiglìo fi dovrà fare 9 e congregare 
nel palalo delle Corti noflre (k) 9 con ciò 9 che 
^9 detto Panfoja prefti il dovuto giurjunento. Or* 

9, diniamo pertanto» e comandiamo « 

9^ Torino lì 17 apnle 1^49. C Emanuele. 

16 S9 C AST£LLAMONT£ Conte Amedeo {e) 9 

X Conigliere Jr •S'xax» , ,e Soviaintendente 

aprile» Generale delle Fabbriche 9 e Fortifica* 

[ioni, ^j Siccome le fabbriche^ e le 

„ fortifico {ioni 

(a) Così precifamentCf né pia, ni meno 9 ne'regiflri 

Camerali. 

(b) Umfcafi la pag. 15^ > tomo primo ^ ove dicefi 9 

che il Senato, e la C3Lmt:xa Jèdevano nel me* 
defimo luogo. 
(e) Vedi qui Jopra la pag. 2C0. 








%» 



y» 



Jd'Stmà Ad P^tmiff^ €XMÌ cs^fedrm 
» pcrijM[> eh* ^bbi> tttti f mitlii 
» €km fi xiona yer bcm t cf o hik ; fMHB 
è^ cftr, wf iln b So|Witiiili>n ddb M* 

di* cn arf «mA» MifM}U 
di Sa» BsU4ir Péi^^ et Noi 
^ C ^i iia g del Catello £Omm^ dà 
ibbiaiw 6poio in chi iDegU# coUocaili » ditt 
md CmKU Anedeo CsjUlJmnse^ il Mie mi 
per lo %tatio Srimi^mmccmogainoàx^foSì* 
s£m»e ci terre adir mmftre fMrìdk » & in f «elk 
a M.tL mia Madie > e Sìgeoia « f m/uì d'In» 
gegnero» jK/fM/c^i^^cocri^ioiidttdofeiBpri 
«ZZc chUrcna di jmm mmfcitm^ tc ad iniuiioiie 
Jel Come Csrh fuo fmirt primo Ingegnete » 
& Inteodenre Generale i^Ut Fone^^t dì quefta 
Corcna da lui quarant'anni fervìta» egli ci ha 
dato cai cenezaa del fuo fapere accccLpagnato 
da ogni fede> e zelo verib il noftco fervìiio» 
die mdUJiidcttM S^immendin^a non pcl&amo 
j» fé non efiìere da lui ottimamente fertiti \ per 
Quefto dunque , & per ricompeniare in parte 
il merito della fua fedel , & aflidua ferritià « 
j, conficmandolo primìerameote mi carico d*In- 
99 gegoere roddecto con il ftipendio per eflb /U^ 

t» olitoli , in virtù delle prefenti ab* 

•j biamo deputato il (uddette Co#im Amedeo Ca* 
M fttUamome per ConfigUtrt nofiro di Staio , & 
Sovrinundfnu G€ncréili dilli rathiche, e Far* 

I, tijlia^ioni 



9> 






»f 



500 
j^ tifaaiióni Mfin (a) , CPU tutti gli cnofi • « è 4 g 
tj & con lo fiipendio a pane ftabilitogU ftrqutfia. 
^y carico, & acciò » cho pofia oTcrcitailo con il 
^^ decoro ^ che fi eoa viene » vogliamo ^ eh' egli 
^y feda nel ConfyUo delle Fabl^ri^he 9 • Foriin- 

^ cazioni Mandiamo pertanto » e coman* 

M diamo a' Magiftiali • • * « • ^ • • Torino li 1 
t, aprile i<>59* C EmanucL 

16$ 9 VICENDETTO, AuJUtorc come qui 
circa. infra. 

16$ 9 GINA Horatloj ConfigUere^ e Auditofd 

15 ^omr i/f/rtfé j9 Chi fedelmente • ••• « 

fetteob. ^» fi affatiga al fervizio del Aio Prm- 

95 cipe » e il dovere , che ne ripporri» 
,5 fra gli altri prem) , quello della 
51 rimunerazione ^ inalfime quando in 
3, diverfe occafioni ha dato faggio 
,5 di vera > & incorrotta fede a am- 
5, dua attenzione , & diligenza » & 
5> ficcome quefte lodevoli parti fono 
,, poffedutc dal Segretaro noftro or- 
j, dinarìo Horatio wna » volendo ri- 
35 moftrargli la gratitudine, che ne 

5» conferviamo 
(a) lielU Patemi di Madama Reale dilli 4 apriU 
26785 di cui mi tomo terzo» appendice paru 
quarta 5 pag. Ci , que^o fiejfo Conte Amedeo 
Caftellamonte fi vede qualificato prioK) Inge- 
gnere di S. A. R. ^ e nel Viglietto ir Carlo 
Emanutl I delli 18 ottotre 1612 relativo al 
Conte Carlo fuo padre fi accenna la di lui 
antica nobiltà di Jangue* 



;tTÌftmo • • • . • j fer le pre/inii . • • . . 
rpuciaiiio^prr Configliere» e Audìtort JelU 
fiche » € Fortifica^icni , e Segretaio di Stato» 

FÌDanze • • » con lo fiipendio dì 

nilie 3 come Aui tort ^ e dì lire cinquecento 
ìcinque^ comt Segntaro % d'argento» afoldi 
i runa 3 cìafcun anno , pagabili a quartieri » 
lanaro del taffo dovutoci , cioè ÌL 600 dalla 
lunità di S. Pietro di Momeroffo , U. f6m 
lucila di Mignolo, 11. 500 da quella di 
o , e 11- 165 da quella del Villar di Baffi 

, • • Mandiamo penanro di ri- 

ifcere detto (?in4 per Confìgllere > Auditore 
ffe Fabbriche» & Segretaro distato» e di 
azo come fovra » e come il fu Auditore 
fideteo («) » con la ibdia nel Configlio delle 
>fìche 9 C^^ aveva H mede fimo Vicende tto.. • . • 
ino il 15 fettembre j65<^. C Emanuel 

VALPERGA Barone Andrea» Ingegnere 
ordinario dì S. A. R. : iti : »« volen- 
,» do » che il Barone Andrea Valperga 
9» Ingegnere ordinario di S. A. R. (i) 
^ continui a goder T annuo ftipendio» 
j» e trattenimento di IL 1200» che 
jt gli fu ftabilito dalla gloriofa me- 

»» moria 

K lui però negli Archiyj di Camera non riufcl 
' a trovare né Patenti » ni allento. 
U Ckiefa di S. Salvarlo fu fatta innalzare 
' nei 1651 da M. R. Criftina fui difegno del 
^ Nerone Valptrga. Vedi la nuova Guida, 



■«ia*«M 






^ effetd della Aòftra gratftuiVtie , in 

^, wiù delle piefenti deputiamo il 

,^ fuddetco Teforiere Generale Guucmo Henrieo 
M X^ Riviera per Conigliere, ed Auditere ir/Ze 
si Fabbriche , e Fortificazioni di S. A. R » con 
59 nitri gli oooii • • • • j fedia» voto ne/ Con» 
M» y^jr'My ^< ^^^ Fabbriche , ed Ogni altra cola ft 
M td Officio fpettante» ed appartàaont^ atlT 
j» iftefla maniera » e forona , che ft' ha goduto il 
^fitddett» Attditore Gina Aio predecefTore » «Gol 
j» ftipeadio annuo it' lire mille, d'argento» à 
^ Iòidi venri l'una •'•.•• Torino li i7dicein« 
9» bre 1^78. M« /. Baftifie. Vedi pure <}ul Ibprt 

1698 LA RIVIERA Giufeppe Bartolomineo » 

IO Auditore delle Fabbriche ^ e Fortifica- 

aiarzo. ^ zìoni > come dalle Patenti dielli i o marz^ 

1(^98 » di cui qui fopra» fag. 192. 




'.;■-■ y,r 



1 






Le Mwurm GuiAm9 Ibmeé •,«' -.'•'«'i!;^ • 



r •^ CI ■' 






TIT. xrii. 

A&TIOLU&IA» *! 

Fabbriche 9 s > unite* 
Fo&TincAa&ioNi J 
1705 

57 C ASTELLAMONTE Conte Cdrìè « ori- 
Y mo Ingegnere , Sopraincendente ietU 

Db* Faru[[€ , e Luogotenente itW Ani* 
gUtrU (4}. 

35 LA RIVIERA Giufeppe Bartolommeo » 

3 già Auditùn dtlU Faibricht ^ e FvrU» 

inb« ficM{ioni con Patenti delli io marza 

1 69% (à) , fìi indi dominato Ltundtnu 

GeneraU deW ArtigUmM con Patenti 

delli 2} dicembre 1705 {c)^ li quali 

^ affili ^^^^^ P^ unitamente » o 
come meglio ivi. < 

1 1 RECCALDINI Vittorio Amedeo. ,> H0 
8 ,9 corrifpofio con tanto zelo • • . • • 

9, alla noftra afpettatione nell*e(erct- 
„ zio del carico d^ Imendente Gene^ 
n rak delU nofira Artiglieria V Avvo- 
M cato Vittorio Amedeo Reccaldini, 

>9 che 

Fedi qui fofra il tit. XII , pag. 196. 

VtiUe qui /opra' alla pag. 191. 

Fedite qui /opra alle pag. Z91 » 291 ^ e 195. 

Tonu IL V 



BO. 



po6 

M che non poffiffBO ».& non. eflere iantad a4 
j» ^poggiarli anche P Afunda idi Inténitnia G^ 
^ ntraU deiU nofin tMrjUkMy € forùficé^oni^ 
,^ or che n? ablnamo JT mmhdm acoUato md un 
^ Jolo Ccnjigtiù r iocpoibeiixa » e Ift cogniaone 
^ • • • ; ^uiaili è s che per le furefeaó . . • if • 
j9 putiamo il predetto Awocatp VUtorìo Jlmedeo 
^ Jtecealdim CpnfigUere » «^ Imtsndenu GetuntU 
9^ i<«i/r w/Zr# jtrtiglUrim » taihidu , € Fortifica' 
^ lioni di tnt$i U nojtri Stati » 4 coft da ej[t di* 
^, pgndiuti^ con tiitO gU onori . . . , € col fii* 
^ /ciiifo di lire tre mila trecento» i argento^ V anno» 
^ con obbligo al medefino di provyederfi d'un 
•» Segretaro nel Tuo Qffido» e di preibre il do- 
w^yvfio giuramento • •> • ifanditmo pertanto» e 
f, cqipandiaoio a tutti li moftri • • • j ed in par* 
M cìcolare al Confylio di Aita ffofra Artiglieria^ 
j» fétUrichi , e Fortijka^ioni ^ Omìaii , e fervienrì 
^ in efle di nceverio •. • • > con ciò , che ceffi 
M il ftìpendio» et altri dritti portati dalle Patenti 
^ noftM del pri|no inarto lyoS. TeriiBe li z8 mar- 
M zo 1711. Vittorio ^ Amedeo. 

I4t precitata unione dell' Artiglieria » Faè* 
irìdu^ € Forcifc^ioui ìù una ibia perfcna, e 
Capo wk richiama a mente T impiego» che aveva 
il Come Carlo Cafiellamouu , di primo Ingegnere» 
Sopraintendeote d$lU Forttu^ » e Luogotenente 
dcie Artiglieria ^ come q«d topra# fiijf. 196. 



»it 



iyi4 VERANI Ansalo FiMeefi» • ttumdmf^ 
ay Géttfrah délT Artigliiris ^ FabhkHu^ 

pale. e ForiiJUM{i0mt •» te ^^. deUopM* 
«9 fonti • • • • Àtputiémù il (udoettò 
,t Aotoiao Fnmccfco y^tràmi pei Im» 
^ undinu GéMtr^U d|el)|t noftnt Ac- 
M tiglitw t ÌFftbbfichf , e Fortificar 
M aipni» MS mti gfi emiri, e gqI 
t» ftipendio di liit ifomila ctdtiii tii« 
^ nò . . . • • m TcHm li A5 lutilo 
^ 17x6. K jtméd0^ 

1719 DÀLMASSONS Offlo Alfi>Bfo(4 ; • « 
sS t» Prr /r prefinii • • • • • depnCiamo 

^fdab. M il fiiddatto I^tendooto Curi» j|^ 
^ ybtt/^ DéUmafiw per i^tunJUnté <r#- 
)» ntrmU dtlU w^ ArtigjUirU, f^k* 
9» ^ri^ , € Fortifiea{i§ni , con tutti 
M gli onori • • • • « ^ e «oiT «unii» 
js fiipénM0 di lir4 mmla • • • • • ^ 
^> con dèj ^e caffi lo ftipendio» 
9» di cui il fuddetto Intendante go* 
t» deva» come inutuUmé Astia rro- 
s> Vincia di VerceUi ••••.. Man^ 
M iMma pertanto a tutti li noftriMi- 
^ niftri .••••, a particolacmenta 
^ al predetto Gònfiglio della noftc^ 
^ Artiglietìa di ricovioicera « • . • • 
j, Torino lì 18 luovembre 1719* 
M f^. Amedio. 

I K:if i7 i(>/Ro fecondo > y/Y ^f7/ Regie Ga- 
i>ellei alla data 1741 13 nìarzo> € vedi pure 
il tomo terzo j rii. K// -Pe' Coniadori Gene- 
rali &e^ > pag. X 98* 



j 



171^ R$0t!Umgntù f» V ttitmbn^a GèuPàU 
18 hieJnigtkriM , idUToHriclu , édiUe 

giugno. FéniiuéiionL 

M L* Aziendt eóooòmict dell' Ar- 
^ tìglièria « delle Fibbnche » delle 
^ Fonificasioni » e delle Mimisioiii 
j» da guena iàrà tegolata dall' laces* 
M dento Geaenlet che veni da Noi 

jj deputato • Così nel $. i , 

f^. 90 de' Regolamenti di S. M. 
fu G&fwm economico delle Aziende 
delli aS giugno ijf , ftampati di 
quell'anno pnji il Ohais» 

■ ■ » 

yfii MIGLYNA yajfaUo Gio. Paolo. Regie 

ji Paunti del controicritto giorno : iJi: 

gennajo. j» Deputiamo il fuddetto Vajfallo Gio* 

^9 Ptfo/!o Migfyna per Inundenu Gè* 
,) ;i^tfi!r Jr/&t lU)^' ArtigUeria {a) ^ 

(f) Si titeagi efiètfi poi dcptttito I* Anfuio FfsmufiQ Vtrm 
vet loteadcate Generale delPArtiglierU con Patenti dcJli 7 
fbtteni^e fteilb anno 1711 • da vedeiii queAe^al piincipio 
del feg nente tib XIV. 

Condnaò beati ti Mijflins ad dière Jnt€MÌ$mt€ GéturaU 
éiiU FMrìehef 9 Fortifcaiioni uno al i7S«> ed ebbe» pei 
fno iBunediato fnccefloie (i) in ul pofto > il Conte De* 
morri di Cs/^tlmMgHQ (2) 9 di cai fi parlerè qui infra nel 
Ut. XV. 

SCoafònnc xifnlta dal coito Fabbtiche» e Fortificazioni 1750. 
Che fa nominato Inunitnu dneraU delie Fsihrichet # 
Fonifimii^ni con Patenti delli lé gennajo 1750 9 mentre 
con altre Patenti dello fteflb giorno U Miglìns fuddetto (*) 
fd eletto primo Configliere nel Configlio di Commercio 1 
eo/T tfasiM Mipeudio di lire duemila dì Piemonte » oltre al* 
tre Uff mille cinquecento di penfione » facieoti in tutto 
II* isoo* 
(^) Previa V enunciativi » ed elogio di avete direno , come In* 
tendente Generale 9 i$ duo Axtende unite deiV Artiglierim » 
é deli» Fértifeo^oMt » e Fabbriche » ed ultimamente qutfi^ 
fiforsim dtilP alirsf e come meglio fotto il titolo XV % 
•xticolo Dimeni di C«ftclmagii#t notm b* 



s 



pucase il detto Vaflallo M^Una per Inti/i^ \ t 

tGemrmU di detta Artigluria^ tabbrukt ^ 
9rtiJUéi(iom > da Noi come &vra conftituitOj 
farlo» e lalciarlo godere di tutte le cofe 
lette , tale effendo la aoftia volontà. Tarine 
I gennaio 173 5 • 



I 



\ 



■ ■ n 






'■:■) 



■1 i 






aie 

ELÈNCO 

■ 

Dello peiloM coinpcefb ad tìt TOH 

%0^0piBamMU CutIq 

ttk Rivìi^m GiMf€Bf€ Béutetowatuo . • V J 

JUìcmUùu yiiMno Amedeo • • «J 

iSàsm Antonio Franccfio ' . . • ì 

PéUn^J/one Carlo Alfonfo . 

fiiglynB Giù. Fsoh . • i^ 



0^ 



- TiT. xnr. 

A^ttHiu jobll' Artiglieria stata svagata 

NBL 173} (il) 
OA. QUfiUA X>ELUI FABBRICHE » £ F^RTItlCAÌICNh 

Z7J) V BRANI ADtonio Fnncefco^ Ihim- 
• 7 ir/iu GtturàU JUIC ArtagUerid. ;> Ab- 

idttexnb* 9> biamo giudicato» che fi convenga 

9, al maggior accerto del noftro fe^ 
9, vizio » ed all'ìnterefle del ooAib 
^ Suto il ftfturart l'Azienda deWJr' 
„ tiglUruL da quella delle Fetbbriehe ^ 
3, « Fonijua[ioìù ^ riducendola perciò 
,,, nello Itato , in cui fi ritrovava prima 
j, deW unione , e ne abbiamo fpedito 
,, il neceflàrio Regolamento ; reftan- 
„ doci tuttavia a provvedere ora un 
,9 tal impiego di fog^ettOj in cui 
concorrano li requiiiti neceflar) a 
ben riempire un pofto di tanto 
riguardo 9 ci fiamo rifolti di appog- 



9, giarlo al già Intendente della Pro^ 
3» vincia noftra dì Biella Antonio Fran^ 



cefco Vtrani , dalla di cui cono* 
fciuta probità » fperienza> e zelo 
abbiamo motivo di comprometterci 
ogni miglior effetto della noftra 
a^ettazionc ; quindi è > che per le 

ffifenti 



(a) Vedi le Regie Putenti delli 7 fettemhre iTH b 

di ali qui inf:'tt. 



é 



5" 

„ freftnti deputxiad il fnddetto Aim* 

9, nio Franccfco Strani per Imendenu GaurgU 
,, della nofira ArtiftUris,^ con tuCDglionon.é. , 
M € coir annuo ftipendio di lirt trtmila » le quali 
u BBudiamo al Tcfcritrt nofira di mùliiia di p» 

9f gug^ì Tarino li 7 fettembre 175}. 

9» C EmanuiU. 

1750 RICCA Cavaliirty e Commmdatere D. 

17 Domenico Antooio» Inundmu Gè- 

geoiuìo* mro/e dtlt Artiglieria ^ e Confeglieie 

delle Finanze. »» £Ì0 ^arj ^ca ^om- 
99 ffofio alla noftia afpettaziono i/Ca- 
9t voliere » e C9JVMiaidiifar« Z>. Dome' 
M «ice Antonio Ricea col perfetto 
adempimento delle proprie incum- 
benze nella direzione avuta della 
primaria Ifpezione de' noftii Resgì- 
menti Ni^onali, che fendod Noi 
di buon grado difpofti a contraf* 
regnargliene il diftinto noftro già- 
dimento j ci iiamo degnati di eleg- 
gerlo all'impiego d" Intenderne ur- 
nerale della nofira Artiglieria j il 
quale ritrovafi vacante per la prò- 
3j mozioue delT Intendente Generale 
1, Veroni a quello di Controllore Gè* 
jy aerale delle no fire Finanze ^ efiamo 
9^ perfuafi > che avendo fflag|ionaenta 
9, occafione di efercitare 1 fuoi ta« 
„ lenti » e far apparire la Aia fingo^ 
3» lare abilità, integrità , efàttezza, 
j, e zelo per il noftro fervizio, fiifà 
M per rimezitarfi fempre più gli eflFe|g 

^ delle 



99 
9» 
99 
f> 

9> 
99 
3* 
» 
99 
9J 




••^* 




*775 



*7*3 

12 



Alarci 






m. * ■»■ 






CAXOTA Fìetxo Astenie , 7 -:.'-:/:•: :# 

dsild Fauaie » celi* aiiruv^ iVt^cad-o 
4i liie neauii , coeit zj^t Re^i€ Fa- 
UMii II dicciLhit i7S^. 



I79* THOLOZAN (MAUen Tcdìd^ho « In- 
17 unienu GuÈgraU ctìl' jirtifli4.'ì^ ^ e 

gfiMMk\Q» Configliele delle Fiaaoze , cu ir an- 
imo ftìpendio di lire cremila , cene 
déUU Rtgii Paunti 17 gennsio i-so. 



/ 



|X4 

1791 MORETTI GiuKaiioApoIEotfe» /«m* 

noveinb. j, ne ood Bievecto boAio del |ione 

SI d'oggi ibbitico difpeniato il Ca* 
99 Tiliere Tcmmafo'Rol^iimÓMSVetsi^- 
M dm della caiica JTImtetuUMU G^ 
„ meréU J^ JtrmiUris, ci fiamo di* 
^ fpoftì a conferirla éff ItutnJente 
^ Getursk delle mofire Finente Giti* 
j, liano Apollinaie Mordici j il quale» 
M dopo avere oe'Tar) impieghi» cui 
9» venne di tempo in tempo detti- 
la .nato ^ e (iogolarmente in quelli di 
9, primo ^ffi{iaU Jelle nofreFènmi^c^ 
», e di Reggente t Ufficio GenersU Jel 
,9 Solio y (kte dìftinte prove di ca- 
M pacità , efattessa » e vivo intere(^ 
(accento pel noftro fervizio , è ftato 
già da Noi recentemente deftinato 
,» a compiere provvifimalmente alle 
^j incombenze dipendenti dall' accen- 
^, nata Azienda d'Artiglieria • • • > 
9, epperò colle prefend • • • • depu- 
tiamo il predetto Intendente Ge- 
nerale , e Configliere delle noftre 
,, Finanze Giuliano Apollinare Mo* 
j» retti per Intendenu Gtntrele delU 
,, Artiglieria , con tutti gli onori • . • , 
3, e coli annuo fiipendio di lire tremils^ 
che r^.andiamo al Ttforicre nofiro 
di milizia di pagargli ripartitamenté 
a quariien maturati , cominciando 
7, dalli 2j dello fcaduto ottobre, e 
a, continuando in avvenire, durante 

n la 









9» 



a fervici» ed il noftrò beoqilacito^ €cn 
cAtf pceffi il dovuto giuramento » e gli 
cpnnto piioia godeva. Mandiamo pcnsimo 
Iti • • • • •! ficcome anche al Gran Ma- 
di datiM mo/ira jtrtigUeria , di rìconofcerlo 
...» ed alla Caoiefa noftra de' Conti di 
iftiare le pcefeaud, Tmnpii nevembte ly^a. 



II« 



ELENCO 



Delle pecfime u MBpr efe nel de XHT. 



fremir» Antemo Fr^ncrfco 
Riccé, Domemco Anumto 
Angiono Giufippt FgUce 
Cénoym Pietro Antomìo • 
Tholo[ùn Tammafù 
Mortiti Gmliéuio ApoBinare 



1 



•i 




n 



- T I T. XV. !»»> 

■ • ... - » . . 

rDA DBLU Fabbriche ^ jkFoKttncàttom {m) 

STATA SlfA&ATA 

HA QtTIlXA dsll' Abtiguerjju 



' 'J- 



fi è Veduto qui fopca tiu X1I1> no. j oS , 
^rCiuDta la pag# )ii » che ^IK^ndon iiqqiU 
li (fio. PtfoA? Mìglyna per Inmnàcttu GtkiraU 
^nitiiiria j FaHrich$^ t Fùrujka{iom con IL Pi*' 
lem 3 1 geimajo 173^1 compi egli a tali Uffiq 
neote , fino a che fu deputato il ycrani per 
lente Generale delP Artiglieria con Regie Pa« 
7 fettembre dello fteflo anno 175 3. 
l che di poi continuò il medefimo Migfyna 
ere Intendenti Generale delle Fabbriche ^ e 
'.ca{ioni infino al 1750 ^ vale a dire fino a 
agli dato per immediato fucceflbre in tal 
U Conte Demorri di Cafielmagno^ e meglio 
qui infra. 

> DEMORRI di Caftelmagno Conte Carlo 
Felice 9 Intendente Generale delle Fab» 

jo. briche ^ e Fortificazioni {e). »j U ef er- 
9^ cizìo avuto dal Conte Carlo Felice 
M Demorri di Caftelmagno dell' im« 
j9 piego di Reffcrendaro nel Confe* 
99 glionoftro de* Memoriali ^ e poi di 

^uefio iii. Xy fi accennano pure alcune cofi^ 

elative a' Bufcbi > e Selve » di cui tulle R. C, 

5m. z, /^tfgf. 539 tfi/ 551. 

i/i /r iÌ€^gitf Patenti delU j fettembre 1733» 

i fi^f nel titolo Xiy, pag. 311» e 311. 

fzi/cay? /a no/tf a» di cui nel titolo XIII^ 

rucolo Migfyna 9 pag. 3080 



> — 





r nofir^ Finanze > con tutti gli onori • . . . ^ 
»(r annuo fiipmiiù di lire tremila , da foldi 
n eaduna » le quali mandiamo al Teforiere 
io di miUiia di pjgaigli ripartitameme j a 
mieri matunuci , e cominciando dal primo 
ptoll&mo febbfijo •••..» eon ciò j che 
& lo ftipe&diOj di cui godeva por avanti ^ 
cefti il dovuto giuramento. Mancamo per* 

tp a tutti li no&i Miniftri » Magiftrati 

ino ìk i6 gonajo 1750. C Emanuele. 

MELINA di CaprigUo Conte Aleffio* 
39 Per la promozione del Conte De* 
o. ^l moiri diCafieimagno alla carica di 
j» Comrotlore Generale delle nofire Fi- 
i> nan^e^ tiTendofi tela vacante tlr^ 
ji ienden^a Generale delle nofire Fab^ 
n èriche , e FoaiJua{ioni , abbiamo 
,, rivolto il penuere al Conte Alei&o 

>, Melina di CaprigUo ^ 

»> opperò ci fiamo ben volontieri di- 
», fpolli a conferirgli quelta impor* 
ij tante carica già con diliinzìone efer- 
3» citata dal Conte Gio. Paolo fuo 

99 padre Per le prefenti 

9% adunque deputiamo il 

99 fuddetto Conti Aleffio Melina di 
n CaprigUo per Intendenu Generale 
. s» delia nofire Fonifica{ioni j e Fab* 
9» iriche, e Conigliere delle nofire 
9, Finanze , con tutti gli onori • . . . ^ 
M e coli' annuo fiipendio di hit iittnìh, 
93 le quali mandiamo al Teforiere 
99 delta nofire Finanze di pagargli » 

M lipartitamente » 



/• 






. • * 












Ma» 






^n^ 






• - • »• • • 

• «» ♦» t*" ' ""C 









■* i*" " < j -• " _**^ " /^ -f - * r * < CI 

1-4 :r ,, yii:".'-^ A-zi^t^. La ursiaun , cba 

IO „ ibfcisr.c i: prcrvcie-e, coi mcz- 

iitaiz^. ,. zc s: i-£ gcneiile RczoUxrcnto» 

,, ci. ':rr:ri5n:e ccslerTàz^onc de' 
{<j In ^ui^^-: RtiU P All'Iti etili 2 9 af^ile 17 Ti 
JL a€ctnrutno gii l'npiegh: giÀ Ja tSo Giufeppe 
Mxr.'^ btiiclno fyfitnìlti di Softituito Avvocato 
ne' poveri nel Senmto di Pumonu ^ pcfcia di 
Vice- Icteodcctf Generale delle Regie Ga* 
belle , ed uUirrarKenre dì primo Ufficiale di 
ì-rakTiZQ applicato al Dipaniminto delle me* 

(jrAxiTJì Gabella h). 
(i> A qucfio prapofiio vedi ^ui infra il tit« XVII 
^/Ì/« 'Argic Gabelle^ alle d»te 1730 aH giu^ 

gno ^ € i77j 18 aprtU. 



Il 



I, Bofthi , e Selve » eligendo , che veoga delK- 
M imo un (oggetto , che focco la direzione dilP 
M Inundtnu óeturaU delU no fin Fabbriche ^ # 
I, Fortificazioni , già da Noi ftabilito Scvrainun^ 
u éinu j € Confervator Generale di detti Bofehi , # 
» Sdife (tf) » impieghi le inceflànti fue attenzioni 
Il in accelerare le operazioni j che preceder deb- 
bono le Reali noftre determinazioni a tale ri- 
Sirdo » ci fiamo ben volentieri difpofti a pre* 
gliero per quell' oggetto , in qualiti di 
i> Vice • Intendente , e Vice- Confervatore Generale ^ 
!• col titolo ^ e ^rado d' Inttndente j T Avvocato 
u Filcale della Città » e Provincia d' Atti Gió. 
»i Bauifiet Forni » il quale nell' efercizio di deno 

M impiego 

(4 Gàk eoa le tefi^ fucati delU i» onòbtt lyjp « iU nmer [€• 
péU€. %% Nel {collsce » in cui tamo di provvcdeM alla mi* 
Il gliot cttrsp è cooretTtsioDt d€* Bpfski^ e 5<lr« ^' «o/Eri 
H Suti t col messo d' an gcaerak aegolameato a tal fine 
tt adatuco » col quale (empie pi& 6 pxémova i* ofiènransa 
li del difpofto dalle Coaitn^ioni » ed altci Ordini per Tad- 
«9 dietro a ul oggetto emanati* e fi rada all'inconiro degU 
%% akttii » e pregiudixj % che ac denTiDO » i^^memtntt « 

Il lig nardo delU PonifUeiiémi » cqfle orefènti » 

Il di MQfirm céftm fiUm\éi ...'...• floaittiamò'i/ /addette 
Il àuumUmi GiMraU delle nottre fabbriche » e bonifica- 




li però i éi/lrtiii dipendenti d!c/ no/f» Qrdn Caccieraret'cd 
H flui» di cai nell'Edittp 14 luglio i7tfl> e Manifefto dM 
it Senato di l^ii{s piiiso agofto 1771 1 Con tutti gli onot. 

> I e coli* dnnM0 fttpeadtp di Itrg mule , che 

91 iDandiaB-.o el T^rìtrg dilU mojirt fimmn^e di pagaigli 
»» ripartiiamente a quatticti maturati » cominciando diila 

«1 data delle prcfenti Mmndiémo pcctanto a tutti 

9» U noftri Miniftti* MagtftrJti« Ufficiali « ed a chiunque . . , 
Il di riconofceilo • . . . t ed eiia Csmére mo/lrd ds' Conti 
Il d'iaterittu le prcfcnù. . . . Af«sce/x«/i ix ottobze 177^. 

Tom* IL X 




XL 1 



Z S3V& 



■n£-r ^. 



:^J^rs. 



• • 



-f H 



:-fe r. jtx 



«•jo 



If^ £ 



:r.*5 







ysz^':9 



^ ¥■ 






Isrca- 
J prfo «ìi i*- 










di' Bofthì » ^ .Selve , ci .filmo dUfpoftì a' con'- 
_ feriilo ad Andrea Faffinm^ dello di Giù buone 
^ quabtà abbiamo avuti &vorev<^li rifoontri» con 
^ €hé però As^hk ogfi preftaro akroii la fua 
opera nM Anmda Generale di detu f'ortifi^ 
€arioni • e Fabbriche » fompre <juaado iion 
(ara occupato per i Bofchi, # «fcfc^^. . Vi didan 
M me penanto dì fitfgli io. tale qualità coni* 
M ipondeie 2* amniià AipendÌQ di lire cinque* 
ja. pento, come ne goéiWz'V Ar^kimnn\ riparti- ~ 
j» tamente » a quartieri maturati ^ cimirUioado dal 
M primo del corrente , e continuaiido ' in av^e- 
M nire , durante la fua fervitù » ed U rtoftro bene^ 
M flacif'. Comunicherete ali* Uffizio del Controllo 
H. Generale il prefente ^ per cui ioon fi pagherà 
emolumento^ e preghiamo il Signore, thè vi' 
rànfervi. MarualierClL } fettembre 1790* 



9, 'V. Amedeo. 



1795 BURZIO Commendatore Pietro PaoU 

^ Francefco* ,, iVe/T eferci{io di varj 

gennajo. ^^ impieghi , a' quali fin dUd 17^4 fu 

^9 deftlnato il Commendatore Pietro 
Paolo Francefco Burxio » e fingo* 
larmente in quello di Primo Vfi* 
liale dilla Segreteria nofira di Guerra^ 
eh' ebbe a loftenere anche prefTo 
di Noi in Savoja nella Campagna 
53 del 1775 > ha egli date fempremai 
cosi diftinte prove di capacità , 
probità , difintereflamento > e z;:- 
,y laote attenzione pel noftro fervizìo^ 
3j che ci compiacquimo già di dargli 

„ un 



ji 

>9 



11 
1> 



ég0 

fifittiàf» eoi MiÉMi» ìsTitIc 4^|b di 

v^^ flMÌ^BB0CBB68BS GQHOhSBhvHGOBIBO a ^^m9 





M 



iiyiiiMiiioiii^ ^ s uuuuBif BmmH^ 

i ÌOà ditt dldb MttOtti, • «te- 
&mM b HVIIitf» AmM fi ib» Alziti, 
èS 3 Bofttf MilpMto, Mil ei« /r«/f Hi». 

vaéé mkifàMUò , é ^ ieft «{oMO ^(ìmi le- 
devi TtHk» li S'|>taffi)d i>95. 

y» Amtiiù. 




f 

Dell» pcdboe ^ga^lk m1 ùu XV. 



L/emorri ^U Fdi^ . 
iielùu Al^B» 
BcrtoUn» Gitifeppt UtrU 
Forni Gèo. Batti^ 
Jirgkùmti Kittorifi 

itufff» ^m$rf fétU Fréifttft» 



^ 




Pkg. 

Ito 

I»» 

in 

444 



9^^ 0' ^^S -• — , 

Ti T. X^TL 



sius ToamcéZJON^ % Fa 

A OOSOA 



1797 Per efleie mveammmu cu^gttmìmóar 

8 ,» coftaDze, che cEedoo Iscgo ali» 

dfccnb. M Regie ftteaiì 7 fectHabn ì7}S(')ì 

.. coUe mali fi e iepinia t Anadé 

delle ^ FoctificauoDi, e Fafcodcltt 

da fwfle dell' Aniglieiia, f^tm- 

icf di bel DOOTO Ir muiejuu 

fimnire (énza danno del noftso ièr« 

,, tìzio t e con notabile iiÌ|ienDÌo 

di fpefe » € yóUndo Npì adopeiaxc 

ji tutti li mezzi per foUevare le no- 

,, (Ire Finanze > abbiamo perciò deter- 

„ minato di rimettere le predette 

jj Aziende nello fiato d' unione , ia 

^, cui erano prima delle mentovate 

Patenti. Quindi è, che per le pie* 

fenti , di noftra certa fetenza , 

Regia autorità , ayuto il parere del 

noftro Configlio, ordinismo, che 

„ a feconda del Regolamento delle 

noftre Aziende delli 18 giugno 

1750 > refti d*or in aTTenire unita 

f Int€iuUn{é 












(a) /^e^//r qui forra tit. XIV, J^g. JII, e j»*' 



«« 
^ 



r tnu/iHitt^d Gtiurék 4cUe For(ifica9ió&i , e 

Fabbriche m quélU dell* Artiglieria (41) j t h^ 
utulmie GtMTMU dilla quaU vogliamo , che ne 
iffuma refexci^io. Mandandù al CooCgUo della 
Mcfire Finsn{€ di oflervarf ^ e tener mano » dui 
, fi oflecvino qneftQ noftre ^ difpofi^ioni , «i ^Ak 
Cernerà no fra df Comi di i^iftrare le pre&nti. 
Qht UiC i nùftr0 maiu. Dat. m Torino gli otto 
del mQ& di dicembre 1797. C Emanuilc 

K A^ojtadro P. Reggente. 

V. HammSaa fel Controllore Gen. 

y. Pnttmi. 

Citruiu 

t7Jo i luglio. M Aocorchò da'npftri Rego« 
bnemi economici fi fiano in cadano degli 
l^fii} G4aiir4li del Soldo, delT jirtigUeria ^ dello 
paUriiko^ Fortificoiioni , deputati de' Giudici 
pMÙColari per decidere le controverfie civili» 

» che 
ì^odi il proeitato Regolamento pag. 90 (i) : ibi : 
,^ Regolamento per V Intendenza Generale deW 
j« Artiglieria % dilli Fabbrichi i dtlU Fortifi- 

ap coatti. 

M V Aiunda ieonomiea delt Artiglieria, 
9^ dille FabbrUhe, delle Fortificazioni , e delle 
^ munizioni da guerra farà regolai^, dalF In^ 
„ iindiuu Ginorali, ihe verri da Noi diptt* 

^ uuo 

£ yedaf pan pianto fi offtryò qui fopra nel 
tiu XIII » pag. 3 q6 y dopo li Patenti 4 Ree-* 
diUt ^8 mar^p I7ii. 



,9 che òcccncflo m ddctoéiao 'A éuù Ujfy 
^ dspCBÌlemcaie&te àa^ abd c coo o miìcì » cte 
^ tì fi ttattano; pai» complfiKfn al fenhoo bo* 
M ftfo, ed a quello fkDs GìiiAìaii pcr.va più 
^ £idle xicofiò » e pia pioota ff ie tlhiuyc cfi dette 
j, oontxoveifie , che Bao quelle cooolchite , e 
M deciié da una ibU Oekgax'oae » ci /»• i^ 
'j9 urmimoii di ftabiliie la medefion; iyfud » 
19 v^ere JUIr pnJiMti^ di noftia cena iaeasaj e 
^ Regia autoiicà » anico il paieie <lel noiio Con* 
9j fegCo» aUismo crdinsto, ti mèuùmm»^ oome 
» i& apprenx 

Prima. Tutte le canfe cìtìIì , die fi me* 
jt ▼exaiiiio,taiiio dal aoftro Regio ?atiiiiioaìo coatto 
^» Particolan , die da effi coatto il ooftiD Remo 
j, PatfiaKMuo per affiuri ecoDomid dipeadeati o 
99 JsIT l^Jp{io GtruraU iti SoUo , o da quelle 
M itir jlrtigUerU, o da quello aecota iJU Fai- 
99 hiclu 9 € Fardfea^ioni ^ fi decideranno primati* 
94 vanente dalla Delegazione 9 che a qnefto fine 
99 abbiamo come infxa ftabilita. 

^, Stconio. Sarà qiufia Delegaiioni cooipofta 
99 di cinque Jiggetti legali ^ cioè itlt AmiitorcGi' 
9A nirdU di guena, e ^i quattro altri Delegati, 
99 che verranno da Noi prefcielti fra il numero 
99 de' Configlieri noftri di Stato , Rifierendar] 9 Se- 
99 natori, o Collaterali della Cameia noftra de' 
99 Orati. 

», Ttrip. Promoveri dianzi aUa pniata D§» 
99 Ugaiione le iftanze per il noftro Regio Patri- 
^ monio 9 quiUo de' Primi , o altri Commeflar) , 
99 o Segtetarj dcllì fuddett^i Vffi^jt che fiirà per 
a» ogniuno di elfi rifpettivamente deputato dal 
99 Ctnuidort GcntraU » ^ii/T Intaniènu Generali 



j^ ddt JntgSèrìa , o da qubUo délU Faibrichi^ t 
M tcrdficm{icni \ appoggieianno i meclefimi una 
ji tale iDCuaibeoza a queUo 4\ detti Coflixneflar) » 
j» o Segfetar) » che> feconda k occorrere j o le 
„ materie 9 di cui tratteraflij ftimeiaiHio effere 
,j il più capace a riempirla. 

M Quarto. Spetterà alli detti Cafi d* UJj^jìo 
,9 di delkinaie fimilmente fra gli Impiegati ia eno» 
9» uno 9 cbd debba in detta DeUgaiiom fare le 
99 Taci di Sigr etaro nelle caufe concernenti il 
99 medefimo Uffizia i 

99 Quinto. Si congregarà la Dcltga{iofte per 
99 le caufe dell* Ufficio del Soldo > o per quelle 
99 dilU Fabbriihe^ e Fortificaùoni ^ nel Palazzo » 
99 ia cui fi trovano collocati li mentovati Uffi^j» 
99 e nella flanza 9 che verrà per ciò aflegnata \ e 
,9 per le caufe dM Artiglieria 9 in quella , che 
99 (aragli pure deftinata nel nofiro Arfenali. 

%y Sefto L' Auditore Generale di Guerra » 
j, come Cafo delia Delegazione ^ vi tenà iempre 
99 il primo pofto» gU altri Delegati vi federanno 
^ fecondo T anzianità. 

99 Sitiimo. Per decidere le fuddette contro- 
n Terfie bafterà9 che interveoghino tre Giudici, 
,9 cioè r Auditore Generale di Guerra ^ ed alter- 
9, nativamente due de' quattro Delegati , che con 
99 noftro YigUetto verranno nominati , principiando 
99 dalli primi y ed in cafo di legittimo, impedì» 
99 mento delf Auditore Generale di Guerra > vi 
»> dovrà intervenire in fua vece // primo degli 
9, altri quattro Delegati» con due de' refianti ire , 
MjCOnfervata parimente fra quefti tre 1' alternativa. 

99 Ottavo* Avrà ^ Auditore Generale di Guerra^ 
)» ed in cafo di legittimo impedimento del me-* 

^, dcilmo^ 



1^ 

M titì (fi dactOMi da fe iblo W cai^ focUi 
^j non ecceéMti la <'ibaiiiia « o viIom di ; 
^, yAUtcfnfw d*#i«| Ja jpatt» per^» dif ftii 
'^ dì eflew gnfau dallo hro, Crditt0MfÉ ^^ | 
M p«r b riparaiione licorrefo fu j^ioma i 
9, tUa Mb Deleg^sioqe , la qviala vi ptovf a 
M come di ratfioiio « efdafo pet6 fempii qai 
I» ella già atn cooie fovra giiidicatfi. . . 

;» itfi^M* la CQtec b ìmAma eauib'» cr 
,^ que veitop» o diassì dlaDfJagjigHUiai o 
a» dava&d alT d^Atwm Gn^ràh di Gkenm » o 
>• Zf$kg0iOg cha fappliti, ^oma ropti» lo di 
44 veci» fi pfoceden ^miDariaaiOfilé » e lei 
,j &Bsa lomialiti di proceflb le Parti medefi: 
^ od i loie logiuimi PfocuratQti ^ U <]ittU | 
n n<M dovranno cflèr Curiali. 

ij Da' giudicati di detta Delegaxione oc 
M darà verun appello , ma folo il ricorfo 1 
^ noci ritardataae incaoeo l'efecusione soodi 
»> cauzione da preftarfi da' particolari « a fa 
t> de'qualrfaraono feguìti. 

», Mandiamo si Stnato nofiro di PUmo 
^^ ed aUs Camtra no/Ira de* Conti di regiftrai 
^9 prefenti » ed alli Aiddetti Uffia) ^ come pu) 
p, chiunque fpertij di puntualmente oflervarlc 
^ farle offervare , non oftaote qualunque prò 
^ tomento in contrario , a cui deroghiamo , 
J9 eflère tale il noftro volere. Dsi. in Torino 
^9 ÌUfffio I7f o. C Ematiùtli. 

Mai 




175 1 9 oQtf zo; „ U moltipliciti dette con- 

^ Cfoverfìe » che et è ibto rapptefentato di cf 

,9 feie in via di portarti alla Delegaitione da Noi 

.,, ftabilita colle Patenti delli j luglio deiraono 

9, feorfo per affiui eccfnomici di alcune delle 

^1 noftre Aziende ^ e il defide^o, che abbiamo 

^1 della loro pronta ' fpedizione , ci hanno moffi » 

' ^, iconfiderata la divetfa loro cnalità » a dare per 

^ tal fine le ppponune provvidenze; epperò per 

' 9È le prefentì» di noftra certa faenza ^ ed àvtorìtà 

M ìtegia 9 avuto il parere del noftro Coniglio » 

^ abbiamo ordinato, ed ordiniamo come fegue. 

,t Primo. Le Aippliche, iftanze^ e tappre* 
»» fentanze , che dagli Imprefar) , od altri con« 
M traenti colf VjJi[io Generale del Soldo , quello 
^3 delt Artiglieria , o delle Fortificazioni , e Fai- 
' 3» irieke già prefentate, e per anco indefinite , o 
j, che in avvenire fi porteranno contro dette 
Attende , dovranno dalli rifpettivi loro Capi 
eflere riferite nel Confeglio delle Finanze » 
^ nel quale dovrannofi altresì da'medefimi rife* 
** 33 rire quelle iftanze , che ftimeranno di dover 
33 promovere contro gì' Imprefar) > o contraenti 
J3 fuddett). 

3, Secondo. Il Configlio , fentitane la rela* 
33 zione , quando fi tratti dì controverfie > che 
3, col giudizio di Periti fi poflano ridurre achia-- 
») ri mento 3 darà le opportune provvifioni al detto 
33 fine : avuto detto chiarimento , fé crederà le 
3, iftanze , e dimande degli Imprefar) giufte j co 
3) neinformarà3 con unirvi il fuo fentimento per 
I, riceverne le noftre determinazioni, 

33 Ter{o. Prenderà detto Confeglio in confi- 
>> derazione le alt^o cMtrovexfie per farne i ri- 
>> fpettivi indiri:(zi« 



»> 

>» 







9> 






Si 

a» 



'articoli 9 ptt db» di Ibaunt., o nipcojrin 
tletok « poi .k Jofo ,saftfq p yiwi>» » s^g^x 
che pofiuiP fichifld«» VP tbaul* ;jp«Kìi» 
aiMta,ÌiÌpd lfiwoi> JiUt fiRmn» Mftn i 
Gomif 

dflttt J)ekM|w>iio.) doifà vwfaj iSHqpn e 
le iftanie m* foddetti JbDpnm o pomiee 
fi uomwo wncMaA à\uiiJB^^ 
conrtinnerli in ima eomiXi di ciMueim oei 
della (biuDa» o indora d«lb cou. ooniaiid 
a ibfOfe didle Finnae : .^etta emnAi mb < 

<HH<<i^ jOiMIMBll iciiti OfiBtD il* ÙiOm 

n S>koMmp aUe^Bltett^ fiiddette .dUli 
li^Uo delTamo (corfo » ficoome^ ogni al 
legge t .o f^bilìflie0to.^ in quelte [wnij e 
pelilo eflCeure contrarie alle .prefenri. 

M Maodiama al Sénaio di PUmox^^^d a 
Cnura mitra d$ Coati di r^giftcarle» ed 
chitmaue ^etri d* off^inratle ^ .e farle ofbnra 
che tal* è aoftra iseiite. Dst. ia Tmaa lì 
oocao 175 !• CJEmaauiU. 



Ds S* JjutrénL 



TI T. XVIL **^ 

KmgìM GàMUJU 

Oe HEGE rifallo Steffino» Maflro 
jtmdii0rg, coUa direi/iong , # ìnjpt^ioné , 
di evi iaf la. ^ yi^^^rio Amedeo. A voado 
j» NoiéitoÌB«co&OBiialcGabdl«ao- 
,9 ftfo Goitfilt id PUmonu » e Tctt^ 
M del CooCido iti Jtfi{{« w>tt occupce 

' jt da'ncoiìcij c9«m fMr« de'Paeh di 
J9 Airovo mcqmifio ti • • • • • ^ 
jy « Michel Amomo . . . ., tatto 1& 
«» difetkine, 9c ÌBfpcsioB« ^ fViyi 
stfi^f « Mmfiro Amdiiore iielU Cft- . 
^ men noftu do' Coati JDeRegejket 
^ nitte r aaao 6òQ:cACa , iòtio U 

^9 ptiti 9 e coBTCStiefti 9 de' quali Aclla 
„ icritcura paflaca col noftro Piaimo- 
^ fliala li 5 correotoj da Noi appio* 
yj vata lì 6 , 8c dalia detta Camera 
,^ mandau oflervarfi U fette piar cor- 
^, reate » e Toieado , che fi fuidttti 

venghino iico« 

noiciuti per Economi delle predette 
3j noftrc Generali Gabelle per queft 
j^ unno correrne i perciò i/i viràk del 
3» preftme , di ooftra autorità aflbluta, 
j, )>articipato il parere di detta Ca» 
j, mera noftra, notifichiamo % ordinié^ 
^9 mo , e comandiamo a tutti li noftri 
», fudditi » & abitaud ne' Stati noftri 
9, di qua » e di là da' monti , e col- 
^ H, iodufo il Ducato d Aofia, e 

t» pasticolarmeate 






>9 



9» quelh» di hwtù mìlU ir€caité/etiMmi*òuo\ dia 
^» godeva prima in qtudità diMdfirùAuduorefiu 
^, ditto, cho ptefti il dovuto giuiaiDOiito alJ 
^ Carina di dotte Coofttniztooì » e cke oflera ] 
j» medefioie m ciò, che conèeme il {no Uflici 
M ••••••• • ^Ùi VoutU li 16 aprile 171^ 

17 2# H^^egdlameiito /MT /!« Direzione deUeGi 

li belle; iti: ^ Effeado le Gabelle un 

giugno. jt de' nervi principali delie nottre F 

nanze» (ara a carico del Géfuuu 
di effe la Direzione econoisica < 
_ queft* Azienda. Coà alla pag. 4 
Ì€^ RegoUmutti di S M. pel Govem 
economico delle Aziende» in d^t 
delii i>i gtugno 17^0 $. i. 

»» Oltre il primo Vffiiiale » che g 
^, abbiamo ftabilito per £ Ufficio dtl 
»» Finanze » avrà egli in foiievameat 
», delle maggiori occupazioni^ eh 
t> ^^ gl'i accrercono» co/t appoggiar 
t, tfH^A^ ^i/e/^ delle Gabelle , i£/i pri/n 

»> ^ffi-K}*^^* P^^ ^ (^i » il quale ai 

M tenderà 



(a) UnifcaR il i. 7 » ^^ ^«* «^ P^g- * ** l''^'^^ 
i4/i Regolamenti : ibi : ,» Dovrà detto Coi 
j^ figlio far ekiamare a fe^ ogniquaholta i 
»» ftimerà opportuno^ il primo Uffiziale di 
^, Generale delle Finanze» £&« verrà deftinai 
,, per le Gabelle » e il di lui primo Segn 
», urie . . 



I» tvoéei^ u&jctmentei p Cotto t di lui ordini » agli 
j» affari « che le concernono ••••••. Casi al 

{• 4» di cui alla pag. 41 fuddetta. 

^ Si porterà ffiomalmente nella cafa> che 
j, terrà da Noi deftinata per f Ufficio delU Ga^ 
M àglU, e vi rimederà per quello iTpazio di tem* 
„ pò , che farà dal GcnetaU delle Finanze fiffato 
j, si ad eflb 3 che a tutti gli altri impiegati » che 
M vi travagliano, facendovi tenere hSmz la ta- 
^ bella delle ore», come d pratica negli altri 
Aj Ufiiz)« C(>sj al fucceifivo $. > > di cui nelijt 
pag. 41. • . 

I7JO DI S- LAURENT Cp/xw Vittorio Ame^ 
: i^ deo. », iNT^/i^a fcrvitlt predataci dal 

agofto. j, Caiarr Fittono Amedeo de S. Lau* 

,» reni in qualità di frimo UjJI[UIm 
^ //e//r 0o/?r^ Findn^e^ e poi nella 
», lunga amfniniftrazione da lui avu* 
„ tane pendemu t a ferina del Mar* 
,9 chefe ^OtmtzdmqutpinofiriStati^ 
^, come anche in divej^e alue com- 
», milfioni» che abbiamo al medefi- 
„ mo appoggiate » ha egli cosi ben 
^ dato a conofcere col fervore del 
», fuo mIo la di lui capacità , prò* 
„ bità» ed attenzione nciradempi- 
»» mento delle fue incumbenze» che 
. »9 nella promozione da Noi fatta del 
^ Juddetto Marchefs n' Ormia al grado 
»» di noftro primo Seg^etaio di Stato» 
»» abbiamo deliberato di conferirgli il 
», carico di Conigliere, , < Generale 
„ delle nofire Fman^e^ pecluaii» clie 
Tom. IL Y 



1> 



^^ farà per fofteoerlo ccm lode ftii , e TiBttg^ 
éù{ Boftio fetvizio *) che pgr^ per le preienti • . ^ , 
deputiamo il fuddetto Conte Vittorio Amedec 
ifr..f. Laurent per Con^Uere^ e GeneraU icH 
,\ nofire Fwanif , xoq tutti gli onori , privilegi 
,, prerogative , efenxioni , fidieL , ^k> nel Magi< 
^, ftrato d^A!^ Camera nofira dt^Coùn^ t con tuu 
^y gZi Utili » dritti 9 emolmnenti » ed ogni ale» 
^, cofa a tal carìgo fpettanti , come anche cej 
9, i* annuo ^if indio di IL to*> Yifionej^ regagli< 
M da Noi lìabilite a parte ••••««,. 40fiii< 
li 14 agoilo 17^0. y. Amedfio^ 



»j 



i 7 M f R AlLlNQ Conu Pietro Antonio » Con 

K figliare del Commercio » r primo U^ 

gennajo* )£i4^ delle Finanze applicato al di 

partimento delle Gabelle, cornee infn 
^^ Volendo . palèfare al Conte Pietr 
j^ Antonio Frailino di Pino, e Bui 
n» ^ig^^r^ la diftinaione, con cui r 
4, miriamo la di lui integrità ^ e e 

9» pacità , • deputian 

33 il fuddetto Conte Pietro Antvni 
M Frailino per Conigliere del Coni 
^, glio del Commercio, e primo V^ 
^% fidale delle noftre Finanze , appi 
^ cato al dipartimento delle Gabell 

,, con tutti gli onori 

^ e c,olC annuo ftipertdio di lire di 
^, mila , e due terzi delle regagl 
^, di dette Gabelle • • « • « Torij 
M gli S gcnnajo X7ii« C. £manue^ 



iì9 
DALMAZZONE Cado Ai£onCo(a), Inu^ 

di^té GincrdU delle Gabelle « c^mc f/|- 

frsm »> Nella determinazione , che 

jj abbiamo pre(a di feparare dalle no- 

j» ftre Finanze T amaiioiftrazione eco- 

j» nomica dclU no/lrc GatclU di qua 

^ dal mare^ con appoggiare la Di- 

^ rezione di queft' Azienda ad uà 

9» ^g^etto di conofciuta abilità » e 

js (penenza, che la regga connoftra 

,» ioddisfaziooe j e vantaggio del Pub- 

>> blico j abbiamo avuto prefeste T/zi- 

^3 undenu GeneraU di Nizza dz-io 

99 Alfonfo Dalma^ipn^^ ed il merito 

,, particolare > eh' egli fi è accjuiftato 

,9 nelli diverfi impieghi da lui lode« 

^ volmente efercitati , prima £lìutn^ 

^j dintt di VarccUi » pofcia d* Imen* 

M dènte GeneraU deW jtrtigUerÌM , e 

J9 dilli Fabbriche ^ e Foritfica{iOéii ^ e 

„ fuccef&vamente it Intendente Gene-- 

n tale del Contado nofiro di Ni[{a 

9j ; quindi è , che > feparando 

^ Noi dalf Azienda delle nofire Fi* 

^ nar^e quella delle nofire Generali 

99 Gabelle di qua dal mare » 

«9 deputiamo il predetto Intendente Gè- 

JI9 nerale Carlo Alfonfo Palma[ione 

„ per Intendente Generale d'effe Ga» 

99 helle de* nofiri Stati di qua dal mare 

^ per adempire a tutte quelle incum- 

beoze, che da' Regolameotì p^l. 

governo economico delle noitre 
9) Aziende , e nel capo riguardaiitc 
[j pure qui fopra la pag. joy. 



3i 



546 

9, la Direzione ftjft GahilU^ ibno appoggitta i 
^, Generale delle noftre Finanze, ed al prm 
j> UfficiaU ivi unicamente ftr UaC€innau GmÌéI 
^ deitmato . derogando in quella pane » e p 

9» 



9i 
99 



Colo effetto s che concerne V ingerenza del 
j^ Direzione di dttu (ytf^<//^ da' detti Regola men 
coonmcfia al prcfi o Generale delle Finanze 
ed al fudderto pnmo Ufficiali^ al capo fuddeti 
d'efli Regolamenti ptr h GabélU , ficconi 
piTe a qualfivoglia altra difpotìzione » che p< 
tede eflere ripugnante a detta feparazione f< 
hmente; vogliamo firtiò^- che il detto Intei 
dente Generale goda di tutti gli onori , prlv 
j, legj, autorità » prerogative ^ esenzioni , pre< 
,» minetize, utUi, vantaggi^ ed ogni altra co 
3, a tal t^£ì[io Ipctranti > e gli afiegniamo t ai 
»• nuo Jlipendio di il. jm. ^ che mandiamo al Ca 
„ fere delle dette GaMU di pagargli lipartìt. 
»> mente , a quartieri maturati , cominciando dal 
data dei'e prefenti^ e continuando in avvenir 
durante la (uà fcrvìtù^ ed il noftro beneplaciti 
oltre la totalità delle regalie ftipulate ne' coi 
tratti dtlle fteffe Gabelle , con ciò , che pre 
il dovuto giuramento > e gli cedi lo (lipeudii 
che goJeva precedentemente > e con obbligo 
mediamo di conferire col Generale delle n< 
3, (Ire Fìsapze relativametìte all' mftruz.onc^ ci 
„ a parte gli facciamo riuiettere dalla Segretcì 
J3 di Stato. Ma-ìdiamo inoltre a tutti li noltri M 
^y mfkii . . . .^. . • ^ ed alla Camera noiha d 
Conti d* interinare le prefenti ..... 
Torino li 13 marzo 1742* C Emanuth, 



99 

3> 



1» 



I. 



^4< 
RDBATl Francefco Bartoloonnto ^ //i« 

UiuUnu GejuraU delti Gabelle » come 
iafra. », Le indifpofizioDi» dalle quali 
j, rìtroyafi aggravato V Ictendcote Ge- 
j, aerale delie noftre Gabelle DaU' 
jf fn4{{pae , non permettendogli di 
^ continuare U Tua applicazione allo 
9> copiofe incumbenze dìpeadentì da 
j» tale Azienda «. che in virtù di Pa- 
j» tenti d;sl di lui ftabilimento de' 1 5 
^, marzo 1741 > abbiamo feparata da 
j3 quella delle noftre Finanze > e con- 
^, Tenendo non meno al noftro fec- 
o vizio, che al vantaggio del Pub* 
j, blico , d: furrogarvi per(bna dotata 
j» delle qualità più proprie a ben 
,, adempirne i doveri , ci iiamo difpo- 
j, fti di eleggere al detto carico, 
„ unitamente a quello di ConfcgUere 
jj nel Confìglio del Commtr^io ,V h^" 
„ vocato Francefco Bartolommeo Ru-- 
„ b^ti^ il quale ha faputo fempremai 
conciliaru tutta la foddisfizione 
noftra ne'divecfi impieghi da lui 
lodevolmente efercitaii , fìa di Pre- 
„ fetto di Vercelli, e Mortara, fia 
„ d' Intendente d' Ivrea , ed in ulti- 
„ SBO luogo di primo Ufficiale delle 
„ n^fire Finanze ^ e fi e fatto cono- 
„ fcere altrettanto iftrutto nelle ma« 
„ terie giuridiche , quanto capace , e 
„ pratico per gli a^dri economici ^ 
j, accoppiando alla dottrina fua una 
,9 (ingoiar atrenzionei e zelo pel no* 



99 



144 

i» precogaìbTei eimiaili « liiiS » ttflfi^'t < 

^ altra colà al dttto Uffifio appanenento , 
„ mmun fiifemiio di IL im. , che Blandii 
^, Oftiie dtlU d€iu GmUk di pagargli 
^ ttfXDCDia^ a quaitierì Datuiari» comin.iai 
,3 priiBo dell' imaibeiite iDgUo » e comiinii 
j» avvenire ^ durante la fua fetvitù ^ ed il 
„ beneplacito » m» ciò , tìU frtfii il dom 
j» ramento, e gli ceffi lo ftipendio di 

M Mundismo peiuoto ^ ed mlta • 

j, noflra Ì€* ùonu JT intmtkùr U preftniL* 
tt li a8 pugno i7iS, C EmmnMeUm 

1 7 f 8 BERTOLINO Awocmu Gìn&ppe 

4.S primo liliale delle Finanze 

giugno» tato al Dipanimento delle G. 

€omc infra. ^ Effendo Noi pien 
foddìsfattì deir efactezza , e 
applicazione, cl*e ha finora d: 
,, to L* Avvocato Giafeppe Maria 
„ Uno ncL 'adempimento dells 
j9 bcnze del Tuo impiego di f^ict 
j, denu Generale delle noMre Gai 
,^ damo compiaciud di (labili 
9, qualità di primo Ufficiale de 
99 ftre Finanze applicato al I 
39 mento delle Gabelle • . . ; 
99 ^» che deputiamo il fuddeti 
9, vacato Giufeppe Marta Bcrtoì 
99 primo C/Jfi^iaU delle noflre ì 
99 applicato al Dipartimento di 
9, beli {a) di qi'à dal man 
(a) Con Patenti dclli 29 aprile 1775 fu } 
deputato Intendente Generale dell« 
chej e Foititicazioai» 



9» 



^ i^le ftipttlate fie' cohtrìttti dello fteflfe Ga» 
IV beUe j €on ciò che pidAi il dovuto giuramento^ 
>9 gU ceffi lo ftìpeodioi che prima godeva « 
91 mMtuUamo inolti^e • • • > td alla Cometa no" 
Il fira de Conti d' interioare le prefenti • • 4 • é 
j» ^Drillo li 17 giugno A743. C Emanuele^ 

jPe S. Laurent* 

17 fS FERRt Avvocato Scipione» ptimo £^« 
^8 TiaU delle Finanze applicato dì dipar* 

gomajo* nmento delle Gabelle ^ ro/n^ infra^ 
9j L' Avvocato Sipione Ferri avendo 
^ cotrifpofto alla noftra afpettazione 
, 5» coli' e(àtto efercizio dell' impiego 
u finora avuto ^ Kue-lntcndente Gc" 
y^ rurale delle nofire Gabelle ^ (i è 
j9 meritato per contraflegno del fin* 
99 golar gradimento 9 che ce ne ri- 
9, fulta» di venir da noi ftabilitopet 
j9 primo VfficiaU delle noftre Finan« 
„ ze applicato al dipartimento delU 
9, Gabelle • • • per le prefenti depu^ 
j9 ciéMKi0 il fuddetto Avvocato Scipio* 
9, ne F4rr/'i per primo Ufficiale dello 
99 noftre Finanze applicato al dipar* 
39 timento delle Gabelle ii qua dal 
99 mar^ (tf) 9 con facoltà d* intervenir 
99 re nel Configlio del Commercio ^ 
19 e con tutti gli onori 9 privilegio 

99 prerogative 



U) Con patenti dei li 29 aprile 1775 fa poi egli 
deputato Uditore Generale di Guerra. 



54* 
n buon gfadd diurfìAtUté di prefcieglierlo fa itt 

M pofto di tanta rilevanza i ptrfuafi g che coìì' ckU 

j« co, e fedele maneggio» e direzione di nuii i 

%» rami » che dipendono da sì efiefa A{Undu » giuftì 

fi il preferi tto he Regolamenti uonomiei (tf) » iàrà per 

^ coxrifpondeie a queflo ben diftinto atteftato della 

,j coofidenta > che abbiamo in lui ripofta j epfer^ 

j, colle prefenti • 4 • ìt^kìimxò il fuddetto Conte» 

^ e CommendatorQ Afcamo Botton di Caftella- 

u monte per Configliere » e Generale delle Boftre 

,» Finanze^ con tutti gli onori » priyileg] » preio- 

9È gative» autorità» efenzionij utili» dritti ^ ed 

ià ogni akra cola a tale carica fpettance» e coW 

j» annuo ftipendiù di lire fei mila » óltre lire mille 

)» cinque cento per vipotR^ e regalie , Scienti in 

9» tutto lire fette mila cinque cento » che mandia- 

i» mo ai Tcforicre di dette noftre Finanze dipa- 

u gelagli rìpartitamente » à quartieri maturaci, co« 

$^ minciando dal primo del prolfimo maggio > e 

9^ contiauando in avvenire » durante lafua fervitù» 

A» ed il nofiro beneplacito^ con ciò» che gli ceffi 

9» quanto prima godeva» prefti il dovuto giura- 

>» mento » ed oflervi il difpofto da' detti Regola* 

^» menti economici j e dagli altri Ordini noftri; 

9» mandiamo pertanto a tutti li • • • » ed alla Camera 

99 noftra de Qonti d' interinare le prefentì ^ che 

j» tal* è noftra mente. Torino li x% aprile irny 

99 V. Amedeo. 



(a) Si udeno tjji qui fopra alla data delti it giù» 
gno 1750, pag. }}6, e 537» e vi fi uni- 
Jcano le pag* }j8 ad }^i , come pure U 
pag. 3 4S » di cui infra. 



Tttjf IfikCOAk Avvotàtó Giuftppe AntcM 
li nio» Inundtnù nell'Uffitio delle Fi* 

ecttiiib. lianze. ^, Li di fi in ti faggi d'abilità^ 
M probità j e zelo» che t Av^ocmìo 
^ Giufcpfe Arsiamo Piacila hh&noT^ 
li dati nell' eferciiiìo avuto per molti 
ig anni dell'impiego di Fice- Inttn*. 
^ dente di Biella , ci hanno favore* 
i9 volmente difpofti a deftinarlo //i« 
^ tendente nelTUffi^io di Finanze • • • • | 

15 epperòr per le prefenti « 

j» deputiamo eflb Avvocato Giufeppa 
„ Antonio Piacenza per Intendente 
éi nelt Ufficio delle nofire Finanze per 
^i efeguire tutte le incumbeoze , cho 
3^ dal medefimo Uffizio gli verranno 
^j appoggiate , con tutti gli onori ^ 
9» privilegi > prerogative j utili, dritti^ 
,y ed ogni altra cofa a tale Uffizio 
g^ fpettante» e colt annuo fiipendio di 
«> lire mille feicento » le quali man* 
^f diamo al Teforiere delle noftre Fi* 
33 nanze di pagargli ripartitamente ^ 
^ a quartieri maturati » cominciando 

j» dal primo del corrente 

j3 Ciamberì il fettembre 177 5* 
s4 A^ Amedeo. 

r779 PERRET d'Haufeville Conir Giufcppa 

Il Francefco» Intendente Generale dello 

tobre* Gabelle, e Configliere delle Finan^Cé 

53 Nel determinarci ad appoggiare la 

33 direzione economica delle noftre 

<i3 Generali Gabelle ad un foggetto, 

,. il 



d0 



:j4s ^ 

»> il quale imeDda ad iodefefla attività una diKiM 
» cognizione di quello importante ramo dette 
9> nottre Finanze, fia rn grado di diriggeme coift 
i> dovuti rapporti alt Dffiiio Generale delle mede- 
9> fime le operazioni in modo » che ne rifulti ad 
91 un tempo fteflb il vantaggio del noftro erario, 
» e Quello del Pubblico , ci (ìamo compiaciuti di 
9% vedete accoppiate cosi pregevoli doti nel Conte 
» Giufeppe Francefco Ferrei D' tfauttville . • . . 
»i abbiamo perciò (limato di preicieglierlo al ea* 
«» rico d'Intendente Generale delle noflre Gabelle 
» . • • ) epperò coilè prefenii • • • deputiamo il 
1» fuddetto Conre Giufepne Francefco Perret iHan- 
%\ teville per Intendente Generale delle nottre Ga* 
s» beile » e Configliere delle noflre Finanze, con 
»> tutti gli onori, privilegi, autorità, prerogative, 
»» efenzioni , preecuicenze , utili , vantaggi , ed 
»i ogni altra cofa , che ne dipenda , e colì^ 
91 annuo flipendio di lire tre mili , che mandiamo 
» paf?arfrgli dada Cajfa Generale delle Gabelle ^ ti" 
» parti tameote , a quaitieri maturali , cominciando 
9> dalla data de4e prefenri ^ e continuando in av- 
*% venire duraute la Aia fervi:ù , ed il noftro be- 
>% neplacito^ e ciò oltre li due terzi delle rega- 
>» lie Colite pagatfi dagl' Appaltatori all' Azienda 
» di dette Gabelle , con che prcfti il dovuto giù- 
99 ramento , ed ofTervì le iftruzioni , cbe a parte 
99 gli facciamo rimettere , e gli cedi quanto pri- 
» ma godeva. Mandiamo a turti • . . MoneaÙeri 
%» alli dodici d' ottobre 1779* f^- Amedeo» 



f4> 
iflm GIAIME Felice Gmfeppe deputato eoa 

u Regie Patemi delli 1 2 dicembre 1 : %o, 

ficemb* Intendtntt Generale delle Gabelle» e 

C^nfigLtre delle Finanze , con tutti gli 

oooii • • . » e coW annuo fiipendio di 

lire tre mila • • 

17(4 Sechi di Burdigoin , C^nte Franceico» 
S j. Deputiamo il fud detto . Conte • » • 

*^'€f ss per Intendente Generale delie noftrt 
j. Gabelle > e Conigliere delle ncfirt 
j» Fir^an^c, COD tu: ti gli onori ••.. ^ 
9, e Colt annuo (ìipendio di lire ^ro 
^, mila , che niandiamo pagarfegli dalla 
1» caffa Generale delle Gabelle^ iipar- 
^, ttaoiente^ a quartieri maturati •• » 
^, Siupiniggi gli 8 ottobre 1784. 

1754 CANOVA Pietro Antonio, Intendente 
9 Generale dtììe Gabelle, e Configliere 

tiuiajo. delle Fii^nie , deputato con Regie Pa* 
tenti dcUi 9 genQajo 175)0. 

1790 PULLINI di S. Aoton'no Conte Giù* 
14 ' feppa , Intendente Generale delle Ga» 

oVemb* beile, come infra» „ A ben licmi^ìe- 

re la vacact ; carica d' Intendente 
_ Generale delle noiUe Gabelle ób- 
„ b'.amo Hiiara la noftra fcelta (lAìa 
„ perfora del Conte Giulcppo Pul* 
,, lini di S, Antonino i dotato egli di 
„ perfpicace inccudiuicnto ^ e d; non 
,, ordinaria capacità » mentre non ha 
3, ctfuuo di diftìugucrii linora eoa 
„ (bddisfaz:02ic nolUa, e del puii>ÌE»lice 



3> 



J5P 
,, hM efercizio dell* impiego di S^fiiudiù Pro^^ 

^, ratcre no^ro GateraU^ & è puf e .occupata ad 

^s un tempo fteflb nell' iftruirfi delle macerie eco- 

^ nomiche delle noftte Aziende * e pàrrioolanneiiio 

^ di diverii fami delle fioftre FinaoM ; 

ji> ^pp^rò colle prefimn dcpuiìSLcao ilJkdJatù Conu 

y^ Giujeppi PulUni di S* Antomno per Inundem^ 

3, Generale delle nqfire Gabelle ^ e Còaiigliere Àib 

,, no/ire Finenie » con tutti gli onori ^ 

^, e eolt annuo Aipendio di lire ire mi/4j che mail* 

3, diamo pagar(egii dalla Cafla Generale delle Ga« 

3, beile • . • • » e ci^ oltre ti due tef aeii delle regali^ 

p folite pagarfi dagl'Appaiutof i all'Ai^enda di dette 

^ Gabelle » eon che ptefti il dovuto giuramento « 

,3 offervi le iftruaioni, che a parte gli facpamo 

,^ rimettere» e gli ceflli quanto prima godeva: 

^ mandiamo pertanto a tutti • • • • . Mancati^ 

^ li 24 novembre 1790. K Afntdeo. 

f 

I7S7 F ASELLA Felice Clemente j fntenJenu 

1 Generale delle Regie Gabelle » depiH 

Igofto» tato con Regie Patenti delli x ago- 

fto 1797 :i^i. j, Deputiamo i/yiMUrrfo 
j^ Intendente Felice Clemente Fafelta 
3^ per Intendente Generale dille rtp^re 
^ Gabelle % e Configliere delle nofire 
,, Finanie^ con tutti gli onori ... » 
e coir annuo ftipendio di lire tre 
mila^ che mandiamo pagariègiiJ^/(0 
Cajfa Generate delle Gabelle • . . » 
99 e ciòi oltre due terzi delle regalie 
^, folite pagarfl dagl' Appaltatori all' 
,^ Azienda di dette Gabelle ^ conche 
II» predi il dovuto giuramento , ofTervi 

11 lo 



9> 



fi 



Il» 



yi le Iftns2Ì0BÌ 9 che a parte gli faeciamo rimettere* 
e gli ceiE quanto prima godeva • • • TorÌM 
li a agofto 1797* C. Em^mueU. 



99 
99 



ELENCO 



quefto 



Uè Regi Stiffan0 • é 

i7i S. Laurent littorio Am^co 
pi S. Laurent Vittorio jBhtdto 
FraiUno Putro Antonio 
DiUma[{one Carlo Alfonfo 
lutati Franfcfio Bartolomm^o 
ferri Scipione 
Bertolino Giufeppe Marta 
Botton Afcanio 
Piaeinia Giuf/ppe Antonio 
Ferra Giufcppc Franafco 
Gioirne Feliee Giufeppe 
Sechi Francefco . « 
Canova Pietro Antonio « 
PttUini Giufeppe « 

FafeUa Felice Clemente • 



Pagt 
1)1 
334 

53S 

34t 

341 
344 
345 

347 

« • 

IVI 

J45 
55» 



154 

T IT. XVIII.. 

C^NSIGUEKI» I.T^SOHIE&Ij^ ... 

CONTaOtLOIU GbnMAII, Ì ^^ ^ ^^ ^^^ 

Intendenti GwEiuax^ J 



I i? j I B AYNO Gto. Battifta , ConfigUtre^ e T 

20 (oììtt^^ cono, infra. », in virtù d^lle 

XXXUZQ. ^ pxtfpnti . • • t éUputiamo effo 6io. 

„ Battifta Bayno ftr Coofigliepe» e 
si Tttotiùté^iUUanofiraCafa^ con tutti 
j9 gli onori • , • 9 ^ con lo Jtipcndim 
js di li« II7)* 1} Ducali» a m. io per 
»^ liuras in^mt con le ratiooi $re(a^ 
,;i lite ^ & il cavallo fpefato nella nor 
Ara fcuderia • . • • con ciò che efiTo 
G o. Battifta Bayno prcfii il dovuto 
^ giuramento. Mandiamo , 8c cornai* 
j, diacpo pertanto al noftrò Maggior- 
,, domo maggiore • . • Chcrafco li 2 e 
$p ojar^o 1631. f\ Anudcom 

m 

16 ij STlLIO Giulio Ccfare , Teforiere, comi 

12 infra. ,» Convenendoci ora provedere 

luglio* j> d* un Teforicre della noftra Cafa^ 

j^ carrica vacante per la promozione 

„ A/ 

(a) Di efji ahhìamo ora pcnfato di darne qui un 
ttt( lo a parte , ancorché Jiff da noi detto al' 
trove (i), non ifjtr calino fiuti comprep nel 
piano della preferite Oj^cra* 

Uì Tom. Ili ^ pag. i8x. 






^éU Melina ^eOàoA f^i^méàmm^* 
^ • • • » per Icprefeati • « • • • difuiimmà eQjj» 
j» Giulio Cefiure Stilio (m) fit T^toAtn détta nm 
^ ftrm Cafm al luogo / efi Bwno » con tutti gH 
,, onori , ttdlii itnlio j emoTumMti * dritti ^ • 
M carichi a detto Officio (pett«Qti» coaq uè Imi 
,3 gioito ditto Béiyno » << potevano gioire ^ e godeft 
^ gli altri Tuoi antecefibri » 4on €ii^ ; tA* «^/ì (afa 
9, tenuto preftare il dovuto giutàmento» & dare 
9» fedel conto del fuo maneggio a -Aio tempo 
^ •••••• • Msndimmo peKìe > & comandiamo 

^, a'MagUhari . « • • « Ttfrino li 14 luglio itifm 
^M^Anudio. 

m 

xili TORZANO Giulio Ceiàre. », Ay€fidi> 

ti ^9 Noi rifoluto di fervirci neU'avve* 

ottokrcu u nire di un foh Cootrellore ptf la 

9, Cafa nofira^ come fu offervato per 
^ il pattato • • • 1 raccordevoli de' {er« 
9j viz) ricevuti dal Magnifico Conii- 
^ gliere * & Controllore di efla Caia 
9» ]tf.r Giulio Ctfàre Tonfano diAJli, 
j, & della foddislizionet che ci ha data 
9% Mgfi Vjpy^ • « • t come anco di 
^ <|ueila» che continua in quelle ca* 
^ nco di Controllore • • . > volendo» 
^ che i7 détto Torcano refti yo/b » Si 
j» che a lui tocchi il ferviz'io intiero 
^ di é/ue fi' Officio • • • i perciò ptr le 
n fTijfénn . ....... deputiamo 



(a) m ChkH. 
Tom. Ih 



i 



3j^ 

^ loff diUoi Cafa nofir^ pur fQrwrci hai filo ^ 8c 
it efetcirlo neiravveoiro^flipluttoi^eiitet ifoosache 
,j . . • alcrì pofllao iogietùrfi in dertO' caricò di 
t> Controllore di ditea Caja i . CQ/i tutti, gii oood 
p» .'...»• .» ftij>endio > & jilrte coie folito go* 
^ dexfi dagU altri fi»iii Controllojri paflaci , ^ois 
9» cAf preftar^ nuovo ^giuraoieoto. MandUmm^^ 
^i tanto » & coinaadiamo a tutti i Magi(Ìnui • • • » 
^ JpecìalmenU'al Maggiordomo^ .maggiore , Gran 
^9 Scudiere, ^Qran Guardaruhhi» Gran Chiambel* 
^, laao » SoyrsL Iniendanto , . Tcioriere « & alari Of» 
jj ficiali di tt& noftra Cafa •••••• IVrinò ii 

j> ottobre 163 5* i^* Amedeo^ 



iGi% PAGLIERO Ghirono.» ConfgUtro^ t 

X Teforìerej com$ infra* „ Le molte 

giugno. 9» prove . • • « del zelo • • • • dwl 

molto diletto noftro Ghirone Pa- 

gliero di Ni^a > ci 

s, hanno invitata nella congiootura, 
s» che dobbiamo proveder un Tefo- 
^ ricrc delia Cafa dell* A. S. in vece 
39 dtUo SiiUo da Noi promoflb al grado 
i% d* A]utant$ dilla Camera » d' eleg- 

M gerio lui # * • ; & però 

n con le prefenti depU' 

j» iiamo il predetto M.r Ghirone Pa' 
^, giuro Configjiiere , .& Teforiere 
^» della Cafa deW A\ S. come fovra» 

^ con tutte le 0^ orante » 

11 i^Gg^glie » cavallo kuiMiO • • .« • j 






«j 



HJ 



^ £* con lo Jlipendio 9 penfioiiej & liupg nt^arU 
», a pane ftabilìteglij con ciò, che ptedsak il do- 
9, vuto giuramento. Mandiamo pertanto a tutti i 
i> Magiftrati •«•••• ToriM - 1: ghigno 16389 
-^ Chrifliana. 



• • 



V 16^6 EXCOFFIER Francefra , -Confjglitri > 
^ 6 Teforìere» com^infrà. j» Con le pre* 

gens^]o• 9, fenti • . . ; • ^ era afflfti^ia de' 

»^ signóri Preocipi Maurizio* eFran- 
,J cerco TommaiomftffCrigymri • • • • 
j^ deputiaoib deno Franccfco Excof* 
j, fier Conigliere , & Teforiece éelld 
^, Cafa di S. jÌ. R. comi fopr^, con 

,3 tutti gir onori -, con lo 

99 P^p^ndio ^ penlione, & liure ciba- 
j» rie a parte (tabilitegli ; con ciò però^ 
,9 che preftarà il dovuco giuramento, 
j» Mandiamo pertanto a tutti i nodri 
19 Magiftcati • • • • Torini li 6 gen« 
99 najo i<4i. Chrcfiiennci 

^t(SS GRONDANA Marc* Antonio , ConS^ 
IO glitrc, g Ttforiirt deìh Redi Cafa, 

WftA9é come infra. ^ • v^ Avendo 

V N<"*^'^ qualche tempo fa, rite-: 
^y nuto per nofiro jéjutante di Camere 
„ il molto diletto nòftro Marc' Ja* 
^ tomo Gronddnà (lilla confideratictne 
j, delie fue buone qualità , & della 
,, lunga fervitù refa alla noftra Cafa 
a^.Realej non menù da lui, che da 



i 



41 



^ Tuoi féire^ e jrauUe » c|ie aacoia ee b tot- 
9» tioua Belle iippreie dc'noftri redditi ^ e rico- 
t» oo(cìuto nella fna peffooa talento per feisfirci 
^ in impiego più rilevante » ifn vehruUri ci fiamo 
A dirpofti tf^ ^gl^ngerli la carica di T^fori^re della 
»» noftra Caia imA^ promottioae dM Exct^Ur 

»•••••« ; epperciò ptr U 

M prcjenti deputiamo 

9j il fuddetto Ajuunti 4i nòfirm duiura Grondana 
»> per ConfigUgre^ e T^fofkr$ dclU noftra Cu/m e 
^ luogo dilt Excfffiif » con tutti gli onori ^ au- 
j» torità» prominenze j prerogaiive » privilegi » in- 
ai mimiti 9 efentionij utili > dritti » regalie » fran« 
ju cbiggie ^ i^mdkt Uvrato^ 9c ogni altra cofii 
fpettantOf come banno goduto» e potevaoo 
godere il fi$d̀$to Excofiir^ & altri fuoi ana* 
4> cejfori, e con le pentioni » é Uure cikarie a 
>> pai te iUbiliteli» concihp chf preftaià il dovuto 
j> giuramento, Mandi^f^o ^tnsLnto , Jc comandiame 
9^ à tutti i Magifìrati ^ Miniftri » farticolarmerm 
^ al Q)nfeglio deU4 noftra Caia , id Maggiordomo 
M Maggiore j Primo » ^ tf/iri Maggiordomi » Gen- 
j, tiluomini, & altri Officiali d'efla» & a chiun- 
9» que altre fpetterà» di riconofcerej ftimare» & 
^ reputare il predetto Gpondana per ConfigUeré^ 
j> e Te/or ifr0 dilla noftra C$Lfa% come ifopra qofti- 
^ luito ^ con farlo ^ e lafciarlo gioire » e godere 
jj degli onori 9 autorità i comodi» utili « dritti» 
^ Aipendio » péotione j AV^ €iiari§ » cavallo /► 
9j vr^ro t & di tutto ciò j cbe a dett'ljffizio fpeftat 
a» & appartiene 9 fenza vernila dif^coltà^ o con- 
,1 traditone \ cbe cosi . vogliamo» turino li in 
«, aprile 16,5^. C SménuiU. 



t /tf&ONDANA Marc' Antonio » ControU 
lùr€ GcMermU della |leal Ca(k» com0 

Dk iii^«« ,1 l-a foddbfisittione , che ci 
^t promettefliiiDO dal Magnifico Confi' 
$9 gii^rt j € Ttforiirt della noftra Caia 
^f Marco Antonio Groniana nell'eli 
a> leggerlo a quella carica» è Aata 
^ À intiera nel maneggio d'eila, et 
j» ha si ben conifpofto alla noftra 
^3 aipettativa » che dopo atei dato evi* 
^ dente prova dì fedeltà » nonmenoj 
jt che di capacità fua per impieghi 
^ magfporì^ ci ha invitati a teftimo* 
j» niailiene Y aggradimento nella con-* 
M puntura preientauci deUa morte 
^9 di Torcano , nella quale j eflendo 
^j vacata la carica di Controllore Gè* 
^, Hcrale di detta nofira Cafa » ab* 
^ biamo immediatamente rifoluto di 
j» appoggiarla alla fua prudenza^ 8c 
j» integrità •««...) tpperciò per 
^ le prefenti ••••.. • deputiamo 
Si il predetto Teforiere noftro ilf^irc^ 
^ Antonio Grondana Conigliere, e 
M Controllore Generale della noftra 
^ Cafa » còft tutti gli onori , autorità , 
s, preeminenze » prerogative , privi- 
jj log f immunità j efentioni , regaglie, 
j, ftancbiggie nelCifieJfa maniera ^ & 
M «o/ médemo fiipendio , rationi , ca" 
S9 valli livrati , & ogni altra cofa , 
' ^ che ipetti al detto Uitizio» & che 
M han goduto , e potevano godere 
s3 i tuoi antcceflbri , e panicolarmenta 



«5« ■ ^ 

il Tcr{aM dejvaip , con ci^ , diept e C a 4ù* 

^ vuto, ^iutameoto• Maniiéuno penanto» e 00* 
M oiaDdiamo a tutti i noltn MagiAnti» Miniftii^- 
^y ^ majjimamenu al C^Dfcglio della sottra Cala , 
,^ al Magtiiordomo Maggiore , Primo 9 Oaiirìitag^ 
j9 giordcmi , Gcntìluoniini > & altri Uffidali d'dBk 
^à\ ricevere» rìconofccre, ftimare» e reputare 
^, il predata GronJana per aofiro Configlurt^ € 
„ Conuollcn Generak ddla medefima Cafa» rea 
j, /ar/0 » & lajciarlo gioire ^ r godere degli utili , 
^3 diiiti^ regaglie» sacìoiù, ftìpeudie* carallo li' 
j, yraio, & ogni altra cofa a detto Officio <peC« 
^ tante » & appartenente , fen:^ alcuna difficoltè, 
,, e contraditione» per quanto ognuno ftimacam 
j^ la gratta noftra ; che cosi vogliamo. Moncalieri 
,9 li 11 novembre ié;6« C. Emanuele* 

17 17 SANSOZ Conte Spirito Gmfeppe Fran^ 

i6 cefco Felice. »> Il particolare gradi* 

aprile* ,, mento , che ha incontrato prefib 

jy dì Noi il Conu Spirico Giufeppe 
9, Fraocefco Felice Sartfc[ moderno 
^, primo Smdico di quejia no/ira Me* 
jj tropoli per le fue virtuofe qualità ^ 
», giunta la confiderazione della lun- 
», ga , e fedel fervitù reià dal fu Conte 
j9 Gio. Claudio Sanfo[ di lai padre, 
j, si a Noi , che a M. R. mia rive- 
9, ritiflima Madre , come anche alle 
9, AA. RR. di Carlo Emanuele II t e 
j, di Madama R. Cnfiina uìitì Padri , 
jj ed Avia di gior. mt^m. , nel! efer» 
f, ci^io di var) impieghi , e majftmù^ 
n mente in qucUo di Scgretaro di Ga^ 

„ emetto. 






«««««^^IB^Mhi 



£2 



•<. 



L SL-^-^I, 



^^ ■ r ^ 






_— . ^ 



-^ 1.77 S11L_I. i^> 



:r^X' 



- - , -^ . ^ ^ ^ 4k^ •• **' ^ LJ' ' * 



^,* »^ 



,, C5.3 , c^i 1 .a:cr>*u',.ift .^ 
Vtii, iì tTco xxT^.- «àt-rf r-,-.ìc^ ^\n ^ » >V|j[ 
I-6 , rr:.: a. 




4liceifib* 



DEGREGORI Oiufepp^» ^ifUton^ » 

turaU JiUd Real Cafa^ e Gonfiglicre 
effettivo dello Rogìe Fioaiixe • €om 
VQtOj e Tedia in tutte le lèffieni del 
Collfig^o di effe » e coU* aaaiio ft« 
pendio di iìie tremila • «fibra Un cin- 

Duecento 4 che gli affegniamoiìfm- 
one annusé Coti nelle Regie Patend 
ij dicembre 1736» 



174» 
febbraio. 



«7f> 

fectcfiìb. 



1778 

i7 

inalzo. 



Gieasni Antonia » lawè^ 
dontt GemraUéUUaReMtCaJkp eCon- 
figlier^ tffettivo J$IU Regio FinemUB 
con voto., e Tedia come fopra , e coli' 
annuo (Hpendio di lire tremila. <!wJ 
nelle R. Patenti 14 febbrajo 1741. 

NICQLIS di Branditso Conto Ignazio^ 
Intendente Generale della Real Cafa, 
COD titolo 3 e grado di Maggiordomo, 
e Configliere effettivo delle Regie Fi' 
neui{e » con voto , e Tedia come £> 
pra , e coli' annno ftipendio di lir^ 
tremila. Cosi nelle Regio Potenti iS 
(ettembre 1775 » ove leggefi pur eo^ 
mefigtu: menue pertanto inluirav* 
vifiamo le pia pregievoli doti eor^- 
fpondenti alla nobiltà de'fìioi naulij 
ci fiamo ben volontieri determinati . 



•••• 



SOMMATI yaJptUo Domenico i^uonio, 
di Mombcllo. j, Neil' adempimento 
delle móltìplrct incumbenze prò* 
prie deir Uffizio dell* Intendendo 
j^ Generale deUa noftra CaTa p bè t J/y 



li 



^ di Mombello ne* direrfi aftliii» che ci fta fiat* 
»i Tesdo lA cflb Uffizio neOa auilità di ^1M* 
»» Inundenu GéneràU , dimoftlata iMoiir» uni di» 
fi ffiau ca|Nmtè é .... Dì eoa pregicvoli ^^ 

»« lità ne aTcya tgli già <Uc« hùd^ott 

»s toftìÀOBiiiime * allofa che effieade tacaftlcfi!^ 
si jE(^ dell' Inteadenza éi ^uefU Pf(oifinda % coi» 
Ai tmuò egli a rej^gerla pel corfo di dieci toftiit 
^i con molto merito di lode , e fensa verun òot* 
j» refpertivo àflegnamento nella qualità di Vhi^ 

33 Inwidénu l } epperò per le prefentt 

»>•••»•• deputiamo il Vaffétth Dòminiièo JtéÈ^ 
M ionio Sommati di Mombello Reggente itlt t^jf^ 
>i fi[io ddP Intendenza GtrkraU della noftraCafa» 

33 con tutti gli onori ^ colia facoltà 

3» dSntervenire nel Configlio d'e^ nodra Cafa^ 
>i od in quello delle Finante i ne* quali dovrà 
33 continuare ad avere il pofto fteflò da lui finora 
M tenuto f e colf annuo mjfegnamento di lite dutf 
3i mille cinquecento , thi mandiamo al Coniglie 
3S di ditta nofira Cafa di £u:gli pagare dal Tefó^ 
•I riire della mtdejuna •»••••> con cìò^ che 
33 gli ceffi quanto prima godeva » e frejU il do^ 
fi i^Mto giuramento . . . . é Torino li 17 marsd 
3» 1778« y^ Amedeo. 

17(4 PC)CHETtl^I di Sertavalle Conte Oidi 

5 Battifta^ Intendente Generale della Riai 

ottehre* Cafa^ con titolo ^ e grado di Méé-- 

giordòmo » e Gonfigliere elettivo della 
Regie Finanze. Vedine le R^ Patenti 
nel tomo | , tii. 6f fag. i8r ^t kSau 



i 



1791 LO VERA CavMiitrt^ t Cammmidéttùn 
19 D. Mtcbele Aoconio , InunJcnU Céit^ 

tpiilo» raU delU Rud Cafa » con titolo » O. 

grado di Afujfjr/orip/n*» e ConGg|ios9. 
effettivo delle Fioanzo» coniedia» -% 
voto come fopia» e coll'aoiuib ffi* 
pendio di lire tremila. Ci»' nelle Re» . 
gie Patenti 19 aprile, 1791» ^^ fi 
dice fure » che il di lui merito invir 
tava la Sovrana beneficenza m dargli 
un tcnirMJfegnQ del Reed gradimento ». 
in modo eziandio corrifpondcaìti'gUa 
diftinxione de'fuoi natali* 



1 • . 



j> 



i7)o 18 giugno« 9i II Coikfiglìo 

dcUa Cofa farà cómpofto da qmat^ 
,9 tro Grandi della . nofira Corona , 
^^ cioè dai GrandelemoSniire. » dal 
j» GranciamberUno , dal Granmafiro 
gy di Céfa j e dai Grande Scudiere : 
^» avrà un Segretario , ed un Ufcie- 
re. Così al %. i del cap. 1 dei Re- 
golamento pel Configlia della Cafa 9 
di cui alla pag. 74 de' Regolamenti 
di S. M. pel governo economico delle 
Aziende j contenuti nelle Regie Pa- 
tenti delli 18 giugno 1750 {a). 

», interverranno pure nel medefimo 
^y in qualità di Configiieri , // primo 
^, Maggiordomo , l' Auditore Generale di 
,, Corte, il Mofigiordomo di quartiere^ 
^y r Intendente Generale, ed un Collate - 
,. rale di Camera , che verrà da N^i de* 
„ putato. Così nelfuccijlfivo ^.i^pagj^ 
(a) E pampati in Torino^ nel!' Accademia Reale 
apprejfo il Chaì.s , Canno ijìQp 



-p Si coAgregher) 7ul Regio Psla{j(p » ogaU^ 
^ v^kachè daU* Inundenre GcneraU ne vtiri. 
^ fiuta r iftanza al pia étn{mno de Grandi , che fi- 
^§ ritrovcfà in Torino , e regolarmente una volt4 
^ in cadnn me(e » e s' intenderà legittimament4. 
j» congiegato , purché vi ii trovino due delle tre 
i, pani eh detti Coniìglieri, e che tra i coogre* 
9» gati vi fia Tempre uno de Graitdi , ed il CoUd* 
M geraU iuddetto. Co^ mi fucajfivo %. 5 , pag. 74^ 

j» Sederà a capo della tavola 1/ Grandi EU^ 
tf mofiniere ^ a lato di efib » e nella medefima 
M linea fideranno gli altri Grandi j fra i quali fi 
M regolerà la precedenza dall' anzianità deir am^ 
M meifione alle loro cariche > indi Tederanno la* 
j, teralmente nella lìnea deflra» e hpiltra 1^*1 al» 
$, tri Configlieri fecondo l'ordine, con cui fono 
9, fovra defaitciy. e finalmente ilStgretarìoìn&nQ 
i, della tavola , dirimpetto a' detti Grandi. Cosi 
nel ^ 6 di detto capo 1 > pag. 754 

1749 16 fettembre. MORCIGLIA 
j9 CollatcraU. ,, Il Re di Sardegna j 
1, di Cipro > e di Gerufalemme &c« 
19 Concilo dilla noftra Cafa. Per intef r 
j, venire fecondo il difpofto dal Rego- 
,, lamento delle noftre Aziende alli 
g, Congreflì di codefto Confi glìo , ab'^ 
j% iiamo /limato di deputate » eome de»- 
j» putiamo il CoUaUraU Mordiglia^ & 
j, per fupplire alle di lui veci drca 
j5 detto Inter vento» in cafo di fua aiTen* 
j, za> od impedimento, degniamo // 
j, CollattraU Niger , conferendo perciò 
^ a'medefimi tutta l'autorità necef^ 
^, (di'ìBL, ed opportuna » durante il no- 
^y (Irò beneplacito : ve ne teniamo 
5, intefi » affinchè» rendendoli partecipi 



di tal deptttfl4k»e , poffiàtefoSneUtfooOooMM 
ammcctecli ri(petii vameoto in Cosfiglio > iàttu 
I» €Ofim.iA pfe(e&ce dfa CsmgfM t^rm àiC^m^ 
^ • ièftn pia preglùaiDO il Signore , che vi eoo* 
III ibfYU ?>rii>t li i«fetteipbrei749.Cé£aMiMErik» 

2>t S. LaureMm 

175 S i^ fetfeobre* FERRARIS 
^Métterete. ^ U Ro ^i Sardegna» 
I9 di Cipro» e di Genifidemve dcc« 
^ Cmi^igUò d€lU nefira Cb/o. Con 
j9 Vìglietto noflxo de' io fettembro 
„ 1749 tmaiìkMUUom il CoìUiifaU Mér» 
M d^/!^ per incerrcttire alli Con- 
,9 greffi (u codefto Gonfiglio a te- 
j» nor del prefcrìtto dal Regola- 
», mento delle noftre Aziende » ed 
il già ColUuraU Nigtr a fupplire 
alle di lui veci in fua aiTenza, od 
^ impedimeato. Ora per^ non pò- 
^ tendo quello ulteriormente conti- 
»» nuarvi il Tuo intervento , edeflendo 
», quello paffuto ad altro impiego » ri 
»» diciamo d* aver deputato » €Ome de- 
putiamo per r effetto fuddetto il 
ysffaliùy € CollattraU Ferraris, ed 
in di lui affenza, od impedimento 
il pia anziano degli altri CoUaierali^ 
»» conferendo loro tutta V autorità 
»» neceflaria» ed opportuna» durante 
»» il noftro beneplacito. Dovr;.te te- 
», nemeli inteli , perchè vi fi poflaoe 
»» alle occerranze uniformare » e dar^ 

». COfiéi 



9> 



Sì 
99 
f» 
J9 



<V 



^^tpfiét del prdiBte «Ib Camèrm nopradiConnt 
,» e fenza più preghiamo il Signore , che vi eoa- 
» feisri. Torini li i6 iottembr^ i7il.C.£mamidt. 

1797 j iS^ttetnbre. BKEÀ i/i iU- 
yrr^i Collai^rale. j> // Rt di Sank^ 
5, ^/M ^ i& Cipro , « ^ GcruftUtmmt ^« 
a, Coniiglio 1^^ ,Mi2r4 Cafiu Vo^ 
4^ leii4o Noi pspYfoderp a tenore del 
^ prefcritto dai lUgolaòienri delle ìio- 
» ftre Aziende per la deftinazione d^ 
«^ C(t>i/ifi^4iir^clie d^ba iatervqiìre aUi 
j> CoQgreÌ& di cc^Afto Coe&gUo in 
3^ furrogazione dell' ora JPrefidei^e ^ e 
^, ColUitetide Cappa t W icV/tfiRó d'aVel; 
M depi)Uto« fo^f deputiamo a queft'ct; 
t» fetto il Come » ^ ColUuréUe Bruì di 
jt RivéfA^ ed in di lui aflenza ^ od im? 
99 pedimento t il pia an{iano dfgli at^ 
i> iri Coi/«i#rii/i.» conjferendo loro tutt^ 
94 r autorità iieceflitfia » ed opponuna^ 
^ durante il noftro beneplacito. Do- 
j9 vrete tenemeli inteii^ perchè vi fi 
jj poflano all'occorrenza uniformaret 
99 e i^«i« cofia del prefente 4^/41 CW* 
9» in^rif ;ioj?nf de* Conti \ e preghiamo 
99 il Signore « che vi confervi. Tèrinà 
9» li j ietteinbffe 1797. C ^manutU^ 

I 

CrrrMlit 



X 



-w — i 






; 



f^f 



E L e; N C 



Delle perfone comprefo in queOa tir. XTni^ 



fSayno Gìo. Batti fta ^ 
StUio Giulio Cefarg' • -' 
Torcano Giulio Cefar§ ^ 
Pagliero (xkirone • • 
f^xcojfitr franciko • 

Grondarla Mère Antoriìa 
prondana Marc' Antonio 
Sanfoi Spirito Giujiff^ Francefco 
Degrtgori Giuftpft ■ * ^ 
Ptrucca Gióarmi fiottio 
Nicolis Ignazio • ■* 
Sommati Domenico Antonio 
Pochettini Gio. Battifia • 
Lovera Michele Antonio • 
Mordiglia Gio. Battifia 
Niger Paolo Michele • 
Ferraris Francefco Nieolao 
Mrea Francefco % ^ 



Felice 



• 



35» 

ITI 

m 

IVI 

357 
15» 

ito 

$61 
i6t 

• • 

ITI 



TIT. X 



9 






>•> 



r7lj EX£A£iH 



9 £2MsiDr«p 
1 ie»!««B3 d. |Mnoì>M% 



g, Cm 


vUez ^ Gr.'^l 


M»^ÙS^ cibi col 


m «7» 


T &a ila et: 


Evo £ d»e ^ 




e pcirre ó^ òm selo. tftes* 


J9 <K« 


e » e tifrisk 


airiftcciKecio li 


« 


r^ feTRXÌO « 


^imfiigm. che 


eoa 


joievoiiDemte 


eierdfce «f 0#« 


B 9erm 


mu.-t et m/tri 


'•«^Ut«f*'^« 



I» CofiisU^ a hanao di bu.^a gn^ 



delie pregevoli coti > dì cui 

^ è tbr&ito il ymijjLU0 i'ìrs^tm^^ H f 

. ^ c^rjì di NttTo di ìJi G<ntf0 ^ irca*^ 

j9 dcfic il nudcùmo dati uggì pei 

(l) Deputéto €ùH Rcgii Faitnd dtUi 5 «$<^/^<» 
1737 f /5<^ difpofiiha SiiU qiuù ji Asrjr 11 
medàfimo ftipcihiio 9 e s' incoKvcno U fir^i 
tffTt^ni , contenute nelU qui riporuu Rt^ii 

Fauna al Bàìcuùx delii 10 maggio 17$^» 



y 



MI 

n pi il ita! Mtb viBtaitt cameii » mì$ d è^ 
^ gnaoDiDO di (Ucorailo id grado dì Capitaii#- 
^ Mtfi Mjj|lr# rri^ip» 4^' fmmkmt .dia&Qrdaw « 
^ quf fto /• fóf¥tayiàytn\0L ìm^ iaU impUgo • • • ^ 
^ epper^^ €W€ frtfinù •••«•#••• 

^ ^anj^ di Metro U fovravvivenim «1 piedMta 
^ Conte CoMMlUri di Gcofcavello is irifo impiega 
^ dì GoveiBiàtof e de* iìoft4 I^azi m/'W m/S^ 
ti CapiiaU 9 e lo <;oftituiainaj e ftahUi^mo in talo 
^ qualità » ce/l^ prercgéuirm di poter eferciie Tac- 
^ cennato impiego ptndenu U vita d* eflb Cmif 
IK CataUcrì > iflf a ie meri» M ^usU vogliama» 
^ die foiteocrì ttilt €f$iUviià, del m$4tfim0 impiego » 
^ con tutti gli onori « privilegi , utili « dritti , o 
,j^ vantaggi a cale uffizio fpettanti « e coW éumu^ 
y Stipsudio^ di IL 500 » oltre le lolite 11* ^41 per 
^ la ri;opatura ii driii Palanti e IK ijo pet 
^ quella del CafltUo » formanti in tutto 11. 1191 («)» 
jj^ io quali mandiaiDO al Teforiere delia noftra Cafm 
^ di pagargli ripaititamente » a quartieri oaatuntij 
^ cominciando dal giorno» in cui entrerà nelt 
^ effettività di detta iaipiega» e coétinuan^io im 
^ avvenire « durante la fua ferjritù » ed il noftsoi 
^ beneplacito s eo» eie, eke prefti il dovuto gin* 
^ laoaenta Mandiamo inoltre a tutti i noAri Mi- 
^ ui.ftn ••••••» ed al Configlio della noflr^o 

^ Cafa » di farlo defcrìvere in tale confermiti 
^> jìuli kijaiuìo , che tal' è noftra mente. Dat. allei 
^ Vìgruk tUak K 10. maggio lytj. V. Amedeo. 

(^ Cosi artche nelle favra4!Ìtate Hegio Patenti delti 
I 020 fio I7J7 a favore ir / (^ jii« Cajlo Ema- 
nuel Cavalieri , tulle éfuali fi accentui pure ià 
QQfkìÀ èv!kìk$ Ci perizia nM tirehitetttiré^ 



*-*. «JU C«»»* '^'^be vi eoa- 
^ Twin» »» *" ^t*. 



t • 




" i*dio»e»«° %** fomfcicodo loto t""* 

» • a, A. ^ col»»»» .^ ; TmrUtO 



ELENCO 

Delle perfbse c aajnf i m qacft» iòti Xlì 



MJ^io Ciò. B^ttìfi^ 
StUlo Giulte Of-tra 
Tardano Gi^Uo Ltf*rt 
PjgiitTO (Tiiroru . 
f,icò^tr Frsneifc» 
, CronJatui Aftrc Antonio 
(ffendaaa Mare' Atitenie 
Sanfo^ Spirito G'ufipf^ Frenetfio Fttitt 
Ifegrtgen Giuftpft 
FtractM Gicaam Aftomo 
tiitolu Ignazio 
Sommati Demtnieo jttuptàm 
Pochtuiii Gio. Battifm . 
Laverà Muhtlt Aaioaio . 
MorJiglia Gio. Battila 
Nig€r Paolo Michtie 
Wvrmris Franetfi» NieèlMO 
Mrt* Fraaujeo • « 



^ aB&ì-aeeuftiiiIato ttelb &« FvDiiKat'f pacfKicMb 
j, lacmente per la fua fenrirà leia a quatta XSqh 
49 xoaa JéUU furono Senatori, fpoi padu» (^ m^^ 
^ con particolar confideaaa , eie p$rjii d'iOnoànti 
^ il Jh$^ Cmu 4* impiago» col qu«b fofla iiaS; 
,9 teft'unonìo di periÌByenuite fdivitù -a! .quatta Ca».. 
9, ù, Reale , fic aucoasexitauie accfcfcimciito » .^ 
j» ampUazione ) ci^e però eoo quetta «ìì^ * • •u ^r 
^ iUputiamo detto Codio Mucatoxa (ayMafiro-dir 
99 Cerimonie (i), & Imrodutiore éégU ^mtmfim:'^ 
99 tori per S; A. R, mio figliuolo asiatiÌ£iBO»^Ì9ili 
,9 <i/m gii onori « •>. 9 .& dne^rasiOBi » # fiipen» 
99 afe cu liure ottocento cinquanta fette 9 & a ^. 
99 denari io» argento ^ a fol4i ao:».^ tal cari- 
^ co ipettantì 9 Me appartenenti » ro/i ciò , che pre» 
^iftj il dovuto giuramento^ iMjiu&ix^o {pertanto 9 
u coinandìanio a tutti • • •• • • ^JFoJ/^no li 10 

j^ bttobre 164^. Chre/Uenni^ 

léji. SCÀRAVEIXa Métfeke/i Pietro Pao^^ 

M^o . - . MafroMtiì^ Cererooniev' & Itmon 

gjBuiajQft ^*ebittoA\dqfliAmi^eìéaork' 9,- Voteqlai 

^: . . . vs ^* dar.fegno »hMattàrfe Piaira: 

99 Paolo Scaravéllo GintiUtomo delUk. 

99 n^^ni Camera del gradimento 9 & 

t;» gMÌhiilineLrnoftii'^:'jtiper ripcQt- 

99 rotta fua fede provata nelle p^flat^i 

^\ .sy.iul^Atfny nelle AialiMrolontarij^ 

^' . 9^ arantehbbakuloiiò^la fua^Iaià» fc. 

. ^ \\>\<,'* \ ^ '4 .s •'. t. .'• ,. < \^ "' ** Deoi . 

(a) Di iSài / farla MiU^anm Aatfa» parte pri<- 

ma, fa%. \%\.^<^ -^k -tt^..-ii\ ^ ^-x 
(b> Veii^ìà infra VàppttkUccr» jRàru feconda,, 
pag. «4. ^ 











l" 







/A#ySr iJfiptnéi^ uKkk mm a, 4 a 
f^> 0$t n/ Rifili Cmmdi^ ^f^^mk 



fif. 



ITI 
I7t¥ DI lUCCRNA CWtf» jCH^ MacchoA 

21 JtAmgrogumB Maftfo diìU Qrùmmg^ 

4ipiUe« fc Imiodunore iUgti Jlmkffihtori* 

. 9, Le pxoVe non moo di muitrofii 

j» prudoaza» che di zelante Meom* 

$, me, quali ci ha date il ùisr^kifi 

M i* ingrogna Carlo Amedeo 4/1. JEm* 

M ^^^stf ìa <utti gì' impieghi da lui 

. 99 ibftoouti ,' 9c ia o^i occafiooe di 

^ noftio fenrizioj a riefcono degni 

^ mociri» olire a ouello difuonafci* 

^ méfUOB di confetmi V impoi unte ca« 

^ rìco i^ m/Zro Mafiro éUlU Ctrimo* 

^ mie 3 ^ Inuoduuore i$gt Atmbafcimi* 

^ tori, iracato per la demilfiooe fat« 

91 tane nelle noftre mani dal Comte 

^ D: Viuorio Tarino Jmferiale (a), 

9t che già fi trova da lui eferdtato 

«, ad intiera noftra roddisftzione t e 

^ Ó6 non fole in altero del noftro 

f> gradimento j ma per (bmminiftrargli 

M campo di fempre me^io far fpic- 

j» care li propri talenti i ^indi è » 

jy che fer te frtfcnti deputiamo effo 

^ Marchefi d* Angtogom CMrlo Ameieo 

j» di Lucerna mofl^o Mafiro *di Ceri- 

j, mome{h), iclntroduttore itgt Am^ 

I PéBét oarie4 di Maftro di Cerimonie conferiim 

od ejo Conte V» l^iorio Torino Imperiale 

mom ei k riufii$o di troworme le Poiemi negli 

Jjrchiv) Camerali: fuiadi è > eke akkiomo 

fiiméuo di porlo ben» fra i M^ftri di Ceremo^ 

me,^e prima del Marclie(e d'Angrogiia» 

ma però fen^a affi^urame la preeija data» ^ 

) yìtM qui infra TAppcndice , par. t » ptg* 3« « 4 



déèùém ^ éonoùk m&mom b«IU CmadcUt di 
9^ qoifb C^m f te. itt MM lo altfD cccafioni» 
^ dit fet b loratà nU #& Prmgìmfi Margt* 
i^ riti t 4c Addaiéi m^ri ^rctfr aello qualità di 
nMét^mUm^ noflr^ per iarviile a loco iiSon 
t^^iwtf pcr^isfii tredk», ^ «i£ alla fwfou aoftia 
M liarimeniì ir MsffiprAuità. di fMénisrg per anni 
9»Ma9 dbrr liinerm deT iiiot afitenati » quali nelle 
>» frigie caridM hauua refi rileganti {enrìz) alla 
M ooftra GMODat in* i pt^rfo d'onorare i/ iriio 
M Msrchtfi d* inpiego » col quale pofla dar te- 
)• ftiiDosiio di perieveraace fervicù , te anche me- 
>i rUar accrefcimenaOt te amplìaaàone } con Upre^ 
n finti dunque • • • dr^ùiiR# detto Marchefe 
^» Pùtro Paolo Scaravello {m) NUftn ddU Cert^ 

ft €on tutti gli onori • • • , & du$ pi0{ioni orJi- 
t» nòrie ^ eoa lo ftipeodio di li^tre ottocento gin* 
^fMMu Jitu d'argento, a is. io TunaC*^), atei 
y, carica ipetcaatj, U q>pertenenti ^ um ciò^ dt€ 
9i. pretti il domo cputamentaJKeei^eim pertanto^ 
9» & coaiandiamo a tutti * • • Tmtin^ U logen- 
m naio i6ti«; CsfU MméauÈ$L 



tjìs T AtUKO bnpeoate Cèm$t p. Vittorio. 
dr€*(^). 
(a) Do'SuTÉiM di Torbo Clae/IfMri di Lefegn^ 

$fé mMliotHnoB0C6i.K^*M,psg.l7^ i)5 
(h) Vedi ^ infis f Appeadico» jMm ficondM 

/^•4««waflnMfn(^^kpig.aici«tfaii 
(e) radi mìlsjtpmmn^^ »7I k JUgio /"#- 



iMiì dflii 11 ^ypÉb i7r# a fiivore < I Mm^ 
théfo ^JfnfHigném eóUa mm a, 4B rw it/. 
(^ Cpjì n^AtgUhi Cnmgr^li^ mì fià^ni mum 
Vedi fid j^# i!# jM|f« |7i# 



ai 



fAmppgfu» Mate» ddU dramik, 
j9 Lo pc0fc aoA BMi di 

9 die w XfilM 

d bi 4m il iC«A^ 
» £Aa^mK* Cado Èmeòm d*tg|^' 

. * « iw oca6iM dì 







D. ite» r^rm tmfm4Ì€ gfi^ 
ds ga £ SD«» is lai ^*TTjr" 
ad Joan kAr hrrftfirfarricqg » e 








«wri^... ir 
4k liiÉn» ^ 




Hfmàt 



iVtVtéi 





jTw » Mmìr, u 



t » 



/^ 



•» beai , ftt ttgoinf* M. K. ton Si^ 
M-Madro di gloriota neiDorà nclU CnaàA^ 
» qu«ft3 Otti , èc io ta^is le altre Dca6od, 
M cba p«r U ferviti) refa «J^ Prtm€W^ ^iup- 
1» ni« , iC Adelaide nc^rt S^nUt «die qtnliiiS 
tt Méf pariamo nofiro pez fervirle a ìoa}iiia- 
g, dlwrf per «dbì tienici , £* »i^ alla peiibBa noftn 
'jy paiioienù di Magg'^rdoMHt dt quanidrt pei iB 
1^-^ 1 1 » «iO€ li mexm de' Cuoi aatenaù * quali nellt 
1^ prime caiidM baaso refi rileranrì derrii) tSl 
Im ooftra Cocoos , ei i p^fo d* oeorare U drim 
ift Mcrcktfi d'impiego, cól quale pofla à»t t^ 
fi9 Uiiuciiio di perrevennte fervitù , & anche a» 
, M li'U acdeTdmeDto , fie ampUazioDe ; ^on /< 
j*J<n" dunque . . . dtfutisjfa detto Maicl 
f» Pirtrc Paolo ScmveLlo (d) Moiro d»U* C. . 
, M noRù (t) , ^ ItttroJuuer* JtgÙ Amh^JaéttÀ, 
t, con tutù gli oncn . . . , & Jtu f«{iowi i 
y, narit , cos lo ftipendio a Utirt ottectnto 
^ ^msnu Jitu d'wgaoto, a lì. ao l'osa (*)> ) 
„ carica IpetiaBii , & Bppaiteoeati , coh cU, < 
„ pretti il dovuto ^iuiancAta AUadiano penua, 
M & coaMadMBd a tutti ... * 7l*iaf li log» 
»aajo imiCarhT 



t7ts TAUtHOìmftùìkCmm ^ rmaób 

dK«(<). 



//« «M(ÌMM aA Cf».IL^.i, Mfc|7^ 115. 
(b) Vedi «at i«>j rA MM Jii w , 0tm flmUi 

> /><w«M% féUi «aw a,^ a# ili 



«A<A iJffpopmà mUi «aw a,^ «# mi 
Vtdi ^fifTé U fég. 171. 



179 

DI LVdBMh Càth dm^ìdMiokfdk 

^AmgrogMMM MaftfO éU!Ìk drimomgp 

fc Imioduiiare iUgU Amké^cUiori^ 

. M I^ piote iioa moo di manitsofii 

j9 pradsnzai che di zelante Meoxio- 

u 9!0, qoiit ci ha date U ùUrdk^ 

jt £ Angrogna Cailo Amedeo 4/1 Jb»- 

«t éiriuL ia tutti gì' impieghi da lui 

. ,» ibAomiti ,' 9i ia o^i occafione di 

^ Aoftio fenrisiioj ci riefcono degni 

M motirif eftrtf a ouello difwnafci^ 

^ méniùM di cofifeffiui V impoi tante ca« 

^ cioo di noftro Mafiro delle Cerimo'- 

^ nie^ ^ Inuoduuore d^t AmbafcU^ 

a» lerij yacato per la dMiilfiooe fat« 

^ tane nelle ooftre mani dal Conte 

^ D: Viiiùrio Tarino Jm feriale (a), 

^ che già fi trova da lui eferdtato 

^ ad intiera noftra Coddisfazione » e 

jt ciò non fole in alterato del noftio 

f, gridimento j ma per (bmminiftrargli 

M campo di fempre meglio far fpic- 

j» caie li propri talenti i «juindi è » 

jy che fer le ffifcnù dentiamo effo 

^ Marchefi d* Angrogna Carlo Amelio 

j» di Lucerna no/ho Mafiro ^di Ceri^ 

M moniélh), iclntroduHore digt Am- 

le aarioé di Maftro di Cerimonie conferita 

e§o Conte JP. littorio Tarino Imperiale 

t ai k rÌMfii$0 di trovarne le Patenti negli 

chiv) Camerali : quindi i , che aitiamo 

naso di forlo bendfra i M^ftri diCeremo^ 

fs »tf prima del Marchefe d' Angrogna # 

; fero finra afficitrame la pruijk data» » 

! qui in/S'tf l'Appendice > fnr. t » pag# 3« # 4 



# 



|7« 
1^ nofiro GtéB àUfifù ddU OmmiAg^ co» ntd 

jy gli onori y privilegi ^ prefogithre • ..••%€ mX 
>9 annuo ftifenàh diulscoo, mnnJéndo il Goofi- 
5^ slio della nafta Cafii didefcrifeilo intele con- 
^ totmikfidhiUnci^JkUa m§difmn,c di faurg^ cof** 
0, rifpondefe detto ffipendioripinilUDeate» e quei* 
9» rieri spatimri, comìadiAdo dalb data delle pe- 
^ fsnd» e condnuodo m aweiiiiei dmante Ja 
9» fua ferrità » ed il softio beMplacito^ €0m €Ìè, 
^ che frifti il éovmù ginréminiù • # • • Tarino 
u li 14 dicenibee 1774. K Amadio. 

Cora* . 
1784 CRAVETTA di ViUanovetu » CkKtf* 
14 Hai Filippo Felice ^ Grnm iisfro icflSf 

q>rile« Cirimonie. », Anioato da ieiirinMDti 
M d'onore, e da ma Tivo 26lo pel Boftio 
n ier? iaio ebbe il C^raUnn rilifpo A* 
,9 &V< Crnvetu di ViUanovetta j a dare 
in ogni tempo nell' intraprera mi- 
litare carriera 4 fingolannente nel 
corfo delle paflate due «iene , af- 
fieurate riprove di fedeltà^ e va- 
lore, non meno, che delle altee 
„ pregievoli doti , che in lui con* 
^ corrono a fregiarne la chiarezza 

,j degnatali, onde è, che 

meritoiE quindi d' eflere nel 1 769 

trasferito in Coru all' impiego di 

>9 Maggiordomo ; ci compìac^uimo 

s. Noi pure di rioompenfare il di- 

(tinto merito della ben pregevole 

e lunga di lui fervitù > allorché ci 

degiuunmo di promuoverlo alla ca« 

^ rica di nofiro Mafiro di Cerimo- 

„ nÌ4 , td Introduttori d^gli Amba'* 

^ fiiudori i wW fiCci^iÙQ della quale 



11 

9% 
9% 



99 
9% 



99 



^^ 



$» «««ftdoti coftfonDàri vìéj^À Bel Dfqprrole coi*' 
,i ccctOs che averamo fonnaio dlwe coimiiesde- 
M wdì £ loi ^à 9 e nelli giufta eftioùtlooe » 
49 die fi eia pieffo di Nei conciUata i ae veria* 
49 no perciò oia invitati a dargli an nuovo pujl* 
j, Uic6 atteftato dello ^cciaìe ^cadimento » cho 
s» ci rifidta dalla loderolifEma di lui <er?ìtà « ^e» 
9 divsrio alla cofpicua carica di noftto GrMm 
^ M^ro dilk Cirimonie , beo perfnafi » die (ara 
j» per compierne le incumbente con piena nofttt 

,j lòddiifaBione *, epptrò j re/b pnftnù 

j4 depnóano ii fiuUetto Cwalure Filippo Felino 
^ Créh^ttm di VÙlanovétia per nofro Gran Mafih 
^ dillo Cirimomo^ €xm tutti gli onori « privilegi » 
^ preeogaiife j pteeminenze ^ autorìtk ^ utili ^ dritti^ 
„ ed ogni altra coia a tale carica fpettànte^ e 
^ €olt mnnMoftipendio di liro tre mila , chi man^ 
94 diomo al Tifiriiri ditta no/ha Cafa di pagargli 
9j riparticamente 3 a quartieri maturaci ^ comie- 
4t dando dalla data delle preienti , e continuando 
jt in avvenire ^ durante la fua fervità , ed il no- 
-4t ftro beneplacito 9 oon iiò^ che prefti il dovuto 
94 ffiuramentOj e gli ceffi quanto prima godeva. 
9, oiandiamo a tutti li .•••«. , ed al Coi^- 
44 glio dilla nopra Cafa di defcriverlo in tale 
49 conformità fui bilancio • • • • • Torino li X4 
j4 aprile 17144 A^. Amidié. 

lyté^ ASINARI di Bernetto Canti Gabriele^ 

14 Mafirù di Cirimonie « id Introduttori 

aprile. digli Ambafciadori. ^ Alla vacante 

9» caiica di nofiro Mafiro di drimom 

jj nii^ id Introduttori digli Amba^ 

19 fciadori^ ci fiamo compiaciuti di 

t> prefccglicie 



57« 
b, nopro GfM Méjirù idU CertmnU^ ccat 1 
,, gli onori y privilegi « prerogative •••••«#< 
^, annuo ftiftndiù di U. 3000, mnttJsndo il Ce 
5, elio della noftni Caia di defaiveilo io tale 1 
^» tottniti fui biUucio ditta mUifma , e di fargli 1 
^1 rìrpoiidiefedettoftipeadioripartiiaiDeiite»aq 
,9 rieri traturari » cominciaÉdo dalb data delle ] 
^ fenti» e contiiìiiaodo ia avveniie» dwani 
9, fila fenrità , ed il noftro beneplacito » cm 
91 «&« P^^/^^ ^' ioviifo giuranunto • • • • 7a 
M li 14 dicembre 1774. K. Amidéo. 

Cork 
1784 CRAV£TTA di Villanovetta « Ci 
14 /lieTtf Filippo Felice j (rrj» Muftro i 

aprile. C$rimom$. ^ Animato da fenrimi 
M d'onore, e da va vivo 2do pel se 
,9 ferrino thhc il Crnvaiùn Filippa 
,, lic€ Cravitta di Villanovetta , a r 
in ogni tempo nell' intraprefa 
litare carriera , fingolaunente 
corfo delle pallate due guerre 
fieurate riprove di fedeltà^ 
M lore» non meno» che delle 
9» pKgìevoU doti , che in lui 
99 corrono a fregiarne la eh' 
3> de' natali , onde è » che • 
meritoffi quindi d'eflere n 
trasferito in Corte all'imp 
Maggioriamo ; ci compi 
Noi pure di rfoompen&i 



• • 



^> 



3» 

3> 
9» 



9» 
99 



„ ftinto merito della bea 1 
,, e lunga di lui fervitù , w 
^ degmauBo di pfomuoTed 
s, rica di noftro Mafro t 
„ nii j id latrodmmn à 

pyfiiudori, seU'eAvcmb 




^ Ii6se lyeii tofto cóDoicere dotato éi quelle com» 
»» mendcToli preiogativQ , che fi unìfconoa fr^ 
]^, giare la nobiltà de' di lui xiatali ; promoiTe egli 
.^» quindi nel .Ì76k alla carica di fecondo Scu* 
^ dicre^ e pofcia nel 1779 à quella di prin^ 
^^ Scudiere Sovranumtrdrio della fu Regina mia 
M dilettiifioui Confoite , non ha teffato di con'- 
^ fermarci hel favorevole coticetto da nói for« 
„ nato del di lui merito colle ailicurate prove» 
^ che ha date di fingolare fàvie3(za, pruden- 
„ za 1 ^ capacità j e zeJaote ahenzibhe pel no" 
„ Aro fervitìo. Quefte pregievQli fue doti> che 
^ ha egli pur fatte apparire hella militare carriera^ 
^ in cui nieritòfli già di venir deftiluto al pofto 
^ di Maggiore nel Reggimento provinciale d*j4c- 
,^ ^tfi> impegnando la Reale noftra benificccssa à 
yy dargli una nuova ben onorevole tediaionianzia 
,, del diftinto gradimento , con cui rimiriamo ì 
i^ fuoi fervizj , e deila fti^a , che fsi'ccvdmó dì 
,y fua perfona; ci iiamo determinati a ftabilirlo 
j» per Maftro di Cerimonie ^ ed Introduttore degli 
Àmbaftiàdori in fecondo ^ non dubitando^ che 
fuUe virtuofe traccie tic fuoi antenati faxa per 
darci anche ili quèfta deftinashlone ndovi fa,^gì 
del fincero fuo intereifàmento pel no(lro ter- 
vizio. Èpper^ colle preferiti • * • • • deputiamo 
9» il fuddetto Contò Carlo Gioanni Secondo Vin* 
^ cenzo Salmàtoris del Fillars per noflro Ma/ìré 
di Cerimonie , ed Introduttore itagli ^nbafcladori 
in fecondo » con futti gli onori 3 prerogative > 
,, preeminenie» autorità, ùtili, dritti 3 ed ogni 
altra cola a tale carica fpettante, e colf annuo 
flipendio di lire duemila , che mandiamo al Ti- 
i% foriere della Hofra Cafa di pagargli » 



$9 



11 



ij 
1) 



fto 






*7 










9» 



ftnegli 
CfJiaifi il ooftro 
fiamo di bi 
dandii 

eppcfè colk pcefeod 
fuuBo il fiiddecco TeodoBO Cim» 
iirf ci per mo^ Sé/^a^rm di 
maaUli 9 eoa tom gli €mm j 
^>^0 9 picrogacif0 9 «ih , ékmmtm 9 
ed ogn'altti cofii a fai aCÌJo i^et* 
tante » # m/T ««hm ftifmim di 
U. 700, le quali mamBamo jl7#» 
forur€ édU moftrt Fimmm^ di pa» 
gsigli npuùiiDeM^a «^ 
matmati» coaunoaiKlo dalla data 
delle piffinifi, e coodnoMdo m 
avreaice , dmanre la Ina ftrfitn , 
od il noftio bcocplacito » €om €tò, 
chi fféfii il doralo giutaoienio. 
MémduuM pcninfo a tutti liooAn 

j9 Mimflkn^ 




ben tofto cdboicere dotato di quelle coni* 
indcYoli preiogativQ , che & unifconoa fre« 
re la nobiltà de' di lui xiatali ; promoiTe egli 
indi nel .176)1 alla carica di fecondo Sca^ 
r€« e pofcia nel 1779 a quella di primp 
ìdUrg Savféinttmtrdrio della fu Regina mia 
ettiffima Cotaforte , non ha teflato di con*- 
marci nel faTorevole concetto da nói for«' 
IO del di lui merito colle accurate prove» 
5 ha date di fingolare faviezza, pruden* 
y capacità ^ e zdaote ahenzibhe pel no 

1 fervifcio. Quelle pregievQli Aie doti> che 
egU pur ifacte apparire hellà militare catrierai 
cui Dleritoifi già di venir desinato al poHo 
ìt^giori nel Reggimento provinciale d*j4c^ 
, impegnando la Reale noftra bcnificcn'Ssa à 
:gli una nuova ben onorevole tciliuionianza 
l dìftinto gradimento 9 con cui rimiriamo ì 
lì fervizjj e della ftima, ciis fa(:cia?Tì0 di 
. pexfona; ci (iamo determinati a (tabillrlo 

r Mafiro di Ccrimome , ed Introduttore degli 
niafiiàdori in fecondo ^ non dubllanclo^ cbo 
k vifftuofe tracòie Acfuoi antenati faxa per 
rei anche in quèfta deftinaìione ntiovi fa.frgi 
1 finccro fuo intereifamento pel no(lro ier- 
io. Èpferò colle prefenti • * • • « deputiamo 
Tuddetto Conte Carlo, Gioanni Secondo Vin- 
izò SeUmàioris del yillars per noflro Mafirò 
Cerimonie » ed Introduttóre d^gli Anbafciadori 
fecondo 9 con futti gli onori , prerogative » 
etninenle» autorità, utili, dritti 3 ed ogni 
a cola a tale carica fpettante, e colF annuo 
'etidio di lire duemila , che mandiamo al TV* 
are della dofira Cafa di pagargli » 




SS. Aknuà^M Vedi té Praiud ligaU, ^. 2» 
t^m.s'f ù$. -i g ii^-Vi 9 fig. 7K mUc noto. 

looltre ncordereaiO'pur qui il thclo 58 del 
fiiddèllD tomo noni», ove fi è pailatp d$* Ifiui^ 

V^%^ 77S > 787 a 7*8 * 1 78J. . 



«Tua* 



. \ 



. j. > 



■ 



EL-SN^0 



ìH 



pelle peifinie tèmpKk in ^efto ti^ XX. 



« V* ^ ••si" 1 ;■.« i ■ ■ * ' 

AlktéU&rè Gh. Batiifià 
^imrmfdU^fima P0OI0 
TmnQ yiHotip " ' ; 

Di Lucéf^ Vàrio Afiiààt 



. f ^ 



Crdi¥€tm FiUppo FtUte ^ 
Afuiori 



SatmatMs Cèrto Gioanttt Secondo Vinan^ yjt 
Gi^tmitii Ttoicro \ ' . » • 3 80 



57» 

374 

rs 

37tf 
J77 



>% 






\ ' 



•\a 



E per riguardo ^t tianc^Uert dtffOtH, 
SS. Annunciata vedi U Franta UgaU, \ 
t»m. 9, (il. iti. sii pag> ?)( selle non 

loolire ncoidsieiDO pui (]iu il moto 
fiuJdetio temo acno, ove fi è paiUto i 




/T 



^ R§ di SérdigHa&€m Dtccbè nvolfimo l'occhio 
^ fiiUt perfima dell' ^^mt yinorio Amedea éiìk 
M I^vf^^f per la pfovviftì ^/f^^^ia di S.Giuftodk' 
9, 5«^ 9 mentre egli eferdundoti ▼oloncariamente 
M in pdiorali « ed «poftolici minifter) » ntfcondet 
99 non potei lo fplendore di qnelle fiégoleri vin^ 
^ le. meli formando un ben degne EccleliaAaca» 
40 giàiepra gli altri lo predicavano diftintOt^to 
,9 predicevano a coTe grandioiè deftinato » ebhima 
^ ben tofto la ibddistatione di cttM>fcere veridici 
^, li vantag^iofi cìfcontn » che d fiuoao di Ini 
M dati , e giuftificata la buona idea» che perciò 
^9 no avevamo formata t cìMt ptrè il noftro con* 
„ • certo » ed eftimazione verfo diel medefimo ^ alter 
quando da Noi dcftioato alla carica di Pro-Q^* 
fdLum Maggiora dilim mo/lra Cora , ed elette 
altresì a quella di noftro LimcSmitrg ce ne ri- 
fultÀ maggior campo di ravviuudo da noi fteifi 
,4 fornito di molta dottrina , e pietà , efempla- 
M riffimo ne' Tuoi (asti coftumi» amorevolifliaio 
^ verfo de'bifognofi» e tutio aeio» e carità in 
^ affifter le anime alla cura fiucommeilbj edia 
^ procurare o|{ni vantaggio del pioifimo. Ad un 
^ compleilb di sì eccellenti virtù , e riguardevola 
,• prero^ivQ non potevano certamente eflerba^^ 
^ ftevqh codcfte cariche» dalle quali prendono 
•a ^mgfOi riOàlto li meriti di chi le riempifce » 
f9 licchè ravvi vandofi in noi un particolare deii- 
j» derìo di vederlo vieppiù inalzato a fublimi onori» 
»j e co^icue dignità , perchè in quefte potcfle me 
Af sUo ht fpiccarc Id Tue sì lodevoli doti apub- 
j» blico vantaggio , /a r/inéir/iWe^'anoftranomi- 
M nanione , promoffo da S. Santità sUa Porpora Car- 
jp diaaUiis da lui tanto pia meritata » 4uanto 
Tom. IL B b 



>9 



^ ipen« i»bht éi fUeUt fipceiagQulìè» eh» d» 
9i. i0a ihn% MfiOfiptati alte tltie enttiDn yrer 
•% f<>githt> • f ualità » c^a lo «derma^o* p«i; co- 
m ^ fUCooKIMoyi p«rj^ noi voleado noi ptivtici 

M (tolU pecotaiMu i» Coitq di m paiteufgio :| 
1^ gcato » « GOomiwdabU» » abbiasi^ femUt^ » ora 

^ clwi ittraiifi nftinuco M digiiiià Mpjìpf^U^ 

^ gpqii^ Aid^fc«iK> tito|aM 4i NUpfm » di tics- 

mAimJI«|ì4M étk^sM/ÌM C«r«^.afRiQhc i« 
M. quitta. poAfe ««liavarOi «llfDpfe làùibovar^ 
mU^ fiigolfi àMMcfed(n^fa«t«o » « dtl {Hib- 
^ libico l' elar^isip dtUii $4h«^ ìm paftMab «icii- 
4iDi&<)ai » «, . mia *. . • tdom^fM h wwgkwn 
«ft aUa qpQiit^ M Bi€9€ pMnfcio de"" i » agefto 
m 174$ M,»>^^ codetta dignità^ ab caiica 
9tf aUiett^eO) MlyÀc\}aA f cotiidafabilei. qgaiito 
1» difttaie A ^QQieMlt ed infigat foio k amovù^ 
91 pfeiagatÌM» € gìmifilìxiaae ad efla atulbult^ 
I» la detto Sftv9c|ttiW)WefiGi regoanta; fiMdi 4i 
^ cA« /rea /r frejjpmét dì »oftra coita fcif nza » e d ai^- 
jà W'ità RagiftÀ c/ ^ y iK w a ^ nai»i^wwo , # d y aa i awa 
il» il aìg« Culliti /^«Mtff* Àf^énk^ étlk Lémz€ 
i^ Aroiaofiitfo licalara di Nicofia jmì naftf a Giana 
HiUtmciMmt, « CappaUacKp Idaggiora dollaf^q- 
t^ Afa Cont> «OH aecfri gii^nori » piivUieg>f pfCQ, 
j^ faifaoac » aotodtà , (Mienci ve ,, etili » dMd ^ 
^«ifuoggi* enobuneeti » eli ogaì akta cote a 
4ki tak catitia appatieoeme > fp^iHdmmmt i» virtù 
j^ del firev» favf ' acceaoaco » ren «ijb , «iU pscfti 

Topporiuae 
•4^ /^tfdi ii Riaiiea legale i /tfr. a» loxnr. le^ 
|U|[« aop. \ aeai vftt£ mimo i7 ùtoU yj Della 

Cappella Regia II ia«a /^ 99 ^//^ /i^ip* i^7 



n V'^pp^KtaBO ghmnie&fo. éténJgnét a tutti li 
^ Grandi ddU aoftra Cono, aUi aoftri Mìniftri» 
gì Magiftiati f ed Uffiaiaii , agli filemofiiixeri » Cap« 
9» pelwii. » o Clvarici della Reale noftra Cappella» 
«p € gmm^sImMu a chiunque fia fpedieote » di ci- 
IP Cono^ere» Aidiat» e riputare d ditto sig. Cmr^ 
f0 émiàU IhlU Léni0 per GrmnJ^ Eltmofimert m^ 
^fr^$ • CafféUmna Métggior^ di Corte ^ come 
^ pure aUi sottri S^nato^^ id éimiitor di Corte cU 
M fe^fttare le preferiti f a di Curgb fiMDDninifaace 
9» nette occorenae il braccio , ed ogni affifteaxa » 
M che eli fofle aeceibria per T eierciaio della fua 
M ipurifiiaioua « che tal' è ooftre mente» Dst. al 
n Quéarù§r R$mU di Cun$o li j# agofio 1747* 
M Ci EmonuéUm 

JDé ^. Laurini. 

r77ft COSTA d'Arignaao Vittorio Gaetano 
, ao SaldaAurre. Kigié Psunti delli io or* 

ottobre. tobro i77i(: iM: » deputiamo i'Ar- 

^ ciireicOTO iì Jarìne Vittorio Gae* 
M tano ftaklaflarre Cafis d' Arigiaao 
' ,i jpirr ttoftK> Grande fekmofiniere 9 o 
99 Oppellano Maggiore dilla nofirm 
j» Coru^ con tutti gU onori » priTÌ* 
j» leg) 9 preemineue» autorità» pre- 
^ rogative » utili j ckitti, vantaggi » 
M emolumenti » ed ogni altra coik a 
^ tale carica fpettsnte ^ e fpecialmente 
À» Vi>^ de' lirevi Pontific) degli i e 
agoUo 174; , e xy febbrajo i775> 
,, ^0/1 ciò, che prelti il dovuto giù- 
M rameiuo. Mamdiamo é^;. • • Totino 
^ le ottobre 1778« K drmdio. 



>» 

»» 



1797 BUIteMaO DEt SIGl^ORE (n) Carla 
Xj Luigi » Grsnde £Umo£miri ^ # Cap* 

miZOt fdldM Maggiort ddia Rtal Cùftm^ 

^ Nd governo dette Dioccii JlAtquH 
99 4 di No^^érs fi è il VefcOTO €àrlm 
M i^^ Bwciè^ M Signore » Atto 
»» fcttpce Olii ccMioicete ptr «i fo|(« 
sft gc^o dotata di btB rari Ulettn» 
99 fMrfiitiffiiiio scile leggi divine, ed 
9^ ecetefisfficlie » telante per U bene 
■99 dtila Chie& 9 prudente » illibato 

r ,, ne' «oftomi IL irreprenfil:^ nella 

99 condntu » e fornito di tmte le 
.^ virtà 9 che fi richiedono per for« 
9^ mare T eccellente Miniftro del San* 
' ,9 tnario» e T ottimo Pàftore di ani- 
j» me. ImuMti Noi daUa ftima , e dal 
ij merito giaodCi che fi è giufta* 
9, mente acQuiftato , dopo a «reno no^ 
minaco alla vacante Sede Arciye- 
^ (covile di quefta Metropoli , ci 

^' '' ' j0% pomo ora compiéuiuti di affidargli 

9» la dìitaìone <pirituale JilU nofra 

* 19 Ce#t# > cod elevatlo alla carica di 

$9 Grande EUmofiMÌ$rg9 4 Cappellano 
9t Maggiori , peruiafi di vedete, mercè 
:) ^ ancne la di Ini opera, vieppiù Aa- 

,, bilito ndla noflra Cora il vero fpi- 
3, rito di religione , e T efercinio delle 

> j, ciiftiane virtù. Èpperà cotU prtjinii^ 

,» di noftn certa fctenu $ ed autorità 

99 Regia, 

(a) yUi U iom. t9 9ÌL Xyt9 articolo Bifian 9 



Ì*9 

^ A?iifé il paftttt^del m^o Confi^jo » deg« 

M giamo j aominuuiio j e dcpu^amo U prti^tio 
9^ rigfiavo L'arto JJiigi Baron^o dgl Signore poi 
M Ao/j'ro GranM' JUimoRnitré 9 é CofptlUno Mag^ 
é^ gioro d$lU nofitm Corié, co& tiicù gU OD19Ù9 
» fiWìlmgi, pcoMiiiciiM » aucoiicà, prttrpgiiuve«^ 
j9 uóli» drìm9 vanuggi, emoluoieoUj ai oga* 
^» aioB C0& a ttlo carica fpeccaotc » e fpecial* 
9, mcate in Ttrcù i<#' Brm Poniificj degli 11 
», agofto 1745 » o z7 febbfajo ^775, con «k^» 
ff mÌt. prefti ìd dovuto giufamento. . Mandiamo n 
M tutti li Graodi della noftra Corte, ai noftri 
9 Miniftri j Magiftratì , ed Uffiziali , agli fil^mo» 
M linieri. Cappellani, e Cherici della j^^yle no^ 
M ftia Cappella, e generalmente a duunque fia 
»> fpediente di riconofcere , e tì^nthiQ^ilfiUituo 
^9 V^€ovo per no/fre Gronde EUmoftnt$r^ é Cap* 
j, f€Ìlano Maggiori dilla nofira Càru , come pure 
tt al Senato 9 ed al Prefetto di Torino 9 come in- 
j9 caricato delle incumbense dclT Uditorato Gè-' 
99 noraU di Corto, dì legìftrare le prefenri, e (ti 
-j» £l<g^ fomminiftrare nelle occorrenze il brao- 
«» ciò» ed ogni afliftenzat che gli fofle neceflaria 
9t per Teferciaio di fua giuri rdizione.' Che tal*i 
j9 noftra mente* Dat. in Torino li rj marzo 1797» 
,, C Emanugli* 

Damiano» 

. Il titolo anzidetto ii CapftUano Maggiore eeR 
è poetato dal Breve Pontificio xi giugno 1728, 
4i cui nella Pratica Ugole 9 par. a> tom. io, 
pag. loi ad 104: ibi\ Magnus Eleemosynarius , 
f^e Cappellanus Major Capellae tuoe. 

Quello Breve Pontificio vcdefi menzionata nelle 



Ì9^ 
K. Patemi X genùap 17; o di GrMt BUmefnìtH 

à *frvorc ' deir Arcivtfcovo di Tenne Arboreo (?« i* 

ihiSfa , pure is efb noa fi Ci ceooo alcuoo del 

detto titolo di CapftUmo Maggiore ^ ehe poi ve* 

defi efpfifib selle fuceefive Regie Ptteoti 90 

agofto 1747» to ottobre 177! » ei7 8Bar90 i797> 
gli wà fopra riferite. 

Fttwi aiK^ thre volte it yicg Grande Ehm o- 
fmitt , e oecepè « cjoeftt cerict 1 4^u D. L^ 
Mi^e Siano > (oggetto dt pulite lettere » ed autor 
Ikmofe di Poemi: r^i) alle pag« 19, «41 dtlk 
ril4i(iort4 tenpita tu Torim, e ft^afi dall^ Abate 
JDm Valeriano CéMglhne nella venuta io quefti Stali 
Atte Jbyi^ Ci^iM jiUfudrMdiSveiUnfì test. 
Al Male pcoponto i«m<ì €{iandio qui infr€ Y Ap* 
peuweej pane feccnda» pag. 5. 

11 Chie& mlU Corooa R^e » forte prima 9 
p4f • I )tf («) lo qiualifica ansi GrémfEUmoSniite (ò), 
o negli Afcluv) Caoierali éAHame di lui Ir in^ 
fHuJfféffi PoamU y, Efleudo feoipre ftato sottro 
M nnei e eura particolare » che le tofe Svettanti 
j» al culto diviso fiaao offervite con la magffior 

^» integrità 

(a) Edii^iòM dil 1777 pr4o U Derojp in Torino : 

oltri a queftm finena puri mn' slirs, conm 
dice il Roflotto 9 di9iféi in due tomi ^ a /Imb- 
féita in Cuneo » il primo tomo del 16] j » # 
il fecondo nel 1^57. 

(b) 09^4 ivi fo quMtificM ptir$ Gran Mafkro di Co^ 

femonie dtWOrdint dell' Annunciata » étuor^ 
chi nella Serit de' Cavalieri iì m/ Ordine^ 
pag. 18) ii i/f. Cigna*Sanri vt lo auinm 
'* MUa fida qualità A' Mofro di Cerimonio. 




^ integrìrk pCiEUIe » e oDme richiedo ^ tm €o4 
»^ at(« foggmco ;^ maffiine allk Cappella di S. A IL 
^» mio figiiuote amatilfiaio » & che in quellt u 
^ pfoceAa» conforipe s'è già offermto in ttRoipj» 
^» di S. A. IL mio Sigaoce» e Qoubtng sèi f^ 
^, mmiìk, & ftvcndo Noi eoo lunga iipefieiu^ 
^ cooofciiita la pcQbità • abUttà» e fuÌ9icienxa 
3» dM' Mait Sartia Con£gUere » & Glemafioleio 
3j del Re odìd Signore , e fiateilD , é a^ftio » «r/w 
5, ^«Ttf IR €MfiUr^wné della fervitù p4(r lo pafr 
3, iato f efa » & della continuaxione - di qutlla 
,^ prcfib la Boftra perfoaa , e d' efla A. JL » ad 
^ làtieia aoftra foddìsfatiose 9 voglùMm gtvftar 
^ oeete gratificirio % i • • • Cai/# frefimi duor 
^ q«e •«*•.• cODftituiatao C|^ Aàate Scotio 
y, i» qìialità , e titolo di Coafigliere » & primo 
^ , JUfDofieiero d' elTa S. A. R. > con iuui gli ow 
^ ri é m m • ^ Mandiamo pertanto ^ e cOmaadiamff 

ff a' Miniilri , ^ fnaimcme alli Limofip 

^ nieri » Cappellani ^ e Chierici dell' iftefla Cap* 
9» pcUe ^ à^vuiè onorare » ft ricoaofcere ptr 
^ iàk, de in ab/eoia del Gran Umoiinitto in 
j. Cappella fif Dirttmré , r Cn/^i^ , fenaa dificnltà » 
M né cootcadìiione » perchè tal' è noftca menie» 
tf 7arm# li a xnafio i*4|> ChtcfiÌM9u^ 

Pr^CappdUno MaggioTt. 

1-796 P£S di Villamarina ^^nfi Raifltoniio» 

17 Pra^CmpptUétm M^ggicin, O (Sa ^i- 

su^ggio. curi^ GiMiréUé dtiu Atgié Céfftllà * 

pendeste la Tacaaia della nafica di 
Gran LimoJUiiré. ,1 Vittorio Amedeo 
»$ p^r g^^i^ di Oio Ac di Smrdifna &€• 
», Ait;;ia la fteange della èttiea di 



^ nofiro GfMnJt EUmofbdtr^ ^rdbido Noi nomif 
^ iure un PnhCappMm0 Mag^iort di Coru^ U 
^9 quale ne nempilca intanto le iscuoibMxet 6 
^ fiamo dirpofti a prefcegliervi fAbmuHaimMdè 
^ Pai il FiUamarrnm nofiro Limefinitn^ il qwia 
M^ per le conunaodevoli pf eiogative » ood* è fòr^ 



^ per le conunaodevou pf ei 

^ Ulto f eflendo gfà ftaio óìl teftè defonto no 



/Krv GrtfA Limofniiré $ignor C^rdituU C^jftm nomi* 
nato pif Vicario Generale £ Corra ^ fiamo per- 
^ fuafi, che filile virtucfeuacciedalniedefiiDoi»- 
^ fciate 9 (ara per diftinguerfi nell' efercizio air/Za 
^fudiitta cariem, in modo a confermarci nel 
^ "vantaggiofo concetto 9 che^ abbiamo del di 
^ Ini merito 9 ai a ibmpre pia impegnane a di 
M lui favoce la Sonana noftra beneficenaa ; tfftr^ 
g9 per le prefenti» di aoftra certa faenza » ài 
99 autorità Regia • eUggiémo » a noaiiiuaaie il pr»r 
^ detto AIhiu Raimpndo Pes di Villamarina fa 
^ noftro Pro- Cappellano Maggiore dì Corte 9 «^ 
^ Vicario Generale della nom Regia Cappttla» 
ftnitnu la vaeMn{s della carica £ noftro Gran 
LimofiQÌece9 ^om tuoi gU énori, utili 9 dritti» 
99 emolumenti , autorità » e pteaogative 1 tale c^ 
té rica amiarteaend » jftàmbntnm im viràt à^ Iref i 
99 Pontine} J€gli li agoflo 1745 (4» * ^7 ^^ 
39 hrajo 1775 (^}9 €0nciò, che pietà l'opportuno 

99 giuramento. 

(a) t^edi la Pratica legale 9 par. faconda 9 leai. io» 

(b) Con qtufto Brero PomiiJUio 17 fttbr^o 1771 

/E ^ rittnovaia^ gd in parie efiejfa la gimrifiU-t 
{ione dei Grand' Elemofiniere 9 o fa Cappd* 
laoo Maggiore della Rtal Corte : fu letto 
afo Brepe in .Senato uaUa feffione de* 1 1 mar{p 
• 1771 • ^ ira»"^ regifiraié in aue' regijlri. 



9» 



^; ghuvMfito. Mmdando » tutti li Gnandt ddlft 
^ noftta Coite , Muùftii » Magiftrati , UffisUdi » 
» « g€furaim€BU a chiumjue fia fpedietue t di xt- 
tf cottofeeilo» • fipiit8iU> Belli qualità fi>vr'e(plefl)^ 
^ come pure alh aoftri Senasm di PUmpnu » . €Ì 
,9 Uiuart Gnurmk di Coru di legiftraie le pie« 
n ièmi » che tal' è aoftia mente. Torim li 17 



Primi Ltm^fiiiirL 

1777 SOLARO di Morula Catlo Emaauel» 

4 Prime Limcfimerc^ come iii^ii. ^ li 

febbsa)C>. j» cofUnte diàioto xelo » col quale 

„ r Abate Cado Emanude Solare di 
M Morcnm ha finora foftenuta la ca.» 
M fica di nofiro JLimefnÌ£r€, e leac^ 
„ certate prove , che ha egli dat» 
^ di iaviezza» prudenza, e d'altre 
n ri^uarjevoli virtuoiii éoù^ che in 
9» lui £ unifcoBo a fregiarne la 00* 
59 biltà della naicita « hanno Tieppiik 
,9 confermati nell'animo noftro que* 
M fennmenti di particolare ftima , e 
3^ propenfione » che ebbimo mai fem- 
^ pre verio la di Ini perfona. Nella 
circoftanza pertanto » che per l'età 
fua avanaam non trovafi piìk in 
grado di continuare nell' e(erdzio 
53 di tal carica , ci fa^^o iùmfiéctuù 
3, di di(peniàmelo 3 e di ccntrafle- 
M guarii il particolare gradimenu). 



9% 
%9 



194 

9f con cui tifoirtemo il éi laisierito. Afir^cdla 

M prcie&ti . • • diff infinge il MéeìioA/bu%Cérk 
,i EmammU S^r0 éi Mpniié dali' efercit»o dtlU % 
t» cacicft di 0ùfir0 JUm$jinkré lo dtcOritoio ^W 
9$ MQt§3 9 gréklé di ftoftio pftno LittiofiAieic^ 
M Mtr^noré dcirettràce meUd nèftréC^tn^ ttoo 
9» tutti t pciviltgif prtiogdfiv», A dritti « tel# 
M digDÌtà gitami > rvUnd0 inolirg^ che coatidui 
«, a godere > come per T addietro ^ iM annue 
M fiif€ndio di IL 7 co. Mandiamo pgftaaia a tutti 
j» li Boftri Miiuftfi •••#•• di ri^aoicere , o 
jt riputare il predetto Mate Carlo tmamuU Sa- 
M laro di Morrttta nella qualità » e colle diftio' 
90 sioDi Aiddctte » «d ^i Configlio iéUà nofira Cafa 
9» (fi deicriverlo i& tale costoffl^ità fui bilaacio 
99 della modcficna » eoo farlo » e lafciarlo godere 
99 dello ftipendio » ceorì , ed altre cofe ioTta 
19 efpreffe. Che tal* è ooftra xnèate. Torino li 4 
9, febbraio 1777* ^« AmodcOw 

Coru. 

I7^i^ SALUZZO MioLinf Spinola di Gareffo 
1 1 Aèat$ Fraitcefco CaetaAO > Primo Li- 

aprile. mofinitrt. 9» Il ben diftìnto inerito della 
5^ lode?ole fertitù preftata fia dal 1750 
9t dal aoftfo Lioi:!liaiefe Abauftm- 
9t cefco Gaetano AUtfX») Miolaos Spi* 
M noia éi QàrtQo^ M^ellro di Ceri- 
9, moaie a) del Sapremo Ordine dtUa 
>9 55% Aruian[iaia^ e le aflicuzate 

), prove 
(a) Qniflo Abate Frantefro Gai§aao Saluto di 
Garetro /a nominaèo Maftro di Cerimonie &' 
17 novembre 1780^ ^crie de' Cavalieri &c» 



/; prove >£ efaifena ^ e ulo » che ha coftasie- 
i^ mente ^diffe » neiicre haeno fieppiù confenuio 
;> nell'^Dimo iioftro i femimcnti di ftiau,eMO» 
5j pealiono » che fcibiama a tigurdo delli du Mi 
^, perlbna, ci fiamo altresì dripofti m rifieff^Mff 
^ Ha éKVM^au , in cui fi trora , dsjfpenfmrla 
9, dair ciuf cizio di detta carica di nofito Limof» 
«j m€rey e Tolendo dargli nel tempo ifteflb tm 
^ ben onorevole contraflegno del fingolare gra- 
^ dimento» eoo cui fìmirìamo i fuoi ferviz), à 
99 fmmo diffusi a decorarlo del titolo , e grado 
99 di noftro Primo Limo/lnigrg^ ondo da quefta 
„ onorificenza vieppiù compaia nel pubblico il 
:u pvegio, in cui abbiamo la di lui perfona; €p^ 



99 



Si 



,j f€rò colle prefenti • . . dificnfando il predotto 
Ahau Francefco Gaetano Saluzz« Miolans S|» 
noia di Ganffo dall' eièrcizio della carica di 
M/ftro Limefinieri , lo decoriamo del titolo ^ • 
9, grado di néfiro Primo Limofiniin, coli' onore 
doir entrate nella mjtrm Corte ^ e con tutti i 
privilegi > prerogative > dritti a tale dignità 
^ ipeitanti ^ voUndo inoltre , che continui a godere 
,^ come per f addietro dettnnnuo ^ipendio di IL yeo» 
^ Mandiamo pertanto a tutti li noftri Mmiftri» 
,» Magiftrati 9 Ufficiali 3 ed a chiunque fia fpe* 
j9 diente ^ Ji rieonofterlo > f riattarlo nella qualità» 
j« e colle diftiflziutti fuddetfe ; ed al Confidilo dtlU 
91 iMi/7f tf Ca/« , di defcriverlo in tale conformità fui 
9, bilancio, con farlo ^ e lafciarlo godere delle 
^ cofe predette» che tal' è noftra mente. Torini 
»j li II aprile 17 i6» 9, K Amedeom 



Corte. 



I9( 

1795 DEL CARETTO M Cmirét» Afaut 

) D. Filippo ^ primo LimtìfinUn^ comò 

ipnle» infra. », Ai diftiato monto dd fec« 
M vig) » cho ha fiaqui preftati fAhui$ 
,, Dm Filippo D$i CéWiU& di Cmm^ 

, »• raho^ Ca vallerò Gran Ccoce dlolU 

M Sacra RoUgiooOt ed Ordine noftro 

« . , .. t^Mìlitaro do' %$. Maurizio » e I«ax« 

M zarot ramo nella qualità di nofiro 
», lÀmcfiniert^ che in quella di Ai- 
^ formatùft della nofira Univ€ì^tà digU 
j» Smdf.^ corrifyondeado la noftra prò- 
^ mura di dargli uoa onorevole to- 
„ fttoionianza do' featimeoti diftima, ~ 
9, che forbiamo a di lui riguardo • • • • , 

,» ti fiamo ben volentieri difpoftl a 
,1 decorarlo del titolo . € gradù di no- 
SI /Zro primo Limofinierg » ondo da 
,» quofto tratto della noftra Sovrana 
», beneficeosa , venga egli vieppiù 
^ aaimato a continuarci i faggi del 
,» vivo fuo intereflamento , o xelo 
», pel noftró forvizio ; ^pp^rè cclU 
», prefenti •••••• abbiamo accor* 

»» dato, ed accordiamo al preaccen- 
», nato Aòat€ D. Filipvo Del Careno 
», di Cuiistfriciio il titolo » e grado di iio- 
», firo primo Limofnitrt {a)^ coli' onoro 
», dello entrate ndU Mofira Cortèi 
», con tutti li privilegi , prorogatÌTe, 
», o dritti a tale dignità fpettanti» 
„ volendo » che continui a godere » 

(a) Contcmporatuamtttit a quefia conceffioru eflb 
Abate Del Caretto/n^urnp/nintfroMaoftrodi 
Cerimonie ir/ iupamo Ordine della Nunziata» 



Mine pefi^aìMten*» drelPimoé ftipendio ti 
L 700. M^d^iii^portao^ a tutti li acftri Mini* 
Ui » Mtgiftrati , Umtialt > ed a chiunque fia fpe» 
litm 9 di riconoicerlo , e riputarlo nella qualità^ 
I eolia diftiniioni fuddetto> ^ mi Con figlio deUm 
mfrm Csfm » di dcfcriverlo iti tale coiit >rmifà fd 
laèHim j con (zdo, e laiciaik> goJete delle cofii 
mdetts» che tal'è noftaa mnm. Ùtiu TeriM 
i ) Wfàù 1795* K AmJUo. 

' K» Avogsi^o P. Regé 

y. Méffimino fel ConvcUcrs Cm^ 
V. di fiitrMMlU. 

Qrumri. 



JUgmofmiri* 

F74 VITALDA Abate Giufime, EUmofi* 
1 iiUn di S. M. ^» S' uiuicono in gcado 

inaja ii così dtllinto nell' jikm Gàtjippt 
^, yivMlda , infieme con la nobiltà de' 
yj natali 9 la pietà » la dottrina » ed 
,9 una feria applicasione ai doveri di 
M degno eccleballioo» con altre vir- 
• ^ 9, tuofe qualità s che ben volentieri 
jt ci fiamo dìfpofti di conferirgli il 
M vacante carico di noftro EUmofi^ 
,9 niiféi aflicnrandod , che farà per 
,» rimeritarti fempre più gli efF;;tti 
if della Reale ooftra beneficenza ^ 
^i quindi i » che oelle prefenti j dì no« 
j> ftra certa fetenza , ed autorità Regia» 
n ^eggiémo% coftnuiamè^ €dipmiamo 



'i^ il d4Ua Ah^^Qhfiff^ yhélJé fn sodio fl^ 
^.mo6fli9fOt €9m m$ài gti omtÌm ^i6% dritti^ 
m «molttiiiefitt y wMtfiià » pwQDìitvies Bynktogk- 

« irò di lire fetM CMto, lo qnib mnidÌMio ^ 
h> TéfNUéH éìik^mif^ C^ (h Hfvgli ffippmiii> 
^ AMflUi» « qoifli'itiijMiiimùs ccwiiiaiiéttdiU» 
01 dm dfillB vn^^^ oi cnprio i iiw i D bovvoaìic^ 
»» duraoto b (im i«iiìt^« M ttaoftiolpowploctto^ 
t» rm ^^ ^&« piefti il dovuto giurameiMo i nwo- 
j» irtf/no perusto A'.Q^cV\1ì« ooftri Miififtri » MagU 
»f ftpùat^SiobA f4» ^uQqoOilaK) ftàrpediente» 
,0 di rìcoDofcere > o ripiilMO ii ff^iià Abau Vi- 
t» ir^tfi )|Br EUmofiauré ncfiro come fovra depu- 
^ tato^ id di Conciliò ditU mfira Csfm di farlo 
tf defcriTere in tale au^Viik fui òJancio , coofiulo, 
99 e lafciailo godere dello ftipQpdio > ed altre cote 
s» fuddctte » che tal è Qoftra mente. />^. ìa Torino 



1^794. RADICATI ii Jlr<^£i» Abate Gù;p^ 

5 Limofiniem Soutaoiuperario ^ come in- 

Oltol^fio» /ro. f» Neilf perfeoa dtU' ^^^ /« Cor- 

^ Jip^ Rèdi f Mi di Brucio uoendofi 
M aUackiaiezaa deiraog^e(4) lepre- 
fi^ DMm Fémigka Kadicati géd f parlò mi tomo 
jriùm, pag. jau 

AggiyitgiMmo . foi r Abedofia ^ Hìfiùria Cro^ 
\9pl0gica CardiaolioiRAi Archiepìfcoporum > Epif- 
coporum » ^ Abbttiim P^démcntanm Rigio* 
a> w» Aug. Tauiim. 1645 ^ pgg. ^6 : ibi: 
^ tfmkmtmk es Gocnitìbua Colonati , & Raài^ 
^ mm • • • • ex Arehìdiaeono EeUCm Cm- 
^ ttudr^kà JifkmSi ^DikCùBìàsCàtdinBÌìsfanSi 
n Muflackii mi Urtano IF Pontifici Maximo^ 
^ anno 1261 , aeatus fuit: oHU 5 idusjulii, 
,, armo la?^* 



Iff 

^ gevoB Tutnofe detì H pnientz^ lavieu-» od 
^ t: empkntà di cofiunii > Ci iiaaio bcD Tolcntieiì 
,1^ detccpiiua a difg^i u«a oootcToio dìiaofai- 
9 siooc ed dilliQto gudìooeaco, (Jiits ce oe ti- 
^ fulu» eoa dcfti&aiio alU c^ica di tuffiti JUmw^ 
9» Jiai««l ^vr0num4r0fiQ » nctU pcitualìoDc » che 
^ gnimeio 4^ qucfto |faiu> ael^ eoilra b.iieficea* 
M ^^ Ìai% pcf cofTiipoadgin coli* ciaf to adempì* 
p, mMiQ dciUQ iacttoi^fue » ckm oc dipendooo» 
I» e a>tto ukciiofi pKo^e delle comoiendjvoli fue 
m qualità» onde niBcrìrafiL U nnon i^Sczù delle 
M neftie git^e« ^9P^à ouUa prelèoti eleggiamo » 
ti q^uiam^ » « doieiiMM il detto Abate GìuCeppe 
n Réiicm ptH iii>/Zre Um^fmkr^ Sovréummerario^ 
^ CM tutti i^onoii 9 autorità iPfeeiDÌJieixe,|ire* 
a» logative it e vaataggt % tuiisicanca (pettaati , ma 
it ci^ cÌ4i pcci^ il dovuto giur lineato* Mandiamo 
^fenamù%*\H^ li H^ftti MiaiAti» Magiftrati, 
u Ufli^i^i > ed a ckinaque aloo fia rp;:diente » di 
1» ficooolcece « Aitaaie » e rìputar^il predetto Abate 
M Giuféff* JUdicéui per noftro Limofiniere Sovra- 
,4 Mumerario , come tovta da aoi ftabìlito , ed al 
^ Con figlio deUa nofira Cafo di deferi verlo in 
^ tale conformità (ui hilaacio della tnedefima » 
»» con farlo , e kfciatlo godere degli onori ^ ed 
»> idire cofe fovra efpreflfe , che til è noftia mentCé 
p^ Moncaberi li j ottobre 1784« y. Amedeo. 



tf. tate/ranchi F.P» e &|v. 
IC Verojfi di Tontago^ 



Coru. 




179* IXJNAM TaologD Gin. Snte», Ctff 
«9 frfla 

M TMlogo tf «i Smftmm Dmmmt f« 



f» i^^'^rif J^Um m9frm Cmfm, di pigv* 
j9 gli 9 • ^Buticn flniiiuii 9 cmbìb* 
^ CMiiilo dalU dita dtlie prefinu » • 
^ coBtisuaodo in awcDiio» dsmift 
j, It flit fenrifè, ed il noftfo be8B4 
„ piacilo, con eie cA# prefti il do- 
^ ¥1110 giuramento » e nom drii» paf<p 
^9 tocfpare JdU regalie infino a cbn 
y» per la fua ansianitì poflaeflereann 
9^ meflb a godere delle medefinie. 

^ Mandando a chiunque 

^ Meìualieri li if Ottobre 1790»» 

Gramrk 

1778 DUPANLOUZ Giufeppe > CsmOMno 5#- 

i| w0mtm€iMrÌ9. ^ Siamo co» foddis&ttj 

(pugno. 99 dell' attenta » e selaote fervitù , che 

M fta preftanilo i^ Chàmcé della no« 
Ara Cappella Tee/itfe Gimjtfft Dm- 
fanlomi, che ci namo di buon gre* 
do difpofti e daigU uncontrafleoo 






4** 
IP del Do(ho gradimento 9 con iftabilìrlo iio'/lfo Cip» 

^ pgllsmo fivranumtrMfio » offendo perfuifi , cho 

IP ùA per corrifpondeie à quefto tratto delii noftn 

I» beoefioensa con nuovi faggi delle Tirtuofe fiie 

IP qiuljtà>afiiae di reoder(i degno d' ulteriori nofoo 

I» giaiio. E f fero colle prifinii • . • deputiamo UfiuU. 

n iifili Sseerdou Teologo Giufepf^ Dupaniòu^ pw 

I» 0ejffìo CdppeìlMo Sontuuunerario , con tutti gli 

^ onori ^ {mvilegi ^ prerogarive , ed altre C0(e « 

p, che ne dipendono » voUnJo» che continui n 

p» pieftaiDt fino a nuova noftra determinasione > la 

»p tua len^tù in qualità di Chierico delU nofirs 

M C0 ppellm » ed a jpdere lo ftipendio affegòatoli 

n eon Regio Biglietto de' 20 luglio 17^4; man- 

M diamo a chiunque . ^ • , ed ìa ConfyUo ddU 

M nofrm Cafa di deferi verlo in tde qualità yi^éj- 

P9 lancio, volendo altresij che le pcefenu fiano 

9, spedite fenza pagamento d'emolumento^ che 

M tti è noftra mente* Torino U if giugno 1 77 S. 

IP Vm Amedeo. 

y. Lnnfranehi P.P. e P. Con/, di Stato. 
V. IfemarrL 
K Botton. 

Corte. 

Chierici della Rigìd Cappella* 

tJSJ PEROTTI Carlo Giufeppe. Il Re di 

17 ,y Sardegna. ConfigUo della noftra Ca» 

gennaja „ fa. Tiovaodoh vacante un pofto iU 

M Chierico della nojlra Cappella perla 
^, difmiifione hxxsc dell'abito Cheri- 
,» cale da Ghifeppe Maria Mirano s 
Tom. IL Ce 





f^^Cd 







V* 



jTi 



'^ /Vi Ì4 



Uè 

jno 

drea 

poftì 

i Ca- 
lefcrì* 

, privi- 
; dipen- 
i dovuto 
jeote • 



4C1 
t, ci fiamo 4iipoft! di riempìdo , con eleggere 
M i/. ChUrUo Carlo Giuftpff Pcrétti di SavigUéuip, 
9» di cui abbiamo avute vantaggiofe ìsforoDaxioni » 
^ per aver lodevolmente fervito in e0a Cappellai 
jp» pendenti anni quattro > epperò vi diciamo di de- 
9» icrivete detto Perotti in tal qualità ftd Ai/m- 
99 ciop Q farlo : godere deìV annuo fiipendio di 
^ tire z}o ripanitamente 9 a quanieri noatuiati, 
9, cominciando dalla data del prefente , e conti- 
,^ nuando in avvenire ^ duranti la fua ftrvUà ^ id 
^ il.ao^o beneplacito^ con tutti gli onorp» pri- 
^t yileg)| prerogative» utili, dritti » regaglie» ed 
99 ogm altra co(a a tal Umzio fpettante , con ciò, 
9, che pretti il dovuto giuramento* Tale eflendo 
99 la noftra mente. Torino li 17 gama)0'i757, 
49 C Emanuele» 

y. l^nfrahehi primo Con/, di Siato. 
V. Moroso. 
V. Bonaudom 

Mali. 

1 7^4 bUPANLOÙZ Giufeppe 9 Chierico, come 
10 infra. », Configlio delia noftra Ca(a« 

Ivglia 9, yòlendo Noi provvedere il pofto 

99 di Chierico della nofira Cappella % 
^ che rendefi vacante per la difuiif- 
99 fione dell'abito Clericale di Carlo 
^^ Giufeppe Perotti, ci £amo com- 
, . 99 piaciuti di eleggervi in vece di 

99 elio il Chierico Giufeppe Dupanlour 
99 ftanti Ip vantagglofe informazioni 
M di, )iu avute 9 uà intorno alla pietà , 
j9 e ùfiìoau^ 9 6 fia per la Aia ciattezsa, 

^ ed 



... . '♦^J 

ap ed applicftzioDe ; tpperò vi diciamo di defcrì- 
j9 Texe 2(110 Chierico Dupanloui nella fuddetta qua* 
M litkjul bilancio, e farlo godere dcW annuo /2i- 
n pendio di 11. 150 3 ripartitamcnic , a quartieii 
j9 matuiatij con tutti gli onori > privilegio prero» 
^ gative> dritti» regalie > ed ogni altra co^^ che 
„ nO'' dipende j da cominciare effijlipendio, tre* 
$9 g^^ dal giorno > in cui cefleranao al detto Pt" 
^ rotti 9 e continuare in avvenire > durante la tua 
w^fervitày ed il nofiro beneplacito ^ con ciò che 
j9 pretti il dovuto giuramento > tale fendo la no* 
u ftn mente. Torino li 20 luglio 1764. CEmanueU. 

V. Lanfranchi P. e primo Conf. di Stato. 
y. Milina per il Contr. Gen. 
y. Taratilo pel Gen. di Finanze* 

Maiè. 

Chierici della Regia Cappella, e Camera. 

1793 CAMERA Andrea Maria > Chierico fo- 

% vranumerario , come infra. ,, Il Re di 

gcnnajo* ^ Sardegna &c. Configlio della no» 

9,fira Cafa. Le favorevoli informa- 
zioni 9 che abbiamo avute delle 
vinuofe qualità^ che concorrono 
nella perfona del Chierico Andrea 
j, Maria Camera, ci hanno difpofli 
a Jlabilirlo per Chierico fovranumc' 
rario della noftra Cappella , e Ca- 
mera^ cpptrò vi diciamo di deferi* 
verlo in tale qualità fui bilancio, 
e fallo godere degli onoii^ piivi- 
j> leg| > e prerogative , che ne dipen- 
do donoj con ciò, che pretti il dovuto 

„ giuramento. 






ji 
1» 

i> 



4*4 
^ nvniDciito « toleodOi die ilpfeieBfe fit fp9^ 

9» dito toKU ptgameBto d' eiDoIiiiDeiiio , che tal* 

19 ì DoAra ooste. />tfi. ie Tvrrjio gli S ge^ 

Gf tauri. 
1794 BERTINI J^^bf o Lofeoio ^ CSbVrtft 
a^ ÌrOt Jtifìf CéfftìU^ € Csmgrm. ^ Il 

ifKilet w Rtt di Sardegna. Cenfgtio JetU n^ 

IV /Ine Ci^ Per date ei Teologo Lo- 
^ rM^o Birwù^ Cluerico fo?mitiiDe« 
9, Mio ddia ep/Zre Coppella^ t Céh 
^ m€fé% usa dimoftiatioiie del già» 
^ dimentOt con cui sìmiriamo lalo- 
^ devòte ferfitù » die ha finqu) pie» 
j9 Oata9 ti fumo diurminati ai ée* 
^ toriàrgU f effettività di Jtttopofio^ 
y^ perfuafij che ùxk per conrifpon> 
^ dere a quetto nuovo tratto della 
^ noftra beneficenza con ulteriori (àggi 
,» delle virtuofe fue qualità y epptrò 
^ vi diciamo dì defcrìverlo Jul hilan^ 
^ tio per ChUriiO efiirivo dfell'ansi* 

T ^ detta noftra Cappella » e Camera ^ 

^ e ^irfe goitro Mtannmo fiipendio di 
^y lire duecento trenta > a quartUri 
^y màturaù » cominctando dalla data, del 
^ prefente» e continuando in avve- 
,» nire , duiante la Tua fervitù , ed il 
^ noftio beneplacito 9 con tutti gli 
,, onori , privilegi , vantaggi , rega- 
li lie » ed altre coie , che ne dipen- 
^ dono , con ciò, che pretti il dovuto 
^ giuramenta 7eriiiali i$ aprile 1794* 
^ fTttOfh Amodio. 

ClUom^ 



iJ^S CARENA ChitrUo Luigi. ,y IIJU Ji 
a| ^ Sardegna. Coofiglio dilU nofir4 

MBftjo* »i Cafa. Inintari da tivoreyoli rifcon^ 
^ tri 9 cho ibbiamo avuti intono allo 
4, vinuofe qualità del Chùruo Luigi 
^ Carina, ci fiamo difpofti a ìtAu 
9, liilo per CkUrico fovranunararh 
M della noftra Cappella, € Camera» 
,9 non dubitando , che (ara per adern* 
f» pieme i doveri in modo ad incoa- 
M trare il noftro gradimento ^ e ri- 
^, meritarfi le maggiori noftre grazie ; 
j» eppirò vi diciamo di defcriverlo in 
9, tale qualità fai HUuuio » e farlo 
„ godere degli onori » privilegi » e 
j9 prerogative j che ne dipendono » 
9t ^on «iÀ> che prefii il dovuto giura^^ 
j» mr/iro. Torino li i j gennajo ly^y» 
M K Amedeo. 



Cefemòniere della Regia Cappella. 

1794 DATHEON Luigi» Cercmoniere^ come 
15 infra. », // /(« di Sardegna. Configlio 

"a M della nofira Cafa. Per la morte del 

jo Sacerdote Gaetano Cigna eflendofi 
M refo vacante l'impiego JU Ccremo» 
9» m^# della noftra Cappella » ^i fia^ 
I, ino difpofli a conferirlo al Sacer* 
u dote Canonico» e Teologo Luigi 
»» Batk^n ng(ko C^pfoìhao per fuafi^ 

»> che 



*• I 




4Ctf 
fi che farà per adempirne le ìdcumbente in m^Ao 
9, ad incontrare il pieno noftro gradimento ; «f • 
59 però VI diciamo di defcrìverlo anche in tato 
„ qualità fui bilaneio > e farlo godere del fo- 
j» liio fiipendio di lire cinquaniacinque » a quar- 
ti tieri maturati , cominciando dalla data del pre- 
5, fente , e continuando in avvenire » durante la 
È9 fii^ fervila , ed il noftro beneplacito > e ciò oltre 
59 a quanto il medefimo già gode nella qualità 
95 di noftro Cappellano ; che tal' è noftra mente. 
55 Torino li i$ aprile 1794. littorio Amedeo. 

K Corte. 

F. Peliti di Roreto. 

y. Di Serravalle. 

Mufica* 

t7(f4 GIAY Francefco Saverio 5 Maflro di 

7 Cappella della Regia Cappella » e Ca* 

feU>ra]0* mera per fovravvivenza , come infra. 

99 In confiderazione delia lunga fer- 
9, vi tu 5 che con tutta attenzione , e 
zelo ci ha finora predata 5 e tut- 
tora ci pretta Gio. Antonio Giay 
in qualità di Maflro di Cappella 
delia noRra Cappella » e Camera \ ed 
altresì li favorevoli rifcontri avuti 
deir abilità di Francefco Saverio fuo 
u fig^o per li faggi datine in più 
y, occafioni nella ftefla qualità di 
9, Maflro di Cappella 9 ci uamo de- 
95 guati di accordare a quello la fa* 
59 vrawiven^a del détto impiego del 
J9 padre , perfuafi , che iàrà per cor-^ 
«5 lifpoadere alla noftra afpettativa 






4«T 

^ col ptintuale adempimento de' fuoi doveri : ep* 

«> f e/ò per le prefenti » • • • accordiamo ni fiU^ 
,> dtuo Frdnc€fco Saverio Giay la fovravvivenza « 
t» ed afpectativa dell'impiego di Mafiro di Cmp^ 
^ pglla dtlU nofirs Reale Cappella , e Camera p 
^ per averne t effeuiviid dopo la morte del detto 
j, Giom Antonio fuo padre ^ mandando ora perai* 
,^ lora al Confeglio della noflra Cafa di defcrìverlo 
,9 in detta qualità fui bilancio d' éffa , e farlo go- 
M dere del folito annuo ftipendio di tire miUe 
Ètfeicento^ da principiare dal tempo del deceflo 
j, di detco Tuo padre > e continuare in avvenire» 
9» durante la Aia fervitù> ed il noftro benepla- 
,s cito » con ciò , che debba intanto afliftere il 
j, padre , e fare le fue veci ne cafi à* aflenza ^ ed 
^, impedimento del medefimo , e che prcfti il 
jy dovuto giuramento. Mandiamo pertanto a tutti 
,» li neftri Mìniftri , Magiftrati > UfEziali » ed a 
,9 chiunque altro fia Tpediente » di oflervare » e 
»» di ht oflervare le prefenti; che tal' è noftra 
jt mente. Torino li 7 febbraio 176^^. C» Emantule* 

V. Lanfranchi P. 3 e primo Conf di Stato* 

y. Moro[[o. 

V. Taraglio pel Generale di Finanze. 



Ilio 

7 



PUGNANO Gaetano, primo Suonatore 
di violino della Regia Cappella ^ eCa^ 
viaggio. mera. ,, La Angolare abilità , e pe-. 

,, rizia del Suonatore Gaetano Pu* 
,9 gnano , che ne ha Tempre date in-" 
>, dubitate prove nel fuono del yiolin0 



4«» 

^ al fervizio della nafira CapftlU, 4 Camera, 
,^ avendlo incootrato il pieno noftro gradimento ^ 
^9 €Ì fiamc voUnùirì difiofii a promoverlo alla qua- 
^9 lità di Primo Violino d' effe Cappella > e Co- 
j5 mera , peifiiafi , che « continuando a vieppiù 
^» diftbguecfi , farà per meritai fi. gli ulterion ef* 
^ fetti delle noftre grazie ; epperh per le prefenti 

99 coftitiùamo» e 

S9 deputiamo il fuddetto Gaetano Pugnano per 
9y prìmo Suonatore di violinò della nofira Cappella, 
,, 'e Carriera , con tutti gli onori > pnvileg) , pre- 
9^ rogative » utili , vantaggi » ed ostni altra coià » 
9^ che ne dipende » ^ co/f annuo fiipendio di lire 
j^ iioo, che mandiamo al Teforiero della noftra 
,p Cafa il pagargli riparti tamente » a quartieri ma- 
J9 turati y da cominciare dalla data delle prefenti, 
j» e continuare in avvemre , durante la fua ferr 
,^ vitù , ed il noftro beneplacito , con ciò prefli 
3, il dovuto giuramento , e gli ceffi lo fiipendio 
9, di IL 500 , che godeva, e con obbligo di Aio- 
ti nare di quegl' altri ftromenti, de' quali avefie 
^, la pratica, quando gli verrà ordinato dal Ma^^ 
„ firo di Cappella, Mandando a tutti li noftri Mi- 
t^ niftri » Magiflrati, Uffiziali > ed a chiunque al* 
9, tro fia rpediente, di riconofcere, ftimare, e 
,, riputare il detto Pugnano per primo Suonatore 
ji di violino come fovra, ed al Confìglio della 
„ nofira Cafa di defcriverlo in tale conformità 
j, fui bilancio , con farlo , e lafciarlo godere dello 
j, ftipendio, e cofe fuddette; che tal' è noft» 
^ mente» Torino li 7 maggio i770« C.EmaruteU^ 

V. Caiffotti. 

V. Milina pel Controllore Gen. 

K TaragUo pel Gen* di Fman{e. 

Morozro. 



•»j 



MARCHESI Luigi , Virtuofo della Cap- 
pella » e Camera di S. M. nella qua- 
lità J& Mufico Soprano. ,y Abbiamo 
tt con fiogolare tradimento rìcono- 
^p fciuto'nella periona di Luigi Mmf' 
g^ ghtf una particolare abilità nella, 
,» mmfiia votaU {a)^ ed abbiamo al» 

,9 tresi 

oto fino a' fanciulli » che Ciéeront fn ^ Arpìno nel 
: de' Sanniti 9 piccola Cittì (i) » ma pregevole al pati 
[ulaoqne altra 9 pei aver prodotti era uowùmi g^^ndi^ 
ione » C. Maiio » e Gioiello : 

t primo nella toga > il fitcmdo neirarmi, il urrt nella 
ica. Ciuf né afpiiò alla gloria per oiezEo dell* eioqnen« 
iimrh pei messo del valore, Ciistilù pei messo dell' 
soia (i). 

so popolava il foro 9 T «/rro ti campo , T uUimo U 
ro. CÌ€Èfmé pcrfiudeva grintelletti con le parole % e Afa* 
incora ggiva gli animi con l' efempio. Giiiéllo rapifce i 
à colla voce. Cicerone fa corteggiato da' Komani , pec- 
cxa nn eccellente Oratore , Mario fu fegnittto da' foU 
, perche era un eccellente Capitano , Giiìello è applaa* 
da ratti» perchè è an eccellente mufico. Tatti tre de» 
ono lo ftnpor de' Romani. 

iaaUacntc ^icarona lafciò la tefta , e la feliciti confè» 
% eoa lo ftndÌQ a M. Antonio » Mario lafciò a Siila con 
eliciti^» e colla viu, anche il dominio acqulftato coi 

B l' tuo > e l' altro tornaflè in viu vedrebbero matatc 
colè • e Invidiciebbero Gl\jelU « che gode la vita » la 
dà 9 e molte foftanse guadagnate col fiato. Così nellm 
■ 106 di fxancefco Eugenio Gvafco al di Ini volgari»» 
Elenio dilU eonfjmra di Catilina fcritta da Saloilio. Na- 
l 1760 9 Mg. 449 e 45. 
Terra di Lavoro nel Regno di Napoli, 
tò il Girello in qneftQ Regio Teatro (4-) l'anno i744(**)* 
Rtofi nel 1741 1 e fattoti edificare da Carlo Emanuele III 
dìfegBO del Coati Benedetto Alfieri Tao primo Archi- 
lo. Vedi 1' origine de' Teatri principali d' Europa nel 
avo Almamacto de' Teatri di Torino per Tanno 17^0* 

t 7 ed 14- 

gì) avara egli cantato nel vecchio Teatro T anno i74o« 
«i acll' AlKsnacca de* Team di Torino per Tanno X7«a. 



9» tresi intefii con foddisfaxione » che col merito 
9^ de' rari fuói talenti ^ in lui concorrono le vir« 
^ tuofe qualità di faviezza » probità , ed onorm- 
^ tezzaé Quefie commendevoli prerogatiye , che 
^ gli hanno ximeritato Y univerlàle applaufo» tanto 
,9 in quella noftra Metropoli » che in moke altre 
^\ rinomate Città d* Italia, avendoci pure difpofti 
,^ a compartirgli gli effetti della noftra benefi- 
jj cenza» ci fiamo perciò detcrminati a ftabilirlo 
j^ al nopro ferviiio per Virtnofo della noflra Cap^ 
^9 peUa , e Camera nella qualità di Mujico Soprano^ 
^, non dubitando j che farà egli per Tempre più 
^, diftioguerfi » e continuerà a dare coftanti faggi 
^, della Angolare fua maeftria > ed abilità ; epperh 
,9 colle preferiti coftituiamOj e depu- 
ri tiamo il fuddetto Luigi Marche/i per Vìrtufìfo 
^y della noflra Cappella » e Camera nella qualità 
,^ di MuJico Soprano , con tutti gli onori « privi- 
si legì » prerogative y e vantaggi , che ne dipen- 
^j dono , e colC annuo ftipendio di IL 1500» che 
^, mandiamo al Teforiere della noflra Cafa di pa- 
ss g^fglì^ ripartitamente > a quartieri maturati , co* 
,9 minciaodo dalla data delle prefenti» e conti- 
^ nuando in avvenire , durante la fua fcrvìtù ^ ed 
jt // ncfiro beneplacito » con ciò , che prelU il 
yj dovuto giuramento; rmandando altresì al Con- 
yy figlio deUa noflra Cafa di farlo in tale confor^ 
yy mira defcrivere fui bilancio d* effa » ed a chiun- 
yy que fpetti » di riconofcetlo , e riputarlo nella 
y^ qualità predetta , eoo farlo » e lafciarlo godere 
9^ delle cofe fovra efprefle , volendo , che le pre- 
j^ fcnti fiano fpedite feoza pagamento d'emolu* 
^, mento , e dritto di figillo \ che tal' è noftra 
jj mente. Dat. Torino li 2 j aprile 1782. y. Amedea*' 

y. Lan franchi P/P. e Reggente. 

y. Detofji di Tonengo, 

y. Di Cray a ri la na,^ 

Corte* 



fedi dilla CéiffiUa dil SS. Sudario. 

ROSINA Saardoti Carlo Emanuel ^ 
Cufiodi della Cappella dil Santiffimo 
Sudario. ,> Le lodevoli qualitik , cfas 
^^ a' incontiana /i<//tf perfona del Sa* 
9, cerdote Carlo Emanuele Rofna^ 
jj avendoci già difpofti a deltinario 
,» per uoPro Cappillano , e' invitano 
^ ora a conferirgli anche f Ufficio di 
,j Cuftode della noftra Cappella dtUm 
^y SS. Sindone^ ftante la giubilazione 
,9 accordata al Prue yalUtti^ e &st- 
j» mo perAiafi della Tua efattezza» e 
,» zelo a ben compirne i doveri i 
9> ipperò per le prefenti • • • • do» 
M putiamo il ditto Saardoti Cado 
j» Emanuele Ro/ina per Cu/lodi della 
>, noftra Cappella i^/ «f5. Sudario ^ 
„ con tutti gli onori ^ privileg) , pre- 
,9 rogative» e vantaggi ^ che ne di* 
^ pendono, colle regalie di Cuftode, 
M « ro/&t continuazione del fuo fti- 
,, pendio di IL 500^ come noflroCap* 
,9 peUano , di cui gli cefferanno le 
,9 regalie; continuando peiò apreftat 
,9 pure il Aio fervizio di quefto im- 
i> piego , voUndo per altro , che alla 
„ morte del detto Prete Valletti debba 
,» godere l'intero ftipendio ^1 Cufio^ 
S9 di , che fono 11. 500 annue, le 
„ fiiii/i mandiamo ora per allora al 
„ Confeglio della noftra Cafa di fargli 
„ al tempo di detta ntottQ pagare ri- 

,» parti tam ente. 



t 



jl^ paratiIMSM i;' ft Ì^HiftlWl' ÉHtMtpl w-^ft^ftà m 

^ tua feititù^ ed il noftio bettepladco»*€M ol^ 
9» <&« jproftlrOiti lU dotato 'guiidDealà.i céBcìC^ 
g. fioo^ption b ftipemUo ^ ed ilvlérrisio ZiQé^ 

v-^io ^1 M il -^Séu:itgmu^ Al Geoenlo di Fi- 

^ ^ntfirpé Por agmliie tf/ CkUrìM 

S^ r a» iiMCvieiiie: idla Boftii Cappelli del 

4» -^^« Saiirh Gio. Engenio Caftel* 
^» lilK> dfiUa frefinm Cini il mexici 
j^ di effer piDiiioflb a^i Oidini Si- 
. . i> cri ^ ci fiamo degoati di coftituiigli 
I» in pcofione filU nofire Finan{9 
jy r aimualiti di IL loo» da tener 
^ laogo di paaimonio ; tpptrò fi man- 
tt diamo di iargU pagare la detta an* 
^ nua penfione di IL zoo ripartita- 
f ^ mente » a <}iiartierì maturati ^ co* 
^» minciando daUa dau del prefentOf 
M e contviuando in kvreniret fino a 
M tanto che venga proyyifto d'e<{m- 
^ vaiente fuififtenxa , farete regiftrare 
j» il prefente 4Ùt Ufi{io iti Controllo 
» GtntrsU » feQ2sa che fi paghi vetun 
j» emolumento , né fpefa » e preghia* 
j» mo il Signore» d^e vi coniervl 
n Torino li io gennajo 1755* 

De S. Lattrtni* 



fiftmMa €0fftìU ma SS. Sindone. 

CASTELLINO Già Eugenio. ^^ FirU 

^» t^^fi^^ > ^^ noftra cet ti fcienza ^ 
^ ed antbrìtà Regit j tUg^iamo , ^o« 
^ Umiamo , e ékputiamo il fuddetto 
^ Sacerdote Gio. Eugenio CafitlUno 
^ per SacìifUt della noftra Cappella 
j» ^fftf 5J« Sindone » con tatti gli 
^ onoDj pKÌTÌleg), prerogative» utili, 
^ vantaggi » ed alue cole , che ne 
93 dipendiono > e tolt mnnuo ^pindio 
^ di lire cento 9 che unite alle lire 
9» loo di penfione «^ a titolo di pa- 
^ aimonio ecdefiaftico , che egli già 
^ gode fuUe Finanze » viene a for- 
,, madi l'intiera fomma di lire 300 
„ follia affegnirfi al Sdcrìfia di detta 
9, CofpeUa, le quali U. 100 mandia^ 
,, mo al Teforiere irAi nofirs Cafa 
^ ^ pigargli ripartitansentej a quar- 
3, tieri maturati , con ciò^ 

$% '^ P^^fi^ '^ dornto giuramento. 
M Mandiamo pertanto al Configlio 
^ della noftra Caiii di deferi vcrlo in 
^ tale conformità /tt/ bilancio^ ed a 
,3 cUunqno fia fpediente, di ricono* 
^ fcerlo , • • • • Alla Veneria li ij( 
^ giugno '7^4* ^« Mmanuele. 

Ma^è. 



9» 



4*4 ^ . . 

Churìeo firpimu U Reali CappilU, 

1791 CORSO Stefano Maria» ChUrUo Jff* 

XX vUnte , come infra. ,j yittorio Gai tono 

wovemh. »> Af^nVi » per divina mifcricordia delia 

»» S. R. C Prete Cardinale Cofia, 
^ Atcivefcovo di Torino , Grande 
M limolinìere di S, M. » Prelato or- 
,y dìnarìo> e Giudice ecclefiaftico della 
,» Regia Cappèlla , e Corte. Li ben 
vantaggìofì rifcontri, che abbiamo 
avuti intorno alle lodevoli qualità 
deironefto giovine Stefano Maria 
,3 Corfo di quefta Città , che da quat» < 
3j tro anni > di noftra licenza , vefte 
^ r abito Chiericale 3 ci hanno invi- 
,, tati a prefcieglierlo al poflo vacante 
di Chierico fervience le Reali Cap* 
pelle \ epperò col prefente eleggia- 
mo , coftìtuiamo , e deputiamo per 
uno de' Chierici defiinati al fervizio 
>9 della Real Cappella della SS, Sin- 
done , e della Reale Cappella Far- 
rocchiaU di noftra giuri/dizione il 
mentovato Stefano Maria Corfo, 
y, con tutti i dritti , privilegi , ed al- 
3, tre cofe a tale pofto fpettanti, e 
», col folito annuo ftipendio di IL So, 
,, da principiare dalla data del pre* 
(ente, e continuando in avvenire, 
durante la fuafervitù, ed ilnoftro 
„ beneplacito. Mandiamo pertanto a 
„ chiunque fia. fpediente , di ricono- 
^, fcerlo per Chierico come fovra, • 
5, lafciarlo godere dello ftipendio , 












altra cofe fuddocte. Duu in Torino dal 
aaLzo di nofixa abitaziono U xx novembxQ 

Vitwno Cardinale Cofia 
Guade limofioiere. 

Canomco Gio* Bona 
Cane* della R. Corte. 

:amf4lfm JitU U. MM., tà AA. RR. 

I DEROSSI AbbM Carlo , Confcjfori 
di S. M. jj • • • • Colle prifinti , di 

jm ji nolfara certa Tcienza » ed autorità 
j9 Regìa ^ eleggiamo , confiituiamo ^ e 
deputiamo il fuddetto Abate (4) 
Carlo DtroJJi per no/?ro Confejfori^ 
99 con tutti gli onori ^ privilejgj « pre- 
M rogative » preemioenze , vantaggi » 
^> ed altre cofe^ che ne dipendono j 
j9 e coir annuo ftipendio di 11. 900 » 
,» che mandiamo al Teforiere della 
jA noftra Cafa di pagargli ripartita" 

^ menu » durante 1 eferct* 

99 zio di detto impiego, ed ilnoftro 
. jj beneplacito » con ciò che prefli il 

5j dovuto giuramento (^) 

^, TiPn/ztf li 31 marzo i775. 

^o* Santi Vittore 9 e Corona, di Graffano, 
'edi la Tariffa del 1770 , tit. i del drifto delT 
wtolutncnto per le prowiponi di S. M y pag. 
iX j num. 6 2 : ibi ; Confeffore delle LL» AL M.^ 

d AJi. R.JL lire trentadue. 






4i< 
Già tltrofe tTomma occafione di twettìia» 
che anche neTecoli fcorS i Cónfeffòri del Prin- 
cipt venivano pure occupati in pubblici afiarL Al 
quale propofito nimf h Pratica legale » pMr. ij 
tom. 5 > pag. 55^: ibii Carlo Emanuel • • • . • 
^ AUi illuftri » e molto Reverendo ConfegUere di 
^, SutOj Cavaliere di Gran Croce» Priore della 
9» Sacra Religione de' Ss. Mauria^io > e Lazzaro (a) 
99 Monfignor IfUoro Pentono nofiro Conftfforc^ 
,^ molto maf^nìfici Cùfjfijglieri di Siata lì Prefi- 
,» denti Maronc , e GaUani j e Auditore Ranotto^ 
^ e Magnifico Cohfeglierù V Auditore Nicùlis» 
9» Veduta •••••« T alligata fupplica «••••, 

^ vi commcumo , t mandiamo ^ch% ab- 

^ biate a conofcer ne' meriti della caufa Tuppli- 
j» cata» e fopra il contenuto in quella decìdere ^ 
^ e terminare^ cpme vi parerà di ragion, e giu- 
^ (tizia» amoHniftrandola buona» breve» e (pe- 
^ dita» avuto riguardo alla fola verità del fatto» 
^ e omme0a ogni lunghezza di proceflb» che 
«» in ciò con dependenti vi doniamo T autorità 
$9 opportuna» fendo tale noftri mente* Turino 
n li vinti di fettembre i6i^. C. Emanuel 



(a) Priore della Chic/a Magifirale dì nofira Saera 
Religione: cosi in un Ordine di Carlo Ema- 
nuel I. al Te foriere Generale de criminali, & 
partite cafuali M.r Aleilandro Ponio » dellii^ 
maggio 16169 relaiivo a Monfignor Pento- 
fio « e nflifir^io in ^utfii Camerii Archiyj. 



4«* 
RAMBAUDI Fnnceico» Confiffon di 

S« M. U Rjggms. ij • CoI)e 

9» prefcnri dipmtiamo 

^ Y Abate {a) Ffincefco Rambaudi 

i« per Conftffore doÙa Regina ibia 

,9 dilettifllaia Conforte j con xn/zi gli 

^ onori 9 e coli' annuo 

M ffipendio di 11. 900 , che mandia« 

9, mo al Teforure dMa. nofirs Cafik 

^» di pagargU tipactitamente • • 

^ Torino li ji auu:xo i775. 



• « 






ElOSSIGLIONE Giufeppe Maria « CfinfeJ^ 
fort di S. A« R. la Principeflk dì 

• Piemonte, j» Per U prefenti • • • • « 

M deputianao iljuddiuo Sacerdote Giu« 
feppe Maria RoffigUone pctConfef^ 
fort della Piincipefla yi Piemonte 
9» mia Nuora , eoa tutti gli onori 
M. «•••••••» e coli* annuo 

,, ftipendio di U. 500, o/rr^ il tratf 
,^ tenimento di U. 800 « Scienti ia 
39 tutto 11. ijoo» che mandiamo id 
,1 Teforiere della nofira Cafa, di pa«< 
s» gargli ripartitamente » a quanieii 
^» maturali, cominciando didlm data 
„ ir//« prefinti « e continuando in av-" 
3, y«iiir# , durante la (uà feryitù » ed il 
^, noftro beneplacito, con ciò che pte^» 
^, fti il dovuto giuramento .••... 
^ Moncalieri li 7 novembre I775-. 

S. fonalo» 

m. IL I> d 



4iS 

.17*7 TiMPlkemfippè^amfifforgiiS^K. 
aS. • M.il Prìacìp* di PieBxmte. Confgtiù 

éicemb. »» dilU ncfrs Cafih Ci fiamo bea 

M volentieri difpottiid aflegsare tono^ 
» rmrU di liie daqveceato isttue 
,99 al Ttùlcgù CoUigisiò Giufippi T$m* 
t0 fU , ftato dal Priacipe di Pie- 
»» BK>Bt0 mio^ dilettiffioDo figlio elette 
jp in fu0 Canfifirii e vi diciamo in 
^ 9onfagtteAza di deiciiverlo in tale 
^ canformità fulHUncio^ • &rlogo- 
,j dere del fuddetto onoiarìo rìpartita- 

. « ^ mente j a quaitìerì nuturatj » comin- 

^ dando dal piimo del prolEmo gen- 

^ aajo • Comuniche^ 

9, rete altUffi^ìù del Controllo Gè- 
^ mcraU il prefente, per cui non 
„ fi pagherà emolumento > eprechia- 
,^ mo il Signore » che vi coniervi» 
,9 Torino li a 8 dicembre 1787* 

1791 TEMPIA Giuiéppe> Confo fere di S* A. R. 

ao la Ptincipefla di Piemonte. », Confi' 

ngofta 1» gAV^ ^//tf nofira Ce fa. Ci fiamo difpo- 

^ fti ad aflt^gnare MlieoUgo Collegiata 
Giupppt Tempia , ftato dalla Prind» 
pefta di PieuQonte mìa dìlectifliina 
Nuora prefcelto in fuo Ctnfejfon 



9» 
9» 

^ r onorarlo di IL ^ooaocvej epperò 
M vi diciamo di defcriverlo fui bilan- 

9$ 



ciò per il fuddetto onorario , e far« 
s» glielo coni fpondece ripanltamentCj 



4«t 

t, m quMTUiri méiiuraii , comiciado dal pnDM 

^ del cofftenra » e condnuiiido in mprgmre ^ d«» 
i» mifee la fua (brvitù » ed il no&to beocplaciio^ 
^ «^ ^^ oltre a quamo già il modefimo godi^ 
f» C^mmiUke^ué all' Uffizio del Cootrollo Geogii 
J9 raU il préfknH , pei cui no» fi paglierà enehi» 
f» meato» e pceghiaBio il Signore ^ che vi con* 
jt feffi* T0rin0 li io agofto i79). A^* jtmuktté 

V. Falfdrg^ F. F. pd G. C. 
y. Mammino ptl Controllore Gin. 
y. Di ^crrétyéUU. 

Gréumrk 

Frimo , € fiondo Vicario Parrocduale 
idU Ref^ia CappilU > e Férrocdùa 

con 
tn ChiirìcL 

1770 GIANOTTI Vittorio. ^ Il Rt di Sar^ 

50 if dégns. G>nfigUo dtUa t^fira Càjk^ 

agofto* ^9 Dal noftro Grand' filèmouniere , e 

j. Cappellano Maggiore itila nofrn 
t> Corte (a) eflendo ftato deftinato con 
M eo/2ro gradiménto il Sacerdote ». e 
f» Teologo Cellegiato yUtorio Gin» 
»» jM>m 2ft Torino j per Primo Ficario 
j» FarrocckiaU della aoftra Cappella» 

(1) £<*i dal tigaoi Caidiiult ^<^ iUa{« (t) ^ a cai è fuccc* 
dato in ole impiego di Grani* EUm^fiùén % è CsfflUmm 
Maggiori TAtciTelcovo di Torino Fcancefco Luctrna Bo« 
nsflgo di Rorà pct Regie Pateati dclli i« aprile 17? ) * «^<: 
«9 Nella citcoftanza » clie abbiado ftimato di aderite alle 
•t pienarofè iftanae fatteci dal sig. Cardinale dillt LancU » 

f» per cflcre follevaco da qoeil* incombcnaa » dà* 

»• pmiiamé F Aicivefcovo di Toilno f caoccfco Luctma Ro« 
t, xcago di Rorà pei so/lfo Crasic tdéwtofiniért » « Caif$i^ 
99 /aa# Maggiori della Doftxà Corte • 

(1) Vedi q«ì fopra le ptf . f t4 ^4 t^h * 



L 



f» e Paitoodiit.» ^^vùUUù^ dia il niedefioio gièi 
it anpiiilni^iita ddlo fiip0tidi0 di IL 700, J^sbri 
fB IL }0# pel oimeiiunentD àdfiìmio TicuM 
«9 PtfiocdJile» « il idiff JL 7|o per quello éi 
m ^^ Chmrw^ ìH ngkme .£ IL 150 «mkii#, fi^ 
^ penti m tutto IL 1750 » m m umsm» é^^Jj^t 
«9 ad effetto lo Cadete ddcriteio iftjal qualità 
»J(iU HUm^ìù di efla loftn Caia t e ripurtitaoie&ta 
^ pajjare, a q9uinim méntirfii, di dette IL 1750^ 
»> ptiAcipiaiidd djd piisio del proffimo fetteuibej 
M e coetiBuàodo la avveuife « dinante il di lui 
» eferaxiD in tal impiego. Féreu rigiftréir$ all' 
u Uffiao del Goutiouo Genenle Uprefinu, per 
if cui vogliapio JKMI fi pa^hi Teniu cpoluinciitnb 
$% e feiVEa pib pr^Uamo d Signore » che vi con* 
9» iervì* Torini U |o'agoflo 1770. €• Em0nud$^ 

Moro[[o. 
»■ ■ • ■ . 

QféLn CkUmhtrUnà^ o fia Cém$rUr^ Msggiart. 

.1794 COA&DI di Carpenetto, Conte Paolo Giù» 

i'% feppe Maria, Gran Chiamter tono ^oùk 

'^•pÓlUt * Cameritn Maggiore. ,, Colle prefenti 

«! 9> • • • • deputiamo il fuiditto Com$ 

«> Paolo Giufifft Maria Coardi di Car^^ 
9, pimto mìo Cugino /^^rnoftro Gran 
^ Chiamberlano» o^ Cameriere Mag« 
$% gìore 9 ^cn t^tti gh onori • • ^ e 
9j col (olito ftipendio M lire quattro 
,9 mila fti etnto treni otto » che man- 
I» diamo al Teforiere della noftra Cadi 
yy di pagargli ripartitamente ^ a quar- 
^ tiert maturati , t • • Torirto li aa 
^ aprUo 1794. y. 4m4(k(h 



4U 

Primi GtntìUteiminl di Cdmttà* 

1785 BALBIS Marchefe Qittfeppc Maria j P/^ 
|i mo GimUsiomo della Camha diSéMé 

inarxOtf j» Il fingolaro compiacimento^ chtf 
^ inconchamo nel promuovere a mag<- 
^, gioii onori que' foggetti , che fi 
^9 tono diftinti al noftio fervizloj ci 
^ ha di buon crado difpofti a defti^ 
59 nate alla ccnpicua carica di nofira 
^ Primo Gentiluomo di Camera ilìdàZ" 
jy -chefe Gtufeppe Maria Baltis^ il quale 
j9 • • • ha conftantemence date affi* 
' f, curate ptòvò « * « > P<*gg) tutti, 
5, che accoppiati alla nobiltà deTudì 
j9 natali gli bantio conciliato la iiyQfci 
jy revole propenfione» e confiden^a^ 
59 dt cui gliene abbiamo data una 
^ ben onorevole teftimonianza nell' 
f, averlo neir anno fcorfo deftinato 
j9 a complimentare ia nome noftra 
59 in Milano S..M- L • • • « perciò' 
55 per le prefenii «.« • • deputiam0 
55 il fuddetto Marchefe Giufeppe Ma- 
59 ria Balbb ^^r primo Gentilttoma 
5» della noftra Camera p con tutti, gli 
5» onori • • • • ^ . 5 .e coU' anau^ 
55 Itipendio di lire miUe ottocento^ 
. 5, le . quali mandiamo al Teforiiré 
5» della noftra Ca(a di pagargli ripar^ 
55 titamente 9 a quartieri maturati . ,^^ 
. X5 Torinoìi 5 1 maiM i^%$• ^uimedeom 



3 



1758 

fectemb* 



BAUIANO Maiditfe Aadm Gotto» 
6edo. j, DepmttMMtù il piedett» Mar- 
«» cheie» e Cififieie Gnn Cince 
w AmA'tm GcuafreM RMìmmo per ne» 
M /^ Pnse GmtifmmmùJi Cmm^rm (n)» 
,» oott tutti gii ciBod • • • » # €«ir 
M niMffo fti^itdio dì IL iSoo, che 
y, fliandiaino al Tefenere deUa noftra 

^ Caia di pagafgli Tg^ÌM 

9» li j maggio 1789. V. jtm€dé0. 



C§9ÌÌIm0 MìMÌ di Ci 



9> 



9» 



SOLARO M iUreiu^ Marcheie Fi%t 
Jgnsiio, »» • • • • Deputiamo ilfuiittm 
Marchcfe Filippo Igsazio 5o&ire di 
Morétta per nofiro GintUuómo di 
Céuntra 9 con tutti gli onori • • • • j 
€ col f olito annuo ftioindio di lire 
fiicmto 9 che mandumo al Ttfo- 
,9 ri^tf ir/bf nofira Cafa di pagargli 

,9 Torino li 2j fettembie 

,9 175 8, C. EmanuiU, 



1781 
ottobre. 



MOROZZO di Blanzè Marchcfe Gaf- 
pare Filippo 9 Gentiluomo della Carnea 

di 5. M 9» Per le prefenti 

99 deputiamo il fuddetto Marchefe Gaf« 
j9 pare Filippo Morozzo ii Biande per 

(a) 5i ritenga 9 che queft impiego di primo Geo* 
tiluomo di Camera 9 e adejfo^ e innanzi ed 
ora p i veduto , e fi vede coperto da pia per: 
fone nel medefimo umpo. 



4tf 

%%.n0llro GtmUuomo di Camera (a"), COQ tucti gfi 

M ooorì « • • • • ^ e coir annuo ftipendio di lira 
«ft feUiniOp cho mandiamo, al Teforiere della no- 
j» ftca Ca& di pagargli . • • • • Moncaliiri li if 
M ottobre 17S1» /^. Amedio» 

Cortèi 

1776 BAVA di S. Paolo Cb/iie Filippo Marm 
' S Emanuele Gaetano » GtmUuomo di CW- 

•OTimb. JB/ra i^i «f . Af. , come i/i/r^. ^, U 

9, Conce Filippo Maria Emanuel Gao* 
,9 tano Bava di S. Paolo, Primo Scu« 
,f diere > e Gentiluomo di Camera 
^ ici/r Pi/cAi d^ ^ofi^ % ^ di Monftr^ 
^^ rato , miei figliuoli àmatiiEmi'^ 
^ avendoci r appref tritato ^ che gl'ili* 
j» comodi di (anità ^ cui foggiace , 
9» non gli permettono più di conti- 

^ nuare > ci fiamo beni« 

^3 guarnente difpofti a dìrpenfamelo ; 
^9 dolendo ptrò dargli un difiinto con- 
j» traffegno del' gradimento , cftima» 
« jj con cui rimiriamo la di lui perfo- 

,» na^ ed il fervizio dal medefimo 

. f ^ preftato con vero zelo , o fedeltà» 

^ tanto nella carriera militare » che 
,t nella noftra Corte , prima in qua* 
^9 lità di noftre primo Paggio d' onore^ 
9, indi del Re mio Signore > e Fa- 
j, drc « • • • Deputiamo il fuddetto 

99 Conte 

(•) tn ordine a' Ciambellani vedi la nota b » di cui 
mi tìtt i a 19/71. i ^ctftf prtftntt Optra > pog. 49. 



^ Conte Filippo Maria Eaumiele Gaetano Bati^iff 
^ S. Paolo Doftio Gentiluomo di Cameia onorano» 
^, con tutti gli onori , pri vikg) » prerogative > preo- 
j9 minenzc » ed ogni altra cola a tal grado ipet« 
^» tante. Mandiamo pertanto a tutti li noAn Mi- 
9, niftri » Magiftrati » Ufiziali > principalmente a 
^ quelli di detta noftra Camera j ed a chiunque 
9j altro fia fpediente> ài riconofterlo ^ a riputarlo 
», nella contormità fovra efpreflà » con hx)o » 
t» e laTciarlo gioire degli onori j prerog^ive» ed 
j» altre cofe predette ^ che tal' è noi^a mente. 
M Moncalicri gjà 8 novembre 1776. K Amtdio. 

Corta 

11 fuddetto Colite di Ì5. Paolo (a) era ftato de- 
putato Primo Scudiere , e Gentiluomo di Camera 
de' prenominati Princìpi con Regie Paunti delli^ 

^ugno 1775 : ibii 

j9 A prefciegliere il Conte Filippo Maria 
9» Emanuele Gaetano Bava di S, Paolo Maggior 
^ Comandante nella Legione degl' Accampamenti 
^ alle cariche di primo Scudiere , e Gentiluomo 
^ di Camera delli Duchi d'Aofta» e Monferrato 
9» miei figliuoli amatijjimi j ci hanno modi le fa- 
9, vorevoli notizie 9 che abbiamo » non meno della 
^ di lui faviezza » circofpezìone , e prudenza > che 
,) della morigerattezza > ed altre virtuofe doti» 
^j che concorrono a dare un maggior luftro alla 

^, chiarella 
(a) Quefio colto > e favio Cavaliere compili , anni 
fono, r elogio ftorico del Prìncipe Eugenio 
di Savoja , che abbiamo nel tomo fecondo > 
Piemomefi illuftri, edizione di Torino del 
.1781 prcflò il iteiolo j pag. i ad 161. 



99 
9% 
99 



4»f 

thùirii^a dilla Jmm Aafciia (a) > onde ci aificu* 
riamo di aver in lui bon collocato quefto tratto 
della noflxa panicolare itìma, e confidenza ^ 
Bfpirò . • • deputiamo il fuddetto Contt FiUffo 
iiéwis EmamaU Gaetano Bava di S. Paolo pei 
Primo Scudiere i e Gentiluomo di Camera delM 
9 Duchi d* Aofta » e di Monferrato miei figliuoli , 
9, con tutti gli onori j privilegi » preeminenze» 
^ prerogative j ed alue cofe a tali cariche fper- 
9> tanti» e colt annuo /bpendio dilL 715 ; le quali 
•s mandiamo al Terriere della nofira Cafa di pa- 
gargli ripartitamente > a quartieri maturati • • » 
mandiamo fer tanto a tutti li • • • ed al Coufi^ 
glio dilla nofira Cafa di deferi verlo in tale con* 
formiti Jul bilancio » con farlo » e lafciarlo go- 
dere delie cofe predette » che tal' è noftia mente» 
Torino li 9 giugno t^y^.y. Amedeo. 

CortCm 



1» 
9» 

M 
99 
99 



Oltre air impiego di Gentiluomo di Camera 
del Sovrano , dee ritener fi, che quegli, il quala 
è primo Scudiere di uno de* di lui figliuoli ^ è 
in/urne Gentiluomo di Camera del medepmo^ 
conforme fi, vede nelle predivifate Patenti 9 gi*- 
gno 1775 ^ favore del Conte Bava di S. Paolo » 
a rtelle altre ^degli 11 mar{o 1741 a favore del 
Conte Provana di Leini : iti : 

M Per le prefenti • • • deputiamo il 

,y predetto Conte Fraruefco Ottavio Pro* 

9, vana di Leyni Pruno Scudiere, a 

,, Gentiluomo di Camera del Duca di 

j> di Savoja mio figlio Primogenito » 

(a) La Corona Reale , parte prima j pag, 176 , ^ 

177» parlando delt origine di Foflàno^ anno' 

vera tra le principali Famiglie i Bava. Uni* 

fcafi L pag. 18: ^ e la parte x , pag. ijx» 



M 



4»» 

^ meàn aomiiAró odM h Ibdèlè t e 

^ femtik .^reui mUm fufimméiS. K tL via 
^ figUiiolo anuttìffiiDo da molti nuu ìm ^ftàmlk 
^ carUa di iiioAìauat^'ii'CMMriiadiiiriMiLibdf 
M dì|f«KÌoiie dcUa IL A- &> enoilt»! «iif /i«r 
'^ €iò io irirttt dello pvefiMd • • • •<• dtfmri^fm 
^ il fuddeno Fiaaceico AVììm (jf) primo Ajiir 
^ tante di Camera (i) éiiU w^Ufaut A. R»\ j 
^ fuo Gurdagkijery ms «fft f& «MnV«.«'. • » 
^ ftipeodia.i^ &^altIe ooie alai cariali Ipéetatti, 
j» te de^<lllali liamia' gedaió i fiioi aoteceiori^ 
j» rM .rii, /iff^ » che .piefti' il donMo^ pni* 
^ «meoiOi» Mmuiism0 pertaato» e. eomaaidiamo a 
M tetti ìvMagìftiati ;. :• > • • ^ J^éum li aa^^i» 

j^uiénii 4i CamiréU 

171) LE GRAND Secondo » Ajutanu £ 

10 Camera, come iiB/rtf. ,, Il Re • • « • 

ipugoo* jy Conffglio della nofira Cafa. In at- 

M teibto dell' atienUj e fedele fef- 
j, viiQj cke Andrea Le Grand nel 
^» corib di più anni ci ha refe nel 
M carico it no^o Afuianu di £#• 
^ m^M , ci fiamo compiaciuti di con* 
,, ferire a Secondo Le Grand fuo fi- 
M gUuolo' /e fovravwiven{a del fud« 



(a) f^^' r inyeftitttm 1 ofrìle 1^47 J^/^t f»4r/tf 
fitrfe del feudo di ViUarfochiardo a favore del 
Franceico Verdina » primo Ajuiante di Camera 

di S. A. Rm « 

db) X?^ titolo ^ primo Ajutame di Camera ji 
f«r/4 nella ranfia, f^^^. i« 




Wm ffiimyafc jf 



r. x>i-i 



i7*l 



^ ^ JV. « li 



màk ^uba dì # 



ióàBÌà fermi pidkun 4à 4iìm IV 

àcc» OMWr 9tjp^ ^NMMt A C^l^ 

per dite a !«MAd iMà «uovo <\Vi^ 
pofivotti è dì lui ttfMi^ I «il ti» 




/ 



4*« 

^ ¥Ìcac il ^iffaar eoi ig^ Angofara cfttt»' Mb 
^ flOftfttgfiM id^effn: iauMOB» ddpudst^ ««.^ 
gg fEh» ffuò.fm té frgfioui • » « • «r » «^^ :& • ^ 
,» deputiaoio il fiiUkué Kiuorio Awmàt^ Kiff^ 
^ Alfm^ per ju^ d\muum A dmtrm^ ttm 
i^ tutti gli eoon» ptivikói pmot^MiwV^Ailtt^ 
j9 «d jògtti altti oou ft «tal* Ufisio QitfiuMtfb « 
sj <^ 0ummàifmiiù di lite <oo^ It fMlfflÉia» 
IH éammo éU T^firUr» dJt0 mfbrs. Qifk àìf^pÈék. 
^ àpuóum&Èm r tk quinien metondg cwiia 
1^ Ciardo dalla ^tt delle pteCasti j e marìfaailii 
i» in ifveiiise» 'éir0m$ U/tmfitifkèg'éd ilMm 
m^ hmfkmio t oon aèr» dbe* pretti il d<»i 
^ riìUi fpusaaaettk). Mandiamo pettiwio mi mafrm 
^ GréM CiamMlémò , alU Gentilueiaiiii di Acce 
^ noftra Cawiera^ Uffiziaii d'efla, ed a chiunque 
M altro fia fpedieiue di riconolcere • • • Teruie 
»9 li 10 ottobae 1751 C EmsmuU. 



ALFAZIO Vittorio Amedeo Fi« 
lippo. „ Al gradimento particolari j che 
y, ci ri Adta degl'attenti^ e fodeli UvnÀ}^ 
,y che da luogo tempo ci preda il nofro 
M Ajuianu di Camora Vittorio Ame- 
j, deo Filippo Alfaaìo, ftato Tempre 
j9 imitatore delle virtuore qualità del 
^> defonto feo padre » pure Ajutante 
j» noftfo diCaaiera> torriffondono le 
M aoftce premure di dargliene effettive 
^9 teftinouianze; ci pomo perciò di buon 
9, grado amjjji a denioarlo anche Ca^^* 
M IM# del noftio Caftello ^ìMoncm^ 



^ JBri, è non duUtìiiiiè dtUa fu •iattaan, », 
«9 xek> a reoderfi vieppiù nerirsvold degli eflbcti 
j9 della beeigiia aoflxa propeDfione io Aio ngu«ida»« 

9t Qmmdi i ^ chi per le prefend depila 

„ òamo i/ fudJktto Ajuuuue mofir^ di Cmmera* 
j» Vittocao Amedeo Filipp.-» Alfét^io per CapitMn^ 
,» del aoftio CafteUo di Moncalieri , co(f «mm» 
^ ftif§ndio di IL 700 » ^A# méuidÌMu> al Teforiera^ 
j9 ^Ub iM»^4 Gr/i di pagafgli rtpartiunieiKe ^ » 
j# qnanieri naiurati > e con tutti gli onori » au^ 
>» conta, e prerogative a tal carico appartenenti, €ont 
M ciè ,€hg prefii il dovuto giuramento ^ mandando al 
9> Confeglio delU noira Cafa di defcriverlo in tale» 
p% confcmnità fui òUancio , e £umelo godere éUUé^ 
9» Jéua delle fr$fenti , durante la fua fervitù , ed iL 
s» noftro beneplacito, oltrt lo fiip$ndioj che già 
j» gode di noftro Ajutanu di Céutura , ed a tultie 
M gli Uffiziali noftrì » ed a chiunque fia fpediente» 
j, di rìconofcerlo , (limarlo, e riputarlo anche pec^ 
9, Capitano di ditto CafteUo di Moncalitri, con 
9, farlo, e lafciarlo godere delle cofe Aiddette» 
„ che tal' è noftra mtnt^Torino li t fcb. x7éo« 
9, C E montale. 

17)4 SPREAFICO Carlo Caiare, AjutanH 

15 if Camera di S. M. „ Tanto fingo- 

febbffajfo* ,, lare fi è il gradimento , con cui 

„ abbiamo inteta T informativa dataci 
M delle lodevoli qualità, che fi uni- 
„ fcono neOa perdona di Carlo Cefare 
„ Spreéfico di Milano , che vele oda 
„ Noi dargliene effettivi contraiTe* 
„ gni , ei fiamo volontieii determinati 
,9 di ftabiljxlo noftro Attuante di Ca: 

p$ mera • • • • j 




www 



4f» . ,_ ^ ,^,_^.^ 

j^il fudUlectty Qurlo < Gefim Spraifico jpiT mA» 
,» A)iitafli» dU Ctmeav c«t tàai f/f mian.'i.y 
^. o odPaoaiio ftipendio dt IL 8òo-^ fàrf! miBi^ 
,» diMDO '/il IMbtMOT doUt MflUi €a& 'ìK «n^^ 
^ gsrgUrifmiiimmmu , a^^iniMri ìAitted^CiWinK 
^ oandò tUlb' data dóUemofittici » ò oontmiÉiid» 
,^ ia«vf«DÌn;» diMMto la Mia fiurritù » edU'Solkn^ 
j^ beMpkcttOji ^wn^rdy €Ìé ptaftt'it dovatotfht* 
,t laoMBCa MìMmàéUM pertanto jgi na^ ^mìm- 
^* OétmMtam. alli <3catU«ofl(iinf di'JfHé n^m 
^ Cmmgra^ UffiaiaK di eflarad t chhmfiie altra 
^ fia fpodieate, di «ioonofceiOy ffinnra» o fijpa- 
,t tare il pnJkiW Cariò Cefire Spreaficé per Jtjm^ 
o imii# ao/Ìr# S Ckm$ra da Noi come (bvraocv* 
j» fti tutto » con farlo » e lafciario godere degli 
^ onori , privilegi » dritti , ed altre cofe fuddette» 
^ che tal' è nolfaB mente* ^Torino li 15 febbcajQ 
I» i7i4« C £msnu$U. 

Medico detts Ptrfonm di S* M. 

1793 VASTAPANE Pietro Gio. » Affi&Ve delfm 

zx Pérfona diS.M. ,, Nei lodevoliffimo 

fettemb» 1» fór vizio ^ che (la predando da^ 1784 

n nella qualità di mtdico dtUa noftrm 
< ^ Corte il Profcflbre onorario di me- 

99 dicinaj e Gonfiglìere del Ma^iftrato 
9, del Protomedicato Pietro Gio. Vm^ 
j, fiapdftg » ha egli conftantemente dato 
»t le pia afficurate diftinte prore di 
M Angolare capacità» e dottrina» noQ 

j« meno 



4J J 

tt meno che di vivifllino zelo » ed inteteflamento 

M pel Doftro feivizio j qualità quelle » che nelT 
9, avergli giuftamence conciliata hi noftra ftima » 
«9 e confidenza , e quella della Reale noftra Fa« 
a, miglia 9 impegnano la noftra beneficenza a dar- 
J9 gliene *ora un graziofo pubblico contxaflegnOt 
9» con deftinarlo per Medico della noftra Per(ona » 
J9 fiamo perfuad » che rìconofcendo egli in quefto 
at tratto di fpeciale noftra degnazione i favore* 
s% voli fentimenti> che ferbiamo a di lui riguardo» 
tt (ara per corrìrpondere con fempre maggiori 
M prove di attenzione, e zelo per il bene di 
«» noftro fervizio , e della Reale noftra CaGi ; 
9» epperò colU prefenti • « • deputiamo il ftuU 
99 detto Profifforc Pietro Gio. Kaftapang per iti^- 
at dico della noflra Ptrfona » con tutti gli onori 
9» •• • t e coir annuo fiipcndio dì 11. looo » che man» 
9, diamo al Teforiere della no&ra Cafa di pa- 
9» girgli ripartitamente j a quartieri maturati j co* 
9, minciando dalla data delle prelenti, e conti* 
j, nuando in avvenire , durante la Aia (ervitù , ed 
j, il noftro beneplacito , con ciò che pretti il do- 
„ vuto giuramento, e gli ceiE quanto prima go« 
j, deva nella preaccennata qualità di Medico della 
„ noftra Corte. Mandiamo pertanto a tutti • . • • , 
j^ ed al Confìglio della no(fara Cafa di defcriverlo 
a, m tale confotmìtkfultilancio •••Dsit. dal Quar* 
99 iier Reale di Tendali i% fettemb. ij^^.K Amedeo. 
Unifcanfi le altre R. Patenti delio fteflb giorno 
21 (ettembre 179 j : ibi\ «, deputiamo il mento- 
j, varo Profeflbre {a) Benedttto Ran[one per Medico 
9, della nofira Per fona , con tutti gli onori ...» e 
(a) Straordinario ì infiitu{ioni mediche nella Re- 
gia Univerfità* 

Tom. //• £0 






4J4 

éolt dtuuto fiifindìò a IL im* • . • , con ciò, chi 

pretti il dovuto giutamento » e gli affi quanto 

prima godeva nella predetta qualità di AùJicù 

CoMfuicnu della Reale noftra Perfona » e Famiglia. 

. Medico Onorario come infros 

D£SPIN£ Giufeppe. Regie Paicnti delli 
7 ottobre 1783 : ibi ,» Deputiamo d 
predetto Medico Giufeppc Defpuu 
per Medico Onorario della noftra 
Perfon»» e della Reale noftra Fa* 
migliai con tuoi gli onori ^ prm* 
legl • • • > # coir annuo fiipendio di lire 
feiceoto, che mandiamo al Tefo* 
rìere della noftra Cafa di pagargli • • • 
Moncalicri 7 ottob. 1 7 S 3 • ^« Amedeo. 

Corte* 



1781 

7 

Ottobre. 






Medico Confulente come infra. 

17S) RANZONE Benedetto, Medico Confu* 
10 lente {a). 

ottobre. 

Medici di Corte. 

179^ PROVENZALE Giuseppe, Medico di 

f Corte , come infra* „ Al poAn di Me 

luglio* j9 dico delta no/Ira Corte refofì vacante 

(a) Rfgif Patenti delli io ottobre 178^: ibi: 
Deputiamo il fuddetto Medico CoUegiato, 
e Prcfcffore firaordmarìo d* ifiitu^ioni me* 
^» diche Benedetto Ranzone per Medico Con« 
^, fuicnte della noftra Perfona > e della Reale 
,, noftra Famìglia > con tutti gii onori • • • • ^ 
,1 e coli' annuo ftipendio di lire nulle. 



99 



» 



§ 

,9 ftl iecejfo del Dottoro Campagnola {a) > ci 
^y Ramo btn volentieri determinati di prefciegliere 
9» il Dottore Collegiato di medicioa Giufeppc 
»^ Provengale , il quale nel lodevole ferviaio ^ 
,» che fta predando dal 1771 nella qualità tU 
9, Medico degli ufficiali y e fervienti della no/ira 
tt Capi y e loro famiglie prima alla l^eneria Reale ^ 
^j e pofcia in quefta Città , avendo date coftanti 
,^ prove di capacità, e dottrina, fperien^^a, e 
jj zelante attenzione a'fuoi doveri, non dubitia- 
j, mo , che in quella nuova deftinazìone farà per 
» vieppiù diftioguerfi » e rimeritarn il pieno no- 
>, Aro gradimento , e gì' ulteriori effetti della 
noftra beneficenza ; epperò colle prefentì . « . • 
deputiamo il prenominato Dottore Giufeppe Pro- 
vendale per Medico della nofira Corte , con 

tutti gli onori , e coli' annuo ftipen- 

dio di 11. 1 ICQ 3 che mandiamo al TeforierQ 

^, della nofira Cafa di pagargli , o- 

3, volendo, che le prefenti fieno fpedite fenza 
» pagamento d'emolumento, e dritto di figlilo, 
3, che tal' e noftra mente. Torino)! 5 luglio 179^.. 






J> 



K. AmediO. 



(a) // quale dopo efftre flato confiituito Medico della 
Real Cafa con R, Patenti delli 3 1 mar^p 
'^1^1 (1) f riportò indi le altre delli 5 mar:(o 
1779 del tenor feguente „ • • • Deputiamo- 
il fuddetto Medico Paolo Antonio Campa- 
gnola per Medico della nofira Corte ^ con 
tutti gli onori , privilegi • • • • , e colV 

annuo ftipendio di lire \ 200 

({) VuUU qui infra, nella pag* 45^* 



a» 

9> 
9» 



43« 

Medico dilla Reil Cafa. 



17^7 CAMPAGNOLA Paolo Antonio, M§^ 
1 1 dico delia Real Ca^a » conu infra. ,, Li 

SEUCZO. ,> rifcontrì ben vanraggiofi , che ab- 

9, biaaio avuti dell'abilità» atteozio- 
,y ne > ed applicazione nella cura degli 
9, ammalati , ie/ Medico Paola AntO' 
9, nio Campagnola i che ne ha date 
>j le prove nello Spedale de' Santi 
^^ Maurizio » e Lazzaro , ci hanno 
9» difpoftì ad iUggerlc ^et Medico della 
9, /i«tf/r izo/7rtf Cafa • • • • ; quindi 

9» è» che per le preferiti 

^y deputiamp il fuddetto Medico Paolo 
9, Antonio Campagnola per Medico 
jj della Reale noftra Cafa » con ttini 

>j g/i onori , e coir annuo 

,, (lipendio di IL 600 , le quali man- 
^, diamo al Teforiere della noftra Cafa 

,9 di pagargli » con aò ^ 

,j che predi il dovuto giuramento» e 
»» compijca gli obLlìghi, che gli ver- 
^y ranno d' ordine noftro additati. Man- 
^, diamo pertanto a tutti li noftri Mi- 
' 3» nillri , Magilliati , Ufiìziali » ed a 
33 chiunque altro fìa fpediente , di 
„ riconojcere 9 filmare, e riputare il 
»» predetto Medico Campagnola per 
,, Medico della Reale nofira Cafa, 
,, come fovra da Noi coftituito , con 
,, farlo, e lafciarlo gioire delle cofe 
»» fud dette , ed al ConfigUo di effa 
,, nofira Cafa di defcriverlo fui bi« 

M lanci» 



4J7r 

,, lancio nella contoroiità anzidetta» che tal' e 
9p noftra mente. Torino 5 x marzo 1767. C.EmanìuUm 

BrueL 

Medici iegU Ufficiaìi p € fiTvUnti 
della Real Caia» 

€ 

loro Famiglii 
nella Città di Torino. 

17Ì6 MO Midico Luigi, f. Colle pnfcnti de* 

10 ^, putiamo il Juddctto Medico Luigi 

marzo» j, Mò pei Medico Sovranumerario degi' 

9» Uificiali , e fervienii della Reale no* 
,» (Ira Cafa , e loro famiglie n^/Za Ciiri 
,j ^i Torino , con tutti gli onori • • • • 
„ con ciò che prefti il dovuto giura* 
' 9» mento , ojfervi le inftruzioni , cho 

fi gli verranno date» « detta anche j 
,» tf //' occorrenza , recarfi per tale og* 
M getto /i^ori della fuddetta Città di 
,» di Torino » allorché gli venifle yor- 
>» dinato. Mandiamo pertanto a chiun- 

a> que ^Torino li 10 

3» marzo 1786. A^» Amedeo. 



K Lanfranchi P.P. e Reggente* 
y. Adami di Ca^agliano. 
/^- di Cravaniana. 



Corre% 



4?» 

1794 REINERO Vittorio Am^dM , . • <r * 

' ì6 „ Depatiamo U prenominato Medicp 

iettemb. ^ Vtttùrio Amedeo Reinero pei Me^ 

^ dico effettivo degli Uffiziali » e fet- 
99 vienti della Reale flloftià Cifiij e 
99 loro fìlmiglie ndla Citta di Torino, 

^ con tutti gli onofi / 

9, e Colt annuo fiipendio di IL 400 » 
,» che mandiamo al Teforiere dilla 
99 nofira Cafa di pacargli 9 ripartita» 

99 mente» a quanien maturati 

99 Torino li 16 iettembre i794« 
99 y. Amedeo» 

y. m Morìa P.P. pel G. C. 
y. Pititti di Roreto. 
y. Di ScrravaUe. 

Graneri. 

Medici d^U Ufficiali 9 e ftryienti della R* Cafa 9 

ed 

Impiegati nelT Azienda della VeneriaR.9 

come pure 

delle rifpettive famiglie 

di detti Ufficiali y fervienti , ed Impiegati. 

1771 PROVENZALE Mriiro Giufeppe. „ Ef. 

9 99 feodoii dal Medico Carlo Emanuele 

•ttobre« 99 Buridano difmeflo il pofto» che 

99 egli ha finora efercitato JU Medico 

99 degli Ufiiziali 9 e fervienti della no- 

■99 ftraCafa9 ed impiegati n^/r^{;i>miii 

99 della yeneria Reale ^ ci fiamo tanto 

19 più volentieri difpoftì a Surrogarvi 



j) il Malico Giufeppi Proven[MU • • • • » colle pre* 

yy (enti deputiamo il fuddetto Medico 

y, Giufeppi Provengale per Medico degli Uffiziali» 
9» e fervieoti della nofira Cafa ^ ed impiegati neli 
j^ Azienda della yeneria Reale , con tutti gli ono- 
jy ii> privilegi , prerogative» utili, dritti, van* 
39 faggi , ed ogni altra cofa a tal carico fpettante» 
j, e coli* annuo fiipendio di 11. 500, che mandia- 
„ me al Teforiere della noftra Cafa 1 di pagargli 
,j lipartitaniente , a quanieri maturati, comin- 
„ ciando dal primo del corrente mefe, e con-! 
„ dnuando in avvenire , durante la fua fcrvità » 
„ ed il no/iro beneplacito^ conciò, che s'intenda 
„ obbligato di fervire altresì le rifpettive famiglie 
„ di detti Ufficiali , Tervienti , ed impiegati , e 
„ prtfii il dovuto giuramento. Mandiamo a tutti 
„ li . • • • , ed al Configlio della noftra Cafa di 
„ dcfcriverlo fui bilancio nella conformità fud- 
„ detta , che tal' è noftra mente. Torino li 9 et* 
„ tobre 1771- C. Emanuele. 

Carlevaris. 

Primo yirtuofo della Camera Regia ^ 

rt 
Direttore Generale della MufUa inftrumentale. 

1776 PUGN ANI Gaetano , primo yirtuofo della 

19 Camera Regia, e Direttore Generale 

gennajo* della mufica inflrumentale ,« Abbiamo 

fempre riguardato eoo fcnfi di be- 
nefica propenfione que' foggetti , 
che avventuroiamente dotati dalla 
natura di particolare talento, la 



99 



>» 



hanno 




44^ 
^ hanno -con mdefeffa applictzióne ^ ed tttWidL 

j» coltivato ^ e fono riufcìti eccellenti in aldina 

3, Icienza p o profeifione ; in quelU femionenti 

^^ avendo rivolto T animo alla (ingoiare* abiliti» 

^ e maeftiii nella mtéjÌ4^ inflrumenutU di Gae* 

,^ tano Pugnani Primo Fiolino della nofira Cap^ 

»« pella^ É Camera (a) ^ poiTedendo in grado diftinto 

j, i princìpi^ e le finezze dell' arte , con averne 

3; date commendabili prove 9 non fola in quefla 

j^ Città y che ne' paefi efteri , ci fiamo hen roUn^ 

^ iteri determinati a dargli un pubblico parti- 

», colare contraiTegno della noftra effimazione» 

^ ed a porlo in fituazione di maggiormente far 

3^ spparue lo pregievoli fue qualità , con de* 

3, cerarlo » e ftabìlirlo Primo Virtuofo della no* 

3» Pra Camera i t' Durettore Generale della muSca 

3, inftrtimintaU » fenza pregiudicio delCzmontk , 

^ e prerogative del Mafiro di Cappella in ciò , 

^, che a lui fpetta ; epperò 

9 nominiamo » deputiamo > e ftabiliamo il mento* 

^^ vato Gaetano Pugnani Primo Virtuofo della\3a- 

^^ mera noftra , e Direttore Generale della mufica 

% inftrumentale , con tutti gli onori , prerogative» 

\ utili » e dritti » e colf autorità , che per tale 

\ qualità gli compete riguardo alla mufica, che 

% occorrerà doveifi prefentare » ed efeguire in 

^9 eofpetto della nofira Corte in occafioni di fefte^ 

% baUi 9 concerti » ed opere » fenza pregiudicio 

% come fovra > dell' autorità , e prerogative del 

\ Maftro di Cappella in ciò , che a lui fpetta. 

\ Mandiamo a tutti li nofiri Mini/Ir i , Magillrati» 

jj Uffizialiy ed a chiunque altro fia fpedfiente, 

9, dì riconofcere» e riputare il fuddetto Pugnani 

3 per Primo Virtuofo della noftra Camera » e 

a) yidi ^uì fofra le pag. 407 j € 408^ 






44t 

Direttofe Generale della onafica come fovrat 

ed al Configlw delia r^ofira Caja di dcrcrìvetlo 
in tale confoiinità fui bilancio , eoo farlo , e 
lafdarlo godere delle cofe fuddetre, che ral'è 
Boftia mente. Tonno lì 19 gennajo 1776^ 
y. Amedeo. 

V. Lanf ranchi P.P. e primo Conf di Stato» 
V. Lcpinaffe pel Controllore Ceti. 
V. Boitvn di Cafiellamonte. 



Corte. 



Gran Mafiro della Real Cafa. 



1789 RUFVINOTTO Cavaliere Coconito Mon- 

j6 tiglio di MoDtiglio , Gran Mafiro dilla 

gennajo* Aeal Cafa. ». In quale grado diliima 

fiano prcflb di Noi i fegnalatime* 

riti d< 1 Cavaliere Giufeppe Ruffi* 

notto Coconito Montiglio di Mon* 

tiglio mio cugino, ben ci coni* 

^, piacquimo di manifeftarlo al PuIh 

^» blico » allorché j dopo d' avergli nel 

^, 1779 affidata Tiaportante carica 

di Primo Segretaro di Guerra » ci 

degnammo iodi di decorarlo della 

^ Gran Croce della Sacra Reli ({ione ^ 

^» ed Ordine Militare de' Ss. Mauri- 

99 zio , e Lazzaro » di promuoverlo 

,, al grado di Luogoterunte Generala 

9» di Cavalleria nelle no fi' e Armate^ 

9, di elevarlo nel 1787 a quello dì 

»> nofiro Mini fi ro di Stato » e di an« 

>> noverarle 



93 






I 



44* 
j» noverarlo per fiae nell'ora (corfo anno (ira fi 

9> Cavalieri del Supremo noftro Ordine della SS. 

9, Nunziata. A cosi pregevoli trarci della fin- 

99 golare noftra propenfione» 'e confidenza cor* 

,y rirpofe egli in ogni tempo con irrefragabili 

»> prove . .,. . Epvtrò colle preferiti de- 

^^ putiamo il prcjato Cavalieri Giufeppe Ruffinotto 

^ Coconito Montiglio di Montiglio fcr Gran 

^9 Maftro della noftra Cafa , con tutù gli onori 

,j •••'..• 9 e coir annuo ftìpendio dì lire cin* 

^9 quemila fettantacinque » che mandiamo al Te-. 

j» foriere della noftra Cafa di pagargli , ripartita- 

99 mente» a quartieri maturati • • • • Torino lì i6 

99 gennajo 1789. f^. Amedeo. 

Gran Majlro in fecondo della Real Cafa. 

1794 DELLA TORRE di Gordon Marchefe 
Il Vittorio Aqnedeo» Gran Maftro in 

aprile. fecondo della Rial Cafa. », 11 Cava- 

9, liere Gran Croce Marchefe fritto' 
i, rio Amedeo della Torre di Gordon 
. M ha> non meno nella militare carriera3 
j, che negli impieghi della noftra 
,9^ Corte , e fpecialmente in quello 
9j di Primo Scudiere , e Gentiluomo 
j, della noftra Camera , date fempre 
^, mai diftinte prove di capacità » 
„ zelo , ed interefiamento pel noftro 
,9 fervizio ; deftìnato quindi a rilevanti 
,, coaimilfioni nelle Corti cftere , pil» 
>, mieramente prefto gli Siati Gene-' 
j, rali d* Olanda » indi alla Corte di 
M Londra j e in ultimo rulC Amba- 

9, fcieria 



*.\ 



•- 44? 

3» feiirìa dì Frància , fece egli cooofcere • • • t 

9, ci compiacquimo Noi quindi di roanifeftarglt 

99 il particolare noftro gradimento » con affidargli 

y^ nella qualità di Capo in fecondo il fuperiore 

j» comando del Reggimento noftro delle Guardie» 

ff €ion promuoverlo al grado di Luogotenente Gè* 

39 rureUe di Fanteria nelle noftre Armale, h con 

9, accordargli altresì quello di Piccolo Grande 

^ della nofira Corte. Ai nuovi tratti della noftra 

,, beneficenza ha egli .corrifpoflo in ogni tempo 

33 . • • . ; Epperò colle prefenci de« 

35 putiamo il fuddetto Marche/e Vittorio Amedeo 

3t della Torre di Gordon per Gran Mafiro in fe- 

35 condo della noftra Cafa ^ con tutti gli onori 

3, ^ e coli* annuo fiipendio 

35 di lire cinquemila fettantacinque 3 che mandia- 

3, Qio al Teforiere della noftra Cafa » di pagargli ^ 

33 ripartitamente , a quartieri maturati 

33 Tonno li 21 aprile 1794. ^* Amedeo. 

Primo Maggiordomo di S. M. 

1775 BEGGIAMO di S. Albano Marchefe 
1 9 Gaetano ^ Primo Maggiordomo di S. M. 

dicemb. »> Per le prefenti 

55 deputiamo il detto Marchefe Gae- 
35 tano Beigiamo di S. Albano prr 
5, noftro Primo Maggiordomo 5 con 

55 tutti gli onori 3 e colT 

35 annuo fiipendio di lire mille otto- 
55 cento 5 le quali mandiamo al Con-- 
35 figlio della nofira Cafa di fargli pa- 
55 gare, ripartitamente» a quartieri 

5, maturati Torino li 19 di- 

„ cembre 1775. K. Amedeo. 



itSx VERASIS ASINARI di C'-ft'tElirfrt 
Il Come funcci'co GcxoUoio, M^:i«'t\ 

fcbbia)0. Jomo di S. M. («)• » ■ . 

>, prcfcoti deputi 

M ti fttddttto Conte Fraoccko ( 
„ latno Vetalis Alioari di Coll^ 
„ per Doftro Maggiordooio , «MA 

„ gli onori , e coU'm 

„ RipcaiiO Jt lire ouocemo novtat'm 
„ che mandiaiio al Ttft'Un i" 
t, noftra Cttfa di Pagargli 
„ meaie , a quariiet) maturati. . 
M Torino lì il febbrajo 17EÌ1. 
„ y. Amedeo. 

FAVETTI Catte Giufeppe Gaetano, 

11 Maggiordomo Sopranurn erario. ,> lo- 

Bttlio. n iuniiaiì de' giuftl motivi , pct cui 

j, ìt Conte Giuftppt Cattano Ftnttt 

„ Capitano nel Reggimento noto 

it> I „ delle Guardie, non troviitìpeio- 

t » giooe de,' Aioi iocoooodi , e iiul>< 

}, grado li fatti efpeitmeDti , io ilbtd 

*«• „ di ulteiiotmeste profcguiie la mi* 

„ litaie cairìeia , lìccome gli vetrebbe 

„ dal proptio zelo fuggciito, ti ft- 

„ mo, ÌD contraffegDO del giadifflcnn^ 

„ eoo 

(a} Fedi il Tomo prtttto éeMi pKftate Open, 

pag. 41: iti: MagiHer Holpitii, vale Ui{-_ 

gintdoaio, o fia Scnefcalcui, SegafeiHft ^1 

d«mu lacamàet^. j 



I 



n, «Oli cìii rìmitiaono i (noi fetvtg]» difpofii t 
^^ conferirgli i' impiego di nofiro Maggiot domo 
»» Sopranumirario , ed accordargli a parco fnag^ 
» fiori tffetti della noftra beoeficeoza » corrifpon^ 
j, J€nn anche alU diftinzlone di Tua nafcita ì <p 

j, f€r^ deputiamo i/ fudditto Conte Giù» 

«f /ff^ Gaetano Faveiti per Ao/?ro Maggiordoma 
99 Sopranumerariù y con tutti gli onori , privilegi» 
»« preeminenze» utili» dritti» ed ogni altra cola 
t» a tale carica fpettante , con ciè^ che prefti il 
9» dovuto giuramento. Mandando a tutti li noftri 

j» Miniftri » ed «/ Confi^lio della no* 

9» fira Cafa, di defcrìverlo in tale conformità 
»» fui bilancio i con farlo » e lafciarlo godere delle 
9, ce fé predette» che tal' è noftra mente. Torino 
a» li il marzo 1795. ^* Amedeo. 

Graneri* 

Gentiluomini di Bocca di S. M^ 

1738 CAVALCHINI Barone Pietro Alberto 

5 Garofolo Guidobono » Gentiluomo di 

giugno. jBoriTtf di S. M. Regie Patenti delli f 

giugno 1758: ibix ,» Deputiamo U 
>» predetto Barone Pietro Alberto Ga^ 
»» rofolo Guidobono Cavalchini pef 
j» iioy?ro Gentiluomo di Bocca {a) » con 
»» tutti gli onori • • • » e col folito an- 
»» nuo llipendìo di lire duecento » le 
»» quali mandiamo al Tefiiriere della 

,» noftra 
(a) // midefimo fu pofcia deputato Gentiluomo di 
Camera di S. M, con Regia Patenti delti a 5 
fettembre 17)8. 



,» 9oftra Cafii'di pagargli • • . . • • Mandami 

9, pertanto a tutti li noftri Mioìftri ^ 

jt principalmgnu al Gran Maflro delta n^fira Cafa ^ 
^ ed z cliìtuoque alito Ila fpedientej cb ncono- 
•• Icero • • • • 



• •• 



17^9 CAVALCHINI Barone Antonio (a) 

5 Garofolo Guidobono'» Gemiluomo di 

magglOff Bocca. ^^ Le dii^inte qualità, che 

jy fiamo informati' incontrarfi nella 
>» perfdna del Barone Antonio Garo- 
jy folo Guidobono Cavalchini, aven* 
,, doci invitati a ftabilirlo nella no- 

»» (Ira Corte • • » per le 

99 prelenti • . • . deputiamo il detto 
y. Barone Antonio Garoffolo Guido* 
t» tono Cavalchino per noflro Gen- 
,^ tiluomo di Bocca (^) , con tutti gli 

„ onori, 

(a) Figlio diW anzidetto Barone Pietro Alberto. 

(b) Lo jlejfo fu poi anche cofiituito Gentiluomo di 

Camera di S. M. con R. Patenti delU ti 
ottobre 1781 (1). 
(i) Ibi : „ Sono ereditari nella illuftre Famiglia 
j, Guidobono Cavalchini i (entimemi di vero 
3, zelo j ed attaccamento al noftro fervizio 

j» 9 Epperò » deputiamo 

„ il Aiddetto Barone Antonio Garofolo Gui- 
„ dobono Cavalchini per noflro Gentiluomo 
„ di Camera • • • • , coir annuo ftipundio 
„ di IL 600 • • . • , con ciò , che prefii il 
„ dovuto giuramento , e gli ceffi quanto 
3, pi ima godeva in qualità di Gentiluomo 
^ di Bocca, 



. 447 ^ 
piivìleg) j prerogative » vantaggi y ed ogni 

ofa a tale impiego fpettante » e coli' annuo 

io di lire ducento, le quali mandiamo al 

re delia nofira Cafa di pagargli , riparti- 

e 9 a quanierì maturati , cominciando 

data deUe prefenti , e continuando in 

re f durante la fua fervitù , ed il noftro 

acito , con ciò » che prefti il dovuto 

tento 'j mandando a tutti li noftri Miniitri 

Torino li 5 maggio 17^9. /^« Amedeo. 



m 

^rimi Controllori della Real Cafa. 



ORTOLANI Felice, primo Controllore 
della Real Cafa. »» Le afficurate di- 
>, ftinte prove di abilità, attenzione, 
e zelo pel noftro fervizio , che ha 
inceffantemente date il Controllore 
„ ^della ntfira Cafa Felice Ortolani , 
„ ci hanno determinati di contraflc- 
„ gnargli il gradimento, che ce ne 
,, rifulra, con ftabìlirlo primo Con- 
„ troUore della medefima nofira Cafa 
,9 • • • epperò colle prefenti . • . depu- 
„ tiamo ilfuddetto Felice Ortolani per 
„ primo Controllore della nofira Cafa^ 
„ con tutti gli onori , privilegi , pre- 
,, rogatile , utili , dritti , ed altre 
„ cofe a tale Uffizio fpettanti , e coir 
„ annuo fiipendio di 11. 1 400 , che 
mandiamo al Teforiere^di efla no* 






9» ft» 



w 



t 





"44t 

ftn Gtfii ^p^argU^ rlpénitaménte • • • Ma»- 
^ diimo pertanto mi Configlio di àttta noftrm Cmfa 
*• di deferi vello in tale conforniità fui kilama^ 
^ • • • Jormù li 16 geùujo 1776. K Amtétù. 

1777 AMBEL Gaetano, cdiitolò, « grsdo di 

' iS iNUÌaio Controllore Jella Rtal Caflu 

Siarso» j» Sono co^ dftime le prove di atten» 

9» sioAej fedeltà 9 e xolo pel noftro 
j9 lervixio ji che ha ioceflantemente 
j» date il Controllore Jjdla no^rm Cofs 
^ Gaetano Ambtl flÌMr.efercizio de' 
^ fuoi impieghi, che ci hanno di* 
», fpofti a comraflÌBgnacglicae il noftro^ 
9, gradimento, €on dtcorarlo del ti« 
9, tolo , e grado di primo Conirollon 
,t della midefima noftra Cafa • «^ • • ^ 

9, epperò colU preferiti 

9, accordiamo al fuddetto Gaetano 
9, Ambel il titolo, e grado di Primo 
„ Controllore dilla ^nfira Cafa , con 
»« tutti gli onori , privilegi , preroga- 
„ ti?e , ed altre cofc , che oe dipen* 
t, dono , e colX annua pendone di 
j, U. loo , che maodiamo al Teforiere 

», di tjfa noflra Cafa dì pagargli 

», Mandiamo pertanto al Coniglio di 
», detta noftra Cafa di defcriverlo in 
„ tale conformità fui bilancio. • • • 
»» Torino ìi 18 marzo 1777* y.Amed€Oé 



40 
ComréUori iella Aiol Caja. 

DEROSSl Fraocerco Zaverio » Control' 
lare della Caia» come infra, j, Lm 
^j pfove , che ti Segraaro Francefco 
t» Zaverio Deroffi, ha dare della (uà 
^» abilità 9 'e tkila fingolare iva at* 
j, tensione» e xelo pei noftco fervW 
„ zio j non fole tùlt Ufficio éelt //•« 
^ unden^a Generale della nójlra Cafa , 
94 ma anche in campagna^ c'intitado 
M a fàtgìì rifencire gli ukerìori efecd 
,5> delle noftre graaie^^ con tfaeferirl4^ 
,t al petto Ji Controllore della nofirm 
j» Cafa 9 non dubitando ^ che non firn 
n per continuare viepp.à a d^r fa^gi 
yì deUe-fue virtuofe qualità » ed in- 
»t cofaAùe il nollro gradiqento.Qiii/iir 
^ è , eie . • • ' • deputiamo il fud^ 
^ detto Francefco Zaverio. DeroJ/i per 
^ Controllore della noflra Cafa » con 
j9 tutfi gli onori » privilegi » prero- 
99 gative » utili 9 dritti « ed altre cofe 
,» a tal Uffizio gettanti « « colP an-* 
^ nuo ftipendio di IL iooq» d'argen^ 
9% io, da foldì IO caduca, le quali 
^ mandiamo al Ttforiere della noftra 
4, Cafa ^i pagargli 9 ripart'itamente « 
,i a Quartieri maturati , Qominciaodo 
,^ dalla data delle prefenti , e comi* 
3, nuando in avvenire , durante la 
,3 (uà fervi tu ^ ed il nolbro benepla- 
j, cito» con CIÒ, che predi il dovuto 
M giuramento > e gli Qeffii lo ftipeadio^ 

rem. IL f f 



_ i CUI goddvfr per inali j^.mmiandù tDoItre 
»» jì ConfyUo di detta nofoa Cafa » ^ Cr/tf iM^rp » 
^ edi:Umziaii d*efla» e ad ogni akro» cui^fia 
g». fpedieiite » dì f iconofcero » ftimare » e riputare 
I, il predetto D^ùffi por CmttroUmrt delU Mfré 
^ Cajk come fovra da Noi coftituito» cobìuìq» 
^ e lafciailb gioire ddl€i.ftipeiidb>..CMl altre cofp 
^ fuddtfte» aie tal* è sottra stente. . Tefìne li 15 
M geaiiajo i737« C Mmafmth. 

m 
■ * 

* 1771 V^UO Gioanoi» CcfWolhn deilaRioI 
i) ^ Co/ib >» Le ijìforinazK>fìi bea vantag- 

iebbraja j» giofe » che abUamo avuto delle 

»> qualità lodevoli , di cui retta for- 
M luto Giounni Viglia y ci hanno mofli 
t» a conferirgli V impiego J!f Control- 
M Air« ir//a iipy?r0 C(ff/2i refofì vacante 
^ f^r /a morr^ del Controllore De- 
%> ^^ffi 1 cflendo perfuafi , che iàrà 
,, per compirne le incumbenze con 
,t efiàttezza » fedeltà » e zelo , affine 
^^ d'incontrare il noftro gradimento; 

9> ffprrÀ per le prefenti 

SI eleggiamo , coftituiamo , . e depu- 
j, tiamo il fuddetto {?io. ytglio per 
9» Controllore della noftra Caja, con 
9^ tutti gli onori , privilegi , preroga- 
^ tive » utili » dritti » ed altre cofè 
9, a tale Uffizio fpettantt , # ro//* 4 n • 
j, iitfo ftipe^io di U. 1000 5 cA« ;77tf/i- 
,^ diamo al Teforiere ii ^^ nojlra 
^» C0/S1 di pagargli 9 ripanitamente » 
M a quartieii inaturati^ cominciando 
», dalla dau delle prefenti , e con* 

jj tinuando 



4)1 

^ tlnuando in avvetnr e > iurMte U fué fervila ^ 
^^ ed il nofiro beneplacito, ^^ con ciò « che prefti 
5, il dovuto giuramento. Mandando penanto «/ 
j, ConfigUo dilla noflra Caja di descriverlo fai 
y^ kilancio di tffa DeUa conformità fuddetta , ed 
^, atore&i a tutti gli Uffiziali delia medefima» ed 
j^ a chiunque altro fia fpediente » di riconofcerlo, 
9^ ftimarlo , e riputarlo per Controllore di dium 
noftra Cafa come fovra da Noi coftituito » con 
farlo t e lafcitrlo gioire dello ftipendio , ed 
altre cofe fuddetre » che tal' è nt. dia mente* 
Torino lì 15 febbrajo 1771. €• EmanutU. 



31 



y. Caiffotu. 

y. Melina pel Controllore Gen. 

y. Tar aglio pel Generale di Finanze* 



Morozzo. 



Sotto-Controllore della Real Ce 



1776 VILLANIS Giufeppe» SottO' Controllore 

16 della Real Cefe- „ Colle preienti . • • 

gennajo. 9, deputiamo il fuddttto Giufeppe kil' 

yy lams per Sotto Controllore della no' 
I, fira CaJa , con tutti gli onori • • * » 
3» e coli* annuo ftipendio di U. 6$o, 
^, che mandiamo al Tefortere d'efla 
9, noftra Cafa di pipargli ripartita* 
,i mente > a quartieri maturati , co- 
minciando dal primo del corrente 
me fé, ò continuando in awfn're^ 
durante la fuafefVStù» ed ilnoftro 

beneplacito » 



19 
9t 

>9 



4Ji . 
g^ benepUcìto « ion €Ìi > ch^ predi il dovuto giù* 

\^ tzmmo. Mandiamo pertanto al Configlio della 

^xnoftra Caia. • •Torino lì 26 gennajo 1776(0). 

M ^* Ameito. 

y. Lanfiranehi P.P. $ P^. Conf. di Stato. 

V. Jìtmotri. 

V. Bùtton di Cafiellamonti. 

Corte. 

Grandi Scudieri. 

1789 VALESA Carlo Emanuele» Grandi Scu- 

15 dien {bu >f Al Tegoalato merito^ che 

ieuemb* 9, il Cavidiere Gran Croce Carlo Ema- 

9, nuele Valefa di Montaldo » Cava- 
^, liere del Supremo Ordine della SS. 
^» Annunziata mio Cugino > fi e predo 
j» di Noi acquiftato nella lùmincfa Tua 
^, militare carriera ^ corriipofero in 
^, ogni tempo le Sovrane noftre pre* 
jj mure in compartirgli i più paisiali 
,t tratti della Reale beneficenza^ diede 

o egli 
(a) Con fucceffivi altri Regìe Patenti ddli 1 8 mar{o 
1777 fu poi effo Villanis coflìtuito Ccnircl- 
lore della (leiTa Real Cafa , coli* annuo piptn^ 
dio di lire mille. 
(I ) In ordini ai quattro Grandi della Corona ^ che 
fono a Grande ElemcfinìerCj il Gran Ciam- 
berlano^ il Gran Mailro dtlla Cala» e il 
Grande Scudiere , vedi la Pratica ledale > 
tom. JO9 pag. i34« 



j, egli cosi in pace , come in guena le più tó^ 
M (teati irrefragabili prove d* intrepidezza , e va« 
j9 lore» e di confumata fperìeoza nel n^iélVierc 
j» dell' armi 3 e camminando dille Tinuofe tiac* 
st eie degr illuftri Tuoi antenati ^ ebbe pure % 
j» confermarci in ogni incontro il nobile eredi'- 
j, tario fuo zelo , ed attaccamento al noftro fer^- 
«9 vìzio, ond* ì y che elevato per G^adi a quelli 
„ di Generale di Fanterìa, e di Capo in fecondo 
j» del Riggimento noflro delle Guardie , ci com*- 
9% piacquimo per fine d' affidargli la ragguardevole 
s, caiica d^ Ifpettore Generale della no/Ira Armata 

9t 9 epperò colle preferiti de- 

„ putiamo il predetto Conte Carlo Emanuele Valeftt 
n di Montaldo per noftro Glande Scudiere , con 

yj tutti gli onori , e coli' annuo fti^ 

iy pendìo di lire tremila ottocento ftttantacinque y 
99 le quali mandiamo al Teforiere della nofiraCafa 
yf di pagargli y ripartìtamente , a quartieri matu* 

>j rati \ mandando altresì alli noftri 

„ M'miflri , Magìdrati , ed a tutti gli Uffiziali della 
93 noflra Corona , e Cafa y primi , e fecondi Scu*^ 
>> dieri, Cavalleri[[i y ed altri forvienti nelle no-' 
>» flre fcuderie , ed a chiunque altro fia fpedìente » 

yy di riconofcerlo Moncalieri li 15 

jf fettembre 1789. F. Amedeo. 

Ì796 S. MARTINO di S. Germano Caval- 
lo lierc Raimondo, Grande della Corona^ 
dicemb. e incaricato di tutte le incumben^e 

annefle alla carica di Grande Scu* 

- diere , come infra. „ Carlo Emanuele 

,, per gradita di Dio Re di Sardegna &c. 

„ Sin dal tempo , in cui il Cavaliere 

9j Gerofolimiuno 










9» 



^ Gerofdimifaiio Siilo Rainwnio S Martino di 
»» S. Germano fìi dtftÌDaco Jifitre nel Reggimento 
» di Monferrato 9 fi manifeftò egli dotato di Ta* 
j> viezza , e prudenza fingolare ^ di vera religio- 
j» ne » di un nobile manierofo tratto j e di un 
9» gemo diftinto per le fcìenze , e beUe arti » e 
M per li coltivatori dell.* medefime. Quefte pre- 
>9 gìevoli doti a lui tramandate col fangue da* 
chìarilfimi fuoi M-ggiori gli meritarono nel 
17) & di efllre d<l tu Carlo EmantuU mio avo 
9» d' immonale memoria » dettinato al particolare 
j, iioftro fcrvizio nella qualità di Jccondo Scudiere , 
9» e Gentiluomo di Bocca ^ indi nel 17 6Z inayeiU 
99 di noftro primo Scudiere, e Genuluomo di Cai" 
9, mera\ nella carriera di quefti impieghi non 
ceflò il nicdefimo di dare le maggiori prove 
dei Tuo (incero rifpettofo attaccamento per la 
j. noltra per fona, e fu perciò promofflonel 178 1 
y, ali 4 cajrica di Gran Maftro delta noflra Guarda" 
9» robba in fecondo , di cui ne confegui poi t ef- 
^, fettività nel lyZG. Ricordiamo con ben parti* 
^, colare compiacenza la diftinzione de' lunghi funi 
,9 ftfrvizj , tanto più commendevoli ^ in quanto 
^ che furono Tempre mai accompagnati con un 
nobile generofo difintereflamento , di cui me- 
rita iiogolare menzione la prova » che ne ha 
9, recentemtnte data colla ranegna fatta a van- 
»» taggio pubblico degl' appuntamenti , e del ti- 
^ toTo di Gran Scudiere nell' occafione , che ave- 
j^ vamo deftinato (H nominarlo a quefta carica. 
^y O^a non volendo Noi lafciare fenza una pubblica 
,^ teftimonianza d' onore un si bel efempio, ci fla- 
^9 mo difpoftt di elevi*rlo alla dignità di Grande 
9, di Corona, con incaricarlo di tutte le incum- 

,, benze 



9> 



9> 
9» 



4f5 
,» benze anneue alU carica S Grande Scudiere i 

j, epperò per U f rifinii • . • • conferiamo al fuddtitio 
«» Cavaliere Gerofòlimitano Balio Raimondo S. Mar-- 
t> CÌdo di S» Germano il titolo » r ^mio di Gran- 
ai de della noftra Corona» incaricandolo di tutte 
j, le incumbenze annefle alla carica di grande Sca* 
9, diere^ e ciò con tutti jgli onori , autorità , l^eo^* 
jy minenze , immunità, privilegi, utili , dritti , ed 
„. altre prerogative a tale dignità fpettanti» con 
,, ciò^ che predi il dovuto giuramento ^ volendo, 
„ che idtanto il medefìmo continui a percevere 
„ quanto prima godeva nella qualità di noftro 
j, primo Scudiere. Mandiamo a tutti li noftri Mi^ 



nìftriy Magiftratiy ed a tutti gli Uffiziali della ^/ 
„ noftra Corona, e Ca(a, primi, e fecondi Scu- ^* 
dierì. Cavallerizzi, ed altri fervienti nelle no* 
ftre fcuderie di rìconofcerlo , ftimarlo, e ripu*^ 
tarlo nella premefla qualità, ed al Configlio 
della noftra Cafa di deicriverlo in tale confor- 
mità fui bilancio £ ejja , con farlo » e lafciarlo 
,, godere delle cofe fuddette, e fpedirfi le ore- 
», fenti fenza pagamento d'emolumento, figlilo» 
ed ogni altro dritto , che tal' è noftra mente. 
Dat. in Torino li io dicembre 1796.C. Emanuele» 



9i 



99 
99 

99 



99 

a» 



41* 
Primo ScuiUr^B 

Gcniiluomo ddUt Camera 



y i£ 5. M. 



SkU MARTINO Carlo Emulile Ffin« 
}ó ceico Giufeppe Matchefe' d'Aglio ». 

mano* Primo SemUtrt {a) , § Gentiluomo dello 

ti Cornerò di S. >AL »» Li merid fin* 

^ gelali acqaiftatifi dal Morehefe di 

• jj S^GermoMo , e dalfito Cajoto, eoa 

^yi zelanti j e fedeli ier?iz) pieftatici, 

' * t^ avendo eccitato nell'animo sottro 

91 fentimenti di pxopenfione paicico- 

j/lace verfo la di lui - feoiglia » in* 

1, cqntriamo con piacere le occafioni . 

^ di dame pubbliche tettimonianze ; 

*,, lo.facdamo ora tanto piik Yoleotieri 

f 1, a rtgiiardo del Marchtfe di jigliè 

. ^^ Carlo Emanuele Frana/co Giu/eppe 

^ S. Martino fuo figlio > Cornetta 

i9 Celonella ntl Reggimento nofiro Dra* 

9» go^i ^^^ Regina ^ e nofiro feeondo 

ji Scudiere^ e Gentiluomo di bocca ^ 

11 quanto che abbiamo la foddis&zio- 

1, ne di vedere ben impiegate leno- 

1, Are grazie per un foggetto» che 

i> rendefi perfetto imitatore delle virtà 

^, del Padre » ci pomo quindi deurmi* 

»j nati dì promovere il detto Marehefe 

„ if AgUi 

(a) Fedi il litro Decreta » feu Statuta vetera » cap. 
214 de Cambellanis , & Scutiferis» e vedi 
fufe il tomo pomo della prejente Optra » pag. 4f « 



.1 



\ 

alle cariche ragguardevoli di nofiro ^i- 
iiére » e Gentiluomo di Camera , eflcndo 
rfuafi > che farà per dare nuove riprovo 
le diftiote <|ualità , ad oggetto di fem* 
: conciliarfi il coftro gradimento ; epperè 
preientì • • • deputiamo il fuddetto Mar* 
AgUi Carlo Emanuele Francefco Giufep» 
Martino nofiro Primo Scudiere , e Gentil^ 
^ella Hofira Camera^ con tutti gli onori» 
1 9 privilegi, preemìnenze , dignità ^ ed 
reiogaiiye a tali cariche fpettanti » e eolt 
ftìfendio di lire fetteanto venticinque , le 
laudiamo al Teloxiere della noftra Calk 
irgli » ripartitamele , a quartieri maturati»* 
iando dalla data delle prefenti , e conti-^ 
» in avvenire , durante la fua fervitù » ed 
o beneplacito, con ciò ^ che prefti il 

giuramento , e gli ceffi lo ftipcndio , di 
ma godeva nella fuddetca qualità fovrm 

noftra Cafa. Mandiamo pertanto a tutti 
ì Miniftri^ Magiftrati • • • Tonno li 50 
1759. C. Emanuele. 

^ del Duca di Savoja 

j* f> 1 Vittorio Amedeo IL 

mo di Bocca J 

VIBO Cavaliere Carlo Gafpardo Conte di 
Prati. „ 1 fervigj refi a quella Co- 
,j rona dalC Avo del Cavaliere Carlo 
9, Gafpardo VibbConìQ di Frali ^ con- 
„ tìnuati con fomma lode da fuo pa- 
9j dre , ed i meriti particolari fuoi 
u P^opr) ci movono a conferirgli la 

», canea 



99 
SI 
1> 



39 
1» 



^ carica ii Siecndù Scudiere, e Genultiom^ nofiro 
,, di Bocca • M • • . •t^^ perfua(^9 che noD potè- 
^ vamo cooftituiie ftel detto impiego ^ che dà 
^ tanto adito alla noftra perfona^t uà (oggetto 
più dbgDo » .oc più meritevole delle noftie 
grazie; quindi è , che per le prefenti •••••, 
partecipato iofieme il parere di M. R. mia ri« 
vcritil&ma Signora.» e Madre . . « deputimmo 
^ il Aiddetio Conte di Frati per nofiro Secando 
^ Scudìce , e Gentiluomo r^afiro di Bocca > con 
tutti gli onori , autorità , preeminenze , prero- 
gativa 9 privii'gj , Olili , dritti » immunità , efen- 
zioni , ed altre cole a dette cariche fpettanti » 
ed appanenenti, e con i ftipendj foliti da 
effe dipendenti » con ciò » che prefti il do- 
», vuto giuramento. Mandiamo pertanto a tutti 

^ i Magilhati « ed in particolare agli 

^, liluftri Cavalieri del noftro Ordine > i Mar- 
^ chefe di S. Geimano noftro Gran Scudiere, e 
,, Marchefe del Marro Gran Maftro della noftra 
»> Caia. . • Torino x^ dicembre i68i. y. Amedeom 

De Lefckeraine (a)» 

1769 S. MARTINO di Colloretto Conte Ame- 

4 deo « Secondo Scudiire , e Gentiluomo 

luglio. di Bocca di S. M. „ Per le pre- 

^i fenti .... deputiamo il fuddetto Conto 

,y Amedeo S. Martino di Colloretto 

y, per noftro Secondo Scudiere , e 

»> Gentiluomo, di Bocca , con tati gli 

,> onori . • • » e coli' annuo ftipenaio 

>, di lire trecento venticinque , cioè 

(a) yedi il tomo terzo , Appendice , parte 6 » alla 

date 1676 13 novembre, e i^Si iZ maggio 9 

pag. 6 , e ^4. 



i 







^, lire cento venticinque » C9ine fecondo Scudiere , t 

,, lire ducente^ come Geoòluomo dì Bocca» the rhan* 

,9 diamo al Teforìere della nojlra Ca fa di psi^ztgW^ 

^> ripartitameate j a quartieri maturati .•«.•• 

3» Torino li 4 luglio 1769. C Emanuele. 

Primo. Cavalierino ii S» M» 

1797 SARTORIS Severino 3 Primo Cavalle* 

1 1- ''HC^- » Volendo ricompeofàre i iun» 

luglio. j» ghi , zelanti , e didinti ferviz) , cbo 

,^ dal i7j8 ha pieftati // noflro Ca* 
,, valUri[io in fecondo j e piccolo ScU" 
j, ^ere delle nofire Scuderie Severino 
j3 Sartoris j Maggiore nelle noflre Trup- 
,, pe di Cavalleria , e Dragoni, e le 
>, aflicurate prove , che ha conftante- 
», mente date di attenzione , e zelo 
», pel noftro fervizio» ed eiattezza a 
y, fuoi dovere nelle diverfe incumbeiK 
\y ze dategli appoggiate» e fegnata- 
», mente in occafione» che fu defti* 
3» nato a dar lezione dì equitazione (a) 
jy alla Regina mia Conforte» a Reali 
^, Principi miei fratelli , ed alla Mar- 
», che fa d' Ivrea mia Sorella amati (&• 
*„ mi , ci fiamo ben volentieri difpofii 
»^ a conferirgli il vacante impiegj di 
», Primo CavalUrìup • . • • > epperò 

», colle prefenti deputiamo 

», il mentovato Severino Sartoris per 
„ noftro Primo Cavallerizzo » con tutti 
,, zìi onori , . . , e coir ^nnuo ftipendio 

{a) Vcdanfi anche le R. Patenti dejrli 1 1 luglio 1797 
a favore del Filippa , di cui nel tomo ter{p , Ap- 
pendice parte VI (1) , pag. 65. \ 

(i) O fia nelV addiiÌQfu al tiioio XV di elfo tom. 3 , 
pag. 65. 




\ 



4^# 
^ di IL )Ooo; olirt 11. ^^50 pel fitto di Ofa» f»* 
j» cienti ÌD tatto II* J750 » cA< maniimno al Te- 
i> foriere della nofbra Cafa di pagargli » ripartita- 
at mente > a quanieri nuiturati • • • • » volendo^ 
i> che te preieotì (iano fpedite fenza pagamento 
» d'emolumento» e dritto di figillo» che tal' è 
» noftra mente. Torino gli ri* luglio 1797. 
SI C. EmanueU. 

Grandi della Corona. 

1781 ASINARI di Beroezzo Marchefe Giù- 

IV feppe Antonio » Grande di Corona» 

tttobre. ,» Ci coihpracquino già di manifeftare 

al Marchefe Giufeppe Antonio A fi* 
nari di Bermuo la particolare no* * 
ftra ftimaj e propeofione nel!' ele- 
varla alla carica diCaiHiliere d'onore 
dilla Regina mia dilettiflima Coo- 
forte • • • . Ci (iamo ora pertanto 
», difpofti a decorarlo del titolo, e 
sf grado di Grande di Corona » af- 
j^ finché da quefto nuovo fregio di 
», onore > rendati vieppiù palefe al 
pubblico il conto j che facciamo della 
di lui perfona • • • , epperò colle 
prefenti • • • • conferiamo al fuddetto 
Marchefe Giufeppe Antonio Aiina- 
jj ri {a) di Bernezzo il titolo, e gra^ 
yy do di Grande della ni ftra Corona , 

(«) P«nfo > che foflc di qaeftt fteflk agnaxione q *el nobile let- 
tctto Federico Afinari ^ Come di Carnei ano ds Afti ^ the 
fiorì nel fecolo decimofcfto » e di cai , come dice il Caa/c 
Orfinl d* Orhdffdtto (i) > fi afpetta il gii preparato elogio dt 
calta penna PieiDontcre. 

In ordine poi ad eHà Famiglia AfinsTt vedi il tomo % % 
Appcnd ee 9 parte 4 » pag. ti. 

(i) NtlU Ola lesione (^J intorno il Icmo progrellb delli ts^gc* 
dia io ^Italia t {Lmf€te in Torino pielfo U SoffititL 

(♦; ^ag. 14. 



I 93 

\ 

99 
99 



li 

a> 

i9 



y^ €ùn tutti gli onori i autocicà^ preeoDinenze , im* 



fi 



t* 
»> 



3» 
» 



Diuoità, privilegi > utili 3 dritti « ed altre prero* 

gative a cale dignità fpettaDti. Mandando alli 

. noftrì Miniflrì , Magiftratij Ufficiali » ed a ^hiun- 

j9 que fia fpediente» di riconofcerlo^ e riputarlo 

nella qualità fovra efpreila , con farlo , e la- 

fciarlo godere delle cofe predette » che tal' è 

,, noftra mente. Mon^alieri li 14 ottobre 178 1« 

^ y. Amtito. 

Corte. 

178S CO ARDI di Carpenetto Conte Paolo 

14 Giufcppej Granit dtUa Corona. ,^ Ah* 

marzo. »> biamo Tempre rimirata con fenti- 

menti di parziale ftima , e propen- 
(ione la* perfona del Cav. Gran 
Croce Conte Paolo Giufcppe Coardi 
di Carpenetto » Luogotenente Geno- 
3, rale delle noftre Armate, e Cav. 
„ d'onore della Priruipejfa di Pit" 
j^ monte t mia dilettii&ma Nuora. In* 
9, traprefa fin dal 1755 ^^ militare 
j^ carriera t dopo che già aveva lo* 
debolmente fervito nella qualità di 
Paggio d* onore y e dcftinato quindi 
nel 1757 anche agl'impieghi di 
Corte j diede egli in ogni mcon- 
9» tro irrefragabili prove di prudenza, 
i ,} e faviezza » non meno y che di va- 

,j lare » efatte zza , ed efperienza , 
py qualità» che fece pofcìa maggior- 
fp mente apparire ne' principali tatti 
^» d' armi occorfi nella paflata Guerra , 
,> e fpecialmente in quello della Ma^ 

^ donna 



9> 




I 



9t donna deltOJmc, in cai ebbe à riportam him 
^ perìGOÌo& ittita # ^ • • Uu* cosi luogi, époc 
$, tanti riguardi ccxomeadevxiiiffiiim cK lui fertitàì 
,1 • • • • ^ 4 «: ci footunimftn ora la ben fiadliia 
i, oi^portusurà di elcndb al imiùiioib .grada (fi 
,, GramU.^diU0,nofirs Corona ^ond^ aewac^rft- 
^ (ccrfi quefto. fingio alla» dùarezza de* di^lm 
M- aatali ^ ne : veMa egbvieppiiL eccitato a conicf* 
9, marci il conoiaàto fuo zeid^^ fimceio- attiG*: 



9j cameUto al noAro fermio; gppgfò celle pre- 
,, fenti • . • • conferiamo al predetto Caralierc 
^ -Gran Croce Conu Paolo ^ Giuftffé 'Coprii di 
,, Carpeneto x/ mo/o» # ^/vi^^ ii Grande della 

^ Qoifara Corona (n) » con inai gli onori 

j» Torino li 14 marzo 1788. r. Amedeo. 

Gran Mafiro iella Guardarcbba di S. M. 

1780 CARRON di S. Tommafo Cavaliere 

jo Giufeppe Felice, Gran Riapro dilla 

giugno. Guardarobba di S M. ,^ . . . . Colle 

pre fenti • • • . deputiamo // fmddetto 
Cavaliere Giufeppe Felice Carron dì 
S* Tommafo per Gran Maftro della 
ncftra Guardarobba ^ con tutti gli 
(a) Già k noto j che , oltre a quelli , cui la M, S. 
accorda per ifpecial privilegio ^ e in vigore di 
una particolar Paunte il titolo, e grado di 
Gran le dì Corona » fono, in forza del pro- 
prio in^piego , Grandi della Corona il Grand' 
Elemofìniere, il Gran Ciamberlano* il Gran 
Maftro della Ca£i , e il Gcande Scudiere. 
yedi la Pratica legale, parie x, tom. io, 
fag. i34> e lì^^ , e vedi le R..C tom. i^ 

P^* i9$ 375 > « 37^. 






4*1 

^ &nùri • • • 9 e col kXxto ftlpendio dilL léki » 
j» oltre IL 2500 /KT il yefiiu>9 fitcìenci in tutto 
^ U fomma di lire quattro mila cento undici 
j» annue «. U quali mandiamo «/ CcnpgUo iUUa no- 
^•Jira Caja di fargli pgtfc» riparticamente » 4 
9» qsujwMri rnsiuraù • • • • , difpeniandolo i&ir/te 
M fntfisiione dtl giurmmmto » atteib il g'à p)reftatQ 
M ui qualità di Grsn AUfiro in fecondo JglU 
9> »<y?r4i GuardarQbbs^ con che gli ceffi quanto 
^> prima godeva* MandioMo ftrtanto alli ooftri 
^ Grandi di Corte , Miniftri » Magiftrati ^ UfBziali 
j» • » • • Torino li 30 giugno 17 So. /^. Am€Ì€o^ 

Corte* 



(7/-tfA FaUonitrt, Gran Cacciatore 9 

■ 

Governatore della Fenerié Reale. 

Ì769 PROVANA di Leyni Conu Francefco 

X7 Ottavio» (jz-iin Falconiere, GranCac- 

Ipugno datore, e Governatore della Veruria 

Reale. ^ Per le prefenti 

diputiamo il fuddetto Conte Fran- 
cefco Ottavio Provana di Lcyoi ;7i>- 
ftro Gran Falconiere, e CyMn Cac* 
datore , e per Governatore della Ve- 
ruria noflra Reale, con tutti gli 
onori 3 autorità» preeminenze , pri* 
^, vilegi^ efenzioni» utili , dritti, re- 
M galip , e qualunque altra cofa a 
„ tale icarìca fpcttante , e lolt annuo 
%• fiip^ndio , come Gran Cacciatore di 

9> lire 



39 
9% 




y, Urg tnmiU cinquecento , e come Governatore 
^ ddb Vereria di lire mille , facieoti io tutto Im 
^^ quattromiU anquectmo , le quali mandiamo al 
'^ Tejoneré delia nofira Cafa di pagargli, ripanita* 
9, mepte » a quartieri maturati . • • con ciò gli 
^ ceifino li Itipendj , e trattenimento » che go* 
^ deva. Mandiamo pertanto a tutti li noitci Mi» 
,9 niftri, Migiftrati» UtGziàli » e parricclarmepte 
^ alti Gentiluomini deila Venerìa ^ ed altri in 
^ tfia ièrvienti» ed a chiunque altro fia fpediente^ 

^ dì riconofcere ^ ^ ed al 

^ CorJlgUo della nofira Cafa di defcrìverlo in tiiJo 
^ ct'ntorniità fui bilancio di efla • • • , • Torino 
» li i7 giugno i?^^* C Emanuele. 

Governatore di Stupiniggi, 

t 
Comandante t equipaggio delle Regie. Caccie. 

1777 CIAFFALEONE Luigi Gàetzno y Cover* 

4 natore. di Stnpiniggi , e Comandante 

aprile* r equipaggio delle Regie Caccie. ,, Il 

j» Cavaliere Luigi Gaetano Ciaffaleonc 
,> unen-Jo alla chiarezza de' iuoi na- 
tali , le virtuofe pregevoli doti di 
faviezza , prudenza , e (incero at- 
jt taccaoieoto pel ooftro fervizio , non 
„ ha ceflato di darcene Tempre co* 
», ftant; piove nell' efercizio di varj 
jj impieghi conferitigli ^ prima di Pag* 
j, gio della k'eneria , indi di Gentil" 
,, uomo della mede firn a , ed uUia a- 
jf mente in quello di Governatore del 

,> nollro 






4*5 
» nofirò PdU[{p iti yaUntino ^^ìi diftinto metico 

^ de' di lui fervigj • • • . ci mofle già a deco« 
»f farlo ir/ grado y ed anriamtà di Capitano mIU 
M CéralUria, e Dragoni, e volendo oca con* 
9, traiTegnargli in particolare maniera il sradi- 
M mento , che ce ne rifulta ^ ci fiamo compiaciun 
^ dì prefcieglierlo alle onorevoli cariche di G'o^ 
M V€nutor$ M Stufiniggi 9 e di Comandante Tequi- 
99 P^fSP^ ^^ f^ofiri CacM • • • Epperò per lo 
»9 preieati . • . . deputiamo U predetto Cavaliere Luigi 
,, Gattono Ciaj^aleofU per Governatore -di Stufi* 
99 ^fV9 ^ Comandante l'equipaggio delle noftro 

,, Cacete /con tutti gli onori ^ 

^» # coir annuo flipendio di U. 15009 che man* 
^ diaoAO al Tejoriere della nofira Cafa di pa« 
M g^g^i ripartitamente » a quartieri maturati j 
9» cominciando dal primo del conente mefe, e 
^ continuando in avvenire ^ durante la fua fervitù^ 
M ed il noftro beneplacito • • • Mandiamo per- 
»j taìDto a chiunque •• 0.9 ed al Configlio dellat 
M nofira Cafa di defcriverlo nella detta cònfor* 
^, miti fui bilancio . . • Torino li 4 aprile 1777. 
sj y. Amedeo. 



1791 UMOGLIO Pramolo della Vemea Co- 
lt valiere Luigia Comandante Tequipafir- 
làglio. gio delle R. Caccie {a}. ,, Per la giubir 

lazione, che con Biglietto noftro 
del giorno d'oggi abbiamo accordata 
al Cavaliere Ciaffaleone di yHlatona t 

j, rendeodoG 
(a) Gid Paggio della Veserìa Reale» e indi Gen» 
tiluomo della ftefla Veneria. 
Tom» IL G g 



99 



.4 



4#^ 

^ T9ntit9tM y»9Uf9 . ^ hfiw di CoB^davv. 
» l* ^fiWfmfftfJ'im sqftre.Qcóe, a pmo ivi^ 
„ *^tifn,.miffii f picfcìegliervi i/ Cmflur» 
a Iwi* Pm»m n^mplo J4IU Vunta , Cafitàmo 

» t'^^iOBtB ^GiPlPaÙlti ntl Rtggmtnto di S^ 
« U qiialit il4l'^fiKPZÌ" fioqul svuto deSTimfUg» 
p.^Qe^tìii^ai9à,.À^ y*airis Rt*U, « pecca- 
«^iM'fOvaic tlgf((tfB> di li^'A'o Fìigfpo. «Uit 
a fit^ Kourif «.ayeiuic» fUd eofbnti noa ùter- 
»ntd iìggì.^'tfiauìciae s'Ahm diTcrit «viro 
»M\9t ed ÌVl^lBnUp)Q«to j^ noftco fen'ìsio, 
ftJli • mIo DMotyvole ^ queUo ^ciiiJe tnt» 
( ddU softta ^D«fii;caigi i «fp*r^ . , . . de- 
» pwiaiM 4 rndoit» Cmiie» 4<n{|> C«0(fia («) 
M fraina 



tomo primo 4f«JÌa fj*!^ Optr*» Ut* X/f» 
/«f. 515, » 1*7, lit. Xlf,r^ 4*6» « 
417. « ÙL XXX» fa$' 7y%, come pnre 
J& JM paih »</ !««)« fecondo, Mf. 199 ^d 
ioi , < j><J Tom» toiao» «u. #'/> pif. ii9h 



$9 



frsmcto (a) éUUa yrnius (^) pef CménUànm 
^ t equipaggio ddlé nofirt Cai€ie$ con fitttJ gli Onorio 
,^ privUeg)» prerogative» autorità» vanteggi» ed 
^ iiltie cofe » che ite dipendono » i iourMnu» 
9, fisp€ndi0 dì IL aooe » ehi Mmiiimo étl tefi^ 
»» riiTi dilU noftrs Cafa di pagargli» lipartitamcni^ 
M a éuértiiti maiutati » coinindiAdò dalla data 
M deue prefcnti» e continuando in avvenne» 



dtusnie U fìu^ firviià ^ U U M/tro bntufhuhù 
con ci^ che prefti il dovuto ciuramento » egli 
Cidi quanto prima godeva^ maniimmo fenamm 






(a) PrmmolOf nome del fiuJó. Vtdì il tomo prima ^ 

(b) Dalla Ternea» tinimintoéfifiinumlU vicinando 

diMoDcalieri (i)» ^ cui fujepsrato , e con* 
ttmforantémtntt inctufo mlf infiudéi{ioni , o 
urritorio del Nichelino (i) % in vigore di Re^ 
gii Péienù dMi 11 giugno 1^94» # i^ei^r^e 

1^95 ())» ^^ ^^^ ^f^^ t Ordine ginernU^ 
o fia Editto dilli 14 giugno 169 f » ^amps* 
tofi éUóra in Torino prijfo il Valetta. 

(i) VitU U preci tsta pag. ìij del tomo primo fud* 
detto. 

(a) Che primm fuevn pnrte nnch' effo del territorio 
di Moncalierì. 

(1) ^^F^^ ^ /addetta infinda{ione del Nichelino 
a favore del Conte Nicolò Manfredo QodUo» 
Confgmre di dftìno» CofdRgliere di Stato ^ 
e Caitaliere del Senato di rtemoiite. V^^di le 
dette Patenti delU 11 giugno itf94«' * 



4«8 

^ 2 .urti li u«fin wiiftrì ... .ed il Cmli^ 
IP Ì4U nofir* Cajs di defcrivcrio la ule conta 
a, mni/id b.Uiuio, COD farlo, e Ufciarlo gode 
a, delle cof« predetta, che tal'c iH'Qia mMl 
» Motuaturi Ù ii luglio J791. A^. Amtàttk 

fUi«Ìù GraitJ$ a Coru («^ 

1781 DELLA TORRE di Gordon iLrik 

li ViuoTÌD Amedeo ^PieeoloGr^idtit 

^gBO, H<sl Cent ,. Colle prefeoti . . . 

» atbiBOio accoiddK; , ediccotdiii 

, j, ai prtdtite M^rthtii VìiioiioAa 

„ dco delU Tone di Gordon (*) 

„ grado dì Piccolo Grande delti 1 

„ Hta Cone. coti tutti gli orimi.. 

„ m^ndaodo e tuirì li DotlnHioil 

„ Magìliiati . U£ziali , ed 1 cbii 

M que 63 fpedi^Dtti , di riccnofcetlc 

„ ripurulo aella qiulirà fovia eff»d 

„ ed al Coofigl'o della ooftn C 

„ di deicriveilo in tale qualtiì 

M kiUtteio , eoa &1J0 , e IjUci^i 

,. den dallf cofe pndettt , cbi 

^ è Boftia mcote. Turino li ij g 

„ giu>'i78i. K 4m»dto. 

(e) /« ordlffif «J jfrd^ di Piccolo Grande w^ 

«««Atf per modo di i^pio U Rtgitfm 

" daiii }i Ugtio I7<8, jo gwnmìo ^^%^,> 

16 Mgofio 1791 , M e»i ^ infrt ftg. 4 

«^ 490. 

(b) <?(d fruno SeaJiV* » « Gtntibiomo £ Caa 

(U S. M. Vedi fMJ(r< fui J(>/r« Ji «&' • 



CavalUrg et onore xleHa KtjfttOL 
MéwU AntanU Ferdinando. 



JV7I . ASINARJ (fi CiaTdfiiiui Morekefe Giù* 

I feppts Antonio , Co^aliere Sonore delle 

geaMjO. Regina Maria Antonia Ferdinanda* 

t, Ahbiamo ieoipre rimimto conibm* 
^y ma foddisfazione nel MarchefeGiu^ 
^ feffe Antonio Apnari di Clarefana^ 
^ Mag fiore Generale di Fanteria nello 
^ no/Ire Armate , unito a fingolare 
M prudenza , e Ayiezza un tero zela , 
n ed attaccaiaento al noftro fervizio 

.,,.••• A ^ueftì così.riguardeyoli 
4, di kii meliti • • • • • coriìrponde 
^, il noftro defiderìo di darf^li una 
,j teftimoBtanza della particolare fti- 
^ DU j • propenfioné > che confer- 
jp viamo a di lui riguardo , con eh* 

. ^ vario jdalla carica di Primo Sete* 
j, diore a quella di Cavaliere £ onoro 
^ della Regina mia sig/iora Conforto 

. ^ dUettiffima^ onie abbia.viemaggioro 

. ^ campo di diftisguerfi > e rìmeritarfi 
^ ukeriofi effetti della Reale noftra 
ji beaefiteaza; c^p^r^ per leprefenti 
^ •••.«• • deputiamo il fuddetto 
gp Marchefe Giufepfe Antonio Afinari 
,9 di. Clavefana per Cavaliere i onoro 
^ della Regina mia signora Conforte, 
j» con tutti gli onori •«••••.» 
M e coir annuo ftipendìo di lire tre 
. j* mila > le quali mandiamo al Conf* 
9» gHo della nofira Cafa di fiurgji pa^ 




n f,as«, ripimunu»*, a qumim mN^^^I 

' H, Teforùrt f t^a . , eOB IM^IH 

„ prelli il dovuto gìuruncBio, t gti c»§imaM 
M p'itBa godeva. Maiuliamù nòti 

I « li ptimo di geoBajo 1775. y. Awuém. ■ 

L -ftim» Dama d OH»re JelU Ihukfffà di Stf/^i^M 

iodi J 

Regina di Sardegna I 

Mana Anioaia Feidininda. ' I 

1767 DI VALESA Btroatffa Toiefa DÌOBÌgii 

14 Burchetti {a). Prima Dsmn Sonori ieOt 

f higno. Diukeffa di Savoja MirU Antooii Fa* 

dioanoa. „ // Re di Sardtgna. C» 

I „ (ègtio della noftn Cala. Jtiìimt 

>, ilota p9X Prima Dama doacnitSm 

„ Ouchefla di Sav(^a mia nuora an»j 

„ til&mi U Barontffa Ttrtjk Ditìi'\ 

M f«* Bujchinii vedova del fu M 

t > ■• „ roae Filibeno AotonÌQ di Vdi^ 

A ^- .. „ nio Cugino, Cavalier* delSupraa 

hi" ) u "«^0 Ordine della SS. Nujt{uu, 

SiifM^ 1* * nefiro Gran Scudieri > i di dà 

luù 1 - M moliti diftioti ci fono tuttora pn* 

"'*^'> » fMti ) ed afiegiùaiDO alia mederai 

ft r annuo ftipendio di U. j 1 io , «In 

„ altre U. 725 , pur annue /«* Jf 

„ 4V^c i/fl CmnirrM , Scienti in tircfl) 

„ 11. $84; ; c/^ò vi ordiniamo & 

,1 dcfcriveda in tale cooforoii» /i' 

„ iiUaàt 

^) Mori poi /« prenominata Baionella Tert/aP»: 

mjia Bufcheiti di Valelà li x^ gennai» 177^ 



i 



4?t 
HUncio di SettM aofttA Cafii, » di firla godbct 
d' eflb lii0 {^45 s riparucamòttte y a^^uétniéri èu^* 
turati , comindmdo dalla data del piefenie , • 
continuaido io awcniio , éaraMté là fiut finità^ 
»^ id U na^rc òingpUuitù , eoa ciò » che gli Ctffi la 
ftipendio» che aveva ^' Damm^At&Br^ faleei^ 
fendo la oodra mente. TariM lì 24 gingilo I7^7«. 
C* EmATiueU» 









K Lanfranchi P. § frimo Cmifi di Stata. 

y. Morello. 

y. Tar aglio fd Ginm di Finanze, 

'BrueL 

Prima Dama £ onore in fecondo della Regina 
Maria Antonia Ferdinanda. 

1775 PRO VANA di Pralongo ContefaPwoU^ 

15 Prima Dama d^ onore infecondo della 

giugno* Regina* », // Re di Sardegna. Con- 

jj figlio della noftia Cafa. Atiiamà 
99 elMto per Prima Dama d^ onore in 
$^ fecondo della Regina mia dilet- 
tiiEina Conforce {a) la Contesa 
pMolé Provana di Pralongo (à), già 
Dama d'Atour colT annuo fiipendio 
j, di U. jiio, oltre U. 730 annuo 
9i per la vefle da Camera f Scienti io 
,, tutto 11. )8{o. Epperò vi oxdinia- 
9» mo di defcrìverla in tale coafaff:# 
M n^tà fitl Maneio di deità noilra 

5» Ga&, 
(a) Era in tal tempo Prima Dama d'onore la 
BaroneffadiyaUfa$ di cui ^ui fopra fag* é^f^* 
Ho) Morta poi li 14 gennajo 1781» 



M9 
9% 
$9 







r 



47* 
, Caia, e di fvU godere d*eiu U. jSfo.t^ 
, titamente, a qu&nierT matunui» comi 
, dal primo del coiicuo , e coabnuu' 
, veotie , iuranu U Jua Jirvilù , ed U 
, ntfUuiui I eoo ciò > che le ceffi lo ftipMlB 
, di cui goderà, come Dama i'Auur.\iiA 
, leodo la Dofìra iseaio. Liamkirì li ij 
> mi' ^' Anudto. 

V, Lanfrtuuiù F. ?, * Prìm» Cenf. di Su», 

y» Dtiaom. 

K Soucn di CafitUsmoatc 



GoOb I 



Prima Dama Sonore della Regìa» 
Maria Antonia Ftrdinaada. 



17J1 SOLARO di Favria Conujfa Iienc Pel- 

18 letta di Cott8Dfoiie> Prima Dtm», 

gdBQajo. £ attor t della Regina Maria Antorà 

Ferdinanda. „ U Re di Sardegna. O)»- 

» figlio dtlla nofira Cafa. Ci fiuW 

M ben volenden difpoltì di deggot 

tt per Prima Dama £ onore {a) aeQl 

M Regina mia dilettUnnu Coilbne^i 

CUI),, - „ la ContafEa Iieoe Pellena di O 

.il IME' M tanfone (£), moglie del CoM 

fi :, „ SoUw 

(«) In ordini alla Prima Dama d' onore va& U Tt- 

riffa, pag. 14, e aruht \ Regolameiui f£ 

governo economico delle Axìendc, li fi^ 

^ 17JO. PH- '5. $• J- 

ya) Morta poi li xi oitoht I7tj. 



J 



4^' 

,9 Solaio di Favrìa 9 Cavaliirt iti Supremo Or* 
9, ditu della Sànti£ima Nu/niaia t mio Ctigioo , 
y^ € twfiro Gran Scudiers ^ già Dama d^Atow 
^j. della Regina ; $pp$rò "si diciamo .di deferì- 
^ veda io tale ^alità fui Ulancio » e hx\m go- 
M deie dello ftipendio » che le aflegaiamo i£ 
39 lir§ tnmila aHScvsnti » oltre lire fetteceato 
,^ trenta per la vefit da Camera 9 facientì in tutto 
j, lire tremila cuocente cinquanta^ ripartitamente^ 
n a quartieri maturati » cominciando dalia data 
j» del prefente^ e continuando in avvenire» dth 
j, ranu la fu0. ferviià 9 ed U nofiro hetupUuitù , 
9, con ciòj che le ceffi quanto prima godevar, 
9» come Dama d* Atour ^ che tal* e noftra mente* 
^ Torino li 18 geimajo 1781. K Amedeo. 

Corte» 



Dama t Atour della Resina 
Maria Antonia Ferdinaaaam 



17%% S. MARTINO della Morra Marckefa 

%x Coftanza , nata Balbis , Dama d^ Atout 

gOUiaja della Regina. «, Il Re di Sardegna. 

j9 Confglio della no fira Cafa. Abbiamo 
j» eletto pex Dama d^ Atour dcURKo* 
,« giiui mia Conforte amatifllma » la 
9» Marche/a Cofian[a S. Martino della 
^ Morra » nata Balbb » già Dama 
jy i'tfiuirc della Principefla di Piemonte 
j» mia dilettiffima Nuora. Epperà vi 
n diciamo di defcriverla in tale qualità 

„ fui 



à 











' V-^# 



». 




f 



'W 







fi 






^•' 



.« 



^nflUio deilt Morra 9 

'ni'oib diletciflicQa 

\ vi fmrtichìatoù 

< e pregniamo 

• ^ìeri li IO 



•f 



':* 



di Cfi- 
^{p della Rc- 
créinanda. ,, Il 
. Configlio detta rw' 
^damo eletta la Mar* 
alila Fontana «di Grava»- 
^u Tiiiom di OeTcentìno» 
.Ma di Palazzo iella Regina mia 
^onibrte amatimma 9 eott annuo fii^ 
jt fmdio di Brt mille einqueeento i 
M eppetò TÌ mandiamo di defcrivcrla 
M m tale qoalìti fui bilancio della no- 
» flia Caia » e di £tf la godere di detto 
99 ffipendio» ripartitamente » a quartieri 
M maturati 9 da cominciare dal primo 
■ M del corrente > e continuando in awe- 
'99 ttirej durante la fua fervitù , ed il 
9, noflro beneplacito 9 che tal' è no- 
ta (ha mente. Dat« in Ciamberì li 15 
fj guigBOi775. f^ Amedeo. 

Corte. 
Biifiu fiM/74 Ciwm /£tf pojfeduia da più 
ne nel medefimo tempo , baj^a alt oggetto 
fhferue Opera il qui inferirne un filo 
fio. 



^' Tj 



9% fui àtlémcio 9 o hdà godera dèlio Ìq»eiidÌD» 
M cho !• aflegaiamo di Un tr^miU^ a qmttieii 
j9 matuiM » €amindén^0 dglU déU id frtfimu^ a 
X» GOoliiMaDdo la a¥i«iire« émtmm U put fir^ 
u ^iià^ ed il nùftfù buufUdio^ €om aè, ch^ 
P9 lù ceffi ifiianto priina godefSj coma Dmmm 
»« dottare (a\ dm tale è ooftn meote.- Totìmo li 
99 22 geiiiu)0 i78x« K Aaudip. 

Corte. 

Al tempo della morte detta fbddetta Regina 
MarM Anioms férdinéundm » occodaramK» 1785 (^)« 
contiouava nel ODedefimo pofto di Aumi i* ^mw* 
di efla Reginat la prenoanmau àUieìufm S. Mar» 
tino della Mona. 

£ mdi a favoie di^nefla emanò poi li dUd 
di ottobre dello ftefib anno 1785 un R. Vj^Uetto 
dil unor figuenu. ^ Invitati dal merito de' diftintr^ 
»a e coftanti ferviz) préftati alta Regina miadilet- 
,y tifliaia Conforte, di felice memoria, dalla di 
ji Ut Dama t Atwr Marcheia Cafiani^a S. Mar^- 
M lino della Morra , ci fiamo ben volentieri diA 
jf pofti a conferire alla medefima» eome in virtù 
j, dd prefentt, le conferiamo il titolo i EcteXUn\a^ 
9» con gli onori, e prerogative, che ne dipen-^ 
9» dona Mandiamo ftrci^ aila Segreteria noffaa di 
9, Stato per gli ajFari interni di ipediie copia ao- 
«9 centica di ouett' atto di dichiarazione al Gran 
9, Ma/lro di Cerimo/tie^ per effer inferito ne'Jitoi 
«, regifiri. Che tale è noftra mente. 

„ U Re di Sardegna > di Cipro , e di Gero- 
„ ialemme. Configlio della nofira Cafa. Con Vu 
„ giretto ttoftro del giorno d' oggi , ci fiamo de* 
M gnati di conferire il titolo di Eccellenza alla 

(a) Della FrincipeJ/a di' Piemonte. 

(b) Li 1$ feuembre* 



L'I. - '. 












47? 
Marcheià Cofiànra -5. Martino della Morra « 

Dama £ A tour della Regina mìa diletcifficoa 

^, Conforf e , ^ di felice memoria » W farttcìmaìno 

auefta graziola determinatione , e pregmama 
Signore f che vi confervì. Moncalitri li io 
Ottobre 1785. Vitìorié Ambito. 

Corte. 

Dame di Palano (a) della Regina 
Maria Antonia Ferdinanda» 

iTfS FONTANA Camilla Marchefa di Cf»- 

15 Tansana^ Dama di Palalo della Re* 

giugno. gina Maria Antonia Feréinanda» ,, Il 

>^ Re di Sardegna. Configlio della no* 
1» fira Cafa. Abbiamo eletta la Mar* 
chefa Camilla Fontana «di Cravan- 
zana, nata Tinone di CreTcentino» 
99 Dama di PaUrro della Regina mit 
la Conibrte amatimma , eolt annuo fii^ 
j) pendio di Un mille einquecento i 
^ epperò in mandiamo di defcrivcrla 
M in tale qualità Jif/ ^i&mcio della no- 
a> ftra Cafa^ e dì farla godere di detto 
,1 fKpendio^ ripartitamente , a quartieri 
>j maturati j da cominciare dal primo 
j> delcorrenn^ e continuando in awo- 
1» tttre j durante la fua iervitù , ed il 
^r noftro beneplacito ^ che tal' è no- 
ia ftra mente* Dat. in Ciamberì li 15 
>» gùignoi775. f^ Amedto. 

Corte, 
(a) Quantnnfiu fuefta eariea fia pojfeduia da pia 
perfine nel mede fimo tempo ^ bafia alt oggetto 
della pr)tfente Opera il qui inferirne un filo 
efempio. 



à 



1-. 



^ 



W^mé A 



if6o GERONIMA Lapn {s) , Mf& di K». 

moà ero Uato it,, Primm (Murigrm, • 

fii Pnms Féumm diCttDtti (c),cmìI 
Guardatole di Mmdsms Mar^^tactf 
Fianciaj MogiU d' Eoiaiuiel Frfibena 
P(uU il toiDo i^{(0 di c|iieft' Ojpeni 9 
M IT, pg So. 

m 

tJÌ% ALFAZIO Bttbani F«Bco« Am^ iiCW 

11 JMr#, ooiM ìminu ^ li JU di Séu^ 

logMo. M ^M. Coofiglio della noftn Catiu 

» Informmu delle lodetoU ouafità , 
^ che incootraofi nella per/ooa JS 
.jf barbèra Ftlicg AlfA[io ^ ci fiamo 
99 difpoftì d'eleggerla por JF^fintf if 
9» Camerm de'R^ Prenci^ figliuoli 
^ del Dium di Sa%f6ja mio Figlie 
„ amatilEino , ftrfuafi » cbe fodìsferè 
j9 conefatterxk, fedeltà, e zelo alle 
9^ iocumbe&ze di cai' Uffizio \ epperò 
^ yi mandiamo di descriverla in tal 
,, qualità fui bilancw Ì efft, nofiré 
^ Cafa , e Carla godere ditf émnuo fU^ 
j9 ftndio di U. Soo, d^ comincimn 
f, dilla daU del prtjinu , e conti» 
^ mure in avvenire j rìpartitamentet 

(a) DI Minorcdp tom. f délU prefinu Opera ^ 

pag. ^o. 

(b) Controllore di Finan{e^ pag So fiiddetta* 

(e) In ordini alt impiego di prima Fama di O^ 
aera^ vedi la Tanfa^ pag. iS» 



4W 
sriÌ0Ì mé$MrMii^ iufifite la Alt fervità» 

I aoftra beoeplicìto » chttaFi nopramuitu 

no li 11 loglio 1751 C EnuuuuU. 

Lémfrawki frimù C&mf. di Sut&* 

Oc S* Laureai 

ORMEA Luila Gioiua Crfftin» , Fam^ 
di Camira ddU Duchej^a di Savojéu 
M 11 iU di &ttdegaa. ConfigUo dells 
19 no/ira Offa. Lm vandiggiofe infoi* 
9t masiooi, ckù ci fimo pervenutoci 
I» Lui/a GioaMM Crifiina Ormta ^ uàU 
^ Arnaud^ d hanno difpoffi ad eleg- 
^ urla per Famd di Cmmcra dilU 
'■ Bf M}tukijla di Savina » mia Nuora 
jt amarimnui» ptrfij^^ che bnk per 
^ compiere con efkctezsai fedeltà ^ 
91 e 9elo alle incuoi beose di tale Uf- 
99 fiaio; ifperò vi mandiamo di de- 
9» fcriverla m detta oualità fui bilan^ 
^ do di efla noftra Cafa , e farla go** 
M dere dàlC snnuo /lipendio di 11. 800» 
M dd eominfiofg dal primo dil cor* 
j» rtnu mifi, e continuare in avve* 
^ nire » npartitamente » a quarum 
li maturati t durante la fua (ervirù, 
M ed il ncftro beneplacito, chet^'è 
9» noftra mente Torino li 14 aprile 
1» 17^5* C. Emanuele. 

\ Lanfrancki P. e primo Conf. di Stato. 

^* lUroiio. 

^« Taraglip pel G$n. di Ftnaniju 

Ma^it 



lam 



47» 
dvétitr* ^Poàon della frùuiftBk ii Pitmoiuet 

mai 

R^ifU di Sardegna Marift Adelaide 0otUdc 

1794 PALUO (é) <fi Riaeb Cmu dmttmt^Cg^ 

xt caliere t wwrt diUa Prmrìftffk di Pie- 

qpiUe» mòMt Maria Jdélàidg ClùùuL » Colle 
. ^ fm(enn • • • deputiamo ilfredma 
^ CÌMUc Gkiieppe Pallio diRiaco per 
^* SkvtfKirt / eA0r# della Priocipefla di 
,, Piemòote » €^n mtU gli onori « pei • 
»» Til^ 9 pceto|^ive « preemineDze « 
M «itorità t ùkik 9 dritti » ed ogni altia 
^j coia a tale carica fpettante » e colf 
M ^Muuie flifendio di lire tremila» & 
^ quali mandiamo al Teforiirc dilla 
M noftra Cafa di pagargli » ripanita- 
,j mente» a quartieri maturati» co- 
^ minciando dalla data delle prefeati » 
M e continuando in avvenire » durante 
^» la Tua fervitùj ed il noftro bene* 
j^ placito j con ciò » che pretti il do» 
1* vuto giuramento» e gli ceffi quanto 
9» prima godeva» Mandiamo pertanto 
^ • • • Tarine li ^x aprile 119^ 
^» /^. Amtdeom 



(a) ^tfrr4 il Mofina n^fllf fiu noti^u dMa Città 
d' Aftì » voL X » pag. 1 1 9 » chi nella Crociata 
dil 1200 all' incirca» fu Generale di cento 
Cavalli , e mille Fanu Aftef, Boni£icio Palli- 
do» pa Pallio. 



L 



47» 
Grém fi^fifo itttd GuérS$rohm 

dd Principe éi Piimonik» 

Su MARTINO di S. Gennano Cavalieri 
Raimondo , Gran àUJtra iella Gumt" 
dar^ba dd Principa di Pitmamt. 
u Colte prefeQti • • • • deputiamo il 
m pffodetto Balio Cavaliere Gran Cro- 
S9.ce» e Commendatore della Sacra 
M Religione Gerofolimitana Raimondo 
M S. Martino di S. Germano per óran 
j» Maftro della Guardaroba del Prin* 
jB cipe di Piemonte j o^n tutti giù 
^ onori • • • » e col ibUto annuo fti- 
9» pendio di Un mille JOcento undici^ 
» che mandiamo al Teforiere della 
93 nofira Cafa di pagargli » ripartita- 
»> mente % a quanieti maturati • • • > 
t» e colla aontinuétiione del tratteni- 
jB meato di lire mille ftatogli aib» 
M giuito per il veflito colle Patenti 
», noftre de' 17 ottobre i7&t 1 ei 
9, inoltre dello fltpendioj e tratteni- 
M mento» di cui già gode nella qua- 
«» lità di primo Scudiere, e Gentiluo* 
», mo di Camera del mentovato Prinr 
99 cipe 9 in Tirtù delle precedenti Rei- 
9t*gie Patenti del prioKiagofto 1768, 
9, dijpinfandolo dalla nreltazione del 
»» giuramento» artefo u già preftato, 
9, come gran Mafiro in fecondo di 

99 détta Uuardaroba 

jt Tonno il primo di apule 17^6* 
u Viario Amedeo, 



4»^ 

Dsmi 4&U0 Prifùifijlk '£ Pìmkmm» 

"^ - mmi 

Repna di Sérdegtu Mara Adebide Glotilde» 



I7g9 BERTOHB di Samboy Cmm^ Ro&lb 

xt Barbara Mariaooa » Dmìum moMreòtlU 

•ttobre* Piiscipefla di PieouMite Miiri# ^if- 

/iidk aifìU#. s. Il lU dì Saideguu 
M CénfylU ditta mnfirm Cafa. Ci fia« 
. «, mo degnati di ^Itggti^o jp« X7éi- 
ip mtf /oiioivdcUaPnBcijpefla diìtit» 
j» «Mif mia Nuora dUettiffiina» £1 Cali» 
I» i#^ Rofidia Barbifta Manaana Jbr- 
>f ^^M di^Sambuy » pàDéuma d'Aunir 
;„ ìfe tfa mtdifima Priiuipfffa \ opperò 
j» vi dì damo di deferi verta in tale 
^, qualità fiU Matuio^ e di farla go* 
^, dere dello ftipendio, che le a8e« 
ig goiamo di lire trtmiU^ a quar^^ 
,y tieri maturati ^ cominesando dalla 
^ data del prefente» e continuéadù 
^ in aweaire j diirmnu Ufua ftrvuù^ 
^ ed il ncftro àgnepLuiio ^ con ciòi 
^ che gli ceffi quanto primi godeva» 
^» come Dama étJipur^ che tal'è 
,, noftra meote. Z?«/. in MoncaUeri 
»» |i i8 ottobre tj^s {a), f^. Jmtdio. 
K Unfrancki P.P. e Rtg. 
V. Derofi di Tonengp. 
V. Ui Qraif4M{ansm 

Corte. 
(1) Saciiffiyaminu com stiro RigÌ0 Pigtiguo dsUi 
IO ciiùtrg 17%$ U fit pMrééUi0r£uc iliiicto 
di Eccellenza: mtqiudi profùfi^vtdi fui ith 
fra la fa§. 4S1 « nou a^ 



» 
1» 

99 



// R% di Sgfitput^ Configlio éelh noftm 
Cafa. Cm BigUiiio nofiro dtl giorno d^ oggi {a) 
abbiamo accordato il titolò di EutlUnia alU 
CoBteflk Rofalia Barbara Marianiia Bertone df- 
Sambuy Dama d* onore della Principerà di Pi^ 
monte (i) mia Nuora amatiflima » e volendo ad 
un tempo dare alla medefma Dama d' onore ufi 
altro contoflegQO della Reale noftra beneEcenzil» 
ci fiamo dìfpcm ad aflegnarie t annsto tf attenta 
^ mento di lire fcttecento venticinque per lavo- 
,^ fte daCameta-, epperò vi diciamo drdefcriverU 
V per le fuddette 11. 715 zasmio fai' hilancio ^ 0g 
s» di dirgliele corrìfpondere » a quartieri maturati » 
S9 cominciando dal primo del corrente mefe, e 
3t continuando in avvenire » durante U fita fervi^ 
^, tà^ ed U nofiro beneplacito. Comunicherete il 

s, prefente 

(a) Cioi^ delti 1 e ottobre 11785 , e del tenor feffuente» 

M Per tratto d onorevole attenzione rerjb u Pritt« 
9t cipeila di PiemonH mia Nuora dtlettilEma t 
99 abbiamo determinato di accordare, come in. 
,, virtit del prefente , accordiamo il titolo d'Ec- 
«9 cellenza alla Conte fa Rofalia Barbara Ma» 
^ rianna Bertone di Sambm » Dama d' onore 
^ della medeRma Principerà, con gii onori» 
99 e prerogative , che ne dipendono , olito Tan^ 

nuo trattenimento, eoe gli affettiamo a. 

parte fui bilancio della noftra \CaJa, Man- 
,, diamo alla Segreteria noftra per gli affari 
,^ interni di fpedire copia autentica * di ' queft^ 

atto di dichiarazione, al Gran Maftco di 

Ceremonie, per effere inferito ne'fuoi rt- 
V g^fi''^» ^*^ '^'^ ^ noftra mente. 

(b) Maria AdeUide Clotilde^ <' 

Tom* H. Hh 



99 
99 



99 

91 




t^ 



^efoAM air VSaiò Mi CfÉtMlla Otaenle » 
if e . ipr^hìMid il Sìgiiofe » 'die n caftfi»vu 
1^ iMiitfiii ' li > IO ombse I78|. I^« Aw^Éè. 

r . ^^a; CtofigliA dUlk iioftM Cafiu /41 Cwum^ 
^ Me/atm Métrinrm àUtuMuk B$néifis dà SmmHy 
g, Btl nttogÈUcA iè Aie iapluBftmtÉitee per veftir 
jy diÌ)>eBfrai'didl- efiK€Ìaio dellt caiita ii Puma 
j§ JF onòNiMU Jt^gku {m ma dildtiifiàia COn- 
|(p taitn h ÉVeiJo gto^fofiuDeiiie linuosBiato ad ogiu 
^j9 rfhgflawcn»^ ohe a f f ahbo io porutò marnare 
H diUa So^fiBib noftla bMcfidetiu i iimglii ^ e 
,y lolefóti . fuoi fecf ig » Mumo fM^twptmgnu 
«^ atcoUa le dU lei dioianda » t pdr dacie un gra- 
^j zk>fo contraflegno del diftmco neftio gradi- 
)p meoto » ri jE«i^a d$gnmi di coafeivafle i/ i^ 
^^ itf A» 9 9 h mtùrifinniè di 'Dtfiia d' onore i tf 
M fefi^> difpeiiiandò U frwéutiàHoia Conte ffa Rtn 
^ fiUim SarhirM Mariamm Btrtoiu di Sathkuy dall' 
,1 efercixiò delia carica di Dmmm d^ onore della 
)j Reaina mia Confòcte^ mnndismù ai Coniglio 
^i delk noftrl Cafa di continiiace a £urb godere 
9, del iieàh » ed onorìficetize di Demà di onore ^ 
^> con dò » elle le ceffi lo ftipendio » di evi prima 
^\ godeva f die tale è noftra mente- Torino li 6 
•> B'^gKI 1797» <^ £mnnMeké 

K Avogairo P. Jtrjr* 

y. Marmino pel Controllore Gtn. 

V. Napiont* 

Taifil* 
(a) Maria Adelaide 



4»i 

• « 
1797 DI V'ALESA Conte ffa Giuliana» Danut 

6 it onore della Regina Maria Adelaide 

maggia ClatiUk. ,» Il Re di Sardegna. Con* 

M glÌQ doUa nQftia Cala. Per dare 

M alla Contefa Giuliana di f^alefa, 

M una gsaziofa dimoftca^ione del fin* 

,» golaie ^ladimentQ^ che ci rìfulta 

^ dai tevrigìp che ha finqui lodevol- 

»» monte preftaii Mila qualità di 

»j Oama J^ Atour delU Regina mia 

.^^ dilettiifima Confotte (4l> ci fiamo di* 

j> ^^/i ^ ^^gS^da per ^tf /y?tf d'onore 

^ della medeuma Regima > «f f rr^ vi 

^, diciamo di defctiverUk ìa tal con- 

^y foimità fd hUancie^ 9 feda godere 

^ dell' annuo ftipeadio di U* tremila» 

^, ripattitameote j. a quafrtieri mata-- 

f, r#lit comineiabdo d^lla data del 

,» prefente, e continuando in avve- 

^, nife » durante la fita feryitù , ei i/ 

^ m/2ro keneplaei^ % con ciò» che 

y, le ceill lo ftipendio » .^ cui godeva 

j» ^oii7« Datna £ A tour ^ che tal* è 

noftra mente. Torino li < maggia 

1797. C Emanuele^ 






K» Avogadro P. Reg. 

K Maffimino pel ControUgre Gca^ » 

f^. Napione* 

Damiano» 
(a) Paline iatour , Reginx cultui » mundoque priPH 
fecfla. Si veda il Richelet Diftionnaire , tom. i ^ 
pag. 1 1 5> e 1^5, giunto il tomo 3. i^i/ii prefente 
Opera , Appendice paru ter{à » pag. jlj. 




S797 Di TiOBSA OiiMb Oiolian, » Il ili 

li ^ di SétrJMéu CcMifiglio (kOanoftcì 

ma^giot ^ Caft. fVtoub ibr« alla GoBtsflGi 

^Giuliana di Valda» cht eoo Bi- 

M gU^tCQ iioftto dalli é cofraate ab- 

^ ^ Diamo eletta per Dsms dm^onu 

j, dJU M^ima {a) mia dilettiffima 

' u ^'gmiofi BQftii feniimcnri a di 
ùf tei iigoaido, ci (Umo difj^fii ad 
j, aflegaarle» olife lo ftipeodio » di 
M cai gode di il. fuu, angha f^o* 
a» mm Énuumimmià di IL 7^5 per U 
i9 fette da camem ; ^ff^ vi diciamo 
^ di deicriverla yV< iddineiù per il 
9» (udderto tfanenimeatOs e fìuglìelQ 
99 GOfrifponderesripanitaoieiiteja qiur- 
^ rieri maturati » comiaciando dal 
^ giorno d'oggi, e continuando ìq 
' >» avvenire » duransé U fua firvità , 
( 9, ^1/ i/- M^a ktuéfUuUo* Comuni- 

,4 citerete il predente alF IM4Ì0 itH 
t, CcntrcUo GmursU , e preghiamo il 
py Signwe , die vi coniarvi. K4riseri4 iit 

p li i(( Jpaggio 1797. C* E man u i kn 

* \ 

PaoùanOf 



(a) Dame d'honneur de la Reiìie , Hononana r#- 
|i> affida. Cosi nel Ricbolet DiHionmaÌT$^ 
tom, I , pag. 665, 



)> 




4t< 

I ^ AUÉt Jellé Prìntif^à di Kemooce^ 

indi 
u di Sardegna Maria Adtlaìde Clotilde. 



Di VALÉSA CéMiffa Giuliana, Dame 
£ Atour della Principefla di Piemonte 
èiMtU Adelaide Clotilde. ^, Il Re di 
j, Sardegna. Configlio dcUa nofirm Cape* 
^ Ci (iamo degnati di eleggere Ut 
^, Contesa Giuliana di Valeia , fìi 
j. Dama di PmUho della Regina 
,, mia Conforte amatil&ma fer Oama 
^ Jt Atour della Prìocipefia di Piemonti 
4^ mia dilettilfima Nuora , vi diciamo 
^, fereih di defcriverla ^ in tale qua* 
,, lità fai hilaneio > • dì &rla godere 
^y dello ftipendio, che leaflegniamo 
^ ii fir^ iÌM mi &f fettttemó cinquanta f 
^^ a quartieri maturati » cominciando 
j, dalla data del prefente, e conti* 
,3 nuando in avvenire, dorante lafaa 
^ fervità , ed il nofiro beneplacito , 
^ con ciò, che le cei& quanto pri« 
^ ma godeva. Come Dama di Pa* 
3^ ta[{o , che tal* è noftra mente« 
^ Moncaltiri li iS ottobre 17S|« 
^y K Amedio. 

y. Lanfranchi P.P. e Reg. 
y. Derojfi di Tonengo. 
K Di Cta:¥an{ana. 



dott^è 



L 



1 



fsm 



^ 



Dsaie di fùutq («") tomi mfinu 



»775 
Ipogno. 



■ i 



f 



. f ■ 



D' AN6ROGNA {i) Mardufa Antonit 
Maria Gibnefau 9» €ùàfyBo ddtà no* 
^ /Im dyk Abbiamo ^eletto Dsmà 
n a féda^jfó idU Piincipefla di Pio- 
j» OMNm mU fi$iUFd Nuota » la Mar* 
^ cbdfr Antonia Maria Gabriela /jtfiì- 
j» {fwiM nata 5. hUtùmo delU Morrs, 
^ ooU'méiuo ftipeiKfio di IL ijoo^ 
19 ^jplptfiiò ^ lUciaino dideicriTerla in 
^ ttle quàUtk A/ UUfuic » dU fada 
^ 'godein di ontto ^pendio riparo* 
^ tauente» a quarrierì maturati ^ co- 
mindando dal primo del coirent^ 

e continuando w avvenire s duranu 
^ U Jua firyiià , ed il moftro tenepU- 
9» €Ì40y die tal' è noftsa mente. DéU. 
1» in* Cùuntifì li «5 giugno 1775* 
^. K jtm$déO. 






Concu 



(a) Rifiiiamo qui quanto fidift di fifrundUfMgt 

47 j , nou a. 

(b) V4(U il tomo primo » fog. 14^ « t 147. 




4t7 
Déunm £ ^Merà JUIU Djfchffa / A0fis. 

ff7 ÌHS. PEYBLE Marcluféi Aoge)ìca , J)éma 
Ltf £fmor€ iilU Ducluffa £ Aofia. ,, 11 

|gio» t. Re jdi Sacdegn^. CotitfigUo 4M$^* 
99 f^^ Cafiu Per lina gr^ioia condi- 
,9 iceiuleiiza al defideirio manifefta- 
ti foci imi Duca £ Aoftm mio fratello 
9, asMtii&ino » ci jiaww 4ifpofti a no- 
^ miaars Ai Uarchifc Angtlicd (a) di 
y» «f. Vcyrc^ nata SolarQ per D^m^ 
,, £ onore dMla Dudtt^fla £ Ao^a di 
M luì Covfofte , e mia dilettiIEma 
^ jQ^gnata i ^f <r^ yi diciamo dì de- 
^ fòi^reila in tale .qualijtà ntl tUofir 
n do, onde pofla godere degli onOf 
„ m, pdvilegi , € prerogative a detta 
' 99 .Qurìca fpettanti , ch^ tal' è noftra 
mente, ycnirim Reali li i6 mag-* 
gio 1797* C* Emanuele. 



19 



K Avogadro P. /tcgf. 

K Marmino pel Controllore Gen. 

V. Nafionc 



Damiano. 



) fmffrMQ* VedB ii t»m pciffW , pi^. Al > ^ 
14S ad i$o^ e vedi pure U P>mf ittzOg 
Appendice forte teria » pag. 6x, e 6$. 



m^ 



4^ 

Déumm di Pskuù JUU Dmelutfa £ JUfà. 

1797 CA¥ORETn(ii>ciiriIlafiinGiiUivdk^ 

ij Cffiftìiui» Dtmm di ?da^^ Coim 

igofto» ìofia. ^U Ki di Séirdigam. Config^ 

M della aoftni Cafii. Per ft^mdém il 

defiderìo id Ow» £ Aofta mb 

FiateUo amariflimo^ mMmmo tieité 

la Maicheia CW^Km vedora di Vii- 

_ lafinmcat fuum Salmatoris (t)^ fa 

Il Dama di Palaxzo delUDudùtfs di 

«Ini . ConfiMe » e sua dilcififtma 

Cognata; qf/ifi indiciamo dì do- 

(cnwda in cale qnaliiè/U *ffaitit#j 

e fitfla godale di tntti gli oiioci^ 

pffivìieg), f^ preiogidfe, che ne 

dipendono » che tal' è nofl^ mente* 

Torino 25 agefto 1797 • C.EmamuU. 



%% 






99 



(a) Fidi U /«ri^quaru» ftf. 1$ ^ eU pgru quin- 

^ > f ^f • 9 <^ Afp€iuu€€ al tomo terzo. 

(b) Vedi f/ fillio primo sii. X^I » f nf • 445 , 

44^ V ^ ^tdì fuTÉ il laaia fecondo 9 pMf. |74t 

J7$>'« I7>* 




Il» 

Ujln JdU Cafa d«l Macchefii di Sufà » 

almtnu éoich» di qiulU dtl Conte £Afti* 

5. MARTINO dslla Motu Conit Giu- 
seppe » Grén Maftfo^ come infra^ 
>» Colle fttiwxx ^futiamo ilfiiddetto 
»» Come Gittfeppe S. Martino àelU 
^ Motta per Gratt Mahro della Ca(a 



»9 del Marchete di Suu» € prowijiù' 
^ nstnunu anche di quella del Conto 
,, d' Afti iniW fyliueli , col grado di 
M Piccolo Grande iri!/k ho^a Coru ^ 

t> ton tutti gli onori • • ^ 

^ € coir aitnuù ftifindio dì U. 4000 » 
^ a/ir« il trattenimento di U. looo» 
»» facienti in tutto U. 5 000 j /« ^im/t* 
>j mandiamo ni Tiforiere della nopra 
^, Caja di pagargli , ripartitamente • . j 
^, durante la Tua fervitùj ed il no- 
,> ftto beneplacito • • • • Mandiamo 
M a tutti li .noftii Miniftri» Magi- 
»» ftuti» Uffiziali» prittcipalmtntc a 
9» quelli delli prefati Prencipi» ed 
M a chiunque altro fia fpediente» ^* 
»9 TÌconofitrlo y €• riposarlo nella qua* 
^ ììtk[ovnic(piùSbL,€d al Configlio dcUa 
M no^rii C^yZit di defcriverlo in tale 
^1 conformità fid bilancio » con farlo» 
^ e lafciarlo godere delle cofe pre* 
», dette s che tal' è noftra mente. 
»» Moncaliéri li itf agofto 1791» 



i 



W0 






t^OVAKA di Leybl CàvàBt^e OtUvloi 
fri$no Scuium^ € Geniibiomo di Cm* 
mtrd deìVmiUUtio Principe. ^ Vm 
, ,9 le prefeati • • . xlepurìamo d pre- 
•^ ietto Qnfotiers Ottsi^io Provamm di 
^ L^id primo Scadiese , e Gentil- 
M uomo di Cimerà del Duca del Ghia- 
I» blefe(4)» €on tttttl gii onori, privi* 
„ leg) i aktórità , preemineDce ^ pre- 
^y rogarive » ed altre cofe a tali candie 
Il ^ttaati i e £olt amùto fiipgadio dK 
Il Ure fecteceiitò ▼endcioqDe » oltre il 
I, trattetumento d'altre lire feijcteceiito 
i> fectantacioque » feciinti in tutto lire 
iy mille cinquecento aimue j ehi man- 
^f diéuno al Terorìere della no firn Cafà 
93 di pagargli^ ripartitamente, aquar- 
io rieri maturati ^ cofniaciaodo dalla 
^j data delle ptefenti > e continuando 
j« in avvenire^ durante la fua fervi- 
tu 5 ed il noftro beneplacito^ con 
ciò, cht prefli il dovuto giura-* 
mento , e gli ceffi, lo ftipendio dì 
Gentiluomo di fiocca. Mandisme 
41 pertanto a tutti li noftrì Miniftri^ 
^1 Magiftrati» e principalmente al Go- 
f^ vematore> ed agruffiziali d*effo 
Ducaj ed a chiunque altro fia ipe- 

diente » di riconofcere • 

Torino li fi maggio 1750* 
C. Emanuele^ 






99 



(a) f^edt la nota b» di cui nelf Mte$edinte pàgina 



4JO. 




49 J- 
FSRRERO della Marmora (a) Cav(ili^H 
Giufeppe, ficondo Scudiere, e Giti- 
tUuomo di Becca come infra» »> Per 
,» le prefeoti •.••*•. deputiamo 
,j il detto Cavatile Giufeppe Ferrerp 
,, deUa Marmora fecondo Scudiere t 
j» e Gentiluomo di Bocca del Puca 
^9 del CkiaHefe {è) ndo figlio » con tutti 
J9 gli onori • • •» # colf annuo fiipea-' 
t» itie di 11. )i|> #/rr# il tratteni- 
^ mento di altre IL 675 > facienti 
,t in tutto IL 1900 annue s le quali 
,, mandiamo al Teforiere della no« 
99 ftra Caia di pagargli • . « Mandisi* 
^^ mo peitaj\to a tutti li noftri Mi- 
j^g niAn^ Magtftrati» Uifiziali > e prin* 
,, cipalmente al (governatore » ed agli 
,» JJmciali del detto Duca di ricono- 

^^ (cere « Torino li je 

^ mar'^o 17 j 9. C*. E,mawele^ 



\ il tomo terzOf f^jT* 1x9 s ^ i^^* 

%ggi filarchefe S Imea , come dalle foyr^ci^ 

i P aunti delti 19 giugno i79(vf 



/ 



1795 TAIFilGA CmufiTmék , Min ddla 
15 Viih (jj , PjÉÈB^dmmt dfflla Maidigfi 

^ àto. Cmfi^ ddk M^m Càfk. 
j» Abbhno •km U Cmufs Térrfs 
^ ys^ifgs OM ébttm yUU, Dtmi 
» d'oBon ifib MLnIufk Jtlrrtm^ 
M AMI Fi|^ iiwriliii Efferò vi 
»p dicmio di defioiMdi in tale con- 
9» focnàà /ai/ it(0flM0 della noftia Caii^ 
«, oade poia godcio degl'onori» 
119 pccmgatife a tal impiego appane* 
M iMm » che tal' è no&a aieme« 
49 Mom^éJicri li ij fencmbic i7aj« 

K AvoMdre P. Rig. 

V. Maffiminù fd Couirétlofé Gsu^ 

V. Di ScrravalU* 

Dì Chtalamberi» 



(a) H Conti di ViUafltUoru Ercole Tommafo De- 
Villa Avo paurno di ejfa Dama fu CavaìUr^ 
del Suf remo Ordine della Nunziata ^ e fu ereaia 
tale nella promozione delli 4 JUcembre 176}. 

Intorno alla nobiltà^ e antiehitÀ di quefia 
Famiglia De Villa orionda della Città di Cbierij 
ve(Une le prove ^iimpatefi io Torino niUa 
Stamperia Rnale f anno 17^5» infieme alia 
Declaratoria del Senato delli 9 fetumire fiefi 
anno, ref. ^ 



^ 



\ 



99 
99 



91 
9$ 



Céne iiilk RtsU frìfuififfé («> . 

1775 DELLA yiUJL Ct&alkn Lni^. iTr^i^ 

1 Paumi del primo di gennajo 1775 : 

gedocrjó. i^i: » depmiamo il d€tto CavaUtH 

Luigi Ditta VìlUy primo Scudiera 
delle Reali Psmcipette mie foreUCf 
», con tutti gli oaóri • • • » e coU^ 
atmuo ftipeadio di lite 7x5 » te 
quali mandiamo al Teforiere diUm 
>, Mftra Cafa di pagargli • • • » du* 
jt tante la fua fervitù , ed il noftro 
19 beneplacito 9 con ciò, che prefti ti 
99 dovuto giuraménto • • • • Torino 
i, I genna]0 1775. K. Amedeo. 

1777 ORSINI di Orbaflano {b) Cavaliere Ot- 

21 tavìo» primo Scudiere» come infra* 

marzo. 91 Colle prefenti . • • • deputiamo il 

„ fudditto Cavaliere Ottavio Orfini di 

(a) Si ripete qaì lo fteflb > che gii ebbe a dtifi nella ptg. 4^» 
ài qaefto to0o« H»tM a. 

Q9) li Rufca (r) forTando di un Ludovici Enrico '/ai de'Conti 
4*Ofkaffén0 i dice» che ptflau quetta- Famiglia eoo quella 
i<' Co tri di klvélta da /ì^oam nel Piem^uu t fa per la Tua 
potenza tenau in gran jlima dai Conti di Sdfoja f e Prea* 
cipi dì AcéJA» 

£ il Tenivelli nelU fua Biogréfs PUmé/ttife (z) , in or- 
dine a tal* opinione» »» che gli Or fini del Piimùnu ficn» 
«, diramati da quelli di A^dm» coma abbiamo altital lui 
^» lamo delia Aobiliffima Caia Célonm€ Romane^ ftabilito 
,» in PUm0Ht$ fotto nome di Conti Colonna ài BaUiJftro% 
„ oflèrvò non fuor di proj^ofito» che i Signori dì RìvaUa^ 
,» e d* Orbafano fono menxionaó ai tempi della Principeflà 
,1 Milaidi^ volgarmente ócttSL" Marihcjana di Sufa^ e ciò 
„ piima 9 che fi faccia nelle iftorie commemorazione dtiti 
t> Or/ai ttomani > co(à che forfc ci potrebbe induceie a io* 
9» fpettaie , che non queftì da quelli » ma quelli da quefti 
,» Piemontcfi follerò derivali (}}. Coii piulfanunu ntUa jrra» 
fltata Biografa^ tom. 4» pag. 12 s > < ri^* 

(lì Pag. 125. 

(i) Tom. 4, pa/» 125 t e ii4. 

(9) Vedi a tale xigoacd» U pag. ^ di qaeftp atto tomo ficondOf 





r frtmo i 
Prìocipefle 
1 oaori ..-.., e Ci 
t di liic 7 i f > oUre il tiatt^DÌmeoto & ^ 
^ 77] > fAcientì ia tutio lite ijoo aitBiie,k 
„ jiu/j maDdiaino id Teroiìeic i^/^ (ioJ/mC^JÌ 
» Pagargli I ripattitatncDte , a <)uaiticti manna 

M 1 £0//" obbligo iX medcrimo di reni 

u fempie » e quando vi oiaacbeù itn ^runo Jc 
u ^j<rc, e con ciò, che prefU il dovuto gin 
„ mento • • • <. Tofino li ii narro i777- 

'17S7 SALU^ZO Cavalitrt Ftanccfco. A 
1; Pattnù delli ij dicembre 17S7: < 

l^mb. >i depuliamo il predetto Canlì 
I u Fiancerco J'^ìk^^o per fnmt J 

■ „ ^/«-f foyrétiumtrario ddU Prii 

„ peSa Ftlicit* mia fóiella , cobi 

1' „ gli GDOit ,4 con CaB 

» fi'^tn^io di It. Tif, lo (]mlt n 
„ dismo al TtforUrt della noUnC 

]> di pagargli TorÌM t 

,j dicembre i???, K. Amtito. 

t7S)( PELLA CHIESA d'IlàrcaC«F«iVt( 

it cinto j yicffaia SeaJiere^ o Qentil 

luglio, m« di Bocca, ^onu in^^t, „ O 

(a prerenti ». deputiamo fiy«^uo 

,,, TuAVrr Qiaeinto della Chielà if J/< 

()} O'itfaia.'i io lifininsa di qncfio l4o^o> fcfol atl i(! 

fmoli banigliii dt molti deiu «ppunto £ Orl*Jiw 

e da altri <ki<a iiifa MérfagU* M- 

(1) Kc^/ il HDHtoii, ^9114/1, MB. 11 > p(f. |l«| «/ipM 

Lucca 1744. 
{ì^ YcdiilTomoMtudì^MV 0;u>i^/ffa4K((«IC4>f4 



99 



4lr 

9, f&ft Snéndù Sature ; e Gratiluaino di ftocct 
^, iei!i^ Priacipafik Felicita mUdiUitifimMSortUa, 
j, ton tutti gli onori • • • » f euW énnué fitpin» 
j, ii# di 11* 315 s rio^ IL 125 ^0M^ Secondo Sciii^ 
„ diere » e A. ao# coiHe Gentiluomo di Bocca , 
^ U qmdi mandiamo 4U. TeforUrt dilla no Ara Cafa 
^^ 6\ pagargli ^ rìpartitamentai • . • • • Moncalitri 
j, li la luglio 1791. '/^ AmtdiOm 

1797 NOMfS {a) di CoOtlla Comeffa Gabriela » 

^f Dama it onore della Principefla Peli- 

luarao. cita. ^^ Il Re di Sardegna. Configlio 

,9 della nofira Cafi. Abbiamo eletta 
^, per Dama Sonore della Principerà 
Felicita mia dilettiifinu signora Zia^ 
la Conuffa Gahida NomU di Cefi 
n fi^ > g}^ Dama di Palazzo della 
^, medefima PrìncìpefEa^ opperà vidi* 
», ciamo di defcriverla in tale aua- 
^ lità fui bilancio, e. farla godere 
„ deltugùwo fi^endi0 9 che le affé- 
„ gnìamo di 11. jm. , lipartitamente , 
^ a quartieri maturari, cominciando 
,j dal primo del pro(&mo aprile, e 
„ continuando in avvenire, durante 
„ la fua ftryità , ed il nofiro tempia* 
„ eito» con tutti gli onori, prìviieg)-,. 
„ prerogarive, vantaggi , ed altre 
M oo(e, che he dipònidpno, con ciii, 
5, che le cefli quanto prì^ godeva 
M in qualità di Dama di Palalo, 
„ che tale è noftca mente. Torino 
„ li ai marzo 1797. C. Emanutle. 
(a) fW!É il tomo primo, petg. i9Qj ^ i9U 
r^rn. //• li 



'I797 CROMO éìT^nnig^CòmufMOìbmh^ 
Il Poma di PéU0ii§i ,como iiifita» m H 

maneo* ^ Re di Sar^Ugméu - Cdnfiglio ^ib 

n^n^^rm Céfai* AbbiaiBo, detto jmt 
^ Dama iì AiAiQ^s^à dfinin icAc 
ji Priii^fpr^ Poliata ai&i diUaifmék 
^ s^MTA ^Sim »'^' la Còmefla Gatoiola . 
^ Gtomo i& TantD^ » Mc^Richol- 
..9» >BÌ* f'^ Dama di PaUzip Sona- 
' jB nnùiemfk ditU medfJhM Fnnci/^efii 
j» eppeiè yi didamo di defcrÌTerla in 
' ^ tale qualità fui .Htancio^ hùà, 
^ godcx9 deit éummo fiifindiù ,€im lù 
j9 aflcgràmo Wi IL 1500» ripanita- 
,, mente t a ouanieri maturati » co- 
^ mmciaudo dal primo del proifimo 
^ aprilo • • • • Torino li 11 marzo 
»> 1797* C. EmottuiU. 

V. Avùgairò P, Rig. 

y. MaffimÌM pai CcniroUon Gcn. 

y. N^iont. 

DamianOt 



1791 CACHERANO d'Ofafco Conteffa Me- 

ij tilde t Déwiék di Palane come infra« 

iiiceoibk ^ Il Ri di Sardéi^na. Coa6glìo della 

fj noftra Ccfa. Ci liamo compiaciuti 
,4 di (Ubilire la Ccnuffa Metilde Ca- 
9, cheraso éC Ofafco , nata Caehcrano 
^ dtUa Rocca per Dama di Pala^^o 
n foffanimMaria ^ e dì deftinarla oa 



4» 

^zk> ddla stia ditetti(&aa figlia (aU tf* 

ti diciamo di defcrivetla in tald coafor^ 
pdbiloMcio 1 che tal' è noftra mente. Tarimi 
\ dicembre 179X« y. AmUm. 



V. Coru. 

V. Pétitii di RonUK 

K DiS€rwalU. 



Graneiì. 



BRIZIO della VegUa Conuffa Felicita » 
Dama di Palalo come infra* ^^ tt 
^y Re di Sardegna. Coniglio dilla no» 
99 fifa Cafa. Ci fiamo compiaciud di 
9» ftabilire la Comeffa Felicita Brillo 
M dalla Veglia » nau Nlcolis di Bran^ 
,9 di{^a per Dama di Palazzo Sévra» 
5^ numeraria » e di dcftinarh ora al 
5» ferrizio della mia dilettìj^ma fi- 
li gli^(^)> cpperò vi diciamo di de- 
^ fcriverla in tale conformità yx</>i- 
99 lancio 9 che tal' è noftra mente^. 
99 Torino li 15 dicembre 17 9 1* 
• 99 JK Amedeo» 

y.* Coru. 
y. Petiii. 
y. Di Serravalte. 



Grai»eri< 



fefpa Maria Luìfa Benedetta, 
tfeppa Maria Luifa Benedetta^ 



•1794 



, U Re é\ Sirdeges. Cex&iw^iM- 
„ fir» Céfit- Ci fiamo oifpo&i id i- 
M legare »Ua. Conufft MenldtCìt 

M delk Rocca , e Contt^t ìéÀ 
„ Bri^ìo delia Veglia, imm NO 
„ di fiiaodtzBO , Oanu di f<J<gfll 
,, vr«num*rarU dcft uie il WT> 
„ dell^ mia dtleiiilfima figlit (4i 
,, [annuo (iipÉnMo dì 11. ijco pA 
„ raduna . si , s come ne giìM 
„ le Damt dt Pstai^o affcu* ** 
„ Cotti delle alae oottes PciaCipA 
„ Reali ì tpfetà vi dicìaino dit):bì< 
j> verle anirfulue Tul biUnds pai 
„ Tuddeiie (lipcodio, e farglielo o> 
j, tjfpundere ripariiiameDie , i qnu 
„ ti eri matuiati , cominctanJo iàjói 
„ IBD d'I CDtreote , e continuiBdti 
^ aTTCBiie, duraste la ioro feinitj 
„ ed il coltro beneplaciro, cpb fi^tj 
„ ckt , quanto «ila Conuff» Brìstl 
Sfatila yeglis debba cefiarìe quuiol 
„ piìoia godeva. C»munì^urtu illWj 
„ fente all'Uffizio delCoatTo1)oG»| 
„ cerale > e pieghiamo il Sigsont, 
„ che vi coafervi. Torin» IÌ j i gC* 
„ Dajo 1794. y- Jtmtdt^ 

Grueòi 



jjl] G'vftffa MsfU Iwfa Bmiims* 



b. • 



ELENCO 



!•« 



erfbac comiprofe io qusfto ut, XXL 





Pag. 


7i{€ FittorU Amidi0 • < 


}S4 


Orio Gationù BaUsffsné 


. i87 


el Signore Carlo Luigi . < 


. 588 


Franccfco Arbwoo • • 


' 390 


3at6 X>. Lorenip . . 


• • 


ìnJo .. • • t < 


« in 


'io Emanuel • .• • 


' i9i 


r/oÌ!M5 SpineU Francefcù Gaeian 


« -ISO 


Filippo é • • . 


>5tf 


'iu/ippc . • m . 


J>7 


ruifippe • .• # » 


»9i 


io* JSuffojiù « • « 

; Giujcppa .. .• m * 


400 

• • 


.rio Giufeppt • • • i 


. 401 


^ Giufeppe • • • -- . 


. 40* 


/i^«a Maria • • • « 


- 403 


r#ii{0 • é • .• 


, 404 


5«* 


. 40; 


Mgi • • • • 


» in 


tc^^o Saverio • • • « 


. 40f 


baciano • • • • i 


, 4QT 


Lirìgi 


409 


r/o Emanuel • • • • 


. 4«» 


(rio. Eugenio • • « 


41» 


Ciò. Eugenio • . < 


. 4«l 


'tfAO Aftfritf • • • « 


> 4»4 


tr/o • • • • « 


4»5 


Francefeo • • • • 


4»y 


Giufepps Maria . 


. ivi 



# 



5" ^. 

Tempia Giufeffé . m . 

Tempia Giufifpe • • • 

Lucerna Roraigc S Roià Frantafco 

Gianotti Vittorio • • • 

Coardi Paolo Gimjeppt Maria • 

Saltft Gtuftpft Maria 

BolbÌAno Andrea Gotto/redo • 

Sotaro Filippo Ignazio 

Morano Gafpare Filippo 

Bava Filippo Maria EmamueU Gaetano 

Due Luigi • • • • 

Verdina Francefco • 

Le Grand Seeondo • 

jtlfa{io Vittorio Amedeo Filippo 

Alfa^io Vittorio Amedeo Filippo 

Spreafico Carlo Ce/are 

Vaflapane Pietro Gioanni 

Dejpme Giujeppe . . 

Rancane Benedetto • 

Provengale Giufippe • 

Campagnola Paolo Antonio 

Mò Luigi 

Reinero Vittorio Amedeo 

Provengale Giufeppe • 

Pugnani Gaetano • • 

Ruffinotto Coconito Montiglìo 

Della Torre Vittorio Amedeo 

Reggiamo Gaetano • 

Ver api ACnari Francefco Gerolamo 

Favetti Giufeppe Gaetano 

Cavalchtni Pietro Alberto Garofalo Guìdobono 

Cavalchini Antonia Garofalo Guidobono 

Ortolani Felice • • • • • 

Ambel Gaetano 



4»« 



} 



4»> 

« • 

in 

4»« 
4»» 

4»* 

4»! 

4X6 

4*7 
4»S 

4»> 

450 

4JI 
43 1 

434 

4J< 
437 
438 

• ■ 

439 
441 

44» 
443 
444 

• • 

IVI 

445 
44^ 
447 
44t 




Direjji Franajio Zavirtù • 

y^glio Gioannì • • • 

yillanis Giufeppi . » • 

VaUfr Carlo EmanuiU . • 

S. Martino Raimondo 

S. Ninnino Carlo EmanueU Franctfco Giw' 

fepfe . . . 

yitò Carlo Gafpardo • • 

«f. Manina Amciio • • 

Sarioris Severino • • • 

Afinari Giufeppe Antonio • 

doarii Paolo Giufeppe . . 

Carron Giufeppe FtUce • • 
Provana Francefco Ottavio 

Ciaffaleone Luigi Gaetano . 

UmogUo Pramolo Luigi « 
Della Torre Vittorio Amedeo 

Afinari Giufeppe Antonio • 

Di VaUfa Terefa Dionigia Sufehetti 

Provana Paola • • « 

Solaro Irene Pelletta . 

S» Martino Coftan^a • • 

Fontana Camilla • • « 

Gtromma Laura . • • 

Alfa{io Barbara Ftliee • • 
Ormea Luifa Gioanna Criftina 

Pallio Giujeppe . . • 

S. Martino Raimondo • • 
Bertone Rofalia Barbara Marianna 
Di Falefa Giuliana 

Di yalifa Giuliana • • 

Di yaUja Giuliana • • 

D* Angrogna Antonia Marie Gabriela 

Di S. Peyre Angelica • i • 



449 
450 
451 
4>A 

45» 

4jff 
457 
458 

45 > 

éfit 

4*^ 
4^1 
4^4 
éfis 

46 S 

4^9 
470 

471 

47» 

41 

475 

47^ 

ITI 

478 

47> 
480 

4«5 

4X4 

485 
4W 

4»7 



i 



J04 

ioreui C'ijltna . . . . 4I 

Martino Gu-fef^ . , . . 4 

'frcvana OiMvio . 
^fn*n Puiro Ign*iic 
frc^mna Oiimvio 
ftrrt'O Gibffpt 
^alperg* lirtfa 
Vtli* VilU Luigi 
O'fnt Otuvio 
Salali» Franctfcù 
Zftlia Chùfa Giacinto 
J/omii GabritlM 
Crrmo Gahritlm . 
!C*ei*traaù Mitilde . 
tritio FtlUitM 

Siccoona poi de'ibli GramJt EU m»fi m 
%> hut io (jucfto titolo (*) «w compita dcbb 
dal t7)o in poi (^) , quiadì i, cbe abbÌMM 
guato cU óuno ti piefenie eleoco. 

I7)0 1 gennaio, GatiindrtFtanttfcoAThn» 
1747 jo Age{\o.DtUt Ltnit Vittorio Amtii» \ 
■77J IO apiile. LuctroA Rortngo di Rtri 

Franctfio . . . < 
1778 ao ottobre. C*pa tt Arigtnuio Vitm'tA 

GattMno Batdaffarrt j 

1797 17 marzo. Burortip Dtl Stguort CiA 

Liùgi ì^- ■■ . . -. "■■■ij 



lU Cioè lultitoU XXIJ 



TIT. XXII. 

Imiibchi Militakl 

X rima d' inooltraici in quefto molo j rìchiame* 
temo il Lettore a quanto fi è poftp in fronte al 
precederne (^i); onde qui pure fi abbiano per 
dette in ofdine agli impieghi miliiati quelle cole 
ifl»ffe » che fu abbiamo piemeflb in riguardo agli 
impicci di Coni. 

MdrcfcialS^ 

De' MarÉfiiéUìi già ne abbiamo dato un titolo 
a pane nel tomo/m'ina di queft' Opera t pag. 107 
ad ify. 

E. ne parlammo ivi diftintamente » perchè 
poteva appunto fembraie a propofito la ferie de' 
medefiml fnbito ddpa i Cancellieri > e Gran 
CdUieeilieri » giacché quefii fi veggon nominati 
coli' e^reifione di prima dignità ndU Corte de 
Sigari di Savoja » e di Piemonte ^ e i Mar ef dalli 
con quella, di foconda dignità appreflb detti Prim*^ 
eipi (*)• 

Quindi è » che a tale riguardo, altro qui non 
faremo j fé non ricordare a chi legge quanto già 
£0 ne dlflìa ne' luoghi dianzi citati > aggiugnendovi 
però ad extenfitm le due Patenti i fettembre 1750» 
e i^ fettembre '176& dclii dué ultimi Marefcialli 
di SLihlnndéT , « della Rocca t che nel tomo primo 
tst. IV, pag. 109» e 110 fi fono portate ìtk 
ifcorcio folamente. 
(a) Cioè al tit. XXL 
(b^ fWiiil Ghiaia rulla Storia diPiemonte > pag. 1 j u 



à 




17)0 DI REHBINpER Otto. ^ Qumm 

I „ ma fono ciletinti glMfliipiegbr i^ 

fettcmb* . «> bilia dalla premfaua ot SofSuii 

j» per il buon ffoveno i difefa » • 

.'^ tj coaienraBioiie ctetStad t taotoviag^ 

t f9 ^on fichitdoK)' Ift loia. abMi%«- 

», sioBc odia fiadta ^diT foggMi pia 
^ ' » dogni por tmamidi% cM&Sio pou 

», ciò il cmico di Mmrefoédh édk 
^^ ncflrt Armau it fiàfmUitk^^^tfUi 
^ Orditu militarti cosi anche abbia» 
»» mo determinato di deftinare al oSe- 
M defimo il Barone Otto di RMì»^ 
%» dir^ GataKere del Suprèma Ordine 
: . M delk SS*. Nanmata» Gaur§lé€ A^ 
„ t'gUeria in detu no fin Armmu^ e 
9^ Governatore delU Citià, eSiOfjn- 
y» eia di Pimrolo, che dopo le prove 
9j dateci d'un fegoalato valore, di 
»» una prudenza non inferiore a tutte 
»» le altre infigni qualità » che lo 
,» adornano » nulla ci lafcia e dnbi* 
9» tare di non aver a ricevere nellf 
„ efercizio d: tal impiego Tempre pi& 
,9 collanti riprove del selo, e delT 
^ attaccamento » che ha^ fiitto fpìc- 
,» care per le noftn perfona , e Gaia» 
99 Quindi i ^ clu pcsr le prefittiti» M 
99 nofira ctrta fcignia » piena poffmia » 
9t autorisÀ Règia , # col partrt delno» 
ftro Con figlio > ^ibbiamo creato , elet« 
to, coliituko9 e deputato, crea* 
mo , eleggiamo 9 coftituiamo 9 
99 deputiamo il pndttto Barana Otio 

m* di 



9» 
93 



sor 

^^kUndif (a) per Manfciaìlo {b) ieìU noftrt Ar^- 
u^u 9 con tutti gli onori , autorità » preroga* 
'▼e » 9 prìvllcg] 3 utili 9 dritti » regalie » ed 

rii altra cofa al medefimo carico ipettante^ 
apparteacnte j con ciò, che prefti il dovuto 
^«lamento. Mandiamo pertanto » e comandiamo 

tatti li Generali d' Artiglieria, Luogotenenti 
!ì MsreJciaU » Generali di Battaglia {e) , Co- 
OnBelli , ed altri Ufficiali militari, di qualunque 
mdixione fi fiano , a tutti li nolbi Magìftrati^ 
ktiniflxi» ed Uffiziali di gìuftizia» e ad ogni 
loro 9 a cui fia fpediente» di. riconofcerlo » 
kdo riconofcere , ftimare , e riputare per Ma>- 
giallo delle nofire Armate , da Noi , comò 
bpik s coftituito , ed aW Ufficio Gerurale del 
foUo , d* aflentarlo in tal qualità. Che tal' è 
loftca mente. Dat. tu, Rivoli il primo fettembre 
tyjo. y* Amedeo. 

y. Zoppi. 

y. Calcaterra pel Controllore Gen. 

y. De^Gregory pel G entrale di Finanie. 

Boyero {d). 
Svelge fé tom« i , pag. no , con quel di più, 

di CtU tVtm 

Marofiriallo , e non Gran Marefciallo , come 

: però lo fuppone la Serie cronologica de' 

- Cavalieri della Nunziata ( i ) ; efprejjione quefla 
meno efatta » ed egualmente erronea , come 

' fttellét di Grand* Ajo delli Duca Vittorio Ame- 
deo II » e Vittorio Amedeo III , fecondo che 
fi avverte nel tomo terzo , Appendice , parte 
terza 9 pag. jo» e 48. 

I Di qui fi' comprende quali foffiro i gradi mi- 
litari più cofpicui , che fi trovavano coperti 
in qiul tempo. 

) Vedi la pag. no , e a ai del tomo ter^c^ 

) Pag. 105. 



5oS 
176% CACHERANO Ofaico Ottsvio Già- 

feccemh» di Lamio- ,, 11 genio (logolare , e la 

gf diipofizioni , cho fi ^nu Ottm^ié 
,, Guififf€ Cmtkertam ddU R&tcMp 
„ Cavaliere dd SopfciBO Orcfioe delb 
f, SS. Nuosiaia , GtmtrmU £ Infamu- 
99 Ha fulU nofité Armate » I^ettgf 
99 Geoerale della Bedcfima » e Co- 
99 lomuUo del Rdggimente moftro delU 
99 GmardUj fece apparire per il me- 
9, ftiere dell'anni fin dai primi aaoj 
9, dell' intrapreia cacrieia » ookrftto 
9, da Itti in ogni tempo con (bmmo 
,9 ftudio» ed appUcaxione nell'avergli 
99 aperta la ftrada a paifi luminofi 
9, corrìfpoodenti alla fua nafdta , re- 
99 fero fempre più chiaro il zelo , ed 
,9 il valore , onde ha poi iàputo fe« 
9, goahrii nelle occafinoi delle bat- 
43 taglio , in cui trovoffi 9 autenticato 
99 eziandio dalle ferite ricevutene 9 
9, come in tutte le rilevanti incum» 
99 benze appoggiategli per il Reale 
99 noftro fervizio nelle più difficili 
99 circoftanze. Serbiamo tuttora in 
99 grata rimembranza quelle 9 che ha 
99 (oftenute nel corfo iclU ime paffmte 
99 guerre^ e fpecialmence delT mltimia, 
99 pendente la quale 9 fìa ne' generali 
99 comandi , di cui veone incaricato, 
,9 come nelle particolari ffedi^ioni ^ 
9, e fegnatamente nell' efpu^nazione 
«I del Camello di Savona 9 gloriofa« 

M% mente 



5^f . 
mìt conpita ad onta de' più vivi oftacoli, 

in faccia eziandio a validi foccorlt » che 
vano pef apportarvifi ; trovoffi in congiun- 
te a oimofbare in fé riunite quelle doti, 
e diffingttono un Generale d' Armata j onde 
Liftnco U fvo nome , s' è giuftamente condu- 
ca la pubblica eftimazione » e la noftra fin- 
Jare confidenza* Succeduta la pace» ed ani* 
no Ojgli fempre dal proprio telo » non cefsÀ 

daia le più gradite riprove di vero arac* 
meato « e di maturità di configlio » non meno 
la di vigilanza 9 ed attività ne'primarìì podi 
sUa milizia» che ba continuato a r'empiie 
tt fucceflò di lode 9 e nofira foddisfazione » 
aell'afliinto d' introduire » e ftabilire nelle 
iftre '^ruppe i nuovi metodi d'evoluzioni mi* 
ari, n nel mantenervi la piùefiitta dìfciplina, 
I il piede migliore per l'accerto del noftro 
nnzio. Carico ora di benemerenze , alle quali 
^giungono fregio le efimie virtù » che loren* 
>no per ogni modo riguardevole » e d»poun 

lungo corfo d' attivi » ed importanti fervizj» 

rdo uno fiato onorevole di oiaggicre ri* 
, abbiamo ben voluto accordarglielo^ ac* 
>mpagnat# da giufta mercede ^ e dalla più 
^dida teftimonianza del noftro gradimento » 

piopenfione > col grado fupremo delU' Ordine 
alitare! cui ci fiamo determinati d' innalzarlo» 
Mndolo Martfciallo nelle noftre Armate. Quindi 

eie , per le prefcDti » di noflra certa fcUnia^ 
itng poffàn^a > Regia autcritù » e col parere del 
^^ro Conpglio t abbiamo creato, eletto, coftì- 
QÌto^ deputato, creamo, eleggiamo , coftituia* 
20 , e deputiamo il predetta Conte Ottavio 



91 Giufeppt 



r 



f, Doftrc A.rmaie, «m unti gtt «Mri, 

„ pretogarìve, pfivilcsi , pre«a)iacnze . 
t, ohi, efcasioai-, uiiu , dittti , regala , cdofl 
„ alua colà al detto anco rpetuoic, ed iffK 
„ tcaestc, e»n ctò, tkt preftì il dovma un 
„ m«Dto. MuidiatDO ... di rìcODofccilo . . , 
M Torino li aj Tettembre 17J1. C. Emtoké, 

y, Zop^L 

y. Palma. 

y. it S. Laurtni, 

TjkgVaaù («j. 

Genenli di C*vaU4ria , e Dragoni. 

\ t7t» PiOSASCO di None Contt Gio. Jfr. 
x$ (hiU. ,y NoB ineao daUo (jilcaiìai 

feuemb. „ della nobd-ì ... del Coote GiOi 
,. Micheie PìoùCco di None, cU^ 
„ drfUd difiiate piove di valois, 4 
„ zelo, e di fbde , che ha fatte fpiC' 
t, cuó nelle occoreoze del acitt 
„ fcivtzio , iiamo Haii iovitacìdicot- 
„ ferirgli il carico di Capiiaso éék 
„ feconda Compaguia delie ooN 
„ Guarditi del Corpo . e iodi ^ucBl 
j, di Luo^ovntrtu di MartJcUlU «A 
lU'ri „ nofirt Armat€ , e crefcesdo feaHM 

^n . „ più io noi il deiìdeiio tì\Ì3i^\ìÌ'. 

M (èotut 

(ft) Quffli tra fatù iefutato Primo Ufficiale deUi 
Scgteietia di Guelfa con Rtgte Pattini ifii 
etto gtrmdjo di qutUo fit£a anno J7{1< 



» 




(b) RJfciM0 a G<BC4a!i é' JHt(ì^¥4 li )^^U^*IH^ 
vedere ilRegii^ i'tftu99t é<tù ì \ f^^^ * ? « ^ » 
di cui tulU Prsiì€^ Uf^if » fu; it ài hm\ \ ^% 




mt^ 



a, noftw àsm»» «IM ttidM 

«» «tài crftuhrt» «III » éàiàm w^gé^L, o&ffii 

99 tMMMji Miì#«è» «fefafti H dpir«a 

•• BÉtllltKK ÌfiMÌiaiB^« •!« ili ifcflDWlfiaBlte 
K'.£«lfaM«. ... 



• • • 



• • 



'i5 



.r-" 



€iiMn& iii ^mmAui 



•4I 



.17' I 
ftttcmb* 



OSASCO di Noae Qm^ Giù. Mi^ 
cUt* >> NoB tnoKi daiio fpleiidoro 
M della nobiltà . é . dtl. Conte Gio, 
^ Michele . Pioitfeo di None » che 
^ dalle di/tinte ^rove di calore, di 
^ zelo, e di fbdb» che Jba Citte (pie- 
^, care nelle occorense del noftro 
^^ fervìzio» Hamo ftaci invitati di con* 
^ ferirgli il carico di Capitano della 
j, feconda Compagnia delle noftre 
^ Guardie del Corpo t e indi quello 
j, di Luo^oi^nenu di MéwgJciatU nMé 
»j nofirt Armati , e creicendò (éM/pn 
,, più Ì9 noi il defiderto di&cglirif- 

M iimtìce 



(a) Quffli era fato deputato Primo Ufficiale della 
6egreceria di Guerra con Regii Psionti digti 
otto gimiajo di quiUo fieffa anno «171 1. 




91 



9> ibndre con eiFetti di particolar diftiozione li- 
(tima I che abbiamo concepita della di lui per- 
fona » ci fiaiso difpofti di dargliene un pofitìvq 
contnflegno» col promoverlo a quello di Geru^ 
,^ rdlc della nofira Cavalieria^ t Drmfoni ndUno^ 
,, fin Armate » che peiò pei le prefenri • • • • 
^y deputia jio il pridtuo Conte Gio- Michela fio* 
>> fafio di None ,a) GeneraU detta CavalUria {t) ^ o 
^ Dragoni nclU nofirt Armate » con tutti gli onon » 
^, autorità » prèrogati?e > preeminente » privilegi » 
efenzioni» utili ^ dhtti^ ed altre cofe al detto 
carico fpettaoti » ed appartenenti » con che pretti 
il dovuto giuramento. Mandiamo pertanto, e 
comandiamo a tutti li noftrì Magiftrati , Mini- 
Ari 9 ed Ufficiali , »t dìgiuftizìa'^ chediGuerra^ 
j» e ad ogni altro ^ che fia fpediente di ticonofcerlo » 
ftimarlo ^ e riputarlo p0r Generale di Cavalle* 
ria s e Dragóni, come fovra da noi coftituito » 
ed air Ufficio Generale del Soldo d'affcntarlo in 
tal qualità • • • • Torino li 25 fettembe ijti» 
jj K Amedeo» 

Lanfraruhi (e). 



(a) Fu Grande Scudiere jT» dal 1711 » e fu pò* 

fcia comprefo tra i Cavalieri della Nunziata 
nella cred{ione 66^fattafi'li 15 agofio 1719. 
Serie cronologica &c., pag. 21) , e iii. 

(b) Rifpetto a Generali di Cavalleria (i può anche 

vedere il Regio Vigletto delli 1$ giugno 
17 j i 3 di cui nella Pratica legale > parte i » 
tomo decimo, pag. lij» e i>6. 

(c) ytdi il tomo ni ^ tit. Ili 9 pag. 6y. 

Tom. lì. K k 



»9 
9» 
34 



93 

91 
99 




Stt 

„ jtrmmUt. e ConianMBWuicUa Git* 
. n\\it>r 1^ tà di TófììK> dati in ogoi rìlcoa- 

«» ffr^P^"^!^^ ^ noftn in- 

i;» nin tbdfliV&xionè t col pfomover lo 

i ^:'.c:^uV^^'•Jb^i^!^ aine-(Amo Amiate noftfe \ 

1:9 er^s9;7(;:ì^'I^MAiÌ4t'^dsc • «^ ..deputiamo il 

ib . .\3'\ik& li f^ìprcdilttOf Mw€h^4 F4t/chi€ri Luo- 

*&0 -r ':v ' :^^ 'goteÉìetttev l'étiMatcfciaho jui/r no- 

'^.Vi^/n^c)" .^^.0r4 JtniUm^ 'tìweutti gli onori « 

'if f aiicu '^fmttorìO, , '^tegative » privilegi ^ 

'•*>- d e ^, pietmiocnze t imiimnìrà, efcnzio- 

.c:; ;i r« ^'ni^ àtiK ^idiitti e regalie , ed ogni 

^ 4.i.i:.a ^iakra a^^B tal carico fpettante^ 

Ili; 1003 l^ed jppsteneDte» ccn ciò ^ clupte* 

\'^ 'jjoi^sAi i^ folito giurameota • • • Rivoli li 5 

ie.^m^^nofeinbre 1720. K Jlmeico. 
y. Di coretto d' ordim di 5. M. 
1*' -" K: Balma. 

• !.. K« Z)^ «f. Laurent f ci Ged. M finanze. 

&. - •' , » Provana. 

fa) Psfmi^ eh' et foffe ModanàAt'€ìX fnm<tPéggià 

f « di Vittorio Amedeo 11 ^indi'tao Gentiluomo di 

Bocca s efuo fecoado Scudiere > come rifulta 

dalle Pareoti delli 14 dicenibra.i68j : atch9 

tdnijcanji' le altre Patenti delii i gennaio i ^94 

iti : ,, deputiamo l' ifteflb Conte Carlo Fo* 

%9 fchieri Gentiluomo ilella roflra Camera^ 

ij per dover d'oi in poi fervire in tal qua- 

• I» lità col quartiere^ e con tutti gli onori ^ • • 



^ 



S^7 
mto di MéréffiiéUlo nelle Regie Armate^ 

PICCONE della Pero(a Conu Lodo?i« 
co (a;. M Li luoghi iervig), che il 
• 99 Conu Lodovico Piccone della P§^ 
j> r^ya, prelentemente Colonnello Ìél 
9% Keggiisento de^noftn Dragcmij € 
j« GindraU di B0iiaglia nelU nofirt 
j^ Armau ha refi nel cOrfo itlU due 
9, pafat€ Guerrg • • #^ • e' invitano a 
99 promovedo al carico di TenenttM 
,, MmrtfciaUo nclU detu noftrt Armate 
«» • • ^ Quindi è , che . • • deputiamo 
s» P^t Tenente di Marefiiallo mlle no* 
9, fire Armau il predetto Conte Ijò» 
j9 dovico Piccone della Pero/a 9 con 
M.iutti gli oncMTi autorità 9 prero^a- 
n ti ve » privilegi » j>reeaiinenx6 , utili ^ 
9t dritu» ed ogni altra coia» a tal 
M carica (pettante ^ ed appanenente, 
99 con éih9 che frefti il diviuo gittra^ 
«9 memo. Mandiamo . . . JU ricono* 
99 feerie. • • • Torino li 19 giugn» 
«» I7j^* C* Emanuele. 

fT. ZofpL 

y. De S. LaurenU 

Vm Ptuttu 

tonuna^ 



efo Conte Piccone fu t ultima Tenente di 
laxefciallo 9 dopo il ideale muti altro fi rtda 
k nominato^ 



é 



jl» 



nbnijoi 



MaidHiUo di Cat/i^o dì Fiaterìj 
rulU Regie Armate. 

BUFFONE Cmm^enàetore FraDcefco Ad- 
tDoio. „ Le prove ben diftiote, che 
M il Comtistndascrc Franttfto Antonio 
ti Buffoni Geceiale (Jì Butaglìa delU 
„ neprt Armate , t Comaodante 
„ della Città , e PronncU di ytrcdU, 
,t ba date di un rperìmcatato valore 
M Delle pafface guerre . . . et porgono 
a> giufia motivo di pilelkrgli con duovì 
„ contraffegoi tji ttima il fingolar gr>- 
}, dimeoto, che De rìcaviamo colpro- 
„ mffy*Tlo al carico di Martfctallo di 
„ om^iàfuittmndUmeprtArmdtu 
t, QumcU è, dke .... eofiiaiiMno 
„ il Biedeno -CoanDeadatore Frsn- 
i, cefco Aanmie Bnffòae per Marf 
„fiUIb di etmfo di FaDterìa tuiU 
tf yaftro Jhm^tt , con tuta gU ooorii 
(, alRondi , pnR^pnre , pteemÌDeD- 
tt te , immimitì , pmiteg) , ed alne 
M Ccfe 1 jAie ne dipendono , con ciò, 
t, eht ^rtfii il fohto ^iur*mtmù . , . 
,1 Tonoo li IX fvbnjo i734< 




ft9 

Marci^allo Ji Campo di CaTalleria 
mlU Regie Armate. 

SALUZZO Benedetto Conu della M^taé 
»» Dalla confid€ni0, che abbii^p.^f^ 

» f> CQpofciuco vagire % ed ffperienxii 
^, milititir^ del Conte BtruiettoSédui^o 
»» 4&//a Manta i Brigadiere i/ì Cavai* 
^ Uria nelle noftre Armate ^ r Co/dh* 
,, n$llo d^'Rfifjgjimùnto de* nofiri 0ra-^ 
j» |rP/M • • * » traendone noi un giù* 
^, fto aróyo d' avvan^arlo a maggior 
f3 curico # • « 1 ci damo coti altret- 
^p taiito pi|icei^e difpofti dipromoverlò 
„ Sf, 9u4jo éU Marifci^Uo di Campo di 
^ Cay diaria im ^ ^tu nofire Armau 
jif # • ^ } epper^ « «. é • 9 diputiamo 
^ per Martjcidih di Cdmpo di Ca^ 
4j tallwìa n$^ nofiri Armate il pre*- 
jj 4WQ Conce Benedetto Saluzzo delb 
1^ Maiua (a) » ciMx iKm g£ ofio^i , auto* 
^ ^'^•^ pi^oro^tiye j preeminenze ^ 
^9 pii^egl » utili p dritti ^ ed ^ ogni al« 
^ tra ,Q0^ a Jal jparico fpettante i ed 
>» aiyp^menwte ^ ^eoji ciò , che prefli 
fp if 4^yMU> gi^ram^mpé Mandiamo 
^ tarino li 8 gWlMIIo I74** 

fonianOé 



fio Conte della Manta» /ir t ultimò Mare*'. 
Jlo di Campp» ic^ §i §imkjmi^^ 
né ridi fii mminé^tù0 



• • é 






Generali di BdUégtU nelk JUgU TtMfft. 

1733 TIGRINI Antonio C^^m Gerofoli* 
.5 nuuno. », Gi'mterefii del C^Mliat 

fatMBibm\ u Girofolimiutto jinmmio Ttgrimi Lu- 

i, cbefe, fili Colonnello Capo Squadii 
j, ir//<r ncprt gMUrg, non pefmetten- 
^^ dogli dì poterci continiiare la fui 
9, fenrità per la premora, che ha di 
», ritìratfi a fua ca(a , non aUnaoio 
j, voluto kfdado partire, feua prima 
„ dargli un nuovo contraflegno della 
j, piena foddia&zione i che ci rifiilta 
sj da' luoghi fervigi j di' e^ ci ha 
j, refi, in nella qnalitàr ptedetu , che 
„ negl' altri fnoi precedenti impieghi 
M i{ Capitano i prima tu* Reggiménti 
jj ^Z^ Crorr iiama, e di Piemonte, 
tj indi di una iì ir//^ ^^tUrt , ne' 
„ quali ha fempre fatto fpiccare,non 
' ,^ meno il fuo panicohrrzelo pel no- 
jj ftro fervizio, che il di lui di^to 
j, valore, e la fagda fua condotta 
/ ^ ^ tj^Ue occorrenze delle pallate guer* 
' », re , tanto in Piemonu^ che in Sicilia, 
epperciò avendo deftìnato di pro- 
_ moverlo al grado di Generate di 
„ Battaglia ndte noftre Truppe ; 
„ quindi i . . . deputiamo il predetto 
», Cavaliere GerofoUmitano Antonio Ti* 
», grini Generale di Battaglia (n) nelle 

„ noftre 
^^ JDopo r^^ Cavaliere Tigiini niun altro pia fa 
riOt^inato Generale di Battagha* 



.ti 



5»< 

M aoftre Troppe t ^on tutti gli onori, aucofità« 

9j prerogative 5 e preeroinenxe a tal grado fyeir 
,, tanti » ed appartenenti , con ciò » che frcfii il 
,j dovuto giuramento, e che refti rìfervata l'an* 
»» ziaoitì a' Colonnelli di lui più anziani , m cafo 
,^ di promozione a fimil carico. Mandiamo • • •» 
,, ed all' Uffizio Generale del Soldo » d' affentarlo 
5, in tal qualità , che tal' è noftra mente* Torino 
^j li 5 fertembre lyj}* C. Emanuele 

y. Zoppi. 

y. De S. Laurent. 
V. Petitti» 

Fontaiuu 

Luogotenenti Generali nelle Keffo Armate* 

1 7 j 4 RO VERO di Crevacuor e {a) Commendatore 

Il Maflimiliano. m' Tuttoché dalla deftl- 

febbrajo* ^s nazione , che Teniamo di fare del 

,, Commendatore Maffimìliano Ro- 
9, vero {t) di Crevacuore j Tenente di 
,, Marefciallo nelle no/Ire Armau al 
^ Governo della Città ^ e Provincia 
^ del Mondovl, pofla egli baftante« 
,9 mente comprendere quale » e quan- 
ta fia la (lima , chjt facciamo della 
fua perfona^ puro non ceflando in noi 
il defiderio di maggiormente com* 
»j provargliela • • • • , ci fiamo con 
,y piacere difpofii a pron^verio alca-^ 
^ rico di Luogotenente Generale isWZr 
f> predette noflre Armate. Quindi è^ 

(a) Crevacuore nella provincia d'Atti (i;» col ti* 

tolo Signorile. 

(b) Dei Rotari d* jijll fi parla nella Cor. R , par. t » 
pag. .86 , 91 » 108 , € dei Rotali fi fa per ctnnpJ»* 
fiori di Blafoncria , pag. 6o. 

(1) Injinua^ione di CoJtigUole» 



11 



^ che per le |Mrefeatì « • » » abbÌMOO eletto^ 4 « 
t» U predetto Commendatore Maffimiliaao Roveto 
M di Crevtcuoce (4) per Luogoutunu GifursU ntWo 
9f Aoftre Anwte» con umi gli wori^ mtofiù, 
n» pretogauve » preemioeitfe » utili » diritti » ed 
,, altre cofe acalcarkx)i^etKaoti,edApp«rteiieQti, 
^ otfi ^i^ » cA« fr$fii il dovutù gìifréBumo. Tonno 
«1 li |i febbujo 4734* C* KmanmU. 

Fontana. 

Capitani Generali htlU lUgie Armate. 

1774 BENEDETTO Maria Maurìxib (^). Fm- 

1$ t, ykmfo i^oi a promovere » e a rendere 

agoflo* |y vieppiù utile il nupvo adottato fide- 

jy ma di una più ferma, ed uniforme di' 
^, fciplina nelle noftre Truppe» e di 
^ una ordinazione più agevole, ed 
^^ atta alle militari evoluzioni « miUa 
9, crediamo eiTcre più vale vede a^ 
j, quefto da noi bramato effetto » che 
^, Y efempio de' Reali Principi: in 
j» tali cirpoftanze rawifiamo con pie- 
,j na noftra foddisfazione nel Duca 
j» di ChiabUft Benedetto Maria Mau* 
^ riiio mio amattjljimo Fratello , tutte 
»j le migliori doti , che defiderar pof*- 
,, iiamo a foUievo noftro nelle im- 
,» portanti prefenti cure^ ed a com« 

», pimento 

^a) Vedi la nota « , di cu! nefla recedente pag. 511. 

Ritengafi j cke vi ha un èlitre òrevacuorc » e «vf/If 

nella provincia 9 e iiotefi di VecoeUi ^ e nel Prin» 

eipato di Mafferano. 

(b) In oggi Marche/e d'Ivrea in rigore di Regie 

Patenti delii 1^ gitano 17^* 



^ 




39 

99 

99 
99 

»9 
Ji9 
19 
19 



" ^« 

li 

npuu 
del 

Gonenlew deOt «oiie 

fteflo tmpo Cif» ifvB R^g gm c M O 
3 e Cifwiilli piQpMiafìo 



CipìOLt 



Qa ReggiaieMo di Dcagc» , tmm^^ tCmltrm 
de'qvdi oofpi porteria ì/^ a^mc Qundì èj 
cte per k pfefesti • • • 9 d^fmmmm il Duca 
di OnaUeie B ene detto Mwia Miviimio « mio 
tmttiftiiio Ffitdlo per CkftiMo GMcNrft tteUa 
softie tnoste» Cjf# d'«i RegpaieBM di Fm- 
terìa ftianien» e CohnntUo fr^fmUTm d*im 
Reggimento di Dragoni id di lui nom$^ eoa 
tutti gli onori ^ autorità » prerogative » preemi* 
nenze^ privilegi» utili» dritti» ed ogni altra 
<oÙl a tafi cariciie fpettante » ed appartenente » 
# coir annua paga » alloggiamento » ed utenlili 
allignati a Capi de' Reggimenti di fanteria na- 
zionale Jt ordinania » e colle piazze di fiino ^ 




„ e Hdda (peman a* ColosoeUi propnctaq de' 
M Jt-e^.oiaiti di CiTtllerìa , e Dtiguci, il uutt 
M > i-sois dtUo PmbtluKtato it«(uo de' 17 del 
M conei.ie mclèr ' ttif tAue sUa paga> e ns- 
*• "SSÌ nrpettivuneate , fìi di caoipagna io tem- 
M pò di gueiTs , che d' irpezrooe io tempo dì pace, 
M nella qiuli à ii Ctffit«n« Gtiw»^ a Iccoodt 
„ «netto dei difpoUu dallo ft.-Qb llab>liaieoco , 
„ tea eie , €h€ preftì il dovoio gturaiaebio, 

„ Ma/sdiamo pcrUDfo , e comaodiaiDO 

M di iicooofceiio , e fallo iicODofccte> ftiiDare,t 
M lipuuie p«i Ctfiiano Gtatrah oUle DOllreAr> 
„ mate , CofO d' uo Keg^ifDeoto di fanteria ftia- 
tf Birra , e CoicnntUo pioprìetarÌD J" un Reg^ 
„ mento Dragooi , ambi dtl Ji Uù nomt , da Doi 
„ Ctime {opta coftiluito» ti aW l/^io GtatrdU 
,, dtl SoUo di aflieotatla oclle d.tie qualità, e di 
„ tàdo godere dell' aosua paga > e vantaggj fod- 
I t, detti oel modoj e ne' tempi piefcrìttì dalmea- 
a, tonw ftat^mento j iocomtnciaado» «joaMoaDa 
M pig* * ed altre cofe adègnateali « comq C<i^, 
». < CffJ^fliwtt? pr<^etatk) fiidaiettp» dal nomo 
,. del fuo affetto , e cootiauuilo ìb awentfs , l 
„ quanteti matunti > tipartitamente^ Jmrtnu* ti 
M nefiro ittuwUeito , -cbe tal' è ooftn nMOts. 
M Dat. MlCsfisU» SUonesUvi U aSagofto 1774. 



aùBTinoa. 



9» 



1774 DI CARIGNANO Prbuifi Imigi (i^Hu 

^ >f fiagoltf oompiicenza » cbis già prò- 

agoAiK t» v^ U R^> nùo Sianole» e Padre 

^ dì glciffioia oitmoria» vedendo il 

Cugina, € £iQ dimoftrtfo tccmio 

di lui nelle ounpegne dell* ultima 

», guéui in&tìcabilè «pplicanioM » 

1, ido , e ttlòro fiipeoofo id ogul 

. )^ cimento 9 moffe il fuò R^àle animo . t 

•^9 fecondare in lui r innaUi:egeneio£| 

M propenfione per la nùlitare caftitia; 

il ' t^ c^l^ appoggiatigli carichi , ed ai co- 

■ ^ e ,, mandi di Truppe ftatigU affiati^ 

.ì; * ' ; . ,^3 coirifpoie >con una si lo^o^e coì^« 

^ 9» dotta 9 palefando fra gì* altri fuca 

9» presti nn' accorta pioniezxd a pi- 

jj.gliace nelle difficili occotren«e i 

j, più òppoc^iMii paniti» ed una (àg- 

. j, già piuden^tj e fermcssa nel trarli 

^, a compin^eoto con i fuoi avan/a- 

• ^>. mentì ciibU' Armata fino a quello 

9» di GtJUfAlf M Fantiria , cui fucce* 

^ . • .»• dette cin appieffo la delHnaziooe 

,» fattane di Gran Balivo, Pari, € 

. ■•.,, Governatore dil Ducato nofiro £ 

■ , .»> Aolia. Da tali prove dell'animo 

' »i fuo grande » e dello fperimentato 

,> fao intendimento» noumeno, che 

,» dai vincoli di (angue, che a Noi 

io vnifcoDO , accteicendofi nel Reale 

animo noftro i motivi » per avere 

,s nella fua perfona una fpeici^e con» 

fidenza j abbiamo perciò ffiunat o di 

(a) Di Sayoja. 



9» 
99 




M mente ,'£ 
M'olii guena 
» .di di paci 
«)i.iBento de 

Óeaenìi £ f^gftrU 

Sì puniti 

ftt noi piìa 
fu ftiibiilito 
d^ì 11 geo 

„ fiutai 

„ lira, fu . d' 

I^ *> f»l^ fupf 

^ ,. tulio oeiìe 
•> della, Boftì 

w quefto il ^ 

' ^>-ddt quale 

M diticompei 



S19 
lAfiememeiite il merito d! que' Ufficiali , che 

ftanno' fervendo con fingolarità di ulo ndU 
circo flange di guirrM » d' onde ^li alrri , che ri^-^ 
trovanfi affetti a minori^ impieghi , potranno 
prender motivo d'un ben lodevole impegno, 
a procurarfi non ' menp fcorta di lumi « ad 
ifperienza» che a dar prove di fermezza, di 
valore, e di una faggia antìvedenza; qualità 
tntte, che fi richieggono per meritarfi in pio- 
porzione delle medeltme»! maggiori a vanzamentu* 
,, Dichiariamo pertanto » die U Cariche » a 
Gradi, i quali verranno da Noi in aweoiro 
accordati fuperiormente t quello di ColofuuUo 
,» nelle noftre Truppe , tanto di Fanteria , che' ài 
Cavalleria » faranno gì' infrafcritti » ciak di 

Brigadiere , 

Maggiore Generale » 

Luogotenente Generale, 

Generale di CavalUria, o di Fanteria. 

Marefciallo nelle Armate^ 
,9 AUordiè faranno da Noi deftinati perfer^* 
vire in Campagna , goderanno delle rifpettive 
paghe, e piazze a ciafcheduno qui fottonotate. 






9» 



J> 



M 



» 
9> 



» 



>» 



9» 



>» 



Quelita 



Brigadiere II. 
Maggiore Gene* 

ralc • » 
Luogotenente 

Generale «» 
Generale di Cm" 

valUrim > o 

FanterÌM 
Mitcfciallo 



P«g« 

U eadun 

mele di 

CampMgtui 



*9 



400 

700 

1000 



l2oe 
l6o# 



Piazze 4i fieno in 
CémpMjna per le be- 
ftie esettiTe> e pen- 
dente il Qotriiete 
d* inverno 9 come 
Tetto in cad. giorno 



Nam. IO 
19 IO 



Piazze 
III contanti^ 
al giorno , 

durante 
il Qnartier 
i' inverno. 



11. 5 
9» t 

91 IX 



»9 
99 



15 



Tom. II. 



LI 



v^ 




Ì3« , .1 

„ No'tneft di Campagna pMtlBM iH»j 
^ fciaJlU «vere pteflo di loro dot Aihod ( 
M campo» caduDo («) . i Centrali di CavsiUm, tli 
„ Fanuria , i LuogoteDccti GenenlJ , tàìVtfi 
^ siofi GcneiaU uoo per ciarcbcduoo> e tf4 
^ Jaià ad ogni AjuisBie U paga di lite e» 
,t ciaijuaDta i/ in</^ , durame la Campa^ 

y. A) Maiefcialli fi cootiaucià ■ daitBli 
M tolo d'£c£tU*aia, come già è ftt)nltto,(Ì, 
M medetìmo A duà pure dalla Scgrenni I 
*, Guerra, e dal Miiitafo alli Geo«uli di. UH, 
»t Uria , t Famseria , come s' è sirre «ollt Mi 
H caro a riguardo de' Gcoecati di CmaAMi 
h* d" jirtigluria, i 

u O^oi volta, cbe occorrere a <ìptii,f 
„ mocivo dì qualche cooitoelIioDe per il s^t 
„ fervizio , od altra iocumbcoza auìncaie il 
,1 lirpettive cariche loco, dì psfiàie deatnii 
„ in viciiializt delle Piiizze forti de'noftiiSa 
„ dovranno tffere fjlutati, eioì i Marcfeìalli < 
„ dodici tiri di cannoni e li Geoetalì <ii 0' 
M leria , o Fcnluria con fai tiri. 

,, Non {ul. mente i Marefcialli , ed Ì^ 
„ rali di Ca^/alltnat o Fantina, maancbs'^ 
„ gotentmi Gtntrali avraano C ingrt^o it^ 
M nella A' (ira Camtre. 

„ Si renderanno inoltre a' medefimi, é 
,» Maggiori Gtneralì , t Brigaduri gli alni 
„ rij e l'aiuti w ìli tari , tanto nelle guanuipo 
„ che in Caoipagoa , ì quali faranno dt Nd 
„ parte rifpertivamente fìabJlitì. 

„ Dovrete voi intanto rcgiftrare il pKl* 
t, e dare pofcìa a fuo tempo efecuzione 9gl' 
M dini in eflb contenuti, i qtiali vi tifgtiuJ^' 
M pfuchc tale è ti noAto volere. £ liensapió' 
(a; Vidi la nota a > fag. j i a , e la nou h,fii-^ 

del tome primo ^ ut. IV dt ManfcitUi- 



9, Curio EméuuuU. Dopo che nel Regoh- 
mento da- No* pre(critu> li jo gtonijo 174JL 
»» per il cerimoniale della Gran Cancettaria > di^ 
9j chiarammo al $• 1 o le perfone > alle ouali eia 
M dovuto il tiiolo ^ EccdUm^n (41) » da darfi loro 
^9 negli atd privati ^ e pubblici « eziandio proce- 
di denti da'Magìftrati Supremi» avendo Noi con 
^ yiglUtio de* 12 gennaio 1744 (léiiUiio i gracti 
5» ie^ Gimeràliti nelle noftre Truppe (^) » ii^« 
^» ^iéiivie ieurmùHéito » che dalla Segretaria noftsa 
^ di Guerra, e dal Militare dovete anche darfi 
93 il fnddetto titolo éiUi Gcntrab di CavaUgria , 4 
,f Fanteria (e) » come fi era altre volte praticato 
,» a liguardo dt* Generali di Cavallerìa » e diAr- 
»j tìglieria» e volendo Noi^ che lo AeAo fi of-" 
^» fervi pure da ogni altro ^ fer il frefeau di 
;» noftra mano fornaio, dichiaiiamo» che dovrà 
j» darfi alli Generali di Cavalleria » e di Fanteria 
,» U titolo éF EecellePiia in rutti gU atti» si pri- 
»i vati » che pubblici » eziandio de' Magiftrati » a 
»» ri ferva delle inveftiture • che fi fpedifcono dalla 
9» Camera de* Conti a nome noftro in conformità 
M del difpofto dal Regolamento fovrariferìto. Aftfii* 
.»» Jliini» a chiunque fia fpediente di cosi ofTer' 
», vare» e far offecvare» ed alli noftri Senati, e 

», Camera 

(a) ì^edi la parte feconda , to^o deciox) della Pra- 

tica legale , pag. 1 5 j , e i )4. 

(b) Fedi la part. 2» io;fi. 10, pag. t$6, notah, 

infieme alle pag. 518 ad jjo. 
(e) // priisFio , cui fiafi conferito il grado di Gen^ 
rale di Fanteria fu il MarchefeS^Jfel £ Aix, 
t ciò li Z3 gennaio 1744: v^di qui infra la 



i 



9, C^mttm i/Ccmd dì legiftnm il pfeteftt, die 
^ til' è ooAiD ndcic Jerimli it nano 1771 («)• 

V. CmidùitL 

y. Meiiam fd CamreOm Gem. 

Vm Térnglio fd Gaurmli di Fuu 

Moraxzo. 

^ Vi fono mlcmù impUghi, chg rtflru^ono k 
^ fr€r^gmu!¥$ si peiiboale fi^l/^ camMniearte , né 
^ i mmiii slk ''fogli 9 ttè qm/fie ài loro wisritii 
j, tosi jono le Euxlleoze iti GtmeraU di Fante" 
^ ria, € CmyélUrim^ Dsim di onore, t frim 
^ PréfidéBiL 

9» Sono iréutmo col titolo di Eccellenza U 
tf figuenti Dame. 

9, La moglie del Gran Cancelliere. 

j^ La prima Dama Sonore. 

», La Governanu della Famiglia Reale. 

^ Le Mogli de* Cavalieri delT Ordine Supr^no* 
^j Lo Mogli dei Grandi della Corona. 
s» Le Mogli dei Mimfiri di Siato (à). 

(a) Che per comodo di ehi l^€ aHiamo filmato 

ài qui portare anche zdexmùxm t tuttoché gii 
fifoffe mf-rito nella Pratica legale , parte teria 9 
Appendice pag. S4, e 85* 

(b) Cosi i fleto detcrminato da Sua Maefid li jo 

maggio 17791 e tale determimLiione {i) fi trova 
rcgifirata me* regi /Ir i del Gran Majlro di Ce* 
remonie [otto la data del prtmo giugno di detto 

anno I779* 
(1) Cht fibkem già inferite DcIIa Pratico Ugole , par. 4» 
tom. IO , pag. 124 , e 125 , ahhiemo pennato di qià 
ripetere a maggior comoditi di ehi Ugge , avendo al* 
tfesi credute più cenvenunte di portarla per intiero » 
ancorché vi fi comprendano alcuni qualità 4i ptrfioe 
^firanee alla predente ifpe^iem* 



' Sii 

^ SEYSSEL d' Alt » Marchcfit Vittorio 

Amedeo. », Li rilevanti fervig) « cho 
jo«. >j ci ha ancora ultimamente refi ruUé 
«t campagna di Cafteldelfino i7 il/or- 
9^ c&r/^ Vittorio Amedeo ^#x^/ d' Aix 
^, mio Cugino , Cavaliere del noftro 
99 Supremo Ordine dilla SS. Nun* 
t» liata. Luogotenente Generale lui/r 
j» nofinArmau , e Gran Maftro i«/^ 
M no/fra ArtigUtrìa « • • > eccitando 
j> neil' animo noftro • • • » iepuUàmo 
59 il prefato Marcbefe tintorio Ame^ 
dio SeyiTel d^ Aix per GcmraU di 
Fornirla (a) nelle noftre Armate » 
.59 con tutti gli onori y autorità, prero- 
59 gative 9 preeminenj^e 9 privileg) j 
59 utili 9 dritti 9 ed ogni altra co(a a 
99 tal carico fpettaote , ed apparte- 
99 nente » con ciò 9 chi pnfii il dovuto 
j9 giuraminto. Mandiamo • • . Torino 
99 U A3 gexmajo 1744* C. EmanucU. 



$9 
9» 



EoptUK 



ìofto Mardiere SeyfleI àf Ait,,fu il primo, 
mi paf conftrito il grado di Genetale dì 
*antena 9 comi gii fi avverti qui ibpra, 
^. jji. 



.01 



514 
i78( SCXARO di MotettaatMA^ Aogib. 

15 99 ^ci riflnpMNau» dell' inpoftaott la* 

Mif^ M oiiaofii cnoi di ¥ioefe » floinr 

M LuojgocntfliSj Ct^tiBO Geno* 

j9 file dd Regfto di Sudegoa j cor- 

j, ri^NMide pÌMWiìoin il CtnEere 

y^ Gfloi Cioce D. Aigelo Solaio di 
j9 Moffetta 9 Lflorateneiitc Genenle 
j^ di Faniena Mito sonte A mute f 
st alkghdha^tettumey dbe ci|llO- 
^^ . M pofimo flel ddHittrio • • ; egli è 
j» Ola IwB pDopfio della Regia nonni 
n maéAcmxÈM, Y adegnace . alT accie- 
j> fciflietito de*fboi flierìti gli efiétd 
9» delle noftre gfazie con elevarlo » 
t» come fi^damo, alla carica di Gè- 
,> nerale di Fanteria nelle noftre Ar- 
jj mate. Quindi è, ^Arper lejprefenti 

j» deputiamo il pre/ato Cor 

i« vmIÌ€7k* Gréti Cro€€ D. Angilo Solére 
3, di M0rgtts per Generale di Fante- 
9> ria mlU noftre Arméii^ con tutd 
j> gli onori > autorità » prerogative ^ 
19 preeminenae » privilegi 9 utib, dritds 
'- 99 ed ogni altra cofa a ' tale carica 
9, fpettante , ed appartenente > con 
99 ciò, cAc prefti il dovuto giùramenta 
9j Mtfixi&'tfifio pertanto 9 e comandiamo 
,» a tutri • • • • » ed mlT Ufficio Gè» 
99 meréde del Soldo , di aflentatlo in 

' 99 detu quafiti» poichi tal' è noftia 
99'meoie. Jorim li a) febbrajo lyStf. 
i» K Amedeo^ * 

Coconitcv 




Nel tàlgpmf^io dèlia vita del Cónte Celare 
Iddo Benedetto Solari di Fìlianuova Solaro , 
MI eremita in Tofcana T anno 1770^ idi[iotu 
wvgomtc 1*77 f {a) 9 dofio efferfi accennato ^ 
in f I , die i Solari del Piemonu tiafleio la 
•a loro origine dalU Città d' Afii {b) , fi pafla 
ilt» Mf. IV9 eflere (iato di quefta Famiglia 
CmkUnfiù Vefcovo di Novara morto l'anno 
\^ Vodi però quanto già (i oflervava al coftui 
WbÉmo nel iomù primo delia prefcnte Opera 

■: Lnogotenenti Gatitrali di Fanuria {e) 
^ . neUe JUgié Armate» 

'^%f BERTONE di Sambuy Conu Carlo 
^ Emanuele. ,> • • • ^cr U preferiti • . • 

^nOk 9» deputiamo i7 prtfato Conte Carlo 
\ ji Emanuele Bertone di Sambuy per 

^y Luogotenente Generale di Fanttria 
) ^ nelle noftre Armate , con tutti gli 

„ onori • » • • Torino li 21 marzo 

jt X?^^* ^« Amedeo^ 

Di Cravanzana* 



- ^Ù r afterifbo ^ dieui mei tomo terzo i/i f «rjT 
^ Oferm^ Appendice paru 4, pj^. 94* 
Coruna A » /'iir. 1 , pag, 169. 
'^msmunque fia poffiduta quefla carica da pia 
perfine nello fitffo ttmpo , bafierà qlt oggetto 
detta preferite Opera il fai iafmrma mm- ^ 
. efemptom 



T' 



M ci vediamo 
M conolcere q 
M a'fiioi anv 
M cosi lodevol 
M freiniavtrio 
a> Maniere G 

^ àmx» noftra 
M pei le pteft 
)» il pfedetro • 
» dm De Ni< 
» netale di Fa 
-M {Mf* eoo 
M riti , precof 
n pnviìen, nr 
- fo ta cera a ti 
u appaneoento 

W ii dwuto fin 

M'iLgeoiMjo 



x SÌ7 

1 794 VIBO (m) di Frali CavalUn Filippo. ,, Per 

'5 >j ^ fr^mi '• • • • deputiamo ilfre* 

maggio» u f^^o Cavature Filippo yihò di Prm^ 

j» U per Maggióre GcmraU di fam^ 
5^ uria nelle noftxe Armate , con tmui 
^9 'gU onori • • • , e colla rifervn dU 
)9 ipiegare rafizianìtà, di cui dovrà 
99 godìere in concorfo de' firigadieii 
j9 d'Armata 9 da cui trovafi attual- 
„ mento preceduto» €on ciò, cho 
j, prefti il dovuto giuramento. Mao» 
,9 diamo pertanto 9 e comandiamo a 
91 tutti • • • . Torino li 13 maggio 
99 1794« K Amedeo. 

Di pravanxanai 

Brigadieri di Fanteria nelle i{#gir Armate. 

1733 BORIGLIONE d'Arpremont C<>o/< Carlo 

15 Luigi (A). nLaUmgaferviiù y che con 

ottobre. 99 tutu fedeltà 9 attenzione » e zelo 

91 ci ha finqui predata nelle Truppe 
99 il Conte Carlo Luigi Boriglione 
99 d* Afpremont Colonnello del Reggi- 
99 mento Provinciale di Nina avendo 

(a) yedi le pag. 4579 e 458 del tomo fecondo^ 

tit. XXL 

(b) Fra le principati Famiglie di Nizza il Chiejm 

nella Cor. JL 9 par. a 9 pag. 15 annovera ht 
Borigliona anticki/Jima Proven[ala > cA« ^ùi 
da ifo anni fono avea parte iixAntibo» Ca» 
nie 9 Lopetto » S. Lopetto • & in Caftelnuo- 
VO9 6 ora pojfede il Contado d'Afpramonte » 
che i dilli pia ricchi feudi del Contado, Cosi 
precifamentc in detta pag. i$. 




fc 



w iocofurato la noftta panicoUt (od£s^aMi . 
»> c'ÌDviu eoa piacele a d&rglieaeuapofm'iitt-! 
w iodato , cct prommwtrU al carico di hi^iàn 
M di Fanwia nello BoAfe Atmaie-, ifuiìiii i,ài 

u pct le pieleorì dt^uuàmo il pic^ g, 

M Conte <-arU> Luigi Boiigliooe d'ATprcmoD:!» 
te gédttrt dtUa nofira Fanitrta , con tutti ^l'oto- 
„ (ì . 8utorit3k , pieeiaiocnze , e pretogitivc iiA 
„ carico fpettaoti , ed appattcaenti , ton lii) , ài 

I» piclti il dovuto ghutncDto Torni 

» li jf ottobie i7$j. C. EmsoM^ 
^ FoDtui. 

I79j LUSERNA Reni £ Campigliom, M» 

1 1 <Af/( Eoiaoiwle Filiberto. „ 

Cebbxajo. it Per le prefenti deputijtitf 

n il prefaM Marcktft Sauiatdl f^ 
f, berta Luferna Rorà di CatitfiflÌ0t\ 
„ pei Brigaiitre di Faaurii 
„ noftre Armate » eoo tntti gb 

„ , con ài, ài 

M predi il dovuto gìuiameoio, e n'] 
M mar^a riJtrvaM fopra di lui l' U' < 
M ziBoità io favore dJe' CotoDoelli il- ' 
M lualmeaie fervieoti nelle Truppe, 
„ da cui tiovafi preceduto , pei |^ 
„ doroe anteriormente al mcieliaH), 
„ vsikìikIo avanzati ^la Cuddeiti a- 
„ rica di Brigadiere £ ArmetU. Mio- 

„ diamo pertanto (^ '^ 

„ Ufficio OtntrmU dd Soldo , di "^ 
M fiatarlo ìu efla qiiili{tà . . . • Tn^ 
w li iz febbiqo 179}.*^' Amai»- 



S19 
i di -Cflt?^tia (à) Belle Régi$ Jrmmu. i 

PERRONE dt S. Mattiao Coma Girla 
Fiaaccfto Baklaiaat. ,s # • • • ^#r ÌSa 

» ffrftmii dcpuf ÌAino i7 fr^ 

j9 jGuo Co/il# Ctir/b FréuUefco BaUdft 
3» jGirr^ Pèrrctu H 5. Manino per C^ 
5, mraU diCMVéMtriàneUe MftieAr* 
>, flNite , ^#/9 nc/iì ^/i 99ierr • • • . « 
,» MoBcalieri fin aovembre 1780» 

CdocMittcx 

uogotenenti Generali di Cavalleria 
Belle K^fjit AtmaUk 

MAILLARD di TontBOB Méirchifc Vie* 
torio Amedeo. ,» Le vìrtuofe qualità, 
y, che abbiamo avuto luogo d'am- 
,9 mirare mai iémpre Bella perfosa 
^, del Marchese Vittorio Amedeo Mail- 
j9 lard di l^oumon Capitano della fé* 
,, coiida Compagnia delle noftre Guar- 
55 die del Corpo , e Marefciallo di 
,5 Campo nelle Doftre Armate . . . . 
5f eccitando aeir anima noftro fem- 
5» pre maggiori fentimenti di propen- 
sa (ione per i di lui avanzamenti , prcn-* 
,5 diamo ben volentieri motivo ama- 
9» nifeftarli con un fpeciale effetto 
55 delle noftre grazie nel promoyerlo 
j5 al càrico di Luogotenenti Generale 
5j di Cavalleria in dette nofire Armate, 
' 5, onde 

la nota c> di eui nella pag. J55. 



V 



14^ 
M ondo per le prcfimc! • • • teodiaio II fnfé^ 

j9 to àUrduh Vittorio AinedMMaiUaKd it Taur^ 

j, nM per iÀi^fùunmu Gmtré$ Mfa^dUrimmtSiai 

j» Aoftfe AtmatOj con uaà gU «Mri; iiitoritày 

^ puMogptf ita » pweminettie, pgJTJtogi » urili j dritti, 

,, od ogoi alai colk a td carico ^etunte»/ od 

j, appartonento 9 mi» a&, Mi/r#/i il dovuto gnu* 

j, famootb. M^niimm^ . • . . . di rioonofi^Ot 

^ ftflo riooBofceie» ftuDafe, o riputare perLiao- 

j» goteBOfite Genottle di Cavallona da noi coase 

M fovra ooffituito» ÉiéltVjjjUMùGtturdeddSùUo 

^ d'affimiarlo in detu qualità, du toTi noftra 

^ wunu. Torino li 30geBna)Oi744. CEmmmtU. 

y. Lmnfranàà pir il Gran CafuiU 
y. Démorri per il Contr. GemraU. 
y. Dt-Grégary. 

Bogino. 



17S9 CACHER ANO d' Olafco CWvtf ficr€ Ffan* 
ji cefco Nfaria* >9 • • • Per U prefenù 

BUUC20» »#•••> deputiamo il prgfaio Crnva^ 

M lÌ€ré Franetfeo Maria Caeharano 
^ / Ofafco per LuogouMnu GituraU 
^ di Cavallerìa rutU noflre Armau^ 
,) con tutti gli onori • • • • Torino 
t» li )i marzo 17S9« 
j» ym AauéUo» 

Di Cravanzana. 






*. -1 « r " i ' if 



Maggiori Generili £ idvàttendify 
nelle RcgU Armau. 

\Ì%9 CO ARDI di Carpenoto Ctfvtf/i<r« Giù- 

5 fbppe. j9 • • • P«r /< prtftnti • • • » 

apnie* m deputiamo U f refato CavédUrg Giu^ 

9ifippi Coardi iiCarftmtto pexMag* 
>» giorc GeruraU di Cavallgria tuUé 
,5 no fin Armate , con tutti gli onori 
«» • • • 9 con ciò > che pretti il dovuto 
^ giuramento. Mandiamo penanto , 
ti e comandiamo a tutti li npftrì Ma- 

^y giftratì Torino li j aprila 

*M 1789* A^. Amedeo* 

Di Gravanzana. 

firìgadieri di Cavalleria (^) nelle Regia Armau. 

1 7 8 j ZAVATTERO Cavaliere Franccfco Giu- 

15 feppe. ,» 5« la valorofa fermezza 1 con 

dicemb* >9 cui il Cavaliere Francefco Giufeppe 

^, Zavattero diftinfe» pendente lapaf^ 
jj lata guerra , i fuoi iervig] , e la ft^ 
9, fila J[a lui rilevata aW affare di 
Baffignana, lo refero meritevole 
de' graziofi fovrani riguardi » e con- 
9, ceriero a procurargli nel tempo 
^ della fufle^uJta pace r avanzamento 
,9 a fuperiori militari impieghi nel 
Reggimento de' Dragoni di Pie- 
monte, dove intraprefe la (uacar* 
riera, la capacità, il vivo zelo» 
e rinceflante applicazione, colla 

(a) Fedi la nota e^ di cuiquìfopraìiellapzg* $$$. 

(b) Fedi la nota e, di cui nella precitata pag. $}$. 



>9 



99 
9» 

99 



i 



a 



mM 



9» 

99 
99 



99 
99 
»f 
99 
J> 
19 

•> 
M 



54» 

4|ual« |ìm|i tàttan i A»«m di ciifean m- 
cumbóm. acviiMi oi o ìm vioppià diftuita m- 
Aleni b Boftim coofideosacMie p« k di lui 
feiioM» a talchi ci oNBpiaoqdno di daq^Ktne 
ancba b«i o«oiMole HfliinuMwin aeUa fiir- 
MsioM del AifpMM d'Aoib Ca^dlflott 
colf af«rio p f fcdt o a mmyiaioift eflb awro 
Ome ilfoteii r<iwi# fW<witf//g ^ e (ne- 
cemMOBce in advcaibca dol 1780» qneUo, 
che eoa fteae oeire gadjaeiito efercici at- 
tiwlwiinftì M Céiwn mt B ^ CmmmJknu dd mgje- 
fum : dt iì frai l ed e fdi fiioi pnumenti to- 
aeodo noi ievìtaci e • oo eipei tirgli ulcttiori ef- 
fetti della Reale «oftia -mioùficeaza , ci fiamo 
di<póM anoeDinarlo Brìgadieie di CaTallerìa 
nelle noftre Armate, Quindi • • • iepunamo il 
pieftto Cavaliere Francefeo Giufeppe Zéo^mtar^ 
per Brigadiere di Cavalleria nelle noftre Ax- 
mate 9 óoh tuui gli onori ^ autorità, prerogatÌTe, 
preemineoze , privile^, utili, dritti, ed ogni 
altra coià a tdke carica Spettante ^ ed apparte- 
nente , eon €iò y che prefti il dovuto giuramento. 
ManJUmo pertanto •• • Torino li 25 dicembre 
1781* f^« Amedoo. 

• 

Coconito. 




r*« MDKr^jjéar ^ 




VercdUmfu Vedi 4 f»^ f^$^ l*Apft»^ 
dice (i) Jb MK# fnm^ jfsfs ^% 

£ ìm 0rMfu slU Fmmtfii^ Jo'MxMiMmH 



r 



«^- u 




Gmdie del Ga^o di & 11 



1791 FRADEL d^AMfanfaOMfiMGttdMo. 
%x ^ • . . • Dm fv/K f^Mfi • • • fciB» 

IP IM 9à iamad ad iffrdBnuiliT 
^ iBiRwhinoftniPerfQM^conatwJo 
,9 £■ dal 17S1 ipafiaolip par lay 
•• ftfi^TMt dalla ^^ ^ w— a MM |IV GmÈÉSU 
^ mmmim Armd Gamék m&fbt ed 
9» CùTfB^ .^ott awlo pcrfcia aa 8^*^ 
,9 aa|0 dd 178^ dayiiio ^ mMauJà 
^ firn tmrìcML <U Capitano in fecondo 
^ iitfr fiéjfg ,GMi4iréÙ§. E ^endo <»a 
^ Noi daigti tmaviappià pofid^a te- 
99 ffimonìa&n della piena feddisfii- 
9» »ane, che ci fifulta dalle piore 
^ d' ìaceUigenza » attaccamento » e se- 
,» lo, che ha egli fioofa manìieftato nei 
3, riempimento delle fne Jnciimhenxe 

^ ..... ^ f€r U préfenti 

eleggiamo il prefato Cavaliere Cie- 
cinto Pradeld'Auihurin (a) per Capi- 
tano della mentovata Compagina 



99 



Ji 



do* 



(i) 1714 if diccAbit* Confyiumémi de Ffidel £Àaihmrìm noblt 
M«Drice C0mfigiu tenis , & poilèdcK pit fnccclfioa pacenclk 
d€ nohUs Charles De Prtdel Tvii de fct prédnktfewrs ca 
161S la jaiifdiélioD omnimode» htatet looyeaaet bUfe de 
la dite Seigncurie dt Ceiarcheg (i)« mere 9 miste cmfift fif 
teots kt mananit » de habitaott d« dlt Cf(4r<A«f. 

(x) Cefarchu nella S.4?QJt. 



^ 



f9 
99 
99 
91 
99 



de' Gentiluomuii Arcieri ìri /òprawivenfa al Bi« 
rone di t^irl » per aver /' effettività di tffét ca^ 
fica in occafione » che rimana fcopdrto il co* 
mando della medefima ^ con ciò, che pretti il 
dovuto giuramento. Mandiamo pertanto, e CCk 

,9 mandiamo a tutti » e ordiniamo 

»» all'Ufficio Generale del Soldo, di aflentarla 
j, ••••*•• , con farlo intanto godere, non 
folamente della paga, e vantaggi, già Aatigli 
da Noi aflegnati con Regie noflre Patenti delli 
3 e gennajo 178(^9 ma altresì di unannu\trat^ 
tenimcnto di X\ic milU di Piemonte , chìo ci 
£amo prefentementc degnati di aflegnargli, e 
>, di cui dovrà godere dalla data del di lui af« 
j, fento , come Capitano , in fopravvivenxa , delUt 
j, detta Compagnia , e continuando in avvenire ^ 
» fioche pa(& aW effettività della carica fopraci 
,t cennata , da f im/ giorno in poi , e durante la 
^, di lui fervitu , ed il noftro beneplacito , co^ 
^y mandiamo fin £ ora^ che gli venga corriipofta 
j» ripani tamente,, a quartieri maturati C annua pa- 
99 ga di lU $n6 ài Piemonte , ftabUita perTim- 
99 pi^go di Capitano della fuddetta Compagnia » 
99 e ciò oltre alle pialle di foraggio fiffku per il 
»t mede(imo, con ciò ,* che, mediami quefte, gU 
M cefli allora il meiuovato trattenipsento di lire 
n faille » . • MoncaUeri li ai novembre 17 91* 
j> A^» Amedeo. 



99 
99 
99 
99 
99 



Te^o* //• Mm 




«1^ 



J/ Gimtilmmmi ^rcmi 
GamUe id Cmfo di S. iL 

I78f igEGARD di Lodago JWrdM Igpait 
7 Cado Fnaceira 14tfHL M Cut éMi^ 

»« A^^ f^f^l^ , • • • im| pote 
M di CéifiimÈO mA R^macmo ifi Pio* 
j» Mnm Reale Cavitaria dal Mal- 
li, dwfo Ignazio Cado Fcaatcefbo Mar 
^ già RMfmrà Ji Lmrim^ ^ ci svff^ 
9» già egli ^IfNigUf appieno le coni- 
9^ mendetob do(i» oad* è fbaMo; 
j9 miofpniefitoeiayvi^diiViàgt^ao- 
,» crefce il VITO lelo , ed attaccamentOt 
,, da cui lo reggiamo tmavia ani- 
^ mato nel riempire i doveri annefi 
^ alla qirica di Conmtq della Com« 
99 pagnia de'* OeDiiluonini Arcieri 
^ Guardie noftie ir< Cef]p# » alla ouale 
^ in aprile del 17S1 9 deooiandoio ad 
,9 un tempo del grado di Lmogou^ 
^rmstut CnlanmgUù nella Cavalleria » 
M e Dragoni , lo abbiamo prefcielte 
,,••••; ^indi èr €hà par te pn* 
p ienri . • • • • difutimmù il prefiito- 
99 Marchese Ig^UBiJ» CéBrh Fr^uéfi^^ 
99 ilf^ritf Regard ii Ludmfé per Xno^ 
>» g^untnu dtLéi Compsgm€ dt Gem* 
^9 tituomini Arcieri Guardie noftre dit 
99 Corno y con grado di Coiotuutlo 
99 nella noftra Cavallerìa » e Dragoni, 
j^^ con tutti g(i priori » autorità , pre- 
ti ro^tiye , preeminense > prìvil«^ « 

^ uoU» 4ritri« ed ogn'akni co6 « 



^ 




Gmrfic dd 



Gq^o £ S. M. 



IFPOUTO deHriieresd» 



>• 



39 



S «wìmtt GJiticppe. «• ^^ h 

fn^fam • dipMHBD i( 

frtfs» Cén^'Mimrt Gioieppe ippolìio 
dcHiberes («} ir 5#«im; (^) per 
(i) #^ ile jtgmtmu m»gM b. 

(b) CwrùU Sùmss (i) Baicau Je* Gtrié mnticki 
mùHIi Ssn^fsrJL Cosi iielU Corona Retlo » 
/jTfr frÙM > pag. li in fine. Vmifcsnfi i fiorì 
di BUibnerìi, fMg. 37» utioolo GtrU Sk« 

/>r Gerimix (1) AUtrt Rmmfùis Ccmu d$ 

Somuk[. Cosi nel titolino il ^«r#}« 1 efiftenta 

0iy]li Arckiyj CamtrMlL 

De Gifimix Jmnms StigMatr ir Hibefes 

LttUin rn OubUis (j}« Cosi nel titolano di 

Scrofa anòdetto* 
(i) Sonas in Savoji. Keif la Cor.R.» fétu i » 

Capìtolo I é€l Ducmto di Smvùiét , pag • 1 1 • 
(1) Giriaix ìn.Sivoja , clu ptnfo jU lo fiijfù , ch$ 

Gerbafio Béronia di una Famiglia di fuono* 

mt , la quale (*) divtrf altri Cafiilh ha in 

Savoja poffiduti. 
(3) Ki ha pmt Haberes Poche ancha nel Chlablote. 
(^) Secondo che dice il Chiefa nella Corona Reale t 

parte prima ^ pag* Ì6. 



à 



„ medeGmi ReggiioeDtì 
„ tale carica Tpettante , 
» ciò, che prelU iidovui 
M pemiitt} Mt 



Maielaallodi Logis ul 

iè GtnttlKon 

Guardio MC 



1799 DUPOUGNY 

17 Cavalteie Ot 

ottobre. ^ A selaote 

ì, ■Dwadatvole 

-i, pfC|H) dovi 

M lim Oitòn 



f^9 
3ugoy di Guiuiet di Monthoux {a) iì merita 

i i^gia condotta » Teppe già , pendente il 

rispo 9 ^ egli ci pretta il Tuo fervizio nel 

.cgsimento noftro delle Guardie^ dove copre 

mwnente con diftinzione T impiego di Imo* 

^nnmUt conciliarfi l'onore del Reale noftro 

KadimentO) porundo perciò pra Noi ben to- 

Atiefi i noftri riflefli alle da lui acquiftatefi 

encmecenze 9 e volendo metterlo in grado dì 

»~ renderci 



l CkUfd nella Coruna Reale % para prima > capitolo tV dtì 
[haeato Gtnevefe 9 pég. 6| parla di AXoffrou Baronìa % da cai 
■fctxono nel iato Giacomo Cavaliere illaftre» Antonio Giadlc* 
}At%;^\oit della Savoja circa il 13 «o 9 e ne' tempi pia mo« 
derni un frimo Prefidenu del Senato di Cìamhtn. 

OiTervo però» che eifo ChUfa non ci é\ il n9m€ di qtiefté 
"Primo Prtfidtnte^ e neppnre ne accenna il ptecifo temp<K 

An&i a qoeilo propomo da'iegiftfi Camerali non ci ri- 
falla di altro più « fuorichè di an Monthou nominato St- 
tondo Préfidentt nel Senato di Savoja con Patenti ^delli at 
maggio X621 (i). 

Ed ecco il motivo 9 per cai non leggefi alcono di qnefta 
famiglia Monthou tra i Primi Prefideati di qael Senato ntlls 
Strìe y che ne abbiam dato nel tomo primo della p^efente 
Opera 9 pag. iSz ad 202. 

IK : ^tant vaqaée 9 ces pars padés , la ^UccdcSeeond Pr{fidint 
M notre Sénat de Savoie par le déces da Préfident da Chat» 
fune . . ^« noas avons eftimé . . . d'clire entre les aatres 
n^cher9 bien aiméf féat ConfeìUer ^ 6c Senateur ordinaira 
^icelai U^Seigneur de Monthou^ y le qaef nous a donne 
ttB^ de belles « de rcmarqjables preaves . . . en toates let 
•ccafionst ou noas l'avons employé». taat d'AmbeJfades « qa' 
Mttci uès import>ates à notre Cervice . . . 9 e' <r)2 pourquoi 
* • • noas .... le députons pouf notre ConfeìLler J' état 9 
& Tecond Pré(ìd.*nt aa d^r Sénat de Sivoie au lica 9 place» 

^ Tcance da dit feu Préftdent de Chaipcnne Turin 

^ 2> may 16x1. C. Emanuel, 



9» 



55« 

mdcfd fi0ppii Koèiti i Aoi tefid ^ tf É<» 
M i^Mtt A' iri^itflM^ db dnca di èùn^ 
(cisDé di I^fg!^ sdh GonmiKpii rfi^ Ciiurf/bt 
mtmJìmrì Gaanfie soAiB M^Cmfm^ ift yco0 
dd Cafilic» Dgmlk ft«D p a ot tilD di nane» 
■imwio a cdii fiai, e di dKSMrbad uà ttapo 
del godo di Cygftwt wBf CcMflow j # Arii- 
g9éi 9 GOs toni g^ oBon » aMoritàj pmo* 
pure, che oe ^lettMo» ed ■yfMf goao ^S 
wduuéUf^ |fff fi wM > di i ^i f» * i i d ^ fp Ilio qualità^ 
• £ £ulo godere Ì€tt mmms, fmgm cU fire due 
sdì octo M Fwmomàt^ illi^giaowiito , mcn^ 
fili, piaste £ fieno e^lMada, ed ahxe cofe» 
che ne dipesdemo « umon dd Regolamesco 
de' IO nuu^gio 17575 meomtuìémdùàsl giorno 
Jd fuQ ofmo^ e contiimaedo in avyciure » do- 
note la di lui ienritù, ed il noftro beMpb* 
citOj che tal' è noftra mente. MancMiuri 1701- 
fobie 1780. K Am€Ì$o* 







II* 

seconda CampàfbÙL ékUi ómérdU dd Cono 

diS. M. 

QtpitMMJk 

17)$ MAYJLARD di tourimu. » . . . . Pgt 

i8 ^^ U prtfimi deputumo U pfedetto 

giugiUK 39^Mardiefe Fittcrio jtmtJéo àUg^^tii 

M di Toumcme per CmpiuMm della 
u fecoDda Compagnia delle noftie 
^ Guardie del Corpo, con imiti gli 
>, onori, autorità j prerogative» pree* 
^ mìnenze, utili » dritti » ed altrd 
cofe a tal carico fpetCauti^ ed ap- 
partenenti , ^ir mnnuù fiipindio di 
i> U* 495 S> olire piasse quattro di 
5« fieno al giorno, €on ciò, ilu pr€^ 
,> fii il dovuto giuramento. Mnndìn» 
,, mo feriamo^ e comandiamo a tutti 
„ li • . • Torino li 1 8 giugno 173J« 

FontMia* 

17S5 S. MARTINO di Ritarolo Marchcft Gio. 

7 Cafimiro* „ • • • Pit k pnfinti • «^ • 

dicemb. „ deputiamo il prefato Marckep Gto. 

,, Cafimiro S. Martino di Rivarolo 
^> ^<r Capitano dtlln ficonJa Comfa^ 
y, gnia delle Guardie noftre dii Corpo, 
^, e Maggiore Generale di Cavalleria 
,> nelle noftre ArAiate , con tutti gli 
„ M4n'i , autorità , pi eiogative , pree- 
5, minenie» pnHleg)^. udii, dritti » 



V 




«^(iMiwfMftf di IL 49|t £ PmucmIé» /MCff> ^ 
^ JJkn» t kimdé. . ed altte co& i tali caricho ipettaan^ 
^, ed apparteneBii» e potiate dall' iihìoio Hogo- 
j^ lamento di dette Gnasdie del CoqK>» ms ci^ 
9, ilu ff^fU il doTutp giuffamenio , grefiirifitréus 
M ai Brigadieri attualmette Cbnrieiiti aelte aoftie 
•g^ Amate U hf aniimmità pec goderne .aste* 
ij» rionDeate allo fteflò Maifaeib m Rivaiolo ìb 
■^ géffb di frmn^imu de'medefiflu alla carica di 
9$ Maggioie Genende. iiMmJiéumo, € t^mmmdimm^ 
MoBcadierili 7 diceattbfe^i785. V.AmUm. 



• • • 



a» 



€791 PIOSASCO di Ucm Cm^alurg BimiiM 

7 M Maria •• Deputiamo il prefsiP Cmys^ 

agofto. >» lien Bentdtttù AÌmtìs Piofafio di 

j, Non§ per Capitano in fecondo della 
», (econda Compagnia délU Gumrdit 
hofire dtl Corpo , con tutti gli onori, 
Burorità , prerogative > preemìnoixe» 
privilegi > u^il> s o dritti » che vi 
^^ appanengono, e fpettanti ai Capi* 
^ tani delle mentovate Guardie no- 
ftre del Corpo » coi quali fiurà 
pure il fervizio di Capitano , t eolt 
annuo ajfegmamgnto di IL 113$ di 
^ Piemonte in mggimma alla paga di 
U* J705 , ed ai vantaggi» di cui 
finora godeva» con cià^ che pretti 
jp il dovuto giuramento. Mandiéuno 
9» pertanto, e comandiamo a tutrì*.., 
M ed all'Uffizio Generale del Soldo, 
4» di aflentarlo in eflk qualità» e di 

t» Culo 



>> 



9> 



91 



3SS 

godere del fuddetto annuo a£kgnaDent# 

:e li; 5 in aggiunta alla paga, e vantag^ 
ccennati , di cui dovrà continuac a go • 
p a quartieri maturati , ripartiiaménu » in- 
Dciandp, rirpetro al detto affegnamento » 
iormo del fuo afcnu nella predetta oualità 
tfiuinp in/icoaJót e continuando m av« 
e » durante la di lui fervitù , ed il noftro 
placito» che tal' e noftra mente. Torino 
agofto 1795. ^* Amedeo. 

- Di Cravanzana. 

PIOSASCO di None Cavaliere Benedetto 
Maria. R. P aunti delli 14 dicembre 
179^ : iH : ',» nel Cavaliere Benedetto 
j» Maria Piofafco di Noiie Maggior 
9» Generale di Cavalleria nelle nofire 
,» Armate ci eomplacquimo in ogni 
,9. tempo^ di rimirare uniti a' corn- 
^ mendevoli doti di capacità, fer- 
^, mezza, e di vigilante attenzione 
>» i pregi d'un vero diftinto zelo pel 
39 noftro fervizio • • . > etile preferiti per* 
>, tanto • • . • deputiamo il prejato 
S9 Cavaliere Benedetto Maria Picfnfeo 
>9 di None per Capitano effettivo della 
>, feconda Compagnia delle Guardie 
M no((re del Corpo {a), con tutti gli " 

,» onori , annua paga di 

» 11* 49) & ^ Piemonte , piazze di 
,» fieno, e biada, ed altre cofe a 
^ tale carica fpettanti , ed apparto^ 
„ nenti , e portate dall' ultimo Re* 
nece del Cavaliere Gran Cror^. Oberto Bai** 
no , fiato da Noi altrimenti proyrifio. 



^^ 



Jf4 

if golamcito (fi dea» daatdie dUl Coc^ » Miri^. 

** dk# ptefti il dotino ffmumcùta. Mmmimmo per* 
j» tintOj o ooiiiaadìMio i tutti i sottri . • . . ^ 
jè od aU'Ufcuo GtBttale del Soldo» di aflMtado 
sf itt 0& fpalità, o di &jclo godete dell' aanaa 
m pigi i< U. 49}8 » ed altre cofe ptedette; rj- 
a> pMr ti m mwmtt ^ e quaròcti mitugad > mcornùUisniù 
H dal ^oteo del ino aflìeato, da cui dovrà ceP 
a» iàrgli <piaatt> prinii godeva • • • • IViee li 14 
» diONBkre 179't C MméMnA, 

IX Ctivaiimuu 

Lttogpce&eme della fumU C^m^nuu 

Ì7$9 DELLA CHIESA di Roddi Marchtfi 

8 Vittorio Maria. ^ Psr U pnfenù • • • • 

ttovembé %^ deputiamo il pre&to Marchefe f^- 

tùrio MarU DtlU Ckufa di Roidi 
per Luùgéuncnu della fecondéL C^wè^ 
pégnU delle Guardie noftre del 
f» Corpo f con grado di Colonrullo 
^ nella noftra Cavallerìa ^ e Dragoni» 
^ con tkiti gli onori , autorità » pre- 
rogative » preeminenze, prìvileg» 
utili » dritti , ed ogni altra co(a a 
tale carica» e grado fpettante» ed 
^ appartenente » e colla continuazio- 
ne » fino a nuova difpofizione > della 
paga» e vanuggi di Cornetta» di 
cui ha finora goduto » com €iò^ chi 
pretti il dovuto giuramenta ilftfn- 
diamo penanto , e comandiamo 



99 
99 



9$ 
99 



9> 

j» diamo penanto , e comandiamo*.,.* 
j» MoncalUri li (( novembic 1789- 
M K. Amedeo* 




m 

AMAT Luigi BérPiu ài Sorfoi » ^ • • « 
9, CoiU fnfenù • • • > deputiaino ii 
jy pre£ito BmroM D. Luigi Amat di 
^ Sorfo per CbrmiU ddla ftcondé 
i> Cpmfagmà delle Guardie noftre del 
jj Corpo > oon grado di LuogàUfUnié 
i^ CohmuUo neUe Truppe di Cavai- 
j^ lena j e Dragoni > ^n tinti gli onori, 
^, autorità » prerogative > preemineii- 
^ ze> privilegi» utili, dritti» aoinua 
9» paga» e vantaggi , fino anuovadiC- 
j» pofisione di Mag|giore de'Reggi- 
^ menti di Cavalleria» qttdttro pia2^ 
t9 xe di jCr/k» é e tiadét fui piede fta- 
»» Inlito per gl'Uffiziali degli fteffi 
j» Reggimenti » ed ogni altra cola i 
M tale carica fpettante » ed apparite- 
j» nente» €on €iò, cfU prefti il do- 
^» vute giuramento. Méndiamo • • • 
j» Moncalieri lì 7 novembre lyS^. 
9» ^ jiin$d$§% 



Di Gravansana» 



àUnf/oéHo a logli étìUAfKMJM C m mfàgmU; 

17S7 AKJifANOdiGfollbGMiteLnigi,»iZit^4.M 

gmufow j» scio» eoa coi ilComuLmjnJr» 

M flMiM A' Grofo^ Conetta Oiioa- 
^^ nella nel Reggimeiitoilr'iio/b-iZXrtf- 
,» f OBI , rì ha dal 1774 preftaci i fuoi 
«, Mnrigi • • • , ci fiamo compbciuti 
», di pvefeeglìeriofir U€Mrico di Ma« 
fefdallo di Logis fulUfieonds CaM- 
psgmM dèlie Guardie Aoftre JJ 
Ccrfo , io vece del CaTaliere Bian- 
duce di Cmc€€glm rieatiato» come 
Capitano Tenente » nel Reggimento 
'de'Dragoai di Chiablefe» e gli 
abbiamo perciò confetto l'additato 
carico 9 eon énfcrlo inpemt decorato 
del grado di Capitsno nelle noftre 
Truppe di CavéUUrid^ e Orsgorti, con 
9» tutti gli onori ; vi ordiniamo per- 
>9 tanro di aflentarlo per il pofto , e 
9^ grado fopraccennati» e di farlo go- 
»j aere dtlC annua paga di lire mille 
>» ottocento quarantaquattro di Pig- 
n monu j alloggiamento » utenfili » 
9j piazze di fieno, e biada portate 
j, dal Regolamento de' i o marzo 1 7 57 j 
ed altre cofe, che ne dipendono , 
incominciando dal giorno del fuo 
affento» ecominuando inawenirej 

»j durante 

(a) AW Ufficio GemraU del Soldo. 



9> 



39 
J> 
99 



\ 



SS7 

Ite la di lui fervitù^ ed il noftro beaef 

IO, Torino li 25 gennajo 1787 {a). 

a Compagnia déUi Gudrdu del Corpo 
. dì S. M» 

m 

"i 

Cépitani. 

DI VALGUARNER A ^ £ GRAVINA' 
Principi D. Zaverìo. » • • • Ptr U prg^ 

^^fenti deputiamo il detto 

„ Principe D* Zaverio di yalguarnt^ 
,, rat € Gravina Capitano della tera^t 
,9 Compagnia JiUe nofire Guardie dH 
-j> C<^po » , con .tuHi gli onori , autp* 
^j r ita j .prerogative » privilegi > pree* 
^9 ininenze j immunità ^ etenzioni » 
utili » dritti j e regalie ^.^d ogni 
altra cola a detto carico fpettante^ 
j» ed appanenente s con ciò , che pre- 
tti il dovuto giuramenta Mandiamo 
pertanto j e comandiamo a tutti li 
nòltrì ^Magiftrati , Miniftri , ed Uf« 
fizialij si di giuttizia , che di guerra, 
ed a chi altro fia fpediente , di ri- 
»> conofcerlo • . . . , ed all' Ufficio 
GcncraU del foldo^ d'aifentarlo in 
tal qualità j e di farlo gioire della 
paga àL\]ì.^^iZ d* argento t a foldi 



«r-* 



>» 



1» 



JJ 



M venti 



Commifloni j cAr j? fpcdifcono pct i Mare- 
alli ^ ^g'i dtUa terza Compagnia , fono 
atto fimUi a qiufia. 



S$9 
^ TMU ciAiiui j T i»M 9 im immi Hmumd9% 
^ quanieri nititnld»' riptfdciiMflto »•/«(« y«rini4 
^ irtru^iMtj oltie qusm^ piawtiì jtma alpor« 
^ nò » couÙBciaiite da Mdlo épl^ fuo «Aìmm <«)» 
gp m coi li cefleià qiMlbii di cvii goda » ccmm 
9 CrfoMcilo fttddetio» o condraudo in avv»- 
^ die » duTéUiu U JuM firfiiè» ^ H n^fr^ Ahuh 
^ fJ^M 9 cha tal' è noAn meati» Turino li 17 

^ flUflO 1711 • 1^» Jtm4d$0^ 

■ « . ■ 

liaiifattchi, 

1751 REQUBSCENS D« Gioanai. ^ jìwmJo 
xé „ Noi fiogolaimeate piafeiiti i ooa 

WURBO» 9» onen- longlii , cha diftiaii fiwig} 

„ preftatici finora dal CaTaliere Gran 
9, Croce dell'Ordine noftro militare 
M de' SS' Manrixio» e lazzaro D. 
9j Giù4tnm Rtquefctn^ Maggiore Ce- 
,9 nerale nelle noftre Armate , e Luo- 
99 gotenente della ter» Compagnia 
9> dtlU npfire GuardU, iti Corfo , pren- 
9» diamo ben volentieri a tcftificargCe- 
9> ne il corrifpondente noftro gtadi- 
99 mento • . « > col promoTerlo alia 
99 riguardevole.carìca di Capiuna della 
9» mentovata Compagnia» che fi è 
99 refa ne' giorni fcorfi vacante per 
99 la deiUnazione del Cavaliere deQ' 
99 Ordine noftro Supremo della SS* 
»9 Annunziata P. Emanutl f^alfusp' 
99 mra a quella di noftro ^run Cùm« 

»» terlmno 

(a) Cesi frtcìfamtnte tu* ngifiri i$l Controllo « # 
ni fiàp né mtn^. 




!•«••«•, onde ptr le jprefenti . . . .^ 
imo eUttù il prefato Cayaliere D. Gioanm 
v€fc€n$ per Capitano .della uria Compagni^ 
t noftre Guardie dil Corpo , eoo tutti gli 
i , autorità » prerogative » preemineste ^ 
» dritti» annua paga di IL 49)8 i(i /i#- 
If » pia%xe di fieno , biada , ed altre cofn 
le carica fpettanti » ed appartenenti » e por* 
dall' ultimo Regolamento di dette Guardia 
Corpo , con ci^ » che pretti il dovuto giù- 
into. Mandiamo penanto • . . AII4 FiìufiM 
( novembre 17 $1. C Smanuek* 

BoginOt 



BALBIAKO di Viale Conu Gerolamo, 
,9 Diputiamo il prefato Conte Geror 
,j lamo Balbiano di Viale ptr Capi« 
j» tano della ttr^a Compagnia dello 
jj» noiUe Guardie dH Corpo , con tutti 
M gli onori» autorità» prerogative» 
j, preeminenze» privilegi » utili , dritti» 
;i» tffiAif4 paga di U. 4938 di Pie- 
9» monte » piazze di fieno » e ^i^^iif » 
j» ed altre cofe a tale carica fpet- 
^ tanrì» ed appartenenti» e portate 
,» dall'ultimo Regolamento di ditto 
»> Guardie del Corpo, con eie» elle 
a» predi il dovuto giuramento. Man^ 
4» JiVi/fie pertanto» e comandiamo •• « 
»j Monealieri li 9 dicembre 1775* 
»» y» Jlmedeo. 



LuGgotcncme della ierim Comfégnié azìdn 

1785 FALLETTI di ViUaWIcito Cnu Ig» 

wcemD. ,, depuriamo il predico Conte fan ^ 

»> pò FélUnidi yiiUfMlUnofaUh 

»> gottnmte delb /«r{« Compagifiéàk i 

>» Guardie Boftre dei Corpo. tf0«|ri- 

t> ^ di Colounello nella ooftu G> < 

„ vallcria, e Dragoni, €on tutù fi 

» onori, autorirà» prerogative, prc^ 

» minenze, privilegio utili, driui, 

„ mnuM fmga di il. 3703 di Pi^ 

„ monte, piant di funo, bUdg.ti 

M altre coi'e a uli carica , e godo 

>> fpcttanti , ed appartenenti , e p* 

M tate dall' ultimo Regolamemo i 

9, dette Guardie del Corpo, concA, 

»» cht prcfti il dovuto giurameoui 

j» Mandiamo pertanto. . . . MoncùLtri 

» li 7 dicembre 1785. ^. a.7mi:. 

Coccnito. 
Cornetta della /^r^^ Compagnia fudietta. 

1785 SEYSSEL d* Aix Marchcjl Vittorio Airfr 

,.7 deo Giuieppc. „ . . . Ftr u pulinu 

diccmb. „ . . . , deputiamo // prefato Mif 

,j cAiJé Vittorio Au,eJeo Giuin?;: 
*> ^O'il^là'Aix pei Cernuta A^\.'AW{i 
>, Co m p j gnia diìWc noilie Guardie ^d 
3> Lofj o , con grado di Luogotencnre 
3* Colonnello nella noftrc Truppa di 

>j Cavalleria f 




lieria , e Dragoni ,. con tutti gli onori , au« 
à t prerogative , preemineoze , prÌTtleg) » 
, dritti ^ tf/iiMM f tfjfa di 11. j 086 1^' Fit^ 
\€ , pi^llf di fiino 9 i>itfÌÉf 9 ed altre cofe a 
carica ^ e grado fpettànti » ed appanenenti» 
mate dall'ultimo Regolamento di dette 
rdie del^ Corpo » con ciò > che prefti il do- 

\ giuramento. Mandiamo pertanto 

calieri li 7 cUcembre 1785. V. Amedeo. 

Coconito» 

Marefciallo di Logis eflPettivo 
della fuddetta Compagnia. 

PORPORATO di S. Pejre {a) Marchefé 
Carlo Luigi. ,, // Re di Sardtgna di 
0« » Cifro j ^ Gerufalemme. All' Ufficio 
^» «Generale del òoldo. Sono così lo* 
,» devoL le doti di favia condotta, 
yy efiàttesza , e vivo zelo > che il Mar-* 
chefe Carlo Luigi Porporato di «f^i/i 
Pejre decorato del grado di Capi« 
tano nelle noftre Truppe di Cavai-- 



99 

j. Uria, e Dragoni ^ ha finora fatte 
,, apparire neir efercizio del pofto 

99 
jf 
if 



di Marefciallo di Logis fovraDume* 
rarìo nella ter^a Compagnia delle 
Guardie nofire del Sorgo 3 che Noi, 
memori anche dei fervig] prece- 
dentemente da lui predati nel Reg- 
gimento dei noftrì Dragoni, ci fiamo 
compiaciuti di palefargliene il no* 
ftro gradimento, con nominarlo Ma 
lì il tomo terzo > Appendice , parti terza » pag. 62» 
S3 , giunto il tomo primo , pag. 47 , 17^ » 248 , 

lom. IL Nn 



ìm^ 



9» 
9» 
9» 
99 



99 
99 



^ car.ca di ManfeìaUo di Logis effettivo odTai» 
^ dttats Com^sgnia , COD tutti gli onori ^ auioritì, 
^ e pxerogative» che se fpettaoo» ed appaiteli* 
9, gooo» in r^^/ del Marcbefe Fauffo&e di Man* 
— iaUo'9 fiato akrimeDti piOTvifta yi^wdinUmo 
pertanto di aflCentailo in efla qualità, e di farlo 
godere dtW annua paga di lire duemila fettani' 
otto di Piemonte» € dille fia^éÀx foraggio 
_ fidate per li Marefcialli di Logis dell'additata 
9^ Compcgnia» incominciéoido dal giorno del fuo 
afleoto » e continuando in avvenire » durante 
la di lui fervitù, ed il noftro beneplacito^ 
poiché tale è noftu mente. Torino li a? feb- 
brajo 1794» y* Amtdco* 

Di Cravanzana» 

Maggiore delle Compagnie 
ielle Guardie del Corpo di S. Mm 

17S I PIOSASCO {a) di None CasaUcrt Bene* 
27 detto Gì ufeppe Maria. ,j Alla vacante 

aprile» 9» carica di Maggiore delle Compa- 
gnie delle noltre Guardie del Corpo 
volendo dcttinare un foggetto» il 
>j quale Ti dimoMri fornito di capa- 
j, cità^ per Tefercizio di si diftinio 
,y impiego > abbiamo fiSatc le noftre 
9, mire fui Cavaliere Giufeppe Bene* 
^, detto Maria Piofafco di None de*Pf imi 
,» nollri Scudieri^ Gentiluomo della 
^ noftra Camera , e Capitano nel Reg- 
„ gimcnto de* nolìri Cavalleggerì . . -, 
„ quindi e, che per le prefenti . • • 

(a) In ordine alia Famìglia Piofafco viéi il tomo tcr^o^ 
Appendice , parte tcxs^ , pag. 9. 



99 




5^3 
tiamo il pre&to Cavaliere Giu/epp^ Bens^ 

Maria Piofafcù di None ptr Maggiore 

fuddette Compagnie delle noftre Guar-^ 
Er/ Carfo » con giado , ed anzianità di Cor« 

effettivo nelle medefime» e con quello 
:neme Colonnello nella noftra Cavalleria^ 
igoni > con tutti gli onori , autorità » pre* 
ive, preeminenze » privilegi » utili j dritti^ 
^ altra co(à a tali carica» e gradi fpet- 
» ed appartenente, e coW annua paga di 
>86 di Piemonte , pia[[e di fieno , biada , 
tre cofe portate dall' ^tìmo Regolamento 

fteffe Guardie del Corpo per i Cornetta ef« 
i , con ciò » chi prefti il dovuto giura- 
0. Mandiamo pertanto • • • Torino li 27 
{ 1781. y. Amedeo. 

Coconito. 

[utnte Maggiore delle Compagnie 
delle Guardie del Corpo di 5. M. 

BIANDRATE di S. Giorgio {a) Cavaliere 
Maurizio Maria* ,, Abbiamo prefa la 

u s, determinazione di riempire nelle 
rhre » maflimamente in tutta Lombardia, fu il 
le Sengiorgio , e per ampiezza di potenza feu* 
; 9 e per moltitudine di perfonaggi memora- 
Così nella vita di Benvenuto S^ngiorgio defcritca 
molta purità di lingua dal noftro sig. Barone 
nasza , pnf. 3 , edizione di Torino 1780 preffo 
*eroffi. UniCcau /a Cor. R, , parte prima , pag. 99, 
, parlandoli appunto di Sengiorgio^ fi dice , che 
9Ì Signori in altri tempi erano quei gran Conti 
^eta principali Vaffalli del Monferrato ^ celebri 
e ifiorie d* Ottone Frifigcnfe , e degli altri , che 
fiero i fatti di Federico Barbaro flk Imperatore* 
{uefia famiglia contanfi quettr^t Cavalieri della 
iziata. 



su 

9» CifmpggM ditU GuMrdie nójhg del Carfo la d* 
^9 rìca di Ajutanie Mmggwre , che rimane v.'Came 
9» dcpo la promozione del Cmvditrt i Andon a 
9^ quella di Maggiore i effe nofirt Gmaréie ^ e nel 
„ rivolgere il penfiero ^'UffiamU da fcieglieiii 
^^ per l'addìrata carica» efleodoii fatro preience ai 
p^ iioftrì rfleffi il Cm^mlitre Maurilio Manm Butn- 
,9 Jrau dt SéUi Giorgio di tucctglto , ors Ca- 
j^ pitano nel Reggia eneo de' Dragoni di CiaUcfi, 
yj ci iiamo laDio più volentien dMjpofti a Lr 
j» cadere fopra di lui la nottra fcelca, inquanto 
p, che > oltre all' avere gfà egli , pendente il 
fervi zio y che pr^ftò fra i Poggi d' onore delta 
,, iu)/i/a Corte 9 dati commendcvoli (àggi di ze* 
j» lo j applicazione > ed elattezza nell' adempi- 
ei tnto de' propri doveri^ dzHicfe poi con ac- 
corate tcftinìoniaiìzc d' attività ^ intelligenza, 
e favio contegno i fervigi tucceflivamente da 
lui refi 9 così neir additato Reggimento, con 
cui eziandio e ioterveouio nelle due campagne 
krife , come nel pofto , che da ottobre del 177^ 
a gennaio 1787 venoe da lui efercitato di Afa- 
^j njcja In di LogismìlsL feconda Compagnia delle 
„ ftcflc Gusrdir* noftre del Corpo ; chepperò anche 
jj colta villa di aprirli la ftrada difempre pm6u: 
9t fpxcare fra effe i fuoi portamenti > e cUmo- 
ftrargii la noftra foddìsfazioce per quelli finora 
da lui macifeftjLti , ci fiamo compiaciuti di no- 
minarlo all' accennata carica tU Ajutonte Mag- 
giore dclU fiejje Crmpagnie delle Guardie nofire 
del Cmpo , con avergli mficme accordato il graao 
„ di Cornuta tffettiyo Ji^ iffc Compagnie ^ e con 
p^ efierci ìncihre degnati di decoiaiio di quelloiì 
99 Lutfjcuntnte ColonntUo nelle noftre Truppe éì 

,» Cavalleria^ 



%9 



9> 



>1 

9$ 

fi 




f^f 



^» i^avallirU 






», £:a !Ì^ixr# il 5. Gio^U il Cmcc^lio per ^;»- 

,9 effettivo nelle mede.sfBSj e cai g:2Ì3 ai Fr* 
11^71^ Cùlonndio asUc nottie Truppe ^ 



GuariU JK>/cr# ic/ Carfo , eoa gni ^ <^ Cerruus 



99 
3f 



99 
39 



ruppe il CavmI» 
lériM^ € D'éimam ^ eoo toni gii oo>rì, auiorì- 
,^ ca » prerogative , preeaiioea;K , privilegi » udii, 
dntti , ed ogni alna eoCi a itli carica , e gra- 
di rpettaate , ed appaiteaeBte , # colU canunmm^ 
jy [ione itW annuA pMfa , e vsmsggz di Capitano 
,, ncUa CavalUria, t DrMgoui, dì cui ha 6oora gD- 
,^ duto » con Ciò , c&^ pretti j1 dovuto gìoramemo. 
,, MandÌMmo pertanto, e conuodiaino a tutti li 
j5 nomiti Magiftrati , Kiiaiftri , ed Ufficiali , sì dì 
9, aiuftizia, che di guerra, ed a cbiuaqne altro 
,, ha fped'.eQte , di riconorcerlo , e farlo conofcere, 
j, ftimare* e riputare per Ajutsnte Maggiore ielle 
5, Compagnie ielle nofire Guariie iel Corpo , col 
j, grado ii Cor ietta effettivo nelle medefime , 
È9 ^ gniio ii Tenente Colonnello n^ìlcno&icTmp* 
^ pe il Cavalleria » e Dragoni da noi come (bvra 
j, coftituito , ed airUfficio Generala iel Solio di af* 
^ featarlo in tali qualità, e di continuare a farlo^ 
j, ripanitamente , a quartieri maturati , godere 
jy della paga, e vantaggi di Capitano dì Cavai* 
leria » e Dragoni » iuranu la fua fervità » ei il 
nofiro beneplacito , che tal' è noftra mente* 
Torino li 14 febbrajo 179 5* f^» Ameieo» 



3» 
99 

9P 



y. Di Maria P.P. e Reg. 
K Petitti ii Roreto. 
K Di SerravalU. 

Òi CavuxtBt. 



5«* 

Gfado» e anzianità di Lnogoteoenfe 

nitk GuardU del Carpo di S. M. 

'1790 RICCI d'AiiHoli Cévalure Cado. >» Qum* 

Il ^^ ta fa lajrremura, colla quaile 1/ Co»- 

otlobxc# 91 lonntllo nelle noftre Truppe dìCa^ 

9, ▼allena, e Dragoiu C#y#Ìicrc C^rZa 
,9 /Ucci i At^n Ajuumte Maggiore 
ij ic/ilr CompagnÌ9 deUe Guardie no- 
,9 ftre ^/ Cof^^o j con grado , ed an- 
^ ziasntà di Corrutis noUù medefime^ 
j^ fi fiudia di corrifpondere alle par- 
„ ticolaci grazie» che nel lungo traf- 
», coriò dì ina carriera ei compiaequimo^ 
9, tempo a tempo ^ di compartirgli, 
,, chiaro, e per noi ben foddistacente 
», argomento ne apportano rindetefla 
„ applicazione, l'attività, e vigilante 
j, efattezza, con cui egli foftiene la 
„ propria carica, e ne compifce a 
j, Aia lode in ogni punto i doveri 
„ • • ^ quindi è, che • • • abbiamo 
„ conferto, e conferiamo al prefato 
j» Cavaliere Carlo Ricci i Andon il 
„ grado, ed anzianità di Luogounenu 
», nelle Guardie noilre del Corpo, 
„ con tutti gli onori ^ autorità, pre- 
„ rogative, preeminenze, privilegi» 
j, utili, dritti, colla continuazione 
„ delle piazze di fieno, e biada, di 
„ cui baficora goduto, e coir annua 
„ paga din. job6 di Piemonte ^ ed s\'^ 
j, tre cofe a tale carica fpettanii , ed 
9» appartenenti, con ciò^ r&« predi il 

M dovuto 




co giuf amento* Mandiamo • • * , ed « /T 

io Gtneralt del SoUo » di aflentarlo in efla 
Ùl, e di continuare a farlo godere della 
;e fovra fpecificate» e di fargli rendere ra- 
e di detta annua paga di 11. 3086, con ciò, 
tjp. quella di cui finora ha goduto, a quartieri 
nati , bipartitamente ^ incominciando dal gior- 
lei fuo ailento, e continuando in avvenire, 
nte la di lui fervitù j ed il noftro bene*. 
to« Mon4aUeri li 11 ottobre 1790. 

.ccrefcimento axmuo di paga a favori 

3gli Ufficiali delle Guardie del Corfo 

di S* M, injra nominati. 



99 



91 

9> 



91 

11 
11 



U Re dì Sardegna. Ufficio GtntraU 
del Soldo. Nel tempo fteiTo, che 
ci (iamo trovati in grado di faro 
9, alcune promozioni fra gC Ufficiali 
delle nojlre Guardie del Corpo ^ ed 
abbiamo pure dsftinato il trafporto 
del Cornetta nella feconda Com- 
pagnia Barone D. Luigi Amat di 
^ Sorfo allo fteiTo impiego nella f^r^i^ 
9» Compagnia d' efie Guardie , avendo 
,f rivolti i nofiri rificffi al particolare 
j, zelOj e vigilante atteobzione, con 
cui y a piena noftra ibddìsfazione ^ ci 
ftanno predando il loro fervizio il 
Marche fé Igna{io Francefco de Re- 
gard di Lucinge Luogotenente » ed 
ff il Cavaliere Giufefpi Ippolito d* Ha* 
^ ieres li^Wo/i/itf;; Cornetta nella Com** 
j» pagnia . de* Gentiluomini Arcieri 

^ Guardia 



93 

91 
1» 
99 



# 



ffS ■ 

^ Giun£e ooftrs del Carpe , Mi maa diB 
^ Loofioteseitte nella {udcTmCaa Icondi Q<|K 
M F^M M^cìuft Vrioiìo Malia éeUi QiaÌ^| 
^ Jim^ . ni U tnemomo Bmrm D. Lo^^H 
„ iiSmrjàt ci fiama dit'poftì a ^pD(ea'iMM^| 
^ featirc in a\a dtcoftuna freccili <!(& 1^1 
„ fr*{u t eoa fiflue loto «s tetr^anaoté^M 
„ di f*i* I pcf ptxurlì a qoeUa ftaUia y^^È 
j, iiBpitfghi da eiit ripKtnvanicate copeiù f 
„ Effendoci quindi campiacdiiD & iwx/st\ 
^ tare di aosoe il 448 la p^^ di IL j^UtH 
„ cui gode il MarcliLfe <^ iCe^tri, £ IL ÌI4,] 
., <{nelU di IL 1700 boota psfiau ti Cii^l 
^ Hmhtra, d'aggiungete alUpags £ Il {iKl 
^ fiaqcd godnu dal Mtiduje di Redii l'i»! 
M fiMBBM di 11. £17 1 e di accordare per ri0>| 
^ al A«r*iu O. Luigi AmMX l' accteicioiciiil ' 
^ H. }36 aasuc all' ainiale dì hii paga & IliT*^. 
^ W erdiaiam n di apporre, rrTpetioal pcefitol'- 
roor A Sorfat l' opponuna antotazioDs 611 nw 
„ per r accennato di lui trafpoTto dzlla (ecoeà 
„ alla (eiza deUe fummeQtnvaie Compsgoid 1 
^ di br defcrivere pelrifpectivokHoaiiiscaD" 
„ hiUaae miliurt oafomo d'elfi aggetti) 
M fame a'siedefisi dalla data del (Hefenteiii 
^ comanicberete «/ CoturoUo GtiursU, lO^ 
M io aTVesire ragttHK ripartitameate , a qnm 
n maturati , Jfirénu Is lon fenrità , td dn^ 
„ ttnepUcitOt e ptegbiatno fenza più ilS^jno 
„ che TI coofèrri. Dal Caftello di MtMO&n 
jt 11 otiobse 1790. K Amtdta. 

, Dì Ctmaa» 



Giurdia Svizzera («)• 

CAfiiano. 

GHIDT Cavaliere Ffimcefco Federico^ 
», La grata rimembranza de'iènri^ 
»j con «ogni attenzione » e fedeltà pre* 
9, ftatid dagl' antenati del Cavaliere 
j, Franeefco Federico Ghidt • • • » d 
mofle, anni ibno» a confenrgli il ca- 
rico di Capitano in fecondo della 
nolfara Guardia Svizzera > ed affie^ 
me a decorarlo del grado» edaa- 
», zianità di Colonnello nella noftra 
», Fanteria: orapeldeceflb in ultimo 
luogo feguito del già Capitano della 
Guardia fuddetta Abiberg , dandofi 
„ r apertura di farlo ,paflare aW ef- 
„ fettiyità dell' accennato carico . • • » 
9, deputiamo il predino Cavaliere Fran^ 
», cefeo Federico Ghidt per Capitana 
»» effettivo delt anzidetta noftra Gttar^ 

a» din 



99 
99 



9» 



' ùnardia Svi^^efa rtdi qunnto fi ne diri 
tomo ttrio » Appendice» parte quarta p 
47. 



if dia Svi[{tta (i/fl , con tutti glìonóH , ^utoritl^ 
^^ prerogative » privilegi , utili , dritti ^ ed ogni 
)j altra coik a tal carico fpettante, ed apparte- 
j> netìte » « €olla fttjfa annua paga, offia penjiom 
9> di U. ^m. d' argento » da folcti venti caduna » di 
,» cui prefentemente gode , ' ed altre cofe » che 
j^ ne dipendono, ron rio, cheprefii il dovuto giu^ 
9) rtfxn^nro. Mancbamo pertanto , e comandiamo •«.^ 
^, ed 4i//' Ufficio GimraU del Soldo d* aflentarlo 
^ in tal qualità » con continuare a &rlo gioire di 
jj detta annua paga, oi&a penfione di 11. 5m. in 
99 denari contanti > ed a quartieri maturati » ri- 
M partitamente 9 fenta veruna detrazione , che tal' 
99 è noftta mente. Torino li 19 novembre 1745* 
99 C EmanucU» 

Bogino. 
(a) Oltre alta carica fuddetta dì Capitano » non dee 
tacer/i quella pure di Colonnello Generale 
de' Svizzeri della Guardia di S. M. : alquaU 
proposto vedi il Regio biglietto delli i$ giù* 
gno 17)1 diretto alla Camera, e di cui nella 
Pratica legale 9 paru feconda , /omo decimo 9 

P^g' M5» n^- 

// Ckiefa mila Cor. R. , par. i , pag. 9) 
ci fa menzione di un Conte Federico Tana 
Colonmllo, e Centrale de' Svizzeri » che fer* 
vivaoo z S. k.K. y e appunto nella ferie de' 
Cavalieri deW Ordine della Nun[iata (i) vi f 
trova egli nominato col titolo di Colonnello 
Generale degli Svizzeri, e Valefani. Mori 
ejfo li 13 nov emire 1690. 

Kedi pure qui fopra a pag* 515 ad fij 
le Patenti del Principe Luigi Carignano delli 
19 agofto 1774* 
(1) Pag. 16 9. 




S7t 
ipitifld in fecondo della Guatila Svt{[€ra4 

f UTTINGER Cavaliere Fedele. „ Prima 
j> che venga ad efegutrfi la nuova 

i<>' ji g>^ ordinata formazione del Reg« 
9» giinento Grigione, ora ^i Chrifi, 
sj volendo lioi provvedere allo fta« 
I, bilimento dell' attuale Luogotenente 
9j Colonnello d' eflò Corpo Cavaliere 
f9 Fedele Uttingtr • • • » abbiamo por«- 
u tati i noftri rìflef& alla circoftanza 
^ di trovarti il Capitano iella nofèrd 
sf Guariia Svinerà Cavaliere iìKaU 
yj bermatten diljpenrato ialt obbligo ii 
„ rifieiere preffo iella meiijima • ed 
^ euere perciò conveniente di defti* 
sy narvi nella qualità di Capitano in 
Si fecondo un Ufficiale iello Stato Mag* 
$y giorc delle noflre Truppe proprio pet 
j, riempiere le incumbenze di eiTa 
f^ carica» perii che, aderendo anche 
,y alle inftanze del nominata Cava^- 
jj liere t/ttinger 9 ci iiamo con piacere. 
9) difpofti a prefciegUerlo per Capitano 
,9 in fecenio iella mentovata nojlra 
^ Guariia Svinerà. Quindi • «deputili^ 
^j mo ilprefato Cavaliere Feiele Uttini» 
33 g^ P^^ Capitano infeconio iella men^ 
,^ sovata nojlra Guariia Svinerà » con 
,9 tutti gli onori , autorità , preroga* 
,, ti ve , preeminenze , privilegi , utili»^ 
„ dritti , annua paga ii II. ^m. ii 
y, Piemonte t ed ogni altra cola a tale 
9» carica fpettante» ed appaicenente^ 

a» con 



)» t«a ciò , che frtpi il dova» ^hcnncuo. U» 

M 4Ì*mo pertanto di nconofccib, fido 

M ticoaorcete. (lioiare, e riputare per C^aota 
3j fecondo dilla nofira Guardia Svi^^tra k |tó 
j, come fovra coftìtuito, ed alt l/pcto GaaJt 
a, dei Soldo di aireat^ilo ìd elTa qualità , ei&lht 
j, godere deila fuddetta annua ptg> ìiti ;oco 
sa tiftnuamtntt , a qaanitri ma/arati, iocotnts- 
» crando dal giorno del l'uo affeoto , e conti- 
„ Duando in avvenire, pendeste il tempo, chi 
^ farà provvido di cffo itrpìego di Cafiuae a 
*) /'tondo , e durante il oottro beneplacito d« 
„ tal' e no;tra mente. Dat. ella t'tams Ria 
t,li 9 giugno 1789. y. Amtd4o. 



Di Cnnuaib 



Titolo , e Prerogative di Capitano 
della Guardia Svizzera. 



I79J DE COURTEN Commendatort lu'S 

ao Eugenio. „ L' ttd avanzata, e gl'io- 

geonajo. „ commodi di falute, da cui trovifi 

„ moleftaio il Cavaliere G/ait Crea, 

i, e Commendatore Luigi Eugenio 

a. De Courun LuogoieQ.;DicGeDefila 

„ di Faatcìia nelle notlre Annate, 

„ non permettendogli di rievtpete 

„ più olue le iucumbeoze dtJl'it- 

n tual« Tua carica dt Capo del 9Jt^' 

M {dmetts 






99 






gì mento Svizzero Valeuano ir/ Tim^ nome , uamo 
entrati noila dirpolizione di ditpenfarlo ^ inaui- 
„ niera però che egli rappoiti da Noi accertate 
riprove de' riguaidi , che abbiaiDo pei lunghi 
fuoi fervigi : furono cjuefti mai fen pre da lui 
diftioti con pofitive teftimonianze di iaviezza» 
intelligenza» e vigilanza in tutti ì carichi fo- 
»> ftenuti ntiV addi iato Reggimento, finjgolac«- 
y, mente nell' efercisio dei comando d'eno^ e 
,y quante fono Hate le azioni» ed i fatti d'armi» 
cui egli ebbe la forte d' intervenire pendenti 
le pacate due guerre , altrettante furono le oc- 
cafìoni» nelle quali ha fegnato T intrepido fuo 
coraggio , e valore , come ne hnno ancho 
„ prova la ferita rilevata al braccio deftro «ir af^ 
9» fare di Cafteldelfino » e la contufione da lui 
jj fofFerta in una oofcia alla battaglia della Ma« 
j> donna delt Olmo ; per si fatte fue benemeren- 
,> ze ci fiamo compiaciuti di accompagnare la 
3, di lui ritirata dal fervizio» che ci prefta datfj 
9» anni » con accordargli a cafa Tua > e fenza ob- 
j» bligo di ultcrior fervizio» un trattenimento di 
,» 11. 8m. di Piemonte , da ceriifponderfógli per 
»» la concorrente di 11. óvn* fui bilancio militare^ 
j> e per le rimanenti 11. im. fulla paga fiiTatapel 
99 Colonnello delV additato Reggimento, coficchi 
99 coU'aggiunta di quanto gli è,pure altrimenti affé- 
jj guato egli troviti convenientemente provvido , e 
jj poiché la particolare diftìnzione de'fuoi fervigi lo 
j> rende altresì meritevole d' un onorìfico pubblico 
ij contraffegno del noftro gradimento » ci Jiamcj 
1» degnati di compartirglielo , con averlo decorato 
>i del titolo , e fregiato delle prerogative di Capi- 
ci tano della no/ira Guardia Svinerà y quindi è » 

>i che 



à 



57* _ 

„ che per te piefcoti . . . , ibbìamo decotao, |t 
„ e decoriamo il prtfaio CavaUttt Luigi bxyàn 
M Dt Courua del ciiolo , e delle piciogau» i 
M C»puaao delU aofira Guardia Sn^^ai, at 
w lutti gli OBOI ì , amori tà , pTceoiioeiizc.tpDn- 
»> l^K) ' ")" titolo rpeitaod , al appaitaWi 
„ tea ctòt chi prtfii U dovuto giuranttnio. Ma- 
,, diamo .... di ncofioCetlo , ftiloiiconutufc, 
„ ttimue , e riputare per decorato del à«io, t 
M delle prerogative di Capiiaao della doIIiiGm' 
„ dia Svizzera , ed oidiaiacDO all' [/^ nGivià 
„ Jtl Soldo d'<>(reDCajlo pei tìtolo luadivi^.i 
M di farloripartiianieDte > aquanieii maiurin.jiK 
„ dere dell'accennalo trattcniiDcDio di 11, ii, 
„ cioè di 11. ém. fui biUnciu cilitate , e 11 1& 
M Tu Ila meatovata paga fiSa'a pel CO'Dclb<d 
„ fuddeilo Re^g'tmeiito , iatotntneiOBdo^^f^ 
„ del di lui affcDio per l'additato itiolo 
^ tiauaudo m avveaire , ftiuUau U fua •f^i'ff] 
^ in vita y 0i CUI, tempo a tempo > dovàiao- 
„ fultste > e duraDteil coftrobeoepbc'io, pciàt 
„ tal' e Dolìia meote. Torino lì ae geniujo 0}]' 
^ K Amedeo. 

V. Di Maria P P. * R^, 

V, Petuti di Rortto, 

y. Vi SerraraUt, s 



^75 

libugierì Guardie della Porta di S. M. 

Capitano della prima CompaghìsB 

D£L CARRETTO (a) del Cerei Marchile 
Giufeppe Enrico. » • • • • Ci ha H 
Marchefe Giufeppe Enrico del Car* 
,9 retto del Cerei» Brigadiere di jF^ii- 
j» taria nelle noftre Armate» dati in 
»j ogni tempo motivi di particolare 

9» noftro gradimento • • ; • 

,9 A si fatti fuoi portamenti volendo 
,9 Noi 'far conifpondere gli effetti 
^ della Reale noftra munificenza, 
9» ci fiamo compiaciuti di nomi* 
. ^ narlo all' onorevole carica di Ca^ 
99 filano della prima Compagnia degli 
99 Archibugieri Guardie della noftra 
9^ Poru 9 in vece del Cavaliere Pont$ 
99 ^Eitto Governatore della Città 9 e 
99 Provincia -di Salu{^o\ quindi c^ 
99 ^e per* le prefenti • • • • depu- 
99 riamo il prefato Marchefi Giufeppe 
99 Enrico del Carretto del Cerei per 
99 Capitano della prima Compagnia degt 
99 Arcìùbugieri Guardie delia nofira Por-' 
99 r^9 con tutti gli onori 9 autorità 9 
99 prerogative > preeminenze » privi- 
99 legi 9 utili 9 dritti > ed 'ogni altra 
99 cola a tale carica fpettante 9 ed ap- 
99 partenente, e colV annua paga di 
99 11. jm* di Piemooftet e trattini^ 
99 mento di U. 600 fimilÌ9 ed altre 
figlia quant' altra mai cofpicua 9 ed illufire, 
e parla efiefdmente il Sanfovipo fogli ao^ 
10^9 edìiionc di Finegia 158^» 



f l'« ' 1 

|p^ co(e, che De dipeadono» ton tii, cJUpnftìl! 
[^ dovuto giuramento. MatUiamo petunto . . .. . 
L^ Tonno 4 marzo 178$. f. Amtito. 

w Cioaàa, 

l Capitaao della fieortAa Compagna 

L degli Aichibugierì Guardie deUi Pon 

It di S. M. 

1 1781 REBUFFO diTi*¥esCe«/(GiIp«eri» 

Pw_ i celco. „ . . . Noi, Boo iiDtopsi 

LcUceoibi. „ grai.io(a conlideiazìoae alleé. 

V, it b-^nemeieaze, quanto pei 

L> » ricolaie tìguaido alta lui 

L „ ci tiamo compiaciuti di i 

mi 1, alla catica di Capitano delU/u 

, / „ Compagnia degl' Atcbibugieiif 

„ leptefenti . .. dtpu^amo \\\ 
„ Conte Gjfpaie Francefco Ri 
„. it di Traves ptr Capitano delia Jt"* 

» „ Compagoia degl' ArchibugiciiGuJ'; 

„ die della noftra Poita, con tutti 
]> gli onori . . . , e coU^anmfV 
M di U. im. dì Piemonu, condii 
a, che prefli il dovuto giurtmail> i^ 
« gì' "^ quanio ha finora goJi* 
„ fui bilaacio militare. Mandiami^, 

„ tSDio , e coiDaodiatno " 

>, Miniftrì, ed Ufficiali, sì di giiiHi^* 

t, che di guena , ed a chiunque tifi' 

' ,t fìa Tpediente , di tico&orcerlo, f>^ 

i M t'conofcere, ftìmarC} eiipin^f? 

^ Cafi$ano da Noi coÉw fu)» 5°^ 



9> 
99 



Stf 
tuko» ed tfZr UjgUw GimràU del SM0 di a&. 

fentarlo in tale ijualirà» edi&rlo godere delU 
fuddetta annua paga di U. 3 m.» a quartieri ma- 
turati t ripartitamence » incominciando dal gìom9 
del fuo affento, e continuando in avvenire , du« 
raate la di lui ferviti » ed il noftro beneplacito* 
^ MoncaUm'i li 3 dicemibre 1781* K jtmidto. 

Coconitou 

Capitano Savrsnumtrmw ^ come infra* 

179^ POCHETTINI di SeravaUe CarstUré 

1 9 Luigi* 9, iVW tfor/i dei fervig) che il 

gennajo. »» Cavmliirt Luigi Pochittini di Seraral* 

9i U (a) Colonnello nelle noftre Trup- 
f 9 pe di Cavalleria , $ Dragoni ci ha con 
,9 merito di vera lode preitati nel Reg« 
,, gì mento dt^ noflri Cavalleggiéri ^ & 
1» tece egli mai tempre conofcere for«« 
3» nito d' impuntabUe elattezxa nejl^ 
9» riempimento de'fuoi doveri, e dii 
93 vivo zelo pel noftro fervizio : quefte * 
>, Aie commendevoli prerogative > che 
j» ci moflero già in febbrajo d^l 1791 
M ad affidarlo > che , allor quando il 
9f Capuano fovranumirario della fccon* 
99 da Compagnia degl' Archibugieri 
99 Guardie della noftra Porta Marcheji 
>> di Chanai (i) avefle ottenuta tefféui* 
9> vili del comando dell'additata Com- 
j, pagnia, lo avreflimo detti nato per 
91 Capitano fovranumirario della medi- 
9%fima , e' invitano 9 ora 9 che è fucce- 

(a) Seravalle Provincia d*Afti. 

(b) Ckana{^ in Savoja. 

Tom. IL O o 



i 



99 



57» 

duco d ooatmnplato calo , ad cfieimm ìi da- 
togli aflidasieato» con ocMiiinailo Ca^tmméfr 
rréuumurarìm della predetta Jumds^ Cooipagpia 
^ de^' Ardi3Nif|ìeri Goarcfie dtttii m^m. fmu^ 
^ ooiqnaceiidDci di pocefg|i aache con taloi già» 
„ %tt pileùre il giadimeaiOy che hanno pr«flb 
^ Noi incontiate le nnolte atteaiioni» che fi è 
^ date nel riempimeoto dell' vpoggiatarii incom- 
,^ benza dell' ifpexione genetale degli pedali mi- 
„ litarì. Qyimdi i, che colle piefcAri •••••• 

^9 deputiaa.o ti pi cfao Cavaliere Luigi Fo€kitwu 
^ di Seiavalle fer Capitano fa^réummtfmrw deSa 
^ fieonJa Compagnia degT iUcliìbugieii Guardie 
'm Jellm iiofirm Pena 9 con tutti gli onori , awoiità, 
j9 prerogatife # preeminenae » privilegi , ed ogni 
„ altra colà a t&le carica Spettante « ed apparte* 
sy^ncnre» e colla continuazione dell'annua paga 
^ di iL 2700 di Piemonte j con eiò^ che freftiil 
dùwuto giuramento. Mandiamo pertanto > e co- 
naodiamo.a tutti i noftrì Magiftrati> Miniftri, 
j» ed Lfficìali» si digiuftizia» che di guerra » ed 
99 a chiunque altro fia lpediente> di nconofceilo 
9% • • • 1 or ino li 19 gennaio 1796. V. Amiito. 

Di Cravanzana. 
Capitano efetmo^ come infra. 

1797 POCHETTINI di SeravaUe CavaUen 

IO Luigi. Piacque già al Re mio Sigaore, 

maggio* 9^ e Padre di glorìofa memoria» di 

>, paleiàre al Cavaliere Luigi Pocbet- 
st tini di Seravalle Brigadiere dì Ca- 
M vaUcria nelle nofire Armate , e Ca* 

^ pitano 



3» 

9> 




1> 
1> 



»» 
»> 



^^ Opitano (ovranumenurio dcìkificùndéi Compa- 
9» gnia degl* Archibugieri Guardie della noftia 
Porta con replicati tratti delia Sovrana fua bcr 
neficenza quanto gli foffero gradici iiervigjdt 
91 lui preltati nel Reggimento de* Cavalleggieri 

j, : Invitati Noi pute dai cemoskendevoli 

f, fuoi portamenti « e dalle molte virtuose doti.«. 
9, ci fiamo degnati di nominarlo Capitano tffttu* 
^ vd della predetta feconda Compagnia degl' Ar« 
^, chibugieri Guardie della noftra Porta» in vcq 
^9 del Marchefe di Chana^ refolì defunto. Quindi 
^, i^ che colle prefenti • • • • deputiamo il pre- 
fato Cavaliere Luigi Pocfuitini di Seravalle pit 
Capitano effettivo àcYiz feconda Compagnia degl* 
,» Archibugieri Guardie della noftra Porta » con 
^ tutti gli onori 9 autorità » prerogative » preemi-» 
nenzc , privilegi , utili » dritti » annua paga di 
U. }m. di Piemonte^ ed ogni altra cofa a tale 
carica fpettante» ed appartenente ^ con ciò > che 
gli ceiE quanto prima godeva » e prefti il do- 
9» vuto giuramento. Mandiamo • • • • • Torino 
95 li IO maggio 1797* C. Emanuele. 

Di Colloretto. 

1795 QUADRO di Cerefole Marchefe Giu« 

IO feppe. »t II ^« di Sardegna 9 di Ci' 

fcttemb. ,f prò , e GerufaUmme. All' Ufficio Ge« 

9, ncrale del Soldo. Neil* efercizio 
,9 della carica di Luogotenente fovra- 
^, numerario nelle Compagnie degl' 
99 Archibugieri Guardie della noftra 
99 Porta fta il Marchefe Gìufeppt 

91 Quadro 



91 







' »* Quadro di CersTole («) VfaggloM Belle bIì 
I ai Truppe dì Fanteria , fpicgaiido un cm ìok- 
M voleitnpegDO d'acctefcerc eoo ilfiducttfe» 
} M nianze d' aiuccamento , e zelo U fcddulaio- 
> •• oc» chs ci lifuliava già de' prtccdeoti (tnig 
u da luì predati nel Reggimento Pioniòài 
•I Tarino , cbe rimaneodo Noi iovitail i fidi 
*> percìù fperìaientaTe ouovì effaii delle m- 
' M Are grazie , ti fiamo dtgrutti di noimulg 
. » Luogottnifiit iffttnvo ntUt }u44iiu Cm^vti 
» eoo lutti gli oooti, auioriia, e pieicgui'Ci 
>• che ce fpe'iaDO , ed apparteojtooo , u w 
I M del CoQte V-.o'Riico i Ajrafca refoli difiuw, 
M fi erdimamo pertoato di allcjiiailo ia elb^ 
' u lità , e di facto godete tUlU paga dì ^ 
a» DOTecento rettantacinque, foldi (lieà,^«tiiu 
UJ Ceiefjle d}, che il Cbiefa ne/id Corona J(mÌ< !>I 
^< <^''< flato a giorni faci aht^u «> 
Mita nobiU fakbricit eretta Jal Sesaioi C^ 
Patarioo uno de'fuoi Coon. ! 

Qutfio luogo (j) viene /la'Scrittori frt^» 
temente rinomato per la rotta data dì'Éii» 
cefi fotta il comando di Franctj'co ii B"' 
ione Duem £ Anghien al Marcbefe del Vife), 
« aUri Capi delt Armata SpagnueU > Mim 

Ìuefii rul 1644 fi portavano ai fotarjt Ì 
'irro Colonna, 1 di Ftliet iAreù i&C»^ 
gnaDO affediati (4). 
{\) Borgo della Provincia d'AU», e DitafH 
Tonno. Vedi le noti[ii corografiche, dtf»' 
riche degli Slati di S. M. il JU di SarJqa 
TtìrÌBo prejjo il Deroffìt 1787.. 
(x) ^aite feconda, pag. £4. 
(5) Continua il Chiela nella pruitau pag. 6^ 
<4) DtUabattagUa di CaefoU figlia lt%t0Ì 
t f^^ fi parta ni lom. 1 tUfut^'Optratftf.^iì' 



5«i 

l^ per il pofto di Liiùgùuntnu effettivo selle Com- 

j> pagaie AiddiTifate , con ciò , ch€ gli ctffi quanta 
y, godeva fulla cafla dcUe penfioni ^ e trattem- 
), meati, incomiaciando dal giorno del fuoaf* 
^ fentOy e cootiauaodo in avvenire > durante la 
j» di lui fervitù, ed il noftro beneplacito, che 
,3 tale è noftra mente. Dat. al Caftello dìMon* 
,^ calieri li io fettembre 179$* V^ Amedeo. 

Di Cravanzana* 

Colonnello del Battaglione degli Invalidi. 

1791 LO VERA de Maria Cavaliere Gabriele. 

IO ,» ¥er U preferiti • • • • deputiamo i7 

ttovemb* ^ prefato Cavaliere Gabriele Lovera 

,, De Maria {a) per Colonnello del fiat- 

n taglione dei^ invali^ « con tutti gli 

„ onori • • • » annua paga di 11. 3.m 

,» di Piemonte, ed ogni altra cofaa 

jt tale cirica fpettante» ed apparto- 

j, nente , con ciò, che pretti il do- 

>» vuto giuramento* Mandiamo per- 

9» tanto • • . • Torino li i o novembre 

>i I79X* ^« Amedeo, 

Di Cravanzaiuu 

(a) Fratello del Marchefe C^r/ Lovera di Maria (i)» 

Primo Prefidente del Senato di Piemonte^ di 

CUI nel tom. j ipag. 29^. Vedi a favor diquefio 
le K. l^atcnti a2 o/^ri/^ 1796 ! ibi : .... Ci Jiamo 
99 difpofii non meno ad alU§gtrirlo dal pefo di un tali 
,y impiego^ chi a dargli un ononvole contraffcgno,.,^ 
,y eppeiò • «. . dtpuiiamà il prefato Marchejc ... per 
,9 nofiro Minifiro ai Staio .... coli' annuo tratteni- 
,y mento di 11. fetcemila, che mandiamo . . . di pa* 
99 S^^S^^ . . . i/t avvenire , durante il nodro benepla« 
1, cito, con che prefiì il dovuto giurimento \ . . 
(1) Qucfti , Caraliere Gran Croce, e Gran Cancelliere 
della Sacra Relieone , ed Ordine Militare de* 
Si. Maurizio, e £azzaro» 




f * Compagnie Franche 4* Difirtori ^Tt(uà. 

ì. 1795 RADICATI di Pnmeglio CaitétuTt F» 

[ ' tS dinsado. ,. // Rt £ S^tJ^km , £ Gì 

I VMtXO* t» /"""t ' ^ GeruJaUmme. All'Uficio 

I „ Generale del Soldo. Nel ict It 

[ ,( nollie detenninazioDÌ per riim 

k „ ad una fola /« ^m CooipognioFta* 

m t, che di' Difertori graiiati ptovesiMI 

L M Dell' anno fcoifo <^//d Saitfu, 

P' >, abbiamo ftimatodì pterceglierepd 

w^ „ comando della medefiiDaiJ p^^ 

V^ „ filano Ttnent* m efle Cooifwgaie 

' I, Franche Cavalitrt Ftrdinan^ R^ 

„ dicati Ji P rimeglio t il quale, efia* 

„ dofi tuttora applicato al lieaipioicsn 

M de* fuoì doveri , e ad acquìftaie ti 

„ conofcenza delle qiuliià degi'» 

„ dividui delle additate Compagùei 

„ ci rende perfuaiì , cbe tara pM 

* M ben diflmpegDaifi oel comando di 

M quella, cui effe vengono xidone; 

at Chepptrò ci liatno compiaciuti ii 

"*?.' i> conferirgli ilfofioAi Capitano dell» 

u fuddetta Cotcpagnia Franca i* D> 

„ ftftori gra^iaiit con tutti gli onon, 

r*# ,, autorità , e prerogative, che ae 

* ' „ fpettano, ed appartengono; riw- 

ft dimarno penanto di affentailo « 

M efla qualità, e dì farlo godere dell' 

M annua paga , e vantaggi fifTati diUo 

), ftabìlimento noftro dei u g'Ug"^ 

j, i-78£, incorni Dciando da! giotoO 

M del Aio affeoto, e continuaaJo il 

„ arTenite, 



I 



58J 
nfentfi $ dnfuf e h di luì ferviti , ed il nch 

ro beneplaciie» cho tale è noftra mente. 

orino li.iS marzo 1795* f^* AttuJUo. 



DI Cravanzanaw 



nndli Cooia&dafitij 



xuelii > di Tanurìm 



goce&eiiti Colonnelli 



GATTINARA Cavaliert Carlo « Colon- 
I nello ComanJUnu del Reggimento delU 

lOè GiiardU. „ Deputiamo // prefato Ca^ 
j^Védigro Carlo Gatdnara per Colon* 
j, tulio Comandante del Riggimcnto 
,, ieUg Guarditi con tutti gli onori, 
5j autorità , prerogative » preeminenze» 
,9 prifjlcKJi utili » cUitti, ed ognial* 
^9 tu cou a tale carica (pertante , ed 
59 appartenente > # roi/* annua paga di 
• . j, il* 441^9 razioni ^iir di pane,ii/x 
t, tfàbanu^ alloggiamento » utenfilij 
j> piazze di fieno « e biada ^ ed altre 
j9 cofe a ficonda dello ftabilimenta 
I, ttoftro 27 agofto 1774 diretto alT 
5, Uf&2Ìo Generale del Soldo , con 
j» db » e&^ predi il dovuto giura^- 
ji mento» Mandiamo pertanto , e co- 
M mandiamo a tutti li • r « # Torino 
I» gli II maczo. 1777* AC Amedeo. 

Qirsmina. 



SU 

. 179} DES HAYES di Mu^ancC^mt Gi|fm 
14 Cablano («) , ColonntUo di Fauem» 

febbraio. mi iafrM. .,1ai vìniiofc prciogune, 
f, che li CoDte Galpue Gaetano des 
^ Htyes tii Mudano coDliain a iat 
u app^itite nell' ioipiego di rfOMin- 
M ^cre della Prìncipeflji di PianDitt 
M biia amaiilGma Nuon, e le oon 
„ lallentate leftìaioiuaDze di telo, 
f, applicazione , ed elàitezu , cbe 
„ dà a dÌTcdeie Deli' eferdtio dell' 
„ auuale Aia caitca di Luegoumau 
,» Cclon/uUo del ReggimeoiO AA 
„ Guardit , acctefcODo lalmeaie k 
„ foddisfazioBe* che ci lifiil'ò fao* 
„ pie anche dai lodevoli piSìùiui 
„ fervigi, che ci fiamo votenticòii* 
„ rpolli a palefargli in queflaciic» 
„ ttarza la cura > che prendiaiDo d*' 
„ Oiiiìtari di lui anozaiuemi . . . • 

„ quindi ì, eh* eco- 

s, feriamo al piefaio Coo(e Gafpnt 

„ Gaetano Des Hayes di Muflaio 

(a) Il di lui avo paterno j Franctji Ji nazioni, ^ 

to a lungo fiipendio di yittorio Amtdt» IL 

Duca di Savoja , trovavafi Governaut* £ 

Vercelli nel 1704, quando qutlU Otti f* 

I afftdiatu da' Franctfi. 

I, Se ne parla con tlogio grand* neìle Mtmi^ 

t'te ìftoriche della gueria na la Cafa f Jf 

fria, e la Cafa di Borhont (i) per gli Stali 

della Monarchia dì Spagna dopo la morte ii 

Carlo II, dall'anno 1701 (ino all' anso 171^ 

dcfcVitte dal P. A. V. , «</»;. di Venezia id 

I7J1 , t altra del lj}6. 

(1) Pag, ZJ7 ad 2(0. 



i 



.( 



j» 3 godo, ed iPMntà di CòhmÈfth di Fm» 
3, uria nelle noftie Troppe » ccm tmtti gU omori^ 
y» autontà» preio|pidipe » pctemineiize » privile^» 
,» ed ogni altra coià a ttli gtado» ed ant i anir à 
^ ipettante» ed appanenente» cam ciò, ck€ pre* 
,^ fti il dovuto giuramento. MéOidimmo • • • di rico* 
9, nofcerlo, 6uio riconofcere» (tiinare» e npu- 
„ tare per ColontuUo di Fmaurìa nelle nofton 
,9 Truppe da Noi come forra coftiruito , ti mlt 
y. Ufficio GcfurmU del SoUo di aflentarlo pel 
t» gtado» ed anzianità fovraccenniti ^ poiché tal'c 
^ noftra mente. Terùio li 14 febbn^o i795« * 
9» y. Amedeo* 

Di Cravanzana* 

1794 DES HAYES di UvJbjio Conte Gafpare 
3 Gaetano » Colonnello in fecondo iie< 

Reggimento delle Guardie, y» • • . • 
y. Deputiamo il presto Conte Gafpare 
j9 Gaetano DesHayes di Muflano^ 
tj Colonnello in fecondo del Reggi- 
9» mento ie^ Guardie , con' tutti gli 
j» onori , autorità » prerogative » pree- 
t, minenze » privilegi » utili , diitti , 
,, annua paga , e vantaggi fifl^ti dallo 
^ ftabilimcDto noftro de* 21 giugno 
j> 1786 , ed ogni altra cofa a tale 
99 carica fpettaote, ed appartenente » 
9» con ciò 9 . che prefii il dovuto giù* 
M ramento. Mandiamo pertanto • • . • 
j» di rìconofcerlo» farlo riconofcere» 
j, ftimare, e riputare per Colonnello 
99 #n fecondo del Reggimento delle 

a. Guardie 



fS6 

„ Guatdie daooi» comefoTia, coftinùto,iJi( 
„ Ufficia GtatrtU dtl Soldo di affeatuld ia A 
„ cjualità, e di futo cìpartiiameiite, a i 
„ matuiati, godtrt dtilapaga^ t vantaggi 
„ fati , iacomiucìuido dal gioioo del fuo 
M e coBtiouaodo io avveotre , éuratut IiiiU 
» /<"■•'« , '^ il nopro ttrupUuiio , poicbt nle ) 
„ DUttia meoie. Termo ) a^iUe ty^^y.JmiMtt 
Di CtansucL 

1794 MORAND di 5. Sulpìce C^elitnl.^ 
} BK) , Ltutgottnenu Coloniullc del R( 

^iciltt. gimeoto dtUt Guardìt. „ Le comi 

„ devolt prercg'itive di capaciii 
j, tivitì, attenzioDe, e zelo, di 
„ il Cavaliere Eagtnso MoranAJtS. 
„ Stttfue t Maggiore del ReggimciW 
„ d€lU Guarditi ù fece conofc« ' 
„ foiBÌlo «eir efcrcizio de'anviu 
f, lÌDOia coperti , vieppiù dìffiste tf- I 
j, parvero nelh fcorfa campagna , il ' 
,> cui le fece egli {piccate vaóit 1 
^ valoto(a feimezza , e buon cobu* 
t, f^o in tutte le occaJìont . . . . < 
j> C)ieppeiò...cÌftaii]odegDa6diptiy 
,' „ moverlo alla carica di Luogottium 

t. Colonnello del ReggimeQiofuddcM 
„ delle Guardie in vece del Conte & • 
t. Muffino fdito Colotuiello io J.it0i 
„ quindi . . . deputiamo ilpref*toCa*f 
t, ìitrtEugtnioMoranddiS.Sìdfui^ 
„ Lucgoitnentt ColonntUodel Rfg- 
t, meato dtlU Guardie , cod tnio gfi 
j, oDori , autontii , prerogative . pree' 
„ mineoze, piivilcg] , uiUÌ,diiai* 




f9f 





. „ di Ini pomme^ sd Ufcurd vi 
Smijmlfiiw m Savcqa : r€di la Coiqbì Rcdb 

) Jffiffi Jtrcktwj Cerner Mài 9 ck>c atl rti«iu.*:c (t) 
JU 17S) per la SaTOÌa (x) » 'vf «/f r#«:« >« 
gar Monnd Moofoct S.t Sulpicc» l'i«iìjt», 
S.t Thibétud d€ Com^ , & fériU do li Mo(i« « 
sua yÓMS & noci Ì€ MoDtort* 

Per ordiiu olféLbttUo di Famiglii. 

Già déL noi cìiato ntl tomo pciino» ^///.< 
foru frimm, pag. 14. 



9^ 



•mèm. 




•f *■*•■•* • *^ il Mll MI ««MB • 

I» ooalariaao «I frmfmm um- 

» lurv Omom HìtmI é^ U Mmum di Sm 
^ Smlfi^w il gn^y ed sonanhà di Umgmmnm 
^ C§limmttt0 adfe aoftte Troppe diFsmurmp eoa 
s» and gli OBoiiy annriià, ptMogauve, puomi- 
j» Desse, pimlegì» ed ogeiakmcofr a iilegii- 
j» dOy edansaDÌtà<peraete,edappanef>eBie,cwi 
t» €9^9 €k€ pieffiil dovuto granmeeiCK Mmmiimm 
I» peftaeto • • . • , ed all' Ufficio Geeciale del 
j» S^rfdo di aflentarlo per il gcido, ed aesiaoità 
M fopracrcimiti « poiché tal' è eoftra mente. Tmim 
9t li |i maizo i79^« V* Anuim. 

y. Msffimino ptl CoturéL Gau 
y. Di SeréO^mlU. 

Di CaTanzaaa. 

177^ DE LA GRAVE Ccvéflicr^ Giufeppe Nk 

20 colio y Colonnello Commndsnu come 

febbraio. infra* », Pir U prefimi • • • • depn- 

9, tiamo il prefètto CéL^slUre Giufeppi 
,9 Nicolao de U Grave per Colonnelk 
j, Comandanu il Reg^mento di Sa* 
y, vo']a, con tutù gà onori ^ e colt 
y, annua paga di IL 545^ di Pie» 
,t monte , razioni due ^ f tfii# al gìor- 
^, no , «n trabante , aUnggìamento , 
n utcniiiij piazze di fieno, e àiada, 

MM ed 





3, eé alm cab Rottale drfb fbbK 

do* 27 agoito 1774 diKao ad' Ufixsn 
^, nde del Soldo» m« f^» tkm ossiti ti 

giurameiito , € rgfU nftrpmm^ m Tementi CA 
^y nelli iuoi più a&ziam, osa tcsvMon mU^ 
^ ftre Troppe di Faueria, U hr^ ét^umf^ . ftf 
^ goderne antenooocace al meddimfl. mi 'S^ "& 
^ pfomoaioiie alla faddeira canea, ^ 1p^^^ ^ 
^ Colonnello. Uamàum^ f^nmmm # iJ^g <ii >*#^ <i 
3, a funi ti BoBn Magvttxao , « « . l^jm A u 
,» febbrajo i77** ^» " ^ 



1791 DI ^ONNAZ cfHafacmt V, Omu^^-^^^ 

8 CéiotuuUù del KefgniMiiv ^ ^^"^Aw 

marzo* come WiÉca. » » . /, ^ ^ /ì^^m 



M 




M ooof 1 , aattcc^a ^ yt^stf^^j^x p ft%^ 

99 mnams^ fs^ , e iracc^f^ i£stfi lalo 
9» ftat'i.flun» acÉM d4^ 11 ^'^'Sa'^ 
j» 17^^ » ed <4[^ aloa cri» a cale 



Joaao S fbano 1791. ^« AauJt», 



Di 



(a) A^«ii f«i y^/rtf b pag> 547.< 





5W 

I79ft DE BOTTEILLER Oandio» Lmfg§iauni$ 

|i ColoiMtUo del Reggimento JU SopcU 

saggio» M • • • Deputiamo il pre6ito nobile 

M GUadio de BoiuUUr per Lmogoti- 
j» mitir Cal§MmelÌ0 del Redìmento 
99 tflì Smtojm^ con tutti gb onori ^ 
,3 antoriti, prerogatiw , pieeminenzej 
^ piinlen» utili » dritti» ed ogni al- 
j» tia cote a tale carica gitante »ed 
»» appaftenente t coll'aimua paga» e 
»» Tantaggi fiflati dallo ttabilinienio 
», noftro de' 12 pugno ^78^» con 
»» ciò » clu prdtì il dovuto giuia- 
», mento • • » Torino^ li 31 maggio 
», lyc^i* ^» Amtitù. 

Radicati. 

1791 FERRERÒ della Mannoxa Ci vtf/ìr/-c Luigi, 
I Colonnello Co^andanu del Reggi- 

maggio* mento dì Piemoote. >» £4 nuova di* 

,, fttnaiiom ^ che per motivi di fa- 
,^ Iute abbiamo data al Cavaliere di 
»» ^^^5)^ (dismettendoci nclcafo di rim- 
»» piazzarlo nella carica» che coprivi 
,, di Colonnello Comandéinu del Rcg* 
»> gifnento di Piemonu » (i è fatto 
,, prefente per la medelima ai noftrì 
^, riflcfli 1/ Brigadiere d'ArmaU, ed 
^, Ajurante Geoersle di dipartimeoto 
,, nella noftra Fanterìa Cavaliere Luigi 
^f Ferrerò della Marmora \ quindi è , 
(a) Delli Clza (1) Baroni di Grify» e Conti di 
Pecette fi fa men[ione nella Cor. Reale» 
pene prima t pag. 94, 
(i) Originar') di Chieii* Cor. Reale ^ parte fecon- 
da» pag. 151» 




e iur r iì 9^ mrut^ 

ics .^j>tvait«^v^ ^ 



fi csi hi « cve jtcf^^n^ 6 .iw^^rrt /vtjM^>** 

h Signori ^ Bmtì^t^ % t f^èm^^y^ ^ l^^ll 
che diMmàèUmm, (^ nelU \aIIc Ui L\KCii^«. 

(«) FnroDo chiamad tGuri « ^\uX\ f^^^tfk « o fV'^Vf^ 
Cosi il Sanfbvino « OW^int \klic K«nM)^h«' MÌM« 
Ari , foglh 29 , cdit. ìii VìikrU 1581 1 INt/i^ »l 
ionio terso dtlU prtftju% Ofifé^ pt|% Ila *ìt ll|i 

(1) O fia BiàHéaa. 



ed aMoarohampiariio. cbotri^cMifta 
7«rÌM il pano «"gg»** 1791* #^* 

Di 



•> 



S» 



1797 DI BREMFT AoMf-TMisr» I 

IO CotOMicllo cfeitifo icf tUggummm 

tthofo. iE««& JtUmmtm^n ^ Soao OM dnici 

,9 I0 |uofe di sdo» che dEngmiuri 
M di Fantoria nelle softue Amaie Ai- 
j9 r^jM Teodofo Giadeto M Br^mft^ 
a, Coloiuiello in fecondò Jd JUgg^ 
mtmio iUe/!r ^/bveme he date peiH 
dente la fcoda gverra» e cmì di« 
ftinei i iàg^ di fermezza » di ce» 
pacità, e di prudenza j che ha egli 
fatte apparire nei comando da lui 
ibftenuto neil' ultimo paflato inver* 
DO delle Truppe» che coprivano 
i pofti avanzati verfo Cn^ii» é U 
PeJagurm, che rimanendo Noi in- 
vitati a manifeftargli la confideoza, 
che hanno preflo di N(n meritato 
le molte oommendevoli preioga* 
tìve» ond'è fomitOj Ci namode- 
gnad ài nominarlo ColonmUo ffiui^ 
vo del predetto Reggimento \ Cfaep* 
però colie prefenti » di noftra ceita 
»t (cienza» e Regia autorità •••>eleg« 
9^ giamo 9 creame s coftituiamo » e do» 
j» putiamo il prefeto Bmrone Teodoro 
9j GiécUuo di JBrempt per CoUmnelh 



» 
M 
«9 
99 
99 
99 
19 
99 
99 



S9Ì . 
fiidvo del Reggimento Reale AlemaDoo » co» 

Hill gli onori. • • 9 e coll'aonua pag«i di 11 éoQO Ji 

^ùmomcf comprefe IL 164 per h Traàsntip 

B IL 19< per r allogg amento t ed uunfili» 

•bftf alle due razioai di i>ane ol giorno , ed 

Ogni alci»' cofa a tale carica frettante» ed 

ippaneneote » con ciò , eh* pretti il dovuto 

;iuraoieoto. Mandinmo pertanto # comnnitmmB 

i tutti li Doftri Ma'giltrati, Mìniftri , ed VJffi* 

lalis si di e^ulUxia » che di guerra^ ed a cbiuoc» 

|ue altro Sa fpedieotej ii riconofccrlo , fmrh 

te^nojccrc, ftimare» e riputare per Colonnello 

ffetnvo del Rcggimenip AcaU Alemanno da 

loi come fovra cottituito , od alt Ufficio GonC" 

mio del Soldo di affcutarlo in cfla qualità , • 

1 farlo npartitamente ^ a quartieri ma'uran^ 

odoro dolt annuM fogo , e vantétgf^j fuddivifmti\ 

BGuminciando dal giorno del . iuo aflento , e 

oMitnuando in owcmro^ durante la di lui Ter*» 

ìràj ed il noftro beneplacito j che tal' è no- 

kcn mente. Torino ti 10 Éìebbrajo 1797. 

FO ^k9^W^O^O9^H^OO^^0 

Di Cravanzana* 

I alcuni fegl) intitolati CW/BiMi 9 che ufcirono 
conente anno 1798 da'torch) di qvelta Stam- 
ia Reale {n) leggo corno figuo, 

i€9%. Sul princìpio dell* anno 1698 il Reg^ 
omto fu formato in Saffonia » e giunfe in Pio* 
uo fyno gli ordini del Generali Conte di Schou^ 
"nnrgs.il quale arrivò (òtto il fotte dìiDemonn 

II di aS maggio mila circo fianca di efferfi com- 
fiuù i ceoto anni » dacchi il Reggimento Ale 
manna di Brcmpt prefia i Juoi Jery^j mtii: 
iari alla Real Cafa di Savoja. 

Tom. IL Pp 



194 

mMa. yJk 41 SfMi li %% m^gio Mio Mbaor 
ao I il giocDp 16 ricdveoc 1/ Rgggàmigmi» la &ia 
sciamiti» e dopo avei paflaa la ic^vifta farti lo 
tutto gioflBO pei aBcbtc ad eocupaie il potto detto 
JélU BsmcMU aalia ftefià Valle Ji Stmv. 

1704. iV Jlj§gimMM$o fi dìftìsfe atl*afim 
if* /fVAi , of fi ^rofio fDteti due Caf^tam» • dna 
fjnogoteacBlì. 

170$. // MÉggimmm^ kttam% T addio dì 
Tmin^ iM^flie ^Stta lomta £ttta li 7 Jtsma^t^ 
in cui pfeÉB patta alla battaglia dala^^TiVifirì^ 
Mu§nÙ0 di S0M€fM all'Anpata FraoGofia» o vi £ 
dUlhnie il JUggim^ago , tasto aell'afledia , che neUji 
battaglia, vi pemuno mota UIBzialit o molti f^ 
•Daiaro feriti* 

1713. Il RàggimeBW ha cedìì» féi VffiiUU 
l «è ^uali tt Msriuu i^ J^gsurmm ) » e molti Baffi 
ijffixiaii s par formale » ed orgaaizzace il A€fpr 
itttnio AUmdfmù di HhMtmdew. 

1744. Un fiattagiicme età di goeni^i^OBe 4 
Cufuo per fofkeneme raffedio* e 1* altro era alla 
battaglia dtUa Madonns dtWOlme^ dove tre Ufii* 
aiali ¥Ì biìciarono la vita. Il Reggimento fi e anche 
diftÌDto alla battaglia di Parma « ed a quella di 
<Campo /anta , come pure ali* a^io di Mùdma » 
-a Reggio 9 ed alla preia S Savomeu 

1795 fM ^l 17960 U Reggimento ha io- 
ilcnuto con Tuo onore tutte le iocumbeiiae j che 
ebbe in quefta guerra. 

Sì aDaoveraao fra li difiinù MiUun , che la 
Germania fomminiftrò odia Reale Caia di SAMJa: 

trimo. I^verfi Conti di S^houkmbéMrg .^ fta 
Tui fi ha il Come Mam^ Gioanm^ il quale paftò 
-poi al iervijùo ddk ftepuhUica Vcaeta > ed a 




chi il Sinat^ 6sce edgerc; yiut S](afi«i cK marma 

in Corfh io licoooiceiza della bella difela fatta 

Sffife «A po^tó. giofui il Fqrt^ Munn di Fcjjo- 
;r^, « Qce^ i;^l IT^-i li ^Qggimentt Provin- 
ciaiU; «gii U p^f^:^it»i.t3^ l* Artiglieria , ed è 
iportQ Crfv<74^(gcc di Pinmclf^^ ^ffendo Cavaliero 
d^' Oleine Sj^pifipp Jilf^ òfi. 4ltinnun{tata. 

MaxefqiaU9- r 

4» |1 BacQpc 4is Lmrum j il quale fi refe 
celebre per U prcfa 4* 4fii» cbe forzò T inimico 
t lemure y ^fledio 4^Ì{i Cmì^U^ì Jt AUQandria , 
per la bella dife^ dcUa L\nò^ di Cuneo , di cui 

f. lì Gei^ecfle Cafone 4i J^^nilun fucceflbre 
^i SchoultntQurf. 

((. Il Gener^fi bfjfon^ YV^fffnktim fucce£> 
fore 4^ Qeaeri^e ^^i^trj^. 

7* Si^ccedettcì ^ quatti il Generale Barone 
M firémfi Cavaliere Gran Croce della Sacra Re* 
ligione, ed Ordine Militare de Santi Maurilio ^ 
^ l^il^ro, morto Gipveriiftprf fl^ ff^trolp. , 

j^, U Ge^^ca)^ ^ Ziv^/f^ f^|p€f;fiore d{pl Ge« 
negale ^ L€f^^k4^ ^ il ^|i^ cf^ ^ poto pi^r i f^oi 
talenti mJljt|unu 

9, ffct^al^ C#P9» c^ Proprietario del Regi 
gimeAfp fof^^^ Tcp4o?9 4^ &^ff[f ? Cavalieie dell* 
Ordino M^VM^o dè'^s. Mauiifio» e Lazzaro, 
friféidhr€ G$nir4U ht^t i(.eg^ Armate » tìglio ael 
fpma^eodaio GtuMrài^ (k). ^ ' 
j) VùU qui Jopra U fgg. 505 ,5?^^» * 5^7- 



g 




V 



BLBgglOiWto Provladàle <It T^héti 

,\7SS ,PO^K' éi Ciriè Mirdufi Ald&adio^, 

'■' :' %6 Colonnello de! RegppiSBtò '^rónBi 

''||>aU(Ì;' ciale 4i Tor>n% „ i^ le prfft^»ri%, 

'*' ' ,. deputiamoiipvè^értDjMWpdOt/SfW* 

' ■ * *, '„ fandio Doiii'iflCCifii jpt^ OMf 

r.. .. ( , ^^ ^^,^^ j^^ R^glmenfo Pnnji|icikb 

(^ di Torino^ cpn'tuni ^i béori, 

(, - -, "'m Ignoriti,'- pfer^uive , preCtniaep- 

j^ . «M, wtUi, dritti, «4 B^ oiHb 1 

''. 'jf'c^ orici Qwtptnti , M llh^'*?* 

^ ' ' . ,1; neéti, « coir «jìhm jf^f* a e vn* 

* ' - n^EP* '*'!" ** téii<>'e degl* orditi 

^ som fbBQ rifpettiTimentp fiffini 

|. I, pei il fqddetto impiego, si allordi 

' „ li Reggimento fi opti ali* «mule 

y feifizio, cbe noi tempo refta dK- 

' ,, penfito dal oiedemo « con fìÀ , cjk* 

f, ptpfti II dovuto giuiameoto .'...r 

Bogiao, 

i7jf PEILA CHIESA di Od^abd Méfthtft 

' \6 Giufeppe, Tcneiiw Cffl^nac//» del Ree* 

' b)([UQ« gioiento Proviociile 4i Torino. » O 

M ^^» di CU) tionfì aqtmato jMf 

^ il Doftio ftrmio il Murcktfi Gàh 

nfipFf 4'li' ^huftitìCétU0tiOf Mag- 

'„ giore tfti Rt^gi^fto FrovinttMUi 

'' ^ ■^fi*> e l'efsttezza nelle militudi* 

,i^ fc'plipt* collf quile egli A diflii^ 

•» gutt * ci luDDO Invitati a dargli obi 

>j panicolar teftinoaiaaaa del gia^ 

ft tDODio , che egli lu fii^ di 14(4 



^ tntofittato • è é è è é qisindi é^ clid * è. • • • ^ 
^ deputiamo il prefato Marchefe Giufgpp^ déUà 
^ Ckiifa di Cìniano per Tenente ColonntUa dei 
jt Reggimento nofirp Provinciale di Torino^ eoa 
j^ tutti gli onori 9 autoiità » prerogative » preemi* 
^, neaze » privilegi , utili , diitti , ed altre ìcofe ^ 
^, che ne fpettanp^ ed appartengono» e eplt an^ 
^ nséS pagM y e vantaggi j che m tonare degt ordini ' 
g^ tiofiri fono rifpettiyaoiente fidati per detto i^u- 
it pi^go» ^^ ailorcbc il Reggimento fi uova all' 
^^ attuale fecviasio» chd nel tempo» in cui nere- 
^, fta difpenfiito dal medefi.no » i/i v/c^ del Mar* 
,^ chefe i/x Cirik fatto Colonnello , ron ciò , c\é 
j^ pretti il dovuto giuramentOé Mandiamo • • • ^ 
^ ed all' Ufficio Generale del Soldo d' aflfentaida 
j» in tal (qualità, e di farlo gioire della paga» e 
^ vaUtagg] iuddetti in denari contanti » ed a' fuoi 
^ debiti tempi » ^enza veruna detrazione » inco^ 
j^ minciando dal giorno del fuo afientó ^ e Gon« 
^ tinuando in avvenire » durante |a di lui fervitù^ 
j9 ed il noftro beneplacito» che tal' è noftta meùte^ 
A9 Torino h ié luglio I7j5« CI ÈmànueUé 

Bogino. 

^ ntl BRUNO Vaffallo felice Saverio» C</- 
I ionnello del Reggimento Provinciale di 

lDan^4 TorinOé ,, Quindi • • • per le prefenti 

>» • « « deputiamo il prefato ^affaUo 
^» Felice Saverio Bruno per Colon- 
I» nello del Reggimento Provinciale 
jj di Tonno . coji tutti gli onori » 
,» autorità » prerogative , preminenze» 
j» privilegi • utili , dritti » ed ogni al- 
^» tra cola a tale carica fpettante , ed 
A • ^ apparteniente » e colC annua fétga» 




» e vaati^gì filTàti dattA fbViHmentofeòliJtVi» 
^ dsllo fcxrfo giugno, con tti> , ekt prift il i»- \f 
A vute giuramtnto ', Maorfienio pcRtoto . . . . i 
,> ed eH' Uffizio tieocrale del Soldo Airfiaiiilt 
/, in tale qualità, « di farlo a fuo ttaxfo^ìéat 
,) dell' àaoua paga , « vantaggi fudiiem , ÌBcenB> 
^, cindo del giòrBo d«l fùo sfitmto, e cmo- 
,, nuaado io avveoir^, duriate U di hi (enitù, 
„ ed il Tioftfo bcnoplaciio. Torino li } bum 
„ I787. y. Amen.. 

CocOUDt 

i>87 BOSSI Melchtbre, Luogotai**u ÙUt- 

t« rtrtfu Jil Reggimento Provata^ Ì 

lauto. Torino. „ Nella foroiazioBC dri w» 

„ »0 Corpo ProvÌDciale di Stjt ó 

», deteTinitiaTTimo s m^pomm pH 

» Maggiora di Reggitnesto il pt 

>, Maggiore Comandantis oeR) U- 

,> giooe degl'AccampaineaTi Ml'eJbw 

•"-"" „ fio/i5, coir afpettaiiv» pieotmefcii 

,1 da lui riempita, che la xetaBteti* 

-— „ ti «ita , e le militari doti, di cui G 

„ fece tuttora conofceretbrDÌto,inet 

,. bero cootribuiio al buon efitodilll 

„ dìvcri'e operazioni, che tichioifr 

' „ vanii per mettere lo Heflò Corpo 

** "^ „ fui prefcritto (iftema di fecrizioi 

„ OM però, che eolla yromoiioiuid 

' ''' ,, Vafiàllo BrtiDO al Com^néo del 

* »> Reggirtiento Provinciale di TenM, 

■ *- », fi e io queUo refa vacaiue la £*■ 

' ' „ rìca di Luogotenente ColonntUo , 

„ aderiirao tanto più volentieri ali» 

'-^1 " „ inflanie, -eh» effo Maggioie B»P 



^, ri lttiWÌMe«OBdbrfeat«m nélb Aiflb Reg« 

9^ giineato per coptirU» i« quaota» ohe meaiori 
j, della diftiazione de'feryigj t che prima del 
9, fuo (HAig|;ìo Belt'addiuca LeaioAe vi ha pw^ 
ff ftati , ancia utile occaitoiii » atte <|uali fi uovo 
te aùcora im tempo d* iotervenice pendeoce k 
», Ì€Or(a f ttwra 1 rimao^hiamo acceruti della co* 
u fttttte ma premura di renderci fruuuofo il di 
j> lui xek> , r Tempre piik grati i fugi poxtamend. 
,y Qtfiedi è ) che . • • . dipuùamo il prefato Mtlchiort 
»» Jie^ par LmogoiemnH CóUnndh^ del Reggi- 
^1 mento Pkoviociale di T^rimo » con tutti gli onori» 
9> autorità» pierogative, preminenze! privilegi» 
>i ntilly ^tti » €^ ogni altra cofa a tale canoe 
I» fpetmnte ^ ed appaicenente » r colT dnnua paga^ 
M * vantaggi fifliati </«iXe fkibilwrnnto nofiro de iz 
») idXci /m»^ f ^^|f^ > con ciò 9 che pretti il do« 
» Vtttò ginramentò » e itafti liiervata ai Maggiori» 
>» di lui pia anziani iervtenti nelle nolire frup- 
$t p% éi Fanteria la loro tineianità » per goderne 
»» MMridrmenie al medefimo , venendo promoffi 
^ alla wrica , é grado di Tenente Colonnello* 
»» Mdndiém0 pertanto « v • di rioonofcerlo » farlo 
^ ricottofcére » ftimare, e riputare per Luogote- 
t> nente Colonnelle del Reggimento Provinciale 
»» di 7(0NM daNoi come fótta coAitùìto , a^^//* 
I» Sfljlilie iMnèféU dèi Soldo d» ailentarlo in tale 
j» quiéicè) e di ^o a Aii> tempo godere dell' 
%f annui paga, e vantaggi Suddetti » iocomincian- 
»» do dafl giorno del roo aflento, e coatmuando 
I, in at¥inire» durante la di Ini fervitù^ ed il 
1, no^è' beneplacito i che tale è poftra ment^t 
^ T^rirt^ lì i^e. marino 1787* ^# Amedeo, 



• •« • 



Coconito* 




Colonneltì , e Luogotenenti ColonstUÌ 

'^^ Reggimento di Cavalleiìt, J 

1787 ROERO di Mooibarooe Cffv<£i/f Ih* ] 

mtobts. Savoia Cavaileria. „ Ptr U fifm 
!>.... deputiamo d pTtfst» Ìmt> 
„ lUrt EmtututU Rotro dt Mpmksrm 
t, per CclonntUo tfftltno é<i Rigp- 
t, mento di Savoja CavaiJai* , cfa 
„ tutti gli oflori > autonti , pretcp- 
w live > preeminense , pcivilegi, Ole, 
M dtirti, ed ogoi altra cula t tùi 

-% n carica fpeitaote, ed appaneMic, 

„ e co// annua pgpa di tiig )7l4 
„ di Ptemonu t uo Trsbaote, tSk^ 
„ giamcDio . uteniìli , piazze dì fe- 
„ ao, e biada . ed altre coie pofuie 
„ dillo ftabilimetito noftro de' 17 
„ agi'fto 1774, conciò, <A< piedi 
}, il dovuto giuiamcDto, MaoJuxi 
- * M pertanto ..... Moncalieii li jo 

. „ ottobre 1787. y. Amedeo. 

Cocciuto. 

1788 SALUZ20 di Verzuolo CevalimH'^ 
al Anrooio , Luogotenente Ceionaelie del 

Igofto. Reggimento di Savoia Cavalieri*. „ Pet 

„ le prefeuti . , deputiamo il prefito 
„ Cavalieie Filippo Antonio Salì^{o£ 
u ytr^uolo pe< Lurgoitaente Ceioit- 
„ nello del Regi^imcnto S S»ve\t 
u Cavalleria ^ eoo tutti gli Doaii 
• „ autoiìià, piefogaiive , preoiinea»» 
•'"°<- „ pririle^. ' 



tfe>t 

•ivilag) > utili j dritti 9 ed ogni altri coia i 
le carica ipettaote , ed appaiteDente , e coli 
uuM fmgM di U. 1444 ^ Pumomti ^ un Ti«b 
iBCe 9 alioggiamento , utenfili « piazze di fi^ 
>, ,e biada » ed altre cofe portate dallo fta« 
Itaiemo noftro de' 17 agofto 1^74, diretto 
r Officio Generale del Soldo » con ciò , cho 
wfti il dovuto giuramento • • • Dar. alla VigM 
§0Ì$ li Al agollo 17SS» K Amedeo. 

Coconlto* 



Colonnelli » e Luogotenenti Colonnelli 
di ReggimsMio di Dragoni. 

IO S. MARTIKO di CoUoretto Coati Ama^ 
> deo Colonnello del Reggimento de' 

'pC* Dragoni delia Regina. „ Per U pre* 
j, fcnti deputiamo il pnfaio Conte 
^ Amedeo S. Martino di Cotloretto pet 
^ Colonnello del Reggimento de'Dra- 
f» goni della Regina, ^m tutti gli onori 
j9 • • •« e coli' annua paga di 11. J784 dì 
' M Piemonte » un Tratante , alloggia* 

^ mento , ' utenfìli 9 piazze di heno, 
^ e biada » ed altre cofe portate 
,^ dallo ftabilimento noftro de' ^7 
^ agofto 1774 9 ^^'^ ^'^» ^^^ prcfti 
j9 il dovuto giuramento^ Mandiamo 
j» pertanto • • . Venerta Reali li i# 
fi giugno 1790. K Amedeo. 

Dì Cravanzana^ 



KOtoio. ReggimeiKo de" Dt.go„ ili*,» 
M ColJe pte<.;nti . . , , ir»M^' 
„ picfiro Commeodiiore f*"* 

u Ctilnnrlh del Kcggùii<»tc*Tò 
» goni della Regi^.^..^^'^ 
., Tsl.ete S Manioo di ^ 
«I atinnenti ^rovvifìc "* 



„ onon, luioria', pren)gw--j 
.■niiDtDie, privilegi, uiifc^* 
» ed ogni aliin colia ulec::^ " 
» tante, ed appanenaite, * * 

„ iM« 1.^. di u tt^^ dirt «• 

„ «n r,««^n„ , alloggiameori <»! 
i> "Il , piaize di fieno , e b e» - 
», altre cofe penate d^lioPé^^ 
•' °'!*' »B<"to ■774. e dati» 

w "VI ordlDI Dolbi ptr /tfttfW-J 

,. e Dr,im,, coD cii. chea»»* 
„ dorato gmiameno. iUa<^k>a< 
.. tanto .... di ricooofarns»; 
„ ncoogfcere , ftiioaie , e « 
., prr Lnngoieneote CoIoiumÌ. 
„ Rcggimemo U Dr.^„ „ a 
» gina da Noi come lò.ia c=» j 
.. ti M'Ufitw G„KT,l, al.i»i& 
1. afleniailo in tale qualiii 
., godere di detta auiua' J, 
„11. M44.ed J,rec„fj,^^ 
.. naie , a quanieri maiLiaii, /là? 
,. taueme. inc„„i„,„,j^ dti,rSi 
" """"ti »'«/(o, e coniiniaiuij/ 
n irrttire, 



i^^^mÈkey infinte la dì lui Tet vìtà » tf! n ttoftro 
■^Miui^itcito » che ur e aoftra tnentt» Tanmù ii ly 

y^ Ayo%airo P. Regg^ 

V. Mafimino pel ConitùL CiM. 

y. Di SerMvmlk. 

Di CtavtiiMIMu 

Gl^ è ^leiD • che le cariche di Rtggimtnm 
^n a quella di Lmogottiumt ColonmUo fi 
iCcxmo, noo cod K/fi^ Pattuii^ ma con 
~^ CtoMni^^^'y fitflùte qaefte dà S. M.» <£<! 
* Ufficio Generale del SoMo, e fono* 
al primo Segretario di Guerra» primo 
^ • t> idffo -di tffa Segreteria a ciò auto- 



tfrtfi «dia tffriìfa de'dritri dM' Erario Ré^ 
^) , Vi httttO fede f LuogoMunii Colonnelli^ 
'iori "difUCitià^ o Cittàdellm di Torino, e 
Citrii» Pia[iji^ o Forti (Jk) ^ ma non i 
fi M Reggimemo (e). 

nd tib'"^ -6» e 7 » di ari alle pag. 60, 

^édim frniutà tariffa leggiamo come infra. 

^^ -glSn^neghi portano foco lo ftabilimento 

^^^tbrao^ etere id dritto d* -emohiinento (tabi- 

i'xxnorìficxi» (i pagherà di più quello di 

per cento di tm* annata di eflb : cosi rulC 

impttfu in Torino nel 1770. 
ìtrdi/ie jddmt^pio irtforto ntgU anni 1739» 
'^yti , 't 1764 fuUa cafacità di far fidecom* 
Mmi§o rArìifamen$e «* Luogotenenti Colon* 
^Hniti > ed a* Maggiori fuddetti della Città , x> 
- Cittadella di Jorino , e d' altre Città» -Piazze» 
o Forti veÀif! là "Praùcm legale^ par, i» 
io«io 7 > pag* 66% 9 e 66^, 
^ Vedi U fag. ^i , ^x di deità tariffa. 





Si pagherà il predetto qvaiRo pei cemé 
ss' ututu , <)us»d* aachc fi tatn S ihpfjmih 
bUito eoo Br*v«tt9t o iicoo ^'tgitxiu ugiUiB ^ 
pùee/o figiii» M S. M. , i quali b regtiiitaui) 
ftalls nicoo air Ulììz o del CootroUo GeseBkt 
a /-i/i/>tf degli Atl;:au ^'fi>ptaaj per ^ Lfcj 
aaluari toreiioti dV M^gUrt, tS» c«^pr^, i 
quali {aiasBO eleoii da ogoi emoiamcoto, edàlb 
I«giihìiZÌoae fuddeiu > ceti atl fralodA» }. 7. 

Ifycxtott Genciale delle Truppe ^~ KuliriA 

X7{ $ CACHERANO Ofafco dtlU RotuOm 

14 Ofte>i« OiMfcpft. „ Nelle coorà- 

Viuo. M gcoze piefenà eiigeodo il ttcAn 

f^ , „ ftiivizio. che £ liabllifca la'ljfó- 

^^b ti (Off Gtrursit dtlla aofirA FéMUrtà, 

^^M w io CUI coacoriÌQO luae le ouaUi, 

^^^^ „ che cosf enTcozielmcote li ridikj* 

^^Ma- *> S""*^ oell' ere(cÌ2^o d'unsi isva* 

mP« „ laote impiego . . .^ ci fame éOO' 

f, minali di quello appoggiale (• 

„ Conu Ottavio Giufipft Cdiktf*^ 

,1 Odfco dtlU kocca de ooftii piimi 

, 1, Scudieri > Briga.dure dì Fasieriai 

„ e CaUnntlh del Reggimeoio Pi^ 

,j vinciale 1^^ Moadovi . , . ; osdt 

u pet Itj pmrcDii . . . deputiamo il 

j, dctio Conte Ottavio Giuftfft Ctf 

^ j, chtrano Ojafco d*Ua Rocca per i^ 

ji ptttort General* dtUe nofirt 7rafft 

>, <i( Fantina {a) « eoe tutti gli onxii 

„ autoiiu.. pietogative , piÌTilcfli 

(a) /« ^/i poi ertalo MateLtaUo eoa Ìtt§it F*- 

unii delU li feiumbrc i7<SS. yaàxfk^* 

f* f*g' J?^» S°9» * i*.***. 



preeiDiB'eBse » miC » diitd j ed ogBi iltim cci% 
a tale carica fpertante» ed a pparreDeote , c«i 
rio 9 clU fruiti M foUm gmrsmgmw. ÌAànAmo 
• • • , di lìcoDoiLerio , 6rlo iìcow>(ccie « AU 
maie» e riputale per IJjftnmt GtmrA dUfa 
medtfmtL da Noi cuse feVsa ccfticiiiio» ed «JT 
I/j^Erio GitursU 4d SMù d' affeetulo itt tale 
qualità , datante la fia fervimi ed il eoftio 
b^aepladto, che tal'c Doftra piept^. Tarale li a^ 
marzo \^ìy C. Bm^^uk^ 

Fontaaa* 

Ifpettoce id Diptftiineoto idk Giiacdie. 

1 774 VALES A {s)Ciuh EmmnmeleCotM di Mm^ 
1 5 $alto. yy DeputiaoDO il prtJUtto C pure 

icttepU M CtfrI» EmoHueU yàUJa di Monralco 

^ fcr Luogotetteate Geeeiale d« Fante* 
^ ria nelle noftre Annate , Ifpttton 
^9 del Oipariimema idU Gumrdif ^ e 
^ dkvp in fecondo id Reggimtnio 
>9 T'^ delle GuMfdU , con tutti gU 
^ onori' j autorità » prerogarive » pre- 
i> rainenze » privile^ , utili , dritri , 
j^ ed ogni altra cofa a tali cariche 
9$ fpettante « ed appartenente » $ colt 
9, mnnua paga AiVL y6oo di Piemonte, 
^> alloggiamento, utenfilì, piazze di 
95 fieno , e biada , ed altre cofe in 
^, qualità di Capo in C^condo fuddetto» 
9, oltr^ alla paga » e vantaggi rifpet- 
'^p tivamente » fia di Campagna in 
s, ttmpc di guèrra , che JC lJp€{ion$ 
»» in quello di paf$ nelle predette 

(f) Intornia alla Famiglia di Valefa iftdi quanto f$ 
ne dice nel tom* | , AppendUt par. | , pag. 7f » 

€ vedi pwf qui /opra le pag, ^si^ $ 45 j# 




la (guatila di tuagottntnu GtntrdUt tà IJftmi, 
„ il tuito % Iccoccb delio lUbiluneato aoftro H 
M 17 agofìo fcoifo* dirotto all' Uflizio Oskj^ 

• M d*^^ 6uldo , tea (tò , cht prt^i il drOvuiogitd»- 
, « memo. Mattdumo pcitaoio .... òiuti^un 

u U ij feneaibiQ 1774. ^. 4mtito, 

Cfaiamìai. 
irpcttore del DÌpuiia>etito ^ Moafmgt». 

* 1774 SOLARO </4 MoTtita CmXì^vi ^«fk 

tt j. Invitali Noi .... dalia lui atn* 

Icttcmb. u vi'à > o vigilsDu a piccdeilo n 

SI ifpcciale I Kcflu pei coscoitae ti 

t, piti VfiOt^'gg-C Co clt.gUIUl«DIO tkl 

H tioci 4.bc ci liamo ptopt^lii kì1« 

a, nuove difpi 1jik*di da NoiaieiK 

M tiiiBu alle nr.lUe Tiuppc, dibua 

u grado CI f^mv dtunrtn^u ad ap- 

I* [poggiai gì icae ìd parte la cun, 

„ piuiuov>.itd<-lo alla carica di Lm* < 

" I, gouittntt Gtneralt ài FantitiiMlk'''y 

it nofhe Arn-att > e cod de)trn.ik> 

-Hi „ per Ijptiiort del Dipaitimooio A* 

„ Mon^rraio > e per Capo in y<f<sA 

„ del mtjifimv keg^untnio fittoli 

„ Duca di MonftTtato mio auaniiM 

u iiglio. Q^uinii i , (ht . . . depuiuniS 

f, liprtdtllf Cavalitr* Angelo òvla<» £ 

„ Mortiti per Luo^ouruntt Ciai'tU 

t, '1 Fanuna nelle oofire MfMi 

„ IJftt'Ott 4*1 Pipériinunio di Moi* 

„ l'eirato , < Capo in Jeeondo àe\ i<e^ 

f, gio^cDto dtiiO fi*£o nojne^a^iCLOiwà 

„ ^1) onori , autorità , prciogaiirii 

(4) ][l mtdtfnoftf indi tnate Cavalitr* diiU Xki:{Mà 

Ui^ giugno 17S8. t-'cdt ti urne ItVXpf'T 

pendit$ fMTtt quinia, pag. i. 



fot 

^y ^emioeB»e , prWilec] « utUi » dritti » ed qgiv 
^ alila cola a tali cariche fpcttiintQ , «d appane* 
,^ sente » € colf annua paga di !!• 4600 di pi%* 
^ mpote, aUoggiamencOi utenfili* piane di fio- 
o BO |( e biada ^ ed altre cofe in qualiia di Capf 
^ ittbcondo liiddeito 1 okr^ alla paga * e vaat^gg 
^ nipeiUvamente j lìa di Campagoa io^ teiopo^ 
9> guerxa t che d' ilp^zigne in texupo di pace i^Up 
M predette qualità di l^ogouttMU . G^mraU » f 
jp ^ Ijfttton , il cutCQ a feconda ékUofiakilia^nt^ 
^t ^ro d^Ui 17 agofto Hot fa d^rmo all' Uflizip 
^ General^ dpi Soldo > con ciò» che prefti U doN* 
,t vuto giuramento. Mandiamo • • • • Moncaberi 
,^ li ai fettep^ve i774- ^» Hm^éco* 

Cbiavarina* 

Ifpettpre ir/ Dipartimento di Savoja. 

1774 NOVARINA di S. Scbafliano Conte Pie^ 

9,6 fro (4).jj — ^ Ci fiaipo di buongrado 

(wcsi9b* $$ determinati a nominarlo LuogoU'^ 

^ H4fi$€ Gtnifol^ di fanteria noU^ 
» noftre Aimate 9 a deftinarlo per 
^ ifpctiorc d§l Difonmtnto di Savoja» 
n e per Capa in fecondo del fud« 
„ detto Reggimento di Piemonte fimo 
1^ il Princìpi di Piemonte mio ama* 
^9 tiffimo tìglio i quindi i , che .... depu* 
^> tiamo il predetto Conte Pietro No* 
^ varina di S Sekafiiano per taogo^ 
^ tenente Generale di Fanteria neUe 
^ noftre Armate » Ispettore del Dipar<- 
t» tìmento di Savoia ^ r Capo in fé* 
p, conio à^ mefito/¥aio Reggimento di 
Pi Piemonu 1 con tutti gli onori » au^ 
(a) Fr4i^ del Com^ Paolo Federico Novarìna» 

di cui fi parla nel tomo t9tzo» ^fpendifo 

parte quarta ^ pag. SS» 



^ torità, prerogative , preemÌDenie, privilegi, i£i, 
99 dritti , ed ogni altra cola a tali cariche fpemui, 
9» ed a 'paitcDuiite, t coli* annua paga dì IL 4^00 
„ di Pumonte y alloggiamento j utenfili, pinzi f 
M di fieno » e biada , ed altre cofe in ^/uìià di 
^ Capo m fecondo fuddetto » o/fr^ aUa pp, e ; 
^ vantaggi rìfpettìvameote » (ia di Campagn in j 
9» f#inp0 </f guerra ^ che d' Ifpezìone ìa ff«pi t 
,9 ptfc« nelle predette qualità di LuogomtmQt^ 
9» nerale^ ed Ifpettora ^ il tutto a feconda ielb|l» 
„ bilimamo noftro de' 17 agofto fcorfo, iviiM 
9, air Ufficio Generala del Soldo , con ciò, di 
,, predi il dovuto giuramento . • • • Moncdun 
9» li 26 fcctcmbre 1774* Z*^. Amedeo, 

Chiavatiflii 

Ifpettorc della Fanteria d*OriiuaDU« 

179.^ CACHERANO d'Of^co Policarpo, W 
6 g.'dttrc di Fantina nelle Regie A^ 

OtCoinO. IVìtf , Co!.'nr3:..'o dtl Ji -;; -: I. ii 

,, C ila : o v:>.!r.-'..;C'u:i di e i 'i--3 
,, Ijpftr^re dsUu r.ojìra F r.'rr-iO'* 
„ am^'i^ìi , fenzi d st(»^l;c : • 2ì:.'5 
3, ;i»:irutt.:ale fu»^ pc:to di n.;"'...* 
5, d- 1 luil V Itti Rogvsiirij-r. - ^J- 
,j Ik^^f) y ch.c gli ■allrJp.iiK; pjic 
.. .1 nai).;i n*. 't'.a rfjijohzcrc; :. -i^ 
j. ì- , i}i€ .... djpuiianjo (I p:tra:o*. '• 
y, nvT..ht"^e GjrolM:[ii:tuC.) r\..»'"- 
5. Cichi-runn d* Gjjfco per /f'^-'' 
.. vìvila noftra Fanteria d'O.Ju---» 
,, tv7T ri//r/ gli onori y xi rJti.?'-* 
::, rogative, pieeminenze^ pLN.i-ri» 



, dritti 9 ed ogni altra cofa a tale carica 
tante 9 ed appartenente ^ con ciò, cA« predi 

ovuto giuramento. Mandiamo 

iconofceiio^ farlo rìconofcere» ftimare» e 
tare ftr Ifpettore della nollra Fanteria d'or- 
inza da Noi » come fovra » coftituito , edédt 
lio GitìtraU del Soldo » di affentarlo per 
carica» poiché tal' è noftra mente. Dau^ 
elio di Moncalieri li 6 ottobre 179^. 
4med$o. 

pi Oavanzana. . 



«i dd Dipartimento della Fanurìa ProvineiaU, 

DAMIANO di Priocca Conte, e Com^ 
mendatore D. Giufeppe Maria. „ GÌ* 

b« j^ imporranti fervig) , che in ogni oc- 
^ fione delle paflate guerre refero 
„ alla corona li Reggimenti nofiri 
^ Provinciali , e quelli , che non 
^ poffiamo» fé non afpettarcene all' 
. 39 avvenire , avendoci nelle dijpofi^ioni 
^univerfali, che diamo per le no* 
^ ftre Truppe , all' oggetto d* una mi- 
,9 glioro loro formazione , e di una 
^ più (labile difciplina» determinari 
39 a prendere altresì in ifpeciale ri^effe 
99 gli accennati /{r^^im^nii 4 percom- 
3, pome nel corrente tempo di pace 
39 un panicolare Dipartimento 9 aiUéh 
39 mo fiimaio affatto proprio ad averne 
jj la cura 9 ed ìfpezione il Conte 9 e 

39 Commendatore 

""omlL Qq 



<** « ri 

„ CommttMw D. Giufifft Hm Vimm ft | 

^ Priccca , Macherc di Salutia, O'»!*»'»*' 1 
,» tiro Supiemo Oidine della SS. Nmlm . &^ I 
^ Mafiro dtlU noflraGuériUrotbt.ìAim^ 1 
„ Deiale nelle noftre Annate , e Celtm» « | 
w Jtt^ggimtmo PfOvineiaU d' A^: aJcniliai» 
„ fcmpre in una maniera comfpoodM'S""*'' 
..rezza defuoì oaiali . ed alU p«fpiai^ " 
„ fuo ingegno, l'infaticabile spplic»'0«.e«»' 
j, dìo ptii" le militari fcienze , e liituB'™ 
„ di rendere proficuo 1* affiduo fuo «»^^ 
ty per il Reale ferviiio -, vi riafd ed P«» 
u mente, e coli* eftefa perizia accjmftMi l»"** 
„ ftiei* dtìll'armi , e col valoie z>ìd<^'\ 
„ tutte le occafioni, che gli fi profci»"'^ 
M cvrfo deiU dm uliimt gtunt > che, eOKOB***' 
(, altresì a rilevale il fuo merito U »Uu K* 
ai teoziooe > eoa cui ci fia proffigpeai^ tV* 
„ in Cor« i Cuoi fervigj , « ylrt«*i»coi>f^ ] 
„ invitati a dargli quovc ripto« della «»«*■ > 
M zicne , in cui abbiamo la di lui pei(ooii ^ 
), tUvarlo alla carica di Luagotentnu Gtwià^'^ 
»> noAre Axffiate , e i^fj^/n^/'/fiÌDlìemepei'/''"'" 
» del Dipartimento d*lU Fanttrt* nopt ^'^ 
>» cidi* ■<, quindi è , che . . • . deputiamo '^ f'.' 
yi J<((o Cori* , i( Commtndatort D, Giufifp^^ 
„ Damia/U) di PrioccM pefl^utgourunu Grtw^* 
„ Fanteria nell? noftre Armata, ed ^/f"""; 
M DipartimtiUo dtU^ Faauris ifofirg Provini"' 
M eoo tutti gì' ODOii , »i)toiità . pre^gative . f 
^ mjasBze, privilegi, utili . dritti > ea offà*^ 
,. C0& a udì conche fpeuyate , «d appinetf 
,, « c<>tf «nmc MI* dì IL j,m. ^ Pivwna « 
M iÌMUctU qu^tà iJff€it0rt, okie quanto 



fi fpetta» come Cùhntullo fuddctto f a feconda ib/Z» 
9, fiabilimtnto nofiro dei 27 agofto fcorfo » diretto 
p, air uffizio Generale del Soldo » co/z ciò ^ cht 
>* fr^yZi i7 dovuto giuramento. Mandiamo • • • • • 
», di rìconofcerlo , farlo riconofcere » ftimare » e . 
,^ riputaire per Luogounente Generale di Ffoiteria 
9, nelle noftre Arenate , ed Ifpettore del Diparti* 
^, mento della Fanteria nofira Provinciale da Noi> 
j» comefovra» coftituito» ed ali* Uffino fuddetto ^ 
» d' attentarlo in tali qualità , e di rarlo godere 
99 delia predetta paga di 11. im. al tempo pre- 
91 fcritto dal detto ftabìlimento , che tal' è noftra 
,^ mente. Moncalieri il primo fettembre 1774. 
„ y. Amedeo. 

Chiavariflla. 

l^%i ROSTAGNO Commendatore Franéefco 
14 Antonio. 3, Quanto furono confiderò- 

agofto. j» voli i vantaggi » che traffimo nelle 

>» pafiate guerre dal fervizio de Reg- 
M gimenti Provinciali, altrettanto ci 
j, preme » che in tempo di pace fieno 
jj mantenuti nell' offervanza della di« 
11 fciplina, e nel fiftema» fu cui tro- 
ll vanfi ftabìliti ; per quejli motivi por^ 
»» tando 1 noftri lifledi alle doti di 
M capacitai fperienzai ed attenzione^ 
M che fi richieggono nel foggetto da 
»i deftinarfi aU' Jjpezione dèi loro Di- 
9> partimeruo 1 ci fiamo compiaciuti 
^ di ravvi(arle unite tiel Maggior Gè* 
Il nerale di Fanteria nelle ncùftro Ar* 
ti mate Commendatore. Franufio Ati^ 

11 tOTÙO 



6tt 

tonio Roflagnot Colonoello del Reg^m 
ProviQcialc di Torino, il quUe > nel luogo ( 
della mtliiare cair^cia iotiapicla , e con 
ne' Corpi Pioviociali > aTcodo Tempie liea 
come fa tuttora nell' airuale Tuo poBo eoo d 
fiinzioDO d'ablità, e z.lo j carichi flatigl 
Il Jati , ed avcodo aliroì avuto caaopod'» 
dita nella occafijDi dtlii due padate guent', 
iD CUI ei^Ii diede doo equivoche prove d' n- 
lorofa fc:riiie7.zi , uoa parrìcolare coDofccati 
dell'in Iole, e carattere degl'individui, che t 
compongono, rende accertata per iloottrofcr- 
vizio h Icel'a , che , Harne il pa^iggro dti Coutt 
Arbono Mella. al Governo Àtlia Otta , * f» 
vintta di Cuneo, ci fìaaio dilpolli di f«re d 
di lui perfona per la carica £ Ifpittort MK 
fattimcnto dilla Famtria Provinciait , alU <^ 
carica io viepiù fpccial concraiTegoo dcUi U 
lira Rede pcopcalioDe, e per un lingi^lutR 
guardo , che vogliamo avere alle di lui &■ 
iiijo.^e , ci fìamo compiaciuti d* aggiuDgoe 
quella di Governatore in Jecoado d*Ua Cina, l 
Provincia d'Ivrea, eoo uferva di conf^rÌtgÌicU 
l'effettività, allorché fi ne fard l' apenars , kÌ 
qua! cafo ptovvcicrtmo altrimenti alf I/pi^-i"* 
de Rtggin.tnii P rovine ali , ed al comandò m 
quello di Torino j quindt ì, che. 
aeputismo il prejato Commendatore Franttfct 
Aitonio RofUgno per Ijpettorc del Diftrtimaa 
delta Fanteria ncfira Provinciale , e GovenutOW 
infecondo della Città, e Proviscia d'ivreii 
eoa funi gli oneri, autorità, prerrrgative, pH" 
tuineoza, piìvlieg] , Uiili, dritti, ed ogoiàlto 
cola a tali cariche Jpctuoie, ed appaiieneoni 



6tS 
,j € Colt annua paga di U. im. £ Piemonte , oltre 

j9 quanto gli fpetta, come Colonnello (uddeno-^ » 



1» 



M feconda ^i!&ii fiakilimento nofiro de' xy agofto 
M* 1774 > ii>#i/o all'Ufficio Generale del Soldo, 
jt ^P^ ^A« P^^P^ '' dovuto giuraménto. Mandiamo 
. . . ^ ed alt Uffiiio Generale preietto » di aflen^ 
tarlo in tali qualità, e di rendergli per Tad^ 
ditata carica d' Ijpettore ragione della predetta 
paga di 11. im. a' termini dell'accennato ftabi- 
t, limento » che tal' è noftra mente. Moncalieri U 
j, 14 agofto 1783. K Amedeo. 

Coconito» 



1796 COSTA di Montafia Mérchefe LuigL 
19 >j Guidato Tempre il Marcbefe Luigi 

marzo. j» Cofla di Montafia , Maggiore Ge- 
li neralè di Fanteria nelle noftre Ac^ 
39 mate» e Colonnello del Reggimenta 
i» Provinciale d^ Acqui ^ da quel vivo 
i>zelo, con cui in tutto il corfo 
11 della fua carriera ba diftinti i fuoi 
11 fervi g) > gli riufci 1 pendente quefta 
^y guerra 1 colle molte prove di ca- 
», pacità i e di valore , che ci re^ò » 
1» cosi nel foftenere i pofti alla di 
11 lui dìfefa affidati 1 come néU'anff 
ji mare » e condurre la Truppa agi' 
1, attatchi da lui faviamente diretti 1 o 
j> felicemente efeguiti , fra i qudU ci . 
»i richiameremo fempre con compia- 
li cenza quello da lui dato li 27 giu« 
1, gno 1795 alf importante fo fio della 
11 Spinarda • « • » ci fiamo degqad 

f* di 



« (fi m'iMln 9«flw^< JdU m^M FjwmN- 

„ iBifMff , m «cce «U C«ai» Btnam àammk _ 

M cowJo dd pfedeoo ft^^gsew». éprf» 
^ WB dette ainn 6>e cogwaeai. dc&Mb 
„ a £tt iiaapagma , e di cpafeiit g fi p36ii>4ft- 
„ Qht & renderì Tac»tc , UO*9twm iJtCak, 
e ftBMtatiM iitn*., cbep pctA . . . dfniBD 
„ il ^rtfMU MsTtluft Lmtfi CmfM H JUtm^»^ 
„ Jfftttaff dclU Dutìn Fantena Pnmoo>Ua«ui 
,, (ìcl Conte BtTioat alniisciui pronìlo, cdb 
M nlcn* fopn cutuz , ecn tutti fS marni, Md- 
„ lìù t preiogaiive , pteiEiBeoze, pà rileB,^^ 
„ e dritti , ed ogni alita colà i cale cana ^ 
M tama • ed appaneaeoie > « cWT «anH f^K Ì 
„ IL tm. di Pumoate, oltxo OB taaetMKMO 
f, d* cguaJ iotumi , c«a eiò , eie gG cdlì ^mhb 
„ prima goderà, e pieftì ìldovuiogiiuuitJto.o 
„ Tarino 19 maizo l??^- '^. ^mètUe. 1 

Di OaTzuau. I 

Ifpenon M Dipsnimemo di CanUeni, 
e Dnsoiu. 
f 
1774 DI VIRY Bartiu Albano C«r«£a-<&« 
7 Cr<wr, „ Secarono già 6a dai pnoi 

ftttenb. „ aoDÌ dell' ìotnprefacairien sei Ci* 
„ valiere Gran Croce Baroift Jii^ 
M di yiry{a). Maggior Generale di O- 
V valleria Belle noftre Armate , tCt- 
„ fit*no dtUa Compagni* dt'Ga^ 
„ tiomini Artitri Guardie nopri w 
t, Ccrp9., i rari talenti, e lamicepC' 
(a) CfMte pofeia Cavatitrt della Nunziata U 'I 
acvtmhn 1780. 



jy. HettaifqM » di evi cgtì è MstmiemìmeoHi fot- 

^ Dito *..'f quÌMdi i, che. 4, dcpniiMio ilffftdéttù 
fi BétrofU Alieno di y»y per Lmgoteneie9e Gene'^ 
„ rate di GayrnllerU^ odilpeccore del Dipaf amento 
,t di detta ooftra CaviUerìa , oDrUgoai^ eon tutti 
jj gli onori i atitoiicài, prcbrogativd » pretmìnenze j^ 
^ privilegi » utili» diittff «l ogni ahra- «»f& a tali 
i» cariche ìpettante ^ ed appanenuw^ # éoU nn^ 
ii mut fogé di Ile fOD*. ifa' PUmome y è ire piazzi 
t» dì fieso , e biada al giorvo ^ ^< ()imìdcò gli 
»» fpetu 9 come Capitano foddcrtoi, a^ feamda deìl^ 
9» flaiUimento ito^ro Ao' xf agoft^. fcoiic^, ^'^«i/e 
»> aU'Uffizia Genemle del foldo^ ^^ir «i^» «&a 
^y pf efti il dotino giuiameata# Mgndismo j' • • ji 
M ed all' Uffizio Generale del Soiéof ^ ^ «^ « • ^. 
» MonèaUeri li 7 lecceaaAM 1774* ^^ >iaMMMi ;c 

Chiavariiia. 

Ifpettore della Cayallenaj « Dragoni. 

179^ S ALU22P (tf) dr Veriuoto Commendatore 

4 Gecofolimitano Filippo Antonio »» Colle 

•ttpUe» n * pettiniti percapto « ^l .iU . defneèenoo 

' ^ ii-spi effliiec^ Cammeadaiprs Gero(bli- 

M mitiao Fdìppa Aotea^) Saluta di 

,» Kfrttdfa per Maggicd: Generale» 

y, ed tfj^ofé delia Cetvoiltria i eDra» 

>f fMi 9 eoo ttitcv ^bi^ri, autorità» 

,9 pf erogante , premiiieq^e » privilegi, 

„ utiliV dritta y ed ogni altra cofa a 

», tali cariche Tpettantecj ed apparte- 

»» nente, e eolténnàa potale paga di 

rt ColomieUo de' BMfggimemi di Ca« 

(a) yedè qyì fopra alla dana 1^99 ». articolo Dcn^ 

^>^» psg* i^ f ^ '^^di puro U AÒffrA t%XM.$ 

Appendice par^ IVé^ fftg. 50» $\t * j^* 



hL. 



tìt€ 

^ nUetla , e Dngooì . rìleruite a U.A4a«£Rfr 
^ moote , medunie , cbs gli ceih ({taato ptin 
„ goderà, e lìa Knnto s fuppUie ctJk ftdbft- 
,^ ga al gtio per U ie*illa é' ifptwyoe, taa 
j( ciò, tiu ptefti U dovuto giHfMpeato. Ntiàtm 
,, .... di noworceiio , fulo ricoDofccre, ìmh^ 
,^ e ttputaie pei Maggiùrt GeturmU di CttAói 
„ Delle ooftia Armale » ed Ifytuort JtlU Ctu^ 
„ Uris , 4 Dragoni da Noi come Ibvra ooftiaMo, 
„ pi air Vffiiu GtatiaU tUl Soldo . di iftsiub 
„ ÌD effe <|uàUià , e di £ailo godere rifùTrtumait, 
,, A ^u^itri msairati , della paga fuddiri&Q i. 
„ 11. ■v4C*i iacomÌBciando dal gioraodel UkììU 
M fCBtO 1 • eontiauanda m avirtnirt , dtuulc i 
M di lui ferviiu , ed il oofizo beoepladto .... 
„ àtmiuaiitri ti 4 ottobre 179^. y. AmtUt. 
Di CtannuDa, 

Gran Èaiìììft Pair, et Gooveroeui 
iu Duchi J" Aop€, 

■«17J« DE SUSE iW«'fa(i(fl).„VoiilaBldflphi 

-"XI ft eo plus oiaiquer au Mar^uìsiiSifi 

■ SVIS. ,, et devaot Celanti du Régitoent ^ 

, uitijja-, jj Fufiiliers , DÓire propcfitìon à fei 

-a-ls . r ^ avaotages , Nous fommes difpo(é ì 

t^lt^o'*}' . ^ Jqì cenfeiei la chaige de Grtai 

.|({&lt-ÌT ^^ BailUf, fair, ei Governtur denó- 

K Oo. 1 : „ ire Duché £ Aofie , qui Te tr<^o*a 

tii'.' ^' „ piéfcoieiBent vacante par U mi» 

~i ^, -du Maiqurs dt Cavaillà, perfiniri 

>"i» qu'il exerceia la fufditte chain» 

' „. aveC la diftlDCtioo à lui conTenahU» 

(f) yUurut PrMwtfco : vedi Htome j d«Us f^"" 

Of*ra , Appendice piri a « pag. 19^ a«tf £ 



tfl? 

et bonoe cdndulcei ^uì fc re^uierentj affia 
de pouvoix par des celles preuTCs fé rendre 
digne de nos plus grandes graces ; e tfi pour^ 
quoi p4r cts frtfcntts . . • Nous avoBS nomu^é» 
<;sè6 9 conftitué » et deputé , nommocs > ctéons» 
oonfticuonst et dépucons U Ut Marquis de Sufi 
Giand Baillifj Patr» et Governeur de DÒtie Du« 
che d jtcfie 9 aux honneurs « autorités , prée- 
jaiaences g pierogatives , privìlèges » et droits , 
ma en dépendent , et dont ii» prédeccfleurs 
dani la Aifditte charge cnt toujours joui , avec 
la paye de U. 401. par année» & à condition^ 

Su il preitrà U firméni €n tei cas nquis , lui éta^- 
liflut aufli raccoutumé pour fon logement» 
quo Nous mandoDS» et ordonnons ^ k Cpn/#i7 iri 
Ccmmis iu dit Duché, d'ìmpofer fur le (Ut 
Psys » avec la proportion accoutumée à l'égard 
des autres impòts publics^ et de lui faire pa- 
yer le dit logeuieDt, ehaqut annéc^ répartite- 
ment ^ moyennant quoi , il ne pourra rien pre- 
fendres ni demander de la Citò, et Duché fuC- 
, dita pouf fon logement, utenfiles^ légales, et 
, autrei droits de quelque nature , qu'ils foient » 
I ^oi ceifisront , et fercnt écatlis pour le d!t an« 
I Auel payen^ent. Si (a) m^ndons à tous nos Mìni-* 
I ftres, Magiftrats» et Officiers, si de juftlce^ 
^ que de guerre, et à tous ccux, à qu'ilappar* 
p tiendia» de le reconnoitre, et faire recoonoi- 
9 tre en certe qualità, et particulierment à tous 
,j nos Vaflaux ^ et fujets du dit Duché d' obéìr à 
»j fies ordes, comme à ncs propres, et d l'Of- 
fa fict GénéréU du Solde , de l'aflenter en cette qua- 
[a) Si: €M Ug€ g €€ conditionc, to pollo x cosi nel 
Richelet i?i£f/0izntf xr« de lalangue Fran^ifoi^ 
aatienne» & modeme. 



Sii 
' « lite, avcc k Airdltte psyQ d« U. 4111. 1 ant, 

», « de Venftac jouir eo argent c'^aw.eii 
[ M <nui(teis,té)Mrtitccnem, faoi «ucuneoidwSiM, 

,* ^ coT.mtKHr du four de fon affinttfatm , dHÙ 
I „ le<)u«J, lui cctfcra la paye, dpot il afMM 
f- „ le pafsé co qualiié de Colenti da Hépmtia 
I „ FuflUen, et iconiiniier à l'aveoir, doHth 
La, feiYices, ei noire bon plaifir. TeU«éut» 
\ ». tre iricciion. iJciw^ à Turin co 11 swr^ift 
l » A'. Jimi. 

\ * '^^ fiUrardi Giurdaft siilo. 

I •* y. Péims. ** 

f ' y. De S. Laurent per il Gen. di rnaaifc 



i7<i Dì CAKIGKANOSauo;a,PtÌnòfeUi(i. 

6 „ Pj, ccj pìéf^Dtes NouM ayontvm- 

WgliO. „ m^, ere,, iubU, « A;.w^, ao» 

„ moBS , ciiots , établiiTons, « de* 
„ puions ie dit Prmce Louis it Cf 
" „ rignan GréndBaiU,/, Ptir, aGn- 

„ yirntur d» notr* Dueké iAefe, 
„ aux hooneurs , aurorités. prfflM-" 

'_,. .. neoces , prciogatires , privìlége!, 

■ "■ ., et droits , qui en dépendeui, et 

» dont fes predeceffeurs dn» li di» 
n charge ont joui , avec U foyt ut- 
„ nutlle y et tcceutumie de 401, iiitti 
M de Piémont , outre cella de (ù^ 
„■ mille, et quattetens Iryrts m& pa 
» an , (]ue Nous y ajoufoci , m fri- 
„ tmt préalablemeot cmre Dosoiai» 

T „ le ferment en tei cas reqnìi, Id 

n e/Jignaat tot fuTflus ce qoc le d» 



6ip 

9, Duché eft'Oa ccikume de paicr à litre de h^ 
^, gtmcm y et à la place aufli des uten/ìles , ^k^ 
^, galeSj et autres droits quelconques. Mandons 
fj à cet eflftit, et orionnons au Co&feil dcsCom- 
,, mis ^ ^if Duchi d' en impofer le montantyur 
,9 U dit faiSi avec laproportionobrervéeiiJVj^Ar^ 
„ des auues impòts publics ^ et de le lui faire paier, 
3^ chaqut annic , reparti teme nt. Sì {a)mzndcns ì tcui 
,y nos Magiftrats> Mioidres » et Officiers • . • » 
»» ^1 d l' Office Generai du Solde de l'afleiiter ea 
9, cette quaiité , avec la fufdite paye de 9400 iiTres^ 
33 et d& l'en faire jouir en argeot comptant, 4 






j> auartUrs , ripartitement » ÙDS aucune.dèduftioii» 
à commencer du jour de foa afiememeot» et 
contìiiuant ainfi à Y avenir , durant fis fervUes^ 
j3 et noire^ bon pUifir , telle étant aotie intentioo« 
,f Turin ce fixième de juillet 1761. C. EmanueU 

Governatore » e Luogotenente Generale . 
del Ducato di Savoja. . 

174S DELLA CHIESA {i) de Cinzan^ Com-^ 

10 mandeur Alexis. >, Nous avons été fi fa« 

dBcemU „ tisfaìts de la prudence , et (àge con* 

yy duite^ que le Commandeur Alexis dd 
,, la Chiefa de Cini^arty Cbevalier Grand 
M Croìx de notre Ordre des Saints 
j, Mauric;jB» etLazare, General tt In^ 
„ fanterie dans n^ì Arméts ^ et cì-de« 
,9 vant Gouverneur ^^ /^a/#n^«^ amon* 
,3 trée daos le cours des guerrespaf- 
,, fées .... c'eft pourquoi , par ces 
>» prifentcs • • . Nous avons oomroé» 
3, crée 3 établi » et député le Mi 

(a) yedi la nòta z^ di cui qui fppra pag. 41^. 

(b) VeJU il tomo pnino» pag. 391* 



<10 
„ CommandturjiUxisJé/sCkUJkdtCittimtGam- 
1^ neur, et Lìeuteoant Géaéraì de notrt DatUU 
,j Savoit («) , et de tcus nos pxys , et tua de 
,, là destnoDis, aux horuuurs , autoiués , {NéuD^ 
j;, neoces , piétogaiìves , privrlcgesi etdnxti, ^ 
M en dcpecdeat , et dootont loui, et pommit 
,j jouir ceux , qui 1' cot ptéci^dc daos le dìcaiw 
„ ptoì , avte U psye de dìx mille lìviei [aaaii, 
j, J condition coute fois , qu'il preten elitre noi 
^ maìtu le rciroest es tei cas ré<quis. Si JtatKiu 
„ tn mandemtnt à nos trèj- cbers , bieo aimct , <t 
„ fcaux Confeiileis, les geo5 teoaot notte Sé- 
„ Bit de Savoie de le recooouitre en cette m- 
„ lite, et d'en regiftier Ics prcfeotes fui lilia- 

M pie piéfeutation d'ìcelles Orioim» 

„ à notre Office General du Salde de l'affeoiei 
M ea cette qualità, s?ec la furaite payedeliTiet 
M lotn. , et de l'en taire joutr eo argeai ohii- 
■j ptuit j à quartieri, reparti lecneot , (àns aucuseiU- 
„ duction , à comtmer du jour dt fon nfenumM 
„ • . , dans le quel tems lui ccITera celle , AoOi 
„ il jouit piéfentemeut en qualità d* Goauratur 
„ de Valeoce . . . Titrin ce lodécembie 174I. 
M C, EmanueL 



(a) ytdi la nota b ^ di ckìijuI ùifra pae. 6 if, tH* 
data 1778 30 genaajo, articolo Afnth. 



6x1 
Governatore » e Luogotenente Generale 
iella Ciad, e Contado di Nina^ e Generale 

dclU GaUrt di S. M. 

741 D' ALINGES (tf) Luigi Emanuel » Cont$ 
8 £ Afftmonu „ • • - Per le prefenti 

iiuujo. ,,.•». deputiamo il predetto D. Luigi 
^9 Emanuel d' Alìnges ^ Co/iir d'Apre- 
3^ mont (^) f ^r Governatore , e Luogo- 
jj tenente GQuetdle della Città ^ eCon^ 
,» Mi/o di Nizza > ed unitamente Gè- 
j^ nerale delle noftre Galere (e) 3 co/i 
iifi/i |fii onori ^ autorità » preroga- 
tive > preeminenze 9 privilegi» uti- 
li» dritti s ed ogni altra cofa atidi 
carichi fpettanti» ed appartenenti » 
colf annua paga di IL 6m. di Pie- 
39 monte» a (oidi venti caduna,»e/i/€ 
^ altre U. 5 m. iimili » che gì' accor- 
ai diamo a titolo ìF annuo tratteni* 
,, mento, ed altre cofe» che ne di- 

M pendono 9 

f^^' i7 tomo terzo j Appendici parte terza ^ 

) E Cavaliere Gran Crocè. 

) Fu pure Generale delle Galere quel Grimaldi 
jt unitale Conte di BogUo (x) (Cavaliere dell' 
Ordine Supremo della Nunziata » che urminò 
infelicemente i fitoi giorni d 6 gennajo del 
1^11: intorno al che vedafila Corona Reale, 
parte feconda , pag. }i , e vedi anche la Se- 
rie de* Cavalieri fuddetti pag. I02« . . 

} Nd Contado di Nizza. 






j, iKumiù' MandiuDO penamo • • • • 9^nno lì t 
^ gennajo 1741. C Emmmude. 

V. Bopno Jtcriim MS.iL 

1\ F§ru€cm jptl Gsm. di F'uuui[€. 



Fcnt^nau 



Mod il fuddecto Coste JtAftemont (m) in 
,Modéns li «7 fcbbnjo 174} > offendo ftatb gn- 
vemeiite ferito neli'afpra» e famofk. battaglia fe- 
guita a Campefanto (i) U dì otto del mefe fud- 
•detto tra gli Sfagnuoli , e gli A ubriaco - SarJU : 
motivo > per cui il Re Carlo Emapuele III. fi fe- 
ce toAo premura di confeiìcgli con lettera delii 
a4 fteflb mefe U iignità di Cavaliere del Supre- 
mo Ordine della Nunziata » € l'aUrm infitme di 
ilio Grande Scudiere {e). 



(a) Afr^mom in Savoja* 

(b) Nel NtaiùHtfi. 

(e) Sttu Cronologus ic CmvétlUri Mt Oriine dilU 
rw, pag. 131, # %}}. 



Coìr«roafoir e » -• luogotenente Generale 
iilU Ciità^ e Contado di Nina^ 

ryS ASINARI di S. Mariano Marchcfe Fi- 

}o lìppo Valentino. ,> Pir U fnfcnti.,.^ 

mx\o. ,, deputiama ilpnfaio Marchtfc Filip^ 

9j. fo yalintifiù Afinari (m) di S. Mar- 

,, lano per Govirnaton^ e LitogotC' 

y^ junu GtntraU della Città ^ g Cen* 

f - 9, tado di Niiia {ij 3 con tutti gli 

,, onori j autorità ^ prerogative » pree* 

j, minenzoj privilegi » utili ^ dritti» 

,, ed ogni altra cofa a tale carica 

,^ Tpettante» ed appartenente» e^olF 

,, annua paga di 11 6m. di Piemonte» 

^3 e IL 1 5 oo fiipili a titolo di tratte* 

y, nimento » oltre a 11. i loo pure di 

9» Pienxinte annue» da fervire firZf 

^ fiipcndio di fgi guardie » cA^ g/' «^ 

^ fegniamo fui piede di 11. loo ca« 

M duna» ^o;} ^ià» che prefti il do* 

Rifpetto alla famiglia Afinari vtdi qui frpra il 

titolo XXI fiariche di Coru, pag. 460 » e vedi 

fare qui infra alla data 1788 4 fettembre, 

0r$icoU Afinari J^ Cor^g/io Marchefe Filippo» 

amf^ anche it tomo ter^o » Appendice parte 

quarta y pag. 8t. 

Si 4arà il ùtolo di Eccellenza aUi Governa- 
tori d^ J)uc0to di Savoja ^ e Contado diNiz- 
Mf allorché faranno decorati del grado di Luo* 
gocenenti Generali ^ efji Ducato » e Contado. 
Cosi ii«/ Cerimoniale delli 14 novembre 1719» 
ft |0 genna'jo 174^» di cui nella Pratica le- 
gale 3purte feconda » tomo decimo » pag. 155» 






Dcafo. MmmSé.in» . 



. .edjrui. 




I, 6.30 Gcoeule del Soldo di iSeniulo nuli 
a, ^amhtÀ, e di ^rÌo goJere ddl'iuiup^f 
B IL fini , ed aUie fomuM (Suddette , i ^nM 
„ nKnnà, nparroinsate , ouemiatHaiiUf^ 
„ tu Ati fuo m^èeuct e coati anando io man, 
„ donate b di lui Icrviiù > ed il nofttO talft^ 
^ cito , che t^' è Doftn meaic Finm E jeM 
177S. y. Amtiée. 



Oumns 



ComanJante dtlU CùtA, e Cootaiìo iì %fc | 



PAGLIACCIO D. GavuM MtfdUJiMl| 
Planirgìa. „ Per U fnftntt . ..è^ 
„ putiamo il prelato MérAt^ iiE> 
„ Planar già D. Gaviiu fà^hicà 
„ per Comanianu dtUa Qui, <^ 
„ Contado di M^^tf , con nuù | 
„ onori j autoriià, prerogan»e , pi 
„ mineoze , privilegi > ""!> • <^" 
,, ed ogni altra cola a tale ati 
„ fpettaate, ed appartenemtei te 
„ Mrtnua paga dì 11. 410. di Menai 
„ e II. jjOD fmili, a titolo ii d 
„ teoimento , con ciò , ckt pioft 
,1 dovuto giurameoto. Mamdiamt\ 
„ tanto . > . . Torino li io Mibi 
t, 17S7. K Amidto» 



Coootàa 



li 
»1 






La Città ) e CdUtado di Ni^^m ebbe anche 
ptr Comandante provvìfionaU il Cena Giufeppe 
Aùtonio Inviziati di Belvedere , come fi vede pure 
jiccennato nelle Patenti 16 marzo 178 1 di Art- 
gadiere di Fanteria a favore del medefimo : ì}bi : 
,, La fingolare capacità, che • . • ebbimo utrf 
Tempre luogo di ravviface nel fronte Giufeppe 
Antonio Invidiati {a) di Belvedere, de* primi 
^; Scudieri della Regina mia Coniòrie amati(fima, 
e Colonnello del* Reggimento Provinciale di 
Mondavi y ci dòterpiiaò già a prevalerci della 
di lui perfona'^ per appois^ij^iargli .prowi/ional^ 
mtnte ^ e fino a ttUoVo ordine T incarico di com- 
3/ piefe alle- funzipflì di XonéafÈiinte'AQMLà Città , 
,', e del Contada ^' iW{£tf. Torino ii 16 marzo 
)/ 1781. K Amediò. 

-"••"• Coconjto. 

(a) Nel tomofecénd» Codices m)inu(brìpti Biblìothecm ' 
'- > / • Taurinenfis Athe/Ueii pag. 3 f )'j « ^ 1 4 par landò fi 
' de àedificatione Civf liiiù Alexaddiiae , & de fa- 
miliis AftenfibuSi qua 'iUucfniffte fuerunt , 
' fta fcritto cèrne, fegue. '; >1 ^e 

99. De Aftetìfibifs illuc hHr^uiU fere omne% 
yy illi de Puch^ i aliqui dèfieÌEiariis , five de 
j9 Milanefiisì 'iÀii^iitt'de Marte w, i7/ide Va- 

• »> fchis '( i#^(ivi>« -Melila l^i « aui cum de 
5» Populo effélu^ ^in Atexan^iOi^jaHi Junt de 
^9 Nofpiiiù ) , aUqui ex itlis de^Vitìa , qui ibi 
,9 Inviciafi^^i ^/ii , et inf^ni^ mutaverunt, 
^i UH de Laatea» de V ci^yx ^ tfiUqui de Bilp 
99 lianis 9 de PAlleatiis , ir Cbnefiis , de Pil* 
99lotis9 i<r I^annizzonibus , amnes illi de 

: 99 Squacciaficii , omnes Lamboijiìi , omnes iUi 
•' '91 de Gallitfv ^ fW^ de M^rchefiìif jEv^ 

• . V de Marchifiis 

Tomi. //. R r 



^0 

Gévim^ ddU Città» e Proi^cia 

di TorinOm 

■ 

IT9I OABAI^EONE di Saitnor CMmluré Ca- 
ij fimiro. 3, Dé<£hè,, per rrovarfi anche 

^(Qflo* M r educaziope de' Reali miei fi- 

»$ gliuoli ponau al cooìpi- 

/,, mento da Noi defidetato» fiuno 
»$ i^ g/^^do di difUnfegnare il Cava- 
«»_liere del Supremo Ordina della 
^ Samìflima NiiozìMa Céfmiro Gm- 
», taUoru di S'almor « Luogotenente 
M Generale di Fanteria mlU m^t 

^ . ,» dfWéiU » dall' ieopiego » che ba fi- 

», nora con dì lui lode , e con fia- 
», golare noftra (bddisfazTone fofle- 
», nuto ii Governatori ir' /ir^// Prin- 
», irif i mici amatijfim figliuoli , ab* 
y biamo portati Ì,fiQftri tifloifi alle 
»^ convenienze- > che nelle attuali cir- 
^ coftanze (arebbe per incontrare il 
»^ Regio noftro , ed il pubblico ter- 
j^ vìzio » ' qualora «ci determinailimo a 
. ^» ftabilirlo nel calicò , non meoolu- 
9» minolo , che importante di Goyer* 

^ . ^ natore della nofira CapitaU , e fua 

» Provincia i /enza però diftoglierlo 
^, dal continuare a darci nell'attuale 

,« ^ fnsL qualità di Gran Mafir^o £ Ar^ 

», iiglieria le prove della confumata 
», (uà fperienza. • • ». • • » Siccome 
», però le moltìpUci cure i* ejfo Go* 

•^ », ytrno non gli permetterebbero di 

,1:. »» attendere ai diveifi incarichi» che 



«17 

,^ gli crnoo flati da Noi appoggiati relativamente 
all' artiglieria i allorcbc in marzo del 1787 ne 
lo iìomi0;)maio Gran Maflro , così nel prefcie- 
glìerlo y come facciamo , per Governatore della 
noftra Capitale^ .'^ /«^ Provincia ^ abbiamo, fti* 
mato di rcRringerc le (uè incumbenze, rifpetto 
aie Artiglieria 9 a quanto può rifgiiardare le ca- 

,, richc di Gran Majlro , e di Direttore Gene" 
rale Jdle fcuoU £ Artiglieria , r Fortificazione , 
con autorità di prcfiedere ai Congreifi con- 
cernenti la ftefla Artiglieria , e colla qualità 

,y £ Ifpettore del Corpo Reale della medefima; 
quitidi è, che per le prefenti • • • > eleggiamo^ 
creamo , coftituiamo , e deputiamo il prefato 
Cavaliere Cafimiro GahaUoru di Salmor per Go" 



9» 






1> 

j, rematore della Città, e Provincia di Torino ^ 
,> con tutti gli onori 9 autorità, prerogative ^ pre- 






minenze > privilegi » utili , dritti , annua paga 
di 11. 6m. di Piemonte , ed ogni altra cofa a 
tale carica fpettante, ed appartenente , e coli' 
,i incarico di proseguire ^ quanto all' Artiglieria, 
,f nelle cariche /ed incumbenze fopracennate ^ 
in correfpetivo delle quali gli aj/egniamo fui 
fondo della carica di Gran j^itro t annua 
,^ fotnma di IL 5m« fimili» e óìf mediante^ che 
»> Ggl^ prefti il dovuto giuramento. Mandiamo ' 
,, pertanto , e comandiamo a tutti . . . , ed all' 
st Vfficio Generale del Soldo dì afientarlo, come 
^^ Uovernatore /addetto , e di farlo ripaititamente> 
j, a quartieri maturati» godere 9 nonfolamente della' 
^1 fuddetta annua paga di 11. 6aì., ma altresì dell' 
altra mentovata fomma d'annue U. $m,9 inco- 
minciando dal giorno del fuo afienro > da cui 
dovrà ceiTargli quanto gli era finora affegnato^ 






^ Il e 



*i8 
, e coQtiouatido - io avrcnìte « dofanM b di lai 

, (ctvitil nelle fuddiviraie cwiche, ed il vAm 
, beaoplacito. Mùntalitri lì ■ j agcfto i7<ii. 
, K Amtito. 

Di Ciavanun. 



1797 THAONE Coni* Carlo. ,. NtUiiintfi 
^S » S*^"J' ""^^' '^atc <J'I1> glrtiuà 

luglio. „ memoiii del Re Kntorie À%*itt 

„ mio imatiffiaio Sigoore. e PJfe, 
' „ affiiaie al GtntraU di Ftnuftì 
^ Cor.u Carlo Thaont (0) , Oct/f»^ 
„ inre itUa Città , t Proviruu iAfi, 
j, Tcox' obbligo dì tefideuM, J>dc 
„ egli B divedere uoite a vivoic^o. 
„ tÀ aitaccameoto pel boRto ferci- ' 
,, zio beo rk.'gievoli didime doà , 
„ d' attività , capacità , e vigilimi 1 

„ quindi i , che per là 

'• „ prtftnti d^putJarae 

' „ li prefkto Conte Carlo Tkaoitt pa 

jy Govtrnaioit tUUa ncfira CupitaU,! 
•■ * • „ Prfivtacit, 



(a) Nella Cnrona RtaU ( il , parte feconda , pi^ 
H , e 16 , tra le noiili , e principali /*»; 
glit di Nizza, fi legge la Tsoo^iSigaord di 
S Andrea. * 

(l) Stampale^ già io Cuneo t anno llJjj , ftfd* 
ÌB Tonno nel J777 prejje il DeiufH. 



I 



^19 
Provincid, contuttigli onori» autoriti» prexoga- 

rive , preecninenze , privilegi , uiilì , dritti > an- 
nua page di IL 6m. di Pie: monte , ed ogni al* 
tra cofa a tale carica fpettante » ^d apparte- 
nente » con ciò > chi preflt il dovuto giuraminio 
• . ; Torino li 25 luglio 17 97* C EmanucUf 
■ • 

Di CoUorettb. 

(mandante dtlU Città, e Provincia di Torino. 

f9% VALPERGA. Cavaliere Leone Severino. 
6 99 • • .Chcppirò nella circojtan^a d'cfletfi 

renib. >tpt)l traiporto d;:l Maggior Generale 
,, Cavaliere di Carpenetto al Governo 
9» in fecondo di Kcratli, re fa va- 
»j cante la carica di Comandante di 
,» quifta no/Ira Capitale, e Tua Pro« 
», viocia i ci Jiamo determinati di con- 
. 9, ferirla» come facciamo» al mento- 
vato Cavaliere Valperga. Quindi è, 
che .... » deputiamo il prefato 
Cavaliere Leone Severino l^alperga 
per Comandante della Città » e Pro* 
>» vincia di Torino » con tutti gli ono- 
ri» autorità» prerogative» preemi- 
nenze , privilegi , utili » dritti » ari' 
nua paga di IL 4^. di Piemonte » ed 
j» ogni altra cofa a tale carica fpet* 
»j tante» ed appartenente» con ciò, 
j» che prefli il dovuto giuramento .k. 
»» Torino li 6 novembre 1791. 
^ V% Amedeo, 

Di Cravanzana. 



3» 






Cjo 



Coonnàamre in feooedo itU* Città, 
€ Pr9vincÌM di TofisO. 



1797 TANA C^^mltm Anhnoo. ^Im 
. 9 ' u mradtvoh ttflimoHwi^t 

^''Ibbblijo. „ gCDxi, sppitcaziiBc , e riiD 

y, cbc ti lauoLtre ^r dtiÙM Tui M 
,, Coloaacllo w fecondo ìA Rtfà 
f, mtnto dt Hofìri Cnvailfgfitti, aSm 
,t decoflxateoieofe ne' dmrfi piiisì 
u carichi fu3coutt finora eoo, 
,. lods, aci^uìftaroau prcfì> ili M 
u un nuovo p:e{!ii> ^(lacclièileiiHI 
„ in Settembre (coiCo i ncatfbojmt 
M vifioDalmente tlCarrandc ABàGn, 
t, tà, t PfovincU di i\fonJml,iafd 
M ^U colle fpìegate iucàoù éfn 
' 1, dessi, • 

fi) Tiaa, famiglia dtiUpià noéHi y e eo/piau n 
Piemonte. 11 Chìod neUa Core ria RttU ,^itti 
prima , pag. S9 annovera 1 Taoa tra qutlk 
della Città di Cbieii. Si dicono veauu dalli 
Germania 1 e de' quali fu Marta Mrglit & 
Ludovico Gonzaga Marckefe di Calaglie- 
ne , e Madre di S. Luigi della Compagui 
del Gesù (i) ■ Corona Reale, parte primi, 
pag. 91-, unifcafi la fujjegutnte pagina 9;, 
ove fi dice pure efftre la FamigLa Tini 
tijta delle prineipali di Ch'ieù , efifarneniioM 
di un Ludovico Tana , Gran Priore di le»- 
iardia nel 1J70. 

(l) jt qutfio proposto vedali anche il RulcOr 
fag* aae. 



I»} éfMit attività, e vigìltnza cantiUaifi nel dt« 
'19 fimpegoo di tale incuriibenza la noftra, non 
jft meno che la pubblica foddìstazione ^ inviuti noi 
M^ quindi dai lodevoli fuoi purtamenti , che'eguaU 
W nvvifiamo pure ncU' efercizio del Aio impiega 
t» di frimo Scudiere diUa Regina mia amaiij^ms 
^'Ccnforte , a comprovargli il conto , che facciamo 
^ delle didime prerogative^ ond'è fornito • . • 
u^èeilf prefenù • * • , deputiamo iì prefato Ca^ 
^"^mUoro Ardufito r Tana per Comandante in feconda 
f»*'HleUa Città , e Provìncia di Torino , per deve* 
,a. faina Comandante effeuivo , allorché (ara . tale 
to'Catica per renderli vacanter, e ciò con tutti 
i gli ooori » autorità , prerogative , preeminenze« 
»^pHTÌlegj » utili , dritti, # colt annua paga di 
,9 A 3500 di Piemonte^ ed ogni altra co(à ad 
^ cfla carica fpettante , ed appartenente , con ciò^ 
^ a!ha gli cefi quanto finora godeva , e prefii il 
t3 dovuta giuramento. Mandiamo pertanto • • . . • 
» Torino li 9 fcbbsajo 1797. CI Emanuele. 

Di Cravanzana. f 
Maggióre della Città di Torino» 

1797 BONGIOANNI di CafieUoifo C^L^slìe^ 

9 ^ re Luigi. „ L'attuale difficoltà de* 

febbrajo* >, tempi , che accrefce di molfo la 

„ delicatezza della carica di Mag- 
,9 giore, delia no/Ira Capitate , la quale 
„ trovali vacante . • . richiedendo^ 
„ che fi affidi P eferci{io della mede-' 
>, fima ad un Ufficiale, che (ia for- 
I, nito di capacità , attività ^ pruden** 

B» za> 






JFc xclo , abbiamo trovate queft« deù'iicctlit 

4» tttlia ptifpii» dtl Cavalieri Luifi BMfiaM 
^, di Cafìeliorgo , Ma^gioie del Reg^imto»^ 
„ Sumonte , il quale in tuito il cono deUi 
,( fiu caitìcra fvppe merìiarll pct lii liinoté 
,, fu» pieiogaitve 1 TutFra^j da' Tuoi (iipaiBn, 
,, e r eftiinazioiie de' Cuoi ccmpagoì > ^c litJui 
,, all' oggetto acclie dj maDÌfetUrcU h cc^dca- 
„ za, che gli hanno prefTo di Noi coaóliiQi 
„ comineDdcvuli Ttioi letvigj , ci ftmo ittvmt- 
^ nati di aetninailo Maggiore delU fudÀrtu m 
y, fifa Cd^faU; quindi e, che ceiU prefeui .... 
„ deputiamo U pnfato Cavalitre Luigi Bufimi 
„ ut di Cafietitìrgo , per Maggiori JelUMfnC* 
„ f iteti* , eoa tutti gli oDoii, autorità, pracg» 
„ tive> precmiaenze 1 piìvUegj . utili, àBtò,t 
,, coU' annua p^ga di li. ^ m. di PieiBOste , li 
.^, ogni alua cola a t^le caiica fpeltaQie, bIi|^ 
„ pancDeate, eon ciÀ> che gli tt^ giunto far* 
,} godeva, e prefti il dovuto giurametita Ma' 
„ Marno pertanto . . . Torino li 9 fcbbrajoiT}?- 
,, C. Emtnutlt, 






t»?:. 






^3? 
^^ggioce in fecondo della Città di Torino. 

f97 BECCARIA BaldafGire* „ Deputiamo il 

9 M pretato IX Baldaflare Beccaria di 

bnjQ* 1» Crott^ per Maggiore in fecondo 

9> della noftra Capitale» con /tt/iì g/f 

M anori > autorità, prerogative* pre- 

• «9 minenze , privilegi , utili > dritti « 

- 19 # coir annua paga di 11. 1500 J/ 

1» Piemonte 9 ed ogui altra cofa a tale 

59 carica fpettante» ed appartenente , 

99 <;o/i ciò 9 cA# gli cedi quanto finora 

9, godeva 9 e prefti il dovuto giura- 

99 mento Torino li .9 feb- 

. ^ 19 brajo 1797. C Emanuele* ^ 

K.* jìvàgadro P. Reggent^^' 

y. Maffimino ftl Cohtr. Geneiale. 

y. Napione* 

Di Cravanzana» 



duerno della Gttftdellft éi Ttfin. 

^1781 DOKtA AUdairdro Mércluft iGM, 

OovtmatoTt deDiCiLDcUiIiiirffM 

Ifcbttjo. t, D^pututmo il prefdio Afci^illl^ 

t, ftndtc Daria di C'rit [/)^G* 

„ vcioatore dtUs Ciuaìiù di qvch 

„ D0<li3 Capitile, c«ff uicq'iìm»; 

„ auioriià , prerogan»e,[iteS'iM>«. 

t, privilegi , utiJì, diitii , «KM* f»{< 

M dì IL 6.m dì Piemonti, si tliK 

• .„ cofe alla fuddetta <3i'\Ci fpeiQDQ. 

„ edapparteoenti , conciò, rìt^A 

,. il 

(<) Inftrumcmo del 1 ^76 uttimo di apriie fina il 
Nìiia nel paIWM di S A- iti : „ Pciloiulracntt 
,, cofìttiiim iHpcdeLio moho illufin li;- &c. G^" 
„ rolamo d' OrÌM . . . permuta . ilJ , VEilde,R^i 
^ „ e rimct;*- al Tudilcao Screr.iffimci sig £«««!' 
P. ,, Piliberca Due» di iofu^a piefcntt, flìpiiljiW.n 
^ f, accetianic per ft , Tuoi iier^rfi , ci qujluni* 
», rucceflbri U Signoria p'-tdtna di On(>tÌ», f« 
„ Valli, Callelle. Tene, et vilUftfi, coDiaB' 
„ li onori , caiichj t iniratc, emolumenti, «Cf 
„ modi'ti anncire ad cITa, ci ctTì , ci »/ /'f^ 
„ damimo , CI ogni giiJnf»IÌ7,ione , che elio Sv- 
„ gnoré ha in eira , et cflì , ci fopra defli Iw 
„ mini di dilla Signoria d'Oat^lifit Villi, CafeUt, 
,, Terre, et Villaggi, coUe l^ailiuoni, pn, 
„ et riCerve infrafcrìtte. // nomt dt'qKt'i félHi 
„ CjplU, Tcrrt, Il vlUaggì fituati nella DioctCJi 
* „ Alberga J'ono cioè OncgUa col Caftello, O*" 
„ ne, Cafidviechio . .-,. , il C*ftcIlo , ec illw. 
„ go dU bcjlnfjia , con le fuc Terre , ci «liri bui 
„ dcpendemi, et con la giurifdizione delle *^ 
I, quc di efIòLucgOt et Caflcllanìa , pas» ^ 
„ Alfio. 
Unifc^lì il tomo i<t%o^ Appendi» pane (■Vi 

P3g. 46. 



uto giuramento. Af andiamo partanio» e 

idiamo , ti all' Ufficio Gtnc" 

Ul Soldo dì siTeD tarlo in talo qualità > e 

lo godere di ditta annua paga di IL 6n).» 

rtieii maturati , ripartitamente ^ ineomia- 

dal giorno dtl fuo affento , e continuane 

atliMiirej durante la di lui ft^rviui, ed 

(Ifo beneplacito» Torino li 12 febbraio 

y» Amtdeo* 

^ Coconito* 

nandantt della Cittadèlla di Torino» 

OCCELLI del Nichelino CaVaUereVzoìo 
Maffimiliano. ,, / {clanti Jtrvigj ^ che 
con diftinzidoe di valorofa fermezza 
predò già nella paflkta ' guerra il 
Brigadiere di Fanteria nelle noftre 
j» Armate Cavaliere Paolo MaJ/imilianù 
s, Qccelli dclNichellino j ftato eziandio 
j^ ferito in un braccio all' attacco di 
j, Cornigliano , pendente V ajftdio di 

^y 'Genova * 9 ci baoDO di- 

^j fpoiti ; quindi è, che 

j» coRìtVkìzmo il prefato Cavaliere Paolo 
,^ Maffimiliano Occelli del Nichellino 
jj per Comandante della CitcadcUa di 
j^ queftà Capitale ^ e Maggiore Gene- 
^, vale di Fanteria nelle noftre Ar- 
j> mate i €on tutti gU onori j autorità, 
i» prerogative > preminenze » privilegio 
3j utili 9 dritti , ed ogni altra cofa a 
^^ tali €«ridM fpettantc » ed appart&s 

n nentej 






V fagM di IL j.D fin 

„ mOQtc , cttrt a II. mille lìmilt Òirfiu'~ 

„ con c-ì> , che piedi il dovuto giuiio 

„ lellì rifcivata a' Brtgaditii A' Arnuu, ààm 

„ p[eced>.DO, h toro aniiaaiià , fU p.ia 

„ itiiirroieote a lui , vea«.Ddo promomUi 

,, Generali. Mandiamo penaDt<? , e co ._ 

, ,td air Uffici<> Ga,tté\t id US\ 

„ di allentarlo ia effe ^uAjiià, e d< f«b|^l 

„ delta Juddt'ia annua foga di 11. ; d 9^ 1 

„ iDoate, e U looo di iratiODimculo, n 

t, mtnttt a quanieii niatutaù , djiaate U dilà 1 

t, f;:rvitù , ed il ooitro beaepìit^iio. Tariwiit I 
M febbiajo 179J> K. Amtdto. 



V 



1796 
2+ 



Di Cmatutt §1^ 

Mtggiort della Cittadella di Tctìm- 

GAZELLI Conte Gio. Batiifta U^" 1 
». Coflamé Jimpre U,Cenu Gio flu- 1 
„ u(ia Luigi óa^tUi , Luogotenon I 
„ ColLnaclIo del Re^gimtnia Prsn»- ' 
„ eiatt di Sujtt oel lodevole imp*- 
it gDO , che fìn dal principio deiU 
„ tua catrìeia (ì fece , di dilViagiUR { 
„ i fuoi fetvigi coli' efcrcizio ddle ' 
>, virtuofe doti , ond' e fornito, «i* 
„ fulle pajjace Campagne recito con 1 
,1 chiare teflimonia^ze di oianitls I 
9, te r me zza , dicapaciià, di ^a^i nit 
u Bvdi zeio > che voiend» paitfp^ 
I, la eonfidtnia , che gì' banoo piob 
M di Noi meticato le comaieDtfevaK 



3, fue prerogative « ci (ìamo degnati di nominarlo 
^, Maggiore della Cittadtlla della nojìra Capitale, 
y^ in V'.c; del Cavaliere Prevana ahrimenti prov- 
,» villo 3 p. riuafi , che nel riempimento de^ do« 
,y veri anncfll ad una tal carica faprà accrefcece 
3, i ticoli , che n è già acquiftati ^Ue noftra 
3, grazie : chepperò colle prefenti' •••«•• de- 
^, putiamo il prefato Conte Gio/ Battìflà Luigi 
3, Gabelli (a) p^r Maggiore della Cittadella delta no ^ 
j, /ira Capitale , in vece del Cavaliere ProvaAm 
33 altrimenti provvido 3 coti tutti gli onori, autOi-c 
33 rità, prerogative 3 preminenze» privilegi, utili^ 
3> e dritti 1 annua paga di U. 1500 di Piemonte , 
33 ed ogni altra cofa a cale carica fpettante ,• ed- 
33 appartenente 3 con ciò ^ che gli ceffi quanto 
33 prima godeva 3 e prefti il dovu^ giuramento. 
33 Mandiamo pertanto , e comandiamo a tutti li . 

33 Tonno 1) Z4 marzo 17^6. y. Amedeo* 

Di Cravanzana. 

Governatore deUa Città di Mortaruy 

e 
della Provincia Lumellina. 

1780 ALBERTENGO di Bagnolo {Ji) Cavaliere 

ZI Gioanni Matteo. 33 Nil cor/o di cin- 

Bovemb. 33 quant' anni già compiti » dadchè fta 

3, preftando 1 militari tuoi fervig) il 
3, Caraliere Gio. Matteo Albertengo 
33 JU Bagnolo^ Maggiore Generale di 

,3 Cavallerìa 
(it) Fedi U tomo primo 3 pag, 481 , 6j6y 677 3 e 
. 1^78 3 come pure il tomo fecondo 3 pag. 161 
ad^iói» 
(b) Degli Albertenghi Signori di Bagnolo fi parla 
nella Corcaa Reale» par. 1 » pag. 155. 



„ Cavalleii* atti* nnjirt Armstt , e Coli:ctdit 11* ' 

- Comandaoie del Keggiuiento ii mfri A» liieii 

goni , o'^n (clai»;eDie diede nui feirTwfcfi l^f^" 

cb«te tcftimoaiaiize dì cùttczu, apiùì,i It-c: 

- vigilanza, ma Teppe altre»] diiliiiguc^^aa»- |<*^ 

duUi'«te pruve di marziale ioucpriem idi L'i' 

Vaiv oceaficr.if cui irovoliì peodcilti icWHt l&l 

^, dus f ui:lttf ; a qHLftti ilogolui (uc bcKOt- It"^ 

^^ tcaze jtccf^vr>pafjìitG da un vivo iinpc^ A A'^, 

j, pioiiiovere la Diìitare difcì[>l-03 uri K^j^'-wt! W^ 
„ al di lui coa>ao-0 affilasi, co::;fjA-.BCtiBÌ*'l 
, ,, tono gli ctT^cn dcUa QolUa beseficciìu dali 1 
„ di tempo in lempo co^ifcguìri. Di qucitoftìl 
,, oqh «(Tondo anco» pago l'amino noftm,cl_ 
„ volendo ii)i palesargli uUerioruisnte /i |«iri^ W 
,j nojlra p'openjt^né a tao riguardo, ed il cesto, ■ 

.,, che f>>ccÌQU)0 delia dì lui per fona , ci f^rtit I 
,, ttrmin^li di dooiìduIo eUa ragztiardncle texi ■ 

'^ di Governatort dtlìa Cina 'di ASoiurt, t àk M 
„ Pftmnàa LumeUirir m vece Jet LnninoBit I 
,, Gtn raU Cavaliere dì S Giorfiio, pifliM ti 1 
„ G>ìi-erno d\ VjL-Lzi. (>(/y,TÙ i , ^,W . . . . ii- 
j, piiridiiio i7 prrfiiio Cavaliere Gl'i. Mststo jÌ^ 
„ htttengo di Bainole per (^ovfrntfftfrc della Cini 
^, di Mjruia, e Proviacia LumelliDa , con uw 
,, £•/( onori, auiorità , prerogative, prcemtiicoiei 
„ privilegi. Olili, diiici , annua paga di li. ^W3 
,, f^i Piemonte^ ed ogni altra cofa a tale cana 
„ rpctiaote , ed appaiicceorc , conciò, che pieft . 
„ il dovuto giuraaietìio. M^ttidiamc ptnaau, ' 
j, comaDdiamo a tutti U poUri magiltratì, Miai- 
„ (Iri , ed UfTiciali, si di giuitizia , che di gpC' 
j, la y id a ch-uaqut altra fia Jptditntt , di ria>- 
„ oorceilo , farlo li^OBoiixre , ftìmaie , & np» 



6i9 

pei Gov$rnmt€T$ della Città dì Morcara , 

Ja Proviocia Lumelhiia , da Noi come fovra 
tuico , ed iàW Ufficio GtfUralc dtl Solio di 
tarlo in tale qualità , e di farlo godere 
fudd$tt0 annua paga di li 4CO0 , a quar- 
o aturati , rìpactitaoìeote , incominciando 
giorno del Tuo aflento , . e continuando in 
nire> durante }a di lui fervitù, ed il no- 
beoepUcito, che tal* è noftra mente. Mon* 
fi li XX novembre 1780. y. Am^o. 

Cocoiuto. 



Datore in jkconào della Città di Horwa » 
ÀiUa Provincia Lumellina. 



BRUNO Cavaliere Felice Saverio. ,, . • • • 
^> Pirfuafi , che douto > come lo ràv- 

>• » vifammo ogoo/a , di capacità > e pnt« 
M denza, fiuà egli per renderci nel 
>» Governo della Città di Mortara , 
^ e della Provincia di LumeUina> in 
^ follie vo di quel Governatore > pi ìli 
. ,> fnittuofi i (uoi fervig) , ^t ^amo 
jj» degnati di conferirgli per tal effetto 
^9 la calica di Governatore in fecondo 
^ della ftefla Città , e Provincia , 
«> in vece del Cavalierd di Momba- 
M r9ne refofi defunto. Chepperò colla 
•> /'re/tfAii . • . depuriamo il prefaro 
09 CayaUerc Felice Saverio Bruno per 

^ Governatore 



,, Govtrnaurt is fecoode delli Cmià dì Mtrk- 
*M ra («} , e della pi ovìacia LomeUiiu , im tua 
„ gli onori , auiorilà , pretogativc , pceaimui, 
„ privile^ , unii, dritri , atmu^ pa^a àiiiatmk 
„ di Piciaoote > ed ogoì aitn cou a alterna 
■ „ (pbtttnta , ed appaneseotc , c«n ciò, titfnfi 
a, il damato gÌurarj%eiito, ÌAaaSìaiTX^ pctUSiOi 4 
M cocnaoiiaoio a lucti .... X7^/. il QatDtfl 
j. Reale di Ttnia li 1 1 fettembco i79>. 
, y. AmUto. 



(a) » Dom'nus Maiio/dTii , et Comes firtuEii(i}, 
„ Imperìal's Vicaiins Geoeijjis. 

,, Quìa volumus; (juod tetra aoftn .Vv- 
„ Wr« de cetero nouiioeiut ttrtA Bc!Jejot« 
}, tus (i), ratfR^iun/u libi qualitei , tiLcftu*-, i 
„ dines, i^iiod in qurbul'cuojque fcnunjtls.itt- ' 
„\ftrLimeDiis,e[8tì:.s,inquibus^iit fupet tjultw 
„ coniingat ijjlaiu leiraoi dcfcrioi, e: n.mi- ( 
jj nari, djfcriwrur , et oomioetur teuaS*'- 
„ (Uporu/s. Daium Papm io iuiiurii ij84> 
Coti io uDa teitesa fciitta al PodelU di Pa- 
via , che mi Ti fuppose eliftcDie per copii 
nt^ Archiviò della' CoDgTegazìooe de'GnIì 
Pavelì , e in quello di Mottaia. 
(i) Comes VifLufum. Fedi il remo, urio ^ wpea- 

dice parte quana , ptig )4, nota g. - 
(i) Vedali inoltre fui propolìto anche di Merun 
il Tomu ttr[o , Appendice parte qu«ni) j 
f-»^. 71 > noia «, e fag. 74, aou «. 



Govenatore' effettivo' <ftlM CUii, 



e ■ ■ •" 



' Provìncia d^ AeqiA7 \ 

1797 DUCH Cavaliere Pado^ j, La rigiUnte 
XI » atteniione ^ e Iz commendevole ehu 

Bpxiìe. «» tezza , colla quale il Cavaliere Pao^ 

,, /o DmtA Brigadiere di Fantem nella 
,^ nófire Armate , e Goyernatore ' i» 
f y fecondo J///a Città \ e Vrùvincim 
^^ Jt Acqui fta da maggio detto fca** 
,, duto anno ' difim^egiiaDdofi da|rlt- 

> ^ affari di quel Governo, refofi al^ 

t, lora vacante • \ • , invitandocr a 
9, contraflegnargliene il noftro gra4i^ 
M obento ... , colle prejenii ••• deputtatD<r 
j> 'il' prefato Cavaliere Paolo JDtuk[a)^ 
t> po' Governatore effettivo della Cit^ 
9, tà, e Provincia ^;<^^ftfi 4 con tutti 
,, gli 'onori • . • • , annua paga di 
^^ 11. )m. di Piemonte* 3 edogniàltnr 
,. cofa a tale cafict' ((^«Kaàtc;'^ 
»> a(ppanenènte • • * •' .-ToHno U ix 
,> aprile 1797. C. Emaniuleì ^ 

.Di CoUorettoJ «^ 



f • 



j» 



(tf) Que/ta Famiglia Duchi ^Z2k ^ una delle pia 
antiche, e più nùHli del Piemonte: ym 
quanto già fé ne dtffe nel tomo primo > lil* 
Xll^f pag. J79, 38.0^ ^ j«f. 




^ éf Mt0a , ipwi d^ r^t^ Hwanka 
^ fm , atóm . mm> ah Mtb^Utmmo^ 

. M«MÌ H(». «I atóusì mKàmM 
^an Btém^ Amàm^ GabM tfi^l 
«, Uos » lohan cMM 4^Uac^ «MMa*^ 
^ tlldiw per jupBMMMV. <{MÌKè.a(ii^ 

M oi rocaugr, ddc—difar» A^m fenici ■• 

M finuil ìoqAoi , coulo eic£c>i«s wi inni 
I, daai tip» (e oppofoid , atm eo pngoJi 

,, lùvtjus , cfuclis ooniibus miliutnu faii. . 
w^ fiiu&en uasfìra aBiici eft. 

n Scd cum hi popuii iatercta HtamfM 
ft afiociaficDlj stque ìngccteiD exeicirum 
M pariffent , e*emi « BtUtivtfi co in m» 
n (cniDuieTer(afetarì}ainiainqDeciiaiapen 
u poniteret , conique de regréfla ùi GaBì» 
M filioni haberetnr, omiùuiDijiie tou adìd 
M pTopenlk, Tel eorauiine, quia exetcitw 
» mentii inopia kboiabat & peftileiu lue 

(•) fntorm^ a tpvfii Codici MaBofcrÌRÌ wtJi 
gii fi n« diQt Ufi MOTO primo WW/« } 
Optra, ùt,XlK,félg, )gi , t |«j. 



"at , aec cefUre yìddwtur t id aiiii 
[ui milites^ <]ui ooinioo in Galliam 
brfDt , co €faod ibi ìu egeftate ^ttoot^ 
cr fé babtto , decreverunt , quidquid 
rtuoa fotrec > ibi babitare » ubi tono. 
d 9 in loco , ubi C^rmunum eft » fuit ) « 
)c intentioae adverfui eius loci hai« 
itius agereot» ab «ia dilìgabantur» 
mie, ut Doo iDodo ciim aii amici- 
kxerint, verum etiam intèrcidetta 

Carni ( id enim unius %x Galles iio« 
» cum Téma filia cujufiiaiii » qui P^o« 
)atur , affikiitatcai etiam cofetrasuariau 
iocolis e'ius loci didicafuat loquln, 

facilius traiicere poffoati^ 
rogoito» cum Gallorufla }a« tminU 
Tus diea, ifti Gallorum ficas aiifo^t 
•s unum de fociis» ^vjodovk tOM 
liferuat» qui S«/&h^//ì, quji ab ia- 
loci acccfennt, auntaaitt^ at dum« 

qui aum locum inhabUabaat , nullun 
iferretur, favorabile eoxum CerTitium 
Luros» fponderet, quibus coaditioni^ 
ìvifo obtentii (equeati noda execct-r 
im pars par demoaftratum locum flu^ 
\t , et pmneoi regiooem » qu* óg 
, obtinuit • ^ • Quod vidaatas Ht^ 
timaatcs iada reccffentat , at ad rea^ 
las defcadeadas panexafnac. Tawi^imi 
ìaluvii proptiis viribuslibdicaiem iìiaai 
valeates BcUov€ji\wp^tmm fubieruot 
cfus ergo obfcquii fibi a Corno, Ja^ 
liis eorum fociis piaeftlti noemor ^ noà 

, et GOffum diaatib^s offeafiim qié^ 

99 fàaeiii 



• « 



«44 

t Dcm proUbuìt . fcd Cmt»» cudAos bMiM 
t ejus loci , io quo degebai , et ploiet i^Am 
y, cuincirca fbntei fubie^i:» effe voluit. 

„ lode aliqui voluat ex Carni , et ToKlO' 
„ miaibiu Caraiunum tu^tTo dj^um Ofipi' 
M quod Dunc - Camianttm appelUtur , iti 
„ vero jCo quod lUcouus mìles effet, niriDcptdfr 
„ cit . . . . 61 ad occupanda Ica) milìt 

^a{t fi p«^ ivi a dire (a), che dtpvi ^ ìpAv 
,> toiius lui Exeicitus przfe^um cieavit, «Jh» 
M Cri) appcIUvit , ^uod nomeo deiscept Tea 
«, fuit iibi dt^um , aec amplms JoAotk ftk 
M catus : quo io muoeie Prarfe^ , 6c Data h 
M ftreDue , & prudeoter fé geflìt, ut iadc, ft 
M immoctalfioi fibì gLorìam , $c multas dirÌHi 
„ compauvecit. Cumc^ue poflea BtiJovtfiuci 
M lulìam ad ufque Hetcaiiam obtÌDUÌfkt, à 
„ lanum , et alias Cìvitates acdificaffet {^), ei 
M Dueis eoo Olio , et opera in omnibus, nusbct 
M li > tuin pacìs Dcgotiis uCut clTec , ei , et O 
M vis , live Clauiio fratti multa coniulit piiv^ 
it gia.Cailium £/foy in Gallìa cum plutibas li- 
„ jaccalibus, & circuoiHaoiibus locis eis àcm- 
n vit, et io Italia modia triginia fex mìlliaicnx 
M . . . . dono dedic . . . Oux poftea ul^uc «j 
„ extiemum ienìuai gloria celebetiimus, onmÌ* 
,> bus caius ,' divitiis a6f1ueiu , et viix modoa- 
„ tiooe confpicuus pcileveiavìt , inde obiìt fun- 
n Bjo oouiiuai taxioto • • • > dcfceodeates n» 
*, . . . Duxii di&i funi , nomea in cogaoM 
M niuaBdo 

(a) F-^. ,11. 

(kO ^«^' ffid Copn il molo l, pag. f. 



Hi 

\^ ì&tttahàò. Ék I^ucè tùptttviàiuùì décetn filii • . • 
j^ ffanc hifloriam narrant Jacobtis Cnìt*, et'^ThO'- 
*j^ mas Auricula (ic ut fupra eft. Raymondùs Turcus* 

La narrazione (in qui fatta in ordine allafa^ 
ini glia Ì€ Dueitus, e fut origine a' tempi dìBel" 
iovifo, e così nell'anno 14} dalla fondazione di 
Ao^a , mi ricorda il Muraiòri nel tomo fecondò (n) 
delle di lui diflertazionì (optz le antichità italia^ 
ne (i) > ove offervò egli , che fotte i Re I^ongo- 
tiardì , e Franchi non ebbe il Regno d^ Italia ift 
ufo di diftinguere col Cognome le Famiglie • . • » 
ma a jk>co a poco fi Tenho intendendo , in quanto 
utile dell' umano commerzio póteffe tornàró U 
valerfi de* Cognomi , come ùfarono U Roma^ rec^ 
thj^ non tanto per diftinguere una perfon^ dall* 
•Itira , quanta ancora per differenziar tra loro le 
famiglie (e). 

Pongo io adunque , che alctin poco nel fe« 
tòìo decimo^ più bgW undecima, e in gran i^opìt 
poi nel dodiceiimo , fi dilatò , e fiflÒ T ufo i* effi 
Cinomi (d). 

fi 

ia) DifeTtà[iófU 41 dell' ótigibe de* Cognomi i 
pag. 572. 

(i() Già conrpofie^ e fubblitaH in latino. 

'{t) AUtmi vogliono » che fortandof da Cavalieri 
antichi nelle gioflre , i ne' torneamenti certi 
fegtii « Jpejfe volte donati dalle Dame lopo , lu/T 
nrmatura , cioè nèlt elmo y e nello fcudo-% 
fervivano per diftinguere gli uni dagfaltfi, 
Chambers > tom. i » artìcolo Jtrme geniili{ie, 
^ag. 55 J 9 edi^. di Venezia 1748.' 

(d) Pag. S71, e 57^ della predìkià Òìfferu 41» 

. '^ , ■ •. -, .^.V-ilV^. ? /a * •- ) 



I» E lo ftefle MurmUfi hella pnaeinm Ci 

Uf^Sfrtuiioiu 41 (« , dopo avvici niuuo ilfeil 

P«jb.aio d«l ceicbie P MahiiUiu ,0 , lyb fc^f 

Imbuii i<(ii(u . fid maxime ijcculo im^kim i^ 

F'.Cusic , Ci^gnQOikBuiu uiuoi tieqiiCDUii cj^ile ()» 

■ pTtnJt m dir*, the ctuuDijue è veMaio ndisii^ 

I (tiche aiomoiic , cooft (Tcià , ch« apposio ótii 

K>J|uo'tea)pÌ JDtiodotto tu io Italia l'ufo ^'«'(«{•«n 

wf. Vcx cODreguQDio gruiToUitaincfltc im^aai' 

^'90 coloio, cha pcofaao d' avari] dovili «'(euG 

pecedenii, per ìaceatiro le lUuttti fanil'C de' 

DOttfi tempi, e foBo iwpofturo , o (bgiii{^,i{«^ 

che li rpacciaoo ia alcune Geoe^logie, di ■> 

doch« le^okimoBie 6 ba tU tEncrts por dlù^ 

)usqu« cana , cbe ce li rappxercau pnou dd 

^liùft}: aoa & ha dunt^e da portare ìcniia 1 

(a) D$' Afami , e Soprsnemi dtgli satùhi, f*^-ìi\ 

t fig. dei dtlto ii>xo j*c»ndQ. 
(bl tii. X , caf>. y , de R* Diplom. 
fc) Gitechi tu umpi iartanri gì' IraliaBi jE a^ 
ttniavano liti foto Nome , ni ufavtu» f*('> 1 
the era Jori chiamati Ognotiii. Cesi '^ f'^ 
dato Muratoti mlt an^idttta pagina. 5(8. 
(d) Par filmata fomaio t come qiùtopra, j'ag.i'!^ 
(ej ^U eferci^ia de loineameatì fi dtt d fi*» 
ufo d<U' Aline, e Blalbni a 9 di t£i tanca- 
metili, vogiiam dir gìcltre (t) yueif , c^ 
fiaru flato Autore un ttrta. Gcofliy Sifittà 
PjM'iUk 'tire* f MWut 1066 * vttdiUCbaopbeO) 
. toifi^%^itx, tonuamtiu» j pag. 4^4, giaMU I* 
pttg, ì 1^4 d<i tomo 1 , alt. ^raac GaHÌUiÌ4 : ìbi : 
it " Pa "mif /)/wf ffrittrri ji ricava ^ af W fr 
>, Afme delU CaJ*tf , cif i r.omi doffj JtBt 
•^t^^'^R^ig^, aon fitron» ti mondo tauJÒMé 
„ '^vaaii t anrio mille. 
(l) Prof riamtatt parlando , fra i torntamtiui, 1 li 
gtofirt , travi ^uaUht dtfferin^a , Ju d*l tii 
ved^ il fudd* Cluiiibcis t»m.ìitpag.^iit* ^ìm 



^lelle nobili limiigfiej cbe tt^ùóAi- aitavo ^nm^ 
it0, o decimo ù figurano d' aver tfovàky y^ftèvi^ 
Cardinali, Gnurali di Armate i^€. «oi loio C^ 
fnoffii {a). 

Sargemi Magfi&ri di Città ^ Ca/Uih &€• '- 

ti 99 DI LUCERNA Conti Gìo. fìmtù. da' 

IO Signori di Cam^igUoMé. .g, Chtiàiana 

aDar&o. ,, di Francia* Ariftdo- S. A. R. ìduìo 

^^ Signore di giorioia memoria fin 
>» dal mefe di Settembre ^6%^ ftib^ 
j^ lieo // Conu D* GioaUfii Piecfo di 
,, Ltutrna de^ Signori di Campìgliom 
^ nel carico di Sargéuta hUggìora- 
„' deUa Città iT Afii per li mérict^ 
^, cbe eg4i s' em icquiftaiì con la lui^ 
i> ga fervitù fua d' anni ventitre j dun 
' ^, ranti i quali , è ftato impiegiató -ia 
M tutce le occaiiofii dì Guerra iiidU 
9» verfi caricbi , maffime di Ca^uno 
M de' Mofchcttieri delle Guardie dd 
fu SersniffimoDtica Carlo Emanuel p 
dimoftrando Tempre U fuo valore» 
et il (incero aietto, che porta al 
fervicio di quetka Real Ca{a> et 
j, perchè finora egli non ha rappor« 
9j tate le Tue coftifiizioai del carico 
(a) Pag. $$9 % tomo fecondo dalU f recitate differì 
tastoni del Muratori. 

E qui torna bene quanto in propofito della 

Famiglia Nana gii fu ojferyato mi tomo pri* 

mo> Appendice pane feconda^ pag* j, acui 

t * fi può unire la pag« 179 del tomo tocondo • e tod 

anche la pag. £i. del pr§eif4t4 $om^ pdfflo» 



99 
99 
11 




j» fodJii^owQP» 3 . POH ibbiMoia vpluco. magpoi- 
«t^WMt 4ìlfe«iai % cp occd tf gli o k I M^tff. ^f«r)i^ 
^ di coftitnini, e depiitace, cerne ptr Ufnfea^ 
I» • • • dq>ucuiDo il CoDce D. désmai Pinrp£ 
j, LpQtfB^.fMr SaifQlico MaggHWtt éUim Ciaà £ 
^ Àfti, GOft lutii gli onori . . m 3 €i cmU.fM/a 
m: ardimi M.Uy». ottuMi: / itrgema al jnank . 
^ i^^ Nei glij!M0jfÌ0m^ { ojt»^ il fìgiummmiù di 

j^; gioieiico di S. K /^ . mio figliuolo «miriffinio 
i^^oomuidaco^ da 0. Cado Um&no («), ftabilitoli 
j^ Mffordiof detti fagotto i<5 6 ^ «inai» inipianio 
^ Jìa cU J>iipgiio ». coafenDiamo 9 jpon che preftad 
^ U dobito gìufa'tnéatg, Mm t i dh m o perciò » et co- 
^: maodiiuBo alli Magìlhaci • • « . • Torino li io 
9 mano i6}9- 



1711 CAMBIANO Gio. fiattifta. «, Lebuom^ 

ai . j» e lodevoli qualità » che conconono 

&tteiiik M aoUa pei fona di Gio. Batiifia Cam* 

jt iÌ4Mo p già Capitanò nel Reggi- 
.. niento noftr o ii Selux^o j e T^gia 
condotta , di cui ne na date pfo?e 
evidenti nell' efercizio degli im« 
^ pieghi , che ci ^amo cqmpiaduti 
^ di conferirli , e panicolarmente 
^ come Cofitano fuéUUiio » ci danno 
tv miggipnnente moiivo di continuar 
a fiurgli riflentire gh effetti della ftima» 
chu abbiamo per la fua peifona» 
_ con deftinarlo al carico di Sergenu 
^%M^W^^^ ^^^ CafteUo, Pone , o 
^iéi il , t^mQ , jterzo , jÉppemdiee perù peonie % 

tavolo ifeaMlog^^o • feg. yi% 



9» 






«% M 




La!£zaretto M VUUfrarUà. Quindi è , chtt 

p/r /r ffifinù •••• 

leputiamo i/ frtiitto Gio. Battila Cambiano 
ler Sergente Maggior g del Caftciio, Poito» e 
joaretio ii yiUajrancAy con tutti gli onori 
• . • • ^ tf ^/ flipcndio di liuxe mille duecento 
* anso 9 Ducali ^' argento , a fs. io 1' una » 
on ciò» che pretti il dovuto giucumento.Afa/s- 
kmmo pertanto^ e comandiamo a tutti • • • • 
Torino li li fettembre 1711.. K Amedeo. 

Lanfranchi. 

Sargeme Maggiore di tutte le Miliiie^ 

8c Infanterie^ 

I ) A^lM ARO ya fallo Federico. „ // Dnes 
.8 j» di Savoia. Aiti molto Magnifici 

(giow j> Configlieri di Stato noftri cariami 
,^ li yeedore , e Contadore Generali 
j, della noftra militia Tommafo Roero» 
^s & Gio. Fiancefco l?ODte falutet 
jj avendo Noi conftitulto» & depu* 
^ tato il molto Magnifico ^affollo no^ 
3^ firo Federico Agnato per Sargente 
j9 Maggiore di tutte le nofire militie , 
j, & Infanterie 9 e volendo » che per 
5j ^uefto carico egli re/lì provìfto di 
,^ trattenimento , vi mandiamo » & or^ 
^ dittiamo per le prefenti , che ab- 
tj biate d*ajfentar (opra il libro gene- 
j^ rale del Soldo delle dette nodre 
^ militie il detto Ajinaro in feudi fj*' 
^ fama di tre lìure noftre > l'uno , o^/ii 
^, mz/r , facendolo d'efE pagaie a Tuoi 
M luogo s e ten:po nella Cittadella di 
M Torino • • • AfUh a8 maggio 1613. 
M C. Emanuak. ^ 



«Sj NTICOIIS dìBrofuHi^o CoauC^ftfEaér 

17 niul, Sargeate Maggioie ddDiO'it- 

' luglio. kria M Piemonte. „ VotoJo N'M, 

„ che At nofira CAv^iUnt Jì^jumm 

., faccia un Corpo tepiiatoiitfaCn- 

„ iarnuTia («) , richiede it whis 

„ fervitio di ft^bilire «u M'^<«m 

,, tD elfo, la (joal carica «bòumOlLt- 

,, (natod'appogsiare ^ CffAM^Arj» 

j, i/i{{Ot in CUI cODcoaOdo tutu 1: 

„ qualità neceflario p^t efeiciiU ti 

„ imieta noftra foddistazKHW t <*^ 

,, pei le pteieod . . . dtfutivoo'^^- 

„ detto Conte Oir/o Emanuel Niuii 

„ di Brtndiu^o Safgeoie M^Ai: 

„ della oottra Cavalleria éi Fumm 

„ pei detta carica ererdred'ocintò, 

„ con tutu gli onori . « • > ^aiù,t 

„ pa^ad/ Capitano di il. t% a- 6.%^- 

„ Torino 17 luglio i((8i. KAmii». 

Grau Maftro d' Ariiglitna. 

■ 1787 GABALEONE^\y«/morCalimiio.,. ?« 

- ji „ U preftnti zXcggtamo , creuno.to- 

marzo. „ {tìtuìamo, e deputiamo Ìl fttfat 

„ Cavature Gran Croce Capmiro G*ii- 

„ Itone di Salmor {i} per Gru Miftio 

„ d' Arttglitria > con ciò , che pie^ 

„ il dovuto giuiamenio , e con tutti 

» g^ OQori , auloritl , pteTOganvc ■ 

„ ptemineBze , privilegi ■ utili , ààsi, 

. * I) ed ogni cola a tale carica Ipct- 

' „ tanta, ed appartenente, c«Be^ 

,, giunta di II xfoo calla pap 'à 

(a) GeDdarmeiic, Eqùiatas {i)pmnorÌs armatmrm. TO0 

l^i gcnilaime» ...-Ce font touics Ics Coatropón 

d'Ordbn nane* du Roi^ de la f^Ofc ..8c dcs Piìbca 

RtthtUt Di^oaoaire. ' -' 

(j) Creato poi Cavaliere delUNunuatali i^giuf-iTiS- 

(i) Equiiatus Cavalleiit. 



*5t 
lite }5P0 9 ed al trattenimento di lire 

^m« » di cui gode nella qualità di Gover« 
BStore de' prefati Reali Principi miei ama* 
ciffimi figliuoli , coficchè in tutto venga a 
percevera la fomma di lire 10/77. , fi abilita 
per la diyifata carica di Gran Mafiro, con- 
Mfcndogli nel tempo fteflb t autorità di pre- 
cedere a tutti i Congreifi relativi ali Ani- 
^tiarim % alle fue dipendenze » ed alle prcpofi- 
xioni da £u fi in occorenza di rimpiazzarne nto 
ael Corpo Reale della medefima^ colla fupe» 
ri#rtfjp/f «(I9M flhlla dUciplina , e fui fervizio 
di eflo Corpo , al qual jjint gli accordiamo le 
ancorila , prerogative » utili j e preeminenze ^ 
^ di coi godeva il fu Commendatort £ Antony 
\ anlU iua qualità ài Capo del Corpo Reali , 
^ incaricandolo altresì della fuperiore direzione 
^ delle fcuole teoriche > e pratiche it Arti'- 
^ giuria, blandiamo pertanto, e comandiamo a 
^ cucii • • • . ^ id air Ufficio Generale del Soldo 
^^ di aflentark) neU* additata qualità, e di farlo 
^ godete dell' aflegnatagli aggiunta di U. 1500 9 
^, .e quaitieri maturati, ri parti tamente , incomin- 
^ dando dal giorno del fuo affento , e continuando 
^ in avvenire, finattantodbc , trovandoci in grado 
^ di dijfiflipegnarlo dall' attuale fuo incarico di 
^ Governatore de' Bominatì Reali Principi , eg i fia 
^ net cafo di venir a percevere Taddiuta annua 
^ paga di U. lomb di PitmonUy ftabiliu pei la 
^ IHddetta carica di Gran Aù^ro, in qual cir- 
^ coftanza, ccfl^ndogli la paga, tratrcoimento » 
• ^ i^unla fummenzionati , eflb Ufficio Gene-» 
^ rata dai Soldo lo farà godere delle dette ai;nue 
IP U. lom* « durante la diluì Jervuù , ed il nofiro 
1^ tonoflacito , che tal' e noftra mente. Tonno li 
1^ ji taarzo 17S7. F. Amedeo. 

Cocoaito. 



Pòrno lagegnefc di S. U.i 

col 

: fopeiioze ccmando 

^«/ 

Colpo Reale degl' lagegsen. 

a7SS NICOLU di Rob^lut Cgf-alim S^a 
BeoedcRo («) , Laogo$auKu Gatrtk t 
FanurtM , e primo Ingegocse cnu 

„ infra. „ Per le prefeon 

f, deparìamo // prèf^to Cé*4Ìiat Sf^ 
^ rito Baudttto Mtulis di RMui 
tt pei Luogctenentt G*B<rsli £ Ita- 
„ U'U ntlU nofirt Annsu , t ja 
„ primo nvjìro lagtgiurt col &T*U4 
f, comsEido del Corpo EUalt it^ 
M '"gcgoeri , eoa tutù gli «wri..., 
u e coir sDDua paga di IL 4111. £ 
jt I^emoote, o/i/'< all'ag^unxa tUta' 
f. Bue II. 1000 di tfattcDimcaio , ■ 
M laziooì due di pane algionio,»» 
ti '<d> cA( predi il donno gto» 
«t oieoto. Mandiamo pertaato . . . • 
,t Torino li ij aprile 178S. 
„ y. Amedeo. 
(l) £j'fi i nipote di fylio del Conte FréaeefioÀÉi 
temo primo PrendcMe, e'Mioiftio di Sta», 
di eui nel unno prìniOy f*g. i.%6 , e 187. 

Ed i figlio del Conte Ghifeppe , di cu 
Mbhamo un litro in 4." , fiampmto in VcM* 
zia (t) nel 174S , ed intitolmio MafioM) 
Regole , e Precetti fir ben eondurfi «die 
opera{ioni iotoiao »lk Acquet tanto eorrimii 
che pagnmnti, 
<i) freffo il Pecora, di fàjf. ^ 



lUnte di Campo del Re Catlo Emanuela iIL 

41 DELLA CHIESA di Cin[aM Marchefe 
d Giufcppt. Il sìg. Mìvrchofe Giufeppt 

48. della Chìela di Cin{ano fu Aiutante 
di Campo dal Re Carlo Emanuele iU. 
pendente la guerra dal 1741 al 1748» 
.come rlfulta dalla Regia Commilfionei 
de' 14 ottobre 1748 per il po(^j 
grado conferitogli di M^iggiore del 
Reggimento d' Adi {d)^ 
* Ritenuto , che la Maeftà del Prin? . 
cìpe anzidetto non ha ftimato di de- 
corare di particolar Patente , o Com-* 
milllono quegli Ufficiali , che giù-, 
dico di prefciegliere all'incarico difuoi 
Ajutanù di Campo pendente la guen^it 

Primo Aiutante di Campo 

dtl Re 

Vittorio Amedeo III. 

f^y DELFINO di Triviè Conte Già Batti- 
X fta. ,9 II Re di Sardegna 6^. Il vivo 

ggio* 9f zelo y ed attacamento , che il Magn 

giore Generale di Fanteria nelle no- 

lire Armate » e Colonnt;llo del Rf g«> 

j> gimento Provinciale di Novara CJon« 

^ te Gio^ Banifi^i DQÌ&ao di Tnviè^ 

,9 manifeftò mai fempre per laRe^le 

M iioftra Perfona » e T atteozione > ed 

efattezza^ che palesò tuttora nel 

riempimento delle incumbenze , 

f^edi 4pd fopra pag. 59^, alla data 1755 i< 

faglio, articolo della Chiefa. 



99 
99 



9* 



«J* 1 

„ che. tempo i tempo , ninuno ael alo di i^ 1 

» P^KS'^'S^' oetU Tua qualità di tto,ìro àjuma 
,, ^ C*mpo , e' ÌB'itaoo a dargli una nuoti iv I 
,^ piova delU noAia cooBdcDi^ , nna oieso d» 
„ del ct>mo , che, mallime d He ptdlaii c^ 
„ ci>lla(ize . facciano delia di lui hiiiwi, ei 
M ÌQtell'gdDza i cfupftrò in contrafTcgao lAcht: 
j, della l'i)ddisfaztooe , eoa cui nmiramo i Ijd»' 
,, voi fervigli che ci fta pieltaado neUcnasdo 
„ dell' aJditdiO R.ggitneoto, ci fiamveompuaai 
„ di DOninaclo prtMiù noflro ^éjutanu di Csf^i 
^ p-:r efeguite gli iDcarichi, che (limeieno di 
u affilarceli; fiidt e Ile prtftnti muniu .iti ^gUo 
j, nolro leccio ia\, conferiamo d ^reJ/i'eCoÉU 
„ Oio. Battila Oeifiac di Tri vìe U ctnt* dinO» 
M Aro primo Aìuiaote dì caaipo , ^«a luii |{ 
^ onori, autorità, e prerogative sUa atdtOt 
M f|}ettaiiti , ed apparteneo'i . td ordtmtme ilT 
f, ij^cìO Generale tUl Soldo di proft^gulte i fulo 
^y godere di quaato gli era già alTegnato mA 
„ p'teedenrt fua qualità dt nofiro A'iwtnu à 
a. Campo , incomiociando dalla data delle pfcùai'> 
„ e coDtiouatido io avvenite , duiaixe Ja di Iv 
,, rervitu, ed il nollro beoeplacito: maititniàd 
„ Otturali y ed altri Uffiziali dflU nofirt ArmM, 
f, ed a chiunque Tpetti . di rìcooolcetto in ud 
„ qualità , td al fudiivifato Ufficio di regittnn 
,, le prefcnti , che ule è ooltra mante. T«M 
„ li i maggio 179J. K Amtito. 



(a) ì^eii U nou ìt di cui infr» fg. €ji. 



{ 



Ajutanti di Campa 

éUl Re 
Vittocio Amedoo III. 



74 DELFINO Cwéliert Giambattifta. >» // 
4 ^^ Re M Sardegna > di Cipro , e di 

brc »» GerufaUmmi. La viva premunì » 
j» che abbiamo già da molto tempo 
59 riconofciata n^ Cavaliere Giambat'^ 
5» tifia Delfino Capitano nella noftia 
5» Tiuppa di Finteria di eferdtare , 
>> e render utili i fuoi talenti) nella 
»» militare carriera , ci riefce dì mag* 
1» gior ibddisfasiooe nel ravi^farla ac- 
f, compagnata da un vero attacca». 
93 mento 5 e zelo per il noftro fer-. 
9j vìzio 5 e da una iàggia» e loder 
j> vole condotta^ omTÌ, cA< accertati 
M di tali fue doti per Teiperimento 
9> fettone in diverfe commiifioni ap« 
99 poggiategli , io abbiamo creduto 
M meritevole di confeguire una di" 
99 (tinta teftimonlanza della confiden«t. 
59 za noftra 9 con fceglierlo a riern* 
59 pire uno de*pofti dinofiroAjutanu 
59 éU Campo 9 per efeguire in tale qua* 
5« lità le incumbenze 9 che (limeremo 
59 dargli. Epperò my'mìi delle pn/inti^ 

55 muniu 



«se 

•t muitiU del Sigillo aoftro fscreto fa) , «oofM.. 
•I mo al pteicito Cnvaliere Gìambaiti&i DclM 
M la carica di A]uiunie noltco dì C^otpo, 
•> (uKt j;// o/ixiri, aui^rìià, e prerogarìve illi 
» dc{iaia [p'.-ttaDti , i.d appaneDeaii, ed culi 
*• aio aIC Ufficio GtntraU dtl SeLIo di hAa 
a, àtie dtUa paga ulcìmamtiKe da Noi fMà 
M per I Capitani de'Dogri ReggimeDti Nilìooil 
» d'Ordoftoza rilevante a lire milU ante /ai» 
«> tadiu , raziODi due di pant al giocDo > uà ti> 
M baate, ;iU< ggiamcDto , ed utenlili , confatiti 
•i □ lazze dì fieno , e di hiada pure si gwmtj 
»■ lacom'Dciaaio dilla data delle preiesti , txj» 
» lÌQuaodo in avvenire , durante la di lui fciii* 
» tu , ed il nolfo bt;aeplactto. DuhiariAme'vvir 
ti tte , che la di lui anzianità di Capnaso dì Ft* 
•I itrìa dovià miluiatlt dalla data aollc Coaaiif- 
„ iiooi , che pet tal grado glteoe abbiamo fjtn 

,, Ipedirc 
(fi) Sulla mauria de'figillì, e fignaiamatu ut » 
dine al lìgìjlo fecicto ujato da.' nofin Ptiaà- 
pi, vedi il tomo primo d<Ua prefeme Ojtrt, 
pag. i6 , t. pag. 8( , injìrmt el teme frimt 
del GuicheQOD , /'of l^i. jix^: \\m-. StgdkM 
Amedei ComitiG Sa^audìe , eteu Cotntfcd 
fecietum Comitts Sabaudiac : SigiUmm Tho- 
mz dt Sabaudi» Comitìs, et au.revert •••» 
et autour feczetuoi rneum. 

Uaijcap il DuciDge in verbo fignetaD, 
< majfimamente alla ^tfr^/dfigiJluni fecreiuoi 
vtl f'xruti : ibi : fed , et pùbl-ca negot'3 ei 
pUhiortm jtdem , vcl majus diÌe3ionis trga- 
menttim lìgillo y^frc/i fìgillata Ugimus, OM 
quel di piìij di citi ntl prtdutto Itiogc 



sdire fotio li ii geQoajo del corrente anno» 
iridando ai Gemràli, ed altri Ufficiali dtlU 
(Ire Armate , ed a chiunque /petti y di ricono* 
rio in tale qualità, ed al mentovato Ufi* 
ì di regiftrare le prefenti^ che tale è nottm 
mte. MoncaUeri li 14 ottobre 1774. 
Amedeo. 

Chiavarina» 

i FAUSSONE di Germagnano Ca?alierf 
I Gutfeppe. 99 Nel mentre che colla yi- 

•w f, fta di aprite al già Capitano nel 

>9 Reggimento della Marina Cavaliere 
^, Giufeppe Fauflbne di Germagnano 
„ il campo di farfi merito preflb la 
9» Reale nodra Perfona > e dì rendere 
» vieppiù utili j e fruttuofe al noftro 
,» fervizio le militari cognizioni , che 
egli ha acqui ftate nel corfo delle 
Campagne j cui è colla noftta an» 
nuenza intervenuto » militando fra 
le Truppe Ruffe y gli conferiamo 
con Regia provviflone del giorno 
d'oggi uno de'pofti di noflrpAju* 
tante di Campo » ci fiamOf ure comi- 
piacciuti di fregiarlo d'un grado 
corri fpondente a quello » che colla 
diftinzione della valorofa (uà fer^* 
mezza negl' afledj , aflalti , e ci- 
menti, ne' quali ebbe la forte di 
trovarti , pendenti le addittate Cam* 
pagne, erafi già egli ^procacciato 
,» neUe Truppe fuddivifate*, per il 
Tom, IL Tt . 



9> 
99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 

99 



i 



4t« 

n che abbiamo determio^to di decotailo, 

M facciamo , del gtado di Luogoteoeme ( 

t, Lcilo oelU noilta Fanteria. Quindi i , ci 

M conferiamo al frtjato CavaUtn Guijlfft 

M f»Ht di GennagnaDO («) U grado dì Uv 

1, neole Colocoello nella noftn Fuinii 

t, tutti gli onori . . . , e colla facoltà di ' 

>, dell' UDÌforaie (lab*li(o pfic gì' A|uunti G 

» di dipartÌDieoio nella noflia Aiutata, A 

f, mo ptrtsato , t cùmanéiamo a tutti li • 

)a TorÌDO li )o aprile 179J. K. Jaitdt», 

(aj Teiena in dcfenGone ttrcis FArMntsim\ 

mi oecuiuit XII KaL jan. an. 17^3 

in un* tUganit , t ètlUffima i/cri{ioii< 

tig. TtologQ ColUgiato Giufeppe Paftfe 

tali feno quelle tutte , elu la fu* fvv 

fa*ùnto{i). UnifcATi il temo lecondo 

fag. Il , ove fipérU dtl Conte £nd 

JMtrv , come liftotatore d*Uo fiiU Uf 

(1) ytda^ infra per intiero alle pag.660 , 

(1) AffilUnte dilla litrtria mila Ktgii V 

degli Slua) , come da Regit Pttttnu 

cernire lySzj e Ptofeflbfe ftraordìi 

filofofia morale nella fieffa Univerfiià , 1 

altre Regie Paunii dal primo di gtnne^ 

()) Come -A fono pure le altre del nofiro 

ione rernaj^ia « ptrfoita , come ognu 

tuona , e /celta letteratura : anche in 

ture di coftfcnffe molto beat un altro Pie 

nativo di tfuefia Capitale, cioè il dottiffin 

Paciaudi Teatino 1 lU sui puiblUonnti 

Fabrooio (*) in lingua latina. 

(*) VitK lialorum DoHrina exallentium > f 

. Us Xyil , ^ XyiUJhrmrMMU Vol-^Ti 

I71S3. 



ÌS0^ 






>• > 



■ >■ .'. 



7 



• r 



*' f.rr 



'.'. -f.il 



. j 



\ 



. ' 






^^ ADVEP 

m 



ffSe 

MEM 
WSEPHI • CASA! 
FAVZO 
QVl ■ APVD ■ 
Hi • OPPVCNATIONIBVS ■ EXPVCNAll 
AD OC 
OB ■ MERITA ■ CAMPfOTf 

ADj\-TOR - c»?nin 

mSIGNBVS • ORDINIS S ■ GEORCn ETl 
AD ■ GERMANTAM ■ TRANSGSE 
ADVERSVS • GALLOS STIPENOU ■ [I( 
' EVERSVS ■ AD SVtK 
AD;VT0I\ ■ CASTRENSIS ■ VlCTt 
PRiFECTVS C 
TELONE • IN DEEDi 
IMPERTWI 
XU ■ KAL ■ IMi a; 

amnibal • EQvrrvM ■ TRIBVNVS- ADf 

HYACINTHVS • CENTVRIO • ALOYSIVSC 

PEUI 

TRIBVS ■ FRATRIBVS' B 

) 

CVM ■ SAI 



GERMANOS • EADEM • i 
GERMANOS ' EAI 

(a) Cifri BOB {òlameate t aii^uUtu G'a 
Remigio t di cuioclreftoddJ'ifclix 
fcgue&ti pagioe , fcbbens neJh ' 
flit efleie il loto Icaro xeitoiUlB] 



i6i 

. VIRTVn • 
SPERI • ANTONI! • FDLH ♦ 

GERMAGNANO • 

<2VINQVENNIVM • MERENS • 

• PRiELIIS • FORTITVDINEM • PRiESTmT • 
ISMAYL • INSIGNIS • 

• PROTRIBVNVS • ÉQVITVM • 
PRINCIPIS • POTEMIpNI • 

• AVREO • DONATVS • A • CATHARINA' • H • 
- IN • EXERCrrV • BORVSSICO • 

^ ADJVTOR • CASTRENSE • PRINCIPIS* NASSAVLE- 

• PATRIA • MILITAVrr • 

• AMEDEI • m ' PROTRIBVNVS • 
' TIS • VELITVM • 

- ARCIS • FARAONIS • 

« OCCVBVIT • 

MDCCXCIII • ^TATIS • XXXVI • 

• CASTRENSIS VICTORIS • AMEDEI • IH • 
LVS • JOANNES • PEDITVM • SVBCENTVRIONES • 
CQNSORTES • 

; • SVBALPINO • AMISSIS • («) 

p MENTVM 

I ANNIVERSARIO • 

»P- 

^ MDCCXCVn • 

S FVNERE • MERSrr • ACERBO • 

f GLORIA • CONDECOR AT • . 

■ Ctpàrt 9 ma anche li Gafpore Enrico » ed Angelo 
\^ che per Tanguftia ad uro fi trafporta Belle duo 
i fieno le du9 pani fuflegucDtt collocale itfoia Imeato 
kk mimar im^ & virimi* 



■^Vn-t^»" rvmm 






-V 



GASPARIS • HENRICr • CINTVKIOSBI*! 
LEGIONIS • PIUMARIi 
IQVmS • MEIITEKSIS • COMMENDATUl' 
ARMIGERI ■ DVClS • CABALLICIKSIS ■(« 
AD • FELTZ • IN ■ AGRO • NICiE»! ■ 
PEREMPTl • V • KAL ■ MAI • (>) 
ANNO ■ M • DCC - XCIV • 
«TATIS • XXXI - 



In Cathedtili Etelii 



in Sacello ìtsi^ 



(a) KfiJi U pagina anreaJtnli , nota ■• 
(il Ci. » di S. A. R. il Maichele d'Itriabct»" 
Mami2Ìo. y,J, le Regie P.lcmi i> f!" 
1796, e il icnjo uiio, App.pu«»""** 
pag. no. 
(e) Cini li 27 affile. 



66$ 



ANGEU • REMIGO • (i) 
SVBCENTVRIONIS • 
DELECTORVM • LEGIONIS * PRIMARLK 

MÌLITVM • 
' C<ESI • AD ♦ AVTIONÈM • 
IN • AGRO • NIC-fiENSI • 
PRIDIE • ID • JVN • (0 
AN • MDCC • xeni • 
ìETATIS • XXV • 

BCgaleofi^ 
ZOm. (/) 



f^idi le f>0gin€ antuidcnti 660^ tiCi^nQU a. 
Cioè h 12 giugno. 

In ordine alla famiglia F#if{oiir vedi il. tomo ^^ 
Appen. fart$ 3 , pag. 7 , t fatte 5 , pag. ^. 



ri^l 



^ €6^ 
CLERMONT (a) Mont S, Jean di la Sm^ 
tu {b) , Marchefe Giacoma, ,» Que^i 
99 ft€ÌE motivi j che in novembre fcoi^ 
M gii ci di^ofero a decorare del gra* 
99 do di CotoMmllq di Fafiteria nelle 
99 noftve Truppe il Marehefc Giaco- 
9, mo CUrmcnt Mont £• Jean ^ U 
«9 Baui€, movendoci a metterlo nel 
99 cafi) di diftingnere il Aio zelo preflb 
99 la Reale noflhra Perfona , ci fiamo 
99 compiaciuti di nooiinarlo ad uno 
19 de' pofti di no/ho Ajutamt di Campo 
99 per eleguire gli incarichi , che 
99 (limeremo d* appoggiarli ; om£ à 9 
99 chi colle prefenti munite del figlilo 
99 nofiro ficreto U) , conferiamo al 
99 predetto Marehefc Giacomo Cler-- 
99 manie Mont S. Jean de la Batùe la 
99 carica di Àjutaate noftro di Cam- 
99 pò 9 con iutii gli onori, autorità 9 
99 e prerogative alla medefima fpei- 



le principati famiglie della Savoja . nel Dm- 

Gcnevcfc pone il Chiefa (1) quella no-- 

'0ma dei Clcrmont 9 che prefe il nome 9 

lì forfè ella fieffa lo diede ad un luogo 

quel Ducato, che appunto con tal nome 

uUaf. 

Battie in Tarantafia. 

i qui fopra la pag 6^6 » nota a. 

7na Reale, fute prima» pag, 61^ e 6^ 



666 
^ tanti , ed appaiteiieiiQ » gdartàummù ili* Ufficio 
^ Genetab» i^Ì S^U» di fido godoe dell' anoni 
9» paga j e Taetaggi fifliad islh fUktUmùUQ mofm 
^ Ì€ XX gÌMgM lyS^» ecoUa coodnuazione ^fir 

j» f^ff ^ f^^HS^* ^^ 8^ ^ abbiamo accor- 
^ date dal primo del cortenie» cominciando dal 
M giomo del fno affienco , e continuando in avve* 
nife» dttiance la di liù ferviiù» ed il noftio 
beneplacito. Mmndimmo ù Génecali» ed altri 
^ Ufficiali, delle noftre Annate » ed a chiunque 
(petti^ di ricono(ceilo in tale cpialità 9 ed almen- 
tomo Uffirìo di f e^ftiate le prefenri ^ che tale 
è noftia mente» Tmirn^ li 9 maggie 1795. 
y. Amid€o. 



%9 



3% 



Di Cravanzana. 



Alla data di luglio del 1666 abbiamo per 
Cavaliere del Supremo Ordine della Nunziata m 
Franctfcù di CUrmont Mzrchefe di Mont- Smini 
Jian y la cui fsgniglia dice il Pania non eflere, 
che un ramo di quella di CUrmont fpaifii invarit 
Provincie della Francia* Strie de CaymUtri &e. 
pag. \i6. 




tfS7 
)) NOVARINA Ittici, Marchefe di Spigna. 

3j II Marchefe Luigi Novarìoai/i j]pi- 

i<X ^ gno Maggiora di Battagiione nei 

n Reggimento Provinciale diToriona, 

r M effendo fornito di attivila « attacca** 

9j mento ^ e zelo per il noftro fervi- 

^ zio, come ne diede anche dei (ag- 

i> g)> fia neir additato Reggimento, 

to ha in quello di Piemonte ^ in cui 

^> ha precedentemente militato 9 Noi^ 

11 mamme per le benemerenze ic//i( 

ji Conte di S. Sebaftiano di lui P^re^z), 

n ci fiamo determinati di metterlo 

1» nel cafo di difttnguere i (Udì fer* 

^3 yìg\ preflb la noran Perfona nell' 

19 efeguimento delle incumbenze » 

\, che nelle prefénti circoftanze <U 

9, guerra (limeremo di appoggiargli ^ 

3» e lo' abbiamo perciò deftinato a 

^9 riempire uno de' polii di nù^ra 

Il AjutMnte di Campai chepperò in 

9% virtà delle prefentt munite del'Sim 

>j gillo nofiro fecreta i conferiamo al 

9j prèfato Marchefe Luigi Novaiina 

99 di Spigna la' carica di Ajutante na^ 

%»ftra di Campo, Con tutti glicmorìi 

autorità 9 e prerogative alla mede^. 

(ima fpettanti 9 ed appartenenti,^ 

ed ordiniamo all' Ufficio Generalo 

del Soldo di farlo godere delT an* 

99 nua paga di lire cinquecentoquattro 

99 di Piemonte 9 ^ delle piazze di fa^ 

9, raggia 

Udì qui fopra le pag, 607 , e 6oS* < 



9> 
99 
99 
99 



j9 raggio 1 Bofmidd Regohneilò pxmÈoitiié éì 
p. Campagna de' ^s maggio 1791 , incomìndoodo 
S0 dalla dau ddle prefenti « da on dowA cdBbi^ 
,j^ quanto gli da primi tft^iutOi e contiìmaodo m 
^ avreotrey dmante la di Imfervkù, edilnoftiD 
^ beBepbdfO ; Mmndiéuno ai Gesetali > ed altri 
jy Ufficiali delle noftrc Armate » ed a chiiiiiqiio 
j^ Spetti » di lìcoooTceiio in tale qualità , ed al mei* 
j» tovato Ufficio di regifttare le pfefentì ^ che tale 
j» è noftia mente. Torino li z) luglio 179^. 

Di 



1710 17 gingùo. 1» La Ducliefla di Smwajd, 
^ kcgina di Cipio. M CmfegUo della noftra Cèh 
^ Sdì : La zelante » & affidila fervitù ^ che ci 
j, prefta il Contt Navéu-ina di S. Scba^nno (n) 
^ )M>^o Scuditrt ci invita a palefaine il noftro 
^ gradimento ccm qualche atteftato deUa noftra 
^ propenfione verfo la Aia perfona \ oruU vi ordì- 
^ marno di farlo defcrivere ferra il bilancio di 
^ detta Cafu nofh-a per un annuo trattenimento 
^ di limrt fticento d' argento > a fs* 10 caduna, 
^ per cofBinciare a gioirne dal primo giorno del 
j9 proffimo luglio > unitamente col fuo fiifendio di 
^ liure cinquecento fimili> & continuar inawe- 
^ nire > dorante la fua firvìtà ^ ed il nofiro tene* 
^ placito y che tal' è noftra mente< Torino li 17 
^ giugno 1710* Maria Gioanna Battifia. 

Brichìanteau. 

(a) Fr ance/co Maria (i) Avo paterno del vivente 
Marchife Luigi Juddetto. 

(i) Vedi la .pagina feguente. 




4 

r 



«> 



t^ii i5 ìióvetnbrd. ^s Là Docfaetfa ^ Stp^ 
^^ Vi)f tf Regina di Cipro. Al ConftgUo della noftra 
>, Cafa 5tf/: Ci riefce di tanta foddisfazione la 
^> lunga 9 fedele » e zelante fer?iij^ > the ^ h^ 
^» jfinda'fuoi teneri anni preftata» e ci preda X 
^ Come di S*, Seiéifiianó Francefco Maria N^va- 
^» rina éU' noflri primi Scudim > Che abbiamo ri- 
,» ^olto di dargli un nuovo atteftato del noftro 
») gradimento 9 col farlo gioire éUUó ^Ipgndio i>f- 
), iùro di liure mille (P argento a foldi 20 cadu»* 
^, naj si, g càm€ m godono gU altri pri$d Scw» 
j9 ditti noftri fmUi. Vi ordiniaox) pertanto di farlo 
5> defcrivere fid bilànào di dcitm Cafa per' detto 
^> ftipendio annuo diUuremiÙe ^ per coD^inciare a 
it gìoicne dal giorno dell'anno venturo i7i&> e 
H continuai: in avvenifej dorante U/uafervitù^iì 
>9 1/ jfò^ro hentpLu'uo \ fermo però Tempre rima* 
,» nendo il trattenimento detleliure feicento annue 
M da Noi ftabìlitogli ptr BigUeuo nofiro dell! 17 
>> |iugtto 1:7103 £ cui vogliamo Gontiìiui a gioire 
>3 lenza veruna cUfficoltà» fendo tale la fioftn 
^9 mente^ Torino li 15 novembre 1721% 
1^ Matia Gi^anna Batti^ 



^cfaanteaii. 



*?* 



$otto*Ajuiance Sovianumutne 
luUa Cavalleiìa. 



I •I7SS ASINARI di Caragliù Nlucbdè t»- 
\ Upp<h „ l iàggi di vìriuofa codot- 

^ftltemb. M t« , che ha già daii a dindtit 
M i' MMTcht/i Filippo Asioaio d^- 
„ Rtfri dì Oraglio, Luoseuaamid 
M Reggimento Proviocìale diS^, 
„ Doa rolamente ci hanno, VioM 
M icorfo, difpoflt ad anuov&aàof'é 
„ i fttondì Scudieri del Trmcip ii 
^, Pieoiooie , yiio ama^ttffiwto figin^ l 
• ,, io , ma ci muovono ahres) ad ac* 
„ coadifceadeie preroQtemeDte lUt 
„ di lui piemurc pei riemiaie dcSi | 
„ Doib-a Cavalleria , ed etfcic abiliutO | 
'„ a coltivate lotte gli occhi ddpi>i 
M prie Avo, GoveiDattiie delUnÒAia 1 
,, Capitale , gli ftud) . o l' iadiaauooe» | 
■"I •• „ che nodrilce pel fervizio iii;lJaiM- 
■ ' '-ji -defima : afiiae penanto di tuttcdo 
j, in grado di fecondare nsppmbxtf 
M tuolamente una così lodevole ta- 
„ ma . . . > « fituno tUgnati di C(M- 
M fetirgU ia «tfricd dì rotto<AÌBO&K 
r.-^2:.:..hi^, Genoiale fopianumcruio >i^ Cà- 
„ valUria, con tutti gli onori > aun^ 
„ lità, e prerogative .che vi fpettano, 
„ ed appanetigoao. Quindi è, ekefà 
„ le prefeoti muaite del Regio aofn 
,, Sigilto frcrtio , ftabiliatno il noiaì' 
„ nato Marchefe Filippo Antonio 
„ Aiìnaii di Cartìglio per Sotto-J}»- 
„ Mni<yÒvritnwR<r(trio Isella Caval!flii> , 
M td wdimémo all' Ufficio Gcacnb 



iy del Soldo di affentatlo per effa carica » matuUndo 
^, ai Geoeraii , ed altri Ufbziali delle noftre Annate^ 
^9 ed a chiunque fpetti , di rìconofcerlo neir ac- 
>j cenoata qualità^ poiché tale e nollra mefite* 
j9 Moncmlitri li 4 fettembre 1788. A^« AmttUo. 
♦ Coconito, 

Dell' anùcbità » eluQrodella Famiglia ^/lari 
già più co(c eiTeadofi dette altrove {a) , ricordo* 
temo ora ì Codici Ms. di quefta Regia Uoiverfità^ 
ne' quali alla pag. 5 j 5 del fecondo tomo ^ ed all' 
epoca del 774 fi parla di un ^/f/zio , o^zApnaji% 
e della Famiglia de Afindriis {*)* Unifcafi la pag. 88 
dell' Appendice parte quarta , tomo ur^o in.; (i). 

Quefti noftri Codici <manofcritti » non fo per 
^uale fatalità > fi fteflero altre volte inoflervati , e 
negletti, tantoché 3 in ordine al modo , con cui fi 
cuftodivano , ce ne lafciè il Momfaucon {e} una 
TÌcordanza ben poco onorevole. 

,, Taurinum adventamus : ubi D. Abbatem 
y, Me[iabarbam , illuftrii&mi Me^^abarba Comitìs 
\y filium convenimus. Is , defiinÀo patte > opus il- 
3, lius poftumum de nummis Grxcis pubblican- 
)9 dum, illuftrandumque cògitabat. Eft enim rei 
)> antìquariz ^ praefcnimque nummariae cum primis 

(a) Vidi qui f opra la pag^ 61^. 

(b) Riiengafi però fcmprt t ojférvà{ion€ del Mura- 
' tori, di cui qui /opra pag- 64 j , ^46, #(147. 

(e) Monaco Benedittù^ della Congregazione- idi San 
• Maturo nel fao \\hio Dlarium' ìtalicum ^ Pa« 
rifils 1701 , pa^;. 445 , e 446. 

(*) Ibi : Anno Domim 774 , & mundi . • • cumCarolus 
Magnus in Italiam dercendiffet , ab Afini^ ^ fìve 
Afinarìo de Afinariìs Npvalefiani Cosnobii Abbate 
exceptus est ; euì Imptrator non folum isti Cceno- 
bio » 8c Monacis molta privilegia, 8c^ dona contulir, 
veriict ctiam toti famiinB deAfinarus^ quoirumple- 
xofque mlitia cingolo , fc henere decora vit. 



il m^ 

,» peiitus-. ad hzc coatìs, ac pcrutbuHi&. &ft 
„ eum (letifTat Sataudite Ductt uuleunii a ti- 
,, bliotbecam coaicum ad lubiium ÌD^pettan ài 
M ec3i. ytrum oìODunicnta ilia , aullo online, CDi^ 
t, géfta fuDM codices autcm tnaDurctÌp(ì> ^Ht> 
,, goo ìb) numero funt { ad ttia mìllii limn- 
„ ftificabatuiUui^&tus Abbai ) , alii aiibidipoGQ.it 
j, parieiis moie Itiu^ti , coaclavis cujuidaòi bua 
M occupant. Pari fortuna ufi rumusciicalibli.^(«) 
I» Pyrri Ligorii (i) , qui tctnpoici Pa^i lU.Sco»> 
„ loque decimo Iclto , non ut quidam dxàaa 
11 fepiiaio, Aorutt: quì codices. rDrcrìptuoei io- 
u fìoìtasj mooumeoia deliocata » Roms deld^ 
Il ptìonem , autnt(mau, nmiiùiquB bcDC milui 
n complet^uDiur. 

(a) Qiu/2i ^j^n , come dice Io ftelTo KtosWiucot 

tulle precitata pag. 446 , in/eripuona in/» 
f^j, monumtaia delineata, Roma J^aìff»- 
ntm , nurtiifmafa , ^mtUa^ue btnt m*U* 'M*- 
pUcluatur. 

(b) I^rrbo Lìgorio /orioli iT unt nohU tamìU i& 

Naples àans U XVI fUcU. Il aùnoil VMotut 
ev€c tani dt paj^on, quii dtffiaa Captiti **■ 
viron quaranu Iturts d* figures , oa iìlfut 
A la piume , doni il y ta à piufieurs dant It 
Caiirut du Due é< Savou. Il étoit grtn i^- 
finateur , & tXcMtnt lopagraphc. Apra la ffion 
dt Mitiul Arift le Vtgaole fut tkoifi tmt 
JLigorìo p9UT eoaduir» U idamau 4o Sùta 
Piene, avte ordre dt fiùvr* t« daSctuéthU- 
thtl Ang€. logorìo ft pi^ua d'y voMloir /ÙV 
dm eh*ng<m*ni : et tfui dùgrins le Pape Pie * « 
qui lai 014 fon ttnpioi « dt font qut l^ tef 
duite dt et grand idifue dtmtura «u Vigook 
Cod nel Mortri, 4dil. dt Bstk 173S. 



6y) 
Di foiìììgtiaati lìoflre difgrazie in quefta 
fotta di cofe ci porge un'ftltro cfecnpio il Mura^ 
ttfri (tf ) in proposto della Cronaca detU Novalefa {^)^ 
che di cfiì non potè egli otteqere (£)> t K)io 
per cortefia del Marchefe MaUfpina (e) gli vennti 
fatto di averla di dove non mai Tavrebbe fperata. 
Alla doglianza di eflb Muratori ^ % del pie* 
citato Montfaucon potrebbe fui particolar di Torino 
aggiugnerG quella di due altn Mfnuci Benedir 
tini di S. Mauro (d) , che già accenoammo nel 
tomo I della prefente Opera « ii€. XIV, pag.ji^i*- 

(a) Rerum italicar.Jèripiorts » iom l^par. i, pag. ^97* 

(b) Vetatis inutili liierarum commercio amicis Su* 

balptnis: fono paroU del fuddcuo Muratori 
mlU prefazione , di cui nella feguente nota e» 

(c) Curam omntm aihibut' ^ quo mihi integrua 

Kovalicienfe Cbronicon comparartm , fed ve« 
latis inutili literarum commercio hanc oà cau* 
fam amicis Aibalpinis , illic tandem » imde nun« 
quam fperaffem , mihiprafidrum oivenit : Nem^ , 
pe prmfiantiffimus vir Jofcph Marchio Malaf- 
pina , A-bbas Commendaurius SanBi Marciarti 
Dcrikomnfis, non coniemue alia hiflorìarum 
^ moHamtma mihi fuopeJ&taffe , hoc etiam quale* 
cumque ft , mihi JtnguUuù humanitate , & fé* 
euniis avibus proeura¥Ìt. Cosi il precitato Mu« 
fatigli rulla breve fua prefazione mU anzidetta 
Cronica y totsu 1 (i), far. a, pag. 6^7. Vni^ 
fcafiiliom. i^App.pàrH 4, pag. 108 » « 109. 

(d) Che fono il MabiUcni, t il Gesmain. 
(i) Rerum italicarum fcriptores. 

if) Sulla Cionaca della Novalefa , e fult Autore JU 
effa vedi quanto dottamente ne fcriffe il sig. 
C0nu Galeaxn Napio/u di Cocconato ^0ii7. 4 
Piemonteii lUuftri , pa§* iifo ad 179. Uuifcaf 
Il tom. 5» App* par. 4^ pag. 108 »4 10^9. 



i 



«74 

E qui pur tometà beoe quanto i&4il|| 
tomo t£r{o, Appeodice patte quaita , pig. f , « 
4, lelativujie&to alle quattro ìvi eouDciaie bdGt 
fime edizioBÌ liegli Stati della Resi Catà iti S»- 
vo)a> che tutte ftamparonù fuori dì trucio i>> 
minio. "^ 

AjutaDte Geaecale delle Armatu 

1789 ARGENTERO(«)di Ber&fio(i)^««S^" 
IJ. D. Gìoachiao. „ . . . CalJt prdiaà. 

ouiso* , deputiamo il frtf»t»M0' 

y, ckife D. Gioachino Argcoioo i 

„ Btrftfio per Brigadure di Canile- 

1 „ lia ntlU noflrt Armate , ed .^^ju- 

§„ taote Geoerale Mlle meJefimt , con 
„ lutti gli onori , autorità , p'ieto^ 
„ live, preminenzs» privilegi, ■>°''> 
t, diitti , dniwn ^d^tf di II. 3 eoo di 
„ PiemoQEc, fei pialle di fisflo, ei 
„ alirettanie di biada d/ gìtra», ed 
-r. ' „ ugni altra cola a tali caiiche ifet- 
' M taote, ed appanenence , <m «òt 
M <Ae ptefti il dovuto gìuiaaiento, 
„ rijervandoci di (piegan^/'dAfMiniit 
,, di cui dovrà godere nella predetti 
„ qualità di Brigadiere. Maodiamo 
M penanto .... Torino li xj mano 
^, i7ìi$>. y* Amedeo. 
K Falietti P. pel F. F. JUg. 
V, Aduni di Cavagtiano. 
K Ftni. 

Di Cravanzam. 

(a) ytdi il tom. I , psg. J71, 37J. J78,« J79* 
U>) Piovincia tb' Ciw^*. 



^75 
jutanto Generale délU Cavallerìa, e Dragoni. 



3) 



99 

1> 



1» 



2789 VALPERG A di Calufo {a) Marche/e Ame- 

5 deo. „ Per la dij^ina[ione del Mar- 

maggio. ,» cAr/Ì! Ji Berfepo alla caiica ^i ^jn- 

,, tante Generale della nofiraArmata^ 
cfleodod refa vacante quella » che 
egli vi copriva di Ajutante Ge^ 
j, nerale della Cavallerìa ^ ci compia^ 
clamo d' avere in pronto per la xne- 
defima nella perfona del Luogote- 
nente Colonnello nelle noftre Trup- 
9^ pe di Cavallerìa, e Dragoni Mar^ 
che fé Amedeo f^alperga (t) di Calufo » 
attualmente Ajutante Generale d'Ala 
della fteiTa Cavalleria , un Ufficiale 
j, affatto proprio per ben riempirla 
>, . • • quindi è , che per le prefenti 
„ . • • • deputiamo il prefato Marchefe 
(a) Provincia d'Ivrea, yenne Calufo (i) fitto il 
Dominio della Cafd di Savoja col Trattato di 
Cherafco (i). Apparteneva da prima a Si* 
gnori del Canavefe , e pafsò indi a' Marchefi 
di Monferrato. Notizie Corografiche^ /o/ti. i, 
pag. Il, 13, < 14. 
0>) F^lio del vivente Carlo Francefco Conte di 
Mafino (5) , Cavaliere fplendidijjimo, MiniRro 
di Stato, Grande di Corona, e già Viceré 
in Sardegna. 
(1) Luogo cofpicuo con ampio territorio , che fa 

con la Terra da 6000 anime. 
(a) Del 16} I. y'edi iltom. 3 yApp.par.^^pag. 59,^^0. 
(3) Vedi iltom. i,App parte 4, pag. 17, ove alla data 
del iì$l fi legge fatta la conceffione di Mafìno 
alla Cafa di Savoja, cioè ad Amedeo FI. 



a» ilmedeo Valfirga (s) di OJt^ pei Ajmtémi 

j> GcneraU dclU CavalUrU » e Dragoni , con tutti 
I» grooori^ autoùtà» pieiogative» pieeoiiociUKe, 
9) piivUeg) » utili « dcitu , ad ogn' aleni c.fa a tale 
„ carica fpettante» ed appaiteuente » e €air mm- 
^ mis paga di IL 1500 di Piemoiite» € put[^ 
^y quatto di fieno , e biada al giorno j con dò , 
^9 che prefti il dovuto giuiamento. Mandiamo 
^ ferum%o . • • Torine 5 maggio 1789. K. Anudd. 

Di Cravanzana. 
(a) Famiglia quéfia al fari i altra qualunfu 
gloriofoy i ceUhrt. Ebbe fette Cavalieri della 
Nunziata : V ultimo i tffi fn un Ardoino di 
Conti di Rivara ftdu> fra mede fimi annoverato 
li 14 mar^o 1638 (l). Mi fa fìupore , chcia 
cento feffant* anni in poi niun altro de* Signori 
Valperga flavi più fiato eomprefo. 

Il Teoi velli nella Jua Biografia Piemontefe 
decade prioia ci ha ejlefo in fuu della medefima 
la Genealogia- del Re Ardoino (2} Marciume 
d' Ivrea, e Re d'Italia (j) » dal quale fi 
danno per dìfcendenti tre Famiglie^ Valperga ^ 
Sammartino (4) , e Cafiellamente (5). 
(i) Serie de Cavalieri &c. pag» 14<S. 
(i) Nacque Ardoino in Ivrea verfo i/ 950: era 
nipote di figlio di Berengario li. Marche/e 
et Ivr^a , Conte d'Aogleria, e Re ^* Italia j 
pag* 174 della precitata Decade pnm^. 
(5) Morì Ardoino in Valperga /iWxoii^j efufep- 
pellito nella Bafilica di S. Benigno di Frut- 
tuaria» pag. 204 > ^205 della fuddetta De- 
cade prima. 
(4) In propofito della Ce fa Sammartino di S. Ger- 
mano vedine la Genealogia in fine della De- 
cada quarta delt anzidetto Tenivelli ^ parte i . 
(j) P^g* ^^7 ^^ aniidetta Decade prima : vedi 
pure qui in fine f App^ par. prima ^ pag. 3 o« 



Ancorché le cariche militari » che fi òonfe* 
rifcoQO da S. M. con femplicì Commiflioni du 
rette aiC Ufficio Generale del Sol^ y non £eQQ 
nel calcolo di queft' Opera , chiuderà V Autoxe U 
prefente titolo XXil colle Comoaiiliooi d' Infg^ 
gna , o fia Alfiere sei Reggimento di léomhardl^ 
in capo di lui (#) emanate i già fono j, bea toftoj 
fejfantadue anni (t)» 

Sia dunque ringraziato il Signore di che gii 
abbia conceduto tanto di vita a poter citare una 
&i antica» e sì rimota epoca > e iialo pure pei 
altie non meritate beneficenze» tra cui ficura* 
msnte è quella di vederti ora elevato ali* omo? 
di Rigggnie del Magiftrato della Carcera. 

(a) Cioè dello Jlejfo ^ di fui nel tomo primo » tii. X^ 

pag. i}o (I). 

(b) Cioè il primo di luglio i7}7 » con tutu 

gli onori , autorità ^ e prerogative a tal ea* 
rieo /pittanti , ed appai tenenti , annua paga 
di II. 597 d'argento, a foldi venti caduna^ 
ra{ione una di pane al giorno, unforriete^ 
alloggiamento , utenfli , ed altre cofe » ch^ 
ne dipendono, incominciando dal giorno del 
fuo ajfento , e coùtinuando in avvenire pei%^ 
dente il Regio beneplacito , con dichiarazione 
p^ò, che non potendo allora, fiante la Jus 
minor e^ {i) intraprcnderru ì eferci{io, la 
di lui ark{ianità in de$to impiego doveffe 
aver prifuipio quando farebbe in ifiato £au 
. tuale fervi{io , al qual fine poi Je gli fpg^ 
direbbe nuova Commijjione. 

(i) E mi tomo terzo» App, parteVl ^ p^g.X ,€ gì. 

(a) Pgr^bi natp li i? agp]^i> 17 jj. 



67 Z 



E LE N C O 



Delle perfone comprefe in queftp tir. XXII. 



LJi Rthhinier Otto 

Caehérano Ofafco Ottavio Giuftpp 

Tana Filippo 

Piofafco Gio. Michele 

SaUi^^o Miolans Spinola Carlo 

Pallavicino Filippo 

Fofchieri Carlo 

Piccone Lodovico . 

Buffone Francefco Antonio 

Salu^^o Benedetto 

Tigrini Antonio 

Rover Maffimiliano 

Benedetto Maria Maurilio 

Di Carignano Luigi • 

littorio Emanuele 

Maurilio Maria Giufeppe 

S^jjel d'Aix Vittorio Amedeo 

Solaro Angelo 

Bertone Carlo Emanuele • 

De Nicola Giacinto Andrea 

Vibò Filippo • 

Borigliene Carlo Luigi 

Luferna Rorà Emanuele Filiberto 

Perrone Carlo Francefco Baldaffare 

Maillard littorio Amedeo 

Cacherano Francefco Maria 

Coardi Giufeppe • • • 

Zavattero Francefco Giufeppe 

Montanaro Gio. Stefano • 



Emanuel 



50S 

i" 
5»* 

5»4 

5 '7 
5'» 
5»9 

5»« 
5" 

i»7 
518 

5JJ 
534 
US 
5ì6 

5 57 

• • 

IVI 

Sii 
5i9 

• • 

ITI 

54' 
ivt 

54} 




Pr0tUl Gìacinìo \ . \ • . 
Rtgard 1gna{io Carlo Fr ance feo Maria 
Giuffppi Ippolito de Habere[ de Sonna^ 
Ì)u Pougny Ottoni Lorehio Frariiifco 
Maylard' littorio Amedeo \ • 

S. martino Gio. CdfiMro . . 

Piofafco* Beneàetto Maria' • . ^ 
Piofafco' Benedetto Marid • f 

DelU Ckieja littorio Mdria i 
Amat Litigi • • • ^« ' 

Armano 'Luigi' i • • • 
Éfi f^atguarne^a 9 e Gravina Zaveriò' 
Aequefcehs Giòanni * ; • ' • 
BaHiano* Gerolamo . • ^ • , 
fktiatti Jgna[io ^''^.^ ' . .^ ' . ' 

.S^wì/ yittmò Amedeo Giufeppe 
Por forato Carlo Luigi .* ; » 

Fióf^eo Benedetto Giufeppe Maria'^'^ ' ; 

Biahdratè Maurilio 'Maria / - • 

Aicei Carlo • • • ' • « 
G/nit Francefco Fedkrieà ^ • 

l/ttinger 'Fedele 

De Courten Luigi Eugenia 

Del Carfetto Giufeppe Enrico 

J{etdfo GafpaYe Fràncefcò 

PoèfUetiirtl Lui^i ' .' ^ 

Pbcf(titini Luigi ; ; 

Quadro Giufefpe .* . ' 

Lbyh'a dk Mafia Gabriele 

K^^cati ^Ferdinando * 

Gfetifnard Cariò 

Dei yiay^s Géffpare ^Gaetano 

Dts Hayes Gdfpare "Gaetano 

Morand Eugenio 

Tom. IL V V 



^9 , 
5A4f 
54* 
J4r 

iU- 

hii 

Sii. 

5J4 

551 

55f 
5if 

55«- 
553" 

$60^ 
'$6 ir 

571." 
57i 

57C 
j.77 
578 
S7.9 *• 



Morund CUmtnu . . ; 

De la Grave Giufe^ppt NUoUq 

Di Sonna[ £ Hal>trt[ Giaao 

De BoiteilUr Claudio 

Ferrerò Luigi ■ 

Di Brempt Teodoro Giacinto 

Doria AleJfanJro , 

DeUa Chitfa Givfeyfe . 

Bruno FeUce Savtric 

Bcfji MtUkitrre 

Roero Emanuele . , 

Saluto Filtppo Antonio 

S. Martino Amelie» 

Brn^o Rodolfo 

Cackereno Cffajeo Ottavia Giufefft 

Valefa Carlo EmaoiieU . 

Solaro Angela 

Novarina Pietro 

Cachtrano Policarpo . 

Dantiaito Giufeppe Maria 

Ropagno Francejco Antoaio 

Cupa Luigi 

Di ^iry Alberto . 

Salario Filippo Antonio 

De Sufe 

Di Carignano Luigi 

Della Chi<fo AUxis 

D' Alinget Luigi Emanuel 

Afatfri Filippo yalentixo 

Pagliaccio Gavino 

Gaò^leone Cafimiro 

Tknone Carlo 

y^lptrga LeoBt Severino. 

TaiìOt Arduino , 



'5 

(«I 

<>! 
m 

in 
W 
i* 



<0| 

M 

in 
(ci 

••) 

(Il 
<li 
('♦ 
"I 

6t6 
ili 

■il) 
(Il 
«li 
(i* 
<1< 
(il 

«■> 

ili 



\iùannì Lmgt • 

aria Balda uartm 
'M AUjfandfp. ^ 

ìli Paolo Maj^miUatio 
dli Gio. BaitiJU Lmigi 
rtengo GioaMài Maueù 
o Felw Saverio n . 
i Paolo ^ . 

Luetrns Gio* Piato 
Mano Gio. Satti/ia 
uo FiéUrico « 
Us Carlo JEtnanml ' , 
ìUone Cafimiro • • 
Us Sfiriio BnuiiUio 

a» Gio. Bamjia « 
ÌM (mìo. Bàuifl^ 

%M$ Gmfoffo ^ 

toni Giacomo ^ 

maa Lmgi «, • 

vi FiUffo • . • 

msaro Gi oa c h i no . 

nf^ 4m4Ì€^ « « 



/ 





iCir 


■• 


. tfjr 




• *J} 




. «34 


" • • 


. ^ÌS 




. <i^ 




. 07 


^ 


. <j^ 


• 


. «4» 




. <47 




. <r4« 




, «4> 


• « 


• • *?• 




. Iti 




► *f* 




. «;, 




» »▼» 




. ^51 




' <57 




«*y 




tf«7 


K * 1 


670 




*74 


% i 


^71 



«il 



i 



tlt 



TI T. XXllI. 

T E so R isi. I 



Della Real Oli. 

Della Milizia, e Geoti da gncna, 

DoU' ArrigLeria, e deUe Fonigcazioni. e Fibbnii, 

Odia C'ttà » e Provincia di Nmtjt. 

Della Provincia di Toiuto. 

Delle Regie FinamB. 



i.jaS 
^aizo. 



fT4 

IT* 



PETITI Giu&ppe , Ttforiat delU U 

. ., Idiftioii, ùggi di lete. 4 a- 
» pacifa , ed alicnziooe , c)Kbi(M> 
„ tjDuameQte dati ncll' adempoMS 
„ de' propri doveri ji .CmtttUatt 
j, Teiprerra della coAfa CiiaGiiJif- 
,. p> Pctui, ci haaoo difpc* 1 16- 
, moftrarslj 11 pariicoianj fnàua- 
„ to, con cui rimiriamo il di lai 
» fornaio, eoa deHioarlo a/i'imjùn 
„ di Tefjriere di e<Ci noftra cS, 
„ nmajfo vacante per la giubiirio- 
„ ne . che abbiamo accordata aBir- 
„ talommeo ì^ittu, aflìcurandoci, die 
„ in quella nuova deftinazione con- 
„ linuerà a rimerirarri Ij „oll„ a». 
„ provallone, e gì' ulteriori cfeli 
M della noftra bencficeuza. Qutitiiìl, 

" ^^^ deputiamo ìì irta»- 

„ yato Giiifcfp, p„i,i pe, T.farim 
M dtih nejlia Caja, con tutti gli onoii. 



^8j 
y prM\tg) « prerogative , utili , dritti , ed ogai al- 

p, era cou a tale Uffizio fpettaotOj e coli* annue 

p^ fiipendio di lire looo > ch;3 gli permettiamo di' 

^ ricenerfi del denaro di fua ricetta^ ripartitamen-* 

n- ttf> a' quartieri maturaci' é .«•••• • 

la ^ •••••• ■ ' ^ % durante la 

^ firn fervila , ed il noftro beneplacito , con ciò 
i^ che gli ceffi quanto pcìma godeva , prefii il 
^ dovuto giuramento » ojfervi i Regolamenti 
j^^dbli* Aziende nella pane > che lo riguardano » 
9 0jLi a fuo- carico il mantenimento del Caflie- 
» ré s e Scritturale, Mandiamo pertanto al Con-- 
^fyjlio di ejfa nofira Cafa di deferì verlo nella 
^'''tonfbrmità fuddctta fui bilancio » e di farlo go* 
\ dc/lre delle cofe fuddette > ed a chiunque fia 
9 feèdìepte^ di rìcooofcerlo i e riputarlo per Te- 
1^ foriei'e come fovra> come nure alla Camera 
^^ Jk* Conti d'interinare le prefenti ^ fen^achè (ia 
^9 tenuto alla preildzione deUa cauzione, atte fé le 
^ ^cautele preicrìtte da' Regolamenti » tale eiTendo 
^. la noftra mente. Tonno h li marzo 1774* 

' ' y% AmedeQm 

Corti* 



j • 






S79I UUNCaS taùnStepméoMTHMttéédk 




*- # 



'^ f*^'^" ^Ai^yf oiqfim^ UMD» 

ii A^ fcopcno fii^iì^Oj £ cai ca 
m mji piowKb iì Tifiriin min 
u SmUiU. ci «ano dUÌNiftì a 
j» onfcriito W già T^fiHéMGémmék 
m édh Stnofii £mk0 SétmÈdo Mam^ 
» fif • • » • « I 9mmA €0lU prefitui 
> Jh pitttM K» UfiMmtù JtforUnGt- 
mnmwk Enfioo SeoMrfo Mmngu per 

I» Mui ia gM€rra^ con cimi ffli onori, 
M phrileg}^ prefogacivOf elensioni» 
j» ntìlij dritti, ad ogni altn co£ij 
>» che ne diprade, .€ coW atuuto /Zi- 
MfmJio di ILjeoo^^A^f/i peimet* 
j» CUPO di rùitÈtrfi 4d dtnérodi put 
j» ricctUL^ ripi^tanuntc 9 a* ^uurtitrì 
u maturéù • • • * ^ • , con ciò che 
^ frefii il dovuto giuramento» tfftrvl 
u i Regolamenti delle Atìende nelle 
M parti s che lo riguardano , gli cefi 
à$ quanto prima godeva , e refii a<fi 
^» lui carico il mannnimento del Caf- 
j» fiere» e degli Scritturali neceflàr)» 
M tcetttuato però épuUo, che viene 
^ ftipeodiato dalla Teforeria Militare 
^^ f#r r e/lenfiong del conto Camera* 
^ le« Mandiamo pertanto all' Uffitto 

m Generale del Soldo di cosi oflS»vaie» 





é85 
t fiu oflervarè • . . • » come pun alla Cametà 
Boftra de' Conti di ngìfirarc le prefenti , fin{a 
rhs fia tenuto alla preftazione if c^a^io/zr^ dalla 
lùle lo MfpcnJUmo, ftanti le altie cautele jKit- 
;ate dai Regolamenti. Che tal' è noAra mente. 
rorino li lé^ agofto 1795* 

A? Amedeo. 

Graneri. 
fj^ LA GRANGE Michele » teCótlere^ pdb 
fty {bpravivenza^ delUAiitnie dtttJrtiglié^ 

nbajO* ritf« r <i^//r Fortificaiioni, è fabbriche. 

M La particolare ioddisfàziobe^ còh 

CUI riiniriaido là lodévole feivitit^ 

cbej ad imifatiònè df Jùói Màg^hhi, 

fta pireftando dal Ì747 à qdefb 

parte i/r(f/^ri«r^déIIenotlfS Aìielfr- 

dé dell' Artiglierìa j e dèlie Fort^ 

ficazioni , e t^abbriciie biufeppk 

Francefeo Luigi La Grange (S....\ 

Qiiefti è padre del tanto celebre uónfio Luigi 

de la Grange né à Turln en ij}è , d' udd 

fiunille originaire de la Tòuraine.Soù grand 

pere , 8c fon pere > qui vit encore ^ òfic été 

Tréforiers de l' Artilterie ^ TuHri^ òù Motf- 

fieur de la Grànge fit fes itùdes dacs leii 

écoles p^liques^ & à T Univerfité .... Il fuc 

fiùt Profeneur z, V écoFe Militaire de l' Ar- 

tillerìe fous le Chevalier Papacin De- Antoni « 

qui en écoit leDiredleur Mon(ieuri<'^/^/R- 

ieri le propofa au Roi de Prujfe pour rem- 
placer Monfìeur Euler à l'Accademie • • • • 
Monfieur de la Grange prit place à l'Acca* 
deroie de Berlin y commcDìtc&ùììt de la da ffc 
de Mathématique en 1766. Denina, Prùfle 
litteraire» tom. 1^ édit. de Btrlioiy^o^/tf^. 
140 ad 148» 



%9 



»^ci h« 6van*Dlm«iue dirpofH i fpptri 

^ aiO» Rieletti Mt£crJuaw al ptadetn) 

H Bt ie k et * ì* franse V io piego Ji Tefortere delle 
» Axieade cU* An^gliciìa, e delle FortificaiidDt, 
I* e FlUÓdl^ pir tftrcitarlo, in calo di fovn- 
H nvcDza « Gittfifpt Fraiteejto Luigi tuo padre, 
M <M ixa f/i onori , . . . m^e c^* abnuo (ti- 
H penJm 4 £n «ìAe «ÀsèeJ* , db«s venendo il 
B cdb IbiUvtto, iLaodiatttLi al Tt/oriere noSro S 

w.MÌUù Jl fagofgh , ccmiiiciaBdo al 

i« g^ocno, ÌD CUI eottcfà al paSeSo di deuo ìm- 

w-piflgO > <:«i ciò che otTervi Ì Regd^ 

M iDcaii,ccdiiomici, e gilEdriii io ciò, che 1^ 
« aignutboo, foffic purt le IUtuzìodì Carneralit 
I, e dell'Ufficia Geoenle delle oottre 'Fiouxe, 
« riméuiga a fuo carico il mtmttaitiumo del Caf- 
» fiere , e Scrìttuiali oeceflài) al foo Ufficio , e 
« prtfii io tal oTènieoza il dovuto giuramento .— 
„ Mandiamo pertanto a'chiuaque . . . , ed alla 
t Camera nofira Jt Conti d'ìnteiìnare le pzefeori* 
, « aoitnetterk}, a fuo tempo , all^ererciiiodidet- 
t to impiego Jènja la prdUzìone ^lla cau^iontt 
I dalla quale lo aifptnfiamo ftaDti le precauzioni 
( portate dagli acceoDati Regolametiti ...*.. 
, Torino li 19 gcoDajo 1779. 



k" 



^. ^lolhtó ■ 



99 

99 
S9 



99 



#»7 
MUNGIS Enrico Secondo, TtfcrUrc del- 
la Città j e Provinicia Ji ^Novara. . 
9, . • . • Colle piefeóti • . . ; « « 
iifutUmp Mi fuddettp Eorico Se- 
condo Mungis p^A incftro Tcforiere 
nella Città ^ e Provincia ^i iVov^rir, 
_ coU' obbligaziqne anche, di ricevere 
* jj tutti i tributi del yigcvenafco ^ ed 
jj alto Novarefe,^ unitamente a' pro- 
dotti ielle GfibelU delle meiepmt 
PravincU, Qowo altresì quegli degli 
M effetii demaniali 9 daìV Infinua igiene, 
jf^ deìio pene pecuniarie (a) , con tutti 
^j gli onori • • ^.0f*e colt annuo fii-' 
j, pendio di lire mille novecento cin-« 
j> quanta^ che gli permettiamo di ri- 
tenerfi del denaro di fua ricetta .&.•, 
con ciò che ojfervi i Regolamenti 
economici > e gli Editti in ciò che 
lo riguardano>'rri73^ pure le lAruzioni 
Camerali » e del Generale delle no- 
iUe Finanze , prefli il dovwto giu- 
ramento > e gli cijji lo ftipendio, e 
trattenimento, di cui prima godeva, 
diJpenJandqU) dall' obbligo di pre- 
dar cauzione s mandiamo a tutti i 

noflri Mìnìfirì, M<gìfìrari 

yigna Reale li il luglio 1778. 
V. Amedeo* 
delle ^ partite cajuali (1): cesi nelle Jlegie 
atenti delli 24 agoflo 1784 del di lui fuc- 
sflbre. 

idi il tomo primo della prefente opera, tit. V de' 
rem Cafiellani, CafielUni te. \ pag. 11^, x 29 , 
130 ai pun^o della parola cajuali. 



99 
39 

39 

9f 
3» 
1> 

99 
J3 



19 
99 
99 



14 



1795 ▼ENISIO Arfocaio Già Aleffio^ T^ 

14 riirt della Pievincti ii Torino^ 

^rilc* . jj Al pofta di TeforUre delk'Pro* 

j9 Tincb éi Tarino refofi vacante per 
M la giàbilaxioDé » che abbiaDio ac- 
j, cordata alt Av^écéto Angelo Fdiwfo 
Lan{€tii ci fiamo determinati di 
^ deftinare V Av'f acato Già. AUJj^ 
l Vtmpa j il qual^> avoado ne' parec- 
chi anni» che Ila lavorando in qua- 
lità it\ Vice InUnitnu nell'Uffizio 
t» dell' Iiiteiidenza dì ^uefta Città, e 
^ ProyincU ji dato (àggi d' onora- 
js tessa > aifidtittis ed applicaziooe 
a' Tuoi dovéri^ fiaflio peifuafiy che 
farà per adeoipiere lodevolmente 
j> le ioctimbenze di detto iaipìegoj 
19 epfcrò colle prefenti • • . . depu* 
tiamo il predetto Avvocato AleiCo 
Fcnijio per Ttforitre della Provin- 
cia i^ Torino^ con tutti gli onori 
• • • • j e ^olT annuo fiipendio £ 
^ lire mille , che mandiamo al Tefo- 
,, riere delle noftre Finanze di pa« 
99 g^fgli • • • *i con ciò che predi il 
j^ dovuto giuramento j ed un idonea 
,, cauzione per lire trenta mila , oA 
,, fervi i Regolamenti economici , € 
^y gli Editti -in ciò, che lo riguarda- 
^, no j ^o/77tf ^«r^ le Iftrutionì Game- 
93 rali, e dell'Uffizio Generale delle 
>, noftre Finanze ; mandiamo pertanto 
93 a tutti li noftri Minrftri» MagiftrA- 
jj il.... Torino ft r4 aprile 1^795. 
r* Arrtidià* 



11 

n 

91 




»> 
Jf 



su 

ACÉLLI Giufeppej 7<r/&f/V£ della Regia 
Finanze^ 

9j Per la giubilazione, che con Si" 
„ gliiito noftro del giorno d' oggi 
abbiamo accordata a Giu/ippe Ma- 
ria Pcnone , rendendofi vacance 
•j r impiego I eh' ^i avea .di Tefo^ 
99 riere delle noftre Finanze , ci fiamo 
99 degilati di (k)nterirlo a Giufcppe 

^^ AcelU ; epperò colle pre- ^ 

99 (enti • • w • deputiamo il fuddettQ 
^j Gùt/ippt Acdli pei Tcforierc delle 
99 np/in Fman[Ì9 con tutti gli onori 
>j • • • « * t r coU annuo /iipendio di 
9, U. 1400, éhe gli per meniamo di^ 
>, riunerfi del denaro di fua riceiUig ' 
,» ripartiumente» a' quartieri maturati» 
9^ • • • •> am eìò che • • • • óflervi 
9y li RegtUamenti delle Aziende in 
99 ciò 9 che lo riguardano (tf) 9 fia 
^9 a fuo carico il mamenimàuo del 
^ Cafllerè , e de^i Scritturali , che 
faranno neceiTar). Mandiamo a tutti 
• . • • , ed alla Camera noflra de' 
Conti M ammetterlo ali' efàrcizio 

di ttnftrti{i(Hii Camerale ad effo Terortere 
:€lli^ di cui nella fegueote pag. 690 : ritenuto 
trecche nel rendimento de'comi àtkboBO offer- 
rfi le Regole Camerali,, oome a pag. fj dt* 
^goUmenti di S. M. piì G&verno Economica 
Ile Aziende, ftampati ia Torino, nell'AC- 
Itmia Reale ^ pretto il Chais nel x7|0. 






1 



^ di dQtto impiego finià prifiaiio/u di akim 
^, cauzione > fianù U cautele 'poruiU da' Regola- 
^, menti economici « roiizr altred alla ftef[a Ca« 
mera di regifirarò le prefenti , le quali vog/ii^ 
mo I che fiano fpedìte fenza pagamento di emo» 
^y lumenco» e dritto di figlilo. J!>af.alla Venerò 
li 5j maggio 1788. 

* 'V. AÉieieo. , 

La Regia Camera de' Comi. 



9» 



9» 



V. 1788 Ifiru[ione a; voi Tefbriere delle Regie 

4 Finanze (d) Giufeppe Acelli j 

giugno* e nel r&(k>, oltre alle prcfeoti^ofler- 

verete... •• Tcn/zo li 4 giugno 178S. 
Ho ricevuto copia delle prefenti. Torino lì 11 
novembre lybS. 

Acelli Teforiere di Finanze, 
(tf) Si notino le anzidette parole A voi Teforiere 
delle KegicFtnaoze: rv^/^T// infiemela notaa» 
di cui nel ieguente titolo XXIV ^ pag, 694, 
relativamente al' irruzione Cameiale dellì 
13 gennaio 1785 per il Teforiere Generali 
Agoftino Jeandet. 

ELENCO 

Delie petfooe ' cooipiefe in <}ue(lo Tit. XXIIL 
X etiti Giufppe • • • • • 6bi 



Mungi s Enrico Secondo 
'ia Grange Michele 
Mungis Enrico Secondo 
yenijio Gio. AltJ^o 
Acelli Giujeppe 



684 

68S 
6ì^9 




49t 
T IT. XXtK 

*- • 

Tesoueri Gemseali. 

i ... • ... 

MUNGIS Henry Secondj TriforìtrGé^, 
niréU ir Savoyt. 



*< 






> * »> Les marques d' attenticHi ; d*eza- 
j; étiiude « & de fidelité , qu' fTm/jy 
j, Second Mungis ^voitdoDiiéds 'daQ$ 
,, l'emploi de. Caiffitr des Rofales 
„.Gabell6S d-Novate^ <)ui lui -ayoU 
9, £^é confdié par jff/7/«i du..5 ^a^ril 

9ì 17^9 > 1^0"^ 0°^ portés à le choi- 
„ fir eo avrir 177^ pour TriforUr 
„ de la ProTÌnce ì< yoghcrt , & en- 
'9, (Ulte poar Tréforur de la Ville, & 
„ Province ir Kovarc par lettresPar 
,, tentes du 21 juìllet 1778; ayémi 
»y malntenant die injormis ^ que par 
,^ la continuation defcsf^ivices avec 
9, le méoie zéle, il a acquis l'expe** 
9» rìence > & iV habileté néceflaires 
sj pour bìen. exercer i' érnploi de Tré- 

9> ibrier General ir' «Savc^yr ; 

,, c*eft pourquoi'ptff Uspréfenus 

y^ conftituons le fufJii Henry Second 

^y Mungis pour oofre Tréforier Gène* 

94 r^l de Savoyé^ zvtc tous les hon- 

"j> neurs .... * y & le gage (innucl 

. M de deùz mille trois cent & quatre 

u livres, fur nous mandons au Gè- 

M néral de nos Finances de lui faire 

.^ vayet ••••sa coadition • • • «j 






qu' il (e ponrfQif iftf faat ét$CmBan, Goas 

mis. Se autres» dom il poiinmt avoir befiiia» 
_ camme .Muffi -àumàmn f9a li Asn/fùrip ft 
^y comJmu de T argeof » fi» «urmi dans Ja caift 
^ gtoinllll$jar kt /Ngofmw» qui lui feioat &iit 
9, fiir /kf Tréjorigrs fmtpmlìfn dea PiOviscQi ir 
j9 SavwÉ , & qu' il obferve les inftru^ons » ^ 
1^ Jiiii. feiiMft doaiiéQi i Ntu» h d^fpeajons de doe- 
^ .fttl Cantvùi fiJir fiMmroei dm fi{fiit etnfley^ 
^ eik legttd aùx piic^niiÉiu pattécji^ par le Ra> 
j» rieoKitt icoaifiMque i U mmidanj^ à nos Mini- 
^ iietp Ma|ift|at໫ ùi. *• é .. àbmcafUr lo 6 di 



iUt< 




K 4 mi. 



\< 



178J1 JEANDET Jgcflitto Aitato, Teibriece 
IO Geoerale àilU lUgit Fi/um^e. 



9t 



Nella hiDga , e lodevole A^rvità^ 
che ftr lo fpa{ÌQ d^ora msi 50 
>» «noi ha fewa intecru^OBe preftau 
«> Agofiino icandtu prima in qualità 
M di Stgtscié^a BfiU'yfSzio Gen^ak 
,i dilk nofirt Fifkénie^ edartualmeo- 
Pi te ì/k qóeUa ^ TeforUrt dclU ai#- 
9» i^(flir > ha egli feoipjre date diffiii- 
>» te pcovo di applicazione » probità , 
M capacità » e zek> pel noftro (èrvi* 
» zk) :. quefie coounend^voli fue qua- 
>» btà avendogli concilia la panioo- 
t» lare aoSia eftimaziooe 9 e gradi- 
j» flaento » ne viene eccìtau la noftn 
M beneficenza a da^g^CA^ un effiKtifi 



91 
9> 



«9 coQtraiTegicik <oi| pnfciiglifrlù a) vagiiite impie^ 
,, go ii Tiforure GemraU delU Jlc£c Finan\e\ 
,f opperò colte fféfcMti .^ • • • depufi^ino il fu^- 
», Jetto Agoftino Aitterto Jffor^n ^i^TeforureGi'^ 
y» ncrale delle no (Ire Finanze y con tutti gli oaorì 
,1 ........ # caie 4imup fiifei^io di lire ouat- 

j> tro mila qu^iiroc^oco » ihe mandiamo all'Uffizio 
,, Generale delle npftre Fiii^zs di fargli pagare 
• • • . 9 con c>t\« cbe gli c^ffi quanto prima 
godeva > ofiryi i {^e^ol^e^ti ccpnpmici » e gli 
Editti in ciò che lo riguardano» come pure le 
9> Inftruztooi Camerali (a) , e dei iSeoerale delle 
j> ooftre Finanze» refii a (uo carii^o // manteni* 
j, iTftf/iio de'Cai&eii» e Scritturali al Tuo Uffizio» 
>» « p/*'^ >1 dovuto giurammo i mandando a. 
»» tutti li noftri Miniftri» Magiftrati • • | • • » ^ 
»» alla Camera tfcfira d^Conù diregiftrare lepre" 
», fenti » e di ammetterlo ali' efercizio di detto 
»» impiego » ^«{4 la prefiaiiona, della cauzione, 
j» daUa quale h difpenfiamo attefis le precauzioni 
»» portate dagli accennati Regolamenti {b) . . . . 

j» Moncatieri li io dicembre xySi. K Amedea. ' 

(a) A proposito di sìfatfe Inftru{ioni Camerali ve- 

di qui infra le pagine i^é^f e 69$. 

(b) Quanto, ai Tefirieri Geniali dal 1554 alli 

)i dicembre ij^j^Ae daremo un titolo t 
parte, nel tomo. <tfrfe»e fiuà il mo/o V, di cui ' 
& peg» 111 ad r 17 di : eflb tomo icr^o. 

Si nteuga inoltre /' Edj^tto delli j o agofto 
15^4 acceumtonel fucceffiyo titolo VI di quel 
tomot Mr{e»pag« i ^8»in vigor del quale Emanuel 
Filià^ria. ioìpprefie» ed abolì il titolo di Teforiere 
CentjraU » ed erdb l' Ufficio » e Grado di 
Generale di tutte le Fipaiotze » ionio di qua » 
Mme di ìi da' monti. 



I gsnnajo. 



Inftruz^One a voi ■sU'">t Tf/ofi 
-turaie {a) Aguttino 3«anict. 



Ì|:b f) • 
» ..lui.: ,- 



„ P/jpio. Sarete tenuio di vam 
t. - „ nino. il (kinaro, e tutie lo leria 

" , . „ di S. M p«r(JMliW- 

t' i ^j di rertnoo leouie i/« fepiu" C*' 

il ' . - ' jj óiiè quetia deooniinwa Ctji i*- 

■■ ■ , ■ ,i «"»'> at»" detta <ii A^irtiwwto" 

f'-' „ brlita io dipendenza diRcg» Efc- 

•»•■■'■ '^ eo 8 febbcajo i7ji,eUwafc 

. '■ ■ ' •' ■"''„ nominiti Caffa di Rtfe-v* aaoL 

}■ ^- ' ■■'" i, in virtù e/i R':gie Fattati Je'i»^ 

i»' , ■ • « ■ ùbrajo '7f>°- „ ,,j ' 

-...,.i an !,■ ,.i.DeveaflirteteaUcC»ffcf'''l'l«W 

nt;.ri i'.> '^^ un Contro flore da i ^t. d^nOflfc^ 

^^,v."l^-a' ^j Oliale dovià tenere una d(W". * 

;co':i.,"tq^^,ff„eBta chiave di c'afcuo» JfM 

• - • ' , irt Caffé-, onde non dovrete «a- 

.»Vrr\-. . \" ye,e alcun danaro, ne fare «lem 

-_.■-...., -.r pagamento io dipsadenza delUto- 

„ lira Azienda, falvo coli'intetvenio, 

,, -ed aflitlenza del detto CoouoUat?,) 

■;, 'e Dell' Uffizio delle Regie Finu- 

,v^ze, o fu'ùeJle camere da tjuefto 

•' " --1 „ deftinale per Teforetia Geneiilc , 

„ ovi devono (lare le AiddcKC Citte 

„ fono pena a noi aibitraria. 

(a) Si ntìtìtio le fovtafcfitta parole a - vai J'#w 

Ttforìtre GentrtU,t »i fi unifca qaaotocM- 

cerne il TtforUrt 'éclU Regie /'"fK*^^;."' 

fcpps AceUi. -nel- titolo precedente xxm, 

noM a, ^fl^- «Sjto. 



,, 3 • Dovrete nominare a Noi fra giorni quiii-» 
liei il Cajpcre , ed altri foggetti , de* quali in<- 
endete valervi nel voftro Uffizio > per i quali 
^St^Kit rifpoDfale » e tenuto civilmente. 
I 4* Non dQvrcte voi , né i voftri Subalterni 
iccvere» o sborfare alcuna forta di danaro, 
^vo al giudo loro valore prefcritto da' Regi 
;ditf i 9 e MaoifefH Camerali , e tanto meno 
ommutae le fpecie efatce» dare corfo a mo* 

ece vietate 

, 7» Farete regiftrare per eftefo tutte Io qu!t* 
uaxe 9 che come fovra avrete fpedito , colla 
tccificazione delle valute in piede di caduna 
' effe in regiftro a parte , e quando il paga- 
lenco feguirà in Biglietti di cndfto , ne efpri- 
lerete la quantità ricevuta , e rilevare de'me- 
cfimi» defcrivendo Tempre anche il numero 
articolare , e valore , con cui caduno di efli 
sfta annotato, quale regiftro farete tenuto di 
reientare a Noi fempre , e quando vi verrà 
kirdinato. 

, II. Tutti li pagamenti, che farete 

iovcanno feguire con ordini del signor Gene- 
ale delle Regie Finanze ••«'••'., e farete 
lut anco tenuto di ritirare tutte le pezze facienti 
larte di detti ordini, o (ian ricapiti, non me- 

IO che . 

Toriuò 1^ gennaio 178$. 

BtUramo ?. P., DtìU ValU P., PUtiaert , 
Bardifono, Robefti, Cappa , Roatis. 

U M. Cavalli. 
^, Ho io infrafcritto Teforiere Generale di S.M. 
sìccvuco letto quell'oggi c< pia autentica della 
fovrafccitta ìnAruzione. Torino li 19 marzo 17^3» 
^ Ag nino AIbe;to Jandet, avendo nominato 
per mio Cafli^rc il s^^mcie FcJcrico Zanini^ 

Toms IL X X 



'I 



JEANDET G!oKW,no. TAir,!^ 
« gwjioroconrrairagao tógni» 

.. chs njis amie j,t nrmaC, 

" T' ..■>•" e-^'à tifiti^ d 
"- i«- °* »Pplic«io,.,,l„d, 

..A, T,fir„r, G,„„^[^, , 

..P« l.p,efe„,i ^ 

" *"»°"' •' Ssgreaio i;4 .,<,, r. 
" ^r*' <='■"■='"■«<' land», i,^;,,^ 
.. «.'■t. ad Agonico Albe» JsL» 
"{""^■^'"«"in-piegoir,/™. 

.. ™;..</™„„ d«l „edsi;™„ ,7 .ir 

■' Sor„"' • "'°!°' ■^ "-.«ra 
"tXiaMtir'r-^T 

. ""C,ò,chcai]ora^/,-,T'Ì 
. .opnm, gode,a.X;/M. 



#97 
^ ci5 , che lo riguardano > comi pure le Inttruzio* 

99 ni Camerali > e dei Generale delle noltre Finaa« 
ze > rcfii a Tuo carico il manurùmcnto de* Caf- 
fieri^ e Scritturali neceflarj al Tuo Uffizio ^ ^ 
pufli il dovuto giuramento ; voUndo > che frat- 
,, tanto continui nell' eforcizio dell' attuale fuo 
^, impiego di Scgrctaro delle no/Ire Finanze , man- 
dando a tutti li noftri Miniftri » e Magiftratt 

, ed alla Camera nojlra de' Conti 

di regiftrare U prefinti, e di ammetterlo al|' 
efercizip dì detto impiego ^ fi^ia la prefia{io* 
ne della cauzione ^ dalla quale lo difpenfiame^ 
attefe le precauzioni portate dagli accennati 
Regolameati. Torino li 15 fettwnbre VÌ9S* 

y* Amedeo» 

m 

E l, E N C O 

Delle perfoae comprefe v^ quello Tir. XXIV, 

JVlungis Henry Second • • • #91 

Jeandet Agofiino Alberto • • . • 69^ 
Je4nd€P QiùuUno . t • t if^(i 



9> 



>9 






L. 



69t 

T l T. XXV. 

Di akuDC cofe leUiin 

•a 

Ufficio del Controllo Gtiutakt 
e 
alU RtgU fVn«A{<{i). 

1771 PETITI GiuftpptCoattcllonctmié^ 

Ì.7 ,. DappoicKc (labiliEiiiDO Gàfifi 

ipaizo. ., Petitt io qualità di Sotio Si^ 

„ ro neW U^cio <Ul ConnoUtQMà 

t, ba egli CODlIDLUtO fcDpK ■ < •') 

j, ed ha (ìngL'Urmtiate dtoioiuab 
M Tua efattezu nel tiie le *ecil 
„ Contro/for/ nolU Toforcru iii f*" 
a, ru"^' . ■ . . ; ^uinAi i , clu ailil'f- 
,, /inn .... deputiamo il (opi^dtRO 
,j Giufitfpt Pttiti pei limreiii)" l^ 
„ Tcfoieria delia nofl'ttC*^t,(.tA^ 

>' g'' 'attori , e coli' tMi" P" 1 

„ pendio di lift ottocento, che ff-U' 
„ diamo al Ttforitrt dtUi aopt Ty 
„ Tianie di pagaiglì . . . . , con rì'^ 
„ piefti il dovuto giuramento , <• 
t, ojftryi le indiuzioni dtl Control 
t. Generate. Mandiamo a tutti . > • 
„ Torino li 17 marzo 1771. 
C. EmanutU. 

Moro{Te< 

I77J BARBERIS Giufeppe Antonio, %«u 

4 ncir U£i[io del Coattollo Genec: 

eiugno. f«7i< in/ra. 
») De' Controllùii , e Controllori Genermlì, come 'i 
Conft-iuri , e Geiuralt dtlli Finanze U ne p"! 
più ain^iaiiicnic ne' liioli IV , e VI del toii>o ■ 
pag. So ad no, e ^nj- 137 ad 184. 



^99 
i, Le amcarate pròve di caipacitrl, onoratezza^ 

e zelo pel noftro fervizio , che ha date Giù-' 

5^ Teppe Antonio Barberis ci h^iono 

favorevolmente dìfpv^di ; epperò còlle 

prefeati , deputiamo ìÌ fuddetto Gin- 

feppe Antonio Barberis per Scgr etaro rf.ll* 

Ufficio del Controllo Generale eUlU noflre /i*-* 

3i nanie .... coli' annuo ftìpendió di lire 800^ 

j^ che mandiamo Dat. alla Vencria li 4 

9» giugoo *779* ^» ^fntico. 



Il 



4> 



9> 



I77J li Re di Sardegna, di Cipro, e di Oe^ 
4 rufalemme ec. 

^ugno* „ Magnifici y fedeS , ed àtfiati nofirL- 

I, Il Controllore Generale delle fioftn 

Finanze ci ha raprefenfato , cho^ 

per viemeglio accertate il tx>fttó' 

fervizio n^lù opetà^loni delle A^ien^' 

de Economiche, madttne in riguardo 

„ ai recapiti , che dalle medefìme fpe* 

„ difconfi , ed al maneggiò delle %€* 

„ gie Cajfe , farebbe aflai conveniente^ 

M che i Controllori deputati , sì à t^* 

„ capiti , e livranze , che alle Cafla 

„ delle Teforcrie delle Aziende, ed 

„ i loro rifpettivi afliftenti fofcrot ad 

>, arbitrio del Costrclfore Generale^ 

,9 trasferti da un batbca ali* altro ^ 

„ ovvero da una ad' altra Teforeria^ 

„ fm^a necejjità di fpedjzione di nuo^. 

9, ve Patenti , quantunque in c[uelléf 

j^, portanti il loro fiabilimecto fiano 

j, ftafi affetti a fpedafe dettiAazioInèV 

^ fenzachc però T additata traslaitono 

„ rechi alcuna alferaaitone tiferò agli 

j» flipendj > • nntaggi tatù ttìfyctù» 



>> 




i» Tameote aflegutì; €Ì inclir€, che ^ Stcadcùéi 
#j mancanza > aflenza , od impedimento de' meii* 
9» covati Controlloti» ne fuplifcano le veci 3 fe- 
M condo ilibiito» qut Segrttari , fottofcgreiari ^oi 
i3 altri ibggetti , che fiuranno ^v/ CamroUore Gemt' 
^ TdU deputati : qnefle ptoyrideDze ci folso paru- 
n te pioprie a inagglormente af&curaie in tal par- 
^ te la buona dilezione degli affari economici » 
i^ efftTÒ le abbiamo gradite, ed approvate. 

,9 E ficcome per la moltiplicità degli affiuri» (fi 
j» cui r Ufficiò éUl Controllo Generale è incarica* 
j3 to dipendentemente da' Regolamenti economici 
9j delle Aziende, non meno cbe in efecuzìone 
» de' panicolari neftti ordini, ei fama MJjfofti^ 
9, filile riinoftranze 4^1 meiefmo Contrcttcre Of- 
^ neraù^ aftabiiire indetto Uffizio tre Intendendo 
^ i quali debbano attendere a' lavori, ed opera- 
9, zìonii cui faranno rìfpettivamente deftinati dal 
^ Controllore Generale» intendiamo ^ cbe, ogni- 
9, qualvolta faranno applicati alla ricognizione de' 
j, mandati , e delle livranze , aitianc la facoltà 
9f di farvi il yìfta da cui in tal caio preicinde- 
^ ranno i Controllori (a) per un tal eletto deputatii 

,, Mentre diaìno i noftri Ordini al Controllore 
^ Generale affinchè quelli provvedimenti vengano 
,5 efattamente oflervati , ve ne teniamo ìntefi , e 
j» preghiamo il iSignore che vi confervi, f^eneria 
*, li 4 giugno 1779, 

V«Amedeo. 

Corte. 
Alla Camera de^ Conti. 

(a) .Già avvertimmo qui fopra, fag. ^98, che Je 
CoruroUori, e Controllori Genetaii celle Finanze, 
fé ne darà un titolo a parte nel tomo m^ 
fag. fto fid I la 



ii^t Rifió VigUtUò il Gimtédé di tinéni§^ 
16 del unor fcffunu. 

geimajo. 

Il Re di Sardegna. 



fi 



Magnifico» fedele» ed amato noftro« Per uà 
graziofo contiaflegno del gradimento » con cui 
rimiriamo il lungo » attento » ed efatto fervizio % 
«1 che con didimo merito di lode fta preftando il 
Stgntaro nell* Uffizio del Controllo Generala 
delle noflre Finanze Giufeppe Antonio Barhtris^ 
e fui rifleflb altresì » che il me^efimo non go- 
j» de di alcun coirefpettivo per l'incarico, chd 
M gli è pure appoggiato di Scgretaro della Giunim 
»» ftabilita per gli affari riguardanti l'amminiftra- 
»> zione de Puilici ^ ci fiamo difpcfti» a feconda 
») anche del .fentimento del Configlio di dette 
n Finanze , d' accordargli pel fuddetto incarico 
»> F annuo flipendìo di lire 400, che vi diciamo 
M di fargli pagare ripartitamente » a quartieri ma- 
9j turati » cominciando dal piimo del corrente » e 
9» continuando in avvenire» durante la fua fervi- 
tu » ed il noftro beneplacito » e ciò oltre a 
quanto il medefimo già gode nella dualità di 
Segr etaro nell' Uffizio del Controllo Generale p 
volendo parimenti » che gli facciate pagare la 
M gratificazione di lire 400. per il tempo paflato: 
j» comunicherete all' Uffizio del Controllo Genera- 
j» le il prefinte, per cui non fi pagherà emolu- 
M mento , e preghiamo il Signore » che vi con* 
M icrvi» Dat. in Torino li x6 gennajo 1798. 
C Emanuele. 

Carrutu 



99 



I79S MAS51MIKO Cevi di iMichekitfii^ 

j» Celie prefèoti • • • • • deputiimo 
^ U ffwAttù itmrchifé Giuseppe Maf^ 
> ,» fimino Covi di Sbìì Michele Con* 

%% ft^^^ deUe nottie Finanze » e Rt^- 
^ genu rUffiuo del Contrullo Gc- 
„ nenie delle medefime » con vati 
^ gU oftorì, privikgi^ prerogative > 
M autorità s eicnaioni, utili » dritti » 
M ed altre cofe> che ne dipendono» 
^, e colf mnnuo fiipindio di lire qtut- 
j^ tro mila» olire lire mille cinque 
j» cento pir vifioni» e regalie » fa« 
3, cienti in tutto lire cinque mila cin- 
»^ queceDto, che mandiamo al Te- 
i» ierìere di Finanze di pagargli ri* 
»» partitamente» a quartieri maturati» 
>» cominciando dal primo del conen- 
»» te > e coDtiouando in avvenire 5 
^ durame la fma ftrvità , ed il nofiro 
»» beneplacito $ con ciò » che gli eejfi 
»» guanto prima godeva , frefii il 
4» dovuto giuramento» ojfervi, e faccia 
»» pontualmcntc oflervare in ogni fua 
i» parte il difpofto da' Regolamenti 
»» economici , e dagli Editti » leggi » 
»» e Coftituaioni. Mandiamo altresì a 
- ^» tutti li pofti Mioiftri y Magitlrati » 
»» Ufficiali» ed a chiunque altro fia 



L 



l l{)ed lente, dì ricor* .fwerlo, e riputarlo nella qua- 
^ lira (bvra efprefla , con tàilo, elafcìarlo godc« 
'!^ re dell^ cofe predette, ed alU Camera no/ira 
'^ d9 Conti d'interidare le prefenti, le quali ¥0- 
»;-'-glÌ8mo, che (laDO fpedite fenza pagainenio 4' 
4 eiDoluuiedto , che tal* è noftra mente* 
,^'Dat. in Torino li tredici luglio 1798. 

Carlo EmanutL 

Cirrati, 

m 

m 

' j« Al proposto delia carica di Controllore Ge^ 
omerale relativamente a tenrpi addietro^ farà pure 
^ éflénziale il ritenere quanto fi avverte nel tomo 
J9 ter{o lìt. lY* de* Controllori ^ e Controllori Gene» 
19 tali delle Finanze , pag. S9, nota a 4 tpag. 9# 
1» nota a, giunte le altre 91 ad 94, e giunca 
u cxiindiò la pag. 109. 

1798 MARCHETTI Cavaliere Gaetano . • . 

ao ,, Per le /^r^nti abilitiamo Z' /n/eis- 

higliOé 4» dente nel preaccennato Uffizio del 

3. Controllo Generale Cavaliere Gae« 
tano Marchetti {a) , ne' cali di tnan* 
canza , aiTenza , od impedimento 
del Reggente lo /leffo Ufficio a fe- 
gnare le prdvvifioni di detto Uffi- 
zio occorrenti 3 e fpecialfrectc a 
vifare gli Editti , Patenti ^ Man- 
dati, e cosi pure all'intervento ne' 

,j Configlj di Finanze, e di Commer'^ 
3j ciò , e nelle fcilioni della Giunta 

4, fopra le amminiftrazioni dei Pubbli- 
» ci > fuppUndo cosi alle veci dii 






ti) Krif f »2 /opftf la pag. 7#o. 



7C4 
„ Primo Vfi(ieU , e volendo io quella cìrccAuizi 
^ dargli uii coDtiaffegDO , eoa cui rinìriamo la 
^ difticzioie de' tuoi leivÌ2| , ci ^amo diffe&i ìà 
„ accLidatgli /' annuo ftipiadio di lìie due mila, 
», che mandiaiijO al Tejorurt di Finun^e di pi- 
li g3''g'' l'paiiuaDieDie , a' quartieri maturati , 
„ comiDciaiido dal prioio del corrente £De& di 
„ luglio, e coDtiDuando ìd avvenire, duiante li 
„ Tua f<;r'Ìiù , ed il noflro beneplacito , con ciò 
„ che gli ctjjì quanto prima godeva. Mandando 
M altiL'SÌ sili DclVri Senato , e Camera dt'Conii di 
„ legiftiare le prefeoti , le quali vogliacno , che 
„ (ìano (pedite Teoza pagamento d' emoluroento , 
„ che tal' è noflra mente. 
M Torino li io di luglio 17 98. 
Carlo Emanuel. 

Cerrtat. 

Coolìgliere nel Configtto £ Finatt^t, 

: 1780 VACCA TtUct Ctffiatu, 

.giugno* „ Dappoiché t Inienaente Gentrstr 

I „ Felice Caffiano ytuu veane dcAì- 

M nato ad impieghi economici nel 
„ Regno doIIto di Sardegna .... 
„ fi clineiitò beo tofto d'efleie pio* 

_ „ motto alla tiltyanu carità d'ia* 

„ KndcBte Generale di mei Regno .. % 
^ Richiamato in Itrrt ftrmm. ebbe a 

[I t» coaciliaifi vieppiù la noftra Dima ....; 

„ ci compiacquimo perciò ntl 1771 

'i M di dargliene ld griziofe contrafie- 

,j gDO Del deftinatlo alC Imenden^s 
M GentnU iti Ducato noftio di Sm 
M vojtf .... ì oca volendo aot lolr 



4 i . ^^5 

drii leVàiIo dal pefo di qucfla carica » e porlo kk 

2j» grado di maggiormeote far ufo a beneficio 

= j» del pubblico delle molte ccgnìzioDi ^ e Iuilì da 

màm cflo acquiftati DeUa lunga fua carriera ecoDomi- 

^)9: ca • • • / • j colle prejtnti ^ confei* 

SM Yando al predetto Avvocato felice Soffiano yae» 

fc£a»<tf ir titolo^ e grado JC Intendente Generale, io 

X mt eleggiamo , coftituiaao > e deputiamo ptr Con- 

a» figliere nel Coofìglio ooftro di Finanze y e in 

1^ quello di Commercio y ccn fedia» e voto ne' 

^ 1^ inedefimi , e con tutti gli onori • • • • ^ e colT 

^ ip annuo ftipendio di lire joco» che mandiamo 

i g^ al Teforiere delle medejime Finanze di pagargli^ 

j> ripartit^^ mente ^ a' cuarticri maturati > ccmin* 

^9 cìando daila data delie prefentij e ccntiruan« 

^ do in avvenire » durante la fua fervitù, ed il 

^ nofiro beneplacito , ccn ciò clie prejli il dovuto 

^ giutamento > e gli celli quanto prima godeva* 

jj Mandiamo pertanto a tutti li noflii Minidri «...^ 

^ e fpecialm.ente al Coniglio di Finanze, e a 

j, quello di Commercio ci ricocofcerloj e ripu- 

^ tarlo nella qualità* fovra efprcfla » ed 

j» alla Camera noftra de' Conti di regifirare lo 
^ prefenti^ che tal' è noftra mente* 
^ dorino li 23 giugno 1780. 

y. Amedeo. 

Coru 



70« 1 

1798 CECIDANl Conti Ce&rs. . ; 

' li M Abtlìrìaciio il prtnominatoXwtAÌai- 

■gofto. » M (a) Conte Ccfixa Cecdtn-i i{\i^ 

y, plire prowijionalinenu alle txiit/ 
„ piiffio VffiiiaU dtUt tto^ft faet^ 
M De'cifi d'afTeoza, o Ugitrimoìm' 
„ podimcDta de] medeliiio, ecoill 
M fcgaara le prorvìnoniiadenaVA* 
M ciò occoireoti , e l'pecidnicnie ■ 
„ vifare gli Editti, Pateori , e Mis- 
,1 dati, e cesi pureair incetvntcìof' 
M Cirn|(f/rdi FÌDaoze, e diCoffiffietcio, 
„ <i^ «//e Seflìoni della Giunta IciOra 
„ le ammÌDÌ(lraztoDÌ Ai PubHiO. 
„ Mandando alU aoftrì Senato.eCf 
„ nera ds'Coan di regidrare kpw 
„ fonti .... Torino li 2 1 agoflo i;?)- 
C EmanutU, 

CtTTUi. 

(à) •. k . Deputiamo il fuddetto Avvocato CeUtz't» 
Ccfare Ocifani per Itienctnu ncll'Uffiio 
Gjserals </<//* /io/?r< Finanze , per efeguiri 
le ÌDcuuibsDze , ctie gli verranoo in cflb ap- 
poggiate, con tutti gli ooori , e fcT 

annuo jiiptndio di l'ie cttoceoto , ekt mah 

diamo , COQ' ciò, che preflì il djvuia 

giuramento, mandando al'resl a tuttilinodii 
M'iùiiii'i....Dat alla f^truria li 25 maggio I737> 
y. Amedto. 

ELENCO 

Delle peifone cooiprefe in (quello Tit. XXV, 

p . . . ■■'«■ 

X etiti Giujipjt ..... 69S 

Barberis Giuftppe Antpnio ... iw 

Majjimino Ct\a Giufeppt % . "J^i 

Marchetti Gattono . . . , 7°ì 

fiacca Felice CaJJiano .... 704 

Ctcidani Ce/are 7S< 



7«7 

T 1 T. xxn. 

I 

Regie Zecche (a). 

1749 COMPAIRE Franeefco Lottnzo....Depu* 
4 M ri/}^o il predetto Fraocelco Loreo- 

pbfe. if so Compaire per Mafiro delle no flr$ 

», Zecche, (b) , eoo tutti gli onori • • • •» 
. . «> abita{ione follia nella Zecca . • . • » 

»> e coli' annuo ftipendio di lire due 
99 milla trecento • • • •> con obbliga 
j3 di mantenere a Aie fpefe un Segré^ 
„ tarlo per aflifterlo continuamente» 
4, come altresì di dover accudire, 
tanto alla manutenzione, quanto sdii 
travagli delle Gavette , ed altre ope- 
re, che s'intraprenderanno indette 
Zecche, e con c>ò che • ... gli 
cefli lo ftipendio> di cui godeva, 
come Segretaro fuddetto {e). • • • 
Dat'alla Peneria li 4 novembre 1749. 
) Unifcafi il tit. yiIIAtì tom. 5 » pag. 109 ad 11 1. 
1) Con Regie Patenti dell! 14 fettembre 1755 fu 
egli poi deputato Maftro Uditore della Ca- 
ibera de' Conti ad honores^ t con sìxtc delli ij 
agofto 1757, eflendo ftato promoflb aireflfet- 
tività deU impiego di Mafiro U. Ut or e della 
CaBnera de* Conti ^ gli fu aflfegnato Y annuo 
ilìpendio dì lire 1100, oltre lire Soo per 
^(ione, e regalie faclentl in tutto lire due- 
mila , che fi mandò al Tefoiriere deUe Regie 
finanze di pagargli . • . • • con ciò che pre* 
ftaiTd il dovuto giuramento, e gli avefle a 
cefliare lo flipendio, 4 he pi ima godeva •«••^. 
) Cioi come Segretaro delle fUjgie Finanze* 



M 



7o8 

LK REGIA CAMERA. DE' CONTI. 
loftnuioae a voi tig. MjfirQ tUlU Zueht dtS.lt, 

„ AvenJwrì la h4. ì». comaodaro eoa Tuo R# 
•) g> * Viglicelo delLi 17 dall'ora fcorìb aprile <& 
M dare a voi le oppanuae iftiuziooi per il buon 

a, regoUneato della Zecca prendiamo 

M a dirvi , cb^: tàià vollro dorere di offeivaro 
>, quanto iafra 

,» Torino lì 19 giugno I7$J< 

Bduo P. P., Mordigtia, E^>rro. Miraglio. Niger, 

Cotte. 

L. M. CavalU. 
„ Ha ricevuto ea;>i« smentita delle {òvrafcritio 
,, ioAtuziani, e di quelle in efTe eauncìate. 
^ Torino li 14 gìugao 17JJ. 

17^5 G£RB0^4EGi^^eppe....i7«jratMnoil^ud- 
19 „ detto Giufeppe Geràoat per ^«yZr* 

jpvgao. *> ^/'c nojirt Zte*htt eoo tutti gli 

f, onori, autorità 1 privilegi, prerogi- 
,t rive, utili > dótti» legaglie > efen- 
u ziooi , ahita[ion« folita nella Zeee^t 
t, ed Q%m altra cola a tale U£sio 
jj fpettantc, < mU* annuo ftipendio di 
M ^rv due mila. U quali mandiamo 
M al Teforlere delle Boftre Finanze 
M di pagargli . . . , con ottigo di 
M mantenere a fue Ipefe ita CÓffiat 
M per aflìfterlo cootìnuameDte , come 
M altresì di dorer accudire tanto aU« 
M mooetazioae . . . . , con ciò cht . , . , 
r* P'ofti il dovuto giunnoato # e g|f 



y9 

rfS lo AipQiiclio» (fi cui godeva come S^gre^ 
To fuiÌ€t%ù («)• Xhx. Ma Vituria li dicci fiii^ 
^ 1766. 

I7 GERBONE OttaTio Giuseppe. ,, Perla 
ì j, deftjnaz^one di Giufippe Mafinlla 

^1^ >» ftd altro impiego , rimanendo va- 
9, canto quello di Mafiro itlU nofirg 
• „ Zecche, ci fiamo ben Tolontieri 

jt difooU a conferirlo al Segreuurà 
M m/lr^ i( Finanze Ottavio Giufeppe 
M Gerbone ••«••Epperò colle prefenti •«•• 
j» deputiamo il fudJetto Ottavio Giu- 
•f ieppe Gerbone per Mafiro defleno^ 
j» /rtf Zecche , con tutti gli onori ••••j 
M aHta{ioru /olita nella Zecca • • • • » 
M e coir annuo ftipeadio it lire mille 
^ ducento » che mandiamo pagarfjgli 
^ dalla Caffa di detta Zecca • • . • » e 
•, cogli altri vantaggi cfpreiE rtei bì- 
M %Uetto noftrù del giorno d' oggi in* 
M dirizzato al Generale delle no^e Fi'» 
^ nan^e concernente il nuovo file* 
^, ma d* amminiftrazione ir/^ ^fli6ii4i 
nf Zecca y con ciò» chs preftì it' do* 
M vuto giuramento, gli ceffi quanto 
9, prima godeva, ed oflervi le iftru- 
•» zioni , che gli verranaodate«ilfj/i-' 
3IP dUmo . . . .Torino 19 geiuia)o rySy, 
y. Amedeo* 

Carie. 
LA REGIA CAMERA DE* CONTI. 
7i{ione a voi Ocuvio G^ibone per f efirct^ 
eir impiego di Maftro delle Zecche di SM» 
ìqì Segreiuro dell» Regie Finanze* \ 






7f# 

M /a ioaformiii -ddb Hegie PiMmi ifiOt* 19 
^ muuio fcoffo» .colk qMiU.S* M« fi èdegiuti 
^ di iefiiamrri ail'im^cgp di iiaJUodcOc fmtRM^ 
^ gie Zucìu . . • . ^ dofonJo niimirvi delle in- 
9, ttnizioai oppoomie*^ . • •' vi diciai^D di oflor- 
^ ?are qaaoto fegue. JoriM li 1 1 maggio 1787. 
QtieftA ififuziooe fi vede appunto ^pro?ata 
mdU Ksifiaod Camsmla deg^i 11 maggio 1787. 

Nella ¥iu di Pht'-imo Betti (#) elt^an^pmen- 
ce icritta dal ligaof Barooe y^roé^i/i , e ftampira 
io qoefta Scacnptria Reale ael 17S1 » fi legge (i) 
come imfrs. 

La lira di Emmnud FilUeno ^ hmoik lin 
9» iat^Etfr omnium ^ era io bootà di daDari io. iS» 
»s e di pezze 19. i(| al marco. L* ultima lira co> 
^ DÌata nelle Regìe Zecche era di pjzze 45. 5/4 
,9 al marco : ne la bontà dell' argento e creici uta 
M più che 6 danari. Qu*jfl:o femplicifEoìO parago- 
9, ne bada per indicare qual numero delle odierco 
^, monete equivalga alla ricompenfa aflcgnata nel 
yy MOLXiI a Pietrin BtUi {e). 
{a) D*;lla quale già avemmo occafione di parlare 

nel tomo primo > pag. 5 j > e 54. 
{b) Pag. I,, 

{e) Gioì di 11. Sji ftategli pagate per i Neg02nan 
di Lione in fcguico all'ordine di eiTo Emd- 
fHulFilìtcrto dclli vii dì aprile .iiDLxiL 

ELENCO 

Delle perfone comprefe in quefto Tir. XXVL 

%^ompdir€ Ffancefco Loren[o . . 707 

Girhórié Giufeppt • • • • • 708 

Gert^jzc OùUvioGiufeppe • . • 70J 



i. 






APPENDICE «» 

PARTE PRIMA. 
VICERÉ , E CAPITANI GENERALI , 

■ 

MINERALI COMANDANTI DELLE ARMI ec.. 



8 

ALTRI IMPIEGHI 

DEL 

REGNO DI SARDEGNA» 



i) M témt teeQoàòi 



K 



VicfiRK, s Capitahi Generali 

DEL 

Regno di Sardegna (a). * 



p 



ALLAVICINO Filippo Gufliemo Séront 
dì S. Remy (ò). 



DORIA DEL MARO JUatc D. Alleffiindro. 
9, ViBorius Amedtus. Quucn Rógnum Jkf- 
9, dìnut nollre Dominationi fubjcAuin » cui 
,, perfoaaliter prasefle non pofTuiuus eorum 
,, regimi ni fit aomminendum, qui ei, qua 
», par cA ) prudeutia , fedulitate , noftras 
,» viccs valeant fufìiacre, tM liberi Mòaii 
,, Alex Andro Daria e Mari Marthtonatu^ qui 
,iOon minus antiqua fanguinis nobilitate^ 
^, (^uam diflinftis animi dotibus inligni- 
», ris , & plura negotia ivm rokrtì» ^ ac 
», direzioni commifTa , & poflremo foco 
», in Ugatioae Hifpanica^ felicitèr cxplendo^ 
»» certa nobis tu« fufficientias, ac lingularis 
»» tui erga noflnim fervitium fludii argp- 
»» mentum pr«buifli .... JKiic'e/f, quo3, 
»» tenore prefentìum^ de noftra certa icieo^ 
»» tia» regiaque authoritate / deliberate, et 
», confulto ^ ti tdmiem Akhattm Doria Prore* 
9» gf M , & ìiotmrutntnttm nafinan GcneraUm ^ 
,» forfonaimiue nofiràmRtpraftnimuttm fadmus^ 
»» canfiiimimui » ittamus » £^ ordinamus , • • 
», ita quod tu , difta nottra mera , & li* 
», bera volunute durame» in pr^dì A* Sar* 
• »» dinic Regno , & cunftis ilfi\is prtibus 
»» fis Prorex^O LocMmien€ns,Geiitralts nofitr^ 
»» mofram P^rfomam rtDrmftutans ^ locoque» 
»» 8c vice noftra ^us » & préferaris , & 
»» imperes relpeftive omnibus,' 8c fingulis 
ufi^profùtto vedi imcAc nel loitio terzo U 
€ /rdelr Appendice » pag^ 8( . jM». r i(^. . ^ 
I Valle d^AojU* ^ 



„ Archiepìfcopi» , epìTcapi* , Abhaiibm. PnwiteJ 
„ P'selaiis, fcRtlÌBioflì pcrfonis, Ducibm.HuttiM 
». nìbus, Comiiibus, Vicecomìribin , B)ioo:tet,H 
., bilihus, tnilitihu^, & gemtvfn Mifo,iii.Jtt3 

f, civitaiibus, vjitis, lerris , & Ioti* 7j 

M 8c dcmum cat-erh omnibus ofiicùlJtnis.&liMfl 
„ nnftri:;, & peifoni^ quibufcum<jtic ■ . ...ktìfl 
M iinivcrftJi«r . genfialiter, & Jiflriac, und 
n noflra Perfon» , 6» alter Ifoi dìCpoBeif, iO'ftM 
^ ordinare, & flaiUcre prò libito voloniaris tw^ 
„ prou[ luc prudcntia; . 8c difcriMioni prn ooflàH 
«t vili! , & Siaiu<i Regni huiuTmodì conleniiifwM 
i, dcbitur expcdlre . . . . AugaJU Tanritvm at\ 
„ augufii 171J. 

Viao'Uit Amtdtiu. 

Mdtvth 

iratf li pref^o 5a»iw di S. R£MT. {*) 

tntrW. 

«7«7 AOVERO di CORTANZE M«r«*«/iTomM& 

ao Ercole. 

«7)t FÀLLETTI di CASTAGNOLE «(/cfa/'ft" 

»9 rolamo. Dopo la coftui mone occckù il 

Rttem. loglio 1735 ncIU Ciirà di Ci^liari i/ùml 

, Profpero Poffevino </« BrafitarJa Govena- 

tofe delia Cirtà , e Caftcno di Uihafi.t 

' - Generale Coniandinie le ami ii fwl Ai.'m 

■' affiinfc r amoricà conferitagli ed Rtps 

Vigljeno 19 mano 1734 rf*i uaor {tfni^- 

il Vnleodo N<"i darvi un ducvo coniuf' 

» regno del ^radhneiiTD panieobrt cM 

^ „ cui fimirìamo la vnftni fcrvirà , i* 

i, meno che dell' eguale confidenu. àt 

„ abbiamo ripofla nel vofiro rpcrimcann 

i, zelo, e fedclii, ci Ramo difpcfflirf* 

I , ,, le^i^i, in cafo di marte dtl MAté^'^ 

4. » C fiagnoU , pendecie ii tempo» d«<l^ 

W Wj fU /lyw la pBg. 3. 



y, fdtì Viceré di codefto Regno » coni^ on per al? 
,, lora vi ellegiamo , nomiaiaino« e còft|tuiamo Pn*^ 
^^ Jldcnti , Luegoteneme , e Capitang gentrAle neirinierìni 
,^ di dttto R'gnoy couferenfiovi perci(^ tuua 1- autorità' 
99 necefTaria , ed opportuna , con che dov|-etc aftrest 
„ preftare il doyuio giuramento » ed offervare imi;* 
,9 ramepte, ed accuraiampnte tutte le iflruzioni, ci 
9, ordlJoi 9 che abt)ìanio d^ti , e pouemo dare • • • • ^ ' 

17} > §. MARTINO d' Agliè . e di Rivatolp AfoTf 
20 ^heje Carlo An^^di^o Éattiflg. 

agofto. 

173 j FAtLETTI di Barolo Monfigr^or^ G\o. Giufeppife 
10 Raulo Coflanzo Aniytfcovo dì Ciliari (a), 

feueoi. Regio V'iglietto delti dieci fenembrè 1735 ^ 
diretto a Monjignorc D. Raulo Folletti di 
^Barolo jiràvcjcoyo dì Cagliari^ nel qujale (1 ' 
dice , che quantunque poco dopo pervc- * 
nuta a S. M« la nouzia , che folTe vacata 
}a carica del Victrc^ Luqgotemntt^ r CapU, . 
/a;i9 Ginerale del Regno , avefle ad effa de-' * 
(linaio il J\ifirchif$ di Rivarolo , però no(l. 
avendo egli ancora potuto mettjrru in iAatp' 
di panire a codefla volta (h) , fentifle or^,, 
la lielfa M. S. , che flefle anche in perì^ ' 
colo di vita il Conti di BrajficardfL da effa^ 
S. Af. nominato per /* eferci^io interino della' 
[addetta carica^ t che ove veni (Te a morire 
#/ [addetto Qonte dlBraJJìcarda^ era elTa Maefiì 
Sua venuta nella dererminazione d^appog* ' 
giarne in jial cafo l'incumbenza a Monfi'- 
gnore D- Raulo Fa{letti di Baralo Areive['' 
€0VQ di Cagliari ^ comt fin d* ora» ,, e con 




/• finno .1753. 
(b) Per altro arrivò poi in Cagliari il M^rchcfe di Ri* 

varoio nello ftejfo me[e di [ettembre, 
(i) Detta dal Padre Tommafo Langafio deilg Compagnia 

di ^esà in liqgaa Spagnuola^ s tradotui mlVU^liqn^- 




6 

>«i Qtntrdi del* luddcrio noftro Regno £ SarJepM («]• 
t» con tutte le aotorltà , privilegi , e vantaggi » che 
99 vi fono annefll per efercuarla fin a tantochd giungi 
t> codi, e ne prenda il poiftflbìl nuovo Vicete , che 
99 vi abbiamo deftinato , con^irmando e^imndioy € co«* 
,9 ìf(tltdénJù » quando fia di hifofin^ , e non mlirùmmU la 
99 nomina , che già lentiamo abbia fatt4 il detto Conti 
t» di BrdMearda della voftra perfona ptr fuo fmutSon , 
9» e conteguentemente lucto ciò , che in dipendensa 
99 d* eflh u farà da voi fatto 9 o difpoflo , quando alla 
99 ricevuu del prefente già vi fofte ritrovato nel cafo 
99 di operare di^ndentemente dalla fuddetta oomioa. 
9» La lunga fpenenia , che abbiamo , non meno del 
9, voftro zelo , che delia voftra abilità ci rende ficutii 
99 che corrifponderete pienamente a quello atto cosi 
9» diftinto della noflra confiden&a» quale farà anche 
99 accompagnato nelle occorrenae dagli effètti della 
9, noflra ungolar protezione verfo la voftra perfona. 

1735 S. MARTINO d'Agliè, e di Rivarolo Marckt[t 
7bre (^) Carlo Amedeo Battifla,Jictf/ qui fopra pa* 5. 

1738 D*ALINGE d* AprcmoRt Conte Franccfco 
tx Luigi, 

agpito* 

1741 DI BLONAY Baroni Lodovico. 

10 
agofto. 

(a) Pir la defiìnaaflom di Monfignor Falletti di Bardi 
Arcivefcovo dì Cagliari in \ iccre fi è creduto , chep^* 
affi allora bafiare un Regio Viglittto a differenza dtfl 
abriy ìocit « che femprtfi nominano con Regie Patenti 
£ appunto non confa dtC regifirl di quefla Segreterìa 
interna dì Sardegna di veruna ulterior Re^ia provi- 
fione per la di lui nomina alla carica di Viceré comt 
fopra. 

N^femhra^ che pojja ejfervene fiata alcun* altra^ mentri 
il Marchefe di Rivarolo nominato Viceré con Rcjg^ii 
Patenti dc^ io agofij 1735 arrivò in Cagliari mi Jud' 
detto mefe di ftttimbre, 
(b) Vedi U nota h^ di cui nelP antecedinti pag, {. 



7 

S t>£L CMBKiTtO di Santa Oiolia M^ehfe 
^. ^ Maria. 



ir. 

8 DI VALGUARNERA O. Emanuel («> 

t CACHERANO di Bricheraflo C^ntt Gio. Bat* 



< COSTA della Trinità Conn Vittorio Ameded, ' 

te. 

g TANA Céntt prancercn. Arrivò egli in gia«* 

Jno 1758 a Cagliari, e ne paniin piagno 
et 1762. In quefto intervallo emanarono 
li dM€ infiafcrjtti RiJì rigUttil dello fielTo 
giorno 7 agpfto 1760 , e rlfpenivamente di- 
retti al Conte Ji Néingy^ ed al Cavaliere 
Gmhirt ^ come pure l'altro Regjip Vifjtittto 
degli otto mpL^io 1761 , di cui infra, che vedefi 
indirizzato ei Cavaliere Jb/kro di Gdvos^ 
In quello dtlU 7 agofio 17^ al Conce di 
JVtfAj^Geherale Comandante /e armi MRigno^ 
e Goverii;itore della Cittì di Cagliar^ l^ggcft 
0mt ftgtfe. ,y Volendo )Ìoi provvedere éltafo^ 
,, che potrebbe fuccedere di morte del nopo 
^, Viceré, Luogotenente, e Capitano Gè- 
^ nerale in codefto nofìro R^no il Sar»^ 
tf digti4f prendiamo quindi argomento di 
9, dimoiìrarvì la fpeciale confideniM, che 
9, abbiamo nel zelo, ch^ avete femi>re 
„ manifeftato per il noftro Reale feivizio, 
„ e nella voAra fperimemata prudenza, 
„ con nominarvi , come per il prefentc 
,y vi nominiamo 9 eleggiamo f e coftitmamo pet 
,, Prefidente , Luogotenente , e Capitano Gf* 
Fedi anche il titolo XXII Impieghi miìiteuri , alla data 
1721 17 maf^o , Articolo Di VeilguefrniTei y * Ores^in^ 
Prìncipe Zaverio» 



M ner^/f nella cireofiau» (j)d4qtui» e nclV interim . ài 
,, detto noflro Regno*, )EiicM da iVpi venga aftamenti 
^, provvido, conferendovi perciò tutu 1* autorità oc- 
,, cefTaria, ed opportuna, con che dobbiate preflare 
M il dovuto giurauicmo, ed ofTervare intìcrameDie , 
^ ed accuratamente le ìflruzioni , e ordini , che alh 
^ biatno dati , e potremo dare fino a tal tempo a 

,9 chi governerà detto Regno 

E nell* altro Regio VigUttto delti 7 ^ofto 1760 di- 
fètto al Cavaliere Guìben Governatore di Safari^ 
abbiamo coTne infra. „ Le eontingen^e delle cofe 
,, umane avendoci fatto penfare a quelle, in coi 
,, verrebbe ad* eHicre poflo codeflo noftro Regno 
„ di Sardegna qualora fuccedefTe la morte del noflro 
,, Viceré, Luogotenente, e Capitano Generale £1 
,y tempo , che fi tiovafle vacante P impiego di Gover* 
yy natore di Cagliari , o ^Kf/7i venifle a mancare dopo 
„ il decejfo del medefimo Viceré, ci hannQ ptire dettf 
,, minati a dare i provvedimenti propri di tal circo* 
,y fianza. E perfuafj delia fermezza del voflro zelo 
per il Regio ooflro fervizio , prendiamo a tcftiino- 
niarvi la i'peciale confidenza, che abbiamo nel mc« 
,, defimo , deputandovi nella fatalità fopramenzionata 
di mancanza del Viceré, e Governatore fudileiti, 
come per il prefente vi dtpu iamo , cU^giamo , e cji* 
tuiamo Prefidentc, Luogotenente, e Capitano Gc* 
ncrale , ntlV interim ^ di detto noflro Regno, con* 
^y ferendovi a tal effètto tutta T autorità nccefiaria, cJ 
„ opportuna, con che dobbiate immediatame:ite traf- 
„ ferirvi a Cagliari^ predar ivi il dovuto giuramento 
„ nella forma foli.a , ed oiTervaie intieramente , ed 
„ efatiauenic le iftiuzioni, e orJijii , che abbiamo 
„ dati , e potremo dare fino a tal tempo a chi gover- 
y, nera detto Regno, facendovi couiunicare dal notìro 
„ Segretario di Stato, che fi novera prefo il me- 
„ defi . o , mtte le fcritture, ed ordini inuirizzati 
colà dalle ncflrc Scgreieiie di Srato, e di Guerra, 
come d* rgiii cofa Itreitamente v' incarichiamo E 
fenza yiù pcghiauo ii Signo'e che vi confervi. 
Succede il pn citato Regio Fi f^ ite tto e! Cavaliere «S'o/a/o 
i^' Gavone degli 8 maggii/ 1761 del tenQr fcgnemc. ,, La fiefTa 



9t 

9» 
99 
3> 
9» 
9» 
9» 
9» 
99 



9f 
91 
99 



I, fpedal conffdenst nel. conoCrlmo 'soffro ìéc per H 
99 Regio nofito fervizio, la quale ci ha mofll a deftmarvi^ 
»9 alla carica di Governatore della Città, e Caflello * 
», if Cagliari , e ài Generale Coinandanre le- armi d4 
9, Pcfino nofiro dì Sardegna , ci iùivc anche nella gTt«^ 
„ ziofa difpofizione di darvene un nuovo diflinttf 
fy conuaffcgno cotP affidarvi il Governo interino' M 
„ tutto il ReghO [addetto nel fatai cafo , che potelfl;^ 
M occorrere di morte del noflro Viceré, lucgoicnenie,- 
99 e Capitano Generale. Quindi per il prefenu vi no*. 
9, miniamo , cleggian[*o , e cofìituiamo per Prtfiderìte^ 
99 Luogotemnte , e Capitano Generale delio Jlejfo Regno 
9r nella mentovata fopravvenienza , e nelr /rrrrai, di 
»9 detto noflro Regno , finché da noi venga altrimenti 
99 prowiAo 9 conferendovi perciò tutta 1* autorità neceA 
99 laria , ed .opportuna , con che dobbiate preAarc il 
99 dovuto giuramento , ed ofTervare intieramerre, ed 
99 accuratamente le iflmzicni , e ordini , che abbiamp 
99 dati, e potremo dare fino a tal tcn^po a chi go* 
9% vernerà detto Regno •«..., 



tnzizo. 



1761 ALFIERI di Conemiglia Cav^Uiere Gio. Baf 
6 tifia morto in Cagliali rei mefe di aprile 

176). Regio Viglietto delli 19 aprile 176) 
direno al Cavaliere Solato di Govom del 
tenor ftguente. „ Abbiamo intefo con ptr« 
„ ticolare fenfibilità I* annunzio da voi 
„ recatoci col voftro fogliose' 2 córrente 
^„ deJ ;de ceffo del nofiro Viceré Cavaliere 

; „ Alfieri Ril«;viamo 

9, nel tempo lleflb , che in feguito alle di'» 
99 fpofizioni da Noi date per T evenienza 
9, àt\ funeflo cafo , voi avete affhtuo il 
,9 Govenu> interino affidatovi di eodefio Re* 
99 pio 9 e fiano perfuafi9 che ncIP elercizitf 
99 del iredefimo ci darete prove tali di 
9» attenzione, e zelo a giuflificare la voflra 

,9 deflinazione mentre Noi 

4, pergamo a nominare il nuovo Viceré , e 
)9 prc^hìpmo fenza più il Signore, che vi 
^9 confcxvi. 



[ tf6y COSTA delU Timi ti ^■tir&.tnp.t^ ma 

tWiio. <s 

[ Ì7i^ D' HALLOT dcs Uayes, e di Dnuaafau W 

f . iQ Vinorio Lodovico. li 

|> >»SP- I 

^. «771 GALEAN de'Caìfrotii {i) £ R^UimOm 1 
r . 18 Antonio Fianccfco Gzciujo (i). I 

[ loglio. I 

' (a^ 1763 itnovtmirf Regio Vi^tittto \\) ., Cvxu Mrti 1 
I „ CeW^ }\aiX»..'taJ*fii'>àxJonr. (k: ab^a-itafAtttUà 1 

L „ vo^raj)rrfanaa\^ot\o.it G< ntraU dtW ArvdAitf 1 

I . M M{iroà\ Saidcgna. • Govtrn*iort idi* Qtù^ (> 
L M gfiari , ti ptifla eceafiont di vitmafrihratsi' w*^ | 

I nfi*^' '* ""fl'" eonfiJtax.a mlvofiro ('h faiaSoà ] 

\ , n mant iti nojlro Vieur . L.u^s^'ttfu* , 1 Ct^tM 
k „ Gtat'ali, DomÌTiandovi , ca>at ptr à pn^tìtit 

f „ ooniiniarno, elf^giamo , e cofliiuiinn ù uJ 

I „ eircojÌMia . < "tW imcri'n , P'tfiJtvt . tmpc- 

I „ ntnu , r Capitana Ger.traU dtUc fig» ^f», 

„ finché rfo Noi ««ly» ^irimtiti prvwifi;naK- 
„ icndovi ptrtiò mila l' a^ioriii aettffdrié, ti if 
„ fortuna, con che dobbljite prefiaft il filili ^ift' 
„ mnia , *d ojftrvare tfatiamtutt It ipH'am , «t 
„ ordini , cht aitiamo da't, t potrtma da" f" • 
„ (4/ [tmpo a tki govtrnttà d^ito Rtffto , fvt'^ 
„ eomuaiiari dal pojlro Segretafo di Siat», àif 
„ trovtrà prejjo il fnidtlimo y tute le Jcruiari,it>i>t 
„ indiriiiati cotà dalla nofìra StgreiertM, comi f»^ 
,, eofa ijaliamtnte v'incaricbianioì prc^ft4'f*l{* f* 
„ il Signort chi vi tonltni. 

Iìtdiea{iont fuìla faprmemrtt. 
M D» non (tprirfit lÀ non ir c*/» di mone Al "* 
„ ((/e, Ituogoitmtntt t • Cv'imiu GtotrsU Jtl Ktf»- 

(Jt) lì Cfaicfi ii</{a foi CatODR ll(*ie> fait» [tfém fy. >Ii 

inameia fra le nobili ■. e principali famitlk ^ fii{f' I) 
Ctiflòna I (ft( (1) tea lin/o ^' C»nuda gmd* tri Jwftì «)!> 
Bironi) A' ^of^-*, ciat R'fwd, Méffegt , t T»rJfru,t 
ù gtoiil arci oiigÌM riUa Chiìi £ Birgama in pcrtMi 4'>a 
^n^siM, cb'andò in W{t' lino ^'l ijao. 
(() l* prima Tittat-. dì Vice c> chp fitfi (pcdita ia idiaiw ìuTiétt 

é'iìiia'Qiuftì delti II lagio T771 ÌD ttTfnt itVétvaCntn 
Gilcan di'RobbiDne . e coil fa poi finpte ptariciM in *r 
pteffo a diffeicDit di qn-lli, che lo haas* ptecc^o»! " 
c&i Fatmil fi veggono difterc in /i'h/m kuia». 

(0 Al Conte FaUtitì <kUt U«a«> 

fi) C«M ìtI fi 1*1 gC 



I FERRERÒ DELLA MLARMORA Conu ti 

lippo. 



irc« 



r LASCARIS dt'CoMH di Vintimiglk Cann 
Giufeppe. 



> VALPERGA di Mafioo O/irc Carlo Francefcok 

I SOLARO di Moretta Cavidltn Angelo , Vi* 
cere , e Luogotenente Generai nel JZf- 

U gM di Sardegna. ,, Si compiacquero ia 
tt ogni tempo i Regnanti, nelF efercitare 
9» gli atri della Sovrana loro beneficensa, 
,, e di elevare alle pi-lmarie dignità dello 
M Stato perfonaggj di raro merito , i quali 
„ accoppiando alla fciensa del governo una 
,» confumata fperienza , ed attività negli 
,, afi&ri 9 fi conciliarono nella lunga» e lumi- 
,, nofa loro carriera univeriale applaufo, 
„ ed eflimazione. Guidati da quelle gin* 
,» fli^me confiderazioni , nella circoflanza 
,, in cui fiamo di deflinare» e prefcegliere 
^ un nuovo Fieen^ t Luogottntntt Gtmrale 
9, nel Regno noftro di Sardema^ ci fccimo 
. t» b^n volentieri prefenti ie efimie doti » 
M ed il merito flngolariflimo dtl Cavediere 
9, Gran Croce della Sacra Religione, ed 
^ Ordine noflro Militare de' Ss. Maurizio, 
„ e Lazzaro Angdo SoUro di Moretta^ il 
^ quale avendo (ortite dalla natura, Infieme 
,, coli* antica nobiltà de* natali , le pid ec* 
^ celienti difpofizioni alle virtuofe gefla , 
,, fi fece Tempre mai un lodevole impelano 
», di b^ coltivarlejper potere a Aio tempo» 
^ fuir efempio de* fuoi maggiori , impie* 
^ gzvlt utilmente in fervizio noftro , t 
M della Corojia » ed intraprelk a tal fiat 



n Ì9L -Càidén, Àétlt tfank i fl JHIinreMo tistf tóinp»e 
• n in pace , e ia guerra , eoa chiariiQim.fiigiffi d*or* 
„ timo difceroiinento , foiiiina prudensa , e tkvmUf * 
9» e pari zeto » e valore , coflcchi mericoifi d* efiere 
yy'^di^j^iado ia grado ionalMito'alJc princijMili dignità 
M nella MìIìm , finché fu nel 1774 pcomofib a quelle 
„ di Lttygotiruate Gtmtrak di Faaieria nelle noflre - 
„ Afmatp, Ifpettort del pipirtiniei|to ^i pmfirrmié^ 
ff e- Capo U fttondo' del Regghntaio' H ÙA n%m\ 
», e polcia nel 1781 d^ Ifptuort dei Dipanimenco MU 
9, Guardie , quali dignità ha fin ora lodevoliflioia* 
99 mente failenute 9 ed in modo eziandio a fai fi co* 
99 npfcere capacifiinitf à' ben «Ufimpegoarfi da iàltri pìd 
9» rileraiiti incarichi. VoUnio H^i perciò dargli ul^ 
9> riprova di gradimento 9 che corrifponda alle evah • 
9» nenti di lui qualità 9 e fervizi , e diaoflrargli nd 
»9 tempo fteflb il conto particolare 9 che se facciamoi 
99 con aprirli un più vafto campo di fegnalarfi9 d 
99 fiamo determinati di nominarlo no/lro Vìcert , e Imo* 
99 gt^imnte Generale nel Regno di Sardegna^ pienamente 
99 perfuafi 9 che (juanto più edefe, e difficili fono le 
9) mcumbenze di sì imponante carica 9 tanto mag- 
9» giore farà il merito 9 che verrà egli a farfi nell* 
M adempimento delle medefime. Ep^erdò per le pre- 
99 Tenti 9 di certa noflra fciefiza « piena poflànza 9 e 
99 Regia autorità , eleggiamo , eofiituiamo 9 e dcBUiiamo^ 
99 durante il noftro beneplacito , il nominato Cfavaliere 
99 Gran Croce della Sacra Religione, ed Ordine nofltro 
99 Militare de' Ss. Maurizic/» e Lazzaro Angelo Solaro 
9, di Monna Luogotenente Generale di Fanteria nelle 
99 noftre Armate 9 Ifpettore del Dipartimento delle 
99 Guardie 9 e Capo in fecondo del Reggimento di 
99 Monferrato per yicert , e Luogotenente Generale , rip- 
99 prefentante la noftra Perfona^ e Maeftà nel Re^no 
99 nofiro di Sardegna 9 con tutti gli onori « autorità 9 
99 prerogative y preenóinenze 9 efenzioni , franchìgie, 
99 utili , dritti 9 ed ogni altra cofa à tale carica fpec- 
99 tante , di cui hanno potuto Irgitiiinamente gioire 
,, i di lui PredcceiTori 9 di maniera che , finché a Noi 
„ piacerà , /ia licere in quel Regno , ed in noflra vece 
», préfieda ,' e comandi io tuua la Sardegna » nelle fue 



:>9 iTole adiacepd , e nei mari circonfluenti alla mede- 
i^ fima , a tutti gli órdini del Regno , tioi agli Arci* 
:m veicovi, Vefcnvi, Abati, Prelati, ed a qualunque 
0^ perfona Eccle/ìanica, e Repolare , ai Duchi ^ M&r- 
99 cheli, Comi , Vifconti , Baroni , Nobili, Cavalieri» 
9» e Gentiluomini , alle Città, Caflelli, Borghi» Ville, 
9» Collegi, Comunità, e Umveriiti, ai Governatori» 
9» a tutti i Magiltraii , al Reggente la Reale Cancel' 
9^ feria', ai Giudici delia Reale Udienza , Afleflbri 
W nella Reale Governazione di Safiàri, alPIniendente 
. 9» Cenetale , agli Avvocati , e Procuratori Fifcali, e 
M Fatrimoniali , al Teforiere Generale , ai Vegheri , 
! fi Podefià , Alguazìli , Configlieri , e Caiìellani, a 
. j9 'chiunque abbia! impiego , ed uffizio pubblico, ed 
'..» ai fungenti le loro veci, ed in fomma a tutte le 
9t perfone , e fudditi noflii abitanti , e palTaggieri nella 
' .99 Sardegna , ed Ifole adiacenti, ai naviganti nei fuoi 
99. mari , ed a chi attenda alla pefca nei medefimi, e 
.w% goffa unlverTalmente in tutto il didretto di quel 
99 Re^no , comi un aliro Nqì mtdtfmo^ ed ulando della 
99 flefla podeflà , e coniando ^ che potreitìmo ufar Noì^ 
.«• le foilimo prefenti , fecondo che gli fembreià poter 
99 eflere di noflra intenzione , e di maggior vantag» 
m gio del Regno , per fé fleflb , ó per mezzo del 
99 Reggente la Reale Cancelleria , de' Giudici della 
99 Reale Udienza, d'alui Officiali, e Delegati, co/I* 
»9 itucTvtnio deir Avvocato Fifcal Regio, e delle altre 
99 perfone, cui appartiene, efercitare, e far eferci- 
99 tare ogiy giurifdizìone civile, e criminale « fupre« 
99 ma, ed iimma , ed il mero, e miflo impero, colle 
99 podeiOià del gladio, facendo punire, eziandio coli* 
99 ultimo JuppUcio , giufìa le qualità , e pravità de* 
99 delitti 9 qualunque delinquente, ancorché noftro Vf" 
99 fcuUe , e fé co«ì efigeAero le circoftanze, ed 
99 il bene del Regno , diminuendo , commutando 9 e fa* 
99 tendo grafìa della ftna ai rei di qualfivoglia 
,9 crime » anche di le(a Maeflà in primo , e fecondo 
9, grado , ovvero ammettendogli a conipofizione , me- 
99 diante uno sborfo di denaro da ritiraifi in tal cafo 
„ da chi fpetta. Poffa pure avocare a fé, ed alla Reale 
^ Vdienza, e Real Configlio ogni forra di caufe^bencbi^ 



9% 



14 

M privHegitit t ed t (luahm^pie tbgnù fi tnmÉttè 
M £ià condotte , giodicarie, deeideriev' e dcftnifc 
^ inficine ai mentovati Officiali , e Mimlbì ia m 
^ fiìlo , o pia giudici , fervale le leni » e confbna- 
^ dici del Regno » far mandare ad efecittione i gi» 
„ dicati 9 e proced»#^ontro i coDfinmcf ; tee i 
„ tutori ai pupilli t ^i cyratori ai minori, efariofib 
M e prodighi : fo^ni altre^ , fé fari fpcdieme , tcaen 
^ U (Cord generali » e particolari io qujdomiiie Cin^ 
M o Luogo del Regno , decretarvi i Rtcois^ e pro^ 
vedere in quelle ad ogni occorrermi . fame pd^ 
blicare gli atti , e prometterne in ogni miglior ma* 
niera roifervama, dimandare, ed accettare fei 
^ ^oftro nome , ed in fuifidio neftro , e del RtfM 
M éétgli Stamtnii , dai Collf gf , Comuniti , ed unì- 
9, ▼erijtà» e da «jttalnnqne particolare del fndde» 
n Regno donativi » imprefUii, fufBdì, e flrM>rdioaiJe 
», contribuzioni , creare , e cofUtuire Capitani , e 
^ Comandanti d* armi, tanto di terra, che di marr 
9, accordar coinmiflioni d' armar in corfb , e far rtp- 
„ prefaglie , radunar i oopolati, far leva di miliaie, 
^ comandare , fé fia di DÌiogno, le cavalcate , efigerc 
99 dai Feudatari i Tervisf feudali , ed ogni altra cofa, 
9» cui elfi fia no '.cauti, procedendo 9 come di ragìnnei 
99 contro gPinùbbidienti, e contumaci, imporre le 
ti uegue tra i milirari combattenti , ed altri ; rice^ 
9> vere dagli fle/Ti Feudatari , e da chiunque altro i 
9t giuramenti , ed omaggi di fedeltà , concedere i 
99 privilf g) militari, ed armar Cavalieri ; pqffi, Sioltrc 
9> accordare dentro il Regno i falvocondottj ai Helio- 
9t quenti , i prolunghi ai debitori , e le falvegoaidie, 
99 e rivocare quelle , che foffero tiare concedute di 
9» lui fleffo, o da ahri , dare la remi/fìnne, e fu^ 
» plemenro d* età , concedere là facoltà dì emaiKi- 
9, pare , di fv mercati , e fiere , d* imporre dazi , di 
99 eligere di itti di barca, e pomaggio, e di portar 
9» armi ofTeofive , prowe<fere di qualunque ofncio , 
9f e Caflellanìa , durante il noftro volere , e fare in 
M fomma ^ualfivrglta altro atto rifervato alla Sovrana 
9» noftra dignità , efercUando tutto ciò che pofGi aver 
M relaaione a quanto (bvia|Coneefeguireauno9e&- 



\ 



t-5 

iptemmo dkguue Noi flcffi^ft duovtificiio.prereaii 
^ io quel Regno, abbenché fi cnttafle di cole uJi» 
^ eh* efigelTexo piiì (pedale ifiandaco di quei » che fia 
^ dpreflii nelle prelenti ; mentre per tutto ciò Noi 
^ cooferiaoK) al prefato Cavsliero Gran Croce Aitgetfi 
^ Solar di Morena creato noflro Viceré, e Luogo- 
^ teoeote Geaerale «yiBi/pi^jl^, ed autorità con libe* 
^ xa ^ e f eaeraie amminiiirazionc , pttrehè però , 
^ prioia d* entrare aell* efercìzio d* efla carica , prejti 
^ nel Itiogo , modo , e forma confuett il dovuto gm» 
\^ fomento. dì bene, e fedelmente élerciurla in ogni 
^ (uà parte ^ e S ojfervare i privilegi , capitoli , . ed 
1^ ^tti delle Cord dd Regt^ , iiccome pure le oofire 
tf lessi t prammatiche , ed ogni alua aifpofizione da 
,, o^xvarfi df iure. Diciamo pertanto , mandiamo *, e 
^ comandiamo agli A'àvcfcavi , Vefcovi , Abati , Pre- 
^ lati , e4 a qualunque peifona £cclefiaflica , e re* 
g, golare , ai buda , Marchefi , Conti , Vifconii , Bà* 
^ roni^ Nobili, Cavalieri, e Gentiluomirii, alle Ci/r^, 
^ Caflelii , Sorghi , Ville , GoUegj , Comunità » "e 
^ Unive^tà : ai Governauori neli* uno» e neir altr^ 
^ Capo 9 a tutù i Maffiflrati, al Reggente la Reale 
,^ Cancelleria , ai Giudici ddla Real Udienza , agli 
^ A&iTori nella Real Governazioae di Saflàri, aljl* 
99 Intendente Generale , agli Avvocati, e Procaratorì 
« Fifcall;, e Pauiinoniali , al Teforiere Generale -^ ài 
„ Vegbeii>,.Pode(ià, Alguazili , Cooligiieri, e C4- 
y, fidiani , a ckiunqae abbia impiego , od uffizio pub- 
,, 1>lico , ed a* fungenti le loip -veci , e finalmente a 
,» mtte le perfone » e fudditi noftri di qualunque di* 
p» gnità , preeminenza , flato , e conditiofie effi (kno, 
.^ flabiiiti, da ftabilirfi nei éetto Regno ^ di óco* 
„ nofcere, e/ar-rioonofcerei^ (limare, e riputare,, 
^, durante la 'noftra volontà,^ il mentovato Cavaliere 
9^ Gran Croce Angelo Solaio di Moretta per nofiro Vi* 
„ lere , e Luogotenente Generale rapprefenunte ta noflra 
^ Perfonu nel Regno di Sardema , nelle fuc iTole 
^ adiacenti , e nei mari circonfluenti alla medefima, 
.\i» e di ubbidire infogni miglior modo a t]ttahial|Qe 
» di lui ordine, e comando, edLlicfaifpietta.,diinét* 
99 terlo 9 e mantenerlo in po/IèA dell' acceimau ca« 



; '., rpediirnic Jì farlo , e lalcìailo ( 

'„ auniiià, drìni, v»a aggi . ed 

„ Per ngni cìù ab:i.indj-iie cau*.e 

; „ quelle nolt.e Lfnerc Patenii, 

„ difetti di r;i^(rne, o di taii" , 

„ fiTie di f'Ic ni'», che avcfT; ] 

; „ t i) -'nei. ia no d'avere f>erpeti 

^ valili >. fermo, ed ìtrevccaHle t 

,. Ji crcflo po'Cfi ve. là ("etto, f 

„ più velie mciuronaio Cai-aliert 

„ Soli a Ji Mortila noflro k'Uert , 

,, air^i i-i Sarrlecna . come (e ve 

„ nt'neriic a iimimrtr.iio , vpUndt 

i „ prrfcnii fi fpcdifcano fene* obbl: 

l ■ ' ^ del d'ilio di mczz'^nnaia , e 1 

„ reRÌ(t»te ncKa Scjvanlj Jel It 

, i' - ' M di qiunto fovra le firmiamo di 

I' n matidiaino , che vi vcaga appif 

('■ M fii[illo. Che tale i rinflra meiire. 

^- ■ . M ^' Manchivi gtì 8 lufflio itSj. 

,^^l K Amtàta. 

^^H • M V Sriarandi Spada P. V. Pes I 

^H „ CufTani. V. Delta Valk di Clav. 

• ^^1 ' »i di Claverana. V. Cappi Avt. j 



17 
SOL ARO di Moretta Gavalurejtngelo ^C^ph^no 

Generale n«/ Regno di Sardegna, (/i\ „ Se le 

»9 prerogative di difiuiu capacità, faggio 

n difcemitnento , e fperltnentata modera* 

9, 2Ìone » che accoppiate a maturità di con* 

%9 fìllio » ed a felici difpofisioni per le arti 

M di pace , fece in mexzo alla profeffiene 

» delie armi fpiccare il Cavaliere Gian 

fy Croce Z>. Angilo Solaro di Monna ^^Luo- 

,1 gotenente Gencr^e di Fanteria nelle 

»; noftre Armate, baflarono a farci ravvi- 

„ fare degnamente in lui collocata la lu- 

„ minofa carica di Viceré 9 e noflro Luo* 

s» gotenen^ Generale mi Regno di Sardegna^ 

„ le vinà miliuri, che con luftro corrif- 

„ pondente agli aviti efbmpi , ed alla 

„ chiaresza de'fuoi natali ha egli mai 

„ fempre raanife()ate nel lungo corfo ddl* 

t, inrraprefa carriera , rendono accertata 

„ nella di lui pcrfona P unione dell' altra 

„ carica , che concerne if fiipremo comando 

„ delle armi in quel Re^no. La perizia da 

„ lui acquiftata tra gì* incidenti delle paf- 

„ fate duQ guerre , dove moftroifi intrepido 

,„ del pari in campo, e ne* cimenti , che 

fermo, e coflante nei pericoli, cdifagj 

di bloccate , od aflcdiate mura , la mai 



»9 
99 
9J 

99 




9> 
«9 



cosi nel riempire i proprj carichi ^ come 
„ nel mantenere , e promuovere con aflidua 
vigilanza la militare difciplina nei diverG 
Corpi, in cui venne desinato, furono 
già doti , che ci moflbro nel 1774 ad 
>» appoggiarli in parte la cura di concor* 

l fi i veduto qui [opra fi), che il VicPre è infiemi 

ipìtano Generale. Della dignità di Viceré ji m 
IO già date le Patenti alle pag. 11. ad 16: refìa 
2j cki fi diano pur quelle di Capitano Generale* 
g. 5, 7, 8, e 10. 
9pen9 al tom» IL B 



4 






M di Sardtfiu. Qulndj è , che i 
•* ferma U Victn Conte di il 
(> di noflra certa fcieozai e B 
■t in di liii vece , utmmo , lofi 
t, prcdeiio Cavaliere Gran Cr 
fi Aloietra per Capitano Gtntr^l 
I, Sardegna, Con tuid gl'onori 
,t prerogative» prcemineme , | 
t, ed ogni altra cofa , di cui hai 
tt tura ufare , e gioire gli altri 
„ PredecefTori , di maniera che 
«, nofiro ttntplaàto t ella podefl: 
„ nandot ove ti di fairogno, i 
»t c Cavalleriai facendo levate 
,t dovi itli Itipend) , ed efeguen 
n che s'appariìcne alle funzioi 
it lochi gli confertamoiuin l'ai 
(, avere JVjì mtdefimi, fé foflìmt 
„ Regno. Mandiamo ptrtmutot e e 
1, di morti ai Governatori t Ca| 
„ e Soldati , ed a qualunque 
„ Caflclli, Borghi, Ville, Co 
9, Univedìià, ed a tutti i e ci 
» fiztalt, e Sudditi in ^uel R< 
M flato • giado, e condi:voiie efl 
„ far rjconofcere « flìmare , e 
t, C>tvtUiiTe Gran Croce D. Anp 



t9 

»r oltre la peni fovia iptunau j anche la multa di 

^ duemila feudi Sardi applicabili al noftro erariQ. Vo* 
», gliamof ohtJé preicnu vengano fpcdit^, fenx'ob- 
99 bììgo di pagamento del dritto di mezz^ annata , e 
99 figlilo» ed in> fede 4i quanto fovra le firmiamo 
%%Ìii noflra mano» e comandiamo che vengano 
Ì99 nite.del Regio noftro fidilo. Che. tale i Ja no.»* 
9Ì mente, e volere. Dat. .al CaùeìiQ 4i Mo^alierQi 
.99 10 luglio 1783. 

V. jfmtd^ìK ■ * 

ji V. Sclarandi Sog^g P. V. Pes Rcg. y. Bruno ^i 
^,, CuflanK V. DelU Valle- di Claycfina. ' V^.Fa^- 
■^ 5M)ne di Clavefana* V- C*PP? Avv, F. R-^ \ i 
Tiretti Segr. ' 

1787 ! TNAON di S. 4tidj;.é Cba/f 'Q|r|p Franc^fc^^r 

• • • •.•■"..»k.. ^ 

• nxatfg* 

1790 . EAÌBIANO fialiihD. Vincenzo. 
"* 6 . • • • . 

ago». ... 



e.- . . 1 » ». 



' vV 



1794. ViyALDAAfa/yiif/^/y(W^i^#:SignoridiCcvg, 
2 " Conte di Caftejlipo » ed. Ig^^e^^ ^^roitc 

maggicL di Montebarcarp (^). 






'fu) CoconitQ, Primo ^ptttwo dijGutrra, y)t^il tomo- 
teczo, fd^. 76. . . * -*.>": ,.^., * . 

QÌi>) 4>l^u« «/il Tei ^/i> y?r^ mpfc dl.tiyigffo tl.gturiuiunto 
jkrifiato al coppetta di S^ Af ., r^ M^ preicnza <fd!^i 4i* 
g»ori Marchi fc Gioachino Adalberto Pallàyictnìy e Carlo 
Antonio Piofafco Conte di Scalenghe Gentiluomini di 
Camera di S. Ai. , teftimonjraftanti , richiefli, e al 
^rifinii aito fottofcritti , ed avanti di me C^ak.:.. 
Granari Miniftro , e Primo Segrctaro di Stato di 5. 3f • 
ptr ali affari intemi , e Nota>o delta Corona ia- 
frafiriito 



De' Viceré , e Capinni Gentnil 

del 

Remilo di Sardegna. 

^oIIavìùm Filippo GofUtì»» 

Oerxa AhJfa»dro 

S- Rtmy .... 

Hfvtfù Tommmjo ErcoU 

ftiUtii GtnUmo 

S. Martine Carfo jtmedn B»lilfl* 

lanuti Ciò- Giufiffc Ranlo Ufian^ 

Jt Martino Carli Amtdct £aHÌJIs 

JD^ jili'igt Fianafio Litigi 

Di Btonay Ludovica • 

I>il Camita Giufipp* hUrit 

Di ValgUTutra £maiuitl t 

CàfAtrana do- Èaitifta 

Cofla Vlitoria jimtJeo 

Tana FraiutfM • ■ 

^Ifitri Gio. Sattifi* . 

CoO* Balio D. luigi 

Ir HeUot VitìQTM ladovicg 

Caltan Antonio Franetfco Gatutno 

ftrKro Filippo . 

I^fearii Gmjtppt 

Vaiptrga. Carlo Fratutfat . 

S0U19 Angela , 

Solare MmeOo . 

T^a Carla Franafi» * 

Ballano Ballo D-. fÙtOAM 

Vivalém Filiff^ . . . 



|! 



}' 



%t 

IKEt ALI COMAKOAim OEtLB ARMI ^ 

M]uzi£» E Genti da Guerjka^ 

St' A ttìtDl , dHE A CAVALLO 

DEL 

Regno di Sardegna. 

PoSSAVINO di Btafltcàrda Centi ProCptrù^ 
Comandante Centrale ieWAmi nel Regno 
dì Sardeffna(«),MiiM ìnfra*^^ ECgendo il nnitro 
fervizio, che venghi defiinato al carico, 
di Gavernmtore della Città, e Caftello 
di CmgUari , e fue dipendente ^ t di Co». 
mandanu GthiraU dilV Armi nel Regno 
noftro di Sardegna un fpggetto, che fia 
capace di compire , come richiede il 
noftro ferviiiot' ai doveri di cosi grave^ 
ed importante ìmpìefé, abbiamo penlkta 
di non poterci meglio determinare , che 
con deflinarvi il Conte Projmtro Poffùf^in^ 
di Bra£Ì€9J^dm Oenernk di Boitagfi^ nelle, 
nofire Aroute , t già Colonnello del Reg* 
gimemo noftro di Monferrato^ perfiiaU| 
che quefto nuovo conuaflegno , che gli 
diamo della (lima particolare , che fac- 
ciamo della Aia periona, ecciterà il di lui- 
seU a darci Tempre più maggiori prove 
della Aia fedeltà , ifperienaa , e prudente 
condotta , che con noftra particolare fod* 
disfazione ha Tempre fatto fpiccare nell* 
efercizio degr impieghi da Noi fin qui 
confertigU* Quindi t, che • • • deputiamo 

fo Conte Poflavino di Brafflcarda {i)fu ilprlmo^ 
^fi nominato Generale deli* Armi nel Regno di 
'degna, Ì0fO cht ejfh Hegno vtnne fotto il dominio 
U keal Cafa di Sàvoja. 

Brafticarda proprio de* PolTavini fifa ctnno neJlA 
»rona Reale» parte fecondo, pag. 59. 



*l- 1 

1767 TARINO Impenjle (a) , C««»iù'< Geì**, l.i 
6 Gtntr Alt àélie Armi ia$ardigK*,viiTMàii. 1, 

gCBUio. ,t Sr 11 limcnibtanzs . in cui ebbiou » I. 
,1 toiz te prove di valore, pcudnicw- 1. 
„ doia . r zelo del Cavtiùre QafiffiU I, 
„ rlao imperlate Maggior Gene tilt tìk I. 
,t noflre Annate dateci aelle pabsliE I. 
„ ulcimc guerre t e deH'indcfcl&iuMfe- I 
„ ae, coD cui ha continualo ndit dot 1 
„ occafìom del Reale nodro ferviiìoi d I 
K ecciid gii 3 dimoftrargli il ooflro^ 1 
„ dimenio eolie fucceflìvecondcconurd, I 
„ ed ■waaxameiin, e colf aver|Ii eci I 
„ confidalo il Governo dt' Ftni S fm- I 
„ fiffUt ; la pieiu Cod^'nCKÌotK < Ai à 
„ rìfulta dalla maniera * onde il totit&m 
n l'ha fin qui cfcrciio. aveodod feofiK 
•■ -■ » piti confermati nel concetto, cbej»e»«- 
^ aio delia di luì perfona* ci hioo^* 
,t terminati 'ad appoggiargli I4 anu é 
„ GoveiiiBtore della Cina, e Caltello£ 
„ Cagliari, e di Generale dell' Anàrf 
, „ J^^na tfffiro di Strdfgaat in vece 4cl 
* " „' Conte failttii dilla Mprrm, che ci ifef 

,1 viamo di altrimenti provvedere. Qcii 
„ è , che per le prefciiii , J; na/t'i ira 
t, Jiun[* i pitiM pojfan^fi ^< R'gi» aatM, 
^''^-RbìJiamo eletto, creato ;^coftiniÌt*,e^ 
„ puuto , eleggiamo , crcamo , cofliat- 
» mo t e deputiamo il prtfmt» C^Art 
... Gi'ftpp* X^'t^ Im>*rialf, per Cv*trgtun 
■'.: -"„ della Cittiré-Caftello diC*gh^i,tfm 
„ diputdtint , ed inficine GtntraU , e C^ 
„ nuuidtiut dtUe Armi, Milizie, e Gend i* 
„ Gueira^ si a piedi..(h<: a cavallo id 
' tt Rji%no nt^9 di Sardegtu t eoa kitu gfi 
„ onori , autoiitl * prerogative ■ preesi- 
>» neoZe « privilegi y utili, dritti , ed epa 

(a) fuk ani fopTà ti ìkoté PlìmQ irl pnfiat ami. 



tAWÉTTl di Barolo Càmmeniàton Teodoro » 
Comandante Generale dell* Armi, c^mc infra^ 
$ 9^ Per far conofcere al Comnundatort ita* 
5,- doro Falleni dì B sroto (a) Marefciallo di 
9, Campo mlU noftre Armatt^ e Cornali* 
^, dante delfn Città, e Contado di AUf* 
,, fandrid , Iti flima , ehe preflb di Noi 12 
^, i acquiflato , non meno col fuo valore 
,, diflinto/di cui dopo d'averne dati pili 
f , contraflegni negli occorrenti delle guerre 
,, pallate , ce lie ha nei corfo della pre* 
,; fènte rinovate vieppiù convincenti le 
I, prove , quanto colla prudente , e faggia 
^, condotta 9 che ha Tempre fatto fpiccarc 
), ne* differenti comandi , che lu eièrciti i 
^, e nelle Truppe , t nelle Piazze a noftra 
„ piena foddisfa^ione ^ ci fiamo con pia* 
,) cere rifolti di dcflinarlo al carico di Go* 
^, vernatore della Città , e Caflello di Ctf- 
„ gtiari l e fue dipendenze , e di ComéM* 

fi dante Generale delle Armi sei Regno noftro 
51 di Sardegna , refoi! vacante per la morte 
,5 del Conte, di Brajficarda , perfuafi , che ìtL 

», un impiego di tanta importanza , man* 
„ tenendo Tempre uniu alla Tua conofciuta 
f> ef^erlenza quella fomma attenziotie , e 
,) zelo, che. fi richiede per ogni fnaggiof 
5, accerto del lioftr» fervizio » corri fpon* 
», derà alla noflra alpetutiva nel capitale» 
», che fiociamO di fuopenfare. Eppcròper 

4, le prefenti deputiamo u predetto 

I» Comtiundatore Teodoro r alletti di Barolo 
»» per Governatore della Città , e Cadello 
»»' di Cagliari , e fue dipendenze , é Coman- 
I» dame Gtntrale come fovra delV Armi , 
»» Milite , e Genti da^ Guerra , sì a piedi ^ 
», che' a cavallo di detto Regnò » con tum 
», gli onori , autorità , prerogative , pree^» 
», ininen^e , utili » dritti , ed ogni altra 

■ 

li Cavaliere del fupremo Ordine dxlla Ifuny^teh 



tft? DEL CARKETTO di Cneoai! 



M Z)ELAFLECaEfi£(4CmC«6i 




PAUACC30 ddU Phnxrfù ACrd^J^Q 
Bene Patemi , colle «jùìi J JmÙw 
«te/i Pmlis^r TCnot mcario» 4 M 

e di G:sTc:imote deHa Cinl< e Q| 

u tm» primo Sjmjr tjitrm , dr. r, p|| 
(i) /}*lb l«rMu« dJ Foóif&L ^ 



V ,» ansi Io deftìnamtno 9 che Bella cijrcdflanza, in cui 
H^ >» ba egli fperìmentato mcti favorevole alla di lui flt« 
' ^, Iute quel clima 9 efTendo Noi entrati nella decer-. 
99 minasioae di rillabilìrlo in terra ferma , ci ùuao ' 
^9 aluesi con piacere rivolti a dargli una nuova teiU* 
I, mooianza dejla /ingoiare foddisfa&ione , con coi 
99 rimiriamo la di lui lunga > e zelante fervitiì, con* 
^9 ferendogli la carica di Governatore della Città , e^ 
99 Provinc^ja di Cuneo in vece del Barone LeutrunK 
99 nitimamcme defunto. Quindi è , che per le pre« 

99 femi » • deputiamo il predettò CavaUere 

^ Carlo Cofia i* frignano per Governatore della Città » 
»» e Provincia di Ouieo con tutti gli onori , autorità # 
99 prercgutive, preeminenae, ^privilegi , uuli, dritti» 
»»>ed ofni altra cofa a tal canea fpetunte, edappar« 
» tenente 9 e coW annua paga di II. $m. di Piemonte» 
' 9, €on ài 9 cke frefii il dovuto gìurument^. Mandiamo 
s> pertanto. .^.Torino 51 agofio 1755. C. Emanuele. 

17S 5 CANAUS di Cumiana Cavaliere Gio. Secondo» 

agofto* 

■ 

1758 BELLiaARDK Gioanm Jittifla Conu di 

4 Nangy (•). 

ma^f . 

t7<o Ttt aOMK di Revtllo ,^aliefe JgfOiiìQ. 



it 

igpfto. 



l'.t 



1761 S9LAR0 di Covone ù^èJUert Giufcppe (è). 
apdlc/ 



■*\ 



a76) FAUiETtl della Morra Cquìì,^!^ Antoni*. 
15 
onobre 

0^) Indi Caiwalieré del Supremo Ordine della Swn^lau^ 

V>ì Xndi CtfvWfVi 4A Suftm% Ordvià Mk 0k^^ 



• .» 






•Tf^ nCL CARR£Tfl> di 




.* »-v 



* • 



*^ 



OC LA ni(;HBSr (d) Cm&f* do. Fkofc 



• « 



• ». 



1794 PAUACGIO ddIà.Pbiiiitb MÈrdkfiXSMm 

«*r)i PdUtm venite inciricÉko 4i ricmpb 
le fnnfami'di. ficuMb CtJlMiAwft^ar .Jr»^ 
e di Go^eAittoie ddla Città» « C^Adld 







(t) DfOi MéTonim di FossifnL 



^, 



. j 



> 




E L S 19 € O 



P 



De* Generali Comandanti del!e Ardii » Wìltiép 
e Gemi da Guerra» si a piedi» che a cavallo 

del 
Regno di Sardegna. 



officino Prpfptro 
Fatlttii Teodoro 
CoMédis Giannto 
Du Roches Rimondo 
Coft^ Carlo • • 
dimlis Gio» Secondo • 
MtUegarde Gioanni Baiiifia 
Thufne Ignm^io • 
Solaro Gittfeope . • 

JFdlUfti Carlo ^Antonio 
Tarino Giufeppe • 

Badai Carlo Giufeppe 
Bourk Tommafo • 

PaUaeeio Gavino • 
I}et Carretto Giufeppe 
Ve la Pleckere Gio. Pietro 
Patiaecio Gavino • 



fi' 




.. pegnaie v 
.. vrana noi 

.. loriià Reg 

.1 Conijgjjo, 
it f n'amo il 

>> noiiro „, 

>t uii/ì , cfriri 

., prerogative 

■. clènzioni , 

». rica rpcitan 

„ villa giurai 

.1 nel maggio, 

" 'eggì , e p 

!• di dar retto 

>t zia, di coni 

» meniare i n 

.. fomma di b 

i> in ojfni foa 

» diana penata 

» tenenic , e < 

" aiia ReaJe n 



altri MagiArati 9 e Tribunali » Air Intendenza ée« 
ncrale , agli Avvocati » e Procaratori FifcaU » e 
Patrimoniali, ed a chiunque altro fia fpediente^ 
di riconofcere » (limare > e riputare il mentovato 
Cavaliere SauUier di Monihoux nella qualità fovra 
ffprefTa, con farlo, e lafciarlo godere delle cofe fud- 
jctte fenza pagamento de* dritti di mezz*annau » e 
figlilo, e U preferiti regiftrarji prelToJip Scrivano ikl 
RtftfoMfc; che tal è noltra ment^. 

r94 COCCO Don Gavina. 



fno 



ELENCO 

De* Reggenti la Reale Cancelleria 
nel Regno di Sardegna. 



. Giorgio Ludovico Ignazio • 

tramo Guglielmo • • • 

mudo Filippo Domenico . • 
/acni Gio. Ludovico 

t^o Angelo Francefco • • 
nis CajUUamonie Mauro Antonio 

ici Francefco • • • 

]er Paolo Michele • • 

léiud ImoÙo • • • 

ta VmIc Don Giufeppc • 

\ff6ne Don Gìufeppe • • 
vijy Clemente 



PVS- 



Manfredo 



letti Gafpare Angelo («) • 
ime Giafeope Felice . • 
Uier Giufeppe Francefco Vittorio 



30- 



> 3» 



31 



Qtufio degniffimo Soggetto prevenuto da immatura morti 
non cbhe neppur tempo di partire per U Sardegna. 



ìttu al tomo IL 



djcemb. 



Pbestosnti 

DEL 
SCMIMO COKSICUI) 

DI ' 

Sardegna. 
K[CCAXpi Spiri» Giufcpp, (,)..»_ 
„ Attitm^fu,^^ A Sup.m»C.Aki 
., fnno e nel nodo, comc.,1™,'^ 
,. dal Come A/.IUtó, e ilr„m,i,« 
" .ni 1 V C""""" M'i»'««l 

„ nare elTo Configlio , „i „,ù« di 
■' TU"" ■"' '""'• ci» toc-api» 

"t^i ■•}^ "f™"' «'' il» 
„ Im flinzioni. E few, piii „*„ | 
., Sirnore , che vi coofcrvi. 
u «"« Il ,o dicembie i7!i. 

^- AtIKd*o, 

AWmJIJ 



I| Supremo Configlio di Sardinia farà compolto 
», Pnmó. Del Gran Cancelliere^ e fratunto provvìiio* 
„ nalmcnic governerà , prendendo, il Cufiode de* Regi 
„ Sigilli , e Primo Prendente del Senato di Cafale 

^f Riccardi (aY 

,9 Più di due Reggenti, uno di Cappa ^ e Spada 
„ che é il Marchefe di VilU Gara, e 1» altro di roM^ 
^ cioè il Reggente CaUtrini , ed eflì due' Reggenti 
Ì9 avranno neli* avvenire la precedenza tra di loro ie* 
,9 condo r anzianità delle loro' Patenti, 

9, Pili d*un Confegliere tosato^ che farà provvifio* 
99 nahnente il Senatore Rìchclmi , il quale dovrà pre- 
M ferire di afTiftere al Coafiglh , e non al Senato^ il 
9t giorno , che fi terrà détto Configlio. 

» Più d*un Avvocata f^fialt^ che farà TAvvo- 
9» cato Aatirre. 

99 Più d* un Segretario , che farà della Segreteria 
9, di Stato degli afrari interni. 

n Li Reggenti , ed altri Uffiziali fuddetti prefle- 
9f ranno il giuramento in mani di detto Gran Can* 
99 celliere , e frattanto del Cufiode de' Regi Sigilli. 
„ Si congregherà efib Configlio in cafa di deno 
Gran Cancelliere due volte la fenimana nei giorni 
dal medefrcno defignandi, e Quante altre volte {li- 
metà , e frattanto , fino a che vi fia detto Gran 
Cancelliere , fi congregherà nel Palazzo di S. M. » 
e nella Sala , che gli farà afiegnata. 

,9 U Reggente di Cappa , e Spada avrà folameote 
il voto nelle caufe di grazia , o di Governo , e non 
,, in quelle di giuftiiia , ed occorrendo contefa , fé 
,» la materia fofTe di femplice grazia , o mifb pur 
99 anche di giuflizia , in maniera , che fi tratuife di 
punto legale , in tal cafo fpetterà al deno Gran 
Cancelliere, e frattanto al Cufiode de* Regj Sigilli 
il determinare fé detto Reggente debba , o no vo* 

99 tare. 

„ Tanto il Gran Cancelliere , e frattanto in di lui 
99 vece il Cufiode predetto de* Regj Sigilli , che il Regr 

(a) Fedi il tomo primo , psg* 480 , e 481. 



99 
99 
99 
99 



9» 



99 

99 
99 




,1 i Feudi; e Mvn ne'fuddet 
„ altic caute , quando non vi 
„ dici. ^ 

1, Il ScKretario riceverà ! 
>i al G an Cancellici e , e fri 
1, Cuflode de'Re^j Sigilli, p, 
«■ flribujione f chj itnirà rite 
», li vnti dei Mi'iiflri nelle m 
„ ijìnierà le dccill'ini , ed i i 
m da detto Confìglìn ; fnrmei 
„ g 'are dai Minilìri di detto 
„ teca alla Sttnitria di Stai. 
„ M. S. 

„ Quanto alle mMerie di 
„ polìtico, il dctio Segretacifl 
„ Minifìri dillintamcnte, .lì p 
„ Statù , per eflerne fatta la 
„ indi fccnndq le Regie detei 
,, dìrpacj , li quali dovranno 
t, niftri del Confluito ; ed e/To 
« pervenire nel Refluo. 

„ Vi farà di pili un l/fiU, 
•i sUo di Stato. 



RICCARDI Contt Spirlio Gìufeppt. Rcgi« 
' Patenti del unor feguentc, ,, Quanto pìQ 
^ cofpicuo , e rilevante il é il grado de* 
' ,> poltri Miniflii di Statole altrettanto degne 
9, dovendo eflere le qualità di qùe'foggetti, 
>, che vi fono afTunti » conofciamo , che 
^, quefle concorrono cosi cotìipitamente 
,t nella perfona del Conte Spiritò Ciufeppe 
,, Riccardi per gli atteftati irrefragabili ^ 

,, khe ce ne ha dati nei 

,, carichi di Primo Prefiitntc del Senato 
9, noflro di Monferrato , poi di Prefiderut 
9' R«^fe/ir« la Camera nofìra dc^ Conti ^ 
n ed Iddi di noflro Cuardafìgillì , e Rcg^ 
,, ^tntc il Supremo Confidilo di Sardegna^ dove 
9f na fempre* dato a conofcere d*avere al* 
,, trettantò di fuflicienza , e rettitudine 
9t nelP adempimento delle fue iticumbenze» 
9, quanto di difcerninento^ e dì piudenza 
9, nel matìe^gio de* pubblici afBri . • • • 
>, Quindi i't che per le prefeùti {a) depu- 
ta tiamù il predetto Conte Spirito Giufeppo 
„ Riccaifdl noflro Mìnìflro di Stato , e Prt" 
,, fidthtt del Cònfiglio Supremo dì Sardegna ^ 
ff con tutti gli odori • < • . • , e colraa* 
,» nuo ftipendio di^ lire cinque mìla^ d*ar« 
yy gemo, oltre lire' dite mila ^ che gli af- 
^f legniamo a titolo di penfionf annua , che 
,, in tuttb viene a Comporli la fomma di 
fj lire fette mila^ da coininciare il tutto 
,, dalla data delle prefenti , e continuare 
9f in avvenire, durante la fua fervitù , ed 
^, il nodro beneplacito . . • ., con che predi 
,, il dovuto giuramento , mandiamo per* 
,, tanto a tutti • • • . Torino 9 agofto i7}0« 

Vittorio Amedeo. 



iffeguite dti ìnterinazion Camerale delti .13 fettein* 
-e X73Q. 





« et fi» 

p,Seóea al Tmpimu ; 
„ Sudcsw,^^EasH 

^IkcBdl Ondi. ^IBlt 

.. pnArau. A ao«necxt■fcnB.eJ» 
M lond Rcsù . n«o B mot MmIw 

„ ti^m ti fnJtJcwCoaKGtfwe b» 
„ lonsmco Jtie^ìmi per Pt^^ù US» 

,, premo nolUo CoofìfSo ^ ì^nbiM.fn 
„ timi sii oncrì ....... omSms^t 

„ e3 aJne coft a ul càrico fp«m, » 
„ wU"«niuM fiìotudio -iS lire (;c«Mi*MÌI« 
„ Pumoiui , cne nundian» al 7ttaCR 

„ ^a «yfr* Finale di pigaifU 

„ oaranic I> Tua frrviij , ed jl -^lir; k- 
„ oepladio ; con ciò , che preffi il doran 
„ poramenro , e gii ceffi lo fBpcndw. che 
„ godeva per tvtmi. Ma>,J!am„ pemmcJ 
„ tuiTi i noflri Miniflri, Magiflnri Ufficili, 
„ unto di qua. che di li dal mare, ci i 
„ chiunque fia fpcdicntc . e panicoUfroenie 
„ ^ deno S'jpremo Configlio di Sik^ 
1. di riconofccrc, ftimarc , e ripuiare me 

». C»"" Kithilmi ^ ej jgij uffiii 

„ <&Z^< noA< FiMB^e, e del CoAlrt,a« Gif 
f, raU di regiflrarc /« prtftntiy le quali vo- 
lt gliamo pure Ceno iniertnate dalU Camtt 
M ns^M di' Canti , che u! 2 noflrt meoB- 



BERAUDO di l^ralormo Conte ^ t Càvllitn 
I D. Filippo Domenico. «» In tutu U cérìche^ 
io „ con tanta lode riempiute . • • é • • • dal 
^y Conte ^ e Cavaliere Gran Croce della Sagra 
^ noftra Religione de' Ss* Morino , e Laz- 
^, zaro D. Filippo Domenico Beraudo di 
^ Pralormo « ftato ultimamente Primo Prefi* 
9, dente della Camera noflra de* Conti , ha 
,» egli Tempre incontrata runiverfale eftì- 
^» mazione , e fi è meiitato il pieno noiìro 

^^ gradimento • • é • • • . abbiamo 

^ creduto del maggior RoftJrò fervizìo , di 
^ trasferirlo a prefiedere al Configlio noftro 
^f Staremo di detto Regiio m j§uefta noftra 
^ Metropoli • « • . • Qjàarfiii),.^A^ per le 
,, prefentl^ di nofira certa icienza , edau- 
,9 torità Regid, avuto il rarcredeì noiìro 
^, Configlio^ eleggiamo , coftituiamo ^ e depw 
,^ tiamo il predetto Conte D, Filippo Dome^ 
,, nico Beraudo di Pralormo per ^ Preftdente 
,, Jr/ Supremo noftro Configlio di Sardegna 
^ con tutti gli onori . • . • ^ ,e coll'an- 
9, nuo ftipeddio di lite tinomemila di Pie» 
f^ monte ^ che tnandiamo ai Teforiere delle 
M noftre Finanze 4, di pagargli li^aftitamen- 
^,"t^, a quartieri ihatnrati^ cominciando 
i^ dalla data delle prefenti , è continuando 
I, in ilvvenire, durame la fua fervila, ed 
^1 il noftro beneplacito^ eoa ciò che prefli 
I il dovBto giuramento , e gli ceilìno lo 
. 9, ftipendio , é vantaggi , . che godeva per 
^ avanti. Mandiamo pertanto a tutti i noftri 
^ Miniflri, Magi Arati ^ Vffiaiali, tanto di 
it V*à , dk i/i M ^ ai#r« , ed a Chiunque 
^, fia fptfdiente , e particolarmente al detto 
^9 Supremo Configlio ^ di ricopofcere , fli* 
^ mare^ e riputare detto Conte di Pra« 
91 loniio per Prefidente di effo , con farlo» 
I, e laTciarlo geniere delle cofe fuddette ; 
5* che tal é Q9Rtà mente. 



4^ 

trfi !Ì16ER D- Paolo Michele C93«i'0t!i.»M 
1,9 „ Ave al C<fnft d" Outx /Jm PétU ly* 

9brei „ f^'gf^ una pubblica tcfumonìinzidelwi 
„ in , che raccìdina della Jiftiou £ M 
„ cupairità , e zelo, con dcflirrjila Ao- 
», rics di Primo FrtfiJtntt del nsjtrn fUIt- 
,, nata dì Pttmonte . occorrend'ici 4^ 
„ vedere a qtrclta , cHt viene in «A- 
„ gucnn a cefUrpiVi ji PrtfiJenii dtiStfnv 
„ «ojfrtf Cj-yf^'/io di Sardign*. Ihn foon 
„ da Un a piena nnUrs lodJisCizJciK, ( 
„ con fitigoJar (ferirò di Ifilc efetca;! 
^ not jfimaida Noi di rimpì-infln pei en 
,, cnn altro fo^geito , ti fim^s itttnà*A 
„ di leguiurc per anco a valerci dcDi co» 
,^ fitniaiìt Tua eiperìcnza nelle cote di ^ 
„ Ruffno , ton aitr^ri^^arla a foptriiteMwi' 
j, nalmenti xUt fiìrrìiani dc\ìo RcSoimpfK* 
„ di Prefidente del fiiddetio SujwcinoMi; 
„ piftraio, finché vtnenda N«i 19 fli) di 
„ dUporre alirìitenti dei medefimo, Guu 
' „ In cafo di fbllevarfo da tale incuitibeut, 

^ „ tin perfuap , che farà egli , praioxt 

* I ^ quella , per procurare di rendete noU»* 

•* „ meno accertata la fpcdizìorie degli ifiid 

„ QuiiJi i . ckt in virtù delle preiemi.d 
„ nollrt ccrra fciciiKa , Regìa antorìid-ed 
„ avuto il parere del noftro CoofiEli». 
„ aH'iaiao deputata , e deputiamo il faiitiw 
„ Primg Prejl.hnrt del ni^flro Stadio di fu- 
„ mante Oon Pmofo Mìchle JVÌgerC«rIi d'Olii 
„ sd eftnirt pròwifionalmente U fm{it3Ì 
„ di Prtftdinte del Supremo napo Rea! CanS- 
„ glia di Sardegna in quefia MitropoU, C03 
„ tulli ^li onori , automa , preeminensc . 
„ privilegi, prerogative, cfenzioni, e.iie 
„ Jumenti, ed altre cofc a tal pofto ^• 
„ tanti , difpenfaitdalo per que0o ia(a/:ev ii 
„ uUtriort prefia\ion* di giuraauuto , fliftc 
„ quello gli da luì preftato per l'cffèni- 
» vita 4ello AclI* impicg*. MMdi*^e i 



4* 

^to Franctfco Benzo di Pramolo a fare anche proyvU 

almenti le pani di Prefideme del Supremo noftro Con* 
io di Sardegna in quella Metropoli, con tutii gliono- 
• • • , eoa ciò, che prefliii dovuto giuramenio. Man" 
^ a tutti lino ftri Miniflri, Magiflrati, XJfHzhììyianto 
ma , che di là dal mare , ed a chiunque iìa fpediente, 
articolarmente al detto Supremo Cohfiglio , di rico- 
cerlo » flimarlo, e riputarlo anche nella qualità 
detta di Prefidente di efiTo, con farlo , e laldarlo 
tre delle cofe fuccennaie j che tal è nojira mente, 

MIGER Don Paolo Michele. „ Refafi vacante^ 
,, alcuni anni fono» la Prefiden{a del Su- 
t» i9 premo noflro Coniglio di Sardegna , Tap- 
f9 poggiamoad inttrinalmentc al Conte Benzo 
„ di Pramolo Primo Prendente della Camera 
„ nofira de" Conti. Volendo però provvedervi 

^ ora fiffamente per le prefenti , 

„ di noftra cena fcienza, ed autorità Regia, 
,, avuto il parere del noflro Configlio, eleg- 
„ giamo , coftituiamo , e deputiamo il pre* 
^ dettò Don Paolo Michele Niger per Prrji' 
„ dente dei Supremo^ noflro Conflglio di 
^ Sardegna, CQÌl tutti gH onori^. . . . , e 
coir annuo fllpendio di Ure cinquemila di 
Piemonte , che mandiamo al Tefor'urt delle 
nofire finanze di pagargli ripartitamente, 
,, a quartieri maiuiati, cominciando dal 
^, giorno , in cui gli è ceflato quello di 
99 Reggente la Real Cancelleria dì detto 
,^ Regno t e continuando in avvenire, du- 
rante la fua ferviti) , ed il noflro bene- 
placito, con ciò, che prefli il dovuto 
giuramento. Mandiamo pertanto a tutti lì 
noflri Miniflri 9 Magiftrati, Uffizìali, tanto 
]] di qua , che di là dal mare, ed a chiun* 
,, que fìa fpediente, e particolarmente al 
netto Supremo Configlio di riconofccre, 
flimare , e riputare detto D* Paolo Mi- 
chele Niger per Prefidente di eflb , con 
fallo , e lafciarlp godere delle cofe fud- 
dette» Tarilo »l «li -lé 'dicembre 1761. 



99 
99 

99 



99 
99 
39 
99 



99 
>> 

99 



.) per ottenere à' eflere , - tn rìl 
1 vanzaia, e contratti incomodi 
t crnnaia carica, mi volendo 
I che fcnza nulla fcemargli dclh 
, gli rìTulii anzi preflb de) pubt 
« tralTettno del dilUnto gradirne 

I riamo la cotnmendevoliflima < 
„ col priftntt , nel dirpenfarlo 

, preaccennaia carica di Prefid<a 
n Confifriio Jt Sardtgaa , mancHt 
I, rate Jillt nofin FiuMt^t di dcfci 
„ fra i giuiiUii , e fargli contii 
i> vita , quanto prerentemcnte gc 
n peoGone , e gìì accordiamo in o 
I, mento' di lire milU ciafutctnto 
„ caftà peaftani , a quartieri inatu 

II Torino li 13 novembre 1791. 

r. jlmtdto. 



V. Kic^e odia Conquida Ree. V. 
■*■ Rohifl:. V. 

V, ftrrrtt-, V. 



(• 9» 



4S 
i DELLA V ALLE Cavaliere Don Giufcppe Maf^ 

che fedì Clavefana^ Prcfìócmcìnft<ondoàc] Su- 
». piemo Coofiglìo di Sardegna come qui infra« 

fc DELLA VALLE (a). „ Per dare al Marchcfe. 

e Cavaliere D- Giufeppt Detta Valle un 
_ ben diflinto pubblico contrafTegno dcltxt 

^y noftra filma ci compiacquimo 

y, già di deiìinarlo' con Patenti noltre dell] 

,, la novembre 1791 Prefidente in fecondo 

^ del Supremo noftro Confìglio di Sarde'» 

„ ffiA colle preroganvctepreeminenEe com« 

,; petenti al Prefidenu nel medefimo ConfigUo. 

EiTendofl ora refa vacante quefla carica 

per la diTpenfa » che fulle raiTegn^tecj 

rapprefenianzc ci fiamo degnati di ac« 

cordarne al Conte ScUrandi delle Mad* 






>9 
99 
99 
99 



99 
99 

9> 
99 



prefcnti , di nofira ceru fclenxa , Regia 
autorità, ed avuto il parere del nolira 
Conflgliò •••••» deputiamoli predetto 
Marchcfe , e Cavaliere Pon G*ufepp9 
„ DtlU Valle di Clavefana per Prefidente 
,9 del Sijpfemo noflro Configlio di Sardegna con 
tntti gli onori, autorità, preemmenze, 
privilegi, prerogative, efenzioni, emo- 
lamenti , ed ogni altra cofa a tal carica 
fpeitante , e coli' annuo lìipendio di lire 
„ cinquemila di Piemonte , che mandiamo al 
99 Teforiere del||e noftre Finanze di pagare 
99 gli ripartitamente, a quartieri maturati » 
99 corrinciando dal giorno d* o^gìy e con- 
9» tinuando in avvenire, durante la di luì 

99 fervi tity ed il noflro heneplacito » colla 

»9 difpenfa dalgiuramcntoySiticfo quello già da 
99 lui preflaio, come Prefidente in fecondo, 
t9 Mandiamo pertanto a tutti li noftri MiniAri» 

Lo flejjh , cke il fuddetto di cui, qui fopra , all^ date 
1791 1% notemàré. 






4< 

> agìflratitUfiìsiali>-iam<>diqui,cbedilè dal maret 

ed a chiunque fiarpediente9e partìcolarmefliealdene 

Supremo Configlio di rìconokere» Ohntief e ripmare 

il mentovato Marcbefe» e Cavaliere D Ghifeppe Déé 

VMt di Clavefima per Prefideme di eflb» con fiirlo, 

e lardarlo godere aelle cofe fuddetie. Che tale i 

noftra mente. Torino \6 novembre 1791- 

¥• Amfdiùm 

ELENCO 



R 



De* Prefidenti del Supremo Configlio 
di Sardegna* 



_ ^iturdl Spirita Giufeppe « 
Richelmi Giufeppi Bartobmmia ^ 
fitrauio Don Yilippa Domenico ^ 
Barando DoA Filippo Domeniefi^ 
Benip Angelo F^anccjco • • 
Ni^er Don Pei^lo Michele 
Niger Don Paolo Michele • 

Setarandt Bonaventura • • 
Della Valle Don Gìufeppe 
Della Valle Don Giuleppt 



3? 

m • 

IVI 

4> 

43 
4S 

• • 




f» 






Segreteria di Statò 

PER GLI 

Affari 

DI 

Sardegna, 

$9 x5oGINO Lorenso Gio. Battifla Cuna di 

t Migliandolo* ,t La (ingoiare difamina > che 

le, »» vi abbìaoio commelTo de* progetti in di" 

,, verfi tempi fonnatifl in riguardo del 

„ Regno nodro di 5<i/ir Ma» la (piega sione 

,9 fattavi delle noftre idee « . ci 

,, hanno determinati di appoggiare a voi 
^, V intiero dipanimento di tutte le frate- 
rie riguardanti Taccennato Regno, quan* 
tunque (iano fiate fin ora riferbat^ alla 
9, Segreterìa nofira di Stato inicìMa ; onde JQ 
,, confeguensa di quefta noflra determina- 
,y zibne , vi diciamo cel prefente eflere 
,» niente noflra, che abbiate ad affumere 
„ la fpedi&ioDe di tutte effe» ed a controfle- 
», gnare anche le provvifìoni noflre folite 
9, paffare per il Supremo ConfigKo di Sardegna^ 
,» Efiendo quefla incumbenza a voi 
>f diretta diftintameme da quella » che già 
„ avete per gli a£Eiri anche di quel Regno 
9» dipenaénti dalla S€gret$ria nofra di Guerra^ 
,» perciò vogliamo, che da voi fi efeguifca 
»» con rajuto di que* Segretari, e foggetii 
>» particolari , che vi faranno da Noi affé* 
,9 gnati s da* quali farete fcparatamente te- 
9» nere que'regifiri, che faranno neceflarj 
99 per gli ai&ri , che prefen^f mente vi ap« 
99 poggiamo 

TJ CfflAVARIN A Cavaliere Gioannl Andrea G?a- 

i6 cinto: Regio Viglietto delli \6 fehbrajo 177) 

brajo diretto al medcfimo » nel quale , premefla la 

narrativa della giubilazione accordau al 

Conte JLoreiiso Cioanni Battifu Bogino 




11 iii>;ii<( I tue VI i'>pn||R(C, CO 

(> f aiiempo al <l!fpofto dalle a 
w II inazioni ( ]. 



I77S 
aptile. 



COtDARA di CsUma. 
Maria Regio VìrIìciI 
darn Ji CalamanJranJ 
„ nilefiarvi U fiduci 
(> nel conofciuto vo 



>. ujb per noftto, e 
M iunii, e l'pcdenza ■ 
„ ncH'ercrcisio dcg\ 
„ particolarmi-Tiio el^ 
„ di Sardegna , aiiU 
» pfgsiarvi l'intcrin 
,1 zionc degli aftìn 
„ con Vigtictio noftr 
» avevamo provvidi 
,, al Reggente la S 
., Cavaliere CHiavaru 
„ all' cfeguiniento di 
(, vi diciamo . . . . 

1794 AVOGADRO Conte Fili 

IO IO giugno 1794, peri 

giugno affidato il prowifional 

dizione degli affiri de 



À9 
dati i Sovrani ordini , affinchè gli fia confo* 

I Regio Sigillo per deno Regno , e I regiftri , 

lire efiflenu nella Segreteria di Stato per gli 

nterni ^ e relativi a' detti affari. 

GALLI Come Pietro Gaetano. „ Mentre ab* 
„ biamo con Patenti noftre delli 28 fcaduto 
,9 febbraio promoflb il Prefidente Conte 
y, Av&gadró • • • .^y abbiamo determinato 
,, di affidare a voi il provvifionale inca* 
,, rico , che già gli avevamo appoggiato 
„ della rpedizione degU af&ri del Regno 
,, noftro Ji Sardtgna . • • Neil' autorizzarvi 
9, pertanto ali* eieguimento di quefta coiu- 
„ mlflione vi partecipiamo ad un tempo 
„ d' aver dati li nofìri ordini» affinchè dal 
,, Conte Avogadro vi venga conCegiiato;i/ 
,; Sigillo noftro per quel Regno» infieme alle 
is fcritture» cho lo rigqacdaQO. Torino il 
99 primo di marzo 1795* K Amedeo. 

DELLA VALLE Cavaliere D. Giufeppe Mar* 
ehefe di Clavefana (a). ,» La carica di Reg* 
1^ gente del Magiflrato detta Camera nofira 
f» de* Comi, che con Patemi del giorno 
9» d* oggi abbiamo conferita al Prefidente 
„ Conti Galli della Loggia non permetten- 
99 dogli di attendere ulteriormente alla fpe- 
- 99 dizione degli af&ri del Regno nofiro di 
,, Sardegnif , che già ci degnammo appog* 
i> giargii inttrinalmentc , abbiamo determi- 
99 nato di affidarne a voi (^) l' incarico » 
,, però provvido naimente ».•.••..; 
9, vi autorizziamo pertanto airtfeguimenio 
„ di quefla interinale commeffione >, perfuafi , 
„ che farete per compierne i doveri colla 

flejfo , di cui qui [opra àlU date i% novembre 1791 » 

t6 novembre 17919 pttg' 45* 

Oé al detto Marcheje Della Valle anuale PreS* 

nte dil Supremo Configlio di Sardegna, 

n* 4I tomo 11% D 



5* 

m coaofdmt ▼•Orr dkccctu • e telo^ e ptrtfdj 

M dori d* aver dati i noflri ordini mi Comit Gdiì 
«9 finché vi ?cnga eonfegnato il woMrmjiplh per 
M Regino ìnfUmM alle fcritiare » eoe lo lìsiiardi 
t» preghiamo il Sonore» che vi codfenri. 

ELENCO 

Delle perCMe tate incaricau ddla fpedivooi 
deffU affiri di Sardina t 

qui Apra aoadoatt. 

Xf «f^aa laivfffa G/>. fimniJU • • • 
€lttm¥€trinm Gieaumi Andrta Gitiàmé • 

€cf40tt^ fraMfftù Maria . • • • • 

ÀvoffliFo tiUpp0 

CrWf iPftrra C4#^aa# • • « • • 

i^to »Ub Gia/ij^ • • • . « 



• APPENDICE «• 

PARTE SECONDA. 

o t 
ALCUNE NOTIZIE STORICHE 

KEtATIVE 

ALLA SICIUA, 
ALLA CITTA' DI PIACENZA , 



PARTE DEL PIACENTINO, 

INSIIMl 
AD ALTU COSI TRATTI 

DAL MABLY, 

DROIT PUBUC DE L'EUROPE» 



Al tomo feconde. 




Mxfx-t 



I, 



iv 



' f ) t, la quefio giorno ti ftttèmhtt iftt il 

Li ,, portò in Senato^ e in Cmmera il sig. Mot» 

k^jOt 9, ckift Luferna d*An%rognd^ Maflro M Ctnmù^ 
,, n'u per dar parte» àccome S. A. R. Vittoria 
^ Amedeo li. aveva determinalo d'aflumei: 
^, rindotnàni // tìtolo dì Re. Regiflro Siffionl 
Càmiràli fwfn. éo, fogl. ifp fetró, e i6a. 
Pratica legale, /?ar/r i, tomo duìào^i^fi.yff;, 
Mclle nou ni. 

Dal fuddetto Regidro rifolta di qualche 
dubbio eccitatoli allofa, hi fatto di Ceremé* 
niale » Cioè fé il detto sig. Marchefe Maftr» 
di CtnmonU avefle a entrare in Senmto , e la 
CmifA con ifpada (a) , owiro fenza fpada^ 
éfolamifUcCoX Mllone (^), conforme aliolh* 
praticato (e). / 

E fatto e , che (i) vi fu bensì aittoieflè 
con tafpaddy ma però eolla protefla , che eìh 
fojfe fenza pregiudicio delle ragioni ieWunOf 
f deir altro Magiftraté , e fdn^ ttano di coM- 
feguenMi* 

)€omepMehde^afidalsiiM^Tt1\ckfecóndoUftuÌfitii{iofu^ 
eh teneva a parte; cosi nel fogl. i6o del detto Rigìftraé 

*) Cioè con la marea detta fua cariba , ehe i tuia Ba« 
chetu eaperta di if eluta nero* Così nella ^^ li dellm 
relàiione ftarrtpata in Torino dal Gianelli nel 16^60 
€ intitolata la Maeftà della Reind di Svezia Chrìftms 
Alijfandra (l) ricevuta negli Stati dalle Altene Reali 
di Sai^oja V énno 1656W 

) Come reftaffe ùraprio dilld fìut tdrÌMt Cosi nel 
fogl. 160 del aetto Regiftro. 

I) Attefd rurgeriXa dell'affare^ & fatfenia di S. A. R. 
da quefta Città per ritrovarfi alla Vcntria r Cosi mi 

detto Regiflro fogL l6b. retro* 
) „ Fi//eiM.fa«i/aiGr4ndGaftave Adoiphe Rùl d$ Stfede: elU 
9 1 mhétqka U Conronne enfdftnr di C harlet Oaftave « fon cou^n% 
i% Cemre P»Utin de deus Ponts /«ti j*ln 1^549 ahjmrm la 
fi créance Lacheiiemie fomrftfaire Catholique» v'nt a Rome 
9t «A i6)tf « ^ y mourui le 19 ancil x6S9* Vedali il di fliU 
Bel Morerif édition de Bush 17919 tmn. |> /Jf. ^4t r * 



4 , ^ 

In &tto di CermóidsU è anche oceoxfo un confiode 
dubbio tra il Stnaio , e il Conte SemréKvJlo Maflro £ 
Cerimonie , al tempo della mone dì Carlo F w nn Mfì * 
feguita li 11 giugno 167;. 

£ altro pure, in occafione delle coftui nozze^giicnn 
flato fra lo fteflb Magiftrato, e il Conte Mvéton, 
anch*tgli allora Mafito di Ctrtmonit. Cosi rifulu dagli 
Archivi dil Senato^ regiflro delle imerinaiioni 167^, 
fol. 88 retro» ove fé ne vede una diftinta relaiiont. 

X7X3 Le loro Maefli fono partite da Torino per 

a{ portarfi a Ni^a , e indi nel Regno di Sidìle 

lenem. per la loro incoronazione. 

Vietre, Luogotenente , t Capitano GineràU 
del Rigtto dì SiciUa. 

171 4 MAFFEI Conte Annibale (a). Viceré^ come infn. 
18 9> yitiorio Amedeo per grazia di Dio h 

agallo. »> di Sicilia » di GerufaUmme , e di Offe. 
» In nulla pid deve ipiccaxe il difcerni- 
,» mento de* Sovrani , che nell* elezione 
19 di que* Soggetti , che hanno da prcfic- 
9, derc al Governo de* Stati , dovendo eA 
9, lete tali da poter non folo colla loro 
9» fedeltà 9 e zelo 9 ma cen riconofciuu 
>9 prudenza , abilità , e valore accertare 
,9 nel miglior modo possibile colla auieie, 
„ e ficurezza anche il maggior bttie , e 
„ felicità de* Popoli ; che però configlian- 
9» doci le prefenti circoflaaze degli afiàri 
9, pubblici di trasferirci per qualche tempo « 
„ Piemonte 9 e dovendo in confeguenza la- 
99 fciare un Ficere ^ Luogotenente ^ e Capitano 
„ Generale in quefio Regno , dopo maturo ri- 
» fleffo 9 e deliberazione abbiamo fijfato io 
„ SMiardo nella perfona voftra Conte Annibale 
9, Mafei per il vaniaggiofo fperhnento da 

(a) Nato ntl 1667 nelU Mirandola ^i). In propoUto di lui, e dell' 
antichi£Gxxu Cafaic' Maffti originaria della CitU di Volfer* 
nella TofcaiUt vc^^'ildipiò nella ferie de' Cavalieii d!c// Or- 
^'■«^ della Nunxiata « fag. Z19 « e 220. 

(f) aifpeito a <|uefto Conte Annibale Maffti refta eflènaiale a 
Tedeiiì quanto fé ne dice a immortal fmm gloria acl t«iBO 
ftffo. ADDendice. oaite IV > va», ti ad &>«.. l 



fif(o, AppcadicCf parte IV » gng, 11 ad 14. 





X 



À 1 

fJToi finto di tutte le fovraccennate qualità, ed altre^chc 

^ ponno maglio richiedcrfi» e che si bene v'accompagna* 

^ ao ntUorfo f]i tutti gl'impieghi , si di Corte , e Militari^ 

, che polititi da voi fofteouti con piena lode , e foridis^ 

- iasione noflra, tra* primis di Gentiluomo della noftra 

^rCan^era, e noftro Primo Scudieic, e nelle due 

^'fcorfc $i vive, e pericolofe guerre, di noflro Aiu- 

-. tante Generale di Campo, di Colonnello d'un 

-'•Reggimento di Fanteria, e Generale di Battaglia 

'V nelle noftre Armate, ed attualmente di Gran MaHro 

^^ della noflra Aitiglieria, tra i secondi ^ di reiterate 

^> Legazioni da Noi addoflaievi in varie Corti flra- 

.^ niere $ principalmerae in quelle di Rujfia , & Inghil- 

^^ urrà con rilevanti negoziati, e maneggi, 8c in 

\, ultimo luogo di ncflro Primo Plenipotenziario, & 

1, Ambafciatore Straordinario al Congnjfo della Pace 

»» g^^^^l^ à* Utrecht^ in quale altrettanto giave , quanto 

$9 riguardevole commiflfione avete avuto campo di 

i, acquiflarvi agli occhi d'un si folenne ConfefTo 

I, meriti diftimiffimi appreffo di Noi ; otide con ra- 

^ gione confidiamo, cne ugualmente corrifponderete 

19 nli'afpettazione ncAra nell' efercizio del carico, non 

^ mcn confpicuo , che importante , quale veniamo 

9, ora ad appoggiarvi ; quindi è , che colle preienti , 

P9 di noftra urta fcten\a , piena poffan^a , ed autorità af- 

,, fobtia , vi abbiamo cceato , coftituito , e deputato, 

99 come vi deputiamo, creamo , e conflituiamo Vi'- 

•^ €ir€ , Luogotenente , e noftro CapitarfO^Generale rappre* 

w Tentante la noftra Perfona in queflo Regno di Sicilia^ 

-99 per anni tre^ o finché altrimenti difponiamo , da co^ 

99 itiinciare dal giorno del poffejfo^ e durante detto 

99 tempo ragliamo » che poniate univerfalinente , ed 

^9 indinintamente comandare , ed ordinare a qualun- 

99 oue Officiale di qualfivoglia dignità, grado» e con* 

99 aisione , come le foffimo Noi fteffi^ tutto ciò, che 

9f converrà al fervizio noflro, e del Regno, e ch^ 

99 fovra Qualfifia, tanto de'fudditi noflrì 9 che degli 

9, eflranei nel dcti'o Re^no réfidentiy/epaffaggieii pof- 

„ fiate efercire Voi, o Far efercire, per mezzo delli . . 9 

„ e di aualfivoglia altri Uffiziali nofiri tuttala 

„ giurifaizione Civile» Criminale, alta, e baffa, 
99 mero? e mifìo impero 9 eolla poteftà del ColielU'^ 



fec«j3o le t.«ffgi, ConniiOTionì , ?ranaii«iete, e 
Piivilcgi iti Regno , conofcere di quallivogìiintte, 
e delitto , e punire toni li delin^utmi coli; yst 
da loro tncrtwic fsno alla mone . ed xihimo frpfti- 
ciò inelufMumtnit t ed ove non vi ikà iibcu di 
pane, e che i delitti vi pairanno itriujbil:. pe- 
donargli > e rtincticrpli, it r//erva^(« de'deUnÌ«|ai 
di nioitc t esalerà perpetua, prr fedi fui d^i- 
vaio a Noi fili di pPicioe frr U gr^iì», t cf-i 
pure coraineiiere , fentire, finire, eiernimiifiout, 
e oualfivoglia caufe iiiiroJoite. e da iauoduiii id 
Tribunale della Elegia Gran Cone. ed altri Ti^ 
naiìi con una, o più reotcnze, e quelle deóbit \ 
terminale, orilinaie , che ti dJa loro l' efenmrac. 
e cosi in qualfivoglia altra caufa , che foft int^ 
dottai o potefle ìnttodurn in qualunque Tcibooki 
Magi (if aio . o Corte inferiore; ed iualirr tttat 
no0ro convocare, e celebrate ftanjo il tt^t^ 
fliù lì PartaiHcnii con li tre Btauì iti Rtf»», nit 
queUi cfigarc, doinaodate, ed accettare (i doMÓn 
Regi, ed altri fcrx'iii per tiri , e la noftraCont, 
ed in effi trattare ancora di negozi geoetalt.ep'* 
ÙcoUri» (labiliic Leggi durature a bcnepIacÌio,c4 
ancora quante volic occorrerà , ed a Voi piaci 
Ar convocate tutti li B.uoni, e Feudatari aà Rt- 
gno , e da quelli cfioere il fervìzio Miliiarti f'^ 
in difetto procedere contro ti coniumaci , tii »lni 
quando farà di bifogno , far loro preflarc li pon- 
menti di fedeltà, e d'omaggio, creare, e cotti' 
tuire ancora li Capitani d'Armi per la diteti del 
Regno, ed altre occorrenze, con luna la gìurifé- 
aionc Civile, e Criminale; inoltrt concedere p« 
tutto detto Regno , e fuo Diflreiio (alvi coodori, 
decreti , e falveguardie , conforme Noi ftefi p<*- 
fiamo fare ; dare . e concedere 1* abilitazione, e 
Aipplemento d'età, e licenze d'emancipare ; Dt<u' 
nate io cafo di difcordie le paci ; fpedirc , e co- 
mandare, che fi (pedifcaDo in nome noflro le cle- 
cutorie delle provvigioni, e lettere nollrc , Bolle 
Apodoliche, e di qualunque Magilìrato; concedere 
ancora licenze di portare armi eHènfìvc, e difei- 



7 
99 five, e quelle proibkesdare-aUi pupilli^ • minori, 

t, li tutori^ e curatori, epa furrogarnc alui io luog9, 
M de' morti; creare » e conAìtuire. li NotarJ MJì^ 
9f efaminaii} ed idonei per tutto il Rcjgno di SUiliiti 
>f comandare ai Caftellaoif chiamarli (vanti di Voi. 
ff e levare dalle loro mani » e govecBo. li CaftflII 
M quando vi precedine giufte t e nece0àrie caufe ; 
M far fare» commettere» ed efinrcif^ altri qualfii(a ^tii * 
99 alla no/tra Regia digita rifervati » e inHrakuni^ 
>» fare tutto ciò che foiTe di bifogno per le cofe pré- 
9» meffe , e circa le dipendenze, ed emergente mq- 
,9 dette neceflario» utile, ed in qualunqpc modo fi^ 
»> portune» come Nei jUffi poteflifDO fare»^ fé ci trp- 
>» vaflìmo perfonalménte in qucfco Itegno di Sicilia i 
,» ^nnrM foflero cofe tali » che c^getR^o piU fpecia* 
»» le , e fpecialiffimo ordine » al qual «0f età per tutto 
t» quanto fopra vi concediamo» comtpettiainoft^pie- 
», namente conferiamo con affolufa , generaU^amml* 
99 niftrau'one, ed Ampliifima facolii^ tutta rautòrhi.i 
»9 e podefìà nofua; eonuiuèdoviH dftna earìca» o.fit 
t» cariche di Viceré » <]^uQgotenent<|^]e CapitaBoGct 
,9 ncrale cor, V annuo ftipindÌ0 di fcudj dodicimila r if 
„ livre quattro , € mtina per uno , cedati gli altri » é 
», qualiivoglia dritti , ed emolumenti y di iualunq^e 
99 lorte fi foifir ro , e con proibizione efprefla di poter» 
», nd Voi » ni altri a nome voftro » né aualfivogUt 
„ perfona da Voi dipendente efiger^ »^è lotto qual- 
»» fivoglia titolo ricevere cofa alcuna per qualunque 
»» raccorfo » o favore ». prowìfione » o fpedisione di 
»» qualfifia forte» per ifar fpiccare quel difinterefla- 
», mento intiero» che meglio può corrifpondere alla 
9, noftra intenzione» qual ftipendio dovrà correre dal 
„ giorno 9 che ne prenderete H jHfJptjfo %pXtctdcmc il 
„ giuramento » che prcftarete a mani noflrt , d* ofler- 
,y vare le Leggi » Cooftituzionì , \Capk0li » . Pramma* 
„ fiche » Riti » e Privilegi » buone ollervanze , e con- 
9, fuetudini dello ftciTo Regno ec Imùft ];ichiedi|uiui» 
99 ed efoniamo rifpettivamente li Reverendi , Vene- 
9, rabiJi , e divoti noftri diletti ArcivefcQvi » Vefcovi» 
I» Abbati » ed altri qualfivoglia Prelati di quefto Regno; 

» 

Jppin. al tòmo II* I) S ■ 



M ea^t fan n<ÌÌBÌim6, e teaattéHnw, é tfkt tai 



» /e**??' 



tgU » aili Molto Uluftti. Spn- | 



»» labili, Nobili, Magnifici, Diletti Ccnfiglieti, ( 
„ Fedeli nofiri , ■ qujlfifia Principi, Duchi, Marchtfi, 
„ Conti, Vicéconti, Bareni » Militari, al Prefidme, 
„ e Giudici della Gnm Corte , al Govemiton i 
„ Mi^n», al Prefidente, e Maiiri Rationaìi, »lTt- , 
„ foriere , e Confervatorc de! Rcal ncftro ?ima> 
^ oio, agii Avvocati , e Procuratori Fifcjli, Ibfbi 
„ portulani , Madri fegreti , ed aliri VSitirìStiai- 
„ dcflmo Regno, « /vr fint a luni, e qialfivoilii 
„ Vaffalti , e fodditi noflri, di qualfifia digaìiì, tlm, 
„ e condizione, che fofftro in dctid Regno iiiwi", 
t, fotto la pena della noftra indignazione, t /sm 
„ ÒK^umiU d' on da applicarfi olii nofiri trvj Fsj^, 
„ abDiano da (enervi , n'puiatvi , onorarvi per Taw, 
„ LuogffUntau , ( Capilsna GrntraU , e cetBC Smm 
„ T*pprifent»)ttt la Pcrfona noflra ptr drtu mnM»,t 
„ finché venga da Noi altrimcnte dìfpoflo «. fa «■ 
„ Aimonianza di che abbiamo comandalo ùrii le 
„ prefenii figìltare al JlgilU FtoOra. Dot. n Mtfu'k 
to ^8 agoflo 1714. V. Antiitv. 

Dt S. Tiemu. 
1714 Le loro Maeiu del Rt , e della RttUa & 
I ritorno dal Regno di Sicilia fi fonoreftrjìie 

•nobrc in Torino con giubilo liDivcrfalc de'pfpoli. 
E il Magifliaco dilla Camera congregaioÉ 
prima nel palaz'.i.o d'abiusione del ugoot 
Miniftro di Stato di S. M. . e Primo Pre- 
fidente MelUrtdt n i portato nel Palai» 
Reale, ed ivi nelle camera Ji Ptrad*,ia 
fatto riverenza , e baccìaio le tnani alle 
low Maeftìi C»»ì rifulsa da'Regiilrì Camerali. 



1715 

«ttebre 



MÀFFEI Conle Aaiùialt. „ S'y- Paolo Domenico 
„ Gauiier Direttore ieil* -Rt^ia Tefareria , fall 
„ eomenio.del fondo bilanciato perii preliJi, 
„ pagarne a S. E. i) sig. Contt Mmf» Vìart di 
„ queflo Regno («) la fomma di lire trt^ 
n "></« cinfitfMAM d'argento, a fa. so caduni, 
, X «- - -.:• '1'"'* ** '"^ *^*""' «i"* per la paga in al 



9 
qmilità dovutale per il terio quartufe^ torrente anno, 

\n ragioni di feudi dodicimiU da 11. 4. io» cadun anno* 

Che mediante la prefemef , e qnitanza del sig. Cano' 

MÌ€a Intendente di Aia cafa, gli laranno dette 11. 13500» 

fatte buone ae^fuoi conti* F«Zr/malÌ3 ottobre 1716* 

'17 MAFFEI C^a/e Anhibdt (^), confermato Victrt^ 
I come infra. ,, La vantaggiofa, non meno che 

ifto* o lodevole efpeijenza, che abbiamo fatto fin 
„ ora, cosi della vollia fedeltà ..e Kelo, come 
^, della voflra prudenea^ ed abilità ncll* efer* 
y, citio dell'importante carico ix /M)7r0 Victrc^ 
,, Luégouninitf e Sapiiano Generale del noAro 

,^ Regno di Sicilia , che avete foftenuto dopo 

,, la nofira pafienia^ in modo , che da un 
,, canto avete meritata la pienezza del 
,, nofìro gradimento , e dall* altro vi Sete 
,, conciliata la benevolensa de*noftri ben 
„ amati Vadalli , e Tuniverfale applaufo , 
,, Ci ha invitati a darvi un atteflato dell* 
,1 intiera ibddisfazione » che Ci 2 derivata 
9, dal voflro governo , ed a queft' efictto a 
99 confermarvi* eomt vi confermiamo nel grado, 
,^ e- carico fuddetto ii Victrcy Luogotenente^ e 
y. Capitano Qcncrale rapprefenunte la nofira 
„ Perfora nel Regno noftro di Sicilia^ finché 
' %i venga altrimenti da Noi diipoflo, con la 
f « fi^JS^t, generale amminiftra^ìone^ ampia facoltà^ 
^ oMìorìtài, epoteflk nofira f & con gì* ifiefii 
,, onori I prerogative t ed altre cofe portate 
I, dalle noÙTC Pzxcmì di confiituiione^ e ftaòi' 
,, limcntorofirfidèlU%%agofio i7i4,rcnza(Jimi- 

Pài conto delU TtfortrU di Milieu di Sicilia rifultm y e Ai 
9fo Bolgiro ffM/'Jfc4i^«>Ì col titolo di CDPte, • ckt er* Di- 
vettore MPt/ffixio Gtntr*U dilSoUo nt l dato Rrgno di Sici' ia«, 
Quanto éiU fdmigl-c Bolgari éi Vercelli v§di tìò cht g/À/é 
nt affé in qoefio midifima tomo fecondo t fotto il titolo dtgli 
Auditori ti Goeria. 

Bi(avo paterno del vivente sif . CoMte Carlo Vittorio Aniedet>» 
U cni f adfc Conto Ginrcppc Antonio Moffeì di Soglio motto 
nel Ì77t era mno et* €i»qoo prini Scndictii cht fi avevt 
altea U Ma$$à di Vktaxio AaMdio IU« / 



^, nuzionf, né alierazione, ugualmfnw, mw 
J, Pdietiti foffcro quj inferiic, e iciiodiutt di i 
, in parola, come vogliamo perciò, che qiiis'i 
, dano rifctiie, e rcnz'ahro pteghtamo il ^i 
, che vi coofervi. Jiivoli gli ii agoflo 1717. 

1719 MAFFEI Cantt Annibale. „ Signer 
, Domenico Gaatitr Dìrenore itSU 
, Tejortrìa farà comcnio, dd fondo 
, ciato r anno coirenie pei li F 
, pagarne al signor Cooic Mtfìi 
, dì quello Regno, la fomma di li' 
, ditimita, f/ einquectnto d' ai gemo 
, r una , quali fc le fanno dait 
, paga in lal qualità dovutale /tr 
, quariiert deli" anno conentc, « '1 
, ti. Ì4000. /■ ana» , che mediante 
, fcnic , CI quhanza del signor 1 
, Intendente di Tua cafa , gli l'anni 
, 11. ij^oo. fatte buone ne'fiioi 
, Sif^tuf» il primo aprile t7i9> 

Bo 

,, La prefeme fcrvirà folo pei li fi 
, livrc noveiaiU d'argeoEo per eil 
, pagato il fupplcroento in Tonno 1 
, iizio Generale dei Soldo. Sirta 
, aprile 1710. 

„ Per 1' Uffiiio Gcnecale del Se 



Regi Confitìfitri in Siali*. 

NICOLIS Francefco Antonio Contt è 
lant, Re^io Confulion in Sicilia (a) 
1 primo della prcfente opera,/ 



e il lomo fecondo , 



P'i: 



161. 



(a) Ancht il VafiàJIo Muktic Antonio Borda J 
fuliore in Siàlia , 1 fu alircù Reggente ntl 
Configlio di quel Regno : cosi ntl tomo prir 
pnjtntt o/>tr»t pa^. 477, < vtHi furt fui in/r* U 



5» 



II 

^igpnti del Supumo Configlio di SicUié. 

gn^ PENSABENE Don Nicolò; Rkggtnn del Su«» 

«4 premo Configlio ^ 5/ci//a refidente ap^ 

^pK>« fitth di S. M. „ Trovandofi vacante il 

^f carico di Rcggtnu del nofìro Regno dì 

Sicilia nel Supremo Configlio da rifie- 

dere apprtjfo di Noi , per la dimef' 

_ fione fatrane in noflre mani dal già Reg- 

^, gente Don Vincenzo Ugo a caufa della 

,, grave fua età « ci fiamo determinaci dì 

9i appoggiarlo al Prefidente , ed Avvocato 

^, Fiicale Don Nicolò Penfattnt ^ non folo 

^y per 1* intiera cognizione , che abbiamo 

,^ della di lui integrità, fapere, attenzio- 

I, ne , e zelo per il fervizio noÓro, e pub- 

,, blico , e delle continue prove , che egli 

5, ne ha date in tutti gP impieghi da lui 

,, efercitati, ma per la vamaggiofa efpe- 

^, rìenza altresì, che ne abbiamo fatta Noi 

,, ftclfi ; chi però in virtù dtlU prtCtnti , di 

^, noflra cena fcienza , autorità Regia , e 

^, col parere del Configlio, nominiamo ^ 

99 ^l^gg^^f'^ 9 confiituiamo , e deputiamo il 

,, predetto Don Nicolò Pcnfabene («) jptt 

99 ^'gg^'^^^ <li detto Supremo Configiio di 

,, Sicilia refidente apprejfo di Noi , per fet* 

,, virci in tale qualità , con tutte le pree« 

,, minenze , prerogative , efenzioni, e li-» 

_^, berta a tal carico fpettanti , ed apparte- 

„ nenti , e col falario , che gli abbiamo 

) tn alcuni fogli intitolati Veridica relazione f t con* 

fronto de* procedimenti delle due Corti di Roma^ 

e Sicilia nelle note vertenze per fatto del tiibu- 

nale della Monarchia 9 riflampata in Torino con 

aggiunta ^ vi è un Bando , e Comamdamento d* ordine 

diWillufire Giunta deputata da S, S. R, M, fovra 

la confervas^ione , e defenfione delli Reali fuoi dritti ^ 

the ha y e pojfiede in quefio Regno ^ e di quelle prero* 

gdtive , e privilegj , di cui gode , come con fuo Rcat 

Ordini in'data de* 17 aprile 17x4 , colle parole in 

ine Pr^mulgetur^ Penfabene Praefes f. P. 



1$ 

*> flibilito il ftiiii iatmiU fiietmto onfiuti^, imi 
..uè, facienii lire doJUimila, moneti di Piami, 
ti compccri in cfli il iìiio di cafa, i unti nane, dtut 
», propine Mi\e , jj^gaiiti di due in àoi: tnt& MiU 
„ foftfia nofira G'teraU del Regno ii Sitiht , m r 
„ fondi del donaiivo dellin3tn pei lì Rcffgm.t 
„ come ne ha (tedino il fuddeiio Reggerne fao i» 
,( ceflore, ejrt ck< prcili il dovuto giurameoio fri- 
„ niamo pertanto, e tommtdiamo ai Conliglitii, 5^ 
„ Bfreurì, Uffiziali , ed alui , aì quali fpciieri.iiK- 
„ nerlo , flitnario , e ripuiarlo per ReRpcnie diJnw 
„ Configlio, con farlo, e lafciarfogiuiredelltfin- 
«minenze, prcrciKuivc , efenzioni , ed stirt n* 
„ predelle , ed al fuddctto Tcforicre Generale dif» 
,. gatgli detto falario co.t.c fovra , che, mcdiinwcofii 
„ autentica della prefcnic , e fa di lui ricfTL'B it 
„ pilino pagairenio, e nei fuffeguenti delle di U 
t, fote ricevute, o del fao legiiiimo procnrjtore.w- 
„ gliatno, che tutto quel/o , che in tal confoiiM* 
(, gli avrà pagato , o feiio pagjre . gii senga ftw 
„ buono dal Tribunatg del ncAro Reale Patrimm, 
„ ai quale perciò mandiamo di cosi ei'^uiie, rbe 
„ tal'é B-rtra mente; in icnìtnonio di che ibbiimo 
„ ordinato fpcdirfegii le prcfemi , con aveni fitt» 
„ apporre il folito noftro fifillo. Dar. alla Vtuanift 
M 1* giugno 1716. y. Amedea. 

De S. Thtmti. 

Prtfidtntt del Suprtmt Coniglio di SUiGa. 

1717 KNARDI De Cintilo Angelo Carlo Moriiio 

iS Maftkift di Caraglio, Pnfijtnit del Suprtnw 

nano. Configlio di Sicilia. ,, Dovendo Noi prò»- 

„ vedere ai carico di Prefìdenic del Su- 

„ prtmo Configlio del Regno noflio Jì 

„ Sicilia, e fccgliere chi podi compii* 

„ roemc corrifpondere alla rilevania de! 

f, inedefìtno , ci è paifo affano prooria li 

„ pcifona del Mtucktfe di Caratilo Angelo 

„ Carlo Morizìo Itnafdi Dt CaÀtllo, Cf 

„ valiere del ooltro Ordine della SS Ad- 

n QuaZMM , CtntraU della «ofia Àiugùe- 



99 ria , e Gc^irtMon della noflra GitU » e Provincia 
9, di Telino , in cui, colle prerogative del nafcimento^ 
9, s'accoppiano cosi bene quelle de'cofpjcui iuipie* 
9f B^i » ^ gradi « che egli ha fin ^ui degnamente fa' 
„ (tenuti, ed attualmente fofliene, non men che le 
^ Angolari di rettitudine » maturità di fenno , di pru 
9, denM , ed altre , che puè edgere un fimil polio , 
„ onde fiamo perfuafi, che egU faià per riempire 
9, tutte le paru ad intiera nofira soddisfazione per il 
^y migliore accertamento idei noftro , e pubblico fcr- 
,, vizio del noflro Regno ; quindi è , eoe per le pre- 
,, Tenti • • . . nominiamo , eleggiamo , e deputiamo 
,, il predetto Marchtfc di CaraglÌQ per Prefidtntt di detto 
„ Supremo Coniglio di Sìàlia refidente apprefib di 
,y Noi, con tutti gli onori, preeminenze, prcroga« 
„ rive , efenzioni , utili , e dritti al medefimo fpet* 
9, tanti , con chi prefli il dovuto giuramento* Man* 
„ diamo pertanto , e comandiamo alli Reggenti , ed 
„ altri Uffiziali di detto Supremo Configlio , di ri* 
y, conofcere , ilimare , e riputare il detto Marchcft di 
„ Caratilo per Pufidcntt del medefimo , con farlo , e 
,^ lafciarlo gioire delle preeminenze ...••• Che \zV t 
„ noftra mente. Dat. in Torino li i8 marzo 1717* 

V. Amedeo. 

MeUarcde* 

Reggenti nel Supremo Coniglio di Sicilia. 

1717 BORDA, (tf) „ Richiedendo U fervizio noflro 
18 „ di deputare altri due Reggenti nel Supremo 

marzo. „ Configlio di Sicilia , ed informati della 
„ capacità , ifperìenza , zelo , & altre buone 
„ qualità, che concorrono nella perfona 
„ del Prefidentw Borda, ci fiamo determinati 
„ di appoggiargli queflo carico , con eleg- 
„ ^rlo per urna di deni Reggenti ; che per^ 
„ in virtd delle prefenti .... dentiamo il 

(a) Vaflallo Michele Antonio. Così nel tomo primo, 

P*S- 477 > ^' fi ^' P^^^ » ^* *' fi' Confultore 
im quel Regno , e appunto come tale fi nomina nella 
pag. 17 degli fcritti relativi alla Monarchia di Si* 
ciua , di cui fi fa anno nella feguente pagina 14* 



■4 

„ predetto ?refi<lcnte Barda pei XÉggtMttUéasilmM 
,, ilio Cnnfiglio di Sicilia tcudeoKprtffo£S»ifaì»M 
„ die iiiczvno, con latri gl'onori, pteeminfnx., ' 
„ che ptefli il dovuti^ gidiamenio j iiMnii.]MDfft 
j, e iTomaiiJia.no al Prefiiette, Regecuii. ziéàVt 1 
,, fr&iali di detto Sapremo Configl'io di rìconofct!: ìm i 
j. Prendente Borda, flim^ilo , e rìputiiln p|^l 
j, gtnU del medelimo, con farlo , e lardiiioliGvI 
(, delle prceinineiize, prcrogaiivc, «fcnziopi.riil*^ 
„ cofe Qiddeuc , che lal i noflra meou. TvMbW' 
' f, mtrao 1717. ■ 



VI Marchefe Mmitìiìo Graneri fu mche i 
41 tutu la Giurdzìii dtl Rtgao di S.cilia , (km 
fi vede accrnnaio DcI corno itr^o, Appemiicc,] 
taaria , /)<ig- So< 

In ofdJDc ad elfo Regno (fi SieìUn G marnia ptfJI 
lenorc a quanto dicefi acl tomo rcr^o^appeodke^pK 
quarta, /)a|. 79 ad Sf. 

£ fi veda infieme la veridita reia^loiu, * a^tm 
de' procedimenti delle due Coni dì R»ma, ediSìcilit 
nelle noie vcnenae per l'ano del tribunaU delU Mo- 
narchia. 

Trovali quello irliunale detla Monarcbif da pi 
fecoli flabilito ntlU Sitili* : la Tua cognizione fi cflcixti 
Ibvia tutti i rìcorfi , che per via di gravame(»giufli 

3uerei2 a' interpongono nelle caufe degli Ecclcfiaitìc 
ai procedimenti degli Ordinar) ; ed anco fovia nm 
gli altri rimedi concernenti la reparatione delle f« 
lenze de'iiibunali Eccleiiatlìci , che non hanno il tr 
fuperiore nel Regno 1 come pure fovra tutte le un' 
di quelle pcifone , che f^no efimite dalla giurifdiiinn 
degli Ordmarf. Viene clercìiaio da un Miniflre E( 
ctefiaflico col liiolo di Giudice della Monarchia, e 
i quefli deputato dai Re dì Sicilia •, come Legai! 
Jaiere nati della Sani» Sede... Così ntUa pog. ^, e i Aé 
anaìdciu tcl«u«nc riHampu» in Tvìm coa Àcgiiwi 



Contiene ^aelte edizione iìu ptit!. SI tratta nelU 
wfimA del pnncipio , e progreflb delle contefe tra la 
corte di Koma^ ed il Regno di Sicilia^ prima che 
paflaiTe fotto il donìinio di Sua Maefià Vittorio Ame- 
deo U. Duca di Savoj^ 9 il quale in feguito alla cef- 
0one fattagli di quel Regno ^ fi poi tò a prenderne il 
^flelTo» e vi giuLfe {a) li io d* ottobre del 17 13 (^). 
Si tratia nella feconda de* procedimemi tenutili daile 
due Corti di ÉLma^ e di Sicilia da poi, che quei 
llegno è, pafTato fotto il dominio della Maeflà del Rt 
Vittorio Amedeo U. 

Vi fu0egue poi la nota dell^ Mimorì^ accennate 
nella relazione fuddetia y in data ette Memorie delli 
4 marzo» 4 » e 17 aprile » x^ giugno, 26, e 18 luglio 

1714. 

Suanro alla Sicilia vedali pure il tomo ^cr^p della 
»me opera. Appendice, parte cuarta^ pag. 78» 
79, 8ot e 81 , ove fi citano sliìcUc le R baienti delli 
10 marzo 1717 di Avvocato Fijcal Regio in detto $u« 
premo Configlio di Sicilia refidente prefTo S. M. a 
favore àeW Avvocato Francefco Aiguirre, ofta Aguirret 
di cu} già fi i parlato qui fopra alle pag. 39 , 40 1 
(C 41 di quefto tomo Jecondo. 
E rifpetto alla Città di Piacenza ^ e parte iti pic^ 
' Mtnttno vedi lo (ìelTo tomo terzo , appendice, parte (t* 
€onàZj pag. 21, e ft3, e vedi ezianaio tfiri/ò^ra, Ap« 
pendice, parte prima, pag. 30. , alU data 1740 
} mz^gio y articolo Benzo Angelo Francefco , ^yye quefti 
jS /fMf qualificato Pre(}denje del Supremo Configlio 

di Pi^Cin^a. 



fotS cioè in Palermo^ 

[b) Trovava/i allora Viceré di Sicilia In nome delU 
Spagna il Marchcfe de los Balbafes : cosi rifcor^ 
ira fi dalla pag. la dell' annidi t tu relalione. 



m6 

Finiremo f wr/P Appendice^ pmru fitonim eoo inft- 
lirvi alcune cofe effcnaiali trane dal Mmkfy^voiaù\B 

^ lA Reinc de HongrU cède au Roi d€ Smrdaiptt fet 
M hérìtiers • £c fuccefleurs , le territoire appellé Fi- 
,» gB9€nafyu€ , le Fays d^AngkUrm , & les panics di 
t» Duché ir ^«vir , (ituJes enne le Po , 8c le Theffio, 
9, & au dell dtt Po 9 en y comprenant RoUm , & 
,y fon cerricoire • • • • la navigauon fera libre fur Ics 
M rivieres > qui fervent de lìmies auf états des deux 
,» puiflànces concraébntes : ces deux ceffions faitcs 
», par la Reine di Hoifgr'u au Roi de $ardaig^€ font 
M confirmées par la paìz Généiale* 

99 La Cour dt Vienne avole acheté. Palliance du 
ff Roi de Sardegne par d' aucres facrifices » ciJe luì 
P9 abbandonnait encore la Ville de Plaifanee , 8c la 
ff Danie du Plaifantin fituée eutre le Pavelao» & \z 
,v Riviere de Nura depuis fa fource jufau'à fon en- 
»> bouchure dans le Po. Mais en lui céaant fes droits 
p» fur la ville, 8c Marquifat dt Finale elle ne lui 
9, cédoit rien , puifquc cene Principauié appartcnoit 
»» de la maniere la plus légitime a la Républiqut de 

I, Gencs 

M La Cour de Turln n*a conferve fur la parde 
9% du Ouché de Plaifanee , qui lui étoit donnée par 
99 le neuvieme anicle du traité de Worms («) , qu'un 
M droit d'expedative , ou de réverfìon , dans le cas, 
„ quc Don Philippe , Due de Parme , & de Plaifanee 
9, meure fans hoirs malcs » ou quand Don CarUs Roi 
y, des deux Sicilcs monteroit fur le Tróne d'Efpagoc. 

99 A Tégard du dixìeme article du traité de ìVorms 
9, coHcernam le Marquifat de Final Ics Plenipoten- 
,, tiaires d* Aix U ChapelU l'ont annuii é , en réglant 
„ oue la Répuhiìque de Genes refteroit en pofleffion 
9, de tous les états» places , villes , forts &, dont 
9, elle jouiffoit avant la guerre : la France s*oppofa ì 
,, ce (]u*on dépouilla les Génois d*un pais , qu*il$ 
,, avoieni achcié de l'Empereur Charle VI , & Ics 
,, Anglois infiftercnt d*auunt moins • qu*ils s*étoient 

(a) Nel 174J. 



»7 
=', ^rgés de Ics dédomager , c'cst a dire de Icur 
^ rembourTer le prix de leur acquìfition : Cosi nel 
KCciraK) MMy , Droit Public de l'Europe , tom. 3 («), 
^.fdfaioo dt Genivt 1776, f^g- 143» M4 » ^ 145, 
.qri che utiifcafi quanto già ne diffia-o nel lomo terzo 
Réella prefente opera, appendice, parte feconda^ pag, ai , 
';(fe s5 , e appendice .parte quarta ^ pag. 99, e 100. 

; - 

lM ^ prop§fiio della Pace d'Aix la Chapelle nel 1748, 
~ « C0m in effo tomo 3 ir/ Mably , pag. 67 , e feg. 

ELENCO 

Delle Perfonc comprcfe in qucfl* Appendice , 
parte feconda, e impiegate come ivi. 

JVlafiì AnnìhaU ••••«• 4 

MafitAnnUidi ...... 8 

Bùfuro • • • ^ 

MmJìì AnnihóU • ivi 

Maffei Annibale • • « • • • io 

Ifìeolis Franeefco Antonio • • • . •. ivi 

tJgO KtIKfflIfO •••..• IX 

PenfaUm Nicolò •••••• ivi 

Ijnardi Anulo Carlo Morirlo • • • • 1% 

Borda Michele Antonio • • • • • 13 

Gr oneri Maurizio •••»•• 14 

Aggine Franeefco i{ 

' ' " ' ' ; ' ^ 

Sspe decem vitiis inftm^or odit , Se. boiret. 

Horat. iib. i , Ep^. Xyill, veif. 25. 

FINE DEL TOMO SECONDO- 



K Sé n§ pirméiu Ut fiémpm^ 
Caxxi per b Gr^ui Oncelleriiu 



P^i^ 



iSnU 



Errori 



Com{l§ia 



109 

149 

184 
a24 

IVI 

322 

379 
43» 



$10 

ivi 

539 
544 

696 



■I 

II 
ai 
i8, e 19 

18 

ao 

ss, e 13 

43 

9 

a 

31 , e 32 



16 

ultima 
*7 



17 
3 



Vnlverfli Uoiverlità 

et endo et eflcndo 

fn fu 

Archvi Archìvi 

fano fatto 

manda da- niandameoto 
memo 

qui infra neir nel tomo m, 

edili cosi edili : cosi 

10 marzo 3 marzo. 

30 marzo j marzo. 

324 ivi 

uniìconoa unifcono a 
qui infra in nel tomo ii. 

una nou del pag. 11, e ia« 

titolo zx. 

fervici 

Colonnello 

ufficio 



fcrvigj 

Colonnelln 

ufficio 

335 
prédedcef* 

feurs 

chiunque 

bre. 



prédeceiTcurs 

chiunque 
7bre. 



29 



ultima 



Appendici Parte prima 
Paliaceio Paliaccio 



Tom. II. 



HRS 



ì 



-mal 
7.^-: «ti 



.iMìi 




I—