(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Biodiversity Heritage Library | Children's Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Chronicon Montis Oliveti (1313-1450)"

Google 



This is a digital copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scanncd by Googlc as part of a projcct 

to make the world's books discoverablc onlinc. 

It has survived long enough for the copyright to cxpirc and thc book to cntcr thc public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legal copyright term has expircd. Whcthcr a book is in thc public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, cultuie and knowledge that's often difficult to discovcr. 

Marks, notations and other maiginalia present in the original volume will appear in this flle - a reminder of this book's long journcy from thc 

publishcr to a library and fmally to you. 

Usage guidelines 

Googlc is proud to partncr with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to thc 
public and wc arc mcrcly thcir custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing tliis resource, we liave taken stcps to 
prcvcnt abusc by commcrcial partics, including placing lcchnical rcstrictions on automatcd qucrying. 
Wc also ask that you: 

+ Make non-commercial use ofthefiles Wc dcsigncd Googlc Book Scarch for usc by individuals, and wc rcqucst that you usc thcsc filcs for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrainfivm automated querying Do nol send aulomatcd qucrics of any sort to Googlc's systcm: If you arc conducting rcscarch on machinc 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of tcxt is hclpful, plcasc contact us. Wc cncouragc thc 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogXt "watermark" you see on each flle is essential for informingpcoplcabout thisprojcct and hclping thcm lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatcvcr your usc, rcmember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
bccausc wc bclicvc a book is in thc public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countrics. Whcthcr a book is still in copyright varies from country to country, and wc can'l offer guidance on whether any speciflc usc of 
any speciflc book is allowed. Please do not assume that a book's appearancc in Googlc Book Scarch mcans it can bc uscd in any manncr 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Googlc's mission is to organizc thc world's information and to makc it univcrsally acccssiblc and uscful. Googlc Book Scarch hclps rcadcrs 
discovcr thc world's books whilc hclping authors and publishcrs rcach ncw audicnccs. You can scarch through thc full icxi of ihis book on thc wcb 

at |http://books.qooqle.com/| 



SPICILEGrCM MONTOLITETENSE 

A MOHACHIS COSaREGATIOmS OLIVETANAE O. a B. 



ANTONII BARGENSIS 

CHRONICON MONTIS OLIYETI 

(1313-1450) 

EDIDIT 

PLACIDUS M. LUGANO '. • 



FLORENTIAE 

EX OFFICINA TYPOGRAPHICA COCCHI & CHITI 

MCMI 



SPICILEGIUM MONTOLIVETENSE 



VOLUMEN PRIMUM 



§PICILEGIUM MONTOLITETENSE 

A MONACHIS CONGBEGATIONIS OLIVETANAE O. S. B. 

o 

MTONII BARGENSIS 

GHRONIGOM lONTIS OLIYETI 

(1313-1450) 

EDIDIT 

PLACIDUS M. LUGANO 



FLORENTIAE 

EX OFFICINA TYPOGRAPHICA COCCHI & CHITI 
MCMI 



Ka[57^/^^ 



APR 1 1915 



Jura, quae a l^;e sunt, Editores 
sibi vindicant. 



YmO • EHINSNTISSIMO 

LUCIDO . M . CARD • PAROCCHI 

S . B . E . YIOS • OANGSLLJLRIO 

ClBDINlLinM • CONYINTUS • A • STUBIIS - HISTORIGIS • EXGOLENDIS 

PRASSIDI 

BENEDIGTINAE • CONGREGATIONIS • OLIYETENSIS 
APUD . SANGTAH • SEDEM 

PROTEGTORI 

LIBENS * MERITO • DSDIGAT 

PATRI . BENEMERENTI 

EDITORUM . GOETUS 



SPICILEGniM MONTOLIVETENSE 



A HONACHIS C0NGEEGATI0NI8 OLIVETANAE O. a B. 



ANTONU BARGENSIS 

GHRONIGON HONTIS OLIYETI 

(1313-1450) 

EDIDIT 

PLACIDUS M. LUGANO 



FLORENTIAE 

EX OFFICINA TYPOGRAPHICA COCCHI & CHITl 



APUD EDITORBS, IM ABBATIA SEPTIHNIANENSI 



PRAEFATIO 

IN SPICILEGIUM MONTOLIVETENSE 



Profert de thesauro suo 

Nova et Vetera, 
(Matth., XTTT, 52). 

Quae, hoo volumine, aliisque, brevi interiecto tem- 
pore, sequentibus, sub « Spicilegii Montolivetensis » 
titulo, monumenta edere modo incipimus, ad historiam 
et jus Oongregationis Monachorum Montis Oliveti rite 
describendum, pertinere noscuntur. Ea quippe mens est 
in hisce typis evulgandis, ut tum generalis historia or- 
dinis, tum singulorum monasteriorum notitia potissime 
augeatur, emolumentumque recipiat non spemendum. 
Ad quod obtinendum, ea omnia quae splendidiorem in 
rebus, fiictis, virisque ingenio virtuteque clarioribus lu- 
cem immittere possunt, conferre videntur. Quod sane 
magni momenti faci^ndum est. 

Qua autem ratione nunc ad haec manum mentemque 
admovisse videmur, satis superque cordato viro patet. 
Nam et haec est nostrae aetatis evidentissima indoles, 
ut omnia et singula, digna indignaque, clara et obscura, 
perlustrentur, investigentur, studioque veritatis in pro- 
patulo a quovis afferantur. Qupd quidem et ipse Sum- 



Praefatlo 



mus Pontifex Leo XIII clare intuens, yaticana tabu- 
laria yiris eruditis libenti animo apemit (1). Quo facto, 
historia tum sacra, tum profana maximum undecum- 
que recepit emolumentum. 

Alia insuper adest et peculiaris ratio. Nam historia 
hujus Benedictinae Congregationis magna ex parte enu- 
cleanda adhuc remanet. Unus enim Lancellottus, vir 
sane multarum litterarum ac multiformis eruditionis, 
aliquid tanto muneri dignum, studiose, anno MDLXXIII 
typis evulgavit (2). Ab initio huius monasticae Oongre- 



(1) Gf. Summi Pontificis epistolam < Saepenumero conside- 
rantes » ad Card. De Luca, Pitra, Hergenroether, datam dio 
18 Aug. 1888. SS. D. N. Lbonis PP. XIII, Allocutionea, Epi- 
atolae, Constitutiones^ aliaque acta praecipua, DesclSe, 1887, 
V. n, p. 20-29. 

(2) Historiae Olivetanae auctore D. Secumdo Lancbllotto, 
Peruaino ahbate olivetanOj Libri Duo^ Ex Typogr. Gueriliana, 
1628, Venetiis. 

Ipse abbas Lancellottus, utpote magna praeditus feracitate 
ingenii, sequentia typis mandavit : 

II veatir bianco di diverae Relfgioni^ Perusiae, 1618, apud Bar- 
tholum, in-4; item^ latine. 

Historiae Olivetanaey Venetiis, 1628 (vol. 1). 

II Bartimeo cieco di Gerico^ Perusiae, per A. Bartholum, 
1626, in.4; Venetiis, Guerigli, 1660. 

II Mercurio OlivetanOf Perusiae, 1628. 

L* Hoggidl overo gli Ingegni moderni non inferiori a* pcLsaatij 
Viterbii, 1630 ; Venetiis, 1662 (vol. 1). 

U Hoggidl overo il Mondo non peggiore nk piii calamitoso del 
passato , Venetiis, 1632 ; 1636 (vol. 1), 

Carmen elegiacum in obitu Georgii Boreae nobilis Lugenais^ 
Perusiae, 1638. 

Farfalloni de gli Antichi Hiatorici, Venetiis, 1636; 1638 (vol. 1). 

Chi Vindovina ^ naviOf overo laprudenza humana fallacissima, 
Venetiis, 1640 (vol. 1). 

Insuper in Bibliotbeca monasterii Perusini Montis Morcini, 
alia reliquit opera, eruditione undique referta, nempe : 

I sfoghi di mente (vol. 1). — Proapettiva de^ ReligioH (vol. 1). 



in Spicilegium MorUolivetense xi 



gationis nullus, si Michaelem Angelum Bonahvertium (1) 
exoipias, de hac re aliquid praelo mandavit. A tempore 
atiteih abbatis D. Secundi Lancellotti ad nostram usque 
aetatem, multi quidem manum calamo adponere cura- 
rnnt (2), sed fere nullus eorum, aliquid verae historiae 
dignum protulit. Hac autem nostra aetate, D. Bemar- 
dus M. MarAjhaux, vir ingenio potens, eruditione cla- 



— Della ragione di Stato o politica dt^ Beligiosi (vol. 1). — 
La milanteria degli latorici (vol. 1). — IJ asilo de' Predicatori 
(vol. 1). — Prediche diverse (vol. 1). — Selve di concetti predi- 
cabili (vol. 8). — Del Grifone^ arma di Perugia (vol. 1). — Cke 
Traiano imperatore fosse da Todi (vol. 1). — Lafortuna (voL 1). 

— La crudeltd (vol. 1). — Pianto aopra i suoi Olivetani (vol. 1). 

— Le Pittime de^ triholati (vol 1). — Pittime diverse (vol. 1). — 
Diversi discorsi volgari (vol. 1). — Note istoriali sopra la mag- 
gior parte detla Scrittura sacra (vol. 1). — Acua nau^ica, sive 
expeditissima ad quamcumque de re quaUbet orationem^ datis e 
tanta eopia scriptorihua^ via (vol. 22). 

Quod ultimam opus, fato invidente typis evulgatum non 
fuit : adservabatur autem in bibliotheca nostra perusina Mon- 
tis Morcini. Cf. M. Armbllini, Additiones et correctionea Bi- 
blioth, Benedictino-Casinensis, Fulginei, Typ. Gampana, 1786, 
p. 47, 48; Bblforti, Chronologia brevisj Mediolani, 1720, 
p. 108-110. 

(1) II Miracoloso \ Principio \ de la Congregatione \ di S. Maria 
di Montoliveto \ Descritto in Dialogo dal B. P. D. Michbla- 
GNOLO I [Bon' havbrtiJ da Ferrara \ Dove si tspongono i Grero- 
glifi Divini, e gli Misterii \ Sacri d* intorno V imprese di essa 
Congregatione^ \ in Ferrara, Per Vittorio Baldini, MDOV. — 
Haec dialogistica opella, primum de historia olivetana typis 
editum monumentum, LXVII foliis non enumeratis constat. 
Praecedit quaedam devota praefatio € A gli Novizzi de la Con- 
gregatione di Montoliveto, D. Michelagnolo Bonhaverti >. In- 
ter se loquuntur, a principio usque ad finem, poenitens et 
monaclius. 

(2) Inter quos praeoipue recensendus est D. BoNAVENTaRA 
TuNDi de Eug^bio (f 1696) qui certe multa scripsit, multa 
quoque typis edidit, sed non semper reapse historico stylo com- 
posuit. 



XII Praefatio 



ros, sciipsity nostrisque imnio diebus adhuo de historia 
olivetana summa cum laude scribere conatur ; sed quum 
ipse auctor, in Gallicis degens regionibus, Italiam fere 
numquam perlustrare possit, eius demum historia mo- 
numentorum, in Italicis tabulariis latentium, subsidio 
careat oportet (1). Quod tamen non iniuriae, sed tanti 
viri honori dictum velim; qui, veluti ferrea donatus 
Yoluntate, ardua quaeque, obedientia fretus, lubenti 
corde aggredi non formidat. 

Nostrum ergo erit, qui inter Ausoniae fines, sedem 
habemus, omnium civitatum perlustrare tabularia, ar- 
chiva et bibliothecas, ex quibus, monumenta omnia 
historiam olivetanam illustrantia, depromenda, et « Spi- 
cilegio Montolivetensi » inserenda erunt. Perarduum 
sane et diflSlcile munus, nostris etiam humeris impar, 
sed, sodalium benevolentia, virorumque auxilio erudi- 
torum freti, libenter susceptum! 

Nunc autem ea ratio operis quae magis et longo iti- 
neri reique tamdiu desideratae et ab eruditis viris un- 
dique exoptatae, conveniat, statuenda manet. Quod tamen 
facilius clariusque exposituri existimamus, si quaedam 
de Congregatione monastica et de loco praecipuo Montis 
Oliveti praemissa frierint. 

Ex nobili Ptolomaeorum genere ortus, Bemardus Se- 
nensis, in saeculo Johannes, cum tribus sodalibus, anno 
circiter MCCCXTTT, monasticam coepit agere vitam, in 



(1) Gf. Mar^chaux, hano historiam sub titulo € Essai d'his- 
toire olivetaine » scribere perseverat in nostra ephemeride 
BuUetin de N. D, de la Sainte^Espiranoe d Mesnil-Saint-Loup 
(Avhe): cf. XIX ann^e, n. 2, f(6vrier 1895, seqq. 



in Spicilegium Moniolivelense xiii 



agro Senensi, in loco qui tonc « Mons Acconae » yoca- 
batnr, postea vero « Montis Oliveti Maioris » nomen 
accepit. Ibi fundamenta jecit novae Congregationis, 
OrdiDi Sancti Benedicti addictae, quae demum a Summo 
PontilBice Olemente VI, anno MCCOXLIV adprobata, sta- 
tim per omnes Italiae urbes codnobia posuit (1). Istius 
autem loci descriptionem, quam Pius 11, anno MODLXII 
illud invisens coenobium, nobis reliquit(2), hilari vultu 
excipias (3). 



(1) Cf. Lancellotti, Histor. Olivet., I, 4seqq.; D. Gbegoibe 
M. Thomas, VAbhaye de Mont-Olivet-Majeur, Sienne, 1898, 
p. 19 seqq. ; D. Bebnabd M. Mabechaux, Vie du Bernard 
Tolomii, Paris-Florence, 1888, p. 61 seqq. 

(2) Pii Secundi Pont. Max. Commentarii rerum memorabi- 
lium, Francofarti, Officina Aubriana, M. DC. XIY, Lib. X, 
p. 262, 263. 

(3) Cf. Lanoellotti, Hiator. Olivet.j I, 47 ; G. Thohas, op. 
c.'t.j p. 89 j Eeoistb. Olivbt., II, 40, 42. 

De hac Pii II visitatione, in codnobio Montis Oliveti maioris 
paracta, haec legantnr in Chron. Cancell, : « Hoc fere texnpore 
[aempe sub abbatiata Nicolai Begiensis (1459-1463)], domnus 
Pius secandus Pontifex Maximus Montem Oliveti per seipsum 
yisitare, et gloriam pontificatus romani pauperum Christi 
aspectibus praesentare dignatus est. A quibus usque ad montis 
introitum et ultra cum ramis olivarum processionaliter obviam 
sibi procedentibus, et hymnum Te Deum Laudamua devota mo- 
dulatione in iubilo D^o concinentibus, affectuosissime est 
susceptus. Miratur summus Pontifex ; mirantur domni Car- 
dinales et episcopi; mirantur denique omnes Congregationis 
illius modestiam simul et gravitatem, quod in tam solemni 
gaudio iocundaque solemnitate mirabili omnium sensuum 
mortificatione tam honestis praeclarisque cceremoniis et mo- 
ribus ornati occurrerent, vixque sanctissimus Christi vicarius 
a lachrimis prae devotione poterat se continere. In ecclesiam 
itaque primum introducitur, ubi consueta summo Ecclesiae 
Dei sacerdoti orationum et coeremoniarum solemnitate per- 
soluta, intra pauperem illam domum et humilem monasterii 
habitationem beatissimus Dei Yicarius ingredi, et in ea quie- 



XIV Praefatio 



« Yeiitam est ad monasterium, cui Montis Oliyeti 
nomen indidere, quod non procul ab oppidulo Clausu- 
rae {nunc: Ghiusuri) iacet, cuius caseum inter optimos 
Tusci ducunt. Situs monasterii in hunc modum se habet. 
Gollis sublimis est, ad occidentem respiciens topho, cre- 
taque compactus, stadio circiter longus, latitudine multo 
minor. Si formam quaeris, castaneae folium imitatur: 
undique rupes in barathra pergunt proftmdissima, in 
quae horror sit aspicere: qua iungitur reliquae terrae 



scere non dedignatur. Gaudebant omnes iu Domino, et quos 
tanti hospitis nobilitabat praesentia, spirituali exultatione 
laetabantur. Non autem in loco pro suscipiendis hospitibns 
praeparato, sed in refectorio et simul ctim fratribus domnus 
Papa refecturum se denuntiat. Ubi vero de monasterii totiusque 
congregationis consuetudine et statuto cognovit, quo pro sae- 
cularibus carnes in nostris monasteriis praeparari, vel ab illis 
comedi probibetur, mandavit tam a se, quam ab his qui secum 
aderant, hoc omnino observari debere, ostendens non ad scan- 
dalum Dei famulis inferendum, quiim tamen sub bac lege 
non esse ipse constitutus, sed ad spiritualem illis consolatio- 
nem tribuendam se advenisse ; nec tam corporalem cibi refe- 
ctionem, quam interiorem animae in boc suo adventu devo- 
tionem quaerere. Et ita factum est. In refectorio enim cum 
cardinalibus plurimis et universo fratrum conventu eidem 
reficienti cibi (monachis ministrantibus) apponuntur, non qui- 
dem delicati, aut quales a curialibus splendide praeparari 
solent, sed quibus pro sanctae regulae nostrae ordinatione, 
monachi vesci consuevere. Mirabile quidem videbatur in tanta 
altitudine, et in tam excellenti culmine, tam profundam hu- 
militatem et mansuetudinem tam grandem intueri. Fratribus 
post haec spirituales gratias singulatim petentibus benignis- 
sime et humanissime largitus est| dicens : Yellemus (quantum 
in nobia est) ad coelestem patriam vos omnes libenter desti- 
nare. Universali praeterea nostrae congregationi plurima et 
quidem amplissima, qualiaque praedecessorum suorum nuUus 
nobis concesserat, privilegia, exemptiones et immunitatem, 
patrum nostrorum supplicationibus clementissime annuens, 
larga manu gratiosissime indulxit. Cumque eum ibi diutius 



in Spioilegium Moniolivetense 



XV 



oollis dorso modico ttirris erecta est lateritia, quae om- 
nem prohibet accessum non amicum, et fossa deducta, 
quae in utrumque barathrum emittit aquas, ea parte co- 
niungitur ; quo sublato nulli patet ad ccenobium aditus. 
Declivis est collis, et in medio nobile templum con- 
structum, et iusta monachorum codnacula, deambula- 
toria, porticus et omnia offioinarum genera, quae ne- 
cessaria reUgiosi ducunt : nihil non egregium, nihil non 
nitidum, et quod non cupide intuearis. Agrum hunc et 



morari non patereturi magna eum prosequens comitantium 
multitudo : nam viri intererant plusquam trecenti cum equis 
ducentis viginti et amplius, salatatis fratribus, illisque bene- 
dictis, et tam ipso quam ccBteris congregationis fervore et 
devotione magnopere in interiori homine aedificatis, ad Pe- 
trioli balnea pro lenienda infirmitate profecturus^ die secunda 
postquam illuc venerat (fratribus usque ad Palatium in in- 
troitu Montis situm propriis in humeris eum portantibus) 
abscessit. » Fol. 31, 82. 

De hac pontifioia visitationei ipse Summus Pontifex Pius II 
mentionem agit in quodam ad nostros diplomate, Petreoli 
dato, ni nonas octobris, anno MCDLXII (Bbgistr. Olivict., 
II, 40, 42; Privtlegia Sacrae Congr, Monach. S, M, Montis 
OUveti^ Bononiae, MDLXXX, p. 51-58) ; nostri autem mona- 
chi memoriam posuere, in lapide sculptam, super monasterii, 
vorsus Clausuram, parietem, hoo modo : 



VT MONVMENTA TVI MA 
NEANT P CperJ SCLA (saecula) NOBIS 
MVNERIS IN SlQYiV (m) HOC 
STAT T (tibi) PAPA PIE 

1462. 



Quod monumentum adhuc in eodem loco conspicitur, memo- 
riam dierum XXIX-XXX Septembris MCDLXII, omnibus 
indigitans. 



XVI Praefatio 



oircumiacentem foisse tradunt nobilium qaorancLam vi- 
rorum apud Senenses prognatorum, qui Deo pleni et 
religionis novellae fiierint inventores, et coBnobii funda- 
tores, cui possessiones suas donaverunt. Nomen viris 
Bemardo Ptolomaeo, Ambrosio Picolomineo, et Patritio 
ex gente Patritia fiiit, quorum ossa religiose colunt. 
Parva ab initio fiindatio, devotione hominum aucta, fe- 
lices successus habuit, et in omnem christianitatem pro- 
pagata est. Ex familia Picolominea multa huic coenobio 
accesserunt incrementa, cuius possessiones in circuitu 
fiiere: Avena et Chiatina; quae olim non contempsere 
loca, nunc fere deserta sunt, ad Picolomineos pertinuere, 
et plures ex ea familia in Monte Oliveto, post obitum, 
conditi sunt. Beligio eadem fere est, quae Monachorum 
Sancti Benedicti suam regulam observantium : in habitu. 
discrimen invenias : illi fusca veste utuntur : ii candida 
ac mundissima: usus camium utrique pariter interdiotus. 
In coBrunoniis pleraque invenias diversa : in substantia, 
una fere est vivendi norma : et ii quidem usque in hoc 
tempus sine infamia vitam agunt. Mons ipse domesticis 
arboribus consitus, plurimas habet oleas; unde oliveti 
nomen ortum. Sunt ficus et amygdalae, et pirorum ma- 
lorumque multa genera : adsunt cupressi nemuscula, in 
quibus aestate suaves captare umbras lioet. Yineta quo- 
que et umbracula pampinea et olerum horti, et lavacra, 
et fons perennis et cistemae, ac putei : et in ipsis rapi-, 
bus quercinae silvae, et arbor iuniperi. Deambulatoria 
multa, quae duos capiant homines, collem ambiunt, me- 
diumque intersecant, hinc atque inde vitibus aut rose- 
tis, seu rore obsita marino. Jocunda monachis solatia, 
iucundiora his, quibus postquam viderant, abire licet. 
Monachi advenientem Pium ingenti gaudio exceperunt, 
atque omnibus modis aggressi sunt honorare. Apud 



in Spicilegium Montolivetense xvii 

Clatisuram nundinae ftierunt; itaque frequens populus 
Pontifici ocscurrit, et usque ad turrim, quam diximus 
Oliveti montem claudere, benedictionis consequendae 
causa descendit. Dies erat quintae feriae, cum eo ven- 
tum est: cardinales et omnis familia Praesulis, cames in 
coena manebant : Pontifex iussit onmes eo in loco car- 
nibus abstinere : cum id placitum monacliis animadver- 
tisset : exemplumque praelatis ecclesiarum eo deinceps 
applicaturis dedit, ne cames pascerent, quiCus noscerent 
ob loci reverentiam Summum Pontificem abstinuisse. 
Mansit liio et sequenti die Pius, coenamque cum monar 
cliis in comuni refectorio peregit, et cantores introduxit, 
qui novum carmen de diva Oatharina Senensi inter eden- 
dum, tam suavi modulatione cecinerunt, ut omnibus 
monachis dulces excusserint lacrymas. Adscripsit et in- 
dulgentias loco non modicas : et privilegia dedit reli- 
gioni amplissima. . . » . Pius II ad hunc locum se con- 
tulit « per itinera sola aestate calcanda, cum sol omnes 
ebibit humores; pluviali tempore loca dixeris inaccessa, 
quae in argilla profimdissima nullum admisere lapi- 
dem » (1). 

* 

OoBnobium ergo illud praecipuum et illustre, totiusque 
Ordinis caput, decimo octavo a Senensi urbe milliario di- 
stans (2), insigne religionis, historiae, artisque monumen- 
tum, cui olim subdebantur innumera fere monasteria 
per Italiam posita, « Spicilegii Montolivetensis » erit 
argumentum princeps. Secundo autem loco, co8nobia 



(1) Pii Secundi, Commentar,, Lib. X, p. 262. 

(2) Cf. Lancbllotti, II Mercurio Olivetano, p. 75, Perugia, 
M. DO. XXVIII ; Thomas, op. cit,^ p. 5. 



SnCILBO. MOMTOLIY. — Vol. I. ' 



XVIII Praefatio 



quaeque a monacliis Moiitis Oliveti habita, hominesque 
in tota Congregatione virtute ingenioque poUentes, in- 
vestigare conabimur.- 

Quod ab initio Olivetanae Congregationis ad haec 
usque nostra tempora, praestare in mente residet. 

Nec mirum : cum Monachi nostri communem habue- 
rint cum plurimis aliis sortem, immo iacturam. De qui- 
bus referre potest quod intuebatur celeberrimus ille 
Johannes Mabillonius, Annalium Ordinis Sancti Bene- 
dicti conditor: « Maiores nostri veteris illi, facere optima 
quam scribere magis soUiciti, de historia sua adornanda, 
digerendisque Annalibus parum admodum cogitabant. 
Prima illis cura erat de moiibus formandis, et ad san- 
ctae Regulae normam componendis. Tum quorundam vi- 
rorum sanctitate illustrium praeclara facta in exemplum 
aliis proponere visum est operae pretium, et in litteras 
referre » (1). 

Quae a nostro pariter Lancellotto exponebantur, Ait 
enim : * Sacrae adeantur famiUae, quae nostram non 
satis antecedant ampHtudine, et pro comperto erit, vel 
nuUum rerum suarum scriptorem iactitare, vel, si iac- 
titent, recentiorem esse. Penuriam fecit nimia simplici- 
tas, vel modestia (in aliquibus fortasse negligentia), 
minima scriptionis, et impressionis facultas, perpetua 
demum caritatum, pestium, et bellorum inoommoda, quae 
mortaUbus nuUam permittentia tranquillitatem non modo 
obstiterunt, sed etiam plerisque clarissimis civitatibus, 
et Rebuspublicis infeliciter actum est... Cur igitur ad- 
miremur, non est, quod tam pauca eaque illustria maio- 
rum nostrorum monumenta obtineamus, cum modeste 



(1) J. Mabillon, Annales Ord. S. B, [Lucae, Venturioi, 
MDCOXXXIX], tom. I, p. xxx^ in praefat. 



iri Spicilegium MontoUvetense xix 

et simplioiter victitaverint, nihil aliud, quam de re di- 

vina laborantes. Nec quia annum iam sexagesimum 

asperitas illa, studiis litterarum inductis, tantillum de- 

linita, nihil tamen optimis illis patribus vitio vertam, 

sed omnia laudi, cum quicquid habemus, nobis acquisi- 

verint illi, quos recentiores honestissime aemulantur, 

cum litteris praeterea, vel publicis, vel privatis acqui- 

sita custodiant honorificentissime » (1). 

Nunc autem quae honorifice custodita fuere, in me- 
dium proferenda sunt. 

Patres enim nostri, bono Congregationis ordini pro- 
spicientes, multa statuere, quae nostris hisce diebus ad 
historiam rite conflandam, magnam praebent utilitatem. 
« Familiarum » nempe « tabulas » , jam saeculo XIV, 
conscribendas edicto mandarunt (2) ; « Necrologium » 



(1) Lancbllotti, Histor, Olivet.y in praefat. 

(2) In « Pamiliarum Tabulis » quotannis adnotabantur mo- 
nachorum nomina monasticas familias componentium. Micbael 
Angelus Bonhavertius de isto argumento liaec habet: « [II 
B. Bernardo Tolomei] Panno tredicesimo del suo Generalato 
[1835J, fece una bella ordinatione, cbe da Tbora in qxik si e 
sempre osservata, e si osserverk ne ravvenire : comand6 cbe 
si tenesse conto di tutte le famiglie, qu^ in Montoliveto, in 
un libro deputato a questo, nel quale ogn* anno si scrivono i 
nomi di tutti gli monaci secondo cbe sono assegnati in diversi 
Monasteri. » (Bonhavbrti, op. cit.j p. 43). 

Sed fortasse buins operis primum volumen depertitum de- 
flemus. Attamen in « Familiarum Tabula ab anno 1879 ad 
1458 » baec praefantur : « Ad laudem totius Trinitatis, Patris 
et Filii et Spiritus Sancti, et gloriosissimae Yirginis Mariae 
dulcissimae Matris Cbristi, et Sanctissimi Patris nostri Bene- 
dicti, omniumque Sanctorum et Sanctarum Dei. 

« In isto libro scribentur priores omnium locorum nostrae 
Congregationis cum offitialibus et familiis assignatis eisdem, 
in Monasterio Sanctae Mariae de Monte Oliveti, in nostris ge- 
neralibus capitulis annuatim, prout, favente Deo, contigerit 
celebrari : ponendo quemlib.et priorem cum offitialibus et fi^.- 



)C» 



XX Praefatio 



pariter « Olivetanum » eodem tempore, sollicite com- 
ponere praescripsere (1) ; « Ghronicorom » denique li- 
bros a monacho Oancellario, declinante saeculo XV, 
describi fecerunt (2). Quae omnia maximum historiae 



mllia sibi assignata per se, secundum ordinem et prioritatem 
locorum, ao nomina veteram priorum familiaram et offitia- 
lium eorundem dampnando, cum eliguntur novi, quemadmo- 
dum in nostris constitutionibus seriosius continetur. Factus 
est autem liber iste et principiatus anno Domini millesimo 
CCO» LXXVlIIIo indictione [II |, tempore venerabilis in Chri- 
sto patris et domni domni Mathei Landini de Prato generalis 
abbatis religionis nostrae. 

€ Incipiunt nomina omnium priorum monasteriorum atque 
locorum Beligionis Sanctae Mariae Montis Oliveti, eorumque 
offitialium et couventualium fratrum subditorura. Qui in ca- 
pitulo generali ordinati fuerunt, tempore venerabilis in Chri- 
sto patris et domni domni Mathei quondam Landini de Prato 
generalis abbatis et beudmeriti monasterii Sanctae Mariae 
Montis Oliveti predicti, et omnium monasteriorum sibi imme- 
diate subiectorum. Quod quidem capitalum celebratum fuit 
in dicto principali monasterio Montis Oliveti predicti, sub anno 
Incarnationis Dominicae millesimo CCCLXXyilll'' Indictlo- 
ne [IIJ, diebus primo, secundo, III" et llll^ mensis maii, ab- 
batiatus sui anno secundo. > 

(1) De quo € Necrologio » haec tradit noster Bonhavertius : 
« Nel quindiceslmo anno [del stu) abbatiato (1337), il B, Ber^ 
ncirdd\ fece fare un altro libro, nel quale si scrivono i nomi 
di tutti gli morti de la nostra Beligione, e fece un bel proe- 
mio inanzi a detto libro, esortando gli fratelli ad esser solle- 
citi a li spirituali suffraggi per i defonti, per I' anime de' quali 
(oltre gli offici e messe solenni, che sl celebrano in tutti 
gli Monasterii de la Congregatione) ogni Sacerdote dice tre 
Messe per ciascheduno ,* tre officii gli Chierici e le Monache ; 
e trecento Pater nostri, e altre tante Ave Marie gli conversi, 
e comessi. » (Bonhaverti, op, cit,^ p. 43, 4A), 

Quod quidem eo anno statutum fuisse, plura insuper te- 
stantur huius « Necrologii Olivetani » exemplaria, quae pos- 
sidemus, ab anno scilicet 1337 omnia initium sumentia. 

(2) Qui « Chronicorum libri », vulgo « Chronicon Cancella- 
riae » ab initio Congregationis Olivetanae disserere de rebus 
nostris incipiunt. 



in Spicilegium Montolivetense xxi 



Olivetanae componendae subsidium suppeditant (1). 

Quibus illa magna diplomatum supellex adiungenda, 
quae in publicis uniuscuiusque civitatis archivis recon- 
dita adservatur. Haec enim historica diplomata, in no- 
stro « Spicilegio Montolivetensi » vel ex integro inse- 
renda, vel ex parte concinnanda, prout utilitas poposcerit 
et rerum momentum, monasteriorum omnium Archi- 
ooenobio Montolivetensi olim subiectorum, deinde to- 
tius Oongregationis OKvetanae historicum fundamentum 
praebere censentur (2). 

In quo quidem munere praestando, methodus primum 



(1) Nostris etiam diebns, omnes fere alicuius nominis mo- 
nachi, de Iiistoria olivetana curam liabuere, inter quos et 
Bmum D. Camillum M. Seriolo Abb. Gener. (of. L. F. F6 
D'OsTiANi, II Comune e V Abazia di Bodengo^ Brescia, 1886, 
p. xiii), et cl. D. Cajetanum M. Di Negro, abbatem in coe- 
nobio Montis Oliveti Majoris (cf. Di Fra Giovanni da Verona 
e delle sue opere^ cenni di Giacomo Franoo, Verona, 1863; 
U. Nomi-Vbnbrosi-Pesciolini, Un quadro di Bernardino Betti 
da Perugia [estratto dalla Miscellanea stor. della Valdelsa, III, 
fasc. 2], Castelfiorentino, 1895), nuper deperditum, adnume- 
rare sufficiat. 

(2) Quoad 'methodum in monumentis bistoricis transcriben- 
dis sequendam, ea nobis praestantior utiliorque visa est, quae 
appellari potest « interpretativa », hisce verbis a cl. Pbtro 
Fbdblb descripta : < sciogliere le abbreviature, raggruppare 
o separare lettere, sillabe e parole a seconda del senso ; rego- 
lare, pur con nna certa moderazione, secondo V uso moderno, 
r interpunzione e le maiuscole , fare insomma tutto quello 
che pu6 facilitare la lettura e 1' intelligenza del testo. £2 lo 
stesso metodo consigliato dall' Istituto storico italiano, seguito 
dairHartmann per la pubblicazione delle carte di S. Maria 
in Via Lata (L. M. Hartmann, Tahularium S, Mariae in 
Via Lata, Vindobonae, 1895), e del quale gli fu data lode. » 
(P. Fbdele, Carte del Monastero dei 8S, Cosma e Damiano in 
€ mica aurea », in Archivio della B, Societd Boniana di Storia 
Patria, vol. XXI, 463, 464). 



xxn Praefaiio in Spictlegium MontoHveiense 

analytica nobis sequenda yidetur, ut, completo opere, 
syntheticum possimus perficere aedificium. 

Haec, dum impiae iniustaeque conduntur leges, ad- 
versus monasticas familias, et aliae nequiores ab omni- 
bus iam praevidentur (1), ni Deus perditorum hominum 
corda in bonum deflectat, Congregationis Olivetanae 
monachi fervide, patriae etiam historiae prospicientes, 
aggrediuntur. 

Haec quoque monenda erant, ut huius nostri « Spi- 
cilegii Montolivetensis » utilitas indolesque statim per- 
ciperetur. XJtinam, hucusque plerisque recondita monu- 
menta, excussa tandem pulvere, omnibus patere possint. 



Florentiae, ex Abbatia Septinmianensi; prid. idus Jalii; MCMI^ 
in festo Patrocinii SS. P. N. Benedicti Abb. 



(1) Sciunt iam omnes, qnas, perditissimi homines contra 
monachos in Galliis degentes, nequissimas tulerint leges. Ipse 
etiam Summus Pontifex vocem extulit litteris suis < Le B>e- 
ligiose Famiglie » ad Superiores Ordinum Regularium^ datis 
die 29 Junii 1901. 



DE VITA SCRIPTISQUE 

ANTONII BARGENSIS 



COMMENTATIO 



D. PLACIDI M. LUGANO 



DE VITA SCRIPTISQUE 

ANTONII BARGENSIS 



I. — Antonii Bargensis « Chronicon » in lucem edi- 
toris, quaeque de auctore, ipsius yita, moribus, scriptisque 
nobis relictis, scitu dignissima, haberi possint, in medium 
proferre nobis liceat. Eius enim vita, monachali habitu in Bargensis 
decorata; eius mores armis consiliorum Evangelii casti- ^^''^™^''»^^»- 
gati; eius denique scripta, quamyis inelegantia, satis 
tamen illius aetatis indolem redolentia, magis magisque 
nobis profutura existimamus. Est enim hujusce nostrae 
aetatis haec evidentissima indoles, ut omnia, summa cura, 
summoque studio, investigentur: ea praecipue, quaeadpa- 
triae historiae monumentum, aliquid conferre videantur. 
Ex quo oritur, ut vel minimi ingenio, si amore laudis 
Utfcer^que premantur, ad historiam jam peraoti tem- 
poris inyestigandam, sese ultro dedant. In quo quidem 
munere, multi reyera, et ratione methodi rei aetatique 
nostrae aptae, et ratione studii yeritatis, quaecumque 
sit, inquirendae, magnam sibi meruere laudem. Sed haec 
minima utilitas : nam, quod magis curandum, et homines 
et tempora jam acta, falgida luce, historica arte deducta, 



XXVI De Vita et Soriptis 

circamqtLaque diffiisa, yidemus diligimusque. Quod sane 
nec spernendum, nec minimum emolumentum esse, eru- 
diti homines existimant. 

Quidquid ergo de Antonii Bargensis vita scriptisque 
colligere undequaque mihi fas erit, enucleando, et, pro 
minima mei ingenii parte, inyestigando, proferam. 

II. — In pago Bargensi, vulgo « Barga » , in agro 
Lucensi (1), sub fine saeculi XIV, Antonius noster vitam 
agere coepit. Quinam fuerint parentes; quae viyendi 
in pngo Bar- ratio ; quac domus familiaeve consuetudines, nos peni- 
far "BTxbXe ^^ latct. Ex geute tamen Ugucia ortum duxisse, com- 
«aec. XIV. pertum habemus (2). Tabularii nostri monumenta, nul- 
lam viri praeclarissimi exhibent originem. Nec mirum: 
primis enim nostri Ordinis temporibus, haud curavere 
patres illi veteres, quae de viris, in eo florentibus, vir- 
tute ingenioque poUentibus, scitu digna forent, scriptis 
tradere, hoc unum prae oculis semper habentes, monacho 
magis convenire, memorabilia agere, quafii acta chartis 
consignare. Ea enim aetate, semper utique adamanda, 
quum ipsi fere omnes splendore virtutum, ingeniique 
robore eniterent, aut de omnibus aequaliter loquendum, 
aut de omnibus pariter silendum. Hoc ultimum eligere 
statuerunt, homines humilitate maxima Ailgentes. Nec 
nobis propterea dolendum ; cum ipsi patres nostri exem- 
plum virtutis, tacendo, relinquere aestimaverint ; ac si 
humilitate flrmanda omnia, nobis indigitare vellent. 



.(1) Cf. Bepstti, Dizionario geografico, fiaico^ storico deUa 
Toscana, Firenze, 1833, I, 273-280. 

(2) Legitur eniin in quodam actu, anno 1429, exarato « fra 
Antonio di Guccio da Barga»; in aliis vero, annis 1431, 1435, 
1436 confeotis, reperitur « fra Antonio Gucci da Barga » (Ar- 
CHiv. Stat. Florbnt., Monaster» suppress.f 168, vol. 57). 



ArUonii Bargensis 



XXVII 



m. — Attamen compertmn esse, Bargensem nostrum, 
jnvenilem adhuc gerentem aetatem, Oongregationi Be- OHvetanum 
nedictinae, cni a Monte Oliveto titulus est, nomen de- inBtitutum. 
disse, scimus omnes. De eius tyrocinio inter nobiles novi 
ordinis sodales, nihil certi apparet. Sed ex fastigio digni- 
tatis, quo evectum, processu temporis, enarrabimus, ar- 
gumentum sumere liceat ad affirmandam ipsius animi 
rectitudinem, maximamque constantiae virtutem, quibus 
per callem perfectionis, recto tramite, ascendisse credimus. 

Si autem ad nomen Bargensis referenda est notula 
quaedam in antiquo « Necrologio Olivetano » , constat mo- 
nackum nostrum vota emisisse anno 1414, die vero 2 fe- 
bruarii (1) : quod quidem in dubium minime vocandum : 
nam et anno 1415 jam adnumeratur inter Oonventuales 
Monachos monasterii florentini Sancti Miniatis (2). Hoc 
autem testantur scriptores synchroni, qui, quolibet anno, 
a Oapitulo generali eligebahtur, viri omni fide digni ex 
probatissimis fraestantissimisque, ut singulorum nomina 
monachorum in apposito codice, cui titulus « Familiarum 
Tabula » , juxta designationem Oapituli et Abbatis gene- 
ralis, describerent: quae vero « Familiarum Tabulae » 
proinde maximam sibi vindicant auctoritatem. 

IV. — A monasterio florentino Sancti Miniatis, anno 
1416, transfertur inter Oonventuales Sancti Bemardi de Eiusvifciab 

' , , an. 1416 ad 

Aretio (3), et aimo 1417 inter illos regalis coenobii Bono- an.i4i9. 



(1) Hoc Necrologii Olivetani exemplar exaratum fuit ex Libro 
Montis Oliveti Majoris, usque ad annum 1520, per fr. Lucam 
de Bononia, qui obiit Senis, anno 1520, procurator Ordinis. 
Anno autem 1452, ipse ad nomen emortuale Antonii Bargensis 
adnotayit, alio tamen atramento, « professus 1414, 2 febrnarii, 
Bononiae ». 

(2) Familiarum Tabula ab a. 1379 ad 1458, II, a. 1415, p. 121. 

(3) Pamiliar. Tab., U, p. 123. 



XXVIII Le Vita et Scriptis 

niensis Sancti Michaelis de « Boscho » (1), in quo qaidem 
xnonasterio et anno 1418 moratus est (2); aimo autem 
1419 ibi fimgens Gellerarii munere (3). 

Qoi Cellerarias monasterii, juxta mentem Beati Bene- 
dictiy c eligatur de congregatione sapiens, maturis mo- 
ribus, sobriusy non multum edax, non elatus, non tur- 
bolentus, non injuriosus, non tardus, non prodigus, sed 
timens Deum, qui omni congregationi sit sicut pater » (4). 
Ipsius est curam gerere de omnibus, de seipso humiliter 
sentire, fratres non contristare, ad nutum abbatis omnia 
peragere. 

Quanto studio Antonius noster in id muneris incu- 
buerit, nemo ambigere potest. Nam et ipse exemplum 
bonorum operum in seipso fratribus porrigere satagens, 
nondum elapso anno 1419, jam ad altiora ascendere 
coactus ftdt. 

V. — Quod quidem factum est anno 1420, quum in 
H2o-:o. monasterio nostro Sanctae Mariae de Siperia, Patavinae 
dioBceseos, Magister Novitiorum renuntiatur (5). Ipse 
enim a Sancto Benedicto describitur « Senior, qui aptus 
sit ad lucrandas animas » (6), cuius munus hisce verbis 
Constitutiones antiquae Ordinis Montis Oliveti decla- 
rant : « Officium vero Magistri illud esse declaramus, ut 
ubi ab abbate Novitiorum cura sibi assignata fuerit, 
omni cum charitate, et modestia, summaque discretione 



(1) Familiar. Tab., II, p. 126. 

(2) Familiar. Tab., II, p. 129. 

(3) Familiab. Tab., II, p. 130. 

(4) Sancti Benbdicti BeguLay cap. XXI. Cf. expositionem 
Pauli Warnepridi, diac. Cassin. (Typis abb. Montis Casini, 
MDCCCLXXX, p. 310 seqq.). 

(5) Familiar. Tab,, II, p. 133'. 

(6) Regula^ cap. LVIIII. 



Antonii Bargensis xxix 



illos regat, et custodiat, eosque tum bonas literas et 
sanctas, tmn vero optimos mores imbuat, nec illis Be- 
golam, traditionesque nostras exponere negligat ...» (1). 

Septem annis lioc mumere laudabiliter fanctus est 
Bargensis noster; ab anno scilicet 1420 usque ad an- 
nuum 1426. Duobus vero annis (1420, 1421) in mona- 
sterio nostro Patavino Sanctae Mariae de Eiperia (2) ; 
duobus (1422, 1423) in coenobio Sancti Miniatis de Flo- 
rentia (3) ; et aliis tribus sequentibus (1424, 1426, 1426) 
in monasterio Perusino Sanctae Mariae Montis Mor- 
cini (4). 

VI. — Inter fratres conventuales coBnobii Patavini 
Sanctae Mariae de Riperia adnumeratur denuo duobus 1*27-1*40. 
annis (1427, 1428) (B), usque dum, anno 1429, inter con- 
ventuales coBUobii Florentini Sancti Miniatis adscriptus 
est (6). Ex quo transire cogitur ad propinquum Monaste- 
rlum Sancti Bartholomaei, modo de « Monte Oliveto » 
vocitatum, in quo, titulo « prioris » decoratus, summa 
cam laude, monasticam familiam rexit gubemavitque, 
tribus hisce annis 1430, 1431 et 1432 (7). Quo quidem 
tempore, duobus vicibus, nempe annis 1431 et 1433, ad 
Gapitulum generale, in Monte Oliveto Majori congrega- 
tum, se contulit, ad electionem abbatis generalis (8). 



(1) Constitutiones Ordinia Montts Olivetiy Pars I, cap. XVIII, 
Bunoniae, apud A. Giaccarellum et Peregr. Bernardain Socios, 
Nonis Octobris. M.D.LIX, p. 45, 46. 

(2) Familiak. Tab., II, p. 133', 135\ 

(3) Familiar. Tab., II, p. 138, 141. 

(4) Familiar. Tab., II, p. 145', 148'. 

(5) Familiar. Tab., II, p. 150', 152'. 

(6) Familiar. Tab., II, p. 156; cf. Arch. Stat. Florbnt., 
3Ionaster. suppress., 168, vol. 57, doc. J3 decemb. 1429. 

(7) Familiak. Tab., II, p. 157, 160', 163. 

(8) Familiar. Tab., II, p. 160, 163. 



XXX De Viia et Scriptis 



A coenobio Florentino Sancti Bartholomaei, anno 1433, * 
abbas electus, ad aliud pariter Florentinum, jam saepe 
memoratum, Sancti Miniatis monasterium regendum 
assumitur (1). In quo munere explendo, omnia quae prae- 
cipiuntur a Sancto fienedicto (2), ad unguem, sibi aliis- 
que studens, opere complevisse dicendum est. 

Anno 1434 prior monasterii Sanctae Mariae de Castro 
Sancti Geminifini renuntiatur (3) ; anno 143B in coenobio 
Sancti Hieronymi de Pisis, prior eligitur (4) ; anno 1436 in 
monasterio Florentino Sancti Bartholomaei (6), et anno 
1437 in loco Sancti Benedicti de Pistorio, prioris titulo, 
monasticam rexit familiam (6). 

Denuo, anno 1438, renuntiatur abbas Sancti Miniatis 
de Florentia (7). A quo cosnobio pergit in Montem Olive- 
tum Majorem, in agro Senensi positum, ubi prior effi- 
citur anno 1439 (8), et anno sequenti 1440, eodem ti- 
tulo praeficitur familiae monasterii Sancti Andreae de 
Volaterris (9). 

VII. — Nunc autem redeamus ad annum 1434, quo Bar- 
A. 1434 Bar- gcusis uoster iutcr Visitatores Congregationis cooptatus 
genBis viBi- f^^ Antiquitus enim Visitatores vel duo vel tres numero 

tatoreligitur. ■*■ 

fungebantur munere suo : nunc vero, quum Antonius de 
Barga ad hoc officium assumebatur, sex et non minus, 
in visendis monasteriis, abbati generali adjutorium mo- 



(1) Familiar. Tab., II, p. 167. 

(2) S. Bbnkdict. Regulaj cap. II. 

(3) Familiae. Tab., II, p. 169, 171.. 

(4) Familiar. Tab., II, 173'. 

(5) Familiar. Tab., II, 176. 

(6) Familiar. Tab., II, p. 177'. 

(7) Familiar. Tab., II, p. 179'. 

(8) Familiar. Tab., II, p. 181'. 

(9) Familiab. Tab., II, p. 184. 



Antonii Bargensis xxxi 

remque gerere curabant. Quam innoyationem Beforma- 
tores ab Apostolica Sede deputati, anno 1430, statuerunt : 
qui propterea munus et officium ita describebant : « De 
quorum rVisitatoruml consilio et consensu vel maioris Visitatoris 

. Muans. 

partis eorum, ac voluntate expressa teneatur dictus ab- 
bas [generalis] et debeat ordinare, facere, sive disponere, 
absolvere, instituere, sive permutare, tam in totum quam 
in partem, annis singulis in Capitulo generali, aut quo- 
modocumque necessarium fuerit, omnes et singulos prio- 
res, prelatosque, et alios officiales, et familias omnium, 
singulorum ac quorumcumque conventuum et mona^te- 
riorum ordinis predicti, eorumque visitationes facere, et 
distribuere quotiens et quandocumque eis necessarium 
fore videbitur, tam in totum quam in partem, conven- 
tuum et personarum omnium et singulorum : ac omnia 
et singula statum ordinis quomodolibet concernentia, tam 
in totum quam in partem ; et ea que proponerentur in 
Capitulo generali, aut alias quecumque evenerint simili 
modo et forma tractare et determinare, ac demum exe- 
cutioni mandare. Item nec valeat absque consensu maioris 
partis, predictorum sex, super constitutionibus ordinis 
prefati, nec super penis et penitentiis publicorum de- 
lictorum, ac irregularitatibus, et inhabilitatibus aliis, cum 
delinquentibus dispensare. Insuper nec bona prefati or- 
dinis aut pecunias distribuere, nec alias preterquam ad 
bursam communem, seu aedem sacram, clandestine con- 
gregare. Sed in hiis omnibus eam tantum facultatem 
habeat, quam quilibet alius prior habet in suo mona- 
sterio singulari. Quorum quidem visitatorum sic electo- 
rum tempus regiminis duret hoc modo, videlicet, quod 
in fine anni a die conclusionis generahs capituli com- 
putandi, tribus ex ipsis ob officio visitationis hujusmodi 
absolutis, per abbatem et predictos sex visitatores, vel 



XXZII 



De Vita et Scriptts 



miaieiiti. 



maiorem partem eonun, tres alii sabrogentor: et sic 
annis singulis, tres ex eis, qui plos officio visitationis 
prefuerint) amoveantur, et tres de novo subrogentur 
eisdem; nec valeant confirmari, sed per biennium con- 
tinuum yacent ab officio visitationiSy antequam de novo 
eligi possint ad dictum visitationis officium » (1). 

Quod munus Bargensis noster, magna laude, exple- 
vit annis 1434 et 1435 (2). 

A.1443-U41. Vm. — Iterum anno 1440 ad hoc officium assumitur; 

Abbasinmo- g^ auno 1441, abbas renuntiatur in monasterio nostro 

nuteno Do- 

Demisiensi Sanctae Margaritae,inpartibus Hungariae (3). 

De quo quidem coBUobio, nobis tradito, haec habet 
Bargensis noster : « Hujus [abbatis Laurentini de Aretio] 
tempore, idest anno primo [1435], acceptatum est mo- 
nasterium Sanctae Margaritae de Demisio, in partibus 
Ungarie, quod ordini nostro contulit illustrissimus im- 
perator Sigismundus. Set de hac acceptatione non bene 
successit ordini, quia valde dampnosum ^t animabus 
plurimorum fratrum, quia in remotis partibus, non po- 
terat visitari, et sic plura inconvenientia venerunt » (4). 

In quo opulentissimo monasterio, jam anno 1435, 
abbas Bemardus Filipponius, patria Yercellensis, cum 
aliis tribus Monacbis, sedem monachalem posuit (5). Qui 



Monaiteiii 

Demisieniie 

hittoria. 



(1) Rbgist. Olivbt., II, 25 (doc. 17 maii 1430). 

(2) Pamiliar. Tab., II, p. 169, 171, 174. 

(3) Familiar. Tab., II, p. 188'. Cf. Lanobllotti, Hisioriae 
Olivet,^ I, p. 42 j Bblforti, Ghronologia Brevia^ Mediolaui, 
MDCCXX, p. 4. 

(4) A. Barobnbis, Chronicon^ p. 57. 

(5) Familiar. Tab., II, 174: In Monastbrio Ungarib: Abbas 
fr, Bernardus de Vercellia — Conybntualbs : /r. Laurentius de 
Luca^ fr, Henricua de Alamania^ fr, Johannes de A.legri8 de 
MediolanOf 



Anionii Bargmsis xxxiii 



abbas Bemardus hoc ooBnobiom rexit usqae ad annmn 
1440, quo aetemitatem petiit, quamvis in « Necrologio 
Olivetano » adnotetur inter deftinctos an. 1441 (1). Pa- 
milia vero monasterii Demisiensis, anno 1436, tribus 
pariter Monachis et Abbate constabat (2) ; anno 1437, 



(1) Quaedam Iieic de hoc, inter nostros praestantissimo viro, 
addere fas sit. 

Nihil de eius vita in saeculo dicere possumus : scimus tamen 
Vercellis in Insubria hunc Bemardum ortum duxisse. Inter 
Congregationis Olivetanae alumnos adnumeratur anno 1409, in 
monasterio nostro Bononiensi Sancti Michaelis « de Boscho », 
ibique novitium agere coepit et monachum (1410). Anno vero 
1411, € Sacrista » in monasterio Pistoriensi S. Benedicti re- 
nuntiatur, et tribus sequentibus annis (1412, 1413, 1414), 
« Magister Novitiorum » in monasterio S. Catharinae de Fa- 
briano. Deinde « prior » rexit monasterium S. Benedicti de 
Senis (1415); S. Mariae de Bedagio, in agro Mediolanensi 
(1418, 1420, 1426); Montis Oliveti Maioris (1422, 1423); S. Helenae 
de Venetiis (1416, 1417, 1430. 1440) ; S. Johannis « de Venda », 
in agro patavino (1432); S. Hieronymi « de Quarto », apud 
Ligures (1433) ; « abbas » vero gubernavit monasterium Flo- 
rentinum Sancti Miniatis (1421, 1428, 1842) et coenobium 
Hungaricum S. Margharitae de Demisio (1435-1440), in quo, 
supremum diem obiit, et eius ossa venerantur. Tradunt etiam, 
scriptores nostri ibi, in pago, videlicet Demisiensi, urbi Stri- 
goniensi vicino, miraculis clarere: quod vero rerum Hunga- 
ricarum scriptores nescire videntur. Cf . Tondi, L* OUveto iUu- 
strato, Venezia, 1684, p. 65. Noster insuper Michaelangelus 
Bonhavertius {II miracoloso principio de la Congreg. di S, Maria 
di Montoliveto, in Ferrara, MDCV, p. 47, 48) de ipso haec nobis 
tradidit : < II P. Bernardo da Vercelli, padre di buone lettere, 
et huomo di santa vita, il quale scrisse un libro in Dialogo con 
varie sorti d' orationi e di contemplationi, e l'indrizz6 al vene- 
rabile f. Antonio Barga, pur nostro monaco, quaVera stato 
suo compagno. E il detto libro si conserva ancora, e si ritruova 
qua in Montoliveto. » Sed D. Secundus Lancellottus {Hist, Oliv., 
I, 42), sua aetate, huno precum et meditationum codicem dialo- 
gisticum, omnes latere scribit. 
(2) Familiar. Tab., II, 176* : In MoNASTSBioTJNaABlB : Abbas 

Spiolbo. Momtoliv. — Vol. I. 3 



xxxiv De Vita et Scriptts 



qnatnor et abbate (1) ; aimo 1438, sex et abbate (2) ; et 
annis 1439, 1440 quataor solnmmodo et abbate(3). 

Statim ac fato oessit, com sanotitatis fama, abbas Ber- 
nardns Filipponins, coBnobium Demisiense snsoepit re- 
gendnm abbas visitator Antonins de Barga, anno sci- 
licet 1441 (4). Sed anno sequenti dimisit. Illad vero, 
anno 1442, rexit abbas « fir. Nicolaus de Kegio » (5); 
anno 1443, abbas « fr. Bartholomaeus de Mantua » (6); 
anno 1444, abbas < &. Matthaeus de Senis senior » (7), 
et anno 1446, abbas « fr. Nicolosus de Sayona » (8); 



/r. Bemardua de Veroellis — Gonvbntitalbs : /r. Henriow de 
Alamanta, fr, Michael de Vulterria, fr, Antoniua de Ungaria. 

(1) Fahiliar. Tab.^ II, 178': In Monastbrio Sangtb Mab- 
QARITB DB IJNaARiA : Abbas /r. Bemardus de VercelUs ^ CoN- 
TBNTUALBS: /r. Henricus de Alamania^ fr. Otorgius de Ala" 
mania, fr, Michael de Vulterrisy fr, Antonius de Ungaria, 

(2) Familiar. Tab., n, 180': In Monastbrio Sanotb Mar- 
QARiTAB DB Dbmisio in IJnoaria : Abbas /r. Bemardus de 
VerceUis — CoNTBNTnALBS : /r. Antonius de Crealcore de Bo' 
nonia, fr, Johannes de Ferraria, fr, Johannes de Leodio, fr, An^ 
tonius de Christianis de Bononia, fr, Steffanus de Varesio de 
Mediolano, fr, Tomas de Asciano, fr,„ 

(3) Familiar. Tab., II, 183': In Monastbrio Sanctb Mar» 
GARiTB DB Unoaria ,* ABBAs/r. Bemardus de Vercellis — CoN- 
YBNTcrALBS : /r. Antonius de Crealcore, fr, Johannes de Monte 
Claro, fr, Johannes de Leodio, fr, Steffanus de Varesio de Me- 
diolano, 

(4) Familiar. Tab., II, 188': In Monastbrio Sanotb Mar- 
OARITB DB Unoaria : Abbas fr. Antonius de Bargha — YiCA- 
Rius /r. Antonius de Crealcore — Conybntualbs : /r. Steffanus 
de Varesio, fr, Johannes de Leodio, 

(5) Familiar. Tab., n, 191': Prior glaustralis /r. AntO' 
nius de Crealcore — Conybnt. : /r. Steffanus de Varesio de JKIe- 
diolano, 

(6) Familiar. Tab., II, 194': Prior 0LAUSTR./r. Ant, de Creal- 
core — Conybnt. : /r. Johannes de Leodio (omnes presbyteri). 

(7) Familiar. Tab., II, 198 (eadem familia ut supra [6)]. 

(8) Familiar. Tab., II, 200'. 



Antonii Bargensis xxxv 

quo tempore nostri (XBnobiam Hongaricam Sanctae Mar- 
garitae de Demisio « Domos » vel < Domdsi » dimisere. 
Quae nunc sufficiant pro historia huius monasterii (1). 

IX. — Bargensis vero anno 1442, abbas renuntiatur in a. 1442-1452. 
ooBnobio Florentino Sancti Miniatis (2); anno 1443, abbas 
SS. Jacobi et Christophori monasterii Boffeni in agro 
Senensi (3); anno 1444 prior Sanctae Mariae de Riperiae, 
Patavinae dioeceseos (4), et annis 1446 et 1446, prior 
monasterii Sanctae Mariae Montis Oliveti de Neapoli (6). 
Hic summa familiaritate usus est Bargensis noster cum 
Bartholomaeo Facio, viro doctissimo, asecretis Alphonsi V 
Aragoniensis, quem vocat « dilectissimum filium » et 
cui direxit opellam quamdam « de dignitate hominis et 
de excellentia humanae vitae », ex qua inferius prolo- 
gum referam. Cui Ubrum etiam « de Magistratibus et 
Praelatis » dicavit (6). 

Anno vero 1447, Antonius de Barga, prior assumitur 
in monasterio Pratensi Sancti Bartholomaei, vulgo « delle 
sacca > in quo usque ad annum 1450 permansit, mona- 
sticam familiam opere et exemplo laudabiliter regens (7). 
Hinc ad monasterium Florentinum Sancti Miniatis, 
anno 1451, revocatur, abbatis titulo ultima vice deco- 
ratus. Nam, anno sequenti 1462, supremum diem clausit, Eiasobitas. 
ibique in perantiqua insignique basilica sepeUtur (8). 



(1) Gf. M. SzvORBNai, Historiae Eccleaiasticae Begni Hungariae 
AmcBnitates, Tanrini, 1795, p. 187, 190. 

(2) Pamiliar. Tab., U, 190. 
(8) Familiar. Tab., n, 193'. 

(4) Pamiliar. Tab., II, 195'. 

(5) Pamiliar. Tab., n, 200, 203'. 

(6) De qaibus omnibus inferins dioam. 

(7) Pamiliar. Tab., II, 207, 210, 213', 216. 

(8) Pamiliar. Tab., n, 218', 221'. 



xxxYi De Vita et Scriptis 



Dnm hano vitam ageret Antonins de Barga, snmma 
intimaqne familiaritate sancto viro Bemardino Senensi 
conjnnctns erat (1) : de Bartholomaeo Facio, velnti de 
filio dilectissimo, gloriabatnr; Johannem de Marcha 
Nova, sodalem Camaldnlensem, famosissimnm doctorem 
in Bononi^nsi stndiomm nniversitate, altemmqne Jo- 
hannem Pratensem, doctorem eximinm, inter amicos di- 
lectissimos habnit. 

Haec de vita Bargensis satis sint: de scriptis aliqnid 
addere liceat, et primo qnidem, de asceticis; postea vero, 
de historicis sermo erit. 

X. — Codex, ex qno nostrum « Chronicon » depromi- 

BargensiB mns, qucmdam libmm Bargensis continet, qni inscribitnr 

m da dr'itet« * ^® dignitate hominis et de excellentia hnmanae vitae » . 

bominif ». Quidnam sit, cni dirigatur, et qua mente auctor scrip- 

serit, accipias, quaeso, ex ipsius epistola dedicatoria. 

< Antonitis Bargensis Monachus^ dictus prior Montis 
niius Oliveti in Partenope, salutem dicit Bartolomeo Facio, 
suo in Chnsto dilectissimo filio; salutem, et sospitatem 
praesentem, et in finem salutem et gloriam sempitemam. 
Quidam olim Innocentius Bomanae Ecclesiae summus 
pontifex quemdam libellum luculento sermone compo- 
nens, in quo abundanter et copiose de hnmana miseria, 
et hominis vilitate dissemit, incipiens ab einsdem ho- 
minis conoeptione, nec destitit eius miserias atque infe- 
licitates enarrare, quousque miserrimus perdnctus est ad 
infemum. Quem libellum ipse qnoque beatae memoriae 
Antistes intitulandum c de humana miseria » , non imme- 
rito esse putavit. In quo opere idem feliois recordationis 
Papa, poUicitus fuit sociale opus componere, quod e con- 
verso intitulari debuerat « de dignitate et excellentia hu- 



(1) Gf. A. BARaBNSis, Chronicon, p. 2Q, 



Antonii Bargensis xxxvii 



manae yitae » . Sed nequaquam egit, nec ab aliqno priorum 
poetarum, theologorum, et recthoricorum, de tam eximio 
opere, temporibus retroactis narratum esse reperio. Credo 
eumdem Innooentium in Eoclesiarum regimine constitu- 
tum, quem dominus speculatorem dederat domui Israel, 
atque dimicatorem coittra inimicos Ecclesiae, ut olim tur- 
rim David contra Damascum, uti hominem occupatissi- 
mum, quod olim promiserat, nullo modo implere jpotuisse. 
Quapropter, dilectissime fili, et inter caeteros filios meos 
in Christo ut plurimum cordialissime, multi&rie de tua 
dilectione et carLtate confidens, non praecipiendo, non 
cogenda, sed dulciter supplicando, atque humiliter ezhor- 
tando, te rogo quatenus eumdem libellum, a iam tran- 
sactis temporibus ab iUo summo pontifice olim promis- 
sum, exequi velis ad meam exhortationem, tuamque 
consolationem et meritum, omniumque Christi fidelium 
futuram instructionem perpetuamque salutem. Quare 
eumdem libellum tibi mitto, non compositum, sed aliqua- 
liter, per aliquas distinctiones et capitula breviter desi- 
gnatum. Et quoniam, ut cemis, amantissime fili, iam 
in fine quadragesimae, multis attenuatus ieiuniis, vigiliis 
quoque, regularibusque observantiis fatigatus, nec non, 
proh dolor, exterioribus negotiis, pro defensione mona- 
sterii invite detentus sum, et post haec omnia, adhuc re- 
quiem non invenio. Sed celebrato praesenti ieiunio et 
Pasca futuro pro negotiis mei ordinis, obedientia et neces- 
sitate compulsum ad nostrum Capitulum generale, prope 
Senensem dvitatem in proximo celebrandum, oportet me 
quantocius properare. Ideo his omnibus occupationibus 
praepeditus, ad opus praefiaitum decenter et morosd vacare 
non possum. Sed gaudeo, sane, quia te, fili dulcissime, in 
arte oratoria eloquentissimum repperi, qui inter aliosx)ra- 
toriae artis, uti audeo dicere, non modo secundus, immo 



xxxyiii Le VUa et Scriptts 

primQS post Tulium, tulianam eloqaentiam imitaris. 
Igitur quicquid per me invenies minus designatum (non 
erubesco, immo glorior de tanto filio), tuum erit corrigere, 
emendare, ampliare, omare, atque componere, quia datum 
est tibi desuper talentum tantae nobilitatis, idest, tantae 
scientiae, quae solum cum moribus nobilitat hominem. 
De quo laudes infinitas refero omnium Creatori, qui tam 
excellenti dono meum filium decoravit. Eia ergo, dilectis- 
sime, accinge fortitudine J^niTTmnn tuum, et tam nobile 
opus aggredi non formides, confidens in Domino omnium 
bonorum largitori, qui linguas infantium facit esse dis- 
sertas, quod ipse omni bonitate et miseiicordia plenus 
largusque in muneribus, non negabit tibi quidquid ad 
laudem sui sanctissimi nominis, eiusque fideUum salu- 
tem et meritum humiliter postulaveris. Yolo tamen li- 
bellum ipsum michi destinare non tardes, cum opitu- 
lante omnipotentis gratia, ad finem usque compleveris. » 
XI. — Hucusque prologus seu epistola dedicatoria. Se- 
Qmd ait quitur deiude liber, cui praecedit haec rulbrica « Liber in- 
tituletur de dignitate hominis et de excellentia humanae 
vitae ». Postea incipit rem agefe dicens: « ante omnia 
enarrandum est, quare Deus fecit hominem, et corpo- 
reum et incorporeum »; quo evoluto, explicat « quid sit 
imago et similitudo Dei in homine ». Hinc transit ad 
dignitatem et excellentiam hominis tractandam, varias 
in medium sanctorum Patrum referendo sententias, post 
quas subjungit : « Et quamvis ipsa excellentia hominis 
sit incomparabiliter prestantior caeteris creatis, et magis 
sit ipse habilis adhaerere verae beatitudini et capax sit 
omnium frui, tamen duodecim erunt beatitudines, in 
quibus ipse totus homo, transactis erumpnis presentis 
saeouli, perpetuo, exuberabit » . Quo facto, singulas san- 
ctorum civium beatitudines illustrare et elucidare brevi» 



Antonii Bargensis xxxix 



sed Inctileiito sermone, conatur (1). Quae Beatitudines, 
jnxta mentem fiargensis, per sex gaudia supemomm 
ciyimn compleri putandum est. Ipse enim addit : « Scire 
namque debemus quod electorum gaudium in sex prin- 
cipaliter consistit, scilicet, in visione et cognitione san- 
ctissime Trinitatis; in amoenitate loci; in sodetate san- 
ctorom; in glorificatione corporum; in infemo, et in 
mundo. » Quae gaudia, sermone eraditione conferto, ab 
auctore nostro explicantur (2). | 

Hoc, opus Bargensis : haec yia sequenda a Bartholo- 
maeo Facdo in tractatione « de dignitate hominis et de 
excellentia humanae vitae ». 

Sed quo tempore haec scripsit Bargensis noster, et wQ^^f^®^^* 
qua ratione ipse Faccius opere magistri, vel patris sui in 
amore Ghristi, usus est? Paucis respondemus. 

Scripsisse quadragesimali tempore, ante festum Pa- 
schae, Bargensis ipse testatur, in epistola dedicatoria; 
anno vero 1447, ex « Familiarum Tabula » facile erui- 
tur. Nam « capitulum generale prope Senensem dvita- 
tem in proximo celebrandum » ad quod Bargensis quanto- 
cius sibi properandum esse scribit, coadunatum est die 
ultima mensis Aprilis, quae fuit dominica tertia post 
Pascha, anno 1447, in ccBnobio Montis Oliveti Majoris, 
prope Senas: et inter praesentes, vocemque in capitulo 



(1) En tibi XII Beatitudines codlestium civium in opere Bar- 
gensis explicatae. I Beatitndo : Satietas sine infirmitate. — 
II : Juyentns sine senectnte. — III : Satietas sine fastidio. — 
rV : Libertas corpornm. — V : Pnlcliritndo sine malitia. — 
VI : Impassibilitas et immortalitas. — YII : Abundantia sine 
defeotu. — VIII : Pax sine perturbatione. — IX : Beqnies 
sine labore. — X : Scientia sine ignorantia. — XI : Gloria et 
honor, qnem omnes electi mutno sibi praestant. — XII : Gan- 
dinm sine tristitaa. 

(2; Haec omnia continentur in XX foliis nostri Codicis. 



XL De Vita et ScripUs 



habentes, adntuneratar « fr. Antonius de Barga, prior 
monasterii neapolitani » (1). Ex quo patet, anno 1447, 
tempore quadragesimali, Bargensem hoc opus scripsisse, 
Faccioque misisse. 
Qaa ntione Ipse vero Bartholomaeus Faccius, ad normam ab Anto- 
Pa^iu^m ^o indigitatam, librum edidit « de excellentia ac prae- 
'^^- stantia hominis ad Nicolaum papam quintum (2); quod 

sane opus, saltem per summa capita, ad mentem abbatis 
nostri, scriptum fuisse liquido constat. 

Hoc enim modo incipit : « De hominis excellentia scri- 
bere nuper aggressus sum, Beatissime Pater, de qua 
quidem re acceperam Innocentium Fliscum, qui olim 
fuit et ipse Pontifex Maximus, virum plane eruditissi- 
mum, in eo libro, in quo humanas miserias complexus 
est, pollicitum esse sese scripturum; sed, quod fortasse 
accidere potuit, Pontificatus negotiis impeditum,. quod 



(1) Familiar. Tab., n, an. 1447, p. 205. 

(2) Cf. Felini Sandei, De Begibus Stciliae. — Abn. Sylv. 
PiccoLOMiNBi, Parallela Alfonnna qizibus accedit Babt. Fac- 
cii, Liher de humanae vitae felicitate, et Liber de exceUentia ac 
praestantia hominisj Hanoviae, Typis Wechelianis, M. BCXI, 
p. 149-168. 

In hac autem editione, Liber B. Faccii € de excellentia ac 
praestantia Domini » inscribitnr ad Pium 11 ] sed quum de 
hoc opuscolo memoria agatur in alio libello ejusdem au- 
ctoris < De viris illustribus », qui elocubratus ab eo fuit an- 
tequam Aeneas ad Cardinalatum evectus esset, pro Pio U, 
Nicolaus y reponendus est. Quod iam innuerat Cl. Laurbn- 
Tius Mbhus, in Praefatione ad libellum € De viris illustri- 
bus » (in Colonia, p. xxz, xxxvii) : quod insuper nos edocet 
etiam Codex Yatic. 3562, cuius auctoritate fretus Cl. Domin. 
Gboboius, in eruditissima disquisitione « De Nicolai quinti 
Pont. Max. erga litteras et Litteratos viros patrocinio » 
(pag. 199), ait Syntagma < de hominis excellentia » a Barth. 
Faccio elocubratum fuisse, atque ab eo Nicolao Y Pontifici 
nuncupatum. 



Anionii Bargensis 



XLI 



promiserat, non praestitisse. Nam cum vehementer 
cuperem aliquid in nomine tuo edere, quod meam in te 
pietatem, atque observantiam singularem, apud Sanctita- 
tem tuam, atque adeo omnes testificaretur, hanc profecto 
rem, authoritate tua maxime dignam existimavi. » 

Ilem ipsam agere et explicare conatur. « Ante omnia 
par esse arbitror, cum de hominis praestantia tractaturus 
sim, cur Deus hominem fecerit, paucis exponere. » Hic 
Platonicorum, Stoicorum, sanctorumque Patrum senten- 
tias refert, Augustini, Lactantii, Gregorii et Magistri 
Sententiarum. De Beatitudinibus et gaudiis supemorum 
civium pulcherrimam agens synthesim (1), finem operi 
feliciter imponit. 

XTT. — Nunc autem de alio libello Bargensis memo- 
riam facere liceat, qui in aliqua forte aede accademica 
Neapoli ab ipso auctore legebatur, vel saltem eidem 
Barth. Facdo auctor dicavit. Titulus est: « Liber de 
Magistratibus et Praelatis ». Istius libri epistolam nun- 
cupatoriam in medium proferre non licet, quia quaedam 
folia, in quibus major operis pars continebatur, in no- 
stro codice deesse video. Opus autem constat septem 
capitibus, prout in indice habetur (2). 



(1) Cf. praesertim (edit, cit.) pag. 155, ubi de imagine Dei 
in homine et p. 161-167, ubi de gandiis et beatitudinibus elec- 
torum Barth. Faccius agit. 

(2) Yideas, quaeso, bujus operis indicem. < Cap. I : Quo- 
modo praelati comparentur medicis et in quibus virtutibus 
occupentur. — Cap. II : De timore divino et de affectionibus, 
qaantum ad praelatum. — Cap. III : Quod praelatus sit miseri- 
cors. — Cap, IV : Quod praelatus sit iustus. — Cap. V : Quod 
praelatus spernat munera. — Cap. YI : Quod praelatus omnia 
faciat ad utilitatem subditorum. — Cap. YII: De excellentia 
praelatorum. » 

In nostro codice habentur solummodo XV folia Hujus ope- 
ris: reliqua praecedentia desnnt. 



Bargenflis 
« Liber de 
magistra- 
' tibos». 



xLn De Vita et ScripUs 



Plaoeat tamen andire quomodo Bargensis libro sno 
finem imponat. « Guncti admirantes [erant] ea quae dice- 
bamus. Jam erat nona et hora prandii, osculatisque onmi- 
bus reduxi me in monasterium Montis Oliveti. Te autem, 
qui peritus es in divinis et humanis, et in praefectura 
et magistratu alios excelUs, si in tali locutione bene 
locutus sum, vel non, tuum erit emendare, corrigere et 
limare; oramus, ut de praefectura et magistratu librom 
digneris componere, quia poUes eloquentia et facundia 
dicendi, et in re publica in variis legationibus et prae- 
fecturis exercitatus es. Nos si bene locuti sumus, omatum 
et facundiam non curavimus. Tu qui vere dives [es], 
vesti librum, vel libellum, .sive epistolam de Magistra- 
tibus et Praelatis intitulatum. » 

Dubium non est quin et hic liber Faccio directus sit : 
certum saltem videtur quod Faocius opus^ ad huius ima- 
ginem, non composuerit, dummodo et hoc opus in lati- 
bulis bibliothecarum non lateat. 
Bargenaii XIII. — Tcmpus cst, ut ad historica Bargensis scripta, 
;^^':. transeamm Et primo qmdem sese ultro nobis exhibet 
quoddam opusculum « de historia Tusciae » , predbus doc- 
toris Johannis de Marcha Nova compositum, cui opus 
dicatum habemus. 

Ita enim aggreditur novam tractare rem: « Anto- 
nius Bargensis, Monachus Montis Oliveti, dilectissimo in 
Ohristo filio Johanni de Marcha Nova, in liberalibus 
artibus decorato, salutem. Quia valde diligis me, et 
Pallam (1), aliosque Florentinos, et numquam vidisti pro- 
vinciam nostram ; ut scias unde Tusci habent originem, 



(1) Hic est litteratissimns et doctns ille vir Florentinus^ 
PaJlas, ez gente Strozziana, amicns Bargensis et Monacho- 
rum Montis Oliveti. 



Antonii Bargensis xLin 



et quales faerint, qualesque smt in moribus, quamyis 
multum degeneraverint ab antiquis j)atribus, meum tibi 
parumper desudet ingenium. » 

Si quaeras a me, quo modo a nostro, Historia Tusco- 
rum agatur, repono, quod ipse per summa capita, « de 
Ldda, quae est provincia in Asia minori » origLuem po- 
puli, Etruriam deinde incolentis, ducit, cuius res gestas et 
retroactis temporibus mediaque aetate, brevi admodum 
sermone enarrare conatur. 

Quo tempore, quove loco auctor haec scribere agres- Qnando con- 

... scripta. 

sus sit, habes ab ipso. « Et ista descripsimus in provincia 
de Flcuninia, in agro Ariminensi, contra Dabnatiam, in 
monte qui dicitur Scolca, dum ibi morarer causa visi- 
tandi cum abbate nostro generali, anno salutiferae incar- 
nationis domini nostri Jesu Christi, millesimo quadrin- 
gentesimo XL<> nono, ydibus septembris » (1). Li fine 
autem hujus historiae, Auctor mentionem facit de alia 
opella in votis fienda, dicens : « Si Dominus dederit tem- 
pus, vel otium, reliquos illustres, et de Florentia et de 
tota Tuscia, [viros] dicemus, et in omni facultate, quia 
multi sunt » (2). Quod forte opus, magis placeret, quam 
antiqua Tusdae historiuncula, de qua memoriamfecimus. 
Nunc autem in « Ghronicon » gressum facere libet. ' 
XrV. — Ex prologo in « Chronicon », luce meridiana «OhroDicon» 
darius patet, Bargensem Johanni de Marcha Nova opus 



(1) De monasterio nostro Ariminensi cf. Lanoellotti, Hiat 
Oliv., n, 199.205. 

(2) « Tusciae historia » Bargensis, XI foliis chartaoeis nostri 
oodicis, continetur. 

Ez titnlo huius operis fortasse aliqui decepti (cf. Bblforti, 
ChronoL Brev., p. 4; Thomas, UAhh, de Mont^Olivet-M.j p. 88), 
Bargensem et < Bussiae Geographiam » scripsisse tradnnt. 
Immo ipse Thomas, et Rmaiae Geographiam et librnm De Mor 
giatratibus, typis jam impressa, asseverare non dubitat. 



XLIT De VUa et Scriptts 



samn inscripsisse, sicaid de alio libello, sapeiius xnemo- 
rato, « de historia Tnsciae », fecisse jam innuimiis. EQc 
vo«;tur ab auctore nosto, . dilecidaaixnis inOhristofiU.a , , 
in dyitate Patavina philosophiam legens. Qni vero, non 
Olivetano ordini, sed Ganialdalensi, nomen dedisse, ex 
verbis ipsias Bargensis, abi de sancto viro Somnaldo, 
CSamaldalensiam patre, loqaens, ait : « nec non et san- 
ctam Bomaaldam tuum > (l), fiudle crediderim. Qai in- 
saper Johannes, « fftmosissimas dootor regens Bononiae » , 
apad Annales Oamaldalenses appellator (2). Hic fiuni- 
liaritate magna Bargensi nostro ooniactas ftdt. Praete- 
rea, et rogata « domni Johannis Pratensis, doctoris 
eximii », qtd dvilia jara in civitate Patayina docebat, 
amid sai, « Ghronicon » composaisse Bargensis affirmat. 
Sed, qaonam tempore « Ohronicon > soriptam sit, vi- 
deamas. 
Qao tempore « Ghronicon » lcgenti, fiusile constat, Bargensem de 
sancto viro Bemardino Senensi loqaatam, hisce verbis: 
« Sanctas enim Bemardinus, qai mihi magne &miliar 
ritatis et amicitie vincalo conianctas fdit » (3). Ex qao 
eraitor, chronologom nostram, post mortem (20 maii 
1444), immo post magni viri sodalisqae Oanonizationem 
(24 maii 1460), scripsisse (4). Qaod, ne arbitrariom ali- 
qois patet, aliad proferam argomentam. Nam Bargensis, 
de quodam monacho loqaitar, Bartholomaeas nomine, 
patria Mantuanos, qui cum ante analogium in choro 
cum aliis cantaret, cecidit in terra, non infirmitatis causa, 
sed potius lapsitudinis, addens : « Bartolomeus de Man- 



(1) A BABaBNSis, ChroniGon^ p. 11. 

(2) MiTTABBLLi-CoSTADONi, Annal. Camald.f YII, 801. 

(3) A. BAROiaisis, Chronicon^ p. 20. 

(4) Cf. THiTRBAU-DAKaiK, S. Bemardino da Sienaf Siena, 
Tip. S. Bernardino, 1897, p. 857. 



Antonii Bargensis xlv 



tua, vir bonus, qtii nuper in Ohristo deftiit » (1). Si 
« nuper » Bartholomaeus e viyis excesserat, quum Bar- 
gensis haec scribebat, certo certius, paulo post ejus mor- 
tem, vel etiam eodem anno, quo Bartholomaeus obierat, 
et haec Bargensem chartis tradidisse dicendum est. Obiit 
autem Bartholomaeus anno 1450, uti habetur in Necro- 
logio Olivetano (2) : ex quo sane, post mensem maium 
huius anni, Bargensem scripsisse constat. Quod satis 
superque probatum videtur. Attamen hoc unum addam ; 
Bargensis « Chronicon > ultimo loco mentionem de anno 
Jubilari per Nicolaum V, anno 1450, promulgato, facere, 
et librum « de historia Tusciae » , qui anno praeterito 
in prologo ad « Chronicon » scriptus dicitur, anno 1449 
compositum ftiisse (3). 

Bargensis ergo « Chronicon » suum, ultimis mensis 
maii diebus anni 1450 scribere coBpit, quod, nonnisi post 
mensem maium, anno 1451, completum fiiisse existimo. 
Nam quartus annus abbatiatus Nicolai de Eegio, qui, 
ultimus in serie abbatum chronologica habetur, die 
16 maii, quae erat Dominica UI post Pascha, anno 1451, 
t5omplebatur (4). Sed de hoc satis. 

XV. — De auctoritate vero, qua apud nostros « Chro- i>e anctori 
nicon » Bargensis poUet, pauca addere velim. Nam et 
ipsa prologi verba satis innuere, quanti momeiiti istud 



tate « Chro- 
nicon » 



(1) A. Bargbksis, Chronicon, p. 25. 

(2) Nborol. Olivbt., ad annuum, 
(8) Cf. snpra, p. xliii. 

(4) A. BARaBNSis, Chronteonj p. 60. 

Hic lectorem monittim velim perperam et contra historicam 
yeritatem Annalea CamalduUnsea (Tom. V, 807) baec habere : 
c Ante hos fanctores OlivetanosJ abbas Antonius Bargensis 
anno 1476 in snis historiis mss. dicatis Jacobo de Carpo ejus- 
dem ordinis generali abbati, quae olim servabatnr in biblio- 
theca abbatis Constantini Cajetani... > etc. Nam onm Bargen- 



XLYi Be Vita el Scrfptis 

apndnostrof. c Chronicon » &oiendtLm sit, compertum est apad omnes. 
Ita enim de seipso loqtiitnr: « Nam qnae scripsimus, 
partim ex archivii Montis Oliveti exoepimus, partim ab 
antiquis audivimus patribus, alia ooulis nostris perspe- 
simus » (1). 

Quod tamen non ita stricte accipiendum et intelligen- 
dum existimo, ac si omnia quae ab ipso tradantur, ve- 
riora auroque puriora esse aliquis, primo intuitu, putet. 
Bargensis enim dum brevis esse laborat, obscurus inte- 
nm fit. Immo lectores monitos velim, ne hanc Antonii 
Bargensis opellam, dissertam Ordinis Olivetani comple- 
tamque undecumque historiam esse autument: dum, e 
contra, nonnisi brevis incompletaque de principio et 
origine ordinis nostri enarratio, sicuti inscribitur, cen- 
senda sit. Quo tandem aliquando evenit, ut nonnulla 
sobrie paucisque verbis exponantur, nonnuUa omnino 
ex integro silentio praetereantur : alia vero obiter tan- 
tum dicta reperiantur; plura denique fere simplici tactu, 
hac illac, sub velamine, menti legentium innuantur. 
Ipse enim Auctor, primis ordinis temporibus vitam 
agens, quum omnium illustrium virorum facta, florenti 
adhuc memoria, alta in mente reposita et sub omnium 
oculis continuo essent, pene supervacaneum fore duxit, 
prae manibus omnia et singula terere, scriptoque tra- 
dere quae omnes procul dubio sciebant, immo diutuma 
animi perfeotione imitabantur, operabantur. 



sem fato cessisse anno 1452, certom sit; non potnisse anno 1476 
Jacobo de Carpo historiam suam, sen Chronicon inscribere, 
confiteamnr necesse est. Bargensis antem, uti constat ex ipsius 
prologo, non Jacobo de Carpo, sed Johanni de Marcha Nova, ^ 

jam nobis noto, in urbe patavina doctori philosopho, sodali 
Camaldulensi, Chronicon suum dicasse compertam est. 
(1) Cf. A. Babgbksis, p. 4. 



Antonfi Bargemis xlvii 



Hoo vero moiienduin dnxi, ne qnis, de qnibnsdam 
rebns, veris interdnm, nobisqne a Chronicis nnins alte- 
rinsve aetatis traditis, vel per fidedignam traditionem 
ad nos nsqne relatis, ex silentio Bargensis, contra exi- 
stentiam- rei vel facti cninslibet^ hand difficnlter argn- 
mentnm snmere praesnmat, animoseqne contendat. Qua- 
mobrem, si qnae ab anctore posterioris aetatis refemntnr, 
contra ea, qnae a nostro, primo expertissimoqne remm 
nostramm scriptore, difinse enarrantur, esse manifestum 
sit; tnnc certo certius Chronologi nostri anctoritatem 
plnris &ciendam esse existimo ; et qnae ab ipso tradnn- 
tnr, magij quam alia, credenda arbitror. Qnod, si quae a . 
posterioris aetatis anctoribns, enarrantnr, a nostro sub 
silentio praetermissa sint ; tnnc nnnm altemm complere 
&cile concedam. 

XVI. — Quanti vero hoc Bargensis « Ohronicon » Qnanti fece- 

/» • 1 r\i* . • • i • i • 1 • rint Oliyetani 

lecennt Olivetam scnptores, qui post ipsum, ubiqne scriptores. 
locomm de rebus nostris aliquid vel praelo .misemnt, 
vel chartis nondum in lucem editis, tradidemnt, haud 
difficnlter animo percipitnr. Ipse enim Bargensis, quum 
primns de rebus nostris scripserit, ab omnibus, nt ita 
dicam, direptus fiiit. 

Hinc, in Yita B. Bemardi Ftolomaei, protoparentis 
nostri, collectore anonymo, a Sociis BoUandianis (1) edita, 
perplura Bargensis verba refemntur (2) : hinc, D. Mi- 
chael Angelns Bonhavertius (f 1610) ab auctore nostro 
fere omnia snmpsit (3) ; abbas Secundus Lancellottns 
(f 1642) antiqni hninsce chronologi auctoritatem testa- 



(1) BoLLAND., Acta SS.f Augnsti tom. IV [die XXI aug.], 
Venetiis, MDCCLII, p. 475 seqq. 

(2) BoLLAND., op. cit., p. 486, 487. 

(8) BoNHAVintTi, II mtracolo80 principio de la Congregatione 
di S. Maria di MontclivetOf Ferrara, MDCY, paBsim, 



XLviii De Viia et Scriptis 



tur, veneraturque (1) ; Paulus Carpenterius (f 1642) (2), 
Petrus Marcellinus Oraffius (f 1660) (3), Michael Ange- 
lus Belfortius (4), Alexander Bossius (6), Cherubinus 



(1) Lamgellotti, Hiator. Oliv.j I, 13, 42. 

(2) B. Bernardi Ptolomaei Congregationis S, Marioje Montia 
Oliveti conditoria • Vitae Libri quinque, anctore D. Paulo Car- 
PBNTBBio Neapol. Monasterii Montis Oliveti de Neapoli ab- 
bate, Neap., apud Camillum Cavallum, 1642. 

(3) Obaffj, Vita del B. Bemardo Tolomei, in Venetia, per 
Giunti e Baba, MDCL, pp. 227, 232. 

(4) Bblforti, Chronologia Brevia Coenobiorum . . . Congreg. 
Montie OUveti^ Mediolani, MDCCXX. * 

(5) Bossi, Della vita del B, Bernardo Tolomei^ Bologna, 1746. 
Hoc Alexandri Bossii opus magnis laudibus extulit vel ipsa 

epbemeris Jobannis Lamii, cui titulus Le Novelle Lettera- 
rie, ex qua haec ultima verba referre placet : € Se tutte 
le vite di coloro, cui venera la Chiesa sugli altari, fossero 
scritte com' ^ la presente, non avrebbero occasione alcuna 
gli eretici di deriderci quai poco esatti in riferire, o troppo 
facili in credere, alcune mirabili azioni de' Santi : poich^ 
tutto e appoggiato a yalevolissime testimonianze. Evita poi 
anche il saggio autore lo scoglio, in cui si dicono caduti al- 
cuni moderni, che nel descriyere le vite dei Santi nulla o poco 
vi pongono ch* ecciti a devozione : poich^ questa nel tempo 
stesso ch' S elegantissima, h insiememente tutta sparsa di sti* 
moli alla pietJt e religiosa osservanza. » Le Ndvelle Letterarie 
puhbliGate in Firenze Vanno MDCCXLVIj tom. VII, Stamperia 
della SS. Annunziata, coll. 421, 422. 

Sed anno sequenti, quidam anonymus acerbe scripsit in 
eadem ephemeride de hoc Bossii opete, auctorem eiusque opus 
fortiter verberans. Cf. Le Novelle Letterarie, MDCCXLVII, 
tom. VIII, coll. 116-119 ; 133-135 ; 147-150. 

Erudite docteque acerbo critico respondit cl. abbas D. Che- 
rubinus Besozzius, opere, cui titulus : Riflessioni aopva le No- 
velle delVahate Lamij intorno dtla vtta del B. Bernardo composta 
dal P. D, Alessandro Bossi. Sed hucusque nondum typis da- 
tum est, opus luce diei maxime dignum. Attamen multa ex 
ipso hausit cl. Bernardus MarSchaux {Vie du B. Bernard To- 
lomdi, Florenoe, 1888, p. 275-284 ; Siena, 1890, p. 279-286), et 
apud ipsum videri possunt. 



9 

I 



Antonii Bargensis xux 

Besozzius (f 1771) (1), Petrus Rosinius (f 1807) (2), 

Gregorius Thomas (f 1892) (3), et nuper hisce diebus 

ol. Bemardus M. Mar&haux (4), prae manibus nostrum , 

« Chronicon » habuere, tantique fecerunt, ut fere omnia 

ab ipso excerpere non dubitaverint. 

Ex quo etiam, satis superque notum fit, qua de causa, 
in hoo « Spicilegii Montolivetensis » primo volumine, 
Bargensis « Chronicon », typis mandare mens fuerit: 
ut scilicet primo loco fiindamentum totius historici aedi- 
ficii nostri positum esset, omnibusque facile pateret. 

XVn. — Nunc vero, quae de forma nostri « Chro- »« fo^ma 
mcon » Ktterana, dicenda supersunt, paucis expediam. iitteraria. 

Devotus scriptor, monachus et abbas illius ordinis, 
de quo scripturus erat, dmn opus. suum, preoibus Johan- 
nis de Marcha Nova, Johannisque Pratensis annuens, 
componere statuerat, quaecumque jam mente teneret, 
congestim, sine ordine, saltem chronologico, aperte pa- 
tenti, absque studio litteris tradidit. Quo fit, ut hac 
illac, quae prius dicenda forent, sequenti loco habean- 
tur: et quae, optima quadam latinitate dici poterant, 
rudiori calamo styloque scripta sint, et oratione fere 
ignobili nobis pateant. Eruditionem scripturarum ubique 
adamavit, praecipue in explicandis mystice supernis even- 
tis, verbis etiam saepenumero, novitatem quamdam et af- 



(1) In multis operibus manu adhuc scriptis. 

(2) In operibus manu scriptis. Cf. P. Fbdblb, TahulaTium 
S, Mariae Novae ab an, 982 ad an, 1200 in Archivio della R. So- 
cietdi Bomana di Storia Patria, vol. XXIII, 1900, p. 173 seqq. 

(3) Thomas, UAhhaye de Mont-OUvet-Majeur, Sienne, 1898, 
p. 83. 

(4) Mar6ohaux, Vie du P. Bernard Tolomii^ Paris-Florence, 
1888 ; Bulletin de N, D, de la Sainte-Espdrance ct Mesnil Saint» 
Loupf XIX annde, n. 2, FSvrier 1895, p. 26 seqq. 

SPICILBa. MONTOLIV. — Vol. I. 4 



De VUaet Scriptts 



feotatam reram notitiam prae se ferentibus, ntens (1). 

Seiiem abbatnm generalinm chronologicam texnit, 
majori ordine ac diligentiai sed eodem sermone sty- 
loqne. 

Si formam ergo nostri « Chronicon » litterariam 
spectes, neqne latinnm, neqne vnlgarem habes eloqninm; 
saepe ntiqne emditnm, nnmqnam omatnmi vel elegantia 
conditnm: si vero historicam remm veritatem qnaeras 
ipsam qnidem invenies, mnltamm remm sed non om- 
ninm, congeriem indigitantem, raroqne ordine qnodam 
expositam. 

Qnod jndicinm aeqnnm esse cnilibet « Chronicon » 
Antonii Bargensis legenti, &cile patebit. 



(I) Exemplo sint haec dno verba : sinacitn et iocalia (dona), 
Sinaois entm, yel synaxis {ahv3i^iq)t graeca positione, congre- 
gationem, vel locom, in qno congregatio adunatur, signi- 
ficat. Cf. FORCELLiNl-Bs-YiT, Totius Latinitafis Lexicon, Prati, 
MDCCCLXXI, tom. V, 808, Ita etiam accipitnr a Nostro Bar- 
gensi, pluribus in locis : cf. Chroniconj p. 17, 24, etc. 

Quid autem per iocalia (cf. Chronicon, p. 58) apudnostrum 
auctorem intelligatur, babemus ex quodam loco Benyenuti 
Imolensis, in Commentariis super Dantis Comoediam (Inf., 
XXIY, 187). Ibi enim de quodam Yanne dicitur quod € yi et 
fraude intrayit Sacristiam dictae Eoclesiae, et illam spoliayit 
pretiosis iocalibus >. Et iterum de eadem re babetur : t Tamen, 
quia factum erat, portayerunt iocalia ipsa ad domum illius 
ser Vannis notarii etc. ». Cf. Muratori, Antiquitates Ital. 
Medii Aevi, I, 1096 ; BuUettino Storico Piatoiesej III, 1901, 
fasc. 2, p. 62. 

£x quo jam colligitur quonam sensu Bargensis noster de 
quodam Francisco scripserit : < et alia iocaUa sacristie in pre- 
sentiarum donayit. » Chronicon^ p. 68. 

Haec quoque monenda erant, ut, quantum in nobis est, 

omnibus facile esset, de operibus Antonii Bargensis, aequum 

ferre judicium; ne ipse immerito lapidaretur, et nos, contra 

* mentem nostram, de incuria baud difficulter reprebendere 

cuique fas esset. 



Antonii Bargensis u 

Vita ergo Baxgensis, vera, de looo ad looum, usque ad 
requiem, peregrinatio : « Clironioon » ipsius, mediocre 
suae aetatis opus : hoo munus ; hic auctor : his utere et 
vale (1). 



(1) Quaedam heic de codice nostro addere placet. 

A quibusnam nobis pervenerit, certo nescimus : fuit tamen 
semper in Cancellaria Montis Oliveti Majoris. Omnes rerum 
nostrarum scriptores, prae manibus illum babuere, praecipue 
Lancellottus, Thomas et MarSchauz. Ipse autem codex, partim 
chartaceus, partimque membranaceus, non autographus, sed 
apographus, paulo post medium saeculum X7, confectus vi- 
detur. Ad hanc aetatem certo referenda est, ea pars, « Chro- 
nicon > Bargensis continens. Cujus quidem operis duo in eodem 
codice habentur textus, quibus continuo, in editione nostra 
curanda, usi sumus. Qui forte ejusdem aetatis censendi sunt. 
Quonmi unus, initio codicis habetur, per 32 folia hinc inde 
enumerata ; alter autem in medio ejusdem, item per 82 folia, 
sed nullo numero signata. Codex autem non magnae dimen- 
sionis (cm. 21 X 15), pelle coopertus, haeo in dorso, auro im- 
pressa, habet : < HISTO[ria] | OLlYE^tanaJ | ET ALIA ». 

Posterioris autem saecuU XVI, Codex noster, duo elogia 
oontinet, virorum illustrium, Nicolai nempe de Yaloribus 
(t 1528), et Pallae de Strociis (f 1462). 



ANTONII BARGENSIS 



CHRONICON MONTIS OLIVETI 




PROLOGUS AUCTORIS IN CHRONICON 



Antonius B[argensis] M[onachus] (a) Dilectissirao in ^oli. 
Christo fllio Johanni de Marcha Nova (1), salutem. In 
preterito | quidem anno, dum una cum abbate nostro in johanni de 
partes Veneto 1 rum, visendi causa venissem, tibi a me in ^^^^^j^ 

*^ ' Chronicondi- 

provincia Flami | nie compositum detuli librum (2), in quo catur. 
quidem longitudinem lati | tudinemque Tuscie, et unde 
Tusci originem traxerint, quales ( ve (b) habeantur in 
moribus, bella eorum, qua de causa appellentur | Tusci, 
nec non et cerimonias ipsorum describere curavimus. | 
Gelsitudini namque tue, domnique Johannis Pratensis doc- 
toris eximii, a me | inscio imperitoque editum opus gratum 
extitit. Et hoc, ut bene nosti, | accidit in civitate Patavina (c). 
Ubi tu ipse legis philosophiam, et | ille iura civilia docet. 
Insuper ambo quesistis (d) a me, unde qualeque | ordinis 
nostri fuerit principium, quod plures patres et fratres 



(a) In textu B habentur verba haec : Inciptunt cronice abre' 
vicUe ordinis montia OUveti \ AjUoniua Bragensi monachua ordinis 
montis oliveti \ diUctissimo etc, — (5) Text. B : vel habeantwr, — 
(o) Text. B: pc^uana. — (d) Text. B : queaitia. 

(1) Qnisnam fuerit iste vir, oui dirigitur a Bargensi pro- 
logus chronioae, jam superius diximus, p. xliv. 

(2) Etiam de hoo Bargensis opere jam egimus supra p. xlii. 



Antonii Bargensis 



einsdem ordinis scire | cnramnt. Modo itaque a visitandi 
offlcio dimissus, reversusque ad dilec | tam solitudinem pra- 
tensem, tibi aliisque amicis, quam alma nostra re | ligio» 
habuit originem, quisve huiua primus extitit fandator, 
quosque | ei socios ad tanti exercitii (a) opus incoandum, 
divina concesserit af | flatiOi intimare censuimus. Habue- 
runt autem prelibati viri miriflcam visio | nem, quam 
minime obmittere volumus. Vestiti quoque sunt | alba indu- 
menta ab Aretino episcopo, quia ad ipsius dyocesim perti- 
net I locuSi in quo primum construxerunt monasterium, 
ut inferius | patebit. Quisque illo in tempore summus eccle- 
siam pontifex rexerit, et a quo poutifice noster ordo fuerit 

Methodns confirmatus, scripsimus; ac etiam qualiter, nunc ad per- 
petuam rei memoriam vivat, ostendimus. Omnes quippe 
singillatim narraboabbates, usque ad tempora nostra, cum 
aliquibus eorum notabilibus. Nam, que scripsimus (1), 
partim ex archiviis montis | oliveti excepimus, partim ab 

Poi. i\ antiquis audivimus patribus: alia o | culis nostris perspexi- 
mus. Et quidem, si vita nobis comes fuerit, a | lio in libro (2), 
viros, quos ordo noster vegetavit, enarrabimus illustres, | 
et miracula ab ipsis facta, atque libros, quos sagaciter edi- 
derunt. | Vale feliciter (&). 
Explidt epistola velprologus (c). 



Aaotoris. 



(a) Tezt. A, B : exeroitiis, — (6) Text. B : Vale feliciter, /e- 
liciter vale, — • (c) Text. B : Explicit prologus, 

(1) Bene perpendat lector, qaibusnam ex fontibus, sua liau- 
sisse dicat Bargensis noster, ut recte judicare possit quanti 
facienda sint quae ipse in medio profert. 

(2) Utrum autem Bargensis hoc opus, vita comite, scripserit, 
necne, nos penitus latet. Certe in codice, ex quo « Chroni- 
con » deprompsimus, non habemus. 



Chronicon Montis Oli^eti 



CHRONICON. 



Incipil liber, sive nar \ raiionis sermo, de incremeniis 
ordinis Moniis Oliveii, ediius a fraire Anionio Ba[ry 
gensi (a), eiusdem [prdinis'} professo. 

Igitur in Tuscie provincia, civitate Se | nensi (6), quidam 
fuit vir, Bernardus nomine, nobilis vita, | set raoribus longe 
Dobilior, quondam domni Mini de Tolo | meis fllius, nimi- 
rum miles atque doctor eximius (1). Qui, di | vino affiatus 
spiritu, vehementique fervore tactus intrinsecus, una | cum 
nobilibus amicis suis, Patritio videlicet de Patritiis, Fran- 
cisco Am I brosioque (2), Senensibus, die ac nocte conver- 



(a) Text. B: Bragensi, — (b) Text. B: Senarum, 

(1) Qaae, hic, apud nostrum auctorem, de vita Bernardi 
dicuntnr, complenti^r ab iis qui, post eum, fusiori calamo, de 
rebus nostris scripserunt. Consulat lector quae de fundatore 
nostro scripsit ediditque Guilielmus Cuperus {Acta Sanctorum, 
Augusti tom. IV, Yenetiis, MDCCLII, pag. 464-487), quaeque 
noster Bernardus M. MarScliaux ( Vie du Bien. Bernard Tolomiij 
Paris-Florence, 1888) nupor diligentia summa proelo mandavit. 
Hic tamen moneo, certum esse fundatori nostro in fonte bap- 
tismatis Joannis nomen impositum fuisse, certumque, post 
conversionem suam ad Deum, nomine Doctoris mellifiui, devo- 
tionis causa, vocatum ; dubium solummodo esse quando hoc 
ultimum nomen sumpserit. In monumentis vero Archivi nostri, 
lucide apparet fundatorem nostrum a tempore sui abbatiatus 
Bernardi nomine decoratum. 

(2) Ambrosium de Picolomineis, duplici insignitum nomine 
constat ; Ambrbsio nempe et Francisco. Franciscus enim Pico- 
lomineus vocitatur etiam in Vita B, Petri Petronii Cartusiani. 
Cf. BoLLANO., Acta SS. [die 29 maii], YenetiiS) 1789, Maii VI, 
[cap. I, 5J, 546. 



Bernardns 

de 
Ftolomaeis 



6 



Antonii Bargensis 



etalii Senen- 
set in Aoona 
Beeednnt 



Fol. 2.* 
Eornm ra- 
tio Yiyendi. 



sans, anhelabat (a) ad celesti | a. £t se simul a nugis 
secularibus alienantes, Deo tonanti servi | re satagebant. 
Set quoniam multa, a concivibus suis, hec flde | liter ope- 
rantes, patiebantur impedimenta, secesserunt {V) ad loca 
solita I ria cogitantes, non esse tutum cohabitare serpen- 
ti (1). Quippe, nobilis | Bernardus, pulc[h]errimum possi- 
debat agrum, in agro Senensi> | Aretine nimirum dyocesis, 
qui circiter quindecim milia ab urbe | situs est, in quodam 
villa parvissima, [vulgo] dicta Acona. In qua qui | dem ter- 
reum fundaverat palatium, quod ad presens extat. Anno | 
itaque, ab incarnati Verbi nativitate, mi[l]lesimo trecen- 
tesimo tertio | decimo (2), prefati a deo dilecti viri ad 
predictum locum venerunt, cum | utensilibus (c) suis et 
libris, ut Deo sedulum exhiberent servitium. Labo | ra- 
bant quoque, secundum apostoli exemplum, manibus suis, 
ut, ex opere | manuali, victum sibi necessarium acquire- 
rent. Etenim non sufflcie | bat eis, utpote viris delicatis, 
noviterque ex Egipto egressis; tum | ex possessiunculis 
Bernardi prefati, tum ex -exercitio manuali, | sufflcientem 
sibi necessitatem carpebant. Non multo vero inter | iecto 
tempore, abiecerunt vestimenta secularia, induentes se 
honestiorem habitum; deponentes etiam caligas, calciati 
snnt calepodiis; sicque paupertatem ultro amplecti nite- 
bantur. In oratione assidui, in silentio maximi, et ad Deo 
laudes reddendum alacres erant: exercen | tes in quadam 
capella (3), ut melius poterant, quam ipsi construxerant, 



(a) Text. A: anhelahani. — (p) Text. B: aederunt, — (c) Text. 
B: utennbiUibus» 

(1) Superius enarrata ab auctore nostro, fasius exponuntur 
in Chron. CanceU.^ fol. 2, seqq. 

(2) Ita omnes qui postea de B. Bernardi conversione scrip- 
sernnt. Cf. Chron. Cancdl., fol. 4; Lancbllotti, Hiatoriae Oli- 
vetanaCf Venetiis, 1623, p. 5; etc. 

(3) Putatur fnisse oratorium S. Scholasticae .dicatum. Nam 
et ipse Michael Angelus Bonhavertius ita scribit: < ... si con- 



Chronicon Montis Oliveti 



caltum diyinum. Ipse namque Deo carus Bernardus, vir 

non me | diocriter eruditus fuit, cuius epistole spirituali B.Bernardi 

literalique scientia re | dolentes, adhuc in illo monasterio ®|^^® ^ 

reservantur (1). Nam in dicta | capella, quam ipsi nos oculis diTuigatur. 

propriis aspeximus, a cognitis | devotisque presbiteris di- 

yina sibi celebrare faciebat (a) misteria. | Quorum devo- 

tioni multi Tusci, nobiles ac ignobiles, eorumque | iara 

ubique divulgabatur fama comperta, relictisque omnibus 

que ad huius | seculi volumptatem pertinent, adaucti sunt, 



(a) Text. A : factebant, 

dassero in questo Inogo, il quale alhora era pieno di selve, e 
abitato da molte fiere : solo una povera casuccia fatta di terra si 
ritrovaya qu& nel mezzo, con un poco di piazza doye di propria 
mano fabricarono pure di terra un piccolo tempietto, apunto 
]k doye mi ritroyaste al yostro arrivo, ma poi rifatto ne la 
gtiisa, ch'hor ayete veduto, si chiama al presente V oratorio 
di S. ScoUuiica^ e quiyi si riduceyano giorno e notte a cele- 
brare V hore canoniche ... » {II miracoloso \ principio \ de la Con' 
gregatione \ di S, Maria di Montoliveto \ descritto in dialogo dal 
fi. P. D. Michelagnolo | [Bonhaverti] \ da Ferrara | dove si espon' 
gono i geroglifi divini e gli miaterii \ sacri d'intomo Vimprese di 
esaa \ Congregatione \ — In Ferrara, MDCV, per Vittorio Bal- 
dini I Stampatore Oamerale). Cf. Lanobllotti, op, oit., p. 5, 
et opus manuscriptum, cui titulus : Memorie istoriche del aagro 
eremo di MonVTJlivetb maggiore, raccolte e ordinate dal R.mo P.re 
D. Cherubino Beeozzi. Ah.^ di S. Vittore di Milano e dopo eletto 
Vicario Onle Ulivetano^ p. 20 seqq. 

Haeo autem cappella anno 1518 decorabatur picturis € a chiaro 
osouro » per fratrem nostrum Antonium, conyersum, de quo 
mentionem facit Vasarius (in editione Bononiensi sui operis 
Le Vite deipiii ecceUenii pittori, aovittori e arohiteUi^ 1668, par. 8, 
yol. n, p. 8). 

(1) Antiquissima traditio ad B. Patrem Bemardum adscribit 
quasdam epistolas, quas oculis nostris etiam nunc conspicimus. 
Codex yero antiquior, has epistolas continens, adserratur in 
arohiyo S. Mariae Noyae de TJrbe, et mihi yidetur exaratus 
sub fine saeouli XIV. Quam primum harum epistolarum se- 
riem typis mandare curabimus. 



8 Antonii Bargensis 

ApottoUofte arduam vitam imita | ri studentes. Porro cum per Joliaii- 
S>*in^Eteu- Wi^^ summum archima[n]dritam, inqui | sitio legaretur, 
ria, eoi co- nc cui licerot gregatim, sub religioso habitu, | degere, 
^^^^ absque solempni probatoque voto, deventum est ad partes 
Se I narum, ubi cognitum est quosdam latere nobiles genere, 
set fide et | sanctimonia nobiliores, prefatu[m] videlicei 
Bernardu[m] cum sociis. Quos | intuitus, talis inquisitor 
veneratus est, benigne [h]ortans eosdem | parere iussioni 
cat[h]olici principis. Qui predicti patres quantocius Are | 
tinum secum consulunt episcopum, quid facto opus sit. At 
ipsi Areti- ille congratulans | votis ait : Postquam seculo terga dedistis, 
"u^ E^^i^co- ^^^^^ P^^ desiderio | aptiorj nulla sanctior, probatiorque 
pum qui oos norma censetur quam patris almi | regula Benedicti, discre- 
auoquitur. ^q^q procipua ac (a) sermone luculenta. Et cum | vestri 
Poi. 2'. concives titulo Virginis insigniti glorientur, ob gloriose | ma- 
tris mundissimam virginitatem, monachali piaceat indui 
candido habitu, ut puritati, qua secretius fruimini, in exte 
riori quoque gestu exhibeatis. Eosque solemniter induens ac 
sacram | tradens regulam, per suos mandavit nuntios, pri- 
mum apud Montem Olive | ti fundari lapidem ecclesie con-^ 
struende, per publicumque notarium con | flci instrumen- 
tum. Sed bone memorie prelibatus Bernardus, paulo | ante, 
visio scaiae. dum iu quodam consistens orasset loco, ubi nunc sita est 
ecclesia, | viderat, Deo sibi revelante, scalam (b) argen- 
team, tendentem ad orien | tem, tangentemque celum. In 
cuius summitate (c) dominus Jesus cum beata Maria, eius 
genitrice, visus est stare, candida quidem vestiti indumen | 
ta: Beata vero Maria stellam mire pulchritudinis videba- 
tur gestare | in pectore. Multitudo autem fratrum erant 
ascendentes, et angeli | descendentes : omnes tamen in- 
duti vestibus albis. At ille hec videns, | extemplo ad se 
vocavit fratres, atque ostendit eis visionem ; qui | hec 



(a) Text. B: Atque. — (b) Text. B: StoUam.-^ (c) Text. B: 
extremitate» 



Chronicon Montis Oliveti 9 



videntes glorificaverunt Deum (1). Non est dubium quin Praesagium. 
ipsa I fuerit magnum futurorum presagiura. Multi quippe, 
ut postea I res innotuit, erant per eandem celum ascensuri. 
Per angelos Dei, adiutorium | quod per eosdem crebro flt, 
non incongrue accipi potest : per scalam vero, | vite inno- 



(1) Omnes conveniunt historici nostri de bac scalae visione. 
Addit insuper Chron, CancelL : c Cnjus tamen mysterium re- 
velationis homo Dei [Bernardus] tunc plene non intellexit : 
donec per se ipsam regina coeli ex parte, quid videlicet albae 
vestes significarent, in traditione habitus postmodum est di- 
gnata revelare. Fost sanctam autem beati patris dormitionem, 
annis multis decursis, quid praemonstratae visionis residuum 
declarandum fuerat (largiente Deo) impletum videmus. Nam 
mutatis secundae ecclesiae, de qua tamen infra dicetur, aedi- 
ficiis, oratorium magnum iuxta illam in honorem sanctae Dei 
Genitricis miro opere constructum, et in hodiernum usque 
diem consistente ipsimet cernimus. IJbiveroscala illa ostensa 
est, chorus, psallentium monachorum consistit, iuxta quem 
ob reverentiam sancti Michaelis Archangelorum principis 
altare, intra ipsam ecclesiam, ubi ipse beatus pater genuflexus 
orabat, erectum et dedicatum scimus. In qua profecto ecclesia 
divini cultus celeberrimum Deo et coelesti curiae exhibetur 
obsequium . . . ». Fol. 5. — Quae omnia breviter refert etiam 
Michael Angelus Bonhavertius (op. cit,), addens yisionem scalae 
etiam « pronosticasse questo nostro tempio maggiore che ve- 
dete, dove si celebra, e si officia giomo e notte, perch^ la 
Bcala apparve apunto dove hora S il choro del Tempio, e il 
sant* huomo stava in ginocchioni dov' ^ 1' altare di S. Michele 
dietro a detto choro, che perci6 fu fatto da i nostri padri in 
memoria di quell' angelica apparitione . . . ». Quod altare Ar- 
changelo Michaeli dicatum, ablatum est a loco suo, anno cir- 
citer 1620, tempore D. Frothasii de Natalibus a Yenetiis, curS. 
Yicarii Gen. D. Cypriani Finti, quando ecclesia abbatialis 
Montis Oliveti redacta est in formam ampliorem. Lancellottus 
noster, qui historiam suam anno 1623 edidit, silet de altari, 
hoc tantum aiens : € ubi enim scalae species visa est, ibi odeum 
consecratum est » (p. 6). Cf. Besozzi, op. ms, ciLy p. 82; 
D. GRiJGOiRB Thomas, VAhbaye de Mont-Olivet-Majeury Sienne, 
1898, pp. 110, 124, 137. 



10 Antonii Bargensis 



lore. 



centiam, et pulcre : cum enim in hoc mundo sancte viyimus, 
quid I aliud presens vita nobis est, nisi quedam scala, per 
quam celum ascen | dimus? Unde dominus in summitate 
scale visus est stare, aperte osten | dens, quod semper pro 
regno celorum, pugnantes, paratus sit adiuvare. | Stare 
namque, certantis yel adiuvantis est. Nam certantes, al- 
terius | iugiter egent auxilio. Post hec, inito consilio, sta- 

De aibo co- tuore albi co I loris suscipere habitum : quod et fecerunt. 
Per albedinem congrue puri | tatem solet desiguari : atte- 
stante Salomone et dicente : omni tempore vesti | menta 
tua sint candida. (1). Unde et Johannes, in apochalipsi, in- 

Foi. 3. quit: I Yidi yiginti quatuor seniores circumami[c]tos stolis 
albis (2), per | quos, ut dicit Richardus, noviyeterisquetesta- 
menti patres, et | gloriam triumfantis ac militantis ecclesie 
designantur. Iterum, dum duo | decim milia signatos descri- 
beret, ait: qui omnes amicti erant sto | lis albis, et palme in 
manibus eorum (3). Quid enim per stolas albas, nisi munditia 
mentis exprimitur [?]. Palme vero dantur hiis, qui de prelio 
domum | redeunt victores. Atqui, qui de hocexiliicertamine, 
domum, idest | paradisum, victores redeuntes exierunt, a 
Domino, palmas eterne | victorie, recipere meruerunt ; quia 
militia est vita hominis super | terram (4). De quibus Domi- 
nus dixit: Qui vicerit sic vestietur (5). Et alibi: | Ambula- 
bunt mecum in vestibus albis quia digni sunt (6). £t qui- 
dem, ad huius rei fidem astruendam, angeli qui venerant 
dominicam resur | rectionem et ascensionem nuntiaturi, in 
albis visi sunt assistere | atque sedere. In transfiguratione 
quoque Domini, vestimenta eius facta sunt | velut nix. 
Unde, quidam per omnia venerabilis poeta, nomine Colu 



(1) ECOLB., IX, 8. 

(2) Apoc, IV, 4. 

(3) Apoc, Vn, 9. 

(4) JOB., VII, 1. 
(6) Apoc, III, 5. 
(6) Apoc, m, 4. 



Chronicon Montis Oliveti 11 

cias Salutatus, io secundo libro, qui de seculo et religione 

inscri | bitUF, ad Camaldulenses destinato, ait : Gogita te- 

cum has pu | ras vestes : magno te astringere vineulo 

puritatis: quas mecum | sepe considerans^ admiror sanctis- 

simum illum patrem, Virginisque | Marie devotum Ber- 

nardum, nec non et sanctum Romualdum | tuum, divina 

revelatione vidisse albis indutos vestibus, scalas | ascendere 

paradisi. Aptissimus quidem color albus religioni | videtur; 

qui semper nos a[dJmonet, quam immaculate, quamque 

devote, vite | nostre sint tempora transigenda. Attamem De mgto. 

color niger magni in se re | tinet vim misterii; penitentie 

enim luctum, nostrive merorem exi | lii, nec non humili- 

tatis, abiectionisque statum prefigurat (1). Set maius | ali- 

quid continet color albus: nam presentis vite pariter, et 

futu I re claritatem representat. Ideoque inprimitiva eccle- foi. a*. 

sia, omnes no | viter baptizati, induebantur vestibus albis. At 

vero, quia ab incepto | paululum digressi sumus, tempus 

est, ut ad narrationis ordinem, | revertamur. Post vero 

non multum temporis, homines Dei ad prefatum A | retine 

civitatis episcopum revertentes, ab eo honorifice suscepti ep^uoopum 

sunt; indicantesque ei sui adventus causam, efflagitant Aretimim se 

suppliciter, ut ad | perfectionis recipiat solempne votum. eo^e^DMd^- 

Qui libenter pio annuens | desiderio, more solempni in dioantur. 

cathedrali ecclesia celebravit miste | ria Salvatoris, et hiis 

expletis ad se acersiri fecit quemdam Johannem | abbatem 

de Saxo, aretine diocesis, sub cuius vice, eosdem iu | bet 

profiteri ; anno videlicet a Verbi missi incarnatione, mille- 

simo I trecentessimo deciraonono, die vigessima sexta mensis 

mar | tii, indictione secunda, Tamen multi ferunt, hoc quod 

dictum est, | in ecclesia sanctissime Trinitatis factum fuisse. 



(!) Hoc loco habetur, in duobus textibus hujus Chron.j 
notula rubro atramento scripta : « Hic distinguitur quanto 
color albus multo plus supereminet colori nigro per compa- 
rationem ». 



12 Antonii Bargemis 

que extra muros sita | manet (1). Illo vero tempore Eccle- 
sie preerat domnus Johannes papa yigesimws | secundus. 
Episcopus autem prelibatus, hoc f ungebatur nomine, scilicet, 



(1) Jam superios auctor noster egerat de vestitione trinm' 
fundatorum facta ab episcopo aretino, inquiens : « eosque so- 
lemniter induens ac sacram tradens regulam >, nunc vero agi 
videtur de eorum solemni professione. Quae facta, si distincta 
maneant intercapedine temporis, probabiliter fuerunt vel lo- 
corum positione, ubi peracta enarrantur. Nam vel vestitio in 
cathedrali ecclesia Aretina, ab episcopo facta fuit; professio 
vero in ecclesia SS. Trinitatis, inter manus Jobannis de Saxo, 
emittebatur; vel professio in Catbedrali et vestitio in sacra 
aede Trinitatis. Ita puto rem solvendam, quae, propter confu- 
sionem unius alteriusve auctoris, jam tempore Bargensis, di- 
sceptabatur.. 

Auctor yero Chron, CanceU. hoc modo rem in medio afiPert: 
« Adveniente post haec optata die, anno a dominica Incarna- 
tione millesimo trecentesimo decimonono, die XXYI* mensis 
martii, a conversione vero eorum anno sexto; convenerunt 
ad ecclestan^cathedralem, quae titulo Sancti Martini ^prcenominata^ 
extra muros civitatis Aretinae modo poaita est : tam Keverendus 
domnus episcopus cum omni clero et plurima populi multitu- 
dine, quam etiam servi Dei Joannes, Patritius et Ambrosius. 
XJbi celebrata prius devotissime (uti decebat missarum solemni- 
tate, et oblata pro eis salutis nostrae immaculata bostia), vene- 
rabilis Pontifex per manus cuiusdam religiosi viri domni Joannin 
monachi Abhatiae de Saxo, Aretinae diocesis, purissimum in- 
duit praefatos patres et album habitum ». Fol. 8', 9. — Hic 
agi videtur de vestitione, et in Cathedrali ecclesia. Attamen 
Abbas et historicus noster, Secundus Lancellottus (Histor, 
Oliv.j p. 13, 14) non in summa aede Aretina, hodie excisa et 
extra urbem constituta, titulo Sancti Martini, sed in templo 
fustigatorum SS. Trinitatis, posito' extra muros civitatis Are- 
tinae, patres nostros candida veste decoratos fuisse contendit, 
viriliterque pugnat. D. Michael Ang. Bonhavertius (ojp. cit,) 
utramque sententiam conciliard conatur, sed argumentis nul- 
lius fere roboris. 

Quomodocumque res se habeat, et ab auctoribus pertractata 
plus minusve viriliter fuerit, certum est, unam alteramve 
coeremoniam in Aede SS. Trinitatis peractam fuisse : hoc enim 



Chranicon Montis Oliveii 13 

domnus | Guido de petramala, yir magnanimus et reyeren- 
dus. Igi I tur qui post hec, cum revertentibus patribus 
nostris ad sue habi | tationis locum, misit dompnum Re- 



testantur, consaetndines et monumenta de quibus Lancellot- 
tus (loc. eit,) sermonem tenet. 

Attamen ut quaestionibus, quantum in nobis est, fieret 
satis, interrogandum existimavimus Cl. Johannem Franciscum 
Qamurrinium, yirum in historia vetustiori recentiorique, prae- 
sertim aretina periiissimum, qui nostraepetitioni haec benigne 

respondenda dnxit: 

• 

" Arezzo, 20 Giugno 1901. 

«... Ho fatto copiare la notizia della vestizione di Bemardo 
Tolomei dall' opera inedita, ma stimatissima, di Mons. Ealcon- 
cini, vescovo di Arezzo, che la scrisse nel 1710 e coUa scorta 
dei documenti, intitolata : GhroniGon Eeclesiae Aretinae etc. 
La vestizione ayyenne nel 1319 nella Chiesa di S. Trinit&, la 
' quale, col suo spedale, era situata < ad pontem delle Gagltarde », 
come si ha da una carta della fine del sec. XIII, ove si ag- 
giunge Aretii in domo Diacipliiorum Trinitatie. E in un altro atto 
deiranno 1319 si legge : cEcclesia S. Trinitatis extra muros 
et intra cerchias civitatis Aretii. » E giustamentCi perchd in 
quell'anno, mentre era statar stabilita la nuova cinta, che 
doveya abbracciar& quel sito del ponte sul fiume Castro, 
(ponte che ritiene il nome delle Gagliarde)^ non yi erano an- 
cora edi£cate le mura. — Errano certamente le Cronache Oli- 
yetane scriyendo : < ad ecclesiam Cathedralem, quae titulo 
S. Martini praenominata, extra muros ciyitatis Aretinae po- 
sita est. » PerchS era gik un secolo (per bolla d' Innocenzo terzo) 
ohe la Cattedrale di fuori delle mura era stata trasferita nel 
colle dentro la citt&. Errano ancora, perch^ la yecchia Cai- 
tedrale era intitolata a S. Donato, e mai a S. Martino, e la 
nuoya a S. Pietro, detta S. Pier Maggiore, per distinguerla 
da un' altra chiesa col titolo stesso. La veritk pertanto si h 
quella, ed indubitata, quale fu riferita nel Chronicon del ye- 
scoyo Falconcini. » 

Nunc accipias quaeso, quae tradit ipse Falconcinius, in Chro^ 
nicon, ad annum 1319 : € Solemnitatem approbationis Instituti 
peractam scribit Oliyetanus Chronista in Cathedrali, seu ut 
aiunt in domo S. Martini; yerum Tabulae publicae, quae 

Spicilbo. Montouv. — Vol. I. 5 



14 Antofiii Bargensis 

stauratum, capellanam sancte Tri | nitatis ecclesie Are- 
tine, mandans ei ut ordinaret locum, ubi | construenda 



in Tetasto Archiyio Monasterii de Acoona seu Montis Oliveti 
servantur, industria B. Bernardi Tholomei anno 1844 auctho- 
ritate publica Buosi Episcopi Aretini, et eius delegati Viyiahi 
Senensis, plebani S. Agatbae de Terra Asciani conscriptae, id 
in aede SS. Trinitatis iiagellatorum extra Moenia civitatis 
posita, peractum fuisse iurato testimonio ipsius B. Bemardi 
Abbatis, commemorant, et etiam diebus nostris in eadem ec- 
clesia SS. Trinitatis in praecipua veneratione babemus simu- 
lacrum piissimum Beparatoris nostri a cruce pendentis, coram 
quo Monastico cucullo indutos fnisse B. Bernardum et socios 
constantissima tr^ditio est. Joannes igitur Camaldulensis Epi- 
scopi Guidonis delegatus in oratorio Xenodochii| quod est 
sub cura et regimine disciplinatium nobilis sodalitii eiusdem 
nominis, et ad quod humilitatis, et religionis studio diverte- 
rant Tholomeus, Patritius, et Piccolomineus, eos candidis ye- 
stibus ad gloriosissimae Virginis placitum exornayit, jubente 
episcopo, etc. » {Ex Chronico JEcclesiae Aretinae consGripto a 
Bbnboioto Falcongini, eiusdem ecclesiae episcopo, anno 1710, 
in yol. n», anno 1819). 

Addebat insuper 01. Gamurrinius : < La Chiesa dei Disci- 
plinati della SS. Trinit^ restaya allora presso la cerchia delle 
mura di Arezzo, al ponte detto delle Gagliarde^ sul fiume 
Castro ; doye sorse 11 presso il conyento di S. Giusto. Poi la 
oompagnia fu trasferita nella Chiesa che ancora si nomina 
della SS. Trinit2i, nella quale sussiste il Crocifisso dinanzi al 
quale Bemardo Tolomei assunse V abito e profess6 i yoti della 
nuoya Begola. — G. P. Gamurrini. > 

Nuno yero gratias quam plurimas cl. yiro agant omnes, 
quorum interest haec tandem aliquando clarius apparuisse. 
Sed animadyertat lector, quod, ni fallor, Episcopus Falcon- 
cinius prae manibus Hiatoriam Olivetanam Abbatis Sboundi 
Lancbllotti (Yenetiis, 1623, 1, p. 13, 14) dum scriberet Chro- 
ntbon, habuit, ne episcopo Aretino adscribantur quae jam 
scripserat Abbas Oliyetanus. " n;^ 

Joannes ille, qui, nomine episcopi Aretini Guidonis de Pe- 
tramala, patrum nostrorum dedicationem accepit, anno 1319, 
in episcopali diplomate, de hac re confecto per notarium Gua- 
dagQum quondam ser Giunte (Begistro Oliv,, I, doc. 1, 6), dicitur 



Chronlcon Montis OliveH 15 

esset ecclesia (1). At ille, ut vir sagax, libenter ac fl | 
deliter adimplevit preceptum : et tamdiu ibidem moratus 
est, I quousque ipse manibus suis in fundamento, primum 
posuit lapi I dem benedictum. De cuius fidei testimonio qui- 
dam ser (a) Guardinus, | aretinus notarius, qui omnibus 
liiis interfuit, confecit instrumentum, | cuius copia ad pre- 
sens invenitur in quadam capsa, ubi reponun | tur privilegia 
Ordinis. Hec vero ecclesia fundata ac constructa | fuit in foi. 4. 
loco, ub ad presens sunt sepulcra fratrum, contigua ec | Eociesia 
clesie, | que nunc extat, quam nos oculis nostris vidimus, ^°°*** ^^*" 
ante | quam destrueretur totaliter (2). Nunc igitur locum 
si placet descri | bamus. Est enim valde nemorosus, et ma- MontiB oii- 
gnis in giro cir | cumdatus rupibus ac precipitiis, ad quem ^®** descrip- 
non est accessus | nisi a parte superiori ; quia ibi situm 
est palatium, quod velut | in arcem habetur. Et nemo po- 
test predictum locum ingredi, nisi tran | seat per hoc pa- 
latium: in quo quidem promptuarium extat non parve 



(a) Test. B: Bemardinus, 

€ monachns abbatie de Sasso, ntinc in Cathedrali nostra resi- 
dens » et in margine Chron, Cancell,, de ipso legitur scriptnm, 
manu recenti : < Jste monachus, erat eiusdem episcopi vicarius * 
generalis, uti habetur ex scriptura authentica in Archivio 
Montis Oliveti. ». Fol. 9. 

De ipso et de aliis quaestionibus hic obiter pertractatis, 
conferas etiam Mittarelli-Gostadoni, Annalts CamdldulenaeSf 
V, 906-310. 

(1) Episcopale diploma {Reg. Oliv,, I, doc. I, 6) testatur hanc 
auctoritatem a Guidone commissam € presbitero Bestanro, 
dudum capellano ecolesie de Morello, apud domum fratemi- 
tatis sancte Trinitatis de Aretio commoranti ». 

(2) lam egit auctor, et nos adnotavimus, primum Montis Oli- 
veti oratorium, fuisse S. Soholasticae dicatum, quod etiam 
nunc pene dirutum conspicitur. Nunc vero loquitur de seounda 
tempore ecclesia, ibi aedificari coepta sub abbatiatu Patritii 
de Senis, anno scilicet 131B-20, parva quidem, sed etiam pictu- 
ris adomata. Beote historicus noster, G. Thomas {UAbbaye de 
Mont^Olivet-MaJeur, p. 111), putat fuisse constructam < & Ten- 



16 Antanii Boftgmais 



latitadinis ; ubi omnia victui necessaria reponuntur. | Nam 
idem locus quovis fructu, omnique olerum genere habun- 
dat: I Sunt etiam per circuitum nemora et silve, que ibi 
degentibus ma | gnam prebent copiam lignorum. Habet 
quoque magna oliveta; | ex quorum vocabulo monti nomen 
indiderunt. Appellatur namque | Mons Oliveti (1). £t quam- 
quam multum difierat a monte illo oliveti, in | quo dominus 
Jesus solitus erat orationi operam dare, docensque disci- 
pulos I sedere, et alia multa misteria operari, que profecto 
ad exprimen | dum, lingua nostra insuflciens inyenitur ; 
tamen aliquid horum in se mons | iste videtur continere. 
£st quippe^ in eo pinguedo multarum vir | tutum, bumili- 
tatis, videlicet, caritatis, obedientie atque castitatis, | cete- 
rarumque multarum, quas nunc, brevitatis causa, silentio 
tegimus. | Et vere absque ulla mentis ambiguitate, cre- 
dendum est, quod | dominus, ut olim in Egipto et The- 
bayda, sic in presentiarum | servis suis, ad se gloriflcandum, 
Monaste- sibique serviendum talem presta | verit locum. | In cuius me- 
riuni. ^jq patres nostri non mediocris pul | chritudinis monaste- 

rlum, et ecclesiam, in vultuum eorum su | dore, construxe- 



droit appel6 plus tard De profundis et Chapitrej adjacent & la 
grande ^glise actuelle, du cdt6 da sud ». 

Hujus vero oratorii primum lapidem banedictione aspersit, 
Presbyter Bestaurus, ex mandato episcopi Aretini. « De qua 
benedictione, habetur in Chron. Cancell.j instrumentum pu- 
blicum extat, quod cum ccBteris congregationis ipsius privi- 
legiis in Monte Oliveto servatur ». Fol. 10*. 

Sub fine autem saeculi XIV, adaucto monachorum humero, 
abbas Gen. Hyppolitus Jacobi de Mediolano (A. D. 1899-1402) 
coepit aedificare aliam ecclesiam, quae, secus oratorium, de 
quo supra diximus, juxta Bargensem, « nunc extat ». Frimum 
hujus ecclesiae lapidem in fundamentis positum est die 14 octo- 
bris anni 1401 {Archivio di M. U, Af., lib. 0. M., p. 34, aptkd 
Bbsozzi, op. ms. cit,, p. 30). Ofr. TnoHAif, op. dt., p. 111. 

(1) Cfr. descriptionem bujus loci in CotnmentariiM Fli 11, 
lib. X, p. 497; Thomas, op. cit.f p. 211. 



1 



Chronioon Montis Oliveti 17 

ruDt. In quo cnm quanta districtione» regula | ris habeatur 
observantia, usque in presens ; cum quantove fer | vore boni 
monachi,adfastigiavirtutum,pervenirecurave | rint,noster 
prorsus non explicat sermo. Ita namque erant in oratio | ni- -^i^^j^ 
bus assidui, ut apte de illis possit dici : Invictum ab oratione trnm mona> 
spiritum non relaxabant, sicut de beato dicitur Martino, °j^" '* ^® 
licet non | pari forma. Post completorium per spatium unius 
miserere | et de profundis cum oratione Omnipoiens sem- 
piteme Dms, qui vivorum \ dominaris etc. et corpora sua 
verberibus macerabant ; quod et in | presentiarum obser- 
vationi traditur. Duxerunt etiam in usum, ut nul | lus post 
noctunialem synacin, vel paululum dormitaret ; | sed unus- 
quisque aut orationi, aut lectioni vacabat. Insiste | bant quo- 
que, si quis hoc indigebat, studio discendi. Summo autem 
mane, post primam, missam celebrabant (a) : qua missa 
do I mino, devote decantabant tertiam et sextam. Sicque 
exeuntes | ad exercitium, manibus suis operabantur, quod 
eis necessarium | erat, usque ad nonam, cum omni silentio 
et humilitate, absque mur | mure. A fundamentis enim for- 
nacem ediScayerunt, que | et nunc permanet. In qua lateres, 
edificio necessarios, co | quebant; quos cotidie milites Christi 
ex ea extraentes, velut | aurum in fornace humiliationis 
probabantur. Silentii vero | summam ita arripiebant, ut non 
solum post completorium, aliisque | nocturnis atque diurnis 
horis, quibus nefas est iufringere ; | yerum etiam in exer- 
citio manuali, in refectorio, in clau | stro, et dormitorio ; 
omnibus videlicet horis, ut potius he | remus, quam ceno- 
biun^Tideretur. Institutum fuisse reperimus |, quod si regu- 
larem taciturnitatis normam, violare quis ausus | esset, 
vinum in illo die prorsus non biberet. Numquam ad | su[m]- 
mum pontificem supplicationem babuerunt, ut eis in aliquo | foi. 6. 
dispensaretur. NuIIus omnino aliquid suum dicere presu- 
' me I bat, nec quidem nunc presumit ; sed omnia nobis, 



(a) Text, B: CeUhranU 



18 AfUanii Bargensis 

secundum | Apostolorum iastitutionem, ac beati regulam 
Benedicti patris no | stri, sunt communia. Unusquisque duas [ 



tantum modo ad u | sum tunicas possidebat, et scapulare 
cum cucuUa. In pau | percuio namque vestiario, alique 
quamquam vetuste, habebantur tu | nice, que concedeban- 
tur iliis quos necessitas lavandi urge | bat. Postquam vero* 
suas ipsi lavissent res, dicte tunice vetuste re | ponebantur 
in vestiario ; et sic erant in maxima voluntarlaque | pau- 
pertate degentes. Pro lectulis autem sacculos paleis plenos | 
habemus, ex omni parte lateribus lecti clavis afflxos. Su- 
per I quibus dormientes quiescimus. Deinde patres nostri 
haben | tes oves, faciebant fleri pannum ex velleribus earum, 
et fa I ciebant mantellos, vel pallia quibus dormientes se 
cooperirent, | vel certe per domum ambulantes, aut in 
mensis vel ecclesiis | existentes se induerent. Erat autem 
pannus ille rusticus, | et grossus, f usto colore ; illius simi- 
litudinis, quo rustici utuntur. | Set quoniam superius di- 
ximus eos induere vestibus nive 1 is, ne mireris : sciebant 
enim beatum Benedictumy eos amonu | isse, non causari de 
colore (1) ; quamvis nonnisi pallios talem | in se colorem re- 
cipientes haberent. Quonam modo illos | abiecerint, ignoro: 
nunc vero illis minime utimur, sed | albis. Erant nempe 
potu, ciboque potissime temperati. | Tempore siquidem vin- 
demie, cum de acinis vinum ex | iraxissent: aquam misce- 
bant vinaciis : facientesque triduo | plus vel minus, secun- 
dum quod eis videbatur, bullire, illo. | implebant vegetes ; 
quo per totam yemem reficiebantur. | 

Foi. 5*. Garnes nunquam, secundum regule textum comedimus, 
nisi gravis | sime inflrmitatis urguerit necessitas. Et quia 
locus I ille> ut prefatum est, in vasta solitudine situs ha- 

Monat^ca bctur ; multa I que distantia manet inter ipsum, et flumina, 

rvan la. ^^j mare, ra | ro aut numquam pisces comedebant. Decre- 

verunt denique, ut quin | ta solum feria, et die dominico. 



(1) Regula^ cap. LV. 



Chrontcon Montis Olfoeti 19 

pro quolibet darentur duo ova. | Similiter in festis ab eo- 

clesia preceptis. In festivitatibus vero ma | ioribus, unus- 

quisque in sui portione ad prandium, tempore non | ieiunii, 

duo ova recipiebat. Estatis autem tempore ad cenam, | 

panem et caseum cum salititio, solum manducabant: hiis 

ex I ceptis jdiebus, quos premisimus. Quippe in sanctorum 

Tigili I is ab ecclesia indictis, nullus quidquam cocti come- 

debai Nam | in primordio (a) quadragesime, ut a non- 

nullis seniorum | auxi, conyentualiter annuatim statuebant, 

ut prima die | prime quadragesimalis ebdomade omnia 

clauderentur ostia | penus, ita ut aclamarent exempio an- 

tiquorum patrum, | vinum prorsus non esse monachorum. 

Secunda namque die, clau | debant portas coquine, ut nullus 

nequiret quid coctum man | ducare ; et sic alacri deyota- 

que mente sanctum pasc[h]a erant ex | pectantes. Yin- 

demie tempore, proiciebant yegetes per dirupta | montium, 

nihil de istis caducis yanisque rebus curantes ; set | illud 

prophete sedulo in pectore reyolyebant : quid enim mihi | 

est in celo et a te quid yolui super terram ? (1). Defecit 

caro I mea et cor meum : deus cordis mei et pars mea» 

Deus I in eternum(2). £t, mihi adherere deo bonum est: po- FamaMonto- 

nere | in domino deo spem meam (3). Igitur fama crescentes ^j^^J^ 

et nume | ro, eorum murmur in breyi ubique diyulgatum 

est. Giyes | yero hanc bonam famam aurientes, libenter ^<>'« ^- 

eis archisteria contulebant, | ducentes pro maximo, si in 

sua ciyitate unusquisque talium me | reretur habere con- 

gregationem. £t quidem multi nobiles, de | genere atque 

mediocres de Egipti regione egre | diebaiftur» et ad so- 

litudinem religionis yeniebant ; cupientes | maris naufra- 

gium eyadere. Et sic, in breyi multiplicati sunt, ut plus 



(a) Text. B : Prandio, 

(1) PsALtf«, LXXn, 24. 

(2) PsALM», LXXII, 25. 
(8) PsALM., LXXn, 27. 



20 Antonii Bargemis 



qaam trecenti monachi in nostra consisterent religione, 
uno tamen animo | et voluntate. In illo tempore, pene 
omnJs regularis observantia anul | lata erat in Gallia» in 
Italia atque in nniverso orbe romano; | Oisterciensium tI- 
delicet, Camaldulensium, atque Vallumbrose; nec | [non] 
et fratrum Predicatorum, ac Minorum. Sanctus enim Ber- 
nardinus, qui | michi magne familiaritatis et amicitie yin-* 
cttlo coniunctus | fuit, observantiam minorum fratrum, que 
nunc Tiget» ipse incepit. | Audivi certe ab expertis et an- 
tiquis patribus, raro | ultra centenarium religionem in 
obserYantia bona, permanere, | quia valde difficile est^ diu 
in arduis consistere. Ecce ex ma | nualibus exercitiis, exem- 
plum capientes, in medium profera | mus. Nonne, ut aspi- 
cimus, unaqueque ars cum magno | fenrore incipitur ? Set 
certe negligendo paulatim anulla | tur. Sub onere namque, 
fastidium patimur, nisi singu | laris SalTatoris gratia, de 
die in diem, renovando subveniat | nobis. Et ideo Aristo- 
tiles omnino aflirmat: Yirtutem | in difficilibus consistere. 
Unde religio nostra, noviter incep | ta, e vestigio ad ma- 
gnum augmentum fratrum pervenit ; tum, Deo | spiritum 
suum cordibus eorum infundente ; tum, quia nulla alia | re- 
ligionis norma in observantia consistebat, nisi solum Cartu | 
siensis. Est ergo nobis cum propheta orandum : Conver | 
Foi. 6 . te nos, domine, et convertemur : innova dies nostros sicut 
De B. Ber- a principio (1). I Nunc itaque hiis pretermissis ad ^equentia 
^^^' veniamus. Frater Bernar | dus, cuius mentionem {a) supe- 
rius fecimus, post triennium in abbatem | assumitur. Qui 
post annuatim suppliciter absolutionem petens, denuo | as* 
sumebatur; et sic in abbatiatu. viginti septem annis per- 
mansit. Hic | .monasteriis; et mona[ch]is, Deo favente, 
ampliavit ordinem. Fu | it enim per omnia vir valde mi- 
rabilis et sanctus: dedit quoque patrimonii | sui omnem 



(a) Text. B : memoriam» 
(1) Thrbk., V, 21. 



.-4 



Chronioan Montis OUveii 21 

substantiam monasteriis ; qui etiam profectus est Avi | nio- 
nem pro oonflrmatione ordinis(l). Nam Glemens sextus 



(1) Bargensis adventnm B. Bernardi Avenionem tenet; cau- 
sam vero huins itineris, confirmationem ordinis, fuisse putat. 
Qaae confirmatio per diploma Clementi^ VI < Vacantibus sub 
religionis observantia >, dat. Ayinion. XTT kal. februarii, 
pont. anno secundo, incarnationis Domini 1344, lata fuit. Cf. 
MuUa I ac diversa | privilegia Congregationi \ Montia Olivetiy a 
diversis PofUificihua concesaa \ atque confirmata. | — Impressum ' 
Fulginie per Augustinum Colaldi, apud | Yincentium Canta- 
gallum, anno Domini 1566, priy. I ; Privilegia \ Sacrae Cong, \ 
Monachorwn | S, Mariae Montia \ Oliveti conceesa \ per notarios 
pubUcos cwn exemplaribusj ex quihus transumpta sunt, collata \ 
et approhata \ — nunc ad utentium commodum in lucem edita. — 
Bononiae, apud Jo. Bossium, MDLXXX, Curiae Episc. et 
S. Inquisit. concessu, pag. 8-6; Lamcbllotti, Hist. Oliv,^ 1, 21. 
Quo anno yero B. Bernardus ad Sedem Apostolicam, tunc 
Ayenioni degentem, profectus sit, auctor noster silet, quam- 
yis innotuere yideatur, boc faotum fuisse, paulo ante confir- 
mationem Ordinis per Clementem YI, babitam anno 1844, mense 
Januario, die 21. Pontificis diploma altum silet de itinere 
Bemardi ; immo loquitur tantum de petitione, bisce yerbis : ^ 
€ quare praefati Abbas et Conyentus nobis humiliter suppli- 
carunt, ut etc. ». Quod si reyera ad boc negotium, Bemardus, 
ad pedes Pontificis proyolutus fuisset, et in ipso diplomate 
buius rei mentio facta esset. Quod semper actum fuisse in 
pontificalibus litteris, certo oertius constare nemo est qui non « 
videai. Nunc autem yideant patrocinatores itineris B. Ber- 
nardi, an hoc sit yalidum argumentum, nec ne. 

Aliqtii bistorici, yidentes forsitan argumentum petitum ex 
silentio diplomatis, non tempore Clementis VI, iter Bemardi 
posuere, sed tempore Johannis XXII (XXI): immo Lancellottus 
(Hist, Oliv,, I, 7) litteris apostolicis, patres nostros Ayinionem 
ad iudicium eyocatos fuisse, ezistimat. Quem sequitur Cl. 
' Mar^ohanx (Vie du B. Bernard TolomH^ 1888, p< 92 seqq.); dum 
D. Michael Ang. Bonhayertius {pp, cit,^ edit. a. MDCV), te- 
nens et ipse duo patrum nostrorum Ayenionem itinera, B. Ber- 
nardum mlnime profeotum fuisse oontendit, sed misisse so* 
lummodo ad sedem Apostolicam dnos ex patribus nostris 
robufltiores sapiantioresque. 



22 Antonii Bargensis 



papa, I qui tunc residebat Ayinioni, libenter petitioni sue 
annaens confir | mavit omnia, que nobis dominus Guido de 
petra mala aretinus | episcopus contulerat. Ex sui vero 
clementia approbayit atque confirmayit ordinem nostrum, 
duodecimo kalendas februarii» in festo | sanctissime Agnetis 
yirginis et martiris(l). Qui dies apud | nos celeberrimus ha- 
betur. Mortuus est autem predictus Bernar | dus, yigesimo 
abatiatus sui anno et. septimo (2). Post | cuius obitum, 
omnes abbates ei successerunt, ut inferius pa | tebit. Ista 
yero superius dicta, ideo scripsimus, ut qui hec | legerit, 
si professus fuerit, regulam, quam ipsi professi sunt, 
pudeat yel in aliquo eos non imitari : si autem professus 
non fuerit, studeat quoque, seculo terga dando, eosdem 
imi I tari : si ad gloriam, qua ipsi fruuntur, placet perye- 
nire. Nunc | quidem in presentiarum, quamquam non equali 
modo ut patres nostri, | tamen regularis obseryantia dis- 
tricte tenetur. Nam ab ydibus | septembris usque ad Domini 
Resurrectionem cotidie ieiunamus, | nullam penitus yiolan- 
tes diem ;.dumtaxat diem Dominici Nata | lis. In quo quippe 
i^oL 7. ob tante solempnitatis reyerentiam, mini | me conyenit 
Anti4iia abstinere. Porro si quis yisitatorum, yel abbas gene 1 ralis 

monaohalu ^ o i 

ntioyiyendi aliquom yollet, causa necessitatis, yel recreationis, seu 
etiam | adyentus peregrinorum fratrum dispensare, eis so- 
lum liceret : tamen id ra | ro fit. Tempore namque yin- 
demie, hactenus consuetum fuit dis | pensare, ubi oportet 
yindemiare. Istis autem pretermissis diebus, | nec prior 
potest dispensare conyeptum, absque licentia abbatis ge | 



(1) Of. originale diploma in BBaiSTB. OiiiyBT.| I, 16. 

(2) Obiit B. P. Bemardus, Senis, axmo 1848, mense angusto, 
die 20, magna tuno pestilentia grassante. Bargensis loquitur 
inferius, in serie olironologioa abbatum generalium, de ipso 
et aliis, qui cum ipso, eodem tempore, eodem martyrii spiritu, 
eodemque actu cliaritatis erga Deum et prozimum, yooati 
fuere ad coronam gloriae. 



Chranicon Montis Oliveti 2B 

neralis seu yisitatoram ; que non leviter conceditur. A 

Pasclia usque | ad Pentecostem, nec unum diem ieiunamus, 

iuxta preceptum | regule ; verba quoque Domini memori- 

ter retinentes, dicentis : Non | possunt filii sponsi ieiunare 

quamdiu cum illis est sponsus (1). A Pente | coste enim 

usque ad festum Exaltationis Sancte Crucis, quartam, | sex- 

tamque feriam ieiunant fratres, nequaquam hanc normam 

vio I lantes, nisi nimius fervor estatis incaluerit. In Ad- 

ventu Domini, | in Quadragesima, in vigiliis ab Ecclesia 

statutis, et in omni die ve | neris, lacticinia haud comedi- 

mus» nec ova. Garnes num | quam mandimus, nisi gravis 

intervenerit infirmitatis neces | sitas : quod ut inflrmatus 

se melius liabere cognoverit, opi | do dimittit eas, et ad 

proprii conventus revertitur usum. | De vestibus quid di- DeVettibua. 

cam ? Non enim antiquis patribus compa | randi sumus, 

qui modicis ac paucis pannis utebantur ; tamen | nec gi- 

rovagis conformari credimus. Nam tunichi | num penitus, 

sine evidenti necessitate, videlicet inflrmitatis, | tenemus. 

Camisiam autem neque lineam, neque laneam portamus ; | 

sed tantum super nuda carne simplicem tunicam. Unus- 

quisque | nostrum tres ad usum habet tunicas, cum cuculla 

et scapulare. Sin | gulis quoque dantur pedules et capeline 

necessarie. Nam | calige difficile conceduntur, hiis dum- 

taxat quos infirmitas | seu seuectus urget, vel alia evi- foi. r. 

dentissima causa deposcit. | 

Deliciis omnino, quisquam nostri, quamvis fuerit anti- , 
quus, aut infirmus, | non utitur. Balnearum vero usus, 
prestatur in necessitate ab abbate | vel visitatoribus. NuIIus 
monachus potest manducare, aut | bibere sine sui prioris 
licentia ; et huiusmodi licentia, haud illis | conceditur per 
annum, set per diem et horam ; quod si quis secus fece- 
rit, I mandens aut bibens absque licentia, a priore suo mi- 
nime va 1 let absolvi : enim ad abbatem reservatur. Qui 



(1) Matth., IX, 15 1 Marc, II, 19 ; Luo., V, 34. 



34 AfUonH Bargensis 

auteiQ contra hone | statem, quid yel in minimo actu, im- 
pudico yidelicet aniroo» fecerit, ei | dem subiacetur yindicte. 
Nocturnalem nempe synacym, secun | dum regule decretum, 
tam estiyo tempore, quam yemali, sagaciter | celebramus. 
Nec uUus yalet post matutinum, nisi cum | sui maioris li- 
centia, dormire. Unde quidam abbas fecit | fleri, in singulis 
ostiis cellarum, duo foramina, que clau | sa in quibusdam 
monasteriis adhuc yidentur : ut senior deputatus potuisset 
yidere yigiiantes et dormientes. Vota | proinde, que profi- 
tentur hii, qui mundialibus curis dorsa yerterunt, | optime 
hucusque in nostro ordine, communiterque seryantur. | 
Be obedicn' Quiduam dc obedientia dicturi sumus ? In qua totius reli- 
ti^- gionis consistit robur et fuudamentum? Omni quidem anno 

ab abbate | et yisitatoribus, flunt de noyo familie, mutan- 
tesque fratres | de loco ad locum, ut melius noyerint saluti 
anime singulorum | conyenire. Mittunt cedulas singulis con- 
yentibus» in quibus con | tinentur mutationes; quibus sicuti 
eyangeiio, tam prelati quam subditi | obediunt. Transmi- 
grantibus enim de loco ad alium locum, propter | obedien- 
tiam, datur a prlore Monasterii, a quo recedunt, pe | cuniai 
FoL 8. eorum yictui necessaria, dum itinerantur. In oom | muni 
profecto, iuxta beatissimorum patrum leges, yiyimus; nec | 
ulius quid esse, dicere audet. Fit quidem a yisitatoribus» | 
temporibus congruis, magna inquisitio proprietatis ; enim 
post I triduanum ab eis terminum impositum, ut moris est 
dare, | si quis parum yel multum possidens, contra maiorum 
yolunta | tem, non ultroneus panderit delictum suum, illico 
excomu | nicatur. Geterum yisitatores, de monasterio quod 
yisitaye | runt, antequam recedant, solicite scrutantur oellas 
fratrum, ne ali | quis in tam grayi, nefandoque delicto iaceat 
ignotus |. Atqui ut olim regularis exercitiis disciplinam cu- 
stodiunt I fratres. Nocturnum yero diurnumque diyini operis 
ofiicium, cum magna | diligentia celebratur, tam cantando 
quam legendo. In plerisque mo | nasteriis, in toto yeme 
cantatur matutinum» potissime in mo | nasterio Montis Oli- 



Chronicon Montis Oliveii 25 

▼eti ; in quo tam in yeme, quam in estate, pene | totum 
offlciam decantant firatres ; ex quibus aliqui, tum propter 
I(mgitudi I nem cantus, tum propter exercitiumi quod nimis 
prolixe extenditur, | tum propter ieiunium et yigiHas, lapsi 
aliquotiens cantando, seu | legendo ceciderunt in terra. Unde 
quidam Bartolomeus de | Mantua, vir bonus, qui nuper in 
Ghristo defunctus est (1), in medium | profertur, ne frivola 
fari videamur. Hic enim cum, ante | analogium cum aliis 
cantaret, cecidit in terra, non infirmitatis causa, | sed po- 
tius, ut prescripsimus, lapsitudinis. In capitulo autem | tran- 
sacto ad numerum reperti sunt, plusquam quadrigenti fra- 
tres, I existentes unanimiter in religione. £t quidem, ut 
quondam | ad David, postquam numerum populi sui agnovit, 
dictum est, | a Domino per prophetam : Trium tibi datur 
o[p]tio et cetera (2), ac de | inde grassavit valida pestis in 
populo, ita quoque et nunc. No | verunt certe multitudinem ^foi. b: 
fratrum, nec tamen Deus adiunxit fratres | multitudini, 
quyn potius subtraxit. Ut discamus, non | in fratrum mul- 
titudinem, spem exultationemque habere, set in Domino | 
et in virtutibus. Mortui sunt ergo de hac presenti peste, 
que in | tota pene viguit Italia, fratres ferme quinqua- 
ginta (3). Porro | regimen ordinis nostri semper extitit voiuntateB 
uniforme. Nara crebro mu | tatum est pro tempore, ut ^^^**?^^»*»- 
melius maioribus visum fuit. Gre | scentibus namque mo- 
nasteriis ac fratribus, multiplicate sunt volunta | tes eorun- 
dem. Preterea in principio ordinis ordinaverunt ab | batem, 
uno tantum anno duraturum in offlcio abbatiatus sui (4). I 



(1) Hio BartholomaeuB de Mantua fait prior monasterii ad ca- 
strnm sancti Geminiani, et obiit a. 1450. [Kbob. Oliv. ad annum]. 

(2) n Rbg. XXIV, 12. 

(8) Agitur fortasse de pestilentia Mediolani praecipue, a. 1460, 
grassante. Cf. S. Lamgjbllotti, UHoggidl^ Parte prima, Ve- 
lietia, M. DO. LXXV, p. 528. 

(4) Approbata Oongregatione ab episoopo Aretino, diplomate 
suo diei XXVI martii 1819, statim eligitur in abbatem, Pa- 



26 AfUonit Bargensis 



Dein | de oonstitttere frairem Bernardum supra memoratum 
abbatem, qui omni | anno renuntiando, iterum ad eiusdem 
abbatiatus i^icem, assumebatur (1). | Alias autem abbas 
eligebatur a quatuor senioribus, qui vbcabantur | socii ab- 
batis. Erant quoque alii quatuor fratres, appellati visita- 
tores : | qui ordinem totum yisitabant, habentes magnam 
auctoritatem ab ab | bate. Ac deinde in urbe romana, bone 
memorie papa Mar | tinus concessit (2) amonuitque fratres, 
ut fierent sex visitatores, | qui | durarent duobus annis, et 
absoluti, aliis ambobus annis, vacarent | ad minus. Gelebra- 
batur antiquitus generale capitulum annua | tim : ad quod 
pergebat quilibet nostrorum monasteriorum prior, | cum 
duobus sui conventus vocibus ; et hec norma, centum ferme | 
annis, stetit inyiolabilis. Nunc demum extat decretum, quod 
so I lum, de biennio in biennium, celebretur dictum capitu- 
lum ; ad quod | celebrandum, properet quilibet prelatus 
nostri ordinis, cum una tantum | voce, et quod abbas duret 
quatuor annis, post cuius absolutionem, | antequam ad idem 



tritius de Fatritiis, Senensis genere et patria, cui successit, 
anno sequenti 1320, Ambrosins ex familia Ficcolominea, et 
anno 1321, Simon Tnrios, et ipse Senensis. Qni omnes, uno 
tantum anno, munere suo functi sunt. Gf. Langbllotti, Hiat» 
Oliv., I, 14, 15. 

(1) Quarto loco, anno 1322, in abbatem eligitur B. Bernardus, 
qui, singulis annis, a fratribus confirmatus, perduravit in 
officio usque ad an. 1348, quo codlum petiit. Cf. LAKCBLiiOTTi, 
HisL Oliv., I, 18-20; Markchaux, Vie du B. Bemard Tolomii, 
1888, 149 seqq. 

(2) Tempore utique Martini Y , sed per Beformatores a Sancta 
Sede electos, HtteriB datis sub die XVII mensis maii, anno 1430, 
yenerabili patri et abbati monasterii Montis Oliveti. Cfr. Rb- 
GISTB. Olitbt., n, 25. Frimi autem sex yisitatores ab E.«»«Re- 
formatoribus electi, fuerunt fr. Jeronimus de Ferusio, fr. Ni- 
colaus de Regno, fr. Bartholomeus de Mantua, fr. Fetrus de 
Napoli, fr. Baptista de Fodio bonizo, et fr. Benedictus de 
Yspaniaf 



f 

1 
I 

( 



Chronicon Montis Oliveti 27 

valeat reassumi, ad minus vacat octo annis (1). | Atque, quia ^ ^^^ 



prescripsimus, patres mutasse sepius cerimonias ordinis, et oeBsitate sta- 
re I gimen, non prorsus hocleviter faciebant: cogente enim ^^' 
necessi | tate, immutaverunt aliquotiens precedentium pa- 
trum statuta. | Nam et Ecclesia Romana atque plebes, se- 
penumero mutavere | leges suas et decreta. Porro patres 
nostri regularis observantie nor | mam dispensarunt num- 
quam. Non enim convenit alicui, regulas sanctorum | ap- 
probatas dispensare, nisi Sumnio PontiQci, vel quibus ab 
ipso concessum | fuerit ; et hoc si necessitas popQscerit. 
Unde Gelasius papa inquit: | Ubi necessitas nonest, in- 
convertibilia 'maneant sanctorum patrum decre | ta. Leo 
vero papa dicit : Ubi necessitas non est, nullo modo vio- 
lentur | sanctorum patrum constituta. Et infert: Ubi ergo 
necessitas fuerit ad | utilitatem ecclesie, qui potestatem 
habet, ea dispenset. Ex necessitate | enim, ut beatus infert 
Bemardus, fit mutatio legis. Qua in re cerni | tur, nec 
ipsis quidem prelatis, dispensandi libitum fore concessum, 
nisi I maxima necessitas aderit. Geterum statuta dominica, 
nullam | penitus humanam dispensationem, admittunt. Deus 
tantum, ut | beatissimus Bernardus probat, horum quod 
voluit, quando voluit, | sdvit. Quod vero patrum sanctorum 
statuta, aliquotiens egeant neces | saria correctione, vel 
dispensatione, testatur Jeronimus, doc | tor egregius, in fine 



(1) Qnae hic afferuntur a nostro Bargensi statuta fuere anno 
secundo abbatiatus Hieronymi de Neapoli, nempe anno 1432. 
Nam in Chron, CancelL, haec adnotantnr : < Cnitis [abbatis] 
secnndo anno, per R,^^* domnos Beformatores constitutum est 
Generale Oapitulum tertia Dominica post Pascha Besurre- 
ctionis, de hiennio in biennium, deinceps celebrari ; quum prius 
perannos nonaginta et amplius, Kalendis maii, semper cele- 
bratum sit. Item praefati domni Beformatores statuerunt quod 
quilihet monasteriorum nostrorum conventus unam tantupi- 
modo vocem (nam prius duae eligebantur), ad Generale Ca- 
pitulum cum Priore suo mittendam ex gremio tui oapituli 
eligat,.etc.£>. Pol. 26* j cf. RjBaiSTR. Oliv., II, 22, 24. 



28 Antonii BargefMs 

regale ad Eustochium scripte, dicens: | Nuila enim tam 
sancta, tam iusta et diu provisa est constitutiq, que | in 
futurum plurimos non patiatur defectus, que aliquando 
corre | ctione non egeat Propterea si quid in hac normula 
apo I stolice vite et religionis, dispensatione» correctione, 
yel I mutatione indiget, episcopo nostro, preposito viro pre- 
sbitero sancto comit | to, ut secundum plenitudinem Spiritus 
Sancti dispenset, mutet et | corrigat. Ouius nos gratia ful- 
citi, servire valeamus Patri ac Fi | lio, qui vivit et regnat 
in unitate eiusdem Spiritus Sancti per omnia secula. Amen. 



Chronicon Montis Oliveti 29 






SERIES CHRONOLOGICA . 

ABBATUM GENERALIUM 



Bic inferius scribeniur et annotabuntur omnium ab' foi. 9\ 
baium nomina et eorum acia notaNlia a principio ordi- 
nis usQue ad presens. 



I. 

Primus itaque abbas generalis, in ordine montis Oli | i. 

veti, fuit frater Patricius de Patriciis de Senis, an 1 no ^^^'f!^. ^^ 

domini M^ cgc° xviiij. Quia frater Bernardus, propter de- de senia 

fectum I visus; nam non longe videbat; non poterat eligi (^^^®^^^)' 
in ab | batem (1). £t iste duravit in officio abbatiatus anno 
uno I et sepultus est in monte Oliveto (2). 



(1) Be defecta visus B. Bernardi cf. documenta edita a Lan- 
cellotto {EisL Oliv,^ I, 18-20). 

(2) Anno 1819, sub abbatiatu Patritii de Patritiis, coeptum 
^t aedificari primum monasterium. Quod hisoe verbis enar- 
ratur in Chron. CancelL : « Non itaque sumptuosis lapidum 
ordinibus, quorum in locis illis (sabulo et quidem profundis- 
simo ibi existente) tanta babetur penurift, ut nec unus quidem 
vel vix inveniri possit ; non verp altis tabulatis ; non denique 
ambitiosis aedificiis : sed sicut eorum permittebat inopia mo- 
nasteri.um humile construxerunt, tam refectorio, quam dor- 

^flOniEO. MOMTOLIV. — Vol. I. 6 



30 



AfUonii Bargensis 



II. 



IL 

AmbrMiiiB 

picoionuneuB ^^^^^ ^^^ duravit, | et sepultus est in monasterio montis 



Secundus abbas fuit I frater Ambrosius de Senis. Iste 



Senonait 

(1320-21). Oliveti (1). 



III. 



m. 



symon Thn- Tertius abbas fui frater Symon Thure de Senis, et iste 1 

rins Senensii 

(13212«). uno anno duravit, et sepultus est in monte Oliveto (2). 



mitorio et coeteris officinis ex lato simplici terreos et luteos 
paxietes circnmponentes. Laborabant antem propriis manibns, 
per omnia ipsi fratres operibns incninbentes. . . • Misit deinde 
domnns episcopns Aretinns ad Montem Oliveti venerabilem 
yirnm domnnm Bestanrnm, capellannm domns Trinitatis de 
Aretio, cnm episcopali anctoritate ad primnm lapidem bene- 
dicendnm, qni in fnndamentis secnndae ecclesiae tnnc con- 
strnendae coUocandns erat. De qna nimirnm benedictione in- 
strnmentnm pnbHcnm extat, qnod cnm coBteris congregationis 
ipsins privilegiis in Monte Oliveti servatnr. £t sic secnndnm 
oratorinm non snmptuosnm, sed eornm panpertati et mnlti- 
tndini satis conveniens, in honorem sanctae Dei genitriois, 
cnius babitnm gerebant et titnlum, eztmctnm est : devotum 
valde, et Denm sui babitatorem esse intuentibus demon- 
strans. . . ». Fol. 10, 10'. 

Abbas Patritius pie obiit in Domino, anno 1847. Cf. M. A. 
BsLFOBTi, Chronologia hrevis, Mediolam, MDCCXX, p. 12; 
G. BuGBLiNi, Menologivm Benedictinum, Yeldkircbii, M. DC. LV, 
die XVII Martii, p. 204. Tondi, Ifasti olivetani, Yenezia, 1684, 
pag. 5-7. 

(1) Ambrosius, ex nobili Picolominea gente, Senis natus, 
electns fuit in Abbatem Montis Oliveti, Kalendis Septem- 
bris 1320, et obdormiyit in bona paoe, anno 1388. Cf. Bbl- 
FORTi, op. cit,y p. 18; Cabpbntbrio, B. Bernardi.... Vitae 
Libri quinque', Neapoli, 1642, m, p. 160; Tondi, op, cit.j 
pag. 7-9. 

(2) Simon Turius Senensis, abbas renuntiatus Kalendis Sep- 
tembris 1321, ccBlum petiit anno 1848. Cf. Bblfobti, op, cit,, 
p. 14; Carpbntbbio, qp. cit,^ III, 161; TONDI, op, cit,,)p, 9-11. 



Chronicon Moniis Oliveti 31 



IV. 
Quartus abbas fuit frater Bernardus de Tholomeis de | iv. 



Bernardas de 
Ftolomaeis 



Senis (1). De isto habito concilio quod remmtiando, omni 
anno pote | rat eligi, in abbatem electus est, et duravit annis " (1322-1348). 
Tiginti I septem. Iste valde ampliavit ordinem, quia primus 
inceptor | fuerat, et dedit possessiones plurimas monasterio 
Montis I Oliveti, que fuerant ex suo patrimonio. Insuper ac- 
quisivit | multa Monasteria ordini, temporibus suis, videli- 
cet monasterium Sancti | Benedicti de Senis (2), Sancti Ber- 
nardi de Aretio (3), Sancti Bartholomei | de Florentia (4), 



(1) Electus habetur Kalendis Septembris 1322, et perduravit 
in officio usqne ad an. 1348. Tempore ipsius statutum est, ut 
in comuni oratorio, officium mortuorum, pro defunctis fra- 
tribus, recitaretur ; quae consuetudo a nobis adhuo servatur. 
Cf. Chron. CanoeU., fol. 13; Tondi, op, cit., p. 12-16, 

(2) A viro Bonaventura Valcherini nobis donatum an. 1322, 
suis expensis extructum, Senis, extra, portam « Tufi », exta-r 
bat: nunc autem nihil de ipso superest. Cf. Langellotti, 
Hist, oliv,, II, 115; Belfobti, Chronologta, p. 11. 

(3) A Guidone Petramala, episcopo Aretino, aedificatum, 
nobisque traditum an. 1320. Cf. Lancellotti, op, cit., II, 117; 
Bblfobti, op. cit., p. 30. 

(4) Quod monasterium nomine quoque vocitatur € Monte 
Oliveto di Firenze ». Nostris datum est an. 1334. Cf. Lancbl- 
LOTTi, op, oit., II, 119; Bblforti, op. cit.j p. 23. — Per Sum- 
mum Pontificem Clementem YI huic monasterio Florentino 
adiuncta fuerat ecclesia sancti Laurentii « del Pogio a le 
Caye » de Monticellis prope Florentiam. Quae ecclesia a 
quondam presbytero Dino aedificata fuerat. Attamen, tempore 
huius unionis, quidam fraticelli, vulgariter nuncupati, nul- 
lius ordinis approbati existentes, ia eadem ecclesia moram 
facientes, episcopo Florentino Angelo Acciaioli, ex ordine 
Praedicatorum, qui eandem Unionem fecerat, pertinaciter re- 
stitere. Contra quos, sententia excommunicationis per Hugo- 
linum, episcopum Civitatis Castelli (dat. NeapoH, die XI mensis 
decembris, 1344), lata fuit. Sed, eorum pertinacia fortiter recu- 
sante, monachi olivetani, omni iuri suo expresse renuntiarunt 
(12 octobris 1346). BBaiSTR. Oliv., I, 18, 19, 20, 21, 22. 



32 Antonii Bargensis 



Sancte Anne de Camprena (a) (1), Sancti Donati de Eugu | 
.bio(2). Nam processu multo temporis permutatum fuit 
pro mona | sterio Sancti Benedicti de Eugubio (3), quod 
in presentiarum tenemus. | Monasterium Sancti Nicolai 
de Fulgineo, quod post anno domini | W cccc* xxx® ij® di- 
missum fuit (4). Monasterium Sancte Marie in | do[m]nfca 
Rome, quod postea dimissum fuit (5). Monasterium Sancti 
An I dree de Vulterris (6). Monasterium Sancte Marie 
Foi. 10. Castri Sancti Giminia | ni (7), et alia plura, qu^, tractu 
temporis, dimissa fuerunt. Hic fuit doctus vir, | et mor- 
tuus est in officio abbatiatus, anno Dotiini Millesimo tre- 
centesimo quadragesimo | octavo, tempore magne pestis. 



(a) Text. B: Camptma. 

(1) Huins ooBHobii area donata fuit a Senensi foetnina XJgn- 
tia, uxore Bametii Bagnoni patricii Senensis, an. 1324. Cf. 
Lamcellotti, op. cit,, II, 129. 

(2) Cf. Lancbllotti, op. cit.y 11, 307. 

(3) Cf. Lancbllotti, op. ctY., n, 310. 

(4) Cf. Lakobllotti, op. cit,^ n, 355; Bbgistb. Oliv., I, 
24, 25, 26, 28. 

Sub titulo Sancti Nicolai di Cippischis^ vel de Ciumpischis, 
uti habetur in Ebgistr. Oliv., I, 24, 25, 26, 27, 28. Cf. 
Jacobilli, Cronica della Chiesa e Mona^tero di Santa Croce di 
Saasovivo nel territorio di FolignOj in Foligno, 1653, p. 251. 

(5) De monasterio TTrbis Sanctae Mariae in Domnica, po- 
stea agendum est, pag. 34. 

(6) Cf. Lanobllotti, op. cit,^ II, 130. 

(7) Cf. Lancbllotti, op. cit,, II, 132; Bblforti, op. cit,, 
p. 44. 

De ipso monasterio baec habet Chron, Cancell, : € In agro 
deinde castri sancti Geminiani, Yulterranae dioecesis, in villa 
Barbiani, monasterium in honorem sanctae Mariae semper 
Yirginis, a magnifico equite domno Joanne de Salvuciis de 
eodem castro, eiusque coniuge domna Margarita de Bardis 
de Florentia, a solo fundatum fuit et constructum ; ac bonis 
temporalibus dotatum, a congregatione nostra suscipitur. » 
Fol. 14', 15. 



r -■ 



Chronicon Montis Oliveti 33 

quando mortui sunt de fratribus nostris numero [ LXXXIP, 
ut in libro fratrum mortuorum continetur (1). Et sepultus 
est I Senis, in raonasterio Sancti Benedicti (2). 



V. 

Quiatus a]t>bas fuit frater Ambrosius de Aretio (3), et v. 
electus I est de mense augusto vel septembri, et duravit 

duobus annis non com | pletis; quia in Kalendis madii se- de Traooz 

cundi anni sui, cepit celebrare ordo 1 noster capitulum "^° 

*^ , ' ^ (1348-1350). 

generale (4). Tempore abbatiatus sui habitum est | Mona- 



Francesohi- 
niu Gnidntii 



(1) Cf. omnes de rebns olivetanis tractantes, sed praesertim 
Ma^CHAUX, Vit du B, Bernard T., p. 207 seqq. 

Nomina vero eorum qui cum B. Bernardo, eadem peste 
grassante, aetemitatem petiere, habentur jam edita a Cl. viro 
Gregorio Thomas {UAhhaye de MonUOlivet-Majeur^ Sienne, 
1898, p. 219-222). Sed ipse octoginta tantum monachos enu- 
merat, cum et Bargensis et Necrologium, quod prae manibus 
nunc habeo, LXXXII<"' testentur ad patriam evolasse. 

(2) De loco sepulturae B. Bernardi pro monasterio Senensi, 
deque curis pro ipsius corpore inveniendo, scripsit erudite, 
abbas D. Petrus Bosini (f 10 maii 1807), tractatum huius 
tituli : Relazione dei nuovi motivi per li quali si ^ fatta nuova 
ricerca del corpo del Beato Bernardo Tolomei, Quae opella ma- 
ximae utilitatis pro historia olivetana, expectat diem, qua in 
lucem prodire possit. 

(8) Iste^abbas electus an. 1848 post mortem B. Bernardi, 
amisso Ambrosio, appellabatur Franceschinua Gruidutii de Tra- 
cozzano Aretinus (-{• 1868). 

(4) Cl. D. Cherubinus Besozzi in Notis in Constitutionea oIp- 
vetana» (mss. p. 60) de capitulo haec habet. € Ab anno 1820 
usque ad annum 1338 Capitulum generale Kalendis septembris 
celebrabatur ; verum, iubente ipso B. Bemardo Protoparente 
nostro, anno 1839 ad Kalendas Maii traductum est. Oum vero 
ad superos evolaverit B. Bernardus anno 1848; die 22 augu- 
sti, immediate post ipsius transitum in abbatem gen. substi- 
tuere F. Francischinum de Aretio, qui in ea dignitate per- 
stitit usque ad Kalendas maii 1350, qnibus celebratum fuit de 



34 



Antonii Bargensis 



sterium Sancte Marie de Riperia Paduensis diocesis (1). 
Hic se I pultus est in Monasterio Gastri Sancti Geminiani (a). 



VL 

Bainerini 

Simoni 

Senenaia 

(1850-1S51). 



VI. 



Sextus abbas fuit frater Raynerius de Senis, qui electus 
est I in Kalendis mensis Madii ; quo tempore ceperunt fra- 
tres nostri celebrare ca | pitulum generale. Iste irerat tem- 
pore magne pestis ad heremum | in monte Argentario (2), 
et ibi morabatur, et missum fuit pro | ipso, quando elege- 
rant eum in abbatem, et venit et duravit anno | uno. Huius 
tempore habitum est [monasterium] Sancte Marie Nove 
de Urbe (3), et quod | prfus habebant reliquerunt (4). 



(a) Text. B: In monasterio Sanctae Mariae de Barbiano Ca- 
stri Sancti Geminiani, 

more Gen. Capitulum. Hujusmodi coiisuetudo a Clemente VI 
confirmata per Breve ad perpetuam rei memoriam € His, qni 
ad dlvini nominis laudem » Avinioni datum, anno d^ pontifi- 
catus, seu 1351, octavo Idus Angnsti, interrupta duravit ad 
annum usque 1431, quo decretum est, ut dominica t6rtia post 
festum Resurrectionis agerentur Comitia. Aliquando tamen 
translata snnt ad dominicam quartam, ut anno 1554, diris 
quibusdam necessitatibus ita cogentibus, interposita aucto- 
ritate pontificis ». Haec una tantum vice meminisse sufficiat. 
Breve Clementis VI, editum habemus in libro : Multa ac 
diveraa privilegia, Fulginie, 1566, P. IIII, p. 4-6. 

(1) Cf. Lancellotti, op. cit., II, 186. 

(2) Cf. Lancbllotti, op. c»Y., I, 24. 

(3) Cf. Lancellotti, op. cit.^ II, 183 ; Bklforti, op, cit., 
p. 93 ; P. LUGANO, II B. Bernardo Tolomei e Gregorio XI a 
Santa Maria Nova^ in Cosmoa Catholicus, 1899, p. 110; Idem, 
i&\<* Maria Olim antiqua nunc nova, al Foro romanOj 1900. 

(4) Idest monasterium S. Mariae in Domnica, de quo Chron, 
CancelL; baeo habet (fol. 17) : « monasterium Sanctae Mariae 
in Domnica, tempore beatae recordationis Bernardi, in eadem 
urbe [Roma] antea babitum ; fratribus unde regulariter et 
cum observantia viverent ibidem commoditatem non haben- 
tibus, a patribus est derelictum ». 



Chronicon Montis Oliveli 



35 



VII. 



Septimus abbas fuit frater Laurentius Gionis de Aretio, 
et I daravit annis tribus. Huius tempore ordinatum est 
quod abbas dura | ret annis tribus (I). Tempore etiam suo 
facte sunt alique constitutiones, presertim | constitutio, de 
flenda memoria mortuorum quater in anno, | ut modo ob- 
servatur (2). Hic mortuus est in curia Avinioni (a) | pro 
factis ordinis, et ibi sepultus est (3). 



vn. 

LanrentiuB 

Cionis 

Aretinas 

(135M354). 



VIII. 



Octavus abbas fuit frater Reynerius de Senis, secundo, vni. 
et duravit | annis tribus (4). Tempore huius facte sunt ^^^^ 
plures constitutiones, presertim | quod nullus possit habere (1854-1357). 
concilium (b) contra ofllcium abbatis, et ordinatum est | 
qui sint casus reservati ad personam abbatis, ac etiam facte ^oi. io\ 
sunt et ordi | nate monasteriorum taxe, scilicet quod ha- 
beant solvere pro visitatore (c), et pro ( tempore capituli 
generalis; et ordinatum est qubd quilibet frater, non | 
sacerdos, sumat saltem, semel in mense, Eucharistiam 
sanctam, | et alie plures constitutiones facte sunt (5). 



(a) Text. B : Avinionenn. — (5) Text. B : Consiltum, — 
(c) Text. B : Visitatione. 

(1) Eligitur Eal. maii 1851 et dorat in officio usque ad 
£al. xnaias 1854. 

(2) Cf. Lancellotti, op. cit,^ I, 24, 25. 

(8) Obiit an. 1878, et humatus iacet in ecclesia fratrum 
Praedicatorum Avinionensi. Cf. Chron, CanceU,, fol. 17*; Lan- 
OBLLOTTI, op. cit,^ I, 25. 

(4) A Kalendis maii 1854 usque ad Elal. maias 1357. 

(5) Cfr. Lancbllottx, op, cit,, I, 25; Chron, CancelL^ fol. 18 j 
BjbsozzI| Constitutiones oliv, notis illuatrataef II, 12, n. 9. 



36 AntonU Barffensis 



IX. 

IX. Nonus abbas fuit frater Salvius de Florentia, et duravit 

^orentinna* annls | duodecim quia quater confirmatus fuit (1). Tempore 
(13671869). huius | facto sunt plures constitutiones, presertim quod 
non coquantur carnes pro | seeularibus in Monasterio, et 
quod non comedatur conventualiter | cum lumine lucerne, 
nec sine silentio. Item quod antiphone pro | commemora- 
tionibus, in vesperis, cantarentur. Item quod mulieres non | 
possint transire ad monasterium principale, nisi solum ubi 
nunc I situm est palatium. Item facta est constitutio pro 
murmurantibus, | tam pro prioribus, quam pro conventua* 
libus : qui murmuraverit comedat semel sine tobalea, di- 
mittendo vinum, vel pul | mentarlum. Item super silentio 
die noctuque horis regularibus, ac | etiam cum hospitibus, 
cum penitentia dimittendi semel vinum, | in prandlo, vel 
cena. Item preceptum est factum m capitulo generali, 
sub I maiori precepto, sub pena excomunicationis, quam 
ipso facto I incurrant, quod quilibet frater qui habet inte- 
resse ad electionem | abbatis, eligat in abbatem, secundum 
suam bonam conscientlam, quem | cognoscit magis utilem 
ad conservationem ordinis, et ad | profectum et salutem 
animarum. Item facta est constitutio super verberan | tes. 
Item constitutio de Apostatis (2). Item tempore hulus idest 
anno Domini M"* | trecentesimo sexagesimo primo habitum 
est monasterium Sancti Jeronimi de Agnano, | de Pisis (3). 
Item anno domini 1367 habitum est monaaterium Sancti Mi- 
chaelis de Bosco de Bononia (4). Item 1367 habitum est 



(1) Duodecim annis, sed tribus vicibus. Prima vice, duravit 
in o£Scio a Kal. maii 1857, ad Kal. maias 1369. Cf. Tokdi, 
I fasti oliv.j p. 21-24. 

(2) Cf. Lancbllotti, op.cit.f 1, 25; Chron, Caneell,, fol. 18, 16'. 

(3) Cf. Lancbllotti, op. cit,, II, 188. 

(4) Cf. Lancellotti, op, ciL^ II, 140; Francbsoo Maoa- 



Chronicon Montis Oliveti 37 



Monasterium | Sancte Marie montis Morcini de Perusio (1). foi. ii. 
Hicsepultus est in Monasterio | Sanctis Miniatis FIorentie(2). 

» 

X. 

Deciraus abbas fuit frater Reynerius de Senis, tertio elec- x- 
tus, I et duravit annis tribus. Huius tempore ordinatum, et | senenBia 
oblentum a sede apostolica (3), quod abbas generalis non pos- (i369-i372). 
sit, tran | sacto triennio, confirmari; et nisi vacet per aliud 
triennium, non | possit iterum eligi. Item per sedem apo- 
stolicam etiam ordinatum est, | quod ad abbatis generalis 
electionem, conventus Montis Oiiveti, | qui prius intere- 
rat totus, non possit habere, nisi sex voces ; quarum | una 
est ipse abbas generalis, altera prior monasterii, reli- 
que I quatuor per conventum eligi habeant. Reliqui con- 
ventus aliorum monasteriorum, | ultra vocem sui prioris, 
possint duas voces eligere, et mittere | ad capitulum. Et 
hoc factum est anno tertio sui abbatiatus. Hic sepultus 
est in monasterio nostro Sancti Benedicti de Senis (4). 



Luzzi Valbri, La chiesa e il convento di S. Michele in Boaco, 
Bologna, 1895. 

Antequam ad nos hoc coBnobium transiret, possidedant frar 
tres ordinis Sancti Augustini. Nostri vero prius ab Aymerico 
Bononiensi Episcopo sunt consecuti « ecclesiam sancte Marie, 
qnsQ antea appellabatur fratrum Gandentium, sive milicie 
beate Marie, sitam Bononie in capella, sive parocbia sancte Lu- 
cie, qnasi in capite Burgi de Ariento ». Ita refert monumentum 
Gometii Garsie de Albornocio Rectoris Civitatis Bononie, sub 
dat. 28 Julii^n. 1363 {Archiv. Oliv,^ mazzo: S. Michele in Bosco 
diBolQgna). Multa alia documenta possidemus, quae prosperam 
diei lucem expectant. 

(1) Cf. Lanobllotti, op. cit.f II, 146; Idbm, II Mercurio 
OZiv., pag. 158. 

(2) Aeternitatem petiit an. 1391. 

(3) Cf. Diploma Gregorii XI, dat. Avinion. II Idus decembris 
anno primo [1371J, in Rbgistr. Oliv., I, 53. 

(4) Obiit an. 1380 ; sed non Avenioni, ut habet Belfortius 
{Chron, brevi$j p. 18). 



38 



ArUonii Bargemis 



XI. 

XX. Undecimus abbas fuit fi*ater Salvius de Florentia, qui su- 

saivini Doni pra, et du I ravit annis tribus (1). Huius tempore habitum 
(13721375). ^^ monasterium Sancti Mi | niatis de Florentia, idest 1373 (2) . 

XII. 

xn. Duodecimus abbas fuit frater Michael de Prato, ef du- 

Miohaei Y^LyM 1 anuis tribus (3). Huius tempore habitum est mona- 
(1375-1378). sterium Sancti Jacobi et Ohristoforl | de Roffeno (4). Iste 
sepultus est in Monte Oliveto. 



xnL 

Matthaoni 

Landini 

PratensM 

(18781881). 



XIII. 

Tertius decimus abbas fuit frater Matheus de Prato, et 
duravit | annis tribus (5). Huius ten)pore ordinatum est, 



(1) A Efd. maii 1872, ad Eal. maias 1875. 

(2) Cf. Lancbllotti, op, ciL^ II, 127; Bblfortx, op. city 
p. 23; RBaiSTB. Oliv., I, 58. 

Haec insuper enarrantur in Chron, CanceU. : c In illa quippe 
[abbatla S. MiniatisJ nigros monaclios degentes, nec regula- 
riter Yiyentes, eornm abbas quum saepius corriperet, nec 
reprebensibilem suam conversationem qualitercumque emen- 
darent, decreyit, ne tam nobile et antiquum monasterium mi- 
nistris illis indignis, tam indigne celeretur, ad regularem 
observantiam illud restituere.... Ex propria igitur, qua erga 
religionem nostram, afficiebatur devotione, monasterium prae- 
fatum necessariis officinis optime munitum, possessionibusque 
et temporalibus bonis satis abundans, venerabilis ille Abbas 
religioni nostrae cedendo obtulit. ». Fol. 19, 20. Quod'factum 
est a Gregorio pp. XI, suis litteris datis Avin. XII Kal. martii, 
anno III (1378). Of. Lami, Memorabilia JScclesiae Florentinae^ 
'Florentiae, M.DOO.LVm, I, 27-34 ; 573-589. 

(3) A Kal. mau 1375 ad KaU-maias 1378: obiit an. 1401. 
Of. ToNDi, I fasti, p. 24-26. 

(4) Of. Lakobllotti, op. ci*,, I, 31; Tondi, op, cit,^ p. 25. 

(5) A £al. maii 1378 ad Kal. maias 1381. 



Chronicon Montis^Oliveti 39 

ac a sede apostolica indultum | est ordini nostro, ut tribus 
diebus maioris hebdomade, fiat apud nos | offlcium divinum, 
sicut Ecclesia Romana facit (1). Huius tempore habitum | 
est raonasterium Sancti Pontiani de Lucha; anno do- 
mini 1379 (2). Insuper mo | nasterium Sancti Johannis de 
Venda, Paduane diocesis, idest anno Domini 1380 (3). 

XIV. 

Quartus decimus abbas fuit frater Salvius de Florentia, gaiviug ioni 

et duravit | annis tribus (4). Huius tempore ordinatum fuit, Piorontinus 

quod videantur rationes | cellerariorum, semel iii duobus P*®^"^^*'* 
mensibus ; et habitum est monasterium | Sancti Benedicti ^**'* "'• 
de Pistorio, idest anno primo (5). 



XV. 

Quintus decimus abbas fuit frater Jacobus Thadej de 



XV. 

Jacobns 



Aretio, | et duravit annis tribus (6). Huius tempore habi- Taddei 
tum est monasterium Sancte Mar | garite de Cortorio (7), /jgJJ^igg^x 



(1) Diplomate Gregorii XI, dat. apud S. Petrum, XII Kal. 
aprilis, pontificatns anno septimo (13t7). (Reqistr. Oliv., 1, 66). 

(2) Lanckllotti, op. ciL, II, 161; Familiarum Tab., II, 
an. 1379, p. 3; Tondi, I fasti, p. 72. 

(3) Lancellotti, op. ciUy II, 166; Familiarum Tab., II, 
an. 1380, p. 6. 

(4) A Kalendis maii 1381 ad Kalendas maias 1384. 

(5) Cf. Lancbllotti, op. cit., II, 170 ; G. Bbani, La Chteaa 
Pistoieae dalla sua origine ai tempi nostri^ Pistoia, 1833, p. 133 ; 
Familiar. Tab., II, an. 1381, p. 8. 

(6) A Kalendis maii 1384 ad Kal. maias 3387. 

(7) Cf. Lancellotti, op. cit.j I, 32. Hoc monasterium quin- 
que annis nostri possident, nempe ab an. 1385 ad an. 1390, 
antea sub Sancti Basilii titulo, deinde vero a S. Margarita 
Cortonensi nuncupatum. Audiatur Cl. Decanus Caietanus Lo- 
rinius: € Per prowedere alP ufficiatura della nuova cliiesa, 
ftgrono aggiunti all'antico rettore di San Basilio alouni ter- 



40 Antonii Bargensis 

et monaaterium Simcte Marie Nove de Came t rino, que 



ziarii francesoani, ohe vi stettero fino al 1385 : nel qnale anno 
TJguocio Urbani Casalii V Signora di Cortona e Yicario Impe- 
riale pens6 di affidar la cnstodia del Santnario a Comunitk reli- 
giosa claustrale. E poicli^ era allora in grande estimazione la 
nuova Congregazione dei Monaci di Monte Oliveto Maggiore, 
sorta nello stato senese, la offirl ai padri di questo Istituto, 
che, presone il f^ossesso, lo tennero cinque anni, e nel 1890, 
in tutta forma solenne vi rinunziarono. In suUe prime molto 
dispiacque ai Cortonesi questa determinazione : ma, conside- 
rando bene gli avvenimenti, quella inaspettata rinunzia ebbe 
qualche cosa di prowidenziale. E non gi& percbd il Santuario 
non fosse bene affidato, ma percb^ apriva la via airattuazione 
di una profezia fatta da Criato alla Santa (Margberita) mentre 
era in vita : voglio dire la profezia con la quf^le le avea pr o- 
messo cbe il suo corpo, dopo lungo tempo, venuto in pos- 
sesso dei Padri Minori, sarebbe sempre stato da loro custo- 
dito. » LoRiNi, Vita di S, Margherita da Cortona^ pvhblicata 
nel VI centenario dalla di Lei morte^ Siena, Tip. S. Bemardino, 
1897, p. 881, 882; Cf. P. Ambr. Mariani, Bemini9cen»t dWn 
pelUgrino, Firenze, 1882, p. 174. 

SKoipias nunc ex Fahiliarum Tabulis nominaMonacborum, 
qui monasterium S. Margaritae, quolibet anno, incoluere. 

Prior: fr. Bartbolomeus Ceccbi de Senis. 
Cellerariua: fr. Franciscus Paulini de Perusio. 
Coadiutor eius: fr. Dominicus de Prato. 
Magister Novitiorum: fr. Pace Morelli de Florentia. 
SacrUta: fr. Jacobus faber de Eugubio. 
Conventuales^' fr. Franciscus de Frigolis. 

» fr. Paulus Bandini de Aretio. 

\ » fr. Pbilippus pictor de Perusio. 

P.: fr. Bartbolomeus Ceccbi de Senis. 
C. : fr. Dominicus de Prato. 
M, N. : fr. Jobannes Cole de Perusio. 
S, : fr. Pbilippus faber de Eugubio. 
Anno 1887 ^ Conv, : fr. Mattbeolus de Eugubio, conversus, 

» fr. Gberardus Vannis de Pisis. 
» fr. Pace Morelli de Florentia. 
» fr. Pbilippus pictor de Perusio. 
* » fr. Joaohinus de Perusio. 



Anno 1886 



Chronicon Monlis Oliveti 



41 



prooessu temporis dimissa sunt (I). Iste sepultus est iti 
mon I te Oliveto (2). 

XVI. 

Sextus decimus abbas fuit frater Duccius Bertholini de ^vi- 

Are ( tio, et duravit annis tribus (3). Huius tempore ordi- Bartoitai 

natum est, quod 1 nullus frater iret solus, prout in con- Aretmiia 
stitutionibus continetur (4). Iste | cepit hedificare refiecto- 



Atmb 1888 



Anno 1389 



P. : fr. Laurentins de Castro Sancti Johannis. 

(7. : fr. Johannid €ole de Ferusio. 

M. N. : fr. Gherardus Timnis de Pii^ 

S. : fr. Phitippus faber de Eugubxo. 

Conv. : fr. Mactheolus de Eugubio, converaua, 

» fr. Costantius de Perusio. 

» fr. Pace, Joacbinus, Philippus, ut an. 1387. 

P. : fr. Laurentius Bichi de Castro S. Jobannis. 
C7. : fr. Marcus de Castiglione. 
M. N. : fr. Macteus Henrici de Aretio. 
S. : fr. Philippus MascioU de Eugubio. 
Conv. : fr. Pace Morelli de Florentia. 
» fr. Lucas de Yspania. 
» fr. Macteolus, PMlippus, w^ an. 1888. 
(Ex Familiahum Tabula, ab anno 1879 ad 1458, II, pp. 18', 
20», 22*, 24'). 

(1) Cf. LANCBliLOTTi, op. cit.f 265; Familiar. Tabul., II, 
an. 1386, p. 18'. 

Qua vero de causa, haec duo niona«teri& a nostris dimissa 
sint, non satis clare apparet. Nam et in ipso Chron. CanceU. 
Iiaec tantum de hisce duobus 60Bnobiis leguntur : < Yerum 
haec duo monasteria, utpote ipsius religionis staftui saliitari, 
ez oauidB, quas hic brevitatis gratia praetermittimus, valde 
contraria, immo perniciosa; post nonnuUa annorum curri- 
cula Paitrei^ dimittenda esse censuerunt : quod et faotum est. » 
Fol. iO. 

(2) Obiit anno 1401 (Neorol. Oliv., ad annum). 

(B) A Ealendis maii 1887 ad Kal. maias 1390. Cf. Tondi, 
op. cit.j p. 29. 

(4) Cf. In Constitutionea Ordinis Montis Oliveti, Bononiae, 
M. D. LIX, pars II, n. 40, p. 87. 



42 Anionii Bargensis 



rium magnum, quod nunc extat in Monasterio principali, | 
anno tertio sui abbatiatus (1). Iste fuit religiosus et spi- 
ritualis» licet parum litteratus. 



XVII. 

t 

XYU. Decimus septimus abbas Aiit frater Ypolitus de Mediola | 

Hyppouuu no, et duravit annis tribus (2). Hic complevit opus refec- 

nentii ^^^^^ I 4^^ P®^ predecossorem suum ceptum fuer^t. Huius 

(1800-1898). tempore habitum est | monasterium Sancti Jeronimi de 

Janua, anno primo 1300 (3). Anno autem | secundo factum 

fuit Gapitulum generale in monasterio Sancti Benedicti | 

de Pistorio, propter guerras que in territorio et partibus 

Senarum | vigebant (4). Et ordinatum est de reformatione 



(1) Cf. G. Thomas, VAhbaye de Mont-Olivet-Majeur^ 1898, 
p. .172. 

(2) A £al. maii 1390 ad £al. xnaias 1898. Cf. Tondi, op. 
cit.f p. 80. 

(3) Cf. Lanobllotti, op. ci7., II, 171 ; Fahiliar. Tab., II, 
an. 1890, p. 26'. 

De monasterio Genuensi haec traduntnr in Chron, CanoeU,: 
c Huius Abbatis tempore, reverendus domnus Alphonsus Ge- 
nuensis Antistes monasterium in honorem et sub vocabulo 
sancti Hieronymi doctoris, in villa Qaarti, eiusdem dioecesis, 
a solo a se constructum congregationi nostrae offerens, ibidem 
requiei suae statuit sepulturam. ». Fol. 20*. 

Huius monasterii bistoriam erudite conscripsit cl. Sacerdos 
Camuliensis D. Nicolaus Schiappacasse, nuper nobis ereptus.; 
sed typis nondum mandatam esse dolet. 

(4) Cf. Annales Senenaes in Mubatobi, E. I. S.^ XIX, 898* 
397. Audias quae synchronus tradit scriptor (in Familiar. 
Tab., II, an. 1891, p. 27), de hisce rebus : < quuin. ex forma 
constitutionum nostrarum Capitulum generale nostrum an- 
nuatim debet celebrari in nostro principali Monasterio Sancte 
Marie Montis Oliyeti, sed propter circuminantia nunc guer- 
rarum pericula, non sit habile nec tutum, in dicto loco diC" 
tum Capitulum celebrari : ideo non derogando juri dicti Mo- 
nasterii et ipsius fratrum, Capituli et Conventus, ez dictis 



Chronicon Montis Oliveti 



43 



constitutionum | ordinis et sic fuerunt correcte et ordi- 
nate, anno Domini 1 1392, per capitulum generale. Hic fuit 
Tir valde utilis ordini | nostro. Exemplar in omnibus, in 
gestu corporis et gravitate | morum. Gravis aspectu, appa- 
rentie venerabilis, et ma | gne observantie. Hic ornavit 
religionem plurimis ho | nestis ac devotis cerimoniis et 
constitutionibus, dilectus a | multitudine fratrum. Invisus 
quibnsdam patribus ordinis. 



Fol. 12. 



XVIII. 



Decimus octavus abbas fuit frater Laurentius Ser Nico- 
lai I de Perusio, et duravit annis trlbus (1). Huius tempore 
constitutum | est,'quod nullus frater habens licentiam ab 
abbate vel visitato | re, yeniendi ad capitulum, non possit 
eligi pro voce | sui conventus, ad eundum ad capitulum ; et 
hoc propter fraudem, | que posset lieri. Item fuit ordinatum 
in capitulo, quod in refec | torio ad comestionem, quilibet 
frater haberet portionem plactan | tie de per se. Nam antea 
duobus fratribus simul dabatur. | Hic fuit vir prudens et 
zelans pro ordine. Hic fecit | fundare palatium quod nunc 



constitutionibus vel alias qualitercumque quesito, ubi per 
fatura tempora, in prefato nostro monasterio dictum gene- 
rale Capitnlum tute valeat celebrari ; sed potius freti juris 
comunis remedio ex forma consilii super tali materia per 
juris peritos dati, clarius apparenti; scilicet, quod in casu 
predioto, quando non potest celebrari Capitulum in principali 
monasterio nostro propter impedimenta guerrarum, vel alio 
quomodocumque, tunc celebrari possit et debeat in loco alio, 
dicto monasterio subdito tutiori. Presens nostrum Capitulum 
generale in loco et Monasterio Sancti Benedicti de Pistorio, 
dictis principfidi Monasterio et Ordini subdito et unito, duxi- 
mus, tamquam in loco tuto, prout de jure et facto melius 
valuimus, celebrandum. . . . ». 

(1) A Kal. maii 1898, ad Eal. maias 1396. Cf. Familiar. 
Tab., II, p. 88; ToNDi, op. cit., p. 81. 



xvin. 

Laurentius 

Ser Nicolai 

PernsinuB 

(1393-1396). 



44 



Antonii Bargensis 



est ante introitum podii, antequam | veniatur ad monaste- 
rium, et construi fecit pro maxima parte (1). 

XIX. 



XIX. Beoimiis nonus abbas fait firaier Matheius Landim de 

Landi^r P^&to, et durarit annis tribus, secnndo electus (8). Huius 

PrateDsis temporo habitum | est monasterium Sancte Catherine de 

(i39e-i899). pj^|3pjano^ idest anno domini 1398. Quod | ordini nostro ve- 

nerabilis pater frater Johannes de Fabriano, prior | eiusdem 

monasterii tradidit et omnes monachos suos una secum (3). 



XX. 



XX 

Hyppolitns 

Mediolft- 

neoBis 

(1399-1402). 



Vigesimus abbas fuit frater Ypolitus de Mediolano, qui 
supra, I secundo electus est, et duravit annis tribus (4). 
Hic cepit [h]edifi | care ecclesiam magnam, que nunc 
extat in Monasterio principali (5). Hic post ofiicium | sui 
abbatiatus et etiam prius substinuit multas persecutiones, | 
multis modis ab aliquibus ex patribus ordinis. Ita ut tedio 
affectus, ac pusillaniraitate victus transtulerit se ad ordi 
nem Cartusiensium. Set prudentia quorundam patrum pre- 
sertim fratris | Laurentini de Aretio reversus est ad reli- 
gionem(a), antequam habitum | illius ordinis reciperet (6). 



(a) Text. B : Ad ordinem noetrum. 

(1) Cf. Lancbllotti, op. ciLf I, 88; Thomas, op. oit., p. 105. 

(2) A EaL maii 1396 ad Eal. maias 1899. 

(3) Cf. Lanobllotti, op. eit., I, 84 j U, 175; Familiae. 
Tab., II, an. 1898, p. Bl'. 

(4) A Ealendis maii 1899 ad EaL maias 1402. Cf. Familiar. 
Tab., II, p. 58. 

(5) Cf. Lancbllotti, op. cit.j I, 34; Thomas, op. citf p. 111. 

(6) Additur in phron. CanceU. (fol. 21') : « Anno abbatiatus 
sui secundo idest Millesimo CCCC"^ anno, monasterium Smx^ 



Chronicon MonUs OUvett 45 

Hic sepultas est in monasterio Sancte Marie Montis Mor- 
cini de Perusio (1). 



XXL 

Daooins 
Aretinns 

Vigesimus primus abbas fuit frater Ducius de Aretio, (i402-i405). 
qui supra, secundo electus est, et durayit annis tribus (2). ^^, ^^. 



xxii. 

Vigesimus secundus abbas fuit frater Jeronimus de Pe- xxn. 
rusio, et | duravit annus tribus (3). Huius tempore, idest ^^g^g^" 
anno Domini 1407, habitum est | monasterium Sancti Bar- PeniBinnB 
tholomei de Prato (4). Hic fuit vir scolasticus, | parcus in ^^*^^*^)- 
victu ; vir bonus, non tamen multum occulatus in agen- 
dis. I Ultimo anno sui abbatiatus habitum est monasterium 
Sancte Helene de Venetiis (5). 



ctae Mariae in villa Bedagii, diocesis Mediolanensis, ab ipsa 
civitate per quatuor milia passuam distans habitum fait. 
Quod quidem magnificns et generosus eques domnus Balsa- 
rinus de nobilibus de Pusterla, sumptibus suis extrnctum, 
possessionibus optime dotatum, librisque et paramentis saoris 
pro divinis celebrandis ac omnibus denique oportunis rebus 
sufficienter, munitum congregationi nostrae obtulit. » Cf« Lan- 

CBLLOTTI, Op. ciUj 11, 166. 

(1) Obiit anno 1406 {NeoroL Olw., ad annum). Cf. Bblforti, 
op, dt,, p. 128. 

(2) A Kal. maii 1402 ad Eal. maias 1405. Cf. Familiab. Tab., 
II, p. 68. 

(8) A Kal. maii 1405 ad Kal. maias 1408. Cf. Familiar. Tab., 
II, p. 76. 

(4) Cf. Lanobllotti, op. ctt., 11, 179; Familiar. Tab., II, 
an. 1407, p. 87'. 

(5) Cf. Lanobllotti, op. cit., n, 180; Familiar. Tab., II, 
an. 1406, p. 92*; Tondi, op. eit., p. 88. 

SPICILBa. MOMTOLIT. — Vol. I. 7 



46 Antonti Barffensis 



XXIII. 

xxm. Vigesimus tertius abbas fliit frater Johannes de Urbe- 

johMuiet Yeteri, I et durayit annis tribus (1). Primo anno sui abba- 

(1408-1411). tiattts concessum fuit | ordini nostro per papam Grego- 

rium XII" roonasterium Sancte Justine de Padua, | et 

fecerunt fratres ingressum (2). Set propter incautelam il- 



(1) A Kal. maii 1408 ad Eal. maias 1411. Cf. Familiab. Tab., 
II, p. 89. 

(2) Cf. Lanobllotti, op. cit.f I, 84; BBaiSTR. Oliy., II, 2. — 
Gregorins XII, snis litteris, datis « Lucae, X Kal. Junii, 
anno II » [1406 1, nostros vooayit ad coenobium patavinum 
S. Justinae < ad reformationem dicti monasterii in spiritua- 
libus et temporalibus >. Cf. orig. in RicaisTR. Oliy., II, 2. 

Statim ac Gregorius XII suas dedit litteras, abbas generalis 
Jobannes de Urbeveteri, Patavium misit familiam monasticam, 
quae bisce monacbis componebatur, sicufci legitur in Familia- 
BUH Tab., ad annum 1408 (p. 92) : 

An. 1408: In loco Sancte Justinae de Padua. 

Ahbds: fr. Franciscus de Padua. 
CeU, : fr. Franciscus Minucii de Senis. 
Mag, Nov, : fr. Bartbolomeus de Mantua. 
Saerista: fr. Simon de Imola. 
Conventwdes: fr. Jobannes de Burgundia. 

> fr. Antonius de Crevalcore. 

> fr. Angelus de Ferraria. 

> fr. Antonius de Eugubio. 

> fr. Marianus de Luca. 

> fr. Bartbolomeus magistri Jobannis de Bononia. 

> fr. Jacobus de Faventia. 

> fr. Bartbolomeus de Gasparrinis de Bononia. 

> fr. Nicolaus de Montepolitiano. 

> fr. Franciscus de Placentia. 

> fr. Baldassar de Perusio. 

> fr. Henricus de Alemania, novitius, 

Anno 1409. 
Abbaa : fr. Franciscbus Angelioi de Senis. 



Chronicon MonHs Olivett 47 

loram, qui prefuerunt | illi operi, per dominium yeneto- 
rum remoti sunt fratres, et licentiati ; | et illud monasterium 
dederunt cuidam nobili suo, civi Venetia | rum; qui processu 
temporis magnum fructum fecit ; et incepit | in illo loco 
religioDem, que Yocatur ad presens Sancte Justine (1). Item 



(I) Htijns Congregationis primus fundator, ao praecipuus 
director, et institutor, quondam abbas S. Justinae Paduanae, 
fuit Bey. P. Ludovicus Barbo, vir vere sanctus, magnaque 
virtute praeditus. Cf. Constttutionea Patrum Congregationis Ca^ 
nnennsy Yenetiis, M.D.LXXX, pars II, p. 37; L. TosTi, Storia 
deUa Badia di Montecassino^ Boma, 1890, III, 188, 189 ; J. Ca- 
VAOlo, Historiarwn Coenohii D, Justinae Patavinae Libri sex^ 
Patavii, M.DC.XCVI, lib. V, p. 197 seqq. 

Sequentibus verbis et nostram renuntiationem et posses* 
sionem factam a Ludovico Barbo de Monasterio Patavino 
enarrat Chron, CanceU,: «... Domno Gregorio XII... conce- 
dente, monasterium Sanctae Justinae Patavinum (expeditis 
iuxta romanae ouriae morem auctenticis et iuridicis bullis) 
congregatio nostra est consequuta. In quod facto ingressU| 
et co^porali ac iuridica possessione suscepta, per annos cir- 
citer duos monachi nostri in eo permanserunt. Verum quia 
saecularis potentatus haec diebus nostris esse solet amhitio, 
ut ecclesiarum et beneficiorum in dominii sui iure existen- 
tium bonis proprios magis quam alienos cives frui velint, 
Yenetorum domini Christi famulos potentia sua opprimentes, 
praefatum monasterium relinquere compulerunt. Qui condi- 
tione adiecta, ut videlicet, qui in eodem Abbas praeficiendus 
esset, regularem observantiam constituere teneretur, propriis 
bullis renuntiare consenserunt. Dimissum itaque a Patribus 
nostris monasterium illud, nobili cuidam veneto Ludovico 
Barbo, viro reverendo et sancto ibidem abbati constituto, 
traditum est. Quod ex divina et voluntate et ordinatione 
gestum non ambigimus; quum ex hoo uberiorem fructum 
ecdesiae suae Dominus provenire voluerit. Siquidem in ean- 
dem abbatiam ccenobialem observantiam abbate praefato in- 
troduoente. et Deo desuper benedictionem suam, multorum 
et monasteriorum et spiritualium filiorum mater effecta con- 
gregationem servorum Dei venerabilium valde patrum, qaae 
Monachorum Sanctae Justinae nuncupatur, omnipotenti Deo 
in Christo meruit parturire... ». Fol. 22, 22'. 



4t AntanH Bafymste 

uHimo anno .ibbatiatiis snii» liabltam e^A monastmiiai 
Sancto Marfe | de Noapoli (1). Hic ftiit Tir aoholasttcas ot 
doctoa» ac astu | tus ; et erat clandus. Hic ^secutas est 
constrQctionem ecclesie | monasterii prindpalts valeoter (2). 

XXIV. 

xziy. Vigeeimus qoartus abbas fuit frater Laareotius de Pe* 

s^^MUi ^sio» ^t <1^& I ^^^ AQi^^s tribus (3), secundo electas. Hic 

Penuinni complevlt opus palatil, I quod fn primo abbatiatu suo in- 

(1411-1414). ^p^j^i ^4^ Sepultus est in monasterio principali Montis 

OUveti (5). 

XXV» 

XXV. Vigesimus quintus abbas fuit frater Laurentinus de 

Sl^°p^M ^®**^* ®* I d^vit annis tribus (6). Iste complevit coope- 

de Aretio riro ecclesiam mona | sterij principalis ; ita ut fratres po- 

(1414-1417). tuerunt habitare et offlcium in ea | celebrare (7). Hic fuit 

vir sagax et fervens in bonis observantiis regularibus. 

XXVI. 

xxvL Vigesimus sextus abbas fuit frater Jeronimus | de Nea- 
HieroDTmu p^jj^ ^^ duravit anuis tribus (8). Hic fuit vir scolasti | 



(1) Cf. LANOBLLOTn, oj». dt.^ Ily 184; Famiuae. Ta&, II, 
aa. 1410, p. 100*. 
* (2) Of. Thomas, op. ot(., p. 118. 

(8) A Kalendis maii 1411 ad Kal. mftias 1414. Cfr. Fami- 
liiAB. Tab., II, p. 102. 

(4) Of. Thomas, op. ctY., p. 105. 

(6) Obiit anno 1417 (Neerol. OZtt)., ad annum). 

(6) A Kal. mati 1414 ad Kal. maias 1417. Of. Familiab. Tab., 
n, p. 116. 

(7) Of. Thomas, op. oit.^ p. 118. 

(8) A Kalmdis maii 141T ad Kal. maias im Of. FAMtz.iAft. 
Tab., n, p. 125, 



Chr0si^^dfm Montiai QKveti 'm:. 4» 

cna, eiaie iuvous (a), utpoie anBorum 29, quaado elwtue est. MirabaUias 
Set erat | moribus senex, gravis in moribus, et vakle exem- (un^^). 
plaris; 8ta|tura magBus. Yalde dbctus et presertim in 
divinis Toliiminibus. | Parcissimut in oibo et poiu. Yigil 
supra modum ; ita ut diceret» | quod solum quatuor horis 
dormiret in nocte. Multum teiiq^uft \ oceupabat i>n scribeiido; . 
ut e^piam plurimoram iibrorum peeset pe [ nes se habere. 
In acraotinando in capitulo generali oopiosua et i^ndi | 
dut erat Hniua iempore, in pdriinQ annoi sui abbatiaius, 
ftiit quidan tvhiev Gen | iilia naniine» naticme Mutiueneia, 
att statione Benonienaie. Qni prtus traotaye | rat onm qui<- 
buadaoi fratribua noeiria rebellare ab ordine (>), monaste* 
rium I Sancte Hetecie de Yenertiis, s»b pretextu maioris 
QkeerTanlie faoienikef et \ habuit ooUoquiit]» cum aiiquibos 
nobilibus eivibua voMitia, et ali | quihus mercatoiribus, qui 
omnea nriuerunt aquiescere» Sei cum rea | ad aurea abbatia 
generalia teoMtet, misii Yeneiiaa fratres, \ ut eaperetur et 
mitteretor in cuatoAtam. SM cum res ei aecreto innotuts f 
set, rapuit fugam, et demum tfaaetulii » ad eoncilium 
genera | le, quod tunc celebrabatur Constantie ; in quo con- 
dlio erat papa Martinus quin [ tus, uoviter electus (1) ; et 
multa apud eum retulit, in derogantiam | ordinis nostri, 

aUegimdQ» quod ordQ uQster erat ia magna diyisione, | et 
plura alia^ «cut ei plaQuit Sx qua re prediotus papa Mar- 
tinu3t 1 habems mittere in Italiam magistram liOQnardum 
[de] FlQrentia, generalem | fractrum predioatQruixi, impo^ 
suit ilU, ut ordinem nostnim visita*ret, | et provideret iJU, 

Qua de re cum applicuisset Florentie, fecit | convocare ibi 
abbatem generalem, et cum eo Tenerunt plures ex | pa- 
tribus ordinis, sciUcet frater JobaaaM de Urbe: veteri, 



(a) Text. B : Idoneus, — (&) Text. B : ad ordtnem. 

(1) Martinus Y eUgebatur in OonoiUo Gonstaz^tiflnsi, a^^ 1A17» 
di^ U aoven^^vis : et boe ww ^* QeatiUs f/^HM eoacilimi, 
ut de ordine nostro, nostrisque rebus turpiter «g^ret» 



60 Antonii Bargensis 



frater Jeronimus de Per | osio, frater Petrus de Sardinia, 
frater Nicolaos de Ariano, frater Pe | tms de NeapoU. Hij 
FoL 18*. omnes erant doctissimi yiri, qui omnes | obtulerunt se pre- 
dicto generali predicatorum, et concorditer afflr | maverunty 
nullam habere in se divisionem ; set omnes esse bono ani- 
mo, I ad bonum et profectum ordinis. Et ipse abbas testi- 
ficatus est, | sic esse ; et onmes fratres sub eius obedientia 
fideliter viyere. Quod predictus | generalis, yir prudens et 
doctus, bene omnia considerans, intel | lexit fratrem Gen- 
tilem accusatorem, yirum iniquum, et | malum esse ; et 
repulit a se ; et consulit abbatem et alios fratres, | ut in 
' ordine nostro amplius non reciperetur ; et sic factum est. 
Post I modum bene edificatus de regimine ordinis nostri, 
licentiayit | abbatem et alios fratres, qui ibi yenerant, ut 
in pace irent (1). Huius | tempore, idest anno primo sui 
abbatiatus, habitum est monasterium | Sancti Georgii de 
Ferraria, quod ordini nostro procuravit Domnus Ni | colaus 
Marchio [E]stensis (a), dominus Ferrarie, ex deyotione 
quam | ordini nostro habebat (2). 

XXVII. 
xxyn. Yigesimus septimus abbas [foit] frater Johannes de Urbe 



Johannet 
UrbeTetaniif 



yeteri, qui supra, | secundo electus, et durayit annis tri- 

(1420-1428'. bus (3). Huius tempore habitum est monasterium | Sancte 

Marie Annunciate de Arimino, idest 1422, set fratres non | 

habitayerunt illud ad annos Domini 1430, quia non era[n]t 



(a) Tezt. A, B: 0$UenBu. 

(1) Cfr. Lanobllotti, op. ctV., I, 89, 40; Chron. Caneell.f 
fol. 24, 25. 

(2) Gfr. Lancbllotti, op.dt., II, 195; Familiab. Tab., II,^ 
an. 1417, p. 127. 

(8) A Kal. maii 1420 ad Eal. maias 1428. Cf. Familiab. 
Tab., II, p. 182. 



Chrontcon Montis Oliveti 



51 



offl I cine congrue : set paulatim per domnum Episcopum 
Ariminensem, qui ^uram | hujus operis et redditus illius 
monasterii habebat, prosecuta sunt, | licet parum. Quod 
monasterium tradidit domnus Gharolus (a) de | Malatestis, 
dominus Arimini, et multa promisit facere pro illo | mo- 
nasterio, set pauca perfecit, propter adversa que ei acci- 
derunt ; et postmo | dum in morte reliquit aliquas magnas | 
possessiones illi Monasterio, | dummodo fratres vellent ire 
ad habitandum quod fratres acceptaverunt | et iyerunt 
ad habitandum (1). Tempore quo supra, in isto abbatiatu 
suo, non | multum utilis fuit ordini. Anno suo secundo, 
cepit hediflcare sa | cristiam Monasterii principaliSy et per- 
fecit tempore suo (2). 



Fol. 14. 



XXVIII. 



Yigesimus octavus abbas fuit frater Jeronimus de 
Perusio, qui supra, secundo electus, | et duravit an- Hieronymni 
nis tribus (3). Huius tempore 1425, habitum est mo- ^®^^ 

Peraiinaf 

nasterium Sancti Severi | de Urbe veteri (4). Sepultus (U28.u26). 



(a) Text. B: Nicolaw, 

(1) Gf. Lanobllotti, op. ctY., n, 199 ; Familiab. Tab., n, 
on. 1422, p. 188'; Tokdi, op. ctY., p. 87. 

(2) Thomas, op. ct^, p. 184. 

(8) A Kalendis *maii 1428 ad Kal. maias 1426. Cf. Famillib. 
Tab., II, p. 189. 

(4) Cf. Lanoidllotti, op. ciL, I, 88. Habuimus ab anno 1425 
nsque ad 1449. Gf. Familiab. Tab., II, 146', 211. 

Qaod monasteriam commendatnm possidebant Praemonstra- 
tenses. XJt autem omnia, qnae de ipso coBnobio TJrbevetano 
proferamnSi hoc nnnm accipe monnmentum, nempe qnieta- 
tionem factam per B."^""* Domnnm Card. Petmm Barbo (Panlnm 
deinde II), eommendatarinm S. Severi Urbevetani, snb an. 1449, 
die 20 decembris, in favorem Jobannis Pistoriensis, tnnc abbatis 
monasterii Boffensis, ordinis Montis Oliveti, et einsdem cqb- 
nobii procnratoris : 

€ Petrus miseratione divina Sancte Marie Nove, sacrosancte 



52 



Anlanii Barffemis 



est in monasterio Sancte Marie montis Mor | cini de Pe- 
rasio (1). 

XXIX. 



Andneu Vigesimus nonus abbas fuit frater Andreas de Bononia, 
BononiMidi et du 1 ravit annis tribus (2). Huius tempore liabitum est 

(U2«.1429). _____ 

Bomane Ecolesie diaconus oardinaliB commendatariiiB perpe- 
tnns monasterii sancti Severi extra maros TJrbevetanos ordinis 
Premonstratensis. Venerabili in Cbristo patri et domno Jo- 
hanni abbati monasterii sanctomm Pbilippi et Jacobi de villa 
Raffene, ordinis Montis Oliyeti, 'aretine diocesis, in dicto mo- 
nasterio sancti Severi proouratori nostro, salutem in domino 
sempitemam. Plenins informati qnod vos, omnes et singnlos 
fractos, redditas et proventas eiasdem monasterii sancti Se- 
veri, nobis, at premittitar, oommendati, per vos asqae in 
presentem diem qaomodocamqae babitos, exactos, receptos 
et leyatos, pro eyidenti neoessitate usai, yictai et yestita eias- 
dem monasterii, mpnaoboram et conyentas, ac alias in ipsias 
monasterii eyidentem atilitatem, commodam et reparationem 
integraliter exposaistis et dispensastis. Igitur per nos et sao- 
oessores nostroa de baiosmodi fraetibasy redditibus et pro- 
yentibas, yos et saocessores yestros qaietamaid, liberamas et 
absolyimas, ac fractas, redditus ac proyentas haiasmodi pro 
necessitate, asa, yiota et yestita predictis, ao in atilitatem, 
commodum et reparationem, sicut predicitur, per yos expo- 
sitos et dispensatos faisse et esse oonfitemar, et contentoa 
yocamas. Ita quod de illis nobis et sacoessoribus nostrk pre- 
dictis, aut monarohis et oonyentui prefatis, ntionem et oom- 
putum reddere, yel ostendere, seu de, et pro illis satisfactio- 
nem aliquam faoere nullatenus teneamini. In quorum fidem, 
robur et testimonium praemissorum, presentes litteras fieri^ 
et nostro, quo utimur, impressione, sigillo, iussimus commu- 
niri. Datum Bome apud sanotum Maroum, ia domibus nostre 
solite residentie, sub anno a natiyitate Domini Millesimo qua- 
dringentesimo quadragesimo nono, die sabbati, yicesima mensis 
decembris, pontificatus sanotissimi in Cbristo Patris et domni 
nostri domni Nioolai diyina proyidentia pape quinti» onno 
tertio« » BvaiSTB. Ouv., n, 81. ' 

(1) Obiit anno 1438 {NecroL Olw.^ ad annum). 

(2) A ElaL mau 1426 ad Kal. maias 1429. 



ChrmUxm Montis OUveti 53 

monasterium Sanctorum Angeli et | Nicolay de Laude^ ideet 
1427 (1). Quod ordini nostro tradidit domnus | Gardinalis 
Laudensis (2). Huius tempore facta est fcM^staria, que | con- 
tigua est reffectorio, et penes introitum monasterit (a) (8). 

XXX. 

Trigesimus abbas fuit frater Johannes de XTrbe Yeteri, xxx. 
qui supra tertio electus, | et duravit annis duobus (4). In urbe^nui 
ista electione maxima prati | ca est facta, et non parva (u29-i48i). 
discordta inter patres ordfnis exorta, | licet prius incepis- 
set. Ipse procuravit sibi abbatiatum, cum con | scius esset 
cuiusdam bulle papalis, quam alias ipse secreto fe [ cerat 
impetrare, scilicet, ut qnicumque frater procuraret electio- 
nem ab | batis* inordinata affectione, excommunicationem 
incurre | ret ; et dicebat, se non esse abbatem. Postquam 
electus fuit, per [ aliquot menses, fecit consulere peritum 
doctorem Senensem^ super | hac re secreto. Set deciprt con- 
scentiam suam, non exprimendo [ realem veritatem. Hic 
cogitabat et procurabat, ut abbas ge | neralis posset con- 
firmari, et esse perpetuus, set ft^tree non acquieTerunt. | 
Hic Yoluit procurare reformationem, et misit Romam ad 
Gardinalem Sancte Grucis (5), ut dignaretur procurare cum 



(a) Tezt. B : Monaaterti Montis CHiveti. 

(1) Gf. LanobliiOtti, op. oiV., I, S9 ; n, 205 ; GiOY. AanBLLi, 
Memorie 9ul Camwne e mdVomtica Chieaa ahbaaieUe di ViUamHfa 
in Aroh. Stot. <2t LoOi, XIII, dwpensa III e IV (1894), ^ 97- 
168; TtKmujki^ Tab., II^ an. 1427, p. l&l'. 

(2) Gard. Angelus SummariYa (f 1428). 
(8) Gf. Thomas, op. Git.y p. 171« 

(4) A KaL maii 14S9 ad £al.' maias 1481. Gf. Famxuar* Tab., 
n, p. 154. 

(5) Gard. Nicolaus Albergati [f 1448]. Yir iste, Yere sanctBS, 
honor ordims Garthuaianoram, Oon|;regatioai Matrae mul- 
tum prof oit. Nostdr Beaoaui de ipeo trodit ; < Hie GaxdiaaliB, 



54 Antonii Bargensis 



domino papa | Martino quinto, et ab eo habere auctoritatem 
super reforma | tionem ordlnis. Putavit socium decipere, 
et ipse deceptus est | Nain ipse domnus Cardinalis accep- 
Fd. u*. tavit ; set per domnum papam | Martinum dati sunt dom- 
nus, Gardinalis Sancte Grucis supradictus, et | domnus Gar- 
dinalis sancti Marcelli (1), qui essent reformatores, et | 
protectores ordinis, durante eorum vita naturali. Et ipsi 
convo I caverunt predictum abbatem et socios ejus et alios 
patres or | dinis Romam. Et ibi magna discussio facta est 
fere per | tres menses. £t primo absolverunt ipsum abbatem 
ab excomu | nicatione e^ irregularitate, quas incurrerat, 
propter procura | tionem offlcii abbatiatus sui, ut supra 
diximus. Postmodum fece | runt et ordinaverunt alium 
modum in regimine ordinis, quam | prius esset. £t hoc per 
bullas suas (2), scilicet ut abbas generalis ha | beat sex 
socios visitatores, cum quibus omnia facta ordinis dispo- 
nat. j £t quod secundo anno petat absolutionem ab officio 
suo, et quod secundum | diceiur prout nunc flt, et ut in 
eorum privilegiis latius con | tinetur (3). Hic secundo anno 
offlcii sui petiit absolutionem ab offlcio, | et absolutus est. 
Mortuusque est ac sepultus in monasterio Mon | tis Oli- 
[v]eti (4). 



anno 1429, ima simul cum Gard. Antonio Gastino (Gassinio), 
declaratuf a Martino quinto, nostrarum Gonstitutionum Be- 
formator, Yisitator, Gorrector, usque dum aetatem agerent. £x 
quo habes, quare inter ordinationes hujus temporis legatur 
constitutio, ne generalis abbas a Monte Oliveto Maiori ultra 
8 miliaria discedat| quam Gbartusianorum plaoitiB, multum 
aflfinem nemo non yidet. > Con$tihUionet OUveiana€ ii0<s« iUu- 
MtraJtae, I, p. ZViil, xix. 

(1) Gkrd. Antonius Gasinius (f 1489). 

(2) Beformationes constitutionum ab bisce duobus Gardina* 
libus factae, babentur in Bkgistr. Oliv., II, J22, 24, 25, tri- 
plici diplomate ann. 1490, 14S2, 1488. 

(3) Gf. LAH0Uii.0TTi, ap. dt.^ I, 89, 40. 

(4) Obiit anno 1482 (NeeroL OUv., ad annum). 



Chronicon Montis Oliveti 



55 



XXXI. 



Trigesimus primus abbas fuit frater Jeronimus de Nea- 
poli, I qui supra, secundo electus est, et duravit annis qua« 
tuor (1). Nam in capitulo, | quo electus est, deliberatum 
est, quod abbas habeat, secundo | sui offlcii anno completo, 
petere absolutionem ab officio suo. Quod | si viderint fra- 
tresy non esse flenda sibi munia, possit et debeat | recon- 
flrmari» per aliud sequens biennium, et sic quod capitulum 
genera | le flat de biennio in biennium. Nam prius flebat 
annuatim. | Huius temporOi idest anno primo, quidam prio- 
res et quidam yisi | tatores ordinis, absque licentia capituli 
generalis, et voluntate, | impetrayerunt a Sede Apostolica, 
quod ad electionem generalis | abbatis flendam, non habe- 
re[nt] yocem nisi soli prelati. Ex qua re, | cum ad notitiam 
multitudinis peryenisset hoc factum, maxima | murmuratio 
orta est in ordinOy et tempestas yalida, ita | ut periclitata 
sit religio. Et multum de ea dubitabatur ; | tamen bonitate 
Bei et orationibus bonorum fratrum adiuta' est in flne. | 
Nam de hac re, per aliquos fratres, appellatum est ad Se- 
dem I Apostolicam. Cui preerat Eugenius quartus, et resi- 
dentiam tunc | Plorentie faciebat (2) ; et plura allata sunt 
ab utraque parte. Nam | abbas et plures alii ex patribus 
petebant et yolebant, quod res | sic staret, ut impetratum 
ftierat. Alii yero, ex quibus aliqui | yisitatores et priores 
erant, et quam plures conyentuales, nolebant | assentire, 
quod ad electionem abbatis excluderentur yoces conyen | 
tuum. Unde post multa deliberatum est, per sedem apo- 



XXXI. 

Hieronymas 

Miraballins 

a NeapoIL 

(148M4S5). 



Fol. 15. 



(1) A Kalendis maii 1481 ad Dominioam III post Pasclia, 
28 maii 1436. Cf. Familiab. Tab., II, p. 169. 

(2) Eugenius lY coneiliam Florentiam Ferraria transtulit 
an. 1489; ipse yero summua Pontifez jam Florentiae mora- 
batur a die 28 Junii an. 1484. Gf.| letorie di Firenzt in Mir- 
BAT0B2, B. I. JS.f XIX, 976. 



5d AtUoma Barg^Kms 



sto^icam, | at capitulum quod prozime celebrandnm erat, 
fleret Flo | rentie, in quo omnes qui vellent venire, pos< 
sent, ut sic | audiretur voluntas omnium fratrum. Set ite- 
mm per aliquos probos | fratres, anteqiiam oapitulom in- 
trarent, tractatum est, de ooooordia, ne ru | mor cresceret, 
si omnes conveiiirent prius : et sic focta aliqua | Goncordia, 
mitigate sunt animositates plurimoram; et fitctQm | est 
capituliim in Saneto Bartholomeo de Florentia (1). £t ad 
eleotionem no?i | abbatis oon?enerunty ut puUiee' fieret, ei 
non per secretum scrup | tinittm, et ad hoc papa prebuit 
consensum ; nam alias non | tenuiasei : ei sic concordit^ 
electus [est] frater Laurentinus | de Aretia Iste fuii honus 
religiosus, qui sepultus est | in moiiasterio Saneti Bartho- 
lomei de Florentia. 

xxxn, 

xxxn. Trlgeslmns seenndQs abbas fViit frater Lanrentlnus de | 

^^mp^ Aretio, qui snpra, secando electus, et durarH annis qua- 

de Aretio tttor, ot hJc | lectus ost pabUca Toce in eapitulo, ui su« 

(14S5-14S9). 

(I) Qnae a Bargeasi aflbruiitur ds capittilo, Florentlae Ita- 
bito in Moxkaerteiio 8. Bartliolomaei, ad an. 148ft p^jiiiiiMit. 
Of. Chrm. Cmcatt., fol. 27«; Baiozai, VmHiMiamSy I^ 4»; 
LAmilLLOTTi, JSutar, Oliv.^ I, 41. ^ 

Gapitulnm Tera, axu 1488 oelebratuni| snb abbate Hiero- 
nyxno de Neapoli| in Monasterio Ariminensi, urgente necessi- 
tate, bellommqae incomodis, ooadnnatum ftiisse constat. 

Beriptor enim sTBehroBUs, in Familiar. Tab. (II, an. 1498, 
p. ies) ita kabet : « 0«m esaet gmanra in parUbna Seaanun 
et 71oreati% e\ per totam Tuaoiiaa talis 9^ ta&ta, ^ned mUo 
modo potuisset in loco principalis monasterii [M. 0. M.J pre- 
libatnm capitnlum celebrari, sicnt retro aotis temporibns fne- 
rat eMsnetan : oouvocato, eon^efato et ooadkaaato predieto 
generaU capitnlo priorum, prelatoram et fnktvam. ae monsp 
clioraia predkti ovdiais Montis OUvoti i» Manasterio Sanote 
Mari» AiuiiuiaisAf Kore^ ArimineaAia dioocasisy c^nadaa or» 
dinis ote. »• Capituhim hujus anni 1488 babitum est die m men«t 
sis maii, quae fuit Dominioa III iiaat Pasoba. 



Chronicon MonUs Oliveii 57 

pra diximus (1). Et in ipso | capitulo generali difflnitum foi. is\ 
est iit tam pro disponendis agendis | ordinis, quam ad elec- 
tionem abbatisi unusquisque conventus de | beat unum tan- 
tum fratrem mittere ad capitulum, in societatem prioris | 
sui. Nam ab alio capitulo precedenti in antea, duo fratres 
poterant ye | nire ad capitulum, cum priore suo. Et hoc 
statutum est, per sedem | apostolicam (2) : et sic paulatim 
omnia sedata sunt. Huius tempore idest, primo | anno, ac- 
ceptatum est monasterium Sancte Margarite de Demi | sio 
in partibus Ungarie (3). Quod ordini nostro contulit illu- 
strissimus | imperator Sygismundus. Set de hac accepta- 
tione non bene suc | cessit ordini, quia valde dampnosum 
fuit animabus plurimorum fratrum : quia in remotis par- 
tibus iion poterat visitari : et sic plura incou j venientia 
venerunt. Huius tempore factum «st in Monasterio prin- 
cipali I dormitorium, quod contiguum est ecclesie, et super 
sepulcra fratrum | que nunc sunt ; et facta est cisterna 
magna in claustro magno, | et inceptum est dormitorium, 
quod contiguum est muro sacri | stie, ubi sunt celle subtus 
et supra, et respiciunt ad orientem et | occidentem, et ele- 
Tati sunt muri eius forte per brachia oc | to super terram. 
Hic multum augmentavit monasterium | Sancti Bernardi 
de Aretio in hedijSciis, libris et paramentis. | Sepultus est 
in monasterio Sancti Miniatis de Florentia. 



(1) Dnravit in abbatiatu a Dominica III post Pascha an. 1435 
(die 28 maii) usqne ad Dominioam III post Pascha anni 1489 
(diem 26 aprilis). Of. Familiar. Tab., II, p. 172, 181. 

(2) Cf. Bbgistr. Oliv., II, 24, 25. 

(8) Ofr. Lancsllotti, op. cf£., I, 42; Familiar. Tab., II, 
an. 1485, p. 174'. Yideas quae superius de hoe monasterio tra- 
didi, pag. xzzii. 



58 



Anionii Bargensis 



UXIIT. 
Joh. BaptitU 
de Podiobo- 
nitio 
(1489-1448). 



FoL 16. 



XXXIII. 

Trigesimus tertius abbas fait frater Baptista de Podio- 
bo I nici, et duravit annis quatuor (1). Huius terapore com- 
pletum I est totum dormitorium, quod per predecessorem 
suum inceptum | fuerat ; et fulcitum hostiis et lecticis ; et 
coopertum et sta | bilitum [est]. Huius tempore, anno quarto 
sui abbatiatus, habitum est monasterium | Sancti Benedicti de 
Padua (2) quod uobis impetravit et tradidit | domnus Fran- 
ciscus de Padua devotissimus ordinis nostri, ca | nonicus Pa- 
duanus, et tunc cubicularius pape Eugenii quarti; | ita tamen 
quod reservavit, durante eius vita, alias cedente ducatos | 
centum quinquaginta auri. Et ipse predictas domnus Fran- 
ciscus fecit | donationem illi Monasterio, de multis libris, 
reservato sibi usufruc | tu in vita ; et alia iocalia sacristie 
in presentarium donavit, et | fuit idem domnus Franciscus 
devotissimus ordinis nostri ; et multum | favit nobis apud 
papam Eugenium, in hiis que per ordinem | nostrum postu- 
labantur. Anno autem Domini 1446 cum predictus domnus | 
Franciscus electus esset episcopus Ferrariensis, liberavit 
ordinem a pen | sione, quam ei annuatim solvebatur (a). 



XXXIV. 

XXXIV. Trigesimus quartus abbas fuit frater Franciscus de la 
A^h^. Lengeria de Bononia, | et duravit annis quatuor (3). Huius 

Bononiensii 

(a) Text. B : addit : predictu8 damnua Francisou8 obiit Bame 
et aeptUtus eat in monasterio nostro Sancte Marie Nove. 

(1) A tertia dominica post Pascha (die 26 aprilis) an. 1439 
ad tertiam dominicam post Pascha (die 12 maii) an. 1448. 

(2) Cf. Lancbllotti, op. cit,, II, 210; Familiab. Tab., II, 
an. 1448, p. 194. Hoc Monasterium Patavinnm sub titnlo 
S. Benedicti NoveUi vocitatnr. 

(8) Abbas Franciscus de Arengberia dnravit in officio a do- 
minica III post Pasclia (die 12 maii) an. 1448 ad dominicam III 
post Pascha (31 apriL) an. 1447. 



} 



Chronicon Montis Oliveti 59 

tempore habitum est monasterium Sancte Ma | rie in Or- 
ganis de Verona, idest anno domini 1444 (1). Quod tradidit | 
Reyerendus in Ohristo pater domnus Antonius Ohorerius 
de Venetiis, Gardinalis | Bononie, ex magna devotione quam 
ad ordinem habebat. Huius tempore | habita est abbatia 
SiciUe castri Petroigii, vel apud ipsum castrum, | et hoc 
pro subsidio monasterii Sancti Benedicti de Senis, idest 
anno domini 1445 (2). Hic fecit deponere palios nigros et 
indui albos, sicut | faciunt alia monasteria. Nam prius in 
principali monasterio fratres portabant palios | nigros. Anno 
tertio sui offlcii in capitulo generali correcte et reordina | te 
fuerunt constitutiones, per dictum capitulum generale et 
secretum scrup | tinium. Huius tempore facta est pars dor- 
mitorii^que respicit super | claustrum magnum, yersus ref- 
fectorium, ubi sunt septem celle. Hic fecit fieri payimentum 
paradisi, quod est sub tribuna ma | gna et aptare altaria, 
ita ut misse dici possent. Nam | a multo tempore ultra de- 
relictum fuerat propter humiditatem ma | gnam, que ibi 
nutriebatur. Huius tempore, idest anno 4° sui offlcii, 1446, | 
habitum est monasterium Sancti Nicholay de Rhotingo, co- foi. i6\ 
mitatus Bri | ^e, quod nobis contulit ex motu proprio 
papa Eugenius quartus, ex | suasione reyerendi in Ohristo 



(1) Of. Langbllotti, op. oit.^ II, 213. Sed familia monastioa 
nonnisi anno 1445 huic monasterio designatnr. Of. Familiar. 
Tab., n, an. 1445, p. 200'. 

(2) Of. Lancbllotti, op. cs7., II, 115. — ^. Actorum pro unione 
abbatiae Sicillensis monasterio nostro S. Benedicti de Senis, 
adservatar exemplar, per notariam Monaldam qaondam Paali 
de Oinigiano, aathenticam, in Archiv. Oliv. (sign. B, 65). 

Plura de hac Sicillarum abbatia, modo pene dirata, lia- 
bentor in qaodam libro mss., cai titalas hic est: Indioe go" 
nerale di tutte Ze aorittwe in cartapeoora ed in oarta ordinaria^ 
di tutti i rieordi e memorief oon il riatretto e oompendio di eeee 
epettanti od eeistefUi nel monaatero di S. BenedettOf fuori e vicino 
alla Porta Tufi^ della cittd di Siena, della Congregaaione di 
Mont* Oliveto.. . fatto Vanno 1784. 



60 Anianii Sarffemis 



pairis domni Petri de Monte, episoopi Brixiensis ; | qui erat 
germanns cainidam fratris nostri de Venetiis, nomini | Sy- 
gismondl. Qnod monasterium habitnm est cum magno | 
labore, quia ille qui priratus Aierat de eo, multum obsti | 
tit, cum brachio seculari, et cum quibusdam cardinalibus. | 
Set fayebat ordini nostro papa Eugenius, qui nobis illud 
dederat (1). 



XXXV. 

Trigesimus quintus abbas Aiit frater Nicolaus de Regio | 
NiooiaM ^t duravit annis quatuor (2). Hic fecit fleri chorum in ec- 

f Begitnsii ^ 

^447-1461). cle I sia monasterii priucipalis (3). Huius tempore fuit annus 
iubilei, idest. | 4* anno sui abbatlatus ; culus indulgentiam 
clementissimus domnus | Nicolaus quintus papa benigne 
toto ordini nostro conces | sit, hac videlicet conditione: ut 
presbiteri per quindecim | dies missam, quamcumque vel- 
lent, celebrarent ; ac etiam infra pre | dictum terminum 
ter psalterium dicerent. Clerici autem septies, psal | terium, 
infra etiam quindecim dies, dicerent : conyersi vero | et 
commisi, infira supradictum terminum, d!cerent milies | 
octingenties pater noster et avemaria. Sane unusquisque 
poterat | dictam penitentiam incipere quando sibi placuis^ 

set ; si tamen ante ter | minum iubilei, qui est nativitas 

• 

domini completam, habuiafset, concesso ei ut diximus 
termino, quindecim dierum, | ad hoc faciendum. Goncessit 
etiam ut quilibet frater posset sibi el | igere quemcumque 



(1) Of. Lanobz^lotti, op. eit.j II, 286; L. F. Ft d'Ostiani, 
II Comwte e VAboMta di BodengOy Brescia, 1886, p. 64 seqq. — 
Huic monasterio familia adsignabatur anno 1447. Of. Fahi- 
liiARUM Tab., U, p. 207. 

(2) A did ultima mensis aprilis, qnae fait dominica m post 
Pasoha. anni 1447, ad diem 16 mensis maii (dom. III post Pa- 
soha) an. 1461. Of. Tondi, I faeH oUvetani, p. 43-4^. 

(8) Of. Thomab, op. cit., p. 125. 



Chronicon Montis Oliveti 61 



yellet confessorem, et ab ipso absolvi ab omni | casu, etiam 
ab illis, qui ad personam Summi Pontificis resenrantur, si 
tamen indigeret (1). 

Liber de principio et origine magni, nec non \ deooti 
ordiniSf arcteque (a) regule Montis Oliveti per \ venera- 
bilem eruditumque virum Antonium Bargem \ sem, di- 
gnissimumque Sanctt Miniatis ad montem, abbatem | edi- 
tus, felidter eooplidt 



(a) Text. B: Becteque. 

(1) Cf. Prof. YiBaiNio Pbinziyalli, Gli Anni JSanti, appuntt 
storici con moUe note inedite tratte dagli Archim diBoma, Boma, 
r. Kleinbung, 1899, p. 84. 



SnCILBO. MOMTOLXT. <— Vol. I. 9 



APPENDIX 



APPENDIX 



I. 



Arretii 1819, martii 26. 

Ouido de Petramala, episcopus Arretinus, aedificatio- 
nem Monasterii, et Congregationem Sanctae Mariae de 
Monte Oliveto in Acona, adprobat (1). 

[Orig. in BBaiSTRO Oliv. I, 6 ; exemplar in Lib. Pbivilb- 
oiORUM (saec. XV), f. 1-2'; cf. LANCBLLOrm, Histor, Oliv.f I, 
11-18; Thomas, VAhbaye de M. 0. M.^ 1898, p. 206; Mar^- 
CHAUX, Vie du B. Bemard T., 1888, p. 119J. 

Guido miseratione divina episcopus Aretinus, nobilibus 
et discretis viris, Bemardo quondam domni Mini de Tolo- 
meis, et Patritio quondam Francisci de Patritiis de Senis, 
dilectis nobis, salutem in domino sempiternam. Potentia 
Dei ex alto progre | diens, eorum corda illustrat, quos eli- 
git, et mentes eorum, gratia superna inducens ad opera 
caritatis, extoUit eas cotidie in virtutes ; et ut possint electi 
quietius in illius contemplatione persistere, qui elegit, Deo 



(1) Hic denuo Guidonis privilegium inserendum duximus, ut 
semper prae manibus illud babere quisque posset. Singula 
enim buius privilegii yerba sedulo perpendenda sunt, quippe 
quae, bene intellecta, magnam rebus nostris lucem tribuunt. 
Immo, juxta verba huius Guidonis privilegii, puto rem sol- 
vendam, quae superius (cf. p. 12, n. 1) iam pertractata est. 



66 AppendicD 



86 dedicant, et sua ezponunt et exhibent servitio Jesu Ohri- 
8ti ; I ut in illis 8ic expositis et collatis hedificentur eccle- 
sie, diTina celebrentor misteriat et ipsum corpus Ghristi 
pro redemptione humani generis traditum passioni, ora- 
tionibus institutis in altari per sacerdotes catholicos ymo- 
letur. Sane percepimus, Bernarde ac Patritii, di | lecti no- 
stri, quod in operibus caritatis sic hactenus insudastis, sic 
in penitentie proposito laudabiliter perstitistis» quod divina 
gratia inflammati, poderia vestra de Acona et Melanino, 
in presentia nostra et capituli ecclesie cathedralis Aretine, 
Deo contulistis et Vii^ini gloriose, ad cuius | reverentiam 
monasterium in Acona construatur sub regula beati Bene- 
dicti et observantia monachali» et divina in iilo celebrentur 
misteria, ad laudem ipsorum, animarum vestrarum et chri- 
stianorum salutem fidelium ac profectum. Postulantes hu- 
militer ut aliquibus discretis viris super | dedicatione per- 
sonarum vestrarum et socii, quam hodie Deo et beate Marie 
matri eius, sub proscripta regula disposuistis facere in 
monasterio supradicto, et super benedicendis vestibus albis» 
quas gestare intenditis, et super induendis ipsis iuxta 
morem solitum monachorum, necnon | super videndo in 
Acona, et ordinando locum, ibidem construendo monasterio 
magis aptum, et super infigendo in illo crucem, benedi- 
ctionem sive orationem proferendo, ac per nos benedicen- 
dum lapidem primarium imponendo,jrices nostras commi- 
tere deberemus. Insuper exemp | tiones ipsius monasterii, 
et alia in petitione vestra contenta, per privilegium no- 
strum, de assensu Gapituli nostri, concedere dignaremur. 
Nos autem considerantes vestre merita probitatis, et quod 
ex transactis operibus digne laudis insignia reportatis, 
considerantes etiam, quod ex dedicatione | vestra, et ere- 
ctione monasterii sepedicti, Ecclesia Dei extollitur, auge- 
bitur cultus divinus, ipseque Ohristus et eius mater lauda- 
bitur, multiplicabitur in cordibus et organis plurimorum, 
petitionem vestram ex certa scientia, duximus admitten- 



N 



AppendiOD 67 



dam» et contenta in petitione ipsa, de consensu pre | scripti 

Capltuli ad hec presentis, quanto plenius yaleat, approba- 

nms et per presens privilegium concedimus et largimur. 

£t ut petita per voa» et in petitione contenta» cunctis fide- 

libus plenius patefiant, et concessio nostra et largitio pe« 

titorum omnibus clarius innotescat, man | damus ipsa pre- 

senti priyilegio describenda. Committimus enim vicem et 

auctoritatem nostrani religioso et discreto yiro» domno 

Johanni monacho abbatiae de Sasso, nostre diocesis, nunc 

in cathedrali ecclesia nostra residenti, ad altare in ecclesia 

ipsa constructum per Cionem de | Tavine, quod dedicatio- 

nem» quam vultis facere vos prescripti Bemardus, Patri- 

tius... et socius, Deo et beate Marie de Oliveto de Acona, 

ia monasterio costruendo ibidem sub regula beati Bene- 

dicti» et habitu ac observantia monachali, recipiat vice no- 

stra ; et abbas, ve | steili, quas gestare vultis, benedicat et 

induat illas vobis. Item committimus vicem et auctoritatem 

nostram discreto viro presbitero Restauro, dudum capel- 

lano ecclesie de Morello, et nunc apud domum fraternitatis 

sancte Trinitatis de Aretio commoranti, quod vadat ad | 

podere de Acona, et locum magis aptum monasterio con- 

struendo in illo designet, crucem figat ibidem, benedicat 

illum cum oratione solita in hiis, et per nos benedicendum 

lapidem primarium, ibi ponat. Concedimus insuper aucto- 

ritate huius privilegii et largimur, | de assensu Capituli 

supradicti, quod in predicto loco de AcOna, nostre diocesis 

sito, in comitatu Senarum, in parrochia Sancti Angeli [de 

Luco pleba]tus plebis de Saltu, diocesis supradicte» mona- 

sterium erigatur [cum] campanili, et campanis ad hono- 

rem Yirginis gloriose | sub regula beati Benedictii et ob- 

servantia monachali, et vocetur monasterium Sancte Marie 

de Oliveto in Acona, prout extitit postulatum. Item quod 

locus sive monasterium ipsum per abbatem duntaxat re- 

gatur et gubemetur in perpetuum, et nunquam per laycos, 

seu I clericos seculares ; set semper per abbates et mona- 



08 Appendto 



chos permansuros ibidem, regula beati Benedicti servetur, 
et obseryantia monaclialis vigeat in eodem. Item ut abbas, 
monac[h]iy conyersi et alii familiares» qui pro tempore 
faerint in monasterio ipso, liberius et quietius | valeant 
Domino famulari, monasterium ipsum liberum facimus et 
exemptum ab omni solutione decimarumi iure cathedra- 
ticOf datiis, coUectiSi impositis, et aliis occurrentibus hone- 
ribuSy et factoribus quibuscumque, ab omni lege yurisdi- 
tionis et diocesani, decementes ac | mandantes ypsos, seu 
monasterium ipsum in predictis, vel aliquo predictorum, 
nullo tempore aliqualiter molestandos. Gonfirmatione abba- 
tum dicti monasterii, visitatione ac correctione ipsius et 
degentium in eodem, nobis dumtaxat nostrisque catholicis 
successoribus reservatis. | Item quod apud ipsum monaste- 
rium sit et esse possit, cimiterium, ubi et in quo sepe- 
liaDtur abbates, monac[h]i, conversi et familiares omnes 
monasterii supradicti. Item pro amplianda ipsius monasterii 
liberfate, quod abbas nunc eligendus, in ipso et qui Aierit 
ibidem pro tempore, | per se vel alium, cui commiserit 
yices suas, possit et liceat sibi confessiones monachorum, 
. conversorum, et familiariorum omnium dicti monasterii, 
audire, et eis pro commissis imponere penitentiam saluta- 
rem, corrigere et absolvere ipsos omnes, et singulos prout 
visum fuerit decens esse. | Item quod abbas et monac[h]i 
monasterii prefati possint in ipso monasterio coDstitutio- 
nes facere, in hiis que spectaren^ ad ipsum monasterium, 
quas utiles et decentes providerint pro eodem. Item quod 
abbas qui pro tempore fuerit in monasterio supradicto 
possit et liceat sibi conflteri sacerdoti, cui 1 voluerit, et 
cuncta sacramenta et absolutionem percipere ab eodem, 
et ordines ab episcopo catholico, quem ad hoc duxerit eli- 
geudum ; hoc etiam licitum sit, et possint monac[h]i, con- 
versi et familiares, qui pro tempore fuerint in eodem, de 
Ilcentia tamen abbatis monasterii supradicti. | Premissa vero 
concessa et largita per nos, et unumquodque ipiiorum, va- 



Appendix 60 



lere yolumus et tenore sine iuris preiudicio alieni. Non 

enim per ipsa volumus, nec intendimus, preiudicium alicui 

G^nerari. Addentes quod abbas, monac[h]i, conversi et faml- 

liares monasterii prefati, non possint | nec debeant parro- 

cliianos aliarumecclesiarum recipere ad divina,yel eis eccle- 

siastica sacramenta conferre, sine licentia rectoris expressa 

illius ecclesie, de qua essent parrochiani, qui yellent audire 

predicam, yel ipsa recipere ab eisdem. In cuius rei testimo- 

nium, I presens priyilegium scribi mandayimus per Gua- 

dagnum, camere nostre scribam, et nostri pendentis sigilli 

munimine insigniri. •— Datum et actum in ciyitate Aretii, in 

sala episcopalis palatii, sub anno Domini a natiyitate mille- 

simo CGOXVini, indictione secunda, | tempore sancti patris 

domni Johannis pape XXII, die lune, XXYI mensis martii, 

presentibus Bertuldo Mascii de Petramala, domno Viyiano 

de Doma, domno Vico quondam domni Orlandi de Alber- 

gottis, ser Donato Mirancii priore Sancti Andree de Senis 

Aretine | diocesis, domno Giano quondam domni Verii de 

Gercliis, Naldo de Ghirardinis, Mino quondam Goncialeonis 

de Radda, et ser Giuntino quondam Mencii, testibus ad 

hoc habitis et rogatis. 

Ego Guadagnus quondam ser Giunte, iudex ordinarius, 
atque notarius Aretinus ciyis, et nunc prefati domni epi- 
scopi scriba publicus, prescriptis interfui, eaque, man- 
dante dicto yenerabili patre, scripsi, et in publicam formam 
redegiy signum apponendo proprium consuetum. 



70 Appendix 



II. 

ArretU 1824, mariu 28. 

Canonici Ecclesiae ccUhedrdUs Arretinae et canonici 
piebis Sanctae Mariae, unitae ipsi cathedrali, postulata 
Abbatis et convenius monasterii Sanctae Mariae de Monte 
Oliveto in Acona, benigne admittunt. 

[Exemplar in Lib. PBiviLBaiOBUM (saec. XY), fol. 2'-3'J. 

IH nomine Dei eterni. Amen. Anno eiusdem a Nativitate 
MCCOXXIIII, indictione YIIi domno Joanne papa XXn pre- 
sidente, die roerchurii XXVIII mensis martii, Yotis pie 
yiventiam ampliande sunt gratie caritatis, ut dum ipsi 
consequuntur quod appetunt, ferventius in Ghristi laudi* 
bus accendantur. 

Gum itaque pro parte religiosorum et laudabilium viro- 
rum abbatis et conventus monasterii Sancte Marie de Monte 
Oliveti in Acona, nostre Aretine diocesis, plura fuerint co- 
ram nobis [a] Guidone miseratione divina episcopo et domino 
Aretino» cum reverentia postulata; nos decenti deliberatioue 
adhibita super his, de confratrum nostrorum infrascripto- 
rum consilio et assensu ac voluntate ipsorum, qui hoc 
tempore in cathedrali ecclesia resident Aretina, et in plebe 
Sancte Marie de Aretio unita ipsi ecclesie cathedrali, du- 
ximus illa ex certa scientia, et vice nostra nostrorumque 
catholice successorum et Aretine ecclesie, ad exauditionis 
gratiam duximus admittenda. Et primo, vice et nomine 
quo supra, concedimus loco, monasterio et conventui de 
Monte Oliveti, predictis et fratribus eiusdem monasterii, 
tam presentibus quam futuris, quod ad quem maluerint 
prelatum diocesis AretinOi possint in posterum, quotiens 
fuerit oportunum, pro confirmatione abbatis, quem ipsi 
fratres duxerint eligendum pro tempore vel nominandum. 



( 



AppendUo 71 



recurrere ipsumque petere conflrmari, et conflrmationem 

recipere ab eodem, nec non renuntiare abbatiatui, regimini 

ac offlcio abbatiatus monasterii supra dicti, prout ipsis 

placebity et secundum quod providerint agendum esse. £t 

ut premissa liberius, comodius fieri valeant, pro monasterio 

supradicto et fratribus qui pro tempore ibi erunt, commit- 

timus prelatis Aretine diocesis, a quibus fuerint abbatum 

predicti loci petite confirmationes, seu renuntiationes, super 

ipsorum abbatum renuntiationibus faciendis, confirmatio- 

nibus impendendis et ceteris super ipsarum conflrmationum 

negotiis oportunis, plenarie vices nostras constituentes, ex 

nunc illos prelatos prescripte diocesis, ad quos accesserint 

conventus dicti loci, pro predictis, nostros yicarios et or- 

dinarios ad premissa, et circa ipsa oportuna, et mandamus 

illis expresse sub pena, quam duxerimus infligendam, quod 

ad ipsorum fratrum instantiam, premissa debeant adimplerOy 

non obstante quod huiusmodi oonfirmationem abbatum re- 

servaverimus nobis> nostrisque successoribus> in privilegio, 

quod dictis loco et fratribus adduximus concedendum. Et 

quia presensimus quod abbas et conventus monasterii su- 

pradicti plerumque indigentiam patiuntur, non habentes 

ex facultatibiis propriis unde comode valeant substentari, 

ne indigentia huiusmodi retrahat illos a cultura divina, 

ut per se et alios petere et peti facere valeant ; et Abbas, 

monac[h]i monasterii supradicti, quotiens et quando eis 

videbitur decens esse, aoctoritate presentium, indulgemus 

et elimosinas. 

Insuper votis eorum satisfacere cupientes, in celebratione 
offlciorum, quam facere posse volunt abbas et conventus 
monasterii antedictj, secundum ritum Romane Ecclesie, nos 
attendentes in regula beati Benedicti caveri, quod secun- 
dum ipsius regulam certus servetur ordo in horis et offlciis 
celebrandis, et quod qui melius sciverit ordinare, ordinaret 
offlcium monachale : cum in Romana Ecclesia, peifecte sit 
ordo celebrandi offlcii constitutus, quod secundum ritum 



72 Appendix 



et ordinem prefate Romane Ecclesie, possit deinceps in dicto 
monasterio de Monte Oliveti, offlcium celebrari, auctoritate 
presentium, duximus indulgendum. Quod etiam concedimus 
abbati et conyentui predictis, in eorum membris et gran- 
ciis^ tam habitis quam habendis, et ubique locorum dicte 
diocesis, ubi eos esse contigerit vel morari. Quarte adhuc 
petitioni eorum duximus annuendum, videlicet, quod abbas, 
conyentus et monasterium possint grancias ab offerentibus 
illas percipere, et habere, et usibus dicti monasterii appli- 
care, et in ipsis celebrare offlcia et facere celebrari ; quibus 
granciis habitis, sique sunt, et habendis in posterum, illam 
immunitatem et libertatem concedimus, quam hactenus 
concessimus monasterio supradicto, tanquam spiritualibus 
membris monasterii antedicti. 

Propterea ut monasterium ipsum de Monte Oliveti, abbas, 
fratres et conyentus eiasdem in iibertate petita persistant, 
et Deo libere valeant famulari, presentium auctoritate> mo- 
nemus omnes et singulos, tam clericos quam laycos civi- 
tatis et diocesis Aretine, cuiuscumque status, ordinis, seu 
conditionis existant, pro primo, secundo et tertio termino, 
peremptorie, quod monasterium ipsum, abbatem, fratres, 
seu conversos eiusdem, pretextu aliquarum rerum, posses- 
sionum et bonorum eidem monasterio coUatorum, seu 
conferendorum, non audeant, yel presumant, pretextu da- 
tii, colecte, gabelle, pedagii, yel alicuius angarie,«yel per- 
angarie, molestare, yel grayare, per se yel alium, publice 
yel occulte, nec grayanti, molestanti, yel iniurianti con- 
sentire, seu illis impertiri auxilium, consilium, yel fayo- 
renl. Nos enim in omnes et singulos tam clericos quam 
laycos, cuiuscumque status, ordinis, seu conditionis fuerint, 
qui contra premissa, yel aliquid premissorum, per se yel 
alios fecerint, publice yel occulte, aut contra facientibus 
consenserint, seu ipsis quoquo modo prestiterint auxiiium, 
consilium, yel fayorem, prescripta monitione premissa, 
excommunicationis sententiam proferimus in his scriptis. 



Appendioo 73 



In quorum testimonium prescripta, per Guadagnum, ca- 
mere nostre notarium, scnbi mandavimus, et insigniri 
nostri impressione sigilli ; nomina confratrum qui inter- 
fuerunt predictis, et de quorum consilio» assensu, et vo- 
luntate, processum est ad predicta, sunt : domnus Joannes 
de Gasolis pro se» ut canonicus, et tamquam vicarius domni 
Bosi de Vulterris, propositi Aretini ; 

Domnus Angelus de Assisio ] 

DomnUS BandinUS Nerii Alerisii [ CanooidecclesiecathedralisAretme. 

Domnus Donatus Mirancii ) 

Domnus Finus domni Orlandini \ CMonidpiebisSancteMa- 

DomnUS RubinUS de BurgO Sancti Se- / riede Aretio,uniteipdcathe- 

... > drali ecdede Aretine, et in 

puicnn i jp,^ cathedraU eodeda Are- 

DomnUS GerardUS GrOnarini ] tinaresidentespretentialiter. 

Datum et actum in civitate Aretii, in quadam saletta, 
iuxta episcopalem cameram, presentibus Mucio rectore 
ecclesie Sancti Angeli de Satorri, et Mucio quondam Pa- 
triarche, alias dicto Mucio Dadi ; Frasca de Ascianelli de 
Asciano, et Ubertinuccio Guardi de Givitella, testibus ad 
hec astantibus et rogatis. 

6B Ego Guadagnus quondam Giunte, iudex ordinarius 
atque notarius Aretinus civis, et numero prefati domni 
Aretini episcopi scriba publicus, predictis omnibus et sin- 
gulis presens fui, eaque, mandato dicti domni, scripsi et 
publicavi, rogatus signum proprium apponendo. 



74 Appendix 



m. 



In Bmgo de ChiiuniriB 1842, febroarii 1& 

8er LanduB, redor ecclestae Sancti Angeli a Luco de 
Chiusuris, aedificaiioni monasterii Sanctae Mariae de 
Monte Oliveto, consensum praebet. 

[Exemplar in Lib. Pbiyilbg. (saec. XY), f. 3*]. 

In Dei nomine. Amen. Anno eiusdem MCOGXLII, indi- 
ctione XI» die XYIII mensis februarii. Pateat omnibus 
eyidenter quod discretus yir ser Landus quondam Maffeiy 
presbiter et rector ecclesie Sancti Angeli a Luco de Ghiu- 
suris Aretine diocesis, coram me notario et testibus inflra- 
scriptis» sua libera et spontanea voluntate, ex certa scientia, 
et non per errorem aliquem, omni iure, via et modo, qui- 
bus melius potuit, sciens et recognoscens monasterium 
Sancte Marie de Monte Oliyeto, positum in curia de Ghiu- 
suriSy comitatus Senensis, loco dicto Acona, dicte Aretine 
diocesiSy esse situm, situatum et positum in parrochia dicte 
eius ecclesie, dixit, asseruit et confessus fuit, tanquam 
parrochianus dicti loci> ubi dictum monasterium Aiit et 
est constructum et edificatum, se tempore edificationis et 
constructionis dicti monasterii, esse et fuisso, et nunc et 
in posterum, esse tacitum et contentum de constructione 
et^ edificatione supradicti monasteri, et dicte edificationi 
tunc consensisse, et de sui consensu et voluntate fuisse, 
processisse, et factam fuisse et esse edificationem mona- 
sterii supradicti, necnon de omnibus et singulis granciis, 
beneficiiSi indulgentiis, privilegiis, immunitionibus, et aliis 
quibuscumque concessionibus eidem monasterio quoquo 
modo hic retrofactis, yel ad presens seu in posterum fien- 
dis, tam per summum pontificem quam etiam per venera- 



t 



Appendioo 75 



biles in Cliristo patres domnos cardinales, legatum aut 
episcopum Aretinum, vel alium quemcumque concedendi 
auctoritatem et iurisdictionem habentem, de quibus omnibus 
supradictis rogavit me notarium infrascriptum quod iude 
publicum conficiam instrumentum. 

Actum in Buxgo de Ghiusuris coram religiosis viris fra- 
tre Patritio Francisci, fratre Joanne Peruzii de Senis, Nerio 
Succii, et Joanne Ducii de Ghiusuris testibus ad haec ha- 
bitis, Yocatis et rogatis. 

^ Ego Matheus fllius Mencii civis Senensis, imperiali au-^ 
ctoritate notarius atque index ordinarius, predictis omnibus 
et singulis interfui» et ea rogatus scripsi et publicavi. 



76 Appendioff 



IV. 

BomM 1480, nudi 17. 

Cknrdinaies Antonim Coiini et NicolauB AtberffaU, a 
Summo Pontiftce, ConffregcMonis Olivetanae Reforma- 
tores electi, guasdam innovationes decemunt (1). 

[Qxig. in BmuTB. OLiwr., 11, 25J. 

Antonius, tituli sancti Marcellii et Nicolaus, tituli sancte 
Gracis in Jerusalem, sancte Romane Ecclesie miseratione 
divina presbiteri cardinales, commissarii ad | infrascripta, 
et aliaSy reformatores generales ordinis Montisoliveti, au- 
ctoritate apostolica deputati, venerabili patri . . . abbati mo- 
nasterii Montisoliyeti, ac eiusdem et aliorum monasterio- 
rum I predicti ordinis, Romane Ecclesie immediate subiecti, 
prioribus, et fratribus universis, salutem et sinceram in 
Domino caritatem. 

Omnis vera religio, et regularis vite institutio ap[pro- 
bata, certis] | constare debet regulis, et mensuris, ac legi- 
busy ex quibus persone, in ea degentes, et spiritualis ca- 
stimonie sanctimoniam, ac recte vivendi conversationem, 
et modum assumant, ne, | quod absit, per proprie voluptatis 
abusum, a via rectitudinis, in devium oberrantes, in pre- 
cipitium cadant ; sed sciat unaqueque ipsarum, quid agere, 
quidne etiam debeat de | vitare. Nuper siquidem ad audi- 
tum sanctissimi in Ghristo patris et domni nostri Martini 



(1) Hac in appendice, Beformationes, anno 1430, invectas, 
referre placnit, nt specimen qnoddam harnm innovationnm 
exhiberetnr. Attamen monendnm est qnod anno 1432 (31 mar- 
tii, Bbgistb. Olivbt., n, 22), iternmqne anno 1438 (1 maii, 
Bboistb. Ouvbt., n, 24), per eosdem Beformatores aliae edi- 
tae snnt constitntiones. 



Appendix 77 



diTina proYidentia pape quinti, deducto, quod, procurante 
antiquo humani generis inimico, videlicet, | ordo predictus, 
circha dirersa, qae agenda incumbunt, a rectitudine prisci 
rigoris et patrum antiquorum traditionibus, ac eorundem 
salubribus obs^vantiis, deviaverat, | que nisi celerem reci- 
perent medicinam, posset prefatus ordo, quod absit, ad irre- 
parabile dispendium pervenire, ac pro parte vestra, vene- 
rabilis pater abbas, et nonnullorum | seniorum dicti ordinis 
fratrum, eidem domno nostro humiliter suppiicato, ut vobis 
et eidem ordini super hiis oportune providere de benigni- 
tate apostolica dignaretur. Idem domnus noster | papa, vive 
vods oraculOy nobis cardinalibus supradictis, quoad vitam 
duxerimus in humanis, ministerium reformationis predicti 
ordinis, cum plena potestate, que ad | reformatores, visi- 
tatores, et correctores eiusdem ordinis, ac locorum et per- 
sonarum ipsius, tam in capite, quam in membris, pro tem* 
pore potest, seu debet quomodolibet pertinere. | Commisit 
ac mandavit ut circha ea, que ad presens, et in futurum, 
idem ordo vester in spiritualibus, et temporalibus, et tam 
in capitOy quam in membris, huiusmodi reformationis, | aut 
correctionis offlcio, pro tempore indigeret, statuere, et 
ordinare ac reformare, et corrigere curaremus. Nos igitur 
cardinales prefati, volentes commissi | onem et mandatum 
huiusmodi reverenter exequi, ut tenemur, vos venerabiiem 
patrem abbatem ac nonnullos viros religiosos predicti or- 
dinis, vite laudabilis providentia | et discretione vigentes, 
ad nos advocavimus, ac tam per vestram, ac dictorum 
religiosorum informationem, quam etiam alias, de hiis in 
quibus ordo prefatus ad presens correcti | one, ac refor- 
matione indigere noscebatur, plenius informati, nonnuUa 
statuta ed ordinationes, per vos et successores vestros in- 
concusse perpetuis faturis temporibus | observanda, edidi- 
mus, et die data et ioco infrascriptis, publicavimuSi quo- 
rum tenores, formas continent, que sequuntnr. 
Statuimus et ordinamus, pro reformatione | ordinis Mon- 

SnciLBa. IfoMTOuy. — Voli I. 9 



78 Appendix 



tifloliveti» quod abbati generali eiusdem ordinls vel eius vi- 
cario generali, qui consuevit esse prior principalis monaste- 
rii| ordinis prelibati, pro tempore existentlbusi | associentur 
sex ydonei fratres prefati ordinis, qui visitatores nuncu- 
pentur, et valeant personaliter visitare, et sint priores do- 
morum seu monasteriorum, in quibus ad plus | stent con- 
yentualiter octo ft*atreS| quos pro Ista vice tantum eligimus, 
et nominamus, ac deputamusy et in visitatores et socios dicti 
abbati preQcimus, quorum nomina | sunt hec, videlicet» fra- 
ter Jeronimus de Perusio, frater Nicolaus de Regio» frater 
Bartholomeus de Mantua, frater Petrus de Neapoii, frater 
Baptista de Podiobonixii | et frater Benedictus de Yspania. 
De quorum consilio et consensu, vel maioris partis eorum, 
ac voluntate expressa, teneatur dictus abbas et debeat 
ordinare, facere, sive | disponere, absolvere, instituere, sive 
permutare» tam in totum, quam in parte, annis singulis, 
in capitulo generali, aut quandocumque necessarium fuerit, 
omnes et singulos priores» pre | latosque et alios officiales 
et familias omnium, et singulorum, ac quorumcumque con- 
ventuum, et monasteriorum ordinis predicti, eorumque vi- 
sitationes facere, et distribuere quotiens, | et quandocum- 
que eis necessarium fore videbitur, tam in totum quam 
in partem, conventuum et personarum omnium et singu- 
lorum ac omnia et singula statum ordinis quomodolibet 
concer | nentia, tam in totum quam in partem, et ea que 
proponerentur in capitulo generali, aut alias quomodocum- 
que evenerinty simili modo et forma tractare, et deter- 
minaroj ac debite | executioni mandare. 

Itemi nec valeat absque consensu maioris partis predio- 
torum sex, super constitutionibus ordinis prefati, nec 
super penis et penitentiis publicorum delictorum, | ac ir- 
regularitatibus et inhabilitatibus aliis, cum delinquentibus 
dispensare. Insuper, nec bona prefati ordinis, aut pecunias 
distribuere, nec alias preterquam ad bursam | communem, 
seu aedem sacram clandestine congregare. Sed in hiis 



f 

I 



Appendix 79 



omnibns, eam tantum facultatem habeai, quam quilibet 
alius prior habet in monasterio singulari. 

Quorum quidem visitatorum sic electorum tempus regi- 
minis duret, hoc modo, videlicet, quod in fine anni a die 
conclusionis generalis capituli computandi, tribus ex ipsis ab 
offi I cio Tisitationis huiusmodi absolutis, per abbatem et 
predictos sex visitatores, vel maiorem partem eorum, tres 
alii subrogentur, et sic annis singulis, tres ex eis qui plus | 
offlcio visitationis prefuerint, amoveantur, et tres de novo 
subrogentur eisdem, nec valeant confirraari, sed per bien- 
nium continuum vacent ab officio visitationis, | antequam 
de novo eligi possint, ad dictum visitationis officium. 

Item statuimus ut fratribus stabilitatis forma prestetur 
et evagationis tollatur occasio. Quod pro edificatione | et 
bono exemplo dictorum fratrum, prefatus abbas generalis 
continue maneat in monasterio Montisoliveti, nec terminos 
prefati monasterii ullo modo transgrediatur, | quos decer- 
nimus esse octo miliaria. Volumus tamen quod pro mani- 
festa utilitate, vel necessitate ordinis, possit de consensu 
et voluntate dictorum visitatorum, vel maioris partis | eo- 
rum exire associatus semper a duobus ex eis, et visitare 
ac illa facere, que concernunt manifestam ordinis utilitatem, 
de eorum consilio et consensu. 

Simiiiter statuimus | et ordinamus quod abbas gene- 
ralis dicti ordinis duret, et vacet secundum formam con- 
stitutionum ordinis eiusdem. Yolumus tamen pro forma 
humilitatis servanda, ad exemplum | subditorum, quod 
dictus abbas, tam qui nunc est, quam qui pro tempore 
fuerit, post biennium a die sue electionis computandum, 
in generali capitulo misericordiam postulet, idest abso | lu- 
tionem ab officio abbatiatus. £t tunc per dictum capitulum 
eligantur tres priores ex gravioribus et honestioribus, qui 
singulis bienniis mutentur. Qui quidem sic electi, | exami- 
natis examinandis circha regimen dicti abbatiatus, possint 
ex legitima et urgenti causa, pro bono ordinis ei facere mise* 



80 Appenata 



rioordiam, si Tiderint expedire, infra | terminum trium die- 
rnm, a die quo misericordiam postularerit computandorum, 
de consilio et consensu dictorum sex yisitatorum, yel maioris 
partis eorum. Interlm tamen dictus abbas | teneat locum 
suum et eidem prestetur per omnia rererentia sicut ante. 
Idem de predictts visitatoribus statuentes circha misericor^ 
diam huiusmodi flendam, de consensu | tam abbatis, et 
maioris partis Tisitatorum eorundem. 

Statuimus insuper ut hec omnia sic statuta per nos et or- 
dinata, que tenore presentium publicamus pure, simpliciter | 
et inviolabiliter obsenrentur. Si quis autem post binam mo- 
nitionem vel trinam ei per abbatem ipsum, vel maiorem 
partem dictorum yisitatorum factam, prefatis statutis | et 
ordinationibus contumaciter contradixerit, yel ea obserrare 
neglexerit, sit ipso facto priyatus omni offlcio obedientia 
ordinis, et yoce in capitulo, et inhabilis ad omnia | dicti 
ordinis offlcia, et ministeria reddatur, donec per duo capitala 
generalia fuerit» de consensu maioris partis, ad predicta re-. 
stitutns. £t insuper ultra penas prefatas, | quicquid per 
abbatem nunc et pro tempore existentem, contra statuta 
et ordinationes nostras huiusmodi factum fUerit, sit irritum, 
et inane ac nullius roboris | yel momenti : constitutionibus, 
conflrmationibus, priyilegiis, statutisque, et consuetudinibus 
dicti ordinis in contrarium facientibus non obstantibus qui- 
buscumque. 

In quorum omnium et singulorum fldem et testimonium 
premissorum, has nostras patentes litteras, in formam pu- 
blicam redigi per Gregorium Jacobi de Pisis, et Christo- 
forum de Rogeriis | de Rbma, publicos notarios inft*ascriptos 
et secretarios nostros, nostrique cardinalatus sigilli iussimus 
appensione muniri. 

Datum et actum RomCi in palatio sanctorum Apostolo- 
rum I et ci^peHa sanctissimi domni nostri pape, presen- 
tibus yenerabilibus et discretis yiris, domno Matheo Petri 
de ciyiiate Tullenai, olerico cenmoniarum domni nostri 



Appenaio) 81 



pape, I domno Johanne Petrutii, canonico sanetoram Stefani 
et Bonifatii de Viterbio et d. Johanne de Batuto, derico 
Rutenensi, in legibus bacchalario» testibus ad premissa 
Tocatis I specialiter et rogatis. 

A.nno nativitatis domini nostri Jesu Ghristi mUiesimo 
quadringentesimo trigesimo, indiotione octara, mensis maii 
die decimoseptimo, | pontiflcatus sanctissimi inOhristopatris 
et domni nostri domni Martini diTina providentia pape 
quiuti, anno tertiodecimo. 

>B Et ego Gregorius quondam Jaoobi ser Nerii Spetiallni, 
clericos pisanus publicus imperiali auctoritate iudex ordi* 
narius, atque notarius et secratarius neTenendisstmi | in 
Christo patris et domni AntoQti> miseratione divina iituli 
sancti Marcelli sancte Romane Eclesie presbiteri cardinalis, 
commissarii prefati, premissis omnibus et singulis | dum sic 
ut premittitur, agerentur et fierent, una cum Tenerabili 
Tiro domno Ghristoforo de Roggeriis de Roma, reveren- 
dissimi in Ghristo patris et domni domni Nicolai misera- 
tione I diTina, tituli sancte Grucis, sancte Romane Eclesie 
presbiteri cardinalis, commissarii antefati, secretario acpre- 
nominatis testibus, interfUi, eaque sic fieri, Tidi et | audiTi: 
ideo hoc presens publicum instrumentum exinde confeci, 
et per dictum domnum Ghristoforum fideliter scriptum, de 
mandato reTorendissimorum in Ghristo patrum et | domno- 
rum cardinalium commissariorum prefatorum subscripsi, 
publicaTi, et in hanc publicam formam redegi, signoque et 
nomine, meis solitis et consuetis cum reTerendissimorum | 
domnorum cardinalium commissariorum preaominatorum 
sigillorum appen^ione signaTi, rogatus et r^uisitus in fidem 
et testimonium omnium et singulprum premissorum. 

>B Et ego Ohristoforus quondam Jacobi de Rogeriis de 
Roma publicus apostolica et imperiali auctoritatibus nota- 
rius, ac reTereudiS9imi 4amni cardinalis sancte Grucis et | 
commissarii pr^aftuK j9#creiarius, predictis omnibus et sin- 
gulis dum sic ut premittitur agerentur et fierent, presens 



82 Appendix 

fai et rogatus una cum supraicripto nobili | viro Gregorio 
quondam Jacobi ser* Nerii Spetialini de Pisis, publico im- 
periali anctoritate iudice ordinario ac notario, et prefati 
reverendissimi domni 1 cardinalis sancti Marcelli et com- 
missarii secretario, ac testibus supradictis interfui, eaque 
fleri sic yidi et audiyi : ideo hoc presens publicum instru- 
mentum | exinde confeci, scripsi, publicavi atque subscripsi, 
et de mandato prefatorum reverendissimorum domnorum 
cardinalium commissariorum in lianc publicam | formam 
redegi, signoque et nomine meis solitis et consuetis, cum 
reyerendissimorum domnorum cardinalium commissario- 
rum sigillorum appensione signavi, | in fldem et testimo- 
nium omnium et singulorum premissorum rogatus et re- 
quisitus. 



Imprimatur 

D. Hildebrandus M. Polliuti 

Abbas Generalis Congregationis Olivetanae O. S. B. 

£t Ordinarius Montis Oliveti Majoris 

Nullius Dkeceseos 



NmiL OBSTAT 

Can. M. Novelli 
Vicarius Generalis ArchidiGec. Florent. 



INDEX RERUM 

ALPHABETICUS, ANALYTICUS 



AblNU Generalls. — Eligitur singulia annis, 26, 29, 90. 

De biennio in biennium, 26, 58, 79, 80. 

De triennio in triennium, 85, 86. 

Perdurat in officio per quadriennium, 26, 55, 56, 66, 60« 

Eius auctoritas, xzx, xxxi, 20, 28, 27. 

XJna cum Yisitatoribus agere debet, xxx, 22, 28, 24, 26. 

Absoluto tempore officii sui debet postulare misericordiam, 
54, 56, 79, 80. 

Continue maneat in monasterio Montis Oliveti Maioris, 79. 
JibbateB Generales. — Ambrosius Piccolomineus Senensis, 12, 80. 

Andreas Bononiensis, 52. 

Bemardus (B.) Ptolomaeus Senensis, 12, 81. 

Duocius Bartbolini Arretinus, 41, 45. 

Francisobus de Aringberia Bononiensis, 58. 

Franciscus Quidutii de Traooazano Arret., 88. 

Hieronymus Miraballius a Neapoli, 48, 49, 55. 

Hieronymus Sancti Pefusinus, 51. 

Hippolitus Mediolanensis, 42, 44. 

Jaoobus Taddei de Arretio, 89. 

Jobannes Baptista de Podiobonizo, 58. 

Jobannes TJrbevetanus, 46, 50, 58. 

Laurentinus Marsupinus de Arretio, 48, 56. 

Laurentius Gioni Arretinus, 85. 

Mattbaeus Landini a Prato, 88, 44. 

Micbael Pratensis, 88. 

Nioolaus Begiensis, 60. 

Patritius de Patritiis Senensis, 12, 29. 

Baynerius Simoni de Senis, 84, 85, 87. 



84 Index rerum 



AblNites GeMratos. — SalTius Doni de Florenti&, 36, 38, 89. 

Sjmon Thurias Senensis, 30. 
Abbatla de Saxo. — A Camaldulensibns habitata de quibus 
Johannes monacbus ab episcopo delegatus, patrum no- 
strorum dedicationem, in civitate Arretina, accepit, 11, 
12, 14, 16, 67. 
Absolrere. — A quibus casibus potest solummodo abbas, 22, 23. 
Ae«Uio11 AngelQS. — £p. Florent. v. Angelus Aedaloll. 
Aeeoiia. — Possessio B. Bemardi in communem Congregatio- 
nis usum traditur, 6, 31, 67, 70, 74, 76. 
EiuB descriptio, 16. 
AeneAS SjItIiis Pleeolomlneui (Pius 11). — Montem Olivetum 
Maiorem praesentia sua et oardinalium decorat, xiy. 
Multis privilegiis eundem coBuobium ditat, xvi. 
Eius CommetUarii citantur, xyii. 
Eiusque Parailela A^fonsinaf XL. 
Agatha (S.) de Terra Aselaal. — Yiyianus Senanais ejuadem 

plebanus memoratur, 14. 
Agaaiio {&»). — Pisaaum monasteriam S. Hieronymi nostris 

traditum, 36. 
AgBoIll (JohamMS). ^ Be nostro monasterio Yillanoyano scrip- 

sitf 63, n. 
Agnes (S«). — In eius festo, anno 1344, per Snmmum Ponti- 
fioem, Oongregatto nostra adprobatnr, 22. 
Qui dies apud nostros eeleberrimus habetar, 82. 
Alamanla (de) Georgliis. — Monachus oonyentaalis in mona* 

sterio Hungarico, xxxiy. 
Alamanla (de) Henrleas. -^ Noyitims in monasterio Sanctae 
Justinae de Padua, 4^ n. 
Monacbus conyent«aJls in monasterio Hungarioo^ xxxii, 
xxxiy. 
Albergatl (Card* Nleolans). — A Xartiao V, Gongrc^aUonis 
Oliy. Beformator eligitur, 63. 
Eiusdem Heformationes, 64, 76-82. 
Albergottls (de). — Yious quondam domni Orlaftdi, testis adbi- 

betur, 69. 
Albomoelo (de) Ckftmettau Qafsla. -«- Boetor ciyitatia Bononiae 
ecclesiam fratrum Gaudentiam € m capite Burgi de 
Aretio » nostris eonf^Mrt, 87, n. 
Albns eolor. — Proprius monacborum Montis OHvetiy 4. 
In quo differat a nigro, 10. 
Eius supereminesktia .colori nigrO| 11. 
Monacbi tamen non oausentur de oolore, 18. 



I alpIu^fefiGHs, cmatyttcus 86 

Alegrls (de). — Johazmes Mediolanensis, monachos oonven- 

tualis in monasterio Hnngarico, xxxii. 
Alerisll. — Domnns Bandinns Nerii, canonicxui ArretinnS) 78. 
AlplioBBiu y (AragonieDBis). — zzxv. 
Altare. — In ecdesia cathedrali Arretina constructnm per Cio- 

nem de Tavine, 67. 
Altare H. lOcliaellg Areli. ^ In monasterio Montis Oliveti 

Maioris, 9. n. 
Ambroalns Muiaiii. — Ordinis Minomm citaturi 40, n. 
Ambroaliis Pieeolomliieiis. — Abbas generalis eligitnr, 90. 

De ipso memoriam agit Pius 11, xvi. 
AMloglw. ^ In monasterio in Montis Olireti Meaoxii^ aate 

quod cantabant monachi officium, 25^ 
Andreae (S«). ~ Be Senis, dioBcesis. Arretinae, prior nomina- 

tur, 69. 
Asdreae (S«) de Yolaterris. — Monasterium nobis traditor, 82. 
ABdroas. — Bononiensis, abbas generalis, 5fi. 

Eins acta, 58. 
Angell Del. — Per ipeos adiutorium accipitnr, 9, 10. 
ABgell (S.) a Laeo. — Parrochia de C&iusnris, 74, 75. 
Angell (S.) de Satorri. — Beotor Mucine, testis adhibetor, 78. 
Angell et llleolal (SS»). — Laudense monasterimmnastriBtra- 

ditum, 58. 
AafeUnl de Seals. — Fraacieous, abbas in moiiasterio & Ju- 

stinae de Patavio, 46, n. 
ABgelis AedaliA. — Episcopus Florontinus Ordinis Praedi- 

catorum, eoclesiam S. Laurentii « al Pogio alle oa^ » 

monasterio S. Bartholomaei «te FlozMtia uniTit) 8i.y n. 4. 
AngelQS SniniiiarlTa (Card«). — Nobis tradidit monastertum 

88. Angeli ot Nicolai de Laude, 68. 
Auales Camaldulenses. — Gitantur, xliv, 15. 

Falluntur, xly, xlvx. 
AmilTeiiarla. — Pro monaohis quotannis ^aelebraaday &L, n. 1. 
Aatlqva. — Monachalis ratio Tivendi, 22, 3& 
AntoiiliiB BargOBsiB. — Auctor € Chronicon », xxv. 
Dattts vita, xxvx. 
Olivetanus fit, xxvii. 
Monaohnfl Conveatualis, OeUevarius et Prior, xxviii, 



Visitator ellgitur, xxx. 

Eins munns, xxxi. 

Abbas in Monasterio DemieieiM^ xxxii« 

EiuB obitus, zxxv. 



86 IndeoD rerum 



AmUmlMB Birfratfai. — Eins soripta, xxzyi. 

Liber « de dignitate hominis et de excellentia humanae 
▼itae », xxxTi. 

Qno tempore soriptna, xxxix. 

Liber « de Magiatratibns et Praelatis >, xi.i. 

« Hiatoriae Tnaoiae », xlii. 

« Chronioon », xliii. 

Qno tempore soriptnm, xliy. 

De ipBins anotoritate, xly, xltii. 

De forma « Ohronicon » litteraria, XLix. 

Nnno primnm editnr, 1-61. 
Antoihu Oaifad (Oard.). — A Martino PP. V. Beformator Con- 
gregationis eligitnr, 64. 

Eins Beformationes, 64, 76, 82. 
Antonlis Cnuwerlna (Card«). — Nobia tradidit monasterinm Yero' 

nense S. Mariae in Organis, 60. 
Antonins (oonTersos). — Piotnris deoorat Saoellnm S. Soho- 

lastioae, in Monte Oliveto Maiori, 7. 
ApostoUea Sedes. ^ In oiTitate ATinionensi degens, 21, 22. 
Arehlsterla. — Monaohis oliyetanis tribnnntnr, 19. 
Apoealypais (S. Johamls). — Nominatnr, 10. 
ArehlTa Montis OUTOtl. — Citantnr, 4, 14, 16, 87, 69. 
ArohlT» Stat» Florent. — Citatnr, xxyi, xxix. 
Argentarlis mobs. — In ipso, ad heremnm, seceditnr abbas 

generalis Rainerins Simoni, 84. 
Arlano (de). — Nicolans monachns Florentiam petit, 60. 
Arlento (de). — Bnrgns in ciyitate Bononiensi, 87, n. 
Arlmlnense (S. M. AnnnnolAtae MoTae). — Monasterinm nostris 

traditnm, 60, 61. 
Arlngherlns. — Franoiscns Bononiensis, abbas generalis, 68. 

Eins acta, 69, 60. 
Arlstoteles. — Eins anotoritas a£fortnr, 20. 
Arretinnm (S* Bemardl). — Monasterinm aooipitnr, 81. 
Arretlnns eplseopns. — G-nido de Petramala, 4, 8, 11, 12, 14, 

80, 66. 
Arretlo (de). — Panlns Bandini, monachns oonyentnaliB in mo- 
nasterio Cortonensi, 40, n. 

— Lanrentinns Marsnpinns, abbas generalis, 66. 
Eins aota, 67. 

— Matthaens Henrioi, Magister Noyitiomm in mona- 
sterio Cortonensi, 41, n. 

Dnooins Bartolini, abbas generalis, 41. 
Eins acta, 41, 42. 



alpfiabeticus, analyticm 87 

Arretto (de). — Plebs S. Mariae, cathedrali ecolesiae unita, 
70, 78. 

— Ecclesia SS. Trinitatis, 11, 12, 13, 14, 67. 
Aadaal (de ferra). -- Yiyianns plebanns, 14. 
Aselano (de) ThoniaB. — Monacbus conventualis in monasterio 

Hungarico, xxxiy. 
Isefanelli de Aseiano. •— Frasca, testis adhibetur, 78. 
Assido (de). — Domnus Angelus, canonicus Arretinus, 78. 
Ani^tinQa S. — Eius auctoritas refertur, xli. 
Arena. — Locus prope Montem Olivetum, xvi. 
ATinionenflis nrbs — Ubi Sedes Apostolica degebat, 21, 22, 34. 
An eandem civitatem petierit B. Bernardus, 21, n. 
Ecclesia 0. Praedicatorum, 85, n. 8. 
Memoratur, 85, 87, 88. 



Balneamni. — TJsus praestatur ab abbate vel visitatoribus, 28. 
BalBaiinns de Pnsterla. — Nobilis eques Mediolanensis nostris 

extruxit monasterium Bedagiense, 45, n. 
Bandini (Panlns). — Arretinus monachus conventualis in mona- 

sterio Cortonensi, 40. ^ 

Bandinns (Doninnfl). — Nerii Alerisii, Canonicus ecclesiae Ca- 

tbedralis Arretinae, 78. 
Barbiani (de villa). — Monasterium ad castrum S. Geminiani, 

82, 84, XXX. 
Barbo (Lndoviens). — Conditor CongregatioBis S. Justinae vel 

Cassinensium,. 47. 
Barbo (Potms Card«). — Abbas Commendatarius monasterii 

Urbevetani S. Severi, 51, 52. 
Bardis (de) Margarita. — Nobilis foemina Florentina eztruzit 

monasterium S. Geminiani, 82, n. 7. 
Barga. — * Pagus in agro Lucensi, patria Antonii Quocii, au- 

otoris nostri « Cbronicon », xxvi. 
Barga (de) Antonins. — Auctor nostri « Cbronioon », v. An- 

tonins Bargensis* 
Bargensis Antonins. — Y. Antonins Bargensis. 
BarioUni (Dnodns). — Arretinus, Abbas generalis, 41, 45. 
Barfholomaoi (S.). — Monasterium Florentinum € Monte Oli- 

veto di Firenae », xxix, xxx, 81. 
Bartlioloniaoi (S*) delle Saoea. ^ Monasterium Pratense nobis 

traditum, xxxv, 45. 
Bartbolomaens de Mantna. — Abbas in monasterio Hungarico, 

XXXIV, XLIV, XLV. 



^ Index rerum 



BaiihotoBUieif ie KuiteA. — Prior moiuuiterii ad cMtnim 
S. Geminiani, 26. 
ViBitator, 26. 
BartholoMeiu Faeetaa. — Bargemii nostro oonjnnctisaimus, 

ZZXY, XXXVIy XXXIX, XU, XLII. 

BaailU (&). — Cortonense monasterium 8. Margarita6| nobis 
traditum, 89, 40. 
Dimissiim, 41. 
Batato (de) JokaMies. — Clericiu Bntenensis, in legibua bao- 

chalarius, 81. 
Beaal (Oaletana). -« Canonicus Pistoriensis aeripait da eocle- 

aia Pistorienai, 89. ^ 

Beatttadinea. — Quibus ccelicolae affioiuntar, xu. 
BedagleBae (S. K.). — Monasterium a nostris habitum, 44, 45. 

Nominatur, xxxiii. 
Belfortl (B. Uebael Angelua). — Monachus et scriptor olive- 
tanus; citatur ains opus, xxxii, xiiVUi, 80, 81, 87, 88. 
Belloram. «- Pericula, 42. 

Besedletl (S*). — Monasterium Eugubinum permutatur, 82. 

^ Monaaterium Seaense « a porta a Tufi >j 81, 
88, XXXIII. 

— Pistoriense moBaaterium nobia traditttm, 
XXX, XXXIII, 42. 
Beaediatl HoTOUi (8»). — Monaateriom PataTianm nobia tna. 

ditum, 58. 
BModlott (&) BegBla. — Laodatur, 8. 

Citatur, xxyiii, xxx, 18. 
Baraardlasa (8») SeiOMla. — Beformator Minomm, xxzvi, 

XLIY, 20. 

Bmardsa (BO Ptolonaoaa. — Conditor OoAgngatioius Oliye- 
tanae, xii, xyi, xi<yn, 6, 7, 8, 12, 20, 21, 89, 26, 29, 
81, 88. 
Montem Acoonam petiit, xiii, xvit 6. 
£jius epistolae, 7. 

Eius acta dum esset abbas generalia, 81-88. 
Eius obitus, 88# 88. 
Beraardua (&). — Abbaa Clareyallensia : eiua seiUeiitio re^ 

tur, 27. 
Bemardna Filippoiiiiia. — Moaachua OUyetanns, patria Y ercel- 
lenaia» laudatnr, xxxn. 
Eius yita, xxxiii. 
BanMrdaa (B.) MardelMn. — Maaachna OUyetanoa et acriptor, 
y. Mardehaux. 



olpTiabeHcus^, analyticus 89 

Bertaldns. — Masci da PetrlEunala, testis adhibetur, 69. 
Bemuliig (Chembiniis). — Mnlta scripsit, xlyxii, xliz, 7, 9, 

83, 41, 64, 56. 
BollaBdiis. — * Eias Acia SS. citantur, zlyii, 5. 
BonhaTerti B. Miehael Angelas. — Monachus Oliv. landatur, x. 
Eins opas citatur, x, xix, xx, xxxiii, xlyii, 6, 7, 9, 12, 21. 
Bonlfatii et Stephani (SS.)* — Canonicus, domnus Johannes 

Petrutii, de Yiterbio, 81. 
BonaTentora (Tondi). — Scriptor Olivetanus, v. Tondi. 
BonaTOntara (Yaleherini). — Nostris aedificat monasterium 

Senense S. Benedicti, 31, n. 2. 
Bononiense (S» Miehaelis « in Bosoo »). — Monasterium nostris 

traditum, 36. 
Boras de Yolaterris. — Propositus ecclesiae Arretinae, 73. 

Episcopus Arretinus (Bnosas), 14. 
Bossias' (Alexander). — Edidit Yitam B. Bernardi, quae lau- 

datur, XLViil. 
Brixiannm (S« Nieolai de Botingo). — Monasterlum a nostris 

habitum, 59. 
Baeelini (Gabriel). -~ 0. S. B., 30. 
Ballettino. — Storico Pistoiese citatur, ii, n. 



Calepodia. — A Conditoribus assumuntur, 6. 
Galigae. — Deponuntur a Conditoribus Congregationibus, 6. 
Calamniator. — Fuit fr. GFentilis Mutinensis, 49. 
Camaldnlenaes. — Monaobi Ordinis S. Benedicti, 10, 20. 
Oamisia. -^ Antiquitus non utebantur Monaohi, 23. 
Campanile. — Datur facultas erigendi campanile oum cam* 

panis, 67. 
Camprena (de). — Monasterium S. Annae acoipitar, 82. 
Caneellarias. — Monachus, cui, inter alia, mandabatur cura 

conscribendi « Chronicon Cancell. », xx. 
Canoniei. -* Ecclesiae cathedralis Arretinae postulata abbatis 

Montis Oliveti admittunt, 70. 
Cantns. — Adhibebatur fere quotidie in officio divino persol- 

vendo, 17, 18. 
Capitalam generale. — Celebratur in monasterio Montis Oli- 

veti Maioris, 83, 84. 
In monasterio S. Benedicti de Pistorio, 42, 43. 
In monasterio Ariminensi, 56. 
In monasterio Florentino S. Bartholomaei, 56. 
Memoratur, xxix, xxxix. 



90 Index rerum 



GirilMlM. — Befomuitores CoogTegatioiiis Olivetanae, 68, 54. 

Eonun acta, 76, 82. 
Ganftai. — Non yescebaiitar Monaeld, 18. 

Yeeci in monasterio Montis Oliveti Maioria prohibet 

Pins n, XVII. 
Carolu (Kalateita). — Dominns Arimini nobis construxit 

monasterinm Ariminense S. Mariae Noyae, 51. 
CarpenlerlQB (Pamlw). — Abbas monasterii Montis Oliveti de 

Neapoli edidit Vitam B. Bemardi, xlyiii, 80. 
Carthwiaai. — Monacbi memorantnr, 44, 68. 
Corpo (de) Jaeobw. — Abbas generalis, xlt, xlvi. 
Caaali (Ug^ccius Urbani). — Dominua Cortonensis et Vicarius 

Imperialis, 40. 
Cadnlne ▲ntoatas (Gard.). — Beformator Gongregationis Oli- 

yetanae, 54. 
Eius Acta, 76, 82. 
Casolls (de) Jokanes. — Canonicus Arretinus et Vicarius domni 

Bosi, 73. 
Castiglloiie (de) Mareos. — Cellerarius in monasterio Corto- 

nensis, 41. 
Castro. — Flumen prope ciyitatem Arretinam, 18, 14. 
Castro S* Jolianls (de). — Lautentius, prior monasterii Cor- 

tonensis, 41. 
Castrut S« CtomlBlaiit (ad). — Monasterium in yilla Barbiani 

accipimus, 32, 84. 
CesBS. — Qui Abbati generali reseryantur, 22, 28. 
Catharlaa (S.). — Virgo Senensis, xyii. 
Catliarlnae (S.). — Monasterium Fabrianense nostris datum, 44. 
Cayaeliis (Jaoobvs). — Scripsit Mstoriam monasterii S. Justinae 

de Paibayio, 47. 
Ceeelil (BartholoBieiis). — Senensis, prior monasterii Corto- 

nensis, 40. 
CellerariJis. — Quis debeat esse, xxyiii. 

Ordinatur quod yideantur rationes Cellerariorum, 89. 
CereUs (de). — Gianus quondam domni Yerii, testis adbi- 

betur, 69. 
Clilatina. — Locus prope Montem Oliyetum, xyi. 
Christlaiils (de) Antoiiliis. — Bononiensis, monacbus conyen* 

tualis in monasterio Hungarico, xxxiy. 
Clulstofoms. — Quondam Jacobi de Bogeriis, Bomanus, nota- 

rius, 81. 
Chliisiirl. — Clausurae, oppidulum prope Montem Oliyetum, 

XIV, xy, 74, 75. 



alphabeticus, ancUuticus 91 

ClwoBieoii !• Bargeagli. — Ntinc primum in lucem prodit, 
1 seqq. 

Qno tempore scriptnm, XLiy, 

De ipsios anctoritate, xly. 

Qnanti fecerint Olivetani scriptores, xlyii. 

De ipsins forma litteraria, xlix. 
Clironieon Ganeellarlae. — Quid sit et a qno conscriptnm, xx. 

Citatnr, xiii, xx, 6, 9, 12, 15, 16, 27, 29, 81, 82, 84, 86, 

88, 41, ^, 44, 47, 60, 66. 
ChronleOB. — Ecclesiae Arretinae ab episcopo Falconcinio con- 

scriptnm, 13. 
Cloni (LanreBtins). — Abbas generalis, 85. 
Cisteroienses. — Monachi memorantur, 20. 
Clanstro (In). — Semper silentium observabaht monacbi, 17. 
Clemens TI. — Degens Ayinioni adprobat Congregationem Mon- 

tis Oliveti, xiii, 21, 22. 
Ccftoa. — Pane et caseo cum salatitio oonstabat, 19. 
Colneins (Salntatns). — Venerabilis poeta, 10, 11. 
Comitia. — y. Capitalnm generale. 
Completorinm. — Post Gompletorium quaenam preces dice- 

bantur, 17. 
ConeialeoBis (de Radda). — Minus, testis adhibetur, 69. 
CoBellinm. — Constantiense, 49. 

Florentinum, 55. 
CoBgregatio OliTetaBa. — Fundatur, xni, xvii, 5 seqq. 

A Summo Pontifice Glemente YI adprobatur, xiii, 21, 22. 

Nominatur, XLii, xlyi, 5, et passim. 
Coqnina. — Tempore quadragesimali claudebatur, 19. 
CortoBense (S* Margaritae). — Monasterium a nostris accepta- 
tum, 89, 40. 

Dimissum, 41. 
CestadoBi (Mlttarelli). — Scriptores Annalium Gamaldulen- 

sium, ▼. Abb. Camald, 
Crealeore (de) ABtOBins. — Bononiensis, monachus conren- 

tualis in monasterio Hungarico, xxxiv. 
Cncalla. — Habitus monachalis, 18. 
CTprianns (Pinti). — Yicarius generalis, 9. 



Dadi (Mnelo). -^ Testis adhibetnr, 78. 

Datla. -- Solyere non tenentur monaohiMontis Oliveti, 67, 68- 

Deelnae. — Non solynntur a monaohis Montis Oliyeti, 67, 68. 



02 HnOex r^fwn 



IM Hegro (Oaletaavi). — Abbas visiUtor Olivetttansi zzi. 
DenlileBie (MoaMterliim). — In partibus Hnngariae, zxxii| 57. 

£iU8 hiBtoria, zxxii-zzy, 67. 
Mmte. — V. Demlgfeiie moBasterliim* 
Doiiati (S.). — Monasteriam Eagabinum aooipitur, 82. 
Donatiis (S.) — Dedicatam habebat antiquam oathedralem ec- 

clesiam Arretinam, 13. 
Doil (SalTlui). — Florentiiias, abbaa ge&eralis, 86, 88, 89. 
D' Oetlanl (F^ L. F.). — Scripsit de monasterio de € Bodengo >, 

zzi, 60. 
Dnoll (Johaanes). — Testis adhibetar, 75. 
Daedwi (Bartollnl). — Arretinus, abbas generalis, 41, 45. 



Eoelesla. — Montis Oliveti Maioris, 9, 16. 

Morello (de), Arretinae dioBceseos, 15, 67. 

SB. Trinitatis, in civitate Arretina, 11, 12, 18, 14, 67. 
Elemoslnae. — Indulgentar monachis Montis Oliyeti a Cano- 

nicis Aretinis, 71. 
Iphemerls. — Florentina € Le Noyelle Letterarie », zlviii. 
Eplseopns AzetlaQS. — Guido de Petramala, 18, 20, 65l 
Epistolae. — B. P. N. Bernardi Ptolomaei, 7. 
Eueharlstla. — Quilibet frater, non Sacerdos, semel in mense, 

reficiatur, 85. 
EngenlQS IT. — Summus Pontifex, 65, 58. 
Eagnblnum (S. Donatl). — Monasterium aooipitur, 82. 

(S. Benedletl). — Permutatur, 82« 
Sogiiblo (de). — Fr. Jacobus faber, Saorista in monastorio 
Cortonensi, 40. 

— Fr. Philippus Mascioli faber, Saorista in mo- 
nasterio Cortonensi, 40, 41. 

— Fr. Matteolus, conyersus in monasterio Corto- 
nensi, 41. 

Eastaohlnm (ad). — Scribens S. Hieronymus, 28. 
Ezemptlones. — Conceduntur ab episcopo Arretino, 65, 66, 67. 



FabrlanOBse. — Monasterium S. Catharinae nobis traditum, 44. 
Fabrlano (de) Johannes. — Prior monasterii S. Cathmnae, 44. 
Faeolas (Bartholomaeiu). -— Litieratissimus yir, y. Bartholo- 
maens Faodna» 



cUphabeiteus, analyticus 93 

■ -~l J |-.,- ... II ■■!!■ III I ^M llll .1 

FAloOBebdus. — Epiflcopns Arrotinusy 18, 14. 
Fmda. — Monaclioram Montis Oliyeti, 19. 
Fttdlianuii. — Constitutio, 24. 
Fftmillanim Talralae. — Qnid sint, zix. 

Citantor, xzyix, xxyiii, xxix, xxx, xxxii, xxxiv, xxxix, 

XL, 89, 40, 41, 42, 48, 44, 45, 46, 48, 50, 51, 58, 55, 56, 

57, 58, 59, 60. 
Fedelo (Petnia.} — Eins yerba refemntnr, xxi, n. 

OLtantnr opera, xxi, xux. 
F^ d'OBtiaiii (L. F.). — Scripsit de Abbatia S. Nieolai c de 

Bodengo », xxi, 60. 
Ferraria (de) Joliaiiiies. — Monaclins conyentnalis in mona- 

sterio Hnngarico, xxxiv. 
Festa. — Principalia qnomodo agebantnr, 22, 28. 
FHippoDiiis (Benuurdns). — Tercellensis, y. Bemardas Filip* 

poiiins« 
Flaniinia. — Proyincia, xliii, 8. 

Finns. — Domni Orlandini, Ganonions S. Mariae de Arretio, 78. 
Florentla (de). •— Pace Morelli, Magister novitiornm i^ mona- 

sterio Cortonensi, 40, 41. 
FtozentiBiuii (S« Bartliolomaei). — Monasterinm recipitnr, 81. 
Memoratnr, xxi, xxx, 56. 

(S. Miniatis). — Monasterinm a nostris habitnm, 

87, 88. 
Memoratnr, xxix, xxxiii, xxxv. 
ForeeHini-De Yit. — Lezioon. Citatnr, l. 
Forestada. — In monasterio Montis Oliyeti aedificatnr, 68. 
Foraax. — In monasterio Montis Oliveti aedificatnr, 17. 
FnuMeseliiiins'. — Gnidntii de Tracozzano, Arretinns, abbas 

generalis, 88. 
Fraiieiseiis (de Aringlieria). -* Bononiensis, abbas generalis, 58. 
Fraaeo (Jaeobns). — Scripsit de nostro Johanni Yeronensii 

XXI, n. 
Feasea. — De Asoianellis de Aseiano, testis adhibetnr, 78, 
Fratieelli. — Habitantes ad ecclesiam S. Lanrentii < al pogio 

a le Caye > de Montioellis, dioaoeseos Florentuiae, 81, n. 4. 
Fratres. ** Gandentes, atye militiae S. Mariae, 87, n. 
Falgineense (S. Nieolai). — - Monasternm nobis traditnm, 82. 
Frigelis (de) FraMisena. •— Monaohns conyentnaUs in saona- 

sterio Cortonensi, 40. 



V 



SpicaLBO. MoMTOUT. — yol. I. 10 



94 Indeo) rerum 



GagllArde (delle). — Pons snper flmnen Castrnm, in ciyitate 

Arretina, 14. 
QtfiivrlBliu (Joli. FrtneiMas). •— NobUis Arretinns, de vesti- 

tione B. Bernardi epistolam scripsit, 18, 14. 
GandeMtes. — Fratres, sive militiae S. Mariae, 87, n. 
Gattdla. — Snpernomm oivinm, xzxix. 
flelasliis (Papa). — Eins anctoritas affertnr, 27. 
GeoilHliBi (de OiSire S»). — Monasterinm accipitnr, 82, 84. 

Memoratnr, zxz. 
GeHiieiae (de Qnarto}. — S. Hieronymi monasterinm nostris 

traditnm, 42, xxxin. 
fleBHIls. — Mntinensis, monaclins nationi Bononiensi addi- 

ctns, calnmniator et rebellis, 49, 60. 
Georyiiis (Dominlens). — Scripsit ernditissimam disqnisitionem, 

XL, n. 2. 
flerardiis (CronariHl). — Canonions plebis S. Mariae de Arre- 

tio, 73. 
flerardns (Tamils). — Pisanns, magister novitiornm in mona- 

sterio Cortonensi, 41. 
Oliirardliils (de) Naldns. — Testis adbibetnr, 69. 
Gometliis Oarsia. — Bector civitatis Bononiae, 89, n. 
Gregorins Mac^ns. — Eins auctoritas affertnr, xli. 
Gregoiiiis XI. — Priyilegio monaobos Montis Oliveti decorat, 87« 
Gregorlns. — Qnondam Jacobi ser Nerii Spetialini, clericns 

Pisanns, notarins, 81, 82. 
Gnardinns (Ser). — Erronee pro € Gnadagnus ser Giunte », 

Arretinns, notarins, 15. 
Gneeio. — Pater Antonii Bargensis, xxvi. 
Gnido (de) Petramala. — Episcopns Arretinns, 18, 20, 65. 



Habitos assomptlo. — Qnando a nostris Patribns facta sit, 

18, 14, 15. 
Hartmau (L. K.). — Citatnr eins opns, xxi. 
HeMomadae Sanetae. — Officinm jnxta ritnm Ecclesiae Bo- 

manae persolvendnm, 89. 
Helenae (S«). — Monasterinm Yenetnm nobis traditnm, 45, 

49, xxxiii. 
Henrleiis de Alamanla* — Monaclins, v. Alamanla (de) Henrlens. 
HleroBjml (S«). — Monasterinm Pisannm nobis traditnm, 86, 



alphabeiicus, analyticm 95 

HterODyini (S*)* — Monasteriam Quartannm, ad ora Ligustica, 

nobis traditum, 42, xxxiii. 
HleroByiDiui (S*). — Eius auotoritas affertur, 27. 
Hieronjmiis Uraballliis. — Neapolitanus, abbas generalis, 48, 

49, 55. 
HteronTHiils Saneti. — Ferusinus, abbas generalis, 51. 
HippolTtos. — Mediolanensis, abbas generalis, 42, 44. 
Hnngarieam. — S. Margaritae de Demisio monasterium tra- 

ditur, 57. 



IndnlgontiA. — Anni Jubilaris conceditur per Nicolaum Y, 60. 

Inllrmi. — Quomodo curentur, 19, 23. 

Innooenting (FliseoB). — Scripturus erat quoddam opus, xxxyi, 

XL. 

Iter. — B. Bernardi Ayinionem, 21. 
Itineraates. — Quomodo reficiebantur, 24. 



JaeobiHi (LudoTieos). — Historicus Fulginiensis, 82.. 
Jaeobns. — Faber de Eugubio, Sacrista in monasterio Corto- 

nensiy 40. 
Jaoobns (Franeo). — Scripsit de nostro Johanne Yeronensi, 

XXI, n. 1. 

Jaeobns Taddei. — Arretinus, abbas generalis, 89. 
Jeinninm. — Quomodo et quando observandum, 22, 23. 
Jeronimns. — Perusinus, doctus vir, petiit Florentiam, 50. 
Joealia (dona). — Sacristiae S. Benedicti Novelli de Padua, 

donavit Franciscus c^nonicus, 58. 
Job» Baptista de Podiobonizo. — Abbas generalis, 58. 
Jobannes (de Alegris de Mediolano). — Monacbus conventualis 

in monasterio Hungarico, xxxii. 
Jobannes. — Apostolus memoratur, 10. 
Jobannes de Bnrgnndia. — Monachus conventualis in mona- 

sterio Patavino S. Justinae, 46. 
Jobannes de Oasolis. — Canonicus Arretinus et vicarius domni 

Bosi, 73. 
Joliannes (Oole). — Perusinus, magister novitiorum in mona- 

sterio Cortonensi, 40, 41. 
Johannes de Hareba Nora. — Camaldulensis, doctor in Bono- 

niensi studiorum uniyersitate , xxxvi, xlii, xliu, 

XUYi 8. 



96 IndeOD rerum 



JoluuuM. — Monaclms Camaldulensis abbatiae de Sazo, 12, 

18, 14, 15, 67. 
Joluumes PMteasls. — Doctor jurium, zxzvi, xliv, 8. 
Joluuuies (Ptolomaevs). — Y. Ptolomaeos, et Beraardiis. 
Johaaiies UrlieTetaiivs. — Abbas generalis, 46, 60, 68. 
JoluuuMS Yeroaeiisls. — Monacbos, de quo scripsit Jacobus 

Francoj xzi, n. 1. 
Johaiiiils (S.). — Yendanum monasterium nostris traditum, 

89, xxxiii. 
Johamies (PP. XXirj. — Memoratur, 8, 12. 
Jubtlarls (Annu). — Indioitur a Nicolao V, 60, 61. 
Justlaao (S.). — Patavinum monasterium nostris tradituniy 

46, 47. 



Laetantlus. — Eius auotoritas aflbrtur, xli. 

Lamlns (Johaimes). — Eius c Novelle Letterarie », xlyiii. 

MemorabiUa Ecd, Florent,^ 88. 
Laneellottl D. Seettndus. — Abbas Olivetanus de Perusio lau- 

datur, X, xyiu, 
Eius opera recensentur, x, xi, xiii, xvii, xyiii, xxxiii, 

XLVil, Lii, 6, 7, 12, 14, 21, 26, 26, 29, 81, 82, 84, 36, 

86, 87, 88, 89, 41, 42, 44, 45, 46, 48, 60, 61, 68, 54, 56, 

67, 68, 69, 60. 
Landliil (Matthaens). ^ Pratensis, abbas generalis, 88, 44. 
Landns (Ser). — Bector ecclesiae S. Angeli a Luco de Chiu- 

suris, 74. 
Laudense (SS. Angell et Nleolal). — Monasterium nostris tra- 

ditum, 68. 
Laurentll (S«). — Ecclesia fratricellorum € al pogio a le caye », 

prope Florentiam, 81, n. 4. 
Lanrentlnus (Marsnplnus). — Arretinus, abbas generalis, 48, 66. 
Laurentlus BleU (de Castro S. Johaiu). — Prior monasterii Corto- 

nensis, 41. \ 
LaurentlQS donl. — Arretinus, abbas generalis, 86. 
Laurentlus Ser Nleolal. — Perusinus, abbas generalis, 48, 48* 
Leetulum. — Quomodo factum, 18. 
Legatns (ApostoUeae Sedls). — In Etruria, 8. 
Leodlo (de)2Johaiuies. — Monachus conyentuaUs in monaste- 

rio Hungarico, xxxiy. 
Leo (Kagnus). — * Eius auctoritas affertur, 27. 
Leo PP« XIIL — Vaticana tabularia aperuit, x. 



alphabeticus, analyticus 97 

Leo PP. XIII» — Eias epistola citatur, x, n. 

Eixis epistola < Le religiose famiglie >, xxii, n. 
Keoiiardiis (<to Florentia). — Generalis ordinis fratrum Prae- 

dioatortim, 49. 
Ljda. ~ Proyincia in Asia minori, xliii. 
Lortiiiiis (Caiotanns). — Canonicus Decanns Cortonensis, scrip" 

sit vitam S. Margaritae, 89, 40. 
Laoa (de) Lavrontiiis. — Monaclius conventnalis in monaste- 

rio Hnngarico, xxxii. 
Liieas (do Tsjiaiiia). — Monachus conventiialis in monasterio 

Cortonensi, 41. 
Lnoonso (S« Pontiaai). — Monasterium a nostris Habitum, 89. 
Ladido ][• Card. Parooolii. — Opus dicatur, v. 
Lnoo (do). — S. Angeli, ecclesia parrocliialis in burgo de 

Cbiusuris, 74. 
LudoTioos (Barbo). — Abbas S. Justinae, v. Barbo Lnd. 
Lngano (Plaoidus). — Monachus Olivetanus, 84. 



KabilloiiiaB (Johannos). — Conditor Annalium Ordinis S. Be- 

nedicti laudatur, xviii. 

Eius Annadea citantur, xviii. 
Kagalnisi Talori (Franoisons). — Scripsit de monasterio nostro 

Bononiensi, 36, 87. 
Kagtstor noTitiomm. *— Quomodo describatur a S. Benedicto, 

xxvni. 
Magistor Sontontiamm (Potms Lombardns). — Eius auctoritas 

affertur, xli. 
Mantna (do) BarthoIomiMiis. — Abbas in monasterio Hunga- 

rico, xxxiv, XLiv, xlv. 
Prior monasterii ad castrum S. Geminiani, 25. 
Visitator, 26. 
■arons. — Castilionensis, Cellerarius in monasterio Corto- 

nensi, 41. 
Karoha Nova (do) Johannos. — Camaldulensis, doctor in Bo- 

noniensi studiorum universitate, xxxvi, xliI| xliii, 

XLIV, 8. 

Kartehanx D. Bomardiui M. — Monachus Oliv. laudatur, 

XI, xn. 
Eius opera citantur, xii, xiii, XLVin, xlix, lii, 5, 21, 26, 88. 
Margarita (do) Bardis. — Extruzit monasterium S. Geminiani, 

82, n. 7. 



98 Index rerum 



Maria (B« Tlrgo). <— In yisione scalae nostris demonstranda 

se praebet, 8, 11. 
Mariant (Imbroslns). — Minorita, scripsit de ordinem Mino- 

rum, 40, n. 
Marlanns (de Lnea). — Monaclins conrentnalis in monasterio 

Patayino S. JnsUnae, 46, n. 
Martlno (S«). — Nnnqnam dedioata fnit ecclesia cathedralis 

Arretinay 18. 
Martlniis (S*)- — Memoratnr, 17. 

Martlnns T. — Sammns Pontifex Beformatores eligit, 26. 
Masdoll (Pldllppns). — Engnbinns, sacrista in monasterio 

Cortonensi, 41. 
Matthaens. — Engnbinns, conversns in monasterio Corto- 

nensi, 40, 41. 
Mattbaeos (Landlnl). — Pratensis, abbas generalis, 88, 44. 
Matthaens. — Filins Mencii, ciyis Senensis, notarins, 75. 
Mattbaens (Petrl). — De ciyitate Tnllensi, clericns cosrimo- 

niarnm, testis adhibetur, 81. 
Mehns (Lanrentlns). — Edidit librnm Bartholomaei Faccii, xl. 
Methodns A. Bargensls. — In < Chronicon » scribendo, 4. 
Mlehael. — Pratensis, abbas generalis, 88. 
Mlnlatl (S.). — Monasterinm Florentinnm, 88. 
Mlnores. — Memorantnr, 20, 40. 
Mtnnell (Fraaelscns). — Senensis, Cellerarins in monasterio 

Patavino S. Jnstinae, 46. 
Mlnns de Ptelomaels. — Senensis, pater B. P. N. Bernardi, 5, 65. 
Mlnns. — Quondam Concialeonis de Badda, testis adhibetnr, 69. 
Mlraneil (Ser Donatns). — Prior S. Andreae de Senis, dioce- 

seos Arretinae, testis adhibetnr, 69. 
Mlranell (Donatns). — Canonicns ecclesiae cathedralis Arre- 

tinae, 78. 
Mlssa. — Celebratur in monasterio Montis Oliyeti Maioris, 

post primam, 17. 
Monasterla. — Monachorum Congregationis Montis Oliyeti: 
Ariminense (S. M. Annunciatae), 60. 
Arretinum (S. Bemardi), 81« 
Bedagiense (S. M.) 44, 45, n. 
Bononiense (S. Michaelis < in Bosco »), 86. 
Camerinense (S. M. Noyae), 40. 
Camprenas (S. Annae), 82. 
Cortonense (S. Margaritae), 89. 
Eugnbinum (S. Benedicti), 82. 
Engnbinum alternm (S. Donati), 82. 



alphabeticus, analyticus 99 

Monastorla. — Fabrianense (S. GatHarinae), 44. 

Ferrariense (S. Georgii), 60. 

Florentinnm (S. BatHolomaei), 31. 

Florentinnm alteram (S. Miniatis), 88. 

Fnlginense (S. Nicolai), 82. 

Gennense (S. Hieronymi ad Qaartnm), xzxiii, 42. 

Hangaricam (S. Margaritae de Demisio), 57.. 

Landense (S. Angeli et Nicolai), 58. 

Lacense (S. Pontiani), 89. 

Neapolitanam (S. M. Montis Oliv.), xxxv, xui^ 48. 

Patayinam (S. Benedicti Noyelli), 58. 

Patavinam alteram (S. Jastinae), 46, 47. 

Perasinam (S. M. Mdntis Morcini), xxix, xxx, 87, 45, 52. 

Pisanam (S. BEieron^rmi), xxx, 86. 

Pistoriense (S. Benedicti), xxx, xxxiii, 89, 42. 

Pratenae (S. Bartholomaei < delle Sacca », xxxv, 45. 

Qnartanam (S. Hieronymi), xxxiii, 42. . 

Bodiginam (S. Nicolai), 69. 

Biperianam (S. M.), 84. 

Bomanam (S. M. in Domnica), 82, 84. 

Bomanam alteram (S. M. Novae), 84. 

BofTense (SS. Jacobi et Christophori), xxxy, 38. 

Sangeminianense (S. M.), 82. 

Senense (S. Benedicti), xxxiii, 81, 88. 

XTrbevetanam (S. Severi), 51. 

Vendanam (S. Johannis), xxxiii, 39. 

Yenetam (S. Helenae), xxxm, 45, 49. . 

Veronense (S. M. in organis), 59. 

Villanoyanam Laadense, 58. 

Yolaterranam (S. Andreae), 82. 
Mou AoeoM. — y. Aeeona. 
Monte daro (de) Johaiuies. — Monachas conyentnalis in Mo« 

nasterio Hangarico, xxxiy. 
Mons Moretnas. — De Neapoli, monaateriam, 87, 45^ 52. 
Mons OllTOti. — In agro Senensi, xiii, xyiii. 

Eins descriptio per Piam II, xiy-xyii. . 

Eias descriptio in « Chronicon », 15. 

Nominatar, xxxiii, xxxix, 8. 

Eodesia illias coenobii, 9, 16. 

Monasteriam, 16, 29. 
Morelli (Paoe). — Florentinas, magister noyitiornm in mo- 

nasterio Cortonensi, 40, 41. 
■orello (do). — Ecclesia Arretina, 15. 



100 Indeos rerum 



MmtiuB. — Quondam PAtriArohae, aliM diotus Maoins Dadi| 

teatda adliibotar, 78. 
MortMraii Ulbor. — Y. VooroL OUt. 
Muntorl (lAdoy. AbIoh.). — CStatar, l, 42, 66. 



Naliu (do OUrartlirfi). — Teotio adhibotar, 09. 
Hatalllnis (do) D. Protbasiaa. •— Abbas gonoralis, 9. 
HoapoU (do) Potnu. — Florontiam potiit, 60. 
HoapoUtamui (& ■• M^stia OUtotl). — Monaotoriam nobia trar 

ditam, 48; xxxv, xlu. 
Hoorologlui OUTOlaaUL — Qaid sit, xxx, xx, xxvii. 

Citatar, xxvn, xlt, 36, 41, 62, 64. 
Hogro (01} Oaiotanag. — Abbaa Yiiitator Oongregationis Olive- 

tanao laadatar, xxi, n. 
HorU (Olorlstt Bandteis). — Oanonioas ooolosiao oatbedralis 

Arrotinao, 73. 
HorU (SpotiaUni Sor). — O^regorias qaondam Jaeobi, clericas 

Pisanas, notarias, 81, 82. 
Horias (SnooU). — lConaobas Montis Oliveti, tostis adhibe- 

tar, 76. 
Hioolaos OPP. ¥•). — Momorator, xl, xly, GO. 
Hioolaiis (llborgati, CSard.). -- Reformator Oongregationis eli- 

gitar, Y. Alborgatl H. 
Hioolavs (do Ariano). — Monaobas Florentiam potiit, 69. 
Hioolans (do MontopoUtlano). — Monaokas conventaalis in mo- 

nasterio Patavino S. Jostinao, 46, n. 
Hioolaiis (de Bogio). — Abbas in monastorio Hongarioo, xxxiy. 
Yisitator, 26. 
Abbas goneralis, xly, 60. 
Hioolaas (Sohiappaoasso). — Scripsit bistoriam monastorii Qaar- 

tani, 42, n. 8. 
Hioolau (do Yaloribns.). — Memoratar, lx. 
Hioolosas (do SayonO. — > Abbas inmonastorio Hangarioo, xxxiy. 
HigTO (do Ooloro). — Oon^aratio institaitar, 11. 
Hootnnalls (Syniieis). — Sagaciter celebratar, 24. 
Homi-Yonerosi-PosoioUni (C.). — Sins opeUa rooensetar, xxi, n. 
HoToUo (Le) Lotterario. — Epbemeris Florentina, xLyni, n. 6. 



Obodlontia. — Antiqaoram monaobornm, 24. 
Obseryantia. — Monacbalis antiqaitas, 18, 22, 23. 
Ofllolalos. ^ Monasterioram, xix, xx, n. 



alphabeticus, analyticus 101 

Offleiiim (dlTlniim). — Qaomodo agebatur, 24, 25. 

In hebdomada maiori, y. hebdomada S. 
OliTeti (mons). — V. Mons OllTeti. 
OrafflnB (Petms MaroelUiiiis). — Abbas edidit Yitam B. Ber- 

nardi, xlviii. 
Orlandlnl (domni) Finns. — Canonicus plebis S. Mariae de 

Arretio, 73- 
Ora (dno). — Tempore non ieiunii, ad prandium unusquisque 

habebat, 19. 
Otos. — Nutriebantur, et ex velleribus earum monachi man- 

tellos sibi faciebant, 18. 



Padna (de) Franeisons. — Abbas in monasterio PataTino S. Ju- 

stinae, 46, n. 
Pallatinm. — In monasterio Montis Oliveti, aedificatur, 43, 44. 
Pallas' (Strozii). — Yir eruditissimus Florentinus, xlii, lii. 
Palinm. — Quo utebantur monachi, describitur, 18. 
Paroeohi oard. Lneido M. — Opus dicatur, y. 
Partenope. — Memoratur, xxxti. 
PataTinnm (S. Benedietl NOTOlli). — Monasterium nobis exhi- 

bitum, 58. 
PataTlnnm (S. Jnstinae). — Monasterium nostris traditum, 

46, 47. 
PataTlnnm (S. M. de Blperia). — Monasterium nobis traditum, 

34, XXIX. 
Patriareho (Mnelns). — Testis adhibetur, 73. 
Patritins. — De gente Patritia, Senensis, unus ex conditoribus 

Congregationis oliTOtanae, xyi, 5, 29, 30. 
(Franoisci), testis adhibetur, 75. 
Perogrinls. — Adyenientibus, dispensantur fratres a ieiunio, 22. 
Pemsinnm (S. M. Montis Moreini). — Monasterium nostris tra- 

ditum, 37, 45, 52, xxix, i^x. 
Pemsio (de) Baldassar. — Monachus conyentualis in mona- 

sterio Patayino S. Justinae, 46, n. 
Pemsio (de) Costantins. — Monachus conyentualis in mona- 

sterio Cortonensi, 41, n. 
Pemsio (de) Franeisons Panlinl. — Cellerarius in monasterio 

Cortonensi, 40, n. 
Pemsio (de) Jeronimns. — Florentiam petiit, 60. 
Pemsio (de) Joh. Oole. — Magister Noyitiorum in monasterio 

Cortonensi, 40, n. 41. 



102 Index rerum 



Penulo (da) PUlippas Pletor. — Monaolms oonventualiB in 

monaBterio Cortonensi, 40, n. 
Peselollnt (U. Noml-TeMrosI). Nominator, xxi, n. 
Peftto. — Per Itoliam grassatur, 25, 82, 88. 
PetraniAla (de) Bertoldns Masd. — Testis adhibetur, 69. 
Petra (de) Kala Onlde. — Episcopus Arretinas, 18, 65. 
Petro (S). Dedicata est ecclesia oathedralis Arretina, 18. 
Petrolfli (eastmm ad). — Abbatia Sicillaram, 59. 
Peroall (Johaues). — Senensis monaclins, testis adhibetnr, 75. 
Pteeolonlnel. — Ambrosias, xvi, 5, 80. 

Pias n (Aeneas Sylyias), xiii, xvii, xl. 
PlBtl (Dm Oxprlaans). ~ Yicarias generalis, 9. 
Plsanniii (S* Hjeronlml). — Monasteriam nostris traditam, 

86, XXX. 
Plsees. — Non edebant Monachi Montoliyetenses, 18. 
Plsls (de) CHierardns Yannls. — Monachas conventaalis in mo- 

nasterio Cortonensi, 40, n. 
Plsls (de) Ser Iferlas Spetlaltnl. — Nominatnr, 81, 82. 
Plstorlense (S. Benedletl). — Monasteriam nobis traditam, 42, 

XXX, XXXIII. 

Plas PP. U. — Praesentia sna Montem Olivetam decorat, xiii. 
Eias Cammentarii citantar, xiii, xyii, 16. 
Eias Parallela Alfonnna^ XL. 
Plaeentla (de) Franelseas. -^ Monachas conyentaalis in mona- 

sterio Patayino S. Jastinae, 46, n. 
PlatOBleomm. — Sententiae referantnr, xlt. 
Podlobonlso (de) Joh. Bapt. — Abbas generalis, 58. 
Praedleatomm Ordo. — Memoratnr, 20, 81, n. 4, 49. 
Praefitlo. -^ In Spicilegiam Montoliyetense, yii-xxii. 
Praelatls (de) Llber. — Antonii Bargensis, xli, xlii. 
Praejpioiistrateases. — Canonici possidebant monasteriam IJr- 

beyetanam S. Seyeri, 51, n. 4. 
Prandlam. -^ Tempore non ieianii, qnomodo agebatar, 19. 
Pratense (S. Bartholomael « ilella Saeea »). ~ Monasteriam 

nostris traditam, 45, xxxy. 
Prato (de) Domlniena. — Coadiutor Cellerarii in monasterio 

Cortonensi, 40, n. 
Prlnslyalll (Prof. Tlrglnliis). — Scripsit de annis Jabilaribas, 61. 
ProlOflros. — In Vitam A. Bargensis, xxy. 

In < Chronicon », 3, 4. 
Prothaslns (de Hatallbns). — Abbas generalis, 9. 
Ptolomaens (Bemardns Johannes). — Conditor Congregationis 

olivetanae, xii, xyi, xLyii, 5, 8, 20, 26, 81, 88. 



alplidbeticus, ancUylicus 103 

PtoloBiaevs (Benuurdiis JohttUMs). — Johannes, idem ac Ber- 
nardiis. 

Mintis. — Paier B. Bernardi| 5. 
Pasterla (de) BalsarlBHS* — Nobilis Mediolanensis, nostris con- 
stmxit monasteriom Bedagiense, 45, n. 



<)aadngesina. — 

<)iiartaiiui (S. Hj 

zxxiii, 42. 



Bagnonl (Bametlas). — Patricius Senensis, 92, n. 1. 
Bayiieriiis (Slmonl). — Senensis, abbas generaUs, 84, 86, 87, 
Bametlas (BagBOnl). — Patricins Senensis, 82, n. 1. 
Befsetorinm (magmiiii). — In monasterio Montis Oliyeti aedi- 

ficatnr, 41, 42. 
Beformatlo. — Tractatur, 68, 54, 76. 
Beformatores. — £lignntnr, 58, 64. 

Eornm acta, 76-82. 
Beglo (de) Hleolans. — Abbas in monasterio Hnngarico, xxxiv. 
Abbas generalis, xlv, 60. 
Yisitator, 26. 
Begala (S. Benedletl). — Landatnr, 8. 

Citatur, xxviii, xxx, 18. 
Bepettl. — Eins opns citatnr, xxvi. 

Bestanms vel Bestanratns. — Capellanus ecclesiae SS. Trini- 

tatis Arretii delegatus ab episcopo, ordinat locum con- 

stmendo monasterio magis aptum, 18, 14, 15, 16, 80, 67. 

Begistr. Ollvet. — Citatur, zxxii, 14, 15, 22, 26, 27, 81, 82 , 

• 87, 88, 89, 46, 52, 54, 67. 
Bleliardiis. — Eius sententia refertur, 10. 
Biperiannm (S. ■.). — Monasterium in dioscesi Patavina nobis 

traditum, 84. 
BoHbiise (SS. Jaeobl et Oliristoplunl). — Monasterium a nostris 

habitum, xxxv, 88. 
Bogerils (de) Ollrlstoforas. — Notarius, 80. 
Bomanam (S. M. la Domulea). — Monasterium nobis traditum 
et dimissum, 82, 84. 

(S. ■• Novae). — Monasterium nobis traditumy 84. 
Bomaaldns (S.). — Camaldulensium Conditori ZLiv, 11. 



104 Ifuteco rerum 



BoBtet (D. Petros). — Abbas OliyetanxLS multasoripBit, xux, 83. 
BatemeuUi. — Clericas, Jobannes de Batuto, 81. 



Saeea (delle) S« Barth* — Monasterium Pratense, xxxr, 45. 

SatomoB. — Memoratnr, 10. 

Sattu (de) Plebs. — In comitatu Senarom, 67. 

Salntatas (Cotnetos). — Venerabilis poeta, 10, 11. 

SalTtvs (Dont). — Florentinos, abbas generalis, 86, 88, 89. 

Sanett (HteronjHns). — Perusinus, abbas generalis, 51. 

Sasso Tel Saxo. — Abbatia Camaldulensium, in dioBcesi Arre- 

tina, 15, 67. 
SassOTtTO. — Ifonasterium memoratur, 82, n. 4. 
Satorrt (de) S. Angelt. — Ecclesia, 73. 
SaTOna (de) Nteoloins. ^ Abbas in monasterio Hungarico, 



Saxo (de) Joiuunes. — Arretini episcopi vicarius, monacbus 

Camaldulensis abbatiae de Saxo, 11, 12, 15, 67. 
Seatae (Ytsto). — Quando et quomodo habita, 8. , 

Futurorum praesagium, 9, 10. 
Seapolare. — Utebantur Monacbi, 18. 
Selitappaeasse (D. Nteolaiu). — Sacerdos Camuliensis, scripsit 

historiam monasterii Quartani, 42, n. 
Seliolastteae (S.) Saeellnra. — In monasterio Montis Oliveti 

Maioris, 7, 15. 
Seolea (nons). — Memoratur, xliii. 

Senense (S« Benedtett). — Monasterium accipitur, 31, 83, xxxiii. 
Seneiises (Iniates). — Memorantur, 42, n. 4. 
Sents (de) S. Andreae. — Ecclesia, sub dicscesi Arretina, 69. 
Sents (de) Franetsens ABgeltnt. — Abbas in monasterio Pata- 

vino S. Justine, 46. 
Sents de Frane. Mtnnett. — Cellerarius monasterii Patavini 

S. Justinae, 46. 
Sents (de) llattliaens Sentor. — • Abbas in monasterio Hunga- 

rioo, xxxiv. 
SepttmntanenBts (abbattn). — Prope Florentiam, xxii. 
Sepnlera firatmm. — In monasterio Montis Oliveti Maioris, 15. 
Sepolelirt (de Bargo S«). — Domnus Bubinus Canonicus plebis 

S. M. de Arretio, 73. 
Sertes. — Chronologica Abbatum generalium, 29-61. 
Sertolo (D. Cemtllas}. — Abbas generalis Congreg. Oliy. lau- 

datur, XXI, n. 



alphabeticus, analyticus 105 

SeTerl (S«). — Monasterinm UrbevetanTim, 51, 62. 

Sleillanim (abbatla). — Nobis traditnr, 69. 

Silentlitm. — Quomodo obseryatur, 17. 

Slmoii de Imola. — * Saerista in monasterio Patavino S, Justi- 

nae, 46. 
STmon Thurlns. — Abbas generalis, 90. 
STttae^. — Qnomodo agebatnr, 17. 
Soeil (abbatls). — Yel Tisltatores, 26, 78. 
SpleUeginm ■ontollTetense. — Qoid sit, ix. 

Qna ratione scribatnr, xvii seqq. 

Nominatnr, ix, xii, xvii, xxi, xlix. 
Stoieemm. — Sententiae affernntur, xli. 
Stroiii Pallas. — Eraditissimus vir Florentinus, xiiii, lii. 
Sneei (Nerins). — Monaclins, testis adhibetnr, 75. 



Tabnlae Huniliamm. — V. FamiHamm Tabnlae. 

Taddel (Jaeobos). — Arretinns abbas generalis, 39. 

TaTine (de) Oioiiis. — Altare aedificatum babet in cathedrali 

<> Arretina, 67. 
Thomas D. Oregorins. — Monachus Oliyetanus. 

Eius liber citatur, xiii, xvii, xlix, lii, 9, 15, 16, 38, 42, 
44, 48, 51, 53, 60. 
Tharean-DaBgin. — Scripsit Yitam S. Bemardini Senensis, xut. 
Tondi (BonaTentnra). — Monachus et scriptor Oliyetanus ; eius 
. opera citantur, xxxiii, 80, 31, 36, 38, 39, 41, 43, 46, 
51, 60. 
Tosti (llOTsins). — Abbas Gassinensis, 47« 
Trinitatis (SS.) Eeelesia. — In ciyitate Arretina, 11, 12, 13, 
14, 67. 

Tttfl (Porta a). — In civitate Senensi, 31, n. 2. 

TalleBBis (elTitas). •— Nominatur, 80. 

Tnllins. — Memoratur, xzxyiii. 

Tnnleas (dnas). — Tantum ad usum habeant fratres, 18. 

Tnniehinnm. — Sine eyidenti necessitate non tenent fratres, 23. 

Torias (Stmon). — Senensis, abbas generalis, 30. 

Tnseomm Historla. — A Bargensi conscripta/ xlii, xliii. 



Dbertlnnelns (Gntrdi). — De Oiyitella, testis adhibetnr, 78. 
Ugnoeins (Urbani dasali). — Dominus Oortonae et Vioarius Im- 
perialis, 40, n. 



106 IndeoD rerum 



Uga«to (ex gmto). — < Ortim dnxii A. Bargensis, zxri. 
UagarlA (de) iBtOBlu. — Monaohns oonveiitualis in mona- 

storio Hnngarioo, xxxiy. 
UBgarieam (KoaaitorO. — V. HugarleaM. 
UrbeTetamm (S. SeTerl). — Monasteriani nostris traditam, 

61, 62. 
UrlMTetorl (de) Jeluumes. — Abbas generalisi 46, 60, 63. 



Talekerlai (BoaaTOatara). — Nostris aedifioat monastoriiun 

Senensei 81, n. 2. 
Yalerl (Kagalaail) Fraaeiseas. — Soripsit do nostro monaste- 

rio Bononiensi, 86, 87, n. 
Tallis Umbrosae. — Ordo memoratnr, 20. 
Talorlbas (de) Nleolaos. — Memoratur, li. 
Taaats (Cfterardas). -— Monaohus Pisanus, oonTentuaUs in mo- 

nasterie Oortonensi, 40, n. 41. 
Tareslo (de) Stopliaaos. — Mediolanensis monaobus conTen- 

tualis in monasterio Hungarico, xxxit. ^ 

Tasarlos (Ctoorglas}. — Nominatur, 7. 
Teadaaam (S. Johanals). — Monasterium a nostris habitum, 

zxxiii, 89. 
Tenerosl (U. 5oml Pesdollnl). — Nominatur, xxi, n. 
Tenetam (S. Eeleaae). — Monasterium a nostris habitum, 45, 

49, zxxiii. 
Tereellis (de) Beraardas. — Abbas in monasterio Hungariae, 

xzxir, xxxiT. 
Teroaense (S. M. la (hganls). — Monasterium a nostris habi- 

tum, 69. 
Teroneosls (Johannes). — Monachus OUt., xxi, n. 
Testes. — Quibus utobantur monachi, 28. 
Testtarlam. — In quo reponebantur tunicae Tetustae, 18. 
Tlglllae. — Quomodo agebantur, 22, 23. 
Tindemlae. -^ Tempore, dispensatur ieiunium, 22. 
Tlnam. — Non esse Monachorum, 18, 19. 
Tlslo sealae. — A B. Bernardo habita, 8. 

Eius praesagium, 9. 
Tlsltotor. — Eius munus, xxx, xxxi, 26, 78. 
Tltorblo (de). — Ecclesia SS. Stephani et Bonifacii, 81. 
Telatemuiam (S. Aadreae). — Monasterium nostris traditum, 
:, 82. 



alpMhelicus, ancUyticus 107 



Tolutates. — Maltiplicantur) 25. 

ToU. — Observantur, 24. 

Tiiltenls (de) Bosns. — Praepositus ecclesiao Arretinae, 73. 

Episcopns Arretinus, 14, n. 
Taltorrls (do) Mlohaol. — lConachus conventualis in mona- 
sterio Hungarico, xxxiy. 



De rebus agiographicis-historicis Congregationis 
Olivetanae O. S. B. 



Carlo Pacini — Arnaldo Cocchi. 



FOC3-IL-IE XD^OX-iIVO 



HOTB STORICHB 



Ex ofBcina typographica Cocchi & Chiti, Florentiae. 



SPICILEGIUM MONTOLIVETENSE 

A MOKACHia C0NGBEGATI0NI8 OLIVETANAE 0. S. B. 

ORIGINE E PRIMORDI 

DELL'ORDmE DI MONTOLIVETO 

COMMENTARIO STORICO 
PLACIDO M. LUGANO 



APUD EDITORES, IN ABBATIA SEPTIMNIANENSI 

PROPE FLOREKTIAM 



SPICILEGIUM MONTOLIVETENSE 

VOLUMEN SECUNDUM 



2. 



|PICILEGIIIM MONTOLIVETENSE 

EDITUM 

A MONACHIS CONGREaATIONIS OLIVETANAE O. S. B. 







PLACIDO M. LUGANO 



ORIGINE E PRIMORDI 

DELL' ORDINE DI MONTOLIYETO 

(1313-1450) 



^lA-*^ 




APUD EDITORES, IN ABBATIA SEPTIMNIANENSI 

PROPE FLORENTIAM 
MCMIII. 



r 



Proprieti Letteraria 



S I E N A 

TIP. E LIT. SORDOMUTI Dl L. LAZZKRI 

1903 



t 



Lectori Beneoolo 



MONITUM 



« De origine primordiisqtce Ordinis Montis Oliveti » quae, 
vulgari eloquiOf scripserat noster P. Lugano^ et in ephemeride 
ctti titulus — Biillettino Senese di Storia Patria — jam edi- 
deraty SpiciLEaio Montolivetensi inserenda duximus, ut 
nostra^ Gongregationis historica momenta^ nova methodo excul- 
ta, nostrorum temporum rationihus accomodata^ magis magisque 
clarescerent. Hic enim, quae de nostro protoparente B. Bernar- 
do Ptolomaeo, aliisque sociis agitantur^ de prima monaehali 
vivendi ratione intus forisquCf de primis discipuUs sanctitatis 
fama uhique praecurrente^ olivetano hahitu indutis scitu digna, 
nostris prassertim hisce temporihus, fere omnia disputantur, 
regeruntur. 

Utatur ergo Lector SpiciLEaii Montolivetensis hoc al- 
tero volumine, henemerentique Ccetui Senensi a studiis histori- 
cis excolendiSf qui primum haec evulgavit, gratias quam maxi- 
nms referant omnes. 

Florentiae, ex Ahbatia Septimnianemi^ Idtihus Decemhris MCMII. 



^ 



PLACIDO M. LUQANO 



ORIGINE E PRIMORDl 



DELL' ORDINR DI MONTOLIYETO 



(1313-1450) 



1 



J 



\WM^^^w^^^^f^^^w^im 



m^iS^m^^^^^m^j^^^mMm 




ORIGINE E PRIMORDI 

DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 



INTRODUZIONE 

Xel 1746, il monaco di Montoliveto, D. Alessandro Bossi 
da S. Michele in Bosco di Bologna, mandava alla luce nna 
vita del B. Bernardo Tolomei, fondatore delP ordine olive- 
tano, che levo un po' di rumore intorno alP autore ed al 
Tolomei (*). II Bossi, non avendo lasciato di far osservare 
minutamente in tutti gli archivi della sua religione, avrebbe 
dovuto darci un lavoro di maggior esattezza ; ma egli non 
riusci felicemente nelle sue ricerche. Quindi, con in mano il 
Carpenterio («), il Lombardelli ('), V Oraffi (*), il Lancellot- 
ti (*), i BoUandisti ("), ed un manoscritto del 1632 delPabate 



(^) Della Vita del Beato Bernardo Tolomei fondatore della Congre- 
gazione di S, MaiHa di Monte Uliveto deW Ordine di S. Benedetto^ 
Libri quattro scritti da D. Alessanduo Bossi, in Bologna, nella 
Stainp. di Lelio dalla Volpe, 1746, pp. 155. 

(*) B, Bemardi Ptolomaei Congr. S. Mariae Montis Oliveti Condi- 
toris vitae^ Libri quinque, auctore D. Paulo Carpexterio, Neap. apud 
Camill. Cavallum, 1642, pp. 248. 

(•) Vita del Beato Bernardo Toloinei Senese, scritta dal P. F. Grb- 
GORio LoMBARDBLLi, data in luce da D. Bbrnardino Paccinelli, in 
Lucca, Jacinto Paci, M. DC. LIX, pp. 178. 

(*) Vita del B. Bemardo Tolomei^ descritta da D. Pietro Marcel- 
LiNo Orapfi, in Venetia, per Giunti e Baba, MDCL, pp. 290. 

(*) Historiae Olivetanae auctore D. Secundo Lanckllotto Libri 
duo, VenetUs, ex typogr. Gueriliana, 1613, pp. 360. 

(®) De B. Bemardo Ptolomaeo in Bolland., Acta Sancforum, Au- 
gusti tom. IV (Venetiis, S. Coleti, MDCCLIli, p. 464-487. 



10 P. LUGANO 



Messerio (elie si conservava nella libreria di San Michele in 
Bosco), « coUazionando testo con testo » e scegliendo quel 
che gli parve e piu simile al vero e piti sOstenuto dalP au- 
torit^ (laddove s' incontro in qualclie discrepanza tra essi in 
ragione di fatto), compilo alla meglio, e con Taiuto del P. Ce- 
sare Scarsella, Lettore di Teologia nelPUniversit^ Bolognese, 
il suo lavoro agiografico. 

Appena uscito per le stampe il libro del Bossi, se ne 
dava un cenno benevolo nel periodico « Le Xovelle Lettera- 
rie » di Firenze deirabate Giovanni Lami, da un critico in- 
nominato, il quale chiudeva con queste parole : « Se tutte 
le vite di coloro, cui venera la Cliiesa sugli altari, fossero 
scritte com' e la presente, non avrebbero occasione alcuna 
gli eretici di deriderci quai poco esatti in riferire, o troppo 
facili in credere, alcune mirabili azioni dei Santi : poich^ 
tutto e appoggiato a valevolissime testimonianze. » ('). Que- 
ste onorevoli parole spiacquero a qualche lettore delle « No- 
velle Letterarie », e provocarono un' altra recensione critica, 
diametralmente opposta alla prima. 

Infatti nell' anno seguente, 1' ab. Lami pubblicava una 
serie di appunti critici, scritti da un suo amico « perche, 
egli dice, quando io lodo alcuna cosa, non per questo voglio 
che si creda, che essa vada esente da ogni difetto ; ma in- 
tendo che secondo la natura delle cose mortali, sempre di- 
fettose, ha del buono da commendarsi » (*). Le censure del 
critico anonimo, amico del Lami, sono molte e gravi : era 



(^) Le Novelle Letterarie pubbUcate in Flrenze Vanno MDCCXLVl^ 
tom. VII, Stamp. della SS. Annunziata, coU. 421, 422. Questa prima 
recensione del libro del Bossi e piuttosto ampia, quantunque non 
entri in particolariti (coll. 419-422). Le parole surriferite e quelle 
che chiudono la reeensione sono riportate anche nello Spicilegium 

MONTOLIVETENSB EDITUM A MoNaCHIS CONGREGATIONIS OlIVETANAB 

0. S. B., (Florentiae, ex offic. typogr. Cocchi-Chiti, MCMI), vol. J, 
p. XLVIII, n. 6. 

(') Le NoveUe Letterarie, anno MDCCXLVII, tom. VIII, coll. 115- 
119; 133-135; 147-150. 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 11 

quindi da aspettarsi clie qualcuno pensasse di rispondervi; 
ii che non poteva sfuggire alP accorto intelletto del Lami. 

Neiragosto del 1747, prendendo egli le mossedalla critica 
fatta alla Vita di Bartolomeo da Petroio, volgarmente detto 
Brandano, scritta dal Cav. Gio. Antonio Pecci di Siena, e dal- 
l'autore con buon anirao accettata, esce in queste parole: « Iddio 
volesse che tutti prendessero cosi in buona parte le verit^ che 
loro dico per mezzo di questi fogli: e si vedrebbe tiorire una let- 
teratura piu sincera e piu forte, ed io soffrirei meno perse- 
cuzioni ingiuste. Non mi posso scordare delle censure fatte 
da uno anonimo straniero alla vita del B. Bernardo Tolomei, 
Institutore degli Olivetani e inserite da me in queste No- 
velle deII'anno corrente alla col. 115, 133, 147, le quali mi- 
tigate come io le diedi, doveano fare un effetto meraviglioso 
per la correzione d'una piccola parte d' Istoria Ecclesiastica: 
eppure fecero il contrario e disgustarono, benche tardi, una 
moltitudine : ed ora di piu mi vien detto che si preparino 
le risposte, le quali fossero almeno a proposito e sussistenti, 
accio messe in confronto coll' opposizione non facessero ri- 
saltare maggiormente la forza di queste, e non iscreditassero 
quella Yita » (^). 

Qui I' ab. Lami si mostra soverchiamente preoccupato e 
della cattiva riuscita delle critiche da lui pubblicate e del- 
I' anonimo straniero. Chi era mai costui^ che mentre viene 
a bello studio dichiarato straniero, oso dimostrarsi^ aelle sue 
annotazioni critiche, si addentro nella storia d' Italia, e se- 
gnatamente nella storia senese ? 

La ricerca potrebbe sembrare oziosa, ma non e, anche 
perche e giusto che ogni scritto vada sotto il nome del suo 
vero autore. La cura del Lami nel mettere in evidenza I' e- 
sempio dell' umile accettazione dimostrata dal Pecci, mentre 
poi troppo gli preme di far straniero lo scrittore delle cri- 
tiche alla vita del Tolomei, non d^ forse I'idea di un accordo 
passato tra di essi, perche questo straniero forzato occultas- 
se un italiano, e per giunta, un senese ? 



(^) Le Novelle Lett., an. cit., col. 483. 



12 P. LUGANO 



Che il vero autore delle critiehe alla vita del Toloinei, 
iionehe italiano, aia senese, per nie lo provano e 1' indole e 
lo stile delle annotazioni, e la eonoseenza della storia e degli 
archivi pubblici di Siena. Ma se altri restasse ancor dubbio- 
80, iK)tri veder le mie ragioni in quanto son per dire. 

Pj uoto che alle criticlie pubblicate dalP ab. Lanii rispose, 
con uno scritto che non fU dato alle stampe, 1' ab. D. Che- 
rubino Besozzi (% il quale compilo il suo lavoro da se e 
con V aiuto dell' ab. senese Gio. Girolamo Carli Mancini. Tra 
questi due, esisteva allora una bella relazione epistolare, 
che in parte ci e stata conservata ('). 

Orbene : V ab. Besozzi, in data del 21 gennaio 1749, da 
S. Bartolomeo di Pavia, seriveva al Carli, in questi termi- 
ni : « Con inftnito mio piacere ho ricevuto il gentilissimo ri- 
scontro, che Y. S. E.ma mi fa avere, per mezzo del P.re 
ab. Giovannelli. lo dunque in primo luogo Tassicuro di tutta 
la segretezza, com' e dovere, di quanto si compiacer^ avvi- 
sarmi senza cerimonie e con tutta la conftdenza letteraria, 
I)oiche non si deve praticar altrimenti, e a questo fine non 
ho mancato di dare alle ftamme I'annes80 foglietto, in prova 
che faro lo stesso d' ogni altra cosa simile, quand' Ella lo 
desideri. Per venir dunque a noi, Le posso dire che nella 
risposta, che io ho preparata, ho lasciato affatto l' introdu- 



(*) Cfr. B. Mar6chaux, Vie du B. Beriiard Tolom4i, Paris-Floren- 
ce, 188, pp. 275-284 ; Spicileg. Montoliv , Vol. I, p. XLVIIL — La 
yita del Tolomei scritta dal Marechaux fu tradotta anche initaliano 
da Mons. Telemaco Barbetti e pubblicata dalla tipogr. S. Bernardino 
di Siena nel 1890. 

(•) Del Besozzi al Carli si conservano tre lettere (Firenze, 25mar- 
zo 1740; Pavia, 19 nov. 1748; Pavia, 21 genn. 1749) nella Biblioteca 
Comiin. di Siena (Ms. E. VII. 7 [Carteggio del Carli, tom. VII], 
f. 106, 110, 111). — Con r ab. Carli aveano corrispondenza epistolare 
anche gli olivetani D. Cesare Baldinotti (date estreme delle lettere 
conservate nella BihL Com. Sen.: 1774-1786), D. Aurelio de Giorgi 
Bertola a776-1786), D. Giuseppe Pecci (1762-1771), D. Aurelio Ber- 
nago (1781), D. Vincenzo Corazza (1771), D. Alberto Visconti (1777), 
D. Benedetto Giovannelli i 1748-1749 ), D. Marc' Antonio Chiocci 
(1762-1785\ e D. Pietro Eosini (1775-1779;. 



OKIGINE BELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 13 

zione del colloquio, per non aver occasione di nominare il 
Sig. Cavaliere, giacche ho inteso il poco suo gusto di essere 
scoperto; e mi sono fissato sopra li soli capi delle Novelle... 
Piii d' ogni altra cosa poi desiderarei sapere, e questo sar^ 
t<enuto da me per una somma grazia, qual sarebbe il metodo 
da tenersi nella consaputa risposta, per andar incontro ad 
ogni replica, come mi suppone... » (^). 

Le parole del Besozzi non lascian dubbio: l'ab. Carli gli 
avea notificato il nome delPautore delle critiche annotazioni 
apparse sulle Novelle : era questi il Cav. (xio. Antonio Pecci 
(1693-1768), erudito storico di Siena ('). 

Resterebbe ora ad investigare quali fossero le ragioni che 
snggerirono al Pecci, di far proclamare dalP ab. Lami, clie 
autore delle annotazioni, inserite nelle N^ovells, era un criti- 
co « straniero », dimostrando cosi, per Siena e fdori, « il 
lK)co suo gusto di essere scoperto ». Ma probabilmente non 
vi furono ragioni gravi ed occulte ; credo anzi, che questo 
fatto di volersi tener nascosto, non avesse origine se non 
da un delicato sentimento del suo animo verso alcuni mo- 
naci olivetani, suoi amici e del suo casato. 



(0 BiBL. CoM. Sen., Ms. E. VII. 7., fol. 111. — In data del 23 
marzo 1749, da Firenze, V ab. Besozzi scriveva al Carli : t Ricevo 
dal P.re ab. G-iovannelli un plico di V. S. M. IlLre, direttami a Pa- 
via, pieno delle piu savie riflesstoni sopra le consapute Novelle, ed 
ho provato tanto piacere in leggerle quanto merita non meno la fi- 
nezza della sua erudizione e discernimento, che la fortuna di aver 
incontrato in buona parte la sua idea uella seconda risposta, che ho 
]avorato, poiche avendo appunto lasciato il colloquio, mi son fatto a 
rispondere alle stesse Novelle^ citandole minutamente, fuor che dove 
lascia la storia, ed entra nella satira. . . >. (Bibl. Com. Sen., Ms. cit. 
f. 106). — Di qui si rileva che Pab. Besozzi fece due volte la risposta 
alle Novelle^ che per quei tempi, si puo stimare un lavoro esemplare 
in tal genere di studi. 

(*) Fu uomo di un' attiviti veramente prodigiosa, benemerito al 
sommo della storia patria senese. Cfr. Elogio stainco del Cav. Giovan- 
ni Antonio Pecci^ illustrato con note di varie maniere (scritto da suo 
figlio, ab. Pietro), Lucca, Venturini, 1768, pp. 42 ; L. Fumi - A. Li- 
8INI, Genealogia dei Conti Peccij Signori di Argiano^ Pisa, 1880, p. 74, 
n. 702. 



14 P. LrGANO 



Viveva allora, nel inonastero di San Benedetto di Siena, 
fuori di porta Tufi, il P. I). Valeriano Pecci, che da vari 
anni (dal 1743 al 1748) vi disimi^egnava V uflRcio di celle- 
rario, amico certamente dello storico senese (^). Altri nobili 
di Siena erano allora nionaci olivetani, non solamente nel 
monastero di S. Benedetto, ma iinche neir archicenobio di 
Monte Oliveto Maggiore, onorati delle piii alte cariche del- 
V Ordine. Temendo quindi il Cav. Pecci, che avessero a raf- 
freddarsi le sue amichevoli relazioni con qiiesti monaci, qua- 
lora fosse pervenuto al loro orecchio, ch' egli veramente era 
1' autore delle critiche alla vita del Tolomei, tento nascon- 
dersi sotto il manto di un amico « straniero ». Cio nondi- 
meno la cosa fii resa nota al Besozzi dall'ab. Gio. Girolamo 
Carli Mancini, gi^ da vari anni sviscerato amico di molti olive- 
tani. II Besozzi pero seppe tener il segreto : e quantunque 
egli nella risi>o8ta a quelle critiche, creda e dica apertamen- 
te, autore delle annotazioni delle Novelle il Pecci (*), non e 
a credere che la cosa si divulgasse di piu. Certo e che il 
Pecci rimase sempre legato d' affetto al P. D. Giuseppe Ber- 
nardino Pecci (n. 1724-1809), che, dopo aver sostenuto le piti 
alte e onoriflche cariche dell' Ordine, flni vescovo di Mon- 
talcino (®). E ne ^ prova una lettera da lui direttagli da 
Biena, in data del 13 novembre 1762, quando appunto Tabate 
Giuseppe Pecci era vicario generale a Monte Oliveto Mag- 
giore (*). In essa, strano a dirsi !, il Cav. Gio. Antonio fa 



(*) Questo monaco D. Valeriano Pecci, che nel Necrologio Oliv, 6 
detto « non inferioris litteraturae » , mori in Siena, nell* ancor gio- 
vane et4 di 47 anni, il 6 aprile 1755. 

(*) II manoscritto del Besozzi porta questo titolo : Riflessioni so- 
pra le Novelle delV Ahate Lami intoimo la vita del B. Bevnardo com- 
posta da P. D. Albssandro Bossi, di D. Cheu(ubino) Bb8(ozzi) Mon, 
Uliv. Milan. — II Besozzi accenna al Pecci una volta (p. 65) riferen- 
done 1' intiero nome, e due volte (p. 62, 64), limitandosi a dirlo FaU' 
tore della storia dei Vescovi ed Arcivescovi di Siena, 

(®) Per notizie su questo Giuseppe Pecci, cfr. L. FuMi - A. LisiMi, 
Op. cit, p. 59, n. 467. 

(*) L'originale di questa lettera del Cav. Pecci si conserva in uno 
dei volumi del Processo per fa Beatificazione del B. Bernardo Tolomei, 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 15 

un lunghissimo discorso, e quel clie piu monta, un discorso 
storico, suUa vita del B. Bernardo Tolomei, prendendo a 
difenderla (*). Saresti tentato a dire, che V illustre cav. Pecci, 
esacerbato da rimorsi di coscienza volesse fare una nobile 
ammenda del primo peccato I 

La risposta alle critiche del Pecci, preparata due volte 
dair ab. Besozzi col soccorso delP ab. Gio. Girolamo Oarli, 
erudito senese, doveva certamente uscire per le stampe: ma 
essa rimase disgraziatamente inedita. Quali motivi ne impe- 
dissero la pubblicazione, non si puo affermare con certezza. 
Forse il timore nei superiori delP Ordine di Montoliveto, 
^tra i quali v' era allora grandemente stimato 1' ab. Giusep- 
pe Pecci), di recar dispiacere allo storico di Siena, fii quello 
che ne ritardo tanto la pubblicazione da farla dimenticare ! 
Ovvero, il timore di recar pregiudizio alla causa di Cano- 
nizzazione del Tolomei, che appunto in quegli anni (1740-1768) 
trattavasi in Eoma presso la Congregazione dei Riti, agi si 
potentemente da farne vietare la pubblicazione'? ('). 

Per quel poco di studio che noi abbiamo posto nella sto- 
ria di questo Ordine, ci pare di non andar lungi dal vero, 
affermando che V uno e V altro de' riferiti timori collegati 
insieme, e alimentati, forse di soverchio, da quelPinnata ri- 
trosia storica presso i monaci olivetani, per cui poche erano 
le opere alle quali si permettesse di veder la luce, fecero si 
che, protratta la pubblicazione del lavoro del Besozzi, fino 
alla morte delPautore ('), venisse poscia dimenticata con gran 
detrimento della storia delle origini di Montoliveto. AUe 



neir archivio di S. Maria Nuova di Eoma. Se ne ha pure una copia 
nella Bibl. Com. Sbn. (Ms. A. III. 12, Miscellanee^ f. 73-85). — TJn 
breve. ma esatto sunto 6 dato anche dal MARfeCHAUX (Vie du B, Ber- 
'nard Tolom^i, Paris, 1888, p. 282-284). 

(^) Nel corso di questo studio non si mancher^, qualora torni utile 
il farlo, di mettere a confronto le critiche del Pecci, inserite nelle 
NoveUe, e le parole della sua lettera alP ab. Giuseppe. 

(*) Cfr. Mari^chaux, Op, cit.j p. 229. 

(*) II Cav. G. A. Pecci raori il 3 di marzo del 1768 e V ab. Che- 
rubino Besozzi il 2 giugno 1771. 



••J 



10 P. LTTGANO 



(|uali cose si deve agginngere, che le innovazioni sparse nel- 
la seconda met^ del secolo XVIII nel regno di Napoli e in 
Toscana, i)onendo lo scompiglio in tutti gli ordini regolari, 
e segnatamente in quello di Montoliveto, distogliessero l'atten- 
zione e 1' animo dei raonaci dallo studio della storia, che 
sopra ogni altro, vuole mente pacata e severamente aliena 
dalle agitazioni mondane. 

Le origini delFOrdine di Montoliveto ricevono molta luce 
dal lavoro serio, ben condotto e critico delP ab. Cherubino 
Besozzi (^) : e il presente stndio, che in modo speciale ne con- 
sidera storicamente e le origini e i primordi, non puo far a 



(^) II ms. originale del Besozzi, di cui ^ gik dato il titolo in una 
nota precedente, non si sa dove sia ito a perdersi. lo ne posseggo 
una copia, fatta per mano di D. Gabriele Bemago di Milano, la 
quale consta di 134 carte enumerate, scritte da ambe le parti. Alla 
vera « Bisposta > precede il testo delle crltiche del Pecci, inserite 
nelle Novelle Letterarie di Firenze : quindi viene lo studio del Be- 
sozzi. In principio egli si meraviglia che il critico sia un erudito 
senese, ma reso certo di ci6, passa a dire del metodo che seguira 
nelle sue « Kiflessioni » . < Seguir6, egli dice, minutamente la traccia 
delle stesse NoveUe, fuor che dove per mancanza di sode rifiessioni 
si vanno divagando colV insulso ripiego di una mordace e ricercata 
satira, poiche oltre al non esser parto d' ogni talento questa leggia- 
dra maniera d'investigare la verita della storia, non 6 dovere perder 
la quiete del cuore, peggio poi la carita cristiana, per altro guada- 
gno nella ricerca del vero. — Per camminare, con quella chiarezza, 
cui pu6 giungere ia debolezza del mio talento, divider6 queste rifles- 
sioni in due parti. Nella prima mi far6 ad esaminare qual sia 1' au- 
torita, e giusto peso della cronica Senese stampata nel tomo XV 
Rerum Italicarum^ giacch6 tanto nel colloquio, che nelle presenti No- 
veUe, ho dovuto scorgere farsi un gran caso del silenzio deVcontem- 
poranei in riguardo alla vita del B.* pubblicata dal P.re Lombardelli. 
Nella seconda esaminer6 partitamente le obbiezioni, fatte alla storia 
del P.re Lombardelli, e degli altri di Lui seguaci, e cosi dalP una e 
dair altra di queste parti si verr4 in chiaro di una di queste verita: 
o che li cronisti abbian taciuto ci6, di cui a giusta equitk doveano 
scrivere: o che il P.re Lorabardelli abbia scritto di ci6, che per man- 
canza di fondamento dovea tacere. » (p. 12, 13). — Nelle surriferite 
parole si accenna ad un coUoquio : avvenne forse tra il Besozzi e il 
cav. Pecci ? — 



OBIGINE DEL.L.' OKDINE DI MONTOLIVETO 17 

meno che tenerlo presente. Sara questa una parte, vera- 
mente un po' invecchiata, ma che ricever^ nuovo vigor gio- 
vanile da ricerche fatte ai nostri giorni. Le critiche del Pecci, 
gli studi del Besozzi e nuove investigazioni sulla prima esi- 
stenza storica delPOrdine, tutto Senese, e per origine e per 
vita, di Montoliveto, richiamando alla mente che dalla di- 
scussione nasce quasi sempre la scintilla della verita, porte- 
ranno un contributo non indifferente alla storia patria senese, 
e grandissimo alla storia del monachismo occidentale (^). 

La storia completa di quella societa de' tempi di mezzo, 
che die origine e vita ai comuni, e che si esplico in mille 
svariatissimi corpi di associazione, non si potr^ mai avere, 
finche non siano seriamente studiati i singoli istituti d' as- 
sociazione, che la ravvivarono, e fiirono il riverbero di quella 
vita fortemente feconda ed operosa che V informava. 



(^) Questo modestissimo contributo che rendo alla storia senese 
intendo che sia V espressione della mia riconoscenza e gratitudine a 
quei molti che in Siena generosamente mi porsero la mano nel con- 
durre a buon fine le mie ricerche in quegli archivi, e che troppo 
lungo sarebbe qui tutti ricordare. 






Cap. I. 



SOMMARIO 



Le origini dell' Ordine di Montoliveto e Siena. — I Tolomei) i 
Piccolomini e i Patrizi. — La fiimiglia Tolomei e il commercio senese 
nel sec. XIII. — Mercantif Nobili e Guelfi. — II Beato Bernardo 
Tolomei. — Frate Gregorio Lombardelli e le sue leggende. — Critica 
storica. — La yita del Tolomei scritta dal Domenicano. — Eicerche 
d'Archivio a Montoliveto. — Frate G. B. da Populonia. — Le elezioni 
generalizie e gli studi. — II Lombardelli e i due PP. da Populonia. 
— Leggenda e storia. 



Colle origini delP Ordine di Montoliveto si prendon le 
mosse dal cadere del seeolo XIII, e co' suoi primordi s' ar- 
riva oltre la met^ del seeolo XIV. II primo termine ha h\ 
sua ragione storica unicamente nell' essere quest' Ordine mo- 
nastico, come tutti gli altri, fondato da un uomo, clie visse 
su questa terra e fu rampollo di una nobile famiglia, che 
nel trecento era gi^ salita ad alta fama nella storia senese; 
il secondo invece, raccogliendo e narrando 1' opera benefica 
spiegata da quest' uomo nella compagnia sociale, dal suo 
primo svolgimento, giunge fln l^ dove quest' opera, e i)er 
forza di umani argomenti e per validit^ di aiuti sui^eriori, 
parve rassicurata nel tempo. 



20 P. LUGANO 



Tre furono le famiglie senesi che, con uno de' loro meni- 
bri, contribuirono potentemente alla fondazione delP Ordine 
di Montoliveto : i Piccolomini, i Patrizi e i Tolomei. I Pic- 
colomini vi presero parte con Ambrogio di Nino o Mino (^) ; 
i Patrizi con Patrizio di Francesco ('), e i Tolomei con Gio- 
vanni di Mino, che poi ebbe il nome monacale di Bernardo. 

Ma la fama di quest' ultimo, ed una certa aura leggen- 
daria che lo circonda, per alcuni fatti prodigiosi che di lui 
si raccontano, hanno fatto si, che unicamente il Tolomei ve- 
nisse considerato e ritenuto come fondatore delP Ordine : il 
che non saprei con quanta giustizia. Certo si e, che a lui si 
deve il primo impulso all' opera : da lui parti la delibera- 
zione di ritirarsi dal mondo : ed a lui venne affidato per 
moltissimi anni il governo della nascente famiglia monastica. 
Per la qual cosa, egli ebbe maggior agio di segnarla con 
1' impronta del suo spirito, che visse ne' figli, anche dopo la 
sua morte. Questa e certamente la ragione, che fece circon- 
dare la memoria del Tolomei, a preferenza degli altri due, 
di una certa supremazia storica, che torna a lui di grande 



(^) Tre soli documenti ricordano questo Ambrogio, che fu poi abate 
di Montoliveto. Uno del 1320 (aprile 2) lo rammenta con queste sem- 
plicissime ]^a.ro\e : reve7*endits honestus vir fre^ter Ambrosius abbasmo- 
nasterii sancte Marie de Monte Oliveto in Accona (R. A. S. Siena, 
Arch, di M. O. M,, vol. 24, A C (313), c. 9) ; un altro del 1326 /'no- 
vembre 17), lo rammenta tra gli altri monaci, in questo modo : 
dompnus Ambrosius Mini (Arch. cit, vol. 1, A 1 (290), c. 8), ed un 
terzo del 1339 (maggio 2), lo dice : frater Ambrosius Nini (Arch. cit., 
vol. 40, A V (329), c. 26). — Che costui sia della famiglia Piccolomini, 
io asserisce la costante tradizione de^ monaci olivetani, unitamente 
a Sigismondo Tizio : niun documento sincrono per6 lo comprova. Di 
lui si parler^ pii!i ampiamente a suo luogo. 

(*) Cfr. Antonii Bargensis Chronicon Montis Oliveti (1313-1450), 
edit. P. LuGANO, in Spicileg. Montoliv. (Florentiae MCMI), vol. I, 
p. 5. — Anche di Patrizio verr^ trattato piu innanzi : per ora mi 
preme avvertire che non e da confondersi, come fece Giugurta 
ToMMASi {DelVHistorie di Siena, Venetia, G. B Pulciani, M.DC.XXV, 
Lib. II, p. 67), con V omonimo, scrittore di cose senesi. 



ORiaiNE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 21 

onore, e che rimarr^ sempre strettamente vincolata al suo 
nome. Patrizio e Arabrogio vissero piti a se, che alla famiglia 
monastica, raccolta intorno a Montoliveto; e quantunque am- 
bedue la governassero, prima del Tolomei, 1' opera loro fu 
troppo fugace ; ne poterono, nel corso di un solo anno, la- 
sciare dietro di s^ una traccia duratura e indelebile di lu- 
minosa sapienza, degna di eterna ricordanza. Essi, per cosi 
dire, diedero a quella famiglia il primo indirizzo al bene ; il 
Tolomei la disciplino nelle vie della perfezione, e le diede la 
pienezza della vita. 

Per questo la memoria del Tolomei passo in benedizione 
attraverso i secoli, presso monaci e non monaci ; e fu, seb- 
ben tardi, coronata di culto nelhi Ohiesa di Cristo. 

L' illustre casata Senese dei Tolomei, donde trasse i na- 
tali il nostro fondatore delPOrdine di Montoliveto, che alcuni, 
piti favoleggiatori che storici, fecero derivare dalP Egitto, 
era gi^, nel secolo XIII cresciuta per censo e per discen- 
denza, a tale da sembrare sparsa per tutto il contado senese. 
Era questa una delle famiglie piu ricche, numerose e poten- 
ti di Siena, che gelose della propria attivit^ commerciale, 
vera fonte di fortuna, fecero grande la Eepubblica. « II 
commercio del danaro, - osserva giustamente il prof. Ludovico 
Zdekauer, - fondo le prime ricchezze cittadine in Siena : e 
di cambio e di moneta sanno i nomi dei Buonsignori e dei 
Tolomei e dei Chiarmontesi e via dicendo » (*). 

Della vita commerciale de' Tolomei sono prova irrefra- 
gabile ed evidentissima alcune lettere volgari del secolo XIII, 
per somma fortuna giunte iino a noi, edite da vari anni ed 
or non h molto, egregiamente commentate ('). « Appariscono 



(*) L. Zdbkaubr, La vita pubblica dei Senesi nel Dugento, (Con- 
ferenze della Commissione Senese di storia patria) vol. III, Siena, 
L. Lazzeri, 1897, p. 168. 

(*) Lettere volgari del secolo XIII scritte da Senesi^ pubblicate e 
illustrate con documenti e annotazioni da Cbsarb Paoli e da Enba 
PiccoLOMiNi, G. Eomagnoli ed., Bologna, 1871. — II compianto prof. 
Cesare Paoli ha commentate queste lettere con una conferenza, tenuta 



22 ^ P. LUGANO 



in esse lettere le casate illustri dei Cacciaconti, dei Tolomei, 
dei Salimbeni, dei Buonsignori, degli Squarcialupi, dei San- 
sedoni: ma rappresentano questi nomi solo un piccolo drap- 
pello della cospicua e numerosissima legione dei senesi mer- 
catanti in Francia, legione, nella quale a nomi ragguardevoli 
se ne uniscono moltissimi altri ignoti, oscuri, dimenticati ; 
peraltro, tutti insieme costituiscono una forza, un lavoro col- 
lettivo, che ridonda a benefizio, non tanto dei singoli, quan- 
to della generalit^ del commercio senese » (^). 

Mettendo noi da parte il commercio senese in generale, 
allora di una attivita sorprendente, senza fermarci alP altra 
compagnia di Orlando Buonsignori, detta la « Grande Tavo- 
la », che fini disastrosamente col fallimento del 1298 (*), vedia- 
mo quali fossero le operazioni commerciali de' Tolomei nel 
secolo XIII. Essi, nelle fiere di Sciampagna (poiche solamen- 
te di queste e ricordanza nelle Lettere Senesi), operavano come 
gli altri banchieri e mercanti d'Italia, nel traffico del dana- 
ro, che comprendeva il cambio ed il prestito ad usura, e 
nella mercatura di panni e d'altri generi, anche provenienti 
dalle parti d' Oriente, tra 1' Italia e 1' estero (^). 

La consorteria, adunque, o compagnia de' Tolomei, era 
composta di membri, che avevano nelP arte del cambio una 
non comune esperienza : il che apparisce chiaro da due let- 
tere di Andrea di Oristofano Tolomei, scritte, nel 1262 Puna, 
e nel 1265 V altra. Anzi da quella del 14 settembre 1262, 
scritta da Troyes alla sua compagnia, si rileva che appunto 
quest' Andrea, nel maggio di quest' anno, era ito, durante la 



il 2 aprile 1898 nella R. Accademia dei Eozzi, che ha per titolo: Siena 
alle fiere di Sciampagna (Conferenze, vol. IV, Siena, L. Lazzeri, 1898, 
pp. 53-89). Vedi in questa conferenza la bibliografia relativa alP ar- 
gomento. 

(^) C. Paoli, Siena aUe fiere di Sciampagna, ediz. cit. p. 70-71. 

(*) Sul fallimento della Oompagnia de* Buonsignori abbiamo un 
nuovo studio di E. Joudan {La faillite des Buonsignori in Mdanges 
P. Fabre, Paris, Picard, 1902, pp. 215-235). 

{*) Cfr. Lettere Volgari del Secolo XIII scritte da Senesi, ediz. cit.y 
p. 25 segg. 



ORIGINE dell' ordine di montoliveto 23 



fiera di Provins, in Fiandra, per riscuotervi dei crediti e 
farvi provviste di panni. 

Ma il comraercio della compagnia de' Tolomei, si estendeva 
anche ad altri generi di minore importanza, o di mercatura 
apicciola. Negoziavano essi, come provano le loro lettere mer- 
(^antili, anche in cera, in pepe, in zafferano, in zenzero. ed in 
altre spezierie, e con tale attivit^, da non restar punto ad- 
dietro agli altri compagni ed emuli « Lombardi », come il 
popolo francese chiamava, in genere, i mercanti Italiani. 

Nelle Lettere Senesi sono menzionati, come ascritti alle 
operazioni di mercatura della compagnia de' Tolomei, An- 
(h^ea, Jacomo (Mino) e Pietro di Cristofano di Tolomeo della 
Piazza, e Tolomeo di Jacomo, e Orlando di BaUlistricca di 
Jacomo, anch' esao liglio di Tolomeo della Piazza (*). Questo 



(*) Ecco V alberetto genealogico de' Tolomei notninati nelle Let^ 
tere Volgari, < quale lo hanno desunto (Gesare Paoli ed Enea Picco- 
lomini) da carte pubbliche e da quelle private di casa Tolomei, e 
specialmente dalla pergamena segnata di numero 9, che contiene la 
divisione del palazzo posto nella piazza san Cristotano. — La deri- 
vazione comune da Tolomeo della Piazza ^ affermata dalla pergame- 
na B deir Archivio Tolomei, anno 1237, dov' e nominato Cristofano 
di Tolomeo ; da un documento del 1226, a c. 161 del Caleffo vecchio 
di Siena, che ha per testimone Jacomo di Tolomeo ; dai conti di 
Mattasala, pag. 46, 52, e altrove; e da altri documenti > . (Lettere vol- 
garij ediz. cit, p. 134, 136). 

TOLOMEO DELLA PlAZZA 



Cristofano Jacomo 



Andrea Jacomo Pibtro Rinaldo Baldistricca Rinaldo Tolomeo 
(Mino) I 

Orlando 

N. B. Nell' alberetto son notati con carattere maiuscoletto i nomi 
citati nelle Lettere volgari, e son disposti i nati da un medesimo pa- 
dre per ordine alfabetico, non avendo nessun dato suila loro prece- 
denza d' etk. 



24 P. LUGANO 



e il capo-stipite della famiglia de' Tolomei, detti « della Pia- 
za », dal palazzo o fortilizio ch' essi aveano edificato nella 
piazza di san Cristofano: Jacomo e Cristofano formavano una 
sola consorteria, e nella divisione del suddetto palazzo, ad 
essi ne fu assegnata una parte per indiviso, mentre 1' altra 
parte tocco alla discendenza di Tavena, di Lotteringo e d'In- 
contrato (^). 

Per colore politico, i Tolomei co' Piccolomini ed altre 
famiglie, vanno annoverati fra i piti accaniti guelfl senesi : 
« e si comprende - nota con molta avvedutezza il prof. 
L. Zdekauer, - che i Tolomei e le altre famiglie, che ave- 
vano investiti i loro patrimoni quasi interamente nel com- 
mercio del danaro in Francia, dovessero farsi guelfi, dal 
momento in cui la Chiesa, diventata la prima potenza finan- 
ziaria del mondo, minacciava del sequestro di ogni loro 
bene - e quel che e peggio, dell' annuUamento di ogni loro 
credito, - coloro, che avessero dato aiuto o favore alP Im- 
pero » (*). In tal guisa, quello stesso principio che dava vita 



(^) Vedi la Tavola con V Albero genealogico de' Tolomei della 
Piazza, compiiato su documenti consultati alP Archivio di Stato di 
Siena e con V aiuto del Cav. Alessandro Lisini, il quale pose gene- 
rosamente a mia disposizione le ricerche da lui fatte a questo pro- 
posito. Credo superfiuo, per non dire inutile, avvertire, che quesfAl- 
bero non e certamente completo, e non lo potrebbe essere anche 
avendolo voluto il suo compilatore, perch6 esso non deve dilucidare 
che lo stato di questa famiglia sul cadere del secolo XIII e sul prin- 
cipiare del XIV, dando la prevalenza al ramo da cui nacque il B. 
Bernardo. La data posta a ciascun nome, 6 quella del documento 
che lo riferisce : ed ove esse siano due, sono le date estreme de' do- 
cumenti consultati, e che verranno citati nel corso di questo lavoro. 
Avrei voluto farlo con maggior precisione ed in maggiori propor- 
ziorii: ma, oltreche il farlo avrebbe sorpassato i limiti del mio studio, 
mi sarebbe tornato impossibile per mille ragioni che non monta ri- 
ferire. Spetta agli eruditi Senesi, che hanno agio e comodit^ di farlo, 
il presentare una illustrazione completa delPalbero genealogico della 
famiglia Tolomei, come due di essi, il Lisini e il Liberati, hanno sa- 
puto fare per ia famiglia Piccolomini. 

(*) L. Zdekaubr, La vita pubbUca dei Senesi nel Dugenio^ ediz. 
cit. p. 164-165. — Tra i piu accaniti guelfi senesi h ricordato dallo 



^OMEI 



Paganbj 



lc.] 



TOLOMEi 
(4» 1273| 



I 
MlNOi 



4- 



Andri 

(1294) 



Cecc 

(1294] 



I 

Deo 

(gih ^ 1306) 



I 

Iacobvs 

(de ord. S. Angnst.) 
(1296) 



I 

Tavena 

(fa testamento 
1306, marzo 1) 



Sozzo 

(Ambasciatore a Napoli) 
(1312) 



Spinello 



AiMEo 

h ^ 1318) 



Cristopano 

(1379-81) 



I 

Mino 

iuxor : Johannc 
naldi Mini (1358) 
(•(» 1370) 



I 



lETRO 



FANO 

1338) 



FANO 
^l 1340) 



Francesca 



I 

Tavena 

(1287-1305) 



Meo 

I 



I 

Tato 

I 

Meo 



I 

TVRA 

(uxor : Nisia q. Fraoc. di 
Bindino Toloniei) 



Meo 

(vocatns Bartalotto) 

I 

Spinello 

(1364) 



I 
MlNO 

(gik «{* 1336) 

I 



I 

BrIDA (1886) VeRDE 



ORIGINE dell' ORDINE D1 montoliveto 25 

al commercio senese, in patria e fuori, e faceva potente e 
temuta la Eepubblica, riusciva a sua volta, scintilla di cit- 
tadine discordie e pretesto di eterne inimicanti fazioni, che 
miseramente ne laceravano il cuore. 

La famiglia de' Tolomei, clie per censo e discendenza ri- 
valeggiava colle piu potenti casate di Siena, e mantenne se- 
colare inimicizia e discordia, prima co' Salimbeni (^), e poi 
co' Mjilavolti ('), apparteneva, verso la met^ del secolo XIII, 
all'Ordine de' Grandi, o de' Grentiluomini ('). E allorquando, 
nel solenne parlamento del 1277 venne dichiarata la guerra 
ai Grandi e se ne volle ostinatamente la rovina, tra le fa- 
miglie, che furon rimosse dal supremo magistrato della Ee- 
pubblica, « niuna considerazione havendo, se le famiglie che 
si separavano erano Guelfe o Ghibelline » (*), fu bandita dal 
governo, nel terzo di CamoUia, anche quella de' Tolomei (*). 



Zdekauer {ibidem, p. 172) il • guelfissimo » messer Deo Tolomei, che 
poi nel 1321 e negli anni seguenti, con 1' aiuto e protezione dei fio- 
rentini, corse nel Patrimonio, occupando Valentano, e nello stato Se- 
nese entrando in Torrita, Sinalunga, Bigomagno ed Asciano. Cfr. 
Miscellanea Stoinca Sefiese^ Vol. III, Siena, C. Nava, 1895, p. 188. 

(*) Per la discordia de' Tolomei co' Salimbeni, cf. Eduardo Grot- 
TANBLLi Db' Santi, La famosa strage di CoUe Malamerenda in Mi- 
scelL Stor, Sen., an. I (1893), p. 209-215. 

(«) Cfr. MiscelL Stor. Senese, I, (1898), p. 9-10. 

{^) E noto che le famiglie senesi si distinguevano in quattro Ordini 
o Monti : de' Gentiluomini, de' Nove, de' Eiformatori e del Popolo. 
« Le quali distinzioni prendono origine e nome da rivolgimenti in- 
terni, che in questa Bepubblica furono principali e piu memorabili, 
per cui sorsero e rovesciaronsi a vicenda, piii volte ed in piCi tempi, 
i diversi ceti de' cittadini, vale a dire : i Magnati, i Mercanti e il 
popolo. » L. PuMi - A. LisiNi, Genealogia de* Conti Pecci, 1880, p. 8. 

(♦) G. Tommasi, Historie di Siena, II, p. 88. 

(*) G. ToMMASi, Op. cit, p. 88-89. — Nella Deliberazione del Con- 
siglio generale del 1277 viene escluso dal Governo il Casamentnm de 
Tolomeis — , che nel 1337 e 1338, per maggior sicurezza, fu specifi- 
cato con queste parole : — De Terzerio CamoUie. Omnes de domo fi- 
lioriim Tolomeorum, et filiorum Jacobi — . Questi, secondo il cav. G. 
A. Pecci, pare che si dicessero Tolomei della Piazza, e provenienti 
da Jacomo, detto Mino, da cui, tra gli altri molti figliuoli, nacque 



y 



f 



26 P. LUGANO 



La storia pertanto de' Tolomei, segue le vicende, ora tristi 
ed ora liete, dell' Ordine de' Magnati, o de' Grandi, a cui 
essi appartenevano ; che, quantunque sbalzato di seggio ed 
osteggiato accanitamente, a sua volta rii>rendeva vigore, ed 
ora piii ora meno apertamente, brigava da se per ambizione, 
o sobillava gli altri, a turbare 1' ordine e la pace della ma- 
gistratura dello Stato. La lotta, nascosta od aperta, non 
manco mai : e vicendevolmente i diversi Ordini ebbero a 
soffrire gravi danni e lunghe persecuzioni da quello che se- 
deva al Comando nella Repubblica ; ne a ciascuno di essi 
facea difetto, sia V atrocia del perseguitare, sia il proposito 
della vendetta, fossero Guelfi o Ghibellini, Magnati o Popolo. 
Fino da tempo antichissimo, P insegna de' Tolomei fu 
rappresentata con lo scudo d' azzurro, fasciato d' argento, e 
caricato di tre lune, poste due e una, montanti esse pure 
d'argento. Bbbe questa famiglia i suoi sepolcri gentilizi nelle 
chiese di san Cristofano, san Pellegrino e san Francesco (^). 



il B. Bernardo. V. Lettera sulV antica e modenia derivazione deUefa- 
miglie nohili di Siena scritta e com^posta da Ldcbnsio Contraposto 
da RadicondoU e inviata a Malpiglio da Todi, Gallipoli, 1764, p. 42. 

(^) Distrutta la chiesa di S. Pellegrino, che era posta dietro il 
palazzo Tolomei di piazza san Cristofano, ov'e attualmente lapiazza 
dell' Indipendenza, la oura fu trasferita nella chiesa della Sapienza. 
In questa chiesa unica traccia de^ Tolomei, ^ una statua di stucco, 
rappresentante il fondatore delP Ordine di Montoliveto. In san Cri- 
stofano, i Tolomei vantano diritto di giuspatronato. In san Fran- 
cesco, restano ancora varie sepolture di questa famiglia. Messer To- 
lomeo di Jacopo, morto nel 1243, fu sepolto nel chiostro antico di 
questa basilica (cf. V. LusiNi, Storia della Basilica di S. Francesco, 
Siena, 1894, p. 253), ove dov6 esser sepolta anche una sorella del 
B. Bernardo, ricordata in una lapide, ora incastrata sul muro ester- 
no presso la porta della chiesa della compagnia di S. Bernardino, 
con questa iscrizione in carattere gotico, sulla quale sono due stem- 
mi della famiglia Cerchi di Firenze, sormontati da un frammento di 
quello de' Tolomei : 

4- I HIC I lACET I DNA | IMIGLA | VXOR | LAPI | DNI | GHE- 
RARDINI 1 DECER [CHII] S | DEFLORETIA | QVE | FVIT | [FI] LI 
[A] I DNI I MINI I [XTO] PHORI | DE | PThOLOMEIS j . 

Neir interno della basilica di S. Francesco, negli ultimi restauri 



OEIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 27 

Usarono, anclie i Tolomei, come ogni altra potente famiglia 
di Siena e cV altri luoghi, nomi speciali, che passarono, e si 
perpetuarono, quasi sempre da avo a nipote. !N^eI secolo XIV 
si ripetono con mutua vicenda i nomi di Cristofano, di Mino, 
di Meo, di Tavena, di Deo, di Riualdo, di Tolomeo, di Nello, 
ed altri. Tra i nomi di donna troviamo Tora, Imigla, Brida, 
Verde, ed altri non meno graziosi che strani. 

II padre del B.** Bernardo ebbe nome Mino di Cristofano 
de' Tolomei, e la madre Fulvia de' Tancredi (^j: viventi am- 
bedue nella seconda met^ del secolo XIII. Da essi nacquero 
Andrea, Pietro, Meo, Nello, Tora, Imigla, il B. Bernardo, e 
forse altri figli. 

La numerosa figliuolanza di Mino di Cristofeno ebbe agio 



del 1893, venne trasportato dal chiostro attiguo, un'anticliissimo resto 
d' un monumento sepolcrale, della famiglia Tolomei, che fu posto 
presso la tomba di uno della stessa famiglia ; mentre, alla scaletta 
di sei gradini, che dal chiostro mette alla chiesa, e collegata la fa- 
mosa leggenda della strage del Colle di Malamerenda. Diciotto stem- 
mi della famiglia Tolomei adornano questa scaletta, e sulla fronte 
della porta sta scritto a pennello, e non gi^, inciso, come ordinaria- 
mente si crede, tutto in ima riga : HEC EST DOMVS SEPVLCRA- 
LIS TALOMMEORV IN QVA INTER CETEROS lACENT DECEM 
ET OCTO MILITES. — II Sig. Edoardo Grottanelli de' Santi, giu- 
stamente opina che V inscrizione sia inspirata ad alcuni versi di 
Galeotto da Narni (+ 1494 c), ed il racconto pietoso della strage di 
Colle Malamerenda sia una fantastica invenzione di qualche ammi- 
ratore e seguace della scuola di Annio da Viterbo e del Padre Lom- 
bardelli (Cfr. MuiceUanea Storica Senese, an. I, 1893, p. 209 segg.;. 

Nel secolo XIV i Tolomei ebbero sepoltura anche nel chiostro e 
nella chiesa di San Domenico, e V obituario (Bibl. Com. Sbm., Codic. 
C. III, 2) ricorda una c Domina Cantina filia Nerocciij uxor olim do- 
mini Nelli de 2'holomeis (sepolta il 7 agosto 1340) ; un « Minns do- 
mine Becchuccie^ pater fratris Petri, nostri Ordinis^ de Tolomeis (se- 
polto a* 10 dicembre 1369) ; una « domina Johanna uxor olim Mini 
de Thalomeis (sepolta il l^ gennaio 1372), e vari altri. 

(^) II nome e la famiglia della madre del B.^ Bernardo, ci sono 
stati tramandati per tradizione costante dai Monaci di Montoliveto : 
niun documento a noi noto viene a suifragare quest' attestazione 
tradizionale. E certo per6 che la famiglia Tancredi nel secolo XIII, 
si trovava anche in Siena e che era ascritta all' Ordine de* Nove. 



28 P. LUGANO 



di segnalar^i nella mercatara, nell' arte del cambio, nelle 
armi e nel Oomando della Repubblica, in patria e fiiori : ma 
a noi [)reme di parlare unicamente del B. Bemardo (% che 
piti di tutti ebbe fama nelle lettere, e per la mirabile san- 
tit^ della vita, creo una famiglia che di lui serba una me- 
moria imperitura ed una venerazione gienza limite. 

Ma prima di metterci a narrare della vita e delle azioni 
del fondatore delV Ordine di Montoliveto, e necessario che 
venga informato il lettore sulle fonti storiche, e sul valore 
che esse hanno e devono avere, per la vera storia delle ori- 
gini e dei primordi di questo ramo illustre del grande albe- 
ro Benedettino. 

Tre sono i principali autori che posero mano a scrivere 
del B. Bernardo: il P. Gregorio Lombardelli de' Predicatori, 
Tabate olivetano D. Pietro Marcellino Oraffi, e D. Alessan- 
dro Bossi, ai quali attinse, con mirabile bellezza di stile, il 
francese D. Bernardo M. Mar^chaux. 

II nome di frate Gregorio Lombardelli, ben noto a tutti 
gli eruditi senesi, merita due parole di presentazione per 
coloro che nello svolgere le leggende agiograflche avessero 
ad imbattersi in lui. Senese di patria e domenicano di pro- 
fessione monastica, visse gran i)arte di sua vita nel convento 
di san Domenico a Camporegio di Siena, nella seconda met^ 
del secolo XYI e sul principiare del secolo XVII ('). Sua 
precipua occupazione fu lo scrivere piamente e con mente 
esaltata vite di santi e beati e servi di Dio: ne in Siena e 
suo contado, vive di fama popolare alcun santo, che non 
abbia avuto 1' onore di una biografia dal Lombardelli. 

Qual metodo egli adoprasse nelle sue compilazioni agio- 
grafiche non e facile a stabilirsi con precisione : sembra pero 



(^) Cosi chiameremo costantemente nel nostro studio 11 figlio di 
Mino, che fondo Montoliveto, perche questo 6 il suo nome, giunto a 
noi raccomandato a numerosi documenti sincroni, e legato ad una 
eroica santit^ di vita. 

(*) II Lombardelli mori il 21 Maggio del 1613. Cfr. J. Qubtif - J. 
EcHAUD, Scnptores Ordinis Praedicaiorum, Lutetiae Paris., M.DCC.XXI 
vol. II, p. 384-385. 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 29 

certo cli' egli non sapesse, o non volesse distinguere la storia 
dalla leggenda, e si studiasse d'abbellire con pietosi racconti, 
proprii dell'et4 e comuni alla maggior parte de' Santi, quelle 
flgure leggendarie che viveano nella fantasia popolare, sem- 
pre esageratamente vivace e creatrice. Per la qual cosa, il 
valore storico che possono avere le agiografie del Lombar- 
delli, non e se non quello che hanno tutte le agiografie di 
quell' eta, ciofe, poco o nullo : colpa pitl del tempo che dello 
scrittore. Che se poi alla et^, senza critica, e dedita, per 
salutare reazione contro il paganesimo che risorgeva nelle 
arti e nelle lettere, al misticismo, ci avviene di trovare nel- 
l'agiografo natura vivace, fantasia eccitata ed eloquenza cal- 
da ed affascinante, come nel Lombardelli, allora possiamo 
star sicuri che l'opera sua, sia pur senza volerlo, e doppia- 
mente esiziale alla veracit^ della storia. Ond'«^ che i cattivi 
effetti, prodotti da quell'et^ e da simili scrittori, non saran- 
no mai totalmente estirpati; n^ i gravi danni per la storia, 
giustamente ed appieno conosciuti e riparati. 

Un dotto ed erudito scrittore senese clie ha voluto to- 
gliere ad esame alcune vite, dovute all' abilit^ agiografica 
del P. Lombardelli, cosi ne descrive il metodo e il merito : 
« Tutte, quale piu quale meno, sono condotte sul medesimo 
stampo ; in tutte, press' a poco, le medesime tentazioni dia- 
boliche, le medesime apparizioni celesti, identici prodigi e 
miracoli. 15 sempre la stessa materia agiografica che il Lom- 
bardelli elabora ed adatta ai suoi biografati ; dei quali ben 
si arguisce ch' egli, il piii delle volte, non prende dalla tra- 
dizione se non il nome, per innestarvi casi leggendarii che 
si potevano ugualmente attribuire a qualunque beato. Bgli 
percio non crea di sana pianta ; ma non fa, ben inteso, un'o- 
pera storica, inspirata alla ricerca del vero. La sua fatica si 
riduce quasi esclusivamente a rivestire di forma letteraria 
iino svariato materiale di leggende gi^ preesistenti, di oui 
non sempre sapremmo rintracciare le primi origini, e che ap- 
parisce adattabile ad ogni luogo, ad ogni tempo, ad ogni 
persona niorta in concetto di santiti^. Piii che con la fan- 
tasia della sua mente, egli lavora con la fantasia iwpolare 



30 P. LUGANO 



esplicatasi nella leggenda ; e solo quando questa venga a 
iDancargli, osa egli stesBO creare una leggenda per conto 
proprio » (*). 

Questo metodo non piacque gran fatto, e con ragione, 
agli storici nioderni, e chi cliiamo 11 Lombardelli creatore di 
« spirituali romanzi » e « poco veridico in tutti i suoi det- 
ti » (') ; clii lo disse « inventore di piu vite di Santi e 
Beati » e « scrittore in mala fede » (') ; e chi, Analmente, 
negando a' suoi scritti importanza d' opera storica, vuole 
tuttavia ch' egli sia ritenuto « come un raccoglitore ed espo- 
sitore fedele di vecchie tradizioni e leggende » (*). 

Xegli ultimi anni del secolo XVI, o sui primi del secolo 
seguente, il P. Gregorio Lombardelli, dopo aver gi^ scritta 
la vita di Giovambattista e Bonaventura Tolomei, si pose a 
narrare anche del fondatore di Montoliveto (*). Per quale ra- 



(^) GiusisppE Sanesi, V origine dello Spedale di Siena e il suo piu 
antico StatutOj Siena, tip. Cooperativa, 1898, p. 14-15. 

(*) Pbcci Gt. A., Storia del vescovado della Cittd di Siena^ Lucca 
Marescandoli, 1748, p. 239, 294. 

C*) LuciANO Banchi, Statuto dello Spedale di Siena (Statuti Se- 
nesi scritti in volgare ne' secoli XIII e XIV, vol. III), Bologna^ G. 
Eomagnoli, 1877, p. XX, XXI. 

(*) G. Sanbsi, Op. cit. p. 18. — II prof. Sauest ha preso a rifare 
1a storia dell' importantissimo istituto dell' Ospedale della Scala, ed 
il saggio, che finora ce iie ha dato, promette raolto bene. Vegga il 
lettore nel citato opuscolo di lui la bibliografia sulla controversia 
delle Origini dello Spedale di Siena, in cui h molto lumeggiata 1' o- 
pera poco critica del P. Gregorio Lombardelli. 

(*) I compilatori degli ScHptores Ordinis Praedicatoruvi (vol. II, 
p. 384-386), parlando dei P. G. Lombardelli e delle sue opere, omi- 
sero di rammentare la vita del B. Bernardo Toloraei, che pure si deve 
a lui, forse perche rimasta manoscritta per vari anni. Essa per6 era 
gii stampata quando i PP. Quetif ed Echard pubblicarono nel 1721, 
gii Scriptoi^es Ordinis Praedicatonnn, 

Anche Orazio Lombardelli (Del Raguaglio de gli Scrittori Spi- 
litualij parte prima, Fiorenza, 1592, appresso Giorgio Marescotti, 
p. 43-44), fratello del Domenicano, che fa menzione delle opere di lui 
^\k pubblicate, o che sono in breve per pubblicarsi, non ricorda la 
vita del B. Bernardo Tolomei. 



^. ■■■■ 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 31 

gione egli prendesse a scrivere la vita di Bernardo Tolomei, 
non e ben noto, ne si potr^ sapere con sicurezza, flnclie il 
Lombardelli non abbia trovato uno storico che ne studii con 
severit^ di metodo e coscienziosit^ di ricerca, la vita e le 
opere (*). 

La vita del Tolomei fii compilata in poco tempo, e prima 
del 1602 era gik pronta per le stampe. A quest' effetto venne 
approvata dall' Inquisitor Grenerale di Siena, frate Zaccaria 
« Urceolus », e da Fausto Melari, vicario di Siena, e poi 
vescovo di Chiusi nel 1602 (*). Ma il lavoro del Lombardelli 
non ta dato alla luce se non molti anni dopo, e 1' autore 
mori (1613) lasciandolo manoscritto tra le altre sue opere 
nel convento di san Domenico a Camporegio. 

Ora giova investigare, per il valore storico che ne deve 
avere, quali fiirono le ragioni che fecero dimenticare lo 
scritto del Lombardelli, ed impedirono che venisse dato alla 
luce, quando a questa era destinato e per essa dall' autore 
preparato. I monaci di Montoliveto non avrebbero promosso 
con ogni sollecitudine la pubblicazione della vita del loro 
fondatore, non ancora scritta da altri ne stampata, quando 



(^) Tuttavia non posso tacere un pensiero che mi balena alla 
mente circa 1* origine di questa vita scritta dal Lombardelli. — II 
Banchi (Introdtjz, allo Statuto drllo Spbdale di Sibna, Bologna, 
G. Bomagnoli, 1877, p. XXI) osservo che il Lombardelli, tra le altre 
cose, ambiva la rettoria dello Spedale di S. Maria della Scala, come 
appare da una lettera di lui al granduca Ferdinando I, in data de' 2 
gennaio 1598 {Arch. di Stato Fior., Carteggio univ. mediceo, filza 883). 
L' ufficio di rettore era rimasto vacante, da pochi giorni, per la 
morte di Pio d*Ambrogio Nuti, abate olivetano (+ 17 Dicembre 1597 1 
Se il Lombardelli, per acquistarsi grazia, prese a scrivere la vita d 
Sorore, h probabile che per ottener protezione e raccomandazione 
dair abate generale degli Olivetani, potente presso il granduca Fer 
dinando I, ponesse mano a stendere la vita del fondatore di Mon 
toliveto. 

(*) Quest* approvazione si leggeva nelT esemplare che servi per 
Pedizione curata dal P. D. Bernardiuo Paccinelli e stampata in Lucca, 
appresso Jacinto Paci, nel 1659, e si trova anche nelT esemplare che 
si conserva ms. nella Biblioteca Comunale di Siena (Cod. K. VII, 21) 



32 P. LUGANO 



((uesta veniva a portare grande lustro e decoro a tutto l'Or- 
dine t L'autore, sebbene di diversa professione religiosa, avea 
lumeggiato con molta fantasia la vita del loro padre ; era 
persona colta e stimata presso i Senesi, ed erasi meritata 
tama di letterato e di scrittore per le molte vite di santi 
pubblicate e da pubblicarsi; perche non far buon viso al no- 
vello parto della mente del Lombardelli ! 

I monaci di Montoliveto, che esaminarono certamente lo 
scritto del Domenicano, nol credettero per allora degno delle 
stampe, e penso che non ne permettessero la pubblicazione. 
Ohe anzi, giunta la notizia del lavoro del Lombardelli a 
Montoliveto, quei monaci giudicarono ottimo consiglio rivol- 
gere il pensiero a' tesori conservati ne' loro archivi. E nella 
generale adunanza del capitolo, fatta nel maggio del 1599, 
ordinarono che si facesse un « archivio di noce in ogni mo- 
nastero », il quale dovesse conservarsi negli appartamenti 
deir abate, e si tenesse chiuso con due chiavi, V una delle 
quali fosse presso Pabate e Faltra presso il vicario(^). Que- 
sto savio provvedimento era diretto allo studio de' documenti 
racchiusi e fors' anche dimenticati, ne' monasteri del loro 
Ordine. Per cui, pochi anni appresso, nel Capitolo generale 
del 1611, per ordine del Cardinal Sfondrati, protettore del- 
1' Ordine presso la S. Sede, presente al Capitolo, fti decre- 
tato che si facesse « \m inventario delle scritture pubbliche » 
le quali si dovessero consegnare tutte al P. Cancelliere, che 
era allora lo storico Secondo Lancellotti; e che si costituisse 
« un archivio particolare » dove non potesse entrare nessuno 
all' infuori del Caucelliere, e 1' inventario rimanesse nelle mani 
del Yicario generale pro tempore (*). 



(^) Questa notizia e tolta dal Liber Ordinationum Capitularium 
(ad annum, p. 20), ora smarrito, del quale posseggo un estratto di 
cose notabili, compilato nella seconda met^ del secolo XVIIL Sotto 
questo titolo erano raccolti tutti i provvedimenti che si £acevano nel 
Capitolo per il buon andamento di tutto 1' Ordine. 

(*) La notizia ci perviene da uno dei volumi intitolati Acta Pa- 
trum (vol. I, p. 105), ora perduti, dei quali si ha un estratto di cose 
notevoli, fatto verso la metii del secolo XVIII. Un altro estratto si 



OBIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 33 



In mezzo a queste sollecitudini premurose per Tordina- 
mento degli archivi e lo studio de' documenti originali, la 
vita scritta dal P. Lombardelli fu messa da una parte, e la 
pubblicazione rimase un pio desiderio del suo autore. 

Intanto, col tempo e con 1' accentnarsi degli studi archi- 
vistici, i monaci di Montoliveto passarono ad altri consigli. 
E siccome da cosa nasce cosa, dagli studi e dalle ricerche 
spunto il pensiero di ridestare la memoria del santo fonda- 
tore. L'abate generale Domenico Pueroni, con lettera del 20 
settembre 1632, esponeva questo consiglio a Vittorio Picco- 
lomini del Testa (^), abate di S. Benedetto di Siena, e lo 
eleggeva suo procuratore perch^ iniziasse giuridicamente le 
opportune ricerche sulla vita del fondatore, e ne promovesse 
la causa presso 1' arcivescovo ed i Senesi (*). L' abate del 
Testa si pose tosto alP opera, e nel bel principio delle sue 
ricerche, nel convento di S. Domenico a Camporegio, ebbe la 
buona ventura di aver tra le mani la dimenticata vita scritta 
dal Lombardelli ('). Ne fiirono subito tratte varie copie, che 



trova nel vol. 22 (1118) proveniente da S. Benedetto degli Olivetani, 
nel R. Arch, di StatOj in Siena, dal quale si rileva che le Acta Patrum 
s' incominciarono a scrivere nel 1595, e constavano di sei volumi, 
cosi ripartiti: vol. I, dalP an. 1595 al 1633; vol. II, 1633-1643 ; vol. 
III, 1645-1672; vol. IV, 1672-1696; vol. V, 1696-1723; vol. VI, 1723-.... 
£ superfluo notare che, per la storia dell' Ordine di Montoliveto, 
questi volumi hanno un valore grandissimo. Ma dove si potranno 
trovare? — Prima della soppressione napoleonica, erano certamente 
a Monte Oliveto Maggiore, ove d' ordinario si radunava il Capitolo 
generale, di cui le Acta Patriim e il Liber Ordinationum registra- 
vano i provvedimenti. 

(^ Era costui un nobile senese, nato il 6 febbraio 1565, entrato 
neir Ordine di Montoliveto il 1® marzo del 1580, nel quale profess6 
il 2 marzo 1584, e di cui fu eletto abate generale due volte, nel 
1618-1623, e nel 1636. Mori a Napoli il 22 novembre 1636. 

d La lettera k riportata per intiero nel Chronicon CanceUariae 
di Montoliveto (vol. I, f. 214), dalP abate Gaspare Frattasio nell'elo- 
gio del Pueroni. 

(') Ecco come si narra nel Chronicon CanceU.^ (vol. I, f. 214) il 
rinvenimento della vita del Lombardelli: € Favit Deus coeptis; cum 
primum enim legatus vir in suo versaretur munere, occurrit beati 



34 p. LrGA>'0 



aadaron innanzi ai piii savi delF Ordine, i qnali, esaminate 
le eose, stabilirono ehe si promovesse la eausa del santo fon- 
datore presso la S. Sede (*). 

Mentre gli esemplari della vita seritta dal Louibardelli 
^ravano per le mani di tntti, il napoletano D. Gennaro di 
Franco, pubblicava una esagerata orazione panegirica del 
fondatore di Montoliveto, fondandosi segnatamente snlle as- 
serzioni del Domenicano (•), e poco doxx), V abate D. Pier 



patris vita a fra. Gregorio Lombardellio Ordinis Praedicatoruin S. T. 
inagistro, viro celebri, Senensis Inquisitionis consultore, et qui San- 
ctorum multorum res gestas contaverat, descripta, miraculis refecta 
maximis, cum eroicis virtulibus, quibus Sanctorum maximis Bernar- 
dus Pater coequandus: hanc ut typis traderet Lombardellius, ab In- 
quisitore Senensi, ab Archiepiscopi generali vicario subscriptam, obitu 
praepeditus, apud PP. sui Ordinis, in senensi coenobio reliquit: hau- 
serat vero ex fra. lo. Bapta de Populonia, sui Instituti sacrae itidem 
Teol. magistro, eodem vivente aevo, quo vivebat Bernardus et cuius 
germanus irater, Guglielmus nomine, a Bernardo edocebatur anacho- 
resim. > — Le asserzioni di questa cronaca sulle fonti rlelle vita sa- 
ranno esaminate piu innanzi. 

(*) I processi presso la Curia Arcivescovile di Siena furon compi- 
lati nel 1632 e 1633, e su di essi V arciv. Ascanio Piccolomini de 
Aragona, nel 1644, pronimzi6 la sentenza — constare de immemora- 
bili cultu et veneratione — . Poscia furon inviati alla S. Congregazione 
dei Riti in Boma, che in data del 26 novembre 1644 eman6 la sen- 
tenza — constare causam predictam esse in casu exceptu in decretis 
S. Bomanae et Universalis Inquisitionis — . Adopraronsi in questa 
causa in modo speciale il Granduca di Toscana, per mezzo del Card. 
Medici, la citta di Siena, per mezzo degli E.mi Cennini e Bichi, non- 
ch6 le nobili Oblate Olivetane di Tor de' Specohi in Roma. 

(*) Quest' orazione fu recitata a Montoliveto Maggiore, il 20 ago- 
sto 1644 (nel qual anno fii introdotta nelPOrdine la festa del B. Ber- 
nardo) e porta il titolo seguente : Im, Luna i predica paiiegiHca | iii 
lode I del Beato Bemardo \ Tolomei | fondatore delia Religione \ Olive- 
tana \ del Padre D. Gbnnaro di Franco Napolitano Lettore nel Mo- 
nastero principale \ Dedicata \ al Beverendissimo Fadre D, Gasparo 
I Frattasio da Napoli Generale \ delV istessa Religione, In Siena, 
M.DC.XLIV, — Appresso '1 Bonetti. — Precede una dedica con la 
data : Dal monastero di S. Benedetto di Siena li 29 settembre 1644. 

NelPanno appresso il Beccoli, in otto canti, di piu ottave 1' uno, pub- 
blicava un'altra vita con questo titolo: // Deserto \ Trionfante \ Vita del 



ORiaiNE dell' obdine di montoliveto 35 

Marcellino Oraffi ne dava alle stampe una lunghissima vita, 
desunta dai Processi, assicurando il lettore che se vi sono 
vite ben fondate, una e certamente quella del Lombar- 
delli ('). 

Base e fondamento di tutte queste compilazioni si diceva, 
dal Domenicano e da altri, una biografia del Tolomei, scritta 
da un certo P. Gio. Battistada Populonia, maestro deirOr- 
dine de' Predicatori, amico del fondatore di Montoliveto, e 
fratello di frate Guglielmo da Populonia, allievo del mede- 
simo, dalla voce del quale raccolse Gio. Battista hi vita del 
beato senese. Questa prima biografla del Da Populonia, la- 
sciata in Piombino, ed avuta « per capi » dal Lombardelli, 
benignamente a lui concessa dal Sig. Luigi Falugi Pistino, 
Cavaliere di Santo Stefano, abate e pievano di quel luogo, 
rimase irreperibile ad ogni ricerca. Ed ancora nel dicembre 
del 1656, ai signori Rutilio Bichi e D. Lorenzo de Rocchis 
deputati dal Collegio di Balia a prender informazione dai PP. 
di Montoliveto, 1' abate generale D. Eomualdo Cavazza ri- 
spondeva che « andavano cercando la vita del B. Bernardo 
Tolomei, scritta da un tal padre Populoni (sic) e che \wv 
anco non I'avevano trovata, ma che speravano ritrovarla » (*). 

Xuove ricerche per ritrovare questa biografia furon fatte 
tare dairerudito Gio. Girolamo Carli Mancini verso il 17."9, 
ma esse non approdarono a nulla. B in data del 1 ottobre 
1739, ne scriveva al P. Cadello Tardella, in S. Benedetto di 



Beato I Bernardo Tolomei | da Siena \ Fondatore deUa Religione \ di 
MonV Oliveto. \ Del P. D. Dombnico Bbccoli | da Guhbio Letior Teo- 
logo di Mont* \ Oliveto Maggiore \ ecc. In Venetia, per Francesco Val- 
vasense, 1646, pp. 234. 

Amfoedue questi autori partono dal Lombardelli, come ne partiva, 
alcuni anni prima, 1' abate Paolo Carpenterio, nella vita latina del 
Tolomei, ch'egli pubblicaya in Napoli, nel 1642. 

(^) Orafpi, Vita del B, Bernardo Tohmeij Venetia, Giunti e Baba, 
1650, pp. 276. — A questa vita va unita V orazione che 1' av.v. con- 
cistoriale Gio. Battista Rainoldi, poi vescovo di Lucca, recit6 nel 
concistoro del 21 febbraio 1644, dinnanzi a Innocenzo X, per la ca- 
nonizzazione del Tolomei. 

{^) Arch. Stato Sbn. — Deliherazioni di Balla, vol. 138, f. 133;. 



36 P. LUOANO 



Siena, ehe 1' ainico suo di Pioinbino v' avea posto tutta la 
diligenza possibile, e tuttavia nou aveva trovato resemplare, 
ne 1' erede del Falugi ; che pochissimi mss. e memorie avea 
conosciuto essere nel paese, ed uomini intendenti ed amatori 
di antichit^ pochi o nessuno (*). 

Ma i monaci di Montoliveto, forse impazienti che si ri- 
tardasse la causii del loro fondatore presso la S. Sede, o 
dubitando forte di riuscire a trovare lo scritto del Da Popu- 
lonia, senza tanto aspettare, s'appigliarono al partito, se non 
migliore, certo piii facile e sbrigativo, di dare alle stampe 
la biografla del Tolomei, scritta dal Lombardelli. II che fii 
mandato ad effetto nel 1659 dal senese D. Bernardino Pac- 
cinelli ('). 

Le ragioni, che mossero i monaci a cangiar proposito in 
si breve spazio di tempo, deliberando di pubblicare quella 
vita che prima non avea incontrato il loro gradimento, pare 
si debbano cercare neirinterna costituzione delP Ordine. Que- 
sto era governato nella prima met^ del secolo XVII, come 
lo era stato per tutto il secolo XVI, dall' abate generale, 
coadiuvato da alcuni visitatori (che variarono da tre a sei), 



(^) Questa hinghissima lettera del Carli, si trova in un volume 
del suo carteggio nella Bibl. Com. Sbn. (Cod. C. VI. 2, f. 1-41). 

(') Stampata in Lucca, appresso Jacinto Paci, etc. M.DC.LIX. — 
Precedono alcune parole dell' editore, V indice de' capitoli, e le ap- 
provazioni, per la stampa, di Flaminio Nobili, vicario generale di 
Lucca (26 agosto 1659) e di Lorenzo Bertolini, preposito sull' officio 
giurisdizionale della Hepubblica Lucchese. La vita h contenuta in 

126 pagg. : segue un' appendice di tre schiarimenti (al cap. V del 
Lib. I; al cap. II del Lib. II; al 1** cap. del Lib. III) che va da pag. 

127 alla pag. 130 : V approvazione deir Inquisitor gen. e del vicario 
di Siena (p. 131), quindi, un lungo processo per V autenticazione e 
la concordanza della vita stampata con quella mss. presso V abate 
Vittorio del Testa (p. 132-140). Tien dietro, il decreto della 8. Con- 
gregazione de' Kiti sul culto immemorabile prestato al Tolomei 
(p. L41-144) ; 1' Orazione pronunziata dinanzi ad Innocenzo X, nel 
pubblico Concistoro del 21 febbraio 1645, per la Canonizzazione (p. 145- 
163), e quella pronunziata da Griulio Cesare Fagnani nel Concistoro 
del 29 aprile 1658, per io stesso scopo (p. 167-178). 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 37 

il quale durava in ufficio solamente due anni. £ facile quindi 
a pensare, che ad ogni nuova elezione delP abate generale, 
1' Ordine prendeva un nuovo indirizzo, secondo che piaceva 
al neo-eletto. Gli studi n' aveauo piii o meno incremento, a 
seconda della dottrina di coloro che costituivano il supremo 
governo, e giusta il lor volere e piacimento, inclinavano piii 
a questa che a quella scienza, piu ad uno che ad un altro 
ramo dello scibile. 

Per questa ragione di governo e di indirizzi, avvenne 
che sull' albeggiare del secolo XVII, gli studi prendessero 
quella piega verso le ricerche archivistiche e le scienze au- 
siliari della storia, che poi, cinquant' anni appresso, aveano 
gi^ perduta. Cosi venne alla luce lo scritto del Lombar- 
delli ['). 

U edizione Lucchese del 1659 fu curata dal Paccinelli e 
tratta da un manoscritto posseduto dair abate Vittorio del 
Testa Piccolomini, ora smarrito (*), se pure non si deve dire 
che il Paccinelli, nel pubblicare il lavoro del Lombardelli, 
abbia qua e l^ mutato, omesso e aggiunto a suo talento. 
Certo si e che 1' edizione del 1659 non concorda, in molte 
parti, siano pur accessorie, con le due copie manoscritte che 
ancora si conservano ('), Questa diseordanza, che puo avere 



(^) Non dev' esser stata estranea alla pubblicazione della Vita 
scritta dal Lombardelli, la morte del grande storico dell' Ordine, D. 
Secondo Lancellotti, avvenuta in Parigi V undici gennaio 1648. Con 
lui erano scomparsi altri personaggi di grande valore. — DelPabate 
Lancellotti, della sua vita e delle sue opere, spero di poter trattare 
quanto prima in un' opera a parte. 

(•) II MoRONi (Dizionario di entd, storico-ecclesiastica^ vol. XLVIII 
[Venezia, tip. Emiliana, 1848], p. 801) asserisce che la vita del Tolomei 
scritta dal Lombardelli fu stampata nel 1584, ma evidentemente egli 
ha preso abbaglio, confondeudo la vita del B. Bernardo con quella 
del B. Gio. Battista Tolomei, che veramente fu data alle stampe in 
quell'anno. — E da notarsi che nell' elenco delle opere del Lombar- 
delH, compilato da J. Qubtip e J. Echard {Scriptores Ord. Praedi- 
cat, Lut. Paris., 1721, II, p. 884-886), manca la vita del fondatore di 
Montoliveto. 

(") Una copia 6 nella Bibliot. Comun. Sen. (Cod. K. VII. 21), e 
consta di carte 94; 1' altra cavata dall' archivio di Montoliveto Mag- 



38 P. LUGANO 



grande valore, trovasi per 1'appunto in quei luoghi, ove do- 
vrebbe venir afjfermata V importanza storica del lavoro del 
Domenicano: e per tal ragione sar^ difticile ritenere ch'essa 
abbia origine da buona fede ('). Tuttavia, poich^ finora non 
abbiamo certamente tra le mani 1' esemplare, che servi per 
V edizione del 1659, h chiaro che non e lecito dedurne alcu- 
na conseguenza di valore (*). 

Resta pertanto difficilissimo, per non dire impossibile, il 
compito di segregare quelle parti erronee, entrate nell' edi- 
zione del 1659 per opera del Paccinelli, da quei tentativi di 
verosimiglianza storica, dovuti aiP abilit^ del Lombardelli. 

Prendendo ad esame la vita stampata in Lucca nel 1659, 
e cercandovi quelle frasi e quelle attestazioni d'autorit^ sto- 
rica, che ogni critico vuol rintracciare in tutte le opere, 
siano pur agiograliche, di qualche peso, 1' occhio corre tosto 
ad alcune appendici che sembrano aver 1' aria di aggiunte 
giustificative delle asserzioni dello scrittore. Nel Lombardel- 
li, si aggiunge a complemento delP opera, con grande auto- 
rit^ : — « Nel resto, quanto ho scritto nella sopradetta vita, 
1' ho cavato da manuscritti aiitichissimi veduti tutti da me. 



giore Panno 1642 da D. Clemente Zambeccari, ed ora presso io scri- 
vente, consta di carte 80, in 8°. — Anche nel Cod. K. VII. 24 della 
Comunale di Siena, asportato dal convento di S. Domenico, a cui fu 
dato il nome di Gregorio Lombardelli, forse perch6 contiene alcune 
Vite di Santi e Beati Senesi, si legge una monca biografia del To- 
lomei (f. 424-433) ; ma essa 6 di un compilatore, vissuto nel secolo 
XVIII, che raccolse in gran parte dal Domenicano e da altri che a 
lui aveano attinto. Dalla stessa fonte proviene la vita scritta da Ma- 
riano Sozzini (Bibl. Com. Senbsb, Cod. K. VII. 23 di f. B4) e qualche 
altra che e superfluo ricordare. 

(^) Le due copie manoscritte della vita del Lombardelli, gia ri- 
cordate nella nota antecedente, sono nel testo quasi perfettamente 
identiche, mentre V edizione del Paccinelli se ne discosta in vari 
luoghi. 

(''') Che nessuno de' due esemplari mss. sia quello adoprato per 
1'edizione del 1659, e certo, niuno de' due contando ottantanove fogli, 
quanti ne contava la copia dell' ab. Piccolomini del Testa, che servi 
al Paccinelli per 1' edizione, come risulta da relativo processo (Lom- 
BARDELLi, Vita^ ediz. Paccinelli, 1659, p. 139). 



ORIGINE dell' ordine di montoliveto 39 



e confermati da autori e testimonii, cosi degni di fede, che 
non ho dubbio alcuno, di non haver detto la veritii, rimet- 
tendomi, pero sempre ad ogni censura e piu purgato giudi- 
tio. » (^). Autorevoli parole ; nia piii autorevoli se non man- 
cassero negli esemplari manoscritti ! ('). 

I manuscritti antichissinii veduti dal Lombardelli sembra 
si debbano ridurre a due : ad un testo di cronaca di Mon- 
toliveto, intitolato - de Initio Manachorum Montis Oliveti, - 
e ad uuo scritto del P. Gio. Battista da Populonia ('). 

La cronaca di Montoliveto, passata sotto gli occhi del 
Domenicano, e un testo compilato sul finire del secolo XVI, 
che incomiucia colle parole - Initia saere religionis Mona^ho- 
rum Montis OUveti - ; ma di esso e del suo valore si trat- 
tera piil a lungo a suo tempo. Lo scritto e il nome del 
padre da Populonia poggiano unicament^ sulla fede del Lom- 
bardelli. 

Egli lo ricorda piCi volte e si protesta di abbracciarne le 
asserzioni: intine aiferma di se stesso: « (lo) seguito i detti 
del M. E. P. Maestro Fra Gio. Battista da Populonia Do- 
menicano, figlio di questo nostro Oonvento di S. Doraenico 
di Campo liegio, coetaneo e amico di esso B. Bernardo, e 
fratello di Fr. Guglielmo da Populonia, allievo di Bernardo, 
che era monaco e discepolo del detto Beato, dalla voce del 
()uale raccolse il nostro Fr. Gio. Battista la di lui vita e 
lasciolla seritta in latino con mano antichissima che a pena 
s' intende, e io 1' hebbi in Piombino dal M. R. e Eccell. Si- 
gnor Luigi Falugi Pistino, cavaliere di S. Stefano, abbate e 
Pievano di Piombino » (*). Quindi segue a dire che ricevette 



(*) Vita, ediz. cit, p. 130. 

if) Nella copia della Bibl. Comun. Sen. (Cod. K. VII. 21), manca 
V intiera nota che contiene le suddette parole ; mentre in quella che 
^ nelle mie mani si ha la nota, ma senza 1' ultimo periodo. 

(^) LoMBARDBLLi, Vita, ediz. cit, pp. 127, 129. 

(*) LoMBARDELLi, Vitaj ediz. cit., p. 128. — Questo tratto varia 
alquanto nelTesemplare della Bibl. Comun. Sen. (K. VII. 21) e mette 
conto riferirlo. « Seguito... G. B. da Populonia Domenicano figlio di 
questo nostro convt nto di Siena, e amico di esso B. Bernardo e fra- 



40 P. LUGANO 



detta vita in prestito dal sunimentovato Falugi, e la fece ri- 
cavare da Orazio, suo fratello, intendentissimo delle cose 
antiche, « per essere il detto P. Maestro Fr. Gio. Battista 
da Populonia morto in Piombino piii di 240 anni fa, doppo 
ch' hebbe predicato quivi una quadragesima » ('). In altro 
luogo, ricordata la visione della scala avuta dal Tolomei e 
veduta da molti di quei santi romiti, aggiunge, che tra que- 
sti ultimi, secondo che « riferisce il nostro Fr. Grio. Battista 
da Populonia, vi giunse a tempo Fr. Guglielmo, suo fra- 
tello » ('). 

Sono dunque due i frati da Populonia ; ambedue fratelli 
di sangue e per ispirito di religione ; domenicano V uno e 
monaco di Montoliveto V altro. Ma quel che piu monta per 
noi, e la derivazione dairuno airaltro, de' fatti narrati nella 
biografla del Tolomei : V olivetano da Populonia, « coetaneo 
amico e discepolo » del B. Bernardo, racconto al Domenicano 
nullameno che quanto avea constatato per veduta co' pro- 
prii occhi. 

II collegamento e 1' associazione di queste due persone b 
veramente ammirabile, per il fondamento che ne verrebbe ad 
avere la vita del Tolomei, giunta a noi per le mani del Lom- 
bardelli : ma appunto per questo non si dovrj\ lasciar i>as- 
sare senza qualche esame. 

Xell' anno 1335 a Montoliveto venne ordinato che si scri- 
vessero in apposito libro i monaci componenti le singole fa- 



tello di Fr. Gruglielmo da Populonia, allievo di Bernardo, dalla voce 
del quale raccolse il maestro la vita del B. Bernardo, e lasciolla, 
per capi da rae havuta in Piombino » ecc. — V 6 differenza grande 
nella notizia del modo con cui fu scritta, lasciata ed avuta la vita 
del da Popuionia. 

(*) LoMBARDELLi, Vitaj ediz. cit., p. 128. — Queste notizie man- 
cano neir esemp]are della Bibl. Com. Sen. 

(*) Lomrardrlli, Vita, ediz. cit., p. 69. — La suddetta particola- 
ritk manca nelle due copie manoscritte. — Una terza volta, nell'edi- 
zione cit. (p. 65) e ricordato il da Populonia colle semplici parole : 
c Scrive il Fr. Gio. Battista da Populonia » ecc, ma anche questa 
affermazione non si trova negli esemplari mss. 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 41 

miglie de' monasteri di tutto FOrdine: il che si doveva fare 
ogui anno per V occasione del Capitolo generale, in cui ve- 
nivan rinnovate ed approvate le famiglie de' monasteri ('). 
D' allora in poi noi dovremmo avere la serie non interrotta 
di tutti gli ascritti all' Ordine Olivetano : ma V uso di quel 
tempo portava clie al rinnovarsi della famiglia monastica, si 
annullasse quella delP anno precedente, non gi^ con qualche 
tratto di penna, come si pratico sul finire del secolo XIV, 
ma colla rottura de' fogli che n' andaron dispersi. La per- 
dita e certamente grande, perch^ non ci resta piti un cata- 
logo esatto de' monaci di Montoliveto, dal principio al 1379, 
ma per il nostro caso non ci h di verun nocumento. 

Xella « Familiarum Tabula » (tale h il nome de' suddetti 
libri), che va dal 1379 al 1458, troviamo registrato il nostro 
frate Gulielmo da Populonia. Nel 1379 era novizio nel mo- 
nastero di S. Maria Nuova di Eoma: nel 1380, tra' monaci 
conventuali dello stesso luogo : a S. Girolamo d'Agnano nel 
Pisano, V anno 1381, e negli anni 1382 e 1383 nel mona- 
stero di S. Ponziano di Lucca. Dopo questi anni non si trova 
piu registrato, se non nel « Necrologium » all' anno 1384. 

II vero nome del nostro monaco e « frater Guilielmua 
lohannis de plumbino de Pisis » : la patria, Piombino, nel 
territorio pisano, ordinariamente in quei tempi detta anche 
Populonia, distrutta citt^ etrusca che ne dista vari chilome- 
tri. Xel « Xecrologium » al primo scritto — « F. Guilielmus 
de plumbino comitatus pisarum » di Luca Garganelli (-f- 1520), 
fu aggiunta da mano posteriore, forse de' primi del secoh) 
XVII, la notizia seguente : — « ab hoc discipulo B. Bern. 
collegit vitam eius Fr. lo. Baptista a populonia, frater. » 

Pj questi adunque il fratello del celebre agiografo Dome- 
nicano: egli pero non solo non fu « coetaneo » del Tolomei, 
ma entro nell' Ordine di Montoliveto ch' eran gi^ passati piu 
di trent'anni dalla morte di lui (a. 1348). II qual tratto di 



(M Cfr. Spicilegium Montolivetense, vol. I, praef. p. XIX; P. Lu- 
OANO, Memorie deipiii antichi Miniatori e Calligrafi olivetanij Firenze, 
Scuola tip. Salesiana, 1908, p. 20 e segg. 



42 P. LUGANO 



tempo (dal 1348 al 1379) era piu che aufticiente, iu quegli 
anni calamitosi e devastati dalla peste, al rinnovellamento 
di tutti i monaci dell' Ordine di Montoliveto. Niuno infatti, 
di ottantadue monaci ricordati in un documento del 2 mag- 
gio 1342, come esistenti a Montoliveto (*), viveva in alcuno 
de' monasteri olivetani nel 1379. 

I5 evidente pertanto che il nostro Fra Gulielmo da Popu- 
lonia (1379-1384) non parlo col Tolomei e neppure lo conob- 
be. Pote averne sentito parUire per bocca d' altri ; ma allora 
s' entra nella tradizione, che sar^ esaminata in altro luogo. 

Nulla e a dire del domenicano da Populonia, al nostro, 
fratello (*) : che il servizio fatto al Lombardelli, pote a lui 
esser utile e bello, a noi poco o nulla. 

Quando vien meno il fondamento, croUa 1' intiero edifizio. 



(i) K. Arch. di Stat. Sbn., M. 0. M., vol. 27 (AF. 316), c. 24. 

(') Qualche cenno si trova in un volume delP Archivio di S. Be- 
nedetto di Siena (R. Arch. di Stat. Sbn.), ove si dice morto nel 
1384 ; ma temo si tratti di una confusione col fratello (vol. 22 (1118), 
f. 241). Qualche breve notizia si pu6 vedere nell' Historia Conventus 
S. Dominici ad Campum Regium del P. Ambrogio Tantucci (Bibl. 
COMUN. Sen., Cod. B. X. 2, fasc. XXIV, art. IV, n. VIII, IX e X). 








Cap. II. 



SOMMARIO 

Siena e il governo dei Nove. — Educazione e studi del B. Ber- 
nardo Tolomei. — II B. Bernardo « miles atque doctor eximius » . — 
Antonio da Barga e la leggenda. — II discorso sul disprezzo del 
mondo. — Lo studio di Siena nella seconda met4 del sec. XIII. — 
Le deliberazioni del Consiglio generale del 1275. — Lo studio gene- 
rale. — Le scuole. — La Laurea dottorale. — Se il Tolomei abbia 
tenuto scuola. — Antonio da Barga e la sua Cronaca. — Altre Cro- 
nache di Montoliveto. — Loro origine e compilazione. — Altre opere 
storiche. — Alessandro da Sesto milanese, scrittore e miniatore di 
libri corali, cronista. — Altra Cronaca, sua origine e autorita. — 
Luca Garganelli e i suoi lavori per ia storia di Montoliveto. 



Messa dunque da parte la leggenda, e liberato il camiDi- 
no da racconti, favolosi talvolta, e sempre esagerati, n^ coni- 
patibili con V indole della natura umana, sempre uguale a 
se stessa, s' apre la via a narrazione, che sar^ meno mara- 
vigliosa, ma piu sicura e certa. 

I tempi, ne' quali visse gran parte della sua vita il fon- 
datore di Montoliveto, volgevano per la Repubblica Senese 
belli e sereni. « Col reggimento dei Xove (1292-1355), - dice 
il compianto prof. Cesare Piioli -, ebbe Siena una lunga etil 



44 P. LUGANO 



(U floridezza, la piu prospera forne, e la ])iu luminosa della 
sua storia. Fermo nelP alleanza eon Firenze, e, insieme con 
questa, zelatore operoso della parte guelfa, e del paeifico stiito 
della Toscana, il governo dei Xove assicuro per questi modi 
la vita del comune di Sieua da ogni esterno i>ericolo; e in- 
tanto provvide con sapiente alacritt\ e con ottimi successi, a 
ingrandire il territorio dello Stato, sia con accomandigie e 
sottomissioni di comuni e di signori, sia con acquisti di ca- 
stella, di terre, di giurisdizioni. La citt^ s' abbelll di edifizi 
pubblici e imvati: si fondo il palagio del comune : ebbe in- 
cremento il bellissimo Duomo ; e nel Tempio la pittura se- 
nese, che aveva avuto in Guido il suo Cimabue, mostrava 
documenti della propria eccellenza nei quadri e negli affre- 
sclii di Duccio di Buoninsegna, dei Lorenzetti, di Simone 
Martini. Fiorivano le arti e il commercio : lo studio generale 
rinasceva a nuova vita per la venuta degli scolari Bolognesi 
nel 1321: prosperavano le opere pie: e nel 1327 i Nove or- 
dinavano un censimento dei cittadini (il piii antico di cui si 
serbi memoria), il quale, a detta del Malavolti, diede la somma 
di oltre undicimila settecento famiglie ». 

« Ma il governo dei Xove era un governo cliiuso ; e se 
iii cio (come gi^ i patrizi veneti nella Serrata del Gran Con- 
siglio) ponevano essi la i>ropria forza, accumulavano intanto 
contro di se le gelosie di tanta parte di cittadinanza di vari 
ordini esclusa dalla signoria. Ribellaronsi i Nobili piii volte; 
poi i giudici e notai chiesero d' essere fatti partecipi, coi 
mercatanti, del governo; poi comincio a tumultuare la plebe, 
aizzata dai Grandi, e cupida essa medesima di avere parte 
al reggimento. I tumulti si repressero col sangue e con gli 
sbandimenti : ordinaronsi vigorosamente, a difesa del magi- 
strato dei Nove, le milizie cittadine per terzieri e per con- 
trade, e simile ordinamento si estese alle masse e al contado. 
Inoltre per far mostra d^ aderire ai generali desiderii, nel 
1318 si rinnovarono i bossoli contenenti i nomi dei cittadini 
abili al supremo magistrato, e vi s' inscrissero altre parec- 
chie famiglie del ceto medio; ma in realt^ continuarono sem- 
pre a sortir fuori i soliti iiomi delle famiglie, che gia da anni 



OBIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 45 

avevaiio iu mano la cosa pubblica. Erasi £a,tta nu' oligarchia 
iutoUeraute e alla graude masaa dei cittadiui iutoUerabile : 
onde uouostaute le molte beuemereuze verso lo Stato, dovet- 
te cadere » (^). 

Sotto questo governo visse la fauciuUezza e 1'adolescenza 
(1272-1313) il uostro Tolomei. Quale fosse la sua prima edu- 
cazioue, dopo il battesimo (') e i primi auni dell' infauzia, 
nou si puo asserire se uou "per ragiouevole congettura. Certo, 
easa fu quale ordiuariameute solevasi impartire presso tali 
famiglie, che riuuivauo iu s^ e la parveuza della mercatura 
e lo spleudore della grande casata. 

L' educazioue domestica non poteva iieppure allora esser 
uegletta, se uei libri dei tutori si trovano registrate le spese 
fatte per iuseguare ai ragazzi leggere, scrivere e abbacare. 
« Quindi e da riteuere che questo dovesse essere loro obbligo. 
Vediamo iuoltre, che nei Oousigli ogni tauto uu ragazzo 
legge, pubblicameute, i baudi o qualche atto simile: per cui 
dobbiamo credere che la istruzioue elemeutare fosse abba- 
stauza diffusa e buona. Certo vi era siu d' allora modo di 
perfeziouarsi : vi erano i maestri di grammatica e di retorica, 
vi era la scuola notarile ben orgauizzata dove si davauo esa- 
mi piii difficili di oggi (') ; ed e ormai noto clie sino dal 



(A) C. Paoli — / € Monti » o fazioni nella Repubblica di Siena in 
Nuova Antologia , III Serie, vol. XXXIV, tksc. XV, (1 agosto 1891), 
p. 409-410; cf. Iulien Luchairb, Le Statut des Neuf Gouverneurs et 
D€fenseurs de la Commune de Sienne in Melanges d* Archeologie et 
d' hMtoire, Bome, Tora. XXI. 

{*) A Siena, come iu generale quasi dappertutto, il battesimo si 
amministrava, ancora nel secolo XIII e parte del XIV, per immer- 
sione ; il qual rito 6 descritto nell* Ordo Officiorum ecclesiae Senensis 
(ediz. Trombblli, Bononiae, MDCCLXVI), cap. CLXXXI, p. 165, com- 
pilato, su varie redazioni prectsdenti, dal canonico Oderico (+1286). 
Cfr. L. Zdbkauer, La vita privata dei Se^iesi nel Dugento in Cojife- 
renze della Comm. Sen, di S. patr., vol. II, 1896, p. 9 segg. ; V. Lu- 
siNi, II San Giovanni di Siena e i suoi restauri, Firenze, Alinari, 
1901, p. 12. 

(') // Constituto del Comune di Siena delV anno 1262, ediz. L. 
Zdekaubr, Milano, 1897, an. 1238, II, 141. 



40 P. LUGANO 



1250 lo 8tatuto aveva fiHsato gli »tipendi per i maestri cli 
giurisprudeuza e di mediciua, che insegnavano nello stu- 
dio » (»). 

La le|?g:enda riuvenuta a grau fatica dal Lombardelli col- 
lega r educazione del Tolomei a' frati di S. Domenico di 
CamiK)regio di Siena, donde il padre volle che ne fosse piii 
tardi allontanato (^) : la qual cosa puo esser derivata dalle 
antichissime e vere relazioni di reciproca amista, per lungo 
tratto di tempo, esistite tra que' frati e la famiglia Tolo- 
mei (*). Ma se cio puo ridondare a lustro e deeoro di queUa 
famiglia domenicana, non v' e ragione seria e sufficiente per 
poterlo aflfermare, senza tema d' andar errati (*). 



(^) L. Zdekauer — La vita privata cit, p. 14:-15; Idem, StiUe ori- 
gini dello Stndio SenesBy Siena, C. Nava, 1893, p. 17. 

(*) LoMBARDELLi, Vita, ediz. cit., lib. I, c. III, p. 5 ; cfr. Orapfi, 
Vita, ediz. cit., p. 24-25; Mar^chaux, Vie, ediz. cit, p. 12 segg. ecc. 

i^) Sono da ricordarsi la B. Nera Tolomei, mantellata domenicana 
(n. 1230 + 1287) ilB. Gio. Battista, domenicano, morto in Avignone 
(n. 1248 -f 1320), il B. Cristofano di Mino, il B. Bonaventura (+ 1348), 
Ja B. Angiola ed altri, tutti della famiglia Tolomei, ascritti all'Ordi- 
ne de' Predicatori. — Nell' Ohitnario di S. Domenico (Bibl. Comun. 
Sen., Cod. C. III. 2i sono notate molte persone della famiglia Tolo- 
mei, che ebbero sepoltura nel chiostro o nella chiesa di Camporegio. 

(*) Deve per6 notarsi che il P. Cristoforo Tolomei, cui dice il 
LoMBARDBLLi {Vita, p. 5), venisse affidata V educazione del B. Ber- 
uardo, realmente viveva ed era gi& frate Domenicano suL iinire del 
secolo XIII. II Besozzi raccolse di lui le memorie seguenti : c Nel- 
Tistrumento (egli dice nella risposta al Critico delle Novelle Lettera- 
rie di Firenze), ossia processo di una lite sostenuta nel 1298 da fr. 
Cristofano Tolomei dell' Ordine de' Predicatori, figlio del p. lacomo, 
o Mino Tolomei, per essere stato esecutore testamentario di Jacopo, 
si scopre evidentemente, che v' era questo fr. Cristofano, ed era figlio 
di Mino di Rinaldo, e doveva esser zio del Beato, come dalP Archi- 
vio di casa Tolomei, conte Germanico e conte Claudio. Coai pure dal 
libro Contratti diversi dell' insigne e ricchissimo Archivio Bichi, al- 
Tanno 1303 (Tom. 2, cart. 25) fra gli altri presenti ad un contratto 
si legge fr. Cristofano Tolomei : ed in un altro libro di varii con- 
tratti ed altri documenti dei PP. di S. Domenico, sotto 1' anno 1312 
(n. 31 1, si legge un testamento di Mita vedova di Lappo del q. Al- 



ORIGINE DBLL' ORDINE DI MONTOLIVETO 47 



II certo si e che il nostro B. Bernardo s'applico con gran 
fervore agli studi e ne trasse molto profltto. Infatti il cro- 
nista Antonio da Barga, vissuto nella prima met^ del secolo 
XV, che scrisse con documenti alla mano, e su relazioni au- 
tentiche di fatti noti a tutti i Monaci di Montoliveto, e com- 
provati da testimoni di veduta (*), lo dice « miles atque do- 
ctor eximius », qualiticandolo anche di « vir doctus » (*). 

Su queste parole del Cronista da Barga, le Cronache po- 
steriori di Montoliveto si estesero a narrare lunghi episodii 
della vita magistrale del Tolomei. Leggeva egli, secondo que- 



dello, che, fra gli altri legati, lascia lire 10 a fr. Cristofano de' To- 
lomei dell' Ordine de' Predicatori ; e a cart. 60H, che nell' istesso 
anno f. Buggieri, vescovo di Siena, sostituisce fr. Cristofano di Mi- 
none, priore de' PP. Pfedicatori di Siena, per Inquisitore : al n.^ poi 
1309 si nota che Filippo, principe di Taranto aggiunge fra' suoi do- 
mestici nel 1326 fr. Cristofano Tolomei di Siena > . 

Mi piace constatare, per le poche ricerche da me fatte, che le no* 
tizie date dal Besozzi sono esatte. L' atto del 1312 (ottobre 16) si 
trova nell' Arch. di Stato in Sibna {S. DomenicOy diplom. ad an- 
num)f come vi si conserva ancora 1' atto di nomina a cappellano di 
corte, fatta da Filippo, figlio del re di Sicilia, in data del 12 giugno 
1226 (S. Domen. diplom. ad an.). Di pii : il nostro Cristofano Tolo- 
mei 6 ricordato in un documento del 6 dicembre 1330 tra i frati di- 
moranti a S. Domeuico, ed ancora il 16 novembre 13d2 appare co- 
me rettore, amministratore e governatore nato dello Spedale di 
Santa Maria di Castiglioncello « Ghinibaldi » (8. DomenicOy diplom. 
ad an.). 

Di qui si vede quaie strazio facessero del nome di frate Cristo- 
foro Tolomei, 1* Ugurgikri (Pompe Senesi)^ Girolamo Gigli (Diano 
Senese) ed il Tantucci (Bibl. Comun. Sbn., Cod. B. X. 2, fasc. V, 
n. XXXI seg.). 

L' Obituario di S Domenico (Bibl. Comun. Sen., Cod. C. III, 2, 
fol. P). sui prirai del giugno 1337, nota la morte di Giovanni « de 
Tholomeis» - qui fuerat frater noster — sepultus est V die Junii. — 

(^) Cosi egli ci assicura : < Nam, que scripsimus, partim ex ar- 
chiviis Montis Oliveti excepimus, partim ab antiquis audivimus pa- 
tribus; alia oculis nostris perspeximus » . Ant. Bargbnsis. Chronicon 
Montis Oliveti in Spicil. Montol., I, p. 4. 

(•) A. Bargensis, Chronicon^ ediz. cit., pp. 6, 32. 



48 P. LUOANO 



«te Cronache (*), diritto civile^ ed alla 8iia cattedra accorre- 
vano scolari, desiderosi di sapere, da ogni parte d' Italia ; 
tant' era la fania che ne circondava il magistero e 11 notne. 



(') Mi piace riferire questo tratto, togliendone gli abbellimenti 
superflui. c Hic (B«irnardu8) in saeculo constitutus : et declarandi 
iaris civilisin prefata civitate sua cathediam tenens: quum eiusdem 
facultatis studio sollicite operam daret : et numerosa scolarium au- 
ditorum suorum multitudine gravatus, investigandae doctrinae illius 
veritati curiosius intenderet, ob sapientiae suae scientiaeque doctri- 
nam (qua maxime poliebat) charus omnibus et gratissimus habeba- 
tur... Nam quum auditoribus suis iustitiae semitas et legum sanctio- 
nes fidelis doctor Joannes maxima cum charitate ostenderet : et ma- 
terias scabrosas ac difficiles toto conamine dilucidare niteretur : 
contigit quadam die legente eo (ut solebat) materiam valde obscu- 
ram et scrupolosam illis occurrere. Tunc pius magister, cupiens illos 
quos uti filios diligebat, veritatem certius instruere, et a tali ambi- 
guitate reddere claros : statuit diem certum : quando dicta materia 
in disputationem deducta : et hinc inde (omnibus pro sententia sua 
loquentibusi plenius ventilata atque discussa, lumen purae veritatis 
innotesceret. Et ut veritas, quae querebatur, iacilius posset appre- 
hendi, iubet omnes auditores suos, aliosque iurisperitos infra prefi.- 
xum tempus solito vehementius studio huiusmodi legum insistere... 
Dum... dies disputationis appropinquaret, quum alterius oculorum 
morbo laboraret: pro reddendo discipulis promissae collocutionis de- 
bitO| salutem sibi a Domino restitui precabatur. £t ecce in altero 
oculo vehementissimo mox dolore torqueri coepit, et ita invalescente 
morbo graviter affligi, ut pene toto lumine privatus coecusque effe- 
ctus, non modo quidem legere^ sed nec lumen coeli aspicere posset. 
. . . Votum vovit... Deo... quod si reddita sibi sanitate amissum ocu- 
lorum luraen recuperare mereretur, penitentiae habitum statumque 
assuraeret servorum Dei... Emisso enim huiusmodi voto, continuo 
Joannes sensit in se Dei virtutem, et ita omnis illa adversa valetu- 
do ab eius oculis est fugata... Famulus Dei.. primum ad gratiarum 
actiones liberatori suo reddendas est conversus, deinde proponit ad 
consuetum lectionis locum tamquam discipulis lecturus accedere. Con- 
veniunt omnes.. ascendit cathedram doctoralem doctor egregius : et 
in nomine Domini aperiens os suum, quae in eam Deus egisset mi- 
rabilia per ordinem enarravit. Super quibus vir ille potens in verbo 
et sancti Spiritus igne succensus, sermonem copiosum pro lectione 
aggressus, mirificam eis de mundi contemptu orationem exhibuit.... 
Chron. A, fol. 2, 3. — Deirautoriti di questa Cronaca e della sua 
redazione si parler^ a suo terapo. 



ORIGINE DELL' OEDINE DI MONTOLIVETO 49 

Bra allora su' quarant' anni incirca. Annunzio un giorno a' 
suoi uditori, che avrebbe loro ragionato, fra qualche tempo, 
di una delle piti ardue questioni di giurisprudenza : e gi^ 
molti si eran mossi, attirati dalla £a>ma di tanto maestro, 
anche da lontani paesi, per udirlo: quando per un caso im- 
provviso, la cosa ebbe tutt' altro effetto. Avvicinavasi il 
giorno stabilito, e Bernardo che avea male ad un occhio, 
pregava Dio che glie lo guarisse. Ora avvenne che, comincio 
a dolergli fortemente Paltro occhio, e il male crebbe flno al 
puuto ch' egli perdette quasi del tutto la vista. Si rivolse a 
Dio, promettendo di dedicarsi a liii, se riacquistava la vista. 
Fu esaudito. Eingrazio Dio, e salito in cattedra il giorno 
stabilito per la soluzione della intrigata questione di giuri- 
sprudenza, tenne a' suoi scolari e uditori un magniflco di- 
scorso sul disprezzo del mondo, dopo il quale si ritiro nel 
deserto. 

Questa pia narrazione e, senza dubbio, un divoto e bel- 
lissimo ricamo fatto sulle gi^ ricordate parole di Antonio da 
Barga. Ne qui s' arresto il santo fervore de' monaci. Vi fu 
chi s'accinse, nella seconda met^ del secolo XVI, a scrivere 
latinamente il discorso uscito dalla bocca del Tolomei nella 
surriferita occasione (*), e chi, piu tardi, prese a renderlo 
volgare e ad illustrarlo ampiamente. Fu questi un monaco 
bolognese, di nome D. Mario Mattesilani, nato il l^ dicem- 
bre del 1523, entrato nell' Ordine di Montoliveto il 30 marzo 
del 1541, ammesso quindi a' voti il 30 marzo deirannosus- 
seguente, che di carica in carica pervenne alla dignitfl abba- 
ziale, e fini i suoi giorni nel 1606. Egli pertanto nel 1582 
volgarizzava il sermone del Tolomei sul disprezzo del mondo, 
e dedicava il volgarizzamento al Senese D. Pio Nuti, gene- 
rale delP Ordine. Ne contento di questo, nel 1586, dava alle 
stampe il suo volgarizzamento corredandolo di alcuni discorsi 



(^) II testo latino ^ perduto : a noi non giunse che lanotizia tra- 
mandataci dal Lombardblli (Vitaj ediz. cit., p. 22, e 127) e dalMat- 
tesilani. 



50 P. LUGANO 



illustrativi (^). £ questo il coliiio, cui po8Ha raggiungere uua 
leggeDda, svilappatasi con tutte le pirl favorevoli manife8ta- 
zioni deir opera umana. 

11 discor»o latino del Tolomei non e giunto a noi ; e se 
e fedele il volgarizzamento fattone dal Mattesilani bisogna 
coDchindere che queHti non ebbe tra le mani il discorso au- 
tentico. Gli accenni storici a fatti^ accaduti molti anni dopo 
il ritiro del Tolomei al deserto, e gli anacronismi, di cui ri- 
donda il testo volgare, tolgono a questa leggenda ogni ar- 
gomento di autenticit^ ed ogui fede, e ci rivelano un lavoro 
fatto, con ogni probabilit^, ad uso di scuola. 



(*) Questo afferma il Lombardblli (Vita, ediz. oit., p. 127), che di 
piu aggiunge aver riveduto, corretto, emendato e purgato da molti 
errori il volgarizzamento del Mattesilani, il fratello suo Orazio Lom- 
bardelli, il quale ne die anche il giudizio nella terza parte del Bag- 
guaglio de gli scrittori SpirituaU (Vita, p. 22). Sembra per6 che que- 
sta terza parte del^opera di Orazio Lombardelli non sia stata pubbli- 
cata : certo che nell' opuscolo di lui che porta il titolo — Del Rag- 
guaglio de gli Scrittori Spiritiiali (Firenze, Giorgio Mariscotti, 1592, 
in 12.mo), — non si fa menzione, nh del sermone del Tolomei, n6 del 
volgarizzamento del Mattesilani. 

Queati, tra le diverse opere scritte e pubblicate (cfr. Giov. Fan- 
Tuzzi, Notizie degli Scrittori Bolognesi, Tom. V, Bologna, 1786, p. 364), 
una ne ha che porta il titolo — DeW Orazione, opei^a dioisa in piH 
partij Bologna, 1586 — che probabilmente 6 quella rammentata dal 
Lombardelli, e che io non potei avere nelle mani, per quante ricer- 
che ne facessi. — Del resto, il volgarizzamento del Mattesilani fu 
pubblicato anche dalP Oraffi (Vita^ Venetia, 1660, p. 41-72), che lo 
trasse dalPArchivio di S. Benedetto di Siena. — Precede una epistola 
dedicatoria alPab. Nuti, colia data di Bologna, 15 maggio 1582, nella 
quale, fra le altre cose, tenta di far risalire ad alta antichit^ il testo 
latino, dicendo che esso « era stato veramente molto maltrattato e 
dalle tignuole, e dalla polvere, e dalla vecchiezza corroso e consum- 
mato, e di tal modo le carte lacerate, che v'erano delle clausole in- 
tiere che a pena soorger, non che legger si poteano, ne pur far ri- 
tratto d' una parola ». 

Nelle Miscellanee di Ubbrto Benvoglibnti (Biblioteca Oom. Sen., 
Cod. C. V. 12, fol. 207-240/ si trova una copia del discorso del Tolo- 
mei, con diverse annotazioni: ma la copia e le annotazioni non sono 
del Benvoglienti, bensi, con ogni probabiliti, del prete Sestigiani. 



OEIGINE DELL' OEDINE DI MONTOLIVETO 51 

Tuttavia, anche metteudo da parte cio che e leggenda, 
resta 1'aifermazione di Antonio da Barga^ che merita qualche 
parola di piti. 

Sembra certo che il Tolomei passasae la fanciuUezza e 
1' adolescenza nella nativa cittA di Siena: almeno, nessun do- 
cumento od antentica tradizione ce lo mostra fiiori. Quivi 
adunque egli compl i suoi studi. 

Ma qui giova proceder caiiti; ch^ una piena storia dello 
Studio Senese, per V alto e basso medio evo, non e ancora 
stata fatta. Lo Zdekauer, cosi benemerito degli Studi Storici 
di Siena^ ne lia trattato le origini fino al rinascimento in 
una conterenza, che sinteticamente tracciando le linee prin- 
cipali del nascere, dello svolgersi e del fiorire dello Studio, 
quantunque dotta e precisa, non riesce a soddisfare piena- 
mente le esigenze di chi vuole che 1' argoraento sia profon- 
damente sviscerato in ogni parte ('). Nulla dico della storia 
dello Studio Senese nel Rinascimento, trattata ampiaraente 
dal dotto uomo, perche abbraccia un periodo, clie, per ora, 
non ha relazione col caso nostro ('). 

15 duopo adunque ritornare alla metA del secolo XIII, 
e dietro le tracce dello Zdekauer (') e del Sanesi (*), vedere 
la vita dello Studio di Siena. 



(^; L. Zdbkaudr, SiUle ot-igini dello Studio Senese, Siena, C. Nava, 
1893, pp. 35. ~ Vedi a p. 27, di quesfopuscolo la bibliografia rela- 
tiva alP argomento. 

(^) L. Zdekaubr, Lo Studio tii Siena nel Rinascimento, U. Hoe- 
pli, Milano, 1894. 

(') L. Zdekaubr, StiUe Origini^ cit.^ p. 14. 

(*) II ch. p).*of. GiusBPPE Sanbsi, facendo una rassegna bibliogra* 
fica dei Documenti per la Storia deUa R. Universitd di Siena, raccolti 
dal rettore prof. D. Barduzzi (Serie prima [1275-1479], Siena, L. Laz- 
zeri, 1900, pp. 38), nelV Archivio Storico Italiano (Serie V, tom. XXVII, 
dispensa 2*, Firenze, 1901, p. 376-387), con nuove notizie, e piu, con 
nuovi argomenti, ^ venuto a piu chiare conclusioni. Lo stesso prof. 
Fortunato DoNATi (Bullettino Sen, VIII (1901), p. 484-85), che ne di 
notizia, sembra accettarne il valore, « sebbene la scarsit^ dei docu- 
menti lasci supporre che lo Studio senese abbia avuto per tutto ii 
secolo XIII una vita molto intermittente ed abbia funzionato piu 



52 P. LUGANO 



Lii priiua notizia di salari e ili maestri nello Studio se- 
nese, e del 1210 ('), ed essa « in niodo non dubbio ei rivela 
clie orniai una scuola del Coinune era norta : una scuola, per 
consei^ueuza, o gefieralniente a|)erta a chiunque avesse inten- 
zione di frequentarla, o specialmente riservata ai cittadini ; 
in cui gli insegnanti erano mantenuti a spese del pubblico 
erario ; e che otfriva ai docenti e ai discepoli tutte quelle 
garanzie e «luei diritti, che accoinpaguano sempre ogni isti- 
tuzione creata e sorretta dallo Stato » (*). Dal 1240 al 1249, 
i documenti, sebbene scarsi, ci presentano nello Studio di 
Siena, qualche « gramatice professor, come Tebaldo q. Or- 
landini de tSenis, e qualche « lector iu arte medicine », come 
messer Cxiovanni Mordente da Faenza, che si potrebbero con- 
siderare come i primi rivelatori della vita, finora latente, 
dello Studio senese ('). Xon metteva conto tener aperto lo 
Studio, stii^endiando i maestri, se gli scolari non accorrevano 
alla citt^, recando seco quei materiali vantaggi che sogliono 
aversi, dove essi hanno fissa dimora. Quindi si manda, per 
iniziativa, sembra de' maestri, nel 1246, dei nunzi - per ci- 
vitates et castra Tuscie, ad invitandum scolares, ut deberent 



spesso come scuola privata che pubblica > . — Tratt6 le origini dello 
studio di Siena, egregiamente, com'^ suo uso, anche il ch. P. Enrico 
Dbnifle (Die Universitdten des Mittelalters bis 1400 — Erster Band: 
Die Entstehung der Universitdten des Mittelalters bis 1400 — Berlin, 
Weidmannsche Buchhandlung. 1885, p. 429-452), ma egli parte dal 
1246 ; raentre ora, dopo la scoperta di nuovi documenti, si va qual- 
che passo addietro, e si devono modificare alcune sue asserzioni. 

(*) Si tratta di un documento del 26 dicembre 1240, in cui si legge 
che dal Podesta vengono scomputati « locatoribus hospitiorum sco- 
larum > i denari < quos ipsi dederunt Comuni pro solvendo salario 
magistrorum > , accennato per il primo dal ch. Dott. R. Davidsohn 
(Docuinenti del 1240 e del 1251 relativi atlo Studio Senese in Bul- 
lett senese, VII (1900), p. 168-170). 

(*) Gr. Sanesi, in Arch. Stor. Ital., loc. cit., p. 380. 

(^i L. Zdekauer, Sulle Origini, cit., p. 28-29 ; G. Sanesi, loc. cit., 
p. 380. — Nel Constituto del Comune di Siena deWanno 1262 (ediz. 
L. Zdekaubr, Milano, U. Hoepli, 1897, p. 410) 6 un' aggiunta del 
1264, relativa a maestro Tebaldo, onorevolissima per lui e per il 
Comune. . — 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 53 



A^enire Senas, ad stadendum in legibus sub Domino Pepone, - 
che nuovamente ripartono nel 1248, per invitar scolari ai 
corsi di legge del suddetto messer Pepo, e dei maestri Te- 
baldo, il Grammatico; Giovanni Mordente, Pietro Hispano 
e Griovannino, medici ; mentre V imperatore Federigo d^ or- 
dine agli scolari senesi di abbandonare Bologna. Siamo nel 
1249, e lo Studio di Siena ha gi^ i corsi di legge, di gram- 
matica, di dialettica e di medicina (*). Dal 1250 al 1275-76 
poche sono le memorie, e queste poche di lieve momento ('). 
Ma col 1275 ha principio un nuovo periodo storico per 
lo Studio senese. « Era un Giovedl (18 luglio 1275) ed il 
Consiglio della Campana era convocato per deliberare sulle 
sorti dello Studio. La cittA era passata nelle mani dei Guelfl 
e dominata da un Magistrato di 36 Priori. Sembra che mes- 
ser Bartolomeo Saracini avesse preparato un Promemoria da 
consegnarsi ai Signori 36. Prima si discusse in adunanza se- 
greta, sulla convenienza della consegna stessa. Bartolomeo 
Saracini svolse la sua proposta, aftermando la necessit^ di 
mantenere e di proteggere lo Studio generale. Messer Gri- 
folo, giudice, appoggio hi proposta ed insist^ sul fatto, che 
tali prowedimenti dovevano prendersi, in modo : « ut bene 
sentiatur per civitatem. » Parte Guelfa dunque anch' essa 
aveva compreso perfettamente V importanza dello Studio. II 
giorno 20 di Luglio si radunsirono i 36; la proposta piacque 
e si elessero due Sindaci, ai quali si diede Pincarico, di con- 
ferire coi Eettori, maestri, scolari e librai intorno ai privi- 
legi ed al salario da concedersi, ed insomma a tutto Poccor- 



(*) Cfr. L. Zdekaubr, Sulle Origini^ cit., p. 16, 31, 32 ; Idem, Lo 
Studio di Siena nel Rinascimento^ Milano, 1894, p. 23. — Che V ini- 
ziativa de^ nunzl partisse principalmente da* maestri, mi pare si possa 
^iFermare sul fatto che il Comune rimborsava ad essi le spese fatte 
a quest' uopo, e non gi& a' nunzi direttamente. 

(-) Nel marzo 1268 (stil. sen. 1267) il Camarlingo di Biccherna 
paga la pigione di casa a maestro Tebaldo, dottor di grammatica, 
per 1* anno innanzi ; e nel giugno 1270 gli si paga una somma « pro 
feudo sex mensium, secundum formam capituli Constituti » . G. Sa- 
NE8I, Avch. Stor. It, cit. p; 380. 



54 P. LUGA^O 



rente lyer lo Stndio. La oondizione principale, che metteva la 
citt^, si era, ohe i profesBori fossero presenti 8 giorni prima 
della festa di San Michele (29 Settembre) e che non si mo- 
vessero da Siena dnrante tutto 1' anno scolastico » ^). 

Di eccezionale importanza h il parere di messer Grifolo, 
manifestato ed abbracciato nell' adunanza segreta del 18 lu- 
glio. Egli doix> aver detto che il disegno dello Studio venisse 
affidato ai Signori trentasei, soggiunse: - et ut bene sentia- 
tur per civitatem vult quod per consilium generale et iu 
consilio generali firmetur et dicatur, et placet sibi quod si 
expedierit tirmare per statutum, vult quod firmetur, et fir- 
menttcr etiam Constitutiones factas ab Imperatore^ supra fa^to 
Studii generaUs (*).- 

Qnali erano le costituzioni imperiali che dovevano esser 
mantenute ed osservate! II prof. Sanesi giustamente esclnde 
che si debba intendere la famosa costituzione ^afet^a diretta 
da Federico Barbarossa, intorno al 1155, a tutte le scuole 
d' Italia ; « sia perche essa e di carattere generale, mentre 
qui par che si alluda a qualche cosa di particolare; sia x>er- 
ch^ V Habita parla principalmente degli scolari, mentre qui 
si parla, in termini piu generici, dello Studio; sia perch^ chi 
delineo nettamente le caratteristiche necessarie a uno Studio 
generale non fii il Barbarossa, ma (come il P. Denifle ha di- 
mostrato) Federico II » ('). £ a ritenersi dunque che si al- 
luda a costituzioni di quest' imperatore particolarmente rehi- 
tive a Siena. 

Ma v' e modo di stabilire qualche cosa di piu. Xei libri 
della Biccherna sono registrati due pagamenti fatti ne' mesi 
di agosto e settembre del 1246: il primo a Stefanino nunzio 
del Comune, pel suo viaggio di 14 giorni, nelFandare presso 



(1) L. Zdekauer, Sulle Ongini, cit. p. 19. — II testo di queste 
due sedute del Consiglio Grenerale, gik pubblioato dal Garpellini 
(SuUa origine nazionale e popolare delle Universitddi Studi in Italia 
e particola^-me^ite deUa Universitd di Siena, Siena, Mucci, 1861, p. 65-66), 
h nuovamente edito dal prof. D. Barduzzi (Documenti cit., p. 9-12). 

(2) D. Barduzzi, Bonumenti , cit , p. 10. 

(3) G. Sanesi, in Arch, Stor. It.j cit., p. 386. 



ORIGINE dell' obdine di montoliveto 55 



il re a Fucecchio, ed a Bologna con lettere del Comune, 
per il fatto degli scolari e dei mercanti, colA^ di stanza, per- 
ch^ abbandonassero qnella cittA, secondo il mandato dei re : 
e 1' altro ad un nunzio che ando per le citt^ e castella della 
Tnscia ad invitar scolari a Siena a studiar legge sotto mes- 
Her Pepo per I' anno venturo (*). Sono queste le due regi- 
strazioni, in cui si trova il primo accenno allo Studio. Dal 
pagamento eseguito neli' agosto apparisce che a Bologna si 
trovavano scolari senesi, i quali non potevano aver altra ra- 
gione d' essersi portati a quella citt^, a\V ini^ori di quella 
(5lie ci mostra lo Studio di Siena mancante del riconoscimento 
legale e non abilitato a conferire i gradi accademici. Gon 
quale autorit^ e guarentigia poteva il Gomune richiamarli 
nel 1246, se prima non li aveva potuti trattenere i Senza 
dubbio, con rautoritjt di un mandato imiyeriale che metteva 
lo Studio di Siena alla pari con quello di Bologna, e lo ren- 
deva privilegiato. II che vien confermato dalla missione di 
Stefanino presso il re a Fucecchio (Federieo d' Antiochia, 
liglio di Federico II e suo vicario in Toscana), con I'intento 
di ottenere il diploma per lo Studio, e dall' altra registra- 
zione di pagamento, poich^ sarebbe stata opera vana invitar 
forestieri senza assicurar loro il godimento di tutti i diritti 
inerenti a uno Studio generale^ senza notare che era quella 
la prima volta che si faceva simile invito. 

Gerto che il privilegio di Garlo IV (16 agosto 1357), non 
die opporsi alle nuove oonclusioni le conferma, supponendo 
con parole esplicite I' esistenza gi^ secolare dello Studio di 
Siena, il quale, con periodi alternati di floridezza e di deca- 
denza, sorto per volont^ del Gomune verso I'anno 1240, ot- 
tenne i)oco appresso, circa il 1246, la sanzione legale dal- 
1' Imperatore Federico II o da un suo vicario, assumendo in 



(^) Qaesti due pagamenti di Biccherna (vol. 18, c. 9, 10), noti a 
tutti coloro che trattarono dello Studio di Siena, non ebbero finora 
il loro giusto yalore se non dall' illustrazione che ne fa il prof. Sa- 
NBSi (in Arch. Stor. ItaLj cit., p. 384-385). 



56 P. LuaANO 



tal guisa, fino da quel tempo, vero carattere cU Studio ge- 
nerale (*). 

Tuttavia giova notare ehe non 8'avr^ un giusto coneetto 
dello Studio del secolo XIII, se si ometterA di osaervare che 
allora non si aveva una sede unica per le scuole, un vero e 
proprio istituto, come oggi siamo usi considerarlo: tutti, od 
almeno parte degli insegnanti, tenevano scuola nella loro 
stessa abitazione (*). Quindi e che a quel corpo di maestri 
e di scolari non manoava 1' unit^ morale che faceva capo 
all'istituto stesso dello Studio, e dallo Studio al Comune; ma 
gli mancava quell' unione, sia pur materiale, tra maestri e 
scolari, tra scuola e scuola, che certamente compie ed ab- 
bellisce un istituto e ne fortifica la solidit^. 

Quando adunque, nelle scuole dello Studio di Siena inse- 
gnavano messer Niccolo « magister in loyca et etiam peritus 
medicus », messer Ranuccio « medicus peritus in arte cilor- 
gie » messer Orlando d' Arezzo « in medicina professor », 
Beltramo « doctor in gramatica », venutivi nel 1285 (*); 



(^) Ho cercato di riassumere le dotte e sottili osservazioni del 
prof. Sanesi che mi pare arrivino ad un bel grado di certezza: e*se 
per6 si potranno leggere per esteso nell* Archiv, Stor. It con molto 
profitto. Avrei voluto essere in quest' argomento piCi severo con me 
stesso. ma le ragioni mi sembran troppo evidenti. Noto solamente 
che il Sanesi poteva con buon diritto escludere quella specie di con- 
tradizione che serabra vedere nella deliberazione del Consiglio Gene- 
rale del 1275 e nella boUa aurea di Carlo IV. La Deliberazione del 
1275 suppone lo Studio, gik legalmente sanzionato e lo possiamo af- 
fermare sulla proposta di messer Grifolo ( — firmentur etiam consti- 
tutiones factas ab Imperatore, supra facto Studii generalis - ), e il 
diploma di Carlo IV (1357), non poteva usar parole piu onorevoli per 
Siena, riconoscendo che il suo — Studium quod ihidem Jiactenus vi- 
guisse^ sed his temporibus permissu Dei aliqualiter ohscuratum esse 
dignoscitur^ in lucem decernimus erigere redivivam. — Del resto, 6 
proprio delP et^ di mezzo, rivendicare tutto il merito di un' opera 
qualunque a chi non fece altro che rinnovarla o darle maggior im- 
pulso. 

(*) L' osservazione 6 del Sanbsi (Arch, Stor. Ital. cit., p. 383). 

(*) Sono ricordati nella Deliberazione del Consiglio gen. del 1285. 
Barduzzi, Documejiti, cit., p. 16 segg. 



ORIGINB DELL' OBDINB DI MONTOLIVETO 57 

messer Bonaguida che leggeva «in decretalibus » (1284-85; 89); 
messer Bandino « professor et magister in scientia gramati- 
ce » (1287-88) ; messer Tuto, giudice da Massa, lettore « in 
legibus » (1288) ; messer Binaldo Alexi che « legit et docet 
in decretalibus » (1296), vari altri, il fondatore di Montoli- 
veto faceva i suoi studi e ne riportava la laurea dottorale, 
colla quale chiudevasi la vita universitaria (*). 

Alle manifestazioni di gioia, collequali festeggiavasi an- 
che in Siena come a Bologna ('), dalle famiglie piu ricche e 
potenti, questo avvenimento, tenne dietro, sen^sa dubbio, un 
periodo di breve riposo. 

A questo punto la leggenda ci manifesta che il Tolomei, 
non dimoro in patria oziando, ma vi stette onoratamente 
raccogliendo intorno a s^ vari discepoli, cui spezzava il pane 
del sapere. Ma questo tratto leggendario e troppo buio, n^ 
^ facile portarvi uno sprazzo di luce. I libri dei Provvedi- 
tori del Oomune, o della Bicclierna, che per altri momenti 
storici e per altro argomento, soglion dare molta luce, poca 
o punta ne d^nno per la vita dello Studio sui primi anni 
del secolo XIV. E quantunque il silenzio di questi libri, non 
possa essere argomento decisivo a negare il fatto, pu6 tut- 
tavia far nascere qualche dubbio sulla veriti della asserzione 
leggendaria ('). 



(^) Un elenco degli insegnanti nello Studio di Siena, nella seconda 
metk del secolo XII I, e compilato dal Sanbsi (Arch. Stor, lial, cit., 
p. 882-B83, nota), e molte notizie sono raccolte anche dallo Zdbkaubr 
(SuUe Originif note). — Dei Giureconsulti Senesi scrissero alcuni ap- 
punti biografici e bibliografici F. Cosblsghi e D. Gaporali (in Studi 
Senesij l (1884), p. 81 segg.; p. 204 segg.; 32 L segg.; II (1886), p. 140 
segg.; 335 segg.). 

C) Cfr. LoDOvico Frati, La vita privata di Bologiia dal secolo 
Xni al XVIII, Bologna, N. Zanichelli, MDCCCC, p. 118-9. 

(*) Sembra certo che ne' Libri della Biccherna si segnassero so- 
lamente gli insegnanti dello Studio, il cui stipendio era stato appro- 
vato dal Comune, per mezzo de' deputati su questa faccenda. II che 
appare dal fatto che nel 1288 sarebbe segnato il pagamento dello 
stipendio a messer Tuto, giudice da Massa c quia legit in legibas», 
ma subito dopo v*& Tannotazione: — « cancellata, quia non habuit di- 



58 P. LUGANO 



Convern\ pertanto ritenere che il Toloinei, se pure tenne 
scnola, non venisse retribuito dal Gomune, oppure insegnasse 
privatamente a' suoi alunni, senz' altra mercede alP infiiori 
di quella che nasce dalla soddisfazione delP animo i)er aver 
fatto un' opera buona, e dalla riconoscente gratitudine dei 
beneficati. 

La leggenda, che si svolse dall' afiermazione del cronista 
Da Barga, trovo forse modo d'accattar tacile credenza dalla 
circostanza che alcuni de' Tolomei erano in quel tempo noti, 
nel ceto ecclesiastico e laicale, i)er fama di lettere e di sa- 
pere. Basti ricordare Guelfo Tolomei, vicario di Siena nel 
V2HS, Gristoforo di Mino Tolomei, canonico della <;attedrale 
dal 1294, Rauieri, arcidiacono Einaldo di Meo di Grasso, 
ambedue appartenenti al Gapitolo Senese dal 1302, nonche 
il iamoso Fredo de' Tolomei, eletto rettore dell' Universitd, 
dei Leggisti Gitramontani dello Studio di Bologna, il 25 mag- 
gio 1301, auimo irrequieto e i^repotente, il cui nome suona 
discordia e turbolenza (*). 

Piii sopra, ricordando le parole di Antonio da Barga, 
venne fatta menzione di Gronache posteriori al Bargense: di 
esse e necessario che ii lettore sappia il come e il quando 
della compilazione. 



ctos denarios, nec approhata fuit per approbatores » (vol. 96, c. 419*)' 
Ci6 lascia supporre che insegnassero nello Studio, maestri che non 
erano salariati dal Comune. Sarebbe quindi poco ragionevole voler 
trovare ne' Libri della Biccherna il nome di tutti gli insegnanti di 
Siena. 

Nel 1319 sono segnati i c salari che si danno a dottori i quali 
legghono nella citt^ di Siena per sei mesi presenti » , ma sono tutti 
lettori di grammatica (Biccherjia^ vol. 125, c. 273). II che avviene an- 
che nel 1314, (e V avea gi^ notato il Besozzi nella sua risposta al 
critico delle NoveUe Letterarie)^ ma il Tolomei s*era ritirato nel 1313. 

(*) Cfr. Francbsco Cavazza, Le Scitole deW antico Studio Bolo- 
gnese^ Milano, TJ. Hoepli, 1896, p. 85-88; L. Frati, La vita privata 
cit., p. 108; Carlo Malaoola, Monografie storiche sullo Studio Bolo- 
gnese, Bologna, N. Zaniclielli, 1888, pp. 26, 102, 136. — Questo Fredo 
Tolomei e ricordato qualche volta, nei libri di Grabella dell' Arch. 
Sbn., col titolo di cavaliere, fino al 1324. Fu padre di Gabrioccio e 
di Andrea. 



ORIOINE dell' ordine di montoliveto 59 

Antonio di Guccio da Barga e il primo che pose mano 
a scrivere opera storica sulla origine dell' Ordine di Monto- 
liveto, e lo fece a preghiera di Giovanni da Marcanova e di 
Giovanni da Prato, ambedue suoi amici, dotti ed affezionati 
all'Ordine, al primo de' quali dedico il suo lavoro (^). L'au- 
tore, che visse la sua vita nella prima metA, del secolo XV 
e passo da' piu umili uffici a' piu elevati onori delPOrdine, 
ebbe agio di coltivare la mente e 1' ingegno anche con gli 
studi storici, e ne diede un buon saggio colla sua Oronaca, 
scritta tra il maggio del 1450 e il maggio del 1451. Del- 
1' autoritA< di questa Cronaca si e g\k parlato altrove ; ne fa 
d' uox>o rii>etere le cose giA, dette : basti notare che essa h 
il ibndamento cui 8'appoggiarono tutti gli scrittori che ven- 
nero dopo ('). 

Altre Cronache ftirono scritte e compilate un po' piu 
tardi : e di queste si conoscono due testi ; buoni ambedue, 
ma piil autorevole il primo, i>erche compilato innanzi, con 
intendimenti piii retti e scevro da secondi fini, nocivi sem- 
pre alla pura veritt\ istorica. 

II primo testo, ossia la Cronaca piii autorevole, ha, come 
le altre, piu redazioni ; ma a noi preme solamente di ricer- 
care quando e da chi venne compilata la prima i>arte, che 
va dal principio delPOrdine di Montoliveto a tutto il secolo 
XV : le altre redazioni sono sincrone a' fatti ed avvenimenti 
narrati, perche dal principio del secolo XVI la Cronaca ve- 



(^) Di Giovanni da Marcanova, oltre al gi^ detto nello Spicile- 
oiUM MoNTOLiv. (vol. I, pp. XXXVI, XLIl-XLIV, 3), si pu6 attingere 
qualche altra notizia dalle Dissertazioni Vossiane di Ai>ostolo Zeno 
(Venezia. MDCCLII, G. Alerizzi, I, p. 140 segg.) e da uno scritto di 
Leonb Dorbz La Biblioth^que de Giovamii Marcanova in Melanges 
G, B. De Rossi, Paris-Rome, 1892, pp. 113-126). — Della sua colle- 
zione epigrafica parlano il Mommsbn (C. Inscr, Latj tom. III, p. XXIX) 
e il Db Rossi (Inscript. ChrisL, 1888, tom. III, p. 396, 399). — La 
maggior parte de' libri della sua biblioteca fu lasciata ai canonici 
Lateranensi di San Giovanni in Verdara (in Viridario) di Padova. 

(*) Cfr. il commentario De Vita et Scriptis Antonii Bargensis in 
Spicilbg. Montoliv., vol. I, p. XXV segg. 



00 P. LUGANO 



niva coiiipilata (la un monaco, che avea titolo (li Cancelliere, 
il quale scriveva di cose udite e vedute. 

Esainimindo il testo di questa Oronaca per trovarvi le 
note che possano aiutarci alla ricerca dello scrittore che la 
coinpilo, si osserva sul principio clie tra gli ascritti alla pia 
Sociietd» de' disciplinati di S. M. della Bcala, sono notati col 
Toloinei t % il B.^ Giovanni Colombini, fondatore de' Gesua- 
ti (+ 1307), il B. Stefano Maconi, certosino (-f 1424) ed il 
famoso S. Bernardino da Siena (+ 1444) ('). Nel parlare di 
Monte Oliveto, prima chiamato Accona, lo scrittore usa que- 
ste parole : « Tunc temporis Mons Acconae praedictus, licet 
in territorio et Comitatu Senensi esset et sub eiusdera civi- 
tatis temporali iure, in spirituali tamen gubernatione Areti- 
nae diocesi cum omni circa regione subiiciebatur » ('). Tali 
espressioni ci rivelano che lo scrittore viveva quando Mon- 
toliveto, tolto dalla giurisdizione vescovile d'Arezzo, era stato 
compreso nel territorio episcopale di Pienza; il che avvenne 
nelPerezione di questo vescovado fatta da Pio II nel 1402 (*), 
NelP elogio, che 1' autore fa dell' abate Nic<M)15 da Reggio 
(1447-1451), ricorda il coro da lui fatto costrurre nella chiesa 



(*) La leggenda che il B.° Bernardo Tolomei foase ascritto a que- 
sta Societ^, pa6 esser nata dalla confasione del nome di Giovanni 
di Tese Tolomei, che fu Bettore dello Spedale della Scala (1314-1339), 
col nome di lai, chiamato nel secolo appanto Giovanni. Del Tolomei, 
rettore, cfr. L. Banchi Addizioni allo Statuto, Bologna, G. Romagno- 
li, 1877, p. 176 segg. 

(') Eccone le parole testuali : Ex hac nimirum societate viri vir- 
tutum plurimi, tam novarum congregationum fundatores, quam etiam 
antiquarum et iam collabentium religionum reformatores postmodum 
prodiere: vir sanctus Bernardinus Senensis observantiae fratrum mi- 
norum relevator sed et Jesuatorum institutor beatus loannes de 
Columbinis civis et ipse Senensis, necnon et domnus Stephanus ex 
nobili Maconum civitatis eiusdem familia progenitus et ordinis Car- 
thusiensium in Italiae partibus dilatator, aliique nonnuUi viri sancti, 
etc., Cod, A, f. 1'. 

(») Cod. A., f. 7». 

(*) CoUa boUa « Pro Excellenti » del 13 agosto 1462, Cfr. G. Mo- 
RONi, Dizionano di erudiz, stor. ecclesiastica^ vol. LIII, p. 5. 



ORIGINE DBLL' ORDINB DI MONTOLIVETO 61 

di Montoliveto, soggiungendo - qui adhtie permanet - (*). Ora, 
si sa che questo eoro venne rifatto di nuovo sotto Pab. generale 
Tommaso Pallavicini (1503-1505), per opera del celebre in- 
tarsiatore Fra Giovanni da Verona, che lo porto a compi- 
mento in due anni (*). Per cui si puo a buon diritto affermare 



(^) Le testuali parole sono queste : < Chorum in ecclesia Montis 
Oliveti eidem satis convenientem, qui adhuc permanetj abbas hic [sc. 
Nicolaus Begiensis] construi fecit. » Cod, A,, f. 30. 

(*) Ecco le parole a questo riguardo, cheposson giovare apiii d'uno: 
< Demum adhuc addendum recte aliquid divinis aedibus ratus [abbas 
Thomas de Pallavicinis], ut (quod eo auctore fieri posset) nil prae- 
termitteretur, Salomonis exempli non immemor, ecclesiam quantum 
in eo fuit ornare conatus est. Chorum videlicet, qui iam fere carie 
consumebatur, ut Deo Optimo Maximo quid gratum ageret, opere 
mirabili resarciendum et in novam formam restaurandum curavit ; 
ut locus ubi Deus die noctuque laudatur (pro viribussuis) gloriosae 
maiestati suae conveniret, eo vel maxime quia non mediocris ei ine- 
rat comoditas venerabilis viri fratris Joannis Veronensis : qui et ipse 
Congregationis nostrae monachus lignario perspectivo opere et scul- 
ptura lignorum et ingeniosissima commissura unus tota Italia et 
toto fere orbe vigebat. Itaque iussu praefati domni Abbatis idem 
frater Joannes opus hoc (obedientia fretus) hilari fronte aggressus 
complevit, et (quod mirabile auditu) tantum opus mira celeritate 
biennii spatio (Deo opitulante) perfecit. In quo inter ceteras tam a- 
vium nonnuUorumque animalium quam etiam aedium plurimarum- 
que ac variarum rerum mirabiles coelaturas: in quarum aspectu in- 
tuentium obtutus (prae admirando eximii operis praeclaroque artificio 
delusi) quasi deficere videbantur : Sanctorum etiam Gregorio Papae 
et Benedicti Abbatis effigies, unam in abbatis generalis, alteram in 
Prioris consueta statione, opere subtilissimo ac perspectivo ita natu- 
rales ac pervenustas evidenter inseruit, ut vel ex hoc, maxime, quan- 
tum in huiusmodi scientia et arte et excellenti ingenio polleret, cla- 
rum omnibus intuentibus ac perspicuum fuerit. Sed haud mirandum. 
Natura saepe snepius cui unum alia etiam dona dare solita est. Si- 
quidem vir hic venerabilis frater Joannes, non dumtaxat lignario 
mirando opere coeteros mortales omnes superat ; verum scientia 
architectoria et metallicis formandis ac marmoreis cavandis figuris 
mirum in modum praestabat, ita ut alter et Apelles et Scopas, vel 
(ut ad nostras veniamus) alter Beselees dici posset; quem ad facien- 
dum omne opus in Dei taberuaculo necessarium Spiritu Sapientiae a 
Deo fuisse repletum sacra narrat historia. » Cod, A., f. 44*-45. 



i\2 P. LUGANO 



(^he il compilatore della nos^tra Cronaca Bcriveva do^K) il 1462 
e prima del 1503. 

Osservando bene il testo di que^ta Oronaea, fii rinviene 
che neir elo^io dell' akite Giovanni da Bag^io (1488-1492) 
scritto sempre daila stessa mano, fti lasciato vuoto lo spazio 
per segnarvi la morte, avvenuta nel 1607, riempiuto poscia 
da un altro. £ dello stesso scrittore 1' elogio dell'abate Gia- 
como da Carpo (-f 1492), il principio di quello delVab. Leo- 
nardo degli Imi>eriali, eletto il 28 aprile 1493, e probabil- 
mente, una parte di quello di Francesco della Binghiera 
(1501-1503). Si puo quindi determinare che il compilatore 
scrisse nell' ultimo decennio del secolo XV. 

II bisogno di compilare questa Cronaca si fece manifesto 
sotto il i)rimo generalato di Domenico da Lecco (1484-1488), 
il quale, con opera veramente saggia e lodevole provvide 
tosto che vi si riparasse. Nel dioembre del 1484 comando 
che in Montoliveto si scrivesse un libro, col titolo « Eeno- 
vamini », di memorie raccolte da altri libri invecchiati e la- 
ceri (^). B nel gennaio del 1485 dispose che si ricercassero 
tutti i privilegi e i documenti storici dell' Ordine e se ne 
facesse copia in un volume apposito che fu chiamato « Liber 
Privilegiorum » ^*). Xel metter mano a quesfultimo lavoro, 



(M II titolo di questo libro 6 spiegato con queste parole, che vi 
si leggevano in fronte : — « Describentur hic inferius aliqua extra- 
cta de libris antiquis dicti monasterii [Montis Oliveti] digna aeterna 
memoria. Et maxime de libro signato cum una CucurbiteUa, qui liber 
propter suam antiquitatem et vetustatem semilaceratus estetcorro- 
sus, et sic memoria eorum, que ibi scripta sunt, perderetur, et an- 
nullabitur, nisi remaneret scriptura, et ideo liber iste intitulabitur 
renovamini » — II libro segnato « cum una cucurbitella » , cioe con 
una zucchetta, detto perci6 anticamente de cucurbita, fu incomincia- 
to nel febbraio 1404, e contiene « Memorie diverse ex diversis libris 
diversarum temporum extracte ». — Ambedue questi libri formano 
il vol. 61, B Z (347» dell' Arch, di M. O. M. in Arch. di Stato di 
SiBNA, che oltre alle cose annunziate, contiene varie memorie ed il 
catalogo de' monaci, per ordine alfabetico e cronologico, che va dal 
1371 al 1510 (fol. 27 segg.). 

(^) Lo scrittore di questo libro vi prepose le parole seguenti : 
« Cum Reverendus in Christo pater frater Dominicus Leucensis Or- 



ORIGINE DELL' OKDINE DI MONTOLIVETO 63 

troppo chiaro ed evidente apparve la neoessitil di raocogliere 
le memorie tradizionali consacrate da' documenti ancora esi- 
stenti, e mandarle ai posteri i>er mezzo di una Cronaca. Kie- 
letto nuovamente abate generale Doraenico da Lecco, nel 
1497, mando a compimento il disegno concepito innanzi, senza 
por tempo in mezzo. 

Era ritornato a Montoliveto, fino dal 1494, quell' Ales- 
sandro da Sesto Milanese, «^elebre scrittore di libri oorali e 
buon miniatore, clie molti anni i>rima (1456-1459), avea gi^ 
arricchito quell' Archicenobio di ben ventidue libri corali, 
impreziositi poscia di belle miniature, in parte, opera della 
sua mano e di quella di frate Bartolomeo da Ferrara e di 
frate Pietro da Barcellona, ed in parte, di Maestro Lorenzo 
da Fiorenza, di Maestro Sano, di Maestro Venturino da Mi- 
lano, di Maestro Jeronimo da Oremona e di Maestro Libe- 
rale da Verona (^). Scriveva egli fin dal 1495 lo stato delle 
fiimiglie monastiche ne' « Familiarum Tabulae », e nel 1497 
ebbe incarico dall' abate Domenico da Lecco di scrivere la 
Cronaca. L' identit^ perfetta della mano che ha scritto ne' 



dinis Montis Oliveti abbas generalis dig. mus primo sui officii anno 
quam accurate eiusdem Ordinis privilegia perquirere voluerit (que 
plurima extant), eaque absque ordine et hinc inde dispersa reperie- 
rit ; ita quod non sine labore maximo, difficultate, quando eis opus 
foret, inveniri possent : Cupiens rei huiusmodi ordinem ponere, quo 
de facili unusquisque ea videre affectans, ac etiam pro opportunitate 
B>eligionis volens inquirere, de facili posset. Ideo scrili annotarique 
novo ordine infrascripta mandavit in hoc libro Privilegiorum nun- 
cupato. Anno domini MCCCCLXXXV die vero X Januarii » — II 
libro contiene i documenti principali che riguardano 1' Ordine, non- 
che i Privilegi Pontificii. Fu scritto da fr. Antonio da Lecco, morto 
nel 1487 Maestro dei Novizi a Montoliveto. Altri lo coiitinuarono. 

(^) Questi miniatori lavorarono a Montoliveto, ad intervalli, tra il 
1458 ed il 1482 ; ventidue furono i libri corali da essi miniati ; i 
quali COQ altri due, piCi antichi, nel 1812, per le note vicende che 
tutti sanno, passarono al vescovo di Pienza, che unitamente al lcg- 
gio li mand6 alla Cattedrale di Chiusi, ove ancora si conservano in 
numero di ventuno. rimasti forse gli altri a Pienza, od in manodel 
vescovo. Cfr. P. Lugano, Memorie dei piii antichi Miniatori e Caili- 
(jrafi OHvetanij Firenze, Scuola tip. Salesiana, 1903. 



64 P. LUGANO 



« Faiuiliarum Tabulae », dal 1495 al 1503, e la Crouaca fino 
a^ primi del 1500 ci mostra in Alessandro da Sesto, il com- 
pilatore e lo scrittore di ambedue i libri (*). 

Costui, alla grande attivit^ della mano accoppiava una 
piu grande attivit^ letteraria della mente, per cui, gik sa- 
cerdote ascritto all' Ordine di Montoliveto nel 1450, accet- 
tava PereditA di Antonio da Barga (-|- 1452), e passandodi 
grado in grado, stndiava severamente il nascere e lo svol- 
gersi di quest' Ordine, riuscendo in fine a descriverlo nella 
sua Cronaca (*) : opera buona ; per noi di gran valore e ri- 
«I^etto a' tempi, per coscienziosa esattezza di ricerca, lodevole. 

II metodo seguito da Alessandro da Sesto (morto dopo 
il maggio del 1503), nella compilazione del suo lavoro, fu 
diversamente interpretato da coloro che lo ebbero tra le mani. 
Chi lo disse troppo critico e noncurante della tradizione, e 
chi poco coscienzioso nelle ricerche storiche e sprezzante i 



(*) Egli stesso lo indica alPanno 1497, ne' « Fainiliarum Tabulae » 
(vol. II, f. 176), mentre parla della seconda elezione a generale di 
Domenico da Lecco, rimandando 11 lettore a quanto ne avea scritto 
nella Cronaca, colle parole seguenti : — prout in Cronica dicte secun- 
de electionis apparet. 

{*) Di questa Cronaca, dal 1500 continuata sempre da un contem- 
poraneo, si conserva ancora 1' origlnale, che noi citiamo cosi: Chron. 
Cancell. Cod. A. — Sulla fine del secolo XVIII se ne conservavano 
varie copie nella Libreria di S. Michele in Bosco di Bologna; una, 
cio6, nel tomo LXXXIII, B, 46 (continuata poi fino al 1576), ed altre 
nei tomi IX, A, 9 (continuata fino al 1680), LXXXII, B, 45 (conti- 
nuata fino al 1614), e LXXXIX, B. 52. — Un breve estratto sulPo- 
rigine dell'Ordine di Montoliveto compilato sul testo di questa Cro- 
naca si legge anche nel Cod. B. VI, 19 della Bibliot. Comun. Sbn. 
(f. 298-305), che si trova pubblicato nelP opuscolo : Tolomei contro R. 
Demanio e fondo pel Culto - Compai^sa conclusionale e documenti — 
Firenze, L. Niccolai, 1876, p. 11-18. AUra copia si conservava nel- 
V Arch. della famiglia Tolomei di Siena, col titolo - Vita B. Bernar- 
di - che forse veniva ritenuta per la scritta da fra G. B. da Po- 
pulonia. 

Deriva da questa Cronaca anche quel tanto, che delP Ordine di 
Montoliveto, dice Sigismondo Tizio (Histojnamm Senensium. tom. III 
[vol. II], Cod. B. IIL 8, f. 57-61, Bibliot. Com. Ses.). 



ORIGINB DELL' OEDINE DI MONTOLIVETO 65 

docamenti antichi. False ambedue le accnse ; ma rivelatrici 
di uua doppia corrente ne' monaci : rigidamente severa per 
la tradizione 1' una, ostinatamente ad essa attaccata V altra. 

Espressione di questo diverso modo di sentire fu la com- 
pilazione di un' altra Gronaca, vera parodia di quella di 
Alessandro da Sesto, interpolata qua e l^, senza gusto e ra- 
gione ('). Non mutazioni essenziali di storia, non dichiarazio- 
ni autorevoli a passi oscuri, ne osservazioni critiche di va- 
lore ; ma soverchia e nocevole ostentazione di ricerche ori- 
ginali non fatte ('), rispetto e venerazione esagerata per la 
tradizione, aggiunte leggendarie alla vita del Tolomei (*), ed 
altre cose di poco o niun conto. 

La superficialit^, coperta con ostentate ricerche, di chi 
tento di rifare l'opera di Alessandro da Sesto, h troppo ma- 
nifesta, ed i monaci fecero bene a dimenticare questo infelice 
tentativo andato a vuoto (*). Besta il primo onore al mila- 
nese, che per noi h guida piu sicura. 



(^) Qaesta Cronaca, che uon e se non una copia della prima, con 
V aggiunta di qualche interpolazione, 6 scritta da una stessa mano 
fino al 1525, continuata poscia da altri fino al 1546. La citiamo cosi: 
Chron, CanceU, Cod. B. 

(*) Cosi nella prefazione si aggiungono queste parole : — %it a se- 
nioribus ea traditione audivi et ex diversis pervetustissimis ac dila- 
ceratis Archivii Montis Oliveti tabulis excepi. — 

(') Per quelia parte che riguarda la vita del B. Beruardo, si ag- 
giunge il racconto delle austerit^ da lui praticate nella solitudine, 
accennando anche alla sua dimora nella grotta (f. VI) ; delle tenta- 
zioni da lui superate e del colloquio avuto col crocifisso (f. IX); del 
viaggio da lui fatto iino ad Avignone in compagnia di Ambrogio 
Piccolomini (opinione, che si dice di alcuni — innixi nedum traditio- 
nibiis, sed etiam nonnuUis pervetustissimis monumsntis prefati Archi- 
vii Montis Oliveti — notando che V altra versione ha maggior vero- 
simiglianza — id quod magis verosimile apparet et ut ab aliis audivi 
senioribus nostris per antiquam similiter habitam traditionem — f. X), 
e del cambiamento del nome Giovanni in quello di Bernardo, dopo 
la di lui vestizione (f. XIV*). 

{*) Che, nonostante V ostentazione, il compilatore di questo secon- 
do testo della Cronaca, abbia bevuto grosso e non abbia corretto 
nuUa, si vede dall'avere egli abbracciato ad occhi chiusi tutto quello 



66 P. LUGAJJO 



Al nome di AlesHandro da Sesto (0 va congiunto quello 
<li Luca Garganelli. Questi, figlio cli Domenico della nobile 
famiglia bolognese de' CTarganelli, nato nel 1490, nella te- 
nera et^ da' quattordiei a' quindici anni, s' ascrisse all' Or- 
dine di Montoliveto, nel monastero di S. Micliele in Bosco 
di Bologna, ove professo il 18 ottobre del 1506. Fu caro al- 
1' abate liolognese Francesco « de Aringheria », che gli in- 
»till6 nella mente 1' amore all' Ordine ed agli studi (*). Or- 
dinato sacerdote ii 3 marzo 1515, nella chiesa di S. M. degli 
Angeli de' Predicatori in Ferrara, consacro tutti gli anni 
della sua vita nello studio e nel lavoro faticoso delle com- 
pilazioni storiche. II 25 aprile 1518 a Montoliveto veniva 
eletto abate generale il nobil bolognese Barnaba Cevennini, 
il quale chiamava lassCi frate Luca de' Garganelli e gli affi- 
dava la cura dell' archivio di tutto 1' Ordine, col titolo di 



che avea scritto Alessandro da Sesto. Cosi il Tolomei 6 vestito del- 
r abito monastico nella cattedrale d' Arezzo, mentre ci6 avvenne 
nelPoratorio della S3. Trinit^, come si prova co' documenti. Cfr. Spi- 
ciLEG. MosTOLiv. vol. I, p. 12 segg. 

{^) Di Alessandro da Sesto, scrittore e miniatore di libri corali e 
compilatore della nostra Cronaca sar^ bene dare qualche notizia. Egli, 
gi^ sacerdote, profess6 nell' Ordine Oliv. il 17 aprile 1450, a Baggio, 
nel milanese, ove fu nel 1451, maestro de' Novizi, e dimor6 fino al 
1453. Fu quindi a S. Michele in Bosco di Bologna (1454-55), a Monte 
Oliveto Maggiore (1456-59) ; priore a S. Giorgio di Ferrara (1460), a 
Baggio (1461-62), a Sant' Angelo e Niccolo di Villanova Lodi (1463); 
abate a S. Venerio di Tiro di Porto Venere (1464): poscia nuovamen- 
te priore, a S. G-iovanni di Venda (1465), a Baggio (1466-67 ; 1473 ; 
1477 ; 1480 ; 1490 ; 1492-93), a S. Nicol6 di Eodengo nel Bresciano 
(1468), a S. M. Incoronata di Nerviano (1469-70; 1472; 1476), a S. Be- 
nedetto di Siena (1471), a Sant' Andrea di Volterra «1474-75), a S, M. 
della Scolca di Eimini (1478), a Monte Morcino di Perugia (1479), e 
da uUimo, a Monte Oliv. Maggiore (1494-1503), ove mori dopo il ca- 
pitolo del 1503. 

(') Di lui (4- 1513) ci lasci6 lo stesso Garganelli un bellissimo 
elogio e quest' epitaffio che si legge nel « Necrologium * : 
Ploremus fratres : Franciscus gloria nostri 

Ordinis, atque Abbas et decus hic tegitur ! 
Ast ego cur eius sanctam perstringere nitor 
Vitam? Summa haec est: ias, pietas et amor. 



ORiaiNE dell' obdinb di montoliveto 67 

« Scriba », che piti tardi si muto in quello di Cancelliere, e 
porto seco anche quello di Archivista. 

Giusta i doveri del suo nuovo ufficio, si pose il Garga- 
nelli all' opera. IJ^ si contento di eontinuare a registrare le 
cose piti degne di memoria, come aveano fatto fino a quel 
tempo i saoi predecessori, ma si pose in mente di rinnovare 
tutti i libri piii importanti dell' archivio (^). Con fatica im- 
mensa^ e, tenuto conto del tempo impiegatovi, con grandis- 
sima alacrit^, raccolse dagli antichi scritti tutti i nomi de' 
monaci di Montoliveto e li dispose per ordine alfabetico e 
cronologico in un libro in folio, che e monumento imperituro 
della sua eostanza. Accompagno il nome de' monaci colla 
data di luogo e di tempo della loro professione, e dedico il 
suo lavoro all' abate Cevennini che glielo avea imposto. De- 
gne di esser ricordate sono alcune parole della lettera dedi- 
catoria, che accennano al comando dell' abate ed alla pronta 
esecuzione del Garganelli. « Non frustra -, egli dice, - man- 
dasti ut nostrorum Monachorum professiones undequaque di- 
spersas in unum redlgerem ; et quas, aut scriptorum negli- 
gentia, aut inversus quidam incompositusque ordo, ut vetus 
scriptura declarat, obscuras tenebat, diligenti serie et ordine 
claro in lucem promerem, ne illorum memoria i^eriret qui 
suo sudore hanc rempublicam tam amplam tamque praeela- 
ram reliquere ». 

Per compiere 1' opera bisognava far rivivere I' antico 
« Xecrologium », e 1'antico « Necrologium » ebbe dal Garga- 
nelli novella vita ('), e tutti i benefiittori dell' Ordine rinno- 



(*) Come portava il dovere del suo uffici<>, scrisse lo stato delle 
famiglie nelle « Familiarum Tabulae » del 1518 e I5l9 e compiI6 Te- 
logio dell' abate Cevennini (1518-1520) per la Cronaca ( Cod. A, 
fol. 53-55). 

(*) II € Necrologium » s'era incomiuciato a scrivere nel 1337 (Cfr. 
Spicilbg. Montoliv., vol. I, p. XX) •, ma nessuna copia di esso e 
giunta fino a noi. II Garganelli ha premesso al suo queste parole: — 
< Advertendum quod non credimus hic inferius esse descriptos omnes 
fratres nostri Ordinis raortuos; quoniam in anno Doraini M.CCC.XIX 
raonachi nostri sanctum habitum acceperunt, et prius circa annos 
Domini M.CCC.XIII. coeperunt habitare Montem istum Oliveti in 



08 P. LUGANO 



vata la memoria (^). II 29 aprile 1520 adunavasi a Monto- 
liveto il Capitolo generale e frate Luca Garganelli arringava 
per ordine del Cevennini, i padri deiradunanza, esortandoli, 
con elegante linguaggio, a tener in cima de' lor pensieri, nelle 
deliberazioni da farsi, il bene pubblico dell' Ordine (*). A 
generale veniva elebto frate Costantino da Milano, e frate 
Luca si destinava procuratore al Monastero di S. M. IJuova 
in Eoma. Ma egli non vi giungeva. Pochi giorni dopo il ca- 
pitolo, moriva a S. Benedetto di Siena, nella fresca et^ di 
trent' anni. 

Frate Angelo Ceriari di Albenga^ che ebbe il Garganelli 
a condiscepolo di studi, lascio scritte di lui le parole se- 
guenti: « Erat hic frater Lucas bonae indolis, perspicacisque 
ingenii et in humanitate sufficienter doctus et acutus » ('). 
Ma 1' elogio di questo degno figlio di Bologna non poteva 
farsi da iin contemporaneo, e neppure da un suo condisce- 
polo: esso sta scolpito a caratteri indeiebili ne' libri scritti 
di suo pugno, seguendo le tracce di Antonio da Barga e di 
Alessandro da Sesto. 



habitu heremitico, et videtur haec scriptura solum initium sumere 
in anno Domini M.CCC.XXX.VII. : unde si alii monachl mortui sunt 
certe non valuimus invenire. » 

L(UCAB) BONONIBSNSIS MONAGHI AD LrCTOREM TBTRASTICON. 

Si cupis, o lector, Monachorum Montis Olivae, 
Gesta tibi dici, nunc mea verba lege. 

Spiritus in coelo : mox parvo corpora saxo, 
At clausa hoc libro nomina scripta manent. 

II Garganelli scrisse varie copie del suo « Necrologium », ed una 
in 4.<» si trova nella Biblioteca Municipale di Bologna (cfr. LuDOVico 
Frati, Bibliografia Bolognese, Bologna, N. Zanichelli, 1888, I, p 199, 
n. 1658). In essa si leggono alcuni preziosi ricordi della vita di lui. 

(^) II libro in folio, compilato dal Garganelli, 6 intitolato — Lihei^ 
Professoimm et Mortuorum A — e contiene il catalogo de' professi 
(fol. III-CIX), il « Necrologium * (fol. CXX-CLXXXIX) ed il catalo- 
go de' Benefattori (fol. CLXXXX segg.). 

(*) II discorso pronunziato al Capitolo si legge nel « Liber Sermo- 
num > (fol. 243-254). 

(*) Nel « Necrologium » alP anno 1520. 



CAP. III. 
SOMMARIO 

Antonio da Barga e la sua Oronaca. — Lacune e notizia di una 
altr' opera storica, non scritta o perduta. — La morte di Arrigo a 
Buonconyento. — La partenza da Siena dei nobili fondatori di Mon- 
toliveto. — Patrizio de' Patrizi e la sua famiglia. — Francesco « Mi- 
chi > : di qual famiglia fosse. — Ambrogio < Nini > : s' egli fosse dei 
Piccolomini. — II podere di « Acona » e Chiusure. — Sant' Angelo 
t de Luco». — II monastero del secolo VIII e la parrocchia. — I 
Tolomei a Ghiusure e i Tolomei di Chiusure. — Acona e i'arrivo dei 
fondatori senesi. — ■ II < palatium terreum » ricordato da A. da Barga. 
— La prima chiesa o cappella costrutta. — I sacerdoti e le chiese 
rurali dei dintorni nel secolo XIV. — La vita dei fondatori di Mon- 
toliveto, dal 1B13 al 1319, e la brigata spendereccia di Siena. 

Perch^ lo stiidio sulle origini delFOrdine di Montoliveto 
riesca piii esatto ed i resultati ne siano piii fermi ed incon- 
cnssi, sarji di qualche giovainento volgere ancora una volta 
lo sguardo alla Cronaca del Bargense. 

Antonio da Barga, pel primo e per rispondere alle insi- 
stenze di due amici si j^ose a scrivere dell' origine di Mon- 
toliveto, del suo fondatore e dei soci ch' esso ebbe seco nel 
compiere 1' opera della sua mente (*). L^occasione dello scri- 



(1) Ecco le testuali parole di Antonio da Barga : < Modo itaque 
a visitandi officio dimissus, reversusque ad dilectam solitudinem pra- 
tensem, tibi aliisque ainicis, quam alma nosfra religio habuit originem 
quisve huius primus extitit jundaiory quosque ei socios ad tanti exercitii 
ojms inroanilum, divina concesserit aflatio, intimare censuimus». 
Prologus in Spicileo. Montoliv., vol. I, p. 4. 



70 P. LIUJANO 



vere indicherebbe quaAi che ro[>era noii fu da lui lungainente 
maturata, e 1' averla condotta a termine in meno di un anno, 
tra il maggio del 1450 e il maggio del 1451, potrebbe offrire 
qualche sospetto di poca accuratezza e precisione storica nel 
racconto della Cronaca. Tuttavia, nulla di tutto cio. La sua 
narrazione h chiara, ordinata, cronologica nella sostanza ed 
in molte particoIaritA : il suo stile, piuttosto elegante e 
dilettevole ; e se in tutta 1' o|>era v' ha qualche leggiera ine- 
sattezza, si deve alla scrupolosa fedeltil nel riferire non solo 
le cose certe od accertate di scienza propria, ma eziandio, 
quelle ritenute come tali dai monaci piti autorevoli di quel 
tempo. Keca anzi meraviglia che in si breve tempo Antonio 
da Barga scrivesse con tanta precisione in piena met^ del 
secolo XV, quando V indirizzo degli studi era tutt' altro che 
favorevole alle ricerche storiche, come siamo usi di conside- 
rarle a' nostri giomi. 

Tuttavia il Bargense prima di metter mano alla siia Cro- 
naca, con intuito felicissimo, misuro tutto il materiale che gli 
stava dinnanzi ; e poiche soverchiamente prolissa sarebbe 
riuscita la sua Cronaca raccogliendo tutto in uno, fermo di 
riserbarne una parte, non meno importante e preziosa, per 
un' altr' opera. Ma forse, prevenuto dalla morte nel 1452, 
non ebbe agio di mandare ad eflfetto il pio disegno. Certo 
che quesfopera o non fu scritta, o non b giunta fino anoi: 
e dalla iugace traccia che V autore stesso ce ne ha lasciato 
nella Cronaca, e agevole argomentare la gravit^ della perdita 
a noi toccata. 

Del valore di quest' opera, non scritta o perduta, non si 
puo giudicare, senza tema d' andar errati : che dell' opere con- 
cepite nella mente e non messe fuori per voce o per iscritto, 
h stolta presunzione dar giudizio. Ma dal cenno che ne ab- 
biamo nel prologo della Cronaca, possiamo dedurre con sicu- 
rezza che il « Chronicon » ^ opera incompleta, perch^ tale 
usci, per deliberato consiglio, dalla mente e dalla penna del 
suo autore. Questi escluse dalla Cronaca la vita particolareg- 
giate degli uomini illustri dell' Ordine di Montoliveto, i fatti 
meravigliosi da essi operati, ed i libri da loro sagacemente 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 71 



composti (*). Di qui appare evidente per qual ragione Antonio 
da Barga, nel suo <c Chronicon », poco o nulla scrivesse sulla 
vita dei primi fondatori di Montoliveto ; onde a noi non b 
rimasto che una semplice guida, guida sicura nelle linee ge- 
nerali, ma guida spoglia di tutte quelle particolaritd/ indivi- 
duali e monastiche che avrebbero reso il racconto piu attraente 
e, nel tempo st^sso, piii utile alla posterit^ (*). Ma, della mala 
ventura a noi toccata non ebbe colpa il Bargense ; o se 1' ebbe, 
fu quella d'aver diviso il ricco materiale, ch'egli aveva tra 
le mani, in due parti, delle quali non sai quale fosse piu 
preziosa, se quella rimastaci o quella perduta. 

Perch^, adunque, la Cronaca del Bargense non e propria- 
mente una storia completa delP Ordine di Montoliveto, e 
perch^ ia prima parte di essa non e che uno sguardo storico 
riassuntivo, non deve recar meraviglia se v' h difetto di date. 
Tuttavia nello stabilire la partenza de' fondatori da Siena, 
Antonio da Barga non omise di renderci noto ch' essa av- 
venne realmente nel 1313, come ritennero piti tardi anche 
Alessandro da Sesto (') e gli altri scrittori di cose olive- 
tane. 



(^) L* ftrgomento dell' opera perduta ^ determinato dal Bargense 
con queste parole : < Et quidem, si vita comes fuerit, alio in libro, 
viros, quosordo noster vegetavit^ enarrahimus illtistres, et miracvla ab 
ipsis facta, atque lihros, quos sagaciter ediderunt » . Spicilbg. Monto- 
Liv., vol. I, p. 4. 

(') Notevole h il silenzio del « Chronicon > sopra S. Francesca 
Bomana (1384-1440), contemporanea di Antonio da Barga e fondatrice 
deir Istituto delle Nobili Oblate Olivetane di Tor de' Specchi, la cui 
fama di santit& nota al mondo intiero, fu celebrata anche da S. 6io- 
vanni da Capistrano e da S. Bernardino da Siena. Ma questa doveva 
essere certamente una delle piii belle figure per 1' altro Hbro. 

(') < Anno igitur a salutifera Domini incarnatione miUesimo tre- 
centesimo tertio decimoj adveniente die reddendi voti et complendi 
desiderii, egressus de domo paterna et civitate sua nobilis Joannes, 
una cum duobus illis sociis Patritio et Ambrosio, ad montem iam 
dictum [Acconae] devenit». Chron. CanceU»^ Cod. A, fol. 4. — Anche 
il Lancbllotti (Histor. Olivet^ I. 5) sta per V anno 1313, e con lui 
concorda eziandio Sigismondo Tizio (Bibl. Com. Sflif., Cod. B, III, 
8) tom. III, fol. 57. 



72 P. LUaANO 



Da pochi anni (dal 1310) la famiglia Tolomei era stata 
dichiarata per sempre, con molte altre, de'Grandi, perch^ il 
governo ch' era in mano del poi>olo, non fosse ritornato in 
balia delle &miglie nobili; e Pimperatore Enrico di Lnxem- 
burgo, disceso in Italia, incaniminato a Boma per esservi 
incoronato, colla propria moglie era stato alloggiato in casa 
di messer Granello Tolomei (*). La discesa dell' imperatore 
fu oc^casione di accanita lotta tra i Guelfi e i Ghibellini. Poco 
appresso, Enrico, volendo recare la guerra a re Roberto, pen- 
sava d'andare a Eoma ed entrare nel regno: uscito di Pisa, 
passato su per 1' Elsa e combattuto vanamente Oastelfioren- 
tino, si trovo innanzi fra Poggibonsi e CoUe. Passo a Siena 
e fu a Montaperti suU' Arbia, dove prese camiK). Qui infermo 
gravemente di malore che avealo colto in Pisa : credendo che 
i bagni di Macereto gli potessero lenire il male, ando a Buon- 
convento, dove, aggravatosi, mori a' 24 d' agosto del 1313. 

Probabilmente, dopo*la morte di Enrico, il Tolomei ed i 
suoi compagni uscirono da Siena. Antonio da Barga li dice 
mossi dallo spirito di Dio e toccati internamente da gran 
fervore ('). Erano quattro, il Tolomei, Patrizio de' Patrizi, 
Francesco ed Ambrogio, tutti nobili Senesi ('}. Del Tolomei 
fti detto e si dir^ molto ancora nel corso di questo studio : 
qui e bene fermarsi sopra gli altri tre. 

Patrizio era figlio di Francesco della famiglia Patrizi, 
che appartenne all' Ordine o Monte dei Nove ed acquisto la 
nobiltjk, e la cittadiuanza seuese con Ranieri di Patrizio, ri- 
sieduto nel 1238 e poi provveditore di Biccherna nel 1249 (*). 
II padre del nostro Patrizio faceva parte della societ^ mer- 
cantile omonima, detta de' « Patrichiorum de Senis », a cui 



(*) O. Malavolti, Historia, II, 65. 

(*) SPICILBG. MONTOLIV., I, 5. 

(') Le Cronache posteriori (Codn A e B) ne contano solamente 
tre, cio6, 11 Tolomei, Patrizio e Ambrogio, non ricordando affatto il 
quarto, chiamato Francesco, ma ci6 pu6 esser derivato dal fatto, che 
quest' ultimo, non fu eletto, come gli altri, abate generale del- 
V Ordine. 

(*) Cfr. Miscellanea Senese^ vol. V, 1898, p. 179-181. 



ORIGINE DBLL' OBDINE DI MONTOLIVETO 



73 



apparteneva certamente la maggior parte delPintiera casata (*). 
Se h esatta una notizia dataci dal caval. G. A. Pecci, il 
padre del nostro Patrizio risiedeva nel supremo magistrato 
della Bepubblica di Siena nel 1288 (*). La famiglia non pare 
in questo tempo molto numerosa : forse crebbe piti tardi ('). 
Ebbero le loro sepolture i Patrizi nelle cliiese di San Fran- 
cesco e de' Servi : lo stemma, fasciato d' argento e di nero. 
Unitamente al Tolomei ed al Patrizi partirono da Siena 
un Francesco ed un Ambrogio, nobili ancii' essi, legati coi 
primi per vincolo di ferma e costante amicizia. II piu antico 
scrittore, che ci ricordi Francesco, e Antonio da Barga ; ma 
egli nulla aggiunge sulla paternit^ e sulla famiglia di lui (*). 
La tradizione Olivetana lo dimentico, forse unicamente per- 
che non ebbe la buona ventura d' essere abate generale di 



(^) Cfr. Docummti Senesi Hguardanti le fiere di Champagne (1294) 
ora per la prima volta pubblicati da LoDOVico Zdbkaubr, Siena, Carlo 
Nava, 1896 (per nozze Sanesi Crocini), pp. 22, 23, 24-26. — Per la 
societ& de' Patrizi o Patrichii^ vedi una pergamena del 10 aprile 1299 
nell' Archivio Bichi (pergam. K^ ad annumj. 

(') LuCBNSio CoNTRAPOSTO, Lcttera svlUantica e modema deriva- 
zione deUe famiglie nobili di Siena, Gallipoli, 1764, p. 57. 

(') Presentiamo un alberetto di questa famiglia, tra il cadere del 
secolo XIII e il sorgere del XIV. E tolto dalle MisceUanee del Bbn- 
VOQLIBNTJ (BibL Com. Sen. Cod. C. V. 15, c. 9) e di Scipionb Bor- 

GHESI (Cod. P. III. 2). 

Ranieri di Patrizio 
(1232; 



Patnzio 
(1271-1276) 

I 



Bonaventura 

(1276) 



Tara 



Kinaldo 
(1299) 



Francesco 



Niccolino 

(1337) 



Nicol6 
(1340) 



Patrisio 

Abate di Montoliveto 

(1319-1347) 



Orgo Ugo 
(1312) 



Bonaventnra 

(1373) 



(*) Spicilbg. Montoliv., I, 6. 



74 P. LUGANO 



Montoliveto, come furono gli altri. Lo raccolnero invece gli 
Bcrittori della biograiia del B. Pietro Petroni (-f 1361) ri- 
maneggiata nel 1619 da un Bartolomeo^ monaco della Certosa 
fiorentina, e lo fecero della famiglia Piccolomini: se pure non 
si deve (^ensare ch'es8i prendessero abbaglio e confondessero 
Franeesco cou Ambrogio, che fu sempre ritennto di questa 
tamiglia (^). Di questo Franeesco tacciono i libri di Monto- 
liveto ; ma con ogni ragiouevole probabilitA va identificato 
con un « FranciHCUs Michi », che da un documento del 1326 (*) 
si rileva essere stato monaco olivetano e che dev'esser pas- 
sato all'altra vita prima del 1337, innanzi che si principiasse 
a scrivere il « Necrologium » (»). 

Intomo al nome d'Ambrogio fa d'uopo spendere qualche 
parola di piu. Nei documenti ov' e ricordato, h detto figlio 
di Mino (Mini) o di Nino (Nini) (*), e la tradizione aggiunge, 
de' Piccolomini. I moderni eruditi, che studiarono la genealogia 
di questa illustre casata Senese, escludono quest' Ambrogio 
dall'albero genealogico ('), mentre gli antichi genealogisti lo 
fanno discendere da Mino d' Inghilberto di Ugo di Piccolomo 
di Montone. Che la vera discendenza di lui sia quella notata 
negli antichi alberi genealogici, non puo asserirsi con cer- 



(^) Qaesta biografia fu dapprima scritta in italiano dal B. Gio. 
Colombini (+ 1367) coll'aiuto d' un Nicolo Vincenzi, suo compagno. 
Bartolomeo senese, della Certosa di Val d' Ema, la yolt6 in latino e 
l'ampli6. Quivi, adunque, purlandosi degli uomini illustri usciti dalla 
Compagnia sotto le volte delP Ospedale della Scala, si aggiunge : 
« Quis exinde Bernardus Tolomeus, praestantissimarum artium glo- 
ria insignis, insignior vero religione etpietate? Quis FrancisctiS Pi- 
colomineus^ quisque Patritius, e Patricia gente, Monti Olivetani Ordinis 
conditores iidem ac rectores ? » . Bolland., Acta SS., Maii tom. VI 
(Venetiis, MDCCXXXIX). p. 545. 

(*) R. Arch. di Stato Sbn., Arch. M. O. M., vol. A. I (290), c.8 
(doc. del 17 nov. 1326). 

(') Cfr. Spicilbg. Montoliv., VoI. I, p. XIX, XX. 

(*) R. Arch. Stat. Sbn., Arch. M. O. M., vol. I, A I (290), c. 8 
(doc. 17 nov. 1326) ; vol. 40, A V (329), c. 26 (2 maggio 1339). 

(*) Cfr. A. LisiNi, A. Liberati, Nofizie genealogiche della fami- 
glia Piccolomini in MisceUanea Storica Senese, IV, 1896, tav. I. 



ORIGINE DKLL' ORDINK Dl MONTOLIVETO 



75 



tezza; ma ch'egli fosse realmente de' Piccolomini, basta per 
noi a provarlo 1' autorit^ del « Necrologium »^ compilato 
anche allora da un monaco contemx>oraneo. Quivi, in£itti, al- 
l'anno 1338 e notata la morte di lui con le parole seguenti: 
« J^. An^osius de PiooLHOMiNiBns de Senis, qui fuit semel 
abbas generalis ordinis nostri et socius beati Bernardi ». Meno 
agevole riesce certamente fissame la precisa discendenza; 
perche se non si presta un po' di fede alPantico albero genea- 
logico, non si puo decidere di quale Mino fosse figlio questo 
Ambrogio (^). Del resto, il nome d' Ambrogio non h nuovo 
uella famiglia Piccolomini, ed abbiamo notizia sicura di due 
omonimi, contemporanei del monaco di Montoliveto ('). Qual 



(^) Proponiamo somraessamente il seguente alberetto, desunto 
dalP antico albero genealogico, di cui esistono una copia nel B. Ar- 
chivio di Stato in Siena ed altre presso le famiglie Piccolomini, e 
dalle tavole compilate con somma diligenza dal cav. Alessandro Lisini 
e da Alfredo Liberati (loc. cit. tav. I) : 

Montone 



Kanieri 
(1178-1212) 

I 

Hdobrondino 



GioTanni 



Nicold 



Piocoiomo 
(1165) 



Gaidolino 
(1165) 



I I I I I I I 

Pietro Chiaromontese Ruaiicliino Aldighieri Oltraroonte Galielmo Uko Bartolomeo 

(1220) 

L_ 

I I I J < 

Alamanno Ildebrandino Bartolomeo Injrhilljerto Golielmo 

(detto Rv.ha^w) (1206-1258) (12201236) (1270) 



Mino o Nino 

I 

Ambrogio 

Abaie di MontoUveto 

(1319-1338) 



Alamanno 

(1285) 



Bemardino 



(*) Un Ambrogio & ricordato in nn atto del 13 Ottobre 1904, coa 
promessa di matrimonio {perg. Borghesn), come figlio di Salomone 



70 P. LUGANO 



vita meaasse costui prima del 1313; se attendesse agli studi 
o piuttosto, alla mercatora, non h lecito affermare con cer- 
tezza, qnantunque vari agiografi, come 1' Ugurgieri e lo Sca- 
pecclii, si siano studiati di scriverne qualche cosa (^). Ma 
V esistenza della Compa^nia mercantile de' Piccolomini, gi^ 
tiorente nel secolo XIII, puo mostrare che presso questa fa- 
miglia, ii traffico venne esercitato tradizionalmente da tutti 
i suoi componenti : fatto tipico, ch' 6 proprio di quasi tutte 
le piii grandi casate di Siena (*). 

Questi, adunque, erano i compagni del Tolomei nel partire 
da Siena. Usciti insieme dalla citt^, per la porta romana, 
s'avviarono a<l un luogo chiaraato « Acona », posto, a breve 
distanza, sopra Buonconvento, a mezzo miglio a ponente di 
Cliiusure, in val d' Ombrone. Era quello un podere di circa 



di Guglielmo, fratelio d' Inghilberto. Ebbe una figliuola, di nome To- 
fana, che spo86 Pietro di Minuccio Dini {Gabella, 1B44). L' altro, ri- 
cordato in Gabella dal 1805 al 1324, 6 figlio di Berto di Alamanno, 
fratello d' Inghilberto. A. LisiNi, A. Libbrati, loc, cit, tav. I. 

(') Ugurgibri, Beati sefiesij tom. I (14) [copia del 1666] fol. 143 
segg. Ms. dell' Archivio priv. del Conte Francesco Piccolomini Ban- 
dini. — P. GiusBPPB Scapbcchi S. I., De Sacn germogli Piccolominei, 
Germoglio X fol. 1-6 (BiB. Com. Sbn. Cod. K, VIII, 46; ms. del secolo 
XVIII). — Qualche cosa si pu6 trovare anche tra le NoUzie di fa- 
miglie seriesi raccolte da Scipionb Borohbsi (B. Com. Sbn. Cod. P. 
III, 3). Sulia famiglia Piccolomini ^ da consultare il lavoro del Cav. 
Al. Lisini e di A. Liberati (MisceUanea Storica Senese, III, 1895, 
p. 201 segg. ; IV, 1896, pp. 17 segg. ; 65 segg. ; 189 segg. ; V, 1898, 
pp. 6 segg. ; 38 segg. ; 77 segg. ; 121 segg. ; 1H5 segg.; 159 segg.). — 
Dobbiamo qui un particolare ringraziamento ai nobili sigg. Conti Fran- 
cesco Piccolomini Bandini e Pietro Piccolomini Clementini per la 
grande cortesia usataci nel permetterci di conoscere i loro privati 
archivi con qualche profitto de'nostri studi. 

(*) Cfr. F. PiccoLOMiNi Bandini, Carte Mercantili Piccolomini del 
secolo XI IL Appunti storici in Miscell. Stor, Sen., V, 1898, p. 65-77. 
— La Compagnia de' Piccolomini attese al traffico delle merci ed a 
quello di banco. — Questa famiglia usa da tempo antichissimo, di 
rappresentare la propria insegna con lo scudo d^ argento con croce 
W azzurrOj cancata di cinque o piii lune montanti d' oro. 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 77 



dugento staia, « circumdato fossis andecumque » (^), com- 
preso nel territorio parrocchiale di Sant' Angelo « de Luco ». 
A questa denominazione h legata la prima notizia del borgo 
di Chiusure ('), la quale rimonta al secolo VIII, quando fer- 
veva la celebre controversia del confine diocesano tra il ve- 
scovo d' Arezzo e quello di Siena (®). Anzi, sia dal giu- 
dicato del 715 che dalP esame dei testimoni, si rileva che 
in questo luogo esisteva fln da quel tempo un « monaste- 
rium», che e detto « sancti Archangeli in Fundu Lucu » (*), 
o, « in Fundoluco » (*). Aggiungeva il prete, di nome « Ga- 
ribaltes », chiamato a deporre la verit^ dinanzi ad Ambrogio, 
mi88o di re Luitprando, ch' egli era stato ordinato dal ve- 
scovo aretino, Vitaliano, ad istanza d' un certo « Totto », 
fondatore del monastero, gia passato all' altra vita. 

8e e vera la deposizione di questo prete, l' origine di 
Chiusure e legata con un monaHtero ; intorno al qusile, sul 
punto piu alto del poggio, s'incominciarono ad edificare abi- 
tazioni rustiche, le quali, aumentando sempre piu, vennero a 
formare un mediocre borgo. Nel 1197 Chiusure si sottoponeva 
ailo Stato Senese. Da questo borgo uscirono anche uomini 
ch'ebbero fama non volgare nella stessa citt^ di Siena; tra 
i quali basterA» ricordare un messer Orlando di Guglielmo, 
dottore in legge, che il 12 novembre 1286 fu eletto rettore 
dello Spedale di Santa Maria della Scala e duro in questo 
ufBcio fino alla sua morte avvenuta intorno al novembre del 
1294 (*). La parrocchia fii detta promiscuamente « sancti ar- 



(i) A. S. S., Arch, M. O. Af., vol. A 1 (290), c, 1 (doc. 24 marzo 
1319). 

(') Rbpbtti, Dizion. geogr, fis. stor. deUa Toscana, Firenze, 1833, 
vol. I, p. 730. • 

(') Cfr. i documenti in Muratori (Antiq. ItaL M, Aevi, VI, 359 
se^g.) e il commento storico che ne ha fatto il can. Vittorio Lusini 
(I confini storici del vescovado di Siena in BuU. Sen., V, 333-367 ; 
VII, 59-82; 418-466; VIII, 195-273). 

(*) Muratori, A. I. M. Ae., VI, 367. 

(») Muratori, Op. cit.y VI, 373. 

(®) LuGiANO Banchi, Statuti Senesi^ vol. III, Addizioni aUo Sta- 
tuto deUo Spedale di Siena, Bologna, G. Bomagnoli, 1877, p. 158-161. 



78 P. LUUANO 



cliangeli » e « sancti Angeli » de Luco, ed ancora nel 1419 
faceva parte della Pieve a Salti, (plehanatm plehis de Saltu), 
ed era nel territorio soggetto al vescovo d^ Arezzo. 

II territorio di Ghiusure, nel secolo XIII e XIV, spettava 
quasi intierameute alla famiglia de' Tolomei : qui possedeva 
Antonio di Meo lucontri e Bartalotto di Meo Tavena; il po- 
dere detto « ferranesi » con altri luoghi era di proprietA di 
Tato di Meo Tavena ('): « le piazze » con altri luoghi in- 
numerevoli spettavano a Biagio di Granello (*): le tenute di 
« Santo al fabro », della « Caggiuohi », della « fonte Orlan- 
do », della « cliiusa » erano d' Andrea di Francescone dei 
Tolomei ("), Questi iK)Ssedimeuti, che si puo dire costitui- 
scono hi maggior parte della Curia di Chiusure, spiegano 
certamente come mai nel secolo XIV si trovi una dirama- 
zioue di questa illustre f^imiglia, detta appunto de' Tolomei 
« de Chiiisuris ». Dai documenti, che abbiamo consultati, si 
rileva che costoro discendevano da un certo Tolomeo « de 
Chisuris », gi^ morto nel 1339, che sembra padre di figliuo- 
lanza non troppo numerosa (*). Possedevano i figli di Tolomeo. 



(*) A. S. S., Estimo, vol 38, fot. CCCXLIV.^ 

i^) « Domnus Blaxius milex quondam domni Granelli de Tolomeis 
de Senis > possedeva terreni lavorativi, nella Curia di Chiusure, con 
case e vigne, quasi alPinfinito. Erano suoi i luoghi detti c Le piazze » 
— a le prata, — Campaia, — Bipalta, — el comolo, — tinello o ti- 
tello, — el poggiuolo del borgo, — Piocha, — Gr6, - Lendinano, — 
le choste del chacchio, — a le pedaglie, ed altri. — A. S. S., Arch, 
M. a M., vol. 15, P (304), c. 5 (doc. 7 nov. 1351). 

(») A. S. S., Arch M. O. M., vol. 19, T (308), c. 3. 

(*) Ecco la famiglia de' Tolomei di Chimure, rilevata dai docu- 
menti di Montoliveto. 

Tolomeo o Talomeo c de Chiasnris » 



Andrea Fasqnale Naldo 

(1339-49) (1352-1377) (1349) 

sposa 
Margarita q. Martino 
di Yeutnra 

Naldo e Andrea « olim Talomei de Chisuris * sono ricordati ai 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 79 



con altre terre, le tenute di « Coiallo » e delle « Spinalbe », 
e forse il borgo di Ohiusure non era che un castello di que- 
sta potente famiglia, derivata da' Tolomei di Siena. 

II podere di « Acona » era di diretto dominio del B. Ber- 
nardo Tolomei, e constava di terre, possessioni e case. Qui 
si raccolsero nel 1313 i quattro senesi, e della solitudine e 
del bello orrido di questo luogo fecero una delizia del loro 
cuore, nsandone come mezzo a salire all' inftnita belt^ di Dio. 
Antonio da Barga ci mostra i fondatori senesi di Montoli- 
veto, schivi delle cose terrene ed anelanti alle celesti. Nella 
nuova dimora, dov' era una « villa parvissima >>, e dove essi 
edificarono coUe proprie mani un « palatium terreum », che 
esisteva ancora verso il 1450, co' loro utensili e libri sacri, 
portati da Siena, si diedero al servizio di Dio (*). Alle ne- 
cessit^ del vivere provvedevano col sudore della loro fronte, 
lavorando, secondo V esempio delP Apostolo, colle proprie 
mani. Mortificando se stessi, con quel po' di rendita che 
traevan dai possessi del Tolomei, e col lavoro manuale, si 
procacciavano lietamente di che sostentarsi. Dopo un breve 
lasso di tempo, si spogliarono delle vestimenta secolaresche 
indossando abito piti modesto e dimesso : deposero gli ele- 
ganti e signorili calzari e misero a' loro piedi i piii vili 
sandali. In tal guisa preparavano Vanimo ed avvezzavano il 
corpo alla povert^ evangelica. Nell' orare assidui ; del si- 
lenzio amantissimi ; nel lodare Iddio volonterosi e ferventi. 

Mancava in quella solitudine la casa di Dio, ed essi po- 
sero mano a costrurre, come meglio poterono, una cappella 
che fu detta di Banta Scolastica ; piccola ma adatta a1 6ne 



22 febbraio 1339 (A. S. S., Arch, M. O, Af., vol. 13, N (802), c. 1), e 
ai 18 apriie 1340 (Arch, cit., vol. 18, S (307), c. 6) : Pasquale « olira 
Talomei de Chinsuris » k inenzionato a' 18 luglio 1352 (Arch, cit, 
vol. 18, S (307), c. 9), e ai 25 gennaio 1377 (Arch, cit, vol. 51, B K 
(340), c. 8). 

(^) Che cosa fossero questi utensili (utensilibus sum) non appare 
evidente. Forse con questo termine Antonio da Barga volle dire che 
essi avean portato seco gli attrezzi pel lavoro manuale e gli arnesi 
da apprestare il vitto. 



80 P. LUGANO 



che s'eran prefisHO, la quale piii tardi fii anche decorata di 
baone pitture (*). In questa cappella, che anch' oggi si mostra 
coine la prima edificata in quel luogo, i senesi fondatori eser- 
citavano il culto divino, facendosi celebrare i misteri della 
Kedenzione da buoni e devoti preti. 

Qnesto fatto ci richiama alla mente che allora non v' era 
poi tanta [lenuria di sacerdoti, se in quella solitudine, anclie 
in quei tempi, poco abitata, v'era modo di officiare piil e piti 
chiese. Oltre le chiese di Chiusure, nei dintorni di Acona, 
v' erano quelle di San Nicolb « de Piocha », di Santo Ste- 
fano « de Ovile », di Santa Maria o San Bartolomeo « de 
Avena », di San Biagio « de Neci », tutte filiali della pieve 
de' SS. Nazario e Oelso (*). I)a queste chiese mrali, che non 
dovevano essere di grande importanza, esistenti nel secolo 
XIV ed oggi scomparse, partivano i preti clie si recavano a 
celebrare nella cappella di Acx)na, costrutta dai fondatori 
senesi di Montoliveto. 

La vita menata da costoro non fu certo vita eremitica, 
per la socievole compagnia che fioriva tra di loro ; n^ pote 
essere, innanzi al 1319, vita cenobitica, ch'fe quella proposta 
nella sua Regola da San Benedetto, per mancanza della for- 
male accettazione da parte di ognuno di essi : fu piuttosto 
una buona preparazione a quest' ultima vita, che poi avreb- 
bero dovuto abbracciare. Nessun documento ce la descrive 



(*) Ofr. Spicilbg. Montoliv., I, 6, n. 3 ; P. Lugano, Memorie dei 
piit antichi Miniatori e Calligrafi Oliv., p. 91. 

(^) Sono ricordate nel Libro dei titoli delle chiese delle Citt& e 
diocesi di Siena del 1317, o di qaalche anno appresso, e nel Liber 
generalis visitationis del 1409 (tom. VIII), esistenti nella curia arci- 
vescovile senese. V. LusiNi, / confini storici del vescovado di Siena, 
1901, pp. 169, 176. — Se ne fa menzione anche in moltissimi docu- 
menti, del secolo XIV, delP archivio di M. 0. M. — Ora non esiste 
che la pieve de' SS. Nazario e Celso: le altre chiese sono scomparse, 
quantunque restino ancora i poderi con l* antica denominazione di 
Pioca, Ovile, Neci, ed i ruderi del castello di Avena o Avana, che 
unitamente al vicino castello di Chiatina o Chiatana, nel 1318, era 
propriet^ d' Andrea e di Cecco di messer Bindo di Biringhieri dei 
Piccolomini. 



I • ' 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 81 

mmutamente, e noi, piuttosto che immaginare, taceremo. Tut- 
tavia h facile argomentarne un' impronta speciale, venuta 
dalle circostanze del tempo e dei costumi della citt^, donde 
s' erano dipartiti i fondatori di Montoliveto. 

La vita privata e pubblica dei Senesi nel Dugento, com- 
mentata mirabilmente da L. Zdekauer (*), lascio tali traccie 
dietro di se, che non si dileguarono troppo facilmente. Anzi, 
il Trecento ritenne forse tutta Pimpronta del Dugento, acqui- 
stando di pitL tutta quella raffinatezza che suole accompagnare 
il lento progresso della civilt^. Nella maggioranza del po- 
polo, la vita poteva essere ancora parecchio rozza ; ma nella 
nobilt^, la gentilezza dei modi andava di pari passo colla 
mollezza del costume e del vivere. I fondatori di Montoliveto 
venivano da quei ricchi signori, che nella opulenza del com- 
mercio aveano trovato modo di raffinata vita. Delle loro oc- 
cupazioni principali e dello spensierato loro vivere pu6 darci 
una languida idea quella, che fii detta Brigata spendereccia o 
Compagnia godereccia, B la vita di questa compagnia di gio- 
vani senesi ebbe il suo poeta in Folgore da San Gemignano, 
che fu della « brigata spendereccia senese V interprete ge- 
niale ». II caso, veramente tipico di costoro, deve aver agito 
fortemente suU' animo dei fondatori di Montoliveto, i quali, 
partiti da Siena, nauseati di tanto sperpero e di si mondana 
vita, si posero in mente di fortiflcare se stessi studiando il 
proprio perfezionamento colla sobriet^ del vitto, col fervore 
deir orazione a Dio e colla pratica della virtil. 



(*) L. Zdbkaubr, Ija vita privata dei Senesi nel Dugento, (Con- 
ferenze, vol. II, 1896), p. 1-104 ; Idbm, Ija vita pubblica dei Senesi nel 
Dugento (Conferenze, vol. III, 1897), p. 76191. 



Cap. IV. 

SOMMARIO 

Meraviglie e timori. ~ II Legato Apostolico in Toscana. ^ II 
Concilio Lateranense^ Innocenzo III e i nuovi Ordini religiosi. — La 
visione della Scala. — Guido Tarlati di Pietramala, vescovo e signore 
d' Arezzo. — II 26 marzo 1319 : la dote del monastero e la charta 
fundaHonis di Montoliveto. — Un processo del 1344 sulPorigine del- 
1' Ordine. — II 29 marzo 1319 : vestizione e professione dei fondatori 
nella SS. Triuit^ d' Arezzo. — Vecchia polemica co* Camaldolesi sul- 
V origine di Montoliveto. — La posa della prima pietra del mona- 
stero. — La regola di S. Benedetto e V abate. I primi abati di 
Montoliveto : Patrizio Patrizi ; Ambrogio Piccolomini e Simon di 
Tura. — La prima radunanza del capitolo monastico e le sue deli- 
berazioni. — La costruzione del monastero e V oblazione di alcune 
pie donne assicurata sul podere di Melanino. — Lento procedere e 
sue cause. 

II fatto della partenza da Biena de^nostri fondatori, che 
erano delie piu illustri faniiglie cittadine, e la fama, che della 
loro santa vita, iniziata ad Acona nel 1313, s' era sparsa 
dovunque, furono principio di forte meraviglia negli animi 
dei Senesi e delle Autorit^ del Iiiogo. Per alcuni la mera- 
viglia cesso, quando recatisi in Acona per constatare la 
realt^ della fama, furono talmente presi dalla bellezza della 
vita sociale ch' essi menavano, che non ebbero piii coraggio 
di partirsene e vollero entrare a far parte della nuova comu- 
nitA, : per le autorit^ del luogo, la meraviglia duro finche la 
novella congregazione non si costitui formalmente, con in- 
tenti cliiari e precisi, e finche non parve allontanato il peri- 
colo ed il timore di una societil, nemica del potere e del 
buon ordine. E cio fu bene. 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 83 



II nnmero di qnei volenterosi che s' erano raccolti in- 
torno al Tolomei in Acona, era gik alquanto cresciuto, ed il 
loro vivere in quella desolata solitudine, poteva, allora pitl 
che mai, generare qualche sospetto, tanto piti che pel trava- 
gliarsi assiduo e crudele de' Guelfi e de' Ghibellini, temevasi 
ovunque il sorgere di nuove fazioni che andassero a tormen- 
tare la civil societA, spossata dalla lotta. Ne il Romano Pon- 
tefice, bench^ residente da piii anni in Avignone, avea omesso 
di prendersi cura delle cose d' Italia : che soleva, quando ii 
bisogno era piti urgent^, inviare qu^ e cola dei Legati e dei 
nunzi apostolici. 

Antonio da Barga ci dA. notizia di una legazione man- 
data dal papa, che era allora Giovanni XXII, in Toscana, 
e che probabilmente h quella che venne affidata al cardinal 
Bertrando de Poyet, del titolo di S. Marcello (*). Disceso 
costui dalla Francia in Italia, e quindi nella Toscana, ebbe 
sentore, che nei dintorni di Siena v' aveano alcuni nobili, 
ritirati dal mondo, che menavano vita religiosa, senza voti 
e senz' approvazione pontificia. Ando a vederli e 1' esorto a 
mettersi in pieno accordo colle prescrizioni della Chiesa. 

Infatti, il Concilio Lateranense IV, tenutosi in Koma sotto 
Innocenzo III, dall' 11 ai 30 novembre del 1215, avea sta- 
bilito, che ad evitare confusione nella Chiesa di Dio, non si 
inventassero nuovi Ordini religiosi, e chi avesse voluto ascri- 
versi fra i Eegolari, dovesse scegliere una delle Regole gi^ 
esistenti ed uno degli Ordini gi^ approvati (*). Questo canone, 
mentre veniva a togliere ai vescovi 1' autoritA, fino a quel 
tempo goduta, di approvare qualunque nuovo Ordine religioso 
fosse sorto nella loro diocesi, poneva nel sommo Pontefice, ed 



(*) Spicilbg. Montoliv., vol. I, pag. 8. 

(•) Can. III. (Cap. Ne nimia, 9. De Religiosis Domibus). « Ne nimia 
religionum diversitas gravem in ecclesia Dei confusionem inducat, fir- 
miter prohibemus, ne quis de cetero novam Religionem inveniat, sed 
quicumque ad Heligionem converti voluerit, unam de approbatis as- 
sumat; similiter, qui voluerit religiosam domum de novo fundare, 
Regalam et institutionem accipiat de approbatis ». 



r 



84 P. LUOANO 



unicamente in lui, ii potere e il diritto di invigilare sopra 
eoloro che mostrasBero di volere indoHsare 1' abito regolare. 
Le Begole poi, che paHnavano allora come approvate dalla 
Ohiesa, erano solamente quattro : qiiella di S. Basilio, di 
Bant' Agostino, di S. Benedetto e di S. Francesco. Chiunque, 
vestendosi religioso, non avesse preso ad osservare una di 
queste Begole, poteva facilmente esser riguardato come ere- 
tico, ribelle o fanatico. N^ hi storia della Ohiesa, anche dopo 
le disposizioni sapientissime del Ooncilio Lateranense, h priva 
di simili esempi. 

I canoni erano chiari ; la legge certa : era dunque me- 
stieri accogliere gli uni ed ubbidire all'altra. In questo frat- 
tempo, ebbero i fondatori senesi di Montoliveto un nuovo 
argomento del volere di Dio e del loro avvenire. Stando, un 
giorno, il Tolomei ad orare, gli parve di vedere una scala 
d' argento, che verso oriente andava a toccare il cielo. Nella 
sommit^ della scala, stavano Gesu e Maria, vestiti di bianchi 
paramenti : nel seno di Maria raggiava una stella di mera- 
vigliosa lucentezza. V era una gran moltitudine di frati che 
salivano e molti angeli che discendevano : tutti vestiti di 
bianco. Ohiamb a s^ il Tolomei i suoi figli e mostro loro la 
visione di Dio: del che tutti gloriftcarono il Signore (*). 

Al parere del Legato della Sede Apostolica, alla prescri- 
zione del Ooncilio Lateranense si aggiungeva ora la volont^ 
di Dio, che quei primi padri videro con certezza manifestata 
nella visione della scala. Non v' era piii dubbio : l^ dove si 
ergeva la scala clie metteva al cielo, doveva sorgere un or- 
dine regolare composto di frati vestiti di bianco, che, aiu- 
tati dagli angeli ed incuorati da Gesti e Maria, sarebbero iti, 
per la scala della penitenza, al cielo. Per mettere, pertanto, 
in esecuzione il volere di Dio e il prescritto della Ohiesa, 
pensarono dapprima di recarsi ad esporre i loro disegni al 
vescovo d' Arezzo. 



(*) Spicileg. Montoliv. I, 8, 9. Questa visione 6 certo una remi- 
niscenza biblica (Gbn., XXVIIL 12), comunissima, del resto, nella 
agiografia medioevale, specialmente per i fondatori di Ordini reli- 
giosi. 



OBiaiNE dell' obdine di montoliveto 86 



Era in quegli anni vesooyo della cittd* di Arezzo qnel 
Guido Tarlati di Pietramala, guerriero e uomo di stato, che 
eletto nel 1321, signor generale, a vita, della citt^ e del 
contado Aretino, per concorde volere dei quattrocento del 
Comune, condusse in breve tempo V intiera citt^ al piu alto 
grado di potenza e di splendore. Figlio e capo di una poten 
tissima famiglia, che aveva sempre parteggiato per i Ghibel- 
lini e ghibellino anch' esso, non isdegno di prestare ascolto 
alle parole dei romiti di Acona, che si presentarono a lui o 
sul finire del 1318, o sul principiare del 1319. Acconsenti 
al loro volere di fondare una istituzione religiosa, e n' addito 
i modi e i mezzi opportuni : gli atti necessarii dovessero com- 
piersi il giorno 26 di marzo. 

In una sala, adunque, del palazzo episcopale d' Arezzo, 
il lunedi 26 marzo 1319, comparvero dinnanzi al vescovo 
Guido Tarlati di Pietramala, inri nohiles^ religioai ac pruden' 
tesy domnus Bernardus quondam domni Mini de Tolomeis et 
Fatritius quondam Franeisci de Patritiis de Senis - i quali 
candidamente gli esponevano - quod ob salutem animarum 
suarum pensaverant in habitu et regula mona4)hali deinceps 
persistere, et altissimo famulari, et in loco dicto Acona, sito 
in Parrocchia Sancti Angeli de Imco, plebanatus Plebis de 
Saltu, Aretine diocesis, velle monasterium erigere, cum cam- 
panis et campanile, sub Eegula Sancti Benedicti, a4 honorem 
omnipotentis Dei et gloriose Marie Virginis, Matris eius - quod 
monasterium vocetur et vocari debeat - monasterium Sancte 
Marie de Oliveto in Acona. Aggiungevano che avrebbero do- 
tato 1' erigendo monastero con dei poderi ch' erano di pro- 
priet^, 1' uno del Tolomei e 1' altro del Patrizi, co' loro 
annessi, diritti e pertinenze ; che il monastero dovrebbe esser 
governato da un Abate, eletto da monaci, tutti viventi sotto 
la regola di S. Benedetto, e mai da laici o cherici secolari; 
che il monastoro, per miglior agio nel servizio di Dio, do- 
vrebbe esser libero ed esente dal pagar decima; che vi fosse 
intorno un ciraitero, dove potessero seppellirsi gli abati, i 
monaci, i conversi e tutti i famigliari del monastero stesso. 
Potesse 1' abate pro tempore, per sfe o per altri, ascoltar le 



86 P. LUGAKO 



confeHHioni dei monaci, conversi e &niigliari: l'abateeimo- 
naci avesHero diritto di fare quelle costituzioni che tomas- 
oero d' ntilitA al bene del monantero: fosse facolt& all'abate 
di confe88ar8i a qoalunqne sacerdote e di ricevere gli ordini 
e i Ha(;rameuti da qualnivoglia vescovo cattolico : il che po- 
teHHero fare anche i monaci, ma con licenza deirabate. Pre- 
gavano inline il vescovo a deniguare un huo rappresentante 
il quale foHne ito a vinitare ed a ntabilire il luogo pitl adatto 
alla coHtniziiine del monantero, a i>orre la prima pietra ed a 
cxHnpiere tutte le cerimonie e l)enedizioni, clie per tali circo- 
Htanze Hono prencritte nel rituale della Oliiesa. Approvo il 
vcHcovo d' Arezzo, col couHenHo del suo Capitolo, le domande 
del Tolomei e del Patrizi, promettendo un rescritto a parte, 
mettendo i>er6 Hubito c|ueHta condizioue, che I' abate e i mo- 
naci nou dovcHHero ricevere a' nacramenti i parrocchiani di 
altre ChieHc, nenza lieenza del loro rettore ('). 

II primo paHHO era fatto. Lo Btesso giorno, i medesimi 
Bernardo e Patrizio volendo, per quanto era in loro potere, 
mandar ad e£fetto il loro proposito, a maggior gloria di Dio, 
aitennato il pacifico possesHO de' loro poderi, li cedono volon- 
tariamente Deo et Beate Marie^ atque loco, seu monasterio 
Sancte Marie de Oliveto in Aeona, construendo, et venerabili 
patri domno Guidoni Episcopo, stipulanti et reeipienti predi- 
cta poderia in dotem et pro dote dicti monasterii de Acona, 
et pro ahhate, mona^ns, conversis et alii^ familiaribus, qui pro 
tempore fuerint, in monasterio ipso alendis et nutriendis La 
dote del monastero da ediliearsi era formata dal podere di 
Acona, di dugento staia in circa, « circumdatnm ripis et fos- 
siH », propriet^ del Tolomei, e del podere di Melanino, pro- 
priet^ del Patrizi ('). 



(^) L' atto originale, rogafco da Guadagno di Ser Giunta, manca 
da molto tempo nell' Archivio di M. 0. M. Se n' ha una copia auten- 
tica, fatta VS aprile I76B da Francesco di G. B. Ciolfi (A. S. S., Arch. 
M. O. M., vol. A 1 (290), c. 1) ricavata, sembra, dall' originale che 
allora si trovava nelP Archivio Olivetano di S. Benedetto, fuori di 
Porta Tufi. 

(^) Anche di questo documento non si ha che una copia auten- 
ticata (A. S. S., Arch. M. 0. 3f., vol. A 1 (290), c. 2). 



■^A 



OBIGINE dell' obdine di montoliveto 87 



Dopo questi atti, il vescovo Guido rilascib, sempre nello 
stesso giorno, la charta fundationis del nuovo monastero. Mo- 
stra il vescovo aretino il suo piacere nel vedere che nobili 
senesi intendono edificare un monastero nel suo territorio 
episcopale : ne spera un bene infinit/O per il culto di Dio e 
per la salvezza dei popoli. Quindi, col consenso del capitolo 
aretino, concede loro quanto aveano domandato. D^ autorit^ 
al « religioso et discreto viro » don Giovauni, monaco del- 
V Abbazia « de Sasso » (allora residente nella cliiesa catte- 
drale d' Arezzo a godere il beneficio di Cione di Tavino), di 
ricevere, in nome suo, la dedicazione di se stessi, che vole- 
vano fare a Dio, Bernardo, Patrizio e V altro socio, di bene- 
dire i candidi indumenti e di vestirli. Prete Restauro, gi^ 
cappellano della chiesa « de morello », ed allora addetto alla 
confraternita della Trinit^ d' Arezzo, andasse lassu, ad Acona, 
a porre la prima pietra del nuovo edifizio, che si deve eri- 
gere con campanile e campane, sotto la regola di S. Bene- 
detto e deve chiamarsi - mona^sterium Sancte Marie de Oliveto 
in Acona^ - com' erasi richiesto. II quale si regga e governi 
da un abate regolare, in perpetuo; sia esente, compresi Pa- 
bate, i monaci, i conversi e gli altri famigliari, da qualsivo- 
glia decima. La conferma deirabate, la visita e la correzione 
del monastero, siano riservate al vescovo aretino pro tempore. 
Vi sia un cimitero adatto e conveniente per tutta la fami- 
glia, e 1' abate possa ascoltar le confessioni de' suoi sudditi, 
stabilire, unitamente ai monaci, le costituzioni regolari da 
osservarsi, ricevere i sacramenti e gli ordini, e farli ricevere 
da qualsiasi vescovo cattolico. Niuno pero del monastero osi 
ariimettere a' sacramenti i parrocchiani d' altre chiese, senza 
espressa licenza del loro parroco. Questa charta fundationis 
fu rogata da Guadagno di Ser Giunta, presenti molti testi- 
moni, nella sala del palazzo episcopale d' Arezzo, nell' anno 
« a nativitate » 1319, correndo la seconda indizione, a' 26 
di marzo, in giorno di lunedi (*). 



(^) La cJiarta futxdationis di Montoliveto ^ gi& edita da molti, ed 
anche nello Spicileg. Montoliv., I, 66-69. NelP Arch, di M. 0, M' 



88 P. LUGANO 



La charta fundationi8 h diretta a Bernardo e a Patrizio: 
in e8Ha non si fa menzione di Ambrogio, quantunque si vegga 
chiaro che i vestiendi sono tre : Bernardo, Patrizio ed un 
»ociu$. QueHti era riniaHto in Aeona, ed avvisato di quanto 
era avvenuto in Arezzo e del giorno stabilito per la vesti- 
zione, part) dalla solitudine ed ando a raggiungere i snoi 
compagni ch^ erano ospitati nella casa de^ fustigati della SS. 
Trinit^. Con quale ordine procedessero le cose e come venis- 
sero mandate ad effetto le disposizioni episcopali di Guido, 
non si potrebbe oggi deserivere esattamente, se la vigilanza 



(A. S. S., vol. A 2 (290), c. B) se n* ha un esemplare, trascritto, i1 1.^ 
ottobre del 1326, ab originali « munito sigillo cere rubee et albe, ex 
parte de foris albe, et intus rubee, pendente in serico giallo et rubeo; 
in qua quidem cera rubra erant hec ymagines, videlicet, in parte 
superiori subtus quodam cinorio erat ymago beate Marie virginis se- 
dentis cura filio suo in brachio et in medio dicti sigilli erant due 
immagines episcopales, quarum unus erat cum mitra et cum baculo 
ad similitudinem pastoralis; in pede vero dicti sigilii eratymago cu- 
iusdam clerici genuflexa, et circum circa dictum sigillum erant sculte 
hec lictere sic dicentes. — S(er) Guidonis, divina miseratioue, episcopi 
aretini ». — Nella cJiarta fundationis v' ^ un passo che ha dato luogo 
ad una falsa notizia riguardante i1 luogo dove i fondatori senesi fu- 
rono vestiti dell' abito monastico. E i1 seguente: « Committimus re- 
ligioso et discreto viro, domno lohanni monacho Abbatie de Sasso, 
nostre diocesis, nunc in cathedrali ecclesia nostra residenti, ad altare 
in ecclesia ipsa constructum per Cionem de Tavine, quod dedicatio- 
nem, quam vultis facere vos prescripti Eemardus, Patritius et . . . . 
socius, Deo et beate Marie de Oliveto in Acona, in monasterio con- 
struendo sub Begula beati Benedicti, et habitu ac observantia mo- 
nachali, recipiat vice nostra ; et albas vestes, quas gestare vultis, 
benedicat et induat illas vobis ». Molti intesero 1' inciso — ad altare 
in ecclesia ipsa (cathedrali) ecc. — non gii come riferito al monaco 
Giovanni, addetto al servizio dell' altare costrutto nella cattedrale 
d' Arezzo da Cione di Tavino, ma come riferito alla dedicazione che 
dovevano fare col^ i fondatori di Montoliveto. Di qui, gli agiografi 
e i cronisti, riportarono promiscuamente la vestizione di quei fonda- 
tori alla chiesa cattedrale ed a quella dei fustigati della SS. Trinit4. 
II Lancbllotti (Histor, Oliv., I, 13) stabili la verit& delP ultima as- 
serzione rigettando la prima, come contraria ai documenti. Cfr. Spi- 

GILBG. MONT. I, 12 Segg. 



ii 



OBIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 89 

dei monaci di Montoliveto non avesse provveduto a riparare 
in tempo alla perdita dei documenti originali, allora eom- 
pilati. 

II di 8 maggio 1344, frate Venturino di maestro Mino, 
sindico « venerabilis viri dopni Bernardi Abbatis » de' frati 
monaci, capitolo e convento del monastero di Santa Maria 
« de Monte Oliveto in Acona » si presento innanzi a messer 
Viviano da Siena, pievano di 8ant' Agata d' Asciano, vica- 
rio generale di Boso, vescovo d' Arezzo, supplicandolo di vo- 
ler esaminare tre testimoni sopra una petitione da pubblicarsi 
« ad perpetuam rei memoriam ». La petizione presenta un 
compendio del fatto dell' origine di Montoliveto, diviso in 
otto articoli ('). Messer Viviano, compresa la ragione della 



(') Ecco gli articoli coUe relative deposizioni : c Coram vobis Ve- 
nerabili viro domno Viviano de Senis, Plebano plebis Sancte Aghate de 
Asciano Aretinei diocesis reverendi in Christo patris domni Bosi Dei 
gratia Episcopi Aretini Vicario generali. Intendit probare super su- 
prascripta petitione coram vobis per eum oblata frater Venturinus 
magistri Mini sindicus venerabiis dopni Bernardi AbbatiSi fratrum et 
Monacorum et Capituli et Conventus Monasteri Sancte Marie de Monte 
oliveto in Acona Aretine Diocesis Ordinis Sancti Benedicti inten- 
tiones et articulos infrascriptos : 

In primis, quod in anno Domini millesimo trecentesimo decimo 
nono, indictione secunda, venerabilis pater domnus Guido olim Epi- 
scopus Aretinus, tunc gratiam et coraunionem sancte matris Ecclesie 
habens, instituit, fuiidavit, et construxit, et edificavit de novo dictum 
monasterium Sancte Marie de Monte Oliveto sub Eegula et Ordine 
predicti beati Benedicti. 

[Responderunt : — esse vera omnia et ningula in dicto articulo 
contentaj. 

Item quod in ipsa instituzione, fundatione, constructione et nova 
edificatione dictus Domnus Episcopus disposuit, et instituit ac de- 
crevit ipsum monasterum esse, et esse debere collegiatum et jura 
coUegii habere et collegiati monasterii. 

[Responderunt: — esse vera in dicto articulo contenta^ quia pre- 
sentes fuerunt et ita recordantur de tempore et de gestis in dicto ar- 
ticulo per Domnum Episcopum supradictumj, 

Item, quod diqtus domnus Episcopus^ post predicta, volens ex 
officio 6U0 novos et primos monacos dicti monasterii recipere et creare 
secundum dictam regulam et canonicas traditiones, commisit et man- 



90 P. LUGANO 



lietizione e la gravit^ dell' ufficio, per meglio investigare la 
veritii, personalmente, a' 14 di maggio, si porto al monastero 
di Montoliveto, fece chiamare nel chiostro i testimoni desi- 

davit dopno lohanni de Aretio, monacho monasterii de Sasso, Are- 
tine diocesis, Vicario suo, quod reciperet in monacos dicti monasterii 
auctoritate dicti domni Episcopi et crearet, et faceret monacos ip- 
sius monasterii Bernardum filium quondam domini Mini de Tholomeis, 
Patricium Olim Francisci de Patriciis et Ambrosgium Olim Nini de 
Senis, cupieutes in dicto Monasterio, et in dicta regula et Ordine 
Domino deservire. 

[Besponderunt : — vera ease que in dicte articulo continentur, quia 
fuerunt presentes quando dicta cofnmissw farta fuii in dictum dop- 
num lohannetn, anno^ mense et die in primo art contentisj. 

Item, quod dictus dominus vicarius ex commissione, auctoritate 
et mandato predictis dicti domini £piscopi, recepit et creavit dictos 
Bernardum, Patricium et Ambrosgium monacos dicti monasterii, re- 
gule et Ordinis Sancti Benedicti, et primo benedicens cucuUam albam 
et eandem sic benedictam eis imposuit, et habitum monacalem re- 
gule Sancti Benedicti, qui dari profitentibus consuevit. 

[Responderunt : — 'vera esse que in dicto artic. continentur, quia 
presentes fuerunt et audiveriint qxiando dictus dopnus lohannes com- 
missarius dixit et ustis fuit. verbis que dicuntur in benedictione Pan- 
norum et quando dicius commissarius cucuUam sic benedictam immisit 
et imposuit dictis Bemardo, Pab-icio et Ambi^ogio, et contentis in art. 
pi^o habitu et nomine habitus monacalis regule Sancti. Benedicti, qui 
consuevit dari profitentibus. Interrogati de tempore, responderunt : — 
quod fuit tertia die a die et tempore superius in primo art declarato. 
Interrogati in quo loco, responderunt : — in Ixn^o fustigatorum sancte 
Trinitatis, posito extra muros civitatis aretiij. 

Item, quod predicti frater Bernardus, frater Patricius et frater Am- 
brosgius, fecerunt in manibus dicti domni Vicarii, recipientis pro dicto 
domno Episcopo verbalem et expressam professionem monacalem se- 
cundum dictam regulam, suscepto habitu predicto, promittentes eidem 
perpetuo vivere in dicto monasterio sine proprio, et in castitate sub 
obedientia abbatis monasterii sub regula beati Benedicti, renuncian- 
tes ex certa scientia anno probationis, et cuiuslibet alterius spatii 
temporalis benefitio, eis, sive dicto monasterio concesso per dictam 
regulam, vel a iure. 

[Responderunt : — vera esse, quia presentes fu£runt et audiverunt 
quando supradicti professione^n fecerunt et obedientiam promiserunt 
dopno lohanni de Aretio monaco monasteHi de Sasso, Vicario dicti 
domni Episcopi. Interrogati de tempore, responderunt : — quod fuit 



OEIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 91 

gnati, ch^erano Pabate B. Bernardo Tolomei, frate Patrizio, 
e messer Donato di Mirancio, canonico d' Arezzo, presente 
frate Yenturino, e prestato giuramento « tactis scripturis », 



eadem die, incontinenti post smceptionem habitiLS, prout supra in pro- 
ximo art dixerunt Interrogati in quo loco^ responderunt : — in ipso 
loco fustigatorum Sancte Trinitatis]. 

Item, quod dicti frater Bernardus, frater Patricius et frater Am- 
brosgius, monaci dicti monasterii professi, genuflexi fecerunt obe- 
dientiam manualem dicto domno Vicario recipienti pro dicto domno 
Episcopo, et futuro abbate dicti monasterii, mictendo manus suas in 
manus dicti Vicarii, ut moris est. 

[Besponderunt : vera esse, quia fuerunt presetites, ipsa et eadem 
die declarata. Interrogati si de omnibus supradictis, vel de aliquo 
predictomm factum fuit instrumentum, responderunt : — quod sic, 
videUcet, quod de commissione facta in dopnum lohannem supradi- 
ctum per domnum episcopum, factum fuit instmmentum mxinu Ser 
Guadagni Notarii tunc dicti domni Episcopi ; de aliis, dixerunt, quod 
facta fuerunt instrum^nta , sed 7i07i re ordantur inatiu cuius no- 
tariij, 

Item, quod predicti frater Bernardus, frater Patricius et frater 
Ambrosgius, monaci dicti monasterii portaverunt pubblice predictum 
habitum professorum, et tamquam monaci professi dicti monasterii 
pubblice se gesserunt, et fecerunt omnia que professi monaci facere 
consueverunt in dicto monasterio, in ecclesia dicti monasterii, et in 
dicto monasterio et extra, et membris eius, viginti annis proxime 
preteritis, et ultra, et sic habiti sunt et reputati, et habentur et re- 
putantur a gentibus, publice et notorie et manifeste. 

[Responderunt : — vera esse omnia et singula, et sic est pubbli- 
cum et 7iotonum geniibus et conspectui hominum ubique, qui notitiam 
haberent predictorum, adeo quod nulla potest tergivei'satione celarij. 

Item, quod de predictis et quolibet predictorum fuit et est pu- 
blica vox, et fama. Nomina vero testium sunt hec, videlicet, frater 
Bernardus abbas supradicti raonasterii^ frater Patricius supradictus, 
domnus Donatus Mirancii Canonicus Aretinus, Ser Landus cappella- 
nus plebis Sancte Marie de Aretio. 

[Responderunt : — quod de hils que dixerunt est publica vox et 
fama, et adeo sunt publica et 7wtoria quod nuUa possunt tergiversa- 
tione celarij, 

Naturalmente le deposizioni, nel processo, essendo fatte da un 
testimonio per volta, sono in singolare : V abbiamo messe al plurale, 
per guadagnare spazio, e percli^ esse sono perfettamente d' accordo 



92 P. LUOANO 



V interrogo, V uno dopo V altro, sul tenore dei singoli arti- 
coli, e ne ricevfe le dei)osizioni, che fiirono sempre e in tutto 
mirabilmente concordi. L'll agosto dello stesso anno, il me- 
desimo Vicario Viviano « sedens pro tribunali, Asciani, Co- 
mitatus Senarum et diocesis Aretine, in domibus plebis Sancte 
Agate, ubi ad presens episcopalis Curia Aretina pubblice de- 
tinetur »y alla presenza di frate Venturino, che domandava 
venissero messe in pubblica forma le deposizioni dei testi- 
moni, comandava ad Agostino di Finucio d' Arezzo, notaro 
e scriba della Curia Aretina, di redigerle e pubblicarle. Erano 
preseuti a quest' atto Ser Cecco Berti cappellano « in maiori 
ecclesia Aretina », Ser Giovanni, rettore della Chiesa di 
S. Martino « de Policiano », Gabbese Benincasa di Montalto, 
Ser Pagano, Ser Vannis d'Arezzo, Ser Francesco di Ser Tuc- 
cio da Foiano e messer Bandino « de Pergene », canonico 
d' Arezzo. 

Pertanto, il terzo giorno dal 26 di marzo, cio^ il 29 marzo 
1319, come si rileva da questo processo, il B. Bernardo To- 
lomei, Patrizio Patrizi e Ambrogio di Nino, nella chiesa dei 
fustigati della SS. TrinitA, d' Arezzo, posta fuori le mura di 
citt^, alla presenza di una moltitudine grandissima di popolo, 
ricevevano 1' abito bianco dalle mani del monaco Giovanni, 
commissario a cio delegato dal vescovo Guido dei Tarlati di 
Pietramala. Appena rivestiti degli abiti monastici, rinun- 
ziando all'anno di prova ed a qualunque altro intervallo di 
tempo, prescritto dalla regola o dal diritto, fecero, nelle mani 
del suddetto vicario, la loro verbale ed espressa professione, 
promettendo « perpetuo stare et vivere monaci sub obedien- 
tia abbatis ejusdem monasterii, sine proprio, in castitate et 



tra di loro. Di questo processo conserviamo una copia^ fatta sull' o- 
riginale, nel finire del secolo XIV, in un volume intitolato: Registro 
di AUi e Contratti fatti vivente il B. Bemardo Tolomei per il Mon/^ 
di Monte Oliveto, Tom. I, fol. XII-XIV. Lo conobbe e se ne valse gik 
il Lancelloti'1 (Histor. Oliv , I, 13): non venner esaminati de' nostri 
che il B. Bernardo e Patrizio, perche Ambrogio era passato all'altra 
vita fino dal 1337. 



OBIGINE DELL^ OBDINE DI MONTOLIVETO 93 

moram snorum conversione, et stabilitatem servare secun- 
dum regulam et ordinem beati Benedicti ». 

II commissario del vescovo Aretino, monaco delPAbbazia 
del Sasso, nel Casentino, fu occasione d' una celebre contro- 
versia tra i monaci Camaldolesi e gli Olivetani, suUa prove- 
nienza dell' Ordine di Montoliveto da quello di Camaldoli. 
Scrittori superficiali, d' ambe le parti, e storici di mala fede, 
misero fuori le loro ragioni, falsando anclie i documenti. Pri- 
mo forse che scrivesse di tali cose fu quell' Agostino Fortu- 
nio, fiesolano di patria, monaco camaldolese del monastero 
fiorentino di 8. Maria degli Angeli, che, dal 1574 al 1579, 
per consiglio d' Antonio Cursio , maggiore del S. Eremo, 
compilando una storia del suo Ordine, si di^ a fantastieare 
ed a favoleggiare piacevolmente, piu che a storico si conve- 
nisse (*). Egli, interpolando il testo delle cronache di Mon- 
toliveto, disse Giovanni, monaco camaldolese, e pote scrivere 
la sua - Origo mona^horum Montis OUveti ex Camaldulensi- 
bvs - (*). Di qui, molti ripeterono che il vicario del vescovo 



{*■) Historiarum CamcUdulensium Ubritres, Augustino [Fortunio] 
florentino Monaco Camaldulense auctore, Florentiae ex Biblioth. Ser- 
martelliana, 1575. — Questa storia fu pubblicata in due volte : la 
prima parte nel 1575, la seconda nel 1579. Di essa i dotti compila- 
tori degli Annales Camaldulenses danno il seguente giudizio : « Verum 
haec specimina potius habenda historiae Camaldulensis, quam exa- 
ctae historiae, praeter frequentissimos lapsus Fortunii, quem plurimae 
chartae fugerunt, quique, quas vidit, in medium proferre dectrecta- 
vit » . MiTTARBLLi CosTADONi, Ann, Camaldulenses, Venetiis, MDCCLV, 
tom. I, Praef,^ pag. XIII. 

(•) FoRTUNio, Histor, Camald., lib. II, p. 226-228. Ecco il tratto 
che fa poco onore a questo storico. . « religiosisque viris nunc ex 
Gallia reversis, mandata patris summi studiosius peragere volens 
(Episcopu^s Aretinus), ad basilicam S. Trinitatis Aretii, comitante se- 
natu ac populo universo processit, ubi Camaldulensem hahitum illis 
tradidit: sicut ex Cronicis eius Ordinis proditum est, ubi haec ha- 
bentur verba : Venerabilis autem Pontifex Aretinus, per manus cu- 
iusdam religiosi viri loannis monachi Camaldulensis abbatiae de Saxo 
Aretinae dioecesis, induit praefatos patres purissimum et album ha- 
bitum » (p. 227). Ora, ^ certo, che nessun testo delle Cronache di 
Montoliveto ha 1a parola Camaldulensis dopo loannis monachi. Cfr. 



94 P. LUOANO 



d' Arezzo era camaldolese e che 1' abito da lai dato ai fon- 
datori di Montoliveto non poteva essere che il camaldo- 
lese (*). La cosa pervenne a tale, che nella prima met4 del 
secolo XYII s' era accesa uua buona polemica tra i Camal- 
dolesi e gli Olivetani. Aveano i monaci di Camaldoli fatto 
dipingere nella loro chiesa di S. Biagio in Fabriano, il B. 
Bernardo Tolomei che riceveva l'abito camaldolese, portogli 
da S. Romnaldo per meglio eternare il parere del loro For- 
tunio. Ma saputosi dai monaci olivetani questo fatto, porta- 
rono la causa dinanzi alla Congregazione dei Yescovi e Ke- 
golari, la quale affido a1 Card. Alessandro Cesarini d'investigare 
la verit^ nella controversia. Egli, scoperta la falsit^ dell'as- 
serzione camaldolese, fece togliere la pittura, e la controver- 
sia ebbe flne ('). 



Spicileg. Montoliv., I, p. 12, n, 1. Di piu ; tal parola non si trova 
in alcun documento relativo aquesta vestizione. ne vi si pu6 trovare, 
perche in quegli anni V abbazia del Sasso era dei Benedettini neri, 
che v' abitarono fino al 1414, e che nulla di comune ebbero mai coi 
Camaldolesi, come dimostrasi dal Mittarblli e dal Costadoni (An- 
nales Camaldulenses^ tom. V, Venetiis, MDCCLX, pag. 308-309). — I 
Camaldolesi ebbero V abbazia del Sasso nel 1414, per concessione di 
Giovanni XXIII, e prima, cio^ dal 1223, non ne goderono che il pa- 
tronato. 

(^) Sono riferiti negli Ajmales Camald., tom. V, p. 307-310. 

(') Quest' ultima particolarit^ ci viene riferita alla fine di una 
scrittura anonima, intitolata — Vera origo Co?igregationhs Olivetanae 
contra CamaldtUenses, eitis natalia adulterantes, — dove si legge : 
« suprascriptum opus haustum est a perspicacissimo intellectu R.mi 
Patris Pauli a Monte Calvo Bononiensi, vicario generale meritissimo 
(Montis Oliveti), anno 1642, occasione controversiae litis inter congre- 
gationem olivetanam et camaldulensem, propter quamdam picturam 
positam Fabriani in ecrlesia camaldulensi, representantera B. Bernar- 
dum habuisse originem a divo Romualdo ; quod, quia falsum, instante 
R.mo Patre D. Victorio (de Grecis) de Neapoli, abb. gen. olivetano 
(1642-3), abolita fuit pictura, de mandato Capituli generalis supr. 
Patrum Camaldulensium, et hoc auctoritate E.mi Card. Cesarini, cui 
cognitio causae demandata fuit a S. Congreg. super negotia Regula- 
rium^. Registro, V, fol. 75. 

Anche il Camaldolese D. Giacomo Botta, lasci6 nella Biblioteca 



- -»•'. 



OBiaiNE dell' obdine di montoliveto 95 

Appena vestiti dell' abito monastico, e professati secondo 
la regola di 8. Benedetto, i fondatori di Montoliveto, fatta 
riverenza al vescovo d' Arezzo, se ne partirono per Acona, 
accompagnati, per quanto si puo ragionevolmente supporre, 
dal prete Eestauro, che V avea ospitati presso la chiesa dei 
Fustigati, e che doveva recarsi, per delegazione episcopale, a 
porre la prima pietra del nuovo edifizio. II vescovo Guido 
Tarlati benedi questa pietra, la consegno a Restauro e li- 
cQnzib la comitiva. 11 1.° aprile, dopo breve riposo, prete 
Eestauro designava il luogo piti acconcio all' edifizio mona- 
steriale di Acona, vi piant/ava la croce, colle benedizioni e 
preghiere di rito, e poneva la prima pietra (*). Cosi si get- 



di S. Michele di Murano in Venezia un' opera ms. col titolo : — De 
Ongine Congregationis Montis OUveti (codd. 650 e 654). Moreni, Bi- 
bliografia stoHca ragionata della Toscana, Firenze, MDCCCV, tom. I, 
pag. 156. — Da una lettera del Conte Germanico Tolomei alPabate 
Besozzi (Siena, 19 aprile 1762) si apprende che nei Camaldoli d* A- 
rezzo, Giorgio Vasari, dipingesse il B. Bernardo vestito delP abito 
olivetano dai padri Camaldolesi; ma di simil iavoro il Vasari iion fa 
menzione ricordando le opere fatte per quel luogo. 

(1) A. S. S., Arch. M. O. M., vol. A 1 (290), c. 4. - L' atto rela- 
tivo, rogato da Giovanni olim Venture, ha la data del 1 aprile 1320 
secundum consuetudinem civitatis Senarum. Ma 6 noto che Siena, 
benchS seguisse il computo del 25 marzo, come Firenze, usava il 
calcolo pisanOy 11 quale precedeva di un anno quello di Firenze. Onde 
giusta il calcolo a nativitate, seguito ne' documenti aretini relativi 
alle cose nostre, la posa della prima pietra, fufatta il 1." aprile 1319. 

Dell' atto, ecco la sostanza, nelle parole testuali : < Sapiens et 
discretus vir prestiter Restaurus dudum cappellanus ecclesie de Mo- 
rello et nunc apud domum fraternitatis Sancte Trinitatis de Aretio 
commorans, existens in loco de Acona Aretine diocesis, sito in Co- 
mitatu Senarum, in parochia Sancti Angeli a Luco, plebatus plebis 
de Saltu,.... ad honorem et reverentiam omnipotentis Dei et beate 
Marie semper Virginis et Beati Benedicti et omnium Sanctorum et 
Sanctorum Dei, designavit locum magis aptum monasterio sub regula 
beati Benedicti conscruendo in illo, et crucem fixit ibidem, et bene- 
dixit illis cum omni oratione solita et posuit primarium lapidem ibi, 
benedictum per supradictuin episcopum pro monasterio in dicto loco 
construendo. — Actum in dicto loco de Acona, coram presbitero Lando 
quondam MafFei, rectore ecclesie Sancti Angeli a Luco de Chiusure, 
et Goccio olim lohannis, et Lando filio magistri Cennis, et Ser Lu- 
cha notario filio ser Birni notarii et pluribus aliis testibus » ecc. 



96 P. LUGANO 



tavano lo fondamenta materiali e morali dell' Ordine di Mon- 
toliveto. 

8ui primi d' aprile del 1319, V antico posAeAao de' Tolo- 
mei, detto Acona, vedeva compiersi una belli88ima trasfor- 
mazione. MeHsa la pietra fondamentale del nuovo mona^stero 
benedettino, e formalmente accettati monaci i primi fonda- 
tori, cio6, Bernardo, Patrizio e Ambrogio, faceva d' uopo 
lavorare di buona lena intorno all' ediflzio materiale e sociale 
dell' Ordine novello. 

Fondamento dell' edifizio sociale era, giusto il desiderio 
degli istitutori, approvato dal vescovo Aretino, la regola di 
San Benedetto. Scopo di esaa ^ quello di ricondurre il mo- 
naco a Dio per la fatica dell' obbedienza, dal quale erasi di- 
partito per viltA di disobbedienza, vale a dire per 1' abne- 
gazione di se stesso. Gli uomini che andavano e che vanno 
a San Benedetto, per seguire Criato, dovevano lasciare tutto, 
abnegare se stessi ; ma non dovevano smettere la piii nobile 
prerogativa della loro natura, la sociabilit^. Percio alla so- 
cietd; della famiglia, germe di ogni umano assembramento, 
formato da individui generati per volontA della carne, egli 
aopperi quella dei nati da Dio per la fede. L' abate ^ il pa- 
dre di questa nuova famiglia. I monaci di Montoliveto tol- 
sero in mano la Eegola e lessero : « Nella elezione dell' abate 
si tenga sempre per norma che sia creato quegli, cui tutta 
la congregazione, concorde, secondo il timor di Dio, o anche 
una parte, sebbene piccola, con pid sano consiglio avrA, eletto... 
L' abate eletto tenga sempre innanzi all' animo le gravezza 
dell'incarico, ed a chi dovr^ render ragione del suo ministero : 
sappia che il suo debito h piuttoato di giovare, che di coman- 
dare. Sia dunque maestro della divina legge, e sappia esporre 
i premi e le pene dell' altra vita, si da cavarne i documenti 
dei premi e delle pene eterne ; sia casto, sobrio, compassio- 
nevole, e sempre preferisca al rigore la misericordia, perch^ 
possa egli stesso conseguirla. Aborra dai vizi, ami i fratelli ; 
nel censurare vada cauto e non trasmodi perche volendo 
troppo raschiar la ruggiue, non gli vada in pezzi il vaso ; 
tenga d' occhio alla propria fragilit^, e ai ricordi che la canna 



ORiaiNE dell' ordine di montolivbto 97 



spezzata uon va calpestata. Gon questo uou iutendiamo clie 
lasci veuir su i vizi, ma cou prudeuza e carit^ li tronchi, 
acconciaudosi all' iudole di ciascuuo, e si faccia piti amare 
clie temere. Nou sia d' auimo torvo e angoscioso, uou ecces- 
sivo ed ostinato, nou geloso e troppo sospettoso, percli^ uon 
avr^ mai pace. Nel comandare sia provvidente e misurato 
per ragion di Dio e degli uomini. Misuri e temperi le opere 
clie impone, ricordando la discrezione di Giacobbe, che di- 
ceva: - Se stancherb i miei armenti nel cammiuare, inun sol 
di tutti mi morirauno. - Tenendo iunanzi questi ed altri am- 
maestrameuti di discrezioue, madre di ogni virtii, cosi tem- 
peri ogni cosa, che i forti ue voglian di piil, ed i fiacchi non 
se ue spaventino. E inuanzi tutto osservi la presente Eegola 
iu ogni sua parte ; percli^, quaudo avr^ beue ammiuistrato, 
ascolti dal Siguore, come il buou servo che dispenso il grano 
nel tempo stabilito ai suoi compagni : « lu verit^ vi dico, 
che lo mettero a capo di tutta la sua sostanza ^ (^). 

Nell'aprile del 1319, la congregazione mouastica di Acona, 
nou poteva essere gran fatto numerosa ; ma probabilmente 
non coutava meuo di dieci o dodici iudividui. Si radunarono 
per eleggere l'Abale e gli occhi di tutti Airouo sul B. Ber- 
uardo Tolomei ; ma egli, adducendo, per togliersi al grave 
peso, la propria infermitsk. visiva quale impedimeuto, allon- 
tauo da sfe il voto comuue, che andb a cadere su Patrizio 
de' Patrizi. Fu questi il primo abate di Montoliveto, eletto 
nell' aprile del 1319 ed approvato dal vescovo aretino. 

Di quali virtti, di quauta carit^, di quauta temperanza 
debba esser fornito 1' abate, S. Beuedetto espone nella sua 
Begola ('), in modo da adunare nelle sue mani tutta la somma 
del [)otere, la suprema ragione della vita e della morte spi- 
rituale del suo gregge. I suoi uffici toccauo gl' individui e la 
compagine sociale della sua famiglia. Gon questi, se diligeuti, 
mite e beuiguo ; se tristi e ribelli, austero e non tardo di- 



(*) Regula, cap. LXIV. 
(') Regvla, cap. IL 



98 P. LUGANO 



stributore di pene ; ma sempre tale, che 11 nome di abate o 
di padre non sia una menzogna nel huo reggimento ; irre- 
prensibile perche non mentisca al suo magistero, Piti di fatti 
che di parole maestro; rigido distributore di giustizia, non 
guardi a personti, ma al merito ; non prediletti o favoriti per 
istinto di arbitrio ; non privilegi che antepongano, senza ra- 
gione, il nobile al venuto dalla schiavitu, perch^ o servi o 
liberi, siamo unificati in Cristo, e, sotto unico Signore, por- 
tiamo lo stesso giogo di servitii. L' abate e il centro cui 
convergono le volont^ dei monaci per debito di obbedienza : 
tuttavolta egli uon ^ un disciplinato autocrate. II timore di 
Dio giudice, che gli chieder^ conto delle anime, di cui e cu- 
ratore non signore, ne tempera l'arbitrio, lopiega e lo adatta 
allMndole, all'et£l;, ai bisogni dei soggetti col ministero della 
carit.^, e lo rende veramente padre. S. Benedetto non lo vuole 
n^ sbrigato, n^ tacito deliberatore dei negozi del monastero. 
Se questi sono gravi, aduni 1' universa congregazione dei 
monaci e ne ascolti il consiglio (*) ; perche, egli dice, spesso 
il Signore rivela ai pitt giovani il partito migliore ; se sia a 
definire di negozi di piii lieve momento, gli basti il consiglio 
dei Seniori. L' abate usa, ma non soggiace al consiglio dei 
monaci ; i quali, con 1' occhio alla Begola, maestra di tutti, 
non si facciano idolatri del proprio avviso, non contendano 
protervi col loro abate; e questi definisca col timore di Dio, 
che dovr^ giudicarlo. Salubre provvidenza fu questa di chia- 
mare a consiglio i fratelli innanzi definire dei negozi del 
monastero. Uomini che per seguire Cristo avevano abbando- 
nata patria e famiglia, altra dovevano trovarne nel mona- 
stero, tutta di spirito. I monaci chiamati a consiglio da S. 
Benedetto sono uomini che ragionano a trovare i mezzi che 
meglio alimentano la vita del loro sodalizio, a cui deve mi- 
rare ogni loro sforzo. Percio il monastero e la loro patria, 
la loro famiglia, e per questo S. Benedetto li volle cenobiti 
e non eremiti (*). 



(*) Eegula^ cap. IV. 

(') Della Viia di San Benedetto, Discorso storico di D. LuiGi 
TosTi, Montecassino, M.DCCC.XCII, p. 179-181. 



ORIGINE dbll' OBDINE di montoliveto 99 

Quali cose venissero deterininate nella prima radunanza 
del consiglio monastico di Montoliveto, non si trova scritto 
in nessuna cronaca ; ma h certo che quei monaci, avendo ot- 
tenuto dal vescovo d' Arezzo la facoltdi di fare costituzioni 
nel loro monastero (*), devono aver pensato a provvedere ai 
bisogni di maggior rilievo e di piti urgenza. Una delle prime 
determinazioni fu quella della durata dell'ufiicio abbaziale e 
del tempo in cui dovrebbesi radunare il capitolo per tale ele- 
zione. Stabilirono essi la carica di Abate dover durare un 
anno, e non piti, se non per volont^ de' monaci, manifestata 
col voto unanime, nel capitolo, che si dovrebbe tenere ai 
primi di settembre. Ottimo fu questo consiglio, considerata 
1' infermitd; della umana natura; saggio e prudente per una 
comunit^ ch' era ancora in sul nascere. 

Pochi mesi, adunque, duro nell' ufficio abbaziale Patrizio 
de' Patrizi, dall' aprile, cio^, al settembre del 1319 ; Ambro- 
gio Piccolomini, che iu eletto nel luogo di lui, dal settembre 
1319 al settembre 1320 ; Simone di Tura, dal settembre 1320 
al settembre 1321, quando fu nominato il B. Bernardo To- 
lomei che tenne il governo fino al 1348, cioe, per ventisette 
anni (•). 

Poche vestigia del loro reggimento abbaziale lasciarono 
in Montoliveto i primi tre : forse pitl intenti alla vita interna 
del monastero, che all' esterna del mondo : la qual cosa era 
ben naturale su quegli inizii. Si sa tuttavia con certezza che 
sotto quei tre abati si attese con alacrit^ meravigiiosa a co- 
strurre il monastero. La mancanza assoluta di pietrami, nei 



(^l < Item quod abbas et monachi moaasterii prefati possint in 
ipso monasterio constitutiones facere^ in hiis que spectarent ad ipsum 
monasterium, quas tUiles et decentes providerint pro eodem » . Spicilb- 

GIUM MONTOLIV.y I| 68. 

(') SpiciLBa. MoNTOLiv., I, 31. — Antonio da Barga assicura che 
il Tolomei « duravit [in abbatiatu] annis vigenti septem ». Essendo 
morto neiragosto del 1348 doveva, esser stato eletto a' primi di set- 
tembre del 1821. Cosl| anno per anno ritornando indietro, per Fatri- 
zio de' Patrizi non restano che pochi mesi, cio^, dall' aprile al set- 
tembre 1819. 



100 P. LUGANO 



dintorai di Acona, costrinse fin da principio ad apprestare 
nna fornacey dove cuocere i mattoni, che dovevano essere il 
tutto di quell' edifizio. E nelP aprile del 1320, s' era gi4 a 
tale che non hi iioteva piii andar innanzi senza vendere de- 
g\\ immobili {yer far danaro e i>agare gli operai. Per questa 
ragione si rivolsero al vescovo d' Arezzo chiedendogli focoM 
di vendere o commutare il podere di Melanino. 

Bra questo il podere di propriet^ di Patrizio de' Patrizi, 
da lui donato al vescovo aretino per far la dote a Montoli- 
veto. Verano alcune pie donne, le quali avrebbero volentieri 
soccorso airindigenza dei monaci, nella ediflcazione del mo- 
nastero, dando del proprio circa ottanta lire di moneta cor- 
rente ; ma volevano che questa somma venisse assicurata sn 
qualche terreno, per la circostanza ciie il monastero suddetto 
non si conducesse a compiniento. Aderi il vescovo Guido 
Tarlati alla domanda dell' abate e del capitolo di Montoli- 
veto : incarico prete Gregorio, rettore della chiesa di San 
Pietro di Melanino, nella pieve di San Giovanni in Vescona, 
di esiiminare se la domanda tornasse in evidente utilit^ del 
monastero : concedesse pure la vendita per sicurt^ alle pie 
donne, ma con 1' obbligo che, edificato il monastero, tomas- 
sero questi beni al patrimonio di Montoliveto (*). 

Pochi giorni appresso - reverendm et honestus vir frater 
Amhro8iu8 dbbm inona^terii Sancte Marie de Monte Oliveto in 
Acona, - in Siena, nell' osi^edale di Santa Maria antegradm, 
alla presenza di frate Bernardo Tolomei e di frate Patrizio 
de' Patrizi, faceva notificare dal notaio Galgano di Yanni la 



(») A. S. S., Arch. M. O. 3f., vol. 24, A C (313), c. 9. — E ratto 
notarile di Galgano oUm VanniSy con cui si notifica a Gregorio la 
lettera del Vescovo. Questa ha la data: Aretii die secunda mensis a- 
prilis tertie, Indictionis, Anno a nativitate domini nostri [MHlesimoj 
CCCXX. Dice il vescovo Guido : « religiosi et prudentes viri abbas 
scilicet et capitulum Sancte Marie de Oliveto in Accona.... nobis fe- 
cerunt humiliter supplicari ut cum ad perfectionem ipsivs monasterU 
totis viribus elaborentj nec absque venditione immobilium id perficere 
valeant ullo modo, licentiam ecc. » . 



ORIGINB DELL'oRDINB DI MONTOLIVETO 101 

lettera episcopale a prete Gregorio, perch^ ne prendesse in- 
formazione e la mandasse ad effetto (^). 

Ma forse nnoceva alla sollecitndine dell' edificare la poca 
dnrata del reggimento dei primi abati, ed il successivo rau- 
tar indirizzo ad ogni volgere di stagione : la piena alacritil 
nel costrurre e il condurre a compimento qualche cosa di 
durevole spettava al Tolomei, ch' era stato il primo padre 
deir opera. 



(^) L' atto notarile e delF aprile 1320 (Ind. III): essendo corrosa 
la pergamena, non vi si pu6 leggere il giorno. 



cap. y. 



SOMMARIO 

L' elezione abbaziale del Tolomei. — L' infermitli visiva di lui : 
ragioni e pretesti. — Capitolo del 1326 : procuratori al Card. Legato 
G. G. Orsini. — Lettera di lui al Tolomei. — Nuove dubbiezze e pa- 
rere di giureconsulti. — La leggenda della cecit^ del B. Bernardo 
Tolomei. — S'egli rimanesse in mmon^i&ti^ o fosse ordinato sacerdote. 
— Nuova chiesa a Montoliveto. — Altri monasteri fondati. — San 
Benedetto di Sien». — San Bernardo d'Arezzo. — Montoliveto di Fi- 
renze. — Sant' Anna in Camprena. — San Donato di Gubbio. — 
San Feliciano di Mormonzone e San NiccoI6 di Foligno. ~ Santa 
Maria in Domnica di Roma. — Sant' Andrea di Volterra e San Mi- 
chelangelo di Montecatini. — Montoliveto di San Gimignano. — Ap- 
provazioni, esenzioni, immunit^ concesse all' Ordine. — Elezione di 
Clemente VII in Avignone. - Simon Tendi e Michele Tani in viag- 
gio per Avignone. — Approvazione pontificia delP Ordine. — Leg- 
genda intorno al viaggio d' Avignone. — II Tolomei e il Vescovo 
Gialidense. — L' abate Bernardo e Nello Tolomei. — Atto estremo 
di fiducia all' ab. di Montoliveto. — La peste del 1B48 in Siena e tra 
i monaci olivetani. — Morte del Tolomei. — Sepoltura. -^ Leggenda 
del trasporto e scavi. — Frammenti letterarii e biografici. 



II primo di di settembre del 1321, passato 1' anno del 
governo abbaziale di frate Simone di Tura, si radunava in 
Montoliveto il capitolo della famiglia monastica. Simone di 
Tura fece la formale rinunzia della sua dignit^, ed i monaci 
radunati a consiglio pensarono alla elezione del successore. 



OBIGINE DELL^ OBDINE DI MONTOLIVETO 103 

Era gik la terza volta che si procedeva ad eleggere l'abate 
di Montoliveto, e pure la terza volta che il B. Bernardo 
Tolomei faceva fronte al volere de' suoi figli, rifiutando quella 
dignit^. Ora, dopo due anni dal principio della vita della 
nuova congregazione e dopo il regime di tre abati, essendo 
gi^ sul progredire la fabbrica delPedifizio monasteriale, sen- 
tivasi piti che mai imperioso il bisoguo di un uomo, che alla 
santit^ della vita avesse congiunta una forte costanza efer- 
mezza di volere e di operare. Non fii piti possibile resistere 
alla volout^ unanime e concorde dei congregati, e dal capitolo 
del 1.* settembre 1321 il B. Bernardo Tolomei usciva decorato 
della dignit^ e della carica abbaziale di Montoliveto. 

Ogni volta che il Tolomei veniva designato per abate, 
egli per schermirsi dagli assalti de' suoi monaci adduceva 
una ragione, che a uoi non sarebbe nota se non per via leg- 
gendaria, qualora 1' insistenza di lui e 1' unanime volere dei 
monaci non ce ne avessero lasciato una traccia piti sicura. 
Soleva egli addurre un'infermit^ agli occhi che gli avea reso 
corto il vedere, e Antonio da Barga afierma del Tolomei, 
che non poteva eleggersi in abate « propter defectum visus: 
nam non longe videbat » ('). 

fi chiaro che questo difetto nella virtii visiva non era 
sufficiente ragione per esimersi dal governare i monaci ; peso 
grave, di certo, che doveva sembrare insopijortabile all' u- 
miM del Tolomei, ma che deve portarsi con maggior copia 
di virtu visiva spirituale che non di virtil visiva corporea. 
Non vollero i monaci di Montoliveto violentare sulle prime 
V umiltA del loro padre e maestro, e stimarono buona cosa 
accondiscendere a' rifiuti di lui. Ma, costrettolo alla fine, al 
governo, e vedutolo alla prova sperimentato nocchiero e pro- 
fondo coonoscitore del cuore umano, si mostrarono sordi alla 
di lui rinunzia. Che anzi, secondo la testimonianza di Anto- 
nio da Barga, disi)Osero i monaci che il Tolomei potesse ogni 
anno venire rieletto (*), contrariamente alla legge che s'erano 



(*) A. Bargbnsis, Chronicon in Spicilbg. Mont., I, 29. 

(*) SpICILBGIUM MONTOLIV., I, 31. 



104 P. LUOANO 



imposta e clie avevano flno a lui osservata. di non rieleggere, 
neppure per una gol volta, o di riconfermare nell' ufficio ab- 
baziale, dii era giunto al termine del suo govemo. Era que- 
8ta una prova eloquentissima della stima che tutti gli por- 
tavano e della bont^ del reggimento abbaziale del Tolomei; 
ma egli, vedendo ormai impossibile I' espugnare la volontA. 
de' suoi monaci con buone parole, s' appiglio all' ultimo par- 
tito, che avrebbe i)otuto scuotere la loro fermezza, del dubi- 
tare della validitd. giuridica della propria elezione abbaziale 
e del proprio governo. Questo dubbio costrinse i monaci a 
molti passi, che riuscirono ad una magnifica testimonianza 
d' affetto per il Tolomei. 

II 17 novembre 1326, radunatosi il capitolo di Montoli- 
veto, nella chiesa di quel monastero, fa ordinato che messer 
Simone di Tura e messer Mauro di Giovanni, frati olivetani, 
si portassero, nunzi della voIontA di tutto il capitolo, din- 
nanzi al Legato della Sede Apostolica. Era allora affidata da 
Giovanni XXII la legazione d' Italia, con ampie facolt^ sopra 
le provincie di Bomagna, Toscana, Marca, Umbria e Sarde- 
gna, al Card. Giovanni Gaetano Orsini, del titolo di San 
Teodoro. Esponessero a costui, i nunzi del capitolo di Mon- 
toliveto, la rielezione fatta del Tolomei ad abate di tutto 
I' Ordine : i dubbi di lui, pel difettx) degli occhi, intomo alla 
canonica elezione : ne ascoltassero il parere e con lui fer- 
massero il da farsi per la maggior tranquillitd> degli ani- 
mi (*). 

II Card. Orsini, che dimorava allora in S. Croce di Fi- 
renze accolse benignamente i monaci deputati dal capitolo di 
Montoliveto, e, in data del 24 dicembre 1326 ('), faceva spe- 
dire una lettera al B. Bernardo, concepita ne' termini se- 



(^) A. S. a, Arch. M, O. M., vol. A 1 (290), c. 8. 

(*) U Lancbllotti {Histor. OUv., 1, 18-19), che pel primo pubblic6 
la lettera del Card. Orsini, la pose sotto V anno 1327 : ma la sua vera 
data 6 quella del 23 dicembre 1326 : X Kal. Januarii, pontificatus.... 
Johannis pape XXII, anno undecimo, Giovanni XXII, successo a papa 
Clemente V, fu eletto il 7 agosto 1316, e dal 7 agosto 1326, inco- 
mincia 1' anno undecimo del suo pontificato. 



OBIGINE DELL' ORDINB DI MONTOLIVETO 105 



guenti. Esser iti alla sua presenza « lacobus Mini », « Simon 
Ture » e « Maurus lohannis » frati e procuratori di Montoli- 
veto; avergli esposto che dopo la rinunzia dell' Abate Siinone 
(accettata dal vicario del vescovo aretino, com' era uso), erano 
proceduti airelezione di lui « tantum in minoribus ordinibus 
constitutus et patiens in visu defectum »; la qual elezione 
supplicavano venisse confermata dall' autorit^ del Legato Apo- 
stolico. Aver egli, pertanto, imposto ai priori delle chiese di 
San Giovanni d' Asso, di Bentesa e di Grossennano, di re- 
carsi almeno in due, a Montoliveto, e pubblicare un editto, 
giusta il quale chi avesse voluto porre ostacolo alla elezione 
di lui, si fosse portato alla presenza del Legato, dentro un 
certo termine stabilito : Adamo Priore di San Giovanni 
d'Asso e Angelo priore di Grossennano, aver pubblicato l'e- 
ditto, e nessuno essersi presentato a deporre in contrario ; 
quindi, conchiudeva, « Nos volentes eiusdem monasterii in- 
dempnitati, quam propter vacationom diutinam posset incur- 
rere, salubriter providere, sperantesque quod defectum prefatum 
probitate suppleas msritorum, et quod monasterium ipsum ac 
persone et bona ipsius sub tui cura regiminis feliciter, dante 
domino, debeant prosperari, postulationem eandem admitti- 
mus gratiose, teque ordinem ipsum expresse professum in 
abbatem illius, auctoritate qua fungimur, presentium tenore, 
preficimus iuxta consuetudinem memoratam ; tibi curam et 
administrationem ipsius in spiritualibus et temporalibus ple- 
narie committendo. Tu igitur curara eandem sic sapienter 
suscipias et prudenter, prout confidimus, prosequaris quod tui 
actus laudabiles prefatum defectum suppleant, et quod in illo 
deest, perflciant tua grata administratio et ministerium stu- 
diosum » (•). 



(*) L' origtnale di questa lettera era nell' Arch, M. O. M, (A. S. 
S., vol. A 1 (290). c. 9), ma ne scomparve con molti altri documenti 
originali, nel viaggio che quest' Archivio fece a Parigi, perordine di 
Napoleone I. Fu pubblicata dal Lancbllotti (Histor. Oliv., I, 18-19), 
ma sembra con qualche lacuna e non senza inesattezze. ^eW Indice 
^eWArcfi. M. O. M., se n*ha un compendio sostanziale sotto la data 
del 1327, 21 dicembre. — Ha questo principio: lohannes miseratitme 



106 P. LUOANO 



Le (Inbbiezsse, adunque, venivano dall' e»sere il Tolomei 
co' floli ordini minori, dall' aver difetto nella vista, e dal non 
eHsere fltata accettata la rinunzia, ch' egli faceva annualmente 
della flua carica, dal veflcovo d' Arezzo o suo vicario. II car- 
dinal Orflini, nella 8ua qualitd. di Le^ato della Sede Aposto- 
lica, confermo gratiose V elezione del B. Bernardo, niun conto 
facendo delle ragioni cli' erano state addotte. La conferma 
pero fu fatta • juxta constistudinem meinoratam ; - il che la- 
flciava in vigore il cofltnme dell' annuale rinunzia (^). Questo 
forse non piacque, iK)ichfe il vescovo aretino, o chi per lui, 
negli anni seguenti, non avendo accettata la riuunzia, che 
faceva il Tolomei, nacquero nuove dubbiezze per cui a' ebbe 
ricorso al parere di persone giuridiche. Cio avvenne intorno 
al 1342. Frate Galgano, priore della Certosa di San Girolamo 
di Bologna, e frate Patrizio de' Patrizi, monaco di Montoli- 
veto, fecero una storica relazione delle cose avvenute, alla 
fine della quale posero in dubbio la validit^ giuridica della 
conferma fatta dal Legato della Sede Apostolica. La relazione 
iu sottoposta al parere di Paolo « de Hazariis doctor decre- 
torum », di Andrea « de Guantariis » senese e dell' Arcive- 
scovo pisano Dino, signore di Badicofani. Costoro giudica- 
rono concordi, secondo la formola proposta dal « de Hazariis », 
quod predictus frater Bernardus administrare possit, et quod 
secum potuerit dispensari per Legatum super predicto defe- 
ctu C)' 



divina Sancti Theod&tn diaconus cardinalis apostolice sedis Legatus. 
Dilecto in Christo Bemardo abbati monasterii Sancte Marie de Oli- 
vetOy Ordinis Sancti Benedicti Aretine diocesis, salutem in domino. Ac- 
cedentes dudum ad nostram presentiam ecc. 

(^) La coDsuetudine della rinunzia annuale ^ cosi concepita : 
< .... juxta consuetudinem post fundatiouem ipsius Monasterii, pro 
tempore, inibi observatam pacifice, secundum quam Abbales prelibati 
monasteriij qui sunt pro tempore, iUius regirnini in manibus loci ordi- 
narii vel eius vicarii tenentur, ad requisitionem conventus eiusdem 
monasterii, cedere annuatim*. LANCBLLOTrr, Histor. Oliv., I, 20. 

(*) Appendice al Kegistr. /F, 21. — Nella petizione, dopo la nar- 
razione della conferma del Legato, esponevasi : « quod idem abbas in 



ORIGINE DBLL' ORDINE DI MONTOLIVETO 107 



Eealmente i^ertanto il Tolomei ebbe infermi gli occhi; e 
se di questa infermit^ s' hanno documenti antichi, come sono 
quelli accennati, la leggenda della cecitd» di lui ha certo un 
buon foudamento. Questa, originata dal fatto della infermit^ 
reale, passata poi nella viva tradizione dei monaci di Mon- 
toliveto, venne aftermata in iscritto dal Bargense (*), da 
Alessandro da Sesto (*), da Sigismondo Tizio (^), dal Lom- 
bardelli (*) e da tutti gli altri agiografi ch' ebbero a trattare 
di Montoliveto e del suo principal fondatore (*). Nego la leg- 
genda della cecit^ il cav. Gio. Antonio Pecci (*), forse con 
troppo ardita sicurezza, senza tener conto di cio ch' era gi^ 
stato messo alla luce dal Lancellotti ('). Non la difese V sl- 
bate Besozzi, ma ne ribatte gli argomenti con ottime ragioni, 
mostrando co' fatti che tanto nel negare quanto nelP aflfer- 
mare era d' uopo andare piii a rilento (*). 

Nei documenti accennati ^ detto del Tolomei ch' egli era 
« tantum in minoribus Ordinibus constitutus » ^). U abate 
Lancellotti, sulle parole de' documenti da noi pure esaminati 
e da lui per primo pubblicati, afferma che il B. Bernardo 



eodem monasterio a tempore promotionis huius de se facte citraad- 
ministravit, servata tamen consuetudine memorata, cuius renunciatio 
facta, per eum ad quem pertinuerat, non extitit acceptata. Nunc au- 
tem quia revocatur in dubium an factum eiusde^n domni Legati super 
hoc tenueritj et ipse domnus frater Bemardus possit administrare ut 
abbaSy servando consuetudinem sepefatam : queritur quid iuris». — 
LANCfiLLOTTi, Histor, Oliv.y l, 20. 

(*) Spigileo. Montoliv., I, 29. — Per6 in Antonio da Barga non 
abbiamo un testimonio esplicito suUa cecita del Tolomei. 

(*) Chron. Cancelh^ cod. A, fol. 3; cod. B, fol. IV. 

(*) Bibl. Com. Sbn., Histor. Sen., tom. JII, cod. B. III. 8, fol. 58. 

(*) Lombardblli, Vita, ediz. cit., pag. 17 s. 

(*) LANGBLLOTn, Histor. Oliv., I, 3 s; Orapfi, Vita, ediz. cit., 
p. 32 s. ecc. 

(®) Le Novelle Letterarie, Firenze, 3 marzo 1747, col. 134. 

(^) Langbllotti, Histor. Oliv., I, 18-20. 

(") Riflessiani cit., pag^. 87-95. 

(*) Cosi si legge nella lettera del Card. Orsini, ma il Langbl- 
lotti (Histor. Oliv., I, 19) omise la particella tantum. 



108 P. LUOANO 



non ebbe mai 1' ordine del pre^^biterato (*). fi certo ch' egli 
prima del 1342 non fu ordinato sacerdote, se in quell'anno 
dabitavasi del canonico governo di Ini, appunto percli^ sof 
ferente d'occhi e |)erch^ di hoU ordini niinori. N^ ^ a pensare 
clie dopo quel tempo, presso all' eta di settant' anni, egli vo- 
lesse farsi insignire dell' Ordine sacerdotale. Oh^ anzi, la virtu 
sua visiva andando cogli anni sempre piit a diminuire, cre- 
sceva per questo una ragione ed un impedimento chePavr^ 
di certo tenuto lontano da tale dignitA. Ne questa era no- 
vit^ ; poich^ si legge di altri abati che ressero i loro cenobi 
con rara sapienza, non insigniti del sacerdozio. 

Pid che ad esaltare la propria persona con alte dignit^, 
pensava efficacemente il Tolomei a menar innanzi la costru- 
zione del monastero ed a fermare la buona costituzione so- 
ciale della famiglia monastica. 

AIP edifizio del monastero erasi posto mano iin dal 1319 
e la fabbrica procedeva ora, per impulso del B. Bernardo con 
tale alacrit^ che fti in breve condotta a termine. Nello stesso 
tempo si rivolse la mente ad una chiesa piu decente e piii 
adatta alle nuove esigenze della crescente famiglia, che nou 
fosse il primitivo oratorio di Santa Scolastica. A quest' ef- 
fetto ebbero i monaci di Montoliveto, nel novembre del 1324, 
un sussidio di venticinque lire anche dal Consiglio generale 
della Campana di Siena (*). Questa chiesa, di cui h rimasta 
una parte nell' andito detto De profundis, tra la chiesa at- 
tuale e il gran chiostro, condotta a termine in poco tempo, 
aveva a' suoi lati gli stalli del coro, che tutta l'occupavano, 
ed e ricordata in quasi tutti i documenti, rogati a Moutoli- 



(*) Histor, Oliv.j I, 19 : « Ex quibus Htteris.... exploratissimum 
est conditorem nostrum Sacerdotio nunquam cohonestatum * . 

(») A. S. S, Bicchema, vol. 142 (Sabato, 20 nov. 1321), fol. XLII»: 
« a labate et monaci di Santa Maria a Uliveto da Chisure, i quali 
vinti e cinque 11. lo fue dati per istanzamento di chonselglio di cam- 
pana, per aiuto de la loro chiesa et luogfio — xxv 11. ». — Nello stesso 
mese, i frati minori di Siena ebbero 11. c. per aiuto del loro champa- 
nile il qimle chadeva, e i frati di Santo Spirito, 11. xxv, perch^ era 
loro molto di necessitd. 



OBIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 109 



veto dal 1326 alla fine del secolo XIV (*). E quando nel 
secolo XY, fu edificata la chiesa maggiore, in quella, i mo- 
naci, fecero dipingere a chiaroscuro, in terra verde, dieci 
figure rappresentanti i Padri principali del deserto, in piedi, 
divise fra loro da colonnette di colore rossoC). Fu dedicata 
alla B. Yergine Maria, e in essa furono poi le sepolture dei 
monaci ('). Antonio da Barga pot^ vederla innanzi che per 
1' accresciuto edifizio del monastero, essa perdesse V uso e le 
sembianze di chiesa (*). 

Intanto si divulgava, per il numero crescente de' monaci 
e per la santit^ della loro vita, la fama di Montoliveto. La 
osservanza regolare era ita molto in fondo negli altri Ordini 
religiosi : i Cisterciensi, i Camaldolesi, i Yallombrosani, i 
frati Predicatori e i frati Minori, s' eran gik di molto allon- 
tanati dal primitivo fervore (*). Ond' e che ai monaci di Mon- 
toliveto si rivolgevano le citt^, pregandoli a discendere dal 
monte e a fermarsi nel loro seno, stimandosi molto fortunate 



(*) Cfr. A. S. S., Arch. M. O. M,, vol. 27, AF (316), c. 24 ; vol. 37, 
AK (326), 0. 8, 10; vol. 40, AV (329j,c. 26, 27; vol. 43, BA (382), c 1, 
2, 3, 5; ecc. 

(') Questi afireschi di scuola senese, eseguiti nelPaprile del 1440, 
hanno, in caratteri gotici, 1' iscrizione seguente : c -|- A.® D.*" M.^ 
C.C.C.C.» I XL MENSIS | APBILIS ». I Padri del deserto, o primi 
eremiti raffigurati, sono, a destra, S. Giovanni Ciimaco (S. JOS. CLI- 
MACVS), il S. Padre Isacco (S. PR. YSAC), Sant' Onorato (S. HO- 
NORATVS), S. Paolo Eremita (S. PAVLVS HEREMITA) e San 
Pacomio (S. PR. PACOMIVS): a sinistra, SanfEfrem (S. PR EFREN) 
S. Gio. Cassiano (S. PR. CASSIAN'). Sant' Agatone (S. PR. AGA- 
TON), San Bessarione (S. PR. BISSARION) e S. Parmenione (S. PR. 
PEMEN). - Questi affreschi, ricoperti di bianco, furono rimessi in 
vista dairab. Gaetano Di Negro (+ 1896). 

(') Lancbllotti, Histor. Oliv., I, 15; G. Thomas, L' dbbaye de 
Mont'Olivet'Majeurj p. 110-111. 

(^) SpiciLBG. MoNTOLiv., I, 15 : c Hec vero ecclesia fundata ac 
constructa fuit in loco, ubi ad presens sunt sepulcra fratrum, conti- 
gua ecclesie, que nunc extat, qvuim nos octifis nostris vidimus, ante- 
qitam destriieretur totdUter » . 

(*) Spicjlec». Montoliv., I, 20. 



110 P. LUGANO 



d' ospitare di tali persone, che erano in voce di santi e di 
virtnosi (*). 

La prima cittA che volle i nionaci di Montoliveto fu Siena, 
qnella stesAa citt^ che ne avea fornito i fondatori, per mezzo 
di un frate Bonaventura di Gualcherino, del t«rz' Ordine di 
San Francesco, rettore ed amminiHtratore della Casa di Mi- 
sericordia ('). Appena fondato il monastero di Montoliveto, 
questo Rcnese penso a costrurre per quei monaci un cenobio, 
presso la citt^, fuori di porta a Tufi, di fronte alla Chiesa 
di San Teodoro, detta anche di S. Frediano o Fiodano. II 
monastero fti donato al B. Bernardo Tolomei nel 1322, e 
questi v' invio tosto una colonia de' suoi monaci. Accanto 
al monastero fu tosto edificata una cliiesa, e chiesa e mona- 
stero fiirono api^ellati da S. Benedetto. Qui si raccolsero molti 
nobili senesi, e nel 1334 v' avea una famiglia composta di 
quaranta monaci (^). 



(*) Spicilbg. Montoliv., I, 19 : € Igitur fama crescentes et nu- 
mero, eorum murmur in brevi ubique divulgatum est. Cives vero 
hanc bonam famam aurientes, libenter eis archisteria contulebant, 
ducentes pro maximo, si in sua civitate unisquisque talium mereretur 
habere congregationem » . 

(') Costui fu ritenuto dagli storici olivetani, e persino dal Lan- 
CBLLOTTi (Histor. Oliv.j I, 17 ; II, 115), qual rettore dello Spedale 
della Scala, ma egli fu realmente rettore della Casa di Misericordia 
di Siena, com' 6 provato da' documenti (A. S. S., Diplomatico, R. U- 
niversitd, 1332, febb. 21 ; 133B, giugno 7 ; 1346, sett. 16, dic. 2 ; 1339, 
maggio 5, luglio 20). 

(») Cfr. A. S. S., Consiglio Generale, vol. 115, fol. LXXXXVIIII'. — 
La chiesa di S. Benedetto, fuori di porta a Tufi, venne riedificata 
nel 1372, e nuovamente nel 1492. II campanile si costrusse nel 1496. 
e nel principio del secolo XVI, fu ingrandito tutto il monastero. A 
questo luogo fu unita, nel 1406, la chiesa vicina di S. Teodoro; nel 
1448, V abbadia, chiesa e cura di Sicille, presso Petroio, e nel 1497, 
il priorato di S. Croce alle Castellaccia, fuori di Porta CamuIIia, gii 
degli Agostiniani detti Ormanni. Per le guerre del 1554, i Signori 
Otto di Guerra della citta di Siena ordinarono la distruzione del 
monastero. Sembra restasse in piedi la chiesa. I monaci andaron ad 
abitare nella Badia di S. Leonardo, poi commenda di Malta, dentro 
citta. Passati i pericoli della guerra, ritornarono gli Olivetani a S. 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 111 



Arezzo, che aveva veduto nel 1319 i fondatori di Monto- 
liveto vestir V abito del nuovo Ordine, non tardo a rivederli 
fermi di stanza, in un piccol monastero, che fu detto di San 
Bemardo. La nobile famiglia degli Azzi vend^, a quest' ef- 
fetto, al Tolomei, 1' anfiteatro Aretino, che dal vescovo Guido 
Tarlati di Pietramala era stato rinchiuso dentro il nuovo 
cerchio delle mura. Chiamavano gli aretini il loro anfiteatro 
col nome volgare di « El Parlasgio », e fino a quel tempo, 
avean tollerato che v' abitassero donne di mal aftare (*). 
Compero il Tolomei, nel 1333, questo luogo, ch' era situato 
presso le mura, in porta di Sant' Andrea, nella contrada di 



Benedetto, riedificarono il monastero e vi stettero fino alla soppres- 
sione di Napoleone f. Nel 1812 11 monastero fu ridotto ad uso di Ospi- 
zio per i poveri : ne rest6 salva ]a chiesa, che fu totalmente demolita 
nel 1820. Le campane andarono alla prossima cura di Quercia grossa: 
i banchi di sagrestia con altri arredi furon portati alla pieve di San 
Giovanni : altre cose, altrove. — II luogo fu poscia comprato dalla 
Arciconfraternita della Misericordia e ridotto a Cimitero pei fratelli 
di questa compagni». 

E noto che il fondo archivistico di questo monastero, pervenuto 
air Arch. di Stato di Siena, manca del diplomatico e di molti altri 
volumi. Ora, nel libro di Ricordi A (fol. 21), accennata la partenza 
de' monaci per 1a guerra del 1554, si aggiunge : < E perch^ in tali 
contingenze non si perdessero 1e scritture in cartapecora ed in carta 
ordinaria, ed i libri spettanti a1 mon. med., da' monaci di quel terapo 
furono murate in d. raon. di S. Benedetto, in un angolo della Ca- 
mera della Celleraria, ove dorme il p. Cellerario, nel luogo raed. in 
cui al presente k la finestra, che guarda la strada maestra, ritrovate 
di poi, nel luogo predetto I' anno 1689. Onde in detta congiuntura il 
raonastero fece 1a perdita di molte e diverse cose, come apparisce di 
passaggio a f. 24 del libro segnato M M. £ la mancanza che vi ^ in 
d. mon. di tutti i libri e raeraorie, dalPanno 1320 sino alPanno 1475, 
e di piCi libri e scritture e raeraorie, dal detto anno 1475, sino al- 
1' anno 1689, si crede possa essere proceduta dalle sopradette cala- 
mit^ ». 

(') Anche lo scrittore contemporaneo degli AnnaUs Arretini, al- 
V anno 1338, nota 1a venuta degli Olivetani in Arezzo, con queste 
parole : < Tunc eodem anno venerunt in dictara civitatem fratres san- 
cti Bernardi, et emerunt locum in quo prius stabant m^retnces», Mu- 
RATORi, R. /. f., XXIV, 872. 



112 P. LUGAJiO 



Sant' lacopo; lo ridusse a mouaHtero, edificandovi una cliiesa 
accanto. II 13 maggio dello stesso anno, v' era gik costrutto 
un altare, e ^ate Simone di Messer Giunta, senese, monaco 
di Montoliveto, vi celebrava i divini misteri solennemente, 
[)er mandato del Tolomei (M. Era questa la presa di i)ossesso 
e il principio della vita del monastero olivetano di S. Ber- 
nardo d' Arezzo. 

In terzo luogo i monaci di Montoliveto furon chiamati a 
Firenze. Quivi, fuori di [K)rta S. Frediano, sulla riva del- 
V Arno, lin dal 1297, solevano radunarsi « alquante divote e 
spirituali persone, mercatanti ed artetici per fuggire 1' ozio 
e gli cattivi e disonesti esercizi, come innamorati di messer 
Giesu Christo pigliando i)er avvocata la madre gratiosa di 
nostro Signor G. C. della sua SS. Purificazione » ('). Era a 
capo di costoro, un, romito, per nome Maso, il quale abitava 
su quel monticello, ch' era detto « monte di bene », presso 
un romitorio, chiamato di S. Maria del Castagno. II 26 ago- 
sto dello stesso anuo, un tal Corteccione di Giovanni Eustici 
donava a Giovanni di Lippo Antinori, per gli uomini di 
questa Compagnia, un pezzo di terra, con Toratorio di S. Ma- 
ria del Castjigno, i portici e tre celle. Cosi ebbero principio 
le radunanze festive de' mercatanti fiorentini, che dettero vita 
ad una formale corapagnia o confraternita, chiamata della 
Purificazione della Madonna, oppure « societas-fraternitas 
Jesu Christi », e volgarmente, de' Ciccialardoni. Costoro, 
volendo che perpetuamente, si celebrassero gli offici divini 
nell' Oratorio di S. Maria del Castagno, il 1.^ di maggio del 
1334, donavano a frate Innocenzo ser Dominici da Torrita, 
monaco e procuratore di Montoliveto « locum et oratorium 



(*) Cfr. LoRBNZO GuAZZBSi, Dissertazione intorno agli anfiteatri 
cleUa Toscana e particolarmente deW AretinOj Pisa, MDCCLXI, p. 30, 
n. 31, 36. — La compra delP aufiteatro aretino si legge nel proto- 
collo I del 133B di Ser Guidone di Eidolfo not. Aret. esistente nel- 
V Archivio del Clero di quella citta (pag. 82). 

{^) Cosi si legge nei Capitoli della Chompagnia deUa Purificazione 
della Vergine Maria^ che si raduna a Monte UlivetOf approvati Vanno 
1529. A. S. F., Convento 168, vol. 92, f. 2-3. 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 1 13 



Sancte Marie del Castangno, proi>e florentiam, situm in po- 
pulo Sanete Marie de Verzaria, loco dicto Monte di bene cum 
resedio, vineis, ortis et • arboribus » ('). Posero alla dona- 
zione alcuni patti che volevan osservati da ambe le parti ('). 
Accettate queste condizioni dalP abate Bernardo di Monto- 
liveto, il suddetto frate Innocenzo prendeva formalmente 
possesso della donazione a' 3 di giugno dello stesso anno 
1334 (*), e con due monaci, che subito ftirono aumentati, 
ebbe principio il monastero, che poi fii detto di Montoliveto 
di Firenze. 

Dieci anni prima, cioe nel 1324, a poche miglia da Pienza 



i*) A. S. F., Diplomatico, Olivetani di Firenze, 1334, maggio 1. 

(') Questi erano i patti : rimanessero a S. M. del Castagno almeno 
due monaci di Montoliveto, V uno dei quali fosse sacerdote : vi cele- 
brassero gli offici divini: potessero i Ciccialardoni accedere all' ora- 
torio, come per 1' addietro, giusta i capitoli della Societa e tenerne 
le chiavi : niuna mutazione a' capitoli potessero farsi senza consenso 
d' ambe le parti^ cio^. della societa e de' monaci : restasse fermo il 
numero di venticinque pei confratelli della societa, e chi avesse cella, 
vi potesse abitare: ne' giorni di radunanza, vi potessero cuocere il 
pranzo o la cena, ed i monaci dovessero loro fornire il vino neces- 
sario : contradicendosi V accesso al luogo suddetto e vietando Tabate 
le radunanze, fosse nulla la donazione. — Si trovano nel suddetto 
documento del 1 maggio 1334. 

(') A. S. F., doc. cit. — Erano presenti alla presa di possesso 
Piero Vannis Antinori e frate Piero < hospitalario sancte Lucie de 
mangnolis >. — In origine adunque, contrariamente a quanto aiferma 
il Lami (Monumenta Ecelesiae Florentinae^ II, 1358), i mouaci olive- 
tani uffiziarono la chiesa di S. M. del Castagno. Cfr. Moreni, Notizie 
istoriche dei contomi di Firenze^ Parte quinta, MDCCLXXXXIII, 
p. 151-165. — II 3 di maggio del 1340, Bartolo del fu Capponcino 
Capponi lasciava ai monaci V usofrutto del suo podere, detto Bramal- 
sole, da godersi per 20 anni dalla sua morte, purche adempissero 
certi obblighi e I' avanzo delle rendite adoprassero « pro et in hedi- 
licatione et constructione et adornatione nove ecclesie S. Bartolomei 
quam de novo erigunt iuxta viam pisanam in populo S. Marie de 
verzaria extra muros civitatis Florentie ». Cfr.^il bellissimo lavoro 
deir amico Dott. Giovanni Poggi, La chiesa di San Bartolomeo a 
Monte Oliveto presso Firenze in Miscellanea d* artCf Firenze, an. I, 
n. 4 (aprile 1908), p. 57-64. 



114 P. LUGANO 



e (la Castelmuzio, niadonna Uj^uccia, ve<Iova di messer Ba- 
nuzio de' Ragnoni, donava il palazzo e fortilizio di Camprena 
ai monaci di Montoliveto, pereh^ ne facessero un monastero 
dedicato a Sant' Anna. Fu a<*cettato il partito, ma per la 
piccolezza del censo non [loterono i monaci mandar ad effetto 
la volontii della pia donna senese, se non vari anni appresso. 
In quale anno cominciassero, pertanto, ad abitare in Ban- 
t'Anna di Camprena, non e ben certo ; ma, con ogni proba- 
bilit^, intorno al 1334, quel luogo era gi^ ridotto a mona- 
stero (*), 

Nel mese di marzo del 1338, il vescovo di Gubbio, Pietro 
Gabrielli, mosso dalla fama de' monaci di Montoliveto, penso 
di chiamarli presso di se. II capitolo eugubino aveva sotto di 
se una chiesii detta di 8. Donato alla foce fde fauce sive de 
Costa), i)osta ftiori della jwrta omonima, che giaceva nel piu 
squallido stato. Concesse al vescovo che la donasse all' abate 
di Montoliveto, perche vi stabilisse un vero e proprio mo- 
nastero, secondo la regola di S. Benedetto. II vescovo mando 
tosto ad esecuzione la volont^ del capitolo, cli' era pure vo- 
lontA sua ; chiamo i monaci e concesse loro la chiesa di San 
Donato, con tutti i suoi annessi, esente da giurisdizione epi- 
scopale; dove abitarono fino al 1425, quando passarono di li 
air altro monastero di San Benedetto, fuori della porta omo- 
nima della stessa cittfi di Gubbio ('). 

A due chilometri da Foligno, a sinistra della via Flami- 
nia, sorge una chiesa con abitazioni, detta di S. Feliciano di 
Mormonzone ('). Nel 1339, il vescovo Paolo Trinci, volendo 
provvedere a questa chiesa, la dichiarava regolare con mo- 
nastero collegiato, secondo la Regola di S. Benedetto, e cura 



(i) Cfr. Lancbllotti, Histor. Oliv , II, 129. 

(*) Cfr. M. Sarti, De Episcopis Eugubinis, Pisauri, Typ. Gavellia, 
MDCCLV, p. 186 s., Oderigi Lucarelli, Memorie e guida storica di 
Gubbio, Gittk di Castello, S. Lapi, 1888, p. 606. 

(**) In questo luogo 6 tradizione morisse S. Feliciano, protettore 
di Foligno. Cfr. Decisettimo Centenario di S. FelicianOj Foligno, 1902, 
N. 1, p. 5. 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 115 



di popolo : « et quia idein domnus episcopuB, abbatem et 
monachos monasterii Sancte Marie de Monte Uliveto, aretine 
diocesis, eiusdem Sancti Benedicti Ordinis, novit, experientia 
edocente, viros et religiosos et sancte conversationis et vite, per 
quo8 erudiri populus ad virtutes potest et augeri verbo pari- 
ter et exemplo, eandem ecclesiam seu monasterium Sancti 
Felitiani de Mormonzone erectam et regularem effectam re- 
gendam et gubernandam perpetuo statuit in temporalibus et 
spiritualibus per abbatem dicti monasterii Sancte Marie de 
Monte Oliveti, vel alium seu alios de suis, quem seu quos 
duxerit deputandos » (*). Accettavano la donazione del ve- 
scovo Folignate, Franceschino d' Arezzo e Angelo da Gubbio, 
monaci di Montoliveto e procuratori del Tolomei. 

Quanto tempo abitassero a S. Feliciano di Mormonzone 
questi monaci, non e facile a stabilirsi ; ma e certo che nel 
maggio del 1347 essi dimoravano anche a San Niccolo « de 
Cippischis », dentro la citt^ di Foligno (*). Dal tenore, 
pero, della donazione del 1339, sembra potersi dedurre che 
i monaci di Montoliveto, gi^ in questo tempo, fossero noti ai 
folignati « experientia edocente », per uomini religiosi e di 
santa vita. fi facile quindi argomentare ch'essi fossero posti 
a S. Niccolo, prima forse che a Mormonzone. Si sa tuttavia 
con sicurezza che a' 2 d'agosto del 1348, frate Benedetto di 
Francesco da Firenze, sindaco del capitolo e convento « san- 
cti Nicolai de Cippischis de Fulginio, Ordinis Sancte Marie 
de Monte Oliveti », accettava per disposizione del medico 
maestro Gentile di Gentile da Foligno, alcuni possedimenti, 
ne' quali doveva editicare una cappella « sub vocabulo San- 
cte Marie Nove », da tenersi regolarmente uffiziata (*). II 



(^) Cosi si esprime 1' atto di donazione, rogato da Francesco di 
Giov. Caroni di Foligno. Rbqistr. Oliv., I, 13. 

(*) II Jacobilli (Cronica del monastero di Sassovivo, Foligno, 1653 
p. 251) asserisce, nS saprei con quanto fondamento, clie il monastero 
di S. Niccol6 fu concesso a* raonaci di Montoliyeto nel 1326. Un do- 
cumento (Registr. Oliv. I, 24) del 2 agosto 1348 fa chiaramente 
supporre che in questo tempo v' era gi& famiglia costituita. 

(') L^ atto e rogato da Gerarduzio di Giov. Caroni da Foligno. 
Ebgistr. Oliv., I, 24. 



116 P. LUGANO 

forinale [K>88e8So i^ero di 8. Niccold non 1' ebbero se non 11 
28 ottobre 1348, quando Paolo Trinci, col consenso del ca- 
pitolo folignate, erigeva la cliiesa snddetta a regolare e la 
donava, uuitamente al monastero, a]l'ordine di Montoliveto*, 
che raccettava |)er mezzo de' suoi procuratori frate Bernardo 
« Optolini » e Benedetto di Francesco da Firenze (*). Ma la 
chiesa e monastero di S. Niccolo gik soggetti al celebre ce- 
nobio di 8anta Croce di Sassovivo ('), dovevano trovarsi, 
quando furono aflidati agli Olivetani, in pessimo stato. Poi- 
che costoro, senza metter tem[)o in mezzo, n^ facendo alcun 
conto della propria j^overt^, si posero a riedificare e a ridurre 
chiesa e monastero piii convenienti e meglio assicurati, spen- 
dendovi di molta pecunia. Ebbero tuttavia dal munifico ve- 
scovo Paolo Trinci un potente aiuto, per certa donazione, 
ch' egli loro fece, di case e terreni, posti ne' dintorni della 
Chiesa e monastero (^). Qui restarono i monaci di Montoli- 
veto flno al 1434, quando successero loro gli Agostiniani. 



(') Eegistr. Oliv., I, 26. — Sono notevoli queste parole : « Et 
quia idem dominus episcopus abbatem et fratres monasterii sancte 
Marie de Monte Oliveti, aretine diocesis, eiusdem sancti Benedicti 
Ordinis, novit, edcpeiientia edocente, viros esse religiosos et san^tecon- 
versationis et vite, per quos erudiH popultts ad virtutes^ et clerus ad 
sanctitatem animari poterit et augeri verho pariter et exemplo, et per 
eos meliu^s reform^ari : nec erant alii religiosi eiusdem, sive alterius 
ordinis, nec inveniri poterant, per quos posset ipsum monasterium 
melius regi ac salubrius gubernari ullo modo, facta super iis inqui- 
sitione solerti secundum canonica instituta, eandem ecclesiam sive 
monasterium, ereptam et regularem effectam, ut superius dictum est 
et premittitur, regendam et gubernandam perpetuo statuit in tem- 
poralibus et spiritualibus per abbatem dicti monasterii sancte Marie 
de Monte Oliveti, vel alium sui Ordinis quem duxerit deputandum, 
ecc. ecc. ». 

('') Si fa menzione di questa chiesa nella boUa di Innocenzo II 
(1138) e di Onorio III (1216) per Sassovivo. Cfr. Jacobilli, Op. cit, 
p. 303, 309. 

(') Eegistr. Oliv., I, 28. — Ecco in qual modo si raccontano 

queste cose nell* atto vescovile : « Actendens (domnus episcopus> 

quod abbas et fratres dicti monasterii sancte Marie de Monte Oli- 
veti, tamquam boni religiosi et perfecte vite, dictum monasterium 



ORiaiNE dbll' ordine di montoliveto 117 



Intorno al 1340, e forse qualclie anno prima, fdron chia- 
mati i monaci olivetani ad abitare nel cliiostro di Santa 
Maria « in Doranica » di Roma, detta piu tardi, Santa Maria 
della Navicella. Ma sia perch^, i ruraori della grande citt^ 
non erano convenienti alla professione monastica di quei re- 
ligiosi, o perch^ non potessero in realta menarvi comodaraente 
una vita regolare ed osservante, dopo alcuni anni, nel 1352, 
abbandonarono la diaconia del « caput africe » e si recarono 
a S. Maria Nuova, sul foro romano, dove trovarono piti soli- 
tudine e miglior agio di servire a Dio (^). 



sancti Nicolay humiliter et devote susceptum per eos, augmentave- 
rint et augmentant, et cottidie construendo domos et ecclesiam in melius 
augendo et consiruendOy ita quod multos denarios expenderint et cot- 
tidie expenduntf ad que tanta resistere non valerent, nec volent, 
cum pauperes sint, nisi per ipsum domum episcopum larga manu ca- 
ritativa elimosina preberetur : actendensque insuper quod dictum 
monasterium saucti Nicolay bene, in modum monasterii, prout nunc 
habet actari, et ordinari non posset cum ortum sit in solo, ut predi- 
ctum opus sic rite inceptum ad finem laudabilem perducatur: consi- 
deransque etiam et actendens quod iuxta dictam ecclesiam et prope 
ipsum locum sunt quedam domuncule et corte, quatenus soli sive 
terreni, que pertinent et expectant ad ipsum dictum episcopum et 
episcopatum, que domuncule et dicte (Corte) quatenus soU sunt modici 
valoris et modici fructus, et de ipsis dictus domnus episcopus et epi- 
scopatus modicum fructum immo quasi nichil percipit, et quia mul- 
tum necessarie sunt dictis fratribus, ita quod sine ipsis locus ipse et 
habitari ordo non possit. » — dona inter vivos « domno Francischino 
Binduccii de Trecozzano > abate di Montoliveto — < unum casalem, 
positum in societate cippiscorum, iuxta viam a duobus lateribus, et 
murnm veterem civitatis, et iuxta res dicte ecclesie sancti Nicolay 
et res ecclesie sancto Marie foris portam, et res in vigili synu ; — 
omne casalenum et ortum et claustrum, que reperirentur in circuitu 
dicte ecclesie sancti Nicolay, spectantes et pertinentes ad dictum e- 
piscopatum, pro elimosina et intuitu pietatis et misp.ricordie^ ad ho<*-, 
ut dicti abbas et fratres possint dictam ecclesiam et domum, pro 
habitatione fratrum eorum ordinis, construere, ordinare et hedifi- 
care » . 

(*) Cfr. SpiciLnaiUM Montoliv., I, 32, 34 ; Martinblli, Roma ex 
ethnica Sacra, p. 213; P. Awnolpi, Eoma nell' etd di mezzo, Roma, 
Bocca, 1881, vol. I, p. 351. 



118 P. LUGANO 

Ilainueiuo Baroni degli AUo^retti, vescovo cli Volterra, 
cleftideroso di cliiainare i uionaei di Montoliveto nella sua 
patria e cittji vewovile, a' 18 di ottobre del l;339, scriveva 
una lettera al B. Bernardo Toloniei, nella quale gli oflriva 
]a ehiewi e il luogo di 8ant'Andrea « de Postierla », viciuo 
alla eitti^. La donazione fu accettata, a nonie dell' abate di 
Montoliveto, da i'rk Cristofano ser Jacobi d' Arezzo: la chiesa, 
che dal vescovo e detta « sf^elunca latronura », fu restaurata 
e nell' annesHo monaHtero prese Htanza una piccola famiglia 
di religiosi (*). Pochi anni appresso, nel 1347, il notaro vol- 
terrano messer Giovanni « quondam Mannini » donava al- 
1' abate di Montoliveto tutti i suoi possedimenti di Monteca- 
tini, perche vi si edificasse un monastero dedicat^ a S. Michele 
Areangelo (*). Fu accettato il partito, per mezzo del procu- 
ratore frate Yenturino « magistri Mini » da Trequanda, e 
nel capitolo generale tenutosi a Montoliveto il 4 di maggio 
del 1347 interveniva pure « frater Michael lohannis de prato, 



(^) Lo stato della chiesa di Sant^Andrea 6 descritto dal vescovo 
con queste parole : « .... cum ecclesia sive locus Sancti Andree de 
Postierla prope Vulterras ad Episcopatum nostrum vulterranum im- 
mediare spectans, diu sit et fuerit deserta totaliter et inhabitata, et 
quasi| quod horrendum est, spehinca latronum effecta, divino cultu 
et debitis obsequiis notorie destituta: nos dicto infelici et dissoluto 
statui ecclesie prelibate compatientes, ex debito officii incumbentes, 
et circa eundem statum aciem nostre mentis et paterne considera- 
tionis exponentes intuitum, ac attendentes quod ipsa ecclesia contra 
debitum honestatis et juris, ut dictum est, divini cultus defectum 
multiplicem pateretur: ex quo quampluribus Christi fidelibus eiu- 
sdem ecclesie reprobe dissolutionis exempla, scandalorum semina, 
necnon animarum dispendia parabantur ecc. >. — A. S. FiOR., Diplo- 
matico, Olivetani di Volterra, 1339, ottobre 18. - Questo monastero 
di Volterra fu soppresso da S. A. R. con muto proprio del 16 giu- 
gno 1784. 

{*) II monastero doveva abitarsi almeno da sei monaci : la chiesa 
era in parte edificata e in parte da edificarsi : ii patrimonio si com- 
poneva di tutte le case e terre che il suddetto notaio possedeva « in 
villa palumbarie, curie Moiitis catini», segnatamente, di una casa, 
nel castello di Montecatini ; di un « molendinum francischum ad 
aquam, positum in aqua de ligia », ecc. Registro di aiti e contrcUti fatti 
vivente il B. Bemardo, T, 37. 



z 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 119 



prior loei sancti Michaelis Angeli Montis Oliveti ds Monte 
Catino » (*). 

Nella medesima diocesi di Volterra, circa due terzi di 
miglio da S. Gimignano, doveva nello stesso tempo sorgere 
un nuovo monastero pei monaci di Montoliveto. Ne fu il 
prlncipal fondatore il « nobilis et potens milex domnus lo- 
hannes olim domni Gualterii de Salvucciis » di San Gimi- 
gnano. Questi, a' 21 di giugno del 1340, otteneva dal Consiglio 
generale di quella Terra, di poter dotare co' suoi beni, posti 
« in villa de barbiano », un monastero colla sua chiesa da 
fabbricarsi, per rimedio dell' anima sua e di sua moglie Mar- 
garita de' Bardi, e per disfarsi degli averi acquistati poco 
lodevolmente ('). Concessagli pertanto facolt^ di cio fare an- 
che dal vescovo di Volterra, Rainuccio degli Allegretti, fa- 
ceva, a' 2 di ottobre dello stesso anno, la donazione che 
veniva accettata, per l' abate di Montoliveto, da frate Gio- 
vanni d' Arezzo. Egli donava i fondi e monna Margherita vi 
edifi(;herebbe la chiesa, sotto il titolo della Madonna e di 
San Giovanni Battista, senza esigerne, per cio, alcun diritto 
di patronato : i monaci dovessero risiedervi, almeno in quat- 
tro, ed uffiziare com' era lor costume, la cliiesa ogni giorno ('). 

Questi ed altri monasteri, offerti e non accettati, o rice- 
vuti e poi rilasciati (*), come sono effetto della fama che 
circondava Montoliveto, sono in pari tempo una prova evi- 
dentissima del crescere di questa famiglia monastica, in nu- 



(*) Begistro cit., I, 34. 

(*) A. S. FiOR., Diplomatico, Olivetani di Volterra^ 20 giugno 1340. 

(") A. S. FiOR., Diplomatico, Olivet. di Voltcrra, 2 ottobre 1340; 
cfr. L. Pecohi, Storia della Terra di San Gimignano, Firenze, Cellini, 
1853, p. 422-3', 664-57. — A questo monastero, soppresso dal 1776, 
successe la parrocchia, ch* ^ un annesso della propositura della Colle- 
giata di San Gimignano. 

(*) Antonio da Barga (Spicileg. Montoliv., I, 32) accenna a molti 
altri monasteri c que, tractu temporis, dimissa fuerunt». Di questi 
finora non abbiamo potuto rintracciare alcuna notizia. Sappiamo sol- 
tanto che al capitolo dei 4 maggio 1347. intervenne, tra gli altri, un 
« frater Tomme Minuccii de Senis, prior loci Saficti Bartholomei de 
• Sulfurata Montis Oliveti » . 



120 P. LUGANO 



mero e virtil, sotto il buon fi^overno del Tolomei. Questi, in 
ventisette anni che attese al refi^gimento dell'Ordine, miro 
sempre a con»olidare vieme^lio le basi del novello istituto. 
II quale, gid. formalmente approvato dal vescovo diocesano, 
Guido Tarlati di Pietramala, venne da lui arricchito di nuovi 
privilegi e di molte esenzioni, che furon concesse con 1' ap- 
provazione del Capitolo della Cattedrale d' Arezzo, in data 
del 28 marzo 1324 (*). Bisognava provvedere alFapprovazione 
ix)ntificia : e il Tolomei mando probabilmente ad Avignone 
due monaci, i quali ottennero che, in data del 17 maggio 
1324, Giovanni XXI prendesse sotto V apostolica iirotezione 
il monastero di Montoliveto con tutte le sue pertinenze ('). 
JJ anno seguente, a' 21 d' aprile, confermava all' Ordine di 
Montoliveto, tutte le libert-^, immunit.4 ed esenzioni, concesse 
da' Principi, Ee e Pontefici {^). Ma la vera e propria ap- 

(*) Liher Pnvilegiorum, fol. 2'-3*. — L' atto h rogato da Guada- 
gno di ser Giunta. Le esenzioni partono collettivamente dal vescovo 
e dal capitolo : se n' ha 1' originale in Arch. S. S. (Arch. M. 0. M.y 
vol. A 1 (290), c. 5): la pubblicazione nello Spicilrg. Montoliv. (I, 
70-73) 6 fatta sulla copia scorretta del citato Liber Priinlegiorum. — 
Fondandosi sopra queste concessioni, aM2 ottobre 1339, Hainerio 
< de Corsinis > , preposito fiorentino e vicario generale di Boso, ve- 
scovo d^ Arezzo, dichiara < dictos fratres et monasterium de Monte 
Oliveto in libro libre clericorum civitatis et diocesis Aretine esse 
scribendos, pro exemptis et inter exemptos, ita tamen quod in dicta 
scriptura fiat expressa mentio, quod dicti fratres et eorum monaste- 
rium exerapti sunt exemptione episcopali, videlicet exemptione eis 
facta per domnum Episcopum Aretinum ». 

(') < Cum a nobis petitur » edito ne' Privilegia sacre Congrega- 
tionis Monachorum S. Maria^ Montu Oliveti concessa (Bononiae, Jo. 
E.ossium, MDLXXX), pag. 1. Eccone la sostanza: < Ea propter.... 
vestris iustis postulationiuns grato concurrentes assensu, personas 
vestras et locum, in quo divtno estis obsequio mancipati, cum omnibus 
bonis, quae in praesentiarum rationabiliter possidetis, aut in futurum 
iustis modis, praestante domino poteritis adipisci, sub beati Petri et 
nostra protectione suscipimus ecc. » . 

(*) < Solet annuere sedes apostolica » in Privilegia cit., pag. 2. — 
E notevole 1' errore incorso in questa lettera pontificia, in cui si 
confermano immuniti date « a praedecessoribus nostris Romanis Pon- 
tificibus » , mentre n«ssun Pontefice, prima di Giovanni XXI, ebbe 
a concederne. L' errore parte dal formulario. 



OBIGINB DELL' OEDINB DI MONTOLIVETO 121 

provazione per parte del Somrao Ponteflce, non giunse che 
nel 1344. 

II 7 maggio 1342 saliva salla cattedra di S. Pietro il 
card. Pietro Eoger : d' indole mite e dolce, di tratto cortese, 
d' animo aperto e pronto a gustare le bellezze delle arti, e gli 
cambio l' austerit^ della corte papale in feste e splendori ; 
n^ s4 d' esagerato il chiamare Clemente VI il Leon X del 
secolo Xiy. La notizia di questa elezione, giunta in Italia, 
fii accolta con segni evidenti d'approvazione: forse speravasi 
clie questo Pontelice avrebbe riportato a Eoma il seggio pa- 
pale. I monaci di Montoliveto, che sotto Benedetto XII 
(1334-1342), non stimaron opportuno fare istanze per 1' ap- 
provazione del loro Ordine, forse unicamente perche questo 
papa era monaeo cisterciense, apriron 1' animo alla speranza 
di poter finalmente chiedere ed ottenere da Clemente VI, 
benedettino di larghe vedute, quanto giustamente desidera- 
vano. Sugli ultimi del 1343, il Toloniei delegava due monaci 
a recarsi in Avignone : frate Simone « Tendi » e frat/C Mi- 
chele « Tani », ambedue fiorentini. Questi era gi^ ito col^ 
altra volta (*), e quegli v' andava forse per la prima. Qual 
via tenessero questi due nell' andare alla curia Avignonese, 
se quella di mare o quella di terra, non e noto e non si puo 
ragionevolmente congetturare. Giunti ad Avignone, recaronsi 
ai due monaci ch' erano col^ di stanza, per trattare gli affari 
della Religione presso la S. Sede, 1' uno dei quali avea nome 
frate Innocenzo « Ser Dominici » da Siena, 1' altro, frate Si- 
mone « Ser Tedicii » da Firenze. Portavano seco i nuovi 
arrivati una lunga istanza, in cui si narravano distesamente 
il nascere ed il formarsi dell' Ordine di Montoliveto ; le ap- 
provazioni ed esenzioni ottenute dal vescovo aretino : le con- 



(^) Frate Michele Tani partiva per Avignone nel febbraio del 
1840 (stile pisano), mandatovi dalPabate Bernardo Tolomei, a motivo 
d' una vertenza insorta tra Chinuccio Niccolucci e il monastero di 
9. Bernardo d' Arezzo. A' 20 febbraio in Pisa, noleggi6 « unum H- 
gnum > di un certo Gulielmo « de niaioribus », perch^ lo portasse da 
Pisa < apud Nixiam vel Marsiliam >, e di 11 potesse giungere ad Avi- 
gnone. (Appendice al Regvttro IV, N. 9). 



122 P. LUGANO 



dizioni in cui ni trovava allora ; quanti monasteri ; quanti 
monaci ; quale la loro vita monastica : e chiudevasi col sup- 
plidane umilmente la demenza del S. Padre a confermare, col 
sig^illo apostolico, la nascita e la vita di quesfOrdine (*). II 
21 gennaio 1344, i due monaci fiorentini, accompagnati forse 
dagli altri due clie stavano in Avignone, erano prostrati di- 
nanzi a Clemente VI : e Clemente VI, nello stesso giorno 
fece si^edire le due lettere desiderate, rispondenti perfetta- 
mente alle due suppliche presentate. La prima di queste 
lettere apostoliche, « Vacantibus sub religionis obserVantia », 
contiene la formale e canonica approvazione o conferma del- 
V istituto monastico di Montoliveto; e la seconda, « Solici- 
tudinis pastoralis officium », contiene la facoltA di poter 
fondare nuovi monasteri, regolarmente costituiti, e soggetti 
quai membri al capo, al cenobio principale, dove 1' ordine 
stesso aveva avuto principio ('). 



(*) Archivio Vaticano, Reg, SuppL Clementis VI, Suppl. tom. IV, 
f. 168. — Di questa supplica abbiamo copia in pergamena nel Rbgi- 
STR. Oliv. (I, 7) ; ma della copia tratta dall* Arch. Vat. andiamo de- 
bitori alla gentilezza del ch. P. D. Ursmer Berli^re, direttore dell'I- 
stituto storico Belga, che ce la comunic6 fraternamente per quattro 
lire, con altra supplica del 1351, di cui si parler& a suo luogo. — 
Non mette conto riferire 1' intiera supplica per 1' approvazione del- 
1' Ordine, perch^ essa 6 inserita verbalmente nelle due lettere apo- 
stoliche del 21 gennaio 1344, che abbiamo a stampa ne' PrivUegia 
cit. (pag. 3-8). 

(•) {Pnvilegifl cit., pag. 3-8). Se n' ha pure un' edizione scorretta 
nel libro MuUa ac diversa privilegia Congregationi Montis Oliveii.,., 
concessa (Fulginie, Colaldi, 1566, p. 1-4). 

In fine delle due suppliche, presentate a Clemente VI, per 1' ap- 
provazione di Montoliveto, i due monaci fiorentini n' aggiunsero una 
terza, tutta a vantaggio loro e dei due fondatori, il Tolomei ed il 
Patrizi, ch' 6 concepita ne' termini seguenti. < Item supplicant eidem 
s. V. devoti famuli et oratores vestri, fratres Symon Tendi et Michael 
olim Tani, professi dicti monasterii, o^f pede^ v, s, missi pro predictis^ 
quatenus de solita clementia vestra devotiis filiis YeatriSj abbati pre- 
dicto, ac Patritio de Patntiis de Senis, de bonis propnis cooperante 
divina gratia^ prefati monasterii fundatoribus, ao fratribus Symoni 
Ture et Bernardo olim Ottolini, monachis et professis monasterii se- 



OBIGINE DBLL' OBDINE DI MONTOLIVETO 123 

Cosi la vita del nuovo Ordine era assicurata. I due nio- 
naci fiorentini ritornaron tosto a Montoliveto (') ; tra quei 
padri fu una vera tbsta al giungere dei due messaggeri, e, a 
ricordare il fatto, deliberarono che il 21 gennaio, sacro a 
Sant' Agnese, fosse celebrato annualmente con solennit^. Di 
questo viaggio resto memoria nel cuore di quei monaci ; ma 
la peste del 1348, non riuscendo a canceliarla affatto, fece 
si che n' andasse tra le leggende, o nel patrimonio delle opi- 
nioni. A' tempi di Antonio da Barga riteneva«i, ed egli stesso 
riteneva, che ad Avignone fosse ito nessun altro che il To- 
lomei (*). Alessandro da Sesto racconta invece di due viaggi ad 
Avignone ; il primo, intorno al 1319 ; e l'altro, nel 1324 ("). 
Ma secondo la sua affermazione, nell' uno e nell' altro, sareb- 
bero stati mandati dal Tolomei due monaci. 11 viaggio del 
1324 viene riferito nello stesso modo anche dal compilatore 
delle Cronaohe rimaneggiate di Montoliveto (*) ; ma quello 
che sarebbe avvenuto verso il 1319, se non b posto in dubbio 
si trova gi^ avvihippato in diversa sentenza. Alcuni pensa- 
vano che fossero iti ad Avignone il Tolomei ed il Piccolo- 
mini : altri poi opinavano, che rimasto il Tolomei a Monto- 
liveto, avesse mandato col^, in sua vece, due monaci de' piti 



pedicti, qui cum ipsis fundatoribus pro augmentatione eiusdem mo- 
nasterii diu ferventissime laborarunt, ac sibi ipsis fratribus Symoni 
et Michaeh^ eligendi sibi confessorem, qui eos in articulo mortis a pena 
et culpa, ut in forma, absolvat, concedere dignetur eadem s. v- au- 
ctoritate apostolica Hcentiam et plenariam facultatem. — Fiat B. > — 
Dalle parole, qui usate, a riguardo del Tolomei e del Patrizi, s' ap- 
prende che solamente questi due eran considerati come veri fonda- 
tori di Montoliveto, perch^ n' avean posto ii fondamento « de bonis 
propriis > . 

(*) Sembra che uno di questi due, Michele Tani, ritornasse un'a1tra 
volta in Avignone, poich^ ivi mori nel 1B47, a' 14 di marzo (Nbcro- 
LOO. Oliv., ad an,) : V altro, Simone Tendi, mori a Montoliveto, nella 
pestilenza del 1348. 

C) SpIGILBO. MONTOLIVBIT., I, 21. 

(») Chronic. CanceU., Ood. A., fol. 6'-7 ; IB. 
(*) Chronic. CancelL, Ood. B., fol, XXV. 



124 P. LUGANO 



savi e pradenti (^) : gli uni e gli altri, naturalmente, eorro- 
boravano la loro sentenza con ]' antoritd; de' documenti e 
della tradizione. Ma Benibra ch' CHsi movessero re^ilmente da 
falAe Hupposizioni. Poich^ al primo viaggio, intorno al 1319, 
e coUegata 1' accuna leggendaria d' esser stati i fondatori di 
Montoliveto deferiti all' autoriti papale come uomini cattivi 
e sospetti d' eresia ; del che non v' ha testimonianza antica 
e sicura. 11 secondo viaggio, giustamente collegato coU' ap- 
provazione dell' Ordine, ottenuta da Olemente VI nel 1344, 
fii messo erroneamente a riscontro del privilegio concesso nel 
1324 da Giovanni XXII: cio per una conftisione, &cilis8ima 
a nascere ed a propagarsi tra i monaci, quando i documenti 
erano con soverchia diligenza custoditi (*). 

Confermato, per autoritA di papa Cleroente VI, l'Ordine 
di Montoliveto, il B. Bernardo Tolomei, che ne fu il primo 



(^) Ecco 1e parole della Cronaca rimaneggiata : < Haec vir Dei 
Johannes a Summo pontifice delata sibi scripta suscipiens (quibus ad 
sedem apostolicam evocabatur), ac si divinitus mandatum illud rece- 
pisset, statuit apostolicis obtemperare praeceptis : in hac vero facti 
contingentia non una maiorem tiostrorum fuit opinio : alii enim inniod, 
nedum traditionibus^ sed etiam nonnuUis per vetustissimis monumentis 
prefati archivii Moiitis Oliveti (!), asserueruntf eumdem servum Dei 
Joannem, utpote obedientissimum sanctae sedis filium, statim accepto 
mandato et imperato reliquis, ut pro felici successu in orationibus, 
vigiliis et jeiuniis maioH ardore persistant, unacum Amhrosio Piccolo- 
minio Avenionem accessisse, eique mira in itinere accidisse, et a Pon- 
tifice henigne accepti, qui cum omfiem sui instituti et vitae rationem 
didicisset, tanquam innocentes ad Episcopum Aretinum, ut eis hdbitum 
et reguJam praescribaty remisit.. — Attamen alii affirmant, id qtiod 
magis verisimile apparet, ut ab hiis audivi senioribus nostris per an- 
tiquam similiter habitam traditionem^ neinpe servum Dei Johafinem..., 
ex eis (filiis suisj elegisse, quos aptissimi ad subeundum asperrimi 
iUiu^ itineris gravissimum laborem.,. judicavit ecc. Chronicon CaticeiLj 
Cod. B, fol. X-X'. 

{"*) In conclusione: il Bargense pose in viaggio il Tolomei nel 1344 
ed erro nel mandare ad Avignone il Tolomei: le due Oronache met- 
tono in viaggio due monaci, per ottener T approvazione, ed errano 
nel fissare il viaggio nel 1324. — II primo viaggio (1319) colle sue 
circostanze, riferito dalle Cronache e taciuto dal Bargense, posa so- 
pra fondamento leggendario. 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 125 

e principale iniziatore, dov^ esultare di gioia verace. Ma egli 
s' appressava ormai alla sua fine. Di lui e della sua vita non 
diremo qui a lungo ; eh^ non intendiamo farne ora una com- 
pleta biografla. Cionondimeno, un accenno alle notizie piti 
importauti di lui (ch' h nominato in quasi tutti i documenti 
di Montoliveto), non torneri inopportuno ai senesi e agli 
studiosi di uomini e cose monastiche. 

Tra le relazioni del Tolomei con persone autorevoli, non 
^ da passare sotto silenzio, qnella ch' egli ebbe con un ve- 
scovo che volle esser sepolto presso la chiesa di Montoliveto. 
Nei documenti costui ^ detto « frater Blascius de Bipe, epi- 
scopus Gialidensis », ed ai 3 di giugno del 1333, nel mona- 
stero di S. Bernardo d'Arezzo, faceva testamento, essendo 
presente l' abate Tolomei. In segno d' affetto, lasciava a Mon- 
toliveto « unum suum librum dictum Pontificale », e a San 
Benedetto di Siena, « unum suum missalem ». Di piti, avesse 
Montoliveto « unum suum sermonale » e 1' abate Tolomei 
fosse suo esecutore testamentario e fidecommissario in tutto (*). 
Mori il vescovo Biagio, tra il giugno e il luglio del 1333, 
poich^ a' 25 di luglio 1' abate Tolomei nomino un suo pro- 
curatore per ricevere i beni di lui (*), e a' 12 d' agosto gli 
atfidd eziandio la riscossione d' una quantit^ di danaro da lui 
lasciatogli ('). 

NuUa h a dire della buona armonia che regnb sempre tra 
il B. Bernardo e suo fratello, chiamato Nello, che si trova 
spesso nominato ne' documenti di Montoliveto (*), dal che si 
argomenta ch' egli soleva passare lunghi tratti di tempo in 
compagnia del venerando abate, come per ritemprare l' animo 
affaticato negli afiari del governo e del commercio. Ai 14 di 
novembre del 1338, Nello, che avea casa nel popolo di San 
Vigilio, faceva testamento, lasciando d' esser sepolto presso 



(4) A. S. S., Ardi. M. O. M., vol. ^ B A (332;, c. 2. 

l*i A. S. 8., 1. c, c. 3. 

(•) A. S. S., 1. c, c 4. 

(*) Moltissimi sono i documenti rogati a Montoliveto in presenza 
di Nello < olim domni Mini Christofani de Tolomeis de Senis » , cb6 h 
ii frateilo del B. Bernardo. 



126 P. LUGANO 



la chieHa di Montoliveto, e diA|K>nendo d'an fondo di mille- 
ottocento fiorini d' oro i^er la co8truzione d' un monastero nel 
luogo detto « Castelveccliio » nella curia di Gosona, secondo 
i disegni dell'abate, suo fratello: fossero esecutori testamen- 
tari Tabate stesso e la sorella monna Tora, vedova di Branca 
degli Acherigi ('). 

Ma la prova pih splendida della stima e della fiducia 
acquistatesi dal Tolomei, dovea partire da quella femigHa so- 
ciale ch'egli aveva costituito e che tuttora reggeva. Nel capitolo 
generale, radunatosi a Montoliveto a' 4 di raaggio del 1347, 
tutti i monaci, concordemente, gli concessero ampia e libera 
facoltA di fare e disporre di tutto, senza doverne render ra- 
gione, sicuri « quod propter eius Sanctitatem non discederet 
a voluntate dei et fratrum atque filiorum suorum animarum 
salute » (*). Forte argomento di santitd. e grande testimo- 
nianza d' afietto I 



(*) A. S. S., Diplomatico, S, Agostino, 14 novem. 1388. — Nello, 
lascio eredi universali delle sue sostanze i nipoti, Nello, Cristofano 
e Francesca, figli di Cristofano suo figlio, ancor pupilli, ai quali fu 
dato a tutore Mino di Pietro Tolomei, con atto del 27 marzo 1340. 

(') Regvttro di atti e contratti fatti vivente U B. Bemardo Tolomei, 
I, fol. 34'. — Riportiamo quesfarbitrio di grande importanza storica, 
dagli atti capitolari rogati da frate Stefano < olim ser Coppie > di 
Prato, notaro e monaco di Montoliveto. — « Convocatis et congre- 
gatis fratribus et monacis predictis ad capitulum ipsorum fratrum, 
nemine discordante, unanimiter et concorditer, yice et nomine totius 
capituli, et omni modo, via et iure quibus melius potuerunt, dedu- 
runt, concesserunt et contulerunt in yenerabilem patrem domnum 
fratem Bernardum abbatem dignissimum dicti monasterii et totius 
ordinis auctoritatem et baliam atque potestatem plenissimxim agendi, 
tractandi et disponendi facta et negitia monasteriiy prout casus occur- 
rerit, suo proprio consilio absque aliqua requisitione capituli et fra- 
trum seu raonachorum, videlicet, i7i accipiendo hca nova que suh 
regulis et disciplina eiusdem domni Abbatis et Ordinis Sancte Marie 
Montis Oliveti commicterentur et in renuntiando loca iam acceptUy si 
noverit velle deum : in recipiendo fratres volentes assumere habitum 
eiusdein domni abbatis et Ordinis monasterii sancte Marie Montis 
OlivetL Item in corrigendo, astringendOj incarcerando et aliis penis et 
discipUnis plectendo fratres peccantes et deviantes db observatione re- 



OBIGINE DBLL' OBDINE DI MONTOLIVBTO 127 

Intanto la peste nera, cli' era in Genova fin dal novembre 
del 1347, penetrava in Pisa al nuovo anno, in febbraio avea 
messo piede in Lucca, ed in marzo avea invaso Firenze, gran 
parte della Toscana, Bologna, Modena, Yenezia; in aprile, da 
Piombino giungeva in Siena ('). Dalla citt4 il morbo inva- 
deva le campagne in un attimo : del resto, ^ noto. che a 
Lucca, a Pisa, a Firenze, a Empoli, a Siena e per le campa- 
gne circostanti, la peste nera, ancora sconosciuta nell' occi- 
dente europeo, trovava condizioni assai propizie per penetrare 
e far larga strage, x>oiche da un periodo d' anni lo stato sa- 
nitario della Toscana, era tutfaltro che normale (*). II numero 
delle vittime, in Siena e nelle altre citt^ della Toscana, fti, 
senza dubbio, grandissimo, accresciuto ancora dall' esagera- 
zione inconsciamente apportatavi dagli scrittori e cronisti con- 



gule heatissimi patris Benedicti et constitutionum dicti Ordinis et mo- 
nasterii sancte Marie Montis Oliveti, vel qui cUiquo modo repugnarent 
vvluntati eiusdem venerabilis patris domni abbatiSf vel qui ab ipsius 
obedientia aliquo modo deviarent, prout eiusdem venerabilis patris 
sanctitas noverit velle deum. Item in acquirendo et emendo pos- 
sessiones, domos et cUia bona pro dicto monasterio, et in tyendendo 
cambiando et permutandOj si sibi placuerit. Item in constituendo syn- 
dicos et precuratores pro dicto monasterio, unum et plures, totiens et 
quotiens, eidem videbitur et placebit. Dantes et concedentes ex nunc 
plenam licentiam et liberam potestatem eidem domno abbati quod 
possit dictos syndicos nominare et declarare quando, totiens et quo- 
tiens voluerit et expediens fuerit pro dicto monasterio, eiusdem 
membris et toto ordine. Item in expendendo et dispendendo denarios 
et bona dicti monasterii el membrorum ipsius et totius ordinis, prout 
eiusdem sanctitati videbitur pertinere ad honorem dei et pacem spi- 
ritualem dictorum fratrum et totius Ordinis supradictii psiusque 
membrorum. £t generaliter quod absque aliqua fratrum requisitione 
possit et sibi liceat omnia disponere, tractare et ordinare et ad effe- 
ctum perducerei que totum generale capitulum et omnes fratres totius 
ordinis £eicere possent, confidentes plenarie quod propter eius sancti- 
tatem non discederet a voluntate dei et fratrum atque fiUorum suorum 
anim/irum salute > . 

(*) Alfonso Corradi, Annali ddle epidemie occorse in Italia^ parte 
prima, Bologna, Gamberini e Parmeggiani, 1865, p. 198, n. 2. 

(') F. Carabbllbse, La peste del 1348 e le condizioni della sanitd 
pvJbblicain Toscana^ Rocca S. CasciauOi L. Cappellij 1897, p. 2. 



128 P. LUOANO 



temporanei, terrorizzati dal funeato avvenimento (^). La de- 
Hcrizione che ce n* ha laHciato messer Oiovanni Boccaccio, 
della quale pure po88a dir8i anch' ogf^i quel che ne scrisse 
il Petrarca alPautore niedeBimo, - narrasti proprie et ma- 
gnifice deplorasti, - non ^ certamente una storia vera e 
propria della pestilenza del 1348. Secondo Agnolo di Tura, 
nella citt^ e borghi di Hiena perirono ottantamila personCy 
e la morla h' accentu6 segnatamente nei mesi di maggio, 
di giugno, di luglio e d'ag08to (*). In realt^, pero, sem- 
hm che il pih forte della morta fosse piuttosto nella se- 
conda met^ d' aprile, a cui tenesse dietro un po' di conse- 
guenza nel giugno e nel luglio. Infktti il Consiglio generale 
della Campana radunatosi il 16 d' aprile, non si aduna nuo- 
vamente prima del 2 di giugno : ed in questa radunanza, si 
fa menzione per la prima volta della « presens epithimia et 
potens mortalitas », e si stabilisce di rimandare alle calende 
di settembre la trattazione di tutte le cause principali solite 
a ventilarsi nelle curie del comune e nel consolato di mer- 
canzia ('). Col 15 d' agosto le radunanze riprendono il loro 
corso regolare, ed in esse sono raccolte molte particolarit^ 
riguardanti la strage operata dalla peste in Siena (*). Ma 
essa nella met^ d'Ago8to era gid. totalmente cessata, poich^ 
- secundura laudabilem consuetudinem observatam tempori- 
bus retroactis, - nella vigilia e nella soIennitA deII'As8unta, 
si pote fare 1' usata festa e correre il pallio (*). Che anzi, la 



(') A. CoRRADi, Op. cit., p. 199, n 2. 

(-) Cronica SenesCj in Muratori, R. /. <S., XV, 128, 124. 

(•'') A. 8. S., Consiglio gen., vol. 142, fol. 26^ — Qui h la radunanza 
del XVI apriie 1348 ; dopo la quale seguono alcuni fogli in bianco che 
mettono alla radunanza del 2 giugno (fol. 82;, ch*^ 1* ultima di questo 
volume. 

(*) A. S. S., Consiglio generale, vol. 143, fol. 1, 2*, 3, 5S 8, 9*, 10, 
11», 27. 

(*) A. S. S., ConsigUo gen., vol. 143, fol. 7 (adunanza del venerdi 
29 agosto 1348: si approva la spesa di 470 lire e 14 soldi, - in dop- 
pienis et in uno cero grosso et in palio curso die dicti festi, - fatta dal 
camarlingo di Biccherna e dai quattro provveditori del comune). 



ORIGINE DELL' OBDINE D1 MONTOLIVETO 129 



peste doveva gik esser cessata nel mese di luglio, pereh^ al 
potest^ di Siena, messer Vinciguerra di S. Bonifacio, conte 
di Verona, morto a' 20, vennero celebrati solenni fdnerali (*): 
iunerali e feste che non avrebbero potuto aver luogo nell' im- 
perversare della pestilenza. 

Del numero preciso de' morti di peste nella citt^ di Siena, 
non si puo avere testimonianza particolareggiata : fii certa- 
mente grande, ma non h lecito determinarlo sui pochi accenni, 
anch' essi non senza esagerazione, che se ne hanno. I notai 
ftirono i primi a morirne, forse per l'ufiicio d^accorrere ptesso 
gli appestati per riceverne le disposizioni testamentarie : 
onde le occupazioni e gli affari notarili, dopo la peste, non 
trovavano chi li disimpegnasse ('). I frati ed i monaci peri- 
rono in numero sterminato, probabilmente nel soccorrere gli 
affetti dalla terribile moria ; onde, a camarlingo di Biccherna 
e della Gabella (ufScio af&dato a' monaci, specialmente del- 
1' Ordine Cistercense) furon eletti cittadini e non piti reli- 
giosi (*), ed ai pochi frati superstiti, arricchiti di legati e di 
beni, furon sospese per due anni le solite limosine (*). In- 



(*) A. S. S., Consiglio gen.y vol. 143, fol. 7. — I funerali del Po- 
test^ costarono dugento cinquantuna lira e tredici soldi ; ma si eb- 
bero sepoltura ed esequie a spese del comune anche Minuccio Scotti, 
Giov. di Pier Tuccio, Nicol6 di Meo Oovaro e Tuccio di Gano, dei 
signori Nove ; e vari altri. 

(*) « Cumque per orrendam epidimiam fuerit notariorum numerus 
diminutus in mensum, et occupationes et affaria ubilibet vehementius 
augmentata, ecc. > (Adunanza del 22 agosto 1348; vol. cit., fol. 2*). 

(') « Et cum epidimia nuper lapsa adheo demerit riumerum Reli- 
giosorum quod difficile, imno impossibile sit haberi aliquem religiosum 
de aliquo ordine vel conventu, pro dictis ofl&tiis vel eorum aliquo 
exercendo, quia remanserunt tam panci quod non sufficiunt ad diuina 
officia in ipsorum conventibus celebranda, ecc. (vol. cit., fol. 3). 

(*) Cum sit equum et rationi conforme quod cessante causa cesset 
e£fectus, cumque causa dispositarum elimosinarum per Comune Se- 
nense fiendarum, tam ex forma statutorum et ordine Comunis Sen., 
quam ex consuetudine antiquata, totaliter cesset ad presens, maxime 
quia sicut religiosi et conventus aliaque loca et persone olim egentes, 
legatis et relictis atque oblatis a defunctis ex epidimia nunc occursa 



130 P. LUGANO 



somma, il iiumero de' eitta^lini fii - diminutus tam orribiliter 
et immeme, - che 8i dove dero^re ag]i ntatuti circa il numero 
legale de' componenti il ConHiglio generale(*), e per non riu- 
novare nel cuor de' cittadini 1' amarezza e il dolore, si vietd 
r UKO delle vesti abbrunate ('). Tanta fu la strage della pestilen- 
za, e la cura dei signori Governatori i)er cancellarne le traccel 
Questa famosa iieste s^ inflltro anche tra i monaci di Mon- 
toliveto, e ne morirono ottantadue, compreso Pabate Bernardo 
Tolomei ('). Era questi allora nel suo ventisettesimo anno di 
governo abbaziale (*), e contava settantasei anni e qualche 
mese di etA. Disceso da Montoliveto, egli era venuto a con- 
fortare i suoi flgli, i^ercossi dal morbo, in Siena, nel mona- 
stero di S. Benedetto, fuori di iwrta a Tufl, dove la pestilenza 
infieriva piu che iiegli altri luoghi ; e quivi incontro la morte, 
neir agosto del 1348 (»). 



immensum suffulti et aiiatim impinguati, adheo quod non indigent 
elimosinas mendicare, ecc. > (Adunanza dei 17 ottobre 1348; yol. cit., 
fol. 27). 

(*) « Cum causante infanda epidimia iam occursa, fuerU numerus 
civium civitatis sen, diminutus tam orribiliter et immense^ quod ne- 
queunt opportuna dicte civitatis consilia in expedienti numero con- 
gregari, ecc. (Adunanza del 30 agosto 1348; vol. cit., fol. 8'). 

(') « Cum propter vestes viduales et luctuosas civium civitatis 
Sen. videatur ipsa civitas confusa pre obscuritate meroris, occasione- 
sque prestentur renovandi per sepius in cordibus civium amaritu- 
dinem et dolorem, fiantque in ipsis vestibus expense inutiles et 
dapnose, prestantiori cura sit inde solertius attendendum reformare 
dictam civitatem et cives ad vitam et gestus laudabiles et civiles, ecc. 
(Adunanza del 9 settembre 1348; vol. cit., fol. 11'. 

(') Spicilbg. MoNTOLiv., I, 32-33. 

(*) SPICILBG. MONTOLIV., I, 22. 

(*) L' esser stato sepolto nel monastero senese (Spicilbg. Mon- 
TOLiv., I, 33 j, fa argomentare che il Tolomei, fosse innanzi disceso 
da Montoliveto. E certo poi che degli ottantadue monaci, spenti dalla 
pestilenza, moltissimi dimoravauo nel monastero senese, che in que- 
gli anni contava da quaranta a' cinquanta individui. Gi^ nel 1334 
erano in questo monastero quaranta monaci, come si rileva da una 
domanda fatta al Consiglio Generale {A. S. S., Consiglio gen., v. 115, 
fol. LXXXXVIIIP). — Del giorno in cui mori il Tolomei, non s' ha 
antica testimonianza, ma la tradizione ha fissato il 20 agosto. 



OEIGINB DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 131 

Secondo Antonio da Barga e gli altri compilatori delle 
Cronache di Montoliveto, il B. Bernardo Tolomei fii sepolto 
nel monastero senese di San Benedetto, dove infermo e morl : 
niuna discordanza s' incontra ne' nostri scrittori riguardo a 
questo fatto (^). Ma, sia per le vicende, a cui sembra andasse 



i^) Itiportiamo per intiero il testo della Cronaca di Montoliveto, 
scritta da Alessandro da Sesto (CW. A,, fol. 16) con le interpolazioni 
della Cronaca posteriore {Cod, B., fol. XXVI-XXVII) tra parentesi ed 
in corsivo. « Nara eo anno [quo per totam Italiam lues grassabaiur, 
idem abbas sanctus monachos suos, qui circumirent oppida, casteUa et 
civitatem senarum emisit, ut deservirent infirmis et sacramenta eis 
adminisirarent, ipse eis prehens exemplum ante illos discessit^ iuhens 
iUis ut omnes in die ante vigiliam assumptionis Dei genitricisy ad mo- 
nasterium sancti Benedicti senense simul adessent Sicque adimpletum 
est : nam iUe et cuncU discipuli fratres ad prefatum monasterium cum 
salute absque ulla contagione, ut eis ante discessum prediocit, statuto 
die pervenerunt, ubi valida post paucos dies vigens pestilentia octoginta 
et ampUus fratres ad Dominum transmisitj : de parvulo illo... grege 
octoginta et amplius fratres... ex hac luce raigrarunt. Vir Dei cura 
dilexisset suos... in finem dilexit eos et profectus est ad monasterium 
Sancti Benedicti Senensis, ubi valida vigens pestilentia multos ex 
fratribus ad Dominum transmisit ; exbibens obsequiura corporale 
exterius et interius spiritualiter rauniens illos ad beate vite perven- 
tionera ; bonara hanc virtutura suarum et bonorura operura cousuma- 
tionera existiraans : si hec pietatis exerapla spiritualibus filiis, que 
sequerentur, relinqueret fdie vero quo ipse predixerat, eodem morbo 
con^eptuSj confortans et exhortans discipulos suos ad mandatorum Dei 
et s, Regulae observantiam] ibi tamquam pastor bonus animara suara 
posuit pro ovibus suis et suscepto eterne vite viatico oranibusque 
sancte ecclesie sacraraentis, redditurus domino duplicata talenta, in- 
ter psallentium filiorum manus simul et merentium, et inter verba 
orationis, gaudens in domino et exultans, beatum spiritum reddidit 
creatori suo : religionem posteris relinquens, optimis moribus et san- 
ctis cerimoniis institutam, anno domini raillesinio trecentesimo XLVIII, 
de mense augusti ; a conversione sua XXXV^ vel circa : a susceptione 
sancte Regulae et habitus XXVIIIP ; ab electione vero sua ad abba- 
tiale rainisterium XXVIP nondum completo. Sacrumque corpus eius 
in ecclesia monasterii Senensis prefati, ubi primum sepultura est, in 
Doraino requiescit. [In ipsa auiem hora transitus sui, tres fratres di- 
scipuU eius aUique sancte vite visione celesti digni facti sunt : viderunt 
enim beatam iUius animam ab angelis et sanctis et precipue ab Ar- 
changeU) MichaelCj sanctisque Benedicto et Bernardo^ quos in terris 



132 P. LITOANO 



sojCRetto questo luogo, Hia per alire ragioni, nacque tra i 
inonaci di Montoliveto la |>erHUHHione che il corpo del Tolo- 
niei fosne stato traAiK>rtato, nel necolo XV o nel XVI, da 
S. Bene<letto a Montoliveto. Partl forRC questa opinione da 
un iiaAHo dei Coniuientari di Pio II, nel quale, dopo aver 
accennato ai fondatori di Montoliveto, h detto clie quei mo- 
naci ne venerano le onna fquorum oMa religiose coluntj (*) ; 
asserzione ^enerica, che pot^ dar origine alla leggenda del 
trasi>orto, ma che non ha valore storico sufficiente a diriraere 
la controversia, accettando o rigettando il fatto. Nel secolo 
XVIII, la leggenda del tras|K)rto venne corroborata dall'a8- 
serzione d'un vecchio archivista della BaUa di Siena, il quale 
fec^ credere al P. Valeriano Pecci, nei registri di BaDa tro- 
varsi un decreto, col quale si concedevano ai monaci di Mon- 
toliveto alcuni soldati i>er effettuare il trasporto del corpo 
del fondatore da un luogo all'altro. Pervenuta questa notizia 
air orecchio del P. Cesare Scarsella e dell' archivista D. Pie- 
tro Eosini, si tento di volersene accertare. Ma, trovato quel- 
V archivista di Balia gi^ passato agli eterni riposi, parve 
niiglior partito quello di mettersi ad esaminare da se i Ee- 
gistri di quest' Archivio. II Eosini, coadiuvato dall' abate 
Inghirami, dal Big. Bombagini, archivista di BaUa, e dal sa- 
cerdote Cesare Scali, nel luglio e nell'agosto del 1776, pose 
mano alle ricerche ; ma le ricerche diedero risultato contra- 



magis colueratj praesentaH in coelum atque a Christo Domino eiusque 
sanctissima matre excipi. Et vulgata tam sancta morte, repente ex ci* 
vitate et suburbiis Senarum ad ve^urandum sacrum eius corpus in 
prefata ecclesia expositum, concursusque populi factus est: muUisqvs 
diversis languoribus laborantes, precipue peste, auxilium et nomen etU9 
invocantes, et ad contactum sacri corporis illius illico liherati suntj. 
Hic fuit sancti patris Bernardi finis, beatus et labor ultimus». — 
II Tolomei dicevasi sepolto in chiesa, dov' era un' antica pittura che 
lo rappresentava, con questi versi : 

Bernardus. Simon, Baynerius, Ambrosiusque 

Patritiusque simul sidera celsa tenent, 
Cunctos abbates, Auctoresque Ordinis [Albi?] 
Sena dedit, quos nunc gloria summa beat. 
(*) Questo luogo e riportato nello SpiciLBG. Montoliv., I, p. XVI. 



aam 



ORIGINE dell' obdine di montoliveto 133 



rio alla leggenda del trasporto: onde ne' mesi di setteinbre 
e di ottobre dello stesso anno, furono eseguiti accurati scavi 
in tutta la chiesa di S. Benedetto. Xel giugno del 1780, fii- 
ron scavati regolarmente i chiostri e i dintorni del mona- 
stero (') . Pero n^ gli scavi, ne le ricerche dettero risultato 
decisivo. Molte fiiron le sepolture scoperte, specialmente sotto 
il pavimento della cliiesa ; ma in nessuna di esse fu dato 
rinvenire qualche segno particolare, da cui potesse argomen- 
tarsi di chi erano le ossa che vi giacevano. Del resto, se 
V acGuratezza con cui ftiron condotte le escavazioni, dirette 
dallo stesso archivista Eosini, potesse far vacillare la testi- 
monianza di Antonio da Barga e degli altri Cronisti, che 
dicono il Tolomei sepolto in S. Benedetto di Siena, la di- 
stanza di quattro secoli e piti dal seppellimento di lui, dovr^ 
almeno avvertirci di non precipitare la sentenza. 

Quel che interessa, piii del corpo del B. Bernardo Tolomei, 
sono le opere sue, in cui ci e rimasta qualche traccia sensi- 
bile del suo spirito. Antonio da Barga ci attesta clie il To- 
lomei « miles atque doctor eximius », fu uomo non mediocre- 
mente erudito, le cui lettere, ripiene di scienza spirituale e 



(^) Le notizie surriferite sono tolte da uno scritto delP ab. Pibtro 
EosiNi citato nello SpiciLBa. Montoliv. (I, 88, n. 2) ; ma degli scavi 
si fa menzione anche dal Marechaux ( Vie du Bienh. B, Tolomei, 
Paris, 1888, p. 293-295). ~ L' erudito senese Gio. Girolamo Carli 
Mancini, nella sua lettera, in data del 1.^ ottobre 1789, al P. Cadello 
Tardella (Bibl. Com. Sbn., Cod. C, VI, 2, fol. 1-41), fa un lungo di- 
scorso storico sulla morte del Tolomei, passando in rassegna tutti i 
cronisti senesi contemporanei e conchiudendo ohe « negli antichi 
scrittori non si ritrova menzione della morte e della sepoltura del 
nostro Beato, e nei pii!i moderni, se cosa alcuna ritrovasi, non e ben 
sicura ed e ripiena di molte incertezze » . Sul fondamento poi de' Com- 
mentari di Pio II, egli scrive : « lo dubito che i monaci di Montoli- 
veto Maggiore, dopo la peste, lo trasportassero (il corpo del Tolomei) 
al monastero loro, non lasciando un tesoro tanto prezioso abbando- 
nato e sottoposto a mille pericoli ; e se tutte quell' ossa non traspor- 
tarono per timore che poi si risapesse dai cittadini, parte almeno per 
divozione e per sicurezza trasportato avranno » . 



134 P. LUOANO 



liberale, »i eonservavaiio aneora in Montoliveto (^). Di queste 
lettere non rimangono ehe aleuni frammenti radnnati e seritti 
nella seeonda met^ del Heeolo XIV, trovati dallo storieo D. 
Seeondo Laneellotti nel 1611 (*), e quindi uniti in un volume 
del Processo per la Canonizzazione del Tolomei. Sventurata- 
mente non abbiamo nn eompleto epistolario, che sarebbe di 
molta luee per le origini dell' Ordine ; pero da questi pezzi 
frammentari possiamo non solo argomentare della eeleste sa- 
pienza ond' era fornita la mente dell' abate di Montoliveto, 
ma eziandio della dottrina rii>ortata dal secolo e della fama 
di santitA ehe godeva )>resso le persone messe in alti gradi 
e dignit^. Le quali cose vengon confermate anche dal Cro- 
nista Antonio da Barga, che ehiama il Tolomei uomo dotto 
- doctm vir (*), - in tutto molto mirabile e santo - per omnia 
vir valde mirabilis et sanctus (*). 



(M Spicilkg. Montoliv. (I, 7 : « Ipse namque Deo carus Bernar- 
dus, vir non mediocnter entditm ftiit^ cuius epistole spirituali libe- 
raUsque scientia redolenies, adhuc in illo monasterio [Montis Oliveti] 
reservantur ». 

(') Nella Cronaca di Alessandro da Sesto {Cod, A,, fol. 15) si 
legge : < Nec cessabat Abbas sanctus [Bernardus] plantare et rigare 
illam [vineam domini] pluvia verbi dei : domino desuper incremen- 
tum dante. Nec dimittebat suos : quos a se transmittebat : sed ubi- 
cumque fuissent, et ipse semper paterna sollicitudine cum eis erat, 
ut legentibus epistolarum eius libellum egregium manifeste apparet 
Siquidem non soium monachis suis et filiis spiritualibus presentibus 
viva voce, et absentibus per epistolas, verum etiam secularibus viris 
ac potentibus arguendo, observando, monendo. monita salutis dabat». 
— Nel margine del codice, il Lancellotti scrisse : « Huius libelli fra- 
gmentum nuper hoc anno 1611, a me vetusta nostrae Congregationis 
monumenta investigante, post tot lustra (divino ut rtor inspirante nu- 
mine), in calee cuiusdam libri antiqui, inventum et inde exemplatum, 
vehit quoddam praetiosissimum adservatur » . — Non si sa dove sia ita 
}a copia che ne trasse il Lancellotti. 

('» Spicilbg. Montoliv., I, 32. 

(*) Spicilbo. Montoliv., T, 20, 



Cap. VI. 

SOMMARIO 

II Tolomei e l' ordinaniento del suo Ordine : Ordine e non Con- 
gregazione. — L' Ordine di Montoliveto prima e dopo la peste del 
1348. — Avanzi e germogli. — L' ab. Franceschino Guiducci e il 
monastero di S. M. degli Armeni di Padova. — II capitolo del 1.^ 
maggio 1849. — L' elezione dell* ab. generale. — Binnovata costitu- 
zioue confermata dal Papa. — L* ab. Hanieri di Simone. — II mo- 
nastero di S. M. Nova di Roma. — L*ab. Lorenzo di Cione, Clemente 
VI e I* oratorio di S. Giusto. — L*ab. Salvi di Dono e le sue dispo- 
sizioni. — I monasteri di S. Gerolamo d' Agnano, di Sant' Angelo di 
Tivoli, di S. M. de' Gaudenti e di S. Michele in Bosco di Bologna. 
— Monte Morcino di Perugia. — Montecassino e Montoliveto. — 
S. Ponziano di Lucca e S. Gio. di Venda. — La Badia a Roffeno e 

V eremo a Montoliveto. ^ S. Margherita di Cortona e S. M. Nova 
di Camerino. — S. Gerolamo di Quarto e S. Caterina di Fabriano. — 
Misticismo e santit&. » S. Caterina da Siena e Montoliveto. ~ Let- 
tere di vita ai discepoli. — Francesco de* Malavolti. 

Ohe il B. Bernardo Toloraei, fin dal 1313, quando si ri- 
tiro nella solitudine di Acona, avesse una chiara coscienza 
di tutte le conseguenze storiche che si derivarono da lui, 
sarebbe forse tropiK) audace 1' affermarlo ; ma che egli con 

V andare del tempo, col crescere della famiglia, col propa- 
garsi della sua iigliuolanza spirituale, vedesse limpidamente 
hi costituzione del suo Ordine religioso ed 11 posto onore- 
vole che avrebbe occupato nella Chlesa, non sl potr^ tropiK) 
facllmente rlchlamare in dubblo. Anzl, egU, nell' Intuizione 
della vlta storica che avrebbe avuto 11 suo Ordine, sepi^e 
talmente disclpllnare la sua famiglia, che In breve tempo sl 



136 P. LUGANO 



trovo costituita, i>er interno ed esterno reggimento, in un 
vero e proprio Ordine religioso. La qual forma, per lo iu- 
nanzi, nou era aneora entrata nel pieno dominio del mona- 
chismo. La prinia congregazione monastica clie in tal modo 
8i diHciplinasi^, e che abbia meritato il nome di Ordine, fu 
quella CiHterciense, che, sorta nel secolo XI, acquisto nel 
secolo seguente alta rinomanza pel proprio buon ordinamento 
interno ed esterno (^). Piu case sotto la dipendenza della 
casa-madre, aventi comunanza di leggi, di doveri e di diritti, 
e percio confederate tra di loro con vincolo legale e sociale, 
formano e com|)ongono il sacro Ordine Cisterciense ; il qnale 
deputa visitatori alle case dii^endenti e aduna ogni anno i 
comizi generali, ove sono discusse le cose di maggior mo- 
mento per il pubblico bene. Grande onore riceve quest' Or- 
dine, quando Innocenzo III, nel Concilio di Laterano (1215), 
per rimediare ai disordini che serpeggiavano nei monasteri, 
ordino che in ciascun regno o provincia, gli abati e priori 
che non eran usi tenere capitoli generali, tutti ne tenessero 
ogni tre anni, chiamandovi, sul principio di tale pratica, 
due abati Cisterciensi per aiuto, come quelli avvezzi da lungo 
tempo a tali comizi : vi trattassero della riforma e della re- 
golare osservanza, e si deputassero persone capaci di visitare 
in nome del Papa tutti i monasteri della provincia, correg- 
gendo e riformando quant' era da correggere e da rifor- 
mare ('). 

L' Ordine di Montoliveto, sotto la scorta del Tolomei, 
s' informo fin da principio a tali disposizioni. E uella BoIIa 
d' approvazione del 21 Gennaio 134:4, si legge che, per la 
vita lodevole di questi monaci, - adeo quorundam vicinomm 
Bpiscoporum et aliorum fidelium crevit devotio erga eos, 
quod iam deeem alia loca, hahitm et regularia observantiae 



(*) Mabillon, Acta S.S, Ordinis S . Benedicti^ Saeculum quintum 
(tom. VII), Venetiis, S. Coleti, Praefatio, pag. XXIX; cfr. Moroni, 
Dizionario di erudiz, storico-ecclesiastica, Venezia, MDCCOXLII, vo- 
lume XIII. p. 213 ss. 

(*) Can. 12. 



ORiaiNE dell' obdine di montoliveto 137 

dicti Monasterii [Montis Oliveti] in diversis Diocesibus sunt 
construeta, qu^as per fundatores eorum eidem Monasterio subiecta 
et supposita extiterunt - (*). Da queste parole si vede chiara- 
mente cbe Monte Oliveto Maggiore, corae luogo d' origine 
dell' Ordine, era la casa-madre, da cui dipendevano i dieci 
monasteri, gik fondati prima del 1344. E poi, col progredire 
degli anni e con 1' aumentare dei monasteri, quantunque di- 
venisse necessaria la divisione di essi in provincie o regioni, 
rimase ferma 1' ordinata primitiva costituzione di dipendenza 
dal luogo d' origine, formando cosi quella ben regolata fami- 
glia, cbe, nell' uso monastico, ebbe nome Ordine (*). 

Dalla stessa Bolla h faeile stabilire quanto fosse nume- 
roso 1' Ordine di Montoliveto nel 1344, e, a un dipresso, 
prima della morla del 1348. II principal monastero di Monte 
Oliveto contava trenta monaci e 1' abate, che, uniti a quelli 
ehe abitavano negli altri dieci monasteri dipendenti, salivano 
sopra a centosessanta individui. Ond' ^ che, in ciascheduno 
dei dieci monasteri dimoravano, in media, dodici o tredici 
monaci. II che non era poca cosa, passati appena ventiquat- 
tr' anni dalla formale fondazione dell' Ordine ('). 



(^) Privilegia, ediz. Bononiae, Apud lo. Bossium, MDLXXX, 
pag. 4. 

{*) Beca meraviglia che alcuni, tra i quali va aunoverato anche 
1' ab. Sbcoxdo Lancbllotti (Histor. Olih\j Praefat.), stimassero do- 
versi chiamare Cong regazione e non Ordim^ la famiglia monastica 
originata da Monte Oliveto. Ma costoro, oltre a contradire al lin- 
guaggio degli antichi documenti, si fermarono ad una distinzione 
puramente materiale, e posero mente piii alP apparente forma o co- 
ordinazione esterna degli Ordini religiosi, che alla loro formale ra- 
gione d* esistenza ed alla loro interna costituzione di reggimento. 

(') Ntilla suddetta Bolla (ediz. cit., p. 4) k detto de' monaci oli- 
vetani viventi nel 1344 : qui omnfts numei^o cenium et sexaginta, et 
ultra existere dignoscuntur. I dieci monasteri appartenenti alPOrdine, 
nel 1844, erano i seguenti : S. Benedetto di Siena (a. 1322) ; S. Ber- 
nardo d' Arezzo (a. 1338) ; S. Bartolomeo (Montoliveto) di Firenze 
(a. 1384r, Sant* Anna di Camprena (Pienza) <a. 1334); S. Donato di 
Gubbio (a. 1338) ; S. Nicol6 di Foligno e S. Feliciano di Marmonzone 
(a. 1338); S. M. in Domnica di Roma (a. 1338-9); Sant' Andrea di 



138 P. LUGANO 



La famosa peAtilenza del 1348 decimava in un momento 
il numero, meravigliosamente creBciuto, de' monaci di Mon' 
toliveto. II cronista Antonio da Barga attesta, e la sua at- 
testazione non puo enser dubbia perche scriveva colPantico 
« Necrologium » sotto gli occhi, che « tempore magne pestis... 
mortui sunt de fratribus nostris numero LXXXIl » (^). La 
Congregazione monastica di Monte Oliveto veniva, dunque, 
ridotta incirca d' una met^. La maggior parte de' monaci 
morti per la peste, era di Firenze e di Siena, e se ^ lecito 
congetturare, secondo le norme d' una ragionevole critica, il 
monastero di Monte Oliveto Maggiore, quello di S. Benedetto 
di Siena e quello di S. Bartolomeo di Firenze dovettero for- 
nire il maggior numero di vittime alla moria. Tra i raorti 
di quell' anno, pochi sono gli aretini e i volterrani : v' e 
qualche fabrianese, qualche folignate e qualche eugubino ('). 

In tal modo diminuito il numero de' monaci, fu giuoco- 
forza raccogliere i superstiti ne' monasteri di maggiore im- 
portanza, perche riprendessero di nuovo quella gagliardia di 
vita, che, per 1' improvvisa dipartita di molti de' pi^ rino- 
mati per virtu e santit^, sapevano d' aver x>erduto. Dall' aver 
radunato i superstiti, venne quasi di necessaria conseguenza, 
che alcuni monasteri, accettati da poco tempo, o d' infelice 
condizione, fossero rinunziati od abbandonati. Tra questi ul- 
timi sono probabilmente da annoverarsi i monasteri di S. Maria 



Volterrft (a. 1339) ; Montoliveto di S. Gemignano (a. 1340). Antonio 
da Barga (Chronicon, p. 32) non ricorda il monastero di S. Feliciano 
di Mormonzone «Eoligno)) perche gik abbandonato^ prima ch^egli fosse 
monaco. 

(*i A. Barqensis, Chronicon, in Spicil. Montoliv., I, 32. — An- 
tonio da Barga aggiunge : ut in libro frairum mortuorum continetur. 
L' antico Liber Mortuorum o Necrologium fu incominciato nel 1337, 
ed era ancora tra le mani del Bargense, verso il 1450, e fors^anche 
di Luca Garganelli (1518-20) ; ma ora e perduto. Eimangono soltanto 
alcune copie che hanno origine dal Garganeili. 

(*) Nbcrologium ad an. 1848. — I nomi de' morti nella peste 
del 1348 sono pubblicati dal Th03Ias, VAhbaye de Mont-Olivet-Majeurj 
Sienne, 1898, pag. 219-222. 



■\ 



ORIGINE DELL' OEDINE DI MONTOLIVETO 139 

« in Domnica » e di S. Griacomo « cle Septingiano » o « in 
Settiniiano » (ora della Lungara), in Boma, di cui si hanno, 
l)er ]a relazione co' mouaci olivetani, pocliissimi o scarsi ri- 
cordi (*). Furono poi certamente rinunziati, intorno a questo 
tempo, i monasteri di S. Feliciano di Mormonzone, presso 
Foligno, di S. Michelangelo a Montecatini e di S. Bartolomeo 
« de Sulfurata », nella curia di Petroio, sul quale aveansi 
ancora delle pretese nel 1358 (*). 

Per effetto della pestilenza del 1348 non restavano nel- 
r Ordine di Montoliveto che pochi e laceri avanzi, i quali, 
restaurati con impulso di vita novella, furon tosto circondati 



(^) Sono meDzionati dal Lancellotti, in principio della sua Hi- 
stoi\ Otiv.^ nella lista intitolata: - Monasteina, ex quihus alia tenui- 
niuSy et deinde {qualis causa fuerit) deseruimus, alia vero incertum est 
an possederimus ; varia tamen de ipsis loquuntur diplomata scriptaque 
probatissima in tabulariis, 

(-) Questi tre monasteri sono ricordati, come dipendenti dalPOr- 
dine di Montoliveto nelP atto capitolare del 4 maggio 1347 {Begi- 
stro di atti e contratti fatti vivente il B, Bemardo, I, c. 33-34). Dopo 
questa data non se n' ha piCi memoria di sorta. Solamente del romi- 
torio di Petroio (S. Bartolomeo c de Sulfurata ») si sa che era pre- 
teso dai monaci di Montoliveto con atto del 5 febbraio 1358, unita- 
mente alla chiesa e ad una casa. Questo luogo, da noi visitato il 6 
maggio 1902, dista circa un miglio dal villaggio di Petroio : fa parte 
del podere chiamato Tena di sopra, di propriet^ della Signora Irene 
Marri ne* Bruschi. Vi si vede ancora una cappella, adibita ad uso 
rustico, ornata di affreschi nella parete delL' altare. Gli afireschi por- 
tano due date: la pi{i antica del - MDXXVIII - ha sopra di s^ un 
altro intonaco aSrescato coUa data - MDXCI.... * Gli afireschi con 
quest' ultima data, sebben danneggiati, mostrano ancora nel mezzo 
una figura di vescovo, avente tre figure di sante a destra, e due, a 
sinistra ; piCi, due figure di santi in una parete laterale. — Una delle 
ultime memorie della vita monastica di questo luogo, che finora si 
conosca, ^ in un atto capitolare del 29 dicembre 1349 (stile senese), 
dove si ricorda il priore c Sancti bartolomey de solforata > , che do- 
veva essere un certo frate Agostinello, cui, il 17 Agosto dello stesso 
anno, monna Nera, moglie del fu Viviano de Montalcino, donava inter 
vivos c quamdam petiam terre, partim vineate et partim laborative 
positam in curia Petrorii, comitatus Senen., loco dicto sancta hagata > 
(Begistro di atti^ ecc, I, c. 45). 



140 P. LUaANO 



da rigogliosi ji^erinop^li. In luogo del defdnto abate Bernardo 
Tolomei, venne tosto, nelF agosto o nel settembre del 1348, 
surrogato Taretino frate Francescbino Guiducci « de Trecoz- 
zano », cbe duro in carica fino al 1.^ di niaggio del 1350 ('). 
Intanto il vescovo di Padova, Ildebraudino Conti, udita la 
fama de' Monaoi di Montoliveto, scrisse al nuovo abate, cbe 
gli volesse mandare due de' suoi religiosi, per dar priucipio, 
nella sua citts\, ad un nionastero di «juest' Ordine. L' abate 
invio al vescovo frate Francesco « Micbi » e frate Gerolamo 
« Ser 8ozi », senesi ambedue, col mandato di assecondare il 
l)io desiderio del presule padovano. Giunti costoro a Padova, 
il 12 ottobre 1348, presentarono al vescovo le lettere con- 
lidenziali, e quegli, il giorno appresso, consegno loro la chiesa 
di S. Maria degli Armeni, nel Borgo d' Ognissanti. Quindi, 
il 18 dello stesso mese, d' accordo col Capitolo, fece solen- 
nemente 1' unione di essa all' Ordine di Montoliveto, ordi- 
nando che il monastero da erigersi accanto alla Chiesa, dovesse 
chiamarsi di S. Maria di Monte Oliveto (*). 

II 1.** di maggio del 1349 a Monte Oliveto si radunava 
il capitolo generale. Era troppo necessario che dopo la morte 
del Tolomei, gli animi s' intendessero in molte cose. 

II luugo governo del fondatore ed un po' d' esperienza 
aveano insegnato che alcuni provvedimenti si doveano ri- 
formare e molte disposizioni circondare di opportuni schiari- 
menti. Venne quindi emanata la costituzione seguente. II 



(^) Secondo Antonio da Barga {Chronicmi, p. 33), frate France- 
schino sarebbe stato eletto abate c de mense augusto vel septembri », 
nS sembra probabile ch' egli entrasse nel luogo del Tolomei 11 22 A- 
gosto, come hanno le altre Cronache, per la difficolt^ di convocare, 
in si breve tempo, gli elettori. 

(*j Nel Lancellotti {Hifttor. Oliv., II, 136-138) 6 raccontato oon 
qualche ampiezza questo fatto e il passaggio, che quasi subito fecero 
i monaci da S. M. degli Armeni a S. M. della Riviera, fuori di citti. 
L' uuione, anzi, di questi due monasteri, col passaggio de* monaci a 
S. M. della Riviera, proposta dal vescovo Ildebrandino, fu confermata 
da Innocenzo VI colla Bolla c Hiis, per que regularis observantia » 
del 17 dicembre 1353 (Reg. Oliv., I, 35). 



*>-« 



_^,^ 



OBiaiNE dell' ordine di montoliveto 141 



Capitolo generale si celebri il 1.* di maggio d^ogni anno, e 
v'intervengano i priori, con uno o due frati (chierici o con- 
versi), eletti dal capitolo del loro priorato : possa tuttavia 
Fabate far venire qualche altro frate « causa devotionis seu 
hediflcationis », con diritto d' intervenire alT elezione del 
nuovo abate, ma senza voto. I capitolari siano a Montoliveto 
V ultimo giorno d' aprile. II 1.° maggio, ex more celebrata 
8ummo mxine la messa dello Spirito Santo, e fatta la solita 
collazione spirituale, sorga V abate, e prostratosi davanti al- 
1' altare, dica il msa oulpa, come meglio sapr^, quindi faccia 
con acconce parole la rinunzia dell' ufficio suo. Doik) di cio, 
sorga il priore claustrale (prima dignitd. dopo I'abate), e gli 
intimi di ritirarsi. Poscia si passi alla votazione per 1' accet- 
tazione della rinunzia. Se il capitolo non accetta la rinunzia 
s^insedii nuovamente il vecchio abate sino al ftituro capitolo 
generale. Se il capitolo accetta la rinunzia, prima d' uscire, 
si proceda all' elezione del nuovo abate, in questo modo : il 
priore claustrale, dette alcune parole esortatorie ai congre- 
gati e recitate le preci di rito, proceda all' elezione di tre 
« maturi fratres et discreti, Deum timentes », i quali, segre- 
tamente, uno ad uno, scrutino e raccolgano per iscritto 
i voti. 

Fatto palese il risultato, sia eletto abate colui che avr^ 
riportato maggioranza di voti (in quem maior pars dicti ca- 
pituli in scruptinio consenserit), e venga subito insediato. — 
Se poi qualche abate, nell' annuo generale capitolo del 1.** 
maggio, non avr^ avuto sollecitudine di rinunziare alla sua 
carica, il 3 di maggio sia privato del suo ufficio, e il priore 
claustrale aduni il capitolo e proceda alla nuova elezione. — 
Che se I'abate venisse a mancare infra annum, si elegga il 
successore in questo modo : il priore claustrale, indetto ai 
monaci un digiuno di tre giorni e celebrate altre cerimonie, 
convochi i sette priori de' monasteri piCi vicini, vale a dire, 
il priore di Siena, d' Arezzo, di Firenze, di Camprena, di 
8. Bartolomeo di Solforata, di Volterra e di S. Gemignano, 
i quali siano tenuti a recarsi a Montoliveto dentro il ter- 
niine loro prefisso dal priore claustrale, conducendo seco uno 



142 P. LUOANO 



o due frati « spirituales, sapientes et Deum timentes », eletti 
dal capitolo del loro monastero. Se alcuno di questi priori 
sia leprittimamente impedito d' accedere al capitolo generale, 
vi mandi un suo rappresentante. Quindi, adunati i capitolari, 
proeedano all' elezione. Deli' asHenza non giustificata di qual- 
che priore non si tenga conto, nel momento dell' elezione; 
ma venga poi castigato dal nuovo eletto. Qualunque priore 
o monaco professo, clie i^er caso si trovasse a Montoliveto, 
si ritenga come fiicente parte del capitolo di quella fitnuglia, 
e come avente diritto al voto nell'elezione dell'abate. — Al 
capitolo generale che approvo questa costituzione erano pre- 
senti quarantasei monaci (^). 

Stava sommamente a cuore dell'abate Franceschino « Gui- 
duccii » di far approvare dal sommo Pontefice la rinnovata 
costituzione capitolare del maggio 1349 : ond' e che a' 29 
dlcembre dello stesso anno, radunato il capitolo conventuale 
di Montoliveto, e letta ia surriferita costituzione, nomino tre 
procuratori generali nelle persone de' c< religiosos viros, fra- 
trem Laurentium Cionis de Aretio, fratrem Guillelmum Mar- 
tJni de Piccardia et fratrem Venturam Lapini de Florentia », 
segnatamente « ad comparendum coram Sanctissimo in Chri- 
sto patre et domino domno Clemente Ecclesie summo pon- 
tiflce, suisque auditoribus et officialibus quibuscumque, et 
cum omni humilitatis et subiectionis reverentia petendum et 
supplicandum confirmari et approbari per ipsins summi pon- 
tificis gratiosissimam benignitatem, auctoritate apostolice se- 
dis, constitutionem et ordinationem predictam ». Approvarono 
questa missione trenta monaci ('). 

Intanto fii stesa la supplica al sommo Pontefice, e, pas- 



(^) La suddetta costituzione si ha in un atto capitolare del 29 
Decembre 1349 {Registro di atti e contratti fatti vivente U B. BemardOj 
I, c. 55-56) ed in altri luoghi citati nelle note seguenti. — Per un 
confronto; i capitolari nel 1.° maggio 1849 erano quarantasei, e nel 
maggio 1342 erano ottantadue, senza V abate (cfr. A. S. S., Arch, M. 
0. 3/., vol. 27, AF (316), c. 24). 

C^) L' atto capitolare si ha nel Registro cit., c. 65-57. 



ORIGINE DELL' ORDINB DI MONTOLIVETO 143 

sato qualche tempo, forse i>erche la missione venisse confer- 
mata anche dal capitolo generale del 1350, o del 1351, i tre 
procuratori si posero in viaggio per Avignone. II 6 Agosto 
1351, essi era.no prostrati innanzi a Clemente VI, ed espo- 
nevano il loro mandato ; il giorno stesso veniva compilata 
la relativa Bolla di conferma, che ha principio : « Hiis, quae 
ad divini nominis laudem » ('). 

Mentre si studiava di condurre a termine le trattative 
della conferma apostolica della rinnovata costituzione, il 1.^ 
maggio 1350, all' abate Franceschino succedeva, per volere 
dei mona<5i congregati nel capitolo generale, il senese « Ea- 
nierius » o « Eaynerius Simonis » ('), il quale discese dalPe- 
remo di Monte Argentario, dov' erasi ritirato durante la i)este 
del 1348. Sotto il govemo dell' abate Eanieri ftiron incomin- 
ciate le trattative riguardanti il monastero romano di Santa 
Maria Nuova. Questa chiesa, titolo cardinalizio diaconale, 
era oggetto delle cure premurose del Card. Pietro Eoger, che 
poi fu Papa, col nome di Gregorio XI. Ad uffiziare la dia- 
Gonia erano intenti, da vari anni, i Canonici regolari di 
Sant' Agostino ; i quali, nel 1351, non erano che due, ap- 
l^ellati dal Pontefice Ciemente VI - pmri vocem in capitulo 



(^) La supplica preseritata, e nel SuppL al Reg. Clementis VI, 
tom. 20, f. 109 dell' Arch. Vaticano, che noi abbiamo tra le mani 
per la somma cortesia di D. U. BerliSre. £ notevole che, nella sup- 
plica e nella relativa Bolla, la cessione obbligatoria ^ protratta ad 
un triennio, — La Bolla, che 6 nel Bbo. Oliv., I, 29, fu pubblicata 
scorrettamente soltanto nelUedizione de* Privilegia^ fatta da Ago- 
stino Colaldi (Fulginie, 1566, p. 4-6). 

(*) Cfr. A. Baroomsis, Chronicon, p. 34. — Antonio da Barga 
(p. 33-34) ripete due volte che il capitolo generale s* incominci6 a 
celebrare nel 1349 e nel 1350 {cepit celebrare ordo noster capitulum 
genefale- ceperunt fratres nostri celebrare capitulum generale\ ma egli 
cadde inavvertitamente in un equivoco ; poich^, da molti documenti 
antecedenti a questi anni, si ha che celebravasi gi& ogni anno il ca- 
pitolo generale; la quale pratica fu soltanto confermata nel 1351, 
dicendo chiaramente la Bolla di Clemente VI : « statuerunt quod, 
iuxta morem per eos retroactis temporibus servatum, annuatim, calendis 
maii..., celebretur generale capitulum ». 



144 P. LUGANO 



nan habentes. II Card. Roger, percli^ venisse meglio provve- 
duto al culto divino nella sua diaconla, e i^erclie fosae scan- 
eellata la ricordanza di omicidii e di altri delitti, ivi peri^e- 
trati, penso di toglierla ai canonici di Sant' Agoatino e di 
concederla ai monaci di Montoliveto. Annui al pensiero del 
Cardinale, il Pontefice Clemente VI, colla Bolla - Circa ec- 
cleHarum omnium ntatum - a Ini diretta, in data del 25 Aprile 
1351 (^). II 29 maggio 1352, il Card. P. Roger mandava ad 
esecuzione le lettere apostoliche e dava il possesso della dia- 
conia di S. Maria Nuova r\V Ordine di Montoliveto, nelle 
persone dei due procuratori, frate Cristoforo Lervini e frate 
Pietro de Tartaris ('). 

Col 1.° di maggio del 1351 cessava di governare V Ordine 
I' abate Ranieri, e gli succedeva Taretino Lorenzo « Cionis ». 
Clemente VI volgeva un ultimo pensiero all'Ordine di Mon- 
toliveto con due BoIIe, aventi la stessa data del 25 Aprile 



(^) II testo della Bolla e riportato nell' atto d' csecuzione del 
Card. Pietro Eoger, in data del 25 Giugno 1858. Tabularium S. M. 
NovAEs, Tab. III. — Nella Bolla suddetta si fa quest' elogio deirOr- 
dine di Montoliveto : < Quod quidem monasterium (Montis Oliveti), 
tamquam nova plantatio ex irrigatione superna, tam in capite quam 
in membris, continuis proficit spiritualibus et temporalibus incre- 
mentisj ex redolentibus Monachorum ipsorum exemplaris vitae merifis 
et regularibus discipUnis^ quae notona fama divulgat^ ecc. 

(*) II documento relativo sembra smarrito ; ma se n* ha un rias- 
sunto neir Indice del Tahularium di S. M. Nova, compilato dalPabate 
HosiNi, con questo titolo: — Rubtnca deUe tavoU segnate * lurium 
Ecclesiae et Monasterii S. Mariae Novae » fatta sotto il governo del 
Rmo. P. abate D. Francesco M. Flon di Fahriano, da D. Pibtro M. 
BosiNi, archivista olivetano, neW anno 1168 iii Roma. — Clemente Vi; 
con altra Bolla del 23 Aprile 1352, ad istanza del Card. Pietro Roger, 
uni alla diaconia di S. M. Nuova, la chiesa di S. M. de Palaina de 
Urbe, quae Casinensi ecclesiae dicitur sub^sse iTabularium cit.), la 
quale unione fu poi confermata (15 Marzo 1871) dal Roger divenuto 
Gregorio XI. — Dei due canonici che erano a S. Maria Nuova nel 
1851, per nome Lorenzo e Paolo, uno, cioe Lorenzo, domando di pas- 
sare tra i Benedettini di S. Lorenzo fuori le mura, e V ottenne (25 
Giugno 1858), e V altro rimase forse Agostiuiano e pass6 a qualche 
altro luogo dello stesso Ordine. 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVBTO 146 

1352, le quali iiiroiio impetrate dal nipote di lui, card. Pie- 
tro Eoger. Colla prima, concedeva alV abate di Montoliveto 
ed a siioi successori, nonch^ agli abati degli altri monasteri 
deir Ordine, di eleggersi ogni anno un Priore, il quale ve- 
nisse a cessare dalla sua dignit^ col terminare dell' anno, 
secondo gli statuti e le consuetudini delV Ordine (^). CoUa 
seconda, eoncedeva la facolt^ ad ogni Priore di ascoltare 
le confessioni de' monaci e conversi del proprio priorato (•). 
Cresceva intanto aempre piii V amore alP Ordine. II reve- 
rendo messer Eauerio « de nobilibus de Eicasulis », pievano 
della pieve « de sancto polo », portando singolar afietto al- 
V Ordine di Montoliveto, il 30 Settembre 1351, donava, del 
suo privato patrimonio, a frate Eanieri di Simone, procura- 
tore deir Ordine, un tenimeuto con case ed annessi, dove 
sorgeva « quoddam oratorium tituli sancti lusti vocabulo 
insignitum ». Secondo 1' intenzione del pio donatore, qui do- 
veva sorgere un monastero dell' Ordine, con una famiglia 
monastica convenevole alle rendite di quei beni. E qualora 
non piacesse quel luogo, fosse in potere delP abate di Mon- 
toliveto di vendere tutto ed edificare un monastero, sotto ii 
inedesimo titolo di S. Giusto, dove meglio piacesse ('). Ma 
il 22 Novembre 1351, radunato il capitolo nella chiesa di 
Montoliveto, dopo varie considerazioni, fu votato un ringra- 
ziamento al pio benefattore e venne stabilito di rinunziare 
la donazione co' suoi eftetti, per la ragione che a quel luogo 
era annessa la cura d' anime {*). 



(*) Privilrgia (Bononiae, lo. Rossi, MDLXXX), pag. 7-8. 

(') PRIVILBOIA, ediz. cit., pag. 11-12. 

(*) Registro di atti e contratti fatti vivente il B. Bemardo, I, 
fol. 49-50. 

(*) Registro cit., fol. 51. — Ecco la ragione della rinanzia : Con- 
siderantes curam populi monachos non decere et animas monachoinim 
ex commixtione secularium pericUtari potissimum^ etc. L^ oratorio 
suddetto, co' beni costituenti la donazione del pievano Banerio de* 
Bicasoli, era posto c in curia Sancti lusti a le monache, in comitatu 
Plorentie». — Oltre a questo luogo di 8. Giusto, rinunziato, si ha 
memoria di un altro monastero, rimasto finora sconosciuto, che 6 



146 P. LUGANO 



L' abate Lorenzo di Cione duro nel sao officio per tre 
anni, dal 1 inaggio 1351 al 1 niaggio 1354, giungendo in 
questo modo al teruiine Btabilito dalla BoUa del 6 Agosto 
1351. In uno dci capiroli generali, radunatisi durante il ^o- 
verno delFabate Lorenzo, furono stabilite varie costituzioni, 
tra le quali h a ricordarsi quella di commemorare i defdnti 
quattro volte all- anno (^). A lui tenne dietro, per la seconda 
volta, V abat-e Banieri da Siena, che duro nel governo tre 
anni (1 maggio 1354 - 1 maggio 1357), e stabill che nessuno 
potesse agire contro le disposizioni delF abate ; tutti i mo- 
nasteri dovessero a Monte Oliveto Maggiore una tassa pel 
capitolo ed un' altra pel visitatore, ed ogni frate, non sa- 
cerdote, dovesse accostarsi al sacramento dell' Eucarestia al- 
meno una volta ai mese (*). 

All' abate Banieri successe il fioreutino Salvi Doni « dalla 
Laatra », il quale, confermato quattro volte, governo per do- 
dici anni di seguito (1357-1369). Egli promosse l'osservanza 
regolare, ordinando che le carni pei secolari non si cuocessero 
nel monastero ; non si assidessero i monaci a mensa col lume 
di lucerna (*), ne senza osservar silenzio venissero cantate 
le antifone delle commemorazioni vespertine : non entrasse 
femmina al monastero, ma s'arrestasse dov'eom il palazzo: 
i mormoratori mangiassero una volta senza tovaglia, aste- 
nendosi dal vino o dalla pietanza : chi avesse infranto la 
legge del silenzio, fosse di giorno o di notte od anche con 
gli ospiti, s' astenesse dal vino, a pranzo od a cena : gli e- 



detto di S. Leonardo « de valle montonis » . In esso eravi famiglia 
costituita nel 1352, poich^, nel capitolo generale dello stesso anno 
(4 maggio), yi furono nominati sindaci e procuratori frate Michele 
da Prato e frate Giovanni di Pietro {Begis&o cit., fol. 54*). 

(^; A. Bargensis Chronicon, in Spicileq. Montoliv., I, 35. 

(*; A. Bahgbnsis Chronicon, loc. cit, I, 35. 

(*) Questa prescrizione parte dalla Regola dii S. Benedetto, la 
quale comanda (cap. XLI) : c Ipsa tamen Vespera, sic agatur, ut lu- 
mine lucemae non indigeant reficientes : sed luce adhuc diei omtiia 
eonstnnmentur. Sed et omni tempore, sive ccenae, siue refectionis, hara 
sic temperetur, ut cum luce fiant omnia ». 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO ] 47 

lettori dell' abate generale, eleggessero, in buona coscienza, 
11 piti adatto a conservar 1' Ordine ed a procurare la salute 
delle anime, sotto pena di scomunica : fossero puniti i per- 
cussori e gli apostati (*). 

In questo frattempo, Giovanni Scarlatti, arcivescovo di 
Pisa, presso il borgo d' Agnano, circa quattro miglia dalla 
citt^, volle costruire un monastero unito alla chiesa di San 
Gerolamo. Nel 1360 V affido all' Ordine di Montoliveto, il quale 
tamqtmm nova plantatio (sono sue parole) florehat et germinahat, 
mrtutibusque et regulari obsercantia suavltatem odoris emana- 
hat (*). — Poco appresso, 1' arcivescovo, impetrata facolt^ di 
testare, lascio erede universale del suo patrimonio il mona- 
stero, appena sorto, di S. Gerolamo d' Agnano (1362). 

II 17 giugno 1360, Daniele, vescovo di Tivoli, scriveva 
a Niccolo di Sabba, suo vicario e rettore della chiesa di 
S. Valerio, dandogli incarico di far consegnare dal capitolo 
della cattedrale Tiburtina la chiesa « Sancti Angeli in plaulis » 
a frate Lorenzo di Cione, procuratore di Montoliveto ('), a 



(*) A. Bargensis Chronicon, in Spicil. Mont., I, 36. 

(*) Cfr. Lancbllotti, Hi.st Oliv., II, 138. 

(•) La lettera del vescovo di Tivoli 6 riportato nell' atto capito- 
lare dei canonici tibartini, col quale 1a suddetta chiesa di SanfAngelo 
in plaulis vien ceduta alTOrdine di Montoliveto {Tdb^ S» M. Novae, 
Tab. III, 1300, 21 Giugno), con V annuo censo di « duos cereos cere 
nove ponderis quatuor libre » . — Questa chiesa e detta anche « In- 
piagiulis. {Tab, IV., 1360, IB Dicembre) ; « in plaguilis » (1369, 17 
Febbraio); « implaulis » (1374, 5 Aprile); « in plagulis > (1384, 7 Di- 
cembre), eco. II P. Luioi Bruzza {II Begesto della Chiesa di TivoH 

— Osservazioni — m Studi e Documenti di Storia e DirittOj Roma, 
an. VII, fasc. 1, (1886), p. 175, 176) ritiene che di essa si faccia men- 
ziooe nella BoHa di Benedetto VII (an. 978) sotto la designazione di 
fundum bissianum cum aecclesia sancti Angefi, Sul principio del secolo 
XII, questa chiesa era stata occupata dai Tiburtiui a danno del mo- 
nastero di S. Paolo di Roma, il cui abate present6 !e sue lagnanze 
al Concilio geuerale Lateranense, sotto Innocenzo II, 1' anno 1139, 
chiedendo che fosse restituita. In questa carta, pubblicata dal Gal- 
LBTTi {Capena, Appendice sul castello di Cimtvcola, p. 66), si legge : 

— Beati Angeli in Plaiule, e dalla BoIIa di Gregorio VII, in cui si 
legge : — tnonastenum saneti Angeli positum in monte qui vocatur 



148 P. LUGANO 



cio delegato per atto c*apitolare del 6 maggio 1360. Nel 
mandato di frate Lorenzo di Cione, e detto cli' egli doveva 
ricevere la eliiesa suddetta « ad costruendum monasterium 
cum officiniH necesBarii» et opportunis » (^). 

Pocbi anni appresso, cioe, nel 1363, troviamo gi^ un' altra 
famigUa monastica di Olivetani, regolarmente costituita, nella 
cittA di Bologna. Avea chiamato queati monaci il vescovo 
bolognese Aimerico Catti, concedendo loro la chiesa di Banta 
Maria « que antea appellabatur fratrum Gaudentium, sive 
Milicie beat« Marie sitam Bonon. in capella sive parochia 
sancte Lucie, quasi in capite Burgi de Ariento ». Ma poich^ 
V antica chiesa sembrava loro poco acconcia alla celebrazione 
de' divini uffici e troppo es|)osta ai clamori dei viandanti, 
domandarono al Rettore della cittA, Gomezio di Grarsia « de 
Albornocio », ed ottennero di edificarne una nuova piti grande 
e meglio adatta, chiudendo vecchie strade ed aprendone delle 
nuove (*). 



Plaiuh — sembra, come giustamente parve al Gallettt, ch' egli fosse 
autore e largitore di essa al monastero di S. Paolo. Ma dair atto ca- 
pitolare dei canonici Tiburtini < 1360)| risulta ch' essa era una < cap- 
pellam et membrum et de mensa ecclesie Tiburtine > . Modernamente 
ha nome Sant' Angelo in Piavola. 

(^) Tdbular. S. M, Novae, Tab. III, 1360, 6 Maggio. — Nel secolo 
XIV, questo monastero di Tivoli ebbe una propria famiglia mona- 
stica, ma pii!i tardi non fu che un annesso del monastero romano di 
S. Maria Nova. 

(-) Ecco la concessione del Rettore di Bologna, in data del 28 
luglio 1363, non priva d' interesse per la topogratLa di questa citt&. 
€ . . . . Concedimus quod predicti prior, conventus et fratres libere 
auctoritate propria et sine alicuius requisitione possint facere ordi- 
nari viam seu vias expeditas et penitus vacuatas et sine aliqu^ impe- 
dimento vel ingomhramento latitudinis quelibet ad minus dtwdecim pe- 
dum sitper tet^eno ipsoi-um proprio, et ad ipsum monasterium, priorem 
conventum et fratrcs tantum pertinente, que via incipiat a parte sep- 
tentrionaU, a hurgo qui dicitur burgus de Chicariis, sive a fovea veteri 
comunis bononien, et protendatur versus meridiem transeundo per bur- 
gos de Ariento et de Auro usque ad viam magnam pubUcam comunis 
bononien. que est iuxta murum civitatis bononien, Et pro predicta via 
sic facienda et ordinanda, liceat ipsis priori, conventui et fratribus 



1^T"'i^8fc-i^^jajmw'i I !■! 



ORIGINE DELL' 0RD[NE DI MONTOLIVETO 149 



Ma sia perche il progetto fosse troppo costoso, sia per 
altra ragioiie qnalsiasi, non si fece probabilmente nulla: e si 
penso invece a mutar sede. Sul coUe di San Michele in Bo- 
sco, abitavano da lunga serie di anni i canonici dell' Ordine 
di Sant' Agostino, i quali s' erano ridotti, per la pestilenza 
del 1348 e per le guerre, all' esiguo numero di tre. II loro 
priore, di nonie Pietro, vedendo V impossibilit^ assoluta di 
far riftorire lo stato del gi^ celebre monastero bolognese, 
senza ricorrere ai monaci di Montoliveto, venuti di recente 
a Bologna e pronti a costruirsi un cenobio, domando a Papa 
Urbano V, clie il monastero di S. Michele in Bosco venisse 
unito in perpetuo all' Ordine di Montoliveto. Annui il Pon- 
tefice, in data del 21 marzo 1364, concedendo facolt^ al 
Card. Legato Andruino della Bocca di mandare ad eflfetto la 



libere, propria auctoritate sine alicuius officialis comunis bononien. 
vel alterius persone requisitione, licentia vel auctoritate, domos et 
hedifitia, que essent in aliqua parte, in qua debet esse spacium dicte 
vie seu viarum ad ipsos priorem, conventum et fratres iure dominii 
sive proprietatis pertinentia, impune destruere, demolire, tollere et 
removere propter istam ecclesiam. Que via et vie sint et esse intel- 
ligantur publica comunis bononien. et ordinatur et fiat seu fiant se* 
cundum modum predictum, ita et taliter quod burgus de Ariento in 
totum et per omnia remaneat in eo statu in quo est a strata Casti- 
glonis usque ad locum et terrenum ipsorum fratrum versus sero. Et 
burgus de Auro simili modo remaneat in statu in quo est a dicta 
via nova usque ad stratam Castiglonis. Residuum vero dicti burgi 
de Auro versus et iuxta terrenum dicti monasterii et via^ola descen- 
dens a dicto residuo dicti burgi usque ad burgum de Ariento et re- 
siduum dicti burgi sive vie usque ad pontem qui est supra aposam, 
nec uon via que est inter dictam ecclesiam et domos, ortum et ter- 
renum dictorum monasterii, prioris et conventus et fratrum ex una 
parte, et domum, broylum, ortum et terrenum eorundem ex parte 
altera. Incipiendo a dicta via burgi de Ariento et sicut se protendit 
usque ad viam magnam publicam que est iuxta murum civitatis 
Bononie integraliter et in totum ad dictum monasterium, priorem, 
conventum et fratres perpetuo debeant pertinere. Et residuum, via- 
^olam et viam predictam possint libere et impune dicti prior, con- 
ventus et fratres claudere et de ipsis omnibus et ipsorum quoHbet 
disponere et ordinare, et illis uti et frui, prout eis placuerit et vi- 
debiiur expedire*. 



150 P. LUOANO 



desiderata unione (^). Questi, il 29 giu^no del medesiino 
anno, introdusse i monAci di Montoliveto in San Michele in 
Bosco e costitui loro priore frate Michele da Prato (*). 

Anche Perugia ebbe in quel g\vo di tempo i monaci di 
Montoliveto. II Card. Niccolo Capocci, nel 1366, compro una 
grande possessione sul colle chiamato Montemorcino, che volle 
affidato a due monaci delegati dal capitolo di Montoliveto, 
lierclie vi edificassero un monastero i)er dodici monaci, oltre 
il priore. II che hi condotto a compimento in pochissimo 
tem|K) ('). 



(^) Tabulanum S* Af. Novae^ ad dtt^m 29 lanii 1364. 

(') Nell* atto relativo, il Card. Legato descrive lo stato del mo- 
nastero di S. Michele in Bosco e le condizioni degli olivetani inque- 

sto ra )do. < Invenimus praefatum monasterium Sancti Michaelis 

in spiritualibus et temporalibus, in quibus florescere consueverat ab an- 
tiquo, tam propter malitiam temporis et (^uerrarum incur»us, quam 
propter incuriam aliquorum ex ipsiua olim prioribua atque r^nonicis, 
ita esse collapsum et enormiter deformatum, quod nulla quasi vel 
modioa sibi adest possibilitas vel facultas, ut, habitu suae desolatio- 
nis abiecto, per se ipsum stolam incunditatis induere, ac sui antiqui 
status decorem possit resumere, nisi hoc sibi per diligens ministe- 
rium ac exemplarem vitam et merita dictorum Abbatis et conventus 
monasterii beate Marie [Montis Oliveti], aliorumque Monachorum et 
fratrum suorum, qui servant eadem quasi privilegia, cerimonias et 
austeritates, que in dicto monasterio Sancti Michaelis consueverunt 
observari divina proveniat pietate. Ipsorum enim Abbatis et conven- 
tus monachorum et fratrum sacra religio, tamquam ager dominicus 
infiuentia supemi rons et divina benedictione perfusus, efficit cultores 
industrios, pudicitie nitore preclaros et preditos, argumentose gratia 
probitatiSf quorum plunmi sedentes secus pedes Domiui cum MaHa 
partem optimam eUgenteSj in lege eius jugiter meditantur; et ad divine 
maiestatts obsequium trahunt atios per exemplum. Quapropter ecc. <— 
II priore Agostiniano rinunzio nelle mani del Card. Legato il prio- 
rato, Di lui si ha neli' Historia Miscella (Mukatoki, R, /. N. XVIII, 
476) che « era tenuto dappoco e vi stava con pochi frati e non aveva 
troppo onesta vita». 

(•) Cfr. Lancbllotti, Histor, Oliv,, II, 146 ss. Qui il Lancellotti 
parla anche della prima sede che ebbero i monaci olivetani presso 
Perugia, — Per V etimologia di Montemorcino vedi quel che si cre- 
deva a tempo dello stesso LANCiaLLOTTi (// Mercurio OlivetanOj Peru- 
gia, A. Bartoli, 1628, p. 158). 



J 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 151 

Nel capitolo del maggio 1369, succedeva all' abate Salvi, 

V abate Ranieri da Siena, che, per la terza volta, prendeva 
in mano le redini del governo. Primo atto, e piti importante 
di lui, si fu d' ottenere, quasi a stigmatizzare la lunga du- 
rata dell' ufficio abbaziale del suo predecessore, clie passato 
il triennio, V abate generale non potesse venir confermato (*). 

Pero dopo il triennio dell' abate Eanieri, sal) nuovamente 

V abate Salvi Doni, che durb in carica dal 1.° maggio 1372 
al 1.° maggio 1375, ottenendo all' Ordine di Montoliveto, 
nel 1373, da Gregorio XI, 1' antica abbazia di S. Miniato al 
Monte di Firenze (*), ridotta in pessimo stato: all'abate Salvi 
tenne dietro un pratese, Michele di Giovanni (1 maggio 1375- 
1 maggio 1378). 

Intorno a questi tempi era avvenuta cosa, che e da ri- 
cordare. Papa XJrbano V, desideroso che 1' illustre (jenobio 
di Montecassino, fiorente per regolare osservanza, fiorisse al- 
tresi per numero di monaci, in data del 17 agosto 1370, 
concesse facoltA alPabate Andrea, di chiamare hissu quaranta 
monaci, di qualunque monastero dell' Ordine essi fossero, e 
qualunque abito essi indossassero. L' abate di Montecassino, 
intento a ripristinare 1' antico fervore di quel eenobio con 
bnoni e santi monaci, penso toato agli Olivetani, e scrisse 
all' abate di Montoliveto, in data del 23 ottobre, comandan- 
dogli clie, dentro quindici giorni, gli avesse mandato questi 
sei monaci: Andreuccio da Siena, Giovanni, romano, del Ti*a- 
stevere, Pierpaolo « de Annibalis », Giacomo da Padova, 
Leonardo da Fiorenza e Giovanni di Narbona. L' abate di 
Montoliveto, Banieri da Siena, il 23 novembre, comunico con 



(*) Questo provvedimento con qualche altra disposizione pel Ca- 
pitolo fu approvato da Gregorio XI, con bolla del 12Dicembre 1871. 
MuUa ac diversa Privilegiay Fulginie, Colaldi, 1666, p. 6-7. Cfr. Spici- 

LBO. MONTOLIV., I, 37. 

(*) Cfr. Spicilbo. Montoliv., I, 38, n. 2; P. Luoano, San Miniato 
a Firenze — Storia e Leggenda, — Firenze, 1902, p. 47. La Bolla di 
Gregorio XI, colla quale si coacede il monastero di S. Miniato al- 
V Ordine di Montoliveto, 6 del 18 Febbraio 1878 (Rkgistro Oliv., 
I, 68). 



152 P. LrGANO 



lettera circolare aprli interensati la disposizione pontificia e il 
comando cleir abate Cassinese, ingiungendo loro di partire col 
viatico somministrato dal loro priore e convento ('). Quale 
accoglienza faceHsero i monaci soprannominati al comando 
deir abate di MontecaHsino, non si trova scritto ; ma si ha 
contezza che uuo di essi, (xiovanni di Xarbona, domiciliato 
nel monastero bolognese di S. Michele in Bosco, il 4 diceui- 
bre, protestb solennemente contro le disposizioni dell' abate 
Cassinese, dinnanzi a Giacomo <f de Castrobritonum » e a 
Tomaso « de jnipio », vicarii generali di Aimerico, vescovo <li 
Bologna, appellaudosi alla S. Sede (*). La stessa via segui 
Andreuccio di Ser Viva da Siena, il quale, in data del 5 
dicembre 1370, nomino suoi procuratori, a notificare 1'appello 
frate Lorenzo di Cione d' Arezzo e frate Matteo Landini di 
Prato ('). Ne differente contegno tennero i due monaci ro- 
mani Giovanni trasteverino e Pietropaolo degli Anibaldi, 
poiche notificate loro le disposizioni abbaziali, da frate Matteo 
di Lorenzo da Prato, nunzio dell' ab. di Montoliveto, il 24 
dicembre, in casa del vescovo aretino e vicario del papa, 
Giacomo Muti (% lo stesso giorno, s' appellarono alla S. Sede, 
e deputarono a procuratori per notificare 1' appello, frate Lo- 
renzo di Cione d'Arezzo e frate Matteo di Lorenzo da Prato (*). 



(^) La lettera di Urbano V, quella delP abate Andrea di Mon- 
tecassino e quella di Banieri, abate di Montoliveto, sono pubblicate, 
con non soverchia esattezza, dal Lancbllotti {Histor. OHv.j I, 27-29). 
Se n' ha copia dagli originali in Rbgistr. Oliv., I, 42. 

{-) Lancbllotti, Histor. Oliv., I, 27-29. 

(•'') Eegistr. Oliv., I, 43. — II mandato 6 espresso colle parole 
seguenti : < Ad presentandum coram domno Abbate monasterii Casi- 
nensis et eidera notificandum quamdam appellationem per eum fa- 
ctam et interpositam a quibusdam Utteris, mandatis et processibus 
contra eum factis per reverendum iu Christo patrem domnum An- 
dream abbatem Monasterii casinensis et domnum abbatem Montis 
Oliveti predicti; ad summum pontificem et ad sedem Apostolicam. 
ccc. ecc, 

(*) Registk. Oliv., I, 44. 

(^j Rbgistr. Oliv., I, 45. - Dal tenore di questo mandato si ri- 
leva che i suddetti monaci erano stati esacerbati dalla < poena ex- 
communicationis » loro minacciata dalPabate di Montecassino, qualora 
non fossero partiti dentro quindici giorni. 



ORiaiNE dell' ordine di montoliveto 153 

L' appello ottenne 1' effetto voluto dagli appellanti, in data 
del 1 Maggio 1371, dalla benignitA di Gregorio XI, il quale 
dichiaro che le disposizioni di Urbano V non si estendevano 
ai monaci di Montoliveto (*). 

Andarono, adunque, gli Olivetani a Montecassino? Degli 
invitati, quattro si appellarono contro la chiamata, e due 
forse, cioe, Giacomo da Padova e Leonardo da Fiorenza, par- 
tirono (*). Tuttavia, ^ certo ohe due raonaci di Montoliveto, 
Andrea da Faenza (dal 1371 al 1374) e Pietro de Tartaris 
(dal 1375 al 1395) fiirono abati di Montecassino ('). Forse 
fu questa 1' ultima eco della voce di Urbano V (*). 

II pontefice Gregorio XI, pieno di riverente aifetto verso 



(*) Multa ac diversa Privilegia, Fulgiiiie, A. Colaldi, 1566, p. 8. 

(-') Ho detto forse, perch^ la dichiarazione di GregorioXI e ge- 
nerale, e non particolare, pei soH appellanti {volumus^ qnod prefate 
littere dicti predecessotns nostri.,. ad quoscumque monachos eorundem 
monastenorum de Monte OUceto minime se extendant). Nel Necrolo- 
gium^ dal 1370 al 1380, non e registrato nessun monaco col nome di 
lacdbus de Padua e di Leonardus de florentia. Ma, nelle Familiarum 
Tahulae del 1379, troviamo nel monastero padovano di S. M. della 
Riviera un frater lacohus GaUigarus de Padua ; a S. Miniato di Fi- 
renz§, un fr. Leonardus Thederigi de Florentia^ e a S. Ponziano di 
Lucca, un fr. lacohus de Padua. Che due di questi tre siano quelli 
che dovevan partire per Montecassino nel 1370 ? 

(*) Cfr. Lancbllotti, Histor. Oliv., I, 30; L. Tosti, Storia della 
Badia di Monfecassino, Homa, 1889, 61, 66 segg. — Andrea da Faenza, 
si vuole camaldolese dagli annalisti camaldolesi {Afin. Camald. VI, 
102) e dal Tosti {foc.cit., III, Gl); ma egli era monaco di Montoli- 
veto. Cfr. P. LuGANO, Ongine e vita storica defV abhazia di San Mar- 
ziano di Tortona, Firenze, 1902, pag. 86, n. 1 . — L' abate Pietro de 
Tartaris era priore di S. Maria Nuova di Roma ancora il 6 Nov. 
del 1372 Tabulau. S. M. Novak, Tab. IV., 1371, 28 Ott. ; 1372, 6 
Novembre). 

(*) Si ebbe ancbe un tentativo d' introdurre i monaci di Monto- 
liveto a S. Lorenzo, fuori le mura, di Roma ; ma essi si appellarono 
contro questo tentativo e, in data del 31 Marzo 1373, rndunato il ca- 
pitolo a Monte Oliveto Maggiore, delegarono tre procuratori a noti- 
ficare 1* appellazione a Luca Rodolfucci, vescovo di Nocera e vicario 
del papa, ed a Pietro, abate di S. Lorenzo (Registu. Oliv., I, 59). 



154 P. LUOANO 



i monaci di Montoliveto, saputo che il monastero de' SS. Gia- 
como e Cristoforo a Roffeno, poco distante da Asciano, « mul- 
tum in regulari observantia est coUapsum », e che, morto 
r abate Biap^io, v' erano rima»ti due 8oli monaci, con BoUa 
del 23 Marzo 1374, lo univa all' Ordine di Montoliveto (*). 
E, perch^ i monaci olivetani progredivano sempre piu nella 
via della perfezione, e molti di essi, secondo le esortazioni 
di S. Benedetto (^), lungamente provati nel monastero a te- 
ner Ironte al denionio, bramavauo uscirne, e soli, senza con- 
forto altrui, chiudersi in separate celle a sostenere col divino 
aiuto, singolari conflitti coi vizi della carne e dello spirito, 
il loro abate Michele da Prato, ottenne da Gregorio XI, in 
data del 29 Maggio 1377, di poter fondare dodici celle, se- 



(*) A. S. S., Arch. di M. O. M., vol. 22, Z (811), c. 35: « Sincere 
devotionis affectus > . — Questa Badia, ora propriet^ dell' avv. M. 
Tozzi, fondata nel 1081, con molte dipendenze, confermate da Inno- 
cenzo II (1189, 9 Marzo) e da Adriano IV (11B7, 28 Marzo) [cfr. 
Pflugk-Harttung, Acta Pontificum Ramanorum inedita, Stuttgart, 
1881-1888, II, 308; III, 179], ha uua storia degna d'esser studiata. I mo- 
naci Benedettini, che V abitarono iin da principio, lasciarono una 
luminosa traccia della loro attivit& in quei dintorni. La chiesa ebbe 
ed ba ancora, qiialche opera d' arte. Nel 1283, un certo Giovanni, 
chiavaro, per codicillo, lasciava 20 lire di denari senesi all' abate di 
Rofieno, perch^ ne spendesse 10, « et ematur quedam tabula ante 
altare sancti Benedicti et quedam tabula parva oratoria » (A. S. S., Arch, 
M. O. M., vol. 22, Z (311), c. 13). Havvi ancora un magnifico trittico, 
di scuola senese, del secolo XIV. L' antica chiesa subi alterazioni, 
specialmente neir interno, nel 1576-1580 : quindi nel 1713 e nel 1858. 
II campanile ha due campane: la maggiore ^ del 1413; la minore, 
del 1522. II 18 Agosto 1823, questo luogo fu visitato da Ferdinando 
III, Granduca di Toscana, accompagnato dal principe Giuseppe Ro- 
spigliosi. — II 3 Giugno 1401, Simone « de Nccerio » Oanonico, e 
vicario del vescovo d' Arezzo, assoggettava alla Badia di itofteno la 
« ecclesia SS. Symonis et lude de Sartianello, plebatus plebis S. lo- 
hannis in Vescona >, la quale, « propter guerrarum noxia scandala, 
que diu in partibus viguerunt et mortalitates hominum >, era « to- 
taliter ruinata>. A. S. S., Arch. M. 0. M., vol. 23, A A (312), c. 2. 

(-) S. Bbnbdicti, Regula^ cap. I. 



ORIGINB DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 165 

coiido le costnmanze de' Camaldoli (*). Bsse dovevano formare 
un eremo a sfe, con oratorio, campanile e cemetero : abitarsi 
da altrettanti monaci, il cui spirito eremitico fosse stato ap> 
provato dalP abate, il quale avrebbe loro messo a capo un 
priore, eletto o confermato annualmente. Questi eremiti, se- 
condo le disposizioni pontificie, dovevano vivere sulle rendite 
della Badia a Roffeno (*). Tale h V origine di quegli oratorii, 
molti una volta, ora pochi e piti volte rifatti, che sono se- 
minati nel circuito di Montoliveto ('). 

All' abate Michele da Prato, successe un' altro pratese, 
Matteo Landini (1 maggio 1378 - 1 maggib 1381). Egli ebbe 
V antico monastero, posto fuori le mura di citt^, di San Pon- 
ziano di Lucca, piii per liberalit^ di Gregorio XI, che per 
generosit^ del vescovo Lucchese (8 Settembre 1378) (*). Ebbe 
anche il monastero di 8. Giovanni Battista di Yenda, sui 
coUi Euganei, dal vescovo di Padova, Baimondo, gi^ abate 
benedettino di 8. Nicolo di Venezia (■). 



(*) Liber Pnvilegiorum, c. 20': « Bene currentibus ». La Bolla ori- 
ginale 6 in A. S. S., Arch. M. 0. M,, vol. E 6 (294). c. 5. 

(') Cosi venne stabilito, perch^ il monastero di BoiFeno < consti- 
tutum in loco campestri et propter edificiorum vetustatem et guerras 
et mortalitates dirutum et collapsum » non si poteva, colle sue ren- 
dite, ritornare in buono stato. Tuttavia, i monaci di Montoliveto, vi 
tennero sempre, a loro spese, uu cappellano secolare, ponendovi al- 
tresi un abate titolare. 

{^) Lancbllotti, Histor, OUv., I, 32. — Con bolla del 20 Aprile 
1877, < Meretur vestre Beligionis», Gregorio XI concesse alPOrdine 
di Montoliveto, che, nell' ufficio de* tre ultimi giorni della settimana 
santa, facesse uso del rito romano. Privilegia, Bononiae, 1080, p. 82- 
83: A. Bargbnsis, Chronicouj p. 88-89. 

{*) Nel 1487 fu portato dentro citt^, dove si trova ancora. ma, 
dopo la soppressione napoleonica, con altro titolo e con altro scopo. 
il il B. Istituto di S. Ponziano. Nel 1518, Leon X^ unlaS. Ponziano 
V abbazia di 8. Salvatore di Sesto. Cfr. Lancbllotti, Histor, Oliv., 
II, 16M66. 

(*) Ofr. Lancbllotti, Histor. Oliv., II, 166-170. — Di questo mo- 
nastero non esiston pi^ che pochi ruderi. Gli fu unita nel 1586 l*ar- 
cipretura di Boccon, a cui passarono vari oggetti, come quadri e 
statue, gi& nel monastero Vendano. 



156 P. LUGANO 



Do|>o Matteo Landini, ffoverno nuovaniente 1' Ordine di 
Montoliveto il fiorentino 8alvi Doni (1 inag:gio 1381-1 inag- 
gio 1«{S4). Quenti volle elie, i>er niaggior Hicurezza di buona 
amuiiniMtrazione, m rivedessero i libri e giornali de' cellerari, 
ogni due uiesi (*). In qucHti anui, Bartolomeo di Francesco 
Franchi Boccagni, proi>o8to di S. Stefano di Prato e segre- 
tario di Urbano VI e Boni^zio IX, ijensava di fondare, come 
foudo nel 1380, una badia intitolata a S. Benedetto, nella 
citt^ di Pistoia, che volle altidare ai monaei di Montoliveto (*), 
coadiuvato nella generosit^ da Pietro di Guidotto, il quale 
oftri il terreno, dov' erano alcune case ed orti. 

AU' abate Laudini »ucce88e V aretino Giaconio Taddei (1 
maggio 1384-1 maggio 1387). Costui, da Messer Uguccio Ur- 
bani Casali, Signore di Cortona e Vicario Imperiale, e da 
8ua madre, Beatrice, ebl>e nel 1385 pe' suoi monaci la custo- 
dia del Santuario di S. Margherita di quella citt^, che ^ 
tenuta i>er cinque anni, e poscia liberamente rinunziata C). 
A\V Ordine di Montoliveto passo pure, per disposizione te- 
stamentaria di Giovanni da Yarano, signore di Camerino, il 
monastero di S. Maria Nuova, di quel luogo, nel maggio del 
1386 ; abbandonato quindi tra il 1407 e il 1408 (*). 



(^) A. Bargbnsis, Chronicon^ p. 89. 

(^) La prima pietra fu posta il 28 Agosto 1388 dal vescovo di 
Pistoia, Giovanni Agostiniano. il quale uni al monastero lo Spedale 
Ornelli co' suoi beni. Fu soppresso con motuproprio di Pietro Leo- 
poldo (3 Agosto 1782): ora v' 6 il Seminario Vescovile. Cfr. Qabtano 
Beani, 1 vescovi di Prato e Pistoia ddW anno 1132 al 1871, Pistoia, 
Bracali, 1881, p. 77 ss. ; Idem, La chiesa pistoiese dalla sua ongine ai 
tempi nostrij Pistoia, Bracali, 1883, p. 133 ss. 

(^) Cfr. A. Bargbnsis, Chronicon, p. 39-40; Lorini, Vita di S. 
Margheinta da Cortona, Siena, 1897, p. 331-3H2. — Tra le pergamene 
sciolte della Libreria del Comune di Cortona S la carta di procura 
per la rinunzia del luogo e della chiesa di S. Margherita, coi rispet- 
tivi beni e pertinenze, in data del 10 dicembre (stile senese) 1389. 
GiROLAMO Mancini, / manoscritti deUa Libreria del Comune e del- 
V Accademia Etrtisca di Cortona, Cortona, Bimbi, 1884, p. 216. 

(*) LANCELLorn, Histor, Oliv., II, 265; P. Lugano, Memoine dei 
piii antichi viiniatori e calligrafi olivetani, Firenze, 1903, p. 75-76. 



OBiaiNE dell' obdine di montoliveto 157 

Al Taddei tenae dietro Duccio Bartolini d' Arezzo (1 mag- 
gio 1387 - 1 maggio 1390), uomo religioso e spirituale, sebben 
di poche lettere (*); ed a lui, il milanese Ippolito di Gia- 
como (1 maggio 1390 - maggio 1393), uomo esemplare per 
gravit^ di condotta e di costume, venerabile ed osservante. 
Questi corresse ed ordin5 le costituzioni dell' Ordine ; tenne 
capitolo, nel 1391, a 8. Benedetto di Pistoia, ed ebbe il mo- 
nastero di S. Gerolamo di Quarto, nella riviera ligure di Le 
vante ('). 

Al milanese successe il perugino Lorenzo di Ser Nicolo 
(1 maggio 1393 - 1 maggio 1396), uomo prudente e zelante ; 
a lui, per la seconda volta, il pratese Matteo Landini (1 
maggio 1496 - 1 maggio 1399), che, nel 1398, ottenne, per 
1' Ordine, il monastero di S. Caterina di Fabriano (') ; ed a 
questi, nuovamente il milanese (1 maggio 1399 - 1 maggio 
1402 (*). 

In questo periodo, che si puo chiamare il secolo d' oro 
dell' Ordine Olivetano, la vita di quei monaci era austeris- 
sima. Orazione assidua; silenzio perfetto. Dopo la radunanza 
notturna, non aonno, n^ pisolino ; ma veglia d'orazione e di 
lettura : molto studio. Al mattino, di prim' ora, celebrata la 
messa, dopo prima, cantavasi divotamente terza e sesta. 
Quindi si ponevano al lavoro manuale, fino a nona, in silen- 
zio, umilt^ e senza mormorio. Costrussero la fornace, dove 
furon cotti i mattoni per 1' edifizio del monastero. Tale poi 
era il silenzio, che non solo di notte, dopo eompieta, e di 
giorno quand' h vietato confabulare, ma anclie nel lavoro 
manuale, in refettorio, nel chioatro e nel dormitorio osserva- 
vasi, da sembrare piii un eremo che un cenobio. I perturba- 
tori del silenzio, senza vino per un giorno. Tutto v' e eomune : 
ognuno possiede due tuniche, lo scapolare e la cocolla. Poverta 



(>) A. Barobnsis, Chronicon, p. 42. 

(') A. Bargbnsis, Chronicon^ p. 42-4B, n. 3-4 ; cfr. P. Lugano. Me' 
wor/c, cit., p. 36.37: Lancbllotti, Histor, Oft'v., 11, 171 ss. 
(*) Lancbllotti, Histor, Olit\, II, 175. 
(*; A. Baroensis, Chronicon,, p. 44. 



158 P. LUUANO 



somma : \)er letto, un sacco pieno di paglia. Col vello di pe- 
cora facevan tesaere de' mantelli e coperte i>er la notte. Qael 
panno era ruvido, grossolano e fosco. Xel bere e nel cibo, 
temi)eranza grande : d' autunno, fatto il vino, nasceva l^ a- 
cquerello \yeT tutto 1' inverno. Vietate le carni, se non per 
causa dMnfermit^: i pesci raramente giungevan lassti per la 
distanza dal mare e dai flumi. Alla domenica e al gioved), 
due ova per ciascuno : e cosl nelle altre feste di precetto. 
Nelle solennitA. pii!! grandi, due ova per porzione di pranzo. 
D' estate, per cena, pane e cacio. Nelle vigilie, nulla di cotto. 
Di quaresima, si cliindevano tutte le porte, perch^ il vino 
non s' addice a' monaci, anche quelle di cucina : e cosi aspet- 
tavasi la Pasqua (*). 

Questo quadro d' austerit^ non puo cliiudersi meglio che 
colle relazioni di Santa Caterina da Siena co' monaci di Mon- 
toliveto : la senese « nata scrittore » ha pid lettere dirette 
ad essi (•). La prima, a frate Giusto, priore di Montoliveto ('), 
scritta con desiderio di vederlo mangiatore e gustatore del- 
le anime, imparando dalla prima dolce verit^ che per fame 
e sete che aveva d' ansietato desiderio della salute nostra, 



(0 Ant. Barobnsis, Chronicoa MontLs Oliveti in Spigileg. Mon- 
TOLIV., vol. I, p. 17-19. 

('; Sono dodici. NelP edizione, con proemio e note, di Niccol6 
ToMMASBO (Firenze, Qr, Barb^ra, 1860: in 4 voll.), hanno la numera- 
zione seguente : Vni (I, 31), XXII (1, 140;, XXXIII (I, 143), XXXIV 
(I, 147), XXXV (I, 152), XXXVI (I, 158), XXXVII (I, 166), LXXVI 
(II, 73). LXXXIV (II, 112), CLXXII (III, 15), CLXXXIX (III, 85), 
CCLXXXVII (IV, 50). La lettera XLV (I, 208) 6 diretta a Francesco 
di Messer Vanni Malavolti da Siena, riverente a Caterina, ma in- 
stabile, che si fece monaco di Montoliveto, alcuni anni dopo la morte 
della Santa (29 Aprile 1380). 

(^) Di tutti i monaci, a cui sono dirette le lettere di S. Caterina, 
daremo quelle notizie e quelle date che possono recare qualche con- 
tributo per la cronologia di esse. Ma poich^, le Familiarum Tabvlae 
incominciano solamente col 1379, non sar^ possibile dirne molto. — 
Questo fra Giusto ^ il /r. luittus lohannis de Vulterins, che fu priore 
a S. Giovanni di Venda (1380-1381) e a Sant' Andrea di Volterra 
(1378-1380; 1381-1383), e che mori nel 1384 (Nbcrol. Oliv., ad an,), 
Forse, prima del 1379, era stato priore a Monte Oliveto Maggiore. 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 159 



gridava in sul legno della santissima croce, quando disse SitiOj 
lo induce a far buon viso ad un suo raccomandato, nato, 
'come sembra, da amore illegittimo. « E non mirate mai, ella 
dice, per veruna dignit^, n^ per bassezza, n^ per grandezza ; 
ne per essere legittimi, n^ illegittimi : clie il Figliuolo di Dio, 
le cui vestigie ci conviene seguitare, non schifo ne schifa 
mai persona per veruno stato ne altra generazione, ne giusti 
ne peccatori ; ma agguagliatamente ogni creatura che ha in 
se ragione, riceve con amore, purche si voglia levare dal 
fracidume del peccato mortale, dalla vanitd> del secolo, e tor- 
nare al]a grazia. Questa e quella dottrina che e data da lui. 
E poniamoche la sia data a tutti, molto maggiormente h data 
a voi e agli altri governatori e ministri dell' Ordine. Oh^ 
quando delle buone piante vi vengono alle mani, e vengono 
con fame e desiderio dell' Ordine, e per amore della virtu 
escono del secolo e corrono al giogo dell' obedienzia ; non ^ 
da faggirle, ne da schivarle per veruna cosa. E siano nati 
come si voglia ; ch6 non spregia Dio 1' anima di colui clie 
h conceputo in peccato mortale, piti che di quello che b con- 
ceputo nelP atto del sacramento del matrimonio. Egli ^ ac- 
cettatore de' santi e buoni desiderii, il Dio nostro. E pero 
vi prego e voglio che questa pianta novella, la quale il priore 
vi mando ('), chiedendo che fosse ricevuta all' Ordine, voi il 
riceviate caritativamente : che egli ha una santa. e buona 
volont^ ; e la condizione naturale h anco buona : e ha posto 
per amore 1'affetto alla religione, e singolarmente lo Spirito 
Santo il chiama alP Ordine vostro. Non dovete e io so che 
non volete, far resistenza allo Spirito Santo. Maravigliomi 
molto che la risi)osta venne del no : e honne avuta grande 
ammirazione. Forse che fii difetto di chi fece 1' ambasciata, 
che non seppe forse meglio fare : non, che egli adoperasse 
altro che bene ; raa non sei)pe piti. Ora vi prego per V amore 



(M Di qui si pu6 argomentare che, per 1' accettazione di costui, 
S. Caterina sl rivolse dapprima a1 priore di S. Benedetto di Siena, il 
quale, come si rileva dalle parole che seguono, mand6 un* amba- 
sciata a Montoliveto Maggiore, che riport6 una risposta negativa. 



160 p. LraANo 



di Cristo crociftHso che voi al tutto vi disiMmiate a riceverlo; 
che sar^ onore di Dio e dell' Ordine. E non mel lassate, pe- 
rocche gli e buono gioviue ; e se non ftiSAe bnono, io non vel 
nianderei. E queHto vi domando i^er grazia ; e i)er debito il 
dovete tare secondo Tordine della caritA » (*). Coraggiosa ed 
ainorevole raccotnandazione ! 

Al priore di S. Benedetto di Siena , cui conianda di fare 
come Zaccheo, che, esaendo piccolo, sali sull' arbore per ve- 
dere Dio, inanda « due altre {lecorelle », ingiungendogli di 
dare « a loro Tagio della cella e dello studio: perocche sono 
due pecorelle le quali nutricherete seuza fatiga, e averetene 
grande allegrezza e consolazione » (*). A frate lacoino da 
Padua, priore di Montoliveto di Fiorenza predica la potenza 
meravigliosa della fede (') ; all' abate maggiore delP Ordine 



(M Lettere, ediz. cit., vol. I, p. 83-34. Chi tbsse questo giovine, 
si caldamente raccomandato da S. Caterina, non si pu6 raccogliere ; 
ma egU dev* essere uno degli olivetani discepoli di lei, a cui 6 diretta 
qualche sua lettera, e forse, per varie ragionevoli congetture, e pro* 
babile che si tratti di quel Giovanni di Bindo di Doccio {lohannes 
Bindi de Senis), monaco di Montoliveto, ricordato in un documento 
del 31 Marzo 1373 (Rbg. Oliv., I, 69). 

I*) Lettere^ ediz. cit., vol. I, p. 151. — Mettendo in relazione con 
questa una lettera delVabate di Montoliveto a S. Caterina pubblicata 
da F. Grottanblli (Della Leggenda mino)e di S. Caterina da Siena 
e Lettere de* suoi discepoli, Bologna, G. Romagnoli, 1868, p. 261), si 
vede che il priore di S. Benedetto di Siena scrisse, per Taccettazione 
di queste due pecorelle, air abate di Montoliveto Maggiore, il quale 
rispose alla Santa che i frati, radunati a capitolo,Paveano accettati, 
ma che, non potendo accoglierli lassii, fossero iti a Bologna (pergant 
Bononiam) con una sua commendatizia ^Et ego scribo priori Bononie 
quod hic recepti sunt in nostro mx)nasterio principali, et ideo induat 
eos, curamque de ipsis habeat sicut suL ~ Queste due pecorelle erano 
i due fiorentini, Filippo di Vannuccio e Nicol6 di Piero, che troviamo 
insieme novizi a S. Michele in Bosco di Bologna, gik nel maggio del 
1379. Quindi, la lettera della Santa al priore di S. Benedetto di Siena 
e )a responsiva delTabate di Montoliveto, sono anteriori forse alPanno 
1379 e non posteriori al 1378. 

(*) Lettere, ediz. cit., vol.I, 140-143. — Questo Padovano era della 
famiglia Aldrighetti o Alderigi, e fu priore di S. Ponziano di Lucca 



ORIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVBTO 161 

raccomanda umiltA e carit^ (^) ; a frate Niccol5 di Ghida, 
Giovanni Zerri e Niccolo di lacomo di Vannuzzo spiega V a- 
more, la costanza e la pazienza (*), ed a certi Novizi, 1'unione 
di Dio con 1' uomo, che h Pasqua d' amore, V obbedienza e 
la piet^ forte ('). A frate Xiccolo di Ghida, ch'era stato buon 



il379), di S. M. della Biviera, nel padovano (1B80), e di S. Bartolo* 
meo di Firenze (Montoliveto) (13S1). E uno de' monaci che dovevano 
andare a Montecassino nel 1371. Gli annalisti Camaldolesi V hanno 
confuso con un altro Giacomo da Padova, camaldolese, eletto visita- 
tore dell' Ordine de' Camaldoli da Urbano VI (1380) quindi vicario 
generale per la decrepita etk di Giovanni, preside generale de' Ca- 
maldolesi (24 Maggio 1382), procuratore a S. Pudeuziana (1885), e 
abate di S. Zeno di Pisa, dove morl nel 1391 (Mittarelli-Costadoni, 
Ann. Camald., VI, 131, 137, 141, 160, 167, 168). L' olivetano 6 ben 
distinto dal Camaldolese : nessuno de' dati forniti dagli Annalisti Ca- 
maldolesi pu6 convenire al nostro, che non fu mai priore di Monte 
Morcino di Perugia, n6 della famiglia Meiizi {ex genere Mentiorum), 

(*) Lettere, ediz. cit., vol. i, 143-147. — i \n questa lettera che 
la Santa raccomanda all' abate < la vostra pecorella, che tanto tempo 
stette nella gregge con 1' altre, cio^ frate P., il quale k oggi mona^o 
di Santo Lorenzo ; e pare che umiliata a ricevere 1a verga della giu- 
stizia, si voglia tornare a1 suo ovile, alP obedienzia delT Ordine, e 
vostra». II Burlamacchi sospetto che costui fosse Pietro Tartaris, gi^ 
priore di S. Maria Nuova di Roma, come tale ricordato ancora in un 
documento del 6 novembre 1372 (TabuL S, M, Novap^ IV, ad an.) e 
poi passato tra i benedettini neri di S. Lorenzo. Veramente in un 
documento del 31 Marzo 1373 (Rrg. Oliv., I, 69) si trova abate di 
S. Lorenzo un Pietro ; ma non si sa se sia 11 nostro. S' egli 6 questi, 
la suddetta lettera si deve porre tra il 6 Novembre 1372 e il 31 
Marzo 1373; e bisognerebbe vedere se costui passasse a S. Lorenzo, 
e poi a Montecassino (1376-1395), per volere del papa, o di proprio 
capriccio : s' egli non S il Tartaris, non si sa chi possa essere, n^ 
come datarsi la lettera. 

(*) Letter€j ediz. cit., I, 162-168. - Eran tre senesi : Fratei' Ni- 
colaus Ghide de Senis fu monac > a Sant' Andrea di Volterra (1379) 
e a S. Benedetto di Siena (1383); mori nel 1384. Fr, lohannes Zerri 
de Senis mori nel 1423. Fr. Nicolaus lacobi de Senis, residente a 
Monte Oliveto Maggiore negli anni 1379, 1380, mori nel 1384. — In 
fine di questa lettera si raccomanda un certo Giovanni, perch^ ri- 
torni al suo oviie ; ma non s' aggiunge di pih : onde h difficile iden- 
tificarlo. 

(*) Lettere, ediz. cit., I, 168-166. 



162 P. LUOANO 



medico, inHe^a aueora l^uiniltA e la carit^, che sono fiiruiaco 
potente contro i difetti uinani (M : a Ini^ a fra Giovanni di 
Bindo di Doccio ed altri suoi figliuoli in Cristo, spiega, dap- 
prima, i tre battesimi ('), e i>oi la iierseveranza neirobbedienza 
promesaa e nella Holitudine ('). Ai fiorentini Filippo di Yan- 
nuccio e Niccolo di Piero insegna, prima, che 1' obbedienza 
e pazienza nel bene, consolata dalla carit^, sostenuta dalla 
umilt^ {% e poi addita i frutti di vita, che scaturiscono 
da]la pazienza d' amore (*). Da ultimo, a frate Niecolo di 
Nanni scrive che la perfteveranza ^ dalF amore, come ogni 
virtii ha vita dall' affetto della caritA (*). 

Raccontano le leggende di Santa Oaterina che messer 
Francesco di Vanni Malavolti, nobile e iK)tente senese, gio- 
vane mondano, veniva talvolta condotto da Neri di Landoc- 
cio de' Pagliaresi ad ascoltare gli ammoninienti salutevoli 
della Vergine. Ora avvenne cli' egli non mettendo in pratica 
i salutari avvisi, esHa, un giorno, in presenza di piu persone, 
gli disse : « Tu 8i>esse volte vieni ad me, poi ad modo d' un 
uccello farnetico vai volando per diversi tuoi difetti e vizi ; 
ma va' volando come ti piaee: i>ev la divina grazia io ti porro 
una volta si fatto laccio e legame in collo che tu non potrai 



(') Lettere, ediz. cit., I, 166-171. 

(') Lettere^ eJiz. cit., vol. III, 85-91. Giovanni di Bindo di Doccio, 
negli tinni 1879 e 1380, era monaco a Sant' Anna di Camprena : mori 
nel 1417. 

(*) Lettere, ediz. cit , vol. 11, 73-79. 

(*) Lettere, ediz. cit , vol. II, 112-121. — Frate Filippo di Van- 
nuccio da Firenze, entrato neir Ordine, per raccomaudazione della 
Santa, nel 1379 era novizio a S. Michele in Bosco di Bologna e, nel 
1880, a Montoliveto di Firenze : mori nel 1884. - Frate Niccol6 di 
Piero, compagno a Filippo, nella raccomandazione di S. Caterina e 
nel noviziato Bolognese, pass6, nel 1880, a S. Giovanni di Venda sui 
colli Euganei. 

l") Lettere^ ediz. cit., vol. III, 15-78. 

(*) Lettere, ediz. cit., vol. IV, 50-58. — Questo Niccolo di Nanni 
e quel /r. Nichola Vannis de Eugubio, che nel 1379-1880 era in S. Ni- 
colo di Fohgno. 



ORIGINB DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 163 

piii volare per questo modo » (*). A questo racconto fanno 
eco le parole di una lettera della Santa, a lui diretta, dove 
essa gli proi>one V esempio del « iiglinolo prodigo, che spese 
la sustanzia sua, vivendo male ; il quale sentendosi venuto a 
necessit^, ricognobbe il suo difetto, e ricorse al padre per 
miserlcordia. Cosi fa' tu ; perocche sei impoverito e hai bi- 
sogno, e V anima tua muore di fame » (*). B cosl fece. Lei 
morta, ragionando il Malavolti (allora vedovo di donna spo- 
sata ne' quindici anni da lui venticinquenne, che lo rese 
padre di vari flgli), con Stefano di Corrado Maconi, segretHrio 
e discepolo di Caterina, gik certosino, sentl nel cuore la voce 
della comune maestra. Eisolse, anche per consiglio del fra- 
tello Niccolaccio, farsi cavaliere di S. Giovanni di Eodi, ma 
riflettendo ad alcune parole dettegli dalla Benincasa, vende 
le armi e si fece monaco di Montoliveto nel 1388 C). Man- 



(^) F. Grottanelli, Della Leggmda minore di S. Caterina da 
Siena e Lettere de* moi discepoHj Bologna. G. Horaagnolit 1868, p. 426: 
BOLLAND., Acta SS,, die XXX Aprilis, n. 296, 296, 

C») Lettere, ediz. cit., vol. I, 208-210. 

(•i Infatti nelle Familiai-um Tabulaej alP anno 1888, troviamo 
navisiio un Franniscus domni Vannia de SeniSj che dal 1B94 in poi, 
ha la distinzione de MalavoUis^ indotta dalla circoatnnza che uii altro 
{Fran^iifcus lohannin de Senis\ si fece monaco dello stesso Ordine in 
S. Benedetto di Siena nel 1893 (e mori a S. Gemignano nel 1428). II 
Malavolti fu a S. Benedetto di Siena «Maggio lB89-Maggio 1890), 
cellerario a S. Gerolamo di Quarto (1B90-1B92 )maestro de* novizi a 
S. Ponziano di Lucca (1B92-1B93), cellerario a S. Gerolamo di Pisa 
(1B934894); a S. M. della Eiviera di Padova (1396-1395), a S. Michele 
in BoRco di Bologna (1395-1400), dove fu anohe maestro de' novizi 
(13974398); cellerario a Monte Oliveto Maggiore (1400-1404) ; di nuovo 
a S, Gerolamo di Quarto (1404-05); cellerario a Baggio, nel milanese 
(1405-1408); a S. Miniato di Firenze (1408-1410). Nella designazione 
delle famiglie, fatta nel Maggio del 1410, non si trova pi{i il Mala- 
volti : ond' e a pensare ch' egH, prima di questo tempo, morisse. Non 
so quindi come spiegore quanto scrive il Guottanelli {Della Leg- 
yenda minore di S. Caterina, p. 233, n. 81) che, cio^, al deposto di 
Francesco di Vanni MalavoUi, nel Processo manoscritto compilato 
per la Canonizzazione di S. Caterina, ^ premessa una epistola deWau- 
tore a fra Tommaso Caffarini, del 12 Aprile 1413, santfa daWabbazia 



164 P. LUOANO 



tenne, anehe da nionaco, le anjichevoU relazioni eh' egli aveva 
eon altri (li»ceiioli deUa Benineaisa, eol Maeoni, ehe ospito 
nel 1391 in S. Girolamo di Qaarto (*), con Gionta di Gra- 
zia ('), eon fra Tommaso Caffarini (^)j e Hpeeialniente con Xeri 
di Landoccio de' Pa|j:liare8i {*). 

di S, MUiano presHO SassoferratOy dove in questo tempo rivestiva la 
carica di abhate dei monaci olivetani^ e che, percid errano il P. Ugur- 
gieri ed il P. Burlamacchi dicendo rhe mori nel 1410, Senonche io 
credo che giustamente il Burlamacchi e 1' Ugurgieri ponessero ]a 
morte del Malavolti nel 1410, tantopid che nel brano del Grottanelli 
sono pid errori ciie parole, nessuno de* senesi monaci olivetani es- 
sendo stato abate di S, Miliano, per la semplice ragione che 1' Or- 
dine di Montoliveto non ebbe mai questo luogo. Forse il Grottanelli 
fu male informato. 

(*) Fr. Grottanklli, Della Leggenda minore di S- Caterina, pa- 
gine 318-319. In questa lettera, che ^ del 1391, il Maconi dice al 
Pagliaresi : < Eziandio col tuo e mio frate Francesco Montolivetano 
pii!i notte albergai >. 

(-) F. Grottanblli, Op, cit^ p. 292. In una lettera di costui al 
Pagliaresi i30 Gennaio 1381) h salutato « misser Vanni Malavolti». 

(') F. GuoTTANELLi, Op, cit, p. 329. Questa lettera del Caffarini, 
porta a1 Pagliaresi, i saluti del Malavolti e di frate Duccio d'Arezzo, 
ch' era Vicario a Quarto. La lettera 6 del 1391 e non del 1392. In 
ultimo gli domanda « si Nicolaus Petri Francie bene recepit habi- 
tum fratrum de Monte Oliveto > ; ma questo nome 6 sconosciuto nei 
registri dell* Ordine. 

(*) F. Grottanblli, Op, cit, p. 332. Qui 6 una lettera del Mala- 
volti al Pagliaresi, scritta da Quarto il 14 Aprile del 1392 (e non 
del 1393j. Nella lettera si legge questo tratto notevole : < Non mi 
pensavo che le tue profezie fussero si vere, che prima che io pi- 
gliasse Pabito mi dicesti che io m'apparecchiasse alle fatighe, dicen- 
domi che prima che passassero tre anni io avrei delle fatighe per 
1' Ordine quant' io potesse portare ; et io ti dico che non passaro 
ventotto mesi che io fui messo al baragone, e tutto questo anno so' 
stato fra V ancudine e U martello: beu che tutte sono state nulla a 
respetto a questa, ora che non ci 6 el priore, per6 che allora atten- 
devo so)o al temporale ; ora e al temporale e al spirituale ; nella 
qual cosa temo non offendere, almeno per ignoranzia, e per6 ti piac- 
cia pregare e far pregare incessanter Deum pro me > . II Malavolti 
avea professato il 13 Dicembre del 1388: quindi, nel capitolo del 
1390, quando fu destinato cellerario a Quarto, erano appena passati 
ventotto mesi. 



OBIGINE dell' ordine di montolivbto 165 



Tanta fii la potenza morale che questa donna senese, 
« licrande cittadino, fi^rande anima, scrittore grande » esercito 
non solo nel mondo, ma eziandio nel « giardino della sant>a 
Beligione » ! 



■ P- -"'i. /n un, letter» di cosu: s! 
- ••■jrarf, . n.,s^r Tanjij Hal.rc.lii.. 
,l:'/,-^-'^-'^"«'t- lette«ddC.fci. 
■ ■ -'«■•ro.ti « di fi-.te Ducoiod'.A«Ho, 

^ ^* ^^«t'-' fr«ncio bene recepil iaW- 
• . in» qiiesto nome 6 s 



.'..1 ■■''■■'*"""»" i"'«~ " » 

i rde i '^ ' *'*'^''' "*** prima olie io pt- 
n.s,^n,.. "' ''''P'''*''.:'''»9sa alle fet/gie, diceo. 



OBIGtNK DELL OBDINB DI lIO:«TOLITETO 16.i 

l^nta fii la potenu roorale obe qaesta donna fienese. 
« grande cittAdino, ^nde aDima, «erittore gratide w eflereito 
Don Rolo nel mondo. ma eeiandio oe] « friardino della santa 
Religione » ! 




Cap. VII. 

SOMMARIO 

L' Ordine di Montoliveto e il culto per 1' arte. — Albori artistici 
a Montoliveto. ~ II refettorio grande. — II palazzo, — La chiesa ab- 
baziale. — Maestro Miniato, medico da Ban Miniato, e le sue dispo- 
sizioni. — L' Oratorio di Sant* al fabbro. — Controversia tragli Ag^o- 
stiniani di S. Miniato e Montoliveto. — Architettura ed architetto 
della Chiesa. — La sagrestia, il coro, ed altre costruzioiii. — 61i 
abati e V Ordine nella prima metk del secolo XV. — Turbolenze e- 
steme ed interne : Gentile da Modena e V ab. Giovanni da Orvieto. 

— Esempio d' umilt^. — Incremento : nuovi monasteri a Prato, Ve- 
nezia, Padova, Napoli, Ferrara, Rimini, Orvieto, Lodi, in Ungheria, 
a Padova, Verona, Brescia e Foligno. — Monaci nazionali ed esteri. 

— Tendenza verso la nobilt& e sue conseguenze. — I nobili nelP Or- 
dise di Montoliveto. - Per la storia del cognome. — S. Francesca 
romana, fondatrice delle Nobili Oblate dell' Ordine di Montoliveto. — 
Conclusione. 

Nella Begola di S. Benedetto non si legge alcun precetto 
di coltivare le arti belle. Ma dall' armpnia di tutta questa 
raccolta di disciplina sociale, promulgata nel periodo della 
piri eminente etA. barbarica, venne svolgendosi un seme che 
poi germoglio i frutti delle arti liberali. Banto che fosae vie- 
tato, anzi proscritto l'ozio, qual nemico capitale dell' anima : 
che fosse comandato il lavoro manuale per certe determinate 
ore del giorno : che fosse prescritta la lezione divina, perche 
nell' aspettazione che mutassero i tristisaimi tempi di quel- 
1' et^ ferrea nelle dolci espansioni di giorni anelanti a civile 
risorgimento, il sacro fuoco delle scienze, delle lettere e delle 
arti, sapienza antica e rinnovellata, venisse gelosamente con- 



ORIGINE DBLL' ORDINE DI MONTOLIVETO 167 



servato e prodigiosamente aumentato nelle vestali mura delle 
badie benedettine (*). 

L' Ordine di Montoliveto, fin da principio, attese a col- 
tivare le arti ; e, quantunque la moria del 1348 ne decimasse 
di molto i membri, questo culto non peri, ma si accese sem- 
pre di piu nel cuore di que' monaci. I quali, perche dediti 
alla virtii ed al servizio di Dio, posero mano ad ingenti- 
lire col loro studio e colla loro maestria tutto cio che al 
culto divino in qualche maniera s' appartenesse. Di qui av- 
venne ch' essi s' applicarono di preferenza e con piu amore 
all' arte del minio, della pittura e della scoltura (*). E gik 
nella seconda met^ del secolo XIV noi troviamo, tra questi 
monaci, alcuni artisti di buon nome, degni d' essere almeno 
ricordati nella storia dell' arte italiana, come frate Agostino 
Chiari e Mauro Pieri da Firenze, Gregorino « Mutii » da 
Montalcino, Francesco di Tommaso da Ferrara ('), Giacomo di 
Taddeo d'Arezzo, che fu anche abate generale dell' Ordine (*), 
e i due pittori perugini, frate Simone e frate Filippo (*). 



(*) Cfr. S. Bbnbdicti, Regtila, cap. XLVIII: De opere manuum 
quotidiano. — Come, oltre all' agricoltura, i monaci benede ttini col- 
tivassero le scieuze, e come questo culto fosse uon solo permesso 
ma comandato dall' economia della Regola di S. Benedetto, si pu6 
vedere dalle giuste osservazionii che fa in proposito, V abate LuiGi 
ToSTi {DeUa vita di S, Benedetto, Montecassino, 1892, p. 186 ss). 

(*) Cfr. P. LuGANO, Memorie dei piii antichi miniatori e calligrafi 
OUvetani, Firenze, 1903, p. 12 ss. 

(") Se ne hanno alcune note biografiche in P. Lugano, Memoi*ie 
cit., p. 24-44. 

{*) La prima notizia di questo miniatore 6 data da Mons. M. Fa- 
LOCi PuLiGNAM (Per la Storia deila liturgia di S, Felidano inDecimo 
Settimo centenano di San FelicianOj N. 21, Foligno, 24 settembre 
1903, p. 162). Era di sua mano uno degli antifonari esistenti in San 
Nicco]6 di Foligno, ora smarrito, che terminava con questa nota: 
Antiphonarium isttirl scriptum fuit et completum per fratrem lacobum 
Thadei de Aretio Ordinis [Montui OlivetiJ in 3/.^ CCC.'' LXXI, et 
posilum in choro de mense augustl de dicto JVf.<* I due antifonari 
erano riccamente miniati. II Taddei mori nel 1401. 

(^) Questi due pittori olivetani eraiio monaci residenti, nel 1879, 
a Monte Morcino di Perugia, ed 11 loro nome, nelle Familiarum Ta 
bulae, 6 accompagnato dalla designazioue : pictor. Filippo era della 
famiglia cMutii», e morl nel 1410. 



168 P. LUGANO 



L' esprensione del ciilto artistico, promoHso a tiitto j^otere 
dai uionaei oliv^etani, ni lia nella coHtruzione dell' ediiizio di 
Montoliveto. ])apprima, un monastero di pieeole ])roporzioni (*), 
ed una cliiessi an^^uKta, (;ontip:ua alT attmile, clie poi servi ad 
altri ufti e ix^rfino a quello di seimlcreto (•), rappresentavano 
il ftor^ere delP Ordine. Piii tardi, I' abate Duccio Bartolini 
(1387-1390) \H)He mano a edificare il refettorio jjrande, che fh 
condotto a termine dal ruo immediato suc-cesaore, Ippolito da 
Milano (1390-1393) ('): sala vaRtiHHima, lunga 27 metri, lar^a 
9, assai piu alta di quel che ora si vede {*). Poco appresso, 
V ahate Lorenzo di Ser Nicolai da Perugjia (1393-1396) fece 
cofttruire la torre merlata, dai nostri chiamata. « II palazzo », 
prima d' entrare nel iKi^pfio, per difesa e tutela del luog^o; 



(') A. Bargensis, Chronicon, p. 16. 

(*) A. BargbnsiSj Chronicon, p. 15. 

(') A. Bargbnsis, Chronicony p. 41, 42; cfr. Thomas, V Ahbaye 
de Mont-Oiivet-Majeur^ II edit., p. 172; Luioi M. Pbrbgo, Guida II- 
histrata di Monte Oliveto Maggiore, 1903, p. 173. — Per6 la costru- 
zione del refettorio era gi& nel desiderio de* monaci, moiti anni prima. 
PoichS Ducciarino del sig. Bartolo de Montecarelli, cittadino d'Arezzo, 
nel fursi olivetano, a' 80 d* agosto 1366, dispose chQ, venduto un suo 
podere, dopo la professione monastica, si consegnassero alP abate di 
Montoliveto cinquanta fiorini d' oro, < quos florenos dictus abbas ex- 
pendere debeat in construcMone et hedificatione novi refectorii dicti 
Monasterii Montis Oliveti ». A. S. S., M. 0. Af., vol. 5, E (294), c. 3. — 
Lavorarono « el refetorio » , nel 1387, un certo maestro Giacomo ed 
un suo figliuolo. Arch, cit., vol. 140, F Z (407), c. IIT*. 

(*) II P. L. Pbrego (Guida, cit. p. 173) dice il refettorio archi- 
tettato da Fr. Paolo Novelli di Alfidena ; ma realmente costui non 
fece che dipingerlo, coadiuvato da tre pittori, venuti da Homa, cio^, 
Matteo, Andrea e Antonio Cinati, e da un quarto, di nome Niccol6, 
nel 1617-20. II refettorio allora fa messo a oro, nelle decorazioni, da 
Giulio Cesare Franceschetti : fece i piedistalli dei due leoni del la- 
vamano, la soglia e gli ornamenti della porta Andrea di lacomo da 
Siena. A. S. S , M. O. M., vol. 65, C D (351), parte II, c. 17 ss. — 
Originariamente il refettorio era assai piii alto di ora: decorato anche 
di buoni afireschi che furono rovinati nel secolo XVI, quando vi fu 
costrutta la volta, che venne poi dipinta dal Novelli. Qualche traccia 
delle antiche pitture pu6 ancora vedersi nel mezzanino che 6 tra la 
volta del refettorio e il pavimento della Biblioteca. 



ss= 



ORiaiNE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 169 



ma quest' edifizio non ebbe compimento che quando il Nicolai 
fd eletto abate per una seconda volta (1411-14) (^). 

Se il « palazzo » puo indicare che Montoliveto sulP al- 
beggiare del secolo XV diveniva luogo importante, degno 
d' essere fortificato e difeso, il grande refettorio mostra che 
numerosa era allora la famiglia monastica che v' abitava. 
Per la qual cosa, e facile argomentare che uno de' piu in- 
sistenti pensieri di quei monaci fosse quello di editicare una 
nuova chiesa, piu auqua e meglio rispondente alle nuove 
esigenze delhi famiglia, del culto divino e delParte. S'accinse 
a quest' impresa 1' abate Ippolito di Giacomo da Milano 
(1399-1402) (*), e proseguirono il lavoro i due successori, 
fino all' abate Lorenzo Marsupino (1414-1417), il quale la 
condusse felicemente a termine ('). La prima pietra era stata 
posta il 14 ottobre 1401. 

Ma il modo di por mano a questo nuovo edifizio si pre- 
parava gi^ da vari anni. II 29 aprile 1346 maestro Miniato, 
medico, figlio del q. Mocio di 8an Miniato al Tedesco, tra 
le altre disposizioni testamentarie, stabiliva che, mortogli il 
figlio erede ancor ne' pupilli, fossero accresciuti gli assegna- 
menti alle figlie sue ; venissero passati mille fiorini agli Ago- 
stiniani di quel luogo ; un t^rzo della sua eredit^ passasse 
allo Spedale di S. Maria delhi Scala e gli altri due terzi ai 
frati di Monte Oliveto, coll' onere di erigere e di ufiiziare, 
dentro il termine di due anni, una chiesa in quella citti\ di 
S. Miniato: il che non facendo, questi due terzi dell'ereditA 
venissero devoluti in profitto degli Agostiniaui e dei poveri 
del luogo {*). Passato all' altra vita maestro Miniato, e fatta 
la distribuzione, dopo la morte del figlio ancor impillo, della 
erediU\, toccarono ai frati di Montoliveto non inii di cinque- 
cento fiorini d' oro. La somma era esigua e 1' onere gra- 
vissimo. 



(*) A. Bargbnsih, Chronicon, p. 15, 43, 48; Thomas, Op, cit, 
p. 105. — // palazzo ebbe, coirandar del tempo, molte aggiunte. 

(*) A. Barqbnsis, Chronicon, p. 44. 

(*) A. Barqbnsis, Chronicon, p. 48. 

{*) A. S. S., Af. O. M, vol. 5 E (294), c.l. - II testamento e ro- 
gato da Scarlatto di Guardo da S. Miniato. 



170 P. LUGANO 



I monaci di Montoliveto, riHCOSsa questa parted'eredit4, 
conHiderando ch' e8Aa non baHtava neppare per ]a siiesa delle 
fondamenta, pensarono d' impiegarla nella costruzione della 
chiesa di Montoliveto. CohI fecero. Di pift : v' era in vici- 
nanza di ("hiusuri e di Montoliveto uu piccolo oratorio, de- 
dicato a 8ant' Andrea, detto volgarmeute « Hanctus ai fabro », 
che andava in roviiia. l>i W i ChiuHurini tojirlievan via tutte 
le pietre aceonce al contrurre. Laonde avveniva che le pietre 
di chiena andasser a terminare ne^li abitacoli degli uomini. 
Ond' e che Angelo de' Kiciisoli, vescovo d' Arezzo, 11 24 
agoHto 1401, considerando esser piii lodevole e miglior cosa 
che quelle pietre venisHero impiegate piuttosto in edifizio 
chiesastico che mondano, tanto piii che i monaci di Monto- 
liveto costruivan dalle fondamenta una chiesa nel loro prin- 
cipal monastero, disiK)se che a questi monaci spettasse esclu- 
sivamente quell' oratorio, con piena facoItAi d' asportarne le 
pietre e di porle nella loro chiesa, coll' onere pero di com- 
pensare il priore di (irroHsignano (Grossennano) cou duemila 
mattoni di terra cotta ('). 

Intanto la costruzione procedeva alacremente. I monaci, 
per toglierHi di coscienza ogni scrui)oIo, ottennero da Grego- 
rio Xll, in data del 27 agosto 1408, una dichiarazione colla 
quale si permetteva loro di edificare nel luogo piu opportuno 
(uhi vohis visum fuerit quod id aptius et congruentius Jieri 
possitj di Montoliveto una chiesa, adempiendo in tal maniera 
alla volont^ di maestro Miniato, perch^ non potevano costrur 
chiesa se nou dov'era un monastero dell'Ordine, e perch^ il 
lascito di lui non poteva bastare alI'uopo (*). Gli Agostiniani 
di 8. Caterina in San Miniato, come quelli ch' erano piu in- 
teressati, vedendo che i monaci di Montoliveto non costrui- 
vano una chiesa dell' Ordine in quella citt^, s' appigliarono 



(A) A. S. S., M. 0. M., vol. 5 E (294), c. 7. — Queste disposizioni 
sono comunicate, in forma di lettera, « priori Sancte Marie de Gros- 
signano et eius populo, nec non et populo de clusuris, aretine dio- 
cesis > , da « sancto Miniate ad montem prope florentiam^ die XXIIII 
mensis augusti, millesimo CCCO primo, Indictione VIIII». 

(2) A. S. S., M, 0. M., vol. 6 E (294), c. 9. 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 171 



al triste partito di far lite. E per avere un pretesto qualun- 
que, fecero carcerare coloro che avean comprato i beni di 
Montoliveto in S. Miniato e posero il sequestro sul bestiame 
di quel monastero. I monaci olivetani ricorsero alla S. Sede. 
Giovanni XXIII commise la causa a Giacomo « de Camplo », 
uditore del palazzo apostolico. Questi ammonl, il 31 gennaio 
1413, gV interessati di trattar la causa nel suo tribunale e 
di presentarsi dentro quattordici giorni (*). II priore e i frati 
di S. Caterina, non solo non si presentarono al tribunale 
prestabilito, ma implorarono il braccio di altri giudici ed uf- 
iiziali, e, citati una seconda volta, amaron meglio passarsi in 
contumacia. Percio, il 4 luglio 141 4, il card. Kainaldo « de 
Brancatiis », giudice deputato dalla S. Sede sopra questa 
controversia, li dichiaro incorsi uella scomunica, contenuta 
nel suo monitorio, annullando ogni loro attentato e condan- 
nandoli alle spese, imponendo loro di scarcerare i compratori 
dei beni di Montoliveto in S. Miniato e di togliere il seque- 
stro fatto (*). Ma 1' ultima soluzione fu emanata il 23 gen- 
naio 1415. Fra Leonardo da Firenze, maestro generale del- 
1' Ordine de' Predicatori e commissario della Sede Apostolica, 
volendo comix)rre le due parti amichevolmente, disi)ose che 
i monaci di Montoliveto facessero assolvere, tra dieci giorni, 
i frati di S. Caterina dalla scomunica lanciata dal card. Bran- 
cati ; che fra due mesi, dessero loro dugento trenta fiorini 
d' oro, per soddisfazione di tutti i legati di maestro Miniato, 
da erogarsi in opere pie, col patto pero che i frati di S. Ca- 
terina non potessero ripetere piti nulla della eredit^, ne pro- 
cedendo contro Montoliveto, n^ contro i suoi compratori ; e 
che a nessuno fosse lecito pretendere le spese della lite, non 
ostaute la dichiarazione del Podest^ di Firenze a favore dei 
frati di S. Caterina, e del card. Brancati in vantaggio dei 
monaci di Montoliveto (*). Cosi terminavano, quasi contempo- 
raneamente, e la lite con gli Agostiniani e la chiesa abbaziale 
di Montoliveto. 



(*) A. S. S., M. O. Jlf., vol. 6 E (294), c. 14, IB. 
(*) A. S. S., M. O. M., vol. B E (294), c. 17-21. 
(») A. S. S., M. 0. M., vol. 6 F (296), c. 1. 



172 P. LUGANO 

Qiiesta, costrutta solidaiuente in mattoni rossi, ebbe, come 
ha tuttora, forma di croce latina. Una sola navata di tre 
arcate ne costituiva il vano pricipale : 1' abside rivolto ad 
oriente, come nelle antiche basiliche : il campanile, sul fianco 
del presbiterio, in cornu evangelii ; la sagrestia, in cornu epi- 
9tolae, in fondo al braccio destro della croce. La chiesa, con 
un solo altare, di architettura ogivale, semplice e maestosa 
nella sua sempliciti\, con una bellissima facciata, veniva ii- 
luminata dai vari occhi che servivano d' ornamento e di 
finestra, come ancora e dato di vedere nell' est^rno. A sor- 
reggere i grandi archi acuti ed a resistere al gran peso ed 
alla forte spinta delle volte con nervature incrociate, i pi- 
lieri erano rinforzati alP esterno di contraftbrti solidi ed ele- 
ganti. 

Chi ^ 1' architetto di questa chiesa ? Alcuni pensarono 
ch' essa venisse architettata dai due senesi Agostino di Gio- 
vanni e Agnolo di Ventura, che, intorno al 1330 fecero il 
uionumeuto del vescovo aretino Guido Tarlati (^) ; ma, seb- 
bene la nostra chiesa sia degna de' due discepoli del Pisano, 
1' aftermazione non e suflragata da documenti. Forse, archi- 
tetto individuale, come noi intendiamo oggi, non vi fu ; o se 
vi fii, egli dov^ essere quelPabate Duccio Bartolini che, nel 
1403, fece incidere il suo nome in un mattone originale, che 
venne adoprato nella costruzione e che ancora si puo vedere 
in vari punti di quell' edifizio (*). La qual cosa pare confer- 
mata eziandio dall' uso che avevano i monaci di Montoliveto 
di prescrivere la tbrma e lo stile, con tutte le cose acces- 
sorie, al mastro che doveva lavorare, come avvenne nel 1470 



(') Thomas, L* Abbaye cit., p. 111 ; L. Perbgo, Guida iUustrata^ 
cit, p. 26. 

(^) Questo mattone ha forma quadrilatern: nel mezzo ha lo stemma 
di Montoliveto formato da ciuque monticelli sormontati dalla croce 
fiancheggiata da ramoscelli d' ulivo ; ai quattri lati ha le iniziali del 
nome delP abate Bartolini, in questo modo: A(bbas) — G(eneralis) — 
D(uccius) — B(artolini) : nella parte superiore e la leggenda : Ista 
BST POSSBSSio FKATRUH ET MoNAGHORUM, che termina nella parte in- 
feriore : Ordinis Sanctb Marib Montis Ulivbti : a destra e a sini- 
stra, la data: Anno Domini Millesimo CCCC tertio. 



ORIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 173 



\)ev la cappella di Santa Caterina, ordinata dall' abate Leo- 
nardo Mezzavacca e costrutta da mastro Antonio da Yolto- 
lina ('). 

La sagrestia, clie prima sorgeva forse angusta e piu volte 
restaurata ('), venne costrutta quasi totalmente, in corrispon- 
denza della nuova chicsa, per impulso dell' abate Giovanni 
da Orvieto (1422-23), clie le die' principio e la condusse a 
termine ('). In essa quindi fece disporre in belP ordine gli 
armadi a banco, delicatamente intarsiati nel 1410, quand'egli 
fu abate per la prima volta (1408-11) (*). Verso la met4 del 
secolo XV, fu posto mano al coro, dove lavorarono molti 
maestri, e che venne disposto nella tribuna. iutorno all' al- 
tare ('). Nel tempo stesso che operavasi il coro, con lavoro 
d' intaglio e d' intarsio, di cui non ci e rimasta alcuna trac- 
cia, venivasi decorando tutto 1' interno dei tempio per opera 



0) A. S. S., M, 0, M., vol. 6 F (295), c. 8. - Qui 6 descritto mi- 
nutamente il modo da tenersi nel costrurre la detta cappella, la 
profondit& de^ muri, 1' altezza del vano, la forma della volta, de' pi- 
lastri, della tribuna, ecc. Al mastro non restava che eseguire. 

(*) Cosi, agli 11 dicembre 1365, Giovanni di Vannuccio daSerra- 
valle (contado di Siena) « lassa per lanima sua a la chiesa del mu- 
nistero di santa Maria di Monte Oliveto per accoiiciamento de la sa- 
grestia » due fiorini d' oro e ciuquanta lire da riscuotersi in sei anni. 
A. S. S., 3f. 0. M., vol 6 E (294), c. 3. 

(•) A. Bargbnsis, ChrofiicoTif p. 61. — Vi lavorarono Meo di lanni, 
maestro Co]a, maestro Mino e Bartolomeo, fratello di Cola : le spese 
per la sagrestia e per i maestri della sagrestia sono notate nel 
vol. 94, D T (372) deW Arch, di M, O, M., in A. S. S., tra il maggio 
e il dicembre 1423. 

{*) Questi banchi che percorrono due lati della sagrestia portano 
intarsiata la data : A. D. M^CCCC^X, che ^ in caratteri gotici. Sotto 
la data scorgesi lo stemma di Montoliveto e dell' ab. Giovanni da 
Orvieto. 

(') Ci6 si esigeva dalla disposizione architettonica del tempio, 
contrariamente a quanto forse potrebbe argomentarsi dalla disposi- 
zione del coro che ancor oggi vi s' ammira. Vebbero mano un certo 
maestro Agnolo, un Pavolo, un Giovanni Pasquini e qualche altro. 
A. S. S., M. O. M., vol. 95. D V (373), c. 263^265^ 266, ecc. — Questo 
coro fu condotto a termine durante il generalato di NiccoI6 da Reg- 
gio (1447-1451). A. Bakgbnsis, Chronicon, p. 60. 



174 P. LUGAMO 

d«' due pittori, maestro Domenivo e maestro Marco da Mon- 
tepulciano (1451) (% i quali lo prepararono per la consecra- 
zione, che vi ni conipiva a' 12 marzo 1466 (*). 

II compiniento della chiesa, a cui eran dirette le cure pitl 
solle(;ite di tutto 1' Ordine, non fece dimenticare le grandiose 
coHtruzioni, api>ena incominciate, dell' edificio monasteriale. 
L' abate Andrea da Boh>gna (1426-29) condusse a termine 
hi tbresteria od ospizio |>ei forastieri, contigua al refettorio 
e i>reHso 1' ingresso dell' abbazia ('). II dorinitorio, che fian- 
che^^ia il hit«> destro deUa chiesii e che rimane sul I)e pro- 
fundlHf e ia cisterna del ctiiostro ^rande furon edificate dal- 
1' abate Loreuzo Marsupino (1435-39), il quale incomincio 
anche quel dormentorio, con eelie sopra e sotto, che tocca il 
muro di s^igrestia e che guarda 1' orto e 1' occaso : condotto 
a compimento ed arredato dal successore Gio. Battista da 
Poggibonsi (1439-43) (% Quindi, l'abate Francesco della Kin- 



(*) A. S. S., M. O. M., vol. 96, D V (373), c. 266, 267, 272, ecc. 

(-) Ecco l'atto originale della consecrazione : « In nomine domini 
amen. Ad laudem et gloriam omnipoteutis dei et totius curie celestis 
amen. Anno Domini M^CCOC"LXVI ', die vero XII ' mensis martii. 
Indictione XV*. Hec ecclesia et altare fuit consecrata per manus re- 
verendi patri» et domitii domni loannis de Cinughis de Senis Dei et 
apostolice sedis gratia episcopi pientini et Ilcinensis primi. Et fuit 
dedicata ad honorem sancte Marie semperque virginis genitricis 
Domini nostri I. C. et gloriosissimi confessoris patris nostri sancti 
Beuedicti. Reliquie vero existentes in capsella suut sancti Bartholo- 
mei apostoli, sancti Marcelli pape martiris et sancti Cosme Mart. Et 
dictus reverendus episcopus concessit in die dedicationis indulgen- 
tiam XL" dierum incipiendo ad primum vesperum usque ad secundum 
duraturam in perpetuum. In forma ecclesie consueta visitantibus 
dic am ecclesiam. Tempore reverendi patris fratris Bartholomei de 
Monte policiano, tunc abbatis generalis totius dicti ordinis Montis 
Oliveti, et venerabiiis patris fratris pauli melani de Florentia prioris 
dicti monasterii principalis eius ordinis. Assistentibus pluribus cano- 
nicis Senensibus et Pientinis. Laus Deo. Ego frater lacobus maronus 
de Mediolano, monachus profe.ssus ipsius ordinis Montis Oliveti, hec 
propria manu scripsi de mandato antedicti reverendissimi episcopi > . 
Rbgistr. Oliv., II, 48. 

(^) A. Bargensis, Chronicon, p. B3. 

(*) A. Bargbnsis, Chronicon, p. 67, 68. 



ORIGINB DELL' OBDINE DI MONTOLIVETO 175 

ghiera (1443-47) fece costrurre quella parte di dormentorio, 
che guarda sul chiostro grande, di faccia al refettorio, e che 
consta di sette celle ; e mettere il pavimento e gli altari nel 
paradiso, clie 6 la tribuna sotto il presbiterio ^elhi chiesa (*). 
Cosi, a Montoliveto, verso il 1450, erano gid* conipiuti i 
due chiostri minori, e quello nmggiore, in gran parte co- 
strutto ('). 

Dall' edificio materiale passiamo a vedere il progresso 
delF edificio sociale e religioso nell' Ordine, ognor piu cre- 
scente, di Montoliveto. Attesta Antonio da Barga d' aver 
ascoltato da vecchi padri che raramente una (^ongregazione 
monastica dura nel primitivo fervore oltre ai cenfanni, per- 
cli^ e molto difficile mantenersi gran pezza sulla cima di cosa 
ardua (') : giusta sentenza provata dalla quotidiana espe- 
rienza. Ma talvolta, alP infermitd» della natura umana che 
tende al basso, s' aggiunge I' ambizione di qualche membro 
irrequieto, o I' incapacit^ di chi ^ al governo, o qualche altra 
causa che viene di fuori. Alla quale triste condizione porta 
nuova gravit^ una circostanza storica, non bene, ne sempre 
giustamente valutata, che, cioe, col moltiplicarsi degli indi- 
vidui si moltiplicano eziandio le volont^, arrestando cosi quel 
progresso sociale che dovrebbe accompagnare il progresso 
materiale. 

Dapprima fu cagione di turbolenza un certo frate mode- 
nese, chiamato Gentile. I monaci olivetani erano iti nel 1408 
ad abitare il monastero veneziano di Sant' Elena all' Isola (*), 
dove posero buona ed edificante osservanza regolare. Gentile 
fti uno de' monaci designati a quel luogo, dove resto i)er tre 



(^) A. Bargbnsis, Chronicon, p. 59. 

(') II chiostro di mezzo si condaceva a termine nel 1444: quello 
« picholino » lo era gi^ da vari anni, e quello grande lo fu qualcbe 
anno appresso. II 12 gennaio 1444 si pagava a maesfcro lacomo, chia- 
vaio da Siena, il suo lavoro < per chiavi de le volte de lo chiostro a 
latto al chiostro picholino » . A. S. S., M. 0. M., vol. 95, D V (373), 
c. 185. 

(") A. Baroensis, Chronicon^ p. 20. 

(*) Cfr. Lancbllotti, Histor. Oliv., II, 180 ss.: A. Bargensis, 
Chronicon, p. 45. 



176 P. LUGANO 



anni (dal maggio 1408 al maggio 1411), esercitando, negli ul- 
timi due, 1' ufiicio di cellerario. Di Id> richiamato a Montoli- 
veto (1411), e quindi inviato a 8. Ponziano di Lucca (1412-13), 
agognando forae a ritornare sulla veneta laguna o ad esser 
innalzato a ])iu alto ufficio (% si pose in amimo, col pretesto di 
maggiore osservanza, di staccare dall' Ordine il monastero di 
Sant^Elena. Ebbe, a quest' uopo, qualche colloquio con no- 
bili veneziani ; ma non pote concluder nulla. Trapelo la cosa, 
e r abate generale Gerolamo de' Miraballi mando chi cattu- 
rasse V agitatore e lo ponesse in custodia. Ma quegli, subo- 
dorato Tordine superiore, si die alla fuga, portandosi in Co- 
stanza, dove, eletto papa Martiuo V (11 novembre 1417), tene- 
vasi coucilio. Qui molto disse e molto fece per mostrar la 
divisione nell' Ordine e coonestare la propria condotta : onde 
il Papa, dovendo mandare in Italia il maestro generale dei 
Predicatori, Leonardo da Firenze, gPimpose di visitar POr- 
dine di Moutoliveto e di provvedere. Giunto costui a Firenze, 
raduno V abate generale con altri cinque monaci dottissimi, 
i quali concordemente testimoniarono, niuna divisione esser 
nell' Ordine e tutti di buona voglia procurare il bene co- 
mune. Di qui apparve manifesto che Gentile era calunniatore 
ed iniquo : onde per consiglio del visitatore fu espulso dal- 
r Ordiue (*). 

Piii tardi il disordine parti dal capo. L' abate Giovanni 
di Matteo da Orvieto, veniva eletto per la terza volta al 
goveruo (1429-31), sembra, piu per ambiziosi raggiri che per 
concorde volont^ degli elettori. E cio, nonostante la bolla 
pontiticia « Oum omnis vera religio » del 1412 ('), colla quale 
e minacciata la scomunica a chi procura per se o per altri 



(*) Gentile era stato maestro de^ novizi a Montoliveto (1411) e poi 
cellerario a Lucca (1412) : ma, da quest' anno, egli rimase, tanto a 
Lucoa (1413), che a S. Michele in Bosco di Bologna (1414-141B) e a 
S. Gerolamo di Quarto (1416), privo d' ogni ufficio, semplice conven- 
tuale. Dopo questa data il nome di lui scompare dai registri. 

(^) La cosa e raccontata per filo e per segno da Antonio da 
Barga (Chmnicon, p, 49, 50) e dalle altre Chronache. 

(^) Edita ne' Privilegia^ ediz. Bononiae, MDLXXX, p. 3842. 



OBIGINE DELL' OBDINE DI MONTOLIVBTO 177 



la carica abbaziale. Attesta anzi Antonio da Barga ch' egli 
stesso impetrasse questa bolla segretamente e che, dopo la 
soa elezione, facesse consultare un giusperito di Siena, il 
quale era d' avviso ch' ei potesse esser confermato in quel- 
1'ufficio e durarvi in perpetuo (*). Di piti: egli volle procurar 
la riforma dell' Ordine, e mando a Eoma perche il card. Al- 
bergati gli ottenesse da Martino V la necessaria facolt^. Ma 
rimase deluso : perche accetto quest' incarico lo stesso Alber- 
gati, a cui Martino V associo il card. Oasini, ed ambedue 
convocarono a Roma l'abate, i suoi soci ed altri padri e di- 
scussero per tre mesi. Fu assolto I' abate dalla scomunica e 
formulata la riforma (*) : ma questa non piacque ; onde ne 
nacque gran mormorio e forte pericolo per 1' Ordine. A cessar 
il malcontento, Bugenio IV fece adunare il capitolo generale 
a Firenze, dov' egli si trovava pel Concilio, nel monastero 
di S. Bartolomeo, e concesse che per quella volta (era il 
28 maggio 1435) 1' abate generale venisse eletto a viva 
voce ('). 

Pero, anche in mezzo a questi segni di evidente divisione, 
vi fu qualche nobile esempio di grande umilt^ a cementare 
1' unione e la concordia. Bra fama nel 1404 che 1' Ordine, 
nella prossima elezione dell' abate, si sarebbe trovato diviso 
sui due nomi di frate Lorenzo di Ser Nicolo di Cola da Pe- 
rugia e di frate Ippolito da Milano. Costoro pertanto, a dis- 
si|)are la voce di una vicina bufera, fecero adunare il capitolo 
conventuale di Montoliveto, a' 9 di settembre, in presenza 
dell' abate Duccio d' Arezzo, di Michele da Firenze, priore 
di Montoliveto, di Giovanni di Cola da Perugia, priore di 



(*) A. Baroqnsis, Chronicon, p. 68. 

(') Forse per questa cattiva riuscita de* suoi iniqui disegni, V a- 
bate Giovanni da Orvieto inferin6 gravemente, e a' primi di maggio 
del 1431 fece la rinunzia della sua dignit&, stando a letto : mori poi 
nel 1432. — La riforma, stabilita il 17 maggio 1430 dalP Albergati e 
dal Casini, 6 pubblicata nello Spigilbqium Montoliv., I, 76-32. Le 
tennero dietro altre due riforme inedite, nel 1432 e nel 1438, (Re- 
QIHTR. Oliv., II, 22, 24). 

(") La narrazione di questi fatti 6 in Antonio da Barga (Chro- 
nicanj p. 55, 56) e nelle Familiarum Tabulab (II, c. 172). 



178 P. LUOANO 



8iena, di Ippolito da Milano, priore di IS. M. della Riviera 
di PsMlova, del cellerario Pietro da Padova e dei maestro dei 
novizi Andrea da Bolof^na, e quivi, genufleHsi dinanzi alFa- 
bate, r uno do|)o 1' altro, feoero voto di rinunziare, qualora, 
nel proAHiino capitolo veniHHero eletti, a1I'uificio di abate (^). 
QneHt' att4> di profonda uuiiitii riconduHHe la pace e la con- 
cordia tra' inonaci, tolne di inezzo 1' errore delle male lingue 
e delle Htorte volontji, e inontrb 1' aniino verace de' due in 
voc^' di c^ndidati : poicli^ il 2 maggio del 1405, compiendoni 
il loro voto, Hi elef^geva al governo frate Gerolamo « SanctiH » 
da Perugia, buono, parco e Hcolantico (•). 

Adunque, v'era ancora del buono npirito e prii>cipalmente 
Hull' umiltA crcHceva tuttavia la congregazione de' monaci. 
Nel 1407, CHHi aiidavano a San Bartolomco delle Sacca, prcHso 
Prato, luogo fondato da quel Bartolomeo Franchi che gia 
avea loro coHtrutto il monaHtero piHtoiene ('), e nel 1408 po- 
nevano ntanza anche nulla veneta laguna, nel monantero di 
SanfBlena allTnola (*). Con Bolla del 23 maggio 1408, Gre- 



(M La cosa e fornialmente narrata da frate Pietro da Padova, 
cellerario di Montoliveto « ex precepto abbatis . . . nt omnibus evi- 
denter veritas innotescat », e scritta lo stesso giorno (9 settembre 
1404) in un libro di Memorie, A. S. S., M. O. M., vol. 140, F Z (407), 
G. LXXXII. La formola di rinunzia S questa : • Ego promicto Deo et 
Virgini Marie, et votum facio, quod si ellectio de me fiat in proximo 
chapitulo fiendo, ad honorem et officium abbatiatus totius ordinis 
nostri: quod non acceptabo ». Lo stesso Pietro alla narrata rinunzia, 
aggiunse che il sabato, 2 maggio 1405, < facta est ellectio fratris 
leronimi de perussio Dei gratia ad officium habatiatus, et .«?c exple- 
tum est votum supraacinptorum patrum * . 

(') A. BARasNSiH, Chronicon^ p. 45. 

(*) Cfr LANCRLLOTn, Histor. Oliv., IF, 179. — Questo monastero 
fu soppresso da Pietro Leopoldo, con motuproprio del 'JG gennaio 
1775: serve ora di villeggiatura al Collegio Oicognini di Prato. Cfr. 
GiusBPPB Mrrzario, Storia del CoUegio Cicognini di PratOy Prato, 
Alberghetti, 1870, p. 133, 134. — In questo collegio se ne conserva 
tuttora Pimportante Archivio. Cfr. GiNO Sgaramblla, Uarchiviodel 
Collegio Cicognini, hidicCf Prato, Giachetti, 1903, p. 12. 

(*) A. Bargbnsis, Chronicon, p. 45 ; cfr. Michblb Cafpi, V Isola 
di SanV Elena in Gite di un artista di Camillo Boito, Milano, Hoe- 
pli, 18&1, p. 57-85. 



OBIGINE DKLL' ORDINE DI MONTOLIVETO 1 79 



gorio XII chiamava i monaci di Montoliveto a riformare il 
monastero padovano di Santa Giuatina, dove poi succeBse 
loro quel Lodovico Barbo clie vi fondo la congregazione be- 
nedettina, appellata da quel cenobio ('). Nel 1411 il cav. Go- 
rello Auriglia fondo per essi il monastero di S. M. di Mon- 
toliveto in Napoli (') ; nel 1417, Nicolo d' Eate, signore di 
Ferrara, li chiamb in San Giorgio di quella cittd, (*) ; nel 1422, 
Carlo Malatesta, signore di Kimini, li volle a S. M. Annun- 
ziata di Scolca (*) ; nel 1425, discesero nell'anticliissima abbazia 
de' SS. Severo e Martirio, presso Orvieto, gi'k ricordata nel 
secolo VI (*) ; nel 1427, il card. Angelo Sommariya, per vo- 
lere di suo fratello Niccolo assegno loro il cenobio de' SS. 
Angelo e Niccolo di Villanova, nel Lodigiano (°), e nel 1432, 
da Bugenio IV ftirono posti nell' antica abbazia di S. Vene- 
rio, neir isola del Tiro, presso Portovenere ('). 

Fin qui i monaci di Montoliveto s'eran propagati soltanto 
nell' Italia, osservando scrupolosamente quanto aveano chiesto 



('} A. Barqbnsis, Chronicon, p. 46, 47; P. Luoano, Origine e vita 
storica delT abbazia di S. Mai^ano di Tortona, Firenze, 1902, pa- 
gina 85, 86. 

(») Cfr. Lancbllotti, Histor. Oliv,, 11. 184 ss.: Odoardo H. Gi- 
GLiOLi, Tre mpolavori di ScuUura Fiorentina in una chiesa di Napoli 
(estratto dalla Rivista d' Italia Roraa, an. V, fasc. XII, 1902). 

(*) A. Barqbnsis, Chronicon, p. 60. 

(*) A. Barqbnsis, Chronicon, p. 60, 61. 

(*) A. Barqbnsis, Chronicon, p. 61, n. 4; cfr. LuiQi FuMi Codice 
diplomatico deUa cittddiOrvieto^ Firenze, Viesseux, 1884 (Documenti 
di Storia Ital. vol. Vlil), p. 718. 

(•) Giov. Aqnblli, Memorie Storiche svl Comune e suUa chiesa 
ahbaziale di ViUanova SillarOy Lodi, Quirico e Camagni, 1896, p. 9 ss. 

(^) Di questo monastero tace Antonio da Barga, ma ne parla am- 
piamente il Lancbllotti, Hisfor, Oliv,j II, 206 ss. — Quando Euge- 
nio IV vi pose gli Olivetani, questo monastero < longo tempore conventu 
ac monachis fuerat destitutum et a tribus annis quondam Gabrielis 
illius abbatis, extra romanam curiam defuncti, vacaverat et vacabat, 
tunc divino interim cultu ibidem omnino neglecto. illiusque edificiis 
ac possessionibus et bonis multipUciter deterioratis ». Gli Olivetani 
abbandonarono quella storica abbazia, per le continue infestazioni, 
nel 1470, e si ritirarono a S. Maria delle Grazie, che iino a quel 
terapo non era che un eremo dipendente dalla badia del Tiro. 



180 P. LUOANO 



ed ottemito nel 1344 da (Memente VI, di fondare, cio^>, i loro 
monaHteri « in luirtibuH dum taxat Italiae » (^). Ma ora Sigi- 
smondo d' Ungheria offriva loro d' uscir Aiori d^Italia, e nel 
1435 deHtinarono una colonia nel monastero Ungarico di 
H. Margherita « de Demisio » ; il quale, per6, a cagione della 
distanza da Montoliveto, fu Oi*.ca8ioue di nou |)ochi distnrbl (*). 
Fermaronsi quindi di preferenza in Italia, e, nel 1443 anda- 
rono a 8. Benedetto Novello di Padov.n, per iutromissione 
di quel canonico pa^lovano, France8Co Legnamine, che poi fa 
vescovo di Belluno e Feltre (') ; nel 1444, posero stanza a 
S. M. in Organo di Verona, per benevolenza del card. An- 
tonio Corerio (*): ebbero, nel 1445, 1'abbazia di Sicille, nella 
curia di ]*etroio (') ; nel 1446, da Eugenio IV, il priorato di 
* 8. Nicolo di Rodengo, presso Brescia, gik de Oluniacensi (•), 
e, prima del 1450, erano gvk incominciate le trattative per 
V abbazia di 8. Croce di Saasovivo, nel territorio di Foli- 
gno {'). 



(^) Bolla « Solicitndinis pastoralis officium » edita ne' Pnvilegia 
(ediz. Bononiae, MDLXXX, p. 7). 

(•) Cfr. Spicil. Montouv., I, p. XXXII-XXXV ; 67. 

(*) A. Bargbnsis, Chronicon, p. 58. 

(*) Lanobllotti, Histor, O&r., II, 213 ss. 

(*) A. Bargbnsis, Chronicon, p. 59. 

(•) L. F. Ffe d' Ostiani, II Comune e V abazia di Rodengo, Brescia, 
tip. Bersiana, 1886, p. 65 ss. 

(^) La cosa, finora ignota^ ci & tramandata dalla seguente lettSsra 
inedita dell' abate Nicol6 da Reggio, in data del 16 maggio 1449. 
c Nos frater Nicolaus de Regio dei gratia generalis abbas licet im- 
meritus totius sacri Ordinis Montis Oliveti, universis et singulis 
ad quos presentes littere nostre pervenerint, salutem in domino sem- 
piternam. Vobis igitur harum serie pateat evidenter, quod cum in 
nostro generali capitulo nuper in nostro principali monasterio Montis 
Oliveti celebrato, fuerit propositum quod reverendus in christo pater 
et domnus Thomas de fulgineo abbas monasterii sancte crucis de 
Saxovivo diocesis iulginate, afifectuose paritev et devote desiderat et 
intendit prephatum monasterium suum cum omnibus pertinentiis suis 
uniri et incorporari et appropriari et subici predicto nostro princi- 
j)ali monasterio et Ordini, debita cum auctoritate SSmi domini nostri 
pape, ut in illo nostri predicti ordinis et monasterii regularis obser- 



OKIGINE DELL' ORDINE DI MONTOLIVETO 181 



Con questa progressiva dilliisione non ^ a credere che 
V Ordine di Montoliveto, nell' aggregare i suoi aflBgliati, si 
limitasse a quelli nati dentro le cerchia delP Italia : che 



vantia copuletur et propagetur ac perpetuis temporibus Ralubriter 
observetur. Et per totum capitulum predictura, nemine discrepante, 
obtentum fuerit ut acceptetur, nobisque commissa sit omnis potestas 
in huiusmodi opportuna. Idcirco nos desiderantes pariter et speran- 
tes divini cultus et nostri predicti sacri Ordinis augmentum ac sancte 
regularis observantie propagationem de consilio, consensu et volun- 
tate venerabilium in christo patrum omnium visitatorum dicti ordi- 
nis nobis in regimine ex apostolice sedis et predicti ordinis ordina- 
mentis associatorum, omni via, iure, modo et forma quibus melius et 
efficacius fieri et esse potestet potuit elegimus, constituimus, fecimus 
et ordinavimus nostros et predictorum capituli et ordinis veros et 
legittimos sindicos et procuratores ac certos et speciales nuncios, et 
quiquid melius esse posset, venerabiles in christo patres videlicet 
fratrem Baptistam de podiobonici abbatem monasterii Sancti Minia- 
tis de prope florentiam et fratrera Franciscum de bononia priorem 
monasterii sancti Benedicti de Senis, eiusdera Ordinis, presentes et 
acceptantes, et fratrem Paulura de christianis de bononia priorera 
monasterii Montis Morcini, etiara dicti ordinis, absentem tamquam 
presentera et queralibet ipsorum in solidura ad tractandura, capitu- 
landum, componendura et convenienduni cura auctoritate tamen pre- 
fati sanctissimi domni nostri pape vel eius apostolici coramissarii de 
et super oranibus et singulis modis, oonventionibus, condicionibus et 
compositionibus honestis, licitis et iustis et opportunis, ut predicta 
unio, de qua supra dicitur, canonice et legittime fiat. Et ad obligan- 
dum nos et ordinem ipsum sub omnibus et singulis predictis modis, 
conventionibus iustis, licitis et honestis, de quibus convenerint et 
concordaverint, cum scientia licentia et auctoritate sanctissirai dorani 
nostri pape vel eius coraraissarii, ad inhabitandura in raonasterio 
prefato sancte crucis, et ad observandura orania et singula ordinata, 
capitulata et conventa. Et ad prestandum in animam nostrara et 
omnium et singulorum dicti capituli generalis et ordinis nostri omne 
opportunum et requisitum, iustum et honestum iuramentum in pre- 
dictis et circa predicta et quodlibet predictorum : et ad substituen- 
dum unum et plures, et semel et pluries, procuratorem et procura- 
tores, loco sui, in predictis et ad predicta et quodlibet predictorum. 
Et ad obligandum orania et singula bona presentia et futura eiusdera 
Ordinis, et presertira predicti principalis raonasterii nostri et mona- 
sterii montis Morcini cuicuraque persone, que pro supradictis perfi- 
ciendis seu tractandis suas pecunias exbursaverint seu mutuaverint 



182 P. LlUiANO 

anzi, se il propa^arHi co' monasti^ri iiiori del bel paese era 
vietsito da €H)Mtituzione i>ontificia e da diHposizione de^li an- 
tichi psulri, Taprire le jHirte andie ai nati di fuoriera in uso 
fin dal principio dell' Ordine e trovava la sua ragione nella 
rejfola di S. Hene<ietto. Per quei di Sicilia e della Oorsica 
non h' ebl)e mai particolare diH^ioHizione, eHHendo moltiHsimi 
coloro che vennero, e furono acwttati. Ri^uardando poi la 
Htoria del primo necolo dell' Ordine di Montoliveto e consi- 
derando le Hue relazioni, segnatamente colla Francia, dove 
Hedeva il romano i)ontetice che riceve benignamente i primi 
padri, sembrerebl^e che questa nazione aveHse dovuto portare 
la palma sulle altre nell' inviare i Huoi flgli a ventire le can- 
dide lane di Montoliveto. Al contrario, la palma e riportata 
dair « Alamania », die invio l>en venticinque individui in un 
secolo, mentre la Francia e hi Hpa^na non ne inviarono che 
dieci ciancheduna. Ve n' hanno i)oi « de Burgurdia », « de 
Fiandria », « de Ungaria », « de Picardia », « de Olandia », 
« de Franconia », « de Portugallia », « de Polonia », « de 
Dalmatia » e « de Sclavonia »; ma essi non costituiscono ciie 
una piccola, e qu»si insigniticante rappresentanza ('). Questi 
I)oi non picchiavano alla porta dei monastero olivetano di 
qualsiasi citt^ ; ma con preferenza scendevano a S. Maria 
Nuova di Boma, dov' b ii centro della cristianit^l e dove con- 
vergono i passi di tutti i figli dolla Chiesa; a Clenova, Napoli 
e Yenezia, appena messo il piede in terra italiana : ond' e 
che i pi^ fecero ii noviziato in lioma, in Montoliveto di 
Napoli, a S. (rerolamo di Quarto o a Sant' Blena di Venezia. 
Gli italiani invece, s'ascrivevano di preferenza ai monastero 



ad utilitatem et commoduin nostrum et predictorum ordinis et capi- 
tuli. In quorum omnium fidem, robur et testimonium, presentes fieri 
mandavimus in nostro sepedicto principali monasterio Montis Oliveti 
comitatus senarum, diocesis aretine, sub die XVI mensis maii, anno 
domini M.*'CCCC.<^XLVII1I^., et nostri consueti sigilli appensione mu- 
niri ». Rdgistr. Oliv., II. 32. 

(*) Da uno spoglio de' registri delT Ordine, risulta che, fino al 
1450, vi furon tre monaci « de Burgundia » , tre t de Ungaria » e tre 
« do Picardia * ; due « de Olandia » e due « de Dalmatia » : le altre 
nazioni non ne ebbero che uno. 



ORIGINE dell' ordine di montoliveto 183 



olivetano della loro citt^ ; e d' ordinario salivano al numero 
di circa trecento ('). 

Questi monaci venivano dapprima, giusta lo spirito e la 
lettera della regola benedettina, da famiglie d' ogni condizione 
sociale (*). Ma poi, forse con 1' intenzione di mantenere al- 
V Ordine di Montoliveto quel carattere tipico, impressogli dai 
primi fondatori, s' incomincio ad accettar di preferenza quelli 
ch' eran nati da famigiia, se non nobile, ricca e potente. E 
la cosa giunse a tale che, nel secolo XVI, s' ebbe una gran 
controv^ersia sul carattere nobiliare dell' Ordine e sulPaccet- 
tazione esclusiva di nobili ('). Ma da questa tendenza, spinta 
fbrse al di l^ del giusto limite, ebbero origine non pochi in- 
convenienti. B se 1' Ordine di Montoliveto aspirava a racco- 
gliere dentro le chiostra de' suoi monasteri, e vi raccoglieva 
di fatto, la nobilt^ del censo e del blasone, mentre quello 
de' Predicatori si fermava alla nobiltA. della mente, e quello 
de' Minori alla nobilt^ dell' animo, rinato nello spirito evan- 
gelico, ognuno d'essi fece un bene alla societ}\ de' suoi giorni, 
raccogliendo e sublimando quel fior fiore che ancora vi di- 
morava. E questo bene, ne deve far meraviglia, non poteva 
andar eseiite da quelle inconvenienze d' imperfezione, che si 
infiltrano dovunque e uomo e societ^ umana. 



(') L'Ordine di Montoliveto nel 1400 contava 313 monaci ; nel 
1410 ne contava 363; nel 1419, 342; nel 1430, 310; nel 1440, 363; e 
nel 1460, 379. 

(*) S. Bbnbdicti, Regvla^ capp. LVIII, LIX. 

(^) Veraraente S. Benedetto (Regula^ cap. LIX) ammette i nobili, 
cioS, i ricchi ; ma vuole che nulla si dia loro dai genitori o si faccia 
di tutto donazione al monastero, riservandosi soltanto V usufrutto. 
Paolo Diacono (In sanctam Regulam co7nmentarium^ Typis abb. Mon- 
tis Casini, MDCOCLXXX, p. 449 ss.) commentando queste disposi- 
zioni, aggiunge che ci6 serve a distogliere il monaco dair uscir di 
monastero. Quindi 6 che il padre deve promettere di non dargli la 
eredit^, di diseredarlo per sempre, di modo che g^ammai possa pre- 
tendere alla successione. Se poi non vorr^ diseredarlo, offra una parte 
del suo patrimonio in donazioue al monastero pro mercede anhnae 
sttaey riservando a s^ V usufrutto, che alla sua morte sar/i vincolato 
anch^e&so al monastero. Oosi nulla restando al monaco, non gli verr& 
talento di ritornar al mondo. 



184 P. LrOANO 



ApriMido r a<lit« ai nobili, doveaHi iitMjeHHariaiiiente o8i>i- 
tare quei ftgli, che SLffVi ocehi della HocietA» d^allora apparivano 
C/ome reietti. Tra qneHti erano priini i generati d' amore 11- 
lefi^ittimo. E IS. Caterina da Siena scrivendo a frate Giusto, 
priore in Montoliveto, gli raccx)manda caldamente che, nel- 
V ac5cettare i i>08tulanti, non si )>on^a a mirare « niai per 
veruna di^nitii, ne iwr baAnezza, ne per ^randezza ; n^ per 
enHere legitthni, tid illegittimi: chti 11 Figliuolo di I)io, le cui 
vestiKic «i conviene Aeguitare, non schifo n^ Rchifa mai i>er- 
sona per vernno stato n^ altra generazione, n^ giusti n^ pec- 
catorl ». E con raaflchia eloquenza, prevenendo la obbiezione, 
incalza: « E »iano nati come H voglia: ch^ non spregia Dio 
1' anima di cx>lui che e («)nceputo in peccato mortale, piu che 
di quello clie ^. conce[)uto nell' atto del sacramento del ma- 
trimonio ». Onde con grande sorpresa, francamente ^Vi dice: 
« Meravigliomi molto che la ris|)08ta venne del no; e honne 
avuto grande ammirazione . . . . » (^). Le quali franche parole 
della Benincasa sono pubblico docuinento dell' altissimo con- 
cetto ch'essa avea e predicava intorno al matrimonio, come 
attestano quanto non solo nelle idee del volgo, ina nelle leggi 
e ftno nei canoni e nelle regole monastiche la illegittimitA dei 
natali portasse infamia tale, che non v'era acqua allora che po- 
tesse lavare. Ghe se V entrare, in un Ordine monastico can- 
cellava e cancella, secondo la dottrina della Chiesa, la ille- 
gittimit^ dei natali e la infamia ('), non saranno da ripreiidere 
le regole monastiche se vietano di ricevere i figli illegittimi 
senza un severo esame, tanto piti che, potrebbe derivarne di- 
minuzione di autoriti\ per la istituzione, e per i suoi membri 
rilassatezza di disciplina e distrazione da cio cui debbono 
esclusivamente attendere ('). Tuttavia molti di questi v'en- 



(*) Le Lettere di S. Catbrina da Sibna, ediz. di Niccol6 Tom- 
MASBO, Firenze, Barb^ra, 1860, vol. I, p. 33, 34 ; cfr. C. Calissb, Santa 
Caterina da Siena in Cofiferenze delln Commissione Sen, di Storia 
Patria, Siena, 1895, p, 155. 

(-) Carlo Calissb, Diritto Ecclesiastico, Costituzicne della Chiesa, 
Firenze, Camraelli, 1902, p. 182. 

(3) C. Calissb, Op, cit, p. 791, 792. 



ORiaiNE dbll' ORDINE D1 montolivbto 185 



travaao ; e cancellata, colla professione religiosa, la infamia 
della illegittimit^ dei natali, qualcnno, sia pnre - de soluto 
genitus et soluta -, per dispensa pontificia, otteneva di poter 
salire piti alto, senza pero ginnger mai alla dignitil abbaziale. 
Per ricordarne alcuno, cosi incolse a frate Francesco « domiii 
Petri Mini » (^), a frate Nicol5 « Ambrosgii de Piccolomini- 
bus » (*), da Siena, a frate Benedetto di Francesco « de Ric- 
comaunis » da Fireuze (') ; a Francesco « Michi » da Siena (*); 
a Benedetto da Sicilia (*) ; a Giovauni « JSer Petracoli » (•) 
ed a qualche altro (^). 



(^) Begistr. Oliv., I, 23. — Era - dt coningato gmitus et soluta - 
ed otteiine, in data del 28 marzo 1348, d' esser promosso a tutti gli 
ordini ed alla cura d* anime, purche la chiesa parrocchiale nou fosse 
collegiata o prelatura. 

(*) Beqistr. Oliv., I, 30. — Gia sacerdote, il 3 aprile 1351, ot- 
tenne, sebben - de soluto genitus et soluta -, di percorrere tutti gli 
uffici deir Ordine, all* infuori dell' abbazia. 

(*) E.EGISTR. Oliv., I, 31. - Era sacerdute - de soluto genitus et 
soluta -, ed il 3 aprile 1362 ottenne di salire agli uffici dell' Ordine, 
fuori che alP abbazia. 

(*) E.EGISTR. Oliv., I, 32. — Gik sacerdote - de soluto genitus et 
soluta ', il 3 aprile 1352 ebbe la stessa concessione. 

(*) Kegistr. Oliv., I, 39. — Sacerdote - de soluto genitus et so- 
luta ' il 30 giugno 1361 ebbe la medesima concessione. 

(•) Registr. Oliv., I. 40. — Era sacerdote - de coniugato geni- 
tus et soluta • ed ottenne, il 30 giugno 1364, la stessa concessione. 

C) La cosa pid significante per FOrdine di Montoliveto e questa, 
che Gr^orio XI, il 15 marzo 1371, concesse all' abate la dispensa 
- cuni viginti fratrihus religionis predicte, quos duxeris eligendos, quod 
ipsi non obstantibus quibuscumque irregularitatibus per eos ante hu- 
iusmodi religionis ingressum contractis, ad quatuor minores ordines 
promoveri - et etiam cum aliis viginti fratribus dicte religionis ^uem- 
cumque defectum natalium patientibus, ut, eo non obstante, ad an- 
nales prioratus dicte religionis, si alias ad illos sint ydonei assumi 
valeant. — Kbgistr. Oliv., I, 49. — A questa BoUa T abate Nicol6 
Boverella fece I' aggiunta .seguente: c Noverint universi presentem 
inspecturi quod dum essem rome, de anno domini 1472. die XIII 
novembris, et visitassem S.mum dominum nostrum Sixtum papam 
quartum, Sanctitas sua vive vocis oraculo michi libenter concessit in 
perpetuum quod omnes et singuli monaci ordinis nostri patientes 
defectum natalium, non obstante dicto defectu, possiut assumi ad an- 



\M \\ LrUANO 



A (M)Ht<)ro Hoiio <la aKffiunfC('ro qiiei inolti clie, nati con 
miglior faina, ebl)ero la mala ventiira di non easer primoge- 
niti. Trinte comlizione puridicA di quei tempi, che mirando 
co' map:gioraHclii e tede commeHHi, le due tipiche mauifesta- 
zioni deUa HUcc<'HHioue af^natizia nel medio evo, a conservare 
r ordine fami^liare, il diritto del miuf^ue e 1' unione di tutte 
le Hostanze (*), iM)neva iin muro di Heparazione tra fratelli, 
condannandone ahnini a maledire |)er nempre la paterniti^ no- 
l)i]iare e 1' intatto patrimonio I Krano i cadetti che, rifiutati 
da quella HteHHsi fami|2:lia donde traevano i natali, si rifugia- 
vaiio raHHegnati all' ouibm del chioHtro. Non e quindi a fare 
le meravi^lie ne entrando a farni inonaci quenti nobili che, 
|)er colpa di genitori e per barbarie di HiHtemi feudali, erano 
il ritiuto della Ho<;ieta, V Ordine non i)oteva avanzarsi nella 
via della i^erfezione sociale e individuale, come avrebbe do- 
vuto. Clife anzi, ne i)er questo entrava nell' Online qualche 
elemento di decadenza, toruava provvidenziale alla societa 
1' aver un asilo i)er coloro ch' esHa rigettava dal proprio 
grembo : la qual cona e degna di giuntizia e di gratitudine. 

Di alcuni di quenti nobili noii e dii!icile trovar qualche 
traccia ne' documenti dell' Ordine. Pero anche i documenti 
non recano qnella luce che dovrebbero apportare. Poiche il 
cognome, che serve a diHtinguere e a deterininare la famiglia 
o casata di ogni individuo, essendo « un prodotto spontaneo 
ed incosciente dello spirito pof>oIare, e non una invenzione 
de' notai, o una creazione dei legislatori, nasce e si sviluppa, 
cosl nel contenuto come nella forma, secondo le regole della 
logica comune e dell' uso volgare. B solamente quando e 
formato nei suoi tratti essenziali, 1' idioma letterario contri- 
buisce a fissarlo, e I' organismo amministrativo serve a gene- 



nales prioratus religionis, si alias sint ydonei et ab abbate et visita- 
toribus fuerint ellecti. Et hoc in presentia venerabilium patrum fratris 
Placiti de Senis et fratris lacobi de Carpo : quos mecum ad visitan- 
dum romam duxeram». 

(^) Cfr. GiusBPPB Salvioli, Mantiale di Storia del Diritto Italiano 
dalle invasioni germaniche ai nostri giorni^ 3.* ediz., Torino, 1899, 
p. 513 ss. 



ORIGINE DELL' ORDINE Dl MONTOLIVETO 187 



ralizzarlo. Ma esso rimane per molto tempo ana designa- 
zione di &tto, e non nna denominazione ufficiale del citta- 
dino » (*). 

Negli Ordini raendicanti dei Domenicani e dei Francescani, 
i frati incominciarono a<l appellarsi unicamente dal luogo di 
origine, perchfe « rinnnzian<lo i religiosi completamente ai loro 
rapporti di famiglia, e non essendo quindi eonveniente di 
api)ellarli da questi, non rimaneva loro altro mezzo di distin- 
guersi uno dall' altro, che quello di chiamarsi dalla patria : 
che del resto, in una societ^ per sua natura composta di uo- 
mini venuti di qua e di 1<% era il maggior criterio di difie- 
renziazione » (*). Ma se questo canone puo esser costante per 
gli Ordini mendicanti, non lo e certamente per 1'OrdineBe- 
nedettino, e, seguatamente, per quello di Montoliveto. Di 
fatto, in un documento del 1339, quasi tutti i monaci sono 
denominati dal Padre, come « Simon Ture », « Ambrosius 
Nini », «Bernardus Optolini » e ben pochi, dal luogo d'ori- 
gine (^). Mentre in un altro documento dello stesso anno, si 
ha la denominazione paterna, unita a quella agnatizia e della 
patria, come « Blasius Bindoari de Eubeis de Senis » e « Bar- 
talomeus Michezzii de Capponibus de Florentia » (*), ed in 
un altro del 1342 si hanno ben ottantadue monaci, tutti col 
solo nome del padre ("). Neppur qui, adunque, si ha una re- 
gola costante : la cosa sta ordinariamente all' arbitrio del 
notaio. Tuttavia si puo fissare il canone, che, negli atti dei 
capitoli generali, dove molti sono gli intervenuti e da luoghi 
diversi, s' impone una piii si>ecificata designazione ; mentre 
negli altri atti, a cui sono presenti pochi individui, la cosa 



(0 A G-AUDBMZi, SuUa storia del cognome a Bologna nel secolo 
XIII, \n BtUlettino deW IstittUo Storico ItalianOj n.^ 19, Boma, 1898, 
pag. 94. 

(•) A. Gaudbnzi, Op. citj p. 44. 

(") A. 8. S., M. O. M., vol. 40, A V (329), c. 26. — Sono qui iio- 
minati 32 monaci, de' quali solamente cinque dalla patria, come 
c frater Genne de Florentia > , c Petrus de Eugubio » , ecc. 

{*) A. S. S., M. O. Af., vol. 38, A S (327), c. 8. 

(*) A. S. S., M. O. M., vol. 27, A F (316), c. 24. 



IHH P. LrUANd 



rimane alquanto lil>era ; He pure il proin^^AiM) nella evolnzioiie 
e nell' applicazione del eof^nome, non imfione anche qni ana 
maicRior determinazione. 

Keeo, a4lunc|ue« un « Vanni» olim Lippi » della famiglia 
florentina de^li « Antinorii », uii « Zenobbius Locti » della 
fami|;lia « de AleiM », nn Bartalo « de CapiNmibu8 » da Pi- 
renz4* (^): un « Ia<*olm8 » ed un « BartliolomeuH », 1' uno e 
r altro « nefNm <lomni abbatiM », cioi*, ni|N>te di liernardo dei 
Tolomei, di Siena (') ; iin « NicolauH Ambro8fi:ii de Piccolo- 
miiiibuH » di Hiena, un « lienedictUH FranciHci de Kiccouian- 
nitt f^ di Firenze (') : un « IlonofriuH quondam Landuccii de 
Allier^ottiH » d' Arezzo (*), e molti altri nominati in carte 
notarili. 

An(;he le Familiarum Tabulae (^) ci dAnno qualche lume. 
Qui pure, non nempre e deni^nata la linea agnatizia; ma 
talvolta il compilatore ve V ha notata, o perche illustre e 
celebre, o iN*rcIie, unico mezzo per dintinguere gli omoniuii. 
(JoHi, nel 1397, appaiono un « liicobuH de Kondinellis » da 
Firenze, un TommaHo de' « Tarlati » d^ Arezzo, un « Lucas 
de Picco^IominibuH » ila Siena, un « Beneilictus Francisci de 
Accarigiis » pure di Siena, un Pietro « de Gangalandis » da 
Firenze, un « Antius Francisci de Albizis » da Firenze, e 
vari altri ch' e troppo lungo riportare (•). Giova anche molto 
a ciueHt' uojN) il « Necrologium », dove troviamo un Andrea 
( I- 1387) e un Pietro « de Ptolomeis » (-f 1338) di Siena, 



(1) A. S. S., M. O. M,, vol. 38, A S (B27), c. 8, documento 30 ot- 
tobre 1339. 

(*) Regintro di atti e contratti fatti vivente il B, Bemardo, I, c. 36, 
doc. 2 maggio 1347. 

(•) Rbgistr. Oliv., I, 30, 81 ; doc. 3 aprlle 1352. 

(*j E nominato in un doc. del 1380 (26 nov.): nel 1383 era priore 
in S. Bernardo d' Arezzo. 

(*) Sulla compilazione di questi registri si vegga quanto si e detto 
nelle Memorie dei piu antichi Miniatori e Calligrafi (Firenze, 1903, 
p. 20-23). 

(*} Ordinariamente, negli anni successivi, il compilatore di que« 
sti registri non annot6 che la patria di ciascun monaco, in questo 
modo, es. gr. : Benedictus magistri Consilii de Florentia. 



OlllGlNE DELL' ORDINE D1 MONTOLIVETO 189 



un Nicolb « Grotti de Raynonibus » (-f- 1340) pure senese, 
un Alessandro « Ardenghi de Ricciis » (+ 1347) di Firenze, 
un Arrigo « de Cavalcantibus » (+ 1348) da Firenze, un 
Gabriele « lacobi de Forteguerri » da ISiena (-|- 1348), ed 
altri, discesi da quelle famiglie che, nel secolo XIV, domi- 
navano piti per nobilt^i di censo che i)er nobiltil di saugue, 
ma che gi^ costituivano le piii illustri casate. 

La tendenza verso hi nobilta germoglio, nell' Ordine di 
Montoliveto, un frutto di speciale bontii, cioe, S. Fraucesca 
romana. Nata da Paoh) de' Bussa e da lacobella de' Rottre- 
deschi, impalmata piCi tardi al nobile Lorenzo de' Ponziani, 
sposa, madre e vedova, sotto la direzione de' PP. Antonio 
ed Ippolito da Roma ('), il 15 agosto del 1425, getto le prime 
fondamenta di una congregazione clie ebbe nome, dal luogo 
dove si aduno, di casa delle nobili Obhite di Tor de' Specchi. 
Donna insigne per singolari virtii, raccolse insieme le nobili 
dame romane del secolo XV, e le indirizzo alla via delhi ca- 
riti\ verso Dio ed il prossimo. Passata agli eterni rii)osi il 9 
marzo 1440, fii lodata in chiesa da 8. Giovanni da Capi- 
strano e da 8. Bernardino da Siena. Poco appresso, il suo 
sepolcro fu venerato come quello d' una Santa (*), e prima 



(*; L' uno dopo 1' altro furou direttori di spirito di S. Francesca. 
Antonio fu quasi sempre a S. Maria Nuova di Roma, dal 1407 al 
1425 (eccettuati gli anni 142i-I422|, quando morl. Ippolito dimoro in 
quel monastero negli anni seguenti: 1419-28; 1426-28; 1432-34; 1435; 
144041 ; ecc. 

(*) II 14 dicembre 1446 i due yisitatori di Montoliveto, Bartolo- 
meo da Montepulciano e Battista da Poggibonsi, si recarono a Boma, 
alla Minerva, ed a Maestro Giacomo da Beggio, procuratore gcne- 
rale de' Predicatori fecero una domanda, in proposito, che, unita alla 
risposta, 6 1a seguente : Quesistis a me, B.di patres, que sint iudicio 
meo exibenda in veneratione ven. et ideo devote beate f(rancisce), 
quam constat nondum canonizata. — Michi videtur quod pretermisso 
officio et speciali oratione et aliis similibus que canonizatis exhiben- 
tur, commemoratio fieri possit et virtutes eius et vitam in predica- 
tione maniiestando ; ab hiis enim viventes exemplum habent bene 
operandi et Deum laudandi. Luminaria notabiliter excessiva postpo- 
nenda viderentur : set iuxta sepulcrum faculam vel candelas ac- 
cendere tollerabile iudicarem : et Hores vel frondes spargere non re- 



190 P. LITGANO 



del l^.^^^, le fii eretta una aipiiella nella chieHa <ii S. Maria 
Nuova (^). La 8ua iHtituzione dnra ancora, vincolat.a sempre 
all' Ordine di Montoliveto, ed e monumento della rara sa- 
pienza d' una donna, clie tu emula di 8. Caterina da Sie- 
na (•). 

(\>n 8. Franci*8t*a romana ni cliiudono le origini e i pri- 
mordii dell^ Ordine di Montoliveto : doiM) di lei, e do|>o la 
metii del 8e<'oIo XV, la vita lienedettina prende una nuova 
forma, Imona Hempre e<l acconcia alF indole de' tempi iiuovi 
l)er npirito di riHorUi civilt4\, e 1' Ordine di Montoliveto, su- 
l)erate le diftict>lta del temi>o, guadagna il merito della storia 
e la riconoKcenza de' i>o»teri con nuove l>enemerenze. B come 
il comune d' Arezzo die mngolar prova di stima a questo 
Ordine, nominando suoi ciimerarii i mouaci Patrizio de' Pa- 
trizi di 8iena e Pietro « de Peruciis » da Firenze ('), ed i 
senesi facendone effigiare il fondatore col beiito Franco da 
Grotti, Pietro Petroni e Giovaccliino Piccolomiui lungo la 

puto reprehensibile ; cum in aliqua regione sepulcris comunium fide- 
lium passim apponantur et leronimus in epistola, consuetudinem 
istam non exprobrando commemorat. Gampanam pulsari facere et 
huiusmodi que iuxta intentionem possint diversis actibus applicari, 
tollerari potest ; et non video quod raens sobria debeat scandali- 
zari. Ita quod in oranibus citra stare et non ultra progredi, lauda- 
bilius est, donec omnipotens et mirabilis Deus in sanctis tuis aliud 
osteuderit de ancilla sua > . A. S. S., M. O. M,, vol. 4, (293), folio 
volante. 

(*) Tabtdarium S. M. Novae, X, ad an. 

(*) Per la bibliografia ed altre questioni, cfr. P. Lugano, La Santa 
di Roma in Cosmos CatholictiSf Boma, Marzo 1900, p. 129-139. 

{^) Lo furono avanti il 1340, come si ha da un atto del 13 aprile 
1340, dove Gregorio < de foraboschis » da Firenze, camaldolese, ca- 
merario generale del comune d* Arezzo « fuit confessus habuisse et 
recepisse a religioso et honesto vivo fratre Petro de peru^iis de 
Florentia ordinis fratrum Sancte Marie Montis Oliveti olim camera- 
rio dicti coraunis Aretii, dante et consignante pro se et fratre Pa- 
tritio dicti Ordinis, olim et camerario dicti comunis Aretii, et suo in 
officio precessore, quorum oamerariorum tempus incepit die vigesima 
secunda mensis martii currentibus annis domini MGOOXXXVIIII et 
finivit die vigesimo primo martii proxime preteriti anni presentis, 
pro resto et residuo pecunie » ecc. Registr. Oliv., I, 14. 



ORIGINE DELL-OBDINE DI MONTOLIVETO 191 

faccia esteriore dei pilastri nel loro San Giovanni {*), per 
mano di maestro Michele di Matteo Lambertini da Bologna 
(1447), e piti tardi, nella bella sala del Mappamondo del loro 
palazzo della Eepubblica, con S. Yittorio e S. Ansano, per 
mano del Sodoma (1529-34), cosi nuovi meriti faranno appa- 
rire nuovi segni di fiducia. £ lo spirito del Tolomei e di 
8. Francesca romana, sublime sintesi di un' et^ d' oro, clie 
rivive anche dopo la met^ del secolo XV ne' monaci di Mon- 
toliveto. 



(*) Cfr. V. LusiNi; 11 San Giovanni di JSiena eisuoi restauri. Fi- 
renzB) Alinari, 1901, p. 80. — Essendo questi affreschi del 1447, si ha 
qul la prima e pid antica effigie, che si conosca, del B. Bernardo 
Tolomei. 



IMPRIMATUR 
1). HlLDBBRANDUS M. POLLIUTI 

Al)lnis (ieneralis Ordinis Montis Oliveti 

Eiusdemque Archieoenobii 

Montis Oliveti Majoris 

Xullim DiceceseoH 

Onlinarins. 



INDICE DEI SOMMARI 



Intboduzione 

Per la biografia del fondatore delT Ordine di Montoliveto. — La 
vita del monaco Bossi ed il primo giudizio delle « Novelle Letterarie » 
di Firenze. — L' ab Gio. Lami e il cav. Gio. A. Pecci. — Chi fosse 
1' anonimo straniero. — II Pecci e V ab. Besozzi. - Relazioni del Pecci 
co' Monaci di Montoliveto. — La risposta del Besozzi alle critiche 
deir anonimo. Perch^ non fu data alle stampe. — Lavori vecchi e 
studi nuovi Pag. 9 

Cap. I. 

• 

Le origini delPOrdine di Moutoliveto e Siena. — I Tolomei, i 
Piccolomini e i Patrizi. — La famiglia Tolomei e il commercio senese 
nel secolo Xllf. - Mercanti, Nobili e Guelii. - II Beato Bernardo 
Tolomei. — Frate Gregorio Lombardelli e le sue leggende. Critica 
storica. — La vita del Tolomei scritta dal Domenicano. — Ricerche 
d'archivio aMontoliveto. Frate G. B. da Populonia. — Le elezioni 
generalizie e gli studi. — II Lombardelli e i due da Populonia ~ 
Leggenda e storia I**g- 19 

(Up. II. 

Siena e il governo dei Nove. - Educazione e studi del B. Ber- 
nnrdo Tolomei. — II B. Bernardo * miles atque doctor eximius *. 
Antonio da Barga e la leggenda. — II discorso sul disprezzo del 
mondo. — Lo studio di Siena nella seconda metk del sec. XII T. — 
Le deliberazioni del Consiglio generale del 1275. — Lo studio gene- 
rale. — Le scuole. — La laurea dottorale. — Se il Tolomei abbia te- 
nuto scuola. — Antonio da Barga e la sua Cronaca. - Altre Cro- 
nache di Montoliveto. Loro origine e compilazione. — Altre opere 
storiche. - Alessandro da Sesto milanese, scrittore e miniatore di 
libri corali, cronista. - Altra Cronaca, sua ox'igine e autorit^. — Luca 
Garganelli e i suoi lavori per la storia di Montoliveto , . Pag. 4;5 



194 P. LIUJANO 



(^AP. 111. 



Origine della Cronaca di Antonio da Barga. — Lacune e notizia 
di una aItr'opera, non scritta o perduta. — La morte di Arrigo a 
Buonconvento. - La partenza da Siena dei nobili fondatori di Mon- 
toliveto. - Patriziode' Patrizi e lasua famiglia. -> Francesco c Michi > : 
di qual famiglia fosse. — Ambrogio <Nini>: se egli fosse dei Picco- 
lomini. — II podere di « Acona » e Chiusure. — SaufAngelo < de 
Luco t. ~ II monastero del becolo VIII e la parrocchia. — I Tolomei 
a Ohiusure e i Tolomei di Chiusure. — Acona e l'arrivo dei fonda- 
tori Senesi. — II « palatium terreum » ricordato da A. da Barga. — 
La prima chiesa o cappella costrutta. -- I sacerdoti e le chiese ru- 
rali dei dintorui nel uec. XIV. — La vita dei fondatori di Montoli- 
veto, dal 1313 al 1319, e la brigata spendereccia di Siena . . Pag. 69 

Cap. IV. 

Meraviglie e timori. — II Legato Apostolico in Toscana. — II 
Concilio Lateranense. Innocenzo III e i nuovi Ordiui religiosi. — 
La visione della Scala. — Guido Tarlati di Pietramala, vescovo e Si- 
gnore d'Arezzo. — 11 26 marzo 1319: la dote del monastero e la 
charta fundatioim di Montoliveto — Un processo del 1344 suU' origine 
« deirOrdine. — II 29 marzo 1319: vostizione e professione dei fonda- 
tori nella SS. Trinit^ d' Ar^zzo — Vecchia polemica coi Camaldolesi 
sulI'origine di Montoliveto. — La posa della priraa pietra del mona- 
stero. - La regola di S. Benedetto e V abate. — I primi abati di 
Montoliveto : Patrizio Patrizi : Ambrogio Piccolomini e Simon di 
Tura. ' La prima radunanza del capitolo monastico e le sue delibe- 
razioni. ~ La costruzione del monastero e Toblazione di alcune pie 
donne assicurata sul podere di Melanino. Lento procedere e sue 
cause Pag. 82 

CAP. V. 

L'elezione abbaziale del Toloraei. — LMnfermitS. visiva di lui: 
ragioni e pretesti. - Capitolo del 1326: procuratori al Card. Legato G. 
G. Orsini. — Lettera di lui al Tolomei. — Nuove dubbiezze e parere 
di Giureconsulti. - La leggenda della cecit& del B. Bernardo Tolomei 
— S'egli rimanesse in minoribiu^ o fosse ordinato sacerdote. - Nuova 
chiesa a Montoliveto. — Altri raonasteri fondati. — San Benedetto 
di Siena. — San Bernardo d' Arezzo. - Montoliveto di Firenze. — 
Sant^Anna in Camprena. — San Donato di Gubbio. — San Feliciano 
di Mormonzone e San Nicco16 di Foligno. Santa Maria in Domnica 
di Koma. — Sant^Andrea di Volterra e San Michelangelo di Monteca- 
tini. — Montoliveto di San Gimignano, — Approvazioni, esenzioni, im- 
munit^ concesse alVOrdine. — Elezione di Clemente VII in Avignone 



— I 



ORiaiNE DELL' ORDINE Dl MONTOLIVETO 1 95 



~ Simon Tendi e Michele Tani, in viaggio per Avignone. — Appro- 
yazione pontificia dell* Ordine. — Leggenda intorno al viaggio d*Avi- 
gnone. — II Tolomei e il vescovo Gialidense. — L' abate Bernardo 
e Nello Tolomei. — Atto estremo di fiducia all' ab. di Montoliveto. — 
La peste del 1348 in Siena e tra i monaci olivetani. — Morte del To- 
lomei. — Sepoltura. - Leggendn del trasporto e scavi. - Frammenti 
letterari e biografici Pag* 1^2 

Cap. VL 

II Tolomei e V ordinamento del suo Ordine : Ordine e non Con- 
gregazione. — L' Ordine di Montoliveto prima e dopo la peste del 
1348. — Avanzi e germbgli. — L' ab. Franceschino Guiducci e il 
monastero di S. M. degli Armeni di Padova. - II capitoio del 1.° 
maggio 1349. — L' elezione dell' ab. generale. — Binnovata costitu- 
zione confermata dal Papa. — L' ab. Banieri di Simone. — II mo- 
nastero di S. M. Nova di Boma. — L'ab. Lorenzo Cione, Clemente 
VI e V oratorio di S. Giusto. — L^ab. Salvi di Dono e le sue dispo- 
sizioni. — I monasteri di S. Gerolamo d' Agnano, di Sant' Angelo di 
Tivoli, di S. M. de^ Gaudenti e di S. Michele in Bosco di Bologna. 

— Monte Morcino di Perugia. — Montecassino e Montoliveto. — 
S. Ponziano di Lucca e S. Gio. di Venda. — La Badia a Eofieno e 
1' eremo a MontoUveto. — S. Margherita di Cortona e S. M. Nova 
di Camerino. — S. Gerolamo di Quarto e S. Caterina di Fabriano. — 
Misticismo e santit^. .— S. Caterina da Siena e Montoliveto. — Let- 

tere di vita ai discepoli. — Francesco de* Malavolti . . . Pag. 135 

Cap. VIL 

L' Ordine di Montoliveto e il culto per 1' arte. — Albori artistici 
a Montoliveto. — II refettorio grande. — II palazzo, — La chiesa ab- 
baziale. — Maestro Miniato, medico da San Miniato, e le sue dispo- 
sizioni. — L' Oratorio di Sant' al fabbro. — Controversia tra gli Ago- 
stiniani di S. Miniato e Montoliveto. — Architettura ed architetto 
della Chiesa. — La sagrestia, il coro, ed altre costruzioni. — Gli 
abati e V Ordine nella prima metk del secolo XV. — Turbolenze e- 
sterne ed interne : Gentile da Modena e 1' ab. Giovanni da Orvieto. 

— Esempio d* umilt&. — Incremento: nuovi monasteri a Pi*ato, Ve- 
nezia, Padova, Napoli, Ferrara, Rimini, Orvieto, Lodi, in Ungheria, 
a Padova, Verona, Brescia e Foligno. — Monaci nazionali ed esteri. 

— Tendenza verso la nobilt^ e sue conseguenze. — I nobilinelTOr- 
dine di Montoliveto. - Per la storia del cognome. — S. Francesca 
romana, fondatrice delle Nobili Oblate dell* Ordine di Montoliveto. — 
Conclusione Pag. 16() 



■^.^ ^ /-S. ^N.^ ' w-^ 



Spicilesfium Montolivetense 



VoL. I. — Antonii Bargensis, Clironlcon Montis Oliveti 

(1313-1450) edidit P. Lugano (Florcntiae, ex off. Cocchi- 
Chiti, MCMI~(Apud Editores, in Abbatia Septimnianensi 
projje Florentiani), in-S^, pp. L11-107 (edizione di lusso, 
Ku carta a mano, con stenima a colori) . . . L. 5, 00 
VoL. IL — Orlgine e Prlmordl dell'Ordine dl Montoliveto. 
Commentario storico per P. Lugano. — (Apud Edi- 
tores, MCMIII), in-8' ledizione di lusso, con stemma a 
colori) L. 5,00 



Placido M. Lugano. 



Memorie dei piu antichi Miniatori eCalligrafi olivetani. 
Firenze-Settignano, 1903, pp. iio L. 1,00 



Luigi M. Perego. 

Guida illustrata di Monte Oliveto Maggiore. Siena, 
Tip. S. Bernardino (presso gli Editori a Monte Oliveto Maggiore), 
edizione di lusso, corredata di sessania tavole fototipiche di tutte 
le opere d' arte esistenti in quel monumento . . . . L. 4, 00