(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Biodiversity Heritage Library | Children's Library | Advanced Microdevices Manuals | Linear Circuits Manuals | Supertex Manuals | Sundry Manuals | Echelon Manuals | RCA Manuals | National Semiconductor Manuals | Hewlett Packard Manuals | Signetics Manuals | Fluke Manuals | Datel Manuals | Intersil Manuals | Zilog Manuals | Maxim Manuals | Dallas Semiconductor Manuals | Temperature Manuals | SGS Manuals | Quantum Electronics Manuals | STDBus Manuals | Texas Instruments Manuals | IBM Microsoft Manuals | Grammar Analysis | Harris Manuals | Arrow Manuals | Monolithic Memories Manuals | Intel Manuals | Fault Tolerance Manuals | Johns Hopkins University Commencement | PHOIBLE Online | International Rectifier Manuals | Rectifiers scrs Triacs Manuals | Standard Microsystems Manuals | Additional Collections | Control PID Fuzzy Logic Manuals | Densitron Manuals | Philips Manuals | The Andhra Pradesh Legislative Assembly Debates | Linear Technologies Manuals | Cermetek Manuals | Miscellaneous Manuals | Hitachi Manuals | The Video Box | Communication Manuals | Scenix Manuals | Motorola Manuals | Agilent Manuals
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Favole di Esopo frigio colla vita del medesimo tradotta ed ornata dal"

Google 



This is a digitai copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scannod by Google as pan of a project 

to make the world's books discoverablc online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legai copyright terni has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journcy from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prcvcnt abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automatcd querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-C ommercial use ofthefiles We designed Google Book Search for use by individuai, and we request that you use these files for 
personal, non-commerci al purposes. 

+ Refrain from automated querying Do noi send aulomated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogX'S "watermark" you see on each file is essential for informingpeopleabout this project andhelping them lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep il legai Whatever your use, remember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we cani offer guidance on whether any speciflc use of 
any speciflc book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps rcaders 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full icxi of this book on the web 

at |http : //books . google . com/| 



Google 



Informazioni su questo libro 



Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google 

nell'ambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo. 

Ha sopravvissuto abbastanza per non essere piti protetto dai diritti di copyriglit e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio è 

un libro che non è mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico 

dominio può variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono l'anello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico, 

culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire. 

Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio 

percorso dal libro, dall'editore originale alla biblioteca, per giungere fino a te. 

Linee guide per l'utilizzo 

Google è orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili. 
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro è oneroso, pertanto, per poter 
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire l'utilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa 
l'imposizione di restrizioni sull'invio di query automatizzate. 
Inoltre ti chiediamo di: 

+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo cotìcepiloGoogìcRiccrciì Liba per l'uso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo 
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali. 

+ Non inviare query auiomaiizzaie Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della 
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantità di testo, ti 
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo l'uso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto. 

+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file è essenziale per informare gli utenti su questo progetto 
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla. 

+ Fanne un uso legale Indipendentemente dall'udlizzo che ne farai, ricordati che è tua responsabilità accertati di fame un uso l^ale. Non 
dare per scontato che, poiché un libro è di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di 
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro è protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un 
determinato uso del libro è consentito. Non dare per scontato che poiché un libro compare in Google Ricerca Libri ciò significhi che può 
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe. 

Informazioni su Google Ricerca Libri 

La missione di Google è oiganizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e finibili. Google Ricerca Libri aiuta 
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed edito ri di raggiungere un pubblico più ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web 
nell'intero testo di questo libro da lhttp: //books. google, coral 






A3 

tL 

Iflf 



3 



F A V O L E 

D I 

ESOPO FRIGIO 

iXìuX^VtK DÉX MEDESIMO 
BAL SIGIfOR 

COi GIULIO XàNOI. 

NUOVA EDIZIONE 

■lUuitrKttt ridttté «>«A «tir* kt,itim.^ 
xtn aggiàiu» di tiMtt '»kr* 'WmtA _ 
■^M 'v«n -McctéiitMi Scriiwr*. 



tENEZIÀ 

col YIPI SI FRANCESCO ANDRCOL& 

1818. 
A Spetta Vegatìo di ìabtì tSCi^ftOa-^ 



-i 



\ . 



i 



VITA 



i> / 



ESOPO FRIGIO 



Prudente e facete Favola'pore . 



CAPITOLÒ L ■ 



M, 



olti furono quegli uomio]., i quali de* 
siderosi d* intendere i secreti , e la natura dd« 
le cose create > alla totale ed intrinseca cogm<^ 
2ione di quelle hanno con soinma diligenza 
tutt' i loro studj posti ed indirizzatr; poscia 
ciò che da loro tu inteso e conosciuto» agli 
altri maestrevolmente insegnando » con moke 
Iodi la scienza di qudl« discipline a' posteri 
scritta lasci ji^rono: ma Esopo avendo non sen« 
za grazia ed aspirazione divina dato oper^ 
alle erudenti e virtuose azioni umane» ideili 
e lodevoli costumi c«n la sinceriti dell' anime 
abbracciando , tutti gli altri filosofi , che nd* 
ie morali dottrine studiarono ^ di gran longa 
trapas-sò e vinse, i cui ammaestcamenti tonta 
più fusono facili e dilettevoli , quanto che egli 
non con diffìnizioni» non con argomenti e 
sillogismi mostrò il bene ed Ottimo vivere 
agli uomini > ma solo con belle parabole , ed 
utilissimi esempi , quello che^ ragionevole 
ed onesto fosse con molta utilità della con* 
versazione umana > amarevolmente insej^nava^ 
ed al bene operare gli uomini così gentilmente 
attraeva ed incitava, che . vergogna pwcva loto 

A * di 



4 VITA 

di non esser Vn^kftv Acfìì uccelli » ^e^a>drii* 
pccii.9 quali xón .morali finzioni mostra EsopO; 
agli ascoltaoti essersi -)d cer^o ìemyo con ra« 
gioDc e :paiclenza. givctià^ìi, donde altri s| 
son cla**i)cefentì pericoli . ed infortoo^ preserva» 
ti » ed altri nelle occonsiUi occasioai hannoxon 
pocn utilità :ed cmore^^conaeguiftQ. 



.CAP ITOLO II. 



A 



_ vjnido dtinqoe 'Esopo la scia filosofia > ce 
tuUo il .suo atudid posto solo ì)el prudente -e 
ottimQ vi Tcre. amano >TòIIe piutosto-con buo- 
ne opere» clie eòn\l« parole nlosofare; e, però 
le sue anioni e «bcumeofiérajRO.come un'im* 
ma§ine di ^uièila filosofia; chef ad una ben 
governata reppublica appartiene» il che nella 
narrazione della - vi ta siÌRÌ ampiamente pptrassi 
vedeff . £gli /ebbe origine da Amorio > luogo 
di quella ptoviocia « die Frigia Magna dice- 
▼a8Ì> e ijqpchii egli fosse, come yòllt la fo»* 
«tiina , per niolto tempo d' altrui servo e «chia- 
vo >'niM)dimeno fu sempre d'animo libero -e 
generoso ; .laonde pacmì -i}iicl detto di Pbtone 
QehGorgia sccitto-^scsr verissimo.: spesse voi* 
te aV'vinir rsuole » che le ieggi umane sono con- 
tracie alla oialura ; percioflcSc ella ad CBsopo 
dì^e r animo nobile, e gratode e lieto, ma 
le legf^ degli uonaini , sebben fecero i] suo 
corpo soggetto e scitìavoi non perciò potè la 
^ geitenvtà delF«animoi||uo in parte alcuna gua- 
^ **^* ,<iiii^ j^ipeiociié ,4)éncBà il corpo a van , vi- 

4t^àBmcu€&StchÈij^ ed in varj Juoghl pp- 

rie nlQD'Mà'* potè mai l'intelletto, ne 

^optà dana kua libera seggia ri movere , ni 

dUKin^ei^/^'ndbile natura ievatlo. Ma quan- 

to «gh jir'^ Itggiadra e bella mente, tanto 

A^ej^li di; corpo, sopra ogn' altro mortale ti 



^ 




D I E-3 0PCr^ ( 

Affòttnt e sgacbgito^ l^{i. él^ 41 ca^ Itt^t»^ 
ih guisa di z\ipc^, 4't«lf r^t^ 'q'fiisr a*^ fotte éé* 
me un mciUon^,» Il naso lirga^'.e"Scbiaeeìsio<y 
il colto- coc^o,^. Ci torto V e le 'hbbrtv moHq 
grosse^ tortscìate f efQ!oÀintì\ Vii^àUcdlóint'^ 
grò, onde egli £i:cbiaiiiatO' Esopo > cbe tinto 
vale, <j!?anto Etiopo,. e negro.. Aveva- gra»-. 
ventre, le ga^abe'' torte i e contraffate di cosi 
fatta .maniera , che- dóve -altre^ sogliono to- stia**-- 
co " avere 9 i ^i'^le • polpe teneva . Eia mostruo- 
samente gobÌFiOi e di statura piccolo ronde e* 
gli fu. tanto sproporzi'oaato > . e- mal* d (Sporto * 
della 'Persona, clie più? bruita e mosttaosadon» 
5Ì sarebbe potuto vedére > io ^ tanto <liei||i>alùii* 
q^e Inetto e: mài sfatto uomo a paragone idi lui 
sarebbe. stato bellissiiBo e^ grazìansttmO' g»u* 
dicato » e ipiello^ die-^id'di^CatèatO'^ il v^tac»*' 
T3 9 era Vessa €g}i fcitió^toi e tanto tardq 
a- potere séffflierlft lingua yvje-^<A)^diffi2Ìte ad 
espinraere-iina pa&obi , .coa^iaoi^- ^Sèzza > ed 
oscuriti 4i voce» cbe da luì'^ vai^UtoloLli^ 
&tfeo< eta^ ittoltQ poeai4iftMiwsi «. 



c A fitoe-O in. 



r 



^^^ utte ifueste mafie -'qualitè del €01^ 
pscev'a che degìnimeote avessero ad &opa Ik 
(crWrà appacoxlilata^. conciossiachiì^ essendo 
^I i «osi . osai '. dispofsto , t dì cosi ^ contraf&tta' 
r toxixsk eorpóraHira > . nxtraeott^ sarebbe s%ato> 
m. e^i avts^ potuto le reti d^i nojosa siir«** 
itir fiiCftte; mi )>iu, ixtaravig(ìoso miracofo 
Il -^ cbe to' uo 'cot}^ mostruosa e sproporziona^ 
o . organo ^corpòreo un tanto bello ^ e tanto 
BggÌ!f> > > tanto vléalè , t^ gentile animo vabitasse , 
aan to ^ché es^i^ fii sopra, a . tutti > |[li uomini^ 
*Tuéenti séato > ed ' astutissimo > e > di "bei ' |>ar- 
iti , e *^i sottili ioveozióni sbprammodo feli'* 



> V'f ^"lA' '^ . - . 

d^sìmb; ©ra essendo adunque' E^ò agliaf- 
trai servigi oBbHgat«y, 'é4 il pàciiroiie- Tedetido- 
io cosi mai fatto e mostruoso , gi udicandolo 
anco a tutti "i bisogni^ di casa iiwttissiaio, 
sÀisk zappa dest mollo . Sfatine a Sìppare i pò* 
deri saoì insieme cogU altri scbravi itiandoJlo; ; 
laonde con molla' di {Igttisa «appanfdo Jl^po^ 
allegramente s'a&ticsfva. Avvenne, cheil' pa- i 
dso'ne essendo un giorno alla' ^ilki usoifo per 1 
vedere come fossero bene t poderi suoi lavora- 
ti , (in contadino gii poftò- parecchi ' bei fìchi^ 
a^ presentare >. di cui U beltcaZJ :séndoglif pia- 
ciuta molto, diedegfi ad^ Agatopo ' soo servi- 
tore a serbare, inoponetìdogli , cbe come nel* 
hagno lavato si fosse, ( che tale era degli an- 
tieni costume ^ primi- del mangiare iavarsi^ 
tutto il corpo ) a tavola glie li recasse. La 
delicatezQui del brutto aceendera Tappetilo ad 
Agatopo di fare la credenza al- padrone, e la 
soavità., e la doiiosza lo spingevano a tome 
fàà d-'4in«. Alloiateéseadoi Esopo per gualche, 
aecessità^ a casa venato > parve ad. Agato]>o a^ 
▼<c buona occasione di poter di quei fichi 8a« 
zìarsi senza averne alcuna riprensione o castigo- 
dal padrone"; e perdio con un; suo Compagno ,, 
e come luf servitore^ consigliandosi disse $ ^ 
che ti pare, fratello j, di questi bei fichi ? ^uncy 
ne Jbp .gustato» che" a' Qiiei giorni non so; ave- 
^e U più. soave cosa mangiato ; mangiamoli^ 
è se il padrone li riccrcheBà>;noì :diferaò,cJie 
£sopo nascosamente ^li ha mangiati i il che 
avrà molto del verisimile,, perciocché egli oa 
ora in casa e venuto . Ne potrassi questa burl 

fia riprovare, perchè, egli e solo ,. «noi si ^ mal 
uè j ed egli, non sa , né. può parlase,, e qqì\ 
l?en beoe cicalando di patpie vin€$;temp, e p*»-/ 
ròaLsicucd possiamo mangiaci ^ Piacque ali 
©enipagno il partito,, ed all' esecuzione di cosi 
dolce impresa ambidue* ingordamente affetta- ^ 
^Qnw y onde essi'i fi<;tó. divorando,, con niolt^^ 

' t ai" 



. Dl/ESOP-O. / , 

tisa dicevano oli comb som buoni r^non nebec<' 
cUm già a quj»t^ fiata il padrone», che mai 
not> ci dà altro >:<fhc pane bencattivq> e pura 
acqii& iar bere , a<T^egnacÌié (|uatcbe volta qual- 
che osso spetato c0itte a' cani ci- lanci . Ora noi 
anco rofngiamQ del buono, ed alle spese del 
galante Esopo. O povero te>'0 sventurato y 
quante basse avrai, e pur tìoì avreiìip j fichi 
jnangiati ! Còsi va' il mondo, che altrt godo- 
no, e non ìiiiporta che altri abbiano il m^-' 
lanno e la mala ventura . A tua posta E^sopo, 
Tottaipo pure il destino, che poi ch'abbiamo' 
cominciato, cbepe l'opera fittì re. €ot^U pa- 
xo[e dicendo abbondavano loco le risa . 

C A P I T O L O . IV. 

iVJla come avvfentr -suole» che- dd inai £irif 
lungamente «tìón sì gioisce} ritornato che fu il 
-padrone dal bagfio> addrnìaildé, che se gli re» 
cassero inficili «> A Udrà Agatopa diss«; padro* 
ne, H> -.1^1 dirò pure il vero,. ermi? rincresce a 
-i.dirveto ! issopo se > gli hi tatti ttanguggiati , 
: ^^ivf ' soggiunse il coiiipagno : padrone > ve 
r hcf trovato io appuntar sul fine , e noo potè 
inegarlo .' Io quanto poiei > e seppi» lo ripresi; 
nia' le mi^ riprensioni nulla valsero. Ciò in* 
tendendo il padrone, tutto si accese d* ira , 
e fattolo. a se'chiiunate, disse: q arrogante é 
scelltfratt^, si poteavstioia' hai &tto di me*, è 
t€titto ardire* avesti , che tu abbi ?quci bei fichi 
' divorati, i quali con tanto desio- pensava di 
- godermeli .' va céSoy e bocchino da fichi r se 
ftt gli a^i^^i mangiiti, farottelt anco col fuo 
^ 'inai prò sfnaltire. Stavasi Esopo della novella 
'^tttonitoy nuila sapendo di eia che egli era 
r-iprésio, ne ppteva per V impedita Imgua ri- 
sipcndergii, ed il delitto negare . Gli accusato- 
ri non -potevano éeÓe parole del' padrone, e 
' della be& pet loro attagli , contenere le risa; 

A4 P^ 



f VITA. 

Pttt tmpfo, tjpì^^tKk^ oKgMo , ìL loto Èiktìó'. dis- 
s^iDubnrb |^ ioci^ìPaoo.il, StgiK;uf<s. a castigirlp s 
a*'cur iliadi stando. £sopo« ignudo-, per essere» 
hattii^o». prfgò.il 5tgiiof«> più eoa. gesti > (he. 
eoo parole ;,eiie volesse dalle battitiice soptas-. 
sedere^ al^^U^y.^xmowhè. bea> tosto faruli- 
cpnoscfr^^la. iupo^éiaa. st^». e conigli ocfbi ve- 
dete^ colui, che; i:.fichir mangiato a^ci»^. Fc(t. 
iniosM. li signore >. ed:" Esopo^alla ciKijoa^qrsea. 
4oiìdt ayctKto.an )r»$o di^<^<^ tc|>i{Ja. tpltQ>, 
U Joye era , il ; paitonc portolia » . r q?i ¥ i . alla, 
^iia. presenza jureii^òfle, ona^baoda. yiaiictata ber 
▼utoy c^^pps^k ie^dita^ j«i gob^pqstiosì , il .vo^ 
milo^ pioy otaifii ,, e>.noa^avepdoi aluo i o < cocpci. 
che l'ac^ aìloira £>eyuta ^ perciopchè ancora a« 
digiuno era >^ quella, sola^^cnìetta: e pura ribut- 
to, filori, d poscia, con ^ lotosi ceoni^i pregava 
U. signori,, che; parimente; a ^que' due acciisato- 
x'k /àc£S«ey/4.ella tjeuid* acqua . bere. Oa le egli^ 
parayiglktosii dell astuto partito^ d'Esopo» 
volle, cjic glìv^^ri.due servii cost. £tee$«cro »^ 
1 quali sì(cirzatanic8t<t. 1' ^tioq^s bertrlteto». Aiate 
dita di pòrsi in. gol-i, fii^endo- soUnàefklt pt£r 
[e vie dell^ mascelle. le diaie.na?anor Noi):«val-^. 
fé lóro quella malizia a^.cbcj poi- ck*,' ebbero. 1* 
acqua bevuta, e jqueljb negli- sKwQacbi; loro^ 
!Con i.^cKL digjaazzandost > e coottubandòsi , 
inossVper se stesi^ il- yomito grimdés.e di 
^òsi (atta mattieia, che senza fare allra.provok 
Cazione eoa hp dita j . i fichi > c|ic senza» nHisti-; 
carH,, divorati avevano ^, a)-', sig^re tu|ti renv 
dettero, intieri , il quale avendo, di qi^' servii 
>]Ori la malva^i^itì e la ^l$a accupzioné chiara? 
inent e coiiQsciata,^ delibero» che quel:* castiga, 
e pena, che ad Eisopo ordinato aveva , a quei* 
due bujgjiardiv golosi » ed inlodfli » ^r« voi te 
tanto fosse e meritevolmente dato ^.pe^cioQchè - 
avendo eglilno tre peccati adt ttm traiate* COfn-? 
. messi, r uno della gola, l'altco4^1ti« iafrdel*. 
ta> ed il terzo della, bugia e> f4$o. testi mo« 



pio. 



Di rs o p o^ ^^ 

aio> *ài cuiciino pscttcólar. d^ttov |ianl{colat 

CAPITO il o y. 

\|/uiit(Ji li conosce dueir «itieo detto iBsSjt' 
Veca.* Cidiwiqne ad^^liljH iqgaiiin te^c« ià se.<tei^ 
soanooRiviiaa pQcotflnaltf ordisca \ Il^egiséaté 
giorno ' tìUftnkto U nlgutotc ^ aàii cktk > ed E* 
50po-$ecoodp.-iÌ^S(to, polito orfficfo zapp.tndo^ i 
SACtféM^ ééli DtiTì' Diana- «rendo* errato là ^ia 
in mbdor> ciier. noti sapevano 'dÒY^.s'sHiidiffeto* 
ed incantatisi j^er*«>itè in - £!t0fn\fifce|;atonl6 > 
pec;à«iioc di Gioye^os|ittale) ette' 'raésfef n^ò* 
strar lóro fa tì4». chv aA\^ cittl*-li condàcesfe. 
Yoientf eri i ^rkpose ' fiko|^ , e come poti ine* 
gUo4;so9giàasefd4j 0ra£ta>, uommi dabbene i , 
qui presso $0tto I* 6mbca fresca < di .< <|uiri^' bett^ 
arbore -riposattri: alqhitnto >. Essi «^léntiefi^ ti 
pcksétò quivi ' a sedere , . perchè * dal ! fattrdio^ 
errare i e dal^ gran « calda - a(flitti ^ ioprammodo • 
eT5tjo. "Ésòpo.di quelle povere, ri valide >, eh* e* 
gli aveva^.con^acatta frésca di nna llm]4di^$9i' 
ma . fohtana d We aóro una^ moderata v colézio*.' 
ne 9 e'posci'a egK' stésso ^ aceomp^ftindllili > fu 
i6r. guida inaino al ^sentiero ^ . cbe - per - dimtQ 
alfa citrà Ic^, inviava . .1 sacerdoti « inolto nn*- 
£^aziafonO Esopo deli* 'amorevole > e liberal 
servigio , . e ' con., molta af&ziocter di cuore le 
mani aicìfelo innalzando pi?cgaiono * là Dea» e 
tuttr i . celèsti Numi , che per . rimunerazione* 
del liberale officio dell! òste j - e per aoddi'sfe- 
zionc ; dell* obbligò -loro i . dessero ad Eiopo . 
larga , e favorevole fortuna . Le <juaH pregfhw- 
rc ; furono benignamiente dagli Dei udite ed ac- 
cettate ■: Laonde ritornato /Esopo alia «capanna : 
sua, per U continu^fatica della .gipwiata, pre- 
so dal. sonno, posesi sult* erboso < l^tto a dor- 
mire . Quivi dcfrincndò , pgrvegU vedere , e 
seatire^ che b Fortuna gli sciogliesse la Im-^ 

A 5 6*** 



imt 



d?ua in paodo fale , che. speditamente egli pai* 
lasse, e poi gli dicesse: Esppo, né questa so*, 
la grazia di ben favellare gli Dei ti concedo-' 
nor ma aooò la ipièftza, :e* iti teèpretaz ione 
delle parabole , e degli enigmi , e V invenzione 
4elle '«Knfafk e priidenti nnzichù ti. donano . 
^yegliossii Eso^6 con TaHegrezzar, che, sentiva 
di qjielU vÌ5ÌQHe, dictndo ? Qh.come ^oaver 
4i),ent^ ho io dormito, e mi' pare aver fatto, 
'4 hel'SpgnQ! parmi .pur. sapere. bon parlare, mst 
dubj^aqdo gncora se ciò. vero fosse, diceva ; 
S^no io , o sono pur desto ? ho parergli oc- 
^V Sj^erti , e sp> che io non dormo, e favel-. 
lo, e. panni (»:a. sapere speditamente, dire; 
^ppa, bue , a^Hio, aratro . Certo .i^, cojnoswo 
donde tanto ben^ mi è venuto; credo non per 
?ltrp, ohe pejchìè sempre iki verso i focestieri. 
jnoItQ^aiàtatevqle.e pietoso, ©perciò a me^ 
spno stati; gli D«ì benigni: e fiivorevoli . V,e- 
f^mcnt:e il bene, opei^re è. di , balle ed^ ottime 
^peran.ze sempre pieno . Con tai parole Esopo. 
tuttQ giojosQ e, contanto allegramente tornos.' 
$^p alla stia fatica x t, cominciò a. zappare • 

C AP IT 01, Q V,L 

_ irveape poi, che il" fattore, il quale Ze-- 
na ch^amavasi, andando a rivedere come bene 
l#vpraVjar>q i- lavoraror i , a uno di quelli senza 
proposito , e sen^a aleuna cagione , diede di 
nwlte ed a«.pre busse, il che vedendo Esopo, 
awlitamcnte lo riprese dicendo : o uomo , per-, 
che t^psi aspriwnente batti. tu uno:, che non ha 
ingiur^iato persona alcuna, ne ha meritato di 
^scre battuto J E perchò crudelmente, affliggi, 
e tempesti tu ogjii giorno tutti così? Voglio- 
ad. pgni i^odo, che il padrone. lo sappia, e V 
Mte;ida .,Zena sentendo Esopo, il qual piima 
«kutPlo €fiy^ cosi bene e coraggiosamente, di. 




r.c. 



^ \ 



DI ESOPO.- . ri 

ft la tagion sua, tutto pìèn di' maèaviglii i 
di timore dì vende, e seco stesso diceva : 'óti, 
che Esopo è guarito del. balbutire, e può di- 
re, e ben.cspriiTjere j^ fitto suo, porto peri»- 
colo di Ron 'guadagnare più nulla, a^zi di es- 
sere castigato de' miei mali portamenti . Ma* 
io preverrò lui , ed anticiperò il tempo >. ac- 
cuserò priipa lui 2)1' signore, ch'egli me ac- 
cusi, acciocché della fattoria non venga pri- 
vato. E cosi detto, alla città ipviossi,. e ri- 
trovato il padróne , mostrando essere di malaf 
voglia , con visa turbato salUtollo . Colui su- 
bitamente dissegH: e che diavolo hai , che 
cosi turbato, e con visa cosi amaro ti veg-. 
go? Allora Zena di^se; signóre, nella posses* 
sione tua è avvenuto* un miracolo', anzi un 
mostro . E che , disse egli , forse qiialbhe asi- 
no , o cavallo ha partorito? o pur da qualche 
albero e nato un uomo? Non signore, rispo- 
se Zena > ma Esopo , il quale come sai , diffi- 
cilmente le parole esprimeva, oca speditamene 
re parla , e ragiona . Iddia non ti^ fàccia del 
bene, disse il padrone, poiché' tu stimi ciò 
essere- infortunio e mostro. Si certo , soggiun- 
se Zena., poiché egli dice cosi schicttamcn*- 
te male, e cosi arditamente ingiuria gli uOf 
mini , e gli Dei : m' ha e^li ben caricato di 
villanie s ma se tu sapessi il male , che di 
te dice , e le bestemmie sue contra gli Dei, 
certo parrebbeti un vero ed orrendo móstro , 
c-parrebbcti non meno della lingua, che del 
corpo mostruoso e spaventevole. Di ciò adi^ 
ratosi il padrone disse: Zena, io ti dono 
Esopo, e tè lo do in tuo potere e balia., or 
fa di lui quanto ti pfòce; vendilo, o donriló 
come meglio ti pare . Accettò volentieri il 
presente Zena , ed orgogliosamente fcct inten- 
dere ad Esopo il potere e la signoria, che 
sopra di. lui aveva.. A Cui^rispos* egli: io di 
ciò^-non mi curo , fa pur di questo corpo cio^ 

A- 6 cht 



r 



XX .V ita;. 

jf he si^, U tub voicfc » che^ oelT/UUipGtf nuA IHtt». 
le nop. hai ye;;u|ia.._ 



T ^ 



C A PlitO.LO; tri: 



N 



on ^^s^ftioiìQ t|9H^ gfonu, che. im.mce^ 
c^ante,,ii'4mal di ,^Qfnp^care cavalli ^ cercava 9. 

. c^pitò^a qofgila . pp^esnooe > . e .'ack&jn^fidòt. a. 
2ehao se. vi iqsse cawlq^ sjlcmio.» ciie,vèftder<r 

*vol^$s^::ris|y)fe>egIi 901^= mjstgli;, le<:i^ ilyeo^ 
dere c^vaUfl^nvi pii» upo- .schive v piacendogli, 
gH; Teadezebb^. Xolfc: U.^ iBf r^nte» -vt^detio , e 
veduto, eie l'.ebh^» noiv.potc:ìùio> tenere, le rv- . 
iXy . disseti onde, per^ Diot avesti , IaÌ j^ueftó^^^ani- 
piate A,cbe patKi>. v^^aniente avec sestp.di pignat- 
ta ? £^'eg6 uoqao ,., pyyer- uà, izoncp, di-valber» j 
Yec^mei;)^ .se.costuJL 0911 a^essq^,. noce ucnana».. 
crederei ,, clie ifosse un. otte gpa&ttot'i £ tu . 
per Ragióne, di' cG^estp-be^&tUe no* ikaj qui te* 
/ :^uto.? X'CGg^i.' cretto, voilla^ìe. si^llfe» e.. "prese, 

* il, suo can»4i>tno,. M4 £sppa;segu^nd!ploKdice^ 

l^gli: o^ uomo..dj^b^o^» aspetta .di grafìa jut^ 
poco • Il ficcante; cpi^^ visoi, rabbuffato ri^po^ 
«f >.yattcn(; allevf<Kcbe,,can mastino^ ^la pur 
r& ÈsQpo^ s^uifandolo con ««liiite : semb.i<inte ^ . 
ojc^va,» t deh . cosi. Iddio^ ti faccia ^^ bene» 
dfìniii^i di gras^if > a che sei. tu. qui /Tenuto \. 
Rispose. %%\i >. perr^romperat; qiuaìcbe cosa buor, 
iui,.oia.di te, perchè sei* guasto v^stro^j^ia-. 
to» e {(acido ). non ho. bisogna.. Esopo*,) che 
dalle. ns9ni. d>.q^c^.£lttore> uscir voleva t fa-- 
cev» pure istanza >, che lui comprasse >. di- 
ce.ndogli: non guaólare:, gefitil' uomo > óìt io- 
abbia il. corpo di^cotal; maniera-, fatto :.che i' 
jHiuno< i bellps^e bi^no» e. potrottianco fare 
di molti servigj . E come potrai tu giovarmi^ 



VI B S Ò p . i^ 

frisposéil miercataate. » ^ propriaiQe&te a^'; 
rpaio stesso . Ailom, £s|B^.(ÌUse: ascolùnai, 
se ti piace ».no.o iud tu,ia.casj|.£tìiciiitli,^cbe. 
piangono^ ^e.g^dàna , e., scherzando fa^QO JQm- . 
pre, tygaqUT di. quelli ^ìn mi tuti^edagqgpy 
cbc.pcpsaodp e^i ^ che icsla^ U9f.befa4ia> ..• 
la versila , fera ì(^o st9£e qmetl, ed : ulobir. 
dl^ptU. Il j mercatante > di ciò tidèndor^^ a Zc; 
Wk, v^^tatosl $1^: . e. quanto chiedi di qìie- 
sXp. brutliD va^slta.i Zieiur»^ il qtiale.apn meKp 
di lefarselo. dinauxi agii . occhia desiala «^^ che 
£Iso|K^« <ti^ tjptc^fi}:' tre danari >» rispose-. Il, 
xoytrcàRie sentafldo>di'a7err. a.^ &cc/ cpsl poca 
spesa* s4K>i50gfi*^ i . tre« dan^i; . diceo^oj;, $e : 
io : iK^iSj^eso nulla •.nulla anc^rho comperafo . 
Giunto . a-^ casa il .mercante , due fanciul^ ■, » 
qu^fi con la madre, erano rifaasti > corsero ad 
a&hcaciciirc il pactte» e;c-vc^to c}ve. ebfav^ E- 
so^Oy^ch^, dietro a lui in casa ne veniva , ii|« 
bitainentc fuggirono spaventati • Allora Esd« 
PO uil^njUBFcanre ■■ dista: . ecco v padrone* che ^iì, 
tu puoi vedere Te^tio della mia^, pr^kmissa . 
Di ciò ridendo^il^ iiMH^eatante» mostràndo.» ad 
£sop|^ gli altri :su?ischia.vi>j quali' in £itri- 
vcrenz:^ al , pad rone. . er^^ns i T alFcettat i , ., di^sse : 
questi sono, anco.essii mìei' servidoij > coinè :lu' 
séìi salatali» ed; abbracciali tutti:;^ ac^cchèda . 
loro < tu sii ben veduto ed accarezzato'. M? eS' 
9^. veduta quella strana ed orrenda., figura rima- 
sero, . pieni ^di maraviglia I fr a«lQr0..diceodo : o 
cjie.paspzia^ stata questa delnoStrg. padroiic^a 
compierare. cosL bru/tta e sPd^yent^^Rol; cos^ ? 
certo -qugich^imale umore, allora glii àwcpne;. 
ma come si./edc^> debbe averlo comparato in 
ly,ogo di scimia e per. cosa n^lfo ridicolosa * 



D. 



q A P I T © LO yiiL 



'0 pò. qualche spazio di tempo vofenJo il 
padrone in Asia cavalcare ^ comandò ai servi- 

do- 



*é4 , VITA;.. ,^ 

•ori suài , che le cose al viaggio àeccssarié 
apparecchiassero, ie^uali mentre eglino tra 
loro distribuivano, acciocché ciascuno il cari- 
co suo portasse ,. pregava Esopo ,. si* per Ja de- 
bolezt^e pìcciola statura del corpo suo, si 
anco per essere nuovo in casa , che di' dargli 
ìxn pesò leggiero in parte sua si contentassero ► 
Confcntayansi tutti, ch*^ egli nulla portasse, 'e 
vuotò se ne gis&e, ma volle Esopo, dicendo 
lion esser cosa giusta né ragionevole, che aF- 
faticaridosì ^ttr gli altri serri , egli senza 
qualche peso con loro n* andasse , e fosse inu- 
tile aj padrone, lacche s'accordarono tutti, 
che esso stèsso pigliasse quello che portare 
gli piacesse . Onde Esopo mirando , e ben con- 
siderando i sacchi, i vasi a fardelli', i cesti, 
e tutte Tailtre cose cBe recar il padrone vole- 
va, elesse in parte sua un gran cesto di pane, 
ii qual peso due gagliardi e valenti schiavi in- 
sieme portare dovevano , di che risero tutti , 
• vedendo, che il carico a due de^iutatb, egli 
solo portar volesse, e dicevano, certamente 
niuna cosa può essere più goffe , ne più stolta 
(ti questo vile sciagurato, il quale teste sup- 
plicava per il leggiero peso, ed egli ha tolto 
* -ai tutti il pili grave , ma è beìie da conten- 
tarlo) perchè ciò, che esso stesso s* ha eletto, 
quello stesso porti . Esopo caricatosi in sulle 
spalle il pesante cesto del pane , molto storce- 
vasi , e con gran fatica camminava , e spesso 
stava per cad'ere. Il mercante ciò vedendo , 
mcravigliossi assai, e deHa sciocchezza di lui 
ridendo, disse: poiché Esopo e cosi coraggio- 
so > e pronto alla fatica, parmi non aver male 
spesi i tre danari , i quali egli ha tiosto ben 
guadagnati > quaodo che porta il peso d* una 
buona soma . Approssi mandosi 1* ora del desi- 
nare.) e divertitosi il padrone fuori di stìada, 
sotto una ffèsca ombra posesi a sedere - -per 
«nangiare-; e ricreare con il- poca cibo i fatico- 
si. 



J? t a S O P O, cf 

al servi ; per jl ehe & comandato ad Esop^», 
che £icesse la distribuzióne det^ p^me > il quale 
egli largamente dlstttbàenddv e èssendovi mol- 
ti mangiatóri restòi ii presto più 9i mezzo vo* 
te, donde essendo it càrì co suo assai all»gge^- 
rito, se ne'^iva^ dopo diesinare molto pitì ga-$ 
gHaiJo e pili legger© . La sera poi avendo sf- 
milrpènte d^ta la- vettavaglii per la cena, il ce- 
sto resirà di tutto senza pane, talctóla seguen- 
te mittina^ molto per- tempo seguenéo- H suo* 
cammino, e - non avendo altro^ che il c^st&* 
voto a portare, innanzi a tutti' sfe ne giva can> 
minando, non altrimenti disposto, e leggiero^, 
che sbglia esser uno, il quale trattosi^lepiom* 
baie . scarpe-, ovvero disarmatosi entra a balio- 
se , o a saltare^ onde fu chi dubitava , s* egH. 
era Esopo, o pur un litro schiavo . Ma accor- 
tosi di lui, e £itta considerazione; del poco* 
peso, eh! ei. portava , con non poco sdegno» ma- 
ravigliandosi , che un CQsi gof!b omicciuotò 
fosse stato di loro tutti il più astuto e scal-. 
trito, quando che egli eletto 'aveva il carico 
del pane a portate , il quale tq^fk> si scemava, 
;na l'altre cose, le quali essi, portavano non e- 
.¥ano di natura^ e qualità tale che in cosi-poco 
tejmpo sì avessero a consumare : laonde i ser- 
vi, i quali pri'ma .Esopo beffeggiavano, rima- 
sero da lui burlati, ed- il padrone i* avvedi - 
nicaio d! Esopo lodandagli altri schiavi burlava. 



V 



€ A p tro L O IX. 



enne finalmente -il mercatante in Efeso , 
Là dove tutti i suoi schiavi, ecc€*to tre , ven- 
di con buon guadagno. Restarongli solamen- 
te un gsamatico , un cantore, ed Esopo, i 
quali per, meglio venderli, come un suo ami- 
co consigliato i* avea , condusse neU* isola dir 
Samo, e quivi per innalzare la mercanzia, ect 
in maggipr prezzo pojJa, vesti, di nuovo il; 



1^ -r r T K' 

jMma A» f ed U^ Q9ntor< ; tsa ^po,''^cl]é- 
4«i<l|Pj))rMt|p ef«» pUpo di laati (lir<>t|i« che 
Ja «jy^4m4^*o.xAj2£ejf|oa^^ si. polena « percBJi 
bello e gallile ]»a^$if>^.an2lseiidp.U bellezza 
^jielb diHòrgfiit^,f»o#tar<titaKa^beq4i4Qto 
piò 4Uci(HKÌQk egli, er»-» e confraìf&tfOy ^t^nto 
pia ligliìSpettajoà, pareva n^abUc^Io vo^iiin. 
l^\X3Lj^\ bulK>nex^ac€loccié*4!abito.fil&se alla 
disposizione^ dV^soap -conforme e.' eoo vebe vo- 
^ • In < fuetto «lodo ìt aificcMiJ3te ptodssse 
iPella.pijM^ i.>Fer$chÌ4?i per venderli ^ emise. 
Ssopo. in naejtza^dclgjpamatico^ edel.caut»- 
ìl^* Corr(p.y>i ognuno al^naoyo jypettacotb ,.eo- 
me gli uccelli itU pasto, vchno». e aaseiioo da 
jitàpor(»;p(eso. ri4&aaey«, dicepdo alcaoi;,Oh 
vcdf,. che-quoTO uccello 1 Altri : Qh., . che, ri- 
dicola bettiacciatcAltri: Qh.> che cootrafEitta 
posai Altri I vedi> che o/ribU mostra. Aliri: 
0\k^j/t che; ^unge^iìé . TÌ iQaDcÒAchi dlsse<gli 
4oyere es$«rc udq^. straoo ^^ioiaie. dalla ^rra 
p.rodc4tp ia gijii^a ditt»itafibiot. Esopo t.^uan- 
tuoq^e cÌQt»«^«'tdJ iui'dfeeyasi seotissQ». ed 
jotend^secjMilim^no -stivasi ardito» e. senza 
pu9to ^f99ttfsi prontamente mttando chius-. 
iiu9 luù g«4cdàYa.« Quivi capitò* Xanto filo- 
sofo. coQ'. molli suoi disoepoU \ . perciocché es*. 
so dli0ra^ abitava in Samo , la^ filosofia :pub«> 
t blicamenle* lei^eiyio ed insegnandos eaccocto-" 
si del^' astuzia del mercatsmte:» . disse loro : 
vedete . guanto sia quell* uooio astuto ? egli, ha 
posto Jl brù^b 4n jziezzQiper:pkraigOBe de" bel- 
iif.di.ctti Ja bfilkzza divien Hpiù^ rara» e'più^ 
mirabile pei h go^za. che di colui, dimo- 
strasi. £ cosi detto > appre^ossi Xanto al, 
cantore , e . addiiiKindato chi , . e d* bj^d^ egli 
/osse > e che cosa far sapesse « cispose^ essere 
di Cappadocia» e che sapeva ogni;: cosa ^e . 
Quivi disconciaraente ri^e Esopo , il. qua- 
le nel suo sgarbato ridere la bocca tanfo 
$quareÌ4t3| ed in così strano modo ritorta. 

ave- 



^eréTA >. eé' si- n^s<^ tafita'gtihzato > die tioo sa-^ 
l^evaoo Ic'persooe l*égii; ridt$se9.^o no,., beli 
conoscere y aazi?peit)savaoQixM»ltiS cife per qtUf* 
che mal accymtera¥TeBa|iEigli-».ro$t:fat:eaiaen*\ 
tCL attratto^ iLoa$o> esgao^ncnta la bocca aresw 
se. Noa sai>efkdat uomo^afeii^o delle sue torte.- 
lisa U ragi<H)ìe«.(kMaiia cia^aiKK peréhè 0gU 
ricks^f, iatclijherev p^;tl:cbe^ u9lo -'fittosi .< io^ 
iiai^l^ addimap(Mio s'ei Hc^tva» o<'i)o,, e te 
cagione (ie|l{?.MiC:CDst; fatte rìsa ..fisso 7M«d» 
sé: .Tac^lprcoi» mumky.t iSàiase eoloi bem|fw 
|^to> e tutto di tarnògftar pièno» 

^.O^ Ilota. Xdnto.av0icfe^atn]cieaot«. addcWart»- 
4lat(> qu^Qto.pMSUKXicgii -cbicdcva étl ciHftc^. 
xe », tispjpmicficfò egli , }mìk d^w d' argento» . 
4fche sono, oggi drca cento $cttdi di nòftfa 
moneta) volto le spalle Xanto:ed^appcos$im£h 
tosi ai <^ram^tkOi, ed àddittiaadsitogn :pari« 
mtatf. doivJUegK tm.R8to».e ebip fare sapete». 
rispoH.MScr di '{jiHiArv e saMr-^gni^ cosa 6- 
»rt e ^v^ aocift Esopo sgaa^bdpatafneiit«.rise»^ 
£ . dicendo imc^> tomt: co$i ride c$>stui ; rtspdt»- 
se ono dtgU.astantK ette ftftina la risposta di 

j»ariaa> addì mandane a, lui», perché. c<^ ride.. 
^L^nto pur volte' s»pece< dal mercatante p^ 
^Ip^ntorJl Grimatkojrefidèixd>lHr) ed^gli:tispo^ 
se S'Di cotesto» tre miià daoa» nt ▼oglio^( ciye 
iìirebbOBa. oggidì circa j09. scudi } onde il Pi- 
ll^ofo; Atih grandezza <Wl prezzo sdegnatosi*:». 
atfCBil alUP ditCL st partL 



GAr 



I 



i% VITA 

GAP-IT OLO XI. 



discepoli suoi -aiiltiitmiidaTidogH se qnt' due 
«cliiftvt gli erano pi'acmtii disse il' filòsofo r 
rcertàitiente mi |>iacqueró j nipa ìì decreto pror- 
4)iscè- il eofttperftre schiavò' di cosi gran- • p«*z- 
«o , e caro. Allora ubo scolare di^isc: se così 
À come ttt dici r*<*unque nulla legge- ti vieta 
'Comperare questo coniraffitto a^im^hccio, di 
-Ciri penso > cJife n*^ avrai' btteftì mercato , ^ ad 
ogni "modo tanto serriràtti atì brutto qiranto 
un bello . Gli altri discepoli , volendo persua- 
<Jer!o a faf quella compra soggiunsero: mae- 
stro , di grazia compralo , che noi per te i 
.dendri vogliamo oìra sborsare. Xanto^ alloia 
disse: 'per Dio-, sati» ben- questa cosa da ri*- 
.dere , che voi pagaste i danari , ed io |o Schia- 
vo avessi. Oltre di ciò la mia rtioglieruzza 
non sofftifebheda cosi mostruosa persona es- 
«er -servita.. Rispondendo i discepoli: si può 
fare, o Maestro, ' dissero, tìhe egli a lei non 
Jtrva> ma à te, ed agli- altri fuor.' Allora 
Xante disse r poiché cosi volete vediamo se 
sa fare cosa alcunay acciocché non gettiamo 
•via i danari; Ed accontatosi a^ Esopo di«se : 
«ra ^tlegrati. Ed egli a lui disse? eredi for- 
se ,cne' io sia malinconica? E Xaata segàcn- 
• do disse: Dìo ti salvi. B te attcot^ , rispose 
Esopo , Piacque h prontezza sua -^ef flspon^ 
derej e poi soggiunse XaMo . Qiial sci tu? 
^n negro , rispose Esopo . Non ad di mando 
ciò, disse Xanto, addi mando donde sei na- 
to? Ed' egli allora disse r Dal ventre delfa 
madre mia . Né ciò addimando , disse il fi: 
losofo: dico in che luogo nato sei^ Rispose 
Esopo: ciò non mi ha detto k madre mii, 
se in alto, ovvero in basso luogo io nasces- 
si. Risero tutti delle pronte e ècete risposte 
d'Esopo, a cui poscia addimandandò il filo- 



D&i fifa* o. . y^ 

s&lbr che cosa fare sapeva . NuF^a , rispose • 
Oh come,' filose Xant^, mfUa^ è pur troppo* 
poco. Ed egli aUora d«ser se questi miei 
compagai ^àono . ogni cesa * fare v* ^ me non 
IHiiìdo^: eglina. cosa' veruna iascMtf . Raddop«- 
plarono quiy^ le risi i discepoit, con ciò fos^ 
s^/co$achc gran dilettazione aviesi^ro preso di 
quelle pj^voli [risposte , e co ammenda vanfo^ 
•moltt^y. dicendo; per Dio, egli .ri$pond<^' mol;- 
,to aaviamei)t«, e bei^e;" veramente uomo alcu»- 
jio^non lè- che sappia, o^ni cosa farev e Xan* 
to poscia . addi maiKlandog li 7 se egli^ voljeya >. 
«he Jar<Jw»pexasse r a iwe ne c^iman^i ti ^ rr- 
. spose .Ksop& , ed io eia hai bisogno, che io< 
t-i c^igli^ é pttr quello, c|ie. meglio ti. vie* 
se: nKiQO,. cr/édO) ti sibrza a <^Qinperarmi> 
« perciò neli' arbitrio' t^o è posto il- far quesl» 
xDala sp^sa, o non la £ire> che se J!\^a vuoi, 
perché tanto cicahrie ^ di n:ie i^urlarti? I dr- 
^q>oli aUqcà' dicevano : certamente costui df- 
ce bene ,'e megiio pada^^el maestro nosltrc», 
e dì. [prontezza molici lo vince . Xanto poscia 
"cTìcendogH: : dimmi , se io ti* coni prò, ^fuggt- 
JU^ tu?, rispose Esopo: ì» se ciò vorrò f^ev 
Apfi;verrà:a te pec vcoasiglio, ne faro coere 
tu , che m* ad di mandi se comperane tu mi 
debba . Disse Xanto ; certon tu. ^dici benisst-^ 
j»o, soggii^nendb;.?!Oh tu sei* pW^brutto^ e 
schifo . Ed egli a lui *, Non deve mirare un 
filosofo le qualità, del viso, ni^ guardar be^ 
s^,i e considerare F aniixto, e la mente i. 



'Al 



CAPITO i>o,xrL 



^Uqra Xanto .ai? mercatante- a^cjossiene^ e^ 
^ddimaadogli : .quanto* vuoi tu ]di 'que$to tu<> 
Rfigto. e bruita sciiiavof? Tfeld- ^%\\ risposa y cre- 
do veramente j che tu «il jjal venuto^ per bar* 
^cmi , 9.^ pjef .vituperare^ la'ml^ n^^Jiwia , -eoa? 
«/9fiSÌaGesai;hè. ^ tll^ .la^c^^mlp^a pfìrte^' esprese- 



v^ V I 3r A . 

tando fltie' miei schiavi ». iuqfilivé* «i^e^cOro» 
pera^tU ^ooo xlegoi > > scegli qiieKO * bratHy , ed 
ineUo,clic #f ti pbecdi-qacidttec^^^arr, 
àuèsto taife, <|tt9Ìe^faii si sia t darotfÌHrtjopra 
ili prezzo r.doiÌM^ttdo«iroIeDtieri *i Ta scir in er- 
tola « .dicè.7£anto:.e Se t|L.vCK>iv^é€mi questi»- 
sck).) d^ '(|o^e^io lo cogif^rerò^ Rispose, ii 
narcaiaptè ^ per^e^saata d&niti tv puoi al tirtl 
appetito soddis&fe,. Aiiofar gli. scolari sena.) pia 
£r piroh subiUnveQte. ai- mer<anle. i i danari, 
mMmr^Loaoi e. c<)sl'Xa(^ s'.èhbe Esopo; Ma 
strido pervenuto aUloceccHie de*gabdljecrv cht: 
era stato veiidli^o una^sfihisvo se&za etf ei|[ii la 
j^lkllà pMig:<ta , dilìgratemeole - cerca vaco chi 
fesse il • vcoditore > exni Jci compratore.; ,E pei* 
^'l*j^llo^^ e l'altro stanasi quitto ^^tetncndd dr 
*jjftscrc pir li fni»de Castigato^ enon rispondtn» 
«).aku0à} E^sopo a'jgaibellieri ardrtameQtedi» 
se : chi fu v<f ndato , ..so» "io t^clàv m ht vendu- 
to egli e colui > e. chi aù■•conlperdJ'q.^c^'^^^'^ - 
nomo di . bene :- ora se colui nc^gfièra ti vendita» 
r^òstui là compra ,^u> sacò Iibero.da^J'àltnii ser* 
^ììà . Risero \ f. gsè^eUieri' > ed " ebll'erd tanta 
)>iacere di qaetdéttOi^ che donato a Xanto il- 
À>viito . alla gabella ^, se n'andarono, tenza. akm> 
licetcaftr. . 

CIA TITOLO XIIK. 




^ra gia.t'òra di nona» eeakio ftinéèi fvait* 

do ÌSsopo verso ^casa seguiva ilìsao nuovo pa-~ 
dtonej a cai scado > venuto t voglia di osWiaie,. 
senza punto firmarsi ,. camminando orinata. 
lia. qual cosa .^me. Esopov ebbe^ veduto » ap* 
prosumossi ' a , Xanto , . e ^ presolo^ per> la^ veste i , 
fècelo a se voltare ydicenao: pregoti ^ jiadfonei 
cbfi ti piaccia beo^ tosto svendermi , altri* 
menti io me ne fiiggiròv E perché? disse 
2Lanto> perciocché > rispose, tigli > io. non pò- 
• > Irei» 



_d 






^ìuì fcrvlre ed uft ^adronit -qiià fu sei, iìi 
ragioDc è cucita > che se'tuyVil^ìcitute sei lìbe^ 
to^ a: sagaci senza 4 tenere 'attuRo supttloce» 
noiriiixieixonon ricrei agiatanveritc fa oaturas 
ma orifii aodanìclo , -« ioipa^ziente di fi^rmarti ^ 
a me . po^d x^ x^mreirà fare ? Oredo > ^che se 
ta per -qualche tao servigio Aìi ^mandassi > e 
permaso aUoca la «laCara fiéhiedesvei *ck' ;o il 
• sovetéh«0 , peso éei ^9àtéti$csàc9$sì > credo » di* 
' CD , xiie isolando ini ^eòifrefrtBi^ cacare.. Risje 
di ciò Xanto, e disse'-s sappi , 'cbf' 'rdfe do 
lo schrtitt tre ÌQè0medt)^ora in i^'ukto modo 
orino. Desiderando ì>Iì«mo «K^ate avvedimen- 
to la dichiarazione»' segui Xamo : -il ^rimo in- 
coskedo^é,vchc *se io facessi qui ditt^ora» il 
soIe^^istempcertlibeaM '11 eervàloì Talrro^ 
che 11 gran calore della terra <m* alg^bmcierebbe 
i piedi) ed il lefzaéj'cheMi IrlnTHore dcììt 
orina offendereM^mi r odt^xfitd . 



e 



GAP I TO t O-^ XIV. 



». ^ 



commendo moko i^sojio la prudefi;B3 del 
suo psklronei ik ^uàJe:giiiArp a cass, non voÌ« 
le y che £$oi|jo «aflbra enfiale >' perciocché es- 
sendo la moglie si^a delicata > ambiziosa» e 
schifa y parevagM «che non dovesse tanta brut- 
tezza a lei si ^oslo "pilesate , se prima eoa 
qualche facexiat' accompagnata con piacevoti 
parole» èiiion avesse addolcito ed acconcio lo 
stomaco suo . Eeli adunque -entTàfo alla mo- 
glie» disse: or lodato -sia Iddio^ che tu con- 
sorte cara per lo 'innanzi non mi rimprovere- 
rai' i servigi ''delie (tue 'fanti e 'donzèlle, con- 
ciossiach^ io mno schiavo al mio servigio ab* 
bia. coni f erato ^'. del quale ne più bello, né 
piuv gentile si p&trebbe cedere giammai t 
■chiamasi Esopo »^e sta qui *fuori della porta ^ 
Le serventi a queste paròie -avevano le orec- 
'chìe dinzeate^ «rdlendo ciò esser ^vero, e fcB 

te» 



/ 



loro coTit,«>éetMi«>, '^juait <li lòti» ^e,bb&: U 
«aa innamoraU ,- é ^po^sC . La moglie ^t Xia« 
to, che forfc aitdìT^la vi feceya <Ìisegnó^ co^ 
^necHc Je cose belle )i tuttì.-fiacoiaao, vcriàe 
in grao desiderio dì veder lo-,- e risponciendo 
al marito > disse ^ se «com'pera^te hai <]ue5tQ 
tuo schiava, perche «op lo fai tu entrare ^ 
mentre mei ro' caro mi -è', che t« t'abbi pro^ 
cacciato persona che ti serva, acciocché le mie 
fantesche noa .siano ognora da te chiamate* a 
$ervirti<) fórse in cose èitieO'non molto a te 
convenienti ed oneste. Xanto disse a lei •] pia* 
cerni avere a questo tuo sospetto.» qualitunque 
indegno proveduto; è comandando tg^ìj che 
si facesse Esopo entrare, una #3nte piti de^le 
altre, corse veloce a chiamarlo ^ cotue che 
r essere la prima a farlo vetiìre in casa , fosse 
un augurio* 'buono , e quasi un* aria di- poter 
con suoi vezzi l' amor di l^ii- ^rocarare> 4>nd'' 
ella frettolosa ne osci fuori > chiamando il quo- 
tro e gentil s^rvo; Esopo fattosi intianzi dis« 
se : Eccomi . Ma elk vedendolo così disdon^ 
eia , mal fatto , e brutto , non credeva esser 
Io schiavo j .che il padrone «ompecato avesse > 
e disse : non ' dico a te , ma addimando 
un altro molto più bel giovane, che tu non 
sei . Hispose egli , altro Esopo, né altro schia^ 
yo di Xanto .è qui , che io solo , e pur or ora 
nammi coipperato, adunque io sono >pur quel* 
(o, che tu addi mandi . 



G 



CAPI TOLO XV. 



io vedendo Ja giovane tutta confusa, e 
d* orrore piena , come qualche orrenda e 'Spa-<A 
Tcntoyole cosa veduta avesse , soggiunse r 
^dunque tu sei Esopo'» quel bel servo di 
Xanto ? Q,ueÌIo stesso sono io , disse egli e 
come non ti pajo io forse un fante ?^ed ella» 
j^arendole esser ucccUdtaj >iitixossi-d€nti;ó, sc»v 
. •. co 



D I /ESOPO. aj. 

«a stessa dicendo? £* sii col malannp» .ck« 
ti cH:|' Iddio;- Un'altra serva mossa dal m^ e- 
Simo 4fsio di vedere queilfgfàn belila , usci 
Ibori j-« veduto £sopo«^ridò^: oii ciie >sil sgru- 
gnata, 'vedi cbe bel celEo di scimisàone. H^tf^s. 
pure a post^ tua^ ma a me oon ti approssimare • 



E, 



C A PIATOLO. XVI. 



intfAto :Esopo , alla padrdoa apprese^itossi» 
la<iquale còme ebbe «eduto tanta deformità..^ 
gamTML y tròvatEtsi del suo pei>$iero ingannatai 
fra lo sdegno e i* ira disse a Xanto . Consor- 
te, tu mi schernisti ,e donde irti hai t a con- 
dotto ^qaesto^ orrendo, mostro ! levamelo dìnati* 
zi: e COSI detto volte le spalle al servo, ed 
al padrone. Xanto ridendo pregava lei dolce- 
mente, che ella 110Q volesse vituperate il 'Suo; 
nuovo schiavo, né scacciarla via, prrcjoccbè 
una coi] rara e gran bruttezza ixm manco j 
marsvigliosa e dilettevole? , che «ia una grande 
e rara bellezza, dove la nato^ca ci dimostra il 
suo grandissimo e straordinario potere, che 
tanto pia-caro diceva, ti deve essere, o con- 
sorte, questo cosi contra&tto schiavo^^ quanto 
che oiostrerassi la t-ua bellezza per il suo para- 
gone più bella , più leggiadra , e più preziosa». 
La don^ nell'amaro della saa collera perseve-^ 
rando disset-orr tu mi vuoi pur mettere in &* 
losofìa ; io t' intendo a cenno ; tu vorresti pi- 
gliare un* altra donna > tanto ti sono in odio « 
Se tal desio ti viene , dimmelo arditamente , 
eh! io or*orauscirommene di casa tua se so be- 
ne) che tu hai intromesso questo viso di can 
mastÌBo, acciocch'io me ne vada e fugga, 
menicele necessario., che io > o egli se ne par- 
ta , non potendo io sofirìre da tale alocco , e 
da così mostruosa cosa essere servita . Voltos- 
si Xanto ad £sopo riprendendolo , che dianzi 
mentre che egli orinaTa , cosi prontamente par- 

. j- la- 



y%4 ir 1 T A 

%lo avT». oé OM éiit Ut demu i' lotiiirhiir»» 
««iiilla-^rtspo«d€sse.iEd Esopd tfissc tacile tuoi 
tu ^ -di* io 'iìcà 9 -«1 rftfdtonir ? giltaib ia tm ^^tffe* 
>zò . 'Quello detto «ti» uùscendo a XaogtQ.» -mt 
MfttieUlla k> tipiate# okaailQ:: tsip /funtrbo» 
^"^potlàlc siraettmA^ ' '«eDsi0Mii(cJir ^ pia tii me 
«tesso amo codtei . Adati^qe tli«se' Esopo , Xat»> 
to così gria'fiìbsdfc ie>Japu|bp«/^V^dSo da vi- 
le e sa^erb» fcmmio^Ua ^ u)i ogn'aift' uoiri» 
io «vm io cceoublQi iéi^U. qoil mài>: ^perciOo* 
«he T^aiooce di d^m» «d 41 filosòùren^ii «v- 
Ves^onò beoe ìosfemev aoti 'SdpoMnólto ìltTCe* 
s» e contrari . Rivoltato purefiiòpo ^màbat- 
siaysdi9$e :„ e . .tti,;^ 4ao4u^) .o fùCnoia» «otr^ 
stf» che' il filòsofo avcase no M|pQWMr«i«ii^ 
^ato di llioD DOTTO i eh? aiCàócch^ atte £aii>^ 
che del ..padrooe'^pplireMfeesse^ etcfiO!\^hefi^ 
Mie anco ^Qpo vcrgogoa-del -mmUy eh ? % co» 
si detto ,;gci4ò duaBunKloi EucìfMde Poetai» 
KurìfMde » verinedte Ja èocca tua fii deU' ore» 
vie più ]»reziosavquaQdo, dicesti qifediajdegoif* 
sima seoiénza : ^pra cosa A la tcià|»ti&tv del 
mare » ^pav^fiìtévole e l'ìmlKto d'^ùn 'ttpidy» 
&iiae> otf itale i.b^fiannitia deli' ardeste iisoco« 
e la povertà è ce») faticosa^ dura; Miui muxa. 
cosa i cosi mala , ^^$tìAra> e nojosa come è 
uiiaj£ds»s «'irai fimimloa; Ma.accioc^ tali 
paróle ' non >(bssefo illa donna di j«»lta aUcsa- 
aione cagi«iìe«fsq|ggiaa^» ^rons^ ciòsndii 
^issMo per té) ma beo oonsigiioti > esiadét^o 
con buona grazia tua» jfl]^ aendo^tu rocMlse di 
cosi taro» ed egre^fìo- absplba ima ^e bene 
farti servire da belli >. e delifiati .giovani , ac- 
ciocché non vengano le persone in mala opi- 
nione de fatti tuoii e tu sii cagione 9 che «Il 
tao nutito sia Aotsilo >' e SQM>stxato a 1iito« 



CA- 



'*> 



L 



€ AP I T-0 LO Xyil. 



_ dooQa cbjje ^er msAt quelle parole sag- 
gie d' EsopaMtia non potendo a qael(e sema 
^u«lch(e'^mo$lr37ioné- dì mal ànimo risponde- 
ft-, 'e cDRtriddite » firtse di nbn alterarsi > ma 
pigliare tatto va burla, e dis^e ridendo . Deh 
naf ito i9Ìo> poiché questo tuo bello schiavo 
ècosldotto e &ceto parlatore > lasciamelo in ca- 
sa : in fiè di Dio 9 che le paróle non gli si ' 
perdona in bocca , t eredo > che -quando tu sa- 
fai isKÌispostA« 'Tgii potrà per te supplire agli 
scobri*! e dare loro lezione:^ P^^ voglio con 
questo maoìgoldafcio riconaliarmi . Aanto ^ì 
ciò .allegro» voltatosi ^ad Ksopo, disse: ecco 
che k tua p^dfon» già H ha preso afièzione» 
e ti vuol bene. Certo JUxHspose Esopo, qua* 
si che sia molto diffidile cosa a placare una 
. donna.-) ed «ra inr «un- volere , ed ora in un' il** 
tro rivoltarla^ U padrone, a cui pareva Eso- 
po tropppliberamente parlai^ ,^h> riprese dicen* 
do: sta q^iieto^.che ie per servitore , non per 
jnaestr^ né per contraddicente hot ti comperato 

C A P ITOLO XVIH. 

Ma seguente di Xanto menatosi secò Esopo 
fuori di casa per trastilllo , in un giardino a 
comptPTare erbette andossene» le qtiali aveiido 
già r octolano «oltcs e date ad £sopo , vo^le 
Xanto pagarle, ma il giardiniero non accet- 
tando il pagamento , disse ; messere > io da le 
non voglio danari > m» invece di quelli, vor*-' 
rei solanaente , che tu mi dichìaraast un dub- 
bio » per ia cai soluzione mi stillo tutto '| di 
il x;erveilo • Volle Xanto intendere 4a questio- 
ne. Onde soggiunse J* -ortolano: che vuol di» 
re , che 1* erl^ eh' io semino > e pianto, qiian« 
twiQue siano diligeotemeste coUwate» wpM» 



%€ V IT A ' 

<doie» ioacqoandole» e da ogu Utah .cosa» 'At 
jnlQrno nasce. mofì4»ndo)ìe > :nQDduo6n0 oiesoo- 
2IO scalee j>m tardi <iii /queU'»«tbaccie'> le qua- 
li per se stesse -lai terra >sflDafa col torà .Alcuna 
produce? A questa i^iroposta^qmestione > beadtè 
air iotellige&za de*, filosofi appartenesse > non 
P^iò seppe Xanto dare .altra soluzione^ che 
dirgli: cosi.^'UGtie Iddio, xia sua divìsa prov- 
▼idenza . Jiise Ksopo di così. £tf ta risposta « e 
cosi fibardellatjunente- rise ^ che Xauto a lui 
xon non .poca .aoiarezsa di<cui>re disse^ io non so 
^e cotesti tuoi agrigni , -Slitto aàaltrone» pro- 
cedano da sciocche:^ > ovvero percbè tu mi 
ixuli . l!)soipo ^on potendo dalle risa contener» 
9Ì> rispose: perdonami, padrona che io già 
non rido de* casi ^tuòi-, ma òene ^ chi t*iia 
insegnato, ed ammaestrato > conciossiaché :sa« 
- per dovresti , clie ìt cause , Cjgii efietti , 4 <|fia- 
ji solamente dalla divina provvidenza procedo- 
no» xicercaDp d^igU uomini sa^gs pan tuoi .es- 
sere intese, e poscia agli altri insegnate; tli- 
chiaQoidole in qual ixsiodo , perché g«sì ruole, 
« fa Tjdta mente di Dio. Ma tai «ose basse 
a te non convengono» peiciò mi dà (* «^imo 
di saper meglio di te risolvere questo proble- 
ma » lasciami adunque accostai rispondere.^ 
xhe io pienamente .soddisiàrolio. 

£ A PITOiO "XIX. ^ 

XjLliotìa Xinto alPett0fan6di»se; amico mio» 
non è cosa onorevole a me, il qual soglio nelle 
«flcoele pubbliche disputare , ed insegnare , che 
ora -io stia qui nell'orto tuo a risolvere i dub« 
-hi tuoi, addintsknda adunque annesto mio schia* 
vo, il quale, perché ejgfti é di onolte coséin* 
tendente^ <ed assifi ben dotto, kveratti ogni 
scrupolo che ti fa dubitare, ir giérdrmero af 
fissati gU occhi in £sopo fii l^apito dalla tua 
caviglia » 'pateado^li^ 4iiimcoioy<he itti ^alé « 



1)1 KS.OPO. ^ 

émlo eonlraKif td «nimjltetio saf»es^- lenire > 
)Ni»locfaé HdtitMMdo ft sìktìaAoi Aq lo^siùpòre 
'^U ateva inf^iso y disse: e c#l«ito ¥i^ • di 
cotoniero contraffiitfd 'è etterato? ini^Kctfi 
^iiHa;^^fidisStma^ cte mai 'non potei iiltoinl- 
|>9irare> che àìtstppntC', t vangare r nla.t4i^ciea- 
xktonomiiDr, dimmi te ^aik dichr^fta^tonedet 
TAio viluppo } Disse altóta Esopo 21 lui : at- 
tendi fxossolano: se avviene, ch& wi' oòiho 
«maiitato abbia avuto figliuoli della mo^clie 
suftr ed 'élla poscia venuta- » ftiorte^, égli un' 

- altra fiata sì maTtti a4 ^itra donna -la quale 
^ parknente glr^accfa figliuoli^- qoesta feconda 

• niog^, dérfiglróoli, ch*elb a vri • partorito > 
> e viera ipadre( di Quelli che in casa del- ma^ 
•rito trova , e ^matrigna) 4>erò ella i suoi-pidi 

di questi teneramente ftiftì sempre; onde na* 
SC6> -eh' «Ila 'la molta d inerenza in allevarli» e 

- nodrttìi rvcoaciossiacfaé i' ^iffoi ' proprj '^dia^li 
f^oo gMndissimo ai»ote> e diligenza noari^eè » 

€ governa, e gli altiitr<fsc«faf-/':S&%i invidiosa» 

tn«fite4uol odiare t o ''bene spesso il cibo 'loro 

X 'diminuendo', e levandolo, età Ysuói 'figliuoIL 

^ixlfé tfifturalmente la dono»! proprj figlittùfi 

• ^«oB tutto- il cuore abbraccia > Jed ama,- e gli 
; altri non cura», come cosa aliena-, 'e forestie- 
ra* Cosi la t«fra« véfa madte di t^uélle l!ose^ 

-che ella y^r se stessa genera , e produce , e di 
queste, ehe tu senÀidi , e pianti Ì tiiatrigna^ 
ond' ella alle sue, coàie legittime, ''e proprie 
figliuole « dona tniglioc nutrii!toct)>^. , "cd olle da 
te pismtate, e s^mipate come^lien^) e bastar- 
de ^ non dà cosi buono, e nutriti f'o alimento. 
. Qatodi . avviene , che - più *tosÉo crescbop I-erbe, 
.'^fate Q;«turalmenfe per_ se stessala tetm prcklu*> 
*ce4 che quelle le 'qaali tu tal -^f^aando» e 
-piantando. Piacque questa risoluzione all' or« 
/toUno i e -motto gli éntro nel' capo^ e ringra- 
ziando Èsdpo^ /perdié egli P avei sei^liberiist» da 
. W,gca{i ì)HVó1ò;j('^ f li mollo icnif^ gW a- 



1% y ITA: 

ye^a la^oi^te tà il. cerrelio ieQi4to ansio,. edl 
ifttconstps disse: oc va? poetati i'ccbe in. do- 
no , e non «piamente qij(,e5te t ma di quanto 
nell'orto tengp , ogni volta,» che bisogno te 
ne sia,.vicnte4)e e pigliane sicaramente quanto 
ti piace» senza alcun pagameiito , non altjrinietv- 
%i 9 come se il giaxqino fosse tuo pr<^rio , e 
l^^icolare. Esopo accettata r.of&tta. deU* oc- 
tolanp T €ol suo padrone ritornossene a casa • 



D, 



CAPITOLO XX. 



^ 



^opo alcuni giorni Xanto vòletndo stufarsi » 
trovò per caso alcuniv amici fuori ijdla atufa, 
i quali» avendogli c^li invitati a far ,coq esso 
lui colezione , V invito volentieri accettarono . 
Il filosofo» chiamato Esopo per avvisarlo di 
quanto (gli av««a a face, contandogli , che 
cuocesse la lente: egli secondo il cpmandamen* 
ip del padrone itosene a casa» tolse un solo 
grano di lente» e quel pose a cuocere infuna 
^ran pjgnafta d' acq^ tutta pifna . Ritornata 
.poi Xanto a^saxon que'suoi convitati > trp* 
Yato £sopq> dissegìi in questo modo:- or che 
noi » '£so{K> » dall' acque del bagno» dacci a 
bere. Voile egli «dire; -or che noi siamo ve- 
nuti dal h^TiOy dacci a bere; ma volendo ..E- 
sopo insegnare al filosofo di ^tarlare chiara- 
unente > perché .quel detto gli .era jpaiuto.escu- 
.IO «. ed improprio » corse nella stun e .t^to un 
hvkOfk Szsicq di quelle lavature > che scolano» 
ed escono dal b3^no » portoile là al paidrooe > 
dicendo : ecco signore > or bevi quanto ti 
piace. Xanto. per il puzzo di ^<»elia Iracida-y 
e torbida acqua stomacatosi» clisse: domine» 
,i^e cosa è cotesto? Rispose Esopo: acqua 
,deì bagno» la qual»^ come tu mi dicesti, 
liotti recata. Di ciò grandemente adiratosi il 
^|iadroae> disse.:, col oial' anno> .^he ti dia Id- 
dio» gaglioffi) > ignorante» io non volli dire 

co* 



D I. E S OP O. ^ t> 

rosi). e non m'intendesti. Ed_ Esopo disse: 
parlami tu dunque chiatò, o padrone > e non 
liguratamèhte , se ' vuoi' èsser inteso^ Io* per / 

me non • -fui mai poeta, né oratore. Xanto • ' 

per' là presenza degli ornici suoi , rafltenò l' i- 
ra; Recossi poi ìt Hfosofe a sedare per volec 
risciacquarsi i piedi» psrò cornandogli > eh:; 
esortasse 'un catino di acqua • Ed egli portata 
quivi l'acqua, stavàsi tutto dritto sen^a alcu* 
na cosa fare . Xanto allora disse: che guardi 
tu dappocone, perchè non mi lavi tu? lo deb- 
bo ubbidirti , rispose Esopo , e ixit tanto 
quanto tu mi comandi . Dicestimi solamente 9 
che io portassi' un vaso di acqua ; ma non mi 
hai detto: reca l'acqua, lavami i piedi > asciu^ 
gameii , e poi calzami > ed aitre tali cose , che 
soglionsi per ordine comandare. Allora Xao* 
to agli amici suoi voltatosi, disse: mi pare 
aver un Aiàestro, e non un servidore comperato, - 



A 



CAPITOLO XXI. 



;^prossimatasi' talmente 1' òri deib cena 
il filosofo fece a' suoi convitati ut^a dicerìa 

• scusatoria , filosoficamente dicendo : sappiate , 
amici miei, che 4a frugalità ed il parco vive- 
re ftt^ sempre dagli liomitii-sa^gi lodato, cd»- 
cios'siachè ^ mangia per viver<&, e non si vive 
per mangiate > e Is natura -di ben poche cose 
contentasi» però sculato m'avrete % se oca da ìae 
Jajrgamentìe- non sarete trattati» ma ben p«isua« 
domi, che allegramente, 'e bastevolo^lenti» o^gi 
meco mangerete , quando che i veri armici 

• pienamente' soddis&nnosi' non delle vivande» 
- ma- del ^buoa amore y-« dell' allegìia del viso 

d<eiramièo, e deUa sincerità delF animo suo. 

-ria- voi^ amici ea«9sàmi, ora vi trovate a man* 

giare coit un vostro benevolo^ T aa&ma di cui 

. • qual Vevso voi «gli n^ sia > a voi deve essere 

' assai ben certO) e cOBOscioto. daremo adua* 

' B 3 que 



-> . •- t- 



q\ic ^àpwàént^ cóleeioùfi insieme » la ivti^ ^ 
fluiti dd dbi da parte lasciando; > e. tifilmsn- ' 
ity e ^aham^nte >. meco ^ce[ndo eolczìoac > ttn^- 
gentile» e. delicata itirnestrudla. di lente^ avrete >, 
posciir aibunfe: bupne firutta dalla nostra antica 
madre prodotte, d^Ibre >. che g^ate furono àgli 
uomini ndr aurea ^à.yi'v^enti. E cosi detta ^ 
atdditiùndò ad Esopo se * la lente, era còtta ; 
Ed. egli» che parte delb .diceria cfeK padróne 
avèfa sentita», seca^ diceva:: se. le parole ena* 
pis^co' il ventre alla brigata» qui si cenerebbe^ 
molto -bene. 'E ▼olen(fo chiarire il padione se 
la lente ibsse ben còtta > corse nella cucina , e 
tanto còl cucchi.aro, ricercò» e pesco che" quel; 
grano, dìiltnte^ venneli preso-», ec^ afe padrone: 
pottolto , il quale vedendolo tenero > e froHo » 
QÌs$es^ Qi:> reca a. mangiare:» che è cotta. Onde 
XantQ póstosi' co' suoi Convitati a. nienri ' a se* 
d^<rasj^.ttAV»i la. qsinestra» ma Esopo. ttc& 
ìotù ìt scodelle piene dì brodo senaià lente:- di 
che marafigliitosiOOintQ disse vconiefìoii pòrti; 
tu "scelleratp la; lente? Cui Esopo disse ::olr tà. 
Jt' iìài avuta , Che adunque » diìsse il filosbfo txn 
soìg>^ grana cuocesti > Utt solo y, tj spose , egli 
s^gi ungendo : non: ti ricorda padrone che- 
mei numero 'dc^ brciìo dicesti»:- cuocerai lanieri' [ 
%ét: che siis nel nnmero^dckpiù significante ^uàn* 
titi batuitte»; avessi" tletto: cuocerai ìt ientir. 
io tanfe -n^avrei coitto» che tutti iritireste. pie-' 
jDjinaentè saziati.. 

<CA.Pi TOt Or xxn: 




^01 risert^f cofruuti dicendo»; che* tfgli a- 
Veva ragione»' ed ir filosofo non sapendo dò; 
dna rispondete,, né che £iré'» Tentatosi agli a«- 
micia:, disse:' pèf Di«x costui mi yfvspk htt im^ 
pazÉire» è non espunto' dubbici» di^-.cliiié'di' 
corpQ stroppiato», egli anco non abbia T animo 
e. riritelisli€L qno&troc^ e sciocco. E poi ad* 



ni E STO PO, n 

Esopo volÌatosl> esseodosl peto prixna 4KXisEato 
appresso i convitati^ jdifse: accìcccfa£ io nìoa 
pap aver^. gii. amici miei befl^^giati ». yatleoe 
corrcod^Q a com ferale 4.. piecti dr porco, e fi 
che sjaao hen-accomcr e sta^ìon^ti* ^ st^biu- 
mente portaceli, io tavola » che npifra tanto» 
corv qualche cosetta bevèoidó un^ratto^ iotrat-* 
teneremod... À£ett&yau^^£SQpo al, cemaadtr 
roèntq del padrone, il qoale mentrr che ì piedi 
cuoe9irafi$l| per aver giusta: occasipae^ di bat« 
tcrlo >^ rubo' ano de* piedi ». essendo. £sop9 da 
cuciWassente i Egli poscia ritornalo, Y^ìfOr 
do uno dei' pìedL mancargli, s'avvidr^ <ht 
qualche trama gli si ordiva», al che pecjpto.* 
ved^e corse^ alia' staUà» dove per ptovisiòae 
£ casa. Jiutrì vasi .un pprco>.eda que^o tagliò^ 
un piede». il qnak.' pelata 9^ e beo netto, insie-^ 
me con fili ahci Ire pose 'a . cupcete ^ella pi*- 
gnatta ./Xanto temen^Io^ ch^ Esopo* doq^' ritioj 
vandb il conto suo se ne* fuggisse , peótitosl 
della, burla fatta. , il . piede tosta nella pignatta 
ximise, xlalla q^tale- cakindo Esopo la vivanda, 
per. addobbarla bene , e: portarla ia tavolày fro» 
tò> che vi. erano cifiqur piedi ,^ Allora soprae- 
gjaoto Xanto, di ci^; maravigliandosi, sgrido e 
aS opm&%sQB. cinque.? Coi Esopo disse, padro-r 
ne non sei ta aritmetico» dimmi y. due porci 
oijanti piedi.hanno egBiio ; ottor^, ripose' il -fr 
iosjpi^* Spggjmiìse il servo, cinque piedi sono 
qua- aentro V adunque il porco nost» con tr^ 
soli' s3L pasce. Il che trovando Xànto esser 
Tcro^ divenne tutto fmoro di' ooljteri» e pia 
tunto qiiànto«cher quegli' amici suoi- di'cotal 
biitladaUè risa mascè! bvaou»yq(ialr diceva 
egli t noli ve lo dissi io, che questo tristo m| 
£rebb« paxio al^tto ? Allocst Es<^ .^lis^e : tu 
smì» paorone» che ìa sol tcizio^e &tta' secando 
IcLi^k a^atitmeticare vera,^ e baqna.àdun^ 
qyie'ae'dr otto ne sottrecémo, cifique , tre soli 
rcsteraanp y perché . nel conta ,àiio noa v^ è er« 

B 4 ^^ 



N 



$t VITA ( 

rorc alcuno. Xaato in se-«tel;sd;^ molh» acHra^ 
ta era , ma conoscendo esser lui statò^ cagio- 
ne del nwlc , e che per volere jof annate Kso- 
pék era» 1* ingannò sopra, di lui rivoltato» a- 
cquetossi } naàssimanaente giudicando neo alwr 
lai giusta cagione di bastonarlo*» 



D. 



C A P l.T aLO XXIPP. 



uè gtomi è», poi uno de*~saoi discepolt- 
^ce al maestro > ed agli altri suoi condisce pofr 
una Urga>. e sontuosa cena, dalla quale avendo 
Xanto tolte .alcune delicate ^vivande» dledele 
ad £sppo>. dicendogli: vattene a casa, ed «r 
^iiella y che sopra ogni r al tra cosa sm ama , in 
nome tnio^ appresenfeal». Esopo quantunque 
r inten^JQOc del padrone avesse inteso , cioè 
che alla mpgliera il . presente &ce$se', nondi«- 
ineno ricprdandosi egli , che da principio* qiian-^ ^ 
tip. egli venne' in' casa da lei fu ingludato 
cercando scacciarlo di casa,, pensa pes Tendet- 
ta dejr ingiuria ricévuta £irle 4in dispettoVcbe 
sino a^ cuore L'afHiggesse . Giunto diicque- a 
casa lj)fopo> ed itosi alla padrona,: mostr«ilè 
quanto nella sporta recato aveva, di^erdoe 
iiiadorìna, queste delicate vivanda manda iltw» 
maritò. non a te» ma^ a quella che ' ^li; Vuol 
ì>ene,. ed à. quella, che cgva^ egli ha dettO'^ 
$òpr^ ogn altra cosa sonunamente T ama , o 
<osr detto chiamando lai qagnuola , la quale 
iiicèria. chiamavasi , a.lei:k ,vivandt, che por* 
tate aveva, diede, e fecendolè vezzi, diceva: 
togli , gentil Licena ,,naangia -, fedel Liccna , poi- 
che il- nostra pa(;Irone a te^' come a quella cbe 
lui caramente acni, sopjia osn*^ alna creatura , i' 
i^à mandate . Ritorna pot Esopo ai pailrooc t 
\ì quale' incontanente addini^dogli scegli av^ 
va- il presente fatto ,a quelli ^ che sopra ogn^ 
alt^a cosa ramava; ed egli a, lui rispose: ogni 
cosa io 4i.^dl a. qucBa . stessa , ^?Ic> nì^.pr€4 



pi tS'OfO. fi\ 

•Sietìle irtttltò mangio cori molto appetito. £ 
Xanto allora dis^r e che disse ella meu|re 
che tnangiàTa? A menulh disse > rispose Eso> 
*po, ma Hcn m*avtidi> che elb fra se stesser 
molto afi^ttuosfthienté rìngrariavati • Se la don- 
na ebbe per male. \ì presieate alla eagnuola &£• 
t0 9 agevol' cosa ìt lì coàgetturarro> «UUndo; 
che» come s^ intenderà poi, ella perciò usfi^ 
di casa del marito, eoa deliberazione di non 
-ntomarri mai' piiV . 



■R 



GAP I TO LO XXIV. 



.adunque là moglie di Xanto per cotal 
-cosa piena di sdégno, di còllera, e di^furprèy 
'Credendo che '1 consorte suo voleisse in queT 
modo notarla di pochissimo amore verso lui^ 
e. perciò egli piii di lei la eagnuola prezzasif> 
-donde ella ,' or anaj or un'altra còsa pensan- 
do , ritirassi in'caraeta^ dove si diede' (come 
è delle donne costiùiie') aniorametlte a piange- 
te . '£d' avendo fta se sfossa pia cose per ven- 
iletta pensaft> ^i deliberò da lui far.cuvorzic^ 
ed incontinente a casa del padrie ita sarebbe> 
9r IVin, la stizza, e la rabbia > per gridare > 
e sfogarsi col marito non T avesse ritenuta. 
Xanto con gii altri convitati alkgrameùte ce- 
nava, dove i secondo il' lor costume 1* uno f 
altro a bere invitandosi, 1' altro all' iwo qual^ 
che dubbio, ^e questione 'pròponè%*a • 1 



F 



CAPITO LO XXV. 



_„ u da uno de' convitati una questione pio- 
posta > per qual^cagione la pecora condotta ai 
macello, non grida, ed il porco guanto pid 
può, stride . Molti molté^, e vàrie ragioni 
dissero, le quali non soddisfacevano appieno. 
Rispose Esopo : la pecora, perché' ella e soll^ 
ti a essere tosata > e momia quaod» anoo t~ 

B s pr«* 



u 



^ft4 «penta mak' akttoo ,& che> le .àbhì* a mlerv^- 
iime^i. aniu crede elb, die ancoi' alloc». U dtb-> 
Iwno mungere , e tosace>.eL.|imiò un tal ;gio- 
vaotento^ as)»e£tando., stassi quieta senza dare. 
t»ni«Rlc|roU vQci« Ma il voroo, il quale nes-. 
«ano di auegli- utili ,^ e aÙet^voU h^n^&cy è 
4yyez(£o di riceyeie» anzi conosce, lai esser ia- 
gffatOt e V pasciuto per^ esser ^maogàatcH quando, 
^llt^ preso, e per i piedi legato 9 . meri te vol- 
^mente q.aanro più può grida,» e strida,^ 
pctsuadeodosrdi^ essere. allora alh. morte coti- 
jdotto. £ questa. soluzione. d*£iopa, iu anco^ 
«dagli ftCQlap eoo molto piacere commendataf . 

C A:P l T: LO XXVJ; 

inUa^ fiàalmente. la^cena^ 'Xanto ritornato m^ 
jB^ssL , yoUc- ( come,^ sovente sogliono, fare gli , 
aoiorevoli . marit i } con- b . mogiiera vezzps» 
mentp mQttjrggiare,\et scbenearej .ma. ella tutta 
piena, di cdiera^^coo molta fiòiezsca gli disse t 
lasciami stare coi tuo- inai* anno.^ ed a, me 
non ti approssimare ^.restituiscimi;, la, mia do- 
te; perciocchc: incasatutf né teco voglio abt« 
tare, e & poi, vezzi, e c:ì rezze, alla cagt^ol» 
qi^nto. ti piacele. ìa quale colante onori , e^pte- 
senti . Xanto di^ tali- parole ammiraton ì. né 
sapendo di' tant^ eoikta la cagione fra aest«s« 
so disse;: veramente questo Esopo «1 ha fiit- 
to Quak^ie bttrla. Nondimeap- volendo, dalla', 
moglfe -intendere dico^to furore > la cagiou 
pe-f le. disse sii q ^iionoa». arròsti '|brse come 
io.bew^? sei^tu fao£ di te« s^ssa > oh^ che 
parole son^ colente. tue 9. ch^ cagnuoU? «he ba^ 
je. son queste ? 4ioD ho^i-fo .mandato a te dinan^. 
zi; -un pirescnte- dK certe diUcatlssime vivan- 
de? Acme. tii^.^ tìsp(Me>la mogliev cosi-, ave»*' 
^ ìAvMUfxoom^ a. me Tbal tnand^le.: alb« 

•'- •» caci*' 



^ paKUie Si 

( Je son q 

A zi; -un. p 

^i de? ÌLI 



^ D r wsìorcr. ^ 

mgnxtfAs^ì le auotbsti^ e crédi toch'efia 
ti ami pia che aon ^ t' «oo^ ìo^ U'uité me» 
srentìirata metriirdiei nubi son^ io venst^! 
vedi rfilosofó ' «ciocco > didieiaco , . e. pasbo ) che 
più stima £i di una cagoaoià, che di ana'sua* 
doQiuHy e consorte V Non fess* io mài oa^ i ov- 
▼enl> la prioMK'Voka , che^ ia cfuMà àst eo» 
n»!-» V mi aversi sotto ' ii ooilò .^. Fórse ' che- hd * 
tolta .una moglie > che non sa ehi sia suo pa^ 
dre» -forse liiifm^haLtoKa in qtlaiche ospitilo» 
e^nrecD in biogo delle''disontste->'ch.e^ t&. mi 
paragoni' co^ ^na sporca' cs^na^? GfaeV^v^ef- 
si •riaprimi di qaesta città m'amcSriiino» e M^ 
serfiiriano pid* che volentieri v*B'. se à:' me pia* 
cesse '£ir delie Cose, che fanno le altre r or ba« 
sta . Sappi pur che: noa^ mi* mancheranno i 
modi» le^vie, e le occasioni. Ma io noa^son* 
di' quelle che forse tu pensi» uoma* ingrato # 
lioaio di poco- amove, e disleale; Aoanque 
mi sposasti per* odiarmi » e'tni levasti- di'cas^ 
al : padre mio ^ per istraziannil^ alla fé -di Dio», 
(he vfktf ne &rai tante ^ chMo ' sarò «sforzata ' a^ 

renderti , pane. per. focaccia? o;: va con i Dio « 

»■•••■• ' • ■ * 

CAPI TO LO XXVIf. 




Mo senleBda^Xanto' chiamò-' Esopo, e acE^ 
dim^indatogU a chi egli Le vivande date aves- 
se ,. rUpose .\ a oaella che. sommamente^ t'ama. 
Allora « Xwnto > disse alla . moglie : beff > corsie 
dici ta:iipn>; avere -avutd' cosa^ alcuna.^ Io ti 
dlFQO ) nuÙa ^ lispose ' U donna '> e trb ' > volte k> ^ 
dico.> né'aonó''ubbBaca> come- tu -sei •• Ksopò' 
v^ndo ^tanta -aitertztónev la q\s3le ei temeva» 
che eoQtraijdi 'se - stesso* con^ molla' suo * pre^ 
gfudUìo e-dannorsi' risolvesse» pensò, di ri- 
mediare al caso suo ) > deh suo fattooalle^ndo * 
^tialche-. spione i e eìasti&azione >' perdonili- . 

tèstogaiidóiil £lésofa> gli disse: padrone i ar< V 

B' ^i dm 



jf Y I T A ^ 

4Aì 1QÙ iiicc^ti tq,, che ia d^si quelle' vtT^m*. 
dQ.? iqd>egU a lui: a quella.» ch^ mi' ¥ho1 bo- 
^ » e.sofp-.Qgni alisa . ^sa. mi . ama .. Alloca 
.£ìi;oi)o <hkii9ata la cagoipla, disie:. quesla i 
)^aella> o padcone, che ti., tuqì, h^nes q pUi„ 
^ clae. qitt^nque al^r^ fcèatuca veramente -a- 
ma. B^> che eia, sia il veroy la es>»eij$nza Ip 
xitmif^tf a ;L<oosideca » cl^e^ b. donqa quantunque 
dipa. d*. amacti v i)pQdimea9 per ogni mi^iQji 
cos^Ua^'Che tìqù sia a suQ modo &Ua., si 
<;orruccia , si gitt(^. vÌ9 > Sjiìania , grida » s' inr 
diavola , e iKmarito vrllaneggi^d^» pare pro^ 
^riamente, la tempesta % Hnalnsipnte minacciai 
yoIersV 4^ Jui partire . V^ questa cagnoplina^ 
se 1$ gndt, se la. -batti >. se la scacci via^ 
sj;assi umile» qiù^ta.» né perciò. lascia di . v;a^ 
lerti, beae» n^jL d^Qeotlcatasi .tosto, delle bat- 
t^ure, se. la"^ chi^aini a^. te» incontanente -ne 
.yi^nè, e con la coda àn^òteyQloì^Dtev £@stegr 
glandoli mostra il suo vero* e. fedele ancore» 
e pj?rò^ :mi pwe aver tsdtq , e^. e$c|[DÌt;o quel- 
lo .che pepaiole tge m*,hannp si^ni^ta: era 
adi^qi^e . necessario ]> se. vo^^vl ch'io alia p^ 
dròna recassi il presente^» che avessi detto: 

|>igiia, ^ V9^, ^ ^}^ iP9!?lÌP'. M^..tu sola.-^ 
«ente Bicestimi : datai queste vivande a quel-. 
la che sopra ogni altra cosa mi ama: il '•thf 
^nji^veji: fattp> ed..a4empiatp. 

• q API TOL O XXVIII, 

jLXlk>xa il; filosofi) I &,cui -patve- h giusti'', 
^c^ione di Esopo buona» ed essere- ìx%. 
ragione ben foodata, diss^; aUa mpgHe. Ora 
tu pt^oi vjpdeire, copsor^ cara<^. che, h.. colpa. 
iK>dr e mhi> ma dt ^ue^to, nostro s<rv,i<lore^ 
tioppo so^tictf , e, troppo delle parole osser- 
vatoi;£ , e semplice esecutore . Ptiegoti. adua-. 
q[tie à4 avQiéi eoo^e io hp , anfora pazienza .;. 



^Itòkta-qoeslo. errore per- amor mbyì^-lU 
li prandio ]KC il bene che. ti vòflió^ coch 
la ptìma. occasione 9 cbe-mi^i poigedimpotctk>' 
xagionevolintiile battere , ricordbcgii hitti'gli 
errori , e iutt«. (e.burl&y ch'tgli'Ci £a &tto . tot 
doon»^ come cfac-inpUe>sdno, che ^filanto* più « 
son pK;c|^e> Unto^più. inasàmscooo, edfincEu- 
«Uli^ooQ} a«titìata« edt iAcredda se.neuscldi> 
casa, ber boj^tand^ , .o^ inàIed<cefìdo(> edf.a w^u 
4el padce aiyiossQpe con frettoloso pa^so»* 

A GÀB fcT 0>La XXJXk 

J^is^e allora Esopo: o .padrone > non ^te fo> 
4ÌÌ8s'iQ'r die molto piiktì ama- h cs^oHola che . 
I9 moglie tua f Xanta» dopa alcuni di > vedeft* 
do> .che h donna nel^ collera perseverava > là 
.qual CDcd&Ta pur.» che-I tempo scemai do vesse*> 
<;^icp^ per- tjfttte quelle Ties e modi, eh» potè 
q seppe migliaci di £it'SÌ > gJx ella sì disponesse 
a luì ritornare. Ma odo valsero i» mezzani, non 
valsero i^prieghi^ ni. valsero i .. presenti , che 
benché e^t o . le avesser alcuni suDÌ;:parenti mian- 
dato. con. doni, e conrpromesscgrondi • nondi- 
meno ella del (i torso parola s^ti» non voll^ 
pedocchè stavasi il iilosofo mAUncootco^ * ai- 
JUUp> sconsolato > tanto che .egli piti. di; mot- 
ta, che di viyo sombiante av^va. h* qo^osa*. 
veggendo^Esapo» e tenendo, che*l^ padrone 
pjerciò, in^ qualchci strano umore» ed iadi&ol- 
tpsa infermità non cades^> ebbe del suc^ do^ 
lore naj^, e compassione» onde volle cooscdar- 
I9 e .da.tai>ta,.molestia Jeyailo:^ dicendo.. Ri- 
creati orn^, signorimio^.né^ pigliar più lun- 
. gp afhiyio/, né: voler cosi, lungamuits corruc- 
^ciacti; ai)z| sta uaft 4i huQoa voglia, p«rcioc- 
. cti^ ip voglio^ ao p^i mpdo dacotanta»tiia«n--. 
4«ta> e cordoglio libcnrti;, e C farò in tftl nx>- 
4c>.c^fiLla>^^oct<^ tu^ftt se Slessa 9 «.senaui^x 



N 



frieglìi 1 ftattt t<;co rttomrà bon toUn^ièd. 
«igitspbiDcnte di voler torte un' allr» moglie ^ 
e; del resto, lascia la cau< ad Esopo. E cosi 
detto tobe. egli dsoàri fami quaaCi:A £ir un bel. 
convito erano bastevdi . er subitamente ófiiilos^- 
Jone .iiv. piaziut >' laddove con&però eappoai , cir- 
ae» picciooi, e £igiàm >« ed altre cosead iinj 
g>t^vito^h3stevoli^,..e nceessarte, e tutta quelta' 
rolla in più volterà casa portando» passara 
sempre avanti la porta. della casa,- nella i^iaie- 
jesa la moglie. dJL Xaoto, iiafeQdo«noii sapere», 
eli* ella ivi abitasse. Taote sate ^11 passò che- 
gli venne pur una volfea: ad uoo di cotestacasa 
incontrato / a cai-addlmandò Esopo s' egli per, 
bttoaa^ sorte avesse cosa, obc comoda (osse pel* 
onorar, un pajo di nozze , . pagandolo volesse - 
aci;pBiodargiiene I ch^egli glfene avrebbe obbit^ 
go, e gli farebbe buon, pagamento. Rispose, 
colui 2 io vi penserò -un poco, e se vt;sari co«>- 
sa al proposito «tuo , > volenfdo il padrone i . té 
ne aceomodero V volentieri : ma dinmi ,- chi .è 
queiruomo .fiAbbeiie » .iL qual ba-'dti &r nozze ? ^ 
Prontamente mpose Esopo r oji tu noi sai ì ' 
egli è^Xanto filòsofo mto 'padrone, il quale 
d<»po .dimani debbe. sposare una bella , >e geo» 
tiie» e galante donna, e eoa essa lei consuma^^ 
re il matrimonio'. Qio sentendo colui corset 
subito a dar avviso -dt ciò ìà scasa alla- mo-%>. 
gliera di Xanto : onde. ella modksa da ■ invìdia',, 
e. gelosia, prestamente^ seoz'allro btc , né di«' 
re>'ntornossene:a casa<del marito^ a cui hììs* 
se.eUar e tu .adaqque» iieir;uoraot« vorresti 
torre. uà' altra moglie ah? per- lutti ^ li Dei tr^ 
giuro 9 che mentre io sarò viva ^ altra dònna , 
che. me non piglierai-, né con.. altra, se tanto ^ 
potrò i ti .co£Ì<aerai ^ Xaoto allora lei abbrair^. 
cip, e con '€iò. cordialissimamente fu Ira toro 
la pace, fitta • .Cosi : adunque la moglieradi . 
Xanto^^perboiMia^pora. di Esopo >riiiQBnò a.^ 

stask 



D R B:S:OFa. . %. 
totoe^ot: marito, come anco per h imtla ^bi 
« ^fftVa. essa dal mxito £itto^p»rteiiaa^ • 

CAP ITiOLQi XXX.. 



F. 



Msatì alianti-; giorni , Xànto còOvito-*Lv 
suoi discs^poli , t- pcfìciò> ccRnandò ad Esopo», 
.«ilie>'CQiitpcasse le migliori carni', che- trovar 
potesse.» e si sforzasse^ fiM^gli onore. Egji dt/ 
hi il com^ndameotbsu^ si> offerse pfotftaiii.eii- 
tcL^.InyifftDst addo^ue Esopo^ai mercato i séob^ 
sitesso diceva , .per Dìo , Xanto, die ti conver* 
jià uscire da cotesti tu?icoiii9hdaaiieAti) epa*, 
roje. generali 9 ed insegneiotti saper* chiarafflcn- 
tC) , e . di.stittta-mente comandare . €dit»però ìù- 
sepo>an gran numero di jittgafSy né altra caf*- 
ae, ne altra cosa, ;(;be lingue po&t^ da cucita 
narq > e quelle in di vessi modi apparecchiò de^ 
licatissimamentc . Venuta l'ora di desinare V 
£ jiQ|}o . a ciaspunot de* con vi tat i pòrt ò aila Awf 
gaa arrostiita>i.coo. un., soanre intingolo , di sa- . 
¥pr^- Questa <vìyattda per antipasto fa^ da' di- 
scepoli^ assai cigmmendata ,^ persuadendosi essi i 
ciòvaver In^-sr misterio, e ntbs^fica significa» 
^ove ., conciossiaciiè« le iinguèisén -quelle, 
per cui sV esprimono t concetti anVani^^ P^)>* 
ppk'Esopo^recòvlorp lingae lessate, e ^i iin** 
gue in guazzetto ;'' e p^rse«e^nd<> tempre a 
postar lingue f.benchè^veramente cotte ed ad- 
dobb^Ue^f l'ConTÌt^ti; fastidii» di- vedersi sem- 
pre^ innanzi^ un medésimo - cibo portare,' dìsse^- 
ro^ e quando mai < av):<tn'. fine ^ toteste- Kàgàe^ 
le qiuai noi ma^slieando , abbiimd ormai kf 
luftlré proprie lingue^ stracch:^> e - toasumate } - 
AlTocav. X^jtito disse adf/.< Esopo t or- dimmi ,' . 
iud. altro ; tu . oggi mai a dàrciv^kejli.iiguc x E* 
cIk. vorresti tu di* megljo? ri^poaè-egS. Sog- 
giunse iiv filosofo tutto turbato, non ti dissi. 
io brutto poltrone , che tu dovessi comp?ra-v 
se Ic: 'migliori , e le più scelte carni » che tror. ^ 

vj«^- 



4» VITA 

Var si potésioiD ? Pu^ ^glt essere» c&eniUQ'air- 
tra cosa ttt abi»a trovato odia ciui migliore' 
4t} queste lingue ? Io, ris>pose Esopo , boh avrei 
.per mÌQ. giuidkiot potuto ttom cosa migliore r 
piacemi) cite alla presenza di cotesti uom- 
Jii. sap<ili « «« da bene ta mi' rtpceadb» accioc- 
4ihèrsiea> giudici -se. tttiiai ragione 4i sgridarmi, 
e se io ahhia «seguito il coaiaodameoto tito^« 
jDimmi (jli gcazia >. padrone > trovasi nel mondo 
xosa migliore , ne piò degna, ne più utile rO<^ 
,,più AobUe delia lingua ? Ogni dottrina , ogni 
^te 9 ogai scienza , la. fiosofia» col mezzo del> 
Id lingua fissi aperta , e chiara • Non è <os3 A 
xii^iTe., e- di si roeza materia che mediante 
JU lingua, non si Àccia £ieile ,. Incida > graziosa^, 
.e compr^nsi2>ile ; senza lei* non &i può piem»* 
mente soddisfere al dare, ed al 'rieevere ; per 
Jei si /anno i gludizj , le salatazioni > e le bé- 
xwdìzionl i, con essa lei si» cantano i poemi , e 
jk Muse si. celebrano ; da lei* procede ogni bel- 
Ja. armonia, per lei i^mttrtmonj , e le nozze > 
e^ qualunque .altro, accordo «i^conchi adona,* e le 
citta si edificano, per la gran forza e virtù sua 
salvansi gli uomini > ed unisconsi e dilettevoi* 
mente conversano insieme» e per dire il iìAtó 
hre.ven>eQte » tutta la vita tmian^? e civile,* è 
dal bene della lingsa governata , « sostenuta ^ 
Non.< adunque cosa; nei mondo 'migliore de!« 
la lingua . Laonde parmi averti pienamente ob* 
bedito, perciocché- carne migliore, ne. più pr e* 
^Qsa. non. poteva io comperare -■, che lingue . 
Fec .queste ragioni, da Esopo prudentemeot» 
Regate, giudtc^ono gli scolari, ch'egli dice^ 
va bfsne»' editerà la cagione dal canto- suo > e 
«hci il maestro loro il torto avesse . Finito ii 
desinare,; ciascuno pcD q«ieUo afi&rc , -che pi^* 
l^ì premeva » partissi . • 



GA; 



I 



DI ESOPO. 
CAPITOLO XXXI^ 



i df ssgaentc ▼enuti i difc^poli a Xafitò , e 
del desinar passato hurlevolìHénte con e<s» 
kir ragìonandb, dkerano in fìivoie di Ksd- 
fOt € lui accusavano , che tal fosse stattia' sui 
mvcfuuona, d<t £ir fiiosoHcamebte.con sigtiil^ 
castone e misteK) il desiaare tuttodì iingtici. 
e ck* credevano, ciirieparote diliìsopo j det- 
te- in su» c^foassone ( fossero da Xanlo inse^ 
guate f ed . in cotal inedd avesse H 'cenvitO' 
xoncertato , Ma Xanto ciò negando, ed es-sem 
alnioienteafEèf mando:' crediate |>ur, diss'egli^ 
ch«,Qon è stata naiainvenzìonìe, ma beo c&.^ 
fptrocedoto dalla oiftiìzia > etcistiMa d^i^sopov 
ài cui se conosceste -voi' lo ingegno, come I» 
conosco io , non avreste di me cotale opiaiò^ 
ne > e spero di levarvi di cotal< credenza • l» 
«ondanaandomi primamente nelle spese, db- 
lovvi da cena, e ^ui alla presenza vostra paf» 
ieròad Esopo di cosi fatta maniera, che gIL 
£^0^ mutare propositi »* e vivande.. 



■V^i 



CAPUTOLO XXXIl 



ut adunale chtannlo Ksopo cornandogli», 
«he venendo ì medesimi cavitati a cenafecoik 
esso lui > ei' non più comperasse le migliori», 
e più presse ca»oi, ma^ecasse le pia- catti* 
ve , e più- vili , eh* ei Uovac potasse. . Sog^ 
giunse unv d^e' discépoli i ma vedi che non »t*- 
no fracide > o di qu»lch$ strano e stomacoso 
animale . Ciò s intende > disse Xantp , e cosi 
iiraì Esopo. Non duyt^^e > disi- e^i > che loè^ 
più, né meno fero di ciò che dayvoi mi vfen 
comandato. A-ndossene E^pòyjta -appiivcchia* 
xe la cena ^ ne mtitò^ puiitp yivanciej ma send» 
pre diede lor lingue a mangiare , benché di varj 
aóimaU>c Yqti;im^ntecott^ioascrQ. Idiscepo- 



^ VI T A; 

li,, e Xaoto veggeadQ noa^ayer altro a censcr- 
che luigiie* stugpivj^o coprif '^ sf ryo non kvcsse 
punto mutato a cibi» peosando m che modp^. 
eg{i potrei^sl Sfasare. Mientre aclu(K}4|c Eso- 
po xecav3 loro uà ^ a azzitto di lingue > Xaoto . 
a lui disse: 4 che x:o«a équesta,' che. vuoi 
dir, mascalzone» che nop dai^se non i(Rg^e>. 
come se. 10- ti av^ù CQmaadvito>>- c6e tu cam*, 
perassi le migliori ,6 ie. più scelte cj^roi 4eÌ(; 
jnpndo> anzi tatto il coi^i^ario. juptfc^ cornane- 
da|o ? À iuL rispose Eip^<yi sigtiote „ di gra-^ 
zia nop vogliàta corruccianrìf. Non sapete voi 
se CQsx.ael niondo si pup« trovar piiV cattiva »<.' 
pia maligna » .0 più velenosa duella lingua . Di- 
f^mi^ padrone, e^ siano questi i vostri saggi 
discepoli giudici, perle cattiva iioguc. non sii 
ammaazno gii upmint;r/non. si distruggoQ le 
città ', ,d«lle'fdise Ijngue non poceqonlecbugie^ 
le Ivstemmie». i giuramenti ialai * •dalle pcssi»- ^ 
me ru>gU9 non. vengono i rammarichi , e le ma** . 
llsdizi^nì i* eoa .k. lingue: non si Ì4)(terrompQoa ì'>i 
ji^trimonj:i ed in disordine ne va ogni biioi^. 
accordo > e.pa<ei,ie m^e Ungue non ^^ fono ^, 
feoo^ cagione di rovinare Je Provincie» ì ^jS^ì^r^, 
e- noo' iT}ertoiia»iL mQtido^^ott9sapr<9? K per ^ 
CDiichiuderla / dalL' cattive lingue nascono tt-[ 
malevolenze» gli odj> i iancpri»'le dlssensio-» 
f»>Je que;»iioni» le gucrre,Je iufl^» e fiaalr.- 
mente t.utt^ gli orrori che. io questa moria!' 
luta £fa gli uomini accadono". Aduoqfie panai . 
avervi dato-M pi|i cattisv» e Ut^à vi} iranier 
tk^ si.' possa tr<Hr<are> e {«cmi avera- ubbiditi»^ 
ai vostro coaiandame^tD'» . 



CAPITOLO^ Xxxnt 

^ j^anto »;dYTegnache L discepoli $an dicetsof 
m> ck'e^« avev3i.il storio di farbsm ccm< 
£^«P09 ir quale- coji buone ragioiù* ottima-'. 

moA^ di&ndaY»; 3. fiato «uim. ncmlamio. sta^ 



X 



^lASlk 



pi ESOP«. ^f.- 

Tasi* méto ardiratT> , parenii^ogU per • es9<»rc 
dsrl*' SQO schiiivò boriato V perciiè und de^ 
astanH disse, eot està tuo seryiclpre-» o Xan*- 
to', se noti ptgH partito accasi tuoi, certamcn- ' 
te £iratti. impazzire .A cai risponnendo. Eso- 
po : ' eK tti mi' patì , disse, tro)ipo curióso', - 
Tòleodofi pigliare gl'impacci, e le calie ^ the: 
nati tt toccano, esenxj proposito alcuno ,' fuor- 
di tagìone inciti', e stimoli contea di me li 
padrone. Allóra Xantodesideroso di aver occa- 
sione) di bastare ben bene Esopo, dis^er taci^. 
fuggitivo , e. trovami un uomo che non sia pun^ - 
io curioso, e- menamelo qui in casa, altri men« 
ti^e bastonate conterai a duCya.due, comete' 
oerese che si danno a' faaciuUi . Eisopo f altro? 
gi«mó<<li'titten'\)ra ttscilo di casa pensando al 
caso, e al còmaBdamenlo del padrone conside- * 
ran'ló, aadossetie in piaasa, laddove per buòna, 
pezza mirando le pejcsone, che passavano,, eie* 
^ali 3 se con dili^nasi rrs'guardbVnno; final- 
mente gir venne veduto un certo omaccio , il 
quale- iongamcnte sopra ttn«, certa pietra sner- 
va con VISO' tutto- di« ^«por pièno , e rimenaa- 
do> mia e la le gdiiilier>.<:òn uno sbarbato gru- 
gno fischiava'.. Laonde Esopo*, e per l'abito, e* 
i>cr la- grossa eftgié del viso di colui', eper'ii/ 
luE^0- sedere quivi, dimenando lègansdjci seo" 
« odrsi a ficcenda. aloicift». giudicò eh' ei (bgsé* 
I10IBO' motto odióso,- e spensierato ; sicché gi« 
losene a lui , disse.* o vientette > che il padion 
«io t'invita* a desiiiaer seco. Il «gJìofBicdo 
sen2a« addimatidar • altro , né- eKi fosse^'il suo' 
padrone , né dover egli abitasse , ni yierchè , né. 
per- come 1* invitasse , ri zzUosi segui. Esopo, >, 
e con esso lai entro, in ^càsi, dóve senza salu- 
tare alcuno e senza lavarsi le mini , o piedi , 
aiéseat^ a< ae^e a tavola . IL filosofe»» avendo, 
ad{Hm4mdaW>> chi' Ibsse- coliut, rispose l£soix>^,; 
egli è^un^omo che non è punto curioso • Al- 
lóra X^UìtòaUa moglie apipressatosf , di secrato^ 

4k- 



44 -V I ,T A 

disse: consorte Cara, per ramor*, ch'io ti poe 
to, jpfegoti sii contenta fare ora quello, cn' tó 
ti diro senzi còntraddizi!bne abetina , acciocchc 
io possa vendicarmi di questo tristo 'ghiotto- 
ne, e delle burle, che ci fa lutto il giorno. 
Ella , che di ciò era vaga , e desiderósa , rispo-^ 
se: marito mio, comanda pur. quello che ti 
piace, che ad ogni tao comandamento sarò 
prontissima, pur che io possa una vòlta vedere 
questo mostro ribaldo ben battuto, e ben can- 
tico di bastone. Xanto adunque '^la moglie 
impose , che recasse dell' acqua , ed i piedi la- 
vasse a quei forestiero , credendo , che per mo- 
destia o per vergogna ricusar dovesse, lasciar- 
si i piedi lavare dalla padrona di casa; ed al- 
lora avesse egli ragionevole occasione di batte- 
re Esopo', perché colui fosse io qualche parte 
curioso in non lasciarsi^ dalla moglie sua lavare. 



E, 



CAPITOLO XXXIV: 



fifa adunque prepanta di eseguir quello 
che *1 marito le aveva detto , tolse T acqua *, 
ed accostata al forestiero , disse : ' buon ' uo- 
mo , metti qua dentro i piedi ch'io voglio 
lavarteli . Egli avvegnaché conoscesse ella es- 
ser la moglie di Xanto, nondimeno penso , 
ch^ ella o per costume , o per piacere , o p<s 
carità volesse • lavargii i piedi , perchè altea- 
mente tal ofHzio alle ^tesche dato avrebbe, fé 
gambe, ed 4 piedi le porse, e disse: or lava 
quanto ti piare. Lavato ch'egli ben fu., ed 
afTciotto, ritornosaene senza esser chramato -v 
tavola a sedere , ed allora Xanto ' lo invito >a 
betel e comandò, che gii ÌQ%it un biccfaìtr 
pieno portato; e quantunque eocfume ibsfe 
de* ben creati non* prima bese,* che'l padMìe 
di casa bevuto avesse ,- nondimeno spensieta* 
to , tante cerimonie ^non otrando, beve ntot- 
to bene > aaco ste^p dicendo : a lor posta , 

•ia 



DI ESOPO, 4.y 

la <l^oi^ Yolta > che mi ^arà poetalo a ^bere t 
poti farà lor vergogna» ^.voterò .il bkohierè.. 
Dppo essendogli posto innanzi upa ^dtiicata 
vivanda > ben cotta > e bene stagionata > egli a 
pieoe. aia^celie mangiava» anzi .divoi^aiva. Ma 
ijLanto gridava col cuoco '^ fingendo di. volerlo 
battere > perchè quel cibo fos^e xxwl cottp» 
troppo salato.» e fra tanto mirava se' colui 
fpDtsaf&cesse alcuno movimento in ajuto del 
ic.uQco > ma egli, a capo chino trangugiando # 
cosi nell'animo suo discorr^v^, : egli è pur 
buona questa minestra, ^e il padrone vuol 
battere lo schiavo suo a torto.,, che importa 
a me ? Àccia egli , io pur attenderò a levar- 
mi la fanae . Xaoto , vedendo che il suo di* 
sogno di batter Esopo non gli . veniva fatto » 
perciocché quello p^picchione di «uUa gufava-* 
si« uè domandare] né sapere alcuna casa vo« 
leva, molto fra se stesso crucciavasi : essen- 
do finalmente una torta /portata in tavola, il 
^n vitato > come se ancora manicato non aves- 
se > non {iltrimenti a quella avventpssi , che 
&uole un affamato lupo ad uno^imaxtito agnel* 
io aTventars^i* . ' • \ , 

^ e A TP 1 T L XXXV. 

^^ul volle Xanto un' altra volta provaie st 
il uisegnp suo riuscire gli poetesse» e finse adir 
piarsi > riprendendo il femajo, nel cui (prQO 
.e^a cotta la torta, ed egli portata l'aveva;^ 
^xcbè senza. mele e senz^ pepe composta fdsr 
«e : e -rispondendo il firnajo : messere se el« 
Jji è cruda, e nyd cotta, castigami ; ma 
-^r* dia .è mal -fritta , e mal eoniuosta , ri- 
jirettdi la consorte tua y la quale l' iia in . que- 
jfta^ mo^o fritta;, allora Xanto -disse: se qae- 
t^ errore liaU mia moglie commesso, vor 
^iola viva ahbmciaBe.Cosl dicendo accen* 
nq^ji'lei^ che di ciò non si turbasse, e dissi- 
ma- 



jfn alasse ' T ìfiten^s saa . A vende Xisiiila ^atle 
, }>orl«U« Bt)l nl«i2o déUa-ctftte no monte, di -6^ 
,sci D&>' ed itvqueUe "acceso il liioco > * httwx seoH 
4^afite di' -^straseinare quivi per -4bfza> ia >iixo- 
ng 1 iera 9 4a quailé si -d ied e a , lagri riiace > pecc)onb 
al Pietri te '-c^deack>^ eda}4lto./ e soccorso al 
.testiere % U .^uale do|>o 1* aversi - ^^ppato .piil 
-di s^a pacle della torta > rizzatosi énafmeiite 
la pkdi , lira; se ^stesso dicieva^ oh die t«ri- 
i>ile anifDale è- costui l ma %ecia egli queBo 
^t?b« viiolc ch*-4a sto beae per una^pa^ga'» seti» 
-tomi bene consolato il ventre i ^ lipiena^la 
pancia.' Jl filosofa^ coaae v«He -da tavola le- 
\ate^cl- cojfo beo ìsatollo y vcime in ispe»- 
- rafiza.» eh* egli volesse impedirlo •, o ^tcg*r- 
lo , che* cessasse dajlo inceixlio , > quatido che 
la doima tutta'via iridava., ed innalzava le vo- 
ci- > pietà chiedendo al coosorte suo» ed* ai 
forestière soccorso. Ma egli , voltatosi «final- 
.mente a Xanto» disse: messcr se pur- toì 
wBÌudicate , che Sia Jsene <iì abbruciate la 
moglie vostra > vi fngO', che piacendovi , 
, aspettate :tadto> eh* io -^iàà pervia mia; ao* 
ciocché amcndueisi, abbrucino insieme > e co- 
si sentendo. Xanto, & della tra^curaggtne di 
quel babbuasso cliiatito } . e tion tpotendo )»ei 
quelle parole conrener le risa , voltandosi ad 
Esopo? ti) sèi pure, dtss^egli , sempre vft^- 
rioso'. Al-iiae,' ei mi conviene per mia > e 
tua. pace- la làiertà dornarti } perché cosi tu 
,«0Q sarai ad altro importune,- e Erstidioso^ 
:«Ì k> da -altri -sarò «con i»a^ior riverenza 
*'ser-vko-. 

- rC A P IT O L O XXXVL . ". 

jLjLvvcnne .poscia , che Xanta volendo gi^ 
'Te alla 'stufa , impose * ad .^£sopo .the '^»Sse a 
vcdac se vi etano assai Hioiìeùiti/i «fac miao* 

do 

1;» .r ; 



; PI Esoi>o. ^ 

•do Jdoiì rifossero «moìti egfì andrebbe a It- 
^Tm»i. £glf mentre «he i 'pacasi - af&ettaVa al 
-comandamento del ^dróne^ inco&trossx iiet"^ 
podestarili ^uale perché conobbe lui <'s^r 
:seiTÌdore 'del flosofe addimandogli - dove le 
ne. gira, volendo pia oltre di Xanto interro- 
^rc . Ma egli ^^uendo Ja • prestezca ^el ne- 
goaG^.suo per non eAteare la mohe paroie,«é 
esser impeaito dell' affir suo» al' quale era in- 
csmiAiioato, rispose: io non so; e voltate le 
spiUe ali* affidale senea aspettak^e tltre^ irfterror 
gazioai , ratto se ne giva al suo viaggio . If 
podestà persuadendosi che egli av^esse diftto 
» bugia», e parendogli che con poca Yr^erenza, 
.e poco -oROiv dett' officxo*rìsposto avesse, 'feddo 
' pigliare dagli sbirri > a'^uafì impose > che Jo iitr* 
prigionasscio.. Laonde Esopo gridando dissfr: 
4Besser lo podestà , pregovi ;4ion mi Ceciate 
tetto t non vedete voi , ch'io ho dòtta laniera 
verità 9 conciossiaché già non sapeva io d'aver- 
vi ad iatentrare , e fuor di mia opinione e^se* 
re in prigione condotto i adunque -risposi io 
bene> non «sapere certo, dove ioi »ine n'andassi» 
« perciò non dissi b^gia. 11 Podeì^à per to- 
^al (kceta rispósta pesdonogli Vesicve della pò- 
«a rtVetensfia, e dopo xJH! aver oómitkendata 'la 
«pronUiza sua , comandò die fosse rilasciato al 
>siio caiknntnoi'^osl Esopo pesvenne alta* sta* 
"£i y nella quale erano ^^olte persone. Ma : per- 
dio ne(^>mez£o della porta -era piasta una pie- 
tM-, nella .quale tutti quelli^ che ptravàno , 
' ite uscivano intoppavano ^ e cade vado in ^tet- 
ra , vedendo Esopo nessuno di quelU aVer^én-^ 
to avvedimento, che quella pi^ra levar "SiH 
pesse, con ^moltè *rìsa considerava la dappo- 
caggine ioro . Pure uno al fine entrando nel 
bagno, per non cadere levò la pietra, ed in 
'altvo itfogo trasporterà. Il che vedenrc^' Eso- 
- ^po giudli^ò quel solo fra tutte «quelle |iersotie 
'^Y«c «ner rJMMMnaWi uomo, f ^li aitn y per- 



/ 



4» VITA / 

^ne dì poco vtckte) e inaaco discorso ; c^efr- 
ciò citornato a XantOy dissegli: se vuoi la- 
varti, D padrone, Del hagno lio. veduto iìa 
sol' uomo . Xanto presta4[iieDte andosseae Ì4 dor 
ve era la stufa», ed ivi aitiiinentì di :qiii£lIo 
che pensava , ia molti tudine delle persone ,ve- 
de&do , disse ad ìllsppp ; Oh come > apnt .mi 
dicevi id ., cke qui avevi uo sol' uomo ypkitqi-i 
e ce ne sono osa tanti 4 £gli e vero> rispose 
£so.po , e parmi anco la verità averti detta ,^ 
e cfédo, che tu sendo filbsoia e saputo, ^iu-, 
d4cherai esser il vero. Vedi In quella pietra, 
ta in quel cantone? ella era posta od bel^nez-y 
za dell* entrata, in tal guisa che tutti sCi^o-f 
ra, i quali io vidi entrare, ed uscixe, intopn 
pavane in quella , né mai alcuno ebbe tanto 
di vedere, né dì sapere^ che per non cadere 
la levasse , e però colui so^o > che prima che 
inciampasse , e traspòrtoHa là dove tu la vedi 
ora stare > .giudicai tra questa moltitudine es- 
sere uomo, però pare vami un sol' avervi vedu* 
to, quando che veramente uomini sono quél* 
li,-cne^Ii accidenti, che gli possono ofFende^ 
Te., sanno pre vedere .Xanto allora avendo con- 
fermato il detto suo, disse: veramente £gli 
non è , né fu ,. credo , né sarà giammai . uom^ 
tanto accorto, ingegnoso» e prudente > quanto, 
^ è il mio Esopo . 

CAPITOLÒ XXXVII. 

A^n giorno poi, avvenne » che Xaoto 
con Esopo giva per diporto in un ^giardi- 
no passeggiando, e quivi seodosi egli dalla 
m9tecia\grossa del ventre suo scaricatoi ed 
a quella avendo poi data ^po sguarda, addi*» 
jnandò ad issopo p^r qual cagione gli uomi- 
ni i , quando in lao^o aperto, ed ^Ua scoperta 
JKanno il ^rave ^ pev> del cotpo fuosi manda* 
^o > ^ sogliono comunemente a quello » «he 

fica- 



D I ^srbp ù. '^ 

una occhiata . Rispòse Esopo : dirottelo na. 
drone. 4Ne* tem^JÌ passati accadde, che' um 
p^tsàns la quale sul luojo dèi necessario al« 
lo'Kgìartiénto far lunga dimora* diletta va« , ivi 
*flhta uha feta diittorÒ , ctic gTi uscirooo le 
ludclk, ed il cuòre. Là qual cosa" sendosi di- 
Vilgata , e temendo gli altri uoiiiini di uq so- 
ttì gliaiite Caso, adocchiano li piil dell^ yolle 
levvAdbsl da quel necéswfio negozio*, che eo^ ' 
saWal ventre loro tlà Uscita. Ma tu, p^^dro* 
«e, soggiunse c^i, d4 ciò non temer pUotor 
perciocché non ihrèndo tu cuore, se ben le bw 
delle te ne' uscissero , non perciò morresti 
perché 'potrèbbon-i^ef la medesima vla^ che in 
ter CQHiC icr crédo; * ^ ampia ^' larga, rimet» 



tcrtì . 



tJ A P I T L XXXVÌII, 

*•• '•.■••• 

arfii^^n'cqquesta bella sentenza di Esopo , 
ed 1«ve0z?6fìè Vtohtegte sottile , ingegnosa , e ' 
degna -di màrartgfta . Trovandosi Xanto co'suol 
di^epon ^ri Ufi convito ,' e quivi come se Tósse 
loro crosttfme, Invitandosi r linfartiio a vota- 
re ì pieni btcdhiìrti , e secondo il cohsueto loro 
proponendosi dtfbb) , e questioni ," vide Esopo 
j^ lo disprd'arè , ;^ per il cildb fumo del vi- 
no, che-^à^éppo f Cervelli riscaldava, che ' 
Xanto a turb;ir&i incpmindavaì perlocché dfssc * 
eriir padrptie,'io vi'rtcprdO esser necessario, 
che il vioof acciocché notì levi altrui il Vedé- 
re, 'C T -sapete) 'abbia tre tempcra'rtiefiti : il 
prìmo m piacere Mh tròh : \l ^econdb della 
uMwhchèfczà; il terzo ^ella villmia, de quali" 
cofrte «i lìiteferisce il primo i gli altri due di f* 
milmente ^ osservare si' pos^onb . Però voi , 
cke largamtfÌQte bertttd avctt>.Q9n troppo pia'» 
• G ceco 



^■* 



50 y I T A ^ 

ctie rìbevuto > V altre due discrezioni » € tem- 
pcraxnenti agevolmente lasciar potreste . *Qdl- 
Ti' un discepolo di Xinto Vedendo il maèstro 
§ii..mòlto alfe^ro) e' fumante» ,add)maùdolfo' 
•V egli era possibile > the \n Uomo tutto il] 
jnare bevesse; Kispose il iUòsoib,' non sola- 
mente non isser possi Jie , ma che U £irlò age^ 
vole -cosa 'fosse» xhe a lui >dava i"* animo di 
berlo tutto > tal xhe pur una gocciola ^non atl- 
drcbbe a male . il discepolo apponendosi a co* 
■tal i>roposta oi^esta » ed il maestro ostinando* 
si 'di' eseguire il suo dettò» venj^ero alle scòna-* 
nxesse. Aanto disse > xhe se ciò e^li non fa- 
ce va » voleva -la sua casa' pèrdere . Accettò que- 
sta condizione Jo scoiare > e quelli con ^iura- 
mtnio » .e pegno insieme itabiLrono. Venuto 
finaimeufe Ji ^ne -di .ben oiiàqgiarej e .hie« 
filio ixrè » ciascuno xdme potè meglio 1 4* 
le- proprie .iòilaziòni si condusse • ij 4i se- 
^ucUe Aanto , dopo T'aver' còl dormire il rì- 
so digeiHo , /levatosi dal letto» « secondo il 
costume lavandoci le riìani^ s'accorse non aver 
io ditb .('anello » c^e portar solava. Onde ad- 
dimandò ìq Issopo» s'^ isapcxa» che fi>s^e 




Jora Xanto» il quale -ideile ^oseiati^r venute 
lidia passata cena non jù j:icoi:daya,: ^ pct- 
cKéf disse egli^ percioc^chè^ rispose £sop<> » 
essendo voi jet sera JOPltQ 4ibbriaco> promeC: 
leste di ber tutto '1 naare ìntìera».^vYero per- 
dete la cajsa yostra, ed in fate della .pcómessa 
X<^f pcgnp deponeste l'anello. ìQò sentendo il 
alosofb.^ fu preso di maraviglia • .E come^, 
«iissegli^^potrp ioonai mantenere -quello ,cbc 
i vieppiù grande della fedcìjfoi pensìindo» ^ 
ripensan4p ^ casa suo^ ne 4n0do^ n^ frix^ di 
salvazione 4row4i^ » Toltalosf -ai j^p^ntp 
^po^ disse; ^ttgfiU» o mio caro fisopo^ 



ijfé rfl U cs$enff9 :}>ru;rlcQ^a , «è màcayigfìose 

tma*c cognfeitìheai qiialutìilùe altro sapi|to-» 
cdoitoj ipi y<$fi consjgtìnre, e ìtòvar mddpi 
ch*ÌQ non perda M Ca^i; e ^q l^ossibil «ia, 
b^Ù >pcr«uadomì , :the se fu vòrraj iiiag- 
gjriar tosa ilaco di quèùó potrai , vedi Tj( si , 
che io p vitva il patto , 'df dM^venziiMiè- t/i 
quèllp -i^bèlaw , e me stabilita , e fcrtnala * *<> 
scoea mia vargpgiia , drsck)g!icrfeV « rompere 
€i possa'. Allota rispose Esopo: il vincere. 
' none -"^*^' •^- • 

utta 

ipere' _ _ ^_ ^^ 

patto «gevdrtientc mtoft rerot ti j [ modo' ut iie7 
ed oootcvòle . ^Attendi dun^Oe ben a ciò ; ch* 
io ti diro . lia prima Vola > non Voglio, che 
oggi quando a tate V tSktìo vi troverete' insie* 
inc,.€u moitri temer pitité, anzi vòrfio, che 
sii allegro, senza in niiin atto Smarrirti, è 
siccome ubbriaco ^jeri patteggiasti di forbir? 
il mase > cosi voglio ora , vche àrdltafnènte di- 
ci: ven^a: la mensa; pongaci la ^tìVàgfia, 're- 
clinisi bicchieeii e tazze, é^ mpstrinsi i cop* 
.pitti', che V ac^ uà marina mi viporgahò: è Quan- 
do tu vedrai già quivi di moifio popolò e^ser 
radumfto a vedere tanto spettàcolo, e gii es- 
sere ogni cosa apparecchiata, allora tu cohio- 
damente assettato , comanda , tiic s* inc'onìincl 
dar a beie s "fiib'allnentt avéikló t\ì ìvt nia^q il 
bazzone "pìeno^ voglio iche ad alta Voce ;1U. di- 
ca, che ogmino ti senta , iqfucste ftarote , vol^ 
gMidòti' .^iin» « cfolttj» che tieitì? i p9gnj; 
dimmi , che |kiUì -àbbiimc^ ita noi » tdgif seh^^i 
dubbio .fispoiraeri j avcc -tu. "patteggiato di be-' 
re tiittà. r i^Oa del «lac . Allora ^vtìtati' al- 
popolo , ~c di coi! : ^eotiF «omini »sa^j > e rA 
altri uomioi dabbene >• voi sapetf che ilél lìu'^ 
^e. ^noitj , <t 'molli gtàn Atnìt tbdtit^^i^éntè 



5i . V IT A 

cmronó, io solamente ha promesso .di bere < 
Inacqua del mare , ma non già T acqua de' fm- 
mi > die del continao entrano in esso^ pertaa* 
to è cosa giusta , e convenevole > che cotesto 
scolare» con cui sonoi)ii in questo modo con* 
venuto, prima ì fiumi, che varino nel inare 
^ivertisca, o ferini, e poi subitamente bcrò 
quant* acque il ii;kre contiene. Piacque a Xaoto 
il partito, e paf evagli un sottilissimo, ed a* 
statissimo rimedio , per il qustle era necessario, 
sciogliere i partiti, ovvero, che colui accet- 
tasse un* impresa come la sua impossibile : on- 
de spogliatosi d' ogni ansioso afFonno , che il . 
cuore gli premeva, riempis^si tutto di giojosa 
allegrézza. Or sendo a quel m^iraviglioso spet- 
tacolo il popolo convenuto» Xanto disse, e 
fece quello che Issopo .i'.aveva consigliato. 
Per la qual cosa lo scalare vedendosi a niial 
partito preso , , gittossi a* piedi del maestro > 
umilmente supplicandolo, che volesse dal con- 
venuto patto ritirarsi ; Di ciò tutto il popolo 
comincio a ridere, e ne fu il filosofo, molto 
commendato , il ijualc a gfan pregbiexe, di mol- 
ti gentiluomini contentossi di fare grazia. allo . 
scolare, di disfare,' ed annullare la eonvenzio- 
ne> e il suo anello' ripigliarsi indietro . 



CAPITOLO XXXIXV . V 

IT 

X-isopo, parendogli aver fatto >in grandi«siiiio 
servigio al padrone, lo supplica che; pesrit^ur 
^etazióne di tant9 servitù, ei volesse la Jibfi- 
' ta'liofiftili^li • Ma Xanto con orgoglio cispon- 
dcndo gli disse : certamenlie io già non penso 
ad altro. Qc ira, ed esci da casa', e mira di 
ogni iiatoriio^c se due cotoacchie vedeE ptoUai» 

Al 



, , D t tSpfQ. J3 ^ 

'afbbifo'per segno buoqo'^ ma se tu ne vedi 
lina sola, mal peip te, ta sei, , spicciato . \E- 
sòpo's^ck» lisci t9, di casa per veder qual sof- 
te sé' gH apparecchiava; vide sopri un ciaui- 
scellò d* un arbore due Cornacchie, di che 6- 

' gli' tutto allegra, e di buona speranza pieno, 
tfefttf'ìtò ili casa, nunciòalpadrone il. buon ìrt^« 
gìiiìày'chc veduto aveva. Xanto votlc vedete 
se tosi eVa la verità, rha mentre, cfie cgj[i u- 
sèi va di casa ', una delle cornacchie volojsena 
via f ìt filosofo quella sola, vide, che rii^asù 
vi era, é vòltòsi ad Esopo disse: io t'ho pur 
ori colto in bugia, e promettoti , che me ta 
pagherai. Or mira bene, se ti pare, che due, 

"d una siano. Elle erano certo due, rispose IJ- 

'sapo, naa prima che tu sii giunto^ una "se 
ne è ita a volo . Allora Xanto jdisse : manca? 
rati rrlaterrà , con che fa mi burlasti ? <juesta 

•bugia tosteiatti pìttcata, che forse non .vorr*^- 
$ri . "Va pùt 11 i e rienCra in casa. E cosi det- 
ro'CQiriàndò che ignuda ei fosse bene sferza- 

' tó, tanto che le piaghe ^bboDdasscro dì' s2Cn- 
giK .Méntre che Esopo si spogliava, e già 

■ apparecchiata era ad esser battuto , venne im 
eerto afficiàie amico di Xanto, il quale Io iur 
yitò a cenare con esso lui , ri che avendo in- 
teso Esopa, gridò: o me infelice, oh come 
sono gli augurj' iàlsi , e bagia^i ! Io che due 
cornacchie ho veduta, sarò tosto iniquamente 
bftttaro y e tu'chè uoa sola ile vedesti n' ande- 
xat ara a festa, ed at con vi W; ademque furi* 
augurio mio vano, e tristo, N*d il tuo buoùo, 
^liee, e cosa contraria at tuo detto: Qui rise 
Xantò^piè^t bello, ed arguto dettò suo, e |l> 
cegli grtf^la, che da Iiii per 4^ora le ^ktiAtc 
iir'timoyessero • 



N 



CAPITOLO XL. 



«. I 



oa morto da poi avendo Xanto convitato» 

C j tilt- 



14. ..V tsT È4 ' 

tutti Ì'^Iqso/ì, t, tajtl^ì £lì orrori. éigSkmoy. 
}«TiP9seac)^ Esopo». die>>poc9<,ii»W3^.iraU'0ra 
d^Jla cena ^^ajianorta $i ,ftr«Ma€;, ^ :awi iai- 
sc.ia4$e persona .«atrsicea;.' se^^.fioiijk -gU '. uquiìcu^ 
sci^zhti , e dotti . ' Appressi (i^l^t; Tofii^. (kf- 
h cena ,, sl»va Esq^kt. aU» |»Q«|a , ^iGCÌxcli&\.«t' 
•ti/Sw r che. ifr padrone^ impoitf» • gli^ iiwi« ti]»»- 
.^o^c^sse. VMotnòa r coBrilali- i' tf$o. dOfK^ 1' 
.aUii>> .0)0)9/ arYienì^. sti0lev |H<^lUàvafl|Ot «Uà 
Porfa^ pc». volcc/ffiilrat^ e<l^£|0|lOi wiioodiefi-. 
«0 Jiaro.addt(]iaaihra:cd2tci»t>.che «iHQ^^ i'f^- ^ 
110 1 n»^ crecieadp ciaseano.cl^4oco< ^«pre, bur* 
lata cdt iiigiumtQ ,^ sentvndoK^ per^ i caf>9 i;hia- 
^arc; parti vami tutH inomionBclQ^>(^9. m^le- 
oiceoda -là, casa > e chi eatra, vi, ai>iUy^*L Un, 
. solo .fi^ .tutti , a cui Esopo ìL incdèsitiM? ^qw^* 
«ito, fatto, arcva >/ cioè > cfae «w^m»^, it .«aiic 2^ 
tjspose : h co4a » e gslt> ofcccfat; AU9Cii:.E$opo 
^aperta la porta »> HUse :> eatxi uomo dot to^> e- 
^l^&9 > e presolo^ . pei , n^iino y. «oa4^^^Io „ a 
Xantc) » diceocbì iic9uqo , < 04 padtoat » . viffiè 
' a cena, tscov eccd^. quanta vatent* up«aQ>. ej' 
I ora ti già tarda. Ohi come ^ disse U^ £k>«^> 
;ioQ e adunque ^aesta sera, altri , ,. che. ^«le^to . 
^ aomp dabben^ espilato a! casa-i Bispose^ ;H!i9>* 
.. |)o 2 sono venuti eecti^ scoccapani t fitdKÌ j.-^cd 
. junoranli , l qxnadi^ perché- ooà ,fl|MKK- ^oinioi 
iicienziati > coma, mi: dio:st i ; , a>- te^ : «o^/fili .io * 
lascia^.: eùltate » MaraviglÀavaai Xantp > fitme i 
Mpi coQfltàt) 1* av!es9efo iamMUto^: je; ?fd«Kl4o 
' fssct quasi 1^ ora passataiddUa cena;» aot^ ys^le- 
aspettare pia oltre > è con i|iiel soto^yami^.gPv 
. aiost asedete > cena motec^i«Ue|;ram«ntet :.« 

Q A: ? I T O LO. XU;.' . 

.- J!^ ^idriici.*99giient» vanneroi seconderai' iNUto^ 

t'fitosofi alle K4olev dove le^^ece» e disputa? 

re 



DI ESOPO. if 

^^sotévasi , è quivi renato XantOi tatti que* 
gli ornici* kaòi, che conritati AironO). coti lui 
acrftiìdnte si dolsero, dicendb;^^ sà'pesti , tu m^Lc 
$Yroj far altra, borl^? colar dunque' btellè Ciccen* 
ìàé i^tfe filosofia imparaci? Il burlare altrui a 
fifos^Vcome tu' sei »a paò' conven^si alcuna 
^ta^eofi- RiDcfdstia,. e tentar alfrur pf?giudi- 
ft^» ina l'e^efescheraitbrr» e lo- itìgiuriare> 
a^'n^sutK^ iioit che ad un filosofa» sta bene» 
ili è con veoevote y ied agli uomini ^saputi qual 
tu "sei» ed amatoci di scteoia è assai più tì-^ 
fuperosO) che agF ignoranti ^iovaDÌ>^ e poco^ 
c<H»idel'ati r- avvenga' che- quril* ingiuria, e 
qovl carico', che fate a noi pensasti , è pittt^O' 
vituperio che^ nostro, a cui vi si .aggiunse una 
'^itoOsttaiùbnedeU» vitti, e dappocaggine tu^». 
^ quando die non avendo ardire tu stesso- d* in- 
^ gi urtarci , ponevi: quel tuo frappatore* puzzo* 
leofè a^^ villaneggiare .. Allora Xanto credendo» 
- eh' eglino volessero-- pigliare no tratto di ran* 
^' tftggio , -per coprir ir mancamento^ delia prò- 
'^Ktessa loro, così rispose r or senti, che* parole 
)ateotte> e saggierse voi* volete qui far una 
'licione, salite qua su nel seggio > e quivi da* 
Ce i precetti dèlia filosofia mocale» se da me 
norrsono a sufficienza insegnati. A. jne par^» 
'the riogaimoy.e la burla, la qual jeri a Me 
^'fictisto-f òr» vogliate» ragionando in filosofia 
$6rne, e non vi basta la beffii. fitt^mii > ed il 
maiickr della piomessa^' vostra » cine ancora vi- 
IS^, e^apfosami ckiamate? Pef Dio si che 
avete ragione t Ed ar noi pare» tisposeio egli- 
no, che tQ ci voglia far erodere» che là Lma 
^ sia il- Sole; di grazia non voler qui con quei 
~ t^' rettorico celare coprire e negar; il tuo mal 
ittiiaio^>,tr inganno vfiit^l Jtrsera alla porta 
della casa tua. e l'àvierci fiuto star senza ce* 
na. JNon andiamo sopra tante novelle,, disse 
'Xantb, se jerl noa- cenasti?, b colpa la vòstra,. 
' ^ C- 4. e. il 



e n cucmo ancora;, io yeramcote piò del do4f»fv 
r€ vi aspettai , Ma che incarico è cotesto , df 
che voi tanto vi rancimaricate, cjjual villanìa,. 
rfiteinet<>^ is/odratc tosto . Noi veni maio. ,t 
dissero i concitati , per cj^nar teco^ e giunti 
alla porta , che cr^ serrata, picchianmip per 
entrare, M.a ecco, e he. quel tuo servo, U qua. 
le q(?ntro r usQio sta vasi-, incominciò, a cbia- 
marci cani, e trattarci da c»ni tanto, che co- 
m cani ci fece star di fuori.. Rispose Xanto, 
▼oi credo, che abbiate ciò sogjiatOH Ed essi 
a iìji;. veramente e cosi come noi diciamo. 
jNoi a casa tiu venimmo per mangiar teca, 
cqme promesso avemmo, e da quel tup schia- 
TO nel rabdoV che detto abbiamo,' fijmmo r j:? 
carezzati . AJIora il filosofo mosso dal tcsti- 
nionio di taciti uomini saggi e. dabbene, chia- 
sso Hisojjo , a cui con non poca collera disse:- 
ajpimi, ribaldone,.p.er qua! cagione non. Uacia- 
sti. 1 mìei, convitati, entrare, e che ti mosse a: 



njenti dicesse, dal vero, si partirebbe'; ma che 
io non .abbia lasciato enti;are tutti. <^ucni clic 
alla por,ta vennero, il. tao comaJicJanientd rie 
fu solo cagione.. E poniti ricorda., padrone., 
la riorma , è la i;egpla di. te datami? Non m' 
impone;5ti tu., che io. non permettessi ad alcu- 
flo .ignoi:anJ;e* entrare ,, jc. al tuo convito veni- 
re? ^ 'sQlamecte i dotti entro ammettessi? Ot 
scellerato, disse allora, il filosofo, adunque 
questi non SQno uomini dotti., e sap;iti ' lv<in 
pare a m>,. disse. Esgpo, se jues^i sóao quelli, 
che a casa tua vennero , e. ciò, pqssó io. vera- 
mente dire,, adendone io air ora T esperienza 
tutta. Sap^jj; padrone,, che quando. alta porta 
picchiavano, adfli manditi loro: che cosa mu^- 
Y? il 'c?pe ? e. pi?>uG9 sépp^ njai parola risponr 



i« 



, . DIESOPO.. j? 

dcre : e ^ filante- volte là porta era , picchiai' 
ta y tante volte io faceva lorò^ questa 
proposta , alla quale non' sapendo essi , coniè 
IO ti ho detto , far parola in-, risposta, se ne 
givano addietro, e Dcstemnriavano . E perdi 
parendomi' essi tutti ignoranti, in cfsecu^ione 
dei comandamento tua, non gli lasciai eàtra- 
re. A quello, che solo teco cenò*, perché Sag"- 
giapiente , e dottamente rispose alia dimanda 
mia, la porta apersi, avendonii egli rispostpn 
che il cane muove la coda e gli orecchi . 



CAPITO LO XEII; 



L 



irghe risa ab^dasono a tutti di cotàf 
detto» e di cotaf dottrinar, e sapienza > è rise 
anco Xanto', e & commendato Esopo, « dà* 
tagli ragione . Laonde disse il filosofo : adun- 
que , o -valorosi amicrs di me non vi dolete'» 
siccome io di voi più non mi dolgo', ma do- 
letevi di voi' stessi , e della pocsi vostra scièn- 
za .. Dopo qualche ' spazio -dr tfenipa a v ttrinei 
che )Canto , per cagione di trastullo, givapet 
cjg*i jluo'ghi , dove erano molte sepolture as-' 
sai antiche, nelle quali essendovi mólti epitaf- 
fi^ ed epigrammi intagliati, il 'filosofo leggén- 
doH non poco piacere pigfliava , le* lord argu* 
te , e^ sottili' invenzioni , e sentenze" con dili- 
genza' considerando. Quivi con esso lui essetir 
do Esopo ,6 rimirando anch' egli* quelle iscrf* 
zioni , vide una colonnetta j neUa quale incagli. •- 
te er^no queste lettere, P. Q. P. C; "I^. T.' 
Queste lèttere mostrò" Esopo al filosofò, celò 
che -per tali lettere significare volle còluV,'. che 
intaglia^ le fece , addòmandogli , ed 'egli tnoU 
to seco pensando , e ripensando non potd'mdir' 

C j ca* 



jj , V ITA; 

cavSir pe costrutto , ; ne sffùftf . jalgino > pcctoc!^ 
jlib^àmente conf^siò,' non i>ptcr\ ali*,lnjcl11gcnayi . 
^fel -sènso eli esfc piepetM^é ., Aljpca dftse Jisppo; 
V io; mostro ^.o pa'droDe , f>f r^^ cotav lettere i^: 
Vespro ftkscò^tbjxhe. premip. n^i flàraL; tu^* Ti - 
jitònicrioi dispose Aaoto, t^ ^otanto^dk teclc- 
shti libertà: ed afico di uiuja m^tà^^deltteso.- 
n>; Esopo discóstatpsì daijaL.,col9Qctta q^tattc^^ 
t)«si' mìsiirà.li.; e (julvi- 1^ terra cay^ndo »^ sco-. 
Terse lina |[ran pi^tb^ $5ttaìa'9,|4alc Uovauni., 
T^uoft^ quantità di oro'^ li quile/portò . al p^. 
i^tòne , elle p^ic^gtanda ti- .intoi;nQ^ andava > 
aicei\dogli>: àtteiKiimi. ora la prooi^ssat pa* 
'dront i. ejpca il, tesoro > It filoso^ ffa^ t alle-- 
grezza, e la maraviglia tosta, rispose ;..nop -'O- 
glfo fartr libero X., se. prJma non mi dichiari,. e 
mostri r intcllrgenz:! di quella lettere , . ed il 
senso, per lo quale .tur- sei . velato in c^gnizioh-. 
^p* di. cotesto tesoro ,,j1 che molto^ più clie F 
jOjrp mi,sai:à;cifd, e ^ratOv^sqpp; della lihexy 
yi qi?sigsò;diss<i. Colui,, che *f, tesoro, quivi» 
sotterrò , come uonw) ingegnosa è.- dotto> fcc« - 
scrivere tai lèttere /per le quali volle . cosi, si-^ 
gniHcare P. procedi ^ Q.-^ quattro,. Pr passi, C. 
cavando, T« troverai. 1^ tesoro.. Xanto ma-, 
^^vigilandosi, di tanto ingegno ^ di: Esqpo ,^ e- 
^'temendo di lui ch^ no^àscoprisse , « nijaipiÈc- 
jfiUss^ quella buona., vent^ra.sua^, .volendo as»«'. 
ct^rarsL di^se : ■ oc- andiamo a casa, ^Ivi- V oxq . 
diveder cmo> e Erotti poi; libejOj^. Ma giutiH 
<fhe furono, a casa^. subilamente. comaqda. che 
fosse; i mprlgionat a Esopo^^ . il q uale ; , c(fsse allo- 
;xa a^ X^nto : cosi sogliono^ p T>adlcone> i filo* 
so£ prì^miare^ll ben servito ..EVadunquie ;tal^ 
la £*de.ttta, $609. queste, le tue! pro.messe ? Tu 
cIk;, lèggi , è. n^osti^ ^ e predici^ tAtto-ildl in 
^qi^ellc tue.^MGue, il, servare. la Ycd^, « }* -esse- 
re.^ |[iust9> qui in. cosa ccn.^ua tuo,, servidore 
. iltile;., aA\prevol(^,^ e, ts^t^ sei Ì9iq9a7 dislear 

l«j 



D^r ESOPO. )r 

!e, e3 ifigiusto? inorai filosofia, io che- 
'Tiiàtìì sei, come 'sei' tu* ben- da questi taci' 
|>red]icatbrj[', ciottorie laudatori osservata ! Fai 
tu 9 tiadroite , come i medici '> i - iiju^li ' danno lè 
ì^gofé, e i-precetti pel modèrat'o^ e regolato 
Vivere, pòi di loro nessttùo' pid' disofcRhata- 
niente vite. Che si; din di- te sapendosi», e 
'manifestandosi^ quesfEi . tua : crudeltà ed ingiti* 
stìzii ? Io- non solamente non: son Atto libero ' 
come, mi' stvevi meritevolmente promesso , ma 
in- tece * della Ubettà promessa , vuoi ' ancor che 
ié stia in^^ti^ionei Allóra %ntò mosso dal- 
le, parole di nsopo > e dal dritto^ della giusti* 
2ia vd(!e che rosse lasciata- stare valle quere- 
le di' aucBó cosl^ soggiungendo:: io dun^ve 
£irotti libera, acciocché 'tu m'accusi» e hscie- 
rotti in libertà' con là metà delf òro , . perchè * 
tu sii' conira di* me»? Cèrto <) non • hxò cotesta 
pazzia . Ed- Esopo disse a^ lui . Ta ' pur : &ai- 
mi del male quanto ti piace ^, che^ ad ogni mo- 
do sarai sforzata donarmi là libertà ì e dirme-- 
là . anco fórse, coatra la- tua ^ voglia • > 

CAPITOLO XLiir: 

n quel ^tempo' avvenne nelb cittì di Samo' 
un gran peodi^io , per cui ne 'fii tutto il pO* 
polo onesto e sconsplaf6> ma la'/prudéuzà e il 
divino ingegno- di" Esopo- levdHò dà ogntme- 
stizia, ed 'ansiosa affanno, onde perguiderdo-^ 
ne gli ottenne là libertà tanta cara e desiata , 
anco a mal gradò del suo padrone, siccome d 
predisse • Cdebnvasi ogni anno - ndV- isola di 
Samo una lèsta pubblica , nella quale vede van- 
si i ma^strati , e tutti gli uffidali della città 
di ricchissimi vestimenti adornati , e dal popo- 
lò' tutto accompagnati, con bellihifiìo ordine 
t>ortare un* ricco anello , il . quale , ment^schè 
l popolò, certe lodi , ed inni ad onore del Dia 
Irritano , e della Dea Teti cantara » risuonan- 

C^ 6 do> 



^ 



dò tuffo ll'iuarc di v;t^ ed armomosi .suonai;, 

« <;gllcetl^L» !|eir acqus, ^uiari^a xader lasciairano. 

avvenne >;clw una Tobai oiecitre che questo 

pre^pif]^ aii^Up ^41 |ki}mi di l^afna eoo iQÌrabi| 

cerimocua^iii filare cr^ portato, unVaqa^a repco- 

t^laamefite avv/^iiiai^osi Io. pr«$e> e alquanta 

Xfi fklo poiUtold, in grembo. poi di uno schia^ 

ITO '-cader,, lascipllo . P^c t^» at^o gli uomini , e 

jè donpe di' Samo smarriii.j^ e sbigotUli rtìveò; 

nero, e riempitala città, di bisjsigli ficejansi 

.xarj'giudi2ij vc v^iaipcotp.il fatto dell* aquijia 

interpretava ja . IJ perchè piiì. tosjto . il malp> 

d^ il bene si suol pensare ^ etano gì) uomini 

SI 'afflitti^ cbe per, la palliderz^ del, viso, e \% 

tfistczza* digli òcchi s cjbiaran^ente F interno 

coJrdoglio dimostrav^nQ tendendo dair ir^ aegU 

j^èi «ìualchiq flàjpellp. ," ' * ' ' - ' 

' •..."■ 

■■ • ■ ' 




__js$eQda adtmqoe i Saflij>;d2 tant^ timore op 
pressi per ii d^b^io Hefl* avvenire, èttxs 
\^vpxip dì, coo«ulÌ9Ì*é il ca$p, e volare in* 
fendere , se possibile era , ì*, inten>retazione \ 
e, per esse;^ in^qucl tempo Xanto^-nlosdfo nel? 
là citta,il^ptii do«o^ e pi^ sapjutQ riputa- 
to, congregatoci H popolo, e quivi. sedendq 
Xanto , tutti à lui i\ voltarono , aflèt^uosa* 
niente prp^andolo, cjje volesse ciò cjic ^uel 
prodigio apportasse diychìvarc . Xanto npn %^ 
icpdo sopca ciò che drre, ti\tto ^ dubbioso , a^ 
q^uasì confuso ,^-^ddi mandò , tempo' di^risppòde-, 
ré , per poter meglÌQ ali* ipterp/ct^zione " peok 
sarc , c^ considerarci. la dlc^hìaraz^one di, cotai 
segiJO, e. cosi di^ciolto il consiglio, egli * c*- 
^ ritornosscne ; laddove seco molto peosari* 
.49.^ ed all| ..significa:^ionc di ^ucl caso là mcD* 



jè(i dvòigcDcla r oi sipeódo .«ppta . ciò< &|P^ 

e sì pieoa dj.malincp.i3ià.> cjbye p^eva^ eh' e^ 
{psse, alla^mpiite sentenziato.. >GiQ^vedefìda % 
sppo, Yfputagii dei signore coiapà«$iaDe»). pciir 
cpQspI$im.accosldtpgIìsu^ disse;: padrone» nper- 
qual ragion^ st^i tu in cotanta. tmtezzaaV'VoIr 
tp, e spfF«>catQ> p^ercih^ ti cruci tan^P^Ecco 
il tao EsppQ> il qii^Ie ler^ratti jdi cotanto af- 
fannò , e npj^ . Sii adunque allegre^», ai bupi^ 
animo,: e lascia , se ti pareli, qu^csta.cuia, a mj^ 
che io non debito pupto. du non. poterti Atre ; 
Qnore> s^.quel cii* io ti dLrò.£ir voijai ». 



O, 



q A.P VXQ LO XLV. 



'ra ascpltami., padrone >' ed attendi v doma<* 
ni ^ quando in piazza, col popolo sarai congre* 
ga^Oi vo^iic^, che tu dica cosi :.. gentiluorair 
ni , C; ^oi^. altri' n^rri jni / dabbene > ^ cr edo eh? 
sa ppiate> qu^l sisi 1^ prqfeis^one' mia , della 
qu^l . mai , a» ' questa città non fui avaro, Icgr 
gendo , in^gjnandQ,ed in^^erpreta^do gli ef&t|l 
che la madre natura quaggja fca noi ^ con ini- 
taìiìì magistero ordinar Laoiente p2irt4>risce > e 
ci^ ;.. ma alle, cose djal\e bestie., ed^uccdU 
strapjrdinariamente &ttf , comiche, senz^iragia* 
Bevol £pe si, muovano , eccetto, che al natu- 
j;ai ap{)(^itQ.!del vivere, e del pipcreare» non 
io mai .curato. far considerazione., persuaden- 
domi, che un irragione voi animale, e senza 
s^lcun discorso d'jntelletto , non possa agii, 
«lonitni alciin segno evidente, ne certa, preco? 
^suzione del lor bene,' o natale futard dimo^ 
stiaxe. Egli -è ben vero, che vi sono certi 
animali , i^q^ali natufalmóilet i)|nc|p un certo . 
intinto» e sentimento di fuggire il male , dke 
A as[vicini » e di callef rarii di^l. suo. bene proè^ 
siipQ p ma del comodo , ed "Incomodo di nq^^ 
HOOUfiì credo j che siccome essi non lo .sanno «^ 

fife," 



^ .. ^ «■ .-• m ■» 

^ ^r IT i . 

ooflM^o» S eùsi"^ atiòd- non poi^sano a flot si- 
^fflbiftf) eeeéfto se qtiermaic , o'bene , il quàt 
•«^^ cMtote' ^òpriò , ' è pafticolare sentóna « à 
aal^4iie<y' tiò» fòsse - comutte.> ^conrc che' sono 
•Jlctinl 'iHiflàiàlì^, i quali* là viciiia tempesta del 
imc^r e te pióggfe ftfgf ono , ed altri dliettan* 
cfetene» Vttimo per !* aere , è ptr 1* acqua scher- 
siando. £d:arvegBaehé siano, aleuti! < tinto' cu- 
riosi ,- e: supérstissiosi , c&e pensino ogni opera- 
aièae degli uccelli , e degli altri ankiiati esser 
UH: augurio ed . una^ regola > ed un. manifesto se- 
gno tlel^ bene , e! del mal . nostro y nondimeno 
persuadendomi io ciò esser hho , non 'ho vo- 
bito mai in., tat- sogni- rompermi il capo, e 
beccarmi il cecTello : pe):ò' perdÉHiatmi dovete y 
se io nOd sapessi quel. fatto dell'Aquila intet'-^ 
pcetarvi. Ma poiché •tantO' desiderate T inter- 
pretazione » ; acciocché non ^iatt in timorosi 
dùbbj avviluppati , mostrcrovvi fa via , per U 
anale, potrete, del vostro 'desiderio sodcUsfotvi. 
'i'engo lO'un ser-v^tor^) creato miàv ilqualeià 
cotcst'arte dell* indovinare , e di tai^^pronòstf- 
ci dilettasi) ed- ha molte, e varie cose in tei Ir 
genza,'ed esperienza grandissima 3 <^gli t>otrà 
( credo), e sapri- dan:vi4a soluzione del vòstro 
quesito. Fia adunque buono (a voi porendo) 
érlo quivi chiamare. Io quando sarò là venu* 
to , se- potrò soddhfare loro' della' mia dichia- 
razione , tu ne ri porteci non ' po<?a lode , in 
aver tu un servitore cotanto sufficiente. Ma se 
io non dirò cosa che soddisfaccia , tutto il ca- 
rico, e la vergogna sarà mU: e cosi tu ne 
sarai sul vantaggio, e ddla riputazione tua 
nulla perderai. 

C API T.O L G XLVI. 

P 

Xl iacquequestov consiglio a Xanto,* il quale 

Tenuto nel teatro , la dove^ erasi il jpopolo 
congregato desideroso di sentire sopta, il prò* 



D J B S O f O . i4!j 

eA\ ^ii cU4mi tosta^ >eag#. sf^ftqclàtftapeftle. 
Gostoi. co»? fa. gÌMi^>veJÌ ogitmio «d^joctik-- 
to r<ebbe, risapno no- gran p^za^p ilte^tx^pec 
Iq gra^risa.; disi .popQla^ p(ercbé.raf»pcesef>tat3fii 
^egClaltri^s^gi del. teatro. quelU racadefoèmir' 
cM} p.siliigob&,btulUz94> ^(ono^i :bisfa|iglrÌA« 
^ti > :e chi diceya: Qh ve vUa.dticb^ttpi ah 
Ifj >;,Y^ bcf vaso 4^ $ci«u&^ > altui >^ cotesti^. s»» 
»rà p9tUr^ i ed < altrV' dicevano : ^hì sa ^se , 
ctie Tun pcodigfQ. difitki|:er4 i'adtroi .ed altri 
aitra^nte* Quesito. t»U n^Qsmorazip^tiS^teode , 
]^SQpo>i. arditamente > e^s^nza.alcanrosscffe oh- 
se :.. signori miei > se qui mi, avfite. fatta cfaia* 
mate- pcr-faxyi rider*, avendovi in, ciò soc^- 
dH&t|o^ potete* or^^ lasciarmi andaire, . ma se 
altro da i|3e. volete,. cl»i sia di quatciie«inipois- . 
t^^f perché^ cosami, apr€i9Z3.te> o schernite? 
Fórse, .perchè, io sia in cotesto mòiido mz^ùp- 
fff » e sproporzionato? "^ Che.', posse . io. .di cìòf 
•auak mi vedete, tale -mi ha fìtta la rnatura» 
di cui è^-la coip3> e IV errore» e non *mrb. Ma 
jo bèli vtt .ricordo^ chi egli non èìulficio di uo- 
mìpi prudenti» e. giudiziosi, voler di uà uo- 
ffHQi per IVappasenzas^délv viso, e per le membra, 
<ldl corpo fai; certO: giudÌ9:io} benei dalla men- 
te, ,dair animo, oh^d^ntiio. c\ sta linchiuso, do* 
vetè^^giudicare^ E quantunque egli sia cosa , che 
Y«dere non si^. possa» nondimeno le opere, che 
d^ lui procedono ) sono quelle che fanno k sua 
guuidswa % , e 1* eccellenza conoscere < . £ come 
per lo^ più ..non si ha considerazione.' delia bot^ 
tè, ma solo del vino, che dentr-:! vi staripo^ 
sto ; . cosi i veramente- non si; deye deir5:uonio far 
giudiiùa per,. it corpo ; ma bensì per k-sostan^ 
^ , che sta in -, es!iOr pei>chè b^ci spasso noi 
ycggHmo ùn<|K>mo aver . bella^ icpiza:i:.e> deat 
ìxfì, poi essere guaito > e fracido > e pei con^, 

ttar*'- 



Amia mmt M^asi uD frutto, mal &ttOy e 3si 
sozia , di os^cura peiie coperto « poi esser deo- 
{^C^ pì«no di- dolce soa?e e delicato succo-. A- 
fluo^ae' dall' animo y e dagli efttti dobbe Tuo- 
xxCo prudente, e skggiò^jfiudi carsi.. 



e 



CAPI T O L0> XLVII. 



^iessatono le risa de^Sàti^;, ^iché ebbercr 
udito il sentenzioso parlaTre' di llsopo-j e gran- 
de ammirazione presero della' prudenza sua , è 
percfò uinamssrmamentc pregàrònlo , che voles- 
se ciò -che di quel prodigio sentirà espone > 
e levar dalla città tanto^ terrore'» e spavènto 
qUaoto in lei per tal cagione eraiiatb . AUòra 
Esopo* cominciò con queste parole: signoti ' 
voi dovete sapere, che quantunque la fbrtufiv 
Mimica della varietà e deilt dihinzjioni abbia 
tanto al servo, quanto al. signore prò postò il 

fttinìo della gloria, nondimeno se i{ seri^dore 
biioìio ed anco migtior del signóre , egli par 
resta tuttaWa scivo e schiavò, e viene anco" 
sovente battuto senzd ragione» Se anco egli è 
cattivo > e di mala natura, parimente resta cot' 
giogo della servitù aL collo, avve§[naché più 
spesso egli sia percosso , di miniera che ' 
buono al. cattivo, e dal miglior^ al p^giort 
non vi fa differenza , .6' poco :' il che veramente 
èccxsa molto ingiusta-. È sqio fossi pia sapu- 
to è dotto , che non è il niio padrone , ragio- 
nevpl non è -che la virtù, e la scienza mìo 
stia soggetta e soffocata dall' ignoranza sua , e 
ciò dicb perchè, se voi (il che spero per urna- 
i>ifà vostra) mi coneedoretè , ch'io possa Ube- 
ramente dire ciò, che di quello augurio sentOj' 
promettendomi , eh' il padron mio più non mi 
tenga schiavo , e diami la libertà dovuta; i« 
did)ìar«ròr il ^prodigio ,. e da quel vostro ansio 
tamoro libererovvl chiaramente dichiarandovi^U 
diibbiou^ che .richiesto 4ii' avete , 

CA-. 



RI E S OP O. <^j 

CÀ p it Ed XLyiii. ; 

1/ \ .".■'.'•' • ■ ; '■ ■ 
Sarti) r pi A che mai^Heiiosi*^' intcnclcré cfeir 
efftnò Heir àquila la -ir\tcrpreta2Ì6ne., hitti a<t 
Hna véce pfegaròno Pianto», che liberò facesse 
Esopo.; m« non accettando egli i pHeghi, al« 
♦erat© per le parete dèi servo suo negò vofete 
ciò fare. Allora tutto il popolo ad alta vocir 
^ridaVa; Xantojjfa liberò Esopo , concepii a.tut- 
ti i Samj- questa «ola gj:ftzia , dona a- qttest» 
etttà ìk libertà di Esopo. Li- filosofo^ più indu- 
rato di pcitna, dai; suo proposto punto ttom 
»i moyev^: perlochc il Fodésti ^stidito ^ ed 
adirato per tanta óst-inaaione dissegli .• Perchè 
a te nV pace > e pare il dùvcje cojl poó> dì 
cosa gratificar questo popolo, e fe citta- tutta,. 
io ptr l'autorità dall'uffizio mio farò libere^ 
Esopo, ^ncot.cb^ si»i copt^o l« :^glia tua^u^d 
à quc&to modo, ne la città» ne Esopo mi mi- 
fli^ò abbllgo te n* averi gianvimi. Xanto eia 
potendo, ed esser meglio considerando il donare 
duello, che v^enderc non poteva , con tent ossi 
Ai donare ad Esopo la liberta cotanto da lui 
bramata, ed il trombetta altojra , secondo- il: 
lor costume, pubblicò Esopo non esser più 
chiavo , ma fatto lìbero, iti questo modo: 
Xanto filosofo, a prcghìeta e requisizione iW 
popolo Samio fa libero Esopo, la cui servitù 
avendo egh comperata eea à Itti dovuta, ©osi 
allora il det to df* Esopo verificossi quando dis- 
se al padtohc^ che contra siw voglia un giorno 
là libertà gli donerebbe. Esopo adutque già: 
fetto libero, nel mezza de* Sarti j Sedendo, 
venne alk ciìihiàraxiojie dell' augurio, cosi. A- 



/ 



.*^ 'VITA 

O. , , .. . 
^ji^^^, ebt io mi "^fillio* in Kbeitli pò jtp ^ 
mercé dèi vostri pfie^BI-i e'Vleila: cértcsra vo- 
rrai dì cEe qucfle grazté yi rendo > che per iHc* 



si possona maggiori, a me si conViène di to^ 
testo benefTzio esscE rlbordevofo' e qaellb cbtio 
promesso vi ho ,^ attemlete) «e pigarvì. 'Cheijo, 
o Samj , che sappiate che f Aqui(à ^ di' rotti 
gli ucceilr regina, fa ({uaie avendo Ta nello 
imperiale rapitoVe poserà -nel grembo di ano 
schiava lasciatolo cadére ,. altro sij^nificar non 
vuole, se Bfómchè^ egli è «jiialchft signore» o re, 
cfiò va pensàddb v e: tramando :<jti: volere là vostra 
èUta'sottometfete, e soggiogato > è di fibera 
feria serva e' schiava, e le leggi» gH statuti > 
ed il governo, vostt)^ (ampere ed anpuilare . 

C APTT 0L O L^ 



I 



Sam) , a^vegnath^ cotale interpretazione non 
^ma^esse loròK óondimeBO giudìcatido eglino « 
tht la dichì atazione. di' Esopo a^ fìtto deH*aq«iÌ- 
h qqadrasse» ercbayéofsse ,. oltrethè nessuno tPfya 
seppe mai- sopra' ctd,. meglio diite-, rli cosa più 
convenevole, credettero alle paróle sue ; laonde 
rSafi)}; più die pcima divennero dolenti » e di 
ansiosa paara rijpieor,' né passò gran • tempo che 
Creso, re- cteUa JLidia hiinaò '$àoi' niessi* in Sa- 
lso con. lettere, al popolo» petw le quali chiede 
va loto-' nof grosso^triblilo , quale se pagare ogni 
4»no ricusassero >^ là^ guerra , e- la rovina ^(dt L 
sòia» ithiacctòsaaittnte. (fénunciava . Fet j|uelk 
angoéeié nuove, ed* ingiusta richiesta di Gre 
so »,;fu \l coùsigKo congregato per rispondere, 
' e rimediare a* casi- loto^ : lui^nau sapesd» io pc 
che deltberazfoh foe, eccetto di- salis£ire «la 
Hèhiesta dei rei eonchiutero tutti, che si do' 
'Vefte Esopo- chfàhiirre» ir qu^» peroiocdij 
H^itme^te ilr prodigio interpt^iatoayeinv pen* 

"' Sic- 



ai ESOPO*, y^r 

aaraflo aAci» » che. qualche buon partito » loro* 
l^dporrr pp^sso ; Ye^jihi^ IMbofue^^Ii^sopo ai^ 
coosiglió». ed" avendo, inteso » che ÌK parere de* 
Itfincip^lì' o;?^) f;^.per fiiggireiiui|Pgiof niitlè'sb 
cfov^fs^ I^ ^OB)9Qcla ddr re GcB$a.«e^uìi;9» «d^ 
a, Im ij^bidoiC^ .e4< ak yolèr suo* coinlornursi y. 
^icXUi t,^o^f^c,q^itìo> i»a:|HMrc a Sàmf^ che- 
,ii .^ patere npoivtprq^eceL addiimmUvaiio , . 
fli^^e^: p9t^1ià^ vpnmi xastir ^tilapaùoi «ono* 
4i ,pai;er{p ali«L.« dia; trih4^0/4'r^ Cresa^ ^d ithi^ 
}^^ jjs^n a* $uot gonÀad^meatì >..^àqoaflii Te|- 
gio -aUp. av.daryi C9n$rglio-> i?it ficiJ omóftailN^ 
.^uoqe^iphe^jV^SQ^voi })o<tp .^(^l^rei/^prisilmà;, e- 
))er robbUié? > ^^hf;^ gus^U olititi jt^oga i^i^drsr 
yi»W>J vo|p5osdit,Tl questó poclie iwrotev pc9L le- 
; mi^i fQr^e quella, (;ae uUlé: ri 9^ pofiasi^rete ^ 
ha. fòctaRa x»o$tra agli iMo^ifM-vo^ia vita uma- 
na; due viei J'i^na della bbejiM>> dicui il prin- 
cipio e rientrata ^ dilS^He, e faticosa > ma il: 
fine e ag>c^oie< ptaàc» klolce, t caro: e Taltr»^ 
^.d|lia^^èmtài di .wV. jhpciii^ipiaépftcatili»- 
f io e. Àcile 11 aperto j^ è . quasi jpiacevolè > ma in 
^oe pQi.^è^^^erw* 30(9090». e: plenoi di fastidi >. 



.. cQsfc4|geffol«?«i^c. fercl $c^etti> e , servi.. 'J^- 

. cpQo adu^u^./gli ^bascil^ton del re licenaìa'- 
1: 4^K(^ 4ye^. fosa » |p1>p velessera> olteniila ». 

.^^uesti «itprQatìi.a Qioispr^ a. qi«rlb^. spo^ro 
ÌP*9el>bei:azÌ9pe^ de! &111L ^pg: la qmì , cosa 
d^(pro^f)pi ^à ni««&tà\c{i m J0c<» f°^^' «òa 
^i; afi^$>&tm:l gli dUwoct ^gE>orev:diffi^iL ti 
ifia llioMNce^a^ per la sidg^Cvpcadea«|r <U.aa 
4V^jno/4biaaia^ .£«op9 > . che &t% io . Saiooi r a 
toni iisSatnkQgi^cos^t ,deteris£ooo » e pedono» 
r<t' Wltfr*. >w«'C|^/^ii?}^^ e sari. 4»^M 



( • 



u . c^^ 



vifg VITA 

€aasì§l\Oi non potrai Viticai] > uè 9oggV<^rfi 
pBCckiocbé- 1' ingegno , la prudenza j ed H sape 
suo è veramente cosa dmùa > e per questo i 
noi parrebbe» che prima rttandani at. chiedei 
loro Esopo i promettendo di gntifìcaìli , e pò 
scia eh' avrai nette t^e maiìi Esopo , potrai age- 
Yoltnente i Samj vincere > e sottomettere . Cfe- 
99 persuaso delle pacete di costoro» ritmando ì 
suoi- àml>asctatoti à Samo, i quali addìiriahcta' 
tono Esopo , pforaettendo lo^ 'per Hcom^ensa 
dì non naofóstarli più olire > e riAiéttergli la 
.richiesta del tributo. I Sailij > che troppo di 
Citeso teme vano, -persuadendosi che dando al 
re Esopo potevano dal tributo liberarsi, e dal 
timore > che -di divenir soggetti avevano, deli- 
berarono maodarglielb . Il che sendo agli orec- 
chi di -Esopo vemit» ; ei fe'ce radunare il coq- 
aigIio> prowietttendo dir loro cose alio stato 
importantissime^. Radunato adunque* il' popolo, 
e gti dfiziaii tutti', dri»eatosi Esopo Ve '^tto 

segno di stiviizìt) In coraié sentenza dis^/ ' 

• • ■ •- . • ' 

CAPITOLO Lll. 

E- 
gli è tanto ^ o Samj cariiSsiMi , Tobb^go , ch*^ 
io a voi tengo V ed è tanto i* amor "mio verso 
questa vostra città singolare } che a mille rischj 
di morte volentieri mi metterei, mentre cfic 
a voi utile , ed oìnór recare potessi . E perchè 
intendo, che vói ^ pensate di placare T animo 
del re Creso, e dallia sog^cBÌokie 'del tributa 
Iltferarvi, se me a lui mandate', e donate, io 
testé vi dico se ciò è vero, siaeosi, come 
vi persuadete, molto volentieri, di buona vo^ 
glia eseguirà la vosifa 'detiberaziooe , e rfoo 
solamente contentomi darmi ai re m preda, 
ma anco per vostra salute miHe fiate morite*. 
Ma acciocché non siate kigannati, ed il vo* 
stro disegno non sia vana, edi acciocché T'an^ 
aio, e r intenzione di Creso m^Iio ^ronosc»- 

te» 



DI ESOPO. ^ 

le,^ e eoo .pi« ciliari ocelli gMìchiate dicnan- 
ta imiwtacza sia la mia da- voi dìp^teti^. 
mi p^ace narjfarvi una favola . -, , , . 

F: CAIVITOLO WII* . 
a già feiupo, che gii aoiiiiflli Scovane* ie 
cose loro , come gli uomini ì^bboo j fiiTcilarir- 
np come gli uomini , e diccoiprevano rcon sen- 
timento > e lume di ragione, come noi fer^ «>- 
gliamo . Avvenne in <2uei tempi che- ì Larf 
mosselo èuctra, alle pecore, in fafoee di cui 
combattevano i canicqsi ferpcemente . the noa 
potevano i ^up* &t loro maiejrfcuno , «quan- 
tunque eglinq insidiarle non cessassero , nóBdi* 
njcpo Yedcndoi chela Vigilanza de-fcani faceva 
k loco msjfUe; vaac , e scnxa fttK^aimaidartf- 
no amfcj^sciatou alle pecore a far bf& intenda- 
re, che se aver co Jupi.pace-Atskleravaad, e 
^ t^almca^c la guerra cassasse , dejsera in 
PPt,<r loro i cani. l^. pecore ccan© xémpttci , 
Ignoranti, edi poca disborso (fosse», seuw^rc 
credendo aver pace , e poter senza alcun so- 
spetto pasfcif , t qoiftlSaiqenle^iHiiresflf, dicdcrcj 
I cani ai lupi, i quali dopo T averli ammazza». 
U., e,j««iati>;rjt!«a»rooa ad .insidiar le pcco^ 
re, le q^aIi tiovatelit .di difcnsori prive-, age- 
VDimente .pigliarono., ed amma^Batofto . 

y.^ e API TOJUO LIV. 

J-/e«o che ebbe- Esopo, i Samj .^Aiirathc^i'. 
te mtescrq A* intenstiooc sua, ed' il morale sen- 
ti mento della Fjivofa , onde tldibe^rarorto ritc^ 
nei;e issopo, neiia^ città, considerando quatitt^ 
We lor utile ^ tteoessavib^ ii con^glib suòj 
peta vcOtojt gli ambasciatori licenziate ; mi 
rm rQUe^ liìsopo . il qoale sperando con là sija 
tìWdcn;»*,* C d«streW6a> « coif- le stfe ^bi^il 
P«c^mff9i .«eodoe a' Samj il ^tti<y'(tel Tè be- 
^ote^#^ ^ amka»; se. a itti*sè n*^ j^se ,-" tol^ 



^c ad^^i modo cògli datori jartirc , T %t^^ 
ai^nutiti in taU, e titofnàti AlìaitefctiZà 
dì sua -Msecti dissero : ecco , signore , ff ufesf 
^uomov'il ^ui consiglio I* Saihj . cólaoto ip ùti- 
4c , e silulìfero . Il -Re veduta la HÉjicfclla , de- 
forme, e ctmtf affitta jjtat ara 3i 'Esopo, ^nón 
senza -còUcn -spirczzandolo disse: or ledete 
clic vilissjmo tnniccitìpla»^ 9 'soggiogai* «n'iso- 
la mi recava 4mpc<JimeiitDl Allora ^£sòpo «" 
•iiit disse: ofórtt, e ipagnanitno Re, io rida 
iìiosso da -necessità veruna , dc da 'ferza^ co- 
stretto , anzi contro il Vdlere / ^é deiiberlfzioo 
-de Saraj^ CQfne i ^ttoi' 'amìiastiaSori ^^anoo^ 
ma di mia j>ropria» e spontanea volontl so- 
no qu\ innanzi al tuo regal aspetfo *<vettQto' , 
dove penso chela tua Ittae^tì non Ingantferà' 
spunto isiuelLa ;grande ^opinione 'mia, «rne ^dèffa 
henignità tua iio concetto, pec^oad^ndòmi ,' 
-^iie tutte le^'^tue azioni '^lòcedaiio 'da .queile 
tirtii , di xìii un "tanto Rfe , qùal sei tii i dtb^ 
^ha esser ornato *>^ lucente. Suppliéoti adun- 
que , .che ^i piaccia quattro parolc^beoi^men- 
te ascoltale . Jggli fa già un aomo^, *il ;^aak 
■pigliando le iocuate » e quelle petclvè ;le biadf 
guadavano j ammazzando vennegli 'preto^^nco 
tipa cìc^Zy la quale vedendo cV e^Ii anecoc lA 
vigeva ammazzare > disse cumilfflente : ^K uo-' 
aio dabbene , non ^oler ^per Dio , senza ^àlcuii 
proposito^ é icfflfi t^idnè'ucciactmV: 10 non 
alle 'biade , 4iè anco a te Taccio, né feci di:. 
spiaiCere ifcuno , /aozi ^ol^Tcloce hrovlrihefftd 
dell' ali mie , cosi -soavemente JCadto , che noo 
piccola «cofisolazione reco a^viandanti , e pere*- 
grini. Wé in mt trovargli altro, che voce , 
quàl ella sia , e peréiA pregoti > sé iof llcuna 
cosa non offendo 4 anzi - a motti io «ia atHe , 
e grata, non :vo*ere anco ite oifcndcxe .'Ci* 
mentendo 'qndPuonio, lascioHa andare. *€o^ 
io ora) o valorostssina sijgQore, ai 'tuoi pie* 
4ii son ^Teimto, ìndi.ineyolnìents'sajn'ticando* 

«4 



DI ESOP«. « 

jiU a^AMi yolfcini scoza giusta cagane oca- 
j dete,_che 5*Sb aop £;ci tnai cosa mala, né 
i Wsso,_ ne YQgljo altrui? o&n^re, giusta co- 
; sa e eh* io apco noo sia. of&so . Ed ^Ila tua 
I S9picfitissinu gìustisia appartiene non soppor- 
; tar«,, ^he mal poctamento mi «ia fatto j però 
essendo tu d'anim.Q generoso , e ^gnani- 
mo , «pc?p d>3i te jjriportar cortesia , e favo- 
le , e, non ingiuria.^ :?iolfiiiza ^ e danno. E 
quantunque cosi inatto , e disgraziato mi ve 
di , noin^imeoo in quesjto cootrà^tto- <orpic- 
auólò regna buoqa . leale, e xinccra*m€ntc , 
donde procedono le f>ardk..mic ed i miei con- 
sigli utili., veraci,, e salutiferi , e *a vita mia 
vie pmj che ;TOorte Calvegnà, che tu sii 
:gian .|lc e po^enti^imo J può non medióGre^ 
JOcnte giovarti, e. recanti prefitto, «onciossia- 
chc.ig^an sigpgri 4)iù di. buon, e saggi, e 
f^eli consigli, che di tesori , « di ^ttm han- 
no mestieri i il che ristjcssà ^esperienza U !• 
iPUO mostrare. 

; ;/ CAPI TOLO LV. 

JlI He allora non.^p^ca ammirazione prese 
<lal suo ycrp# prudente ,:ed ingegnosp favellar 
tt , e piti tanto ma^vigltavasi quanto che 
tìjbr d* pgni ^^p pensiero «ontiva qad . cosi 
htto uomo si bepe, si altamente, e si ardi- 
tallente dire la ragion. isua» perlocché venuto- 
gli insieme i\ j\iì ^^mpàssione , rispose in que- 
sta sentenza.: rintcnzion mia non «ra, o E- 
sopq , di lasciarti in , libertà - vivere , ma il 
t^cfetai destino, e gli Dei, che mi ti afSg- 
^zionano , .e .muovono ad amasti, mi* inducono > 
6 sfarzanp 3, doniM^ti nixi solamente ia vita^ 
ma ^<;ofa^ ad ofiora^ti -come .amico . Chiedi 
^nque ciò che vuoi, 'perchè da me larga- 
iuecO^ r^^licrrai^ lE^^opo^ dopo inolte parole 

di 



71- VITA 

di' ];ingfMani£n(i , disie: io «ón Vojgfi^, p 
fliagnaniulo Rcu, né poiso supplicarti di cosa» 
che ti sia pili oaorevoie , « ptd utile, chic il 
vplcrti riconciliare co* miei Sanij > e quelli a^'e- 
re pec amorevoli., e £^deK amici , liberando 
loto da queir iiitolierabfl peso deli' odioso tri* 
biito . U che coacedendo loro -la Maestà tua 
se f^Ii obbligherà tanto , che ^aranix» pronti 
sÉfnpte a servirti cordialmente, -e volentieri 
auriscbieraoiio le sòst^ttize,^ e le persone- loro 
per tuo beneficio ,' e per tuo onore i cosa ve- 
i^^meote» che cwitrappeserà più assai , che if 
tao tributo , e per il ^4i4«» non ti saranno mai 
ubbidienti, né fedeli vassalli, poiché se eoa 
foraa fossero da te soggiogati', i loro dé- 
sideri sartano sempre al ^ tuo preg^udicio , e 
al danno ttio , «e disonore indrizzati . £ certa- 
mente a' veri signqpi è più utile , e più onore 
essere amato con riverenza, che essere temuto 
C9a odio, ^ malevolenza. Acconsentì 11 Re al* 
la supplicazione d' £sopo , ed acquietò 1* ani- 
mo suo, e contetitossi riconciliarsi con i Sa-^ 
tnj , e liberarli dal tributo, per la qual cosa 
Esopo gittatosi a* piedi regj gii diede quelle 
grazie, che seppe , e potè maggiori , 



F 



CAPITOLO iVI. 



u poscia Esopo al Re grato , e caro sem^ 
pre f ed ebbdo in onore , e riputazione 
g£ande . Onde volendo Eiopo mostrare la gra- 
titudine , e r amorevolezza 'dell* animo suo 
verso. sua Maestà, diedegli le sue maestre- 
voli , e dotte Favole , le quali insin al dì' 
d. óg^i vìvono , e ièdelmente ( credo ) fin' agli 
ultimi secoli viv^antlo'. Ritornò poi Esopo 
in Samo riccamente dal Re appresentato , con 
lèttere sue , per le ^utli ^ a' Samj scriveva , 
che per opera , ed intercessione d' Esodo egli 
vi>lera esser loro buono» ed amorerole. ami- 
' ' co. 



D I E S O P . 75 

<ro<i « che"! desiderio del tribatò se gli era 
totalmente spento, ed annullato, che non so* 
lamcnte non pensavi dar loro molestia alcuna « 
. mi voleva ditenderli da chiunque volesse loro 
ofiFcndere e molestare . Di tal lettera i Samj 
fecero allegrezza grandissima* on:le in riveren- 
za ^tgli L)ei ed a gloria di Esopo celebravano 
feste pubbliche , ed a lui donando ddÌQ lodi 
con molti onori e doni riFerirongli grazie o- 
noratissiine t avvegnaché Esopo ^ tali, ringrazia- 
menti ricusasse , e dicesse loro ; non esser nie* 
stieri, che i Samj a lui riferissero grazie , ni 
anco obbligas&ione gli avessero alcuna, concios*^ 
siach^ la libeiVi . ^orp . procurato aveva per la 
sua libertà da loro ricevuta) il che tra tinutne* 
fazione degna > e debita. ^ 

CAPITOLO LVII. 

X arti poscia dojpo qualche ^spazio d) tempQ 
£sopo da Samo, ed andossene p^c .i( mondo 
óetcando i filosofi, con i quali disputando la 
dottrina, e sapienza sua dimostrava* Venne 
finalnoente in Babilonia, dove conosci ula dal 
r« Liceto il suo divino ingegno,. e ('alta sua 
scienza, h appo lui molto grande» e con ri* 
verenza amato , quasi credecKl?. il re, che gli 
Dei per utilità ed onqr suo un tant<> saggio 
uomo ^li avessero mandato , <juanto che i rp- 
gi e 1 prìncif^i di que"^ tempi in santa pace 
vivendo, solevano parte per diletto, e fratte 
p^r onore , e parte per utile mandarsi 1' uno 
aQ' altro questioni difficili ,• enigmi ^ ed oscuri 
dabbj, i quali chi sciogliere sapeva, o tribù- 
ii , o altri emolumenti ) oltre 1* onore , ne ri* 

J'sórtava, secondo i patti ,^ e condizioni» che fra 
oro erano stabiliti . Però essendo al se Lice 
to molti dubbj 'difficilissimi da altri signori 
mandati , £sqpo tutti li dichiarava , t scioglie* 

D Tài 



Ta 3 ma qoeì die Lketa ad altri mandava^ ip»^- 
posti 'da Esopo , sessuiio uomor snodidi, ed 
intendere sapeva. Laonde iì ré LicetOt oltre - 
i molti tributi, che egli ne traeva , onor -gran-» 
•de , ed ampia gloria ne coosegaivfi » e peitii» « 
fece Esopo di tatto il regno rettore > «gover- 
natore^ 



CAP IT O LO LVIII. 



E 



(ssetido Adunque £sopo quivi iermato fasU-* 
dua.di';-*piu -oltre gire errando» e non a^é^o^ 
figiittolo alcuno 4 adottò 'Un giovane dì nobii- 
casa> il quale Eono era nomiiicito. Costui fu da^ 
£sopo come suo proprio e llcgittiino figliuolo 
al re caldamente faccomandito. Avvenne, xhe 
il buon -figlio rebbe con la donna d' Esopo a- 
mò^osa convers^ione , Ja qial cosa risapendo- 
ci y .volle .i£sopD scacciarlo /ii casa ^ e dall' ere* 
dita privarlo. A cotest<]L44nsò-Enno con tm^ 
altra j)onm<nco solenne ingratitudine rimedia- 
re^ e fafe Esopo càdece in disgrazia» ed in 
odio al signore in questo modo. Egli fi&se, cb* 
£sopo scrivesse una lettera a quei signori > cbe 
a Liceta mandavano ^li .enigmi , facendo loro 
intendere, che il xe suo erft-^i .cosi -mala -nu- 
tiifa 9 r eosi^Qgrato delta servitù su^ » che quan* 
tunque egli 'fosse quello ,>fte solo che i dimeni'* 
tosi dubi^ dichiarassie , e sciogliesse > e quella 
fosse sólo >' che a lui .ricchezze, e fama im^ 
-mortale acquistar dicesse s aondimena egli -wt 
riportava con dispregio, e disonore mal giti* 
derdonej'lehendo «uà maestà con la donna sua 
pratiche. amorose i e perciò desiderava • part iiy 
si da Lketo ingrato, ed ingiurioso diranno» 
« che molto volentieri starebbesi con .esso lo* 
ro, sperando fra loro ben tosto ricuperare tan* 
^ to quantomeni se liicelo per cagione degli jey 
^ nigmi 



B I E.S OPO. >y 

nlgixìi perduta aTéTano. Questa lettera ^i'xro- 
tal .tenore scritta» e dal suggello d'Esopo si^g-f 
geUatav la presentò £nno al re Liceto , il qua- 
le peróò venne io tanto sdegno-, ed in tanta 
collera y che coniando ad Etmìppo suo =mae- 
stro di giustizia > che pigliar fiCesse Esopo * 
subitamente sènza esame > senza processò» e 
come ribello, e traditore del te suo signore n 

10 ammazzasse. L'amore^'e To^servanza gran* 
de eh* Erraìppo ad' «Esopo^ portava i tìtàrdò 
r esecuzione tanto , cV egli intese bene la ca- 
gione del comandamento del re ^uo signore , 
e perchè égli si persuadeva essere Falsamente 
accvsato>. nascose Esopo in una antica sepol- 
tura, ;e li dentro secretàìtieate il nodrivà'» 
ergendosi che mentre la verità si scuopri^se^ 
e trovandosi Esopo innocente, il re d>i suo 
collai;icp e ' furioso comandamento si ptfrtirehh 
be , ed Esopo nei soliti onori testi toirebbe , 

11 re tolti tutti! beni di Esopo, p l*ammt« 
nistrazione del regno , che a lui >era comm^s^ 
sa, donògli ad Enno.. 



D. 



opo alquanto tempo, Nettenabo re degli 
Egizj., avendo ^inteso Esopo esser morto ^ 
mandò a Liceto -una lettera , seti veodogli , 
che se a lui mandasse architetti, é maestri , 
i quali gli edificassero una torre, la quale non 
tonasse oè terra , -né cielo , e mandassegli an- 
ce un nono. tAnto saputo , che sapesse a tutti 
i caoi quesiti rispondere, egli of!eìiva dargli 
que* tributi, ^ch' egli dimanderebbe -, altrimenti 
si, disponesse Liceto. pagarli a lui. Il- re di 
Babtlonia, Ì;rtto ch'ebbe le lettere, non avea« 
do. uomo 9 il quale alla sottigliezza delia pco- 
^posta del gran Nettenabo soddis£icesfe>. ni 

L..' D X- pàt- 



« — >- — 



( 



CAPI T OLO LIX. 




-p/irtitQ l^f(o> p risoluzione >alcana ritro^ati- 
do> divenne tutto nojoso^..^ dolente . Ricor- 
dandosi delia profonda sapienza di Esopo, il 
quale cr^d^va , che' fosse già polvere fatto , fu 
pentito con molta amaritudine di averlo fktto 
morire « ^ure sosfiranrdo diceva , mancargli ^a 
.celojrìpa del suo redine > ed il, suo focmo, $9$ tV- 
.gno ess^er ;nor.to. Èrmippo iVct^jita la /.grave 
. Soja > e r infinito d^lór del si^t|ore suq, cLe 
jàclh a Ijii. dannosa, njiort^ .idi Jbsopo prendeva 
.tap^tb doIo|:e^ cj^e con pplta parte del suo 
^anguc ricov/àtp r avrebbe, disse al re? si- 
gnor mio, se tutte le azioni di un amorevole 
servidore sono ali* utile , ed air onore del suo 
padrone indiizzatej.icectatpente elle ^n desne» 
con quella amorevolezza , che elle son tatte 
d'essere Naccettate. E non *é dubbio alcunor, ' 
che a4 un.fcdel.^eryo i lecito qualche yol|a 
da^l . impetuosi 1 e subitànei comandamenti 
.dej si^ore discostarsi alquanto,^ massimam^ei}- 
tc, quando apertamente conosce, e v^de 1* f ; 
dedizione de* suoi subiti voleri dover recargli 
/vergogna > e danno. Io dunque chiaramen|f? 
conoscendo la morte di Esopo poterti esser 
inutile» di non picciolo danno alla gloria., e^i 
-allo stato tuo, ngn lo ieci morire, i^na :hollo 
srcretamente salvato , f pasciuto , ed ora., cjbe 
figgo te conoscer quello., che molto dianzi 
&^a)nojsciuto io, faccioti sa pei. esser' vivp Ilr 
sopo .11 re ciò sentendo d' o^ni sua .amarUu- 
d ine,. 64 fastidio spogf tossi, e tatto. pieno d* 
altegrezza, e contentezza divenne : laonde com- 
mendò molto la prudenza di Ermippo , che 
gli avesse a lui disubbidito, e salvato Esopea 
€ sommamente , gli piac<;^ei e pesò volle» cbe 
.per lui andasse, e a $e presso lo hccsstt.^Y^', 
nire. Uscito adunque Esopo da, quella. ctscoQ 
tomba;» venne tutto pallido, magro i orrido 'e 
pieno di bruttezza, e di miseria dinanzi gli 
occhi del re > il q(}ale di compassione » e di 

tene- 



D I E.Sp P.O. 7/ 

t-enerea^za le lagrime ! non ^puote contenere , e 
còmantlo; che fosse larato, restUà, ed ador- 
nato: H che' iocootaoente fu £itto. 



E 



C API T O L O LX. 



!^po da poi giustificossi di «quello di che 

fii accanto > e dimostrò le accusa^ioni di Ba- 
so essere falsìssime, e da maligtiità procedu- 
te . Laonde il re volle Taècusatore far morire ; 
ma in ciò compari là benignità» e la somma 
bontà di Esopo : 'anzi, impetrato per lui dal re 
perdono, perdonogli atìch'egli la ingiuria ji-^ 
cevuta» 



"CAPITOLO LXL 



L 



[icetp da poi diede ad Esopo le lettere di 
Nettenabo, dicetido ; or vedi, che partito.» 
ciò noi piglieremo ? Esopo lette le lettere j 
cominciò a ridersene, avendo ^con raautezza 
del suo vivacissimo ingegno' discorso i iimed^ 
^opportuni y e perciò al re subito disse '^ signo- 
re, non vi date afiànno dello partito di Net* 
tenabo ^ a cui U maestà vostra potrà rispoiH 
«dere, xhe il passato il verno gli nukiflesete 
'persone, che la torre }>otranno ecUfK3re> e m 
uomo tale 9 che ridonderà a' suoi quesiti, « 
dello eflètto lasciatene > signore» a me la cura % 
che di ciò come- altre volte in somiglianti co- 
se ho £itto, recherovvi utile, e onore « Il re 
per le parole di Esopo , a cui merìtevo^oieil* 
te prestava somma fede , levatosi 1' ansio ti- 
jRore d air inquieta , e dubbiosa ménte» man- 
dò al re degli Egiz> ambasciadori a nspoft^ 
-deif^ cosi, come Esopo gli avea detto» e 
sd^so^, restituì il govenzo regio» e die-' 
degli nelle mani Enno » acciocché . di hii» 
jmiti tanto eh' a Uù piacesse». ne facesse» ma» 
, . Pi Eq. 





Ehno 'Uitfflttibatc sdppficandogfji- pefdòw^i: liso» 
fò noti sohmente ^Wa concesse, maf di rfuo- 
vo ancora pet %lmoIò accettoilo ,'; e a- lui con 
paterno- amore diedfe questi veri ^ buoni ri- 
cordi: figlluol mio, ^pta pi^nl. filtri còsa ama 
r ottimt> f; somqio IdtÌQ-. Onora, e- ama con 
ffvcreoll it re nostrq sigtiore!> h che- tu sii 
\ tòt n'tmìéi suoi grave e temìbile ,* aecròcché 
fioh 'il *s|Jré2zho* -, e fioft '«!?• appo- tòre • in 
tóala, e viTc opinione. Cfirn gli amiéi-sii 
. iènipré. untenoj ànw>rcvplc^,|e3te e c'ònver- 

' i^Vcàe, acciocché: cresca' verso* te il 'loro amo-^ 
te, e la' sincera fede..' A- tuoi! aemici desi- 
àt;!a ogni male, m^s$imimente: h inferma, e 
ndi^plosa povertà» acciocché. non abbj^omodi 
di poterti- etìlìd^rc'-e- iluocere: Fel contrario, 

' degli .tmicl cerca sempre il. buon essere, ed 

* ogni b<?ie, acciocché ti siano utili, e giovevo- 
li; i/Còo ia tuafìlioglie-^sftirzati'star semprcb^ 

• He) 'e eàn tei vivere iìl Jbélia , ^ saitita. pice , 

^ tenélenftolé il • deèlfo.matri|noii|aleV acciocché 
V non' le- venga voglia * di • provare, se pie del 
jé^fào sfe r altrui ba!èio.<iòke,. e soai^e^'qUaiiidó, 
che le' d'ònhfr comunclrìentc veggonsi as«ai"ieg- 
^er^, e rfiutablli," ^ inèfìnate, e dedite *a- pia- 
céri Venètéf, a-cìè^^ ineifandoie^e spingendole 
k'fiatUra^umjinar, e il iiaturale a|^litò?'è s' 
élleno «^a** [t^r- mariti accirezzttfr siano ye-^ fc» 
Jteggiàtev assa» ftien^ il' loro disonore pensa- 
«ó, e diesideFand-. Fa ,- che *it. tf&a 5Ì%tttippo a- 
gevole a credere all'altrui parole, e promesse, 
e giiartfeti' esser presto ia «ciòrrc h lingua, ^e 
al dichiarare ; ma nel palesar sii sa v4o, mode- 
sto ^ continente, e ben considerato. A*' virtuo- 
si ;«h«*éf4ftofP' non avefe invidia mai, "anzi 
kf^lM buorié t^pere bdand^, co» tatto i'jimo^ 
Ile dot^^éttore-ibbfacciali', e' oWervaii, petóoc- 
thé-f'fnìHdiii a *té sfe*;$p,:viepp<é^ chf «4 al- 
crtli^ ciech^à ia<]^{et(tilkite'di« mente) é- tfotca* 
Ikurnto anc^. di «br^ . Sii sdlecft» del bene, 

*é dcU 



'v< 



DI ES OPt>. , ry 

,1* della. isofflodit^ de'fie|:vidbrì tuoii acciocthè 
.000 solò ti£emiBo .come signoce; .ma come 
benefattore) e p^ce ti amibo^. e osservino « 
Ad ^ipparar sempre^ coiei migliori non . ti cin- 
<tQSfi^ giatumaiv Alla^ diimoa n9n confidar i 
tuoi secreti» perciocché ella ra se (hpte inims- 
g^^iandosi in: che < modo essa signoreggiare^ ti 
ppssg» q a ,$uo,|ii9do &rìi i^e»;OgQÌ <U ler* 
hti^uakhe cosa per il giorno di ditxmt> che 
niegiio i dop>Q la mprke aree che Ì;^ÌWe ,:s|nca 
. a" tuoi nemici , che mentre tu vivi aver nece^^ 
. s'iti del pane degli amici, yeggaati gli «uomi* 
nix che t' incoatoano ,. benigno e umano e %ci« 
lei pelle salutazioni y e risposta opstcati aem- 
. {«e. « mansueto ^ e piacevole r cic^mlàndòti 
,.,^9^9iipre>.che il cane col Festeggiar à^U coda 
, vSuqI acquietarsi il nane ;. non ti pentir giammai 
.di' .esser buono « nè^di bene operare é, Sasano- 
«iiar iiapp^tatosi > è oaaldiceoti «caccir di vCasa 
^oa ^ i^e^iqcehè le qosr da te altrui dette» e 
'< >6ttiej ad altrui mali^dameAle fapporfaho^. £ia- 
i i-nf^ sempre le. tue azioni tali, che di (faelietioa 
..j li abbia a dolere» né psntìce gtammM., i)eUe 
.avversi tib> le quali senza tua cplpa . ti arven* 
.gona»^ non ti ^gMare óltre iL dovere af&xmo, 
■e^Qaj.a » ma aiii paziente > costante^ e fixlt # 
-fton intervenire nui a sciocchi» , e* ihfedefi » e 
.1 dannosi coosigU>. e-i costumi » e le asioni- de- 
. -gli uofloioi cattivi 9 e vituperosi nba voler 
. Mgwitan».nè imitac giammai» 



CAPITO LO LXIL 



aJ/oi 



>ii tal ricordi buoni r e con altre prade»* 
itssime ammooisioni esserne Enno- da E^po 
:smmonito f comechè una saetta* il. ouoie' gK a« 
ttss^ tfafitl»» venne in tanto disiHaeese re » 
jCDsà gravosa: resgogsa del suo mal fittoti 

D. 4 deli- 



t6 V 1 T A 

della sua ìnj^ratitudine, che beb- tosto èe nr 
jBiorì / Or Esopo pi?r séddiilàre alh i^hiesW 
di Nettenabo> e assicurar al suo signore dì^^ 
Bon.vcAJre d'altrui tributarlo ^ ma piii tosèo^ 
sferzare il r« Egizio a dar tributo a' Liceto> «- 
a ùite gì\ Kgìzj pioiatiere per maraviglia* cH 
4tupor ripiani i fece*- gir uccellatori chiamare s 
e a quetti itnpose^ the quattro picele àquile ^ 
§li recassero vive, le quali fece nodrire , e lo- 
seg^iara a dfscunà ih altri, volando, portar un 
fcnckiHa, ìrt ima sporta beti assettato. Quesrt 
quattro fanciulli governavano' Te "quattro aqui^ ' 
ie^ìe davano^ lt>r dà mangiare', e pcPciò-ubbi^ 
dirano qu^ti , come lor paéroni-^ voltando 
r ali ovunque- da loro fo^se accennato , 9» ve^ 
so* H cielo , o verso la ferra . Passato ilverno-^ 
c< venula la bella , e- florida primavera > £sopo 
•aveadou ogni cosa al viaggio apparecchiata', 
ÌAviossi verso i* Egitto, seco conduceiftlo ì 
-quatttò fiinciulll; e le' quattro aquflie, cjaROpi^ 
xitdoe di" potete il re, e gli 'Egktj al suo re- 
^r tributar j. Neftel^^bo sen tenda .Esopo es««r 
vivo , ■ e da Licetò -mandato per soddisfare al- f 
la propòsta sua-, di'sse: veramente quelli mi 
itanoo tradito, i qualr intendere mi fecero-, ^ 
die Esopo era morto. . Il giorno* segnante -co- 
ittaiidò il re, che tutti i suoi uffiziaii maggio^^ 
ri si* coQgfega«sero dinanzi a lui dà vesti biao^ , 
cbe* vestati , ed egli ornato di scarlatto, avea» . 
d% lo scettro in mano, 'e ia reàl JBOsof^ in ca- 
po di preziosissime pietre variata , e tessuta y, , 
sedeva ifi alto nelf aureo seggio,. e fece intro- . 
durre Esopo, che con molta maestà , e onore« 
Al quivi ricevuto, e dopo la salutazione, €/ 
indite carezze, diise il re: cHxmm Esopo, . 
che ti par di me 5 e di questi miei, che- tu 
vedi qui intorno? Rispose egli: mi pare che 
la maestà' tua si assornigli al sole , e questi 
tg^<|si$t^pti.aUe epiche miiture^ Piacque al 

tu. 



t)t -ESOPO. Èp^ 

ro fa comparazione , e fa molto lodato : però 
scddosi disciolta la congregazione > fece pre».^ 
qeplare ad .K$iopo dbQÌ t^lii quali, alla dignità; 
real^ r e alla qualità dell* ambasciatole del re 
di Babilonia erano. convenevoli ^ e degni. L', 
altro, di poi comandata la congregazione , veti-., 
n^.ii ^e Netl^nabo- vestito .di' biàncl^issime e. 
pcè^iesissim^e. vesti» ei suoi consiglieri, egli 
u&iali vennero di sca|latto. addobbati, onde 
addimand^tq £)sopo dal re» che comparazioni? . 
egli .j&rebbc di lui, e de*. suoi,, risposegli ^. , 
voiy sigr^oK) mi parete il sole d'estate, quan- 
do* si. tiiova nel. niez^o del cielo, e miesti vostri, 
assomigliano, a' raggi del> sole. Se P altra com- 
pararione fu. grata e lodata, « questa fiial re»< 
e a tutti gratissima,.e lodatissima.] e dicen- 
do poi Neitenabp: a Qgni modo Licito con,; 
tutto al s^ f eame, è nulla a comii^araz^one del 
mio ^goo: ri^H>se EiSQpo iorrideì^do :i signo» 
-r^, cid non afiermo io, né devi t^ co4 age* 
volmente sprezzare l^iceto re di Babilonia > . 
anzi pia onoratamente potresti di lui ragio- 
nare:; perciocché; quantunque e la signori^ .tua 
e questi; tuoi riluca^, come il sole > e^ pajs^no 
qui gran cosa-, paragonati poi con Liceto^ t 
col poter suo, non è dubbio, clie quésta to^ 
loee, e splendore^ si. oscu^» e iptorbid^si tan- 
to-, che mivole » e c^oasi tenebre ftonosi . A- 
coleste pacoloi di Esopo non xispose il re» 
ma it^ altro ragionamento trapassando , addi-. 
mando, ad £sope se condotto avesse gli uo- 
mini che la torre edificassero'; ed egli allora :- 
sono apparecchiati, rispose ) purché voi ci m«*' 
striate il luogo dóve s'abbiarda edificare» 



D S Càiri 



-81 . - V t iTi A t 

: ti n "ì ii'-'i ■ ..t /i • k iti >' ' ► . . « •* "i 
'**ìj^,' ; ' " '. j i-i" ' "* . *' , .♦" . j 

K» ; mC A^ P I /T O L. O. LXIIIJ • ' . 

A- .Vv ,'j O .' * / » s ^ ■♦ 
llor» usci il- re fuori della città; ed^èlH^ 
•testar »|} «{(Ila -<i»biiìur8>vrnc>stio^r' uei^ htogo %li* 
cst&Rfctx> ili liti bei: quad»^> e' <hsse:. qi>r?W'o 
iKsQ^bs voglio eb^ tu edifichi uo^ tdrrei la 
;j^aale ne viela. toccJfb, nè^ia terra sia>. fotidats. 
<&ù £sdpt> paté -a ciaschtduDo^ide^cfftattro as' 
:gèU^fiQO'd^'faift!dH'Coà là soa a(|tiib, e Aina 
< Sfolta aélx <]U2le «ranq (^leglè istromeotr, 
.eite i: instatoci alifta^ÉlC: sogliono; tifare i co-, 
pie 4a cazzuoia , il m:^telio v e cesti > e asset* 
•mtìrì xoRiodaraentfc i faiiciaiil ^ nelle -sporte > 
^oom^ soleano.) ! diedero^« segno . ait: a(|ttilc > * cbé 
, 7bÌ3i$tro-< i b ' alta . Quelle- subitamente, spie^e 
•'^^•ali-, comniciaroao a sormootare, e i Émcitil- 
^k àiJJiofa ad 'alla Tooe gridando/ dkevaoo: 
i>ateai calcitla , datec^i pietre >" daitecì « Ugni ,- < e 
* altre còse*,» «e volete che noi facciamo Jator*^ 
fé ..Se*!: popolo Eigizro,>l <|uaie era ivi con^ 
. «enato, eNottenaboj recarono. avvolti- netto 
Stupore r èagevolicosa il. congetturarla: disse 
il re, mai non udtt:> né intesi > ného^etta, 
«he -uoiniai^ volassero . • Rispose \Esopo t- il re 
Juiceto mio- srgnore. Coment urvocft , ne tiene: 
: Bfm voler adunqtiie patdgooarti con un re>ii 
quMè è si^tiile agli Dei , e 4}uasi< uguale». R^- 
". nritisrst^aDbra-Nefteilabo nelle spaile , e sviato 
liHsse ad : Esopo *;> io coofèsso-) Lìcefo esser 
naaggiet di «es f- pili ^potente*» e degno, 'a 
a cui io doni ubbidienza, e tcibuto: ma pd- 
>-inar .voglio-*proporti^ alcune questioni^ alle qua- 
i li ! se ta saprai ri$pon<iece> non m^mcherò di 
^'^Siervatc, e mantenere la parola mia. Pritnie- 
'>tdiiiiQte voglio da te- sapere r donde viene , 
'-ccàft^uilie-fiiuaeate» che, io ho ^ui in E- 



DliErSOFO. M§ 

Ufitto"». dome teatono i caTAÌli> che in Babi* 
fonia sono» annitrire ,. incontaneale s* impit"' 
gnaoo. Dommi^ rispose ISsopo,. darotti. U^ 
soluzione-. 

CAPITOLO^ LXIV: 

lEX^tocnata Eìbojmt di» siiO'aUo|^iimiento,. C0«^ 
mandò a' gidranr suoi <che sr sforzaSMtcr 
^i pigiiare uno^.di qtiegH animali ^ chs ^ 
£gizf!' chiamano^ Islmeumoai (''questi tengono 
afmilKtudine 'di gatir ndla tono» deL corpo ,■ 
«na sonò* de' ^nostri/ vie- firn minóti assai )c 
piesor.clie fesse* per le strade ttaendolo » 
piibbiicamente ^ 'k> « battessero «. Adoralrano ^ • gli 
Sgizj'^eofolranimalvtfo-, a cài eowe ad un ra- 
dio con Tnoite cerimonie facevano solenni sft* 
crificj, perdocché natura è^ tlell' Idmeamoiie 
-xompere} o guastare le uova de! cocodtilti # 
Squali ' gli Egizj » perciiè^appo ioro^ se^ ne < til>- 
^ano moììfi, raioko -abbefviscDno , . e odiano 
^per :esser ammali non meno- orribiti ^ e^spa^en^ 
m^òlivclie dannosi e nddvi » Gii^^ia| a- 
dbhque per cotanto giovamento di total ani* 
fnaletso, il coi ardore paiNrva. iato- divino ^ 
l'aveano io somma TeRera2Ìòiie> e .adòravanlo* 
2* giovani y^che"" nessun! altfa doósìdecazioBe «*• 
yeanp> che di: esegnire itv coflMndàoieoto* di 
Esòpa-^ presero uMr> Ickneumone » e- quello * 
l>er la^ cittì» aspramedte- batterono . Corsero 
gU Egizj , vedendo il loro-Iddia da que' fe- 
testiera csnv césk mskl iraftatio' , e |[xav«m0Qte 
battuto, e avrebbongii {amauoEzatr, se* non- 
fosse lofo partito , che: la gravezza del pecca* 
tD, e un tanto orrendo sacrilegio' richiedes- 
«Ti che i giovani vie* pia clvidne'» e penosa 
morte ivnessero , per la * qual ' ^sa > tolto <iàlle - 
lor fiiain t Tiaili^etto-Y^ al^ risf incontanente 
e se n* andarono, acui adme^il fatto- foie kt>' 
èsposesi^» ir re- subitamente tfetfco ». sc^ chìa- 



mar Esopo, eoo oscure , « rigorose ciglia gli 
disse: tu dlu|l(p:ie,,EsppQ;, «che Àai? guanto t 
Ichneimione da noi qui sia liveidto, il fdalc 
;|l«&ldlclio adòri^m^.y.d^ qM^n tftòi , -roaljpagj » 
^urlaSMio^^'flWJa reli^iosL nipstoft» T i)dF £<t^o 
Jiattjere,, è^iii^ncggiwe iiv ópélrp» yitofiéiio , 
e ^m^. g^iif&mo . Rispose iilsopo : deponi Bt 
iaoUcin y 4^0114?. > .e .jk^ondii cofflcv sia questo . 
icasD seguite!, che ì» So i^rto che tu conGw 
a^uhi che b lagione. sii, nostra u I^on sai. ta y 
lihc chÀ fa ipak> m^Je ' aspetta.:.^ fe^ non per 
ilkuperate la vostra tsìàgìoi^^ uè per ingmiia 
Jkol&tfco baltfrt qi|cs|o> gatto, ma. solob per» 
^hq se l*i)a «gli^Qieiitato, cpRciossiaecKegli « h|i 
Ù mio ce Lictto. gcaYemeiite' .offeso, «-ingioi- 
natp^. Il te :Net>cnabp. di! cÌQ. ;gli ..disici « 
cornei Sappi signore» rispose £sopo> che k 
Aoiie . passata .queKVIchaeBnsoQe amatala ^ il 
gatto '£t^^lò di Lictto^. d)e> era Yaléntitstr 
'ttuiyC isih otfi verissiiQo. o;:pibgÌQ. .Quei^ 
^lo^amava il-ie miopiiiLicheigu occhi saoi^ 
e .peccÌQ,hollo hlLlo i)3ttcrei> e. %erameòt« .dj 
•css^ amniàzzato JiieritaYa r Allora ^ettenar 
ho disse; ^noa ti ^vergogni tu dirmi si grafi 
«bugia? puà.egli ofisere.» che queir aQÌinalett0 , 
m «oa notjfce sì^ da Egitto in Babilonia itKx» 
^ temalo i £ Bsopo spcrideoda^ disse* £-> toì ] 
siigfiorev ditexiii>: còme, è possibiie.» che k 
.cnY^Ue ino4tr:e.di;£gijl;t^ senlan^. i cavalli .di 
<B|ibil<^l9 a nitrirò? fi fQn\f^i. ppss&tbìhui che' 
.]»ercÌ9,s'impi;egiiioQ? &fi ciòÌYei^> m^omi» 
.jDOJr..méqa(og«a.Àia mi^.. AllQrjii:.il^xe si 9cc^r 
i£.y ohecqo quel bel/ca|jto eglivorattdacS^ipo 
della suav bugia ripeso», ^4 era. la- «uà élsa 
•BfOpgst^ Qis^i0lt;>f dove.BtoUQ U .prudenM 
ii4a o^mm^Jaadp., ^0PQ> ci suoi servi. ast 
colae > e contesa .esser ila, lui. 80cklis£uto, defi- 
la risposta ,dH dubbip pix>post«glii> « ja^à» 
Cl^va f^s|r/i.ivjnai.,la wBÌ^pw sijai- 

vA? 



pi KAO^ 0. ^ »i^ 
. 1 V A P IT at-O' &XV. »^«h 

g|&Vv«r» il )M i Neètcnaba, qvCàtvào E«»|k»^ 

Tenne ad Eliopuli, itqjial notn»'' signi&a' d%-* 

. ti del"É6leHmz^da|top.èv^i»Su&i; satrapi periti 

.tiolieijiiefifeioiii samtrc&è» aecioeìsèé con SsO-. 

opo dispt^as^O», t* )^9tl venkififtiK' k»èl4Ai 

ttal oodvito i e;te€''Ìnv»tatiri,K^6|Mi': éó^ 

'POsda.cb' ebbero: la £imé' spenta^ iaconiidaic. 

<t»o dcf.fóàdoieL EliopoHti. a: favellare, tt»«i 

» dicendo f'sapfii^ o^ ISco'po , ' <?be il una lèiào 

«mi.h» niai^d^ta ad iatenx>ffartl ' sópra ^ ntt dab*- . 

bio r dccioccbé intenda da t^ lai spkizione .A 

fin- Esopo;- seqza pliì oltre ascoltate' disse: 

ffkn bugia ,è cotesti ^^ tht tu ori. Ucì ,còil* 

ciossiackè non hanno bisogno gli Dei di iti»- 

^paiaie. dagH ismini;, m% yokooQ^ to* parere dS 

edace coc« gjrandi^ non- solamiente ^itetosi la va^ 

.idtà^..e rarrqganSKa dt$il|i tua pctSQOZioD^, «ìfta 

iaiiltiio Iddio ignorante e. poco- saggio « AÌ> 

io^a: &cest mutolo a tal parole . l' Stiopolifa^. 

Uo ajttp poccia propose cotal questione : egK 

è- un grande, e aropUssimo tempio, entro cut 

Ci una sua .colonna ysn^ tanto g^ude » ^ s|nh 

AÌosa eh' dia in se stessa dodici ^caineM.«QB^ 

^ene> ciaschedoBà dalle <;^t (i da ttonta tia? 

%ii. sostentata^ e intorno^ yi vaiiQ^ sempre* gr»* 

^ado due donne* > 1^ uDa> dc;Ue quali sempre. 

«prtf^ dietro*; ali' altra ::.or tu sopia di oiòdhi>- 

-mi qu^iip 9 che ti porge il tuo ingtegno f e isàh 

Mce; e. ohe, pensi «ciò ai» cotesta qucsiiosen 

Bispose £s9P<^i a^po noi la sviJufiperiakìo., t 

s^ióglierjaoo i fanciulli. Quel tuo ^ran.tem^ 

^o é.tu^ta la macchina inondiaie^ h'.colom. 

sa, che vi sta net. mes^ Ì TanttOy meAaiitò 

il >qviale rojsdine idei mon4<>Ae il movimento 

^ene* mi^ucato; le dódici cimere da qtte(lft<o^ 

Ipnna ^oQte^ulc i sono . i^dodi^ci * mt$i . deli' a6r 

^ri tr^ntu ÉSt^^Kì cia^unò de'qu^ii^orri: 

spon-. 



M6. ,0 Tl>E T l'T 

i»0nd& idk tcsQU trsyi» ^e k dae^' dome- 
ine ìntottio llr Yornm» «empre girando , sono ia 
•natte .. E' ìi gtsrbs y perciocché queste* IMire 
«fike.sempirei.jpritiO'^e: T.^na- cesra dieta».: ali* 9Ì- 
tra,:erOiisì'm' da £s<^o^ spiegata*' qtiella gran; 
pitcqiQsta diiqaci satsapo^r^e poiché: i dà» pili 
'Saggiciputatì 9 ndla^'Cui dottrina ecatutCa fa 
speranza xli'Netteaaiìo riposta , fopono^dti' K- 
•sopo y ipti,. e smaccati > glis^tri non ebbc9R>. 
<piÀ< ardire dì virtiire a^ contesa con lui . LaM- 
eie discioita b congregaxione crascnno d' suoi. 
^oggiamenti/se« n, andarono^ se^ stessi peA-- 
-sando' alla 'grandezza delia'. dofelcina.> & dell' ta^ 
l^gnpvcfì Esopo.. - - 



«« 



I 



GAP IT O LO LXVL 



i.di seguente ir Re- fece > (Congregale tatti* *t 
suoi'Consiglierì, e amici, a^qiiili disse: anxkiì 
miei , avete veduto, xkit infin'ad-ora noi non 
abbiamo potato^ vincerne* una con questo Eso- 
po: perciò^ se noi rlon^ sappramo altio fare ,. 
necessario fia , che io^dlaf il- tributo ai Re di 
Babiionta^ Allora rizzatosi ia piedi un' vec- 
chione diise : . signore , poiché, noiic posnamo • 
domandargK cosa, che egti^ non sappia-, co- 
itt^dateglt, che t^ì a noi abbia a éir piopo- 
sta /di cosa, che noi sforzatantente abbiattjo-a^ 
confessargli, che non sappiamo, e cbe non 
Tibb'iamo «Inttsomai ragionare. -Se ciò egli f»- 
ràv'daRtegli il tributo,: altramente ditegli, che 
non intendete essere a coca alcuna dbbligftto , . 
é in questo modo- vi libererete , perciocché di« 
ca egli ciò cbe ^i voglia diremo noi «saper- 
lo , ovv*era d' altrui averlo inteso ». e sentito- 
ne ragionare. Quelita così fatta proposta par- 
ve al Re una beila , e astuta it»venzione<^ me- 
diante la quale -piotesse dàl< debito» imbuto li- 
berarsi. Sicché xhidttiato: Esopo >, a luì prò- 
]iy>se il partito > e rolentieri fil: da quello ae?- 

celfc- 



D/I laoTO. ^%r 

>«9tJbRtb4:dìeeQd#:.Hgiii»rev:io^ dMumb^tne^^ite' 
.Vettò' quii, rer feasQ. a&oo: di ctò 5^ come xMle 
'kalt!re<>cpseJà/TÌtt»rìa r^péictasé. ftireva a ttMi" 
ili-.impoarìbiitvirlie S^opo dt ciò potesse riu- 
,*scirQdi€On <9faoce>tina> «flii temtfv^ano., - per^ ]e 
passftle ^spetiòiizc fatte. del. g»ode, e ptofon*. 
dof ittgegna sua. • ¥enuftQv Esopo*- in ooos^K« 
il ,dè ^segaente 1 conte egH aveva dettò > appre- 
.Wiitò a(t I^e unòi- scritto; «eixatoy. . nel quale con* 
teoelrasi; come ik Re. Nettenabo« confessata 
.dover dar ai Re Liceto per tributo nilte' ta- 
^ knti y. che vaglionq circa, seicento mille sch- 
:di « Avendo. Nettedabo tolto ilo scritto in ma- 
no, non aspettando, i consiglieri d' ìntcnder^^^ 
il contenuto disserOfi- signore, ciò che si coo- 
iiene in questo scritto vàoi Id sappiamo trop-. 
pò* bene : e abbiamolo anco altre volte inte- 
';so>.pen9andQ,. in tal modo diceedo-^ dirvCQsa 
.f$beLÌbsse cootra Esopo, il quale .sorridendola- 
.sontinonte:.. disse: dunque voi siete buoni e ve* 
li testimoni. di quanto^ là dentro si contiene, . 
di che iratelli, io. Ti;> ringrazio assai, facendo 
:voi v^ra » e buona testi nsbniaaza dei dovuto 
.at.Re Liceto. Nettenabo spiegato che egli 
«bbe il foglio , .è^ vedendo. essi^ivyi 4ina confes- 
sione £itta in nome "SUO >1 come che egli ^ fesse 
«. Liceto di/ cotanto tributo- debitore, rima* 
<se tutto confuso dicendo: ..adunque, o Jftuont 
consiglieri miei 9 e voi testificate, e Bite'fe* 
-de r. che io, sia al\ Re di. Babilonia debitore 
4i. mille taleati-» non essendo iov ancora òbbli- 
gato^a cosa veruna : ed essi -allorat- incontinen* 
tè risposero: na, signore, ciò; non sappiamo 
noi.) ne abbianw inteso gi^mm^i- $ta bene, 
.disse Esopo: adunque % signore, dovete quel- 
ift::somma al nato. Re, aMrcndovi -ia proposto 
cosa >. che questi vostri consiglieri dicono non 
japere né: essec mai a loro orccciri pervenuti- , 
.WCQme ieri :accordaste qi^co.« Nettenabo allo 
.• ., - ra, 



tt, fnn& per maravigli alfattta> ad afta ro^ 
Ge^rjdaQOQ^ cUssfi .'..oh. quanto ì|eQ^'avv««!tU'<^ 
ràtei e felice è. Lic^o av«mk> nel- Reame- sito ^. 
e apj^ressa di.^ un uomo cqsS pmdenre, e 
così capalo e eoa disino ^ la cui alta ^ ma- 
ravigli o^a dottrina assai più vale, che IHitti x 
regni del Moado 1. I^etf ena^ . dapfx)i« nom pò* 
tendo altro £itc > se non osservare la £ecle , e 
xaaiìtitfnere. la parob sUa» fece toatare i séicen» 
to mila scudi ad K^opo.^ e licrtiziatolo at. R«^ 
Liceto ri mandorlo .. 

CAPITOLO LXVIi: . 



a 



riuQto c;lic Al, Esopo, in Babilonia, egli^ 
d* ogni" cosa II. Re* molto particolarmentr rag- 
goagllo, e ceicentomira scudi> numerogli: di 
cn'e Lieetor tutto giojoso , e contento - cordial-^' 
roltnte ri'n^xai'iò Esopo: al ! cui onore per ri- 
itiunerazione^ del buoiio, e fedele servigio ^ fé* 
cegli porre in pafablìco: una stàtua d*oro, e- 
volle anco tutto il tributo a lui portato do*'- 
Dargli, ma ciò^ noitr volle accettate Esopo r 
dicendo non essergli necessaria tanta somm» 
di danari» essendo' ch'iegli solamente conten* 
tavasi della buòna grafia sua .^ Non* passò 
molto, tempo dopò, che ad Esopo venne' pen- 
siero , e desideirio grande di navigar . in Gre- 
cia 4 laonde con buona soddisfazione di ^ Lice-' 
tò .( avendogli però promesso di rrtorliiarc | 
e. con esso lui il resto della sua vita finire» 
parti di Babilonb> e- avendo già navigato in: 
molte parti della Grecia^ Jn ogni luogo dove, 
egli ^ venne > a capitare , fa onoratissimamente 
ricevuto, j è accarezzato , ed era iodata», e anK 
mi/ata da tutii gli uomini la prudenjia^ e l» 
dottrina sua . Perveane finalmente in Delfoe 
citta molto ricca, e, «per il. seggio d'Apollo. 

far. 



D f BSOJO. JTy 

£iinpSfssima . Quivi , fnràtre the cHìsputava / e 
ragioiuva,- y ndravigMa -^etlà sua .sapt^dza- 
mostrniKlo >.; ijfr- lu tfci ognuno prestato' gfi 
orecchr voiéattcri uHìà cottesi* , e onore pò» • 
ckfssifno gli fife fatto. 4^er la ^ual* ccisa vote»- 
dosi nidi partire, disse a'Delmii ,- i^ quali cti» 
aiandvto gli avevano ,* che ^li ^;s^rev«* <kflti 
c4rtÀ, e de'iatti Ibro:- ioalsomiglioiri' ad un 
lefno*» H' qu^e sia nel mare dalle onde agitai 
to» che»- orentte eglr'é4oatana9 e ben disco- 
slov, pensane quelli , che lo reggono essere di 
quaiche valore; n>a accostatosi poi, vedesi) 
ch'egli è di pochissimo, p di nessun prez- 
zo . Cosi siete voi , che mentre io sono stato» 
lontano- da questa citta , vi ho da assai ripun- 
tati , e stimati , ma ora che io sono con voi^' 
avcidovì' cetiofctuti , trovo » che siete .arari^. 
vili , discortesr pia. di tutti gli. ahdL uomini ^ 
che io abbia j^ qual' si vòglia itioga 'psatica* 
to . Pdf qureste. tai parole . di . Ksopo ajtetàH 
furono gli animi de* Delfici > ctem^do , die 
egii di loro mal dice^e ovunque andasse» fy*. 
cero consìglio di ammazaLarlo. Por farlo con 
^usto colore di^ ragione » .nascosamente pose- 
ro ttn beli issi iw>. vaso d' oro ,, che nel tempio 
dr* A pollo era., nelle bi sacci e di Esopo , it qua- 
le a^n sapendo i* ingaiino , e la raaligoa vo'-^ 
li^ta loro ai Darti da ìhi£o., pé ! molto crasi 
discostato. dalla città, quando. dd- certi arma- 
ti f clìt dietro gli andavano fii preso ^ di che 
maravigliandosi : che volete voi da me ì Ri- 
sposero essi : ladrone sacrilego^ , restituisci 
qacì vaso d'oro,, «he nel tempio d'Apollo' 
rubasti ,.i Negava. Esopo . avere eiò^ fatto , ni 
èstere uomo tale> quale la. accusavano : ma- 
essi ^jsciolte e sviluppate k bi^ccic trova-/ 
l'onvi quel vaso d'oro, il che davf manife- 
sto indicio jdel furto», e del sacrilegio . Né 
%^l9£ ià Esopo .giurare a che egli non 1* av^ 

VA, . 



50 oV I T A 

, „va nafcofto ,. <; cbe w». sapeva , chi coftì jtìpo^ 

^.sta-rave^^» ^.{ujj&nsat^ da loco in Del- 

io rijtproare , v oùnacciaadolo calibro deUa forcj. 

JRi(oo4u.cei)dplpi.|[l( sbirri srret^iu^aeote: ; legato 

a tuttitq.|iri^>i eh icraoa da lor iocporcati «^. dl- 

x:crano ^ (^c. jrgjt er^ i»q. ladrone saccilego > e 

^egli ,, eie il V3SQ d* pca .d*Apol^> «re:«a ru- 

. &tq> e i^he egliiK^i'àv^v^ip» r)ellr;bÌ9«ccir. sue 

.rijtroratp.r.per il eie lUtli ad u^a^ ycm^c gridava» 

. .iM); n^ùoia ilril^aido, ..iia|*^c^tósi il jadr<me, 

lirucisi/ii sacrilega t sqiiai;|ist il traditore > 

. .2^4$$Hip.> e cpsi fii: in. un' p^urissima^ pcigio- 

. ne riusexrato ^ . ..' - 

.. : CA,VltQL.Ù ixvili-:; 

Jù^P<^ dolevasi 4eUa.:sqa osala sorte y e-cro^ 
/ci^ndosififtel . falso, iagaono ». e della .inghina 
fatMgJIi ,. cluaimiva ì^^sljhìh degli Dei i. venendcK 
Don ' pattt^ con i&TeQXioni > né; per i'iomxxnza 

. e bontà. ^)a.» ne .per akon altro modo Ubera»-. 
•SÌ!» jst stsagg^Vfsi. ìi deiktto» come si strugge 
mi vsgo atigcllPr il quale memne si diletta per 

• yerc^i »ire y e por Coititi aiinxscelli vaga» % con. 

. inganni » e setij^a.akuÀ peccato » .vie» preso > 'e 

,ìi^ gabbia posto ; Ora in ogni luogo della xit- 

tò /ragionava si .della prigìeek di Esopo # ^ di cut 

un amicp > ijl ^ual cbiamairasi Damaceo, . Ten- 

: ne: a vederlo , e ttovasdolo cosi sanikiaticato , 

. e spounamente macaiviglbtosi f come in- carce- 
re fosserposlo, addifliaJidogk.di.ciÀ la cagio- 
ar>,.ed egli a lai disse 2 ddi ear» fratello , tu 
puoi pen&ase», e credere: dite tttOM mio ineri- 
to io sia in GUQste tetidiee teaotoi .ai ti ma- 
. :Cav.igliaKe>. cbe- io nù dolga.» e pianga i* per- 
*flbè io ne bo hcM. gras^ ragione^ e soglio ^cbe 

»■ ftu intenda un esempio a questo ^pepposito . 
< £gli avvenne» c&e ixia buona donna av^dò 
seppellito con ie ^debite » s abboodèvoli lagri*. 
i mft il morta mairito suo^> e perseverandole il 

' cor* 



t -■ 



dì é So fc ^i 

t»fdèglil) r: e^ it: martellb di fai 5 ^grtJ di gira- 
nede al^ ^epbiétd di quella, led^eàMè ligrime 
tutto i4. bagna vii .^uiW presso èra ijn c<>nta- 
llino , »ir quii v^€dendo la dogliósa gjky^afib co- 
sì àmaramenfr |ji»hgwé ìi suo maritcy, refìa- 
f Agli di' lei ttóà amorosi; contpàsnonc, ìHtoa- 
taoente iimsirfKrfbssehe j laonde- la«<5fetd V ara- 
tto, « abbandonati i bùtfi j' acido^serie al detto» 
«tpòkìfó'; tò oVé rttftasJ h donna lagri mando , 
'•'Ton esso- fci ni'Htsì dirotta niente a pianger 
flnck'egil; Klià do^o un^ Taògo pianto ,' addU 
fnaodò Ai c^fttadiftb ^eteliè «gir ancbt'a coist la- 
grimasie. La cagane »: risposa èg4f/ o bella, 
tna dòte^te donna»,;deIla mia- passione è simi- 
le àltaso 4\ìò y ^eKiocché pìarigendo chiami 
il perduto marito v^d io piàngo, e ducimi ìk 
vAoM. disila. aiAatà nibgiie , là quale }k)Co^ dian«- 
m mei misero-S ^ ^scons^ato/ ha. iti questo 
4no»do lsKcia9ii> sfdìoi e fSarmi che I! hgcimat 
sikf gerisca! alquanticy ri^^mk) 'dolore. Ed ella 
oSiKomposey" oitnè frafèlloi» Afe? queste mie 
cakle lagrime a nfe'Asno óóiHé ufna éonsolajsiò^ 
. fie-ir ^ un dólce- i^lbgam^ntò'^ deiia mia' acerbìi 
fyRmo&c . i &gìi àiiotk disse $ «orellà mfa , poiché 
liriM>rrexi'«mbedfue'i:i à^^posco itristatd pìiti e si^ 
tnjlr^ etflifWe mfeexie-iiacci ugu^giiatt^ aven* 
. cIdcì .qfui congiiiAti la lagriin&re pei grato ìsfo« 
- gameniD- d«l nostro- acerbo: ìnfortui^ià : pare 
«BCo', che b bòQtììstta ci mostri' uà dólce ri* 
medio di ltvamtiii:tutto e pet- tutto ii gra- 
ne^ e l'amaro diAla^ Aottfa^^M^ionér e que- 
sto -4^ che se ti pi'aoesse actfeltjrmi nei luogo. 
del tuo dksiderÀo-mtiilto, io^ pe« • dolee ftio* 
glk ti aeceiierÀ- iK>fontiai;i, re^^am^rofti fton 
nttfaa cogdtalmentej «he^ -là miapiistfata 4>eik: 
cmtfQrteyaiitti^i / e io*' quitstl) mO(k>^^ifTlbedue 
<!Biiir» qutfsi» fieitrcv bauicttoee c^ faUii^en^ 
ter foitiaòheFenuici mediatitei H nostro soaVe-e 
.dolce- afliote > che nuihi sentiremo ' di molesta, 
niaiiacpnia^ 1f u sei giovancf , ed' io { «oitìé tu 
• : • ve-- 



n V ? T 4 . , 

Tcdt^ non sono yeccnia > -e siamo qui in Iiio- 
^o > che nessunp cL può ^unstar^ il .fatta ao^ 
Siro, Di par di si, bocca mia soave e bcìh, 
che ti giuro per quanto bene voglio a' min 
buoi, che £arò l^al prov»9 che tu dirai ,. eh' t0 
sono un vaiente arnoro^o. Parve, alla donna j 
eh' egli parlasse bene , e con ragione del caso 
loro discorresse > e perciò elb a lui rispose co^ 
Si . Verapaentc , o caro giovane > tu molto ti 
assomigli a quel buon marito mio, e «nel rar 
gìonare r e nella voce > e nella statura e dispo- 
sizione del corpo, cosi ben sei. apparato , eso- 
do: e credo certp , che Iddio t'abbia qui manr 
dato , acciocché Facciamo' quello che proposto 
1QÌ hai : e però, non potrei se non alla tua pro- 
posta acconsf^Qiire . Cosi detto > abbracciaronsi^ 
insieme molte volte , e quivi sul monumento 
del morto si congiunsero più d'una Eata ine 
istretto nodo di maritale amore . Avvenne > 
che m^tte i riUovi sposi con molta dolcezza 
cofifitj^iavano 'A matrimonio , vennero due ta^ 
droni, i quali vedati i buoi abbandonati sen^ 
a^ guardiano , rubaronli , è ben discosto li eon* 
dissero . Il contadino , isfogatosi del suo amo^ 
roso desio, e «^ ritornato all'aratro tripvossi sent 
za buoi : onde cominciò a piangere gridando 
qjuanto' più poteva > i miei bUoi, La donna , 
che tutu consolata} (^ contenta a casa-se net ri- 
tornava' > sentendo ì dogliosi gridi del suo nuò^- 
vo giovane, andossene a lui> ^ trovatolo cosi 
forte mente a piangere 1* addi mandò di ciò la 
cagione , ed egli a iei^ disse : Dth maledetio sia 
questo inondacelo} io prima piansi teca quasi 
non s.ipendo il perchè , e aenaui alunna cagiona t 
ma ora ben piango da dovero» e. da maledetto^ 
senno: avendo petdutp i mici gagliardi: buoi 4 
li quali sono certo 9 che non potrò mai trovarci. 



CJl^ 




; c4pit:olo ti^^. : 

' : '• • • • - •-' • \ • • 

osi a, me ^ infervcpjito , 4i^s^ Ej»opo , chf 
e&se^idq io passato già per tanti pericoli > e 
uscito dittante calanrità» pra pian^;, k' gìmy 
«tanMnfe mi dolgo , .oop .vedendo, Zlìa mùi io*' 
giusta perseca^ione rimedip alcono . Noo ave-; 
va £sp)«o bei^ finitp potai parole , quando, e^*; 
CQti.'il batigeljo eoa molti p^l&cì, popolari ,, ,1 
quali toltolo fupri di prigione conducetapio ^ 
Br morire.. Ne ▼olendo i Delfici. ipt?ender air 
cuna sua ragione , éàss^ E^opo/ pv ài g(a^.3 
aln^no ascoltate quésto bdlo esemplo di queir 
Io > che a voi intervenira poi. Di,.ciò &tt»< 
gliene comodità, cosi incoininciò , dicendo/. 
Nel tempo,. che le ' bestie, paìiavanp.» e usava* 
no' viverle ipsieme > il sorcio avendo fon la rana 
Étto amicizia, Ja"convito a. cena seco, e ale- 
natala nella dispensa di un gen^iluon^o ricco i^. 
il quale la teneya piena di tutte quelle cose >. 
chq ^uole uda ricca casa tenere > ivi abbondan-. 
tissimameate cenarono . h* altro giorno, poi la 
rana convitò il sorcio a cenare ne|U sua pa* - 
lude, il quale venuto per cenare là denteo , 
disse la rana, .amico .mio ,. 3cciocf:hè tu non - 
pigli troppa £itica nuotando, fia bene> che 
con un filo sottile ta annodi il pie tuo al 
mio, e cosi tu seguendomi, pid agevolnìen- 
te miQleiai. Acconsenti il sorcio, e legato 
che egli.fH in quei moè^o> la tana ialtò nella/ 
palude., traeodosi dietro il sorcio» e^.gitasen. 
a^.al fondo, il sorcio per fQr:^a ancora sotta 
acqua seco tirava. Onde vedendo il sorcio 
n^n poter ùr alito .se don afGatgarsU- disse:. Io 
per tuo tiidimento, o falsa rana, muojo, ma 
spero verrà un maggior di te, che farà le 
mie vendette , e ciò detto mori ! E tale fi 
r qltìsaft sua cena ) che bevendo più > eh* ei 

noa 



74- y. l ^-A : 

'41O0 puote , e ciò , che ti non volle , -cosi ben 
gonfio ycntìp^^^gsÀ^so^V'^ci^f'. Ma ecco^ 
che un* aguila sopravoiando "vide il soccio 
morto e presolo, pottoUoin ^Ito : e pcrol^è Iji 
i-ana ancipra «fa spft il piede cpn lui. legata^ 
fece rd(}aUa doppia; preda» b quale ella. beccòcf 
si in.d^e'bQccoiu .v, ■ ...,.: 




_ . OD àluiracnti drvverrà, a voi, o Delfici ,, : 

perche laceBdomì . voi ÌDgltt5taine»te , -e a. tra- - 
pimento, morire » verraimo uomini » <fhc onor 
rcvolmea^efar^mip-k mie vendette;. perdpc- 
chc non e dubbio, cie-il Re idi Babiloòìa> e ' 
^ ulta la Grecia , come avranno inteso il tradi-? . 
meotp da voi fattomi , tutti x:ontra di voi 
sno^fcadosl sfaranno che pagherete lox <ia..pè-; 
pa f con mólto. vostro danno per T^indegna., « 
ingiusta morte niia • N^ per. cotal esempio gli 
assassini -Dei&i dalla iniqua lor dcliberazipne . 
si rimossero , anzi con m^lti strazj lo^traeva^ 
^p alia inerte . ^^opot nel voltare ^«n cantone » 
si fuggì in un piccipf tempio ditApoUp mol- 
•*? poco . fcequcntato , ma non . gli vatse ,- fcr* 
ciocche indi cosi io -strascinarono ^uori,- comi? ^ 
sogliono gli afl^ati lupi strascicare dalle ma- 
<|FÌ >«|i «igneUi. £s$i dunque pieni d' ira» e 
di crudeltà io traevano a precipitare da.^in 
altissimo, p spaventevole -precipizio ,. e me«^ 
ilre 1(1 lui conducevai^Q diceva^ 



^A- 



DI ÉiSiòPO. 
CA EITOLO liXXI. 



A. 



_ offendete -^i jgraiU, o Delfici > ciò che ' 
ora vi vdglió'dlre. Gaccistodo -.itii gìomòr Ta» 

?[uìla un lepre, ed egli quanto più potcv» ■" 
uggendosi, venne 2(d una hs^osa buca di 
ano scarafàggio-i, -e quìti 'il lepre non poten* 
do pili oltre fuggite, ^oppliiava lo scara&g* 
gio, che dal rapace aictiglio dell'uccello salr^ 
vaxio gli 'piacfisfie. ^£gU veduta la gr^vjc* ^ 
pericolosa 'persdi:ti2foné dell'aquila, a^ttuosa* 
mefite pregolla,:per la vita, e deiti ^Hi -Gito* 
ve^luix padróne, che volesse aver ricettò a '- 
lui^ nè-nvantr-la por*a deirtabitaztone sua vo^ • 
lesse «6ndere il timoroso lepre , la cui offe- 
sa egli avrebbe' comune : tìè perchè .egli - fosse 
piccolo (prezzasse, è poco di lui conto tenes- ' 
se y perciocché 'quale egli si fosse potrebbe* 
gli piacflK, ed-anco dispiacere. l:i^^uìla 'su- 
pedxi y -sentendo l'altero pregare dello scara* 
raggio^ accesa -da orgogliosa ira rìpjrese. il le^ - 
prec^an le- uncinai ^-unghie;-, e poscia-con-i' ahi 
voli» qaeli'^nimalettv-percuotere.* £gli fiVló 
penne deH' ala nta^co/ideado^i , fu portato dàll* 
.aqaila-volante^nel nid<>9 'dóve ella le. ova ave^ - 
vay-e fvi -mentre che l' aquil» della preda* sa- 
zia^^a r ingorda iame ^ Vascosie io Scarafaggio , 
il quale poscia che l'aquila f\i partita i etv: 
Irò nel nido, e tanto rotolò le ova , chele. 
£;ce cadere , e roMpece . RiCòrnando' l' aqui* 
la, e trovate T ova cadute, e rotte, pensò di 
mutare stanza , e in luogo più alto, e più 
aspro a nidificare ; nel qual luogo non ftirono 
anco l'altre ova sicure, perché parimenti lo 
scarafaggio ^ aveiuio ogni èosa osservato , le 
icce rotolando rompere , e spezzare . Dispe- 
rata r aquila , non sapeva chi cosi alta^ 
mente la ingiuriasse . Onde povera di con* * 

«i- 



^giio , ùon sapendo che sì fare» deliberò ,^far 
darsene al ^mo.iutoBe > cioè^€yafc/. e; con (jf- 
so lui di tanta ingiuria querelarsi», tì^i cai 
grembo lasciò il terzo suo parto delle o va Tic 
quali a 4ui -^f^to a&ttuosiinenle laccomandÀ . 
Lo scarafaggio , che il progresso deli' aqi^la 
fipÌAtQ aveva,* aiz^Osi a, volo, iq alto con 
uaa^paUot^a di.ste^^, jj^ella nei ^xeiobo di 
piove lasciò .cadere».^di^d|e la divtniU sua 
stóoiacaltasi,. AU^itameiU^^.ia krut'tezza.da «e 
«scuotendo > l ova ancora insiqiif > le .iquafi al« 
ipra della fitemoiiia gli era^o, uscite « scuote 
^ori dei ^rembq. ^n cotal . iRodo > .:che fitf- 
te si ^i^assaxopo . Giove •j>9^ia ricerciindo 
pQodfi ,queir ggibra . i^^n benevolente *. ]^fm|a 
|b$s^ , 1q' $cara&ggio ^on .facete maniere ^90- 
ks&ò e^ser lui stato Quello ^ .c/ie eiò ht* 
tp^aveva » non Rcf dispregio. ^ellà si|9 dà* 
tà 9 la qual^ egli adorava , . tna solo, per 
yendetta ; d' ijn^ ?^rav;e , ii^LuciÀ àoilV .aquila ti- 
/revu^a , .e fece r>Q£&sf alla sua di^vioa mac* 
Ma aperta , e manifesta ... Giove . ai^iratosi 
del |[rana ardire dì quell'animaletto* e <consi« 
derando 1' arrogante presunzione dell' aquila in 
aver volutp .nel gremba suo -&| iiidq., e ve* 
dendo anco la vendétta ,.non solan^ente ragia* 
nevple*.n)^ molto ^raa^iosa, e eiiòf;^», , rise 
di« quel fatto.} e posciaché, 1*. aquila ì&t^ilò^ 
nat^ i là r4ncese delt altiero .orgoglio ili».-» 
e dissele, ^cne lo scarafaggio erg quellp^.che 
1 parti suo^, guastava I ed iv»|ichilava} il cke 
Ragionevolmente faceva per il poco riij^ 
^o , che ,eJla ebbe a feri 9 .e: ^%er .il <i^pf<< 
gip della' sua ragionevole -Tichi està > «-J^am- 
jmoni l f he per l' inaan&t- ^à co^^pta sua am- 
)>izio$a alterez;^a si. discosUsse . Ónde oon 
v'olendo > che la specje- dell' aquiU avessi| il- 
ne , ed a nulla si 4i4tt9esse , rconsigjiòjojscn- 
J^a&ggio. a volere con raqui(a^ rlcondilis^ic 
ìi.è av;«ndo 1- ardita animaletto accettato il 

con* 



D r ESOPO. ^1 

«oefii^f k» , jiTese Giort per partito di m^tatt- 
U oovm édV uccello suo» qottiéo fbora ikki 
escono gCi scarafaggi > mft fiascosli sfeaimosi . 

€Af ITOLO LXXir. 

V oi adBnqtie. potete rmen^^e, ^Delfici» 
elle éc&s^t'lo 'Sc^txbgf^tmfSMS^ufiqtìe picco- 
lo , bratto, e 4^tie msc , nonclitiiciìo pliole 
r aquìh iiccriì^ granée, poderoso» anelerò» e 
$upeti)o offèndere, poo^e etiaR la schiatta af^ 
melare. '€o5Ì voi , come 'cke ingiusti , ed irre- 
lìgioci state, non rìsgnaréo x|«el Tempio^ 
quantunqflie ^pidlolo , solitario ed indhiato ^i« » 
Oel qdaie per mi» salvezza ini era fuggito > 
if filo hàéito 9 che io^tjaette has^e^ « tozze mit- 
ra abita , persegui tati ^ e panili sarete , per 
lo poco rispetto , e irriirercnza ciie gli avete 
usata , sfrendomi in quello fatto- violenza , e 
con ftfpote acerbameote da 'quella strascinato- 
lui , né iascierà il "celesta lume e la deità di 
i^Qci Temfio un tmto vostro sacrilegio xoip» 

IQltO . " 

CAPI TO LO LXXin, 

dIVtdevansi i Dèlfici dicocal e«etti|MOy « 
ditprezzavano le' sue ^ofa&te , 'c morali- do* 
cumenti. Laofidé^ vedendo Ksopo nóo fwotec 
loro Iti modo nfdafloi piegare» disse: vditc 
crudeli > e tnieidUli : lin 'contadino era tieUa 
villa entrato., «jit «Slttidi^ii venuto desiderio 
gtlmde di cederla > jirego. i si«>i dì cm » ckc 
dessero pnìna , «b« ei 'morisse alla calta cooc 
duflo. £ssit chedi maggior cos4 oootpiacttttso 
r^rebbon , «vendo fatto un pajo di Asiat ao- 
llou^iafc ad una piccola carretta» in quella il 
buon ^vecchio assettarono «ccioccbè più agia» 
tameftte ^i conducesse, ed a qaèk moéo alia 
aui s ' afiviasooo • Ma addireaoc » dkt toen* 

'E tre 



,N 



/ 



tre il cammino. ; Wo^ segiiùraoo» ^ .CDtlldtb& 
l'aere, krossì uà t^mporUoto teikxfiestowi 
e ìMiio. oscuro^» chci soprjiweoefido^ la seca i*^ 
Asinajo smarrì la via, e gli Asini vecmeie^ 
sopra uQ!akìssin}a lapc. Qvì^ il ffmeso^ e 
stracco vecchio , «colendosi vicino alla rilbt- 
ter e dolendosi' della mala socie ^ su» ^dis^e 
gridando.: o Giore, o Dei • che male lia fiit-*' 
io io ? che ingiuria 4^ me nce«csle indi > pj^r-^ 
che cosi infeliceflieote alibia a apvke ì e qaeK ' 
k> , che ]ù« aà idttole e» -ohe flu faniia mxi^ 
le, .non da generosi e superbi cafalln: tvè*dm 
podeBqsi>e forti «muli» ma dft: vjitssrWiii , «à 
indÌMTetiSlmi^asiQtàfc sono ttgi^tQ Mia om* 
te..,. Ora ìoicqu- posso, iweramenle àkéti ehm 
noB solamene e9Qturi>onii ,, pMciocché senta 
ak^a mìfì cattivo merito io siaMa voi ■• pes* 
seguitato, nia ànfinitsioiente .mi doolr» oh' ta 
sia ^ammazzato non- per mago . d' uomini, em» * 
rati , e taloiosi, e ^llQbili , ma -dal' fià vili % 
e dai peggiori,, .non. togUo dire uon^nr anzi 
dalle pia ^ l^fstiali ^ese ^ olw; Qel< mondo tco* 
tar si possano , ■ , , . , v .. 

C A P I TQX X) l}(%iy^ 

y^ùesto es^m^ quinto pia s' acetttta^ ^ 
avvero , tanlp p*u accrebbe lo sdegno 9 e T 
ira a' Delfici contro £sopo« Landone .si;.aftteiM 
devuKT più che potevano a 4<mdiirk» rti ivp4 

50 dove precifdtar !o yobvìano . IvL gii^> co^ji 
•tfto per esser tubitameiiH ffrecipitasto ,. pi«g# 
egli» cme congesso gli fusse» priaia ch*ti i»o» 
sisse, dir alcune parole. I Dd&ì,,beMbc pa^ 
reva loto un! ora mille di averla oi^to s ttoo» 
dimeno perche, credevano essi , dm Esopo ve^ 
dendosi infiaqzi gli occhi, ia <}4ialiti della eNMFt 
fe^ di che ejgii aveva a morire, gli ìemsq pec 
ìt timoce^ é spavento grande i|tir jcrucciafsi $ 

e mi i^cJlerabile . tarqient9 i' dieroQgU^^spay • 

rio, 



2l0«^ 0t^t^^ dì ystac f^iKcUar^ , dicendo t'* 
i3r^.t:s]i2ic£tflri, 'lnérone^ dì sti^ tosto, ci tir* 
inkdifie, fevetìav aduaq^uc > o «ognafore . Al-* 
loffa'£s0po;ooa aiìim^ vigforoso, ^^^ràacfesen-' 
%3 akd^tt 93ura disse: eglc iftì àn uomo, a* 
cui CMScetido usa bellis^mt' figHaoiky di lei 
vieppiii . «I ^cc«e , eh' ih patetoo amore non > ri-' • 
chiwaeva. Qode con ^anto ardore - nel disor-' 
dioalo af)|iititoacciecos»i , ;clie' deliberò Tid ogni' 
modo con l^i-fiir il 5UQ>piaceMr ma rim^- 
diva il. lisf etto i, eh' .egli alla midt e "della fan-" 
cibila % 5ua 'consorte ,- -oveìpa .* Egtó per levac* 
cattai impedi#apn#o mandò la docKt^ aHa vHIé>' 
sotto, coioi^ I. che ella pronre^iesse' a e^rti bi-* 
SQ^t deièft Sto" pcofeteione;> «fingendo per* oe*^ 
girati, civili deUa cirti nenpotev pattfr^, "e^ 
così rest^^o spio -con la it^Iinoii^ peniò dr ve-' 
nife aJi\ewcilxionfc del juo* irregohto appetito*. 
GÌMa4nata ad^nq^ b giovane in tttfei camrra» 
ec( io qaella serratasi dentro > comlacto- farle' 
vqzzi^ noB da padre, nvid» innaraa^'at<» , cofat 
pasòle «dicendole^ e^i « tanto ,"o anin^a mia,' 
l'amor et' io ti porto, che mi sforòi abbrac- 
ciarti, e baciarti hen inrlk .volte. Nop pò* 
tendo egli' più :oi|re ^o^Xq^iq la tin disone*' 
sta^ voglia ffittò lei sul ietto. Elh quanto 
pnìr ptuote.s oppg<$e al cieco forors del p idre >• 
il .qiiale .avvengo delibrnto di toddi^firé at* 
sap Ibcoso desio , Venne ad iis<<ie contrà lei la 
fofSBi, ed a farle TÌoIén!2:a . Li dogliosi figlia 
tioa pofejMogli resisterei béncW molto se ne 
sfarjEas$e, gridò ad alta voce dicendo: ahi j&à-'" 
<t{9^«mpia&soeiie|alo,non ti ver||c>gni tu sfoc- ^ 
z^ •una.^tiia figliuola ? come può »n te esset • 
aoiqaa cot^to nemico ^ e crudele > cke ti inuo<» ' 
■^^^a -pcivate, dell* onore, e dell' onestà; tua ^*^ • 
^tittoi&KNon sono qtìcste 0j>épe dap.-xdre, ma 
dd' arra^ibiat* , « acerbissimo nemico . Almè^ 
ziQ Ione piaciuto agli Diéi', che cbtaoto vi- 
tupeho BH^^sse &(to da-CfualuQqoe altra pei- 




>^n- 



iorva , cl|e ;|da If ^. il; quafe n\i hpl generata» 
che tn^CQ .mi^ aorr^bé- ^uc^ta graadi^siina 
i^igi^tia.^ Cosilo ora dipo a vói, o DeIj|^qC> 
che piuttpstp .yanfei essece capìl^ato . ip polir 
iklla^CfiMlel Cauddj^ o delia' rabbiosa Scilla > 
ovvero i?pir aspre girti deUa mo$tritos:i Afri- 
ca, esser per^MtQ, c)ie .esset <Ì9 voi cosi ipgiti- 
klaipeote» e iacLegnaineoté ai^mazzatq: chia- 
^ino iti. test iinoiuo; gli. Der, com: io senzii^^o 
merito 4 ,cotal .morte, fia"3riir^r.o ' condottò • 
"Jftt . £t;apdc Appflo > nel (:ui TempHÌr4o'-^ 
rVforsQ pem^o la riverenza > che 1^ te \ Dei- 
É<c\ debbono avere oelia. tua. santa casa esser 
s^^llpo, punisci il loro cUspregió'» 2' empietà > 
cne cpAtra teàcreverenteiTìente hin dimostra- 
to. P atti giustissimi l)ei> che- gli upaxini 
zei in odio sempreì avete» e da cui non sedo 
in .questa, ma anqo in quell* altra vitale scd- 
ler^tezze so^ perseguitate» alU yostra saii^ 
giustizia mdtto lupilmente , suppfic^odol^^ , 
che YogJi di cotanta, orneoda inigiutà bx <^i(^ 
la dimoatrazipnc > che i convenevole», e pre- 
gpvi, che &icciate omtra quella sceUerata' )^' 
uìfL di tanto peccido là vostra, e mh vói- 
detta: il che sia af;li altri moitaii un esem- 
pio di guarcfarsi d. altrui nuif are* I PelE^i 
federo la spinta ad Esopo ^ il quale .giu^pct 
quell'altissima e sassosa rupe ogni siio ètso 
in pezzi fracassò » e ruppe . 



e 



CAPITOLO LXXV. 



, rotale fu h morte di Esopo tinto buo- 
no , tanto saggio , e tanto prudente . Ma 
non furono le preghiere sue appo gli Dei va- 
ne, e di poca istimazione , perciocché do|K> 
la morte di Esopo, la prima pena fu ai Dth- 
fìd data di una crudele, e mortatissirlia pe-> 
stilepza: per la qual cosa andavano all' oraco- 
lo di Apdlo per intridere la cagione di co- 
tao- 



IVI E.SO?D. 101 




, __ . gasserò 

«^ Dei','? '4u3R à^^vShó %Trf%i^andé!b'%ael 
Sigfelió per la mprt-e di . Esòpàr^UèMe sti- 
molai i . ffàlb coscfi^hza loro , e dolifriti ' dd ma- 
Melo', dopd moftt iàcrlScj è ftòPCriiiollfcuiTii' 
ìiiihnì^'t S«p{ilicà2Ì'oni fatte agft'iirimortali 
Dtì, ìÀ segno dì pehi'flftìjEat' dei peccato léro> 
lesero"' ima benihiitik\scp©ituni à^'ftanto cou» 
pò tf TSsopò r^-c. àxìziitoTi^ìì a perpetua lode > 
X j^iorti ìio^«ccelÌetite' stataa , con oncfratisil- 
ma iscHzfoiie. Né'bast<3 ii ptadare , e saps* 
'finì l'K Dei, che' anco ]^li "ùòniini'i div^ga- 
tasTf là.éuaKti delfa morte di Esopo, vc/llew 
la crudeltà, e la malignità de' Delfici punire, 
qfiraodo^ che tutti i signori, lutti i pdnci- 
;^i', e tutti gli uomini dottissimi della Goc- 
cia vc'nncrt) a Delfo, laddoVt fetta con opi 
diligenza la vtra inquisizione sopr^ U morte 
.^i Bsopo , e conosciato- molto bétie b verhà 
*3d caSo i fecero tutti gli autori di qucll* orni*' 
*cidio crudcdmenté morire re cesi dfagli uomki^ 
ti da^li Dti furono ^nftf, e castigati i •el^ 
fici I e fu. fn quel mòdo hi vendetti degnar 
minte fatta ftd& mòrte éell*- innocente , e »- 
^^rrentissimo Esoà> , còsi come egli a loro pe( 
^vain esempi , e tarok' predetto aveva • ' 



Il Firn .èeUà Vit» tU Sttpt. 



S I H- 1 



»<H FAVOLE 

fona pocbte > itgò tutte ÌDikii>e> e coimnitA» 
<he ciucano di ioiQ i>fgliaue gutl Eiicio , e 
rampnie quelle così legate. N^ ipotetiHoI» 
niun di loto rompete , KÌcglieada agli il fa- 
scio , dieda a c»Kun' di loio iKii TCcga , che 
li tompesici'Oi e quelli lubìto b cup^^ero . KtL 
iHocn il (lattpc disse: cosi voi, Baii:i figlióoli» 
se starete .in fàce, sarete inespugnabili, e iit- 
litti a' VQsiti' nimict , se eoa la Vostra i^ei^ 
zioBei e udizione vi dui-, io preda a ^udU* 

SmuHtA MI* favalA. 
- -Questa £i*oIa significa, chi: le cok unune , 
come dice Silustio, ugualroeate per la eoiv 
(Ordii crescono, e per la discoidi»' 

Dì WTA Jaaita,. e. ^nn» gtilinf . J. 



u. 



1 donna avcra oin ^atDni, .the ogkl 

giorno (jceva mi ovo: sperando li donna per 
uno averne du», se i>!ù gli dava ila mangiale, 
si mise a nodticla mollo abbondantenenta. 
La gallina essendo poi fatti più graésa . noa 
pnote più fare ova . 

Stitttot.» dtlìa ftvnU . 
QuM^ £(ToU signiSca , che cU aDÈBÌAi me 



p'I ESOPO. ; , ròf 

htssuria ; ed abbondati;^ si * xrìitciscono > e ti' , 
tardano dal 1>f a fare «^ * * 

DDi due ^0Wff$f, ^. 
ite gjovàni àoxnptaronò insieme' ii tnan^ 
giace da un cuoco i. ed' essenda il cuoco ìtf 




parte Atlh carne > che gli manca va. Quello 
che r aveva rubata, giurava di non- averla > e 
•y altro che l'aveva,, giurava di non averla 
tolta. Il cuoco intesa k loro asturìay disse r 
Se a me è nascosto .^esto éirtO: non sari na- 
scosto a quello, per il qiiale avete giurato . 
Sentènze delia favoU , 
Questa favola dinota^ eoe se n9Ì oascondé^ 
remo i nostri pwcati agli uomirii , non li ^f)*, 
tremo . nasconcfere a- Dio, il qjij^! jolo ve 
ogni #oȈ^^^ . \. ^ .'*, , 

JPV due àmidi' € d^un ^rsom 



D 



ùe amici andando iòsi^pme, pet viaggio in^^^ 
contrironsi.iti uà orsp> ed uip' di queni sbi^ 
gottitd montò sopta un albero « cf 1 altrangn^. 
vedendosi pari a combattei;e. 'con -i* brso/'ca-: 
scandò in terrà finse esser iaorto. Venuta^ 
orso odorava rpiccchie> cfl.naso digtiel cht- 
giaceva in terra , e quello . ^evà il £atp p^ 
respirare , é peQsààdò , eh' ei nsse miorip indo 
via , perché dicono > che 1* orsa non tocca mai 
corpi morti. L'altro ch'era nascosto tra le 
frondK dell' albero , venendo a basso , dinxatidd^ 
ali' amipo , che co^a àveagli detto V orso nelT 
orecchie? Hispose. egli. Mi ha ammonito, 
che da questo ttrnpó ih poi, m^i pidt &ccia 
viaggio con amici coo^e sei tu . 
Sentenxdt- della f svola . 
Da questa fi vola siamo ammoniti , che fug* 
giamo quegli amici, che ne' pericoli fuggono'^ 
sex aoa darci ajuto, 2></* 

E 5. 



F A V:0 t B- 

Dilla ctnna , e t oj>V#a ! 



lurt^n», e fcrm»z3,e timproTc^ava alla' cui- 
nj, che come ftagilc éà ogni vento si_ move- 
va . La canna stava quieta , ISod passò lungo 
tèmpo, che venùe un gran vento, e U caona 
ii^nmoveva, e piegava, e l's^iva. volendo re- 
sistere alla violènza del vento, si spezzò.. 
■Sentenià itti» fàv»U . 
rcfqoesta Favola si.imó dvvettilV, che quel- 
li , che a'più forti a tempo fed<ni* , sono mi- 
gliori di liuelll chq non gli cedona; 

Di uà tiambrtt» . 

J[jravì un trombetta, che in gueira sDnarii la 
.tromba, e fii pigliato da'ncmici, ed ei gri- 
rljniHb diceva a quelli che l'avevano preso: 
• Non mr vogliate ammazure, perdi' io sono in- 
nocente, e mai in tempo ftì mia vllà non am< 
mazzai alcuno, e non ho aitro che questa trom- 
ba. Kd essi risposero: e per qussto tu meriti 
di esser ammazzato, perché non eisenilo tu 
arttQ i i:ombat(£tc , «ci atto iiì incitarvi gli altri. 



D.I E S ÒPO. a«7 

StntetiK* Jibi f»vaU, 
Quest» làyola tiijRÌfì<^..t;lie qoelli più che 

fu altii jieccano, che persuadono a Piiacipi il / 
it nate. - " , ' . / 

Di mn *»Vf.y e Un mtal/v»^ IO. 



iT 
itaacdlaro era occapafo in alleo, » pigliando il- 
euote d'un bue se né lugli) *»", e il macell»f> 
ro vcdendojo fliggire', disse:, o caae, va con 
Dio, cht dove sarai ti osservetò' perchè^' la 
non m'hai tolto ir cuore , ma me 1' bai dato . 
Senttnx.» JtlU favoU . 
Questa &voU dimo^caf che g,Ii adulatoti. 
sono da esKc lipresi. 

Delfssini, ^Jel luft. «i. 

ÌJÌ affitge^a un asino ptt uao stecco eh' a-' 
VeA in UQ. piede , e vedendo 'il lupo, dìsie:. 
lupo, io muojo'dl dolore, e sarò mangiato 
da' corvi ì or una grazia ti domando: tevamt 
questo stecco dal piede, acciocchii almenb io 
muoja senza dolore: ed ir tupo ' con i itu'v 
dinanzi piano marsicaodo gli leva lo stecca del 
piede: l'asino scordatosi d^l dolore gli dtedt 

E < cq: 



j 4i^i » e il nasi» /e fii^k il-Mupot fra se 

to, perchè avendo impasto ad esser macetiara de-- 
^11 animali, aciessoi tMcVa'eéser k)to chirurgo. I 
Senun:ut della favoU,^ u 

QiicSila £*vok àigiìi&a > cìte quetH > che h^ i 
scìlàQ^vJi lo(Q^ cQoattetÀ igseccny y e vogiiona éi^^ 
quftUo €l]«^ nòto sawK^i spna d;^l agiati, <(s]^s«w 
sfi YioiUt veogono 4 iiericoio.^ * -^ 

U\. ' . r ■ • *. • 
n iiil!bti9A..di«mikhto dai Medico, com^ sk 
senliff]»> rbpos.rv fixQr di modo sopo sudilo^ 
^uUp." ]^d il Sr) edico: questo è buon segno. 
Vo ait^Q giorno add^j^ndato di nuovo come 
s^ftt dipp^ »* escer p^eso da freddo^ Ediih 

• McàÌ$o 4spoi)&^ che era buon segno . La ter- 
za volta es^fiKÌQ addimandiro # rispose , pe& 

* il Hus3a dfl corpo ess^r xiuncQ: ed il Medicor 
asp^se: q«ié$tQ<é^btiOft sf^o,* JjJ^' tiU.ii^o £% 
giuiandato, df qp suo amico cooiip stiiva> ed^ 

^ etso lisippse: io'sto bétiei ma inii^p« 

$emtf!tìC0 'idilU^ favole!^ " 

Qtitsta fayo^ sigai^ / spessa lòliSyr U d^ 
qo «ss^r dpttrioa aU' uQnaQ . 



i 



Q ttn hiogo vicino a^ mare utt Baslor# goafst 
d'ava un. gregge di pecore; vedendo ti itiarQ 
quieto, gli^^emne,^ voglia di. naviga^. Vtndut« 
ie pecore, comprò una quantità di -palme» t 
navigava y ^ Tcdieodo giaft tcmpe^ talchi la 
iiave era per. afibgaisi., tatto il peso, drfl^^a^ 
ve getto, iQ^m^re; ^. cosi, scemata la nave aji- 
pena scampa. Dopo alquanti gicrnt macavi* 
gliandpsi dcilla bonaccia dei oiare» il qu|le er;i' 
xeraxn^te ^i^to; rispondendo dissei y^- 
qUàpto io posso comprendere, ei «ta * 9>lacjido 
( qutct97 perchè. di Qupyo voc^ delle palme» 



Questa #iv*l» saaamm^ a- noi di^* £[U>jìMéqì( 



N. 



l^B^k 99ipe éMlùfnèi 14. 



oti> lavando iBii ]>2d' vcctùto Vi «0^;il^ 
leone» uà gbrno iiKODttaftd«6t kvlui sl>%òttls«^ 
•St.dj sorte, cÌie>acQH(iai»c^ effe non ttiorkiv 
SfT e Vn* aUra volta ^cadkadogU tl^tedesiff3o> 
si sbigottì, vedeodo il leoni? ^. ma noti tanto/ 
^uai>to prin^a» eia terza volta- quando vid<^ ilv 
na^xilesiraQ leone, ivs^ solo non si smalti » ma. 
^oai^ieQienieQfe coti esso incofnrMiò a pula:*^ 
se # o coofebalare • 

SsMHftzs dsiia fàvola . 
. Ques^ ^voja sanifica, cW la ^oolinoa^coa^ 
Versa'iSióne & el^ c^tielie cose cl>e noi temia;^^ 
I^Q gt|U2demeal^>;ne pajano piacevotì *. 

x\^eQcio uno certi i^iUi in casa >. compro anst^ 
siarnay.e ^ella jnìse incGRnps^nia loco pet 
iograssarip insieme > esdaiiro.. tutti i, gallila, 
morderono) e scacciarono , e la snu:iia s'afiSig*, 

fty^ ({a se^ m^sinaa pensando^, cl;ie^ ^oel che 
icevano i galli > fjissé perche era dii&rente. 
dajla lpr& stirpe. Sl^ ^^ando vide , cbe com** 
b^tevano anpota fra loto >. e si pungevano si. 
COfifottò- del suo dolote» e disse^ ^I)amp int- 
SK^:^i la non mi darò^^ festidio, poiché ^«1^9^ 
cb*e«si,l^nco{a:comfaatttcKìo fra loip» ; 

* 

V^ questa fiivi>k ci. è insegnato > 5lie Uo 
u^no savio dp^ff coffl|>q!ctaie k itigioiPte > che 
se gli ftnno da quelli ehie Qcp -gli sono per 
s:tf^tte coagulati) qaanda. vcdjl^ , .che -quelli si, 
4upÌ9i ingkina aàoofa fi» ior mfidffSMSii*. 



H» . P A VO t E 

9Wj v»tpt i iuna tBilé ài lup* dì m0m»..ie. 



«ndiva metcolando lutti gii strumenli e tutte 
le maSKtizie di casa: eUovò'Una testa dì lupo 
lii marmo, con somma diligenza, ed artefatta. 
Come Tebbè ih mmb disft: o testa, fatta. con. 
^taa tentimento , e niuno seotiinento tieni . 

Questa favola appartiene a quelli , che son. 
betii di corpo, e non hanno seoso d' aoimo > 
qè industria alcuna . 

D» tto ctrbansro , e Ì un netf» panni '. yf. 



u. 



Ui^^i£0&"v^j>. ' ut 




_^ n catbìadi£i>-^abitaiiclo ifl €à$a a pigione^ 
iirvitè.un netta panni, cb^ abitaTa appresso a 
kii? che (^on lui abi^sse.^Ii netta paW dis- 
•B,^l^o \iorao , <jtfc5fo oon itjì -sana ot*!c alcu- - 
no, perèfeé.cia che io polirsi /tu conila pol- 
ve del carbone bruUeresti . 

/»i ' Sentente- Ms,fé'Ù9UA . 
Questa favola significa ^ che coa4 tristi, e- 
sceilératijipa dobbiamo i(ver> akiina .cofupagaia , 

jìèò 090 IH; pellegfi^ggib per alcun tem-- 
pQ , essendo torQa.tfG^ a- casa si vantava' di' aves 
fatto molte gsan cos€^ in diverse parti drl món- 
do,;, è tra. r altte , dhè" àiifeva vmto a ftodi tùt- . 
ti ivìiadiatii a saltare, e che di questo pote- 
vano esser tcstimbi^; tutti quei che vi*'ft^rò- 
Do presenti . AI quale -uno rispose : o uomo 5 
se. e vero quel che, dici > non faimo bisogno te- 
stimpnj, ecco qui Ròdi , ^ ecco qui T sfbbattt- 
xneiito.,. ed il- campo- ^ saltare . 
Sentenza dell^ favola, ^^ 
■ Qae^ favola dinota,- che ^ueì che si pu© , 
t^vac in fàttti » non fanno bisógno parole . 

' Di' j/tfolity t et un uhm: i^./- ^ 

Jf\.ndò un, uomo . éattirò ali* oracolo d'Apol- 
ÌC^ per tentare , ed espétimcntare se diceva la 
venta I -e tenendlo in mano un pisseto'- sotto il 
ciantello > dimandò, se eia 'ch-eglì hVijva in 
mano ,era vivo, o mòtto > avendo in ^nixno> 
ie morto rispóndeva, di lasciafic il passero 
VIVO, e se rispondeva, vivo, sabito immaz- . 
z^rlo sotto il mantelloo avanti che lo caccias- . 
se fuori. Ma il Dio intendendo 1* astuzia asco-. 
sa di quell'uomo , rispose: o tu che mi domati- . 
ù\ consiglip^, quel che vu<4 fatt £a , perche e j 



r 



m 



xit FAVOLE 

in toa poteste» caccia fuori ciò che hai in mi» 
. no X o vivo o mosto >. coinè piace a te . 

Per Questa £ivota, noi impariamo > che fi 
Dio ninna cosa è àscqsai e che ne anco ossioir 
si pud gabb^uie » . . 

I>i un ^tscuwii i d %tk pHC9 p.ffc^lé', itr. 



n 



n pescatore arendfo. messo m mve- le re* 
ti, prese U^Kpesce piccolo, ii, (piate Io prega- 
va lasciàtlo andare» e crescere , acciocché con> 
i^^ggior comodità: Io potesse godere un' altra 
volta, il pescatore' cispose^ : io pizso sarei,. 
se avendo il goadagho in m'iino» i>enché pic*^ 
cola, io lascusù andac«~con. isperaiv^a dd be-* 
ne , che ha da venire , ouantimqa^ ^àùàc i- 
Senunz^ tkUa ìsifoùr. 
Questa .£yob e* insegna che è pazzo colui c)ìtf\ 
per ìsperanz3 di maggior gaidagno^^ lascia an* 
dare ciò. che ha in mano , benché sia piccolov. 
ài un MSJM 9 di un,c0V0lh, ti. 



T. 



ro«Uu!08Ì^ tin cavaito) ed' un asido- Carichi 
in viaegio» disse f asino al caìrallo: se tnndn' 
vuoi ch^ io muoja, levami una parte di que- 
sto peso ch'io porto, Noo volendo il cavalla 
iit ciò y rasino per soverchio peso cadde mor- 
to . Allora, il pidfone tatto il peso ^ che por* 
tava l'asino 9. ed anco la pelle ch'aveva levata 
all'asino, pose sopra la. soma del cavallo » del. 
quale peso essendo troppo gravato , disse : io 
porto ragionevoDnetìte questa gravezza» per* 
che non volendo portare una parte del pcsO' 
dell'asino, al presente, lo, porlo t ut to^ e.Usua. 
pelle ancora. 

Sentenza Jeils fav§U'. 

Questa &vx>la significa , che i maggiori de^ 
ino partile le fatiche con. i minori > accioc'» 

è tutti si salvino.] DL 



DI ESOPO. 

f M» tmn* , li »f noma , xx. 



1 ,;. 

fo , e- stxncUr a mmgjare insieme 1 uomo ave> 
va tttAAfi , onde )K)aeitdo£Ì' It- jaaaì aJtk 
kooca. col fiata le rÌKsIcItva. La qi(.-il eoa 
TedmJo H satiro, itomaiMà perchè fiecs» 
•luesto : ed «gli rispose ; io le mani riscaldo 
sol 6m>o. In fta poco fuf>otuto dbocalcfodft 
maaf'iìtt , e l'uomp éi nuovo pois il ctboa|^ 
pteim h bbtsa per nflrnMa^ , eil D sìtiA^ ' \ 
doraanilà pftcki faceise fuesMp, eH eiio rispo- 
M ; acuoocÙ col fiifo- io caScfìifi il cibo . AU 
lora it satiro dme; e<l io Bon- voglioaintcizia , 
teco, petchd da tma fnnluìma bocca lu mai^ 
dì il Qaldo, e il freddo : «atfi con Dio. ^ 

Sìnttnzm dilh fiitm!*. 

Per mesta &vóti no4 tiamo"' ar^satl > cfie 
- Saggìt «abbiamo l'amicizia di qaeelt uotntni » 
IjL cui fita i tlo^ia t ed il padat tlubbioto . 



J.\el tempo del verno eHenio un yiIUboIvI 
campo, f lì mancò da mangioftì cd'ainmaaiate 
tutte le petrie se le mangia: e poi tutte le 
capiCi. ed ultìnumeate ammazzati i bocù deD' 
Matro.dcUe csini di fucili si nodriva, Ja 
^^1 CO&3 vedendo i cani , parlaBdo Ita loro ti 
j-isolsfio di fuggire, dìceiùio: st'l padrone 
non perdoni ai buoi dell'antro, oca petdoDv- 
tà né anco a noi . 

SemfnXiS dei!» /tvla , 
Questa £i*oWsigr)ifica , che debbiamo lug^ 
gir quelli > che' trattano naJe i iow £)mjglu' 
^i e domestici . 
. ■ Di un utnt* latruett» i» mk OMf. *4. 

Xjssendo morikato un uoino da un cane, 
andava dimandando a tatti > ch« gi' insegnac- 
aero qualche medicina , e iroyò uno, che *e- 
<]fcndo la ^u^itidelm^e, gli Aisx: uomo, se 
'Vuoi gujti». piglia UD3 crosta di nane, «dal- 
la al cane > che ti ha tnotsìeat* . Al quale co- 
lui lidendo, tispasc: ceitot se lo facesti que- 



Di %BÙ^&. . ili 

stO) sàeci degno d' esi^et^- morsicato da tutti'! 
cani di ^esta terra . 

Qaesla hraia, stgmfiea , che gli uomini cat- 
tivi quanto hanno maggior piacere, tanto piu^ 
s* inanimano a hr male . 

Dei totina ,"9^ del delfino .15. 



I 



I, tpnno pers«g aitato da lio deHna, iSggehv 
do impetoosanKDre^ coree in uDa .spiaggia , e- 
restò in Juogo asciatto, nel qaal luogo il delf 
fino ancora esso restò. E morendo il tonno,, 
vide, che il delfino ancora moriva , e dis* 
se: la morte non mi è punfo molesta, poiché- 
if» Tcg^io morir meco quello , che k statò c> 
gione oella morte mi^. 

SfntenXA^ delU. fintole . 
Questa &vola significa , che dobbiamo pBzkn^- 
temente sopportare il male, quando vediamo ^ 
«)ie chi né la causa patisce inàle egli ancora. 



'■- .^ 




D^ un uicgtkmie, ed un pskmh • i4v 

_ n acceilatore, pigjiiate le reti, andò ad oc-- 
celiare» e vedendo in- cia»a ad-iia alhéro un pa- 
lombo > assettando {e reti , pian piatto le Bttcó»^ 
stava* airuccelio , sperando dì pigiarlo . la que* 
sta sua cacciagione, assettava la rete,. e ^ìiitr 
dando sempre in aitoi mise un ptedé sopt» una 
vipera, la quale percossa da! dolore « morsicò 
r uccellatore , il quilc morendo , disse : oimè 
sfortucìiitQ , che cercando di prender alUaimUQjo^ 
Sentenza deiìtt^féVùU» * 

Questa favoU significa , che: spesso alcuno 
$|)era&do prender altrui , vièh preso lui . 



i!%t 



iva hi piazza uQ indovinatore a parlare» 
(^ndo unb gli disse , .che la porta della sua 
Ctsji .era..stat4 rotfe^ > é.àò.cb'erA ia casa sta« 



11* FAVOLE 

to tc4ta, Pu qui*» Dupva V nxtanDatoi* 
piangevi" cortrafe ■ ena , Jj^sjeodo- ncontrat» 
(litmo, f^ àhit: Tit ciw Tai iiiitovlaando I- 
coK atttui, patcbé doo hai imputo' ut^ri^ac 
!e tue?^ ■ . • > 

Srnrciu litUo ^»val». 

QuMta fe-voti appaftiene a quelli^ cde uoo 
unno governare !e cose l*>ró , e vogliooo aver 
cun di qiuUe i' cbc B«ri iiR{)Ottwo ari ein .' 
Di' ii» «CCfttwipY.».* J'((« mw/e. t8. . ■ 



u 



Jn ucectlitore arerà messo le reti aglj u> 
celli , e TedcDdo aa mnlo ai lontano gli òo- 
mxAit, eh- cosa Sceistf, ed esso rispose vo- 
.lere nitifìcate una citt ^ , e partitosi s'ascose . 
Allora' il merlò andò all' esca , cb' eri tìcÌoi 
alla rete , e fu preso, e subito corse l' ucedla- 
tore > j cui ìt merlo disse: o uooio, se lu ed^ 
fichi uni città di tat sottei pochi abitatori. ci 
tiovenì. 

Sfnunx^ dtUs froilt , ' 
Questa^&voh dimostra, che le co» pubU^ 
che e priTate si distruegono quando i priDci. 
]pi esercitano fa crudeltì. 



Dì SSOTO. 

' Vi Gùv'i ni uà viandanti. \3." 



XSlhflanrte fan p^cgcimi !n ut) Tungo vlsg- 
gro, .fece Toto se IrOrava p*r ìsrraJa alcun» 
co» f^ne li metà a Giòve' noTindo utì ta- 
netne'di fatteli, i msndOTlè ' tìebo , tutti i 
aa^fti. è TnaCidòric. ti mnrigìo , e le icoize 
prei^ts atl «n »Hsrc tfi Gìoee, <)ice.n^9: 6 
Giofc ) c^so fucilò che ti ^D.^omesio , e Aà 
■ a t« ^ scorze ,' ed a me le midolle dì ^ixél 
cht ìtó tt^tvM} , 

Srtin>i*,i ieSà f»val§ . 
QoKts tvtAi limosità l' avsro im ivarizTa 
i;abMie ancora Dio . 

J>i un fglimla t U MMiire. 30. 

V^n Jàncnillo tubò ndla scuola ad un suo 
compagno una catta d'alfabeto, e pnttolla a 
tua nudre; di che non castigaodolo elh, esso 
o^BÌ ^ioino rubava piùi e «empie fece nag- 
giorì furti , ed all' ultimo dalla cotte trovato 
fn furto fii roetuto alle forche . La madre il se- 

Sifyita piang^do: egli piegò gli sbirri, 'che 
i gtaij] Io lajciasMto parlare all' oreochìo alla 
madre : dandogli esii licenza moid£ della ma- 
die sua l'orecchio, « glielo tronca . Essebdò 



xi? F^AV.OL-E- 

da tutti npre9a> cb« non solo era Udso^ ma-^ 
ancora crudele verso la madre > rispose: Q^cr. 
sta e stata causa > che io sia morto yvperché se- 
mi avesse castigato guamie la prima volta tifr 
bai la cartella dell' alfabeto , io non sarei anila-- 
to più* avanti^e non sarei ^ condotto, «li e fot- . 
che] ma essa mi ricevè cofl un bacio/ 
Sfhtetizs deUn fitvùia . 

Questa favola insegna, ehe quelli, cht rei , 
principio del ht male non sono castigati > facr 
no sem)»re maggior male'. 

X>f un figlhi td ujt pédte .-51. 

mo generoso, che sì dilettava di cac^s si 
sogno , xh* tra ammazzato da un leone, e te-. 
mendo cgli^ che , ^a^sto sogpo .non avesse ^ 
sortir ad ef&tto^, edificò una. ca$a bpllissinviM 
ivi menando jl. figli uolp^» teocvalp . ia .t>uoiH 
custodia, è.pfr^rnaggior Jifc^tazionc ai^wicli* 
pinfo i n'essa casa ogni spjttevdi aoiqiaily Jfà'> 
quali avev^ ^dipinto . ancora- uaJ^Dnc^^ ed il 
gixjv^aric; guarHandp jq«es^ì tuMaiia $ afflì^tev^ 
piii^, onde una voi fa stando apptffsso^ai leond. 
di'^into disse : o Herà crudele per tufi causa ^ 
e per il sógno di miopadcCs- io^ soo guarda- 
to in %ae$ta pa^a come io una prigkwf : e^i'' 
cendo qut^t parole, d*cde «drlla mano nfjlfi^ 
parete pej.cacciar .rac<^io al leoac,,e la per-' 
.•cosse in uo chiodo," che ivi stava ascoso, ICSf 
lece una gran fc^rita- per la. -quale gK >f«fla9 
una grave fi)?bre^ eé in.trVve si n^o;}, c-cosj 
il leone ammazzò il giovane, e nicftte gjoyi^ 
l'astuzia del padre... v » : * 

Sentenza delU fyvoh , : • 

Pe^ questa fivda i^oi- siamo aiamctviti> iriùf 

•fio poter ischi vare quei, che deve intra venire^ 

Di un calvo . 3** , - -'** 

%J e calvo portava i ,ciq?eJU l>^4tif e? « -». an^ 

oaa- 



D I BS-O PO. II. 

àatiilo i cavallo, il vento gli ìtrài capali (0 
testa I peiilchè mosse 3 rìso tutti quelli ch'eta- 
tio ivi presenti , ei^ ^gli tidciKlo incoiai disse: 
non- TI. maravigliate se mi sono cascati i capel- 
li I c&e non erano n:iei , peicbé mi sona ol- 
ccati ancora quelli .che etano miei prop,-j . 
SiHitnzj dtll» ftvot* . ' 
Qaesia favola e" insegna , che non ci dobbiv 
mo attristare, quando perdiamo le ricchezze » 
eh? DO! ai>biamo avute dalla natura, che Don 
, possono star di continuo eoo noi . 

DiuiM chi pTomtitmf tgli Dti cet* 
mpossiiiti, }j. 



u. 



_Vn povcr'iiomoe^ainKeimodi sette , ch'era 
difidato da' medici , e fece voto agli Dei , se 

I gli leadevan la siifii^, di dargli cento buoi in 
sacrifesJo . ScDteodo questo ma moglie disse ^ 

I se tu guatile! , deve sono questi buoi ì Ed cs- .. 

I so tìspùse. Pensi tu, che se io mi levo di 

I qui, gli Dei mi doma odi CIO questo? 
SmttMZ» dtli* favoU . 

> Questa ferola sigi^lìca , che mollkuomini h- 
dhnente uroraettooo quel che in effetto noa , 

Pi due <r«Mr , 14. > 



JNisur^come tu siaì te; se 1' Aqui^ ci co- 

lii fiTola ci dmioitia, cìmì rcBOadtvoM 
tteegcisi pctJ»lkiZ3., B» puic 



■A^oo 



rs tehirm , td mné l&jpa i- }Sb 



_J no scbinto' ftasdo sciali db albero ''SpiKr 
zava i denH , e 4a . volpe gli ilomaiKlò h cjo» 
n, pach^ DOM ne aMÌado DecoHÌià, ali'ort 
agnzsute <f nienti f Esw TÌcpaxi I^^Uo fd« 
pciché venendo il biiOgno, oca Tullia essa 
flcca)«to ^ aguzuie i deati : ma Toglip sU- 
R in qfdine. 

.^ottKXt.diUt favelm . 
■^ La &vxiIb ammonisce, die t'uomaile*e sttif 
3 oidbic j|Ec ogni t»si^iK>Tclie}io<MSiKCcd«e* 



JLj»-^ 



^jModola pKU Mi faccio diceva ; -piisl « 
me infelice uccello, non ho rubsto ni^OfcÓ 
ai argento, uè altra cosa prc^^, ma oa gn- 
twllo ni formenio ^ c^iui delU. mìa mette - 
StnitnM AIU favela . ' 

La fewla écanuà que\Q, che per uirpiccdld 
guadagoixiiitcttoao agraa pctioolo -* O* 



B i.iE« apio.'- %%$ 

IÌ>y un tmrviano * 41. 
I terviottò disse' uila voltaxa 4U0 padre ì tu 
tei msggKMrCf e- pia vdoce del caoci^e halle 
cons.gcandi^'tal. che ti puoi vQidiejce.: .9C 
perche hai tu sì graa paura d'esso? Hisposf 
dgli: tedici SI vttOi figtiubloi» fl {^ so di 
certo, ma quando io odo il latrare del canf 
stiblfeD 10 sonot ^EbrzttD a^.&ggijre.. 

f LatÉi^ar significa.^ che un tvmtdo'per quat 
sivogiia annnoni^ione «pn sì può Ìpi;tÀmve « 

a avaro vend^ tutti i suoi faeqi,«)p comr 
però un^ aia$sa d' oro ,. «d. ascosela io -un luo* 
go» dsYe^fiCQia pose .tutte il .^uo animoj e 
lat sua tttCQlc >: ed ogni ^i^no J' «ndaiw a v^ 
dere. Uno €QPoscepdp qmdstD^^ilelp taìse% Noa 
txommà^XiaiSl^to X oro» .CQA\Uiqò .a .pii$og«re» 
e si4!llàrsi t crolli», ed tossendo , ve.duto ^si 
piangere.» ad. intasa t la causA-s gli fu detto; 
non t'attristare cosi » . che avendo TiO^ tu «on 
r^^Vevif oca- ip càmhÌQi dell* oro oaetti^i un 
sasso, e datti ^d intendere* «he qu.ellò -si^ li 
oroi e ^1^1 mcdftsii^cb, fbe.fecexi .dall'oro, 
pot^f^re di questo; perchè quando tu avevi 
r orò i. i\X noi? lo, adoperavi ... 

La favola ci ammaestra, cKe se tu hai co- 
sa,- énon radopfKi,"^ quanto 'se tunonl'avftsi. 
L* Dtifoc^eyC le grtte^ 45. 

,<>chc, e le grue paste vano, it> un njèdcsì- 
iW^pràto j venendor i tacciatoti , lé grué che 
er^^,ièggi6re.> subito fuggirono, e l'oche pst 
ff&ier: gjcavi , e corpulenti , non poteodp volare 
furono, prese . 

SenttnKB deità favoU • 
\jiaL favola significai che quando sì piglia una 
città >. i |H3»veri subito fuggono , e i ricchi sor 
Pi4^^ F i ^- 



*^^' 



L. 



F A V L E 



gnasse viiUrai e l'.aqvtla diceva, icbe qiesM 
eri -fuori di sua qtfwa, £IU mttMÌa luagudiH 
l'aquila fa presccoq T unghie, la portò in al- 
lo > e poi la latciò cadete, ed eUi cadancto so- 
yfa-alcuBe ]>teUe tytta ìì ruppe, 

StHttUZ^illU ftvtl» . 

Questa ftvoU tigaì'ìci^cfae molti per nog 
aveie obbedito- a sav) e-frudwti l'twuofitt» 
male a loco oKdesiini. 

U' Di o«« ttrv»^ *(. 
Da cetva anìecata d'oo occliìo, pMCev« 
appresso al lido del mate, e l'oecbi» buoDo 
tenera veKo la testa pet p*un de'cMeiatoii} 
l'altto verso il niMe, dande niénle temeva^ 
Easnode indi certi navigMiti ]■ sHttaroao^ 
ed essa disse. piaoKesdo, cbe dove tenieva, 
non aveva avuto male akiiDo, edoade-noBteiheT 
va, quello le era accaduto, ed età SUta tradita , 
Sentimt.* MI» fsvat» . 
Questa ftvola significa, che alciua woint 
quelle cote che pajoro nocive , looo utiU, e 
quelle ciie psjono utili, sono nocive. 
Di ims «sany i *d mm l*«mt . -.46, 



DI ESOPO. iif 

xjnz cerva (uggendo dai cacciatori, eottò 
io una grotta , dove trova un t leone , « da qwK 
iO'fo ammazzata, e morendo diceva .* o pove^ 
«Ma- itte^ figgendo gl'i iìomìm\ co«d dita in pre« 
da d pm crudele asiniale, cnesta al mondo « 
'Sentéttza deUé fsvoià . 
Questa Civpki ùghifica^ che molti lUgfcùdQ 
i pericoli piécioH, inn>nttai}0 ì maggiori. 

U" pi utèM c§rif» e4 nnm viti . 47. 
na cerva fòggencfe da'cacciitor. si nascose 
sotto una vite > quando quelli furono un pooo 
passati, pensando essere ascosa, cominciò % 
mangiar le foglie della vile, e l^pendo strepi^ 
to i cacciatóri si volcarono pensando quel che 
cm , cioè che qualche animale fosse nascosto 
sotto qiieile (bglie > 'ammazzarono con le saette 
la cerva , la quale intanto diceva : qud che p*» 
t>£co è giustamente, pei'ch* io ncm doveva of* 
lirtéere chi mi rigoaKlav:i. 

La favola dimostra , che chi h dispiacerei 
quelli, é^i quiìì ha avuto benefizio^Dio [ica* 
stira. ' IV 

T> Deìf atift4 y M ktme^ § M £t^h l 48. 
X^asfevaosi il gallo, e l' asino ; Un kone sf^ 
saltòk i'.^sioft r ^ il :gallo .gndà«» li «koneia^ > 
percKft dicòno il leone aver |iauira della vòct 
del gallo . L* asino pensando che laggisse per 
lui > saguitò il leone , e quando 1* ebbe seguito 
tanto che il leone non sentiva la voce dei gal* 
\oy BÌ voltò, e taaagiollo tutta.5 il quale ino^ 
rendo con alta vooi diceva':' e sfortunato» e 
paxzoi ^ io non sono nato da padre forte, e 
gag^ardo > perchè sono io venuto a combattere? 

lia Sentenza di questa &vola è > che gli 110» 
mini prisma che combattano > devono conosce- 
re le loro forze > e così in of^i altt^ azione. 



FAVOLE 



XI l»ne età ìftmchiSW, nt' ammalato etace* 
n in unisp^Kincji tutti' gli antmaK andarono 
a visitarlo, eccetto la volpe; il lupOj avendo- 
l'^occaiione , accusò la volpe- 3ppre«o iJ° leone, 
che ell^ poco «imiva il sigaore di tutti (li 
aDÌmali, e perttiKitò-Tiflii età ««nuta a TJù,- 
t»tlo . Et» ([uMto renM fa volpe^, ed irtcK (• 
ultime parole (M'hjpo. It lione ti adiiò con- 
ti» di lei: ma^b dfee : chi di que«lt-,r eh* 
itm Venuti, tanto, ti ha giovito quanto io, 
eh? sono andata cetnnrlo per te la medicina' i 
«d hoHa ritrovata? H leone eomands, die di- 
«Sfe la medieioa, e^ essa rispose; ievi h pél* 
le dal lupo vivo, e cosi otta mettitela. addo> 
so. H lioiK sabito atnmaTEà il lupo, al qu^Io 
giacetiilo ih terra motto, la volpe ridendo dis- 
se; non iùsogna. conTtnoveie il padrone alunni 
«oltre-, ma a ben volere . / 

SenteUX.» iÌeU* fkvei* . 

La favola dinota , che qiierlo che ogni 0Ot' 
fio macchina; n^aie, spesso cade txl tacciosuoi 
n'fdfììmo., 1 Jffl: 



D I E S O P Ov iz0- 

Ut>$un itkàrgscd e della sus donni, ^5. 
08 dont» arendo unr iQarito ubbriaca^ d. 
voiendda gaanré^ da , <|uella ubbttacl^^ 
2a > foe questa : tróvaodok) ma gìotno ubria- 
co lo portò in ana sepoltura, conia mòiàp . 
Quanép peosò'> clie- fosse .«vegliato» andò» e 
batr^' alf*'}lsció <)el s«pd!cro ;, ^ed egli disse' . CKi 
sei tQr che bsltti alla, porta? e k inqgtie ri*; 
' spose^ k> pòrto da . mangiare a' ia#rti . Egli 
rispose: non mi piosiar' da mangiare v^na' da 
bere > tu mi dai mala nuova quinoo tu im por<^ 
ti da ma^iaxe-'e sobdabete* QaeUa piange;i«- 
do , disse : p sfestanata ine eh' io sw t* lio* 
giovato niente con V astiizia > pe^ctò -ébaiolcy 
noa ti-^i emendato, iQa sei dÌYenldto p<i|^gioie • 
Stntenzé dtlU favola . ^ ' 
Questa favola e' tosegoa , che noiv/, bisogas' 
perseverare nei male 9 pexelié la consìietui^ae 
piaga assai T-uomo al jnaa| face, benché m>Qi 
voj;lia . 

Z)/ un' ci£tt9,7 ed utf oca . ^6, 

i^n uomo fìcco.noJriva un cigno , eé^utT^a, 
r imo ^r il cSRtQ > r altro* per mangiarla^ .Ti»^ 
lendo an^massare: l' oca io tempo di. notte, 9 
Qoa vedendo qual ;fo$se l'oca > fu in lei cambift* 
pceao iLcigop', e dpvendoessere ammassato eoo 
cantaèrfa <3onosciuto,,e così 6jg^ la moile. , 
Stnttnza delU favela . 
La ùvola dinota, che la virtù; giova anche 
ne' pericoli di morte . ^ 

J>clM9tAt, sr. 

vJji uomo ricco; comperò, un Moro, e pean 
sando quel color negro essere per negligenza 
di quello, tentò con ogm via l«¥tf|tlo> m^non 
gli pot^ mutar mai colore. 

Stntenx^ della famht, 
I^ favola significa, la natura di prima star 
sempre ferma> e ch'egli tentò rimpossi4»ilff. 

F 5 I>el*' 






W> FA,V>QL:Ar 

» ronalnelko e* la cornacchia ccHnI»ttól^3|o 
ÌQsijeinc .'deità beUeszai^ >la cornacchia disse : 
ia tua beUczsa soldMiieate,- £arisoe la^ priina^r^* 
|r£k> e, la mia4<Ìu|;a„anopi^ il.^r&o. .. 

SintemMs,deìla favola'*. . . ^. 

La £ivok dinota b fòcza/^cl corpa.cssece 
miglior^ , che la bellezza . / . , . 

T DeHthoivttta i e dilla natfaU» fS^-, 

JLm civetta p«3def«dovda. uo^ finestra, la not- 
tola je dimandò . la^ causa > perchè . il giorno 
stesse quieta » e la. notte cantasse. Quella. >ri« 
spose ,. che questo .clia .£iceva » pexchc- un gi or- 
so cantando fu presa . AUqn la . nottoU dis- 
sej ade;i5SO noiv ioi^rta -,. che ti sii cauta p^sr- 
che non hai alcuna uilUti, ma questo dovevi 
£u£ avalli , che £ossi. presa . • . -, 
Sentenzia della. favela^. 

La favola significa, che neilfi avversUà^c 
inutile la penitenza . . * (• f 

xi , figliuolo d* un villano cuoceva al Fuoco 
, ótìit lumache > e .^etitendo 9^ che quelle can* 
tivMo» iiisse z oh- ribakii, : e osttivi- ftoìtnali > 
t' abbruczano le^ vostre, case , e voi cabliate ? 
Sentgmza.Jjelfa^ favola ^ 
Questa favola dinota > . che ci©/ che 'si-, fa 
luof ^i toni]io è vituperosa, .;'' 

Udì una- vedova y e-. deUefamésch^. ^i* 
Ila. veilova aveva certe .fantesche» le quali 
solevano, ogni notte destarsi al, caatar. de) «gal* 
lo • Onde essendo . faticate, assai » furoiia; tut- 
te di., parere d* amntaz^are il gallo d^^nestico , 
«ime; qutiHo». che 1» notte- destava la padr^ . 
Qmnfs «bbero &tto <Yaesto-glivavvx*Qne isK^gior 
iMier pefdièia ipadcoi^ non sapendo IVofMel 
gallo >. si levava i»ia presto del/solito. 
Sammij^ Mia favola^ 
Questa •£jfvoki dioipstra^» che^a aaolnittoqaioi 
i consigli leia sono, causa de' ^n». sitali r 

Vi 



ITA £« Q PO. *|x, 

DJ ttftM dettila t»(Mttf4nhf, St, " 

Ipf ni donna inctntatrkc prometteva ^l feftr 
l!iratlegli Dei , accloccW- di qtiesto ^ guadà- 
ffoasse . . Alcani l' adSusatono-come^ empia > e 4a 
fecero condannare a molte, l^no > vedendola- 
meoarè alfa mòrte^ disse: Tu che soleì^- miti- 
gar Pira degli De^; perché- non hai saputo 
mutare. il, consiglio degli uomini? 
Stntèn^^detU favola •' 
La (avola dinota , che molti ptomettonD^i 
gran cose , e non possono ùr le piccde . 
Di^un.vilhno i t délU fòriuv^'. é$i 



u. 



n villano ^cavando lé teìrra trovò *onaqaan*- 
iità d* oro , ed ogni giorno coronava la terra 
per quel piacere > ch'egli n avQva avuto. L» 
Jprtuna apparendogli, gii disse: piai perchè 
attribuisci tu. alla terra i miei doni , quali i» 
t'ho dati per arricchirti? Sé si. muta il tém- 
fo^ talché l'orq vada in altra mano >. alloca lo 
so-, che tu. accuserai- la fórtuna -,. ''^ 
' Stnttnza deHa favola . , 
La £iVoIa ammaestra-, che si deve conoscere 
il. benefattore, ed a quello essere obbligato. ^ 
Di: due. pelbigrini . ^4^ . 



n 



uè andarono per* viaggiò inskme, e.uttdi 
loro %rovò un' accetta,. e quell'altro ammoniva 
il compagno « che non dicesse : Ho trovato , ma 
abbiamo trovato \ Quindi a' un pUto di tirmpo 
•quelli eh* avevamo perduta i' accetta ,' gli assal- 
tarono . Quello che r avéa avuta disse al com- 
^gno:. diamo morti; ed egli rispose: d^soa. 
{nòrto., perché quando trovasti F accetta dice* 
ftii l'ho trovata, e non T abbiamo .trovata* 
Sénunsia delia ^^favoUi ' • ' , 
La ^vola .significa , che: quelli, che non so- 
Ào .stati partecipi del bene, né del male> non- 
sofUsioo esser. £simi amici , « ' . 

E i^ Dt* 



/ 



•r A V o 1^ :&, 



tÀ Mrh pescava in u[> pintanè fbncta i e A\ 
l'ungi' deth strila-' l'alba nella strava lO^cerBi. 
un poco a acq.i(a . Quela che slava Dcflo , >fl- 
gfa a'ramonì. ^urtt' altia , che v^nìsS; a se. ibe 
vili sicumnenteaviia potuta maqgìaire. QMlta 
npo i* -rol)? obbedire, aìceiiekile, ebe arcvain 
i>ratic^ lupe'' tenipóqud luogo > ilotRtito; ^MQ^ 
un caito, che là peità liitta. 

La fàvob dimostrai che gli uomini^ chf 
bsabb ujanza utti ve ì jjJÌMtcìiio (naojono^ cfae^ 
mutat nà^u|a". ; 

ÀDttk ipi..6t.- 
odo DUO. alte celle cUll' api > quando ^ 
paHrane non v' era , né. le a^JÌ , e r>ré- 
K il mdc . Come il-, padtpoe tornò > e vide 
Je cèlle vuote, sfava ajn mira to' del poco me- 
le , che v'era, e guarrbva quanto ne mari* 
Cava . Tomando le api' da pascere quando 
videro ir padrone alle lor. celle, lo feriiono 
coi loro' artigli . Il padron» sì voltó^ ad- es- 
se dicendo : oh mali animili .< queHo > che 
vj ha rubato il mele >' avete laiciato and» 



uno, e* sallH>y emexiie ibo cor^ dì Toim'o^ 

Là fiif^Ia^tiinota alcuni u<>iiiii»i per- la lo^ 
ilfifocao^a baciare andare i i|emió> e i^cddH' 

gii, ìittpic>> £Qine lóro ItimìIjNixU. 

* ■ . ■ * ' 

j alcione 2 un ucccHo s^litjkrlo , che sem*^ 
pre vive io ifiare, - ed adendo jp3Ufa de'cac-- 
ciatoriv>. fa il QÌdo negli scogli elei mare . . Ar 
vendo una volta fitti i st^oi Sglltifiiisi , jivvsfn? 
ne» cb^- nel mare Tcno.e una graiK tero^esù ^, 
quando età. andata per. trovar, da. mangiare , lo* 
tanto elle 1* acque andarono sopra il nido , ' e" 
r«a&93ioaD.. !]^Da toriata di$fe > jredroflo que^. 
^o :. o s£Qi|unà|a nfi > eh* avenda fvgfita ter- 
jgl jcome piu<|icM^^r> mi son me6sa. i» .<|^i^t% 
luogo >^b? era più psiicoloaol 

hath^usAà e' ipsesgiia^. che molti jiomiiu si 
giiardac» da'neinici^ e poi litoEi^asiQ amici >. 
^ sono di qiieUi peggiori « . 

peccaMc pescaodo ìdvQo. finioe' spaisi 
la rete, e pigliaado due corde > «die spiali a ve-^ 
va, iegato^unlasso > batteva fortemente Tacquà» 
acciogch^^ i p6$ci dieiscro siella rete . Un.^ certa 
a hii vicino vedendolo £ir questo ^ lo. lipreun 
dcva> dicendo, che ioloibidftva' il fiume, é 
2ib|i poteva bever TaCq^ chiara . Costui rispo- 
se: s'io non . intorbidassi ia tal' modo il. fiuy 
n}t } io XBOtisà. di. £iitie . 
- — ^ Sintenz» dtlU fàv^n^é 

' Questa brnj^di .dinota , che gli uoniSbt deiiv- 
citti^ allora éono noaggiot guadagno tiuanda^, 
iwono inesso s^ùùoae ia;e9sa. 



' "Di uà* ttimU ti,»n iii^t. ^9» 



no , meibie a sollazzo cagnuoli })icdoIinì e - 
Aimie . Alcani di loto mvigSEQUo avendo una 
scimia con essi Idro, e vetmero a Stiùo ^Pco-- 
raontotio, dove una gran' tempesti affogo It 
nave, e tutti naotivano iiKiemc con . il sci- 
mii'.^ Un tlelfiao, vedendo Ja kìAKì nuotare . 
pensò, che fosse un uoino: e levaditoii dall' 
acqua la ondasse in tetra. Qbando furono nel 
Pireo le dinlandò di quai gente ibise Atene . 
Xia scimia rispose esser nàta di nobile slirpei 
ed ititeKo^a, se conbsccTa, il Pireo, pensò 
che questo fosse uomo ^ e dtsK eìser suo gran- 
de amico , e umiliare. ^Allora il HelSoo : por 
^esla bugia si curmcciò, e la tornò a g«ttar 
net mare, e l'aflbgò. 

SrnttnK,g dtUt ftvtU , 
La favola è conira quelli , che non sapendo 
il vero , pcasaDO ingannai attrai . 
Dtlk maifbt . 70, . 



lira 



1 mole jpMso in un lui^oj rie ino- 

scti»:tVi rolarona , e m to mangiavano , ma io 
<(ucltp attaccate coi piedi non poterarò voU- 



ITI BSjtì^O.. «st- 
rev.taoto che tutfe s* zmga^óaq,^ e dieeraoo;: 

giare.. mommo I : • < 

La feVok«ìgnifica>'cl^ia g(^^/é. causa di, 
molli mali . 

VB$ Mercurio >, ed ufi^$t»$uéMrìo\ 71-'. 
oitnido>. sapere MètcHCto » cc^ne foisé stl-^ 
maio fra gli uomini*^ afUÌ(V.:( cas^ d;uao Statua- ;. 
t'ip in forma umana,. e..v^den<ÌQ.ut)a. statua di;. 
Giove, dimandò per quanta »>: poteva coupé- .. 
rare? Rispose vcolui* pér cento. scud ir poi ois- 
se t quanta la statua^ di. Saturno y e Giunone ? 
e disse : più » chCì di . qi^dla d^'Git>vc v. Dappoi ' 
vedendo b sua statua) pensà> che per esaec 
egli nunzio degli Dei ,,sppra il guadagno ,.fbs- ■ 
se tenuto in gran prezzo appresso, gli. uominì> 
e di nìand& delta sua ', A(tora lo Statuario rispo- 
Ac; Se tu. vuoi compcrar/s qucst* altre due> 
quella di Mercurio. te la donerò . 
Senttnzi^. dgUk, favola . , 

La favola lignifica , un . uomo . vanaglorioso , 
essere, poco stimato . _ 

Vi Mercurio y€ T$rcthJndovinktore^»yu 

;ì«W- ... 




^ . , olendo prdyat Metcurio^se Tiresia sapeva . 
indovinare > gli fur^ ì suoi jpuoì ,. poi. in for- 
ma umana, si , accompagnò - con lui ^ Avendo. 
saputo Tircsia , che' i buoi gli erano stati tol- 
ti , insieme con Mcrc'ucFo andò per sapere il 
Udrò de* buoi , e dimandò Mercurio , quale uc- 
ctiUo avesse .veduto,, in aere >. il quale rispose ^ 
«Ycr veduto. un*^ aquila > che volava da man si- 
histra a min destra. Rispose Ti£esìa : questo 
non fa per me: la seconda,voÌta dimandatogli, 
disse^ essersi veduto, una cornacchia sopra uà 
arbore , . che, ora^ guardava. Òì sopra > ed ora in. , 
terra: presto Tiresià intesa la cosa disse : que- 
sta cornacchia giura per il cielo, e per laterw^ 
m^ che se tu Vuoi io tìaytftò i miei baoì..^ 



tì$ F Ài V L e 

SémenU Mia fatmU . , 

Ctktnti potrà usar questo puUc ntea «t 
ladro. 



tiiie a cuctìi, e alt* a tirò a' guardare la casa. 
E quiHcU» il pidrone pigltara qualche cosa , lìc 
(lava patte al' gujrcfiino , onde il' cacciatole 
s' attiittara, dicendo: ch'egli di continuo an- 
dava a caccia a gran fatica , e quell* ^tio nul- 
la facendo si nodriv^. delle sue fatiche. Rispó- 
se il goitAixa^: non mi tiptender, che io 
questo non ho'col{>3 alcuna, ma il padrone,. 
che non. (n'ha insegnato durai fatica, ma di 
mangiar la fatica altrui . 

StnteiUJI dill» féVoU : 

Questa fàvola signiiica, che quei giovatii 
Cile non sanno face alcuna cosa> non sono da 
essete riprejt,.ma ì loto parenti, che non gli 
hanno insegnato . 

Dti tnvimi I liti!» maglie. 74, 



E.. 



1 la noglìe nemica a tutti quei che dimo- 
iavano in casa. 11 matito voleva sapete se que> 
Ito f^iceya a quelli del padre* e era cetlsscar 



DTE SOFO. tr^ 

sa la mfodo a .casa 4el p.-idre» ed ìcrI] a pachi 
di tortiatido essi^.k riijtian'tò' il marito come 
s*ec4 dtperrita con anelli^di-casài ed dia ri<* 
«pose : k bifbkfn , ed* i jn^otìp rm Yféevsmc^ 
xmU % ed il naarito disse: se .tii-avestr in oAtCh 
quelli , dbe Jianno cura de* brsti jdti f ciie 1 « noA^ 
tioa s» pBEÙfio-i «■ toroaDo h si^ru., ^e ^i puà 
s]ièrare.drqàeUi^leo'qaili lutto, il di comr^nvi? 
Senunx,» égUs, favois^^ ' 
Q^c^^ faroia denota» che da piemie catr 
si cofidscoàa le grsmòtg e> da cose niafiife^i» » 
conoscono k diifa^ipse. 



u. 



n^a^etio fiiON- della mamfra lasciifeOy énc 
dal lu^o |>ef segai t^o, edt egli a qjeito iu>fta«- 
tosi disse : o lupo > ^ucché io iio da essetr 
ttto pasto y aceìocchà io> miiffDJaxcmtttiPQ » suèa» 
imr.poQp la tua samppgpa. IJP lupo* caRtincià '9. 
suonare» V ii§nello a biliare s la qual cosi setir 
tendo ì cani coiiùoqiaroQo a seguitarlo , ed ec^ 
so rivòko a^'agneUa, disse l 'mi sta il dpve- 
Se; iO' sono cooco» ed ho. voluto es^i nàiiska» 
Sentenza àflÌ0 f0V0U . 
La farola d idiota > che q^uetil^ che lasci^aOk. 
k cose y alle qtiali> 9DQ atti 9 e vogii^Kio ftrcr 
altro 1 inecitaìtiente patlsoooo le avversità •• 



I 



]^LgtanMoy € deità mipt^ 9^,. 



1 granchio marino usci dal mare, e pasceva 

in terra . La volpe armata vedendolo ,. il pre^* 
se per mangiarlo, ed esso, disse r meciiamente' 
aiiesto. m! avviene > perche k>< soa nsacina, ed 
So voluto esser terrestre . 

La.fiivdia stgorfica, eh» gU uonili» «he k*- 
sciano i propr} esercizi > ed alténdooo a qa!el- 
lì, che-Roorse ^i convengono^ mertt^tnientiè: 
«no 2^tu)i^., 




FATOtE f 

sto iiltepei^bitd i^^yok e ii^fihm nel tèatio j ed\ 
avendo, mali canotto £à scicci^to coC^assi * < 

. Ita. £LVoh significa V che^oiolti ififiqgfqjpdo' 
Tarte rettoriica aelia $ca)»U r &i ponsano essere 
q^aichc: cosj , ma quando por vanno ia pubr- 

JMCO SÌMD:d[Ì':|JiQCGL'prff22W> . ."• 

Tp Det Udiri-: 78. 

X iadfi ^Dti9rcxK> per nibare in ime casa 9 e* 
n#n trovando cTie un- {j^lo , Io tubaroijo e 
sadàcoRo via. Volendo ammazzàrrlo:, esso dis* 
se: uoa nk^amTh'^zz>itè: <^iie fò ^on utile agli 
uDmini, e gii ^veglio iMoro c<crdz)..'Rispo- 
9KCO i ladri: e per qat^^o isto\ t* am\nì»%zi^mo^ 
pecchi ~ta sveglia qiielH ,^ e.ooi. non . pussiamo» 
Mifaare.. 

'La favola sigaific^^ che qoelle cose àhs so*- 
no ùtili a' biiDnit ,'a' cattivi -sono dubbiose > e.- 

I>i Mercurio y e del'ssrto, y9, *"" 
■ieve comandò a Mercaria che a tutti gli 
artefici, desse ttaa. mediciaa di bugie» .Egli 
&ttone un: gran^ bussolo » tanto che tatti 
»*av€S$etQ là- SUA fi^te» a tujtjti ne diede >, 
e gli ultimai luróno i ,Kirti : e. j>erchè nel bus- 
soio^ et^' restato una^gran patte del medica- 
flabnto^» loro- di«de^ tutto , acciocché hoa a« 
▼anzasses e di qui avviene» che tutti gli at» 
teiici sono bugiardi, ma i sarti, mai non di- 
cono la verità .. 

La i&ToIa è contra^ gii' artefici bugiardi • . ' 
"^^. Di Giove, «o, 

^^^^^aando l^iove ebbe creati gli uomini t at- 
tui, ^i ai&ttL lor concedette >, eccetto che. 

sii 




•" D* ESO»*. 1,^ 

H'KOtdàdclU vMg^ni. Undr.moti' redencfoi 
per qvit lut^o h'pMetse-flMiuce'i <k -cDmao- 
éò chr addane pc'" wzzo ì» tdrlw. KHa fit 
eonfeiita ,. piit.- con ^nto^ patto, dksrl' amoiè- 
non ei'Teniste; pero scegli cientta p.dtà su- 
bito né- esce. ^ 
• smttnx» atti» f^mUL 
h* favola sìgnificas cfaelilUi gì 
tt sono sema v«[jbgiM. 



Ininfati . La tartantea tatéò molto a véìii-. 
re.l Giote mataTrglJna di questa lanlltà |. 
le aomandò la rauss , ptrrfié- tanto- a»e»a, ts»-- 
dsto di' yeirit- n pWb^ EHutiJjiesei la mia 
catSi e buonissima c*m mi bi' fiFuft&to. Oli' 
de Giore srfi^gnato-, la condonò., che p«pe-- 
tuamente ]>art3sse li tin casa addosso. 
Si Minte: Mie favtlift 
La &voIa Sigiifica, che- cntilli uoteihi ^tl 
presto , Torfiono »i»cre da se poTcramente ^ 
che con'4Ki"^':w"*'e''te. ■ 

Itirllapa, I ttlll»''^Hort . 8t. - 
I lupo essendo motrìcaté da* cani, (u tutt* 
i^alti^ttiito ). cke gìxen. in ttta, e mo-- 



monetò' UQ'« ^poc« tii AC«[ua cttceofio^k* se t» nu 
dai da bcMV H -nMngtiìre lo ttftverò dx^ier me» 
Queila conosci ati^ii Ma^ maitent disse: se io 
ti dard'dtf b«r«, il rnsugid^e toofssaò ia.t 

h» favola ùj^mfka «uQTjibsildo) cke con si«- 
mulazione vuoi tiddise i .semplici . 

LDW/f /e/w/, 83. 
; lepri combattevano con V stqMxy ecb)iB<- 
fflacotio in ajatò le vòlpt: le quali rìs|>Qsb- 
jo : noi V ajutaréssimo , se non sapesStao 
chi voi 'siete , e con chi combaittete . • 
Sentenzia tklU flfvvla . 
La fii volarsi gai fica ^ che quelli, che combat- 
tono can i pki fotti di loro disprez^Do la 
salute i • • 

L "Della formica , S4. 

a fornisca già fu un coo^adìno, che non 
contentò delle sue proprie ^fatiche- togKcvii 
i frutti a* suoi vicini . 1&io*vé sdegnato ^r 
r avarizia di costftb lo comìnutò in quest* ani* 
male. Aveadoregli mutato còrpo, con mutA 
natuta : perché ancora va per li campi , e ru- 
ba le fiticbe degli altri , e le nasconde . 
SeìUfnxM delU fitv^lt* -^ 
•La lirvob dì mostra, che ^élìi che pernii»* 
tuxa sono cattivi , te ma tana stato, non mtn 
tduo costunsi . . . •. ; 

L Della nù%tùlért deik dinmoU» S5. 
I nottola cascando in tetra fu presa da una 
do limola , h quale la voleva ammsazsacc '> 
ed essa le dimandava -di grazia > che non Tan- 
inazzasse . La donnola rispose , non poterle ht 
questa graeia, pecche era ncaiica à tutti gli 
uccelli . Kd ella rispose , ci>e non era uccrllo» 
ma un sorcio , e però fii lasciata gir via . Un* 
altra volta cascò anco in tersa > e fu presa Am 
un' altra donnoljf, ed essa pregaraia> che noa 
V amna^zassp: « quelU rispo$f che . cm nemir 

ca 



Di KSO?,0. ,*r 

et s tnttH^jsTci. Ella ng^ose non esser* 
SQKia,- im DI) aeccHo , » coù u»mfà ed e|)r' 
bffk-vita, pntfM'ù mutò il DOmt. - >. ,r. 

La ^vob sifm^i cbe noi non abbiamo 
etKi quelli rne^nraii sefflpccipMcli^ quelli che 
si moLsiOt'fiifeoao spello i'paticaH. 
DiìTirUtgtHÙ. iS. 



Au 



_ Vienili pelte^ìrù' mdando in viaggio ap^ 
puu« al lÌTo del mare , da ho Ino^o eminea- 
te viderv molti sarmenti, cbe Teaivano -perii 
mare , ed eisi pensando , clie focic .qualche 
gran tare aspettsrono, the uniate a quclluo^ 
go dove etana. Quando ! sirmenti furono ^iù 
avanti, pvnaronoicbe non èxx Inve frande, 
-ma un!) mticelli.. All'ultimo, quando s' acco- 
-starooo, comtbbera ct«t iitmentL, e dissero 
"Ih loro; qaanto . abbiamo affettate quel che - 
fiMnte eia.1 

&«»MW A/Ji ffVaU ... 

' La favpla lignificr. cbe ^ uomiai , elle d'kn- 
yiBVviw pa^no tcrrihiii i come sì éipot etpe- 
ticfln dì wto , non sono poi di tanto prezzo . 



' J t alino stilistico av«ado Teduto l'atino d»- 
\ncstico, anìjà i JuV, 'C- vedwiite Tapp^enzt 

«nvi feliu. MaMiM'Io «idcpoi 'carica, e 
che il -pxlrotw lo t»ttev« spe»0 ilijt^c: di oti 
ìnnaDZi io noi),ei.cjbi^ictò«pì^ (éifce, perche 
v^goi cbe'queita tua ftitciti i pi«m -ili od- 
ti-msliv ■ ■" 

5m»niU diU».:frvtU , 
<La fàvola c'iDMgna, che- non (tobl>Ì3imv;«e- 
^i^ite i giiadagoi -quatido «t)D piedi 4i penco- 
li) e iQÌseiic.. 



OtgH wtim-, it, . 

'VjT'K aniTÌ manttateno tinthaseiatori a'&isw 
'a diiitaiulare ')'aaK>1uz(one delle fittcht lore-t 
■Gio»e Toltndo mostrata, fhe non si 'potelM 
'Site, promise 'vhe li 'voien liberate , -^ilaxéo 
tutti insieme pìsciaoHo s*c»ero fjtlDiun -•fio' 
me. Prosando loto , che -Giofe 'diceue da' do* 
'▼ero , da quel tempo in qua , ogni votla cke 
'l'asino tran un 4uo^b dove abbia-putiala uà 
■altro aànoy subito u iermi /pci pisciare-. 

St*f 



Xa favola sig^nifica » ette Ir sorte dati *du 
e .. , J>eii'iisma 5 f della V9lp§ , S^ 




I {i; isioq 'anelava. a, fpllazxo con ima -pelf^ di 
leoì^ Vestito e-sbi^ttiya<.g4i altri »iiiBa)i: e 
xomf vide la. »«lp"5» 'Jtn^à mélttrl^ p-^ar». 
Ma per caso raggila ; Sentendolo' la volpe dis- 
se : pet^ cesto ; so ip^npn ti ^ift^ì udito > ip 
avrei jpaura.^ ' . s^. . , « 

(«a'favQl^ si^nifioi ,. che molti igiief^nti ^*pft- 
70110 saper tmalcìie oosa a chi non: gli goda*. 
tce^ (na come padauo^.sqpotscopecti.^ 
Veli* àsino y € dilla rama , $6. 

j aMno.carìcDdi'iegna» passando per aoa 
^aallude > per disgrazia cascò ». e per non pò» 
.tersi- levare si doleva» e to«pirava« Le fa* 
li^ch* erano cell^ palude .udendo isospiri dell' 
'^swoy dissero:- che .faresti tu.se tu fossi statò 
.tanta tempo qui , conae siamo stati noi ì 
Stnunx^ della fav^ia^ 

Queste .parole si potcebboi» usar coatra un 



*Hiki die ytf picciok.fikticlie^ ]$'jKUista 



óat 



F A. V O L A- 
DtU ésife , t Jet ttriit. 



Xj' alino aveva un TÌvanteo nella «Uenti e 
pattando' iF) un prato , on corvo gli -nU éi so- 
pra, e gHdo bee»TRf farine riggoiava , esal- 
tava. Il hipo vedcRtfo che ìt padrotre te Ut 
rideva, diste: a noi altri «fortunati, comesìa- 
mo lolinierite vedati , d è gridato , e siamo 
perseguitati, e di questo ìl padtoM se ne rìcU. 
StmrMui MI* fàvvl» • 
La ^TCiU rìgnifica, ehe i malf^tarì -tciap 
conosciuti solamente alla vìita . 

T , ^ ' 

» ' asÌDO, e la volpe, andando insieme & cac- 
cia s" abbafleimo m un Icone: la volpe v^en- 
dolo aBdòìobito (tinanzial Icone, e disse che se 

fu voleva perdonale, gli voleva dar in mano 
asino? ed esso dJae, ch'era conlenlo, e h 
volfie menando 1' asino , lo fece cadere io cet%I 
lacci . II leone vedendo che l'asino non poleva 
fiiggke, prese la volpe e pòi tornò aiUtiw. 
Awnr^ Jitbi févtlt . 
L«&iroU'diD«*a,che-qódlit(lie m^beooo 
ilot 



D I -E S Ò.P 0. Hj . 

mi 'Comp3gn^J^ spesse ysAtc ipviiiano se mcdes ^■' 

Vells gaWnsy delh ronMtnìh ^ "9^, 



u, 



na ^alliaa trovate alcune ova di serpente 
le coro. Vedendo questo la roifdìnella disse: 
« pazza , che sei ,. p||^chè. nodrìsci tu guest! > 
<rhìé collie saranno cresdutì, cominci cranno da 
te*» far ingiùrie f 

Sentenza della favola. '-■^ 
La favola significa, la crudetti non potersi 
mai piacete > bénthé le siano fatti grtintenefizj. 

Del atjfnnèllo • 9^, 



Lii 



Ua'frimé^ ypftài che H cammèllo fu veduto, 
glt uomini vedendo' la sua^ grandezza fuggiva- 
no. In ispazio di tempo * conoscendo la sua 
mansuetudine} tanto si confidarono, che gli 
andarono appresso: dipoi comprendendo, m 
lipn' aveva ira alcuna , *tanto più 1* incom'tpcia* 
Tòno a di sprezzare , tanto che gli posero 
il freno ^ e lo diedero a governare a*fanciuHi« 
$e»tef/ti della favola . * 

Xa' favola dimostra > che ie cose- terribili si 
fanno con la consuetudine di poca 'stima . 

V0I terpentt . 9\* 



E 



iZ/ssendo calcato il serpente da molti si la- 
mentò con Giove,' il quale rispòse: sé* tua ves* 
si morsicato il *primp, che ti -pose il piede 
addosso, if secondo non aviia avuto ardire £ 
«difenderti. 

Senteuxji della favola . 
La favola dinota, che -quelli, ciie resistono 
ai^rimi, che loro f inno ingiuria, dagli altri 
sono -ppi rispettati . 
T Della C9ÌómBé. 9S, 

J_Ja colomba avendo sete , vide no vaso d* 
acqua dipinta s pensando, che fosse acqua Ve- 
ca*, levatasi in >lto i hàXìi- tasta forte ia 

G qaclf 



/4^ FAVOLE 

jcqua, dipinta» che tutte le penne se legaast»* 
lX)DO > ed in terra cadendo fu presa. 
Sentenza dfllé favola . 
La favola dìnotaj^ che alcuni per troppa al* 
legrezza fanno le cose senza consiglio > e met- 
tono in .ruipa. "^ ' 

na colomba essebdo nodrita in un coìoin^* 
bajo si gloriava di ipoitt^figliuo} > che ella £2-' 
ceva. Lsu CQroacchia le disse: taci» pò farina »^ 
x;he più che ne partorisci V tdsAo hwggioc hr 
sticiÌD ti accresce). > 

' Seutetix,» aeila ftvols • 
La favela dichiara, che tra i servi» quelli 
sono pia infelici >^^he partoriscono jiià ifi^ttao* ,' 
li in servitù. • 

U,^ Bi un uomo ricco. . ,jS. 
n ricco aveva rflie. figliuole: una di e&s^, 
sioreodo , egli tolse alcune donne per denari -, 
che la piangessero, a cui^ l'altra ngliuola dis- 
$e: noi che siamo addolorati dovremmo pian» 
gere più che .queste» che .non hanno dolore 
alcuno > ne ci lianno che fare . La madre, rispo* 
se : non ti maravigliare , se queste si Umpita^ 
no» perchè lo fanpo per C(gioi;»e de' danari. 
SemenXM delU Jàvoh • 
X^a favola significa» cKe alcuni uomini ga»- 
^agoano 'dalle ruine d'ajtri. 

Vi un pastore ,99. 

U. - . • 
n pastore avea condotte le sue pecore sot- 
to una quercia, ed avendo la sua veste lasciata 
in terra, età ;^sce$o sopra l'arbore per^far car 
jdcr, le ghiande . Le pecora mangiando le.^TuaA* 
de, mangiarono ancora la veste. Quandp II pa^ 
stpre venne a i^asso., e vide quel che > era fat- 
to, disse : o pecorelle più cattive dell^ ^^^^ 
V altre sogliono dar la lana per fai; le vesti , e 
' ▼<» » Je q,vali *oi|trisGo > oh togiìqjre U nia • 



©I. ESpPO. 147 

StittenXA itila ftveU . 

Xit favola Tuoi, olire, che molti Bpnùn per 

pMiìt tono piacere agli stiaiii) e daoDo agli 

,, ' pi un pattare, too. 



Um pastore av«va^ana bella mandn Hi \ao- 
che ,■ e petdenclo un Titello , e non potend<^ 
trovare , fece voto a Giove , se tro*ara il U- 
I (ìro At\ »iteHo , sierificjrgli uo agnello. Cam- - 
min^ed» av3Mr trovi sotto una quercia , che; 
un leone- sei mangiava. Costili sbigottito,, 
alzo te mani ai cielo , dicendo: o Giove, io . 
ti aveva promeiw un agnèllo- se.trevara .11 la- 
dro , e a<{es«> ti pcometto on toro , te t» 
«campo dalle mani ne . 

SrnrrH«« A//» fswh. 

LLa £iTo{a è contri -rIì sfertiinali. 
' ■ Diir aqui^ . ini, 

aquila stando sopra una pietra per .piriii- 
le una lepre, fu nettata Ja una binda alT'al- 
tnt', > qutnda vi-le h sommila HHIonti^le, 
disset p-r mio maggior do|ofe ioi8iw*iiittn- 
Zata dalle penne- 

SrnlrfZf iMIt ftvofi. 

La favola sfgni&j che è gcm dolore QMfc- 
00 akuDO parie da" suoi ptopi; . 



I 



T4H FAVOLE 

Jìel vettne , t dtllt volpi . lOt. 
.1 ver noe usci fiiora della terra , e A\i$t a 
tutti gii animali : io sono meclico, e so tut- 
te le medicine, che si trovano, coro* il niedi- 
co degK Dei, chiamato Peone, A cui w det- 
to: in che modo vuoi tu guarire, altrui non 
potendo guarire te medesimo» che seizoppo^^ 
e stroppiato? 

Sementi» dell» féVQÌa, 
f La favola significa , che quel che si dice > é 

/ non si può provare con isperienza, è poco 

creduto . 

D/ un* gallina che facev* 1^ evà d'oro 1Ò3. 



A 



.veva una donna una gallica che diceva f 
ova d' oro , e pensando che dentro a lei ^S9 
una massa d*oro, T uccise e trovolla dentro 
come r altre. Co^i volendo trovare una grande 
ricchezza, fu privata di quel guadagno* 
Semenzét^elU favole. 
La (avola significa, che l*uomo si d^ve conten« 
tare delle cose presenti', e fuggire T ingordigia! 

UDel lupo , e d iinfa vectbia .. IQ4, 
11' lupo andando a cercar da mangiate , 
andò ad uniuogò, dove senti un fanciullo » 
che piangeva, ed una vecchia , che diceva; 
perchè tu piangi , io ti voglio dare al lupo 
che ti mangi . il lupo pensò , che dicesse àt 
«vero, ed aspettò assai. AH* ulrimo udi che la 
vecchia faceva èi^rezze al fanciullo, e gli dice- 
va : se il lupo viene, io voglio, cheTa^mmaz- 
zìamo . Come il Iqpo intese questo , andò via 
dicendo*: in questa casa altro dicono, ed altro 
fenno , ' •. I 

StnttnKa della favola . 
La^^^nrola e cootra quegli uomini ^ che di* 
cono una cosa, t he fanno un'altra. I 

1. Del leone, e del pulce > Z05. 
1 pulce andò a trovar ii leone, e, gli disse ^ 
tB oon Sei pio feroce di me , né io ho di te 

pau* 



DI È S OP 0. i49 

paura > é se vuoi > facciiiinone sperieoza , ej 
entrogti subita nel nasù, e comincipllo amor- 
dtrc. Il leone per dolore con i* unghie il naù- 
so si gr-jffiava ; II' pulce avendo vinto il leo* 
nc> gridava vittoria, e se ne volò via, ed en- 
trò in una tela di ragno da cui sentendosi di- .; 
voratc» diceva: io ho combat ruto, ^ vinto il , • 
maggior animale del mondo, ora sonamm^z* 
zato dsl ragno, eh' è il pia vile animale, che 
si trovi . 

Sentenza della favola . ^ ?'-' 

La favola è .contro quelli che vincono t 
grandi , e sobo vinti dai piccioli . 

IDel gallo, io<^. 
1 gallo raspando nel letame trovò una pietra 
preziosa ) e disse cosi: se ti avesse travato uà 
gioielliere sam stato ricco, perché avrebbe sa- 
puto quantd^. tu fossi valjLila., ma a me di po- 
co utile 'sei , e i>oco ti stÌRK>',. pecche phì pie- 
sto avria voluto un gcanelio d^oiQ, che tutte 
le pietre preziose del racuido. ' 
Sentenza della favola . 
Per la pietra preziosa considera la sapienza, 
e per il gallo considera 1' uomo cattivo > per- 
chè i cattivi non amano le virtù, ncsao&o^ 
che cosa s' adoprtnó . • 

2>e>/ lupaie dell^ agnelh. 107» 



B. 



beveva il lupo da capo un rivo, e vedendo 
un agnello, che di sotto beveva, gli disse > 
che gli intorbidava .l' acqua > l' agnello tremava 
di paura , e pregava il lupo che gli perdonas- 
se come a persona innocente} e che gli aveva 
bevuto di sotto un buono spazio da lui, tal- 
ché non aveva potuto intorbidare il suo beare . 
11 lupo tuttavia gridava» Tu non sai nulla y 
scellerato; sempre tu mi nuoci, il padre tuo 
e tua madre sempre mi sono stati aemicà, 
e tu patirai la pena di ogni cosa. ' 

G 5 Stn^ . 



/ 



1^0 TAVOLE 

SèmémcM Jdk fanooU . 

li prcnrerbio antico: &3alaiente si tro^a ì! 

bastpne per ht malìe al cane . Se ufT uomo po«' 

tente ti vuol nuocere > facilmente troverà cau* 

sa . Assai ha^ errato chi non può resistere . 

'Dil'smh.y.t dtUérànà^ i^^ 

V/ombatteva il soscio^con la rana. sopra i pas: 
ludi) la giieìta era grande» e dubbiosa. It sor* 
ciò stava ascoso sotto i'ecb^y e con inganno 
assaltava h rana > ma la rana . era più, forte > 
cbe r inimico» e T uno e- r-9kca avevano T 
asta di giunco,, ta qualcosa il nibbio veden* 
ào di lontano, corse loro addosso» quando V 
Uiuo e r altro attendeva a comb^erci e presi 
che gii ebbe anìendue li mingio;^ 

Sentenza diilor fayoU^\ 
Il slmile accade a' cittadini p3rt]gi.^nK ch« 
quando |>cf cupiditàdt s^goore|^giate s*4>f{vndo' 
no. iun raltco, mettono a pencolo la loiTitai. 



p 



assando li c^aè sopra ùif fiumft con no pez» 
»o di carne in bdcca-, perchè la carae faceva 
ombra nell* acc^ua.., e f^aèndoja più ^i^ssa , 
lasciò quella cfie aveva in toocca e segui l'om' 
bra. Sbigottito per la perdita della carne, .e 
trovalosi fuori di speranza , coiSMnciò a dire : 
o misere , tu dovevi pur "mettere firte al tuo 
desiderio ,• ^d appetito ^ se tu non Ib^sì stato 
pa^zof ti bastava quello che tu avevi: ades* 
so per la pazzia non hai cosa alcuna . 
Sentenis» élèlUfav9lék» 
Per questa 6 vola noi siamo ammoaitir, che 
non lasciamo le cose certe per riiocerte. 



I 



1 leone aveva ^tto patto con la pecora , < 
certi altri animali '» che si andasse a caccia , % 

ciò. 



DI E SOPO. 



Lii II- a yr c \Jt ijf 

ài éhe si pRndesse fi»*e comune; fceseat 
m «IVO e io ip.artirono , tutti votcTaao la 
lor parte . CtuCciatifloBi il- leone disse : I» 
jitiim parie è miai pecclié «oa più degno et! 
voi, l'altra e mìa perchè io ho- più fbtzadt 
To: ,' e pct esscmiì aifjticato pili ai voi > vo- 
glio ancora U terza, e la quarta i se voi Boa 
me b date i sì pattila 1' amicizia • 1 compagot 
inteodendo questo , aodwono -via taciti saa» 
£u pirata alcuna . 

SfarMw della ffJBfU. 
La fetfe semfi» è rarai e masiinke ia qutta 
età, io cui è pili rara appixsso i potenti, e 
tempre fu così: onde è mt^lia vìreie coti suoi 
pari , perchè chi vive eoo uouitiu dì luì jiiiì 
^lotenti , tùsogoa sempre > che ci lasci andar 
del suo, e eoa un pu Suo sempre U lagiooe 
sarà egmle. 

!>■/ Ii^-i * dflU grm*. Lii. 



u. 



a lupo mangiando una pecora > » cani qb' 
orso K gli inttavetiò nella gola, e cercando 
mol ti I che gli dessero ajato, niuQO trovava , 
che ^1 curasse . Kd all' ultimo icon assai pro- 
fi y mct' 



mi;t r^A y O L Er 

cise arcafezzò la grua^^ h ijuak co) su^ 
becco fungo glielo hvò dalk gola . Quando 
gli domando poi quel che le aveva ]irome5- 
so, disse it lupo: patm, non hai tu assai» 
che tu vivi? Sei più obbligata a me, *i>erché 
se io avessi voluto, io li> poteva troqcar fi 
coMo, quando tu Tave^i nella mia gola. 
Sentenziti dtUa f Avola ^ 
E* proYcrbto antict^, che ciò., che Éil a ^ 
ingrato é gitt^to yk . 
,. . Pe/ vfl!*nOi e del Serpente, ut, 

X' rovando un rilhno un sarpente mezzo m<» 
to ntflla neve , lo . portò presso il iuoco ; H 
serpente colite riebbe le forze , ed il veleno , 
non potendo sopportar il ^oco»t-ul»ta la casa 
avvelenò-. Ma il vìl^lano cqt%e con ao -bastone» 
e si vendicò deli' ingiuda » dicendo r questo ta 
mi rendi? Vuoi toglier la vita a chi te l'ha, 
salvata ? 

Stnitnz4 della fàvola-. 
La favola significa» che spesse vofte qoelUV 
a* quali hai giovato , ti nuocono. 

Deir 4f$no , e de} parcìt. e ingioi ale, 21 5, 

Lr . ' \ 

, asino befSfggiava il porca cinghiale , ii 
quale gli disse: tu ^he sei da pochissimo sei 
degno di castigo, ma non di esser castigata 
da me :. lìccUè a tua posta puoi dileggiarmi , 
e per la tua dapoccaggine ti è kcito fate 
e dire d'ogni cosa: stetti sicuro. 
Sentenzia delia favola^-. 
La favola significa , che ci dobbiamo sfor- 
zare quando udiamo cose, che ci tUspaccìano> 
che non facciamo, né diciamo cose indegne di 
noi , perche spesse volte i tristi e sceUe-:iti si 
rallegrano , quando gli uomini dabbene gH re* 
•sìstono , ed estimano assai , che cerchino ven- 
dicarsi di loro, e dobbiamo imitare i cavalli., 
che qiai?dQ*i cagnupU Iprp abbjjano, gii dì^- 
piirz^jino . P..'/ 



D'I E SOP O. " i^i. 

'» deiMitìco , e Jet ifhtiict. 114.' 



II sorcio domestico andd a sollazzo ur rìthi- 
d il sorcio rustico l' invitò , e gli ftce odi 
cena , poneadogli dinanzi ciò che viveva tipo- 
ito l' inveri», acciocché gli ficcesse onote. II 
sorcio domestico sprcgimdo quelli povcrti 
della villa, lodava l'abbondanza delta, città. 
Tornando menò seco il rustico , acciocché 
quella così, che diceva, gliela facesse veder 
conelfcMo. e gli fece un hel pjsto, e st'aodo 
loto a mangiare, udeiido la chiave della sei* 
ratura, ebiìer paura, e fagglrano. 11 ciijtico' 
non essendo consueto a questo, appena si ptio- 
te nascondete, l'artilo che fu il Servidore, 
tornò il domestico a tavola , e cliiamara il ru- 
stico, il quale per titnoie spasimava) e disse 
al domestico: se questo pericolo era spesso: 
ed esso rispondendo di sì , ma che bisogoara 
disprèzz^iilo, allora il rustico dissi: questetue 
vivande hanno più' lìeie ,1 che mele, io più 
-presto voglio la mia povertà accompagn&ta eòa 
la sicurezza, die queste tue ricchezze unite- 
con gran sospetto . 

Sentenz» della favai* . 
Li &voh ci insegna, che le rìccUezze f 
G , y 



1J4 FAVOLE 

joaa dilettevoli , ma cbi giiarcU bene» luaRO 
la se pericoli, ei amaritudini. 

LI Vftf étUì'U , t diìù cmnatcèit. li;, 
aquila 3.veita trovata una. tartaruga , 'uè 
em-ingegno, o ait? alcuna poteva trovar via 
di roni|ieiIa. . La co{na:cIiia la comùg^ò , che 
volasse in alto , e la gittasse ne' fossi , che U 
Tompeiia, Prese.il consiglio I' aquila , e volò 
in alto per mandarb. La cornaccfij a. aspettò in 
terrai cascò la tartaruga, e si ruppe, e \ì_ 
coroacc^ia la rubò. Ond> l'aquila à dolse dij 
essere beifcggiita . ' 

\ Stmtnt^_dtll*ftvi)U. 
La ftvQla significa che non dobbiamo dai. 
ft ■ 



l 



_t corvo con h preda in bocca sopta di un 
albeio stridavi ; vedeiKlolo la volpe , se gli fé- 
ce incontro, dicendo : Dio ti salvi; spesse vol- 
te io aveva inteso r che l£t f^ma era bugiarda, 
t aduso conosco ciò essere vero, perché pas- 
sando a caio di qui san venuta a biasimar la 
Ama , che dice , che tu sei più nero della pa- 
ce, ed ora ti veggio più bianco della neve, 
ed a mio giudicto tu viuei i cigni . E se nel 



tanfate > come ndtc penne> sei nobile, verartich^- 
te tu sei re degli accelli . Il corvo, credendo 
che dicesse da vero cominciò a cantare, ohd|c 
il cacio gli uscì di bocca , e la volpe fo prese 
con gran riso. AUota il corvo si vergognò-, e 
gfi ìncreb^p^ della perdita, e della vergogna* 
Semenza della fgvolg . ^ 

La ùvola. significa, che l&ono alcuni tanto de* 
sìderosi di lode, che cpn iota vergogna > e, 
danno amano gli' adulatori, e H danno in ptè« 
da a parassiti,. e; gnatonl. 



I, 



Dèi ItQW, invecchiato, 117. 



leone nella sua gioventd s'era fatti mof- 
ti ni mici, e^ ne fu . castigato nella vecchiezza. 
Perche le bestie fecero la loro* vendetta ^id if* 
]^rco lo percuoteva^ co' denti , ed il toro jCf^ie 
corna , ed innanzi a' tatti i' asino ,^ volenc^^s- 
sare T antico nome della stia pigrizia , con pa« 
role r offendeva, e con caler. Il leone allora 
pigliandolo , disse : questi , che mt nuocono fan- 
no il toc debito, perchè io >àùC0ra ho nociuto- 
ad^si, ma quelli a'quali h^6 giovatogià non 
m'ajutano^ e mi nuojcòno\ É sono stato pazzo^ 
parche -mi ho &tto molti n^ici > e più.pa:Q- 
za , perché mi son confidato m falsi amicK 
Sentenza della favola . 
La fàvola ti ammonisce, che* nella fortuna ' 
prospera tu non ti dei alzare, né esser super- 
bo: perchè se la fortuna si muta, tutti quel- \ 
li che hai oSèsi si veodicheraawx,^ e fa ctio 
facci dif&renza fra gli amici: pWchèsono^ cer- 
ti di quelli che non sono tuoi, ma deH^ tua 
tavola , e della tua fortuna , la quale comaK 
nauta» quelli ancor ti volt^o le spalle ; * 
Vfl cane y e dell' asino» IX&» 



I, 



1 cane faceva carezze al padrone »^ed il ^a« 
éumt ai x^ne . Il che vedendo V asino., comir - 



' ti( F -A ▼% t E 

eiò a piangerei e lamcntarM (bcteninite delb. 
tua sorif , e glj pareva cosa iniqua esser il ca- 
ne accetto a tutUi e njjngiaie alta tavoh del 
wdronr, e iempts Stare in odo, e piacere, e 
lui ppttaf sttnprt 1) bsstu, e aver ^stonate) 
ed eftcre odjato àa tutti. CoasiderWo, cfie 
con le^ca^eue il cane si acquisti ì' amoce del 
pjidionc, determinò di seguire aach' egli qiielL' 
aits, che gii parerà tantP utile, e poco fati- 
cosa. Òrde, tornando il padrone a casai volIC; 
tenliir 1« sorte , e £u 1' esperienza , se gli rju- 
sciv); corse. incontra al padrone, s) levo in, 
■Ilo, e con rung.hje gli percuoteva il capo. 
Copiineiando «gli a-.eriJ.-.Bf venneio i servi., e 
diedero dcUc tHjsse al povero asinelio, che si 
vplev^ iHcirilils. ■ 

Questa £lvola, clic altro e' insegni, te non. 
tlie l'uomo non dcKe tentate cosa alcuni tH; 
i'ate, dove si ponosce mal naio della palUij^? 
Dil Itani^t t dtl fsrci'd' 119. 



Il leoac affamato dormiva sotto T ombra di 
m albero, e n(olti sorci e|i iindai^no ad- 
iosso, ed fgl, n-cg[iito « prese uno. Jl soc 



DI E S t) P 0. *ffy 

^o Ib pKgara, che oon volesse mttdjtt la sua^ 
grandezza con $i piccioJst bastitiola . £gti I<^r 
lascia afndare scDza ùvgìi danno akutto :. accad-. 
de voi , che il* leone £\k prèso- con- h r«ti , e; 
gridava-, e Bon poteva uscire. .ìi. soccio cprse.- 
al rumore» ed ebbe coaipassian^ dji ì\ùi ecer^ 
<:ando i nodi della rete gli ro;^chiò co'deQtiV; 
ed il leoae. scampò^. . ^ . , 

SenttnxA deilét^fsvpÌA^, 
Questa. & vola iiìsegna. agli uomini grandi li^ 
olemenza , perchè- come sono le cose.umane io-- 
stabili , qualche nìolfa giìr upmini gjraadi hanno» 
bisogno aei pia uniiii > e ba&sié / 

Del nibbio . 1 1^. ^ i 

11 nibbio era ammalato» e pregò in inadt^: 
eh' andasse a pregare gli' Dei per li. suoi^ 
peccati. La madre risposa, che non bisognava ,. 
che sperasse^ iijato akano dagli: D^I> perche, 
gii aveva commaculati , e rapiti i. sactVncj^ 

'Senunz0 delia, ffivo^a^, ^ , 

Questafavola dinota , che gli Dei esjiQipiisconQ 
i religiosi buoni : ma ooH odono gli scellerati * 
Deiié rùtuiifiells^, t d^ alfri ifcfelli .. i^p. 

'^andó s* incomiociò a. seminare il lino» U 
roStiificlia disse agli altri uccelli , che mangiasr 
xtQ il seme» del che t^tti se ne risero., q 
pazza la chiamarono . Crescendo il lino, di ' 
riuovo la rondihelh consigliò gli uccelli, che 
lo guastassero, di nuovo essi la dileggiarono . 
U lino si mature, ed ella di nuovo gli con- 
fortò, che il rovinassero, manco allora. la, yot* 
lero intendere. Allora la rondinella, l^ciati 
l'atti.- gli uccelli 4 s'accostò all'uomo, e fatta 
amicizia insienie, patteggiò di abitar seco, 
e dargli piacere cojn cai>tsre. Onde tutti gli 
uccelli furono presi con rete , iti lacci , e la roa? 
dinella fa lisciata in libertà i 

Stntenza ddla fsvoia . 
I^a favola dinota, cb^ mgdti spnp da poco,, 

A. npn , 



^ . FAVOLE 

ff-fioti SI ftnhò conéigiiare> m^apco attendtao 
a chi gii coùsigtia bene; ma fiiaedb cono poi 
ne* pericoli > e daniìi , cominciaQp a conoscere > 
e- cdddjinfiafio la lor pazzia, ed alloca dicono^:, 
-qfuestft , e qudr^altra cosa bifiognava fiire . 

Ptik r^«9i » d$i IwO' re , it%. 

L- ". . 

e rane essendo iibete» domandarono aGi^* 
ve, cbe desse loro uà re% Giove si rideva del* 
la lor paSKia . Quelle di' nuovo lo pregarono 
ìtifin cne Giove satìsfiicendo, alle lor voglie gli 
mandò un Trave, iF quale ascando con gran. 
rumore nel fiume, tutte le rane sbigotti. Et* 
Je onorando il loro Re, a poco a poca in- 
nanzi gli andarono; ma vedendolo cosi fermo 
stare cominciarono e spre;?zario , e talmente i . 
cbe di nuovo pregarono Giove, che gli des? 
se un re , il quale fosse gagliasdo , e for- 
te . Giove gli mj(ndò; una Cicogna , la quale 
camminando per la palude, quante rane trova- 
va tutte le mangiava. Di questa crudeltà si. 
lamentarono le rane, ed oggidì ancora si la* 
mentano ^ e la tfotte quando, la cicogna jè an-. 
data a dormire, e con rauco parlare? si lamen- 
tano a Giove, il quale poiché non- hanno vo- 
luto un re benigno, e mansueto vuole t che ne 
abbino un Crudele, ed inumano % 
Senunzé deU§, ftivlé . 
Avviene alU plebe, come alle rane, che se 
h^nno un re mansueto» dicono, che é tristo, 
e. lodano la Benignità del primo. Questo avvie- 
ne perchè sempre odiano le cose presenti, e 
desiderano le nuove . 

DeUe CQlambe, e dello spénrviere» ZX3* 

L" . 
e colombe già fecero guerra col nibbio , e 
fece loro re lo sparviero . ^esto diventato 
re , si portò come nemico , e non come re > 
perché le ammazzava più crudelmente, che ii 
sibibio} onde rincrebbe Iqro.aver £itto questo 

re. 



DI ¥S,OPf). H% 

i»,>ve.d)$s^Qu» ch'era, meglio -^^it^ If ffifm^.^ 
del l4^io> cbc questa. tiranoid^^ 

N<$su&Q ( dìfce [^ iayola) della «ii^ $pi:^eso« 
ver<phlo si lamenti . Molti cercandp la qiiqts», 
la vecchia di nyòvò desiderato . 



Ài 



M^ei IsdfQi p.,4tljén9. Zj^. 



I canQ., cjbe<^ latcava > il ladra ,ToUe d^t del : 
pane. II. ^ne disse: ladro jj tu mi vuoi dar il 
pane > acciocché io non abbi^ 9 latra^> ma io.^ 
non voglio il tuo ^oe« perché «e io Ip pi* 
glio » tu leverai ogni cosa di casa^ 
Suntcnt^ dflU {avoU . 
Gua.rda, che per una piccioli cc^odkà> ti%> 
n^n ne.perdi una grande^: e guardati non avec 
fede 9d ogaÌL-uómoj perché molti» per ingan- 
nare npn solamente parlano, benignao^nte , .m% , 
anco ù- por t^tio benignamente ^•. : . 
pei lugoy c.dtlU poris, Ì7.\. 




a porca, coleva partorire # ed il lupo, si of* 
f(;ri esserle guardiamo. La porca,. ii|p4sQ» che 
ella non aveva bisogno de' suoi .s«:vjgj , che 
sé le voleva far cosa grata, se DCvandassevia,. 
perché T amicizia, de} lupo di lontano era^ 91Ì* 
gliore 4 che d' appresso.. 

Semenza Jpfh fMyjaU ,. 
Non si dèe credere ad ogni cosa.» perché 
moitj si ofl^riscono fotti piacere non^per tua 
comodità > ma per la. loro . 

Del paiftù del montt, ItC 



E 



.ri jlama, che un monte partorir voleva: gli. 
ivdmini andavano per vedere aspettando, che do- 
vesse oiscore un qualche mostro^ Dal monte usci 
fitora uQ. sorcio, che tutti commosse a riso. 
Semenzai Mli^ ^fttpolé . , 

Questa favola proibisce il timore senza e»' 

5f 



V 



t(^o F A VO t E 

sa: percW Spesse volle è pliì grave il titnor" 
tó pericolo, che esso pericolo: anzi ^jjiaMle' 
volta quel che temiamo e cosa ridicohrT 
jyj un Gatte vefMo sffrexxato dal pad/^nt, ri/ 

\jii cane iavedchiato indarno dal- padrone era* 
stimolato alla caccia , perchè por la vecchiezza 
ei non poteva piu; correre. Aveva egli ptesa^ 
una fi^ra,. e (juelja gli scampò, dai denti , eri- 
prendendolo il padrone con parole, e con ìl^ 
I>asYone minaeciandolo^ ì4 cane rispose:: mi do« 
Vfesti perdonare, perche soh invecchiato, e tv 
dovresti ricordare che io ^ono stato giovine»* 
e gagliardo ,- ma per quel cheio veggio.,, niuna; 
cosa piace senza frutto. Mi hai amato giovine >. 
è mi hai in odio oca, che ^on vecchio. 
SentenXA detU favole , 

La favela* dimostra, che sempre è amata I4 
presente utilità. 

DelU lepri , cée^ temewMo senza causa-, nS. 



I 



. nforiava \\ vento in una ■ selva , e le lepri ti- 
mide cominciarono a fuggire, e fuggendo tro- 
varono- uaa palude , e si fermarono dubbiose 
dell'uno^ e l'altro pericolo vedendo k rane» 
che si gettavano nella* }>$lade . Una delle lepri 
più saggia delle altre disse: perchè temiamo 
noi senza causa alcuna? noi siamo destre al cor- 
rere, ma ci manca T animo. Questo pericolo 
del vento non è^da- temete, ma dà sprezzare* 
SeMewca delia fyv^ , 
In ogni cosa bisogna 1* animo; la vict-ù gia- 
ce senz^^ conBdenza , la> con^denza è duce , e 
regina d* ogni virtù . 

Dei capretta i e del ktpù , iip. ' 



L 



fa capra volendo andare a- pascete serrò il 
capretto in casa, avvertendolo, che npia apris- 
se ad alcuno finché ella torna^va . II lupo aven- 
do ciò inteso-, dapo che la madre si parti- an- 
dò 



DI ESOt» 0. 1^1 

io angustio, e picchiò,^ grldafKJo come una 
capta comìnH^*, che gii aprisse. Il capretto 
r^lcndo r inganno ,* norv vbile aprire , dicfndo': 
Tu gridi come mia nrVdrè, ma io veggo pet 
Ì3 fissurà % che tu sei il kipo . n 
SemenKs deiUfavàU' 
E^co^a otHe ai %!iuola obbedire al pi^drfe ed 
atla ixudré ; al giovine si arnvicne obbedire al 
Yccchio^ 

jyil etrvù > 9 deità pic^s . i j[e;. 

1. • • . 
I cervo chiamò la pécota a ragione* avaati il 
lupo , e riimandògii uqo staro di grano . La 
pecora di qtiesto e^i ignorante ^ nieatediin^n# 
per [a presenza del -lupo gii proixise di dsr- 
glielo , e pigliò il-^ermine a pagase . Come ìi 
cervo dimandò^ il gràno^ quella ^ negò ciach«le 
aveva promesp, e si scaaò-diceadi? » cite l'aveva 
fatto per paura del Itfpid , e la pffomefSfii latta pec 
fbrza non si deve osservare . 

SenttnZB' d*li» fnwU* 
Da questa favoli s'impacav cìm h fiaad^ 
con la fraude si scaecia , - 

E chi prende diletto di hx fi«ide •. . 
Non si dee lamentar s'altri l'iagaana'. 



u.. 



PW viilétio'y €. àtl stfpeme .. i|i* 



.^^ .. ^ilhno avendo nadrito un serpente m 
casa > si corruccio con esso , e gli andò addosr 




-. gli — . , - - 

i^fta al serpente > e lo. pregò, che volesse tor- 
nare in tsLsa , e gii perdonasse . (^^iia gii ri- 
spose , che gli perdonava , ma non voleva toc*- 
nar iji casa> perch*egli non^ saiia mai sicura 
con lui,i pur a{ia fine entrò in ca$4 > m^L s^m- 
]f re ritenne U memoria .. 



i^% F4LV0LA 

Ad un maiKat'fìi^ cii fede no^ ^ver &icì per- 
domr i'ÌQgiiuria e cosa di m^ncordia»^ m^^ 
aversi cura è cosa di prudenza . 



jLì 



fa Tol^ invito 1» cicogna^ a. ceoa seco» e 
]M>8e il cib0rcii'«ffa liquido in un raso spar« 
ao> talché la «teogtis non lo poteva taccorrc 
col l>ecoo SUO) cbr è cod lungo» ed acuto. La 
Yolpe eoa la lif^9» sei koK^va tatto>. sicché la 
cicogna si partì derisa» e con vergogna deU' 
Sflgiuna ricevuta. Dopo alquanti giorni la ci- 
cogna parìioedte inibito» la volpe a mangiar se- 
co, e pose il cibo tutto io un vaso di vetro > 
che aveva il' collo stretto , nel ^ale Aon po- 
teva niettece il nmso suo » La cicogna per avei 
il becco lungo, e sottile /'Io metteva sino iq 
£n)do del vaso» talch; eUa./Sola mangiò: e la 
volpe , che aveva gran., fave , per la traspax^n- 
X7L nel vetro v dtndo il cibo,- non potè gii? 
star alcuna- cosa, edta&mala^.^ià che di pri-^ 
sa, si ritorna sXti sua Hua < 

SentefOLé delhkféw^* 
Per questa fav(Ja si nota , che il riso meri* 
fa il riso, il giubco il giuoco» e ringaiuiO' 
fiftigaono. 

1 corvk> si adornò- tutto di penne di paVonc, 
éìpoi parendogli esser beilo lasciò andare i 
sucri » eda&dò ^li pavoni. QueUi conae inte- 
aeto la fraude.» tutte le penne gli -cavarono > e 
•00 molle busse lo cacciarono vìa . 
Sentenze' delUf$v$U» 

Questa favola insegna a quelli» i quali t(v 
fMono aheard piiì di quelli » oon i spiali vie 
"^■ooo. 

JLi» mos^ diceva un giorno alla fprmi- 
ca : ÌP SOB nobile » e tu. sei ignobile > io 

va- 



D » E S Q P O . K5 

«oIo<» e tu V4Ì' carpone per terra > io converso 
co* nobili > e ^u vai ascosa nelie - calerne xiclia 
terra; tu rodi- le biade >. e bevi 1* acqua > .ed' 
io mangio splendida mente con ozio , e piace-» 
ce- All^iiKonlfò k formica risporse: io. so»; 
Ignobile , ma . son ooaieofea. deUa mia progenie » 
e tu sei vagft , ed' io stabile, e migliori «sono 
a. me T'acqua, e il grsóio che.z te il iti n^, ed: 
ì cibi delicati i io y'vfa Contenta r Aettr«> e^ 
g:rata ad ogni' persona , e ae&o «asempio di fa- 
tica , e tu sei seflsrpce' con^ paura > a tutti netiu*- 
^a , ed a tutri odiosa » io mi ricovero i- snvser- 
no pe^riposre il vitto. > e tu, viviaU^ gio^aar- 
ta , e neir inverno tu muori di hm^-, 
StnHniLa dtiU^ fsvoU < 
Meglio è h vita oscura > e sicura fleUa jpkm- 
4ida;> e nella ^^4 n mve con j»ecÌ£Qk>^« 

LJ>ella: rànày^ dfLb^$** ^^.. 
a rana desidetosa d! agguagliarsi 4I .bttu» ai 
gonfiftva, ed tl^fliuolo lé.dUsiB che non ia-'- 
fesie» perchè l'era impossibile assomigliarsi 
«1: bue. Quella un'altea volta ne fece protra:: 
il figliuolo gfiidòh « disse r madse.». noui f^re». 
che creperai» e- la terza volta quando vqì^t 
provare yCKpò^ - 

Dite la favola. Ciascuno ha li sita dòte > co* 
stui^ della bellezza, quello delle forze deKcor- 
^, <piesto delle ricchezze > quello d'amici po- 
tenti , ognuno deve, del suo esser- contento: 
ne si sforzi , avendo invidia al superiore con- 
tendere con lui. Missi:» il psimo : il secondo- 
vera pazzia . 

1. tfeeaeavdò al cavallo per ditForarló, e pet- 
che era vecchio 9 e non lo poteva superare > che 
le lorze gli etano- oiaacaicv comincpo coaastoi' 
%t4 dìre.> ch'eu medico, ed il civallp^ono- 

» «ce»?- 



IH FAVOLA 

scendo!' togunno éel leone finse essetii ol^so 
un piede* in uo' luogo spinóso^ « pregolia, 
die lo guardasse e gli levasse la spraa , ^cosl 
lece il leone: allora il cavallo con., quanta for» 
.za paote, gli diede di un calcio, ^^|*o4 si mi- 
se a fuggire, ed il leone tornato in se, per- 
chè ^era mezzo morto per il dolore, disse r 
mi sta il dovére, e per mia pazzia io merito 
^oesfo , ed egli sì è vendicato con quella £ro* 
de> che Io meritava. 

Sentenze^ della fàvoU, 
L'inimico è da cs^er temuto: ma molto pia 
fuello cke è ioino^ico y e finge di esser, amico • 

Del eavsìloy e deW Msine . 137. 

ssendo il cavatfo ornato di bei forniménti y 
nitriva ^ e correndo per fa strada s[ incontrò in 
iin «sino carico, a cui superbamente érsse: ta 
sei fardo > e )>tgrp, perchè x?ti ti pari dinan« 
zi^ Levamiti dinanzi .i^li occhi, se no .mi tt 
fnett^rà sotto i piedi . L' asino non ebbe ar- 
dire di rispondergli , ma tacilo jgli died« 
luogo: per troppo - correre il cavallo si guastèg 
e Vedendolo il padrone non esser ptiì utile at 
correre, tutti gli ornamenti gli levò, e lo ven- 
de per la carretta . L'asino vedendolo tirar la 
carretta» gH disse: Ohe ornamento è questo? 
dov'è la sella indorata,'! begli ornamenti > ed 
il bel freno ? cost avviene ad un superbo. 
Sefìtenzs dell» favole . 
Non podii sono coloro, che* nella felicità, 
aè di se stessi > né della modestia si ricordar 
fio . Mei perchè nella prosperità insoltnti div^n. 
tario , ncir avversità facilmente incorrpno. On- 
de stano cauti i felici , perchè se ta fiirtana la 
sua ruota rivòlta, e li trabocca in qualche in* 
fortunio , r essere stato d-t prima prospero, lo 
induce al sommo della miseria , chem^lipper 
lui sana non essere stato mai felice 9 nècon* 
*enlo* • Z>«^ 



D I ESOPO. i^ 

TkigU vectJit f t degli cmmtH Ì0 fUéttro r'^ 

piedi* 1^8. ^ 



V^pmbattevano msieme gli tiecelli , t gli -ariK 
mali di quattro piedi , ed estendo la battaglia 
dubbiosa > la. nottola lasciati i suoi coiupagni» 
andò ai nemici degli uccelli > ali* ultimo aven- 
do vinto 5 merce ddi* aquila» condannarono la 
nottola , che mai pia. non tornasse agli uccel- 
li, né mai p<Aesse volar digioinq.. Per questa 
cagione la nottola non vola se non di notte. 

SensffiX,» Mia favois, 
. Chi lascia il compagno neÙe avversità, noi^ 
deve essa partecipe della sua felicità* 

Vel iupo e delia volpe, i$^. 

T '^' 

M.Ì lupo avendo tanto da mangiare, che gli 
bastava, si riposava. Trovatolo la yolpe, gli 
fiimandò la cagione dell'ozio. Egli rispose, 
che si sentiva male , e che di grazia pregasse 
gli Dei per la sua sanità . Quella vedendo, 
che y inganno suo non succedeva , andò à tro- 
vare, il pastose e gli disse,' dove il lupo era, 
che facilmente si sarebbe potuto' ammazzare. 
Il pastore subito andò a trovare il lupo, e 
r ammazzò , e h volpe prese tutta la preda , 
che. stava nella grotta del lupo . Ma breve fii 
la sua allegrezza , perche venne in fra poco il 
pastore, ed ammazzò lei ancora. 
Sentenza della favola • 
L'invidia e dannosa, ed il. più delle voltìe 
Tuina quello, che ha invidia. 

Vtl cervo, 140. 



s 



i specchiava il cervo in un fonte chiaro , e 

molto si gloriava delle sue gran corna» ma 
gli lincresceva, che le. gambe fossero coil 'sot- 
tili . In questo venne il cacciatore , ed il cer- 
vo più veloce^ che U vento fuggi, ed i cani 

lo 



•rf' 



iSS FAVOta - 

lo irguìtiTMip'. U qwde a osò eMtQ ìh.oim 
(slv3 tadho spessa, e le sue corna t'altacnr» 
T\0 ai timi degli alberi . Oad' «gli altoia làdA ; 
le •^ambè', e bìasimA le eoo» , «le fiuouo uii> 
. sa', ch'-*i foSfe- prei» dai cani . 

Smnrm* Mia fsvtbt , 
Qnfllo ch'i da fuggii», cok ftaa (tlligeiM 
Za cerchiamo, e 'fuetto che figgiamo sopn 
il tutto -é iJi ricndarti. Dnianm la beatitwli- 
ne pei ma , che s^ifiaioo, dov'-eila ii stia. 
Ontle noD è eia miravipliatM ^e toviiuamo n^IRt 
infeliciU 1 e morte , fuor di ogni ocstio inlen- 
•^limento , come senza raKi(iD(«i govemìamo . 
OH itrjmtt, t iklU'timi. (41. 



u 



-_/n serpente tWYÒ'rfna lima, e cominci'ò a 
lodeila; la lim.i Tidendó> disse, die &i piz- 
zo? prima rom^ieral tutti i denti t cbe nti 
possi rompere, perchè io soglio vincere la dii- 
rciza di ogpÌ metallo. 

Sritleazt Alla ftvelt . 

Guarda molto bene a chi tu' »aoi naocR9, 
perche se tu l'imbatti io un più ga^K-ard* . di 
^, éan a lui, ma a'Ie nuocerai. - - 

X>ii 



pi tS 01» 'O. ii>« 

ta i lupine 1^ -pecore Fa htìà tregua: « 
diedero g4ì cstagfj dail^pa t>arte . e Talt» .. L 
lapi dieoero i loro lufiàcìfÀ^ eie pecore die- 
dero i cani. I lupaiécinii-p^'r^ie^tdeilo delle loro 
madri -, GOtin liciarooo ad ^urlate . Onde i Jupi vor*)- 
seto > e gridarc|no esser tolta la tregua , e non esr 
«eodovi cani ^ tutte le pecore- Btmmtzxotio . 
Stnunxs diiU fsmgis -. 
E* pazzia, se quattdo^£kitfegaa> tettala ha 
guardia dai in mano al nemico , perchè chi una 
Tolta è stato nemico, mtii non cessa di essei>*> 
ti nemico, e troverii causa di nuocerti, quon* 
do ti vedrà spogliato d'ogni a/uto. 

JOeUa tehét^ ^ dei iHihnQ . 1^44. 

TVJ ■ ^ . • - • 

J.^ ci tempo , die gli allierl parlarano^' tikioC 
un villano ne{là selv^ dìceQd<)>le che gli lasciala- 
se fdt un òianfcp nèU' accétt« .* La seiVa 'glielo^ 
concedette . H viiland fatto il manico, cemtt»- 
ciò a tagliare gii alberi, e la sélva cominciò a 
dolersi delia sua distruzione,- dicendo cjb* ella 
med^ima era stata Causa del suo male. 
Sektfnza ittita favoU, 
Guarda bene a chi di del bene» perchè so*. 
Ilo mòtti, che Cmno male a' quelli > da' q^u&li 
hanno avuto bene. 

X>/ tutti i membri dei €§rp9t r éef ^emtte* 144. 

1 i e mani, ed i piedi accusarono il Tentit 
che turti i lor guadagni ^gli si mangiava» 
e l^ì cominciarono, che o duri fatica, ovvero 
non- domandi più da mangiare . li ventre pii 
volte domando da mangiare, e le mani glieto 
negarono . Essendo esausto il ventre » tutti i 
membri cominciarono a mancare. Allora le 
mani gli vollero dar da m'ungi jre: ma fu tar- 
di I perché il ventre non puote più mangia- 



"4 



ufs ^ FA VO L B / 

rcy e cosi i nxeinbri avcmlg T invidia al ?efi*> 
tr€» si morirono tutti insieme con lui. 
^ SfMfpXa delia fnvoU . 

\ La compagnia dei membri , e del venire so- 

no T umana' società . Un membro )ìa bisogno 
deir almir f^^bro » e T anaico deM*amico ..pe- 
rò dobbiamo ;ajutaicci Tun 1 altro > perchè le 
rjjcfiiezze^, e ^lì[ onori non bastano a un uomo > 
ma.Jba bisogno di amici ancora. 

.D^/il!i, i^nUt4 della wtlpe . 145. 

JLii stTnLt.pirc^ò la volpe, che le donasse una 
parte^ delia ,sii^ coda , acciocché potesse coprir 
le sue natiche'; perchè elh'f aveva VrsogDQ di 
i^uel che fc avar^zavji. La. yplpe Rispose," vo- 
ler più presto strascinarla per tcrrg, che co- 
prire- le. naìiche alia $imÌ9..^ 

Stnttnz4 dflU fàvoU. 
Sono molti e' haniio bisogno , ed a molti 
avanzano le ricchezze, ma piun ricco vuole 
. dare a* poveri quel che. gli avanza . 
Dei^arvo^ € Afi fnwi * ia6* 

uggendo il cervo i cacciatori, entro In una 
U^h ài buoi,';p pr^^ò i buoi , che lo lascia^* 
sero nascondasi. Loro dissero non esser sicu- 
ro > perchè varrebbe il padrone, ed il famìglio, 
e guardarebbono per tutto , "Purché voi, disse 
jl cervo 'j non ini palesiate, io sarò sicuro, lì 
^ famiglio entrò nella stalla, e npn vide il cer- 
^o , perché era ascosp nel fieno , ed il cervo 

fià Dpn iiemeva : allora un bue vecchio disse : 
)' £aci1 cosa gabbat ii famiglio, ma gabbar il 
padrone , che i un Argo » sarà fatica : da II a 
|)òco ttiitò ìi padrone nella stalla, e vedendo 
iogni cosa , e toccando il £eno , trovò il cervo» 
e gridando il famìglio corse , e lo presero . 
Sentenza della favela . 

JKe' |)ccìcoU è cosa difficile il nasconder- 

' sii 



D L'ESOPO.- itf? 

nuoondetiii perché come b fottuiu coniiacii 
a peueguitire alcuno,, mai aqi lascia sibo >t 
line, oyrero 1' uo«io srpe((|e, e <ta lui mede- 
timo à palesa. 



±1 Icone (fa ammalato , e tutti ^ì anìniali an- 
darono 3 vederlo, eccetto la voi}», ed egli le' 
mandò un ambasciatore cot> ^dtere . {vegMido^ 
la I che andasse a veHeilo , che gli iària piace- 
re, e che non HuhitisSe di niente, perdio cu 
suo antico, e desideravi molfo di parlar seco, 
La volpe gli rispate eh' ella desìcfrrava pan* 
demente <h'eRli guariiw, e che di continua 
pregJtva gli Dei per lui , ma che non voleva 
Yenite a vederlo, perché le pedate degli ani- 
mali gli facevano paura, redendole tutievers». 
la 5ua spelonca , iti alcuna tornar indietro . Per- 
chè questo età sego*, che molti animati cm- 
noenttatij ma ninno era uj^ito. 

Senttnx.» deìlt (évett . 
' Non ti £dar di parole, ma g^rda i fatti d! 

Ìelto che ti di parete. ■ ■ ^ 

BtlU -volpi-, t Jfllp SoHmlt. i4t. 
ja volpe afematF. e smirrtta, per una pìc- 
cola finwtta entra in m granaio > dove molto 
H foeae 



^ 



170 ^^ FAVOLE- 
!3t:ne mangiò. Volendo uscire, ìi-veatre ifixcrn 
la impediva. La dcunoia, vedendola affi&odrt, 
r ammoni) e disse.: se tu vuoi usqlre, -Sina* 
^ratl come ^ri quando tu entrasti. 

Vedrai molti nella mediocrità essere Iteti» e 
sena» feosieri, ma se. tu gli vedi fitti ricchi.^ 
saranno malcontenti , « pieni di fhstidj e 
cure . 

I>fl cavallo i t dei torvo ^ 14^. 



e 



^ ombattendo il cavalle col eervp> e cacciato 
da' prati, dimandò aj ut o all'aomQ. Tornato 
con r ajuto deir uomo > fu vincitore > nientedi- 
meno cosi vincitore ùi messo sotto 4I |[iogOj 
te al freno « . 

.Sementa deUtt favola . 

Molti combattono contra la povertà , e co- 
me r haanp si^erata diventano servi delle rie* 
che2;;«e« . . , ^ 

. -De//* vo^iy e >dèltaquih, lyo 

£i$irocto i iiglfuoìetti della volpe ascki dalft^ 
- tana , furono ^rcsi dall' aquila , e chiamando Y 
aiuto écììst madre, quellj corse» e dimandò di 

frazia all' aquila ^ che lasciasse andare i suoi * 
jgliuoli ^ ma <][uella H\portava 4 aido, dove 
erano i suoi cari aquilini. La volpe prese del 
fuòco per abbruciare J' albero doye . 1* aquila a- 
veva il suo nido. Il che vedendo l'aquila >.Jc 
rèndè i suoi figli noli V 

» " Sentenze deltm -fmfoht . 
Per r aquila intende i rìtchi potenti , che 
sempre fanno ingiuria a* poveri; pure . qualche' 
voha i poveri cercando di vendicarji hal^io 
ciò ^hc da' ricchi era loro «tato tolto . ' 
T T Btl.vìlUnoy e dille cicogna . ifi. 
Vy, n vIllafDo avendo teso il laccio alle grue, 
. ed alle <yhe che mangiavano il frumento, cpn 
quelle prese anco una cicogna , la quale gli dò- 



tnànéò Ai grazk > cbc ie '^volesse perdonare ^ 
perche dia nén <tfta oca ,' uè grua > ma uccello 
innocente , ^ migliòrr^i tatti :gli . altri -> pet- 
che -serTe a ^ua madre y e come è recthia cer^ 
ca nutricarla* ir villano, ^Tiestò a me p»c» 
inA porta, 'tlisse'> cla]ipoi cheta- sei ^tata rpresa 
~coij ^àeJste'fiócenl i , soglio, clie toancor^ xmioYa. 
StntenZ'M dell» javoU. '■' 
Chi pratica con cattWi, che Èuino qualche. 
male, avvenga xhe sia innocente, è castigata 
delia ntedesima pena. 

1 ^àtto^enne'ijct maggiare il gallo, e noa 
trovando. . causa ^ di nuocergli , d isse - the egl i ttJL 
un. uccello stridalo, che ogni biotte destava gli 
uomini 5 che tionnivatfo . Egli si scasava , di- 
cendo, che desta gli uomini a lavorare ; -ed' il 
gatto ancor disse: ah scet)erato,' tu usi eòa tua 
madie,- e con tua morella. ÌÙ -volendo anco'^ 
gallo scusarsi di questo o il gatto ;se lo mangiò . 
Sentenza Mia ^favvt* • . 

Uii^ uomo scellerato» quaado vuole nuocere) 
£icilineBte trova la cattsa. ^ 

Dèi ^ane , r àeiia ^ffecifra, .1^3^ 



I 



f ' cane chiamò idinanzi alla ragione la pero- 
ra , ff ridando, ctftr» obbligata dargli il /utneS 
che l'aveva pf^stato; quella negando* il ^ibbio^ 
il lupD,"-^d*«^|ll6j<i, t€Stific»trono esser veto, 
onde la pecora essendo condannata , il cane le 
la mangio. ^•* 

Semenza Mia favola. 

I poveti sono spessa volte oppressi ck'ric- 
chi', cdn falsi te^imòni , 

LI BtH af^neìlo y t del lupo, 1^^^ 

agnello andina col bietco, ed iHupo^ii disse? 
perchè bai tu abbandonata la liiadte, eseguiti 
il b^cco puzzoletìrte! Toma a tua madre» che 
Ha le mammelle piene di latte, sperando le* 

H ^ "va*- 



i7i F A VéO L E 

Vario dal becco, e mangi arsdo; ma quello 
rispose : mia madre m na dato in guardia a 
qaest<\i però piuttosto voglio obbedire a mia 
madre , che a te : con queste parole mi vorre* 
sti levar di qui per divorarmi i . 
Sentrnz» dtlta fgvoU . 
Non dar £sde ad ognuno, perchè molti, di» 
mostrano di giovare > e nuocono. 

Di ttn fanciullo ^ € it alcuni vilUni\ 15^. 



u. 



_ fanciullo pascendo le pècore in* ttn pra- 
to per ciancia più volte grido: al lapo> al lu- 
po; alla qual voce correndo *Ì villani trova- 
sonsi esser befièggiati. Quando venne il' iupo» 
cKe tutte le pecore ammazzò, il' finciullo gri- 
dava > ma non volle alcuno correre . 
StntenjLÉ dell» favola, . ' 
Quando ano ha in uso di dir bugie, quando 
dice il vero, non ^ii è creduto. 

L' Deir4qmla, e doi Curvo, 15^* ^ 

aquila volò da -una gran, ripa sopra un a- 
gnello. Questo vedendo il corvo, e volendola 
imitare, si gettò ^opra un montone,, ed im- 
peditosi i piedi nella lana di quello, Al preso 
e dato in mano de' fanciulli . 

Sentenza della favola . 
L* uomo deve , misurare se medesimo , non 
far quanto vede ìFare ad altri , ma quanto va- 
gliono le forze sue. . 

Del cane, r def àufj, 157. 



I 



i cane dormiva in una mangiatoia, piena di 
fieno, e venendo il hu&'pMr mangiare, il cane 
non voleva per invidia ,- eh' eì manghfse . Il 
bue disse: Dio ti faccia dei mia}e« peichitirnoa 
mangi il fieno, né lo lasci mingiate ad àttri . 

JStntemxa dolla favola .. 
\^ £ivola dimostra , €}\t sono mpltt ,' K^t peC 
lia non lasciano &r ad akzi %fA che, non 
possono fitr loro. 

VelU 



1 1 
I 



DIESO PO. 175 

L Velia cùtnacehi» : e dell» pecora, if^, " 
a comicchia stava sul dorso «fella pecora» e 
gridavi forte; alla quale disse la pecora; seta 
facessi al cane quel, che fai a inc,^ male per 
te. La corn^icchri rispose > so ben io quel che 
fo, sono^amici a'cruddi ed a' plàcidi nemica « 
Sentenza dèlU favola . 
Ad un nomo quieto ; e benigno fecrlm^hte si 
fa ingiuria, mi ad nn uomo feroae non cosi , 
perchè è^ sempre riguardato . 

Del pavone 9 e del rosignuolo, 159 



Si 



^i lamentava il pavone appresso Giunone > che 
il rosignuolo ca'ntava si dolcemente, e la voce 
sua era tanto rauca) che a tutti era in odio, 
e Giunone rispose: tutti dobbiamo 5tar con- 
tenti di quel che ci è dato dalia natura, pec* 
che se quello è grato per la voce, tu sei gra- 
to per le belle penile, che hai. 

Sentènza detla favi}U, CI 

La favola vuol dichiararci che ciò che da 
Iddio ci. vien dato, con grato animo l'abbiamo 
ila ricevere, dovendo sapere, che ogni cosa, 
eh' egli fa , è con ordine e peso , e misura • 

L. DeHa donnatay e de* sorci , 160. 
1 donnola essendo vecchia non poteva pia, 
coi^e soleva , seguire i sorci , e s' ascose in un 
arca -di Éirina , sperando cacciar senza fatica • 
Ti che fatto gli avvenne , perchè i sorci volen- 
do, mangiai la &nna, ad uno ad uno senza al< 
cima £itica erano presi dalla donnola • 
Sentenza della favola , 
l>ove non sono le Ibrze, fa mestiere avere 
ingegno . 

T T Tavola del Maietovat§0 , i^i. 

* vy n villano aveva un albero , che faceva bei 
pomi , i quali soleva portare ad un cittadino, 
il quale ^stando la dolceaza dei pomi , di- 
mandò di gttóh al vilhido che qoeir albero 
Tolesse ttapìanlare nel suo oHot fecHo egH> 

H 3* ma 



\ 



^74^ F A V O t E 

mat trflpiaalAto che /u si seccò , e: cosi fu prì- 
irato il vUbfto deH! àlberó> cc^ i^li dei pomi . 
Oìidb il cillfldlno : oitne, disJc,- -trApiaatafe uà 
albero annosa e im^os^bile. Assai' abbastanza 
«rs y se- alla, mia iligpfdlgi:i avessi a porre in^a . 
■ Stmen^A thUékfitvpU.. , 

La favola riprende coi^ro^, ci|e > si pensano 
'^i «oHf^fére?» Ifi^fnrecchiath ia^ia% uftàoza . 
Hehe^ooFCTAno fare <|a!^do ^iiellii eraa gio- 
vani > che più £lcit;0lelIte.avrci>bofle^< l^rà obbe- 
dito., 

IDel icone y, 9^ delta: rsns,- i^l. 
1 {eene adenda 1» rana si fei;mò> -e p<ns6 
•esser: vece-, di quatcbe graivcosa » ed aspettando 
.coft. timore > vide qaelU bestitiola ijosi. piccio- 
UrkSt y » rise j e b calcò, cor^piedi . . 

StntenKé: deil» fé'ùéla, 

-: Questa, favola ci vieta i. ti moti vaoi> come 
quell'altra del pa)-tQ,dels monte. 

À Delle formicét.,- t6$, 

yenAo^ U fcrmica sete; tenne al- font^, e 
per mala soMc cascò nell* acquai Lìt <olidmba 
stiflda su . r:àIbero le g?trò uà camp > -sul 
quale la formica ù salvDs>,Vedc«dQ poi Tuc; 
cellatore- pigliar la. colomba a la fcrmtca f li 
iDorse un piede > e- cosi la colomb».sr salerò. 
$ef9tefiz^. dtlU. févaU , 
Dobbiamo aver: sempre grazia a chi ci fa del 
Jben*> e non è persona cosi vi 1^> che- not* pos- 
sa giovoire. air occasione . - 



I. 



4eo{ie> rasifk>> e la volpe amlacona «Ila 
caccia , e pigliarono, usa grande pred«( y lacua- 
le vol^ndp il leone ), che si spartisse T asino 
^uatmeate^k ,spart)y iMeone sdegaato [^igHò 
rasino, e T Ramazzò ,, da>ppoi^ commise alla 
volpe, cli« ia , dit^desse . L» yoteé- astota , 
ditene una graA.^paftt^'ai léòHe» ed. léoa pie- 
ciolioa, st^iyò pcc sa il . che. Yd^éodói il léope » , 






Df fi/S O P O. ii7f 

le disse: cbi ti liajiiirgnj^o «ftrtirla si beae? 
Lktoipe mostfa^i^li' ratiia» morto r disse: U 
miseiùa di questo^ |iarero ^asioo-. 

r FQli<c^i q«el, che ali* altrui spese impara. 

LI . DelC0gwì(o^ e del lUp9\ 

agnelfa veden(k> il \w^ dalla iuestca gli 
'disse viilania. U lupo disse: >o> scellerato». I« 
oca mi o^di , «h«.poco di te« mi ius*» ma 
n |«i»o il ittogo dove tU: s^ai . 

Sentenza delù fsvpU. 
II tempo > ed U . loogp* spesse Tolte danno 
audacia al Tilt» 

L^ lEkeìiétinù. l64» 

asino deli' ortolano- pcegava Giove die ^U 
desse un^Altro padrone y perché quelJoi éhe a*- 
"veva eia troppo crudèle: esaudilìlo Giove , e * 
gli diede uno, che faceva vasi, di creta» il 
quale io caricava di più gravi pesi, che T or- 
tolano. Egli di nuovo pregò Giove> <:he gli 
d^essc un alito padaone: Giove rideudo glidie- 
• àt uno, che acconciava cuoi. All' uk imo l'asi- 
: jDo come Tebbe conosatiUo disse ^ ah* sfortuna- 
to > che m^ndo questo 'ut queU* altfo padro- 
ne, ne hoi trovato tino ,. che non solonpapcf-- 
doperi a me» ma né anco alla mia pelle. 
SèméMU ékiU favole . 
Xia &vola significa,, che allprà ì servitori 
iTesidttano > primi padroni, quando* ne spe^ 
unicntano di peggiori «. 
T> THi^stttfvy € delpavsiio, 1^7. 

X ensava rasino, che il cavallo fosse felice, per^ 
che era grasso» e stava ìxt attOt e lui infelice» 
perch' e(a magro , e sempre portav^^jieal gravi , 
.Gli 'uomini yenf)cro all' armi »4tl il cavallo col 
l«eno alido a combattere) pe«ÌÌndo ìì padrone 
« addosso» e fii ferita: Ilr che vedendo' P asino 
' rìngfaftìaya Oiove sommaanente » die l' aifrsar 
Atto alino » e non cavallo . 

H 4 5Hi^ 



i7tf FAVOLE 

Quelli, che é ìM>tfo pensa ohe siat» Iblidv 
sono infelici più -defi^ alfeci-. i v - ' •< - 

ì kone vide ima cspra., che 4sscem per nas^ 
gran ripa .La quale «9U ammonì, cAe Vblcase 
paso^ piò. presto pec il prato . spazioso >. e 
gt9fid», La-cri^ra «spoM;: io io farei .iroJentie' 
xi > ee. to .UBO- ci fossi > il quale .lu» cfici que-^ 
sto, perchè mi vogli'i^eaey ma peccliè vorse- 
s4i dlvoraroTi . 

Quante volte sei esortato sotto coperta é'i 

CI , ed il ceQsijglio ha pessimo fine ! ' . 
avdto^ '.fingeBdo onorale il tuo giorno^ 
' n^k 9 <hiamò> tutti gii .uocelii > ac cui. ne Yen- 
ne una gcaa parte ^^ ed egli eoa OMiita Allegrez- 
za gli.«ecetto., e eoa. gran, favore}, poi. tutti 
.se li mangiò.* 

StHWts&é diih fifvoh» 
Consono amici tutti, qudli che fanno btio« 
ne pa£ole> pecche «otto quelle spesse-volte.sta 
nascosta il veleno. .. ..*.... 

.if>- . Pi Gùfve,,eMU ^ìntiéK. 170. 
Vj^ove volle sapere fra tnttì gli -animali )Xkt 
avesse più bei figliuoli «vje,44Uti gli andarono 
avanti^, tra' quali la sclmia poriaj^O;^i suojan- 
.dò. Veduta da. Giove egU comineiòà ridere s- 
allora la scimia di>se:. Giove ride, perchè di 
quanti figliuoli ha veduto > ha giudicato Lmiei 
Pisct più belli. 

A tutti la cosa W p^r* bella. 

Y enendo T^vernÀ, la (or mica porta vit. il 
grano, al Sole^r il che vedendo fo cicala^ corse ^ 
e domandane di grazia un girano di fermenta > 
eia formica rispose; i^chc Qoafai tu^omcÌP» 
che 1' estate congrego eia che posso per T in* 



V4 



vqt^ 



t r ES*G>0. f^ 

no j h cicala rif^pose , ti i«mpa (feirestate io, 
lo comumo cantando . E la formica disse : tuo 
danno se tu mon di fasie d' inverno , pcn^ihè 
Testate non hi altro ^ che cantare. » 

e Fes questa favola siamo aitunonki , '^^he 
q«BDd(Ml3hiftmd forza t> doUbiamo cercsuGe <itftl- 
clic cosa pes la. vecchiesfza', eh' è defook. 

F- Bel Becco i e dfhtwo* 171. 
uggendo il toro il leone > s' Incontrò in un 
becco 9 che lo guardava con la faccia minacce- 
vàie . Il che vedendo il toro pieno di sdegno- 
gli dis€e : io non ho paura della tua cattiva 
ciera» ma tfcmO «il leone % il quale, se noar 
m " tese 4itle spélle , già sajiresti > chi còs» 
fbssrcontrastare con un loro. 

u ^9ms§nm deUs' favola . -^. '*• 
A un alSitto non si vuol dare^mi aflmóne^ 
perché assai è mìsero, chi è misero. 

pei gamhmv^i fhaére >- 1 fgHu9Ìtt, 173» 



Ljì 



jÀ3^ madfe del gambero ammonì il figliuolo > 
che non camminasse all' indietro / ma innanzi-^ 
A cui egli rispose 1 cominda tu> che io tfse!»^ 
guiro. 

Sentenza dtiU favùk , 

•Nonriprendere isai akana del yì2ìo Uò pr(»« 

fio. ' ■ ' 

lyi un tane mordéce, 174» 
1 padrone mise un segna al cabe mordace > 
acciocché di quello ognuno si guardasse . 
cane pensava > die ciò gli fessr messo per;o- 
nore » e per questo disprezzara gii altri cani . 
Al quelle nn c^e vetchio disse > che non si 

g^iiaàse, perché quel, ch^eifli pensava, che 
sse onore , era vituperio . 

Sentenza' delU favoiè , 
La faydé significé, che qualche vc^ht ittana^ 
Glorioso ^sa>' che gU sia oBort dò che ^i 
a vituperio e vergogna » 



I?» FA, V-O- 1/ K 

■ Iti -dn piiiMtu, »75. 



L'i. 



/as' pi^altc. stavaoa nella ri(^ d'un fiame > . 
V" um'eta dr terrai e f'altiiviii 'urne, eTona, 
e. l'allra si portò via ii fiume. Quelli Ji ra- 
me disse. .« quella (ti tefta , cfae, temdra dt 
fómpetla . Lascia la cura a me , rispose quella 
dì' tetra , èhc io opererò nccli6 tu non" mi 
rompeiai . Quella rispose ; diseottatì da me , 
perche i»a mena ho paura , che tu ti urli ia, 
'me, che io in te'. 

E^me^Rot ^i*efe con iiw ccmptKnó egnsle 
senza pencolo, che con u» pili. potente con pe- 
tiéolo . ■ 

IDtl ptvmi, e deik gru» . 17«. 
i pavone, e la graj cenavano, insieme; ilpa-. 
*óne ii gloriara «Terc una bella coda, e la 
grua eli concedeva > che non-v.'en. più, bello uc- 
cèllo di lui, "ma che appena poterà volare so- 
^a i Tetti, ed^ dia col luo. volo pasnv» le 
nuvole. 

La &vob e' inscena , che niun devC' iptefcza- 
le gli. altri , pecdid h^nator.i h» ;d«lo la doto 
t)ia ad ogni pifìona , evia ooabii la aia «ktA, 
-. ■ ' fol- 



:©r K.S© PO. '^ *75r 

fcust' D*ha tun^flltrft.j vheD90 è xnen detti ^tja 



i 



caed^oi^'caccìkadofe fiere > kti^r^ ^s^ 
affli altri AmhiatiV efie ^esseiO; dabandfl, oikT 
vita- la qiitle sola, volle resistete r fir fertili) e 
'fixglIfeQdo , Ix volpe* le dikser chi t* ha* ferito , 
«te- tu fo^gi\po^l. fotte ? A chi ^ bastato Tani- 
•mò di jf^rire ana 'be^lia. cosi vatebte ì Risposo 
la tigre:, vy non 'Só^ ehi m* abbia ^i^ìto> iiia> 
cotìsidero per la^raiii ^fefitftì <^he ho aviitOr- 
che sta stafta lin uomo . 

' ' • ^ Sènte^;(^ dell* f0Xìoh. 
Qiiesta laYél» è: cootra Ì- témjBrarj . 
^ D« tot f^^ del leone. 17R. 

^^^uattro tori fecero'lega insième > e ad og^ni-: 
ifcrìcolo erano/ttniti . IL leone; vide,, ^hc -pjt" 
scevano insieme» ma- non li' volle assaltare ;> 
ma come lì vide separati», gtt asseta, e gli. 
ammazzò tatti a. osso a uno: ' • 

SennnzM' delle; jìivol^ . 
riifiuna cosa' é fèrma ^,. cl)e la^ concordia > e lat 
discordia ogni cosa fa debole. 

J>elP^ ubetty. e ìhgli spini* {79. ■ 



■■11 j ■ ' 



abete- dispjcezzava ^i] spiai , vaotàtidòsi ,. 
che era^ messa nei ^Uzzr, e che teneva te -'ve^ 
lé nella oave,.K loro ;ei:ana bassi, ng*aji| i0 /aft: 
'ti ad. alenila cosa . Essi le rìsposeroiPhi #' 
glorii de'jtuoi dpni^ e ti ridi di noi ; 'ma ^vutt 
do sei tagliato con 1* aCcet|a, ed a^iloiWi^ 
è dato impedimento akuno , ^Uora tu Toi^resft • 
esser simile a noi% 

Sémtnxjki delfé fitvoU , 
In una^ gran ibrtiina • sonovi pia ^ mali 9 o|a* 
in. una bassa . 

DrlT uccelk > 0. do fùoip^iènli « x8a' 




.vendo postò Tuccdloi suoi %Kaolt in; 
ua^ campo di grano > gli amfiioiii> àéjìaiteii- 

H. 6 de$«- 



f ■ 



FA V L'tE 
j^efi» dìiifeQlengt«Qre.<se.jjQttti«iap fagl^nfite 
di ìm^ U i^atiQvc <l00^4a>k mìàxiu T fi- 
gli uoii k disseca, che il padrone ave^a coi9«- 
iaesso al ykio»>iis)ieil«%tÌ2is9^K>''H grano, La 
'li^^dre ri^po^: state di, buoAa voglia > che noo 
svà TVittt^'. U ^ifm guynp diss^r^^ che^il par 
.dcon^ a^èv|i com^i^^s^o i^ jki^ìcÌi cbeJip mior 
tesi^esp 9 e |gi madr^, disse che ^esset^ &ici|ri« 
ci)e fìpn vi €t^ alq^ pqripolo. ti tc»^ giócnp 
dissero : ab^amp ìotesq, q^i, c))^ ,&^U diss^; 
.it<}gli9. cbc.V:«QÌ*?np.>.iò,, iB mio figliuolo- a 
ii)iitt^r|p. Allora risposa la iiv^^re:. adesso. s 
teippò > (^ke ]^i f)^ggum.Q. V perché non Ho te- 
muto ^Ìl vicini , nf ^gli amj^cl, sapendo., che rioa 
erano per vpnìte » tna^ qra t£aio . del padcpns^> 
^Ecllè.sp) G^e qyesto gjU e a cugre.. "' 

P^^chjè gli uoifmni'si^nà. pigri oell? cost al^ 
tfui , (liiflidQ yogliamò , che. uoa cp^ sif b^pi 
btta> noi stessi la dobbiaiQo farcia 

Dtìfji^Mfi 4 A, M^ invidÌQfji . i g I ,^ 



E 



icanp du(^ ucan^nil^ J'.tinpt avarp>. ^ T altr<^ 
invidiiqio^^^ilttì e d^^ pregav^o Qiovei il 

Sii mi||ìdò a tul|t«.aa<L Apoilp per loro* so^-- 
fip^pQ^t» t^cluèrclò- cké aimandasse ai) di 
lof^ l'avesse 9 e' r altro ave^ U dpppio. I^* 
lRvi4m^-iiim2^49> chegli Qu^Ì3$C£i;n.occhiq9 
4|0è^(|P^s$ero,caqBÌati Iptti^ $ie MfCqmiH^Qq. 

Lhf^cosa é, ptfgiore che . T avarizia > e^ ohe 
|àà p/ML^a che Tin^iduì Ja^^Ettale. pt|rchc ac^ 
altri Ò4|oca > {nal a se stessa oesid^a . 

A 2>aV#. carnscs^is^ •sntéi$0 . ^ i Sa. ., 

XJL^vendo ,l2^ cornacchia sete^ Uovo .no v^so 
dT acqua» ma F acqua era tan^o pj^pfqfida ^|»e 
aoQ poteva bere» s\ $lbtxò\$p^txler]3 > oi cosi 
Ifs riuscì il disegnò : allóra prese molti s^ssi 

piccoli, e lirgett^ ocJ.^W^ e IVaqQiMi « 4: 
49^ ed ella. beve. 



DI ESOPO. «^ 

Quel', che tu. iKMi.paoi fatt ccD>l«mu>. falc- 
ia Qon ptudeoza > ed aitmùa . ^ 



-Il leone. cuBtndev» ecfl caocùtete , e- diceva, 
che la forza sua eia maggiora, che quella deh' 
ttomo', ed «gli ciò negava. Dopo molte paró< 
le r domo condusie il Imxis ad iuta pdrtmitt^, 
doverli mostra un. Ie«ie scolpito tchtposaM 
^ capo sapia il gtend» iì uà sonjp ; AUon 
dÙM il ieooe : i'- abmo pai- fingere eia «ha-Vuo- 

.l^ySia (C'il ItO« fosse »«ult«»e' cOfflO l^U*- 

i«Q,.T«dKfliT uomo sotio-i piedi- deMeen*. 

L» &<Mda dioeta, oJtC' «g^tm», òtSft (ai 
-cjò che puÀ favorire la mia causa-, =. -'^. ■ -, 
Di KM fantivìl» , ed uà Wm ■ 1S4, 

Stwa wn feociullo p^agendo pceoo ott ^pz- 
lo.i ed .itp ladt:» -gli- dÙBaedò- p«oh^-puii' 
gevxJ £ejì rispose essersi roUa tafiine, ed es- 
sergli; caduto odl'ac^ua un vai»^\oca-t_ llta- 
dto lo credette^ spogliatosi , si-^ttò> nel pc«r 
.' «9' S'"** tuoTindo vjsd aicum, rcnnt dkso;' 
mieiipa,vi.novoil&DcÌuU«,iiè.lR<u«i verte.. 
- ■. , sm^ 



\» 



oó gabbategli aìui, 

DJ im. tfiUmtù y^d un^ - %jhi^fmc9 .18 f . 



u. 



nvniafìQ aveva ùtf giéVen<ìo> ìddoifsatnfe ». 
e per ^iomarfo,. ai meglio, che pottiva^ (perchè 
dava. Con te corna) gitele tagliò, £ petché fe- 
diva graremente. ancora con li' calci , la* pdie* 
non a tirare il carro,, ma T'aratro, tenendo es- 
so la stira: e si railegcàva avervi- fatto con 
r indastria tal. rimedio, che ormai fosse sica- 
ro e dalt&corna e dai! piedi'. Ma. la bestia in- 
domita trovò nuQvo modo df niiocergti > pet* 
cbè con i piedi spargcnda l'arena, con. quei ù. 
gli empì gii: occhi ,, e. là testa .. 

Semenx,» dtUét fsvoh^ 
La £ivola signtficr, che ^omi sono tanto 
intnttftbfll^ cbevoen^arle-».^* ìrn^egRO'V iricuoa% 
non si possono mitigare. • 



t: 



roivato il villano an pctrco che gttastav» fe 
hiade^ gli tagliò un* 'orecchia . E rrovatovelo 
im**aitm voha^ gB, tagliò l'altra , é la terza 
^olta lo^esc, e portalo al pad^ofles è tVitn- 
mazzarond. Lametftandosix li^ padrone > . cht non 
' si trovava il euore-del'J pòrco «.! rispose, il* villa* 
no: padrone» non ti lamentate, che. questa por- 
cb non aveya ctìbre,.i)è fe&tkneiitoi perchè se 
avesse; avuto sentimento', non sana venute tan-- 
te volte a guashirelé nostre biade.- 
Sentenzi» JeUs fti/bim ... 
* SoiM alcuni, che fatino tante ]iatne a2Ìoojf«. 
che si può: giudicare non abbiano^ cuore. 

1T>i un toro, ed un, Morato, 187. 
I sorcio avendo mocso tei piede; al <tOfO, si 
fuggì-. li' tòro lo minacciava con le^^coriia. 
}1 sorcio ridevasi di lui dicendo e t» ^e)ri4' 
robusto , e- gagliardo, vedi «he sìtiova 
giocolo .sorcio che ti oflènde. JfeiK^^ 



^ N^iiiy]i à^^àì^ifpatg^^M_ suo. <«|iùco^ l>ea'> 
chh sia picciolcr. . . . , 

1 carro di uff viiiano- s* era i^Qiximerso net' 
: fa«!>g<l ;. ^4 egli, difB^dava ajL. Wa Eftcplc. A^ 
JL>jiÌNis$e a «avaria dd làngb ^ ina s^n^ima YOj 
ce 4al. cielo > che>dic^y4 ^ P%zs^> ,4:he. sei , baUi 
.^il cavallo ., e spingi^ imaatiz^ le swìÉk » .ed ^oifa . 
i^iama^ Ercole 'il3^.,ajato y. ed egli: U ?iut^ra>. 
: . ^ Sente ft^ deU^favol^ , , . 

-IjÌ voti: 02 Jesi:, niente. g^oxanOf. |)etclvè .Pio. 
lion gli, esaiidjisce x. im^^a ^ tnestref i ^..che^ t' aj uti^ 
.4.ìtf m«d(^i'roa, e <^i i'^^erà Iddip» 
Ùeil^, simiéy e di^ due^ suoi figliuoli.. l8^. . 



f. 



artosendo^» scìrnià» fa du^ figliuoli, e tie 
.ama unp; , e^l!.al|ro, pjjii, . AAcasp pa^to-. 
;Ce9d9. di|é' %liupl|r successa- un- gran^^ .pericolo. , 
ed uno. ne prese in^ bc^ccio > « l!!, altro-se? lo pò- 
se su le':sp^^.^ AyyQpB&}..v<pbe- il più diletta 
fa offeso, da una, pietra,, e inori», c^ T altto \ìz 
«alvo senza, impeaimeptà alcuno. ^ 
. Sén$etuc4h dglU fsvohy 
La frvola-diiBpstra» cli< suole «pesso. accade- . 
re^ch^ il^ %liiiplo.rch* è. manco. amato da' suoi . 
patenti, diventa miglìoretdi quel ch*é auiàta. 
I>i; « lit. /tue y. r di: imi ^io/ùeifco , i^o.. 




_ bue- v^cchia.^di continuo^ arava >^ ed im .. 
|[iO¥en,CD , che noi^ aveva, ancora provato &ti« 
ca. Lo beffeggiava;. dicendb\.ip pasco in que- 
sto- prato erboso, £ sop libero, ft^non^ ho, mai 
.f^oyfito: gÌQ|fo alcuno « e sto sempre in ozio , e 
tu hai cpnsu.fipatp. ,il collo per la. fatica, e sei . 
brutto, «i ipvbclli? . U bue vecchio, niente gli- 
ilispose .«Quindi a pfl^Q^ved£Qdp.i che Ugioi^ncò 
W menato ^1 . macello ,- ^ dis$€)g)t : ^ Questa tua 
.xiMKitMÙosa a che t' ha ^ condotto 2 ali accetta,^* 
.«desso cfedo.,, che pili loderai U caia fatica^ . 
chft^il tuo ozró.. S(p\ 



i«4 FAVQL.E 

SemvnxM itHmfsvoU^ 

< ret wr^ beile »btlo£*tift £itticar« , perché «a 

uòma x>zio$a9 e dato io tutto a' piaccfi « izacc 

IvoUc. ìa buon fiad% . 

I «Cftifc disse al'lfcon^: |iérchè tsì «u per le 
selve errtodo > e pati«:i fame > freddo eicd- 
do : e perchè non* hi come io ebe senza fiitic» 
alcuna^ vino» e pigtiomt piaceri^? ' \l leone, zi^ 
spose:- tu hai dà maagiinre, «è curi £itica> ma. 
$ci spggettOy e serro,- ed io sono libero» e 
aoA voglio servire . 

La Itvok dlfiioatra 'qtsotor sta -/buona é bef* 
la in libertà. 

IDei pesci. 19^. 
1' pesce del .fiume fuportato-a caso nel ut»* 
Te, dove lodando assai la sui nobìllò; di<* 
spjfezaava tutti i^ pesci roarinr. Il'vitelio^ non 
puote comportare queste paròle , e gli ilkpose^t 
Questo^ tuo- giitdkcìo vorrei si * lM»sse quanido 
tu f>ssi preso come io ve fessf |>ortato dalla 
pkbe > ed io "dai nobili • 

Q(ielli> che si- lodano da lor medesimi sono 
beffeggiali» ed 'alle volte odk>no cose, che loro 
TÌficrescono , e Ninnoli tacere. 

aquila, e la volpe iè.cero fra loro ainid'» 
zia ila quale aecioccbè Ibsse piiV strettìa-aln- 
favano appresso- 1' una ali- altra . L' aqc^ 
itct il nido sopra un albero , e la volpe collo- 
cò i suoi figHuoli-^otto 1* "albero ita gli spini 
Un giorno essendo uscita la volpe per ttoyar 
da mangiare ai suoi figliuoli , ed avendo- ano}" 
bisogno r aquila di dar mangiare ai soòi**, non 
ricordandosi pm- dell'*'amicizia , prese i-figliuo- 
li della Vólpe > la quale tomaodo, e non *ve*> 
dendo i suoi figliuoli , s' attristò grandemente» 
et conoscendo essere slati tolti dall' aquila , né 



petenda wncHciiisi 4i ^Ua '<^ pe^ estere gran» 
de uccello, coimnci» a iiestcttuniad i , e ^onr 
vcri^' t&t<ta rsiiyinm fiiJOiiki«'''Ao»siriffe , che ài 
9ac^iij[u*av«nD tn m^ yiììk dcutnt mptt : ìJsKft^ 
la Ite f»fese U» f^ezxò' epa cnfèMyRì «seesi r ^ pòi^ 
folio nel stto Rìdo, ed il cdflMIiìe ftbJbfrudò tol- 
to il> iiìHq., ch'eira Citta di lìe»lo ^^e di sirì&eir 
ti>'e^^ii aqpiilini.8e»lsawk»iil*fiiood'r}e nóniié* 
ftreodo volare , eaitìsamiOkJsm^tméii t la vólpe i» 

Dinota' la fìkvola )bcfae «aeUt ^^ die toiiijtoiià 
Tamiàzia, benché gli o^jsi non possano vim- 
dicarsi >. non &ggono «vai ia vendetta di Dio . 



I 



1 rosignuolo c^mtarasopca itta quercia v com'è 
seo costume. Lospftryieco Ib prese, ed esso I&^ 
jHtegò che lo lasciasse aodasesfecch' egl4-era poK 
co pasto per lui * w sparviero rispose ; io sarei 
ben pa2ZO, se avendo il cibò tn> mano ; benchtS- 
^cqIos lo lasciassi con tspecasaia di aaggibce»^ 
Sentenza delU ftnfBlaf^ - 

La £ivo]a significa) che .^Qetti che lasciano^ 
quel che hanno in mano con ispn-anza di gua- 
dagnar più 2 SODO pazzi) e fuor di ragione. 

A- ' .. -1- : " - ' ■ • • 
vendo, k volpe* p^tduiei^ «oda a un. lae^ 
cfo , disperata si voleva ammazzare da se mi- 
decima i dappoi peQs4 P9& inganoo far che lè 
altre volpi si tagliassero Ja coda:, e le chiami^ 
lMtte> e le persuase» chf &i mozzassero la cqt 
da> perché nou solo era. v^ergognav d'averta co* 
si ^uiig^», ma e» anco dani^osa ^e' pericoli . Una 
4i. {l^ mpose:, il consiglio, che tu ^i dai> é , 
pc^ch^ non hai coda. 

S^meJ2Z^ della fAV4iJ0, 
Qn^a favola accenna quelli che sotta colora 
^ caliti consigliano ad^a|,tri4J proprio comodo^. 
. 1 PW- 



LAot 



valpt , t tklh spi»» . 



Uotcìtri» la volpe b intiaidei ciccia(Dii,Hi' 
iiÀ ia tuta swpe> e si puMc l» punta Hi un 
pikde, t dolendosi disiev io soo venuta [i« 
aiata a tr, e tu n'ettcodi t e Xa-.iyiao' tispe- - 
s«i tu KÌ- ìd einre > pcDs» di ^tfjà^etaà eoa 
quell» uTuzie vCoI'b <}Bari prvud) ^7 altri . 

E' poSEta dinwdHrajuto a. qtiaUì r «jie 
BuocoDo |HU .pceitp. ci|p giuvart , 



Ir, il vornc fuggendo i cacciatori, trorò ».«* 
so un viltaMÌ che hevf» legna-, e gli chiese di 
«tasii > che eit inicgnuie- an Tuogo per «ascon- 
dersi-. Egli k inoitrS aia Jprtonca, netfa ijua- 
fe e ntià- . Venendo- i cacciatori , (timanibi:ono 
al viltano sr avewè ♦erfuto paisar una-rolpe. 
Egli disse di no, ma con k mani dimostra*! 
a lu ogo dove era ascosa- . -1 cacciatori- non 'td- 
tend èudo-ti ]jartirono, e-la- Votpe fug^ . Ed 
U' Ti limo dolendoci della pactHa- delia- TotpC) 
che ^tOD gli- aveva renduto gtaxte.alcoDei. «Ila 
gli r, spose: se tu 3Ye«i le maaì al parlare si- 
ni/i io tìjÌDg»Eierei. 



Qtiefta fàvola: tocca a'.cattìpriv clie pcoQiet 
tOQO di far btne&io y e fanno W centrati© . 
Di un> uuntOy, e ^i un. idol» di legno ^ i$%. 




na aveva, unr idolo <ff Ufpàa m ci^isr;^ icf 
egpl di pve^valo >: jqhfi gli flesse qju^rfcfecf Uenjc r 
^ semjpre f li a\tvcniy$ Il coirtniio, perchè tut^a- 
,vìa cf^» poverov ^gli' uu di lo ^c«iq .. e gli, r^p|>c 
le gatxtèk? , e la i^a^ incontra ai. mura, dal* 
la te&ta del quale 'lisci molto ore» L'uonao 
disic : guvd^^^to HqIq > f he infili^ elisio gli 
Jk> Étto onoj:c > niafiD^irv.miba tf^to cos^ at^aa ^^ 
ed ora mi ta. dato, qtì«t* oro pcc forasa.. 

Qi^esla &voIa tocca-queJIi >. cJie ^ Jle-voit— 
te giovanor.ad'4lcttOo> lo fanno per fòrza^ 




n uomo cjìJaiDo a -censi -an- stia amico , e^ 

il cane del' padrone chiamo un aitfo cane. \ì 

?aal vedendo la^^^ana Jsyen- al^^o^ine cominciò: 
fte allegrezza con là coda , e saltare per cuci-, 
4)a . li cuoco ve$lfindo.q|iestQ caneiforestierp prc; 
scio per tic coda» e lo-gittò per mia: ^nestra > 
al. quale gli -altH cani -di&i^ro ; come . naj> boi 
cenato i ed egli rispose : tanto bene», che quaor, 
do sono uscUo .fiiori Jion^ iho«. veduta» ks stcada» 

^$t$MfiLm jkflai/étvalé^. 
* Xa £ivQ^. Vi& insegna», f he aon .deve Tieoinp di 
^eUe cose aU^sarsif;^ deiktqiiaU ha xd^i^ckoiersi « 

"^- . JDi età vilhn4k\ lOO; , -^_ 

^^ n viltano essendo vìciao/alla^ morJ^VdeÀ- 
decassa y, clie Tsupi ^gliuoli . per^eveoassefo tieìfla^ 
agricolti^a « Gii chiamò , e. disse : figliixoU mYei> 
\ io 4nr^p;u^ta di questa, vita > . e tutti i sni^ ■bau 
.io vi lascio» che soQO'HelL^ vigna « Quelli d«^ 
.|ko la morttt^ del padre peasaadOy-iehQ^Qrfia vi- 
glia fi>s5e qualche tesoro nascosto , ^vatoiso tutta: 
&. vigpai^ e <fìiia. vi uovacoQQ cos^i, *aiomia.^ La. 

vi>" 



\n r A VOL E 

i^gtta dap^or essendo; così4ien oiirata , fieet pid 
imto> d)^ prìo»^* e questa^ $i il tesero che 
tiU^YatùttO i ■'■■■' ■ 

StffWMX» deiUt fsvlif , 

La coBltima hxìc^ pactorisce gran tesoro^ 

UTfi-'tm pefcstore , xoi. ^ 

n p^cato^e ,fion ^phido ben l'atte di pesca^ 
rei prese una zampogna» eia rete, ed andòap^ 
"presso il lifco dei* 'mare* e -postosi a sedere só- 
pra on sa^so-xoQ h zampogna comtoci^ a ^uo- 
nare^, pensando ^on quei siiono pot«r prà fa- 
^Imeate -pigliare ipe^ci. Vedendo, <hc fac^ 
.¥01 poca (ìrutto , lasciò il suonare-» e po^ Is^ re* 
te in mare, e prese a leoni pesci . ^traodo k 
rete ft terra, e vedendo saltare' i pesci disse: 
fd^ndo io saònarar , nitin di voi saltava » ades- 
so SKM1 è fiit tempo ^ che voi saltiate . 
Sentenza deiis favola. 
La favola significa , ch^ x>gni cosa si & be- 
fle quaisdo si fa al suo teiÉlpov 

'Dt MÌcuttì fefcstiìri, tot. 

jTjL rendo i^cuot pesatoci pescato tutto un gidr- 
'Sfo, e non avendo preso niente, stanchi per la la- 
tina parti vansi, quando an gran pesce fuggendo un 
feltro pesce, saltò in bo^rca. Per questo atteggi 
tortiaiide alla città , lo venderoto a gran prezzo. 
Sentenza détla fmfoia; 
La favola significa, che quel, che noti può 
far r arte, qualciie volta fa la fortunt. 
Di un povero uomo infermo» 

U 
n povero uomo infermo Ì^ce. voto a|[tt Dei, 
se guariva , di dar cento buoi in sacrifizio. Vq- 
kndoglt Dei provare, se diceva il vero, gli rese- 
ro I) sanità^ ed essendo'fatto sano , per la po- 
Tertà noa avendo cento buoi, raccolse l'ossa di cen- 
to buoi, e posele sopra Taltare, dicendo: ecco 
^el , che v' ao promesso> io vi c^. Gli cki volen- 
do 



, DI ESt)Pt). Mkf 

dò^tifttiaarsì ^ «^iesso , 'f»ir aMH&€t<»,ìvt «^ 
gito, dkenéo: vat^me al HdoiLtfd marc*^ tco* 
'veraì cento taknn^à* oirO in luogo rJ«io|e^.r tildi 
vi andò , «ed tocoatfom m ctfti-. Jadeoni » oa' 
q^idH il ffeso, e^veochao f^r it0liia«i»> 
Simenzs Jeiim JitwthlL, 
Questa: hvólà sipàfi^y zke idqq doUnamo 
penitts^ d* isf^ftiRuuie gii D^*: i ♦ . . y . ; . 

jt\lc^ peseatori tifavanc». I2 sete dal «ar«^ 
e sentendola JiK'lro gf ave, ccedottetolosllbiEa^ 
ma di peséi. Tirando a teffa^HtronMHwe Jp 
CSS3 pochi ptscit ma iosieQ:ie on gra« sass»^ 
^el 'che altristacdosesHe . loco - ^Mdeniaite., im 
di' loro d^sse: «on vt dolete pÌH> «ercbè 19 
j»est4zia è soreHa deli' allegrem^ar peep tusogaa 
considerare nelle prosperità le cose avverse 5 •« 
quando avvengono sopportarle pazieDiemente*. 

SentfinzA della fsvoù. . 
La favola .sigittfica; che chi desidera 1» sor- 
te umilia, ne'casi avversi non mai si afilig^ « 
Di tip t^^io tèi ^àt^nu0Vi^ h ntorte, lOf. . 



u. 



n vecchio portava un &scio ,di kffxi dal- 
ia selva, e stanco per il gran peso c^a^mava 
ia morte, la quale gli veone subito dinanssi, e 
-disse .'"eccomi, che vuoi' ed egli rispose^ io 
ti 'ho chiamato acciocché tu m'ajaii acstjcare 
questo fascio' di legni . 

- - SentfnKédeU» fin^ùU , 
Questa favola ci fa sapere* che benehé stiti 
uno io gran perìcdk) , non' mai vorria morire . 

UJD/ un» dQtttm , e Mi un medico • zo6. 
aa donna- aveva male agli occhi, e.patteg- 
•^à boti un n^èdtco, s'eglMa guariva, dargli 
utt prezzo: ma se non b guKÌvai non dargli 
-cosa àfcuna . Ogni volta , chd il medico anda- 
va a visitarla sempire gli ruè^va qualche cosa 
'di casa', ed alla fine la donna < guari,. ed il me-« 
dico le ohiése la saa mer«edè, e la dònna ne- 
gò 



1^ 'FAVOLT.Ì 

'g^ dttfglt /«osai aUuna. Onde éi xhkinats ^ 
gUiéuìo^ td lefiauAon ncfà il 4>3É(to » e tox^G^ 
so «ssere guanta -d«t suo male, anir ^diceva» 
che quando «lld «afa «Ì6Ca>, areva. la «osa piena 
di aiassrrieÀt^e ora .9 che 4ioa ^mj&tccà,, .tiop 
"TI vedeva cosa alctinii«-' 

.La favola sigm^oa)'«hè qntàìii «he'sòaotropp» ^ 
nvari 9 spinse. vokrintoccioBO a low^edesimi, ' 
JpV ' 'pi éae m'éniioi . ^107. ■ » .^ 

^L/|tf intano nemici rcdpitali , e navi^aTamàe iti 
una ìnlfd'é^ifaati^SiVé, nino ^tava neiU poppa, '^e 
Yaìitù a ptorà; Venèodo ^tma» gran tempesta» 
4ske h tì$y/c ' pericolava, - qael che .stava nella 
|>rota d^aflfdò di .'padróne, 4^ual p»rtr delia 
nave si soiùtaetjgà priina^ «d egli fi issa: Queir 
Ja ddla )i:óppar ed egli risp«ise:> io muoib' coiv 
t«nto, por- ch'io vegga morire il nki aemtc* 
prima di nie^v . , * - 

Alle volte Ja itiente umana >é tanto ^ deca -ncllt 
odio, oh% Tuoino AoncuraJi morice, yat che 
muora ih suo nimico prifna di lui . 

DD'tin faHcmìio , « detfg foifttmà , ^o4{. 
ormi va uh fanciullo appresso unvoeizo Ja 
Jattiiina lo destò 6 disse : levati di costi, 7>e£c he 
se a caso tu cascasii nel pozzo, non accuseria- 
■sio gli uomini h tua pazzia , ma la fortuna* 
Sentenze dtlU favole . 
La favola ci avveft«ce, cl^e i^is^aàgior l'ar- 
te dei pericoli, né*qiiali incociamo, e per ho- 
stra cagione, e noi ti* aceus|amo la fortuna* 

S' De svrcf , ^ deismi . xo^. 

Stavano in *ina*.C3sa molti sorci, <iove andoV- 
vi un gatto, e- n'erti mazzo molti e molti ne 
prese. Quelli, che lestarono, fecero consiglio 
insieme di lìon andar pia per terra, ma si po^ 
«ero -tutti sopra certi legni del tetto . 11 che 
vedendo il gatto fìnse di esser morto, e co* 
jpiedi in alto giaceva in terra • yusndo così 

vi- 



-éAent- 1 soKtt •> caitefiataaa, óH no €t \ow 
aocDigenriod ddl'inguiao, disMSadtliot ami- 
-te, noD iBÌ>£d([à di te. 



GUtM icimi»-. e delta vatpt . tio. 
li animali fecero consiglio pei creare ti 
]oio te, ed elessero la sciraia per il suo ben 
.ballate. La vùlpe invidiosa, ved nido un pezzo 
|di carne in uà. laccio, disse alla scìmia: signor 
.mio, vi^i meco, che in un luogo vi è un te- 
soro, e condussela ove era illaccio, ed ella 
vi s'impiccò da se medesima^* la volpe dis- 
se; o pazza, tu credevi pei -averti fevorita la 
sotte, esser degna di sigoòreggiarc tutti gli 
animali ì ma tu t' inganni . ' 

Stattnxji dtll» f,»vùU . 
Qui si toccano quei , die incortono _ pazza- 
mente in qualche disgrazia ì; e sono poi beflèg- 
fìiìì da tutti . 

olendo Giove creare il re degli uccelli , co- 
inani^ò -i tutti che dovessero venite al consiglio. 
Il che vedendo il corvo ptese diverse peone d'ai' 
■tri uccelli} e si adontò di sorte, che p,)teva 



n.L T k VO h B 

Ut più bcHo di tutti , Oiovit lo voien fàc ie, 
e come ciò inlewto gli altri uccelli, sdegnati 
tutti tolsero le lor peone al corvo >. e qii^lia-' 
tolo resta bcuHQ. aome (irirna . 

Chi si adorna di cote ti' altri , come le yKtie 
( il che in un subito gli avviene } si conoioe, 
■fual egli è, 

T T Di-unfMn,iàuiictnt. ut. 
X^ n fabbro avera un cine > il quale quando 
egli \yotiYi, sempre dormiva) etl andaoda a 
m^Dgisre subito si destava ,' e mangiava ciò , 
che cadeva sotto Ij tavola , di che sdegnato il 
padrone disse: oh Dìo «piando io lavoro > tu 
tiotmi) e ijuando io marcio > sempre, tu vegli, 
Stac'xU dtlla ftvelt- 

La (avoli accenna coloeo, che vivono dei^^^ 
tiui fatiche . 



tnanfiiato, era diventili "t»nto graSM rf)6 ^i 
cbntinuo scherzava, dicendo fra se med^i- 
-ma . Mio padre fu un cavallo , che nel coi- 
rete era veloce, tà in ciascuna cosa m'as- 
«omìglio a lui. Indi a pochi dì, accadde alU 
mala' correr forte, e non potendo più, disse: 
oimè , , 



DI ESOPO. lyy 

D5mc, cfie io pensava esser figliuola dì utì ca* 
vsMoi ma ora mi ricoMo cfre^io fai figliuola 
di* un asino . * 

Stmenxt delh favola . 
l.a fevola significa , ^hc i pazzi nelle pro- 
sperità si scordano di'loró itiedesimi, e nelle 
avversità si scordano di qtiél che sorjo. 

Udì un Me ai co .114. 
n medico^ curava uft itff<*rnlo , il tjaale mo- 
ri pet sua negligenza. E portandosi questi at- 
ta sepoltura , tiissc ir medico; se tost ut si fos- 
M astenuto dal. vino, ed- avesse usato spesso i 
eriateri , non saria morto . Uno dì quelli 9 che 
i'vi stavano presenti rispose d medico, dicen* 
àori qtielti concigli tu dovevi largii quando 
giovavano, ora cne importano. < ^ 

- Sentenza MiP' favata • v . 
jQuaiido si deve consigliare un ainico, si 
^ve farlo qufindo impofta, perché qua|fido noitf 
impiKtà ^ un-b(tfièggi^rlò,' : - » 

IDU taftoro. 31 5' /_ 

1 castoro é un animale da quattro piedi, cne 
si n'odrisee in acqua > ed in terra , i cui testi- 
coli sono utili a molte medicine . Esso qiìan* 
do è persegiaitato , fugge qudnto può , e Doa 
potendo più £\iggÌTc frappa condenti i propr| 
tediteli > e li getta à* cacciatori , e fugge la 
«nerte. 

Sfétmza dèUs 'fan>oh . ' ^ 

Questa &vok significa , che ? uomo saggio 
-mente lascia per fuggire i pericoli . 
jf T I>i un eauty e à* un lupo, iltf. 

*\J n c«|ic dormiva dinasti à unà^ sala , e ve- 
nendo il lupo per mangiarselo, il cane gli dis^ 
se : di grazia non mi ammazzare , perche io 
«Oli magro , ma aspet^ , che W mio padrone 
"fiiccb le nozze, ed io Hi* ingrasserò , ed allo- 
« potrai mangiarnù . Il \^x^ lo lasciò: accad- 
de , che il padrone fece le nozze , ed ingrassa- 
tosi il evie, v«one ilJo^> th>Mo^> eai«- 

1 »• 



i«4 F A V D L B 

segii , cht voleva ia }/r(Mne$s:^ , eH H cime ftl^« 
gendo disse: ajupo: se di qui innanzi mi 
tiovcrai j non aspetteiv^i piò le nozze* - 

.Sttrter.z:^ deh'0 fàV»lé . 

Il saggio,' qiindo scampa da un ^ricolOf 
4I fa guardare dn quello . 

A Del /«dft« , :e del tvrc . 117. 

vendo in anim<$ un leone di amnnzzare^ft 
taro , la chiamò a* cena dicendo : amico 9 ^o ha 
amnv^zzato utiu pecora » io Yogfio, che tu venga 
Questa sera a cena meco . Il toro v'andò, e vi« 
it ogni cosa all'or line v salvo chela pecora >e 
subito fu^'gi. irieone x\is$e i perché fi partii 
rispose il toro: io veglie ie masserizie della 
(ucina all'oidinc per un torOy e- non per ttO» 
pecora. 

SepttfijMtiU favoÌM , ' 
I prtidenti Le laicnte scuoprono i -consigli 
ic'caltivi. ■; 

Di unUof»€ innsmf^tkto dièU figfiufhr di*' 

I leone aikirva la ^fh<liuoli d'uii ^iiIanO):«>jds 
di'roar.dò se gliela^ volev« dar per •moglie . -Ki- 
spose il vi 11 Alio •• non volerti "j pparetitare cem wa% 
bestia. Il Icone si adira contea 'U- villano, « 
Jo minacciava.* il .vilKuio* JiHité'propostlb', C 
|^sse.«««er contentoV m^3 volere f che si Ad'» 
Jtasse l'unghie, e cav.ssci denti, ed il leone 
lo fcccy poscia andò< a tsovare il villano, il 
$uak conìc lo vide sersa d«ati ed* unghie 
prese le armi , e 1* ammazzò . 

Setitet.x^ della OtvpU , t 

L'uomo non si deve mettefe in Aatiol de* 

t nemici, se non é. sicuro di potersi diflèndere. 
DtlU, leonesse y e Àellé volpe . II 9. 
a leonessa rimproverata d^lfa Volr>«y itkc 
^a sterile, e noo rac«ara se non- #0 iìglisfiol^ 
^ per volta, rispose :<,&!, ma. queUo, ciw fo ^ 
UD leone. Sentente JgiU f svola , 

La belieua non consisti! u^ 9«anliU# ma ii 
quabti. Dfl 



DI ES O P O. i^ 

.1 1^0 ycHeodo-un agnciip disse: tu mt hai 
itto tante ìn<J[iurie, che oggi è foMa eh' io rtiè 
ne paghi; e ragRclIoJdifs* pÌ4&g-ndo, cooie 
^ Jkpssibilc , che pochi giorni sono, eh* io 
nacqui; ed il lupo gridando, diceva : tu t'hai 
pasciutole! imoxrainpo* l** agnello disse: que- 
. 5to- oo^ }Wie$scre , pecche non ho àneor défitf, 
U kipo disse ; tu hai bevuto nel mio fonte, e 
«^.agnello si scusav^.xon dire, ch^ egli rivera 
del l^ttc dì fiux madre > ed ancora iioii aveva 
gustato acqua. H lupo alia 'fine rispose: poi- 
ché non possQ sciogliere le lue risposte , voglio 
cenare, e voglio,, che tu sia la mia cena; e 
COSA se '1 jtiaDgio. C 

Sefkgtmé àeUm favoh . 
Appresso gli uo Ami cattivi don vai ragio> 
«e, pé.verttir ^ • 

|\ Dì dm giflii , zti. 

JL/ue galli combìtt evano insieme, e ciascan 
di bro voleva «sser padrone delle galline c^IIa 
viUa . Uno .di quelli essendo superato si sèco^ 
se, e l'altrp vincitore sopra un tetto del Suo 
nejnlco si gloriava . Voi indo quiircU 1* aquila , 
a vedendo questo sopra il tetto, lo prese^ ^e 
pottoilp "via; R g;iUo superato vedendo que&to/ 
tetto si rallegrò» ed egli solo si gode le galli* 
'«e di quella contrada . 

Nelle prosperità- V uomo non ^i deve molto 
rallegi^re» acciocché noifcadain'qu.Ichetovina. 

P* Det^ spi y e M Ghve . ttt. 
resedtarono le api a Giove un- Viso idi me- 
le, e piacendogli disse: Dimandate ciò che voi 
volete, che io ve lo dirò. Risposero le api 2 
« liitt^tisìi^no Giove, noi dinì»nditmo che tutti 
gH uonaini > che verranno per rubarci il mele» 
come noi gli puoghiamo, itiuojìno: della qual 
dimanda Giove sdegnato , perché amava gì) uo- 
mini pia JÙÈit le ^ : listivi , ^hc quelli » cht 






i^V FAVOLE 

Terranno. per rubarvi il mele» pungendcji >.,vpi 
subita moriate i e perdendo lo stimoio > quella 
sia la yostra vita , > 

Sentenza della favoh . 
Ciò, che noi desideriamo contra i nenatci y 
alle volte cade sopra di noi: 

LPellà motcay e Jflla pentola, t%^, ' 
a mosca era caduta in una petitbla di car*- 
tty e quando si vide affogare nel brodo, disr 
se: 'ecco, che t^nto ho b^|uto, tanto ho man- 
giato , e tanto mi son Ìav« , eh' ormai possa 
morire, che io muojo satigSl^ 

Sentenzia delld!Javola • 
La favola è contra i gq|asi. 

A D$ ttn giocatore i e iuna.ronditHi 12.4. 
▼èva UQ giocatore consumata nel giuoco 
tutta la sua £a(foltà, talché gli era rimasfa so- 
lamente una vesre , con la. quale si difendeva dal 
fi^eddo ; ed un di vide una rondine , la quale 
era venuta molto per tempo, non essendo a»- 
Cora ben passato l* inverno , e non avendo egli 
un qoattrioo per giocate disse^: ecco qui Testa- 
te, voglio vendere ancóra la veste, e cosi a* 
Vendola venduta , In un subito si giuoco i da- 
sari di queHa • Ed essendosi poscia incrudelito' 
il freddo, il giocatore tremando, vide un'altra 
Tolta quella medesin^a roadpne , la qua! cacciat» 
^ dal freddo se ne tornava via , e disse: Dio ti' 
Ciccia del maie,o rondine, perchè tu hai fitto 
danno a te ed a me in un medesimo trattò. 
'Sent€nza JeUa favola • 
Questa &yoIa significa, che ìt cose, che si 
finno quando non e. i( suo tenipo , Dòn posso- 
no durare. 

UDÌ un legnaiuolo , e dì Mercurio . li y . 
n legnai udo Scendo legnai appresso ^n fii^ 
me: dedicato, a Mercurio, a caso lasciò cader», 
l'accetta nel £ume, e di ciò dolendosi: Mer-^ 
curio gli apparve^ e dofflanetcgli la cagione 
della sua tristeasca > e quello gli disse deli* ac« 

cet^ 



DA ESOPO, w . 

cett» catlutagli ,• e IH ercark> cavò dal fiame uà' 
acceUa (1*^0X0, è gli dkse, se era qadU? il 
pover* uomo disse, cKe no. E Mercurio dal 
fiume ne cavò ana d' argento , e domandogli 
s* era quella, ed egli parimente òìSiCy che no. 
Ultimamente Mercurio dal fiume ne cavò la 
sua, che era di ferrò, e dimandbgii s'tfra 
qui^a , e egli disse , chp s\ -, -allora Mercario 
conoscendo quel pò v'ero uomo esser giusta, 
gitele diede tutte è tre. Il legnaiuolo anJò ^* 
suoi compagni', e narrogli il caso^ che gli era 
occoECO , ed uno di quelli volendo hr prova 
di questo gittò la sua accetta nel fiume t po- 
scia si po$e su la ripa a piangere; od apparen- 
dogli Mercurio come air altro aveva fatto , gli 
dimandò la cagione del suo dolore, ed fMÌ, 
disse dell'accetta d*oro come aveva fctto lafc. 
tra volta , gli dfmandò s* era quella e gli di^ 
se, che si: Mercurio vedendo la falsità mani- 
lesta, non- gli diede l'accetta d*o:o, né anco 
quclia di ferro. 

Semenx,s delU favoU» 
Questa favola ci dimostra , che qaanto D^o è 
più amico a* buoni , tanto é più nemico ai cat'* 
., tivi . 

I J>el serpente e Ì un villano, iri^ 
1 serpente morsicò uq figliuolo di uà villa* 
no I per la qual . morsicatura il fanciullo mori . 
Il villano sdegnato pigliò un' accetta per anv* 
mazzor il serpente, e fuggendo quello gli ta- 
gli ò^ la coda.nUa poi voleva fan pace.il villa- 
no con esso lui, gli chiese perdono, ed il sec« 
pente disse: in danno ti' affiiticiii a *volec iat 
pac«; meco, perchpcitQcdanddtì ta esser senza 
figliuolo ^ ed io, senza coda, mai non ci vorrs 
Ao bene . . 

Stnrenzs delU favoU.* 
La favola dinota / che quando* T ingiuria è 
grande ; T òdio mai noa si duo levare . 

I j D* 



X>J» P' * V-O li E' 

Di IH' gtHina , r d'un» vn!pt . xtT, 
Ja tolpe cotto in casa delle g.illiiie: t-ye- 
detidone una ammiJata , le dim»inià' com; sU^- 
yt, eh Rsllina rispose: io tttté bene, se tii 
ti partirai di qui. 

Smcnz.* dilU f»VBU , " 

. ,™ ^'o'" signifi". che I» pwsen» degli 
Uiniici se'rnpre è moleita, ed è da essere schi- 
*»U, percbe mw non può portate ite non dM« 



r sconro, e diso 



• Ww. itH, 



V ide la Yolpe cetli ^laspid'aya quati n». 
turi , e pro*ò.niorie vie pei areHi, e mni noo-' 
faate goderli. Alf uitiins diueMd oeninun 
^ Doii san sttcot maturi . 

Stnlenxji MU /àvth . 

■ La farola tìgaì&ta, che da uoms frudcita 
«ève fingete, e Bon Mler quelle. cose, ch<non 
■può consegnile. 

Udì uaféittlriio , l.iTMiie rttrpftae . ti*. 
n etnciUlla andava pigiando igrKIì io vil- 
la, e «me aeraplicc volle praodcre uno scor- 
pione , il quale pe: ceimcer'e la è\ix semplici- 
tà, gli disse; Vivi io pice, e fcva la nuno 
di qui , se tu non rii,ol nmitf . 



tìl "ESOPO, I» 

' $entenZ0 /I0IU fatfoh • 

La faVoIa sigoffica , che un astute conoide 
«ci che devcseguirè, e quei che fere feggìfe. 
W T W vn uccellatore , e (Cuna per»iiee , 1*30. 
vJ n uccell «torc voleva ammazzare uni perni- 
ce eh' Hveva pnpsa , ecf elfi gii disse piangeo* 
è»:z di àrsiÀ^ lischinì andire > che io ti pro- 
metto wrtene pigliar moitc più grasse dime* 
Il cacciatore rispose: adesso ti voglio ammaz- 
zare, perchè t(i prometti ammazzare i It^ ft- 
mici con iaganni, e tradimenti, 

Sent entà. deità fsvoU.' 

La &YoIa iSigQifica, ch^e chi ▼oól ht lcadi<-« 
mento a'saot> dispiace ad ognuno. 

Ivi un pttlc0 . i3i, 
i pulce sverà morsicato uno ccm^r è suo 
costume y t fa preso « e dimandato chi era: ^ 
gli> che faceva d'is^iTtcere ad altri? égli rispo- 
se, esser creato dalla natura, cKe cosi vivesse, 
e che poco male poteva fere ; è V uomo sorri- 
denjdo disse : e peri voglio , che tu i^oja ,_ 
pdreM^Hn -si dfeve far dhpiacere ad alcuni» 
senza cipoae . '"^^^k 

SenUfiZà deità favole . ^^^ 

Agli uomini cattivi , o poco, a assai che pec- 
cano, non ai vuol averi ^cnii))assioine alcuna* . 
UVp uh m»fito 9 ed un» moglie . x^x. 
n uomo alquanto attempato «vera una ^o^ 
*|[lie assai giovine, la quale per far parere il nijh 
rito giovane > ogni di gli strappava i . capeQi 
canuti , e siccome alla giornata se gli ^ andava- 
no £icendo bianchi , cosi gli strappava . Tanto 
.'a lungo andare gliene, strappò, che lo fece re- 
star del tutto calvo, ed ognuno se n& ride?», 
Semtnz» della favola . 
Contro di coloro^ che in preda delle doooe, 
c&ntentaiidt>le , si dannano . 

AD/ un asino > # duo vionisnti . 13 ^^ 
ndatdò dae per viaggip, trovaroito un a- 

l 4 siao> 



t/^ FAVO L 

sino, e tomìnciarooo a contendere' fra Foro dr 
cBì doveva esser: |3«rché tutti due T ave vana 
veduta a ìin tratto. Contendendo loro insietnt., 
rasino- si parti, e nessuno' di lón> fcbbc*. 
"" SentensLS delU favoU , 

La favola 'dinota , cbe quelli, che non sanno 
usar le conoodità presenti,, per lóro fgj^oaraiir 
za le perdono, ^ 

GDelU^ivèttéi e degli altri uccelli . 1-34.. 
li ucceki dissero alla civetta, che non vo- 
lesse far più nido neUe case, ma piuttosto ne- 
gli alberi) 'egli moslrarono una guercia piccìo- 
Ìa> dove- avria potuto fare il nidù^,. ed ella 
disse: k> v*aiiiAionisco, che nonvi. fidiate di 
di queir arboscclto , che alle vofte potrà invi- 
schiarvi, ed ammazzarvi . Quelli disprezzareno 
il consiglia V ed «andarojìo di continuo in tprno a 
quella quercia volando, e saltando. Gli uomi- 
ni vi posero il vischio, € presero, la maggior par- 
te d' essi , i quali si pentirono 9 ver disprezzato U 
consigliò dell^ civetta. Di qui avviene , che quan- 
do gli accelli vegjg^jgp la civetta tiittijjk saluta- 
n^^Jig ywjifSSjntòrno per voler inte^fe qual- 
0ÌKfcos^ da lep^me pi d saggia di tutti. 

Non disprezsfar Tkconsiglio dì quei', chcaot- 
moni scono.. ^.1. ^ ' 

. T DelU X.UCCS. ifj. 

JL^^ Stucca fu piantata dppre^so un gran pina» 
ed essendo cresciuta in alto per molfa^pioggia, 
spandeva 1 suoi rami per tutto il pino , coji 
mol^^fondi, e fiori: pcrilchè venne in tanta 
stì?|>érbi/, che si voleva agguagliare al pino, 
ffìcèndo: guhrdà come t'avanzo, ilis^oseil pi- 
no: io ho patito molti fteddi, e caldi', ed ati- 
cora son sano, e salvo i e tu al primo freddo, 
che verrà , perdendo le ibrze , e le fogIie.> 
tornerai a nulla . Sentenza dèlU favola. 

La iàvoh significa , ciie nelle prosperiti T 
uòmo non si deve conijdare malto^ ne aneo» 
JKilic avversiti attristarsi,., ^, 



\ 



IDel corw > e dfii lupi . '13^, 
1 corvo spelava gociet di uoa preda. Citta da' 
luf>i> e fu ^cacciato da es^i con dire: iu 'Hcmi 
vieni per iar compagnia a noi , . ma per. divorare 
la nostra preda > e se noi fi^sitno ammalati, 
tanto fkeslì con noi quanto con la nostra preda* 

La favola significa^, ch'« da guardare 3 dti^ndo^ 
un ti là' un. piacere, coniche animo lo &, per^< 
che .mólti «otto ombra, di servir ad altti .set--; 
vono a se medesimi» 

AféwoUdarìonejeiTundtlfno^l zyf, 
rione nobile musico fu Merimneo, e, fu a* 
mato grandemente da Periaodro re de* Corin- 

•ti. Egli con Tarte della lira andò peregrinan- 
do per il mondo, e guadagnò assai, & dopov 
alcuni anni detenninò tornare a Corinto. Tro- 
vafido alcuni naviganti di quel paese > si pose 
in nave con quelli . Essi vedendolo assai ricco 
dioro: e d'argento- deliberarono ammazzarlo, 
il quale come ciò. intese > U pregò, che innan- 
zi che r ammazzassero lo lasciassero cantare 
un poco , ed essi gli fecero questa grazia avan^ 
ti cne lo gittassero in mare • Arione si arre- 
cò nella poppa con la lira , e mirabilmente 
cantò come il cigno , il suo crudel caso , spe* ^ 
rando, di commovere i pavìganti a pietà, ma- ^ 
vedendoli duri, si gitiò da se in- mare. I na- 
viganti andarono. per il lor viaggio. Un delfi^» 
no sopra se lo prese., e lo porto sicuro inLa> 
conia, ed. esso poi andò a Éorinto, e narrò al 
re come la A)sa sua era successa, e come era 
stato portato da un delfino, ea il re questa 
cosa non credette. Indi a poco tenipo vedendo, 
i naviganti in Corinto jRirono dimandati , se 
avevano inteso cosa^cuna di Arione* Loro ri* 

. sposero che.stavir in Italia,, ed era molto sH- 
mato 9 ed apj^zzato dagli uomini -In questo* 
m«zzo-a[pp8tye Arione con quelli medesimi ve« 

I 1 stV 



Tot F A. v: a L B 

stlmentiv (.con la, lira» conit ara faandd si , 
gittòin mare. I naviganti siupeiitti non po- 
tendo negare il tutto> fuxooo castigati c^coa- . 
do il loro delitto . 

Alle yol te -regna maggior clemenza. nagii »• 
nimali bruti , che negli uomini > che npn han* 
ZIO altro di buono » cUt il nome. 
T> l^ti r4gfi9^ e.dtUspi^dégrit.,. z^t*. 

X^régrinando il lagno^ela podagi»a s* incon- 
trarono insieme:, e <HSser(x tea k>rD dove era . 
ba«no «ilpgglàmèpl^. laa podagra disse : Io vo- . 
I^b abitale con ricolmi > perche^ non su aSa- 
tìch^'anno , e mangiano bene > àévorìo meglio» 
e; dormono delji^tissiinamenle , ed alloggiare 
tfOn ^v;eri non £3. per nu^. £d il ragno di9se? - 
io bò pTóvato.alloggiare con ^ ricchi, ma boa 
Ve ordine» cbeio yì pòssa stare» perché sem- 
1^^ gi^tànp la mia tek> e eoa poveri sto.si- 
ciiro, e non dubito ch^ me la . go^stino » si» 
come si voglia lunga e larga . 

\rk casa de* ]X) veri. è maggior libcità> che io 
casa de* ricchi. 

NI>fUn'ìor€Ì0ii§t9^in^fmétiSP»f ^35i*: 
acqtze un sqricio in una ceslà> e mai non. 
jiìàngiò àlìtoy che noei% Avvoane> che usci a 
cfasp delta cesta , e trovando cestèN^tre cose da 
ifiangiare, disse: io sono^sti^o molto .pazza >« 
pensando ciré in tutto il mondo non si tco^s- 
se un/^tra stanza come la òiia cesta. 

Dimostra la favola > che fion così é. da amata- 
si la patria « se ignobUe sei » che ad altri luo- 
fìà andando , non possiamo altrove esser be^fi, 
^1 ttn^$iis$to > e^i vìdevAi eht nàscesse il 

Agrsm linzs spicàt , 140^ 
veva impetrato un villano dalla DeaGtre» 
re , che il grano suo nascesse scnzi^ spièhir, ac^ 
ciocché tritandolo ripa ^fièndesse le mani a*lar 



rotatori . Il gratid fa poi mangialo da* miDuti' 
ucceliif > onde pentitocene * disse : O che bel 
guadagno !' Io pet cagione d'^ una piccola co» 
nodita ho perdiito grandissimi frutti . 
Senttftzt detU favolit» 
La &?ola ìsignifica, che le piccole inforno» 
diti si vogliono ricompensase con T utilità. 

> 

li^eguitaYa uno sparviere un colomoo eoa Imi*' 
ta vek)citi>^cfae si imboccò in casa d* un villa* 
00, dal quale & preso: è raccomaDdosegit «o^i 
dire» che.g^i perdonasse» che non ravetia ot 
feso in ttmo alcuno. Rispose il villano, oh» 
ciò £tfe non voleva; perchè- anco il. colooaW 
ilon av«va offeso fui. 

Sténnn^ dtllé fsvoU . 
Questa fivola significa, che pecitevolmecìl^e^ 
A devono castigar duelli che cercano far dit^ 
piacere a persone, dalie quali non hanno ridl^ 
vùto ofièsa aicuna^ 

FVel fégu^i e dflh rondine. %4t. 
atto aveva. il ragno k.teir jpei;, una strada 
dove soleva passare la rondine > quauda andava^ 
pigliando le mosche. Passando la rondine die» 
tro a una mosca, portò seco la tehi , la napsca» 
ed il ragno insième) il qual pendendo nell'aria- 
disse :. o me pazzO , che appena posso pigliale 
questi animaletti pfcciblini,« ff'o fagliai b 
rondine, che è oosi veloce, e forte! 
; SmunK» deìh ftWùU. 
La 6 vola- vuol dire, che non dobbiamo £uc 
^c maggiori delle nostre Ibtze. 

bi §m ^ilUnof chi vokvs pès$srt «m 

Vtorhntf. 143. 
olendo passare un villano un torrente tre* 
sciuto per le gran jpioggìe , trovò^jdbe l' acqua 
era motto più protooda dove era queta, cha 
dora eia sUeMOte . Onde disse : quanto e mt,- 



ì' 



Z04. ' F A Y O h S ; 

gliofulsssi delle acque strepenti ♦che deae quièti^ 
SentenZM delU fofoola . . 
La fa:VoIa significa , che nòn.dohbiamo temer. 
i frappatori, ma quelli, che sono di poche par-ole,^ 

LVellìt colomba , e delta picfA . 144. 
a picca diinand'ò alla colomba., per qaal ca- 
gfone facexa il nido sempre" in \m medesimo luo- . 
gOjC le er^o tolti sempre i figliuoli? Enati- 
spose: la semplicità h' è cagiojpe . 

**S^menx,0 deiU favola^. ' \ 
La fevoifi dimostra che all'uomo liberale. 
Iddìo doéa molte 'còse, perchè ^va fedelmente,, 
è nòti pensa , jche la malignità de' cattivi è, . 
tempre pronta a mal fate . 

tl>e/ cutuloye delio spàrvJero. 145 v, ^ 
cuculo era beffato dalIo_ sparviero , perche^ 
non èssendo à fai inferiore di corpo "sì nutriva, 
più presto di vermi» e»s<^cj , ch^ di altri uc- 
celli . Avvenne, che. un gioriio losparvjexò 
seguendo una colómba, fulpreso da. un villano^. 
ììr anale F appiccò,, acciocché gli altri fuggisse- 
ro J IF cuculo vedendolo appiccalo , disse : oh, 
'^jrnto era meglio che .ti pasccssi ^ di verrai , 
«|ie d* uccelli r • 

Sefttènzs delU favoU, 
= Questa favola ci dtnwstra chi quello chfe- 
vive del suo è più sicuro? che quel che vive^ 
^ella roh»d?ìakri. 

1J Veir gsinoy e dei dì stilo, 14^. 

ascendo T asino, ed ij. vitello in un prato,, 
udéndo.loto, che al suono della campana ve- 
xùvano i soldati, disse il vitello air asino: fig- 
giamo di qu^ acciocché non siamo presi da*oe- 
ihici. Rispose l'asino i fuggi tu, che temi la 
morte , che a me npn bisogna , perchè in mano 
di chi io sto , sempce hp da portar la * scoia-.. 
Semtnz.» della favola, * 
La invola dinota , che non dobbiaìno temere 
di mutar parfroni ; purché H«n siano peggiori 
de'pcimi. 

I>eléa 



3 ^ gàtlim, x.i^yé 

. assando la volpe pec uoa viUa» vld« alcunet 
I <ionne^ che maDg.iavaoo galline , e dissele : o me 
«^ schifa ^s* io facessi quello, cii& ^ &te, 
, c^u nti cani> e rumori avrei i(>:..dietr9? Una di , 
<}uelle donne rispose! noi xhaagiamjò Je coset 
nostre proprie > e t;t It cose ad.aftfi-rjibate.. 
Sètttenzjf deUmrfitvoJs, -. , 
Vuoi dire Ì4 favelas alt noi .noa abbiamo- 
quell' arbi trio, ndle cpse, ^* altri > che vi h^ano, 
i padrcfiù . 

Tfp Dei cappomgrsssi , e d*ùn magro^ 2f4^ 
JCjrano tenuti alcuni capponi ad ingrassare :' e^l; 
il padrone comando al cuqcp^ che ammazzasse 
vfr«cepa5.i grassi, èd.JI euocgk fece ouatito gli 
fu importo, lasciandone un magro da banda. 
Dissero i capponi grassi : oh quanto, era me-- 
g]io , che fossimo ^a ti inagri, e. nqn glassi! 
Sentenza delU favola^ 
Questa fkyola significa ciie la vita de' pQve- 
ri e più. sicura, che quella de'riccht*. 

UViun tfàyt. tirato da iaoi , x^9» > 

h trave di olmo tirato da*. buoi si dcjev^ 
dicendo : oh ingrati, io vi ha nodrito coli Ip»^ 
mie frondi tanto tempo, e. voi mi strascinate, 
per sassi, e spini, Risposero i buoi, ciò^^ che, 
nói facciamo, siamp costretti iàrlo.»pet i granA 
di stimoli^ che patiamo, e. facciamo contra vo- 
glia ^nostra. Per questo il trave gltpetdoóà. 
Sentenza della favola,, . 
La Éivola significa, che neri ci dobbiamo 
aocciare con (juCÌlij i quali ci oiFendona -co-, 
stretti da altri . 

Degli alberi erutti y e,.hUJ, x^o. 
rano nati alcuni alberi in jjun medesimo lua-* 
go, tra'qttfli alcqni erano alti, e belli, e sen- 
za nodi , ed alcuni torti-, piccoli e. nodosi., 1 
quali eratK) befFe^giaii da' ideili .Acqtddè che il 
|kkdrone.<. volei^dp fabl^xicaie una casa> fyie t^-^ 
• ■ ^ 'giia^. 






y 



t0^^ f AtÒhE ^ 

Ì tiare i MK; td i bmtìti ferono hfclàti in ph 
i, e dissero a'bellt: eh quanto è maggiore I 
nostra bruttezza > che h tostra htiìetza: 

, La ^ fkvola 'ti ammonisce che non ^ ci dev^ 
ri&ctd'scete di essere nati bratti , conciossidcii^ 
b bellezza nuoce H pili delle volte . 

EVeJ Cfgmy e dtUwu escòjgns-^ x^u 
ssendo il dgDÓ appresso la morte > cantarai 
più dolcemente > che I- aftre volte . La cicogna 
disse , petchèv faceva questo ? ed egli tf s^pose : 
lo fo perché non penso Jjià a.^uesta vita , co- 
me io Iff possa nodrire» né. ho da a^tlcarmi 
più per trovare il ^i6o. 

Sentenza dtUa favskf . 
«vLa &vala ci ammaestra > che noi non dob- 
biamo temer la niorte» per cai tutte le mise- 
rie, e calamifò del moiido si dissolvono. 
Dt unB donne , the ptangev» lamétte dehuQ m§* 

A rito ed il padrt h^consolàjdé^ %ii, 
vendo una giovane., il marito vicino alla 
morte ^ piangendo, era consolata dà 'SuOi padre 
con queste pacdje : non pianger» figliuola^ eh* ip 
f ha trovato un marito più bello di ^uej^o^ 
'the ti mitigherà il dolore.. Rispose h donna; 
di grazia, pdre mio, .feon mi parlate di marito, 
die tutte le volte , che mi nomini marito mi 
dai con un coltello nel cuore . Vedendo poi 
iiforfo il maritò piangendo disse: padre miop 
doy*é (j'ueir iilfró, marito così bèllo, che voi 
-mi volete dare? 

Sentenxjf delia fàvola . , 

Questa favola significa; che morto die éir ' 
marito, Fàmor della dònna é.pa$sato. 

OT>H pav^m i t et un soldato, i^' 
tùSLto aveva un soldato iL suo elmo di '^eo^ 
ne; di struzzo. Il che vedendo U {làvcae, mV 
se; io ho molto pid belle penne. li' soldato 
jfese il pavone, mise le sue pent^ bell'elmo, 
ofideH pavoise prlr^to delle sae peaaé; si do* 



DI i-'sa*o. t^ 

leva eh* ègiif $te$^ . m stàio aan^ià siiìm^ 

La favola. dinota»^ che ^esr^iQOHcar A 1^ cose, 
.preziose s* incila aìUm. a rafiicle . 

P£># un . r^^a . prtss^ . «/; viuhio • t f 4 « 
res9 co tordo al vischio si doleva assai» e 
si affliggeva più degli altti h u^cdii dicendo: ^ 
io dai me stipssQ m' no hXio quejstp maie , per* . 
che io fe il visciiio.. 

La £lyola dinota (ìhe quel maleLchs i'^uomo >. 
si. h, da se medesimo è molto fasticUollo. { 

UDÌ un nrm^ ye dU perni • x n> 
n aiit^Q aveva malti poB^i belli in un f ia^ < 
clino^ e. mai fK)n ne mangia v^ alcuno» .se aoo 
si marciva ^ Ujs suo figlioplo liberale me&avai. 
sjjbQi compagni al giardino..» e djceya. Man- - 
giate^ tutti q-ue* pomi- che volete , eccetto i gaa- - 
^t!,, perche quelli rupi mio patire pcr.iui» 

Questi £iyolat significa , che noi^ h al moodo^ . 
cosa più jnisera , che 1' essere avaiO » rum sa*' 
pendo egli pigii|tre di: quel bene » che la natat»-. 
gii «oncedc. ' « - 

Di Ufi énf.»Oi ed'um cav^o.firtìh, a 5^. 




/omperatt) aveva un avaro una ])osscssioae 
molto J^tile» e come 1* cbbc« la chifise.iatot^ 
no, di frasche altissime» talché niuno vi pote- 
va enti:are > ed a niuno daya de' frutti » xhe na- 
scevano in qAella. La possessione cominciò a 
non fruttare iftjp come soleva « Onde sdegnato 
il padrone si consiglio coli tin nomo savio,. 
il quale gli rispose: Iddio ci ha dato i frutti 
di. aitiesto mondo acciocché noi li goiti^moj ^.. 
ne succiamo ^ne a tutti » e non a un solo»' , 
come frnno gli avari .Ne ti dei maravigliare,»» , 
se ppma la possessione era tanto fertile-»^ ed. ^ 
ahiBindapte di fratti» perché allora servila. a>« 



tutti, ««-serve ad un soto, perche tante co'* 
se ricerchi ? 

600tenÀs Mia favpls . 
hi favolaélraostca, che ali* uomo liberale 
Iddio dona molte cose > acciocché a molli bir 
sognosi possa sovveaire. 

UfD/ «»#• mog^ft y e iùn mèrito . z^j: 
na tioima di mala natura , essendo^ fbrte^ 
mente battuta d^l marito per ì suoi malr 
costumi , finse di esser mòrta , e giaceva in. 
terra come morta, e noti fiatava, né si ftìoyc- 
va. li' marito conoscendo T astuzia sua, disse : 
oramai che h bestia é morta-, io la voglia 
.scorticare, e prese un coltello per incominciar 
dai piedi •., Il che sentendo ella , disse :. io. noa 
sono morta , e si levò in piedi • > 

Semenza deìls favols-, . ^ 

La fa voU denota, che' vane sono l'insidie 
delle dotoe con V uomo prudente . 
'DeW Aquik , e dello sparviero > edtl n$hbìo,.l^%. 



L 



[.> sparviero? ed il nrSbio vennero in conte- 
sa dinanzi all' aquila i chi- di loro fosse più no- 
bile . Il nibbio lodava la sua fbrtezza , e velo- 
cità. Aspettando la sentenza dell'aquila, ella. 
disse: andate a caccia, e chi ini porterà mi- 
glior preda , giudicherò esser più nobile . Il nib- 
bio prese un sorcio , e lo sparviero una colom- 
I)a,.e l'aquila disse: tanto lo sparviero ^ più 
nobile, e prestante del nibbio, quanto la co* 
lomba è più nobile e prestante del sorcio . 
Semenza della favola. 
Avverte la favola-, che gli uqfKini hanno da 
stimarsi da'loro fatti , e non dal corpo giudicarsi. 

Adì un pazzo. i^9» 
ndanda un pazzo per una ^ittà diceva, eh* 
egli era pieno di sapienza, e che la voleva ven- 
dere a chi voleva comperarla . Uno se gli fece 
avanti , e domandò , che gli desse certi dana- 
9Ì. Quello gli diccb un. viluppo di filo, e^an- 

do* 



DI ESOPO. it^ 

dogli Q&a gran percossa, disnegli.^ Fa càeimr 
non ti ac<;.o$ti ^*paz2i ,qj|anto è lungcKfaesfto fila 
Stnrenxut dttU favU, 
La fa\ro2a disse : scostateci da* pazzi ; e quan* 
to eh quelli V* allungate > timta ptd v' accosfe'> 
rete a* saggi . • - 

VD/ $tn porcello . . ^j^a ' 
edexido il porcello ^mmazzae suo padre > 
piangeva , e gridava fortemente ;> ma quando -s» 
pea > che per la nsoxte deL padre • restala pa- 
cLione delle ghianda , tacque e non pianse più .. 
Sentjen%a- della faiHiléf . 
Questa fàvola^ dinota^. che le ricchezze dbllsi'. 
fit edita fanno passare il dolpredel padre morto.. 

Adì un villano, A^i. 
vera un villano ima beila vigna > iotorna 
alla quale era una siepe. Vedendo il viUano , 
che questa siepe non £iceva &att&, la svelsr 
tutta., Indi a poco di tempo fu rovinata 'la 
vigna, non solò dagli animali, ma aiu:ora cU- , 
gli uomini. II che vedendo il villano, . si pea^ 
ti d'aver tagliata la siepe. 

SjsntenzA dslU f svola*» 
Qixesta^ favola significa >. che ueÌ pndre di fa* 
nigiia ozioso, quaicke volta fa più che nga' 
fanno quelli ^ che di continuo lavorano, 

EPV ut9 lupo invecchiata . x6ì^ 
ra un lupo invecchiato, e non poteva tro- 
varsi piA da mangiale, ne trovava chi gliene 
(lesse, anzi dU.tatti.era scatciafcb • Andando per 
una selva trovò un bue morto , al oual s; attac'» 
co subito come morto di fimé. L'odor« del 
quale sentendo gli altri lupi, gli vennero ad 
ajutate a mangiarlo^ dicendogli : noi slama-, 
tuoi compagni j ìì lupo vecchio ris^pose : adessa» 
che io ho da man^l^arc, tutti siete miei com- 
pagni > e prima mi scacciavate > né mi cpoor 
scevate tk per parente, ne jper amico.. 
Sentenzia dejln /avola . 
Tia fcvoln dinota , che le. ricchezze son quel- 



♦I© FAVOLE 

le, che acquistano gli amici i anzi nettttct Te^ 
stlti con >diilai delfamicizia, i qu»ti tanto dit« 
lano, quanto utile sentono da t^ provenirgli. 

AOi un» volpe , t itmn vtthnù . i6y 
veva uni volpe amm^zi^e iitoke gàllifie ad 
un villano., il qmle la prese a un laccio» ed 
dia lo pregò,* che non l'amm^izassc, prontct- 
teirdoglf' di non fjr^li piti male alcaHo. il vil- 
lino disse:, se ta (ossi un animale le iere, ioti 
perdonerei , mi perché tu sei tmfò fillace \ non 
voglio fiiacni cìi te, mìt voglfo, che muòja» 

All'uomo fall ice ir.$ non do )biamo 4ar fede» 
aè perdonargli, quando lo potiamo punire. • 

AI>/ dite porci . 1.6^. . 
vera un villino due porci j che combat te- 
vano insieme , ed .egli sdegnato- ne amnazzd 
lino, r altro rimase contento vcden.do il sud 
nemico morto , ed essendo poi menato ancK* 
egli al macello fra s« disser a che fine mi sofi 
jraÉltegrjto della ^orte dei mio nemico , . cap^ 
ciossiacité io ^^ncorr doveva morire ? ^ 

Stntrnxjt della favai s* 
• 'ÌÀ favola dinota, che mai l'uomo iioa n 
é^t rallegrare delia morte del nemicò» perclf 
dia è comune a tutti . 

IVel consiglio de torci , léTy^ 
sorci vedendo^ che tutta la lor ruioa vei»» 
va dal fatto, e ch&non se ne potevano afu- 
ttìte i coDSttltaipn , eoe non v* era pitto nme«> 
4io » che dì porgli un sonaglio si Collo , ao- 
<iocché si sentisse: tutti laudarono questa ses- 
tiD£a) ma alla fiae tutti temevano di attaccar- 
gli quel sonaglio > e però la sentenza fu nuila^ 
tA ir consiglio senza frutto . 

SemenicM dells favùt» . 
-i>a favola dimostra molti laudare qatOé 
che è da latsi > ma pochi essere >.cbe tt m6tt2i« 

«0 air impresa di £irlo .. 

» . . ' •■ 



D raso PO. tir: 

e- T>i'tin sotdatif. t€9:' 
buittata un soldato alfa guirdia di un <^<^- 
stello in Ifaira, pr^sà d»T rc'di Frshcia, di»* 
se: cjjj CI ajutcrà st saremo assediati? Quelle^-' 
cbte'l richiedeva ,• ri$)»òse ; sua Màcstl. Allo^ 
q«el soWato ssll su una torre ; e chiiftiò tre 
volte il re di Francia, e non rispondendogli 
perdona alcur>a^ disse: lo 'non vdgjip chiuder- 
ne in un castello, dal qn^lé bisognando* ajuto»^ 
centra i nenaici, il padrone sia cosi lontano» 
cii^ jM3^ mi. possa Udire. 

-JLa Érvola sifnitìca, che non ci 'dobbiamo* 

•ortare a pericolo imprudentemente. 

"7^ Bei àifokff y è de' hatì \ i^?. 

^ntrò un bi ibleo nella sfalla, àdvc trovai 
su^'i buoi tutti aMe^ri, demandando la caus»r 
deli' allegrezza loro , risposero { abbiamo sognato^ 
questa notFe» che ci avevi metìuti a pascere ift- 
un bei. prato , ed; egli rispose : ed- io mi $oik. 
^^nato , che tiitto oggi io arava coh voi , ed 
il inia sogno sari veto, ed il vostro^ &lsd. 

S§ffunzB dtlìi^^.ftwùià , ' 

• I41 £tvoU vudl dimostrarci^ cbe non ^^b^. 
btamo credere a* $Oi|fì>; tanto più - interno » 
qudle cose, cho dalia vok»ntiiibei^ dell' U0» 
ino dipendono . 

VDéiU firium0 , ed un. téontè . t€Z* 
olendo un uonio arricchirsi, intese che lar- 
mercanzia era <:asa buon» pflet-£ir questo, pert$^ 
tenduti tutti i beni patemi^ con^perè* una ffia^» 
"pe ) e molte mereanzi* , ed andando iti viag-^ 
già , guadagnò nielto bene •> di modo che vfcn» 
ne ricco. Quei che Io conoscevano > sé ne ma?*' 
ravigliayano ^ e gli.dimand€«wcio>^'tom*era 4i» 
Ttotata cosi ricco, ed ei ti^onikva: per mi« 
indmlrìa*. Gt ntin ^onwndia egli fiat alla suak 
ricchezza , voile andate uti* altta i^lisi per «ms 
», ed assaltato da una gtan tempest#^ ^erdè^- 

tutte 1^ robe , e la nave , ed .appella egli ^am- 

po. 



»,t FAVOLE 

pò . Essendo egli poi 'HimandAto > perche eiH W 

coci mai condotto , rispose : mercè de!Ia^rta«, ^ < 

aa Iraditora. Il che Mentendo la fortuna sf sde- ^^ 

gnò dicendo: quando tu avevi acquistate/tan^ ^^ 

te ricchezze, tu davi il 'Vanto a te >^ adesso dèt^ ^^ 
male tu dai la colpa a me. 

Senunzt» delU favola . V 

Dimo5l:ra la fjvoki cfuanèo V uomo sfa' meli* ^*i 

oato a lodac se slesso di quel bene, che cb 'S' 

Iddio gli vien dato, «come da lui dipenda glo^ 6 

riarsi, e del male > di cH* egli stesso n* è ca- Jj 

gione, la colpa in altri ritorcere. J 

Di una mQgfie §avi* , e dun muriu phXiSio • z6^, \ 

\J na donna saggia aveva dato in custodia ad 
un suo marito pazzo i polli . lì nibbio gliene 
prese uno. La niogiie accortasi, chè^ìncava,- 
battè il nwfìto, e gU- commise, che in avve-^ 
nire ne avesse jnigj^ior. cura . Egli dabilando' 
del nibbio li it^ò- tutti co» uno spdgo , e ve- 
nendo il nibbio portoUi tutti insieme. Dal" 
che disperato V upmo volle ammazzarsi per non- 
esser battuto dalla niogHet e prese un vaso di 
confetti, il ctu il e gli aveva detto la moglie es- 
ser pieno dj. veleno» acciocché non lo man- 
giasse, per avvelenarsi, e io mangiò taièo : 
tornata la moglie, ed accortasi del tutto co* 
minciò a batterio» ed ingiuriarlo. Il marito 
dhsse : lasciami starei* che son vicino alla mot- 
te, che per^upplicio del mìo delitto io ho 
mangiato tutto, quel veleno, ch'era m quel- 
vaso, che tu m' hai più volte vietato che ic^ 
aon toccassi . Del cne allora ki mojglie ncm 
potè contenersi da ridere .. • 

Sentenza Mia favpia*. 
La favola dinota, quanto. poco frutto £iaBÌw^ 
cohti , che a correggere 9Ì prende uno , che 
della natura po^o saggio^ sia, io coi la fortuna 
il più delle volte dimostrar vuole pianto sia 
U suo £iYore . 



pi ESOPO. tij 

Vjyi tt/f4 mofttrfce» £70. 
edcodo una mctctiìuLàì suo innamorato , che 
Isipactìva) piangeva; tìffaltra donna le disse: 
perorile piangi tuP ed ella rispose: perché non 
gli. ho toko quei mantello che ha indosso. 
Sentenzs deih fitifoU . 
Qui 4a favola vuoi signiocare > quanto i gio- 
vafil semplici debbano essere accorti per non es- 
ser colti dalle false iusinghe delie mecctrici . 
SDÌ uns mosca-, %7i» 
tando uoa mosca sopra un carro, che cor* 
leva fortemente, e faceva gran polve, disse; 
oh quanta polve io suscito dalla terra! 
Sefrreffzà della favola • 
Questa favola riprende quei > che sono di 
bassa condizione, e si vantano di essere di 
praa lignaggio . 

LT l>el f anguilla 9 e del serpente, zyt» 
anguilla disse al serpente: perdié essendo 
noi «quasi simili > sparenti, piuttosto gli uomini 
seguono me^ che tC"? il serpente rispose: per* 
che io d*ogn'un che mi offende mi vendico. 
Semenza delle favola . 
Xa &vola significa, che quelli, che si ven* 
dicano, sono -manco oi&si da altri, e se gli ha 
rispetto. V 

S^ Delfaffno , s$mia , e talpa . 173 . 

il doleva 1* asino di non aver corna , e la 
simia di non aver coda. La tatpa disse: tacete 
quando vedete me» che non ho occhi. 
SenteniCk deHa favoU . 
La fàvola dinota, che noi sopportiamo i 
nostri guai pazientemente, quando vediamo al- 
tri aver peggio di noi . 
^^^ Dei pesci. 174. 

JOi^i^do per cuocersi i pesci nelPoIio ^opra il 
fWoco, dissero fra loro : saltiamo di qua che scam* 
peremo, e saitando cascarono nel fuoco , e dissero: 
era manco ctudel morte morire nell'olio. 
Sentenzia della favola . 

Questa làvola c'insegna che per fuggire un 



■.pcticotD pttMDte , noi iocetiiuno in «q sa^- 
-SioK. ,,, 



con gli ucce'-li, <1t(n3mlitoiKk qneiti ajutò . ai 
peici . ed eiii liipuseto: non |>at crii- ifntaiCi 
l»erclw non potevano venir wr terra. 

Stntttn.a diti* ftvah , 

1.3 fjvola ci aiomoni.uc > che itobbismo ehle- 
iJere 3)i>to it chi cì pud soccorrere, il-qitite i 
solo Wdio. 

E. d; fi« «M-o. 17<- 
ra andato un a* irò per amhtv^UloTe inani 
citià. Subito come éutinzi, li >roinhetli ao- 
dav ino per ;uon rftVi '4in,;nz( slh. pAit»,accÌoc- 
thé -gli «lonasse quslcbc c«m . L' a»aro gli fece 
dire > che non sminassero, perchè età ili meHi- 
■ih , ei4 alfjjino, perche jjli en motta la madre, 
pffiUtiè molli cittiflini l'anctr.rono a visitare, 
e r.igionsndo (ia loro );]i dimandarono ciusnta 
tempo era , che sua madre mori . KgK rifasci 
quaranti anni. Ontle. tutti comiaciirono ^ ride- 
•te, cubito chcinte^ero l'avarizia di Gohù, 

'SfnrcflU Jtlla favok . _ 

Questa favola sj può usar contro gli avari , cbj 
*oa ogni scusa cercano consccruE Ì loro dinari . 
Di 



D I E SOPO. *iy 

U. > 2>i un giovante ed un-vtfcésB , 177: 
n giovine vedendo un vecchio curvo* ect 
intictolitcy , ^§fli dimandò se gii voleva ««rider 
un arcOrU< spose il vecchio: non voler giUar 
^[tiesti (k^ati, f^er^h^ come sarai vecchi 6. > ta 
^vraì quest'arco coirle io.. 

SfMenzs aìiU fav^U • ■ 
La*, favo] a si g ni ika , chf la vecchi czzsl noa 

t ve esser ,d i spr e«« ita.., 
1 Di un vecchio 9 ed ut^g fanetulia i 17$; 
J n vecchio di settanta anni aveva presi per 
moglie un^ fiociulU di quÌ4)Hici anni> qmndo el« 
]^ era ^«l.fiorei e non potendole undere il debito, 
disse: ^b qi^^nto iT>Ue ho disposto .Ik mia vita, 
perché quando sono stato giovane mi m^incava l^ 
4B9giier, ed ora che io T ho , . maacjp ^-lei I 

Questa fivola è contri coloro , che non fa»* 
no le cose, al tempadebjtp. 

L.^ Pf//4fW/#> • dtJU pfcs, X79. 
^-pica dinicintiò grazia ^U'aquila, che fac* 
cettasse per sua famigliare, e domestica, per-* 
ciocché lo meritava per \^ sua bc Ilez^i del cor* 
fto^ e per la dolcezza della lingua. L'aquik 
rispose: io (o farei volontieri; ma temo, che 
tu non palesi a tutti qtitnto io faccio. 
Sentenza dells favels. 
li» .favola sigm£ca> che dobbiamo fuggire i 
ciatlatort, che noa possono nulla contenere > 
perchè di continuo gracchiano. 

SDel tordo , t delh rendtnt . iSo. 
i gloriava \i tordo aver fatto amicizia con 
la^rondine. La m^dre gli disse: tu sei pazi^o» 
iipiiuoln, a fare amicizia con chi abita in altre 
oÈmtrade ; quella MUl in luoghi caldi > e ta ia 
Juipghi ftcddi . 

Sentenza della favola ^ ^ 
•^uest» favcHa significa, che non ci dobbia- 
mo fare amici a co1diO| cfac SOQO a noi dift* 
reoti di coturni • 



uff F A V i- E 

UDi IH vilUno, tri uà lercio, i8l, 
n villano U cita tutti si abbniciiva; e 
Stando a vedere i' itkendki gnntte, 'imi sorcio 
fuggiva di cisi, QutfHo preic sabilo un b.isto- 
nci e tigettollo -(lenirò , ilìc^n'lo: }ioichè sei 
stato io c:isa a tempo détli (Élicità , stivvì an;- 
COta adesso nel tempo deli' infelicità. 
Senitnx.» -titll» ftvcl» . 
La favola signilìci,elw nella ptoiv^rili molti 
abbiamo ciiefannaddramìco , i qusliw'vtdono, 
che II fortuna rivolta da noi i piedi i cofàro non 
K*laoa anco di fardi compngnia. Ma alcuna 
Tolti avviene , che loto' mal grado restaqp 
. ancor eisi in quelli avversila inviluppati- 

Udì Ita tCTve. iti. 
no aveva un servo non niello accatto , e 
' lo soleva nominire re de' pazii . Egli uni toI- 
t» corrucciato gli rispose; Volesse Iddìo > che 
io fòssi te de' pazzi) cite io sarei un gran tti 
e tu ancora snesli «otto al mio góvecno. 
Sflen*.* MI* favtU . 
Qui -si dìinOEtra , che tut to il mondo i p!ea6 
iì pazzi. Dr'cani. tSt. 



X cani delli città seguivano^ un cane Htl- 
la jrtlla , ed insino che fuggì gli diedem la 



B r E SOP 0. ^ zr^ 

tattita , tna còme quello se gli voltó co' denti , 
tutti si fermarono,, e non' gli dicolero pid im- 
parcio. Un capitano cedendo questo, disse 
:.ili suoi soldati: vedete il bcHo esempio. Mai 
r uomo non deve fuggire . 

S Bel .riemonio , ed una.vecM^* zS^. 
aliva una vecchia sopra un albero, e veden* 
. dpla n demonio,, chianao testimoni, e. mosifo 
ictfo 'la vecchia ,♦ o^e saliva sopra 1* aJbero y e 
disse: siate testimoni, che quella vecchia ca- 
dere da queli* albero, e l'imputerà a me , conie 
fanno' tutti d' ogni maie che a loro avviene . La 
vecchia cascò, e gli fu detto , per^rhé fossa sali- 
ta sopra guelFalbero , ed ella rispose: il diavolo 
ini ci indusse i alle quali parole, il diavolo su- 
bito apparve , dicendo : tu te ne menti , ecco i 
testi mooi> die \o non .ci ho colpa alcuna. 
Senumza tirila favola . 
Questa fayola, significa > che quando alcun 
iBomm'ette errore, noii d^ve accusar la fortuna , 
ne 1^ diavolo, ma se medesimo. 

GDelU upttpa .• ig^. ^ 
lì uccelli si sdegnatcrao perche édle notie 
dell' am^^^> l' lipupa Ibsse stata pi^ onorata di 
loro ^ .per aver la corona in testa , e le penne 
di diversi colori , conciò sia fosse cosa cte 
s«m)rK tf sua coaversazioae iosse fra gli stèr- 
chi >\ ed immondizie . 

' ^ Sentente deìU favùU . 

Lai fav^a dinota, che nelle corti sono stè* 
jnati più l gaoimcdi , che ì virtuosi . 

A; D/ un. ^oUsv , iZ<, . 

fidava un goloso fuori della «uà terra in- 
vi tatQ- a nozae, e per la strada trotó m. fcCi- 
inula^t^i F^Cj^le quali^ aspettando egli .miglior 
cena ) disprezzo , e non ne fpce coafo j anaà 
con r orina , che sopra gli sparse le bagnò ,- 
t fonando poi un torrente cresciuto , talché non 
poteva passare, toniossia dietro, e facostret' 
to per la fame mangiare di quelle pere*. 



:iit F A V OLE 

SemensU dUU finfoU, 
La hyoh dinota, che minia cosa* si ^^e^e 
sprezzare» ^uantiitiqòe vile, ^tfhé non erosa 
sì pìcciola} e bassa che tuon 4\k Jbaona ad un 
bisogno r^ 

V'-I>)èl porco 9 e Jèf cavétto, "xtr* 
edendo il porco, che il cavaUb annuito aip 
dava a combattere , gli disse : o pazzo , doVe 
vai T forse sarai ammazzato . Ai spose il cavai* 
io: attendi pur tU' ad ànj^rassarti nef^uigó^ e 
nelle-4)rutture , che alla nne sard anunazzato 
col coltello senza gloria alcuna. 

'Stì»u.2Zé dclU falere, ' 
La alivola significa , che nìegilo è morir pre- 
sto, e gloriosamente, che viver Jungo temj^ 
con vergognav, « irituperio . 

UJ^ì un trimita^ td un totiàio , ttt, ' 
n eremita e'sortava un soldato a lasciarla 
milizia, e servire a Dio. Il soldato rispose 
vplerlo fare , T>erchc \ ^ohlati non potcvatìp 
jìscuotere il soldo , e nz ancoiabare# ' .' 
Si'nnrtlLa della favata. 
Questa favola lignifica , che molti lasciàn il 
vizio , perché non lo possono più esercitare . 
X># un viflanoy the volle diventàf soldato, tZs. 



u 



n villatió ,' rincrescendogli ' ta gran fatica 
ch'aveva in lavorare i campi, e vedendo cer- 
ti soldati arricchiti In guerra, disegnò farsi 
soldato . £ venduti i cuoi bestiami , ed arne- 
si, comperò -cavalli , ed armature, e diventò 
solda^. AI fine he restò svallgrato, ed ignudo. 
Sentenza de (ha favola . ^' 
Questa favola dinota , che o^iinb deve es- 
ser contento dell'arte sda: perchè per tatto ù 
trovano calamità, ed insopportabili disagi-; 
O Veli ashio y ^ del j^ùSohe, fpo. 

j3ì sdégno r asino ', che il bulfonc fesse così 
or^to , pJrchè ogni giorno tirava coregg!e^ fi 
disse, io ìX tiro maggiori di lui che non pu»* 
-*^ano, come le sue. ■- Sen* 



D I ESOPO. iii^ 

Sefifenzà 4^11 a favoU . 
. La £avòla dimostra > «che la ;grazta, che s'ha» 
^ quella per la -quale alcuno k grato , cosa che 
con ^li a-viene solo per T operare eh* egli fa. 

Gitegli ttccelfi . i^t. 
li uccelli. .congregati insieme volevano e- 
Uggecc an altro re , perché V aquila non potè- 
y^ reggerli tutti . La cornacchia glielo dissua- 
de, dicendo, che più facilmente s* empi'e tin 
sacco t che tre, x> quattro . 

. .V Semenze -della favoia , 
'La &vola significa > che guanti piti «ignori 
abbiamo sopra, di ^oi , per la loro tirannia , 
-tantv^ùù guai {necessario e che abbiamo. 

U Della moglie y e del marito, ^pi. 

na donna ornava mòROvif ^uo marito , if 
'^ale.seta -vicino alla iitotte > e se ne affigge va- 
assai , dicendo: s più presto vorrei < morire io 
che egli > o morte ammazza me > prima che il 
«no. matito . La morte spaventevole apparve , 
^e la donna sbigottita <disse} non sono io , c^e 
ti chiamo, iha>è mio marito cbe vuoi -morire, 
Xà, pur per ini , clie t' aspetta . 

Sentenza della favela . 
. La 'favola significa , ^che niuno ama tanto al- 
tri , che voglia <norire pev lui \ 

Di unfyiiuàlé > e della^adra '^mtrtM . ^5^|. 



P; 



iangendo il maritò la motte della ^ua ino- 
Iflie, disse al figliuolo, che cantava: taci fi' 
gliuol mio , e vergogna cantare nella morte 9! 
tua madce • Rispose il ;figliuolo: se ^u p6g>hi i 
frati , che cantano ^ perché mi riprendi 'tu , se 
canto io ijjeóza danari? 
^ .. . . . , ' Semenza della favela . 

Riprende qui la favola il tostarne di piange- 
re senza, aitile alcuno i.faorti .' 

U*Dl un golose 9 e sua 'moglie , 1^4. 
a goloso^ aveva dato iin-^i4xa id un %uo 
.«niico k moglie» ch'ef^lU serfasi^ i|Q0;alf«o 



i»a r A V Ò E E 

ritegno . L' amico glielo promise , « vedendo 
ypì iion potérla guard^ce , d^tsse : mi coiftentb' 
ra, che il mio amico né avesse dato un sac- 
co di palei , e che io fossi tenuto lasciarli o* 
igni giorno fueira a |»as€ere, e ridurli poi la 
seca iuUì nel sacco iiprìma che mi av^essé da- 
to io custodia una donaas conciDssiaciiè Argo, 
che aveva cento occbi -oon ])Uote tamto gaardac 
che n<?a {gli fofsc tok* . ' 

Sentenza delU favola . 

Sì dimostra 4ft gran difficoltà, eh^ s'ha la 
conservare nel suo odo^, ed onestà di vita 
una donna , che abbia cfif tivo pensiero . 

Vi un Tedesco <&€ nonvelevm tr i steri ."L9<, 

TT ■ . - 

V^ ft 'tedesco infermo fece chiamare i. medi- 
<;i, i<({aali dissero, coBosciuta la sua infermità ^ 
ckc bisqgni^va fare i cri steri . * Inteso ' questo 
il tedesco, cntr4 in tanta - collera , che usci dei 
lettole cacciò via i medici, dicendo: igno- 
ranti > mi' duole la testa ( come vi ho detto più 
volt*) e voi mi volete medicee il culo, dove 
non ho mal alcuno, e che sia vero, vedetelo qua»* 
Sfittenaa della favola / 
La favob riprende la impazienza degl'infermi . 

L9 J>tll* asino y € de ktpi • X96i 

asino ammalato gravemente stava permo* 
lire . I hlY>i , ed i cani 1* andarono a visiere , e 
battefono air uscio . . Il figliuolo dalla finestra di* 
n|pdò loro ciò che volevano, eglÌTÌ8]tosero: 
valiamo sapece <ome sta tuo- padre , ed et gli 
disse: ei sta meglio, che voi non voireste. * 
Semonza della favola ; 
La ùvola significa , che alcuni fingono , che 
la moirte di qualch'uno gli rincrésct, e niente 
di meno la desiderano sommamente 1 

Velia noce'y t-asitiji^eMohna . ^^2^ 

\j i^ éotuìs^ diiMidd alla noce, cosa signtf^ 
ca.^ «che gii jo^uboì > che passano ^ le tiracio i 

* ' sas- 



Dì ES o*a; iCi^ 

sassi) ed ella tàn^o più crescevi. E}Ilk rispo* 
se : la noce , 1^ dònni , e l' asino sono legati 
da una medesima legge, che mai noa ianno 
cosa buona senz.» il bastone-. 

Séfttenzuft dèfis favolar» 

La favola significa la pessima qualità di at- 
cune. donne > che ciò che di bene fanno , lo fanna 
per il timore, ^on per carità, che file abbiano. 

Beli* esìmo cÌ7t non trovava fine atìt sUe fatiche . 

JL 1 eli' inverno r asrno si- afffiggcva per ilfrerf- 
do , e non mangiava aUro*, che paglia , e desi- 
derava molto k primavera, per non aver tan- 
to freddo , e per mangiar l' erbe tenere . Ven- 
fte la primavera, e bisognava, che portasse la 
terra alla fornace per far mattoni , e disse : oh 
Dio, Se ibsse pur l'estate mi riposerei un^po- 
co. Venendo" r estate gH bisognò portar grana, 
paglia , e pon>i , e di^se : è meglio per nie , che 
sia r inverno , perche jl padrone non può lavo- 
rar per esser freddo, ed io mr riposo alquanta. 
Sentente dtih j avola , 
La favola dimostra apertamente, qual sia la^ 
▼ita de* poveri , clie ad ogni tempo conviene 
loro stentare^. 

VDei sorci y e del gatto. • 
edendo i- sorci, che il gatto si ri posava v 
cKssero : certo qyest* animale non deve essere 
crudele, «come dicono, perché la sua vista non 
16 di. Un di loro disse rio vbgho parlargli*, 
e veder s' io* posso &re amicizia con e&soKii • 
Ed uscendo dalla tana andò per parlargli. 
Quando lo vjde il gatto gli andò aadosso , e 
lo manjgiò, e vedendo questo gli altri noa 
vollero "uscite . 

Sentenza delia favola » 
La .favola dinota, die F uomo ^ non si deve 
considerare all'aspetto, ma all'opere sue, per- 
chè alle volte sotto la pelle di ìiqji pecora è- 
ascoso un lupo, i. 



» V' 



UBJpm asinai cif*évevAu^pa^onéJfigtat9t 
n asino.avcva servito ud partfoae mgiio* 
tempo ^ ji^^mai aveva, Mi|a: pipi^odo .una 
gran sOma per via. sasagtsa,, cas<;àr per il gran 
peso , ed il padrone gli corse subito addosso 
con il bastone >. e- b^tonoJJp. assaK. cl T asino 
Jta «e ipedèsimp diceva.; oUne-sfqrtouito> clie 
io ho. avuto sl-cal^ÌK«(> iwltoiaer e IJiw? servito 
tanti anni > e> aoi^'t'gUt bo èHttp 140 minffnQ 
mancames^o» e per fi. poco errore» noo ca)»a3<^ 
io -dà me, cosV ^mdcbtveole m ba^f ... 

Questa favola, tocca L padroiu , ingrati,» , cKjc 
tengonp molti anm un povero fetviclpre.» e p^r 
un^ minimo . errore > ch& ficcia ^ subita io scac-- 
ci.i'no ftior di casa . 

Jnkvendq il. lupo, fame ,^ disegna mangiàfe un 
riccio^, ma tion ardiva per^ gli spini ^ Gli co- 
mincio persiiiidere, che si leva$se. quei peso 
qat/e. spalle» e^ gli ripose :- noa voglio £ir que« 
^to > perciocché, sempre e tc,npo da combattere . 
Setti cnza^ della favoU .. 

I4a favola, significa che 1! uomo prudente de- 
ve star sempre. Jiir ordine, contra i nemici.. 
T • pel. snrdoiy. e. del njH/a . 30*. 
Xi sprcio vide il nibbio presa in uà 'l^ceio , 
'e gitene venne, misericeli ia , e rqd^ndoLgli spa- 
ghi del laccio , .diede. IpogQ '^t nibbto-, clw vo- 
lasse «'E^K essendo bbcro, ed avendo fame 
scodatosi dcK bcneHzia avuto > ^bito prese il. 
sorcio >. e Io niangiài * 

Sittfenza JelU fayoUy .. 

Ls)^ favola significa» che sempre p^iaiìy che fa-^. 
rai piacere al, tua oe.mico > pct; sempre; si pa- 
gherà, d* ingrati tudiiv?.. 
TVT jbella tartatugOri e. Giove i 503. ' 

SSS el principio dei, mondo , quando Giove 
diede a tutti gli animali quei doni , che gir 
iìlii?»andar<jrio , u tartaruga gli. disse : io vioglio, 



Bt ESO per. ttr 

c£e tv mi conceda , che possa portate la mw 
caf3 con me. GIoTff le- tupojet peicli^ tiioI 
tu' portar teca questo peso ! ed' elU tispoie; 
Io voglio più' presto portare questo peso , cita 
aventiò un mar vicino'i noiv potenìii dalui'al- 
fontanare:. 

Sentititi JelU fsvalk . 
La trtoU signilica, ihe im md y'uàpa toa, 

ri incDinoHità si'f^e fuggire.' 
Vel riiifa , e JU itTffntr. i/ì^. 
riccib' pregò- il serpenti^, che l'AceettaMa 
riaremo nella sua taverna!. Egli fa contento « 
e stando foro insieme-, »o)endosi il serpente 
volNr* per là cavèrna y non poteva per g[i spi- 
ni rlel fitcio che Io piirfg-eTano , e disse : di 
grazia fett'i da banda, ed il riccio rispose i chi 
ron ci pu^ stare se ne- vada, che io van to-^ 
gì io di scostar mi'. 

Sintciit.ai dilla f*vol0-. 
"■ Questa fjvola signilìca , che Va- non ti devi-' 
mai fjf compagni quelli, che non puoi cacciai- 
a ora > e che sono più potenti di te ^ 



Ja (ffpre be«eggia*3 la yeìpe , con dire ehs 
i. nigliore di, lei, e che I« bastava l'animo. 



114 • FAVOLE 

fifsgìrc coi correre ogiji gw. cacciatóre ^ e . f k 
volpe disse: ed* io col mio ingegcio sgefse 
yqlte fòggfo i cacciatori, ed i cani^:* 
Sfnttnztt.^ dèlh favole . " 
La favola significa, che F in^gno a»jip/era lok 
velocità , e la fbr?a del corpo ^ . 

U. Z?/ «r» vilUnp^y ed Ufi^poetSx^ 5^f^ ,. 
n vtttano andò da un- poeta , perciiié ìarp* 
raya i di lui campi,* e trovandolo con i Iibt.t 
^H disse.", carne |Njò essere ,. che ^tii setnpie 
sblo? A cui jl poeta nspoise: io son- solò ora'», 
che tu sti venuto <jui. ' , 

Sefftenz» deità fàvola . 
La fevola significa ,'' che un uomo IcfUtatQ 
è solo, quando sta fra |?4' ignoranti ., 

IT>J un paiire fd'-un f^lie . 307. 
1 padre, esortava il' figHuoIo , che. attendesse 
agli studj , e lasciasse. Lvizj, e cerca ra persua* 
dcrgli^la bellezza della virtù, e la btotteswi 
de* vi2j . Il figliuolo rispòse n taci, di grazia 
pjdre mìo,. "perche avendo sentito molti pre- 
dicatori, che mi esortavano alla virtù^, non gli, 
io voluto creder, manco 'voglio dredtìre a te,, 
ch^ non' sei pttdicatore . 

Sentens;^ della- fan>olé^ 
La favola significa , che glt uomini di catti- 
va natura rarissime volte si possono levar da L> 
vizj per akttna esortas^one^ 

UJ>i un pastore > ed un cane, 308. 
n pastore aveva datò in guardi i i suoi- 
bestia toi ad un cane, i^l qu^lé teneva in casa,., 
ed ac^oj^hè si diportasse beae la«nodriva ot- 
timaiT^te, dan degli bene da mangiare, eA^S'^ 
S9 .ogtkt ^giorno g£i ammazzava qùakhe pecora,. 
e- la divorava. Il chie ^no^cenrfo il padrone, 
lo^ prese, e volendolo. ammazzare gli disse: dck 
padrone» noo^mi artimazz^re^ perché io son tuo ' 
jF^migtiare. Il padrone disse: tanto più ti vo- 
glio ammai7<z.ire,, p»crcbc esse^dd tajiaiò fiimìr 



, pi te S QPO. zif 

gtraré) e ficfandom'i io dì ti$, tu mi hai ttadU 
to,.e però iQpriKi gran pumziqoe. 
Setitetfza ^àtUé J avola . 
Eà*fàvoIà significa > che quelli- devono «stt 
pumti 7>ìù ^aìtementej. i <1U2^^ nuoconò cotlo 
colore di amicizia» che <)ueIUv L quali' palese-» 
mente si mostrano nera i<:i . 

11^ jD# un montgne ,gfd un tùto\ 3P5>, 
lissendo un montone Hi buona stetuea fra le 
pècore, come è suo costume combatteva co« 
gli altri montoni , ed ^ra sempre vittorioso » 
di modo che venne tanto superbo > che volle 
combattere col' toro; il quale gli diede con le 
coma tanto forte ^ che lo gittò in terr», e gli 
ruppe la fronte , e le corna , talmente che oe 
hàor} ,* e spirando diceva : O povero , mie > io tra - 
tanto. superbo, che volli affiòntare' il' toto, e 
h natura Tha fatto tanto gagliardo > che nooF' 
ha parrai móndo. 

Sentenza delìa favola . 
' Questa favola srgnifica, éhe non dobbiamo com^ 
battere con quelli , che sono più gagliardi di noi. 

Adì una. vedova y ed un asino verde, 
vendo animo una vedoya di maritarsi è 
dubitando di esser befijita> $i cousigliò eon bt 
madre, la quale gli £ccc quei^ cqmpata^ione. ^ 
Una persona aveva uii' asino , e fecelò dipinger 
re tutto di verde , e* correva ognuno » veder- 
lo, e se ne ridevano. ÀI lungo andare, avveo- 
ne , che niuno se ne maravigliava pid; cosi'. 
accaderà a te , che ial principio ti fcanno tuN; 
ti falche cosa , e dappoi ognuno taceti, co- 
me fecero dell' asino verde. 

Sentenza delia fJhola . 
' I^a favola significa, che hiuoa cosa è tanto 
miracolosa che in ispazio di tempo non si pon* 
ga in silenzio. , 

S Dell* aquila f 9 de conigli, 311. 

tando r aquila nel suo nido , vide alcani co- 
nigli di lontano, che pasce Y«no, e subito-.* 

K. 5 vo*- 



iitf FAVOLE ; 

volando li prese > è fTortogli ai ^i figliiidlt. 
Là. madre de' conigli la pregò> che te voflesse 
rendere i suoi figlii^oli ,'cd ella, nbb volle*,' an- 
zi gli ammazza dinarài a quella . Il che^ veden*. 
do elhu sfìegnata, non sapendo- altra via di far? 
tic vjndet^a y per noti esser pari air aquila > ca- 
vò tuttarla radice dell' albero y tiel quale stava 
ii nido dell'^aquila , di modo che sopraggi untò-, 
da un' poco di;vpntò F albera, cascò , e gli à- 
'^uilftìi morirono*., 

Sentenza dpllA fàvola ^ 
\ ta ftvob signiffca, ^he niuno si deve tanto, 
confidate nella, sua ^rai^dezza che faccia dispia* 
€01*1 a poveri ,. con. ispj^ranza,. che quelli.^ non 
siano bistantì '^ vendicarsi . 

VVet luccio y. e del Mfna, 5 li* , 
edendosi, il luccio grande più degli altri pe* . 
sci di mòdo > che signoreggiava tutto, il nu- 
iiie , non 'contento di ?^quel lo , andò , in mare > 
speranda,aver m^g^iojr dominio . Entrato eh* 
egli fa nel mare s'inltontrò, in un del^no, e 
fedendolo si; grande ^'é velóce , sbigottito ebbe 
l)aura e sì ritirò nel fiume, he rcAk più usci- 
re dal fiume fino àl^ morte-. 

Sente^a. della févoU, 
' Questa favolai oinota, che' noi. dobbiamo es« 
9er. contenti delle, tost, nostre » e non desidera- 
le quelle che a noi non sono' egàali. 

Della pecorai è del pastore y 315*. 




la pecora si doleva, col pastore, dicendogli: 
esser ni àitiattata da. lui, ciie mai.. non si sazia- 
va, togliendogli ti latte, e la lana. A cui il 
pastore disse : noÀ solo^ io ho dominio di le- 
varti iji lana, ed il latte,' ma ancora . voglio 
menare il tuo figliuolo al maceilo, e lo voglio 
ammaz:(are, e darti a mangiare.a'lupi , ed a*cani. 
Allora la pecora tacque dubitando di peggio. 
Seuiffita, della favola . 
\ii favola significa che^ dobbiamo, aver pa- 

zjcn- 



Dfi eSQPO?. tvr 

Bi^fiza ,. fttando Dio ci t5>glie la roba ed- i fi^« 
gliuolìy perché ha arbitrio di fare maggioric 
cose di qupllc- ^^ 

Pi «190 cke p¥9viì i suoi amisi. 514*, 



u. 



a:riccovi,e liberal^ diceva ogni di convifi'^ 
a* supl aulici > i quali lo salutavano» ed onorai 
xano^k e volendo far prova > se a un- suo- biso- 
gno sé «e fosse potutowalere, £?ce finta di 
aver di&renza< con certi nemici iquati vedeva, 
ammazzare y esperò ir pregava , che lo volei» 
sero aj ulare». EssÌAon Vollero^ prender 1' armi > 
eccetto due. Il che vedendo egli > diede ti<«n- 
«». a tutti gli altri ,.- e ritenne solo que* due . 
Sèutenzéi délU fsvoU, 
La ùvola dimostn» che la fortuna^ avvttsa^ 
i la esperienza degli amici ,. , 

EDeUm volpe y è del Mne ; 51^. 
ssendo seguitala volìke dal cjuiei e vedetid»* 
non poter {uggire-}. parlòl al cane» e disse: O 
cane-, perche. mi seguiti? La; mia caroevnoti è 
jjuona^da laangiarei segui .quel lepre , che dor- 
xe U , la cui carne è miglior che . la mia', fi 
cane vedendo il lepre lo seguile peithè cpr^ 
teva velocemente^ non. Io- puote giungere . Irt- 
idi. a poco dappoi il lepre.* trovò la volpe > e dt9- 
segli male , perchè 1' aveva, lodato apprèsso il ' 
cane , ed aveva udito- ogni còsa ; disse * la. vc^- 
pe , che diresti- tu, s' io^ t* avessi vituperato, 
che per aver detto bene di te, 'tu. ti iainen^?^ 
.Semtemza~iiflls':féfuol»*, -^ '.; ^* 

La &vola significa, che. alcuna, volta '^si loda 
qualcheduno non per ; onorarlo ^ ma per , faf lo rò' 
vinareia qualche jnalé: trovano- poi <}uestjL hìsi 
lodatori sempre qualche scusa al suo inganno. 
VeiU volpe , e dell*» lepre , | ìéTf, . . / 

Jlia lepre , e la volpe ^ a. Giòve, dimandarono , , 
che: fosse contento fior la t volpe veloce nel cor- 
dai come la lepre > e. la fepre astuta come ia^ 

K. 6. volt- 



i(QÌ^^ .Git^ iispós&> che al priaci]it4hd£l morii 
<Jo 21 'tii|:tt gli animaii>^wa idftlo un doiio^, 
che tutti debbano star cootenti di quello. j> 

. O^tiuDÒ si deve contentar della sua sorte, 
ì>ti é^vùLli^ cJkf^, isìfreitféim *kp0ÌÌB.. 517. > 



iL*pi 



n - 



»n:evan€^ akimi .cancalU lefi^ psdìo bene oraatis 
im'quaii ^ oe . era uno*. Biagro ' e mai adornato » 
^d era da liiUi \be£to . Daiidosi le-'ioPss&i U 
ipag^iip cQrs^ più degli, alivi., & vinso^nl^ palte». 

- Ld Àvola, Mgni^a^dhe&oa dobbiamo giudi^ 
Cajre^gli «oitiifii secondo. r^abitPv ^^^ srconii» 
la virtù . --.... . 

A. Bi.iÈin vé:iÌMo^ tittm7^»$U$i\.^ìA^ 
Vendo un villano «ina lite, andava al pF<> 
curatore > ili quale oonw lo vjede^ar fingerà- -dì 
i^liVedtfle., e d' avere akxi negoa^ , ne ancp 
fi$colt4ra -«ciò: ch« diceva.» ,di nacxiQ che il 
"villano .slava di mala'^VDgHa . Uà .giariip ,prcse 
im. a^hfljo hello c^gnisio^ edandò'l» mattina 
M^»ajdclr<pR>ciitait(m. Ciotse* fbjvidnò^ ails 
ssm & -§9ddt l'^agnelk) ; fienftita qoesla il ser^ 
^dpr^ lo menò;B^di»fieo t Ai £rce da«e 
udi^P^à. Aìi»^ ih^yiikxko si volto aUlagorllòi* 
4icendoji o ag^ell^, iO'fei\6QQo moto obWgar 
%tr pcìrch^ mi ìàm ^ìi/oàwc oost ^xta udieni&a v 

^^i^Q<«rsla.£iiwl%<diaio5tra) chr oiaino è iant« 
difficile che n^n ?W; idìidii per* ii doni , 
: jT: T . Z>y «» '^0vine. , r dTÌM» lupo.. i\^*' 
A^'n . gi^tvine aiàendo -preso, mc^lie' éìovo^ 
l^ici p;9r. il . troppp. i:oito diventò, così soc^ 
cp , smagrito^ che non si . poteva mtiove^ 
re. Starilo .un giomokval ^QÌe>,gii passò a can- 
tp un lupo', eh era seguito da certi cani., 
e dietro i cacciatori , i qUali gli dissero » s' 
aveva veduto correre per' là un lupo seguir 
ip dai cani, ed egli risposti ii-lupo.-CQ& 

re 



* re là tanta tvekccMiehte , eh' ìagiiidito > ek'cgll' 
non àbhàa, mogiìe» ^rché« se egli^ avesse; mo% 
glie aoD correria cosi, ferte* 

La £nroIa vuol dknosrrare- «pianto sk - itii)»e^. 
dimento arit moglie. - ì 

UH/ un ve€c^o-y e d*^\t» gicwnet 51^. • 
n Tecchio aveva una.ptaftta^ di .bei pomr; 
ìd uD suo osto . Ub giorno y\à^ un giovile • 
«olla -pianta^ che coglieva i suoiv pomi > e co><- 
nùnciò con*. bvone% parole prcffandolo , che ^vo- 
lesse lasctatli . stare > e diseefijesse cklla pianta . 
il giovine si boslava delle «uè parole, e> s«goi- 
fava a raccoglierti. Ilvecshio vedendo chele 
parola non valevano^ disse fra se: io sempre ~ 
£so inteso .> che la vùriiL consistè nette parole» 
nelle erbe» e nelle pietre-, or se le òp^fe non 
taglioDo , voglio vede&c se ncll^ erbe e virtù 
di cacciar costui . Onde colte dello erbe» egli 
cps^ncià;a gitlargliele . Costui y che era sulla 
pianta » ciò vedenoQ smascellatanacnte se^ ne ri- 
dÈ^va ,<pa^enjEU^i ^\ che l' uotno nofi'pocb deliras- 
se Egli vedendo > ehe né le ]Miipie> ne 1* erbe 
valevaiQOj ,vQlk. vedìére.* se- le pietre >a ve vano tal 
virtù 1 e- rtccoltonser un. buon numero, coihia* 
«o tifargli divbuone sassate « Iemali il giovi* 
ine ^ede4Hao > fr sentendo > discendendo dali' al- 
bore quac^o V più? presto, poti si. tolse- fiioH 
deli' orto , e cc5Ì quel» che jaon poterono far le 
parole , ne l' erbe ^ lo fecero la buone sassate 
ancosa die venule: da mano poco gagliarda . 
Sentenza .delia fmoU • 
Questa favola dimostra, che l'uomo savia 
deve tentar tutte le vie, yriraa.che^ venga 
all'armi.' 

FD0lr9t*gnouùhy eikiio sparviero . 5v^a;- 
u preso il tosignuolo da uno sparviero a!^ 
&nato, il quale, b' v/oieva mangiare, e gii 
disse, ch^ gii lasciasse la vita, pronoettendot- 
§li un graiLdono. Lo spai viero^li disse :< che 

pia-.. 



2^ W AYOtE i 

ipti(;fi;^ 4M ^otui tv &re t «é il congmiolo disséc 
cantaro <)£[cii matlint Uiito.ilaicemeote che ne 

Bon mi cu^ di' xAOiO'i'pmkè: sedza qO^sta 

La favola dixQoska» che. le «ose utili A de- 
1M>Q(» pQlpccift^Ue xUettevoli..' 

X\el tempo deiriiiYerno andò ìL pulce àira- 
pi>eiojrodmaaddalto|fgiaiatfitio,.e da mangia- 
la}, ftpm^teniàoh dViji3egQar& aloro. %liuoti 
. U jnu$ica ^ Xk'api rìsposetoi, aoo Togliamo > che 
i nomiti iglìmiil imittcino .qaell!«le;^ ma quel- 
la % jd^ gli può. dar da mangiare? e levarli di 
povertà più; peei to «, che la. musica.» la quale è 
di niuaa. utilità. .< .• < . . 

L4 &%oh dmefta, elle noi dol^biamo &rim.- 
parare a* nostri^. figUtioIt on'artC) dglla quale 
PQMai^a «avar.^qiiMPhe frutto . 

IDel li§H0 , fatwpy e Is kpf4^ 511. 
L leone «e .:dcgli^ aaimaiii-da quattro piedi 
v^fembi oombattcae cib^ii -uccelli , ttotti gli 
ammali. ave»u racfsflk ia. odiioe contia quelli s 
etModoL i:asllKl,.ed^U*iepte in ordine per com- 
Ji»aUiffe>r^ dimandata <|Ìmì che .«eleva far di 
quegli aoimaMveh^ noa etano biom ajb guer- 
ra , ed. esso rispose : iWno col* suo raggiare in 
luogi» di tnuxm. esamteià x soldati a combat- 
tTOs^cd il lq«e, per esser veloce al, coeso,, 
farà ÌN^fEcio dL. corriera. • • 

La favola., dimp^xt^y che niuno è tanto da 
poco» che non -sia buono da. qualche .cosa . 
Degli tparviiriy cke tnsiemtifpméattruéuto, ^i$. 

Vjli sparvieri essendo, fra loro^nemìci , com* 
hatteirafio, iosieme di rnsodo» che gli uccelli 
abir loro non erano mai slati. Vedendo le co- 

lom-. 



ha loro, « gli' fecero^ far f»ti «d cefi, pacift- 
cati che. furono >€pIftiaciaro^o4per5e§uitAtegit^ 
alCri- acceUì-y er^. massime ie« €olomÌ3é, le^ qmi 
dappoi si dolsero, delia: to^ pac^ cN^aiKtO). f»et 
Qpi era. meglio ^,clìije ibssefaxp -guerra &a loro. 

La favoli dirnostra^^ cbe qaa&do i cattivi 
(Cittadini soBo in guerra fra loro-, lasciano sl%-- 
re i buonK . . -, . 

UZ>/ un 9HarttQ yc -^ unà^ mtgUe * 524». . 
n uomo dotto aveva pr^sa^ ^moglie > e 
percK' era: antica, usanza:, che h dooa^ portava 
uoa^ fkccpia^ accesa, in casa deI,ttia»to >. fo. dt- 
liiandato,. che sanificava quel fuoco^ acceso » 
<;he^ portava la« sua donna: ed ^gli rispose < 
l^erchc oggi i. messo, il fupcci. in casa, mia . • 

' Lst favola, dinota , che coin« aie(MU(> d<9boa 
entra in una casa. ci entra il fuoco. ^ ^ 

Di un podestà ce' évtvm, ruàatg 0ÌU - pkùnfint$0\ 

l podestà di uoa^^^ provinaA nel^t^mpo del* 
oiHzio aveva/rubato assai , bisognatid^o, lestitiik 
il mal tolto r. facetamente, fu detto da uno-: 
quf sto. nostro governatore.; fasifitlO' come £i»> 
nò le dònne'» che;, concepiscono^, con grande al^ 
[carezza, e partoriscono* coty. gran dolore. ^ 
Semenze dtlU, fsv^U . 

Questa f<evola & contra coloto^'tlìe usurpa^ 
no«la roba d" altri. • 

VDi un vecMo^t t' della- Morti ,) %%6, 
enendo b Morte per uccidere un vecchio > 
fu pregata da. lui', cbe aspettasse tanto, che 
facesse, testamento. La Morte rispose non vo* 
lergU concedere. tempo >. perché tante veitecra. 
stato ammonito , che si preparasse > e notìt Tave* 
va, fatto s egli, disse, che mai non laavea am* ■ ^ 

monito y ed ella rispose: quando io ammazzava^ 
À tuoi compagni, e tanti fanciulUy e giovani», 

e che- 



«tf 



n^cb^ tu tt sentivi mancar^ lè' fòtfe) allóta ti> 
tf amicava , ed afiota ttt ^ dofvevi * pensare alli 
morte , €: dar ordine alte ccf^ tue : 
^ ^Senttnzaìiiila favole. '"' 

La faHK>la viiol si^ficare ^ cJ)*e stiamo sem- 
pre apjwrecchìaèi al ben morire , perchè non 
sappiamo ne il S\nè i^^o**^ delta tioslra morte». 
T? I>Ì tM ùV9roye'dtsmt denari, %^j: 
jLjssendo um avaro vitdfto aHa^otle, feceii 
portare tutti i suoi danari dinanzi-, e' comia- 
eia. parlare *9. loto dicéhdo : oh miei danirL., 
ehe eoa tant» fatiche io ri ho acquistati; e 
VOI non m'avete mai dato uh piacere, se non 
fiàstidj , e malfiicoDÌa. I danari- ri sjiosero; noi 
daremo .piècere aJ tuoi èred?, che tutti ci 
consumeranno in d^ne,..caecie'> cavalli , e 1* a- 
ni ma tua andrà* a casa M diavoh> , 

Stmtnxa delia favela . v 

La &¥0Ìa.- aoHnontsce, che non dòbbìànK) far 
tesoro qui- in ter^a, dove non e la nostra patria; 
rtft.' in jr^elo -ddvc eternamente goderemo. 

UD/' un rscco.-i e della fortuna» 31 9. 
n ricco disse ad un povero, che andasse 
a pattare alla fortuna, e fa pregasse da parte 
5ua *. che mwi' gl^dérse-pid ricchezze , che non 
ne voleva ptù , e gli* Voleva dare cento scucii 
per sua fatica. Il povero disse, esser troppo 
prezzo - pet si* poca viaggio . Il ricca gliene 

;. offerse novanti, ed it povero "dhse, pur ^sseir 
tsQppo, e gliene <iiFefì* ottanta, e cosi venne 
insano ai dieci . Il povero prese quéi dieci ,' k 
Midà^ tte^are la -sfortuna, e le disse da parte 
del^iccQj che non voleva più ricchezze, ma 
pili presto le- dess^r'a lur, che era povero. A 
Gifi là fortuna^ tispose , che a fui voleva duplìr 

V care j) anzi ^iripticare le ricchézze, m^ non vo» 

ieva; dar cosa alcuna al povero, è voleva, che 

f^ fosse sempre povero , e che non a v cria avuto 

anco qoelli dieci scudi, se non era ch'ella 

darmiya quando gli ebbe . 

Sen-. 



%. 



D T E S Ò por.' r0 -~ 

La fevohi significa , 'Chc U'fortjAa^* setrfprer 
atnt^a ad.ian felice, fA ancorché^ egli non vo- 
glia , gli da' le x\QQhsxie , ed' altri beni , ed* è 
sempre nemica- al 'povero* * . 



p 



iangevao.H macìtti H nórte d^ail^ sua ma- 
glie 9 dicendo,, che mai più non yol^va pigliar 
moglie, e vole?ra imitaire la tftctora, é stafjfc 
solitario , come sfbrtunlitto^. Venendo ^i, le- 
àlo»ne per mettere la morta nel feretro , e yo- 
kndo metter una b^ìh, veste , per mandala '^ì- 
la sepoltura; subito $i Idvò il^^marito, e di!>- 
se: lasciate star (juesta betta -Viste, pcrcW*fb 
la voglio CQOseriWirc * pcr^ T altra raogHe, ciré 
v<oglio pigliar presto . Lp*qu0Ìijp3£ofe comtnos*- 
scio a riso iutti quelli , che vr erano predenti.. 

Sentenza delia faveh . ^ 
i; Questa favola diiwta', Ae ranilno diftcil- 
xhente si può- celare-, che con parali non sL 
^uopra alle volt«, toassimaiseRte negli afièttl. 
•morosi . . *' 

r•*■«^ Del ^app^gaih . 5ja ' 



E 



sscndo venijto il pappagallo da-orìente in oc*^ 
cidecìte, dove questo uccellò non suol nascere', 
URO* gli domandò, perch^' ei^a qua in * maggio^ 
eslimazlone, che nella sua patria, e perdfé 
aveva una gabbia di averto, con*i lbi;nimentiv 
d'argentò , ect era nadrito- d( cibi delic:ft issir 
iiit) e ^tenuto in gran cura? egli ripose: noQ 
timaravigliafe di questo, perchè nella pitri^ 
sua a niun é dato l'oaoreo che gH conviene*. 

Sentenza della favola . 
- La fivola dichiara > che nissano sa]^iente;^ 
a^oelto «Uà sua patria ^ 



i^ii: 



.aquila standir eoa glt uccelli 9^ ài%9ti.Uf} 
non crerio, che $ia|.atcuftO' di voi |Ma beilo di 
me y il che ky coopfc©: per molti «egcit f ^|- 
ta la sua persona ]<od4vi,, p gli. ,uc£eiii /tutti 
r a^rmavano ^ dfòendo. esser I* valiti,, U pa- 
vone tacìtiunente di$se r 11 Becco, . e Funghir 
ti faOQO belio» e se npn ipssera ti|ue«U> .saria 
qui» che tf Krebhe*. vedere >, che tuil^n sei ii 
jjà bello yma^,ii più bruM*'^-. r.t j ■ 

Ha iavola dinota, ;Ché ie.cas^, 4^*^ patenti: 
A<m 51. lodano per verità « qia per, tiptiif>r»^ • 

JU caoe hct^à (GufDipagoia all' asic|o »> ci^.por* 
tava unr sacco, di pane a un luogo j , doVe noiar 
cwnòi molti povtri;^4icI vi^ggio^ rvefiqe .fame 
air unoy e f altro. 'L'asina si pose.» pascer ^ 
V erba > ed il Cc^n^ di/p^^dò. 4JÌ' .a^ino , eoe gii 
desse uà poco Al pane . L'asino fa :<lileggia;- 
V;i, -e gli,cFicefa> che 9i:mgiass«t l'erba eoo lui*- 
Tra questi p^lain«»tt ^-«eccQ -Msik. hipQ.»^ e Taan- 
ino disse; oh compagao cane ajutami di gra*^ 
•ó^, che il hi(v> aaa mi ai^niazari» se tu tt 
voltt coopta lui, son, cerio ch'^egli^ fiiggità. 
Rispose llv cane: ora fju mi ehiamr, che. io U 
s^ati>je muì non ju^ h^i v^ol uto dare un poco 
di pane», va io tua^ m^rora, 009 voglio pi4 
taUiPompÀ^nOr e lor las«iò m^S^^ ^ lupo». 

La iavola ci dimostra che- aon doUnamo- 
lìispteziare alauio.> che. egli non sarà tanta 
iaullle } e 7aiio> che a ^ualcfae nostra bisogno^ 
aon ne possi ajutare . . 

J>K un pavera cft^ trovè u» fetore. ^$sr» 

\J n povera aveva ufi9 ca«a> cfir stana pec 
cadere . del chei si doleva grandemente , e con- 
templando una fissura della casa> vide un. va* 
ao di rame 9 e cavandolo dal marQ> lo trovò 

piCr 



Tgufio di Bcvàjt^ óì tbockx die H cMdfe se gH' 

Sentenza ddU féV9Ìé\ • 
Là. Àvola significa,.' che alenila y^k3h<ineM,. 
che noi penskmo ci «iit vpn6,.<^app«rta*gÉan' 
di$sima. utilità , e perà nba dobbiamo sèmpre 
dolerci dS qud^ che: j:i afirkneyt[uafltan<jue sì 
rooSitTÌ:Spat«iitevofè^' . ^ 

L27f//« virià', t^M* difìott, 3Ì4»'' * ^' 
^. virtù disse a* dlcuiri : percliè ' pkì pretta 
andavano i a mano- de' cattivi, cbe.de'btioQÌ, 
ed essi risposero ri miei scolar t^ano' ttsar^,« 
giuramenti falsi , tinte cose enormi ,. o-bnittv, 
e con queste mT^^cquistanor ed* i tuoi fanno^ 
al ooQtcario di mofio^ ciie slama sibr&itt fii|^ 
gire dr virtuosi , ed andare accattivi». Bispiose- 
I» virtù 1 poichi^' cosi é> voglio pin presto cfae: 
i miei scolari siaoa poveri, che ticcm . i 

La favola vuol dino^arr»' che le ficdbezte QO^ 
jù acquistano per lo #« $6- «oà cloii perdita, 
dell' anima , e di«ajg>cltl €orpo.. '^' *~ ' * 

L^ IXelìa^uit^, t'dii gufi, ii^f * 

aquila, chiame tutti -gli ucerili , dicendo» 
voicr godersi di gualche tòro bel figRuolo per 
cortigiano. Tutti gli- utcejlt- gli propcwera ,r 
loro ,. tra* ^u li. fùronm qtìcHì del guib, ìf 
quale diceva > «he i suoi etai^ ptò befii 'dtgli 
altri. E r aquila gli dhs« r a ehf ijf arssomi^ 
gliano ? ed el cispose- 1- a me . Onde tuttt ^ì, 
i(l tri- uccelli ne risero itisieme con Fifuila'« 

La Cìvola: dinota, che a titHl i'forofiglitiOB- 
li pajono beili benché siano br^ittissiiBiJ 

Lt- DfU*éMw% ^ dei pòrco . l$6, 
.2 



asino- aveva in vidimai potrco » pevcbé e| 
portava.^ ogni; dì la somaK^/il^potco; non 
ceva mai 'niente , ma -tutto il giornea ma rigiaTs 
pei^ it^^^arsi . AvvenBe > che il; piidtone; vol- 
$$t amnuiz^ar^ il porco-, l-aUno stàv:i a vedQ^ 

r^ 



^ts FA Vp'L sr' 

xelquainfb Io meiiayano aP macello : e qaaiuìoRo 
vide scannato', e fattone pèzzi, ^dissc ttat ^ 
medesimo: ecca, cHe fine lianno le carQ;eze 
fetJtegli y dal padrone r dunque ' è meglio esser 
asino che poi:«o y é ' restò contentò ielia, snx 

Sentente dtìla favoU'\. 
La &rola significa, che a queiji, che paja- 
no felici', no» Hobbiamb aver invidiai perche^ 
srile vok«i la fetfcità' è piena di miserie . ' "^ 

U] I>i nn» maritò, e deih moglie, j;^3,7. 
a maritò avendo alcuni tordi > disse alla 
moglie j cuoci (piesti tordi, ed ella rispose: 
non soA tordi', sono merli , ed il- marito dis» 
se t son tordi-, ed-- ella diceva , son merìi , è 
cosi contendenda*, H marito sd)?gnatb la per- 
còsse fortemtntev L anno seguente* m quel 
medesimo giorno , disse- là maglie ; oggi nnr- 
sce r anno nei quale mi' bàttesti per quei ma- 
Metti meri i ,' ed il ' marito disse : fiirono tor^ 
di > |«rikbè egli di nuovo la: percosse . Il se- 
gujentfef anno gli avvenne il simile, ^ molti aii- 
ai fu blktèuta per la niedesima cagione. 
^Semenx^a delh fàvola . 
Qui dimostra li £ivola quanto sìa ostinata 
Ik' natìira di alcune- donne ^ le quali per non 
^dei^ qualche cosà di poco , o mun momento 
a^ iota maggiori*, non sr curano di esser fiera- 
mìente percosse / ' 

UVel gallo prAo- JitlU volpe, 3J«: 
n gallo preso dalla volpe con gran fatica 
scampò dalle sue mani . Questo vide d^poi 
una pelle di volpe , e per paura si mise a fug- 
gire. Fer ia qual cosa gli altri suoi uguali se 
ne risero, ed il gallo disse: Se voF foste stati 
adi' unghie della, volpe come io, non solo té- 
meresae la pelle, ma ancora le sue pedate-t 
Sentenzia della fitvols, 
Voljgarmente si dice; chi è morto dal ser^ 
ftuU > ha paura della lucerta . ' 



I 



pi E st)pa, *5r 



1 ^ico "cinghiale voti e cct^baÌti(ra^<iQa l'asi*^ 
no ) confidandosi ne* suoi .denti ycl\e erano mol- 
to prv ferti, e lunghi, cbe qtieUi deir aswio^ 
arvvicinandosegli l'asino gli diecle i.cdd nel fron- 
te > di modo che il porco casco mesao morto 
in terra, e. dtsse fra se inedesimo : io 4100 
pensava-), che tu m' sivef sì a nuocere co' piedi « 
Sentenzia delh fsv^U , 

La "ferola dinota, che un bqak> deve sempre 
considerare donde possa essere of&so dal nepsicot. 
.Di utt ucctlUftofe y td uti fati^mlh . 5^. 



u, 



n tlccellatore aveva posto dieci tordi in 
uno spiedo per cuocerli > ed avendoli posti- 
al fboco, impose a un suo fanciullo > j:)^ li 
voltAssè tanto, ch'egli andasse fqoc ^di cast 
per una sua faccenda , e partendosi éi casa; gu 
disse: guarda, che tu non ' -imbratti i tordi*: 
perché se \\l gli lasciassi cadere nella ctneK».* 
io te li farei mangiar tutti a te. ' Come gli. 
uccelli fiih>no quasi cotti, il fanciullo per po- 
co avvedimento li lasciò cadere nella cenere > 
e ricordatosi di ciò che gli aveva detto il 
padrone, il quale non era ancora ritjCtrnafa^a 
.casa; cominciò a mangiare i tordi , e nei^aQ'* 
^iò nove , ed essendo tanto satollo , die -noit. 
ypteva mangiare il decimo > cominciò a pian« 
gere> ed in questo tornò il padrone, il quale 
Scovandolo piangere, gli dimandò la cagione 
perché piangesse: ed egli disse, che.inàvvedu* 
tamente i tordi gli erano caduti nella cetiere^ 
e n'aveva mangiato nove, e che gli perdo* 
nasse , eh* egli era tanto satollo , che non pOr* 
"Seva mangiare il decimo i e 1' uccellatóre es« 
sendo venuto a casa af&mato, fu, sforzato cac* 
ciarsi la fame col solo pane. > 

Semenze deUs ft^olé . v 

La £iyola significa, quanto sia la natura de 
• • . fan- 



Tt5« TAVOLE 

IDil tordo % e 4̧i gahtro* 341.- 
1 gaUbeto vi(U mi giorno, il tocdo > <fae a 
pasceva di ^rte icajtte <i' uve , « frutti silve* 
4Kti» gli ffisse; perckà ti Aodrisei tu di questi 
frutti cosi cattivi? yieBmoMch'iot'insejtieiò 
frutti più soavi A « dilettevoli » « io condu&st 
in un givdiflOi dove gì' inscenò fichi doid», 
cA uve scayiasiaw; le «pali JBÒito .^li piacque* 
ro , e poscia vjsà&oÀQ jnoit i lacci , Tet i , e vischi ^ 
>« moki uei^eUi'Piesi ^ si «sbigottì di sorte > che 
disse al ^hstoi mia ia pa^e> che a 4Be pia- 
ce più j^i.v^{e siairc/ia.ijaei hioghi. agsesti , e 
pascermi di quei cioi salvatici , che di questi 
jfiù foavi f jt virere irr taqlo 50S.pcito » 

i Questa.favola si^ifica ,che meglio. 4 viver si* 
4«r*mef>t e i^ poivxictà , che ia ricchezza ooa paoca* 

n graaiatico. sì gloriava molto delia sua 
scienza.» disoDdo xh* egli, aveva taato ii^tgffo , 
« CQisi. bel ^tnodo d* insegnare >. che :noD .solo 
àvi^hbc ii!segnalo agii aomìaii» nu «ooua ag^ 
asHó la gca«k8tica«^Udci3iGt)a. qmite* parole ho 
priscipe, ioxhìaeiò, e disse: .se gli bastava 
i amiQOrd'.iosegQac Ir^ramatìca ^^un asino ficbe 
gli vokva^da^e ìt^ anni di tempo . Ì\ • gaaniatì* 
Co.prQfBÌsevch?8 ccldttlo termine k» vx^eva face, 
te oon ctie.^Alava perdere ciò che aveva gua- 
dagnato tutto ìl'tdoìfjo delia so» vita ^ per il 
quale accordo iattoi fra jpco » qioki lo biasia» 
vaoo>cbesi.obbHgacseaqnesto,ch^ era impos- 
sibileai.'ed egli -ràpose : o paa^zi > éa dieci anni 
ffiorkà «0)^ il piiacipe> o l'asino» o io* . 
'4 ' e - S»ffrei7Z.* àilU fa^é * • r • 
- -Qoelii.» che.' SODO in travaglio ,. < pericolo 1t 
tardila ajuta. 

UD# un lupo mvicMéto, 
n lupo invecchiato si fece eremita, ed an- 
dava mendicando il ctba^ ed yo ano cooipa- 




*T)J ES'OPO. . tri» 

vuoi , die io facèta 3 mi sùoù cascati tutti i 
dcnfli > e neh posso' fià cortese , e \bò preso 
qadsfo esercizio y^r non inoriìr-dl £ÉBe. 

La-favola sv^nHiéa.^h^ «oiti si fantto tt- 
iosi > per vircr sefi^ litica. 

. l>i tttr-uùmo y ed'^m setpmtf f 

n «erpenf è olp>pre9so ^a iiù ^rao sasso > di- 

jtiandò a-uno> lene passair^ di là) che glielo 
I levasse d'addosso, elle gli éàtu un ^ran pre* 
nfo. Coiai lo -fece.) e levato il sasso^ il s6r- 
. pente n^^ dargli cosa iitcunà> egridaratio in- 
sieme. Passò accaso una simia> -e fu da loro 
j Atta giudice di -questa lite , la qua! cispose , 
I non poter più ben giudicare > se non ^eaeva il 
sUsso eome stava : e fìt' -messo ì}l -sasso . toait 
sfavar s e^là si mia giudicò, non diversi- Jevai# 
più il «àsfò) di «noria clie ^il serbate mori. 

^ tki^fàvola S]gQÌfica,xtie iiK>lte volèe >per ris- 
^atltbdineV che akfxaù ha di qualche beclelicft> 
licevlitb,^ ioeom -iti quel medesimo travaglio di 
prinfa , ofìdé "desiderava essere cacciato fuori , 

ii>endo'uh3 volpe, vmottzMo ^nolte gat* 
line òé un vilfeMBO, all' ultimo £l' presa -eon ùo 
laccio. Essendo presa., dotnasdd di gratta ài 
gallo, che gli. poif'asae un eccetto per tagliar 
E.laGcioy^^vei'o 4ÌOÌI dicesse niente af padro^ 
te, iniin che taglia^ il laccio xoa i denti . 
11 gallo promise fate- uno e i* altro . IVIa subì* 
%o disse al padrone esser presa la ^volpe^ alla 
quale ei eorse con un iMStone , e rammazzqs 
ed ella morendo disse: o passa! io mi son 
ISdati del gadto» al quale ho ammazzate taulte 
mogli ! 

SenteffiLS Jtiiér fivifim» 
Là laVola significa > che non ci dobbiamo 
QUI ftlar di quelli , ì <}uali abbiamo of&si . 

. Dei' 



^0 F A Vf) L E 

A. Vella-^aUtna y e de puìcsHt. $4^. 
vendo la gallina molti puldini^ aodavasio 
per piazei pascendo come è loro 4:o$tume » e 
<;ome la gaUiaa vedeva U nibbio j li ckiaiiiava^ 
e copriva sotto Tali, e con questa arte li guar- 
dava dal nibbio. Una volta volando il tiibhrio 
per l'aria, ella chiamò tuttVi pulcini, che ve^ 
Bisserò « coprirsi sQtto. le ^ue ali, <^uelli , che 
obbedirono fu|:ono. s^vi , ma (juelli che^ aon 
V>Ìlc£0 v^jìire furono presi dalni^bbio. 
Senterrgfé delUi -fsvoU. 
Là hvoU dinota, <;he quelli, die tnóa op*- 
bediscoQo a^suoi parenti , capitano mak . 

E Del lupo , e della volpe . 547. 

sseodo preso il lupo in wxà lossa, la volpe 
Jp vide, e be&ggiavilo iotònio alia /ossa , e 
cQ^i stando^ ancora. «Ha vi cascò dentro -y e disse 
U lupo: io ittuojo contento poiché qaeUa, die 
si rideva della mia morte ella accora morità . 
Sentenx^ dell^ ft^v^a . 

Xua fdvola significa, che chi si callci^a del 
ìgasX cp altri qualche vqlta patisce ^et òtcde^ 
simo. . . 

1 X>tir or^mo , i del t^po • 34S. 

JLjortolftno aveva preso j>el suo orto mi to- 
po, e volendola am.mazzajpe r disse il topo.* 
npil m i ammazzare^ poicliè io «(|n tuo servo , 
e. ti cavo 1^ erto, senza danari > e mai parto dal 
iuq^ecrei^. Rispose i^ectolano; ciò che fai> 
lo &i per tjita utilità) però TO^io» che tu 
mitoja ad ogni modo . 

SeMen»0 delle favola , 

Qqjcsta favola significa , clre si deve coifsicle- 
rare F animo di una persona, e non 1* opera. 

FI>tlla volpe presa dal cane . 54^. 
ipse la volpe esser paduta.iu mezzo di uà 
prato , accioccnè gli uccelli vi andassero ap- 
presso , ed ella li potesse prendere , è man* 
giasli . Passò ^ il caae , e vedendola in quel 
modo distesa in terra subito cosse^eraanoaz- 

20 



D t ESDI? O. *^ 

eò, e U meschina cUss< : voleodo ìx> gabbam 
altri p $òno stata gabbatalo* e perciò ionviQjo. . 

La £vela significa > che quelli •(;jh,^ cercane 
gabbare gli al ^i , non si deypno dolere > se sono 
gabbati essi jnedesimi • , 

AD/ un orso-, e sttf^, moglie . 3J0. 
vendo combattuto T orso con la moglie -^ 
le avea cavato un occKio con 1* unghie » e «K 
questo mal contento, e. pentito, *si tagliò tutte 
h unghie» e disse iiUa moglie: ^co> cheiear* 
ixÀfChe ti hanno ofleso, no gittate via. Ri- 
spose Torsa: a me {jpco importa x questo tu d<> 
Ve vi &rlo prima^ che m' avessi caviitp Focchioi. 
Sentenza dell» févoU^ .^ ... \ 
La ia^yàU , dimostra , che poiché l' uot^o ^ 
ofFeso> pocc^ gli vaie, se si pente .colui >• che 
Fha pjffeso, perché F ingiuria e già fatta « 

A- 1>9Ì Ifcney t dèi etrv4it 551* 
1 leone era morta, la f^ogpe, e^ tutti gli 
aaimSiH con lui si dolsero, eccetto ii cervo» 
che xjon si 4<^Ise > perchè gli ayeva ^mmazzofi 
i suoi figliuoli* Il che yed^o il l^one, chia- 
mò il cerva, e gli disse; iie|;phè pop a* gra. coa* 
doluto anche egli-delli mor|e della regina.. f], 
cervo cispose: noi dobbia^mo^ tSlUgt^ùtcìidkìsk^ 
morte di vostra moglie , perchè Jili .'ha détto 
in sogno a^.^e gli I^eti F iiBmiài mandòla ne* cam- 
pi elirì, dove e perpetuo, godet^^ « felicità, e 
che si d^ole e$$«-e stata così lungo tempo in 
questa vita. Il leonie gli «redè, e perdonò- ai 
cervo. 

i^tntenx,»\dtlh. fitVifid ^ *t* *^. 
La iaTol^ significa , cheli' uomo >5aV]o deve - 
fingere ogni esecu^Uone > pdr levaci dal lìirofe 
del tira&no.» ' -. ' \ 



A 



. Ihl piiifoèt^ e del ^m • 5.51. 



veva un'Uomo bn^poHtf^O' pieno di galli* 
ae, si dimenticò ona notte di fbitìAexc la poi- 

L u 



t4i FAVOLE 

ta del poliajo . Yettne la volpe > ed ammana 
. tutte le galline • La mattina il padrone sdegoa« 
to per il gran danno ch'aveva patito > diede 
inotte busse al cane^ che era stato negligente 
in guardarle, ed il cane disse: padrone, turni 
batti a torto. Se tu sei stato negligente ia 
guardare le galline) dalle quali avevi grande 
utilità, lasciando la porta aperta, che ne pos- 
so far io ? 

"SiMenxa delìs fwvoh. 
La favola significa , che se il padrone é ne*- 
gligente in guardai le cose sue, non dee avene 
speranza, che i famigliari le guardino. 

L1>tU§ volpe > e ^ m$s gsiit'fts cèioceié •555. 
a volpe trovò una gaNina chiocqia. jn casa 
di un villano, volendola mangiare, disse la gal* 
lina: non mi ammazzare, che io son magra» 
ttia aspetta , che nascano i miei pulcini > che 
saranno pia tenerelli , e li potrai meglio gode 
re • Rispose la vol|>e : io sarei ben pazza se eoa 
ìsperienza dd tuoi figliuoli lasciassi te, che 
ho nelle mani • Sentenza deUm févdm • 

La &vda significa , che queUo é un graa 
pazzo , ^he {ascia le cose eerte per T incerte . 
ìr7 pel fiSHt^ e dtlF inino. ^^4. 

Y edendoii il eane non esser pan al lupo, 
determinò trovarsi un compagno che T ajuta^ 
$e} e vedendo l'asino, che portava il basito 
glande, |H pareva , die quello fesse un'arma- 
tura assai buona, e sentendo , eh' egli aveva griD 
voce , credette, ehe ^tt molto valente s oodt 
to^iendolp per compagina', anttò insieme con 
lui ad al^ontare il lupo, L* asino veduto 11 
lupo, suSlto faggi, e lasciò il cane soio. 
Sint€ns$0 Jelis fsvolé , 
La &vola siffni^a , che non ilobbiamo giit- 
dicar la virtild'ii^ uomo dalla grandezza dei* 
le parole^ n^ del ^otpo • 

S^i mn Ì$p9 , f du€ emmi • M, 
aadp -ttii lupo so^ «a coUci tiae dseoh 

ni. 



DI ESOPO. t45 

ììì j che guardando hq gregge di pecore com- 
bntteva&o insieme, e pensando, che allora fos- 
se tempo d' assaltar le pecore , subito corse ni 
gregge, € ne portò via un». Il che vedendo i 
dui lasciarono subito il loro combattere , e cor> 
sero dietro ai Itipo, ^ tolsero la pecora, e 
gli diedero molti tnottrsì , cHtpodocb^ appena 
campò la vita, -e trovandolo un altro lupo lo 
riprese, dicendo: ch'egli era stato matto ad 
assaltare il gregge^ aove eran due «cani cosi 
Valenti , ed egli rispose ; io mi son gabbato» 
perché combattevano insieme : e T attto rispose : 
quando due combattono insieme, e veggono un* 
inimico comune , subito s' accordano tra loro « 

* SettunzA Jeiis favole . 
Iia'&vola vuol dimostrare-quanto óommovefini» 
micieia , che natoralmente alcuno iiacon un altra 

UDÌ un -povwf verno t ed un Mtim, 35^ 
n pover* uomo aveva solaBieBte ' àn asino, 
e una botte di vino , « avendo 'maritata una 
sua figliuola » le aveva promesso ib ckjte tanto 
^anto avrebbe potuto vendere qtiella botte di 
vino , e queir asino . l«a notte seguente alle 
nozze, *!' asino mori , e dando de* calci ixlla 
botte ;, h ruppe, ed il vino si Verlò. 

StntefiXS delia fsvaUJ • 
I41 '&vola ci vuole avvertire , cKe non dob- 
biamo fondare le nostre speranze in queste co- 
se del mondo, che sono si figgili • 
O Velia psaaf-e dtÌj;iaulo, 3^7. 

Oentendo ia pica frale frondi il cuculo , peci* 
6Ò, Ac fosse lo sparviero ,- e si mise a Iuj« 
gire. Gli altri uccelli, v^dsodda fi^gire iftdi" 
leggiavano , ed elb disse-) io voglio più presto , 
che voi di me vi ridiale, che gli amici piangono . 

Sentenza deUa favola . 
La favola diaotasttaóto l'upmo deve stare av<* 
vertito di non cadere in mano di qualche tiiran- 
•no 'Cfae non gli perdoni , né jdla roba , né aihi 
vita a cnde oe carni danno a se stesso > ed a^ suoi 
aoùcj. La P# 



144- F A ;V O L E 

Avi un astn9, t u» Mfvo . 3f S. ^ 
vendo un servo maligao in odio l' asino- 
dei padroQCt io gittò da una gran ripa» e T 
aoiióazzò-y disse poi al padipne che. da lui era 
irascato.. Il padcooe essendo povero» e non a- 
'vendo denari p^er compilarne un akro» ciò che 
solflva fice rasino fece /aj;e ai servo. Il qua! 
<iolendosi di si ^ran fati^sa > diceva fra ^e liitede- 
siino : ciò che patisco , lo patisco giustamente , 
percjìé ho ammazzato quello che mi levava 
•questa fatica . • Sen$enKt^ dtlh fvuoU , 

Cosi, i -f^oA spesse volte per levarsi utt ^so 
d'adc^osso > «e . i>e mettoao un n^ggiore . 

I'Diì p$rco9 e ^*^« petore . 35^. ^ 

1 porco era ripreso dàlie pecore »^e essen- 
cb ben fioekito, ed accarezzato d^ padrone, 
non facea alcun frutto, ^ come £u;evdoo lo- 
^o, che di -continuo davaòo latte» e lana . 
Bispose il porCD: il padrone non mi fa queste 
«erezze seni^ 'propositi , perchè come sarò 
morto avfii frutto da me. 

' SentefìKs delU favttU. 

La favola significa, che niuno dura &tica 
senza ^eranza d* alcun premio . 

V2>/ un tnwìo icéun torUo\ $60. 
edendo il merlo un nibbio che volava stri- 
dendo e volteggiando, come è suo costume» 
disse al tordo: vedi il nibbio conae va forte- 
mente minacciando? Io temo assai . il suo fii* 
rore* rispose.il tordo : non temer questo strepi- 
to > percbì: queste minacele si spargeranno iu 
qualche sónrio; ovvero in impulcino; abbiamo 
da temer più lo sparviero, le cut unghie pei* 
ma s<^iamo che la voce . 

''''* Sentenza ' dell* fa^là . 

La favola significa che dobbiamo temere più 
inquieti, e taciti, che i parabolani, che ba- 
rano di parole, 

CB# due galli. 3^1. 
ombattevanù due gaSUi imieaie, ed ano r6- 

sto 



\ 



D I E S OPOv ^ t4f 

sto superato y e F altro vincitore. Il Tenta si 
parti) e4 andò a stare co*pairotù> doVedicon* 
tiauo sì esercitava a combattere, ed a sapere 
schivar i colpi , ed of&ndere l'inimico . Pòscia 
andò un giorno a trovare il suo nemico^ H 
quale era snervato per il troppo coito, e fa- 
ciljiief)^ lo supero. 

Sentenxs dell» fgvalSf 
La favola sigili fica» chr ni\iiui cos» indebo- 
lisce ì soldati pili , c^e il coito > e la desueto* 
cfìne dèi combattere. 

ED ì un li bercile y $'d ukuni ladroni , l^%, 
ssendòsi un uomo liberale incontritq per via^ 
gio n alcuni ladroni, uno di loro Io vfrieàammaa^ 
zare . Il che vedendoun aitco gli disse: nonio an> 
mazziamo, perch'e liberale, e fni; ricorde essere , 
stato in casa sua alloggiato , e «ben trattato. 
Sentenxa^delh févoU, 
La favolai dimostra quanto vaglk il far sen^ 
pre ad ogauno cortesia . 
1 T Del padrone , e de cani . $6$. 

Vy no aveva molti cani , tra* quali uno morsióS* 
il figliuolo del- padrone, on^'egli ne mori /ed 
il padrone di ciò sdegnato ammazzò non solo- 
quel cane, ma ancora tutti gli^altri» 
Sentenza della favola • 
La favola significa, che un ci^mpagno cstttì^' 
vo é rovina di tutti gli altri .- 

UD4un^ villano y edelVapi. 3^4.- 
n villano fu punto da un* ape, e diceva, 
com'è possibile, che da un ape esca un fuoco 
tanto soave, e uno stimolo tanto amara? Ri- 
spose r ape : quanto più io son dolce f tanto^ 
pili son amara quando io voglio. 
Sentenza dellk favola • 
La favola dimostra, che quando uno è pid 
beneficato , meno può tollerare ingiuria . 
D/ Ui9 giovane , cl^e voleva pigliar moglie . $6^^ 

Volendo un giovine pigliar moglie ,' e ve»- 
nendo all'atto dell'anello, quando fu di« 

L y man^ 



%i6 f A y O L E 

mandtlo» se voleva pigliare madonna tale , si 
voltò a*clxco«taati dicendo : o amici , quando si 
sternuta, dove non è alcìm pericolo > si dice 
Iddio r ajuti ; or perchè in questo caso dove 
è maggior .pericolo non dire cosa alcuna? 
Sentenza deiìm fsvoU . 

La favola significai che quelli che pigiano 
mc^Iie incQtroQo in gran pericolo. 
*T I P# sw»fi4« AVtv§ ascoso un tesoro . ^67, 
KJ-nQ aveva asfDOSO un tesoro in una selva > e 
ninno lo sapeva.» se non un suo compare, ed 
esso, n^H^. tutto ik tesoro. Tornando^ il padro* 
«e, e non.tspwin^ il tesoci», pensò, che- il 
opmpare lo^ avesse rubato,. e andò a tiovarlo, 
e dìssegli } domani voglio , che andiamo a set- 
.tcrrar mille altri scudi ,. doY^ riposa il tesxiro^ 
Il compare yi andò, la nptte, ivi rimise quel 
tesoro , che ^veva levato > acciocché cohii met* 
lesse que'mille scudi , ed egU togliesse ogni cosi 
insieme^ Andò l'uomo., trovò il tesoro,. e portel- 
lo a casa*, dipoi ttovò il coniare , edisseglir 
traditore, mancator di /eide, a tuo dispetto i» 
ho avuto il mio tesoro, ilcompare bemito noa 
SQppe negare, e confessò ogni cosa.. 
Sentenauh delU favola- ^ 

Però volgarmente si dice:, chi tutto Tuo!t>, 
tutto perde « 

IDel pafipasallo . ^& 
1 pappagalb era tenuto in prezzo in casa di un 
principe y^ e gli altri uccelli maravigliandosi gli 
(dissero, perchè se gli faceva questo onore? Kl 
egli rispose: perchj io imito le parole dfll'uo' 
mó , e ':park> come T uomo .. 

SgntenxA della favols-» 
hsL hyoh significa , che dobbiamo impar^ le 

SieDze liberaUtf acciocché sianso tenuti in prezzo. 
? . Vi un filosofa hattvtjo . Jj^ìa. 

jssendo un filosofo percosso con un pugno di 
m9y^ non $qIo $1 commosse « m%> ancoragli die 



D I E S OP 0. %j7 

damn» di che ognuno si maraviglkiTa > dicefi- 
do : che raeritaTa esser o&so da ognuìM » ed 
egli rispose: siete pazzi , a qaesto •niojo htò 
le mìe vendette . Colui eh' «bbe quelli daoati , 
battè uh altro» pensando avef degli altri dana- 
ri , e fa ammazzato -, onde il filosof».^ disse : 
Vedete amici miei y che pedonando l' ingkiria 
si vendica acerbamente* con mena fatica. 
Sentenze della fav^* 
La iavola dimostra > che il piàddh roift 
il perdonare nuoce pm al malfattole, clie b 
Tendetta che cotitra di esso si péfisa lart. 

Q2>f/ iufy e di Qsovi • ^^l* * 
uando fu creato il bue» non ai^va ooia»» 
ea egli dimandò a Giove* che gii desse ir cor- 
na > per difendersi : gliele concesse, com*a motti 
altri animali : oflde avvenne che & pccso eoa 
le funi» e ^ legato» e messo all'àraitto. ' 
Sentenxjt ditta favola . 
La iavola dinota» che non si deve dimanda* 
re a Dio» sé non quei che a Jui piace »petchè 
qualche volta dimandiamo cose» che son cen- 
tra di noi . 

Vi un pairt veqeAio » ed un fgHo * 371. 



A 



veva un figliuolo scacciato il padre di ca» 

sa» ed egli andò all' ospitale. Passando un gior* 
no di là il figliuolo» gli disse il padrone.: di 

Srazia figliuolo» mandami un.pajo di lenzuola 
ella mia roba» che con tanta &tica ho acqui* 
stata . Egli mosso a compassione gliel^ mandò 
per un suo figliuolo» dicendogli che gli portas* 
st all'avo. Ed egli ne portò un solo. Sapendo 
questo il padre » gli dimandò , perché S^if^*^ ^' 
veva portato uno solo? ed egli rispose :mo ne 
soglio serbare uno per tc> quando anderai stll' 
ospitale , come vi è egli al presente . 
Sentenza della favola . 
Questa &vola ammonisce tutti i figliuoli a 

L 4 por- 



y 



x^%- F A/Xn D L B . . ^ 

portai rlvterehte ai patirei e madre > iwerdiè è 
impossibile, chtiqtietto che il figliuolo a' k^- - 
renti £s , non se gli ricompeflsi da* suoi, proprj 
fìgliaoli., o«bene^ armale, che sta. 
'pi tmfm^iulhy cB^ tt^n vfiJtvA ijnpsrare. yj 3» 




n ^nciallo non volando impataf^> mai non- 
volle dire:-*^ Disse il sao maestro: si e gran 
cosa, a dire «^Qoello -tacendo sempre, mai 
BOA' la volle dire ^Poscia aìeuot suoi uguali:, 
dkevano: perchè- non vuoi dire j^ che è così- 
poca ^ica?Ed egli rispose : scredi tu che io 
non Sappia dice « ? ma come avrò detto i» , sa- 
ri- bisogno ^Ire^ ff^ e tutto- l'alfabeto, e 
cosi' la cosa aoderà- in lungo . . ' 

Stttunzà deila.favafs. 
La favola significa, che non bisogna obbli- 
garsi »' piccole' cose , per non dover- esse* sog-v 
getto a maggiori . 

Di un» pecoY» presa M.lup^, 374» 



u. 



_ na pecora* pfesa dal lupo non fece motto > 
e per sua buona sorte scampò . Poi essendo 
presa da un cane gridava tanto forte , che *1 
pastore la sentì, e corse, e la tolse di bocca al 
cime: poscia dimandò il pastore perchè quanrla 
fa presa dal kxpo non grida va « e q^uàndo iiipre-. 
sa dal cane gridava così forte? Rispose ella: io^. 
aveva pili dstidio esser ofSrsa-dal cane, che «dal 
lupo , perchè il lupo e naturaltnente nostro ne- 
mico, ed il cane guardiano di casa, & |)erò era^ 
fòrza , eh' io grandemente me ne dolessi . 
SemèuuM della favaU . 

La fafvela dimostra quanto sieno amare le 
offese , che si ricevono da obi dalfe mani d'al- 
tri doveva salvarsi. 

X Della cornacchia y e del cervo * 375. 

JLja cornacchia aveva invidia al corvo, p^chc 
gli uomini con quello prendevano gli avgorj-, 
e però era creduto conoscere le cose future. 

V.cr. ' 



or ESOPO; t^p^ 

Vedendo ella alcuni viandanti, cbe passavano > 
volò -sopra una' pianta , comineió a griichiare 
fortemetfle, ed essi rivollandoti Tidero, eh* 
era una cornacchia, ed ttno di loro disse: an- 
diamo, eh' ella: è una cornacchia, che Jia gri* 
dato, e non ha aaguria- alcuno. 
Sentenza* deìU favóh . 
La'fàvohi signt^ca, che quelli, che vogiioao 
contendere coi ntaggiori di loro , oltre che noi^ 
possono firsigli uguali , spesso dannò da tide<^ 
re agli altri , - * 

L Delia coYttacehsa., e del cane . 37^. 

a cornacchia ^rificsindo a IV^inerva , inrU 
tò it Cane a mangiar seco , ed esso a quella < 
disse : perchè Vuoi fu sacrificare- indarno aven- 
doti la Dea in odio, talché negli augurj aa- 
cora t'ha tolta la fede? Ella disse-: e però lik~ 
sacrìfico acciocché me la riconci Hi % . . 
Semenza deìla- fàifola . 
La favola significa, che molti cercano da^^ 
piacere a' loc nemici per riconciliarseli . 

UI>/ UH CQTVo , e di un serpente . 377. 
n corvo armato vide un secpente, «he. 
dormiva al sole, e volato là lo prese per man-- 
giarselo, ed il serpente rivoltandosi lo morse^^ 
ed il corvo morendo, disse: ai me misero, che' 
per questo poco cibo perdo la vita. 
Sentenza della favola. 
La favola dimostra quell'uomo^ il quale pet^ 
cupidità di guadagno, va in pericolo della vita • 

Udì una cùrnaefikia , e delle colombe , 378. 
na cornacahia vedendo alcune colombe dò-' 
mestiche in un colombaio esser ben pasciute » - 
s'imbianchì, ed andò in quel colombaia per 
viver con quelle colombe . Le colombe, men- 
tii che la cornacchia tacque, si pensarono^- 
eh' ella fosse una colomba , e làsciaronla starei 
ma quando cominciò, a grìd^are, ler conobbero^' 
nou esser della loro specie « e la 'cacciarono da^ 

-L y lo-J 



i|Q FAVOLE 

loro cpnsot^io biattendola,. EUa rilornà ai^e s^ 
%rc ^QKiacchie, le ^ua|i non coóosceodola,, pefi 
cf^c aveva «ititato il dolore , la scacciarono ài 
se, e cosi volendo esK< 4i 4ì>i6 cofnpagnicj 
perde r una ^ V altra . 

. La fàvola dinota coloso.} che come si dyee 
per prpverbip >' si s&>rz.ino tenere u|i piede in 
4qc staffe, ed airuUlipo'nè in qmtsta^ ne iti 
quella Ip fermano . 

vJna. cornacchia fii presa da uh uomo if qua'^ 
4c;la legò, per uà piede, e la teneva in, casa , 
^ascejadqla. Quella incresc^ole.. vivere fra gii 
ùpipini > njiggi c<)Q- U corda kgata a) pied^ > e 
rUoiTQÒ al.s^ nidq.. Ed ^sendpsel^ intricata 
ta corda a un raja^ò,4* uo,^ affeeroL, noa^ potete 
dìpsi partire, pei;, andiar a ' cercar 'da^ matj^iarcx 
s^ he niòri ai £ime> e tnor-endo. diceva fra se 
ijiedcjiinaroinaè misefa, non sò£Eèrendo'.io vi- 
vere in ^ryìlàiappri^ssp agir . uoipi^nx , incauta*, 
mentf . mi soivo^. pj;^vata,dì vita . 

La fayob . fignifica I che alcuni, volendosi, 
liberare da uh pericolo^ inediocce, casi^p io i}fi. 
^giorc,. ; I ' ^ * . 



u. 



..^ . lupo, trovò un caqe, e Ip salutò, poscia 

S'i dimaodQ.xòme &cey^ ad, esser co;!,) grasso, 
isse ii cane: lo.vjv.o in. casa^ d.' un . padrone 
che^ non : Oli lascia, mancar da mangiare.. Hisse 
il lupo': in vero 'tu sei. £^Ìic^, avendo cosl:.buon 
padrone, ancpjca ipi 4o Servirei vjoientieri. Dis- 
se il , cane : se ttf vqlessi lasciar quella tua capar 
cita,' io ti far^i accattare al mict padrooe. II 
liipo disse : quésto lo f^rò . lascia guardando il 
Ivpo il cane vide ch'aveva il colio pelato, e dis* 
se : che yuol dire , che tu 4ìai il collo, pelato ? ed il 
fané rispose i queUp ^ il legame , perche il gior* 

no 



D I ESOPO. ifi ^ 

no io sto legato > ed il lupo rispose: se la co- 
sa sta cosi 9 io non istimo tanto l'anrìcixkr di 
questo tuo padioné i che io voglia spogliarmi 
a«lla libertà . 

Stnnnts dtllm fé'OQÌa . 
La £ivola dimostra» che là libertà 2 sopr» 
ogni altra cosa preziosa > ed anaabile. 



I 



1 leopardo avendo fame» è non avendo men^' 
te che mangiare 3 vide svk un albero àlqjuante 
si mie > t non potendo sormontarvi ,' finse esser 
morto . Le: simie ciò vedendo discesero dati*, 
albero, e cominciaio:«o andargli .^Intorno, ed 
egli con destrezza ne prese una, e la mangiò, 
Stmenzé dtlU fsnjoU , 

Qbelio, che con la forza del corpo ci è vie- 
tato di fare , <linota la iavola > essersi da £ire 
con r ingegno . 

D^la tartaruga > e dtlU réne ; 58 1 ^ 



L 



la tartaruga vedendo le- rane saltar cosi bè- 
ne > accasò la natura, che areta Bitta le raOfr 
così agili, e lei cosi tarda, ed aggravata da' 
cotanto peso. Ma vedendo poi le «me esser 
mangiate a una a oda d^la cicogna, ricreata' 
alqaai^, diceva: or non sono io pazza, dsui- 
nando la natura, che m' ha fitto* cosi bene ar- 
mata, talché non sono sottoposta a cotesti pe- 
ricoli ? ■ 

Sentenza della- f§v»lé* 
Èa favola c'insegna ad esser contenti de! do* 
ni da Dio datici , e dalla natota . 

Delle gkire . 38^ 



L 



it ghire consultarono fra loro di gii tare a 
terra una quercia, rosicandole tutte fe radici- 
co' denti , acciocché- non avessero causa di ascen- 
dere si a|[evolmente , e pascersi delle ghiande r 
ma la più prudente di loro disse : se noi or 

L 6 am- 



ifi. ^ PAVONE 

^maia^iiAmo la nostra outrtce> ufk altzo aoo<». 
chi ci darà da mangiare?. . 

SentenxM àtUà favole. 
La fitYola significa, che 1* uomo pradeate de^ 
v£ considerare \ non. solamente ifieinpo ptesen* 
te , ma ancora il d&titlo , 

Del €4119 9 * ^l psdréne, 384, 

V/ n gentirnomo aveva un cane^ il quale ac> 
ciocché io amasse , sempre lo pasceva colle sue 
mani , e colle sue mani lo scioglieva» e* qtisttdo 
voleva lo faceva legare, e battere da un servo >. 
acciocché il bene^ paresse .^eyer dal , padrone , . 
<;d il male dal servo. Il cane . increscendoglc 
essere ogni tratto legato > e battuto , se ne fug« 
gi^ ed essendo ripreso dal paoSfone come in- 
grato, che fosse ti^gito^da Ini, il quale >lo a- 
mava, e pasceva così amorevolmente, e mai 
non Io batteva > né lo legava , j:ispose : io re- 
puto aver ricevuto da te il nMle, che il tuo 
servo m* ha fatto per tuo comandamento . 
Sentenza deUm fsvelm. 
La favola significa > ch&'l mak si ha^ da at-s 
tribuii;^ a quello, il quale n* è causa. 
Dei f orso y è- bielle, api, 3*f. 

Vjn cp^o, andando àpj^cessd all^ celle delf* 
api , fu popto da un' ape ; egH entrò ' in tanta 
coifera, ch^ coti l'unghie ruppe tutti i suoi, 
abitacoli, e le api, vedendosi rompere le su« 
case» es^er loro tdto il «uo cibo, ed ammaz»^ 
zati i figliuoli, addandogli addosso, tutte a uq 
tratto quasi ran»maz;taronO', ed egli appena 
scampandogli delle mani, disse: meglio er3 
assai per me tollerare ìa punta d* un' ape , che 
provocarle tutte contro "di me . 

Sefitenzé^ delia favola . 
Questa àvola dinota esser manco male sof- 
ferir r ingiuria d' un solo, che volendo, punir 
quello , farsf ra<ilti nemici . 

DeW, 



L^ 2>f//' ucoellmvrey 9 degli tmélli . ^%6. . 
uccellatore aveva ttse le teli per picndecer: 
gli uccelli, ed avendo^ sparso in terra molta 
esca per tirarli nella rete.» veooeco alcitfil uc- 
,c^ili a fnangtarlia . U occcUaitoreo peccbègli pa«r 
r^yano; pochi noo volle ^rase la Mt« , aspeffesm- 
do > che or ^«Disteso più assai . Coloro av^- 
do mangiato assai se ne Volarono via . Yeneii'-. 
òo degli altri a mangiare, l'uccellatore pari- 
mente non li voleva pigliare, parche erano po«> 
c\à^tà essi similmente, avendo loangiato, vo- 
larono, via : CQsL fece lutto. U giorno , .. semjtte.; 
addandone 9 e venendone 3. aspettandone sempre : 
r. uccellatore maggior pteda, finalmente &cen«> 
di>$i notte , ed avendo 1* uccellatore perduta la . 
speranza: di preinderne molti, tirò la rete, e ne 
prese un solo i cho' era. rimase beila >via , . 
Semenza deÙM-finfoU* 

Qiicsta fiivoia significa > .che quei» xhe vo- 
gliono prender ogni xosaj spesse volt^ appeoaf 
i^gliana li poco* 

T T DI dué.,cénf0Ut , ìB?* - 

kJ n soldato aveva un buon cavallo , e ne 
eomperò un altro non uguale a quello di bon* 
XSL y e lo nodriva più deUcsilamente ,e eoa mag- 
gior; diligenza , che 1 prinx) . Questo ukimo^ 
disse al. primo: perchè «ausa il padrone ì^. 
maggior cura di mci che -di te, il quale sei 
più forte e più veloce di mei e qqeUo rispo- 
se: r usan2a degli uomini -è. di es$er. più be* 
;)ig[ni a' nuovi ospiti, che ai più vecchi. 
S^tenXS dilh favoÌ0 , 

Questa favola dimostra rinttabilltà degli uo- . 
miai, i quali sogliono tioteporre le cose nuo^ 
Ve , ancorché siano peggiori , alle vecchie . 

IDel pt^coj e dei c/me, J88. v 
Ijjorco si mara^gliava, che H cane acca^ 
rezzava il padrone, dal quale era stata insti-' 
tuito oeirarte^di ucceibtore con molte bat- 
titure', al quale il cane disse : per mezac^., 
. 5 ' ^ ' di. , 



«9 



\ 



1J4 FAVOLE 

di qaeUe bittilute lo^maDgio carni di Itfpri e 
l^enùct . 

SentemZét deUa fgvoh» 

Questa hyoh e* ioségna , che d<^bianio psr- 
aietìfeiBente tollerate Je battiture de maestri , 
perchè sogliono esser causa di molti beni. « 

IDil $ré¥ey e de buoi , l%9' 
I traue er» tirato da* buoi su d' un carro^ e 
diceva' a* buoi turche non correte pigri > tr- 
rando cosi poco peso? QuetH risposero: noi 
p{«$to lascieremo ii nostro peso, e t^upér sem- 
pre ne ricemai una, né Io deporrai an che tu 
non ti rompi. 11 trave si dolse» i^ più ebbe 
fttdire di provocare i buoi . 

Sentenzi»^ deil» ftntùltr^ 
Quest» &vola avvisa ogni uno a non* vofer 
iiisultate i miseri nelle lóro calamità > poten*- 
do ciascuno esser sottoposto a maggiori • 
'2^i un f$ncmlh y e d un cardellino . 5^0.. 




_^ n fanciullo aveva un cardellino > die gli era 
. moko caro 9 fi qiiale avendo un* giorno trovata 
kt gabbia arperta, se se. £iggK II fanciullo .se- 
guitandolo io chiamava » ciie volesse ritornare 
nella g^bia , e dicendo egli non volere» il putto 
gli d&et perché, non voleva ? Ed esso rispose ^ 
per vokr viver.e* a^ mio modo, e non al tuo. 
Sentenzia delUfmfólé, 
La favpla significa > la libertà delia vita es- 
sere da anteporre «.tutte le delizie di questo: 
mondo.. -- 

E "Di un leùnt'y e del topa, 3^1. 

ssendo il. leone stato preso< in un lacc^ 
pregò un topo > che gli volesse co' denti xd> 
^sicchiare il laccio, promettendogli in luogo di 
tant« benefìcio, &rgli qualunque piacere g^i 
avesse^ dimandato, lì topo prontamente gli ro« 
sicchiò il laccio , poscia dimandò al leone da 
Iiii posto in libertà, che gli vdcisc dar sua^ 
Sgliupla per moglie. Egli per. fergli. cosa gra- 
ta. 



Dir BSOFO, t^^ 

U eficb diede, ei andando h leoifessa. »' titv 
Vare il marito > a caso aen vedcndol^v gli po»> 
se un piede addosso > e V am-Boaazò'. 
Sentenza, d$lU ùvei» , ^ 
La fàTola a)gaifica> chr im^imonj; Toglio^ 
oa essere uguali.. ^^--^^_^ • 

a cera^ s' attri^taya fv^h'nsL mòtte, e ad^ 
ogni mioima punta penetrabile:^ vedendo h 
quadrelli fiktti dk £ingo molto più moHi , cht- 
la cera > col calQc del Aioco yenir a tanta dures^ 
spa> che ducano moki secoli', per conseguir: ia^ 
medesima durezza si. gittò nel fuoco, ma subi^ 
Ip fìi lique&tta^dal luoco e ridotta a niente.. 
Sentenza: dellék fevoU , 
Qqes|a favola ne avvisa, die^-non cogliamo > 
riòercar quelle cos<;, c^ cisono negate dalla 
natura. 

UDÌ un fiume, e del sua font», 5^1^ é 
n ^ume diceva al suo fonte: oh pigro v 
p,erc[ìéstaì.tu immobile, né bai alcun ^ peaèe?- 
IO di continuo produco tanti pésci cosi belli , 
e buoni , e corro per le valli > dove &ccio ral-^ 
^grare gli udmiiù , e le c^mipagoe. >. tu sempre 
pari, esser mocti^. Il.£onto sdegnato per- le pa- 
role del fiume, ritenne di scalufìxe, sé man- 
dava più acque nel- fiume,, e allora fu privo, 
dei pesici, dWraq^ua, e si. ridusse a nulla. 
Se^tenx.»^ dell^favoUg. 
lia favola é contra quelli > che attribuiscono^ 
il bene, che hanno^ a se, e non^ a. Dio , il' 
^ale é, fonte di ogni cosa.. 

Vi un, lupo vestéipK.dé pteoté . 55)4? 

,.^^11 liipo . s'era posto la pelle di. una pc-. 
co.z;^ f e^ er^ andato in un gregge con le pe« 
core, ed^Q^ni;di.ne ammazzava qualeuna» e 
se la mangiava ^ Accocgepdosi di questo il pa« 
drone ammazzò il lupo, Cr cosi coperto del- 
la pelle della pecora r.appipcj^.ad^un albcroal-> 

tis.- 



tissima, e interrogando i^stori, perche ave* 
ya appiccata la pecora ^' albero , ^ispoadtera r 
Ì3L pelle come vedete» è òeft di pecora» fkiaie 
opere sue erano di kipo. 

Senteftzs delia favok. 
La favola sigAi/Tca > che non si . devono giu- 
dicare gli uomini dadU' abito > ma dalle opere » 
pecche molti sotto vestimenti di' pecora sona 
lupi rapaci . 

IDel carretto ffe .^^^^ 
1 carrettone domandò alia carretta ,* per qiial 
cagione la pecgior ruota facesse più strepijo 
delle altre . Exl essa rispose r perché gì' infermi, 
sempre sono £istidiosi. ^ 

Sefitenzjf della favùla^ 
Questa favola significa , che il male fa gli 
uomini fastidiosi. 

L^Df/Al ^olpe. if6; 
a volpe volendo andate in una ca^a » neliji 
quale aveva sentito essete le galline T desidera- 
va che'l buco» per il quale«ssa voleva entrare, 
s'allargasse» ed essendovi poi entrata > avendo 
portalo fiu^a la gallina, desidetava , che ìLbuco 
si stringesse, acciocché il cane non la potesse 
seguire, il quale le veniva dietro gridando « 
àenrensba della favola. 
La favola dimostra , che i mortali secondo i 
loro Comodi mutano la volontà , e i desiderj » 

L9 ^ JDf /r olfvà , e della zucca . 3^7. 
oliva si maravigliava mc^tò, che una zuc- 
ca , che le era, liata appresso , in tre mesi tanto 
fosse cresciuta, che avesse superata lei, chVra 
stata ve9t' anni ivi piantata. Ma essendosi c^a 
la venuta dell'inverno seccata la zucca, disse 
air oliva: io vero non s'ha d'av«r invidia a 
quei , che crescono cosi presto , essendo loro 
ancora cosi presto apparecchiata la morte « 
Sentenzia della favola , 
La favola dichiara, che le cose troppo af- 
fceltate.non son durabili . 

DÀ 



DI ESOPO. 1J57 

p/ uftéh volpe catktta in un poZAo • 3:^8. 

sbendo una volpe caduta in un pozzo , e* 
quasi sommersa , ^yegava un lupo,, cbe stava 
di sopra nella tiva ' del pozzo > che jnandasse: 
giù una corda, ^ indi la cavasse. Il lupo 'dìs-* 
se» come facesti tu a cader laggiù.^ e la volpe 
gli disse :%adessi> non è tem^po di raccont^Tte- 
lo; come, tu mi avrai qioiodt cavato, ti diiÀ. 
conte la -cosa é^ passato.'. « . 

La Invola sigaifita, che qmnéo uno è in pe-' 
rkolo della vita-, - non s* ha da consumare il; 
tvn^o^in ciance, ma^ si ha dr ajulare pìÀprcr 
sto, che si può. 

UDd gatto y e. del formaggio . 3^^ 
n uomo aveva un pez2u> -dì formaggio ìw 
una cassa , ed avvedendosi che un sorcio er»^ 
neiiai cassa , e rodeva, il formaggio , pose UQ>> 

f^tto^noi^a cassa, accioc^kè pigliasse il sorcio.' 
1 g^o avencio presa, e maagkto il sorcio >, 
mangio ancora tutto il formaggio . 
Somenzi della favola.» 
Riprende la favola 1* inavvertenza di nioUj > 
che per rimediare ad uà danno, incorrono ih* 
un altro maggiore . 

I^i un cane-i cAa tnnev^ la^ pioggia.* 



u. 



_ n cane ogni voltaiche pioveva.fion usciva di. 
casa, e domandato da un altro caiie, perchè^ 
npnuisciva, rispose: io una volta fisi tocco dali* 
acqua bollente, là quale mt pelà^ la svrhiena , e 
però temo ancoca la fredda.. ^ 

SenunTua della favola- . 
La favola dimostra,. che chi ha- patito lua- 
g gtàvi> teme ancora. i leggieri. 



1 t K E . 



TA 



>. 



15S 

TAVOLA DELLE FAVOLE. 

rsvoU ?rima . Della volpe e del becco . x 
della volpe , e del leopardo . '^ di una gatta 
e Venere . 4 d'un contadino , e de' suoi figliuo- 
li . 5 di una donna > e una sallina . 6 di due 
gioram . 7 di due amici > ed un orso . 8 della 
canna ,-e dell' oliva, pdi un trombetta, zodian 
cane> ed un macellaro. 1 1 ' dell' asino , e del 
lupo* Il di un medico» e d'uOr infermo. 15 
del mate e di un pastore. 14 della volpe > e 
del leone, xf de* galli, e.k starna. 1^ di una 
volpe, ed una testa di lupo di marmo. 17 di 
un carbonaro, ed lin netta panni . 18 di un 
uomo borioso, i^ di Apollo, e d'un uomo* 
zo di un pescitore , ed un pesce picciolo, ix 
di un asino, ed un cavallo. 15 di un satiro» 
ed un uomo . 14 di un uomo aionicato da un 
cane . 1; del tonno e del delfino. ^6 di un uc- 
cellatore , ed un palombo . xy d' un indovinato 
re . x8 d' un uccellatore e d* un merlo « %9 di 
6tov<, ed un viandante. 30 d'un figUo e 
della madre •, 31 d' un figlio ed un padre . ^2. 
di un calvo . 33 di uno, che prometteva agli 
Dei cose impossibili. 34 di due rane. 3f di 
un cane e di un gallo. 3^ di un Orso ed un 
leone. 37 della nottola 4 spino e mergo , 3S 
del pavone e della gaza .' 3^ di uno scbiratto ed 
una ^^o^pe^-^ di.una^ lodola. 41 di un cer- 
viotto . 4» di un avaro . 43 dell' oche e gene. 
44 aella tartaruga e dell'aquila. 45 d'una cerva. 
4^ di una ce^va ed un leone. 47 di una cerva 
èi. una vite. 48 dell' asino, il leone ed il gal- 
lo. 49 di un cane ed un ortolano, ja di un 
porco ed un cane . 5 1 della porca e della cagna . 
51 del serpente e del granchio . 53 del pasto- 
re e del lupo. 54 del leone e del lupo. 5f di 
un ubriaco e della sua donna . 5^ di utt cigno 



«d un'oca. 57 del moro. 58 della rcndinelfa,'^ 
e della cornacchia . 5P delia civetta e della not- 
tola . 60 delle lumache . 6i di una vedova e 
delle fantesche. €z di una donna incantatrice. 
6% di un villano e della fortuna. -^4 c^ due 
pellegrini . ^ 5^ di dtie^ rane . 66 dclf àpi . 6j 
dell'alcione. ^8 di lìn pescatore. 69 di una 
simia e di un delfino . 70 òtWt mosche . 71 di 
Mercurio ed »no statuario. 71 di Mercurìo • 
Tiresìa indovinatore. 7j di due cani. 74 del 
marito e la moglie . 75 dell* agnello ed il lu- 
po. 76 del granchio eia volpe. 77 di unoiusi- 
co ignorante. 78 dei ladri. 79 di Mereiaio e^ 
il sarto. Scrdi Giove. 81 di Giove e gli ani- 
mali . %% del lupo e della pecora . 83 dei^e lepri. 
84 deÙa formica . 8:^ della nottola e della dk>n- 
noia. %6 dei pellegrini. 87 dell* asino salvati «^ 
co. 88 degli asini. 8^ dell' àsino e della volpe. 
50 dell'asino e le rane. -51 dell'asino ed il 
corvo. 51 dell'asino e la volpe. 9^ della gal- 
lina, e la rondinella. 54 del caaHnello..^5 del 
serpente . 96 della colomba . ^7 della colomb» 
e della cornacchia . 9^ di un uomo ricco . 9^ 
di uh pastore . i<^o di un pastore e Giove .. 
lot dell' aqaih . . 10^ dei verme e k vólpe . 
103 di una gdlina che faceva Tova d'oro . 104 
del lupo> ed una vecchia . loc del leone ed il 
pulce. 10^ dei gallo. 107 dei lupo e deir 
agnello. 108 del sorcio e ta rana . xo% del ca* 
se e r ombra sua. 1,10 del leone ed altri ani- 
mali. Ili del lupo e la- grua. i>at del. vi/lano 
e del serpente, ir 13 dell' asino ed il porco ciò- 
ghiaie. 114 del sorcia domestico ed iK selva- 
tico. 115 dell'aquila e la cornacchia. 11^ det 
corvo e là volpe. 117 del leone invecchiato. 
«ii8 del cane e l'asino, iij^ dèi leofte ed il 
sorcio. ^'110 del niU>io. i&i delle IdndioeUa. ed 
altri uccelli, ixr' delle rane ed il loro re. it$ 
delb colombe y e lo sparviero. 124 del ladro 
ed il cat^. 12 { del lu$o e ^a poMa, ix^ del 



parto dd moi^. ii7 «ti nn'àme-TeccIiro spte2»> 
zato .dal padrone . itS delle, lepri , che teme-' 
vatao senza causa. 1x9 del capretta e del ìa^ 
pò. ijo del cervo e della pecora, rji del vil- 
lano e del serpente^ I3z della volpe e la ci^ 
CQgna . IJ3 dd aorro. 134 della mosca e del- 
1a ^rmica* 13^5 delle rane e del leone, i^^ 
del cavallo e del bqe .:I37 del cavallo e v-lell' 
asino. 153 degK uccelli e degli animali da 
^Dattc9 p«dt. 13P del hrpo e della volp' . 140 
del cérvor. 141 del serpente e della lima^. i4e 
dèi lupi e dtlle pecore . 143^ della selva e del 
Villano i 144 dì tutti i meiilbri del corpo e 
dèi ventre. 145 delU sìmij e li volpe. 14^ 
del. cervo « dei buoi. 147 del leone e det- 
la volpe . 148 della rolp^ e la donnola i 
145^ .del cavallo e del corvo . lyo della 
volpe e dèir aquila , if i del villano , e 
delia cicogna . ifi dd^ gatto - e del gat^ 
lo. 1^3 del cane e della pecora. 154 dell" 
agnello e del lupo. 15$ di un fanciullo e d'at' 
euoi Yillani. if^ delF aquila e del corvo. 157^ 
del cane e del bue. 158 della cornacchia e del* 
la pecova. 1.59. del pavone e del resignuolo-; 
1^0 della donnola e de*sorei. i(?i favola del 
Mantovano, ii^^ del leone e della rana. 1^5 
della formica. £^4 dei leone/ dell'asino e del- 
la volpe, itff» cfeir asinelio e del lupo. t64 
deir asinpv 1^' dell' »ino e del cavallo . idS 
dd leone e delta capra. 16% deM' avoltojo e 
éegU. altri iKcelIi . 170 di Giove e della si- 
ma. TT^della^ formica e della cicala. 171 del 
becco o*del toro. 173 del* eambaro, madre e 
Cglio. Ì74 di un cane mordace. 175 di due 
pigni. I7tf del paTone e della gruà. 177 della: 
tigr^ e del cacciatore . 178 dei tori e ad leo- 
ne . 179 Tifile e gli spini'." i«t) defl* uccello 
e suoi figli. '181 deiravaroe dell* invidioso; 
i<8z della cornacchia assetata. 18^3 del leone e' 
ddL cacciatore . .i<84 d'un fanciulla e d' dn la^ 

dro. 



èro. 1^*5 d'ini YiSdito « un gioTcaco . tft€ 
d* un -porco e un villano. 1^87 di untoioe un 
sorcio. 188 d'un villano e d' Eccole. 18^ del- 
ia simiac di due figli . 1^0 d'un bue e d'uà 
giovenco. ^91 d'un cane e d'un bòne. 19V 
eie' pesci. 193 deir aqui/a e della volpe. 194 
del rosignucdo e lo suarviero. 1.^5 d* una voi- 
|»e isenza coda, i^a^- della volpe e lo spino. 197 
della volpe e de' cacciatori . i^^.d'an uomo e 
^' un. idolo di legno. .1^9 d'un cade cbi^unato 
a cena, zoo d' un yiUano . 2.01 d^ un peccato** 
re .' lot d* alcuiù pescatori . 105 d' un povec*, 
uomo infermo. 104 d^ alcuni pescatori « lOf 
<t* un vecchio 9 che diiamay;a la morte . io< 
d' una dònna e d' un medico . 107 di òwt ne*- 
jnici . zo8 d' un fanciullo e della fortana^. 109 
^ei sorci e d' un ^atto< . .£i.o della . siutia e U 
volpe. Ili del corvo. &zt .d' un iabbto e un 
xane. ^15 d* una mula. xi4 d'un medico., 
AI 5 del Castore. .iin6 d'oncanc etm lupo-. 117 
del leone 9 dei toro, 118 d'un^eone innamorato 
della figlia. d'un villano, zi^ \iella leonessa e 
della volpe. '2.10 dd lupo e dell' agodLio . rix di 
^e galli, ixa dell' api /e: di Giove. xs3 della 
ijftKCa.e.delIa pentqla «-^ì4 d'un giuocatore e 
4ina rond. 115 d'un legnaiuolo e Mercurio^ 
xt^ del serpente p uo villano. 117 d' una gai- 
dina, e Una volpe. iz% d' una volpe. 11 «^ d'ittt 
ìfihcittUo e d'uno scorpione. x$o d'«n uccelkt- 
^tore'Q d'una pernice « 151 d'unpuke.. z}t d'un 
marito e d' una^ moglie. 133 'd^ un asino « due 
'viandanti .2^34 della civetta • e degli altri uc** 
•celli. 2.35 della zucca, z^é del corno e dei 
^opì. 2,37 Favola d' A rione .^ d'un delfino. 13^ 
.del ragno e della podagra, a 39 di un sorcio 
iiato in una cesta . 140 d^ un vilkno . X4i 
txi' uno sparviero , - che s^uitava un colombo^ 
>^4i del ragno e della xeodiac « X43. <i' nt vii^- 
lano che voleva passare un torreate . . £44 del- 
la colomba e deUa; pica. 2^45 del cacato -e dello 

spai- 



;' 



X 



1^1 

sparviero. 14^ deli' a$iiia e del vitella. 147 
della voip& e di alcune dofioe. 148 dei cap* 
poni grassi e d' iin magro . * 14^ d' UII9 tirato 
aa buoi « 2,50 degU alberi brutti. ^51 dei ci- 
gno e dftiia cicogna. 151 d'una donna che 
piangea il marito .153 del {«avone e d' un sol- 
dato. tf4 d'un tordo preso dal vischio. 155 
d* uà avaro e dei po^li^. 15^ d'un avaro e d'uà 
campo fertile . :.f7 d'-uha moglie e d^un mari* 
lo. sb^S deti'aquila, dello sparviero e del nib* 
hio. 155» d* lui pazzo. t6o d'^on pastore e sua 
moglie . 171 d'un porcello .. x6z d* un villa- 
na; %6.^ d'un lupo invecchiato. zS^ d'una 
volpe e d'.un vìMaso. itff di due porci. 166 
dd consiglio de' sorci . x6f à* un soldato . x6S 
éek bifolco e dei buoi. 16^ della fortuna e 
cicunuoQiQ'. 170 d'una moglie savia e d'un aia* 
rito passo. 271 d'una meretriee. 17 1 d'una 
mosca . 17^ dell' anguilla e del serpente, 174 
deU' asino» simia e talpa. 275 dei pesci, a?^ 
degli aninoali e gli uccdli. 177 d'un' avaro* 
Z7^ d* un i^iovaioo ed un vcccaio . xyp d* un 
vecchio ed una fiinciulia . ito dell* aquila e ia 
pica. aSi del tordo» e la rondine. iSx d'un 
villano ed un sorcio. 18 1 «i'iin servo. 184 
dei cani. 185 del demonio ' ed una vecchia. 
48^ della uP4ipa. X87 d'un geloso. %|8 óéi 
fiprco e del cavallo. i9p d'im eremita e un 
soldato . xsio d' un villano jche volle diventar 
jSoMato. X9i deU'asino e del bulibne. x$x de- 

Sli uccelli. X93 d^la moglie e del marito. X94, 
*4iQ figlio e la madre morta, 1^5 d* un ge- 
loso e sua moglie. x$6 d' un tedesco che non 
voleva cristeri • X97 dell* asino e f lupi ^ i^8 
«della. noce» l'asino e la donna, xff^i aeil'asino, 
300 dei sorci e il gatto . 301 dell' asino che 
aveva un padton inarato . 301 d' un lupo e un 
riccio. 303 dei sorcio e del nibbio. 304 della 
tattaniga e Giove . 305 dd riccio e del serpen- 
te. 30^ ddb lepre e.deUnfrolpe . 307 d'un vii- 

la* 



-lànv e 6» poèta . 308 tf un padre e d' un fi* 
gHtiold. 30^ d'un pastora e un cane. 510 d'un 
iiaontone'-e tta4ora, 311 d'una vedova .e < un 
asino verde, 311 dtiraquih e del coniglio . 
315 dei (uccio e' del delfino* 314 della pecora 
e del pastore i 31 s d'-uno ciie provò i suoi . 
31^ della ifelpe ^e del cane . 317 della volpe* 
$fÈ de*eavalli. ' $19 àfìm villano e d'un 
agnello •• 3x0 d'un giovine > e un lupo. 311 
d'ui^ vecchio e un giovine. 34. ^ del rosìgnuolo 
«* lo sparviero. 313 -deli* ape e dei pulce* 
324 del leone, l'asino e la lepK . 315 degli 
sparvieri che insieme combattevano. 31^ d'un 
marito e una moglie . 3x7 d'un podestà che 
aveva rubato. 318 d'un vecchio e della mor- 
te. ^19 d* an avaro e suoi 'danari. 330 d'un 
rìccio e la Fortuna. 331 d'un marito e la mo* 
glie. 331 del pappagallo. 333 dell'aquila e del 
pavone^ 334 dei cane e '4' asino. 335 d'un 
poyet' uomo che trova un tesoro*. 335 della 
virtà e de' dinari. 337 «dell'aquila e'i gufo. 
338 dell'asino e del porco. 33^ d'un marito. 
340 del gallo. 341 del porco cinghiale e l'a- 
sino. 341 d'un uccellatore e un suo fanciullo. 
343 del tordo e del gambero . 344 di un gra- 
matico e un asino • 345 d* un lupo invecchia* 
to. 34^ d'un uomo e un serpente. 347 <1* un 
gallo e una volpe . 34ÌB della gallina e de* pul* 
Cini. 34^ del lupo e della volpe . 3 50 dell'orto- 
lano e del topo. 351 della volpe presa dal ca- 
ne. 35£ d* un erse e sua moglie . 35^ dei leor 
ne < del corvo. 3^4 del padrone, e oel cane. 
3^5 della volpe ed una gallina chioccia. 35^ 
del cane e l'asino. 357 d'un lupo e due cani. 
358 d'un pover'uomo e un asino. 35^ della 
pica e del cueolo . 3^0 d* un asino A un ser- 
vo . $61 del porco e delle pecpre . 3^1 d'un mer- 
lo e del tordo. 3^3 di due galli . 3^4 d'un li- 
berale e d* alcuni ladroni . 3^5 del padrone e 
de' cani . ^ à' m villano e 1- api . 3^7 d' no 

gio-