(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Biodiversity Heritage Library | Children's Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Flora italiana; ossia, Descrizione delle piante che crescono spontanee o vegetano come tali in Italia e nelle isole ad essa aggaicenti; disposta secondo il metodo naturale"

■% m- 



^^^#ir 



^■iv 



0^ 



FLORA ITAL14NA, 



DESCRIZIONE DELLE PIANTE 

CHE CRESCONO SPONTANRE O VEGETANO COME TAT.r 

. ì\ ITALIA E \FJ.LE ÌSOLE AI) ESSA AriftHOE^Ti; 

■ . ». * *•. '• 

disposta secondo il melodo naliiiale * ^' ' * 






* ''^ • ^ -» ' ■• .. . ^ V. 

I',ur.>s>u.c,l, B.,lanica eli Kisi.ilo;;^. vpg..tal<» f < ' < )t 

d ,c Dii'cUorc d,li;(ei],^iu Ccijlrali- !• drl Guir.llno Butanici nel li. Miisru ,1, Fl.ica .• Storia N.iliiralf <li Fironie , 

Dullore In'iloaofia e^n Medicina, Jocic. orS^rilylella'Il.^ccail, di-i Ci-orsolil, e d.lla So«cta Midici-Fisica di Firenzi-, 

'■ "^ Corrispundenle dell.- Accademie scienliliclie .1? I'aler,„o,M«Sina,"Cat5i^; sfScitstfc^lTi.jrtBp, .. ♦ " 

Napoli, della Cal.iliria ulterioie seeui.da, '((i l'crugia, Jesi, Macerala, Arezzo, Bi|(J)icna. Moti levarclji, .Lucca, Bologii.-i, 

Venezia, Tonno, Rovcredo, Treni.., Ralisl.ona, Dresda, Berlino, 'Fi-idltrorl.snl.Menu, Lus'Snoa. 

Slrasbuigo, Parigi ecce. 

' < yoL. I. 



■''* 



l.ilani perapeii m.-lliodi naluralis ailliibeudi 



, -• N^,^ quia l.ac «i'a soliiin l.allocin: 



n.las, pr^ciquc in novis genrrilius constiluendis 
i]uil>iis cmincl ^'ova Ilollan.lia , sperare possem 
I! BBon». Pro.lr. Hor. Nov Holland. 



. O T A N I C A l.^ / ' ^^J^P 



FIRENZE. 

TIPOGRAFIA LE MONNIER. 

1848. 



i^'t'^Jih^Vi 







/e. 



2^ ^: 



/ ■ y 




^^^ y^/^y 



:-^jkw._ , 



^^ V. ^ 



O/la § a/lo. cJiup. e c)Aea/ltL,' 

LEOPOLDO SECONDO 



CRA^DUCA JDl TOSCANA 

EC BC. ce. 



^Ucjja JinpcriaU e Beale, 



\ >• '^ '^ "^ 







/Set /ica/ate tìucJ/a fyuh udto c/ce nome crcec- 
cfccdh c/e/e S^. e/. A-fu cAe a un e/ mie cu ^U'ua/ci 
■r/canojce'nz-^ Jcc/cUj/a a un o/éu'aa c/e atc(/<^«c//ne cm 
'e'ndec^ne -ea Jen/a ce /e/reneW /ee/à' ^Yau'an-e'. <Jz.ce 
yj^'/è-tce e/ J//ce/ea, cAe atee yiee//uco, è oAcia /^i atan 
Aat/e c/oyi^u/a ce ■mer^ye' jA/cnc/e'c/e^e'me' j^lne'/e' c/a/ece 
^?nfenY/ceny,a c/e /e S^. ''c/. c/et o^eeanS /n/aZ/e' dec'no 
d/a/e neemetckJe -/e '^tee céceetJean-e' ne-e' c/e//étenà' A^eenà' 
c/eoce AeneJo/e e c/e/e^ /do^^ -e'/a/a^e ccn /o dcoAo cu' 

■-"■■} .^'eeen^eìc < 'ntaàtùe/e c/e aeeed/a /j^/atce, Ac}"^ ofeecen/o >'-<'- 
Ae/eeà' de'eno jàeà' r' '^ne'ee' ve'reya^' ne// ej/c^o ^e>' 'me- 

>" a/e'a ///ccJàcei/e' co/& é/eec/eh c/ee' /itZ/ne' et/aieV c/e Òee- 
yo/ia, /e?^ tfeean/e e'n/éhe d/a d/a/a atanc/e , c///e/àec^ce 
e c/j^W/eie^a/ce /e cociAela^ane c/e<' /o/a?tù;e' Zu/Z/ /Zce- 



ideane ,' a^'(f?9ima( -fh auìe/ Ao/u/o, aci af^i/ci c/c Jcc/ch-e 

ccn^ì-e c/i /cc/c'cAe , c/c' AU't'cc&ch/ic, c/c J A ed e e c/c /lelcco^' 
p / à / / 

■cnc/c'cc/c/c, 'T^ze/àte ce /cAe e/ 'tftch Aoìdccta, Je / tS-v. //. 
'-non me auc^e co/i /ci A io Acca /c//chàccc Aìcc/cc/c'cia , 
/a Acci rc'ccci cn ^y/a/ecc eci /ctZ/a c/c' cAeie /e^ccnccAe 
/e /ic'ù '?'cct€ e /e Acce coJ/cJc , e ccmi / euicelch ccn/ice/e 
c/e/ AioAu'a K^/Ó^Jea, -eecto c/ec Acce 't/cc/u /ice Acce 
nice'Hc/e' ei/c/.ic'e' e/ ce io A ce , cof^zA/e/ee/a code o'eeee ^^tezz/ 
c/ie ce nzenc:^ c/e cecia e'/?if?zc/?dce /oi/eeezce -non Aeeà -fncee 
jAciceie c/e Ao/jcc/eie un Aic'e/ceAo cecc/uicc/ej/ce. & aeeed/o 
/cu cacza.Jccnc/o /ce ^c^/ane /o/an/cce c/c/ conaie/do 
c/cc//e Jce'cfZyc'cc/e' eVcc/ecccu' cn c/c?z'ez-ca , ce //ce aeecc/e /o 
eàAonefce nc//o jcoLjo Je/Ze^m/ie // A eoe no c/c //ce 't^ic'a 
/J//oice fa / jjice/cie'ee/y c/c cue' j)ie Jo^ia .Jeiti.//o, ^eoti 



d/ia i J€^ì-J( acf/ff (-'('uà ^ia/Z/fec/Z/^e , cA r/jcr A Covava , 

/et/cf. c/te /o /e f/e /a a '?zc"f?ic -ftiea e c/e/ w/a- 
C/oJ/èce S^^/ac^^a , e de / edccefyfa^u c/e e/ice non 



callùAc?ic/ckci c(//ce ccj/icZ/ce^hne c/c/ /ii(///cca, -^le cc<c/u 
da c/e -^fie /e/Y/ce /ce cor/tee. c^j/lce S-Z/à^^jce autà 
//i /ce/Ye / cceJe /ce y/oceh c/e ceiicie j/ièo/c/Ya te/i /a- 
^aaia cAe /c>ic/e cec/ ///eedùceie /ce /ice/(:e'(e noj/èce c/e- 
/e//ce e cec/ e/eucete cec/ c/ce eeet 'f9io>iee}f?c9^/e c/eana 
c/e// c/ioccr //> re/e ^jececeee/'-'. / ,//(///}/ jrec ^iVe/ecct 



anta ^on '^neno ^conoécenm a// S^c/ej^a ^^oé/la 
C'/e /'J//a^'a c^'u/^ , ce/ a'méec/ue ■tó cf>ftJaatan c/( 
atee u-nct a^Uoàa co4.o^a , /e (U cut /loncU '/lan de 
c^/i/iaJ^(ìa?2no ataf^tma^' con ^ dco-ttei c/e decou'. 

ó/^' c/cant /'S^^cz-^a Wd/tu e/' accoaA'ele ce-n. 
■/' Cd/ile^ (one c/eOa ^u'a '^tco-nodcem^a ^ue//a c/e 'mc'c'C 
denà'me^^' c/cMt ^<'à aua d/è^a e c/c/ ^eu ^o- 
/ànc/a 'tcdyi€//o. 

^(è'o / O'nate cu cddeie 

c/e/T's/. V: J. e M. 

01)1»"" e De\'°'' Servo e Suddito 



PREFAZIONE.' 



La Flora generale di un paese è il frutto di tante flore 
speciali, che tendono ad illustrare le piante di ogni singola 
provincia. Come qualunque lavoro generale dell'ingegno uma- 
no, essa è l'accordo di tanti strumenti insieme armonizzati, 
la sintesi di tante analisi distinte ma dirette a un medesimo 
scopo. La Flora d'Italia dovea nascer quindi tostochè si 
era acquistata sufficiente conoscenza della vegetazione di 
ciascuna parte della bella penisola, essendo prima neces- 
sario di riunire i materiali tutti per elevare un edifizio di 
tanta mole. 

Un paese come l'Italia non potea non richiamare T at- 
tenzione de' dotti sulle piante che ne fan bella la superficie. 
Dotata di un cielo, ch'è ben a ragione invidiato dagli stranieri, 
la nostra penisola presenta le più alte giogaie de' monti, che 
vantar possa l'Europa, coronate alla cima da eterne nevi, 
presso cui le piante ritrovan quasi le medesime condizioni 

* Questa prefazione fu da me Iella il 18 sellembre dello scorso 
anno 1847 alla Sezione botanica del Congresso degli Scienziati italiani 
in Venezia. 



10 IMlEFAZIOMv 

delle vicinanze dei poli, mentre le sue coste bagnate da mari 
mediterranei e le numerose isole ad essa aggiacenli godono 
di un clima temperato e soave, in cui sotto un sole splendido 
e viviGcante mostrano i vegetabili una varietà ed un lusso, 
quasi proprio dei tropici. Dalla silene acauìis, daWaretia liei- 
velica ed imbricata e da taluni licheni (1) al gigantesco pa[)ir() 
e alla stapelia europea, che segnano gli estremi limiti della 
vegetazione d'Italia, gran parte si comprende in essa della 
Flora di Europa. Insieme a catene di monti, in cui sublimi 
si estollono le candide vette del Bianco, del Rosa, del Corno, 
ed in cui s'innalzan giganti l'abete ed il larice quasi a mo- 
strare l'elevatezza dell'ingegno italiano, sorgono nella nostra 
Italia montagne assai più basse e colli aprici, ove prospe- 
rano l'olivo, la vite ed il sommacco. Ardon ivi taluni vul- 
cani, fra cui l'Etna torreggia, clormono altri perchè spenti, 
e se non niandan più fumo né lava, non sono affatto inutili 
per la varietà delle piante. Brillantate ghiacciaje; fredde e 
limpide fonti; mormoranti ruscelli; cascate d'acqua argentee 

(1) La siìcnc acauUs e V are ila hcìvclica o V imbricata sono le ul- 
time piante fanerosame che Orazio Benedello de Saussure ha tro- 
vato alla più grande altezza nelle Alpi, avendo veduto la prima sul 
Monte Bianco a ITSO tese (106S0 piedi parigini) sul livello del mare, 
e l'altra sul Col du Géanl a 1763 tese (10378 piedi parigini). Egli ha 
visto a di più tappezzate quelle alte rupi da varie specie di licheni. 
Vedi i suoi famosi voyages dans Ics Alpes tora. IV. pag. 206 e 229. 

Le piante fanerogame che io ho veduto elevarsi di più nell'Etna 
sono il riimex celncnsis, il senccio oelncnsis e la roberlia laraxacoides. 
Queste piante si trovano fin presso la Casa degli Inglesi che è alta 9028 
piedi parisini sul livello del mare. Il trovarsi nell'Etna le ultime 
piante a 9028 piedi , mentre arrivano a 10680 nel Monte Bianco, quan- 
tunque si trovi quasi 8 gradi di latitudine più al Nord, dipende senza 
duhbio dal non esservi nell'Etna al di là della Casa degli inglesi al- 
tro che lava e scorie, incapaci di mantenere qualsiasi vegetazione. 



PREFAZIONE. . 1 1 

e spumeggianti; rumorosi torrenti; fiumi piccoli e grandi e 
minacciosi; laghi placidi o in tempesta; paludi talvolta estese 
ed all' uomo pestifere; muti stagni, bassi, montuosi ed alpini, 
canali e fosse per l'irrigazione de' campi; scogli e rupi ma- 
rine logorate dall'urto de'Ilutti; lagune, sabbie ammontic- 
chiate sulle sponde del marej prati e campi di varia esten- 
sione e natura; orti e ruderi di antiche fabbriche; terreni 
granitici, calcarei, vulcanici; antri, grotte, mofete, cavedi 
miniere diverse e salutifere acque termali; rupi, balze, inac- 
cessibili picchi, precipizi sovente spaventevoli; siepi, selve, 
macchie, foreste, ove talvolta il raggio del sole italiano non 
può mai penetrare, un continente prolungato nella direzione 
quasi dal nord al sud, di cui bagnan le spiaggie mari di- 
versi; ed isole grandi, piccole, e talfiata ancora piccolis- 
sime; ecco un'infinita varietà di stazioni e di condizioni 
topografiche che da se sole basterebbero per darci un' idea 
della ricca suppellettile delle piante italiane, se la varia 
esposizione del suolo, la diversità dei gradi di latitudine e 
delle linee isotermiche, il soffiare di venti che muovono da 
paesi diversi, maggiormente non influissero a far della flora 
italiana una delle più ricche flore d' Europa. 

Non dee dunque recar meraviglia se in tutti i tempi e 
nei paesi tutti italiani abbiano i nostri compatriotti fatto 
della botanica una scienza prediletta. Qui un Marcello Malpi- 
glii creava con il suo genio l'anatomia vegetabile; qui sco- 
priva un Corti la circolazione dei succhi nelle chare ; qui un 
Cesalpino primo stabiliva una classificazione naturale delle 
piante; qui si fondava per la prima volta un giardino bo- 
tanico in Europa. E per lo studio delle piante patrie sa- 



h2 PKEFAZIONE. 

ranno sempre con venerazione ricordati i nostri maggiori, 
così oltre a quelli di già mentovati un Plinio, un Mattliioli, 
un Anguiilara, un Fabio Colonna, un Calceolario, un Impe- 
rali, un Pona, un Castelli, un Ambrosinì, un Boccone, un 
Triunfetli, un Cupani, un Zannichelli, un Pontedera, un 
Monti, un Tilli, un Micheli, un Vallisneri ed altri illustri che 
anteriori furono alla riforma recala alla scienza dal grande 
naturalista di Upsal. 

Tolta allora la confusione che ingombrava la botanica, 
e dato a questa l'ordine e il linguaggio, di cui mancava, 
mao-f^ior numero di cultori si rivolse allo studio delle no- 
-sire piante, in modo che ciascun punto della nostra peni- 
soia può vantare botanici dotti ed illustri. Da quell'epoca 
sino ai nostri giorni un gran numero di opere è comparso 
sulle piante italiane, cataloghi, sommarii, memorie, illu- 
strazioni e ligure di piante, e flore più o meno estese dei 
differenti punti del continente e delle isole italiane. Cosi la 
patria sarà sempre riconoscente a un Allioni , a un Bellardi, 
a un Balbis, a un Be, a un Molineri, a un Biroli, a un 
Colla, a un Moris, a un Bertero, piemontesi, a uno Sco- 
poli, a un Nocca, a un Bassi, a un Turra, a un. Moretti, 
a un Vandelli , a un Comolli, a un Balsamo-Crivelli , a un 
Vittadini, a un Garovaglio, a un Cesati, a un Venturi, a un 
De Notaris, a un Pollini, a un Lanfossi, a due Perini, a un 
Manganotti, a un Naccari, a un Nardo, a uno Zanardini, a un 
Meneghini, a un Clementi, a un Trevisan, a un Biasoletto, 
a un Passerini, a un Brignoli , lombardi , veneziani , tirolesi, 
triestini ec, a un Viviani, a due Bertoloni, a un Savigno- 
ue, a un Panizzi di Liguria, a un Puccinelli di Lucca, 



PREFAZIONE. 1' 

a un Gaetano e Pietro Savi, a un Santi, a un Giovanni, 
un Ottaviano e un Antonio Targioni-Tozzetti, a un lleboul 
di Toscana, a un Maratta, a un Mauri, a un Sebastiani, 
a un Sanguinetti, a una Fiorìni-Mazzanti romani, a un Ci- 
rillo, a un Petagna, a un Gaulini, a un Tenore, a un Gus- 
sone, a un Gasparrini, a un Pasquale, a un Avellino, a un 
Briganti napolitani, a un Ucria, a un Bivona, a un Tinco, a 
un Cosentini, a un Todaro, a un Calcara, a un Inzenga, a 
un Prestandrea, a un Tornabenc, a un Bianca, a un Taranto, 
a un Gerbino di Sicilia, a uno Zerafa di Malta ec. ec, per 
avere con le loro opere e con i loro studi i sulle piante ita- 
liane preparati i materiali della flora d'Italia. 

E questa infatti non tardava a promettersi e in parte a 
darsi per opera di un illustre scienziato, che ha speso molti 
anni della sua vita nel riunire le fila di una tela sì vasta. Il 
Prof. Antonio Bertoloni, ricolmo già di quella fama, che 
aveangli meritamente procurato le diligenti sue ricerche sulle 
piante della Liguria e la flora delle Alpi Apuane, di maggior 
gloria cingevasi mettendo mano alla Flora d' Italia. In que- 
sta però le piante venivano numerate giusta il sistema di 
Linneo, come per altro sou disposte quasi tutte le flore spe- 
ciali del nostro paese, se si eccettuino Vherbarium pede- 
montanum del Colla, la flora sardoa del Moris, e la mia flora 
palermitana. A malgrado quindi che numerosi materiali avesse 
insieme riunito il Bertoloni nella sua opera, la quale rimarrà 
sempre come un bel monumento anche per i posteri , senti - 
vasi però e sentesi generalmente dai botanici nostri e stra- 
nieri il bisogno di possedere l'Italia una flora generale, che 
disposta secondo il metodo naturale possa godere di quei 



I i l'REFAZIONE. 

vanlaggi che ad esso si devono, e risponder meglio ai pro- 
gressi recenti della organografia e morfologia vegetabile e 
della geografia botanica. 

Ripetute istanze sì a voce che per via di lettere mi 
venivano da gran tempo fatte dai nostri e dagli esteri bota- 
nici , perchè io mi accingessi a tale impresa, e quantunque 
io avessi con diligenza percorso dal 1831 al 1840 per dieci 
anni di seguito la Sicilia ad oggetto d' illustrarne le piante, 
e fossi ivi ritornato per ben due volte finora anche poste- 
riormente, quantunque avessi più volte visitalo quasi tutti 
i punti del continente italiano ed alcune delle altre isole, 
ed in più tempi ed in più parti salito sull'Etna, sugli Ap- 
pennini e sulle Alpi, quantunque infine io abitassi da circa 
sei anni nel centro dell'Italia, donde mi si è oll'erto favo- 
revole il destro di fare numerose escursioni in più luoghi , 
pure non sapea a tanto spingere il mio pensiero, punto 
non dissimulandomi la somma difficoltà dell' impresa. 

E giammai mi vi sarei deciso se circostanze favorevoli 
non fosser venute a fornirmi materiali abbondantissimi per 
questo lavoro, se la cooperazione dei botanici lutti non fosse 
stata assai grande, affettuosa e disinteressata, e se splendi- 
dissimi mezzi fornito non mi avesse l'ottimo Principe a cui 
volle buona fortuna che io fossi vicino. 

L' erbario centrale italiano fondavasi dietro mio pro- 
getto da voi favorito all'epoca del fiorentino congresso, sotto 
la protezione di quel Principe munificentissimo, istitutore dei 
congressi medesimi. Voi tutti avete generosamente donato 
le piante da voi raccolte o illustrate, fornendo così dati 
importanti per l'autenticità delle specie, per il loro con- 



PREFAZIONE. 15 

fi unto, per l'area loro geogralìca. Sono così in quello erba- 
rio le collezioni autentiche e le specie le più importanti 
italiane di Moris, di de Notaris, di Colla, di Reuter, di Baruffi, 
di Del Ponte, di Berti, di Panizzi, di Savignone, di Moretti, 
di Balsamo-Crivelli, di Gomolli, di Mondelli, di Rota, di 
Bergamaschi, di Manganotti, di Braclit, di Meneghini, di 
Clementi, di Zanardini, di Rainer de Ilaarbach, dei Perini, 
di Barbieri, di Passerini, di Brignoli, di Kellner, di Berto- 
Ioni padre e figlio, di Carrega, di Chiappari, di Puccinelli, 
di Giannini, di Gaetano e di Pietro Savi, di Tassi, di Cori- 
naldi, di Begni , di Ricasoli, di Bechi, di Lambruschini, di 
Rebuul, di Pasolini, di Gennari, di Narducci, di Orsini, di 
Marzialetti, della Fiorini- Mazzanti, di Donarelli, di Tenore, 
di Gussone, di Gasparrini, di Pasquale, di Avellino, di Bruni, 
di Tineo, di Bivona, di Todaro, di Calcara, d'Inzenga, di 
Mina, di Mandralisca, di Arrosto, di Prestandrea, di Tor- 
nabene, di Cassia, di Grech Delicata , di Requien ec. (1). 

Un SI prezioso deposilo si e formato contemporanea- 
mente che l'erbario centrale ha fatto tesoro delle piante 
dei punti diversi della terra. Circa 72 mila specie di piante 
compongono oggi giorno questo erbario, grazie alla generosa 
contribuzione dei botanici oltramontani, alla protezione del 
Principe che non ha risparmiato spesa di sorta per acqui- 
stare quelle collezioni, le quali non poteansi in altri modi 
ottenere; grazie allo zelo sapiente del non mai abbastanza 
lodabile Cav. CommenJ. Vincenzo Antinori , Direttore del 

(i) Alla fine di ciascun volume saranno pubblicali i nomi di co- 
loro che faranno giungere in seguilo all' erbario centrale le pianle ita- 
liano da loro raccolle. per dare ad ognuno quella lode che gli è dovuta. 



10 PHKF AZIONE. 

II. Museo di fisica e storia naturale di Firenze, in cui si 
conserva l'erbario centrale. In esso le piante straniere sono, 
come le italiane, in gran parte autentiche, ne vi ha nome 
per quanto illustre fra i botanici dì questa epoca che non 
vi sia ricordato con cartelline autografe, così di un De Can- 
dolle, di un Jussieu, di un Link, di un Delile, di un Du- 
nal, di un Bentham, di un Augusto Saint-Hilaire, di un 
Roberto Bro\vn,ec. Ricco è poi l'erbario a preferenza di quei 
vegetabili, che hanno maggiore affinità con la flora d'Italia, 
e forse vi han pochi erbariì all' estero , che possan più di 
questo vantare una ricca collezione di piante della Spagna, 
della Dalmazia , della Grecia , della Turchia di Europa, del- 
l' Asia minore, della Persia e dell' Affrica boreale. E ben 
è da notare che nel nostro erbario si posseggono due dei 
più celebri erbarii di botanici italiani, quello di Gesalpino 
e l'altro di Micheli, dei di cui pregi non parlo perchè noti 
a chiunque. 

A sì doviziosa raccolta di piante italiane e straniere che 
quasi tutte posso autenticamente citare nella flora d' Italia , 
e per cui mezzo soltanto può in chiara luce venire la sino- 
nimia di ogni pianta, ho voluto aggiungere quei vantaggi che, 
per lo studio di quelle della nostra flora, possono ricavarsi dal- 
l'osservazione degli erbarii più importanti di altre nazioni. A 
quest'oggetto in varii viaggi fatti nel Nord di Europa ho con 
quella diligenza che per me potevasi migliore consultato per 
ben due volte non senza un religioso rispetto l' erbario di 
Linneo in Londra, quello di De CandoUe in Ginevra, di Des- 
fontaines in Parigi ec, come quelli la di cui ispezione avesse 
meglio potuto contribuire a togliere i dubbi sulla autenticità 



PREFAZIONE. 17 

delle nostre specie. Non mancherò di attingere nuovamente 
a queste fonti, tutte le volte che ve ne sarà di bisogno, se 
piace a Dio darmi vita e mezzi di continuare nell' intrapreso 
lavoro. 

Da un'altra parte una biblioteca vastissima mi ha of- 
ferto i libri per istudiare le piante italiane. La Biblioteca pa- 
latina di S. A. I. e R. il Granduca di Toscana, quantunque di 
sua privata proprietà , è sempre per sovrana concessi(me 
aperta a coloro che volessero profittare di un tesoro immenso 
di libri, degno di essere posseduto da chi con i preziosi 
lavori di Benvenuto Cellini possiede nel palazzo stesso la 
famosa Galleria de'Pitti. Sono in quella biblioteca le opere 
le piij rare e le più costose in botanica e spesso uniche in 
Italia; ivi la flora greca di Siblhorp, ivi i giornali inglesi 
del hotanical register , del botanical cabinet , del botanical 
magazine ec. E tutte queste opere ho avuto ed ho agio di 
consultare presso di me avendo sott' occhio le piante stesse 
dell' erbario. Quale riconoscenza non debbo dunque ad un 
Principe così liberale e cosi generoso protettore delle scienze 
e degli scienziati ! 

La mercè di tutti questi mezzi che difficilissimamente 
possono aversi da un semplice particolare, e direi quasi quasi 
esser cosa impossibile a meno di una immensa fortuna , de- 
terminatomi , malgrado che la conoscenza della tenuità delle 
mie forze mi scoraggìsse sempre dall'impresa, a far di pub- 
blico conto una flora generale dell'Italia e delle isole ad essa 
aggiacenti, ecco quali sono stati i principii che mi hanno di- 
retto nello scrivere questa opera. 

Dirò innanzi tutto come io nella mia flora comprenda 

Flora Italiana. Vol. I. 2 



18 PREFAZIONE. 

r Italia nei limiti suoi naturali espressi nei noti versi del 

Petrarca 

il bel paese 
Che Appennin parie, il mar circonda e 1' Alpe. 

Così la penisola avrà per confine col resto del continente di 
Europa la gran catena delle Alpi, dalle marittime alle Giu- 
lie, che a guisa di semicerchio la circoscrivono al Nord, fa- 
cendo in tal modo appartenere all'Italia la Svizzera e il Ti- 
rolo italiani e l'Istria sino al golfo di Quarnero, mentre il 
Mediterraneo, l'Adriatico ed ilJonio ne bagnano le sponde, 
che ora si prolungano in promontorii, ora si scavano di golii 
numerosi. Compongono le isole italiane la Sicilia, la Sarde- 
gna, la Corsica, le piccole isole dell'Adriatico, come quelle 
deiBrioui e di Tremiti, le altre dell' Arcipelago toscano tra 
cui l'Elba primeggia, le isole che stan rimpetto al golfo di 
Gaeta, quelle ancora che rendon vago e pittoresco l'incante- 
vole golfo di Napoli, le altre non meno belle e favolose che 
diconsi Eolie, la solitaria Ustica, le Egadi, quelle del gruppo 
di Malta e fin le lontane isole di Pantellaria, di Linosa, di 
Lampedusa , e di Lampione, che quantunque più vicine al- 
l' Affrica che alla Sicilia o quasi poste nel mezzo, pure ge- 
neralmente si considerano come una dipendenza di questa 
ultima. 

Egli è inutile il ripetere che la flora italiana è disposta 
secondo il metodo naturale, essendo questo uno degli scopi 
principali per cui l'ho scritta. Né qui è mio pensiero ritrarre 
gli oramai troppo noti vantaggi del metodo naturale, senza 
di cui non si può avere mai alcuna idea della organizzazione 
delle piante, né alcuna conseguenza dedurre per la loro geo- 



PREFAZIONE. lU 

grafica distribuzione sul globo. Solo mi contenterò di dire per 
la flora italiana quel che Roberto Rrown scriveva nel suo 
classico prodromo della flora della Nuova Olanda : Floram 
hancperpartes editurus, necessitatem fere absolutam perspexi 
metìiodi naluralis adhibendi, quia hac via solum hallucinatio- 
nes yraviores evitandas^ proicipue in novis generibus consti- 
tuendis, quibus eminet Nova Hollandia, sperare possem. Le 
piante quindi sono nella flora italiana disposte in famiglie 
naturali e a seconda i rapporti della loro organizzazione. 
Seguendo una classificazione mia propria ho cominciato dalle 
piante monocotiledoni per passare poi alle gimnosperme e 
alle dicotiledoni, avendo creduto di serbare alla fine le piante 
inferiori, perchè possano intanto esser condotte a termine 
le opere stimabilissime che il Meneghini, lo Zanardini, il Ga- 
rovaglio, il Vittadini, il Uè Notaris, il Balsamo-Crivelli, il 
Venturi ed altri hanno intrapreso e alcuni anche compito 
sulle alghe, sui funghi, sui muschi, sui licheni ec. Ciascuna 
famiglia è descritta per i caratteri che ad essa spettano e 
che ho ritratto dal vero e dall'esame diligente de' generi 
tutti che la compongono. L'abito di essa è desunto dai soli 
generi italiani e le vedute geografiche da questi generi stessi 
e dalle specie più importanti e caratteristiche. Su di ciò ho 
seguito presso a poco quelle medesime norme che nella mia 
flora di Palermo, soltanto sotto un punto di vista assai più 
esteso, avendo cercato in questa mia opera di riunire lo 
studio della geografia botanica con le flore, di cui mi sem- 
bra esser quello una indispensabile condizione, a meno che 
non si volesse delle flore far de' nudi e poco utili cataloghi 
di piante. Sono le tribù stabilite dietro esame di tutta la 



'2{\ PURFAZKiiNK. 

famiglia, della quale in generale parlando ho avuto cura di 
mettere il mio libro a livello delle alluali conoscenze morfo- 
logiche, studiandomi d'indagare la natura degli organi, dirò 
così, mascherati sotto forme ingannatrici , e ridurli quindi 
al tipo generale. Né ho voluto trascurare di notar h; specie 
di ciascuna famiglia che si coltivano in Italia e gli usi prin- 
cipali di esse, per giovare come alla geogralla botanica cos'i 
ancora all'agricola. Piace ed è interessante il sapere in vero 
gli usi delle piante di un paese, del che si giovano la scienza, 
l'industria, il commercio e l'economia sociale dei popoli. 
La terra che noi abitiamo non è più salvaggia come Io era 
una volta pria che 1' uomo fosse venuto a popolarla; le piante 
coltivate di un paese completano il quadro della sua ve- 
getazione, che mancherebbe per così dire di cornice se esse 
non vi fossero almeno ricordate. Un discorso generale sulla 
geografia botanica d'Italia, che mi propongo di pubblicare 
dopo aver condotto a fine questa flora, servirà a riunire le 
vedute più larghe che debbon nascere dallo studio di tutte 
le nostre piante e dalle speciali vedute geografiche dame fatte 
a proposito di ogni tipo, di ogni famiglia, di ogni genere, 
e specie di piante italiane. 

Ho voluto portare nello studio dei generi quella deli- 
catezza di osservazione che richiede lo stato attuale della 
scienza, dopo che Roberto Brown ha saputo indicar la via 
da seguirsi sul proposito. Non ho trascurato per ciò l'esame 
diligente della natura dell' albume, del sito e direzione del- 
l' embrione ec. indispensabile per lo stabilimento de' generi 
delle piante. Devesi alla poca importanza data a questo studio 
il vedere non molto avanzata la conoscenza della flora me- 



PREFAZlUiNE. 21 

diterraiiea in questa parte della botanica. Ho dato un' idea 
dell'abito di questi generi tratto dalle piante italiane. 

Ma vengbiamoalle specie. Fan parte solo delia mia flora 
quelle specie che sono del tutto indigene dell'Italia o che 
una volta introdotte da fuori, sonosi sparse in qualche punto 
della penisola o delle isole italiane, e vegetano ivi in modo 
quasi spontaneo: in quest'ultimo caso ho notato sempre, po- 
tendolo, la loro origine. Al nome di ciascuna di queste, che 
ho preferito per l'autenticità di data, ho fatto immediata- 
mente seguire il nome di colui, che primo la descrisse, anzi- 
t;hè, come altri ha praticato, quello di un botanico sistema- 
tico, perchè ciò lascia in dubbio sul vero scopritore della 
pianta. Prodotta una frase specifica che non solo ho curato 
di dare in guisa da non confondere la specie con le piante 
tutte del genere, ma particolarmente con le italiane e con 
le affini, nel che ho preso sempre di mira i caratteri di 
maggiore importanza, ho riportato poi una necessaria si- 
nonimia, e dico necessaria per non accrescer troppo il volume 
e quindi il costo del libro, e per non citare autori senza 
bisogno. 

Ho creduto all'alto indispensabile il riportare i sinonimi 
di tutti gli autori di flore delle diverse parti d'Italia, perchè, 
volendo, potesse il lettore confrontarli, e per fare di ciascuno 
di essi quella ricordanza onorata, dovuta ai loro studii e alle 
loro ricerche. Vi ho aggiuntogli altri delle flore straniere, che 
però han compreso nei loro limiti qualche parte d'Italia, 
ho citato così le flore francesi di De Candolle e di Loiselleur, 
che descrivono le piante di alcuni punti della penisola e 
della isola di Corsica ; la elvetica di Gaudin , che comprende 



±2 PREFAZIONE. 

anche le piante delle alpi elvetiche, del Cantone del Ticino, ec, 
la tlora germanica ed elvetica di Koch, in cui si descrivono 
le piante della Svizzera e del Tirolo italiani e dell'Istria, e 
quella germanica escursoria di Reichenbach, che molte 
piante abbraccia della nostra Italia. Ho citato pure il viaggio 
botanico in Ispagna del Boissier, la flora dalmata del Vi- 
siani, la flora greca di Sibthorp e Smith, la flora di Rumelia 
e di Bitinìa del Griesebach, e l'atlantica del Desfontaines, 
perchè grande analogia, in grazia della posizione geografica 
di quei paesi , esiste fra queste flore e la nostra italiana. Nò 
ho voluto trascurare infine i sinonimi di alcune opere recenti 
sistematiche, come del systema vegetabìlium di Roemer e 
Schultes, de\ prodromus systematis regni vegetabilis di De Can- 
dolle, deW enumerano plantarum di Kunth, per essere opere 
generali e possedute da quasi tutti i botanici. Non ho creduto 
dì citare i nomi delle piante registrate nei cataloghi o nelle 
flore quante volte non sono accompagnati dalla corrispon- 
dente frase specifica: il citarli avrebbe accresciuto la mole 
del mio libro senza vantaggio di sorta. Utile e doveroso però 
mi è sembrato il far conoscere tutto ciò che si è pubblicato 
sulle piante d'Italia, e spero che il lettore non isgradirà una 
nota di tutte le opere, a me conosciute, comparse alla luce 
su di esse, che sarà pubblicata alla fine del primo volume 
di questa mia flora. 

L' ordine, con cui ho disposto i sinonimi, è cronologico 
anziché geografico, avendo voluto in tal modo dar la storia 
della pianta e indicar le vicende che essa ha subito secondo 
gli autori diversi ; per altro avrà il lettore una sufficiente 
idea della abitazione e della distribuzione geografica della 



PREFAZIONE. 25 

specie nei capitoli espressamente scritti per questo, siccome 
si vedrà qui appresso. 

Son questi tutti sinonimi spettanti ad autori moderni ; 
assai per le lunghe sarei andato , se avessi voluto riportare 
anche i sinonimi degli autori antichi anteriori a Linneo, e 
spesso sarebbe stato assai difficile senza una fatica perse- 
verante e prolungata: ho lasciato quindi questi sinonimi, per- 
chè incerti , per gli autori non italiani; però non ho creduto 
di trascurare le citazioni dei sinonimi di quegli autori an- 
che antichi, che hanno descritto o figuratole piante italiane; 
il trascurarli sarebbe stalo delitto e un mancar di rispetto 
e di riconoscenza verso quei benemeriti nostri padri, che 
tanto sudarono nel dare i primi passi nello studio della bo- 
tanica patria. 

Ed egual tributo di gratitudine si devono quei botanici 
sì antichi che moderni , i quali venuti da lontani paesi , at- 
tirati dalle naturali bellezze de' vegetabili italiani, hanno 
a questi rivolto i loro studii, illustrandoli con opere speciali 
e pubblicando fin anche delle flore di talune contrade d'Ita- 
lia, così il Seguier, il Moricand, il Rafinesque, il Presi, il 
Ruchinger, l'Heldreich, ec. Io ne ho riportato i corrispon- 
denti sinonimi. 

Ho citato per ciascuna pianta una o più tra le migliori 
ligure date di essa, preferendo sempre di trarle da quelle 
opere, cui possa essere piìi a portata di tutti il consultare, 
ed ho notato il nome volgare italiano ogniqual volta la pianta 
lo possiede. 

Siegue immediatamente l'indicazione della stazione della 
pianta per conoscere così la natura del luogo in cui cresce, 



n PREFAZIONE. 

e quindi l'abitazione ossia il luogo stesso, e ciò tutte le volte 
che essa sia limitata ad uno o a pochi punti d'Italia. Che se 
la pianta s'incontri ovunque nel continente o nelle isole, se 
cresca da un dato punto all'altro dell'Italia, o sia parti- 
colare ad una regione di questa, meglio è tracciarne con pa- 
role generiche l'area sua geografica, che indicarla da quei 
soli punti, in cui si è raccolta o donde si è avuta, ciò che da- 
rebbe una idea poco giusta della sua estensione geografica, ov- 
vero da tutti i punti, perchè allora sarebbe un accrescer 
volume senza utilità di sorta. Nelle opere generali, generale 
deve essere il modo di considerare ogni cosa , le partico- 
larità devono per così dire immedesimarsi, fondersi nell'in- 
sieme. E perchè si abbia un'idea completa della distribu- 
zione geografica dì una specie ho di ciascuna indicato ancora 
i paesi anche non italiani, in cui essa pure si trova sponta- 
nea ; così meglio si conoscerà se una pianta sia solo italiana 
o no, e nel primo caso quali sieno le specie caratteristiche 
della nostra flora. L' erbario centrale mi è in ciò servito di 
grande aiuto, in grazia delle piante esotiche di cui abbonda. 

L'epoca della fioritura di una specie non potea andar 
disgiunta dalla natura del luogo in cui essa cresce; per questo 
insieme le ho notato, ed ho avvertito per quelle piante di un'area 
geografica assai estesa, qual differenza di epoca di fioritura 
vi abbia nella medesima specie al Nord e al Sud dell'Italia, 
nei luoghi bassi ovvero montuosi. 

Non ho creduto necessario di dare una descrizione mi- 
nuta della pianta che si esamina, perchè mi è sembrato che 
ciò mi avrebbe condotto a un volume immenso e forse non 
con profitto pari alla fatica. Quando una frase specifica è ben 



PREFAZIONE. 25 

data e non succinta, parmi sia più che sufficiente per distin- 
guere una specie dalle affini: del resto le descrizioni circo- 
stanziate più particolarmente spettano alle flore speciali, ove 
si potrebbero , volendo, ritrovare, come ancora per molte 
specie nella flora italica del Bertoloni. Invece ho stimato 
migliore consiglio il far quante volte il bisogno lo ha chie- 
sto delle osservazioni speciali alla pianta, sia per illustrarne 
la sinonimia, sia per notarne meglio i caratteri distintivi 
dalle specie vicine, sia infine per avvertire le sue varietà più 
importanti. 

Volendo che la mia flora sia italiana anche per il det- 
tato, e si renda più facile ancora agli amatori della bota- 
nica, l'ho scritta nel nostro bell'idioma, eccetto i caratteri 
delle famiglie, dei generi, e delle specie ec, che sono sem- 
pre in latino : non vi è giovine appena iniziato nella scienza 
che non intenda il linguaggio botanico in latino. 

Ecco, Signori, i materiali di cui mi sono servito , e 
i principii che hanno diretto il mio lavoro. Debbo per i 
primi testimoniarvi pubblicamente la mia gratitudine, chie- 
dervi per i secondi lumi e consigli. Illuminatemi dove io 
vegga male o non vegga, voi accrescerete così altri titoli 
alla mia riconoscenza. Contribuiamo tutti ad elevare questo 
patrio monumento, che sia degno dell'Italia e dell'epoca in 
cui viviamo. 



mmO VEGETABILE. 



TIPO I. 

PIANTE MONOCOTILEDONI. (*) 

MoNOCOTYLEDONES Juss. geli. fi. pa(j. 91 . 

Endorrhize/E Rìch. anal. 

Parte delle endogènes phanérogames di Dee. théor. élém. pag. 248. 

Vegetabilia vascularia phanerogama monocotyledonea Barll. ord. 

mt. pag. 22. 
Cormophyta Sect. IV. Amphibrya Endì. gen. pi. pag. 77. 
Phanérogames o""^ embranchement Monocotylédones Brongn. énum. 

des plani. 
Endogens e Dictyogens Lindi, veg. kingd. pag. 95 e 21 1 . 

Plantae e cellulis vasisque etiam spiralibus composita^. Caulis ple- 
rumque simplex, fibris constans longitudinalibus inordinate (2) dispositis 
et magis in margine densis , ambitu crescens , foliorum basi persistente 
vel vaginante sa;pius involucratus. Folla ut plurimum alterna, raro op- 
posita vel verticillata , simplicia , integerrima vel parce dentata , saepis- 
sime linearla , nervis parallelis vel arcuatis indivisis prsedita , rarissime 

(1) La classificazione, clic io qui adotto, diversa da quella finora proposta 
dagli altri botanici , considera nel regno vegetabile de' tipi distinti di organiz- 
zazione. Io ne darò un quadro generale alla fine di questa opera per servire 
quasi di chiave alla stessa. Svilupperò poi in esteso questa classificazione nelle 
mie leùoni di tassonomia vegetabile, in cui non solo mi propongo di esporre 
le basi , sulle quali essa è fondata , ma di passare in rivista tutte le famiglie 
del regno vegetabile. Ho qui cominciato dalle monocotiledoni, e non dalle 
piante inferiori più semplici, come avTei dovuto, per le ragioni indicate nella 
prefazione di quest' opera. 

(2) Ho usato la parola inordinate, quantunque non ignori i classici lavori di 
varii botanici moderni sulla direzione di questi fasci fibrosi , soltanto per con- 
trapporla alla disposizione di essi in istrati concentrici del legno delle dico- 
tiledoni. 



28 MONOCOTILEDONI. 

reticulato-nervosa , palniatinervia aut penninervia , nude pahiiatitìda vel 
pinnatisecta. Integumentum florale simplex (perìfjoniu7ii) , nunc glunia- 
ceum, nunc calyceni vel corollain planfaruin superiorum a3niulans, 
ejus nec non organorum sexualium partium (stamina et jnslilla) nu- 
merus ternarius vel ternarius multi plicatus , abortu aliquando deminu- 
tus, vel perigonium omnino nullum. Semina sjBpissime albuminosa. 
Embryo endorrhizeus , sive radicula ex extremitate radioulari prorum- 
pente. Cotyledon plerumque solitarius, plumulam {genumilaìn) sajpe 
vix conspicuam ante gcrminationem involvens. 

Abito. — -Quantunque di un abito ditferente nelle diverse fami- 
glie , pure le monocotiledoni offrono un aspetto proprio , dovuto ad 
alcuni caratteri generali , dipendenti dalla loro organizzazione. La loro 
radice è generalmente formata di un fascio di fibre, senza esservi una 
parte centrale o fitone ; il loro fusto si presenta d' ordinario semplice , 
senza branche e senza rami; le loro foglie sono per lo più strette, li- 
neari in forma di lancia , senza divisioni o lobi , con nervature fine , 
parallele e non ramificate , e sono anche slargate alla base che spesso 
abbraccia o ricuopre in parte il fusto in forma di una guaina ; i fiori 
offrono un numero ternario nelle loro parti e presentano un inviluppo, 
che talvolta è accompagnato da brattee in forma di scaglie , le quali 
diconsi (jlume, e tal altra è in modo da somigliare al calice o alla co- 
rolla ad entrambi questi inviluppi delle piante dicotiledoni. Di questo 
abito generale troviamo però alcune modificazioni che è ben interes- 
sante di conoscere. 

La radice , che d' ordinario costa di fibre delicate e capillari , offre 
qualche volta degli ingrossamenti, spesso rotondi o ovali, tal altra 
direi in forma di mano (palmati) , veri riserbatori di sostanza amila- 
cea, che diconsi tuberi (tuberà), come reggiamo nella maggior parte 
delle orchidee, ec. tal altra è tutta un fascio di tuberi allungati, com'è 
per esempio negli aspìiodelus ec. Non mancano delle radici repenti. 

Maggiori particolarità presenta nelle sue forme il fusto delle piante 
monocotiledoni, delle quali ecco le principali. Nelle erbacee questo 
fusto talvolta cilindrico , più raramente compresso , vuoto per lo più 
all'interno, offre d'ordinario dei nodi pieni, ed è ricoperto in parte 
in totaUtà negli internodii dalle guaine delle foglie; in questo caso 
dicesi culmo , (cubmis) , come è nella famiglia delle graminacee , che 
per questo carattere ha un abito tutto proprio. Accade talvolta che il 
culmo s'ingrossa alla base degli internodii della sua parte inferiore 
sotterranea , allora ne risultano dei nodi , come è di alcune specie di 



MONOCOTILEDONI. 29 

scagliola (phalarìs cmruìescens , nodosa ec.) della varietà del p/i/ewm/jm- 
tcme che dicesi phleuni nodosnm, ec. Questi nodi proprii del fusto non 
son punto da confondersi con i tuberi o tubercoli, che spettano alla ra- 
dice, di cui sopra ho parlato. 

Tal altra esso è triangolare, cilindrico, ec. nudo o inguainato 
alla base , ma senza nodi , e pieno all'interno: è il calamo {calamus) 
proi)rio delle ciperacee e di alcune giuncacee. 

In alcuni casi il fusto presenta in basso una parte slargata {plateau 
de' francesi), ricoperta dalla base persistente e spessa delle foglie o dai 
rudimenti di queste, che la inviluppano come tante squame più o meno 
carnose, formando cosi con il loro insieme quel rigonfiamento partico- 
lare che s'intende col nome di huiho (biilhtis) o cipolla. Al di là di questo 
punto il fusto è ordinariamente semplice e senza foglie e si dice scapo. 
Queste particolarità spettano in gran parte alle famiglie delle gigliacee, 
delle amarillidee , delle colchicacee , delle iridee , parlando delle quali 
io descriverò delle forme speciali di questi bulbi. 

Qualche altra volta il fusto rimane sotterraneo e dicesi rizoma 
(rhizoma, caulis sttblerraìieus); esso è obliquo o orizzontale e manda 
dalla parte sua inferiore le radici e dalla parte opposta le foglie ed i 
dori. Così accade nelle iris, nel hutomus umhellatus. 

Terrestre in gran parte, qualche fiata nuotante nelle acque, iso- 
lalo formante con altri fusti dei cespugli più o meno densi , è rare 
volte volubile, come si vede nel tamus, nelle smilax ec. però giammai 
disposto come nelle /(«/(e proprie dei tropici: non abbiamo nella no- 
stra flora alcuna orchidea , alcuna aroidea che presenti un fusto come 
una vanilla, come un polhos, avente delle radici aeree e rampicanti 
sovra altre piante. 

Non mancano de' fusti alquanto frutescenti , come è per esempio 
degli asparagas, che sono d' ordinario ramosi , quantunque altri conser- 
vino il carattere generale di essere sempUci , siccome veggiamo nelle 
graminacee fruticose ec. 

Il solo albero monocotiledone che esiste nella nostra flora è la 
palma di S. Pier Martire o palma di Siciha, ossia la c/irt«((t'ro/Js humilis, 
che per altro non si trova mai nello stato salvaggio alta più di 4 o 5 
piedi. Il suo fusto si mostra ricoperto dalla base persistente delle fo- 
glie, già cadute negli anni precedenti; questo fusto che i botanici chia- 
mano stipile (stipes, caudex) è proprio delle monocotiledoni arboree ec. 
Per le foglie le piante monocotiledoni italiane conservano nella 
massima parte il caratten» di essere strette, lineari, lanceolate, ec. 



50 MONOCOTlLEDUiM. 

alcune però offrono le loro nervature alquanto arcuate , per cui le foglie 
si slargano un poco e diventano ovate, ec, come accade in alcune gi- 
gliacee, nelle orchidee e in altre piante. Più raramente sono a nerva- 
ture ramificate come nelle aroidee e nelle srnUax ec. ; queste ultime 
sono state dal Lindley anche per la disposizione del fusto considerate 
come formanti insieme con altre piante parte di una sezione del regno 
vegetabile , che egli ha stabilito col nome di dkiyogens , ma che io non 
distinguo, essendo la stessa la loro organizzazione che nelle nostre 
monocotiledoni o endogens di Lindley. Nella palma di S. Pier Martire le 
foglie sono a nervature palmate , e la lamina è divisa in lobi che sono 
vere lacinie o lacerazioni della stessa ; queste lacinie sono piegate in 
modo di un ventagUo. 

Quanto poi riguarda le monocotiledoni per le parti del fiore e del 
frutto è da notare che queste piante presentano de' fiori glumacei, 
ossia inviluppati da specie di brattee in forma di squame, ovvero 
aventi un perigonio che in parte somiglia al calice o alla corolla delle 
piante superiori, ovvero ad ambedue questi inviluppi. Le gramina- 
cee e le ciperacee devono al loro perigonio glumaceo in parte quel- 
l'aspetto particolare che le distingue dalle altre fami^Ue monocotiledoni 
della nostra flora, e solo i giunchi si avvicinano ad esse per questo. 
Le ahre monocotiledoni a perigonio cahcino o corollino otTrono talvolta 
de' fiori grandi e beUi, e ricercati per questo nei nostri giardini. Così 
primeggiano tra esse per la bellezza de' fiori i gigli , i tulipani , le bret- 
tagne (ìiyacìnthus) , le giunchiglie (narcissus), i giaggioli (ìris) i pancaciòli, 
le scille, i cipoUacci, i zafferani, i colchici e varie piante bulbose. 
Però i fiori delle monocotiledoni non sono sempre così grandi e vaghi, 
tal altra sono piccolissimi e poco belli , né proporzionati alla grandezza 
della pianta. Nella chaimerops humiUs infatti questi fiori sono assai 
piccoli, come è in generale nelle palme, ma sono numerosissimi. Lo 
stesso è da dire di altre famiglie di queste monocotiledoni a perigonio 
corollino o calicino; anche quelli delle glumacee sono d'ordinario 
assai piccoli e niente belli. Non mancano altri fiori di essere singolari 
per la loro forma, e tra questi meritano di essere ricordati i fiori delle 
orchidee , che or somigliano ad una mosca , ora ad una ape , ora a 
varii altri insetti , ora offrono nel labello una figura umana , come si 
vede nell'acems anthropophoraec. Nessuno di essi però presenta quella 
bellezza che è propria delle orchidee de' paesi tropicali. 

Tutti questi fiori offrono d' ordinario delle brattee , che li accom- 
pagnano, spesso insignificanti per la loro piccolezza e per il loro colo- 



MONOCOTILEIX)NI. 31 

re. Taluni poi presentano un inviluppo generale per tutti quei di una 
pianta, formato di uno o più pezzi, che racchiude i fiori pria dell'epoca 
della loro fioritura: così è della spala propria di alcune gigliacee , come 
degli allium, del nectaroscordium , di quella delle palme, delle ama- 
rillidee, ec. 

I frutti delle monocotiledoni sono in generale delle capsule for- 
mate di tre valve , contenenti uno o più semi , i quali nella maggior 
parte delle famiglie sono albuminosi , tal altra sono delle cariopsidi , 
degli achenii ec. , ovvero della bacche come è nella chama^rops. Nes- 
suno di essi è veramente mangiabile, tranne queUi dei cereali, i quali 
principalmente per la quantità di fecola che contengono sono di una 
grandissima importanza nell'economia sociale. 

Vedute geografiche. — Gettando un colpo d'occhio generale 
sulle monocotiledoni della nostra flora non si può fare a meno di 
rilevare che presentano generalmente l'aspetto proprio di quelle dei 
chmi freddi e temperati. Composte in gran parte di piccole piante, 
quasi tutte allo siato erbaceo, crescono d'ordinario in società, come 
è delle gramigne e delle carici, per formare quei tappeti verdi sì comuni 
nei nostri monti e nelle nostre pianure, ciò che forma un carattere 
particolare della vegetazione dei climi freddi e temperati. E questa 
piccola statura si osserva ancora in generale nei giunchi , nei ciperi ec. 
che amano i luoghi paludosi e le sponde de' fiumi , non che nelle gi- 
gliacee, che smaltano i campi e adornano i boschi e le montagne. 

Per questa medesima ragione noi troviamo abbondare quelle fa- 
miglie più particolari ai suddetti chmi, così le graminacee, le cipera- 
cee, legigliacee, le giuncacee, le iridee, ec. e predominare ancora 
in esse quelle tribù più proprie a' climi estratropicali. Così veggiamo 
nelle graminacee vantare un numero maggiore di specie la tribù delle 
festucacee e i generi poff, òromws , serrafalcus, festuca, vulpia ec. ad 
essa spettanti ; troviamo le carex essere abbondantissime nelle cipera- 
cee, a preferenza dei cyperus, delle fimhristilis ec. ; presentarsi nelle 
gigliacee numerosi di specie i generi tulipa, ornithogahiìn , scilla e 
soprattutto Vallhim; predominare nelle orchidee la tribù delle ophry- 
dinee, ec. ec. Queste orchidee, che comprendono una gran parte di 
quelle di Europa, sono tutte terrestri , né ve ne ha alcuna che cresca sul 
tronco degli alberi , né alcuna che presenti quella bellezza e quella 
magnificenza di fiori , che fa di queste piante uno de' più splendidi 
ornamenti dei climi tropicah. 

In mezzo a questo generale carattere delle nostre monocotiledoni, 



,r2 .MONOCOTILEDONI. 

eh" ('' in rapporto peraltro con quello della \\\^ela7.ione italiana, sic- 
eome vedremo nel cors(t di questa opera, comincia nel mezzogiorno e 
nella costa occidentale d'Italia e a yìreferenza nelle isole a mostrarsi 
in (jueste monocotiledoni stesse qualche cosa che si avvicini alla non 
lontana vegetazione dei tropici. Così alcune specie delle predette fami- 
glie diventano fruticose o arborescenti, alcune tribù più particolari 
a' paesi posti fra' tropici olirono di già qualche rappresentante nella 
nostra flora, e vi si mostrano talune famiglie che sono più proprie a quei 
climi. In tal guisa veggiamo fra le gramigne varie specie di panicee, di 
andropogonee oc. , ed essere queste fruticose, come è del succharum 
ce(jiipt\acwm , A&W erìanthus Ravenna;, deW arundo donax ec. ce. Tro- 
viamo le carex acquistare forme più robuste verso il mezzogiorno 
d'Italia e nelle isole di Sardegna e di Sicilia, e vediamo in quest'ul- 
tima il maestoso papiro ombreggiare le limpide acque dell' Anapo presso 
Siracusa. Vediamo nelle gigliacee l'aloe vulfjaris crescere spontanea 
sulle rupi di alcuni punti della Sicilia, e fra le amarillidee portare con 
alto fusto i suoi dorati candelabri la magnifica agave americana, che 
venuta da lontani paesi , talmente si è oggi sparsa in Sardegna ed in 
Sicilia, lungo la costa occidentale della penisola e nei punti più fortu- 
nati degli incantevoli laghi di questa, che senzaia sua presenza si di- 
rebbe sempre imperfetto ogni paesaggio di questi luoghi. 

Delle famiglie poi, che spettano d'ordinario ai paesi intratropicali, 
compariscono alcuni rappresentanti nella nostra fiora , particolarmente 
nelle aroidee, nelle palme e nelle cannacee. Varie specie di aroidee 
infatti si trovano in Italia , tra le quali merita particolare attenzione la 
colocasìa aniiquorum con le sue larghe e belle foglie, che ama le acque 
e le sponde de' fiumi in Sicilia. La chamaerops humilis tra le palme 
cresce spontanea nell'isola stessa di Sicilia non che in quella di Sar- 
degna e lungo la spiaggia occidentale della penisola sino a Nizza, 
formando cosi l'unica specie di questa magnifica famiglia, che abiti 
l'Europa e il solo vero albero monocotiledone dei nostri climi. La 
palma a dattero, phoenix dactijlìfera, trovasi solo coltivata m varii 
punti delle isole e della penisola, ed abbondantemente poi nella riviera 
di Ponente a San Remo e a Bordighiera sì che formò quella parte della 
Liguria a' tempi della repubblica francese il così detto dipartimento delle 
palme; ma essa non vi è spontanea, né vi matura i suoi fmtti. La Canna 
indica, che ora si trova vegetare in modo spontaneo a San Cosimano 
presso Mililli in Sicilia, vi è stata forse introdotta con la coltura; essa 
però non che la musa paradisiaca , che oggi coltivasi in copia special- 



MONOCUTILEDOiM. 35 

mente in Catania , mostrano quali piante siano capaci di vivere a cielo 
scoperto in quell'isola fortunata. Così tanto per lo sviluppo arboreo di 
alcune monocotiledoni , come per la presenza di alcune tribù e di al- 
cune famiglie , noi veggiamo mostrarsi nei [)unti più meridionali del 
nostro bel paese il passaggio al carattere di una vegetazione tropicale, 
in mezzo al generale aspetto di quella propria de' climi temperati. Noi 
vedremo meglio confermata questa deduzione studiando in particolare 
ciascuna famiglia di piante monocotiledoni . 



Glumace^ Darti, ord. pi. pag. 25. Endl. gerì. pi. pag. 77. Brongn. 

énitm. des plant. 
Pai-te delle glum^vles, the glumal alliance di Lindi, veg. kìngd. 

pag. lOo. 

Herbae annuae vel perennes, raro sutfrutices. Culmi vel cala- 
mi, saepe simplices aut basi ramosi, teretes vel triquetri , raro com- 
pressi. Folia alterna, integra vel integerrima, nervoso-striata, basi va- 
ginantia, vaginis fissis vel clausis. Flores in spiculas dispositi, bracteis 
(glumìs, paleis, valvis, squamis auct.) imbricatis suffulti. Perigonium 
squamiforme vel setiforme aut nullum. Stamina sa^pissime tria, fila- 
mentis liberis, antheris bilocularibus. Styli 2 vel 5, non raro inferno 
connati. Ovarium liberum, uniloculare, uniovulatum, ovulo erecto. 
Fructus caryopsis vel akenium. Albumen farinaceum. Embryo ad basin 
seminis. 

Abito. — Le due famiglie di piante monocotiledoni comprese in 
questa classe , le graminacee cioè e le ciperacee, presentano un abito 
particolare, comune ad entrambe, dovuto specialmente al loro fusto, 
spesso interrotto da nodi o affatto senza nodi e nudo , alle loro foglie 
strette, lineari, a nervature fine e parallele, e come diconsi graminee, 
inguainanti gl'internodii del fusto, a' fiori in generale piccoli e invilup- 
pati da brattee o squame, che diconsi ^/«we, di color verde o erbaceo, 
qualche volta oscuro, poste l'una al di sopra dell'altra e ricoprentisi 

Fr.oBA Italiana. Vol. I. « 



54 GLUMAGEE. 

d' ordinano nella loro estremità per formar cosi delle spighette insieme 
coi fiori. La prima famiglia, quella delle graminacee, ha ancora un abito 
più speciale, per cui facilmente si distingue anche dal volgo una gra- 
migna da qualsiasi altra pianta , mentre le ciperacee si accostano di 
più alle restiacee , alle giuncacee, ec. e ad altre piante che spettano 
alla seconda classe delle monocotiledoni. 

Vedute geografiche. — La classe alleanza delle glumacee , tale 
quale io qui l' ammetto , comprende due sole famighe , le graminacee 
e le ciperacee, che ambedue figurano nella nostra flora. Essa è la più 
ricca ancora di specie , formando queste due famiglie una metà circa 
di tutte le nostre monocotiledoni , mentre le altre classi mancano di 
talune fìmiiglie , e sono assai più limitate di specie , siccome sarà detto 
a suo luogo. La famiglia delle graminacee è la più ricca fra tutte le mo- 
nocotiledoni italiane di cui rappresenta circa due quinti. 



FAMIGLIA PRIMA. 

GUAlflINACEE. 

Gramina ìu&i. yen. pag. 28. 

Gramine^ R. Broivn prodr. pag. 168. gen. rem. m Fìinders voyag. 2 

pag. 580. Palis. de Beauv. agrost. Kunth mémoir. du miis. 2. 

pag. 62, et enum. pi. 1 . pag. 3. Triti, fund. agrost. Sarti, ord. pi. 

pag. 26, Endl. gen. pi. pag. 77. Puri. fi. palerm. 1 . pag. 3. 
Graminacea Lindi, veg. kingd. pag. 106. 

Herbse ut plurimum humiles, annua3 vel perennes, raro frutes- 
centes aut arborescentes. Radix fibrosa vel repens, ex arliculis radi- 
cantibus stolones emittens. Culmi simplices, raro ramosi, sagpissime 
caespitosi, plerumque teretes, quandoque compressi, intus fistulosi 
vel interdum farcii, articulato-nodosi , ad nodos ssepissime tumidi, 
rarissime, ut in molinia, enodi, foliati. Eolia e nodis nata , disfiche 
alterna, sspe stricta, linearia, integra vel integerrima , nervoso-striata, 
nervo medio quandoque fortiori , lamina plana vel convoluta , petiolo 
dilatato, vaginam ut plurimum fissam, culmi internodia amplecten- 
tem, formante, quam inter et laminam appendix membranacea , ligula 



GRAMINACEE. 55 

dieta (quse stipula est cum vas^ina connata), vel cjus loco piloruni 
series in veni tur. 

Flores (flosculi Lin. et pi. auct.j hermaphroditi vel polygami, 
interdum monoici , rarissime dioici , e perigonio et genitalibus compo- 
siti , bracteolis (paleis) duabus suboppositis inclusi , in spiculas dispo- 
siti, nunc solitarii, nunc 2 vel plures in axe communi alterne sessiles, 
unde spicula? uni-multillorae. 

Spiculse (locustoì plurium auctorum) nunc sessiles, nunc plus 
minusve pedunculatse , pedunculis raro sterilibus et involucra setacea , 
ut in setaria etc. , efformantibus , in racemum , spicam vel paniculam 
dispositaì , raro racliidis exeavalionibus immersae , nonnulla? interdum 
steriles, ut in Lamarckia et mcynosuro, ssepissime basi bracteis f^/?(?msj 
duabus vacuis involucrat». Spicularum bractege (glummveìvalvmcaìyci- 
nae plur. auctor. caìyx Lin. gluma inss. tegmenPiAìs. de Beauv. glumae 
valvae Link) ut plurimum duo, subopposita, quandoque una velnullse. 
Florum bracteohie (palece, vaìvcc coroìlìnce pi. auct., corolla Lin., calyx 
Juss. stragulumPAis. de Beauv. gluma3 vnivuke Link) plerumque bina, 
subopposita, perigonium et genitalia includentes, quandoque etiam 
vacuai vel ad corpusculum turbinatum redactse, inferiore (anlka nonn. 
auct.) saepe cannata, mutica vel apice aut dorso arista (lamina lobi vel 
ejus nervo medio superstite) instructa; superiore (jwstìca nonnull. 
auct.) quandoque deficiente, ut plurimum mutica et binervi, nervis duo- 
bus ab axe ejusdem bracteote sequalitcr distantibus, et ex valvis dua- 
bus simul conjunctis, juxta Brownii senlentiam, eftbrmata. 

Perigonium {corolla Micb. nectaria Scbreb., lodictda Palis. de 
Beauv., parapetala Link, perìanthium W. Brown, Bartl., squamulx 
Kunth, Endl.) valde imperfectum, e squamulis duabus hypogynis, cum 
bracteolis alternantibus, nonnumquam connatis, raro tribus, tertia pale» 
superioris axe sive conjunctione opposita, vel omnino deficientibus. 

Stamina plerumque 5, raro 2 vel 1 , rarissime sex vel quatuor, in flo- 
ribus triandris cum perigonii squamulis alterna et bracteolis, sive unum 
bracteola inferiore, et duo nervis duobus bracteolae superioris opposita, 
stamen illud in floribus diandris deficiens , haec in monandris oblite- 
rata. Filainenta fdiformia, libera. Anthera3 lineares, biloculares, utrin- 
que emarginato-bifida?, lobis in nonnullis stipaceis apice barbulalis, 
loculis ut plurimum per totam longiludinein dehiscentibus. PoUinis 
granula libera, kevia. Ovarium liberum, uniloculare, uniovulatum. 
Styli 2, interdum basi connati, rarius tres. Stigmata 1-3, pilosa vel 
piumosa aut aspergilliformia. 



3(1 GHAMLNACEE. 

Caryopsis laevis aut sulco longitiKliiuili notata , IìIk'i-i vel hracteolis 
adhéerens aut illis tecta. Pericarpiuiri semini adnatuin , tenue, mem- 
branaceuMì. Semen erectum. Albumen farinaceum, basi extus foveo- 
latum. Einbryo in foveola situs, corpure carnoso, scutelliformi [hypo- 
lilusto Ricb., cotyledone Kiuith, Endl. Lindi.), extus sulco longitudinali 
exarato, albumini adhaerens. Corpus e cotyledone, plumula et radi- 
cula compositum [blastus Ricb. vorruìum Kuntli, Endl.), fusilbrmi-cy- 
lindraceum, in sulco bypoblasti receptuin, antice versus medium 
appendice unguiformi {epiblastus Ricb. a-secund coiyìedon Lindi.) 
auctum. Cotyledon (Ricb., pìiimiilu Kuntb, Endl. Lindi.) conicus, 
initio clausus et plumulam sive tbliorum 1-4 convolutorum rudimenta 
occultans, tardius sub germinatione vaginam tubulosam, foliisque 
demum erumpentibus apice fissam, efformans. Radicula (Kuntb, Endl., 
radiculoJa Ricb.) crassa, unde embryo nmcropodus, obtusa, vagina 
{coleorrhiza Ricb.) inclusa, eamque sub germinatione tuberculis non- 
nuUis intus latentibus, in radicellas excrescentibus, perforans. 

Osservazioni. — Ho Considerato come brattee non solo le glume , 
siccome generalmente si conviene dagli autori moderni , ma ancora le 
pagliette o palee, quantunque R. Brown, Augusto Saint-Hilaire, Scblei- 
den e altri le credano spettare al perigonio o perianzio, consideran- 
dole come un perianzio esterno o inferiore. Imperoccbè, quantunque io 
veda nella palea superiore due valve spesso insieme saldate, come prima 
ba notato R. Brown, in grazia della disposizione parinerve di quella 
palea, pure non posso credere di formar essa con la inferiore un 
inviluppo esterno del fiore , in quanto che queste pagliette non na- 
scono in verticillo da un medesimo punto e da un asse solo , ma la 
superiore si trova collocata più in alto e nasce perciò da un asse se- 
condario. L'osservare inoltre cbe nei fiori vivipari, sì frequenti nel 
genere poa, aira ec, queste pagliette si convertono in vere fogUe con 
una guaina, una lamina ed una ligula, me le fa credere vere brattee e 
non parti di un inviluppo fiorale. Ravviso con il Link a di più nel- 
r aresta , che così spesso si trova nella paglietta inferiore , il rudimento 
della lamina della foglia, o almeno il nervo suo mediano. Ugo Mohl 
(vedi atti del congresso degli scienziati in Milano pag. 461.) ba parago- 
nato le glume alle squame dell' antodio delle composte e le palee alle 
pagliette cbe accompagnano i fiori di esse. Quindi riguardo solo come 
perigonio le paglioline osquamette (squamidce), delle c[uali una d'ordi- 
nario manca; però quando esse esistono tutte e tre, come nelle stipa, 
è facile di notare la loro posizione alterna con gli stami. Onde evitare 



GRAMINACEE. 57 

una confusione , ho conservato alle brattee il nome di ghimce e alle brat- 
teole quello di palecc , e dato a queste complessivamente con il perigo- 
nio e gli organi genitali il nome di fiorì , perchè abbracciati oramai 
dalla maggior parte de' botanici. 

Riguardo poi all'embrione ho seguito la nomenclatura indicataci 
da C. L. Richard, in quanto che mi sembra confermata dalle mie os- 
servazioni. Singolare è al certo la natura dell'embrione in questa fami- 
glia, offrendo delle particolari disposizioni di difficile interpretazione. 
Però ad avere in quésto una guida giova ricorrere al germogliamento. 
Per esso io non posso considerare come cotiledone l'ipoblasto di 
Richard, che non acquista allora alcuno sviluppo, nò a me importa 
per ora il decidere se sia da riguardarsi come una parte della radi- 
chetta secondo il Richard , o della plumula giusta Adriano Jussieu , o 
se sia in fine un corpo particolare come lo ha creduto il Nees ab Esen- 
beck. Ho creduto quindi riguardare come cotiledone quel che il Kunth 
seguito in ciò da Endlicher considera come parte della plumula , e che 
inviluppa questa avanti l'epoca del germogliamento, prolungandosi 
poscia in una specie di guaina aperta superiormente per lasciare uscir 
via le foglie. 

Abito. — Ho detto di sopra parlando della classe delle glumacee 
come le gramigne abbiano un abito tutto particolare, da riconoscersi 
facilmente anche dal volgo una pianta di esse da qualsiasi aUra famiglia: 
ciò si deve perchè le graminacee costituiscono una famiglia assai na- 
turale. 

Sono le gramigne italiane piante per lo più erbacee , anzi volgar- 
mente per questo carattere tra di noi si dicono erba; rare voUe sono- 
fruticose, come si vede per alcune specie di ariindo, di sacchanm, 
di erìanthus, ec, siccome meglio sarà detto nelle vedute geografiche 
che qui sieguono. Le loro radici sono generalmente fibrose, con fibre 
delicate e spesso coperte di peli, ovvero repenti, mandando qualche 
voUa degli stoloni, per cui si rendono, quando sono abbondanti, in- 
feste a' campi. I culmi ora semplici, ora ramosi verso basso, formano 
d'ordinario de' cespugli, più o meno densi, rare volte nascono solita- 
rii, generalmente cilindrici, qualche fiata compressi, offrono di tratto 
in tratto de' nodi che non di raro sono gonfi e colorati , ricoperti negli 
internodii in parte o in totalità dalle guaine delle foglie: spesso gl'in- 
ternodii superiori più prolungati sono nudi. Ho detto superiormente 
parlando dei culmi delle monocotiledoni, come alcune gramigne, così 
la pìutlarìx eoeruìescens.h nodosa ec, la varietà worfosa del phleiim pra- 



:.X GFIAMINACEE. 

tense ed altre, presentano nella parte la più bassa del culmo i loro 
internodii rigonfiati , che sembran come de' tuberi sovrapposti l'uno 
all'altro, e che han fatto erroneamente credere che la radice di queste 
piante sia tuberosa. L'altezza de' culmi come il loro diametro è varia- 
bile, talune gramigne hanno un culmo gracihssimo, e fdiforme , 
e poco alto , come sono in generale varie specie di nira , di agro- 
siis ec, alcune altre, le specie fruticose, offrono il loro culmo assai ro- 
busto e alto da 14 sino anche a 18 o 20 piedi. Le specie più piccole 
come la mibora verna, la crypsìs nigric.ans sono alte appena uno o due 
pollici. 

Le foglie sono generalmente strette e lineari. La loro guaina, 
nata da tutta la circonferenza del nodo vitale , abbraccia , come ho 
detto, in parte o in totalità, l'internodio, talvoha strettamente ad esso 
addossata, tal altra in un modo più lasco, ed è qualche voUa rigonfia, 
come neW alopecurus utriculatus, specialmente l'uhima spettante alla 
foglia superiore : non è raro di vedere quest' ultima guaina abbracciare 
la base della spiga o della pannocchia, così in varie specie àiphaìaris, 
la paradoxa, la coerulescens , r\e\h crypsis sclioenoides , aculeata, ec. ec. 
Nel hjgeum sparlum questa guaina superiore priva' di lamina è dilatata 
in modo da somigliare una spala; nella cotx ìacryma poi essa è ridotta 
ad un corpo globoso-ovale , duro , coriaceo e nitido , che inviluppa le 
spighette inferiori: i botanici han dato il nome cV invoì nero a qnesio 
corpo : esso spetta senza dubbio alla guaina della foglia superiore , di 
che si ha una certezza nell' osservare che questo involucro sviluppa 
talvolta con la coltura la lamina della foglia. Questa lamina nelle 
eramisne è- lineare o lanceolata , si termina d' ordinario in una punta 

oc? 

acuminata o acuta , qualche volta pungente , rarissimamente ottusa : 
i suoi margini sono interi o interissimi , spesso scabri sotto le dita , e 
talune fiate anche seghettati o dotati di ciglia. I suoi nervi son 
fini e scorrono parallelemente dalla base all'apice, il nervo mediano 
in alcuni casi è più forte e distinto dagli altri , come si osserva nel 
sacchamm, neW erianlhm , nel sorghum ec. : questi nervi danno un 
aspetto striato alla lamina , che è per lo più piana , e spesso scabra in 
una in ambedue le sue facce , qualche volta però è avvolta o come 
dicesi com.'o/;</a, strettissima filiforme. Non mancano delle specie, 
come la festuca heteroplvyUa , Yagrosth canina ec. che offrono una dif- 
ferenza di forma delle loro foglie inferiori con quelle che stanno nella 
parte superiore del culmo. Nel punto di riunione della lamina della 
foglia con la guaina osservasi una piccola appendice, che è la lìgula, 



GRAMINACEE. 39 

bianca, membranacea, e corta, spesso lacera o troncala, qualche volta 
cigliata, tal altra scorrente lungo i margini della guaina. Diversa di 
forma in poche specie nelle foglie inferiori e superiori di una stessa 
pianta, manca raramente del tutto o è rimpiazzata da una serie dipeli. 
Essa rappresenta l'apice libero di una stipola ascellare saldata in gran 
parte con la guaina , siccome ha ben dimostrato Augusto Saint-Hilaire 
nella sua classica opera della tnorphologie végélaìe , e infatti se ne ha 
una prova convincente nel vedere che essa sorpassa in alcuni casi il 
limite de' margini di questa guaina , come è appunto nella Lamarckia 
aurea e in varie altre specie. 

I fiori sono assai piccoU in paragone della grandezza della pianta. 
Essi sono rinchiusi e accompagnati da brattee in forma di squame 
spesso erbacee , rare volte di colore fosco o porporino , e anche qualche 
fiata di color d' argento o di oro , formando insieme con esse delle spi- 
ghette. Queste spighette portano uno due o più fiori sino a mohissimi, 
di cui alcuni talvolta sono sterili, ossia ridotti a un filetto a guisa di lesi- 
na, ad un corpicciolo in forma d'imbuto: esse sono ordinaria- 
mente ovali , lanceolate , allungate o lineari , spesso compresse , rare 
volte gonfie come nelle hriza , nei serrafaìcus. Le due brattee inferiori 
glume formano come un involucro alla base di ciascuna spighetta , 
talvolta più corte , taJ altra uguali o più lunghe delle altre brattee o 
pagliette, che stanno immediatamente in rapporto col perigonio e con 
gli organi genitali : queste pagliette sono disuguali nella maggior parte 
de' casi, e l'inferiore è sovente dotata di una aresta, più o meno lun- 
ga , che nasce or verso la base ora nel mezzo del dorso ora all' apice , 
e che è talvoha tortile nella parte inferiore come nelle avena, nelle 
stipa , nes;\i heteropogon ec. da poter servire d'igrometro. Le antere 
lineari, lunghe e 'd'ordinario di colore giallastro, e bifide alle loro 
estremità son portate da filamenti assai delicati, e gli stimmi per lo 
più in forma di piumette si affacciano d' ordinario da' lati delle pa- 
ghette. Le spighette poi che in alcuni casi si osservano totalmente 
sterili, come si vede nei cynosurus, nella Lamarckia, sono portate sopra 
peduncoli più o meno lunghi, e d'ordinario assai delicati, e formano 
con il loro insieme delle pannocchie, dei racemi e delle spighe. Fre- 
quentemente questi peduncoli sono in verticilli alterni , qualche volta 
sono anche solitarii e sempre aUerni. Rarissime volte sono sterih, come 
si vede nei verticilU inferiori del militim. multi fìorim, e negli involucri 
setacei delle setaria , del pennisetum. In alcuni generi , come avviene 
nella tribù delle hordeacex le spighette sessili o quasi sessili sono adal- 



40 GIUMINACEE. 

tate sui lati della rachide della pannocchia ed anche lalvolla ricevute 
nelle escavazioni alterne di essa. A questa disposizione delle spighette 
si unisce talvolta l' esser queste molto avvicinate tra loro , e il trovarsi 
dotate di lunghe areste, ne risultano così delle spighe di un aspetto 
particolare, come veggiamo nel grano, nell'orzo, nella segale ec. 

Le spighe o i racemi come le pannocchie sono più o meno grandi 
secondo le specie, cortissimi in alcune, molto prolungati in altre, 
come succede per esempio neW arundo donax, nel sacchantm mjijptia- 
cum e XìeW erianthus Ravennce più volte citati, in cui la pannocchia 
arriva ad avere fino un piede e mezzo di lunghezza. In talune specie 
queste pannocchie e queste spighe sono assai notevoli per esser molli , 
delicate e come se fosser fatte di seta , siccome si vede nel saccharum 
e weW erianthus qui detti, non che neW Imperata , nel ìagurus, nella 
trkholaena Tenerìffae ec. , ovvero hanno un aspetto assai bello per il 
colore delle spighette, come osserviamo nella Lamarckìa aurea, in cui 
queste sono di color d'oro. 

Vedute geografiche. — Le gramigne d'Italia, come nei paesi dei 
climi freddi e temperati , vivono in società per formare così in gran 
parte quei tappeti verdi , a' quali diamo il nome di prati e di pascoli , 
secondo che queste piante vi crescono più o meno rigogliose e fitte da 
poterle una o più volte all' anno falciare per far del fieno , o che solo 
nei luoghi incolti e sulle coste de' monti servono di pascolo agli ani- 
mali, senza che se ne possa, a causa di esser poco fitte, ottenere del 
fieno. Sono i prati in vero formati nella maggior parte dalle gramigne, 
le quali con le radici fra di loro intrecciate costituiscono una specie di 
rete , che impedisce agli alberi e alle piante fruticose di crescervi con- 
temporaneamente , donde questa antitesi fra i prati e le foreste. Poche 
altre piante e son queste d' ordinario alcuni vilucchi o convolvulus , 
delle piantaggini, pìantago, delle valerianelle ec. e specialmente le 
leguminose vi prendon parte, come sarebbero i trifogli, le medicaggmi, 
le veccie ec: parlo già de prati naturali, mentre nessuno ignora che 
vi sono anche in Italia de' prati ariìfìziali , formati quasi interamente 
di una delle seguenti piante, di trifoglio bolognino (irifolìum incarna- 
tum b Molineri), di trifoglio (trifolium pratense), di lupinella (onobry- 
chis saliva), di sulla (hedìjsarum coronarium), di erba medica (medi- 
cago sativa ec). Permansi tra di noi i prati quasi all'improvviso alle 
prime piogge d'autunno, e rinfrancano così opportunamente la vista, 
già fatigata dai raggi del sole estivo , il quale brucia tutte le erbe , 
anche de' campi , solo allora sparsi di sterpi e di paglie. Questo rapido 



GRAMINACEE. 41 

formarsi de' prati è tanto più sensibile, quanto più li osserviamo nei 
luoghi bassi e nel mezzogiorno d'Italia, in Sicilia e nelle piccole isole, 
dove la sferza del sole si fa sentire più ardente nei mesi di Luglio e di 
Agosto : così in autunno quando gli alberi si dispongono nei nostri 
climi a rimaner nudi per la caduta delle foglie , vengono le gramigne 
nei prati a mantenere quel verde eterno che la. natura ha concesso alle 
piante per ricreare il nostro sguardo. Sono in Italia prati bassi e mon- 
tuosi, e questi ultimi prendono ancora il nome di ai pini , quando si 
trovano ad un'altezza assai considerevole sul livello del mare, nella 
regione così detta alpina de' monti , come accade particolarmente negli 
Appennini e nelle Alpi. Però diversa è la loro composizione nei luoghi 
bassi e montuosi, diversa ancora nei ditferenti punii della penisola. 
I prati bassi dell' Italia settentrionale , i quali si trovano in Piemonte e 
nella gran pianura Lombardo-Veneta , sono assai belli e rigogliosi , in 
grazia della quantità delle acque che scendendo dalle Alpi vengono a 
fertilizzare i sottoposti piani , origine vera della ricchezza de' paesi del 
nord d'Italia e specialmente della Lombardia, e che producono quelle 
nebbie sì frequenti in quei paesi. All'abbondante e buon foraggio che 
si ottiene da quei prati, ove si falcia per più vohe all'anno, devesi in 
fatti la bontà del bestiame e de' formaggi lombardi , sì celebrati anche 
nelle mense di paesi lontani. Il fondo di questi prati è formato dalle 
gramigne seguenti , che vi sono più o meno abbondanti : anthoxanthum 
odoratum, phleum pratense, alopeciirus pratensis e utricidatus , hoìciis 
ìanalus , poa trivialis e pratensis, dactylis gìomerata, cynosurus crista- 
tiis, hr'ìza media, serrafalcus moUis, arrhcnantherum elafius, triselum 
flavescens ec. 

Nell'Italia centrale poco invero difleriscono i prati da quelli della 
settentrionale: vi sono comuni il serrafalcus moìlis, \\ phleuìn praten- 
se, X alopecurus agrestis e utrìeulatus, Vholciis lanatus, il cynosurus 
cristatus, la vulpia ligustica, il triselum neglectum, l'avena steriìis e 
fatua, la poa pratensis ec. , mentre nei punti meridionali della penisola 
ed anche in parte nella costa occidentale di essa e in generale nelle 
isole di Sardegna e di Sicilia ec. abbondano nei prati de' siti bassi il 
hromus madritensis , il serrafalcus molli s , Y avena fatua, hirsuta e ste- 
riìis, il Irisetuni condensatuìn , parviflorum e neglectum, Vaegylops ova- 
ta, la stipa tortilis, la vulpia myurus e ligustica, la koeleria phleoides, 
il lagurus ovatus, la poa annua, il lolium perenne ec. ed in alcuni luoghi, 
come nel Genovesato, trovasi anche la danthonia provincialis. 

Quanto a' prati montuosi ed alpini difficile è in vero il precisare 



12 GRAMINACEE. 

con esattezza le gramigne che li formano, essendo mollo diverso il 
fondo di questi prati a seconda l' altezza sì nella penisola che nelle 
isole. Accade in generale che le piante proprie dei prati bassi dell'Ita- 
lia settentrionale si trovano nei prati montuosi della meridionale , così 
è per esempio della hriza inedia, deW alopeciirus pratensis, del trìsetum 
flavescens, dcW anthoxanthum odoratum, ec. che si trovano d'ordinario 
nelle praterie montuose del regno di Napoli e che noi sappiamo già ab- 
bondare nei prati bassi del Piemonte e della Lombardia. Nei prati alpini 
delle Alpi e degli Appennini crescono ordinariamente il phleum aìpìnum 
Yalopecurus Gerardi, V agrostis canina, la sesleriacoerulea, hpoa alpina 
e la varietà h. MoUnen ec. né è da obbliare, che le carex abbondano 
in questi prati alpini , come si vedrà a suo luogo. 

I pascoli pili particolari a' luoghi incolti e alle montagne , ove si 
arrampicano ordinariamente le capre ed i buoi ed ove anche si abban- 
donano i cavalli , si distinguono da' prati in quanto che in essi crescono 
poco fitte le erbe, né vi si talcia del fieno, per cui si trovan questi 
pascoli mescolati sovente con gli arbusti. Difficile è in vero il preci- 
sare con esattezza la differenza di un pascolo da un prato , in quanto 
che noi sappiamo esser costume in Italia e specialmente in Toscana far 
pascolare gli animali nei prati in tempo di autunno -e d'inverno, pria che 
sia venuto il tempo di falciarvi il fieno. In generale nei pascoli le erbe 
crescono poco rigogliose, perchè sono luoghi d'ordinario scarsi di 
acqua , mentre per lo più nei prati esse si sviluppano con più forza , 
soprattutto nei prati irrigui , per le cure del contadino e per la quantità 
delle acque che artifizialmente vi si fanno allora arrivare. I pascoli 
de' siti bassi partecipano in generale delle piante stesse de' prati , il 
\og\io, loliiim perenne, \ì enìra d'ordinario per gran parte. In quelli 
de' luoghi montuosi predominano la festuca durmscula, la koeleria 
grandiflora, il trisetum flavescens, Vaira fìexuosa, che è il così detto fieno 
dei pastori delle Alpi , Y agrostis vulgaris, il nardus aristata, ec. e nei 
luoghi più elevati , oltre alcune di queste specie , I' agrostis aìpina e 
rupestris, V avena Scheiichzeri ec. 

La copia de' prati e dei pascoli d' Italia ben dimostra che in ge- 
nerale le nostre gramigne sono erbacee e di bassa statura. Però non 
mancano alcune specie fruticose quasi avanguardia delle gigantesche 
gramigne de' tropici ; tali sono alcune specie di canna , l' arando donax 
e la phragmites communis, non che il saccharum aegìjptiaciim e Yerian- 
Ihus Ravennae. Crescono abbondantemente le prime due specie in nu- 
merosi individui , costituendo così dello specie di boschetti , i quali 



GRAMINACEE. 43 

soli , benché da lontano , ci possono richiamare i magnifici boschi di 
bamboo delle rive del Gange. L'aritndo donax, forse coltivata una 
volta in Italia , ombreggia ora le accjue di molti de' nostri fiumi , for- 
mando i così detti canneti , mentre abbonda la phìofpmtes nelle |»aludi, 
ove costituisce , con la sociabilità de' suoi individui , quelli che diconsi 
canneti dì paduìe. Il saccharum aegypiìacum nasce solo sulle sponde 
dell' Greto presso Palermo; più diffuso è V e ri ani hit s Ravennae non 
raro nei luoghi paludosi, specialmente verso le coste orientali dell'Ita- 
lia. 11 portamento magnifico di queste piante, la bellezza della loro 
fioritura è tutto ciò che per la tiimiglia in esame possiamo vantare 
nella nostra flora: la loro altezza di circa li a 16 ed anche per alcuna 
di 20 piedi , forma così un bel contrasto con altre piccole gramigne 
italiane, alte poco più di uno o due pollici, come sono la miòo/'a verna, 
la crijpsis nigricans ec. 

I paesaggi otferti così da tutte le sopracitate gramigne non sono 
però i soli che si presentano allo sguardo del naturalista in Italia. Una 
altra specie di esse, clie una volta stava fi'a le canne, V ampeìodesmos 
tenax, di statura ancora elevata, dà con i densi cespugli formati dalle 
sue lunghe foglie un aspetto tutto proprio ad alcune colline e a taluni 
monti calcarei della costa occidentale della penisola, non che delle 
isole di Sardegna , di Sicilia, ec. Queste coUine e queste montagne, 
così dette graminee, generalmente sterili, si mostrano ricoperte in 
grande estensione da tali cespugli , che , mentre trattengono il suolo , 
servono ad arrestare lo sdrucciolevole piede del botanico e ad ajutarlo 
nella difficile salita. Questi cespugli, alternando con alcuni arbusti di 
ginestre, di citisi, di cisti, e di scope, formano così uno dei tratti più 
caratteristici della vegetazione mediterranea. 

Altre gramigne amano le fenditure delle rupi come la festuca 
exaitata, la melica major, il milìum coerulescens, la stipa pennata, il 
brachypodìum ramosum, Vagrostis rupestris, i\ paniciim compressumec. , 
crescono altre sui rottami di fobbriche , sui muri , sulle tegole dei tetti 
lungo le vie , come a preferenza varie specie di bromus , di serrafalcus, 
di viilpìa, di phleum, di poa, di Iwrdeum, la scherochloa rìgida , il bra- 
chijpodium distacìiìjon, Vaegylops ovata, e nel mezzogiorno d'Italia anche 
la Lamarckia aurea, il lagurus ovatus ec. Talune pendono dalle siepi, 
come alcune specie di bromus, il bromus Gussonii, il bromus asper, il 
milium multìfìorum, il brachijpodìum sijlvaticum, la melica ciliata; altre 
preferiscono le acque o si stanno ad esse vicine , così le glyceria , le 
ciitabrosa, VAnlinoria insularìs, alcune specie di alopecurus, (W pani- 



ii GRAMINACEE. 

cum, d\ (ifirostin, di crtjpsis, ec. , ed altre godono di starsene nelle sab- 
bie marittime , come la psamma arenaria , V agropyrum jiinceiim e 
scirpeiim , la schlerochloa mar'ilrma, il catapodhwi loliaceiim, la vulpia 
unìglumìs, la koeleria villosa, il leptunis cylìndrirns e iììcurvalus, ec. 
Diverse intìne (crescono nei luoghi coltivati , così soprattutto vi abbon- 
dano le setarie, Y eragì'ostis megastachya, la poa annua, il cynodon 
dactylon, varie specie di phalaris, \edigitarìe, il sorghumhalapense, ec, 
ed alcune più particolarmente predileggono i cereali , come Vagrostis 
spica venti, il cynosurvs echinatiis, il seìrafalcits arvensis , secalinus, e 
mollis, Y avena fatua, sterilis e hirsuta, il Irisetum parviflorum, la vul- 
pia panormitana, il lolium tcmulentum ec. , quest' ultimo come il cyno- 
don dactylon si rendono in vario modo infesti alle piante coltivate, in 
mezzo a cui nascono, siccome dirò a suo luogo. 

La tribù delle graminacee che più predomina in Italia è quella 
delle festucacee , come è in generale nei paesi di Europa , così sono 
assai ricchi di specie i generi poa , festuca , vulpia , bromus , serrafal- 
cus ec. : però è da notare che la tribù delle orizee e particolarmente 
quelle delle panicee e delle andropogonee , quantunque in generale 
spettino ai climi tropicali , pure non mancano^' avere qualche rappre- 
sentante nella nostra flora. Sono esse in fatti' le più ricche di specie 
che nelle altre flore di Europa. Così conta la prima in Italia due spe- 
cie, la Leersia oryzoides e Y Ehvarta punicea, sebbene quest' ultima, che 
vegeta ora in modo spontaneo a Portici presso Napoli , sia certamente 
di origine straniera. Veggiamo nelle panicee il genere pennisetum 
avervi una specie , il pennisetum cenchroides , esservi tre specie di se- 
taria, alcuni veri panici come il compressum, il repens, il capillare, un 
oplismenus, due digitaria, il tragus racemosus, la triclwluena Tene- 
ri ffae; e nelle andropogonee abbiamo un saccharum, un eriantlms, un 
Imperata, quattro andropogon, una Pollinia, un chrysopogon, un hete- 
ropogon , due sorglium.. Nelle altre stesse tribù non manca qualche 
altro genere o qualche altra specie di far conoscere che anche per 
queste piante comincia la flora d' Italia nel mezzogiorno della penisola 
e nelle isole a presentare qualche cosa che annunzi la non lontana 
vegetazione tropicale; così infatti è della chaetaria adscensionis fra le 
stipacee, del dactyloctenium aegyptiacum e della dineha arabica fra 
le cloridee, ec. ec. Le vere pappoplioreae mancano nella nostra flora e 
solo Yecliinaria capitata merita di esser qui ricordata nella sotto tribù 
delle sesleriacee della tribù deUepappoforeacee. Le sole b'ambusee non 
hanno alcun rappresentante nella flora d'Italia. 



GRAMINACEE. 45 

Questa tendenza di alcune gramit^ne al carattere di quelle dei 
tropici ci spiega non solo la presenza di alcune specie fruticose , sicco- 
me ho detto di sopra, ma ancora lo stato monoico o poligamo di al- 
cune di esse , così particolarmente delle andropogonee , quantunque 
in generale le gramigne italiane si mostrino ermafrodite , come è della 
maggior parte di quelle delle vegetazioni estratropicali. E queste mede- 
sime gramigne ci offrono ancora un altro carattere tropicale nella 
maggior mollezza dei fiori , che sono di ordinario come di seta o co- 
tonosi. L' Imperata cìjUndrica in fatto, la tricholaena Teneri /fìie, il sac- 
charnni aegijpliacum , V ertanthus Ravennae ed anche il lagiirus ovatus, 
ci presentano delle spighe o delle pannocchie di fiori molli e come di 
seta e spesso assai eleganti. 

Mentre da una parte il saccharum aegyplìa-cuni, la trkholaena Teneri f- 
fae, la cluelarìa adscensionis, il pennisehim cenchroides formano per le gra- 
migne l'estremo meridionale della vegetazione d'Italia , l'avena Scliench- 
zeri e Vagroslis alpina ne costituiscono l'altro estremo, dentro i cui limiti 
si comprendono tutte le altre specie di questa numerosa famiglia. 

Fioriscono le granii^tne in generale assai di buon'ora. Sono esse 
in gran parte fiorite nei mesi di Aprile e di Maggio , però anticipano 
anche un poco alcune specie che nascono presso la spiaggia del 
mare o nelle sabbie marittime, come varie specie di aira, di bro- 
mus ec. ; sebbene tra queste abitatrici delle arene dei lidi, taluno come 
Vagropyrum scirpeum e junceuìn, la psamma arenaria e qualche altra si 
trovino fiorite in Giugno e Luglio. Le più pronte a fiorire fra le gra- 
migne sono la poa annua , comunissima nelle vie, nei muri e nei campi 
d'Itaha, la poa bulbosa frequente nelle colline secche e nei luoghi 
montuosi, ììphleiun echinaium non che la Lamarckia aurea, ec. : dappoi- 
ché cominciano a fiorire assai di buon' ora nel mese di Gennaio , di 
Febbraio o al più tardi di Marzo , anzi la poa annua qui detta si vede 
in Sicilia fiorita sin dal mese di Dicembre. Quelle che abitano i luoghi 
umidi e paludosi sono le più tardive , così osservasi in fatti per le urun- 
do, \)er h phragmites , per il saccharum aegrjptiacum, per Y erianthus 
Ravennae , ^ev ì panicum, per il dactyloctenium aegijpliacum ec. , che 
sono d'ordinario in fiore nei mesi di Agosto e di Settembre. Lo stesso 
è da dire degli andropogon, cMV heteropogon Allionii, della Pollinia 
distachya, del pennisetuni cenchroides, i\e\ panicum compressum ec, 
benché abitino queste piante le colline secche ed i monti. Pare che le 
gramigne stesse , le quali ci avvertono della vicinanza dei tropici , sien 
(pielle che fioriscon più tardi , forse perchè han bisogno di un inag- 



U") (ilUMlNAGEE. 

c;ior prolungamento del calore estivo per portare i loro fiori. Nei luo- 
sfhi elevati poi e nelle montagne alpine la fioritura delle gramigne, come 
è della maggior parte delle piante di quelle regioni, succede nei mesi, di 
Giugno e di Luglio, così di varie specie di phìeiim, di afirostis, di avena, 
di poa, di fesluca ec, che amano di starsene a grandi altezze nei monti. 

Piante coltivate e loro usi. — La quantità della fecola e del glu- 
tine di cui abbondano i semi di alcune gramigne , lo zucchero che da 
loro si può estrarre , e gli usi importanti , a cui nell' industria econo- 
mica si sono destinate talune di queste piante , han fatto sin da tempi 
antichissimi considerar le gramigne siccome il più gran benefìzio della 
Provvidenza per il sostenimento e per i comodi della vita. Nessuna 
famiglia di piante è al certo più importante di questa nel regno vege- 
tabile sotto il punto di vista dell'applicazione all'industria ed alla agri- 
coltura. Alle gramigne coltivate per i nostri usi, principalmente per 
far pane e paste, diamo il nome di cereali, come di seminali ai campi 
addetti alla loro coltura. Alcune di queste gramigne poi più partico- 
larmente impiegate per il nutrimento de' cavalli ec, si dicono biade, 
come è dell' a?;e/(ft saliva, quantunque il nome di biada comprenda 
anche piante di altre famiglie, come sarebbero le- fave; siccome quello 
di cereali abbraccia ancora altri vegetabili di famiglie distinte, che for- 
niscono abbondante fecola nei loro semi , tale il giwi saraceno. Il grano, 
il riso, l'orzo, la segale, l'avena, il gran turco, la saggina, il panico, 
il migUo, la scagliola, la canna da zucchero, la canna, la lagrima di 
Giobbe sono le principaU piante della famiglia delle graminacee che 
si coltivano in Italia e nelle isole ad essa aggiacenti. 

Grano o frumento. — Ne'ccreali merita senza dubbio il primo posto 
il grano, triticum vulgare, che ahmenta una gran parte dei popoh itahani 
come è in generale di quelli di Europa. Quantunque alcuni, non solo 
tra gli scrittori delle cose sicole, ma tra' botanici anche moderni lo ab- 
bi an creduto e lo credano spontaneo di Sicilia , mentre altri Io fanno 
provenire dall'Asia, su di che nulla io posso dire di certo, pure non 
può negarsi essere stata la Sicilia celebre in tutti i tempi per la fecon- 
dità delle spighe. Per questo i poeti, di cui le meraviglie naturali di 
queir isola tanto colpirono la immaginazione , la indicarono nelle 
loro favole come la patria di Cerere , di quella Dea che la prima in- 
segnò agU uomini l' arte di sostituire il grano alle ghiande ; per que- 
sto in tempi meno favolosi la dissero i Romani il granaio d'Italia. Molte 
varietà di grano si coltivano nella penisola e nelle isole tutte aggia- 
centi, che assai lungo e difficile sarebbe il descrivere: però si [losson 



GRAMINACEE. i7 

tutte ridurre alle tre seguenti specie cioè Iriticum viUgare, triiicum 
turgidum e iriticum spelta. Del primo si hanno due grandi divisioni, 
poiché le spighette che sono glabre e a quattro fiori talvolta non hanno 
barbe o reste, tal altra ne sono provviste. Gli Italiani e più particolar- 
mente i Toscani distinguono la prima col nome di gmno gentile, di 
calbigia, o di formento invernengo, triticum hybernum di Lm., triticurn 
vulgare a hybernum di varii botanici , che ama a preferenza i terreni 
non molto compatti, che da de' granelli bianchi e perciò preferiti per 
la fabbricazione del pane ; e chiaman la seconda grano grosso, civitella 

formento marzuolo, triticum aestiviim Lin., triticum vulgare h aesti- 
vum, i di cui granelli sono di un colore meno bianco e perciò adope- 
rati particolarmente per le paste. La seconda specie, il triticum turgi- 
dum di L., che altri considerano anche come varietà del triticum 
vulgare, ha ancor esso le spighette con quattro fiori arestati, ma queste 
spighette sono pelose. Essa è il così detto gran duro o andriolo, di cui 
i granelli sono impiegati per le paste come quelli del gran grosso. Sono 
famose in fatti le paste di Genova, i maccaroni di Napoli e di Sicilia. 

1 grani duri sono preferibili per la fobbricazione delle paste perchè 
contengono più glutine. Finalmente il triticum spelta, gran farro, farro, 
spelta ec, ha le spighette con quattro fiori d'ordinario arestati, e i gl'a- 
nelli attaccati alle pagliette in guisa che è necessario di spogliarli o di 
hrillarU alla macina : sene usa per le minestre, hi generale è assai 
meno coltivato delle altre specie di grano sopraccennate. 

Nel mezzogiorno d'Italia, in Napoli, in Sicilia e in altri luoghi si 
conoscono tre qualità o specie diverse di grani , i grani teneri , i grani 
duri, e i farri. Nei grani o formenti teneri si comprendono le varietà 
del triticum vulgare, che hanno i granelli teneri e bianchi e che ser- 
vono a far pane e anche paste. Ad essi spetta il cosi detto grano 3Iajorca 
di Napoli e di Sicilia , che dà una farina bianchissima , di cui si fa il 
pane , e si serve principalmente per far pasticci , torte , sfoglie, dolci ec. 
Ai grani duri, più volgarmente chiamati formenti forti, appartengono 
poi le varietà del triticum turgidum e del coerulescens ; se ne fanno prin- 
cipalmente le paste sovraccennate, i farri servono a far paste, ohre di 
usarne per minestre. 

Una varietà di grano marzuolo assai importante è quella che si 
coltiva in Toscana e a preferenza nel compartimento fiorentino per far 
paglia da cappelli, che sono conosciuti col nome di cappelli di Fi- 
renze e celebri per tutta Europa. Questa varietà che si semina in modo 
assai fitto nelle coste e nei terreni d'ordinario sassosi, è di statura 



48 GUAMliNACEE. 

assai bassa , non elevandosi che a un mezzo braccio e qualche volta 
anche fino ad un braccio , la spiga è assai corta e porta pochissime 
spighette che sono dotate di areste. 

Diversi sono in Italia gli usi del grano oltre a quelli principali di 
già indicati. Dai suoi granelli si ricava l'amido per varii usi : assai pre- 
giato è l'amido di Venezia, che si consuma in molte parti dell' Italia 
settentrionale e a preferenza nel Regno Lombardo-Veneto. Si serve 
della crusca o buccia del grano per ingrassare i polli , per nutrire i ca- 
valli , i cani ed altri animali domestici , per imballare le porcellane , le 
maioliche, gli smalti e per preservare gli acciai dalla ruggine. Lo spol- 
vero della macinatura del grano era una volta raccolto per la polvere 
Cìpria , che fu in tanta moda nei tempi scorsi per coprire i capelli , ma 
oggi del tutto abbandonata. Con la decozione di crusca si fa la bozzima 
alle tele sull' orditura , si lavano i tessuti colorati per fissare il colore e 
si preparano dei lavativi rinfrescanti. La farina di grano è impiegata 
qualche volta con l' acqua in modo di farinata per far colla da impa- 
stare , per empiastro ; però si fa uso di quest' uhimo in mancanza di 
altri emollienti. Con essa farina si fanno i biscotti capaci di reggere alle 
lunghe navigazioni , le ostie da chiesa , come quelle per chiudere le 
lettere, i cialdoni ec. La pasta della farina fermentata , mescolata al- 
l'aceto e alla polvere di senapa, è usata per senapismi. Il glutine di 
grano s' impiega , dietro scoperta fattane dal nostro Prof. Taddei , 
come antidoto al sublimato corrosivo e ad altri composti di mercurio, 
in istato di polvere emulsiva. 

11 mallo ossia il grano germogliato in un modo particolare , s' im- 
piega per la fabbricazione della birra , però più raramente di quello di 
orzo per causa del suo prezzo molto elevato. Con la distillazione si ot- 
tiene da esso già fermentato V acquavite di grano: di più si serve di 
questo malto per produrre con la diastasi il cangiamento della fecola 
in destrina ; di questa si fa uso dai nostri chirurghi per le fratture. 

I culmi e le foglie del grano allo stato secco, che diconsi paglia, 
servono a nutrire i cavalli ed altri animali ; con il rosume della paglia 
si fa la lettiera, la quale mescolata agli escrementi loro e all'orina s'im- 
piega come concio per ingrassare i campi : anche della paglia si fa uso 
per imballare i cristalh, le porcellane ec, per riempire i sacconi, per 
coprire gli erbaggi e in alcuni luoghi per mancanza della segala anche 
le capanne, per far la caìia così detta di paglia, ec. 

Delle valve o lolla o loppa che rimangono alla battitura si fa uso 
per terriccio, si danno al bestiame in tempo d' inverno mescolate con 



GRAMINACEE. 49 

i lupini, s'impiegano per la conservazione delle uova , per imballare 
oggetti fragili ec. 

Riso. — ■ Originario delle Indie Orientali il riso si coltiva abbon- 
dantemente in varie parti d' Italia e nelle isole , specialmente però nel 
Bolognese , in Lombardia e in Piemonte , donde proviene il riso mi- 
gliore e il più stimato. Non se ne conosce cbe una sola specie, Voryza 
saliva, da cui si ottengono molte varietà. Tra queste va ricordato il 
rìso, così detto secco o cinese, rìso della China, riso di montagna, la 
cui coltura è stata tentata in diversi luogbi d' Italia , in Najwli , in Si- 
cilia, in Sardegna ec, esso si coltiva ancora in Lombardia, nel Chie- 
tino nel regno di Napoli, ec. In generale le risaie sono ora in Italia 
meno frequenti di prima, a causa della cattiva aria che producono. 

Il riso è usato come alimento di facile digestione. Se ne serve 
in Italia per far delle minestre e se ne consuma molto , soprattutto in 
Piemonte e in Lombardia : celebre è in fatti il risotto che dicesi alla mi- 
lanese. 11 riso è assai utile per i convalescenti , ma non è buono per far 
del pane e molto meno per le paste, perchè è povero di glutine, però se 
ne fa del pane mescolato col grano, eh' è buonissimo al gusto. Si serve 
della paglia e della loppa per pulire i vetri e i vasi di stagno. La de- 
cozione di riso è adoperata in medicina come pettorale e rinfrescante; 
anche la farina è usata in molte famiglie ed è prescritta da' medici per 
farinata, sola o associata ad altre sostanze. 

Orzo. — L'orzo è uno de' cereaU più abbondantemente colti- 
vati in Italia e nelle isole, specialmente nei luoghi montuosi. Se ne 
coltivano diverse varietà che spettano a quattro specie di orzo. L' hor- 
deiim vulgare , orzo, orzo ordinario, orzo connine, più generalmente 
coltivato, ha le spighette disposte in quattro serie nella spiga. Si ha di 
esso una varietà col granello svestito dalle glume , ossia nudo, che di- 
cesi orzo mondo, orzo mondato. Le spighette disposte in sei fde in una 
spiga corta e grossa caratterizzano un'altra specie di orzo, ch'è Yorzo 
maschio, orzo esastico ec, hordeum hexasticon di Linneo: questo è 
meno coltivato della specie precedente. Vien poi l' orzo detto scandella, 
orzala, spelta, hordeum distichon, il quale porta le spighette in due lati 
opposti della spiga , eh' è lunga ; ve ne è una varietà a granelli nudi , 
che si chiama orzo di Siberia, orzo mondo, che è migliore. Infine si 
coltiva assai raramente, come in alcuni luoghi del Genovesato nella 
provincia di Levante ec, Yorzo periato, orzo di Geìinania, orzo a pen- 
na, hordeum zeocriton, che fa una spiga larga e compressa, il gra- 
nello eh' è vestito si spoglia con la brillatura e diviene allora bianco e 

Fl.oFA Itm.iana. Voi,. 1. il- 



rio GRAMINACEE. 

rotondo, e prende d tionie di orzo periato. Varii sono i?li usi a cui de- 
stinansi in Italia queste specie di orzi coltivati. Generalmente 1' orzo 
serve a far del pane, sia a solo, sia mescolato col grano per alimentare 
gli abitanti dei paesi montagnosi : nelle montagne della Corsica , a Niolo, 
si fa con l'orzo dei piccoli pani della grossezza di una piccola arancia, 
che si mangiano inzuppandoli neir acqua : l'orzo periato si usa per mine- 
stre. Nel mezzogiorno dell'Italia, in Sardegna, in Corsica, in Sicilia, e 
qualche volta anche in altri luoghi, si dà ancora come biada ai cavalli, agli 
asini, mescolato con l'avena insieme alla paglia. S'impiega ancora per 
l'are il malto e per la fabbricazione della birra , e ciò soprattutto nel- 
r Italia setleiitriunale e centrale, mentre nel resto della penisola e 
nelle isole si fa poco o ni un consumo di questa birra. In decozione si 
dà come pettorale e come emolliente, e se ne fa un caffè particolare 
detto caffè d'orzo; si mescola anche al vero caffè. La farina di orzo di 
Germania ha presso che i medesimi usi di quella del riso. Si spuntano 
i cuhiii freschi di orzo come si pratica per il grano, per 1' avena e il 
gran turco, per servire di alimento alle bestie, ciò che giova moUo a 
loro come alla pianta che rimane , la quale acquista cosi maggior for- 
za. Della paglia di orzo si serve come di quella del grano per lettiera. 
Le contadine di Sardegna, specialmente quelle di- Campidano, "ne fanno 
stiacci, panieri e varii utensili domestici. 

Segale. • — Non SÌ conosce che una sola specie di segale come 
coUivata in Italia. Essa è il secale cereale, segale, segala, germano. Si 
coltiva copiosamente nell'Italia settentrionale e centrale; nel regno di 
Napoli e in Sicilia essa è poco coltivata , e solo nei paesi elevati e mon- 
tuosi , e soprattutto dove non si può piià coUivare il grano : Io stesso 
vale per alcuni punti del Genovesato, non si conosce nell" isola di Sar- 
degna, però si coltiva in Corsica. 

I granelli di segale son destinati per far del pane, o a solo, che di- 
cesi pane di segale, poco usato però, per esser troppo dolce, ovvero 
insieme al grano, con il quale anche si semina, e alla véccia; questo 
pane è scuro ed è mangiato comunemente dai contadini : in Corsica si 
mescola con il miglio, e se ne fa del pane eh' è saporito, di cui i con- 
tadini sono amantissimi. La pasta della farma fermentata, come quella 
di grano, è adoperata in qualche parte d'Italia per i senapismi. Si fa 
uso della segale come biada per nutrire i giovani maiah. La paglia di 
segale, perchè più lunga di quella del grano , è eccellente per fare stoie, 
per coprire le capanne e per lettiera , e qualche volta in caso di scar- 
sezza di paglia di grano si da anche a mangiare alle bestie. Si costruì- 



GRAiMlNACEE. 51 

scono con essa i torcki o cercini per rivestire al di dentro le t'osse 
dove si conserva il grano. Altro uso importante di questa paglia è 
quello dei cuppelli cosi detti di segale che sono però meno pregiati di 
quelli di paglia di grano, quantunque più fini di questi, per essere di 
un colore più rossiccio e di meno durata. Per questi cappelli si usa 
la parte superiore intera dello stelo o culmo della segale , la quale si 
fa crescere a bella posta bassa come il grano destinato per i cappelli 
di paglia. Della parte inferiore della segale comune, stessala in più 
parti per la sua lunghezza, si fabbrica una treccia per fare i cosi detti 
cappelli di paglia di riso , nella quale i fili sono intrecciati uno a rove- 
scio ed uno a dritto. Però questa treccia, che ci vien d'ordinario spe- 
dita dalla Svizzera, e che si compone anche presso di noi, si cuce in 
Italia e si fonno così i cappelli , i portasigari , le cestine, le borse da 
donna ec. ; come è dei lavori della paglia di grano. Parlerò a suo 
luogo dello sprone della segale, che in quello stato dicesi cornuta, e 
gode di proprietà mediche assai celebrate. 

Gran turco. ^ — ■ Questa utile gramigna , originaria dell'America, è 
ora collivatissima da per tutto. Essa è la zea mais, volgarmente detta 
gran turco, gran siciliano, mais, granone, formentone, melega e in 
Sicilia for mento d'India. Si hanno alquante varietà circa al colore dei 
granelli, che sono giallastri , rossi cupi, bianchi, ec, e alla loro di- 
versa grossezza. 

I granelli del gran turco sono principalmente impiegati per far 
pane solo o insieme col grano , con la segale ec. , e per far varie sorti 
di polenda. Si danno ancora i granelli al pollame , poco o quasi mai si 
usano come biada. Le intere spighe si fanno cotte in forno per man- 
giarne i granelli , ciò che è molto in uso in Napoli e specialmente in 
Sicilia. Le guaine delle foglie superiori che inviluppano i fiori femmi- 
nili sono impiegate per riempire i sacconi dei letti , e anche per let- 
tiere delle bestie. Esse son dette comunemente cartocci, e sono anche 
buone per alimento del bestiame in tempo d'inverno. Il gran turco si 
semina pure fitto per servirsi dei suoi steli e delle sue foglie come 
alimento fresco al bestiame, il quale ama molto questi steli che son 
dolci . Da essi ricavasi abbondante zucchero, di cui non è a mia co- 
gnizione che si tragga partito in Italia. 

Avena. — Due specie di avena o vena sono coltivate nella penisola 
e nelle isole italiane, la avena o biada, avena satira ec, che ha le s|)i- 
ghette con due fiori , di cui un solo è d'ordinario arestato , e l'altra la 
vena d' Inghilterra, avena nuda Lin. che ha tre fiori nelle spighette, dei 



52 GRAMINACEE. 

quali il solo superiore è senza resta. La prima è impiegata per biada 
dei cavalli e si da anche ai polli, della seconda si usa la farina de' gra- 
nelli come ingrassante. 

Saggina.- — ^ Le duc Specie di sa//(/in« più comunemente coltivate 
nella penisola sono il .sor;//n/,»i vulfiare, saggina, sahm , meliga, e il 
sorghum saccharatum, saggina a spazzola, saggina da granate, saggina da 
scope, saggina scopatola. Si usano i granelli della prima per far polende 
e per mescolarne la farina nel pane come per nutrire i piccioni, i 
polli ec; anche delle foglie e dei fusti teneri si serve per alimento 
delle bestie, a questo oggetto la saggina si semina più fitta, perchè 
crescesse più erbacea , e quindi riuscisse di miglior pascolo ; in questo 
stato dicesi sagginella o sainella. I sagginali, fatti con la midolla del fu- 
sto di saggina, servono di turaccioli a' fiaschi. La saggina a spazzola è 
coltivata per fare spazzole e granate, di cui si fa un gran commercio. 
A queste due specie si aggiunge la coltura della saggina così detta 
hianca, saggina iiirchesca, saggina del collo torio, Dora, Durra ec, sor- 
ghum cerniann, e della saggina d'Affrica o pannoccMuta, sorghum caf- 
frum. I granelli della prima sono bianchi e più grossi di quelli della 
saggina comune ; con essi si fan polende e brillati anche delle mine- 
stre, dell'altra si serve più particolarmente per nutrire con le foglie e 
coi fusti il bestiame. 

Un' altra specie di saggina, il sorghum campanuni, che si coltiva 
da lungo tempo in Venafro nella terra di Lavoro , si è resa oggi colà 
quasi spontanea. Le saggine non si coltivano in Sardegna ne in Sici- 
lia, dove le granate son fatte di foglie della chamaerops humilis, sic- 
come sarà detto parlando di questa pianta nella famiglia delle palme. 

Panico e miglio. — W panico, panicum italicum ec, setaria ita- 
lica, quantun([ue sembri essersi ridotto quasi spontaneo in alcuni luo- 
ghi , coni' è per esempio in Venezia al lido , pure è coltivato general- 
mente per nutrire gli uccelli da canto , mentre il miglio è più partico- 
larmente usato per alimento degli uccelli domestici , e soprattutto dei 
colombi, delle tortore: però siccome il migho si propaga ora quasi 
spontaneamente in alcuni punti d' Italia , così il lettore troverà la de- 
scrizione di esso con l' indicazione de' suoi usi nel genere panicum. 

Scagliola. — ■ Anche la scagliola o canaria, phalaris canariensis, 
nativa delle isole Canarie si coltiva in varie parti d' Italia e specialmente 
nella Liguria e in Sicilia per ahmentare coi loro semi gli uccelli , e a 
preferenza i canarini ; si è ora diffusa in alcuni paesi d' Italia di una 
maniera quasi spontanea. 



GRAMINACEE. 55 

Canna da zucchero. — La Canna da zucchero , canna zuccherina 
o cannamele, sacchariim officinarum ec, coltivavasi una volta in Sicilia 
per estrarre lo zucchero così detto di canna, che è il migliore di tutti: 
però ne fu più tardi abbandonatala coltura per questo oggetto, la quale 
si è ora limitata soltanto ad Avola per la fabbricazione del rum , eh' è 
assai stimato. Ivi si vendono anche i culmi della canna da zucchero, 
tali quali si raccolgono dal terreno per succhiarne con la masticazione, 
più per ghiottoneria che per altro, il succo dolce eh' essi contengono. 

Della canna, annido dotiax, e della lagrima dì Giobbe, coix lacry- 
ma, perchè rese ora spontanee in alcuni paesi d'Italia sarà fatta parola 
più tardi. 



TRIBIJ PRIIflA. 

orizee:. 

Oryzeae Nees ab Escnh. in Lindi, inlrod. ed. 2. pag. 381. § 10 et 
fior, afric. anstr. ìllustr. pag. 101 . Kunth enum. plani. 1 . pag. 5. 
Endl. gen. pi. pag. 78. 

Spiculae uniflorae , glumis nuUis , flosculo hermaphrodito , v«l 2-3 
florae, glumis plerumque 2, flosculis inferioribus neulris, superiore 
hermaphrodito. Paleae chartaceo-rigidae , nervosae, inferior mutica 
vel apice aristata. Caryopsis saepe embryoni contrarie compressa, 
paleis tardius cohajrentibus vel clausis obtecta. 

Abito. — Piante a foghe hneari, scabre, a pannocchie ramose, e 
per lo più sparse , con spighette pedicellate , con le pagliette cartacee 
e quelle dei fioretti neutri spesso rugose trasversalmente in un modo 
elegante. 

Distribuzione geografica. — Le piante di quesfa tribù amano in 
generale i climi tropicali, e molto temperati. In Italia cresce solo, 
veramente spontanea, la Leersia oryzoides, poiché V Ehrharta panicea , 
nativa del Capo di Buona Speranza , che oggi si trova abbondante ed 
in un modo quasi spontaneo presso Napoli a Portici , è pianta al certo 
introdottavi , fuggita forse dalla villa reale di Portici , in cui si colti- 
vano molte piante esotiche. 



5-i (IHAMINACER. 



I. liEERSIA S<il(Uì(L 

Soland. mSivartz fi. ind. occid.-1.pag. 119. Trin. fund. agrost. p. 113. 

Kunth enum. plant. 1. pag. 5. EndL gen. pi. pug. 78. Nees ab 

Esenh. fi. afr. austr. illustr. pag. 103. 
Phalaridis species Lin. sp. pi. pag. 81 . 

Asprella Schreh. gen. pi.' 1 .pag. 45. Palis. deBeauv. agrost. pag. 2. 
Homalocenchrus Mìeg. ex Pollich. palai, n. 56.. 

Spiculae uniflorae, flosculo hermaphrodito. Glumae iiullae. Pa- 
leae 2, chartaceae, compresso-carinatae , carina nervosa, mulicae, 
clausae, longitudine subaequales, inferior latior. Perigonii squanmlae 2, 
glabrae, ovatae, membranaceae. Stamina 5 (in nostra specie), vel 6, 
raro 1. Ovarium glabrum. Styli 2, termmales. Stigmata piumosa. 
Caryopsis embrioni contrarie compressa, glabra, libera, paleis tardius 
cohaerentibus inclusa. 

Abito. — La specie italiana di questo genere è dotata di radice re- 
pente, di un culmo radicante alla base, alto circa 2 piedi, cilindrico, 
striato , liscio , ramoso ; le sue foglie sono lineari , piane , assai scabre , 
con un nervo longitudinale biancastro al di sotto; la pannocchia, che 
rimane in parie abbracciata dalla guaina dilatata della foglia superiore, 
è ramosa , sparsa , con i rami flessuosi e filiformi , portanti molte spi- 
ghette compresse, mutiche, e con ciglia ispide nel margine delle valve, 
le (juali si saldano per rinchiudere la cariopside , occupante una parte 
della cavità da loro formata. 

1. ILeei'sia oryzoides Soland. 

L. panicula effusa, flosculis triandris, paleis margine ciliatis, 
foliis scaberrimis, culmo inferno radicante, radice repente. 

Leersia oryzoÌGÌes Soland. in Swaì'tzfl. ind. occ. 1. pag. 139. 
Dee. fi. frane. 3. pag. 11. Balh. fi. taur. 1 .pag. 11 .Savi hot. etrusc. 1. 
pag. 28. Birol. fi. acon. i^g:19. Nocca et Balb. fi. ticin. I.pag. 28. 
et pag. 318. Pollili, fi. 'veron. I.pag. 92. Ile fi. torìn. 1. pag. òo.Lanf. 
stor. nat. di Mani, in giorn. di fìsic. e chini, ài Conf. e Brugn. dee. ?. 
tom. 10. pag. 52. Nacc. fi. venet. 6. pag. 101 . Gandin fi, heìv. I . pag. 
i^tl . Loia. fi. gali, c.dit. 9. mi. I . pag. 39. Reich. fi. germ. excur.^. 



LEERSIA. 55 

i.paq. 33. Kunth emim. pi. 1. pag. 3. Bert. fi. ital. 1 . pag. 333. Colla 
herh.pedem. 6. pag. 168. Puccìii.! syn. fi. lue. pag. 39. Ten. e Guss. 
vìagg. in Terra di Lavoro e neW Abruzzo pag. 2f . Koch syn. fi. germ. 
et Mv. edit. 2. pag. 900. 

■ Phalaris omoldcs Lìn. sp. pi. 81 . Sehreb. grani. 2. pag. 6. lab. 22. 
'■' • Homalocenchriis oryzoides Poli, palai. 1 . pag. 59. Ali. fi. 
pe'd. 2. pag. 232. 

Asprella oryzoides Lamk. ìli. n. 838. Roem. etSchultessyst. veg. 2 
pag. 266. . 

Gramen paniculatum , aquaticuni , asperum , lociisiis planis et or- 
biculatis Ponted. coinp. lab. bot. pag. 37. 

Gramen miliaceum, palustre, serotinum, paniculis ex locustis com- 
pressis compositis Moni. cai. slirp. agr. bonon. prodr. pag. 3ì . Seguier 
veron. 1 . pag. 330. 

Gramen miliaceum , aquaticum , asperum , serotinum , et elatius , 
radice repente , òryzae panicula villosa , flavescente , semine griseo milii 
autlini. Mieli, in Tìll. cai. liort. pìs. pag. 73. 

TiguTA.— Host gram. austr. 1. lab. 33. 

Nome italiano. — Asperella Ponled. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Si trova uci fossi destinati 

alla irrigazione dei cainpi e nei luoghi paludosi dell'Italia superiore e 
media, e più raramente nelle risaie. Cresce nel Piemonte, nelGenove- 
sato, nel Pavese, nel Mantovano, nel Veronese, nel Bassanese , nel 
Veneto, nel Modanese, nel Fiorentino, nel Lucchese , i quaU due ultimi 
sembravano i confini meridionali di questa specie in Europa, ma i 
signori Tenore e Gussone l'hanno anche trovato nella Terra di Lavoro. 
Fiorisce nei mesi di Agosto e di Settembre, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E co.mune nei luoghi paludosi del- 
l' Europa media. Si trova ancora nell'America boreale ed in Persia. 

II. EHRHARTA Un. 

Spiculae triflorae , llosculis approximatis , 2 inferioribus ueutris, 
univalvibus, carinatis, coriaceis, niuticis, mucronatis vel subulato- 
aristatis, tlosculo terminali hermaphrodito , bivalvi. Glumae 2, mem- 
branaceae, muticae, tlosculis breviores. Flosculi hermaphroditi palea 
inferior major, subcoriacea, mutica, compresso-carinata , superior 
angustior, membranacea, cannata. Perigonii squamulae2, membrn- 
naceae, bilobao, glabrae vel ciliatae. Stamina 6 vel 5. Ovarium glabrurn. 



5G (iHAMINACEE. 

Slyli duo, tcrminales. Sfigmata piumosa, pilis longissimis. Caryopsis 
embryoni conlrarie compressa, glabra, libera, paleis obtecta. 

Abito. — La sola specie di questo genere, die entra in questa 
ilora, è V Elwharta panicea, che gode di un culmo ramoso, alto circa 
due piedi, piuttosto gracile, e quasi tutto vestito. Le sue foglie sono 
piane , lineari , scabre soltanto nel margine ; la pannocchia è alquanto 
stretta , lunga da 5 a 4 pollici , portante piccole e numerose spighette 
quasi ovali , di color verde pallido , le di cui glume rimangono persi- 
stenti , essendo presto caduchi i fioretti , di cui l' interno dei neutri è 
trasversahnente rugoso. 

9. Elirliarta panicea Sniiih. 

E. panicula ramosa, flosculis triandris , spiculis ovatis , glumis inae- 
qualibus, ovatis, flosculis neulris muticis, glumas duplo superantibus, 
interiore transverse rugoso , foliis linearibus, planis, margine scabris, 
culmo basi procumbente, ramoso. 

Ehrharta panicea Smith le. t. O.Wìlld. sp. pi. 2. par. 1 pag. 247. 
Thunb. II. cap. ed. Srlmlt. I pag. 335. Polis, de Deauv. agrost. pag. 60. 
Kunthemim. pi. J.pag. 12. Beri. fi. ital. 3. pag. 610. Ten. syll. app. 5. 
pag. 3. Nees ab Esenb. fi. afr. aiistr. ili. pag. 225. 

Ehrharta erecta Lamk. encycl. meth. 2. pag. 347. 

Panicum deflexum Guss. in Ten. fi. nap. 5. pag. 320. 

Figura. — Laink. ili. gen. lab. 263. flg. /. 

Stazione, Abitazione e Fioritura — Ho raccolto questa SpCcie vicino 

Napoli a Portici in luoghi salvatici insieme con l'amico Gussone, che 
primo ve l'ha ritrovata e che l'avea descritta col nome di panicum 
deflexum nella flora napoletana di Tenore. Ivi cresce assai abbondan- 
temente ed in modo quasi spontaneo , ma fortemente sospetto, come ho 
detto di sopra, che questa pianta, originaria del Capo di Buona Speran- 
za, vi si sia introdotta dalla villa reale di Portici, ove coltivansi molte 
piante straniere. Vaw in flore in Ottobre e in Novembre. È annua. 

Distribuzione geografica. — Specie propria del Capo di Buona 
Speranza. 

Osservazione. — Negli esemplari avuti dal Capo di Buona Spe- 
ranza della collezione del sig. Ecklon ho veduto , come bene avverte 
il sig. Nees ab Esenbeck, ora soltanto rugoso il fioretto neutro in- 
terno, ora ambedue questi fioretti neutri, ma negh esemplari napole- 
tani soltanto sempre rugoso il fioretto interno. 



FALARIDEE. 57 

FALARIDEE. 

Phalarideae Kunth enum. pi. 2. p. 18. Endl. gen. pi pag. 79. 

Pari. fi. pai. 1 pag. 6. 
Phalarideae e phleoideae Nees ab Esenb. fi. afr. aiislr. ili. pag. 4 

e 131. 
Phalarideae e alopecuroideae Koch sijn. fi. germ. et helv. edit. 2 

pag. 893 e 895. 

Spiculao hermaphroditae vel polygamae, raro monoicae, plerum- 
queuniflorae, vel '2-5 florae, flore vel floribus herniaphroditis , vel 
hermaphrodito cum masculo, aut cum neutro neutrisve. Glumac subae- 
quales, saepe naviculari-vel compresso-carinatae , flosculis plerumque 
longiores.Paleae muticae vel aristatae,glabrae vel hirsutae, non raro in 
fruetu induratae. Caryopsis libera vel paleis adhaerens. 

Distribuzione geografica. — Tutti i generi europei di quBsta tribù, 
meno il cornucopìae , si trovano rappresentati nella flora italiana. Ab- 
bondano di specie i generi phleum ed alopecunis a preferenza nel 
nord della penisola , mentre si distinguono il mezzo giorno di questa e 
le isole virine per il predominio delle specie di phalaris, tra cui son 
quasi caratteristiche della nostra flora le phalaris brachystachys Link, 
coerulescens Desf. , e truncata Guss. kncheV anthoxanthuìn gracile Biv . ,\a 
crypsis nigricans Guss., il Lygeum spartum, e soprattutto la Coix lacryma, 
che è certamente introdotta , contribuiscono a rendere più speciale 
per questa tribù la parte più meridionale dell'Italia. I generi hiero- 
chloa, heckmannia e mihorasì osservan solo nella penisola e mancano 
atfatto nelle isole. 

III. AafTIIOXAWTHUM Un. 

Lin. gen. p. 18. Jnss. gen. p. 29. Lamk. ili. gen. 1 . tab. 23. Palis. de 
Beauv. agrost. pag. 64. Kunth enum. pi. 1 . pag. 37. Endl. gen. 
pi. pag. 81 . Pari. fi. pater m. 1 . pag. 6. 

Spiculae 5- florae, floribus duobus inferioribus neutris, flore 
superiore hermaphrodito. Glumae compresso-carinatae, inaequales, 



58 GRAMINACEE. 

inferior minor, uniiiervis, superior Iriiiervis et flosculis lougior. Floruiii 
neutrorum palea unica apice emarginala, externe hirsuta, nunc sub 
medio, nane basin versus arislata, arista paleae superioris articulata. 
Floris herniapbroditi paleae 2, niembranaceae. Perigonii squamulae 
nuUae. Stamnia 2. Ovarium glabrum. Styli 2. Stigmala filifurmia, lon- 
gissima, piumosa. CarVopsis ovato-oblonga , glabra, libera, paleis 
ubtecta. 

Abito. — Piante erbacee, annue o perenni, e in generale di pic- 
cola statura, a radice fibrosa e sovente odorosa, con culmi spesso cespi- 
tosi, inginocchiati, gracili e lisci, con foglie lineari, piane, con pan- 
nocchia in forma di spiga, per lo più ovata, or poco densa, ora al- 
quanto lasca e con poche spighette. Queste sono di un color verde 
giallognolo e quasi dorato. 

3. Antlio3K^antbtiiii odorattiin Lin. 

A. panicula spiciformi ovata, vel oblongo-cylindracea, densiuscula, 
gluma superiore aristam iloris neutri majorcm subaequante. 

Anthoxanthum odoratum Lin. sp. pi. W. Ali. fi. ped. 2. pay. S3t . 
Ucria h. r. pan. pag. 47. Savi fi. pìs. I. parj.' 23. Desf. fi. atl. I 
pag. 25. Suffr. foroj. pag. 109. Beri. pi. gemiens. pag. 5. Dee. fi. 
frane. 3. pag. 2. Baiò. fi. taiir. pag. 6. Savi hot. etnis'c. I . pag. 23. 
Birol. fi. aeon. 1 . pag. 10. Roem. et Schìdies sijst. veg. 1. pag. 287. 
Noce, et Balbìs fi. tic. 1 . pag. Io. et 313. Rucking. fi. dei lidi venet. 
pag. 7. Beri, amoen. ital. pag. 105. Presi, cyp. et gram. sic. pag. 28. 
Morie, fl.'ven. 1. pag. 12. Moretti notizie sopra diverse piante della 
flora vicentina pag. 2M. PolUn. fi. veron. 1 . pag. 3i. Maralt. fi. 
rom. 1 . pag. 26. Ten. fi. nap. 3. pag. 28. Re fi. torin. 1 . pag. 38. 
Lauf. star. nat. di Mant. in giorn. di fisic. e chim. di Conf. e Brugn. 
dee. 2. toni. 10. pag. W. Noce. fi. ven. J . pag. 19. Guss. fi. sic. 
prodr. 1 . pag. 5. Seh. et Maur. fi. rom*. prodr. pag. IO. Gand. fi. 
helv. 1. pag. 02. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1 . pag. 19. Reich. fi. germ. 
exeurs. 1. pag. 53. Kunth ennm. pi. 1 . pag. 38. Beri. fi. ital. 1 . 
pag. 324. Gomoll. fi. coni. 1. pag. 36. Coli. herb. pedem. 6. pag. 151. 
Pari. fi. panorni. 1 . pag. 27. Puccin. syn. fi. lue. pag. 38. Boiss. voy. 
en Espagn. pag. 638. Vis. fi. daini. 1. pag. 47. Guss. syn. fi. sic. 1. 
pag. 157. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. pag. 895. Pari. fi. pai. 
1: pag. 7 . Griesebach spie. fi. rum. et bith. 2 pag. 458. 

Gramen pratense, spica Havescente Cup. h. rath. pag. 87 e 



ANTHOXANTHUM. 59 

Gramen spica aurea , radice lotum odorafum redolente Cup. l 
e. ipag. 90. .. 

Gramen avenaceum , odoratimi, spica flavescente iì/onf. ca/. stirp 
ofp'. honon. prodr. p. 57. Zannich. istor. delle pi ant. pag. i24. Seguier 
veroìi. 1 . pag. 355. 

Figure. — Host gram. aiistr. voi. 1 . tah. 5 

Gramen pomorum et meliloti redolens Bocc. mus. pag. Oh tah. 57. 

Gramen spica aurea, radice redolente Cìz/j. pampli. sic. 1 . tali. 21 . 

Gramen alopecurum spica glumosa lutea-, villis crispis Barr, 
ic. 124. fìg. 1 . 

1). valvis calycinis pubescentibus Lois. notic. pag. 7. Guss. fi. sic. 
prodr. I . pag. 21 . Pari. [l. panorm. I . pag. 27. Guss. fi. sic. syn. I . 
pag. 157. Pari. fi. pai. I . pag. 7. 

Nome italiano. — Paleino Targ. Toz-z. diz. hot. 2. pag. li. Pa- 
leino odoroso Savi fi. pis. 1 . pag. 73. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Dapertutto in Italia nelle 

isole aggiacenti dal Piemonte, dalla Lombardia , dal Tirolo, dal Friuli, 
dall' Istria, sino alle isole di Sardegna, di Sicilia, Marettimo, Levanzo, 
Favignana e Lampedusa. Cresce copiosamente nei prati dei paesi set- 
tentrionali della penisola, ma in quelli più meridionali s'incontra a pre- 
ferenza nei luoghi erbosi delle colline e delle montagne sì marittime 
che lontane dal mare. Fiorisce nei mesi di Aprile e di Maggio e nei 
paesi più meridionali sin dal mese di Marzo. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Abita l' Europa media e meridionale 
dalle isole brillanniche fino in Grecia , donde la posseggo comunicata- 
mi dal sig. Sartori che l'ha raccolta alle falde del monte Imetto, non 
che la Siberia. Forse trasportata dall'Europa incontrasi ora questa spe- 
cie nell'America settentrionale. 

Osservazione. — Varia ancora questa specie nel^a^•er la spiga tal- 
volta interrotta inferiormente, siccome notò di già l'Allioni, che l'avea 
avuta dal Bellardi , raccolta in luoghi graminei presso Tenda e in altri 
luoghi subalpini. Io la possiedo ohre del Piemonte, avuta dal Baruffi, da 
molte altre parti della penisola , nonché dell'isola di Corsica, donde 
mi è stata comunicata dal sig. Requien. 

Usi. — È un ottimo fieno per il bestiame, la sua radice come le 
sue foglie comunicano a quello un grato odore. 



GO GRAMIiNACEE. 

4. Autlioxantliiiin gracile liiv. 

A. panicula spiciformi , brevi , paucitlora , laxiuscula , gluma supe- 
riore arista floris neutri majore subdimidlo breviore, culmo tìliformi, 
gracili. 

Anthoxanthum gracile Biv! stìrp. rar. sic. inanip. I. pag. 2. 
Roem. et Schultes syst. veg. i. pag. 288 et mant. 1 . pag. 230. Presi 
cìjp. et gram. sic. pag. 28. Giiss. fi. sic. prodr. I.pag.5. Kunth enum. 
pi. I .pag. 38. Bert.fl. Hai. 1 .pag. 324. Coli. herb. peJem. 6. pag. 152. 
Pari. fi. panorm. 1. pag. 28. Giiss. syn. fi. sic. 1 . pag. 157. Pari. fi. 
pai. 1 . pag. 8. 

Anthoxanthum odoratum h panicula depauperata Chauh. fi. du 
pélop. pag. 4. 

Figura. — Biv. l. c. lab. 1 . fig. 1 . 
Nome italiano. — Paleino barbuto Bert. l. e. 
Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline apriche e nei luo- 
ghi montuosi di Sardegna , di Sicilia e nelle isole di Alicuri , Filicuri , 
Marettimo e Favignana. È in fiore nei mesi di Aprile e di Maggio ed 
è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie propria delle indicate località 
di queste isole italiane, e della Morea. 

Osservazioni. — Qucsta specic è stata a torto riferita da Roeiner 
e Schultes aW anthoxanthum ovatum di Lagasca, da cui è perfettamente 
distinta per la forma della pannocchia , per la grandezza dei fiori neu- 
tri, per la proporzione delle areste, essendo neW anthoiwithum ovatum 
la pannocchia in forma di spiga ovata , alquanto densa , e con molte 
spighette , le valve dei fiori neutri piià piccole , e l' aresta della valva 
superiore della lunghezza della gluma superiore. Caratteri numerosi la 
distinguono assai bene ancora dal mio anthoxanthum Carrenianum. 
Vedi le mie plantae novae pag. 37. 

Il Boissier nel suo voyage botanique dans le midi de l' Espagne 
nelle abitazioni del suo anthoxanthum aristatum, che è lo stesso del 
mio Carrenianum, cita ancora Sardegna secondo il Thomas. Però io 
non possiedo questa specie da quell'isola, e suppongo che siasi preso 
per tale Y anthoxanthum gracile, che colà si trova, come di sopra 
ho detto. 



HIEROCHLOA. 61 



IV. HlEROeiIIiOA Gmel. 

Omel. jl. sìbir. 1 . pag. WO. R. Brown prodr. pag. 208. Palis. de 
Beauv. agrost. pag. 62. tab. 12. fìg. 5. Trin. fund. agrod. pag. 130. 
Roem. et Schidtes syst. veg. 2. pag. 29. Kunth enum. piani. 1 .pag. 35. 
Endl. gen. pi. pag. 81. Nees abEsenh. jl. afr. austr. ili. pag. 6. 

Holci species Lin. gen. pag. 541. Schrad. fi. genn. I. pag. 253. 

Avenae species Pers. sijn.pl.l. pag. 100. Dee. (l. frane. 3. pag. 42. 

Spiculae 3-florae , floribus inferioribus masculis , tnandris , saepe 
aristatis, flore intermedio, hermaphrodito , diandro, svibmutico. Glu- 
niae 2, membranaceae , carinatae, subaequales. Paleae 2, inferior in 
floribus masculis mutica aut sub apice vel infra medium dorsi arislata, 
superior bicarinata, in flore hermapbrodito unicarinata. Perigonii squa- 
mulae 2, elongatae, glabrae. Ovarium glabrum. Styli 2. Stigmata piu- 
mosa. Caryopsis oblonga, lateribus leviter compressa, glabra, libera, 
paleis tecta. 

Abito. — Le hìeroehloa formano de' cespugli di foglie strette e 
lineari , e di culmi alti da un piede ad uno e mezzo e talvolta anche 
due , piuttosto delicati , e nudi superiormente per un qualche tratto , 
terminati da una pannocchia, appena lunga da un poUice a un pollice 
e mezzo, piuttosto densa, con le spighette ovate, compresse, ni- 
tide e di un color verde giallo, e spesso misto di porporino, soprat- 
tutto nelle glume. 

5. Hìeroehloa australi^ Roem. et Schnlles. 

H. panicula subsecunda, pedunculis ad spicularum basin pilosis, 
palea inferiore flosculi masculi inferioris infra apicem brevissime arista- 
ta, arista recta, superioris e dorsi medio aristata, arista articulata, 
glumam vix superante, flosculo hermaphrodito mutico, radice repente. 

Hierochloa australis Roem. et Scimi tes syst. veg. 2. pag. 514. Gaud. 
jl. helv. 1. pag. 345. Rekh. fi gemi, excurs. 1. pag. 53. Kunth emm. 
pi. 1. pag. 36. Bertol. fi. ìtal. voi. 1. pag. 481. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edìt. 2. pag. 895. 

Holcus australis Schrad. fi. gemi. I.pag. 253. PolUn. fi- veron. 3. 
fag. 205. 



G2 (lIUMliNACEE. 

Holcus odoratus Sritknhr Hand. 3. pag. 253. tab. 344. excl. syn. 
fi. svec. Poìlin. viaggio al lago di Garda pag. 85. Lois. fi. gali. edit. 5. 
voi. 1 . pag. 6J . 

Avena odorata a aristata Dee. fi. frane. 3. pag. 42. 

Gramen paniculatum odoratum Segicier suppl. pag. 160. 

Figura. — Holcus odoratus Host gram. anatr. I . pag. 4. tab. 4. 

Nome Italiano. — Avena odorosa Beri. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. NaSCe nei Colli 6 nelle mon- 
tagne del Tii'olo a Bressanone, a Bolzano, a Fassa, a Borgo di Valsu- 
gana, a Trento, del Bassanese, e del Friuli, donde si prolunga sino 
a Verona e a Bergamo. E in fiore in Marzo ed Aprile, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Trovasi nella regione meridionale 
dell'Europa media. 

6. Hierochloa liorealis Roeni. el Schultes. 

H. paniculà subsecunda, pedunculis glabris, palea inferiore 
flosculorum masculorum sub apice brevissime aristata , flosculo her- 
mapbrodilo mutico, radice repente. 

Hierochloa borealis Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 513. 
Reich. fi. gemi, exciirs: 1. pag. 53. Kunth enum. pi. 1 . pag. 36. 
Bert. fi. ital. 4. pag. 779. 

Holcus odoratus repens Schkuhr Handb. 3. pag. 522. 

Hierochloa odorata Wahlenb. Ups. pag. 32. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. pag. 895. 

Avena odorata Pers. syn. pi. 1 . pag. 100. 

Holcus borealis 5c/ira(f. fi. germ. 1. pag. 252. 

Avena odorata b mutica Dee. fi. frane. 3. pag. 42. 

Figure. — Schkuhr l. e. tab. 344. Holcus repens Host gram. 
austr. 3. tab. 3. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — È stata trovata dal sig. Facchini 
presso Carnpitello nel Tirolo italiano , ove è rara. Vi fiorisce in Maggio 
e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — È propria dell'Europa e dell'Asia 
boreale. 



HOLCUS. ('.') 



V. HOI.CIJS Un. 

L:n. gen. p. 5U . Paììs. de Beauv. agrost. pag. 87. lab. 17. fìg. W.Kunth 
emun. pi. 1 . pag. o'i. Endl. gen. pi. I. pag. 81. Neesab E>ienh. fi. 
afr. austr. ili. pag. 9. Puri. (i. palerm. 1 . pag. 9. 

Avenae species Dee. fi. frane. 3. pag. 41. 

Spiculae 2-florae , flore inferiore hermaphrotlito , superiore ma- 
sculo, utroque inter seetaglumis distante. Glumae2, membranaceae , 
subaequales, naviculari-carinatae , flosculos includentes. Paleae sub- 
aequales , membranaceae , superior bicarinata , inferior tantum in flore 
masculo sub apice aristata. Perigonii squamulae2, plerumque lobo late- 
rali auctae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli :2, brevissimi. 
Stigmata piumosa. Caryopsis glabra, libera. 

Abito. — Piante perenni, a radice fibrosa o repente, con culmi 
eretti , alti 2 in 5 piedi , dotali di foglie piane e lineari , che si termi- 
nano in alto in una pannocchia ramosa, uguale, alquanto patente 
neU'atto della fioritura, più stretta posteriormente, che ha numerose 
spighette, compresse, di un color verde paUido, o di un bianco roseo. 

9. IIolcus laiiatiis Lìn. 

II. panicula composita, acquali, demunì contracta, glumis ob- 
tusis, carina ciliatis, apice pilosis , utrinque sub vitro scabris, altera 
majore apice emarginata, e sinu breviler aristata, arista paleae in- 
ferióris flosculi masculi arefactione hamata, glumis inclusa, vagims 
foHisque molliter pubescentibus , radice fibrosa. 

Holcus lanatus Un. sp. pi. U85. Ali. fi. ped. 2. pag. 261. 
Verta h. r. pan. pag. 424. Savi fi., pis. 2. pag. 387. Desf. fi. atl. 2. 
pag. 381. Suffr. forojul. pag. 193. Bertol. pi. genuens. pag. 137. Savi 
due cent. pag. 210. Balhis fi. taur. pag. 169. Savi hot. etrusc. 1. 
pag. 49. Birol. fi. acon. 2. pag. 140. Roem. et Sclmltes syst. veg. 2 
pag. 665. Nocca et Balhis fi. ticin. 2. pag. 214. Ruching. fi. dei lidi 
veneti pag. 2.47. Bert. amoen. ital. pag. 212. Presi, cijp. et gram. sic. 
pag. 27. Morie, fi. ven. 1. pag. 31. PolUn. fi. veron 3. pag. 204. 
Maratt. fi. rom. 2. pag. 368. Re fi. torin. 2. pag. 153. Naccar. fi. 
ven. 5. pag. 78-79. Lanf. star. nat. di Mani, in giorn. di fìsic. e chi- 
mie . (li Conf. e Brugn. dee. 2. tom 10. pag. 429. Seh. et Maur. fi. 



(Vi GRAMINACEE. 

rum. prodr. pag. 38. Gaud. fi. heìv. I. pag. 343. Lois. II. gali, 
edit. 2. voi. I . pag. Gì . Rekli. fi. gemi, excurs. 1 . pag. 53. Kiinth 
ennm.pl. I . pag. 3i. Dert. fi. ilal. I. pag. ili. Comoll. fi. comens. 1. 
pag. 130. Tea. fi. nap. 5. pag. 286. Colla herb. pedem. 6. pag. 24. 
Puccin. syn. fi. lue. pag. 53. Vis. fi. daini. 1 . pag. 48. Giiss. syn. 
fi. sic. 1 . pag. 158. Kochsyn. fi. gemi. et. helv. edit. 2. pag. 016. Pad. 
fi. palemi. 1 . pag. 10. Griseb. spie. fi. rum. et bith. 2. pag. 457. 

Avena lanata Dee. fi. frane. 3. pag. 41 . 

Gramen arundinaceum Caes.l herb. fogl. 106. n 270. 

Granien pratense paniculatuni , molle. Cup. h. calli, pag. 89. 
Zannich. opuse. bot. post. p. 15. 

Gramen miliaceum, pratense, molle. Monti cat. stirp. bonon. 
prodr. p. 52. Zannich. istor. delle piante p. 125. Seguier veron. 1. 
p. 353. 

Figura. — Host grani, austr. 1. lab. 2. 

Gramen anthoxanthum Cup. pamph. 1 . lab. 198. et 2. tab. 117. 

Nome italiano. — Bambagiona. Fieno bianco. Segale salvatica. 
Spiga dei ragni. Spiga tonda Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 118. Olco la- 
nato Savi fi. pis. 2. p. 387. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Si trova nei prati special- 
mente umidi di tutta la penisola e delle isole grandi italiane, ove 
però è meno comune. Cresce ancora in talune delle piccole isole. 
Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica.— Trovasi abbondantemente nell'Europa 
media e meridionale. Nasce ancora nell'Affrica boreale, nelle isole 
Canarie, nell'America settentrionale. 

Uii.^ — Serve di pascolo e dà un fieno gradito al bestiame. 

S. Holciis moUis Lin. 

H. panicula composita , acquali, contracta, glumis acuminatis, 
carina ciliato-scabris , utrinque sub vitro puberulis , arista paleae in- 
ferioris flosculi masculi geniculata, glumas excedente , foliis vaginis- 
que glabriusculis , radice repente. 

Holcus moUis Lin. sp. pi. 1485. Ali. fi. ped. 2. pag. 262. 
Desf. fi. atl. 2. pag. 382. Savi! due cent. pag. 211. Balbis fi. 
taur. pag. 169. Savi! bot. etrus. 1. pag. 48. Birol. fi. acon. 2. p. 
140. Roem. et SchuUes syst. veg. 2. pag. 655. Nocca et Balbis fi. 
ticin. 2. pag. 213. Maratt? fi. rem. 2. pag. 369. Pollin. fi. veron. 



HOLCUS. 65 

ri?, pag. W5. Re fi. torin. 2. pag. 153. Lois. fi. gali. edit. S. voi. 1 . 
pag. 61 . Gaud. fi. helv. 1 . p. 3i5. Reìch. fi. germ. excurs. J .pag. 53. 
Kunth enum. pi. 1. pag. 35. BeHol. fi. Hai. 1. pag. 479. Comoll. fi. 
coni. ì . pag. 151 . Ten. fi. nap. 5. pag. 286. Coli. herb. pedem. 6. 
pag. 24. Puccin! syn. fi. lue. pag. 53. Koch sgn. fi. germ. et. helv. 
edit. 2. pag. 916. 

Avena mollis Dee. fi. frane. 3. pag. 41. 

Gramen iniliaceuni, aristatum, molle Moni. cai. slirp. agr. bo- 
non. prodr. pag. 53. 

Figura. — Hosl gram. aiistr. 1. lab. 3. 

Nome italiano. ^ — ■ Fieno canino. Targ. Tozz. diz. hot. 2. pag. 118. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama i luoglli piuttosto 

montuosi , e non è raro nei campi e in mezzo ai seminati nei luo- 
ghi subappennini. Si trova principalmente nell'Italia settentrionale e 
nella centrale, non che nell'isola di Corsica, cresce pure nei luo- 
ghi sterili e montuosi del Sannio e degli Abruzzi. Fiorisce in Giu- 
gno e Luglio, ed è perenne. 

Distribuzione geografìca. — Abita l' Europa media e meridionale , 
e r America boreale. 

9. Holciis setìsev De Not. 

H. panicula composita, acquali, glumis acutiusculis , carina 
margineque longiuscule ciliatis, ulrinque pilosis, apice breviter ari- 
statis, arista paleae inferioris flosculi masculi geniculata , glumas 
breviter excedente, foliis vaginisque raolliter pubescentibus, radice.... 

Holcus setiger De Not. ìned. 

Holcus lanatus b setiger De Noli Prospetto della flora ligu- 
stica pag. 49 e 56. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — L'amicO De Notaris ha trOVato 

questa bella e nuova specie di holcus nel monte del Gazzo sopra 
Genova e nei pascoli presso Sestri a ponente. Egli me ne ha pre- 
stato un unico individuo con quella solita bontà che sì lo distingue. 
Io colgo quest' occasione per dimostrargli pubblicamente in modo par- 
ticolare la mia riconoscenza per avermi generosamente dato tutto 
CIÒ che avea in fatto di piante italiane , sopra tutto delle riviere di 
Genova , eh' egli ha tanto illustrato , prestandomi finanche gì' indivi- 
dui unici, e i disegni analitici di varie specie rare da lui eseguiti. 

Fr.oRA Italiana. Vol. I. 5 



m GRAMINACEE. 

Egli come liilti gli altri die han fmora contribuito in un modo più 
meno speciale o che contribuiranno nel seguito a questa flora ita- 
liana, non avranno certo a pentirsi di aver agito verso di me con 
tutta fiducia: spero che la mia doverosa delicatezza a questo riguardo 
fmora mM^rata non sarà per essere smentita giammai nell'avvenire. 
Niuno vi ha al mondo che provi più di me la soddisfazione e il 
piacere di poter dare a ciascuno quella lode che si merita. 

Distribuzione geografica. — Specie propria de' luoghi superior- 
mente indicati. 

Osservazioni. — Affuie per il portamento all' holciis lanatus, ne 
è però così distinta per i caratteri delle spighette e dei fiori, che 
basta confrontare le loro frasi specifiche per rilevarne subilo le dif- 
ferenze. L' hoìCHS setìglnmis di Boissier e Reuter, {(Uagnos. plani, 
novar. ìiìspan. pag. 27), che io ho avuto dal Reuter stesso, indi- 
geno della Spagna , e che possiedo ancora dall' Algeria raccolto a 
La Calle dal Durieu si distingue dalla nostra specie italiana per es- 
sere più gracile, per avere la pannocchia assai più corta e meno 
composta, per le glume più lungamente arestate, per 1' aresta del 
fiore maschile ricurvato-riflessa come nell' Itolcus lanatus ec. 



VI. PHAIiARIS Pnlìs. de Beaiiv. 

Palìs. de Beauv. agrost. pag. 36. tab. 7. f. I . Kunlh enum. pi. I. 

pag. 3f. Endl. gen pi. pag. 81 . Pari. fi. palerm. I . pag. IL 

Nees ab Esenb. fi. afr. austr. ìli. pag. 5. 
Phalaridis .species Lìn. gen. pag. 32. 
Digraphis Trin. agrost. pag. 127. Gries. spìcil. fi. rum. et bith. 2. 

pag. 468. 
Baldingera Fior. wett. n. 00. Dumi, agrost. pag. 130. 
Calamagrostidis species Sibth. oxon. pag. 37. Dee. fi. frane. 3. 

pag. 26. 
Arundinis species plur. auct. 

Spiculae 1-5 florae, flore vel floribus .duobus inferioribus neu- 
tris , squamaeformibus , flore superiore hermaphrodito fertili. Glumae 
2 , membranaceae , aequales , compressae , carinatae , carina plerum- 
que alata, muticae, florem aequantes. Floris hermaphoditi paleae 
2, longitudine subaequales, inferior paullo major, alteram involvens, 



PHALARIS. 67 

naviculares, nuiticae, deinum cartilagineae, caryopsidem arde oble- 
gentes et cum ea deciduae. Perigonii squamulae 2, minutae , gla- 
brae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli duo, lotigissimi. Stigmata 
piumosa. Caryopsis glabra, oblonga, lenticulari-compressa. 

Abito. — • Piante annue o perenni. I fusti, che in ^alcune spe- 
cie sono nodosi nei meritalli inferiori, sono ora solitarii, ora cespi- 
tosi, cilindrici, striati, con foglie strette e lineari, variegate di bianco 
in una varietà della plialarìs arundìnacea. La pannocchia è race- 
mosa e patente in questa sola specie, ma nelle altre è densa, in 
forma di spiga ovale o allungata, con le spighette dotate di un pe- 
dicello e frammischiate nella sola pìuilarìs paradoxa ad altre sterili 
ed abortite. Di colore verde pallido in generale, son queste spighette 
miste di porporino-ceruleo nella phalaris coerulescens e nella arun- 
dìnacea. 

*Glumae carina alatae, panicula spiciformis, coarctata. Phal.\ri- 

DES VERAE. 

a. culmo basi haud nodoso. 
iO Pltalaris cauariensis Lin. 

Ph. panicula spiciformi, brevi, ovato-oblonga , glumis acutis, 
superne alatis, ala integra, floribus duobus neutris, lanceolatis, com- 
presso-carinatis, flore hermaphrodito villoso dimidio brevioribus. 

Phalaris canariensis Lin. sp. pi. pag. 70. Ali? fi. pedem. 2. 
pag. 233. Ucria h. r. pan. pag. 53. Savi? fi. pis. 1. pag. 52. 
Desf. fi. atl. i . pag. 55. Bert. pi. genuens. pag. 7. Dee. fi. fr. 3. 
pag. IO. Ten? fi. nup. J. pag. 17. Sibth. et Smith fi. graec. prodr. 
1. pag. 36. Roem. et Schultes sgst. veg. 2. pag. 402. Bert.amoen. 
Hai. pag. 107. Pollin? fi. veron. 1. pag. 78. Maratt. fi. rom. 1. 
pag. 47. Guss. fi. sic. prodr. I. pag. 70. Gaud. fi. helv. i.pag. 161. 
Lois. fi. gali. edit. 2. voi. J .pag. 46. Reich. fi. germ. excurs. 1 .pag. 32. 
Kunth enum. pi. 1. pag. 31. Bert. fi. ital. 1. pag. 331. Coli, 
herb. ped. 6. pag. 164. Vis. fi. dahn. 1. pag. 62. Koch sgn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. pag. 894. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. 
pag. 468. 

Phalaris Matthioli Gup. suppl. alt. pag. 70. 

Figure. — Sihth. et Smith fi. graer. 1. pag. 40. lab. 55. Host 
gr. austr. '2. pag. 28. lab. 38. 



08 GHAMIMCEE. 

Nome italiano. — Scagliola, Canaria. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Si trOVa nei luoghi Coltiva- 
ti , lungo le vie della Sicilia e di alcuni punti della penisola 
come presso Genova, a Nizza, secondo l'xVUioni, dai quali luoghi io 
non la credo veramente spontanea, ma piuttosto introdottavi per 
la coltura che si fa di questa specie ad oggetto di nutrire dei suoi 
semi gli uccelli. Né io posso con certezza indicarne i paesi nativi 
del resto d'Italia, sì per la confusione che regna presso gli autori 
delle flore speciali della penisola, riguardo a questa specie, non 
precisando i caratteri dei fiori neutri , sì perchè tutti gli esemplari 
avuti finora da varii punti d'Itaha, meno quelli di Genova, spet- 
tano induhitatamente alla phalarìs brachystachys. Fiorisce in Aprile e 
Maggio. E annua. 

Distribuzione geografica. — Pianta forsc Spontanea solo delle 
isole Canarie, dove è ora divenuta rarissima, ma coltivata in varie 
parti di Europa , perchè si fan servire i semi di questa pianta, nota 
volgarmente col nome di scagliola, per nutrimento dogli uccelli e 
a preferenza dei canarini. 

Osservazione. — Ho citato con dubhio i sinonimi di molti 
autori di flore italiane per le ragioni indicate qui sopra , parlando 
della stazione di questa pianta, e per gli altri sinonimi mi son li- 
mitato a quelli, di cui san certo per la descrizione data dai bota- 
nici dei fioretti neutri. 

Usi. — Vedi qui sopra a proposito della distribuzione geografica 
di questa pianta. 

li. Plialaris bracliystacliys Link. 

Ph. panicida spiciformi, brevi, ovata, glumis acutis, superne 
alatis, ala integra, floribus neutris duobus minimis, Ovatis, glabris, 
flore hermaphrodito villoso multoties brevioribus. 

Phalaris brachystachys Link in Schrad. journ. 1. st. 3. 
pa(j. 134. I80G. et in Linnaea I. pag. 96. Trin. ic. 7. tah. 75. 
Kimth enum. plani. 1. pag. 32. Pari. fi. pai. I.pag. 12. Boiss. voyag. 
en Èspag. pag. 633. 

Phalaris canariensis Brot. fi. lusit. /. pap. 96. Seb. et Maur. 
fi. rom. prodr. pag. 30, et forsan plur. auct. florae italicae. 

Phalaris quadrivalvis La^.' nov. gen. et spec. pag.3. 1816. Guss. 
fi. sic. syn. 1. pag. 118. 



PHALARIS. 09 

Phalaii^. nitida Presi cyp. et grani, sic. pag. 26. Schultes mant. 9. 
pag. 2 li. Guss. fi. sic. pi-od,- l.pag. 10 Beri. fi. ìial. J . pag. 338. 
Pari. fi. panorm. I. pag. 90. Puccin! syn. fi. lue. pag. 40. 

Figura. — Trìti, spec. gram. ic. et descr. ì. tab. 74. 

Nome italiano.' — ■ Scagliola argentina Se/'/, loc. eit. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E COmune nei luOglli Colti- 
vati , nei campi , negli uliveti e le vigne di varii punti dell' Italia cen- 
trale e meridionale , e delle isole di Sardegna , di Corsica , di Sicilia , 
di Ustica, ec. Quantunque si trovi in generale nei paesi più vicini al 
mare, soprattutto nella costa occidentale della penisola, pure io la 
posseggo ancora da luoghi che ne sono lontani , trovasi cosi comune 
presso Firenze. L'ho avuta dall'agro di Macerata dal Gennari, e da Ajac- 
cio in Corsica dalRequien. E in fiore in Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie italiana. 

Osservazioni. — Quesfa spccic è uiolto affine alla precedente, 
con la quale è stata confusa da quasi tutti i botanici italiani, ed invero 
difficilmente se ne distingue senza avere ricorso ai fioretli neutri, i 
quali sono in essa in forma di squamelie piccolissime, ovate, e gla- 
bre, mentre nella canarìense sono lanceolate, compresso-carenate , 
cigliate e solo la metà più corte del fiore ermafrodito. 

Ho preferito il nome dato dal Link per legge di priorità. A torto 
Link e Kunth hanno riunito la phalaris nitida di Presi, eh' è questa 
specie, con la coerulescens di Desfontaines , da cui è totalmente di- 
versa. Quanto al sinonimo di Lagasca lo stesso autore conveniva do- 
versi a questa specie riferire la sua phalaris qiiadrìvalms , siccome 
ne avvertiva il mio amico Webb , da cui mi è stata comunicata gen- 
tilmente questa notizia. 

19* Plialaris minor Retz. 

Ph. panicula spiciformi, oblongo-cylindracea , glumis acutis, su- 
perne anguste alatis, ala sublacera, flore neutro solitario, hneari, 
minimo, floris hermaphroditi paleis villosis. 

Phalaris minor Retz. ohs. 3. pag. 8. Bert. amoén. ital. pag. 8. 
PolUn. fi. veron. 1. pag. 18. Guss. pi. rar. pag. 23. et prodr. fi. sic. 
1 . pag. 70. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. pag. 31 Kunth enitm. pi. 
1. pag. 32. Bert. fi. ital. 1. pag. 342. Ten. fi. nap. 5. pag. 319. 
Coli. herb. pedeni. 6. pag. 166. Pari. fi. panorm. 1 . pag. 91 . Nees. 
ab Esenb. pi. afr. austr. ili. pag. 5. Puccini syn. fi. lue. pag. 40. Boiss. 



70 (IHAMINACEE. 

voij. en Espagn. pag. 634. Guss. fi. sic. syn. 1 . pag. ^^^- ^^^" ^/Z"- 
\l. germ. et helv. edit. S. pag. 89A P»rl. fi. paìerm. 1. pag. 18. 

Phalaris aquatica WìUd. sp. pi. I. pag. 230. Host! grani. 
austr. 3. pag. 32. Schrad. (1. germ. 1. pag. 179. Dee. fi. frane. 5. 
pag. 249. Roem. et SchiiUes syst. veg. 2. png. 402. Sibth. fi. graec. 
1. pag. 42. Lots. fi. gali. edit. 2. voi. 1. pag. 40. Reich. fi. germ. 
excurs. 1. pag. 3%. Yìs. fi. dalm. 1. pag. 02. Gries. spie. fi. rum. et 
bith. 2. p. i08. non Lin. 

Phalaris bulbosa Desfì fi. atl. 1. pag. 35 et emend. alt. pag. 1. 
ex ejus herbario. 

Phalaris capensis Tliunb. prodr. fi. capens. pug. 321. 

Figura.— Host l. e. lab. 39. Sibth. l. e. lab. 57. 

h gracilis, panicula spiriformi, brevissima, ovata, vagina supre- 
ma infiala, aphylla, culmo gracili. 

Phalaris gracilis Pari, plant. nov. pag. 30. 

Nome italiano.— Scagliola de' grani. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe nei luoghi coltivati ed er- 
bosi , nelle vie, ec, della costa occidentale da Nizza in poi, e della 
parte centrale e meridionale della penisola: si trova nelle grandi isole 
di Sicilia , di Corsica e di Sardegna , come ancora in molte delle pic- 
cole isole. La varietà b trovasi in luoghi sterili dell'isola di Malta. 
Fiorisce in Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Amica della regione mediterranea 
(li Europa è ancora estesa in Arabia , in Egitto , in Barbarla , nelle 
isole Canarie ; ricomparisce nell' emisfero australe al Capo di Buona 
Speranza. 

Osservazioni. — Per i sinonimi addotti della phalaris aquatica di 
vari autori, vedi quel che ne dico nelle osservazioni alla phalaris 
coerulescens di Desfontaines. 

Gli esemplari avuti dal Capo di Buona Speranza sono perfetta- 
mente identici a' nostri. L-à phalaiis commutata di Roemcr et Schultes 
syst. veg. 2. pag. 403. stabiUta, secondo d Bertoloni, sulla radice e 
la pianta della phalaris nodosa e sulla pannocchia della phalaris mi- 
nor, deve essere scancellata dal numero delle specie e quindi tolta 
dalla flora italiana, perchè creduta trovarsi in Genova sopra il La- 
gazzo.. 



PHALARIS. 71 

13. Plialaris tr lineata fiuss. 

Ph. panicLila spioifonni oblongo-cyliiidracea , gluinis obtusis , 
superne late alalis, ala integra sub apice truncata, floribus neutris 
duobus minimis, vix conspicuis, ovatis, florisque hermaphroditi pa- 
leis villosis. 

Phalaris truncata Guss! fi. sic. prodr. siippl. pag. 18. et syn. fi. 
sic. i . pag. 118. Bertol. fi. ilaì. 2. pag. 777. Pari. fi. palerm. 1 . 
pag. 14. 

Phalaris aquatica 6'«ss/ fi. sic. prodr. 1 . pag. 67. Desf! fi. ali. I . 
pag. 56. ex ejus herbario. 

Phalaris minor Ten! pi. cxsic. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi Umidi argillosi e nei 

margini de' campi in Napoli , nella Calabria , in Sicilia e nelle isole 
di Alicuri, Filicuri, e Lipari. L'ho avuta ancora da Genova a 5. Dar- 
tolommeo e nei colli di Montaldo dal Prof, de Notaris e dal signor 
Savignone. Crescerà probabilmente in altri punti della riviera di Ge- 
nova. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica.^ — Specie propria dell' Italia meridionale 
e delle isole qui indicate , non che della Barbarla e della Turchia di 
Europa . 

Osservazione. — Pianta a'ssai dislinta dalle alTmi, e bene per la ioniia 
delle glume stata delta troncata dal Gussoiic. La corolla non è trividve 
come avea detto il Gussone nel prodromo della flora siciliana, ma qua- 
drivalve, cioè con due valve spettanti ai fiori sterili, siccome av- 
vertì il Bertoloni nella flora italiana , e siccome lo stesso Gussone scrisse 
posteriormente nella sua synopsis ed ho io potuto osservare in varii indi- 
vidui raccolti presso Palermo, e negli stessi esemplari avuti dall'ami- 
cissimo Gussone. Noterò a di pu'i che il culmo non è nodoso giusta 
la diagnosi Gussoniana del prodromo , di ciò mi avea anche avvertito 
gentilmente il Gussone che per altro siccome fibrosa ne descrive 
la radice nella synopsis. Questa specie non può punto confondersi 
con la phalaris nodosa , alla quale a prima vista somiglia e da cui ben 
differisce per la forma delle valve caUcine, che sono strettamente 
alate nella nodosa, e con le ali continue con l'apice, e per avere 
due fiori sterili invece di uno. Devesi alla pianta del Gussone rife- 
rire la phalaris aquatica di Desfontaines per le valve calicine e per 



72 GRAMINACEE. 

la corolla quadrivalve , come rilevasi dal suo erbario, in cui però 
l'esemplare manca di radice, non che la pìialaris aquatica di Aucher- 
Eloy, da lui raccolta sull'Olimpo. 

14. Plialarìs paracloxa Lin. 

Ph. panicula spiciformi, c^lindracea, ramorum inferiorum flos- 
culo intermedio hermaphrodito , reliquis imperfectis praemorsis , glumis 
acuminato-aristatis , ala basi subnulla , apice eroso-dentata , floribus 
neutris duobus vix conspieuis, glabriusculis, ovatis, inaequalibus, flo- 
ris hermaphroditi paleis glabris. 

Phalaris paradoxa Lin! sp. pi. 1665. AìVion. fi. ped. 2. pag. 
234. Savi fi. pis. 1. pag. So. Desf. fi. atl. /. pag. 56. Dee. fi. 
frane. 3. pag. 10. Sihth. et Smith fi. graec. prodr. 1. pag. 39 et 
fi. graec. I. pag. 43. Savi hot. etrusc. 1. pag. 36. Ten! fi. nap. 
1 . pag. 18. Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 405. Presi cyp. et 
gram. sic. pag. 26. Pollin. fi. veron. 1. pag. 78. Guss. fi. sicul. 
prodr. 1 . pag. 71 . Seh. et Maur. fi. rom. prodr. pag. 32. Lois. fi. 
gali. edit. 3. voi. 1. pag. 46. Reicli. fi. gemi, exciirs. 1 . pag. 32. 
Kunth eniim. pi. 1 . pag. 33. Beri. fi. ital. 1 . pag. 343. Coli, lierh. 
ped. 6. p. 166. Pari. fi. panorm. 1 . pag. 92. Puccini syn. fi. lue. p. 40. 
Guss. syn. fi. sic. 1 . pag. 119. Koeh sijn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 
894. Pari. fi. palerm. 1 . pag. 15. Boiss! voy. en Espagn. pag. 635. 

Phalaris praemorsa Lanik. dict. encycl. /. pag. 93. 

Gramen phalaroides lusitanicum Mont. eat. stirp. agr. bon. pr. 
pag. 47. 

Figure. — S'ìhth. fi. graec. tab. 58. Host gram. austr. 2. tah. 40. 

Nome italiano. — Scagliola rosicata Savi fi. pis. 1. pag. 55. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Campi, nei luOghi coltivati 

e in mezzo a' seminati. E più particolarmente propria della parte cen- 
trale e meridionale e della costa occidentale della penisola, e tro- 
vasi dapertutto nelle isole grandi di Sicilia, di Corsica e di Sarde- 
gna, come nelle piccole dell'arcipelago toscano e delle aggiacenze 
di Sicilia. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Trovasi nei Campi dell'Europa me- 
ridionale, dell'Affrica boreale e nelle isole di Teneriffa e di Canaria, 



PHALARIS. 73 

b. culmo basi nodoso. 

15. Plialarìs coerulescens Desf. 

Pb. panicula spiciformi elongata, gUimis (coloratis) mucronatis, 
superne alaiis, ala eroso-denticulata , floribus neutris nulHs, floris 
hermapbroditi paleis subglabris. 

Pbalaris coerulescens Desf! fi. atl. I . pacj. 56. Roem. et Schultes 
syst. veg. 2. pag. 404. Guss. fi. sic. prodr. I . pag. 68. Kunth emim. 
pi. 1 . pag. 32. Ten! fi. nap. ó. pag. 310. Pari. fi. panonn. /. pag. 
93. et plani, nov. pag. 23. Boìss! voij. eiiEsp. pag. 634. Guss. syn. fi. 
sic. 1 . pag. 110. Pari. fi. palerm. 1 . pag. 16. 

Pbalaris aquatica Ucria h. r. panorni. pag. 53. Seb. et Maur. 
fi. roìii. prodr. pag. 31 . Bert. fi. Hai. I . pag. 3il . Puccini syn. fi. 
lue. pag. 39. 

Pbalaris bulbosa Pre4 cyp. et grani, sic. t. pag. 26. Lois. 
fi. gali. edit. 2. voi. I . pag. 46. non Lin. 

Pbalaris variegata Spreng. N. Entd. 2. pag. 101. Schultes mant. 
2. pag. '215 et 3. pag. 580. 

Pbalaris aquatica et commutata Savi! pi. exsic. 

Figura. — Gramen typbinum pbalaroides, majus, bulbosum, aqua- 
ticum Barr. ic. 700. fìg. 1 . non bona. 

b. panicula ovata Pari. fi. pai. et pi. nov. 

e. villosula, glumis villosulis. 

Pbalaris villosula De Not. herb. 

Nome italiano. — Scagliola cangiante. Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei margini decampi e in luo- 
ghi umidi e inondati in tempo d'inverno. Nell'Italia media e meridio- 
nale dalla riviera di Ponente per Genova , Lucca , Pisa , Roma e Na- 
poli sino in Sicilia, in Corsica e in Sardegna. La varietà b. cresce 
comunemente con la specie. Ho avuto la varietà e. dall' amico De 
Notaris che 1' ha raccolta presso Genova a S. Bartolommeo . Fiorisce 
in Aprile e Maggio. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Nella Spagna meridionale, in Bar- 
barla e nelle isole Canarie. 

Osservazioni. ■ — A torto il Bertoloni ha riferito questa specie 
aWa phalaris aquatica, dappoiché nell'esemplare dell'erbario linneano 
da me osservato le glume sono interissime, acute, non mu- 
cronate, e strettissimamente alale, con l'ala continua noli' apice, vi 



74 GRAMliNACEE. 

è un sol fiore neutro, la di cui valva è villosa e lin(nuc angustis- 
sima. Non so come il Linneo altbia potuto distinguerla dalla phala- 
ris nodosa, da cui non potei affatto trovar alcun carattere di diffe- 
renza. Bisogna però avvertire che questo esemplare dell' erbario di 
Linneo è in cattivo stato. Cosa dirò della phaìarh aqualica de' di- 
versi autori? La specie descritta da Willdenow , Schrader ed Host , 
come rilevasi dai caratteri ad essa attribuiti, è senza alcun dubbio 
da riportarsi alla phalarìs minor ^ nei di cui sinonimi ho io citato 
quelli di questi botanici. Son sicuro poi che la pianta hostiana sia 
la medesima che la phalarìs minor, per l'ispezione di un esemplare 
autentico esistente nell' erbario di De CandoUe , né si può dalla stessa 
specie separare la phalarìs aquatica di Siblh. fi. graec. in grazia di 
un'esemplare da me visto in Londra nell' erbario di Smith, nel quale 
le valve calicine sono manifestamente snblacerae e la radice per nota 
dello stesso Sibthorp è eertamente fibrosa. Infine ho riferito alla pha- 
larìs coerulescens la phalarìs aquatica di Ucria, anziché, come han fatto 
il Gussone e il Bertoloni , alla phalarìs trnncata , in grazia della sta- 
zione e del nome volgare dall' Ucria assegnati alla sua pianta. 

16. Plialaris nodosa Lin. 

Ph. panicula spiciformi, oblongo-lanceolata , glumis lanceolatis, 
acutis, angustissime alatis, ala integra, flore neutro soHtario , mini- 
mo, anguste lineari, florisque hermaphroditi valvis villosis. 

Phalaris nodosa Unì sìjsf. veg. ed. 13. pag. 88. Sìblh. et Smith 
fi. graec. prodr. 1. pag. 37. et fi. graec. prodr. I. pag. 4i . Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. pag. iOi. et mani. 2. pag. 2J6. Guss. pi. 
rar. pag. S3, et fi. sic. prodr. 1 . pag. 69. Seb. et Maur. fi. rom. 
prodr. pag. 30. Kunth emun. pi. 1 . pag. 3S. Beri. fi. ìtal. I. pag. 
339. Coli. herb. ped. 6. pag. 165. Pari. fi. panorm. I. pag. 98. 
Boiss! voy. en Espagn. pag. 63i. Guss. fi. sic. syn. 1. pag. 117. 
Pari. fi. palerm. 1. pag. 18. 

Phalaris aquatica Lin! sp. pi. pag. 97. ex ejus herbario. 

Phalaris tuberosa Lin. mant. pag. 557. 

Phalaris bulbosa Ten. fi. nap. 3. pag. 60. 

Figure. — Sibth. fi. graec. tab. 56. Trin. ic. 7.tab.8l. 

Gramen typhinum phalaroides arvense, bulbosa radice. Barr. ic.10. 

Nome italiano. — Scaghola cannarella. Beri. I. e 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi, nei loro margini. 



PHALARIS. 75 

lungo le strade ed anche nei pascoli della costa occidentale e del mezzo- 
giorno dell' Italia dalla riviera di Ponente sino in Sicilia , in Sarde- 
gna ed in Corsica. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa meridionale, in Oriente, 
nelle isole Canarie ec. 

Osservazione. — Circa al sinonimo della phalaris aquatica di 
Linneo vedi le mie osservazioni alla specie i)recedente. 

Glumae carina nudae, panicula diiTusa digraphis Trin. bal- 
DIGERA FI. Welt. 

19* Pltalarìs ariindinacea Lin. 

Ph. panicula elongata , ramosa, patente, glomerata , glumis 
lanceolatis, acutis, carina nudis, floribus neutris duobus minimis, 
anguste linearibus, villnsis, flore hermaphrodito glabro , superne vil- 
losiusculo. 

Phalaris arundinacea Lin. sp. pi. 80. Ali. fi. pei. 9. p. 9S4. 
Savi fi. pis. 1. pag. 61. Roem. et Schultes sys. vefj. S. pag. 405. 
Noce, et Balb. fi. tic. 1 . pag. 28. et pag. 318. Pollin. fi. veron. 
1 . pag. 77. Maratt. fi. min. I. pag. 48. Re p. torin. 1 . pag. 53. 
Naec. fl^ ven. 1 . pag. 88. Guss. pi. rar. pag. 310. Gaud. fi. helv. 
i. pag. 166. Kunth enum. pi. 1 . pag. 33. Beri. fi. ital. 1. pag. 
344. Comoll 1 fi. comens. 1. pag. 68. Ten. fi. nap. 5. pag. 319. 
Puccini syn. fi. lue. pag. 40. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. 
pag. 894. 

Arundo colorata Willd. sp. pi. 1 . pag. 457. Balh. fi. taurin. 
pag. 221 . Birol. fi. acon. 1 .pag. 37. Lanf. stor. nat. di Mant. ingiorn. 
di fisic. ec. di Conf. e Briign. dee. 2. iom. 10. pag. 56. Morie, fi. ven. 
1 . pag. 68. 

Calamagrostis colorata Dee. fi. fr. 3 pag. 26. Lois. fi. gali, 
edit. 2. voi i . pag. 55. 

Digraphis arundinacea Trin. fund. pag. 127. Gries. spie. fi. rum. 
et hith. 2. pag. 468. 

Baldingera colorata. FI. Wetter. n. 99. 

Baldingera arundinacea Dumort. agrost. pag. 130. 

Gramen miliaceum aquaticum semine phalaridis Mont. cat. stirp. 
agr. honon. prodr. pag 52. 

Gramen miliaceum spica multiphci. Mont. l. e. Seguier veron. 
I. pag. 35?. 



76 C.IUMINACEE. 

Figure. — Engl. hot. lab. 402. Hosl (jram. austr. 2. tal. 33. 

b. foliis albo-slriatis. 

Phalaris arundinacea b. pietà Lin. sp. pi. 80. Pollin. fi. veron. 
1. pag. 78. Nacc. fi. vcn. 1. pag. 89. Koch syn. fi. gemi, et helv. 
edit. 2. pag. 89i. 

Arundo colorata b. Willd. l.c. 

Allindo colorata a pietà Morìe, l. e. 

Calamagrostis colorata b Dee. l. e. Lois. fi. gali. edil. S. voi. 1. 
pag. 55. 

Gramen miliaceum folio variegato Moni. cai. sttrp. agr. honon. 

prodr. pag. 52. 

Nome italiano. — Scagliola cannella Savi fi. pìs. I . pag. 61. 
La varietà b. Sagìna spagnuola Targ. Tozz. dìz. boi. 2. pag. 164. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Sulle sponde dcTlumi, nelle 

fosse e nei prati umidi dell' Italia settentrionale e centrale sino alle 
montao'ne degli Abruzzi, però non molto comune. Manca nella bassa 
Italia e nelle isole. Fiorisce in Giugno e Luglio. La varietà b. è solo 
coltivata nei giardini. È perenne. 

Distribuzióne geografica. — Neil' Europa media e meridionale, 
nel Caucaso, nella Siberia e nell'America boreale. 

Usj. — Si da in istato verde a mangiare al bestiame al cjuale rie- 
sce di alimento gradito. 

TU. PHIiEUfI Lin. 

Lin. gen. p. 33. Host gram. austr. 3. pag. 8. Palis. de Beauv. agrost. 

pag. 24. fìg. 4. Roem. et Schulles syst. veg. 2. pag. 17. Kunlh 

emm. pi. 1. pag. 27. Endl. gen. pi. 1. pag. 81. Pari. fi. pai. 1. 

pag. 19. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. pag. 197. 
Phalaridis species Host grani, austr. 3. pag. 27. Savi fi. pis. 1. 

pag. 57. Dee. fi. frane. 3. pag. 11. Biv. cent. 2. pag. 46. 
Crypsis species Besf. fi. ali. I.pag. 63. 
Ghilocbloa Palis. de Beauv. agrost. pag. 37. Roem. et Schulles syst. veg. 

2. pag. 20. Reich. fi. genn. exeurs. 1 . pag. 32. 
Achnodonton Palis. de Beauv. agrost. pag. 25. Roem. et Schulles syst. 

veg. 2. pag. 18. 

Spiculae 1-florae, flore bermapbrodito unico, saepe cum ru- 
dimento tloris superioris neu.tri. Glumae 2, membranaceae , subaequa- 



FHLEUM. 77 

les, compressae vel apice turgidae , carinato-naviculares , carina haud 
alata, non raro ciliata, muticae , acuminatae vel mucronatae aut ari- 
siatae. Paleae glumis inclusae, inferior truncata, vel truncato-den- 
ticulata, mntica vel mucronata, superior bicarinata. Perigonii squa- 
mulae 2, lobulo auctae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 
2. Stigmata piumosa. Caryopsis minuta, glabra, elliptica, libera, et 
tantum glumis obtecta. 

A\j{io. — Erbe annue o perenni, poco alte, con il culmo qualche 
volta nodoso alla base, a foglie piane e lineari, a pannocchie disposte in 
spighe dense, per lo più cilindriche, ma talvolta allungate, ovvero 
ovate, composte di numerose spighette, di un color verde pallido, e 
piccole, terminate d'ordinario nelle glume da un mucrone o un' are- 
sta corta. Compresse queste glume sono soltanto un po' turgide su- 
periormente nel phleo aspero. 11 fiore è piccolo e sempre rinchiuso 
nel calice. 

" Rudimentum floris superioris nuUum Phlei genuini. 

t§. Plileiiin ecliinatiiiu Hosl. 

Phl. panicula spiciformi, ovato-oblonga , glumis truncatis, ca- 
rina inferno hispido-ciliatis , aristis divaricatis, glumas superantibus. 

Phleum echinatum Host! grami, austr. 3. pag. 8. Roeni. et Schul- 
tes syst. veg. 2. pag. 381. et mant . 3 . pag . 515. Presi cgp. et gram. 
sic. pag. 25. Kunlh enum. pi. I. pag. 29. Beri. fi. ital. /. pag. 352. 
Vis. pi. dalm. pag. 3. et fi. daini. 1. pag. Gi. Koch sgn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. pag. 899. Pari. fi. palerm. 1. pag. 19. 

Phleum felinum Sihth. et Smith! fi. graec. prodr. I. pag. 42. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 380. et mant. 2. pag. 206. et 
mant. 3. pag. 375. Guss. fi. sic. prodr. I. pag. 24. Pari. fi. panorm. 
1. pag. 95. Guss. fi. sic. syn. 1. pag. 122. 

Gramen spicatum, echinatum Cìip. li. cath. pag. 89. 

Figure. — Host gram. austr. 3. lab. 11. 

Gramen spicatum, echinatum. Gap. pamph. sic. 2. tah. 231. 
Bon. tah. 3. 

Nome italiano. — Codina. Riccio de' prati. Beri. l. e. 
Stazione, Abitazione, Fioritura. — Nasce Comunemente nei coUi 
aprici e nei monti della parte settentrionale ed orientale della Sicilia. E 
precoce nella fioritura che si estende da Marzo a Maggio. Cresce ancora in 



78 GRAMINACEE. 

Istria, e l'amioo Orsini mi ha comimicata pure questa specie da lui rac- 
colta sulla spiaggia di Francavilla nella provincia di Chicli. 11 Pollini 
scrive nella sua flora veronensis di aver ritrovato nei prati del monte 
Bolca nel mese di Agosto una varietà del phleum «/;)«(»»« a spiga ovata 
con le areste nude della lunghezza delle glume , alla quale riferisce 
egli con dubbio il phleum echinuiuni di Host; in essa deve intendersi 
la nostra pianta, giusta il Bertoloni, che l'ha avuto comunicata dallo 
stesso Pollini. Però da nessuno dei botanici che hanno a me fatto 
largo dono delle piante di quei luoghi, ho ricevuto mai il plilcum 
ediinalum, ma solo \' alpìnum con le sue numerose varietà, tra le 
quali quella a spiga ovata, con le areste non cigliate, eh' è quanto 
a dire il phleum commutaliim di Gaudin, di cui panni voler qui parlare 
il Pollini, mentre le areste neW echìnatum superano la lunghezza delle 
glume. A di più la considerazione di essere una stazione poco con- 
facente al phleum echhmlum, specie per altro mancante nel resto della 
penisola , eccetto che nell' Istria , e nel qui citato luogo della provincia 
di Chieti , e che farebbe così un salto sino in Sicilia , mi fa sospet- 
tare di qualche equivoco. Tutti questi ragionamenti però cadi-ebbero 
quando il fatto fosse vero, trovandosi la continuazione dell'area geo- 
grafica di questa pianta per l' Istria , la Dalmazia , le isole Jonie sino 
in Sicilia, ed allora il monte P>olca sarebbe il limile più settentrionale 
di questa specie. E annua. 

Distribuzione geografica. ■ — E stata trovata questa pianta in 
Istria, in Dalmazia, nell'isola di Zante , e in Sicilia. 

Osservazioni. ■ — • La spccic in discorso è senza dubbio la stessa 
pianta descritta da Host, malgrado che io ne avessi dubitato nella 
mia flora panormilana , fondandomi sul carattere delle foglie aculeate, 
attribuito da Host al suo phleum echinatum, dubbio che il Gussone 
ha continuato ad avere nella sua sìjnopsìs. Posteriormente ho avuto 
occasione di osservare nell' erbario di De Candolle un esemplare au- 
tentico di questa specie , in cui le foglie sono afl'atto hsce ne' mar- 
gini, siccome avvertii nella mia flora palermitana. Né dalla nostra 
pianta differiscono punto gli esemplari che ho ottenuto dalla Dalma- 
zia , donde 1' ebbe 1' Host medesimo , da Visiani , da Clementi , e da 
Kellner. Per tutto ciò credo di doversi allontanare tutti i dubbi del- 
l' identità della specie sibthorpiana e della hostiana insorti nei bo- 
tanici , giacché sono anche sicuro della pianta di Sibthorp, la quale 
"è stata da me osservata nell'erbario di Smith. 



PHLEUM. 7<) 

19. Plileiini aliiiiiiini fJn. 

Pili, panicula spiriformi oblongo-cilindracea vel ovali, glumis 
truncatis, carina hispido-ciliatis, aristis glumas aequantihus velvix illis 
brevioribiis. 

Phleurn alpinum Un. sp. pi. 88. Ali. fi. peci. !?. pag. ^32. Savi! 
due cent. pag. 20. Balbimisc. hot. I. pag. 8. Dee! fi. frane. 3. pay. 7. 
Savi! hot. etrusc. 1. pag. 39. Bir. fi. acon. i . pag. 22. Roem. et Sclnilt. 
sys. veg. 2. pag. 370. Noce, et Balb. fi. tic. 1. pag. 20 et p. 318. 
Bert. amoen. ital. 1 . pag. 327. Pollin. fi. verni. 1. pag. 70. Maralt? 
fi. roni. I. pag. 51. Ten. fi. nap. 3. pag. 64. Gaudi fi. lielv. 1. 
pag. 165. Lois. fi. gali. edìt. 2. voi. I. pag. 47. Reich. fi. germ.. 
excurs. 1. pag. 31. Kunth enum. pi. 1. pag. 20. Bert. fi. ital. 1. 
pag. 350. Comoll! fi. coniens. 1. pag. 70. Coli. herh. ped. 6. pag. 
150. Sanguin. cent. pr. fi. roman. add. pag. 14. Puccin! fi. lue. sgn. 
pag. 41. Kochsyn. fi. germ. et helv. edit. 2. pag. 808. 

Phleurn commutatum Gaiid ! agrost. 1. pag. 40. et fi. helv. 1. 
pag. 166. Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 380. Dee. fi. frane. 

5. pag. 348. 

Gramen typhoides alpinum, spica brevi densa et velali villosa. 
Mont. rat. stirp. agr. bonon. prodr. pag. 50. Seg. sup. 155. Mich! 
herh. 

Figure. — Hosl grani, aiistr. 3. tah. 10. Fior. dan. tab. 213. 

Nome italiano. — Codina violeita Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi montuosi e nei prati 

elevati delle Alpi , e loro principali diramazioni. Si trova ancora ne- 
gli Appennini che hanno una regione al di sopra di quella dei faggi, 
così dell' appennino ligure, lucchese, modenese, pistoiese, nell'Um- 
bria, nel monte Corno, a Pizzo di Sivo, a Monte Costone , alla Maiella , 
a Monte Pollino. Cresce sulle alpi Apuane al Sagro e al Pisanino. Tro- 
vasi solo nelle isole in Corsica al Monte Grosso. Manca affatto in Si- 
cilia. Fiorisce nei mesi di Giugno e di Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — • È estesa questa pianta dalla La[)- 
ponia sino all'Italia meridionale, e ancora nel Caucaso. 

Osservazione. — Il phìeum commutalum di Gaudin, giusta 1' er- 
bario stesso del Gaudin , da me veduto a Parigi presso il sig. Gay, 
in altro non differisce dall' rt/yj(?(Hm che nell'avere le areste delle glume' 
non cigliate. 



80 GRAMINACEE. 

Usi. — Si adopera pria della fioritura per alimento del be- 
stiame. 

90. Plileiiiit pratense Lin. 

Phl. panicula spiciformi, cylindracea, glumis Iruncatis, carina 
longiuscule ciliatis , mucronato-anstatis , aristis brevibus , divergen- 
tibiis. 

Phleum pratense Un.! sp. pi. S8. Ali. fi. ped. 2. pay. 232 
Savi! fi. pis. 1 . pag. 69. Desf. fi. atl. 1 . pag. Gì . Siiffr. foro], p 
113. Dee! fi. frane. 3. pag. G. Balbi fi. taur'm. pag. 13. Savi! hot 
etrusc. 1. pag. 38. Birol. fi. acon. 1. pag. 22. Roem. et Schultes 
syst. veg. 2. pag. 378. Ruching. fi. dei lidi vene!, pag. 18. Morie 
fi. venet. 1 . pag. 33. Pollin. fi. veron. 1 . pag. 79. Maratt. fi. rom 
1 . pag. 50. Ten. fi. nap. 3. pag. G3. Re fi. torin. 1. pag. 54. Naec 
fi. ven. 1 . pag. 45. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. pag. 33. Gaud. fi 
helv. 1. pag. 1G4. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. pag. 47. Reich 
fi. gemi, exeurs. 1 . pag. 31 . Kunth enum. pi. 1 . pag. 29. Bertol 
fi. Hai. 1. pay. 347. Comoll. fi. comens. 1. pag. 69. Coli, herb 
ped. G. pag. 158. Puecin! syn. fi. lue. pag. 41. Vis. fi. daini. 1 
pag. 63. Guss. syn. fi. sic. 1. pag. 122. Kòch syn. fi. yerni. et 
helv. edit. 2. pag. 898. Pari. fi. palerm. 1. pag. 22. 

Phleum Bertolonii Dee! cat. pi. li. bot. monsp. pag. 132 ex ejus 
herbario. Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 379. Guss. fi. sic. 
prodr. 1. pag. 73. Kunth eniim. pi. 1. pag. 30. Vis. fi. dalm. 1 . 
pag. G3. 

Phleum nodosum Lin. sp. pi. 88. Ali. fi. ped. 2. pag. 233. 
Ucria h. r. panami, pag. 55. Savi! fi. pis. 1. pag. 70. Dee! fi. 
frane. 3. pag. G. Birol. fi. acon. 1. pag. 22. Re. fi. torin. 1. 
pag. 54. 

Phleum bulbosum Host grani, austr. 4. pag. 12. et fi. austr. 
1. pay. 81. Noce, et Balb. fi. tiein. 1 . pag. 29. 

Gramen typhoides asperum Cup. h. calli, pag. 88? 

Gramen typhoides asperum primum Mont. cat. stirp. agr. bonon. 
prodr. pag. 49. 

Gramen typhoides aspei'um, alterum. Mont. l. e. Seg. veron. 
Slip. p. 154. 

Figura. — ■ Host grani, austr. 3. tab. 21. 

Gramen typhinum arvense , radice tuberosa , spica aspera longa 
Barr. ic. 22. fiy. 1. 



PHLEUM. 81 

Gramen typhinum pratense tuberosum, spica aspera Barr. ir. 
SS. fìg. 2. 

Nome italiano. — -Codolina. Coda di topo. Targ. Tozz. diz. bof. 
2. pag. 1G6. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ^ — -Comiinissima , tanto la forma a 
culmo nodoso che con nodi alla base, nei prati, nei margini dei 
campi e nei luoghi alquanto montuosi della penisola. Cresce ancora 
nelle isole più grandi come in Corsica , in Sardegna , in Sicilia , ma in 
questa è Umitata a poche località e particolarmente alla Ficuzza , a Ca- 
pizzi, a Mistretta ed a Catania, ove si trova la forma a culmo nodoso. 
Manca nelle piccole isole che circondano la Sicilia. Fiorisce in Mag- 
gio e Giugno. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta assai diffusa sul globo e comu- 
nissima nell'Europa. Abita ancora il Caucaso, la Siberia e l'America 
settentrionale. 

Osservazione. — I botanici hanno diviso questa specie in molte 
altre fondandosi su' caratteri assai variabili del culmo , ora senjla nodi 
alla base come nel phleum pratense , ora con nodi come nel phleum 
nodosum, della lunghezza maggiore o minore della pannocchia, che si 
trova variare da 3 a 4 lince sino a 2 e 3 pollici , come è comune os- 
servare nel phleum pratense e Bertolonii, della lunghezza diversa delle 
ciglia delle valve calicine che sono più corte nel phleum Bertolonii, 
e più lunghe nel pìdeum pratense. Attesa la variabilità e la poca impor- 
tanza di questi caratteri , e dietro 1' esame di tutti gli esemplari auten- 
tici osservati negli erbarii di Linneo e di DeCandoUe e degl' individui 
viventi da me raccolti , ho creduto dovere riunire tutte queste piante 
credute diverse , considerandole nò anco come varietà ma solo come 
modificazioni leggiere di una stessa specie per effetto della diversa na- 
tura de' luoghi dove cresce questa graminacea così estesa da per tutto. 
Usi. — E gradita dal bestiame, a cui fornisce un ottimo fo- 
raggio. 

" Spiculae cum rudimento floris superioris subulato Chilocloa 
Palis. de Beauv. 

91. Plileuiii asfieruiii Jacq. 

Phl. panicula spiciformi , cylindracea, glumis obovato-cuneatis* 
apice tumidis mucronatisque , undique scabris. 

Fr.ORA iTALrANA. Voi. I. 6 



S2 GKAMINACEE. 

Phleum aspcrum Jacq. colìect. 1. png. 110. Dee. jl. freme. 3. 
pag. 7. Noec. et Baiò. fi. licin. 1. pag. 30. et 310. PoUin. fi. veron. 
i . pag. 80. Ten. fi. nap. 3. pag. 65. Re fi. torin. 1 . pag. 55. Guss. 
fi. sk. prodr. 1 . pag. Ti. Gaud. fl. helv. 1 . pag. 107. Lois. fi. gali, 
edit. 2. pag. 46. Kunth enum. pi. 1 . pag. 28. Beri. fi. Hai. 1 . p. 
355. Comoll. fi. comens. 1 . pag. 70. Goll. lierh. ped. 6. pag. 162. 
Guss. syn. fi. sic. 1 . pag. 123. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 
2. pag. 898. Pari. fl. pai. 1. pag. 22. 

Phleum viride Ali. fi. ped. 2. pag. 232. et auct. p. 38. Moret. 
notizie sopra diverse piante della flora vicentina pag. 247. 

Phleum paniculatum Huds. angl. pag. 26. Savi ! hot. etrusc. 1. 
pag. 39. 

Phleum ventricosum Moench. meth. pag. 177. 

Phalaris aspera Retz. obs. i. pag. li. Savi! fi. pis. 1. p. 60. 
Balb. fi. taur. pag. 11. Birci, fi. acon. 1. pag. 19. 

Phalaris paniculata Ait. h. Kew. 1. pag. 87. 

Chilochloa aspera Palis. de Beauv. agrost. pag. 37. Roem. et 
Schultes syst. veg. 2. pag. 409. et mani. 2. pag. 18. Presi cyp. et 
gram. sic. pag. 26. Reich. jl. germ. excurs. 1. pag. 32. 

Panicum sylvestre Caesalp! herh. fogl. 108. n. 278. 

Gramen spicatum, annuum, glabrum, spica cylindracea, tenuio- 
n, aspera, longa, locustis tumidioribus bicornibus Mich. in Till. cat. 
h. pis. pag. 12. 

Gramen typhinum asperum, spica longissima, ex aliis minori- 
bus composita Moni. cat. stirp. agr. bonon. prodr. pag. 49. sec. Bert. 

Gramen typhoides , asperum, primum Se^. t^ero». /. pag. 349. 

Figure. — Jacq. ic. rar. 1. tab. 14. Rosi grani, austr. 2. 
tab. 37. 

Gramen typhinum, paniceum, utriculatum ampio utriculo Barr. 
ir. 28. f. 2. 

Nome italiano. — Flco ramoso Savi bot. etr. 1. pag. 40. Co- 
dolina lima Beri. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NasCC nei campi, nelle Col- 
line secche , sui muri e nei luoghi sassosi della penisola , però non 
molto comunemente. In Sicilia si ritrova solo nella sua parte set- 
tentrionale ed in paesi montuosi. Fiorisce in Giugno , ed in Sicilia in 
Aprile e Maggio. E annua. 

Distribuzione geografica. — Specie uou rara nell'Europa media e 
meridionale. 



PHLEUM. 80 

ÌS9. Plileuni Bolienieri Wihel. 

Phl. panicula spiciformi, cylindracea , glumis lineari-oblongis, 
oblique truncalis, breviter acuminato-mucronatis , undique scabris vel 
carina hispido-ciliatis. 

Pbleum Bohemeri Wibel. prìm. fi. werth. pag. 125. Noce, et 
Balb. fi. tic. 1. pag. 30. et 319. Pollin. fi. veron. 1. pag. 81. Re 
fi. forili. 1 . pag. 55. Nacc. fi. venet. 1 . pag. 46. Lois. fi. gali. ed. 
2. voi. 1 . pag. 47. Kiinth eniim. pi. 1 . pag. 28. Beri. fi. ìtal. 1 . 
pag. 55G. Koch syn. fi. genn. et helv. edit. 2. pag. 898. 

Phalaris phleoides L'in. sp. pi. pag. 80. Ali. fi. ped. 2. pag. 233. 
Deci fi. frane. 3. pag. 9. Ten. fi. nap. 1 . pag. 20. Savi! hot. etrusc. 
2. pag. 41. 

Pbleum phalaroides Koel. gram. pag. 52. Gaud. fi. helv. 1. 
pag. 168. 

Pbleum pbalaris Pers. sgn. pi. pag. 79. Ruchìng. fi. dei lidi 
venet. pag. 18. 

Cbilocbloa Boehmeri Palis. de Beauv. agrost. pag. 37. Roem. et 
Scimi tes syst. veg. 2. pag. 408. et mani. 2. pag. 218. Reìch. fi. genn. 
exciirs. 1 . pag. 32. 

Pbleum cuspidatum Willd. enum. suppl. pag. 5. 

Phalaris trigyna Ilost! gram. austr. 4. pag. 12. lab. 20. 

Cbilocbloa cuspidata Roem. et Schultes sgst. veg. 2. pag. 409. 

Gramen typbinum asperum , spica longissima ex aliis minoribus 
composita 5e^. veron. 1. pag. 5i9. 

Figure. — Fior. dan. tah. 531 . Ilost gram. austr. 2. tab. 34. 

h panicula elongata, ramosa. 

Nome italiano. — Codolina nuda Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luogbi sterili, nei Campi e 
lungo le strade della penisola , ove è più comune nella parte set- 
tentrionale, essendo piuttosto rara nella parte centrale e meridionale, 
anzi io non ve l'bo trovato. Però il Savi l'ba raccolto nelle colline 
pisane e sienesi, il Micheh nell'agro fiorentino, e il Tenore la porta 
dal regno di Napoli. La varietà b mi è stata comunicata dal signor 
Montini , il quale 1' ba raccolta nei prati dentro il Castello di Maro- 
stica presso Bassano e in luogbi aridi a Tor reglia nei colli Euganei. 
Cresce ancora nell'isola di Corsica, ma manca in Sicilia, in Sar- 
degna e nelle altre isole. Fiorisce in Maggio e Giugno. E perenne. 

è 



84 GRAMINACEE. 

Distribuzione geografica. — Propria dell Europa media e meri- 
dionale e della Siberia. 

Osservazione. — Varia questa pianta come quasi tutte le specie 
di phieiim per la pannocchia ora corta, ora lunga fino a 8 pollici, per 
le glume che sono o scabre soltanto o più raramente cigliato-ispide. 
Ho riportato a questa specie la phalaris trigijna di Host, dietro l'os- 
servazione dell' esemplare autentico di Host conservato nell' erbario 
di De Candolle, malgrado che i botanici la considerino come sino- 
nimo del phleum Mkhelìi. Le glume sono perfettamente come nel 
pìiìeum Bohemeri, però cigliate nella carena, come è per altro comune 
di osservare in questo phìeum. 

93. Plkleiint IVIiclielii Ali 

Phl. panicula spicilbrmi, cylindracea, apice subattenuata, glu- 
'mis lanceolatis, in aristam brevem acuminatis, carina longiuscule 
hispido-ciliata , radice fibrosa, perenni. 

Phleum Michelii Ali! fi. peci. 2. pag. 233. et aiicl. pag. 38. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 380. Noce, et Balhis fi. ticrn. 
1 . pag. 29. et pag. 318. Bertoll amoen. ital. pag. 327. Presi, cyp. et 
gram. sic. pag. 25. Pollin. fi. veron. I . pag. 81 . Re. fi. iorin. 1 . 
pag. 55. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. pag. 34. Gami. fi. helv. 1 . 
pag. 169. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. pag. 47. Kunth enum. pi. 

1. pag. 28. Bertol! fi. ital. 1. pag. 358. Coli, lierh. pedem. 6. pag. 
160. Puccin! sijn. fi. lue. pag. 41. Koch syn. fi. genn. et helv. edit. 

2. pag. 898. Pari. fi. pai. 1. pag. 20. 

Phleum phalarideum Xill. pi. da dauph. 2. pag. 60. 

Phleum ambiguum Ten! fi. nap. 3. pag. 64. Guss. fi. sic. prodr. 
1 . pag. 75 et syn. fi. sic. 1 . pag. 122. 

Phalaris phleoides Savi! fi. pis. 1. pag. 58. non hot. etriisc. 
nec Lin. 

Phalaris alpina Haenk. in Jacq. coli. 2. pag. 91 . Dee. fi. frane. 

3. pag. 9. Biv! sic. pi. cent. 2. pag. 46. Ten. fi. nap. 1 . pag. 19. 

Chilochloa Michelii Reich. fi. gemi, excurs. 1. pag. 32. 

Graraen spicatum, saxatile, glabrum, perenne, spica cylindra- 
cea, rufescente, longa, locustis acutis, cilii instar pilosis Mieli, in Till. 
cat. hort. pis. pag. 72. 

Gramen typhinum , glumis acutissimis et quasi in aristas desi- 
nentibus ex monte Gargano Mieli! herb. 



PHLEUM. 85 

Grainen lypliiiuim spioa conoide, striata, culmo violaceo. Mont. 
mt. stirp. agì', hon. prodr. pag. j9. 

Fignra. — ■ Teli. fi. ìiap. tav. 103. 

Gramen typhinum junceum perenne Barr. ic. Sf . fig. 2. 

Gramen paniceum spica simplici longiori, aristis e flavo-rubris 
arniatum Cu]). pamph. sic. 3. tah. Gì . 

Nome italiano. — Codolina Bert. I. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.— Nei luoghi montuOsi alquanto 

elevati di Borgomasìno e di Borgo d'Ale in Piemonte, ove fu per 
la prima volta trovato da Bellardi, che lo comunicò all'Allioni, del Bal- 
do, del Friuli, e di varii punti delle Alpi , degli Appennini e loro dira- 
mazioni, delle Alpi Apuane, del Gargano, dei monti di Castellammare. 
Cresce pure nell'isola di Capri, in Sicilia nelle catene delle Mado 
nie, nei monti Busambra e di Mistretta, all' Etna ec. Però in generale 
non è comune. Fiorisce in Luglio ed Agosto e nei paesi più meri- 
dionali in Maggio e Giugno. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Comune nei luoghi montuosi elevati 
ed alpini dell' Europa meridionale. 

Osservazioni. — Non trovo buoni i caratteri assegnati dal Te- 
nore come distintivi del suo phìeum amb'ìgnum dalMc/ie/Ji di Allioni, 
da cui però vorrebbe separarlo il Gussone per il carattere di otì'rire 
le ciglia nella carena delle ghnne soltanto da quasi la metà sino al- 
l'apice di essa, mentre nel pìileum Micheììì questa carena suddetta 
è cigliata in tutta la sua estensione. Questo carattere, quantunque 
vero, mi sembra di poca importanza per distinguere queste due piante, 
molto più che è variabile , avendo osservato negli stessi esemplari di 
Sicilia variare queste ciglia riguardo all' estensione maggiore o mi- 
nore di esse nella carena. Non ho qui citato il sinonimo del phìeum 
ambiguiim di Griesebach spìe. fi. rum. et bith. 2. pag. 464, per- 
chè dalla frase diagnostica che 1' accompagna dubito assai che sia la 
medesima pianta del Tenore , ivi dicendosi le glume esser glabre , 
mentre nell' ambigiium di Tenore sono sempre cigUate nella care- 
na ec. Ho riferito al phìeum Michelii il sinonimo della phalaris al- 
pina di Tenore fior. nap. 1. pag. 19., quantunque lo stesso Tenore 
l'abbia riportato al phìeum alpìnum, stando alla descrizione datane da 
lui, che combina perfettamente con il phìeum Michelii, e non con 
il phìeum alpinum. 



8() GRAMINACEE. 

94. Plileiini arenarium Un. 

Pili, panicula spiciforini oblonga, basi attenuata, gluniis lanceo- 
lalis, apice mucronatis, carina hispido-ciliatis, radice fibrosa, annua. 

Pbleum arenarium Lin. sp. pi. 88. Ali. fi. ped. 2. pag. 233. 
et anct. pag. 38. Ucria h. r. pan. pag. 35. Suffr. forojul. pag. 
1 13. Bertol. amoen. Hai. pag. 238. Poìlìn. fi. veron. 1. pag. 81. 
Mwratt. fi. rom. 1 . pag. 51 . Nacc. fi. venet. 1 . pag. 46. Guss. pL 
rar. pag. 25. et fi. sic. prodr. 1 . pag. 75. Lois. fi. gali. edit. 2. p. 
47. Reich. fi. germ. excurs. /. pag. 31. Kunth enum. pi. 1. pag: 
21. Bertol. fi. ital. 1. pag. 360. Coli. herb. ped. 0. p. 163. Puc^ 
crn! sìjn. fi. lue. pag. 42. Guss. syn. fi. sic. 1 . pag. 123. Rock syn. 
fi. germ. et helv. edit. 2. pag. 898. Gries! spie. fi. rum. et bith. 2. 
pag. 463. 

Phalaris arenaria Willd. sp. pi. 1 . pag. 328. Dee! fi. frane. 3. 
•pag. 8. Savi! boi. druse. 1. pag. 3i. Ruching. fi. dei lidi veneti p. 
17. Morie, fi. venet. 1. pag. 32. Ten. fi. nap. 3. pag. 60. Seb. et 
Maur. fi. rom. prodr. pag. 33. 

Crypsis arenaria Desf. fi. ali. 1. pag. 63. 

Chilochloa arenaria Roem. et Schulles syst. veg. 2. pag. 409. 
et mani. 2. pag. 218. 

Achnodon arenarius Link. h. r. berol. descr. 1. pag. 65. 

Gramen spicatum, typhoides, maritimum, glumis longioribus acu- 
minatis et pilosis Ponled. comp. lab. boi. pag. 48. 

Gramen pbalaroides maritimum minimum Mont. cut. stirp. bon. 
prodr. pag. 48. 

Figura. — Fior. dan. lab. 915? Engl. boi. 4. lab. 222. 

Gramen typhinum maritimum minus Z annidi, istor. delle piante 
pag. 122. lab. 168. 

Nome italiano. — Coda di topo Targ. Tozz. diz. bot. 2 pag. 166. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama i prati e Specialmente i 

luoghi arenosi marittimi. Trovasi frequentemente nelle spiagge della pe- 
nisola ed anche talvolta a distanza dal mare, come in Mantova a Miglia- 
retto, donde l'ho avuta dal Barbieri, nell'Isola di Ischia. In Sicilia è assai 
rara e solo si trova a Catania, dove l'ha raccolto il Borgia e a Patti 
secondo Ucria: però nessuno dei moderni botanici l'ha trovato in quel- 
l'Isola. Fiorisce in Maggio e Giugno, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa media e meridionale e 
noli' Affrica boreale. 



PHLEUM. «7 

85. Plileuni tenue Sclirad. 

Phl. panicula spiciforini, cylindracea, gracili, spiculis plano- 
compressis, ellipticis, glumis dorso curvatis, breviter mucronatis, ca- 
rina nuda. 

Phleum tenue Schrad. fi. germ. I. pag. 101 . Reich. fi. gemi, ex- 
curs. I . pag. 31. Kiinth eniim. pi. 1. pag. S8. Beri. fi. ital. 1. pag. 
361. Comoll. fi. coni. 1. pag. 12. Coli. herh. ped. 6. pag. 60. Gass. 
fi. sic. syn. 1 . pag. i23. Koch syn. fi. germ. et helv. edìt. 2. pag. 
897. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. pag. 463. 

Phalaris bulbosa Lin. amoen. acad. 4. pag. 26i. et sp. pi. p. 
79. Bellard. app. ad fi. ped. pag. 7. 

Phalaris subulata Sari / fi. pis. 1. pag. 57. et in nuovo giorn. 
dei leti, di Pisa anno 1806. tom. 4. pag. 225. tah. 1 . fìg. 1-3. et 
hot. etrusc. 1. pag. 35. Ten. fi. nap. 3. pag. 62. Seb. et Maur. fi', 
rom. prodr. pag. 32. 

Phalaris tennis Host grani, anstr. 2. pag. 27. 
Phalaris cyhndrica Dee! fi. frane. 3. pag. 11. et 5. pag. 249. 
Phalaris sativa Pers. syn. pi. 1. pag. 78. Ten. fi. napol. 3. 
pag. 61. 

Phleum Bellardi Willd. enmn. hort. berol. 1. pag. 85. Pol- 
lin. fi. veron. 1 . pag. 82. 

Achnodonton tenue Polis, de Beaiiv. agrost. pag. 24. Roem et 
Sclniltes syst. veg. 2. pag. 382. Presi, cyp. et gvam. sic. pag. 25. 
Achnodonton Bellardi Palis. de Beaiiv. agrost. pag. 2i. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. pag. 381 . 

Achnodon Bellardi Link enuni. h. berol. alt. 1 . pag. 65. 
Gramen spicalum, ainiuum, glabrum, spica cylindracea, longiore et 
tcnuiore,locustis phalaridis,versicoloribns Mich.in Till. cat.h.pis.p. 72. 
Gramen phalaroides spica angustissima longiore Mieli! herb. 
Figura. — Host grani, anstr. 2. pag. 27. tab. 36. 
Gramen typhinum, longissima spica , phalaridis molU albic. Barr. 
ic. 14. fìg. 1. 

Nome italiano. — Scagliola sottile Savi l. e. Codino scagliola. 
Bert. fi. Hai. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Quantunque ritrovata dal Bei- 
lardi presso Savigliano, e nei prati de' monti Spekiga ed Arengo dal Go- 
moUi, pure questa specie si mostra più particolarmente abbondante nella 



88 GRAMINACEE. 

parte centrale e meridionale della penisola non che nell' Istria , cre- 
scendo nei prati e nei colli della Toscana, di Roma, del regno di 
IN'apoli. Io la comunicai al Gussone dall'erbario di Bivona che l'avea 
raccolta a Catania , unico punto iu cui si sia finora ritrovata in Si- 
cilia. Fiorisce in Giugno, ed è annua. 

Distribuzione geografica-^ — ■ E particolare all'Europa meridionale 
e all' Oriente. 

Osservazione. — Specie distintissima nel genere per la forma delle 
sue spighette ellittiche, aventi le loro glume ricurvate quasi a mezza 
luna e senza ciglia di sorta. Per questo si avvicina al genere phalaris, 
ma ne differisce per tutti gli altri caratteri. Ad onta di questa sua facile 
distinzione dalle altre specie di phleum, essa è stata per lungo teiwpo 
mal conosciuta , per cui ricevette allora molti nomi : ora però sono di 
accordo i botanici nel riunirli tutti , ed io ne sono sicurissimo in grazia 
degli esemplari autentici di De CandoUe, di Savi e degli altri. 

TlII. BECKiriAlVlVIA Host. 

Host grani, austr. 2. pag. 5. Palis. de Beauv. agrost. p. 96. Roem. 

et Schultes syst. veg. 2. pag. 41 . Kunth enum. pi. i . pag. 27. 

Endl. gen. pi. pag. 80. 
Phalaridis species Lm. gen. pag. 36. 
Cynosuri species Ait. h. Kew. 1. pag. 105. Wìlld. spec. pi. I. 

pag. 412. 
Joachima Ten. fi. nap. 1 . pag. 16 lab. 5. 
Bruchmannia Nutt. gen. 1 . pag. 48. 
Paspali species Moench. meth. pag. 178. 

Spiculae 2 florae , floribus sessilibus, conformibus. Glumae 2 , 
membranaceae , aequales, compresso-naviculares , subcoriaceae , mu- 
ticae, flore panilo breviores. Paleae 2, membranaceae, inferior lan- 
ceolata, acutata, concava, subfrinervis , superiorem bicarinatam et 
apice integram (non bifidam ex Kunth et Endl.) marginihus amplec- 
tens. Stamina 3. Ovarium glabrum. Styli 2, breves. Stigmata elon- 
gata, piumosa. Perigonii squamulae 2, acutatae, glabrae. Caryopsis mi- 
nuta, interne plana , glabra, libera. 

Abito. — La specie che forma il tipo di questo genere è perenne , 
a radice repente , dotata di un culmo ingrossato alla base in forma di 



BECKMANNIA. 89 

bulbo, alto da 5 a 4- piedi, eretto o ascendente, inginocchiato nei nodi 
inferiori, quasi da per tutto ricoperto di foglie, che sono lineari, piane 
e lunghe. La ligula delle foglie è molto allungata. L'infiorescenza costa 
di una specie di spiga, formala da molte spighe lineari, sessili, alter- 
namente disposte all' apice del culmo , più distanti in basso , e quasi 
embricciate superiormente. Le spighette sono unilaterali, distiche, com- 
presso-turgide, quasi rotonde, un po' ristrette in basso ove sembrano 
come pedicellate, con le glume trinervi e con nervature trasversali 
quasi rughe in mezzo de' nervi principali. 1 fioretti al numero ordina- 
riamente di due superano un poco le glume, formando così una pic- 
cola punta sporgente fra esse. 

96. Beckiiiannia erucaeforniis Hosi. 

Beckmannia erucaeformis Host grani, ausir. 3. pac]. 5. tab. 6. 
Ten. fi. nap. 1 . pag. 16. Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 695.* 
et mant. S. pag. 387. Seb. et Maiir. fi. rom. prodr. pag. 30. Reich. 
fi. gemi, excurs. 1 . pag. SS. Kunth enum. pi. 1 . pag. 27. Reriol. 
fi. Hai. 1 . pag. 577. Visi fi. dalm. 1 . pag. 87. Gries. spie. fi,, rum. 
et bijth. 2. pag. 462. 

Phalaris erucaeformis Lin. sp. pi. 80. Savi fi. pis. 1 . pag. 62. 
et boi. etrusc. 1 . pag. 37. 

Cynosurus erucaeformis Ait. h. kew. 1 . pag. 105. Willd. sp. 
pi. 1 . pag. 412. 

Paspalum aristatum Moench. mefh. pag. 196. 

Beckmannia erucoides Palis. de Beauv. agrost. pag. 13. tab. 
19. f. 6. 

Joachima phalaroides Ten. fi. nap. 1 . pag. 16. tab. 5. 

Bruchmannia erucaeformis Nutt. gen. 1. pag. 48. 

Panicum spica longissimà, locustis multiplicibus erucaeformi- 
bus Mont. cat. stirp. agr. bonon. prodr. pag. 9. 

Figure. — Host. gram. austr. 3. tab. 6. Ten. fi. nap. tab. 5. 

Gramen palustre , locustis erucaeformibus Barr. ic. 2. 

Nome italiano. — Scagliola aquatica ^ctvi /!!. pis. 1. pag. 62. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.- — NaSCO in luoghi umidi e palu- 
dosi e lungo le fosse di pochi punti dell' Italia centrale e meridionale, 
lo l'ho raccolta vicino Pisa dove primo la trovò il Savi; l'ho avuta 
da Massa ducale dal sig. Ettore Celi. Trovasi nella macchia di Ostia 
presso Albano, e nel regno di Napoli ai Mazzoni e alle lenze liin- 



90 (lUAMlNACKK. 

ghe di Cupua , dove primi la trovarono i sigg. Gussone e Casale, 
nelle saline di Barletta ec. Fiorisce in Maggio e Giugno , ed è pe- 
renne. 

Distribuzióne geografica. • — Propria dell' Italia , della Dalmazia , 
dell'Oriente, della Siberia e della America boreale. 

Osservazione. — Ho citato due sinonimi diversi della flora napole- 
tana del Tenore quantunque sotto l' istesso volume primo e la mede- 
sima pagina 16, in quanto che io posseggo due copie del principio 
del volume primo di questa flora , in uno dei quali la pianta in esame 
è descritta come un nuovo genere Joachìma, e nell' altro come Beck- 
mannia, senza che vi si porti neanche il sinonimo di Joachìma. Lo 
stesso è della tavola quinta, nella quale è rappresentata questa pianta. 



IX. CKYPSIS Ait. 

Aìt. h. Kew. edìt. 2. tom. 1. pag. 68. Lamk. ili. gen. J. tah. i2. 

PaVìs. de Beauv. agrost. pag. S2. tah. 0. fìg. 22. Kuntli enum. 

pi. I pag. 21. Emll. gen. pi. I.pag. 80. Pari. fi. pai. 1. p. 2i. 
Phlei species Lin. ^p. pi. pag. 88. Jaeq. fi. aust. 5. pag. 29. Ali. 

fi. ped. 2. pag. 233. 
Schoeni species Lìn. sp. pi. pag. 63. 
Anthoxanthi species Lin. (il. sappi, pag. 89. 
Agrostidis species Scop. fi. carn. edit. 2. tom. 1. pag. 62. Ali. fi. 

ped. 2. pag. 237. 
Antitragus Gaert. de (rad. et semin. ì. pag. 7. 
Heleochloa Host grani, anslr. 1 . pag. 77. 
Phalaridis species Sihth. et Smith, fl.graec. prodr. 1. pag. 38. Forsk. 

fi. aegypt. pag. 18. 

Spiculae uniflorae , flore hermaphrodito. Glumae2, inaequales, 
compresso-carinatae , muticae. Paleae 2, subaequales, calyce lon- 
giores, membranaceae , muticae, palea inferiore carinata (carina ci- 
liolata). Perigonii squamulae nullae. Ovarium glabrum. StyH2, lon- 
gissimi. Stigmata piumosa. Stamina 2-3. Caryopsis glabra, Hbera. 

^ljjto_ — Piante annue , a radice fibrosa , con culmi ramosi , 
sdrajati o alquanto ascendenti, formanti de'cespugli densi, lungo i mar- 
gini de' fiumi, dei ruscelli e nei luoghi umidi e paludosi, con foglie 
strette e lineari , le due superiori sono per lo più con le guaine lasche. 



CRYPSIS. 01 

anzi le guaine superiori in alcune di esse sono assai larghe e a guisa 
di spala da cingere la pannocchia eh' è corta , densa , in forma di 
spiga e dotata di piccoli fiori, le di cui valve sono mutiche. E un 
genere intermedio tra la phalaris e l' alopecuì^is. 

99. Crypsìs aloiieciiroìdes Schrad. 

Cr. panicula spiciformi, oblongo-cylindracea, elongala, exserta, 
glumis acutis carina ciliatis, flore triandro, culmis ramosis simplici- 
busve, subteretibus. 

Crypsis alopecuroides Schrad. fi. (jenii. 1. pag. 1G7. Savi. hot. 
etrusc. 1. pag. 40. Dee! ft. frane. 5. pag. 2't8. Roem. et Schiiltes 
syst. veg. 2. pag. 375. Ten. fi. nap. 3. pag. 62. Re fi. torìn. I. 
pag. oO. Guss. pi. rar. pag. 2i. et. prodr. fi. sic. 1 . pag. 71 . Lois. 
fi. gali. edit. /. voi. /. pag. io. Reicìi. fi. gemi, excurs. 1 . pag. 
30. Knnth enum. pi. 1. pag. 21. Berfol. jl. ital. 1. p. 307. Coli: 
herh. ped. 0. pag. 153. Sangìiiiì. cent, prodr. fi. roiii. add. p. li. 
Vis. fi. daini. 1 . pag. 05. Korli. sìjn. fi. gemi, et helv. edil. 5. pag. 
807. Guss. fi. sic. sgn. 1. pag. 120. Gries. spìe. fi. rum. et hith. 
2. pag. 467. 

Releochloa alopecuroides Host! grani, austr. /. pag. 29. et fi. 
austr. 1 . pag. 77. ex specim. in herb. Dee. 

Crypsis macrostachya Brot. fi. lusit. ex Lagasc. 

Phleum alopecuroides Witt. sunini. pi. 1 . pag. 175. Dalb. mise, 
alt. pag. 7. 

Gramen spicatum, aquaticum, ramosum, annuum, glabrum, per 
humi sparsum, spica cylindracea , breviori Till. cut. li. pis. pag. '72. 

Figura. — Host grani, austr. 1. tab. 29. 

Gramen aquaticum, typhinum, supinum , italicum, minus Barr. 
ic. 54. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi umidi, mondati, e 

lungo d corso de' fiumi. Si trova in varii luoghi della penisola, come 
nel Piemonte, a Mantova, sulle sponde del Po, a Bologna, a Genova, 
in diversi punti di Toscana, a Roma, negli Abruzzi, nel Sannio, 
in Calabria, in Sicilia a Trapani, a Marsala, a Siracusa, a Cata- 
nia e a ÌVIessina ec. Fiorisce in Luglio e Agosto ed in Sicilia in Set- 
tembre ed Ottobre. E annua. 

Distribuzione geografica. — E propria dell'Europa meridionale, 
dell' Egitto, della Siberia. 



92 GHAMINACEE. 

SS. Crypsis nigricans Guss. 

Cr. paniculaspiciformi, obovato-elliptica, brevissima, exserta, glu- 
mis obtusiusculis, carina ciliolato-scabris , flore triandro, culmis gra- 
cilibus, simplicibus. 

Crypsis nigricans Guss! prodr. fi. sic. I. pag. 72. et syn. fi. 
sk. 1. pag. 120. Bertol. fi. ital. 1. pag. SHS. 

Crypsis sicula Jan. elench. p. 1. 

Vilfa brachystachys Presi fi. sic. 1. pag. XLIV. 

Agrostis brachystachys Roem. et Schultes sijst veget. mani. 3. 
pag. 569. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano.' — Brignolo minuto Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — hi hioghi argillosi inondati in 
tempo d'inverno. Propria della costa meridionale della Sicdia ove si 
trova a Trapani, Marsala, Mazzara, Girgenti e Terranova: vi fiorisce 
in Ottobre e Novembre. È annua. 

Distribuzione geografica. — Particolare a' qui indicati punti della 

Sicilia. 

Osservazioni. — Specie ben distinta dalla precedente per i culmi 
assai delicati e alti appena da uno a 3 pollici , per la pannocchia for- 
mante una piccola spiga , obovato-ellittica , lunga da 2 a 4 linee , e 
di colore nerastro , per le glume ottusette aU' apice e soltanto cilio- 
lato-scabre nella carena. 

Bisogna togliere dalle località della Sicilia Mondello, eh' è presso 
Palermo , donde il Bertoloni la crede anche nativa , ciò è dovuto a 
qualche equivoco, mentre nessuno dei botanici ve l'ha finora rac- 
colta. 

99. Crypsis sclioenoides fMink. 

Cr. panicula spiciformi , ovato-oblonga , basi vagina folli supremi 
involucrata , glumis carina serrulato-ciliatis , flore triandro , culmis ra- 
mosis, subcompressis. 

Crypsis schoenoides Lamk. ili. gen. n. 8Óo. Savi! fi. pis. 1. 
pag. 73. Desf. fi. atl. 1. pag. 62. Dee. fi. frane. 3. pag. 3. Savi! 
hot. etruse. 1. pag. 41 . Roem. et Schultes syst. veg. 2. pag. 375. 
Rvching. fi. dei lidi venet. pag. 17. Maur. rom. pi. cent. XIII. p. 



CRYPSI8. 93 

0. Pollin. fi. veron. I. p. 76. Ten. fior. nap. 3. p. 6S. Nacc. fi. 
venet. 1. p. 18. Guss. pi. rar. p. 25. et fi. sic. prodr. i.pag. 72. 
Lois. fi. gali. edit. 2. voi. /. pag. io. Rekh. fi. gemi, excurs. 1. 
p. 30. Kuììth emim. pi. J. pag. 22. Beri. fi. Hai. 1 . pag. 365. Coli, 
herb.pedem. 6. pag. 153. Pari. fi. panorm. 1. pag. 97. Puccini syn. 
fi. lue. p. 43. Vis. fi. daini. 1. pag. 65. Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 897. Guss. fi. sic. 1. pag. 121. Pari. fi. pai. 1. p. 
2i. Gries. spie. fi. rum. el bith. 2. pag. 467. 

Phleum schoenoides Un. sp. pi. 88. Ali. fi. ped. 2. p. 233. 
Murati, fi. rom. 1 . pag. 51. 

Crypsis aculeata jS. Willd. sp pi. 1. par. 1. p. 158. 
Heleochloa schoenoides Host gram. austr. 1. p. 23. et fi. austr. 

1. p. 77. 

Phalaris vaginitlora 5i6//^. et Smith fi. graee. prodr. 1. p. 38. 

Gramen typhinum maritimum quara brevi crassiore spica ad ge- 
nicula prodeunte Moni. cai. stirp. agr. bonon. prodr. p. 50. 

Figura. — Hosl gram. austr. 1 . tab. 30. 

Nome italiano. — Brignolo scheno Savi fi. pis. 1. p. 73. P>n- 
gnolo P>ert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — S' incontra nei luoghi umidi 

specialmente marittimi, lungo le fosse e i margini dei fiumi della pe- 
nisola come delle grandi isole. Fiorisce da Luglio a Settembre. E 
annua. 

Distribuzione geografica. — Nella parte meridionale di Europa in 
Barbaria, in Egitto, in Bitinia, nel Caucaso, nella Siberia ec. 

30. Crypsis aculeata Aii. 

Cr. panicula spiciformi, densa, brevissima, subrotunda, basi va- 
ginis duorum foliorum superiorum pungentium horizontaliumque in- 
volucrata , glumis serrulato-cihatis , flore diandro, culmo ramosissimo, 
compresso. 

Crypsis aculeata AH. h. New. 1. p. 48. Savi! fi. pis. 1 . pag. 
71. Desf. fi. atl. 1. pag. 62. Dee. fi. frane. 3. pag. 3. Savi! bot. 
etrusc. 1. p. 41. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 376. et mani. 

2. p. 204. Noce, et Balb. fi. ticin. 1. p. 30. et p. 319. Morie, fi. 
venet. 1. p. 12. Pollin. fi. veron. 1. p. 77. et 3. p. 771. Ten! 
fi. nap. 3. p. 63. Re fi. torin. 1. p. 56. Nucc. fi. venet. 1. pag. 
18. Guss. pi. rar. p. 25. et fi. sic. prodr. 1. pag. 72. Sebast. et 



94 GRAMINACEE. 

Maiir. l'I. rom. prodr. pag. 29. Lois. fi. gali. edìt. 2. voi. I . pag. 
45. fìeich. fi. germ. excurs. 1. p. 30. Kuntìi enum. pi. 1. p. 22. 
Derfol. fi. ìtal. 1 . pag 363. Vis. fi. dalia. 1 . pag. 00. Koch syn. 
fi. gemi, et helv. edìt. 2. p. 807. Guss. sgn. fi. sic. I . p. 121 . Pari. 
fi. pai. 1 . pag. 20. Grieseh. spie. fi. rum. et bith. 2. pag. 467. 

Schoenus aculeatus Lin. sp. pi. 63. 

Anthoxanthum aculerituni Lin. fìl. supp. p. 89. 

Agroslis aculeata Scop. fi. cani. ed. 2. tom. 1 . pag. 02. Ali. fi. 
ped. 2. p. 237. 

Phleum sclioenoides Jacq. fi. austr. 5. p. 29. 

Antitragus aculeatus Gaert. de fructib. et sem. 2. pag. 7. lab. 80. 

Heleocbloa diandra Host grani, austr. I. p. 77. 

Crypsis schoenoides Palis. de Beauv. agrost. pag. 6. lab. 6. 
fìgnr. 12. 

Graincn minus, repens , typhoides, capitulo oblongo minori, 
foliis culmuni amplexantibus , veluti in aculeum desinentibus Cup. 
h. calli, pag. 91. 

Gramen tvpbiiuim aeuleaturn, spiea ex utriculo vix prodeunte 
Mont. cat. stirp. agr. bonon. prodr. p. 50. Zannich: isior. delle piante 
p. 121. tab. 09. 

Figure. — Lamk. ili. gen. tab. 42. f. 2. Host l. e. tab. 31 . Jacq. 
1. e. tab. 7. 

Nome italiano. — Gramigna spinosa Dert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luogbi stessi della prece- 
dente e fiorisce nel medesimo tempo. E però meno comune. E annua. 

Distribinione geografica. — Abbonda nella regione mediterranea, 
trovasi ancora nell'Europa media, nell'Affrica boreale, e nella Siberia. 

Osservazione. — Distinguesi facilmente questa specie dall'affine 
crypsis schoenoides anche a colpo d' occhio per la forma della pan- 
nocchia quasi rotonda e cortissima , abbracciata dalle guaine delle 
due foglie superiori che si terminano, orizzontalmente dirigendosi, in 
una punta pungente. È una specie diandra. 



X. AI.OPECURUS Un. 

Lin. gen. p. 33. Juss. gen. p. 29. Lamk. ili. gen. 1. tab. 42. Pa- 
lis. de Beauv. agrost. p. 4. Kunlh enum. pi. 1. p. 23. Endl. gen. 
pi. I.p. 80. 



ALOPEGUHUS. 95 

Colobachne Palis. de Beauv. agrost. p. 23. Roem. et Schuites syst. 

veg. 2. p. JG. Link. h. reg. beivi, descr. 1. p. 74. 
Chilochloae species Trìii. [and. agr. p. 50. 

Spiculae 1- florae, flore hermaphrodito. Glumae2, subaequa- 
les, distinctae vel inferne connatae, naviculari-carinatae , muticae, 
vel aristatao, flores subaequantes aut superantes. Palea solitaria (al- 
tera abortiente), compressa, carinata, dorso basin versus vel sub medio 
aristata, vel paleae duae, superior minor, uninervis, uniearinata. Pe- 
rigonii squamulae nullae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, inter- 
dum inferne connati. Stigmata longissima, pubescenti-plumosa. Caryop- 
sis compresso-lenticulnris , glabra , libera , glumis saepe totidem vel 
inferne usque ad medium demuni coriaceo-induratis et palea obtecta. 

Abito. — ^ Piante annue o perenni, con fusti eretti o ascendenti o 
radicanti come nell' alopecurus gemcidatus , dotati di foglie lineari , 
piane, che offrono delle guaine lasce e alquanto rigonfiate, e talvolta 
anche molto gonfie come nell' alopecurus iitriculatus , e terminati da 
una pannocchia densa , in forma di spiga cilindrica , o ovata , con le 
spighette fornite di areste ora assai corte ed appena visibili , ora pro- 
lungate fuori del calice. 

Osservazioni. — Ho crcduto far della colobachne soltanto una sezione 
del genere alopecurus, credendo di poca importanza il possedere la 
paglietta superiore che manca per aborto nei veri alopecurus , e l'avere 
le glume all'apice arestate, mentre son mutiche negli alopecurus. 
Chiunque è un po' versato nello studio dell' agrostografia sarà della 
mia opinione, quando incontra per esempio nel genere agrostìs, eh' è 
dotato di corolla bivalve , Vagrostis pallida di De Candolle, ec. con una 
sola paglietta, quando vede nel genere phleum ec. specie a glume mu- 
tiche ed arestate. Questi caratteri potranno solo' avere qualche im- 
portanza quando sono congiunti ad altri di maggior valore. 

L' alopecurus Gerardi non può riferirsi alfatto ai phleum sì per 
la lunghezza della paglietta inferiore eh' è anche dotata nel mezzo del 
dorso di una piccola aresta , che per avere la pagUetta siqicriore con 
una sola cai-ena. 



96 GRAMINACEE. 

* Glumae muticae, palea solitaria Alopecurus e Tozzettia. 
3i. Alopecurus pratensi» Lin. 

A. panicula spiciformi, cylindracea, crassiuseula , obtusa, glumis 
basi connatis, acutis, villoso-ciliatis, paleain aequantibus, arista corol- 
bna calyce subduplo longiore, cubno erecto, glabro, radice subre- 
pente. 

Alopecurus pratensis Lin. sp. pi. 88. et mant. alt. p. 323. 
AH. fi. ped. 2. p. 234. Ucria h. r. panorm. p. 56. Desf. fi. atl. 1 . 
p. 64. Sup\ foroj. p. ì 13. Dee! fi. frane. 3. p. 4. Balbìs fi. taur. p. 
13. Birol. fi. acon. l . p. 22. Roem. et Schultes sijst. veg. 2. p. 269. 
Nocca et Balbis. fi. licin. I . p. 31 . et p. 319. PolUn. fi. veron. 
I. p. 69. Marait. fi. rom. 1. p. 51. Ten. fi. nap. 3. p. 65. Re 
fi. torm. 1. p. 57. Guss. fi. sic. prodr. I. p. 77. Gaud. fi. helv. 
1. p. 145. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 40. Reich. fi. germ. 
excurs. 1. p. 31. Kiinth enum. pi. 1. p. 24. Comoll. fi. comens. 
1. p. 72. Coli, lievb. ped. 6. p. 155. Guss. syn. fi. sic. I.p. 12L 
Koch sgn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 866. Gries. spie. fi. rum. et 
bith. 2. p. 446. 

Gramen pbalaroides majus'sive italicum Mont. cat. stirp. agr. 
bonon. prodr. p. 47. 

Figura. — Host grani, austr. 2. tab. 31. 

Gramen pbalaro-alopecuroides , lato brevique folio Cup. pamph. 1. 
tab. 130. Bon. lab. 185. 

Graiiien alopecurum, spica glurnosalut. villis crisp. Barr. ic. 124. 
flg. 1. 

Nome italiano. — Coda di topo. Coda di volpe. Codino di prato. 
Gramigna dei prati. Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 12. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E comune nei prati SÌ montuosi 
che delle pianure nella parte settentrionale della penisola, comincia a 
rendersi più rara nella Italia centrale , e lo è anche più nella meri- 
dionale, ivi nascendo nelle praterie incolte e nei luoghi montuosi. In 
Sicilia è stata trovata finora nei boschi di Caronia da Tineo e da Ga- 
sparrini, dai quali mi è stata comunicata. Cresce in Corsica. Il Moris 
r ha trovato nell'isola di Sardegna. Fiorisce in Aprile e Maggio, ecj è 
perenne. 

Distribuzione geografica. — Trovasi nell'Europa media e meridio- 



ALOPECUP.US. 07 

naie, nell' Affrica boreale, nel Caucaso,, in Persia, in Siberia e nel- 
l'America boreale. 

Osservazione. — TutU gli esemplari italiani da me posseduti hanno 
r aresta della paglietta quasi il doppio più lunga delle glume ,' e non 
come è nel vero alopecurus pratensis di Linneo corta e nascosta dentro 
di esse. 

Usi. — Serve di pascolo agli animali sì nello stato fresco che in 
quello di fieno.^ 

3*. Alopecurus agresti» Linn. 

A. panicula spiciformi, cylindrica, gracili, utrinque attenuata, 
glumis ad medium usque et ultra connatis, acuminatis, carina superne 
anguste alatis, tenuissimeque ciliatis, arista corollina glumis subduplo 
longiore, culmo ascendente vel erecto, scabriusculo , radice fibrosa. 

Alopecurus agreslis Limi. sp. pi. 80. Ali! fi. ped. 3. p. S3i. Ucria 
h. r. panonn. p. 56. Savi! fi. pis. 1 . p. 78. Desf. fi. ali. 1 . p. 64. 
Dee. fi. frane. S. p. i. Roem. et Sclmltes sijst. veg. 2. p. 272. Morie, 
il. venct. 1 . p. Sì. Pollili, fi. veron. 1 . p. 68. Ten. fi. nap. 3. p. 66. 
Nacc. fi. venet. 1 . p. 47. Guss. pi. rar. p. 27. Seb. et Maiir. II. rom. 
prodr. p. 20. Gaud. fi. lielv. I . p. liL Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. 
p. 40. Reieli. fi. gemi, excurs. 1. p. 30. Kunth enum. pi. I. p. 23. 
Bertol! fi. Hai. 1. p. 370. Comoll! fi. eomens. 1. p. 73. Pueein! sijn. 
fi. lue. p. 42. Vis! fi. dahn. I. p. 64. Guss. syn. fi,, sic. 1. p. 124. 
Koeh syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 806. Gries. spie. fi. rum. el 
bith. 2. p. 466. 

Alopecurus creticus Trin. in Spr. syst. veg. 1 . p. 2W. Reieh. jl. 
germ. exe. I. p. 30. Kunth enum. pi. 1. p. 24. 

Gramen spicalum, spica tenuissima longiore, staminibus albis 
Ponted. comp. lab. boi. p. 52. Seg. veron. 1 . p. 350. 

Gramen typhoides, spica angustiore, longiore Mo?ji. cai. slirp.agr. 
bonon. prodr. p. 40. Zannich. islor. delle piani, p. 122. lab. 66. fig. 3. 

Figure. — Eost grani, austr. 3. lab. 12. Engl. boi. 2. lab. 848. 

Gramen typhinum, plantaginis spica, aristis geniculatis Barr. 
ic. 600. fig. 2.^ 

b. palea mutica Bert. l. e. 

Gramen typhoides spica angustiore, longiore, minime arìstata, 
Moni. l. e. p. 50. 

Nome italiano. — Codolina. Erba codina. Erba topina. Gramigna 
de' greppi. Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. f?. 

Fr.oRA Italiana. Vol. I. 7 



98 (IHAMINACEE. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Gresce COpiosamcnte nci 

prati, nei campi e nei luoghi umidi e inondali di tutta la penisola. 
Trovasi ancora nell' isola di Corsica. L'ho veduta nell'erbario di Bi- 
vona che r avea raccolta presso Messina , ed è questa là sola località 
donde si conosca in quell' isola. La varietà mutìca ò stata ritrovata dal 
Bertoloni nell'agro bolognese. Io la possiedo dal lido di Venezia comu- 
nicatami dal capitano Kellner, da' campi di Angarano, avuta dal Mon- 
tini e da luoghi montuosi sopra Genova, favoritami dal De Notaris. 
Fiorisce in Aprile e Maggio, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Abbonda ncìl' Europa media e meri- 
dionale, nasce ancora nell'Affrica boreale e nel Gaucaso. 

Osservazioni. — Gli esemplari d' Istria avuti dal prof. Brignoli e 
raccolti neir isola di Brioni , quelli di Dalmazia comunicatimi dal pro- 
fessor Visiani, nelle quali località scrive il Reichenbach trovarsi Y alope- 
curiis creticus, come pure gli esemplari che ho avuto di Grecia dal signor 
Sartori non differiscono dal vero alopeciirus agreslis per caratteri degni di 
essere menzionati, ed io credo che Vaìopeciirus creticus debba tenersi 
come sinonimo àeW'acjrestis. Varia a di più questa specie per il colore 
della pannocchia , ch'ora è verde paUido, ora porporino o come vio- 
laceo. 

Usj, Fornisce un ottimo pascolo al bestiame in istato d'erba 

come di fieno. Si da alle vacche prima di fiorire , esso le nutre e ne au- 
menta, come credesi, il latte. 

33. Aloiieciiriis geaiictalatus Linn. 

A., panicula spiciformi, cylindrica, gracili, glumis obtusis, basi 
connatis, dense villosis, arista coroUina glumis inclusa vel exserta, 
culmo radicante, dein ascendente, radice fibrosa. 

AlopecurusgeniculatusLinn.' sp. pi. p. 80. Ali. fi. ped. 2. p. 235. 
Desf. fi. ali. i. p. 65. Dee. fi. frane. 3. p. 4. Savi! hot. etruse. i. 
p. 4-2. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 273. Polliti, fi. veron. 1. p. 68. 
Guss. fi. sic. prodr. I. p. 76. Gaud. fi. helv. 1. p. 143. Lois. fi. gali, 
edit. 2. voi. 1. p. 40. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 31. Kunth eniim. 
pi. 1. p. 24. Rertoll fi. Hai. 1. p. 373. Comoll. fi. com. 1. p. 73. Ten. 
fi. nap. 5. p. 318. Sanguin. cent, prodr. fi. rom. add. p. 15. Puccini 
syn. fi. lue. p. 42. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 124. Koch syn. fi. gemi, et 
helv. edit. 2. p. 896. Pari. fi. palerm. 1. p. 28. 

Alopecurus fulvus Smith ì engl. fi. 1. p. 83. Roem. et Schultes 



ALOPECURUS. UO 

syst. veg. 2. p. 274. Gaud. fi. ìielv. 1. p. 142. Reich. fi. gemi, excurs. 

1. p. SO. Kunth enum. pi. 1. p. 896. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 

2. p. 896. 

Alopecurus arislulatus Midi. Fior. amer. 1 . p. 43. 

Alopecurus subaristatus Pursh. fior. 1 . p. 66. 

Alopecurus carolinianus Walt? car. p. 74. 

Gramen typhoides, culmo reclinato Clip. h. cath. p. 882. 

Gramen typhinum, aquaticum, molle spica glauca i/onf. cai. slirp. 
agr. bonon. prodr. p. 49. Seguier. sitppl. p. 153. 

Figura. — Host. gram. austr. 2. tab. 32. 

Nome italiano. — Codolina. Strozza ranocchie. Targ. Tozz. diz. 
bot. 2. p. 12. Codino aquatico. Savi l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. Abbonda nei foSSi , nei luo- 
ghi paludosi, negli stagni dell' Itaha settentrionale e centrale. Si fa più 
raro nella parte meridionale della penisola ove è stato ritrovato dal- 
l'Orsini negli Abruzzi ai Pantanacci presso Acciimoli, e nell'isola di 
Sicilia , ove trovasi solo in pochi stagni montuosi , così al gurgo lungo 
vicino il Colrano, al gurgo di S. Germano nel bosco di Caronia, e al 
gurgo dì Maurici vicino Mistretta. Fiorisce in Aprile e Maggio, ed è 
perenne. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa, nell'AlTrica boreale, in 
Siberia, nel Giappone, nell'America boreale. 

Osservazioni. — La specie in esame è stata distinta in due dallo 
Smith neW alopecurus genieulatus e fulvus , a causa della diversa lun- 
ghezza dell' aresta della paglietta, che ora è rinchiusa nelle glume, ora 
pili larga di queste ; caratteri che trovandosi insieme nella stessa pan- 
nocchia mostrano bene la loro poca importanza per la distinzione di 
queste due specie. L' alopecurus genieulatus àdX Qvhzno di Linneo offre 
r aresta della paglietta quasi dell' uguale lunghezza delle glume, e tale 
ci si offre ancora J'fl/opecwras fulvus dell'erbario di Smith: \\ genieulatus 
di quest'ultimo autore ha la paglietta con l' aresta più lunga. Se, come 
il fatto lo dimostra , non dovessero queste differenze riguardarsi come 
varietà di una medesima specie, allora il genieulatus di Smith dovrebbe 
elevarsi a specie distinta e non già il fulvus, essendo questo perfetta- 
mente identico al genieulatus di Linneo. Io avea già fatto questa osser- 
vazione fin da quando pubblicai la mia flora palermitana. 



100 GRAMINACEE. 

34. Alo|ieeuriis biilbosiis Lìnn. 

A. panicula spiciformi, cylindrica , gracili, glumis acutis, di- 
slinctis, villosis nudisve, arista coroUina glumis duplo longiore, culmo 
erecto vel ascendente, basi nodoso, radice fibrosa. 

Alopecurus bulbosus Linn. sp. pi. 106Ò. Ali.! fi. pedem. 2. p. 234 
Savi! fi., pis. 1 . p. 78. Dee. fi. frane. 3. p. Ò. Roem. et Schultes sijst 
vefj. 2. p. 268. et mani. 2. p. 1o3. Presi, cijp. et grani, sic. p. 2i 
Maur: rom. pi. eent. XIII. p. 6. Morie, jl. ven. 1. p. 3ù. Pollin. fi 
veron. 1 . p. 3ò. Ten. fi. nap. 3. p. 66. Nace. fi. venet. i.p. 48. Gtiss 
pi. rar. p. 28 et fi. sic. prodr. 1 . p. 76. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. I 
p. 40. Reich. fi. gemi, excurs. 1 . p. 30. Kuntli enum. pi. 1 . p. 24 
Bert. fi. ilal. 1 . p. 372. Pari. fi. panorm. /. p. 08. Puecin. syn. fi 
lue. p. 4^. Giiss. fi. sic. sijn. 1 . p. 12o. Pari. fi. palerm. i.p 27 

Gramen typhinum, spica angustiore. Cup. h. calli, p. 88. 

Figure. — Reich. cent. Il . fig. 1475. 

Gramen typhinum, pbalaroides, pdosa spica, aquaticum, bulbosum 
Barr. ic. 600. f. 1 . Moni. cat. slirp. agr. hon. prodr. pag. 50. 

Nome italiano, — Codino bulboso Savi fi. pis. J. p. 78. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi umidi e paludosi 

della penisola soprattutto della parte centrale e meridionale e nelle isole 
principali ove si trova a preferenza negli stagni montuosi. Si trova in 
Venezia in vicinanza di Brondolo, specialmente al Prà Contarini,. io l'ho 
dal lido di Venezia. E stato raccolto presso Ferrara di Pelisi , a Bagnaca- 
vallo daBubani, ad Alba nel Piemonte da Bertero, a Sarzana da Berto- 
Ioni, donde me l'ha comunicato il prof. DeNotaris; cresce pure in al- 
tri punii del Genovesato. Io l'ho raccolto in luoghi umidi presso Pisa, 
dove r hanno ancora trovato il Savi e il Tassi e vicino Firenze a Pra- 
tolino. Si trova nel Lucchese a 5. Concordto nel luogo detto i Chia- 
riti, donde mi è stato comunicato dal prof Puccinelji. Il Gussone lo 
indica di varii punti .del regno di Napoli , di Calabria , di Basilicata , 
della Terra di Otranto, e ì\ Tenore delle vicinanze di Napoli. Diviene 
pili raro in Sicilia ove si trova vicino Palermo a Mondello, al Giirgo di 
Ddingoli presso la Piana de' Greci e al Gurgo lo Drago vicino il Cotrano. 
In Corsica è stato trovato a S. Firenze dal Soleiroli , e in Sardegna dal 
Moris, da cui 1' ho avuto. Fiorisce nei luoghi bassi sin dal mese di 
Marzo, nei luoghi montuosi da Maggio a Luglio. E perenne. 

Distribuzione geografica, — Trovasi in Inghilterra, in Francia ^c 
neir Italia, però non mollo comunemente. 



ALOPEGURUS. iOI 

Osservazione. — Questa Specie varia per le glume più o meno pe- 
lose , e qualche volta affatto nude , come mi è occorso di vedere negli 
esemplari da me raccolti in luoghi paludosi tra Firenze e Pratolino. 
Anche la lunghezza dell'aresta è alquanto variabile , avendola osservata 
più del doppio lunga delle glume negli esemplari sardi avuti dal pro- 
fessor Moris. 

35. Jvlopeciirus utriciilatiis Linn. 

A. panicula spiciformi, ovata, vel ovato-oblonga , glumis ad me- 
dium usque connatis et dilatatis, denique coriaceo-induratis, ultra 
medium ih acumen depressum contractis, aristis corollinis longe ex- 
sertis, vagina folii supremi utriculoso-inflata. 

Alopecurus utriculatus Pers. syn. pi. 1 . p. 80. Sibth. et Smith fi. 
gX(BC. prodr. 1 . p. 48 et jl. grcec. I . p. i7. Roem. et Schultes syst. veg. 
2. p. 274 et mant. 2. p. 155. Presi cyp. et gram. sic. p. 24. Morie, 
fi. venet. 1 . p. 35. Pollin. fi. veron. 1 . p. 69. Ten. fi. nap. 3. p. 66. 
Naca. fi. venet. 1 . p. 48. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 77. Seb. et Maur. 
fi. rom. prodr. p. 29. Gaiid. fi. helv. 1 . p. 146. Lois. fi. gali. edit. 2. 
voi. 1. p. 40. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 30. Kunth enum. pi. 1 . 
p. 26. Bertol. fi. Uni. 1 . p. 375. Comoll. fi. comens. 1 . p. 74. Puccin.! 
syn. fi. lue. p. 43. Vis. fi. daini. 1 . p. 65. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 125. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 896. Grieseb. spie. fi. rum. et 
bith. 2. p. 465. 

Phalaris utricuhita Lùì/i. sp. pi. 80. Scop. delie, fi. et fami, insiibr. 
1. p. 28. Ali. fi. ped. 2. pag. 23 i. Savi! fi. pis. 1. p. 56. Dee. fi. 
frane. 3. p. 10. Balb. fi. taur. p. 11. 

Tozzeltia pratensis 5ai'i / in mem. della soc. ital. delle scienze t. 8. 
pari. 2. p. 477. e due cent. p. 18. 

Gramen phalaroides , spica ex squamis duriusculis aristatis conge- 
sta Moni. cat. stirp. agr. ben. prodr. p. 47. 

Gramen spicatum, alterum, spica ex utriculo prodeunte. Ponted. 
comp. lab. boi. p. 52. 

Figure. — Host gram. austr. 3. lab. 7. Sibth. et Smith fi. grcec. 
tab. 63. Scop. l. e. lab. 12. 

Nome italiano. — P>orsette Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 165 e 226. 
Scagliola de' prati Savi fi. pis. J . p. 56. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCC nei prati di tutta la 

penisola. Trovasi ancora in Corsica, in Sardegna ed in Sicilia verso la 



10-2 GRAMINACEE. 

costa orientale e meridionale dell' isola a Modica , Nolo , Siracusa , 
Cassaro. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa meridionale, in Aleppo. 

"Glumae aristatae , paleae 2 Colobachne Palìs. de Beauv. 
3B. Aloiiecurii» Gerardi Vili. 

A. panicula spiciforrni, brevi, ovato-subrotunda, glumis dislinclis, 
aristatis, villosis, arista corollina paleam ipsam subaequante, culmo 
erecto vel ascendente, gracili, longo tractu nudo, vaginis praeserlim 
superioribus inflalis. 

AlopecurusGerardi Vili. pi. du dauph.2. p.66. tab. 2. fig. 6. Kunlh 
enum. pi. 1 . p. 26. 

Phleum Gerardi Ali. fi. ped. 2. p. 232. Balb. mise. hot. 1 . p. 8. 
Dee.', fi. frane. 3. p. 7. Birol. fi. acon. 1. p. 22. Roem. et SehuUes 
syst. veg. 2. p. 380. Pollin. fi. veron. /. p. 82. Ten. fi. nap. 3. p. 6i. 
Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1 . p. 48. Bert. fi. Hai. 1 . p. 353. Cornoll. 
fi. comens. 1 . p. 70. Sanguin. cent, prodr. fi. rem. add. p. Io. 

Phleum capitatum Scop? fi. carn. edit. 2. tom. 1 . p. 56. 

Chilochloa Gerardi Trin. fund. agrost. p. 59. 

Colobachne Gerardi Link h. reg. berol. deser. 1 . p. 74. Reich. 
fi. gemi, excurs. 1 . p. 31 . 

Alopecurus capitatus Lamk. ìli. p. 108. Poir. encyel. melh. 8. 
p. 777. 

Figura. — Jacq. ic. rar. 2. tao. 301, 

Nome italiano. — Codina. Capolino bianco. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati alpini delle Alpi 

di Tenda, del Cenisio, delle alpi novaresi di Formazza, dei monti di 
Como, degli Appennini, così presso Noreia nell'Umbria trovatovi 
dal Sanguinetti, di Pizzo di Sivo, donde l'ho avuto da Orsini e da 
Marzialetti, nel monte Pollino, donde mi fu dato dal Bivona, e 
nelle praterie di Chiarano e del Marrone, ove l'hanno raccolto i 
signori Tenore e Gussone nel loro viaggio fatto nell'Abruzzo ed in 
Terra di Lavoro. Probabilmente si trova in altri punti della catena 
dell'Appennino. Manca affatto nelle isole. Fiorisce in Luglio ed in 
Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nascc aucora ucllc inontaguc allo 
della Francia, nei Pirenei, e nella Carniolin, 



MIBOHA. lor. 

XI. IVIIBORA Adans. 

Adam. 2. p. 49o. Palis. deBeaiiv. agrost. p. 29. Endl. gen. pi. p. SO. 
Chamagrostis Borkhaiis. oberktz. fi. Wibel loerth. p. 126. Schrad: fi. 

(jerm. 1 . p. 158. Dee. fi. frane. 3. p. 77. Roem. et SclmUes syst. 

veg. 2. p. 18. Kunth enum. pi. 1. p. 23. Koch. sijn. fi. gemi, et 

helv. edit. 2. p. 890. 
Agrostidis species Lìmi. sp. pi. 93. Ali. fi. ped. 2. p. 238. 
Sturmia Pers. sijn. pi. 1 . p. 76. 
Micragrostis Danth. ined. ex Dee. l. e. 
Knappia Smilh brit. fi. 3. p. 1387. Beri. fi. Hai. 1. p. 376. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito. Glumae2, parum inae- 
quales, ovato-oblongae , apice rolundato dentatae, muticae, flore 
longiores. Paleae2, inaequales, membranaceae , extus villosae , infe- 
rior latissima, truncata, superiorem minorem binervem involvens. 
Perigonii squamulae2, ininutissimae, glabrae. Stamina 3. Ovarium 
glabrum. Styli 2. Stigmata longissima, filifomia, pilosiuscula. Caryopsis 
elliptica, embryoni contrarie compressa, laevis , glabra , libera, paleis 
obtecta. 

Abito. — Erba piccola, cespitosa, con foglie setacee e convolute, 
dotata di culmi egualmente setacei , alti da uno a 2 o 5 pollici , che 
sono senza nodi e portano nella loro parte superiore delle piccole spi- 
ghette uniflore di color porporino, mutiche e disposte alternativamente 
in una spiga semplice. 

3 9. niibora %'eriia Palis. deBeaiiv. 

Palis. de Beaiiv. agrost. p. 29. lab. 8. f. 4. Ruhl. cum Meri, et 
Koch deutsch. fi. 1 . p. 477. Reich. fi. geriti, excurs. 1 . p. 23. 

. Agrostis minima Unii. sp. pi. 93. Ali. fi. ped. 2. p. 238. Desf. fi. 
atl. 1 . p. 69. Bir. fi. acori. 1. p. 25. Pollin. fi. veron. 1 . p. 74. Ma- 
ratt. fi. rem. 1 p. 55. 

Ghamagrostis minima Borkk. l. e. Dee. fi. frane. 3. p. 77. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 389. Kunth enum. pi. 1 . p. 23. Koch syn. 
fi. germ. et helv. edit. 2. p. 899. 

Knappia agroslidea Smith, brit. fi. 3. p. 1387. et Engl. fi. 1. 
p. 84. Bert. fi. ìtal. 1. p. 377. 



lui GUAMIiNACEE. 

Knappia verna Trin. spec. ijr. k. !^. lab. 17. 

Sturmia verna Pers. syn. 1 . p. 70. 

Sturmia minima Hopp. rnSturm. gemi. fase. 7. Gami. fi. ìielv. 1. 
p. 148. 

Gramen loliaceum, minimum, paniculis eleganlissimis Moni. cai. 
stirp. arjr. bon. prodr. p. 43. 

Figure. — Engì. hot. voi. 10. tal). 1127. Hook. fi. lond. edit. 
Grav. 4. lab. 12. Trin. l. e. 

Nome italiano. — Capellini Dert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Campi 6 nei luoglli are- 
nosi della penisola, trovala finora in Nizza, in Novara, ove dice di na- 
scere il Biroli, nella Valtellina , ove l'ha raccolta il Bergamaschi, a 
Castro nel Sannio secondo il Maratta, e a Lecce presso San Cataldo, 
donde me lo ha comunicato il Pasquale. Fiorisce in Marzo ed Aprile. 
E annua. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa media, nell'Italia, e nel- 
l'Affrica boreale. 

Osservazione. — L'Ucria porta questa specie come nativa di Sici- 
lia presso Ucria al Pizzo del Corvo: io dubito di qualche errore di de- 
terminazione. 



XII. COIX Linn. 

Lin. gen. n. 1043. Palis. deDeaiiv. agrost. p. 137. lab. 24. f. 5. Kunth 
eniim. pi. 1 . p. 20. Endl. gen. pi. p. 80. Pari. fi. pai. 1. p. 20. 

Inflorescentia spicala. Spiculae ìres inferiores,. media focminea et 
duo laterales abortivae neutrao, involucro (vagina folii supremi) con- 
cavo, ovato-globoso, lapideo, nitido, tantum apice prò emissione rachidis 
et stigmatum perforato, cinctae. Spiculae foemineae glumae 2, conca- 
vae, muticae, altera cannata, biflorae. Flos alter unipaleaceus neuter, 
alter foemineus bipaleaceus, paleis inaequalibus. Perigonii squamulae 
nuUae. Sligmata longissima, pilosa, exserta. Caryopsis subrolunda, slyli 
rudimento longe rostrata, externe convexa, interne concavo-subcymbi- 
formis, subbadia, rugosa, glabra, libera. Spiculae superiores subpanicula- 
tae, numerosae,ab involucro distantes,masculae.Glumae2, subaequales 
inferior planiuscula, margine utrinque carinato-alata, superior sub- 
aequalis, trigono-concava, biflorae. Flores masculi sessiles. Paleae 2, 



COIX. 105 

mcmbranaccae , miUicao, superior biearinala. Perigoni! squamulae 2 , 
carnosae, glabrae. Antherae tres, lineares. 

Abito. — Pianta a culmo ramoso, striato, glabro e superiormente 
semiterete , con guaine lasche ed aperte , abbraccianti il fusto ed i rami 
inferiormente, con foglie larghe e piane , con la infiorescenza disposta 
in spighe situate all' apice de' rami, delle quali le tre inferiori sono rac- 
chiuse dentro un'involucro solido, lucente, globoso -ovato, il quale, 
come ho detto parlando dell'abito delle graminacee, pag. 58, è la guaina 
della foglia suprema, e le superiori numerose e quasi in pannocchia. 

38. €oix. liacrynia Linn. 

Lìim. sp. pi. 1378. AH. jl. ped. 2. p. 263. Ucrìa h. r. pan. p. 392. 
Kunth enum. pi. I. p. 20. Pari. jl. pai. 1. p. 30. Guss. syn. fi. sk. 2. 

p. 568. 

Coix arundinacea Lamk. encycl. 3. p. 422. 

Lithagrostis Lacryma Jobi Gaertn. de friict. 1 . lab. 1 . f. IO. 

Coix seminibus ovatis. Ali. stirp. nicaeen. p. 225. 

Figure. — Lam/ì. ili. tal). 750. Rumph. 5. lab. 35. f. 2. 

Nome italiano. — Gorona di Erba. Lacrima. Lacrime di Giob. 
Lacrime di Gesù. Tarfj. Tozz. dìz. hot. 2. p. 75. Corona di Giobbe. 
Lacrima di Giobbe. Pad. fi. pai. 1. p. 30. . 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Questa pianta. Certamente Col- 
tivata in Sicilia, perchè s'impiegano gl'involucri delle sue spighette in- 
feriori per avemarìa e per paternoster di rosario, si è propagata quasi 
spontaneamente intorno Palermo, ove vegeta bene soprattutto a Vil- 
labate, e presso S. Cosimano fra Siracusa e Mililli: in questo ultimo 
luogo si trova insieme alla canna indica lungo i margini dei fossi e dei 
ruscelli destinati all'irrigazione dei campi. L'Allioni porta questa spe- 
cie nella sua jlora pedemontana, ove scrive di averla avuta da un 
certo signor Giudice che l'avea raccolta nell'agro di Nizza. Però non 
essendovi stata ritrovata posteriormente è da credere che vi sia stala 
solo in quel tempo coltivata. Fiorisce in Settembre ed Ottobre ed è 
perenne. 

Distribuzione geografica. — Si CTcde spontanea delle Indie Orien- 
tali, e forse delle isole Canarie. Io la possiedo da varii altri paesi, così 
dall'Egitto, dalla Nubia, da alcune isole oceaniche tropicali, dalle An- 
lille. Pare che si sia introdotta ora in molli luoghi dei paesi tropicali. 

Usi. — Vedi qui sopra a proposito della stazione di questa pianta. 

T 



100 GUAMINACEK. 

XML liYGElJ]?! Linn. 

Unii. gen. p. 31 . Juss. gen. p. 33. Lamk. ili. gen. 1 . tah. 39. Palis. 
de Beauv. agrost. pag. 140. tah. 25. f. 6. Kimth emm. pi. 1 . pag. 18. 
Endl. gen. pi. p. 79. Pari. fi. pai. 1. p. 30. 

Spiculae 1-florae, hermaphroditae , geminae vel ternae, glumis 
destitutae, in tubum carnosum exlus villosum inferne connatae, fo- 
lio spathiformi involutae. Paleae 2, muticae, valdeinaequales, inferior 
lanceolata, acuta, subchartacea, subconcava, inferne carnosa, et paleis 
aliorum florum inferioribus connatae, ibique externe dense sericeo- 
villosa, superne libera, levis. Palea superior multo longior, membrana- 
cea, hvalina, binervis, inferne paleis superioribus aliorum florum 
per dorsum connata, inferioribusque adnata. Perigonii squamulae nul- 
lae. Stamina 5. Filamenta longissima. Antherae lineares. Ovarium li- 
berum, glabrum. Stylus longissimus. Caryopsis oblonga, styli basi ro- 
strata, bine convexa, inde plana et longitudinaliter sulcata. 

Abito. ^ — Pianta perenne, alquanto glauca e dell'aspetto quasi di 
un o-iunco, a culmi semplici, in cespuglio, poco alti e forti, con foglie 
strette, lineari, convolute e rigide, dotate di una ligula molto lunga. 
La infiorescenza consiste in due o tre spighette, piuttosto grandi, sal- 
date insieme alla base , racchiuse nella guaina priva di lamina e dilatata, 
spettante alla foglia superiore e ridotta in forma di spata. 

39. liygetiBU siiartiiin Lrnn. 

Linn. sp. pi. 78. Ucria h. r. pan. p. 52. Desf. fi. atl. 1. p. 52. 
Roem. etSchuìles syst. veg. 2. p. 251. Ten. fi. nap. 3. p. 48. Gnss. pi. 
rar. p. 18. et fi. sic. prodr. 1 . p. 52. Kunth emm. pi. 1 . p. 18. Bert. 
fi. ital. 1 . p. 827. Pari. fi. panorm. 1. p. 70. Gufis. fi. sic. syn. 1. 
p. 53. Pari. fi., palerm. 1 . p. 31 . 

Figura. — Lam. ill.'i . tah. 39. 

Avena juncifolia, monogluma, arundinacea radice Cup. pamph. 2. 
tah. 107. Bon. tah. 192. 

Nome italiano. • — Lacrime salvatiche. Giunco marino. Sparto". 
Targ. Tozz. dìz. hot. 2. p. 139. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline argillose C non 

lontane dal mare dell'Italia meridionale. Si trova nel regno napolitano 



LYGEUM. 107 

a Fondi, Gaela, e da Reggio a Brindisi per il golfo di Taranto. Nasce 
pure nelle isole di Sardegna, di Sicilia e di Malta. Fiorisce da Marzo 
a Maggio. E perenne. 

Distribuzione geografica. — ■ Pianta propria dell' Europa meridio- 
nale ove trovasi in Spagna, nella Italia meridionale, in Sicilia, in Sarde- 
gna presso Cagliari , Sestu , in Malta , come pure nella Barbarla e nel- 
r Egitto, sempre nel bacino mediterraneo. 

Osservazioni.' — 'Vedi sulla struttura delle spighette ciò che ne ho 
detto nella mia flora palermitana a p. 52. 

Usi. — • Si fabbricano con questa gramigna delle corde , se ne 
fa uso in Sicilia per rigovernare i piatii con il ranno, ossia con l'acqua 
calda e la cenere , come si pratica in altri luoghi d' Italia con un cencio 
con una spugna. 

VRIBIJ TSR^A. 

PANICEE. 

Paniceae Kimth enum. pi. 1 . p. 40. Endl. gen. pi. p. 82. Nees ah 
Esenb. jl. afr. ausir. ili. p. 13. Pari. fi. pai. 1 . p. 32. 

Spiculae polygamae, 2-florae, flore superiore hermaphrodito, in- 
feriore neutro vel masculo, setisaristaeformibus(pedunculis sterilibus) 
basi aliquando involucratae , vel involucro plerumque nullo. Glumae 
inaequales, altera saepe minima, vel subaequales, raro gluma altera 
abortiente, in plantis nostris numquam utraeque nullae. Paleae floris 
hermaphroditi plus minusve carlilagineae , plerumque muticae, inferior 
concava. Floris neutri vel mascuh paleae 2, vel una, altera abortiente. 
Caryopsis a dorso compressa. 

Distribuzione geografica. — L' Italia possiede i generi tutti euro- 
pei di questa tribù , che è per altro amica de' climi caldi e soprattutto 
dei tropicali. Cosi la nostra flora conta una specie di pennisetum, di 
oplismenns, generi del resto propri dei tropici, cinque specie veramente 
spontanee di panicufn, il panicum repens, il compressum, il Criis galli, il 
colonum e Y eruciforme , il tragus racemosus, tre setaria spontanee e tre 
digitaiia, le quali piante dimostrano cominciare questa tribù a mostrarsi 
nella penisola e specialmente in Siciha, per esser poi abbondantissima 
di specie, soprattutto nei generi panicum, e paspahim nelle regioni tro- 
picali . 



108 GRAMINACEE. 

Osservazione. — Ho tolto da questa tribù il genero mìlìum contro 
r opinione del Kunth , poiché diversamente spiego la struttura delle 
spighette nelle specie di questo genere. Vedi il mio genere mìlìum. Il 
genere trichoìena avvicina questa tribìi a quella delle andropogonee, con 
la quale ha in comune gli stimmi aspergilliformi. 

* Spiculae pedunculis aliquot sterilibus involucratae. Pari. fi. pai. I. 
p.33. 

XIV. RE]V]¥ISETUM Palìs. de Beauv. 

Palis. de Beauv. agrost. p.59. lab. 13. fig. 5. Kunth enum. pi. 1 .p. 160. 

Nees ab Esenb. jl. afr. austr. ìli. p. 70. Pari. (l. pai. 1 . p. 33. 
Cenchri species Lìmi. mani. 320. 
Penniseti species Blch. in Pers. syn. pi. 1. pag. 72. Endl. gen. pi. 

p.85. 

Spiculae 2-florae, flosculo superiore hermaphrodilo, inferiore neu- 
tro vel masculo (ut in specie nostra), geminae vel plures, undique pe- 
dunculis sterilibus involucratae, involucro duplici, una cum spicula 
deciduo, setis exterioribus aristaeformibus, interioribus basi plumosis. 
Glumae2, inaequales, membranaceae, muticae. Paleae subaequales, 
subcartilagnieae, inferior superiorem amplectens. Perigonii squamulae 
minutissimae vel saepe nullae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, 
terminales, distincti vel inferno non raro connati. Caryopsis glabra, 
libera. 

Abito. — Pianta perenne a cespuglio , a culmi alti circa un piede, 
piuttosto gracili e alquanto sdrajati in basso, quindi eretti o ascen- 
denti , dotati di foglio piane e lineari , e terminati da una pannocchia 
in forma di spiga densa , di color rossastro tendente al violetto, e sul 
finire della fioritura di color quasi di pagha. Le spighette sono gemine, 
piccole e nascoste noli' involucro formato da sete , ineguali di lun- 
ghezza, e di cui le interne, tra le quali una più lunga, sono piumose 
in basso. 

40. Pennisetum cencliroides Bicìi. 

V. panicula spiciformi, cylindracca, obtusa, spiculis subgeminis, 
involucri setis e.xterioribus inaequalibus, interiorum altera saepe spi- 



PENNISETUM. 109 

culas duplo superante, tlosculis hermaphroditis digynis, culmis basi 
ramosis, foliis vaginisque pilosis. 

Pennisetum cenchroides fóc/i. in Pers.syn.ph 1. p. 72. Kunth 
emm. pi. 1. p. 162. Pari. pi. nov. p. 42. et fi. pai. 1. pag. 33. 

Cenchrus ciliaris Linn! mani. 320. Desf! fi-, ali. 2. p. 187. ex 
eorum herbariis. 

Pennisetum distylum Guss! index semìnumh. r. Bocc. ami. 1826. 
p. 8. et fi. sic. prodi', suppl. 1. p. 12. et sijn. fi. sic. I.p. 115. Beriol. 
II. ital. 1. p. 593. Pari. fi. panorm. 1. p. 71. 

Figura. — Giesecke ic.t. 23. ex Kunth. 

Nome italiano. — Pennacchino porporino Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline Calcaree arido 
vicino Palermo alle falde di monte Pellegrino presso la villa del Prin- 
cipe di Belmonte, e nelle colline vulcaniche dell'isola di Lipari. Fiorisce 
in questa nei mesi di Aprile e di Maggio, e presso Palermo in Settem- 
bre e in Ottobre. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Nasce nell'isole Canarie, sulle coste 
dell'Affrica tanto in Barbaria che al Capo di Buona Speranza, in Ara- 
bia ec. 

Osservazioni. — La spccic nostra spetta senza dubbio alcuno al 
cenchrus ciliaris di Linneo, che io ho potuto studiare nel suo erbario, 
perchè questo ha i fiori ermafroditi digini e la seta più lunga dell'in- 
volucro appartenente alle interne che sono piumose in basso; è quindi 
il pennisetum cenchroides di Bichard , stabilito sul cenchrus ciliaris di 
Linneo. Vedi per questo le mie osservazioni nelle planiae novae p. 42 
e nella flora palermitana p. 55. 

XV. SETARIA Palìs. de Deauv. 

Palis. deBeaiw. agrost. p. 51. lab. 13. fig. 3. Kunth enum. pi. I. 

p. 140. Pari. fi. pai. 1. p 35. 
Panici species Linn. gen. pi. p. 23. Juss. gen. p. 20. Pers. syn.pl. 1 . 

p. 80. Nees ab Esenb, fi. Afr. austr. ili. p. 20. 
Penniseti species fìich. in Pers. syn. pi. 1. p. 71 . R. Brown. prodr. 

p. 51 . Endl. gen. pi. p. 85. 

Spiculac 2-florac, flosculo supcriore hermaphrodito, inferiore neu- 
tro vcl masculo, pcdunculis sterilibus involucratac, involucro simplici. 



HO GRAMINACEE. 

unilaterali , e setis duabus vel pluribus scabridis haud plumosis con- 
stante. Glumae 2, valde inaequales, membranaceae, concavae, muti- 
cae. Paleae floris masculi vel neutri membranaceae, floris hermaphro- 
dili cartilagineae, concavae. Perigonii squamulae 2 , obtusae , carno- 
sae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, terrainales, elon- 
gati. Caryopsis elliptica, glabra, paleis inclusa, libera. 

Abito. — Piante d'ordinario alquanto in cespuglio, a foglie piane, 
con pannocchie in forma di spighe, che per la presenza dell'involucro 
sembrano arestate, le di cui sete scabre fanno sì che queste spighe si 
attacchino con facilità ai vestiti e agli animali ec. Queste spighe sono 
verdi o di un giallo dorato , e lasciano pu'i tardi cadere le spighette , 
per cui resta la rachide isolata. 

4t. Setaria verticillata Palis. de Beauv. 

S. panicula spiciformi, subverticillata, involucris unifloris, bisetis, 
aculeato-scaberrimis , aculeis retrorsum versis , palea inferiore flosculi 
hermaphroditi externe minute punctata. 

Setaria verticillata Palis. de Beauv. agrost. p. 51 . Roem. et Schult. 
syst. veg. 2. p. 488. et mant. 2. p. 273. Reich. fi. germ. excurs. 1. 
p. 29. Kunth enum. pi. 1. p. 152. Pari. fi. panorm. 1. p. 118. Vis. fi. 
dalm. 1. p. 61. G^lss. fi. sic. syn. 1. p. 1U. Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 893. Pari. fi. palerm. 1. p. 36. Gries. spk. fi. rum. 
et bith. 2. p. 469. 

Panicum verticillatum Linn. sp. pi. 82. Ali. fi. ped. 2. p. 240. 
Savi fi. pis. 1. p. 63. Desf. fi. ali. 1. p. 57. Dee. fi. frane. 3. p. 13. 
Savi hot. ètrusc. 2. p. 39. Bert. amocn. Hai. p. 108. Morie, fi. venet. 
1. p. 36. Pollili, fi. veron. 3. p. 208. Ten. fi. nap. 3. p. 68. Noce. fi. 
venet. 1. p. 50. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 79. Seb. et Maur. fi. rom. 
prodr. p. 35. Gaud. fi. helv. 1. p. 150. Lots. fi. gali. edit. 2. voi. 1. 
p. 13. Bert. fi. Hai. 1. p. 418. Comoll. fi. comens. 1. p. 86. Puccini 
fi. lue. syn. p. 52. 

Panicum italicum Ucria h. r. panorm. p. 54. non Linn. 

Gramen paniceum spica simplici Cup. h. cath. p. 88. 

Panicum vulgare, spica simplici et aspera Zann. ist. delle piante 
p. 202. 

Figure. — Bost gram. austr. 2. lab. 13. Reich. cent. Il . f. 1465. 

Gramen paniceum, spica simplici Gup. pamph. 2, lab. 13. 

Panicum sylvoslre, spica simplici et as[)cra. Don. lab. 131 . 



SETAP.IA. in 

b. ambigua, aculeis sursum versis Pari. jl. pai. ì . p. Sii. 
Panicum verticillatum b. ambiguum Guss. prodr. jì. sic. 1 . p. 80. 
Setaria ambigua Guss. fi. sic. syn. 1 . p. 114. 
Nome italiano. --- Fieno Stellino. Panicastrella. Tarcj. Tozz. dìz. 
hot. 2. p. 101. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Comunissima nei luOghi Col- 
tivati ed umidi, sui margini dei campi, nelle strade di tutta Li penisola e 
delle isole dalla regione del noce e del castagno sin presso le spiagge del 
mare. Ho la varietà b. dalla Liguria, dalla Toscana, dal regno di Napoli, 
e dalla Sicilia: il Gussone l'ha trovato ancora nelle isole di Vulcano, 
Saline, Lipari, Pantellaria e Favignana. Fiorisce da Giugno a No- 
vembre. E annua. 

Distribuzione geografica. — Specie sparsa in quasi tutto il mondo 
e vera cosmopolita. 

Osservazioni. ■ — Ho creduto di nou dover separare la setaria am- 
bigua del Gussone dalla s. verticillata, ma farne solo una semplice va- 
rietà , perchè non mi è riuscito trovare altra differenza , tranne quella 
della direzione diversa degli aculei nelle sete dell' involucro : in tutto 
il resto sono ambedue perfettamente simili. Possiedo questa varietà an- 
cora come la specie da luoghi coltivati presso il convento di Santa Ca- 
terina de\ Monte Sinai. 

Specie variabile anche per la lunghezza della pannocchia e delle 
sete dell' involucro, che talvolta sono molto corte. 

Ho riferito a questa specie il sinonimo del panicum italicum di 
Ucria in grazia del nome volgare siciliano che spetta alla pianta in esa- 
me: il panicum italicum ossia setaria italica, non è spontaneo, ma solo 
coltivato in Sicilia e nel resto d'Italia, quantunque siasi ora molto 
sparso in alcuni punti della penisola e ridotto quasi spontaneo in Ve- 
nezia al lido; il panicum verticillatum di Ucria spetta uVìagrostis stolo- 
nifera. 

Usj. — Si dà in istato di erba al bestiame, i suoi semi sono man- 
giati da' passeri. 

4!8. Setaria •virìdis Palis. de Beauv. 

S. panicula spiciformi, spiculis confertis, involucris unifloris, 
multisetis, subaculeolatis, aculeolis sursum versis, palea inferiore flos- 
culi hermaphroditi externe minute punctata. 

Setaria viridis Palis. de Beauv. nfirost. p. 51 . Boem. et Schultes 



112 (;p,amina(:ee. 

syst. veg. 2. p. 488. ci mani. 2. p. S7i. Reìcìi. //. (jerm. exciirs. 1 . 
p. 29. Kiinth enum. pi. 1 . p. 151 . Pari. jì. panorm. 1 . p. 115. \u. 
//. dalm. 1 . p. 161 . Gtiss. fi. sic. syn. 1 . p. Ili. Koch syn. (1. germ. 
et helv. edit. 2. p. 893. Pari. fi. pai. 1. p. 37. Grìes. spie. fi. rum. 
etbilh. 2.p. 409. 

Panicum viride Linn! sp. pi. 83. AH. fi. ped. 2. p. 240. Ucrìa? 
h. r. pan. p. 53. Savi fi. pis. 1 . p. 04. Desf. fi. afl. 1 . p. 50. Dee. fi. 
frane. 3. p. 13. Savi hot. etrusc. 2. p. 311 . Beri, amoen. ital. p. 109. 
Morie, ft. venet. 1. p. 37. Polìin. fi. veron. 3. p. 209. Ten. fi. nap. 3. 
p. 68. Nacc. fi. ven. 1 . p. 50. Re fi. torin. 2. p. 151 . Guss. fi. sic. 
prodr. 1 . p. 80. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 35. Gaud. fi. helv. 1 . 
p. 152. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 73. Beri. fi. ital. 1. p. 420. 
Comoll. fi. eomens. 1 . p. 87. Pnecìn. fi. lue. syn. p. 52. 

Pennisetum viride jR. Brown prodr. 1. p. 195. 

Panicum vulgare spica simplici, vestibus non adhaerentc Zann. 
ist. delle piante p. 202. 

Figura. — Host grani, austr. 2. p. 14. 

b. viviparum Beri. fi. ital. 1 . p. 422. 

Nome italiano. — Panicastrella. Panico falso. Panico salvalico. 
Panico spurio. Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 161 . 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOglli Collivati, nei 

campi e lungo i margini di questi , comune nella penisola e nelle isole 
dalla regione del noce e del castagno sin presso la spiaggia del mare. 
Fiorisce da Giugno ad Agosto. E annua. 

Distribuzione geografica. — Pianta molto cslesa nell'emisfero bo- 
reale. 

43. Sefaria glatiea Palis. de Beauv. 

S. panicula spiciformi, elongata, involucris unitloris, multisetis, 
fiìsciculatis, denticulatis, denticulis sursum versis, palea inferiore flo- 
sculi hermaphroditi transverse undulato-rugosa. 

Setaria glauca Pa/is. de Beauv. agrost. p. 51. Roem. et Schulles 
syst. veg. 2. p. 490. Presi cyp. et grani, sic. p.\19. Rich. fi. gemi 
exeurs. I.p. 29. Kunth enum. pi. I.p. 149. Pari. fi., panornu 1. p. 115 
Vis. fi: daini. 1. p. 61. Guss. syn. fi. sic. 1. p 115. Koch. syn. fi 
germ. et helv. edit. 2. p. 893. Pari. fi. pai. 1. p. 38. 

Panicum glaucum Linn. sp. pi. 83. Ali. fi., pedem. 2. p. 240. Sav 
fi. pis. 1. p. 65. Desf. fi. ali. 1. p. 57. Dee. fi. frane 3. p. 13. Biv 
sic. pi. cent. 1. p. 63. Savi hot. eiruse. 2. p. 40. Morie fi. venet. 1 



SETARIA. 115 

p. 37. Poìlin fi. veron. S. p. 208. Ten. jl. nap. 3. p. G8. Nacc. jl. 
vcnel. I . p. 51. Gtiss. fi. sic. prodr. I . p. 81. Seb. et Maur. fi. rom. 
prodi- . p. So. Gaud. fi. helv. 1 . p. Jol . Lois. fi. fiali, edit. 2. voi. 1 . 
p. 73. Beviol. fi. Hai. I.p. 42 L Comoll. fi. comens i .p. 87. Puccini 
sìjn. fi. lue. p. 52. 

Panicum cynosuroides Scop. fi. cani. edit. 2. toni. 1. p. 50. 

Panicum lutescens Weìg. obs. 20. 

Panicum flavescens Moench meth. p. 207. 

Pennisetum glaucum R. Brown prodr. I . p. 105. 

Gramen paniceum , spica longiori ac rarioribus glumis fulvida Cttp. 
h. calli, p. 88. 

Gramen paniceum , simplici panicula longiori , alopecuroide , cana 
(}up. h. calli, suppl. alt. p. 33. 

Panicum vulgare, spica simplici et moUiori Mont. cai. stirp. agr. 
honon. prodr. p. 10. Zannich. ist. delle piante p. 202. Seg. veron. 1 . 
p. -333. 

Figure. — Hosl grani, austr. 2. lab. 16. Reìch. cent, il- fig- 1466. 

Gramen paniceum, spica simplici longiori, aristis e flavo-rubris 
armata Cup. pamph. exempl. bibl. pubi, panorm. 2. lab. 64. 

Gramen paniceum, simplici panicula longiori alopecuroide, cana 
Cjup. pamph. 2. lab. 28. 

Nome italiano — Panicastrella Cacsrt/p. de plani, p. 185. Pesarono 
Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 151. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — S' incontra OVUnqUC nei luo- 

dii coltivati , nei camiìi umidi, e nei margini dei fossi e dei fiumi 
di tutta la penisola e delle isole principali durante la stale e d prm- 
cipio di autunno. È annua. 

Distribuzione geografica. — Pianta Cosmopolita. 

44. Setaria italica Palis. de Beauv. 

S. panicula spiciformi, decomposita, lobata, nulanle, racbidc to- 
mentosa, involucns unitloris, subbiselis, spicula subtriplo longiordjus, 
denliculatis, denticulis sursura versis, paleis flosculi hermaphroditi 
Icviusculis. 

Setaria italica Palis. de Beauv. agrost. p. 51. Roeni. et Schullefi 
syst. veg. 2. p. 493. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 29. Kunth enum. 
pi. 1. p. 153. var. a. Rock syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 893. Vis. 
fi. dalm. 1 . p. 61 . 

8 

Fiora Italiana. Voi.. I. 



1 li GRAMINACEK. 

Panicum italicum Limi. sp. pi. 83. Dee. fi. fr. 3. p. li. var. a. 
Morie, fi. venet. 1. p.o8. Pollin. fi. veron. 3. p. 209. Nacc. jl. venel. 
o. p. 62. Gciìid. fi. helv. 1 . p. 152. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 74. 
Comoll. fi. comens. 1 . p. 87. 

Pennisetum italicum fì. Brown prodr. 1 . p. 105. 

Figura. — Hosl (jram. austr. i. tah. 14. 

Nome italiano. — Panico. Panizzo. Targ. Tozz. diz. hot. 2. 
p. 161. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Specie Originaria delle Indie 
orientali, ma ora resa spontanea in alcuni luoghi della Svizzera Italiana 
siccome nota il Gaudin, e in mezzo al miglio e in varii luoghi incolli 
di Venezia, specialmente al lido, come primo lo ha indicato Moricand 
e dopo lui anche il Naccari nelle loro flore venete. Del resto è coltivata 
in molti punti della penisola. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è annua. 

Distribuzione geografica. — È propria delle Indie Orientali e 
della Nuova Olanda. 

Usi. — Vedi quel che ne ho detto a pag. 52 di questo volume 
primo della flora italiana. 

45. Setaria germanica Palis. de Beanv. 

S. panicula .spiciformi, subcontinua, rachide hirsuta , involucris 
setaceis spiculas aequantibus vel illis brevioribus, palea inferiore flos- 
culi hermaphrodili levissima. 

Setaria germanica Polis, de Beauv. agrosl. p. 51. Boem. et Sclml- 
tcs syst. veg. 2. p. 492. Beich. fi. genn. excurs. 1 . p. 29. 

Panicum italicum b germanicum Dee. fi. frane. 3. p. 14. 

Panicum germanicum Willd. sp. pi. 1. p. 336. Host gram. 
austr. 2. lab. 5. Bertol. fi. Hai. 3. p. 610. 

Setaria italica var. y Kimth enum. pi. 1. p. 153. 

Figura. — Host Le. 

Nome italiano. — Pauico rosso Targ. Tozz. diz. bot. 2.p. 161 . 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Il Facchini 1' ha COmunicatO 

al Bertoloni dai campi di Pi??e tra Ficmme e Trento ove il Bertoloni me- 
desimo dubita se questa pianta sia veramente spontanea o portatavi dalla 
coltura che vi si fa di essa. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Nativa dell' Oriente secondo Rei- 
chenbach. Propria dell'Europa meridionale giusta Willdenow, Roemer 
e Schultes ec. 



SETARIA. li il 

Osservazione. — lo non ho avuto questa specie dal luogo in- 
dicalo dal Facchini, ne ho riportato quindi la frase specifica, fatta su 
quella del Bertoloni, a cui il Facchini mandò gli esemplari di questa pianta. 

" Spiculae haud involucratae Pari. fi. pai. 1 . p. Si). 

XVI. PAUTICUM Pari. 

Pari. II. pai. 1. p. 30. 

Panici species Linn. gen. p. 23. R. Brown. prodr. p. 189. Palis. de 
Beauv. agrost. p. 4o. Kuìith enum. pi. I.p. 75. Endl. gen. pi. p.83. 
Echinocloae species Palis. de Beauv. agrost. p. 33. 
Oplismeni species Kiinth enum. pi. 1 . p. 138. Endl. gen. pi. p. 83. 

Spiculae 2-florae , flore inferiore masculo vel neutro, superiore 
hermaphrodito. Glumae2, membranaceae , concavae, muticae, valdc 
inaequales, inferior minima. Flosculi inferioris paleaeS, membrana- 
ceae, inferior mutica vel aristata, flosculi hermaphroditi paleae subae- 
quales, concavae, cartilagineae. Perigonii squamulae 2, carnosae, 
glabrae. Stamina 3, in flosculo neutro abortiva. Ovarium glabrum. 
Styli 2, terminales, elongati. Stigmata penicillata vel piumosa. Caryopsis 
glabra, libera, paleis inclusa. 

Abito. — Piante annue o perenni , a culmi per lo più in cespuglio 
e ramosi, a foglie piane e lineari , a pannocchie ora sparse come nei pa- 
nici veri, ora disposte in spighe, che sono alterne ed unilaterali sulla 
rachide, siccome vedesi iìqW echìnocìoa. 

Osservazioni. — Ho riunito a questo genere Y echinocloa del Pa- 
lisot de Beauv. poiché tranne le differenti apparenze che derivano dalla 
varia infiorescenza, la struttura delle spighette è la stessa. Però non 
posso comprendervi Voplismenus, ben distinto dal panicum per la forma 
delle glume e per le areste, come si vedrà nel genere seguente. 

'Panicula ex spicis unilateralibus alternis formata. Echinocloa 
Palìs. de Beauv. 

46. Paniciini Crus galli Liìin. 

P. spicis alternis conjugatisquc suhcompositis, spiculis hispidis , 
flosculi neutri palea inferiore longe aristata , rachide sub 5-angulata , 
ad pcdiccllorum inscrlioncin barbata, ligula nulla. 



116 GRAMINACEE. 

Panicum Crus galli Linn! sp. pi. 83. AH. fi. ped. 2. p. 240. Ucria 
h. r. panorm. p. 54. Savi fi. pis. 1 . p. 66. Desf. fi. ali. 1 . p. 58. Dee. 
fi. frane. 3. p. 14. Biv. sic. pi. cent. 1. p. 64. Savi boi. etrusc. 2. p. 47. 
Bertol. amoen. ital. p. 109. Morie, fi. venet. 1. p. 38. Pollin. fi. veron. 
3 p. 210. Ten. fi. nap. 3. pag. 68. Nacc. fi. venet. 1. p. 52. Guss. fi. 
sic. prodr. 1. p. 81. Seb. et Maur. fi. roni. prodr. p. 36. Gaud. fi. 
helv. 1. p. 157. Lois. fi. gali. edil. 2. voi. 1. p. 74. Dert. fi. ital. 1. 
p. 423. Comoll! fi. eomens. 1 . p. 88. Pucein. syn. fi. lue. p. 53. Vis. 
fi. dalm. 1. p. 60. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 111 . Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit 2. p. 892. Pari. fi. palerm. 1. p. 40. 

Panicuin Crus corvi Linn! sp. pi. p. 84. 

Echinochloa Crus galli Palis. de Beauv. agrosl. p. ò3. Roem. et 
Schultes syst. veg. 2. p. 477. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 23. Pari, 
fi. panorm. 1. p. 117. Gries. spie. fi. rum. et bilh. 2. p. 479. 

Echinochloa Crus corvi Paìis de Beauv. agrost. p. 53. Roem. et 
Schultes syst. veg. 2. p- 478. 

Oplismenus Crus galli Kunth gram. 1 .p.44el enum. pi. 1 .p. 143. 

Ortliopogon Crus galli Spr. syst. veg. 1. p. 307. 

Gramen paniceum, spica aristis longis armata Cup. h. eath.p. 257. 

Panicum vulgare spica multiplici longis arislis circumvallata Mont. 
rat. slip. agr. bonon. prodr. p. 0. Seg. veron. 1 . p. 333. 

Figura. — Reich. cent. 11. fìg. 1412. 

Panicum sylvestre, panicula divulsa Cup. pamph. sic. exempl. hibl. 
pubi, panorm. 2. tab. 86. et lab. 147. 

Graminis genus dens caninus 2 , sive Panicum sylvestre panicula 
divulsa Bon. tab. 8. 

Gramen palustre arundinaceum , Mil. panie, semin. Phalaridis 
Barr. ic. 8. non bona. 

b. submutieum, flosculi neutri valva corollina exteriore acumi- 
nato-aristata Pari. fi. pai. 1 pag. 40. 

Gramen paniceum palustre, spicis multis angustis, successivis ru- 
bro-nigricantibus Cup. h. cath. pag. 88. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tab. 19. Reich. cent. 11. fìg. 1411. 

Gramen paniceum seu panicum sylvestre , spicis e viridi-atroru- 
bentibus Cup. pamph. sic. exempl. bibl. pubi, panorm. 2. tab. 104. et 
tab. 142. 

Gramen paniceum seu panicum sylvestre , palustre , spicis e viridi- 
atrorubcntibus Cupani, seu panicum sylvestre panicula alterno divisa e 
viridi-alrorubentc Bon. tab. 93. 



PANICUM. 117 

Nome italiano. — Panicastrella. Panico selvatico Targ. Tozz. diz. 
boi. 2. p. 161. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — S' incontra Spessissimo nei 
luoghi umidi , lungo i fossi e i ruscelli , nei margini de' campi e nelle 
strade di tutta la penisola e delle isole grandi , come in Corsica, in Sar- 
degna, in Sicilia ec. Fiorisce da Giugno a Novembre. È annua. 

Distribuzione geografica. — Specie Sparsa per tutta la terra, così 
in Europa, in Asia, in Affrica, in America e nella Nuova Olanda. 

Osservazioni. — 11 Kunth ha benissimo, dietro l'opinione di Brown, 
di Smith e di Roxbourg, riferito a questa specie il panicuìn Crus corvi 
di Linneo, essendomi da me stesso assicurato della loro identità, con- 
sultando l'erbario linneano, in cui si conserva un'esemplare del pam- 
cum Crus corvi , che presenta la paglietta inferiore del fioretto erma- 
frodito quasi mutica , e meno pronunziate le setole che ricuoprono la 
gluma maggiore. Però a torto vi riferisce il Kunlh stesso ììfianicum zo- 
nale di Gussone, che spetta al contrario al panicum colonum di Linneo. 
V.edi'le osservazioni alla. specie seguente. 

49. Panicuiu colonum Linn. 

P. spicis alternis, conjugatisque simplicibus, spiculis hispidiuscu- 
lis, muticis, rachide trigona, ad pedicellorum praesertim inferiorum in- 
sertionem pilis paucis instructa vel nuda, foliis rubro-zonalis, ligula 
nulla. 

Panicum colonum Limi! sp. pi. 8i. Morelli dee. 2. p. 7. el in 
giorn. di fisic. ec. di Configl. e Drugn. dee. 2. lom. 5. p. 42. Pari, 
fi. pai 1. p. 42. 

Panicum zonale Guss. index semin. h. r. Bocc. anno 1825. el 
fi. sic. prodr. I. p. 82. el sappi. 1. p. 20. et fi. sic. syn. I.p. 112. el 
in add. et emend p. 185. Beri. fi. Hai. 1 . p. 426. Ten. syll. p. 40. et 
fi. nap. 5. p. 321. 

Panicum Crus galli var. foliis rubro-maculatis Biv. sic. pi. cent. 
I.p. 65. 

Panicum numidianum Presi cyp. et gram. sic. p. 19. non Desf. 

Panicum haematodes Presi fi. sic. p. XLIII. 

Oplismenus colonus Hunib. et Kunth nov. gen. 1. p. 100. Kunth 
enum. pi. 1 . p. 142. 

Echinocloa zonalis Pari. fi. panorm. 1 . p. 110. 

Echinocloa coIona Pari. pi. nov. p. 40. 



118 GRAMINACEE. 

Gramcn panicGum tenellum, spicis aristatis, anguslis, succesivis 
obscure virenlibus Cup. h. calh. siippl. alt. p. Si. 

Figura. ^ — Nessuna. 

b. Ibliis immaculatis Bert. l. e. Pari. l. e. 

Panicum colonum Jacq. (il. eccl. 2. p. 47. tab. 32. 

Nome italiano. — Raspellone macchiato. Var. b. Raspellone senza 
macchie Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi Umidi , nelle Stra- 
de, nei luoghi coltivati della Sicilia ove s'incontra più spesso nella sua 
parte occidentale. 11 Gussone l'ha trovato nelle piccole praterie della 
parte superiore del Real Parco di Portici presso Napoli. Il Tenore Io 
dice nella sua sijlìoge spontaneo di Calabria. La varietà a foglie non 
macchiate è piìi rara, ed io l'ho solo dalla Sicilia. Fiorisce da Agosto 
ad Ottobre ed è annua. 

Distribuzione geograBca. — Specie estesa dalla regione mediterra- 
nea sino alla tropicale. La var. a. è stata veduta in Sicilia, in Napoli, nelle 
isole Canarie, la var. b, eh' è rara in SiciHa, è la pii^i comune altrove. 
Si trova nell'Algeria, nell'Egitto, nel Sennaar, nel Fazogl, nel Cor- 
dofan, nell'Arabia, nelle Indie orientali , nell'isola di Giava, nel Mes- 
sico , nel Brasile ec. 

Osservazione. — Come io già notai nelle mie plantac novaep. 42. 
e nella mia flora palermitana voi. 1 . p. 43. ììpanicum zonale di Gus- 
sone deve essere riportato al panicum colonum dì Linneo, dietro l'esa- 
me dell'esemplare autentico dell'erbario linneano. In esso la rachide 
è triangolare e non terete , come la disse il Linneo nelle sue species 
planfarnm, nel modo stesso che vedesi nel panicum zonale. Il carattere 
de' pochi peli che si vedono nel panicum zonale al di sotto dell' inser- 
zione dei rami della pannocchia, creduto dal Gussone come importante 
per distinguere la sua specie dalla linneana, oltrecchè è variabilissimo 
anche nello stesso individuo, mancando ora nei rami superiori ed ora 
in tutti, non è straniero alla pianta di Linneo, mentre nell' esemplare 
conservato nell' erbario linneano esistono questi peli al di sotto del- 
l' inserzione de'rami. Nulla monta infine il trovarsi il pcmicum colonum 
di Linneo nelle Indie, ciò che il Bertoloni crede essenziale ancora per 
mostrare la difTerenza di queste due credute specie, poiché questo pa- 
nico come il precedente è una di quelle piante, la cui area geografica è 
molto estesa, e sorpassa i limiti del tropico di cancro per venire nei 
climi temperati. 



PANICUM. 11U 

4S. Paniciiiii eriscifornie Sihtìi. 

P. spicis alternis, sessilibus, remotis, ereclis rachidequo approxi- 
malis, secundis, spiculis biseriatis, muticis, gluma minore vix conspi- 
cua, ligulae loco pilorum fasciculo, culmo foliis spiculisque molliter 
pubescenli-pilosis. 

Panicum eruciforme Sibili, et Smith fi. graec. pródr. 1 . p. 40. 
et fi. (jraec. 1. p. 4i. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 426. Guss. 
pi. rar. p. 29. Kunth enum. pi. 1 . p. 78. Beri. fi. Hai. 1 . p. 427 . 
Ten. fi. nap. 5. p. 320. Yis! fi. dalm. 1 . p. 59. Guss. fi. sic. sgn. in 
add et emend. p. 785. 

Echinocloa eruciformis Reich. fi. germ. excurs. 3. p. 140. in add. 
et cor ri g. 

Figura. • — Sihth. et Smith fi. graec. tab. 59. 

Nome italiano. — Piuspellone sottile Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Campi dopO la mesSG C 

nei luoghi coltivati delle Marche a Loreto, a Macerata ec. donde l' ho 
avuta dal prof. Narducci, e degli Abruzzi a S. Valentino, a Civita di 
Penne, a Teramo, a Chieti, ove l'hanno ritrovata il Cassone, l'Orsini, 
il Gasparrini: io la possiedo comunicatami da quest'ultimo. Si trova 
ancora in Sicilia in luoghi alquanto umidi nella costa orientale del- 
l' isola, così presso Altavilla , e vicino Termini nel letto del fiume e 
nella vicina collina, ove l' hanno recentemente raccolta per la prima 
volta i profess. Tineo e Calcara dai quali mi è stata comunicata. L' ho 
avuta ancora da Todaro, che 1' ha trovato alla Bagheria vicino Paler- 
mo. Fiorisce nella penisola nei mesi di Settembre ed Ottobre, ed in Si- 
cilia in Agosto e Settembre. E annua. 

Distribuzione geografica. — Neil' isola di Samo , in Dalmazia 
presso Ragusa, e nell'Egitto, donde l'ho avuta comunicata dal si- 
gnor Figari. 

'* Panicula ramosa, multiflora. Panici veri Auct. 

49. Panicuiii repeus Linn. 

P. panicula virgata, diffusa, spiculis geminis, glaberrimis, gluma 
minore obtusissima , majore-paleaque inferiore flosculi neutri acutis, 
obsolete septemnervibus, foliis divaricatis, culmo basi incrassalo, radice 
repente, stolonifera. 



1-20 (;nAMlNACB:E. 

Panicum repcns Limi. sp. pi. 87. Desf. jl. ali. I.p. 00. Sibili, el. 
Smìlìi jì. fjrnee. prodr. 1 . p. il . el fi. yraec. 1 . p. 45. Div. sic. pi. 
ceni. '}. p. 63. Dee. fi. frane. 5. p. 950. Roem. et Schulles sysl. vefj. 9. 
p. 432. Presi, cyp. el grani, sic. p. 18. Fiorì app. al prodr. della flora 
rem. p. 3. Ten. fi. nap. 3. p. 69. Gnss. fi. sic. prodr. 1 . p. 87. Lois. 
fi. gali. edil. 2. voi. 1. p.'74. Kunlh enum. pi. I. p. 103. Beri. fior. 
Hai. I. p. 430. Pari. fi. panorm. I. p. 121. Gnss. syn. fi. sic. 1. 
p. 112. Pari. fi. pai. 1. p. 44. 

Panicum polystachyon Ucria li. r. pan. p. 54. non Linn. ex loco. 

Panicuin arenarium Brot. fi. Itisit. p. 82. 

Gramen palustre juba et raro semine Sorghi foliis anguste intra se 
collectis. Cup. II. calli, p. 90. el suppl. ali. p. 33. 

Figura. — Sibili, et Smith fi. graec. 1. lab. 61. 

Gramen arundinaceum Sorghi panicula , sparsa. Cup. panipli. 2. 
tah. 59. Bon. tab. 4. 

Nome italiano. — Panico delle arene Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. • — LungO i foSsi, nei margini 

de' fiumi , nelle paludi , e nei luoghi umidi specialmente marittimi di 
alcuni punti della costa occidentale della penisola , così nel lido del 
Ceriale, ove 1' ha trovata il prof. Sassi, a Terracina, donde l'ho avuta 
dalla signora Fiorini-Mazzanti, presso Napoli e nell' isola, d' Ischia, in 
Sicilia, in Sardegna a Crtpo-Zerra , donde mi è stata comunicata dal 
prof. Moris. Fiorisce da Giugno sino ad Ottobre. E perenne. 

Distribuzione geografica, — Pianta propria dell' Europa mediter- 
ranea e dell'Affrica boreale. Trovasi nel mezzogiorno della Francia, in 
Spagna, in Portogallo, in Italia, in Sicilia, in Sardegna, in Grecia, 
nella Turchia d'Europa, in Egitto, in Barbaria. Cresce ancora nel Mes- 
sico, e nel Capo di Buona Speranza. 

50. Pauicuiik conipressiini Biv. 

P. panicula erecto-patula , ramis inferioribus subverticillatis, spi- 
culis ovoideis, villoso-ciliatis, gluma minore obtusissima , majore pa- 
leaque inferiore flosculi neutri acutiusculis, obsolete quinquenervibus, 
foliis vaginisque moUiter villosis, culmo compresso, ramoso, radice 
fibrosa. 

Panicum compressum Bivi sic. pi. man. 4. p. 6. Roem. et 
Schiilt. mani. 2. p. 232. Gnss. fi. sic. prodr. 1. p. 83. Kunlli enum. 
pi. 1. p. 97. Beri. fi. Hai. 1. p. 431. Pari. fi. pai. 1. p. 45. 



PANICU^I. 1-21 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Panico tardivo Beii. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.- — Nelle fessupc delle rupi Cal- 
caree de' monte vicini al mare nella costa settentrionale di Sicilia da 
Partenico sino a Messina. Trovasi ivi a preferenza a Carini, a Cinisi, 
a Palermo, a Termini, a Cefalij, e a Messina. Fiorisce in Ottobre e 
Novembre e potrae talvolta la sua fioritura sino a Gennaio. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria de'soli luoghi qui indicati della 
Sicilia per l'Italia, mi è slata ancora comunicata dal sig. Franqueville 
che l'ha trovato in luoghi aridi e calcarei in Aragona. 

Osservazione. — L'esemplare aragonese presenta le spighette al- 
quanto glabre e non peloso-cigliate come negli individui siciliani , ma 
nel resto ne è perfettamente identico. 

Vicino al panico colorato di Linneo, però benissimo distinto, per- 
chè questo ha una pannocchia composta di rami solitarii o lutto al più 
alcuni gemini , lunghi e ramosi , le spighette più grandi , con la gluma 
minoro acuta e quasi acuminata, e tanto essa che la maggiore e la pa- 
glietta inferiore del fioretto neutro son dotate di nervi molto manifesti 
da risultarne dei solchi , che sono al numero di otto in queste due ul- 
time valve. 

51. Panìciint capillare Linn. 

P. panicula ramosissima, erecto-patula, capillari, spiculis glabris, 
gluma minore acuta , majore paleaque inferiore fiosculi neutri acumi- 
natis, quinquenervibus, foliorum vaginis hirsutissimis , radice annua. 

Panicum capillare Linn. sp. pi. 86. Balb. mise. hot. 1 . p. 8. Dee. 
fi,, frane. 3. p. Io. Roem. et Schuìt. syst. verj. 2. p. 435. Pollin. fi. 
veron. 3. p. 2J2. Lois. fi. gali. edìt. 2. voi. 1. p. 7i. Reich. fi. gemi, 
exenrs. 1. p. 29. Kunth enum. pi. 1. p. ifi Beri. fi. Hai. 1. p. 432. 
Kocìi syn. fi. germ. et ìielv. edit. 2. p. 892. 

Figura. — Host gram. aiistr. i. p. 10. tab. 16. 

Nome italiano. — Panico ispido. Panico capillare Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Tioritura — Trovasi nei dintorni di Nizza , 
lungo il Varo, ec. Fiorisce in Luglio ed Agosto. Io la credo ivi portala 
dall'America settentrionale, ove è indigena , quantunque sia di contrario 
parere il Prof. Bertoloni. È annua. 

Distribuzione geografica. — Nativa dell'America boreale si è ora 
introdotta in alcuni punti di Europa come vicino Vienna, nel Belgio, nel 



122 GIUMINACEE. 

mezzogiorno della Francia a Tolone , in Italia presso Nizza , nei quali 

luoghi cresce ora quasi spontanea. 

5!S. Panicitni niiliaceuni Linn. 

P. panicula effusa , cernua, spiculis glabris , glumis paleaque in- 
feriore flosculi neutri acuminato-mucronatis, exquisite nervosis, foliis 
vaginisque pilosis, radice annua. 

Panicum raiiiaceum Linn. sp. pi. 86. Dee. fi. frane, o.p. 15. Roem. 
et Sehultes sijst. vecj. 2. p. 434. Nacc. fi. venet. 1. p. 53. Gaud. fi. 
ìielv. 1. p. 156. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 74 Reich. fi. germ. 
excurs. 1. p. 29. Kunth enum. pi. 1. p. 104. Comoll. fi. com. 1. p. 80. 
Yìs. fi. daini. 1. p. 60. Koeh syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 892. 

Panicum milium Pers. sijn. 1. p. 50. Pollin. fi. veron. 3. p. 211. 

Figura. — Host gram. austr. 2. p. 16. lab. 20. 

Nome italiano. — Miglio. Miglio nostrale Targ. Tozz. diz. hot. 2. 
p. 161. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Coltivato per varii Usi in Ita- 
lia, il miglio si è ora reso quasi spontaneo in alcuni punti della peni- 
sola , come nella Svizzera italiana , nel Pavese , nel Tirolo , nella Liguria, 
in Venezia, ove s'incontra sui muri, sui tetti, lungo le strade e nei 
campi. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è annuo. 

Distribuzione geografica. — Originario delle Indie orientali colti- 
- vasi ora quasi daper tutto in Europa. 

Usi. — È coltivato principalmente per nutrire con i suoi semi gli 
uccelli domestici , così i piccioni, i polli, i colombi, le tortore, ec. 
pure in alcuni luoghi si usa qualche volta per cibo dell'uomo stesso. 
È adoperato benché raramente nel pane con la segala , come per con- 
servare in esso le mele ed altre frutta d'inverno. 

XVII. OPIilSMEUfUS Beaiiv. 

Beauv. fi. oiver. 11. p. 14. et agrost. p. 43. Roem. et Sehultes syst. 

veg. 2. p. 26. 
Panici species Ard. spec. alt. p. 14. Ali. fi. ped. 2. p. 240. 
Oplismeni species Kunth enum. pi. 1. p. 138. Endl. gen. pi. p. 83. 
Orthopogon R. Broum prod. fi. Nov. Eoli. p. 194. Link. h. reg. he- 

rol. descr. 1. p. 203. Reich. fi., germ. excurs. 1. p. 23. 



OPLISMENUS. 125 

Spiculae ^-tlorae, ilosculo inferiore masculo vel neutro, superiore 
hermaphrodito. Glumae 2, membranaceae, flosculis breviores, subae- 
quales, carinatae, inlerior longius, superior brevius aristatae, aristis 
edentulis. Flosculi inferioris paleae 2, membranaceae, inaequales, in- 
f'erior subaristata. Flosculi hermaphroditi paleae subaequales, concavae, 
cartilagineae. Stamina 3. Styli 2. Stigmata piumosa. Caryopsis glabra, 
libera, paleis inclusa. 

Abito. — Pianta annua, a culmo debole, che manda radici nei 
nodi inferiori , a foglie ovato-lanceolatc, acuminate , piane , increspate 
a onde nei margini , con una pannocchia disposta in spighe alterne 
e da un sol lato, con pochi fiori , con le glume inegualmente are- 
state: queste areste sono del tutto prive di denti e di peli. La rachide 
della pannocchia è irsutissima, come ancora le guaine delle foglie. 

Osservazioni. — ■ Ho ritenuto il nome di oplismeniis di Beaiiv. an- 
ziché di orthopogon di R. Brown , perchè è stato prima pubblicato. 
Questo genere eh' è affine assai al panwum pure merita di esserne ben 
distinto in grazia delle glume che sono quasi uguali in grandezza , più 
corte dei fioretti , con lina carena e dotate di areste disuguali senza 
denti di sorta. 

53. Oplisineniis undulatifoliiis Roem. et Schuìtes. 

0. spicis subdecem in spicam interruptam dispositis, rachide 
hirsutissima, glumis dorso glabris , cihatis, vaginis fohorum pilis pa- 
lentibus hirsutis, foliis ovato-lanceolatis, margine undulatis, culmo de- 
bih, decumbente, basi radicante. 

Oplismenus undulatifohus Roem. et Schuìtes syst. veg. 2. p. 482. 
Kunth enuin. pi. 1. p. 139. 

Panicum undulatifolium Ard. sp. alt. p. 13. Dee. (1. frane. 3. 
p. li. Polliti, fi. verni. 3. p. 210. Re fi. torìn. 2. p. 152. Gatid. fi. 
helv. 1. p. 158. Bert. fi. ital. 1. p. 428. Comoll. fi. comens. 1. p. 80. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 892. 

Panicum hirtellum Scop. delie, fi. et faiin. insubr. 3. p. 72. Ali. 
fi. ped. 2. p. 240. Siiffr. foroj. p. 112. Birol. fi. acon. 1. p. 21. 

Panicum Burmanni Balb. mise. hot. 1. p. 8. et fi. taur. p. 12. 
Birol. fi. acon. 1. p. 21. Noce, et Ball. fi. tic. 2. p. 212. 

Orthopogon undulatus Link. h. r. berol. descr. 1. p. 203. 

Orthopogon undulalifolius fìeic/f. //. f/erm. excurs. 1. p. 23. Coli. 
herh. ped. 6. p. 135. 



124 (jllAMlNACEli. 

Figura. — Arduin. l. e. toh. 4. 

Gramen supinum, brevi, hirsuto folio, paniculis cciiinalis, singu- 
laribus Docc. museo di panie p. 66. lab. 56. 

Nome italiano. — Raspellone irsulo Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama i luoghi ombrosi e Sal- 
vatici e le siepi dell'Italia settentrionale. Cresce nel Piemonte, nella 
Svizzera italiana, nel Comigiano, nel Pavese, comunicatomi dai signo- 
ri Rota e prof. Balsamo-Crivelli, nella Valtellina, nel Tirolo italiano a 
Valsugana , donde l' ho avuta dall'Ambrosi , nel Vicentino , nei colli 
Euganei, nel Bassanese nelle siepi ombrose di S. Michele, di Angara- 
no, Romano, ed Asolo presso Bassano, dai quali luoghi mi è stata 
mandata dal Montini, nel Friuli sino ad Aquileja. Fiorisce in Agosto e 
Settembre ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Proprijt dell' Italia settentrionale. Si 
trova anche nel Caucaso, ed altrove. 



XTIII. DIGIT ARI A Scop. 

Scop. fi. carn. 1. p. 42. Juss. gen. p. 20. Willd. eninn. h. herol. /. 

p. 91. Polis de Beauv. agrost. p. 50. Roem. et Schultes syst. veg. 2. 

p. 25. 
Panici species Linn. sp. pi. 32. R. Brown prodr. I. p. 102. Kunlh 

enum. pi. 1. p. 80. Endl. gen. pi. p. 83. 
Syntherisma Schrad. fi. germ. 1. p. 160. 
Paspali species Dee. fi. frane. 3. p. 15. 

Spiculae 2-florae, flore inferiore neutro, superiore hermaphrodi- 
to. Glumae^, muticae, membranaceae , inaequales, inferior minima, 
subinconspicua vel nulla, superior plerumque flosculis dimidio brevior, 
aut illis subaequalis, lanceolata, acuta. Flosculi inferioris palea unica, 
membranacea, superiore abortiente. Reliqua ut in Panico. 

Abito.— Piante annue, con i culmi per lo più in cespuglio, sdrajati 
in basso ed inginocchiati, spesso con radici nei nodi, quasi ascenden- 
ti, gracili e allungati, che si terminano in una pannocchia, formata di 
spighe hneari, e filiformi, nate a piccola distanza le une dalle altre e 
quasi disposte in un fascetto di spighe come le dita della mano, con le 
spighette da un lato e gemine, l' una delle quah è sessile, l'allra pedi- 
celiata. Queste spighette sono muliche e spesso di color porporino. 



DIGITACI A. 125 

Osservazione. — Ho credulo di ammettere questo genere come 
distinto dal panico per i caratteri diversi delle glume, la superiore delle 
quali non è simile come nel panico alla paglietta inferiore del fiore in- 
tcriore, essendo nella digìtaria più piccola e di forma diversa, quantun- 
que non manchino alcune specie, che prive della gluma inferiore 
offrono poi la superiore molto piìi sviluppata. Il fiore inferiore della t/i- 
gitarìa è univalve. 

54. nigUaria saiigiiinalis Scop. 

D. spicis subdigitatis, erecto-patulis, subquinis, spicuhs oblongo- 
lanceolatis, gluma inferiore minutissima, ovata, obtusiuscula, superiore 
trinervi, flosculis plus quam dimidio breviore, margine ciliata , palea 
flosculi neutri subseptemnervi, nervo medio a duobus lateralibus proxi- 
mis distante , glabra , margine pubescente, foliis vaginisque subpilosis. 

Digitarla sanguinalis Scop. fi. carn. 1. p. 52. Ali. fi. ped. 2. 
Roem. et Schultes sgst. veg. 2 p. 469. Presi cijp. et gram. sic. p. 18. 
Pollin. fi. veron. 1. p. 15. Ten. fi. nap. 3. p. 69. Nacc. fi. venet. 1. 
p. 55. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 85. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. 
p. 36. Reich. fi. gerni. excurs. 1. p. 23. Bert. fi. ital. 1. p. 414. Co- 
moll. fi. comens. /. p. 83. Pari. fi. panorm. I. p. 126. Puccin.! syn. 
fi. lue. p. 48. Vis. fi. daini. 1. p. 54. Pari. fi. pai. 1. p. 47. Gries. 
spie. fi. rum. et bith. 2. p. 470. 

Panicum sanguinale Unni sp. pi. 84. Ucria li. r. panorm. p. 54. 
Savi, fi: pis. 1. p. 67. Desf\ fi. atl. f. p. 39. Gaud. fi: helv. 1. p. 53. 
Kunth enum. pi. 1. p. 82. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 111. Koch syn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. p. 891 . 

Dactylon sanguinale Vili. pi. du dauph 2. p. 59. 

Paspalum sanguinale Dee. fi. frane. 3. p. 16. Morie, fi. ven. 1.p.40. 

Syntherisma vulgare Schrad. fi. germ.\ 1. p. 161. Lois. fi. gali, 
edit. 2. voi. 1. p. 42. 

Gramen dactylon, folio latiore Cup. h. cath. pag. 87. Moni. cai. 
slirp. agr. bonon. prod. p. 62. Zannich. ist. delle piante p. 117. Seg. 
veron. 1 . p. 359. 

Figure. — Host gram. austr. 2. p. 14. lab. 17. Reich. icon. 11. 
fig. 1407. Engl. bot. voi. 12. tab. 8i9. ■ 

b. palea floscuU neutri in tota superficie villosa. 

Paspalum ciliare Dee. fi. frane. 5. p. 250. > 

Panicum ciliare iVocc. et Balb. fi. ticin. 1. p. 33. 



126 GRAMINACEE. 

Digitana sanguinalis var. /3. Dert. fi. Hai. I . p. ilo. 

e. ciliaris, palea flosculi neutri inter nervos laterales inlcrmcdios 
hispido-ciliata. 

Panicum ciliare Retz. ohs. i. p. 16. Gaud. jl. helv. I . p. 154. 
Kunth eniim. pi. 1. p. 82. 

Digitaria ciliaris Koeì. fjram. p. 27. Pers. syn. 1. p. 85. Roem. et 
Schultes sìjst. veg. 2. p. i72. Pollin. fi. veron. 1 . p. 75. Fiorìn. append. 
alprodr. della flora rom. p. 3. Reich. fi. germ. exciirs. 1. p. 23. Co- 
moll. fl. comens. 1. p. 84. 

Synth erisma ciliare Schrad. fi. germ. 1. p. 160. Morett. in 
ìtiem. ed osserv. 1 . p 246. Lois. fl. gali. edit. 2. voi. 1 . p. 42. 

Digitaria sanguinalis var. x Beri. fl. ital. 1. p. 415. 

Figure. — Host gram. austr. 4, p. 9. lab. 15. Schrad. fl. gemi. 1 . 
lab. 3. f. 7. 

Nome italiano. — Sanguinaria. Sanguinella. Sanguinelle. Sangui- 
nelle maggiore. Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 91 . 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Comunissima nei luoghi 

coltivati , nei campi , lungo le strade , nei margini dei fossi , e nei 
luoghi incolti arenosi di tutta la penisola e delle isole. La varietà b è 
più rara e solo è stata raccolta nell'Italia settentrionale presso Novara 
e Pavia. La varietà e si trova abbondantemente in Lombardia, nel Ti- 
rolo italiano, in Venezia, nell'Istria, nelModanese: anche in Roma ove 
l'ha veduto il Vahl secondo Dee. fl. frane, ed ove l'ha trovato la si- 
gnora Fiorini. Fiorisce da Luglio sino a Novembre ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Pianta quasi cosmopolita. 

Osservazioni. — Non trovando altra differenza tra la digitaria san- 
guinalis e la ciliaris che quella di avere quest'ultima la paglietta del 
fiore neutro fornita di lunghe ciglia, ispide e più tardi di color fulvo tra i 
due nervi laterali intermedii, io non credo poterne far altro che una 
semplice varietà , molto più che io posseggo degl' individui che ne for- 
mano il passaggio, e che offrono dei peli setosi nel posto che occupano 
le ciglia nella varietà ct7mns ; questi individui raccolti negli oliveti e 
nelle visrne di Terracina mi sono stati comunicati dalla Fiorini e in Ca- 
nosa nel regno di Napoli dal Bruni. Nulla di più variabile in questa spe- 
cie della peluria delle spighette e a preferenza della paglietta del fiore 
neutro: io ho veduto i nervi di essa in alcuni individui esser pelosi, 
in altri pelosa tutta la superficie della paglietta, ce. Il botanico filo- 
sofo non accorda di certo alcuna importanza a simih caratteri che 
dipcndon d' ordinario dalla natura del luogo in cui la pianta cresce. 



DIGITAHIA. 1-27 

La difjìlarki aeyìipiiaea, mollo alfine alla snnguiìKiUs, si distinguo 
principalmente da questa per avere la gluma inferiore quasi nulla e la 
superiore piìi grande e solo un poco più corta dei fioretti, mentre nella 
mnguinalis è più della metà più corta di queste. 

Il genere digitarìa meriterebbe di essere illustrato da un valente 
monografo. 

55. Digitaria debilis Wtlld. 

D. spicis subdigitatis, filiformibus, subquinis, spiculis oblongo- 
lanceolatis, gluma inferiore nulla, superiore flosculos superante pa- 
leaque flosculi neutri cuspidatis, subseptemnervibus , puberulis, vaginis 
foliorum inferiorum villosis. 

Digitaria debilis Wtlld. enum. 1. p. 01. Ten. syll.inadd.p.o57. 
et fi. nap. 5. p. 323. 

Panicum debile Desf. (l. ali. 1. p. 59. Beri. fi., ital. 2. p. 778. 

Paspalum debile Roe7n. et Schult. sijst. veg.2. p. 303. Kunth enum. 
pi. 1 . p. 47. 

Figura. — Nessuna . 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Cr.esce nei luOghi Umidi delle 

vicinanze di Napoli presso le spiaggie del mare al Fusaro , vicino il 
Lago dì Agnano, a Pozzuoli ec. Fiorisce in autunno ed è annua. 

Distribuzione geograHca. — 11 Desfontaines l'ha trovata nell'Al- 
geria presso la Calle donde solo per ora si conosce oltre dell' Italia. 

Osservazione. — Questa Specie per la mancanza della gluma in- 
feriore e per lo sviluppo maggiore della superiore, che ne deriva, 
avvicina , come altre specie di questo genere , la digitaria al paspalum. 

56. Digitarla glabra Rocm. et Schultes. 

D. spicis digitatis, fdiformibus, subgeminis, spiculis ovato-ellipti- 
cis, gluma inferiore subnulla, superiore flosculos acquante paleaque 
flosculi neutri acutis, subseptemnervibus, pubescentibus, ad nervos 
glabris, foliis vaginisque glabris. 

Digitaria glabra Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 47J. Beri. fi. 
ital. 1 . p. il 7. ComoU. fi. com. 1 . p. 8ò. 

Panicum sanguinale Pollich. fi. palai. I . p. 57. 

Paspalum ambiguum Dee. fi. frane. 3. p. 16. 

Digitaria filiformis Koel. gram. p. 25. exclus. syn. panici fìliformis 
Lìmi. Reich. fi. germ. excurs. /. p. 23. 



1-28 GUAMINACEE. 

Panicum lineare Krock. fi. sìles. 1 . p. Do. 

Digitarla humifusa Pers. si/n. pi. I . p. 8ù. Willd. eniun. p. Do. 
Re app. ad fi. pedem. p. IO. Ten. fi. nap. o. p. 09. 

Syntherisma glabrum Schrad. fi. germ. I . p. 163. 

Panicum glabrum Gaud. agrost. helv. I . p. 22. et fi. helv. 1 .p. lijo. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 892. Kunth enum. pi. J. p. 83. 

Panicum arenarium Dieb. cane, sappi, p. 52. 

Panicum huniifusum Kmiììi grani. I . p. 33. 

Figura. — Engl. hot. sappi, voi. J. tah. 2013. Schrad. fi. germ. 
1. tah. 3. fìg. 6. 

Nome italiano. — Sanguinella sottile Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura^ — Nei Campi e lungO le Strade 

presso Torino a Superga, del Comigiano, del Milanese, del Pavese, del 
Tirolo, della Liguria occidentale presso Pegli , del Mantovano a Miglia- 
retto, dell'agro di Macerata, e delle vicinanze di Napoli. Forse cresce 
in molti altri luoghi della penisola, essendo stata confusa con la digìla- 
ria sanguinalis. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa media e meri- 
dionale, della Russia australe e dell'Oriente. 

Osservazioni. — Distingucsi facilmente questa specie dalla sangui- 
nalis per le spighe d'ordinario gemine e qualche volta al numero di tre, 
che sono filiformi, per le spighette alquanto ovate e più piccole, perla 
gluma inferiore quasi nulla, e la superiore che uguaglia in lunghezza i fio- 
retti, perla paglietta del fiore neutro glabra solo nelle nervature, ma pe- 
losetta negli spazii intcrmedii, e per le guaine e le foglie che sono glabre. 

JLKIL. TRAGUS Hall. 

Hall. hist. stirp. ind. helv. 2. p. 203. Desf. fi. atl. 2. p. 380. Palis. de 
Beauv. agr. p. 23. Neesab. Esenb. fi. afr. austr. ili. p. 12. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 17. 

Nazia Adans. famill. des pi. 2. p. 31 et 581 . 

Cenchri species Limi. sp. pi. 1487. Lamk. fi. frane. 3 p. 031 . 

Phalaridis species Forsk. descr. p. 202. 

Lappago Schreb. yen. p. 131. Kunth enum. pi. 1. p. 109. Endl. gen. 
pi. p. 80. 

Spiculae geminae vel quinae, 2-tlorae, flore inferiore neutro, 
superiore hermaphrodito , in spiculis intermediis nullo. Gluma inferior 



TRAGUS. 129 

nulla, superior minuta, membranacea, plana. Flosculus inferior 
neuter, unipaleaceus , palea coriacea, concava, ad nervos echinata. 
Flosculi hcrmaphroditi paleae 2 , subcoriaceae , concavae , inferior su- 
periorem araplectens. Perigonii squamulae membranaceae, glabrae. Sta- 
mina o. Ovarium glabrum. Styli 2, distincti. Stigmata piumosa. Caryopsis 
glabra, elliptiea , compressiuscula, latere altero leviter unisulcata, libera, 

paleis obtecta. 

Abito. — Pianta annua, per lo più sdrajata e disposta in cespugli, 
con culmi ascendenti , che mandano radici e formano nuovi cespugli 
nei nodi inferiori, con foglie rigide, lineari e con larghe ciglia nei 
margini , e con racemi terminali alquanto laschi , formati di spighette 
con corti peduncoli, e con la paglietta del fiore neutro avente nei nervi 
degli aculei uncinati. I racemi tendono al porporino, come pure i culmi 
e le guaine. 

Osservazione. — Ho ritenuto il genere iragtis di Haller, perchè 
è molto anteriore alla lappago dello Schreber. Ho seguito poi la spiega- 
ziore delle spighette data dal Nees ab Esenbeck, anziché quella del 
Kunth, perchè mi sembra più conforme al piano di organizzazione di 
esse nella tribù delle panicee. 

59. Tragus raceniosus Hall. 

T. racemo laxiusculo, brevi, spiculis5-5-nis, oblongo-lanceolatis, 
acuminatis, sub 8-seriatis, seriebus quatuor grandioribus. 

Tragus racemosus Hall. helv. U13. Ali. fi. ped. 2.p. 2ìJ. Desf. 
(l. ali. 2. p. 386. Beri. pi. gen. p. 137. Dee. fi. fran. S.p. 12. Roem. 
et Schult. sijst. veg. 2. p. 378. Presi cijp. et grani, sic.p. 19. Morie. II. 
venet. 1. p. 41. Seb. etMaur. fi. rom. prodr. 1. p. 34. Gaud. fi. helv. 1. 
p. 174. ComolUfl. coni. 1. p.35. Koch sijn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 891. 

Cenchrus racemosus Linn. sp. pi. 1487. 

Lappago racemosa Willd. sp. pi. 1. pari. 1. p. 484. Sibth. et 
Smith fi. graec. prodr. 1. p. 76 et fi. graec. 2. p. 2. Savi hot. etrusc. 1. 
p. 97. Beri, amoen. ital. p. 123. Pollin. fi. veron. 1. p. 90. Ten. fi. 
nap. 3. p. 70. Nacc.fl.venet.1.p. 58 Giiss.pl. rar.p. 30eifl. sic. prodr. 1. 
p. 29. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 45. Reich. fi. germ. excurs. 1. 
p. 24. Kunih enum. pi. 1. p. 170. Beii. fi. ital. 1. p. 821. Pari. fi. 
panorm. i. p. 112. Puccini sijn. fi. lue. p. 43. Vis. fi. daini. 1. p. 55. 
Guss. syn. fi. sic. 1. p. 116. Pari. fi. palerm. 1. p. 48. Gries. spie. fi. 
rum. et bith. 2. p. 469. 

Fr.oRA Italiana. Vol. I. " 



150 GRAMINACEK. 

Gramen echinatum parvum Mont. cai. stirp. (ifjr. hon. prodr. p. G'i. 
Zann. ìslor. delle piante p. J3i. Seg. veron. 3. p. 359. 

Figure. — Host grmn. austr. 1 . tab. 36. Sibth. et Smith fi. graec. 
S. tah. 101. 

Gramen caninum, spicatum, echinatis glumis Barr. 718. 

Nome italiano. — Gramigna lappola Bei't. l. e. Lappagine race- 
mosa Pollin. l. e. 

Stazione , Abitazione e rioritura. — NaSCe nei luoglli arenosi , 

lungo le sponde dei torrenti e dei fiumi, come pure ne' luoghi marit- 
timi e nelle colline secche anche lontane dal mare di tutta l'Italia 
settentrionale e della centrale ove diviene un poco meno comune. Nel- 
r Italia meridionale si rende più rara: trovasi in Puglia, in Manfredonia, 
in Barletta, in Canosa presso l'Ofanto, dai quali luoghi mi è stata comu- 
nicata da Gasparrini e da Bruni, e nell'isola di Capri ec. In Sicilia è 
stata osservata in Catania e in Melazzo, il Presi dice di trovarsi presso 
Palermo, ma nessuno degli altri botanici ve l'ha raccolta. Fiorisce in 
Giugno e Luglio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie sparsa nei climi temperati 
meridionali e nei tropicali del vecchio e del nuovo mondo. 

XX. TniCmOI^MNA Schmd. 

Schrad. in lìoeni. et Schultes mant. 2. p. 8. Pati, in Wehhphyt. canar. 

3. part. S. p. 425. 
Sacchari species Lìnn. fìl. suppì. p. 106. 
Panici species R. Brown prodr. 1 . p. 30. Presi ojp. et gram. sic. 

p. 18: Kimth emim. pi. 1 . p. 98. 
Agrostidis species Ten. fi. nap. suppl. 3. p. 379. 

Spiculae solitariae, 2-florae, flosculo inferiore masculo, superiore 
hermaprodito, utroquebipaleaceo. Gluma inferior nulla, superior mem- 
branacea, concava, apice integro, mucronata, mutica, flosculo herma- 
phrodito longior. Flosculi masculi palese 2, membranaceae, inaequales, 
inferior glumae omnino similis, superior apice obtusa et lacera, utrin- 
que ad marginem inflexum nervo viridi ciliolato-instructa. Stamina 3. 
Flosculi hermaphroditi paleae 2, subaequales, coriaceae, nitidae, in- 
tegrae, inferior latior superiorem amplectens. Stamina 5. Slyli 2, elon- 
gati. Stigmata aspergilliformia , e latere floris egredientia. Caryopsis 
glabra, libera? 



TUICHOL/ENA. 151 

Abito. — Pianta a radice perenne, a culmi in cespuglio, dotati ,di fo- 
glie piane, e poscia convolute, glabre, alquanto glauche, corte, e con 
una serie di peli invece di ligula. La pannocchia è eretta, lunga da '2 
a 4- pollici, patente nell'atto della fioritura, piià tardi contratta, i rami 
di essa son capillari , glabri , alternativamente in fascetto e divisi , le 
spighette piccole, solitarie e coperte di peli in forma di seta. 

Osservazioni. — Il genere trkholaena di Schrader da me ricono- 
sciuto anche nella fitografìa delle Isole Canarie, è ben distinto dal sac- 
charum e dal panicum , da non potersi atfatlo confondere con alcuno 
di essi: si avvicina però più al panicum, da cui, interpetrando come ho 
fatto ora la struttura delle spighette della tricholaena, si distingue su- 
bito per la mancanza della gluma inferiore ec. In altro modo spiegando 
il suo fiore, esso ne sarebbe ancora piti distinto per avere le glume in 
quel caso uguali, per il fiore maschde univalve, per le pagliette del 
fiore ermafrodito quasi cartacee e non cartilaginee ec. La nuova inter- 
petrazione data a questo genere tricholaena mi sembra più adatta alla 
struttura del fiore delle panicee. 

Col mio genere tricholaena, eh* è quello stesso di Schrader, 
perchè fondato sulla medesima specie, il sacchanim Teneriffae di Lin- 
neo , però diversamente interpetrato ora da rne , non devesi punto con- 
fondere il genere tricholaena di Nees ab Esenbeck {pi. Afr. austr. il- 
lastr. p. 16), il quale comprende delle specie molto diverse che spet- 
tano al genere monachyron da me stabilito nelle graminacee della flora 
delle Isole del Capo Verde , pubblicata per cura del sig. Hooker. In 
queste specie del Nees ab Esenbeck esiste in fatto la gluma inferiore, 
in forma di brattea , isolata e distante dai fioretti e dall'altra gluma , que- 
sta è bifida all' apice e dotata di un' aresta o seta , nata dal seno della 
biforcazione, la paglietta inferiore del fioretto maschile è simile a que- 
sta , e quindi bifida ed arestata , bifida è ancora all' apice la paglietta 
superiore di questo medesimo fioretto maschile, ec. così la tricholaena 
rosea , la tonsa , e la capensìs di Nees ab Esenbeck , devono riportarsi 
al monachtjron, e chiamarsi monachyron roseum Pari, monachyron ton- 
sum Pari, e monachyron capense Pari. 

5S. Trieolaena Teneriffae Pari. 

Tricholaena Teneriffae Pari, in Wehh phyt. can. 3. part. 2. p. ii5. 

Saccharum Teneriffae Linn. jil. suppl. p, 106. Sibth. et Smith fi. 

graec. prodr. I. p. 30. et fi. graec. I. p. 30. Biv. sic. pi. man. i. 



152 GRAMINACEE. 

p. 5. Roem. et Schultes sysl. veg. 2. p. 28o. Teii. jl. nap. S. p. 50. 
Guss.pl. rar.p. 57. et fi. sic. prodr. 1. p. 137. Morett. dee. 4. p. 0. et 
in giorn. di fìsic. etc. di Conf. e Brugn. dee. S. tom. 5. p. 2i0. Beri, 
fi ital. 1. p. 328. Guss. (l. sic. syn. 1. p. 159. 

Panicum Teneriffae R. Brown prodr. 1. p. 30. Ten. syll. p. 40. 
Kunlh enum. pi. 1 . p. 08. 

Agrostis piumosa Ten. in cat. pi. hort. reg. neap. anno 1813 app. 
1. p. 20. et prodr. della fior. nap. suppl. 1. p. LIX. 

Panicum villosum Presi cyp. et gram. sic. p. 18. excl. syn. 

Tricholaena micranlha Schrad. in Roem. et Schnltes mant.2.p. 163. 

Figura. — Biv. l. e. tab. 1. Jacq. fil. eccl. 1. p. 51. tab. 34. 
Sibth. et Smith fi. graec. tab. 53. non esalta per i fiori. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline arenose 6 cal- 
caree marittime dell'estrema punta meridionale della penisola, da Pizzo, 
Bagnara e Reggio a Capo di Bova, e nella vicina costa della Sicilia da 
Messina alla marina d'Itala. Fiorisce da Maggio ad Ottobre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nasce nelle isole di Teneriffe e di Ca- 
naria , in quelle del Capo verde , in Calabria , in Sicilia e nell' Arabia 
petrea . 

Osservazioni. — Gli esemplari italiani di questa pianta sono per- 
fettamente identici di quelli che io possiedo e che ho descritto di Te- 
nerifTe e delle isole del Capo Verde, non che di quelli di Wadi Hebran 
dell' Arabia petrea. 



TRIBr QUARTA. 

ANDROPOGONEE. 

Andropogoneae Kunth enum. pi. 1. p. 470. Pari. fi. pai. 1 . p. 263. 

Spiculae polygamae , saepe geminae, spicula altera sessilis, altera 
pedicellata, 2-florae ut plurimum cum rudimento floris inferioris neu- 
tri vel cum flore inferiore masculo. Glumae 2 , muticae , vel altera ari- 
stata. Paleae 2, vel 1, hyalino-membranaceae , glumis breviores, mu- 
ticae vel altera aristata. Stamina 5. Styli 2, longi, Stigmata aspergilli- 
formia. Cayopsis glabra et libera. 

Distribuzione geografica. — Amiche Ic piante di questa tribtli dei 
chmi piutloslo caldi e tropicali , moslransi più abboiidanlemcnie nel 



ANDROPOGONEE. 155 

me2zogiorno e nella costa occidentale che al nord della penisola, 
e nelle isole, a preferenza in Sicilia. In quest'isola in fatti si trovano 
tutte le specie italiane di questa tribù , meno il chrysopogon Grillus , e 
V andropogon Ischaemuìn, che vi è però rappresentato dal mio andropo- 
(jon panormitanum. 11 saccharum aegyplìacum ne forma il piiì bello e 
caratteristico ornamento che la Sicilia ha in comune con l'Egitto, 
mentre in questa isola stessa e nella penisola s'innalza dotato di ele- 
gante pannocchia Verianthiis Ravennae. Nessuno dei generi europei 
di questa tribù manca nella nostra flora , che ne è anzi la più ricca di 
specie. Il sorghiim campamim di Tenore e Gussone è specie non affatto 
indigena ma coltivata da tempo immemorabile presso Venafro. 

XXI. SACCHARUin lìoem. et Schultes. 

Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 11 . Kunth enum. pi. 1 . p. 47 i. End!. 

gen. pi. p. 107. Pari. fi. pai. 1. p. 264. 
Sacchari species Linn. sp. pi. p. 32. Beri. fi. ilal. 1. p. 327. 

Spiculae geminae, altera sessilis, altera pedicellata, basi articula- 
tae, et villis sericeis, annuii ad instar, involucratae, 2-florae, flosculo 
inferiore neutro unipaleaceo, superiore hermaphrodito, bipaleaceo. Glu- 
mae2, subaequales, membranaceae , muticae, flosculis longiores. Pa- 
leae utriusque floris muticae, hyalinae, floris hermaphroditi minutae, 
inaequales. Perigonii squamulae 2, sub apice 2-5-lobae. Stamina 5. 
Styli 2, elongati. Stigmata aspergilHformia. Caryopsis ovoideo-lrigona , 
"labra, libera. 

Abito. — La specie italiana di questo genere è una pianta alta 
quasi due volte l' altezza dell' uomo , con i culmi rotondi , grossi , for- 
niti di foglie assai lunghe , scanalate di sopra , ove presentano una linea 
bianca longitudinale , con una grossa nervatura al di sotto ; le guaine 
inferiori sono ispide. La pannocchia è assai lunga e bella, carica di 
una gran quantità di piccole spighette , che hanno alla base un ciuffo 
di peli a guisa di seta, lungo quasi il doppio delle spighette stesse. 
Queste sono articolate e ivi si distaccano con facilità. 

59. Saccliaruiii ae^yptiacuni Willd. 

S. panicula lanceolata, elongata, composita, rachide ramisque 
dense villoso-sericeis, villis involucrantibus sericeis spicula duplo lon- 



154 GRAMINACEE. 

gioribus , foliis glaucescentibus , carinatis , margine serrulalis , culmo 
superne villoso. 

Saccharum aegyptiacum WHÌd. enum. h. herol. I . p. 82. Delti . 
descrìpt. de l'Ègypt. edil. 2. toni. 19. p. 12. Roem. et Scìmltes syst. 
veg. 2. p. 286. et mani. 2. p. 162. Guss. fi. sic. prodr. suppl. 1. p. 33. 
Kunth enum. pi. 1. p. 475. Dert. (l. ìtal. 1 . p. 331 . Savi! cat. di 
piante egiz. in mem. di Raddi. Pari. fi. panorm. 1 . p. 74. Guss. fi. 
sic. srjn. 1. p. 161. Pari. fi. palerm. 1. p. 264. 

Saccharum biflorum Forsk? fi. aegypt. arab. cent. 1. p. 16. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Cannamele di Egitto Dert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nasce vicinO Palermo Sulle 

sponde del fiume Greto presso il ponte della Grazia e il ponte di Cor- 
leone ove l'ho raccolto in fiore nei mesi di Settembre e di Ottobre. L'ho 
pure dà presso Messina al Faro ove primo la notò il Link, ed ove 
si coltiva ancora per gli usi che sono indicati qui sotto. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce ancora in Egitto sulle sponde 
del fiume Nilo ec. 

Usi. — Questa pianta è grandemente coltivata nelle spiagge del 
Faro vicino Messina per far varie linee di siepi nei campi coltivati con 
lo scopo di difendere particolarmente la vite ed altre piante fruttifere 
dal vento di scirocco , che colà soffia impetuosissimo , arrecando im- 
mensi danni. 

XXII. ERIAIVTHUS Rich. 

Ridi, in Palis. de Reauv. agrost. p. 14. Roem. et SclmUes syst. veg. 

2. p. 14. Kunth enum. pi. 1 . p. 478. Endl. gen. pi. p. 107 . Nees 

ah Esenb. pi. Afr. aiistr. ilìustr. p. 92. 
Andropogonis species Linn. sp. pi. p. 1481 . 

Sacchari species Lmn. syst. veg. edit. 13. p. 88. Rert. fi. Hai. I.p. 327. 
Ripidium Tnn. fund. agrost. p. 169. 

Spiculae geminae, altera sessilis , altera pedicellata , basi articula- 
tae, et villis rigidulis involucratae, vel saltem in glumis villosae, 2-florae, 
tlosculo inferiore neutro, unipaleaceo, superiore hermaphrodito, bipa- 
leaceo. Glumae2, subaequales, chartaceae, mulicae, flosculis longiores. 
Flosculi neutri palea unica, hyalina, mutica. Palcae floris liermaphro- 
diti hyahnae, inaequales, inferior major apice aristala, superior mulica. 



ERIANTHUS. 155 

Perigoniisquamulacovato-lanceolatne, truncatae. Slamina l-.j.Slyli 2, 
elongati. Stigmata aspergilliformia. Caryopsis glabra, libera. 

Abito. — Veìianthus Ravennae forma dei culmi in cespuglio, alti 
due volte l'altezza di un uomo, dotati di foglie assai lunghe, scanalate, 
con una linea bianca longitudinale in sopra , con una grossa nervatura 
in solfo, e con un margine seghettato-scaberrimo. La pannocchia è 
terminale, ramosissima , lanceolata, lunga da un piede e mezzo a 2 piedi 
e mollissima. Le spighette sono abbracciate e rico-perte da una quan- 
tità di peli rigidetti ma bianchi e come seta, lunghi quanto le spighette 
medesime. 

Osservazione. — Genere appena distinto dal saccharum per la na- 
tura e posizione dei peli che accompagnano le spighette, per la natura 
cartacea delle glume, per la presenza della aresta nella paglietta infe- 
riore eh' è più larga, e per le squamule che sono ovato-lanceolate. 

60. Eriantliiis BaTennae Palis. de Deauv. 

E. panicula lanceolata , elongata, ramosissima, demum contrada, 
^piculae sessilis glumis glabris, spiculae pedicellatae basi villosis, arista 
coroUina glumas excedenle, foliis canaliculatis, margine serrulato- 
scaberrimis, culmo farcto, elalo. 

Erianlhus Ravennae Palis.de Beauv. agrost. p. li.Roem. etSchult. 
syst. veg. 2. p. 323. Presi cyp. et gram. sic. p. 18. Kunth enum. pi. 1 . 
p. 470. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 889. 

Andropogon Ravennae Linn. sp. pi. p. 1481 . Maratt. fl. rom. 2. 
p. 3G7. 

Saccharum Ravennae Linn. syst. veg. edit. 13. p. 88. Savi fi. 
pis. 1 . p. 21. Desf. fi. atl. 1 . p. o3. Suffr. foroj. p. ilo. Savi due cent, 
p. 17. Dee. fi. frane. 3. p. 20. Sibili, et Smith fi. graec. prodr. 1. p. 36. 
et fi. graec. 1 . p. 38. Savi hot. etriisc. 1. p. 43. Ruclùng. fi. dei lid. 
venet. p. 36. Morie, fi. venet. 1. p. 68. Pollin. fi. veron. 1. p. 89. 
Ten. fi. nap. 3. p. 40. Nacc. fi. venet. 1. p. 80. Guss. fi. sic. prodr. 1. 
p. 137. Sei). etMaur. fi. rom. prodr. p. 2i. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. 
p. 56. Reich. fi. gemi, exciirs. 1. p. 35. Bert. fi. Hai. 1. p. 320. 
Puccini fi. lue. syn. p. 38. Vis. fi. daini. 1. p. 52. Guss. fi. sic. syn. 1. 
p. 100. Gries. spie. fi. rum. et Villi. 2. p. 472. 

Ripidium Ravennae Trin. ftind. agrost. p. 169. 

Arundo farcia vallium Ravennae (Canna prima delle valli di Ra- 
venna) Zanon. istor. hot. p. 64. tav. 94. Moni. cai. siirp. agr. hon. 



17>G GRAMINACEE. 

prodr. p. 32. Seguier ver. 1 . p. 361. Gìnnan. ktor. delìeprn. lìavenn. 
p. 184. 

Pigure. — Sìhiìi. et Smith fì. graec. 1. lab. 52. Ilost grani, 
atistr. 3. p. 1 . tab. 1 . 

Gramen arundinaceum ramosum, plumosum, album Zannich. 
istor. delle piante p. 126. tab. 52. fig. 2. 

Nome italiano. — Canna piana delle valli di Ravenna. Cannella 
Targ. Tozz. diz. hot. tom. 1. p. 208. Cannella sorda Savi. fi. pis. 1. 
p.51. 

Stallone , Abitazione e Fioritura. — Ama le Sponde de' fiumi , i 

luoghi paludosi, i campi inondati, e a preferenza le spiagge del mare. 
Abbonda più nel lato orientale che nel lato occidentale della penisola. 
Trovasi lungo l'Adige presso Verona e Bonavigo, sul lago di Garda, 
nel lido di Venezia , sulle sponde della Piave e del Tagliamento , a 
Monfalcone presso Trieste, nelle isole del Po e vicino Mantova, nelle 
paludi di Comacchio , a Ravenna lungo il fiume Lemone, a Viareggio 
nel Lucchese , a Pisa , a Ostia , a Castelfusano , nelle paludi Pontine 
ed in alcuni luoghi del regno di Napoli , soprattutto a Pesto, al Fusaro, 
a Pozzuoli, ec. In Sicilia si trova sempre in luoghi marittimi verso il 
lato settentrionale ed orientale, così a Oliveri, Melazzo, Spadafora, e 
a Catania. Cresce ancora nelle isole Eolie di Stromboli, Panaria, 
Lipari e Vulcano. Fiorisce in Settembre ed Ottobre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nasce, oltre dell' Italia , nel mezzo- 
giorno della Francia, in alcune isole di Dalmazia ed in Grecia, sul mar 
Caspio e in Barbaria. 

Usi. — Se ne fa uso in alcune città per far fuoco ne' forni , come 
per coprire le capanne. 

XXIII. IMPERATA Ctjr. 

Cyr. pi. rar. neap. fase. 2. p. 26. R. Broivn prodr. p. 203. Palis. de 
Beauv. agrost. p. 7. Roem.. et Schultes syst. veg. 2. p. 13. Kunth 
eniim. pi. 1. p. 477. Endl. gen. pi. p. 107. Nees ab Esenb. fi. afr. 
austr. ili. p. 88. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 895. 

Laguri species Linn. gen. pi. p. 37. 

Sacchari species Lamk. encycl. meth. 1. p. 594. Bert. fi. ital. I.p. 332. 

Spiculae geminae, altera sessihs, altera pedicillata, basi articulatae, 
2-florae, flore inferiore neutro, unipaleaceo, superiore hermaphrodito, 



IMPERATA. 157 

bipaloaceo. Glumae membranaceae, inaequales, muticac, flosculis lon- 
giores, dorso pilis longissimis sericeis obsitae. Paleae utriusque floris 
muticae, hyalinaè, flosculi hermaphroditi minores, inaequales. Peri- 
gonii squaraulae nullae. Slamina 2. Ovarium glabrum. Styli connati. 
Stigmata aspergilliformia. Caryopsis ovoidea, glabra, libera! 

Abito. — Pianta perenne, a radice repente, a culmi alti da un 
piede e mezzo a due piedi, per lo più semplici, a foglie lineari, piane 
e più tardi convolute, con una pannocchia cilindrica, densa, mollissima 
e come di seta, in mezzo ai di cui peli spiccano gli stimmi allungati di 
color fosco e come porporini. 

Oi. Imperata eyliudrica Paììs. de Beauv. 

Imperata cylindrica Palis. deDeauv. agrost. p. 7. Reich. fi. germ. 
excurs. i. p. Si. Koch syn. fi. fjerin. et helv. edit. 2. p. 895. Gries. 
spie. fi. rum. et hith. 2. p. 472. 

Lagurus cylindricus Lìmi! sp. pi. 120. Ali. fi. ped. 2. p. 239. 

Saccharum cylindricum Lamk. enc.ycl. hot. 1 . p. 594. Desf. fi. ali. 
I. p. 54. Savi due cent. p. IG. Dee. fi., frane. -3. p. 29. Sibth. et Smith 
fi. graec. prodr. 1 . p. 36 et fi. graec. I . p. 40. Savi hot. etriise. 1 . p. 44. 
Pollin. fi. veron. I . p. 89. Tea! fi. nap. 3. p. 49. Guss. fi. sic. prodr. 
L p. 138. Seb. et Maiir. fi. rom. prodr. 1 . p. 25. Lois. fi. gali. edit. 2. 
voi. 1. p. 55. Dert. fi. ital. 1. p. 332. Pari. fi. panorm. 1. p. 73. Pac- 
e/in! syn. fi. lue. p. 39. Guss. fi. sic. syn. 1 . p. 1GI . 

Saccharum Thunbergii Retz ohs. 5. p. 17. 

Imperata arundinacea Cyr. l. e. p. 20. R. Drown prodr. p. 204. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 288. Presi cyp. et grani, sic. p. 53. 
Kimth enurn. pi. 1 . p. 477. Pari. fi. pai. 1. p. 266. 

Saccharum Sisca Cav. ic. rar. 2. tab. 292. 

Imperata Thunbergii Nees ah Esenh. fi. Afr. atistr. illuslr. p. 89. 

Gramen alopecurus, majus, spica longiore Mont. cat. stirp. agr. 
honon. prodr. p. 59. 

Figure.— Sìhth. et Smith fi. grp.ec. 1. tab. 54. Gyr. l. e. tab. 11. 
Host gram. austr. 4. p. 23. tab. 40. 

Gramen pratense, alopecurum, sericea panicula i?arre/. icon. 11. 

Nome italiano^ — Falasco. Codino bianco Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCC nelle ColUnC aride C in 

luoghi arenosi lungo la costa occidentale della penisola da Nizza a Na- 
poli e a Pesto; l'amico Orsini l'ha- trovata ancora presso il porto di 



138 GRAMINACEE. 

Ascoli dal lato dell'Adriatico, e il Marzialelti nel prossimo lido di 
S. Benedétto. Cresce nelle isole di Corsica, di Sardegna, di Sicilia, 
dell'Elba, di Lipari. Fiorisce da Maggio ad Agosto. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie sparsa sul globo. Abita l'Eu- 
ropa meridionale, l'Egitto, l'Arabia, il Capo di Buona Speranza, le 
Indie Orientali, l'isola di Giava, la Nuova Olanda, il Chili ec. ec. 

Osservazione. ■ — Da questa Specie non differiscono gli esemplari 
del Capo di Buona Speranza col nome di hnperata Thunbergii Nees ab 
Esenh. ossia sacchamm Thunhergn di Retz, né gli esemplari delle Indie 
Orientali ec. 

XXIV. AlVUROPOGOIV Link. 



Link. h. reg. berol. 1 . p. 238. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 52. 

Bert. jl. Hai. 1. p. 467. Pari. fi. palerm. 1. p. 267. 
And.ropogonis species Linn. gen. p. 540. Kunth ennm. pi. 1. p. 485. 

Endl. gen. pi. p. J08. Koch. sgn. fi. gemi, et heìv. edit. 2. p. 889. 

Spiculae geminae , 1-florae, inferior sessilis hermaphrodita , su- 
perior pedicellata , mascula vel neutra. Glumae 2, coriaceae, subae- 
quales, apice integrae, muticae, flosculis longiores. Paleae 2, hyalino- 
membranaceae, inaequales, palea altera flosculi hermaphroditi apice sub- 
bidenlata, aristata, arista arliculata, basi contorta, demum refracta, in 
flosculo spiculae superioris palea 1, vel 2, mutica. Perigoni! squamu- 
lae 2, truncatae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, ter- 
minales. Stigmata piumosa. Caryopsis glabra, libera. 

Abito.' — ^ Piante in cespuglio, perenni, a culmi diritti, spesso ramo- 
si, a foglie strette e lineari, a spighette gemine o riunite in un fascette, 
portanti delle spighette piccole , spesso porporine, gemine, l'inferiore 
delle quali sessile é fornita di una aresta lunghetta, articolata e contorta 
alla base, la superiore affatto mutica. 

Osservazioni. — Il Kunth descrive la spighetta inferiore ermafro- 
dita di questo genere come biflora , con il fiore inferiore neutro , uni- 
paleaceo, il superiore ermafrodito, bipaleaceo. lo però non ho potuto 
mai vedere il fioretto inferiore neutro nelle specie di questo genere da 
me possedute. 



ANDROPOGON. 150 

69. Andropogon Ischaemum Linn. 

A. spicis 5-10 digitato-congestis, pedunculis spiculaque berma- , 
phrodita basi subnudis, gluma inferiore spiculae hermaphroditae a 
basi ad medium fere pilosa , spiculae masculae nuda , utraque mulli- 
nervi, pedicellis sericeo-villosis , ligula subnulla, pilosa, foliis anguste 
linearibus, elongatis, margine scabris , villosis , culmis subsolitariis. 

Andropogon Ischaemum Linn. spec. pi. 1483. AHI fi. ped. 2. 
p. 261. Savi fi. pis. 2. p. 386. Beri. pi. genuens. p. 136. Deci fi. 
frane. 3. p. 95. Roem. et Scìmltes syst. veg. 2. p. 822. Morie, fi. ve- 
net. 1. p. 70. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. p. 69. Gaud. fi. helv. 1. 
p. 213. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 43. Reich. fi. germ. excurs. 1. 
p. 33. Kunth enum. pi. 1. p. 499. Comoll. fi. com. 1. p. 162. Vis. ft. 
dalm. 1. p. 50. Rodi syn. fi. germ. et. helv. edit. 2. p. 890. Gries. 
spie. fi. rum. et bith. 2. p. 473. 

Andropogon angustifolium SiUh. et Smith fi. graee. prodr. 1. 
p.47. Roem. etSchidtessyst. veg. 2.p. 822. Bertol.amoen. ital.p. 211 . 
Maur. rom. pi. cent. XIII. p. 11. Morett. inmemor. edosserv. 1. p. 304. 
Pollin. fi. veron. 3. p. 201. Nacc. fi. venet. 5. p. 76. Dert. fi. ital. 1. 
p. 470. excl. syn. Presili'. Ten. fi. nap. 5.p. 285. Puccini syn. fi. lue. 
p. 48. 

Gramen dactylon spicis villosis Mo/)^ cai. stirp. agr. bonon. prodr. 
p. 62. Seg. veron. 1. p. 359. Zannich. ist. delle piante, p. 117. 
lab. 194. f. 2. 

Figure. — Host gram. avstr. 2. tab. 2. Jaeq. fi. austr. 4. tah. 384. 

Gramen dactylon spicalum , aristis geniculatis Barr. ic. 753. fig. 2. 
Nome italiano. — Erba luciola Cacs. de plani, p. 185. Fieno. 
Gramigna, Pie di pollo. Sanguinella Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 19. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe dapertutto ne' pascoli 

seccbi sì bassi che montuosi, nelle colline, nei luoghi arenosi lungo i 
fiumi , sulle mura delle città ec. di tutta la penisola dalla Svizzera ita- 
liana, dal Tirolo, e dal Friuli sino al regno di Napoli. Manca nelle 
isole. Fiorisce da Luglio a Settembre. È perenne. 

Distribuzione geografica. — È propria dell'Europa meridionale, 
del Caucaso, del Capo di Buona Speranza e delle Indie Orientali. 

Osservazioni. — Ho riferito la pianta di Sibthorp e Smith al vero 
andropogon Ischaemum di Linneo, tanto per i sinonimi eie figure da 
Linneo citate per la sua pianta, che certamente spettano alla nostra. 



140 GHAMINACEE. 

quanto per la sfazione deW Ischaemum , clic Linneo dice di nascere in 
Europae australiorìs aridis, collihus, saxosis, sebbene nel suo erbario 
si trovi sotto il nome di andropogon hchaemum un esemplare del pro- 
vinciale di Lamk. Si vede bene che è stato commesso uno sbaglio nel- 
r erbario , mentre io non posso credere che Linneo avesse sotto il suo 
a. Ischaemum voluto descrivere W provinciale, avendo detto a di più nella 
sua frase specifica , spicis dicjilatis plurimis ^ mentre nel provinciale sono 
ordinariamente al numero di quattro. Chi ha visitato 1' erbario di Lin- 
neo e chi ha un erbario sa bene che esistono sovente e possono esi- 
stere con qualche facilità simili equivoci o confusioni. 

63. Andropogon panorniitanuni Pari. 

A. spicis 10-30, coadunato-digitatis, corymbosis, pedunculis spi- 
culaque hermaphrodita basi annulo pilorum cinctis, gluma inferiore 
spiculae hermaphroditae a basi ad medium fere pilosa, spiculae mascu- 
lae nuda, ulraquc multinervi, pedicellis sericeo-villosis, ligula brevis- 
sima, truncata, subdenticulata , glabra, foliis linearibus, brevibus, 
margine levibus, glabris, basi tantum prope ligulam villosis , culmis 
dense caespitosis. 

Andropogon panormitanum Pari, in Diario del nono congresso de- 
gli scienziati italiani in Venezia seduta del 16. Sett. 184-7. 

Andropogon angustifolium Presi cyp. et grani, sic. p. 54. excl. 
syn. Guss. fi. sic. syn. I. p. 163. Pari. fl. pai. 1. p. 268. exclus. syn. 
praet. Presi. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Cresce soltanto nelle colline 
calcaree aride, non lontane dal mare, e che guardano il sud presso 
Palermo al Monte Pellegrino , ove fiorisce da Settembre a Dicembre. 
È perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie palermitana. 

Osservazione. — lo avea col Presi, col Gussone e col Bertoloni con- 
fusa questa pianta con 1' andropogon anguslifoUìlm di Sibthorp e Smith, 
il quale altro non è che V Ischaemum di Linneo. La mia specie però 
n' è ben distinta perchè forma de' cespugU molti densi , mentre 
V Ischaemum fa piccoli cespugli : le foglie sono più larghe e corte, non 
scabre nei margini, ma lisce, glabre ovunque, eccetto solo nel punto 
più vicino alla ligula, ove si trovano pochi ma lunghi peli, la ligula è 
cortissima, lunga circa mezza Unea, troncata, quasi denticolata, ma al- 



ANDROPOGON. 141 

fatto priva di peli. Le spighe sono numerose, ordinariamente da 18 
a 20, talvolta anche sino a 50, raramente da 10 a 15, i peduncoli che 
le sostengono sono munite al punto d' inserzione sulla rachide di una 
specie di collaretto di peli corti ma densi, ilqual collaretto si trova an- 
che nel punto d'inserzione della spighetta ermafrodita. Per tutti questi 
caratteri io credo non potersi af(\itto confondere questa nuova specie 
con V Ischaemum di Linneo. Vedi la descrizione data da me nella mia 
llora palermitana voi. 1. pag. 2G9. 

64. Aiidropogon Itirtuni Limi. 

A. spicis in pedunculorum crinitorum apice gerainis, peduncu- 
lis vagina folii supremi pihisn cinctis, paniculatis, spicnlis longe et 
dense hirsutis, arista flosculi hermaphroditi spicula sua i-plo longio- 
re, foliis anguste Hnearibus, margine scabris, ligula oblonga, truncala, 
lacera, culmis caespitosis, erectis. 

Andropogon hirtum Linn. sp. pi. 1482. AHI fi. ped. 2. p. 261 . 
Desf! fi. ali. 2. p. 378. Savi! due cent. p. 20o. Dee. fi. frane. 3. p. 96. 
Siblh. et Smith fi. graec. prodr. 1. p. 48. Bivi sic. pi. cent. 1. p. 15. 
Savi hot. elrusc. 1. p. 44. Roem. et SchuUes syst. veq. 2. p. 818 el 
mant. 2. p. 451. Beri, amoen. Hai. p. 210 et 425. Presi cijp. et 
gram. sic. p. 54. Pollìn. fi. veron 3. p. 202. Seb. el Maiir. fi. rom. 
prodr. p. 69. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 43. Reich. fi. germ. 
excurs. 1. p. 33. Kunlh enum. pi. 1. p. 492. Beri. fi. ital. 1. p. 468. 
Ten! fi. nap. 5. p. 285. Vis. fi. daini. 1. p. 50. Gtiss. fi. sic. syn. 1. 
p. 162. Pari. fi. pai. 1. p. 269. 

Gramen dactylon siculum, multiplici panicula, spicis ab eodem 
exorlu geminis Mich. in Till. cai. h. pis. p. 75. Moni. cat. stirp. 
agr. bon. prodr. p. 62. 

Gramen polydistachyophoron lanuginosum. Cup. h. calli, p. 90 et 

Gramen dactylon ,. messanense , panicula multiplici , spicis ab eo- 
dem exortu geminis Cup. li. calli, suppl. alt. p. 33. 

Figura. — Host gram. aiislr. 4. lab. 1 . 

Gramen dactylon, spicis ab eodem exortu geminis Bocc. nius. di 
fisic. p. 315. lab. 8. f. 1. 

■ Gramen polydistachyophoron lanuginosum Bon. toh. 5. 

Nome italiano. — Barbone pannocchiuto Beri. l. e. . 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline aride e nei luo- 
ghi ahjuanlo montuosi in vicinanza del mare lungo la costa occidentale 



l:i2 GRAMINACEE. 

della penisola da Nizza sino al regno di Napoli. Trovasi in Corsica, 
in Sardegna, nelle isole di Capraia , d'Ischia, di Capri, di Ustica, nelle 
isole Eolie, in Sicilia, e nelle isole di Favignana, di Marellimo, di 
Pantellaria, di Malta e fino in quella di Lampedusa. Fiorisce da Maggio 
sino all' autunno. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta della parte più meridionale 
di Europa, ove si trova nel mezzogiorno della Spagna e della Francia, 
nella parte occidentale dell' Italia, nella Dalmazia, nella Grecia. Nasce 
pure nell'Arabia, nell'Egitto, nelle Isole Canarie e del Capo Verde, 
nel Capo di Buona Speranza, ec. 

65. Andropogon pubesceus Vis. 

A. spicis in pedunculorum pubescentium apice geminis, pedun- 
culis vagina folli supremi glabra cinctis, paniculatis, spiculis breviter 
et parce pilosis, arista flosculi hermaphroditi spicula sua G-plo lon- 
giore, foliis anguste linearibus, margine scabris, ligula oblonga, trun- 
cata, lacera, culmis caespitosis, erectis. 

Andropogon pubescens Vis! pi. rar. datm. p. o. et fi. dabn. 1 . 
p. 51 . Reich. fi. germ. excurs. /. p. 33. Kunlh enum. pi. 1 . p. 49^. 
Glissi fi. sic. syn. 1 .p. 16S. Koch syn. fi. germ. et lielv. edit. 2. p. 890. 
Pari. fi. pai. 1. p. 271. Bert. fi. Hai. 4. p. 779. 

Andropogon hirtum B giganteum Ten. syll. app. 3. in fot. in fior, 
nap. 4. p. II et pi. exsic. 

Andropogon giganteum Ten. fi. nap. 5. p. 285. 

Figure. — Vis. fi. daini. 1. tah. 2. f. 2. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi SaSSOsi e nelle 

colline aride a poca distanza dal mare, a preferenza lungo la costa oc- 
cidentale della penisola , come pure in Corsica , in Sicilia , in Pantellaria. 
É stata raccolta nella Riviera di Ponente dal Moretti, e nei dintorni di 
San Remo dal Panizzi, nei colli di Genova dal De Notaris e dal Savigno- 
ne, nel monte Pisano da Pietro Savi , nell'agro di Macerata dal Gennari , 
nell'Abruzzo da Avellino, presso Roma da Webb, nelle colline di Napoli 
da Tenore , dalle quali località mi è stata comunicata dai qui citati botani- 
ci. L'ho vista poi in molti luoghi della Sicilia, ove 1' ho raccolta e donde 
me r hanno ancora comunicata il Gussone e il Todaro. Infine 1' ho 
avuta dal Requien che 1' ha trovata in varii luoghi dell' isola di Corsica , 
edal Calcara, il quale l'ha raccolta ncH' isola di Pantellaria. Però credo 
che questa specie nasca ancora in varii altri [ìunli della penisola e delle 



ANDROPOGON. 145 

isole, essendo slata confusa con la specie preceilcnle. Fiorisce dal mese 
di Giugno per tutta la state. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria de' qui indicati luoghi del- 
l'Italia, come pure della Dalmazia, e del mezzogiorno della Francia. 

Osservazione. — Questa pianta è molto affine alla precedente , da 
cui sembra esser distinta per avere il suo culmo meno ramoso superior- 
mente, le foglie più strettamente lineari , le guaine delle foglie che cor- 
rispondono ai peduncoli glabre , questi peduncoli soltanto pubescenti , 
le spighe più allungale , le spighette meno pelose , con i peli corti , e 
con le areste più lunghe. Le foglie variano per la loro lunghezza, tal- 
volta sono molto lunghe. 



XXV. POIililIVIA Pari. 

Pari. fi. pai. l.p. 271. 

Polliniae species Spr. pug. 2. p. 12 et syst. veg. I . p. 134. Roem. et 

SchuUessyst. veg. 2'. p. 53. Bert. fi. ilal. 1. p. 402. Vis. fi. dalm. 

1. p. 49. 
Andropogonis species Linn. gen. p. 540. Kunth emm.'pl. 1. p. 485. 

Endl. gen. pi. p. 108. Koch syn. fi. germ. ethelv. edit. 2. p. 889. 
Apludae species Presi ctjp. et gram. sic. p. 55. 

Spiculae gerninae, 1-florae, inferior sessiHs, hermaphrodita , 
superior pedicellata , mascula. Flosculi inferioris hermaphroditi glumae 
2, coriaceae, inaequales, inferior subrautica, superior apice bifida, 
inter lacinias aristata. Paleae 2 , hyalino-membranaceae , inaequales, 
palea inferiore majore, mulica , superiore profunde bitida, nervo cannali 
producto in aristam longam, articulatam, demumrefractam. Stamina 5. 
Styli 2. Stigmata2, aspergilliformia. Caryopsis Flosculi ma- 
sculi glumae 2, inaequales, inferior major, apice bifida, inter lacinias 
aristata, superior mutica. Paleae glumis breviores, hyalino-membrana- 
ceae, muticae. Stamina 3. 

Ab^o. — La specie italiana forma de' cespugli dai quali s'innalzano 
de' culmi alti circa 2 piedi, e terminati all'apice da due spighe lineari , 
grossette, lunghe circa 5 pollici, con le spighette gemine, l'una delle 
quali è sessile, l'altra pedicellata, fornite in basso di corti peli. 



Mi GRAMINACEE. 

66. Pollìiiia distacliya Spr. 

P. spicis terminalibus, geminis, pedicellis incrassatis, spiculis 
glabris, foliis glaucescentibus , glabriusculis vel pilosis, culmo superne 
simplici. 

Pollinia disfacbya Spr. pug. 2. p. 12. et sijst. veg. 1. p. 288. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 830. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 34. Beri, 
fi. ital. 1. p. 463. Vis. fi. dahn. 1. p. 60. Pari. jl. palerm.. I.p. 272. 

Andropogon distachyon Lìmi. ap. pi. 1481. Ali! fi. ped. 2. p. 261. 
Desf! Jl. ali. 2. p. 377. Bertol. pi. genuens. p. 134. Savi! due cent, 
p. 209. Dee. jl. frane. 3. p. 96. Sibth. et Smith fi. graec. prodr. 1. 
p. 48. et fi. graec. 1. p. 53. Savi! hot. etrusc. I.p. 47. Bertol. amoen. 
ital. p. 209. Pollili, fi. veron. 3. p. 202. Nacc. fi. venet 5. p. 77. Gaiid. 
fi. helv. 1. p. 214. Lois. fi., gali. edit. 2. voi. 1. p. 42. Kunth enum. 
pi. 1. p. 491. Comoll. fi. comens. 1. p. 163. Ten. fi. nap. 5. p. 285. 
Sanguin. ires centiir. prodr. fi. rom. add. p. 19. Guss. fi. sic. syn. 1 . 
p. 162. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 890. 

Apluda distachya Presi cyp. et gram. sic. p. 55. 

Gramen dactylon, spica gemina Mont. cai. stirp. agr. honon. prodr. 
p. 63. 

Gramen dactylon, spica gemina, triunciali, glabra et aristata Till. 
cat. horl. pis. p. 75. 

Figure. — Sihth. et Smith fi. graec. 1. tah. 69. Host gram. 
austr. 3. tah. 2. 

Gramen bicorne seu distachyophoron Z>occ. sic. p. 20. iah. 11. 

fìg. I.A. 

h. spiculis pubescentibus Pari. f. pai. 1. p. 272. 

e. spicis terminalibus ternis Pari. l. e. 

Nome italiano. — Barbone cornuto Savi l. e. Gramigna forcuta 
Beri. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Ama le colline calcaree aride 
e i luoghi montuosi , soprattutto a poco distanza dal mare. Trovasi prin- 
cipalmente verso il lato occidentale della penisola ; cosi neH^e Alpi di 
Tenda, in Nizza, nella Liguria occidentale, in Genova, ne' luoghi marit- 
timi della provincia Sienese tra lassigli e Orbetello, presso Ostia nei 
monti di S. Paolo, nelle colline calcaree ed esposte al sole alle falde 
del Matese e in altri luoghi analoghi della Basilicata. Il Comolli riporta 
questa specie nella sua flora di Como, avendola il DeNotaris trovata 



POLLINI A. i45 

alia Cadcnabbia e a lui comunicala. L'Host la dice nativa delle isole ve- 
nete, ed anche il Zanardini nota questa pianta nel suo prospetto della 
jlora veneta a p. 52.; però nessuno degli autori delle flore venete ve l'ha 
ritrovata, nò io ve l'ho veduta né altri me l'ha comunicata da quello 
isole. In Sicilia è comune nelle colline aride calcaree, specialmente 
vicino il mare , e si trova ancora nelle isole di Favignana , di Pantella- 
ria e di Malta, donde la possiedo. La variettà b è stata da me rac- 
colta in Sicilia ove trovasi confusamente con la specie, e la var. e 
vicino Palermo a 3Ionte Gallo. Fiorisce da Maggio a Settembre. È pe- 
renne. 

Distribuzione geografica. — Specie propria dell'Europa meridio- 
nale e dell'Affrica boreale, delle Isole Canarie ec. 

Osservazione. — Varia molto per la peluria delle sue foglie, ora 
quasi affatto glabre, ora ricoperte di peli lunghi e numerosi, come an- 
cora per le spighe clic sono qualche volta gracili e come lineari. 

XXVI. CHRYSOPOCÌO]^ Trin. 

Trin. fumi, agrost. p. 10 f. Nees ah Esenb. gen. lì. 1 . 
Andropogonis species Lìnn. gen. p. ùW. Kunth enum. pi. 1 . p. 108. 

Koch sijn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 889. 
PoIIiniae species Spreng. pug. 2. p. 10 et syst. veg. 1. p. J3L Beri. 

fi. ital. 1. p. 402. Vis. fi. daini. 1. p. W. 
Apludae species Palis. de Beauv. agrost. p. 15. cum? Presi cgp. et 

grani, sic. p. oo. 

Spiculae ternae, l~florae, intermedia sessilis, hermaphrodita, la- 
terales pedicellatae, masculae. Flosculi hermaphroditi glumae 2, co- 
riaceae, subaequales, interior apice subbifida, mutica, margine inflexo, 
superne prope marginem pectinato-ciliata , superior panilo brevior, 
apice bifida, inter lacinias aristata. Paleae 2, hyalino-membranaceae, 
subaequales , palea inferiore mutica , superiore apice breviter bifida , 
nervo carinali producto in aristam longami , articulatam , demum re- 
fractam. Stamina5.Slyli2!, breves. Sligmataaspergilliformia.Caryopsis 

Flosculorum masculorum glumae 2, subaequales, inferior 

apice integro aristata, superior mutica. Paleae glumis breviores, hyalino- 
membranaceae, muficae. Stamina 5. 

Abito. — Pianta perenne, a culmi d'ordinario solitarii e diritti, alti 

Fiora Ttaiiana. Vi>r,. I. I*) 



14G C.r.AMINACElv 

(la 2 a 5 ed anche più piedi, con foglie lineari, lunghe, scabre nel mar- 
gine ed anche superiormente nella carena, pelose a preferenza verso la 
base. La pannocchia è sparsa nell'atto della fioritura, i suoi rami sono 
in verticillo, lunghi, capillari, semplici o bifidi. Le spighette sono terne, 
di cui l'intermedia sessile ed ermafrodita, avente la gluma inferiore con 
ciglia a guisa di pettine superiormente e con una aresta lunga in una 
delle pagliette, e le due laterali pedicellate e maschie, dotate ciascuna 
di una aresta corta. Queste spighette sono di color giallognolo da 
principio, pili tardi diventano porporine. Un ciuffo di peli di color 
d' oro cinge alla base la spighetta ermafrodita e insieme i pedicelli delle 
due spighette maschie. 

Osservazioni. — Genere affine alla Pollinia, da cui però si distin- 
gue principalmente per le spighette terne e non gemine , per la loro 
posizione relativa , per le glume quasi uguali tra loro e non molto disu- 
guali , per la gluma inferiore della spighetta ermafrodita piegata nel mar- 
gine e presso questo dotata di ciglia in forma di pettine , per la pa- 
glietta superiore della medesima spighetta cortissimamente bifida al- 
l'apice e non divisa fin quasi alla metà ec. Gli stdi sono certamente due 
e non unico come ha scritto il Reichenbach. 

69. Clirysopogon Gryllu» Trin. 

Chrysopogon Gryllus Trin. fnnd. agrost. p. 188. 
Andropogon Gryllus Lìnn. sp. pi. 1480. Ali! fi. ped. 2. p. 200. 
Desf! fi. ali. 2. p. 378. Beri. pi. gemiens. p. 133. Savi! due cent, 
p. 203. Dee. fi. frane. 3. p. 95. Sìbili, et Smilh fl. graec. prodr. 1. 
p. 51. Savi hot. etrusc. 1. p. 46. Bertol. amoen. Hai. p. 209. Morie, 
fl. venet. 1. p. 69. Pollin. fi. veron. 3. p. 199. Seb. et Maur. fl. rem. 
prodr. p. 70. Nacc. fl. venet. 5. p. U. Gaud. fl. helv. 1. p. 210. Lois. 
fi., gali. edìt. 2. voi. 1. p. 43. Kunlh enum. pi. 1. p. 504. Comoll! fl. 
comens. 1. p. 164. Ten. fl. nap. 5. p. 284. Koch sijn. fl, germ. ethelv. 
edit. 2. p. 890. 

Apluda? Gryllus Palis. de Beaiiv. agrost. p. 133. 
PoUinia Gryllus Spreng. pug. 2. p. 10 et syst. veg. 1. p. 289. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 828. et-mant. 2. p. 456. Reich. fl. 
germ. exciirs. 1. p. 34. BerloL fl. Hai. 1. p. 465. Vis fl. dalm. 1. 
p. 49. Grìeseb. spie. fl. rum- et bith. 2. p. 473. 
Apluda Gryllus Presi cyp. et gram. sic. p. 55. 
Gramen avenaceum, locustis gracilibus, purpurascentibus, longis- 



CHRYSOPOGON. 147 

simis peliolis insidentibus Mont. cat. stirp. agr. honon. prodr. p. 51. 
Zannich. ist. delle piani, p. iS3. Seg. veron. 1. p. 355. 

Tisure. — Stbth. et Smith fi. graec. /. tab. 67. Host grani, aiislr. 
'2. tab. I. 

Gramen sparteum feslucaceum , seu Aegilops spartea villosa Barr. 
ic. 18. f. 5. 

Nome italiano. — Erba da spazzole Beri. fi. ilal. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati aridi e nelle Col- 
line, come pure nei luoghi marittimi della penisola ; però più abbondan- 
temente al nord che al centro e al sud , ove si trova a preferenza nei 
luoghi montuosi, come nella Basilicata ec. Manca affatto nelle isole. 
Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. • — Neil' Europa meridionale, nel!' Affrica 
boreale, in Siria, nelle Indie orientali, nella Nuova Olanda. 

Usi. — In alcuni paesi d' Italia si fa uso di questa pianta per fare 
delle scope. 

XXVII. HETEROPOGON Pers. 

Pers. syn. pi. S. p. 533. Paìis. de Beauv. agrost. p. 13L Trin. fund. 

agr. p. 203. Boem. et Schultes sgst. veg. S. p. 53. Bert. fi. ilal. 

1. p. 460. Kochsyn. jl. germ. ethelv. edit. 2. p. 890. Pari. fi. 

pai. I . p. 274. 
Andropogonis species Ali. fi. ped. 2. p. 260. Kunth enum. pi. i.p. 485. 

Elidi, gen. pi. 1. p. 108. 

Spiculae geminae, 1-florae, altera sessilis, altera pedicellata, in- 
feriores masculae, superiorum sessilis foeminea, pedicellata mascula. 
Florum masculorum glumae 2, coriaceae, muticae, inaequales, inferior 
major, carina obliqua. Paleae 2, hyalino-membranaceae, inaequales, 
muticae, glumis breviores. Florum foemineorum glumae 2, coriaceae, 
muticae, subaequales. Paleae 2, hyalino-membranaceae, inaequales, 
inferior major paleam superiorem minutissimam, angustissime linearem, 
apice in aristam longissimam, articulatam , contortam productam, in- 
volvens. Perigoniisquamulae2, truncatae, crenulatae. Stamina 3. Ova- 
rium glabrum. Stigmata 2, aspergilliformia. Caryopsis 

Abito. — L' unica specie di questo genere che nasce in Italia è 
una pianta perenne, che forma de' cespugli, forniti di foghe hneari, ca- 



liS GHAMINACEIL. 

renale, e di culmi alti circa un piede e mezzo, ciascuno de' quali si 
termina in una spiga solitaria , diritta , che offre inferiormente delle 
spighette mutiche e maschie, e superiormente delle spighette maschie 
e femminili, di cui queste ultime sono dotate di una aresta lunghissima, 
articolata e contorta. Tutte le areste si riuniscono in un sol fascio, che 
continua in alto la spiga. 

6$. Heteropogon Allioiiii Roem. et Schulles. 

H. glumis pedicellisque inferioribus flosculi masculi glabris, 
glumis floris foeminei hirsutis, arista infra articulum pubescente, su- 
perne scabra. 

Heteropogon Allionii Roein. et Sclmìtes sijst. veg. 2. p. 835. et 
mant. 2. p. 450. Presi cyp. et gram. sì e. p. 5i. Rei eh. fi. germ. ex- 
ciirs. 1 .p. 33. Bertol. fi. Hai. 1 . p. 460. Comoll! fi. comens. I . p. 165. 
Guss. jl. sic. syn. 1 .p. 164. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 890. 
Pari. fi. palerm. 1 . p. 274. 

Andropogon conlortum Ali! fi. peci. 2. p. 260. non Linn. Desf. 
fi. atl. 2. p. 377. 

Andropogon Allionii Bec. fi. frane. 3. p. 97. Pollin. fi. veron. 3. 
p. 202. Gaud. fi. helv. 1. p. 212. Lois. fi. gali. edit. e. voi. 1. p. 42. 
Kunth enum. pi. 1 . p. 486. 

Heteropogon glaber Pers. syn. pi. 2. p. 533. Palis. de Beativ. 
agrost. p. 15. Vis. fi. daini. /. p. 52. 

Heteropogon contortum Ten. fi. nap. 5. p. 284. 

Andropogon messinenseZ???;. piante ined. puhbl. dal figlio Aìulrea 
p.5. 

Figure. — Ali. l. c. tal). 91. fuj. 4. Reich. cent. 11. fìg. 1496. 

Nome italiano. — Barbone attorcigliato Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nelle rupi dei monti e nelle 
colline aride calcaree dell'Italia settentrionale, specialmente nelle vici- 
nanze dei laghi, in alcuni punti della costa occidentale della penisola, 
e della costa settentrionale della Sicilia. Così trovasi a Bolzano e in 
ahri luoghi del Tirolo, nella Carnia, nei monti di San Michele di An- 
garano presso il Lavazzile, donde 1' ho avuto dal Montini , vicino Li- 
mone e Toscolano sul lago di Garda , fra le rupi presso Gandria sul 
lago di Lugano, vicino CadenahUa sul Iago di Como e nei monti di 
Como, così a San Martino sopra Griante, sul sasse di Musso e tra 
Pi^zo Molirnsio, nelle rupi del lago Sebino, donde me l'ha comuni- 



HETEROPOGON. 140 

cata il Rota , nelle n\\n calde di Mompantero e di Foresto presso Susa , 
ove l'han trovato il Re ed ilBertero, e donde l'ho avuto dal Jordan, sopra 
Ivrea ove primo fra tutti la scoprì il Bellardi, per quanto ne scrive l'Al- 
lioni, a Nizza, a Villafranca di Nizza, al Cenale e a Finale nella Liguria 
occidentale, nell'isola Palmaria presso il porto della Luna, ove l'ha rac- 
colto il Bertoloni. Il Tenore 1' ha trovata nelle colline marittime di Pa- 
linuro. InSicilia nasce ugualmente nelle collinepresso il mare daPalermo 
a Termini, in Messina, e nell'isola di Ustica. Fiorisce nel nord d'Italia 
in Agosto e Settembre; in Sicilia anche sino a Novembre e Dicembre. 
È perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova nell' Italia , neir Affrica bo- 
reale e in Dalmazia. 

Osser<ra2ione. — Molto vicina a questa specie è V ìieteropocjon con- 
tortum, che io possiedo dal Capo di Buona Speranza. Questo però si 
distingue dalla pianta nostra principalmente per avere la gluma infe- 
riore dei fioretti maschili piiì acuta e quasi barbata all' apice e per l'are- 
sta della paglietta de' fiori femminili pubescente da per tutto e non 
scabra al di sopra dell' articolazione. 

Qualche volta la gluma inferiore dei fioretti maschili presenta 
de' peli lunghetti e sparsi in vicinanza del margine. Il Bivona ne ha 
fatto il suo midropogon messanense , ma la differenza è tale da non far- 
sene nemmeno una varietà. 



3ÌLXVIII. SORGHlim l'ers. 

Pers. sìjn. pi. 1. p. 101. Palis. de Deauv. agrosl. p. 13 J. Trm. fund. 

agrost. p. 188. Roem. et SchiiUes syst. veg. 2. p. 53. Beri. jl. itnl. 

1. p. 472. Guss. fi. sic. sgn. 1 . p. 156. Koch sgn. fi. gemi, et helv. 

edìt. 2. p. 890. 
Holci species Linn. gen. p. 541 . 
Andropogonis species Wiìld. sp. pi. 4. part. 2. p. 932. Sibth. et Smith 

fi. graec. prodr. 1. p. 47. Kunlh eniim. pi. 1. p. 485. Endl. gen. 

pi. p. 108. 
Blumenbacliia Koel. gram. p. 29. 

Spiculao geminae, 1-florae, altera sessilis, hermaphrodita , al- 
tera- pedicellata, mascula. Flosculi hcrmaprodili glumac 2, cartilagi- 
neae, subacqualcs, muticac, inferiore apice tridentata. Paleae2, hyali- 



150 GUAMINACEE. 

no-mcmbranaceae, inaequales, inferiore majore, concava, acuta, mu- 
tica , superiore apice bifida , mulica vel inter lacinias aristata , arista 
longa, articulata, infra arliculum contorta. Stamina 3. Styli 2. Stig- 
mata aspergilliformia. Caryopsis ovoidea, glabra, libera, intra valvas 
persistentes. Flosculi masculi glumae 2, minus cartilagineae, inaequa- 
les, muticae, inferiore apice subtridentata. Paleae 2, hyalino-membra- 
naceae, subaequales, muticae. Stamina 5. 

Abito. — La specie veramente indigena di questo genere, eh' è il 
sorgìium halapense, è una pianta perenne , a culmi solitarii , alti da 
2 a 3 piedi, dotati di foglie larghe lineari, terminati in una pannoc- 
chia piij meno composta a seconda la natura diversa de' luoghi 
ove la pianta cresce, di forma piramidale, le di cui spighette son ge- 
mine, con la inferiore ermafrodita e dotata di glume lucenti, donde 
sporgono lateralmente gli stimmi di color porporino : questa spighetta 
inferiore è talvolta arestata; la spighetta superiore maschia, eh' è 
mutica, è di colore porporino. 

Il sonjhum campamim. di Gussone e Tenore coltivato nella Terra 
di Lavoro si è oggi ivi reso quasi spontaneo lungo i margini dei campi, 
ma non è veramente indigeno. 

69. Sorghum lialapense Pers. 

S. panicula pyramidata, erecto-patula, spiculis oblongis, mucro- 
nulatis, glumis flosculi hermaphoditi pubescentibus , arista corollina 
rara, foliis latis, acuminato-setaceis, radice repente. 

Sorghum halapense Pers. syn. pi. /. p. 101 . Roem. et. Schultes 
sijst. veg. 2. p. 839. et mant. 2. p. 462. Presi cyp. etjjram. sic. p. 55. 
Reich. fi. germ. exciirs. 1. p. 3i. Beri. fi. ital. 1. p. 473. Comoll. fi. 
comens. 1. p. 153. Tenl fi. nap. 5. p. 286. Puccin. sijn. fi. lue. p. 40. 
Vis. fi. dalm. 1. p. 49. Giiss. syn. fi. sic. 1. p. 150. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. p. 890. Pari. fi. palerm. 1 . p. 277. Gries. spie. fi. rum. 
et bith. 2. p. 473. 

Holcus halapensis Linn. sp. pi. 1465. Savi fi. pis. 2. p. 388. Dee. 
fi. frane. 3. p. 98. Savi hot. etrusc. 1 . p. 49. Noce, et Balb. fi. tiein. 
p. 213. Morie, fi. venet. 1. p. 32. 

Andropogon arundinaceum Scop. fi. carn. edit. 2. lom. 2. p. 274. 
Ali. fi. ped. 2. p. 261. Seb. et Maiir. fi. rom. prodr. p. 70. Lois. fi. 
gali. edit. 2. voi. 1 . p. 43. 

Blumenbachia halapensis Koel. grani, p. 29. 



SORGHUM. 151 

Andropogon halapensis Siblh. ci Smìlh jl. graec. protlr. p. 47. et 
fi. graec. 1. p. 52. Beri, amoen. Hai. p. 211. Poll'in. (l. veron. 3. 
p. 200. Nacc. fi. ven. 5. p. 15. Kunlh enum. pi. I . p. 502. 

Holcus arundinaceus Riiching. fi. dei lidi venet. p. 246. 

Sorghum Schreberi Ten! syll. app. 4. p. III. in fol. nella fior, napol. 
tom. 5. 

Gramen foliis acutis, diiris et ut parvae arundinis lalis, quao 
depascuntur jumenta et boves Caes. de planiis p. 184. 

Gramen arundinaceum, balapense, tetragopogonis folio, panlcula 
miliacea Zannich. istor. delle piante p. 126. 

Milium arundinaceum, perenne, rainus, semine oblongo nigro 
Moni. cat. stirp. agr. bonon. prodr. p. 8. Zannich. opusc. hot. posth. , 
p. 85. Seg. pi. veron. 1 . p. 332. 

Figura. — Sihth. etSmithfl. graec. 1 . lab. 68. Hostgram. auslr. 1 . 
lab. 1. 

Milium nodosa radice Bocc. mus. di piante p. 137. lab. 87. 

Gramen palustre arundinaceum, Milii panie, semine Phalaridis 
Barr. ic. 8. 

Gramen arundinaceum, latifolium, juba avenaceis glumis purpu- 
reo fulvis innexa Cup. pamph. sic. 1 . lab. 187 . 

Nome italiano. — Cannarecchia. Saginella salvatica. Sainella Targ. 
Tozz.diz.bol.2.p. 118. e219. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — S' incontra freqUCntementC 

nei luoghi coltivati e a preferenza nei vigneti , nei campi e nei loro 
margini , come pure nei luoghi aridi , quantunque ami in generale i sili 
piuttosto alquanto umidi, di tutta la penisola, delle isole di Corsica, di 
Sardegna, di Sicilia, d'Elba, di Linosa, di Panaria. Fiorisce da Luglio 
ad Ottobre. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Nativa dell'Europa e della Siria, si 
coltiva nel Brasile e nella Nuova Olanda. 

Osservazioni. — Come già avvertii nella mia flora palermitana 
il sorghum Schreberi di Tenore, di cui ho presso di me un esemplare co- 
municatomi dall'amico autore, è una semplice varietà a foglie più strette 
e a pannocchia meno composta per effetto della sterilità de' terreni ove 
s'incontra. 

Usi. — 11 Pollini scrive che le radici di questa pianta di saper 
dolce e mucilaginose si conoscono nelle farmacie di Verona col nome 
di gramignone o di smilace dolce , e sono da adoperarsi con vantaggio 
siccome succedanee alla Cina dolce e alla smilace aspera. 



Pò± (jriAMlNACEE. 

90. Sorbitimi cainpaniiin Tcn. d Giiss. 

S. paniculae pyramidali-oblongae, rarae ramis scabris, sparsis, 
erectis, spiculis oblongis, glumis ilosculi hermafroditi ad apicem vil- 
losis, ejusque palea superiore frequerìter arislata, foliis latis, margine 
scabris. 

Sorghum carapanum Ten. et Guss! Viaggio in terra di Lavoro e 
in Abruzzo, p. 23. Ten. syll. app. 4. p. lY. nella flòra napol. 5. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Questa Specie Coltivata da 

molto tempo nelle pianure di Venafro in Terra di Lavoro nel regno di 
Napoli, cresce ora in modo quasi spontaneo, siccome mi ba scritto il 
Prof. Tenore, nei margini de' campi del medesimo luogo. Fiorisce in 
Agosto e Settembre. E annua {Ten. e Guss. l. e.) 

Distribuzione geografica. — Se ne ignora la provenienza. 

Usi, — Serve di pascolo ai buoi in tempo di autunno < ed i suoi 
semi si danno come nutrimento agli uccelli domestici. 

STIPACEE. 

Stipacrae Kunih eninn. pi. 1 . p. ilo. Endl. gen. pi. p. 87. Pari. fi. 

jmlerm. 1 . p. 49. 
Stipeae Nees ab Esenb. in Lindi, introd. ed. 3. p. 381 . et in fi. Afr. 

austr. illustr. p. 165. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito, plerumque stipitato. Fa- 
lca inferior convoluta, subcoriacea, rarissime mutica, ut plurimum 
uni-vel raro tri-aristata , arista inferno saepissime torta basique arlicu- 
lata, rariuscum palea continua. Perigonii squamulae plerumque 5. Ca- 
ryopsis libera, paleis inclusa. 

Distribuzione geografica. — Se si eccettui il genere macrochloa, le 
di cui due specie si trovano in Spagna, in Portogallo, in Barbaria, ec. 
lutti i generi europei di questa piccola tribìi hanno dei rappresentanti 
nella nostra flora, ed anzi hchaetaria Adscensioìiis, da me trovata in 
Sicilia vicino Palermo , è quasi esclusivamente propria della flora ita- 



STIPAGEE. 155 

liana in tutta 1' Europa, giacché solo è stata finora raccolta nel mezzo- 
giorno della Spagna vicino Malaga dall'amico Boissier. E specie affatto 
italiana il mio milium Montìaniim , nativo dei boschi della Ficiizza in 
Sicilia: altre specie però di slipacee possiede l' Italia, che possono dirsi 
quasi proprie, perchè solo divise con la Spagna e la Francia meridio- 
nali, con r Affrica boreale o con la Grecia: così il milium coerulescens 
di Desf. e le tre stipa juncea , gigantea e lortilis. La Lasiagrostis cala- 
magrostis è propria solo della penisola e non si trova nelle isole italiane. 



XILIIL. 9IIE.IIJiyi Linn. 

Linn. gen. p. 33. Juss. gen. p. 29. Palis. de Deaiiv. agrosl. p. 12. Kunth 

enum. pi. 1 . p. 65. Endl. gen. pi. p. 82. 
Agrostidis species Lamk. ili. gen. 1 . lab. 4L Dee. fi. frane. 3. p. 19. 
Piptatheri species Palis. de Beaiiv. agrosl. p. 17. Kunlh enum. pi. 1. 

p. 176. Endl. gen. pi. p. 87. 
Urachne species Trin. fund. agrosl. p. 110. Link. hort. r. herol. 

descr. p.93. 

Spiculae 1-tlorae, ilore hermaphrodito. Glumae !2 ..j^ubacquales , 
muticae, rnembranaceae. Paleae 2, subcoriaceae, inferior concava 
superiorem binervem amplectens, mutica vel apice aristata, arista 
basi articulata , decidua. Perigonii squamulae 2-5, subintegrae, gla- 
brae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, terminales, brevissimi. 
Stigmata piumosa. Caryopsis oblonga, libera, paleis inclusa et cum 
bis decidua. 

Abito. — Piante per lo più perenni , a radice fibrosa, a culmi diritti, 
a foglie piane e convolute, dotate di una pannocchia ramosa, sparsa, 
coi rami di essa talvolta semiverticillati , con le spighette pedicellate , 
mutiche fornite di areste. Queste spighette sono di color verde ovvero 
alquanto porporine. 

Osservazione. — Ho tolto dalla tribù delle panicee il genere mi- 
lium, contro l'opinione di Kunth, seguita da Endlicher, in quanto 
che io considero diversamente di questi autori la struttura del fiore de! 
milium. Il Kunth prende per fiore inferiore neutro ciò che per me è 
la gluma superiore, così vi considera un calice univalve, credendo 
abortita l'altra valva, lo sono slato indotto a interpefrare nel modo su- 
periormente esposto l'organizzazione del genere im/i?(m, perchè mi 



15i (iUAMlNACEE. 

sembra più confacente al vero, e perdio non so separare questo genere 
dal jiìptnthertmi Mìo a spese di esso, cui il lùinth ha riferito alla tribù 
jlclle slipaeee. Del resto il mio genere miUum unisce questa tribù al- 
l' altra affine delle panicee. 

' Palea inferior mutica. Milium Auct. 
91. jfliliiini efTusiiiu Linn. 

M. paniculae compositae, elongatae, laxae ramis leviusculis, semi- 
verticillatis, palentibus, deflexisque, spiculis distantibus, glumis sca- 
briusculis, culmo levi, foliis late linearibus, radice perenni. 

Milium effusum Linn! sp. pi. 00. Allion. fl. pedem. 2. p. 2So. 
Ucria h. r. pan. p. 56. Savi hot. etrusc. 1. p. 28. Roem. et Schultefi 
syst. veg. 5. p. 319. Poli. /I. veron. 1. p. 83. Ten. jl. nap. 3. p. 5f. 
Gussl pi. rnr. p. 19. elfi. sic. prodr. 1 . p. 55. Sehast. et Maur. //. roni. 
prodr. 1. p. W. Gaiid. fi. helv. 1. p. 175. Lois. fi. gali. edit. S. voi. 1. 
p. 50. Reicli. fi. germ. excurs. 1. p. 28. Ten. sijll. p. 39. Kunth enum. 
pi. 1. p. 06. Beri. fi. Hai. 1 . p. 383. Comolll fi. coni. 1. p. 75. Yis. 
fi. daini. 1 . lì. 38. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 131 .' Koch syn. fi. gemi, et 
helv. edit. 2. p. 901 . Pari. fi. pai. 1 . p. 51. Puccini addii, ad syn. pi. 
Inc. in giorn. hot. Hai. voi. 1. pari. 1. p. 120. 

Agrostis effusa Dee. fi. frane. 3. p. 21 . 

Gramen sylvaticum et montanum, panicula miliacea, sparsa Mont. 
rat. stirp. agr. honon. prodr. p. 151 . Seg. sappi, p. 155. 

Gramen sylvaticum, panicula miliacea sparsa Pont. anth. Uh. 3. 
p. 192. 

Figure. • — Host gram. aiistr. 3. toh. 22. Reich. cent. 11 . f. 1456. 

Nome italiano. — Gramigna cedrata. Grano salvatico Targ. Tozz. 
diz. hot. 2. p. 145. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi boscbivi mon- 
tuosi subalpini, a preferenza nella catena dell'Appennino, dall'Appen- 
nino settentrionale sino ad Aspromonte in Calabria. Trovasi ancora 
nei boscbi del Piemonte , nelle vicinanze del Ticino , nelle selve 
de' monti sopra Gavirate, Comerio, Varese, nella valle Intelvi, nel Ti- 
rolo,,nel Bassanese, ed in molti altri punti delle dipendenze delle Al- 
pi. Il Barbieri l' ha trovato presso Mantova a Bosco Fontana. In Sicilia 
«Cresce ancora nei boschi montuosi delle Madonie , nel. bosco di Sca- 
violi presso Alcara, donde l'ho avuto dal Todaro, e in generale nei 



MILIUM. 155 

boschi montuosi della parie settentrionale dell' isola, come in quelli di 
Caronia, di Francavilla, di Capizzi, di Frazzito, di Mandanifi, ec. In 
Corsica si trova nel bosco di Pertuato. Fiorisce in Maggio e Giugno, 
e nei luoghi piìi elevati e piiì settentrionali in Luglio ed Agosto. E 
perenne. 

Distribuzione geografica. — È propria dell' Europa media e meri- 
dionale, come pure si trova in Siberia. 

9». lliliiini vernale Marsch. a Bìeb. 

M. paniculae compositae, laxae ramis scabris, semiverticillalis 
sparsisque, erecto-patentibus , spiculis approximatis, glumis obtusiuscu- 
lis, scabro-tuberculatis , culmo scabro, superne longo tractu nudo, 
foliis anguste linearibus, radice annua. 

Milium vernale Marsch. a Bieb. fi. laur. cauc. 1. p. 53. Roem. el 
Schultessijst. veg. 2. p. 319. Presi cyp.etgmm. sic. p. 17. Guss. fi. sic. 
prodi'. 1. p. 56. Knnlh enum. pi. 1. p. 00. Ten. fi., nap. 5. p. 320. 

Agrostis vernalis Poìr. encycl. melh. suppì. 1 . p. 259. 

Milium scabrum Mer/ef in Roem. et Schultes mani. 3. p. 561. 
Beri. fi. Hai. 1. p. 384. Pari. fi. pai. 1. p. 51 ex parte. 

Milium conferlum 5Iaratla? jl. rom. 1. p. 52. €tis§. sappi. 1. 
p. 14 et sijn. fi. sic. 1 . p. 131 excluso a locis natalibus Ficuzza. 

Figura. — Reich. cent. 11. fìg. 1458. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.' — Nei luOghi boschivi salvatici 

dell' Italia centrale e meridionale e delle isole di Corsica, di Sardegna 
e di Sicilia. È stata raccolta nella penisola nell'Appennino piceno presso 
il monte Priore da Gennari che me l'ha comunicata col nome di milium 
effusum, sotto il qual nome 1' ho avuta ancora dal prof. A. Bertoloni, 
datagli dal Barbieri che l'avea raccolto presso Roma a Frascati; anche 
nei monti Frascatani 1' ha trovato il Webb. L'ho avuto da luoghi mon- 
tuosi di Macerata dal Narducci, e dai boschi montuosi di Basilicata dal 
Gasparrini. 11 Gussoneha trovato questa specie ad Aspromonte e a Fer- 
raina ed ancora in Calabria l' ha trovato il Tenore. Nasce in Sicilia nei 
boschi dell' Etna, di Caronia, di Capizzi, delle Madonie ec. llMoris me 
r ha comunicata dai luoghi montuosi della Sardegna centrale! Fiorisce 
nei mesi di Maggio e Giugno. E annua. 

Distribuzione geografica. — Specie propria dell' Europa media f, 
meridionale, della Tauria e del Caucaso. É siala trovala in Belgio, 
in Francia e nei luoghi qui sopra indicali dell' Italia. 



150 G11AML\ACI£1<:. 

Osservazione. — Ho creduto (li dovere insieme riunire il milìuin 
vernale di^Iarschall a Bieberstein e il miìium scahrum di Merlel, non 
mi sembrando quest' ultimo che una semplice varietà del primo a pan- 
nocchia più densa. Io possiedo tutte e due le forme, anche d' Italia, di 
(juesta specie, che può dirsi quasi intermedia fra il mUium effusum e 
il mio vnlium Montìanum. 

Il milium coìifertiim di Willdenow, indicato come nativo dei bo- 
schi della Svizzera, a cui dietro la fede di Van Hall ha il Gussone rife- 
rito la nostra pianta, sembra altro non essere che una semplice varietà 
del milium ejfusum come avea già sospettato il Willdenow, e come lo 
credono i botanici che hanno scritto della flora elvetica. Per quanto ri- 
guarda poi il mU'ìum scahrum della mia flora palermitana vedi le osser- 
vazioni alla specie seguente. 

93. ]nilium Montìanuin Par/. 

M. paniculae subsimplicis, strictae ramis inferioribus geminis, su- 
perioribus solitariis, subsimplicibus, ereclis, spiculis remofiusculis, 
glumis acuminatis, scabro-tuberculatis, culmo scabro, penitus vestito 
vel superne brevi tractu nudo, foliis anguste linearibus, radice annua. 

Milium scahrum Pari. fi. pai. I . p. oJ ex parte excl. syn. 

Milium confertum Guss. syn. fi. sic. J. p. 131 quoad speciminibus 
ex Ficnzza et ex nemore del Cappidderi. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi boSchivi 6 Salvatici 

alquanto umidi dei monti di Sicilia. L'ho trovalo nella Ficuzzaaì bosco 
del Cappidderi e al bosco di Pizzo nero e nelle Madonie. Fiorisce in 
Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie finora trovala in questi soli 
punti della Sicilia. 

Osservazioni. — lo avea confuso (juesta specie con la precedente 
nella mia flora palermitana , descrivendole ambedue col nome di mi- 
ììum scahrum. Essa però n' è ben distinta per 1' abito più delicato, per 
il culmo tutto ricoperto o solo nudo per un corto tratto, mentre nel- 
l'altra lo è sempre per un lungo spazio, e principalmente per la pan- 
nocchia quasi semplice e stretta , per i rami gemini e non semiverticil- 
liiti, quasi punto non ramificati, eretti, e non eretto-patenti, più i 
rametti destinali a portare le spighette sono lunghi, per cui queste si 
mostrano lontane, mentre nel mirunit (oufcrium esse sono ravvicinate, 



MILIUM. 157 

essendo corlissimi quei rametti; inrine le glume sono acuminate e non 
oliusette. Ho voluto che questa specie rammenti nella scienza un mio 
diletto allievo Carlo del Monte, tolto immaturamente alla botanica sul 
fior degli anni e delle speranze. 

** Palea inferiore aristata. Piptatherum Palis. de Beauv. 

94. Ifliliuin paradoxum Linn. 

M. paniculae elongatae, laxae, pauciflorae ramis 2-o-nis, divisis, 
patenlibus, spiculis remotis, arista corollina glumis subtriplo longio- 
re, foliis late linearibus, planis, ligula brevissima, truncata, radice 
perenni. 

Milium paradoxum Linn. sp. pi. edìt. 2. p. 00. PolUn. fi. veron. 
I. p. 84. excl. syn. Ali. Reich. jl. germ-. excurs. 1. p. 28. Beri. //. 
ital. 1. p. 385. Sangtiin. cent, tres prodr. fi. rom. add. p. 13. 

Agrostis paradoxa Linn. sp. pi. edìt. I . p. 02. Dee. fi. frane. 3. 
p. 17. excl. a locis natalibus Nice. 

Piptatherum paradoxum Paìis. de Beauv. agrost. p. 18. Roem. d 
SchiiUessyst. veg. 2. p. 328. Kunth cnum.pl. I.p. 177. Kocli. sijn. //. 
germ. et lielv. edìt. 2. p. 008. 

Urachne virescens Trin. unifl. p. 173. 

Urachne paradoxa Unk. h. r. herol. descr. 1. p. 02. 

Oryzopsis paradoxa Nutt. in Journ. of the Acad. of Philad. I . 
p. 125. 

Figure. — Host grani, austr. 3. lab. 23. Reich. ic. 11. fig. 1460. 

Nome italiano. — Scagliola Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 45. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nei luoghi Salvatici 6 lungO 

le strade. È stala finora raccolta nell'isola dei Brioni, nel monte Baldo, 
giusta il Pollini, e lungo il Tevere. Fiorisce nel mese di Maggio. È pe- 
renne. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa meridionale e nel Cau- 
caso. 

95. JTIiliuni eoerulescens Desf. 

M. paniculae laxae, paucitlorae ramis solitariis vel geminis, arista 
corollina glumis subbreviore , foliis anguste linearibus , demum convo- 
lutis, ligula elongata, erosa, radice perenni. 

Milium coerulcscens Dcsf! fi. ali. 1. p. 00. Viv. fi. Hai. fragm. 



158 GRAMINACEE. 

in ann. boi. Ioni. ì . fari. 2. p. 138. Sibili. II. yraec. prod. /. p. 45. 
Savi boi. druse. 1. p. 29. Beri, amoen. iial. p. 327. Pollin. II. veron. 
1. p. 84. Giiss. pi. rar. p. 19 et fi. sic. prodr. 1. p. 55. et suppl. I . 
p. 14. Beri. fi. Hai. 1. p. 388. Ten. fi. nap. 5. p. 320. Pari. fi. pa- 
nami. 1. p. 82. Giiss. sìjn. fi. sic. 1. p. 130. Pari. fi. pai. 1. p. 52. 
Puccìn. addii, ad synops. pi. lucens. in giorn. boi. Hai. voi. 1. pari. 1 . 
p. 120. Gries. spie. fi. rum. et bilh. 2. p. 471 . 

Miliura paradoxum Ali. fi. ped. 2. p. 236. excl. syn. praeter Mich. 

Agrosfis coerulescens Dee. fi. frane. 5. p. 250. 

Piptatherum coerulescens Palis. de Beauv. agrosi. p. 18. lab. 10. 
f. 5. Roem. et Scìmlies s>jst. veg. 2. p. 328. Presi cgp. et gram. sic. 
p. 17. 

Urachne coerulescens Trin. unifi. p. 172. Link. h. r. berol. 
descr. 1 . p. 93. 

Gramen miliaceura, saxalile, angustifolium , glabrum, perenne, 
panicula fusca, semine nigro, splendente, non aristato Mich. in Till. 
cai. h. pis. p. 73. 

Figura. — Desf. l. e. lab. 12. 

Nome italiano. — Miglio turchiniccio Savi boi. etrusc. I.p. 29. 
Scagliola nera Beri. fi. Hai. 1. p. 389. Scagliola cilestre Ten l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nelle fessure delle rupi Cal- 
caree dei monti vicini al mare nella costa occidentale della penisola a 
Nizza, a Varigotii, a Capo S. Spirito, a Capo Noli nella Liguria occi- 
dentale, al monte di Portofino nella Liguria orientale, al monte Penna 
nel Lucchese, nei monti di Calci e di Uliveto vicino l*isa, come pure 
nella Calabria orientale e meridionale al Capo della Trinità, al Capo Co- 
lonna, e a Scilla. Nasce ancora in Corsica ad Ajaccio in Sardegna, ed 
in Sicilia, ove trovasi nella costa settentrionale vicino Palermo alla Ba- 
gheria e a Gibilrossa, nella parte orientale a Noto, Avola e Siracusa, 
e in quasi tutta la parte meridionale da Marsala a Capo Passaro. Final- 
mente cresce ancora nella lontana isola di Lampedusa. Fiorisce in Aprile 
e Maggio. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Oltre de' luoghi qui indicati dell' Ita- 
lia questa bella specie cresce nel mezzogiorno della Francia, nell'Atlante, 
nelle isole della Grecia, ec. 

Osservazione. — Come ben avverte il Savi nel suo botanico etru- 
sco questa specie è stata osservata dal Micheli soltanto a seme maturo, 
quando manca di arcsta, per cui disse questo scme/ìon arisiato. 



MILIUM. I5U 

96>, IVIiliuni niultiflonini Cav. 

M. panicul.io pnlentis , demuin contractae , mullidorac ramis subse- 
miverlicillatis, vel seniiverlicillatis, verticillis inferioribus saepe ste- 
rilibus, arista corollina glumis subduplo longiore, foliis anguste liilea- 
ribus, planis, demum subconvolutis, ligula brevi, truncata, radice 
perenni. 

Milium niultiflorum Cav. demonstr. p. 30. Poli. fi. veron. I . p. 84. 
Guss. fi., sk. prodr. 1 . p. 55. Reìch. fi. germ. excurs. L p. 28. Ten. 
fi. mp. 3. p. 5f. Guss. stippl. 1. p. li. Beri. fi. alp. apuan. mani. p. 7 et 
fi. Hai. I. p. 387. Pari. fl. panorm. 1. p. 83. Vis fi. dalm. 1. p. 5?. 
Guss. sijn. fi., sic. 1 . p. 130. Moris ci De Noi. fl. capr. p. JiS. Pari. 
fi., palerm. I . p. 53. Savi fil. fiorai, gorg. in giorn. hot. Hai. anno 1 . 
lem. 1. p. 280. Puccin. addii, ad sijnops pi. liicens. in giorn. boi. Hai. 
anno 1 . voi. 1 . p. 120. 

Agrostis miliacea Linn! sp. pi. p. 91 . Ali. fl. ped. 2.p. 236. Dee! 
fi. frane. 3. p. 19. Savi hot. etrusc. 1. p. 31 . 

Milium arundinaceum SiUh. et Smith fi. g^raec. prodr. 1. p. 45. 
et fi. graec. 1 . p. 50. 

Agrostis milium comosum Poir. encycl. suppl. 1 . p. 257. Seh. 
et Maur. fi. rom. prodr. p. 26. 

Piptatherum rnultillorum Palis. de Beauv. agrost p. 18. Roem. et 
Scìmltes syst. veg. 2. p. 329. Presi cijp. et grani, sic. p. 17. Kunth 
enim. pi. 1. p. 177. Koch syn. fi. germ. et lielv. edit. 2. p. 908. 

Piptatherum comosum Roem. et Schulles syst. veg. 2. p. 330. 

Milium Thomasii Duby et Dee! hot. gali. 1. p. 505. 

Milium frutescens Sieb. herh. crei. 

Piptatherum frutescens Link enum. alt. 1. p. 72. 

Urachne parviflora Trin. fund. agrost. p. 40. 

Urachne multiflora et frutescens Lin/l; h. r. berol. descr. 1 . p. 93. 

Piptatherum Thomasii Kunlh enum. pi. 1 . p. 177 . 

Gramen arundinaceum, procerius, latifolium, panicula miliacea, 
verlicillatis petiolis Cup. li. calli, p. 90. 

Gramen arundinaceum, majus, nutante panicula, arundinacea 
Till. cai. h. pis. p. 73. 

Figure. — Sibth. et Smith fi. graec. 1. lab. 66. Hostgram. austr. 3. 
tab. 45. 

Gramen miliaceum , majus, nutante panicula arundinaceum Barr. 
ic. 75 ì. 



100 CP.AMINACElv 

Nome italiano. — x\grostide maggiore Savi l. e. Pcnnaccliini (bi- 
scanti Beri. fi. ilul. 1 . p. 387. 

Stazione, Abitazione e Pioritura. — E COmune nei luOghi Salvalici, 

lungo le siepi, nelle fenditure delle rupi calcaree e nelle colline, lungo 
la costa occidentale della penisola cominciando da Nizza , e nella p'^irte 
centrale e meridionale dell'Italia stessa, dalla Toscana sino a tutto il re- 
gno di Napoli. Nasce pure nell'Istria, ed il Pollini l'ha trovato vicino 
Verona presso il castello la Chiusa, come ancora il Facchini nelle vici- 
nanze del lago di Garda e nel Bresciano a Caìnpione. Si trova anche 
abbondantemente nelle isole, come in quelle grandi di Corsica, di Sar- 
degna e di Sicilia cosi ancora in quasi tutte le piccole che stanno nel 
mediterraneo, in quelle di Capraja e di Gorgona, nell'isola di Capri, 
di Ustica , nelle isole Eolie , di Marettimo , di Favignana , di Levanzo , 
di Pantellaria, di Malta, e di Lampedusa. Fiorisce da Giugno sino a Set- 
tembre, e nei luoghi più meridionali comincia a fiorire anche in 
Aprile. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa meridionale e in Siberia. 

Osservazione. — Trovansi di questa specie due forme distinte , 
l'una, ch'è il vero milium multi [lorum, ed ha la pannocchia meno rami- 
ficata, con un poco numero di rami in ciascun semiverticillo, e l'altra, 
la quale ha d' ordinario un culmo più alto e più robusto, e una pan- 
nocchia più lunga, con un numero maggiore di rami in ciascun semi- 
verticillo, dei quali rami quelli dei semiverticilli inferiori sono d'ordi- 
nario sterili, per cui costituiscono una specie d' involucro, come 
neW aira involucrata di Cavanilles. A quest'ultima forma o varietà, 
ch'è comune specialmente nella costa occidentale dell'Italia, in Corsi- 
ca, in Sicilia, e nelle isole più meridionali, spettano più particolarmente 
i sinonimi dei pi ptatherum fnitescens di Link, dei piptathencm comosum 
di Roemer e Schultes, del miliiun Thomam di Duby e De GandoUe, 
fiftaiherum Thomasii di Kunth ec. 



XX.X. liASIAGROSTIS Link. 

Link hort. berol. descr. 1 . p. 09. Kunlli enum. pi. 1 . p. 177. Endl. 

gen. pi. p. 87. Nees. ab. Esenb. fi. Afr. austr. illuslr. p. 167. 
Agrostidis species Lìmi. sp. pi. 9'2. Ali. auct. p. 30. Balb. fi. taiir. 

p. li. Savi hot. etrusc. 2. p. 42. 
Arundinis species Willd. sp. pi J.p. 365. Schrad fi. fierm. 1. p. 2f9. 



LASIAGKOSTIS. - 1(11 

Calamagroslidis species Dee. fi. frane. 3. p. 2,j. Hosl (jram. auslr. 4. 

p. k. 

Achnantheri species Palìs. de Beauv. agrost. p. 6. 

Slipae species Wahlenb, de veg. et clini, in llelv. sept. p. 23. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito , breviter stipitato. Glii- 
mae 2, membranaceae , muticae, florem superantes, inferior paulo 
major. Paleae 2, membranaceae, inferior major, externe hirsuta, apice 
bifida, inter lobos aristata, arista basi haud articolata, vix torta, medio 
subgeniculata, persistente, superior brevior, acuta, involuta, binervis. 
Perigonii squamulae 5 , membranaceae, glabrae. Stamina 5, antheris 
apice barbulatis. Ovarium glabrum, stipitatum. Styli 2, brevissimi. 
Stigmata piumosa. Caryopsis teretiuscula , hinc sulcata, levis, libera, 
paleis inclusa. 

Abito. — Pianta perenne, a radice fibrosa , con culmi in cespuglio , 
alti da un piede e mezzo a due piedi , ascendenti o diritti , quasi total- 
mente vestiti, con foglie strettamente lineari , assottigliate all'apice e 
che pili tardi divengono convolute , con una pannocchia lunga da 4 a 
G pollici, e talvolta sino a 8, alquanto larga, patente nell'atto della fio- 
ritura , i di cui rami , quasi nati in semiverticilli alterni , portano molte 
spighette di un color giallo pallido, tendente alquanto al verde, le 
quali danno con il loro insieme un aspetto bello alla pannocchia. 

9 9. liasiagrostis calaniagrostis Link. 

L. paniculae in anthesi palentis ramis semiverticillatis , subappro- 
ximatis, pilis paleae inferioris palea ipsa longioribus, arista vix geni- 
culata , paleam inferiorem plus quam duplo superante , foliis anguste 
linearibus, apice acuminato-attenuatis , demum involutis, ligula brevis- 
sima, truncata. 

Lasiagrostis calamagrostis Link hort. reg. beroì. descr. 1 . p. ^. 
fìeich. fi. germ. exciirs. 1. p. 29. Kimth enurn. pi. /. 'p. 178. Koch 
syn. fi. germ. et lielv. edit. 2. p. 909. 

Agrostis calamagrostis Linn. sp. pi. p. 92. Ali! auct. p. 39. Baiò, 
fi. taur. p. li. Birol. fi. acon. 1 . p. 2ì. Savi! hot. etrusc. 2. p. 42. 

Arundo speciosa Willd. sp. pi. 1. p. 365. Schrad. fi. gemi. 1 . 
p. 219. Pollin. fi., veron. 1. p. 86. Re fi. torin. 1. p. 360. Bert. fi. 
Hai. 1 . p. 736. Pticcin! syn. fi. lue. I. p. 7/. 

Calamagrostis argentea Dee! fi. fr. 3. p. 2o. et o. p. 253. 

Flora Italiana. Vot. 1. 11 



I(r2 GRAMINACEE. 

Calamagroslis speciosa Host (jram. anslr. 4. p. SO. 

Achnantherum calamagroslis PuUs. de Beaiiv. agrost. p. 6. lab. 0. 
fìg. 7. 

Stipa calamagroslis Wahlenh. de veg. et cìim. Helv. sept. p. 23. 
Gaud. fi. helv. 1. p. 112. Comolll fi. rom. 1. p. 91. Coli. herb. ped. G. 
p. 6. 

Gramen paniculatiim , montanum, locuslis serici modo spentlen- 
tibus, cum aristis. Ponted. camp. lab. boi. p. 53. 

Idem locustis aureis Ponted. l. e. 

Gramen arundinaceum, panicula densa, viridi argentea, splen- 
dente, aristata Seg. suppl. p. 163. 

b. panicula depauperata, spiculis basi purpurascentibus. 

e. major , spiculis duplo majoribus. 

Figura. — Host gram. austr. 4. tab. 45. 

Nome italiano. — Cannella ingannavena Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama i luOghi montUOSi della 

penisola e le Alpi ove si trova fra i 500 e i 1500 metri , nella parte supe- 
riore della regione del castagno e in una gran parte di quella dell'abete. 
Abbonda nell'Italia settentrionale ove cresce anche nelle montagne basse 
e nei colli e discende ancora lungo i torrenti.' Così si trova nelle Alpi 
marittime, in Piemonte, ne' monti della valle Intelvi, della Valsoda , di 
S. Martino sopra Lecco, sul 5. Salvatore presso Lugano, nei monti di 
Brescia , di Bergamo , ove cresce pure sulle mura della città , di Ve- 
rona , a preferenza alle falde di 3Ionte Pestello e di Moìile Baldo , lungo 
l'Adige, e nelle rupi della Chiusa, del Tirolo, del Vicentino, del Bas- 
sanese, dell'Istria a Monfalcone ec. ec. Scende, ma diviene più rara, 
nell'Appennino ligure, lucchese e pistojese, cresce nelle vicine alpi 
Apuane, (me ne è stata comunicato un esemplare dal fu Prof. Gaetano 
Savi e l'ho veduto nel suo erbario, ove si conserva un esemplare del 
Micheli) e si mostra ancora nei monti di Puglia, di Basilicata e di Ca- 
labria, e sul Gargano nel Regno di Napoli. É da credere che sarà più 
tardi raccolta, se pure non la sia stata finora a mia insaputa, ne' monti 
intermedi! tra l'Appennino pistojese e la Calabria. Manca nelle isole. 
Ho avuta la varietà b dal sig. Del Ponte, che l'ha raccolta nella valle 
della Macra vicino Adronero. La varietà e mi è stata comunicata dal 
Gasparrini, il quale l'ha trovalo nelle colline aride della Calabria. Fio- 
risce da Giugno ad Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — È propria dell' Europa meridionale. 

Osservazioni. — Oucsta spccic varia non solo per le foglie più o 



LASIAGROSTIS. lOr) 

meno lineari, per la pannocchia più o meno grande e dotata di un nu- 
mero maggiore di spighette, ma ancora per il colore di queste, eh' è 
generalmente di un giallo pallido tendente al verde, e lucente verso 
l'apice e il margine delle glume, e che talvolta è di color d'oro, come già 
primo notò il Pontedera. Negli esemplari avuti da Del Ponte spettanti 
alla varietà mia b le spighette sono di un color porporino verso basso, 
e sono dorate nella varietà e la quale offre queste spighette il doppio 
più grandi di quelle che si osservano comunemente. Nulla ho potuto 
del resto trovare in questa da far credere che possa essere una specie di- 
stinta. In essa mancano, è vero, quei ciuffetti di peli che si trovano 
d'ordinario ai lati esterni della ligula , come ancora la paglietta in- 
feriore è più scarsa di peU sul dorso, ma queste variazioni si osservano 
pure nella specie. 

L' Ucria nel suo hortns regius panormitanus scrive trovarsi ì'agro- 
stis calamagrostis in Sicilia nelle Madonie al inano della battaglia di Pe- 
tralia; però essa non è stata rinvenuta colà né in altro luogo di Sicilia 
da alcuno dei più moderni botanici , ne io sono slato in questo più 
fortunato degli altri , per cui son di parere che debba ciò considerarsi 
come uno sbaglio di determinazione dell' Ucria. 



XXXI. STIPA Dert. 

Bert. jl. Hai. J. p. 685. 

Stipae species Linn. gen. pi. p. 37. Pulis. de Beauv. ugrost. p. JS. 

Kunth enum. pi. 1 . p. 179. Endl. gen. pi. p. 88. Pari. fi. pai. /. 

p. 55. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito, stipitato, stipitulo conico, 
acutissimo. Glumae 2, subaequales, membranaceae, acuminatae vel 
acuminato-arislatae, flosculo longiores. Paleae 2, coriaceae, involutae, 
inferior apice aristata, arista basi articulata, longissima, geniculata, in- 
fra geniculum contorta, persistente, superior panilo brevior, integra, 
obsolete binervis. Perigoni! squamulae 5. Stamina ut plurimum 5, an- 
theris apice barbulatis. Ovariumglabrum, stipitatum. Stigmata piumosa. 
Caryopsis glabra, libera, paleis involuta. 

Abito. — Piante per lo più perenni , dotate di culmi alti d'ordi- 
nario da uno a due piedi, e qualche volta anche più, a foglio lineari, 
strettissime e quasi filiformi, spesso convolute , formanti con i culmi 



IGi GRAMINACEE. 

dei cespugli. Le pannocchie hanno ordinariamente poche spighette, 
pedicellate, per lo più grandi e fornite di glume acuminate e sovente 
prolungate in una specie di aresta; queste glume sono anche in parte 
o totalmente bianche e come scagliose. La paglietta inferiore poi si ter- 
mina in una aresta assai lunga, inginocchiata e contorta al di sotto del- 
l' inginocchiatura, ora nuda, ora barbata e piumosa al di sopra di essa. 

99. Stipa pennata Linn. 

S. panicula pauciflora, glumis longe acuminato-aristatis , palea 
inferiore inferno lineis 5 sericeis notata , levi , ejus arista basi nuda , 
supra geniculum longissima, piumosa, foliis glaucis, rigidis, convoluto- 
linearibus, ligula apice lacera, externe pubescente, radice perenni. 

Stipa pennata Linn! sp. pi. 115. Ali. fi. ped. 2. p. 239. Ucria 
h. r. pan. p. 61 . Desf. fi. atl. 1 . p. 97. Savi due cent. p. 28. Dee. 
fi. frane. 3. p. 27. Sibth. et Smith fi. graee. prodr. 1. p. 23. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 331. Morie, fi. ven. p. 62. Pollin. fi. veron. 
1. p. 90. Ten. fi. nap. 3. p. 95. Nacc. fi. venet. 1. p. 81. Gitss. pi. 
rar. p. 48. et fi. sic. prodr. 1. p. 132. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. 
1. p. 25. Gaiid. fi. helv. 1. p. 172. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 48. 
Reich. fi. germ. exciirs. 1 . p. 28. Kunth enum. pi. 1. p. 179. Bert. fi. 
ital. 1 . p. 085. Comoll! fi. com. 1. p. 93. Doiss. voij. en Esp. p. 642. 
Pari. fi. panorm. 1. p. 79. Vis. fi. dabn. 1. p. 58. Guss. syn. fi., sic. 
1 . p. 128. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 908. Pari. fi. pai. 1. 
p. 55. Grìes. spìe. fi. rum. et hìtìi. 2. p. 471 . 

Gramen avenaceum, speciosissimis pennatis aristis donatumil/o«/. 
cai. stirp.'agr. hon. prodr. p. 57. Zannieh. ist. delle piante p. 124. 
tab. 48. 

Figura. — Host gram. ausfr. 4. p. 19. tab. 33. 

Gramen sparteum, pennatum, majus Barr. ie. 46. 

Nome italiano. — Lino delle Fate. Stuzzica orecchie. Slranutella 
delle pecore. Stipa delle Fate. Stuzzichella. Pennine Paradise Targ. 
Tozz. diz. bot. 2. p. 222. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama le fcSSUre delle fupi cal- 
caree, le colline e i luoghi aprici montuosi della penisola, si a distanza 
che vicino del mare , ove talvolta s' incontra nei lidi arenosi come 
presso Venezia. Quantunque io 1' abbia da moltissimi punti della peni- 
sola, dal Piemonte, dal Comigiano, dal Veronese, dal Tirolo italiano, 
dal Bassancsc, dal Friuli, dal Veneto, dalla Riviera di Ponente, dal Fio- 



STIPA. 165 

renlino, dalle Marche, dagli Abruzzi, dal Romano, dalle Calabrie, pure 
non si può dire una specie del tulio comune. Cresce ancora ma è più 
rara nell'isola di Sicilia, ove si trova a preferenza nel lato settentrio- 
nale. Fiorisce ivi dal Maggio al Giugno, mentre nel nord dell' Italia è 
in fiore in Luglio ed in Agosto. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta propria dell' Europa media e 
mediterranea e dell'Affrica boreale. 

Usi. — Le lunghe aresle in forma di piuma riunite in fascetto 
servono di ornamento sui mobili delle stanze in Toscana. 

99. Stipa capillata Linn. 

S. panicula basi inclusa, glumis acuminato-aristatis , flosculo du- 
plo longioribus, palea inferiore inferne lineis 5 sericeis notala, levi, ejus 
arista nuda , subquinquepoUicari , supra geniculum capillari , scabra , 
demum varie curvata, foliis convoluto-fìliformibus, glabris, intus pube- 
rulis, ligula acuta, glabra, radice perenni. 

Stipa capillata Linn. sp. pi. 116. et mant. alt. p. 326. Ali. fi. 
ped. 2. p. 239. Dee! fi. frane. 3. p. 27. et 5. p. 257. Roem. et Schul- 
tes syst. veg. 2. p. 333. Poli. fi. veron. I. p. 00. Giiss. pi. rar. p. 49. 
Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 25. Gaud. fi. helv. I.p. 170. Lois. fi. 
gali. edit. 2. voi. I. p. 49. Reich. fi. gemi, exciirs. 1. p. 27. Ten. fi. 
nap. 3. p. 95. Kunth enum. pi. 1. p. 180. Rert. fi. ìtal. 1. p. 686. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 908. Gries. spie. fi. rum. et 
hith. p. 471. 

Gramen avenaceum, locustis longissimisaristispraeditisil/onf. cat. 
stirp. agr. boti, prodr. p. 56. 

Figura. — Host gram. aiistr. 4. p. 4. lab. 5. 

Nome italiano. — Stuzzicliella Crespa Rert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCO nei luOghi montUOsi 

aprici e nelle colline molto aride. Si trova in Piemonte nella valle di 
Aosta, donde la possiedo, ed a Susa e nel monte 5. Michele della 
Chiusa, nelle vicinanze di Bolzano nel Tirolo, in Roma nei monlicelli 
che sono fra Tivoli e Monte Gennajo, donde mi è stata data dai signori 
Donarelli e Barbieri, negli Abruzzi a Pacentro presso Solmona, ed a Po- 
poli, e nella Puglia a Martina. Io non l'ho dalle isole, e credo che non 
vi debba nascere , quantunque il Moris la porti nel fascicolo primo del 
suo elenco delle specie sarde come nativa dei luoghi secchi sassosi della 
Sardegna. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è perenne. 



100 GRAMINACEE. 

Distribuzione'geografica. — Propria dell' Europa media e meri- 
dionale. 

Osservazioni. — li prof. Bcrloloni ha confuso con questa specie la 
sl'ipa Lagascae di Gussone che spetta alla stipa gigantea, come sarà detto 
qui appresso. La stipa capillata si distingue benissimo dalle altre affini, 
che forman con essa un piccolo gruppo nel genere, specialmente per 
il carattere delle areste di essere al di sopra dell' inginocchiatura cur- 
vate in vario modo sopra se stesse e quasi flessuose. Vedi le mie osser- 
vazioni alle specie seguenti. 11 Moris nel fascicolo primo del suo stir- 
pium sardoarum elenchus porta la stipa capillata come nativa di Sarde- 
gna, però io credo ch'egli abbia confuso con la stipa capillatah juncea, 
avendo con quel nome da lui avuti gli esemplari della stipa juncea. 

SO. Stipa juncea Linn. 

S. panicula elongata, strida , glumis acummato-aristatis, flosculo 
subduplo longioribus, palea inferiore inferne lineis 5 sericeis notata , 
superne punctato-scabra, ejus arista nuda, subtripoUicari, infra genicu- 
lum patule pilosa , supra geniculum subulata , scabrida , recta , foliis 
convoluto-fdiformibus, junceis,glabris, intus scdbriusculis, ligula acuta, 
glabra, radice perenni. 

Stipa juncea Linn. sp. pi. 1 1G. Ali. aiict. p. 39. Dee. fi. fr. 3. 
p. 57. Roem. et Schultes? sgst. veg. 2. p. 332 Lois? fi. gali. edit. 2. 
voi. 1. p. 49. Beri. fi. Hai. I.p. 687. Boiss! voyag. enEspagn. p. 642. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Stuzzichella accestita Be7i. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Ama i luOghi aridi C SaSSOsi 

non lontani dal mare mediterraneo. Nasce in Nizza, donde mi è stata 
comunicata dal Chiappari , in Villafranca di Nizza, dove la nota l'Allioni, 
nella Liguria occidentale a Castell'Erno, ove l'ha trovato il prof. Sassi, 
e a Bordiglìiera donde mi è stata data dall'amico prof. De Notaris col 
nome di stipa Lagascae, come pure nell' isola di Sardegna, donde l'ho 
avuta dal prof. Moris. Fiorisce in Maggio e Giugno, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nel mezzogiorno della Francia , in 
Ispagna, e nei luoghi qui indicati d' ItaUa ec. 

Osservazione. • — Qucsta specic distinguesi benissimo dalla prece- 
dente per le foglie piìi glabre, non pubescenti all' interno, per la pan- 
nocchia più allungata, per la paglietta inferiore superiormente punteg- 
giata e scabra, non liscia , per 1' aresta più corta, pelosa al di sotto 



STIPA. 107 

dell'inginocchiatura, meno delicata al di sopra, ove è scabroselta e di- 
ritta sempre ec. E più affine alla stipa Lagascae di Roemer e Schultes 
e di Boissier, da cui differisce per le foglie lisce in quasi tutta la loro 
lunghezza e non scabre, per le ligule acute e glabre, non ottuse e pu- 
berule, per le glume una metà circa più piccole, dappoiché sono lun- 
ghe 5/4 di un pollice, mentre nella stipa Lagascae lo sono quasi il dop- 
pio, perl'aresla più corta circa due pollici, essendo nella stipa Lagascae 
lunga circa 6 pollici, per essere questa aresta al di sotto dell' inginoc- 
chiatura dotata di una peluria patula e non cortissima e avvicinata. Son 
sicuro di avere la vera stipa Lagascae essendomi stata comunicata dal- 
l' amico Boissier, il quale asserisce, dietro il possesso di esemplari au- 
tentici, esser la sua pianta perfettamente identica alla stipa pubescens 
di Lagasca. Per quanto riguarda poi la stipa Lagascae di Gussone e di 
Tenore vedi le mie osservazioni alla specie seguente. 

La stipa jimcea ha una ligula prolungata, ed io l'ho vista negli 
esemplari di Sardegna lunga circa quattro linee ed anche più in quella 
delle foglie superiori. 

Non ho citato il sinonimo della stipa juncea di Desfontaines e quello 
della flora greca di Sibthorp e Smith , perchè io credo esser distinte le 
piante greche e le atlantiche dalla nostra per le foglie pubescenti un 
poco all' interno , per una pannocchia più ramosa , per le glume più 
lunghe, per 1' aresta molto più lunga, pubescente tutta sino all' apice, 
benché meno al di sopra dell'inginocchiatura, e più curva. Io credo 
che questa specie debba distinguersi come nuova e propongo che si dica 
stipa Fontanesii . 

91. Stipa gìgantea Lag. 

S. panicula demum subexserfa nutante, glumis longe acuminato- 
aristatis, flosculo plus quam triplo longioribus, palea inferiore a basi 
ad medium pilosa, superne scabriuscula, ejus arista nuda, 5-7 poUicari, 
subgeniculata , brevissime adpresseque pubescente , demum curvata et 
subarcuata, foliis elongatis , convoluto-fdiformibus , scabris, inferne et 
intus pubescentibus , ligula acuta, externe puberula, radice perenni. 

Stipa gigantea Lag. gen. et spec. p. 3. Roem. et Schultes syst. veg. 2. 
p. 333. Kunth enum. pi. 1 . p. 180. Boiss. voy. en Esp. in obs. ad stì- 
pam Lagascae. 

Stipa Lagascae Guss! pi. rar.p. 48. et fi. sic. prodr. f. pag. 132. 
excl. syn. R. S. et Lag. etsyn. stipaejunceae B Desf. Ten. syll. p. 52. 



168 GRAMINACEE. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle CollinC aride della CO- 

sta orientale del regno di Napoli e presso il golfo di Taranto , a Man- 
fredonia, a Polignano, a Lecce, a Gemini, a Taranto, ad Almendolara, 
donde me 1' ha comunicata il Gussone. In Sicilia si trova anche nelle 
colline e nei campi arenosi a Caltanissetta, Castelvetrano, Terranova, 
Discari, Butera, Leonforte, Piazza. Fiorisce in Aprile e Maggio. È pe- 
renne. 

Distribuzione geografica. — Si trova in Spagna e nei luoghi qui 
sopra indicati del regno di Napoli ed in Sicilia. Forse cresce in altri 
punti di Europa, ed è stata confusa con altre specie affmi. 

Osservazione. — Nou occorrc di precisare le differenze di questa 
specie dalla stipa capillata, con la quale 1' ha il Bertoloni confusa nella 
sua flora italica , essendone tanto e poi tanto distinta ; basta per que- 
sto di confrontare le due frasi specifiche, superiormente addotte. E 
però questa pianta assai vicina alla stipa Lagascae, a cui molto rassomi- 
glia, ma se ne distingue benissimo per le sue foglie molto più lunghe, 
e piij scabre, pubescenti al di sotto e puberule internamente, mentre 
sono affatto glabre nella stipa Lagascae, per la ligula piiì pelosa esterior- 
mente , per le glume molto più grandi e più lungamente acuminato-are- 
state , superanti più di tre volte la lunghezza del fioretto , per la pa- 
glietta inferiore dalla base alla metà pelosa , e per l' aresta più lunga. 
Quanto alla vera stipaLagascaevedì le osservazioni alla specie precedente. 

9!9. Stipa tortili^ Desf. 

P. panicula subspicata, basi vagina folii supremi involuta, glumis 
albo-scariosis, acuminato-attenuatis , palea inferiore totidem villosa, 
ejus arista subtripollicari , infra geniculum patule pilosa, supra geni- 
culum subulata , glabra, scabra, recta vel refracta, foliis convoluto-fili- 
formibus, intus pubescentibus , ligula brevissima, truncata, radice 
annua. 

Stipa tortilis Desf! fi. atl. 1 p. 09. Biv. cent. '2. p. 61. Dee! fi. 
frane. 5. p. 257. Roem. et Schidtes syst. veg. 2. p. 332. et mant. 2. 
p. i85. Polliti, fi. veron. 1 . p. 00. Presi cyp. et grani, sic. p. 20. Ten. 
fi. nap. 3. p. 05. Giiss. fi. sic. prodr. 1. p. 133. et suppl. 1. p. 31. 
Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1 . pag. 95. Kunih enum. pi. 1 . p. 180. Beri, 
fi. Hai. 1. p. 688. Pari. fi. panorm. 1. p. 80. Guss. fi. sic. syn. 1 . 
p. 129. Pari. fi. pai. 1. p. 56. 



STIPA, H)',) 

Stipa tenacissima Ucria h. b. panorm. p. 67. ex loco et synon. 
siculo non Limi. 

Stipa humilis Brot. jl. lusit. 1 . p. 80. 

Stipa paleacea Sibth. et Smith fi. graec. prodr. 1. p. 05. et jl. 
firaec. i. p. 68. 

Stipa capensis Nees ab Esenb. fi. Afr. austr. ili. p. 170. an et 
Thimb? prodr. pi. cap. p. 19. 

Gramen avenaceum, panicula parum expansa, ex locustis tenuis- 
simis longius aristatis congesta Mon^ rat.' stirp. agr. boti, prodr. 
p. 56. 

Figure. — Desf. l. c. lab. 31. fìg. 1 . Sibth. et Smith fi. graec. 1. 
tab. 86. 

Spartium spica et setulis tenuissimis caudam equinam aemulanti- 
hus Bocc. mus. di piante, tab. 07. 

Nome italiano. — Stuzzicliella appiccavesti Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei campi sterili , nelle Col- 
line e lungo le strade. Trovasi lungo la costa della Liguria occidentale, 
a Nizza, a Yillafranca, a Montone, a Andora, a Ceriale, a Pietra, a 
Capo S. Spirito ec. nella spiaggia di Toscana a Caldana presso Campi- 
glia , ove r ha trovato il prof. Pietro Savi ; presso il Tevere , donde me 
l'ha comunicata la sig. Mazzanti-Fiorini; nei monti e nelle colline 
presso la costa occidentale del regno di Napoli nella Terra di Lavoro, 
in Basilicata, in Calabria, a Nicastro, a Reggio ec. Cresce poi comu- 
nemente in Sicilia , m Corsica , in Sardegna , in Malta , ed in quasi 
tutte le altre piccole isole dalla Capraja sino a Malta e a Lampedusa. E 
pianta annua e fiorisce da Marzo a Maggio. 

Distribuzione geografica. — Specie dell' Europa meridionale , ove 
trovasi in Portogallo, in Ispagna , nel mezzogiorno della Francia , nei 
punti indicati della penisola e nelle isole italiane, in Grecia, ec. Si 
trova ancora nelle Isole Canarie, in P)arbaria, in Egitto, nel Capo di 
Buona Speranza, in Arabia, in Persia ec. 

Osservazione. — Ho avuto questa pianta del Capo di Buona Spe- 
ranza nella collezione del sig. Drège col nome di stipa capensis di Thun- 
berg, e bene vi corrisponde la descrizione che il Nees ab Esenbeck ne 
(la nelle sue florae Africae australioris illustrati ones a p. 1 70. Però è dif- 
ficile r asserire che sia la stessa pianta del Thunberg, attesa la ristret- 
tezza della frase specifica da lui data nel prodromus plantaruni capensium 
a p. 19. Qualora la stipa capensis di Nees ab Esenbeck fosse la mede- 
sima di quella di Thunberg, la nostra pianta dovrebbe riconoscersi col 

11* 



ITO (lllAMlNACEi:. 

nome dato da quesl' ultimo botanico , il quale la pubblicò nel 1 791 
mentre il Desfontaines la descrisse nel 1798. 



XXULII. ARISTEIiliA Bert. 

Beri. fi. Hai. 1 . p. 690. Boiss. voij. en Espagn. p. 6H. 
Agrostidis species Linn. mani 1 . p. 30. Savi hot. eiriim. 1 . p. SI . 
Stipae species Limi, sysl.'nat. ed. 12: tom. 3. p. 229. Kimth enum. pi. 
I. p. 180. Endl. <jen. pi. p. 88. 

Spiculac i-florae, flore liermaphrodito, sessili. Glumae 2, subae- 
quales, acutae, flosculo longiores. Paleae2, inferior coriacea , invo- 
luta, apice bifido-sublacero aristata, arista basi articulata, brevi, re- 
cta, persistente, superior brevior, membranacea, apice bidenfata , 
binervis. Stamina 3, antheris apice imberbibus. Stigmata piumosa. Squa- 
raulae 2. Caryopsis ut in stipa. 

Abito. — Pianta perenne, a radice fibrosa, a culmi in cespuglio, 
alti da 2 a 3 piedi , lisci e superiormente nudi , con foglie strettamente 
lineari, piià tardi convolute. La pannocchia è stretta, lineare, ora più 
ora meno lunga, talvolta anche della lunghezza di circa un piede. Le 
spighette son piccole, allungato-cilindriche, con le glume acute, di co- 
lor verde pallido e bianche nel margine, 1' aresta della paglietta. infe- 
riore è diritta, non inginocchiata, lunga più del doppio del fioretto, 
nuda e solo scabrosetta. 

Osservazione. — ^Ho ritenuto il genere aristella come distinto dall'af- 
fine stipa, malgrado che solo come sezione di questo l'avessi considerato 
nella mia flora palermitana , perchè fatto migliore studio dell' aristella, 
questa mi sembra potersi bene considerare come un genere distinto 
dalla stipa per avere il fioretto sessile e non stipitato , per le glume che 
restano avvicinate al fioretto , per cui le spighette si mostrano allunga- 
to-cilindriche, mentre nella stipa queste spighette sono come compresse 
per l'allontanamento delle glume medesime, per la paglietta inferiore 
bifida e come lacera all' apice, per la sua aresta corta, diritta , non in- 
ginocchiata ne contorta in basso , per la paglietta superiore più corta , 
membranacea e dotata all' apice di due piccoli denti , e per le antere 
imberbi nell' apice dei loro lobi. 



ARISTELLA. ITI 

93. JLrìstella bronioides Beri. 

Aristella bromoides Beri. fi. ìlal. I . p. 690. Puccin! syti. jl. lue. 
j). 46. Boiss. voìj. en Espagn. p. 644. 

Agrostis bromoides Linn! mani. 1 . p. SO. Savi hot. etrusc. 1 . p. 31 . 

Stipa aristella Lìnn. sìjst. nat. edit. i2. tom. 3. p. 2S9. Ali. auct. 
p. 39. lab. 3. fìg. 4. Dee. fi. frane. 3. p. 28. et 5. p. 258. Sibili, et 
Smith fi. graec. prodr. 1 . p. 66. et fi. graec. 1 . p. 69. Roem. et Schul- 
tes sìjst. veg. 2. p. 334. Poli. fi. veron. 1 . p. 90. Presi cyp. et grain. 
sic. p. 20. Ten! fi. nap. 3. p. 35. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 133. Seh. 
et Manr. fi. rom. prodr. 1 . p. 26. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 48. 
Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 28. Kiinth eniim. pi. 1 . p. 180. Bert. fi. 
ital. I. p. 690. Pari. fi. panorm. I. p. 81 . Vis. fi. daini. I . p. 59 
Giiss. fi. sie. syn. 1 . p. 129. Koeli syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 908. 
Pari. fi. pai. 1 . p. 58. Grìes. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 471. 

Figure. — Sibili, et Smith fi. graec. 1. lab. 87. Host grani, 
aiistr. 4. tah. 34. 

Nome italiano. — Forasacco bastardo Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — NasCe nei luoghi Salvatici , 

nelle siepi, nelle colline aride e talvolta anche lungo i torrenti e nei monti. 
Si trova in Istria, nella Riviera di Ponente a Nizza, aVillafranca,a Mento- 
ne ec, nell'Italia centrale ove è stata raccolta a monte Penna nel Luc- 
chese dal Prof. Puccinelli, presso Pisa al monte Pisano ec. dal Prof. Gae- 
tano Savi, in varii punti dell'Appennino toscano, come alla Vernia ec. da 
me stesso , nell'agro volterrano al bosco di Berignone da Amidei, vicino 
Roma, sulle falde del Monte Gennaro, a Palombara ec. da Sebastiani e 
Mauri e presso il Tevere. Diviene più comune nell'Italia più meridio- 
nale , come nel regno di Napoli , e nelle isole di Corsica , di Sardegna 
e di Sicilia, ove si trova principalmente nella parte settentrionale, ciò 
non ostante non è mai una specie comunissima. Cresce ancora nell'isola 
di Capri, donde l'ho avuta dal Tenore. Fiorisce in Giugno. E perenne. 
Distribuzione geografica. — Pianta propria dell'Europa meridio- 
nale e dell'Asia minore. 



XXS.III. CHAETARIA Palts. de Beauv. 

Palis. de Beauv. agrost. lab. 8. f. 5-6. Roem. et Schultes syst. veg. 2. 
p. 18. Nees ab Esenb. fi. Afr. austr. illuslr. p. 186. 



172 r.KAMliNACEE 

Arislidae spocies Liuti, yen. pi. 38. Kunlh enuin. pL I . p. I<SJ. End!. 
gen. pi. p. 88. Desf. fi. ali. 1. p. J06. Pari. fi. pai. 1. p. 59. 

Spiculae 1-florae, flore hermaplirodito , stipitato. Glumae 2, inae- 
quales, membranaceae, angustissimae, muticae. Paleae 2, inferior coria- 
cea, convoluta, elongata, apice attenuata, triaristata, aristisutpluriinum 
aequilongis, haud articulatis, superior integra, acuta, minuta, mutica, 
(in nostra specie nulla). Stamina 3, antheris apice imberbibus. Styli2, 
terminales, breves. Stigmata piumosa. Caryopsis glabra , teres, libera, 
paleis induratis inclusa. 

Abito. — La nostra specie è perenne, a culmi in cespuglio e ramo- 
si, con foglie strettissime lineari e convolute, con la pannocchia un 
poco incurvata, fornita di spighette strette, lineari, alquanto cerulee, e 
con la paglietta dotata di tre areste corte, uguali in lunghezza. 

Osservazioni. — Il genere chaelarìa devesi distinguere dagli affuii 
nnstida ed arthrathetnim di Palisot di Beauvais, principalmente per 
r aresta non articolata e persistente, mentre in quei generi è articolata 
e caduca , per la forma della paglietta inferiore eh' è molto allungata , 
e per la superiore eh' è acuta e non rotondata all'apice ec. 

94. Cliaetaria Adscensionis Paìis. de Beauv. 

C. panicula coarctata, elongata, subsecunda, glumis anguste li- 
neari-subulatis , palea solitaria, aristis levibus, subaequalibus, foliis 
anguste linearibus, convolutis, culmo basi ramoso. 

Chaetaria Adscensionis Paìis. de Bemtv. agrost. p. 30. Roeiri. et 
Schultes syst. veg. 2. p. 300. 

Aristida Adscensionis Linn/ sp. /)/. p. 121. Kunth etium. pi. 1. 
p. 190. Pari. pi. nov. p. i4. et fi', pai. 1 . p. 59. 

Aristida gigantea Linn. fili suppl. p. 121 . 

Aristida canariensis Willd. enum. p. 99. 

Aristida coerulescens Desf! fi. atl. 1. p. 109. Kunth enum. pi. I . 
p. 190. Pari. fi. panorm. 1. p. 77. Beri. fi. Hai. 4. p. 780. Guss. fi 
sic. syn. 1. p. 127. Boiss! voy. en. Esp. p. 644. 

Chaetaria coerulescens Palis. de Beauv. agrost. p. 30. Roem. et 
Schultes syst. veg. 2. p. 394. 

Chaetaria canariensis Nees ab Esenb. in Mari. fi. brasH. 2. p. 387. 

Tigura. — Desf. fi. ali. 1. lab. 21. fìg. 2. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nelle fcSSUrC delle rupi cal- 



CHAETARIA. 175 

carco che guardano il mare a Monte Gallo vicino Palermo , ove è stata 
da me trovata per la priina volta. Fiorisce nei mesi di Maggio e Giugno 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Sola specie del genere chaetaria che 
nasca in Europa, ove oltre del qui sopra indicato punto di Sicilia è stata 
trovata in Spagna presso Malaga dall'amico BoissFer. Cresce ancora 
nell'Affrica boreale, nelle Isole Canarie, in quelle del Capo Verde, nel- 
l'Arabia petrea, da' quali luoghi posseggo degli esemplari, nell'Isola 
dell'Ascensione, come per l'esemplare visto nell'erbario di Linneo, 
e nel Brasile. 

Osservazione. — Come già avvertii nelle mie plantae novae, io 
non so distinguere Varistida coendescens di Desfontaines dalla arislida 
Adscensionis di Linneo, che ho potuto osservare nell'erbario linneano. 
ì^eìY aristida giganlea del tìglio di Linneo, che egli ottenne dall'isola di 
Teneriffe e di cui vidi un'esemplare nell'erbario linneano medesimo, 
le glume sono un poco più fortemente colorate che nella aristida coe- 
rulescente e il culmo sembra più alto: del resto nessun carattere vi è 
che possa farle specificamente distinguere, e gli esemplari palermitani 
sono perfettamente simili a quelli che io ho delle Isole Canarie e che 
ho descritto nella phytographia canariensis. 



XRIBIJ SESTA. 

AGROSTIDEE. 



Agrostideae Pari. fi. palerm. I. p. 60. 

Agrostideae e parte delle Arundinaceae e delle Avenaceae di Kiinlh 
enum. pi. 1. p. 236 e 286. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito, raro cum rudimento tlo- 
ris superioris. Glumae 2, subaequales, flosculo plerumque longiores. 
Paleae ut glumae ut plurimum membranaceae , raro subcoriaceae vel 
coriaceae, inferior saepe aristata. Perigonii squamulae 2. Styli nulli 
vel breves. Stigmata piumosa. Caryopsis glabra, libera, paleis tecta. 

Osservazioni. — La tribù delle agrostidee nei caratteri qui sopra 
indicati comprende, quasi nel senso ammesso da Koch, non solo le 
agrostidee di Kunth , ma ancora diversi generi da questo botanico ri- 



174 GRAMINACEK. 

portali alle arundinacce ed alle avenacee. Essa è inlermedia tra le sli- 
pacee, alle quali è affine per il genere gastridium, e le arundinacee, 
con le quali si congiunge in grazia dei generi calamarjrostis, deijeuxia 
ed ammophila. Questi generi però non possono appartenere alle arun- 
dinacee, per avere le spighette con un fioretto, spesso con un rudimento 
di un fioretto superiore, gli stimmi sessili o quasi sessili, e piumosi. 
Vedi i caratteri proprii della tribù delle arundinacee. 

Distribuzione geografica. — Questa tribù più particolare a' paesi 
del nord, è molto ricca di specie nella parte settentrionale della peni- 
sola, ove abbondano le agrostis, le calamagrostis e le deijeitMa, talune 
delle quali come Vagrostis alpina, rupestris, alcune varietà deìVagrostis 
alba e canina, la caìamagroslis tenella e le deijeuxia si trovano nelle re- 
gioni subalpina od alpina delle Alpi e degli Appennini ; Vagrostis alpina è 
anzi una delle poche gramigne che salgono a maggiore altezza nelle Alpi, 
come ho detto a pag. 45. Varie altre specie di agrostidee poi sono 
proprie della regione mediterranea e crescono a preferenza lungo la 
costa occidentale e talvolta anche orientale della penisola , nel mezzo- 
giorno di questa, nelle grandi e piccole isole: spettan esse ai generi 
gastridium, triplachne, sporoholus, polijpogon; lagurus, chaetiirus, ammo- 
phila, alcune agrostis come Vagrostis stolonifera , la pallida ec. A dare 
maggiore importanza a questa tribù per distinguere le specie di questa 
regione mediterrannea servono appunto il gastridium seahrum Presi, 
la triplachne nitens Link, Vagrostis strida De Not., la frondosalen., il 
polypogon adscendens Guss., il chaeturus fasciculatus Link, il lagurus 
ovatus Linn., alcune delle quali sono affatto proprie dell'Italia, altre che 
questa possiede in comune con il mezzogiorno del Portogallo, della 
Spagna, della Francia, con le coste di Barbarla ec. 

XHLXIT. CiASTRIBIVlfl Palis. de Beauv. 

Palis. de Beauv. agrost. p. 21. lab. 6. f. 6. Roem. et Schultes sysl. veg. 2. 

p. 16. Kunth enum. pi. 1. p. 230. Endl. gen. pi. p. 89. Koch syn. 

fi. germ. et helv. edit. 2. p. 907. Pari. fi. pai. 1. p. 61. 
Milii species Linn. sp. pi. 91. et pi. auct. 
Agrostidis species Linn. mant. 1. p. 30. Savi fi. pis. 1 . p. 83 Dee. fi. 

frane. 3. p. 18. 

Spicuhe 1-florae, flore hermaphrodito , absque rudimento lloris 
superioris. Glumae 2, mcmbranaccae, subaequalcs, lanceolatae, muticae, 



GASTRIDIUM. 175 

llore multo longiores , b:isi subgloboso-lumidae. Paleae i , mombrana- 
ceae, inferior apice denliculata, mutica vel infra apicem aristata, arista 
in medio geniculata. Perigonii squamulae !2, integrae, glabrae. Sta- 
mina 5. Ovariumglabrum. Styli subnulli. Stigmata piumosa. Caryopsis 
paleis demum induratis tecta , libera. 

Abito. — Piante annue, con radice fibrosa, con culmi in cespuglio, 
diritti ascendenti , poco alti , con le foglie piane , con pannocchie 
dense in forma di spighe, dotate di spighette piccole, compresse, niti- 
de, pedicellate e coi pedicelli ingrossati all' apice. 

95. Ciastridiuni lendiserum Gaud. 

G. panicula sub anfhesi laxiuscula, glumis acuminato-elongatis , 
carina scabris, palea inferiore hirsuta, aristata, arista glumas supe- 
rante. 

Gastridium lendigerum Gaiul. jl. helv. 1. p. 170. Lois. fi. gali, 
edit. 2. voi. 1. p. 49. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 24. Boiss. voij. en 
Éspagn: p. 647. Guss. sijn. fi. sic.f.p. 132. Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 907. Pari. fi. palerm. 1. p. 62. Gries. spie. fi. rum. 
et bith. 2. p. 459. 

Milium lendigerum Liìin. sp. pi. p. 91. Ali. fi. ped. 2. p. 235. 
Desf. fi. atl. 1. p. 65. Bert. pi. gen. p. 9. Sihth. et Smith fi. graec. 
prodr. 1. p. 44. et fi. graec. 1. p. 49. Savi hot. etrusc. 1. p. 30. Beri, 
amoen. ital.p. 110. PolUn. fi. veron. 1. p. 84. Guss. fi. sic. prodr. 1. 
p. 54. Fiorì app. al prodr. della fi. rom. p. 3. Ten. fi. nap. 3. p. 51. 
Guss. svppl. prodr. 1. p. 14. Bert. fi. ital. 1. p. 390. Gomoll. fi. com. 1. 
p. 76. Pari. fi. panorm. 1. p. 84. Vis. fi. dalm. 1. p. 57. 

Agrostis australis Lìnn. mant. 1 . p. 30. 

Agrostis ventricosa Go!/on. h. r. monsp. p. 39. 

Agrostis panicea Savi fi. pis. 1 . p. 83. 

Agrostis lendigera Dee. fi. frane. 3. p. 18. 

Gastridium australe Polis. deBeauv. agrosl. p. 21. Roem. etSchul- 
tes syst. veg. 2. p. 342. Presi cyp. et gram. sic. p. 21. 

Gramen serotinum arvense, spica pyramidata Moni. cut. stirp. 
agr. honon. prodr. p. 10. 

Figut^. — Hostgram. austr. 3. p. 17. tah. 24. Sibth. et Smith 
fi. graec. 1. tah. 65. Smith engl. hot. voi. 16. tah. 1107. 

Gramen myurum, spica e viridi albescente Barr. ic. 124. f. 2. 

Nome italiano. — Miglio codino Bert. fi. ital. 1. p. 390. 



I7() GRAMINACEE. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle Colline sterili, nei cam- 
pi, specialmente dopo la messe, e nei luoghi alquanto montuosi della 
Riviera di Ponente, delle vicinanze di Como, dei colli Euganei alla Bat- 
larjUa ov' è rara, dell'Istria e di quasi tutta l'Italia centrale e meri- 
dionale. Abbonda ancora nelle grandi isole di Corsica, di Sardegna e 
di Sicdia e nelle piccole dalla Gorgona e dalla Capraja sino a quella di 
Pantellaria, di Malta e di Lampedusa. Fiorisce da Maggio a Luglio. E 
annua. 

Distribuzione geografica. — Si trova nell' Europa meridionale in 
Spagna, in Francia, in Italia, in Dalmazia, in Grecia, in Turchia, nel- 
l'Asia minore, nell'Affrica boreale , nelle Isole Canarie. Ricomparisce 
al Chili. 

S6. Ciastridium scabruin Presi. 

G. panicula contracta, densa, glumis acutis, undique scabris, pa- 
lea inferiore glabra, mutica vel raro aristata. • 

Gastridium scabrum Presi cyp. et gram. sic. p. 2J. Moretl. de- 
cad. 6. p. 3. et in giorn. di fis. ec. di Conf. e Brugn. dee. 2. toni. 6. 
p. 139. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 132. Pari. fi. pai. 1. p. 63. 

Gastridium muticum Giienth. in. Spr. nov. prov. p. 20. et syst. 
veg. 1. p. 250. Roem. et Schultes mant. 2. p. 189. Lois. fi. gali. edit. 2. 
voi. 1. p. 49. 

MiHum muticum Jan Elench. p. 2. Bert. fi. ital. 1. p. 391. Ten. 
II. nap. 5. p. 320. 

Milium scabrum Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 5ì. et suppl. 1. p. li. 
Pari. fi. panorm. 1. p. 8i. 

Gastridium siculum Trin. unifl. p. 169. 

Gramen spicatura, instar limae dentatum Cup. h. calli, p. 88. 

Figura. — Gramen spicatum, instar limae dentatum Cup. pumph. 
sic. 1. tal). 221. 

Nome italiano. — Codino sbarbato Bert. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi , nelle colline, G 

lungo le strade dell'Italia meridionale nel regno di Napoli in Puglia ed in 
Calabria, e nelle isole di Sardegna, di Lipari e di Sicilia ove è abbon- 
dantissima. Fiorisce in Aprde e Maggio, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria di questi luoghi dell' Italia e 
del mezzogiorno della Francia. 

Osservazione. — Specie molto affine per 1' abito alla precedente , 
dalla quale è però ben distinta per la pannocchia sempre addensata, e 



GASTRIDIUM. 177 

più cilindrica, per le glume non lanceolato-acuminate, nitide, bianche 
e solo scabre nella carena, ma acute quasi in forma di falce e scabre in 
tutta la loro superficie , per la paglietta inferiore liscia e per lo piìi 
priva di aresta. Le foglie inoltre sono dapertutto scabre, mentre nel ga- 
stndium lendigerum lo sono soltanto nel margine. 

XXXV. TRIPIiACHNE Link. 

Link h. r. herol. 2. p. 241. 

Agrostidis species Guss. index sem. h. r. in Bocc. anno 1825 et prodr. 

fi. sic. 1. p. 59. et syn. fi. sic. 1 . p. 135. Reich. cent. 4. p. 75. 

Beri. fi. ital. 1. p. 401. 
Lachnagrostis Trin. spec. gram. fase. 21 . 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito. Glumae 2, subaequales, 
membranaceae, carinatae, muticae, flore longiores. Paleae 2, membra- 
naceae, longitudine aequales, inferior apice longe biseta, basi ari- 
stata, arista articulata, infra articulum contorta, superior bicarinata, 
apice bidentata. Stamina 5. Ovarium glabrum. Stigmata subsessdia , 
piumosa. Caryopsis glabra, libera, unisulcata. 

Abito. — Pianta annua, a culmi per lo più in cespuglio, e spesso 
inginocchiati aUa base, alti da 2 a 6 pollici; le foghe sono corte, bian- 
cheggianti, strettamente lineari, acuminate, scabre nei margini, alla 
fine convolute; la guaina superiore è larga, come in forma di spata, 
che abbraccia la pannocchia , quando è giovine ; questa pannocchia è 
in forma di spiga densa , come nei gastridinm , di cui l' intera pianta 
ha anche il portamento , lunga circa un pollice a un poflice e mezzo, 
di color verde pallido, le spighette portate sopra corti pedicelli, ingros- 
sati aU' apice, sono nitide nel margine, pelose lateralmente e seghet- 
tato-scabre nella carena , 1' aresta della paglietta inferiore supera que- 
sta in lunghezza. 

^9. Trìplacline nitens Link. 

Triplachne nitens Link h. r. herol. 2. p. 241. 

Agrostis nitens Guss. Ind. sem. h. reg. in Bocc. anno 1825. p. 1 . 
et fi. sic. prodr. 1. p. 59. Reich. cent. 4. p. 75. Bert. fi. ital. 1. p. 401. 
Guss. syn. fi. sic. 1. p. 135. 

Fiora Italiana. Vol. I. 12 



178 GRAMINACEE. 

Laclmagroslis Gussonis Trin. sp. (jvam. fuse. '21 . 
Gastridium littorale Durieu! pi. exsic. 
Figura. — Trin. l. e. 
Nome italiano. — Paleino gentile 5er/. /. e. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nei luOghi Clbosi ed arenosi 

marinimi della punta piiì occidentale della Sicilia a Trapani fra Vacque- 
(ìotlo e il mare, a S. Croce alla spiaggia del Braccetto e nelle isole di Fa- 
vignana, di Pantellaria e di Lampedusa. Fiorisce in Aprile e Maggio 
ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Posscggo questa specic olire dei luo- 
ghi di Sicilia e delle piccole isole qui cennate, delle Isole Canarie e 
delle vicinanze di Oran in Algeria, comunicatami di quest' ultimo luogo 
dal sig. Durieu con il nome di gastridium littorale. 

XX:&VI. ACiRO§TIS Kunth. 

Kunth enum. pi. 1 . p. 5/7. Endl. gen. pi. p. 89. Pari. fi. pai. /. p. 64. 
Agrostidis species Linn. gen. p. 33. Juss. gen. p. 29. Boem. etSchultes 

sijst. veg. 2. p. 16. 
Vilfae species Palis. de Beaiiv. agrost. p. 16. Presi cgp. et gram. sic. 

p. 23. 
Agrauli species Palis. de Beauv. agrost. p. 5. 
Trichodii species Schrad. fi. germ. 1. p. 198. Boemer et Schultes syst. 

veg. 2. p. 12. 
Aperae species Palis. de Beauv. agrost. p. 31. Koch syn. fi. germ. et 

helv. edit. 2. p. 904. 
Anemagrostis Trin. fitnd. p. 129. 

Spiculae 1-florae, flore herraaphrodito , plerumque sine floris su- 
perioris rudimento. Glumae subaequales, niuticae, carinatae, flore ut 
plurimum longiores. Paleae 2, vel 1 (superior abortiens),'membranaceae, 
inferior apice bifida, mutica vel infra apicem aut raro prope basin ari- 
stata. Perigonii squamulae 2, subintegrae, glabrae. Stamina 1-3. Ovarium 
glabrum. Stigmata 2, subsessilia, piumosa. Caryopsis glabra, libera. 

Abito. — Piante annue o perenni , a radice fibrosa o repente, a 
culmi in cespuglio, non raro stoloniferi, ora deboli, ora alquanto piii forti, 
con foglie piane e qualche volta involute o setacee, con la pannoc- 
chia sovente slargata e delicata , fornita di spighette piccole, ora ver- 



AGROSTIS. 170 

di , ora porporine , ed anche talvolta biancastre , nitide , muliche o dotale 
di areste delicate e per lo piiì corte. 

Osservazioni. — Genere suddiviso dai botanici in molli e per 
caratteri poco buoni, lo ho seguito l'esempio di alcuni considerando 
questi generi come semplici sezioni dell' agrostis. 

. ' Paleae 2, inferior mutica. Vilfa Palis. de Beauv. 
SS. Agrostis stolonifera Lìnn. 

A. paniculae densae ramis semiverticillatis, scabris, glumis ohlusis, 
pubescentibus, paleis ae([ualibus, foliis planis, ligula brevi, truncata, 
denticulata, culmo decumbente, basi radicante. 

Agrostis stolonifera Lìnn! sp. pi. 93. Roem. et Schultes sijsl. veg. 2. 
p. 343. Bert. amoen. Hai. p. 111. et 328. excl. plérisq. syn. Guss. fi. 
sic. prodr. 1 . p. 57. et suppl. 1 . p. 15. Seb. et Maur. fl.rom. prodr. 
p. 28. Kunth enum. pi. 1. p. 219. Pari. fi. pai. 1. p. 66. 

Agrostis verticillata Vili. hist. des plani, du dauph. 2. p. 74. 
Bert. rar. pi. ital. dee. 3. p. 10. Baiò, mìsc.'hot. 1 .p. 8. Reich,fl. germ. 
exciirs. 1. in add. et corrig p. 140. Bert. fi. ital. 1. p. 408. Comoll. 
fi. com. 1 .p.82. Pari. fi. panorm. 1 . p. 88. Puccini syn. fi. lue. p. 45. 

Agrostis alba j3 verticillata Pers. syn. pi. 1 . p. 76. 

Vilfa stolonifera Presi cyp. et gram. sic. p. 22. 

Agrostis stolonifera B Ten. fi. nap. 3. p. 53. 

Gramen spica divulsa sericea, fulva Cup. h. catti, p. 02. 

Figura. — Trin. sp. gram. fase. 3. 

Gramen spica divulsa, sericeo-fulva Cup. pamph. sic. 2. lab. 200. 

h. panicula densissima, subspiciformi , brevi, ovata. 

Nome italiano. — Miglio d' acquitrino Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi Umidi, luUgO i 

fossi e nei margini dei ruscelli sì della penisola che delle isole di Cor- 
sica, di Sardegna, di Sicilia, di Lipari ec. Però non è ugualmente 
comune in tutta la penisola, mentre abbonda nell'Italia centrale, e 
meridionale , e lungo la Riviera di Ponente a cominciare da Nizza e scar- 
seggia al contrario verso il nord ove si trova nelle vicinanze di Como , 
sulle rive della Brenta al Lazzaretto di Bassano e in qualche altro luogo. 
La varietà b. è stata raccolta presso Sarzana dall'amico De Notaris, da 
cui l'ho avuta. Fiorisce da Luglio sino ad Ottobre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Più particolare alla regione meridio- 



180 GRAMINACEE. 

naie di Europa. La posseggo ancora delle Isole Canarie, di quelle del 
Capo Verde, dell'Egitto, dell'Arabia e di Tiflis. 

Osservazione. — I botanici hanno a torto distinta Y agrostis verti- 
cillata di Yillars dalla a. stolonifera di Linneo, poiché è perfettamente 
la stessa , essendomene assicurato per l' esame di questa pianta nell' er- 
bario di Linneo , come per altro avea già avvertito prima lo Schrader. 
Distinguesi questa specie dalla seguente e soprattutto dalla sua va- 
rietà densi flora per le glume ottuse, non scabre nella carena, per le pa- 
gliette uguali , per la ligula piìi corta e troncata ec. 

S9. Agrostis alba Limi. 

A. paniculae oblongo-lanceolatae , laxiusculae ramis hispidis, sub 
anlhesi patentibus , demum contractis , glumis acutis , levibus , carina 
scabris, palea inferiore apice denticulata, mutica, superiorem duplo 
superante, fpliis planis, linearibus, ligula oblonga, producta. 

Agrostis alba Linn! sp. pi. 93. Ali. fi. ped. S. p. 238. Willd. sp. 
pi. 1 . p. 371 . Dee. fi. frane. 3. p. 22. Balh. fi. taur. p. 15. Savi! hot. 
etrusc. 1 . p. 33. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 346. var. a. Morie, 
fi. ven. 1 . p. 27. Nacc. fi. venet. 1 . p. 41 . Guss. fi. sic. prodr. 1 . 
p. 57. Gaiid. fi. helv. 1. p. 187. forma 1^. Ten. fi. nap. 3. p. 53 et 
syll. p. 42. Re fi. torin. 1 . p. 61. Guss. suppl. prodr. 1. p. 15. Lois. 
fi. gali. edit. 2. p. 52. Kunth eniim. pi. 1 . p. 219. var. a. Pari. fi. pa- 
norm. 1. p. 87. var. a. Boiss. voy. en Espagn. p. 644. Guss. syn. fi. 
sic. 1. p. 133. Pari. fi. palerm. 1 . p. 65. var. a. Gries. spie. fi. rum. 
et hith. 2. p. 480. 

Agrostis stolonifera Savi! fi. pis. 1. p. 85. non Linn. Reich. fi. 
germ. excurs. 1 . p. 25. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 901. 
var. a. 

Agrostis vulgaris Dert. rar. pi. ital. dee. 3. p. 7. var. v. et amoen. 
ital. p. 3. var. x.. Pollin. fi. veron. 1. p. 73. var. y. 

Agrostis vulgaris Bert. fi. ital. 1. p. 402. ex parte. Comoll. fi. co- 
mens. 1 . p. 80. ex parte. Puccin. syn. fi. lue. 1 . p. 45. ex parte. 

Figura. — Host grani, austr. 4. tab. 57. fig. sinistra. 

b. decumbeìis, panicula desiccatione contractiori , culmo decum- 
bente, magis stolonifero. 

Agrostis stolonifera Host? gram. austr. 4. tab. 56. 

Agrostis decurabens Hall. fìl. in Gaud. agrost helv. 1 . p. 78. 

Agrostis alba decumbens Gaudin jl. helv. 1. p. 188. 



AGROSTIS. 181 

Figura. — Host l. c. sed non exacta. 

e, pallila, panicula minori, ejusque ramis divaricatis, culmo bre- 
vìori, infracto. 

Agrostis patula Gaud. agr. helv. 1 . p. 80. Ten. fi. nap. 3. p. o2. 
Agroslis alba patula Gaud. fl. helv. 1. p. 188. 

d. major, panicula valde ramosa et multiflora. 

Agrostis gigantea Si<^. ^. helv. 1 . p. 38. Gaud. agr. helv. i.p. 81 . 
Agrostis alba major Gaud. fi. helv. 1 . p. 189. 
Agroslis alba var. e. Reìch. fi. germ. excurs I.p. 26. 
Agroslis alba ^ giganlea Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 902. 

e. densiflora, panicula valde ramosa, multiflora, glumis undique 
scabro-villosiusculis . 

Agroslis alba e. densiflora Guss? syn. fi. sic. 1. p. 133. Pari. fi. 
pai. 1. p. 65. 

f. maritima , panicula compacta , foliis rigidis , glaucis , culmo 
valde repente. 

Agrostis maritima Lamk. dici, encycl. 1. p. 61. Dee! fi. frane. 3. 
p. 23. Morie, fi. ven. 1. p. 28. Nacc. fi. ven. J . p. 42. Lois. fi. gali, 
edit. 2. voi. 1. p. 52. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Questa specie è COmunissima 

in tutta la penisola e nelle isole, però non è lo stesso per tutte le sue 
varietà. La specie si trova più frequentemente nei luoghi umidi, nei 
campi e nelle colline, più spesso con i fioretti di color bianco o verde 
pallido che di color porporino. Abbonda più specialmente la varietà b. 
nei luoghi arenosi, e lungo i margini de' campi e negli alvei dei tor- 
renti. La varietà patula che ha le spighette porporine è frequente nei 
luoghi alpini, ove si trova tra i 1500 e i 2450 metri , abbonda nelle Alpi 
ed è rara negU Appennini , non la possiedo dalle isole. Ho solo la 
varietà major comunicatami dal sig. Montini che l' ha trovato nei 
campi e prati del Bassanese e l' ho veduta degli Abruzzi nell' erbario 
di Savi. La varietà densiflora è stata fin qui raccolta da me e forse 
anche dal Gussone in luoghi umidi e paludosi presso Palermo. La 
varietà maritima infine cresce nelle arene marittime de' lidi veneti, nella 
Riviera di Ponente a Nizza, ec. Fiorisce da Giugno ad Agosto. E 
perenne. 

Distribuzione geograBca. — Pianta comuns ncU' Europa media e 
mediterranea. 

Osservazioni. — Specie, comc giustamente è stato avvertito da 
molti botanici , variabilissima di forma a seconda i differenti luoghi nei 



182 GRAMINACEE. 

([iiali cresce, e per questo è stata suddivisa in un gran numero di al- 
tre specie. Io ho creduto di riportarle qui come varietà o forme princi- 
])ali, sosfiiendo ])rincipalmente le norme di Gaudin e di Koch, che le 
iianno meglio di tutti fatto conoscere. Sono stato alquanto parco nella cita- 
zione dei sinonimi di'questa specie, avendolo fatto soltanto di quelli dei 
quali mi credo sicuro per non accrescer così la confusione, per altro non 
piccola, che regna nelle varie opere per la specie in esame. Non 1' ho 
riportata col nome di agrostis stolonifera di Linneo, come han fatto al- 
cuni autori , specialmente di flore tedesche , perchè Vagrostis stolonìfera 
dell' erbario di Linneo è la stessa che la verticillata di Villars, siccome 
bene rilevò il primo lo Schrader, e come io stesso ho potuto confermare 
nella mia flora palermitana dietro 1' osservazione dell' erbario linneano. 
E inutile il dire che sia stato tratto in errore il prof. Bertoloni nel con- 
fondere questa specie con V agrostis vulgarìs, mentre se non altro 
il carattere della ligula, prolungata di molto nella agrostis alba, e corta 
e troncata nella agrostis vulgari? avrebbe dovuto avvertirlo che si trat- 
tava di una specie ben distinta. Un carattere ancora , che distingue a 
colpo d' occhio queste due specie tra loro , è quello parmi per la prima 
volta avvertito dal Koch nella flora germanica ed elvetica , di avere 
r agrostis vulgaris i rametti della panocchia divaricati e rivolti ovun- 
que, mentre essi sono diretti a' lati dei rami nell' agrostis alba ec. 

Non pretendo di avere colto nel segno , considerando come va- 
rietà dell' agrostis alba tutte le forme sopraccennate , forse uno studio 
più lungo di quel che vi ho potuto far io , per quanto molta fatica mi 
avesse costato questo genere, potrà fare elevare queste varietà al 
grado di specie, almeno alcune fra loro. Ritorno quindi a ripetere un 
desiderio che io esternai nella mia flora palermitana, cioè che fosse il 
genere agrostis monograficamente illustrato da qualche botanico dili- 
gente, il quale avesse genio di osservare nella scienza. 

90. Agrostis frondosa Ten. 

A. paniculae pyramidalis, laxiusculae ramis hispidis, sub anthesi 
patentiusculis, glumis angustis, apice attenuato-acuminafis, levibus, 
carina scabriuscula , palea inferiore apice denticulalo-subtriseta , muti- 
ca, superiorem subduplo superante, foliis planis, linearibus, bifariis, 
approximatis , ligula oblonga, producta, fissa. 

Agrostis frondosa Ten! fi. nap. 3. p. 5S et sgll. p. 4!2. 

Figura. — Ten. fi. nap. tab. i02. 



AGROSTIS. 185 

Nome italiano. — Agi'oslidc fronzuta Ten. jl. nap. 3. p. Ó3. 

Stazione. Abitazione e Fioritura. — Ama i ruscelli G i luOghi inon- 
dali vicino al mare, non che le arene marittime e trovasi nel regno di 
Napoli a' Darjnuoli , al Ftisaro, a Lago negro, a Potenza ce. Fiorisco 
in Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si conosce solo dai luoghi qui indi- 
cali del regno di Napoli. 

Osservazione. — Son certo dell'autenticità della mia pianta, aven- 
dola ricevuta dall'amico Gussone dell'istessa località dei Dagnuoli presso 
Napoli, dove dice di nascere il Tenore nella sua flora napolltana. E 
una buona specie , distinta anche dalla agrostìs alba ed anche dalla va- 
rietà maritima di essa , a cui è in qualche modo atfme per il porta- 
mento, in grazia delle sue glume assottigliate all'apice in una specie 
di acume, per le sete della paghetta inferiore, ec. 

91. Agrostìs vialgarìs Wither. 

A. paniculae oblongae, laxiusculae ramis leviusculis, sub anlhesi 
et postea patentissimis, glumis acutis, levibus, gluma inferiore carina 
apicem versus scabra, palea inferiore latiuscula, apice obtusiuscula, mu- 
tica vel raro aristata, superiorem subtriplo superante, foliis planis 
linearibas, ligula brevi, truncata. 

Agrostis vulgaris Withering. arrang. p. 132. Beri. pi. gen. p. 10. 
et rar. pi. dee. 3. p. 7. Dee. fi. frane. 3. p. 22. et 5. p. 252. Savi 
hot. etrusc. 1. p. 32. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 350. var. a. 
Bert. amoen. ital. p. 2. var. a. b. Morie, fi. venet. 1. p. 27. Poli. fi. 
veron. 1. p. 72. var. a et b. Naccar. fi. venet. 1. p. 41. Guss. fi. sic. 
prodr. 1 . p. 56. Moris. stìrp. sard. elench. fase. I.p. 49. Seb. et Maur. 
fi. rom. prodr. 1. p. 27. var. a. Gaud. fi. helv. 1. p. 190. var. a. Reich. 
fi. germ. exciirs. 1. p. 24. Ten. fi. nap. 3. p. 52. var. a. etsyll. p. 41. 
var. a. h. e. Kunth enum. pi. I.p. 220. var. a. Bert. fi. Hai. 1. p. 402. 
var. a. Comoll! fi. com. 1. p. 80. ex parte. Puccini syn. fi. lue. 1. p. 45. 
ex parìe. Giiss. syn. fi. sic. 1. p. 133. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 902. Pari. fi. pai. 1. p. 64. 

Agrostis hispida Willd. sp. pi. 1. p. 370. Comoll. prodr. fi. com. 
p. 13. 

Agrostis alba var. b. Pari. fi. panorm. 1. p. 87. 

Figure. — Hosl gram. austr. 4. tab. 56. Reich. cent. 11 . f: 1427. 

b. vivìpara, spiculis viviparis. 



184 GRAMINACEE. 

Agrostis sylvatica Pollich. palat. 1. p. 69. Willd. sp. pi. 1. p. 371. 

Agrostis capillaris Leers. herb. lab. 4. f. 3. 

Agroslis vulgaris Smith, fi. brìi. I. p. 80. var. 5. Bert. rar. pi. 
Hai. dee. 3. p. 8. var. 5. Dee. fi. frane. 5. p. 25S. var. y. Roem. et 
Schultes syst. veg. 2. p. 351. var. 5. el mani. 2.p. 193. var. 5. Ben. 
amoen. Hai. p. 3. var. 5. Pollin. fi. veron. 1. p. 75. var. t. Gaud. fi. 
helv. 1. p. 192. var. 5. Bert. fi. ital. 1. p. 404. var. 5. 

b. flavescens, Pari, viaggio alla catena del Monte Bianco p. 61. 

Figure. — Leers. l. e. Reich. ie. cent. 11. f. 1429. 

e. pumila, culmis humilibus , spiculis ustilagine corruptis , . stylis 
persistentibus. 

Agrostis pumila Linn. mant. 1. p. 31. Willd. sp. pi. 1. p. 371. 
Savi due cent. p. 24. Dee. fi. frane. 3. p. 22. 

Agrostis vulgaris Smith fi. hrit. 1. p. 80. var. y. Bert. rar. ital. 
pi. dee. 3. p. 8. y. Savi bot. etruse. 1. p. 33. var. y. Roem. et Schultes 
syst. veg. 2. p. 351. Noce, et Balb. fi. ticin. 1. p. 36. var. b. Bert. 
amoen. ital. p. 3. var. y. Poli. fi. veron. 1. p. 74. var. c^. Ten. fi. nap. 
3. p. 52. var. C. etsyll. p. 41. var. E. Bert. fi. ital. 1. p. 405. var. y. 

Agrostis intermedia Balb! addii, ad. flor.jpedem. in elenclu p. 85. 
et mise. 1 . p. 9. 

Figura. — Reich. ie. cent. 11. f. 1452. 

Nome italiano. — Capellini Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 405. sotto il 
nome di agrostis capillaris. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi SÌ bassi cbe mon- 
tuosi di tutta la penisola fino alla regione dell'abete e del larice. La va- 
rietà a. è la più comune, trovasi da per tutto anche in Corsica, Sardegna 
e in Sicilia, nascendo in questa ultima isola soltanto nelle montagne assai 
elevate delle Madonie al piano della battaglia di Petralia. Trovasi più 
comunemente a spighette mutiche, anziché arestate. Non mi è occorso 
finora di raccogliere in Italia la varietà vivipara, però il Bertoloni la de- 
scrive come avuta dell'Appennino della Liguria orientale alle darre. 
La varietà pumila si trova in alcuni punti della penisola, così del Pie- 
monte, delTirolo sopra Valsugana, donde l'ho avuta dal sig. Montini, 
della Toscana , e del regno di Napoli. Ho raccolto la var. b. nel versante 
meridionale del Monte Bianco al Moni Frety andando al Col da Géant. 
Fiorisce in Luglio e Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce da per tutto in Europa. 

Osservazioni. — Per quanto riguarda le differenze di questa specie 
ùaW agrostis alba vedi le mie osservazioni alla specie precedente. Non 



AGROSTIS. 185 

ho citato V agroslis cajnllaris di AUioni né quella di Desfontaines, che 
il Bertoloni ha considerato come sinonimi della sua agroslis vulgnris, 
spettando la prima alla varietà mutica deW agroslis canina, siccome ho 
veduto nell'erbario di Allioni stesso, ed essendo la seconda una specie 
ben distinta e da riconoscersi come buona col nome di agroslis ReìUeri , 
descritta dal Boissier nel suo voyage en Espagne p. 645. Però il Boissier 
ha ivi a torto presa per Vagroslis capillaris di Linneo una specie , che 
è affatto nuova e distintissima da tutte per avere le glume troncate 
all'apice, eccone la frase specifica. 

Agrostis truncatula Pari. 

A. paniculae capillaris, effusae ramis levibus, spiculis parvis, soli- 
tariis, distantibus, glurais subaequalibus,truncato-laceris, levibus, paleis 
apice truncato-denticulatis , inferiore glumas acquante , superiorem sub- 
duplo superante, foliis convoluto-linearibus , brevibus, recurvis, le- 
vibus, ligula oblonga, bifida, radice fibrosa. 

Agrostis capillar# ^oiss. in obs. ad agr. Reuteri voy. en Espagn. 
p. 645. fìeut. pi. exsicc. non Linn. 

Nasce nel Nord della Spagna. Io l' ho avuta dalla Sierra di Giia- 
darrama dal sig. Reuter. Neil' agroslis capillaris di Linneo le glume 
sono assottigliate all'apice, del resto è così lontana da quella che non 
merita d'istituirsene un paragone. 

" Paleainferiorplerumque aristata, superior saepe nulla. Tricho- 
DiUM Michaux. 

99. Agrostis canina Linn. 

A. paniculae diffusae ramis scabris, sub anthesi patentibus , de- 
mum contractis, glumis inaequalibus, levibus, gluma inferiore carina 
superne serrato-scabra, palea apice denticulata, infra medium dorsi ari- 
stata, arista geniculata glumas superante, foliis infimis setaceis, su- 
perioribus linearibus, ligula oblonga. 

Agrostis canina Linn. sp. pi. p. 92. Ali. fi. pei. 2. p. 236. Savi 
fl.pis. 1. p. 81. Host! gram. austr. 4. p. 31. Dee. fi. frane. 3. p. 20. 
Gaiid. fi. helv. i.p. 181. var. a. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 25. var. 
a. Ten. sijll. in app. 3. p. 584. Kiinth enim. pi. 1. p. 222. Beri. fi. 
ital. 1. p. 396. Comoll. fi. com. 1. p. 78. Puccini fi. lue. p. 45. Vis. 
fi. dalm. 1. p. 56. Kochsyn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 303. Gries. 
spie. fi. rum. et bith. 2. p. 461. De Not! in descr. di Gen. p. 48. 

12* 



180 GRAMINACEE. 

Agraulus caninus Palis. de Deauv. ufjrost. p. Ù. 

Ttiàìodìum ciìnìnum Schrad. ft. (jerm. J.p. 198. lìoem. et Schul- 
tes sysl. veg. S. p. S77 et mant. 2. p. 2o6 et mani. 3. p. 553. 

Agrostis rubra Ali! fi. ped. 2. p. 236. Re fi. torin. 1. p. 61. PolUn. 
fi. veron. I. p. 74. non Linn. 

Agrostis vulgaris Bert. rar. ìtal. pi. dee. 3. p. 8 et amoen. ital. 
p. 3. 

Figure. — Host grcun. austr. 4. p. 31. 

h. mulica, palea mutica. 

Agrostis canina y mutica Gaiid. fi. helv. 1 . p. 172. 

Agrostis capillaris Ali. fi. ped. 2 p. 233. non Linn. 

Agrostis canina f. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 25. 

e. mutica minor, spiculis minoribus, muticis. 

Agrostis nobilis De Noti in notìz. nat. e civil. su la Lombardia 
voi. 1. p. 319. 

Nome italiano. — Capellini Targ. Tozz. dim boi. 2. p. 9. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama a preferenza i prati 

umidi dei luoghi montuosi, nasce pure nei luoghi aridi, negli alvei 
dei torrenti , e si trova nei pascoli alpini sino a più di 2000 metri. 
Cresce in tutta la penisola dal Piemonte e dalTirolo italiano sino in 
Calabria , e preferisce gli Appennini e le Alpi , però non è molto co- 
mune. La varietà mutica è più rara, io l' ho raccolta nei prati della 
Valle di Aosta, e l'ho avuta dai campi di Carraignano presso Vi- 
cenza dal sig. Montini, e da luoghi aridi di Trento da' fratelli Perini. 
Ho veduto la varietà e. nell'erbario del signor Cesati, ove si conserva 
r esemplare autentico del prof. De Notaris , il quale 1' avea raccolto 
in luoghi secchi presso Rovello. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è 
perenne. 

Osservazioni. — Non ho creduto di considerare come buona spe- 
cie r agrostis nobilis del De Notaris , perchè mi sembra essere una va- 
rietà mutica a spighette un poco più piccole àeW agrostis canina, dovuta 
forse all' essere stata trovata in luoghi aridi. Però è una forma che 
merita di esser meglio studiata in un maggior numero di esemplari. La 
specie in esame si distingue dalla agrostis vulgaris, a cui molto si av- 
vicina per l'abito, per le foghe inferiori setacee, per la ligula allungata, 
e non corta e troncata, per la paglietta ordinariamente arestata, per la 
mancanza della paglietta superiore ec. 

Ho riferito all' agrostis canina V agrostis rubra di AUioni 'e di 
Re ec. perchè ho veduto del primo l'esemplare nel suo erbario, ove si 



AGROSTIS. 187 

trova cancellato rubra e scritto canina, mentre non dubito del sinoni- 
mo del secondo possedendo nell'erbario la forma della canina presa per 
rubra dai prati umidi presso la Mandria, la Ve7iaria ec. eh' è quella 
stessa descritta dal Re. Non vale per farla considerare come distinta 
dalla canina il colore più carico delle spighette ed il carattere dell' are- 
sta tortile e ricurva , carattere molto variabile neWagrostìs canina , es- 
sendo questa aresta ora flessuosa, ora quasi diritta ec. Ad ogni modo 
questa forma non spetta punto 2\\' agroslis rubra di Linneo, della quale 
ho neir erbario molti individui di Svezia, di Lapponia ec. 

L' agrostìs capillaris di Allioni spetta, giusta l'esemplare che si 
conserva nel suo erbario, alla varietà mulica dell'a^/ros/ts canina. Nulla 
oso dire dell' agrostìs capillaris di Suffren e di Biroli. A torto quindi ha 
riferito il Bertoloni il sinonimo di Allioni dWagrostis vulgarts, e riunito 
ad esso 1' agrostis capillaris di Desfontaines , che come ho fatto vedere 
di sopra spetta all' agrostìs Reuteri di Boissier. 

03. Agrostis strìcta De Not. 

A. paniculae patentis ramis alterne et remote semiverticillatis , 
scabris, ramulis ad latera ramorum vergentibus, glumis inaequalibus, 
levibus, gluma inferiore carina superne scabra, palea apice denticulata, 
mutica, foliis linearibus, ligula brevi, truncalo-denticulata, culmo erecto, 
radice 

Agrostis stricta De A^oL' /ieri. 

Figura. ■ — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi arenosi marittimi 

di Sestri di Ponente. Fiorisce nella state. 

Distribuzione geografica. — Si conosce solo di qucsta località. 

Osservazioni. — Affine alla agrostis canina edalla vuìgaris. Distin- 
guesi dalla prima per le foghe tutte hneari, molto scabre superior- 
mente, per la ligula corta, lunga d' ordinario una mezza linea, e tron- 
cato-denticolata , perla rachide molto più scabra, per la pannocchia 
con numerosi rami semiverticillati, i quali sono molto distanti tra 
loro , per le glume più allungate e come acuminate e per la paglietta 
mutica e non arestata. Dalla volgare poi differisce per la struttura 
della pannocchia , per la direzione dei rametti che sono quasi come 
neir agrostis alba, per la mancanza della paglietta superiore ec. 



188 GRAMINACEE. 

94. Agrostìs pallida Dee. 

A. paniculae oblongae, muUiflorae ramis semiverticillalis , subtri- 
cholomis, in anthesi patentibus, glumis inaequalibus, acuminato-cu- 
spidatis, carina scabris, palea apice biseta, in medio dorsi aristata, 
arista geniculata, glumis subduplo longiore, foliis planis, ligula exerta , 
bifida, radice annua. 

Agrostis pallida Dee! fi. frane, suppl. p. 251 . Roem. et SchuUes 
syst. veg. 2. p. 370. Guss. pi. rar. p. 20- et fi. sk. prodr. 1 . p. 59. 
Ten. fi. nap. 3. p. 52. Kunlh eniim. plani. 1 . p. 221 . Beri. fi. ital. 1 . 
p. 395. Pali. fi. panorm. 1 . p. 86. Boiss. voy. en Esp. p. 64G. Guss. 
fi. sic. syn. 1 . p. 135. Pari. fi. pai. 1 . p. 68. 

Agrostis canina Ucria? h. r. pan. p. 57. non Linn. 

Figura. — Guss. pi. rar. lab. 5. f. 1. 

Nome italiano. — Capellini scope Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei luOghl umidi ed inondati 

in tempo d'inverno, lungo i margini de' torrenti della parte piìi meri- 
dionale della penisola nella Terra di Otranto a Brindisi e a Lecce, e 
nella Calabria a Rosarno, a Nicasfro, a Oppido e a Reggio. Cresce an- 
cora neir isola di Corsica presso Bonifacio , a Porto vecchio, ad Ajac- 
cio, donde l'ho avuta da Requien, di Sardegna a Morgongiori, e di 
Sicilia, ove trovasi sì nei luoghi bassi, che negli stagni montuosi, così 
in Misilmeri al piano della Stiippa , nella Piana de' Greci al Gurgo di 
Ddingoli, nella Ficuzza, in Cotrano al Gurgo lo Drago, in Buccheri, in 
Castelvetrano, e in Mistretta. Fiorisce nell'Aprile e nel Maggio ed è 
annua. 

Distribuzione geografica. — Gresce nel mezzogiorno della Fran- 
cia, in Spagna presso Madrid, e nei qui indicati luoghi d' Italia. 

Osservazione. • — Questa specie è stata da Roemer e Schultes rife- 
rita alle Apera, perchè le glume sono alquanto ineguali: però l' avere 
una sola paglietta la farebbe collocare tra i trichodium, come ha notato 
il Gussone nelle sue plantae rarìores. Questo dimostra la poca bontà 
dei generi stabiliti a spese dell' agrostis. 

95. Arrosti» alpina Scop. 

A. paniculae patentis ramis scabris, glumis subinaequalibus, acu- 
minatis, carina scabris, palea inferiore apice brcviter biscia, supra ha- 



AGRQSTIS. 181) 

sin aristahi, arista geniculata, spicula subduplo longiore, superiore 
minima, foliis radicalibus setaceis, ligula oblonga, radice perenni. 

AgrosUs alpina 5eo/). fi. carn. 1 . p. 60. exclus. syn. Hall. AH. fi. 
ped. 3. p. 237. excl. syn. Halleri. Dee? fi. frane. 3. p. 20. Bìrol. //. 
acon. 1 • p. 25. Reìch. fi. germ. exciirs. 1 . p. 25. Kunth emim. pi. 1 . 
p. 222. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 903. 

Agrostis festucoides Vili. pi. du dauph. 2. p. 76. 

Trichodium rupestre Sc/irarf/i!. germ. 1 . p. 201. Roem. et. Sclml- 
tes syst. veg. 2. p. 279. 

Agrostis rupeslris Willd. sp. pi. 1 . pag. 368. non AH. et exclus. 
syn. Halleri. Qaud. fi. helv. 1 . p. 178. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. 
p. 51 . Morett. in gìorn. di fis. ec. di Conf. e Brugn. dee. 2. toni. 8. 
p. 469. Bert. fi. ital. 1. p. 309. Comoll! fi. com. 1. p. 79. 

Avena monanlha paniculata , foliis setaceis , gluma calycina exas- 
perata, arista flore duplo longiori Hall. hist. tom. 2. n. 1478. 

Gramen parvum paniculalum alpinum , panicula spadicea , arisla- 
tum Scheuehz. agrost. p. 140. prodr. 22. tah. 4. fig. 1. 

Figure. — Agrostis rupestris Eost gram. austr. 3. p. 34. lab. 50. 
Reìch. cent. 11. f. 1422. 

b. flavescens, panicula e flavescenti-aurea. 

Avena aurata Ali. fi. ped. 2. p. 255. Sut. fi. helv. 1. p. 67. 

Agrostis flavescens Host gram. austr. 4. p. 30. 

Trichodium flavescens Roem. et Schultes? syst. veg. 2. p. 280. 

Agrostis rupestris y aurata Gaiid. fi. helv. 1. p. 170. 

Agrostis cenisia Dò Not! herb. et pi. exsicc. 

Figura. — Host gram. austr. 4. lab. 52. 

Nome italiano. — Capellini d'alpe dorati Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSColl 6 nelle feSSUrc 

delle rupi delle Alpi al di sopra della regione del larice sino a 2850 me- 
tri circa di altezza, essendo così una delle poche gramigne che più si 
avanzano nelle alte montagne fin quasi al termine della vegetazione 
delle piante fanerogame. Il Bertoloni 1' ha raccolta ancora in luoghi 
alpini della Liguria occidentale alla Scaggia dietro Pegli. La varietà b. è 
pili rara. L'Allioni l'ha trovata nelle Alpi di Bardonache e di Braman. 
Io l'ho avuta dal Prof. De Notaris, a cui aveala comunicato il sig. Bon- 
naz che la raccolse nel Monte Cenisìo. Se a questa varietà deve riferirsi 
il sinonimo di Host, essa si trova pure nel Glochner. Fiorisce in Lu- 
glio ed Agosto. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova purc nei Pirenei. 



190 GRAMINACEE. 

Osservazioni.' — Se deve starsi all'antichità del nome, come è 
principio generalmente adottato, io non vedo ragione, perchè non 
debba riconoscersi questa specie per V alpina, essendo stata così nomi- 
nata da Scopoli avanti qualsiasi altro botanico , anziché riservare questo 
nome aW'agrostis riipestris che non è certamente ì'alpììia di Scopoli. 

Nell'erbario di Allioni sotto nome di alpina si trova la xera alpina 
nostra, come pure la rupestris: quest'ultima non esiste a parte con 
il nome di rupestris. Io ho creduto di dovere a quella di Scopoli 
riferire Vagrostìs alpina di Allioni, avuto riguardo alla stazione accordata 
alla sua pianta, in pascuis siimmariun et editiorum alpium, essendo 
questa anziché la ruprestts che si eleva di più nelle Alpi : bisogna però 
escludere dalla pianta di Allioni il sinonimo di Haller che spelta alla 
rupeslris e riportarvi al contrario quello di Haller che l'AHioni ha riferito 
alla rupeslris medesima. I sinonimi dello Scheuchzer sono bene adat- 
tati. Per ciò che riguarda la varietà b. io non so scorgervi altra diffe- 
renza dalla specie che nel colore delle spighette , di un giallo pallido- 
dorato in quella, di colore verde porporino o porporino in questa. Ho 
riferito alla var. b. Yagrostis flavescens di Host per aver visto la pianta 
raccolta nel Glochner nell'erbario di Torino, malgrado che nella descri- 
zione data dall' Host si dica che in essa ambedue le glume sono con tre 
linee e che la radice è repente, mentre nella nostra la sola gluma supe- 
riore è con tre linee e la inferiore con una, e la radice è fibrosa. L'avena 
aurata manca nell'erbario di Allioni. 

9B. Asrostis rupestris Ali. 

A. paniculae patentis ramis levibus, glumis subaequalibus, acumi- 
natis, carina scabris, palea unica apice denticulata , dorso infra medium 
aristata, arista geniculata spiculis subduplo longiore, fohis radicalibus 
setaceis, hgula oblonga, radice perenni. 

Agrostis rupestris Ali. fi. ped. 2. p. 237. excl. syn. Halleri. Dee? fi. 
frane. 3. p. 21 . Bìrol. fi. acon. 1 . p. 25. Reich. fl. germ. excurs. 1 . 
p. 25. excl. syn. Vili, et var. b. Kimth enum. pi. 1. p. 223. Kochsyn. 
fi. germ. et helv. edit. 2. p. 904. 

Agrostis setacea Vili. hist. des. plani, du dauph. 2. p. 76. 

Agrostis alpina Willd. sp. pi. 1 . p. 368. exclus. syn. Scop. et 
Hall, etexclusa Scopolii descriptione relata. Host gram. austr. 2. p. 34. 
Savi hot. etrusc. 2. p. 43. Pollin. fl. veron. 1 . p. 70. Gaud. fi. helv. 1 . 
p. 180. Beri. mant. pi. fi. alp. apuan. p. 6. Lois. fl. gali. edit. 2. voi. I. 



AGROSTIS. lui 

/). 51. Morelt. in giorn. di fisic. ec. di Conf. e Brugn. dee. 2. toni. 2. 
]). 468. Bert. fi. Hai. 1. p. 398. Comoll. fi. com. 1. p. 78. Puccini 
syn. fi. lue. p. 45. 

Agraulus alpinus Polis, de Beauv. agrost. p. 5. 

Trichodium alpinum Schrad. fi. germ. 1. p. 200. Boem. etSchiiltea 
sijst. veg. 2. p. 278. 

Avena monanlha paniculata, gluma calycina exasperata, arista 
florali acquali. Hall. hist. tom. 2. n. 1477. 

Gramen paniculatum , capillaceo folio, locustis parvis, spadiceo- 
fuscis, aristatis 5c/ìe?<c/iz. agrost. p. 141. 

Figura. — Host gram. atistr. 3. lab. 49. Schrad. fi. germ. 1. 
p. 200. lab. 3. fig. 4. Beich. ic. cent. 11. fìg. 1423. 

Nome italiano.^ — Capellini d'alpe. Capellini violetti Bert. fi. Hai. 
I.p. 399. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSColi alpini 6 nelle 

fessure delle rupi delle Alpi, ove s'incontra nella regione alpina fra 
i 1600 e 2800 metri di altezza, più frequentemente che la vera agro- 
stide alpina. Cresce ancora alla Tambura nelle Alpi Apuane, ed in 
alcuni degli Appennini dell'Italia centrale, come alle Tre Potenze, 
al monte Bondinajo nell'Appennino lucchese, al Libro Aperto, al 
Corno alle scale ec. nell'Appennino pistoiese, nel monte Amiata, ove 
r ha raccolto il Savi, nei quali luoghi trovasi anche all'altezza della 
regione alpina. Nasce infirie in Corsica nel Monte Grosso, nel Monte Bo- 
tondo e nel Monte d'Oro. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nei pascoli alpini e Subalpini dell'Eu- 
ropa media, prolungandosi alquanto nell' Europa meridionale. 

*" Paleae 2, inferior aristata, pedicellus alterius floris ad basini 
paleae superioris. Apera Polis, de Beauv. 

99. Agrostis spìca venti Linn. 

A. paniculae amplae,; patulae, diffusae ramis semiverticillatis , 
elongatis, glumis inaequalibus, acuminatis, carina scabris, palea infe- 
feriore sub apice aristata, arista rectavelsubflexuosa, spiculis sub 4-plo 
longiore, antheris lineari-oblongis, foliis planis, ligula elongata, lacera, 
radice annua. 

Agrostis spica venti Linn. sp. pi. 91. Ali! fi. ped. 2. p. 236. Desf. 
fi. ali. 1 . p. 67. Dee! fi. frane. 3. p. 18. Boem. et Schultes syst. veg. 



192 GRAMINACElv 

2. p. SG'J. Morie, fi. ven. I. p. 39. Polìm. fi. veron. 1. p. 71. Nacc. 
lì. ven. 1. p. 42. Gaud. fi. helv. 1. p. 183. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. 
p. 52. Kunth enum. pi. 1 . p. 225. Beri. fi. Hai. 1. p. 393. Comoll. 
fi. com. 1 . p. 77. 

Apera spica venti Polis, de Beauv. agrost. p. 7. lab. 7. fig. 11. 
Reich. fi. germ. exmrs. 1 . p. 25. Koch syn. fi. germ. edit. 2. p. 904. 

Anemagrostis spica venti Trin. fund. agr. p. 129. 

Gramen miliaceum segetale, raajus Seg. veron. 1. p. 351 . 

Gramen miliaceum majus, glumis aristatis, spadiceis Moni. cai. 
stirp. agr. honon. prodr. p. 51 . 

Figure. — Engl. hot. tab. 951. Host gram. nustr. 3. lab. 47. 

Nome italiano. — Agrosfide de' Campi. Pennacchini. Spica venti. 
Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 9. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei prati G soprattutto nei 

campi coltivati a cereali dell' Italia settentrionale ove si trova comune- 
mente dal Piemonte sino a Venezia, nel Tirolo e nel Friuli. L'ho avuto 
ancora dal Genovesato dal sig. Carrega. Manca nell' Italia centrale e 
meridionale e nelle isole. Però il prof. Moris la porta nel suo elenco 
delle stirpi sarde (fase. 1, pag. 49) come propria delle siepi di Sarde- 
gna. Io non la posseggo da quest' isola. Fiorisce in Maggio e Giugno 
ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Comune nell' Europa media, si trova 
ancora in Siberia. 

Osservazioni. — L'Ucria porta nel suo hortusregìus panormitanus 
questa specie come propria dei prati e dei campi seminali a grano di 
Sicilia : egli però ha dovuto prendere per la specie in esame il trìselum 
parvi florum che vi abbonda, mentre invece Vagrostis spica venti manca 
affatto neir isola. 

09. Asrostiiii interriipta Linn/ 

A. paniculae angustae, contractae ramis semiverticillatis, abbrevia- 
tis, glumis inaequalibus acuminatis, carina scabris, palea inferiore sub 
apice aristata, arista recta vel subflexuosa, spiculis sub4-plo longiore, 
antheris subrotundo-ovalibus (Reich. Koch) foliis planis, ligula elon- 
gata, lacera, radice annua. 

Agrostis interrupta Lmn. sp. pi. 92. Balb. add. ad fior, pedem.in 
elench. delle piante di Torino p. 85. Dee. fi. frane. 3. p. 19. Roem. et 
Schultes syst. veg. 2. p. 370. Morie, fi. ven. 1. p. 29. Pollin. fi. ve- 



AGRUSTIS. 19o 

ron. 1. p. 72. Naccar. fi. ven. 1. p. 43. Gand. ft. helv. l. p. 184. 
Lois. fi. gali. edit. 5. voi. 1. p. 52. Kiinth enum. pi. 1. p. 225. Beri, 
il. Hai. /. p. 394. Comoll. jl. com. I. p. 77. 

Apera interrupta Palis. de Beauv. agrost. p. 31 . Beich. fi. gemi, 
excurs. 1 . p. 24. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 904. 

Anemagrostis interrupta Tiin. funi. agr. p. 18. 

Grainen capillalum, paniculis interruptis, angustioribus Seg. pi. 
veron. 3. p. 156. 

Figura. — Host gram. aiistr. 3. lab. 48. 

Nome italiano. — Spica venti Sottile Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama i luoghi arenosi, le 

colline, i campi e si trova anche sui muri. Cresce nell'Italia settentrio- 
nale dalla valle di Aosta e dal Piemonte sino al lido di Venezia ed a 
Bologna; però è meno comune della specie precedente. L'Orsini l'ha 
anche raccolta sul monte Vehno nel regno di Napoli ed il Pasquale me 
r ha comunicala di Basilicata. Fiorisce in Giugno e Luglio, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — È propria dell' Europa media e meri- 
dionale. 

Osservazione. — Assai vicina alla specie precedente , di cui è 
molto pili piccola di statura, ha una pannocchia densa, con i rami rac- 
corciali, olTre le antere di forma diversa di quelle della a. spica venti. 

Specie dubbie. 
Agrostis glaiBcescens Spreng. 

A. panicula subspicata, contrada, ramis scabriusculis, foliis rigi- 
diusculis, glaucescentibus , brevibus, ligula elongata, culmo adscen- 
dente. 

Agrostis glaucescens 57)ren5(. sijst. veg. 1. p. 258. Guss. fi. sic. 
prodr. I. p. 58. et syn. fi. sic. 1 . p. 136. Pari. fi. pai. 1 . p. 68. 

Viltà glaucescens Presi cyp. et gram. sic. p. 23. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi Umidi marittimi 

tra Fondachelli e Trabia in Sicilia, ove 1' ha trovata il Presi nel mese 
di Luglio. Io non ho veduto colà che solo Vagrostis alba, a cui forse è 
da riferirsi. 



FronA Italiana. Voi,. I. 



13 



194 GHAMlNACEb:. 

Asrostis frondosa Ciiss. 

A. panicula contracta, ramis hispidis, glumis carina scabriusculis, 
paleis inaequalibus, basi glabris, inferiore bifida subencrvia, ligula 
oblunga, foliis brevibus, lanceolato-linearibus. 

Agrostis frondosa Guss. prodr. fi. sic. 1 . p. 58. et syn. fi. sic. 1 . 
p. 136. non Ten. Pari. fi. palerm. 1 . p. 69. 

Vilfa frondosa Presi cijp. et gram. sic. p. 23. 

Stazione, Abitazione e Fioritura- — Anche questa Specie è indi- 
cata dal Presi come nativa di Sicilia e propria dei pascoli montuosi 
delle Madonie. 11 Gussone dubita che sia una varietà dell' agrostis vul- 
garis. Fiorisce in Luglio ed è perenne. 

Agrostis pulcliella Guss. 

A. panicula effusa, divaricata, ramis ramulisque capillaribus uni- 
floris, spiculis ovatis, glumis obtusis, paleis muticis, foliis fdiformibus, 
convolutis. 

Agrostis pulchella Guss. prodr. fi. sic. 1 . p. 58 et syn. fi. sic. 1 . 
p. 136. non Rolh. Pari. fi. pai. 1. p. 70. 

Vilfa pulchella Presi Le. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Il Presi scrive di aver rac- 
colto questa pianta in luoghi boschivi montuosi al bosco di Castelbuono 
in Sicilia nel mese di Giugno. Sospetto che sia qualche specie di aira, 
non avendovela ritrovato, malgrado che io abbia visitato assai bene 
quel bosco, e che questo sia. stato poi diligentemente e continuamente 
perlustrato dal mio amico Francesco Mina di Castelbuono , da cui ho 
ricevuto molti invìi di piante di quei luoghi. 

Agrostis eapillaris Linn. 

A. panicula capillari, patente, glumis hispidiusculis, coloratis, 
flosculis muticis. 

Agrostis eapillaris Linn? sp. pi. 93. Ucria h. reg. panorm. p. 57. 
Guss. prodr. fi. sic. /. p. 60 et syn. fi. sic. 1 . p. 136. Pari. fi. pa- 
norm. 1 . p. 90 et fi., pai. 1 . p. 70. 

Abitazione. — Cresce in Sicilia nel monte la Pizzuta presso Pa- 
lermo, secondo Ucria : anche questa è forse una specie di aira, perchè 



AGROSTIS. 195 

nessuno ha trovato finora l' agrostis eapillaris in quella montagna nò 
altrove in quell'isola. 



XX31TII. SPOROBOLUS R. Brown. 

R. Brown. prodr. 1 . p. 170. Kunth enum. pi. 1 . p. 209. Endl. gen. 

pl.p. 88. Pari. fi. pai. 1 . p. 71 . 
Agrostidis speeies Schreh. gram. 2. p. 46. lab 27. f. 3. 
Phalaridis speeies Forsk. descript, p. 17. 
Vilfae speeies Palis. de Beauv. agrost. p. 16. Presi cyp. et gram. sic. 

p. 23. 
Podosemum Link h. reg. herol. 1. p. 85. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito. Glumae2, inaequales, 
membranaceae , earinatae, mutieae. Paleae 2 , membranaceae , muti- 
cae, inferior glumas superans, superior bicarinata. Perigonii squa- 
mulae 2, glabrae. Stamina 2-5. Ovarium glabrum. Slyli 2. Stigmata 
piumosa. Caryopsis libera, decidua, pericarpio laxo, solubili. 

Abito. — La specie italiana , eh' è 1' unica europea di questo ge- 
nere, gode di una radice repente, di culmi in cespuglio, alti da 3 a 6 pol- 
lici finca quasi un piede, compressi-, forniti di foglie corte, lineari, as- 
sottigliate all'apice, rigide, involute, disposte in due lati, e questi culmi 
si terminano in una pannocchia ovato-lanceolata, densa, dotata di spi- 
ghette piccole, pedicellate, di un color verde pallido e mutiche. 

99. Sporobolus pungens Kuniìi. 

S. paniculae contractae, ovato-lanceolatae ramis alternis, densis, 
glumis glabris, foliis disfichis, subulatis, rigidis, involutis, brevibus, 
supra villosis , ligulae loco pilorum fasciculo , culmo compresso , ramo- 
so, radice repente. 

SporoboluspungensAun^/isfram. I.p. 68 et enum. pi. 1 . p. 210. 
Pari. //. pai. 1. p. 71. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 461. 

Agrostis pungensSc/ìre6. gram. 2. p. 46. Ali! fi. ped. 2. p. 237. 
Savi. fi. pis 1. p. 84. Desf. fi. atl. 1. p. 68. Dee. fi. frane. 3. p. 23 
et 5. p. 255. Sibth et Smith fi. graec. prodr. 1. p. 46. Bivi sic. plani, 
cent. I.p. 16. Savi boi. etrusc. 1. p. 34. Roem. et SchuUes sijst. veg. 2. 
p. 355. Pollin. fi. veron. 1. p. 74. Ten! fi. nap. 3. p. 54. Guss. fi. 



UIC, GRAMINACEE. 

sic. prodi'. 1. p. 58. Lois. fi. gali. edit. S. voi. I . p. 53. Ileich. jl. 
fjerm. excurs. i.p. I40.inadd. etemend. Guss. suppl. prodr. 1. p. 15. 
Beri. jl. ital. 1. p. 409. Pari. fi. panorm. 1 . p. 89. Puccìn! syn. jl. 
lucens. p. 46. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 134. 

Phalaris disticha Forsk. descript, p. 17. 

Vilfa pungens Palis. de Beauv. agrost. p. 10. Presi cijp. et gram. 
sic. p. 23. 

Podosemuiii pungens Link. h. reg. herol. descript. 1 . p. 85. 

Harundo terlia in maritimis Gaesalp? de plani, p. 180. 

Gramen caninum pumilum, spica compacta Cup. h. calli, p. 89 
et suppl. alt. p. 3. 

Gramen spicatum, secalinum, maritimum, pumilum, repens, 
arundinis folio et facie, foliis superna parte villosis, 'spica laxa, non 
aristata Mieli, in Till. cat. hort. pis. p. 72. 

Figure. ^ — Schreb. gram. 2. tab. 27. f. 3. Reich. cent. 11. f. 1437. 

Nome italiano. — Agroslide pungente Savi fi. pis. 1. p. 84. Gra- 
migna marina. Gramigna pungente Bert. fi. ital. 1 . p. 410. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi marittimi c Spe- 
cialmente nelle arene delle sponde del mare lungo la costa occidentale 
d' Italia da Nizza a Napoli, come pure nelle isole di Corsica, di Sarde- 
gna, di Sicilia , di Lampedusa ec. Cresce anche nella costa orientale 
' della penisola, ('onde 1' ho avuto della spiaggia di Grottammare dall'Or- 
sini e del porto di Fermo dal Gennari. Fiorisce in Luglio ed Agosto, e 
nella penisola anche sino a Settembre; è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa meridionale, del- 
l' Oriente, dell'Affrica boreale, della Guadalupa ec. 

Osservazione. — Il Colla dubita fortemente che questa specie sia 
nativa dei luoghi arenosi presso Nizza, ove dice 1' Allioni essere stata 
raccolta da Bellardi , non avendovela egli trovato e fondandosi su quanto 
scrive il De Candolle nella flora francese di trovarsi questa specie dai 
confini d'Italia sino in Spagna, ch'egli interpetra al di là del Varo. 
Veramente io non la possiedo da Nizza , ma dalla provincia di S. Remo 
e di Porto Maurizio in poi sino a Baja presso Napoli ; ciò però nulla to- 
glie alla possibilità che possa trovarsi anche in Nizza , molto più che si 
trova anche al di là del Varo. 



POLYPOGON. 107 

XXX^III. POIiYPOGOUf Desf. 

Desf. fi. ali. I. j). 66. anno 1797-98. R. Brown prodr. p. 173. Palìs. de 
Beauv. agrost. p. 17 . Kunth emim. pi. I. p. 232. Endl. gen. pi. 
p. 90. 

Alopecuri species Limi. gen. p. 33. Lamk. ili. gen. I . lab. 42. 

Agrostidis species Willd. sp. pi. pari. 1. p. 363. 

Sanila Savi nelle mem. della Soc. ital. delle scienze toni. 8. pari. 2. 
p. 479. anno 1798-99. Pari. fi. pai 1. p. 72. 

Phlei species Sìbili, et Smith fi. graec. prodr. 1 . p. 42. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito , sessili. Giumae2, subac- 
quales, membranaceae , carinatae, intograe vel subemarginafae, infra 
apicem vel ex emarginatura aristatae, flore multo longiores. Paleae 2, 
membranaceae, inaequales, interior sub apice aristata vel raro mutica, 
superior bicarinata. Perigoni! squamulae 2, integrae, glabrae. Sta- 
mina 3. Ovarium glabrum. Stigmata subsessilia, piumosa. Caryopsis 
obovato-elliptica, glabra, libera, paleis tecta. 

Abito. — Piante annue, glabre, a radice fibrosa, dotate di culmi in 
cespuglio e ascendenti, di foglie piane e lineari, di pannoccbie dense in 
forma di spighe molli, con spighette molto piccole, e di un color verde 
pallido e talvolta come porporino, con le glume fornite di areste lun- 
ghette e delicate. 

Osservazione. — lo avca nella mia flora palermitana ])rererito il 
nome generico di Santia a quello di pohjpogon, riposando sull'asserzione 
del Prof. Pietro Savi (giornale botanico italiano anno 1 . tom. 1 . p. 280) 
che il primo fosse stato stabilito nel 1798 e il secondo nel 1800. Ora 
avendo voluto più tardi confrontare con diligenza le due pubblicazioni 
ho trovato che il genere Santia fu comunicato alla Società italiana in 
Modena il 2 Dicembre 1798, e solo pubblicato nel seguente anno 1799 
nel tom. 8 parte 2 delle memorie di questa Società, mentre il genere 
pohjpogon comparve nel primo tomo della flora atlantica nell'anno sesto 
della repubblica francese, che comincia il 22 Settembre 1797 e finisce 
il 21 Settembre 1798. L'acquisto quindi del genere pohjpogon nella 
scienza è anteriore anche alla presentazione della memoria manoscritla 
del Savi . È da credere però e tener come certo , in grazia della nota 
lealtà di (jucslo botanico, ch'egli ignorasse la pubblicazione del genere 
dell'illustre Dosfontaines. 



198 GRAMINACEE. 

lOO. Polyposon nionspeliense Desf. 

P. panicula spiciformi, oblongo-lanceolata , glumis pubescenti- 
scabris, margine ciliolatis, ciliatisve, sub apice integro arislatis, arista 
glumis subtriplo longiore , palea inferiore apice i—dentata , aristata. 

Polypogon monspeliense Desf. fi. ali. 1 . p. 67. Dee. fi. frane. 3. 
p. 5. Roem. el SehuUes sysl. veg. 2. p. 325. Bertol. amoen. Hai. p. HO. 
el hieuhr. p. Io. Presi eyp. et graììi. sic. p. 21. Morie, fi. venet. 1. 
p. 36. Pollili, fi. veron. /. p. 82. Ten. fi. nap. 3. p. 66. var. a et b. 
Nacc. fi. venet. 1 . p. 49. Guss. fi. sie. prodr. 1 . p. 77. et suppl. 1. 
p. 19. var a et b. Gaud. fi. lielv. 1 . p. 193. Lois. fi. (jall. edit. 2. voi. I . 
p. 48. var. a et b. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 24. Kunth enum. pi. 1 . 
p. 232. Bertol. fi. Hai. 1. p. 378. var. a. Pari. fi. panorm. 1. p. 100. 
Puccin. sijn. fi. lue. p. 44. Giiss. syn. fi., sic. 1 . p. 125. var. a et b. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 901. Pari. fi. palerm. I.p. 72. 
Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 460. 

Alopecurus monspeliensis Linn! sp. pi. 89. exejusherbario. Ali! 
fi. ped. 2. p. 235. Maratt. fi. rom. 1. p. 52. 

Alopecurus paniceus Linn! sp. pi. 90. spiculis minoribus ex ejus 
herbario. Ali! fi. ped. 2. p. 234. Savi! fi. pis. 1 . p. 79. Suffr. foroj. 
p. 113. 

Alopecurus agrestis Ucria. h. r. panorm. p. 56. non Linn. 

Phleum crinitum Schreb. gram. 1. p. 151. lab. 20. f. 3. Sibili, et 
Smith! fi. graec. prodr. 1 . p. 40 et fi. graee. 1. p. 46. lab. 62. Beri, 
pi. genuens. p. 9. 

Agroslis panicea Willd. sp.pl. 1. pari. 1. p. 363. Birol. fi. acon. 
1. p. 23. 

Santia piumosa Savi! inmem. della Soc. Hai. delle scienze tom. 8. 
pari. 2. p. 479 et due cent. p. 21 . Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 28. 

Milium paniceum Host fi. austr. 1 . p. 94. 

Santia monspeliensis Pari. fi. palerm. 1. p. 73. 

Gramen spicatum typhoides , maritimum, glumis longioribus, acu- 
minatis et pilosis Ponted. camp. lab. boi. p. 48. 

Panieum maritimum, spica longiore villosa Mont. cai. stirp. agr. 
bonon. prodr. p. 10. 

Gramen alopecurus minus, spica longiore C?//). /;. cath. s>ippl. alt. 
p. :U. 

Figure. — Agrostis panicea Hosl grani, austr. 3. p. 22. lab. 46. 



POLYPOGON. l'.ll) 

IMilouni crinilum Sìhlh. et Sìnilh jl. (jraec. J . lab. 6'^. 

Gramen alopecurus maj. spica viresc. divulsa pilis longior Bart\ 
ic. Ilo. fig. 2. 

Gramen paniceum palustre, spica alopecuroide , sericea, cana 
Cup. pamph. sic. 2. lab. 238. 

Paiiicum maritimum, spica alopecuroide sericea, incana Bon. 
tab. 51. 

Nome italiano. — Coda di lepre Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 211. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi umidi e arenosi, 

specialmente marittimi, lungo i fossi, nei margini dei ruscelli e dei fiumi 
della penisola e delle grandi e piccole isole sino a quelle di Pantellaria, 
di Malta e di Lampedusa. Però scarseggia nell' Italia settentrionale ove 
s' incontra solo in pochi punti e particolarmente in quelli che godono 
di condizioni topografiche più favorevoli, come nelle Terme Euganee di 
Abano presso Padova, e in qualche altro punto. Si trova più frequente- 
mente presso la costa occidentale d'Italia, come ancora nell'Istria, nei 
luoa:hi marittimi del Friuli , di Venezia e nell'Italia centrale. Incontrasi 
in maggior abbondanza poi nell' Italia meridionale e soprattutto nelle 
isole tanto con la pannocchia grande divisa in lobi , che con quella più 
piccola e quasi punto divisa. Questa ultima forma abbonda a preferenza 
nelle piccole isole. Fiorisce da Giugno ad Agosto nell'Italia settentrio- 
nale : nel mezzogiorno e nelle isole è in fiore nei mesi di Aprile e Mag- 
gio. E annua. 

Distribuzione geografica. — Specie estesa nel nostro emisfero dalle 
Isole Britanniche sino in Barbarla, in Egitto ed in Arabia. Ricompari- 
sce neir altro emisfero a Montevideo. 

Osservazione. — • Non ho creduto di distinguere come varietà le due 
forme a pannocchia più grande e divisa in lobi e a pannocchia più piccola 
quasi continua, trovandosi tutti i passaggi chele riuniscono. Il Gussone 
vorrebbe distinguere la sua var. b. della synopsis, a cui riferisce V alo- 
pecurus paniceus di Linneo, come una specie propria, intermedia fra il 
polypogon monspeliense e il maritimum, e chiamarla quindi polypogon 
intermedium: però il carattere delle glume di esser cigliate in questa cre- 
duta specie non è buono per distinguerla dal p. monspeliense, dappoiché 
nel monspeliense medesimo, ed io ho potuto verificarlo negli esemplari 
che possiedo di Montpellier, queste glume sono cigliate, tal altra però 
lo sono meno. 



'200 GlUMliNACEE. 



lOl* Polypog:on ■naritiniiiDi Wilìd. 

P. panicula spiciformi, oblonga, glumisbasi squamis argenteis sca- 
bris exasperatis, apice dilatatis, membranaceo-nitidis, exquisite ciliatis, 
bifidis, e sinu aristatis, arista glumis s.ubquadruplo longiore, palea in- 
feriore apice 4~dtìntata, mulica. 

Polypogon marilimum WiJld. in nov. ad. nat. curios. tom. 3. 
f. 443. Dee. ft. frane, o. p. 2i8. Roem. etSehiiltes syst. veg. 2. p. 326. 
Guss. pi. rar. p. 28 et fi. sic. prodr. 1 . p. 78. var. a. Dadarrò oss. in 
giorn. di fis. e chini, di Conf. e Brugn. dee. 2. tom. 7. p. 363. Lois. fi. 
gali. edit. 2. voi. 1 . p. 48. Kunth enum. pi. 1 . p. 233. Bert. fi. ital. 1. 
p. 381 . var. a. ex parie. Tenl fi. nap. 5. p. 319. var. a. Pari. fi. pa- 
norm. 1 . p. 101 . Vis. fi. dalm. 1. p. 53. Guss. sijn. fi. sic. 1 . p. 126. 
var. a. 

Santia maritinia Fior! appena, al prodr. della fi. rom. p. 3 et in 
nuovo giorn. dei leti, di Pisa anno 1828. pari, scient. tom. 17. p. 111. 
Pari. fi. palerm. 1. p. 75. 

Figura. — Guss. plani, rar. tab. 5. fig. 2. ove la spighetta è mal 
collocata. 

b. acuti florum, glumis acutis, non dilatatis, basi evidenlius squa- 
mis argenteis exasperatis. 

Polypogon maritimum b. acutiflorum Guss. fi. sic. prodr. suppl. 1. 
p. 19. Bert. fi. ital. 1. p. 381. Ten. fi. nap. 5. p. 319. Guss. fi. sic. 
sijn. 1. p. 126. 

e. subspaihaceum , panicula spiciformi, ovata, vagina folii supremi 
subspathacea basi inclusa , glumis dilatatis , basi evidentius squamis 
argenteis exasperatis. 

Polypogon subspathaceum Requien! in ann. des sciences naturell. 
tom. 5. p. 386. Lois. fi. gali, ed'it. 2. tom. 1 . p. 48. 

Nome italiano. • — Coda di lepre rossigna Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Cresce nei luoghi umidi ma- 
rittimi e nei campi inondati presso le spiagge del mare, come pure 
benché raramente, in luoghi umidi alquanto da questo lontani. Si 
trova lungo la costa occidentale d' Italia dalla Riviera di Ponente sino 
in Calabria , e nella parte centrale e meridionale della costa orientale 
donde la possiedo da Piavenna e dal littorale della Capitanata , della 
Terra di Bari , della Terra di Otranto ec. Nasce ancora nelle grandi 
isole di Corsica, di Sardegna e di Sicilia ed abbonda nelle piccole sino 



POLYPOGON. -201 

;i quelle di Malia e di Lampedusa. La varietà b. è più comune in que- 
ste piccole isole, e la varietà e. si trova nell' isola di Lavesio posta ira 
la Corsica e la Sardegna, donde mi è stata comunicata dall' amico Re- 
quien. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Amica delle Sponde del Mediterraneo 
e dell'Adriatico. Si trova in Spagna presso Malaga, nel mezzogiorno della 
Francia, nei luoghi già indicati dell'Italia e nelle isole aggiacenti, in Dal- 
mazia , come pure in Egitto , nelle Isole Canarie , nel Capo di Buona 
Speranza, delle quali località esistono esemplari nell'erbario centrale 
italiano. Cresce infine in Siberia e nelle Indie Orientali. 

Osservazioni. — Specie mollo variabile per il portamento, essendo 
ora molto piccola , alta da 2 a 4 pollici , con culmi delicati e con pan- 
nocchia corta e gracile , ora con culmi più alti , anche sino a un piede 
e un piede e mezzo, con la pannocchia allungata e divisa quasi in lobi. 
Varia ancora il colore della pannocchia , che ora è di un color verde 
pallido, ora tendente al porporino. Il carattere della varietà e. di avere 
la pannocchia rinchiusa alla base dalla guaina molto dilatata e come 
spatacea della foglia superiore , per quanto dia ad essa un aspetto pro- 
prio, pure non è tale da farcela considerare come buona specie , poiché 
la guaina si mostra anche talvolta dilatata nella specie e a preferenza 
nella varietà b. Non sono né anche affatto costanti i caratteri della 
gluma nelle varietà b. e e, da crederli di qualche valore per distinguer 
queste come specie diverse. 

t09. Polypogon ads^cendens Guss. 

S. panicula spiciformi, oblonga, lobata, laxiuscula, glumis oblongo- 
lanceolatis, levissime retusis, dorso hispiduhs, carina ciliatis, margine 
nudis, arista glumis subbreviore. 

Polypogon adscendens Guss! in Beri. fi. ital. 2. p. 777. Ten. j\. 
nap. 5. p. 319. 

Polypogon monspeliensis /3 Beri., fi.. Hai. 1. p. 380. exclus. syn. 

Guss. 

Figura. — Nessuna. 

stazione, Abitazione e Tioritura. — Il GuSSOne ha trovata questa 

specie una sola volta fra i giunchi in un piccolo spazio di una prateria 
inondata marittima nei Bagnuoli presso Napoli ; però , come avverte d 
Tenore, a causa dei cangiamenti che hanno avuto luogo in quel luogo per 
la costruzione della nuova strada e per le coltivazioni che vi si sono in- 



13' 



:>(>2 GRAMINACEE. 

Irodotte, non è slato possibile di più ritrovarvela. Io ne debbo un'esem- 
plare alla gentilezza dell'amico Gussone. Fioriva in Aprile e Maggio 
ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Non si conosce di altri luoghi che di 
quello qui indicato del lido di Pozzuoli ai Bagnuoli. 

Osservazioni. — E vicma assai al polypogon Httorale di Smith , il 
quale offre però la pannocchia piìi larga, con i rami più lunghi, le spi- 
ghette più grandi, le glume quasi lisce nel dorso e cigliate nel margine, 
e più manifestamente divise all'apice in due denti. 



XXXIX. CHJETURIJS Link. 

Link in Schrad. journ. 1199. tom. 2. p. 312. Roem. et SchuUes sijst. 

veg. 2. p. 15. Kunth eniim. pi. 1 . p. 234. Endl. gen. pi. p. 90. 

Pari. ohs. sur quelques plantes d'Italie in ann. des scienc. natur. 

de Paris Mai 18 il. 
Polypogonis species Willd. in nov. ad. nat. curìos. berol. 3. p. 443 et 

enum. pi. hort. herol. 1 . p. 88. Pers. syn. pi. 1. p. 80. 
Agrostidis species Brot. fi. hisìt. 1. p. 73. 

Spiculae 1-florae, flore herraaphrodito, subsessili, imberbi. Glu- 
mae 2, subaequales, merabranaceae , carinatae, florem superantes, in- 
ferior apice aristata, superior mutica. Paleae 2, hyalino-membrana- 
ceae, inferior concava, trinervis, tridentata, superiorem multo minorem 
apiceque subbifidam involvens. Perigonii squamulae 2, crassiusculae , 
albidae, glabrae. Stamina 5. Stigraata sessilia, piumosa. Car^-opsis libe- 
ra, glabra. 

Abito.- — Pianta annua, con radice fibrosa, formante dei piccoli ce- 
spugli, dotata di culmi alti da 6 a 10 pollici, delicati, diritti, nudi supe- 
riormente per qualche tratto e lisci. Le foglie sono strette lineari, 
piane e corte , la ligula è allungata , lunga una linea e mezza e scor- 
rente nei margini della guaina. La pannocchia è quasi in forma di spiga 
larga, diritta, lunga da un poUice e mezzo a due pollici, acuta. 1 suoi 
rami sono terni , disuguali in lunghezza , divisi , coi pedicelli quasi in 
verticillo, e ingrossati all'apice. Le spighette son piccole, gemine, di 
\m color verde giallognolo e come dorato, la gluma inferiore si ter- 
mina in una aresta quasi il doppio più lunga della stessa gluma, la su- 
periore è priva di aresta. 



CHAETURUS. -20r» 

t03. Chaeturus fasciculatus Link. 

Chaelmushscicuhins Link in Schrad.journ.tom. 2. p. oJ2. 1770. 
Dei:! cai. pi. hoii. hot. monsp. p. 93. Roeiii. et Scìiultes syst. veg. ^. 
p. 32i. Kunlh eniim. pi. 1. p. 234 et agrost. sijnopl. p. 182. Pari, 
obs. sur quelq. plani, d' Italie in ann. des sciences nat. de Paris 
Mai 1841. Boiss! voy. en Espagn. p. 648. 

Polypogon subspicatus Willd in nov. ad. nat. cnr. berol. 3. 
p. 443 et enum. pi. hort. hot. herol. i. p. 88. 

Agrostis articulata Eroi. fi. lusit. 1. p. 73. 

Polypogon fasciculatus Pers. syn. pi. 1 . p. 80. 

Cliaeturus divaricatus Dee! cat. pi. hort. hot. monsp. p. 93. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — lo ebbi Comunicata quesla 
specie col nome di avena tennis dal prof. Meneghini , il quale l' avea 
trovato presso Padova nei Colli Euganei. Il sig. Trevisan nel suo pro- 
spetto della flora Euganea a pag. 41, nota essere stati ritrovali di que- 
sta pianta tre soli individui, uno dei quali è quello che io possiedo, l'altro 
fu mandato dal Meneghini al prof. Bertoloni e il terzo è presso il si- 
gnor Trevisan medesimo, che lo ha ritrovato nell'erbario di Romano. 
Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Nascc in Portogallo, in Spagna e in 
Italia nella sola località qui notata dei Colli Euganei vicino Padova. 

Osservazioni. — Come già avvertii nelle mie ohservations snr quel- 
ques plantes d'Italie nessuna differenza esiste fra il cliaeturus fascicula- 
tus e il divaricatus di De CandoUe , giusta gli esemplari di ambedue 
avuti da De Cindolle medesimo. A torto dunque il Kunth, quantunque 
dubitativamente, ha riferito il cliaeturus divaricatus di Dee. ^Wagrostìs 
divaricata di Willd. 

XIi. liAeiIRIJS Linn. 

Limi. gen. p.37. Juss. gen. p.30. Palis. de Beauv. agrost. p. 34. Kunth 
enum. pi. 1. p. 294. Endl. gen. pi. p. 96. Pari. fi. palerm. I.p. 76. 

Spiculae 1-florae, flore hermaphrodito , basi barbalo, cum rudi- 
mento Horis supcrioris. Glumae aequales, membranaceae , apice in ari- 



-20 i. GRAMINACEE. 

slam plurnosam atlenualae, florem superantes. Paleac ^, membrana- 
ceae, inaequales, inferior major, apice biaristata, aristis setiformibus, 
dorso aristata, arista geniculata, demum contorta; palea superior bre- 
vior, bicarinala. Perigonii squamulae 2, integrae vel apice lobatae, 
glabrae. Stamina 3. Ovarium glabrum. Stigmata2, sessilia, piumosa. 
Caryopsis oblonga, glabra, libera. 

Abito. — Pianta annua, tutta mollemente pubescente, fornita di 
radice fibrosa, di culmi gracili e in cespuglio, talvolta anche solitarii, con 
foglie piane, un poco increspate nel margine a preferenza nelle più gio- 
vani; questi culmi si terminano in una pannocchia densa, ovata, can- 
dida, moUissima e arestata. 

tCl'i. liagurus ovatiis Linn. 

Lngurus ovatus Linn! sp. pi. J 19. AH. fi. ped. 2. p. 230. Desf! 
II. ali. I. p. 105. Savifl.pis. 1. p. 136. Dee. fi. frane. 3.p. 28. Sibth. 
et Smith fi. graee. prodr. 1 . p. 68 et fi. graec. 1 .p. 71. Savi. hot. etrusc. 
1. p. 00. Roem. et Schidtes sijsl. veg.2. p. 401. Presi eijp. et grani, 
sic. p. 20. Morie., fi. venel. 1 . p. 62. Nacc. fi. venet. 1. p. 81. Ten. fi. 
nap. 3. p. 94. Giiss. fi. sie. prodr. 2. p. 131. Seh. et Maiir. fi. rom. 
prodr. p. 25. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1 . p. 55. Reich. fi. gei-m. 
exeurs. 1. p. 24. Kuntheniun. pi. 1. p. 295. Bert. fi. Hai. 1. p. 728. 
Pari. fi. panorm. 1. p. 76. Puccin! syn. fi., lue. p. 44. Vis. fi. dalm. 
1 . p. 53. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 127. Koch. syn. fi. germ. et helv. 
edit. 2. p. 90i. Pari. fi. pai. 1 . p. 76. Gries. spie. fi. rum. et hith. 2. 
p. 459. 

Gramen alopecuroides Cast. h. mess. p. 38. 

Gramen alopecuroides spica breviore Cup. h. cath. p. 88. 

Gramen alopecurus, spica rotundiore Moni. cat. stirp. agr. bonon. 
prodr. p. 59. 

Lagurus spica ovata Ali. stirp. nicaens. p. 222. 

Gramen alopecuroides, spica longiore Zannich. istor. delle piante 
dei lidi veneti p. 122. 

Figure.' — Host gram. austr. 2. tab. 46. Sibth. et Smith fi. graec. 1 . 
tab. 90. 

Gramen alopecurum molle , spica incana acuta minor et obtusa 
major Darr. ic. 116. fig. 1 e 2. 

Gramen alopecuroides spica longiore Zannich. ^ ist. delle piante 
lab. 66. f. 2. 



LAGUUUS. -iU.) 

Nome italiano. — Coda di lepre. Piumino Tcmj. Tozz. diz. boi. i. 
p. IJ9. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nasce copiosamentc nei can][)i 
mariUimi e nelle arene delle spiagge del mare tanto nella costa occi- 
dentale della penisola da Nizza in poi, che nella orientale, come ancora 
nel littorale dell'Istria. Si trova anche talvolta a certa distanza dal mare 
come vicino Mantova a Mìgliaretto, presso Roma ec. però nella parte 
meridionale d'Italia si osserva abbondare anche nei prati. E co- 
mune nei margini dei campi, lungo le strade, sui muri delle isole 
grandi di Corsica , di Sardegna , di Sicilia a preferenza nei luoghi ma- 
rittimi, come pure nelle piccole isole da quelle di Gorgona e di Capraja 
sino a quelle di Panfellaria, di Malta e di Lampedusa. Fiorisce in Aprile 
e Maggio e nei paesi più meridionali e nelle isole sin dal mese di 
Marzo. E annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa meridionale, della 
Barbaria, dell'Oriente ec. 

Osservazione. — Varia per la pannocchia ora piiì piccola , ovata 
ed acuta, ora più grande, allungata ed ottusa, siccome già avea notato 
il Barrelieri e figurato nella sua tavola 116. 



Xlil. CAIìAlUIAGROSTIS Adans. 

Adans. famìll. des plant. 9. p. 21 . Uec. fi. frane. 3. p. M. Palis. de 

Beami, agrost. p. 15. Kunlh ennm. pi. I. p. 230. Endl. gen. pi. 

p. 00. 
Arundinis species Linn. gen. p. 38. Ali. fi. ped. 2. p. 257. Roem. et 

Schultessyst. veg. 2. p. 20. Gattd. fi. helv. I. p. J94. Beri. fi. ìtal. I. 

p. 743. 
Agrostidis species Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 346. Gaud. fi. helv. J . 

p. 185. 

Spiculae 4-florae , flore hermaphrodito , sessili , ad basim pilis lon- 
giuscuhs cincto. Glumae 2 , acutatae vel subulatae , membranaceae , sub- 
aequales, flore multo longiores. Paleae 2, membranaceae, inferior 
apice 2-5 fida, apice vel dorso aristata, arista recta, rarissime mulica; 
superior binervis. Perigonii squamulae 2, integrae. Ovarium glabrum. 
Styli2. Stigmata subsessiUa, piumosa. Caryopsis glabra, libera. 

Abito. — Pianto perenni , con radice repente , con culmi in gè- 



206 GRAMINACEE. 

neralc alti , con foglie piane e lineari , aventi le pannocchie grandi e 
ramose, ora dense, ora alquanto larghe, dotate di molte spighette pe- 
dicellate, di colore porporino, e con i fioretti forniti alla base di un ciufi'o 
dipeli d'ordinario lunghi e bianchi. Hanno in generale un abito simile 
alle canne, arundo, con le quali sono state confuse da alcuni botanici. 

I05. Calamagrostis epigejos Roth. 

C. panicula stricta, subpatente, glomerato-lobata, glumis lanceo- 
latis, subulato-acuminatis, subaequalibus , pilis florem glumasque su- 
perantibus, palea inferiore apice bifida, e medio dorsi breviter aristata, 
ligula elongata, acuta. 

Calamagroslis epigejos Roth fi. germ. 1 . p. Si. Dee! fi. frane. 5. 
p. 257. Presi cyp. et gram. sic. p. 22. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1 . 
p. 53. Reieh. fi. germ. exeurs. 1. p. 21 . Kunth eniim. pi. 1 . p. 237. 
Vis. fi. daìm. 1 . p. 55. Koch syn. fi. germ. et Iielv. edit. 2. p. 905. 
Pari. fi. paìerm. 1 . p. 78. Gries spie. fi. rum. et bith. 2. p. 458. 

Arundo epigejos Linn. sp. pi. p. 120. excl. pler. syn. Ucria h. r. 
panorm. p. 62. Balbis fi. taurin. p. 12. Savi hot. etrusc. 2. p. 65. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 501. Noce, et Balb. fi', tic. 1. p. 60 et p.332. 
Morie, fi. venet. 1. p. 67. Pollin. fi. veron. 1. p. 85. Ten. fi. nap. 3. 
p. 102. Re fi. torin. 1. p. 82. Nace. fi. venet. 1. p. 85. Guss. fi. sic. 
prodr. 1. p. 146. Seb. et Maur. fi. rem. prodr. p. 41. Gaud. fi. helv. 
1 . p. 194. Comoll. fi. comens. 1 . p. 90. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 137. 

Arundo calamagroslis 4//. fl.ped.2.p. ?57 .Birol?fl..acon. 1 .p.37. 

Calamagrostis lanceolata var. /3. Dee. fi. frane. 3. p. 26. 

Gramen paniculatum, palustre, praeallum, exile, panicula arun- 
dinacea Pont. comp. tab. bot. p. 56. 

Gramen arundinaceum , panicula molli , spadicea , majus Monf. 
cut. stirp. agr. bonon. prodr. p. 58. Seg. pi. veron. 1. p. 356. Zannich. 
istor. delle piante dei Udì veneti p. 127. 

Figure. — Engl. bot. voi. 6. tab. 403. Host gram. austr. 4. tab. 42. 

Nome italiano. — Cannella. Cannucce. Calamo scrittorio Targ. 
Tozz. diz. bot. 2. p. 27. 

Stazione, Abitazione e Fioritura» ■ — Nei luOSjhi umidi, lun^O le 

spiagge dei fiumi, e nei luoghi montuosi e salvatici di tutta la penisola, 
però non comunissima. Cresce pure nelle isole di Corsica, di Sarde- 
gna, di Sicilia e in quelle di Vulcano e di Lipari. Fiorisce in Giugno e 
Luglio, e nelle isole sin dal mese di Maggio. È perenne. 



CALAMAGIIOSTIS. 207 

Distribuzione geografica. — Abita 1' Europa media e meridionale. 

Osservazioni. — Ho riferito col Berloloni a questa specie l' anindo 
calamagroslis di Allioni anziché alla seguente, fondandomi sulla stazione 
ed abitazione dall' Allioni assegnate alla sua pianta , ed al contrario ho 
riportato alla specie che segue il suo sinonimo della arundo epigejos : 
del resto nell' erbario di Allioni sotto il nome di epigejos trovasi la ca- 
lamagroslis Uttorea. Alcuni botanici hanno mal conosciuto infatti queste 
due piante per esservi stati riferiti malamente alcuni sinonimi di a\itori 
antichi , e per esser del resto molto affini , benché per altro distintissime 
per caratteri di mollo valore. 

Nei luoghi montuosi ed aridi questa pianta offre la pannocchia 
piij stretta e con meno fiori e le spighette più pallide. 

106. Calamagrostis littorea Dee. 

C. panicula diffusa, patente, laxa, glumis anguste lanceolatis, 
subulato-acuminatis , inaequalibus, pilis florem superanlibus , gluma 
inferiore subbrevioribus, palea inferiore apice bifida, inter lacinias ari- 
stata, arista glumas acquante vel panilo superante, ligula elongata, apice 
lacera . 

Calamagrostis littorea Dee! fi. frane. 5. p. 255. Lois. fi. gali, 
edif. S. voi. 1 . p. 53. Reich. fi. gemi, excurs. I. p. 27. Kunth eniim. 
pi. 1. p. 237. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 905. 

Arundo pseudo-phragmites //a//, fil. in Roeni. ardi. 1. p. 11. 
Gaud. fi. helv. 1 . p. 196. 

Arundo epigejos Ali. fi. ped. 2. p. 256. Birol? fi. acon. 1 . p. 36. 

Arundo littorea Schrad. fi. germ. I.p. 212. Roem. et Schultes syst. 
veg. 2. p. 502. PoUin. fi. veron. 1. p. 88. Re fi. torin. 1. p. 83. Beri, 
fi. ital. 1. p. 745. Comoll. fi. comens. 1. p. 92. 

Arundo calamagrostis Poli. fi. veron. 1. p. 85. Nacc. fi. venet. 1. 
p. 86. 

Gramen arundinaceum minus Mont. cat. stirp. agr. bon. prodr. 
p. 58. ex ejus herb. sec. Bertol. 

Figura, — Schrader l. e. tab. 4. fig. 2. 

h. major, panicula ampliata, subnutante. 

Calamagrostis laxa Host gram. austr. 4. p. 25. Reich. fi. germ. 
excurs. 1- p. 27. 

Arundo laxa Roem. et Schultes stjst. veg. 2. p. 502. 

Arundo pseudo-phragmites [h major Gaud. fi. helv. 1. p. 196. 



-jns CliAMINACKE. 

Figura. — Host (jram. anslr. 4. lab. A3. 
Nome italiano. — Cannella di ripa Beri. l. r. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Ama le Sponde dei fiumi , 

dei laghi e del mare. Si trova solo nell'Italia settentrionale nel Tirolo 
italiano, nel Friuli, nel Bassanese lungo la Brenta, a Monfalcone, in 
Venezia al lido , nella spiaggia di Ravenna , presso le rive del lago di 
Como, lungo il Po, presso Moncalìeri , lungo la Stura, in Nizza, ec. 
Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E propria dell'Europa meridionale e 
dell'America boreale. 

Osservazione. — La calamagrostis littorea si distingue dall'affine 
epigejos principalmente per la pannocchia più larga, per le glume più 
disuguali, essendo l'inferiore molto più lunga dell'altra, per 1' aresta 
terminale e non dorsale, ec. Per questo carattere dell' aresta si avvi- 
cina alla lanceolata, ma la laìiceolaia ha l' aresta molto più corta, e la 
gluma non prolungata all'apice in modo di lesina , siccome è nella cala- 
magrostis littorea e nella epigojes, ec. 

109. Calamagrostis lanceolata Rotìt. 

C. panicula patente, laxa, sparsiflora, glumis lanceolatis, acumi- 
minatis, subaequalibus , pilis florem superanlibus, gluma brevioribus, 
palea inferiore apice bidentata, inter dentes brevissime aristata, arista 
vix emarginaturam superante, ligula brevi, obtusa, subtruncata. 

Calamagrostis lanceolata Rolh. fi. germ. 1 . p. 34. Dee! fi. frane. 3. 
p. 26. var. a. et 5. p. S56. Lois. fi. gali. edìt. S. tom. 1 . p. 53. Reich. 
fi. germ. excurs. 1 . p. 27. Kunth. ennm. pi. /; p. 236. Koch sijn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. p. 905. 

Arundo calamagrostis Liìin. sp. pi. p. 121. Gami. fi. helv. 1. 
p. 198. Bert. fi. ital. 1. p. 746. 

Calamagrostis ramosa Host gram. austr. 4. p. 25. tab. 44. 

Figure. — Engl. bot. voi. 30. tab. 2159. Fior. dan. tab. 280 et 
lab. 1624. 

Nome italiano. — Cannella paleino Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Si trOva nei luoghi umidi, 

presso i laghi e i fiumi del Nord d'Italia. L'ho avuta dal sig. Rota, che 
l'ha raccolta nelle rive del Ticino presso Pavia. Il Bertoloni la descrive 
sull'esemplare comunicatogli dal sig. Barbieri, che l'ha trovato a Pra- 
della vicino Mantova. Fiorisce in Giugno e LugUo ed è perenne. 



CALAMAGROSTIS. 209 

Distribuzione geografica.^ — Trovasi nell'Europa media, nel Cau- 
caso, in Siberia ec. 



tOS. Calaniagrostis Halleriana Dee. 

C. panicula patente, laxa, sparsiflora, glumis lanceolatis, acumina- 
tis, subaequalibus, pilis florem subaequanlibus, gluma brevioribus, 
palea inferiore apice bifida , infra medium dorsi aristata , arista brevi , 
pilis hreviore, ligula brevi, obtusa. 

Calamagrostis Halleriana Dee. fi-, frane. 5. p. S56. Kunth enum. 
pi. 1 . p. 2S8. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 905. 

Arundo pseudo-phragmites Schrad. fi. germ. 1. p. 218. non 
Hall. fìl. 

Calamagrostis varia Host? gram. ausir. 4. lab. 47. 

Arundo Clarionis Lois. fi. gali. p. 719. 

Arundo Halleriana Gawt/. fi. helv. 1 . p. 197. Beri. fi. ital. 4. p. 779. 

Calamagrostis Clarionis Lois. fi. gali. edit. S. voi. 1. p. 54. 

Calamagrostis pseudo-phragmites fìetc/i. fi. germ. excurs. 1. p. ?6. 

Figura. — Host? gram. aiistr. 4. lab. 47. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — 11 sig. Facchini l'ha trOVatO 

nella valle di Venosta nel Tirolo, e comunicato al Bertoloni , sulla cui 
fede io qui la riporto. Fiorisce in Luglio ed Agosto, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa media e della 
Siberia. 

Osservazione. — Molto vicina per l'abito alla calamagrostis lanceo- 
lata, da cui però è ben diversa per la paglietta inferiore bifida, per 
r aresta dorsale e non terminale, per le spighette più grandi, ec. 

109. Calamagrostis tenella Host. 

C. panicula patente, laxa, sparsiflora, glumis lanceolatis, acutis, 
subaequalibus, pilis paucis palea dimidio brevioribus, palea inferiore 
obtusa, denticulata, mutica vel dorso brevissime aristata, superiore mi- 
nima, ligula elongata, obtusa, lacera. 

Calamagrostis tenella Host gram. austr. 4. p. 29. var. aristata. 
Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 54. Reieh. fi. germ. excurs. 1. p. 26. 
Kunth enum. pi. 1. p. 238. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 906. 

Arundo tenella Schrad. fi. germ. 1. p. 220. var. mutica. Bert. fi. 
ital. 1 . p. 747. var. aristata. 

Kt OR A Italiana. Voi. I. 1* 



210 GRAMINACEI^. 

Calamagrostis alpina Host gram. austr. i. p. SO. var. inulica. 
Agrostis.tenella Roem. et SchuUes syst. veg. 2. p. 346. 
Agrostis spuria Roem. et Scìmltes sijat. veg. 3. p. 3i6. 
Arundo humilis Roem. et SchuUes syst. veg. 2. p. 510. 
Agrostis pilosa Schleìch. in Gaud. fi., helv. 1 . p. 185. 
Figure. — Scìir ad. fi. germ. 1. lab. 5. [.. 1. Host gram. austr. A. 
luì). 50. et 51. 

Nome italiano. — Cannella graniignella Bei^l. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSColi alpini aSSai ele- 
vali delle Alpi, ove l'ho osservalo fra i 1900 e i 2500 metri d'allezza sul 
mare. Ho raccollo quesla pianla nelle fessure delle rupi del Gran S. Ber- 
nardo presso l'Ospizio a 2491 melri. È stata trovala pure dal Giusta 
nelle Alpi marittime a S. Martino di Lantosca presso la Madonna delle 
Finestre, siccome ho veduto nell' erbario di Torino, dal prof. De No- 
taris nelle rupi di Pizio d'Anzasco sopra Malesco nella valle Vegezzo 
della provincia di Novara, dal sig. Rota nei prati alpini di Schilpario 
nella provincia bergamasca, nell'Appennino di Parma, donde ho veduto 
un esemplare nell'erbario del Savi. Nasce pure nelle Alpi tirolesi, 
bianca nelle isole. Fiorisce in Luglio ed Agosto, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle Alpi di Boemia , del Ti- 
rolo, del Delfmato ec. 

Osservazione. — Nelle figure date da Host di ambedue le varietà di 
questa specie i peli sono rappresentati quasi ugualmente lunghi della 
paglietta inferiore, mentre ne sono la metà più corti. 

Xlill. BEYEVXIA Palis. de Beauv. 

Polis, de Beauv. agrost. p. 43. Kunth enum. pi. 1 . p. 239. Endl. gen. 

pi. p. 90. 
Agrostidis species Linn. sp. pi. p. DJ . 
Arundinis species Schrad. fi. germ. 1 . p. 218. Roem. et SchuUes syst. 

veg. 2. p. 257. Gaud. fi. helv. 1. p. 199-200. Bert. fi. Hai. 1. 

p. 748. 
Calamagrostidis species Host gram. austr. 4. p. 27-28. Dee. fi. frane. 

3. p. 253-255. 

Spiculae 2-norae, flore inferiore sessili, hermaphrodito, basi bar- 
bato, superiore ad pedicellum plumosum redacto. Glumae 2, acumi- 



DEYEUXIA. 21 1 

natae , membranaceae , subaequales , florem subaequantes vel supe- 
rantes. Paleae membranaceae , inferior dorso aristata, arista geniculata, 
infra geniculura contorta, superior bicarinata. Perigonii squamulae 2, 
lobulo auctae, glabrae. Ovarium glabrum. Styli 2, breves. Stio-maia 
piumosa. Caryopsis glabra, libera. 

Abito. — Le due specie italiane di questo genere godono di ra- 
dice repente, di culmi diritti o ascendenti, alti da uno a 2 o 5 piedi , 
con foglie lineari-lanceolate, piane, lunghe; la loro pannocchia è stret- 
ta , alquanto patente nell' atto della fioritura , con molte spighette , che 
sono piccole, di color verde pallido, misto talvolta di porporino e come 
di paglia nel disseccarsi. Il fioretto inferiore, barbato alla base, porla 
una aresta che è inginocchiata nel mezzo, contorta al di sotto della in- 
ginocchiatura, e superante la spighetta, il superiore è ridotto ad un 
semplice pedicello in forma di una piumetta. 

Osservazione. — Questo genere , quantunque vicinissimo alla cala- 
magrostis , n è però diverso principalmente per avere le spighette con 
due fiori, il superiore dei quali costa solo di un pedicello piumoso, per la 
natura e forma dell' aresta eh' è inginocchiata e contorta inferiormente. 

ito. Deyeuxia Taria Kimth 

D. panicula patente, glumis lanceolatis, acurainatis, pilis palea 
subaequalibus vel dimidio brevioribus, arista glumas vix excedente. 

Deyeuxia varia Kunth emim. pi. 1 . p. 242. 

Arundo agrostis Scop. fi. cani. edit. 2. tom. J. p. S8. Ali. (l. 
ped. 2. p. 257. 

Calamagrostis arundinacea Dee. fi. frane. 3. p. 2Ò. 

Arundo varia Schrad. fi. germ. I. p. 216. Roem. el Sclmltes? sijst . 
veg. 2. p. 305. Comoll! fi. comens. 1 . p. 92. 

Arundo sedenensis Lois. fi. gali. p. 1 19. 

Agrostis arundinacea Bìvol. fi. acon. /. p. 24. 

Calamagrostis sylvatica Host gram. austr. 4. p. 28. 

Arundo montana Gaud. agrost. helv. Lp. 92 et fi. lielv. J. p. 200. 
var. a. Savi! hot. etmsc. 2. p. 65. Beri, amoen. ital. p. 333 et fi. Hai. 
/. p. 750.- Ten. fi: nap. 5. p. 324. 

Calamagrostis montana /)ec. fi., frane. 5. p. 25i. var. a. Rete. (l. 
gemi, excurs. I. p. 26. Koch sgn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 906. 

Arundo Hostii Roem. et Sclmltes syst. veg. 2. p. 508. 

Arundo acutiflora Pollin. fi. veron. I . p. 88. 



21^2 GRAMINACEE. 

Calamagrostis sedenensis Lois. fi. gali. edìl. S. Ioni. I . p. 64. 

Arundo sylvatica Piiccin! syn. fi. lue. p. 71 . 

Gramen arundinaceum , niontanum , panicula flavescente , modo 
arlstata, modo arislis carente Moni. cat. stirp. agr. bonon. prodr. 
p. 58. secund. Bert. 

Figure. — Schrad. l. e. lab. 4. fìg. 6. Hosl l. e. lab. 48. 

h. montana, spiculis majoribus, arista paleasua subduplo longiore. 

Calamagrostis montana Host gram. austr. 4. p. 27. 

Arundo montana Roem. et SehuUes syst. veg. 2. p. 508. 

Figura. — Host l. e. tob. 46. 

Nome italiano. — Canna montana Savi l. e. Cannella montanina 
Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.^ — Nei luoghi salvatici e montuosi 

subalpini, a preferenza nella regione dell'abete, delle Alpi, delle Alpi 
Apuane e degli Appennini sino agli Abruzzi; però in generale non è molto 
comune. Scende talvolta anche nei luoghi bassi, come accade d'incon- 
trarla lungo l'Adige presso Verona , trasportatavi dalle acque del fiume, 
mentre si trova nei monti del Tirolo , nelle selve presso la cima di Monte 
Pastello ec. La varietà b. si trova nell'Appennino ligustico alle Capanne, 
nei monti sopra Dolcedo, dai quali luoghi l'ho avuta dai sig. Berti e 
De Notaris, nell'Appennino lucchese ai Quattro frati, ove l'ha raccolta il 
sig. Giannini, nell'isola di Corsica ai Bagni di Guagno, donde mi è stata 
comunicata dal Requien. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa e del Caucaso. 

Osservazioni. — La specie varia molto per la pannocchia ora lar- 
ga, ora strétta e quasi in forma di spiga, per il colore delle spighette 
che sono ora pallide, ora di un color verde tendente al porporino. La 
varietà b. ha le spighette un poco più grandi, le areste lunghe quasi il 
doppio della paglietta inferiore , per i quali caratteri si avvicina alla syl- 
vatica, da cui però ben si distingue per avere i peli molto lunghi e quasi 
uguali in lunghezza alle pagUette e non molte volte più corti di queste, 
lo credo di avere tolta un poco la confusione che regna nei sinonimi di 
questa specie, se pure non mi sarò ingannato. Mi pare che la sylvatica 
di Host debba senza alcun dubbio riferirsi alla specie nostra per aver 
le areste corte , mentre la montana dello stesso autore debba riportarsi 
alla nostra varietà perchè dotata di areste due volte più lunghe della 
paglietta inferiore, ciò che si vede ben rappresentato nelle due relative 
figure date dall' Host medesimo. 



DEYEUXIA. 213 



111. Deyeu:Kia sylvatica Kunth. 

D. panicula patente, glumis lanceolatis, acuminatis , pilis pale» 
(juadruplo brevioribus, arista palea sua duplo longiore, glumas exce- 
dente. 

Deyeuxia sylvatica Kunth enum. pi. 1 . p. 243. 

Agrostis arundinacea Limi. sp. pi. 91. excl. pler. syn. secund. 
Schrad. 

. Arundo sylvatica Schrad. fi. germ. 1. p. '218. Roem. et Schultes 
syst. veg. S. p. 507. Tea. fi. nap. S.p. 103. Gaiid. fi. helv. 1. p. 199. 
Bert. fi. ital. 1 . p. 748. 

Calamagrostis pyramidalis Host grani, austr. 4. p. 28. Reich. fi. 
germ. exciirs. 1. p. 36. 

Calamagrostis sylvatica Dee. fi. frane. 5. p. Sò3. var. a. Lois. fi. 
gali. edìt. 2. tom. 1. p. 54. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 26. Koch 
syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 906. 

Figure. — Schrad. l. e. tab. 4. fig. 7. Host l. e. lab. 49. 

Nome italiano. — Cannella di selva Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. • — NaSCe nei luOghi salvatici 

delle Alpi e degli Appennini; è però molto più rara della specie prece- 
dente. Manca nelle isole. Fiorisce in Giugno e Luglio e nei luoghi più 
elevati anche in Agosto. E perenne. 

Distribuzione geografica. — -Trovasi in Europa ed in Siberia. 



XliUI. AlfUnOPHlIiA. Host. 

Host grani, austr. 4. p. 24. Link hort. reg. berol. descr. 1. p. 105. 

Kunth enum. pi. 1. p. 245. Endl. gen. pi. p. 90. 
Arundinis species Linn. sp. pi. p. 121. 
Calamagrostidis species Dee. fi. frane. 3. p. 24. 
Psamma Palis. deBeauv. agrost.p. 143. Roem. et Schultes syst. veg. 2.. 

p. 55. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 907. Pari. fi. pai. 1. 

p. 79. 
Phalaridis species Link enum. alt. 1. p. 66. 

Spiculac 1-florae, flore herraaphrodito, breviter pedicellato, basi 
pilis brovibiis cincto, rum rudimento floris superioris. rilumac 2^ 



214 GHAMINACEE. 

subcoriaceo-membranaceae, lanceolatae, carinafae, subaequales, flore 
longiores. Pa!eae2, subcoriaceae, subaequales, inferior 5-nervis, apice 
bidentata, mutica, Inter dentes breviter mucronulata, superior bicari- 
nata. Perigonii squamulae 2, lanceolatae, acuminatae, glabrae. Sta- 
mina 3. Ovarium glabrum. Stigmata sessilia, piumosa. Caryopsis gla- 
bra, libera. 

Abito. — Pianta perenne, propria delle arene marittime, glaber- 
rima in tutte le sue parti e glauca. La sua radice è repente, i culmi 
sono in cespuglio, diritti, le foglie convolute e rigide, la pannocchia in 
ibrma di spiga stretta e densa, con le spighette piuttosto grandi, di co- 
lor pallido, dotate di un pedicello: le glume son carenate, ed i fioretti 
mutici e cinti alla base di peli bianchi e poco lunghi. 

119. Aiiiniopliila arundinacea //os/. 

A. panicula spiciformi, erecta, cylindracea, superne attenuata, 
glumis acutis , pilis flore triplo brevioribus, foliis involutis, pungen- 
libus. 

Ammophila arundinacea Hosl gram. auslv. i. p. 24. Reich. //. 
fjerm. excurs. /. p. 28. Kiinlh enum. pi. J . p. 245. Beri. fi. Hai. I. 
p. 752. Guss. fi. sic. syn. I . p. 137. • 

Arundo arenaria Linn. sp. pi. 121 . Ali! fi. ped. 2. p. 257. Ucrin 
lì. reg. fanorm. p. 62. Desf. fi. ali. I.p. 106. Savi fi. pis. 1. p. 139. 
Beri, luciibr. p. 5. Savi hot. etrusc. 1. p. 88. Morie, fi. venet. 1. 
p. 66. Pollin. fi. veron. J. p. 88. Maratt. fi. rom. 1. p. 79. Ten. fi. 
nap. 3. p. '102. Nacc. fi. venet. 1. p. 85. Guss. fi. sic. prùdr. 1. 
p. 136. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 40. Puccin. syn. fi. lue. 
p. 72. 

Galama'grostis arenaria 7?o</i.. leni. fi. germ. 2. pari. 1. p. 93. Dee. 
fi. frane. 3. p. 24. Lois. fi. gali. edil. 2. p. 55. 

Psamma littoralis Palis. de Beauv. agrost. p. 5. 

Psamma arenaria Roem. et Schidtes syst. veg. 2. p. 845. Vis. fi. 
dalm. 1. p. 88. Koeh syn. fi. gemi, et lielv. edit. 2. p. 907. 

Psamma pallida Presi eyp. et gram. sic. p. 24. 

Ammophila arenaria LJ/i/;/wr^ hcrol. descr. 1. p. 105. et 2. p. 248. 

Phalaris ammophila Link enum. alt. p. 66. 

Gramen marilimum Saccense, agriolelisuros Cup. h. cath. p. 89 et 
suppl. alt. p. 34 et app. p. 1 . 

Gramen secalinum, spicatum , maritimum, maximum, spica Uni- 



AMMOPHILA. -21:; 

giore jJoiU. cai. slh'p. ajjr. Lonoii. prodr. p. 00. Zannìch. islor.p. J'^JO. 

Figure. — Host gram. auslr. A. lab. 41. Engl. hot. <?. tab. 530. 

Nome italiano. — Canna marina Sa?'i //. pis. /. ;;. J39. Sparlo 
pungente Beri. fi. Hai. I. p. 754. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E COmune nelle arene mfì- 

rittime di lulla la penisola e delle isole di Corsica, di Sardegna e di 
Sicilia. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova in Europa sulle sponde di 
variimari, così del Baltico, del Mediterraneo, dell'Adriatico. Nasce 
anche nell'America boreale. 

Osservazione, — A questa specic ò molto affme V ammophila bal- 
tica, la quale però si distingue per la pannocchia meno densa, e come 
divisa in lobi, per le spighette variate di verde e porporino, perle 
glume acuminate e più scabre nella carena , per i peli più lunghi e 
quasi quanto la metà del fioretto. 

Usi. — Se ne fa uso in alcuni luoghi come di sparto per far funi , 
gomene ec. Nella casa d' industria di Venezia si fanno con questa pianta 
delle stoje fortissime, che si tingono in diversi colori a guisa di tappeti. 
È utile a trattenere con la sua radice le arene delle spiagge del mare. 



XRIBIJ S£TTI]flA. 

ARUNDIIVACEE. 



Arundinace.\e Pari. fi. palerm. 1 . p. 81 . 

Parte delle arudinaceae di Kunth emim. pi. 1 p. 236. e di Koch sipi. 
fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 909. 

Spiculae 2-multiflorae, hermaphroditae vel polygamae , flore infe- 
riore masculo, superioribus hermaphroditis, aut dioicae (numquam in 
nostris speciebus). Glumae 2, membranaceae, subaequales vel inae- 
quales, flosculis plerumque breviores. Paleae 2, membranaceae, infe- 
rior aristata vel mutica, saepe basi pilis longis sericeis cincia veltecta. 
Styli elongati. Stigmata aspergiUiformia. Caryopsis glabra, libera. Gra- 
mina plerumque elata. 

Osservazioni. — Ho ristretto a pochi generi la tribù delle arundi- 
nacee che mi sembra ben caratterizzata per gli stili allungati e per gli 



216 GKAMINACEE. , 

slimini aspcrgilliformi , caratteri per i quali si dislingue bene sì dallo 
agrostidee che dalle festucacoe. Ho riferito alle prime i generi calama- 
grostis, deyeuxia ed ammophila che godono di stimmi quasi sessili e 
piumosi, ed ho posto nelle seconde il genere ampelodesmos , impropria- 
mente ancor esso collocato fra le arundinacee , mentre se ne distingue 
benissimo per gli stili cortissimi e gli stimmi piumosi. 

Distribuzione geografica. — Questa piccola tribù , resa ancora più 
ristretta per i limiti da me ad essa assegnati , è solo rappresentata nella 
nostra flora da due specie di arundo, Varundo donax ePliniana, di cui 
la prima è a mio credere introdotta con la coltura , e dalla phragmites 
commiinis. Esse insieme al saccharum aegyptiacum e aW erianthiis Ra- 
vennae formano le poche specie fruticose di graminacee , che servono 
a denotare in Italia la non molta lontananza dai tropici. Del loro modo di 
crescere insieme per dare origine ai così detti canneti è stato fatta parola 
superiormente nelle vedute geografiche delle graminacee a p. 45. 

XlilV. ARrSfDO Kunth. 

Kunth enum. pi. 1 . p. S46. Endl. gen. pi. p. 91. Koch sijn. fi. germ. 

et heìv. edit. 2. p. 909. Pari. fi. palerm. 1. p. 82. 
Arundinis species Lìmi. gen. p. 38. Beri. fi. ìtal. I . p. 732. 
Donacis species Palis. de Beauv. agrost. p. 17. Roem. et Schullessysl. 

veg. 2. p. Si. 
Scolocholoa Ròhl. cmn. Mert. et Koch deutsch. fi. 2. p. 528. Gaud. fi. 

helv. 1. p. 201. 
Calamagrostidis species Spreng. syst. veg. 1. p. 252. 

Spiculae 2-7 florae , flosculis omnibus hermaphroditis , summo ta- 
bescente, distantibus, distichis. Glumae2, subaequales, membranaceae, 
acutae, flores aequantes, inter se distantes. Paleae 2, membranaceae, 
inaequales , inferior basi pilis longis tecta , apice bifida , inter lacinias 
subulatas aristata, arista brevissima recta; superior brevior, bicarinata. 
Perigonii squamulae 2, carnosae, glabrae. Stamina 3. Ovariurn gla- 
brum. Styli2, elongali. Stigmata aspergilliformia, nigrescentia. Caryop- 
sis libera, glabra. 

Abito. — Piante perenni, talvolta frutescenti, che amano d'ordi- 
nario i luoghi umidi e paludosi , ove fioriscono sul cader della state , 
con radice repente, con i culmi alti e nodosi, con le foglie piane, in forma 



ARUNDU. i217 

di canale in sopra, e largamente lineari , inguainanti alla base i culmi 
negli inlernodii , con pannocchie grandi e lunghe, dotate di molte spi- 
ghette pedicellate, i di cui fioretti sono circondati da peli bianchi e come 
fosser di seta. Ouesfe spighette sono di un colore che tende al porporino. 

113. Arundo donax Limi. 

A. panicula ramosissima, densiflora, thyrsoidea, spiculis subtri- 
lloris, foliis lato-lanceolatis, canaliculatis, culmo fruticoso, biorgyali, 
radice tuberosa, repente. 

Arando donax Linn. sp. pi. p. IW. Ali. fi. ped. 2.p. 256. Ucria 
h. reg. pan. p. 62. Desf. fi. atl. 1 . p. 105. Savi fi. pis. 1. p. 137. Dee. 
fi. fr. 3. p. 26. Morìe, fi. venet. 1. p. 65. Pollin. fi. veron. 1. p. 87. 
Ten. fi. nap. 3. p. 100. Nacc. fi. venet. I.p. 86. Guss. fi: .9Jc. prodr. 1 . 
p. 134. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 60. Reich. fi. gemi, excurs. 1. 
p. 54. Kimth eìium. pi. 1. p. 246. Bertol. fi. ital. 1 . p. 732. Comoll. 
fi. comens. 1. p. 91 . Vis. fi. daini. 1 . p. 77. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 139. 
Koch syn. fi. germ. et lielv. edit. 2. p. 909. Pari, fl.palerm. I.p. 83. 
Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 436. 

Donax arundinaceus Palis. de Beauv. agrost. expl. des planch. 
p. 11. Roem. et Schulles syst. veg. 2. p. 600. 

Scolochloa arundinacea Ròhl. cum Meri, et Koch deutsch. fi. 1. 
p. 530. 

Donax saliva Presi cyp. et grani, sic. p. 32. 

Scolochloa donax Gaud. fi. helv. 1 . p. 202. 

Canna Matlli. edit. Valgr. anno 1585. tom. 1. p. 164. 

Canna quarta Anguill. sempl. p.' 87. 

Canna crassa et valida Caesalp. de plani, p. 186. 

Arundo satira Castell. h. rness. p. 25. 

Arundo saliva quae donax Dioscoridis Cup. h. calli, p. 23. 

Arundo saliva, omnium maxima seu crassissima et longissima 
Cup. h. calli, p. 23. 

Arundo maxima el horlensis radice crassa et pinguiore ex monte 
Argentario proveniens prò Cineae radice usitata Mich. in Tilt. cai. 
hort. pis. p. 16. 

Figura. — Host grnm. auslr. 4. lab. 88. 

Nome italiano. — Canna. Canna comune. Canna da rocche. Canna 
domestica. Canna montana Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 26. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.— Questa si trova comunemente 



^218 GKAMINACElv 

in tutta la penisola, nelle grandi isole e in alcune ancora delle piccole, 
nelle colline marittime , nei luoghi umidi e paludosi , e limgo i margini 
dei fiumi, formando ivi, perla gran sociabilità degli individui, dei bo- 
schetti assai folti e poco penetrabili , che diconsi canneti. Essa vi è stata 
forse una volta coltivata quantunque ora vegeti in modo quasi spontaneo, 
siccome tuttavia si coltiva nei poderi ed anche nei giardini per gli usi 
diversi ai quali si destina. Il Bertoloni crede che nasca spontanea al monte 
(li Portofino nella Riviera di Levante, io però dubito fortemente che sia 
una specie veramente indigena d'Italia, essendo raro che si trovi in fiore 
presso di noi , incontrandosi in un canneto pochi individui che fiori- 
scono. Trovasi in fiore in Agosto e Settembre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Comune nel mezzogiorno di Europa , 
in Barbaria, in Egitto. Trovasi ancora nel Caucaso ed in Siberia. 

Usi. — È coltivata per molti usi sì campestri che di arti e mestieri 
diversi. È adoperata per chiuse dei campi, per sostenere le viti ed altre 
piante , per fare stoje e soffitte, per pettini nella tessitura del lino, della 
canapa, per arcolai e cannelli nei lavori della seta, per far canne da pe- 
sca all'amo, per far zampogne ec. In Sicilia si usan comunemente le 
canne per distendervi o legarvi le biancherie ad oggetto di asciugarle 
dopo essere state lavate : ciò si pratica ancora da alcuni nella peni-, 
sola, ma piìi raramente, usandosi invece le corde. Si danno le foglie te- 
nere a mangiare alle bestie vaccine , ma di raro e solo in caso di scar- 
sezza di foraggio. La sola radice è adoperata in medicina in forma di 
decozione come diuretica. 

Osservazione. — Ho veduto sempre le spighette con tre fiori e 
non con cinque, siccome le descrivono varii autori. 

114. Arundo Pliniana Turr. 

A. paniculaelongata, strida, spiculis subunitloris, arista paleaein- 
ferioris glumas excedente, foliis linearibus, basi canaliculatis , Culmo 
suborgyali, gracili, radice tuberosa, repente. 

Arando Phniana Turr. fi. ìtal. prodr. 1. p. 63. Berli /?. Hai. 1. 
p. 73i. Vis. fi. daini. 1. p. 77. Koch syn. fi. germ. et helv. edìt. 2. 
p. 910. Pari. fi. palerm. 1 . p. 8i. 

Arundo Plinii Yìtm. simm. pi. 1. p. 2S8. Seh. et Maiir. fi. rom. 
prodr. p. 41. Morett. dee. 4. p. 7 et in giorn. di fìs. e ehim. di Configl. 
e Brugn. dee. 2. tom. 5. p. 248. 

Arundo collina Ten. fi. nap. 3. p. 101 . 



ARUNDU. 219 

Armido sylvestris omnium minima, sive sepium durissima C»/;. 
h. cath. p. S3. 

Arundo samifarcta Rheni Bononiensis Plinii Monf. eat. siirp. agr. 
hon. prodr. p. 82. 

Figura. — Ten. jl. nap. 3. lab. 108. 

b. mauritanica , culmo magis elato, panicula conlractiore , spicu- 
!is plerutnque bifloris, raro unifloris, subcylindraceis. 

Arundo mauritanica Desf. fi. ali. 1. p. 106. Guss! fi. sic. prodr. I. 
p. 135 et sìjn. fi. sic. 1. p. 138. ex parte. Kunlh emim. pi. 1. p. 2iu. 
ex parte. 

Donax raauritanicus Roe'm. et Sclmltes sysl . veg. 2. p. 001 etmani. 
S. p. 335 et mani. 3. p. 622. 

Donax mauritanica Presi cyp. et grani, sic. p. 32. 

Calamagrostis mauritanica Spr. sijst. veg. 1 . p. 252. 

Nome italiano. — Canna del Reno. Cannarella di collina Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe COpiosamente Sullc 

sponde del Reno presso Bologna , e nei torrenti che vi confluiscono , 
come pure nelle siepi e nei fossi vicino Roma. Si trova anche nelle 
colline e nelle siepi intorno Napoli, ed in Sicilia. La varietà b. cresce 
a preferenza nell' isola di Sicilia nei luoghi salvatici e nelle siepi in vi- 
cinanza del mare. Fiorisce in Agosto e Settembre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Sulle Sponde del Mediterraneo e del- 
l'Adriatico. 

Osservazione. — Come ha ben notalo il diligentissimo Gussone , 
due forme si trovano di questa specie in Sicilia , 1* una con il culmo più 
basso e pii^i delicato, la pannocchia un poco larga, le spighette alquanto 
compresse, di color tendente al porporino, che portano d'ordinario un 
fioretto e più raramente con due fioretti ; questa forma è quella che si 
trova nel Reno, presso Roma e nelle colline di Napoli e di Sicilia, ed 
a cui spetta quindi Yaritndo Plimana di Turra e la collina di Tenore ; 
l'altra che corrisponde alla vera arundo mauritanica di Desfontaines, 
e che,porta un culmo più alto e un poco più robusto, la pannocchia più 
lunga, più stretta, con i rami più eretti, le spighette con due fioretti, 
e di raro con uno , quasi tereti-cilindriche , di un color verde pallido 
e come sudicio: questa forma preferisce le siepi vicino il mare. I carat- 
teri qui indicati non essendo tali da distinguere queste forme come 
due specie, io ne ho fatto solo due varietà. 

Usi. — Questa specie di canna è stala lodala da Plinio come buo- 
nissima per farne frecce. 



220 GHAMINACKE. 

XliV. PHRAGPrilTES Ti in. 

Triti, fund. agrost. fì.'loi. Kunth emim. pi. 1. p. SÒO. Endl. (jen. 

pi. p. 91 . Kochsìjn. fi. germ. et helv. edil. 2. p. 900. Pari. fi. pai. 

1. p. 85. 
Arundinis species Linn. gen. p. 38. Dee. fi. frane. 3. p. 45. Beri. fi. 

ital. 1. p. 74J. 
Czernia Presi cyp. et gram. sic. p. 3!^. 

Spiculae 3-6 florae , floribus distantibus , inferiore masculo , nudo, 
superioribus hermaphroditis, pilis longis sericeis cinctis. Glumae2, 
valde inaequales, membr.inaceae, inter se distantes, flosculis breviores, 
acutae. Paleae 2, membranaceae , inferior apice integro acuminato-su- 
bulata, superior bicarinata. Reliqua ut in arundine. 

Abito. — Simile a quello del genere precedente. 

115. Pliragnùtes coiiiinunis Triti. 

Phr. panicula pyramidata, effusa, rachide ad ramorum insertioue 
barbata, spiculis subquadrifloris , foliis lanceolato-linearibus, culmo 
orgy;ìli, radice repente. 

Phragmites communis Triii. fund. agrost. p. 134. Gaud. fi. helv. 
1 . p. 203. Reiclì. fi. gemi, exeurs. 1 . p. 55. Kunth enum. pi 1 . p. 251 
Pari. fi. palerm. 1 . p. 85. 

Arundo phragmites Linn. sp. pi. p. 120. Ali! fi. ped. 2. p. 256. 
Ucriah. reg. pan. p. 62. Desf fi. atl. 1. p. 107. Savi. fi. pis. 1. p. 138. 
Dee. fi. frane. 3. p. 45. Savi hot. etrusc. 1. p. 90. Roem. et Schultes 
<tyst. veg. 2. p. 510. Morie, fi. venet. 1. p. 66. Pollin. fi. veron. 1. 
r).88. Maratt. fi. rom. 1. p. 78. Ten. fi. nap. 3. p. 101. Nacc. fi. ve- 
net. 1. p. 87. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 134. Seh. et Maur. fi. rom. 
prodr. p. 42. Lois. fi. gali. edil. 2. voi. 1. p. 60. Beri. fi. ital. 1. 
p. 741. Comoll. fi. comens. 1. p. 90. Puccini syn. fi. lue. p. 71. Vis. 
fi. daini. 1. p. 78. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 139. Gries. spie. fi. rum. et 
bith. 2.p.436. 

Czernia arundinacea Presi cyp. et gram. sic. p. 22. 

Canna palustre Matth. edil. Valgr. anno 1585. tom. 1. p. 165. 

Canna quinta vallatoria o Phragmite Anguill. sempl. p. 85. 

Canna gracili calamo in palustribus Caesalp. de plani, p. 186. 



PHRAGMITES. . 221 

Arando vulgaris vive Phragmiles Dioscoridis 6'«/>. h. calli, p. 134. 
Moni. cat. stirp. agr. honon.prodr. p. 32. Sefj. plani, veron. 1 . p. 360. 
Z annidi isl. delle pi ani. venet. p. 22. 

Figure.— Host grani, aiistr. 4. lab. 39. Reich. cent. Il . fig. 1720. 

Arundo vulgaris Zannich. l. e. lab. 103. fig. 2. 

h. htimilis, culmo humiliore, 5-4 pedali, panicula breviore, spi- 
culis'7-8 floris. 

Pliragmites humilis De Noi! index, semin. bori. hot. genuens. 
p. 27. 

Nome italiano. — Canna a spazzola. Canna da spazzola. Canna 
palustre. Canna di padule. Canna salvatica. Canneggiole. Cannella. 
Spazzole. Spazzole di padule. Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 27. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe COpiosamente lungO i 

fiumi, nei campi inondati, nei luoghi umidi e paludosi di tutta la peni- 
sola e delle grandi isole, formando ivi dei boschetti particolari, che 
diconsi canneti di padule. Fiorisce da Luglio a Settembre ed è pe- 
renne. 

Distribuzione geografica. — Pianta quasi cosmopolita. 

Osservazione. — Varia molto questa specie per 1' altezza del cul- 
mo, il quale benché sia alto d' ordinario 8 o 9 piedi, pure acquista tal- 
volta uno sviluppo considerevole da elevarsi a 10 o 12 piedi, special- 
mente nei paesi più meridionali , siccome 1' ho visto sulle sponde del- 
X Anapo vicino Siracusa ed altrove, tal altra è basso e delicato, non 
avendo che solo 4 piedi di altezza ; per la pannocchia ora assai grande 
e sparsa, ora al contrario piccola e come ristretta, per i peli piti o 
meno abbondanti al punto di partenza dei rami della pannocchia; per 
avere qualche volta i peduncoli pelosi e come criniti , siccome ho ve- 
duto uegl' individui raccolti al Castagnolo in luoghi paludosi della 
selva pisana, per il numero dei fiori in ciascuna spighetta, trovandosi 
ora 4 5, ed ora 7 o 8. La phragmites humilis di De Notaris è ap- 
punto una varietà a culmi alti 5 o 4 piedi, a pannocchia corta e a spi- 
ghette con 7 8 fiori. E come varietcà della phragmites commtmis deve 
considerarsi Varundo altissimadì Bentham, che io ho avuto dal Bubani, 
da lui raccolta nei Pirenei orientali al fonte di Salces, in quanto che 
tranne la statura piij grande io non so trovare alcun carattere' nelle 
spighette, ec. da farla considerare come specie diversa dalla phragmites. 
Quando si osserva questa specie in grande e per una vasta estensione 
di paese, e si hanno sotto 1' occhio tutti gì' individui intermedii, allora 
si potrà facilmente scorgere ch'essa si inodilica a seconda i luoghi ed il 



±2i GllAMINACEE. 

clima: i caralleri della vegetazione non bastano [»er distinguere le spe- 
cie se non sono accompagnati da altri degli organi di riproduzione. 

Usi. — Molto svariati sono gli usi, ai quali si destina questa pianta. 
I culmi sono adoperati per far siepi negli orti, per formare le soffitte 
delle camere coprendoli con calce, per costruire in alcuni paesi degli 
steccati di canna, che son detti grighiole ec. ad oggetto di chiudere i 
pesci negli specchi d'acqua, che diconsi vaili da (jrigìuole. Si usano 
ancora per bruciarsi nei forni e per coprire le capanne. Le foglie si 
danno al bestiame per nutrimento e s' impiegano ancora per loro let- 
tiera. Delle pannocchie poi si fanno delle spazzole per spolverare i 
mobili ec. È lodata la radice come aperiente e diuretica. 



TRIBIJ OVTATA 
CLORIDEE 

Chloridkae Kunth enum. plant. J . p. 2Ò8. Endl. gen. pi. p. 02. Pari, 
fi. pater m. 1 . p. 87 

Spiculae i-multiflorae, flore superiore tabescente, in spicis digi- 
tatisvel racemosis unilaterales. Glumae subaequales, membranaceae aul 
coriaceae, muticae vel mucronatae aut aristatae, plerumque carina- 
tae, floribus breyiores longioresve, in rachide persistentes. Paleae mem- 
branaceae, inferior saepe carinala, mutica vel aristata. Slyli breviu- 
sculi vel longi. Stigmata elongata, piumosa vel subaspergilliformia. 

Distribuzione geografica. — Questa tribiì , i di CUI generi sono , 
generalmente parlando, piiì particolarmente proprii dei climi tropicali , 
comincia ad avere già qualche rappresentante ne' paesi meridionali 
della nostra flora, siccome ne fanno fede il dadyloclenhi-m aegìjptiacuni 
e la dineha arabica, specie al certo preziose non solo per la flora italia- 
na, ma ancora per quella di Europa, non trovandosi per quanto io sappia 
in Europa altrove che in Italia. 11 cijmdon daclijlon è pianta cosmopo- 
lita, e quindi non serve a fornirci alcun dato di geografia botanica in 
questa tribù: hsparlina strida poi è certo una specie sin;^olare, perchè 
quasi tutte le altre specie di questo genere si trovano in America; però 
essa nasce ancora in varie altre parti delle coste marittime occidentali 
di Euro[ia, come in Inghilterra, in Francia, in Portogallo. 



CYNODON. 



XliVI. CYIVODOIir Rkh. 



Ridi, in Pers. syn. pi. 1 . p. 85. Paìis. de Beauv. agrost. jì. 37. Roem. et 
Sclmìtes syst. veg. 2. p. 20. Kunih enum. pi. 1 . p. So9. Endl. gen. 
pi. p. 99. Pari. fi. palerm. 1 . p. 87. 

Panici species Linn. gen. p. 23. 

Paspali species Dee. fi. frane. 3. p. 15. 

Digitariae species Schrad. fi. gemi. 1 . p. 165. 

Spiculae sub2-florae, flore inferiore hermaphrodito, supcriore ad 
pedicellum subuliforme redacto vel nullo. Glumae 2, rnembranaceae, 
mulicae, carinatae, vix inaequales, patentes. Paleae 2, rnembranaceae, 
aequales, inferior ovata, mutica, compresso-carinata, superiorem cana- 
liculatam amplectens. Perigonii squamulae 2, carnosae , glabrae. Sta- 
mina o. Ovarium glabrum. Styli 2. Stigmata piumosa. Caryopsis libe- 
ra, glabra. 

Abito. — La specie nostra è notabile per la sua radice molto e 
lungamente repente. I culmi sono corti, ramosi, dotati di foglie disti- 
che, lineari e portanti all'apice 5 o 6 spighe, lineari, e disposte 
come in una ombrella, con le spighette piccole, di color verde porpo- 
rino e attaccate alla rachide da un solo lato. 

116. Cynodon dactylon Pers. 

C. spicis digilatis, patenlibus, subquinis, basi barbatis , glumis ca- 
rina serrulato-scabris , palea inferiore glabra , carina villosula , foliis 
subtus pilosis, stolonibus repenlibus. 

Cynodon dactylon Pers. syn. pi. 1. p. 85. Roem. etSchultes sijsf. 
veg. 2. p 410. Beri, amoen. ital. p. 109. Ten. fi. nap. 3. p. 70. Re fi. 
iorìn. 1 . p. 58. Guss. fi. sic. prodr. I . p. 84. Seb. et Maiir. fi. rom. 
prodr. p. 36. Gaud. fi. lielv. 1. p. 162. Reich. fi. germ. excurs 1 . p. 22. 
Kuntheniim.pl. 1. p. 259. Beri. fi. ital. 1. p. 412. Comoìl. fi. comens. 
1. p. 82. Pari. fi. panorm. 1. p. 12i. Puccini syn. fi. lue. p. 47. 
Guss. syn. fi. sic. I.p. 110. Koch syn. fi., germ. et lielv. edit. 2: p. 899. 
Gries. spie. fi. rum. et bitli. 2. p. 461. 

Panicum dactylon Linn. sp. pi. p. 85. Ucria h. reg. panorm. p. 54. 
Savi /?. pis. 1 . p. 68. 

Digitarla dactylon Scop. fi., carn. edit. 2. voi. 1. p. 52. Ali. fi. 



'in GHAMINACER. 

ped. '■2. p. 23S. Pollìn. fi. veron. /. p. 7r>. Nncc. fi. venel. I. p. ,%. 
Vis. fi. daini. I . p. 64. 

Dactylon officinale Vili. pi. du dauph. 2. p. 69. 

Paspalum dactylon Dee. fi. frane. S. p. 16. Morie, fi. venel. 1 . 
p. 89. 

Digitarla stolonifera Schrad. fi. gemi. I . p. 165. Lois. fi. qaìl. 
edit. 2. voi. /. p. 41. 

Panicum dactylon et officinarum Maralt. fi. rom. 1 . p. 50. 

Gramen Cnesalp. de plani, p. 183. 

Gramen vulgare Cast. li. mess. p. 380. 

Gramen legitimurn Ginann. stor. deli. pin. ravenn. p. 183. 

Gramen dactylon, folio arundinaceo, majus et minus cum appen- 
dice Cup. h. calli, p. 88. 

Gramen dactylon, radice repente, sive officinarum Seg. pi. veron. 
suppl. p. 163. 

Figure. — Hosi gram. auslr. 2. lab. 18. Sibili, et Smitii fi. graec. 
1. lab. 60. 

Gramen crucis seu cruciatum tetradactylon Barr. ie. 753. fig. 1 . 

Nome Italiano. — Capriola. Gramigna. Targ. Tozz. diz. bot. 2. 
p. 161. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Pianta comunissinia nei campi 
sterili, nei luoghi coltivati e negli erbosi marittimi di tutta la peni- 
sola, e delle grandi e piccole isole. Fiorisce da Giugno ad Ottobre ed 
è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie cosmopolita. 

Usi. — Assai infesta nei campi per le sue radici molto repenti. 
Questa radice è usatissima in decozione come refrigerante nelle malat- 
tie infiammatorie e come risolvente nelle ostruzioni di fegato e di milza. 



XliTIl. BACTY£.OCTEJ¥IUItt Willd. 

Wiild. enum. pi. h. r. berol. 2. p. 1029. Palìs. de Beauv. agrost. p. 72. 

Roem. et Sehiiltes syst. veg. 2. p. 33. Kimtli enum. pi. 1 . p. 261. 

Endl. gen. pi. p. 93. Pari. fi. pai. 1. p. 89. 
Cynosuri species Linn. gen. pi. p. 36. Sibth. et Smith fi. graee. prodr. 

I.p. 59. 
Chloridis species Miehx. fi. ber. amer. 1 . p. 59. 
Eleusine species Pers. sgn. pi. 1 . p. 87. Lamk. ili. gen. 1 . inh. 48. f. 2. 



DACTVLOCTENIUM. L>^2fi 

Rabduchloae? species Palis. de Beauv. afjrost. p. 84. 
Rabdochloae species Roem. et Schiiltes syst. veg. 2. p. 618. 

Spiculae 2-multiflorae, floribus distichis, suramo tabescente. Glu- 
mae 2, membranaceae, compresso-carinatae, mucronato-aristatae , 
subaequales, floribus breviores, gluma superiore apice longius mucro- 
nato-aristata. Paleae 2, membranaceae, inaequales, inferior carinato- 
navicularis, mucronafo-aristata; superior brevior, canaliculata. Perif^onii 
squamulae 2, truncato-denticulatae, glabrae. Stamina 5. Ovarium gla- 
brum. Styli 2. Stigmata piumosa. Caryopsis glabra, libera, pericarpio 
laxo, solubili, semine subrotundo, compressiusculo, transverse undu- 
lato-rugoso. 

Abito. — Pianta annua , sdrajata per terra , con culmi in cespu- 
glio, a foglie piane, lineari, e fornite di peli lunghetti e larghi a guisa 
di ciglia verso la base, con Le spighe in forma di dita, da 4 a 5, e qual- 
che volta anche 2 o 5, un poco grosse, e lunghe da un mezzo pollice ad 
un pollice, le spighette sono densamente distiche, di un color fosco, ed 
attaccate ad un sol lato nella rachide, la quale si prolunga alla punta 
in una specie di mucrone. 

119. Dactylocteniitiu aegyptìacum ^y'^lìd. 

D. spicis digitatis, patentissimis, subquaternis , rachide glabra, 
excedente, mucronata, foliis basin versus ciliatis, culmis diffusis vel 
ascendentibus. 

Dactyloctenium aegyptiacum Wìlld. l. e. p. 1W9. Roem. et 
Schiiltes syst. veg. 2. p. 583. et mant. 2. p. 325. Presi cyp. et grani, 
sic. p. 46. Kunth ennm. pi. I . p. 261 . Bert. fi. ital. 1. p. 581 . Pari, 
fi. panorm. 1 .p. 128. Guss. fi. sic. syn. I . p. 109. Pari. fi. palerm. 1 . 
p. 90. 

Cynosurus aegyptius Linn. sp. pi. 106. Sihth. et Smith fi. graec. 
prodr. 1. p. 59. 

Eleusine cruciata Lamk. ili. yen. tab. 48. f. 2. 

Chloris mucronata Michx. fi. am. boreal. 1. p. 59. 

Eleusine aegyptia Pers. syn. pi. 1. p. 87. Ten! fi. nap. 3. p. 71 . 
Guss. fi. sic. prodr. i . p. 85. 

Dactyloctenium mucronatum Willd. enum. pi. h. reg. herol. '^. 
p. 1029. 

Rabdochloa mucronata? Palis. de Beauv. agrost. p. 84. 

Flora Italiana. Vol. I. 15 



2'2G GRAMINACEE. 

Eleusine ciliata lìafin. precìs. des décoiiv. p. 4ù. 
Rabdochloa mucronata Roem. et Schidles syst. veg. i^. p. 618. 
Gramen cruciatum Cast. h. mess. p. 38. 
Granien polystachyon, millepede effigie Cup. li. catìi. p. 90. 
Figure. — Lamk. tab. dt. 

Gramen polystachyon, millepede effigie Cup. painph.sk. 2. lab. i)9. 
et 12i2. Bonann. tab. i. Raf. tab. 47. f. 3. 

Nome italiano. — Gramigna della croce Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCC nei luOghi erbosi ma- 
rittimi della Calabria a Tropea, a Pizzo, ec, della Sicilia, ove trovasi 
anche lontana dal mare a Paterno, e dell' isola di Pantellaria. Fiorisce 
da Settembre a Novembre ed è annua. 

Distribuzione geografica. — I citati punti della Calabria e della Si- 
cilia formano il limite settentrionale di questa pianta in Europa, che è 
peraltro abbondante nei climi tropicali, nell'Egitto, nel Fazogl, nel- 
l'Arabia, nelle Indie Orientali, nelle Molucche, nell'America. 

Osservazioni. — Le spighette di questa specie olfrono d'ordinario 
Ire fiori, dei quali il superiore è in parte abortito ; però si trova con quat- 
tro, come a preferenza ho visto negli individui dell' isola di Pantellaria, 
e come si osserva spesso in quelli di Affrica e di altri luoghi. Anche 
il mucrone, con cui si termina la rachide alla punta, è piìi o meno 
prolungato, ciò che da a prima vista un aspetto alquanto diverso alle 
spighe. Variabile assai è la peluria delle foglie, le di cui ciglia sono ora 
limitate alla base dei margini di esse , ora arrivano sino alla metà , e 
qualche volta anche sino verso l' apice della foglia medesima ; infine 
la statura della pianta si risente molto della natura dei luoghi e dei cli- 
mi : così gli esemplari che derivano dai paesi tropicali come quelli di 
Fazogl, ec. sono molto grandi, con i culmi più elevati, e con le spighe 
proporzionatamente più larghe che in quelli nostri e di alcuni punti 
d'Egitto. Ho dei forti sospetti che diverse specie di questo genere da- 
ctyloctenium non sieno che semplici varietà deìVaegyptiacwn. 

XliTIII. DIUfEBA Delil. 

Belìi, in Palis. de Beauv. agrost. p. 98. et flore d'Egypt. in descript, de 
l'Egypt. toni. 2. p. J70. Roem. et Schuìtes syst. veg. 2. p. 42. 
Trin. fund. agrost. p. 140. Bert. fi. ital. 1 . p. 578. 

Cynosuri species Vahl symb. bot. 2. p. 90. Willd. sp. pi. I . pari. 1 . 
p. 413. Pers. syn. pi. J . p. 80. 



DINEBA. 2-27 

Dactylis species Willd. enum. pi. h. reg. herol. 1 . p. 111. 

Dinebra Dee. cat. pi. hort. hot. monsp. p. lOi. 

Leptochloae species Kunth enum. pi. 1 . p. 268. Endl. gen. pi. p. 93. 

Spiciilao 2-5 florae, floribus distichis. Glumae 2 , membranaceo- 
coriaceae, carinatae , subulalae , subaequales, floribus longiores. Pa- 
loae 2, niembranaceae, inferior major, carinato-navicularis, trinervis, 
apice acuta, subemarginato-mucronulata; superior bicarinata, bifida. 
Perigonii squamulae 2, obfusae, truncatae , glabrae. Stamina 3. Ova- 
rium glabrum. Styli 2. Stigmata subaspergilbformia. Caryopsisoblonga, 
subtriquetra , glabra, Hbera. 

Abito. — La dìneha ha un abito tuttto particolare. È una pianta 
annua, con culmi sdrajati o diritti, ramosi inferiormente, dotati di fo- 
glie lineari, piane, scabre, soprattutto nei margini, con le spighe soli- 
tarie, lineari, disposte in un racemo molto lungo, aventi quasi 2 pollici 
di lunghezza nella parte inferiore di questo, e decrescenti gradata- 
mente verso alto , lineari , di color verde e talvolta anche come porpo- 
rino, patenti e più tardi rivolte anche verso basso. Le spighette sono 
inserite ciascuna sopra un dente della rachide parziale, e dirette tutte 
da un sol lato della spiga, esse offrono le glume molto prolungate in 
guisa di lesina, assai più lunghe dei fioretti che sono mutici e disposti 
da due lati sopra un asse comune. 

fltS. Dineba arabica Palis. de Beauv. 

D. spicis racemosis, numerosis, hnearibus, patentibus, demum de- 
flexis, spicuìis subtrifloris, glumis aequalibus, foliis linearibus, planis, 
culmis decumbentibus vel erectis, inferne ramosis. 

Dineba arabica Palis. de Beauv. agrost. p. 98. tab. 16. fìg. 2. 
Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 711 . Beri. fi. ital. 1. p. 579. Ten. fi. 
nap. 5. p. 316. 

Cynosurus retroflexus Vaiti symb. hot. 2. p. 20. Willd. sp. pi. 1. 
pari. 1 . p. 413. Pers. syn. pi. 1 . p. 86. 

Dactylis paspaloides Willd. enum. h. reg. herol. 1 . p. 111. 

Dineba aegyptiaca Delti, in descript, de l'Egypt. hist. naturell. 
toni. 2. p. 170. 

Dinebra arabica Dee. cat. pi. hort. hot. monsp. p. 104. 

Leptochloa arabica Kunth enum. pi. 1 . p. 271 . 

Figura. — /)c/i/. /. e. tab. 11. fìg. 3. 



2-28 GRAMINACEE. 

Nome italiano. — Piè di gallo raspello'.ie Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — L'Orsini è Stalo il primo a 

trovare questa interessante specie in Italia, avendola raccolta nel litto- 
rale di Ascoli a S. Benedetto. Si trova nella vicina costa dell'Adriatico a 
Giulianuova e a Pescara nell'Abruzzo. Fiorisce nella state ed è annua. 
Distribuzione geografica. — Trovasi nell'Egitto, nel Fazogl, nel 
Senegal, nell'Arabia, nelle Indie Orientali. 

UlilX. SPARTI IVA Schreb. 

Schreb. in Lìnn. gen. pi. 1 . p. 43. Palis. de Beauv. agrost. I . p. !2d. 

Kunth enum. pi. 1 . p. 277. Endl. gen. pi. p. Q4. Nees. ab Esenb. 

pi. afr. aiistr. illustr. p. 260. 
Dactylis species Willd. sp. pi. /. purt. 1 . p. 407 . Aìl. h. keiv. J . 

p. 104. 
Trachynotia Micìix. fl. amai', boreal. I . p. 64. Dee. (l. frane. 3. p. 74. 
Limnetis Pers. syn. pi. 1 . p. 72. 

Spiculae 1-florae, compressae. Glumae 2 , coriaceae , carinatae, 
muticae, inaequales, inferior minor, angustior; superior florem plerum- 
que superans. Paleae 2, membranaceo-subcoriaceae, apice bidentatae, 
inaequales, inferior minor, corapresso-carinata, superior tenuior, navi- 
cularis, dorso binervis. Perigonii squamulae2, brevissimae, truncatae. 
Stamina 3. Ovarium glabrum. Styli 2, elongati, basi connati. Stigmata 
subaspergilliformia. Caryopsis glabra , libera. 

Abito. — L'unica specie di questo genere, che si trova nella nostra 
flora, gode di una radice repente, di culmi in cespuglio, diritti, lisci, da 
un piede a un piede e mezzo, ricoperti in tutta la loro lunghezza dalle 
foglie e in basso dalle guaine afdle in forma di squame ottuse e come 
troncate. Le sue foglie, anche lisce, sono lineari, e presto divengono con- 
volute, esse come le guaine prendono spesso una tinta porporina. Le spi- 
ghette grandi, portanti un solo fiore, e varie di un color verde e porpo- 
rino, son compresse, sessili, alternativamente inserite sulla rachitle in due 
serie , si ricoprono in parte tra loro , e formano due o tre spighe , di- 
ritte ed alterne, con le quali si termina il culmo superiormente. 



SPARTINA, i22a 

119. Spartìna stricta Rhot. 

S. spicis alternis, 2-5, erectis, spiculis adpressis, imbricalis, pu- 
bescenlibus, gluma superiore infra apicem mucronata, foliis involutis, 
levibus. 

Spartina strida Roth calai, hot. 3. p. 9. Roem. et Schulles syst. 
veg. i>. p. 36 J. Morie, fi. venet. 1. p. 26. Nacc. fi. venet. 1. p. 40. Lois. 
fi. (jall. edit. 3. toni. 1. p. il. Reich. fi. germ. excurs. p. 2S. Kunth 
enum. pi. 1. p. 278. Rertoì. fi. Hai. 1. p. 57ò. Kocli syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 900. 

Daclylis stricta Ait. li. kew. I. p 104. Willd. sp. pi. 1. pari. 1. 
p. 407. 

Limnetis pungens Pcrs. syn. pi. I . p. 72. 

Trachynotia stricta Dee. fi., frane. 3. p. 74. 

Gramen loliaceum , spicatum , locustis longissimis, ac minime ex- 
pansis Moni. cai. slirp. agr. bonon. prodr. p. 41 . 

Gramen spicatum, secalinum, maritimum, radice repente , spica 
nunc gemina, nunc trigemina, locustis heferomallis, muticis Mìch. in 
fili. cai. h. pìs. p. 72. Zannìeh. istor. delle piant. venete p. 120. 

Fis;ure.~ Engl. hot. voi. 6. lah. 380. 

Gramen secalinum, maritimum , spica gemina Zannieh. istor. delle 
piante venete tah. 36. 

Nome italiano. — Sparto pungente Beri. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — CreSCe nei luoghi inondati 

dalle acque salse del mare , detti volgarmente Barene, delle isole di 
Venezia, e nei luoghi paludosi marittimi presso Monfalcone, Aquileja ec. 
Fiorisce da Luglio a Settembre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — In Inghilterra , in Portogallo, in Fran- 
cia, e nei luoghi sovra indicati della penisola italiana. 

Osservazione. — • Vicinissima a questa specie è la spartina capensi.H 
di Nees ab Esenbeck, di cui possiedo un esemplare autentico r però la 
specie del Capo si distingue dalla nostra per le spighette strettamente 
embricciale, per la gluma superiore priva di mucrone ec. 

Aggiungo qui la frase specifica di una nuova specie di Spartina 
raccolta in Algeri dall'amico Durieu, da cui l'ho avuto comunicala 
senza nome di sorta, e in di cui onore l' intitolo. 



27,0 GRAMINACEE. 

Spartin\ Uuriaei Pari. 

S. spicis 5, alternis, erectis, spiculis arctissime imbricatis, sesc 
lotidem obtegentibus, glabris, gluma superiore carina serrulato-scabra, 
inferioretn plus quam duplo superante, apice oblusiuscula, foliis jun- 
ceis, elongato-subulatis, involutis. 

11 Durieu ha raccolto questa specie in luoghi paludosi marittimi 
dell'Algeria orientale nel mese di Luglio 1841. 



TRIBIJ ]¥O^A. 

AVENACEE. 

AvENACEAK Pari. fi. pai. J . p. Of. 

Parte delle Avenaceae e delle Festucaceae di Kiinth cnum. pi. ! . 

p. 286. 
Parte delle Avenaceae di Koch S(/n. fi. germ. et helv. edìt. 2. p. 912. 

Spiculae hermaphroditae vel raro polygamae, paucitlorae, saepe 
2-florae, flore superiore plerumque tabescente. Glumae membranaceo- 
herbaceae, muticae, subaequales, flosculos nunc cingentes, nunc tan- 
tum subaequantes , vel raro illis breviores. Paleae membranaceae , 
inferior ut plurimum apice bifida, aristata, arista saepissime dorsali 
et tortili, raro palea ipsa mutica. Styli subnulli. Sfigmata subsessilia 
vel sessilia, piumosa. Caryopsis glabra vel pilosa, libera vel paleis 
adhaerens. 

Distribuzione geografica. — Tutli i generi europei di questa tribù 
sono rappresentati nella nostra flora e taluni anche assai riccamente , 
oom' è per 1' avena e il triseliim, di cui molte specie abitano in gene- 
rale i luoghi montuosi ed alpini , ed offrono specie affatto nuove e pro- 
prie all'Italia, cosi i trìsetiim vilìosum SchulL, mìjr'mnthurn Pari, 
qracile Pari., Burnoufiì Req. ec. e le avena Notarmi Pari, ed austra- 
lis Pari. Si scorgerà ancora con piacere la ricchezza di tutte quelle 
specie che erano riunite una volta nel genere aira, di cui ho in questa 
flora cercato di stabilire i Kmiti e ridurre le specie a' generi , ai quali 
appartengono , creandone alcuni nuovi , che mi sono sembrati fondati 
sopra buoni caratteri. Formano infatti un beli' ornamento di questa 
tribù per in flora italiana Yairops'ìs globosa, la Fiorììiia pitlchella, YAti- 



AVExNACElv -2al 

lìnorìa insularis, la Molìnerìa minuta, le atra capillaris , Cupaniana 
ed intermedia , la Deschampsìa media , \\ corynephorus articulalus, clic 
r Italia e le isole ad essa aggiacenti possiedano a solo, o dividon sol- 
lanlo con pochi altri paesi del bacino mediterraneo. Anche le melica 
nebrodeìisis , dipani, Bauhini, minuta, major e ramosa contribuiscono 
a rendere più importante questa bella tribù nella flora d' Italia. 

li. AIROPSIS PaliS. de Beauv. 

Palis. de Beauv. agrost. p. lì . tab. li. fig. 8. Endl. fjen. pi. p. 9H. 

Pari, ft.pal. 1.p.93. 
Milli species Cav. ic. 3. n. 229. tab. 274. fìg. 1 . 
Airae species Thore in journ. de bot. I . p. 197. Guss. prodr. fi. sic. 

suppl. I . p. 160. et syn. fi. sic. i. p. Ji7. 
Airopsis species Desv. in joiirn. de botan. 1. p. 200. Dee. fi. frane. G. 

p. 202. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 32. Kunth enum. pi. I . 

p. 293. 

Spiculae 2-florae, floribus hermaphroditis, sessilibus. Glumae 2, 
membranaceae , suborbiculatae, naviculares, turgidae, carinatae, subae- 
quales, flosculos includentes. Paleae2, hyahno-membranaceae, mu- 
ticae , longitudine aequales , inferior latissima , concava , apice Iriloba , 
externe pilosa , margine cibata, superior obovala, obtusissima et subla- 
cera, planiuscula, glabra. Perigoni! squamulae 2, ovario subaequales, 
ialcato-lanceolatae , integrae, glabrae. Stamina 5. Antherae ovalae. 
Ovarium glabrum. Styli 2 , brevissimi , terminales. Stigraata 2, piumosa 
Caryopsis minutissima, suborbiculala , lenticularis , externe convexa, 
interne plana. 

Abito. — Pianta annua, formante dei piccoli cespugli di pochi 
culmi delicati e filiformi, alti da 2 a 6 pollici, diritti, forniti di foglie 
corte come setacee ed involute ; la guaina superiore più lunga delle al- 
tre è un poco gonfia, la pannocchia della lunghezza di quasi un pollice, 
è densa , stretta , e porta con peduncoli filiformi , ingrossati all'apice , 
delle spighette piccole , come globose , nitide , di color verde pallido , 
che danno alla pianta un aspetto di una piccola briza, piuttosto che di 
un' ai m. 



i7d GfUMlNACKE. 

IVO. Airopsis globosa Desr. 

Airopsis globosa Desv. in punì, de hot. voi. /. -p. 200. Palis. 
de Beauv. agrost. p. 11. et expl. des planch. p. 10. tab. 14. fig. 8. 
Dee. fi. frane. 6. p. W9. Roem. et SehuUes sijst. veg. S. p. 578 
et 893. Loìs. fi. gali. cdìt. 5. tom. 1. p. 56. Kunth enum. pi. 1. p. 293. 

Milium tenellum Cav. ie. 3. n. 299. tab. 274. fig. 1. 

Aira globosa Thor. injourn. debot. 1. p. 197. Giiss. fi. sic. prodr. 
suppl. I.p. 160. Bert. fi. ital. ?. p. 778. Guss. syn. fi. sie. 1. p. 147. 

Gramen avenaceum, minimum, elegantissimum , panicula con- 
Iracta, locuslis globosis, purpurascentibus , non aristalis Mieh! gra- 
mina agri fiorentini mss. et herb. n. 91 . 

Figura. — Cav. l. e. Palis. de Bear. l. e. Thor. injourn. de bot. 
1. tab. 7. fig. 3. 4. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In luoghi arenosi inondati 

in tempo d' inverno in Sicilia alle macchie di Alcamo, dove fu per la 
prima volta ritrovata dai sig.'' Spiltgerber e Tineo. Io l'ho avuta comu- 
nicata da quest' ultimo. Il Micheli porta questa pianta come propria 
dell' agro fiorentino , però nessuno dei botanici moderni ve 1' ha fmora 
ritrovato. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Si trova in Spagna ed in Francia nelle 
lande dei dintorni di Dax e in altri luoghi della Francia stessa. 

ìli. FIORIIVIA Pari. 

Airopsis species Ten. fi. nap. 3. p. 56. 

Airae species Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 62. et syn. fi. sic. 1. p. 147. 
Link lì. reg. berol. descr. 1. p. 130. Bert. fi. ital. 1. p. 444. 

Spiculae 2-florae, floribus hermaphroditis, sessilibus. Glumae2, 
membranaceae, ovoideae, turgidiusculae, carinatae, subaequales, flo- 
sculos includentes. Paleae 2, membranaceae, muticae, longitudine 
subaequales, interior latissi ma, concava, apice convoluto-mucronata , 
integra, glabra, paleam superiorem angusliorem, oblongam, apice biden- 
tatam , bicarinatam amplectens. Perigonii squamulae 2 , minutissimae, 
subcultriformes-carnosae , integrae? glabrae. Antherae lineares. Ova- 
rium glabrum. Stigmata subsessilia , piumosa. Garyopsis oblonga, latere 
altero sulcato-subcymbiformis, glabra, paleis adhaerens! 



FIOHIMA. ^2.ir> 

Abito. — Pianta annua, che rammenta per l'abito Vaira capillaris. 
I suoi culmi sono delicati, diritti, alti da 4 a 8 pollici e qualche volta 
(juasi un piede , dotati di foglie capillari e scabre ; la pannocchia molto 
ramosa è inferiormente tricotoma, diviene dicotoma in alto, e costa di 
peduncoli capillari, porporini e molto divaricati. Le spighette ancoresse 
di color tendente al porporino, portate all'estremità di un ramo, sono 
alquanto gonfie e affatto prive di areste. 

Osservazioni. — Ho intitolato qucsto genere ad onore della egregia 
mia amica, la signora Contessa Elisabetta Fiorini Mazzanti di Roma, 
che si è resa benemerita della tlora italiana con Vcippendìce al prodromo 
deìlafloraromanae con la hriolofjia romana , opere che hanno giustamente 
messo il di lei nome in cima di quante mai donne han coltivato in Italia 
l'amabile scienza di Fiora e all'istesso rango di quello di illustri bota- 
nici italiani. 11 nuovo genere, che qui stabilisco, impropriamente con- 
fuso ora con Vaìropsìs, ora con Vaira, è affatto distinto da ambedue e 
da quanti altri affini. Basta confrontare i caratteri di questi generi per 
notarne subito le differenze che sono per altro importantissime, perchè 
spettano alle glume, alle pagliette ed alla cariopside. Così distinguesi la 
Fiorìma daU'flr/opis perle glume non così gonfie né veramente in forma 
di barchetta, per la paglietta inferiore dotata all'apice di una specie di 
mucrone ch'è convoluto, e non ottusa e triloba, per la superiore ch'è 
lineare e con due piccoli denti all'apice, e non obovata, come tron- 
cata e lacera, e piana, per la cariopside in forma di una barchetta, al- 
lungala e quasi acuta all'apice, mentre al contrario questa è lenticolare 
e come rotonda mAY aìropsìs . Non può la mia pianta mettersi fra le 
ami, le quali hanno le glume compresse, la paghelta bifida all'apice e 
dotata nel dorso di una aresta, ch'è contorta inferiormente, ec. 

191. Fiorinia |i«ilc1iella Pari. 

Airopsis pulchella Ten! //. nap. 3. p. ÙG. 

Aira pulchella Link h. req. herol. descript, i . p. 130. 

Aira Tenoni Gussl fi. sic prodr. 1 . p. 6S. etsiippì. 1 . p. 15. Beri, 
jl. Hai. 1 . p. 4 a. Boiss. voyafi. en Espagn. p. Col. Guss. syn. fi. fiic. 1 . 
p. 147. 

Aira inflexa Lois. fi. gali. edit. :?. tom. 1. p. 56. tab. 22. 

Gramen avenaceum, panicula sparsa, exillimum, pene invisibile- 
i]ìtp. II. calli, p. 9i . 

Figura. — Trn. fi. nnp. lab. J09. fìff. 2. 

1.5* 



■2.-;4 GIIAMINACKE. 

GraniLMi aveiwiceum, panicula sparsa, oxillimuiu, pene invisibile 
Ijij). pampìt. sic J. lab. Iò7. ci lab. HS. 

Stazione, Abitazione e Fioritura' — Nasce nelle colline aride, 
ne'luoghi arenosi, e nei salvatici presso Napoli a Pozzuoli, a Moulc 
Nuovo ec; in Sicilia ad Alcamo, Castellainare e a Trapani, e nelle isole 
d'Ischia, di Capri, di Alicuri, di Lipari, di Panlellaria e di Linosa; nel- 
l'isola di Corsica a Bastia, donde l'ho avuto dal Requien e a Bonifacio, 
i,Musta un'esemplare dello stesso Requien nell'erbario di De Candolle, 
col nome di aìva capili a vis. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie propria delle qui indicate loca- 
lità del continente e delle isole italiane, come pure del mezzogiorno 
della Francia se come mi sembra V aira inflexa di Lois. deve riportarsi 
come sinònimo della nostra pianta, e nella provincia di ìa Mancha in 
Spagna, secondo Lagasca. 

lill. AIVTIIVORIA Pali. 

l'ari. II. palerm. 1 . p. 02. 

Poae species Dee. ìc. pi. gali. rar. I . p. I . 

Airopsis species Desv. in joiirn. de boi. I . p. WG. Lois. nolic. p. IO. 

Dee. fi. frane. 6. p. 26S. Lois. fi. gali. edit. i. voi. I . p. 56. Roem. 

et SehiiUes syst. veg. 2. p. 579. 
Airae species Lois. fi. gali. edit. 1 . tom. J. p. 45. Guss. fi. sic. prodr. I . 

p. 61 . Beri. fi. Hai. I. p. 443. Guss. fi. sic. syn. I . p. 443. 
Milli species /?oew. et Srhnllés syst. veg. 3.p. oW. etmani. 3. p. 610. 

Spiculae 2-ftorae , floribus hermaphroditis, aitero sessili, altero 
pedicellato. Glumae2, herbaceae, ovatae, carinatae, muticae, subae- 
quales, flosculis longiores. Paleae2, hyalino-membranaceae, muticae, 
longitudine aequales, inferior lata, concava, apice truncato-subtriloba, 
nuda; superior linearis, bicarinata, apice truncato-emarginata. Sta- 
mina 5, antheris linearibus. Ovarium obovatum, glabrum. Perigonii 
squamulae2, laterales, ovario longiores, lanceolatae, integrae, glabrae. 
Stigmata sessilia, piumosa, subterminalia. Caryopsis ovoideo-subpyri- 
Ibrmis, obtusissima, paleis tecta. 

Abito. ^ — Pianta annua, aquatica, con culmo gracile, ramoso, che 
forma dei cespugli , con foglie lineari , piane, con pannocchia ramo- 
sissima, sparsa, i di cui pedicelli sono capillari e quasi tricolomi, in- 



ANTINORIA. 25:; 

L;rossati all'apice, il quale sostiene delle spiglietle solitarie, mollo pic- 
cole, glabre, muliche, di un color verde misto di porporino. 

Distribuzione geografica. — Sulle differenze di questo mio genero 
dagli afììni vedi quanto ne ho scritto nella mia flora 'palermitana \om . 1 . 
p. 92. e seg. ove io lo stabiliva. 

t^H, Antinoria iiisularis Pari. 

A. paniculae ramosissimae, diiTusae ramis subtrichotouiis , capil- 
laribus, patentibus, glumis laxiusculis, in anthesi erecto-patenlibus , 
divaricatis, fructiferis caryopside subduplo longioribus, antheris brc- 
vibus, culmo basi genicolato, foliis planis. 

Antinoria insularis Pari. fi. palerm. 1 . p. 04. 

Aira agrostidea Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 61 . Bert. fi. Hai. J. 
p. 4i3. Guss. sìjn. fi. sic. 1. p. 147. Pari. fi. panorm. I. p. 109. 
exclus. ab omnibus syn. praeter Cup. 

Caryophyllus arvensis glaber, minimus Gap. h. calli, p. iJ . 

Gramen palustre tenue, caryophylli arvensis glabri, minimi l'acic 
Gup. suppl. alt. p. 33. 

Figura. — Gramen palustre, caryophylli arvensis glabri , minimi 
panicula Cup. pamph. sic. I . lab. 237 . 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ' — Trovasi in Sicilia negli sl;i- 
gni montuosi e nei campi montuosi umidi e inondati in tempo d' inverno 
nella Piana dei Greci al (]nrf]o di Ddingoìi , in Gotrano al Gurgo lo drago 
e a Gurgo lungo, in Buccheri a Monte d'Oro, in Floresta , nei Gurghi 
di Caronia , e nei luoghi paludosi di Terranova in Sardegna , dond<> 
r ho avuta dall' amico prof. Moris. L' ho veduta ancora nell' erbario di 
Savi a cui ne è stato comunicato un esemplare dal sig. Orsini , che 1' ha 
trovato presso il lago dì Patria. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — È propria delle due isole di Sardegna 
di Sicilia e della località qui citata del regno di Napoli. 

Osservazione. — Siccome io già avvertii nella mia flora palermi- 
tana, chiunque si fa a paragonare questa specie con gli esemplari della 
vera aira agrostidea di Loiselleur, Antinoria agrostidea Pari, di cui ho 
raccolto varii individui a Fontainebleau presso Parigi, e che ho avuto 
ancora dello stesso luogo da diversi botanici francesi e della Spagna 
dal sig. Reuter, noterà subito le differenze di queste due specie, che 
sono state confuse insieme dal Gussone, dal Bertoloni, dal Moris ec. 
Gosi la pianta delle isolo di Sicilia e di Sardegna distinguesi dalla con- 



250 GRAMINACEE. 

tinentale, soprattutto per la pannocchia molto più ramosa, e quasi tri- 
chotoma, per le spighette la metà più piccole, per le glume nella mas- 
sima infiorescenza sempre eretto-paleiiti e non orizzontalmente patenti, 
per la cariqpside molte volte più grande, per le antere più corte di 
quelle dell' Antinoria agrostidea. Di questa specie troverà il lettore la 
frase specifica riformata nella mia flora palermitana voi. 1. p. 95. 



lilll. ]fIOIii:NEKIA Pari. 

Airae species Loefl. ìt. p. IH. Schreb. gram. lab. 12. f. 2. \Yìlld. sp. 

pi. I. p. 376. 
Airopsis species Desv. in Boem. et Sclmlt. sgst. veg. 2. p. 578. 
Poae species Trin. in ad. petrop. 0. s. 1 . p. 372. 
Catabrosae species Trin. fund. agrost. p. 136. Kunlìi emun. pl.-J . p. 370. 

Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 437 . 

Spiculae2-florae, floribushermaphroditis, inferiore sessili, supe- 
riore pedicellato. Glumae!2, membranaceae, concavo-naviculares, mu- 
ticae, aequales, flosculis breviores. Paleae 2, membranaceae, lon- 
gitudine subaequales, inferior concava, apice rotundato-subtriloba , 
multinervis, mutica, nuda; superior oblonga, bicarinata, apice obsolete 
biloba. Perigonii squamulae2, ovato-lanceolatae , acutatae, carnoso- 
inembranaceae , glabrae. Stamina 5, antheris brevibus, subrotundis. 
Ovarium obovatum, glabrum. Stigmata 2, sessilia, piumosa, brevia. 
(^iaryopsiselliptica, antico subcompressa, glabra, libera. (Garyopsidem 
maturam non vidi). 

Abito. — Pianta annua, assai elegante, alta da 2 a G pollici, for- 
mante dei piccoli cespugli di foglie lineari strette e corte, e di culmi 
delicati, diritti o ascendenti, terminati in una pannocchia a rami capil- 
lari, trichotomi, divaricati, che portano all'estremità delle spighette 
])iccole, nitide, con due fioretti mutici, di color fulvo, e dotati nella 
loro paglietta inferiore di molti nervi, molto prominenti e scabri. 

Osservazione. — Questo genere è ben distinto dall' Antinoria e 
dalla catahrosa, a'quali è affini, come può ben rilevarsi dal semplice pa- 
ragone dei caratteri generici da me assegnali a ciascuno di essi. Impro- 
priamente riportata la specie, su cui è stabilito, a' generi aira, airo- 
psis, poa e catabrosa, essa ha caratteri tali da far giustificare la sua 
elevazione al rango di un nuovo genere. Ho voluto con «[ucsto ricordar 



MOLINEUIA. '257 

nella scienza il nome d' Ignazio Molineri, già custode del H. Giardino 
botanico di Torino, il quale arricchì di numerose scoperte la flora ita- 
liana con i suoi frequenti viaggi nelle Alpi, e nella Liguria. Ho pre- 
scello una pianta piccola con 1' epiteto minuta per indicare l' acutezza 
del suo occhio osservatore, a cui nulla sfuggiva per quanto piccolo e 
minuto. Scrivendo di lui il Balbis che ne illustrò la piante raccolte, 
ebbe a dire nella sua miscellanea altera. Quapropter Ignatium Moline- 
ri , ctijiis in exquirendis stirpi bus summam dilifientiam atque industriam 
me satis commendare non posse pro/iteor , ut eo iter intenderei, vehemen- 
ter siun hortatus. Ncque CI. vir acerrimìs oculis, ingeniique vi praedi- 
lus, laboris provectiore etiam aetate quam maxime paliens meam fefcllit 
spem: nani et innumeram pluntarum seAjelem. ex susceplo itinere aitali t, 
et certiores locorum indicationes constiluit, aliaque nonnulla nobis praesti- 
tit, quae ad botunices studia excolenda ulilia ducimus. 

tr^3. Ulolineria minuta Pari. 

Aira minuta Loetl. il. p. !?. Lois. fi. gali. edit. i. tom. I . p. 56. 
non edit. prim. Berlol. jl. ilal. I . p. 441 . 

Airopsis minuta Desv. in Roem. et Schultes syst. veg. S. p. 578. 

Poa minuta Trin. in act petrop. 6. s. I . p. 37'2. 

Catabrosa minuta Trin. fund. p. ISO. Kunlh enum. pi. I . p. 310. 
Gries. spie. fi. rum. et bith. S. p. i37. 

Gramen avenaceum, pratense, omnium minimum, locustis pur- 
purascenlibus, non aristatis Moni. cai. stirp. agr. bonon. prodr. p. 56. 

Gramen avenaceum, annuum, vernum, globosum, locustis nili- 
dis, non aristatis et versicoloribus Micìi. grani, agri jìorent. mss. et 
herb. n. 02. 

Fìgara. — Schreb . gram. 2. p. 4. tab. 21. fig. 2. 

Nome italiano. — Fienarola minuta Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe nel luoghi aridi mon- 
tuosi dell' agro fiorentino ove fu già trovata dal Micheli, di cui si con- 
servanogli esemplari nel suo erbario, e dove è stata raccolta nel monte 
Rinaldo dal Bubani , dal quale mi è stata comunicata , e a Monte Sena- 
rio dal Baroni. È stata trovata ancora dal Mauri presso Roma, giusta 
un' esemplare da lui comunicato al prof. Savi , dal Gussone nelle col- 
line aride del lago di Patria presso Aversa nel regno di Napoli e della 
Basilicata dagli amici Gasparrini e Pasquale, da' quali mi è stata data. 
Cresco puro in Corsica a Calvi donde la porlano Loisellcur e Beitoloni, 



2:.8 (IKA.MINACEE. 

a cui la comunicò il Soleirol. Fiorisce in Marzo ed Aprile ed è annua. 
Distribuzione geografica. < — In Spagna presso Madrid , in Italia, 
nel Peloponneso, in Persia. 



IiIV. CATABROSA Palis. de Beauv. 

Polis, de Beauv. agrost. p. 07. Pad. fi. pai. /. p. JùG. 

Airae species Linn. gen. pi. p. 34 et pi. auct. 

Poae species Dee. (l. frane. 3. p. 64. 

Glyceriae species Presi fi. cedi. p. Io. Koch sgn. fi. gemi, et hclv. 

' edit. 2. p. 933. 
Catabrosae species Kunth enum. pi. 1 . p. 369. 

Spiculae !2-florae , floribus hermaphroditis, inferiore sessili, supe- 
riore pedicellato. Glumae 2, membranaceae, concavae, muticae, valde 
inaequales, flosculis breviores. Paleae 2, membranaceae, longitudine 
subaequales, inferior concava, trigono-carinafa , apice truncato-rolun- 
data, basi nuda, niutica; superior oblonga, bicarinata, apice truncalo- 
subbiloba. Perigonii squamulae 2, ovalo-oblongae, apice truncato-cre- 
nulalae, carnoso-membranaceae, glabrae. Stamina 5, antheris lineari- 
hus, longis. Ovarium oblique ovoideum , glabrum. Stigmata subsessilia, 
piumosa. Caryopsis ovoideo-oblonga, lateribus compressiuscula, breviter 
pedicellata, glabra, libera. 

Abito. — Piante con radice repente, con culmi che mandano delle 
radici in basso, diritti o ascendenti, con foglie piane e largamente li- 
neari, con una pannocchia lunga, con i rami verticillati e dotata di 
l)iccole spighette, pedicellate, le quali portano due fioretti mutici e 
che poi cadono rimanendo solo le glume, che sono persistenti. 

194. Catabrosa aquatica Palis. de Bennv. 

C. paniculae elongatae, dififusae ramis semiverticillalis, divisis, 
gluma superiore òbovata, apice eroso-dentata, flosculo proximo subdi- 
midio breviore, palea inferiore ad nervos glabra. 

Catabrosa aquatica Palis. de Beauv. agivsl. p. 97. tab. 19. fiy.S. 
Roem. et Schultes syst. veg. 5. p. 696. Kunth enum. pi. I . p. 369. Grics? 
spir. fi. rum. et bith. ?. p. 437. 

Aira aquatica Linn. sp. pi. p. !hj. Ali! fi. pcd. "2. p. "ì'io. San 



CATABIIUSA. :>:.'.) 

hot. eliiisc. X^. p. io. PoUìn. //. veroit. I. p. 9(1. Ten.jl. nap. ,i. p. >")(!. 
Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 38. Beri. fi. ital. 1. p. ii2. ex parte. 
Puccin. syn. fi. lue. p. 50. Vis. fi. dalm. I. p. 09. 

Molinia aquatica Wihel. werth. p. 1 16. 

Poa airoides Koel. rjram. p. Wi . Dee. fi. frane. S. p. Gi. Gami, 
fi. helv. I. p. 236. 

Hydrochloa airoides Harlm. fp-am. svee. p. 8. 

Glyceria aquatica Presi fi. czeeìi. p. 25. Koeh syn. //. yenn. et 
helv. edil. 2. p. 033. 

Glyceria airoides Reich. fi. yerm. excurs. J . p. 45. 

Colpodium aquaticuin Trin. uct. petrop. 6. p. 395. 

Grainen miliaceum, aquaticum J/o/j/. eat. stirp. nyr. bonnn. prodi'. 
p. 51. 

Figura. — Enyl. boi. toni. 22. lab. 1551. 

Nome italiano. — Gramigna di padule Tary. Tnz.z. diz. bot. 2. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi umidi, specialmonlo 

marittimi, nei fossi e pressoi fiumi della penisola, ove scarseggia 
nel nord , essendo stata trovata Onora nel Piemonte e nel Pavese , e solo 
si rende meno rara nell'Italia centrale e meridionale dalla Toscana in 
poi. Cresce ancora nelle isole di Corsica e di Sardegna. In Sicilia tro- 
vasi solo la specie seguente. Fiorisce da Maggio a Luglio. E perenne. 

Distribuzione geografica.— Si trova in Europa, nel Cuicaso, in 
Siberia e nell'America setlenlrionale. 

Osservazione. — Varia con le spighette qualche volta con un fiore, 
restando allora soltanto il fioretto inferiore eh' è sessile, come ho visto in 
alcuni esemplari di Sardegna : questa variazione era già stata indicata da 
Gaudm, facendone la sua varietà j3 unìflora; io però la considero come 
una semplice variazione, trovandosi nell'istessa pannocchia spighette 
con uno e con due fioretti. Non mi è occorso di vedere mai più di due 
lioretli come hanno notato alcuni autori. 

1!S5. Catabrosa oclii'oleuca Dnmorl. 

C. paniculae elongatae, ramosissimae, diffusae ramis semiverticilla- 
tis, divisis, gluma superiore lineari-oblonga, apice subintegra, flosculo 
proximo parum breviore, palea inferiore ad nervos obsolete pilosa. 

Calabrosa ochroleuca Duniart. ayrost. belg. leni. jì. 108. Pari, jl. 
palerm. 1 . p. 156. 



■2U) C.llAMl.NACKK. 

• Aira ;i(iu:ilio;i ^'»s.s-. //. sic. pmlr. 1. ji. HI. non Limi. Beri. //. 
iluì. J . ]). 4i!^. ex parte. 

Catabrosa aquatica Pari. jl. jMnorm. 1 . p. 100. non Palis de Reauv. 
Glyceria ochroleuca Dumort. in Guss. syn. fi. sic. 1 . p- 100. 
Figura. — Dimwrt. l. e. tab. 4. fìg. i4. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E frequente nei luoghi umidi 

e paludosi , nei fossi , lungo i ruscelli e negli slagni anche montuosi 
della Sicilia. Fiorisce da Aprile a Luglio. È perenne. 

Distribuzione geografica. ■ — L'ho solo di Sicilia. 

Osservazione. — E una specie sommamente affine alla Catabrosa 
aquatica, con la quale è stata dapprima confusa e da cui difficilmente 
si distingue senza aver ricorso all'esame della gluma superiore, che 
nell'aquatica è più larga, obovata, lacera e denticolata all'apice, e più 
corta, quasi la metà del fioretto corrispondente; di più la paglietta infe- 
riore delia catabrosa ocìtroleuca oiTre le nervature pelose e non glabre, la 
pannocchia più ramosa e le spighette un poco più grandi e ravvicinate. 

liV. »1:SC1IA91PSIA Palis. de Jkauv. 

Palìs. de Beauv. agrosl. p. 91 . Roem. et Schulles syst. veg. 2. p. 40. 
Kunth enum. pi. 1 . p. 286. Endì. gen. pi. I . p. 95. Pari. fi. pa- 
lerm. I . p. 100. Gries spie. fi. rum. et bith. 2. p. 456. 

Airae species ÌÀnn. sp. pi. p. 90. et pi. auct. Kocli syn. fi. gena, et 
ìielv. edìt. 2. p. 914. 

(^-ampelia Link h. reg. berol. descript. I . p. 122. 

Spiculae 2-5 florae, floribus hermaphroditis, distanlibus, infe- 
riore sessili, superiore vel superioribus slipitulatis. Glumae2, mem- 
hranaceae, compresso-carinatae, muticae, subaequales, flosculis bre- 
viores. Paleae 2, membranaceae , longitudine subaequales, inferior ca- 
iialiculata, basi barbata, apice truncato-dentata, dorso aristata, arista 
brevi, recta; palea superior oblonga, apice bifida, bicarinata. Perigonii 
squamulae 2, oblique ovatae, vel ovato-lanceolatae, carnoso-membra- 
naceae, integrae, glabrae. Stamina 5, antheris linearibus, longis. Ova- 
rium subpyriforme , glabrum. Stigmata 2, terminalia, subsessilia, 
piumosa. Garyopsis oblique subfusiformis , antice planiuscula, glabra, 
libera. 

Abito. — Le due specie italiane di questo genere formano dei ce- 



DESCHAMl'SIA. ^41 

spugli di Toglie lineari e piane, o setacee ed im'olule, e di culmi diritti, 
alti da un piede circa a tre piedi, con pannocchie i di cui rami, pa- 
tenti nel momento della tìoritura, portano molle spighette, ordinaria- 
mente con due fioretti, variegate di color porporino e come doralo, 
ovvero pallide e miste di verde. 

Osservazione. — Genere benissimo distinto dalla atra soprattutto 
per la paglietta inferiore Ironcato-denticolata e non bifida, per l'aresta 
corta e diritta, per la cariopside di diversa forma e non solcata an- 
teriormente. 

Spettano alla Z)esr/(«wps;«, oltre le specie italiane qui sotto de- 
scritte, le seguenti : 

1" Deschampsia Wibeliana Pari. fi., jxilerm. 1 . p. iOI . in obs. ad Des- 
champsiam. 

Aira Wibeliana Sondcr hi Korh sìjn. fi. fierm. et heìv. erìit. 2. p. 915. 
2" Deschampsia montana Pari. 

Aira montana Li/m. fi. svecic. p. 08. 

Aira bottnica Wahlenb. fi. lapp. I . p. S6. 

Deschampsia bottnica Trìti, fund. agrost. p. 158. 
.")" Deschampsia alpina fìoem. el Schuìtes aiist. veq. 3. p. 686. 

Aira alpina Lìnn. spec. pi. p. 9(t. 
A" Deschampsia subf riflora Pari. jl. paìrrm. 1. p. 10! . 

Aira subtriflora Lag. elench. p. S. 

196. Descliainpsia caespitosa Palis. de Beauv. 

D. panicula ampia, elongata, in anthesi patente, demum con- 
Iracta, spiculis 2-3 floris, palea inferiore ut plurimum dorso basin 
versus aristata, arista paleam ipsam subaequante , foliis planis, supra 
scaberrimis, radice dense cnespilosa. 

Deschampsia caespitosa Beauv. agrost. p. 91 . Roem. et Schuìtes 
syst. veg. 9. p. 685. Kunlh emim. pi. 1. p. 586. var. a. Pari. fi. pa- 
lerm. 1. p. 101 . Gries. spie. fi. rum. et bìth. 5. p. 457. 

Aira caespitosa Linii! sp. pi. p. 96. Ali! fi. ped. 2. p. 243 
Ucria h. reg. pan. p.ol. Suffr. foroj. p. 114. Dee. fi. frane. 3. p. 43 
Savi! bot. druse. 1 . p. 51 . Pollin. fi. veron. 1. p. 95. Guss. fi. sic 
prodr. 1 . p. 65. Gaud. fi. helv. 1 . p. 393. var. a, et y. Lo\s. fi. gali 
edit. 2. toni. 1 . p. 57. Betch. fi. germ. excurs. 1. p. 50. var. a et e 
Beri. fi. ital. 1. p. 447. Comoll. fi. comens. 1. p. 98. Ten. fi. nap 
5. p. 392. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 150. Kneh -vjn. fi. germ. et helv 

Fiora Italiana. Vm.. I. Iti 



-2^2 GHAMliNACEE. 

edìt. ^. p. 9J4. vur. a el b. Puccin! addìi, ad si/n. pi. liirens. in giorii. 
boi. ìlal. anno I . pari. 1 . tom. I. p. 1:21 . 

Campelia caespitosa Link h. rey. berol. descript. I . p. J22. 

Gramen angustifolium , jubatuin , paleaceis gluniis calyculoruin 
instar nitido-pallidis Cup. h. calh. snppl. alt. p. 33. 

Gramen iniliaceum, majus, nutante panicula, arundinaceum Moni, 
rat stìrp. agr. bonon. prodr. p. oJ . 

Gramen miliaceum majus, glumis aristatisspadiceis Se*/, pi. veron. 
}. p. Sòl. 

Figura. — ìlost grani, aiislr. 2. lab. 42. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Trovasi comunemente nei 
luoghi umidi e ombrosi dei monti , si delle Alpi che degli Appennini, 
soprattutto nella regione dell'abete e anche nella regione alpina, ove 
mi è occorso di trovarla sino a 2500 metri di altezza sul livello del mare 
nel versante meridionale delle Alpi; discende ciò non ostante nella parto, 
settentrionale della penisola nei luoghi bassi, e si trova benché più rara- 
mente anche, nei prati. Essa arriva sino in Calabria. In Sicilia s' incon- 
tra negli alti monti delle Madonie aPomieri e nei boschi di Mistretta, 
di Caronia e di Gapizzi nella parte settentrionale dell' isola. Manca, per 
quanto finora è a me noto, nelle altre isole. Fiorisce nei luoghi bassi 
dell'Italia settentrionale nei mesi di Giugno e Luglio e negli alpini in 
Luglio ed Agosto. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie sparsa in Europa e nella parte 
dell'Asia eh' è fuori dei tropici. Esiste anche forse nell'America bo- 
reale. 

Osservazione. — Questa pianta è molto variabile a seconda dei 
luoghi nei quali cresce. Nelle parti basse è di una statura più elevata, la 
pannocchia grande e come piramidale , le spighette varie di color por- 
porino dorato, talvolta come nei luoghi ombrosi affatto palhde o va- 
rie di color verde e come dorato. Nei luoghi alpini il culmo è più basso, 
la pannocchia meno sparsa e come addensata, le spighette di un colore 
porporino-dorato molto più carico. 

Varia ancora per avere ora due ora tre fioretti nelle spighette; il 
primo caso è più comune, ed allora lo stìpìtulo privo di fioretto si 
mostra a solo come una piccola pmmetta. Interessa di notare che 
l'aresta della paglietta inferiore quantunque parta d'ordinario quasi 
dalla base, pure nasce talvolta dal mezzo del dorso, come mi è occorso 
di osservare in alcuni esemplari raccolti pres.so Verona, e qualche 
altra volta ancora poco lontano dall'apice, siccome ho visto in mi 



DESCHAMPSIA. 24." 

individuo degli Abruzzi, comunicatomi dal signor Gasparrini. Questa 
variabilità del punto di partenza dell'aresta della paglietta interiore è stata 
(la me osservata ancbe nella specie seguente ed in altre Deschampsia , 
neWaìpina ec. Non mi è occorso di osservare in Italia la varietà a fiori 
vivipari che io possiedo da Cbampigny. 



199. Desclianipsia media Roem. et Scimi tei>. 

D. panicula in anthesi patente, spiculis 2-5 floris, palea inferiore 
j)lerumque supra medium dorsi aristata, arista paleam ipsam subae- 
([uante, foliis setaeeis, convolutis, ligula elongata. 

Deschampsia mèdia Roem. et Schultes syst. veg. S. p. 687. 

Aira media Gouan! illustr. p. 3. Dee! fi. frane. 6. p. W1 . Beri, 
fi. Hai. 1. p. 449. Vis! fi. dalm. 1. p. 67. 

Aira juncea Vili. pi. dii dauph. 2. p. 86. Lots. fi. gali. edit. S. 
lom. 1 . p. 57. 

Aira capillaris Savi! fi. pis. 1 . p. 86. 

Aira alpina Savi! hot. etrusc. 1 . p. 52 non Linn. 

Deschampsia juncea Polis, de Bcauv. agrost. p. 91. Roem. et Schul- 
tes syst. veg. 2. p. 687. Knnth ennm. pi. 1 . p. 287 . 

*Campelia media Link h. reg. berol. descript. 1 . p. 123 

Figura.' — Nessuna. 

Nome italiano. — Ghingola capillare Savi fi. pis. I . p. 86. Miglia- 
rino colorito Beri. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — In luoghi aridi del monte 

pisano , ove è rara , nel monte Amiata e in luoghi argillosi della pro- 
vincia sienese in Toscana ove è stata trovata per la prima volta dal Savi, 
da cui l'ho avuto anche comunicata. Fiorisce in Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce nel mezzogiorno della Francia, 
in Toscana, e in Dalmazia. 

Osservazione. — Anche la Deschampsia media varia molto , come 
la caespilosa , a seconda i luoghi ove si trova per la lunghezza delle fo- 
glie, dei culmi e delle pannocchie. Essa presenta ancora delle differenze 
circa il punto di origine della aresta della paglietta inferiore ; io l' ho 
di Toscana con l' aresta nata dal di sopra della metà del dorso delia pa- 
glietta, ciò che corrisponde alla vera aira inedia di Gouan, che dicedi 
avere l' aresta suhterminali , e tale infatti io la trovo negli esemplari di 
Montpellier, donde l'ha descritta il Gouan, e in quelli di Narbona; e 
l'ho pure di Toscana con l'aresta proveniente dalla base, la quale cor- 



244 GKAMIiNACEE. 

risponde perfeltamente all' «ira juncea di Villars, il quale nella i'rase spe- 
cifica di questa scrive arista e basi ec. Non accordo importanza a que- 
sta diversa origine della aresta della paglietta inferiore , come potrebbe 
parere a prima vista , perchè l'ho veduto variare tanto in questa che 
nella Deschampsia caespitosa nelle spighette di una medesima pannoc- 
chia. Ciò non mi ha fiotto considerare tali forme nemmeno come varietà 
della stessa specie. Il Savi credette da principio questa pianta come 
nuova, la descrisse nella sua flora pisana col nome di aira capiìlaris, 
e poscia la riportò nel botankon einiscum all' «ira alpina di Linneo, 
dalla quale è benissimo distinta. 

N. B. L'Allioni porta nella sua flora pedemontana tom. 2. p. 244. 
Vaira alpina, che dice trovarsi nelle parti più elevate delle Alpi, insum- 
nds alpibus , però non essendo stata ritrovata da alcuno altro dei recenti 
botanici, io credo doversi considerare sinora come dubbio se Yaira 
alpina sia o no una pianta da formar parte della nostra flora. Ess.i 
manca nell'erbario di Allioni. 

11 Tausch nella Flora anno 1857, p. 97, descrive una nuova spe- 
cie di ajra delle montagne della Corsica col nome di aira Corsica; ecco 
la frase specifica ch'egli le accorda : panicula elongala, atlenuata, strida, 
spicidis bifloris, ghimìs ovatis, acutiiiscidis, floscidis brevioribus, floscuUs 
basi pilosìs aristatìsqiie, arista exserta, rectitiscida , foliìs subnlato-con- 
voliUis. Egli scrive di essere una specie affine all'flira montana, è quindi 
probabile che sia una Deschampsia. Io non possiedo questa specie, non 
avendo altro delle montagne della Corsica che Vauenella flexuosa. 

liVI. AlTENEIiliA Pari 

Airae species Linn. sp. pi. 96. Roem. et Schultes syst. veg. S. p. 67S. 

Kimth enum. pi. 1 . p. 290. 
Avenae species Deidsch. fior. 1 . p. 570. 
Aira sect. b. Avenaria. Reich. fi. germ. excurs. I . p. 50. 
Deschampsiae species Trin. fund. agrost. 

Aira sect. 2^ Avenella Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 215. 
Deschampsia sect. !=• Avenella Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 457. 

Spiculae 2-florae , floribus hermaphrodilis , altero sessili , alterò 
pedicellato. Glumae 2, membranaceae , compresso-carinatae, muticae, 
subaequales, flosculis subbreviores. Paleae2, membranaceae, longitu- 



AVENELLA. -21;) 

dine subaequaìes, inferior canaliculato-lanceolata , basi barbata, apice 
lacero-denticulafa, dorso aristata, arista geniculata, infra geniculuin 
torta: palea superior oblonga, apice bifida, bicarinata. Perigonii squa- 
mulae2, subcultriformes , integrae, carnoso-menibranaceac, glabrae. 
Stamina 5, antheris linearibus, longis. Ovarium subpyritbnne, gla- 
brum. Stigmata 2, terminalia, sessilia, elongata, piumosa. Garyopsis 
lineari-oblonga , postice convexa, antice planiuscula, glabra, paleis 
inferne adhaerens. 

Abito. — La specie italiana, comune in quasi tutta l'Europa ed 
ed ancora in altre parti della terra, forma dei cespugli di foglie corte, 
lineari-fdiformi.e di culmi ascendenti o diritti, alti da un piede a un piede 
e mezzo che si terminano in una pannocchia patente nell'atto della fio- 
ritura, ristretta posteriormente e poco ramosa. I suoi rami sono capil- 
lari, quasi tricotomi e scabrosetti, e portano delle spighette, piuttosto 
grandicelle, compresse, nitide e varie di color verde pallido e porpori- 
no. I fioretti sono dotati di una aresta, quasi il doppio più lunga delle 
glume, inginocchiata nel mezzo, e contorta al di sotto dell'inginocchia- 
tura. 

Osservazione. — Ho lungamente esitato nello stabilire questo 
nuovo genere, non essendo molto amante di formare nuovi generi 
quando piuttosto si possono considerare come sezioni di quelli già co- 
nosciuti ; però ho dovuto mio malgrado ricorrervi , non potendo consi- 
derare ì' avenella sia come sezione dell' «ira, sia deWa Deschampsia , 
siccome han fatto varii autori, ed eccone le ragioni. L' avene! la si di- 
.stingue dajl' aira per i caratteri fondamentali della paglietta inferiore 
non bifida ma al contrario lacero-denticolata, barbata alla base, per 
quelli delle antere lineari e lunghe, non rotonde e corte, e della ca- 
riopside che non è solcata anteriormente quasi in forma di barchetta, 
ma è ivi piana, senza parlare di altri caratteri di minore importanza. E 
diversa poi dalla Deschampsia, a cui si avvicina per la forma della pa- 
gUetta inferiore, per 1' aresta non corta e diritta, ma inginocchiata nel 
mezzo e contorta inferiormente, per gh stimmi allungati, per la cariopside 
nonobbliquamente fusiforme e libera, ma lineari-allungata, piana in avan- 
ti, e aderente in basso alle pagliette. Su questi caratteri posano i generi 
delle avenacce, e qualora ad essi non si dasse uri uguale valore per 
tutti i generi o si cadrebbe nell' arbitrio, ovvero si dovrebbero riunire 
.tutti i generi in un solo. 

Ho dato al nuovo genere il nome di avenella, quantunque i di- 
minuitivi di altri nomi generici sieno sempre da evitarsi, perchè già 



24f) GRAMINACEE. 

impiegato da varii autori per la sezione dell' an-a o della Deschampsìa 
stabilita per la pianta in esame e per 1' altra specie atfme eh' è 1' aìru 
uliginosa Weih., e che dovrà quindi chiamarsi avenella uliginosa Pari. 

1!3S. Avenella fliexuosa Pari. 

A. panicula patente, nutante, flosculo altero hreviter pedicellato, 
loliis lineari-filiformibus, ligula breviuscula, truncata. 

Aira flexuosa Linn! sp. pi. p. 97. Ali! fi. ped. 2. p. 243. Savi! 
(l. pis. 1 . p. 87. Dee. fi. frane. 3. p. 43. Savi! hot. etrusc. 1 . p. 53. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 678. Bertol. amoen. ital. p. 328. 
Presi cyp. et grani, sic. p. 28. Pollin. fi. veron. 1. p. 94. Ten. fi. 
nap. 3. p. 54. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 63. Gaud. fi. helv. 1 . p. 324. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1 . p. 57. fìeieh. fi. germ. excnrs. I . p. 50. 
Kuntìi enum. pi. 1. pag. 290. Beri. fi. ital. I. p. 450. Comoll. fi. 
comens. 1 . p. 98. Pucein! syn. fi. Ine. 1 . p. 51 . Guss. syn. fi. sic. 1 . 
■p. 150. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 915. Pari. fi. paterni. 1 . 
p. 99. 

Aira montana Ali! fi. ped. 2. p. 243. Ucria h. reg. panorm. p. 57. 
Birci, fi. aeon. 1. p. 26. non Linn. 

Avena flexuosa Mert. et Koch deutsch. fi. 1 . p. 570. 

Deschampsia flexuosa Trin. fimd. agrost. Grieseb. spie. fi. rum., 
ci bilh. 2. p. 457. 

Gramen avenaceum, paniculatum, alpinum, foliis capillaceis, bre- 
vibus, locuslis purpuro-argenteis, splendentibus et aristatis Mont. cai. 
stirp. agr. hon. prodr. p. 55. Seg. pi. veron. snppl. p. 159. 

Figure.' — Host gram. auslr. 2. tab. 43. FI. dan. tab. 157. 

Nome italiano. — Panico Capellino Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 9. 
Fieno delle Alpi. 

Stazione^ Abitazione e Fioritura. — E COmune nei luoghi erbosi 

soprattutto boschivi e nei pascoli delle Alpi , degli Appennini ec. dalla 
regione dell'abete tino alla regione alpina, ove l'ho trovato sino a più 
di 2000 metri di altezza. Discende, benché più raramente, nei colli 
dell'Italia settentrionale. In Sicilia cresce nelle alte montagne delle 
Madonie e dell' Etna, e nei monti di Mistretta e di Cammarata : in Cor- 
sica nel Monte rotondo , nel Monte d'Oro, a Niolo, a Guagno ec. Non l'ho 
dell'isola di Sardegna. Fiorisce da Giugno ad Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie estesa in Europa dalla Svezia e 
dalla Lapponla sino in Sicilia. Abita ancora il Caucaso e l'America 



AVENELLA. 247 

boreale. L' ho infine ilell' altro emisfero delle isole di Falkland ove fu 
raccolta da Hooker fiolio. 

Osservazione. — Nei luoghi alpini questa specie offre la pannocchia 
pili densa e le spighette colorale più fortemente : essa è stata creduta 
l'aira montana di Linneo da AUioni e da varii altri ; però sembra 
che Linneo avesse dapprima voluto intendere sotto quel nome Vaira 
hottnica di Wahlenberg. Varrà montana di Allioni manca nel suo er- 
bario e vi si trova solo la flexuosa. 

li VII. eORYlVEPHORUS Paìis. de Beauv. 

Palis. de Beauv. agrost. p. 00. tab. 18. f. 2. Boem. et Schnlles syst. 

veg. 2. p. 40. Reìcìi. fi. gemi, excurs. I . p. 49. Kunth ennm. pi. /. 

p. 986. Endl. gen. pi. p. Oo. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 9. 

p. 915. 
Airae species Lmn. sp. pi. p. 97 et pi. aurt. 
Avenae species Web. hols. p. 9. 
Weingaertneria Bernh. erford. p. -7/. 

Spiculae 2-florae, lloribus hermapbroditis, inferiore sessili, supe- 
riore pedicellato. Glumae 2, membranaceae, compresso-carinatae, 
inuticae, subaequales, flosculis longiorcs. Paleae2, membranaceae, 
longitudine subaequales, inferior canaliculato-lanceolata, integra, acuta, 
basi barbata , supra basin aristata , arista in medio articulata , ibiquc 
barbata, infra articulum coriacea, tortili, apice clavulato-incrassata ; 
palea superior hyalino-membranacea , obovato-oblonga , apice Iriloba , 
lobo medio majore, binervis, nervis basi tantum conspicuis. Perigonii 
squamulae 2, hyalinae, bifidae, lobis acutatis, glabrae. Stamina 5, an- 
theris linearibus, longis. Ovarium elliplicum, glabrum. Stigmala2, 
terminalia, sessilia, piumosa. Caryopsis oblonga, oblusa, antice sulco 
longitudinali exarala, glabra, paleis tecta. 

Abito. — Piante annue, perenni, formanti dei cespugli di foglie 
setacee, e di culmi diritti o ascendenti, alti circa da un piede a un piede 
e mezzo, la pannocchia ristretta e àens^x nel cor ynephorus canescens , 
è patente e tricotoma neW articulatus , le spighette sono nitide, varie 
di bianco e porporino : i fioretti sono dotati nella loro paglietta inferiore 
di una aresta , articolata nel mezzo ove è barbata e terminata all' apice 
in una piccola clava: però questa aresta è poco visibile nella pianta, 
perchè nascosta dalle glume. 



'Itó GIIAMINACKI-:. 

199. Coryuepliorus caiiesceiis Paìis. de Beau i'. 

C. panicula patente, posi anlhesin slricta, aj)iee attenuata, ramis 
lirevibiis, densifloris , arista glumis inclusa, foliis selaceis, radice jìo- 
renni. 

Gorynepliorus canescens Pa/is. de Beaitv. agrost. p. 90. Roem. et 
Schultes syst. veq. 2. p. 688. Reieh. II. gerrn. excurs. I . p. 49. Kunth 
enum. pi. 1 . p. 286. Kuch. syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 915. 

Aira canescens Lmn. sp. pi. p. 97. Dee. fi. (rane. 3. p. A4. Noce. 
et Balb. fi. ticin. I. p. 38 et 32'2. PolUn. fi. veron. 1. p. 96: Gaud. fi. 
helv. 1. p. 3^2. Lois. fi. gali. edit. 2. fom. I. p. 57. Bert. fi. ital. J. 
p. 452. 

Avena canescens Web. hols. p. 9. 

Weingaerlneria canescens Bernh. erford. p. 51 . 

Figura. — Engl. hot. voi. 17. tab. 1190. 

h. ììnnvnus, culmo Immillimo, pollicein fere longo, panicula 'l-!2 
spiculas gerente. 

Nome italiano. — Panico bianco allungato Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — -In luòghi sterili arenosi delle 

sponde del Ticino presso Pavia e della provincia di Como, e nei luoghi 
boschivi della Lomellina. L'ho pure di Corsica, presso Ajaccio e di Sar- 
degna comunicatami dal prof. Moris. La varielcà b. mi è stata data dal 
Requien che 1' ha trovala presso Ajaccio in Corsica. Fiorisce in Giugno 
e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Abita 1' Europa media e meridionale 
dall'» Svezia e dall' Inghilterra sino in Spagna, nella Francia meridionale 
e in Sardegna. 

130. Coryneplioriis articulatus Palis. de Beauv. 

G. panicula patente, obtusa, post anlhesin subconferta, ramis 
clongatis, tricholomis, pedicellis brevibus, densifloris, arista subexserta, 
Ibliis radicaUbus setaceis, culmeis anguste linearibus, demuni convoluto- 
fdiibrmibus, radice annua. 

Corynephorus articulatus Palis. de-Bcaùv. agrost. p. 90. Roem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 689. Presi cgp. et gram. sic. p. 27. Kunih 
enum. pi. 1. p. 287. 

Aira canescens Ali! fi. ped. 2. p. 9i'i. Sari! fi. pis. I p. 88. 



COUYNEPHOUUS. 241) 

Biv! sic. pi. cent. S. p. 1. Savi! hot. etmsc. /. /). 54. Seb. et Maur. 
fi. rom. prodr. p. 37. non Linn. 

Aira articulata Desf. fi. atl. 1. p. 70. Balh. mise. hot. 1. p. 10. 
Dee. fi. frane. 6. p. 26 L Polliti, fi. veron. 1. p. 96. Ten! fi. nap. 3. 
p. 55. Giiss. pi. rar. p. 21 et fi. sic. prodr. 1 . p. 65. Lois. fi. gali, 
edit. 2. tom. 1. p. 57. Bert. fi. Hai. 1. p. 453. Coli. herb. ped. 6. 
p. 78. Puccini sìjn. fi. lue. p. 51 . 

Aira hybrida Gaud. agrost. lielv. 1 . p. 124. Noec. et Balh! fi. ticin. 
1 . p. 39 excl. tab. cit. 

Corynephorus aetnensis Presi fi,, sic. 1. p. XLIV. Schultes mani. 
3.p. 641. 

Aira aetnensis Guss. fi. sic. syn. 1. p. 151 . 

Figura. — Desf. l. e. tab. 13. ottima. 

Gramen avenaceum , paniculis ex parvis locustis purpuro-argen- 
teis compositis Mont. cat. stirp. agr. ben. prodr. p. 56. 

Gramen avenaceum, maritimum, annuum, minus, panicula sparsa, 
locustis parvis argenteis, aristis rectis ad extremitatem latis et compla- 
natis Mieli! in Till. cat. h. pis. p. 74. 

b. gracilis, spiculis duplo fere minoribus Guss. fi. sic. prodr. 1. 
p. 149. 

Aira articulata A. Desf. fi. atl. 1 . p. 70. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi arenosi marittimi 
lungo la costa occidentale d'Italia dalla Riviera di Ponente sino in Cala- 
bria nel regno di Napoli, ove nasce pure nella costa orientale, bagnata 
dall'Adriatico, nella Capitanata, nella Terra di Bari ed anche nella Terra 
d'Otranto e nella Basilicata. Si trova ancora nelle isole di Corsica, di 
Sardegna, di Sicilia, dell'Elba, di Alicuri, di Saline, di Panaria, di Favi- 
gnana ec. Qualche volta s'incontra nelle colline aride ed in luoghi are- 
nosi a qualche distanza del mare, come presso Pavia, nella Lomellina 
e vicino Pisa nella penisola, ed in Sicilia a Caltanissetta , a Priolo, a 
Cannata. La varietà b. è stata trovata dal Gussone a Cinisi e alla Favo- 
rotta nell'isola di Sicilia, io ne ho veduto un'esemplare del Gussone 
nell'erbario di Savi. Fiorisce in Maggio e Giugno e in Sicilia e nelle 
piccole isole in Aprile e Maggio. È annua. 

Distribuzione geografica. ■ — Propria del bacino mediterraneo si 
trova nella Spagna e nella Francia meridionale, nell' Italia occidentale, 
nelle isole italiane di Sicilia, di Corsica e di Sardegna, in varie piccole 
isole del mediterraneo, e nelle coste boreali dell'Affrica. 

Osservazioni. ■ — Son sicuro dei sinonimi di Allioni , di Savi e di 

16* 



250 GHAMlNACEli. 

liivona per aver riscontrato i loro erbari! o per esemplari autentici. 
Quanto all'atra hybrida di Gaudin da lui descritta neWagroslografia hel- 
vetica sopra esemplari avuti da Pavia , non cade alcun dubbio che sia 
da riguardarsi come sinonimo del conjnepliorus articulatus, siccome 
per altro ha notato il Gaudin medesimo nella sua flora helvetica tom. 1 , 
pag. 325, in una osservazione all' air« canescens. 

Io ho degli esemplari del corynepìioriis arlicuìatus raccolti nel- 
r Etna presso Nicolósi, i quali corrispondono perfettamente al coryne- 
Tphorus aetnensìs di Presi per avere una delle glume dotata all' apice di 
un acume. Però non credo questo carattere sufficiente per farne una 
specie distinta essendo variabile negli individui da me raccolti nell'Etna, 
e avendolo ancora trovato talvolta in alcune spighette di altri esemplari 
del corynephorus articulatus raccolti nella penisola italiana. 

li Vili. AIR A Pari. 

Airae species Linn. sp. pi. p. 97. Kunlh enum. pi. J . p. 288. Endl. 

yen. pi. p. 96. Pari. fi. palerm. 1 . p. 95. 
Avenae species Wìgy. prìmìl. fi. hols. p. 10. Meri, et Koeh deiUsch. 

fi. I. p. 573. Koch syn. fi. germ. et helv. edtt. 2. p. 222. 
Triseti species Duinort. fi. helg. p. 15i. 

Spiculae 2-norae, floribus hermaphroditis, altero sessili, altero pedi- 
celiato. Glumae2, membranaceae, compresso-carinatae, muticae, gran- 
des, floribus longiores. Paleae 2, membranaceae, inferior canaliculato- 
lanceolata , basi pilis paucis , brevissimis barbata , apice bifida , dorso 
aristata, arista geniculata, infra geniculum contorta; rarissime mutica; 
palea superior angustior apice bidentata, bicarinata. Perigoni! squa- 
mulae 2 , ovato-lanceolatae, integrae , carnosae , glabrae , ovarium su- 
perantes. Stamina 3, antherisbrevibus, subrotundis. Ovarium glabrum. 
Stigmata 2, subsessilia, piumosa. Caryopsis lineari-oblonga, interne 
sulcato-subcymbiformis , paleis inferne adhaerens. 

Abito. — Piante annue, elegantissime e poco alte, con culmi de- 
licati e forniti di foglie strette e lineari, spesso setacee, con pannoc- 
chie ramose, i di cui rami capillari, e d' ordinario tricotomi e patenti 
portano delle piccole spighette , nitide, e di color quasi porporino, con 
due fioretti, rinchiusi nelle glume, i quali hanno la paglietta inferiore 
bifida all'apice e quasi prolungata ivi in due specie di sete, e dotata 
nel dorso di una aresta inginocchiata nel mezzo e contorta in basso. 



AIR A. 231 

Osservazione. — Questo genere è molto vicino al trisetum e alla 
avena, distinto però dall' uno e dall' altra principalmente per la forma 
della cariopside, e dM' avena ancora per l'ovario. 

131. Aira praecox Linn. 

A. pnnicula subspiciformi , pauciflora , conferta, glumis acutis, 
carina scabriusculis, flosculis aristatis, arista glumis duplo longiore, 
palea inferiore apice bicuspidata. 

Aira praecox Linn. sp. pi. p. 97. Ali. fi. ped. 2. p. 244. Dee. //. 
fraìic. 3. p. 44. Birol. fi. acon. 1. p. 2G. Pollin. fi. veron. 1. p. 96. 
Gaud! fi. helv. 1. p. 328. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 58. Reìch. 
fi. germ. excurs. I. p. 50. Kunth enum. pi. 1. p. 289. Beri. fi. Hai. 
I. p. 454. Coli. herb. ped. 6. p. 76. Vis. fi. dalm. 1. p. 67. 

Avena praecox Pa/is. de Beauv. agrost. p. 89. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. p. 922. 

Trisetum praecox Diimort. fior. belg. p. 154. 

TiguTe.— Curt. fi. lond. tom. 3. tah. 17. FI. dan. tab. 383. Host 
ijram. austr. 4. tab. 37. 

Nome italiano. — Panico minuto. Panico primaticcio Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ■ — Nei pascoli aridi montuOsi 

del Piemonte presso Ivrea, ove fu trovata per la prima volta dal Bei- 
lardi, vicino Domadossola ec. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 
Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa settentrionale e 
media. 

139. Aira caryopbyllea Linn. 

A. panicula capillari, subtrichotoma , erecto-patula , pedicellis 
brevibus, spiculis subapproximatis , glumis acutis, carina superne sca- 
bris, flosculis scabriusculis, utrisque aristatis, arista glumis duplo 
longiore, palea inferiore apice bicuspidata. 

Aira caryophyllea Li/m.' sp. pi. p. 97. Ali! fi. ped. 1. p. 244. ex 
parte. Dee. fi. frane. 3. p. 44. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 681. 
var. a. Presi cyp. et gram. sic. p. 28. Pollin. fi. veron. 1. p. 95. an ex 
parte? Ten. fi. nap. 3. p. 55 var. a. Griss. fi. sic. prod. 1. p. 64. Gaud. 
fi. helv. 1. p. 326. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 58. Reich. fi. germ. 
excurs. 1. p. 50. Kunth enum. pi. 1. p. 289. Bert. fi. ital. 1. p. 455. 
var. a. Comoll. fi. comens. 1. p. 99. Puccin. syn. fi. lue. 1. p. 51. 
Boìss. voy. enÉspagn. p. 650. Vis. fi. dalm. 1. p. 68. var. a. Guss. fi 



252 GRAMINACEE. 

sic.syn. i.p. 148. Pari. fi. pai. 1 . p. 98. Gries. spie. fi. rum. et bìth. 
2. p. 456. 

Aira canescens Host grani, auslr. 4- p- 2Ì . tah. 36. non Linn. 

Aira saburralis Jan elench. p. S. ex Guss. 

Avena caryophyllea Wigg. primit. fi. hols. p. IO. Koch syn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. p. 922. 

Gramen avenaceum minimum , locustis tenuissimis aristalis Mont. 
cai. stirp. agr. hon. prodr. p. 56. ex herb. secund. Bert. Segiiier pi. 
veron. 3. p. 162. 

Figure. — Host gram. auslr. 2. lab. 44. Curi. fi. lond. 1 . lab. IO. 

b. flosculo altero mutico altero aristato Bert. fi. ital. 1 . p. 456. 

Nome italiano. — Pabbio Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 9. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luogbi erbosi Special- 
mente dei monti , nelle parti apriche dei boschi , e nei campi arenosi 
della penisola, delle grandi isole di Corsica, di Sardegna e di Sicilia, 
ove si mostra più rara , e nei luoghi più elevati delle isole Eolie di Ali- 
curi, di Saline, di Stromboli e di Lipari. La varietà b. è stata raccolta 
dalBerloloni presso Sarzana. Fiorisce in Maggio e Giugno, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Frequento in Europa. Trovasi pure 
in Asia, nel Chili, nel Capo di Buona Speranza ec. 

Osservazioni. — L' atra canesceus di Host ben diversa da quella di 
Linneo non è che una forma più grande con la pannocchia più densa" 
dell'aira cartjophyllea, come già è stato avvertilo dal Gaudin e da altri 
botanici. 

133. Aira Cupaniana Guss. 

A. panicula capillari, trichotoma, patente, pedicellis brevissimis, 
spiculis approximatis , glumis erosulis, obtusis, saepe cum acumino, 
carina scabriusculis , floscuhs scabriusculis, altero mutico, altero ari- 
stato, arista glumis subduplo longiore, palea inferiore breviter bifida. 

Aira Cupaniana Guss! fi. sic. syn. I.p. 145. Pari. fi. palerm. 1. 
p. 97. 

Aira caryophyllea flosculo altero mutico Savi! bot. etrusc. 1 . p. 56. 
. Aira capillaris Guss! fi. sic. prodr. 1. p. 6i. et suppl. 1. p. 16. 
Pari. fi. panorm. 1. p. 104. 

Gramen tenue avenaceum, versicolori panicula Cup. h. calli . p. 244. 

b. flosculis utrisqUe aristatis. 

Figura. ' — Gramen tenue avenaceum , versicolori panicula Bo- 
nann. tab. 145. 



AIR A. 25"> 

Sianone, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline calcaree, nei 
campi soprattutto aridi e in luoghi arenosi marittimi della costa occi- 
dentale della penisola, donde la possiedo di Nizza, della Liguria, del- 
l' agro pisano, dei dintorni di Roma, di Terracina, delle vicinanze di 
Napoli. Cresce poi in Corsica ad Ajaccio , a Corte, ec. , ed abbondante- 
mente in Sicilia e nelle isole ad essa aggiacenti sino a quelle di Lampe- 
dusa e di Linosa. La varietà b. è stata da me raccolta nell' isola del Gi- 
glio, e r ho avuta comunicata della Sardegna dall' amico prof. Moris, 
e dei dintorni di Ajaccio, di Bonifacio e di Corte in Corsica dal Re- 
(juien. Fiorisce in Aprile e Maggio, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie propria della regione occiden- 
tale e meridionale dell' Italia e delle isole italiane qui sopra indicate. 
Io r ho ancora delle isole di Hyeres, donde mi è stata data dal Mon- 
tagne , ciò che mi fa sospettare essere questa specie particolare al ba- 
cino mediterraneo, dovendo probabilmente trovarsi nel mezzogiorno 
della Francia ed altrove. 

Osservazioni. — È quasi intermedia tra l'fljrfl caryophyllea e la ca- 
pilìaris. Si avvicina alla prima per il portamento, e per avere i pedicelli 
cortissimi, per cui le spighette sono ravvicinate, però se ne distingue per 
essere queste spighette più piccole quasi una metà , per la glume sca- 
brosette nella carena, come rosicchiate all'apice che è ottuso e fornito 
d'ordinario di una specie di acume, per avere uno dei suoi fioretti 
ordinariamente mutico, quantunque nella varietà b. sieno ambedue 
arestati , per la paglietta inferiore eh' è certamente bifida e non pro- 
lungata in specie di sete. Differisce poi dalla dira capillarìs di Host, 
alla quale si avvicina per la grandezza delle spighette , in grazia di 
avere tali spighette portate sopra cortissimi pedicelli, per cui esse sono 
avvicinate tra loro, mentre nella aira capillarìs sono portate solitarie 
all'estremità di pedicelli lunghi, e perciò queste spighette sono distanti, 
per i rami della pannocchia patenti e non divaricali , ciò che rende la 
pannocchia molto sparsa nel momento della sua fioritura. 

134. Aira capillarìs Host. 

A. panicula capillari, trichotoma, divaricata, pedicellis elongalis, 
spiculis distantibus, glumis erosulis, saepe cura acumine , carina sca- 
briusculis, flosculis scabriusculis , altero mutico, altero aristato, arista 
glumis subduplo longiore, palea inferiore breviter bifida. 

Aira capillaris Host firam-. austr. 4.p. SO. Noce, et Bnlb. fi. lì- 



i>54 GRAMINACEE. 

cin. I . p. 39. Beri, amoen. ital. 1 . p. 328. Maur. rom. pi. cent. 13. 
p. 6. Pollili, fi. veron. 1 . p. 96. Gaud. fi. helv. /. p. 3S7 in obs. ad 
.liratncaryophylleam. Reich. fi. germ. exciirs. 1 . p. 50. Beri. fi. Hai. 1. 
p. 457 . var. a. excl. syn. Cup. Bon. et Guss. Comoll! fi. corti. 1. 
p. 100. Ten. fi. nap. 5. p. 323. Coli. herb. ped. 6. p. 75. Puccin. 
sìjn. fi. lue. 1 . p. 51 . 

Aira elegans Gaud. agrost. helv. 1 . p. 130. in obs. ad airam ca- 
ryophylleam. Roem. et Schultes sysl. veg. 2. p. 682. Grìes. spìe. fi. 
rum. et hith. 2. p. 456. 

Aira caryophyllea y ci\])\\hr'\s Roem. et Schultes syst. veg. 2.p. 681 . 

Aira pulchelk Noce, et Balb. fi. tic. 1. p. 403. in omiss. et add. 
lab. 1. 

Aira caryophyllea Morie. /Z. venet. 1. p. 30. Nace. fi. venet. 1. 
p. 44. ex loco. 

Avena capillaris Mertens et Koch deutsch. fi. 1 . p. 573. Koch sgn. 
fi. germ. et helv. edìt. 2. p. 922. 

Aira caryophyllea B. Ten. fi. nap. 3. p. 55. 

Aira caryophyllea jS capillaris Vis. fi. dalin. 1 . p. 67. 

Figure. — Host gram. austr. 2. tab. 35. buona. 

b. flosculis utrisque aristatis Bert. amoèn. \ital. p. 328 et fi. 
ital. 1. p. 458. 

Aira caryophyllea Savi fi. pis. 1. p. 80 et bot. etruse. 1 . p. 56. 

Aira ambigua De Noti pi. exsiec. 

Nome italiano. — Ghinghola Nebbia Savi fi. pis. 1. p. 89. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.- — Nei Campi, nei pascoli, nelle 

colline aride ed anche nei luoghi arenosi di tutta la penisola dal Pie- 
monte, dalla Lombardia, dal Tirolo, dall'Istria sino al regno di Na- 
poli. La varietà b. si trova insieme alla specie. Io l'ho di molti luoghi, 
così dei dintorni di Bolzano, di Bassano, dei colli di Genova, del Monte 
di Portofino, di luoghi arenosi della selva pisana, delle colline di 
Prato e di altri punti di Toscana, delle vicinanze di Napoli. Non ho né 
la specie ne la varietà di alcuna delle isole italiane, ove invece si trovano 
la specie precedente e quella che siegue. Fiorisce in Maggio e Giugno, 
ed è annua. 

Distribuzione geograBca. — Oltre dell' Italia cresce questa pianta 
in Dalmazia, in Grecia, in Macedonia, in Francia ec. 

Osservazioni. — È qucsta la vera aira mpillaris di Host, che per- 
fettamente corrisponde alla figura datane da lui, e da me superiormente 
citata. Fu dapprima confusa con Vaira cargophgllea, o considerala da al- 



AIUA. 255 

tri come varietà : però è una specie ben distinta per la statura più ele- 
vata , per la pannocchia più grande , con i rami molto divaricati , per i 
pedicelli lunghi e portanti all'apice delle spighette solitarie, distanti, 
più piccole, per le glume come rosicchiate all'apice e con un piccolo 
acume, per avere d'ordinario un fioretto mutico e l'altro arestato, per 
la paglietta inferiore non molto prolungata all'apice in due specie di 
sete, per l'aresta più corta. È più vicina alla specie precedente, alla 
quale è immensamente atìlne per le spighette , ma se ne distingue per 
la composizione della pannocchia e per la maggiore divaricazione dei 
rami. Alla nostra pianta spelta senza dubbio V aira eìegans di Gaudin 
agrost. helv. formata sopra un esemplare a lui comunicato da Thomas, 
che l'avea raccolto presso Pavia, mentre la vera aira elegans è la me- 
desima dell'atra pulchella diWilldenow, alla quale deve riferirsi a mio 
avviso per la descrizione datane dal Gaudin sopra uri esemplare auten- 
tico del Willdenow Taira lendigera di Lagasca. Vedi l'osservazione alla 
aira caryophyllea dello stesso Gaudin flora helvetica tom. 1, pag. 527. 

Per Vaira capiUaris di Gussone vedi le mie osservazioni alla spe- 
cie seguente. 

Usi. — Il Savi nota nella sua flora pisana che nel 1786 le donno 
liorenline portavano per ornamento della testa le pannocchie di questa 
pianta, riunite in mazzetti, fra i veli ed i nastri. Ai nostri giorni le stesse 
pannocchie, che sono mollo eleganti, si trovano di frequente nei saloni 
per ornamento dei tavolini , dei mobili ec. 

135. Aira intermeilia Giiss. 

A. panicula capillari, trichotoma, patentissima , subcorymbosa , 
pedicellis elongatis, spiculis distantibus, glumis integris, obtusis, ca- 
rina leviusculis, flosculo altero mutico, altero aristato, arista glumas 
Vix excedente, palea inferiore brevissime bifida. 

. Aira intermedia Guss. (1. sic. suppl. prodr. 1 . p. Jfl. Pari, jl. 
panorin. 1 . p. 105. 

Aira capillaris var. x. Beri. fi. ital. I . p. 458. 

Aira corymbosa Fauch. et Chaub! in Chaiib. fi. du pélop. p. 5. 

Aira capillaris Giws. syn. fi. sic. I. p. 148. et Pari. fi. palerm. 1. 
p. 96. exclus syn. Host et Koch. 

Figura. — Pari. ic. fi. panorm. lab. 4. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — NaSCe nelle CoUiue e nei 

luoghi aridi montuosi della Sicilia , dove trovasi solo vicino Palermo 



iuG GHAMINACKE. 

a Gihìirossa o al Parco, tlolla Snrdpt^na, dnnde mi è siala gentilinenle 
lavorila dal prof. Moris, della Corsica a Bagni di Guagno , donde l'ho 
avuta da Requien e delle isole di Alicuri, Felicuri e Pantellaria. Fio- 
risce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Grescc ancora nel Peloponneso. 

Osservazioni. — Ecco la sloria di qucsla pianta. Il Gussone fu il 
primo a distinguerla nel suo supplimento primo al prodromo della flora 
siciliana col nome di atra intermedia: però più tardi nella synopsis cre- 
dette esser questa specie la vera capiUaris di Host, e non l'altra co- 
mune in Sicilia , che aveva fin allora credulo esser la capillaris e ch'egli 
quindi distingueva nella synopsis medesima col nome di Cupaniana , 
perciò ritirò la sua atra intermedia e la riporlo come sinonimo della 
atra capillaris di Host; io slesso caddi nel medesimo errore: però 
avendo ora fatto maggiore attenzione alle due piante, cioè alla capilla- 
ris di Host che cresce comunemente nella penisola e a questa che si 
trova , almeno per quanto ora ne so , soltanto nelle grandi isole supe- 
riormente citate, io non dubito un momento a considerarle come di- 
stintissime, e ciò per numerosi caratteri e particolarmente per i rami 
della pannocchia non divaricati, e quasi disposti in un corimbo, per le 
spighette più gonfie, per le glume lisce o quasi lisce nella carena, 
ottuse all' apice e senza acume, per la paglietta inferiore cortissima- 
mente bifida e meno assai che nella capillaris, per 1' aresta più corta, 
che appena sorpassa la lunghezza delle glume. 

Son sicuro del sinonimo della flora del Peloponneso per essermi 
stalo dato un esemplare dell'oim corymhosa dallo stesso Chaubard , egli 
descrisse la sua specie nel 1838, mentre il Gussone l'avea pubblicalo 
nel 1852. 

IiWJL. TRISETU]VI Pari. 

Pari. fi. paler. J.p. 102. 

Triseli species Pers. syn pi. I. p. 07. Palis. de Beaiiv. agrosl. p. 8S. 

Roem. et Schulles syst. veg. 2. p. 30. Kunlh enum. pi. 1 . p. 29o. 

Endl. yen. pi. p. 96. 
Avenae species Linn. yen. pi. p. 37. Kochsyn. fi. germ. et helv. edit. 2. 

p. 920. et pi. atict. 
Airae species Linn. sp. pi. p. 95. et pi. aiictor. 
Avenae et feslucae species Savi fi. pis. I. p. 1 16. et 132. 
Koeleriae species Link enum. 1. p. So. 



UlSETUiM. 



.)i 



Spiculae '1-ij florae, saepe cum pedicello superiore sterili, lloribus 
liermaphroditis, basi pilis barbatis vel nudis, inferiore subsessili , su- 
perioribus stipitulatis. Glumac 2, mombranaceae, oblongo-lanceo- 
latae, acutae, carinatae, muticae, inaequales, floribus plerumque 
breviores. Palcac 2, inferior major, membranaceo-berbacea , eanali- 
culato-oblongn vel lanceolata, apice biseta aut raro submutica, dorso 
aristata, arista sub medio plus minusve manifeste geniculata, infra 
geniculum subcontorta; palea superior brevior, hyalina, bifida, bica- 
rinata. Perigoni! squamulae 2, oblique-subcuneatae, subbilobae, lobis 
difformibus, raro integrae, glabrae, hyalinae. Stamina 5, vel 2, an- 
theris linearibus, longis. Ovarium elliptico.-oblongum , glabrum vel 
raro (tantum in triseto alpestri) pilis paucis apice munilum. Stigmata 
subsessilia, piumosa. Caryopsis elliptico-oblonga , compressi uscul a , 
exsulca, fflabra, nitida, libera. .: 

Abito. — Piante annue o perenni, con radico repente o fibrosa, 
dotate di culmi in cespuglio, in generale poco alti e un poco sdrajali 
in basso, con foglie più o meno strettamente lineari e per lo più 
piane, e con pannocchie composte, ora alquanto larghe e patènti, 
ora piuttosto dense e ristrette quasi in forma di spiga. Le spi- 
ghette sono di color verde, giallognolo o dorato nelle specie che 
nascono ordinariamente nei campi e nei luoghi bassi, e di colore 
argenteo o dorato in quelle proprie dei luoghi alpini. Esse por- 
tano per lo più due fioretti, rare volte 4 o 6, i quali offrono nel 
dorso della paglietta inferiore una aresta, che sporge al di fuori, 
inginocchiata più o meno sensibilmente nel mezzo e alquanto con- 
torta in basso: l'apice della stessa paglietta si termina in due pic- 
cole sete. 

Osservazioni. — Qucsto genere è ben distinto dall' avena princi- 
palmente per avere la paglietta inferiore munita all' apice di due sete, 
per r aresta in generale poco chiaramente inginocchiata , per le squa- 
mette del perigonio quasi cuneate e come bilobe , e jaline, per l'ovario 
ellittico-allungato, glabro, o con pochissimi peli (come nel solo (ri- 
aetum alpestre), infine per la cariopside glabra e non solcata interna- 
mente. Questi caratteri sono più che sufficienti per distinguere questo 
genere (hW avena, in cui la paglietta inferiore è bifida o con due la- 
cinie all' apice, r aresta fortemente inginocchiata, le squamette del pe- 
rigonio allungato-lanceolate, intere e carnoso-membranacee, l'ovario 
qua.sijn forma di pera, irsuto, la cariopside pelosa all' apice e con un 
solco longitudinale all' interno. 

Fiora Italiana. \ o\,. 1. 17 



-ì;j8 GUAMINACEIl. 

* Flosouli hasi Iculiali; spooies idoriunqiie monlanao el perennes, 
laro anmiae. 

136. Trisetuni subspicatuni Paìix. ile Beauv. 

T. panicula subspicata, ovata, vel cylindrico-sublobala, confertn, 
spiculis subtrifloris , gluma superiore ad basin subtrinervi, inferiore 
\ininervi altera paullo minore, pilis ad basin flosculorum brevissimis, 
palea inferiore apice breviter bifido-bisela, ejus arista paleam suam 
longitudine acquante, ovario glabro, foliislinearibus, planis, vaginisquo 
molliler pubescentibus, culmo subsimplici, brevi, apicem versus pube- 
scenti-tomentoso, radice fibrosa, perenni. 

Trisetum subspicatum Pa/is. de Beauv. agrost. p.88. Kunthemm. 
pi. L p. 295. 

Aira spicata Lìmi. fi. svec. edìt. ^. p. 23. et sp. pi. p. 95. Wahlenb. 
[l. lapp. p. 33. Comoll. fi. com. 1 . p. 97. 

Aira subspicata Linn. syst. nat. edìt. 12. tom. 2. p. 91. Alììon! 
fi. pedem. 2. p. 243. Bìrol. fi. acon. 1 . p. 25. Polliti, fi. veron. 1 . p. 96. 
Beri. fi. ìtal. 1. p. 445. Coli. herb. ped. 6. p. 77. 

Avena airoides Koel. gram. p. 298. Dee. fi. frati. 3. p. 37. 

Avena subspicata Claìrv. man. p. 17. Gaiid. fi. helv. 1 . p. 339. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edìt. 2. p. 921 . 

Trisetum airoides Roem. et Scìmltes syst. veg. 2. p. 666. 

Figure. — Host gram. austr. 2. p. 33. tab. 45. Reìch. ìc. cent. 11 . 
fig. 1691. 

Nome italiano. — Avena dorata Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati 6 pascoli alpini 

molto elevati delle Alpi, ove però è rara. Io l'ho di varii punti di tutta 
la catena delle Alpi dal Monte Viso sino alTirolo. Fiorisce in Luglio ed 
Agosto. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Nei climi polari del nostro emisfero 
in Lapponia, in Svezia, nell'America artica: viene poi nei Pirenei, e 
nelle Alpi. 

Osservazione. — A questa specie sembra doversi riferire Varimdo 
pygmaea di Pollini hort. et provine, veron. pi. nov. p. 4 et fi. veron. 1 . 
p.86.e diSprengel nelle mémoìr. de l'acad. de Petersb. 11. 1811 .p. 299, 
giusta la descrizione datane e la figura del Pollini che trovasi nella tav. 1 . 
della sua flora di Verona: però non oso asserirlo con sicurezza, si per- 
chè non possiedo esemplari autentici, sì ancora per qualche carattere 



THISETUM. 259 

(lato die non benissimo corrisponde alla nostra pianta; in ogni modo deve 
sempre riconoscersi nella pianta del Pollini una specie di trisetum. 

139. Trisetum Gaudinianuni Bohs. 

T. panicula spiciformi, contracta, brevi, spiculis bifloris cum ru- 
dimento floris lertii penicilliformi, gluma superiore inferno trinervi , 
pilis ad basin flosculi interioris brevibus, ad basin flosculi secundi fio- 
rem ipsura subaequantibus , palea inferiore glabriuscula , apice biseta, 
setis flosculo dimidio brevioribus, supra medium dorsi aristata, arista 
llosculis sesquilongiore, culmis brevibus, foliis vaginisque molliter pu- 
bescentibus, radice annua. 

Trisetum Gaudinianum Boìss! voij. en Ésp. p. 653. 

Avena Loefflingiana Balb. mise. hot. 1. p. i2. excl. syn. Linn. 
et Cav. Gaiid. fi. helv. I . p. 340. excl. syn. praeter Balb. 

Trisetum Cavanillesii Trin. in ad. acad. petrop. 1830. /. p. 03. 
excl. syn. Cav. Kunth enum. pi. I . p. 297. excl. syn. Cav. 

Avena neglecta Bert. fi. ital. 1. p. 113 ex parte quoad plantam 
ex Pedemontio a Balbisio acceptam. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura» — Nelle Colline aride, Sui muri 

e nello siepi della Valle di Aosta in Piemonte a Nus, Aimavìlle ec. 
Il Molineri l' lia raccolto a Susa presso Foresto. Fiorisce in Aprile e 
Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dei qui indicati luoghi e del 
Vallese, ove si trova a Montdrge presso Sion. 

Osservazioni. — Questa specie è vicinissima per il suo portamento 
al trisetum Loeffìingianum in modo che riesce molto difficile il distin- 
guere queste due specie senza esaminare le loro spighette. Il trisetum 
Loefflinrjianum , eh' è la vera avena Loefflingiana d'i Linneo e di Cavanil- 
les e che nasce presso Madrid , ha le spighette con due fioretti essendo 
il terzo ridotto al solo pedicello e mancante di quel ciuffo di peli lunghi 
che offre la nostra specie: di più i peli che stanno alla base dei due 
fioretti sono cortissimi e visibili solo con una lente , la pagHetta infe- 
riore pelosetta, e 1' aresta piij lunga, quasi due volte più dei fioretti. 
Il Trinius ha creduto di scorgere nella specie qui sopra descritta 
V avena Loefflingiana di Cavanilles, per cui l'ha distinto con il nome di 
Trisetum Cavanillesii , ma sì gli esemplari che io ho di Madrid, come 
pure la descrizione e la figura date da Cavanilles, il quale descrive la 



260 GIUMINACEE. 

pianta di Madrid, non lasciano alcun dubbio che la sua pianta sia 
quella medesima di Linneo: nella pianta di Cavanilles si descrivono 
e si figurano le spighette quali sono nel Irìsetum Loefp^ingìanum. Per 
((uesto io ho ammesso il nome dato dal Boissier per la specie de- 
scritta dal Gaudin , eh' è quella stessa di Balbis. Non dubito della spe- 
cie di Boissier e di Gaudin per esemplari autentici e per possedere 
gì' individui di questa specie raccolti a Montorge presso Sion nel Val- 
lese, donde la descrive il Gaudin. Ho veduto poi gli esemplari del Balbis 
nel suo erbario. Il De CandoUe ha descritto, come egli stesso avverte, 
la pianta spagnuola, indicando perù le località già accennate dal Balbis. 
11 Bertoloni ha confuso questa specie con l'avena neglecta; esse sono 
però così distinte che non vai la pena di precisarne le differenze. 

13S. Vrisetiiiu flavescens Palis. de Beanv. 

T. panicula composita, laxa, acquali, spiculis subtrifloris, glumis 
glabris, superiore trinervi, inferiore univervi altera diinidio minore, pilis 
ad basin flosculorum brevissimis, palea inferiore apice breviter biseta, 
ejus arista paleam suam longitudine acquante , ovario glabro , culmo 
levi, glabro, foliis vaginisque subpilosis, radice repente. 

Trisetum flavescens Palis. de Beanv. agrost. p. 88. tao. 18. fig. 1 . 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 663. Ten. jl. nap. 3. p. 99. Kunth 
enum. pi. I . p. 298. 

Avena flavescens Lìnn. sp. pi. p. J 18. Ali! fi. ped. 2. p. 255. 
Desf! jl. ali. 1 . p. JOL Savi! fi. pis. J. p. 131. Bert. pi. gerì. p. 21. 
Dee. fi. frane. 3. p. 40. Savi! hot. etrusc. I. p. 83. Berlo! . amen. ital. 
p. 120. Morie, ft. venel. J. p. 64. Pollin. fi. veron. 1. p. 138. Re fi. 
torin. 1. p. 80. Nacc. fi. venet. 1 . p. 84. Gaud. fi. helv. 1. p. 337. 
Lois. fi. gali. edìt. 2. tom. 1. p. 64. Reich. fi. gemi, exciirs. I.p.51. 
Bert. fi. ital. 1 . p. 715. Comoll! fi. comens. 1 . p. 145. Puccin. syn. 
fi. lue. 1 . p. 69. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 153. Koch syn. fi. gemi, et 
helv. edìt. 2. p. 921 . Grieseb. spìe. fi. rum. et bìth. 2. p. 454. 

Trisetum pratense Pers. syn. pi. 1. p. 97. Ruchìng. fi. dei lidi venet. 

.. IO 
p. oo. 

Gramen avenaceum, pratense, elatius, panicula flavescente , lo- 
custis parvis Mont. cai. stìrp. agr. honon. prodr. p. 55. Seguier pi. 
veron. 1 . p. 353. 

Gramen avenaceum, pratense, locustis splendentibus et aristalis 
Seguier? I. e. 



TRISETUM. 26) 

rigate. — Host ijram. auslr. 3. lab. 38. Reich. icon. cent. Il 
(ì(j. I69i. 

Gramen spica divulsa, sericea, avenaceis gluinis aureis Cup. 
pamph. sic. I . lab. 193. 

b. alpinum, spiculis ex atro-violaceo-auratis, nitidis. 

Avena purpurascens Dee. cat. pi. ìiort. boi. monsp. p. S2. 

Avena alpestris Dee! fi. frane. 6. p. '260. excl. syn. Hostii el 
Schrad . 

Triselum tlavescens var. y Roem. et Sdiiilles syst. veg. 2. p. 064. 

Avena flavescens var. 7 Gaiid. fi. helv. 1. p. 337 Bert fi Hai 
1. p. 116. 

Figura. — Reich. icon. cent. li. fig. 1696. 

e. splendens, panicula conferliuscuia , spiculis 2-5 floris, vel 
i2-flons cum rudimento floris superioris aristato, foliis angustioribus. 

Trisetum splendens Presi cyp. et grani, sic. 1. p. 30. Schuites 
mani. 2. p. 310. 

Avena splendens Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 126. 

Avena flavescens Guss. syn. fl.'sic. 1. p. 153. 

Trisetum flavescens Pari. fi. palerm. 1. p. 103. 

Nome italiano. — Gramigna bianca Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 32. 

Stazione, Abitaiione e Fioritura. — Nasce Comunemente nei prati 
bassi e nei luoghi erbosi delle colline dell* Italia settentrionale, ove cre- 
sce pure nei prati e nei pascoli montuosi ed alpini. Nell'Italia centrale 
e soprattutto nella meridionale incontrasi a preferenza nei luoghi mon- 
tuosi ed elevati. La varietà b. ama i prati delle Alpi. È propria la va- 
rietà e. di Sicilia, ove si trova nelle alte montagne piuttosto elevate, 
specialmente della parte settentrionale dell'isola. Ho avuto ancora que- 
sta varietà della Sardegna, comunicatami dall'amico prof. Moris. Fio- 
risce in Maggio e Giugno e nei luoghi alpini in Giugno e Luglio. É pe- 



renne. 



Distribuzione geografica. — Specie sparsa quasi dapertutto nei 
climi medii dell' emisfero boreale in Europa, in Asia ed in America. 

Osservazione. — Non avrei distinta come varietà la forma alpina 
di questa specie , notabile solo per il colore violaceo-dorato delle sue 
spighette, non essendo mio costume il considerare queste variazioni 
di colore nate dal luogo come varietà, se non avesse per questa forma 
l'atto il De Candolle una specie a parte col nome di aveìia purpurascens, 
che credette poi considerare come una semplice varietà Adì' avena alpe- 
stris. Quanto alle difl"erenzc di questa forma alpina del Irisetum (lave- 



262 GRAMINACEE. 

scens tlal trisetum alpestre vedi le mie osservazioni alla specie seguente. 
La varietà e. ha la pannocchia più ristretta, le spighette spesso con 
(lue fiori, o con un terzo fiore, ch'è qualche volta solo rudimentario. 
La paglietta inferiore del secondo fioretto e anche talora del terzo offre 
alcuni peli nei lati, però s' incontra spesso affatto glabra, le foglie sono 
più strettamente lineari. 

Usi. — E un buon fieno, gradito dal bestiame. 

139. Trisetum alpestre Palis. de Beauv. 

T. panicula composita, strida, pauciflora, spiculis subtrifloris, 
glumis glabris, superiore trinervi, inferiore uninervi altera paullo mi- 
nore, pilis ad basin flosculorum brevibus, palea inferiore apice brevi- 
ter biseta, ejus arista palea sua subduplo longiore, ovario apicem 
versus pilis raris praedito, culmo levi, glabro, foliis linearibus, pla- 
nis, vaginisque subpilosis, radice fibrosa, perenni. 

Trisetum alpestre Palis. de Beauv. agrost. p. 88. var. a. Roeni. et 
Schulles syst. veg. S. p. 665. 

Avena alpestris Host gram. austr. 3. p. 27. fìeich. fl. gemi, ex- 
cms. 1 . p. 5i . Kiinth enum. pi. 1 . p. S99. var. a. Bertol. fi. Hai. 2. 
p. 611 . Koch syn. fl. gemi, et lielv. edit. 2. p. 921. 

Avena sesquitertia Host syn. p. 60. 

Avena purpurascens De iVo/. index semin. reg. liort. hot. genuens. 
anno 1847. p. 25. excl. syn. Dee. et Gaud. 

Figure. — Host gram. austr. 3. tab. 39. Reich. icon. cent. 11. 
fig. nOi-5. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli alpini. Ho avuta 

comunicata questa specie dal sig. Rota , il quale la raccolse nelle Prealpi 
Bergamasche e la credette la forma alpina del trisetum flavescens. 
Cresce pure nelle Alpi tirolesi. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è pe- 
renne. 

Distribuzione geograeca. — Nelle Alpi dell'Europa media. 

Osservazione. — Questa specie è sommamente affine alla specie 
precedente, e soprattutto alla forma alpina di essa: però ne è senza 
dubbio distinta per la pannocchia meno ramosa, più stretta e assotti- 
«•liata verso l'apice, per i rami portanti un numero minore di spighette, 
per le elume molto meno disuguali tra loro , mentre nel trisetum /?n- 
rescens la gluma inferiore è quasi una metà più corta dell'altra, per 
l'ovario dotato all'apice di pochi peli e sparsi, e non del tutto glabro. 



THISETUM, -20.". 

t40. Trisettim Burnoufii Req. 

T. panicula strida, pauciflora, spiculis 3-4 floris, glumis puberu- 
li:5, superiore Irinervi, inferiore uninervi altera subdiinidio minore, pilis 
ad basin flosculorum brcvissimis, palea inferiore apice longe biseta , 
ejus arista paleam suam longitudine superante, ovario glabro, culmo 
rachideque puberulis , foliis lineari-filiformibus , vaginisque pubescenti- 
bus, radice perenni. 

Trisetum Burnoufii Req. pi. exsìcc. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Mi è Stata Comunicata dal- 
l' amico Requien che ha scoperta questa specie in Corsica, ove l'ha 
raccolta sopra le rupi umide, e sopra un vecchio muro di una fontana 
a Corte e a Niolo. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'isola di Corsica. 

Osservazione. — Specie dotata di una pubescenza quasi tomentosa 
nelle foglie, nelle guaine, nel culmo, nella rachide, nei pedicelli, nelle 
glume. Ha le foglie strettissime e come filiformi, la pannocchia stretta, 
corta, con rami cortissimi , portanti poche spighette, che sono di un co- 
lore verde argenteo, splendenti, e che hanno 3 o 4 fioretti, la di cui 
paglietta inferiore è terminata da due sete lunghe più di quelle che si 
osservano nel trisetum flavescens. 

141. Trisetum disticltophyllum Palis. de Reauv. 

T. .panicula composita, diffusa, pauciflora, spiculis subtrifloris , 
glumis glabris, utrisque trinerviis, inferiore altera pauUo minore, pilis 
ad basin floris inferioris flore ipso dimidio brevioribus , palea inferiore 
apice breviter biseta, ejus arista paleam suam longitudine acquante, ova- 
rio glabro, foliis brevibus, distichis, approximatis, planis, vaginisque 
glabriusculisvel puberulis, culmo basi ramoso, glabro, radice repente. 

Trisetum distichophyllum Palìs. de Reauv. agrost. p. 88. Roem. 
et SchuUes syst. veg. 2. p. 666. Kunth enum. pi. 1 . p. 298. 

Avena disticha Lamk. encycl. meth. 1 . edit. de Paris tom.1 . p. 333. 

Avena distichophylla Villars pi. du daiiph. 2. p. 144. Rellard. 
osserv. hot. p. 53. Ali! aud. p. 44. Dee! fi. frane. 3. p. 36. Pers! 
syn. pi. /. p. 101. ex specimine. Rirol. fi. acon. 1. p. 35. Gaud. fi. 
helv. 1. p. 338. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 64. Reich. fi. cjerm. 



'-Hii Cr.AMINACKE. 

excurs. I. p. rjj. Beri. fi. ital. I. p. 710. Koch sipi. fi. gerii,, et lielv. 
edit. i?. ;). 9?J. 

Avena brevifolia Ilost (jram. auslr. 3. p. '28. Sckrad. fi. gemi. 1. 
p. 880. 

Trisetum brevifolium Tìoem. et Schuìtes syst. veg. 2. p. 605. 

Figure. — Villars pi. du datiph. lab. 4. Ilost grani, austr. ?,. 
lab. 40. Reich. icon. cent. II. fig. 1693. 

Nome italiano.' — Gramigna screziata Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In mezzO ai sassi e nei luoghi 

ghiajosi dei torrenti delle Alpi ove l'ho raccolto nella regione dell'abete 
e del larice sino a 1900 m. d' altezza. Abbonda nelle Alpi Piemontesi, 
nella valle di Aosta , l'ho pure del monte Braulio della provincia di 
Como, avuta dal Prof. Comolli, e delle Alpi Tirolesi, donde mi è 
stata comunicata dall' amico Zanardini. 11 Loiselleur la dice nativa anche 
di Corsica, io perù non la possiedo di questa isola. Fiorisce in Luglio 
ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie frequente nelle Alpi. 

149. Trisetum argenteiini Roem. et Schuìtes. 

T. panicula composita, dilTusa, paucitlora, spiculis sublrifloris, glu- 
rais glabris, superiore ad basin innervi, inferiore altera panilo minore 
uninervi , pilis ad basin floris inferioris tertiam floris sui partem aequan- 
libus, palea inferiore apice breviter biseta, ejus arista paleam suam lon- 
gitudine aequante, ovario glabro , foliis iongiusculis, distichis, planis, 
vaginisque puberulisvelglabriusculis, culmo basi ramoso, glabro, radice 
repente. 

Trisetum argenteum Roem. et Schuìtes syst. veg. 2. y. 665. Kuniìi 
enum. pi. I . p. 298. 

Avena argentea Wiììd. enum. h. berci . I.p. 125. Reich. fi. germ. 
exctirs. I . p. 51 . Bert. fi. ital. I.p. 718. Comoìl. fi. comens. I.p. 146. 

Avena sesquitertia ÌVi/W. sp. pi. I. pari. I.p. 448. sec. Willd. ips. 

Avena distichophylla Host grani, austr. 2. p. 39. Sciirad. //. 
germ. I. p. 380. Poìlin. fi. veron. 1. p. 137. non Vili. 

Figure. — Host gram. austr. 2. tab. 53. Reicli. icon. cent. II. 
fig. 1492. 

h. parviflora, spiculis minoribus, subbitloris. 

Avena Piotae De Noti herb. 

Nome italiano. — Gramigna argentina Bert. l. e. 



TKlSETUiM. my 

Stazione, Abitazione e Pioritura. — Nei prati :il[)ÌUl e nei luoghi 

ghiajosi dei torrenti delle Alpi. Io l'ho dei monti della provincia di 
Como, del Baldo, delle Alpi di Verona e del Tirolo. La varietà b. mi è 
stata data dal sig. Rota che l'ha trovato nel monte Resegone della provin- 
cia di Bergamo e di nuovo dal De Nolaris, a cui l'avea comunicato il 
Rota medesimo. Fiorisce in Luglio ed Agosto. E perenne. 

Distribuzione geografica. —Si trova nelle Alpi della Svizzera, del 
Tirolo, della Carniolia, della Carintia. 

Osservazione. — Questa Specie distinguesi dalla precedente, a cui 
è affine, per le foghe meno ravvicinate e piti lunghe, per la pannoc- 
chia i di cui rami inferiori portano da 4 a 8 spighette mentre essi ne 
hanno 5 o 4 neìtrisetumdislidiophìjlhim, per queste spighette più pic- 
cole, per la gluma superiore soltanto con tre nervi in basso e non tutte 
e due con tre nervi, per i peli del fioretto inferiore lunghi solo il terzo e 
non la metà di questo fioretto ec. Varia per il colore delle spighette di 
violaceo-argenteo e di violaceo-dorato ; gli individui che crescono nei 
luoghi più elevati delle Alpi hanno le spighette violaceo-dorate simili a 
quelle del tiìsetum alpeslre: i peli però posti alla base dei fioretti che 
son lunghi nel trisetvm argenteum faranno distinguere subito questa 
specie da quella. Non mi pare di poter considerare Yavena Rotae di 
De Notaris come una buona specie, io la credo una varietà dell' «r- 
gentea a spighette più piccole e d'ordinario con due fioretti. 

143. Trisetiiiii gracile Par-l. 

T. panicula subsimplici, subovata, brevi, spiculis plerumque 
o-floris vel raro 4-floris, glurais glabris, superiore prope basin tri- 
nervi, inferiore altera panilo minore uninervi , pilis ab basin tloris infe- 
rioris quintam floris sui parlern aequantibus , palea inferiore a basi ad 
medium carina villosa, apice longiuscule biseta , ovario glabro, foliis 
brevissimis, anguste linearibus, rigidis, inferioribus involuto-filiformi- 
bus, vaginisque glabris, culmis caespitosis, glabris, radice fibrosa. 

Avena gracilis Moris! stirp. sard. elench. fase. 1 . p. 50. Bert. 
fi. ital. 1. p. 710. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli montuOsi di Ge- 

nargentu, del Monte S. Padre e di Macomer nell'isola di Sardegna, ove 
questa bella specie fu scoperta dall' amico Moris , da cui mi è stata 
gentilmente comunicata. Fiorisce in Giugno ed è perenne. 



-2(]{\ (iUAMlNACEl!:. 

Diitribuzione geografica. — Specie propria della Sardegna. 

Osservazione. — Pianta distintissima da tutte le altre di questo 
genere nò affatto da confondersi con il trisetum dislichophìjlhm , come 
l'ha sospettato il Kunth. 

144. Trifietum villosuni Scìmlles. 

T. paniculae compositae, oblongae, subnutantis ramis erecto-pa- 
tentibus, spiculis subbifloris, glumisglabris, superiore ad basin trinervi, 
inferiore uninervi altera minore, pilis ad basin floris inferioris tertiam 
floris sui partem aequantibifs, palea inferiore apice longe bisefa, ejus 
arista paleam suam longitudine duplo superante, ovario glabro, foliis 
elongatis, angustissime linearibus, denium convoluto-fdiformibus, extus 
vaginisque glabriusculis , culmo gracili, villoso, radice repente. 

Trisetum villosum Schuìles sijst. veget. mant. 2. p: 368. 

Avena villosa Beri. exc. de re herb. p. 6. et in opusc. scient. di Dolo- 
gn. 4. p. 222. Ten. (l. nap. 3. p. 97. Guss. pi. rar p. 54. Savi pugili, 
di piante p. 5. Kunth enum. pi. J. p. 30o. Bert. fi. Hai. 1 . p. 709. 

Gramen avenaceum, alpinum, minimum, perenne, capillaceo fo- 
lio, caule lanuginoso, canescente, panicula argentea splendente, glu- 
mis villosis, cum aristis longioribus tortilibus Mich. in Till. cut. hort. 
jiis. p. 74. ''%., 

Figura. — Guss. pi. rar. tab. 10. fig. 2. 

b. culmis glaberrimis Guss. l. e. p. 53. 

Figura. — Reich. icon. cent. 11. fig. 1706. 

Nome italiano. — Vena lanuginosa Bert. fi. Hai. 1. p. 709. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle fessure delle rupi del 

Monte Corno negli Abruzzi , ove fu scoperta per la prima volta tra i 
moderni dal sig. Orsini, da cui mi è stata data, come ancora negli 
Abruzzi medesimi nel monte Costone, nel monte Intermesole ec. dove 
r hanno osservata ì\ Gussonc e il Tenore. Cresce pure nell'Appennino 
delle Marche al monte Volubrio a Bocca di Foce, donde me l' hanno co- 
municata i signori Narducci e Marzialetti, e nei monti di Camerino, ove 
l'ha trovato il sig. Ottaviani. Il Micheli che fu il primo e antico scopri- 
tore di questa bella specie negli Abruzzi dice nel citato catalogo del- 
l' orto pisano di Till di averla dei luoghi alpini di Toscana, ma che per 
il tempo scorso da che la raccolse non si rammentava del luogo preciso. 
Esiste nel suo erbario senza indicazione di luogo di sorta. La varietà b. 
è stata trovata dal Gussone nell'Abruzzo stesso presso Chiarino alla 



TRISETUM. ^2(')7 

discesa del ponle delle Capezze verso Campiglione. Fiorisce in Luglic» 
ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie italiana propria dei citali luo- 
ghi dell'Appennino centrale. 

* Flosculi basi nudi, in solo trìseto wi/rian/Zio pilis brevissimis bar- 
bali, parvi ; species arvenses et annuae. 

145. Trisetiim aureum Ten. 

T. panicula brevi, ovata , sub anthesi patente, demum conlracta, 
spiculis subtrilloris, gluma superiore ad basin Innervi, inferiore uninervi 
altera pauUo minore, flosculis basi nudis, palea inferiore apice breviler 
biscia, ejus arista paleam suam longitudine superante, ovario glabro, 
foliis linearibus, planis, intus pilosis, vaginis glabris, culmo basi ra- 
moso, glabro, radice fibrosa, annua. 

Trisetum aureum Ten! fi. nap. 2. p. 378 et 3. p. 100. 

Trisetum Loefìflingianum Presi cyp. et gram. sic.p. 30. non Palis. 
de Beauv. 

Koeleria aurea Ten. corso di hot. lez. part. 1. p. 58. 

Avena condensata Link eniim. alt. h. reg. bsrol. 1. p. 82. Bert. 
lucubr. p. 7. et in opusc. scient. di Bologn. 4. p. 306. Giiss. pi. rar. 
p. 53. et fi. sic. prodr. 1. p. 127. Savi pugili, di piante p. 6. Fiorin! 
append. al prodr. della fi. rom. p. 4. et in giorn. dei leti, di Pisa 1828. 
toni. 17. p. 112. Bert. fi. ital. I.p. 712. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 152. 

Trisetum condensatum Schultes sijst veg. mant. 2. p. 366. Kunth 
emim. pi. 1 . p. ?96. Pari. fi. palerm. 1. p. 105. 

Avena sicula Spreng. syst. veg. 1. p. 335. 

Avena pumila Z)' Urvill. enum. pi. ins. archip. p. 11. non Desf. 

Figura. — Ten. fi. nap. tah. 107. 

Gramen panicula compacta, fulvo-lucidula Clip, pamph. sic. 2. 
lab. 74. 

Gramen «rundinis panicula compacta, fulvo-lucidula Bon. lab. 6. 

Nome italiano. — Vena paleino dorato Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi marittimi, nelle 
colline sterili e lungo le strade nell'Italia meridionale da Terracina in poi 
sino in Calabria e nella Terra di Otranto. E comunissima in Sicilia ove 
forma dei prati interi, e cresce pure nelle isole di Favignana, Levanzo, 
Panlellaria, Malta e Lampedusa. Fiorisce da Aprile a Giugno ed è annua. 



2GS GRAMLNACEE. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Italia meridionale , della 
Sicilia, delle isole che stanno ad occidente e a mezzodì di questa, e 
della Grecia, donde 1' ho avuta dal sig. Sartori. 

Osservazioni. — Negli esemplari che ho dell' isola di Malta la pa- ' 
ghetta inferiore del fioretto superiore è sparsa di peli all'esterno: sono 
esemplari magri raccolti in luoghi sterili. 

Ho ritenuto il nome dato dal Tenore per essere stato questo bo- 
tanico il primo a descrivere questa specie nel supplimento terzo a! pro- 
dromo della tlora napoletana posto in fine al 2" tomo di questa fiora e 
pubblicato nel 1820, mentre V avena condensata fu descritta da Link 
nel 1821. Già il Tenore l'avea descritto come specie novella col nome 
di Koeleria aurea nel suo corso di hot. lez. toni. -i. part. I . y. 58. 

14©. Trìsetum neglectum Roem. et Schultes. 

T. panicula composita , oblonga vel cylindracea , sublobata , sub 
anthesi patente, demum contracta, spiculis 4-6 floris, gluma superiore 
trinervi, inferiore uninervi altera pauUo minore, flosculis basi nudis, 
palea inferiore apice brevissime biseta aut submufica , ejus arista pa- 
leam suam longitudine acquante, ovario glabro, foliis linearibus, planis, 
vaginisque villosis, culmo basi ramoso, glabro, radice fibrosa, annua. 

Trisetum neglectum Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 660. Presi 
eijp. et grani, sic. p. 29. Ten. fi. nap. 3. p. 99. Kunth enmn. pi. I . 
p. 296. Boiss. voij. en Espagn. p. 652. 

Avena panicea Lam/1;. ill.p. 202. n. Il 17. Desf! fi. ali. 1 . p. 103. 
Lois. fi. gali. edit. 2. ioni. 1 . p. 62. 

Avena neglecta Savi! fi. pis. 1 . p. 132. et hot. etriisc. I. p. 84. 
Birol. fi. acon. 1. p. 35. Pollin. fi. veron. 1 . p. HO. Guss! pi. rar. 
p. 54. etprodr. fi. sic. I. p. 127. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. p. 44. 
Bertol. fi. ital. 1. p. 173. ex parte. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 152. Puc- 
cini add. ad syn. pi. lucens. in gìorn. hot. ital. anno 1. Ioni. I.part. I. 
p. 121. 

Trisetum hispanicum j3? pisanum Pers. syn. pi. 1 . p. 97. 

Gramen spicatum , maritimum , serotinum , hirsutura , rainus , 
spica breviori, molli et laxa, locusUs ex albo et viridi variegatis, arista- 
tis Midi, in fili. cai. liort. pis. p. 72. et herb. 

Figura. — Savi fi. pis. 1. lab. 1. fìg. 4. 

Nome italiano. — Vena biancastra Savi fi. pis. 1. p. 132. Vena 
pa.nichina Beri. l. e. 



TlilSETUM. ^JGO 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi erbosi special- 
mente marittimi, lancio le strade e qualche volta anche sui muri, nella 
costa occidentale e nella parte meridionale della penisola, in Sicilia, 
ed in Corsica. Fiorisce in Maggio e Giugno e nei paesi più meridionali 
in Aprile e Maggio, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — E propria del bacino mediterraneo, 
si trova in Portogallo, in Spagna, in Francia, in Italia, in Sicilia, in 
Corsica, in Algeri; cresce ancora nelle Isole Canarie. 

Osservazioni.' — Qucsta specio distinta da Lamark prima del Savi, 
e da lui detta avena panicea dovrebbe riportarsi al genere Irisetum con 
il nome specifico di panicenm, se non ostasse il trovarsi nella sìjnopsìs 
plantarum di Persoon un trisetum paniceum , che mi è dubbio se sia lo 
stesso della specie lamarchiana ; anzi mi pare diverso , mentre il Per- 
soon parla a parte della pianta pisana del Savi. In questo dubbio avrei 
dovuto riportare la nostra [)ianta col nome di trisetum Lamarkii per ram- 
mentare così l'autore che la scoprì, ma esistendo già un nome nei triseli 
per esso quale è quello di trisetum neglectiim e non volendo per altro 
ricorrere a nomi nuovi che nel caso di una vera necessità , io ho con- 
servalo così il trisetum neglectum. 

In tutti gli esemplari da me posseduti, e non sono pochi, ho osser- 
vato le glume sempre glabre; ad essi perfettamente corrisponde l'avena 
panicea di Desfontaines , come ho potuto vedere nel suo erbario. 

Varii botanici hanno già notato doversi considerare come una 
specie fittizia YhoìcusSavii di Sprengel pugili. 1 . p. 8 da lui fondato so- 
pra l'avena neglectaài Savi probabilmente con la pannocchia dell'aliena 
condensata: lo Sprengel medesimo non ha creduto più tardi di far figu- 
rare questa pianta nel suo systema vegetabilium, forse perchè accortosi 
dello sbaglio preso. 



149. Trisetum pai'Tifloruni P 



ers. 



T. panicula elongata , ramosissima , multiflora , patula , post an- 
Ihesincontracta, spiculis2-5floris, gluma superiore trinervi, inferiore 
altera dimidio minore, flosculis basi nudis; palea inferiore apice bre- 
vissime biseta, ejus arista prope apicem orla, palea sua subduplo lon- 
giore, ovario glabro, foliis linearibus, planis, vaginisque pilosis, ligula 
brevissima, truncata, culmo basi ramoso, superne subpiloso, radice 
fibrosa, annua. 

'frisetum parvillorurn Pers. sgn. pi. I. p. 97. Roem. et Scluiltes 



270 GRAMINACEE. 

sijst. veg. 2 p. 059. Presi ctjp. et gram. sic. p. 20. Ten. fi. nap. 3 
ji. 99. Kiinlh emim. pi. i. p. 296. Pari. fi. palerm. 1 . p. iOi. 

Avena parviflora Desf. fi. ali. 1. p. 103. Guss. fi. sic. prodr. 1 . 
p. 126. Beri. fi. Hai. 1. p. 721 . Puccini syn. fi. lucens. p. 69. Guss. 
.syn. fi. sic. 1. p. 153. 

Festuca segetuni Savi! fi. pis. 1 . p. 116. et hot. elrusc. I . p. 69. 
Sei), et Maur. fi. rom. prodr. p. 48. 

Trisetum micranthum Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 659. ex 
Kunth. 

Koeleria parviflora Link envm. alt. h. reg. berol. 1. p. 83 

Gramen satorum , paniculis inultis parvis, brevibus, atroviridibus, 
iiiterdum nigrescentibus Clip. h. calli, p. 92. 

Gramen paniculatum, arvense, latifolium, birsutum, annuum, lo- 
custis tenuissimis, viridibus et arislatis Mic/i. in Till. cat. hort. pis. 
ji. 75 et herb. 

Figure. — Desf. fi. Hai. 1 . lab. 32. Savi fi. pis. 1. lab. 1 fìg. 3. 

Nome italiano. — Paleo dc' campi Savi l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi in mezzO al grani, 

lungo le strade di campagna e nelle colline aride dell' Italia centrale 
ove si trova presso Lucca , Pisa , Fuceccbio in' Toscana , e presso Ro- 
ma. Abbonda nel regno di Napoli, è comunissima in Sicilia, ed è fre- 
quente nell'isola di Sardegna. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è annua. 
Distribuzione geografica. — Oltre dei luoghi qui sopra indicati si 
Irò va pure in Barbarla . 

149. Trisetum luyrianthum Pari. 

T. panicula elongata, ramosissima, multiflora, patula, post an- 
lliesin contrada, spiculis bifloris, gluma superiore ad basin trinervi , 
interiore uninervi altera pauUo minore, flosculis basi brevissime barba- 
tis, palea inferiore apice breviter biseta, ejus arista e medio dorsi erta, 
paleam suam longitudine acquante, ovario glabro, foliis anguste linea- 
ribus, planis, intus puberulis, extus vaginisque glabris, ligula lunga, 
acuminata, culmo glabro, radice fibrosa, annua. 

Avena myriantha jBer^ fi. Hai. 1 . p. 722. Cesai, icon. slirp Hai 
univ. fase. 3. 

Avena mediolanensis Balsam. et De Noi! ined. in Comoll. fi. co- 
mens. 1. p. 147. 

Avena agrostoides Gries, spie. fi. rum. et bilh. 2. p. 45i. 



TRISETUiM. -J7I 

Figura. — Cesali I. e. Avena tenuiftora Beri, m Rekh. icon. ceni. 
11. fiy. 1688. 

Nome italiano. — Paléo migliarino Be7't. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nasce nei Campi preSSO ì\li- 

lano e Pavia, donde 1' ho avuta dai sig""'. De Notaris, Balsamo-Crivelli 
e Rola, ad Alba in Piemonte, giusta un' esemplare dell' erbario del 
giardino di Torino, ove sta col nome di festuca bromoides, come pure nei 
campi montuosi sopra Savona, nella Riviera di Piemonte, donde mi è 
stata comunicata dal citato amico De Notaris. Fiorisce in Luglio ed è 
annua. 

Distribuzione geografica. — Specie trovata, oltre d'Italia, nel 
Peloponneso dal sig. Sartori, da cui mi è stata data, e dal Griesebacli 
nella Romania. 

Osservazioni. — E benissimo distinta per caratteri numerosi dalla 
specie precedente, a cui per altro è affine, sicché credo inutile il qui 
notarne le differenze, rilevandosi per altro molto facilmente dal paragone 
delle rispettive frasi specifiche. Il Griesebach, che non vide gli esem- 
plari italiani, credette di ravvisare nella sua pianta di Romania una spe- 
cie diversa dalla nostra ; però io non posso crederle che perfettamente 
sinonimi , stando alla descrizione e all'esemplare avuto del Peloponneso 
dal sig. Martori. 

Varia questa specie per la paglietta inferiore ora più ora meno 
pelosa affatto glabra. 

liX, VEl^TEUTATA Pari. 



Ventenatae specie iiioe/. gram. p. 272. 

Avènae species Vili. hist. des plani, du dauph. 2. p. 148. Ali. nncl. 

p. -io. Leers lierh. p. 41. Moench. melh. p. 195 et pi. aiicl. 
Triseti species Pers. syn. pi. J. p. 07. Roem. et Schulles syst. verj. '•2. 

p. SO. Kunth enum. pi. 1 . p. 208. 

Spiculae 2-4 florae, floribus hermaphroditis, inferiore subsessili 
basi nudo, superiore vel superioribus stipitulatis, distantibus, basi bar 
batis. Glumae 2, membranaceae, oblongo-lanceolatae , acuminatae, 
carinatae, inaequales, majore flosculis subaequali. Paleae 2, valde 
inaequales, inferior oblongo-lanceolata, membranacea, in flore inferiore 
apice integra et in aristam brevem, rectam, subulatam producla, dorso 



-27:2 (.UAMINACEE. 

inermis, in ilore vel tlonhus suporioriluis apice bilìdo-scti^era , dorso 
aristala, arista in medio geniculata, infra geniculum contorta; pa- 
lea superior multo minor, hyalina, apice subintegra, bicarinata, ca- 
rinis hispido-cilialis. Perigoni! squaraulae 2, sublanceolatae, inte- 
grae, glabrae, ovario breviores. Stamina o vel 2, antheris linearibus. 
Ovarium obconicum, glabrum, substipitatum. Styli 2, brevissimi. 
Stigmata2, piumosa. Caryopsis lineari-oblonga, antice longitudinaliter 
canaliculata , glabra, libera. 

Abito. — Pianta annua, con culmi in cespuglio, diritti o ascendenti, 
con foglie lineari, strette, acuminate, scabre nei margini e nella loro pa- 
gina inferiore, ove sono anche un poco pubescenti, che si avvolgono più 
tardi, con pannocchia ramosa, con i rami alternativamente semiverticilla- 
ti, e che si dividono ancor essi per portare delle spighette lanceolate , al- 
quanto compresse , di color verde pallido e argentee , ovvero miste di 
porporino e di argenteo : le glume ineguali offrono molti nervi assai 
rilevati e scabri , e cinque nervi molto pronunziati ha la paglietta in- 
feriore, la quale nel fioretto inferiore si termina all'apice in un acu- 
me prolungato in una aresta diritta, e negli altri fioretti questa pa- 
glietta è dotala all'apice di due sete lunghe e nel dorso di una aresta 
lunga, inginocchiata e contorta inferiormente. ' 

Osservazioni. -^ Ho ammesso come buono il genere Vcntenata, 
già stabilito da Koelero, di cui ho però riformato i caratteri, imperoc- 
ché la pianta, sul quale è fondato, non può affatto riferirsi n\V avena 
nò al tiiseium. Differisce dalla prima per l'ovario glabro, e non irsuto, 
per la cariopside allungalo-lineare, glabra, e scanalata internamente, 
e non quasi fusiforme, pelosa all'apice e solo con un solco longitudinale 
all'interno, e dal irise/wm per l'ovario quasi della forma di un cono 
a rovescio e non allungato-eUittico , per la cariopside scanalata e. non 
senza solco o canale di sorta , e da ambedue per il fioretto inferiore 
che si termina all'apice in una aresta, corta, diritta, senza alcuna are- 
si a dorsale. 

149. Veiitenatfi arenacea Koel. 

Ventenata avenacea Koeì. gi-am. p. S74. 

Avena dubia Leers. herb. p. 41 . 

Avena triaristata Vili. hist. des plani, du dauph. 3. p. 148. 

Avena fertihs Ali! auct. p. 45. 

Avena tennis Moench. meih. p. 195. Dee. fi. frane. 3. p. S9. Noce. 



VENTENATA. -273 

et Balb. fi. ticin. /. p. US. Pollin! fi. veron. I.p. 138. (Jaiid. fi. heh. 1. 
p. 335. Lois: fi. (jall. edit. 9. toni. Lp. 03. Bertol. fi. ital. I.p. 697. 
Koch syn. fi. gemi, et ìielv. edit. 2. p. 920. excl. syn. avenae striatae 
Lamk. 

Trisetum striatum Pers. syn. pi. I . p. 97. Presi cyp. et fjram. 
sic. p. 29. 

Trisetum tenue Roem. et SchuUes syst. veg. 2. p. 657. Ten! fi. 
nap. 3. p. 98. Knnth enum. pi. 1 . p. 298. excl. syn. avenae striatae 
Lamk. 

Figura. — Ilost gìwn. aiislr. 2. lab. 55. Reich. icon. cent. 11. 
jìg. 1690. 

Nome italiano. — Vena gentile Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle Colline e nei luOghi 

montuosi aprici e sterili del Piemonte, del Pavese, del Veronese, della 
Toscana, dellle Marche, dell' Umbria, degli Abruzzi, della Calabria. Forse 
si trova in molti altri punti della penisola , però non si conosce finora 
che d^ paesi qui sopra indicati. Fiorisce in Maggio e Giugno ed A 
annua. 

Ì>istribuzione geografica. — Nell'Europa ed in Siberia. 

I.'S.I. AVEIVA Pari. 

Pari. fi. palerm. 1. p. 106. 

Avenae species Linn. gen. p. 37. Palis. de Beauv.p. 89. Kunth enum. 
pi. I.p. 200. Endl. gen. pi. p. 96. 

Spiculae 2-8 florae, flosculis remotis, hermaphroditis, basi pilis 
barbatis vel nudiusculis, summo tabescente, (in mea avena uniflora, 
specie. canariense, spiculae tantum uniflorae). Glumae 2, membra- 
naceae, concavae, muticae, subaequales, floribus subbreviores, vel 
illos superantes. Paleae 2, inferior membranaceo-herbacea , oblongo- 
lanceulata, apice bifida vel bilaciniata, dorso praesertim in flosculis in- 
ferioribus aristata , arista geniculata , infi'a geniculum tortili , phcata , 
superne attenuata; palea superior brevior, apice bidentata, bicarinata. 
Perigonii squamulae2, oblongo-lanceolatae, acutae, integrae, carnoso- 
membranaceae, glabrae. Stamina 5, antheris linearibus , longis. Ovai- 
rium subpyriforme, hirsutum. Stigmata 2, sessilia, piumosa. Caryopsis 
elongata, subfusiformis , interne sulco longitudinali exarata, apice pi- 
losa, paleis tecta. 

Fiora Itamana. Vi>r.. 1. J8 



-J7i GUAMINACKK. 

Abito. — Pianle orliacoe o perenni , lornianli d'ordinario dei ce- 
s|)ugli, sposso alle, con culmi nodosi, con foglie piane e lineari, ma 
in alcune specie avvolte e setacee, con pannocchie composte, e aventi 
delle spighette ora grandi, pendenti ed erbacee, ora più piccole, 
erette, di color argenteo o d' oro variegato di porporino o di verde ; i 
fioretti sono o tutti o almeno gl'inferiori dotati di areste lunghe e molto 
contorte al di sotto dell' inginocchiatura. 

* Glumae l-o nerves, spiculae haud pendulae, radix perennis. 
AvENASTRUJi Koch sijn. II. germ. et helv. edit. 2. p. 918. Pari. fi. fn- 
lerm. I . ji. 110. 

i50. Avena eonvoluta Presi. 

A. panicula erecto-patula , deinum contrada, spiculis 3-4 floris, 
gluma superiore trinervi floscuhs sublongiore, inferiore uninervi, flo- 
sculis omnibus aristatis vel supremo mutico, axi flosculorum omnium 
piloso, palea inferiore nitida, apicem versus sub vitro punclulato-sca- 
lira, foliis radicalibus rigidis, angustis, elongatis, convolutis, glaberri- 
mis, vaginis glabris, ligula brevissima, truncala, pubescenti-ciliata , 
culmis dense caespitosis. 

Avena convoluta Presi cyp. et gram. sic. p. 31. Pari. fi. palerm. 1 . 
p. 110. De Not! index sem. liort. reg. gennens. anno 1847. p. 25. 

Avena fallax Ten. fi. nap. 3. p. 96. Giiss. pi. rar. p. 50. et fi. sic. 
prodr. I.p. 129. Bert. fi. Hai. 1. p. 700. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 153. 
excl. ab omnib. syn. Roem. et Schultes. 

Avena sempervirens b. Morett. dee. 7. p. 1. Schultes syst. vey. 
mani. 3. p. 636. Kimth enum. pi. 1. p. 301 . 

Avena striata Fis.' fi. dalm. 1 . p. 70. ex specimine excl. syn. Lamk. 
et aven. fall. \\. S. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 919. excl. 
syn. Lamk. 

Figura. — Guss. pi. rar. tab. 9. 

Nome italiano. — Vena giuncolina Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura Nelle Colline aride 6 nei luo- 
ghi montuosi della parte meridionale della penisola al Monte Pollino e 
al Monte Sila in Calabria, e di Sicilia, ove si trova principalmente nelle 
montagne a poca distanza da Palermo. Fiorisce in Aprile e Maggio ed 
è perenne. 

Distribuzione geografica. — Oltre dell' Italia meridionale e della 



AVENA. 27r; 

Sicilia io posseggo questa specie dei Pirenei ad Elna, donde mi è stala 
data dal signor Franqueville , della Dalmazia, della Grecia, donde 1' ho 
avuta dai signori Sartori ed Heldreich. 

Oaservazioni. — Questa specie è benissimo distinta da tutte le altre 
d questa sezione ed a torto si è creduta essere la striata di Lamarck, o 
la fallax di Roemer e Schultes , che per altro non sono ambedue che 
sinonimi della stessa specie , siccome si vedrà qui appresso a proposito 
deW avena striata. Anche a torto l'hanno considerato il Moretti, lo 
Schultes e il Kunlh come una semplice varietà deW'avena sempervireìn 
di Villars, da cui è atTatto diversa, come sarà facile a chiunque il rile- 
varlo, soprattutto per la differenza della ligula , dei fioretti e dell'asse, 
paragonando la frase specifica AeW avena convoluta con quella della 
sempervirens. S'inganna pure il Boissier nel crederla una varietà del- 
Y avena fììifolìa di Lagasca, da cui è anche diversissima, avendo la fili [olia 
ambedue le glume trinervi e non solo la superiore trinerve e l'inferiore 
uninerve, l'asse barbato e non peloso, le foglie pungenti, la linguetta 
soltanto con piccolissime ciglia e non puhescente-cigliolata. A togliere 
quindi la confusione finora esistente in tutte le specie affini di questa 
sezione dell' ai'cna, io aggiungerò alle specie italiane anche le altre 
che nascono fuori d' Italia, lusingandomi in grazia degli esemplari nu- 
merosi avuti dai botanici e di località importanti di avere alfine potuto 
riuscire a decifrare tutte queste piante, assai dubbie ed intrigate, con 
caratteri ben distinti , desunti principalmente dalla ligula e dall' asse 
che sostiene i fioretti. Metterò senza numero, ma sempre accanto alle 
aifmi, le specie esotiche che seguiranno. 

Avena Heldreichii Pari. 

A. panicula diffusa, spiculis 5-6 floris, gluma utraque basin ver- 
sus trinervi, flosculis breviore, flosculis omnibus aristatis , axi flosculo- 
rum omnium piloso, palea inferiore basi nitida, sub apice sub vitro 
punctulato-scabra , foliis linearibus , longissimis, culmum subaequanti- 
•bus, planis, demum subinvolutis , glaberrimis, vaginis glabris, ligula 
subnulla, truncata, glabra, culmis dense. caespitosis. 

Avena Heldreichii Pari. fi. palerm. 1 . p. 111 . 

Stazione, Abitazione e Fioritura.- — Questa specie mi è stata co- 
municata senza nome dal sig. Heldreich, il quale l'ha raccolta nello 
rupi del monte Taigeto verso le falde occidentali della Maina. Fiorisce 
in Giugno, ed è perenne. 



276 GRAMINACEE. 

Osservazioni. — È affine alla precedente ma al certo diversa per i 
caratteri già indicati. Tutta la pianta ha in generale un portamento piìi 
grande, il fusto alto da circa 4 piedi e in cespuglio, le foglie lunghis- 
sime, da principio piane, poi convolute o quasi convolute, scabre nel 
margine, lisce nel resto e senza peli di sorta, dotate di una ligula cor- 
tissima e quasi nulla, senza ciglia. La pannocchia è più grande, i suoi 
rami piìi patenti , le spighette quasi tre volte maggiori con 5' o 6 fio- 
retti tutti arestati, i quali sono più lunghi delle glume: queste sono 
ambedue trinervi alla base. 

151. Airena senipervìrens Vili. 

A. panicula diffusa, demum subcontracta, spiculis 2-5 floris, glu- 
ma superiore trinervi flosculis subbreviore, inferiore uninervi, tìosculis 
1-2 inferioribus aristatis, supremo abortivo, mutico vel brevissime ari- 
stato, axi flosculorum inferiorurn longe barbato, flosculi supremi nu- 
do ! , palea inferiore undique scabra , foliis rigidis , angustis , elongatis , 
convolutis, glaberrimis, superne scabris, vaginis glabris vel puberulis , 
ligula oblonga, lacera, glabra, culmis dense caespitosis. 

Avena sempervirens Vili. hisL àes plant.- dn daiiph. 2. p. 140. 
Bellard. oss. hot. p. 53. All', aud. p. i5. ex parte. Host gram. austr. 3. 
p. 28. Berlol. fi. Hai. I. p. 698. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. 
p. 919. De Noti index sem. h. r. genuens. p. 24. 

Avena setacea Pari. fi. pai. J . p. 133. ex parte. 

Figura. ^ — Hod grani, austr. 3. tal. 41 . dipinta con la spighetta 
avente quattro fioretti. Reicli. ic. cent. 11. fig. 1701. ove però l'asse 
del fioretto superiore è erroneamente dipinto peloso. 

Nome italiano. — Vena zolfina Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi montuosi delle 

Alpi. Io la posseggo delle Alpi di Tenda e del Piemonte al Cenisio, ec. 
avuta dai signori Reuter e Moris, del monte Codeno sul lago di Como, 
datami dal prof. Balsamo-Crivelli , del monte Baldo comunicatami dai 
signori Manganotti e Clementi , delle Alpi di Trento dai fratelli Perini,, 
e delle vette di Feltre, dove l'ha trovata il sig. Montini. Fiorisce in 
Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Ho questa specie del Delfinato e delle 
Alpi della Germania. 

Osservazione. — La nostra pianta corrisponde perfettamente ^li 
esemplari del Delfinato del monte Séuze presso Gap comunicatimi dal 



AVENA. ^277 

sig. Verloz. Questo mi fa credere che essa sia la vera pianta del Vil- 
lars, il quale scrive nascere la sua pianta nel Champsaur e nel Gapen- 
cois, dappoiché la descrizione Villarsiana quantunque esattamente si 
adatti alla nostra pianta, pure non facendo alcun cenno della ligula nò 
dell'asse dei fioretti, lascia sempre in dubbio, come ben riflette il 
Koch, qual sia la pianta da lui descritta, potendosi applicare ancor 
essa aìV avena stìiata e sM' avena Notarìsii , delle quali parlerò qui in 
seguito. E debbo qui notare che ho di recente ricevuto dal sig. Jordan 
altri esemplari raccolti nel Delfìnato e precisamente nel Monte Aurouse 
presso Gap con il nome di avena sempervirens , che spettano in grazia 
della loro ligula cortissima troncata e degli altri caratteri alla mia arena 
Notarmi. Tenendo ora per la specie Villarsiana quella a linguetta al- 
lungata e glabra e con 1' asse del fioretto supremo abortivo affatto gla- 
bro e nudo, avvertirò come trovasi in essa, ora soltanto arestalo il 
fioretto inferiore ed il secondo mutico, ora tutti e due arestati i fioretti 
inferiori, siccome li ha descritti e figurati il Villars medesimo: negli 
esemplari di Gap superiormente citati si trovano queste variazioni nella 
stessa pannocchia. 

Quanto al sinonimo di AUioni io ho creduto riportarvelo in parte, 
perchè, per quanto a me sembra, egli ha confuso insieme la vera sem- 
pervirens di Villars con la mia Notarisii , specie assai distinte per ca- 
ratteri eccellenti della ligula, dell' asse ec. , ma di aspetto assai simile. 
A ciò credere sono indotto da una parte dall' avere il Molineri comu- 
nicato al Berloloni la medesima pianta che era servita di tipo per la 
specie Allioniana, siccome nota il Bertoloni nella sua flora italica, 
del quale esemplare di Molineri ha voluto il Bertoloni gentilmente fa- 
vorirmi una spighetta, e dall'osservazione dell'erbario di Allioni, ove 
col nome di sempervirens si trovano gli esemplari con la ligula allun- 
gata e con r asse del fioretto superiore glabro, e dall' altra dal citare 
nelle località anche quelle ove si trova l'avena Notarisii. 

In mancanza di maggior copia di esemplari autentici , che mi sono 
procurato più tardi , io avea nella flora palermitana in parte confuso 
questa specie con l'avena setacea di Villars, ma erroneamente. 

Avena striata Lamk. 

A. panicula diffusa, demum subcontracta , spiculis3-floris, gluma 
superiore trinervi flosculos subaequante, inferiore uninervi, flosculis 
mferioribus arislatis, supremo abortivo mutico aristatove, axi flosculo- 



278 GRAMINACEE. 

rum inferiorum longe barbato , flosculi supremi barbato ! palea inferiore 
sub lente minute punctnta , foliisrigidis, elongatis, angustis , convolutis, 
glaberrimis, vaginis glabris, inferioribus pilosulis , bgula brevissima, 
truncata, ad oras longe cibata, culmis dense caespitosis. 

Avena striata Lamk. encyri. meth. 1 . p. 332. 

Avena sempervirens Dee! fi. frane. 3. p. 35. excl. syn. Vili, et Ali. 

Avena fallax Roem. et Schultes syst. veg. S. p. 672. excl. syn. 
avenae sempervirentis Vili, et AH. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. ' — Ho avutO questa Specie dal 

sig. Bubani, il quale l'ha raccolta in luoghi montuosi aprici e sas- 
sosi nei Pirenei occidentali baschi ad Aseoìii nel monte Azcorte; l'ho 
vista anche nell'erbario di De CandoUe. Fiorisce in Maggio e Giugno 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — È difficile il dire se si trovi' in altri 
luoghi, oltre dei Pirenei, avendo il De Candolle messo nelle località as- 
segnate alla sua pianta anche il Delfinato e il Piemonte , indotto , come 
io credo, in errore per avere giudicato la sua pianta la slessa specie 
di Villars e di Allioni. 

Osservazioni. — Questa spccic per quanto sia mollo affine alla 
avena sempervirens di Villars, ne differisce ciò non ostante per la sua li- 
gula troncata e cortissima e munita in ambedue le estremità di un ciuffo 
(li peli lunghi, e non allungala, lacera e affatto glabra, per l'asse del 
fioretto supremo barbato e non nudo, ec. ec. Credo che debbasi la 
nostri pianta considerare per l'avena striata di Lamark, convenendovi 
tutti i caratteri da lui assegnati alla sua pianta , e soprattutto per avere 
egli scritto che lés feuilles sono nell' avena striata glabres du chaque coté , 
excepté à l'entrée de leur rjaine où eìles sont pubescentes. Lo stesso vale 
per la pianta di De Candolle, il quale dice nella sua flore francaise tom. 5. 
p. 55 che les feiàìles sont glahres excepté à l'entrée de leur gaine, où 
eìles portent quehjues poils e meglio nel supplimento fom. 6. p. 260. 
a proposito dell' ai'ena sedenensis egli scrive che nell' ai'enase/«;;e7wre;(s 
l'entrée interieure de la gaine des feuilles est miinie d'une liouppe de 
poils, qui tiennent lieu de languette. Nessuna altra specie tra le affini 
porta questi peli lunghi all'incominciare della guaina. Del resto io son 
sicuro del sinonimo di De Candolle per avere esaminata questa pianta 
nel suo erbario. L'avena fallax poi di Roemer e Schultes essendo stala 
sinhWii-ci suW avena sempervirens dì De Candolle, pare che non possa 
cadere alcun dubbio che debba trovare qui il suo posto. 



AVENA. :i79 

159. Avena IVotarisii Pari. 

A. panicula diffusa, demum subcontracta, spiculis ó-tloris, glunin 
superiore Innervi flosculis subbreviore, inferiore uninervi, llosculis 
2-inferioribus aristatis, supremo abortivo, axi flosculoruin inferioruni 
longe barbato, flosculi supremi parca piloso! palea inferiore sub vitro 
minute punctata , foliis radicalibus rigidis , anguslis , elongatis , convo- 
lutis, glaberrimis vel basin versus puberulis, culmeorum florentium 
planis vel convolutis, vaginis glabris, ligula brevissima , truncata , sub- 
denticulato-ciliolata , culmis caespitosis. 

Avena sempervirens Ali. auct. p. 45. quoad plantas ex Carlìn , 
Briga, secund De Not. 

Avena fallax De Not. index seni. h. reg. genuens. p. 9i. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli montuosi di (aiì- 

lìn, Briga, Fronlero nella Liguria occidentale: gli esemplari del Monte 
Frontero mi sono stati comunicati dall'amico De Notaris. Fiorisce in 
Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dei luoghi qui sopra citali; 
r ho avuto pure del Delfmato dal sig. Jordan. 

Osservazione. — Simile per l'abito nW avena sempervirens, però 
n'è ben distinta principalmente per le foglie del culmo d'ordinario 
piane, per la ligula cortissima, troncata, quasi denticolata e con picco- 
lissime ciglia , e non allungala , lacera e glabra ; per l' asse del iìorelto 
superiore differisce ancora benissimo dall'avena striata. 

Avena filifolia Lag. 

A. panicula attenuata, recta, contracta, spiculis 5-floris, gluma 
utraque trinervi, superiore floseulos subaequante, flosculis inferioribus 
aristatis, supremo abortivo, mutico aristatove, axi flosculorum omnium 
longe barbato , palea inferiore nitida, superne scabra, foliis junceis, 
elongatis, convolutis, pungentibus, in pagina superiore prope iigulam 
tomentoso-pubescentibus , ligula brevissima, truncata, ciliolata, culmis 
dense caespitosis. 

Avena tilifolia Lag. elench. gen. et spec. n. 51 . Boiss! voy. en 
Espagn. p. 053. excl, syn. aven. fall. Ten. et Guss. et aven. convolut. 
Presi. 



*280 (;raminaceI':. 

Avena striata Pari. //. pari. 1 . p. 11?. oxcl. syn. Lanik. et avenae 
sempervirentis Vili, et Dee. et avenae fallacis Uoein et Schultes. 

b. velutina foliis brevibus, subincurvis vaginisque molliter pube- 
scentibus Boiss. l. e. 

Stazione^ Abitazione e Pioritura. — Ho aVUtO comunicata questa 

pianta dall'amico Boissier che l'ha raccolta in Ispagna nel regno di 
Granata in luoghi montuosi ed aridi. Il Lagasca l'ha trovato nel regno 
di Murcia. Fiorisce in Giugno ed è perenne. 

Distribuziooe geografica. — Pianta propria del mezzogiorno della 
Spagna. 

Osservazione. — Distintissima per numerosi caratteri da tutte le 
specie affmi e particolarmente per le glume ambedue trinervi. 

153. Avena montana Vili. 

A. panicula erecta, strieta, spiculis 5-4 floris, gluma superiore 
trinervi flosculis breviore, inferiore uninervi, flosculis inferioribus ari- 
slafis, supremo abortivo mutico aristatove, axi flosculorum inferiorum 
barbato, flosculi supremi piloso, palea inferiore sub vitro punctato-sca- 
bra, foliis anguste linearibus, planis, brevit)us', vaginisque glabris vel 
villosis, ligula brevissima, truncata, ciliolafa, culmiscaespitosis, ascen- 
dentibus. 

Avena montana Vili. hist. des plani, du daiiph. 2. p. 151. 

Avena sedenensis Deci fi. frane. 3. p. 719 et 6. p. 260. Boiss! 
voy. en Espagn. p. 654. Pari. fi. palerm. 1 . p. 113. De Noi. index 
sem. lì. reg. gemiens. p. 25. 

Avena sempervi'rens Schrad. fi. germ. voi. 1 . p. 376. non Vili. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Pioritura. — Nei prati delle Sommità delle 

Alpi di Mondovì, donde l' ho avuta dal sig. Baruffi, come pure degli stessi 
luoghi e dei pascoli montuosi del Cenisio, siccome ho veduto nell'er- 
bario del giardino botanico di Torino , ove essa sta col nome di avena 
pratensis. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nella Si&rra Nevada della Spagna me- 
ridionale , nei Pirenei , nelle Alpi di Provenza , del Delfmato , e in 
quelle di Piemonte. 

Ho riportato questa specie col nome di avena montana di Villars , 
perfettamente corrispondendo la descrizione da lui datane all' avena se- 
denensis di De Candolle, anche per il carattere delle foglie subhirsulis 



AVENA. -281 

indicato dal Villars, giacché varia questa specie per le foglie ora quasi 
lisce ora come irsute si nelle guaine come nella lamina delia foglia. 11 
De Nolaris è sfato il primo ad avere il sospetto che 1' avena sedenensis 
possa essere la pianta dal Villars descritta col nome di montana , e a 
richiamare così 1' attenzione dei botanici sopra una specie eh' era stata 
trascurata. 

Osservazione. — A torto alcuni botanici hanno preso questa pianta 
per r avena sempervirens di Villars , o frittone una sola varietà , mentre 
si dislingue benissimo da essa per le foglie corte, piane, per la ligula 
cortissima, e con piccolissime ciglia, e non allungata, lacera e glabra, 
per le spighette ordinariamente con tre o quattro fiori, i quali superano la 
lunghezza delle glume, per 1' asse del fioretto superiore peloso e non 
glabro: queste spighette sono anche più piccole. 

154. Avena setacea Vili. 

A. panicula stricta, paucifiora, apice subnutante, spiculis bifloris, 
tlosculis aristalis, vel 5-floris, supremo abortivo, mutico aristatove, 
gluma superiore trinervi, flosculis sublongiore, inferiore uninervi, axe 
llosculorum inferiorum barbato, floris tertii pilosiusculo, palea inferiore 
scabra, foliis rigidis, slrictis, filiformibus, glabris, levibus, culmum 
subaequantibus, vaginis dense puberulis, ligula subnulla, culmis cae- 
spitosis. 

Avena setacea Vili. hìst. des jìhinf. du dniiph. S. p. IH. Bellard. 
appena, ad floram pedeni. p. 12. Dee! fi. (rane. 3. p. 37. excl. syn. 
avenae auratae AH. Roem. et Schidtes syst. veg. 2. p. 673. Lois. fi. 
gali, ed'tl. 2. tom. 1. p. 64. excl. syn. avenae auratae Ali. Kunth 
enum. pi. 1 . p. 300. Bert. fi. Hai. A. p. 707 . Pari. fi. paterni. I . 
p. 113. quoad pi. Candoll. De Noti index seni. li. r. gennens. p. 25. 

Avena subulata Lamk. ili. n. 1113. 

Figura. — Vili. l. c. tab. Ù. 

Nome italiano. — Vena sottile Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle Alpi marittime al Monte 

Limoni, ove fu per la prima volta trovata dal sig. Viale, che la co- 
municò al Bellardi. lo l'ho avuto dal De Notaris, che l'ottenne dal- 
l' erbario del giardino botanico di Torino, degli esemplari raccolti nelle 
Alpi di Tenda. 

Distribuzione geografica. — Nelle Alpi del Delfinato , nel Monte 
Ventoso ce. 



-1H'> (GRAMINACEE. 

Osservazione. — L' esemplare che io Ito delle Alpi di Tenda cor- 
risponde perfellamenle a quelli che il sig. Verloz mi ha comunicali diil 
Col de l'Are presso Grenoble ; soltanto le sjlume sono nel nostro inferior- 
mente di color porporino , come già le descrisse il Bellardi , calycis 
valvulae obscure ruhrae, mentre esse sono di un color giallastro in al- 
cuni esemplari del Delfìnato; ne possiedo altri del Delfmato stesso, nei 
quah le glume sono porporine. Il De Candolle avea già avvertito queste 
variazioni di calore delle glume ed infatti esse si trovano ora violette, ora 
di un giallo dorato vivissimo con un poco di porporino alla base, sicco- 
me si vede nell'esemplare del Monte Ventoso che io posseggo nell'er- 
bario centrale. Varia ancora questa specie per le guaine superiori più 
meno densamente pubesQenti. 

» 
155. Avena Sclieudizeri Ali. 

A.panicula subovata, ramis geminis spiculam solitariam vel spiculas 
binas gerentibus, spiculis sub 5-floris, gluma utraque trinervi, superiore 
flosculis breviore, flosculis omnibus aristatis, axe piloso, pilis articulo- 
rum callo triplo longioribus , palea inferiore punctato-scabra , apice 
membranacea, levi, foliis brevibus, linearibus, obtusis, planis, supra 
leviusculis, vaginisque glabris, ligula elongata , lacera, glabra, ciilmis 
caespitosis. 

Avena Scheuchzeri Ali! fi. ped. 2. p. 2où. Reich. ft. (jerm. 
excurs. 1. p. 51. Comolll fi. comens. I . p. 148. 

Avena versicolor Vili. Itisi, des plani, du dauph. S. p. 142. Dee! 
fi. frane. 3. p. S6. Roem. et Schultes sijst. veg. 2. p. 675. Beri, amoeii. 
ital. p. 332. Polliìi. fi. veron. I.p. 137. Gnss. pi. rar. p. 40. Ten. fi. 
nap. 3. p. 96. Gaud. fi. helv. I.p. 333. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. 
p. 63. Kunth enim. pi. 1 . p. 300. Beri. fi. Hai. 1 . p. 706. Koeh sijn. 
fi. germ. et helv. edit. 2. p. 019. 

Gramen avenaceum, paniculatum, alpinum, locustis varicoloribus, 
majoribus, aristatis Scheuchz. agrost. prodr. p. 23. lab. 3 et agrost. 
p. 231. 

Figure. — Avena versicolor Vili. hist. des pi. du dauph. lab. 4. 
Avena Scheuchzeri Host grani, austr. 2. lab. 52. Reich. icon. cent. 11. 
fl(j. 1699. 

Nome italiano. — Vena bronzina Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli più elevati 6 nello 

fessure delle rupi altissime delle Alpi, ove 1' ho trovato tra i 24o0 e i 



AVENA. 28r. 

2800 metri di aKezza sul livello del mare , formando così una delle ul- 
iime gramigne che più si avanzino presso la linea delle nevi eterne. Si 
trova pure nella sommità del Sagro nelle Alpi Apuane, e nell'Appennino 
delle Marche al Monte dei Fiorì e al Monte Priore , nel Pizzo di Sivo , 
nel Monte Corno, nel Monte Costone , nella Ma/e//a negli Abruzzi , e 
nei monti della Basilicata. Non passa il continente. Fiorisce in Luglio 
ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle Alpi, dei Pirenei, degli 
Appennini. 

Osservazione. — Ho ritenuto il nome di avena Scheuckzeri , perdio 
questa fu pubblicata da Allioni nel secondo tomo della flora pedemon- 
tana, nel 1783, mentre 1' avena versicolor lo fu dal Villars nel secondo 
volume della sua storia delle piante del Delfinato nel 1788: egli cita, 
è vero, per questa specie il prima volume, ma ivi non si trova che il solo 
nome senza frase o descrizione di sorta, e quand'anche questa vi fosse, 
questo primo volume comparve nel 1786, cioè un anno dopo la pub- 
blicazione del secondo tomo della floì^a pedemontana. Per altro an- 
'■he è preferibile il nome di avelia Scheuchzeri a quello di versicolor, 
sì perchè ricorda il botanico che primo la descrisse, sì ancora perchè 
la varietà di colore che si osserva nelle spighette di questa specie si 
trova più meno in tutte quelle che crescono nei pascoli alpini. 

156. Avena pratensi^ Limi. 

A. panicula contrada, ramosa, ramis inferioribus geminis, supe- 
rioribus solitariis, omnibus spiculam solitariam vel inferiorum longiori- 
bus spiculas hinas gerentibus, spiculis sub 5-floris, gluma utraque tri- 
nervi, flosculisbreviore, axe lateraliter piloso, pdis articulorum superio- 
ribus callo brevi crasso triplo longioribus , palea inferiore glabra , 
scabra , superiore carinis minute denseque ciliolata , foliis anguste li- 
nearibus, planis, acutiusculis, supra scabriusculis, margine scaberrimis, 
vaginisque glabris, ligula oblonga, lacera, glabra, culmis caespitosis. 

Avena pratensis Linn. sp. pi. 119. Ali? fi. ped. 2. p. Ì55. Dee. 
//. frane. 3. p. 38. var. a. Savi due cent. p. W et hot. etrusc. 1. p. 85. 
Roem. et Schultes sijst. veg. 3. p. 673. Pollin. fi. veron. I.p. 137. 
Ten. fi. nap. 3. p. 96? Gaud. fi. helv. 1. p. 331. Lois. fi. gali. edit. S. 
tom. 1. p. 6i. Reich. fi. germ. exciirs. 1 . p. 51. Kunth enum. pi. 1. 
p. 300. exd. syn. aven. bromoid. Beri. fi. ital. 1. p. 704. ex parte. Co- 
moll. fi., comens. 1. p. 147. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2.p. 919. 



284 GliAMlNACKE. 

Avena bromoides AH? aiicl. p. 46. ex parie. 

Avena versicolor Puccin. sijn. fi. lue. y. 00. 

Gramen avenaceurn, panicula purpuro-argenlea, splendente 3/o«/. 
cat. stirp. agr. bon. prodr. p. 55. sec. Bert. et 

Gramen avenaceurn, montanum, spica simplici, aristis recurvis 
Raii Mont. l. e. 

Figure. — Host gram. auslr. 2. lab. 51 . non ottima per la forma 
della pannocchia. Reìch. icon. cent. 11. fìg. 1607-98. 

Nome italiano. — Vena pratajuola Savi due cent. p. 20. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe nei prati montuosi e 

nei pascoli alpini degli Appennini e delle Alpi. Manca nelle isole. Fio- 
risce in Luglio ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova nell'Europa media, ove cre- 
sce nei prati, lungo i margini dei boschi e nei luoghi montuosi, e nel- 
l'Europa meridionale, in cui si trova solo nei monti piuttosto elevati ed 
è rara. 

Osservazioni. — Nei pascoli alpini questa specie otTre le guaine li- 
sce, mentre sono scabrette nelle piante dei luoghi montuosi ; il colore 
delle spighette è piìi intensamente porporino-argenteo : a questa forma 
deve riportarsi la varietà alpina descritta da Gaudin e da ComoUi. 

Ho qui citato il sinonimo dell'avena bromoides di Allioni avuto ri- 
guardo alla località in parte ad essa assegnata, in siimmitatibus Alpiwn 
Monregalensium. L'avena bromoides non si trova nei luoghi alpini ed 
elevati , ma è una specie propria della regione mediterranea ; è facile 
che l' Allioni abbia preso per la bromoides quella forma della pratensis 
a spighette con otto fiori , siccome già fecero Mertens e Koch nella 
deutsch. fior. Quanto poi aW avena pratensis di Allioni trovansi nel suo 
erbario sotto questo nome individui spettanti aW'aveìia pubescens e alla 
montana. 

159. Avena bromoides Gouan. 

A. panicula racemosa, elongata, stricta, ramis inferioribusgeminis, 
superioribus solitariis, omnibus spiculam solitariam vel inferiorum lon- 
gioribus spiculas binas gerentibus, spiculis 6-8 floris, gluma utraque 
trinervi , flosculis breviore , axe glabro , pilis arliculorum paucis callo 
brevi crassiusculo vix longioribus, palea inferiore basin versus dorso 
puberula vel glabra, scabra, superiore carinis minute denscque cibata, 
foliis anguste linearibus, planis, acutiusculis, Icvìusculis, margine 



AVENA. 285 

scabris, vaginisque glabris, ligula oblonga , lacera, glabra, culinis 
caespilosis. 

Avena hromoìàesGoiian! hort. ìnonsp. p. 5!2. et fi. monsp. p. 125. e\ 
specimine in berbario Allionii. Linn. sp. pi. 1666. excl. syn. Scheuchz. 
et Hall, ad aven. prat. spect. Roem. et Schnltes syst. veg. 2. p. 674. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. I. p. 64. excl. syn. Scheucbz. ad aven. 
()ratens. spedante. Koch syn. fi. yerm. et ìielv. edil. 2. p. Oli), in obs. 
ad aven. pratens. 

Avena pratensis Dee. fi. frane. 3. p. 38. var. ]3. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Pioriturai ^ Nelle Colline 6 nei luoghi 

montuosi della Riviera di Ponente da Nizza sino al Capo di Noli, donde 
l'ho avuta dai sig. Durando, Panizzi e De Notaris. L'ho avuta pure 
delle colline di Torino. Fiorisce in Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria del bacino del mediterraneo, 
lo la possiedo dei monti di Granata, dei Pirenei orientali, dei monti 
Corbiéres, dei dintorni di Montpellier ec. 

Osservazioni. — Questa specie si distingue molto bene daW'avetia 
pratensis di Linneo per avere una pannocchia più allungata e stretta , 
per le spighette pallide, più piccole, con le glume e le pagliette più 
corte e meno acuminate, con i fioretti più avvicinati, per l'asse affatto 
nudo, tranne nel punto dell'articolazione ossia nel callo, ove si trovano 
jìochissimi peli laterali , molto corti , e appena un poco più lunghi del 
callo, eh' è più delicato che nella specie precedente. 

159. JLvena australi» Pari. 

A. panitula contracta , racemosa , ramis inferioribus geminis ter- 
nisve, superioribus solitariis, inferiorum longioribus saepe spiculas bi- 
nas, reliquis spiculam solitariam gerentibus, spiculis 5-9 floris, gluma 
utraque trinervi, flosculis breviore, axenudovel raro pilosiusculo, pilis 
articulorum callo elongato gracili panilo longioribus, palea inferiore 
glabra , scabra , superiore carinis minutissime ciliolato-serrulata , foliis 
anguste hnearibus, planis, obtusis cum mucronulo, supra leviusculis, 
margine scabriusculis , vaginisque glabris, ligula oblonga, lacera, gla- 
bra, culmis dense caespitosis. 

Avena caryophyllea Sibth? fi. graec. prodr. 1. p. 67 et fi. graec 
l.p. 71. tab.89. 

Avena pratensis Presi ryp. et gran. sic. p. 31. Guss. fi. sic. 



-2sn r.UAiMINACEE. 

prudr. 1 . ]). 129. elsyn. fi. sic. 1 . p. 15't. Puri. //. pai. I . p. Ili. o.vcl. 
;ib. oriinib. syii. Linn. o[ Willd. 

P.roimis eincinnalus T>;n! fi. nap. 3. p. 85. ex specimine. 

Figura. — Ten. /. e. lab. Wì. f. I. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline aride e in luo- 
ghi montuosi del regno di Napoli, dove 1' ha trovato il cav. Tenore, e 
di Sicilia ove s' incontra a preferenza nel Val di Mazzara, e presso Pa- 
lermo. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria de' qui indicati luoghi di Na- 
poli e di Sicilia. 

Osservazione. — lo ed i botanici tutti che si sono occupati delle 
])iante di Sicilia, abbiam preso questa specie per X avena pratensi^ e 
l)er le sue varietà, però avendola ora studiata con maggior attenzione 
ho creduto doverla distinguere per caratteri di qualche valore. La 
sua pannocchia offre d'ordinario una composizione maggiore di quella 
{\e\V avena pratensìs, le spighette, che sono di color verde pallido, 
sono strette, con le glume molto lunghe e portano ordinariamente da 
a 8 fiori, la paglietta superiore è più minutamente cigliettata, in 
modo che appena si vedono queste piccole cigha con una lente , e poi 
r asse è liscio quasi sempre, il callo che sopporta ciascun fioretto è al- 
lungato, gracile ed appuntato, e ricoperto di peli che sono poco più 
lunghi del callo, mentre questo asse è peloso neW avena pratensìs , che 
ha un callo alquanto grosso e corto con peli, i superiori dei quali superan 
tre volte in lunghezza il callo medesimo. Tralascio le altre differenze 
delle foglie perchè di minore importanza. Gli stessi caratteri distin- 
guono presso a poco la mia pianta dall' avena bromoides. Trovandosi 
([uesta specie nella parte solo meridionale dell'Italia ed in Sicilia, io 
ho voluto chiamarla austraìis per fissare l'attenzione del lettore onde di- 
stinguerla àsìVavena pratensìs che è più propria all'Europa media. 

Ho riportato con dubbio il sinonimo di Sibthorp, perchè egli attri- 
buisce alla sua avena caryophyllea il ricettacolo nudo, mentre nella 
nostra pianta il callo è ricoperto di peli. Quanto al sinonimo del Te- 
nore ne sono certo per un esemplare del bromus cìncinnatus avuto dal- 
l' autore medesimo. 

159. Avena piibescene Linn. 

A. panicula acquali, llorente erecto- patula, ramis inlerioribus 
siib(iuinis, supcrioribus geininis solitariisque, spiculàm sohlariam lou- 



AVENA. 2s: 

ifioribiiS((iie spiculas binas gorenlibus, spiciilis 5-4 lloris, raro bifloris, 
gluma inferiore uninervi, superiore tiinervi, flosculis breviore vel sub- 
aequali, axe barbato, pilis ad basin flosculi secundi dimidiam flosculi 
l'psius partem aequantibus, arista flosculi inferioris paullo supra medium 
dorsi orla, tbliis linearibus planis, vaginisque inferioribus villosis, ligula 
tbiiorum superiorum oblonga, acuminata, glabra. 

Avena pubescens Linn. spec. pi. W6o. AH. fi. ped. S. p. 255. Dee. 
fl. frane. 3. p. ,%. PolUn. fi. verni. 1. p. 139. Gaud. fi. heìv. i. 
p. 33 L Reìch. fi. (jerm. excurs. 1 . p. 51. Kunlh enum. pi. ì . p. 300. 
Beri. II. ilal. I . p. 702. Comoll. fi. comens. 1. p. li't. Koch syn. fi. 
(jerm. et helv. edìt. 2. p. 018. 

Trisetum pubescens Roem. el Schultes sijst. vecj. 2. p. 662. Ten? 
fi. nap. 3. p. 100. 

Figure. — Hostcjram. austr. 2. tah. 50. Rekli. ic. cent. li. 
fly. 1100. 

Nome italiano. — Vena pelosa Beri. l. e. 

b. foliis vaginisque inferioribus glabris vel villosis, spiculis2-ó flo- 
ris, paullo minoribus. 

Avena fallax Pollini fi. veron. 3. p. 773. excl. omnib. syn. 

Avena pubescens /3 alpina Gaud. fi. helv. 1. p. 33 i. 

Avena lucida Beri! fi. ital. 1. p. 701. Comoll! fi. comens. l.p. 145. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati 6 nei pascoli mon- 
tuosi delle Alpi , donde io 1' ho di tutta la catena. Possiedo la varietà b. 
dei prati aridi del Monte Generoso e Speluga datami dal Comolli, delle 
Alpi Bergamasche, Tirolesi, Bassanesi ee. Fiorisce in Giugno e Luglio, 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Comune nei prati dell'Europa media. 

Osservazione. — L'avena lucida di Bertoloni è una semplice varielà 
dell'arena pubescens di Linneo come l'autore stesso lo ha sospettato 
nella sua flora italica voi. 3. p. 590. Le guaine variano ora affatto li- 
sce, ora pelose in questa medesima varietà e le spighette sono ora con 
due ora con tre fioretti. Sono certo del sinonimo di Pollini in quanto 
che l'amico Bertoloni mi ha comunicato delle spighette dell' esemplare 
stesso avuto dal Pollini. Noterò che la gluma maggiore dell'aliena pube- 
scens è sempre con tre nervi, e tale l'ho osservato anche negli esemplari 
avuti della Germania e da me raccolti in Svizzera, e non posso capire 
come il Koch, osservatore diligentissimo , avesse potuto scrivere di 
questa pianta valvis uninerviis: credo che ciò sia accaduto per qualche 
errore involontario o tipografico. 



L>88 (ìHAMINACEE. 

160. Avena aiiietliystina Dee. 

A. panicula acquali, fiorente erecto-palula , ramis subquinis, su- 
perioribus geminis solitariisque spiculam solitariam longioribusque spi- 
culas binas gerenlibus, spiculis plerumque bifloris , glumis trinerviis, 
superiore duplo majore flosculis longiore, axe barbato, pilis ad basin 
flosculi secundi dimidiam flosculi ipsius partem aequantibus, arista flo- 
sculi inforioris supra basin fere ad medium dorsi orta, foliis linearibus 
planis, vaginisque inferioribus villosis, ligula oblonga, erosa, glabra. 

Avena amethystina Dee! fi. frane. 3. p. 37 et 6. p. ^60 ubi de- 
scriptio reformata. Roem. et Sehultes syst. veg. ?. p. 673 ubi charact. 
fior. sup. erron. Koch sijn. fi. gemi, et helv. edit. 3. p. 918. 

Avena pubescens j3 Lois. fi. gali. edit. 9. toni. 1 . p. 03. ubi cba- 
ract. fior. inf. erron. 

Avena pubescens Puccini addìi, ad syn. pi. Inc. in giorn. boi. 
ital. anno 1 . part. 1 . toni. 1 . p. 130. excl. omn. syn. 

Avena pubescens apennina De Noti prosp. delia fi. ligust. p. A9. 
et index, semin. h. reg. genuens. an. 1817. p. 3o. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati e nei pascoli delle 

Alpi e degli Appennini, però non molto comune. Io l'ho delle Alpi del 
Monte Viso, del Cenisio, il Koch la por'a del Monte Baldo. Il De No- 
taris me 1* ha favorito dell' Appennino di Bobbio , i signori Giannini 
e Puccinelli del Monte Rondinajo e di Prato fiorito nell'Appennino 
Lucchese e l'ho, veduta nell'erbario del Savi di Monte Fegatosi nel- 
l'Appennino Lucchese. L'ho pure del Cimane di Caldaja nell'Ap- 
pennino Pislojese, e delle Alpi Apuane alla Tamhiira. Sospetto che 
Y avena pubescens di Tenore degli Abruzzi sia da riferirsi a questa 
specie, ma non l'oso dire con certezza in mancanza di esemplari au- 
tentici. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova pure nelle Alpi della Pro- 
venza e nelle Cévennes. 

Osservazione. — È molto vicina aW avena pubescens con la quale ò 
stata confusa da alcuni autori o consideratane come varietà. Serve non 
pertanto a distinguere questa specie dall'aliena pubescens l'aver essa le 
spighette più grandi , quasi con due fioretti , con le glume di color vio- 
letto nel terzo loro inferiore , la superiore di queste glume è molto 
grande, e supera in lunghezza i fioretti; l' aresta poi del fioretto infe- 



AVENA. '2H\ì 

riore è inserita al di sotto della metii del dorso della paglietta inferiore , 
mentre è al di sopra di questa metà neW avena pubescens. Ignoro se 
l'avena sesquitertia di Allioni debba riferirsi alla specie in esame ovvero 
alla varietà alpina dell'aliena pubescens, non essendomi dato di rilevarlo 
dalla frase datane, né trovandosi di essa come neppure de\\' avena 
pubescens esemplari nel suo erbario. 

Il Bertoloni ha confuso questa specie con l'avena pubescens, aven- 
dola egli avuta dell'Appennino di Bobbio, del Bergamasco e dell'Ap- 
pennino Lucchese al Monte Rondinajo dal Giannini, come si rileva 
dagli studii posteriori nella sua flora italica tom. 2. p. 76.S. e tom. Ti. 
p. 604. 

"Glumae multinerviae, spiculae pendulae, radices annuae Avexae 
r.ENUiNAE Koch sìjn. fi. germ. et heìv. ediì. 9. p. 910. Pari. fi. palerm. 
J. p. 107. 

161. A^ena sterilii Unn. 

A. panicula pyramidata, secunda , spiculis subquadrifloris, flosculis 
duobus inferioribus aristalis, a basi ad medium hirsutis, superioribus 
mulicis axeque glabris, palea inferiore apice breviter bifida. 

Avena sterilis Linn. sp. pi. p. 118. Bellard. osser. bot. p. 65. 
Ali! auct. p. 44. Ucria h. reg. panorm. p. 62. Savi due cent. p. 39. 
et bot. etrtisc. 9. p. 64. Dee. fi. frane. 6. p. 959. fìoem. et Sc.hultes 
syst. veg. 9. p. 670. Beri, amoen. ital. p. 69. et p. 190. Pollin. fi. 
veron. I.p. 139. Ten. fi. nap. 3. p. 96. Guss. fi. sic. prodr. l.p. 199. 
Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 43. Lois. fi. gali. edit. 9. tom. 1. p. 63. 
Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 59. Kunth enum.pl. 1. p. 303. Beri. jl. 
ital. 1. p. 699. Puccini syn. fi. lucens. p. 69. Boiss. voy. en Éspagn. 
p. 657. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 155. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 9. 
p. 917. Pari. fi. palerm. 1. p. 107. 

Avena fatua [ì major Savi fi. pis. 1. pag. 130. 

Avena fatua (è Deq. fi. frane. 3. p. 35. 

Gramen avenaceum sive avena sylvestris, elatior, locustis maxi- 
mis, utriculis lanugine flavescentibus et longissime aristatis. .Mieli, in 
Till. cai. hort. pis. p. 74. 

FiguTA. — Host gram. austr. 9. lab. 57. 

Nome italiano. — Vena salvatica. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E comune nei campi, nei se- 
minati ed anche nelle colline e sui muri della parte occidentale, come 

Fr.oR\ Italiana. Vol. I. 19 



koo GUAMINACEK. 

pure noi mezzogiorno della penisola, e nell'Istria: è mollo rara nell'Ita- 
lia settentrionale. Abbonda pure nelle grandi isole e in alcune delle 
piccole. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. ^ — ^ Propria dell'Europa media e soprat- 
tutto mediterranea. 

169. Avena fatua Linn. 

A. panicula fiequali, patula, spiculis subtrifloris, flosculis omnibus 
arislatis, a basi ad medium axeque hirsulis, palea inferiore apice bre- 
viter bifida. 

Avena fatua Linn. sp. pi. p. 118. Ali. fi. ped. 2. p. 155 et aucl. 
p. 4L ex parte. ì)esf. fi. ali. 1 . p. 101 . Savi fi. pis. 1. p. 130. var. a. 
Suffr. foroj. p. 1 15. Savi due cent. p. 31. Dee. fi. frane. 3. p. 35. var. a 
Savi hot. etrusc. 1. p. 63. Roem. et Schulles Sìjst. veg. 2. p. 669. Bert. 
amoen. Hai. p. 68 etp. 120. Presi cijp. et ijram. sic. p. 30. PoJlin. 
fi. veron. 1 . p. 136. Tea. fi nap. 3. p. 96. Nacc. fi. venet. 1 . p. 83. 
Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 128. Gaud. fi. helv. 1. p. 330. Reich. fi.. 
(jerm. excurs. 1 . p. 52. Kunlh enum. pi. 1 . p. 302. Bert. fi. Hai. 1 . 
p. 694. ex parte. Comoll. fi. comens. 1. p. 143. Puccini syn. fi. lucens. 
p. 69. Vis. fi. dahn. 1 . p 70. Guss. syn. fi. sic. 7. p. 155. Koch syn. fi. 
gemi, et helv. edit. 2. p. 917. Pari. fi. palerm. 1. p. 108. 

Avenae tertium genus sylvestre et immite Caes. de plani, p. 177. 

Avena sylvestris, grano multa lanugine obducto Caesalp. Mont. 
cai. stirp agr. bonon. prodr. p. 6. ex ejus herb. sec. Bert. Zannich. 
ist. delle piani, p. 33. 

Graraen avenaceum minus, locustis duplo minoribus Mich. in 
Till. cai. hort. pis. p. 7i. 

Avena sylvestris pilosa, aristis recurvis Seg. pi. veron. 1. p. 331 . 

Figura. — Host grani, aiistr. 2. tab. 58. 

Avena elatior, ramosa, foUiculis prae maturitate vacuis Cnp. 
pamph. sic. 1. lab. 196. Raf. tab. 19. 

Nome italiano. — Avena. Vena salvatica. Targ. Tozz. diz. boi. 2. 
p.32. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei campi coltivati, fra le 

biade, nelle colline, ed anche sui muri della penisola e delle isole, 
però meno comune della specie seguente. Fiorisce in Aprile e Maggio 
e nei paesi settentrionali in Maggio e Giugno. É annua; 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa media e meridio- 
nale: si trova ancora nell'Affrica boreale, e nel Caucaso. 



AVENA. 291 

Osservazioni. — Si distingue dall' avena sterìlis per la pannocchia 
più uguale e non con i rami diretti da un sol lato, per le spighette 
pili piccole, con tre fiori tutti e tre arestati e aventi l'asse irsuto di 
peli , mentre nell' avena sterìlis le spighette portano ordinariamente 
X fiori e qualche volta cinque, dei quali i due soli inferiori sono are- 
stati e irsuti, i superiori mutici e glabri, l'asse è ancor esso glabro. 

Usi. — Si mangia in istato di erba e di fieno dagli animali. 

163. A^ena barbata Brot. 

A. panicula secunda, patula, spiculis 2-5 floris, flosculis omni- 
bus aristatis a basi ad medium setoso-pilosissimis, axe hirsuto, palea 
inferiore apice longe bifìdo-laciniata. 

Avena barbata Brot. fi. lusit. p. 108. (anno 1804). 

Avena fatua Ali. fi. ped. 2. p. 55. et and. p. 44. ex parte. 

Avena hirsuta Roth calai, hot. 3. p. 19. (anno 1806). Roem. et 
Schultes syst. veg. S. p. 670. Link emim. h. reg. herol. 1 . p. 111 . 
Kunth enum. pi. 1. p. 302. Boiss! voy. en Espagn. p. 657. Guss. syn. 
fi. sic. 1 . p. 155. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 918. Pari. fi. 
palerm. 1. p. 109. 

Avena hirtula Lag. elench. p. i. (1816). 

Avena atherantha Presi cyp. et gram. sic. p. 30 (1820). Guss. fi. 
sic. prodr. 1. p. 118 et suppl. 1. p. 29. Ten. syll. p. 51 et fi. nap. 5. 
p. 318. . 

Avena strigosa Nacc. fi. venet. 1. p. 83. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ■ — Comunissima nei prati, fra i 

seminati, ne' campi, sui muri, sui tetti di tutta la penisola e delle isole 
sì grandi che piccole. Fiorisce in Aprile e Maggio nei paesi meridionali 
e nelle isole, in Maggio e Giugno nel nord della penisola. É annua. 

Distribuzione {geografica. ■ — Abita l'Europa media e principalmente 
la meridionale, l'Affrica boreale sino in Egitto, le Isole Canarie, la Si- 
ria, l'Arabia petrea ec. 

Osservazioni. — Il nome di avena barbata di Brotero è stato da 
me preferito, perchè è il più antico di tutti. La paglietta inferiore dei fio- 
retti di questa specie è ricoperta da peli più lunghi che nell'avena fa- 
tua, e si termina all'apice in due lunghe lacinie in forma di due areste. 
Questo carattere la distingue subito dall'avena fatua con la quale l' hanno 
erroneamente confusa non pochi botanici. La pannocchia in essa 
ha i rami diretti da un sol lato, le foglie sono pclosctte nella loro 



-292 GKAMIiNACEE. 

pagina supcriore, ed anche talvolta in ambedue le pagine e nello 
guaine. 

Usi. — Come nella specie precedente. 

N. B. Il Tenore descrive nella sua flora napoletana, tom. 5, p. 97, 
Vavena slrigosa Schreb, dicendo che si trova nelle raccolte, però certa- 
uiente coltivata, per questo io non la descrivo qui. 



liXlI. ARRHEArATHERUJII Paììs. de Deauv. 

Palis. de Beauv. agrost. p. 55. tab. IL fig. 5. Roem. et Schultes syst. 

veg. 2. p. 27. Kunlh enum. pi. 1 . p. 307. Endl. gen. pi. p. 95. 

Pari. jl. palerm. 1 p. 1 16. 
Avenae species Lìmi. sp. pi. 117. Pers. syn. pi. /. p. HO et pi. aud. 
Holci species Schrad. fi. gemi. I . p. 247-48. Hosl fi. austr. 1 . p. 121 

et aliorum. 

Spiculae 2-florae, flore inferiore masculo sessili, superiore herma- 
phrodito, pedicellato, cum pedicello lineari floris tertii. Glumae2, her- 
baceo-hyalinae, concavae, acutae,muticae,inaequales, superiore majore 
ilosculossubaequante. Paleae2, inferior herbacea, major, oblongo-lan- 
ceolata, apice bifida, in flore inferiore dorso supra basin aristata, arista 
longa sub medio geniculata , infra geniculum contorta , in flore supe- 
riore mutica vel sub apice aristata, arista nunc brevi, recta, nunclonga, 
infra medium geniculata et inferius inserta; palea superior hyalina , 
brevior, apice bifida, bicarinata. Perigoniisquamulae2, elongatae, lan- 
ceolato-acutatae, integrae, carnosae, glabrae. Stamina 5, antheris li- 
nearibus, longis. Ovarium obovatum, hirsutum. Stigmata2, terminaha, 
sessiha, magna, villoso-plumosa. Caryopsis subfusiformis, subangulata, 
haud sulcata, apice pilósa, libera! nec adnata. 

Abito. — La nostra specie , di cui soltanto si componeva sino a 
poco tempo fa il genere in esame, è una pianta perenne, con radice fibro- 
sa, con i culmi alti da 2 a 3 piedi ed anche talvolta di più, spesso 
aventi i loro internodii inferiori più corti e rigonfiati in forma di nodi 
soprapposti l'uno aU' altro; questi culmi, che sono lisci, portano delle 
foghe piane, lineari, scabre nel margine e nella pagina superiore, che 
è qualche voUa dotata di peli , come lo sono talvolta anche le guaine. 
La pannocchia, che termina il culmo superiormente, è variabile nella 
lunghezza da 2 a 9 o 10 pollici, i di cui rami nati in scmiverticillo e 



ARRHENATHERUM. 2[)7> 

sparsi sono ingrossati alla loro base; le spighette sono allungate, ordina- 
riamente di colore erbaceo, ma nei luoghi scoperti prendono una tinta 
come violetta, in esse il fioretto inferiore maschile olire una aresta il 
doppio più lunga della gluma maggiore, inginocchiata nel mezzo, e 
contorta inferiormente, il superiore è per lo più senza aresla. 

Osservazioni. — A torto Mcrtens e Koch e sulla lor fede Kunth e 
Endhcher dicono che la cariopside è adtiata alla paglietta inferiore, 
perchè essa è perfettamente libera. 

164. Arrlienatheriiiii elatiiis Mert. et Koch. 

A. panicula elongata , laxa, sub anthesi patente, arista floris masculi 
glumam majorem duplo superante, palea inferiore floris hermaphrodili 
mutica aut aristata, arista nunc brevi, recta, sub apice orta, vel longa, 
in medio geniculata et inferius prope medium dorsi inserta, foliis li- 
nearibus, planis. 

Arrhenatherum elatius Meri, et Koch deutsch. fi. I . p. 546. Gaud. 
fi. helv. 1 . p. 3i2. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 916. Comoìl. 
fi comens. I . p. 149. Pari. fi. palerm. 1 . p. 116. 

Avena elatior Unn. sp. pi. 117. Desf. fi. atl. 1 . p. 100. San fi. 
pis. 1. p. 129. Dee. fi. frane. 3. p. 41. Ten. fi. nap. 3. p. 97. Seb. et 
Maur. fi. rom. prodr. p. 44. Guss. fi. sic. prodr. suppl 1. p. 30. 

Holcus avenaceus Scop. fi. carn. edit. 2. tom. 2. p. 276. AH. fi. 
ped. 2. p. 262. Schrad. fi. gemi. I.p. 247. Pollin. fi. veron. 3. p. 203. 

Arrhenatherum avenaceum Palis. de Beauv. agrost. p. 55. fìoem. 
et Schultes syst. veg. 2. p. 496. Reich. fi. germ. excurs. I.p. 53. Kunth 
emim. pi. 1. p. 307. Bert. fi. ital. 1. p. 484. Guss. fi. sic. syn. 1. 
p. 156. 

Figura. — Host gram. austr. 2. tab. 49. 

h. nodosiim, internodiis inferioribus incrassatis, nodosque 2-5 
superimpositos efformantibus. 

Avena bulbosa Willd. in nov. ad. soc. nat. semi, berol. 2.p. 116. 
Pers. syn. pi. 1. p. 100. Dee. fi. frane. 6. p. 261. Guss. fi. sic. prodr. 
1. p. 130. excl. var. b. 

Avena precatoria Thuill. fi. des env. de Paris edit. 2. toni. 1. p. 58. 

Holcus bulbosus Schrad. fi. germ. 1. p. 248. Willd. enum. h. rey. 
berol. 2. p. 1034. 

Arrhenatherum avenaceum j3 Roem. et Schidtes syst. veg. 2. p. 496. 
Kunlh enum. pi. I. p. 307. 



294 GIUMINACEE. 

Arrhenalherum elatius b. Mert. el Koch deulscli. II. I. p. 546. 
Koch sijn. fi. rjerm. et helv. edit. 2. p. 916. Pari. (l. palerm. 1 . p. 117. 
(Jries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 432. 

Arrhenalherum bulbosum Presi cyp. et gram. sic. p. 29. Schlechl. 
fi. herol. p. 85. Gnss. fi. sic. syn. 1 . p. 156. 

Arrhenatherum precatorium Dielr. herol. p. 88. 

Graraen nodosum, avenacea panicula Mon/. cai. stirp. agr. bonon. 
prodr. p. 53. Seg. suppl. p. 158. 

Figura.' — Avena bulbosa Host gram. aiistr. 4. lab. 30. 

Nome italiano. — Perlaria. Saggina cannajuola. Vena maggiore 
Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 32. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Abbonda nei prati e nei pa- 
scoli sì bassi che montuosi dell' Italia settentrionale, e si trova comu- 
nemente nei luoghi montuosi salvatici dell'Italia centrale e meridio- 
nale. Cresce pure in Corsica in luoghi montuosi a Monte Grosso, a 
Monte Renoso, a Monte d'Oro, a 3Ionte Cagna ec, e in Sicilia solo alle 
Cladonie e a Monte Scuderi. La varietà b. nasce a preferenza nei luo- 
ghi sterili, ed è piìi comune in Sicilia nei luoghi montuosi. Fiorisce in 
Maggio e Giugno nei luoghi bassi, e in Giugno e Lugho nei montuosi. 
E perenne. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa media e mediterranea , 
nell'Aifrica boreale, e nelle Isole Canarie. 

Osservazioni. — Oltre ài culmo ora nodoso alla base ora no, varia 
molto questa specie per la pannocchia lunga da 2 a 9 o 10 pollici, per 
la paglietta inferiore del fiore ermafrodito ora pelosa dalla base sino 
alla sua metà , ora affatto glabra , per esser questa paglietta ora priva 
affatto di aresta, ora con una aresta cortissima e diritta, nata in vici- 
nanza dell* apice , ora con 1' aresta lunga quanto quella del fiore ma- 
schile, inginocchiata nel mezzo, e inserita più in basso verso la metà 
del dorso, come già avea osservato il Rertoloni, facendone la varietà /3 
nella sua flora italica, sopra individui raccolti presso il lago di Como, 
e che io ho incontrato frequentemente , soprattutto nell' Italia setten- 
trionale, siccome può osservarsi negli esenìplari conservati nell' erba- 
rio centrale. Di questa forma non ho creduto fare una varietà distinta 
perchè ho visto e tengo presso di me degl'individui, nei quali nella stessa 
pannocchia trovansi delle spighette con la paglietta inferiore del fiore 
ermafrodito mutica, o con l' aresta corta e diritta, ed altre con l'aresta 
lunga e inginocchiata. Infine la pianta in esame varia per il numero 
(lei fioretti nelle spighette, che talvolta sono tre, siccome ha osservato 



ARRHENATHERUM. 29:> 

il diligenlissiino Gussone in individui raccolti presso Palermo alla Por- 
Iella di S. Anna. A me è occorso di vedere le spighette con tre fiori 
soltanto in quelle che terminano la pannocchia negli esemplari che ho 
raccolto ne' monti della Pizzuta in Sicilia. Questo aumento di numero 
dei fioretti nelle spighette terminali è frequente nelle specie del genere 
avena. 

Usi. — Si da come erba e fieno ai bovi, alle pecore, ai cavalli, 
a' quali riesce di ottimo pascolo. 

liXIII. DAIVTHOliriA Dee. 

Dee. fi. frane. 3. p. p. 32. Kunth enum. pi. I . p. oli. Endl. gen. pi. 

p. 07. 
Festucae species Linn. sp. pi. 110 et alior. 
Poae species Scop. fi. carn. edit. 2. lom. 1 . p. 60 et alior. 
Melicae species Web. spìe. p. 3. 

Avenae species Vili. hist. des pi. dudauph. 2. p. 140. Ali. auet. p. 45. 
Bromi species Koel. gram. p. 242 

Danthoniae et an Triodiae species? R. Brown prodr. p. 176 et 182. 
Danthoniae et Triodiae species Polis, de Beauv. agrost. p. 16 et 92. 

Spiculae 2-multiflorae , floribus distichis, superiore plerumque 
tabescente. Glumae 2, membranaceae , concavae, subventricosae, mu- 
ticae, aequales, flosculos aequantes vel superantes. Paleae 2, inferior 
subcoriaceo-membranacea , concava, apice bifida, inter lacinias muti- 
cas vel subulato-aristatas arislata, arista geniculata, basi complanala 
et spiraliter torta, vel raro brevissima et dentiformi; palea superior 
apice obtusa, bicarinata. Perigonii squamulae 2, carnoso-membrana- 
ceae , subcuneatae , integrae vel subbilobae , glabrae vel rarissime apice 
pilosae. Stamina 5, antheris linearibus. Ovarium ellipticum, apice in- 
ter stylos breviter mucronatum, glabrum, stipitatum. Styli 2, breves, 
distantes. Stig.mata piumosa. Caryopsis oblongo-elliptica , embryoni pa- 
rallele compressa, externe convexa, interne planiuscula, ibique versus 
basin macula lineari nitida notata, glabra, libera. 

Abito. — Le due specie italiane di questo genere, che sono per 
altro le due sole europee, sono delle piante perenni, con culmi in cespu- 
glio, ascendenti o diritti , alti da un piede a un piede e mezzo ed anche 
più nei luoghi più fertili, con foghe lineari, con la pannocchia stretta, 



■M' GllAMINAGEK. 

i|ii;isi in forma di racemo o di spiga, con i nini portanti d'ordinario una 
sola spighetta, e anche (pialche volta due; (lueste spighette offrono le 
glume grandi e ventricose, che uguagliano o superano in lunghezza i 
fioretti, distichi, glabri, forniti di una aresta inginocchiata e piana e 
contorta inferiormente nella Danthonin provìncialìs, e mutici nella de- 
cumbens, nella quale in vece di un aresla fra le due lacinie della pa- 
glietta inferiore si trova solo un dente. 

' Arista elongata, interne complanata et spiraliter contorta Dantho- 

NIAE VERAE aUCior. 

165. Dantlionia provineialis Dee. 

D. panicula subspicata, suhsimplici, paucillora, spiculis ovato- 
oblongis, subsextloris , glumis llosculos superantibus , palea inferiore 
ad margines piloso-ciliata, foliis anguste linearibus, planis, vaginisqu(^ 
glabris, eulmis erectis. 

Danthonia provincialis Deci fi. frane. 3. p. 33. Palis. de Beauv. 
agrost. p. 02. Roem. et Scliulles sijst. veg. 2. p. 080. Kunth enum. 
pi. 1. p. 312. Beri. fi. Hai. J. p.. 720. 

Avena calycina Vili, liist. des.pl. diidauph. 2. p. 1 i8. Pers. sgn. 
pi. I . p. 101 . Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1 . p. 65. 

Avena spicata Bellard. osserv. hot. p. S7. Ali! auct. p. io. Savi 
jì. pis. J . p. 13i. excl. ab omnib. syn. Linn. 

Avena spicata /3 Wiìld. sp. pi. I . pari. I . p. 453. 

Avena strida Host fi. austr. 1 . p. 127. 

Danthonia alpina Yesl. in boi. zeit. ann. 1821 . p. l'io. Sehult. 
mmt. 2. p. 382. 

Danthonia calycina Reich. fi. gemi, excurs. I . p. 52. Clemenl. in 
alti della quarta riunione degli scienziati italiani in Padova p. 302. 
ex parte. 

Gramen avenaceum, erectum, glumis parvis, aristatis in ampio 
calyce reconditis. Mont. cai. stìrp. agr. bonon. prodr. p. 53. Mieli, in 
Tilt. cai. h. pis. p. 74. 

Figura. — Vili. l. e. tab. 2. fig. 0. Reich. icon. cent. li. fig. 17 J4. 

Nome italiano. — Vena spigata Savi fi. pis. 1. p. I3i. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe nei prati, nelle CoUine 

e nei luoghi montuosi dell' Italia settentrionale e centrale, come pure 
lungo le coste occidentali dalla Riviera di Ponente sin presso Pisa: 



DANTHONIA. i>'.l7 

poro non ò in generale molto comune. Fiorisce in Maggio e Giugno 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nella Provenza, nel Deliìnato, in Ita- 
lia, nella Carinzia, nella Carniolia e nella Nuova Olanda. 

Osservazioni. — Questa specie riconosciuta per la prima volta tra 
i moderni dal Villars col nome di avena calycina è stata a torto confusa 
con la Danthonia spìcata, avena spicata, nativa dell'America boreale, o 
considerata come una semplice varietà di essa. La Danlhonia spirala ha 
un aspetto in generale più delicato in tutte le sue parti , le toglie seta- 
cee, le spighette la metà più piccole, la paglietta inferiore pubescente 
in tutta la superfìcie esterna, i denti più corti, ec. 

"Arista brevissima, subdentiformis. SiEGLiNGiA Bernh. erford. 
p. U. Triodiae species PaV%&. de Beauv. et pi. auct. 

166. Dantlionia deciinibens Dee. 

D. panicula spicata , subsimplici, pauciflora, spiculis ovato-oblon- 
gis, o-G tloris, glumis fiosculos subaequantibus, palea inferiore mar- 
ginem versus ciliato-pilosa, foliis linearibus, planis, vaginis pilosis, 
culmis decumbentibus, sub antbesi ascendentibus. 

Danthonia decumbens Dee. fi. frane. 3. p. 33. Gaiid. fi. helv. 1 . 
p. ^22. Kunth enum. pi. I. p. 311. 

Festuca decumbens Unn. sp. pi. 110. Ali. fi. ped. 2. p. 253. 
Ten! fi. nap. 3. p. 82. Guss. pi. rar. p. 36. 

Poa decumbens Scop. fi. carn. edit. 2. tom. 1. p. 69. Savi! fi. 
pis. i. p. JOJ et boi. elrusc. I . p. 63. Bert. amoen. Hai. p. 331 . Pol- 
lin. fi. veron. 1 . p. 112. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. <90. 

Melica decumbens Web. spie. p. 3. 

Bromus decumbens Koel. gram. p. 2i2. 

Triodia decumbens Palis. de Beauv. agrost. p. 76. Boem. etSchul- 
tes syst. veg. 2. p. o97. Beich. fi. gemi, excurs. 1 . p. 41. Bert. fi. 
Hai. 1. p. 538. Koch sijn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 923. Puccini 
sìjn. fi. lue. p. 61. 

Sieglingia decumbens Bernh. erf. p. 44. 

Danthonia calycina Clement. in alt. della quarta riunione degli 
scienziati ital. in Padova p. 302. ex parte. 

Gramen avenaceum parvum, procumb. paniculis non aristatis 

.yont. cat. stirp. agr. honon. prodr. p. 53. 

li)' 



'21)8 (;raminackk. 

Figura.- — Po:i documbens Hosl firaìii. nHslr. '■3. lab. 7t^. 

Nome italiano. — Gramigna logliarella Beri. ì. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati e nei pascoli, so- 
prattutto montuosi ed anche alpini della penisola, ove si rende più 
rara nel centro e nel mezzogiorno, essendo ivi più particolare ai monti. 
Si trova nell'isola di Corsica, manca però in Sicilia, in Sardegna 0. 
nelle piccole isole. Fiorisce nel Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geograGca. — Propria dell' Europa media e meri- 
dionale. 

Osservazioni. — Nei pascoli alpini la specie in esame offre le sue 
spighette di color porporino, mentre nei luoghi bassi queste sono d'or- 
dinario di un color verde pallido. 

liXIV. lIEIilCJL Ltnn. 

Linn. (jen. p. Si. Paìis. de Beauv. agrori, p. 08. fìf]. 4-ìj. Kunlli 
enum. pi. I . p. 37o. Endl. yen. pi. p. 100. Pari. fi. palerm. ì . 
p. 118. 

Spiculae 2-4 florae , ilore vel tlosculis duobus superioribus tabe- 
scentibus, corpusque turbinatum efformantibus. Glumae 2 , membra- 
naceae, concavae, mulicae, inaequales, tlosculis subaequales. Paleae 
flosculi vel flosculorum inferiorum 2 , raembranaceae, denique cartila- 
gineae, ttiuticae, interior major, concava, apice integra ; superior bica- 
rinata, apice bidcntata. Perigonii squamulae 2, vel in unam connatae, 
carnosae, apice rotundatae, integrae, glabrae aut apice ciliolatae. 
Caryopsis elliptico-fusiformis , externe convexa, interne planiuscula, 
linea angusta longitudinali in medio notata, nitida, glabra, libera. 

Abito. — Piante perenni, con radice fibrosa e talvolta quasi repente, 
con culmi diritti e spesso alti, con foglie piane convolute, con pannoc- 
chie ora in forma di spighe, ora ramificate e come in forma di piramide, 
portanti nei rami delle spighette pedicellate, spesso colorate di un 
verde e porporino , con le glume disuguali , e i fioretti ora del tutto 
senza peli, ora con la paglietta inferiore del fioretto inferiore più o 
meno pelosa nel dorso dotata di ciglia nel margine. 11 fioretto i fio- 
retti superiori sono ridotti ad una specie di corpo in forma d'imbuto, 
ciò che da a questo genere un aspetto particolare ; per altro è un genere 
molto naturale. 



MELICA. 299 

* Palea inferior flosculi interioris villosa. 
169. mtelica eiliata Linn. 

M. panicula spicata, densa, cylindrica, aequali, splculis subtri- 
floris, flosculi inferioris palea inferiore marginem versus a basi ad apiceni 
longe denseque villosa, dorso nuda, tuberculato-scabra , paleae supe- 
rioris carinis breviter ciliolatis, foliis linearibus, planis, demum sub- 
involutis, culmis elongatis, subsolitariis. 

Melica eiliata Linn! sp. pi. p. 97. AH. fi. pedem. 5. p. 234. Desf. 
II. ali. 1. p. 11. Savi fi. pis. 1. p. 91. Dee. fi. frane. 3. p. 32. Sibili. 
et Smith fi. graec. 1. p. 54. Savi hot. etrusc. 2. p. 47. Roem. et Schultes 
syst. veg. 2. p. 522. var. a. Beri, amoen. ìtal. p. 329. Presi cijp. et 
gram. sic. p. 41 Pollili, fi. veron. 1 .p. 97. Ten. fi. nap. 3. p. 59. Guss. 
fi. sic. prodr. 1. p. 66. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. p. 38. Gaud. fi. 
helv. 1. p. 2W. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. CO. Reich. fi. gemi, 
exeiirs. 1 . p. 41 . Kuntli enum. pi. 1 .p. 375. Bert. fi. Hai. 1 . p. 487. Co- 
moll! fi. comens. 1. p. 101. Pari. fi. panorm. 1. p. 1 08 . Piiccin . syn. 
fi. lue. 1 . p. 55. Vis? fi. dahn. 1. p. 67. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 140. 
Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 023. Gries. spie. fi. rum. et 
hith. 2. p. 446. 

Melica Bauhini Ten. viagg. in Ahruzz. p. 41 . anno 1829. et fior, 
nap. 5. p. 32} . excl. syn. Willd. el Guss. 

Gramen avenaceum, montanura, lanuginosum Moni. cat. stirp. 
agr. honon. prodr. p. 51 . Seg. pi. veron. 1. p. 356. 

Gramen avenaceum, spicatum, spica et ima parte caulis lanuginosa 
Mich. in Tilt. cat. h. pis. p. 75. 

Gramen avenaceum, montanum, angustifolium , glabrum, glumis 
villosis, calycibus nilidis, purpureis et splendentibus Mich. l. e. 

Figure. — Sibth. fi. graec. tal. 70. Host gram. austr. 2. tab. 12. 
Reich. icon. cent. 11 . fìg. 1574-75. 

b. panicula ramoso-lobata Pari. fi. palerm. 1 . p. 119. 

Melica eiliata jS Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 522. 

Nome italiano. — Gramigna barbuta Bert. fi. Hai. 1. p. 488. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — È COmuue nei luOghi aridi, 

nelle colline, sui muri, lungo le strade di campagna e le siepi, nei 
margini dei boscbi e nelle fenditure delle rupi di tutta la penisola, 
delle grandi e piccole isole sino a quella di Malta. La varietà b. cresce 



500 GHAMlNAGElv 

confusa con la specie, ed io la possiedo di quasi tulli i [)unti della pe- 
nisola e delle isole. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Sparsa ncU' Europa. Abita pure il Cau- 
caso, la Persia, la Siberia, la Barbaria e le Isole Canarie. 

Osservazioni. — Qucsta Specie nei luoghi montuosi elevati diviene 
più piccola, la pannocchia è più larga, e le spighette prendono in basso 
una tinta come violetta: questa forma è stata presa dal Tenore per la me- 
lica Baiihiiii , mentre nell'Abruzzo non si trova affatto questa specie, ma 
invece la forma qui detta della melica cìlìala, siccome ne sono sicuro 
per numerosi esemplari che mi trovo di quei luoghi, anche dello stesso 
Monte Velino, ove dice il Tenore trovarsi la sua melica Bauhini. Que- 
sta poi è una specie -affatto amica di una regione più calda, ne si trova 
liei luoghi montuosi elevati della penisola. 

16$. lEelica nebrodensis Pari. 

M. panicula spicata, subsimplici, secunda, laxa, strida , spicuhs 
subtrifloris , flosculi inferioris palea inferiore marginem versus a basi 
usque ad apicem longe denseque villosa, dorso nuda, tuberculato-sca- 
bra, paleae superioris carinis apicem versus longiuscule ciliolatis, foliis 
involutis, vaginisque glabris, culmo subpedali, dense caespitoso. 

Melica nebrodensis Pari. fi. palerm. 1. p. JW. Guss. fi. sic. 
.sìjn. 5. p. 886. in add. et emend. 

Figura. — Nessuna. 

Melica Cupani Guss. syn. fi. sic. I. p. 1i1 . ex parte. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi sassOsi montuOSi 

elevati di circa 16Ò0 metri delle Madame {Nebrodes) in Sicilia, a Rocca di 
mele e a Marrapuleggio ove l'ho raccolta nel mese di Giugno. L'amico 
Mina me 1' ha comunicata dal Piano della Principessa delle Madonie 
medesime. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie propria delle montagne delle 
Madonie in Sicilia , e dei Pirenei , donde 1' ho avuta comunicata dal 
sig. Franqueville, che 1' ha raccolta a Saint-Saveur in luoghi sassosi 
aprici a 983 metri di altezza. 

Osservazioni. — Questa spècie, confusa da prima con la melica 
Cupani dal Gussone a cui 1' avea comunicata , è benissimo da quella 
distinta, siccome notò il Gussone stesso nelle addenda et emendanda alia 
sua sijnopsis florae siculae. Infatti difiicilmenlc esse si distinguono a 
prima vista, senza aver ricorso all' esame della paglietta inferiore del 



MELICA. 501 

liorello inferiore, eh' è nella mia specie soltanto lungo il margine for- 
nita di peli lunghi e densi , essendo affatto nuda e tubercolato-scabra 
sul dorso, mentre questa paglietta è totalmente rivestita di peli nella 
specie Gussoniana. Oltre a questo carattere, eh' è di molta importanza 
nella determinazione delle specie di questo genere, la melica nebroden- 
sis differisce ancora dalla melica Cupani per avere le guaine glabre e 
non pelose, per la pannocchia più stretta e con i fiori più rari, per le spi- 
ghette un poco più piccole, per le glume meno acuminale, per la pa- 
glietta superiore del fiore inferiore dotata solo verso 1' apice di ciglia 
alquanto lunghette, e non fornita di piccolo ciglia e come scabra sin 
dalla parte inferiore delle due carene. 

169. melica dipani Guss. 

M. panicula spicata, subsimplici, subsecunda, laxiuscula, spicuhs 
subtritloris, flosculi inferioris palea inferiore undique dense pilosa ac 
ciliata , paleae superioris carinis a basi ad apicem scabro-ciliolatis , fo- 
liis angustis, planis, demum involutis, vaginis praesertim inferioribus 
villoso-hispidis, culmis subsolilariis. 

Melica Cupani Guss. fi. sic. prodr. siippl. I . p. 16 et fi. sic. spi. I . 
p. J4J . e\ parte. Bert. fi. Hai. I . p. 489. Pari. fi. palerm. I . p. 122. 

Melica Bauhini Guss. fi. sic.prodr. 1 . p. GG. excl. syn. praet. Cup. 

Figura. — Gramen tenue, avenaceis glumis, uno versu dispositis, 
fulvis Cup. pnmph. sic. 2. lab. 183. 

b. breviflora, spiculis panilo minoribus. 

Melica humilis Doiss? voyage en Espagne p. 662. lab. 177. 

Stallone, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi saSSOsi montuosi 

elevati di circa 1600 metri deWe Madonie in Sicilia. Io l'ho trovata alla 
Valle delli Atrigni e al Piano della Principessa, il Gussone a Rocca di 
Mele e a 5. fieri sopra Petralia nelle Madonie medesime. La varietà b. 
mi è stata comunicata dall'amico Tineo che l'ha raccolta nel monte Bu- 
sambra in Sicilia. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie propria delle qui citate mon- 
tagne di Sicilia e forse ancora della Sierra de Gador nel mezzogiorno 
della" Spagna. 

Osservazioni. — Ho riferito quantunque con dubbio alla varietà b. 
la melica humilis di Boissier soltanto per la descrizione e la figura data- 
ne, non possedendo di essa esemplari nell'erbario. Lo stesso Boissier 
sembra dubitare della identicità di questa sua pianta con la specie di 



."0-2 GRAMINACEK. 

Gussone: la Ibriiia della pannocchia nella ligura del ijoissier è alcjuanli 
diversa dalla nostra. 



190. Melica Bauliini Ali. 

M. panicula laxa, subsecunda, inferne ramosa, spiculis trifloris, 
flosculi inferioris palea inferiore prope marginem a basi ultra medium 
parce villosa, dorso nuda, scabra, paleae superioris carinis undique 
breviler ciliolatis, foliis linearibus, planis, demum subinvolutis, cul- 
mis subcaespitosis. 

Melica Baubini Ali! mici. p. 43. Dee. fi. frane. 3. p. 32. Savi! 
hot. elrusc. 2. p. 46. Viv. ami. hot. 1 . part. 2. p. 141 . Roem. et Sclml- 
iessyst. veg. 2. p. 5^5. PoUin. jl. veron. 1 . p. 99. Lois. fi. cjall. edit. 2. 
tom. 1 . p. 60. Reìch. fi., germ. excurs. 1 . p. 41 . Kiinth enum. pi. 1 . 
p. 376. Beri. fi. ital. I. p. 490. Koeh syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. 
p. 923. 

Melica setacea Pers. syn. pi. 1 . p. 78. 

Gramen avenaceum, lanuginosum, glumis rarioribus C. B. Tlieair. 
p. J57. 

Figura. — Host gram. austr. 4. tah. 23. 

Nome italiano. — Gramigna di rupe Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi rupestri della CO- 

sta occidentale della penisola da Nizza sino a Pisa. Io l'ho della Riviera 
di Ponente di Nizza, Mentono, S. Remo ec, della Riviera di Le- 
vante di Portofino, e del monte Pisano. L' ho avuta pure dal sig. Pa- 
squale del regno-di Napoli senza indicazione di località, suppongo però 
che sia di Calabria o di Basilicata. Il Reichenbach e il Koch dicono di 
trovarsi in Istria. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nel mezzogiorno della Francia, nella 
costa occidentale d' Italia ed in Istria. 

Osservazioni. — Per la melica Baiihini di Tenore vedi le mie os- 
servazioni alla melica aliala. Varii botanici hanno riportato alla specie 
in esame 1.t melica prjramidalis di Desfontaines , la quale si per la fra.se 
specifica poco concludente data nella flora atlantica , sì perchè essa 
manca noli' erbario di Desfontaines è da considerarsi come una specie 
dubbia. 



MKLICA ."Air. 

** Flores omncs iiiiberbes. 
191. melica iiniflora Retz. 

M. panlcula ramosa, laxa, secunda, ramis putulis, inferioribus spi- 
culas binas, superioribus spiculam solitariam gerentibus, spiculis crectis, 
subbifloris, flosculo inferiore fertili, foliis planis, ligula brevissimii, 
truncata, latere altero in appendicem acuminalani prodiicta. 

Melica unitlora Retz obs. I . p. IO. Sari! fi. pis. 1 . p. 93. Viv. 
ann. hot. I . pari. 2. p. HO. Dee. fi. frane. 3. p. 30. Sari! boi. elriisc. 
2. p. 4,j. Sibili, et Smith fi., graec. prodr. I . p. 51 . Rocm. et Sclmltefi 
syst. veg. 2. p. 52i. Morelt. in mem. 1 . p. 248. Pollin. fi. veron. I . 
p. 96. Ten. fi. nap. 3. p. 59. Giiss. fi. sic. prodr. I . p. 08. Seb. ci 
Manr. fi. rom. prodr. p. 39. Gaud. fi. beh. l. p. 218. Lois. fi. gali, 
edit. 2. toni. 1 . p. 59. Reich. fi. germ. excurs. I . p. Al . lùinlh enum. 
pi. 1. p. 377. Beri. fi. Hai. I. p. 491. Comoll! fi. comens. 1. p. 101. 
Pari. fi. panorm. 1 . p. 109. Puccin! syn. fi. lue. i. p. 55. V/.s. //. 
dalm. I. p. 66. Guss. fi. sic. syìi. 1 . p. 142. Koch syn. fi. germ. ci 
helv. p. 923. Gries. spie. fi. rum. et bitli. 2. p. 447 . 

Melica nutans Poli. fi. palai. 1 . p. 79. 

Melica Lobelii Vili. Mst. des pi. du dauph. 2. p. 89. lab. 3. Ali. 
auct. p. 44. 

Gramen montanum, avenaceum, locustis rubris Clip. h. calli. 
p.86. 

Figure. — Host grani, austr. 2. lab. 1 1 .FI. dan. lab. 1 144. Reich. 
ieon. cent. II. fig. 1576. 

Nome italiano. — Vena rossa Beri. 1. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi salvatici delle col- 
line e dei monti della penisola ; nel mezzogiorno di questa però trovasi 
a preferenza nei monti , come pure nelle isole di Sicilia , di Corsica e 
di Sardegna. Fiorisce in Maggio e Giugno, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie estesa in Europa dalle Isole 
Brittanniche sino in Sicilia e nel Peloponneso. 

199. Helica nutans Linn. 

M. panicula subspicata, simplici, laxa, secunda, pauciflora, spi- 
culis nutanlibus, trifloris, flosculis duobus inferioribus fertilibus, foliis 
planis, ligula brevissima, truncata, exappendiculata . 



."^01 GMAMINACEIv 

Melica iiulans Unn. sj). pi. p. US. Ali. //. ped. 2. p. 2oL V'ir. 
itìin. hol. /. pari. 5. p. fof). Roem. et Schultes nijst. veg. 5. p. /j'29. 
Polliìi. fi. veron. 1 . p. 97. Gaud. fi helv. 1. p. 210. Lois. fi. (jnll. 
edìt. 2. iom. I . p. SO. Reìcli. fi. gemi, excurs. I . p. il . Kmith emun. 
pi. i. p. 376. Beri. fi. ital. I. p. 403. ComoU. fi. comens. 1 p. 109. 
Puccin. sìjn. fi. lue. pag. 56. Vis. fi. dalm. 1 . p. 66. 

Melica montana Huds. augi. p. 37. Dee. fi. frane. 3. p. 31. 

Gramen ovenaceurn locustis rubris montanum Seg. pi. veron. 1 . 
p. 353. non Mont. 

Figure. — Host grani, austr. 2. lab. 10. Fi. dan. lab. 002. Reìeh. 
ìcon. ceni. II. fig. 1577. 

Nome italiano. — Melica penzola Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Cresce piultosfo abbondante- 
mente nei luoghi salvatici delle colline e dei monti del Nord della pe- 
nisola dal Piemonte sino in Tirolo e nel Friuli. Si trova pure nell'Ap- 
pennino settentrionale e in parte nel centrale; io la possiedo di varii 
punti di questo, dall'Appennino di Genova sino al Pistojese. Fiorisco 
in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Abita l' Europa media e meridionale, 
r Oriente , la Siberia. 

193. melica minuta Linn. 

M. panicula subsimplici, pauciflora, spiculis quadrifloris, nutan- 
libus, gluma majore tlosculis sul)breviore, foliis lineari-anguslissimis, 
convolutis, lisrula oblonsìfa, subbifida. 

Melica minuta Limi. mani. 1. p. 32. Ali? fi. ped. 2. p. 254. SiUh. 
et Smìlli fi. graee.'prodr. 1. p. 50. Beri, amoen. ital. p. III. Pollin. 
fi. veron. 1. p. 99. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 67. Kunth enim. pi. 1. 
p. 376. Beri. fi. ital. 1. p. 407. Pari. fi. panorm. 1. p. 111. Guss. fi. 
sic. syn. 1 . p. 141 . Pari. fi. palerm. I. p. 125. 

Melica ramosa ^ Deci fi. frane. 6. p. 258. e\ ejus herb. 

Melica aspera Viv. ami. boi. 1. pari. 2. p. 138. quoad plantam 
genuensem. 

Melica saxatilis 5i6//ì. et Smith fi. graec. prodr. I. p. 51. et fi. 
graec. I . p. 55. lab. 71 . 

Melica ramosa Ten? fi. nap. 5. p. 322. Boiss! voy. en Espagn. 
p. 663. excl. syn. Yillarsii. 

Melica minuta var. )3 saxatilis Cosson notes sur quelqucs planles 
critiques de Paris fase. I . p. 1 1 . 



MELICA. 31)5 

Fitjura. — Melica nutans Cav. k. et descrìpt. iK lab. Ilo. fifj. i^. 
Nome italiano. — Melica mimila Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ■ — Nelle Colline, nei molili Ila 

le fessure delle rupi, talvolta anche sui muri delle città della costa oc- 
cidentale della penisola da Nizza in ])oi , a Dolcedo , a Genova , a Ter- 
racina ec. , e forse ancora nel Principato citeriore nel regno di Napoli, 
se deve a questa pianta riferirsi la melica ramosa della flora napoletana. 
In Sicilia si trova presso Palermo a Sferracavallo nella costa settentrio- 
nale, e lungo la costa meridionale da Trapani a Spaccaforno. Cresco 
pure in Corsica , in Sardegna donde 1' ho avuta dal Moris , e nelle isole 
del Giglio, di Ustica, di Mareltimo, di Favignana, di Levanzo, di Pan- 
tellaria, di Malta e di Lampedusa. Forse si trova in altre delle piccole 
isole. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geograGca. — Amica delle sponde del mediterraneo, 
si trova in Spagna, in Italia, in Sardegna, in Sicilia, nelle piccole isolo 
italiane, in Grecia e in Barbaria. 

Osservazione. — Coine avvertii nella mia flora palermitana , l'esem- 
plare della melica minuta dell'erbario linneano èassai incompleto, per- 
chè si possa con certezza assicurare l'autenticità della pianta in esame. 
Questa specie varia per la statura , ora essendo molto piccola , con la 
pannocchia poco ramificata e affatto racemosa, con le spighette un poco 
più piccole, al quale slato ben corrisponde la figura citata del Cavanil- 
les, ora più grande, con i culmi più alti, la pannocchia più composta, 
e la ligula proporzionatamente più lunga. A questa seconda forma 
spetta la we/im s«.ra/i7js di Sibthorp e Smith, di cui possiedo esemplari 
che perfettamente corrispondono alla descrizione e figura datane nella 
flora greca, e che io ho avuto della Grecia dal sig. Heldreich con il 
nome di melica ramosa. Spetta ancora a questa forma la melica ramosa 
di Boissier, giusta esemplari autentici favoritimi da questo mio ami- 
co. Per la melica ramosa di Villars vedi le mie osservazioni alla me- 
lica pyramidalis di Lamarck. Forse alla melica minuta è da riportarsi 
ancora la melica ìwnosa di Tenore fi. iiap 5. p. SS'i, ma in. mancanza 
di esemplari autentici non oso affermarlo con sicurezza. 

1.V4. melica iiiaijor Sihth. et Smith. 

M. panicula ramosa, multiflora, spiculis quadrifloris , nutantibus, 
gluma majore flosculis subbreviore , foliis linearibus, planis ve! subcon- 

l-t.oRA Itatiana. Vor,. I. 20 



3UG UIUMINACEE. 

volulis, ligula brevi, Inmcata, subdeiilicnilala , ulriiu(iu' ad (tras in ap- 
pendicem acuminalam producta. 

Melica major Sihtìi. et Smilìi jl. graec. prodr. I . p. ùl . Pari. jl. 
palerm. 1 . p. 124. 

Melica nutans Savi! fi. pis. 1 . p. 92 et hot. etrusc. 2. p. 45. 

Melica aspera Desf? fi. ali. 1 . p. 7/. 

Melica aspera jS Viv. ami. hot. I. part. 2. p. 138. excl. syn. me- 
licae ramosae Vili., an et excl. syn. m. pyramidalis Desf? 

Melica pyramidalis Ber/, in Roem. et Schultes syst. veg. 9.p.62o. 
et amoen. ital. p. 329. non Lamk. Presi cyp. et gram. sic. p. 41 . Pol- 
lili, fi. veron. I . p. 91 . Ten. fi. nap. 3. p. o9. Guss. fi. sic. prodr. 1 . 
p. 67. Seb. et Maiir. fi. rovi, prodr. p. 39. ex parte excliis. syn. meli- 
cae ramosae rom. pi. fase, et Barrel. Beri. fi. ital. i. p. 49L Pari, 
fi. panorm. 1. p. 110. Puccini- syn. fi. Inc. p. 56. Guss. fi. sic. syn. 
1. p. 141. 

Melica austrahs Cassou apud. Bourgeau pi. exsicc. Tonlon 1R48. 
n. 437. 

Melica minuta var. y lalifolia Gosson notes sur (juehj. plani, cri- 
li q. de Paris, fase. 1 . p. 12. 

Figura. — Gramen avenaceum longa erectaque panicula , viola- 
r.ea Barr. ic. 96. fig. 1 . 

Nome italiano. — Melica pannocchiuta Bert. fi. ital. 1. p. 494. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle fcsSUre delle rupi, nelle 

colline, nei luoghi salvatici e nelle siepi della costa occidentale del- 
l'Italia, ove è più comune della specie precedente, come pure si trova 
nella costa orientale nei punti che più sporgono nell'Adriatico, cosi 
nel monte di Ancona, nel Gargano ec. Cresce ancora in Corsica, in 
Sardegna, in SiciUa, ed anche qui è molto più comune della melica 
minuta, nelle isole dell' Elba , del Giglio, di Capri ec. Fiorisce in Aprile 
e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie propria del bacino mediterra- 
neo. È stata trovata in alcuni punti del mezzogiorno della Francia , delle 
isole di Hyéres, nella penisola e nelle isole italiane, in Algeria ec. 

Osservazioni. — Ho sin dalla pubblicaziouc della flora palermitana 
preferito per questa specie il nome dato dallo Smith nel prodromo della 
flora greca, in quanto che è anteriore a quello di Bertoloni, una volta 
che si conviene anche da questo botanico che la melica major è la stessa 
(\e\h s\x-3i pyramidalis. La frase specifica, oltre del nome medesimo, 
(kto dallo Smith è ben adattabile per altro alla nostra pianta, come purr 



MELICA. 507 

ili quaulo all'iispello, siccome egli stesso avverte, la ligura 1. della 
tavola 19 del tomo 1. della flora sibirica dello Gmelin. 

Alcuni han confuso con questa specie la melica ramosa di ViUars, 
|)erò questa si distingue dalla fnajor per la ligula molto allungata, per 
la pannocchia meno ramosa e meno lunga, le spighette più piccole, 
la gluma maggiore più lunga del fioretto inferiore ec. Per questi carat- 
teri, che io credo importanti, non posso uniformarmi all'opinione del 
sig. Cosson che la considera come una varietà della melica ininnla, 
di cui crede ancora una varietà la stessa melica ramosa. 

A questa specie deve forse riportarsi la melica aspera di Desfoii- 
laines malgrado che egli vi avesse riferito la figura di Barrelieri, che 
spelta alla melica ramosa di Villars, ossia pyramidalis di Lamarck. Qua- 
lora fosse riconosciuto che la melica aspera di Desfontaines fosse la 
medesima della ìnajor di Sibthorp , essa dovrebbe allora conservare il 
nome datole dall'autore della /l'ora atlantica, perchè più antico. Ri- 
guardo poi alla melica pyramidalis dello stesso Desfontaines vedi le 
mie osservazioni alla melica Buuhini. Ho però lame/ica?Hfyor della col- 
lezione delle piante dell'Algeria del Bove. 

195. melica pyramidalis Lamk. 

M. panicula inferno ramosa, patula, pyramidata , spiculis qua- 
drifloris, nutantibus ercctisque, palea inferiore glumisque sub lente 
dorso scabris, gluma majore flosculis longiore, foliis linearibus, angu- 
stis, convolutis, ligula elongata. 

Melica pyramidalis Lamk. fi. fr. edit. 5. voi. 3. p. 585. 

Melica ramosa Vili, liist. des plantes du dauph. 2. p. 91 . excl. syn. 
Gmel. Dee! ft. frane. 3. p. 31 . excl. syn. Ali. et Desf. Lois. fi. gali, 
edit. S. tom. 1. p. 70. var. a. Seb. rom. pi. fase. 2. p. 58. Bert. fl. 
ital. 1. p. 495. excl. syn. m. asperae Desf. et m. saxatilis Sibth. 

Melica aspera Viv. ami. hot. 1 . part. 2. p. 138. quoadplant. hort. 
farnes. et amphith. Flav. 

Melica minuta Maur. cent. XIII. p. 6. excl. plerisq. syn. 

Melica minuta a vulgaris Cosson notes sur quelq. plant. critiqiies 
de Paris fase. 1 . p. 11 . 

Gramen avenaceum montanum, locustis rubris Mont. cat. stirp. 
(ujr. bonon. prodr. p. 54. ex ejus herb. sec. Bert. 

Figura. — Gramen avenaceum, angustifolium , panicula pyrami- 
dali Barr. ic. 95. pg. I . bene. 



7m GRAMINACEE. 

Nome italiano. — Melica argentina Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Colli , Sui UlUri di Konia , 

ove è comune sul Colosseo e sugli altri monumenti. L'ho pure avuta 
(la luoghi rupestri marittimi a Groltammare nelle Marche dall'amico 
Orsini. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Per quanto io Sappia, questa specie è 
stata trovata solo nel mezzogiorno della Francia e nei luoghi qui indicali 
dell'Italia centrale. È facile che sia stata confusa con la melica major 
alla quale somiglia per l'aspetto. 

Osservazioni. — Non sono sicurissimo che sia questa la vera me- 
lica ramosa ài \^ì\hrs, quantun(jue la descrizione da lui data ben si 
adatti alla nostra pianta , essa però è poco completa e non dà una cer- 
tezza assoluta nella determinazione, ne io ho nell'erbario esemplari 
della melica ramosa del Delfmato , per quanto possieda questa specie 
di altri luoghi del mezzogiorno della Francia ed essa è bene iden- 
tica alla nostra. Ho riferito alla melica ramosa la figura del Barre- 
lieri, che ho citato, seguendo in ciò l'esempio del Mauri e del Ber- 
toloni, in quanto che essa è Stata fatta sulla pianta romana, che io 
ho sotto gli occhi, figura che a torto è stata riportata ad altre specie 
dagli autori diversi. Ho già notato nelle osservazioni alla melica major 
le differenze che passano tra essa e la py rami dati s. 11 nome di melica 
Itijramidalis dato da Lamarck deve preferirsi per la sua antichità a 
([uello di melica ramosa del Villars, esso per altro dipinge bene il 
portamento della pannocchia. 



XMIBU ]1£€1MA. 

PAPPOFOREACEE. 

Pappophoreaceae Pari. jì. palerm. 1. p. i27. 
Parte delle Pappophore.\ceae e delle Festucaceae dìKunth ennm. pi. 
1. p. 252 e 321. 

Spiculae hermaphroditae vel polygamae, 2-multifiorae , floribus 
superioribus saepe tabescentibus. Glumae membranaceo-herbaceae, 
subaequales, muticae vel mucronatae , aut aristatae. Paleae memhra- 
ceo-herbaceac , inferior o-raultifida , laciniis vel dentibus mucronatis 
aut subulato-aristatis. Caryopsis libera, ut plurimum paleis obtccla. 



PAPPUFUHEACEE. JOV) 

SOTTO TRIBÙ PRIMA. 

P;%PPOFOREE. 

l'Ai'PorHOREAK Pari. l. e. 

Stigmalibus plumosis haud clougatis. 
Non si trovano generi di questa sotto tribìi nella flora italiana. 

SOTTO TRIBÙ SECONDA. 

SESL,ERIEi:. 

Seslehieap: Pari. l. e. 

Sesleriaceae Koch syn. (l. yerm. et helv. edit. i2. p. 910. 

Stigmatibus longissimis, filiformibus, plumosis vel glabris. 

Distribuzione geografica. — La tribìi delle pappoforeacee , giusta 
i limiti da me assegnali , non sarebbe rappresentata nella nostra flora 
che dalle sole sesleriee, giacché le vere pappoforee vi mancano, 
avendo riportato anche alle prime l' ech'marìa capitata che il Kuntli 
considera come una vera pappoforea. Le seslerìe abbondano soprat- 
tutto nei luoghi montuosi ed alpini, e per questo sono quasi tutte pro- 
prie delle Alpi e degli Appennini che possiedono una gran parte delle 
specie finora note di questo genere. La sesleria nitida sembra piij par- 
ticolare alla parte meridionale della penisola e alla Sicilia, nella quale 
essa sola si trova a rappresentar quelle degli Appennini e delle Alpi. 
L'echinarìa capitata è ancor essa una specie meridionale che offre 
così con la sesleria nitida qualche cosa di quasi carafteristico della flora 
d'Italia. 

Osservazioni. — La tribi^i delle pappoforeacee è intermedia fra le 
avenacee e le festucacee , per cui è stata da me collocata fra le une e 
le altre. Ho creduto di dover formare delle sesleriacee del Koch una 
semplice sotto tribù deWe pappo foreacee , malgrado la differente lunghezza 
degli stimmi, perchè la struttura delle spighette è simile a quella delle 
pappoforee. Però non ho potuto comprendere la sesleria fra le festucacee 
dalle quali è ben diversa per la molliplicità dei denti o areste con le 
quali si termina la paglietta inferiore. 



rvio (ii;A.MiAACb:b:.' 

IilK¥. SESLERIA Scop. 

Scop. II. cani. edit. I . p. IS9. Arduin. speriui. ali. p. IS. Pulis. de 

Beauv. agrost. p. IR. tali. 10. fìfj 7. liunth enutn. pi. J . p. S'21 . 

Endl. gen. pi. p. 08. Pari. jl. palerm. /. p. 1S8. 
CynosLiri species Linn. gen. p. 36 et nonnull. auct. 
Poae species Wulf. in Jacq. mise. 2. p. 24* Ali. fi. ped. 2. p. 246. 

Dee. fi. frane. 3. p. 63. 
Kesturae species Savi in Uster. st. 24. 

Psilathera Link li. reg. herol. J . p. 35. Reich. fi. gemi, e.vcurs. 1 . p. 35. 
Oreochloa Link li. reg. herol. descripf. 1 . p. 44. Reich. fi. germ. exciirs. 

1. p. i9. 

Spiculae 2-6 florae, inferiores basi saepc spicula neutra univalvi 
{bractea Linn.) suffultae. Glumae2, rnembranaceae, subaequales, cari- 
natae, acuminatae vel acutae, muticae aut mucronalo-aristatae. Fa- 
lene 2, rnembranaceae, inferior apice 5-5 dentala, dentibus setigeris 
vel aristatis, aut lateralibus muticis, raro palea apice integra, mutica vel 
mucronato-nristata ; superior bicarinata , apice bifida. Perigonii squa- 
mulae 2, oblongae vel cuneatae , integrae aut 2-5 fidae. Stamina 3. 
Ovarium glabrum vel apice pilosum. Styli 2, breves, saepe basi connati. 
Stigmala longissima, piumosa. Caryopsis oblonga, externe convexa, in- 
terne planiuscula, libera. 

Abito. — Piante perenni , formanti dei vaghi e densi cespugli, con 
foglie ordinariamente strette, lineari, talvolta un poco larghette, e tal 
altra ancora filiformi e con culmi per lo più poco alti , aventi pochi nodi, 
che si terminano in una pannocchia in forma di spiga, ora piccola, 
ovale, ora allungata o cilindrica, di colore argenteo o variegata di verde 
di bianco-cerulet). Le spighette sono piccole, compresse, e disposte 
nella sesleria disticha in due lati della rachide , gli stimmi lunghissimi 
e bianchi sporgono dalle spighette medesime. 

* Palea inferior apice 5-5 setigera vel aristata. Sesleriae gendinae. 

196. Sesleria tenuifolia Schrad. 

S. panicula spiciformi , oblonga, j)auciflora, laxiuscula, spiculis 
plciuniquo Irilloris, glumisovalo-lanceolalis, flosculos subaeijuantibus. 



SESLEKIA. .-,i i 

j>alea iuieriore apice in selas 2-4 aristaimiue inlcnnediaiii Icntiiiiala , 
arisla dimidiam paleae partcm liaud attingenle, ovario apice piloso, Ib- 
liis angusle Imearibus, convolutis, margine levibus , apice obtusis vel 
breviter acutatis, vaginis foiiorum denique in fila inlertexta solulis, ra- 
dice caespitosa, stolonifera. 

Sesleria tenuifolia Schrad. fi. (jerm. 1 . p. 'ili. Brign! pi. foroj. 
p. 1S. Jìocm. et Schuìles syst. veg. 2. p. (ÌOS. Ten! fi. nap. 3. p. SS. 
Rekh. fi. germ. excurs. 1 . p. SU. Kunth ennm. pi. I . p. S22. Koch ftijn. 
fi. (jerm. et helv. edit. 2. p. Oli. 

Sesleria juncifolia 5Myfr. pi. foroj. p. U'ì. Host! grani, ansfr. 4. 
p. 13. Reìch. fi. germ. excurs. 1 . p. 35. Vis. fi. daini. 1 . p. RG. 

Sesleria coerulea y. Pollìn. fi. veron. I . p. JO?. 

Sesleria coerulea /3. Beri. fi. Hai. 1 . p. 503. Puccm. addii, ad 
sgnops. pi. liicens. nel giorn. boi. ital. anno 1. toni. 1. p. 121. 

Figure. — Schrad. l. e. lab. (ì. fig. i. Host l. e. tab. 22. Reìch. 
cent. II. fig. 1512-13 el l'i. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In luogbi sasSOsi e nollo fes- 
sure delle rupi vicine al mare Adrialico in Istria presso Trieste, donde 
mi è stata comunicata dal Brignoli , il quale avverte non averla mai 
rinvenuta nel territorio di Monfalcone, siccome è detto dallo Scbrader. 
11 Kocb l'I porta ancora di Fiume. Cresce pure nelle rupi dei monti 
alti dell'Italia centrale e meridionale, dalla parte dell'Adriatico e qual- 
che volta anche del Mediterraneo, così si trova nel Monte dì S. Vicino, 
nei. Monte Priore e nel lìlonle Vettore dell'Appennino delle Marche, dei 
quali luoghi mi è stata comunicata dai signori Narducci e Marzialefti , 
negli Abruzzi al Monte Corno, al Malese, al Gargano, a Castellam- 
mare, a Monte Vergine e in Basilicata nel regno di Napoli , donde 1' ho 
avuta dai signori Orsini, Tenore, Gasparrini, e Pasquale. Nasce an- 
cora presso Lucca a Limano, ove 1' ha raccolta il Puccinelli , e nel- 
l'isola di Capri. Esiste pure nell'erbario di Micheli raccolta da lui 
nelle Alpi Apuane , e il Bertoloni non trascura nella sua flora dell»' 
Alpi Apuane di notare di aver ritrovato la sesleria coerulea con le foglie 
filiformi, strettissime, mescolale ad altre più larghe e piane; egli forse 
ha inteso parlare di questa nostra specie. Fiorisce in Aprile e Maggio 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Più particolarmente amica delle vici- 
nanze dell'Adriatico, si trova oltre le qui indicate località, anche in Dal- 
mazia. L' ho avuta ancora comunicata del Monte Delfo nell' isola di 
Negroponte nell'Arcipelago. 



r,l-2 GHAMINACEK. 

Osservazione. — (Juosta spec'u' v.^riii por la lungliozzn delle foglie, 
del culmo e della pannoechia : talvolta le loglio sono poco convolute e 
quasi piane , siccome è negli esemplari del Monte S. Vicino avuti dal 
prof. Narducci. Anche il colore delle spighette varia molto, essendo 
ora ceruleo, ora di un verde biancastro. 11 prof. Bertoloni ha fatto di 
questa specie una semplice varietà della sesìerìa coerulea, di cui come 
varietà ha ancora considerato la sederla elongala , nitida ec. ; io credo 
eh' egli si sia ingannato su questo , poiché malgrado la variabilità di 
taluni caratteri queste specie ne hanno però degli altri che le fanno, 
a mio avviso, ben distinguere tra di loro. 11 Koch ha molto contribuito 
a far rilevare questi caratteri di distinzione , che io ho quasi seguito 
in questa flora. 

19 9. Sellerìa coerulea Arduin. 

S. panicula spiciformi , ovali-oblonga , subsecunda , spiculis 2-5 
floris, glumis ovato-lanceolatis flosculis breviorihus, palea inferiore 
apice in setas 2-4 aristamque intermediam terminata , arista dimidiam 
paleae partem haud attingente, ovario apice piloso, fohis linearibus, 
planis , margine scabriusculis vel scabris , apice in mucronem brevem 
contractis, radice caespitosa, haud stolonifera. 

Sesleria coerulea ^rd. specim. alt. p. 18. Ali. fi. ped. S. p. 248. 
Scop. fi. carn. edil. 2. toni. 1. p. 63..Suffr. pi. foroj. p. 12. Beri. dee. 
S. p. 1 1 et pi. (jenuens. p. 24. Dee. fi. frane. 3. p. 70. Sìbth. et Smith 
fi. graec. prodr. 1. p. 52. Brign. pi. foroj. fase. p. 12. Roem. et Sehiilt. 
syst. veg. 2. p. 603. Bertol. amoen. ital. p. 5. 113 et 330. Pollin. fi. 
veron. 1 . p. 101. Ten. fi. nap. 3. p. 57. Seh. et Maur. fi. roin. prodr. 
p. 66. Gaud. fi. helv. 1. p. 269. Lois. fi. gali. edit. 2. p. 67. Reich. 
fi. germ. excurs. 1. p. 35. Kunth enum. pi. 1. p. 321. Koch syn. fi. 
gemi, et helv. edit. 2. p. Oli. 

Cynosurus coeruleus Linn. sp. pi. 106. 

Aira varia ,1acq. vìnd. p. 15. 

Sesleria coerulea var. a. Bert. fi. Unì. 1. p. 502. Comoll! fi. co- 
mens. 1 . p. l'21. Puccini syn. fi. lue. p. 54. 

Gramen phalaroides, montanum, spica versicolore Mont. cai. 
slirp. agr. bonon. prodr. p. 48. Seguier pi. veron. 3. p. 153. 

Figure. — Arduin. ì. e. tav. 6. fìg. 3. 4.5. Engl. boi. voi. 23. 
lab. 1613. Fi. dan. lab. 1506. Hosl grani, nustr. 2. lab. 08. Betch. 
cent. 11. fìg. 1510. 



SESLERIA. r.l,- 

b. mntìca, paleis submulicis. 

Sesleria mutica Dadarr! oss. in ytorn. di fìs. e chim. di Conf. e 
Brugn dee. 2. toni. 7. p. 363. Kunth. ennm. pi. 1. p. 323. 
Nome italiano. — Codino azzurro Bert. fi. Hai. 1 . p. 30i. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Pianta mollo COmune nei 

luoghi sassosi, e nei pascoli delle Alpi e degli Appennini sino agli 
Abruzzi e nel monte Garfjano in Puglia. Neil' Italia settentrionale di- 
scende ancora nello colline ; diviene più rara nell' Italia centrale. Manca 
nelle isole, tranne in Sardegna, ove il Moris 1' ha raccolto nelle rupi 
di Marganai e di Genargentu , e donde me 1' ha comunicato. Forse si 
troverà più tardi in Corsica, ove è molto probabile che nasca. La va- 
rietà b. è stata trovata nel monte S. Calogero della valle di Albenga 
da Badami: io ne ho visto un esemplare autentico nell' erbario di 
De Candolle. Fiorisce nei luoghi bassi in Aprile e Maggio e nei luoghi 
più elevati in Maggio e Giugno: è perenne. 

Osservazione. — La scslcria coeriilea varia molto , come la specie 
precedente, per le foglie più o meno larghe, e più o meno scabre nei 
margini, per la pannocchia ora ovale, ora ovale-allungata. Il Ber- 
toloni avea già riportato a questa pianta la sesleria mutica del Badarrò 
oh' egli avea avuta dal Badarrò medesimo e delle stesse località delle 
quali questo l'ha descritta. 

19S. Sesleria nitida Ten. 

S. panicula spiciibrmi, oblonga, densa, nitida, spiculis subqua- 
driiloris, glumis lanceolato-acuminatis, tlosculos superantibus, palea 
inferiore apice in setas 2-4, aristamque intermediam terminata, arista 
paleam dimidiam subaequante, ovario piloso, foliis linearibus, planis, 
acutis, margine scaberrirais, radice caespitosa. 

Sesleria nitida Tea! fi., nap. 3. p. 57. Roem. etSchidt. syst. veg. 2. 
p. 604. Presi cyp. et gram. sic. p. 33. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 88. 
et syn. fi. sic. 1 . p. 105. Pari. fi. palerm. i . p. 129. 

Koeleria nitida Ten. fi. nap. prodr. p. X. 

Sesleria coerulea var. e Beri. fi. Hai. 1 . p. 504. 

Gramen spica coerulea latifolium Cnp. h. catli. p. 88. 

Figura. — Ten. fi. nap. 3. tav. 103. 

Gramen glumis variis seu albo-coeruleis Cup. pamph. sic. 1. 

lab. 176 et 2. lab. 145. Bonann. lab. lì. 

b. spicis viviparis Guss. syn. fi. sic. 1. p. 106. 

20* 



514 OHAMINACEE. 

(Iramen caesariatum, latifolium , sivo xerampelinuin , maius tM 
robuslius Clip. il. cath. suppl. alt. p. 3i. 

Figure. — Gramcn caesariatum , latifolium , seu xerampelinum , 
majus et robustius Clip, pamph. sic. 2. tab. 40. Bonann. tab. 9. 

Nome italiano. — Codino argentino. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei iuOglll aprici e SaSSOsi 6 

talvolta umidi dei monti degli Abruzzi , dei Molise e della Basilicata 
nel regno di Napoli e in Sicilia nei monti alti di Cammarata , di Bu- 
sambra e delle Madame. Fiorisce da Maggio a Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova pure in Grecia ove 1' ha rac- 
colta nel monte Taigeto il sig. Heldreich che me 1' ha comunicata. 

Osservazione. — Questa specie non solo è distinta dalla coenilea 
per le foglie più larghe, e scaberrime come seghettate nei margini, per 
l'abito in generale molto più robusto e per le spighette lucide e d'ordi- 
nario variegate di verde e porporino , ma soprattutto per le glume più 
strette, che sono più lunghe dei fioretti, i quali sono ordinariamente 
al numero di quattro, e per le areste della paglietta inferiore che sono 
più lunghe che in quella della sesleria coeruìea. E una specie più me- 
ridionale di questa e sembra destinata a supplirla nella bassa Italia e in 
Sicilia , ove manca la coeruìea. 

199. Sesleria argentea Savi. 

S. panicula spiciformi, cylindrica, densa, spiculis plerumque tri- 
floris, glumis lanceolato-acuminatis, tlosculos subaequantibus, palea 
inferiore apice in setas 2-4, aristamque intermediam terminata, arista 
dimidiam paleae partem haud attingente, ovario apice piloso, foliis li- 
nearibus, canaliculatis, apice in mucronem attenuatis, radice caespito- 
sa, stolonifera. 

Sesleria argentea Savi! bot. etnisc. 1 . p. 68. 

Festuca argentea 5«i'i.' in [/s/er. a/ì/i. 1800. st. 24. tab. 1. fig. 1. 

Cynosurus cylindricus Ba/ò .' addii, ad ft. jìedem. in elench. p. 80. 
ami. 1801 et mise. hot. 1. p. 12. 

Sesleria coeruìea jS? Dee. fi. frane. 3. p. 76. 

Koeleria coeruìea Ten. fi. nap. prodr. p. X. 

Sesleria cylindrica Dee. fi. frane. 6. p. 279. Roem. etScìmlt. sijst. 
veg. 2. p. 602. Gnss. fi. sic. prodr. 1. p. 89. Ten! fi. nap. 3. p. 38. 
Kunthennm. pi. 1. p. 3'2'2. Vis. fi. daini. 1 . p. 86. Guss. fi. sic. syn. 1. 
jì. 106. 



SESLERIA. 515 

Sesleria elongata /3 cilindrica Lois, (l. gali. edit. 2. Ioni. I. p. 67. 
Sesleria coeriilea x. Dert. fi. Hai. I . p. 503. 

Figura. — Savi Le. 

Nome italiano. — Sesleria argentina Savi hot. etnisc. 1 . p. 68. 

h. elongata, panicula elongato-cylindrica, interdum basi interrup- 
la, glumis magis acuminatis. 

Sesleria elongata Host! (jram. aiistr. 2. p. 69. Brign! fase. pi. 
foroj. p. 15. partim. Dee. fi. frane. 6. p. 280. Roem. et Scluilt. syst. 
veg. 2. p. 602. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. /. p. 67. var. a. Reieh. fi. 
germ. exeiirs. 1 . p. 35. Kunth enum. pi. /. p. 322. Vis. fi. daini. 1 . 
p. 86. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 91 J. 

Sesleria coerulea 5 Beì't. fi. Hai. 1 . p. 503. 

Figura. — Host l. e. tab. 97. 

Stazione^ Abitazione e Fioritura. — Nelle Colline e nei luoghi 

aridi e montuosi a preferenza della parte occidentale della penisola e 
in vicinanza del mare. Si trova nelle Alpi di Tenda, nel Piemonte, a 
Nizza, a Lucerame, nelle colline e negli Appennini di Genova, nel- 
l'Appennino lucchese e nei monti toscani, nelle montagne di Castel- 
lammare, al Vemvìo, al Monte Somma presso Napoli, alla Majella ec. 
Il Gussone porta questa specie come spontanea di Sicilia e propriamente 
del Caputo presso Palermo , fondandosi sopra un esemplare a lui comu- 
nicato dal Bivona: però, come io avvertii, nella flora palermitana, ha 
dovuto esservi qualche sbaglio del Bivona nel rimettere questa pianta, 
mentre essa non solo non si trova nel suo erbario ma questo botanico 
mi avvertiva di non aver mai trovato la sesleria cylindriea al Caputo. 
Lavar, b. èpiiì rara. Essa mi è stata comunicata dal prof. Brignoli che 
r ha trovata nelle colline aride presso Trieste lungo l' Isonzo , e dal 
prof. Savi figlio, che 1' ha raccolto nei monti toscani. Il Bertoloni 1' ha 
trovato nelle Alpi Apuane e nei monti del Massetano ec. Fiorisce in 
Giugno e Lugho ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce ancora in Dalmazia e in Mace- 
donia. 

Osservazione.' — Il Savi è stato il primo fra tutti i botanici a di- 
stinguere questa specie col nome di festuca argentea , che poi mutò in 
quello di sesleria argentea , sotto il quale io l' ho qui ammessa perchè 
egli n'è il vero scopritore. Non ho creduto di considerare come distinta 
dalla nostra la sesleria elongata di Host , ma ne ho fatto una sola va- 
rietà, siccome per altro ha opinato qualche botanico prima di me. 



516 GRAMINACEE. 

iSO. Selleria spliaerocepliala .1;(/. 

S. panicula spiciformi, globosa, spiculis plerumque trilloris, palea 
inferiore apice emarginata, ex emarginatiira aristata, arista dimidiam pa- 
leae partem haud attingente, ovario glabro, stylis dislinctis, foliis an- 
guste linearibus, obtusiusculis. 

Sesleria sphaerocephala Ard. specim. 2. p. 20. Turr. fi. Hai. 
prodr. p. 62. Bellai^d. app. ad fi. ped. p. 9. Brignol. pi. [or. fase. p. 14. 
Roem. et Scìmltes syst. veg. 2. p. 605. Pollin. fi. veron. 1. p. 102. 
Gaud. fi. helv. 1. p. 271 . var. a. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. I . p. 67. 
Reich. fi. germ. exmrs. 1 . p. 35. Kuntli. enum. pi. 1 . p. 322. var. a. 
Beri. fi. ital. 1. p. 507. Comoll! fi. com. 1. p. 122. Kochsyn. fi. gemi, 
et helv. edrl. 2. p. 911. 

Cynosurus sphaerocephalus WìUd. sp. pi. 1 . part. /. p. 415. 

Figure. — Ard. loc. cit. lab. 27. Host gram. austr. 2. lab. 99. 
Reich. cent. 11 . tab. 56. fìg. 1509. Cynosurus sphaerocephalus Jacq. 
icon. rar. 1. lab. 20. 

b. leticocephala, spiculis albidis, breviusque aristatis. 

Sesleria leucocephala Dee! fi. frane. 3. p. 76. Lois. fi. gali. edit. 2. 
tom. 1 . p. 67. 

Sesleria sphaerocephala /3 albida Gaud. fi. helv. 1 . p. 271 . Kunth 
enum. pi. 1 . p. 322. 

Nome italiano.' — Codino Capolino Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Amai monti dell'Italia set- 
tentrionale e a preferenza le Alpi , ove si trova nei luoghi elevati: è 
però molto rara. Il Bellardi l'ha trovato nel monte Cenisìo al luogo 
detto Ranche, se pure la sua pianta spetta alla specie in esame, non 
potendosi ben rilevare dalla frase addotta, e il Brignoli presso la 
vetta del monte Cren nel Friuli. Nasce nei monti di Campeglìo e di 
Bobòio nella Valsasina, ove già l'ha notato il Gaudin, e donde mi è 
stata comunicata dall'amico Comolli. L'ho pure della Valle elevata detta 
delle ossa del Monte Baldo presso Verona , datami dal Manganotti , dei 
pascoU alpini delle vette di Feltro, ove l'ha raccolta il Montini. Cresce 
ancora nelle Alpi del Tirolo ec. La varietà b. mi è stata favorita dai fra- 
telli Perini, che l'hanno raccolta nella sommità di Monte Spinale nel 
Tirolo, ove già l'avea notato lo Sternberg; e delle Alpi del Tirolo me 
l'ha anche favorita il prof. Moretti. Il Gaudin dice di averla rice- 
vuta da Thomas, che l'avea trovato nel monie Introbbio presso Como; 



SESLERIA. 517 

però io Ilo veduto gli esemplari di Thomas di questa località nell'er- 
bario di DeCandolIe, che spettano alla varietà a. nostra. Fiorisce 
in Giugno e Luglio, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce pure nelle Alpi di Salisburgo, 
della Carniolia e della Carinzia. 

ISl. Selleria tenella Host. 

S. panicula spiciformi, ovata, parva, spicuhs biiloris, palea infe- 
riore apice 5-aristata, arista intermedia paleam suam longitudine acquan- 
te, ovario apice piloso, stylis connatis, foliis anguste linearibus, 
obtusiusculis. 

Sesleria tenella Host! grani, ausir. 9. p. 11. Kunth enuvi. pi. / 
p. 322. 

Cynosurus ovatus Hopp! in Stiirin. deutsch. fi. fase. 0. 

Sesleria microcephala Dee! fi. frane. 3. p. 76. exclus. syn. Jacq. 
et Ard. Koch s>jn. fi. ijerm. el helv. edit. 2. p. 911. 

Cynosurus microcephalus Uojfm. deutseh. fi. 2. p. 49. 

Psilathera tenella Reich. fi. gemi, exeurs. I. p.35. Link h. berol. I . 
p. 122. 

Tiswe, — Hostgram.auslr.2. lab. 100. Reich.ie.eenl. IL lab. òO. 
fìg. 1508. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi sassOsi e nelle fes- 
sure delle rupi elevatissime delle Alpi , più rara ancora della specie 
precedente. Essa è stata raccolta finora nella Yal Furva presso Bormio 
dalSalis, nel monte tó Monzoni nelle Alpi di Fassa nel Tirolo dal 
Facchini. Io l'ho delle Alpi tirolesi, comunicatami dai fratelli Perini 
e delle Alpi della Carnia alle sorgenti del Tagliamento, e del Tirolo 
orientale, favoritami dal prof. Moretti. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed 
è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle Alpi qui dette e di quelle 
di Salisburgo e della Carinzia. 

Osservazione. — Affine alla specie precedente e particolarmente 
alla varietà a. di essa; però ha un abito in generale più delicato, la sua 
spiga è più piccola ed ovata, le spighette hanno d'ordinario due fiori , 
che sono più piccoli, e alquanto pelosi superiormente, la paglietta 
inferiore poi offre le sue cinque nervature prolungate in cinque areste , 
delle quali l'intermedia e quasi della lunghezza medesima di questa pa- 
glietta, l'ovario è peloso all'apice e non tutto nudo, come nella spe- 



518 GHAiMINAGEE. 

eie prececlenle , gli stili sono insieme saldati in un solo , né distinti e 
separati come è nella sesìeria sphaerocephaln. 

" Palea inferior integra, mulica voi apice mucronato-aristata, spi- 
culac distichae. Oreochloa Link. 

1^9. Selleria disticlia Pers. 

S. panicula spiciformi , ovata, disticha, spiculis subquadritloris, 
palea inferiore mutica vel apice breviter mucronato-aristata, ovario gla- 
bro, foliis filiformibus. 

Sesìeria disticba Pers. sijn. pi. 1 . p. 72. Roem. et Schult. syst. veg. 2. 
p. 605. Gaiid. fi. lielv. 1. p. 26Ì. Kunth enum. pi. I. p. 323. Beri. fi.. 
Hai. 1. p. 508. Comoll. fi. com. I.p. I2L Koch syn. fi. getm. et helv. 
edit. 2. p. 912. 

Poa disticha Wulf. in Jacq. mise. 2. p. 24. Dee. fi. frane. 3. 
p. 63. PoUin. fi. veron. 1 . p. 112. 

Cynosurus disliclius Hoffm. fi. gemi. 2. p. 49. 

Poa seslerioides Lois. fi. galL edit. 2. toni, i . p. 82. 

Oreochloa disticha Link h. reg. berol. desci'. 1 . p. 44. Reich. fi. 
germ. exciirs. 1 . p. 19. 

Figure. — Jacq. pi. rar. 1. p. 3. tab. 19. Host grani, auslr. 2. 
lab. 70. Reich. ic. cent. 11. fig. 1366. 

b. pedemontana, culmis elongatis, pedem vel sesquipedem longis, 
foliis culmeis linearibus, planis. 

Poa seslerioides .4/// fi. ped. 2. p. 246. 

Sesìeria pedemontana Reut! pi. exsicc. 

Figura. — Ali. fi. ped. tab. 91. fig. 1. non buona. 

Nome italiano. — Fienarola cerulea Bert. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli e nelle rupi assai 

elevate, di circa 2300 metri sul livello del mare, delle Alpi centrali ed 
orientali, ove però è molto rara. Si trova così nei monti Legnane, Aren- 
go, Spehiga, Braidio della provincia di Como e della Valtellina , nei 
pascoli alpini di Mo?/ia/one in Valsugana, nelle Alpi di Fassa e di Flem- 
me, e in altri luoghi del Tirolo itahano. L' ho avuto ancora delle col- 
line di Verona dal Clemenh'. La varietà b. si trova nelle Alpi di Tenda 
e di Venadio, donde 1' ebbe già dal Bellardi l'Allioni e donde pure io 
r lio avuto comunicata dal Reuter col nome di sesìeria pedemontana 
Fiorisco in Luglio ed Agosto ed è perenne. 



SESLERIA. 51'.) 

Distribuzione geografica. — Nasce pure nei Pirenei e nelle Alpi di 
Salisburgo, della Carinzia, della Sliria e del Tirolo. 

Osservazioni. — Ho riferito alla varietà b. la poa seslerioides di 
Allioni, sì perchè io ne possiedo gli esemplari delle Alpi di Tenda e di 
Venadio, donde il Bellardi comunicò questa pianta all' Allioni medesi- 
mo, sì ancora per la descrizione e la figura data, che, quantunque que- 
sta ultima non buonissima, pure ben rispondono a questa varietà. Seb- 
bene a prima vista essa sembri diversa dalla specie, ciononostante 
nulla havvi che possa farnela distinguere tranne i caratteri della vege- 
tazione, così di essere il culmo alto quasi un piede ed anche un piede 
e mezzo e lo foglie del culmo lineari e piane, del resto gli altri ca- 
ratteri delle foglie, della ligula, e quelli della pannocchia e delle spi- 
ghette sono perfettamente uguali alla specie. 



liXVI. ECHIJVARIA Desf. 

Desf. jl. ali. 2. lì. 385. Palis. de Beaiiv. agrost. p. 83. lab. 17. fig. ^. 

Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 37. Kunth enmn. pi. 1 . p. 256. 

Endl. gerì. pi. p. 92. 
Cenchri species Linn. gen. p. 542. Ali. fi. ped. 2. p. 263. 
Sesleriae species Lamk. ìli. gen. 1 . tah. 47. fìg. 2. Hostgram. austr. 2. 

p. 6. 
Panicastrella Moench. metli. p. 206. 

Spiculae 2-4 florae, polygamae, flore superiore pedicellato, in 
spiculis inferioribus cujuslibet capituli tabescente vel ad pedicellum re- 
dacto. Glumae 2, membranaceae, flosculis breviores, carinatae , infe- 
rior exquisite bi-trinervis , apice bi-raro triaristata, superior panilo 
longior, univervis, apice uniaristata, aristis brevibus, subulatis. Pa- 
leae 2, membranaceae , inaequales, inferior concava, 5-7 nervis, 
apice 5-7 fida, laciniis lanceolato-subulatis, complanatis, rigidis, diva- 
ricatis; superior bicarinata, apice bifida, laciniis subulatis, rigidis, 
rectiusculis. Perigonii squamulae 2 , subcuneatae, apice 2-5 lobae, 
glabrae, ovarium subaequantes. Stamina 5. Ovarium subturbinatum, 
apice pilosulum. StyU2, terminales, glabri. Stigmata fihformia, lon- 
gissima, imberbia , a stylis haud distinguenda. Caryopsis elliptico- 
oblonga, levis, apice obtusa et pilosula, libera. 

Abito. — Pianta annua , avente dei culmi alti da mezzo pollice a 



Trio GRAMINACEK. 

4 pollici, (lirilli o ascendenti, talvolta solilarii ma d' ordinario l'ormanti 
dei piccoli cespugli , con foglie lineari , piane e pelosette, piij corte dei 
culmi , che sono nudi superiormente per un qualche tratto e che por- 
tano le spighette addensate in un capolino globoso, echinato, simile in 
qualche modo a quello del phleum echinatum, dai di cui fioretti spor- 
gono gli stimmi lunghi e filiformi. 

iS3. Echinaria capitata Desf. 

Echinaria capitata Z^esf. jl. atl. 3. p. 385. Dee. jl. frane. .1 p. 7L 
Roem. et Schiill. syst. veg. 2. p. 6/7. Ten. fi. nap. 3. p. 50. Guss. II. sic. 
prodr. J. p.o3.Reich. fi. gemi, excurs. 1 .p. 2JG. Beri, fl.'ìlal. 1. p.510. 
Guss. fi. sic. sìjn. 1 . p. 105. Koch syn. fi. gemi, el helv. edit. 2. p. 910. 

Cenchrus capitatus Linn. sp. pi. p. 1488. Ali. fi. ped. 2. p. 363. 
Sihth. et Smith fi. graec. 1 . p. 81 . 

Sesleria echinata Lamk. ili. 1 . tah. 47. f. 2. Host gram. austr. 2. 
p. 6. Pollin. jl. veron. 1 . p. 103. Seb. el Maur. fi. rom. prodr. p. 60. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 67. 

Panicastrella capitata Moench. ineth. p. 206. 

Gramen echinatum, tribuloides Column. ec.phr. pari. 1. p. 338. 

Gramen echinatum spica subrotunda Mont. cat. stirp. agr. honon. 
prodr. p. 64. 

Gramen spica subrotunda echinata Till. cai. hort. pis. p. 70. 

Figure. ■ — ■ Host gram. austr. 3. tah. 8. Siì)lh. et Smith jl. graec. 
1 . tal). 100. Reich. ic. cent. 11 . fig. 1507. 

Nome italiano. — Gramigna calcelreppola Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi erbosi e nelle col- 
line aride della Riviera di Ponente a Nizza, a Mentono ec, dell' Italia 
centrale in Toscana a Pieve S. Stefano, presso Roma a Subiaco e luoghi 
vicini, nei monti Priore e Vettore dell'Appennino delle Marche, nelle pra- 
terie sterili degli Abruzzi , di Basilicata e di Calabria , come pure nel- 
r isola di Sicilia ove si trova, quantunque non comunemente, a prefe- 
renza verso la costa occidentale dell'isola, a Trapani, a Girgenti, a 
Modica, a Siracusa, a Mililli, a Regalmuto, a Cammarata, a Sutera ed 
anche a Palermo , donde me ne ha favorito un esemplare il Calcari 
dopo la pubblicazione della mia flora palermitana. Cresce ancora nei 
luoghi erbosi dell' Istria. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa meridionale, nell'Affrica 
boreale, in Bifinia, nel Peloponneso, nell'Asia Minore ec. 



FESTUCACEE. 7d[ 

TRIBÌJ ]l£€l]fIAPRI]?I/i. 

FESTUCACEE. 

Festucaceae Pari. fi. pai. I. p. 130. 

Parte delle Festucaceae e delle Aruxdinaceae di Kunlh envm. pi. i . 

p. 321. 
Parte delle Festucaceae, delle Arundinaceae e delle Avexaceae di 

Koch sìjn. fi. rjerm. et helv. edit. 2. p. 024. 

Spiculae hermaphroditae , mulliflorae, raro pauciflorao ve! ìì-Ùo- 
rae, flore superiore quand^que tabescente. Gluraae membranaceo- 
herbaceae vel coriaceae, subaequales aut inaequales, flosculis breviores 
vei rarissime subaequales. Paleae membranaceo-herbaceae vel coria- 
ceae, inferior apice plerumque integra, malica vel mucronata, saepe 
aristata, arista saepissime terminali , haud tortili. Stigmata subsessilia 
vel sessilia, piumosa vel raro subaspergilliformia ut in Moliniaetdìpla- 
rhne. Caryopsis plerumque glabra et libera, raro paleis adhaerens. 

Distribuzione geografica. — La tribù delle festucacee è nelle gra- 
minacee la più ricca di specie in Italia e nelle isole aggiacenti, come è 
in generale nei paesi di Europa, formando essa sola quasi un terzo di 
tulle le gramigne italiane. Vi predominano sopratlutto i generi Koeleria, 
poa , glyceria , Serra falciis, hromns, valpia, festuca, che hanno ciascuna 
un numero più o meno grande di specie. Non vi è genere europeo 
delle festucacee che manchi nella nostra flora, la quale però non ne 
vanta alcuno che le sia proprio. I generi Koeleria, poa e festuca abbon- 
dano di specie principalmente nella penisola, ove talune di esse prefe- 
riscono di ordinario le montagne e i luoghi alpini, così è deìh Koeleria 
cristala, valesiaca, ed hìrsula, della poa alpina, cenisia, lacca, minor, 
annua var. supina, sudetica, nemoralis, della festuca Halleri , violacea, 
nigrescens , piimìla , varia , ftavescens , dimorpha , Scìieuchzeri , spadicea, 
spectabilis, sylvatica, anzi la poa alpina e laxa, la festuca pumila ed 
Halleri si avanzano molto nelle più alte montagne, avendole io trovate 
nelle Alpi verso i 2800 metri sul livello del mare, e la poa laxa è stata 
r ultima gramigna da me veduta sul Col du Géant sino a 5000 metri 
circa presso il termine della vegetazione delle piante fanerogame. Il 
genere Molinia si trova solo nella penisola , come ancora varie altre 
specie di altri generi di questa tribù, così la festuca gigantea , lolia- 

Fr.oRA Italiana. Voi.. I. 21 



,r22 GI'.AMINAGEE. 

cea, il Serrafalrus arvcnsis, la briza media, la svlerocìiìoa dura ec. Nella 
parte meridionale e nelle isole si vedono invece altri generi e specie 
più particolari, cosi è del genere Lamarckìa, dello spliaenopiis , de\- 
y ampelodesmos , il quale forma dei grandi e densi cespugli nella 
parte mediterranea della nostra flora, che sono di essa tanto carat- 
teristici come ho già accennalo nelle generalità di questa famiglia a 
p. 43 ec. I generi bromus, Serrafalcns , glyceria, e vuìpia vi hanno 
maggiori rappresentanti, e specie più caratteristiche, cosi il bromus 
maxìinus, Giissonii, fasciculatìis , il Serrafalcns intermedius, la gly- 
ceria spicata, la PuccìneUia Gussonii e permìxta, la vidpia panormi- 
iana, setacea, sicula , allemiata, alopeciinis , ligustica, ìiniglumis, come 
pure la briza maxima e minor, ec. ec. Gli stessi generi Koelena, poa 
e festuca vi si mostrano con qualche specie affatto distinta, cos'i è della 
Koeleria grandiflora e hispida , della poa insularis che sta a rappresen- 
tare in Sicilia la poa alpina , della poa Balbìsìi di Sardegna, della festuca 
coerulescens, exaltala e Morisiana, come anche del cynosurus elegans, 
della sckroclìloa marilima e divaricata, ec. 

liXTII. KOEIiERIA Pers. 

Pers. syn. pi. I . p. 97. Roem. et Scindi, syst. veg. 2. p. 37. Knnth 
enum. pi. t . p. 380. Endl. gen. pi. p. 100. Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 912. Pari. fi. palerm. 1. p. 131. 

Airae species Li«n. sp. pi. p. 94. Ali. fi. ped. 2. p. 242. Beri. fi. ital 
l.p. 43 L 

Festucae species Linn. sp. pi. p. 111 . Savi fi. pis. 1 . p. 117. Beri. fi. 
ital. 1 . p. 625 et pi. auct. 

Phalaridis species Lamk. encycl. 1 . p. 92. Desf. fi. ali. 2. p. 446. Savi 
fi. pis. 1 . p. 59. 

Alopecuri species Ali. fi. ped. 2. p. 235. 

Holci species Ali. auct. p. 46. 

Cynosuri species Desf. fi. ali. 1 . p. 82. 

Bromi species Savi fi. pis. 1 . p. 124. 

Poae species Savi fi. pis. 1 . p. 103. 

Koeleria et airochloa Link li. reg. berol. 1. p. 127. 

Koeleria et lophochloa Reich. fi. germ. excvrs. 1. p. 42 et 49. 

Spiculae 2-5 florae, distichae, raro uniflorae cum rudimento flo- 
sculisuperiorispedicellato. Glumae 2, membranaceae , carinatae, inao- 



KOELERIA. 5^25 

quales, ilosculis breviores vel subaequales. Paleae 2, rnerabranaceae, 
carinatae, inferior mutica, vel ex apice aut sub apice integro vel bi- 
dentalo breviter aristata , arista setacea , recta , superior bicarinata, apice 
bifida. Perigonii squamulae 2 , ovato-oblongae , integrae vel bidentatae, 
glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, brevissimi. Caryopsis 
glabra, libera. 

Abito. — Piante perenni o annue , con i culmi talvolta un poco 
ingrossati alla base ed ivi ricoperti dalle guaine delie foglie inferiori cbc 
si sciolgono più tardi in una specie di rete, formata da fili fra di loro 
intrecciati, con foglie piane, lineari o filiformi e convolute, con le pan- 
nocchie disposte in spighe , più o meno dense , ora cilindriche , ora 
ovali, ora quasi piramidali, dotate di spighette per lo più nitide, senza 
peli pelose , ora con due, ora con quattro o cinque fiori , che sono o 
affatto prive di areste ovvero le hanno corte e diritte. 

* Palea inferior mutica vel breviter mucronata : plantae nosfrac 
perennes. Koeleriae genuin.\e Auct. Airochloa Link l. e. 

t^-i. H.oeIei'ia cristata Pers. 

K. panicula spiciformi , basi interrupta, spiculis 2-5 lloris, gluma 
ìiinjore flosculis breviore, palea inferiore acuminata, mutica vel mu- 
cronata, foliis planis, inferioribus ciHatis, vaginis foliorum emarcidis, 
indivisis. 

Koeleria cristata Pers. syn. pi. 1 . p. 07. Dee. fi. frane. 6. p. S68. 
var. a. Roem. et Schidt. sysl. veg. ?. p. 019. var. a. Morie, fi. venet. 
I . p. 60. Ten. fi. nap. 3. p. 93. var. a. Gand. fi. helv. 1 . p. 265. Lois. 
fi. gali. edit. 2. tom. 1 . p. 65. var. a. Reich. fi. gemi, exciirs. 1 . p. 49. 
Kimthenum.pl. 1. p. 381. var. a. ComoU. fi. coni. 1. p. 115. Vis. fi. 
dalm. 1. p. 71. var. a. Koeh syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 912. 
var. a. 

Aira cristata Limi. sp. pi. p. 94. Ali. fi. ped. 2. p. 2i2. Bert. fi. 
ital. 1 . p. 434. Puee! syn. fi. lue. p. 50. 

Poa cristata Willd. sp. pi. 1. p. 402. Dee. fi. frane. 3. p. 65. 
var. a. 

Koeleria parviflora Bert. in Roem. et Seliultes mani. 2. p. 344. in 
obs. 1 . ad Koeleriam cristatam. 

Festuca cristata Pollin. fi. veron. 1 . p. 121 et Naee. fi. ven. 1. 
p. 74. excl. pi. syn. 



7rli (]KAMINACL<:E. 

Airochloa cristala Link. ìi. reij. herol. descripl. I . p. 43o. 

Gramen avenaceum, speciosum,purpuro-argciitea, tnolli paniciila 
Moni. rat. slirp. ayr. honon. prodr. p. ò6. 

Figure. — Host (jram. austr. i^. tah. 75. EìkjL hot. voi. 0. 
lab. 648. 

b. panicula eloiigata, gracili, glumis paleaque inferiore apicem 
versus prope marginem villoso-ciliatis. 

Nome italiano. — Palèo argentino gentile Ber/, fi. Hai. I.p. 435. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama le CoUine aride 6 i 

pascoli montuosi dell' Italia settentrionale dove è piuttosto comune , e 
dell'Appennino sino agli Abruzzi. Si trova pure in Corsica a Calvi. 
Manca nell' Italia meridionale ed in Sicilia , ove è supplita dalla Koe- 
lerta grandiflora. La varietà b. è stata raccolta dal sig. Ambrosi nelle 
colline erbose di Valsugana nel Tirolo italiano, da cui l'bo avuto co- 
municata. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nasce nell' Europa media e nel Cau- 
caso. 

Osservazione. — ■ Specie molto variabile per la sua statura , per la 
pannocchia pili o meno grande e talvolta quasi divisa in lobi, per le spi- 
ghette ora più piccole, ora un poco più grandi, che d'ordinario sono di 
un color vario di verde e biancastro, tal altra, come accade nei luoghi 
l»iù elevati e più aperti, variegate di porporino. Le guaine e le foglie 
variano pure ora pubescenti, ora glabre, quantunque però le inferiori 
sieno generalmente dotate di ciglia nei loro margini. La varietà b. offre 
la pannocchia stretta ed allungata, interrotta inferiormente come nella 
specie, e le glume e la paglietta inferiore verso l'apice in vicinanza del 
margine dotale di peli come in forma di ciglia: del resto è simile alla 
specie. Mi è occorso di trovare la carena delle glume, invece di essere 
soltanto un poco scabra , fornita di ciglia anche in qualche forma della 
specie medesima. 

tS5. ILoeleria valesiaca b. setacea Koch. 

K. panicula spiciformi, dense conforta , spiculis 2-floris, gluma 
majore flosculos subaequante, palea inferiore acuminata, mutica vel 
mucronata, foliis linearibus, convolutis, glabris, vaginis emarcidis in 
fila flexuosa intertexla solulis. 

Koeleria valesiaca b. Koch sjjn. fi. (jcvm. et helv. edit. 2. p. Olo. 

Aira valesiana Ali! auct. p. 40. 



KOELElllA. :y2■^ 

Koeleria setaceaZ)ec/caL /(. monsp.]). J 18 et (l. frane. 0. p. 269. 
an et Pers? 

Koeleria valesiaca Reìch. fi. gemi, excurs. 1 . p. 49. 

Gramen valesianum, tenuifolium , panicula spicata, viridi-argen- 
lea, splendente Scheuchz. agrost. p. 109. 

Figura. — Reìch. icon. cent. II. fig. JG7J. 

b. piihescens, glumis paleaque inferiore pubescentihus cariiiaque 
ciliatis. 

Aira valesiana Rert. fi. Hai. I . p. 438. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei margini de' Campi , nelle 
colline erbose scoperte e nei pascoli del Piemonte soprattutto nelle valli 
delle Alpi ove 1' ho raccolto nella regione dell'abete e del larice tra i 
1100 e i 1700 metri d'altezza sul livello del mare. La varietà b. nasce 
a Porto Maurizio, a Capo Noli nella Riviera di Ponente. Fiorisce in 
Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova pure nel Vallese, in Francia 
presso Lione, in Provenza e nei Pirenei. 

Osservazione. — La nostra pianta è certamente quella scoverta da 
Scheuchzero e dalui per la prima volta cosi bene descritta. La paglietta 
inferiore è nel dorso pelosa e quasi irsuta, siccome la dice Scheuchzero 
medesimo. Ad essa spetta 1' aira valesiana di Allioni, sì perchè io pos- 
siedo la pianta del Piemonte, sì ancora perchè egli vi ha riportato il 
sinonimo di Scheuchzero, sì infine perchè è stata da me veduta nel suo 
erbario. La Koeleria valesiaca di Gaudin ha la paglietta inferiore dei 
fioretti glabra e non pelosa; io non ho questa varietà dell'Italia, per 
questo non ho riportato alla nostra pianta il sinonimo della sua flora 
helvelica. Ho riferito con il Koch a questa varietà con la paglietta pe- 
losa della Koeleria valesiaca la Koeleria setacea di De Candolle , che 
io possiedo neir erbario del Pori de Gavarnie dei Pirenei , donde la de- 
scrive il De Candolle medesimo, e che ho veduto nell' erbario stesso 
di lui : fo notare bensì che la paglietta inferiore è in essa meno pelosa 
che nella nostra pianta del Piemonte. 

Varia inoltre questa specie per le foglie più o meno lunghe , a se- 
conda che cresce nei luoghi secchi o nei margini dei campi ec. 

La varietà b. è pubescente nelle glume e nella paglietta inferiore, 
e sì le une che l'altra sono dotate di ciglia nella carena; però non mi 
è riuscito trovar buoni caratteri per distinguerla dalla specie. A questa 
varietà deve riportarsi 1' aira valesiana del P»ertoloni , giusta la descri- 
zione da lui data; per altro anche negli esemplari raccolti nella Valle 



.V>(') GUAMINACEE. 

(li Aosta e al Cramont ho osservato le glume talvolta dotate di ciglia 
nella carena ovvero pelose all'esterno. Non mi è occorso di vedere le 
spighette con tre tloretti , come ho osservato negli esemplari avuti dal 
Jordan di presso Lione alla Pape e a Néron. 

196. Koeleria grandiflora Beri. 

K. panicula spicitbrmi, cylindracea, basi subinferrupta, spiculis 
subtrifloris, glumis flosculos subaequantibus, palea interiore acuminata, 
Ibliisplanis, glabris, inferioribus margine serrulato-ciliatis, culmo basi 
subnodoso. 

Koeleria grandiflora Beri, in Rnem. et Schuil. mani. 2. p. 3i5. 
Pari. [L palerm. I. p. 132. 

Poa cristata 5ai^i fi. pis. I . p. 103 et hot. etrusc. 2. p. 50. exclus. 
syn. praeter Mich. 

Koeleria cristata Ten. fi. nap. 3. p. 93. var. e. Seb. et Maur. fi. 
rom. prodr. p. 60. excl. syn. 

Koeleria splendens Presi! cijp. et grani, sic. p. 34. 

Koeleria gracilis Gussl fi. sic. prodr. I . p. 121 et syn. fi. sic. I . 
p. 143. non Pers. 

Aira grandiflora Bert. fi. ital. 1. p. 436. 

Gramen spicatum, perenne, anguslifolium , glabrum, spica cylin- 
dracea, crassiore,flavescente, non aristata i]/ic/i. inTiU. cat, li. pis. p. 71. 

Figura. — Nessuna. 

b. liirtella, glumis, paleaque inferiore dorso villoso-ciliatis. 

Nome italiano. — Paleo argentino cipolloso Bert. l. r. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline C nci luOghi 

aridi montuosi lungo la costa occidentale della penisola dalla Riviera di 
Ponente per Genova, Sarzana, Pisa e Roma sino al regno di Napoli, 
come pure nella parte orientale nei monti delle Marche e degli Abruzzi. 
Io l'ho di Sestri di Ponente, delle Riviere di Genova, de! Pisano e del 
Sienese, òe\ Monte dei fiori nelle Marche, di Napoli, di Castellammare a 
Monte S. Angelo, di Amalfi e Sorrento nell'erbario di Micheli, della 
Basilicata. In Sicilia cresce nei luoghi erbosi dei monti ahi delle Ma- 
donie a Monte Scalone e a Quacedda, a Polizzi, come pure a Busam- 
hra, a Mistretta, a Noara, a Monte Sciideri , a Caltanissetta, S. Cataldo, 
Girgenti, Mandanici. Ho avuto la varietà b. dal prof. De Notaris che 
r ha raccolta nelle colline sopra Sestri di Ponente. Fiorisce in Giugno 
e Luglio ed è perenne. 



KOELERIA. 



.-.-r 



Distribuzione geografica. — Specie più meridionale delle due pre- 
cedenli, che essa sembra destinala a supplire nella bassa Italia e in Sici- 
lia, dove quelle mancano affatto. 

Osservazione. — A torto il Gussone , come già avvertii nella mia 
flora palermitana, riferisce questa specie alla Koeleria gracUìs di Per- 
soon eh' è una semplice varietà della Koeleria cristata, e la distingue 
dalla Koeleria 5irandi/?ora eh' è perfettamente la stessa. Ho tolto da que- 
sta specie il sinonimo della poa nitida di Savi , della quale possiedo un 
esemplare autentico, che spetta alla Koeleria glauca come si vedrà qui 
appresso. Varia la specie in esame per le foglie ora strette e lunghette, 
ora più larghe e corte: la prima forma s'incontra d'ordinario nelle 
coUine, mentre la seconda è più particolare agli individui che nascono 
nei monti elevati. 

tS9. H.oelerìa glauca Dee. 

K. panicula spiciformi, basi interrupta, spiculis 2-5 floris, glumis 
flosculos subaequantibus paleaque inferiore obtusiuscula , mutica, foliis 
planis, glabris, glaucis, vaginis foliorum emarcidis, indivisis. 

Koeleria glauca Dee! cai. h. monsp. p. 116. Lois. jl. gali. edit. '^. 
tom. I ■ p. Co. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 49. Kunth entim. pi. 1 . 
p. 38 J. Kochsijn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 912. Pari. fi. palerm. 1. 
p. 133. in obs. ad Koel. grandìfloram. 

Poa glauca Schk. cai. hort. Wittenherg. 1799. p. 49. 

Aira glauca Schrad. fi. germ. I . p. 256. 

Poa nitida Savi! hot. etrusc. 2. p. 51 . 

Figura. — Reich. ìcon. cent. 11. fig. 1672. 

Stazione, Abitazione e Fioritura Ho avutO questa pianta dal 

Savi che 1' avea trovata fiorita in Giugno in luoghi aridi e argillosi del 
Pisano e del Sienese: io non ve l' ho raccolta. È perenne. 

Distribuzione geografica. — Più particolarmente propria dell' Eu- 
ropa media. 

Osservazione. — L'esemplare avuto dal Savi è perfettamente iden- 
tico con quelli che io ho della Germania. IlBertoloni ha riferito a torto 
il sinonimo della poa nitida del Savi alla sua aira grandiflora, mentre la 
pianta del Savi se ne distingue benissimo per il carattere importante 
delle glume e della paglietta inferiore che sono ottusette e non acu- 
minate. 



~dH (iRAMlNACER. 

" P;ilea inlorioi' ex apice integro vel bifido brcvifer aristata. KoE- 

LERIAE SPURIAE el FESTUCAEFORMES Dec. Cttl . k. mOHSp.p. 118. LOPIIO- 

CHLOA Rekh. fi. germ. excurs. 1 . p. i2. 

ftS^. Roeleria Itirsuta (iaìid. 

K. panicula spiciformi, ovata vel ovalo-ohlonga, spiculis subtrillo- 
ris, gliimis acutissimis, llosculis brevioribus, paleaque interiore apice 
integro vel bifido breviter aristata, dorso birsutis, foliis autiste linea- 
ribus, glabris, culmo superne tomentoso. 

Koeleria birsula Gaud. agrost. helv. I . p. JoO. el //. ìtelu. 1. 
p. 267. Roein. el Schull. sysl. veg. 2. p. 622. Lois. fi. gali. edit. 2. 
lom. I. p. 66. Reicli. fi. germ. excurs. 1 . p. W. Koch sijn. fi. germ. el 
helv. edit. 2. p. 913. 

Aira birsuta Schleich. cai. p. 55. Beri. fi. ìtal. 1 . p. 856. 

Festuca birsuta Dec. fi. frane. 3. p. 53. 

Airochloa birsuta Link h. berol. 1 . p. 120. 

Figura. — Reich. ic. Ceni. 11. fig. 1673. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli pietrosi aSSai ele- 
vati delle Alpi. E stata trovata finora al varco di Valdobhiola in vici- 
nanza del Monte Rosa, giusta un esemplare del Gatti nell' erbario di 
Savi, nel Sempione sopra /se//e, nel S. Gottardo, secondo esemplari 
dell'erbario di DeCandoUe, nel monUì Legnane , nel Valdone, nello 
Speluga, nelle .l//ji di Senevedo, nelle /!//« Rergamasche, nel monte 
Malgonera di Agordo della Provincia di Belluno, nei monti di Canale 
S. Bovo di Primiero nel Tirolo Italiano ec, dei quali luogbi l'bo avuto 
comunicata dal Comolli, dal Rota e dal Montini. Fiorisce in Luglio ed 
Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E propria delle alte Alpi del Vallese, 
dei Grigioni ec. 

Osservazioni. — Questa elegante specie, la di cui pannoccbia è di 
un color porporino misto di verde ed anche un poco doralo, è distintis- 
sima da tutte le specie di questo genere ; essa ha le foglie convolute in 
islato secco, talvolta con alcuni peli in forma quasi di ciglia nelle foglie 
in vicinanza della ligula : il culmo nudo per lungo tratto è più o meno 
tomentoso superiormente , presso a poco come nel trisetum subspica- 
tiim, a cui in qualche modo questa specie rassomiglia per l'aspetto. 
Varie per le spighette più o meno pelose. 



KOELERIA. 7d\) 

f SO. Koeleria Yìllosa Pers. 

K. panicula spiciformi , cylindraceo-oblonga, spiculis subbifloris, 
glumis acutiusculis, piloso-hispidis, flosculos subaequantibus, palea in- 
feriore glabra, basin versus sub vitro minute tuberculata , carina sca- 
bra, apice emarginata, brevissime aristata , arista subinclusa , foliis va- 
ginisque molliter pubescentibus. 

Koeleria villosa Pers. syn. pi. 1. p. 97. Dee! cat. pi. hort. monsp. 
p. 118 et fi. frane. 6. p. 270. Roem. et Schidtes syst. veg. 2. p. 623. 
Presi cyp. et (jram. sic. p. 34. Ten. fi. nap. 3. p. 93. Giiss. fi. sic. 
prodr. /. p. 123 et syn. fi. sic. 1. p. 145. Seb. etMaur. fi. rom. prodr. 
p. 60. Lois. II. gali. edit. 2. toni. 1. p. 65. Kunth enum. pi. /. p. 382. 
Pari. fi. pater m.. 1. p. 136. 

Phalaris pubescens Lamk. encycl. meth. boi. 1. p. 92. Desf. fi. 
atl. 2. p. 446. Savi! fi. pis. 1. p. 59. Dee. fi. frane. 3. p. 8. 

Alopecurus littoreus Ali. fi. ped. 2. p. 235. 

Holcus arenarius Ali. auct. p. 46. Bell. app. ad fi. ped. in Acad. 
de Twin. 5. p. 252. 

Aira pubescens Yalil symb. 3. p. 9. Savi! bot. etrusc. 1. p. 57. 
Bert. fi. ital. 1. p. 439. Puccin. syn. fi. Inc. p. 50. 

Phalaris Barrelieri Ten! fi. nap. 3. p. 61. 

Koeleria Barrelieri Ten! syll. p. 39. Giiss. fi. sic. prodr. 1. p. 124 
et syn. fi. sic. 1. p. 146. 

Koeleria discolor Gnss. prodr. fi. sic. 1. p. 123 et syn. fi. sic. 1. 
p. 145. 

Koeleria intermedia Gnss! prodr. fi. sic. 1. p. 124 et syn. fi. sic. 
1. p. 145. 

Airochloa villosa Unii li. reg. berol. descript. 1. p. 128. 

Gramen phalaroides niaritimum, longius radicatum Mont. cat. 
stirp. agr. bonon. prodr. p. 47. 

Figure. — Reich. ic. cent. 11. fìg. 1667. 

Gramen typhinum maritirauin, longius radicatum BarreL ic. 717. 

Nome italiano. — Scagliola pelosa Savi fi. pis. 1. p. 56. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Abbonda nelle arene marit- 
time della costa occidentale d'Italia da Nizza in poi e della costa orien- 
tale ove è meno comune, come pure delle isole di Corsica, di Sicilia ec. 
Cresce talvolta anche nei campi aridi e nei luoghi arenosi a qualche 
vicinanza del mare. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è annua. 

21- 



:,.-() GRAMINACEI^. 

Distribuzione geografica. — E propria del mezzogiorno della Spa- 
gna e della Francia, dell' Italia, delle isole sopraddette, come pure si 
trova nelle coste dell'Algeria. 

Osservazioni. — Varia questa specie per avere la pannocchia più 
meno allungata ed ottusa, per le glume ora di un verde biancastro e 
come d'argento o di seta, ora, e più raramente, porporine nel dorso, 
che sono più o meno acute o ottuselte, più o meno pelose ed ispide, 
per le spighette portanti per lo più due fiori, ma che si trovan talvolta 
con un fiore , esistendo allora il pedicello sterile del secondo fioretto ; 
raramente mi è occorso di trovarne con tre fiori. La paglietta inferiore 
varia ancora principalmente per la sua aresta, eh' è più o meno corta, 
non uguagliando talora, tal altra sorpassando l'apice della paglietta 
medesima. Queste diverse forme, che sono poco costanti, hanno fatto 
ingiustamente, secondo me, dividere questa specie in molte altre e 
dato origine ai differenti nomi che io. ho portato come semplici sinoni- 
mi. Studiando la pianta sopra un gran numero di esemplari, come io ho 
potuto farlo, spero si convincerà chiunque della poca importanza che 
meritano i caratteri accordati alle specie formate a sue spese dai bota- 
nici del mezzogiorno d' Italia. 

L'cdopeeurus litloreus non esiste nell'erbario di Allioni. 

tOO. KLoeleria plileoides Pers. 

K. panicula spiciformi, cylindracea vel lobata, spiculis sub 5-flo- 
ris, glumis carina scabris, flosculis brevioribus, palea inferiore villosa 
vel glabriuscula, sub vitro tuberculata, apice 2-dentata, flosculorum infe- 
riorum breviter aristata, aristis setaceis, moUibus, fohis planis, villosis. 

Koeleria phleoides Pers. sijn. pi. J. p. 97. Dee. cai. pi. hort. monsp. 
p. 1 19 et fi. frane. 6. p.27I. Roem. etSchultes syst. veg. 2. p. 6S3. Presi 
eyp. et grani, sic. p.34. Ten. ft. nap. 3. p. 93. var. A. Giiss. fi. sic. prodr. 
i.p. i22 et syn. fi. sic. 1. p. ìU. Seh. etMaur. fi. rom. prodr. p. Gì. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. I. p. 57. Kunth enum. pi. 1. p. 393. Vis. 
fi. dahn. 1. p. lì. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 913. Pari. fi. 
palerm. 1. p. 131. Gries. spie. fi. rum. et hith. 2. p. 446. 

Festuca cristata Limi! sp. pi. p. 111. Beri. fi. Hai. 1. p. 624. 

Festuca phleoides Vili. hist. des pi. dn dauph. 2. p. 95. lab. 2. 
fig. 7. Allion. aud. p. 42. Desf. fi. ali. 1. p. 90. Bert. rar. lìg. pi. 
dee. 1. p. 15 et pi. gemiens. p. 17. Dee fi. frane. 3. p. 54. Biv. cent. 
/. p. 39. 



KOELERIA. 351 

Bromus trivialis Savi! II. pis. 1. p. 124. et due cent. p. 27 et hot. 
etrusc. S. p. 63. Seb. rom. pi. fase. alt. p. Si. 

Koeleria cristata Bert. amoen. ìtal. p. 67 et 117 et 234. 

Lophochloa phleoides Rei eh. fi. germ. excurs. 1 . p. 42. 

Gramen loliaceum , molle , spica viridi ex pluribus spicis congesta 
Mont. eat. stirp. agr. bonon. prodr. p. 42. 

Gramen spicatum, spica cylindracea, molli et laxa Mieli, in Till. 
eat. hort. 'pis. p. 71 . 

rigure. — Desf. fi. ali. 1. lab. 23. Savi. fi. pis. 1. tab. 2. fig. 2. 
la sola pannocchia in istato lussureggiante. Host grani, austr. 3. 
tab. 21. 

Gramen felisuros cernua, cristalis glumis Cup. pamph. sic. 2. 
tab. 37. Don. tab. 92. 

Nome italiano. — Forasacco comune Savi l. e. Paleo codolina 
Bert. fi. Hai. 1. p. 625. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E COmune nei Campi, nei luo- 
ghi incolti , nelle strade , sui muri di tutta la penisola , delle isole grandi 
di Corsica, di Sardegna e di Sicilia e delle isole piccole da quella di 
Gorgona ec. sino a Malta ed a Pantellaria. Fiorisce da Aprile a Giugno 
ed è annua. 

Distribuzione geografica. ^ — E propria dell'Europa meridionale, 
dell' Affrica boreale, delle Isole Canarie ec. 

Osservazione. — Se ne trova una forma a culmo basso, alto ap- 
pena da 2 a 5 pollici , con le glume dapertutto pelose , che abita d'or- 
dinario le arene sterili marittime. Varia ancora questa specie per il 
numero dei fioretti in ciascuna spighetta , essendovene da 2 a 5, e per 
la lunghezza della aresta della paglietta inferiore dei fioretti inferiori. 

tot. Koeleria hispida Dee. 

K. panicula spiciformi, ovata, densa, spiculis sub 4-floris, glu- 
mis glabris, flosculis brevioribus, palea inferiore exquisite quinque- 
nervi , hispida , emarginata , sub apice aristata , arista rigida , flosculos 
longitudine acquante, foliis planis, villosis. 

Koeleria hispida Dee. eat. h. monsp. p. 119. Roem. et Sclmlt. 
syst. veg. 2. p. 383 et mani. 2. p. 347. Bert. amoen. Hai. p. 8. Ten. 
fi. nap. 3. p. 94. Gnss. pi. rar. p. 47 et fi. sic. prodr. 1. p. 123 et syn. 
fi. sic. 1. p. 144. Knnth enum. pi. 1 . p. 383. Pari. fi. palerm. 1. p. 137. 

Cynosurus phleoides Desf. fi. atl. 1 . p. 82. 



552 GRAMINACEE. 

Festuca hispida Savi! fi. pis. I. p. 117. PoUin. jl. veron. I. 
p. 125. Beri. fi. ita!. 1. p. 626. 

Bromus hispidus Savi! boi. elrusc. 2. p. 62. 

Graraen spicatum, maritimum, hirsutum, annuum, spica cylin- 
dracea, tenuiori et densiori, breviter aristata Midi, in Till. cat. hort. 
pìs. p. 76. 

Gramen spicatum, maritimum, hirsutum, annuum, alterum, spica 
cylindracea, tenuiori, densiori, villosa et breviter aristata Midi, in 
Till. l. e. 

Figure. — Besf. l. c. tal). 18. Savi jl. pis. 1 . lab. I. fìg. 5. 

Nome italiano. ^ — Palèo seloloso Beri. fi. ital. l. p. 627. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle Colline 6 nei Campi Spe- 
cialmente inondati in vicinanza del mare. Si trova presso Pisa e Livor- 
no, nel littorale di Basilicata e di Calabria, nel golfo di S. Eufemia, 
nelle arene marittime di Francavilla della provincia di Chieti , in Sici- 
lia particolarmente verso la costa di mezzogiorno da Trapani a Terra- 
nova, nella spiaggia orientale da Catania e Siracusa, ed anche in qualche 
altro punto, come a Randazzo, a Mezzojuso, a Carini e vicino Misilmeri 
al Piano della stuppa, dove io l' ho trovata per la prima volta. Cresce in- 
fine neir isola di Sardegna. Fiorisce in Maggio e- Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria del bacino mediterraneo si 
trova, oltre a' mentovati luoghi dell' Italia e delle isole di Sicilia e di 
Sardegna, anche in Barbarla nei luoghi umidi e nelle arene vicine al 
mare. 

liXTIIl. liAHIAKCItlA Moendi. 

Moendi. meth. p. 201. Bec. cat. li. monsp. p. 120 d fi. frane. 3. p. 30. 

Kunth enum. pi. 1. p. 389. Endl. gen. pi. p. 101. Rodi sijn. fi. 

germ. et helv. edit. 2. p. 913. Pari fi. palerm. 1. p. 138. 
Cynosuri species Limi. gen. p. 36. Besf. fi. ali. 1. p. 82. Beri. fi. 

" ital. 1. p. 590. 
Chrysurus Pers. sgn.pl. 1 . p. 80. Roem. et Sdmlt. syst. veg. 2. p. 50. 

Guss. syn. fi., sic. 1 p. 106. 
Tinaea Garzia in relaz. degli anni Sei. dell'Accademia dei Zelanti di 

Aci Reale, p. 24. 

Spiculae 2-florae, flosculis stipitatis, inferiore hermaprodito , su- 
periore abortivo, spiculis ncutris mullifloris intermixfac. Spicularum 



LAMARCKIA. 535 

fertilium glumae2, lanceolato-subulatae , membranaceae, subaequales, 
a flore inferiore remotae. Paleae 2, membranaceae, inferior sub apice 
bifido longe aristata, superior bicarinata , apice bifida. Floscidi supe- 
rioris abortivi palea unica aristata. Perigonii squamulae2, minulissi- 
mae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, tcrminales, bre- 
ves. Stigmata elungata, puberula. Caryopsis oblonga, complanata, 
glabra, paleae superiori adhaerens. Spiculae steriles 7-9 florae. Earuni 
glumae ut in spiculis ferlilibus. Flosculi steriles, distichi, parum di- 
stantes, unipaleacei, palea obovato-subrotunda, concava, apice lacera, 
mutica. 

Abito. — Pianta annua, formante dei graziosi cespuglieti con i 
suoi culmi poco alti, dotati di foglie piane e lineari, e terminali in una 
pannocchia, densa, lunga ordinariamente da uno a due pollici, la quale 
porta molte spighette che sono di un color verde chiaro e come dorato, 
talune fertili e fornite di areste un poco lunghe, altre più numerose ste- 
rili e pendenti , ciò che da un abito tutto proprio a questa specie di 
gramigna da distinguersi facilmente da tutte le altre. 

Osservazione. — Ho ritenuto il genere Lamarckìa a preferenza del 
chrysuriis di Persoon in grazia della sua priorittà. 

199. liamarckia aurea Moench. 

Lamarckia aurea Moench. meth. p. 20 f. Dee. cat. pi. h. monsp. 
p. iSO. et fi. frane. 3. p. 30. Biv. cent. 1. p. 4-5. Beri, lucuhr. p. 7. 
Kunth emm. pi. 1 . p. 389. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 913. 
Pari. fi. palerm. 1 . p. 139. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. Hi. 

Cynosurus aureus Unni sp. pi. p. 107. Ali. fi ped. 2. p. 241. Desf. 
fi. atl. 1. p. 83. Bert. pi. genuens. p. 16. Sibth. et Smith fi. graec. 
prodr. p. 59. et fi. graec. 1. p. 62. Pollin. fi. veron. 1. p. 141. Giiss. 
fi sic. prodr. 1. p. 86. Bert. fi. Hai. 1. p. 590. 

Chrysurus cynosuroides Pers. syn. pi. 1. p. 80. Palis. de Beauv. 
agrost. p. 14. tab. 22. f. 5. Boem. et Schultes syst. veg. 2. p. 806. Bert. 
amoen. Hai. p. 116. Presi cyp. et gram. sic. p. 32. Ten. fi. nap. 3. 
p. 67. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 106. 

Chrysurus aureus Spreng. syst. veg. 1. p. 296. Ten. syll. p. 36. 
Beich. fi. germ. exciirs. 1 . p. 36. 

Tinaea elegans Garzia l. e. 

Gramen panicula pendula, aurea vel candida, glumulis longis 
denticulalis Cup. h. cath. p. 89. et suppl. alt. p. 33. 



534 GRAMINACEE. 

Grainen phalaroicles, panicula ex lenuissimis locuslis scriceis con- 
gesta Monf. rat. stirp. agr. bon. prodr. p. 40. 

Figure. — Host grani, austr. 3. tab. 4. Sibth. et Smitli jl. graec. 1 . 
lab. 10. 

Gramen polyglumum denticulatum Cup. pampìi. sic. !2. tab. 74. 
Bon. tab. 6. 

Nome italiano. — Erba d' oro Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline, Sui muri, SUI 

letti, nei rottami di fabbriche e lungo i margini dei campi, e talvolta 
anche nei luoghi coltivati della costa occidentale della penisola da Nizza 
a Genova e da Napoli in Calabria. Abbonda in Sicilia, in Corsica e in 
Sardegna e si trova anche nelle piccole isole sino a Pantellaria , Linosa 
e Lampedusa. L'Host l'ha trovata in luoghi sassosi in Istria. Fiorisce in 
Aprile e Maggio e più di buon ora nei paesi più meridionali , ove co- 
mincia a fiorire sin dal mese di Febbrajo. E annua. 

Distribuzione geografica. — Nasce nel mezzogiorno della Spagna, 
e della Francia, nei luoghi indicati della penisola e delle isole italiane, 
in Barbaria, nelle Isole Canarie e in Oriente. 

lillLlX. OYIVOSURUS 'Knnth. 

Kuntli enum. pi. I . p. 388. Kndl. gen. pi. p. 100. Koch sgn. fi. gemi. 

et helv. edìt. S. p. 034. Pari. jl. palerm. I. p. J40. 
Cynosurus Linn. gen. p. 36. 
Phlei species Scop. fi. carn. edìt. S. toni. 1 . p. o7. 
Cynosuri species Desf. fi. ali. 1 . p. 81 . Pers. sgn. pi. 1 . p. 86. 
Cynosurus et chrysuri species Palìs. de Beaiiv. agrosl. p. 66. et 123. 

Roem. et Sclmltes syst. veg. ?. p. 30. et 50. 
Phalona Adans famUl. des plant. p. 406. Dumort. agr. belg. p. 1 14. 

Spiculae 2-5 florae, raro 1-2 florae, distichae, spicuhs neutris 
multifloris intermixtae. Spicularum fertilium glumae 2, lineari-lanceo- 
latae, membranaceae, subaequales, carinatae, a flosculo inferiore haud 
remotae. Paleae 2, membranaceae, inferior apice mucronata vel sub 
apice aristata, superior bicarinata, apice bifida. Perigonii squamulae2, 
ovato-oblongae , integrae, glabrae. Stamina 3. Ovarium glabrum. Sty- 
li 2, terminales, breves. Stigmata piumosa. Caryopsis oblonga , obtusa, 
externe convexa, interne planiuscula, glabra, palcis praesertim superiori 
adhaerons. Spiculac steriles, multiflorae, flosculis dislichis, approximatis 



CYNOSURUS. .VM 

vel distanlibus, unipaleaceis , palea mucronata vel aristala, paleis sii- 
perioribus quandoque ad statum tloris abeuntibus. 

Abito. — Piante annue o perenni , dotate di culmi diritti e spesso 
delicati, formanti dei cespugli, con foglie piane, e con pannocchie 
dense in forma di spiga , ora allungata e quasi lineare, ora ovata, com- 
posta di spighette, talune fertili, altre sterili, ora mucronate ora dotate 
di aresfe, e queste ultime disposte per le loro valve a guisa di pettine. 

193. Cynosuriis cristatiis IJnn. 

Ci. panicula spiciformi, lineari, secunda, spiculis fertilihus sub 
4-floris, flosculis glumas superantibus, palea inferiore apice acutata, 
bidentata, et brevissime aristata, spicularum sterilium paleis carina sca- 
bris, approximatis, acuminato-mucronatis. 

Cynosurus cristatus Lhm! sp. pi. p. 105. Ali. fi. ped. 2. p. 24 J 
Desf. fi. ali. 1. p. 81. Savi fi. pis. 1. p. 170. Dee. fi. frane. 3. p. 75 
Biv. ceni. 1. p. 30. Palis. de Deauv. agrost. p. 66. Savi hot. etrusc. 2 
p. 54. Roem. et SclmUes syst. veg. 2.p. 517. Beri, amoen. Hai. p. 331 
Presi cyp. et gram. sic. p. 33. Pollin. fi. veron. 1. p. 140. Ten. fi 
nap. 3. p. 70. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 87. Nacc. fi. venet. 1. p. 57 
Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 65. Gaud. fi. lielv. 1 . p. 263. Lois. fi 
gali. edit. 2. toni. 1 . p. 68. Reich. fi. gemi, excurs. 1. p. 17. Kunth 
enum. pi. 1. p. 388. Beri. fi. ital. 1 . p. 584. Comoll! fi. comens. 1 
p. 119. Puccini sìjn. fi. lucens. 1 . p. 56. Vis. fi. dalm. 1 . p. 85. Guss 
syn. fi. sic. 1. p. 108. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 934. Pari 
fi. palerm. 1. p. 141 . Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 445. 

Phleum cristatum Seopol. fi. carn. edit. 2. tom. 1. p. 57. 

Gramen pratense, crislatum, sive gramen spica cristata, laevi 
Cup. h. cath. p. 86? 

Gramen spica cupressiformi , aspera Cup. l. e. 

Gramen loliaceum, spicae locustis cristatis Mont. cut. stirp. agr. 
bonon. prodr. p. 42. Seg. pi. veron. 1. p. 343. 

Figure. — Lajuk. ili. gen. lab. 47. p. 1. Host gram. austr. 2. 
lab. 96. Reich. te. cent. 11. fig. 1351 et 1352. 

Gramen spica cupressiformi, aspera, cristata Cup. pamph. sic. 2. 
lab. 59 et 122. Bon. lab. 4. 

b. viviparus, floscuhs viviparis Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 108. 

Nome italiano. ' — Gramigna canajuola Targ. Tozz. diz boi. 2. 
p. 87. Ventolana dei prati. 



".e. GRAMIXACEI::. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ^ — Abbonda nei [ìl'ali lanto bassi 

che montuosi di lutla la penisola: cresce pure nelle isole di Corsica, 
di Sardegna e di Sicilia, ove però è meno comune ed ama a preferenza 
i luoghi montuosi. La varietà b. è stata trovata dal Gussone in Sicilia 
nelle alte montagne. Fiorisce nei paesi meridionali in Aprile e Maggio, 
nei sili bassi dell'Italia centrale e settentrionale in Maggio e Giugno e 
nei luoghi elevati in Giugno e Luglio : è perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta propria dell'Europa media e 
meridionale e dell' AtTrica boreale. 

Usi.— Fornisce un buon fieno per il bestiame. 

194. Cynosurus ecliìnatus Unn. 

C. panicula coarctata, ovata, secunda, spiculis fertilibus subbitloris, 
glumis flosculos superantibus, palea inferiore apice acutata, bidentata, 
et longe aristata, spicularum sterilium paleis scabris, subappro.Kimalis, 
inferioribus longiuscule, superioribus brevius aristatis. 

Cynosurus echinatus Lììììi! sp. pi. p. 105. Ali. fi. ped. 2. p. 2iL 
Desf. fi. ali. I. p. 81. Savi fi. pis. I . p. 1 10. Dee. fi. frane. 3. 
p. 75. Sihth. et Smith fi. graec. 1. p. 61. Savi hot. etrusc. 1. p. 69. 
PoUin. fi. veron. 1 . p. HO. Nacc. fi. venet. 1. p. 58. Guss. fi. sic. 
prodr. 1. p. 86. Seb. et Maur. fi. rom. prodr.p. 65. Gaiid. fi. helv. 1. 
p. 264. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1 . p. 68. Reich. fl.germ. excurs. 1. 
p. 17. Kunth enum. pi. 1. p. 388. Bert. fi. ital. 1. p. 586. Comoll. fi. 
comens. 1 . p. 120. Pucein. syn. fi. he. p. 57. Vis. fi. dalm. 1 . p. 82. 
Guss. fi. sic. syn. 1 . p. 107 Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 935. Pari, fi pàlerm. 1 . p. 142. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. 
p. 445. 

Chrysurus echinatus Palis. de Beauv. ayrost. p. 123. Roem. et 
Schulles syst. veg. 2. p. 806. Presi cyp. et gram. sic. p. 33. Ten! fi. 
nap. 3. p. 67. 

Chrysurus giganteus Tenl syll. p. 37. et fi. nap. 4. p. 13. 

Phalona echinata Dumort. agr. helg. p. 114. 

Gramen alopecuroides , spica aspera Clip. h. cath. suppl. ali. 
p. 33. 

Gramen loliaceum, asperum , locustis unam partem spectantibus 
Moni. cat. stirp. agr. honon. prodr. p. 42. Seg. pi. veron. 1 . p. 343. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tab. 95. Sibth. et Smith fi. 
graec. 1. tab. 78. Reich. ic. cent. 11. fig. 1349-50. 



CYNOSURUS. 357 

Graraen cum caiida leporis aspera, sive spica marina Zannìch. 
istor. delle fmnt. p. 1^3. tab. ìli. f. 3. 

b. fertìlìs, spicularum sterilium paleis superioribus ad statum floris 
abeunlibus. 

CynosLirus fertilis De Lens in Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 68. 

Nome italiano. — Covetta. Ventolana. Targ. Tozz. diz. hot. 2.p. 87. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.^ — E COmune nei luoghi colti- 
vati , specialmente nei seminati di segale e di grano, nelle colline ed 
anche sui muri della penisola, delle isole grandi e delle piccole sino a 
quelle di Pantellaria, di Malta, di Linosa e di Lampedusa. Ho avuto la 
varietà b. della Corsica a Dastelka comunicata dall'amico Requien. È 
m fiore in Maggio e Giugno e nei paesi più meridionali in Aprile e 
Maggio, ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Si trova nei climi temperati di ambe- 
due gh emisferi. Abita a preferenza l'Europa meridionale, l'Oriente, 
il Caucaso, l'Affrica boreale e Montevideo. 

Osservazione. — 11 chì'ijsurus gìganteus di Tenore, che io ho avuto 
favorito dall' amico autore, non differisce dalla specie che per la pan- 
nocchia più allungata e più grande, ciò che per altro mostra insieme 
allo stato della pianta un lusso maggiore di vegetazione. La varietà b. 
non merita di formare una specie distinta, e il passaggio delle pagliette 
superiori delle spighette neutre allo stato di fiore mostra bene la natura di 
queste. 

195. Cynosiirus elegans Desf. 

C. p;4nicula ovata, secunda, laxiuscula, demum contracta, spicu- 
lis fertilibus 1-2 floris, flosculis glumas subaequantibus, palea inferiore 
apice bifida et longe aristata, spicularum sterilium paleis lineari-lanceo- 
latis, inferioribus distantibus, longiuscule aristatis, superioribus ap- 
proximatis, brevius aristatis. 

Cynosurus elegans Desf! fi. atl. I. p. 82. Pers. syn. pi. 1 . p. 87. 
Guss. fi. sic. prodi'. 1 . p. 78. Kunih enum. pi. I . p. 389. Beri. fi. 
Hai. 1 . p. 588. Boiss! voy. en Espagn. p. 655. Guss. fi., sic. syn. 1 . 
p. 108. Pari. fi. pai. 1. p. IH. Gries. spie. fi. rum. etbith. 2.p. 445. 

Chrysurus effusus Link in bot. joiirn. 2. p. 315. Pers. syn. pi. 1 . 
p. 86. 

Chrysurus elegans Roem. et Schiilt. syst. veg. 2. p. 807. Ten! 
s/y//. p. 37. Fiorini! ingiorn. dei leti, di Pisa anno 1828. tom. 17. p. 4. 

Kl.ORA iTAItANA. V"!.. 1. 22 



558 GRAMINACEE. 

Cynosurus gracilis Viv. fi. cors. dnujn. p. 3. Lois. fi. (jall. cdil. 2. 
Inm. J. p. 68. 

Chrysurus gracilis Morìs! stìrp. swrd. elench. fase. J . p. 50. 
Figura. — desf. fi. atl 1 . tal), n . la pianta a pannocchia sparsa. 
Nome italiano. — Covetta gentile Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama i luoghi ombrosi e sal- 
vatici dei monti dell* Itaha centrale e meridionale e delle isole di Cor- 
sica, di Sardegna, di Sicilia, di Felicuri , di Saline , di Mareltimo, di 
Pantellaria, di Favignana: però in generale è piuttosto rara. Si trova 
così nella penisola particolarmente a Montecalvi alla Sassetta in luoghi 
marittimi di Toscana , nei monti presso Roma , ad Albano , ad Ariccia , 
e presso i riformati di Castelgandolfo, nelle montagne degli Abruzzi, 
della Basilicata e della Calabria: nelle isole è più comune. Fiorisce in 
Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. • — Neil' Europa meridionale in Porto- 
gallo, in Spagna, nel mezzogiorno della Francia a Fréjus, nell'Italia 
centrale e meridionale, in Corsica, in Sardegna, in Sicilia e in alcune 
isole a questa aggiacenti, in Macedonia, in Grecia, e nell'Affrica boreale. 

Osservazione' — U cìjìiosurits gracìlìs di Viviani non è che ima 
semplice forma del cìjnosurus elegans a pannocchia piìi delicata e quasi 
lineare. 

liXX. POA Reich. 

fìeich. fi. germ. excvrs. 1 . p. 45. Giiss. fi. sic. syn. 1 . p. 95. Pari. fi. 

pai. 1 . p. 145. 
Poae species Linn. gen. p. 34. Kunth enum. pi. I. p. 32i. Endl. gev. 

pi. p. 98. Koch syn. fi. gerin. et helv. edit. 2. p. 925. 

Spiculae 2-pauciflorae, distichae, compressae, flosculis liberis vel 
pilis lanuginosis connexis. Glumae 2, membranaceo-herbaceae, subae- 
quales, muticae, carinato-compressae , flosculis breviores vel illos sub- 
aequantes. Paleae 2, inferior membranaceo-herbacea, carinato-com- 
pressa , malica , saepe dorso margineque pubescenti-sericea ; superior 
bicarinata, apice bifida. Perigonii squamulae 2, integrae vel bilobae , 
hyalinae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. Styli 2, breves. Stig- 
mata piumosa. Caryopsis lineari-oblonga , trigona, esterne angulo lon- 
gitudinali prominente in medio praedita, interne canaliculata , apice 
angusta et acuta, glabra, libera, sed paleis obtecta. 



l'OA. 531) 

Abito. — Piante perenni, eccetto la sola poa annua, con radico 
fibrosa o repente, con gli stoloni , talvolta dotati di foglie distiche, con 
i culmi diritti o ascendenti, rare volte ingrossati in basso quasi in forma 
di bulbo, come nella poa bulbosa ed anche nella poa concinna, con fo- 
g ie piane o avvolte , ricoprenti con le loro guaine e talvolta lascianti a 
scoperto i nodi del culmo, con le pannocchie composte, i rami delle quali 
d'ordinario fiUformi o capillari, nascono a due a due o in verticilli di 
circa cinque rami; questi rami sono ordinariamente patenti nell'atto 
della fioritura e portano delle spighette, in generale piccole e con pochi 
fioretti , or di color verde pallido, ora variegate di porporino e come 
dorate 

196. Poa alpina tinn. 

P. paniculae erectae, ovatae ramis geminis, in anthesi patenti- 
bus, spiculis ovatis, 4-6 lloris, glumis carina scabris, flosculis liberis, 
palea inferiore acuta, dorso margineque basin versus sericea, foliis la- 
tiuscule linearibus, obtusis, in mucronem subito acuminatis, ligulis fo- 
liorum inferiorum brevissimis, truncatis, superiorum oblongis, acu- 
tiusculis, radice fibrosa. 

Poa alpina Linn. sp. pi. p. 99. AH! jl. ped. 2. p. 246. Dee. fi 
frane. 3. p. 62. var. a. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 540. Beri 
amoen. ital. p. 330. Pollin. fi. veron. 1. p. 107. Ten. fi. nap. 3. p. 73 
var. A. Gaud. fi. helv. 1. p. 2U. var. a. Lois. fi. gali. edìt. 2. tom. 1 
p. 78. Reich. fi. gemi, excurs. 1. p. 46. var. a. Kiinth enum. pi. 1 
p. 350. var. a. Beri. fi. Hai. 1. p. 527. var. a. ex parte. Comoll. fi 
comens. 1 . p. 105. var. a. Puccin. syn. fi. lue. p. 59. 

Poa stolonifera Bell. app. p. 9. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tab. 67. fìg. 1-6. Engl. hot. 14. 
lab. 1003. Reich. ic. cent. 11. fìg. 1626. 

Nome italiano. — Fienarola alpina Bert. l. e. 

b. vivipara, flosculis in gemmas foliaceas mutatis. 

Poa alpina vivipara Linn. sp. pi. p. 99. Dee. frane. 3. p. 62. 
var. j3. Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 541. var. jS. Pollin. fi. ve- 
ron. 1. p. 107. var. (ì. Ten. fi. nap. 3. p. 73. var. B. Gaud. fi. helv. 1. 
p. 244. var. j3. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. pag. 78. var. B. Kiinth 
enum. pi. 1. p. 351. var. /3. Bert. fi. ital. 1. p. 528. var. jS. Comoll. 
fi. com. 1. p. 106. var. B. 

Poa vivipara Willd. enum. h. berol. 2. p. 103. 

Figura. — Host grani, austr. 2. lab. 67. fìg. 7. 



540 GRAMINACEE. 

e. hrevìfolia, panicula parva, spiculis sub 4-nons, foliis brevibus, 
culmeis brevissimis. 

Poa alpina li brevifolia Gmid. fi. helv. 1. p. 246. var. a. Roem. 
et SchuUes syst. veg. 1. p. 541. forma II. Koch sijn. //. ijerm. et helv. 
edit. 2. p. 928. var. S. 

d. badensis, panicula parva, contrada, spiculis 4-10 floris, foliis 
brevibus, rigidis, glaucis. 

Poa badensis Haenk. in Willd. sp. pi. I. p. 392. Lois. fi. gali, 
edit. 2. toni. 1 . p. 79. 

Poa Molinerii Balbi addii, ad fi. pedem. in elench. p. So et misceli, 
boi. I.p. 12. exejus herbario. Deci fi. frane 3. p. 721. var. a. Roem. 
et Schult. syst. veg. 2. p. 543. 

Poa collina Host gram. anslr. 2. p. 48. 

Poa cenisia Reìcli. fi. gemi, exciirs. 1 . p. 46. non AH. 

Figura. — Baiò. mise. hot. 1. lab. 5. fig. 1. Host grani, aiistr. 2. 
tab. 66. Reich. ic. cent. 11. fig. 1624 et 1625. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.' — È comune nei pascoli e nei 

prati delle Alpi ove l'ho trovata fra i 1700 e 2800 metri d'altezza sul 
livello del mare nel versante settentrionale e sino a circa 5000 metri 
d'altezza nel versante meridionale. Si trova ancora negli Appennini sino 
, a quelli degli Abruzzi nella regione alpina ed in Corsica nei monti Roton- 
do, Renoso e Grosso. Ho la varietà b. di moltissimi punti delle Alpi, 
però è rara nell'Appennino, donde la possiedo degli Abruzzi. La va- 
rietà e. si trova solo nelle Alpi, mentre sì nell' Alpi che negli Appen- 
nini cresce la varietà d. , che io possiedo dei luoghi sterili presso Tenda, 
donde l'ebbe il Balbis dal Molineri, d\ Prato fiorito nell'Appennino 
Lucchese, del monticino sopra le celle di S. Alberigo non lungi dalle 
sorgenti del Tevere, e degli Abruzzi ec. Fiorisce in Giugno e Luglio 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie comune nelle montagne alpine 
di Europa ove si estende dalla Lapponia sino agli Abruzzi. Cresce pure 
nel Caucaso ec. 

Osservazioni. — Pianta molto variabile e per questo divisa in molte 
specie dai botanici: è stata però bene studiata dal Gaudin e dal Koch, 
le di cui vestigia ho quasi per intero seguito in questa flora , avendo 
trovato le forme o varietà da essi stabilite esser corrispondenti al vero. 
La specie ha il culmo alto da un piede a un piede e mezzo, nudo su- 
periormente, le foglie piane, larghe da una linea e mezzo a due linee, 
ottuse ma dotate di un mucrone , le ligule delle foglie inferiori cortis- 



POA. 541 

simi; e troncate, quelle delle superiori allungate e per lo più terminate 
in una punta acuta , la pannocchia ovata , corta , con i rami ora lisci 
ora scabrosetti, nati a due a due, e patenti o diretti quasi orizzontal- 
mente nel momento della fioritura, le spighette ovate, spesso variegate 
di verde, di violetto e di giallo, talvolta però solo pallide, le glume 
scabre nella carena , e una di esse , la superiore , sovente mucronata 
all' apice , i fioretti varii di numero , da 4 a G per 1' ordinario , con la 
paglietta inferiore concava, acuta, con cinque nervi, e dotata di una 
peluria come di seta nella carena e nel margine verso basso; la paglietta 
superiore un poco più corta offre due carene con dense ciglia ed è bi- 
fida all'apice. La varietà b. presenta i fioretti delle spighette cangiati 
in parte o tutti in piccole foglie , nelle quali è facile il distinguere la 
guaina, la ligula e la lamina della foglia. La varietà e. forma per cosi 
dire il passaggio fra la specie e la varietà d. , essa ha il culmo più corto, 
le foglie ancora corte e quelle poi del culmo cortissime, la pannocchia 
è più piccola, più densa, le spighette con 5 o 4 fioretti, spesso di colore 
porporino, mentre la varietà d. è ancor essa con il culmo basso, con le fo- 
glie corte ma rigide e glauche , con la pannocchia piccola e densa , ma 
con le spighette aventi da 4 a 10 fioretti, di colore pallido. Ho creduto 
della j)oa aìpina di Sicilia stabilire una specie novella per le ragioni che 
si vedrà qui appresso. 

Quanto alla poa stolonìfera di Bellardi, che i botanici hanno rife- 
rito alla poa cenisìa dell' Allioni, farò notare che nell' erbario del giar- 
dino botanico di Torino trovasi sotto questo nome una semplice forma 
de\h poa alpina , le foglie sono piuttosto strette, le ligule allungate non 
corte, i fioretti pubescenti sul dorso, ma non connessi come nella poa 
cenisìa con una lana che si prolunga : la cartellina è di carattere del 
Fiotta, il quale dice aver ricevuta quella pianta dal Bellardi, e di più 
si trova questa poa stolonìfera nell' erbario di Balbis , che dice essere 
esemplari ottenuti da semi della poa stolonifera dello stesso Bellardi , e 
nota che questo botanico riguardava la pianta in quistione come una va- 
rietà insigne della poa hadensis. Negli esemplari dell' erbario di Balbis 
le spighette sono più piccole di quel che ordinariamente le veggiamo 
nella poa alpina. 

199. Poa insulari» Pari. 

P. paniculae erectae, subovatae ramis subgeminis, sub anthesi pa- 
(cnlibus, spiculis ovalibus, 4-6 floris, flosculis liberis, glumis carina 



5i-2 GRAMINACEE. 

leviusculis, palea inferiore glabra, vel dorso inargineque basiti versus 
subpubescente, foliis latiuscule linearibus, mucronato-attenuatis, ligu- 
lis foliorum inleriorum brevissimis, truncatis, superiorum oblongis, trun- 
catis vel erosulis, radice repente! 

Poa alpina Guss. fi. sic. prodr. I. p. 92. Bert. jl. Hai. 1 . p. 527. 
ex parte. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 98. Pari. fi. palerm. 1. p. 145. 

Poa alpina Bert. fi. Hai. 5. p. 602. 

Figure. — Gramen alpinum , lalifolium , paniculatum Cup. pamph. 
I. lab. 207. 

Gramen alpinum , latifolium, paniculis e purpureo-aureis Bonann. 
tab. 98. 

h. Bivonae, paniculae oblongae, 3-4 pollicaris ramis subquinis, 
semiverticillatis , foliis magis lalis, elongatis, culmum subaequantibus, 

Poa Bivonae Pari, in Guss. syn. fi. sic. I . p. 99. 

Poa cilianensis Biv. herb. non Ali. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione. Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli fertili delle mon- 
tagne di Sicilia all'altezza di sopra 1200 metri sul livello del mare , 
a\h Pizzuta, aBusambra, alle Madonie, al Monte di Cammarala ec. 
Ho raccolto la varietà b. nel monte Busambra e l'ho avuto dal Bivona 
che l'avea trovato nell'Etna. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta propria dei monti alquanto 
alti di Sicilia. 

Osservazioni. — Un più diligente studio mi ha indotto a distin- 
guere questa specie dalla vera poa alpina , con la quale io avea dapprima 
con il Gussone confuso la sua varietà a., quantunque ne avessi già av- 
vertito le differenze nella mia flora palermitana. La nostra specie offre 
infatti a differenza della alpina la radice repente e non fibrosa : di que- 
sto carattere cosi diverso io mi sono assicurato dietro un numero non 
piccolo di esemplari che ne possiedo, e di cui alcuni trovansi già 
neir erbario centrale , nei quali perfettamente si vedono gli stoloni re- 
penti di questa pianta: a torto dunque io e il Gussone l'avevamo detto 
con radice densamente fibrosa. Le foglie sono d'ordinario molto larghe, 
circa 2 3 linee, e sono più assottigliate in un mucrone che non è nel- 
Yalpina, le ligule anche quelle delle foglie superiori sono troncate e 
come rosicchiate , la pannocchia , generalmente di color verde pallido, 
talvolta ma raramente come variegata alquanto di porporino , è più al- 
lungata , porta 2 o 3 rami , le glume quasi lisce affatto nella carena e 
non scabre, i fioretti o del tutto glabri ovvero con- pochi e corti [teli 



POA. 54.-, 

ora solo nella carena, ora anche nei nervi del margine verso basso, 
anche la paglietta inferiore è meno acuta e più largamenie membrana- 
cea nel margine superiormente. La varietà b. otTre la pianta lussureg- 
giante, allora le foglie si mostrano più larghe e allungate in modo da 
uguagliare e qualche volta anche superare il culmo, la pannocchia è 
più allungata , ed ha 5 o 4 pollici di lunghezza , con i rami lisci , 4 o 5 
disposti in semiverticilli alterni che portano molte spighette, un poco 
distanfi fra loro, la paglietta inferiore è più largamente scagliosa nel 
margine. È importante ancora il notare che le specie veramente alpine 
non sorpassano il continente per mostrarsi in Sicilia , e la poa alpina 
poi si arresta nel suo limite inferiore nelle montagne alte degli Abruz- 
zi : per altro la poa nostra comincia a vedersi nelle montagne di Sicilia 
all'altezza di circa 1000 metri sul livello del mare. Essa quindi rappre- 
senta per le montagne di Sicilia la poa alpina delle Alpi e degli Appen- 
nini , come la Koeleria grandiflora è un rappresentante della Koeleria 
(ristata e valesiaca, la sesleria nitida della coerulea ec. 

Ì9S. Poa bulbosa Linn. 

P. paniculae ovatae, contractae ramis subgeminis solitariisque, 
erccto-patentibus, spiculis ovatis, 4-6 floris, glumis carina superno 
scabris, flosculis lana copiosa longe protrahenda coherentibus, palea 
inferiore acuta, dorso margineque basin versus dense pubescenti-seri- 
cea, foliis anguste linearibus, ligulis omnibus, oblongis, acutis, cul- 
mis basi bulhilliformi-incrassatis, radice fibrosa. 

Poa bulbosa Linn! sp. pi. p. 102. Ali! fi. ped. 3. p. 145. Desf. 
jl. ali. I. p. 73. Savi fi. pis. I. p. 104. Dee. fi. frane. 3. p. Gf. Biv! 
cent. 1 . p. 60. Savi hot. etruse. 5. p, ,5/. floem. et Schult. syst. veg. 5. 
p. 536. Beri, amoen. ital. p. 113. Presi cyp. et gram. sic. p. 43. Pol- 
lin. fi. veron. 1. p. 107. Ten. fi. nap. 3. p. 73. Nacc. fi. venet. 1 
p. 62. Gnss. fi. sic. prodr. 1. p. 91. Seh. et Manr. fi. rom. prodr. p. 50. 
Gaud. fi. helv. I.f. H6. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1. p. 79. Beicli. 
fi. germ. excurs. 1. p. 45. Kunth. enum. pi. 1. p. 352. Bert. fi. Hai. 
1. p. 534. Comoll. fi. com. 1. p. 114. Vis. fi. dalm. 1. p. 79. Guss. 
sgn. fi. sic. 1. p. 98. Koch sijn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 926. Pari, 
fi. palerm. 1. p. 147. Gries! spie. fi. rum. et bith. 2. p. 338. 

Poa Pasqualii Heldr. pi. exsiec. 

Gramen loliaceum, panicula variegata, radicibus bulbosis Mont. 
cai. stirp. arp'. hon. prodr. p. 38. 



344 (ÌHAMINACEE. 

Gramen loliaccum,xeranii)elinum,paniciila sparsa Sey.pì. vevon. I . 
p. 339. 

Gramen vernum , radice ascalonitidis Za/in . islor. delle piatii .p.iol. 

Figure. — Host grani, austr.2. tah. 05. fìg. J-G,Reich. ic. ceni. 11 . 
fig. 1619. 

b. vivipara, flosculis in gemmas foliaceas mutafis. 

Poa bulbosa jS Linn! l. e. et omnium auctor. supra cit. 

Poa crispa Link h. reg. berol. descript. 1. p. 104. et 2. p. 291 . 

Gramen arvense, panicula crispa Cup. h. cath. p. 87. 

Gramen loliaceum, proliferum, panicula bulbillis foliaceis donata 
Mont. l. e. Seg. pi. veron. 1. p. 340. 

Figure. — Host gram. austr. S. lab. 0,j. fig. 7. fieich. ic. cent. 11. 
/ig. 10W. 

Gramen panicula prolifera, crispa nutabunda Bon. lab. 0. fig. A. A. 

Nome italiano. — Fienarola scalogna Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — CrCSCC abbondante nei pascoli 

SÌ bassi che montuosi, nei luoghi aridi e scoperti, sui muri, e lungo 
le strade della penisola, delle grandi isole e di molle ancora delle piccole 
sino a quella di Pantellaria. La varietà vivipara è più comune in ge- 
nerale della specie. Fiorisce in Aprile e Maggio, ma nei paesi meri- 
dionali e nelle piccole isole comincia a fiorire sin da Gennajo, essendo 
una tra le più precoci per la fioritura: nei luoghi montuosi e nei paesi 
del nord d'Italia è in fiore in Maggio e Giugno; è perenne. 

Distribuzione geografica. — In Europa, nell'Oriente, in Siria, in 
Persia, nel Caucaso, nell' Affrica boreale e nelle Isole Canarie. 

199. Poa concinna Gaiid. 

P. paniculae ovatae , contractae, ramis subgeminis "solitariisque, 
erecto-patentibus , spiculis ovatis, acutis, compacte 6-10 floris, glu- 
mis carina superne scabris, flosculis basi villis paucis praeditis et fere 
nudis, palea inferiore acuta, dorso margineque basin versus dense pu- 
bescenti-sericea , foliis setaceo-convolutis , ligulis omnibus oblongis, 
acutis, culmis basi subincrassatis, radice fibrosa. 

Poa concinna Gaud! agrost. helv. 1 . p. 196. et fi. helv. 1 . p. 248. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 79. Reich. fi. gemi, excurs. 1. p. 46. 
Koch syn. fi. gertn. et helv. edit. 1. p. 927. 

Poa Molinerii Dee! fi. frane. 3. p. 65. excl. syn. 

Poa Molinerii var ^! Dee fi. frane. 3. p. 721. non P>alb. ex herb. 



PUA. 545 

Figura. — Reicli. ic. cent, il . [kj. 1617. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Si ti'ova nell'agro Torinese 
e nei prati montuosi della Valle di Aosta in Piemonte ove 1' ho raccolta 
presso Courmayeur. Il Koch dice di trovarsi in Trieste, però io ho solo 
di Trieste la poa bulbosa. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta propria del Vallese , il Loisel- 
leur scrive di essere stata trovata nei Pirenei da Lapeyrouse. 

Osservazioni. — Vicinissima per l'abito alla poa bulbosa, con la 
quale è molto facile il confonderla a prima vista; però n'è ben distinta. 
Il suo culmo è delicato, nudo superiormente, e un poco ingrossato in 
basso, quasi come nella poa bulbosa; le foglie sono molto corte, quasi 
setacee e convolute, la ligula è allungata ed acuta, la pannocchia è 
ovata , sfretta , con i rami nati a due o solitarii , e scabri , che portano 
molte spighette, ovate, acute, variegate di color verde pallido e violetto ; 
i fioretti sono avvicinati tra loro e si cuoprono in parte con i loro mar- 
gini, essi sono più piccoli di quelli della poa bulbosa. 

Sono certo della mia specie per avere veduto l'esemplare auten- 
tico di Gaudin nell'erbario di Gay: i fioretti hanno, è vero, dei peli 
alla loro base, ma questi sono corti e pochissimi, né affatto paragona- 
bili a quella specie di lana elastica che inviluppa i fioretti della poa bul- 
bosa. La poa concinna merita dunque di essere distinta come una buona 
specie. 

900. Poa cenisia Ali. 

P. paniculae oblongae, contractae, erectae ramis scabriusculis vel 
levibus, inferioribus subgeminis, spiculisovatis, o-Sfloris, glumis acu- 
minalis, carina superne scabriusculis, flosculis lana longe protrahenda 
connexis, palea inferiore acuta, carina margineque basin versus dense 
pubescenti-sericea , foliis linearibus, planis, culinorum sterilium di- 
stichis, ligulis brevibus, obtusis, superiore ovata, radice stolonibus 
elongatis repente. 

Poa cenisia Ali! auct. p. 40. ex herbario. Dee. fi. frane. 3. p. 720. 
Lois. fi. (jall. edit. 2. tom. J. p. 78. Kunih. enum. pi. I.p.350. Beri, 
fi. Hai. I.p. 533. 

Poa stolonifera Bell. app. ad fior. ped. p. 9. lab. ! . non buona. 

Poa distichophylla Gaud.l fi. helv. 1. p. 250. Roem. et Schultes 
sijst. veg. 2. p. 539. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 46. 

Poa flexuosa Host gram. austr. 4. p. 15. ComolL fi. cmn. 1 . 
p. 113. 



540 GRAMINACEE. 

Figura. — Reich. ìc. cent. li. fi(j. lOoi. Host grani, austr. 4. 
lab. S6. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nci luOghi ghiajosi lungO i 

torrenti delle Alpi e nci luoghi sassosi dei pascoli alpini , ove l'ho tro- 
vato dai 1900 ai 2500 metri di altezza sul livello del mare nel versante 
meridionale. Io l'ho della catena del Monte Bianco presso il larjo di 
Combat, del Cenisio, delle Alpi di Vinadio, del Gran S. Bernardo, 
deW Alpe di Cimonega presso le vette di Feltre e di altri punti delle 
Alpi tirolesi, come pure del Monte d'Oro e del Monte Rotondo di Corsica, 
donde mi fu comunicato un esemplare confuso con quelli della poa 
alpina dall'amico Requien. Il Facchini l'ha raccolto nei pascoli alpini 
tra Vigo di Fassa e Tier-s e a Fiemme nel Tirolo italiano , il Comolli la 
porta dell'Alpe di fogno sopra Sondrio. Fiorisce in Luglio ed Agosto 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle Alpi : neir incertezza in 
cui sono di varii gtnonimi, io mi limito a crederla fin qui una specie al- 
pina, perchè la possiede, solo delle Alpi. 

Osservibéioni. — La specie in esame è certamente la poa dislicho- 
phylla di Gaudin , come me ne sono assicurato nel suo erbario presso 
l'amico Gay in Parigi. Riguardo alh poa cenisia di Allioni, che ho visto 
nel suo erbario , è da notare che la descrizione da lui data non corri- 
sponde perfettamente alla nostra pianta, non avendo nei differenti 
esemplari che ne possiedo trovato mai le spighette con 7 fioretti , ca- 
rattere per il quale forse il Reichenbach ha creduto scorgere nella poa 
cenisia di Allioni la varietà d. della nostra poa alpina, a cui spelta la 
poa MoìÌ7ìerii di Ralbis. In tutti gli individui, che ho avuto agio di ve- 
dere, le spighette sono variegate in modo assai bello di verde bianca- 
stro e porporino. Quanto alla poa stolonifera di Bellardi che il Bertoloni 
ha riferito a questa specie vedi le mie osservazioni alla poa alpina. 

1901. Poa laxa Haenk. 

P. paniculae oblongae, contractae, apice cernuae ramis filiformi- 
bus, glabris, geminis solitariisque, spiculis ovatis, subtrifloris, flosculis 
lana brevi connexis vel hberis , palea inferiore obtusiuscula , carina 
margineque basin versus dense pubescenti-sericea , foliis anguste li- 
nearibus, attenuato-acutis, ligulis omnibus oblongis, acutis, radice 
fibrosa, caespitosa. 

Poh h\^ Haenk. sudet. p. US. BiroJ. //. acon. 1. p. 27. Roem. 



POA. 347 

et Schult. syst. veg. 2. p. 537. Gaiid. fi. helv. 1 . p. S5'3. Lois. jl. gali, 
edit. 2. tom. 1 . p. 78. Reich. fi. gemi, excurs. 1. p. 46. Kunth. enum. 
pi. 1. p. 349. Beri. fi. ìtal. 1. p. 532. Comoll. fi. com. 1. p. 113. 
Koch syn. fi. germ. et. helv. edit. 2. p. 926. 

Poa flexuosa Smith fi. hrit. 1. p. 101 . 

Poa elegans Dee. fi. frane. 3. p. 62. 

Figure. — Host gram. aiistr. 3. lab. 15. ottima. Reich. ic. 
cent. 11. fig. 1630. 

Nome italiano. — Fienarola ciondolo Bert. l. e. 

b. flavescens, Koch l. e. panicula flavescenti-pallida. 

e. paiiciflora, panicula pauciflora, spiculis fere omnibus solitariis. 

d. conferta, panicula conforta, brevi, foliis angustissimis , culmo 
brevi , basi radicante. 

Poa laxa var. Pari, viaggio alla catena del Monte Bianco ec. p. 67. 

FiguTtL. — Reich. ic. cent. 11. fig. 1630 et 1631. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli elevati , e nei luo- 
ghi sassosi e ghiaiosi delle Alpi, ove l'ho raccolto dai 1900 metri di al- 
tezza sul livello del mare sino ai 2800 metri nel versante settentrionale 
e ai 5000 metri circa di altezza nel versante meridionale, al Col du Géant, 
formando essa 1' ultima gramigna che più si eleva nella catena del 
Monte Bianco presso il termine della vegetazione delle piante faneroga- 
me. La possiedo, oltre del Col du Géant, della catena stessa del Monte 
Bianco presso il lago di Combat , delle Alpi di Giaveno presso Susa, del 
GranS. Bernardo, dei pascoli di Montalon in Valsugana, di varii punti 
delle Alpi tirolesi, della Carnia, ec. L'ho pure del Monte Rotondo di Cor- 
sica. È slata raccolta nella valle Furva in Valtellina dal De Salis, il Biroli 
dice di trovarsi nelle Alpi di Vegezzo ec. Ho raccolto la varietà b. al Monte 
Gran S. Bernardo presso 1' Ospizio e mi è stata anche comunicata dal 
prof. Moretti che l'ha trovata nel Monte Tonale e nella Val di Sole e dal- 
l' Ambrosi che 1' ha raccolta nei pascoli alpini di Valsugana. Ho la va- 
rietà e. del Monte Legnone nella provincia di Como. La varietà d. è 
stata da me raccolta nelle fessure delle rupi più alte del Col du Géant 
presso il termine della vegetazione delle piante fanerogame, insieme 
alla specie. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa dalla Scandinavia sino 
alle Alpi. 



548 GRAMINACEE. 

90I3. Poa minor Gaìid. 

P. paniculae oblongae vel subovatae, contractac ramis capillari- 
bus, glabriusculis, geminis solitariisque, spiculis oblongo-ovalis, 4-6 flo- 
ris, flosculis lana cohaerentibiis, palea inferiore acutiuscula, dorso 
margineque basin versus dense pubescenti-sericea, foliis anguste linea- 
ribus, ligulis omnibus oblongis, acutis, radice fibrosa, caespitosa. 

Poa minor Ganci! //. helv. I . p. 2ò3. Roem. et Schuit. syst. veg. 
2.p. 539. Reich. fi. gemi, excurs. i.p. 46. Kunih enum. pi. I. p. 350. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 926. 

Poa laxa Balbi elench. rar. stirp. p. 7. ex ejus herb. 

Poa supina Panz. in Sturm. deutsch. fi. fase. 34. 

Figura. — Reìch. k. cent. 11. pg. 1624. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luogbi pietrosi e nei pa- 
scoli mollo elevati delle Alpi piemontesi , ove 1' ba raccolto il Balbis 
che la descrisse perla poa laxa. Io 1' ho raccolta nella catena del Monte 
Bianco in luoghi sassosi presso il lago dì Comhal ad un' altezza di 1945 
metri sul livello del mare. La possiedo delle Alpi tirolesi presso Bolza- 
no, ove l'ha trovata il sig. Hausmann. Fiorisce in Luglio ed Agosto 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nasce nelle alle Alpi della Svizzera , 
di Salisburgo, della Carinzia ec. 

Osservazioni. — Qucsta spccic vicinissima alla poa laxa, si distin- 
gue da questa principalmente per le foglie meno acute, di cui la supe- 
riore è d' ordinario più corta della guaina corrispondente, per la pan- 
nocchia dotata di un numero minore di spighette, le quali sono più 
allungate, con 4 o 6 fioretti , inviluppati di una lana in forma di fiocco; 
e di più i rami della pannocchia sono affatto capillari, per cui le spi- 
ghette sono sempre tremule, siccome bene ha avvertito lo stesso Gaudin. 

!S03. Poa annua Linn. 

P. paniculae subsecundae, divaricatae ramis glabris, geminis so- 
htariisque, spicuhs ovato-oblongis, subquinquefloris , flosculis basi li- 
beris , palea inferiore obtusa et erosa ad nervos inferne vel dorso tantum 
pubescenti-sericea, foliis linearibus, acutis, ligulis oblongis, obtusis, 
culmo decumbente, basi radicante, radice fibrosa, annua. 

Poa annua Unni sp. pi. p. 90. .\ll. fi. ped. 2.'p. 245. Desf. fi. 



pò A. 549 

fili. I. p. Ti. Savi fi. pis. I. p. 07. Dee. fi. frane. 3. p. 59. Beri, 
amoen. ital. p. 115. Presi cijp. et gram. sic. p. 43. Pollin. fi. veron. 
1. p. 111. Ten. fi. nap. 3. p. 78. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 91 . Seh. 
et Maur. fi. rom. prodr. p. 49. Gaud. fi. helv. 1 . p. S42. Lois. fi. gali, 
edit. 2 tom. 1 . p. 78. fìeich. fi. gemi, excurs. 1 . p. 46. Kuntli enuni. 
pi. 1. p. 349. Beri. fi. ital. 1. p. 529. Comoll. fi. comens. 1. p. 108. 
Puccin. syn. fi. Inc. p. 59. Vis. fi. daini. 1 . p. 80. Guss. sìjìi. fi. sic. 

1. p. 95. Pari. fi. paterni. 1 . p. 152. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. 
p. 437. 

Poa ovalis Tin. pi. rar. sic. fase. 3. p. 21. plant. luxur. 

Gramen loliaceum, paniculalum , miniis, vulgatissimum Moni, 
cat. stirp. agr. bon. prodr. p. 38. Seg. pi. veron. sappi, p. 148. 

Gramen pratense, paniculatum, miniis album Zannich. istor. delle 
piani, venel. p. 131 . 

Figure. — Host gram. ausfr. 2. tab. 6i. Beieli. ic. cent. 11. 
fig. 1621. 

Gramen arundinaceum volgare Cup. pampli. sic. 1. lab. 150. 

Nome italiano. — Gramigna delle vie Targ. Tozz. diz. bot. 2. 
p. 172. 

b. varia, paniculae minoris ramis plerumque solitariis, brevibus, 
paucifloris, spiculis 5-7 floris (versicoloribus). 

Poa annua 11 varia Gand. fi. helv. 1. p. 243. Pollin. fi. veron. 1. 
p. 111. 

Poa supina Schrad. fi. germ. 1. p. 289. Roem. et Schult. syst. veg. 

2. p. 543. 

Poa annua b. Reicli. fi. germ. excurs. 1 . p. 46. 

Poa annua y Bert. fi. ital. 1 . p. 530. 

Figure. — Host gr. austr. 4. tab. 27. Reich. ic. cent. Il.fìg. 162'2. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E COmunissima lungo le stra- 
de, nei luoghi coltivati ed erbosi, tanto bassi che montuosi della pe- 
nisola , delle isole grandi e piccole sino a quelle di Malta , di Linosa e 
di Lampedusa. Fiorisce quasi per tutto 1' anno ed è annua. La varietà 
b. nasce lungo i ruscelli e nei pascoli delle Alpi, ove non è rara dai 
1900 ai 2700 metri di altezza sul livello del mare. Vi fiorisce nei mesi 
di Luglio ed Agosto. 

Distribuzione geografica. — Specie quasi cosmopolita . 

Osservazioni. — Varia molto questa specie per la sua statura, per 
la grandezza della pannocchia e delle spighette, per lo stato glabro o 
l>eloso dei nervi della paglietta inferiore dei fioretti a seconda che ere- 



5o0 GRAMINACEE. 

sce in Icrrcni secchi o umidi , nelle strade o nei campi , in luoghi bassi o 
nionluosi. 

La poa ovalis trovata dal Tineo in Sicilia in uno stagno mon- 
tuoso al Giinjo lo Drago presso il Cotrano mi sembra per quanto mi è 
permesso giudicarne da un cattivo esemplare favoritomi dall autore 
medesimo , una semplice forma della poa annua a pannocchia e spi- 
ghette pila grandi : io ho tutti i passaggi possibili per arrivare sino ad 
essa, specialmente negli individui che ho raccolti in Sicilia. I fioretti 
in questo esemplare del Tineo sono certamente liberi alla base: però 
merita questa pianta migliore studio, dicendo il Tineo eh' essa ha la ra- 
dice perenne. 

La varietà b. è molto singolare per i rami della pannocchia per lo 
pili solitarii, più corti e portanti pochissime spighette, per queste spi- 
ghette vagamente variegate di verde biancastro e porporino, e d' ordi- 
nario con 6 7 fioretti , la di cui paglietta inferiore è spesso pubescente 
solo nella carena. 

904. Poa compressa Lìnn. 

P. paniculae subsecundae, coarctatae ramis scabris, subgeminis 
solitariisque, raro inferioribus subquinis, spiculis ovafo-oblongis lan- 
ceolafisve, 5-9 floris, flosculis liberis vel lana pauca subcohaerenlibus, 
palea inferiore obtusiuscula , obsolete nervosa, dorso margineque ba- 
sin versus pubescenti-sericea , foUis latiuscule linearibus , ligulis bre- 
vissimis, truncatis, culmis ancipiti-compressis, basi procumbentibus , 
radice stolonibus elongatis repente. , 

Poa compressa Linnl sp. pi. 101 . Ali. fi. ped. 2. p. 2iG. Savi 
fi. pìs. 1 . p. 103 et hot. etrusc. 1 . p. 64. Dee. fi. fr. 3. p. 61. Roem. 
et Schult. sijst. veg. 2. p. 558. Beri, amoen. ital.p. 238. Morie, fi. ve- 
net. 1 . p. 48. Pollin. fi. veron. 1. p. 110. Ten. fi. nap. 3. p. 74. Nncc. 
fi. venet. 1. p. 56. Guss. pi. rar. 2. p. 33 et fi. sic. prodr. 1 . p. 93. Seh. 
et Maur. fi. rom. prodr. p. 50. Gaiid. fi. helv. 1. p. 255. Lois. fi. gali, 
edit. 2. tom. 1. p. 77. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 47. Kunth enum. 
pi. 1 . p. 355. Bert. fi. ital. 1. p. 548. Comoll. fi. comens. 1. p. 114. 
Vis. fi. dalm. 1 . p. 80. Guss. syn.fl. sic. 1 . p. 07. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. p. 931. Puccin! add. ad sijn. fi. lue. in giorn. boi. 
ital. anno I. pari. 1. p. 121. Pari. fi. palerm. 1. p. 149. 

Poa anceps Presi cyp. et grani, sic. p. 43. 

Poa i>lanic\ilmis Presi l. e. in add. et entend. 



POA. 551 

Gramen loliaccum procumbens , caulibus compressis, paniculis 
rigidiuscLilis Mont. cai. stirp. ayr. bon. prodr. p. 39. 

Gramen paniculatum , radice repente, culmo compresso, locuslis 
distichis, pulchellis Zannich. opiisc. bot. posili, p- 2i. 

Figure. — Host grani. austr. 2. lab. 70. Reich.ic. cent. Il.fìg. W3G. 

Nome italiano. — Ruba lana Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 172. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi aridi, nei mar- 
gini dei campi, sui muri, e nei luoghi montuosi della penisola. In 
Sicilia è pili rara e si trova solo nei luoghi montuosi piuttosto alti. Cre- 
sce pure nei pascoli montuosi della Sardegna. Non 1' ho nel mio erba- 
rio della Corsica. Fiorisce in Maggio e Giugno, e nei luoghi elevati in 
Giugno e Luglio. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta assai sparsa nei climi medii 
dell' emisfero boreale in Europa, in Asia ed in America. 

Osservazione. — Anche questa specie varia per la sua statura, per 
la grandezza della pannocchia, per il numero delle spighette e dei fio- 
retti contenuti in ciascuna spighetta. Il culmo così, alto da un mezzo 
piede ad un piede, giunge sino a due piedi di altezza, la pannocchia ap- 
pena lunga un poUice, con poche spighette, piuttosto addensate e cia- 
scuna d' ordinario con cinque fioretti, si trova talvolta lunga sino a tre 
])ollici , sparsa, dotata di molte spighette, ciascuna con 7 o 9 fioretti. 
A questa l'orma più grande deve riferirsi la poa Langeana di Reichen- 
bach. 

905. Poa sudetica Haenk. 

P. paniculae patentis, diffusae ramis scabris, inferioribus quinis, 
spiculis ovato-oblongis , 3-5 floris , flosculis liberis vel basi pilis lanalis 
paucis obsitis, palea inferiore acuta, exquisite 5-nervi, glabra, foliis 
late lanceolato-linearibus , cucullatis, obhqueacurainatis, vaginis com- 
pressis, ligulis brevibus , obtusis, fasciculis foliorum sterilibus compla- 
natis, radice subrepente. 

Poa sudetica Haenk. siidet. p. 120. Schrad. fi. gemi. 1. p. 295. 
Dee. fi. frane. 6.p. 272. Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 555. var. a. 
et^. Gaudi fi. lielv. 1. p. 227. var. a. et b. Lois. fi. gali. edit. 2. lem. 1. 
p. 76. var. a.et^. Reìch. fi. germ. excurs. 1. p. 48. var. a. et b. Kunlh 
enum. pi. 1. p. 351. Bert. fi. ital. 1. p. 550. Koch syn. fi. germ. el 
helv. edit. 2. p. 930. 

Poa quadripedalis Ehrh. gram. p. 135. 



'>-d GRAMINACEE. 

Poa sylvatica Vili. hisl. des pi. du ilaupli. ^. p. /i^.S*. Ali! ami. 
p. W. 

Poa rubens Moench. medi. p. 181. Dee. ft. frane. 3. p. o9. Ali. 
auct. p. 40. , 

Poa Innervata Dee. fi. fr. 3. p. 58. non Ehrh. 

Figure. _ Hosl cjram. austr. 3. lab. 13. fìeich. ic. cent. ILfìg. 1657 
et 1658. 

Nome italiano. — Fienarola [grande Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOglli Salvatici 6 nei pa- 
scoli delle Alpi piemontesi; vi fiorisce in Luglio. L'ho pure dei monti 
di Caslellaniare presso Napoli, comunicatami dall' amico Gasparrini. Il 
Facchini ha trovato questa specie nei prati alpini di Padon Passano e 
di Padon Italiano presso Belluno. Fiorisce in Giugno e Luglio ed ì' 
perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa e del Caucaso. 

Osservazioni. — E notabile il trovare questa pianta nei monti di 
Castellammare nel regno di Napoli , facendo un salto così dalle Alpi 
piemontesi, ove si prolunga però sino alle Alpi marittime: io non l' ho 
da alcun' altro lungo della penisola che possa ravvicinare questi due 
punti cosi distanti. 

La nostra pianta varia per le spighette ora con tre fiori ora con 
cinque , di color verde pallido nei luoghi ombrosi , di color rossastro 
come violetto nei siti esposti al sole; ciò ha dato origine ai diversi si- 
nonimi di questa specie. 

Per la poa trinervata di Tenore vedi le mie osservazioni alla fe- 
luca sylvatica. 

90G. Poa pra tennis Li un. 

P. paniculae patentis ramis scabris vel leviusculis, inferioribus 
plerumque quinis, spiculis ovatis, 5-5 tloris, flosculis lana copiosa 
longe protrahenda connexis, palea inferiore acuta, quinquenervi, ner- 
vis prominulis, dorso margineque dense pubescenti-sericea , foliis li- 
nearibus, planis, vaginis levibus, ligula brevi, truncata, radice stoloni- 
bus elongatis repente. 

Poa pratensis Linn. sp. pi. p. 99. Dee. fi. frane. 3. p. 60. Savi 
hot. etrusc. 1 . p. 58. var. a. Roem. et Scliult. sijst veg. 2. p. 532. 
I. vulgaris. Bert. amoen. ital. p. 115. Morie, ft. venet. 1. p. 46. Polkn. 
fi. veron. 1. p. 109. var. a. Ten. fi. nap. 3. p. 72. var. A. Naec. fi. 



PO A. 55.". 

venel. 1 . p. 64. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. p. 48. var. a. Gaud. fi. 
helv. 1 . p. 258. I vulgaris. Lois. fi. gali. edit. 2. torti. 1 . p. 76. var. a. 
Reich. fi. germ. exciirs. 1 . p. 47. var. a. Kunth enum. pi. 1 . p. 352. 
var. a. Bert. fi. ital. 1 . p. 542. ComoU. fi. comens. I . p. 107. var. a. 
Puccin. syn. fi. lue. p. 60. Vis. fi. daini. 1. p. 81. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. p. 931. var. a. Gries. spie. fi. rum. et hith. 2. p. 439. 
Poa trivialis Ali! fi. ped. 2. p. 245. Savi fi. pis. 1 . p. 95. 

Gramen loliaceum, paniculalum, vulvare, panicula minus expansa 
Mont. cat. stirp. agr. boti, prodr. p. 37. 

Figura Host gram. anstr. 2. lab. 61. 

h. angustifoUa, foliis radicalibus angustissimis, convoluto-subse- 
taceis. 

Poa angustifolia Limi. sp. pi. p. 99. ex Smith. Savi fi. pis. 1. 
p. 96. Bert. pi. genuens. p. 5. Dee. fi. frane. 3. p. 60. var. a. Morie, 
fi. venet. 1. p. 47. Naec. fi. vetiet. 1. p. 64. 

Poa pratensis /^ angustifolia Smith brit. p. 106. PoUin. fi. ve- 
ron. 1. p. 109. Teti. fi. nap. 3. p. 72. var. B. Seb. et Maur. fi. rom. 
prodr. p. 49. Gaud. fi. helv. 1. p. 259. II angustifolia. Lois. fi. gali, 
edit. 2. tom. 1. p. 76. var. /3. Reieh. fi. germ.. exeurs. 1 . p. 47. var. h. 
Kunth enum. pi. 1 . p. 353. var. y. Comoll. fi. eomens. 1 . p. 107. 
var. jS. Vis. fi., dalm. I . p. 81 . var. fi. Koch syn. fi. germ. et helv. 
edit. 2. p. 931. var. y. 

Figura. — Reich. ir. cent. 11. fig. 1648. 

e. Nymanni, panicula oblonga, 2-i pollicari, spiculis 2-5 floris, 
foliis omnibus linearibus, culmeis vix latioribus. 

Poa Nymanni Tin! in Guss. syn. fi. sic. 2. p. 783. in add. et 
emend. 

Figura. — Nessuna. 

d. major, panicula magis effusa, ramis levissimis, spiculis majori- 
bus, 6-7 floris, culmo subcompresso. 

Poa pratensis anceps Gaud. fi. helv. 1. p. 260. 

Poa pratensis 5 anceps Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 931. 

Poa sudetica Pari, viagg. alla catena del Monte Bianco ee. p. 83. 

Nome italiano. — Gramigna dei prati. Fienarola.Sciammica. Span- 
nocchina. Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 172. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Tanto la specie che la varietà 
cresce abbondantemente nei prati di tutta la penisola , nel mezzogiorno 
della quale si trova a preferenza nei prati montuosi. Nasce pure nei 

Flora Itai.tana. Vol. 1. 2.J 



55 i ■ GUAMINACEE. 

prati montuosi di Corsica e di Sardegna. In Sicilia si trova solo la va- 
rietà e. che nasce nelle arene di Nicolosi , donde l'ho avuta dal Prof. Ti- 
neo. Ho raccolto la varietà d. in luoghi boschivi della regione del- 
l'abete e del larice neir.4//ee bianche del Monte Bianco tra Courmayeur 
e il lago di Comhal presso il Pian de Veny. Fiorisce in Aprile e Maggio 
ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Estesa nei climi medii dell'emisfero 
boreale. 

Osservazioni. — Le spighette della poa Nymanni di Tineo , giusta 
l'esemplare autentico da lui medesimo comunicato, sono perfettamenlo 
le stesse della poa pratensis tanto per le nervature delle glume e delle 
pagliette , che per il fiocco dei peli dei fioretti , il quale si protrae lun- 
gamente , malgrado che il Gussone avesse detto avere questa pianta del 
Tineo le spighette come nella poa trivialìs. Noterò ancora che le foglio 
nel mio esemplare sono scabre nei margini e non lisce come le dice 
il Gussone. Appena della specie di Tineo si può secondo me formare 
una varietà in grazia della pannocchia più allungata: nell'esemplare 
già citato il culmo è tutto ricoperto dalle guaine delle foglie , ma non 
essendo questo carattere notato dal Gussone ho ragione di crederlo 
una semplice particolarità individuale. 

La varietà d. differisce dalla specie per la pannocchia più sparsa, 
i di cui rami sono affatto lisci , per le spighette più grandi e con un 
numero maggiore di fioretti che sono G o 7 per ciascuna spighetta, per 
il culmo alquanto compresso, come pure sono un poco compresse le 
guaine e le foglie. Essa ha l'aspetto della poa sudetica, con la quale io 
l'avea confusa, però non vi appartiene per avere i fioretti inviluppati 
in basso da una lana a fiocchi che si prolunga quando si distaccano 
quelli fra di loro come nella poa pratensis. Forse questa varietà merita 
di essere elevala al rango di specie. 

Usi. — Serve di buon pascolo al bestiame. 

909. Poa triviali^ Linn. 

P. paniculae patentis ramis scabris, inferioribus subquinis, spiculis 
ovatis, subtrifloris, flosculis glabris, basi lana panca longe protrahenda 
compHcatis, palea inferiore acutiuscula, exquisite 5-nervi, foliis linea- 
ribus, planis, vaginis scabris, ligula foliorum superiorum protracta, 
oblonga , acuta, radice fibrosa. 

Poa trivialis Linn! sp. pi. p. 99. Savi hot. etrusc. 1 . p. 57. Eoem. 



PO A. ' 555 

et Schuites sìjst. veg. 2. p. 534. Beri, amoen. Hai. p. 33 f. Presi 
ryp. et gram. sic. p. 43. Morie, fi. venet. 1 . p. 45. Polliti, fi. veron. 1 . 
p. 108. Ten. fi. nap. 3. p. 73. Nacc. fi. venet. I . p. 63. Giiss. fi. sic. 
prodr. 1 . p. 89. Seh. et Maur. fi. rom. prodr. p. 49. Gaud. fi. helv. 1 . 
p. 257. Reich. fi. gemi, excurs. 1 . p. 48. Kunth enum. pi. 1 . p. 352. 
Bert. fi. Hai. I . p.538. Comoll. fi. comens. 1 . p. 106. Puccini syn. fi. lue. 
p. 60. Vis. fi. daini. 1. p. 80. Guss. fi. sic. syn. 1 . p. 96. Koch syn. 
II. germ. et helv. edit. 2. p. 930. Pari. fi. palerm. 1. p. 150. Gries. 
spie. fi. rum. et bilh. 2. p. 439. 

Poa pratensis .4//. fi. ped. 2. p. 245. Savi fi. pis. 1. p. 96. 

Poa scabra Ehrh. gram. n. 72. Dee. fi. frane. 3. p. 59. Lois. fi. 
gali. edit. 2. tom. 1. p. 76. 

Poa dubia Leers herh. p. 28. lab. 6. fig. 5. 

Figure. — Host gram. austr. 2. lab. 62. Reich. ic. cent. II. 
fig. 1653-54. 

Nome italiano. — Gramigna dei prati. Sciammica. Spannocchina 
Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 172. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E comunissima lungo le stra- 
de, nei luoghi soprattutto alquanto unfiidi, nei margini dei campi e nei 
prati di tutta la penisola e delle isole di Sicilia e di Corsica. Si trova 
ancora in alcune delle piccole isole come in quelle di Lipari, di Ali- 
curi ec. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Molto estesa nell'emisfero boreale. 

Osservazione. — H Bertoloni ha riferito a questa specie la poa ci- 
lianensis di Allioni , fondandosi sopra un esemplare con questo nome 
comunicatogli dal Prof. Re, ch'egli ha giudicato una poa trivialis lus- 
sureggiante. Però, quantunque ancor io avessi avuto da qualche botanico 
piemontese con il nome di poa cilianensis comunicata la poa tiivialis, 
pure non posso in questa ravvisare la pianta dell' Allioni sì per la de- 
scrizione che per la figura datane, nelle quali si descrivono e si rap- 
presentano le foglie dotate di ciglia verso la guaina , le spighette con 
4 5 fiori ec, per i quali caratteri come per tutti gli altri addotti e per 
la figura mi pare che debba scorgersi nella pianta dell' Allioni una forma 
deW eragrostis megastachya con spighette solo con 4 o 5 fiori, come tal- 
volta noi l'osserviamo in questa specie, siccome dirò a suo luogo. Edi 
più ho veduto nell'erbario di De Candolle e in quello di Balbis la poa 
cilianensis comunicata dal Bellardi esser appunto questa forma dell'era- 
grostis megastachya, e per altro anche questa era stata una volta l'opi- 
nione del Bertoloni medesimo , vedi ciò che ne scrive nella sua flora 



356 GRAMINACEI-:. 

italica tom. 1 . a p. 540, e questa è infine l'ultima sua opinione, siccome 
ha scritto nel voi. 5. della sua flora a p. 582. 

Usi. — Fornisce un buon pascolo al bestiame'. 

90S. Poa aetnensìs Guss. 

P. paniculae subsecundae contractae raniis scabris, inferioribus 
subquinis, spiculis lanceolalis, 2-5 floris, floseulis basi liberis vel lana 
pauca brevi complicatis , palea inferiore obtusiuscula , obsolete 5-nervi, 
dorso margineque basin versus pubescenti-sericea, foliis carinato- 
plicatis, brevibus, vaginis leviusculis, ligula brevi, acutiuscula , radice 
repente. 

Poa aelnensis Guss! fi. sic. prodr. /. p. 90. et syn. fi. sic. 1 . 
p. 97. 

Festuca aetnensis Presi? cijp. et rjram. sic. p. 35. 

Festuca poaeformisflosculisbasi villo connexis Guss. /7. sic. prodr. 

1. p. 106. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In luoghi arenosi della re- 
gione boschiva àeWEtna ove è slata trovata dal Gussone, da cui l'ho 
avuto comunicata. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica.' — Specie propria dell'Etna. 

Osservazioni. — Alìfme per il portamento alla festuca poaeformis, da 
cui però è ben distinta anche per i caratteri, del genere. Il Bertoloni 
fi. ital. 1. p. 765. l'ha riferito alla poa cenisia, dalla. quale è distin- 
tissima, nevai la pena d'istituirne un paragone. Forse alla pianta del 
Gussone deve riferirsi il sinonimo del Presi, perchè nella frase specifica 
da lui data trovo il carattere floseulis basì villo connexis. 

;309. Poa serotina Ehrh. 

P. paniculae patentis , diffusae ramls scabris, inferioribus plerum- 
que quinis , spiculis ovato-lanceolatis , 2-5 floris , floseulis liberis vel 
lana complicatis, palea inferiore obtusiuscula , obsolete 5-nervi , dorso 
raargineque basin versus subpubescente, foliis linearibus, planis, vagi- 
nis glabris, ligula oblonga, acutiuscula, radice fibrosa. 

Poa serotina £/ir/i. (jram. n. 82. Pollin. fi. veron. 1. p. 113. Gaud. 
fi. helv. 1. p. 256. Yis'ì fi. dalm. 1. p. 81. Gries. spie. fi. rum. et hith. 

2. ì). HO. , 



POA. 557 

Poa fertilis Host gram. aiistr. 3. p. IO. Kunlhemm. pi. I. p. 363. 
Bert. ft. ital. 1. p. 540. Koch syn. fi. germ. et helv. edìt. S. p. 939. 

Poa palustris Belìard! app. p. S. Dee. fi. frane. 3. p. 60 et 6'. 
p. 272. non Linn. 

Poa angustifolia Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 47. non Linn. 

Figure. — Host gram. austr. 3. lab. 14. Reich. ic. cent, i 1 . 
fig. 1645-47. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati umidi, luilffO i 

margini dei canali delle acque lentamente correnti e nei luoghi palu- 
dosi della parte settentrionale della penisola, ove però non è comune. 
Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Sparsa nei climi medii dell' emisfero 
boreale. 

Osservazioni. — Il prof. Bertoloni ha creduto di dover riportare a 
questa specie 1' aira elodea del Brignoli , ma io posseggo un' esemplare 
di questa, favoritomi dall'autore medesimo, il quale senza dubbio al- 
cuno spetta alla forma volgare della poa nemoralis , esso ha la ligula 
cortissima, quasi nulla, come per altro la descrive lo stesso Brignoli. 
Vedi le mie osservazioni alla poa nemoraUs. 

Ignoro cosa sia la poa serolina di Tenore fi. nap. 3. p. 74., nelle 
di cui varietà è probabile che stiano due specie diverse, 1' una a ligula 
corta, e l'altra a ligula allungata; stando alla descrizione è probabile 
che questa ultima sia una forma della poa trivialis, e che debba nella 
prima scorgersi forse una qualche forma della poa pratensis. In man- 
canza di esemplari autentici io non produco queste osservazioni che 
come semplici sospetti. 

3 IO. Poa nemoralis Linn. 

P. paniculae palentis ramis scabris, inferioribus geminis quinisve, 
spiculis ovato-lanceolatis , i-5 floris, flosculis liberis vel lana panca, 
brevi complicatis, palea inferiore acuta, obsolete quinquenervi, dorso 
margineque basin versus pubescenti-sericea , foliis linearibus, planis, 
vaginis levibus vel scabriusculis , ligula brevissima , subnulla , radice 
subrepente. 

Poa nemoralis Linn! sp. pi. p. 102. Ali. fi. ped. 2. p. 244. Dee. 
fi. frane. 3. p. 91. var. a. Savi hot. etnisc. 1 . p. 60. Roem. et Schult. 
syst. veg. 2. p. 545. Morie, fi. venet. 1. p. 47. Pollin. fi. veron. 1 . 
p. I IO. Ten. fi. nap. 3. p. 74. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 90. Beri. 



558 GRAMINACEE. 

mant. pi. fi- alp. apuan. p. 8. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. iO. 
ikiud. fi. helv. 1 . p. 237. Lois. fi. gali. edìt. i. toni. 1 . p. 76. Reich. 
fl.germ. excurs. 1. p. 47. Kunth emim. pi. 1 . p. 353. Bert. fi. ital. I . 
p.Òii. var. a. Comoll. fi. com. 1. p. Ili. Puccin. syn. fi. hic.p. 60. 
Guss. syn. fi. sic. 1 .p. 96. Koch syn. fi. germ. et helv. edìt. 2. p. 9W. 
Pari. fi. palerin. 1 . p. 151 . 

Gramen loliaceum, alpinum, paniculis ex rarioribus ac exiguis 
locustis composilis Mont. cai. stirp. agr. bon. prodr. p. 39. Seg. pi. 
veron. suppl. p. 149. 

a. viilgarìs, panicula pauciflora, nutante, Spiculis bifloris, quan- 
(loque etiam unifloris, flosculis liberis, culmo tenui, debili. 

Poa nemoralis vulgaris Gf»f(/. fi. helv. 1. p. 238. Seb. et Maur. fi. 
rom. prodr. p. 50. Koch syn. fi. germ. et helv. edìt. 2. p. 929. 

Aira elodes Brign! fase. pi. foroj. p. IO. 

Catabrosa elodes Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 696. 

Figura. — Leers herb. lab. 5. fig. 3. 

Hujus varietatis modificatio morbosa occurrit nodis culmeis spon- 
gioso-cirrhosis. 

Poa nemoralis /3 Lìnn. sp. pi. p. 102. Dee. fi. frane. 3. p. 61. 
Morie, fi. venet. 1. p. 47. 

Poa nemoralis y Pollìn. fi. veron. I. p. 110. 

Poa nemoralis B Nacc. fi. venet. 1. p. 65. 

Poa nemoralis vulgaris ^ nodis culmeis spongioso-cirrhosis Gaiid. 
fi. helv. I.p. 238. 

Gramen cirrhosa et villosa spongia ad singula genicula donatum , 
paniculatum, minimum, alpinum Bocc. mas. dì piani, rar. p. 70. 

Gramen loliaceum, alpinum, anguslifolium, globulis ad genicula 
rufescenlibus, brevi panicula sparsa Mont. cai. stìrp. agr. bon. prodr. 
p. 39. Zannieh. ist. delle piante, p. 132. 

Figure. — Bocc. l. c. tah. 59. Zannieh. l. e. lab. 204. fig. 2. 

b. firmula, panicula erecta vel apice nutante, spiculis 5-5 floris, 
flosculis liberis, culmo rigido. 

Poa nemoralis firmula Gaud. fi. helv. 1. p. 239. Koch syn. fi. 
germ. et helv. edìt. 2. p. 929. ex parte. 

Poa coarctata 3 Dee. fi. frane. 6. p. 273. 

Figura. — Uost grani, aiistr. 2. tab. 71 . 

e. rigidiila, panicula erecta vel apice nutante, spiculis 3-5 floris, 
flosculis lana connexis, vaginis scabriusculis , culmo rigido foliisquo 
subglaucis. 



PO A. 55'.) 

Poa nernoralis y rigidula Koch s///t. //. genn. et lielv. edil. 2. p. Of'J. 
excl. syn. poae paliistris Dee. 

ti. coarctata, panieula erecta vel apice nutante, contrada, spicu- 
lis 5-5 floris, flosculis lana connexis, culmo fìrniulo. 

Poa nemoralis coarctata Gaud. fi. ìieìv. 1 . p. 2il. 

Poa montana Ali. fi. ped. 2. p. 245. 

Poa dubra Sul. fi. helv. i. p. 49. 

Poa Scheuchzeri Sul. l. e. p. 50. 

Poa coarctata var. a. Dee. fi. frane. 6. p. 273. 

Poa nemoralis j3 firmala Koch syn. fi. gemi, et lieìv. edit. 2. 
p. 929 ex parte. 

e. glàuca, panicula erecta vel apice nutante, laxiuscula, spiculis 
2-3 floris, flosculis lana connexis, herba glauco-virente. 

Poa nemoralis 5 glauca Koch syn. fi. gemi, ci helv. edit. 2. 
p. 929. 

f. montana, panicula erecta, vel apice nutante, ramis filiformibus, 
1-3 spiculas gerentibus, spiculis grandiusculis , sub-5 floris, flosculis 
lana connexis, culmo debili. 

Poa nemoralis montana Gaud. fi. helv. 1 . p. 239. Koch syn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. p. 929. 

Poa glauca ]3 Dee! fi. frane. 6. p. 273. 

Poa debilis Thuill. fi. paris. I . p. 43. sec. Dee. 

Nome italiano. — Fienarola dei boschi. Gramigna dei monti. 

Stazione. Abitazione e Fioritura. — Tanto la Spocic cbc la SUO 

varietà b. nasce comunemente nei boschi ombrosi delle montagne 
della penisola nella regione del castagno e dell'abete, e delle isole di 
Corsica e di Sicilia, trovandosi in quest'ultima in pochi monti assai 
alti, alle Madonie, a Caronia, a\V Etna: nell'Italia settentrionale s'in- 
contra ancora, benché più di raro, nei luoghi salvatici e boschivi delh' 
colline. Ho la varietà e. e d. da varii punti delle Alpi e dell'Appennino, 
come pure da luoghi montuosi dell'Italia settentrionale. La varietà e. 
ama i luoghi alti, e si trova a preferenza nelle Alpi; anche la va- 
rietà f. è propria delle Alpi. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Comunissima nell'emisfero boreale. 

Osservazioni. — Specie variabilissima e che passa in molle sotto spe- 
cie, delle quali dobbiamo in gran parte una buona conoscenza al Gaudin. 
lo non istarò qui a descriverne particolarmente tutte le varietà e forme 
principali , credendo esser sufficiente quanto ne ho accennato per cia- 
scuna. Aggiungerò solo che questa specie varia per il culmo ora più o 



oGU GUAMINACKE. 

meno debole , ora più consistente e rigido, jxn- la pannocchia piò o 
meno ricca di spighette, or pendente un poco, ora diritta, contratta sopra 
se stessa ovvero alquanto larga, per le spighette di color verde pallido, 
che si mostrano talora come porporine e quasi variegate, ora con due or 
con tre ora anche con cinque fiori, e qualche rara volta anche con uno 
solo, essendovi il secondo rappresentato dal pedicello, sicché queste 
spighette si mostrano or più piccole ora più grandi , per i*fioretti afFatto 
liberi dotati di pochi peli lanuginosi alla base. Lo sfato detto spongioso- 
cirroso che si osserva più particolarmente aver luogo nella forma vol- 
gare, dipende come è già stato notato da altri, e come fin lo stesso 
Boccone avealo sospettalo, per causa di un insetto, essendo una specie 
di galla, dentro cui si annidano le uova di questo insetto. 

L'aira elodes di Brignoli spetta certamente alla l'orma volgare 
della poa nemoralis, con la pannocchia avente poche spighette, e con 
queste spighette con uno o due fiori, malgrado che il Berloloni l'avesse 
riportata alla poa fertUis; io ne ho avuto un'esemplare dallo stesso 
Prof. Brignoli. Questa forma è ben rappresentata dalla figura 1658 
della centuria 1 l^'delReichenbach col nome di poa nemoralis subnni flora. 

Quanto poi alla poa montana dell' Allioni ho creduto di riferirla con 
il Bertoloni alla varietà coarclnta della poa nemoralis per le ragioni 
addotte da questo botanico nella sua flora italiana. La varietà montana 
nostra ch'è quella stessa di Gaudin e di Koch è diversa dalla pianta con 
questo nome specifico dato dall' Allioni alla sua poa, ed essa forma una 
insigne varietà della poa nemoralis con la pannocchia, i di cui rami 
filiformi e corti portano d'ordinario una sola spighetta , ch'è più grande 
che nella specie, variegata di verde e porporino, e con ì o 5 fiori, 
aventi alla base pochi peli lanuginosi. 

Sii. Poa Balbisìì Pari. 

P. panicula pauciflora, vel spicula terminali, solitaria, spiculis 
5-6 floris, flosculis basi liberis, palea inferiore obtusiuscula , exquisite 
5-nervi , dorso margineque basin versus pubescenti-sericea , foliis 
angustissime linearibus, planis, vaginis glabris, ligula oblonga, ob- 
tusa, culmo scabriusculo , radice fibrosa. 

Festuca capitata Balb! in Spr. syst. veg. i.purs. 2. p. 36. Moris! 
stirp. sard. elench. fase. 2. p. 11. 

Dactylis capitata Schiiltes syst. veg. 3. mani. 3. p. 020. Kunlh cnum . 
pi. I. p. 3R0. 



PO A. 7)01 

Festuca depauperata Dert. jl. ilal. I . y. (ì20. 
Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSCOli di Fonni nell' isola 

di Sardegna, donde l'ho avuto comunicata dall'amico Prof. Moris. Vi 
tiorisce in Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Specie propria dell'isola di Sardegna. 

Osservazione. — PossIcdo tre esemplari di questa specie tutti con 
una sola spighetta che termina superiormente il culmo : però il Berto- 
Ioni dice trovarsi anche con la pannocchia semplicissima portante sino 
a cinque spighette. Ho riportato questa pianta alla yoa, a cui spetta 
per tutti i caratteri proprii di questo genere, ed ho dato il nome speci- 
fico ad onore del Balbis, lasciando quello improprio di capitata, per- 
chè la pianta nulla offre nella sua infiorescenza che possa farla dire 
capitata. 

KiXXI. JflOIilMIA Schrank. 

Schrank. bajer. fi. 1. p. 334. Moench. meth. p. iRo. Palis. de Beauv. 

agrost. p. 68. tab. li. f. 6. 
Airae species Limi. sp. pi. 95. 
IMelicae species Linn. mani. 2. p. 325. 
Festucae species Dee. fi. frane. 3. p. 45. 
Enodium Gaud. agrost. helv. 1. p. 245. Roem. et Schultes sysf. veg. 

2. p. 31. 
Hydrochloae species Harlm. gram. p. 8. 
Moliniae species Merf. et Koch deutsch. fi. I. p. 583. Gaud. fi. helv. 1. 

p. 2JG. Kimth enum. pi. 1. p. 370. Koch syn. fi. germ. et helv. 

edit. 2. p. 933. 

Spiculae 2-5 florae , ftoscuhs remotiuscuhs , summo tabescente. 
Glumae 2, membranaceae, inaequales, ovato-oblongae, concavae, mu- 
ticae, flosculo proximo breviores. Paleae2, subaequales, membrana- 
ceae, inferior oblonga, semicylindrico-convexa, trinervis, apice inte- 
gra, obtusiuscula, mutica, superior bicarinata, carinis nudis, obtusa. 
Perigonii squamulae 2, dolabriformes, carnoso-membranaceae, glabrae. 
Stamina 5. Ovarium oblongum, glabrum. Styh 2, breviusculi. Stig- 
mata subaspergilliforraia. Caryopsis tetragono-oblonga , interne sulco 
longitudinali notata, apice stylis persistentibus birostrata, glabra, libera. 

Abito. — Pianta perenne , con culmi più o meno alti, alquanto 

23' 



7A'd (iUAMlNACEE. 

rigonlì;ili in busso, ove olfrono uno o cine nodi e aHalto privi di nodi 
in tutto il resto, ciò che rende singolare questo genere non solo nella 
tribù delle festucacee, ma in tutta la famiglia, ricoperti inferiormente 
per qualche tratto dalle guaine delle foglie , che sono largamente li- 
neari e piane, e nudi in tutto il resto della loro lunghezza. La pannoc- 
chia è variabile per la sua lunghezza e per la forma, essendo ora più 
corta e con le spighette più avvicinate, ora molto lunga, quasi un pie- 
de, molto ramosa e con le spighette più distanti : queste spighette, che 
sono muliche, variano ancora per il loro colore, eh' è di un ceruleo 
carico, variegato di verde e di ceruleo; esse portano da due a cinque 
fioretti, che facilmente cadono, rimanendo solo persistenti le glume, e 
dei quali il superiore è costantemente abortivo. 

Osservazioni. — Questo genere non solo è distinto dalla poa per 
la forma della paglietta inferiore eh' è semicilindrico-convessa, mentre 
nella pofl essa è compresse-carenata, siccome è stato notato dal Koch e 
da qualche altro, ma principalmente per avere gli stimmi quasi asper- 
gilliformi e la cariopside di forma affatto^iversa, essendo questa quadri- 
latero-allungata, con un solco longitudinale nel mezzo del lato interno 
nella jl/o/inia e al contrario nella poa triangolare, con un angolo promi- 
nente all' esterno e scanalata nell'interno: a di più essa è nella Molima 
tornita di due rostri all' apice per la persistenza degli stili. 

Ho escluso da questo genere le dìplachne che vi sono state erro- 
neamente riferite dal Mertens e Koch, dal Kunth ec; vedi le osserva- 
zioni al genere dìpìachne. 

1819. I?Iolinia coerulea Moench. 

Molinia coerulea Moench melh. j). 183. Gaud. fi. helv. 1 . p. 216. 
Reich. fi. gemi, excurs. I . p. 44. Kunth enum. pi. ì. p. 379. Beri. fi. 
Hai. 1 . p. 449. Comoll! fi. com. 1 . p. 103. Puccini syn. fi. lue. 1 . 
p. 55. Boìss. VOI), en Espagn. p. 663. Gries. spie. fi. rum. et bilh. 9. 
p. 435. 

Aira coerulea Linn. sp. pi. 95. 

Melica coerulea Linn. mant.2. p.325. Ali. fi. ped. S. p. 254. Dert. 
pi. gen. p. 11. Balb. fi. taur. p. 16. Savi! hot. elrusc. 2. p. 44. Noec. 
et Balb. fi. tic. I.p. 40. Bert. amoen. ital. p. 112. Pollin. fi. veron. 1 . 
p. 98. Nacc. fi. venet. 1 . p. 44. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1. p. 59. 

Molinia arundinacea Schrank. bajer. fi. p. 336. 

Festuca coerulea Dee. fi., frane. 3. p. 46. 



MOLINIA. óCm 

Enodium coeruleum Gaud. agrosl. lielv. I. p. 145. Roem. et. 
Schult. sijst. vecj. 5. p. 53 J. Morie, fi. venet. p. 50. 

Aira atrovirens Tlmill. fi. paris. edit. 2. tom. I. p. 37. 

Hydrochloa coerulea Hartm. grani, p. S. 

Molinia littoralis Reich. fi. gemi, excurs. 1 . p. 44. an et Host. fi. 
austr. 1. p. 118? 

Molinia altissima Link. h. r. herol. descript. 1. p. 196. 

Gramen loliaceiim , autumnale , panicula ampliore ex viridi nigri- 
cnnie Moni. cat. stirp. agr. bon. prodr. p. 37. Seg. pi. veron. 1. p. 338. 

Gramen loliaceum, autumnale, panicula angustiore Mont. l. e. 

Gramen loliaceum , autumnale , panicula angustiore , ex viridi ni- 
gricante Seg. suppl. p. 145. 

Gramen pratense, serotinum, panicula longa, purpurascente Zan- 
nich. islor. delle piani, p. 130. 

Figura. — Host grani, austr. 2. lab. 8. Reich. ic. cent. 11. 
fig. 1606-1607. 

Nome italiano. — Gramigna liscia Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 142. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi Sterili, montUOsi 

e salvatici, talvolta anche nelle colline, lungo i torrenti, nei paduli e 
in luoghi bassi e alquanto umidi della parte settentrionale della peni- 
sola ove è pili comune e donde giunge sino in Toscana. Manca nel 
resto dell' Italia centrale e nelle isole. Fiorisce in Luglio ed Agosto e 
nei luoghi più elevati in Agosto e Settembre. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa media e in parte ancora 
nella meridionale. 

Osservazione. — Ho già notato nelle osservazioni al genere Moli- 
nia come questa specie sia variabile per la sua pannocchia, per le sue 
spighette, per il numero dei fioretti, per il colore di questi ec. Noterò 
ancora che le glume si offrono ora più ora meno manifestamente trinervi. 
Questi caratteri hanno fatto distinguere la Molinia altissima dalla coe- 
rulea, però io non ho potuto considerarle nemmeno come varietà, per- 
chè i caratteri per i quali la Molinia altissima è stata distinta dalla 
coerulea sono variabili in ambedue queste forme. 

li'X.XII. DIPIiACHJlE Palis. de Beauv. 

Palis. de Beauv. agrost. p. 80. Link. h. reg. berci. 1. p. 155. Reich 
fi., germ. excurs. 1. p. 41. Nees ab Esenh. fi. Afr. austr. ili. p. 254. 
Guss. fi. sic. sgn. 1. p. 92. 



r.Gi GRAMINACEE. 

Festucae species Linn. sp. pi. 111. Host grani, auslr. 2. p. G5. Dee. (l. 

frane. 3. p. 40. Beri. fi. Hai. 1. p. 6'?/. 
Agrostidis species Linn. mani. 1 . p. 30. Ali. fi. ped. 2. p. 236. 
Bromi species Scop. fi. earn. edit. 2. tom. 1 . p. 79. 
Schoenodori species Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 702. 
Moliniae species Meri, et Koch deutseh. fi. 1 . p. 585. Gaud fi. helv. 1 . 

p. 217. Kunth enum. pi. 1 . p. 380. Koeh syn. fi. germ. et helv. 

edit. 2. p. 93i. 

Spiculae 5-muItitlorae, floribus remoliusculis. Glumae 2, mern- 
branaceae, inaequales, superior apice acuta vel mucronata, flosculo 
proximo breviores. Paleae 2, subaequales, membranaceae, inferior 
oblonga , semicylindrico-convexa , 3-5 nervis, apice bifida , inter la- 
cinias setigera; superior bicarinata, carinis scabris, apice bifida. Peri- 
gonii squamulae 2, dolabriformes , membranaceae, glàbrae. Ovarium 
oblongum, glabrum. Styli 2, breviusculi. Sligmata subaspergilliformia. 
Caryopsis cylindraceo-fusiformis, superne obscure angulata, baud sul- 
cata, apice stylis persislentibus birostrata, glabra, libera, (in nostra 
specie embyro caryopside triplo brevior). 

Abito.' — La nostra pianta cb'è la sola europea di questo genere 
ba una radice repente, dei culmi in cespuglio, alli da un piede a due 
piedi e mezzo, coperti in gran parte dalle guaine delle foglie, e nudi 
solo verso alto: le foglie sono corte, alquanto ravvicinate in basso, li- 
neari, piane, e piiì tardi ancbe convolute, dirette in modo patente. 
La pannocchia ha i rami solitarii, alterni, che portano poche spighette 
sopra pedicelli non ijiolto lunghi, questi rami sono orizzontalmente 
diretti rivolti verso basso: le spighette di color verdastro misto di vio- 
laceo, affatto violacee e porporine, si compongono d'ordinario di tre 
fiori, nei quali la paglietta inferiore offre una piccola seta all'apice. 

Osservazione. — I botanici hanno a torto riferito questo genere 
alla fesluea, dalla quale differisce per la forma della paglietta inferiore, 
per gli stimmi, per le squamette del perigonio e principalmente per la 
cariopside non solcata e libera, e alla Molinia, alla quale si avvicina 
per alcuni caratteri della detta paglietta , per gli stimmi e per le squa- 
mette del perigonio, e dalla quale però è ben distinta per la pa- 
glietta inferiore divisa all' apice con una seta in mezzo alle lacinie, per 
la paglietta superiore ancor essa bifida all' apice, mentre sì 1' una che 
l'altra paglietta sono intere nella Molinia, per la cariopside cilindrico-fu- 
sifonne, assottigliata all'apice e senza solco, mentre essa è quadrilatero- 



DIPLACHNE. ÒG:) 

nlliingiihi, con un solco longitudinale nel mezzo della faccia interna ec. 
nella Moìhna. Non merita che si notino le differenze della diplaclmc 
dAV agrostis e dal bromus, generi lontanissimi da essa. 

913. Diplacline serotina Link. 

D. paniculae ramis solitariis, alternis, remotis, patcntibus delle- 
xisque, spiculis 5-5 floris, palea inferiore 5-nervi , marginem versus 
jìuberula, foliis brevibus, planis, patentibus, radice repente. 

Diplachne serotina Lvik h. reg. berol. descript. 1. p. 155 et 2. 
p. 275. Reich. fi. gemi, excurs. 1. p. 41. Guss! jl. sic. syn. 1. p OS. 

Festuca serotina Linn. sp. pi. ili et mant. alt. p. 325. Dee. fi. 
frane. 3. p. 46. Savi boi. etrusc. I. p. 70. Presi cyp. et grani, sic. p. 37. 
Pollin. fi. veron. i.p. HO. Ten. fi. nap. 3. p. 82. Refi, torin. I. p. 75. 
Guss. pi. rar. p. 37 et fi. sic. prodr. I. p. 108. Seb. et Matir. fi. rom. 
prodr. p. 48. Bert. fi. Hai. 1. p. 621. Puccini sijn. fi. lue. 1. p. 66. 
Vis. fi. dalm. 1 . p. 76. 

Agrostis serotina Linn. mant. 1. p. 30. Ali. fi. ped. 2. p. 230. 
Balb. fi. taur. p. 14. 

Bromus strictus Scop. fi. carn. edil. 2. tom. 1. p. 79. 

Scboenodorus serotinus Roem. et Sclmìt. sijst. veg. 2. p. 702 et 
mant. 2. p. 389 et mant. 3. p. 644. 

Molinia serotina Mert. et Kocli deulsch. fi. 1. p. 585. Gaud. fi. 
helv. 1. p. 217. Kunth enuni. pi. 1. p. 380. Koch sìjn.>fl. gemi, et 
helv. edit. 2. p. 93i. Gries. spie. fi. rum. et bitli. 2. p. 435. 

Gramenpaniculatum, autumnale, minus, arundinis folio et facie, 
panicula ex viridi nigricante Mieli, in Till. cai. li. pis. p. 75. 

Gramen loliaceum, serotinum, panicula dispansa Seg. pi. veron. 
sappi, p. Ii6. 

Figure. — Host grani, austr. 2. lab. 92. Reich. ic. cent. 11. 
fig. 1571. 

Nome italiano. — Palèo tardivo Savi l. e. Palèo cannarella 
Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline, nei luoghi er- 
bosi, nei pascoli, negli oliveti, lungo le strade e sui muri di alcune 
città, e qualche volta anche lungo i fiumi o in luoghi ghiajosi marittimi 
della penisola, ove si trova a preferenza nella parte settentrionale, nel- 
r Istria e nella parte centrale, e si fa piij rara nel mezzogiorno. Passa 
dalla Calabria nella vicina punta di Sicilia, ove cresce solo in Messina. 



.")(•)() r.HAMlNACEK. 

8i trova pure nell'isola di Capri; manca nelle altre isole. Fiorisce in 
Agosto e Settembre ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E propria dell' Europa meridionale. 



liXXllI. PUCCISTEIililA Pari. 

Poae species Limi. mant. 1 . p. 5?. Hosl grani, atistr. 3. p. H. Beri. 

fi. Hai. 1 . p. 515. Gnss. fi. sic. prodr. I . p. 05. 
Glyceriae species Wahlenh. fi. ups. p. 36. Re\ch. fi. genn. excurs. I . 

p. 45. Kocli sìjn. fi. gemi, et helv. edil. 2. p. 03S. Guss. fi. sic. 

syn. 1 . p. 99. 
Festucae species Kunth enum. pi. I . p. 393. Gries. .'spie. fi. rum. et 

bith. 9. p. 434. 
Sclerochloae species Dab. man. ofbrit. hot. p. 370. 

Spiculae 4-9 florae , flosculis imbricato-distichis. Glumae 2 , mem- 
branaceae, inaequales, subovatae, plerumque obtusae, muticae, con- 
cavae, flosculo proximobreviores.Paleae2, membranaceae, longitudine 
subaequales, inferior concava, subventricosa, subo-nervis, apice obtusa 
vel subtruncata, mutica, superior bicarinata, apice emarginato biloba, ca- 
rinis spinuloso-ciliolatis. Perigonii squamulae 2, oblongo-lanceolatao, 
acutae, lobulo auctae, hyalinae, glabrae. Stamina 5. Ovarium glabrum. 
Styli nulli v«l brevissimi. Stigmata piumosa , sessilia. Caryopsis lineari- 
oblonga, externe concaviuscula , interne leviter depressiuscula , apice 
subtruncata, glabra, libera. 

Abito. — Piante amiche dei luoghi inondati e salsi, con radice 
repente o fibrosa , con culmi diritti o ascendenti, con foglie lineari, 
piane o convolute ; la pannocchia ha dei rami disposti in semiverticilli 
alterni, gì' inferiori dei quali hanno d'ordinario da2 a 5 rami, le spighette 
sono un poco gonfie, varie di color verde e porporino, e con la paglietta 
inferiore ottusa o troncata, con 5 nervi poco manifesti: essa è priva 
di areste. 

Osservazioni. — Le specie , Sulle quali io stabilisco questo nuovo 
genere, sono state a torto riportate dapprima alla poa e piià tardi alla fe- 
stuca, alla glyceria o alla scìerochloa. Esse non possono spettare alla pri- 
ma principalmente per avere la paglietta inferiore concava e quasi ventri- 
cosa, mentre questa e le glume sono compresse e dotate di una carena nel 
genere poa, per la cariopside alquanto convessa in fuori, con una leggiera 



PUCCINELLIA. 7)07 

depressione in avanti, slargata alquanto e quasi troncata in forma di uod 
slilopodio all'apice, mentre questa cariopside è triangola» nella poa , 
avente all'esterno un angolo molto pronunziato, scanalata longitudinal- 
mente in dentro, e ristretta ed acuta all'apice. Ln Pticcìnelììa dilTcrisce 
poi dalla ghjcerìa , alla quale è sommamente alTme per i caratteri dello 
glume e delle pagliette, perchè ha le squamette del perigonio allungate , 
lanceolate, acuminate ed ialine, gli stimmi sessili o quasi sessili, la cario- 
pside con i caratteri qui sopra descritti, mentre la glyceria ha le squamette 
troncate, talvolta saldate insieme inferiormente e carnose, gU stimmi 
portati sopra stili allungati che rimangano persistenti nella cariopside, 
nella quale si riflettono verso basso, la cariopside allungata, quasi 
ovata, rotondata all'apice, e con un solco longitudinale e profondo nel 
mezzo della sua faccia interna. Riguardo a distinguere poi queste piante 
dalla festuca, alla quale il Kunth le ha riferito, dirò solo, senza parlare dei 
caratteri della paglietta inferiore, che nella festuca la cariopside è 
lineare, scanalata profondamente per tutta la lunghezza all'interno 
e aderente alle pagliette, la cariopside del mio nuovo genere, oltre di 
avere la forma diversa già sopra descritta , è libera. La natura infine 
delle glume e della paglietta inferiore , la loro forma e la forma delle 
squamette e della cariopside distinguono questo genere dalla sclero- 
chloa, dalla quale è molto diverso. 

Ho voluto dedicare questo genere al Prof. Benedetto Puccinelli , 
autore della synopsis florae hcensis, immaturamente tolto da poco tempo 
agU amici, alla famiglia, alla scienza, come un tributo di stima e di 
atTetto alla sua cara memoria. 

914. Piiccinellia distane Pari. 

P. paniculae aequalis, divaricatae ramis inferioribus subquinis, 
fructiferis patulis deflexisque, spiculis 4-G floris, flosculis ovato-oblon- 
gis, palea inferiore Iruncato-obtusa, radice fibrosa. 

Poa distans Linn. mant. /. p. 32. Dee. fi. frane. 3. p. 58. Roem. 
et SchìiUes sijst. veg. 2. p. 54i. Guss? pi. rar. p. 31 . Gaudi fi. lielv. 1 . 
p. 234. Lois. fi. gali. edìt. 2. voi. I. p. 80. var. a. Ten? fi. nap. 4. 
p. 15. Bert. fi. ital. 1 . p. 515: var. a. Comoll. fi. comens. 1 . p. JOi. 
Ten? fi. nap. 5. p. 323. 

Poa salina Pollich. pai. I . p. 89. 

Poa retroflexa Curt. fi. land. 6. t. /. 

Poa maritima Sav'i hot. etrusc. 2. p. 52. ex loco. 



r.i;s GKAMINAGKK. 

GlywM"ia (lisliins Waldenb. fi. npa. p. od. lìeìch. fi. germ. excun. /. 
;). Aij. Yh. fi. dalin. 1 . p. 8i. Kochsijn. fi. yerm. el helv. edit. 2. p. 9S9. 

Festuca dislans Kunth enum. pi. ) . p. 393. Gries. spìe. fi. riini. 
et bith. '2. p. i3i. 

Sclerochloa distans Bah. man. ofhrìl. hot. p. 370. 

Figure. — Host gravi, auslr. S. p. 40. lab. 63. Reich.ic. cent. 11. 
f. ÌGOO. 

Nome italiano. — Fienarola marina. Fienarola dei luoghi salma- 
stri Bevi. l. e. 

Stazione, Abitazióne e Fioritura. — Nei luOghi Umidi e inondati 

marittimi, specialmente salsi della penisola, donde l'ho delle vici- 
nanze di Livorno del luogo detto La Pailiilelln, e della Puglia. 11 Co- 
molli scrive trovarsi nelle paludi di Colico, e il Gussone e il Tenore 
dicono che essa nasce nei luoghi marittimi inondati e salsi della Cala- 
hria orientale a Cotrone, S. Leonardo, Cassano, della Basilicata a Po- 
licoro. Torre a mare, della Terra di Otranto a Brindisi, Pulzano, 
Otranto, Taranto e infine di Sele morto presso Pesto. Fiorisce in Aprile 
e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa media e nella meridio- 
nale, ove è meno comune. 

Osservazioni. — Non avendo gli esemplari autentici di Gussone e 
Tenore per la pianta loro di Calabria, di Basilicata e della Terra di 
Otranto mi rimane il dubbio se essi abbiano veramente descritta la 
Puccinellia dislans, perchè trovo che le assegnano i rami inferiori della 
pannocchia gemini , la paglietta inferiore ottusa e la ligula sempre 
acuta: forse la loro pianta spetta a taluna delle specie seguenti, o deve 
essere una specie nuova. 

«15. Puccinellia festucaeformis Pari. 

P. paniculae aequalis, quandoque apice subnutantis ramis inferio- 
ribus subquinis, fructiferis erecto-patulis, spiculis 5-9 floris, flosculis 
lineari-oblongis, glumis obtusis, palea inferiore obtusa, apice sublrun- 
cata et saepe subtricrenata, radice fibrosa? 

Poa festucaeformis Ilost grani, aiistr. 3. p. 12. 

Glyceria festucaeformis Heijnhold in Reich. fi. gemi, exciirs. 1. 
p. 45. Vis. fi. daini. 1. p. 84. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 932. 

Festuca Hostii Kunth enum. pi. 1. p. 393. 

Poa distans /S major Bni. fi. Uni. I. p. 5fo. ex parte. 



PUGCINELLIA. 5G9 

Figure. ^ — Host l. c. lab. 17. Reich. ie. reiìt. IL fig. 1613. 

Stazione, Abitazione e Fioritura Nei luOglli paludosi 6 Salsi 

maritlimi presso il mare Adriatico da Venezia ad Aquileja, ove fiorisce 
in Maggio e Giugno. 11 Kunfh scrive di trovarsi anche in Corsica, io 
però non l'ho di questa isola. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce anche in Dalmazia, e secondo 
Kunth anche nel mezzogiorno della Francia, nella Russia meridionale, 
nel Caucaso e in Siberia. 

Osservazioni. — Qucsta spccie offre d'ordinario dei peli corti nella 
parte inferiore dei nervi della paglietta inferiore. Essa è ben distinta dalla 
Puccinelìia dislans per i rami della pannocchia sempre eretto-patenti, 
per un numero di fioretti generalmente maggiore nelle spighette, per 
la paglietta inferiore non troncata, per la radice fibrosa, stando per 
questo ultimo carattere a quanto scrive il Koch, perchè l' Host la 
dice repente e perchè io non l' ho osservato sopra luogo : invito quindi 
i botanici veneziani a studiarla in natura diligentemente. 

La gììjcerìa festucaeformis di Gussone non può certamente spettare 
alla pianta di Host ne a quella di Koch. Vedi la mia Puccivellia Gussonii. 

916. Puccinelìia etissonii Pari. 

P. paniculae aequalis ramis inferioribus subgeminis, fructiferis al- 
tero patulo, altero erecto rachideque adpresso, spiculis sub 5-floris, 
flosculis lineari-oblongis, remotiusculis , glumis acutiusculis , palea in- 
feriore obtusa, foliis lineari-filiformibus, rigidiusculis, demum involu- 
tis, radice fibrosa. 

Poa distans Gnss! fi. sic. prodr. 1. p. 9h. exclus. syn. et exclus. 
a loc. natal. Mineo et Palagonia. 

Glyceria distans Gussì syn. fi. sic. t. p. 100. exclus. syn. Vahli. 
' Glyceria festucaeformis Glissi sijn. fi. sic. 2. p. 78 i. in add. et 
emend. exclus. synon. Koehii. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOglli argillosi inondati 

sì d' acqua dolce che d' acqua salata di Sicilia in Regalmuto e in Gir- 
genti ai Macahibbi donde mi è stata comunicata dall'amico Gussone. 
Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica.— Propria dei qui indicati luoghi di Sicilia. 

Osservazione. — Specie stata riportata dal Gussone ora alla glyceria 
dislans, ora alla festucaeformis. Differisce dall'una e dall' altra per i 

Flora 1taman\. Vot,. 1. -•■ 



370 GRAMINACEA. 

rami inferiori della pannocchia quasi gemini, (sono anzi gemini nel- 
l'esemplare favoritomi dal Gussone) per le glume alquanto acute, men- 
tre sono ottuse e larghe superiormente nelle altre, per la paghelta 
mferiore soltanto ottusa non quasi obbliquamente troncata, per le fo- 
glie quasi filiformi. Piccola di statura, ed alta appena un piede, ha la 
radice fibrosa, e si distingue dalla Puccìnellia dìstans per varii caratteri, 
come quello dei rami fruttiferi della pannocchia patenti e non rivolti 
in basso, l'altro della paglietta inferiore ottusa e non troncata, ec. 

319. Piicciiiellia niaritinia Pari. 

P. paniculae aequalis ramis inferioribus subgeminis, fructiferis 
contractis, spiculis sub 5-fioris, flosculis lineari-oblongis, glumis 
acutiusculis, palea inferiore obtusa, radice repente. 

Poa maritima Huds.-fl. angl. p. 42. Dee. fi. frane. 3. p. 57. 

Glyceria maritima Meri, et Koch deutsch. fi. 1 . p. 688. Reich. fi. 
germ. exmrs. 1 . p. 45. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 933. 

Festuca thalassica Kunth enum. pi. 1 . p. 394. Gries. spie. fi. 
rum. et hith. 2. p. 435. 

Poa distans ji major Bert. fi. ital. I . p. 515. ex parte. 

Sclerochloa maritima Lindi, in Bah. man. ofbrit. hot. p. 370. 

Figura. — Reich. ic. cent. II. f. 1611. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ama nella penisola i luOghi 

marittimi arenosi , le sponde dei fiumi , a poca distanza dal mare tanto 
dalla parte dell'Adriatico , che da quella del Mediterraneo, però non 
è molto comune. Perle isole la possiedo soltanto di Sardegna. Fiorisce 
in Giugno e Lugho'ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Dalle Isolc Brittanichc sino alle coste 
dell'Affrica nell'Impero di Marocco. 11 Kunth dice di trovarsi ancora 
in Siberia. 

91^. Piiccinellia perniixta Pari. 

P. paniculae aequalis ramis inferioribus subgeminis, fructiferis 
patulis deflexisque, spiculis abbreviatis, sub 1-fioris, glumis fere obo- 
vatis, rotundatis, flosculis ovato-oblongis , palea inferiore obtusiuscula, 
culmo basi subradicante, radice fibrosa. 

Glyceria permixta Gussl syn. fi. sic. 1 . p. 99. 

Figura. — Nessuna. 



PUCGINELLIA. 571 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In luoghi inondati di Sicilia 

in Palagonia ai Lago di Palici e in Mineo al Lago di Naftia, e di Malta. 
Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — • Si conosce per Ora soltanto dei qui 
indicati luoghi di Sicilia e di Malta. 

Osservazione — Gli esemplari che ho avuto di Malta dai sig. To- 
daro e Calcara sono in generale piiì grandi di quelli di Sicilia , e offrono 
la pannocchia con i rami piti patenti e alcuni anche rivolti verso 
basso , i culmi talvolta mandano qualche fibra radicale nei nodi infe- 
riori. 

N. B. Tutte le specie di questo genere meritano di essere stu- 
diate con maggiore attenzione e sovra luogo da chi si trova nei paesi 
stessi ove esse nascono: io quindi invito i botanici che ne hanno l'oc- 
casione favorevole a rivolgere ad esse la loro speciale attenzione. 

IiXli.1V. eiilfCERIA fì. Brown. 

R. Broivn prodr. 1. p. 179. Polis, de Beauv. agrost. p. 06. lab. 19. 

f. 7. Kmth emm. pi. 1. p. 366. Endl. gen. pi. 1. p. 98. Pari. fi. 

pai. 1. p. 153. 
Festucae species Limi. sp. pi. 111 . Kmth emim. pi. 1. p. 393. 
Poae species Linn. sp. pi. p. 98 et mant. p. 3S. Scop. fi. carn. edit. 2. 

tom. 1 . p. 9i. 
Hydrochloae species Martin, gr. svec. p. 8. Linkh. rag. berol. 1. p. 172. 
Glyceriae species Kocli sgn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 932. Giiss. fi. 

sic. syn. 1. p. 99. 

Spiculae 5-multiflorae , flosculis imbricato-distichis. Glumae2, 
membranaceae , inaequales, subovatae, plerumque obtusae, muticae, 
concavae, flosculo proximo breviores. Paleae 2, membranaceae, longi- 
tudine subaequales, inferior concava, subventricosa , sub 7-nervis, 
apice ut plurimum obtusa et subtruncata aut acutiuscula , mutica ; su- 
periorbicarinata, apice bifida vel bidentata, carinissub lente tenuissime 
ciliolalis. Perigonii squamulae 2, basi interdum connatae, truncatae, 
carnosae, glabrae. Stamina 2-3. Ovarium glabrum. Styli elongati. 
Stigmata piumosa. Caryopsis oblonga, apice rotundata, stylisque persi- 
stentìbus deflexis coronata, externe convexiuscula , interne sulco longi- 
tudinali profundo in medio exarata, glabra, libera, palea inferiore tecta. 



572 GRAMINACEE. 

Abito. — Piante amiche dei luoghi inondati e delle acque lenta- 
mente correnti o stagnanti, dotate di radice repente, di culmi ascen- 
denti, diritti sdrajati alquanto interiormente; le loro foglie sono li- 
neari, piane, la pannocchia è in generale grande, ricca di spighette, 
portate in rami disposti in semiverticilli , alquanto gonfie, con 7 nervi 
d'ordinario molto prominenti nella paglietta inferiore eh' è ottusa o 
troncata e senza aresta: esse variano per il loro colore dal verde al 
porporino, e cadono quando mature per la disarticolazione dell'asse. 

1319. Clyceria aquatica Wahlb. 

GÌ. paniculae aequalis, amplae, ramosissimae ramis quinis, spiculis 
5-9 floris, flosculis oblongis, palea inferiore obtusa, septemnervi, ner- 
vis valide prominenlibus, foliis lalo-linearibus, ligula brevi, rotundalo- 
cuspidata. 

Glyceria aquatica Wahlb. (l. goth. p. 18. Smith engl. fi. p. 116. 
Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 45. Kunth enum. pi. 1. p. 367. Vis. fi. 
dalm. 1. p. 83. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 101. Grìes. spie. fi. rum. et 
bith. 2. p. 437. 

Poa aquatica Linn. sp. pi. p. 98. AH! fi. ped. 2. p. 247. Savi! fi. 
pis. 1 . p. 94. Dee. fi. frane. 3. p. 58. Savi! bot. etrusc. 1. p. 65. var. a. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 559. Presi cyp. et grani, sic. p. 42. 
Morie, fi. venet. 1. p. 43. Pollin. fi. veron. 1. p. 103. Tcn. fi. nap. 3. 
p. 75. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 93. Nace. fi. venet . 1 . p. 60. Gaud. 
fi. helv. 1. p. 233. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1. p. 79. Bert! fi. ital. 
1 . p. 513. Conioll. fi. coniens. 1. p. 104. Puccin. syn. fi. lue. p. 58. 

Poa altissima Moench. meth. p. 185. 

Hydrochloa aquatica Hartm. gram. svec. p. 8. Link h. reg. beroì. 
descr. 1. p. 173. 

Glyceria spectabilis Mert. etKoch deutsch. fi. 1. p. 586. Rock syn. 
fi. germ. et helv. edit. 2. p. 932. 

Gramen phalaroides, palustre, arundinaceum, panicula latissima 
Mont. cat. stirp. agr. bon. prodr. p. 46. Seg. pi. veron. 1. p. 348. 

Figure. — FI. dan. lab. 920. Host gram. austr. 2. tah. 60. Reich. 
ic. cent. 11. fig. 1614. 

Nome italiano. — Fienarola aquatica Savi fi. pis. 1. p. 94. Gra- 
mignone di padule Bert. l. e. 

b. floribus viviparis Pollin. fi. veron. 1 . p. 103. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Lungo i fossi cd i fiumi (! 



GLYCERIA. 573 

nei luoghi paludosi della penisola, ove è piiì comune al nord e si fa più 
rara nel mezzogiorno di essa. In Sicilia si trova solo presso Catania 
lungo il fiume La Giarretta e presso Siracusa. La varietà b. è stata tro- 
vata dal Pollini nei fossi vicino Pft/ù e h Bevilacqua . Fiorisce in Giugno 
e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta molto sparsa nell'emisfero bo- 
reale. 

U,i. — Offre un buon pascolo alle pecore e alle vacche. 

«SO. Glyceria plicata Fries. 

GÌ. paniculae subsecundae ramis inferioribus subquinis, in anthesi 
patentibus, spiculis pedunculatis, 7-11 floris, flosculis ovali -oblongis, 
palea inferiore obtusa, obsolete tricrenata, septemncrvi, nervis valide 
prominentibus, superiore oblonga, obtusa, apice bidentato-bifida. 

Glyceria plicata Fries. nov. mani. 3. p. 176. Koch sijn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. p. 932. Pari. fi. pakrm. 1. p. 154. ex parte. 

Poa fluitans Bivi cent. 1. p. 67. Giiss. fi. sic. prodr. 1. p. 94. 
excl. syn. Scop. Beri. fi. ital. 1. p. 518. ex parte. 

Glyceria fluitans Presi cijp. et grani, sic. p. 35. Giiss. syn. fi. sic. 
1. p. 101 . excl. syn. Brownii. 

Poa Barrelieri Bivi piani, ined. ptibbl. dal figlio Andrea p. 5. 

Gramen palustre, panicula polydactyla candida Cup. h. calli, p. 90. 

Figure. — Festuca fluitans Host grava, aiistr. S. lab. 77. Glyceria 
fluitans Reich. ic. cent. 11. fig. 1615. 

Gramen polydactyloides, candidum, palustre Cup. pamph. exempl. 
bibl. pubi, panorm. 2. lab 146 et 1. lab. 27. Bon. lab. 5. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nasce comunemente nello 

acque lentamente correnti e destinate alla irrigazione dei campi , nei 
luoghi paludosi di tutta la penisola come pure delle isole di Sicilia , di 
Corsica, di Sardegna. Fiorisce in Maggio e Giugno, e nei luoghi più 
elevati anche in Luglio ed Agosto. E perenne. 

Distribuzione geografica.' — Pianta comune in Europa; cresce pure 
in Algeri. 

Osservazioni. — I botanici italiani hanno confuso questa specie 
con la glijceria fluitans di R. Brown eh' è la vera festuca fluitans di Lin- 
neo, siccome ho avuto occasione di accertarmene nell'erbario dello 
stesso Linneo. Per questa confusione ho tralasciato di citare i loro si- 
nonimi incerto se abbian voluto nella loro pianta intendere la specie m 



Ó74 GHAMINACEE. 

esame o la glyceria fluitans o ambedue come pare più probabile. La 
ylyceria flmtam ha i fioretti lanceolati , allungati e più lunghi , la pa- 
glietta inferiore più stretta, assottigliata in alto e quasi acuta, la supe- 
riore, eh' è più corta dell'inferiore, lanceolata, acuta e bifida con le 
lacinie subulate e distanti l'una dall'altra. 

991. Glyceria spicata Guss. 

GÌ. paniculae subsecundae ramis inferioribus subgeminis, in an- 
thesi horizontahter patentibusdeflexisque, spiculis lateralibus sessilibus 
vel subsessilibus, ramo adpressis-, 5-15 floris, flosculis oblongis , palea 
inferiore obtusa, sublacera, sub lente punctato-tuberculata, septemner- 
vi , nervis parum prominentibus, superiore oblonga , obtusa , apice bi- 
dentato-bifida. 

Glyceria spicata Guss. fi. sic. syn. 2. in add. et emend. p. 784. 

Poa spicata Biv! piante ined. piibhl. dal figlio Andrea p. 3. 

Glyceria phcata Pari. fi. palerm. 1 . p. i54. ex parte. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi paludosi e negli 

stagni sì bassi che montuosi di Sicilia, insieme alla specie precedente. 
L' ho ancora di Corsica comunicatami dal Requien , che 1' ha trovata a 
Bonifacio ec. Fiorisce in Maggio e Giugno e nei luoghi più elevati sino 
in Luglio ed Agosto. E perenne. 

Distribuzione geografica. — Non si conosce per Ora che delle qui 
citate isole di Sicilia e di Corsica: è probabile che si trovi in altri punti 
del bacino mediterraneo. 

Osservazione. — Questa specie è molto vicina alla glyceria plicata 
di Fries, con la quale è stata confusa. Il Bivona fu il primo a disfinguere 
le due specie di glyceìia, che il Gussone avea nel suo prodromo della 
flora siciliana confuso insieme e tenuto per la glyceria fluitans di 
R. Brown: egli formò cosi due specie, la poa Barrelieri, che è da ri- 
ferirsi alla glyceria plicata di Fries , ignorata dal Bivona , e la poa spi- 
cata, eh' è appunto la specie in esame. Io non ho alcun dubbio sul- 
l'autenticità delle due specie, stabilite dal Bivona, avendole con lui 
stesso raccolte nei luoghi ch'egli ha indicato per loro patria e studiate 
insieme lungamente. 



GLYCERIA. 57:. 

999. Clyceria fluìtans lì. Brown. 

GÌ. paniculae secundae ramis inferioribus subgeminis, in anthesi 
patentibus, spiculis 7-11 floris, flosculis lanceolato-oblongis, palea in- 
feriore acutiuscula, saepe obsolete tricrenata, septemnervi, nervis va- 
lide prominentibus , superiore lanceolata, acuta, apice bifida. 

Glyceria fluitans R. Brown prodr. I . p. 179. Palis. de Beauv. 
agrost. p. 1S. tab. 19. (ig. 7. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 45. Koch 
syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 932. 

Festuca fluitans Linn. sp. pi. p. 111 . 

Poa fluitans Scop. fi. carn. edit. 2- toni 1. p. 73. Bert. ft. ital. 1. 
p. 518. ex parte. 

Hydrochloa fluitans Host? gram. auslr. 1. p. 141. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCC insieme COn la ^/(/Ce- 
na pUcata, con la quale per altro è stata confusa dagli autori, però è 
meno comune : si fa più rara nel mezzogiorno della penisola , né io la 
possiedo delle isole. Fiorisce alla stessa epoca ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E comune in Europa. 

Osservazioni. — Sono stato molto parco nel citare i sinonimi di 
questa specie perchè i botanici nostri l' hanno confusa con la glyceria 
p/icato. Sulle differenze di esse vedi le mie osservazioni alla stessa" 
glyceria plicata. 



liXXV. SPHEXOPUS Trin. 

Triti, fimd. agr. p. 133. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 45. Gnss. syn. 

fi. sic. 1 . p. 95. 
Poae species Gouan. ìli. 4. lab. 2. f. 1. Willd. sp.'pl. 1. pari. 1. 

p. 402. Dee. fi. frane. 3. p. 65 et 6. p. 274. Beri. fi. ital. 1. 

p. 520. 
Sclerochloae species Palis. de Beauv. agrost. p. 98. Roem. et Scimi - 

tes syst. veg. 2. p. 692. Link li. reg. berol. descr. 2. p. 274. 
Festucae species Kunlli enum. pi. 1. p. 392. 

Spiculae sub 5-florae, flosculis distantibus. Glumae 2, albo-mem- 
branaceae, concavae, obtusae, muticae, parvae, cum pedicello supre- 
mo incrassato continuae, inferior multo minor. Paleae 2, inferior mem- 



370 GIU^IINACEE. 

l»ranacen, concava, sub-," nervis, apice ohtiisiuscula, mulica; suporior 
panilo brevior, byalina, bicarinala , apice biloba. Perigonii squamu- 
lae 2, oblongae, acutae, lobulo auctae, glabrae. Stamina 5. Ovarium 
glabrum. Styli brevissimi. Sligmata piumosa. Caryopsis linearis, obtusa, 
basi atlcnuata, glabra, libera. 

Abito. — Pianta annua, con culmi formanti dei cespugli, e sdrajati 
ascendenti, con foglie strette e lineari, e con pannoccbie aventi dei 
rami capillari, i quali si dividono tre a tre e portano alla loro estremità 
sopra pedicelli ingrossati delle spighette di color verde tendente al 
porporino, con tre o quattro fioretti, distanti tra loro e che cadono più 
tardi per la disarticolazione dell'asse, affatto privi di areste, e con le 
glume piccole e biancastre. 

Osservazione. — Il Gussone ha poco bene descritto le glume, scri- 
vendo che sono più lunghe del fioretto vicino, mentre ne sono ambe- 
due molto più corte, come pure che sono fra di loro distanti, siccome 
anche erroneamente ha scritto il Bertoloni. 

393. Sphenopiis diTaricatus Fieich. 

Sphenopus divaricatus Reirh. fi. germ. exrurs. 1 . p. 45. Giisa! 
sìjn. fi. sic. 1 . p. 95. 

Poa divaricata Gouan. ili. 4. t. 2. f. 1 . Willd. sp. pi. 1 . pari. I . 
p. 40S. Desf. fi. ali. 1. p. 75. Deci fi. frane. 3. p. 65 et G. p. 274. Savi! 
hot. etrusc. I . p. 64. Giiss. pi. ror. p. 32. et fi. sic. prodr. I . p 96 et 
suppl. 1 . p. 21 . Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1 . p. 81 . Bert jl. Hai. 1 . 
p. 520. Ten. fi. nap. 5, p. 323. 

Poa expansa Gniel. syst. veg. 1 . p. 181 . Savi! fi. pis. 1 . p. 100. 

Sclerochloa divaricata Palis. de Beauv. agrost. p. 98. Roem. et 
Schidtes syst . veg. 2. p. 697. Link h. reg. berol. descr. 1. p. 151 . 

Sclerochloa expansa Link li. reg. herol. desci\ 2. p. 274. 

Sphenopus Gouani Trin. fund. agr. p. J35. 

Festuca expansa Kmith emun. pi. 1 . p. 392. 

Figure. — Gouan t. e. fìeich. ic. cent. 11. f. 1616. 

Nome italiano. — Fienarola divaricata Savi fi. pis. 1. p. 100. 
Fienarola Ghingola Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — l\ei luoghi paludosi già pro- 
sciugati e inondati marittimi e qualche volta anche nei luoghi salsi di- 
stanti dal mare soltanto presso Pisa nell'Italia centrale, in Puglia, nella 
Terra di Bari, nella Terra d' Otranto, in Basilicata, in Calabria, ec. , 



SPHENOPUS. .-77 

nell'Italia meridionale, donde la possicido di molti luoghi. Nasce pure 
in Sardegna ed in Sicilia, ove si trova a preferenza nella costa meri- 
dionale orientale da Trapani a Catania, e in Caltanisetta lontana dal 
mare. L'ho pure delle isole di Lampedusa e di Malta. Fiorisce in 
Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — lo possiedo questa specic nell'erbario 
del mezzogiorno della Francia , delle qui sopra citate località della pe- 
nisola e delle isole italiane, della Barbaria, dell'Egitto, delle sponde 
dell'Arcipelago, della Persia tra Abuschir e Schiras. 

liXXVI. ERACROSTIS Palìs. de lieauv. 

l'alis. de Beauv. agrost. p. 70. tab. 14. f. IL Roem. et Schuìtes s'yst. 

veg. 2. p. 32. Guss. sijn. fi. sic. 1 . p. 102. Koch syn. fi. germ. 

et helv. edit. 2. p. 924. 
Poae species Limi. sp. pi. 100. Knnlh ennm. pi. 1. p. 329. 332 et 333. 

Beri. fi. ital. 1. p. S22. 
Brizae species Linn. sp. pi. 103. 
Mcgastachyae species Pcilis. de Beauv. agrost. p. 74. Roem. et Schuìtes 

syst. veg. 2. p. 584. 

Spiculae 3-multiflorae , corum axis persistens, non articulatim 
secedens, tlosculis distiche imbricatis. Glumae 2, membranaceae, sub- 
aequales, concavae, carinatae, muticae, flosculo proximo breviores. 
Paleae 2, inferior membranacea, concavo-ventricosa , carinata, mu- 
tica, obtusa, trinervis; superior bicarinata, carinis ciliatis, apice obtusa 
vel emarginata. Perigonii squamulae 2. Ovarium glabrum. StyH2, breves. 
Stigmata piumosa. Caryopsis parva, ovato-subrotunda , glabra, libera. 

Abito.' — Piante annue, con radici fibrose, con culmi in cespu- 
gli , ora sdrajati per terra e poi ascendenti , ora anche diritti , ramosi , 
con foglie lineari e piane, aventi invece di ligula un fascette di peli 
lunghi; la pannocchia è più meno sparsa, con i rami disposti in se- 
miverticilli, ovvero solitarii e alterni, con le spighette pedicellate, ovate 
quasi lineari , di colore verde cupo pallido , e spesso porporino , 
che portano da 5 4 sino a molti fiori , i quali sono affatto privi di 
areste, e disposti in due ranghi ai lati dell'asse comune; essi sono a 
di pili ventricosi e rimangono persistenti racchiudendo la cariopside, che 
è quasi rotonda e che trasparisce in alcune specie a traverso la paglietta. 



578 GRAMINACEE. 

334. Eragrostis pilota Palis. de Deauv. 

E. paniculae elongalae, aequalis ramis inferioribus ad basin sub- 
pilosis, semiverticillatis, spiculis 5-9 floris (raro 3-vel 11 floris) li- 
nearibus, palea inferiore acutiuscula, nervo laterali debili praedita. 

Eragrostis pilosa Palis. de Deauv. agrost. p. 71. lìoem. etSchultes 
syst. veg. 2. p. 576. et mani. 2. p. 317. Presi cyp. et grana, sic. 
p.4i. Reich. fi. germ. excurs. I . p. 48. Gtiss. syn. fi. sic. /. p. 102. Koch 
syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 925. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. 
p. 440. 

Poa pilosa Linn. sp. pi. 100. Dalb. ìnisc. alt.p. 7. Savi hot. elrusc. 2. 
p. 48. Deci fi., frane. 6. p. 272. Noce, et Baiò. fi. tic. 1. p. 44. et 324. 
Morie, fi. venet. 1 . p. 40. Pollin. fi. veron. 1 . p. 105. Ten! fi. nap. 3. 
p. 75. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 51 . Nacc. fi. venet. 1. p. 67. Gaud. 
fi. helv. 1 . p. 232. Lois. fi. gali. edìt. 2. voi. 1 . p. 81. Kunth enum. 
pi. 1. p. 3^9. Ben. fi. ital. 1. p. 522. Comoll. fi. com. 1. p. 180. 
Puccìn! syn. fi. lue. p. 61. 

Poa eragrostis Ali. fi. ped. 2. p. 247. Desf fi. ali. 1. p. 74. Savi 
fi. pis. 1 . p. 99. Dee. fi. frane. 3. p. 56. excl. syn. ab omnibus. 

Poa verticillata Cav. ic. et descript. 1 . p. 63. lab. 93. Willd. sp. 
pi. 1 . pari. 1. p. 393. Kunth enum. pi. 1 . p. 329. 

Eragrostis verticillata Roem. etSchult. syst. veg. 2. p. 317 et mani. 
3. p. 617. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 48. 

Gramen paniculiselegantissirais, majus, lociislis purpureo-spadi- 
ceis Scheuchz. agrosf. p. 193. tab. 4. f. 2. Seg. suppl. p. 151. 

Gramen phalaroides sparsa Brizae panicula minus Mo/iL cai. slirp. 
agr. bon. prodr. p. 45. 

Gramen paniculatum , angustifolium, locustis elegantissimis, pur- 
purascentibus Midi, in Till. cai. h. pis. p. 76. 

Figure. — Host gvam. anstr. 2.p. 49. tab. 68. Reich. ic. cent. 11. 
f. 1659 e 1660. 

Nome Italiano. — Fieoarola sottile. Fienarola pelosa Savi l. e. Fie- 
narola porporina Bert. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E COmune nei luoghi areno- 
si, lungo i fiumi, nelle strade, sui muri, nei margini dei campi di 
tuttala penisola. Si trova anche in Sicilia, ma solo nella sua punta che 
guarda la penisola a Messina e a Melazzo. Non 1' ho di alcuna altra 
isola. Fiorisce da Ludio a Settembre. E annua. 



ERAGROSTIS. 579 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa meridionale , nell'Affrica 
boreale, nell' Egitto, in Tarlarla e in Siberia.. 

Osservazioni. — La poa Verticillata di Cavanilles dietro 1' esame 
degli esemplari di Madrid, che io possiedo nell'erbario, è da riportarsi 
come semplice sinonimo della eragrostis filosa, come già ha notato il 
Ooissier nel suo voyage en Espagne p. 658. 

!3!95. Eragrostis poaeoides Palis. de Beauv. 

E. paniculae aequalis, patentis ramis solitariis, alternis, ad ba- 
sin nudis, spiculis 8-20 floris, lanceolato-linearibus, palea inferiore 
obtusa, nervo laterali valido praedita. 

Eragrostis poaeoides Palis. de Beauv. agrost. p. 7/. Roem. et 
Schiiltes syst. veg. 2. p. 574 et mant. 2. p. 316. Boiss. voy. en Esp. 
p. 658. Gtiss. fi. sic. syn. 1. p. 102. Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 
2. p. 924. Pari. fi. pai. I. p. 160. 

Poa eragrostis Linn! sp. pi. 110 ex ejus herbario. Gaud. fi. 
helv. 1. p. 231. Loìs. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 82. Ten. syll. p. 43. 
Kunth enum. pi. 1 . p. 332. Bert. fi. Hai. 1. p. 554 ex parte. Comoll. 
fi. com. 1. p. 100. Vis. fi. dalm. 1. p. 81 . 

Eragrostis minor Host fi. austr. 1. p. 135. 

Eragrostis poaeformis Link h. reg. berol. descr. 1. p. 188 et 2. 
p. 292. Reich. fi. gemi, exciirs. 1. p. 48. 

rigore. — Hostgram. austr. 2. tab. 69. Reich. ic. cent. H.fìg. 1661. 

Gramen phalaroides sparsa Brizae panicula, minus Barr. ic. 44. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi sterili, lungo Ic 
strade sì presso che lontano dal mare tanto della penisola che di alcune 
delle isole ; però è meno comune della specie seguente. Fiorisce in Lu- 
glio ed Agosto, e nei paesi più meridionali, come in Sicilia e nell'isola 
di Pantellaria sino ad Ottobre e Novembre. E annua. 

Distribuzione geografica. — Sembra essere una specie molto sparsa 
nei climi temperati e anche tropicali del nostro emisfero. 

Osservazioni. — Questa specie, eh' è molto vicina alla seguente, 
se ne distingue oltre di essere alla base dei rami inferiori della pannoc- 
chia priva di quel ciuffettino di peli, che d' ordinario s' incontra nel- 
r eragrostis megastachya , per avere le spighette strette, lineari, quasi 
in forma di lancia, e non ovato-lanceolate e come in forma di cuore 
alla base ma ivi assottigliate , per la paglietta inferiore semplicemente 



380 GRAMINACEE. 

ottusa , e non con una incavatura ossia smarginata e con un piccolo 
mucrone. . 

Ho riferito con il Gussono a questa specie la figura del Barrelicri, 
perchè mi sembra adattarsi bene alla nostra pianta , specialmente per 
i rami della pannocchia. 

!336. Eragrosiis anegastacliya Link. 

E. paniculae aequalis, patentis ramis solitariis, allernis, inferio- 
ribus ad basin subpilosis, spiculis 4—20 floris (scd eliam usque ad 
40-50), e basi ovata lanceolatis, palea inferiore apice obtusa, emar- 
ginata, brevissime mucronata, nervo laterali valido praedita. 

Eragrostis megastachya Link h. reg. herol. descr. I . p. 187 et 3. 
p. 292. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 48. Boiss. voy. en Espagn. p. 658. 
Guss. fi. sic. syn. 1 . p. 103. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 924. 
Pari. fi. pai. 1. p. 158. Gries. spie. fi. rum. et bilh. 2. p. 440. 

Briza eragrostis Linn! sp. pi. /05exejusherbario. Ali. fi. ped. 2. 
p. 248. Desf. fi. ali. 1. p. 78. Savi fi. pis. 1. p. 109. Balb. fi. taur. 
p. 16. Noce, et Balb. fi. tic. 1. p. 46. 

Poa cilianensis Ali. fi. ped. 2. p. 246. 'lab. 91. f. 2. Bellard! 
app. ad fior- ped. p. 8. 

Poa megastachya Koel. grani, p. 181 . Dee. fi. frane. 3. p. 56. 
Savi boi. etriisc. 2. p. 49. Morie, fi. venet. 1. p. 50. Pollìn. fi., ve- 
ron. 1. p. 106. Ten. fi. nap. 3. p. 75 et syll. p. 43. Re fi. torin. 1. 
p. 67. Naec. fi. venet. 1 . p. 67. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 95 et suppl. 
1. p. 21. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 51. Gaiid. fi. helv. 1. p. 230. 
Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1 .p. 82. Kunth enmn. pi. 1. p. 323. Comoll. 
fi. com. 1. p. 110. Vis. fi. dalm. 1. p. 82. 

Megastachya eragrostis Palis. de Beauv. agrost: p. 74. Roem. et 
Sclmltes syst. veg. 2. p. 584 et mani. 2. p. 325. Presi cyp. et gram. 
sic. p. 44. 

Poa eragrostis Sibili, et Smith fi. graec. prodr. 1. p. 54 et fi. graec. 
1 . p. 57. Beri. fi. ito/. /. p. 55 i ex parte. Puccin. syn. fi. lue. p. 61. 

Eragrostis major Host gram. austr. 4. p. 14. 

Gramen paniculis elegantissimis , sive eragrostis majus Cup. h. 
calli, p. 86. 

Gramen phalaroides, eranthemum, sive eragrostis, paniculatum, 
mulliplici et tenui Brizae spica Mont. cat. stìrp. agr. bon. prodr. p. 45. 
Seg. siippl. p. 150. 



ElUGROSTIS. 381 

Figure. — Sihth. et Smith fi. graec. J. tab. 73. Host gi'cim. austr. 
4. tab. 24. Reich. ic. cent. IL f. 1662. 

Gramen paniculis elegantissimis , sive eragrostis majus Guy. 
jmnph. sic. 2. tab. 223. Bon. t. 10. 

Gramen eranthemum seu eragrostis phalar. paniculatum, mulli- 
plici et tenui Brizae spica Barr. ic. 43. 

Nome italiano. — Gramignone Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 38. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Abbonda nei Campi, nci luo- 
ghi sterili e arenosi, lungo le strade, sui muri ec. di tutta la penisola, 
(Ielle grandi e delle piccole isole. Fiorisce da Giugno a Settembre ed 
è annua. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa meridionale , nell' Af- 
frica boreale, nell'Egitto, nel Fazogl, in America. 

Osservazione. — Specie variabilissima per la pannocchia più o 
meno grande , per i rami ora distanti , ora avvicinati in modo che lo 
spighette formano una specie di spiga molto densa , per il numero dei 
tìori in queste spighette, i quali d'ordinario tra gli 8 e i 20 sono ridotti 
talvolta a 3 o 4, e tal altra sono numerosissimi, trovandosene in ciascuna 
spighetta da 40 a 50. Questo fa variare molto la forma delle spighette, 
che sono ora ovate, ora ovato-lanceolate , ora molto lunghe, però mai 
assottigliate alla base come nella specie precedente. 

Ho riferito a questa specie la poa cilianensis di Allioni sì per la 
descrizione e per la figura datane , che per gli esemplari del Bellardi 
esistenti negli erbarii di De CandoUe e di Balbis. Vedi ciò che ne ho 
scritto a proposito della poa trivialis a p. 355. 

Specie dubbia. 
Eragrostis leersoides Guss. 

E. panicula contracta , ramis glabris, locustis ovatis, 2-4 floris, 
foliis planis paniculam excedentibus, vaginis glabris, ligula pilosa, culmo 
erecto, radice fibrosa. 

Eragrostis leersoides Gtiss. jl. sic. syn. 1 . p 103. Pari. fi. pai. 1. 
p. 160. 

Megastachya leersoides Presi cyp. et gram. sic. p. 44. 

Poa leersoides Guss. prodr. fi. sic. 1 . p. 98. 

IlPresl dice di aver trovata questa specie in luoghi arenosi marittimi 
presso Palermo nel mese di Giugno. Nò il Gussone nò io l'abbiamo mai 
Irovata; dubito che sia una semplice forma AqW eragrostis megaslachìjd ^ 



.-S'2 GRAMINACEE. 

liXXVlI. BRIZA LiìiH. 

Linn. (jen. pi. 35. Juss. gen. p. 32. Lamk. ìli. fjen. 1 . lab. 4ù. Palis. 
de Beauv. agrost. p. 67. lab. li. f. 3. Kunlh enum. pi. 1 . p. 371 . 
Endl. geli. pi. p. 99. Pad. fi. palerm. I . p. IGI . 

Spiculae 5-multiflorae, tloribus imbricato-distichis. Glumae 2, 
membranaceae , subaequales, subrotundae, concavae, mulicae, flosculo 
[)roximo breviores vel sublongiores. Paleae 2, membranaceae, valde 
inaequales, inferior ampia, subrotunda, basi cordata, concava, inflalo- 
ventricosa , mutica , superiorem nmlto minorem , subrolundam , con- 
cavam, apice obtusam, bicannatam amplcctens. Perigonii squamuiae 2, 
ovato-lanceolatae , integrae vel subbilobae , glabrae. Stamina 5. Ova- 
rium obovato-ellipticum , glabrum. Slyli 2, breves. Stigmata piumosa. 
Garyopsis embryoni parallele compressa, ovato-subrotunda, externe 
convexa , interne concava , apice obtusa , stylis filiformibus persistenli- 
bus munita, glabra, paleis demum partim adhaerens. 

Abito. — Piante annue o perenni , dotate di culmi gracili e poco 
alti , con foglie piane , e con le pannocchie ora quasi semplici e con i 
rami portanti poche spighette , che si dirigono da un sol lato, ora con i 
rami che si dividono tre a tre e che portano molte spighette. Questi rami 
sono capillari e le spighette spesso pendenti e gonfie , prive affatto di 
araste, ora grandi, ora più piccole, di color verde pallido, o miste di 
rosso e di porporino. 

939. Briza minor Lìnn. 

B. paniculae compositae, diffusae, multiflorae ramis tricholomis, 
spiculis parvis, delloideis, 5-7 floris, ligula elongata, lanceolata, acuta, 
radice annua. 

Briza minor Unni sp. pi. 102. ex ejus herbario. Ali. (l. ped. 2 
p. 2i7. et auctar. p. il. Desf. fi. ali. 1 p. 77. Savi fi. pis. 1 . p. 100 
Sìbili, et Smith fi. graec. prodr.J. p. 56 et fi. graec. 1. p. 58. Balb 
fi. taur. p. 18. Savi hot. etrusc. I.p. 67. Roem. et Schultes syst. veg. 9 
p. 519. Noce, et Balb. fi. tic. 1. p. i6 et 325. Presi cyp. et grani, sic 
p. i2. Poìlin. fi. veron. 1 p. 113. Ten. fi. nap. 3.p. 76. Refi, torin. 1 
p. 69. Ghss. fi. sic. prodr. I. p. 08 et suppl. I. p: 22. Seb. et Maur 



BfìIZA. osr, 

II. rom. prodr. p. 54. Gaud. fi. helv. 1 . p. 262. Lois. //. (jall. edit. 2. 
Ioni. 1 . p. 75. Reich. fi. germ. excurs. /. p. 48. Kunlh enum. pi. I . 
p.372. Beri. fi., ital. 1. p. 501 . Comoll. fi. comens. 1. p. 1 17. Pucciìi. 
sìjn. fi. lue. p. 63. Boiss. voy. enEspagn. p. 661. Guss. syn. fi. sic. 1. 
p. 104. Kochsyn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 924. Pari. fi. palerm. 1 . 
f. 163. 

Briza virens Linn! sp. pi. p. 103. ex ejus herbario. .1//. fi. ped. 2. 
p. 247. Desf. fi. ali. 1. p. 77. Dee. fi. frane. 3. p. 67. var. a. et fi. 
Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 520. Ten. fi. nap. 3. p. 76. Lois. fi. 
gali. edit. 2. toni. 1. p. 75. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 48. Kunlh 
enum. pi. 1. p. 372. Vis. fi. daini. 1. p. 84. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tah. 28. Sibth. et Smith fi. graec. 1 . 
lab. 14. Reich. ic. cent. 11. f. 1663 e 166i. 

Gramen tremulum seu phalaroides minus lata sparsa panicula 
Barr. ic. 16. 

Nome italiano. — Erba brillantina Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 38. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe nei prati, nei Campi, 

nei luoghi erbosi della penisola, ove è più comune nella costa occiden- 
tale e nella parte centrale e meridionale, ed in Istria: cresce ciò non 
ostante in alcuni punti del nord della penisola , così in Piemonte se- 
condo Allioni, Balbis, Re e Biroli, presso Pavia secondo Nocca e Bai- 
bis, nelle colline presso Como, Erba e Lezza secondo il ComoUi. Io 
sospetto che alcuni di questi autori avessero preso per la brìza minor la 
biiza media. Ho pure questa pianta della costa orientale d* Italia delle 
Marche presso il porto di S. Elpidio e presso Ascoli. Essa si trova an- 
che in Sicilia a Palermo , a Finale , a Castelbuono, a Polizzi , a Itala , 
alle falde dell' Etna , a Modica , in Corsica a Vico, ad Ajaccio, a Corte, 
in Sardegna, nelle isole di Capraja, di Gorgona, di Capri ec. Fiorisce 
in Maggio e Giugno nei paesi più settentrionali e nelle isole in Aprile e 
Maggio; è annua. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa meridionale, nell'Affrica 
boreale, nella Persia, nel Capo di Buona Speranza, nel Brasile, nel 
Perù. 

Osservazione. — La hriza minor e la brìza virens di Linneo non 
sono che semplici forme della stessa pianta, dovute all' aspetto diverso 
delle spighette secondo il numero maggiore o riiinore dei fioretti in 
ciascuna di esse. La lunghezza poi delle glume in rapporto ai fioretti 
inferiori considerata come carattere per distinguere queste due pretese 
specie, è variabile anche nelle spighette di una medesima pannocchia. 



ÓU GHAMINAGEE. 

ÌS16^. Briza media Lìnn. 

B. paniculae composilae, patenlis, mulliflorac ramis trichotomis, 
spiculis mediis, subcordato-ovatis , 5-9 floris, ligula brevi, truncato- 
obtusa, radice perenni. 

Briza media Linn. sp. pi. 103. Ali. fi. ped. 2. p. 248. Savi 
fi. pis. 1 . p. 101. Dee. fi. frane. 3. p. 67. Balhis fi. taur. p. 18. Savi 
hot. etnisc. 1 . p. 67. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 520. Noce, et 
Baiò. fi. He. 1. p. 46. et 326. Bertol. amoen. Hai. p. 331. Morìe, fi. 
■venet. 1. p. 53. Pollin. fi. veron. 1 . p. 114. Ten. fi. nap. 3. p. 76. 
Refi. tor. I.p. 69. Seb. et Maur. fi. rem. prodr. p. 53. Nacc. fi. 
venet. 1 . p. 71 . Gaud. fi. lielv. J . p. 272. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. 
p. 75. Reich. fi. germ. exeurs. 1 . p. 49. Kunth. enum. jd. 1 . p. 371 . 
Bert. fi. Hai. 1 . p. 563. Conioll. fi. eomens. 1. p. 118. Pueein! syn. 
fi. lue. p. 62. Boiss. voy. en Espagn. p. 661. Vis. fi. dalm. 1. p. 84. 
Guss. syn. fi. sic. 1. p. 105. Kocli syn. fi. germ. et helv. edit. 2.p. 924. 
Pari. fi. palerm. 1 . p. 165. Gries. spie. fi. rum. et hith. 2. p. 441 . 

Briza tremula Koel. grani, p. 149. 

Briza ehtìor Sihth. et Smith, fi. graee. prodr. I.p. 57. et fl.graec. 1. 
p. 57. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 521 . Ten! fi. nap. 4. p. 13. 
et5.p. 322. 

Gramen tremulum, medium, paniculis minoribus, obsolete rufo- 
pallenlibus Cup. h. calli, p. 86. 

Gramen phalaroideum seu tremulum , minus , lata , sparsa pani- 
cula Mont. cai. stirp. agr. bonon. prodr. p. 45. ex ejus berbar. sec. 
Bert. Seg. pi. veron. I.p. 346. 

Idem pboeniceis locustis Mont. l. e. Seg. l. e. 

Idem minus, locustis parvis, paniculis non expansis Moni. /.. e. 
Seg. l. e. 

Gramen paniculatum, alpinum, minus Mich. in Till. cai. li. pis. 
p. 75. 

Gramen tremulum majus Zannich. ist. delle piani, p. 129. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tab. 29. Sibth. et Smith fi. graec. 1 . 
lab. 75. Reich. ie. cent. 11 . fig. 1665. 

Gramen tremulum, medium Cup.pamph. sic. 2. lab. 19. et exempl. 
Ubi. pubi. 2. tab. 218. 

Gramen tremulum, medium, paniculis minoribus, obsolete rufo- 
\>3\\enùh\is Bon. tab. 186. 



BHIZA. 385 

Gr.imen plialiiroides, minus, erecta collectaque paniciila Baìr. 
k. 15. f. 9. 

Gramen phalaroides, locusfis tremulis, majus Zannich. isl. delle 
pani. tal). 220. non buona. 

Nome italiano. — Tamburini. Tentennino. Tremolino. Targ.Tozz. 
diz. hot. 2. p. SS. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E comune nei prati, nelle 
colline aride e nei luoghi montuosi di tutta la penisola dalla regione del- 
l'ulivo sino anche ai pascoli alpini ove l'ho trovato sino a 2070 metri di 
altezza sul livello del mare nel versante meridionale delle Alpi. Nella 
parte più meridionale della penisola s'incontra a preferenza nei luoghi 
montuosi. Il Cupani, il Bonanno e l'Ucria dicono che questa pianta è 
spontanea di Sicilia, però né io ne alcun altro dei moderni ve l'abbiamo 
finora trovato. Non la possiedo di Corsica, di Sardegna o di alcuna altra 
isola. Fiorisce in Maggio e Giugno nei luoghi bassi e nei paesi meridio- 
naH, e in Giugno e Luglio in quelli più settentrionali e nei luoghi ele- 
vali ed alpini. E perenne. 

Distribuzione geografica.' — Pianta propria dell'Europa media e 
meridionale, dell'Asia minore, della Tartaria. Nei paesi più meridionali 
cresce nelle montagne. 

Osservazioni. — La briza elatior di Sibthorp è soltanto una forma 
più grande e con le spighette con un numero maggiore di fiori della briza 
inedia. Io ho nell'erbario gli esemplari del Monte Santo (Athos), dove 
fu raccolta la pianta del Sibthorp ; questi esemplari però non hanno 
quello sviluppo così grande che si vede nella figura della flora greca. 
Anche alla briza media spetta la briza elatior del Tenore di cui possiedo 
gli esemplari autentici. Nella briza media la ligula è troncato-rotondata 
e non lanceolata ed acuta , come è stato scritto dal Tenore. 

Questa specie varia per la pannocchia ora alquanto ristretta , ora 
più larga, e perle spighette che sono di un color pallido o misto di por- 
porino. 

999. Briza nia^Kima Linn. 

B. paniculae subsecundae, apice nutantis, paucitlorae ramis sub- 
simplicibus, spiculis amplis, ovatis, 5-17 floris, ligula oblonga, oblu- 
siuscula, radice annua. 

Briza maxima Linn. sp. pi. WS. Ali. ft. ped. 2. p. 248. Desf. fi. 
ali. 1. p. 11. Savi fi. pis. 1 . p. 108. Beri. pi. genuens. p. IO. Dee. fi. 
frano. 3. p. 06. Sihth. et Smith fi. graec. prodr. 1 . p. 57 et fi. graec. 

Flora Italiana. Vol. l. 25 



Ó8G GRAMINACEE. 

/. p. 00. Savi hot. etrmr. J. p. 0(1. lìoem. et Schulles syst . my. ^. 
p. 521. Beri, amoen. ital. p. J J5. Polliti, fi. veron. 1 . p. 114. Ten. fi. 
nap. 3. p. 77. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 90 et suppl. 1 . p. 52. Seb. el 
Maiir. fi. rom. prodr. p. 53. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. /. /). 7o. Reich. 
fl.germ. excurs. 1. p. 49. Kunth enum. pi. 1 . p. 371. Beri. fi. Hai. /. 
p. 505. Puccini syn. fi. lue. p. 02. Boiss. voy. en Espagn. p. 001 . Vis. 
fi. daini. 1 . .p. 84. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 104. Koch syn. fi., germ. et 
helv. edit. 2. p. 924. Pari. fi. palerm. 1 . p. 101 . Gries. spie. fi. rum. 
et bilh. 2. p. 442. 

Briza monspessulana Gouan h. monsp. p. 45. Ali. fi. ped. 2. p. ^48. 

Briza rubra Lamk. ili. 1 . p. 187. Roeni. el Sckultes syst. veg. 2. 
p. 522. Kunth enum. pi. 1. p. 371. Ten.*fl. nap. 3. p. 77. 

Briza major Presi cyp. et gram. sic. p. 42. 

Gramen tremulum, majus Cast. li. mess. p. 38. 

Gramen tremulum, maximum Cnp. h. calli, p. 80. 

Idem paniculis rufescentibus Cup. l. e. 

Gramen phalaroides, majus, ferrugin. nutanle panicula Mont. cat. 
stirp. agr. hon. prodr. p. 45. 

Gramen tremulum, seu phalaroides majus, erecta panie, rufum, 
et citrinum Mont. l. e. 

Gramen tremulum, maximum, candicansSef/. pi. veron. 1. p. 345. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tah. 30. Sibth. et Smith fi. graec. 
1. lab. 70. Reich. ic. ceni. 11. f. 1000. 

Gramen phalaroides, majus, ferrugin. nutante panicula Barr. 
ic. 15. f. 1. 

Gramen tremulum, seu phalaroides majus, erecla panie. 1. ru- 
fum 2. citrinum Barr. ic. 23. 

b. flosculis pubescentibus Pari. fi. pai. 1 . p. 02. 

Briza maxima var. y Dee. fi. frane. 3. p. 00. Roeni. et Schult. 
syst. veg. 2. p. 521. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1. p. 75. 

Nome italiano. — Souaglini Targ. Toz-z. diz. hot. 2. p. 38. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi Crbosi , nelle Col- 
line aride, nei campi sterili, lungo i margini dei campi e dei boschi e 
nelle siepi della penisola nella regione dell' ulivo nella costa occiden- 
tale, nella parte centrale e meridionale e nell' Istria. Si trova pure nei 
colli Euganei , donde la possiedo, e presso Verona a Grezzana secondo 
il Seguier. Abbonda nelle isole di Sicilia, di Corsica e di Sardegna e 
nelle piccole isole da quelle di Capraja e di Gorgona sino a quelle di 
Favignana, di Pantellaria e di Malta. La varielà b. -cresce insieme alla 



BUIZA. 587 

specie ed è molto comune in Sicilia. Fiorisce in Maggio e Giugno e nei 
paesi più meridionali e nelle isole in Aprile e Maggio. E annua. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa meridionale , in Oriente, 
nell'Affrica boreale, nelle Isole Canarie, nel Capo di Buona Speranza, 
e nelle Indie. 

Osservazione. — Questa Specie varia per le spighette ora con un 
numero maggiore di fioretti , ora con pochi , come è nella forma de- 
scritta da Gouan con il nome di hrìza monspessulana , che io possiedo 
di Montpellier e di molti punti d'Italia, per la paglietta inferiore gla- 
bra pelosa all' esterno , per il colore di questa paglietta , la quale of- 
fre talvolta il margine di color rosso ec. , ciò che ha dato origine a que- 
ste cattive specie di briza rubra e briza pidcliella. Le glume sono di 
color porporino carico. 

liXXVIII. SERRAFAIiCUS Pari. 

Pari. pi. rar. sic. fase. 2. p. li et pi. nov. p. 75. Bahingl. man. oj 
brit boi. p. 374. Godron fi de la Lorraine ex Flora boi. zeit. zu 
Regensb. ami. 18U. p. 405. De Not. prosp. della flora lifjnsl. 
p. 50. 

Bromi species Unn. gen. p. 36. Palis. de Beauv. agrost. p. 86. lab. 17. 
f. 2. Kunth enum. pi. 1. p. 412. Endl. gen. pi. p. 101 . 

Bromi species sect. 1. Bromi segalini Beri. fi. it. 1. p. 654. 

Bromi species sect. 2=' Serraf.\lcus Koch sgn. fi. germ. et lielv. edil. 
2. p. 945. 

Spiculae etiam defloratae superne angustiores, multiflorae, floscu- 
lis compresso-turgidis, subventricosis, oblongis, margine imbricatim se 
fegentibus, (raro fructiferis haud imbricatis ut in S. secalino). Glu- 
mae2, subaequales, membranaceae, concavae, ovato-oblongae, acutae, 
muticae, inferiore paulo minore, 3-5 nervi, superióre 7-9 nervi, 
flosculo proximo breviores. Paleae longitudine inaequales vel sub- 
aequales, membranaceae, inferior ovato-oblonga , concava, compres- 
so-turgida, sub apice integro vel bifido breviter aristata, aristis 
rectis vel demum patentibus aut contorto-divaricatis ; palea superior 
apice obtusa, bicarinata, carinis setis rigidis remote ciliatis. Perigonii 
squamulae2, oblongae, obtusae, intcgrae, glabrae, ovario subaequales. 
Stamina 3 , filamentis brcvibus , anlheris linearibus. Ovarium obovatum, 



58S GRAMINACEE. 

apice hirsulum. Stigmata 2, sessilia, piumosa. Caryopsis oblonga , 
complanata, externe convexa, interne concava et fere cymbiformis, 
glabra, apice pilosa, paleis adhaerens. 

Abito. — Piante annue o bienni, con culmi diritti, gencralmenle 
alti da un piede e mezzo a due o treppiedi, con le foglie piane e lar- 
ghette, per lo più pelose, come le guaine e le spighette, tal altra affatto 
glabre o mollemente pubescenti ; le loro pannocchie sono in generale 
larghe e composte, di raro addensate, talvolta alquanto pendenti, le 
spighette sono un poco gonfie , sempre ristrette all' apice , anche quando 
la pianta è in frutto, con 6 a 10 e di raro sino a 16 fioretti, che si ri- 
cuoprono con il margine della paglietta inferiore, tranne nel Serrafalciis 
^ecalinus, il quale quando è in frutto si contrae in quel margine e cosi 
i fioretti rimangono distinti in modo da vedersi anche a nudo 1' asse 
che li sostiene. I fioretti sono dotati di una aresta, che uguaglia in ge- 
nerale in lunghezza la paglietta inferiore o ne è poco più lunga, diritta 
ovvero più tardi patente o anche ricurva alquanto o divaricala. 

930. Serrafalcus secalìiiusi Bah. 

S. panicula patente, demum nutante, spiculis 8-12 floris, oblon- 
gis, glabris, flosculis frqctiferis margine contractis, non se tegentibus, 
palea inferiore apice obtusa, subintegra, paleam superiorem acquante, 
aristis flexuosis, palea inferiore subbrevioribus, foliis subpilosis, vagi- 
nis glabns. 

Serralalcus secalinus Bfl&. ??ian. o/"6n/is/i hot. p. 374. Pari. fi. 
palerm. 1 . p. 167. in obs. ad Serraf. racem. 

Bromus secalinus Linn. sp. pi. 112. Deci fi. frane. 3. p. 67. 
Schrad. fi. germ. 1 . p. 347. Roem. et Schiiltes syst. veg. 2. p. 633. 
Noce, et Balb. fi. tic. I. p. 55. et 328. Morie, fi. venet. 1 p. 56. Pollin. 
(l. veron. 1. p. 130. Nacc. fi. venet. 1. p. 76. Gaiid. fi. lielv. 1. p. 310. 
Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1 . p. 88. Reìch. fi. germ. excurs. i.p. 44. 
Kimth enum. pi. 1. p. 413. Beri. fi. Hai. 1 . p. 654. ex parte. Comoll. 
fi. com. 1 . p. 137. Vis. fi. dalm. 1. p. 73. Koch syn. fi. germ. et helv. 
edit. 2. p. 945. 

Figure. — Host grani, aiistr. 1. tal. 12. Reìch. ic. cent. 11. 
fig. 1600. 

h. veliitimis, spiculis multifloris, hirto-velutinis. 

Broraus multiflorus Smith fi. brit. I. p. 126. Reich. fi. gemi, 
excurs. 1 . p. 43. vur. a. 



SERRAFALCUS. .'SU 

Bromiis secaliniis ^41/. fi. ped. S. p. 251 . 

Bromus grossus Desf. in Dee! fi. frane. 3. p.68. Pollin. fi. veron. I . 
p. 135. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1 . p. 88. 

Bromus velutinus 5c/ira(i. fi. gemi. I. p. 349. Roem. et Schultefi 
syst. veg. 2. p. 634. Gand. fi. helv. 1 . p. 317. var. a. Kunlh enum. 
pi. 1. p. 413. 

Bromus secalinus jS Bert. fi. ital. 1. p. 654. exclus. syn. brom. 
velut. Noce, et Balb. et Guss. 

Bromus secalinus jS velutinus Koch sijn. fi. germ. el helv. edit. 2. 
p. 945. 

Serrafalcus secalinus j3 velutinus Bah. man. ofbril. boi. 374. 

Figura- — Sclirad. fi. gemi. 1 . tao. 6. f. 3. 

e. suhmulieus, aristis brevibus vel subnullis. 

Nome italiano. — Segale lanajuola. Seme di fieno. Ventolana. 
Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 39. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati e in niezzo ai Semi- 
nati dell'Italia settentrionale, della Riviera di Ponente, e in parte ancora 
dell'Italia centrale ec. La varietà b. s'incontra più raramente; bo la v;i- 
lietà e. dei campi di segale presso Pavia comunicatami dal prof. Mo- 
retti. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa media. 

Osservazioni. — Questa specie distinguesi dalle due seguenti Ser- 
rafalcus eommntatus e racemosiis, che sono molto aflìni, per i fiorelli 
che pili tardi , quando sono fruttiferi , non si toccano allatto, ma al- 
quanto distanti tra di loro lasciano scoperto l'asse che li sostiene, per 
la paglietta superiore che è della stessa lunghezza dell'inferiore, perle 
guaine glabre ec. 

Il Bertoloni ha confuso con la nostra specie il Serrafalcus eommn- 
tatus, che si trova ancora in Italia, avendolo ancor egli avuto dell'agro 
mantovano dal Barbieri, che l'ha comunicato anche a me. Sulle diffe- 
renze pii^i particolari di questo Serrafalcus commutatus dal secalinus vedi 
le osservazioni alla specie che siegue. A torto il Gussone ha riportato 
alla nostra varietà b, ossia al bromus velutinus di Schrader, la pianta 
che nasce in Polizzi in Sicilia, e dopo lui anche il Bertoloni, ed io 
stesso nella mia flora palermitana, ivi avvertendo però che la rife- 
riva in fede del Gussone, perchè non avea veduta la pianta di quella 
località ; ora però che per gentilezza dello stesso Gussone ho sotto i 
miei occhi un esemplare della pianta di Polizzi io vedo che essa è una 
s|)ecic ben distinta , che si troverà qui appresso con il nome di Serra- 



:)'.)() GRAMINACEE. 

falciis ueglectus. Per quanto posso giudicarlo dai falli finora a me noti, 
il Serrafalcus secalinus e la sua varietà velulina non si trovano nel mez- 
zogiorno d'Italia e in Sicilia. 

Forse alcuni dei sinonimi qui sopra citali spettano alle due specie 
seguenti , che sembrano essere state contuse con il secalinus dai botanici 
italiani. 

Non ho citato i sinomini del hromus secalinus , grossus e mnlhllorus 
della flora napoletana perchè non sono certo delle piante descrittevi, 
mancando anche di esemplari autentici. 

*431. Serrafalcus coniinutatus Bah. 

S. panicula patente, nutante, spiculis 0-8 tloris, oblongo-lanceo- 
latis, glabris, flosculis fructiferis margine imbricatim se legentibus, 
palea inferiore apice obtusa, subinlegra, margine supra medium an- 
gulum ol)lusum exhibente, paleara superiorem lineari-oblongam con- 
spicue superante, aristis rectis, palea inferiore subaequalibus, foliis 
vaginisque inferioribus pilosis. 

Serrafalcus commulatus Bah. man. of brìi. hot. p. o7i. Pati. fi. 
palerin. 1 . p. 167. in obs. ad Serraf. racemos. 

Bromus commulatus Schrad. fi. germ. 1 . p. 353. Boem. etSclmltes 
syst. veg. 2. p. 63 i. Bei eh. fi. germ. excurs. J. p. 43. Kunlh enum. 
pi. 1 . p. 413. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 946. 

Bromus secalinus Beri. fi. ital. 1. p. 654. quoadpl. exagroman- 
luano. 

Figura. — Beich. ic. cent. 11. fig. 1580. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei campi e fra i seminati 

dell'Italia settentrionale e centrale. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è 
annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa media. 

Osservazione. — Ho già notato nelle osservazioni alla specie pre- 
cedente che il Serrafalcus commutatus si distingue dal secalinus per i 
fioretti che si ricuoprono con il loro margine anche quando sono frut- 
tiferi, per la paglietta superiore eh' è manifestamente più corta della 
inferiore, per le guaine pelose ; aggiungerò a di più che la paglietta 
inferiore ha nel commutatus un angolo ottuso nel margine al di sopra 
della metà di esso, carattere che lo distingue non solo dal secalinus ma 
ancora dal racemusus, nei quali questa paglietta è rotondata nel mar- 
gine e più larga. Dal racemosus poi si distingue ancora per la pannoc- 



SERRAFALCUS. 7)1)1 

cliia più largii, con i rami molto delicati, per la paglietta inferiore più 
lunga e l'aresta che parte un poco più lontana dall'apice, per la pa- 
glietta superiore lineare-allungata. 

232. §errafalciis raceniosiis Pari. 

S. panicula patente, erecta, demum contrada, spiculis 8-12 floris, 
ovato-oblongis , glabris, llosculis fructiferis margine imbrieatim se te- 
gentibus, palea inferiore apice obtusa, subintegra, margine rotundata, 
paleam superiorem lineari-obovatam conspicue superante, aristis rectis, 
palea inferiore subaequalibus, foliis vaginisque inferioribus pilosis. 

Serrafiìlcus racemosus Pari. pi. rar. sic. fase. 2. p. li. et pi. 
nov. p. 7ó. et fi. palerm. 1 . p. IG6. var. a. Bah. man. of brìi. hot. 
p. 370. 

Bromus racemosus Lmn. sp. pi. p. iti. Sniilh in the trans, of the 
lìun. sor. ioni. 4. p. 280. Dee. fi., frane. 0. p. 275. Roeni. et Schul- 
les sijst. ve(}. 2. p. OSO. Ten. fi. nap. 3. p. 80. Guss. fi. sic. prodr. 1 . 
p. 113. Seb. et Maur. fi. rom. proir. p. oi. Gaud. fi. helv. J. p.Sli. 
Reich. fi. germ. excnrs. 1. p. 43. Kunth enum. pi. 1. p. 413. Beri. fi. 
Hai. 1. p. 057. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 040. Gries. spie, 
fi. rum. et bith. 2. p. 440. 

Figura. ■ — Reich. ic. cent. 11 . fìg. 1500. 

Nome italiano. — Forasacco di pannocchia lunga Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NoSCC nei prati C nei campi 

erbosi si vicini che lontani dal mare di tutta la penisola, ove abbonda 
più verso la parte centrale e meridionale. Si trova pure in Sicilia presso 
Palermo a Mondello, in Girgenti, Alicata, S. Croce e Spaccaforno. 11 
Gussone 1* ha anche trovato nell' isola di Felicuri. Fiorisce in Aprile o 
Maggio e nei paesi più settentrionali in Maggio e Giugno. Il Koch crede 
sia una specie bienne. 

Osservazione. — Sulle differenze di questa specie dal Serrafalcns 
secalinus, commutatits e neglectus vedi le mie osservazioni alle specie 
precedenti ed a quella che siegue. 

933. ISerrafalcus neglectus Pari. 

S. panicula patente, laxa, denique notante, spiculis 6-10 floris, 
oblongis, pedunculisque molliter cano-pubescentibus, flosculis fructi- 
feris margine imbrieatim se tegcnlibus, palea inferiore apice obtusa, 



7)92 GRAMINACI':!:. 

subintegra, margine rotundala, paleam suporiorem oblongo-lancoolalam 
panilo superante, arislis in fructu patentibus, palea inferiore longiori- 
bus, foliis vaginisque molliter pubescentibus. 

Bromus velutinus Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. Jii. et syn. II. sic. I . 
p. 74. excius. syn. praet. Pari. 

Bromus secalinus var. ]3 Beri. fi. ilal. I . p. 0<~)o. quoad. pi. ex 
Sicilia. 

Serrafalcus racemosus var. /3 et y Pari. pi. rcir. sic. fase. 2. p. Ji. 
et pi. nov. p. 7G. excius. syn. Linn. 

Serrafalcus velutinus Pari. pi. rar. sic. fase. 5. p. 10. ci pi. nov. 
p. 77. excius. syn. Schrad. 

Serrafalcus secalinus b velutinus Pa/V. fi. pai. I. p. 168. excl. 
syn. Schrad. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Campi Specialmente ma- 
rittimi e in luoghi montuosi salvatici a non molta distanza e talvolta 
anche alquanto lontani dal mare nella parte più meridionale della pe- 
nisola in Calabria donde l' ho avuta comunicata dai signori Gasparrini 
e Pasquale e nell' isola di Sicilia , ove l' ho raccolta presso Palermo a 
Mondello e alla Pizzuta, e donde 1' ho avuta dalTodaro che l* ha rac- 
colta vicino Palermo al bosco di Rehottone, e dal Gussone che l'ha tro- 
vata in Polizzi alle nocelle. Fiorisce nei luoghi piti bassi in Aprile e 
Maggio, e in quelli più elevati in Maggio e Giugno ed anche tino in 
Luglio. E annua. 

Distribuzione geografica. — Si trova anche in Grecia, donde l'ho 
avuta dal Sartori. 

Osservazioni. — Questa specie confusa da prima dal Gussone e 
dal Bertoloni con il bromus velutinus di Schrader, non può affatto spet- 
tare a questo eh' è una semplice varietà del secalinus con le spighette 
pelose, perchè i fioretti anche fruttiferi si ricuoprono tra loro con il 
margine, per la paghetta superiore più corta dell' inferiore, perl'aresta 
più lunga e patente nelle spighette fruttifere, per queste spighette e le 
guaine mollemente pubescenti e quasi candide ec. Io l'avea in parte 
confuso con il bromus racemosus, ma anche da questo si distingue per 
la pannocchia eh' è pendente quando è in frutto, e non allora adden- 
sata, per r aresta patente e più lunga, per la paglietta superiore allun- 
gato-lanceolata e meno ottusa, per la pubescenza molle e candida delle 
spighette, dei peduncoli e delle guaine, caratteri che insieme ad altri la 
distinguono bene dal commulalus. 



SERUAFALGUS. 59.1 

934. Serrafalciis arvensis Paii. 

S. panicula primum erecta, deinde patula, fructifera nutante, spi- 
culis 6-10 floris, lineari-lanceolatis, glabris, flosculis fructiferis margine 
imbricalim se tegenlibus, palea inferiore oblongo-lanceolata , margine 
supra medium angulum obtusum exhibente, apice acute bifida vel bi- 
dentata, paleam superiorem subaequante, aristis rectis, demum subpa- 
tulis, palea inferiore subaequalibus, foliis pilosis, vaginis pubescentibus 

Bromus arvensis Linn. sp. pi. J 13. Ali. fi. ped. S. p. 250. Dee 
fi. frane. 3. p. 70. Baiò. fi. taur. p. 21. Savi hot. etrusc. 1. p. 73 
Roem. et Sclmlt. syst. veg 2. p. 646. Noce, et Balh. fi. tie. 1 . p. 57 
et 329. Beri, amoen. ital. p. 332. Morie, fi. venet. 1. p. 57. Poìlìn. // 
veron. 1 . p. 131 . Ten. fi. nap. 3. p. 86. Nacc. fi. venet. 1 . p. 77. /?( 
fi. torin. 1 . p. 79. Gaud. fi. helv. 1 . p. 316. Lois. fi. gali. edit. 2 
lem. 1 . p. 90. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 42. Ten. fi. nap. 4 
p. 16. Kunth enum. pi. 1 . p. 417. Bert. fi. ital. 1 . p. 658. Comoll. fi 
com. 1. p. 141. Vis. fi,, daini. 1. p. 72. Koch syn. fi. germ. et helv 
edit. 2. p. 947. 

Bromus versicolor Pollich palai. 1. p. 109. 

Bromus secalinus Savi fi. pìs. 1 . p. 120. 

Bromus squarrosus fi. Seb. et Manr. fi. rom. prodr. p. 54. 

Gramen phalaroides majus, acerosa nutante spica Munt. cai. stirp. 
agr. ben. prodr. p. 44. ex Bert. 

Gramen bromoides, serotinum, annuum, panicula rariore, magis- 
que sparsa, locustis angustioribus, purpurascentibus, glabris et aristatis 
Mieli! in Till. eat. h. pis. p. 76. ex herbario. 

Gramen loliaceum , locustis hirsutis Seg. pi. veron. 1. p.335. 
non Monti. 

Gramen phalaroides, majus, acetosa, nutante spica Zannic/i. istor. 
delle piant. p. 127. lab. 67. 

Figure. — Hostgram.austr. 1. tab. 14. Reich. ic. cent. 11. fìg. 158.7. 

Nome italiano. — Ventolana Targ. Tozz. diz. boi. 2. p. 38. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nei prati, nei Campi e loro 
margini , lungo le strade e nei luoghi sterili arenosi si di piano che di 
collina della penisola, ove è comune nella parte settentrionale. Nel- 
r Italia centrale e meridionale si trova a preferenza nei luoghi subap- 
pennini. Manca nelle isole. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa Settentrionale, media e 
in parte nella meridionale. 

25' 



.7J1 GRAMINACEK. 

935. Serrafalciis patulus Pari. 

S. panicula patente, demum nut.mte, spiculis 8-12 floris, lanceo- 
latis, glabris, flosculis fructiferis remotiusculis, palea interiore elliptico- 
lanceolata, margine supra medium angulum obtusum exhibente, apic^ 
bidenlata vel subintegra, paleam superiorem conspicue superante, ari- 
stis patulis, demum divaricato-reflexis, foliis vaginisque pubescentibus. 

Bromus patulus il/er/. et Koch deiitsch. fi. i. p. 685. Reich fi. 
rjerni. exciirs. 1 . p. 43. Kunth enum. pi. I . p. 415. Koch syn. fi. (jerm. 
et helv. edit. 2. p. 947. Grìes. spie. fi. rum. et hith. 2. p. 450. 

Figura.' — Reich. te. cent. 11. f. 1588. 

b. velutinus, spiculis molliter pubescentibus. 

Bromus patulus ]3 Meri, et Koch dentschl. fi. 1. p. 685. Knntli 
enum. pi. 1. p. 415. Koch sijn. ft. germ. efìielv. edit. 2. p. 948. 

Bromus multiflorus Dee. fi. frane. 3. p. 69. 

Bromus velutinus Noce, et Balh. fi. tic. 1. p. 54. excl. syn. 
Schrad. 

Serrafalcus Chiapporianus De Noi. pi. exsìcc. 

Figura. — Bromus multiflorus Host gram. aitstr. 1 . tah. 11. 

Stazione, Abitazione e Fioritura- — ^ Nelle colline, nei margini 

dei campi e nei luoghi montuosi e subappennini dell' Italia settentrio- 
nale e centrale, e della costa occidentale a Sarzana: però non mollo 
comunemente. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è bienne. 

Distribuzione geografica. — In Francia , in Germania, nell'Italia 
settentrionale e centrale, in Romania ec. 

Osservazioni. — Questa specie è stata certamente confusa dal Ber- 
toloni con il suo bromus arvensis , al quale è affine : se ne distingue 
però per la pannocchia meno grande , per le spighette lanceolate e 
principalmente per i fioretti alquanto distanti fra loro ed ellittici , per 
l'aresta quando è secca divaricata e anche talora rivolta in basso, per la 
pagUetta superiore manifestamente più corta della inferiore. 

Il bromus velutinus della flora ticinensis spetta alla varietà b. di 
questa specie , avendomi di esso favorito degli esemplari il prof. Mo- 
retti delle colline oltrepadane della provincia di Pavia. In questi esem- 
plari la paglietta superiore è più corta della inferiore, l'aresta patente- 
divaricata, le guaine sono pubescenti, caratteri per i quali spetta al Ser- 
rafalcus palulus e non può appartenere al bromus velutinus di Schrader. 



SERRAFALCUS. ."VOri 

936. Serrafalcuet itiollis Pari. 

S. panicula erecla, patente, demum contrada, spiculis 6-10 tlo- 
ris, ovato-oblongis pedunculisque molliter pubescentibus, flosculis 
fructiferis margine imbricatim se tegentibus, palea inferiore apice bi- 
dentata , acute bifida aut subintegra , margine supra medium angulum 
obtusum exbibente, paleam superiorem conspicue superante, aristis 
rectis, palea inferiore subaequalibus , foliis vaginisque inferioribus mol- 
liter pubescentibus. 

Serrafalcus moUis Pari. pi. rar. sic. fase. 2. p. 11 et pi. nov. p. 7o. 
et fi. palerm. 1. p. 169. Bah. man. ofbrit. hot. p. 375. 

BromusmollisLÌ7ì«/ sp. pi. p. 112. AU. fi. ped. 2. p. 250. Desf. 
II. atl. 1. p. 93. Savi fi. pis. 1. p. 121. Beri. pi. cjenuens. p. 19. Dee. 
fi. frane. 3. p. 68. Balb. fi. taur. 1 . p. 20. Savi hot. etruse. 1. p. 75. 
Roem. et Schiiltes syst. ve(). 2. p. 636. Noce, et Balb? fi. tic. 1. p. 55. 
Beri, amoen. ital. p. 117. Presi cyp. et firam. sic. p. 37. Morìe, fi. 
venet. 1. p. 57. Pollìn. fi. veron. 1. p. 132. Ten. fi. nap. 3. p. 83. 
Naee. fi. venet. 1. p. 78. Guss. fi. sic. prodr. J. p. 113 et sUppl. 1. 
p. 26. Seb. et Manr. fi. rom. prodr. p. 55. Gaiid. fi. helv. 1. p. 315. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 89. Rcich. fi. gemi, excurs. 1. p. 43. 
Kunth enum. pi. 1. p. 413. Bert. fi. ital. 1. p. 662. Comoll. fi. com. 
1. p. 138. Vis. fi. dalm. 1. p. 73. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 73. Koch 
syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 946. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. 
p. 449. 

Gramen phalaroides, locustarum glumis hirsutis Mont. cat. stirp. 
agr. honon. prodr. p. 44. Seg. pi. veron. 1. p. 345. 

Gramen avenaceum, locustis villosis, angustis , candicantibus et 
aristatis Zannieh. opuse. posth. p. 16. 

Figure. — Host grani, auslr. 1. tab. 19. Reich. ie. cent. 11. 
fig. 1591-92. 

Festuca graminea, hirsutis Brizae glumis compactior Barr. ic. 83. 
f.1. 

b. spiculis glabris Pari. Le. 

e. nanus, culmo nano, paucifloro Pari. l. e. 

Bromus nanus Weig. obs. 8. tah. 1 . f. 9. 

Nome italiano.— Forasacco peloso. Palèo peloso. Spigol in a. Targ. 

Tozz. dìz. hot. 2. p. 39. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ovunque si trova nei prati , 
fra i seminati, nei margini dei campi, lungo le strade, sui muri ec. 



596 GRAMINACEE. 

di tutta la penisola, delle grandi e piccole isole sino a quelle di Mall:i 
e di Lampedusa. La varietà b. è anche comune soprattutto nei prati, la 
varietà e. nasce nei luoghi sterili e nelle arene marittime. Fiorisce in 
Aprile e Maggio nei paesi marittimi e più meridionali e in Maggio e 
Giugno in quelli più settentrionali e più montuosi. E annua. 

Distribuzione geografica. — Specie sparsa nell'Europa media e 
meridionale. Viene pure nel Caucaso, nell' Affrica boreale e si trova 
anche nei climi temperati dell' America meridionale al Chili. 

Usj, — È mangiata dalle bestie si in istato di erba che di fieno 
come molte specie di questo genere. 

^St. Serrafalcus iitterniedius Pari. 

S. panicula erecta, patente, demum contracta, spiculis G-10 flo- 
ris, oblongo-linearibus , molliter pubescentibus, flosculis fructiferis 
margine imbricatlm se tegentibus , palea inferiore apice acute bifida , 
margine supra medium angulum obtusum exhibente, paleam superio- 
lem panilo superante., aristis ab apice remotiusculis, demum recurva- 
lo-patentibus, palea inferiore subaequalibus , foliis vaginisque molliter 
pubescentibus. 

Serrafalcus intermedius Pad. jd. rav. sic. fase. 2. p. Il et pi. 
nov. p. 79 et jl. pai. 1 . p. 170. 

Bromus moUis Desf! lierh. 

Bromus intermedius Gmss. /Z. sic. prodr. /. p. Ili. Bertol fi. Hai. 
I. p. 663. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 75. 

Bromus commutatus B nanus Ten. fi. nap. 4. p. 17. 

Bromus squarrosu's var. minor Tea. viagg. in Abruzz. p. i6. 

Gramen bromoides, minus, untante, 'compactiori panicula, locu- 
stis anguslioribus , candicantibus, glabris, incurve aristatis Midi, gram: 
agr. fior, et herb. 

Idem locustis villosis purpurascentibus Mich. I. e. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nei prati e nei luOghl piutto- 
sto montuosi dell' Italia centrale e meridionale e nelle isole di Sicilia e 
di Sardegna, però è piuttosto rara. Il Micheli la raccolse nell' agro fio- 
rentino, ed il Bubani in Toscana stessa presso Cortona. Io 1' ho del 
Lucchese. Si trova pure nel jl/on/e dei Fiori nelle Marche, negli Abruz- 
zi, in Roma alla Marsigliana, nel Principato Citeriore del regno di Na- 
poli ad Eboli, in Basilicata o Calabria , donde suppongo che sia un'esem- 



SERFUFALCUS. 597 

piare comunicatomi senza indicazione di località dal Pasquale, in Sicilia 
presso Palermo a 5a?da, a Boccadi falco , a 5 Martino, a\ Monte Occhio, 
alla Grazia, alla Pizzuta, alla Piana dei Greci, alla Ficuzza, nelle 
Madonie a Monte Qtiacedda e a Monie Scalone, luoghi tutti dove è stat;i 
da me raccolta. Gli esemplari di Sardegna mi sono stati comunicali dal- 
l' amico Moris. Il prof. Bertoloni dice di avere ricevuto anche questa 
specie dell' agro mantovano dal Barbieri e dell' Istria dal Biasoletto. 
Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Oltre dei luoghi qui sopra indicati si 
trova anche nell' Affrica boreale, perchè l'ho veduta nell' erbario di 
Desfontaines col nome di bromus mollis. Però il Desfontaines ha de- 
scritto il bromus mollis della sua flora atlantica con le areste diritte. 

Osservazioni. — Questa Specie è molto vicina al Serrafalcus mollis, 
dalla quale se ne distingue principalmente per le spighette più piccole, 
e più strette, per l'aresta della paglietta inferiore nata più lontana dal- 
l'apice, e più tardi ricurvata e patente: questa aresta tende alla fine 
ad avere un colore nerastro ; anche le spighette acquistano un colore 
[)orporino, ciò che fu notato dallo stesso Micheli, il quale è stato il 
j)nmo botanico a distinguere questa specie fra gli antichi. 

939. Serrafalcus niacrostacliys Pari.. 

S. panicula erecta, subsimplici, strida, spiculis 10-10 tloris, sub- 
leretibus, lanceolatis, pedunculo longioribus, glabris, flosculis fructi- 
feris margine imbricatim se tegentibus, palea inferiore oblongo-ellipti- 
ca, apice bifida, margine supra medium angulum obtusum exhibente, 
paleam superiorem conspicue superante , aristis ab apice recessis, de- 
mum subcontorto-divaricatis, palea inferiore sublongioribus, vaginis pu- 
bescentibus. 

Bromus macrostachys Desf! fi. atl. 1 . p. 96. ex ejus herbario 
(anno 1797-98). Presi cyp. et grani, sic. p. 38. Ten. fi. nap. 3. p. 84. 
Boiss. voy. en Espagn. p. 67G. Kuntli enum. pi. 1 . p. H5. 

Bromus lanceolatus Rolli cat. hot. 2. p. 18 (anno 1800). Giiss. pi. 
rar. p. 41. elfi. sic. prodr. 1. p. Ilo. var. a. excl. syn. brom. cin- 
cinn. Ten. Bert. fi. ital. 1 . p. 664. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 75. var. a. 
excl. syn. brom. cincinn. Ten. Kunth enum. pi. 1 . p. 415. 

Bromus divaricatus Bolide in Lois. notic. p. 2S. Dee! fi. frane. 6. 
p. 276. var. a. Lois. fi. gali. edit. S. tom. 1. p. 89. var. a. Beicli. fi. 
gcrm. exciirs. 1. p. 43. var. a. 



.-,98 GUAMINACEE. 

Serrafalcus lanceolalus Par/. //. pai. I. p. 171. var. a. 

h. spiculis puhoscentibus. 

Broinus lanuginosus Poìr. dici, eimjcl. snppl. I. p. 703. 

Bromus divaricatus ]3 Dee! //. frane. 0. p. 276. Lois. fi. fjall. 
cdit. 2. tom. 1. p. 89. Reich. fi. germ. exciirs. I . p. 'io. var. h. 

Bromus macrostachys Guss. fi. sic. prodr. /. p. 115. ci fi. sic. 
syn. I . p. 76. Gries. spie. fi. rum. el hith. 2. p. 4oJ. 

Bromus lanceolatus Giiss. fi. sic. prodr. 1. p. 115. el fi. sic. syn. 
I . p. 75. var. b. Ten! fi. nap. 4. p. 16. e.\ specimine. 

Bromus divaricatus Kunth enum. pi. 1 . p. 415. 

Figure. — Desf. fi. ali. 1. tah. 18. f. 2 con le spiglielte t^labre e 
dotate di molti fioretti. Guss. pi. rar. lab. 8. f. 1 . con le spighette gla- 
bre. Reich. ic. cent. 11. fig. 1597. 

Gramen spica Brizae majus, minus aspera, ramosa barbata Cup. 
pamph. sic. 2. lab. 231 . et exempl. bibì. pubi, panorm. lab. 190. Bori. 
lab. 3. 

Nome italiano. — Forasacco di lunga lancinola Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Campi, fra i seminati, nellc 

colline erbose e sterili della costa occidentale della penisola a Nizza , 
Mentone ec, della parte meridionale negli Abruzzi, nella Basilicata, 
nella Terra di Otranto e nella Calabria, e finalmente dell'Istria secondo 
Reichenbach. E comune nell' isola di Siciba e si trova in Sardegna e 
nelle piccole isole di Felicuri , Marettimo, Levanzo e Favignana. Fio- 
risce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa meridionale si 
trova in Spagna, nel mezzogiorno della Francia, nella costa occidentale 
e nella parte meridionale d' Italia , nelle isole di Sicilia e di Sardegna , 
nelle altre piccole qui sopra indicate aggiacenti alla Sicilia, in Gre- 
cia, in Romania. Cresce pure nell'Affrica boreale, in Aleppo, nel 
Caucaso. 

Osservazioni. • — Il bromus ììiacrostacìiys di Desfonfaines è solo 
una forma lussureggiante di questa specie, siccome bo potuto convin- 
cermene con l'esame del suo erbario e per gli esemplari che possiedo 
dell'Algeria, ai quali ben corrispondono alcuni che ho di Sicilia. Que- 
sta forma si trova con le spighette glabre come è nel vero bromus ma- 
crostachys di Desfo'ntaines e con le spighette pubescenti come si osserva 
nel bromus macrostachys di Gussone. La forma piii comune offre le spi- 
ghette più corte, con un numero minore di fioretti, essa si trova con 
le s[)igbctlc ugualmente glabre o pubescenti. Si l' una forma che l'altra 



SERRAFALCUS. oW 

variano ancora per il colore delle spiglielle, ora di un verde pallido, 
ora variegato di verde e di porporino anche pallido. 

Il hronins cmcìnnatus di Tenore , che il Gussone ha riferito a que- 
sta specie, spetta alla mia avena australis; vedi le mie osservazioni a 
questa specie pag. 286. 

939. Serrafalciis alopeciiroìdes Pari. 

S. panicula erecta, strida, densiflora, ohlongo-lanceolata, spicu- 
lis 8-10 floris, oblongo-lanceolatis, subsessilibus, glabris vel pubescen- 
libus, fiosculis iructiferis margine imbricalim se tegentibus, palea in- 
feriore oblongo-lanceolata, apice acute bifida, paleam superiorein 
conspicue superante, aristis ab apice recessis, demum inferno spiraliter 
contortis , divaricatis , palea inferiore longioribus , vaginis moUiter pu- 
bescentibus. 

Bromus alopecuroides Poir. voy. en Darb. 5. p. 100. Tìoem. e! 
Scìmlles sijst. veg. 2. p. Gii. exclus. syn. Vahlii et Buxbaumii. Kiinlli 
enum. pi. 1 . p. 415. 

Bromus contortus Desfl fi. atl. 1. p. 95. ex ejus hcrbario. Gnsa. 
pi. rar. p. 43. et fi. sic. prodr. 1. p. 116. Ten! fi. nap. 4. p. 16. 

Bromus alopecurus Pers. syn. pi. 1 . p. 95. Ten. jl. nap. 3. p. 8'i . 

Bromus sericeus Ten. fi. nap. prodr. p. X. 

Bromus scoparius Gnss. fi. sic. prodr. siippl. 1 . p. S6. et fi. 
sic. syn. 1. p. 76, non Linn. et exclus. syn. brom. burnii. Cavanill. 
Bert. fi. Hai. 1. p. 665. ex parte. 

Serrafalcus scoparius Pari. sic. pi. fuse. 2. p. 19. et pi. nov. p. 82. 
excl. syn. Linn. 

Serrafalcus contortus Pari. fi. pai. 1. p. 172. exclus. syn. brom. 
conferì. Marsch. a Bieb. 

Gramen spica Brizae , majus, lene, paniculis congestis Clip, h- 
cath. p. 80. 

Figure. — Desf. fi. atl. 1 . tal). 25. con le spighette dipinte un poco 
più grandi del vero. 

Gramen spica Brizae , majus , lene , paniculis congestis , barbalis 
Clip, painpli. sic. 2. lab. 64. Bon. lab. 56. 

Stazione , Abitazione e Fioritura . — NaSCC nelle CollinC aride , nei 

luoghi montuosi e in mezzo ai seminati, non però molto comune, del- 
l'Italia meridionale nella Puglia , nella Basilicata , nella Terra di Otranto, 
nella Calabria, in Sicilia, e in alcune delle piccole isole, così in Capri, 



4U0 GRAMINACEE. 

Ustica, Felicuri, Lipari, Favignana, Lovan/.o, oo. Fiorisce in Aprile 
e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Cresce anche neir Affrica boreale. 

Osservazioni. — Ho ritenuto il nome dato a questa pianta dal Poi- 
tet, perchè è il più antico. La nostra specie è certamente quella di 
Desfontaines , avendomene potuto assicurare con l'osservazione del 
suo erbario. Essa è diversa dal bromus scoparms di Linneo, quantun- 
que il Gussone l'abbia giudicato la stessa specie dietro l'esame dell'er- 
bario di Linneo medesimo. Io ho consultato questo erbario, e sotto il 
nome di bromus scoparius ho trovato confuse due piante, l'una eh' è il 
vero bromus scoparius Linn. e l'altra eh' è il bromus intermedius Guss., 
né Luna né l'altra quindi il bromus conlorlvs di Desf. Il bromus scopa- 
rius di Linneo, ch'eia specie seguente, differisce dal contortus di Des- 
fontaines per avere la pannocchia più corta e più densa, perchè le spi- 
ghette nascono più avvicinate tra loro nella rachide , ed essa è quasi 
ovata ed ottusa, le spighette sono molto piccole quasi un terzo o un 
quarto di quelle del contortus, più compresse, con le areste meno con- 
torte in basso e meno lunghe, le guaine delle foglie sono coperte nel 
contortus di una pubescenza molle e quasi candida, mentre nello sco- 
parius sono dotate di peli lunghi e sparsi. Per i sinonimi del bromus 
scoparius vedi la specie che siegue e le osservazioni alla stessa. 

940. Serrafalcus scoparius Pari. 

S. panicula erecta, conferta, ovata vel oblonga, obtusa, spiculis 
8-10 floris, oblongis, subsessilibus, pubescentibus, flosculis fructiferis 
margine imbricatim setegentibus, palea inferiore oblonga, apice bre- 
viter acute bifida , paleam superiorem conspicue superante , arislis ab 
apice recessis, demura contorto-divaricalis , palea inferiore subaequa- 
libus, foliis vaginisque pilosis. 

Serrafalcus scoparius Pari. fi. palerm. 1 . p. 174. in obs. ad Ser- 
raf. contort. non pi. nov. 

Bromus scoparius Linn. sp. pi. p. 1 14. Beri, lucubr. p. 17. elfi. 
Hai. 1 . p.C60. ex parte et exclus. pler. syn. Boiss. voy.en Espagn. p 676. 
in obs. ad brom. macrostach. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 450. 

Brornus humilis Cav. ic. et descript. 6. p. 65. 

Bromus confertus Marsch. a Bieb. fi. taur-cauc. 1 . p. 7/. Reick. 
fi. germ. excurs. 1 . p. 43. Kunth enum. pi. J. p. 144. Koch syn. fi. 
germ.. et helv. edit. 2. p. 947. 



SERRAFALCUS. iUl 

> 

Figura. — Cav. l. e. tab. 589. f. '2. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nei campi C fra i Seminati 

dell'isola di Sardegna, donde l'ho avuto comunicata dal Prof. Moris. 
11 Biasoletto l'ha raccolto in Istria presso Dignano e noWAn fi teatino di 
Poh. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Ho ancora quBsta specis della Spagna 
presso Madrid , dell' isola di Lesina in Dalmazia , della Grecia , del Cau- 
caso e della Persia. 

Osservazioni. — Ho già notato nelle osservazioni al Serrafaìcns alo- 
pecuroides le differenze che distinguono la specie in esame ihWalopecii- 
roides medesimo, come pure che debha in essa scorgersi il vero brormif; 
.scoparius di Linneo. Aggiungerò ora che il bromus humilis di Cavanilles 
deve riguardarsi come sinonimo dello seoparius, avendo sotto gli occhi 
gli esemplari di Spagna , raccolti presso Madrid ed a me comunicati dai 
sigg. Reuter e Carreno: già il Boissier nel suo voijage en Espagne 
p. 676 li aveva insieme riuniti. Per numerosi esemplari che ho di que- 
sta specie provenienti dal Caucaso non mi rimane più dubbio dell'iden- 
tità della nostra pianta con il hromiis conferhis di Marschall a Bieber- 
stein, che ho considerato qui come sinonimo del bromvs seoparius di 
Linneo, quantunque lo avessi prima nella flora palermitan;r riferito al 
fonlorlus sopra un cattivo esemplare dello Steven. 

Il Bertoloni ha confuso insieme 1' aìopecuroides e lo seoparius , e 
vi ha inoltre riportato il bromus seoparius di Mauri eent. 13. p. 9. e il 
sinonimo di Micheli gramen bromotdes, murortim, lanuginosum , ere- 
e.tiim, locu&tis amplioribus, aristatis, in panìcula compacla prope modum 
spicata et veìulì aìopecuroides dispositis in Tilt. cat. h. pis. p. 76, che 
spettano al bromus rubens, sì per la descrizione data dal Mauri, che per 
le località indicate da lui e dal Micheli, del quale per altro ho potuto 
osservare 1' esemplare che se ne conserva nel suo erbario : del resto io 
non intendo come il Bertoloni abbia potuto riportare anche questo si- 
nonimo di Micheli al bromus rubens, dopo averlo già riferito al suo 
seoparius. 

:341. Serrafalcus sqiiarrosus Bab. 

S. panicula subsecunda, patente et flaccide untante, spiculis 8-20 
floris, oblongo-lanceolatis, glabris, flosculis fruetiferis margine imbri- 
t-atim se tegentibus, palea inferiore lato-elliptica , margine supra me- 
dium angulum obtusum conspicue exhibente , apice bifida vel bidentata, 

Ki.oRA Italiana. Vor,. I. 2G 



402 GRAMINACEE. 

paleam superiorem conspicue superante, arislis ab apice rcmoliusculis, 
demum conloiio-divaricatis, palea interiore subaequalibus , foliis vagi- 
nisque pubescentibus. 

Serrafalcus squarrosus Bah. man. of. hit. hot. p. 37o. 

Bromus squarrosus Unn. sp. pi. 112. Ali. fi. ped. 2. p. 260. 
Desf. fi. ali. 1. p. 93. Savi fi. pis. 1. p. 123. Dee. fi. frane. 3. p. 60 
et 6. p. 276. Ball), fi. taur. p: 21. Savi hot. etrusc. 2. p. 58. Boem. et 
Schult. sijst. veg. 2. p. 640. Noce, et Balh. fi. tic. 1. p. 55 et 32. Pol- 
lin. fi. veron. 1. p. 131. Ten. fi. nap. 3. p. 85. Be fi. torin. 1. p. 70. 
Nacc. fi. venet. 1. p. 76. Seb. et Maiir. fi. rom. prodr. p. 54. Gand. 
fi. helv. 1. p. 320. Luis. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p 80. var. a. Beich. 
fi. gemi, exciirs. 1 . p. 43. Ten. fi. nap. 4. p. 16. Kuntli emm. pi. 1 . 
p. 414. Bert. (l. ital. 1. p. 660. Comoll. fi. com. 1. p. 138. Boiss. 
voy. en Espagn. p. 676. Vis. fi. dahn. 1. p. 74. Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 948. var. a. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 450. 

Graraenphalaroides, majus, acerosa, nutante spica iSefj. pi. veron. 
1 . p. 345 non Monti. 

Figure. — Beich. ic. cent. 11. fig. 1508. ■ 

Gramen pbalaroides, majus, acerosum , untante spica Z>arr. ?c. 
24. f. 1. 

b. villosus, spiculis pubescentibus. 

Bromus villosus Gmel. fi. bad. 1 . p. 229. 

Bromus squarrosus Dee. fi. fr. 6. p. 276. var. j. PoUin. fi. ve- 
ron. 1. p. 131. var. j3. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 80. var. /3. 
Kunth enum. pi. 1 . p. 415. var. /B. Vis. fi. daini. 1. p. 74. var. [ì. 
Koch syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 048. var. j3. 

Bromus hirsutus Schrank in Denkschr. d. regensb. hot. ges. an- 
no 1818. p. 161. 

Figure. — Host grani, austr. 1 . tab. 13. Beich. ic. cent. fìg. 1599. 

Nome italiano. — Forasacco squarroso Savi fi. pis. 1. p. 123. 
Forasacco pendolino Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. ■ — Nei margini dei campi, nelle 

colline sterili, fra i seminali, negli alvei dei torrenti, sulle sponde dei 
laghi della parte settentrionale e centrale della penisola. Si trova pure 
nella parte meridionale e nella costa occidentale di questa , ma vi è più 
rara. Ho solo la varietà b. dei prati e delle colline di Pavia e di luogbi 
montuosi dei dintorni di Nizza. Anche in Nizza la raccolse il DeCan- 
dolle verso il lazzaretto e sulla spiaggia del mare. Manca nelle isole. 
Fiorisce in Maggio e Giugno, ed è annua. 



SERRAFALCUS. 105 

Distribuzione geografica.- — Nell'Europa meridionale, ncU' Affrica 
boreale nell'Atlante (Dest\), nel Caucaso, nella Siberia. 

Osservazioni. — IIo continuato a riferire a questa specie la fig. 1 . 
della tavola 24 del Barrelieri, siccome si è quasi generalmente prati- 
cato, malgrado cbe il Gussone avesse opinato che dovesse scorgervisi il 
bì'omus macrostachys, ciò perchè sì la iìgura che la descrizione annes- 
savi spettano allo squarrosiis. 

Dubito fortemente che alla varietà b. nostra debba riferirsi il bro- 
ìiius mollis della flora lìcinensis. 



liXULIX. BR09IIIS Pari. 

Pari. rar. pi. sic. fase. 2. p. 5. et pi. nov. p. 62. Bah. man. of brìi. 

boi. p. 373. Pari. fi. pai. 1. p. 175. 
Bromi species Unn. gen. pi. p. 36. Kunth enum. pi. 1 . p. Al 2. Enil. 

gen. pi. p. 101 . 
Bromi et festucae species Sfli^i bot. elnisc. 1 .p. 74 et fi. pts. /. p. 118. 
Bromi et schoenodori species Roem. et Schulles syst. veg. 2. p. 637. 

etc. et 701. 
Bromi species sect. S'' Bromi festucacei Be7't. fi. ital. 1. p.6G7. ex parte 

et sect. 5^ Bromi genuini Bert. l. e. p. 76i. 
Bromi species sect. 5'' Bromi festucacei Koch sijn. fi. germ. el helv. 

edit. 2. p. 948 et sect. 4^ Bromi genuini Koch l. e. 

Spiculae superne latiores , multiflorae , flosculis compresso-cari- 
natis, superne attenuato-acuminatis , remotiusculis. Glumae 2, inac- 
quales, membranaceae , compresso-carinatae, acuminatae, inferiore 
minore univervi, superiore o-nervi. Paleae 2, membranaceae, inferior 
major, compresso-carinata, apice bifida vel bidentata, ex apice vel 
infra apicem plerumque longe vel longissime aristata, aristis rectis vel 
raro patentibus aut contorto-divaricatis ; palea superior brevior, acumi- 
nata, integra, bicarinata, carinis ciliatis vel ciliolatis. Perigonii squamu- 
lae 2 , anticae , oblongae , obtusiusculae , integrae , glabrae , ovario 
breviores. Stamina 5, raro 2 vel 1. Ovarium obovatum, glabrum, apice 
hirsulum. Stigmata2, sessilia, piumosa. Caryopsis linearis, dorso con- 
vexa anguloque longitudinali carinae paleae inferioris respondente prac- 
dita, interne canaliculata , glabra, apice pilosa, paleis adhaerens. 

Abito. — Genere distintissimo per il suo portamento dal mio Ser- 



10 i GRAMINACEE. 

rafakus. Piante annue, rare volte perenni, con radice lìbrosa, con 
culmi in generale alquanto alti, dotati di foglie piane, lineari, un poc(» 
larghe, spesso pelose come ancora le guaine, e che si terminano in 
pannocchie d' ordinario larghe e pendenti , con le spighette pedicel- 
iate e con i pedicelli ingrossati un poco all' apice : le spighette sono 
compresse , slargate ordinariamente m alto , con molti fioretti , com- 
pressi e dotali di una carena, assottigliati superiormente, ove portano 
verso r apice una aresta diritta , di raro più corta ma in generale più 
lunga della paglietta inferiore. 

* Spiculae longe aristatae, palea stiperior carinis ciliala, species 
annuae vel biennes Bromi genuini Auctor. 

!941S. Broinus sterilì^ Lìnn. 

Br. paniculaelaxissimae, subsimplicis ramiselongatis, nutantibus, 
spiculis6-10flcris, flosculis triandris, palea inferiore exquisite septem- 
nervi, ex apice bipartito aristata, aristis rectis, palea longioribus, culmo 
glabro. 

Bromus sterilis Linn! sp. pi. 113. ex ejus herbario. Ali. fi. ped. 2. 
p. 249. Desf! fi. ali. 1. p. 94. Savi (l. pis. J.p. m. Dee. fi. frane. 3. 
p. 71. Balb. fi. taur. p. 20. Savihot. etriisc. J.p. 79. Roem. etSclmltes 
sijsL veg. 2. p. 647. Noce, et Balb! fi. tie. I. p. 56. Presi cyp. et 
(jram. sie. p. 38. Morie, fi. venet. 1 . p. 58. Pollin. fi. veron. 1 . p. 133. 
Re fi. torin. 1. p. 77. Naee. fi. venet. 1 . p. 78. Seb. et Maur. fi. rem. 
prodr. p. 56. ex parte. Gaud. fi. lielv. 1. p. 313. Lois. fi. gali. edit. 2. 
toni. 1. p. 90. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 42. Kunth enum. pi. I . 
p. 418. Beri! fi. ital. 1. p. 674. Comoll. fi. coni. 1. p. 141. Parl.pl. 
rar. sic. fase. 2. p. 6. et pi. nov. p. 63. Vis. fi. dalm. 1 . p. 72. Guss. 
syn. fi. sic. 1. p. 78. Koch syn. fi., germ. et lielv. edit. 2. p. 949. Pari, 
fi. palerm. 1. p. 175. Gries. spie. fi. rum. et bith. 2. p. 449. 

Bromus jubatus Ten! fi. nap. prodr. p. X. Roem. et Selmlles syst . 
veg. 2. p. 651. Ten! fi. nap. 3. p. 89. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 116. 

Festuca avenacea sterilis, elatior Cup. h. eath. p. 72. 

Gramen avenaceum , panicula sparsa , locustis majoribus et arisla- 
lis Mieli, eat. gram. agr. florent. n. 146. 

Figure. — Uost grani, austr. 1. lab. 16. Ten. fi. nap. lab. 106. 
Reich. ic. cent. 11 . fig. 1583. 

Nome italiano. — Forasacco. Forasacco doppio. Forasacco rosso. 
Orzo salvalico. Vena vana Targ. Tozz. dìz. boi. 2. p. 39. 



BROMUS. 105 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Abbonda tra i seminali, nei 
prati, lungo le strade e le siepi, sui muri e sui tetti a preferenza 
della Italia settentrionale e centrale, diviene meno comune nell'Italia 
meridionale. Si trova ancora nelle grandi isole di Corsica, di Sardegna 
e di Sicilia, ove incontrasi solo nei luoghi montuosi presso Palermo al 
Parco e alla Pizzuta, nelle Cladonie e lìelVEtna. Fiorisce da Maggio a 
Luglio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa media e meridio- 
nale, dell'Oriente e dell' AfTrica boreale. 

943. Broniiis iiiadritensis Linii. 

B. paniculae strictae, subsimplicis, apice subnutantis ramis bre- 
vibus, erecto-patentibus, spiculis 8-12 floris, flosculis diandris, palea 
inferiore lanceolato-subulata, septemnervi, infra apicem fere ad mediuiii 
bifìdum anstata, aristis rectis, paleam subaequantibus , culmo glabro. 

Bromus madritensis Linn! sp. pL p. Ili. ex ejus herbario. .1//. 
/■/. ped. S. p. 251 . Biv. cent. 1 . p. iì. Gtiss! fi. sic. prodr. siippl. I . 
p. 27. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 57. Reich. fi. ijerm. exciirs. J . 
p. 42. Pari. pi. rar. sic. fase. 2. p. 7. et pi. nov. p. 05. Vis. fi. 
dalm. 1 p. 72. Guss. syn. fi. sic. I . p. 78. Pari. fi. pai. I . p. 171 . 
Gries. spie. fi. rum. et hith. 2. p. 448. 

Bromus diandrus Curi. fi. lond. fase. 0. tab. 5. Smith! fi. brit. I . 
p. 135. ex ejus herbario. Savi bot. etrusc. 1 . p. 80. excl. syn. brom. 
maxim. Desf. Koch syii. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 949. 

Bromus gynandrus [{olii, catal. 1. p. 15. 

Bromus polystachyus Dee. fi. frane. 6. p. 276. Boiss. voij. cu. 
Espagn. p. 677. 

Bromus scaberrimus Ten! fi. nap. 3. p. 89. Beri. fi. ital. I . 
p. 176. excl. var. x. 

Bromus sterilis Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 118. 

Gramen bromoides annuura, caule pedali, locustis glabris Mieli. 
in Till. cai. h. pis. p. 76. ex ejus herbario n. 148. 

Figure. — Host gram. austr. 1. lab. 17. Ten. fi. nap. tab. 105. 
Reich. ic. cent. 11. fìg. 1584. 

Bromus sterilis, erecta panicula major Bair. ic. 76. fìg. 1. 

b. spiculis pubescentibus. 

Bromus madritensis b. ciliatus Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 78. Pari, 
fi. pai. 1. p. 111. 



406 GRAMINACEE. 

Gramen bromoides, annuum, caule pedali, lociislis inajoribus, 
compressis , lanuginosis et aristalis lìJicli. in Tiìl. cai. h. pis. p. 75. ex 
ejus herbario n. 147. 

e. ìiionandrus , panicula paucidora, spiculis glabris, floribus mo- 
iiandris. 

Bromus madritensis /3. monandrus Pati. pi. nov. p. 65. 

Bromus madrilensis e. monandrus Gu&s. sìjn. fi. sic. 1 . p. 78. 

Nome italiano. — Forasacco ordinario Savi l. e. Forasacco dei 
muri Beri. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Specie comunissima nei prati, 
nei campi e loro margini, lungo le strade, sui muri, nelle colline ste- 
rili della costa occidentale e della parte centrale e meridionale della 
penisola, come pure presso Padova e in Istria, e nelle grandi e piccolo 
isole sino a quelle di Malta, di Linosa e di Lampedusa. La varietà b. 
s' incontra insieme alla specie , boia varietà e dell' /so/a dei Ciclopi 
vicino Catania, ove la raccolse l'Heldreicb. Fiorisce in Aprile e Mag- 
gio e nei paesi più settentrionali e più distanti dal mare in Maggio e 
Giugno. E annua. 

Distribuzione geografica. — E più particolarmente amica dell'Eu- 
ropa meridionale. Si trova pure nell'AtTrica boreale e nelle Isole Ca- 
narie. 

Osservazioni. — La spccie italiana è senza alcun dubbio il bromus 
madrilensis di Linneo, avendo potuto assicurarmene con l'osservazione 
dell'esemplare autentico del suo erbario, possedendo anche gli esemplari 
di Madrid comunicatimi dal Reuter, e avendone veduti altri di Madrid 
stessa neir erbario di De Candolle. Non dubito neppure del sinonimo 
del bromus scaberrimus di Tenore in grazia di un esemplare favoritomi 
dall' amico autore. 

La /esfiica marfn/erisis della flora atlantica, alla quale il Desfon- 
laines ha riferito il bromus madritensis di Linneo, è una specie di vulpia 
che nulla ha da fare con la pianta linneana : essa fu da me descritta 
nelle plantae novae col nome di vulpia Fontanesii. 

344. Bromus niaxinius Desf. 

B. panicula simplici, abbreviata, erecta, secunda, spiculis subsex- 
floris, crassis, palea inferiore lanceolata, apice atlenuato-acuta, infra 
apicem ad medium bifidum aristala, arislis rcctis, palea subdn[ilo lon- 
gioribus, culmo, rachide ramisque [)ubescentibus' vel sublomcniosis. 



BROMUS. 407 

Bromus mmxmus, Desf! fi. ali. 1 . p. 9Ù. Dee. fi. frane. (ì. p. '^11 . 
Ten. fi. ìiap. 3. p. 88. Giiss. fi. sìe. prodr. siippl. 1. p. 57. Pari. pi. 
rar. sie. fase. 2. p. 9 et pi. nov. p. 68. Guss. syii. fi. sic. I. p. 79. 
Pari. fi. palerm. 1 . p. 180. 

Bromus rigidus Roth in Roem. et Ust. mag. 10. p. Si. Rocm.. et 
Schult. sijst. veg. 2. p. G5I. Rekli. fi. gemi, excurs. 1 . p. 42. Korìi 
syn. fi. gemi, et liclv. edìt. 2. p. 940. Vis? fi. dalin. 1. p. 72. 

Bromus madiitensis ÌSoce. et Balbi fi. tic. 1 . p. 57. Guss. fi. sic. 
prodr. I . p. 118. exclus. ab ornn. syn. Linn. 

Bromus maximus ]3. Bert. fi. Hai. 1 . p. 618. 

Bromus maximus var. minor Doiss. voyag. en Espagn. p. 677. 
exclus. syn. brom. madrit. Linn. et brom. diandr. Curi. 

Figura. — Z^esf. fi. atl. 1. lab. 26. 

h. Gussonii, paniculae laxiusculae, apice nutanfis rnmis subverli- 
cillatis, eìongatis, culmoquevillosis. 

Bromus madritensis Dee. fi. frane. 3. p. 72. excl. syn. Linn. et 
6. p. 277. excL syn. omnib. relat. 

Bromus maximus Presi cyp. et gravi, sic. p. 39. Guss. pi. rar. 
p. 45. et fi. sic. prodr. I.p. 116. Ten. pi. exsicc. Beri. fi. ital. I. 
p. 678. var. a. Maur. cent, tres prodr. fi. rem. add. p. 18. Reich. fi. 
germ. excurs. 1 . p. 42. Boiss. voy. en Espagn. p. 676. var. a. non Desi'. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 949. in obs. ad brom. rigid. 

Bromus sterilis? Guss! fi. sic. prodr. snppl. 1. p. 27. 

Bromus sterilis pianta robustior Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 57. 

Bromus Gussonii Pari. pi. rar. fase. 2. p. 8. et pi. nov. p. 66. 
Guss. syn. fi. sic. 1. p. 79. Pari. fi. patemi. 1. p. 178. 

Gramen bromoides, locustis maximis, lanuginosum , italicum 
Scheuchz agr. p. 261. Mieli! in Till. cai. li. pis. p. 75. ex ejus herb. 
n. 145. 

Figura. — Scheuchz. lab. 5. fìg. li. la sola spighetta. 

Nome italiano. — Squala Mutth. in Scheuchz. l. e. Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — La varietà b., ch'è la più Co- 
mune, si trova nelle siepi, nei campi, nelle colline e nei luoghi erbosi 
marittimi della costa occidentale e della parte meridionale e centralo 
delia penisola , come pure delle isole di Sicilia , di Sardegna , di Corsica, 
di Malta e di quasi tutte le piccole isole; si trova anche presso Venezia 
e in Istria. La specie poi ama a preicrenza i luoghi arenosi marittimi, 
le colline sterili sì dei luoghi qui indicati della penisola e delle isole , 
come pure di presso Pavia. Fiorisce in Aprile e Maggio e nei paesi più 



i08 (^.UAMINACEE. 

setlenlnonnli e |)iù lontani dal mare in Mapjt^io e Giut^no, ed e annua. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa meridionale, nell'AlTrira 
boreale in Barbarla, in Egitto, nelle Isole Canarie. 

Osservazioni. — Il Desfontaines ha descritto nella sua flora atlantica 
la nostra var. a. sì per la descrizione e la figura datane, come ancora 
per l'esemplare autentico da me studiato nel suo erbario in Parigi: 
i botanici in generale hanno creduto di trovare la pianta del Desfontai- 
nes nella var. b. la quale veramente merita il nome di hromus maxì- 
mus, essendo la più grande fra tutte di questo genere: io credetti di 
dovere distinguere questa varietà con il nome di hromus Gussonii , 
perchè il Gussone 1' avea descritto ora con il nome di hroìinis maxì- 
mus, ora con quello di hromus sterilis, quantunque essa non spettasse 
veramente ad alcuna di quelle specie ; e certo quando si vedono gli 
esemplari estremi , gli uni con il culmo alto circa un piede , con la 
pannocchia diritta , densa , con i rami solitari! e molto corti e con il 
culmo la rachide e i rami della pannocchia coperti di una peluria densa, 
come è nella forma della pianta del Desfontaines, e gli altri con il culmo 
alto da 2 a 5 piedi, la pannocchia grande, larga, con i rami disposti 
quasi in semiverticilli alterni, allungati, e questa pannocchia alquanto 
pendente in alto e infine con il culmo, la rachide e i rami soltanto poco 
pubescenti, come è nella forma del hromus Gussonii, si è molto disposti 
a crederle due specie affatto distinte. Però avendo io voluto studiare 
con maggiore diligenza queste piante ho dovuto accorgermi che quei 
caratteri sono variabili e che si trovano tutti gli stati intermedii , in modo 
tale che quelle differenze non provengono da altro se non che dalla 
natura diversa del suolo, trovandosi il vero hromus maximus di Des- 
fontaines nei luoghi piò sterili, nelle colline aride, sui muri o nelle 
arene delle sponde del mare, e il hromus Gussonii nei seminati, nei 
campi, nelle siepi, ec. 

Alla forma a. ho riportato il hromus rigidus di Roth e il hromus 
madrilensis della flora ticinensis in grazia degli esemplari delle colline 
oltrepadane dei dintorni di Pavia favoritimi dal prof. Moretti, ed ho ri- 
ferito alla forma b. il sinonimo dello Scheuchzero, il quale ha descritto 
la pianta dell' agro fiorentino e romano, eh' è quella stessa del sinoni- 
mo del Micheli che vi ho anche riportato. In quanto al vero hromus 
madrilensis di Linneo vedi le mie osservazioni alla specie precedente. 



BROMUS. 409 

945. Broniiis teetoruin Lhin. 

Br. panicula subsecunda, pendula, spiculis sub9-floris, pubescen- 
tibus, flosculis superioribus sterilibus vel ad paleam inferiorem arista- 
tam redactis, palea inferiore lanceolata, infra apicem bifidum aristata, 
aristis rectis, palea subaequalibus, foliis vaginisque pubescentibus. 

Bromus tectorum Lmn! sp. pi. 114. Ali. fi. ped. S. p. S49. Dee. 
fi. frane. 3. p. 7S. Sihth. et Smith fi. (iraec. prodr. 1. p. 63 et fi. 
(jraee. 1. p. 65. Bìv! cent. 2. p. 15. Savi hot. etnise. 2. p. 58. 
Roem. et Schultes syst. vecj. 2. p. 648. var. a. Noce, et Dalb. fi. tic. 1 . 
p. 56. Presi cjjp. et gram. sic. p. 38. Morie, fi. venet. 1 . p. 58. Pol- 
lin. fi. veron. 1. p. 134. Ten. fi. nap. 3. p. 88. Re fi. torin. 1. p. 77. 
Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 116. Gaud. fi. helv. 1 . p. 343. Lois. fi. gali, 
edit. 2. tom. 1 . p. 00. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 42. Knnth emim. 
pi. 1. p. 419. Bert. fi. ilal. 1. p. 680. Comoll. fi. comens. 1. p. 142. 
Pari. rar. pi. fase. 2. p. 10 et pi. nov. p. 69. Guss. syn. fi. sic. 1. 
p. 77. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 949. Pari. fi. palerm. 1 . 
p. 181 . Gries. spie. fi. rum. et hith. 2. p. 449. var. a. 

Festuca graminea, glumis hirsutis Gup. h. calli, p. 73. 

Figure. — Host gravi, nustr. 1. tab. 15. Sibth. et Smith fi. 
graee. 1 . tab. 82. Reich. ic. cent. 11. f. 1582. 

h. spiculis glabris Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 42. Guss. fi. sic. 
syn. 1 . p. 78. 

Nome italiano. — Forasacco dei tetti. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.^ — Sui ITÌUri, Sui tetti, lungO lo 

strade, nei luogbi sterili e arenosi, nelle colline e nei monti sino alla 
regione dell'abete di tutta la penisola, delle isole di Sardegna, di Cor- 
sica e di Sicilia e di talune piccole isole, come Capri, Alicuri, Saline, 
Panaria, Lipari, Vulcano, Linosa e Lampedusa. Però non è ovunque 
comune; in Sicilia così trovasi solo nella costa meridionale e nelle 
montagne delle Madonie, nel Monte dei Cani e neW Etna. La varietà b. 
è più rara. Fiorisce nelle isole e nei luoghi bassi in Aprile e Maggio, 
nei paesi settentrionali e nei monti in Maggio e Giugno ed anche in 
Luglio. E annua. 

Distribuzione geografica. — In tutta l'Europa, nella Siberia, nel 
Caucaso, nella Persia, nella Mesopotamia, nell'Arabia petrea, nelle 
Isole Canarie, paesi tutti dei quali io la possiedo nell' erbario. 

2G* 



410 i.iMAMiNACKK. 

946. Bronius rubeiis Lìdìi. 

B. panicula conferta, obovala, erecta, spiculis subsexfloris, pubc- 
seentibus, palea inferiore lanceolata, infra apicem bitìdum aristata, ari- 
stis rectis, palea sublongioribus, palea superiore longe ciliata, foliis v:i- 
i^inisque pubescenlibus. 

Broraus rubens Linn! sp. pi. U4. Ali. fi. ped. 2. p. 250. Desf! 
fi. ali. I. p. 94. Dee. fi. frane. 3. p. 73. et 6. p. 278. var. a. Sibili, 
et Smilh fi. graec. prodi'. J. p. 63. et-'fl. (jraec. I. p. 66. Savi boi. 
etnisc. I . p. 76. et cos. bot. p. 42. Presi cyp. et (jram. sic. p. 39. Pol- 
liti, fi. veron. I . p. 135. Ten. fi. nap. 3. p. 90. Guss. fi. .s?c. prodr. 1 . 
p. 119. Morett. dee. 5. p. 4. Lois. fi. gali. edil. 2. tom. /. p. 91. Beri, 
fi. Hai. 1 . p. 682. Pari. var. sic. fase. 2. p. 11. et pi. nov. p. 71 . 
Boiss. VOI), en Espagn. p. 677. Guss. syn. fi. ^ic. 1. p. 70. Pari. fi. 
palerm. 1 . p. 182. 

Festuca rubens Pers. sijn. pi. 1. p. 9i. Uoe.m. et Schuìles sysi. 
veg. 2. p. 730. 

Bromus scoparius Maicr. cent. 13. p. 9. non Linn. 

Gramen bronioides, murorum , lanuginosum , ereclum , locustis 
amplioribus, aristatis, in panicula compacta, prope modum spicala et 
veluti alopecuroides dispositis Mich! in Tilt. cnt. h. pìs. p. 76. ex ejus 
herbar. n. 67. 

Figura. — Sibth. et Sìnilh fi. graec. 1. lab. 83. 

Bromus rubens j3 Dee. fi. frane. 6. p. 278. excl. syn. brom. li- 
gust. AH. Guss. syn fi. sic. 1. p. 70. var. b. 

Nome italiano. — Forasacco granatino Savi l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — NaSCe Sui muri, nelle CoUinC 

sterili, nelle arene marittime ed ancbe nei luoghi aridi montuosi della 
costa occidentale della penisola da Nizza in poi, dell' Italia centrale e 
meridionale, ove però non è comune, di Sicilia , di Sardegna , di Cor- 
sica, di Capri ec. La varietà b. è più rara. Fiorisce in Aprile e Maggio, 
e nei paesi più settentrionali e più lontani dal mare in Maggio e Giu- 
gno. E annua. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa meridionale, del- 
l'Affrica boreale, dell'Isole Canarie, dell'Arabia petrea. 



BROMUS. 411 

949. BroiMus faseiculatiis Presi. 

B. paiiicula conferta, obovalo-cuneiformi , erecta, spiculis sub 
lO-floris, glabris, palea inferiore lineari-lanceolata , infra apicem seta- 
ceo-bifidum aristala, aristis demum intorlo-divaricalis, palea subae- 
qualibus, foliis vaginisque glabriusculis vel pubescentibus. 

Bromus fasciculatus Presi cyp. et (\ram. sic. p. 39. Gnss. pi. rar. 
p. 46. et fi. sic. prodr. 1. p. 119. Bert. fi. ital. 1. p. 683. Pari. pi. 
rar. sic. fase. 2. p. fi2. et pi. nov. p. 72. Giiss. sy'ii. fi. sic. 1. p. 70. 
Pari. fi., pnlerm. l.p. 183. 

Bron)us rubens jS Morett. dee. S. p. 4. 

Bromus fascicularis Te7i. fi. nap. ì. p. 17 et 161 . 

\). spiculis pubescentibus, palea superiore longius ciliata. 

Bromus fasciculatus Guss. sijn. fi. sic. 1 . p. 81. var. b. 

Figura. — Guss. pi. rar. lab. 8. f. S. 

Nome italiano. — Forasacco lesiniforme Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle Colliuc Sterili e in luo- 
ghi erbosi della parte più meridionale della penisola nella Terra di 
Bari, nella Terra di Otranto, nella Calabria orientale, nelle isole di Si- 
cilia e di Sardegna , e nelle piccole isole d' Ischia , di Ustica , di Feli- 
curi, di Panaria, di Marettimo, di Favignana, di Pantellaria e di Lam- 
pedusa. r.,a varietà b. è più rara. 11 Gussone dice di trovarsi nel regno 
di Napoli, in Sicilia presso Palermo e nell' isola di Pantellaria; io l'ho 
solo di questa isola. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie propria dei qui citati luoghi 
della penisola e delle isole italiane. 

Osservazioni. — E una specie benissimo distinta dal bromus ru- 
bens, del quale ha creduto il prof. Morelli essere una varietà , per le 
spighette dotate di un numero maggiore di fiori , per i fioretti lineari- 
lanceolati , strettissimi e terminati nella paglietta inferiore in due laci- 
nie prolungate alquanto in forma di sete, per 1' aresta non diritta ma 
un poco contorta, divaricata e quasi ricurva. 

Spiculae brevius aristatae, palea superior carinis pubescenti- 
ciliolata, species perennes Bromi festucacei. 

94S. BroBHus asper Limi. 

B. panicula ramosa, flaccide nutante, subsecunda, ramis inferio- 
ribus subgcminis, spiculis 7-9 floris, glabris vel marginem versus sub- 



41-2 GRAMINACEE. 

villosis, palea inferiore obsolete 5-nervi, ex apice brevissime bidenlalo 
aristata, aristis palea brevioribus, foliis villosis, vaginis inferioribus 
deorsum birsutis. 

Bromus asper Limi, fil! suppl. p. Ili. Dee. fi. fr. 3. p. 71. Balh 
fi. iaur. p. 20. Savi boi. elrusc. 1 . p. 7i. Tioem. et Schultes sijsl 
veg. 2. p. 643. Noce, et Balh. fi. ticin. 1 . p. Ò6. Presi eijp. et grani 
sic. p. 38. Pollili, fi. veron. 1. p. lo3. Ten. fi. nap. 3. p. 80. Refi 
torin. 1. p. 77. Guss. pi. rar. p. 40 etprodr. fi. sic. 1. p. J17. Seb 
et Maur. fi. rom. prodr. p. 56. Gaud. fi. helv. I . p. 31 J. Lois. fi 
gali. edit. 2. toni. I. p. 01 . Reìeìi. fi. gerni. excurs. I . p. 42. Kunth 
enum. pi. 1 . p. 414. Bert. fi. ital. /. /). 669. ComoU. fi. comens. 1 . 
p. HO. Pari. rar. pi. sic. fase. 2. p. 13. et pi. nov. p. 73. Guss. syn. 
fi. sic. p. 77. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 048. Pari. fi. pa- 
lerm. I . p. 184. Gries. spie. fi. rum. et bilh. 2. p. 447. 

Bromus ramosus Li«n. syst. veg. edit. 13. p. 102. non Mant. 1. 
p. 34. Ali. fi. ped. 2. p. 251. et auct. p. 414. 

Bromus nemoralis Huds. angl. p. 51 . 

Bromus montanus PoUich palai, p. 1 16. 

Bromus hirsutus Gurt. fi. land. fase. 2. tab. 8. 

Bromus nemorosus Vili. pi. du dauph. 2. p.-177. 

Bromus hirsulissimus Cyr. in Roeni. et Schultes syst. veg. 2. 
p. 643. et in Ten. fi. nap. 3. p. 87. 

Festuca aspera Meri, et Koch deutsch. fi. 1. p. 672. 

Figure. — Host grani, auslr. 1. tab. 7. Reich. ic. cent. fìg. 1603. 

Nome italiano. — Veiitoldna ruvida Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle siepi, nei luogbi salva- 
tici ed anche talvolta nelle colline e nei monti della penisola e di Sici- 
lia ove si trova nella parte settentrionale. Non l'ho di Corsica né di Sar- 
degna. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E comune in Europa; si trova pure 
nel Caucaso ed in Siberia. 

Osservazioni. — Questa pianta è molto variabile per la sua statura, 
per la peluria delle guaine e delle foglie, che sono ora più ora meno 
pelose ed irsute e talvolta anche irsutissime, per la pannocchia più o 
meno grande , per le spighette ora di color verde scuro ora miste di 
porporino, ora pallide, ec. 



BKOMLIS. 41,- 



«4». Bromiis erectiis Huds. 

B. panicula acquali, erecta, ramis inferioribus i2-6 semiverticil- 
latis, spiculis 6-10 floris, glabris ve! pubescentibus, palea inferiore 
5-7 nervi, ex apice brevissime bidentato aristata, arislis palea brevio- 
ribus, foliis radicalibus angustissimis, margine ciliatis, vaginis glabris 
vel raro pilosis. 

Bromus ereotus Huds. cingi, p. 49. Beri. pi. genuens. p. 10. Savi 
due cent. p. 24. Dee. fi. frane. 3. p. 69. Roem. et Schiiltes syst. veg. S. 
p.637. Noce, et Balbi fi. tic. I. p. Ò7. Beri, amoen. Hai. p. 118 ci 332. 
Pollin. fi. veron. l.p. 132. Ten. fi. nap. 3. p. 87. Refi, torin. I.p. 78. 
Seb. elMaur. fi. rom. prodr. p. 56. Gaud. fi. helv. 1. p. 310. Lois. fi. 
gali. edit. 2 tom. I.p. 91. Reich.fl. germ. excurs. 1. p. 44. Kunlh enum. 
pi. 1. p. 418. Berli fi. Hai. 1. p. 671. Comoll. fi. com. 1. p. 139. \is. 
fi. dalin. 1. p. 73. Koeh syn. fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 948. Gries. 
spie. fi. rum. et bith. 2. p. 448. 

Bromus pseudo-arvensis Pollich palai. 1. p. 113. 

Bromus agrestis Ali. fi. ped. 2. p. 249. 

Bromus perennis Vili. Usi. des pi. du dauph. 2. p. 122. 

Festuca montana Savi! fi. pis. 1. p. 118. 

Bromus glaucus Lapeyr. hist. abrég. des plant. des Pyrén. p. 633. 

Gramen loliaceum, locustis longis, aristatis Mont. cut. stirp. agr. 
bonon. prodr. p. 35. Seg. pi. veron. 1. p. 335. 

Gramen loliaceum locustis hirsutis Mont. l. e. Seg. l. e. 

Figure. — Host gram. austr. 1. lab. 10. Reich. ic. cent. 11. 
/•. 1604. 

Gramen sparteum , longa et spicata panicula Lolii ulricul. Festucae 
potius majus Barr. ic. 13. f. 1 

b. longiftorus, panicula ampia, spiculis 10-12 floris, pubescentibus 
vel glabris. 

Bromus longiflorus Spreng. pug. 2. p. 23. Willd. enum. h. berol. 
suppl. p. 6. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 645. 

Nome italiano. — Forasacco di corte barbe Bert. fi. Hai. 1 . p. 672. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati, nelle Colline ste- 
rili, nei luogbi montuosi della penisola, ove è comune al nord e si fa 
più rara nel centro e nel mezzogiorno, ove si trova a preferenza nei 
luogbi montuosi. Non ò stata trovala in alcuna delle isole, tranne in 
quella di Capri, donde la possiedo. Ho avuto la varietà b. con le sj)i- 



ili GRAMlNACEIv 

i^helle glabre dei prati del Col di Grado presso Angurano dal Montini e 
con le spighette pubescenti delle falde del Monte Mario vicino Roma 
dal prof. Donarelli. Fiorisce in Mat;gi(^ e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Comune in Europa e nel Caucaso. 

Osservazioni. — Alla varietà b. con le spighette pubescenti spella 
senza dubbio alcuno il bromus longifìorus di Sprengel, del quale ho po- 
tuto studiare un esemplare autentico nell'erbario di De Candolle, pianta 
poco nota, e di cui s' ignora anche la patria. 

ìS50. Bromus inermis Leyss. 

B. panicula acquali, erecta, rarnis 5-6 semiverticillatis, spicu- 
lis 6-10 floris, glabris, palea inferiore 5-7 nervi, apice bidentata, ex 
cmarginatura mucronata vel brevissime aristata , foliis vaginisque 
glabris. 

Bromus inermis Leyss. fi. halens. edit. 1 . p. IO. Limi. mani. alt. 
p. 186. Willd. sp. pi. 1. pars. I. p. 431. Ali. fi. ped. 2. p. 250. 
excl. syn. Barr. Pollin. fi. veron. /. p. 135. Gaud. fi. helv. 1. p.308. 
Lois. fi. gali. edit. 2. p. 91. Kunth enum. pi. 1. p. 412. Beri. fi. 
ilat. 1 . p. 070. Koch syn. fi. germ. et helv. edil. 2. p. 249. Gries. 
spie fi. rum. et hith. 2. p. 448. 

Festuca Leysseri Moench. n. 82. 

Festuca speciosa Sdir eh. spie. p. 59. 

Festuca poaeoides Tìmill. fi. paris. edit. 2. toni. 1. p. 51 . 

Festuca inermis Dee. fi. frane. 3. p. 49. 

Festuca poaeformjs Pers. syn. pi. 1 . p. 9i. 

Schoenodorus inermis Roem. et Schtdtes syst. vey. 2. p. 701 . 

Figura. — Host gram. austr. 1. lab. 9. 

Nome italiano. — Forasacco spuntato Bert. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — L' AUioni SCrive di avere 

avuta questa specie dal Bellardi che l'avea raccolta presso Sospello, e 
delle vicinanze di Ormea nel Genovesato. Il Bertoloni dice di es- 
sergli stata mandata del Piemonte dal Balbis, e che fiorisce nel Lu- 
glio. Io però non l' ho ne raccolta né avuta da alcun botanico di paesi 
che forman parte di questa flora, ed ho riportata la frase specifica die- 
tro esemplari di Germania e di Svizzera. E una pianta perenne. 

Distribuzione geografica. — Nell'Europa media, nel Caucaso ed 
in Siberia secondo il Kunth. 



AVKLLINIA. 415 

liXXX. AVEIiMNIA Pari. 

Pari. pi. nov. p. ^9. De Not. prosp. della fi. ligusl. p. 49. 

Bromi species Savi hot. etrusc. I. p. 7<^. fìoem. et Sclmltes syst. vecj. ?. 

p. 630. 
Koeleriae species Dee. fi. frane. 6. p. 270. Ten. //. nap. 5. p. SI8. 
Avenae species Guss. pi. rar. p. 55. et fi. sk\ prodr. /. p. 125. et aipi. 

fi. sic. I . p. 151 . 
Vulpiae species Re\ch. fi., germ. excnrs. in add. et emend. p. 140.^ 

Boiss. voy. en Espagn. p. 669. 
Festucae species Kunth emim. pi. 1 . p. 397. Bert. fi, ital. 1. p. 629. 
Triseti species Trìn. in art. petropol. 1R:ìO. 1. p. 66. Ten. fi. nap. 4. 

p. n. 

Spiculae sub-i florae, flosculis remotiusculis, superiore ad pedi- 
cellum redacto. Glumae 2, membranaceae , carinatae, muticae, valdo 
inaequales, inferior minor, angustissima, lanceolato-subulata, supe- 
rior major ovato-oblonga, acuto-mucronata, trinervis, flosculis subae- 
qualis. Paleae 2, inaequales, inferior membranacea, duplo major, lan- 
ceolato- linearis, apice acute bifido-biseta, inter lacinias aristata, arisli 
brevi, haud geniculata; inferior hyalina, apice acute bifida, bicarinata, 
carinis sub lente ciliolato-scabris. Perigonii squamulae 2, ovatae, 
obtusae, hyalinae, glabrae, ovario dimidio breviores. Stamina 3, anthe- 
ris ovatis, brevibus. Ovarium ellipticum , acutum, glabrum. Stigmala 
subsessilia, piumosa. Caryopsis angustissima, linearis, acuta , glabra , 
palea inferiore tecta. 

Abito. — Pianta annua, dotata di culmi in cespuglio, delicati, di- 
ritti ascendenti, alti da pochi pollici sino ad un piede, e alquanto pube- 
scenti in alto, ove sono nudi per qualche tratto; le guaine sono pube- 
scenti ancor esse come le foglie, le quali sono strette e lineari. La 
pannocchia che è allungata e ristretta verso 1' apice è d' ordinario lar- 
ghetta, e si restringe dopo la fioritura, i suoi rami sono capillari, nati 
inferiormente in semiverticilli, cilindrici e un pochino ingrossati verso 
l'apice, non schiacciati come nelle specie del genere vulpia. Le spi- 
ghette di color verde pallido o tendente al porporino sono ovate , un 
poco slargate in alto, e offrono le due glume molto disuguali, la mag- 
giore che è la superiore uguaglia in lunghezza i fioretti : questi sono 
ordinariamonle al numero di quattro, con il superiore ridotto al .solo 



4U) (IRAMINACER. 

pedicello, la loi'o pngTietla inferiore è slrelta, quasi lineare, terminata 
all'apice in due lacinie quasi in l'orma di sete, in mezzo alle quali si 
trova una aresla corta, non inginocchiata né contorta inferiormente, 
come è nel genere trisetum, con il quale ha VAvellinia una qualche 
somiglianza; la paglietta superiore è la metà più corta della inferiore, e 
divisa anche essa all'apice profondamente in due lacinie, le antere 
sono corte ed ovate. 

Osservazioni. — Ho già notato nelle mie planine novae le differenze 
di questo genere dagli atììni tra i molti ai quali esso è stalo ingiusta- 
mente riferito. 

951. Avellinia IVIicltelii Pari. 

Avellinia Michelii Pad. 1. e. 

Bromus Michelii Savi! hot. elrusc. 1. p. 78 et cose hot. p. 40. 
Roem. etSchuìt. syst. veg. 2. p. 650. Morie, fi. venet. 1 . p. o9. PolUn. 
fi. veron. 1 . p. 135. Nacc fi. venet. 1 . p. 80. 

Koeleria macilenta Deci fi. frane. 6. p. 270. Ten. fi. nap. 5. 
p. 318. 

Avena puberula Giiss! pi. rar. p. 55 et fi. sic. prodr. 1. p. 125. 

Avena macilenta Giiss !. fi. sic. prodr. sappi. 1 . p. 29. 

Vulpia Michelii /ìejc/i. fi. germ. excurs. in add. et emend. p. ÌW.^ 
Boiss. voy. en Espagn. p. 669. 

Trisetum puberuhim Ten. fi. nap. i. p. 17. 

Festuca Michelii Kunlh ennm. pi. 1. p. 397. Beri. fi. ilal. I . 
p. 629. 

Avena Michelii Guss! syn. fi. sic. 1. p. 151 . 

Gramen bromoides, annuum, minus, capillaceo folio, glabrum , 
panicula contractiore , locustis minimis aristatis, e glumis tenuissimis 
conflatis Mieli, in Till. cai. h. pis. p. 76 et herh. n. 130. Zannich. istor. 
delle piani, p. 128. 

Figure. — -Savi COS. hot. lab. 3. f. 1 et 9. a. h. Guss. pi. rar. tah. 
10. f. 2. ove però la gluma maggiore è dipinta più corta dei fioretti , e 
r aresta sembra essere un poco contorta in basso. 

Nome italiano. — Forasacco Micheliano Sai'i hot. etrusc. 1. p. 78. 
Palèo forcuto Beri. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle colline sterili C negli 

alvei dei torrenti della costa occidentale e della parte centrale e meri- 
dionale della penisola nella regione dell'olivo, cojne pure in Sicilia, 



AVELLINIA. 417 

in Corsica, e nelle piccole isole di Capri, di Alicuri, Felicuii, Saline, 
Marettimo e Pantellaria. Si trova più particolarmente nella Riviera di 
Ponente a Mentono dove 1' ha raccolto e a me comunicato il sig. Ardoi- 
no , presso il porto di Livorno e nelle colline fiorentine vicino Fiesole 
a Majano , ove già lo raccolse il primo il Micheli , presso Ostia e Terra- 
cina, dove fu trovata dal Mauri, nell'isola veneta di Por di Lio, se- 
condo il Micheli, ove però non è stata ritrovata per quanto io sappia da 
alcuno dei hotanici moderni , nelle arene marittime del Porto d'Ascoli e 
nelle fessure delle rupi del Monte Vettore nelle Marche , donde me l' ha 
comunicato l'Orsini, nella Basilicata, nella Calabria a Reggio, nelle vici- 
nanze di Napoli a Monte Nuovo , a Pozzuoli , a Licola , al Fusaro , dei 
quali luoghi ho avuto gli esemplari dagli amici Tenore, Gussone e 
Gasparrini. In Sicilia si trova a preferenza nella costa meridionale a 
Dorillo , Comiso , Terranuova , Spaccaforno ed anche presso Vicari e 
presso Termini al fiume Grande nella parte settentrionale. Ho avuto 
comunicati gli esemplari di Corsica dei dintorni di Ajaccio e di Boni- 
facio dall' amico Requien. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Nascc ancora nel mezzogiorno della 
Francia presso Montpellier e della Spagna vicino Malaga, come pure 
nell'Algeria donde mi è stata di varii luoghi comunicata da! Durieu. 

liXXXI. TVIiPIA Gmel. 

Gmelin fi. bad. 1 . p. 8. Lnik h. reg. berci, descript. 1 . p. 14G. Reicli. 

fi. germ. excurs. 1 . p. 37. Pari. fi. paìerm. 1. p. 185. 
Festucae species Linn. gen. p. 36. Roem. et Sckulles sgst. veg. 2. 

p. 726. Knnth enum. pi. 1 . p. 396. Eudl. gen. pi. p. 101 . Savi 

fi. pis. 1 . p. 113. et COS. bot. p. 52. 
Bromi species Ali. fi. ped. 2. p. 249. Savi bot. etrusc. 2. p. 61. Roem. 

et Schultes syst. veg. 2. p. 649. 
Mygalurus Litik enum. h. reg. berci. 1 . p. 92. 

Spiculae superne latiores, mullifiorae, flosculis compresso-carinatis, 
acuminatis, remotiusculis. Glumae2, valde inaequales, membranaceae, 
superior major, acuminata vel acuminato-aristata , cannata, inferior 
minor et quandoque subnulla. Paleae 2, inaequales vel subaequales, in- 
ferior major membranacea, compresso-carinata, apice integro vel bifido 
aristata, aristis rectis; superior acuminata, apice acute bifida vel biden- 

Fr.oRA Itamana. Vot.. I. 27 



418 GIUMINACEE. 

tata, bicarinata, cnrinis ciliolatis vel ciliatis. Perigonii squamulae 2 , 
ovatae, bifidae, lobis acutis vel acuminatis, glabrae. Stamina 1-3. Ova- 
rium subfusiforrae , glabrum. Stigmata 2, sessilia, piumosa. Garyopsis 
oblonga , compressa , externe convexiuscula , interne concava , paleae 
superiori vel paleis adhaerens. 

Abito. — Piante annue o perenni , con culmi poco alti e spesso 
delicati, diritti o ascendenti, formanti d'ordinario dei piccoli cespugli, 
dotati di foglie strettamente lineari o quasi setacee, che si avvolgono 
sopra se stesse, con pannocchie strette, per lo più allungate, in forma 
di spiga, che in alcune specie è alquanto pendente ; le spighette sono so- 
stenute da pedicelli ingrossati in alto e compressi, esse sono pili o meno 
compresse, di color verde pallido, con le glume molto ineguali, di cui la 
maggiore è qualche volta terminata in una aresta ; i fioretti sono un poco 
distanti l'uno dall'altro, assottigliati, e terminati ancor essi all'apice in 
una aresta diritta che per lo più supera la lunghezza della paglietta infe- 
riore: questa paglietta poi offre talvolta delle ciglia verso il margine 
che la rendono ivi quasi barbata. 

95S. Tulpia niyuros Gmel. 

V. panicula contracta, subspicata, elongata, secunda, apice nu- 
tante, spiculis compressis, subsexfloris , gluma majore flosculis subdi- 
midio breviore, carina apicem versus scabra, alteram subduplo supe- 
rante, palea inferiore anguste lineari, glabra, scabra, aristis palea 
inferiore subduplo longioribus, palea superiore longitudine acquali, ca- 
rinis ciliolata, foliis setaceis, convolutis. 

Vulpia myuros Gmel. fi. hadens. 1 . p. 8. Link. h. reg. berol. de- 
script. 1 . p. liG et S. p. 271 . Pari. pi. nov. p. 46. Boiss. voìjarj. en 
Espagn. p. 668. var. a. Pari. fi. palerm. 1 . p. 185. 

Festuca myuros Linnl sp. pi. 109. ex ejus herbario. Ali. fi. ped. 
2. p. 252. Desf. fi. ali. 1. p. 86. Dee. fi. frane. 3. p. 54. Balb. fi. 
taiir. p. 19. Savi hot. etnise. 1 . p. 12. ex parte. Dee fi. frane. 6. 
p. 268. excl. syn. Viv. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 726. excl. 
syn. Viv. Noce, et Balb. fi. tic. 1. p. 50. Morie, fi. venet. 1. p. 55. Pol- 
lin. fi. veron. 1. p. 122. Refi, torin. 1. p. 73. Nacc. fi. venet. 1. p. 73. 
Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 104. Seb. et. Maiir. fi. rom. prodr. p. 46. 
var. a. Gaud. fi. helv. 1 . p. 273. Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 87. 
Ten. fi. nap. 4. p. 15. Savi cos. boi. p. 52. lab. 3. f. 8. Kunlh enum. 
pi. 1. p. 396. Beri. fi. Hai. 1. p. 636. Comoll. fi. com. 1. p. 12L Yis. 



VULPIA. 410 

fi. daini. /. p. 75. Guss. sijn. //. sic. 1. p. 85. Koch sijn. fi. gemi, et 
helv. edit. 2. p. 937. 

Festuca bromoides Savi fi. pis. 1 . p. 114. 

Festuca pseudo-myuros Soyer-Willemet obs. sur quelq. plani, de 
Frane, p. 132. 

Mygalurus caudatus Link enum. h. r. herol. 1 . p. 115. 

Vulpia pseudo-myuros Reìch. fi. gemi, excurs. 1 . p. 37. 

Gramen loliaceum, locustis expansis, paniculis longissimis, nu- 
lantibus il/owL cai. stirp. agr. bon. prodr. p.35. Seg. pi. veron. 1. p.335. 

Figure. — Host grani, austr. 2. lab. 93. Reich. ic. cent. Il.fìg. 1525. 

Gramen festucaceum, myurum, min. spica heteromalla Barr. ic. 
99. f. 1. 

h. bromoides, spica abbreviata, culmo superne nudo Par/, pi. nov. 
p. 46. et fi. palerrn. 1 . p. 186. 

Festuca bromoides Linn. sp. pi. 110. Dee. fi. frane. 3. p. 55 
var. a et /3. Savi boi. etrusc. 1. p. 71. Noce, et Balb. fi. tic. I.p. 50 
Presi cyp. et gram. sic. p. 36. Pollin. fi. veron. 1. p. 123. Ten! fi 
nap. 3. p. 77. var. A et B. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 105. Seb. et Maiir 
fi. rom. prodr. p. 46. Gaudi fi. helv. 1. p. 274. var. a et j3. Lois. fi 
gali. edit. 2. voi. 1. p. 86. Savi cos. bot. p. 51. Kunth enum. pi. 1 
p. 397. Comoll. fi. comens. 1. p. 124. Kochsyn. fi. germ. et helv. edit 
2. p- 937. 

Bromus dertonensis Ali. fi. ped. 2. p. 249. 

Bromus ambiguus Cgr. pi. rar. neap. fase. 1. p. 10. tab. 2. 

Festuca sciuroides Roth cai. bot. 2. p. 11. 

Vulpia bromoides Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 37. Link h. reg. 
berol. descript. 1 . p. 141 . 

Vulpia sciuroides Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 37. 

Gramen loliaceum, expansis locustis, unam partem spectantibus 
Moni. cat. stirp. agr. bon. prodr. p. 35. ex ejus herb. sec. Bert. 

Figure. — /?eic7i. ic. Cent. 11. f. 1529. Savi cos. bot. tab. 3. f. 7. 
a. b. 

Nome italiano. — Palèo sottile. Palèo forasacco. Savi fi. pis. 1. 
p. 113 e 114. Gramigna dei greppi. Targ. Tozz. diz. bot. 2. p. 101. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — E COmunC nei luOghi sterili, 

nelle colline , sui muri di tutta la penisola e delle grandi e piccole isole 
sino a quella di Pantellaria. La varietà b. è piij rara, e si trova sì nei 
luoghi bassi che montuosi della penisola e delle isole. Fiorisce in Marzo 
ed Aprile nei luoghi più meridionali , nelle isole e nei paesi piiì vicini 



420 GRAMINACEE. 

al mare, e in Aprile e Maggio in quelli più settentrionali e più lontani 
dal mare stesso. È annua. 

Distribuzione geografica. — • Neil' Europa media e meridionale, 
nell'Algeria, nell'Asia minore, nel Capo di Buona Speranza, nel Mes- 
sico, paesi tutti donde la possiedo nell'erbario. 

Osservazioni. — L'esemplare della /es^Mca myuros dell'erbario di 
Linneo spetta alla nostra specie anziché alla ciìiata : ed io credo dover 
ritenere per la nostra pianta il nome di Linneo, quantunque egli vi 
avesse riportato il sinonimo di Scheuchzer che spetta alla ci/ia/a, e 
quantunque parlando della festuca bromoides egli avesse scritto : differì 
a festuca mynro glumis non ciliatìs, perchè credo ch'egli avesse insieme 
confuso la vulpia myuros e la ciliata, e distinto solo quella forma della 
myuros ch'egli chiamò festuca bromoides, almeno se dobbiamo far conto 
del suo erbario ; l'esemplare della festuca bromoides dello stesso suo erba- 
. rio ha la pannocchia più corta che nella myuros, il culmo nudo verso alto 
ed offre la gluma minore molto piccola e piùpiccola ancora di quella della 
vulpia myuros, ma questa gluma è variabile nella sua lunghezza , sic- 
come bene avverte il Koch. Nella nostra varietà b. si comprendono due 
forme speciali della viilpia myuros, l' una con la pannocchia diritta, più 
corta, lunga circa due pollici, con i rami inferiori che giungono fino 
alla metta della pannocchia, con il culmo nudo verso alto, eh' è quella 
forma alla quale si è dato il nome di vulpia sciuroides, e l'altra che ha 
ancor essa il culmo nudo in alto e la pannocchia corta , ma questa è più 
gracile, come son gracili ancora i culmi per altro poco alti. Perquesta non 
mi pare che possa cadere alcun dubbio che sia una varietà della myuros, 
e per la sd«roif/es io trovo che quantunque abbia un portamento diverso 
dalla myuros essa vi si .congiunge per alcuni individui intermedia Così 
ho avuto agio di osservare nell'agro pisano il passaggio graduato della 
sciuroides alla myuros, vedendo poco a poco allungarsi la pannocchia, 
e farsi quasi pendente , e il culmo trovarsi ora nudo ora a poco a poco 
coperto sino in alto. Ho veduto ivi variare la forma sciuroides con le 
spighette aventi da G sino a dO fioretti. 

953. Vulpia panoriiiitana Pari. 

V. panicula contracta, subspicata, elongata, secunda, apice nu- 
lante, spiculis teretiusculis, subtrifloris, gluma majore flosculis subae- 
quali, carina setis paucis longiusculis remote ciliata, allcram plusquam 
duplo superante, palea inferiore lanceolata, pubescente, arislis palea 



VULPIA. 421 

iiil'erioro sublriplo longioribus, palea superiore longiludinc acquali, 
carinis longe ciliala, ciliis arcuatis, Ibliis setaceis , convolutis. 

Vulpia panormitana Pari. fi. palerm. I . p. 188. 

Festuca panormitana Pari, in Giiss. syn. fi. sic. S. p. 886. in adii, 
et emeiid. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei Campi C fra i seminati vi- 
cino Palermo sotto Baida nel podere del Principe di Petrulla. Fiorisce 
in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Specie palermitana. 

Osservazioni. — Emolto vicina per il portamento Mavulpia myuros, 
dalla quale però è ben distinta. I rami della pannocchia sono tutti sem- 
plici e non gì' inferiori divisi , come si osserva quasi sempre nella vul- 
pia mìjnros, le spighette sono quasi sessili, in modo che sembran quasi 
disposte in spiga nei rami ; queste spighette poi sono meno compresse, 
ordinariamente con tre fioretti, con i fioretti più grandi e piìi ravvicinati 
tra loro, la gluma maggiore è lunga quasi quanto i fioretti , ed otfre nella 
carena delle ciglia come setose e molto distariti tra loro, la paglietta in- 
feriore è pelosa in tutta la sua superficie esterna , con cinque nervi 
manifesti e di forma lanceolata, la paglietta superiore è dotata di lun- 
ghe ciglia nelle carene, e queste ciglia sono arcuate verso alto. 

1954. Vulpia aetnensis Tin. 

V. panicula subspicata, simplici, contracta, spiculis teretiusculis, 
5-4- (loris , gluma majore floscuhs dimidio breviore , inferiore minima , 
palea inferiore lineari-lanceolata, scabriuscula, margine laxe cibata, ari- 
stis palea ipsa suhtriplo longioribus, palea superiore longitudine subae- 
quali, carinis ciliolata, foliis setaceis, convolutis. 

Vulpia aetnensis Tin. pi. rar. sic. fase. 2. p. 2S. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In luoghi SCOperti montUOsi 

deWEtna alli Cassini in Sicilia , ove è stata trovata dal prof. Tineo, da 
cui l'ho avuta comunicata. Fiorisce in Aprile e Maggio. E annua. 

Distribuzione geografica.^ — Specie stata trovata finora nell'Etna. 

Osservazione. — E affine alla vulpa ciliata, dalla quale però si di- 
stingue bene per le spighette con 5 o 4 fioretti, perla paglietta inferiore 
più corta , con poche ciglia nel margine e dotata di un' aresta che su- 
pera di circa tre volte la lunghezza della paglietta medesima, mentre 



i±l GIUMINACEE. 

ue\h vulpia ciliala questa aresta e uguale alla pagliella inferiore, la 
(|uale è allungata e più ricca di ciglia nel margine. 

955. Vulpia ciliata Link. 

V. panicula contrada, subspicata , secunda, apice subnutante, 
spiculis leretiusculis, subsextloris , gluma majore flosculis multo bre- 
viore, carina apicem versus scabriuscula, inferiore minima, palea infe- 
riore margine et basi longe villoso-ciliata, aristis paleam inferiorem lon- 
gitudine subaequantibus, palea superiore multo minore, carinis ciliolato- 
scabris, foliis setaceis, convolutis. 

Vulpia ciliata Link h. reg. herol. descripl. 1. p. U7 et 2. p. 272. 
Pad. pi. non. p. 48. Boiss. voij. en Espagn. p. 669. Pad. fi. palerm. 
L p. 191. 

Festuca ciliata Danlh. in Deci fi. frane. 3. p. 55. Roem. etSchul- 
tes sijst. veg. 2. p. 728. Noce, et Balb. fi. tic. 1. p. 51 . Presi cyp. et 
grani, sic. p. 36. Polliti, fi. veron. 1. p. 123. Ten. fi. nap. 3. p. 18. 
Guss. pi. rar. p. 37. et fi. sic. prodr. 1. p. 104. Lois. fi. gali. edit. 2. 
voi. 1 . p. 88. Ten. fi. nap. 4. p. 16. Savi cose hot. p. 52. tah. 3. f. 2. 
a. b. Kunth enim. pi. 1. p. 396. Bert. fi. ital. 1. p. 639. Comoll. fi. 
comens. 1. p. 125. Vis. fi. daini. 1 . p. 75. var. a. Guss. syn. fi. sic. 1. 
p. 84. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 936. 

Festuca myuros Savi fi. pis. 1. p. 114. Ten. fi. nap. 3. p. 77. ex 
descript. Soyer-Wiliem. observ. sur queiq. plani, de Frane, p. 13. 

Festuca myuros fi Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 46. 

Festuca alopecuroides Ten. fi. nap. 4. p. 16. var. A. et B. 

Figure. — Host gram. auslr. 4. lab. 65. Reich. k. cent. 11. f. 1524. 

Gramen aristatum, cristatum, lanuginosum Cup. panipli. sic. 2. 
lab. 234. Bonann. tah. 57. 

Nome italiano. — Palèo barbuto Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Sui muri, nelle Colline ari- 
de, nei luoghi arenosi , specialmente marittimi della penisola, ove è 
meno comune nella parte settentrionale, e si trova più abbondante- 
mente nella parte centrale e meridionale e nella costa occidentale. Cre- 
sce comunemente ancora nelle grandi isole di Corsica , di Sardegna e 
di Sicilia e si trova in quasi tutte le piccole isole da quella di Capraja 
sino alle isole di Pantellaria e di Malta. Fiorisce in Marzo ed Aprile nelle 
isole e nei luoghi vicini al mare , e in Aprile e Maggio nei paesi più 
settentrionali e più distanti dal mare. È annua. 



VrLPIA. 425 

Osservazione. — Vedi per questa specie le osservazioni alla vulpia 
myuros. 

S56. Vulpia alopecuros Link. 

V. panicula subspicala, subsimplici, erecta, spicuìis compressis, 
7-8 floris, gluma majore flosculis subaequali, carina scabra, altera mi- 
nima, palea inferiore lanceolata, margine a basi fere ad apicem dense 
barbata, aristis palea inferiore subbrevioribus, palea superiore dimidio 
minore, carinis dense pubescenti-ciliolata , foliis anguste linearibus, 
convolutis. 

Vulpia alopecuros Link h. reg. berol. descript. 1 . p. 147 et ^. 
p. 272. Boiss. voy. en Espagn. p. 669. 

Festuca alopecuros Schousb! marocc. 1 . p. 281 . Pers. syn. pi. J. 
p. 93. Roem. et SchuUes sgst. veg. 2. p. 727. Kunth enum. pL 1 . p. 397. 
Beri. fi. Hai. I. p. 64J. 

Festuca ciliata Bi'ot. fi. lusit. p. 115. Link in Schrad. journ. 2. 
p. 315. 

Bromus barbatus Savi! hot. etriise. 2. p. 61. Seb. rom. pi. fase, 
alt. p. 5. Seb. et Maur. fi. rom. prodr. p. 58. 

Festuca Savii Ten. fi. nap. 4. p. 15. 

Festuca alopecuroides Savi ! cose bot. p. 53. 

Gramen bromoides, spicatum , maritimum, annuum, glabrum , 
spica heteromalla , locustis amplioribus, aristatis, glumarum ore cibi ad 
instar villis canescentibus ornato Mieli, in Tìll. cat. h. pis. p. 76. 

Figure. — Seb. et Maur. fi. rom. prodr. lab. 1. Savi cos. bot. 
tab. 3. f. 4. a. b. 

Nome italiano. — Forasacco barbato Savi bot. etrusc. 2. p. 61. 
Palèo cigliuto Beri. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — In luoghi arenosi marittimi 

lungo la costa occidentale della penisola a Ansedonia, a Fiumicino, a 
Ostia e presso Napoli. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Pianta propria del bacino mediterra- 
neo. Si trova in Portogallo, nel mezzogiorno della Spagna e nei luoghi 
qui indicati dell' Italia occidentale. 

Osservazioni. — La pianta italiana è certamente la stessa della spe- 
cie di Schousboe, di cui ho veduto l'esemplare autentico nell'erbario 
di De Candolle; ho anche nell'erbario degli esemplari di Tangeri, ove 
la raccolse il Schousboe medesimo. 



iii GftAMlNAGEE. 

959. Tulpìa itnij^ltiniis lìeìch. 

V. panicula spiciformi , contrada , secunda , erecta , spiculis 4-0 
floris, compressis, gluma majore flosculis subaequali, breviler arislala, 
inferiore vix conspicua, palea inferiore lanceolata, glabra, arislis palea 
inferiore longioribus, palea superiore breviore, apice acuminala et pro- 
funde bifida, foliis anguste linearibus, demum convolutis. 

Vulpia uniglumis Reich. fi. gemi, excurs. 1 . p. 37. Pari. fi. pa- 
ìerm. 1 . p. 191. 

Festuca uniglumis Soland. in Alt. h. hew. edit. 1. voi. 1 . p. 10(S. 
Dee. fi., frane. 3. p. 55. Balb. mise. hot. 2. p. 8. Dìv. cent. 2. p. 35. 
Savi hot. etruse. 1 . p. 73. Dee. fi. frane. 6. p. 268. Roem. et Schullcs 
syst. veg. 2. p. 728. Beri, amoen. Hai. p. 238. Presi cyp. et grani, sic. 
p. 36. Morie, fi. venet. 1 . p. 55. Pollin. fi. veron. 1. p. 125. Ten. fi. 
nap. 3. p. 78. Nacc. fi. venet. 1 . p. 73. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 105. 
Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1 . p. 88. Savi cos. hot. p. 53. lab. 3. f. 6. 
a. b. Beri. fi. ìtal. 1 . p. 631. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 82. Koch syn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. p. 936. 

Mygalurus uniglumis Link enuni. h. berol. 1 . p. 1i7. 

Vulpia membranacea Link h. reg. herol. descvipt. p. 147. Boiss. 
voy. en Espagn. p. 669. 

Gramen bromoides , spicatum, rnaritimum, glabrum, annuum et 
strigosum, spica beteromalla, locuslis minoribus, longissime aristatis 
Mich. in Till. cai. h. pis. p. 76. Zannich istor. delle piani, p. 128. 

Figure. — Host gram. auslr. 4. t. 64. Reich. ic. cent. 11. 
fig. 1526-27. 

Nome italiano. — Palèo marino Savi hot. etruse. 1. p. 73. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi arenosi marillimi 

e nei campi, a non molta distanza dal mare, della penisola ove è più co- 
mune sulle sponde del Mediterraneo che in quelle dell'Adriatico. Ab- 
bonda nelle arene marittime di Corsica, di Sardegna e di Sicilia, ove 
si trova anche talvolta nelle colline sterili a qualche distanza dal mare 
come a Caltanissetta , a Butera, a Pietraperzia. Nasce infine in alcune 
delle piccole isole aggiacenti alla Sicilia come in quelle di Levanzo e 
di Favignana. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Si trova nella parte occidentale del- 
l' Inghilterra, in Irlanda, nell'isola di Jersey, in Portogallo, in Spagna, 
nel mezzogiorno della Francia, in Italia e nelle isole italiane, e nel- 
l'Algeria. 



VULPIA. 425 

Osservazioni. — Ho già notato nella mia flora palermitana che i 
botanici hanno a Iorio riferito a questa specie la stipa membranacea di 
Linneo, la quale è distinta dalla imlpia uniglumis per avere la pannoc- 
chia più larga , per la gluma superiore dotata di una aresta che uguaglia 
in lunghezza 1' aresta della paglietta inferiore, siccome bene avverte 
Linneo stesso scrivendo nelle sue species plantarum , calycìs arista lon- 
gitudine aristae corollinae, ed infine per la paglietta inferiore più liscia 
e appena scabrosetta soltanto verso l'apice, e dotata di una aresta lunga 
ben due volte più della stessa paglietta. Io ne formai la mia vuìpia lin- 
neana, colà descritta. Rimane a vedere se i caratteri che la distinguono 
dalla uniglumis siano o no variabili. 

!85S. Vulpìa sicula Link. 

V. panicula subspicata, contrada, secunda, strida, spiculis com- 
pressis, sub 4-floris, raro sexfloris, gluma majore flosculis subaequali 
vel breviore, glumam inferiorem duplo superante, palea inferiore gla- 
bra , levi , aristis palea inferiore brevioribus, palea superiore inferiorem 
subaequante, apice bidentata, foliis anguste linearibus, convolutis. 

Vulpia sicula Link h. r. berol. descript. 2. p. 547. Pari, observ. 
sur quelq. pi. d'Italie in annal. des scienc. naturell. de Paris Mai 1841. 
p. 29G. et pi. nov. p. 52. et fi. palerm. 1. p. 193. 

Festuca sicula Presi cijp. et grani, sic. p. 30. Gassi fi. sic. prodr. 
1. p. 130. var. h. Bert. fi. ital. 1. p. 628. Guss. fi. sic. syn. 1. 
p.84. 

h. laxiflora, panicula laxa, spiculis minus confertis. 

Vulpia sicula j3 laxa Tin! pi. rar. sic. fase. 2. p. 23. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Palèo gentile Bert. l. e. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei luoghi montUOsi di Sar- 
degna donde 1' ho avuta comunicata dall'amico prof. Moris e di Sicilia 
ove si trova a preferenza nella parte settentrionale presso Palermo al 
Monte Pizzuta, nella Ficuzza, nelle Madonie, in Lercara, in Nicosia, 
in Floresta, in Vicari ec. Ho la varietà b. della Pizzuta ed essa mi è 
stata anche comunicata dal prof. Tineo che l'ha raccolta nelle Madonie 
alla Colma grande. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle isolc di Sicilia e di Sar- 



degna. 



Osservazione. — Il Kunth ha erroneamente riferito questa specie 

27* 



4^20 GRAMINACEE. 

alla Koeleria niacilenla ù'i De Candolle, dalla quale è distintissima, sic- 
come ha bene avvertito il Rertoloni nella sua flora italiana. 

«59. Vulpia setacea Pari. 

V. panicula subspicata, laxiuscula, secunda, stricta, spiculis com- 
pressis, sub-4 floris, gluma majore flosculis longiore, glumam infe- 
riorem duplo superante, palea inferiore glabra, levi, aristis palea infe- 
riore longioribus , palea superiore breviore , angustissima , apice pro- 
funde bifida, foliis selaceis, demum convolutis. 

Vulpia setacea Pari. obs. sur qiielq. plani. d'Italie in ann. des 
scìenc. natur. de Paris Mai 1841. p. 597. et pi. nov. p. 54. et fi. pa- 
lerm. 1. p. 194. 

Festuca sicula var. b. Gtiss. fi. sic. prodr. 1. p. 130. 

Festuca setacea Pari, in Guss. fi. sic. sijn. 1. p. 83. 

Figura. — Nessuna . 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — In luoghi montuosi dell'isola 

di Sicilia presso Palermo al Monte Cuccio, al Monte Pizzuta, presso Al- 
tavilla al Monte dei Cani , nel Monte Dusambra , nel Monte di Camma- 
rata, in Vicari, Alia, Lercara, Mezzojuso, PrioJo, Maniaci, Cesarò, 
Mistretta. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Si trova ancora in Algeria presso Con- 
stantina, donde mi è stata data dal Durieu. 

Osservazioni. — Qucsta specie è affine alla vulpia sicula, della quale 
ne avea dapprima fatto una varietà il Gussone , che però 1* ha più tardi 
riconosciuta nella sijnopsis come una buona specie. Essa se ne distm- 
gue infatti per la pannocchia più larga , per le spighette più grandi e 
più delicate in grazia di avere le glume e le pagliette più strette , per 
la gluma maggiore più lunga dei fioretti , per l' aresta che supera in lun- 
ghezza la paglietta inferiore , per la paglietta superiore più stretta , acu- 
minata e divisa in due lacinie quasi fosser due sete , essa è anche un 
poco più corta della inferiore. Le spighette sono di un color verde 
pallido quasi di paglia. Jl Bertoloni ha riunito a torto questa specie alla 
festiica ligustica, dalla quale è distintissima per essere perenne, per le 
foglie setacee e non lineari, per la gluma inferiore non quasi nulla ec. ec. 
caratteri per i quali si distingue ancora dalla vulpia geniculata. 



VULPIA. i2 



rii 



960. Vulpia attenuata Pari. 

V. panicula laxiuscula, erecta, subaequali, spiculis compressis, 
sub-o-floris, gluma majore flosculis acquali, glumam inferiorem subduplo 
superante, omnibus carina scabris, palea inferiore altonualo-acumi- 
nata, glabra, superne scabriuscula, carina scabra, aristis palea inferiore 
subaequalibus , palea superiore angustissima, inferiorem subaequante, 
apice bifida , foliis anguste linearibus, demum eonvolutis. 

Vulpia attenuata Pari. fi. palerm. J. p. JOo. 

Festuca attenuata Pari, in Giiss. sijn. fi. sic. 2. p. 886. in acid, et 
emend. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — L'ho trovata in campi marit- 
timi vicino Palermo a Mondello e 1' ho avuta del Piano della Stoppa vi- 
cino Misilmeri dall'amico Todaro. 11 Moris me l'ha comunicata di Sai- 
degna. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Si trova nelle due isole di Sicilia e di 
Sardegna. L'ho avuta pure dell'Algeria comunicatami dal sig. Durieu. 

Osservazione. — Specie quasi intermedia fra la vulpia setacea e la 
geniculata. Si avvicina alla prima per le glume e le pagliette assottiglia- 
te, ma se ne distingue per la pannocchia uguale e non seconda, per le 
glume e la paglietta inferiore scabre nella carena, per l' aresta uguale 
in lunghezza alla paglietta inferiore, per le foglie lineari e non setacee, 
per essere annua e non perenne. E più affine forse &\h geniculata, dalla 
quale si distingue per la pannocchia più piccola , per i pedicelli non 
così ingrossati e non ensiformi, com'è nella (/emcw/a/a, per le spighette 
più allungate, per le glume assottigliate sin dalla base e come setacee ec. 

361. Vulpia geniculata Link. 

V. panicula composita, laxa, erecta, subaequali, pedicellis ensifor- 
raibus, spiculis compressis, sub-4-floris, gluma majore flosculis subae- 
quali, superiorem subduplo superante, omnibus carina scabris, palea 
inferiore lanceolato-acuminata, glabra, levi, carina scabra, aristis palea 
inferiore subaequahbus, palea superiore inferiorem subaequante, apice 
bifida , foliis linearibus, planis, demum eonvolutis. 

Vulpia geniculata Link h. reg. berol. descripl. I . p. 1i8 et 2. 
p. 273. Boiss. voij. en Espagn. p. 669. 



428 GRAMINACEI^. 

Bromus geniculalus Li nn. mani. /. p. 33. Savi! boi. elrusc. S. 

p.60. 

Festuca geniculata Wìlld. enum. h. rerj. berol. 1. p. 118. Guss. 
prodr. fi. sic. suppl. 1. p. 23. Savi! cose hot. p. 52. tab. 3. f. 3. a. b. 
Kunth emim. pi. 1. p. 307. excl. plerisq. syn. Beri. fi. Hai. 1. p. 633. 
excl. syn. festucae stipoides Desf. Ten. fi. nap. 5. p.3J7. non ti. nap. 
4. p. 16. Guss. syn. fi. sic. 1 . p. 82. 

Festuca slipoides Jan. elench. p. 2. 

Figura. — Savi l. C. 

b. ciliata, palea inferiore quandoque pilis paucis longiusculis mar- 
gine ciliata. 

Nome italiano. — Palèo dei tetti. Palèo dei muri Dert. l. e. 

stazione, Abitazione e rioritura Nei muri, Sui tetti, nei luo- 
ghi erbosi della costa occidentale della penisola e delle isole di Sicilia, 
di Corsica e di Sardegna, però non è comune. Il Tenore dice di nascere 
nel littorale di Puglia e di Calabria. Ho la varietà b. di luoghi incolti 
di S. Michele d'Angarano comunicatami dal sig. Montini. Fiorisce iri 
Maggio e Giugno ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Propria del bacino mediterraneo ove 
si trova nella Spagna e nei luoghi qui sopra indicati della penisola e 
delle isole italiane e nell'Algeria. Dell'Algeria possiedo anche la va- 
rietà b. con la paglietta inferiore anche pelosa in tutta la superfìcie. 

Osservazioni. — La festiica stipoides della flora atlantica tanto per 
la descrizione data dal Desfontaines quanto per l'esemplare autentico del 
suo erbario da me studiato in Parigi spetta alla vulpia incmssata di 
Salzmann e non già alla festuca geniculata, siccome è stato creduto da 
tutti i botanici. Il Kurith ha riunito a torto la vulpia geniculata con la 
ligustica dalla quale è affatto distinta. 

969. Vulpia ligustica Liìik. 

» V. panicula composita, secunda, nutante, in anthesi patentissima 

ramisque eliam deflexis, demumcontraeta, pedicelHs ensiformibus, spi- 

^ cuhs sub-4-floris, teretiusculis, gluma majore flosculis longiore , apice 
acuminato-aristata, carina scabra, inferiore subnulla, palea inferiore 
lanceolato-acuminata , glabra , levi , superne et carina scabriuscula, ari- 
stis paleam inferiorem superantibus , palea superiore longitudine sub- 
aequali, apice bifida, foliis planis, dcmum convolutis. 

Vulpia ligustica Link h reg. berol. descript. J..p. J i8 et 2. p. 273. 



VOLPI A. /r20 

Reich. fi. fjerm. excurs. in add. et corrig. p. 140} Pari. fi. palenn. I . 
l.p. 196. 

Bromus ligusticus Ali. fi. ped. 2. p. 249. Biv. ceni. l.p. 21. Savi 
bot. etrusc. 1. p. 77. Roem. et Scìmltes syst. veg. 2. p. 649. Ten. fi. 
nap. 3. p. 90. Seb. rom. pi. fase. ali. p. 31. et fi. rom. prodr. 
p.57. 

Festuca ligustica Beri, in opusc. scient. di Boi. toni. 1. p. 64. et 
amoen. Hai. p. 8. Presi cyp. et grani, sic. p. 36. Pollin. fi. veron. 1 . 
p. 125. Guss. fi. sic. prodr. 1 . p. 105. Ten. fi. nap. 4. p. 16. Savi cos. 
bot. p. 53. lab. 3. f. 10. a. b. Beri. fi. Hai. 1. p. 631. excl. syn. fest. 
sicul. a. Guss. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 83. 

Figura. — Reich. ic. cent. 11. fig. 1528. 

b. hispidula, glumis paleaque inferiore hispidulis. 

Vulpia hispidula De Noi. pi. exsicc. 

Nome italiano. — Palèo ciondolo Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Abbonda nci campi , nei pra- 
ti , nelle colline sterili e nei luoghi arenosi della costa occidentale d'Ita- 
lia da Nizza in poi, della parte centrale e meridionale e delle isole di 
Sicilia, di Corsica e di Sardegna. La varietà b. è stata trovata presso 
Sarzana dal prof. De Notaris che me l'ha comunicata; io l'ho rac- 
colta in campi erbosi marittimi di Toscana a Orbetello e 1' ho avuto 
di Sardegna dal prof. Moris. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Cresce ancora nelle isole di Hyères o 
nel mezzogiorno della Francia. 

963. Vulpia incrassata Pari. 

V. panicula subsimplici, subsecunda , demum contrada, spiculis 
subsexfioris , glumis paleaque inferiore lanceolatis , acuminatis , gluma 
majore fiosculis multo breviore, inferiorem superante, palea inferiore 
apice integro vel bifido aristala, aristis palea ipsa subdimidio breviori- 
bus, palea superiore apice breviter bifida, foliis anguste linearibus. 

Vulpia incrassata Pari, observ. sur quelq. plani. d'Italie in ann. 
des scienc. naturell. de Paris Mai 1841. p. 298. et pi. nov. p. 56. 

Festuca stipoides Desf! fi. ali. 1. p. 30. ex descript, et ex ejus 
herbario. 

Festuca incrassata Salzm! in Lois. fi. gali. edit. 2. voi. 1. p. 85. 

Festuca geniculata Bert. fi. ital. 5. p. 603. non 11. ital. 1. p. 655. 

Figura. — Nessuna. 



450 GRAMINACEE. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle CoUinc dì Moutaldo presSO 

Genova donde mi è stata comunicata dal Savignonc e in Corsica ove 
r ha trovata il Salzmann, di cui ho veduto 1' esemplare nell'erbario di 
De Candolle. Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geografica. — Abbonda in tutta l'Algeria. Il Desfon- 
taines 1' ha raccolta presso Mascara donde ho veduto l'esemplare nel 
suo erbario, e di Mascara stessa me ne ha favorito molti individui il 
Durieu. L'ho nell'erbario anche dell'Algeria nella collezione del Bove. 
Il Loiselleur scrive di essere stata trovata dal Requien nel mezzogiorno 
della Francia. 

Osservazioni. — 11 Bertoloni che avea dapprima riferito nel tom. 1 
della sua flora italica p. 643 la festuca incrassata di Salzmann alla spe- 
cie seguente , ha nelle aggiunte e correzioni poste in fine al tomo 5 
della stessa tlora scritto che dietro avere veduto e diligentemente 
osservato detta festuca nel mio erbario ha dovuto convincersi che 
essa spetta alla sua festuca geniciilata, essendo solo in uno stato magro 
e con la gluma maggiore più corta, lo non so come il Bertoloni possa 
credere spettare questa i;w/pia tncrassa/a alla fjenkidata , mentre ne è 
benissimo distinta per la pannocchia più semphce e quasi disposta in 
una spiga, dotata di un numero minore di spighette, che sono più 
grandi, con un numero maggiore di fioretti, d'ordinario G e qualche 
volta ancora 7 o 8, i quali per altro sono più distanti tra loro, per la 
consistenza delle glume e delle pagliette che sono più dure, per la 
i/luma maggiore molto più corta dei fioretti e non quasi uguale , per la 
gluma minore meno corta , per l' aresta corta quasi una metà della pa- 
glietta inferiore e non uguale a questa in lunghezza, per questa paglietta 
inferiore che è talvolta bifida all'apice ec. 

Son sicuro del sinonimo di Desfontaines e per la descrizione da 
lui data nella flora atlantica che spetta a questa specie e non alla vulpia 
(jeniculata siccome si è creduto, e per possedere la pianta di Mascara 
ove egli dice di nascere la sua festuca stipoides e per avere osservato il 
suo erbario. 

*SSé, Vulpia tenuis Pari. 

V. panicula subsimplici, subsecunda, demum contracta, spiculis 
compressis, sub8-floris, glumis paleaque inferiore attcnuato-acumina- 
tis, gluma majore flosculis subdimidio breviorc, inferiorem subduplo 
superante, palea inferiore apice integro vel bifido aristata, arislis paleam 



YULPIA. A7>ì 

ipsam subaequante, palea superiore apice bifido-bìsetosa, tbliis angu- 
ste linearibus. 

Vulpia tennis Pari, observ. siu' quelq. plani. d'Italie m ann. des 
scietic. natur. de Paris Mai 1841 . p. 290. et pi. nov. p. 57. 

Bromus tennis Tin! pug. p. 3. Glissi prodr. fi. sic. suppl. p. 28. 
excl. syn. Salzmann. Roem.et Schuìtessyst. veg. mani. 2. p. 362. Gtiss! 
syn. fi. sic. 1. p. 71. 

Bromus sabulosus Guss! prodr. fi. sic. 1. p. 120. 

Brachypodium tenue Tin! cat. h. pan. ann. 1827. p. 48. 

Bromus sardous Spreng. syst. veg. 4. p. 36. Schulles syst. veg. 
mani. 3. p. 632. Kunlh enum. pi. 1. p. 422. 

Bromus geniculatus Ten. fi. nap. 4. p. 16. non 5. p. 317. 

Festuca incrassata Beri. fi. ital. 1. p. 643. excl. syn. Salzm. et 
Duby. Ten. fi. nap. 5. p. 317. excl. syn. Salzm. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Tioritura. — Nei luoghi arenosi marittimi 

e nelle praterie marittime della parte meridionale della penisola a Pesto 
nel regno di Napoli secondo il Tenore , della costa meridionale di Si- 
cilia a Girgenti, Alicata, Terranova e Vittoria, e nella parte più meri- 
dionale dell'isola di Sardegna donde me l'ha comunicata il prof. Moris. 
Fiorisce in Aprile e Maggio ed è annua. 

Distribuzione geograCca. — Pianta propria dei qui indicati luoghi 
della penisola e delle isole di Siciha e di Sardegna. 

Osservazione. — Affme alla Specie precedente dalla quale ben si 
distingue per altro per i caratteri indicati nelle rispettive frasi specifiche. 



liXXXII. FESTUCA Pari. 

Pari. fi. palerm. I . p. 198. 

Feslucae et Anthoxanthi species Limi. gen. p. 18 et 36. Kunth enum. 

pi. 1. p. 398. Endl. gen. pi. p. 99. Koch syn. fi. germ. et helv. 

edit. 2. p. 935. 
Festuca et Schenodorus Polis, de Beauv. agrost. p. 99. Roem. etSchul- 

tes syst. veg. 2. p. 42 et 43. 
Festuca et poae species Ali. fi. ped. 2. p. 2i5. Bell. app. ad fi. ped. 

p. 8. Koel. grani, p. 202 et 207. 
Bromi species Ehrh. heilr. 1 . p. 90. Roth fi. germ. 2. p. 141. Retz fi. 

scand. prodr. edit. 2. n. 140. 



tò2 GRAMINACEE. 

Feslucae et bromi species Host grani, auslr. 1 . ]ì. 7. 

Festuca et Koeleriac species Presi cijp. el gram. sic. p. 34. Guss. jl. sic. 

prodr. 1 . p. 121 . el syn. fi. sic. 1 . p. 143. 
Festuca schenodorus et lolii species Link h. reg. berol. descript. 1. 

p. ni et 273. 
Festuca et Lolii species Reich. fi. gemi, exciirs. 1 . p. 17 et 37. 

Spiculae 2-multiflorae, flosculis muticis, mucronatis vel breviter 
aristatis, basi nudis vel rarissime, tantum in festuca piìosa, pilis paucis 
brevibusbasi involucratis. Glumae2, membranaceae, parum inaequales 
vel subaequales, niuticae, flosculis breviores. Paleae 2, subaequales, 
inferior membranacea vel denique subcoriacea, concavo-carinata, apice 
integro vel sub apice emarginato breviter aut brevissime aristata, vel 
mutica; superior acuta, bifida aut bidentata , bicarinata, carinis subci- 
liolatis vel ciliatis. Perigonii squamulae2, ovato-oblongae , integraevel 
lobulo auctae, byalinae, glabrae. Stamina 5. Ovarium obovatum, gla- 
brum vel apice pilosum. Styli 2, breves. Stigmata piumosa. Caryopsis 
linearis, apice obtusa, externe convexa, interne profunde longitudi- 
naliterque canaliculata , glabra, paleis adhaerens. 

Abito. — Piante perenni , dotate di radice fibrosa e talvolta stri- 
sciante, che formano dei cespugli di foglie filiformi avvolte sopra se 
stesse, ovvero lineari e piane; i loro culmi delicati e bassi nelle specie 
delle montagne elevate, sono piuttosto alti in quelle dei luoghi bassi, 
particolarmente nella festuca arundinacea, eìatior ec. La pannocchia 
ora contratta e rivolta quasi da un sol lato, ora sparsa , diritta o pen- 
dente, otfre d'ordinario i suoi rami inferiori gemini o al numero di cin- 
que, talvolta ancora solitarii; questi rami sono filiformi e non affatto 
ingrossati all'apice e sostengono una o più spighette, piti o meno com- 
presse, fornite di due glume poco ineguali o quasi uguali in lunghezza, 
con 2 molti fioretti, allungati, interi o smarginati all'apice, mutici o 
dotati all'apice o in vicinanza di esso di una aresta eh' è corta o cortis- 
sima. Queste spighette che sono di colore verde pallido nelle specie 
proprie dei luoghi bassi ed ombrosi, offrono una tinta mista di verde e 
di violetto ed anche di dorato in quelle dei luoghi alpini. 

965. Festuca Halleri Aìl. 

F. paniculae contractae , subsecundae, ramis subsolitariis , 1-2 spi- 
culas gerentibus , spicula brevioribus , spiculis 4-5-floris , palea mfe- 



FESTUCA. 455 

riore ovato-lanceolala , 5-nervi, ncrvis prominulis, apice longiusculc 
aristata, superiore elliptico-lanceolata , apice acute bifida, foliis com- 
plicato-setaceis, levibus vel margine vix scabriusculis , ligula biaurita, 
radice fibrosa. 

Festuca Halleri Ali. fi. ped. 2. p. 253. Vili. hist. desplant. du 
dauph. 2. p. 103. Dee. fi. frane. 3. p. 53. Beri, amoen. Hai. p. 331. 
ex parte. Pollìn. fi. veron. 1. p. 121. Ten. fi. nap. 3. p. 80. Guss. pi. 
rar. p. 33. Gaudi fi. helv. 1. p. 281. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. 
p. 84. Reich. fi. germ. et helv. 1. p. 38. Kunth eniim, pi. 1. p. 399. 
Bert. fi. Hai. 1. p. 607. ex parte. Boiss! voyag. en Espagn. p. 672. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 937. 

Figura. — Reich. te. cent. 11. fìg. 1535. 

Nome italiano.' — Palèo capellino Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli molto alti e nelle 

fessure delle rupi delle Alpi, ove 1* ho trovato dai 1900 ai 2800 metri 
d'altezza sul livello del mare, essendo una delle ultime gramigne che più 
si avanzano verso il termine di ogni vegetazione. Nasce ancora nelle Alpi 
Apuane al Sagro e al Pisanino , negli Appennini al Sasso Borghese nel- 
l' Umbria, ^\ Monte Vettore nelle Marche, al Monte Velino, al Monte 
Costone, al Monte Corno e alla Majella negli Abruzzi ec. Si trova pure 
nel Monte Grosso in Corsica: io però non 1' ho da quest'ultima località 
che qui riporto solo sulla fede del Bertoloni. Fiorisce in Luglio ed 
Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geograBoa.— Nelle Alpi, nei Pirenei, nella Sierra 

Nevada della Spagna. 

Osservazioni. — La nostra specie è certamente la pianta descritta 
dal Gaudin , come ho potuto verificare nel suo erbario ; a torto quindi 
ha voluto il Kunth formare di quella la sua festuca Caudini, eh' è pro- 
babilmente una qualche forma o varietà dell' alpina. La festuca Halleri 
è ben distinta dalla festuca ovina, oltre della struttura della pannocchia, 
per le foglie setacee , lisce o appena scabrosette nei margini , e non 
capillari e scabre o scabrosette , per la paglietta inferiore dotata di nervi 
alquanto prominenti , per la paglietta superiore bifida all' apice e non 
con due piccoli denti. 

Il Bertoloni ha confuso con questa specie anche la festuca nigre- 
scens, come ho potuto assicurarmene nel suo erbario , ed ha impropria- 
mente riportato alla sua varietà /3 la festuca violacea di Gaudin che non 
può affatto confondersi con la festuca Halleri. Vedi le mie osservazioni 
alla festuca violacea e nigrescens. 

Fr.oRA Italiana. Vor,. I, ^^ 



454 GRAMINACEE. 

966t Festuca violacea Gaiid. 

F. paniculae subpatentis, subsecundae ramis geminis, 1-5 spicu- 
las gerentibus, spicula longioribus, spiculis subquadrifloris, palea in- 
feriore ovato-lanceolata , obsolete 5-nervi , apice vel ex apice bifido 
breviter aristata , superiore oblongo-lanceolata , apice breviter bifida , 
foliis capillaceis, leviusculis, ligula biaurita, radice fibrosa. 

Festuca violacea Gaud! agrost. helv. 1 . p. 23i et. fi. helv. 1. 
p. 278. Dee. fi. frane. 6. p. S6Ò. Reich. fi. gemi, exciirs. 1. p. 38. 
Kunth enum. pi. 1 . p. 399. Comoll! fi. eomens. 1 . p. 129. 

Schenodorus violaceus Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 704. var. a. 

Festuca Halleri /3 Bert! fi. ital. 2. p. 767 et 3. p. 586. 

Festuca ovina y violacea lioch sijn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 938. 

Figura. — Reich. ie. cent. 11. fig. 1537. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli elevati delle Al- 
pi, e dei monti che ne dipendono; io ve 1' ho trovata dai 1900 sino 
ai 2900 metri di altezza sul livello del mare nel versante meridionale 
della catena del Monte Bianco, ove nel Col du Géant forma una delle 
ultime gramigne che piij si spingono in allo verso il .termine della ve- 
getazione delle piante fanerogame. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è 
perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta alpina. 

Osservazione. — Ho stimato dover distinguere questa pianta dalla 
festuca ovina, alla quale è affine, per le foghe lisce o quasi hsce, per 
la pannocchia diversamente fabbricata con i rami inferiori quasi sempre 
gemini, portanti ciascuno da una a 5 spighette, e non d' ordinario so- 
litarii con 5 o 7 spighette , per essere queste spighette più grandi, e 
per la paglietta inferiore con l'aresta che nasce spesso non dall'apice ma 
a piccola distanza da esso, che è bifido come è proprio degli schenodorus. 

Il prof. Bertoloni ha fatto a torto di questa specie la sua varietà /S 
della festuca Halleri , basta confrontare la nostra frase specifica di que- 
sta con quella della specie in esame per vedere che non si possono af- 
fatto congiungere due piante che hanno caratteri così essenzialmente 
diversi . 

969. Festuca ovina Linn. 

F. paniculae sub anthesi patentis, demum contractae ramis soli- 
tariis, plerumque 5-7 spiculas gerentibus, spiculis subquadrifloris, 



FESTUCA. 455 

palea inferiore ovato-lanceolata , obsolete S-nervi, mutica vel apice 
breviter aristata , superiore oblongo-lanceolata , apice breviter bifida , 
foliis capillaceis , scabris vel scabriusculis , ligula biaurita , radice fi- 
brosa. 

a. vulgaris, flosculis arista brevi instructis. 

Festuca ovina Linn. sp. pi. p. 108. Ali? (l. peci. S. p. S52. Dee. 
fi. frane. 3. p. 50 var. a. et 6. p. 264. Roem. et Scimi t. syst. veg. 2. 
p. 717. var. a. Ten? fi. nap. 3. p. 79. var. a. Seb. et Maur? fi. rom. 
prodr. p. 45. Gaud. fi. lielv. 1 . p. 273. Reich. fi. germ. excurs. 1. 
p. 37. var. a. Kunth enum. pi. 1 . p. 398. var. a. Koch syn. fi. germ. 
et helv. edit. 2. p. 937. var. a. ex parte. 

Festuca duriuscula var. k Rert. amoen. ital. p. 7 et 33 f. 

Festuca duriuscula var. ^ Pollin. fi. veron. 1 . p. 120. 

Festuca duriuscula var. x, Rerll fi. ital. 1 . p. 603. 

Figure. — Host grani, austr. 2. tab. 84. Reich. cent. 11. fìg. 1530. 

b. vulgaris pubescens , eadem sed palea inferiore margine apicem 
versus pubescenti-ciliata. 

e. mutica, flosculis muticis. 

Festuca tenuifolia Sibili, oxon. p. 44. Dee. fi. frane. 6. p. 264. 

Festuca ovina /3 Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 714. Ten? fi. 
nap. 3. p. 79. Gaud. fi. helv. 1. p. 276. Reich. fi. germ. excurs. 1 . 
p.37. Kunth enum. pi. I.p. 398. Comoll. fi. comens. 1 . p. 125. var. b. 
Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 937. var. a. ex parte. 

Festuca duriuscula ju, Rert! amoen. ital. p. 7. 

Festuca duriuscula vi Pollin. fi. veron. 1. p. i20. 

Festuca duriuscula 5 Rert! fi. ital. 1 . p. 604. 

Gramen loliaceum, paniculis minoribus, non aristatis Mon/. cat. 
stirp. agr. bon. prodr. p. 36. Seguier pi. veron. 1. p. 336. 

Figura. — Reich. ic. cent. 11. fìg. 1532. 

d. vivipara, flosculis in gemmas foliaceas mutatis. 

Festuca ovina j3 vivipara Linn. sp. pi. p. 108. 

Festuca vivipara Smith fi. brit. 1. p. 114. Gaud. agrost. helv. 1. 
p. 228. Roem. et Sclmltes syst. veg. 2. p. 715. 

Festuca ovina S vivipara Gaud. fi. helv. I.p. 276. 

Festuca ovina e. vivipara Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 37. 

Festuca duriuscula var. £. Rert. fi. ital. 1 . p. 604. 

Tigure. — Engl. bot. tab. 1355. Reich. ic. cent. 11. fig. 1531. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli e luoghi bosohivi 

montuosi e nelle colline aride dell'Italia settentrionale e centrale, ove 



430 GRAMINACEE. 

diviene più rara; non l'ho del mezzogiorno della penisola, né di alcuna 
delle isole , quantunque il Tenore la dica nascere a Castellammare e a 
Capri. La varietà con le spighette mutiche è piij comune di quella a fioretti 
arestati, ed io l' ho ancora delle colline di Sestri a Ponente nella Ligu- 
ria occidentale. Posseggo la varietà b. delle vicinanze del Lago Sebi- 
no. Ho riportato la varietà d. vivipara perchè il Bertoloni dice trovarsi 
neir erbario di Monti dei dintorni di Bologna e averla ricevuto ancora 
dal Facchini che 1' ha trovato nei margini di Pera in Fassa nel Tirolo: 
io però dubito che sia la forma vivipara di questa specie', molto piìi che 
il Bertoloni dice che gli esemplari avuti dal Facchini non hanno il cul- 
mo e le foglie tenuissime: del resto io non ho mai trovato in Italia 
questa varietà, né mi è stata da altri comunicata. Fiorisce in Giugno e 
Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E comune in Europa. 

Osservazioni. — Ho Creduto dovere ammettere la festuca ovina 
come specie distinta dalla festuca duriuscula, principalmente per il ca- 
rattere delle foglie capillari , scabre , e per le spighette che sono piiì 
piccole e che offrono ordinariamente 4 fioretti. Del resto forse non 
sono che due sotto specie di una medesima pianta. Nel considerarle 
come distinte mi è sembrato agevolarne lo studio, Offrendo sì 1' una 
che r altra numerose varietà, che saranno in questo modo meglio ap- 
prezzate e riportate a quella a cui spettano. 

Usi. — Dà un pascolo assai gradito alle pecore e alle capre. 

96S. Festuca duriuscula Linìi. 

F. paniculae sub anthesi patentis, demum contractae ramis solita- 
riis, inferioribus 5-7 spiculas gerentibus, spiculis 4-9 floris, palea in- 
feriore ovato-lanceolata , obsolete 5 nervi , apice breviter aristata vel 
mutica, superiore oblongo-lanceolata, apice breviter bifida, foliis com- 
plicato-setaceis, levibus vel scabriusculis, ligula biaurita, radice fibrosa. 

a. vuìgaris, flosculis breviter aristatis, glabris, foliis rectis vel re- 
curvis. 

Festuca duriuscula Linn. sp. pi. p. 108. Ali. fi. ped. 2. p. 252. 
Desf. fi. ali. 1 . p. 8o. Dee. fi. frane. 3. p. 50. Savi hot. etrusc. 2. 
p. 57. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 723. var. a. Beri! amoen. 
Hai. p. 6. var. a. [ì. /.. 5. £. et p. 117. var. /3. et p. 331. var. a. Pol- 
liti, fi. veron. I. p. 119. var. a. /3. y. S. Ten. fi. nap. 3. p. 80. 
Guss. fi. air. prodr. 1. p. 102. var. a. et ^. Seb. et Maur. fi. rom. 



FESTUCA. 457 

prodr. p. 45. Gaud. fi. helv. 1. p. 282. Lois. fi. gali. edit. 2. ioni. J. 
p. 83. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 38. var. a. Kunth enum. pi. 1. 
p. 399. var. a. Beri! fi. Hai. 1. p. 601. var. a. ex parte. Comoll. fi. 
com. 1. p. 127. var. a. Puccin. syn. fi. lue. 1. p. 65. Yìs. fi. daini. 1. 
p. 74. Guss. fi. sic. syn. 1. p. 86. var. a. et h. Pari. fi. palerm. 1. 
p. 198. var. a. et b. 

Festuca ovina Savi fi. pis. 1. p. 113. Schrad. fi. germ. 1. p. 320. 
Presi cyp. et gram. sic. p. 35. 

Festuca amethystiua Ali? fi. ped. 2. p. 253. Ten? fi. nap. 3. 
p. 79. 

Festuca strieta Host gram. austr. 2. p. 62. Re app. ad fi. ped. 
p. 10. 

Festuca curvula Gaud. agrost. helv. 1. p. 239. Roem. et Schiiltes 
syst. veg. 2. p. 717. 

Festuca intermedia Ten. fi. nap. 3. p. 79. 

Festuca duriuscula jS curvula Gaud. fi. helv. 1. p. 282. 

Festuca ovina e duriuscula Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 938. ex parte. 

Figure. — Festuca duriuscula Host gram.'austr. 2. lab. 83. et fe- 
stuca strieta Host l. e. tab. 86. Reich. ic. cent. 11. fig. 1538 et 1539. 

b. vulgaris pubescens , eadem sed glumis, palea inferiore vaginis- 
que plus minusve pubescentibus. 

Festuca ovina /3 villosa Schrad. fi. yerni. 1 . p. 320. 

Festuca hirsuta Host gram. austr. 2. p. 61. 

Festuca duriuscula y Berti amoen. ital. 1. p. 6. et 331. excl. syn. 
Gaud. fi. helv. 1. p. 282. Berli fi. Hai. 1 . p.603. var.jì. excl. nonn. syn. 
Reicìi. fi. germ. excurs. 1 . p. 38. var. e. Comoll. fi. comens. 1. p. 127. 
var. jS? 

Festuca ovina i duriuscula Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 938. ex parte. 

Figura. — Festuca hirsuta Host gram. austr. 2. tab. 85. 

e. longifolia, spiculis panilo majoribus, palea inferiore pubescenti- 
ciliata (non glumis coroUae ciliato-laceris Viv.), foliis elongatis, cul- 
mum subaequantibus. 

Festuca longifolia Viv. ann. hot. 1 . pari. 2. p. 145. 

Figura. — Viv. l. c. tab. 2. 

d. snbmutica, eadem ac vulgaris, sed humilior, paleaque inferiore 
mulica vel brevissime aristata. • 

Figura» — Nessuna. 

% 



438 GRAMINACEE. 

Nome italiano. — Gramigna setajuola. Gramigna pavonazza. Gra- 
migna fusajola. Targ. Tozz. diz. hot. 2. p. 101 . 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Abbonda nei prati 6 nei pa- 
scoli montuosi della penisola, nella parte settentrionale della quale si 
trova anche nelle colline. Cresce pure nelle montagne ma piuttosto 
elevate di Corsica, di Sardegna e di Sicilia, così si trova al Monte 
Grosso in Corsica, al Monte Gennaì^gentu , però la varietà a spighette 
pubescenti, in Sardegna, siccome scrive il Moris, enei monti Pizzuta, 
Renda, Madonie, Monte dì Cammarata, Busambra, Monte di Castrogio- 
vanni, Monte Sciideri, Etna in Sicilia. La varietà b. è meno comune e 
nasce insieme alla specie. Ho solo la varietà longifolia dal Monte di 
Porto/ino della Riviera di Levante, ove la trovò il Viviani. Infine la va- 
rietà e. mi è stata comunicata dal sig. Berti che l' ha raccolta nei pa- 
scoli subalpini del monte Antola nell'Appennino ligustico. Fiorisce in 
Maggio e Giugno e nei luoghi piij elevati in Giugno e Luglio. E pe- 
renne. 

Distribuzione geografica. — E pili della festuca ovina estesa verso 
il sud , sorpassa il continente italiano , viene nelle isole di Sardegna e 
di Sicilia, si trova in Algeri e nella Romelia. 

Osservazioni. — Pianta variabilissima e per questo divisa dai bo- 
tanici in un gran numero di specie. Le varietà principali , che si osser- 
vano in Italia, sono quelle qui sopra indicate, le altre di minor conto, 
per l'altezza del fusto, per il colore delle spighette , per la lunghezza 
variabile dell' aresta, sono tali e tante che sarebbe opera difficile e forse 
poco niente utile il farne menzione. 

Avvertirò che nell'erbario di Allioni esistono sotto nome di festuca 
amethystina tre specie distinte, la duriuscula, la varia e la pilosa. 

9G9. Festuca lieteropliylla Lamk. 

F. paniculae laxae, nutantis, subsecundae, in anthesi patulae ra- 
mis inferioribus subgeminis, 4-8 spiculas gerentibus, spiculis sub 5-flo- 
ris, flosculis subapproximatis, palea inferiore ovato-lanceolata, obsolete 
5-nervi , apice aristata , arista brevi vel longiore paleam ipsam subae- 
quante, foliis radicalibus capillaceis, culmeis planis, ligula biaurita, 
radice fibrosa. 

Festuca heterophylla Lamk. fi. frane, edit. 2. tom. 3. p. 600. Dee. 
fi. frane. 3. p. 52. Roem. et Schultes syst. veg. 2. p. 724. Guss. fi. 
sic. prodr. 1. p. 102. Gaud. fi. helv. 1. p. 289. Lois. fi. gali. edit. 2. 



FESTUCA. 439 

tom. 1. p. 85. Ten. ft. nap. 4. p. 15. Kunth enum. pi. 1. p. 402. Bert. 
jl ita!. I. p. 609. Ten. (1. nap. 5. p. 317. Pnccin! syn. fi. lue. 
p. 65. Guss. syn. fi. sic. 1. p. 86. Koch syn. fi. germ. et ìielv. edit.2. 
p. 939. ex parte. Pari. fi., palerm. 1. p. 200. Gries. spie. fi. rum. et 
bith. 2. p. 433. 

Festuca duriuscula Linn. syst. nat. 2. p. 96. non sp. pi. Schrad. 
fi. germ. 1. p. 328. var. a. 

Festuca nemommLeyss. in Abhandl. derhall. naturf. ges. 1. p. 368. 
Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 39. 

Figure.— Host gram. austr. 3. tab. 18. Reich. ic. cent. 11. 
fig. 1558. 

b. puberula, spiculis, pedunculis, foliis vaginisque sparse et mol- 
liter puberulis. 

e. vivipara, flosculis in gemmas foliaceas mutatis. 

Nome italiano. — Palèo delicato Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nelle Colline e nei bosclli 

montuosi della penisola come pure di Corsica e di Sicilia , ove però è 
molto meno comune. Della Corsica infatti dice il Bertoloni averla avuta 
dal Soleiroli , e in Sicilia trovasi nei boschi della Ficuzza , di Montal- 
bano , di Francavilla , di Floresta , di Maletto e di Brente , in generale 
nella parte settentrionale dell' isola. Ho avuto la varietà b. dal Gaspar- 
rini che 1' ha raccolta in Basilicata, e la varietà e. dal De Notaris che 
r ha trovata nei Monti d'acqua fredda sopra Genova. Fiorisce in Maggio 
e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E comune in Europa. 

990. Festuea nigrescens Lamk. 

F. paniculae laxiusculae, erectae, patulae ramis filiformibus, in- 
ferioribus geminis solitariisve , 2-7 spiculas gerentibus, spiculis 4-6 
floris, flosculis subapproximatis , palea inferiore ovato-lanceolata, obso- 
lete 5-nervi , apice vel ex apice bifido aristata , arista palea ipsa brevio- 
re , foliis radicalibus capillaceis , culmeis planiusculis , ligula biaurita , 
radice fibrosa. 

Festuca nigrescens Lamk. dict. encijcl. 2. p. 460. Dee. fl. frane. 
6. p. 266. Gaud. fl. helv. 1. p. 290. Reich. fi. germ. excurs. 1. 
p.39. 

Schenodorus nigrescens Roem. et Sehultes syst. veg. 2. p. 705. 

Figura.' — Reich. ic. cent. 11. fig. 1559. 



440 GUAMINACEE. 

b. pubescens, spiculis pubescenlibus. 

Festuca nigrescens ]3 Gaud. jl. helv. 1 . p. 290. Reich. fi., (jerm. 
excurs. 1. p. 39. var. spiculis pubescenlibus. 

Stazione, Abitazione e Fioritura» — NaSCe nei pascoli delle Alpi , 

ove l'ho trovato dai 1900 ai 2700 metri di altezza sul livello del mare. 
Ho la varietà b. della Valtellina. Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è pe- 
renne. 

■ ^ Distribuzione geografica. — Si trova purc nel Delfuiato , nella ca- 

♦ • tena del monte Giura ec. 

Osservazioni. — Questa pianta mi sembra non potere riportarsi 
alla festuca heterophylla, di cui il Koch l'ha considerato come una forma 
alpina , per le foglie del culmo assai strette e appena piane , per il cul- 
mo pili basso e delicato, per la pannocchia pili lunga, meno larga e di- 
ritta, per i suoi rami portanti d'ordinario un numero minore di spi- 
ghette , mentre nella heterophylla i rami inferiori , soprattutto uno di 
essi più allungato, ne portano molte, per le spighette più grandi dotate 
ordinariamente di 5 o 6 fioretti che sono meno avvicinati tra loro che 
non è nella festuca heterophylla, per la paglietta inferiore che è sovente 
bifida all'apice ec. Le spighette della festuca nigrescens sono variegate di 
color verde e porporino-fosco , con le areste nerastre : questo colore è 
verde pallido nella festuca heterophylla , ma il colore nulla monta e di- 
pende solo dalla località , anche la heterophjlla ha nei luoghi scoperti 
ed esposti al sole le spighette colorate di porporino. 

ìSVI. Festuca Puccinellii Pari. 

F. paniculae laxae, subnut^ntis ramis tenuibus solitariis vel raro 
inferioribus geminis, 1-2 spiculas gerentibus, spiculis 5-6 floris, floscu- 
lis remotiusculis , palea inferiore oblongo-lanceolata , acuminata, ex- 
quisite 5-nervi , apice aristata , arista palea ipsa breviore , foliis radica- 
libus capillaceis, levibus, culmeis planis, radice fibrosa. 

Festuca Halleri Puccin! add. ad syn. fi. lue. in giorn. hot. ilal. 
ami. 1 . tom. 1. p. i2f. excl. syn. Bert. an ex parte? 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. ' — Nei paSCoU alpini delle Alpi 

Apuane al Pisanino, donde mi è stala comunicata dal prof. Puccinelli. 
Io l'ho poi raccolta nell'Appennino lucchese alle Tre Potenze ad un'al- 
tezza di circa 1900 metri sul livello del mare. Fiorisce in Luglio ed è 
perenne. 



FESTUCA. 441 

Distribuzione geografìca. — Propria dei luoghi qui indicati dell'Ap- 
pennino centrale. 

Osservazioni. — E vicina solo alla festuca nigrescens dalla quale è 
per altro benissimo distinta. La sua pannocchia è pili delicata e alquanto 
pendente, i rami per lo più solitarii sono piìi gracili e quasi capillari e 
portano una o due spighette ; queste sono più grandi , variegate di verde 
e porporino, con i fioretti più distanti, con la paghetta inferiore che ha 
3 nervi molto bene manifesti , ed è di una forma allungato-lanceolata J|P 
ed assottigliata verso l'apice in un acume, carattere per cui questa spe- f ^ 
eie si distingue non solo dalla festuca nigrescens ma da tutte le altre 
specie affini di questo genere, per l'arestache parte dall'apice ec. Non 
importa notare le sue differenze dalla festuca Halleri, perchè è da essa 
grandemente diversa. 

Credo che questa specie sia stata confusa dal Bertoloni con la sua 
festuca Halleri. 

999. Festuca rubra Linn. 

F. paniculae subsecundae, in anthesi patentis rarais inferioribus 
geminis solitariisve , 4-6 spiculas gerentibus, spiculis 5-10-floris, flo- 
sculis remotiusculis, palea inferiore oblongo-lanceolata, 5-nervi, ari- 
stata , arista palea sua breviore , foliis radicalibus complicato-setaceis , 
culmeis planiuscuhs, ligula biaurita, radice repente. 

Festuca rubra Linn. sp. pi. p. 109. Ali. fi. ped. 2. p. 253. Dee. 
fi. frane. 3. p. 50. Roem. et Schultes sijst. veg. 2. p. 224. Noce, et 
Balb. fi. tic. 1. p. 51. Ten? fi. nap. 3. p. 80. Gaud. fi. helv. 1. p. 285. 
Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1. p. 84. Reich. fi. germ. exciirs. 1. p. 39. 
Kunth enum. pi. 1. p. 401. Comoll. fi. comens. 1. p. 130. Kochsijn. fi. 
germ. et helv. edit. 2. p. 939. 

Figure. — ■ Host gram. austr. 2. tab. 82. Reich. ic. cent. 11. 
fìg. 1557. 

b. dumetorum, spiculis pubescentibus. 

Festuca dumetorum Linn. sp. pi. p. 109. 

Festuca duriuscula £ dumetorum Gaud. agr. helv. 1. p. 253. Roem. 
et Schultes stjst. veg. 2. p. 723. 

Festuca rubra II dumetorum Gaud. fi. helv. 1 . p. 286. 
■ Festuca rubra var. b. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 39. 

Festuca rubra /3 villosa Koch sijn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 939. 

e. alpina, panicula stricta, ramis solitariis, paucas spiculas ge- 
rentibus. 

28* 



44^2 GRAMINACEE. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei prati C nei pascoli aridi, 

nei luoghi arenosi ed anche nei margini dei boschi dell' Italia setten- 
trionale, ove si trova anche la varietà b., e nei luoghi boschivi mon- 
tuosi , ma più raramente, dell'Italia centrale. Ho raccolto poi la varietà e. 
nell'Appennino lucchese alle Tre Potenze. Fiorisce in Maggio e Giugno 
ed è perenne. 
» Distribuzione geografica. — E comune in Europa. 

N(P Osservazioni. — Questa specie di festuca è simile alla durìuscida, 

•■ #' dalla quale però ben si distingue per la radice repente, per le foglie del 
culmo un poco piane, per la paglietta inferiore piiì allungala e quasi acu- 
minata ec. I botanici italiani l'hanno in generale confusa con quella, 
non escluso lo stesso prof. Bertoloni. Io non ho citato in tutte queste 
specie del gruppo della duriuscula i varii sinonimi di botanici di flore 
italiane ed anche straniere, attesa la difficoltà, nella mancanza di esem- 
plari autentici o nel possederli poco perfetti per le radici , di sapere 
con precisione cosa avessero inteso per le specie da essi descritte con 
tanti nomi e sovente con frasi o con descrizioni poco concludenti. 

1993. Festuca Morisiana F^arl. 

F. paniculae subspiciformis, erectae, strictae ramis abbreviatis, 
inferioribus subgeminis, l-5spiculasgerentibus, superioribus solitariis, 
spiculis sub-5 floris, palea inferiore obsolete 5-nervi, apice integro vel 
ex apice emarginato breviter aristata , aristis palea triplo brevioribus , 
foliis subsetaceis, brevibus, ligula brevissima, truncata, culmis fir- 
miusculis erectis, radice fibrosa. 

Festuca MorisianaPa?'/. ingiorn. hot. ital. annoi, toni. 2. part. 1. 
p. 377. 

Festuca duriuscula Moris pi. exsic. non Linn. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Mi è Stata comunicata dal mio 

amico e illustre botanico prof. Moris col nome di festuca duriuscula. 
Egli r ha raccolta in Sardegna nei pascoli di Gennargentu. E perenne. 
Osservazione. — •Distinta anche per sezione dalla festuca diirìuscida, 
credo inutile il notarne le differenze. Somiglia a prima vista alla vulpia 
Sicilia, da cui differisce per caratteri specifici non solo ma ancora di 
genere ; è distintissima dalle altre specie di festuca, avendo le foglie ca- 
pillari e quasi setacee come le festuche che hanno una ligula con due 
orecchiette, mentre poi ha la ligula e le spighette proprie delle se- 
guenti. 



FESTUCA. 445 

994. Festuca iiiiiiiila Vili. 

F. paniculae contractae, ovatae, sub anthesi subpalentis ramis so- 
litariis vel geminis, 1-2 spiculas gerentibus, spiculis 5-4 floris, palea 
inferiore oblongo-lanceolata, supra medium subito acuminata, obsolete 
5-nervi, apice brevissime aristata, foliis setaceis, laxis, ligula oblonga, 
radice fibrosa. 

Festuca pumila Vili. Mst. des plant. da dauph. 2. p. 102. Bellard? -.> 
app. ad jl. ped. p. 10. Balh. elench. p. 80. Dee. fi. frane. 3. p. 52. 
Gaud. fi. helv. 1. p. 302. var. a. Lois. fi. gali. edit. 2. toni. 1. p. 8~i. 
var. a. Reich. fi. germ. exeurs. 1 . p. 38. Kunih enum. pi. 1. p. 402. 
Comoll! fi. eomens. 1 . p. 133. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 940. 

Sclienodorus pumilus Roem. et Sehultes syst. veg. 2. p. 706. 

Festuca flavescens var. x Bert fi. Hai. 1 . p. 596. ex parte. 

Figure. — Hostgram.austr.2. tab. 91. Reich. ie. cent. 11. fig. 1551. 

Nome italiano. — Palèo pavonazzo. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli 6 nelle fcsSUrO 

delle rupi delle Alpi, ove l'ho trovato nella regione alpina dai 2100 
ai 2765 metri di altezza sul livello del mare nel versante meridionale. 
Fiorisce in Luglio ed Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nelle Alpi dell'Europa media. 

995. Festuca varia Haenk. 

F. paniculae contractae, ovato-oblongae , sub anthesi palentis ra- 
mis geminis vel raro solitariis, 2-3 spiculas gerentibus, spiculis 5-8- 
floris, palea inferiore lanceolata, a medio sensim angusliore , obsolete 
5-nervi, apice brevissime aristata vel mutica, foliis setaceis, rigidis, li- 
gula oblonga, radice fibrosa. 

Festuca varia Haenk in Jaeq. collect. 2. p. 9i. Roem. et Sehultes 
syst. veg. 2. p. 719. Gaud. fi. helv. 1. p. 300. var. a. Reich. fi. germ. 
exeurs. 1. p 39. Kunth enum. pi. 1. p. 405. Koch syn. fi. germ. et 
helv. edit. 2. p. 940. var. a. 

Festuca acuminata Gaud. agr. helv. 2. p. 287. 

Festuca flavescens var. x. Bert. fi. Hai. 1. p. 596. ex parte. 

Figure.— Host gvam. austr. 2. tab. 90. Reieh. te. cent. Il.f. 1552. 

b. flavescens, spiculis pallidis, flavesccntibus. 

Festuca flavescens Host gvam. austr. 3. p. 13. non Bellard. ex 



44i GIUMINAGEE. 

specimine in lierb. candoll. Bert! amoen. Hai. p. 7. var. a. et fi. Hai. 
I . p. 596. var. a. fìeich. fi. germ. exciirs. I . p. 39. non Bell. Comoìl. 
fi. comens. 1 . p. 133. 

Festuca acuminata Dee! fi. frane. 0. p. 2G5 ex ejus herbario. 

Festuca xanthina Roem. et SchuUes syst. veg. 2..p. 7S1. 

Festuca varia jS flavescens Gaiid- agr. helv. 1 . p. 300. Koch s>jn. 
fi. gemi, et helv. edit. 2. p. 940. 

Figure. — Host gram.anstr. 3. tab. 19. Reich. ic. cent. 11 .f. 1553. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSColi SaSSOsi e nelle 

fenditure delle rupi delle Alpi, anche della regione subalpina. Ho la 
specie del Colle di Tenda, del Tirolo ec. e la varietà b. dei dintorni 
ài Courmayeur , dei monti di Bergamo, del Monte Baldo , dei pascoli 
alpini ai Nosellari di Solagna e del Val di Gallio al Buso della Fren- 
sena vicino Bassano, di quest' ultima località comunicatami dal si- 
gnor Montini. 11 Coraolli ha trovato questa varietà b. nel Morite Generoso 
della provincia di Como. Essa deve essere più comune di quel che qui 
non appaia , perchè facilmente si confonde erborando con la festnea 
duriiiseula, della quale ha tutto l'aspetto, benché assai distinta special- 
mente per la ligula allungata. 

Distribuzione geografica. — Propria ancor questa delle Alpi e dei 
monti dell' Europa media. Ho la varietà b. anche dei Pirenei al Ca- 
nigoii ec. 

Osservazioni. — Ho ritenuto con il Gaudin ed il Koch il nome di 
festuca varia per la pianta in esame, quantunque l'Haenke pare avesse 
insieme confusa con essa la festuea piimila di Villars , perchè il nome 
di flaveseens mal si adatterebbe alla specie che ofTre le sue spighette va- 
gamente variegate di color verde pallido e di violetto. Aggiungerò poi 
che non potea dare ad essa il nome di flavescens perchè la festuea flave- 
scens di Bellardi è una specie diversa come qui appresso si vedrà. 

996. Festuca flavescens Bell. 

F. paniculae laxiusculae, in anthesi subpatentis ramis solitariis, 
raro geminis, 1-3 spiculas gerentibus, spiculis 3-5 floris, palea inferiore 
oblongo-lanceolata, obsolete 5-nervi, apice mucronata, foliis capillaceis, 
elongatis, laxis, ligula oblonga, obtusa, culmo gracili, subcapillari, ra- 
dice fibrosa. 

Festuca flavescens Beli! npp. nd //. pedeni. p. 11. Dee! fl. frane. 
3. p. 719. 



FESTUCA. 445 

Festuca flavescens j3 Bert. amoen. Hai. p. 8. et fi. ital. I . p. 596. 
Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Ne' luoghi Salvatici Subalpini 

della valle Pisi, Limoni, Viti e del Monte Cenisio, ove fu scoperta da 
Bellardi, e donde la possiedo nell'erbario. Fiorisce in Luglio ed è 
perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle anzidette località. 

Osservazioni. — Questa specie che è la vera festuca flavescens di 
Bellardi, di cui ho la certezza per un esemplare autentico da me ve- 
duto nell'erbario di De Candolle, è distinta dalla varietà b. della specie 
precedente per i culmi quasi capillari , per le foglie più delicate capil- 
lari e non rigide , per le spighette con 5, 4 o al più 5 fioretti , per le 
glume e la paglietta inferiore più largamente membranacee e come 
scagliose ec. E più vicina per 1' aspetto alla specie seguente, da cui si 
distingue particolarmente per la forma della linguetta, che è cortissima, 
troncata e con piccole ciglia nella festuca dimorpha, la quale ha inoltre 
la paghetta inferiore con i nervi più manifesti, come lacera all'apice, 
e lo stesso si osserva nella paglietta superiore dell'ultimo fioretto. 

9 99. Festuca diinorplia Guss. 

F. paniculae coniractae , sub anthesi subpatentis ramis geminis, 
1-4 spiculas gerentibus, spiculis 2-4 floris, palea inferiore oblongo- 
lanceolata , 5-nervi , apice denticulato-lacera , superiore flosculi supre- 
mi longiore, apice fimbriato-lacera , foliis setaceis, fere junceis, ligula 
brevissima, truncata, denticulato-ciliata, radice fibrosa. 

Festuca dimorpha Guss. pi. rar. p. 34. Tenl fi. nap. 4. p. 15. 

Festuca flavescens a Bert. fi. ital. 1 . p. 596. ex parte. 

Figura. — Guss. l. c. lab. 6. 

Stazione , Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli SaSSOsi montUOsi 

degli Abruzzi al Monte Corno, Monte Intermesole, Moricane, Velino, 
Majella, e nelle Alpi di Triora nella Liguria occidentale, donde mi è 
stala comunicata dall'amico DeNotaris. Fiorisce in Luglio e Agosto ed 
è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria delle montagne qui indicate 
della penisola. 

Osservazioni. — Il Bertoloni ha erroneamente riferito questa bella 
specie alla sua festuca flavescens, che è la varietà b. della nostra festuca 
varia, lo non istarò a notarne in particolare lo differenze, perchè sono 



440 GRAMINACEE. 

due piante dislinlissime e affatto diverse : basta il notare per non dir 
altro che l'una ha la ligula allungata, e l'altra, la dimorpha, cortissima 
e troncata. Che dire poi della diversa composizione e struttura delle 
spighette? Il lettore ne resterà convinto confrontando le frasi specifiche 
da me date a ciascuna. 

9 99. Festuca pilosa Hall. fìl. 

F. paniculae patentis ramis semiverticillatis, 1-5 spiculas gerenti- 
bus, spiculis plerumque 5-4 floris, floribus basi fasciculo piloriim bre- 
vium involucratis, palea inferiore ovata, obsolete 5-nervi , apice bre- 
vissime aristata vel mutica, foliis scabris vel scabriusculis , radicalibus 
complicato-setaceis, ferejunceis, culmeis planiusculis complicatisve, 
ligula oblongo-lanceolata, radice fibrosa. 

Festuca pilosa Hall. fìl. in Gaud. agr. helv. 1 . p. 276. Gaudi fi. 
helv. 1 . p. 303. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 940. 

Poa violacea Bell! app. ad fi. ped. p. 8. fah. 1 . mala. 

Festuca rhaetica Sul. fi. helv. 1 . p. 56. Deci fi. frane. 3. p. 53. 
Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1 . p. Si. 

Festuca poaeformis Host! gram. austr. 2. p. 58. ex ejus specimine 
in herbario candoUeano. Pollili, fi. veron. 1. p. 12ì . Glissi pi. rar. 
p. 36. var. a. et b. Guss! fi. sic. prodi-. 1 . p. 103. ex parte. Ten. fi. 
nap. 3. p. 87. Reìch. fi. germ. excurs. 1 . p. 39. Beri. fi. ital. 1 . p. 599. 
Guss! syn. fi. sic. 1 . p. 87. Pari. fi. palerm. 1 . p. 205. 

Schenodorus poaeformis Roeni. et Schultes syst. veg. 2. p. 705. 

Festuca nebrodensis Jan! elench. p. 2. 

Schenodorus violaceus Link h. r. herol. descr. 1 . p. 171 et 2. 
p. 286. 

Figure. — Host l. c. lab. 81. Reich. ic. cent. 11. fìg. 1554. 

Gramen angustifolium, alpinum, paniculis ramosis, purpureo- 
viridibus, asperulis Cup. pamph. sic. 1 . tab. 143. Bonann. tab. 69. 

Nome italiano. — Festuca fienarola Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSCOli alpini elevati delle 

Alpi marittime, della catena del Monte Bianco, ove 1' ho raccolta al Col 
du Géant a 2900 metri di altezza sul livello del mare presso il termine 
della vegetazione delle piante fanerogame, delle Alpi pennino al Monte 
Moro, al Monte Silvio ec. ove 1' ha trovato il Gaudin, del Monte Baldo,, 
nei pascoli delle vette di Feltre, àìMontalon, di Mendana in Valsugana, 
di Flemme nel Tirolo, del Monte Rondinajo nell'Appennino lucchese, 



FESTUCA. 447 

del Monte Priore, del Castel Maliardo all'ara del Re e del Monte della 
SihiUa nelle Marche, nei Monti di Visso e della Portella presso Norcia, 
dei Monti Marrone, Costone, Moricane ec. degli Abruzzi, delle Mado- 
nie alla Curma dei Pini e al Ciiozzo del Salvatore e àeW Etna in Sici- 
lia, dei Monti Renoso, d'Oro e Rotondo in Corsica. Fiorisce in Giugno e 
Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — È propria delle qui dette montagne e 
di poche altre delle Alpi. Una delle poche specie alpine che passa il con- 
tinente per nascere anche nelle isole. 

Osservazioni. — Varia questa specie per le sue foglie piiì o meno 
scabre, per il culmo più o meno nudo superiormente, essendo talvolta 
quasi del tutto ricoperto e con la foglia superiore che supera in lun- 
ghezza la pannocchia, per le spighette per lo più variegate, ma qualche 
volta pallide, per il numero dei fioretti, che suole essere ordinariamente 
di 5 a 5 e che arriva non di raro a G e a 7. 

9 99. Festuca Sclieticlizeri Gaud. 

F. paniculae patentis, apice nutantis ramis levibus, geminis vel 
raro ternis, basi nudis, superne 1-4 spiculas gerentibus, spiculis 5-5 
floris, palea inferiore ovato-lanceolata, acuta, 5-nervi, nervis prominu- 
lis, mutica vel sub apice mucronulata, foliis Hnearibus, planis, ligula 
oblonga, obtusa et subtruncata, radice repente. 

Festuca Scheuchzeri Gaiid. agrost. helv. 1. p. 267 et fi. lielv. 1. 
p. 297. Reich. fi. gemi, excurs. 1. p. 40. Kunth enum. pi. 1. p. 406. 
Beri! fi. ital. 3. p 611. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 942. 

Festuca pulchella Schrad. fi. germ. 1. p. 336. 

Festuca nutans Host! grani, austr. 4. p. 35. e.K ejus specimine 
in herbario candolleano. 

Schenodorus Scheuchzeri Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 703. 

Schenodorus nutans Roem. et Schtlt. syst. veg. 2. p. 704. 

Tisure.— Schrad. l. e. tab. 5. fig. 5. Host grani, austr. 4. lab. 61. 
Reich. ic. cent. 11 . fig. 1560. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. —Nei pascoli alpini di Monlalou 

in Valsugana, di Fienime, Fassa, ec. nelTirolo. Fiorisce in Luglio ed 
Agosto ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Pianta propria dei pascoli alpini del- 
l' Europa media. 



4iS GRAMINACEA. 



9 SO. Festuca coeruleseens Desf. 



F. paniculae contractae, subsecundae rarnis levibus, pubescenti- 
bus, solitariis vel geminis, 3-6 spiculas gerentibus, spiculis 3-5 floris, 
palea inferiore oblongo-lanceolata , acuta, apice erosala , brevissime- 
que arislata, exquisite 5-nervi, foliis anguste linearibus, margine sca- 
bris, deraum convolutis, ligula brevissima, truncata, culmis basi in- 
crassato-nodosis , et vaginarum emarcidarum fìbris dense tunicatis, 
radice fibrosa. 

Festuca coerulescens Desf! fi. atl. I . p. 87 ex ejus berbario. Kuntìi 
eniim. pi. 1. p. 406. Beri. fi. ital. 1. p. 623. 

Festuca bulbosa Bìv! manip. 4. p. 7. Sclmlt. syst. veg. mani. 2. 
p. 403. 

Schenodorus coerulescens Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 699. 

Koeleria tunicata Presi cyp. et grani, sic. p. 34. Giiss. fi. sic. 
prodr. 1 . p. i2i . 

Koeleria coerulescens Giiss. fi. sic. prodr. suppl. 1. p. 39 et syn. 
fi. sic. 1. p. 143. Pari. fi. palerm. 1. p. 133. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Palèo bulboso Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioriturp. — Nei luOghi montuOsi di Si- 
cilia ove trovasi presso Palermo nei monti di Catalfano, della Moarta, 
della Pizzuta, di S. Martino, a Polizzi, a Tordiepi, alla Ficuzza nel 
monte dì Busamhra , a Castellamare , a Castelvetrano ec. Fiorisce in 
Aprile e Maggio, ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' isola di Sicilia , della 
Algeria , di Tangeri ec. 

Osservazioni. — Sembra destinata a rappresentare in Sicilia la fe- 
stuca spadicea, la quale non sorpassa il continente ma si arresta alla 
Sila in Calabria. 

Questa pianta spetta alla festuca e non alla Koeleria , sì per l'abito 
e per la forma delle spighette, che per i caratteri di esse. L'ovario è 
peloso all' apice, gli stili corti, e gU stimmi ramoso-piumosi . 

ISSI. Festuca spadicea Limi. 

F. paniculae contractae, sub anthesi patulae ramis levibus, solita- 
riis geminisve , 2-5 spiculas gerentibus , spiculis sub-5 floris , axe sca- 



FESTUCA. 449 

briusculo, palea inferiore oblongo-lanceolata, acuta , sub vitro minu- 
tissime punctulata, 5-nervi, nervis prominentibus , mulica vel breviter 
mucronata, foliis anguste linearibus, levissimisj radicalibus elongatis, 
mox convolutis, culmeis brevibus, planiusculis , ligula breviuscula, 
obtuse biaurita , culmo cum foliorum sterilium fa sciculis basi incras- 
sato-nodoso , radice fibrosa. 

Festuca spadicea Linn. syst. nat. edit. 12. tom. 2. p. 732. Bell 
app. ad fi. ped. 12. Dee! fi. frane. 3. p. 47. Savi hot. etriise. 2. p. 56 
Pollin. fi. veron. 1. p. 117. var. a. Ten. fi. nap. 3. p. 82. Gaud. fi 
helv. 1. p. 299. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. p. 86. Reieh. fi. germ 
excurs. 1. p. 40. Kunth eniim. pi. 1. p. 406. Bert. fi. ital. 1 . p. 611 
Comoll. fi. eomens. 1 .p. 133. Puccini syn. fi. lue. p. 65. Koch syn. fi 
germ. et helv. edit. 2. p. 941 . 

Anthoxanthum paniculatum Linn. sp. pi. p. 40. 

Poa Gerardi Ali! fi. ped. 2. p. 245. 

Festuca aurea Lamk. fi. frane, edit. 2. tom. 3. p. 598. 

Poa spadicea Koel. gram. p. 202. 

Schenodorus spadiceus Roem. et Sehult. syst. veg. 2. p. 700. 

Gramen paniculatum , alpinum , radice crassissima , foliis rigidis , 
striatis et asperis, panicula fusca, non aristata Mieli, in Till. cat. hort. 
pis. p. 75. 

Gramen loliaceum , alpinum, panicula heteromalla, locustis pen- 
nalis Seg. pi. veron. 1. p. 337. 

Figure. — Hostgram. austr.3. tab.20. Reieh. ie. cent. 11. f. 1561. 

Nome italiano. — Palèo dorato Savi Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei paSColi alti delle Alpi e 

degli Appennini sino in Sila nella Calabria, però non molto comune. 
L'ho dalle Alpi, dal Col di Tenda e dal Cenisio sino alle Alpi del 
Tirolo, anche del Monte Baldo. Degli Appennini poi la possiedo del- 
l'Appennino lucchese a Prato Fiorito, alle Tre Potenze, a Barbazzina ec. 
dell'Appennino pistojese a Bosco lungo, al Corno alle scale, degli Abruzzi 
al Monte Corno e al Pizzo di Sivo, e della Calabria alla Sila. E stata 
pure trovata nelle Marche nei monti della Portella e Vettore. Fiorisce 
in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Nelle montagne alpine dell' Europa 
media. 



Flora Italiana. Vol. I. 29 



450 GRAMINACEE. 

SS9. Festuca speetabilis Jan. 

F. paniculae laxae, nutantis ramis inferioribus geminis ternisve, 
5-9 spiculas gerentibus, ramulis scabris, spiculis sub-5-floris, axe bre- 
vissime pubescente, palea inferiore oblongo-lanceolata , acuminata, 
mutica vel mucronata, sub vitro minutissime punctulata, 5-nervi, ner- 
vis prominentibus , foliis anguste linearibus, intus scabris, radicalibus 
elongatis , plus minusve convolutis , culmeis brevioribus , planiusculis , 
ligula oblonga, lacera, culmo basi haud incrassato-nodoso , radice 
fibrosa. 

Festuca spectabilis Jan. elench. p. 2. Bert. fi. ìtal. 1. p. G12. Koch 
syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 941 . 

Festuca spadicea jS nemorosa Poll'in. fi. veron. 1 . p. 117. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Palèo zolfino Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei pascoli montuOSi enei 

luoghi sassosi molto elevati dei monti Baldo e Pastello presso Verona , 
nelle selve di S. Michele di Angarano nel Bassanese , nei monti del Ti- 
rolo a Fiemme, Fassa ec. Fiorisce in Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Cresce pure in Cam'iolia. 

Osservazioni. — ^Affine alla festuca spadicea per l'abito e per le 
spighette , però ne è ben distinta per i numerosi caratteri , che io ho 
cercato di esporre nella frase specifica. 

!3S3. Festuca exaitata Presi. 

F. paniculae diffusae, ramosissimae , apice nutantis ramis sca- 
bris, inferioribus gemuiis, multas spiculas gerentibus, spiculis 5-8 fio - 
ris, palea inferiore oblongo-lanceolata, acuta, apice scariosa, mutica, 
sub vitro minutissime punctulata , obsolete 5-nervi , fohis latiuscule h- 
nearibus, planis, ligula oblonga, obtusa, radice repente. 

Festuca exaitata Presi fi. sic. 1. p. XLV. Kunth enum. pi. I.p. 410. 
Bert. fi. ìtal. 1. p. 613. Pari. fi. palerm. 1. p. 201. 

Festuca sylvatica Presi cyp. etgram. sic. p. 37. Guss. fi. sic. prodr. 
1. p. 107. non Vili. 

Schenodorus exaltatus i?oem. etSchultessyst. veg. mani. 3. p. 644. 

Festuca altissima Boiss. elench. n. 197. non AH. 

Festuca drymeia Boiss. voy. en Espagn. p. 674. Guss. fi. sic. syn. 
I.p. 87.mnM.K. 



FESTUCA. 451 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Palèo siciliano Beri. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luoglli Salvatici montUOSl 

presso Napoli, in Calabria e in Sicilia. Fiorisce in Giugno e Luglio ed 
è perenne. 

Distribuzione geografica. — Neil' Europa meridionale. Si trova in 
Napoli, in Sicilia, in Spagna. 

Osservazioni. — Specie molto afTine alla festuca drymeia di Koch , 
da cui differisce principalmente per le spighette più grandi , più nume- 
rose e con un numero maggiore di fioretti, per essere questi fioretti tra 
loro avvicinati un poco più che nella drymeia , per la paglietta inferiore 
acuta e non acuminata e mucronata, scagliosa all'apice ove è ordina- 
riamente variegata di biancastro e di porporino ec. Essa è bene distinta 
dalla festuca sijlvatka per numerosi caratteri. 

^$4. Festuca sylvatica Vili. 

F. panieulae diffusae, ramosissimae , erectae ramis scabris, infe- 
rioribus geminis, ternisve quaternisve, multas spiculas gerentibus, spi- 
cùlis sub 5-floris, palea inferiore oblongo-lanceolata, attenuato-acutis- 
sima , mutica , sub vitro punctato-scabra , obsolete 5-nervi , foliis la- 
tiuscule linearibus, planis, ligula oblonga, obtusa, radice fibrosa. 

Festuca sylvatica Vili. pi. du dauph. 2. p. 105. Deci fi. frane. 3. 
p. 48. Gaud. fi. helv. 1. p. S96. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 4. p. 86. 
Reich. fi. germ. excurs. 1.p.40. Kunthemm. pl.l.p. 405. Koch syn. 
fi. germ. et helv. edit. 2. p. 941. 

Poa sylvatica Pollich. palat. 1. p. 83. 

Bromus triflorus Ehrh. beitr. 1. p. 90. 

Festuca altissima Ali. and. p. 43. Balb. add. ad fi. pedem. in 
elench. p. 86. 

Poa trinervata Schrad. spicil. p. 3. FI. dan. tah. 1145. Tea? fi. 
nap. 3. p. 94. 

Festuca decidua Bellard. sec. Bert. Smith emjl. hot. tmn. 32. 
tah. 2266. 

Festuca calamaria Smif/i ^. hril. 1. p. 121. Savi! boi. etrusc. 2. 
p. 56. Host grani, austr. 4. p. 34. Bert. fi. ital. 1. p. 614. Puccini 
add. ad syn. fi. lue. in giorn. hot. Hai. anno 1. tom. 1. pari. I.p. 122. 

Festuca latifolia Host fi. austr. 1. p. 52. forma foliis latioribus. i 

Schenodorus calarnatius Roem. et Schultessyst. veg. 2. p. 701 



452 GRAMINACEE. 

Gramen paniculatum , nemorosum , latifolium , glabrum , panicula 
nutante, non aristata MicL in Tilt. cat. h. pis. p. 75. 

Figure. — Host gram. aiistr. 4. tab. 6Ò. Reich. ic. cent. 11. 
fig. 1561 et 1563. 

Stazione, Abitazione e Fioritura» — Nei luOghi Salvatici montUOsi 

ed ombrosi della penisola , però in generale poco comune. Fiorisce in 
Giugno e Luglio ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell'Europa media. 

Osservazioni. — Ho citato con dubbio il sinonimo della poa triner- 
vaia di Tenore, perchè forse egli ha confuso con questa la festuca exai- 
tata di Presi che nasce ancora presso Napoli. Non posso nulla asserire 
di certo, mancando di esemplari autentici. 

9S5. Festuca apennina De Not. 

F. paniculae apice nutantis, sub anlhesi patentis ramis scabris, 
inferioribus geminis, 1-5 floris, spiculis 5-floris, tloscuUs remotiuscu- 
lis , palea inferiore oblongo-lanceolata , acutata , sub apice emarginato 
breviter aristata , obsolete 5-nervi , foliis linearibus , elongatis, planis -, 
ligula brevissima , obliqua , truncato-lacera , radice. ... 

Festuca apennina De Not! prosp. della fi. ligust. p. 56. 

Figura. — Nessuna. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Il prof. De Notaris ha tfOVato 

questa specie nell' Appennino genovese nei pascoli tra S. Stefano d'Avelo 
e il Gottro: io debbo alla sua gentilézza il possederne un esemplare. 

Distribuzione geografica. — Si couosce per Ora della sola località 
qui detta. 

Osservazione. — Specie distinta da quelle di questa sezione dei 
schenodorus; affine alquanto alla festuca anmdinacea, ma da essa diversa 
per la struttura dei rami della pannocchia e per la paglietta inferiore. 
Non ostante merita ulteriore esame e bisogna osservare la radice, di cui 
manca il mio esemplare , e di cui non si fa parola nella frase data dal 
prof. De Notaris. 

9S6. Festiiea s>santea Vili. 

F. paniculae secundae, laxae, patentissimae ramis geminis apice 
flaccide pendulis, multas spiculas gerenlibus, spiculis ovato-lanceolalis, 
5-8 floris, palea inferiore 5-nervi, sub apice aristala, aristis flexuosis, 



FESTUCA. 455 

palea duplo longioribus, foliis linearibus planis, basi auriculatis, ligula 
brevissima, radice fibrosa. 

Festuca gigantea Vili. hist. des pi. du daiiph. 2. p. 110. Seb. et 
Matir. fi. rom. prodr. p. 47. Gaud. fi. helv. 1. p. 295. Kimth enum. 
pi. 1. p. 407. Comoll. fi. eom. 1. p. 131. Koch syn. fi. germ. et helv. 
edit. 2. p. 942. 

Bromus giganteus Linn. sp. pi. p. 114. Ali. fi. ped. 2. p. 249. 
Dee! fi. frane. 3. p. 71. Roem. et Schiiltes sijst. veg. 2. p. 644. Pollin. 
fi. veron. 1. p. 135. Ten. fi. nap. 3. p. 87. Lois. fi. gali. edit. 2. tom. 1. 
p. 91. Reich. fi. germ. excurs. 1 . p. 44. Bert. fi. ital. 1. p. 667. Puc- 
cini syn. fi. lue. p. 67, 

Gramen avenaceum glabrum , panicula e spicis raris strigosis com- 
posita, aristis tenuissimis Mont. cat. stirp. agr. hon. prodr. p. 57. 

Figura. — Host gra7n. austr. 1. lab. 6. 

b. trifiora, spiculis trifloris, culmo humiliore. 

Festuca gigantea j3 trifiora Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2.p. 942. 

Bromus triflorus Liìin. sp. pi. p. 115. 

Festuca trifiora Smith engl. hot. tab. 1918. 

Figure.— FI. dan. tab. 440. Engl. bot. tab. 1918. 

Nome italiano. — Forasacco di spica gracile. Ventolana gracile 
Bert. l. e. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Nei luOghi boschivi Ombrosi 

alquanto umidi ed anche talvolta nelle siepi della penisola, a preferenza 
neir Italia settentrionale e centrale. Non l' ho delle isole. Fiorisce in 
Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — E comune in Europa e in Siberia. 

SS 9. Festuca arundinacea Schreb. 

F. paniculae diffusae, nutantis ramis scabris, geminis, 5-multas 
spiculas gerentibus, spiculis ovato-lanceolatis, 4-5-floris, raro 7-floris, 
flosculis approximatis , palea inferiore sub apice mucronato-aristata ve) 
mutica, obsolete 5-nervi, foliis lanceolato-linearibus , planis, ligula 
brevissima, truncata, radice repente. 

Festuca arundinacea 5cAre&. spie. fi. lips. I.p. 57. Dee! fi. frane. 
3. p. 49. Savi bot. etrusc. 2. p. 55. Morie, fi. venet. 1 . p. 54. Pollin. 
fi. veron. 1. p. 118. Gaud. fi. helv. 1. p. 291. Lois. fi. gali. edit. 2. 
tom. 1 . p. 85. Reich. fi. germ. excurs. 1. p. 40. Yis. fi. daini. 1. p. 75. 
Kock syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 943. 



454 GRAMINACEE. 

Festuca clatior Linn. sp. pi. p. 111. sec. Smith. Ali. fi. ped. 2. 
/). S53. Smith fi. hrit. 1. p. 124. Biv. sic. pi. cent. 1. p. 38. Presi 
cyp. et gram. sic. p. 36. Ten. fi. nap. 3. p. 80. Gnss. fi. sic. prodr. 1 . 
p. 107. Sei), et Maur. fi. rom. prodr. p. 47. Kunthenum. pi. 1. p. 404. 
Beri. fi. Hai. 1. p. 616. Comoll. fi. comens. 1. p. 130. Guss. sfjn. fi. 
sic. 1. p. 89. Pari. fi. palerm. 1. p. 202. 

Poa phoenix Scop. fi. carri. 1. p. 74. 

Bromus arundinaceus Bolli fi. germ. 2. p. 141. 

Bromus littoreus Betz fi. scand. prodr. edit. 2. n. 140. Hostgram. 
nustr. 1. p. 7. 

Festuca pratensis Savi! fi. pis. 1. p. 112. Presi? cyp. et grani, 
sic. p. 36. Ten? fi. nap. 3. p. 80. Guss. fi. sic. prodr. 1. p. 108. 

Festuca oryzetorum Pollin. hort. etprov. ver. pi. nov. p. 3. et fi. 
veron. 1 . p. 117. toh. 1 . flg. 2. sec. Bert. Beich. fi. germ. excurs. 1 . 
p. 40. 

Aira oryzetorum Sprenjf. piig. 2. p. 18. Boem. etSchultessijst. veg. 
2. p. 683. Kiinth enum. pi. 1. p. 291 . 

Schenodorus elatior Boem. et Schultes syst. veg. 2. p. 699. 

Festuca coerulescens Ten? fi. nap. 3. p. 81. non Desf. 

Bromus elatior Spreng. syst. veg. 1. p. 359. 

Gramen alterum , paniculatum , asperum , pulchris paniculis, sur- 
rectis Cup. h. cath. suppl. alt. p. 38. 

Gramen loliaceum , elatius , locustis modo muticis , modo brevis- 
simis ari-stis instructis Mont. cat. stirp. agr. bonon. prodr. p. 36. Seg. 
pi. veron. 1. p. 337. 

Gramen paniculatum, elatius, spicis oblongis,mulicis, squamosis 
Zannich. ist. delle piani, venet. p. 129. 

Figure. — Hostgram.austr. 1. lab. 8. Beich. ic. cent. 11. fig.1568. 

h. flosculis in gemmas foliaceas rautatis. 

Festuca elatior /3 Bert. fi. Hai. 1 . p. 616. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Specie molto COmune nei 

prati umidi, nei margini dei fossi, lungo i margini dei torrenti , nei pa- 
scoli ec. tanto dei luoghi elevati e montuosi che dei bassi e marittimi. 
Il Bertoloni dice aver ricevuto la varietà b. dei dintorni di Chiavari nella 
Riviera di Levante, comunicatagU da Turi. Fiorisce in Aprile e Maggio, 
e nei luoghi elevati e nei paesi più settentrionali in Maggio e Giugno. 
È perenne. 

Distribuzione geografica. — In Europa, in Siberia. 

Osservazioni. — E molto variabile. La forma, veramente tipo della 



FESTUCA. 455 

festuca arundinacea , offre la pannocchia molto larga , con i rami ge- 
mini , r uno e l' altro portanti un numero non piccolo di spighette , le 
quali sono ordinariamente con 4 o 5 fiori , mucronati e come dotati 
di aresta nella loro paglietta inferiore : questa forma ama i paesi più set- 
tentrionali della penisola e i luoghi montuosi piìi alti di Sicilia. Però 
s' incontra con la pannocchia più stretta , talvolta quasi diritta o poco 
pendente , con le spighette con 5 o 7 fioretti , forniti di un' aresta ora 
meno ora un poco più lunga : questa forma è più comune nell' Ita- 
lia centrale e meridionale e nelle isole. Io non ho saputo farne nemmeno 
una varietà, essendovene tante forme intermedie e senza limiti pre- 
cisi. Ho riportato la festuca oryzetoriim del Pollini a questa specie sulla 
fede del prof. Bertoloni , io però non la possiedo nò posso assicurare 
che sia essa una forma della festuca arundinacea , come per altro l' ha 
sospettato il Pollini medesimo nella sua flora veronensis. 

Usi. — Dà un buonissimo pascolo al bestiame tanto in istato d'erba 
che di fieno. 

SSS. Festuca elatior Linn. 

F. paniculae secundae, erectae, contractae, sub anthesi patentis 
ramis scabris, geminis, paucas spiculas gerentibus, spiculis linearibus, 
5-lOfloris, flosculis remotiusculis , palea inferiore apice denticulata, 
plerumque mutica vel sub apice mucronato-aristata, obsolete 5-nervi, 
foliis lanceolato-linearibus , planis, ligula brevissima, truncata, radice 
fibrosa. 

Festuca elatior Linn. fi. svec. edit. 2. p. 32. Host grani, austr. 2. 
p. 57. Dee! fi. frane. 4. p. 48. Koch syn. fi. germ. et helv. edit. 2. 
p. 943. 

Festuca pratensis Huds. fi. angl. edit. 1 . p. 37. Smith, fi. hrit. 1 . 
p. 123. Pollin. fi. veron. 1. p. 118. Gaud. fi. helv. 1. p. 292. Reich. 
fi. germ. excurs. 1 . p. 40. 

Schenodorus pratensis Roein. et Schidtes syst. veg. 2. p. 698. 

Bromus pratensis Spr. syst. veg. 1. p. 359. 

Festuca articulata De Not. pi. exsicc. 

Figure. — Hostgram. austr. 2. tab. 79. Reich. ic. cent. 11 . f. 1565. 

b. sicula, palea inferiore sub apice aristata, arista flosculis vix 
breviore. 

Festuca multiflora Presi cyp. et gram. sic. p. 37. Guss. fi. sic. 
prodr. 1 . p. 108. , 



430 GRAMINACEI':. 

Festuca pluriflora Guss. fi. sic. prodr. suppl. I. p. 24. Seìmltes 
syst. veg. mani. 2. p. 402. 

Festuca pratensis Bert. fi. ital. J. p. 619. Guss. fi. sic. syn. 1 . 
p. 88. Pari. fi. palerm. 1. p. 204. 

Figura. — Nessuna. 

Nome italiano. — Palèo dei prati Bert. Le. 

Stazione, Abitazione e Fioritura.- — Si trOVa nei prati e nei luoghi 

incolti dell' Italia settentrionale e nei luoghi montuosi dell' Appennino. 
La varietà b. cresce in Sicilia nelle montagne di S. Martino, della Moar- 
ta, presso Palermo, nel monte Pizzuta, a Carini, alla Ficuzza, a 
Buccheri. Fiorisce in Maggio e Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica. — Propria dell' Europa. 

Osservazioni. — Ho dietro 1' autorità dello Smith e di varii bo- 
tanici riconosciuto questa specie per la festuca elatior della flora sve- 
cica di Linneo, quantunque nelle species plantariitn vi avesse Linneo 
confuso la festuca arundinacea. I botanici italiani, compreso il Bertolo- 
ni , hanno confuso questa pianta con la festuca arundinacea , per cui 
sono stato assai parco nel citare i loro sinonimi. La varietà b. che il 
Bertoloni ha preso per la festuca pratensis, seguito poscia dal Gussone 
e da me , offre la paglietta inferiore dotata presso l' apice di una aresta 
eh' è appena più corta della paglietta medesima; io non ho creduto ciò 
non ostante di considerarla siccome una specie distinta. 

9S9. Festuca loliacea Huds. 

F. panicula spiciformi , disticha, subnutante, spiculis lineari-oblon- 
gis, 7-15floris, alternis, sessilibus, inferioribus breviter pedicellatis, 
interdum geminis, palea inferiore sub apice mucronata vel mutica, 
obsoletissime 3-nervi , foliis lanceolato-linearibus, planis, ligula brevis- 
sima, truncata, radice fibrosa. 

Festuca loliacea Huds. fi. augi. edit. 1. p. 38. Smith, fi. brit. 1. 
p. 121. Dee. fi. frane. 3. p. 48. Gaud. fi. helv. 1. p. 293. Kunth enum. 
pi. 1 . p. 404. Koeh syn. fi. germ. et helv. edit. 2. p. 943. 

Festuca elongata Ehrh. heitr. 6. p. 133. 

Festuca adscendens Retz fi. scand. prodr. edit. 2. p. 134. 

Poa loliacea Koel. gram. p. 207. 

Schoenodorus loliaceus Roem. et Schult. syst. veg. 2. p. 703. 

Lolium festucaceum Link h. herol. descrtpt. 1. p. 273. Reich. fi. 
germ. exeurs. 1. p. 17. 



FESTUCA. 457 

Figure. — Engl . bol.W. tub. 1821. Reich. ic. cent. 11 . fìg. 1347. 

Stazione, Abitazione e Fioritura. — Questa Specie è Stata trovata 

in luoghi erbosi presso Campalto in Venezia dal Kellner, da cui mi è 
stata comunicata. Fiorisce in Giugno ed è perenne. 

Distribuzione geografica, — Neil' Europa media. 

Osservazione. — Simile per l'abito al lolìum perenne , con il quale 
è stata forse confusa dai botanici italiani e particolarmente dagli autori 
delle flore venete. 



IiXX.XIII. DAOTTIilS Kunih. 

Kunlh enuin. pi. /. ;;. 38li. Endl. gen. pi. p. 100. Pari. fi. paìerm. I. 

p. 207. 
Dactylis species Linn. sp. pi. 105. Palis. de Beauv. agrost. p. 85. 

tab. 17. f. 5. Roem. et Schiiltes syst. veg. S. p. 625. 

Spiculae 3-5 florae, flosculis distichis, imbricatis, mucronato-arista- 
tis. Glumae 2, raembranaceae, inaequales, ovato-lanceolatae, carinatae, 
apice mucronato-aristatae, subintortae, inferior minor uninervis, supe- 
rior binervis. Paleae2, membranaceae, subaequales, inferior oblongo- 
lanceolata, carinato-compressa , quinquenervis, ex apice integro vel 
emarginalo mucronato-aristata; superior apice acute bifida, bicarinata, 
carinis ciliolatis. Perigoni! squamulae 2,